Sei sulla pagina 1di 1

42 LIBERTÀ

Martedì 24 maggio 2011

HA TANTI PRIMATI La solida economia galoppa


Si riduce la povertà, crescono i consumi,
IL 50% DEI BRASILIANI APPARTIENE ALLA CLASSE MEDIA il futuro ha il volto di donne e ragazzi

“Il nuovo Brasile e l’Italia”. E’ il titolo


di un convegno organizzato dall’I-
spi, oggi a Milano, in via Clerici, dal-
le 16 alle 19,30, in occasione della Antonio e Carlo Calabrò: reddito e così sviluppando il
mercato - con l’apertura agli in-
vestimenti delle imprese, soprat-
tutto internazionali. La forza del
Brasile sta proprio nella credibi-

il miracolo brasiliano
pubblicazione del libro "Bandei-
rantes - Il Brasile alla conquista del- lità internazionale che ha acqui-
l’economia mondiale" di Antonio e sto in questi anni. Una credibilità
Carlo Calabrò, edito da Laterza. che non è facile conquistarsi, so-
Partecipano oltre agli autori, Vin- prattutto se stai dall’altra parte
cenzo Scotti, Roberto Formigoni, dell’Oceano e sei nella parte po-
Marco Tronchetti Provera, Josè Bo- vera del mondo».
tafogo Goncalves, Vittorio Ghisolfi, Come sono i rapporti tra la
Paolo Magri e Alessandro Merliella. República Federatíva e l’Italia?
Sul libro ecco l’intervista ad Anto-
nio Calabrò.

di MAURO MOLINAROLI
Padre e figlio in un libro spiegano il“gigante Brasile” «Sulla scia delle esperienze di
aziende come Fiat, Eni e Pirelli il
Brasile vanta con il nostro paese
rapporti economici di grande
sposte sembrano essere a quat- manuale sociologico ed econo- po stesso? ne di questo tipo mai realizzata tradizione. Del resto quando sei a

