Sei sulla pagina 1di 330

SFIDE E OPPORTUNITA NEL CAUCASO E IN ASIA CENTRALE

Ricerca realizzata con il contributo del Ministero degli Affari Esteri

A cura di: Aldo Ferrari, Carlo Frappi, Matteo Fumagalli, Paolo Sartori, Silvia Tosi, Fabrizio Vielmini

Copyright 2007 ISPI - Istituto per gli Studi di Politica Internazionale

INDICE

SFIDE E OPPORTUNITA NEL CAUCASO E IN ASIA CENTRALE. INTRODUZIONE ALLA RICERCA Aldo Ferrari Caucaso e Asia centrale: da periferie imperiali a oggetti di competizione geopolitica Il Caucaso: una frontiera europea? Asia centrale: finalmente Heartland Quale politica europea in Caucaso e Asia centrale? GEORGIA, ARMENIA, AZERBAIGIAN: UNA CHANCE EUROPEA? Aldo Ferrari Introduzione LEuropa e il Caucaso: uno sguardo storico Georgia, Armenia e Azerbaigian dopo la fine dellUrss LUnione Europea in cerca di una politica caucasica La Georgia: una posizione privilegiata? Conclusioni LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA TRANSCAUCASIA Silvia Tosi Introduzione: la gravosa eredit della transizione Dalla transizione allo sviluppo Conclusioni IL TRANSCAUCASO NELLA POLITICA ESTERA DELLA TURCHIA Carlo Frappi Introduzione Le origini della politica estera turca verso gli Stati di Nuova Indipendenza (1991-1993) Ridefinizione pragmatica della politica transcaucasica (1994-2000) Il processo di revisione della politica transcaucasica turca a partire dal 2000 Conclusioni 66 69 81 92 96 29 33 65 10 10 15 18 24 27 1 4 5 7

FONTI ENERGETICHE E INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO Silvia Tosi Le risorse energetiche del bacino del Mar Caspio Il trasporto delle risorse attraverso il Caucaso: ragioni economiche e Grande Gioco politico-strategico Conclusioni: lEuropa, la sicurezza energetica e il cosiddetto Grande Gioco del Caspio LEVOLUZIONE DELLE STRATEGIE RUSSE NEL CAUCASO (1991-2006) Aldo Ferrari Introduzione Il Caucaso settentrionale La Transcaucasia Putin e la politica caucasica della Russia Conclusioni LA DIMENSIONE STRATEGICA DELLASIA CENTRALE TRA RUSSIA, CINA E USA Matteo Fumagalli Introduzione Ripensare le dinamiche di integrazione e frammentazione regionali Limportanza strategica del sistema regionale centroasiatico Russia: verso la ricostruzione di un ordine esogeno? Gli Stati Uniti e i dilemmi di sicurezza e democratizzazione Cina: stabilit e sicurezza energetica Orientamenti strategici delle repubbliche centroasiatiche Il riallineamento strategico dalla partnership tra Usa e Uzbekistan al consolidamento della Sco Conclusioni CONTINUITA POST-SOVIETICA, AUTORITARISMO POLITICO E DIRITTI UMANI IN ASIA CENTRALE Fabrizio Vielmini Introduzione Dietro gli sforzi della democratizzazione: il paradigma della transizione Le traiettorie istituzionali delle cinque repubbliche dopo lindipendenza Problemi nella definizione della sfera politica centroasiatica: sfide interne Il contesto esterno. La democratizzazione nel contesto della competizione geopolitica regionale. Leffetto delle rivoluzioni colorate Conclusioni 196 197 201 214 229 234 158 160 166 171 174 176 177 186 193 130 131 136 143 156 98 105 128

LISLAM IN ASIA CENTRALE TRA RECUPERO DELLA TRADIZIONE E MOVIMENTI RADICALI: IL CASO UZBEKO Paolo Sartori Introduzione Alcuni elementi caratteristici dellIslam in Asia centrale LIslam in Asia centrale durante lepoca sovietica LIslam non ufficiale Dalla perestrojka allindipendenza: lepoca della re-islamizzazione Mujaddidiyya e vahhobiylar Uno sguardo alla predicazione e allIslam online Conclusioni LE RISORSE ENERGETICHE E LE ECONOMIE CENTROASIATICHE Silvia Tosi Introduzione La transizione economica post-sovietica Le risorse energetiche centroasiatiche: entit e localizzazione Lesportazione delle risorse: vincoli geografici, esigenze economiche e obiettivi politico-strategici Le repubbliche centroasiatiche allinterno della partita energetica: allineamenti e politiche multivettoriali LUNIONE EUROPEA E LASIA CENTRALE Aldo Ferrari Introduzione LUnione Europea e la Nuova via della seta Altri accordi di cooperazione La questione della sicurezza Quale strategia europea per lAsia centrale? LUnione Europea e la societ civile in Asia centrale Conclusioni IL GRUPPO DI RICERCA 305 307 310 312 316 321 323 325 272 272 283 288 301 238 240 246 251 254 256 263 271

SFIDE E OPPORTUNIT NEL CAUCASO E IN ASIA CENTRALE. INTRODUZIONE ALLA RICERCA Aldo Ferrari

Questa ricerca, che si sviluppata tra il 2006 ed il 2007 grazie alla collaborazione tra il Ministero degli Esteri e lIspi, ha preso in considerazione due aree il cui significato sta rapidamente crescendo sulla scena internazionale, anche in unottica europea. In particolare, a partire dal 2004 Bruxelles ha inserito le tre repubbliche del Caucaso meridionale nella Politica Europea di Vicinato e pi di recente, soprattutto sotto limpulso della presidenza tedesca, sta intensificando il suo interesse per lAsia centrale 1 . La sempre maggiore rilevanza di Caucaso e Asia centrale regioni ancora complessivamente poco note, soprattutto nel nostro paese 2 richiede una rapida estensione degli studi storici, politici, economici e socio-culturali su queste regioni. La presente ricerca si pone come un contributo in questa direzione. 1. Caucaso e Asia centrale: da periferie imperiali a oggetti di competizione geopolitica Il Caucaso e lAsia centrale sono in effetti due regioni storicamente e geograficamente distinte, ma con alcuni punti di forte contatto che consentono e in un certo senso impongono di osservarle in parallelo. In primo luogo perch entrambe queste regioni sono frutti tardivi dellespansione imperiale della Russia 3 . La conquista zarista del Caucaso ha avuto luogo tra il 1780 circa ed il 1864, quella dellAsia centrale tra il 1865 ed il 1885. Entrambe le aree sono state al centro di quella rivalit geopolitica tra limpero russo e quello britannico nota con il

Si vedano a questo riguardo i miei studi Georgia, Armenia, Azerbaigian: una chance europea?, ISPI Working Paper n. 1, ottobre 2006, http://www.ispionline.it/it/documents/wp_1_2006.pdf e LUnione Europea e lAsia centrale, ISPI Policy Brief n. 52, maggio 2007, http://www.ispionline.it/it/documents/pb_52_2007.pdf. 2 Occorre tuttavia segnalare la nascita, avvenuta nel 2004, della Associazione per lo Studio in Italia dellAsia centrale e del Caucaso (Asiac), al cui interno collaborano gli specialisti che si occupano di queste regioni nellambito di varie discipline. Cfr. http://www..asiac-centre.it. 3 Per la conquista del Caucaso e dellAsia centrale si veda A. KAPPELER, La Russia. Storia di un impero multietnico, tr. it., Roma, 2006, pp. 151-183.

