Sei sulla pagina 1di 9

SCENARI FINANZIARI

JOHN MAULDIN'STHOUGHTS FROM THE FRONTLINE Newsletter settimanale - Versione Italiana a cura di Horo Capital

I Boomers stanno rompendo il patto


di John Mauldin | 25 agosto 2012 - Anno 3 - Numero 34

In questo numero: Come avete intenzione di tenerli bloccati nelle fattorie? Un diploma di laurea non abbastanza I Boomers stanno rompendo il patto Due lavoratori per ogni beneficiario della Social Security Carlsbad, Palo Alto, Chicago e Atlanta C' qualcosa che manca in questa cosa che noi stiamo chiamando una ripresa. Nella maggior parte degli Stati Uniti questa non viene percepita come una ripresa e questo per un buona motivo: i posti di lavoro non ci sono. Anche se per alcuni gruppi di lavoratori si tratta sicuramente di un recupero e anche molto di pi. Tutto questo fa emergere un problema ancora pi grande. Oggi nella nostra newsletter estiva esaminiamo quali sono le tendenze in materia di occupazione, nonch dobbiamo prendere atto del fatto che non potremo pagare a tutti i diritti futuri che sono stati promessi. Si tratta di una breve lettera ma che spero possa stimolare qualche riflessione. Alla fine segnalo un webinar e qualche intervento che terr nei prossimi mesi.

Come avete intenzione di tenerli bloccati nelle fattorie?


La scorsa primavera ho accennato al fatto che stavo lavorando ad un libro sul mercato del lavoro con Bill Dunkelberg, il capo economista della Federazione Nazionale delle Imprese indipendenti. Speriamo che possa uscire quest'autunno. Nel processo di ricerca per approfondire l'argomento ho iniziato ad esaminare alcuni nuovi grafici sulle tendenze occupazionali che indicano che probabilmente siamo in un passaggio generazionale, guidato sia dalla demografia che dalla tecnologia. E anche se alla fine questo sar in definitiva positivo, la transizione sar molto pi difficile per alcuni gruppi di lavoratori rispetto ad altri. Nei prossimi mesi ci prenderemo un po' di tempo per esplorare queste nuove tendenze ma vorrei rapidamente e fin da subito tracciare alcune aree di discussione. In primo luogo stiamo attraversando un cambiamento tecnologico nel mondo del lavoro non dissimile da quello della Rivoluzione Industriale. Le mie recenti discussioni con il Dr. Woody Brock mi hanno fornito alcuni elementi. Nel 1850 il maggior numero di lavoratori negli Stati Uniti era nelle aziende agricole. Nel 1900 il maggior numero di lavoratori era nel settore del lavoro domestico. (I dati segnalano che la Gran Bretagna nel 1900 aveva per ogni famiglia il doppio dei lavoratori domestici rispetto agli Stati Uniti ed in Germania erano il 50% in pi.) "Nella maggior parte dei paesi europei il numero di persone retribuite che lavoravano come domestici era drammaticamente cresciuto nel tardo 19. Gli Stati Uniti hanno vissuto una situazione simile che poi continuata fino agli inizi del 1900 e questo stato in gran parte possibile grazie al crescente numero di famiglie del ceto medio e alto che volevano e potevano permettersi un aiuto in famiglia. L'arrivo poi di un gran numero di immigrati non

qualificati che non potevano trovare altra forma di occupazione ha contribuito alla crescita del dato." (Britannica online) Nel 1870 a Chicago una famiglia su cinque aveva dei lavoratori domestici e queste rappresentavano il 60 per cento delle donne che aveva un salario in citt. Nel corso del successivo mezzo secolo l'attivit domestica ha rappresentato la principale occupazione delle donne sia Chicago che nella nazione. Che cosa ha causato il passaggio dall'agricoltura? Questo stato in parte guidato dalla tecnologia. L'agricoltura diventata molto pi produttiva con l'introduzione e il miglioramento della mietitrice McCormick, dei nuovi modelli di aratro, ecc, insieme con la diffusione delle ferrovie che hanno trasmesso i benefici delle citt in modo rapido ed economico. Mentre i prezzi dei prodotti agricoli sono scesi, le aziende pi piccole sono diventate meno redditizie e il lavoro si spostato dalla campagna alla citt. In genere gli uomini diventarono degli operai, invece le donne e i migranti si inserivano nel lavoro domestico. Nel 1900 c'erano poche apparecchiature che permettevano di risparmiare tempo. Il cibo doveva essee preparato da zero tutti i giorni. Cucinare, pulire, lavare, cucire, curare i figli, ecc. di fatto forniva una giornata molto piena di lavoro. La crescita della classe media in Europa e negli Stati Uniti richiedeva un aiuto domestico.

