Sei sulla pagina 1di 9

Noi (in russo ) un romanzo dello scrittore russo Evgenij Zamjatin scritto tra il 1919 e il 1921.

. Il titolo il pronome che nella lingua russa indica la prima persona plurale. un romanzo a carattere satirico ambientato nel futuro ed spesso considerato un capostipite del genere dell'utopia negativa o distopia. In esso il totalitarismo e il conformismo caratteristici dell'Unione Sovietica del primo Novecento vengono portati agli estremi, dipingendo un'organizzazione statale che individua nel libero arbitrio la causa dell'infelicit, e che pretende di controllare matematicamente le vite dei cittadini attraverso un sistema di efficienza e precisione industriale di tipo tayloristico. Fu scritto in seguito alle esperienze personali dell'autore durante la Rivoluzione russa del 1905 e quella del 1917, oltre al periodo trascorso a Jesmond, un sobborgo di Newcastle upon Tyne, e al lavoro nei cantieri navali sul fiume britannico Tyne (1916-17), dove egli osserv la razionalizzazione del lavoro tipica delle grandi imprese.

Storia e influenze
Il racconto fu il primo romanzo ad essere messo al bando dal Glavlit, l'ente sovietico preposto alla censura, nel 1921, sebbene la sua bozza iniziale risalisse al 1919. Effettivamente gran parte delle basi del romanzo erano gi presenti nella novella Gli isolani, iniziata a Newcastle nel 1916. La posizione letteraria di Zamjatin and deteriorandosi nel corso degli anni 1920, e nel 1931 gli venne infine concesso di emigrare a Parigi, dopo l'intercessione di Maksim Gorkij presso Stalin. Il romanzo fu pubblicato in inglese nel 1924, ma la prima edizione russa giunse solamente nel 1988, quando venne pubblicato congiuntamente con 1984 di Orwell. Orwell conosceva Noi, avendone letto e recensito l'edizione francese nel 1946, e ne fu influenzato durante la scrittura di 1984.

Trama
La storia raccontata in prima persona dal suo protagonista, D-503, sotto forma di un diario che raccoglie sia le sue osservazioni di lavoro come ingegnere che le sue disavventure con un gruppo di resistenti noto come Mefi (dal nome Mefistofele). Il diario ha lo scopo di raccontare la felicit finalmente conseguita dai cittadini dello Stato Unico e di presentarla alle civilt extraterrestri che la nave spaziale alla cui costruzione D-503 sovrintende, l'Integrale, incontrer nel suo viaggio. L'innovativa visione futuristica di Zamjatin comprende abitazioni (e qualsiasi altro oggetto) costruite esclusivamente in vetro e materiali trasparenti, cos che chiunque sia visibile in ogni momento.

Giochi di parole
I nomi dei protagonisti - O-90, D-503 e I-330 - derivano quasi certamente dai parametri ingegneristici della Saint Alexander Nevskij, la nave rompighiaccio preferita di Zamjatin (che fu ingegnere navale e si vant di averne firmato personalmente i disegni preparatori). Alcuni sostengono che i numeri siano in realt un codice biblico. I nomi sono inoltre legati al sesso dei personaggi: gli uomini hanno nomi che iniziano per consonante e sono caratterizzati da numeri dispari, mentre tutti i nomi femminili iniziano per vocale e contengono numeri pari.

