Sei sulla pagina 1di 5

Andrej Romanovi ikatilo

Andrej Romanovi ikatilo in russo: ? (Jablonoe, 16 ottobre 1936


Novoerkassk, 14 febbraio 1994) stato un serial killer
russo, soprannominato il Mostro di Rostov, Cittadino X,
Lo squartatore rosso oppure Il Macellaio di Rostov. Fu
accusato dell'omicidio di 53 persone (donne, bambini e
adolescenti di ambo i sessi) fra il 1978 ed il 1990.

glia.

Dopo aver nito il servizio nazionale nel 1960, si spost a Rodionovo-Nesvetaevskij e vi trov impiego come
tecnico telefonico. La prima esperienza sessuale di ikatilo avvenne nell'adolescenza quando a 18 anni salt
addosso ad una ragazza di 13 anni (un'amica di sua sorella), lott con lei per terra e le eiacul in faccia mentre la ragazza si dimenava per sfuggirgli. Questo incidente lo port ad associare il sesso alla violenza per tutta
la vita. ikatilo si spos nel 1963, con un matrimonio
organizzato dalla sorella pi giovane, mossa a compassione dall'incapacit del fratello di trovare una danzata e che gli fece conoscere una sua amica. Sebbene soffrisse di frequente impotenza ed avesse una vita sessuale
praticamente inesistente, ikatilo ebbe un glio ed una

Nel 1983 non uccise nessuno no a giugno, ma nei mesi estivi altre quattro persone, donne e bambini, caddero
preda della sua furia maniaca. ikatilo solitamente tentava di avere rapporti sessuali con le vittime, ma spesso era
incapace di raggiungere un'erezione: questo creava in lui
una furia omicida, specialmente se la donna lo derideva.
Riusciva a raggiungere l'orgasmo solo quando le pugnalava a morte. In quel tempo, nell'URSS, i crimini come
quelli commessi da ikatilo erano nascosti e reputati comuni solo nelle edonistiche nazioni capitaliste". Per questo
motivo i genitori ignoravano il crescente numero di vittime e non avvisavano i bambini dei pericoli. Quando, nonostante la mancanza di informazioni uciali, negli anni
ottanta iniziarono a circolare notizie di selvaggi omici-

Si iscrisse con successo alla Libera Universit di Arte di Rostov e nel 1971 ottenne la Laurea in Lingua
e Letteratura Russa e tent la carriera di insegnante a
Novoachtinsk. I risultati furono per scarsi, essendo incapace di ottenere una qualsiasi forma di rispetto dai suoi
alunni, ma continu la professione spostandosi di scuola
in scuola quando era sospettato di abusi sessuali. Nel ruolo di maestro, divenne un pedolo che abusava dei propri
studenti, ma non fu mai arrestato: le autorit scolastiche
1 Primi anni
preferivano licenziarlo invece di iniziare un'indagine e rovinare la reputazione della scuola. Alla ne trov lavoro
ikatilo nacque nel villaggio di Jablonoe nel 1936. La come commesso: apprott dei numerosi viaggi di lavoro
sua infanzia fu particolarmente traumatica: l'URSS sa- nell'Unione Sovietica per commettere i suoi crimini.
rebbe entrata a breve in guerra con la Germania ed i piani
sulla collettivizzazione agricola di Stalin avevano causato
devastanti carestie. ikatilo venne a sapere, tempo dopo,
di avere avuto un fratello pi vecchio rapito e divorato 2 Gli omicidi
dai vicini aamati. Sebbene non ve ne siano conferme,
storicamente accertato[1] che in Russia e in Ucraina ef- Nel 1978, ikatilo si spost a achty, una piccola citt
fettivamente si vericarono episodi di cannibalismo nel mineraria vicino a Rostov, dove commise il suo primo
periodo Stalinista. Durante la Seconda guerra mondiale, omicidio documentato. Il 22 dicembre, attir una bambiikatilo fu testimone dei devastanti eetti dei bombarda- na di 9 anni in una vecchia casa che aveva comprato in
menti tedeschi e la sua mente fu invasa da fantasie nelle segreto dalla sua famiglia, dove tent di stuprarla. Quanquali portava ostaggi tedeschi nei boschi e procedeva al- do la bambina tent di lottare, la pugnal a morte. Mentre
la loro esecuzione, fantasie che ebbero poi un nesso con lo faceva eiacul e da quel momento il suo unico modo
i suoi omicidi. Mentre suo padre era in guerra, ikati- di eccitarsi fu accoltellare donne e bambine no alla loro
lo dormiva insieme a sua madre. I frequenti episodi di morte, cosa che appunto fece in ogni omicidio. Nonostanincontinenza notturna erano da lei brutalmente puniti e te non ci fossero chiare prove che lo legavano all'omicidio
ikatilo era picchiato e umiliato. Suo padre, catturato ed della bambina, un giovane uomo, Aleksandr Kravenko,
imprigionato dai Nazisti, ritorn a casa nel 1949, ma fu fu in seguito arrestato e giustiziato per il crimine. Non
bollato come traditore e codardo (nella Russia stalinista, i uccise pi no al 1982, ma in quell'anno uccise molte
prigionieri sopravvissuti erano visti come codardi[2] ). i- volte: saggirava attorno a stazioni di autobus o treni avkatilo ebbe buoni risultati a scuola e riusc a conseguire vicinando giovani vagabondi, spingendoli ad allontanaril Diploma, ma fall l'esame di ammissione all'Universit si, e il bosco pi vicino diventava la scena per un nuovo
omicidio.
di Mosca.

