Sei sulla pagina 1di 1

libri

antonio calabr

racconti storie di famiglia e di un Paese che cambia. dal boom degli anni sessanta alla crisi di oggi

Ricchezza & povert dItalia

riguardare la storia dei 150 an- tadina Caterina Zaffirio al padre Erni dellUnit dItalia con i nu- nesto, operaio e alla madre Giovanna, meri, si scopre che dal 1861 artigiana modista. Povert e dignit, al 2007 (lanno prima della fatica di vivere e vivaci speranze. PaGrande crisi, cio) il reddito medio dri e madri, racconta Pansa, facevano degli italiani cresciuto di otto vol- sacrifici ed erano sostenuti dallidea te e mezzo, il pil per abitante, cio, che i figli avrebbero vissuto meglio passato dallequivalente di 2.500 a di loro (bellissime le pagine su Erne21.700 euro (in posto che assiste con tere dacquisto del trepidazione e orla nazione cresce meno, 2000). Siamo tra goglio alla laurea le prime dieci podel figlio Giamcumula debito pubblico tenze industriali paolo). Poi, il cire oggi molti genitori del mondo. Longecuito virtuoso si vi. Abituati a viveinterrompe. LItaconfessano la loro ansia re bene (allinizio lia cresce meno, che i figli siano costretti della storia unitacu mu la un inria quasi tutto il a una vita pi dura della loro tollerabile debireddito andava in to pubblico e ogconsumi alimentagi molti genitori ri, oggi solo un quinto, mentre il resto confessano le ansie che li assalgono, soddisfa il consumismo dei servizi e per il timore che i figli siano costretdel tempo libero). Da poveri, insom- ti a unesistenza ben pi difficile delma, siamo diventati ricchi. Ma anco- la loro. E siano costretti a retrocedera per quanto? Se lo chiede un grande re nella scala sociale. Sino al punto giornalista, Giampaolo Pansa, in Poco o di ricadere nella povert. Anche a niente, con un sottotitolo drammatico: guardare i numeri si arriva a concluEravamo poveri. Torneremo poveri (per la sioni analoghe. Giovanni Vecchi, nei verit, Pansa avrebbe voluto mettere saggi di economisti, storici e socioun punto interrogativo, ma leditore loghi raccolti nelle pagine di In richa preferito il tono apodittico). Nelle chezza e in povert. Il benessere degli pagine non c una sofisticata analisi italiani dallUnit o oggi, e Luca Paeconomica. Ma un appassionante rac- olazzi, curatore di Libert e benessere conto di famiglia, che si snoda tra Ot- in Italia. 150 anni di storia unitaria e tocento e Novecento, dalla nonna con- i traguardi del futuro, ripercorrono,

con ricchezza di analisi e dati, la nostra storia, ne individuano progressi e questioni irrisolte (il divario NordSud, linefficienza della pubblica amministrazione, le riforme incompiute, i limiti del welfare, levasione fiscale, le carenze di cultura del mercato ben regolato, etc.) e concordano che al declino si pu sfuggire, se il Paese sapr mettere a frutto le energie migliori che ne hanno segnato la stessa storia, come quelle capacit di fare impresa e lavorare bene degli anni Cinquanta e Sessanta del boom economico. Una storia che si pu leggere anche guardando al percorso delle assicurazioni, come fa Vittorio Bruno in Per affari e per amore. Gli italiani e le assicurazioni dal Risorgimento a oggi. I personaggi della grande storia, Cavour, Garibaldi, Mazzini, Giolitti, si mescolano a banchieri, finanzieri e industriali, lungo un percorso che lega unit e indipendenza a progresso economico e sociale. Con una rivendicazione del primato degli italiani: Daniel Defoe, lautore di Robinson Crusoe, annotava: Ho scoperto che gli inglese sono soltanto dei plagiatori, perch tutto quel che cera da inventare in fatto di affari, mutue, banche e assicurazioni gli italiani lo avevano gi inventato da un pezzo. E se, memori di tanta storia, ricominciassimo a innovare e investire?

in libreriA il denAro e il nostro tempo


giampaolo Pansa Poco o niente, rizzoli, 348 pagine, 20 euro giovanni Vecchi in ricchezza e in povert, il mulino, 495 pagine, 40 euro luca Paolazzi (a cura di) libert e benessere in italia, laterza, 228 pagine, 24 euro

recensioni
Vittorio bruno Per affari e per amore, rizzoli, 232 pagine, 22 euro

80 . IL MONDO 11 novembre 2011