Sei sulla pagina 1di 26

Red Sci-Fi, la fantascienza comunista

di
Emanuele Nicolosi

Unione Sovietica

nel 1908, lo scrittore Russo Aleksandr Bogdanov, scrisse il romanzo The Red Star
parla di una societ socialista fittizia basata su Marte, il romanzo racconta la storia di Leonid, un
rivoluzionario russo-scientifico che viaggia a Marte per imparare e sperimentare il proprio sistema
socialista e per insegnarli al proprio mondo. Nel processo, si innamora del popolo e dell'efficienza
tecnologica che incontra in questo nuovo mondo...

un opera che traspare fortemente l'Idealismo socialista...

La vita dei marziani rappresentata da Bogdanov come societ socialista, senza classe (ma
tecnologicamente). I protagonisti della storia, Leonid e Netti, vedono il socialismo come il picco
dell'ordine sociale umano, il chiaro determinante di una societ avanzata e civilizzata. Come parte
di questo idealismo socialista, i marziani riconoscono l'uguaglianza per tutti, inclusi i sessi, e vanno
fino a far vedere questa uguaglianza attraverso la mancanza di differenze discernebili tra le
apparenze di ogni genere (o persino individui, in tal senso). Per un libro pubblicato nei primi anni
del 20 secolo, l'assenza di ruoli di genere in questo libro notevolmente un pensiero avanzato e
quindi sicuramente la pena di notare.

La societ marziana altrettanto estremamente avanzata nella scienza e nella tecnologia, come
Bogdanov va molto a descrivere gli etheroni e la minus-materia che li alimenta. I razzi fotonici
nucleari sono accompagnati dall'aspetto della conquista della natura (Grand Canals p. 62) e la breve
descrizione di una rivolta socialista storica, spinta da uno degli antenati di Menni. La medicina
anche molto avanzata, in quanto il lettore esposto agli ospedali per interventi chirurgici complessi
o per il trattamento di disturbi nervosi. L'ospedale coinvolge anche una stanza per morire (gli
abitanti di Marte possono scegliere di suicidarsi o suicidarsi assistiti finch una tale azione non ha
un grande impatto sulla societ marziana). L'abbigliamento unisex, semplice e confortevole. Per
continuare con la relativa riduzione dei ruoli di genere, il linguaggio non ha il sesso grammaticale
per le parole, e c' solo una lingua marziana, che si parla in tutto il pianeta. Il Museo d'Arte ignora
le realizzazioni individuali, in quanto le mostre sono composte da semplici monumenti per
commemorare eventi storici piuttosto che persone. Come scrive Bogdanov, "l'umanit non ha
bisogno di simboli morti di un individuo quando non sia pi. La zavorra dei nomi del passato
inutile al ricordo dell'uomo". (Red Star p. 44).

Come marxista dichiarato e bolscevico per essere pi specifico, si pu immaginare che Bogdanov
ha modellato attentamente la societ di Marte dopo il suo mondo ideale. Probabilmente ha
apprezzato molto la prospettiva di costruire il risultato speranzoso della rivoluzione socialista che
stava avvenendo nella sua patria. Come scrive Richard Stites nella sua introduzione al romanzo, il
miglior risultato concepibile della rivolta socialista russa "un futuro d'oro in cui uomini e donne
potrebbero lavorare, studiare e amare in totale libert, armonia e comunit, liberati dall'indietro , la
povert e l'avidit che avevano sempre tormentato l'umanit. (Red Star p.4). Questo "futuro d'oro"
perfettamente riprodotto nella Stella Rossa ed fortemente giustapposta con la natura "retrograda"
dell'umanit che Bogdanov rappresenta sulla Terra. Si pu immaginare la dedizione di Bogdanov
alla causa socialista nell'esaminare ogni dettaglio che ha reso la societ marzana cos grande, dalla
pratica del lavoro all'intimit.

Poi, il progresso scientifico-tecnologico, abbinato al comunismo-Socialismo...

Per Bogdanov, il socialismo avanza soprattutto la societ attraverso la scienza e


l'industrializzazione, accompagnata dalla innata volont dell'uomo di lavorare. La scienza e
l'industria pertanto permettono una societ perfetta di lavoratori in cui ogni individuo lavora per
tante ore come sceglie e pu cambiare professioni secondo le esigenze della societ. Poich Marte
ha idealizzato l'uomo per avere un cammino interno per funzionare paragonabile a quello di una
macchina, vengono prodotte abbastanza ore di manodopera dai marziani in ogni settore per
soddisfare pienamente ogni individuo marziano. Inoltre, poich non esiste alcuna specializzazione
nelle professioni, non c' mai una mancanza di manodopera in nessuna industria, poich i lavoratori
semplicemente modellano per adattarsi all'interesse della societ.

Per i marziani la felicit e la libert sono direttamente collegati - aumentando la libert, anche la
felicit. Questo forse meglio realizzato nelle pratiche lavorative marziane, in quanto tutti i
lavoratori marziani non solo sono in grado di scegliere il numero di ore che lavorano, ma anche la
professione in cui lavorano. Tuttavia, questo rapporto diretto tra libert e felicit, non solo
superficie nelle abitudini del lavoro dei marziani, ma anche nella loro vita personale - soprattutto
attraverso la loro pratica di poligamia. Leonid osserva e si impegna, nell'attimo di mantenere pi
relazioni intime contemporaneamente, vedendo Enno quando Netti in viaggio verso e da Venere.
Allo stesso modo, impara da Nella che Netti aveva precedentemente mantenuto pi amanti.
Pertanto, nella societ l'amore libero viene celebrato e incoraggiato attivamente, prestando
ulteriormente la correlazione positiva tra libert e felicit. La forte correlazione tra questi due tratti
pu essere vista anche attraverso il museo, la poesia e le opere che Leonid incontra durante il suo
soggiorno su Marte.

Dopo la Rivoluzione d'Ottobre

dal 1922, per breve tempo,la fantascienza venne bandita dal Unione Sovietica, venendo vista come
un genere Borghese Reazionario e capitalista, per poi essere riabilitata pochi anni e poi,
essere nuovamente vietata e bandita, malgrado l'ostilit e diffidenza che c'era per i vertici sovietici
verso la fantascienza, la fantascienza era molto popolare e diffusa nel Unione Sovietica e nei paesi
comunisti...
la Fantascienza nel URSS, venne riabilitata dal 1950, sotto Nikita Krushiov, visto che il
Comunismo si basa sul Futurismo, il comunismo esaltava il progresso scientifico e tecnologico, la
lotta al ignoranza, alle superstizioni e alle credenze arcaiche...

ma gi negli anni '20 del XXsecolo, si era affermata una grossa produzione fantascientifica
sovietica:

It is a good example of the subgenre known as the "Krasnyi Detektiv" ["Red Detective Story"]:
stories of adventures abroad often involving assistance to world revolutionary movements, and
often with a fantastic element such as a new Weapon.
Examples still in print are
Marietta Shaginian's Mess-Mend (1924) e Lori L'en, Metallist ["Laurie Lane, Metalworker"]
(1925)
Valentin Katayev's Povelitel' zheleza ["Iron Master"] (1924; 1925)
Ilya Ehrenburg's Istoriya neobychainykh pokhozhdenii Khulio Khurenito i ego druzei ["The
Fantastic Adventures of Julio Jurenito and his Friends"] (1922), which depicts a Future War
conducted with ultimate "atomic" weapons.

A theme born of revolutionary euphoria was the outward spread of communist humanity through
the Universe, as in the works of the poetical movement known as the "cosmismo", of which
Bryussov (see above) was a member.
Closer to home was the creation of various Earth-bound utopias, as in the works of the important
Soviet writer Andrei Platonov, though he had an insight that prevented overoptimism; his mature
novels were finally published in Russia only quite recently. Other authors' more naive socialist
utopias, quite common in the 1920s, tend to be dull and overloaded with technological marvels,
although Vadim Nikolsky's Cherez tysyachu let ["Thousand Years Hence"] (1927) depicts also a
full-scale nuclear holocaust.
Yan Larri's not entirely cheerful Strana shchastlivykh ["Land of the Happy"] (1930) was the last
communist utopia until Ivan Yefremov's Tumannost' Andromedy (1957; 1958; trans 1959 as
Andromeda).

Esiste anche una fantascienza critica o metaforica del comunismo, che venne bandita nel URSS,
come il romanzo Noi di Eugeni Zamyatin, del 1920, la prima distopia della letteratura
fantascientifica mondiale, precursore di il Mondo nuovo di Aldous Huxley e di 1984 di George
Orwell,

il romanzo Noi, rimase vietato e bandito nel Unione Sovietica, fino al 1980, verr diffuso nel
URSS per la prima volta, solo con la Perestrojka di Mikhail Gorbaciov, quando furono diffusi nel
URSS, i romanzi prima censurati o banditi.

Nel Unione sovietica, il principale premio letterario fantascientifico e il Premio Aelita,


l'equivalente russo-sovietico del Premio Hugo negli Stati uniti d'America, una specie di Premio
Oscar della letteratura e narrativa fantascientifica, il nome Aelita deriva dal film di fantascienza
sovietico Aelita del 1924.

Il cinema

il film d'animazione Mezhplatelnaya Revolutsiosiya (1925), ovvero il Pianeta della


Rivoluzione, la cui trama e questa: nel futuro, la rivoluzione comunista trionfa nel mondo e i
capitalisti vengono sconfitti e scacciati dalla terra, ora unita sotto il Socialismo Marxista, ma i
capitalisti della terra, scappano dalla terra, salendo a bordo di flotte di astronavi, rifugiandosi su
marte, i capitalisti conquistano Marte e iniziano a sfruttare e opprimere i Marziani, rovinando Marte
con lo sfruttamento capitalista, i Bolscevichi sovietici, costruiscono una flotta di astronavi e partono
per Marte, con lo scopo di esportare la Rivoluzione socialista nel pianeta Marte, i Bolscevichi
danno il via a una rivoluzione comunista dei Marziani, che sconfigge definitivamente, i perfidi e
crudeli Capitalisti di marte.

Ma il maggiore classico della fantascienza sovietica, rimane Aelita (1924) di Jakov Protazanov,
questo film e reputato il primo Blockbuster di fantascienza sovietico, per i mezzi del epoca, il
film fu un Kolossal, basato dal romanzo Aelita di Nikolaj Tolstoj del 1922.

il film inizia a Mosca, in Russia,nel 1921...


una stazione radio sovietica, capta un misterioso messaggio radio dal pianeta Marte, cos, l'URSS
spedisce due astronauti su Marte, per entrare in contatto con i Marziani, ma scoprono che il pianeta
Marte e oppresso e dominato da un regime tirranico e oppressivo da parte di Aelita, la regina di
Marte, l'Astronauta Spiridinov, si innamora di Aelita,ma il suo amico astronauta, cerca di evitare la
storia d'amore, poich Spiridinov e innamorato di una tiranna oppressiva, ma i due astronauti,
riescono a dare il via a una rivoluzione popolare dei Marziani, contro la tirannia dispotica della
regina Aelita, che viene uccisa dai rivoluzionari marziani.

Qui, la monarchia marziana e una metafora della Russia zarista e del impero zarista russo, qui Marte
e una societ conservatrice,reazionaria e borghese, una societ feudale, dove una casta di
aristocratici, metafora della nobilt aristocratica della russia zarista, sfrutta e opprime e soggioga il
Proletariato marziano, ma l'arrivo dei due astronauti russi-sovietici, che iniziano a diffondere gli
ideali di uguaglianza e giustizia sovietici-comunisti, danno il via a una rivoluzione sul pianeta
marte, che ricalca la Rivoluzione d'ottobre, che detronizza la monarchia tirannica e dispotica del
pianeta Marte.

Nel 1924, la casa cinematografica Merabpom-Rus' Film, produttrice del film, intenta a produrre
film tratti dai classici della letteratura russa, si interess alla produzione del film, e per il lavoro
venne scelto il regista Jakov Protazanov (1881-1945), tornato da poco dalla Francia dove era
emigrato nel 1920.
Julija Solnceva (19011989), attrice interprete di Aelita, era alla sua prima apparizione nel grande
cinema.