suggestivo e kiplinghiano nome di Grande Gioco 4 . Tanto il Caucaso quanto lAsia centrale hanno poi fatto parte della compagine sovietica, subendone ampiamente il destino, pur se con proprie peculiarit. In entrambe queste regioni, con leccezione del Kazachstan settentrionale, la colonizzazione russa stata molto limitata. In epoca sovietica luna e laltra regione sono state oggetto di processi di ingegneria etno-politica che avrebbero dovuto consentire la realizzazione del socialismo su una base nazionale, nel senso che come in tutta lUrss si cerc di creare entit nazionali laddove le identit erano in realt di tipo clanico, assai spesso multi-linguistiche. Tale politica di territorializzazione delle identit etniche alla base di molti degli odierni conflitti. Soprattutto lo sviluppo delle tre repubbliche indipendenti del Caucaso meridionale Georgia, Armenia e Azerbaigian gravemente ostacolato dal perdurare dei conflitti congelati in Abkhazia, Ossetia meridionale e Alto Karabakh. Questo tipo di conflitti non caratterizza invece le cinque repubbliche ex sovietiche dellAsia centrale (Turkmenistan, Uzbekistan, Kazachstan, Kirgizistan e Tagikistan), abitate quasi completamente da popolazioni di lingua turca (ed eccezione del Tagikistan, dove si parla una lingua iranica). Tuttavia, anche in questi paesi lingegneria etnico-linguistica di epoca sovietica stata particolarmente deficitaria. Nessuna di queste repubbliche ha frontiere razionali e ognuna di esse contiene consistenti minoranze nazionali 5 . Nel complesso. allinterno dello spazio prima imperiale e poi sovietico il Caucaso e lAsia centrale erano aree di frontiera, periferie lontane dalle zone di maggior rilevanza geopolitica. La situazione profondamente mutata con la dissoluzione dellUrss. Lintera fascia meridionale dellex-Urss costituisce oggi un settore fondamentale del cosiddetto Grande Medio Oriente (o Grande Asia centrale), lenorme spazio, fondamentale su scala globale per le sue ricchezze energetiche, che va dalle coste orientali del Mar Nero alle frontiere della Cina 6 . Venuta meno legemonia di Mosca, il Caucaso e lAsia centrale si trovano attualmente allincrocio di un complesso gioco geopolitico che trascende la dimensione locale. In particolare, in questi anni il ruolo della Turchia e dellIran in Asia centrale (come anche nel Caucaso) stato pi limitato di quanto si pensasse subito dopo la fine dellUrss 7 . Nonostante la profonda crisi postCfr. P. HOPKIRK, Il Grande Gioco, tr. it., Milano, 2004 e K. MEYER, La polvere dellimpero. Il grande gioco in Asia centrale, tr. it., Milano, 2004. 5 Cfr. O. ROY, La Nouvelle Asie Centrale ou la fabrication des nations, Paris, 1997 e P. JONES LUONG (ed.), The Transformation of Central Asia. States and Societies from Soviet Rule to Independence, Ithaca, 2004, pp. 332. 6 Cfr. M.R. DJALALI - Th. KELLNER, Moyen-Orient, Caucase et Asie Centrale: des concepts gopolitiques construire et reconstruire?, in Central Asian Survey, 19, 2000, 1, pp. 117-140. 7 Sul ruolo della Turchia nel Caucaso si veda S. VANER, La politique transcaucasienne de la Turquie, in M.R. DJALALI, Le Caucase post-sovitique: la transition dans le conflit, Bruxelles/Paris, 1995, pp. 169-179; M. FUMAGALLI, Le iniziative regionali della Turchia, in A. COLOMBO et al., Il Grande Medio Oriente. Il nuovo arco dellinstabilit, Milano, 2002, pp. 109158; N.G. KIREEV (ot. red.), Turcija medu Evropoj i Aziej, Moskva, 2001, soprattutto pp. 3564

sovietica degli anni Novanta dello scorso secolo, tanto nel Caucaso quanto in Asia centrale invece la Russia che continua a giocare nella regione una partita ritenuta decisiva per la sua sopravvivenza come superpotenza, almeno regionale, contrastando entro certi limiti la penetrazione strategica ed economica degli Stati Uniti 8 . Washington, a sua volta, interessata in primo luogo ad evitare il riemergere di un impero euroasiatico che potrebbe ostacolare lobbiettivo geostrategico americano 9 . Nel Caucaso come nellAsia centrale ex-sovietica Washington conduce quindi una politica di penetrazione massiccia che oggettivamente tende a privare la Russia del tradizionale ruolo dominante. Uno specialista come Stephen Blank ha scritto esplicitamente: States and analysts may talk of international relations as if a new liberal dispensation had come to pass. But, as in earlier times, they act according to long-standing tenets of realism and realpolitik. The quest for energy, the source of all the talk of a new great game between Russia and United States, cannot be understood or separated apart from more traditional and competitive geostrategies aiming to integrate the Transcaspian into a Western, or Russian ecumene 10 . Secondo la maggior parte degli analisti, proprio la competizione politica, strategica ed economica non cruenta, ma reale tra Stati Uniti e Russia nei paesi post-sovietici dellAsia centrale e del Caucaso costituisce il dato saliente delle dinamiche dellintera regione. Per alcuni aspetti questa competizione richiama certamente il great game ottocentesco, ma la suggestione di questo parallelo storico non deve condizionare oltre misura lanalisi della situazione odierna, che determinata da fattori in larga misura differenti da quelli ottocenteschi. In particolare, occorre tener presente la pluralit di agenti statuali locali, superstatuali (Nato, Ue, Osce, Guuam) e sub-statuali (multinazionali, Ong, lobbies di vario tipo, diaspore, organizzazioni criminali, gruppi terroristici e cos via) che interagiscono a livelli diversi nella regione 11 . Da un punto di vista strategico, tuttavia, la dinamica principale della grande regione caucasico-centroasiatica pu
485; M. AYDIN, Turkeys Policies toward the South Caucasus and its Integration in EU, in Quaderni di Relazioni Internazionali, 2006, 1, pp. 51-62; C. FRAPPI, Il Transcaucaso nella politica estera della Turchia, ISPI Working Paper n. 3, ottobre 2006, http://www.ispionline.it/it/documents/wp_3_2006.pdf. Per quel che riguarda lIran si vedano invece gli studi di M.R. DJALALI, LIran et la Transcaucasie, in IDEM, Le Caucase postsovitique: la transition dans le conflit, cit., pp. 181-195 e R. REDAELLI, Gli assi strategici della politica estera iraniana alla luce dellattuale evoluzione politica interna, in A. COLOMBO et al., Geopolitica della crisi. Balcani, Caucaso e Asia centrale nel nuovo scenario internazionale, Milano, 2001, soprattutto pp. 471-483. 8 Cfr. A. VITALE, La politica estera russa e il Caucaso, in Quaderni di Relazioni Internazionali, 2006, 1, pp. 40-50; A. FERRARI, L'evoluzione delle strategie russe nel Caucaso (1991-2006), ISPI Working Paper n. 5, ottobre 2006, http://www.ispionline.it/it/documents/ wp_5_2006.pdf. 9 Z. BRZEZINSKI, La grande scacchiera, tr. it., Milano, 1998, p. 121. 10 S. BLANK, Every Shark East of Suez: Great Power Interests, Policies and Tactics in the Transcaspian Energy Wars, in Central Asian Survey, 18, 1999, 2, p. 150. 11 Cfr. M. EDWARDS, The New Great Game and the New Great Gamers: Disciples of Kipling and Mackinder, in Central Asian Survey, 22, 2003, 1, pp. 83-102.

essere definita di competizione egemonica tra Russia e Stati uniti, con la Cina che per adesso non si ancora posta come attore di primo livello nellarea, ma lo far con ogni probabilit nei prossimi decenni 12 . In tale contesto il ruolo dellUnione Europea tutto da individuare. 2. Il Caucaso: una frontiera europea? Se per alcuni aspetti il Caucaso e lAsia centrale possono essere visti in parallelo, occorre per tener ben presenti le specificit anche notevoli esistenti tra le due aree ed allinterno di esse. A differenza dellAsia centrale, il Caucaso storicamente oltre che geograficamente vicino allEuropa, di cui costituisce sin dallantichit la frontiera pi estrema. Il dato saliente di questa regione proprio il suo essere un confine, storico-culturale prima ancora che geografico. In effetti il Caucaso ha separato per millenni gli spazi delle steppe eurasiatiche dai sistemi politici e culturali complessi del Vicino Oriente. Conseguenza di questa situazione stata lestrema frammentazione etno-linguistica e culturale della regione e la sua sostanziale divisione in due parti, luna a nord laltra a sud dello spartiacque, caratterizzate da dinamiche ampiamente autonome 13 . Solo la conquista zarista riusc ad unificare i due versanti del Caucaso, inserendoli durevolmente in un unico sistema politico e culturale. Dopo la dissoluzione dellUrss, tuttavia, le due aree sono tornate a dividersi. La parte settentrionale appartiene alla Federazione Russa, mentre quella meridionale costituita dalle tre repubbliche divenute indipendenti dopo il 1991: Georgia, Armenia e Azerbaigian. Entrambe le parti del Caucaso sono state scosse da violenti conflitti inter-etnici, in larga misura ancora irrisolti. La tragica questione cecena costituisce il principale, ma non lunico fattore di instabilit del Caucaso settentrionale, dove la Russia non ancora riuscita a trovare una politica di stabilizzazione della regione che vada oltre la mera repressione 14 . Il Caucaso meridionale ha invece visto il difficile cammino verso lindipendenza di Georgia, Armenia e Azerbaigian. Oltre alle numerose difficolt di carattere culturale, sociale ed economico derivanti dal lascito sovietico, che ne ostacolano il cammino verso una compiuta democrazia, questi paesi hanno pesantemente risentito della persistenza dei conflitti congelati in Abkhazia e Ossetia meridionale, in Georgia, e nellAlto Karabakh, tra Armenia e Azerbaigian. Conflitti di carattere interetnico, certo, ma la cui mancata soluzione dipende largamente dalla rivalit geopolitica di agenti esterni, che ha sostanzialmente preso in ostaggio i popoli della regione. Si tratta infatti di una regione fortemente conflittuale, nella quale sta avendo luogo una sempre pi contrastata transizione egemonica dalla Russia
12