Noi (1920) (titlu original ) este o distopie finalizat de Evgheni Zamiatin n 1920.[1] El reprezint reacia autorului fa de experiena personal legat de Revoluia rus din 1905, Revoluia rus din 1917, viaa lui n suburbia Jesmond din Newcastle i munca din portul Tyne din timpul Primului Rzboi Mondial. Pe malurile rului Tyne a ntlnit el raionalizarea muncii pe scar larg. Zamiatin a fost un inginer naval, de unde trimiterea lui la Newcastle pentru a supraveghea construirea sprgtoarelor de ghea ale marinei imperiale ruse. Introducere Aciunea romanului Noi se petrece n viitor. D-503 triete n Statul Unic, un ora-naiune construit aproape n ntregime din sticl, care permite poliiei secrete/spionilor s supravegheze oamenii mai uor i s se informeze despre faptele lor. Structura statului este similar conceptului de proiectare al nchisorii dezvoltat de Jeremy Bentham, cunoscut sub numele de panoptic. Mai mult, viaa este organizat pentru a promova o eficien productiv maxim a sistemului, n conformitate cu teoriile lui F.W. Taylor. Oamenii mrluiesc laolalt, purtnd haine identice i sunt apelai pe baza indicativelor. Masculii au numere impare, precedate de consoane, n timp ce femeile au numere pare, precedate de vocale. Intriga D-503, un matematician, este inginerul ef al proiectului de construire al INTEGRALEI, o nav spaial care va duce "marea roat a logicii" pe alte planete i va ajuta Statul Unic s cucereasc sistemul solar, dup ce a cucerit lumea. Prietena lui D-503 este O-90. Prietenul su, poetul R-13, este angajat s scrie cntece de slav pentru Stat. D-503 o ntlnete pe I-330, o femeie mbrcat erotic, care l provoac i l ademenete n loc s se culce cu el ntr-un mod impersonal. D-503 devine obsedat de I-330. mpreun, particip la o execuie public i viziteaz Casa Veche, remarcabil prin faptul c este singura cldire opac a Statului Unic, cu excepia ferestrelor. n ea sunt pstrate obiecte estetice de importan istoric dezgropate din mprejurimile oraului. D-503 ncepe s viseze noaptea, lucru care l tulbur, deoarece visele sunt iraionale, fiind considerate un simptom al bolilor mentale. Pas cu pas, I-330 i dezvluie lui D-503 c are legturi cu MEFI, un grup care comploteaz pentru rsturnarea conducerii. Prin tuneluri secrete, ea l duce n lumea de dincolo de Zidul Verde care nconjoar oraul-stat, artndu-i locuitorii lumii exterioare: oameni ale cror trupuri sunt acoperite cu blnuri. La sfritul romanului, D-503 este supus "Marii Operaii" (similar unei lobotomii),[2] ordonat de curnd pentru ntreaga populaie a Statului Unic. Dup operaie, D-503 asist cu senintate la torturarea i execuia lui I-330. ntre timp, revolta MEFI capt putere; o parte a Zidului Verde a fost distrus, psrile au nceput s populeze oraul, iar unii oameni comit acte de rebeliune social. Romanul se ncheie incert; o idee repetat de-a lungul romanului este aceea c nu exist o revoluie final. Teme majore Societatea distopic Societatea distopic prezentat n Noi este condus de Binefctor, fiind nconjurat de un imens Zid Verde, care separ cetenii de natura primitiv. Toi cetenii sunt cunoscui ca numere i fiecare or din viaa lor este condus de "Tablele Orare", un precursor al teleecranului din 1984. Ele au fost prefigurate de 'Preceptele Salvrii Asigurate' ale vicarului Dewley din nuvela lui Zamiatin Islanders (1916). Aciunea din Noi se petrece dup Rzboiul de Dou Sute de Ani care a distrus totul, n afara unui procent de "0.2% din populaia globului". Rzboiul s-a purtat pentru o substan rar nemenionat n carte, dar care ar putea fi petrolul, deoarece toate cunotinele despre rzboi apar sub forma metaforelor bibilice. Se pomenete totui faptul c rzboiul a luat sfrit dup folosirea armelor de distrugere n mas, lsnd n urma sa doar Statul Unic, nconjurat de un peisaj post-apocaliptic. Totalitarism, comunism i imperialism Binefctorul este echivalentul Fratelui mai Mare, dar, spre deosebire de echivalentul orwelian, existena sa este confirmat cnd D-503 se ntlnete cu el. D-503 menioneaz c ar avea 32 de ani, vrsta pe care o avea Zamiatin cnd