Il film, prima della sua uscita, venne largamente pubblicizzato, tramite una massiccia e poderosa
campata di Spot e pubblicit d'alto livello per l'epoca, fu un caso cinematografico in Russia, oggi
e un cult negli appassionati del cinema fantascientifico mondiale, il film riscosse molto successo
al epoca, diventando campione d'incassi e fenomeno cinematografico del momento, ma la stampa
sovietica lo critic come troppo commercialeo troppo occidentale o troppo Borghese, i
dirigenti del PCUS, il partito comunista sovietico dei lavoratori, vedevano con ostilit il film, come
borghese e reazionario, il film anche nel URSS fu dimenticato dal 1950 e verr riscoperto solo dal
1992, con il crollo del URSS.

la Corsa allo spazio

dal 1950, ha inizio la Corsa allo spazio e la competizione spaziale tra il blocco Americano e il
Blocco sovietico, per assicurarsi il controllo dello spazio e della Luna e anche del pianeta Marte.

L'Unione Sovietica, sia per consenso popolare, che per prestigio internazionale, investiva
fortemente e massicciamente nei programmi spaziali, i Piani quinquennali del PCUS erano
totalmente orientati nei programmi spaziali e nella ricerca spaziale, l'URSS voleva esportare la
rivoluzione comunista e l'Internazionale Socialista nello spazio, se il comunismo avrebbe
conquistato il Mondo, allora il comunismo avrebbe dovuto espandersi anche nelle stelle, lo spazio
avrebbe dovuto diventare la nuova casa del comunismo e del socialismo, la sede del Futuro
razionale e proletario del mondo sovietico.

Anche l'Unione Sovietica e il mondo comunista, ebbe la sua Space Age analoga a quella
americana-statunitense, una sua Epoca spaziale, una sua fase ammirazione e fascinazione a livello
di massa,per lo spazio e l'astronautica, che nel URSS, era in versione comunista-proletaria, se negli
Stati uniti d'America, la Space Age rappresenta il trionfo del capitalismo, dei valori americani e
della American way of life, nel Unione sovietica, la Space Age e l'ascesa e diffusione del
comunismo e del Paradiso socialista nello spazio...

Road to the Stars, film del 1957, diretto da Pavel Klushnatsev


un film che fonde divulgazione scientifica, a intrattenimento e narrativa fantascientifica, il film e
mezzo documentario e mezzo fiction...
nella prima parte, parla del celebre scienziato e cosmologo russo Kostantin Tsiolkovsky, delle sue
invenzioni e scoperte, come i razzi,gli astronauti e i viaggi spaziali.
Poi si parla di conquista ed esplorazione dello spazio, vengono mostrate grandi e immense stazioni
e basi spaziali, astronauti che mettono piede sulla Luna.

il film, venne realizzato in occasione del lancio nello spazio dello Sputnik-1 da parte del Unione
sovietica, evento che segn il mondo e fece intimorire gli americani: l'URSS stava scavalcando gli
stati uniti d'america nella corsa allo spazio, l'Unione sovietica si stava affermando come una
potenza spaziale di riferimento a livello mondiale, come la prima potenza spaziale al mondo...

Stazione Spaziale K-9 o Battle Beyond the Sun o Nebo Zovyot del 1959, di Aleksandr Kozyr,
viene reputato il secondo maggiore Blockbuster del cinema fantascientifico sovietico, assieme ad
Aelita, venne prodotto dalla Dovzhenko Film Studios...
la trama e questa...

nel futuro...
gli Stati uniti d'America e l'Unione sovietica, hanno dato il via a una corsa allo spazio, una corsa il
cui scopo e la conquista e colonizzazione del pianeta Marte, i Sovietici preparano la loro prima
spedizione scientifica, diretta verso il pianeta Marte, a bordo del astronave Homeland, che si
trova in concorrenza con l'astronave americana Thyphoon, con una spedizione scientifica
americana, anch'essa, diretta verso il pianeta Marte.

Ma l'astronave Thyphoon, ha un avaria e si ritrova nei guai, naufragando sul asteroide Icarus, dove
si ritrova naufragata l'intera astronave, l'equipaggio del astronave sovietica Homeland, decide di
ritornare in dietro, per salvare l'equipaggio della Thyphoon, raggiungendo l'asteroide, ma non c'e
abbastanza carburante per raggiungere Marte, per a soccorrere le due astronavi, arriva una seconda
astronave sovietica, ovvero, la Meteor,che salva l'astronave americana e rifornisce di carburante
l'astronave sovietica, che riprende il viaggio e atterra su Marte.

la sceneggiatura si premura di rappresentare i russi come eroi e scienziati esperti in


contrapposizione agli americani superficiali e pasticcioni, nel film, gli americani fanno solo
figuracce e decisioni alla bene meglio e vengono sempre salvati e soccorsi dai sovietici, ritratti
come eroici ed esperti in tutto e come dei super-efficienti.

Il film fu diffuso, due anni dopo il lancio dello Sputnik 1 nel 1957 e due anni prima, il lancio del
astronauta Yuri Gagarin, nello Spazio, reputato il primo essere umano, ad essere mai andato nello
spazio, nel 1961.

Imperi Socialisti nello spazio, la Space Opera sovietica

il film the Andromeda Nebula del 1967, basato dal romanzo omonimo di Ivan Yefremov del
1957, il romanzo omonimo fa parte di una saga fantascientifica di ampio respiro, ovvero la Saga
di Andromeda o Ciclo Andromediano, di Ivan Yefremov, che comprende due romanzi:
1) the Andromeda Nebula (1957)
2) the Bull's Hour (1968)

i romanzi sono ambientati in un futuro remoto e distante nel tempo, dove la terra e dominata da una
utopia comunista-socialista, il capitalismo e stato sconfitto e sbaragliato, la terra e retta da ua specie
di paradiso fantascientifico e ipertecnologico, basato sul comunismo e il socialismo, la terra
comunista si lanciata alla conquista e colonizzazione dello spazio, creando un vasto e immenso
impero galattico e stellare comunista-Sovietico, l'impero comunista terrestre, si esteso per
immense e sconfinate distanze cosmiche...
la rivoluzione comunista e gli ideali socialisti, si sono diffusi anche nello spazio, dopo che la terra
comunista, ha diffuso il comunismo anche tra le razze e le civilt aliene, sia la terra che tutte le
civilt aliene della galassia e oltre, si sono radunate in un unica organizzazione e gruppo, il
Grande circolo o il Circolo delle civilt, una specie di Comintern o COMECON dello
spazio, un Blocco di varsavia trasposto nello spazio, dove regna un interscambio di culture, etnie,
popoli, informazioni e conoscenze, sopratutto scientifiche e tecnologiche...

in questo universo, non esistono i viaggi interluminari, non si viaggia oltre la velocit della luce, i
viaggi tra pianeti e galassie, sono vasti e immensi, molto lenti, anche le comunicazioni sono molto
difficili, le distanze sono enormi e immense...

il romanzo, parla delle avventure di astronave, il Tantra, guidato dal capitano spaziale Erg Noor,
che vive avventure e viaggi fantascientifici, tra i vari pianeti del grande cerchio o cerchio delle
civilt per conto del governo spaziale della cerchia delle civilt, una specie di Enterprise
comunista-sovietico...

qui, i cattivi sono pianeti ribelli e nemici e avversari della Cerchia delle civilt, pianeti controllati
o dai capitalisti occidentali o dai Cinesi Maoisti, reputati Pseudo-socialisti o anti-Socialisti, nel
romanzo, l'avversario e sia l'America capitalista che la Cina Maoista, il Comunismo del Unione
sovietica, viene reputato il vero e unico socialismo, mentre la Cina e vista come un nemico e
avversario dei sovietici, una metafora della frattura Sino-Sovietica del 1960 e della rivalit e
tensioni sino-sovietiche del 1968-1969, che culminarono con la Battaglia del fiume Ussuri del
1969.
nel futuro di Ivan Yefremov, il Capitalismo e il Maoismo (Pseudo-Socialismo cinese nei
romanzi), si sono fusi, alleati e uniti in una unica fazione, chiamata in maniera dispreggiativa gli
Amalgamati, che controllano i pianeti nemici e avversari della Cerchia delle civilt, basate sul
comunismo del Unione Sovietica e di Mosca.
In questo futuro, la potenza mondiale dominante e l'Unione Sovietica e il blocco di varsavia, nel
mondo ha trionfato il comunismo russo-sovietico.

questo romanzo, viene reputata la pi grande saga letteraria fantascientifica del Unione Sovietica...

e una specie di Space-Opera comunista-socialista, un equivalente sovietico dei romanzi di Isaac


Asimov, come la saga della Fondazione...

catastrofi nucleari sovietiche

il film Le Lettere del uomo Morto del 1986


reputato, l'equivalente sovietico di film americani sulle guerre nucleari come The Day After(il
giorno dopo) o Watching Trought the looking Glass, anche nel URSS, come in occidente, c'era la
paura della guerra nucleare, della Mutua distruzione assicurata...

ha inizio una guerra nucleare, tra gli Stati uniti d'america e l'Unione sovietica, un professore di
lettere e scrittore, si rifugia in un bunker anti-atomico, in un museo di storia naturale in una citt
della Russia, la moglie non riuscendosi a salvare, muore uccisa dalle radiazioni, il protagonista
passa i mesi, rinchiuso e confinato nel Bunker anti-atomico, per passare il tempo, il protagonista
inizia a scrivere delle lettere, dove parla di lui, del suo passato e di cosa pensa, mesi dopo, il
protagonista esce dal Bunker e si ritrova un mondo distrutto e devastato, un mondo in macerie, dove
il governo sovietico e collassato, al suo posto, una specie di governo di transizione autoritario e
oppressivo, che opprime i pochi sopravissuti del attacco nucleare, mentre intere carovane di
disperati, si ritrovano a vagare per lande fredde,sterili e innevate, devastate dal conflitto nucleare,
costretti a indossare maschere anti-gas per uscire in superficie.

Un film molto Dark, sporco e oscuro, un film inquietante...

La Fantascienza sovietica e fortemente Ottimista, fa larga leva sul ottimismo, per via delle
applicazioni delle direttive ufficiali, che condizionavano l'industria artistica e culturale Sovietica: il
vero comunista deve SEMPRE essere ottimista, l'ottimismo e il dovere del comunista, se non si
ottimisti, non si veri comunisti, poich la classe lavoratrice, diretta dal partito comunista Sovietico
e illuminate dal pensiero Marxista-Leninista, potr superare tutti gli ostacoli e sconfiggendo il male
e l'arretratezza, grazie a una scienza buona e non traviata.

Nei romanzi, dei fratelli Boris e Arkadij Strutgavskij, non c'e una battaglia tra il Bene e il male, ma
tra il bene e il meglio, non ci sono persone buone, contro persone cattive, quando si parla del
mondo comunista, non ci sono cattivi, ma solo buoni, i cattivi, se ci sono, sono sempre al esterno,
per simboleggiare la fratellanza e l'unit del Proletariato internazionale e del mondo comunista.