Per il quadro della situazione geopolitica dellAsia centrale si veda nellambito di questa ricerca lo studio di M. FUMAGALLI, La dimensione strategica dellAsia centrale tra Russia, Cina e Usa. 13 Cfr. A. FERRARI, Il Caucaso. Popoli e conflitti di una frontiera europea, Roma 2005, pp. 8-9. 14 Cfr. A. FERRARI, L'evoluzione delle strategie russe nel Caucaso (1991-2006), cit.

agli Stati Uniti 15 . Si tenga presente che dopo la dissoluzione dellUnione Sovietica proprio attraverso il Caucaso meridionale che stato deciso di far passare un fondamentale corridoio di gasdotti e oleodotti per convogliare sui mercati occidentali le risorse energetiche del Caspio e dellAsia centrale 16 . Tuttavia, gli stessi percorsi di oleodotti e gasdotti che escludono lArmenia in quanto fedele, ancorch obbligata, alleata di Mosca nella regione mostrano chiaramente linterdipendenza dei conflitti etno-territoriali della regione con la competizione strategica ed economica delle potenze esterne. La stabilit del Caucaso in particolare di Georgia, Armenia e Azerbaigian e le sue potenzialit di sviluppo dipendono essenzialmente dallequilibrio con cui gli agenti interni ed esterni si muoveranno in una situazione che rimane estremamente complessa e problematica. E infatti fondamentale che la regione possa sottrarsi allodierna situazione di faglia geopolitica per far s che la sua posizione strategica divenga occasione di sviluppo e non di conflitto. Da questo punto di vista, nonostante tutti i dubbi e le difficolt, linserimento delle tre repubbliche del Caucaso meridionale nella Politica Europea di Vicinato costituisce nel complesso uno sviluppo potenzialmente positivo tanto per lUnione Europea quanto per i paesi della regione 17 . E questo anche a prescindere dalla prospettiva ufficialmente non in agenda di una futura membership di Georgia, Armenia e Azerbaigian. 3. Asia centrale: finalmente Heartland Rispetto al Caucaso, lAsia centrale appare invece decisamente altra rispetto alle dinamiche storiche europee. Si tratta in effetti della regione pi settentrionale del mondo musulmano, che solo la dominazione russa e sovietica ha avvicinato parzialmente alle dinamiche occidentali. Prima della rivoluzione alcuni suoi centri, in particolare Bukhara e Samarcanda, avevano avuto per secoli un ruolo rilevante nel mondo islamico. Da un punto di vista economico si tratta di paesi molto arretrati, che nellambito russo e poi sovietico erano caratterizzati da una posizione quasi coloniale, visibile ad esempio nella monocultura del cotone, soprattutto in Uzbekistan. Negli ultimi decenni sovietici le repubbliche dellAsia centrale conobbero un notevole incremento demografico, facendo anche prevedere in un libro di Hlne Carrre DEncausse tanto famoso quanto poi
Si veda il mio articolo, La Georgia tra Federazione Russa e Stati Uniti: un modello di transizione egemonica?, in A. COLOMBO (a cura di), La sfida americana. Europa, Medio Oriente e Asia orientale di fronte allegemonia globale degli Stati Uniti, ricerca CeMISS/ISPI, Milano, 2006, pp. 56-78. 16 Si veda lo studio di S. TOSI, Fonti energetiche e infrastrutture di trasporto, ISPI Working Paper n. 4, ottobre 2006, http://www.ispionline.it/it/documents/wp_4_2006.pdf. 17 Si vedano a questo riguardo anche il volume The South Caucasus: a challenge for the EU, Chaillot Paper n. 65, December 2003 e lo studio di S. E. CORNELL, The Caucasus: A Challenge for Europe, http://www.silkroadstudies.org/new/docs/Silkroadpapers/0606Caucasus. pdf.
15

clamorosamente smentito che tale processo avrebbe provocato la fine dellUrss 18 . Le cose, come sappiamo, non andarono cos, anzi le repubbliche centroasiatiche furono per cos dire costrette a subire unindipendenza che non avevano richiesto ed alla quale non erano preparate. La dissoluzione dellUrss e la ricchezza energetica di alcune di queste repubbliche (in particolare Kazachstan e Turkmenistan sono grandi produttori di gas e petrolio) hanno notevolmente accresciuto limportanza dellAsia centrale nello scenario politico internazionale 19 , facendola divenire almeno in parte quellHeartland, regione-perno degli equilibri mondiali, che i geopolitici hanno visto in essa sin dalle teorizzazioni di Mackinder ai primi del Novecento. Ciononostante, rispetto alle violente convulsioni del Caucaso post-sovietico, la situazione dellAsia centrale poteva apparire relativamente tranquilla sino a pochi anni fa. Nonostante lestrema arretratezza e i numerosi potenziali conflitti, solo il Tagikistan (che confina con Iran e Afghanistan) ha conosciuto nei primi anni postsovietici una vera guerra civile, che vide fronteggiarsi uno schieramento islamista e uno laico, con la vittoria di questultimo, appoggiato dalla Russia. In tre delle repubbliche centroasiatiche al potere sono rimaste le stesse persone che lo detenevano in epoca sovietica come segretari del partito comunista locale: Nazarbaev nel Kazachstan, Karimov nellUzbekistan, Niyazov nel Turkmenistan. Uneccezione era costituita da Akaev, presidente del Kirgizstan sino al 2005, che proveniva dallambito accademico, mentre Rakhmonov si afferm nel Tagikistan dopo la conclusione della guerra civile. Queste figure, a volte collettivamente chiamate nuovi khan 20 , sono riuscite in effetti a mantenere nei loro paesi una relativa stabilit che per, con la parziale eccezione del Kazachstan, non ha determinato n un sensibile miglioramento del livello di vita delle popolazioni n una reale democratizzazione. Dopo la dissoluzione dellUnione Sovietica, in tutti questi paesi il potere quindi rimasto sostanzialmente in mano allantica classe dirigente comunista, riciclatasi nel nuovo contesto politico con modalit di governo di tipo nazionalista, clanico e autoritario 21 . Soprattutto il Turkmenistan del duce Niyazov e lUzbekistan di Karimov si sono in effetti dimostrati particolarmente illiberali, con la tendenza a definire islamista ogni forma di

Cfr. H. CARRRE DENCAUSSE, Esplosione di un impero? La rivolta delle nazionalit in Urss., tr. it., Roma, 1988. 19 Si veda, nellambito di questa ricerca, lo studio di S. TOSI, Le risorse energetiche e le economie centroasiatiche. 20 Cfr. G.P. CAPITANI, I nuovi khan: popoli e stati nellAsia centrale desovietizzata, Milano, 1996. 21 Su questo tema rimando allinterno di questa ricerca allo studio di F. VIELMINI, Continuit post-sovietica, autoritarismo politico e diritti umani in Asia centrale. Si vedano inoltre il recente studio di S.F. STARR, Clans, Authoritarian Rulers, and Parliaments in Central Asia, Silk Road Paper, June 2006, http://www.silkroadstudies.org/new/docs/Silkroadpapers/0605Starr_Clans.pdf e anche J. KOHLER - Ch. ZURCHER, Conflict and the State in the Caucasus and Central Asia: An Empirical Research Challenge, Institut der Freien Univesitt, Berlin, 2004, soprattutto pp. 5667.