a fost la Newcastle. Anual, de Ziua Unanimitii, au loc "alegeri", Binefctorul fiind reales n unanimitate. Votul este public, aa nct fiecare tie cine voteaz. INTEGRALA, nava spaial a Statului Unic, a fost proiectat de D-503 pentru a duce mesajul Statului Unic ctre restul universului. Acest lucru este deseori considerat o analogie la idealul statului comunist global enunat de primii marxiti, dar poate fi privit n sens mai larg ca o critic a tendinei tuturor societilor moderne, industriale de a deveni imperii colonizatoare sub girul dezvoltrii i civilizrii "popoarelor primitive". n mod fundamental, aceasta a fost o viziune materialist care a redus lumea la legi i procese fizice care pot fi nelese i manipulate n scopuri utilitare. Era o viziune a lumii neagreat de Zamiatin, iar Noi duce la cote dramatice conflictul dintre natur/spirit i artificial/ordine. Rolul poetului/scriitorului, aa cum l vede Zamiatin, este s fie vocea eretic (sau "Eu") care insist mereu pe imaginaie, mai ales cnd instituiile abilitate caut conformitatea i efortul concertat ("Noi") pentru a atinge un scop definit. Zamiatin a fost tulburat de modul n care Partidul considera literatura o unealt folositoare pentru atingerea scopurilor sale, asistnd la compromisuri fcute de confraii scriitori care se aliniau tot mai mult liniei partidului prin intermediul instituiilor de genul Asociaiei Ruse a Scriitorilor Proletari sau Uniunea Scriitorilor, din care a demisionat n 1929.[3] Referinele la eforturile oficiale de a coopta talentele literare sunt evidente n Noi. Povestea ncepe cu D-503 lund decizia de a rspunde cererii Statului Unic adresate tuturor celor cu talent literar s "alctuiasc tratate, poeme, manifeste, ode sau orice alte opere care vor preamri frumuseea i mreia Statului Unic". Aceste contribuii urmeaz a fi puse la bordul INTEGRALEI ca prim ncrctur, ducnd eficiena i non-libertatea ctre popoarele universului. nainte de a deveni contient de problema sufletului, D-503 scrie "Meditaii despre poeziei", n care preamrete "mreul" Institut al Poeilor i Scriitorilor. Semnificaie literar i influene mpreun cu Clciul de fier a lui Jack London, Noi este considerat n general printele genului distopic satiric futurist. Romanul duce aspectele totalitariste ale societii industriale moderne la o concluzie extrem, descriind un stat care consider c liberul arbitru este cauza nefericirii, aa nct vieile cetenilor trebuie controlate cu precizie matematic, folosind sistemul eficienei industriale creat de Frederick Winslow Taylor. n Evgenij Zamjatin: An Interpretive Study, Christopher Collins gsete multele aspecte literare intrigante din Noi mai interesante i relevante astzi dect cele politice: (1) O examinare a miturilor i simbolurilor dezvluie faptul c opera poate fi neleas mai bine ca o dram interioar a omului modern aflat n conflict dect ca o reprezentare a realitii externe dintr-o utopie euat. Oraul este asemenea unei mandale populate cu arhetipuri i subiecte ale unui conflict arhetipal. Unii se ntreab dac Zamiatin cunotea teoriile contemporanului su C. G. Jung, sau este vorba mai curnd de spiritul vremii Europei din acea perioad. (2) Mare parte din corpul i ideile exprimate n lumea din Noi sunt luate aproape direct din operele lui H. G. Wells, extrem de popularul (pe atunci) apostol al utopiei socialismului tiinific, ale crui opere au fost traduse de Zamiatin n rus. (3) n folosirea culorii i imagisticii, Zamiatin dovedete c a respirat acelai aer subiectivist ca i Kandinsky i ali pictori expresioniti europeni. George Orwell a afirmat c Minunata lume nou a lui Aldous Huxley (1932) trebuie s fi derivat parial din Noi.[4] Totui, ntr-o scrisoare trimis lui Christopher Collins n 1962, Huxley spunea c a scris Minunata lume nou ca reacie la utopiile lui H.G. Wells, cu mult vreme nainte de a fi auzit de Noi.[5] Conform spuselor traductoarei crii Noi, Natasha Randall, Orwell considera c Huxley minte.[6] Kurt Vonnegut a declarat c, la scrierea crii Pianul mecanic (1952) a "folosit cu mult entuziasm aciunea crii Minunata lume nou, a crei aciune a folosit cu mult entuziasm cartea lui Evgheni Zamiatin Noi."[7] Nuvela Anthem (1938) a lui Ayn Rand are cteva similitudini majore cu Noi, dei este diferit din punct de vedere stilistic i tematic.[8] George Orwell a nceput 1984 (1949) la circa opt luni dup ce a citit Noi n traducerea franuzeasc i a scris o recenzie a crii.[9] Orwell se pare c ar fi "zis c o va folosi ca model pentru urmtorul roman."[10] Brown scrie c pentru Orwell i civa alii, Noi "pare s fi fost acea experien literar crucial."[11] Shane afirm c "influena lui Zamiatin asupra lui Orwell este dincolo de orice ndoial".[12] ntr-o privire de ansamblu asupra criticii crii Noi, Russell concluzioneaz c "1984 are att de multe elemente comune cu Noi, nct nu ncape niciun dubiu ct de mult i datoreaz". Totui, exist i o minoritate printre critici care consider similitudinile dintre Noi i 1984 ca "n ntregime superficiale". Mai mult, Russell gsete "c romanul lui Orwell este i mai dezolant i mai de actualitate ca al lui Zamiatin, lipsindu-i n ntregime umorul ironic care strbate opera rusului."[5]

