Sei sulla pagina 1di 30

Osservate le foto:

quale
scegliete come
simbolo
di Roma?
Roma per tanto tempo è stata la capitale del mondo, almeno di
quello conosciuto allora, mediterraneo e occidentale. L’impero
raggiunse un’estensione massima di quasi 6 milioni di chilometri.
Roma rimase al centro dei destini del mondo per tanto tempo, fino a
che il Papa, succeduto all’imperatore come figura centrale, ha
posseduto un forte potere temporale.
LA LUPA CAPITOLINA(MUSEI
CAPITOLINI)
Fare clic sull'icona per inserire
un'immagine

IL SIMBOLO DI ROMA ED IL FORTE LEGAME CON I


SUOI ABITANTI.
Secondo il mito, infatti, la
vestale Rea Silvia venne
fecondata dal dio Marte e
partorì due gemelli,
Romolo e Remo. Il nonno
dei gemelli, Numitore, fu
scacciato dal trono di
Alba Longa dal fratello
Amulio. Per evitare che i
nipoti, diventati adulti,
potessero rivendicare il
trono usurpato, Amulio
ordinò che fossero gettati
nel Tevere in una cesta.
Questa cesta si incagliò
sul fiume alle pendici di un
colle, dove i gemelli
furono trovati da una lupa
che si prese cura di loro
finché non furono trovati
dal pastore Faustolo.
LA FONTANA DI TREVI, 1735
Fare clic sull'icona per inserire
un'immagine