18

opposizione politica e a reprimerla duramente in quanto tale 22 . La stabilit dei regimi presidenziali della regione ha per iniziato a incrinarsi nella primavera del 2005, che vide la caduta di Akaev in Kirghizstan e i gravi disordini che si verificarono nella citt uzbeka di Andijan. Il cambiamento geopolitico verificatosi su scala globale dopo l11 settembre 2001 ha coinvolto profondamente lAsia centrale, dove si assistito in questi anni a un tentativo di penetrazione degli Stati Uniti che, dopo liniziale successo, sembra essere al momento sostanzialmente fallito 23 . Da un punto di vista geopolitico la regione appare al momento pi orientata verso la Russia e la Cina, che rispetto agli Stati Uniti sono pi vicini, da un punto di vista non solo geografico, ma anche politico e culturale. Mosca e Pechino, tra laltro, sembrano capaci di collaborare fruttuosamente nella regione, soprattutto nellambito dellOrganizzazione per la Sicurezza di Shanghai, che riunisce Russia, Cina e paesi centroasiatici. 4. Quale politica europea in Caucaso e Asia centrale? Il problema dellEuropa quindi quello di inserirsi in queste complesse dinamiche caucasiche e centroasiatiche, individuando le modalit pi opportune e produttive e valutando attentamente i rischi connessi a un suo maggior coinvolgimento. Il Caucaso intendendo ovviamente le repubbliche indipendenti di Georgia, Armenia e Azerbaigian, mentre la parte settentrionale della regione resta inserita nella Federazione Russa relativamente pi agevole per i maggiori contatti storico-culturali esistenti con lEuropa (soprattutto per quel che riguarda le prime due). Almeno uno di questi paesi, la Georgia, inoltre apertamente filooccidentale e particolarmente desiderosa di affermare la sua identit europea (anche in prospettiva politica), ovviamente in chiave anti-russa. Pi complessa invece la posizione dellArmenia, la cui propensione europea controbilanciata da forti e indispensabili rapporti con la Russia. LAzerbaigian, infine, il paese pi rilevante della regione da un punto di vista economico e strategico, al tempo stesso il meno vicino alla prospettiva europea per ragioni storico-culturali e politiche. Nel complesso, tuttavia, linserimento di questi paesi nella Politica Europea di Vicinato a partire dal 2004 ha una plausibilit che potrebbe ulteriormente aumentare se la Turchia venisse accolta nellUnione Europea, ma deve evidentemente fare i conti con una situazione geopolitica fortemente segnata dai conflitti interni e dalla rivalit tra Stati Uniti e Russia.
Su queste dinamiche e per un vasto quadro del ruolo dellislam in Asia centrale si veda lo studio di P. SARTORI, Lislam in Asia centrale, tra recupero della tradizione e movimenti radicali: il caso uzbeko, 23 Cfr. F. VILLIER (pseud. Di F. VIELMINI), Les tats-Unis en Asie centrale: Chronique dune dfaite annonce, in Outre-terre Revue franaise de gopolitique, 2006, 17, e S. BLANK, America Strikes back? Geopolitical Rivalry in Central Asia and Caucasus, in Central AsiaCaucasus Analyst, 17 May 2006, http://www.cacianalyst.org/view_article.php?articleid=4233.
22

Nei confronti dellAsia centrale lUnione Europea si trova invece in una situazione quanto mai complessa. Il suo peso nella regione ovviamente limitato dalla distanza geografica e dalla scarsa quantit e qualit dei rapporti tradizionali, nonch dallassenza di stati europei che si propongano come sponsor nei confronti di quelli locali. Le repubbliche post-sovietiche dellAsia centrale hanno inoltre dinamiche politiche e sociali molto particolari, che le distaccano completamente dal paradigma dei paesi in transizione dellEuropa orientale e li avvicinano per certi aspetti piuttosto ad altri stati asiatici e musulmani come il Pakistan o lIran. Da questo punto di vista molto importante che lUnione Europea riesca in tempi brevi ad aumentare sensibilmente la propria capacit di analisi politica e culturale, oltre che economica, di una regione cos complessa 24 . Come stato osservato, sono necessarie nuove chiavi di lettura e paradigmi dinterpretazione della realt regionale in modo da uscire dalla gabbia interpretativa e dal peso ideologico del paradigma della transizione25 . Al tempo stesso, tuttavia, lUnione Europea ha forti e crescenti interessi economici in Asia centrale, soprattutto per quel che riguarda la necessit di trovare forniture energetiche alternative. Di grande rilievo sono anche le questioni di sicurezza, riguardanti in primo luogo il vicino Afghanistan, nonch le dinamiche terroristiche, il traffico di armi e stupefacenti e cos via 26 . La crescente attenzione dellUnione Europea, sancita soprattutto dalla attuale presidenza tedesca, ha quindi fondate motivazione, ma deve naturalmente declinarsi in maniera prudente e sulla base di un chiaro progetto di lunga durata. Occorre soprattutto che Bruxelles individui con attenzione i suoi concreti interessi strategici, che devono per quanto possibile raccordarsi e non porsi in contrasto con quelli degli altri attori che agiscono nella regione. Con gli Stati Uniti, naturalmente, ma anche con la Russia, che ha superato la devastante crisi post-sovietica che laveva attanagliata negli anni Novanta dello scorso millennio e si pone invece adesso come indispensabile referente politico ed economico in Asia centrale. E ancora con la Cina, il cui ruolo nella regione destinato a crescere, e che per molti aspetti sta trovando un linguaggio comune con Mosca. Il punto cruciale quindi che lUnione Europea in Asia centrale si ponga non come competitore geopolitico un ruolo al quale non attrezzata in assoluto e tanto meno in questa regione quanto come fattore di cooperazione e integrazione tra i diversi attori esterni e interni.
Cfr. Z. BARAN et al., Islamic Radicalism in Central Asia and the Caucasus: Implications for the EU, Silk Road Paper, July 2006, http://www.silkroadstudies.org/new/docs/Silkroadpapers/ 0607Islam.pdf. 25 F. VIELMINI, Continuit post-sovietica, autoritarismo politico e diritti umani in Asia centrale, cit. 26 Cfr. A. SCHMITZ, A political Strategy for Central Asia, in V. PERTHES - S. MAIR (eds.), European Foreign and Security Policy. Challenges and Opportunities for German EU Presidency, SWP Research Paper, October 2006, 10, http://www.swp-berlin.org/common/get_document. php?asset_id=3366 e N.J. MELVIN, Building Stronger Ties, Meeting New Challenges: The European Unions Strategic Role in Central Asia, CEPS Policy Brief, 28 March 2007.
24

Tanto nel Caucaso come in Asia centrale Bruxelles pu sfruttare il vantaggio di non essere portatrice di aspirazioni egemoniche, a differenza della Russia, degli Stati Uniti e in prospettiva anche della Cina. Qui come in altre parti del mondo, lUnione Europea viene infatti largamente percepita come un modello occidentale, cio avanzato dal punto di vista politico, sociale e economico, ma meno aggressivo di quello statunitense e quindi per molti aspetti pi attraente. Pur avendo anchessa interessi economici e di sicurezza tanto nel Caucaso quanto in Asia centrale, lUnione Europea pu aspirare ad avvicinare a s queste regioni essenzialmente nellambito di uno spazio di valori politici e culturali condivisi che alcuni iniziano a definire limpero europeo 27 . E per molto importante che questo avvenga in maniera realista, sulla base di una conoscenza approfondita delle realt locali e senza lasciarsi fuorviare da moralismi astratti e spesso solo retorici. La capacit di individuare una strategia efficace, realista e concreta verso il Caucaso e lAsia Centrale che sono tra le aree pi complesse del globo costituisce in effetti un importante banco di prova delle potenzialit della politica estera dellUnione Europea nel prossimo futuro.

Cfr. M. GUDERZO, Limpero europeo, in Studi Urbinati, Nuova Serie A, 56, 2004/2005, 3, pp. 357-379 e J. ZIELONKA, Europe as Empire: The Nature of the Enlarged European Union, Oxford, 2006.

27

GEORGIA, ARMENIA, AZERBAIGIAN: UNA CHANCE EUROPEA? Aldo Ferrari

Introduzione La nomina, nel luglio del 2003, di un Rappresentante Speciale dellUnione Europea per il Caucaso meridionale, ha ufficialmente sancito laccresciuto interesse di Bruxelles per questa regione. Si tratta in effetti di un passo persino tardivo se teniamo presente la prossimit geografica del Caucaso al nostro continente e la sua notevole rilevanza strategica ed economica, peraltro gravemente segnata da conflitti interni e rivalit geopolitiche esterne. Per oltre un decennio lUnione Europea ha in effetti mantenuto un profilo estremamente basso in questa regione, ma il grande allargamento verso est compiuto nel 2004 e la prospettiva di un ulteriore estensione (la Romania e la Bulgaria verosimilmente nel 2007, quindi se andranno in porto le complesse trattative che la riguardano la Turchia, il cui ingresso porterebbe le frontiere dellUnione direttamente sul Caucaso) sembrano aver sostanzialmente modificato tale atteggiamento. Questo studio si propone pertanto di esaminare le prospettive delle nuove prospettive della politica dellUnione Europea verso il Caucaso meridionale. 1. LEuropa e il Caucaso: uno sguardo storico Sin dallantichit il Caucaso costituisce in effetti una sorta di estrema frontiera culturale e psicologica, oltre che geografica, del continente europeo 1 . Alcuni popoli caucasici, in particolare i georgiani e gli armeni, hanno comunque mantenuto per secoli stretti contatti con lEuropa. Un rapporto approfondito dopo che la loro conversione al cristianesimo, nel IV secolo, li isol nel contesto politico-culturale del Vicino Oriente, prima iranico e poi islamico (arabo, persiano e turco). Georgiani ed armeni inviarono per secoli missioni diplomatiche allEuropa cristiana alla vana ricerca di aiuto 2 sinch, soprattutto nel corso del Settecento, iniziarono a rivolgere alla Russia le loro aspettative. Nei primi decenni dellOttocento la Georgia e la parte nord-orientale dellArmenia entrarono a far
1 2

A. FERRARI, Il Caucaso. Popoli e conflitti di una frontiera europea, Roma, 2005, pp. 7-8. N. GABAVILI, La Georgia e Roma. Duemila anni di dialogo tra cristiani, Citt del Vaticano, 2003, pp. 61-107 e A. FERRARI, La salvezza viene da Occidente. Il messianismo apocalittico nella cultura armena, in idem, LArarat e la gru. Studi sulla storia e la cultura degli armeni, Milano, 2003, pp. 62-64.