4 I SUCCESSIVI OMICIDI E LA CACCIA ALL'UOMO

di, nella comunit ucraina nacquero dicerie circa stranie- to pi adabile e questo problema non pi rilevante.[3]
ri che uccidevano bambini sovietici in preparazione di Come riportato recentemente, le autorit sovietiche coinun'invasione e la presenza di lupi mannari.
volte nelle indagini furono ignorate e le loro teorie circa
Sei corpi (su un totale di quattordici vittime) furono sco- l'analisi dei campioni, ridicolizzate. Non fu inoltre possiperti. Questo port ad una risposta da parte della polizia bile ricercare altre prove basate su campioni biologici in
di Mosca: un team guidato dal maggiore Michail Fetisov quanto tali esami vennero considerati troppo dispendiofu inviato a Rostov-sul-Don per dirigere le indagini. Fe- si. Del caso specico non fu conservato alcun campione
tisov concentr le indagini intorno a achty ed assegn biologico.
all'esperto medico legale Viktor Burakov la guida delle operazioni. Furono indagati tutti i malati di mente e
i colpevoli di crimini sessuali dell'area, eliminando uno
alla volta quelli che non erano coinvolti. Un certo numero di ragazzi confess gli omicidi, ma solitamente erano
malati di mente che ammettevano le loro colpe solo dopo lunghi e brutali interrogatori. Almeno uno dei sospetti
si suicid in cella. Quando la maggior parte delle vittime
iniziarono ad essere ragazzi, le comunit gay, a quel tempo clandestine in URSS (dove l'omosessualit era un crimine), furono setacciate. Oltre 150.000 persone furono
interrogate e schedate prima che anche questa demenziale strategia fosse abbandonata. Nel 1984 furono commessi altri quindici omicidi. La polizia aument il numero di
pattuglie ed agenti in borghese alle principali fermate di
trasporti pubblici.

Arresto e rilascio

ikatilo venne trovato ad agire in modo sospetto ad una


fermata del bus a Rostov e quindi arrestato. Fu scoperto che era sotto investigazione per piccoli furti da uno
dei suoi datori di lavoro e questo diede i diritti legali per
tenerlo in stato di fermo per un prolungato periodo di
tempo. L'oscuro passato di ikatilo fu analizzato, ma non
emersero prove sucienti per incriminarlo degli omicidi. Fu accusato di altri crimini e condannato ad un anno di prigione, ma dopo solo 3 mesi, nel dicembre del
1984, fu liberato. In seguito fu rivelato che ikatilo venne inizialmente scartato dalla lista dei sospetti per causa
del suo gruppo sanguigno, diverso da quello dei campioni
di liquido seminale lasciati dall'omicida. Il medico legale aerm che ikatilo doveva essere un individuo unico, nel quale il tipo di sangue dieriva se analizzato in
un campione ematico ed in un campione di liquido seminale. Nessun altro scienziato del tempo prese sul serio
quella teoria e tutti pensarono semplicemente che i vari
campioni fossero stati mischiati erroneamente.