n cartea The Right Stuff (1979), Tom Wolfe descrie Noi ca pe un "roman teribil de mohort al viitorului", care conine o "nav spaial omnipotent" numit INTEGRALA, a crei "proiectant este cunoscut doar ca 'D-503, Constructorul INTEGRALEI. - " Wolfe folosete n continuare INTEGRALA ca o metafor pentru vehiculul spaial sovietic, programul spaial sovietic i Uniunea Sovietic.[13] Jerome K. Jerome este citat ca una dintre influenele romanului lui Zamiatin.[14] Eseul lui Jerome "The New Utopia" (1891)[15] descrie un ora i o lume al viitorului organizate, cu un egalitarism de comar, n care brbaii i femeile pot fi deosebii cu greu din cauza uniformelor cenuii ("unif-urile" lui Zamiatin) i a prului scurt, negru (natural sau vopsit). Niciun om nu are nume: femeile poart numere pare, brbaii impare, la fel ca n Noi. Egalitatea este dus la un asemenea nivel, nct oamenii cu un fizic bine dezvoltat risc s li se taie membrele. n mod similar, la Zamiatin se propune egalizarea nasurilor. La Jerome, orice om cu imaginaie prea bogat este supus unei operaii de nivelare n jos lucru de o importan capital n Noi. i mai semnificativ este aprecierea att a lui Jerome, ct i a lui Zamiatin, c individul i, prin extensie, dragostea familial, sunt o for distrugtoare i umanizant.Operele lui Jerome fuseser traduse n Rusia de trei ori nainte de 1917. Trei ntr-o barc este o lectur obligatorie n colile ruse. Istorie Noi a fost prima oper interzis de Glavlit, noul birou de cenzur sovietic, n 1921, dei manuscrisul original dateaz din 1919.De fapt, o parte important din ceea ce st la baza romanului apruse n nuvela lui Zamiatin, Islanders, nceput la Newcastle n 1916. n nuvell, Lady Campbell i cetenii din Jesmond sun sclavi ai unui regim reprimant. Figura dominant este a reverendului Dewley, vicar la St Enoch's. Dl. Dewley, cu teribilul su dinte de aur, este autorul 'Preceptelor Salvrii Asigurate' n care perioade precise de timp sunt dedicate tuturor activitilor. Chiar i nevoile d-nei Dewley sunt ndeplinite n fiecare a treia smbt. Respectabilitatea guverneaz, orice semn de imaginaie sau originalitate fiind privit cu oroare. Casele sunt identice, copacii sunt aezai n ordinea rodirii, oamenii din Jesmond scriu doar pe hrtie cu linii, o parte a strzii este dedicat albastrului, cealalt verdelui, scaunele se potrivesc pe semnele fcute pe covor i se discut egalizarea nasurilor oamenilor, la fel ca n Noi.Poziia literar a lui Zamiatin s-a deteriorat de-a lungul anilor '20, permindu-i-se n cele din urm s emigreze la Paris n 1931, probabil n urma unei intervenii a lui Maxim Gorki.Romanul a fost publicat prima dat n englez n 1924,[16] dar prima apariie pe teritoriul Uniunii Sovietice a trebuit s atepte pn n 1988,[17] cnd glasnost-ul a fcut acest lucru posibil, la fel ca i pentru 1984 a lui George Orwell. Un an mai trziu, Noi i Minunata lume nou au fost publicate mpreun ntr-o ediie comun.[18] Aluzii i referine Mare parte din numele i numerele prezente n Noi constituie aluzii la experienele personale ale lui Zamiatin, sau la cultur i literatur. De exemplu, "Auditorium 112" se refer la numrul celulei 112, n care Zamiatin a fost nchis de dou ori[19] iar numele S-4711 face referire la apa de colonie numrul 4711.[20] Zamiatin, care a lucrat ca arhitect naval,[21] face referire la specificaiile sprgtorului de ghea St. Alexander Nevsky. <citat>Numerele [. . .] personajelor principale din NOI sunt preluate direct din specificaiile sprgtorului de ghea preferat al lui Zamiatin, St. Alexander Nevsky, nr. de serie A/W 905, tonaj 3300, de unde apar O-90 i I-330, care l mpart pe nenorocitul D-503 [. . .] Yu-10 poate fi derivat din numrele de serie Swan Hunter a nu mai puin de trei sprgtoare de ghea majore ale lui Zamiatin - 1012, 1020, 1021 [. . .]. R-13 poate fi gsit tot aici, ca i n numrul de serie al sprgtorului de ghea Sviatogor A/W 904.[22][23] </citat> Exist aluzii literare la Dostoievski, n special la nsemnri din subteran i Fraii Karamazov, precum i la Biblie.[24] n Noi exist multe comparaii cu Biblia, n primul rnd cu capitolele 1-4 din Geneza, Statul Unic fiind considerat Raiul, D-503 este Adam, iar I-330 este Eva. arpele acestei poveti este S-4711, descris ca avnd o form ndoit i rsucit, cu un "trup cu dou curbe" (el este agent dublu). Referinele la Mefisto (din MEFI) sunt vzute ca aluzii la Satan i la revolta sa mpotriva Raiului din Biblie. Romanul nsui poate fi considerat o critic a religiei organizate, n conformitate cu aceast interpretare.[24] Totui, prnd a pstra linia lui Dostoievski, Zamiatin a fcut din roman o critic a exceselor unei societi deterministe, atee.[25] Romanul folosete n mod simbolic conceptele matematice. Nava spaial a crei construcie e supervizat de D-503 se numete INTEGRALA, el spernd ca ea s "integreze grandioasa ecuaie cosmic". D-503 menioneaz c este profund tulburat de conceptul rdcinii ptrate a lui -1 - baza numerelor imaginare (imaginaia fiind dezaprobat de Statul Unic). Punctul de vedere al lui Zamiatin, probabil n lumina dogmatismului crescnd al guvernului sovietic din acea perioad, pare a fi c este imposibil s se nlture toi cei care se revolt mpotriva unui sistem, spunnd asta i prin intermediul lui I-330: "Nu exist o revoluie final. Revoluiile sunt infinite."[26]