La Fantascienza sovietica e Utopica, parla sempre e solo di utopie, mai di distopie, Utopie
comuniste-socialiste, dove il Comunismo, ha reso il mondo un paradiso ameno e spensierato, dove
una civilt Socialista-proletaria scientifica-tecnologica, ha il dominio della terra, ha unito la razza
umana e si lanciata alla conquista e colonizzazione dello Spazio e del universo, creando una
nuova civilt comunista tra le stelle...

un contrasto palese e sconvolgente: il Mondo comunista, condanna ogni forma di decadenza, invece
l'occidente capitalista, esalta e celebra la decadenza, predilige la Distopia al Utopia, il pessimismo
al Ottimismo, la chiusura in s, alla curiosit, il ricco mondo occidentale, nato con il Piano
Marshall e del Baby Boom,non sogna un et del oro, ma sogna la propria decadenza e declino,
l'occidente programmava la sua stessa decadenza: come il Club di Roma del 1972, la popolarit
di testi sul Malthusianesimo o crisi Malthusiana come The Population Bomb di Paul Eldritch del
1968, in occidente, si diffondeva l'ecologismo, l'ambientalismo, si parl di esaurimento delle
risorse, con il Club di Roma del 1972, la crescita economica, era ora demonizzata, il progresso
industriale era visto, non pi come una risorsa,ma come un nemico da combattere...
l'occidente dubitava di se stesso e del suo stesso avvenire, dagli anni '70 del XXsecolo, la
fantascienza occidentale, diventa pi triste, deprimente e malinconica, pessimista e distopica...

invece, nulla di questo,capitava nel mondo comunista, dove il Pessimismo e il catastrofismo, erano
vietati e proibiti come Reazionari e Anti-Rivoluzionari, poich, il comunismo avrebbe risolto e
curato tutti i mali del mondo, il Comunismo avrebbe salvato il mondo, il comunismo era visto come
la Speranza, come la salvezza, come la redenzione della razza umana, sappiamo benissimo che il
comunismo non fu nulla di tutto questo, n lo fece mai, ma il Comunismo, dava la speranza, dava
forza e fiducia alla gente, convincendoli che il comunismo, avrebbe permesso di superare tutte le
difficolt...
invece in occidente, sembrava quasi esserci una resa e rassegnazione di fronte alle difficolt, che
invece di essere superate, venivano quasi alimentate e foraggiate, come se fossero inevitabili o
irreversibili...

la fantascienza comunista e molto antropocentrica, se l'occidente criticava e smantellava


l'antropocentrismo, il Comunismo, esaltava e celebrava l'antropocentrismo, nel Ciclo di Noon dei
fratelli Strutgavskij, non ci sono razze aliene vere e proprie, i pianeti alieni della galassia di Noon,
non sono popolati da alieni, ma da esseri umani, diversi o differenti da quelli della terra, ma simili
nel aspetto dai terrestri, con poteri extraumani come poteri ESP e superforza, ma pi umani che
alieni nella forma.
Negli altri romanzi di fantascienza sovietica, se appaiono gli alieni, sono sempre subordinati o
accompagnatori degli umani della terra, i mondi alieni non sono mai forti o potenti quanto la terra,
sono sempre conquistati o soggiogati alla terra, oppure come nel caso di Aelita, si sono convertiti
al Comunismo dopo rivoluzioni socialiste nei loro pianeti, per l'URSS, la rivoluzione socialista, era
un fenomeno naturale della storia sociale, sia della terra, che di altri mondi e pianeti.

AL DI FUORI DEL URSS, IL FANTACOMUNISMO DEL EST EUROPA

Polonia

il film Golem del 1979-1980 di Jerzy Zulawski, un film che una metafora del comunismo e
della societ comunista e una critica a una scienza degenerata in una forma di totalitarismo e di
disumanizzazione della societ...

il Golem e una metafora del Comunismo e della societ comunista, una metafora del Uomo
nuovo del Uomo socialista, che avrebbe dovuto nascere con l'avvento del Socialismo
internazionale, invece diventa una specie di mostro o creatura extra-umana, che ha perso del tutto la
sua umanit.

DDR- Germania Comunista

nella Germania comunista o Repubblica Democratica tedesca, c'era una vasta e immensa
produzione fantascientifica, sia a livello cinematografico che a livello letterario...

la DEFA, la maggiore compagnia cinematografica della germania comunista, aveva prodotto dal
1960 al 1980, numerosi film di fantascienza, nativi della Germania orientale o co-prodotti con
l'URSS e i paesi del Est Europa o del blocco di Varsavia.

La tematica comune tra i film di fantascienza della germania orientale l'incubo della catastrofe
atomica, da cui consegue un discorso di fratellanza, che possa abbracciare tutti i popoli del mondo,
la paura di una guerra nucleare, che possa distruggere la razza umana, di come la pace e fratellanza
tra i popoli, sia l'unica speranza di salvezza per il mondo intero...

Tra i film di fantascienza prodotti dalla DDR o Germania comunista ci sono:

Soyuz 111 Terrore su venere, intitolato anche il Pianeta Morto del 1960
Eolomea la Sirena delle Stelle del 1972
Schegge di Cometa del 1976

http://www.sentieriselvaggi.it/dvd-cofanetto-stelle-rosse-la-fantascienza-della-germania-dellest-di-
kurt-maetzig-herrmann-zschoche-gottfried-kolditz/

Sojux 111 Terrore su Venere (1960, di Kurt Maetzig)

In un futuro prossimo...
lumanit si sta preparando alla conquista di Marte. Il progetto subisce improvvisamente un arresto,
quando, nel deserto del Gobi, viene ritrovato il frammento di unastronave venusiana caduto sulla
Terra nel 1908.
Lobiettivo della missione viene quindi spostato su Venere e la Cosmostrator 1 parte alla volta di
quello che sembra essere un pianeta morto.

conosciuto anche come Il pianeta morto, dal titolo italiano del romanzo originale di Stanislav Lem
da cui tratto. Dei tre titoli presentati il pi importante, tenendo conto che stato l'unico ad avere
una (rocambolesca) distribuzione occidentale, prima in America quindi in Europa, Italia compresa,
in una versione fortemente rimaneggiata. Il director's cut originale riporta al suo splendore una
pellicola pacifista, dove gli alieni sono una minaccia invisibile e dove le idee sostituiscono il
budget. Non che Sojux 111 sia opera povera, tutt'altro, con effetti speciali e ottici di tutto rispetto.
Ma a dominare le inquadrature sono soprattutto le stupende scenografie di Alfred Hirschmeier, che
pare quasi ispirarsi alle sculture di Gaud e ai tratti architettonici del gotico nord-europeo:
l'astronave del titolo sembra non a caso una cattedrale ridisegnata in chiave avveniristica. La regia,
a partire dall'approccio classico alla messinscena, punta tutto sui dialoghi e sulla bravura di un cast
multi-etnico, che sorprende per compattezza.
Qualche lungaggine del trattamento, buonista e conciliatorio, non manca: soprattutto nelle
dissertazioni scientifiche troppo pignole. Il che non impedisce al ritmo di tenere fino all'epilogo
agrodolce, a met tra happy end e consapevolezza dei limiti dell'uomo nei confronti dell'universo
ancora tutto da scoprire. Curioso il finale pessimista approntato, con voce over, per l'edizione
nostrana, che tradisce lo spirito dell'opera e non ne avvalora completamente la tesi originale, quasi
ambientalista, in cui i protagonisti si fanno portatori di un messaggio di distensione nei confronti
dell'intero popolo terrestre, da considerarsi come un unicum da valorizzare senza distinzioni.

Eolomea La sirena delle stelle (1972, di Herrmann Zschoche)

nel Futuro...
la Razza umana si lanciata alla conquista dello spazio...
In soli tre giorni, otto astronauvi da trasporto scompaiono misteriosamente, mentre dalla stazione
spaziale Margot non giungono pi comunicazioni. Maria Scholl, uno degli scienziati del Consiglio
Spaziale, decide di sospendere ogni attivit nella zona. Nel frattempo la donna inizia a investigare
sul caso con il professor Tal, che sembra essere a conoscenza degli eventi prima ancora che questi
avvengano. In passato il professor Tal aveva fatto parte del misterioso progetto Eolomea, un
progetto per mai portato a termine.

l'approccio alla materia meno convenzionale, come dimostrano i titoli di testa pop e il
coinvolgente progressive etereo di sottofondo. Film cerebrale, a tratti pedante, dall'approccio
filosofico, da nouvelle vague improvvisata. L'uomo, che ragiona, pensa e vive, al centro
dell'universo, sia che si trovi con i piedi per terra sia che navighi con la testa nello spazio infinito
che lo sovrasta, aspirado a chimere improbabili quale una stella dai sapori mitologici o un amore
impossibile. Il piano parallelo tra realt e fantascienza dettato dai ritmi del (melo)dramma di
stampo teatrale, dall'incedere rallentato e volutamente monocorde dei dialoghi, reali protagonisti
dell'opera. Le scenografie rozze e una certa naivet nella rappresentazione del lato tecnologico un
robot visibilmente giocattoloso; effetti che imitano 2001 Odissea nello spazio con il rigore
dell'arte povera; al contrario dei costumi e delle location rigorosamente legati ai gusti degli anni '70
fanno di Eolomea un curioso ibrido tra ambizioni sostanziali e una messinscena disciplinata,
spartana, quasi proletaria.
A tratti affascinante, anche per la regia libera da schemi e preconcetti che si prende i suoi spazi per
sbizzarrirsi con salti temporali, fotostop e vezzi estetizzanti, per di pi galvanizzata da un
montaggio fuori sincrono molto moderno, la pellicola non al tempo stesso immune da alcune
clamorose cadute di tono e di armonia, con delle stecche che avviliscono nella noia e nella prolissit
una trama di per s stimolante.

La polvere delle galassie (1976, di Gottfried Kolditz)


In risposta a un segnale di soccorso, l'astronave Cyrno atterra sul pianeta TEM 4. Lequipaggio
riceve un caloroso benvenuto dagli abitanti, che tuttavia negano di aver mai inviato una qualsiasi
richiesta d'aiuto. Prima di partire il comandante Akala accetta l'invito del leader di TEM 4 di
partecipare insieme ai suoi uomini a una festa in loro onore. Durante le celebrazioni, l'equipaggio
della Cyrno viene drogato...

il pi sperimentale e libero dei film proposti. Space opera in tono minore, quasi confidenziale, la
pellicola esplora controcorrente le potenzialit esistenzialiste del genere. Non senza ambizioni,
prima di tutte la volont di coniugare, elevandoli culturalmente, ciarpame kitsch e glamour
psichedelico. Luci stroboscopiche, balletti improvvisati e trucchi circensi rendono godibile un
labirinto di specchi altrimenti indigeribile. Non sono infatti i dialoghi ridotti all'osso e gli attori
troppo caricati e poco incisivi il cast internazionale in gran parte imposto dai co-produttori
rumeni -, n le sceneografie e gli effetti di cartapesta, degni di un episodio della prima serie di Star
Trek, a lasciare il segno. Regna piuttosto sovrano lo spleen malinconico, culminante in una chiusa
molto cupa, che si configura strada facendo, con un'ambasciata pacifista dove la testa conta pi
delle armi e dove la ribellione, stavolta veramente popolare, nasce dalle miniere. La metafora s
grossolana, eppure funzionale ad un esempio ante-litteram di exploitation d'autore. Resistere ai
primi tediosi minuti, nei quali con scarso senso del ritmo si impostano le premesse dell'azione a
seguire, alla fine dei conti un onere che ripaga le attese e a lungo termine soddisfa.

IL FANTACOMUNISMO D'ORIENTE

Cina

durante la Cina Maoista, la Fantascienza divenne molto diffusa e popolare, poich nella Cina
Maoista, c'era un forte ottimismo e ammirazione per il progresso e l'innovazione scientifica e
tecnologica, Mao Zedong, ambiva a rendere la Cina, una potenza scientifica e tecnologica, pari al
Unione Sovietica e agli Stati uniti d'America e quella fascinazione per l'innovazione tecnologica-
scientifica, port alla diffusione della Fantascienza nella Cina Maoista...

http://www.tuttocina.it/Mondo_cinese/087/087_petr.htm#.WcJsyrJJbIU

Ci sono tre momenti importanti che rappresentano le fasi di maggiore sviluppo della fantascienza in
Cina: il 1956-'57, il 1962-'63 e il 1976-'78. Tutti e tre coincidono con periodi di relativa tranquillit
politica.

Gli anni Cinquanta segnano l'inizio di una nuova epoca: fondata la Repubblica Popolare Cinese,
nasce il bisogno di costruire la cosiddetta Nuova Cina e nel 1955 il governo lancia lo slogan Marcia
Verso la Scienza (Xiang Kexue Jinjun), ed pronto a prendere esempio dall'esperienza dell'Unione
Sovietica. Tutto ci eserciter un'influenza profonda sulla fantascienza cinese che in questi anni si
rif completamente al modello sovietico, acquisendone la forma, le tecniche, l'ideologia.

Un primo passo verso la legittimazione della fantascienza cinese l'assegnazione di un nome:


Kexue Huanxiang Xiaoshuo (Letteratura Scientifico-Fantastica), traduzione letterale del termine
sovietico nauchno-khudozhestvennaya che significa Arte e Letteratura Scientifiche ed indica una
forma di divulgazione scientifica originariamente indirizzata ai giovani.