4 I successivi omicidi e la caccia


all'uomo
ikatilo trov un nuovo lavoro a Novoerkassk e mantenne un basso prolo. Non uccise no all'agosto del 1985,
quando commise l'omicidio di due donne in occasioni
separate. I successivi crimini furono perpetrati solo nel
maggio del 1987 quando, durante un viaggio di lavoro
a Revda, in Ucraina, uccise un giovane ragazzo. Uccise
ancora a Zaporija in giugno ed a San Pietroburgo in
settembre. La acca indagine della polizia fu rivitalizzata
nella met del 1985, quando Issa Kostoyev fu assegnato
al caso. Tutti i delitti commessi intorno a Rostov furono
attentamente esaminati ed i criminali sessuali interrogati nuovamente. Nel dicembre del 1985 furono rinnovate
le ronde intorno alle stazioni di Rostov. ikatilo segu le
indagini attentamente e, per oltre due anni, mantenne i
propri desideri sotto controllo. La polizia ingaggi anche
uno psichiatra, la prima volta nel paese in un'indagine su
un omicida seriale. Nel 1988 ikatilo torn ad uccidere,
generalmente lontano dall'area di Rostov.

Uccise una vittima a Krasny-Sulin in aprile insieme ad


altre otto persone durante l'anno, di cui due a achty.
Successivamente ci fu una lunga pausa prima di nuovi omicidi, sette ragazzi e due donne fra gennaio e novembre del 1990. La scoperta di nuove vittime port ad
un'operazione massiccia da parte della polizia. Un grande numero di forze pattugliava le stazioni di treni e bus
e molte altre aree pubbliche intorno all'area di Rostov.
Quelle pi grandi erano pattugliate da agenti in uniforme,
mentre quelle pi piccole da agenti in borghese. L'idea
dietro questa operazione era che dopo aver visto ingenti
forze di polizia nelle stazioni maggiori, il killer avrebbe
tentato di avvicinare una vittima in una stazione pi piccola, dove la presenza di agenti era meno evidente. Alcuni erano travestiti da prostitute e senzatetto e viaggiavano
In seguito, la teoria del medico legale si dimostr corret- senza meta nei posti dove i corpi delle vittime erano stati
ta. Infatti, qualche tempo dopo il denitivo arresto di i- trovati.
katilo, si scopr che mentre la maggioranza delle persone Il 6 novembre, ikatilo uccise e mutil Sveta Korostik.
secerne marker di proteine, anticorpi ed antigeni del san- Mentre lasciava la scena del crimine, fu fermato da un
gue anche negli altri uidi corporei (saliva, lacrime, su- agente che pattugliava la stazione dei treni e vide ikatilo
dore, latte, liquido seminale, ecc.), una minoranza (circa emergere dai boschi. Secondo il poliziotto, aveva un'aria
il 20% della popolazione) non possiede questa caratteri- sospetta. L'unica ragione per andare nei boschi era raccostica e, conseguentemente, l'analisi del gruppo sanguigno gliere funghi (un piatto popolare in Russia), ma ikatilo
basato su test di generici uidi corporei, fornisce risultati non era abbigliato come un cercatore di funghi: indoserrati. Al giorno d'oggi l'esame del DNA si dimostra mol- sava abiti formali e portava una borsa sportiva di nylon,