10

parte dellimpero russo. Occorre tuttavia avere ben chiara la sostanziale differenza dellatteggiamento che questi due popoli cristiani del Caucaso meridionale hanno avuto nei confronti della conquista russa. Per quanto complessivamente positivo nella sfera della sicurezza, delleconomia e della cultura, linserimento nellimpero russo, che li priv della loro antica e pur precaria indipendenza, nel complesso non mai stato accettato dai georgiani 3 . Per gli armeni, da secoli privi di un proprio stato, la conquista russa del Caucaso fu invece un evento sostanzialmente positivo e ben accetto, in quanto li sottraeva al secolare e spesso intollerabile dominio musulmano 4 . In particolare, gli armeni entrati a far parte dellimpero russo poterono evitare il genocidio subito dai connazionali dellimpero ottomano nel 1915. Tanto per i georgiani quanto per gli armeni, tuttavia, linserimento nellorbita zarista ha consentito un sostanziale ingresso nella cultura europea moderna, sia pure recepita attraverso il prisma di quella russa. Per quel che riguarda le popolazioni musulmane di lingua turca dellattuale Azerbaigian, nella parte sud-orientale della regione caucasica, occorre osservare come non abbiano offerto a differenza dei loro correligionari del Caucaso settentrionale una vera resistenza alla conquista russa. Tra laltro, stato solo attraverso la mediazione russa che gli azeri si sono avvicinati in epoca moderna alla cultura dellEuropa, con la quale in precedenza non avevano avuto praticamente rapporti 5 . Dopo il crollo dellimpero russo nel 1917, allEuropa guardarono vanamente anche le effimere repubbliche di Georgia e Armenia, che conobbero una precaria esistenza dal 1918 al 1920-1921, quando, insieme allAzerbaigian, vennero fagocitate dallUnione Sovietica, seguendone la sorte sino al 1991 6 . Anche nella parte meridionale del Caucaso linserimento nella compagine sovietica determin il rafforzamento di identit nazionali che, peraltro, gi in precedenza apparivano molto marcate, almeno nel caso di armeni e georgiani. Le repubbliche di Georgia, Armenia ed Azerbaigian si fusero nel 1922 nella Repubblica Federale Socialista Sovietica della Transcaucasia che alla fine di quello stesso anno entr nel patto costitutivo dellUrss insieme a Russia, Ucraina e Bielorussia. Ricondotte nellorbita di una Russia divenuta sovietica, queste repubbliche dovettero subirne le conseguenze in tutti i campi della vita politica, socio-economica e culturale. Tuttavia, a differenza che nel Caucaso settentrionale, il potere sovietico non dovette affrontare qui la resistenza armata di piccole e bellicose etnie montanare, ma inserire nel nuovo contesto ideologico realt politiche e culturali di notevole tradizione. Questo compito fu particolarmente
Si veda a questo riguardo lo studio di L. MAGAROTTO, Lannessione della Georgia alla Russia (1783-1801), Udine, 2004. 4 A. FERRARI, Alla frontiera dellimpero. Gli armeni in Russia (1801-1917), Milano, 2000. 5 Per un quadro dellevoluzione dellAzerbaigian in epoca zarista cfr. A.L. ALTSTADT, The Azerbajani Turks. Power and Identity under Russian Rule, Stanford, 1997, pp. 15-87. 6 F. KAZAMZADEH, The Struggle for Transcaucasia. 1917-1921, New York/Oxford 1951; S. AFANASYAN, LArmnie, lAzerbadjan et la Gorgie de lindpendance linstauration du pouvoir sovitique, Paris, 2001.
3

11

difficile in Georgia, dove la bolscevizzazione incontr seri ostacoli. Le terre della nobilt, da sempre classe dominante in Georgia, furono espropriate nel 1923, ma senza prestare attenzione allaspirazione dei contadini a divenirne proprietari. Importante fu invece il processo di korenizacija, cio di radicamento, che port i georgiani ad occupare posti dirigenti sino ad allora occupati prevalentemente da russi e armeni residenti nella repubblica 7 . Negli anni 1923-1924 all'interno del territorio georgiano vennero create le repubbliche autonome di Abkhazia, Ossetia Meridionale e Agiaria, mentre nonostante le accese proteste armene l'Azerbaigian ottenne le repubbliche autonome del Nakhichevan (un'exclave all'interno della repubblica armena allora abitata solo per met da Azeri) e dellAlto Karabakh, abitato in larga maggioranza da Armeni. Queste decisioni territoriali favorevoli alla repubblica turca dell'Azerbaigian vennero prese soprattutto perch in quel periodo l'Urss ricercava l'alleanza della nuova Turchia kemalista in funzione anticapitalista ed antioccidentale. Una speranza presto svanita, ma le decisioni di quegli anni, soprattutto riguardo allAlto Karabakh, continuano a pesare sui rapporti tra le repubbliche transcaucasiche 8 . Nella repubblica sovietica armena si ebbero da un lato le consuete politiche di repressione antireligiosa e collettivizzazione, ma al tempo stesso prosegu sia pure in un contesto assai diverso lo sviluppo culturale e socio-politico iniziato in epoca zarista. In questa piccola porzione nord-orientale dellArmenia storica si concentrarono anche numerosi armeni provenienti dai territori diasporici, in particolare da Georgia e Azerbaigian. Nel volgere di pochi decenni lArmenia divenne una delle repubbliche pi istruite ed industrializzate dellintera Unione Sovietica 9 . LAzerbaigian aveva un notevole significato nellottica sovietica come avamposto verso il mondo asiatico, in particolare islamico. Nel settembre del 1920 Baku ospit il Primo Congresso dei Popoli dellOriente, importante ma vano tentativo sovietico di impostare una espansione della rivoluzione verso lAsia. Come si visto, questa attenzione verso la Persia e soprattutto la Turchia fecero s che lAzerbaigian ricevesse lAlto Karabakh ed il Nakhichevan, territori su quali gli armeni avevano nel complesso maggiori diritti storici, ma questo non evit i traumi della sovietizzazione: le strutture religiose islamiche furono duramente combattute sin dallinizio, mentre alla fine degli anni Venti giunsero la collettivizzazione e lindustrializzazione forzata, basata ovviamente in primo luogo sullo sfruttamento dei ricchi giacimenti petroliferi locali. Al tempo stesso, il paese conobbe anche una forte modernizzazione culturale e lazeri si afferm come lingua di cultura, scritta dapprima in caratteri latini, poi cirillici 10 .
7

Su questa fase della storia georgiana si veda R.G. SUNY, The Making of Georgian Nation, Bloomington/Indianapolis, 1994, pp. 208-291. 8 S. BLANK, The Soviet conquest of Georgia, in Central Asian Survey, 1993, 1, p. 33-46. 9 G. DDYAN (a cura di), Storia degli armeni, Milano, 2002, pp. 411-440. 10 S. SALVI, La mezzaluna con la stella rossa. Origini, storia e destino dellislam sovietico, Genova 1993, pp. 225-226.