Progettata nel Settecento da Salvi e terminata da


Pannini.
La più nota e antica
tradizione vuole che chi
lanci una monetina
mettendosi di spalle alla
fontana, tenendo gli
occhi chiusi e con la
mano destra sulla spalla
sinistra, avrà la garanzia
di tornare nella Città
Eterna.
Un’altra leggenda
prescrive di lanciare tre
monete nella fontana,
ognuna delle quali
equivale a un desiderio:
la prima moneta è legata
al ritorno a Roma; la
seconda all’incontro con
l’amore della propria vita
e la terza all’avverarsi
del desiderio di
matrimonio.
La statua al centro della
fontana rappresenta
Oceano, personificazione
di un immenso fiume che
scorre attorno alla terra
da cui derivano tutti i
corsi d’acuqa.
La barba di Oceano è
simbolo di saggezza e
potere.
Lo scettro è corto e
spesso, simile a quelli
tenuti in mano dagli
Imperatori Romani e
ritratti i molte statue e
monete antiche.
Il cavallo
imbizzarrito
simboleggia la
forza violenta del
mare. Quello calmo
invece la placida
tranquillità del
mare.
Salute è
coronata con un
ramo di alloro, la
pianta sacra ad
Apollo. Apollo
era il padre di
Esculapio, dio
della Medicina.
Salute (Salus in
Latin, Hygieia in
greco) era la
figlia di
Esculapio.
La statua
dell'Abbondanza
regge il simbolo
di ricchezza, un
corno pieno di
frutti e monete.
IL COLOSSEO
Fare clic sull'icona per inserire
un'immagine
Il suo vero nome è
Anfiteatro Flavio, dalla
dinastia di imperatori che
volle la sua costruzione,
mentre Colosseo deriva da
una statua, il Colosso di
Nerone, che si trovava
vicino e che non si è
conservata.
Fu costruito tra il 70 d.C. e
il 72 d.C., sotto il mandato
dell’imperatore Vespasiano
e fu completato nell’80 d.C..
Simbolo del potere di
tutto un impero, dove leoni
e gladiatori si
affrontavano davanti
centinai di persone.
l’Anfiteatro infatti
possedeva 50.000 posti
disposti su ottanta file di
gradinate.
Fu utilizzato per quasi 500
anni e gli ultimi giochi si
celebrarono nel secolo VI.
Sebbene la struttura sia
seriamente danneggiata, a
causa soprattutto dei
terremoti, il Colosseo è
sempre stato considerato
il maggior simbolo della
Roma Imperiale, oltre
che l’esempio meglio
conservato
dell’architettura
romana. Inoltre il 7
luglio del 2007 fu
riconosciuto come una
delle nuove sette
meraviglie del mondo
moderno.
2.Guardate il video e
abbinate le fotografie ai
luoghi
Piazza Navona.La piazza(stile barocco), sorge
dove anticamente si trovava lo Stadio Domiziano.
M.Agrippa L.F.Cos. Tertium.Fecit
“Marco Agrippa, figlio di Lucio, console per la terza volta,
edificò”
Pantheon, in greco, è il luogo in cui si riuniscono tutti gli Dei.
Fu costruito per accogliere le statue di molte divinità della
Roma pagana.
La cupola del Pantheon è una delle meraviglie delle costruzioni di tutti i tempi:
un vero gioiello che ha retto a 2000 anni di terremoti. La cupola in calcestruzzo,
infatti, venne costruita seguendo una tecnica che usava materiali sempre più
leggeri mentre dal basso ci si spostava verso l’alto. Gli architetti usarono un
conglomerato particolarmente leggero. Sotto alle pietre c’è una struttura di legno a
cui bisogna aggiungere molti archi di scarico su cui si distribuisce il peso.
Il Palazzo del Quirinale è un palazzo storico di Roma, posto
sull'omonimo colle e affacciato sull'omonima piazza; essendo dal
1870 la residenza ufficiale del Re d'Italia e dal 1946 del Presidente
della Repubblica Italiana, è uno dei simboli dello Stato italiano.
Palazzo di
Montecitorio, sede
della Camera dei
Deputati, fu
commissionato al
Bernini nel 1653
Castel Sant’Angelo, edificato intorno al 123 d.C. come sepolcro per
l'imperatore Adriano e la sua famiglia. Nel 590, mentre la peste devastava
la città, il Papa Gregorio I vide sulla cima del castello l'Arcangelo Michele,
che gli annunciò la fine dell’epidemia. In ricordo all'apparizione
dell'Arcangelo, l’edificio è coronato da una statua che raffigura un angelo..
La Basilica di San Pietro accoglie al suo interno la Santa Sede
ed è il tempio più importante della Chiesa Cattolica, dove il
Papa celebra le liturgie più rilevanti.
La costruzione della basilica iniziò nel 1506 e terminò nel 1626.
La Basilica di San Pietro può contenere fino a 20.000
persone. È alta 190 metri e la navata centrale è alta 46 metri,
mentre la cupola raggiunge i 136 metri d'altezza.
Uno degli elementi architettonici più spettacolari della basilica
è la sua cupola. Fu progettata da Michelangelo e fu eseguita da
Giacomo Della Porta nel 1914.
Campo de’ Fiori è una delle piazze più famose di Roma. Ha una doppia
anima: al mattino è un mercato popolare dove risuonano le voci dei
romani che vendono frutta e verdura; di sera è una piazza animata,
soprattutto da turisti, attratti dai localini che circondano la piazza.
L’avvenimento più importante della storia di Campo de’ Fiori è il rogo di Giordano Bruno, il filosofo
domenicano arso vivo proprio in questa piazza il 17 febbraio del 1600 perché accusato di eresia per
aver appoggiato la teoria eliocentrica di Copernico e Galilei. La statua bronzea venne collocata nella
piazza nel 1887. Ai lati del monumento ci sono otto medaglioni che ricordano scene della vita del
filosofo e ritraggono eretici famosi. A celebrare Giordano Bruno c’è la scritta di Giovanni Bovio: “A
Bruno il secolo da lui divinato, qui dove il rogo arse”.
Piazza del Campidoglio
• Circondata su tre lati da grandiosi
palazzi ospita la sede del
Comune della capitale e gli
imperdibili Musei Capitolini.
Progettata da Michelangelo nel
1534-1538 su incarico di Papa
Paolo III per riqualificare la zona
in stato di abbandono ( era ormai
pascolo per le capre), si trova sul
colle Campidoglio, (da cui
deriva il suo nome), uno dei sette
colli su cui fu fondata la città.