U
na bella sto- tro mani, dettate dalla necessità mico di fatti e cifre sul gigante su- «Ci è sembrato che evocare nel nella storia della finanza». San Paolo hai l’impressione di
ria. Perché un padre e un di condividere fino in fondo un damericano, con i suoi quasi titolo i bandeirantes - gli antichi Com’è Dilma Rousseff, giova- trovarti in una grande città italia-
figlio che de- lavoro nato quasi per duecento milioni di abitanti e un pionieri e conquistadores che nel ne donna che guida un colosso na e poi oggi il Brasile è un mix di
cidono di scrivere caso anche se è An- tasso di crescita del Pil che nei XVI secolo muovevano dalle co- di enormi dimensioni con gran- più avventure e più culture; la sfi-
insieme un libro, ti tonio Calabrò a far prossimi cinque anni si attesterà ste del Brasile verso l’interno, con de agilità e con consumato me- da per chi cerca nuovi equilibri,
fanno capire quanta luce sul significato di su una media del 5 per cento le loro bandiere al vento - potes- stiere? fra sviluppo e qualità socio-am-
complicità e quante questo lavoro. l’anno. Però è un manuale ani- se dare il segno della grande tra- «E’ una donna di grande soli- bientale».
cose abbiano un co- Com’è nata l’idea mato da persone e storie che sformazione che il Brasile sta vi- dità politica ed economica, forse Più che un modello questo
mune. E tutto il buo- di scrivere un libro stanno all’origine di questo mi- vendo in questi anni e del nuovo non ha lo stesso carisma di Lula, Paese è una bella lezione, anche
no che c’è nel rap- sul Brasile, un Paese racolo, come la nuova presidente ruolo sulla scena economica e ma ha grandi competenze tecni- per la cultura politica italiana?
porto tra Antonio conosciuto solo par- Dilma Rousseff che alla fine del politica internazionale. Del resto che, essendo stata presidente del «Direi di sì. Si tratta infatti di
Calabrò (il padre) e zialmente nei suoi 2010 ha raccolto l’eredità di Lula. sono i numeri del miracolo brasi- colosso energetico Petrobras pri- un Paese che vanta strutture de-
Carlo Calabrò (il fi- aspetti più attuali? L’economia galoppa in Brasile, si liano a giustificare questa simbo- ma di passare alla guida del go- mocratiche stabili e ormai con-
glio) viene fuori da «Tutto ha preso il riduce la povertà, crescono i con- logia pionieristica. Il Brasile ha verno. Dilma è stata sposata due solidate, in cui vige un modello
“Bandeirantes – Il via da un diario quo- sumi e il futuro ha il volto di don- un’età media di 29 anni, una va- volte e altrettante ha divorziato, è di capitalismo attento ai bisogni
Brasile alla conqui- tidiano che mio fi- ne e ragazzi che hanno voglia di luta, il real, che si è apprezzata nonna e ha sofferto di un linfo- sociali della popolazione, tanto
sta dell’economia glio Carlo ha tenuto prendere in mano il loro destino. del 35 per cento dal 2005 ad oggi. ma che ha curato, in piena cam- che il 50 per cento dei brasiliani
mondiale” (Laterza, dal 2008 ad oggi. Dal Un Brasile che ha tanti primati E poi è un Paese di grandi indu- pagna elettorale, senza grandi appartiene oggi alla classe me-
188 pp. Euro 16), un bisogno di annotare ma soprattutto una solida eco- strie, dove un gigante petrolifero clamori. Da Lula, l’attuale presi- dia e l’idea che si possano tene-
volume che è un viaggio esaltan- le vicende di questo Paese, che nomia». come Petrobras ha varato un au- dente ha ereditato l’idea che si re insieme la lotta alla miseria -
te e convincente nel Brasile dei entrambi conosciamo a fondo. Il Come viene fuori questo tito- mento di capitale da 70 miliardi possano tenere insieme la lotta facendo crescere il reddito e co-
nostri giorni. libro può essere letto come un lo accattivante e curioso al tem- di dollari, la più grande operazio- alla miseria - facendo crescere il sì sviluppando il mercato - con
Entrambi hanno un legame l’apertura agli investimenti del-
profondo con il gigante sudame- le imprese, soprattutto interna-
ricano. Il primo, Antonio è gior-
nalista, scrittore, direttore della ▼LA SCHEDA zionali, è un dato di fatto. Il Bra-
sile appare in grado di fronteg-
Fondazione Pirelli e responsabi- giare i pericoli che nell’imme-
le della Corporate culture di una diato, a cominciare dall’inflazio-
delle principali società italiane ne, potrebbero frenarne lo svi-
attive sul mercato sudamericano. luppo. Mentre una minaccia di
Il figlio Carlo vive da anni a San più lungo termine potrebbe de-
Paolo in Brasile, dove è a capo rivare da un eccesso di interven-
della governance e delle stategie tismo statale, di cui già oggi si
del Banco Votorantim, il quinto coglie qualche segno. Ma non si
istituto di credito del Paese. Dal- tratta, almeno per il momento,
le riflessioni e dagli studi di “Ca- di forze capaci di arrestare la
labrò padre&figlio” ne esce un ri- macchina della crescita. E il Bra-
tratto autentico, profondo, vero sile nei prossimi anni ha le carte
e mai banale dell’immenso stato in regola per giocare un ruolo di
sudamericano che sta vivendo u- grande stabilizzatore negli equi-
no dei periodi più straordinari libri economici e geopolitici non
della propria storia. E anche le ri- soltanto regionali».
Antonio Calabrò (foto La Presse)

◗◗ Antonio Calabrò, giornalista


economico, è nato a Patti (Mes-
sina) nel 1950, vive e lavora a
Dal libro“Bandeirantes - Il Brasile Milano e a Roma. Attualmente cardinato su una condizione da «e-
alla conquista dell’economia In alto la copertina del libro di Antonio e Carlo Calabrò“Bandeirantes”.A sinistra sopra: è direttore Corporate Culture quilibrio multipolare». Al declino
mondiale”(Editori Laterza) di la neo presidente Dilma Rousseff.Sotto:l’ex presidente Lula.Sopra:Rio de Janeiro di Pirelli & C. e direttore della degli Usa come «unpero solitario»
Antonio Calabrò (il padre) e Carlo Fondazione Pirelli. E’ compo- corrisponde il protagonismo di
Calabrò (il figlio) pubblichiamo un nente del Comitato di Presi- nuovi attori, mentre si ridefinisco-