Absolute Return Partners di Niels C. Jensen - www.arpllp.com - la societ partner di John Mauldin per il mercato Europeo. Horo Capital - www.horocapital.it - il partner di Absolute Return Partners per il mercato Italiano. Tel. 02 89096674 - rcarraro@horocapital.it

Un diploma di laurea non basta


Mentre una persona con una formazione universitaria ha chiaramente un vantaggio rispetto a chi ha solo un diploma di scuola superiore o anche meno, questo non comunque un elemento di garanzia. Il Centro Georgetown sull'istruzione e sulla forza lavoro la scorsa settimana ha pubblicato uno studio che ha evidenziato i problemi.

Ma questo grafico racconta solo una parte della storia. "Come nel Washington Post Dylan Matthews ha sottolineato la relazione di Georgetown erroneamente mette insieme, non facendo alcun distinguo, coloro che avevano il vecchio diploma di laurea con i lavoratori che hanno un master, un dottorato o una laurea specialistica. E in accordo con i dati che Matthews cita dell'Istituto di politica economica, tra il 2007 e il 2011, il 98,3 per cento dei posti di lavoro che sono arrivati a quel gruppo combinato di lavoratori sono andati ai possessori di una laurea specialistica. In questo periodo sembra proprio che siamo davvero solo in una economia di laureati." (The Atlantic)

Ci che semplicemente ora vediamo che un diploma di laurea non pi un biglietto d'ingresso, come lo era quando io ero giovane. Nel New York Times di oggi (Sabato) l'Associated Press cita: "L'anno scorso circa 1,5 milioni pari al 53,6 per cento dei laureati sotto i 25 anno erano disoccupati o sottoccupati, questa la percentuale pi alta degli ultimi 11 anni. Nel 2000 il dato era ad un minimo del 41 per cento prima che le dot-com cancellassero i posti di lavoro dei laureati che si erano creati nel settore delle telecomunicazioni e in quello dell'IT. "Con la caduta dell'occupazione i giovani laureati hanno coperto posti di lavoro che richiedevano solo un diploma di scuola superiore o anche meno. "L'anno scorso era molto pi probabile essere impiegati come camerieri, cameriere, baristi e aiutanti nei fast-food che come ingegneri, fisici, chimici e matematici (100.000 contro 90.000). Ci sono stati pi posti di lavoro negli uffici, come centralinista o addetto paghe che in tutti i lavori professionali nel settore dei computer (163.000 contro 100.000). E molte altre persone sono state anche impiegate come cassiere, impiegati nei negozi al dettaglio e nel servizio di supporto ai clienti rispetto alle richieste di ingegneri (125.000 contro 80.000). "Secondo le proiezioni del governo che sono state pubblicate lo scorso mese, solo in tre delle 30 professioni con il maggior numero di posti di lavoro previsti entro il 2020 sar necessario un diploma di laurea o un livello ancora superiore per poter ricoprire la posizione - insegnanti, professori universitari e commercialisti. La maggior parte dei nuovi posti di lavoro arriveranno dal settore delle vendite al dettaglio, dai fastfood e dal trasporto via camion, posti di lavoro che non possono essere facilmente sostituiti dai computer".

I Boomers stanno rompendo il patto

Ieri stavo parlando con mio figlio pi giovane, Trey. L'anno scorso gli ho dato la mia "vecchia" auto e fino ad ora ha percorso circa 90.000 miglia. Ha detto che ha bisogno di sostituire il motorino d'avviamento. Questo mi riportato alla mente un viaggio che feci quando ero bambino e gli ho raccontato di come abbiamo sostituito delle candele. Gli ho spiegato che cosa un calibro e poi ho continuato nel dettaglio del resto della storia. Dopo circa cinque minuti ha sottolineato che quella riparazione doveva essere stata costosa. Gli risposi :"No, abbiamo imparato a farlo da soli". Tutti potevano farlo. Faceva parte del rituale avere una macchina e poi ripararla. Le prime volte mi ha aiutato tuo nonno, ma poi ho fatto sempre da solo." Oggi non potrei pi aiutare Trey nel sostituire il motorino d'avviamento della sua auto, anche supponendo che riesca a trovarlo sarebbe come riuscire a risolvere un problema sul mio computer. Quando ero giovane una vettura con 90.000 miglia era considerata piuttosto vecchia e bisognava costantemente riparla o sostituire i vari pezzi. Oggi con 90 mila miglia la vettura ancora nuova. Le auto non si consumano pi come una volta. E a quanto pare lo stesso si pu dire per la generazione dei baby boomers. In passato quando ci si avvicinava ai 65 anni si cominciava a pensare ad andare in pensione. Oggi molte persone non sono pi pronte ad "appendere i loro speroni." Il grafico successivo arriva dal database della FED di St. Louis. La linea blu il livello di occupazione di coloro che hanno 55 anni di et o pi (scala di sinistra), invece la linea rossa il livello di occupazione di tutti i lavoratori (scala di destra).