Questo significa che anche la fantascienza cinese, in questo periodo, acquisisce una funzione
divulgativa nel campo della scienza e tende, quindi ad enfatizzare gli aspetti scientifici a scapito di
quelli fantastici. I racconti sono piuttosto brevi, con intrecci semplici e un linguaggio che pu essere
compreso dai bambini in modo da poter assolvere la sua funzione educativa dal punto di vista
scientifico.
Durante questo primo periodo di fioritura della fantascienza cinese, Zheng Wenguang (1929 - ), che
diventer uno dei pi noti scrittori in questo campo, d il suo primo contributo scrivendo Cong
Diqiu Dao Huoxing (Dalla Terra a Marte) nel 1954. il primo racconto di fantascienza pubblicato
sul Zhongguo Shaonian Bao (Quotidiano dei Giovani).

in questo periodo che viene pubblicato un racconto che acquister grande popolarit in Cina e che
conquister il primo premio per la Creazione Artistica e Letteraria per i Giovani:
Shizong de Gege (Il Fratello Maggiore Scomparso), di Yu Zhi. L'autore racconta, con toni
tragicomici, di un fratello maggiore che diventa pi giovane del fratello minore a causa di un
periodo di ibernazione involontaria in un congelatore.

Durante il secondo periodo di fioritura della fantascienza cinese, che ruota intorno ai primi anni
Sessanta, vengono prodotti dei lavori che dimostrano una maggiore maturit rispetto ai precedenti.

Tra le novelle pi rappresentative ricordiamo Buke de Qiyu (Le Avventure del Cucciolo Buke) di
Xiao Jiangheng (1931 - ), pubblicato nel 1962, e Guxia Miwu (Densa Nebbia nell'Antica Gola) di
Tong Enzheng, che racconta di un archeologo che scopre le tracce di un antica e misteriosa civilt
grazie a una spada di bronzo.

Si delineano sempre pi chiaramente due dei tratti distintivi della fantascienza cinese: il
patriottismo e la tendenza all'etnocentrismo.
In molti racconti, infatti, la Cina viene presentata come l'unico paese in cui viene fatto un uso
corretto e positivo delle invenzioni e delle scoperte scientifiche. Il patriottismo il sentimento-guida
degli scienziati cinesi il cui elevato senso morale sempre in contrasto con la mancanza di scrupoli
degli scienziati occidentali.

Nella Cina Maoista, la Fantascienza, fu bandita durante la Rivoluzione Culturale, dal 1966, per
poi essere riabilitata dal 1976 in poi, dopo la morte di Mao Zedong e la fine della Rivoluzione
Culturale...
in quegli anni, quando la Cina Maoista, ambiva a Comunistizzare da cima a fondo la societ
cinese, la Fantascienza venne malvista, venendo guardata con ostilit e diffidenza, come un genere
Borghese o Reazionario, come un genere da ricchi borghesi viziati, come contrario alla
Rivoluzione e allo Spirito rivoluzionario e al Realismo Socialista, che si preoccupava dei
problemi terreni e materiali...

il periodo delle persecuzioni e delle epurazioni negli ambienti artistici. L'espressione individuale
annullata, ingabbiata dall'ideologia di partito che definisce i modelli e stabilisce gli scopi dell'arte
e della letteratura.

La letteratura di fantascienza e tutti gli altri generi letterari subiscono un duro colpo. Non c' spazio
per chi ha intenzione di dar voce alla fantasia, considerata un optional per borghesi, inutile per i fini
dell'ideologia rivoluzionaria.
L'unico racconto di fantascienza pubblicato in questo periodo Qiyi de Dangao (Dolci Strani), una
storia sul cibo sintetico derivato dalle proteine del petrolio, scritta da Ye Yonglie, che oggi uno dei
pi conosciuti e amati scrittori di fantascienza in Cina

Nel 1978, viene lanciata la seconda campagna dei Cento Fiori e il 30 novembre del 1979, a
Pechino durante il Quarto Congresso Nazionale degli Scrittori e degli Artisti, viene promessa una
nuova epoca di libert in campo artistico e letterario.

Questi eventi segnano il terzo momento di fioritura della fantascienza cinese; i racconti di questo
periodo superano di gran lunga quelli precedenti, sia come quantit che come qualit. Grazie a una
maggior complessit degli intrecci e a una certa profondit dei temi, essi rappresentano un nuovo
capitolo per la fantascienza, che prende ora le distanze dalla limitante definizione che, in passato,
l'aveva circoscritta alla ristretta sfera della letteratura per ragazzi.

Tre sono i lavori pi rappresentativi di questi anni: Shanhudao Shang de Siguang(Raggio Mortale
sull'Isola del Corallo) di Tong Enzheng, Feixiang Renmazuo (Volando Verso Sagittario) di Zheng
Wenguang e Xiaolingtong Manyou Weilai (Il Piccolo Ben Informato Viaggia nel Futuro) di Ye
Yonglie. Vinsero tutte dei premi letterari eShanghudao Shang de Siguang divenne anche il primo
film di fantascienza cinese.

Un racconto che dest l'attenzione di molti lettori stranieri Kuayue Shidai de Feixing(Viaggio nel
Tempo) di Yan Jiaqi (1942 -). Fa parte di quella che viene definita fantascienza sociale e racconta di
un viaggio nella storia, in tre epoche diverse, alla ricerca della verit. Kuayue Shidai de Feixing fu
tradotto in Francia, in Germania e in Giappone.

Un numero sempre crescente di autori diede il suo prezioso contributo allo sviluppo di questo
genere, con nuovi racconti, novelle, film. Oltre ai nomi gi citati, molti altri si fecero strada in
questo campo, come Liu Xingshi professore di geologia a Chengdu, Wang Xiaoda, autore
di Shenmi de Bo (L'Onda Misteriosa), nel 1980; Meng Weizai, autore della novella
utopica Fangwen Shizong Zhe (Visita agli Scomparsi) che si ispira all'Incidente di Tiananmen nel
1976; Wei Yahua che scrive il controverso raccontoWenrou Zhixiang de Meng (Il Sogno Ideale
della Tenerezza); Jin Tao di Yixian, nell'Anhui, Xiao Jiangheng che sottolinea l'importanza
dell'aspetto fantastico.

Tra le raccolte e le antologie sono di particolare interesse Zhongguo Kehuan Xiaoshuo(Fantascienza


Cinese), pubblicato da Rao Zhonghua, Kepu Zuojia Tan Chuanzuo(Discorsi degli Scrittori di
Divulgazione Scientifica sulle Opere), Kexue Shenhua(Mitologia Scientifica), pubblicata nel 1979,
raccoglie venti racconti scritti tra il 1976 e il 1979.

nel 1981, venne prodotto il primo film di fantascienza cinese, ovvero Death Ray on Coral
Island, basato da un omonimo romanzo di fantascienza cinese...

Corea del Nord

il film Pulgasari (1985), reputato il Godzilla della Corea del nord, il Godzilla comunista,
l'unico Kaiju-eiga, film di mostri giganti, comunista della storia del cinema, in Coreano,
Pulgasari significa Immortale o possente o mastodontico o titanicoo Gigantesco...

La trama e questa:
siamo nella Corea feudale del Medioevo, la popolazione locale e oppressa e sfruttata da un
imperatore perfido, crudele e tirranico, che sfrutta e opprime la popolazione locale, in un villaggio
di contadini, la vita prosegue tranquilla tra duro lavoro nei campi e artigianato. Presto per la
tirannia del governo si far sentire e i militari pretenderanno tutto il ferro presente nel villaggio per
costruire armi.
i cittadini si ribellano, e tra loro c anche il fabbro che per questo verr imprigionato e lasciato
morire. Prima della sua fine per plasma con un pugno di riso una statuetta di una specie di mostro
che prende vita e crescendo diverr unarma micidiale affamata di ferro che combatter assieme al
popolo, il Pulgasari si scontra contro l'esercito del imperatore malvagio, sbaragliandolo e guidando
una rivoluzione del popolo contadino e proletario, contro l'imperatore malvagio, il Pulgasari
distrugge e devasta il palazzo del imperatore uccidendolo, il popolo, dopo la sconfitta del
imperatore, festeggia per la rivoluzione avvenuta.
http://www.filmperpochi.it/pulgasari/

Negli anni 70 alla guida della Corea del Nord cera ancora il fondatore della nazione Kim II-Sung,
mente suo figlio Kim Jong-Il (morto il 17 /12/2011) era Ministro della Propaganda del partito. Era
sempre stato un grande appassionato di cinema e decise quindi che anche il suo Paese dovesse
iniziare a produrre film che potessero intrattenere il popolo contribuendo comunque a diffondere i
valori sui quali poggia la Nazione. Il problema che nella Corea del Nord i registi scarseggiavano,
mentre nella Corea del Sud la tradizione cinematografica molto florida! Tra i migliori registi
dellepoca c Shin Sang-ok, che viene fatto RAPIRE assieme alla sua ex-moglie Choi Eun-hee,
famosa attrice dellepoca. La notizia ovviamente non venne diffusa tra la popoazione Nord-coreana,
mentre fece molto scalpore a Sud del confine! Comunque i due prigionieri vennero accolti nel
palazzo imperiale con tutti i privilegi possibili, fino a quando non tentarono di scappare A questo
punto vennere rinchiusi in carcere per 4 anni, dove subirono una rieducazione in chiave
comunista, e usciti di l vennero costretti a girare 7 film (secondo wikipedia, 15 secondo altre
fonti) in 4 anni ovviamente tutti propagandistici. Di questi Pulgasari (costato ben 2 milioni e
mezzo di dollari) riconosciuto come il migliore (addirittura il migliore tra tutti i film di Shin Sang-
ok secondo alcuni).
Proprio durante le riprese di questo film per il regista riesce finalmente a fuggire, lasciando anche
lopera incompiuta. Sar completata da un regista del tutto sconosciuto (secondo alcune fonti
sarebbe proprio Kim Jong-Il sotto falso nome), mentre Shin Sang-ok si rifuger negli Stati
Unitidove continuer a lavorare in campo cinematografico con il nome di Simon Sheen.
Nonostante lovvia tensione che il regista si trovava a dover combattere sul set Shin Sang-ok non
rinnega nessun film girato in quel periodo, dicendo che era proprio la tensione a portarlo a dare il
massimo

Pulgasari si tratta di un film di propaganda comunista...


l'imperatore malvagio e una metafora del capitalismo e dello sfruttamento capitalista, quando i
soldati sfruttano e prelevano selvaggiamente tutto il ferro e il metallo, per farne armi per le guerre e
le battaglie, anche una metafora della corea imperiale, della corea conservatrice, reazionaria e
borghese, il Pulgasari rappresenta il comunismo, la Rivoluzione socialista, la Libert che guida
il popolo oppresso per la libert e il socialismo collettivo.
La vittoria del popolo sul potere capitalista infatti il tema centrale del film, ma nella seconda parte
il film ci viene presentata anche unaltra visione pi critica (e pi criptica) verso il socialismo, che
pu portare il popolo alla caduta. Forse proprio per questa seconda parte il film sembra che non
sia mai stato proiettato in patria, mentre stato venduto allestero (in Giappone nel 1998, dove
riscosse un buon successo, in Corea del Sud nel 2000 dove non se lo fil nessuno e negli Stati
Uniti con il titolo Bulgasari).

ci sono un paio di scene di canti e balli davvero bruttissime (scene fatte inserire da Kim Jong Il,
convinto che in ogni film devono esserci scene di allegria collettiva)
durante le riprese, Kim Jong Il impose la presenza nel film di persone allegre e felici, che cantano e
ballano spensierate, poich lo scopo del film era far passare il messaggio al mondo che la Corea del
Nord, fosse un paese felice, allegro e spensierato, dove non c'e dolore e sofferenza, era imposta la
presenza di persone felici e allegre durante la lavorazione, nessuno protestava o fiatava...