I Bandeirantes dello sviluppo


capitolo per gentile concessione denza di Assolombarda (consi- no assetti di potere e di influenza,
dell’Editore gliere incaricato per la respon- dal Mediterraneo all’Europa, dal
sabilità sociale e la cultura Medio Oriente alla Cina. Gli organi-
di ANTONIO e CARLO d’impresa); è inoltre compo- smi internazionali, dall’Onu al Fon-
CALABRO’
Originale ricerca di equilibri e di qualità sociale e ambientale nente del Consiglio d’ammini- do Monetario,dalla Nato alla Banca
strazione di Nomisma e di alcu- Mondiale, sono in una stagione di

E
domani? Che ne sarà del Bra- ne altre società e di diverse riflessione e autocritíca. Nuovi sog-
sile domani? A giocare con le segnare una traiettoria per fi Brasi- le.L’aumento della ricchezza,con rit- E un politologo attento cone jo- fondazioni. Ha ricoperto l’inca- getti occupano la ribalta, a comin-
domande sul futuro,i brasilia- le nei prossimi cinque-dieci anni. mi impressionanti,si accompagna a seph Nye, nel suo ultimo libro, Tbe rico di direttore dell’agenzia di ciare dall’Africa, nei paesi della co-
ni sono abituati da tempo. «Il paese Primo elemento: l’economia. Si una più equilibrata distribuzione dei Future of Power, ha spiegato bene Stampa Apcom e di editoriali- sta araba e in molte nazioni del
del futuro», si è sempre detto. Ma cresce stabilmente, in un contesto redditi. Cresce fi numero dei ricchi, come siano proprio i meccanismi sta economico de “La 7”. È stato centro del Continente.La Wto sta al
quel futuro, dalle stagioni gloriose di Inflazione che anche il governo anche di quelli molto, molto ricchi. dell’informazione, nelle nuove di- direttore editoriale del gruppo centro di una profonda ridiscussio-
del presidente Kubitschek al ritorno Dilma assicura di voler tenere sotto Ma cresce soprattutto la classe me- mensioni accelerate dall’informa- “Il Sole 24 Ore” e vicedirettore ne degli equilibri geo-politici e geo-
della democrazia dopo il buio ven- controllo (a differenza di quanto av- dia,mentre decine di milioni di per- tion technology,a determinare squi- del quotidiano. Ha lavorato a economici.
tennio della dittatura militare, dalle viene sia in paesi vicini in America sone escono da uno stato di povertà libri che sommuovono anche le più “La Repubblica”, “Il Mondo” e E il Brasile ha conquistato una po-
prime riforme di Fernando Henri- Latina sia in altri paesi dei Bric,a co- e assumono la consapevolezza dei tradizionali e consolidate democra- “L’Ora” e ha diretto il settimana- sizione di primo piano, sia in Ameri-
que Cardoso contro l’iperinflazione minciare dalla Cina). Inflazione ele- diritti e dei doveri di una moderna zie liberali. E Brasile non è estraneo le “Lettera Finanziaria” e il men- ca Latina, come imprescindibile ri-
e l’instabilità economica all’avvio vata,è vero,non tanto sul fronte dei società dei consumi in una stabile a processi del genere. E A successo sile “Ventiquattro”. Insegna all’U- ferimento, sia altrove. La sua forza
dei programmi di Lula per coniuga- Prezzi al consumo, quanto soprat- democrazia. Un processo comples- elettorale, alle consultazioni del- niversità Bocconi (corso di Sto- politica, potenza tranquilla e non
re lotta alla miseria e aumento del tutto su quello dei prezzi della pro- so, naturalmente. Carico di tensioni l’autunno 2010 per il nuovo Parla- ria del giornalismo) e all’Univer- prepotente, ma tutt’altro che silen-
Pil,sembrava non arrivare mai.Ades- duzione industriale. Ma comunque e di contraddizioni.Segnato dal per- mento federale, di un clown televi- sità Cattolica di Milano (master te, ha come fondamento anche la
so, invece, tutto fa pensare che il a livelli di sicurezza. manere di rilevanti squilibri sociali, sivo,Tiririca, forte solo della sua no- in Media Relation, insegnamen- sua forza finanziaria ed economica,
nuovo decennio degli anni Duemi- La presidente Dilma ha annun- di cui le favelas nelle città brasiliane torietà e improntitudine mediatica to “Il contesto mediale”). che non ha ancora comunque di-