3
sicuramente non adatta a portare funghi. Inoltre, i suoi
abiti erano sporchi ed aveva delle strisce di sangue sulla
guancia e sull'orecchio. L'agente ferm ikatilo e controll i suoi documenti. Se solo avesse aperto la borsa,
avrebbe trovato i seni recisi di Sveta Korostik. Quando il
poliziotto torn nei suoi uci, compil un rapporto dove
indicava le generalit della persona fermata alla stazione
dei treni. Poco dopo l'incontro, la polizia trov due corpi, a 10 metri di distanza, vicino alla stazione Leschoz.
Fu poi trovato che una delle vittime fu uccisa nella data
in cui venne compilato il rapporto. Era la seconda volta
che ikatilo era indirettamente associato all'omicidio di
un bambino (la prima volta avvenne nel 1978, quando un
testimone riport di aver visto un uomo, la cui descrizione combaciava con ikatilo, insieme ad una ragazza che
fu poi trovata morta).

Arresto e confessione

Anche dopo l'incidente, la polizia non aveva abbastanza


prove per l'arresto ed il processo. ikatilo fu messo sotto
stretta sorveglianza, seguito e lmato da agenti sotto copertura. Il 20 novembre 1990, ikatilo lasci la sua casa con un contenitore da 300 ml di birra. ikatilo gir
per tutta la citt con il contenitore, tentando di avvicinare i bambini che incontrava sulla sua strada. Alla ne
entr in un bar dove compr la birra, lasciando alla polizia l'interrogativo sul motivo che lo spinse a camminare
per ore solo per comprare 300 ml di birra. L'insistenza
con la quale tentava di avvicinare bambini, convinse la
polizia ad arrestarlo quando usc dal bar. La polizia aveva 10 giorni per accusarlo o lasciarlo libero. A seguito
dell'arresto, la polizia fece emergere un'altra prova a carico di ikatilo: una delle sue vittime era un sedicenne
sicamente molto forte (anche se mentalmente instabile). Sulla scena del crimine furono trovati molti segni di
lotta fra la vittima ed il suo carnece ed una delle dita
di ikatilo aveva una ferita recente, un osso rotto da un
morso umano, che lui non aveva fatto curare.
La strategia usata per farlo confessare fu alquanto insolita: una delle persone che lo interrogava prese a raccontargli che tutti ritenevano che il serial killer dovesse essere un uomo molto malato e che avesse scelto di inviare
le sue richieste di aiuto uccidendo. Questo diede a ikatilo la speranza che, confessando, in caso di processo,
avrebbe potuto invocare l'infermit mentale. Inne uno
psichiatra fu mandato ad aiutarlo. Questi risult molto
simpatico al prigioniero e, dopo una lunga conversazione,
si ebbe la confessione. Da sola questa per non era sufciente e ikatilo si or di fornire le prove, dando alla
polizia la possibilit di processarlo. Fra il 30 novembre
ed il 5 dicembre, confess 56 omicidi; tre delle vittime
furono impossibili da identicare perch vennero seppellite e si trovavano in avanzato stato di decomposizione.
Non venne, quindi, accusato di questi omicidi. Il numero
di crimini commessi sconvolse la polizia, che aveva fer-

mato il conteggio solo a 36: alcuni non vennero collegati


a lui perch avvenuti troppo lontani dai territori dove ikatilo agiva, mentre altri non gli furono imputati perch
si rese necessario l'intervento dell'omicida per recuperare
i cadaveri.