Si noti che il numero di occupati a 55 anni aumentato pi o meno costantemente da prima dell'inizio della Grande Recessione ed aumentato di oltre 4 milioni, mentre il numero di posti di lavoro complessivi sceso di 8 milioni ed ancora sotto di oltre 4

milioni. Dalla fine della recessione il numero di posti di lavoro cresciuto di meno di 3 milioni, i quali sono stati occupati dalla categoria di quelli che hanno 55 e pi anni! E cos un po' di Boomers hanno preso una "quota di mercato" di coloro che sono pi giovani. Il "patto" con le precedenti generazioni pi anziane si basava sul fatto di lasciare e mettere a disposizione il posto alla generazione successiva. I Boomers stanno rompendo questo patto. Non solo stiamo lavorando pi a lungo, ma abbiamo intenzione di continuare a lavorare fino a quando ci sentiamo e abbiamo voglia di farlo per poi vivere fino in tarda et e beneficiare di tutte quelle prestazioni pensionistiche di cui abbiamo diritto. Compir 63 anni tra un mese o gi di l e non ho alcuna intenzione di rallentare. Anche se alcuni dei miei colleghi stanno pensando di andare in pensione.

Mentre il tasso di disoccupazione abbastanza basso anche per chi ha 35 o pi anni, i lavoratori pi giovani soffrono maggiormente e questo spiega in parte la sottoccupazione evidenziata precedentemente. Per quanto possa ricordare quando avevo 20 anni si accettava il primo lavoro che si trovava e poi ci si guardava intorno cercando un qualcosa di meglio. Ma le bollette le riuscivi a pagare. Proprio come successo nell'era industriale dove l'occupazione si spostava dalle campagne alla citt ora sembra esserci una fase di una nuova transizione. Ho sempre detto ai miei figli che era necessario avere una formazione universitaria. Come potete vedere li ho ingannati. Mentre l'istruzione importante adesso necessario avere delle caratteristiche di cui il datore di lavoro ha bisogno, una laurea non basta. E questo uno dei motivi per cui i Boomers, hanno avuto il tempo di sviluppare delle competenze ed ora

si stanno prendendo una quota di mercato dei posti di lavoro.

Due lavoratori per ogni beneficiario della Social Security


Approfondiremo tutto questo nelle prossime lettere, ma prima di chiudere vorrei brevemente riportarvi quello che Shedlock Mish ha sottolineato nel suo blog un paio di settimane fa: A partire dal giugno 2012 la forza lavoro complessiva era pari a 155.163.000. A partire dal giugno 2012 c'erano nel settore privato 111.145.000 mila lavoratori dipendenti. A partire dal giugno 2012 c'erano 56.174.538 richieste di una qualche forma di Social Security o di invalidit. Il rapporto tra i beneficiari della Social Security e i dipendenti privati ha cos superato la soglia del 50% (50,54%). Pensate a questa cosa per un attimo. C' ora un numero di persone che sta utilizzando una qualche forma di Social Security che pari alla met dei lavoratori del settore privato che stanno pagando la Social Security. E la tendenza in crescita. Questo insostenibile. E risolvere il problema della Social Security la parte pi "facile" del dibattito sul bilancio. L'assistenza sanitaria molto pi difficile. Leggiamo che una famiglia su otto riceve dei buoni pasto e che oltre il 50% delle famiglie statunitensi beneficia ogni mese di una qualche forma di sostegno del reddito da parte del governo, mentre la percentuale dei lavoratori nel privato sta diminuendo. C' un limite rispetto a quanto ci si pu aspettare dal settore privato e si pu contare fino ad un certo punto su quei settori che stanno ancora crescendo. Ma questo un argomento per un'altra lettera.

Carlsbad, Palo Alto, Chicago e Atlanta


Marted 11 settembre alle 13:00 far la mia prima "Fireside Chat" con Barry Ritholtz. Questo webinar sar ospitato dai miei amici di Investments Altegris e sar a disposizione degli investitori accreditati e dei professionisti finanziari. Se siete gi registrati in Mauldin Circle (e siete negli Stati Uniti) riceverete quanto prima un invito per parteciparvi. Se non lo avete ricevuto vi invito ad andare su www.mauldincircle.com e registrarvi, in modo da poter sentire Barry e me discutere sulle ultime notizie e sul tema delle elezioni e quale impatto queste cose avere sugli investitori. Sar a Chicago il 19 settembre per partecipare al Financial Forum Network RDA Investor. Il Forum si terr al Marriott Chicago Oak Brook. L'evento sponsorizzato da Steve Blumenthal e dai miei amici di CMG. (E complimenti a Steve per il suo matrimonio del mese scorso!) Se si desidera partecipare inviate una e-mail a Linda Cianci (Linda@cmgwealth.com). Parler al summit di Casey a Carlsbad in California che si terr dal 7 al 9 settembre. Dal 12 al 13 settembre sar a Palo Alto ad una conferenza dedicata agli investimenti sponsorizzata nuovamente da Altegris Investments. E' il momento di premere il pulsante di invio. Penso di avere di fronte a me un pigro weekend, con amici, buon cibo e grandi chiacchierate. Spero che vi stiate godendo