il film The Last Mission l'ultima missione (1987), intitolato anche Ten Zan the Ultimate
Mission, in Italiano e intitolato Missione Finale, una specie di Action-movie fantascientifico,
voluto da Kim Il-Sung, come risposta della corea del nord a Hollywood, doveva essere un
Blockbuster nordcoreano, da girare in lingua inglese, venne diretto da un regista italiano, assieme
a una piccola societ di produzione cinematografica italiana...
il regista del film era un Italiano, Ferdinando Balbi, celebre per aver diretto numerosi film
Peplum e Spaghetti Western, nella Cinecitt Romana del 1950-1960, nel et del oro del cinema
italiano, aveva diretto film come il Pistolero del Ave Maria del 1969, uno spaghetti-Western, il
suo film pi celebre, ma quel regista, essendo finito in miseria, dopo il declino di cinecitt, fu
pagato da Kim Il-Sung, per dirigere il film l'Ultima Missione; allora, Ferdinando Balbi, and nel
1986, in Corea del Nord, per dirigere il film, co-diretto con un regista Nord-Coreano di nome
Pak-Jong Ju, che nei crediti del film, si diede uno pseudonimo inglese, ovvero Ted Kaplan, per
rendere pi internazionale il film e vendibile al estero...

il film, fu prodotto da una piccola e sconosciuta casa di produzione cinematografica italiana di


Roma, la Amerindia Film, in co-produzione con l'istituto di cinematografia NordCoreano...

il Cast era pietoso: gli attori erano americani, ma attori di bassa lega, pessimi attori da pessimi film,
che erano film Trash, come Frank Zagarino dal film Barbarian Queen, gli scarti di Hollywood,
attori Spagnoli e Filippini, provenienti da film di serie B o Low Budget, l'italiana Sabrina Siani,
attrice nei film Horror di Lamberto Bava e Lucio Fulci e dei Cannibal Movie italiani del 1970-
1980,

la scennegiatura del film, fu scritto dallo stesso Ferdinando Balbi, i produttori del film erano
anch'essi due italiani: Scino Glam e Massimo Vigliar, furono curati da italiani anche le musiche del
film e le riprese...

la distribuzione fu condotta da una compagnia di distribuzione sconosciuta e anonima: la Surf


Film...

Kim Il-Sung, progettava e pianificava di creare una Hollywood comunista in Corea del Nord, una
specie di Hollywood NordCoreana, una PyongyangWood, poich, Kim Il-Sung, voleva che
anche la Corea del Nord, avesse i suoi Blockbuster cinematografici e le sue produzioni filmiche su
vasta scala, con cui sfidare e competere con Hollywood, quest'idea, fu applicata assieme al figlio
Kim Jong-Il, che al epoca, lavorava nel ministero della propaganda NordCoreano...

Kim Jong-Il era un grande appassionato di Cinema e, prima di salire al potere, era a capo
del Ministero della Propaganda di Pyongyang e tent a pi riprese di creare unindustria
cinematografica Nord-Coreana.
In questo caso lidea era quella di produrre film da vendere nei mercati esteri pertanto alcuni
funzionari nord-coreani vennero inviati a Cannes con lintento di reclutare un regista capace di
lavorare in ambito internazionale. La scelta cadde su Ferdinando Baldi, un regista italiano, attivo a
Cinecitt...

Il protagonista del film Frank Zagarino che pare si sia fatto anche un paio di giorni di galera a
causa di troppe foto scattate sul set che fecero pensare alle autorit nord-coreane che fosse una spia.
Nel cast anche la bella Sabrina Siani gi vista in numerose commedie sexy ed in qualche film
davventura come Ator e che da qui a poco si ritirer dalle scene e Romano Kristoff, presenza fissa
dei film italiani girati nelle Filippine e protagonista del recente lavoro di Baldi Warbus. Gli attori
coreani sono pochi e solo una ragazza ha un ruolo rilevante.

il film fu girato e interpretato in lingua inglese, per essere venduto nei mercati internazionali...

Il film inoltre totalmente assente da propaganda dato che doveva rivolgersi al pubblico
internazionale ed essere vendibile allestero.

Per questo, il governo nordCoreano, entr in contatto con case di produzione filmiche italiane di
Cinecitt, contattando registi italiani di basso profilo e cercando di reclutare attori occidentali, nel
tentativo di creare un cast internazionale.

La trama del film, si svolge in Corea del Nord o in un paese imprecisato del estremo oriente, nel
futuro, in un futuro fantascientifico, parlava di una squadra internazionale di Soldati e mercenari,
che impegnata a combattere uno scienziato pazzo senza scrupoli, che ha creato un laboratorio
segreto, dove sta creando una nuova razza, una SuperRazza eletta, per conquistare e dominare il
mondo, con lo scopo di conquistare e dominare il mondo, ma la squadra di eroici soldati e
mercenari, viene incaricato di combattere e fermare lo scienziato pazzo e i suoi folli e nefasti piani...

http://www.filmperpochi.it/missione-finale/

Un gruppo di malvagi mercenari assalta dei villaggi per rapire delle delle donne vergini per
utilizzarle in strani esperimenti scientifici finalizzati alla creazione di superuomini.
Lorganizzazione scientifica mondiale decide di fermare queste atrocit contattando un gruppo di
esperti ex-militari che dovranno attaccare e distruggere il centro operativo nel quale vengono
condotti gli esperimenti.

nel Film, la corea del Nord e ritratto come un paese futuristico e fantascientifico, un paese al
avanguardia scientifica e tecnologica, dotato di avanzate tecnologie fantascientifiche, ma questo fu
voluto dai NordCoreani a scopo di propaganda, poich volevano mostrare un immagine positiva
della corea del Nord, come un paese progredito ed evoluto, il regista, Ferdinando Balbi, approv il
tutto, arrivando a parlare bene della corea del nord, dopo che era tornato da quel paese!

le riprese avvennero completamente in Corea del Nord, venne girato nello stile di un Action-
Movie militare americano degli anni '80, di quegli anni, gli armamenti militari usati nel film,
vennero forniti e donati direttamente dal esercito NordCoreano, ma nella maggioranza dei casi,
venivano da vecchi arsenali militari di riserva delle forze armate della Corea del Nord ed erano
armamenti sovietici della 2 guerra mondiale...

ma il film fu un fiasco, un flop clamoroso: gli attori erano pessimi e scadenti, recitavano male,
recitavano da cani, la trama era piena di buchi di scennegiatura, alcuni critici lo reputarono come
Peggio di un propaganda stereotipato e patetico...

Alieni comunisti dallo Spazio Profondo l'Ufologia e il comunismo, breve storia del Ufologia
Rossa

https://www.vice.com/it/article/paa957/ufo-al-popolo-e-rave-nello-spazio-breve-storia-dei-
comunisti-spaziali-italiani

a partire, in forme primitive, dal XIXsecolo e dai primi anni del XXsecolo, si credeva che le
civilt aliene o spaziali esterne alla terra e al sistema solare, fossero tutte comuniste o socialiste, che
il Socialismo fosse alla base del progresso e sviluppo scientifico e tecnologico, che le civilt
comuniste-socialiste, fossero civilt progredite e avanzate aldil di ogni immaginazione, pi delle
civilt capitaliste, viste come

gi nel 1901-1910, intelletuali comunisti e socialisti russi, teorizzavano, non solo che esistesse una
civilt marziana sul pianeta Marte, ma anche che tale civilt fosse comunista o Socialista, che prima
o poi, avrebbe invaso e conquistato la Terra, per sconfiggere il capitalismo e la borghesia
reazionaria e liberare i popoli oppressi e la massa operaia dalla dominazione capitalista, portando
sulla terra, il progresso socialista...
teoria esposta nel romanzo The Red Star del 1908, di Alexandr Bogdanov...

tale teoria, sugli Alieni comunisti, divenne molto popolare nei comunisti Russi del 1910-1920,
come anche nel Unione Sovietica, che vedevano nel comunismo, la vetta massima del progresso e
sviluppo scientifico-tecnologico e sociale, ritenendo il capitalismo borghese, una fase primitiva e
arretrata della societ, che il Comunismo fosse il gradino pi alto del evoluzione, di tutte le specie
evolute e civilizzate, ritenendo che se fossero esistite civilt aliene nello spazio, esse sarebbero state
comuniste o socialiste, evolvendosi dalla condizione arretrata della borghesia e del capitalismo...

nel 1920-1930, il Cosmismo Russo e le teorie di Tsiolkovski, erano divenute molto popolari e
diffuse in argentina e in Sudamerica...

nel 1940-1950, nasceva l'Ufologia, diventando popolare e diffusa, ma molti Ufologi erano filo-
Comunisti o sostenitori del Unione Sovietica, negli Stati uniti d'America degli anni '50, retti dal
Maccartismo, gli Ufologi e movimenti Ufologici, vennero spiati e sorvegliati dalla CIA e dal FBI,
accusati di spionaggio filo-sovietico o di simpatie comuniste...

nel 1950, inizio a diffondersi negli stati uniti d'America, il Contattismo, ovvero persone, che
affermavano di essere in contatto diretto con gli alieni, sostenendo che gli alieni fossero pi evoluti
e progrediti, anche socialmente e mentalmente, rispetto alla razza umana, lanciando messaggi
liberali e progressisti...

nel 1948-1955, l'Ufologo Russo-Americano George Adamski, figlio di una famiglia di russi
emigrati in America, era sia un Ufologo e Medium che affermava di essere in diretto contatto con
una civilt aliena e affermava anche che lo spazio e l'universo, fossero fatti di civilt aliene
comuniste, che gli alieni fossero comunisti e che proprio il comunismo aveva reso quegli alieni
evoluti e avanzati, iniziando a sostenere che nel caso queste civilt aliene Comuniste fossero
giunte sulla Terra, o avrebbero causato una rivoluzione comunista mondiale o si sarebbero alleate
con l'Unione Sovietica e i paesi comunisti, per distruggere e spazzare via il capitalismo e i paesi
occidentali, esportando sulla terra, la superiore civilt socialista degli alieni...

Juan Posadas e il Posadismo

Questa definizione pu sembrare assurda, ma in realt il tema fantascientifico non alieno a certe
tendenze dell'estrema sinistra: ad esempio gi il Posadismouna tendenza trotzkista fondata
dall'argentino Juan Posadas (1912-1981) e nota principalmente per l'idea che una guerra nucleare
globale sia un passo necessario per lo sviluppo del comunismoaveva sostenuto che gli UFO
esistono, sono comunisti (perch senza il socialismo non sarebbero in grado di sviluppare le
tecnologie necessarie al viaggio intergalattico) e se non ci contattano solo perch aspettano di
vederci abbandonare il capitalismo.

Il Posadismo e una corrente del comunismo, per la precisione del Trotzkismo, facente parte della
4 Internazionale Trotzkista...

nel 1950-1960, il Posadismo divenne talmente forte, potente, diffuso e ramificato, da secessionarsi
dalla 4 internazionale Trotzkista, causando uno scisma al interno stesso del Trotzkismo, creando
una nuova internazionale Trotkizsta, una Internazionale Posadista, dove furono create Scuole
per quadri, quadri di partito, dove ci si preparava a una guerra nucleare imminente tra gli Stati uniti
d'America e l'Unione Sovietica, dove ci si preparava al avvento di un mondo post-bellico e post-
atomico, con corsi di sopravvivenza, per il Posadismo, dopo la guerra nucleare, l'URSS sarebbe
stato distrutto nel conflitto nucleare e la potenza guida del comunismo internazionale e del Terzo
mondo e dei popoli mondiali, sarebbe divenuta la Cina Maoista, ammirata dai Posadisti e Trotzkisti,
come un paese comunista anti-Stalinista...

Il Posadismo, teorizzava un mondo del futuro, basato sulla esplorazione, conquista e colonizzazione
dello spazio, un futuro spaziale, sul piano sociale, un futuro pi paritario, a livello estremo, una
parit totale e assoluta, sia tra umani e alieni, che tra umani e tutte le specie viventi, la razza umana
avrebbe imparato il linguaggio delle specie animali, comunicando tra di loro, tra umani e animali.

i Posadisti, furono attivi in Algeria, durante la Guerra d'indipendenza Algerina (1954-1962) e a


Cuba, durante la Rivoluzione Cubana del 1959.
inizialmente, il Posadismo, fu alleato del castrismo cubano, ma poi causarono uno scisma dal
comunismo Cubano.