6 Prigionia
Precauzioni speciali furono necessarie durante la prigionia di ikatilo. I crimini violenti a sfondo sessuale, soprattutto contro i bambini, erano un tab in Russia. I prigionieri accusati di questi reati erano degradati () allo stato di intoccabili (),
abusati, ed a volte uccisi dai propri compagni di cella.
Il problema maggiore fu che alcuni parenti delle vittime di ikatilo lavoravano nelle prigioni e la probabilit di un'esecuzione da parte loro del prigioniero, prima
del processo, era molto alta. Mentre era in cella, ikatilo era sotto stretta sorveglianza video. Sebbene a volte si
comportasse in modo bizzarro davanti agli investigatori,
il suo comportamento nella cella (dove pensava che nessuno guardasse) era assolutamente normale. Mangiava e
dormiva senza problemi, faceva ginnastica ogni mattina
e leggeva molti libri e giornali.
Dedicava molto tempo anche a scrivere lettere di lamentela alla sua famiglia, ad uciali del governo e ai mass
media. Scrivere divenne la sua passione. Quando lavorava come maestro, stilava articoli per un giornale locale, i
quali trattavano principalmente di questioni etiche e moralit. ikatilo spesso scriveva lettere anonime ad uciali del governo circa l'operato dei suoi supervisori e dei
suoi colleghi di lavoro, che accusava di trattarlo male e di
privarlo della necessaria libert per implementare le proprie idee nel posto di lavoro. Mentre era in cella, venuto
a conoscenza di un concorso indetto da un popolare giornale per eleggere l'investigatore dell'anno, vi si iscrisse,
candidando le proprie indagini per il premio.

7 Processo ed esecuzione
Fu processato il 4 aprile 1992. Nonostante il suo comportamento irriverente in aula, fu giudicato sano di mente.
Durante il processo fu tenuto in gabbia al centro dell'aula,
come reso celebre dalle immagini circolate in seguito, e
costruita per proteggerlo dai parenti delle vittime i quali,
in un'atmosfera surreale, continuarono ad urlare minacce
ed insulti a ikatilo, chiedendo alle autorit di rilasciarlo e in modo che potessero procedere in autonomia alla sua esecuzione. Molti di loro svennero quando furono
nominati i loro parenti e le guardie dovettero sedare numerose risse. Il processo termin a luglio e la sentenza
fu posticipata al 15 ottobre quando, dichiarato colpevole
di 52 dei 53 omicidi di cui era accusato, fu condannato a morte per ognuno dei crimini commessi. Quando gli
fu possibile parlare, ikatilo delir accusando il regime,

13

COLLEGAMENTI ESTERNI

alcuni leader politici, la sua impotenza (anche togliendo- [14] Conradi, 1992, p. 101.
si i pantaloni), e difendendosi citando la famosa carestia
[15] Conradi, 1992, pp. 123-124.
che colp l'Ucraina negli anni trenta (del 1932-33, ma lui
[16] Conradi, 1992, p. 256.
nacque nel 1936).
In alcuni momenti si vant di aver fatto un favore alla societ depurandola da persone inutili (molte delle sue vittime erano prostitute, alcolisti, ragazzi scappati di casa o
giovani con problemi). La condanna a morte fu eseguita con un colpo alla nuca, nella prigione di Rostov il 14
febbraio 1994, dopo che il presidente russo Boris El'cin
riut un ultimo appello di ikatilo.

[17] Conradi, 1992, pp. 133-135.


[18] Cullen, 1993, p. 146.
[19] Cullen, 1993, p. 147.
[20] Cullen, 1993, p. 152.
[21] Conradi, 1992, p. 257.
[22] Cullen, 1993, p. 156.

Lista delle vittime

Nella cultura di massa

[23] Conradi, 1992, p. 156.


[24] Cullen, 1993, p. 157.
[25] Conradi, 1992, p. 166.
[26] Cullen, 1993, pp. 160-161.

Cittadino X (1995)
Evilenko (2004)
Criminal Russia: The trail of Satan, documentario
Bambino 44 (2008), romanzo di Tom Rob Smith
Child 44 - Il bambino numero 44, regia di Daniel
Espinosa (2015)

10

Note

[1] Archivio Nazionale Della Oblast' di Vinnytsia su www.


archives.gov.ua. URL consultato il 2015-06-01.
[2]

(EN) Jayson Ducharme, A&E Biography - Andrei


Chikatilo - Part 3 su YouTube, 30 ottobre 2006. URL
consultato l'8 aprile 2014.

[3] (EN) Robert Parsons, RE: [forensic-science] NonSecreter su Yahoo! Groups, Forensic Science, 21 aprile
2004. URL consultato l'8 aprile 2014.