l'estate! Il tuo analista che non pronto ad affrontare la fine dell'estate,

John Mauldin subscribers@mauldineconomics.com Copyright 2010-2012 John Mauldin. All Rights Reserved Copyright 2010-2012 Horo Capital. Tutti i Diritti Riservati Disclaimer: La presente pubblicazione distribuita da Horo Capital srl. Pur ponendo la massima cura nella traduzione della presente pubblicazione e considerando affidabili i suoi contenuti, Horo Capital srl non si assume tuttavia alcuna responsabilit in merito allesattezza, completezza e attualit dei dati e delle informazioni nella stessa contenuti ovvero presenti sulle pubblicazioni utilizzate ai fini della sua predisposizione. Di conseguenza Horo Capital srl declina ogni responsabilit per errori od omissioni. Horo Capital srl si riserva il diritto, senza assumersene l'obbligo, di migliorare, modificare o correggere eventuali errori ed omissioni in qualsiasi momento e senza obbligo di avviso. La presente pubblicazione viene fornita per meri fini di informazione ed illustrazione, non costituendo in nessun caso offerta al pubblico di prodotti finanziari ovvero promozione di servizi e/o attivit di investimento n nei confronti di persone residenti in Italia n di persone residenti in altre giurisdizioni, a maggior ragione quando tale offerta e/o promozione non sia autorizzata in tali giurisdizioni. Le informazioni fornite non costituiscono un'offerta o una raccomandazione per effettuare o liquidare un investimento o porre in essere qualsiasi altra transazione. Esse non possono essere considerate come fondamento di una decisione d'investimento o di altro tipo. Qualsiasi decisione d'investimento deve essere basata su una consulenza pertinente, specifica e professionale. Tutte le informazioni pubblicate non devono essere considerate una sollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma d'investimento n raccomandazioni personalizzate ai sensi del Testo Unico della Finanza trattandosi unicamente di informazione standardizzata rivolta al pubblico indistinto. N Horo Capital srl n John Mauldin potranno essere ritenuti responsabili, in tutto o in parte, per i danni (inclusi, a titolo meramente esemplificativo, il danno per perdita o mancato guadagno, interruzione dellattivit, perdita di informazioni o altre perdite economiche di qualunque natura) derivanti dalluso, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalit, dei dati e delle informazioni presenti nella presente pubblicazione. Ogni decisione di investimento e disinvestimento pertanto di esclusiva competenza del Cliente che pu decidere di darvi o meno esecuzione con qualsivoglia intermediario autorizzato; qualsiasi eventuale decisione operativa presa dal Cliente in base alle informazioni pubblicate , infatti, da considerarsi assunta in piena autonomia decisionale e a proprio esclusivo rischio. Il Contenuto presente nella pubblicazione pu essere riprodotto unicamente nella sua interezza ed esclusivamente citando il nome di Horo Capital srl e di John Mauldin, restandone in ogni caso vietato ogni utilizzo commerciale. Si intende per Contenuto tutte le analisi, grafici, immagini, articoli i quali sono tutti protetti da copyright. Horo Capital srl ha la facolt di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi elemento sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira ovvero tratto anche prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione della sua clientela. Horo Capital srl pu

occasionalmente, a proprio insindacabile giudizio, assumere posizioni lunghe o corte con riferimento ai prodotti finanziari eventualmente menzionati nella presente pubblicazione. In nessun caso e per nessuna ragione Horo Capital srl, sar tenuta, ad agire conformemente, in tutto o in parte, alle opinioni riportate nella presente pubblicazione. Ogni violazione del copyright in qualsiasi modo si esprima ai danni di Horo Capital srl e John Mauldin, sar perseguita legalmente. Per iscriversi alla newsletter GRATUITA settimanale SCENARI FINANZIARI cliccare qui: www.scenarifinanziari.it/Registrazione.aspx Per modificare il proprio indirizzo email di invio della newsletter, effettuare il login su www.scenarifinanziari.it e andare sulla pagina di registrazione. Per cancellare l'iscrizione alla newsletter scrivere una mail a:info@scenarifinanziari.it Thoughts from the Frontline 3204 Beverly Drive Dallas, Texas 75205 Horo Capital Independent Financial Advisory Firm Via Silvio Pellico, 12 20121 Milano Tel. 02 89096674