Zamjatin Evgenij - Noi


Il Novecento stato un secolo buio: stato il secolo delle guerre pi atroci della storia dellumanit, del potere soffocante, umiliante e disumanizzante duna burocrazia ciclopica, e della trasformazione esplicita dello Stato in Regime dittatoriale, franco omicida della libert dei cittadini e avvelenatore della loro coscienza. Ne siamo usciti indeboliti, spaventati e scossi, decimati e tuttavia illusi che il ritorno dei regimi ad apparentemente democratiche forme statali significasse il principio di una rigenerazione, e di un cambiamento epocale: cambiamento che sembra eccezionalmente lontano, nel 2008, destabilizzando le vite dei cittadini e deprimendo le loro speranze. Lincubo peggiore che certa pervasiva presenza di unistituzione come quella dello Stato abbia soltanto mutato strategie e tecniche di condizionamento, e di controllo della cittadinanza: la dissoluzione dei regimi va letta piuttosto come una trasformazione. Una trasformazione intelligente, e astuta. la letteratura, adesso, che deve saper scoprire i punti deboli di questa nuova macchina trituraumanit. Negli anni Venti, un artista come Zamjatin era in grado di trasfigurare il raccapriccio, il disgusto e il disprezzo per un regime assassino e indecente come quello socialista sovietico in unopera che rappresentava uno scenario plausibile di decadenza dellumanit e divinizzazione dello Stato. Zamjatin pag il suo coraggio e il suo genio con la costrizione allesilio, e con una censura in patria che dur sino al termine della parabola atroce, omicida e liberticida del comunismo, due decenni fa. Tuttavia, influenz profondamente (Noi del 1920) una serie di artisti che in Europa che qui in Italia conosciamo diversamente bene: George Orwell, Aldous Huxley, William Bordewijk. La fortuna editoriale del gran romanzo di Zamjatin, nel nostro benedetto assurdo belpaese, stata episodica e grottesca; per merito di Bigalli e Rizzardini e della loro collana I Rimossi se, appena ventiquattro anni dopo lintrovabile (e misteriosamente mai ristampata) edizione Feltrinelli, lopera pu tornare a circolare nelle abitazioni dei letterati e dei cittadini appassionati di letteratura della distopia. A cosa serve, oggi, Noi? Serve a non dimenticare come il regime comunista trattava gli artisti estranei alla supina adesione al suo infame verbo. Serve a non dimenticare come la cultura e certa editoria italiana siano state, sino a pochi decenni fa, vittime in pi duna circostanza duna sinistra sottomissione ai diktat moscoviti. Fedeli alla linea. Rossa. Serve a interiorizzare un paradigma che appassion e ispir artisti occidentali. unesperienza estetica fascinosa, triste e decisamente godibile. Rinvio quanti fossero interessati a una visione dinsieme delle vicende biobibliografiche di Zamjatin a esaminare i link pubblicati al termine di questo capitolo; passo quindi a una breve analisi della struttura e del senso dellopera. Lopera si presenta come un diario; suddivisa in quaranta note, ciascuna introdotta da un breve sommario. Il narratore in prima persona, intradiegetico, non onnisciente scrive per gli antenati (p. 22: selvaggi, lontani antenati) da un futuro inquietante che possiamo cos sintetizzare: tutti i cittadini hanno perduto nome e cognome, sono individuati da numeri. Numeri integrati alla perfezione per cos dire nellunico Stato che regge e governa il mondo. Autorit unica di questa terra, il Benefattore. Niente pi nazioni, niente pi guerre: Tavole delle Leggi eque per tutti e da tutti condivise. Linformazione garantita dal Giornale dello Stato. La linea dello Stato Unico retta. Lunica possibile per un mondo del genere. I cittadini dora in avanti: numeri non hanno pi nessuna forma di vita privata; le pareti degli edifici sono trasparenti. Per i momenti dedicati al previsto diritto allaccoppiamento esistono sobrie tendine. Tutti, finalmente, sono uguali: sono previste due ore di svago al giorno, durante il pomeriggio e la sera. Durante la notte si deve, inevitabilmente, dormire (p. 49). Preferibilmente senza sognare: il sogno considerato seria malattia psichica (p. 29). Lalimentazione dello Stato Unico ben

diversa da quella che conosciamo; la parola pane unallegoria poetica per quel cibo universale che diventato la nafta. In questo ameno contesto, la dottrina principe quella della Ragione: adesso lo Stato Unico vuole estenderla a tutto luniverso, pianeta per pianeta, per portare la certezza matematica della felicit ai popoli alieni rimasti estranei al comunismo; per questo, D-503, il narratore del diario, sta costruendo un Integrale Elettrico che cambier per sempre la storia dei popoli del cosmo. Uniformandola a quella dei numeri dello Stato Unico. Si vive in un mondo in cui chi volesse essere originale andrebbe a infrangere luguaglianza. Luguaglianza fondamentale: garante totale, il nuovo Dio. Il nuovo Dio lo Stato (p. 39), naturalmente. Lanima una malattia. Non racconter altro del mondo raccontato (trasfigurato) da D-503, auspicando che il lettore abbia gi inteso la centralit dellopera e dei suoi assi portanti, e la peculiarit delle critiche rivolte nei confronti della deviazione pi orrida dello Stato Moderno. Mi limito a segnalare che, come chi ama il genere non dubita, sar una figura femminile a destabilizzare quanto provvisoriamente sarete voi neofiti a scoprirlo lequilibrio di D-503. Non mancher lincontro con il Benefattore. Tempo fa, scrivendo dellultima utopia del Novecento lultima: da oltre cento anni siamo inondati da distopie ossia la dimessa Island di Huxley, pensavo che siamo tutti avvertiti e sensibilizzati a proposito delle possibili derive di questa abnorme istituzione che lo Stato Moderno: e che forse questo il momento storico di tornare a sognare e congetturare, come nei secoli scorsi, una societ e un mondo migliori e pi vivibili. La ricerca della felicit e della serenit di ogni cittadino non pu e non deve coincidere con una insensata, generica e imposta uguaglianza: la menzogna comunista deve essere definitivamente accantonata. La strada del futuro va tracciata: servono idee per sentieri nuovi di ricerca e di costruzione di uno Stato diverso. questa una delle grandi sfide dei letterati di questo secolo; tornare su certi binari. Anche per omaggiare, mettiamola cos, il sacrificio di quegli artisti che pur di testimoniare il loro senso di giustizia e libert hanno compromesso la loro esistenza, vedendo oscurate o cancellate le loro creazioni. Restituire vita a Noi di Zamjatin significa credere nella speranza. La fiamma non s mai spenta, la fiaccola accesa. Siamo pronti a sprofondare nel nuovo medioevo con la consapevolezza che lumanit risorger solo grazie allintelligenza, alla sensibilit e allo studio: allamore per il prossimo, e allodio per le oligarchie neoaristocratiche che dominano ogni nazione, decretando la possibilit di vita e circolazione delle opere darte, imponendo quando possibile libri di facile consumo e nulla intelligenza, e nulla ribellione al sistema. Oggi, ben lo sappiamo, la censura s fatta adulta e astuta. Non serve far sparire i dissidenti, basta farli circolare in poche copie. Combattiamola, allora, sostenendo quelle opere che possono ancora cambiare la storia. Come "Noi". EDIZIONE ESAMINATA e BREVI NOTE Evgenij Ivanovich Zamjatin (Lebedjan, Russia 1884 Parigi, Francia 1937), ingegnere navale e scrittore russo. Fu drammaturgo, saggista e romanziere. Esord pubblicando il libro di racconti La vita in provincia, nel 1913. Insofferente nei confronti del regime sovietico, emigr a Parigi, dove mor.