11 Bibliograa
Peter Conradi, The Red Ripper: Inside the Mind of
Russias Most Brutal Serial Killer, 1992, ISBN 0440-21603-6.
Richard Lourie, Hunting the Devil. The Pursuit,
Capture and Confession of the Most Savage Serial
Killer in History, 1993, ISBN 0-06-017717-9.
Robert Cullen, Killer Department, or Citizen X,
1993, ISBN 1-85797-210-4.
Carlo Lucarelli e Massimo Picozzi, Serial Killer.
Storie di ossessione omicida, Milano, Mondadori,
2003, ISBN 88-04-51634-8.
David Grieco, Il comunista che mangiava i bambini,
Elleu.

12 Voci correlate

[4] (RU) su vitaextensa.narod.ru.


URL consultato l'8 aprile 2014 (archiviato dall'url
originale il 22 ottobre 2006).

Serial killer

[5] Conradi, 1992, pp. 252-257.

Aleksandr Piukin

[6] Cullen, 1993, pp. 4647.

Vasili Komaro

[7] Cullen, 1993, p. 202.

Sergej Rjachovskij

Assassini seriali per numero di vittime

[8] Conradi, 1992, p. 82.


[9] Conradi, 1992, p. 254.
[10] Conradi, 1992, p. 93.
[11] Conradi, 1992, pp. 93-94.
[12] Cullen, 1993, p. 205.
[13] Cullen, 1993, p. 78.

13 Collegamenti esterni
Crime Library: Andrei Chikatilo, the Rostov Ripper
serial killer
Biograa di Andrej ikatilo
vittime di Andrej ikatilo

14
14.1

Fonti per testo e immagini; autori; licenze


Testo

Andrej Romanovi ikatilo Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Andrej_Romanovi%C4%8D_%C4%8Cikatilo?oldid=74665700 Contributori: Gac, Ary29, Carlomorino, Malemar, Vipera, CruccoBot, Nanae, Alb, Matra dj, Elitre, Ginosal, Ignisdelavega, Simona77, Osk,
Omniaren, Mess, Sesquipedale, Devasthead, Mr buick, Borgolibero, Vituzzu, Frazzone, Razzairpina, Avemundi, Knoxville, Tirinto, BotSchafter, TXiKiBoT, VolkovBot, BetaBot, Hal8999, SanniBot, SieBot, KiaBot, Melancholyblues, Pracchia-78, Erinaceus, Tia solzago,
Kaspobot, BotSimo82, DragonBot, Dr Zimbu, Cliophilus, Ripebot, Marco.parrilla, No2, Alexbot, IagaBot, LaaknorBot, Luckas-bot, Pierpaolo28, Nallimbot, FrescoBot, Ptbotgourou, Daniele Pugliesi, Jotterbot, AttoBot, Lospagna, Xqbot, L.Benzi, AushulzBot, AndreaRocky, LucienBOT, BenzolBot, , TobeBot, Ripchip Bot, Michi81, EmausBot, SunOfErat, ZroBot, Shivanarayana, ChuispastonBot,
Mjbmrbot, Massimiliano Panu, NewLibertine, LikeLifer, Wertec, Logged, Nikol Stafaj, Botcrux, Emanuele676, ValterVBot, JarektBot,
SamoaBot, Ripeus, Bbot e Anonimo: 77

14.2

Immagini

File:35mm_film_frames.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/42/35mm_film_frames.svg Licenza: CC0


Contributori: Opera propria Artista originale: Ebaychatter0
File:Crystal_Clear_app_Login_Manager.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/ca/Crystal_Clear_app_
Login_Manager.png Licenza: LGPL Contributori: All Crystal Clear icons were posted by the author as LGPL on kde-look; Artista originale:
Everaldo Coelho and YellowIcon;
File:Nuvola_apps_important.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f7/Nuvola_apps_important.svg Licenza: LGPL Contributori: gnome-themes-extras-0.9.0.tar.bz2 (specically Nuvola/icons/scalable/emblems/emblem-important.svg) Artista
originale: Bastique

14.3

Licenza dell'opera

Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0