12

Nel 1936 la dirigenza sovietica decise che i pericoli nazionalistici non sussistevano pi e la Federazione trancaucasica venne divisa nelle tre repubbliche di Georgia, Armenia e Azerbaigian. In tutti e tre i paesi transcaucasici la repressione politica degli oppositori fu peraltro durissima, toccando il culmine negli anni 1936-1938, quando venne eliminata buona parte dei quadri politici, intellettuali e religiosi di queste popolazioni. Tra le vittime pi illustri vi furono ecclesiastici (in particolare il patriarca armeno, Khoren I), intellettuali (tra gli altri i poeti Charents e Tabidze, armeno il primo, georgiano il secondo), numerosi islamisti azeri ecc. Occorre tuttavia tener presente che queste repressioni non furono dirette in modo particolare contro le popolazioni transcaucasiche, ma riguardarono lintera popolazione sovietica. Bench un certo numero di georgiani, armeni ed azeri avessero militato affianco ai Tedeschi nel corso della Seconda Guerra Mondiale, queste popolazioni le pi numerose della regione caucasica non vennero invece coinvolte dalle repressioni che coinvolsero numerose popolazioni del Caucaso meridionale 11 . Anzi, furono ricompensate per la loro sostanziale fedelt allo stato sovietico durante la guerra con rilevanti concessioni di carattere culturale e religioso (allentamento della repressione antireligiosa, creazione di Accademie delle Scienze e cos via). Nei decenni successivi il Caucaso meridionale conobbe un periodo di relativa tranquillit. Il potere sovietico si accontentava di un modus vivendi gestito da unlite burocratica legata al partito senza pi esercitare la violenta repressione degli anni 1920-1950. Seguendo levoluzione complessiva dello stato sovietico, anche le popolazioni caucasiche passarono cio dal terrore al ristagno, sia economico che socio-culturale, senza che le loro aspirazioni politiche, religiose o sociali potessero manifestarsi apertamente. N, daltro canto, potevano venire alla luce le molteplici tensioni interetniche che covavano sotto la cenere in diverse parti della regione caucasica 12 . Gradualmente, per, soprattutto tra georgiani ed armeni popoli di antica tradizione storica e culturale si osserv una sempre pi forte rinascita del sentimento nazionale, ovviamente in latente contrasto con lordinamento ideologico sovietico. Tra gli armeni va segnalata in questo senso soprattutto limponente manifestazione dellaprile 1965 per commemorare il 50 anniversario del genocidio, mentre cominciava a rafforzarsi la richiesta della regione autonoma dellAlto Karabakh di distaccarsi dellAzerbaigian 13 .

A. NEKRI, Popoli deportati. Il genocidio delle minoranze nazionali sotto Stalin: una ferita ancora aperta, trad. it., Milano, 1978. 12 G. F. SCHROEDER, Transcaucasia since Stalin, in R.G. SUNY (ed.), Transcaucasia. Nationalism and Social Change, Ann Arbor, 1996, pp. 461-479. 13 C. MOURADIAN, Autour du Karabagh et du mouvement national armnien, in M. BUTTINO (ed.), In a Collapsing Empire. Underdevelopment, Ethnic Conflicts and Nationalism in the Soviet Union, Milano, 1997, pp. 203-219.

11

13

In Georgia, invece, inizi a delinearsi sin dagli anni Settanta un nazionalismo eterodosso 14 , capace di contestare vivacemente i tentativi di Mosca di limitare luso della lingua nazionale. Di fronte a intense manifestazioni popolari, il potere sovietico fu costretto a riconfermare il georgiano come lingua di stato della Repubblica di Georgia. Solo con la perestrojka, tuttavia, queste tendenze poterono trovare uno sbocco significativo, dagli esiti spesso devastanti, sia internamente che verso lesterno. In Georgia le sempre pi accentuate spinte nazionaliste rivolte principalmente contro le minoranze etniche della repubblica, ma anche contro i russi determinarono unultima, violenta, reazione da parte sovietica, culminata nel massacro dellaprile 1989, con 19 morti e centinaia di feriti 15 . Nelle prime elezioni libere svoltesi in Georgia dopo loccupazione sovietica trionfarono le forze nazionaliste, guidate da un ex dissidente, Zviad Gamsakhurdia. Il paese inizi allora a muoversi su un cammino di secessione unilaterale dallUrss. Nel marzo del 1991 un referendum approv la ricostituzione della repubblica georgiana indipendente. In aprile venne proclamata lindipendenza ed a maggio Gamsakhurdia fu eletto presidente. Ancora pi grave per lUrss fu levoluzione della situazione in Armenia. Nel 1988 gli abitanti armeni dellAlto Karabakh, che costituivano circa l80 per cento della popolazione di questa regione autonoma, avanzarono con decisione la richiesta di unirsi alla repubblica armena. Alla guida di questo movimento nazionale si pose il Comitato Karabakh, guidato da Levon Ter Petrosyan e caratterizzato anche da un forte orientamento democratico. La mancata risposta da parte delle autorit, ma anche liniziale assenza di una vera repressione, diedero a tali rivendicazioni un carattere di massa. La reazione azera fu totalmente negativa e condusse a diverse aggressioni ai danni degli armeni, culminate alle fine del febbraio di quellanno con un pogrom nella citt di Sumgait. Nei mesi successivi quasi tutti gli armeni abbandonarono lAzerbaigian, in numero di circa 200.000. La popolazione azera della repubblica armena segu il percorso inverso. Il devastante terremoto che colp a dicembre lArmenia attenu, ma per poco tempo, la gravit della situazione. Lincapacit delle autorit sovietiche di risolvere la questione dello status dellAlto Karabakh ha probabilmente contribuito ad innescare un meccanismo di violenze incrociate dal quale lintera regione caucasica non ancora uscita. Negli anni successivi lArmenia condusse a marce forzate la desovietizzazione del paese. Nel maggio del 1990 Ter Petrosyan fu eletto presidente del parlamento armeno, mentre il 23 settembre dello stesso anno il soviet supremo della repubblica approv una dichiarazione di sovranit, peraltro sempre allinterno dellUrss. La perestrojka non trov invece una risposta politica immediata nellAzerbaigian. Solo nellestate del 1988 in questa repubblica si organizz un movimento di opposizione, il Fronte Nazionale, di orientamento rinnovatore, laico e filo-turco. Un nuovo pogrom anti-armeno a Baku nel gennaio 1990 provoc lintervento
14 15

R.G. SUNY, The Making of Georgian Nation, cit., 308. Ibidem, p. 322.

14

delle forze sovietiche, che la notte del 20 gennaio entrarono nella capitale azera perpetrando una strage della popolazione civile e proclamando lo stato di emergenza 16 . Quasi al termine della sua esistenza, lUnione Sovietica diede quindi prova in tutte e tre le repubbliche della Transcaucasia di una residua capacit di repressione. 2. Georgia, Armenia e Azerbaigian dopo la fine dellUrss Lo specifico retroterra storico-culturale di queste repubbliche ne ha sensibilmente influenzato lorientamento verso la Russia e lEuropa negli anni post-sovietici. Mentre Georgia ed Armenia hanno una dichiarata vocazione europea e si sono poste sin dallinizio la prospettiva di una richiesta di ingresso nellUe, lAzerbaigian ha a questo riguardo un atteggiamento pi sfumato. La posizione di tutte e tre le repubbliche transcaucasiche stata e continua ad essere fortemente condizionata dalla vicinanza della Russia. Sin dal 1991 stata invece soprattutto la Georgia a coltivare con ostinazione il progetto di un completo distacco dalla Russia e di un sempre maggiore avvicinamento allOccidente 17 . Un atteggiamento che ha notevolmente compromesso i rapporti con Mosca, che in questi anni ha appoggiato le rivendicazioni separatiste delle minoranze abkhaza e osseta, peraltro provocate in larga misura dalla politica ultra-nazionalista del primo presidente della Georgia indipendente, Gamsakhurdia. Anche se il suo successore, Shevarnadze, fu pi prudente nei confronti della Russia, facendo tra laltro entrare il paese nella Csi, n la sconfitta nei conflitti con i secessionisti abkhazi e osseti n la gravissima situazione economica in cui la repubblica precipitata hanno per modificato laspirazione georgiana a fuoriuscire dallorbita russa. Unaspirazione che sembra derivare da una sorta di fideistica attesa di una salvezza provvidenziale, proveniente dallesterno, dal lontano Occidente. La Georgia, ha dichiarato nel 1997 lallora presidente del parlamento Zhvania, aspira allEuropa, ad un futuro europeo 18 . La forte propensione filo-occidentale delllite, sia politica che culturale, un aspetto saliente della realt georgiana, che la distingue chiaramente dalla maggior parte delle altre repubbliche post-sovietiche, al cui interno tale orientamento di solito con lovvia eccezione dei paesi baltici meno intenso e diffuso. Ma, come osserva ironicamente uno studioso russo in Europa e negli Stati Uniti possibile emigrare, ma divenire parte del mondo culturale ed

16

P. KARAM - T. MOURGUES, Les guerres du Caucase des Tsars la Tchchnie, Paris, 1995, pp. 130-133. 17 A. FERRARI, La Georgia tra Federazione Russa e Stati Uniti: un modello di transizione egemonica?, in A. COLOMBO (a cura di), La sfida americana. Europa, Medio Oriente e Asia Orientale di fronte allegemonia globale degli Stati Uniti, Milano, 2005, pp. 56-78. 18 Cit. in K.S. GADIEV, Geopolitika Kavkaza, Moskva, 2000, p. 383.