Raramente un'opera letteraria stata contrassegnata dalle vicende politiche come questa di Zamjtin. Vietata la sua pubblicazione in patria dal regime stalinista per la coraggiosa denuncia degli orrori del comunismo, il romanzo, che fu scritto in russo tra il 1920 e il 1922 e il cui titolo My significa, nella lingua originale, "noi", conobbe una prima edizione in inglese, con il titolo We, nel 1924, e una successiva in francese con il titolo Nous autres, nel 1929. L'autore stesso fu sottoposto, da parte della cultura ufficiale, ad una persecuzione com'egli scrive nella lettera rivolta, nel 1931, a Stalin - "quale non s' mai avuta fino a ora nella letteratura sovietica" e chiese la pena di lasciare l'URSS come commutazione della condanna a morte come scrittore, decretatagli dai Circoli letterari del suo paese. Mor a Parigi nel 1937. Ma neanche dopo la morte di Zamjtin, Noi fu valutato per quello che effettivamente era: un'aperta denuncia - tramite la metafora fantascientifica - della soppressione, da parte della dittatura comunista, della libert di pensare e di immaginare dell'essere umano e della conseguente sua riduzione a numero. Tutti i personaggi infatti vengono designati con numeri: D-503 il protagonista, I-330 la donna di cui s'innamora, S-4711 uno dei Guardiani, gli spioni al servizio del Benefattore, il despota dello Stato Unico, che ricordano molto da vicino i membri della Ceka, il famigerato braccio armato della dittatura del proletariato. Le seguenti parole messe in bocca a D-503, rivelano tutto lo sdegno di Zamjtin per la soppressione della libert ad opera di Stalin e compagni: "Liberazione?" Sbalorditivo: fino a che punto nel genere umano sono vivi gli istinti della delinquenza. Io dico coscientemente "della delinquenza". La libert e la delinquenza sono cos inseparabilmente legate tra loro come... mettiamo, il movimento dell'aereo e la sua velocit: la velocit dell'aereo - o, l'aereo non si muove; la libert dell'uomo - o, ed egli non commette delitti. E' chiaro. L'unico mezzo per affrancare l'uomo dalla sua tendenza alla delinquenza togliergli la libert. Di questo disvelamento, mediante l'allegoria fantascientifica, del vero volto del comunismo, non ci sono cenni chiari e circostanziati nelle ricerche critiche e storiografiche dei pi autorevoli studiosi del settore. Quando il romanzo non viene ignorato del tutto, come fa Lino Aldani nel suo saggio La fantascienza, i riferimenti ad esso rimangono confinati nell'ambito della ricerca dei padri fondatori dell'utopia negativa o anti-utopia. Addirittura, Jean Gattegno, nel delineare le caratteristiche delle opere antiutopiche, arriva a formulare, in Saggio sulla fantascienza, un'equazione infondata e assurda: "[...] con Zamjtin emerge il legame, ormai inseparabile dall'anti-utopia, fra il regno della scienza e la dittatura politica. La tecnica vi presentata come inevitabilmente destinata a condurre all'oppressione". Il pensiero dell'autore di Noi, invece, del tutto opposto: la scienza e, nel caso specifico, la matematica sono nemiche delle dittature, come si evince dal seguente dialogo tra D-503 e I-330: - Questo insensato! E' assurdo! Non capisci che ci che voi tramate la rivoluzione? - S, la rivoluzione! Ma perch assurdo? - Assurdo perch la rivoluzione non pu essere. Perch la nostra rivoluzione - non lo dici tu, ma lo dico io stata l'ultima. E non ci pu essere nessun'altra rivoluzione. Lo sanno tutti. L'aguzzo, ironico triangolo delle sopracciglia: - Mio caro: tu sei un matematico. E in pi sei un filosofo matematico: dimmi l'ultimo numero. - Cio? Io... io non capisco: quale ultimo numero? [...] Ma, I-330, questo assurdo. Dal momento che il numero dei numeri infinito, quale ultimo numero vuoi da me? - E tu quale ultima rivoluzione vuoi? Non c' un'ultima rivoluzione, le rivoluzioni sono senza fine. Il brano citato ci offre lo spunto per sottolineare quello che, secondo noi, il vero elemento originale di Noi. Solitamente, gli scrittori di science fiction traggono lo spunto per le loro estrapolazioni avveniristiche da branche delle scienze sperimentali, quali l'astronomia, la fisica, la biologia, ecc. Zamjtin, invece, fa ricorso alla scienza matematica. La societ da lui immaginata, lo Stato Unico, regolata da leggi matematiche: "[...] non c' nulla di pi felice delle cifre che vivono secondo le armoniose leggi eterne della tavola pitagorica". L'astronave, che deve diffondere nella Galassia il "verbo" della dittatura del Grande Benefattore, ha impresso nello scafo il nome di "Integrale", Numeri sono chiamati i cittadini e tutto ci che non rientra nella logica matematica definito con il simbolo del numero irrazionale -1. Ad accrescere l'originalit del romanzo dello scrittore russo e a dare al lettore quel senso di "straniamento cognitivo" di cui parla Darko Suvin, contribuisce potentemente lo stile. Fatto di frasi spezzate, di puntini di sospensione, di trattini e due punti teso insomma pi a suggerire che a descrivere -, in perfetta sintonia con la vicenda che vuole narrare.