la possa essere una stagione di mo- ciato ai sindacati che il salario mini- sono testimonianza evidente (con il e capace di ottenere oltre un milio- Tra le sue pubblicazioni:“Da via spiegato tutte le potenzialità. Ecco
derato, consapevole ottimismo. Si mo sarà agganciato ai risultati del- coronario di preoccupanti livelli di ne di voti con slogan come «Tanto, Stalingrado a Piazza Affari. Sto- perché si può usare con fondatezza
cresce, si investe, si consuma, si spe- la lotta all’inflazione. Una chiara violenza urbana) (...). peggio di così non può essere» e ria dell’Unipol” (1988),“La mor- la parola bandeirantes, per parlare
ra. I figli (e sono tanti, in un paese scelta di stabilità. Sostenuta anche Quarto elemento: la qualità della «Veramente non so cosa faccia un te ha fatto cento” (1996),“Dis- del Brasile e degli attori economici
con un buon tasso di natalità) sta- da un vigile senso d’allarme da par- politica. Dei paesi latino- americani, deputato federale, ma votate per sensi” (2002),“Agnelli. Una Sto- brasiliani. In una nuova accezione.
ranno meglio dei padri.Il «patto ge- te della grande maggioranza del- il Brasile, insieme al Cde, sembra es- me che poi ve lo racconto», dice ria Italiana” (2004),“Intervista ai Non più quella dei conquistatori
nerazionale» può funzionare.Il Bra- l’opinione pubblica, che ha buona, sere meno contagiato dalle subcul- che A qualunquismo stimolato dal- capitalisti” (2005),“Orgoglio in- di terre ignote (rapaci, all’epoca, e
sile, i cui abitanti hanno un’età me- recente, bruciante memoria dell’i- ture del populismo, di destra e di si- la Tv può avere successo. Ma la de- dustriale” (2009),“Cuore di cac- cupidamente devastatori, di equili-
dia di 29 anni e una classe dirigen- perinflazíone e sa che quel disastro nistra, che hanno tristemente se- mocrazia formale, tutto sommato, tus” (2010) e ha inoltre curato bri umani e ambientali). Ma quella
te giovane, in politica e in econo- economico e sociale non dovrà ri- gnato il corso dell’Ottocento e del regge. Il «discorso pubblico» è di le raccolte di saggi “L’alba della di una forte presenza,sulla scena in-
mia, è in grado di poter pensare a petersi più. (...) Novecento. E vero, la deriva populi- decente qualità, favorito anche da Sicilia” (1996),“Un viaggio im- ternazionale.Bandeirantes dello svi-
come vivere in un mondo migliore. Secondo elemento: il cosiddetto sta delle moderne democrazie, con un’informazione di buon livello. E perfetto” (1999),“Frontiere” luppo, che portano le «bandiere»,
Senza fare gli indovini,si può ragio- «bonus demografico». Nell’arco dei la contemporanea dimensione del- all’ínterno della classe politica va a- (2000),“Il capitale” (2001) e appunto,di un’originale ricerca di e-
nare su dati e attendibili proiezioni, prossimi vent’anni ci saranno molte le cosiddette «telecrazie» (miscela vanti un ricambio di ceti dirigenti “Mercati” (2002). quilibri e di qualità sociale e am-
di cui i lettori attenti hanno trovato più persone al lavoro che pensiona- drammatica di potere politico e in- che fa ben sperare. Resta aperto, bientale. Una scommessa forte, dif-
ampie tracce nelle pagine prece- ti e bambini da mantenere.Dinami- fluenzamento dell’opinione pubbli- però, un problema di corruzione ficile, incerta, naturalmente. Ma de-
denti e troveranno puntuali riscon- smo economico, dunque. E minore ca grazie ai media di massa), è una diffusa: sfida aperta, cui guardare ternazionali. La contemporaneità è terminata.Una scommessa che par-
tri nei grafici in Appendice. Cinque spesa pubblica. (...). condizione diffusa non solo in Ame- con molta attenzione. un sistema di relazioni in cambia- la portoghese. E prova a farsi capire
elementi chiave permettono di di- Terzo elemento: la stabilità socia- rica Latina ma altrove nel mondo. Quinto elemento: gli equilibri in- mento. E il mondo è sempre più in- dal mondo.