15

economico dellEuropa, ignorando la Russia, resta un desiderio irreale per tutte le regioni del Caucaso, nessuna esclusa 19 . Questo orientamento filo-occidentale della Georgia stato a lungo frustrato dallinteresse complessivamente scarso mostrato dallEuropa nei suoi confronti. E probabilmente per questa ragione che la Georgia ha rivolto la sua attenzione soprattutto agli Stati Uniti e alla Nato. Gi il presidente Shevarnadze aveva dichiarato pi volte di voler chiedere lingresso nella Nato, nella speranza che lavvicinamento militare accelerasse lintegrazione del paese con le strutture politiche ed economiche occidentali 20 . Tbilisi ha inoltre cercato con insistenza, ma senza riuscirvi ancora completamente, di far chiudere le basi russe ancora presenti sul suo territorio 21 . Nel 1999 la Georgia ha denunciato il trattato di sicurezza collettiva della Csi, avvicinandosi ulteriormente alla Nato 22 . Da un punto di vista economico, questa propensione filo-occidentale ha indotto la Georgia ad appoggiare sistematicamente la creazione di vie di transito energetico sia con terminali sul suo territorio, sia in Turchia, ma sempre escludendone la Russia (e lArmenia). Lorientamento filo-occidentale della Georgia si ulteriormente rafforzato dopo la cosiddetta rivoluzione delle rose, che tra la fine del 2003 e linizio del 2004 ha visto la caduta del vecchio Shevarnadze e lascesa al potere di una nuova lite guidata da Mikhail Saakashvili. In effetti uno dei punti di maggior rilievo della nuova politica estera georgiana sembra essere laccresciuta attenzione nei confronti dellEuropa. Un segnale significativo di questa svolta, che non avviene peraltro a scapito del sempre pi intenso legame con gli Stati Uniti, stata la nomina a ministro degli esteri di Salom Zurabishvili, una diplomatica francese di origine georgiana in precedenza ambasciatrice di Francia a Tbilisi rimasta in carica sino alla fine del 2005. Il presidente Saakashvili ha inoltre creato un ministero per lintegrazione europea, facendo anche esporre la bandiera europea su tutti gli edifici amministrativi della Georgia. La politica estera georgiana sembra in effetti essersi orientata negli ultimi anni verso un superamento della forzata antinomia Russia/Usa a favore di una sorta di triangolo strategico che prevede anche lUnione Europea, in prospettiva con un ruolo persino pi importante 23 . Per la sua posizione geografica e laccentuata propensione occidentale ed europea, la Georgia si candida realmente a divenire il motore dellavvicinamento economico e politico della regione allUnione Europea. In effetti il presidente Saakashvili ha dichiarato di essere intenzionato a chiedere lingresso nellUe successivamente a Romania e Bulgaria, che dovrebbero entrare
A. ZUBOV, Il futuro politico del Caucaso, in P. SINATTI (a cura di), La Russia e i conflitti nel Caucaso, Torino, 2000, p. 68. 20 Ibidem, p. 381. 21 A. FERRARI, Georgia e Russia. Unamicizia senza basi, in ISPI Policy Brief, 2004, 4, http://www.ispionline.it. 22 D. DARCHIASHVILI, Georgia Courts NATO, Strives for Defense Overhaul, in Eurasia Insight, 26 July 2000, http://www.eurasianet.org/departments/insight/articles/eav072600 .shtml. 23 T. DE WAAL, Saakishvili: saviour or threat?, in Caucasus Reporting Service, 2004, 241, http://www.iwpr.net.
19

16

nel 2007, mentre le leadership di Erevan e Baku appaiono al momento molto meno impegnate in questa direzione, ovviamente a causa della loro differente situazione interna ed esterna. Tra le nuove repubbliche indipendenti della Transcaucasia solo lArmenia entrata sin dallinizio nella Csi, mostrando cos di voler mantenere un legame preferenziale con Mosca, reso obbligato non tanto, o non solo, dalle tradizionali buone relazioni armeno-russe quanto da una situazione geopolitica estremamente rischiosa a causa dellostilit della Turchia e della guerra non dichiarata con lAzerbaigian per lAlto Karabakh, durante la quale Mosca ha sostanzialmente appoggiato gli armeni. La presenza di basi militari russe sul suo territorio quindi ben vista da Erevan. Il tradizionale orientamento filo-occidentale degli armeni deve cio fare i conti con la realt storica e geopolitica. Pur sforzandosi di allacciare rapporti con lUnione Europea e gli Stati Uniti (dove vivono consistenti comunit armene), questa repubblica continua pertanto ad appoggiarsi principalmente a Mosca. Linserimento obbligato dellArmenia nellasse informale Mosca-Teheran peraltro accompagnato da una forte propensione occidentale, favorita dallesistenza di comunit diasporiche particolarmente numerose ed influenti in Francia e negli Stati Uniti. La repubblica armena si dunque sforzata in questi anni di condurre una politica del doppio binario o di complementariet 24 , nel complesso con buoni risultati. Lo stretto legame con Mosca costituisce una garanzia di sicurezza nei confronti dei suoi vicini ostili, ma non ha sinora pregiudicato il rapporto con gli Stati Uniti. Va comunque segnalato come a livello di opinione pubblica anche lArmenia sembri indirizzarsi pi chiaramente che in passato in tale direzione. In un sondaggio condotto nel dicembre 2004 dallArmenian Center for National and International Studies (Acnis) su un campione di 2000 persone, due terzi degli intervistati si sono detti favorevoli allingresso nellUnione Europea e solo il 12 per cento contrari. Tutti i 100 politici e specialisti di politica internazionale contattati dallAcnis hanno dato la stessa risposta. Esito analogo ha dato un altro sondaggio, organizzato dallagenzia Vox Populi, secondo il quale il 72 per cento della popolazione di Erevan preferirebbe far parte dellUnione Europea anzich della Csi 25 . In una repubblica tradizionalmente filo-russa si tratta di un dato rilevante, che risente certo degli avvenimenti georgiani. Nel frattempo anche lAzerbaigian, una repubblica musulmana di lingua turca ma di confessione sciita e per secoli culturalmente legata allIran, ha mostrato una propensione cautamente filo-occidentale, non tanto per in senso europeo, quanto piuttosto verso la Turchia e gli Stati Uniti. Dopo la rapida caduta del suo
24

L. ZARRILLI, LArmenia post-sovietica: un profilo geografico, in idem (a cura di), La grande regione del Caspio. Percorsi storici e prospettive geopolitiche, Milano, 2004, p. 93. 25 E. DANIELYAN, Polls Show Pro-Western Shift in Armenian Public Opinion, in Eurasia Insight, 11 January 2005, http://www.eurasianet.org/departments/insight/articles/eav011105 .shtml.

17

primo presidente, Elchibey (eletto nel giugno 1992) e forte sostenitore dellavvicinamento del paese alla Turchia, il suo successore Heydar Aliyev stato pi cauto: pur firmando con le compagnie petrolifere occidentali un accordo che escluse quasi completamente la Russia dallo sfruttamento dei vasti giacimenti petroliferi del Caspio, Aliyev fece infatti entrare lAzerbaigian allinterno della Csi e mantenne relazioni equilibrate con Mosca. Come la Georgia, tuttavia, anche lAzerbaigian ha sostenuto la costruzione delloleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan, destinato a portare il greggio sui mercati occidentali evitando la Russia. E, sempre a somiglianza della Georgia, lAzerbaigian ha pi volte dichiarato di voler entrare a far parte della Nato 26 . In tutte e tre le repubbliche caucasiche, quindi, nel primo decennio post-sovietico i rapporti con la Russia, gli Stati Uniti e la Nato sono stati assai pi determinanti di quelli con lUnione Europea, bench questi paesi siano entrati a far parte del Consiglio dEuropa ed abbiano sottoscritto con Bruxelles gli Accordi di Partenariato e Cooperazione. Una situazione che pu essere spiegata da due fattori concomitanti. Da un lato, indipendentemente dalla loro maggiore o minore propensione filo-occidentale e filo-europea, le repubbliche della Transcaucasia hanno continuato a risentire delleredit di due secoli di inserimento nel contesto russo e russo-sovietico, nonch del condizionamento della loro posizione geografica. Daltro canto, lUnione Europea ha dimostrato sino a tempi recenti una grande cautela, evitando di impegnarsi attivamente in un contesto tanto problematico come quello caucasico 27 . 3. LUnione Europea in cerca di una politica caucasica In effetti, la politica dellUnione Europea nel Caucaso meridionale dopo il crollo dellUrss stata sino a pochi anni fa assai poco incisiva. Gli stati europei, sia singolarmente che collettivamente, sono stati donatori generosi nella regione, soprattutto nellambito del programma Tacis, destinato ai paesi ex-sovietici, ma lUnione Europea in quanto tale ha cercato a lungo di non farsi coinvolgere nelle questioni di sicurezza della regione, determinate non solo dallinsorgere di conflitti etno-territoriali, ma anche da complesse rivalit strategiche. Bruxelles ha tentato invece di contribuire alla graduale stabilizzazione delle aree di crisi e di incrementare la cooperazione economica dellintera regione, demandando ad altre organizzazioni il compito di intervenire in questarea. A Onu e Nato, ma soprattutto allOrganizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (Osce), che ha avuto un certo ruolo nei negoziati tendenti a risolvere i conflitti interetnici della regione 28 . Da un punto di vista economico, tuttavia, lUnione Europea ha partecipato ai progetti internazionali Interstate Oil and Gas Transport
K.S. GADIEV, Geopolitika Kavkaza, cit., pp. 381-382. Ibidem, p. 185. 28 A questo riguardo si veda larticolo di D. SAGRAMOSO, The UN, The OSCE and NATO, in The South Caucasus: A Challenge for the EU, Chaillot Papers, 2003, 65, pp. 63-90.
27 26