Le utopie negative : "Noi "di Zamjatin


In un periodo di tempo imprecisato, successivo ad una epocale guerra che avrebbe determinato la caduta di un vecchio sistema culturale e la fondazione di un inedito modello societario, uno scienziato, di nome D 503, avverte la necessit di scrivere ci che, giorno per giorno, gli succede. Cos, attraverso le pagine del diario, il nuovo mondo prende forma dinanzi agli occhi del lettore e lascia intravedere la logica che lo sorregge. Uniformit ed indifferenziazione sembrano essere i tratti caratteristici della societ di D 503. Non il singolo ma la collettivit al centro di tutto; lindividuo non percepisce la propria unicit, tanto da ricorrere, nel definirsi, alla prima persona plurale, al noi, piuttosto che alla prima singolare, ed ad accettare di essere chiamato, piuttosto che con un nome, con un numero. E sono proprio i numeri a scandire la giornata di questi esseri, a ritmarne le attivit ad intervalli fissi, predeterminati, sempre uguali. Una logica di tipo matematico regola il sistema che, fondato sulla pura, assoluta razionalit, ha ingranaggi che non ammettono di essere interrotti nel loro moto meccanico ed uniforme. Lo spazio su cui insiste questo particolare modello societario delimitato, lungo il suo perimetro, da un muro di vetro verde, al di l del quale si estende il vecchio mondo, uguale al nostro. Il vetro isola gli uomini- numero anche dal cielo, dal sole, dagli agenti atmosferici, da tutto ci che cangiante, variabile. Linstabilit, infatti, avvertita come minaccia dal sistema che non ammette la mutevolezza, limprevisto. Anche le abitazioni sono di vetro perch tutti vedano tutti e non ci sia per nessuno la possibilit di appartarsi e sfuggire al controllo sociale. Al vertice del sistema vi un capo, il Benefattore, eletto, anno dopo anno, per acclamazione. I membri di questa singolare societ gli sono completamente soggetti ma non sembrano avvertire il peso di tale sudditanza, privi come sono di preoccupazioni e problemi, in quanto sollevati dallonere di scegliere, di decidere autonomamente. Lesistenza tranquilla, sempre uguale di D 503 inizia ad essere scossa dalla comparsa di una donna, I 330. D 503 trova inquietante questa figura femminile ed inizia a temerla. I 330 cerca di stringere rapporti con D 503 e lo invita ad andare con lei in una casa antica, una delle abitazioni del vecchio mondo, custodita in una campana di vetro, come, in una teca, un pezzo da museo. I 330 diversa dalle altre donne, ama infrangere le regole e D 503 attratto e nello stesso tempo intimorito dal suo modo di essere. D 503 finir per innamorarsi della donna e per inoltrarsi in un pericoloso percorso interiore che lo porter a mettere in discussione il sistema su cui poggia la nuova societ. I 330, daltronde, una ribelle, ama la libert, lotta per laffermazione dellindividualit e per questo, dopo aver cercato di utilizzare D 503 e l integrale da lui progettato per rompere il muro di vetro e portare il disordine, la libert del vecchio mondo nel nuovo, verr scoperta e uccisa, mentre D 503 sopravvivr, privato per per sempre della sua fantasia, attraverso un intervento chirurgico cui volontariamente si sottopone, pur di riacquistare la serenit e la sicurezza perdute. ........................................................................................................................................................................ Nel corso del Novecento, proprio durante il pieno dominio delle ideologie che promettevano il paradiso in terra, compare nella letteratura un fatto nuovo e in parte inaspettato: il vecchio genere utopico di Platone, Tommaso Moro, Francesco Bacone, e Tommaso Campanella subisce un completo rovesciamento. Davanti allangosciante visione di un potere statale divenuto onnipotente in vista della sua missione palingenetica, alcuni scrittori iniziano a porsi non il problema della costruzione dellutopia, ma anzi di come evitarne la realizzazione. Dal genere utopico si passa quindi al genere distopico, o antiutopico, generalmente ambientato in una utopia negativa dove la creazione della societ perfetta ha prodotto il peggiore degli incubi immaginabili. Il primo dei grandi autori distopici del XX secolo lingegnere russo Evgenij Zamjatin, che nel 1922 scrive Noi (in russo, My), un brillante romanzo ambientato in una societ totalitaria del futuro, che fisser i canoni fondamentali di questo genere letterario. Zamjatin nacque nel 1884 a Lebedyan, nelle campagne russe, e fin da giovane rivel un grande talento letterario e speculativo. Svilupp infatti una filosofia originale (che espresse in stile poetico in un saggio del 1919 intitolato Il Domani), basata su due idee fondamentali: il progresso eterno del futuro, e limportanza