Juan Posadas, era Argentino, Dirigente della IV internazionale trotskista in America Latina.
Propugnava il marxismo pi ortodosso volto ad attuare la rivoluzione mondiale. La corrente
posadista della Quarta Internazionale ha lavorato all'organizzare di sindacati che spesso operavano
clandestinamente nell'ambito delle dittature

Posadas sosteneva la dottrina Pablista della guerra nucleare: Una Guerra-Rivoluzione per ridurre in
cenere lo stalinismo e il capitalismo, che Posadas trasform nella ''teoria della guerra atomica,
una resa dei conti finale del socialismo con il sistema capitalista, adottata al primo congresso della
Quarta Internazionale Indipendente (Posadista) tenutasi nel 1962, separandosi da tutte le altre
correnti dell'Internazionale. Nel congresso straordinario Posadas annunci: La guerra atomica
inevitabile. Distrugger met dell'umanit, distrugger immense risorse umane. molto probabile.
La guerra atomica provocher l'inferno sulla Terra. Ma non bloccher il comunismo. Poi
aggiunse: La Guerra nucleare [uguale] Rivoluzione nucleare. Dannegger l'umanit ma - non pu -
non distrugger il livello di coscienza raggiunto da essa L'umanit superer rapidamente la guerra
nucleare con una nuova societ umana il socialismo.

Per Posadas la guerra atomica era l'occasione suprema per le forze mondiali della rivoluzione. Dopo
che la distruzione comincer, le masse insorgeranno in tutti i paesi, in poco tempo, in alcune ore. I
posadisti dovevano essere pornti al pantano atomico che l'umanit dovr superare per poter
costruire il socialismo. L'ottavo congresso mondiale fond una scuola per quadri' con un
programma di studi che comprendeva l'analisi della guerra atomica, delle sue conseguenze e i
compiti nel dopoguerra atomico. La dottrina della guerra nucleare Posadista divenne sempre pi
impaziente, Posadas chiedeva ai sovietici ed ai cinesi di annientare subito il capitalismo con
un primo colpo nucleare preventivo. La Cina dovrebbe lanciare la guerra ora invitando le masse
del mondo a prendere il potere adesso, scrisse sulla Rivista Marxista Europea del 1968. Vedeva la
preparazione sovietica per la guerra come un contributo alla rivoluzione. Quindi, ogni tasto che
premono fa parte del progresso della storia.
I Posadisti credevano che la strategia della guerra nucleare della Cina si basasse anche sugli scritti
di Posadas.

Tali appelli alle superpotenze comuniste erano accompagnati dall'ammirazione fanatica per i
successi dell'arsenale nucleare sino-sovietico. Il giornale della sezione britannica "Red Flag" era
pieno di elogi verso l'armamento nucleare degli stati operai: salutiamo il lancio del missile cinese
con testata atomica, poich una grande avanzata scientifica dello stato operaio ed un grande
incoraggiamento agli operai nel mondo. Al momento della sua morte nel 1981, Posadas era
convinto che l'URSS avesse armi nucleari nello spazio.

i posadisti erano grandi entusiasti dei voli spaziali sovietici o cinesi e sostenitori dei programmi
spaziali...
L'opuscolo A ciencia espacial si occupava del programma spaziale Soyuz 13, mentre la sezione
boliviana dei Posadisti invi nell'ottobre 1961 un telegramma all'ambasciata sovietica di La
Paz: Salutiamo le masse sovietiche. Celebriamo il successo delle Soyuz e d'Intercosmos. Risposta
netta dell'URSS e degli altri stati operai all'imperialismo degli yankee e alla preparazione della
guerra contro-rivoluzionaria. Mentre "Red Flag" era pieno di sperticati elogi: salutiamo il
successo scientifico e tecnico dell'URSS per l'atterraggio della nave spaziale su Venere, viva il
trionfo storico del sovietico Lunarkhod (sic).

Il Posadismo, divenne diffuso e popolare in Sudamerica e nei paesi Sudamericani...

Mentre l'azione dei posadisti in Europa non andava oltre il volantinaggio, in America Latina il loro
lavoro era pi pericoloso. In Brasile, il militante posadista Roberto Pinto venne assassinato
nell'agosto 1963, mentre guidava una sciopero di 5.000 contadini, e una dozzina di posadisti
dell'America Latina venne assassinata fino al 1977. In Guatemala, i posadisti messicani hanno
collaborato con la guerriglia del 'MR 13 Novembre', fino a quando i guerriglieri non si resero conto
che i fondi raccolti non andavano alla lotta armata ma alla pubblicazione della Rivista Marxista
Europea. I posadisti furono il primo gruppo trotskista ad operare in Algeria dopo l'indipendenza.
Alla fine degli anni sessanta, contavano forse mille aderenti in tutto il mondo.

I posadisti hanno combattuto assieme a Castro e Guevara nella rivoluzione del 1959, ma in seguito
furono imprigionati e nel 1967, Posadas espresse la sua teoria sulla farsa morbosa della cosiddetta
morte di Guevara, secondo cui il Che non era stato ucciso, ma incarcerato dal governo di Castro.
Fidel Castro defin i posadisti pestilenziali, alla Tricontinentale del gennaio 1966.

La maggior parte dei partiti Posadisti si sono dissolti dal 1981. Ma in Germania il Posadismo
continuava ad essere propagandato dall'ex operaio metallurgico Paul Schulz, profugo comunista
durante il Terzo Reich, si rec in Argentina, collabor con Posadas e tent di fondare un partito
tedesco Posadista nel 1991, gestiva il sito Gesellschaftsreform jetzt!(Riforma sociale ora!) che
pubblicava analisi post-Posadiste sul fenomeno UFO - compreso un libro intitolato Il contatto
ufficiale di una civilt extraterrestre con noi alle porte. Mostriamoci degni di questo evento
particolarmente allegro dall'importanza epocale.

Il post-posadista pi eminente l'argentino Adolfo Gilly, che fu incarcerato per la sua


partecipazione all'attacco all'Universit Autonoma Nazionale del Messico nel 1966. Gilly scriveva
per il giornale messicano La Jornada e nel 1999 era consigliere del sindaco di Mexico City.
Attualmente esistono alcune sezioni della Quarta Internazionale Posadista. Le pi attive sono
soprattutto quelle Francese e Brasiliana.

https://www.riflessioni.it/esoterismo/comunismo-cosmismo-magia-ufo.htm

Il Posadismo era fatto di Ufologi, molti ufologi Sudamericani, era comunisti o Posadisti, come
l'ufologo Italo-Argentino Dante Minazzoli (1918-1996), che era un Posadista e sostenitore di Juan
posadas, era anche un Cosmista argentino, seguace del cosmismo del Unione Sovietica, (l'URSS
aveva forti rapporti con l'Argentina durante il XXsecolo), Minazzoli era un Monista, seguace del
Monismo e di Kostantin Tsiolkovski, Dante Minazzoli fa parte dei Contattisti o Contattismo,
come anche George Adamski.
Minazzoli era un Marxista, vedeva nel Ufologia, una fusione e sintesi di materialismo e di
spiritualit, uno snodo tra materialismo e trascendenza...

Minazzoli, riteneva che le civilt aliene fossero comuniste o socialiste, riteneva che gli alieni
comunisti sarebbero entrati in guerra contro la terra e la razza umana, vedendo nel capitalismo, una
minaccia e pericolo per tutto l'universo e tutta la galassia e per tutte le altre civilt aliene, vedendo
nel capitalismo, una forza oscura e ostile, per Minazzoli, gli alieni non avrebbero mai permesso alla
razza umana di espandersi nello spazio, per impedire che il capitalismo predatorio e sfruttatore dei
terrestri, potesse espandersi e allargarsi a tutta la galassia e universo...

Gli Ufologi radicali italiani o l'Ufologia Radicale italiana

Negli anni '90 del XXsecolo, la fantascienza era molto pi presente nella cultura pop rispetto a
oggi: il cyberpunk andava forte, e film come Men in Black e Starship Troopers e serie tv come X-
Files hanno segnato l'infanzia di chi come me cresciuto in quel periodo. Era naturale che queste
suggestioni si riflettessero anche nelle esperienze dei movimenti radicali italiani di quegli anni,
legati all'esperienza del movimento studentesco della Pantera e ai centri sociali, e che si parlasse di
"avanguardie" che condividevano prospettive anticapitaliste, derivazione situazionista e contenuti
fantascientifici.
Sto parlando del collettivo Men In Red (MIR), esponenti della cosiddetta "ufologia radicale," e
dell'Associazione Astronauti Autonomi (AAA).

Anche se si tratta di due esperienze molto diverse tra loro, sia dal punto di vista teorico che da
quello geograficomentre l'"ufologia radicale" era una cosa puramente italiana, gli "astronauti
autonomi" sono un fenomeno internazionalegruppi come MIR e AAA rientrano in uno stesso
filone che si potrebbe definire "comunismo spaziale."

Pur condividendo idee simili sulla natura delle societ aliene, l'ufologia radicale italianauna
corrente fondata dall'ufologo italiano Ivano Merz per di tutt'altra provenienza politica. "Del
nostro background fa parte l'Internazionale Situazionista, riletta in chiave post-terrestre," mi
hanno infatti detto K e Militant X, pseudonimi dei due fondatori del collettivo Men In Red quando
li ho contattati per farmi raccontare la storia del gruppo. In sintesi, si tratta dell'idea secondo cui
l'ufologia sarebbe per sua stessa natura una disciplina intrinsecamente rivoluzionaria o
progressista.

Men In Redil cui sito ancora online stato un collettivo di ufologia radicale attivo a Roma
nella seconda met degli anni Novanta, che pubblicava un'omonima rivista e che nel 1999 ha fatto
uscire un libro, Ufologia radicale , pubblicato da Castelvecchi. "Sicuramente il movimento
studentesco e i centri sociali hanno fatto parte del nostro percorso," mi ha detto Militant X parlando
della nascita del collettivo. "Ma soprattutto quasi tutti i membri di MIR sono stati parte attiva del
Luther Blissett Project [ una rete di attivisti e artisti che usavano lo stesso pseudonimo collettivo,
appunto "Luther Blissett"] da cui hanno ripreso le tecniche di sabotaggio mediatico e la riflessione
sull'identit. L'UFO, in quanto 'oggetto non identificato', si colloca un attimo prima della sua
identificazione aliena: su questo attimo che abbiamo sviluppato la nostra riflessione."

Oltre al situazionismo, da cui hanno ripreso l'attenzione al territorio e agli spazi urbani e gli
strumenti critici per combattere "la spettacolarizzazione dell'ufologia," altre loro esperienze di
riferimento sono state l'opera del collettivo milanese di fantascienza Un'ambigua utopia e le
riflessioni dello scrittore e critico letterario Antonio Caronia sul ruolo politico della fantascienza. "I
MIR avevano attirato sia persone gi interessate all'ufologia e che si erano poi politicizzate stando a
contatto col collettivo, sia membri di altri collettivi di ufologia radicale con cui c'era gi affinit
politica, attratti dall'attivismo dei MIR contro l'ufologia di stato," mi ha spiegato Militant X.
Ovvero, il Centro Ufologico Nazionale e il Centro Italiano Studi Ufologici, colpevoli secondo i
membri del collettivo di "aver appiattito sul proprio paradigma interpretativo ogni prospettiva
dissidente e rivoluzionaria dell'ufologia."

Per quanto riguarda le ispirazioni in campo ufologico, K mi ha fatto una serie di nomi che si
possono considerare influenze del gruppo: l'ufologo Jacques Valles, il filosofo Alan Watts,
l'ufologo Gianni Viola e lo psicanalista Wilhelm Reich, di cui ai MIR sono sempre piaciuti "i canoni
organici e la sua 'patetica' lotta ai dischi volanti." Ma il loro vero modello, mi ha detto K, Antonio
Vilas Boasun contadino brasiliano che nel 1957, a 23 anni, afferm di essere stato rapito dagli
alieni e di aver avuto un rapporto sessuale con una bellissima femmina aliena.
Sul piano politico, l'ispirazione dei MIR fortemente materialista, slegata da ogni prospettiva
messianica nei confronti dell'incontro con entit aliene. "Se esistono forme di vita extraterrestre che
hanno raggiunto il massimo sviluppo e sviluppato tecniche di viaggio interstellare, devono aver
necessariamente risolto le loro contraddizioni planetarie," mi ha spiegato Militant X. Lo scopo
dell'ufologia radicale dev'essere quindi quello di "continuare a sviluppare conflitti" sulla Terra sia
per cercare di cambiare il nostro pianeta sia per mandare un segnale agli alieni per spingerli a
intervenire per aiutarci. L'atto pi rivoluzionario, secondo i MIR, era il contatto tramite gli Incontri
Ravvicinati del Settimo Tipo ossia, mi spiega K, "i rapporti sessuali esogamici e l'ibridazione della
specie. Gi il semplice fatto di prepararci a tale evento ci ha trasformati, anche se purtroppo non
abbiamo avuto modo di consumare."

Tra la fine degli anni Novanta e l'inizio degli anni Duemila, l'attivismo politico dei MIR ha
raggiunto il suo culmine.

Nel 1998 una delegazione del gruppo ha svolto un'azione dimostrativa durante il VI Simposio
Mondiale di Ufologia, tenutosi a San Marino: i militanti di MIR hanno occupato la sala del
convegno esibendo uno striscione con lo slogan "UFO al Popolo," distribuito volantini e interrotto
la conferenza con interventi polemici. Nel 2001 invece il movimento ha inscenato il falso
atterraggio di un UFO a Riccione disegnando dei segni misteriosi nel parcheggio dell'Aquafan e
convincendo dei "testimoni oculari" a rilasciare false dichiarazioni, riuscendo a beffare diversi
giornali e telegiornali nazionali.

Proprio questo periodo di massima esposizione mediatica ha coinciso con il declino dell'esperienza
del gruppocome mi ha detto K, "la sua missione allo scoperto poteva dirsi conclusa." A causare la
fine di quell'esperienza stato anche pi in generale il declino dell'influenza del tema spaziale e
ufologico nella cultura pop. "Visto che il contatto politico definito con le entit extraterrestri non
avvenne mai, tutta l'esperienza dell'ufologia radicale, compresa quella dei MIR, fin col perdere
mordente," mi ha spiegato K. Oggi, sulla base di una "convergenza tecnologica tra bicicletta e disco
volante tendente, attraverso la pratica, all'agevolazione del contatto" quel che resta del movimento
si trasformato nell'ufociclismouna specie di deriva psicogeografica ciclistica i cui membri si
danno appuntamento per "pedalare nella notte alla ricerca di un contatto con gli extraterrestri."
Oltre ai MIR e all'ufologia radicale, l'altra grande esperienza di "comunismo spaziale" la gi citata
Associazione Astronauti Autonomi (AAA). Si tratta di un'esperienza internazionale, nata a Londra
nel 1995 e sviluppatasi "in un piano quinquennale" fino al 2000 con cellule presenti in diversi paesi
tra cui Germania, Francia, Stati Uniti e Nuova Zelanda. In quest'esperienza l'Italia ha un ruolo
particolare visto che ha ospitato la Seconda Conferenza Intergalattica dell'organizzazione, svoltasi a
Bologna nel 1999.

Anche in questo caso il gruppo mostra una simile derivazione situazionista e convergenze con
l'esperienza di Luther Blissett, ma l'idea di fondo diversa: come dice il nome, l'AAA vuole
rivendicare la possibilit di chiunque di accedere allo spazio in autonomia, di farsi appunto
"astronauta autonomo."

Per farmi spiegare questo concetto ho parlato con Riccardo Balli, membro del gruppo e curatore
di Anche tu astronauta. Guida all'esplorazione indipendente dello spazio secondo l'Associazione
Astronauti Autonomi , un'antologia in italiano di testi dell'Associazione Astronauti Autonomi edita
sempre da Castelvecchi nel 1998. "L'AAA lavora allo smantellamento del mito dell'esplorazione
spaziale. A noi interessa che l'uscire dall'orbita terrestre diventi equiparabile all'uscire di casa per
fare la spesa," mi ha spiegato. "L'iter di sviluppo della tecnica prevede inevitabilmente un calo di
costi della tecnologia: perch dunque non ipotizzare che questo cali riguardi anche il campo
aerospaziale e che l'esplorazione spaziale entri a far parte della nostra quotidianit?"
Al di l dell'ambito spaziale, una delle possibili interpretazioni dell'AAA quella che vede
l'associazione soltanto come una metafora, una specie di iperbole critica sulla questione dell'accesso
alla tecnologia nel tardo-capitalismo.

Ma questa lettura politica solo uno dei tanti piani su cui l'AAA si muove: l'associazione si
sviluppa in "cellule" che portano avanti programmi di esplorazione spaziale in modo indipendente,
interpretando questo concetto ognuna in un modo diverso. Questo perch l'esplorazione dello spazio
pu voler dire un'infinit di cose: "la Terra costantemente in movimento nell'universo, in quanto
abitanti del nostro pianeta siamo automaticamente astronauti," mi ha detto Balli. "In fin dei conti
l'AAA ha a che fare proprio con un'estensione del concetto di esplorazione dello spazio rispetto
all'ambito ristretto in cui viene relegato oggi."
Un'altra direzione che gli Astronauti Autonomi esplorano quella che Balli definisce "una visione
dionisiaca dello spazio" contrapposta ai programmi Apollo della NASA. "Gli astronauti sono pagati
a ore di lavoro e lavorano sempre, anche mentre dormono, essendo oggetto di esperimenti sul sonno
a gravit zero.
Noi rivendichiamo provocatoriamente l'importanza di svolgere attivit extra-lavorative in orbita: in
primis il sesso, poi i rave e in generale la musica come strumento di esplorazione spaziale," mi ha
detto.

In generale l'AAA aveva una forte componente musicale, centrale fin dalla sua fondazione: al suo
interno esisteva una sezione apposita, quella dei "disconauti," che vedeva "il dancefloor come la
piattaforma di lancio, il corpo come un razzo, e le droghe come propellenti" per dirla con le parole
di Ewen Chardonnet, un suo membro inglese. Altre espressioni culturali peculiari erano varie
performance, derive psicogeografiche e mostre d'arte visiva, oltre a partite di calcio a tre porte e tre
squadre su campi esagonali.

Dopo il 2000, l'attivit dell'Associazione Astronauti Autonomi diminuita, anche se non mai
cessata del tuttoad esempio, in Francia e in Nuova Zelanda il gruppo sembrerebbe essere ancora
piuttosto attivo. Ma secondo Balli ci che resta oggi dell'AAA un movimento sociale, "un
magnete che globalmente contribuisce a esplicitare idee gi presenti nella testa di molte persone, ad
esempio quella di impedire futuri piani di sfruttamento turistico della Luna."
Se a distanza di anni i MIR si sono trasformati in un movimento di ciclisti, la cellula bolognese
dell'AAA invece diventata un gruppo di skater "convinti che l'esercizio di equilibrio sulla tavola
sia propedeutico alla gravit zero, un training molto pi divertente e creativo di quelli delle agenzie
spaziali di Stato." Insomma la rivalit tra i due gruppi, che 15-20 anni fa era il risultato di due
diverse prospettive "filosofiche"i MIR accusavano l'AAA di essere dei "fricchettoni che vogliono
fare comuni nello spazio," mentre l'AAA accusava gli ufologi radicali di incoerenzaoggi si
ripropone nei termini della rivalit anni Novanta tra BMX e skateboard.

Al di l delle rivalit e delle frecciatine, c' un punto dell'analisi di entrambi i gruppi che ancora
oggi attuale. Militant X dei Men In Red me ne ha parlato citando il "realismo capitalista" di Mark
Fisher, ossia la "cancellazione sistematica di qualsiasi orizzonte utopico" come tendenza in corso
del mondo di oggi. In questa prospettiva, sia gli ufologi radicali che gli astronauti autonomi
condividono l'obiettivo di contrastare questa tendenza e ridisegnare questo orizzonte utopicoche
ci provino usando le biciclette, gli skateboard o altro. Come dice il motto dell'Associazione
Astronauti Autonomi, ripreso da M.C. Escher: "solo coloro che tentano l'impossibile
raggiungeranno l'assurdo"
-
il comunismo nella prima fantascienza letteraria

i primi scrittori di fantascienza erano simpatizzanti del comunismo e del socialismo: Jack London,
H.G. Wells, molti erano affiliati alla Fabian Society inglese e al Fabianesimo, un movimento
Socialdemocratico riformista, risalente al Inghilterra del XIXsecolo, un precursore del comunismo,
il cui scopo e la lotta per i diritti della classe operaia...
Jack London era militante nel Socialist Labor Party e nella sinistra americana, il suo celebre
romanzo il Tallone di Ferro o The Iron Heel, del 1908 e una critica alla societ capitalista e
conservatrice americana e occidentale di quegli anni, che parla di una lotta nel futuro, un 2500
immaginario, tra una massa oppressa, di schiavi-operai, contro un elit capitalista, divenuta una
casta ricca e potente, simili a imperatori o faraoni del mondo antico...
mentre il suo saggio Il Popolo degli Abissi, del 1903, parla delle masse oppresse del epoca,della
massa di poveri e operai emarginati che si era formata nei paesi occidentali in quegli anni, per via
della Rivoluzione industriale...
fu una critica alle diseguaglianze sociali diffuse nella societ inglese di quegli anni e anche una
prima critica al capitalismo e alla globalizzazione...
il racconto breve di Jack London il Sogno di Debs, del 1909, che parla di uno sciopero di massa,
da parte dei Sindacati americani, che causa il blocco totale di tutta l'economia degli Stati uniti
d'America, mandando al collasso economico e sociale, gli stati uniti d'America, finiscono travolti da
una Rivoluzione operaia, dopo che gli operai hanno preso il controllo delle fabbriche e delle
industrie e delle infrastrutture degli USA, piegando e stremando la classe borghese, che finisce
spazzata via, poich dipendente dal lavoro e approvigionamenti, gestiti e controllati da operai e
sindacati...

la Fantascienza e vista come veicolo di promozione della Scienza e del progresso e di un immagine
positiva del futuro e del progresso scientifico-tecnologico, dove tutto si ottiene con la Scienza, un
progresso che doveva dare uguaglianza alle masse, combattere le superstizioni e promuovere la
razionalit, l'elevazione culturale e materiale delle classi lavoratrici, la lotta alla povert e alle
diseguaglianze sociali, la meritocrazia e l'egualitarismo,
il romanzo Guardando Indietro di Edward Bellamy del 1887 si basa su una societ del futuro,
che ricalca il Socialismo, una specie di Comunismo...
il progetto socialista era ambiguo e contradditorio, ma c'era ancora ottimismo e fiducia nella scienza
e nel progresso, visti come una forma di magia, come il tramite per risolvere i problemi del
mondo...

la fantascienza come fenomeno sociale, nasce nel 1926, con la fondazione di Amazing Stories da
parte di Hugo Gernsback, che fu la prima rivista di fantascienza della storia, per, prima c'erano gi
Modern Electrics e The Electric Experimenter, che sarebbe divenuto poi Science and
Inventions...

la Fantascienza iniziava la creazione di un immaginario, basato sul progresso scientifico e


tecnologico, la visione positiva del progresso, erano anche gli anni in cui gli USA emergevano
come potenza mondiale, dove l'elemento fondamentale della societ moderna, sarebbe stato il
predominio del uomo sulla tecnologia e la diffusione alle masse delle tecnologie.