delleretico, lindividuo che cambia il presente con le sue idee. Queste sue convinzioni lo portarono ad entrare nei gruppi bolscevichi che lottavano contro il regime zarista, e per tale attivit sub larresto e una breve detenzione nel 1913. Accolse poi con grande entusiasmo nel 1917 la rivoluzione sovietica, ma ben presto inizi a rendersi conto che Lenin e i suoi successori avevano messo in piedi un sistema di gran lunga pi repressivo di quello zarista. Dallosservazione di quanto avveniva in quegli anni attorno a lui nacque lambientazione del suo capolavoro, il romanzo Noi, che si svolge nel 2500 in un mondo dominato da un solo immenso Stato Unico, dove non esiste la riservatezza individuale perch tutte le abitazioni sono costruite in vetro trasparente. Il protagonista, che si chiama D-503, racconta le sue vicissitudini in questa societ comunista completamente chiusa verso lesterno da una gigantesca muraglia, retta da un Benefattore (nella cui figura non difficile individuare quella di Stalin), la cui ideologia ufficiale una mistura esasperata di positivismo scientifico, collettivismo, e utilitarismo. Le regole sociali si ispirano infatti allutilitarismo teorizzato dal filosofo inglese Jeremy Bentham, perch gli abitanti sono costretti a raggiungere la felicit matematica seguendo le norme delletica scientifica fondate sul calcolo esatto dei piaceri e dei dolori. Il governo ha potere assoluto in tema di riproduzione, dato che le persone sono autorizzate ad avere rapporti sessuali solo nei giorni stabiliti dai medici del regime. La libert individuale considerata sinonimo di delinquenza, e il dissenso viene inesorabilmente colpito dalla polizia politica, che annienta in pubblico i dissidenti scoperti. Anche i sogni sono considerati una malattia psichica, e la fantasia umana viene rimossa dagli individui con una operazione chirurgica. Il diario scritto da D-503 testimonia, pagina dopo pagina, la progressiva trasformazione di un numero in un essere umano, di un matematico ultra-logico in un poeta intuitivo, di un costruttore del missile Integral (il pi rilevante sforzo bellico dello Stato Unico) nel suo sabotatore, di un fedele propagandista degli ideali del regime in un ribelle. Proprio il diario svolge il ruolo di catalizzatore della metamorfosi, perch attraverso gli sforzi della creazione poetica il narratore scopre gradualmente una dimensione completamente nuova del suo essere, che una societ totalmente irreggimentata e il culto del razionalismo estremo avevano sepolto ma non cancellato. La scrittura inizialmente logica e geometrica lascia il posto a immagini sempre pi numerose di colori, suoni, sensazioni, e sentimenti. In questo sviluppo spirituale, Zamjatin descrive la nascita di unanima, la genesi di un Io che si oppone al Noi. La sua ribellione tuttavia finir tragicamente. Naturalmente Zamjatin, pur essendo stato un convinto rivoluzionario bolscevico, incontr grossi problemi a causa di questo libro, che riusc a pubblicare solo allestero. Forse ancor pi geniale di George Orwell o Aldous Huxley, Zamjatin non raggiunse la loro fama, e non ebbe modo di esprimere tutto il suo talento a causa delle difficolt politiche che egli incontr nel corso della sua vita. Con tutta probabilit fu infatti solo grazie allintervento del famoso scrittore stalinista Maksim Gorkij, che nel 1931 gli permise di espatriare dallUrss, se Zamjatin non fin in Siberia o davanti ad un plotone desecuzione con laccusa di tradimento. Noi era infatti per il regime sovietico un libro pericoloso, nel quale si potevano ritrovare alcune efficacissime invenzioni letterarie, che anticiperanno per pi di un verso non solo la letteratura distopica successiva, ma la stessa realt storica: linvalicabile muraglia verde anticipa la cortina di ferro e il Muro di Berlino, che sar il simbolo della guerra fredda; lidea dellannientamento della privacy individuale verr ripresa con il Grande Fratello di Orwell; lo Stato Unico a monito anche degli odierni incauti fautori di progetti di governi mondiali ricorda quale minaccia invincibile alla libert e alla dignit umana possa costituire unimmensa entit politica centralizzata: e non a caso anche Orwell preveder nel suo 1984 un mondo diviso in tre enormi stati di dimensioni continentali. Ma pi di ogni altra cosa, il romanzo di Zamjatin mette in guardia lumanit dalle terribili conseguenze che possono derivare dallabbandono in nome della ragione, della scienza, della felicit, o del bene della collettivit della nostra tradizione morale (cristiana, giusnaturalista, liberale) che riconosce allindividuo una dignit e una intangibilit assoluta. Esortazione purtroppo inutile, dato che gli uomini del XX secolo hanno preferito in stragrande maggioranza dare ascolto ai "Benefattori" e alle ideologie ufficiali dello Stato Unico, piuttosto che a Zamjatin. Non si sono schierati con D-503, ma con i suoi persecutori. I risultati sono stati luniverso concentrazionario, il terrorismo di stato su vasta scala, i 170 milioni di civili inermi sterminati dai governi per ragioni ideologiche, la guerra totale, e il rischio di unapocalisse nucleare. Lopera di Zamjatin non stata sufficiente a scongiurare tutto questo, ma di libri come Noi ci sar sempre bisogno, perch la storia dimostra che le dottrine sbagliate possono mutare forma, ma nella sostanza sono dure a morire.