Il passaggio da una visione magica o mitica della realt, a una visione scientifico-tecnologica o
razionale della realt, la fantascienza come critica o metafora del presente, la critica alle ingiustizie
sociali, l'immaginare alternative o societ egualitarie,opposte a quelle societ diseguali...

negli USA degli anni '30 c'era il Technocracy Movement, teorico di un Tecnato esteso a tutti
gli USA, ovvero, un movimento politico che si basava sui romanzi di Edward Bellamy e dalle tesi
di Thorstein Veblen, il movimento proponeva la creazione di Soviets of Technicians o Tecnati o
Soviet Tecnocratici, il movimento tecnocratico americano, riteneva che la societ fosse orientata a
una continua e costante complessizzazione, che la societ sarebbe divenuta talmente complessa ed
eterogenea, che non poteva pi essere governata dai politici o dagli uomini d'affari, il potere andava
ricoperto dagli scienziati e dai tecnici, una Tecnocrazia, gestita da Ingegnieri, fisici,
Agronomi,economisti e scienziati di varie discipline e materie...

il movimento tecnocratico americano e neo-socialista e anti-capitalista, ricalca molto il Comunismo,


accusava i capitalisti, di sabotare deliberatamente la produzione industriale, per ottenere maggiori
affari e ricavi economici a discapito degli operai, ostacolando il miglioramento e sviluppo della
societ tramite nuove tecnologie, lo stesso capitalismo era visto come intralcio al progresso e allo
sviluppo, come conservatore e reazionario...
le teorie di Thorstein Veblen, si ispiravano al Comunismo e alla Rivoluzione d'Ottobre del 1917,
teorizzando una societ guidata dagli esperti, organizzata e meccanizzata, liberata dal lavoro, dal
denaro e dalla fatica, dove sarebbero spariti i soldi e tutto sarebbe stato collettivo, dove sarebbe
sparito anche il Capitalismo, creando una societ pacifica e democratica...

per, si rischiava un Elitarismo tecnologico, per l'appunto, una tecnocrazia, il potere in mano a una
casta di scienziati e tecnici, una societ che doveva abolire e cancellare i ceti borghesi, visti come
parassitari e discriminatori, poich, nella societ tecnocratica, non devono esserci diseguaglianze
sociali, tutti devono essere eguali.
Il Tecnato, voleva promuovere l'innovazione, l'invenzione e la scoperta e la ricerca scientifico-
tecnologica e la diffusione del benessere comune, visti come minacciati o intralciati dal
Capitalismo...

l'opposizione al mondo della finanza e alla corruzione della classe politica, come al capitalismo e ai
capi d'impresa e al affarismo economico-mercantile capitalista...

sono anche anni in cui va di voga l'Eugenetica e l'ingegnieria sociale, anni in cui si reputava che la
Scienza e il progresso, potessero cancellare i difetti umani e creare una societ perfetta...

una narrativa, dove i nuovi eroi sono Scienziati, Inventori e Ingegnieri, che rendono il mondo, un
posto migliore grazie a nuove scoperte e innovazioni...

c'erano scrittori di fantascienza filo-tecnocrati o che sostenevano il movimento tecnocratico


americano, per esempio Nat Schaschner, chimico divenuto scrittore di fantascienza, autore della
trilogia The Revolt of the Scientists, e del racconto The Robot Technocrat, pubblicati nel 1933
su Wonder Stories...

il movimento tecnocratico, aveva una propria rivista Technocracy Review durato solo 2 anni dal
1932 al 1933, un giornale di propaganda tecnocratica, che si affiancava nelle riviste di Fantascienza
e di Pulp e di innovazioni e scoperte...

il New Deal di Roosvelt seguiva una dottrina basata sul Socialismo Nazionalista, una miscela di
Nazionalismo e Socialismo, che si alimentava sul odio e diffidenza che si era formata nella societ
americana e nel mondo contro il Capitalismo e il sistema capitalista, incolpato di aver causato il
crollo di Wall Street del 1929, un mercato avido e irrazionale, che andava contrapposto con
l'accentramento statalista e la pianificazione statale, con l'economia pianificata,

ma il Movimento tecnocratico, dur solo dal 1930 al 1939, per poi scomparire durante la Seconda
guerra mondiale...
per John W.Campbell, fondatore di Astounding Stories; la Fantascienza doveva allearsi con la
divulgazione scientifica, prima del 1945, prima degli attacchi nucleari di Hiroshima e Nagasaki, le
riviste di fantascienza avevano monopolizzato il dibattito sul energia nucleare...
in Astounding stories, i racconti di fantascienza,parlano di eroici Ingegnieri nucleari, che devono
sia lottare contro le forze della natura, per ricavare l'energia atomica, sia contro i capitalisti, che
vogliono o intralciare la diffusione del atomo per difendere i loro interessi o sfruttare l'energia
atomica per i loro affari e interessi, negandoli al popolo...

il nemico e l'Elit, la Burocrazia, gli aristocratici, gli accentratori del sapere e dei sistemi di
produzione, il superamento dei nazionalismi e dello stato-nazione, la creazione di una evoluta
societ delle nazioni a livello globale, che era un ideale, in opposizione alla diffusione di Fascismo
e Nazismo nel continente Europeo...

nel pensiero Tecnocratico, il capitalismo e il male, un nemico da combattere, il capitale per non
cattivo, a patto che sia investito nello sviluppo e nel progresso e nel sostegno alla scienza, un
capitale buono, produttore di progresso e innovazione, contrapposto a un capitale cattivo, creatore
di Elitarismo e di Parassitismo, che usa la speculazione finanziaria per creare ricchezza per pochi,
accentrando il benessere e sfruttando la massa operaia.
Il pensiero tecnocratico e fatto di scienziati-imprenditori, che si batte per il progresso contro una
societ bieca e retrograda...

negli anni del New Deal, che riscosse un grande successo, si erano largamente diffusi i comitati a
sostegno della Repubblica Spagnola, sono anni, in cui, molti scrittori di fantascienza americani,
criticano il Tecnocratismo, accusandolo di Corporativismo e di Elitarismo, il CP-USA o Partito
Comunista Americano, aveva sovietizzato i suoi apparati politici, nel 1935, aveva creato il Popular
Front o Fronte Popolare americano, di cui fa parte la YCL Youth Communist League...

laGrande depressione come il Crollo di wall Street del 1929, aveva causato odio e ostilit verso il
capitalismo e la finanzia e rafforzato i movimenti comunisti-socialisti, ma anche l'odio e diffidenza
verso il progresso scientifico-tecnologico, incrinando l'ottimismo verso la scienza e la tecnologia,
accusate di essere complici del sistema capitalismo e di aver permesso al capitalismo, di aver
causato una disoccupazione di massa...
poi, la comunit scientifica si era rivelata debole e fragile, di fronte ai regimi autoritari,
anche se il Marxismo, al interno della visione del Partito comunista americano, promuoveva un
immagine positiva della scienza, al interno del materialismo scientifico comunista-socialista...

la Science Fiction League, l'unione degli scrittori di fantascienza americani, era considerata
Borghese, reazionaria ed Elitaria dai comunisti americani, poich, fatta solo di Americani, maschi,
bianchi caucasici,senza la presenza di Donne, immigrati e le persone di colore, al epoca, il razzismo
e il sessismo erano molto diffusi nella fantascienza...

si iniziava a parlare di una fantascienza comunista-socialista, la fantascienza dopo il naufragio del


movimento tecnocratico, doveva parlare di un utopia, di una societ senza classi, esprimendo un
punto di vista positivo per gli oppressi e l'avversione contro gli oppressori,

una fantascienza antifascista, progressista e radicale, che denunciava il fallimento del utopismo del
movimento tecnocratico e di Hugh Gernsback, una fantascienza che nacque come critica dei regimi
fascisti e nazisti in Europa...

un impegno politico e collettivo di scrittori, editori e lettori, per creare una fantascienza radicale e
comunitaria,una mobilitazione culturale contro l'ignoranza che crea e genera l'uguaglianza,
l'ignoranza e una minaccia, un nemico da combattere, l'ignoranza e il veicolo e alimento del
fascismo, del razzismo e del nazismo e delle discriminazioni, l'ignoranza e la causa della
diseguaglianza, di ingiustizie, povert, guerre e prevaricazioni, che andava combattuta con la
creazione di una cultura popolare; che doveva trascendere Lettori, scrittori ed Editori.

Nel 1938, veniva fondato il Committee for the Political Advancment of the Science Fiction,
CPASF o Comitato per l'avanzamento politico della fantascienza, un organizzazione apertamente
comunista, schierata con il Popular Front americano, per creare una fantascienza comunista o di
sinistra, contrapposta a una fantascienza di destra o simil-fascista che c'era in quegli anni...
su Astounding, venivano pubblicati racconti di fantascienza, che erano apertamente fascisti, come il
racconto Three Thousand Years di Thomas Calvert McLary, dove la terra del futuro e spartita tra
un blocco capitalista e un blocco scientifico, ma qui, sono entrambe governi autoritari, vige un
pessimismo antropologico, un immagine negativa della razza umana, gli umani visti comedeboli e
stupidi, supini alle ambizioni di leader o tiranni o capi di popolo, incapaci di esprimere opinioni
autonome, incapaci di organizzarsi o di lottare per la propria emancipazione,oppure, la rivoluzione
degenerava, portando sempre al disastro, auspicando un governo forte, da opporre al caos e
disordine della rivoluzione...
una fantascienza che era accusata di dare un immagine irrealistica della gente comune, dove era
diffusa la mobilitazione anti-fascista...

il CPASF, sosteneva una fantascienza comunista e anti-fascista e si opponeva alla fantascienza


fascista o di destra...
nelle organizzazioni comuniste, molti militanti comunisti, erano lettori o appassionati di
fantascienza, molti avevano partecipano alla mobilitazione anti-fascista a sostegno della Repubblica
Spagnola...
una Science Fiction Popular Front, il CPASF era accusato di voler rendere troppo comuniste le
riviste di fantascienza, di volerle farle diventare in organismi di propaganda comunista, di
intromissione della politica nella fantascienza...

nel 1939, viene fondato il Communist Science Fiction Movement e la Futurian Society, con
sede a New York...

il PC-USA o PCUSA, il Partito comunista americano, si basava su Thomas Jefferson, Abraham


Lincoln e Andrew Jackson, icone liberali e progressiste e Rivoluzionarie negli Stati uniti
d'America...

La World Convention del 1939, ovvero, la Fiera Internazionale di New York del 1939, una delle
prime grandi vetrine della Futurologia americana e icona del RetroFuturismo odierno, fu accusata
dai comunisti in quegli anni, di autoritarismo e di Elitarismo e di conservatorismo...
questi comunisti, sostenevano una fantascienza progressista e anti-fascista, contrapposta alla
fantascienza conservatrice che dominava in quegli anni, basata sulla dottrina americana del Grab
the Land, della frontiera selvaggia da conquistare e colonizzare, delle terre selvagge a cui esportare
la civilt, vista come una forma di colonialismo e imperialismo culturale e mentale radicato nella
societ americana...

si reputava che il futuro sarebbe appartenuto alla sinistra, che la fantascienza avrebbe appoggiato e
sostenuto il movimento comunista internazionale...

dopo la 2 guerra mondiale, i Sindacati americani, vennero aboliti con la seconda Red Scare o
Paura Russa e con il Maccartismo negli anni '50 del XXsecolo, vennero perseguitati gli intelletuali
e i progressisti, per via della svolta conservatrice e nazionalista, avviata negli USA, da Joseph
McCarthy...
Un fascicolo dell'FBI su Ray Brabdury rivela che il governo federale aveva indagato lo scrittore,
sospettato di essere un comunista, negli anni '60 e '70. Appellandosi al "Freedom of Information Act
Request", l'Huffington Post ha ottenuto una copia del file di Brabdury, e cos venuto fuori che
l'FBI controllava i timbri sul passaporto dello scrittore e piantonava la sua casa. Solo che, ad un
certo punto decisero di non avere abbastanza elementi per dare seguito all'indagine, e rinunciarono
ad interrogare lo stesso Brabdury.

Il nome di Brabdury, era stato fatto da pi informatori, compreso lo sceneggiatore Martin Berkeley,
il quale spieg, all'FBI, per filo e per segno, le connessioni fra fantascienza e comunismo.
"L'informatore ha dichiarato che la finalit generale di questi scrittori di fantascienza quella di
spaventare la gente, mettendola in uno stato di paralisi psicologica che confina con l'isteria, che
potrebbe verosimilmente portare ad una Terza Guerra Mondiale che il popolo americano si
convincerebbe di non poter vincere, dal momento che il suo morale stato distrutto."

Ma poi, evidentemente, l'FBI realizz che, sebbene avesse tuonato contro il maccartismo, lo
scrittore non aveva poi questa gran simpatia per il comunismo.
Infatti, nel 1959, durante una conferenza, aveva dichiarato che il suo libro "Il pompiere" (che poi
sarebbe diventato "Fahrenheit 451) era stato proibito in Unione Sovietica.