18

in Europe (Inogate) e soprattutto Transport Corridor Europe Caucasus Asia (Traceca) 29 , miranti a ridisegnare radicalmente il trasporto delle fonti energetiche dallAsia centrale ai mercati globali, in larga misura escludendone la Russia. Nel complesso, tuttavia, per oltre dieci anni dopo la dissoluzione dellUrss chiaramente mancata unattenzione strategica europea nei confronti della regione caucasica. Unassenza che pu naturalmente essere spiegata con la debolezza della politica estera globale dellUnione Europea, ma anche con la percezione di trovarsi di fronte ad un contesto particolarmente complesso e arduo da interpretare. La regione caucasica, infatti, sia quella settentrionale rimasta allinterno della Federazione Russa, sia le tre repubbliche indipendenti del Caucaso meridionale divenuta nel frattempo non solo unarea fortemente segnata dai conflitti interetnici, ma anche il luogo di un confronto geopolitico non cruento ma reale tra Russia e Stati Uniti. La politica da seguire verso il Caucaso meridionale stata a lungo oggetto di dibattito allinterno dellUnione Europea, sia a livello di Commissione e di altre istituzioni comunitarie che di singoli stati, ma per molti anni il dato principale dei rapporti concreti tra Bruxelles e le tre repubbliche della regione sono stati gli Accordi di Partenariato e Cooperazione. Firmati nel 1999 con validit decennale, questi accordi, che regolano i rapporti, gli obbiettivi ed i meccanismi della cooperazione, prendono in considerazione una vasta gamma di temi politici, economici, sociali e culturali. Per perseguire questi obbiettivi sono state create tre istituzioni: un Consiglio di Cooperazione, che si riunisce una volta lanno a livello ministeriale; un Comitato di Cooperazione, che si riunisce pi regolarmente a livello di funzionari; un Comitato di Cooperazione Parlamentare con il Parlamento Europeo che si riunisce pure una volta lanno. Bench gli Accordi comprendano anche articoli miranti a risolvere i conflitti regionali, il loro interesse prevalente di carattere economico e tecnico. La stipula di questi Accordi condusse ad un dibattito allinterno dellUnione Europea sulla politica globale da seguire nella regione del Caucaso meridionale. La Commissione dichiar che lassistenza europea sarebbe potuta divenire effettiva solo se i conflitti interetnici presenti nella regione (Alto Karabakh, Ossetia meridionale e Abkhazia) fossero stati risolti ed avesse avuto inizio una politica di reale cooperazione tra Georgia, Armenia e Azerbaigian. Del resto la gravit di questi conflitti (congelati dal 1993-1994, ma che in questi anni di instabilit hanno prodotto il blocco delle frontiere, centinaia di migliaia di rifugiati ed una grave stagnazione economica) legittimava la prudenza di Bruxelles. LUnione Europea sembrava essere entrata in un circolo vizioso, alla cui luce lulteriore sviluppo dei rapporti con le tre repubbliche del Caucaso meridionale appariva illusorio 30 . Tanto pi che la stessa vocazione europea di questi paesi, apparentemente assai
Per informazioni pi approfondite su questi progetti si vedano i siti http://www.traceca.org e http://www.inogate.org. 30 D. LINCH, The EU: Toward a Strategy, in The South Caucasus: A Challenge for the EU, cit., pp. 181-182.
29

19

forte soprattutto in Georgia e Armenia, spesso apparsa pi retorica e strumentale che reale, venendo utilizzata solo per questioni di prestigio o al servizio di immediati fini pratici locali. Per quel che riguarda lAzerbaigian, linteresse maggiore appariva in effetti rivolto alla Nato pi che allUnione Europea 31 . Inoltre, a differenza di quanto avviene con i paesi occidentali dellex-Urss, il Caucaso meridionale ha risentito negativamente della mancanza di stati-sponsor allinterno dellUnione Europea che potessero svolgere nei suoi confronti unazione simile a quella della Spagna nellambito del Processo di Barcellona o della Finlandia verso le repubbliche baltiche. In questi anni la regione stata oggetto di attenzione saltuaria da parte di alcuni funzionari europei, in particolare tedeschi e britannici, mentre con il processo di allargamento ha trovato sostenitori proprio da parte delle repubbliche baltiche. Occorre tener presente, peraltro, che non stato agevole neppure identificare il Caucaso meridionale come regione a s stante, in quanto inizialmente era inserita nella categoria di riferimento comune a tutte le repubbliche ex sovietiche. Solo in maniera molto graduale lUnione Europea ha iniziato a distinguere con chiarezza le diverse aree dellex-Urss e ad iniziare una politica differenziata verso di esse. Bench sin dal 1998-1999 vi fossero richieste, in particolare da parte del Parlamento Europeo, per una politica specifica verso il Caucaso meridionale, sono occorsi ancora diversi anni perch si giungesse a questo risultato. I diversi enti europei hanno preparato tutta una serie di papers, i principali sono del gennaio 2001 e 2003, per preparare le discussioni allinterno del Consiglio Politico e del Comitato di Sicurezza. Tali discussioni hanno quindi affrontato essenzialmente le questioni concernenti la soluzione dei conflitti nel Caucaso meridionale, lavviamento della collaborazione regionale e se lapproccio migliore per lUnione Europea fosse quello dei Accordi di Partenariato e lo sviluppo di una specifica strategia 32 . La prima opzione fu inizialmente preferita, perch non parvero esserci le condizioni per una politica di pi vasto respiro. Bruxelles, tuttavia, decise di supportare alcuni programmi di sicurezza e ricostruzione in Ossetia meridionale, Abkhazia, Azerbaigian e sulla frontiera russo-georgiana 33 . Negli anni successivi, tuttavia, ben poco avvenuto nel Caucaso meridionale che andasse incontro alle richieste di soluzione dei conflitti ed incremento della cooperazione regionale. Nonostante questo, per, il Parlamento europeo richiese lo sviluppo di una strategia per il Caucaso meridionale simile al Patto di Stabilit per i Balcani. Nella prima met del 2001 la Presidenza svedese pose la regione come una delle priorit dellUnione Europea, muovendo anche i primi passi in questa direzione. Nel corso del 2002 diverse missioni europee visitarono le capitali delle repubbliche del Caucaso meridionale, valutandone i progressi politici ed economici. Si cominci a parlare anche della possibilit di istituire una Rappresentanza Speciale per la regione, nonostante le difficolt e le remore di
31 32

Ibidem, p. 177. Ibidem, p. 180. 33 Ibidem, p. 182.

20

molti paesi membri. Si cominciava infatti a ritenere pericolosa per gli interessi europei lassenza di una politica adeguata in una regione cos instabile e vicina, dove per di pi lUnione era percepita come una realt sostanzialmente neutrale e positiva, a differenza di altre realt politiche internazionali34 . Tuttavia, la situazione di sostanziale assenza di Bruxelles dalla scena del Caucaso meridionale durata sino al 2003. Ancora allinizio di quellanno, infatti, il Caucaso meridionale appariva ancora escluso dalla Politica di Vicinato Europeo (European Neighborhood Policy, Enp). Il comunicato della Commissione dell11 marzo spiegava lesclusione della regione con queste parole: Given their locations, the Southern Caucasus therefore also falls outside the geographic scope of this initiative for the time being 35 . Unesclusione che a ben vedere appariva sconcertante sia alla luce della partecipazione di Georgia, Armenia e Azerbaigian al Consiglio dEuropa (del quale non fanno invece parte altri paesi mediterranei inclusi nellEnp), sia della rilevanza strategica ed economica di questa regione, fondamentale per lestrazione ed il transito delle risorse energetiche 36 . Nel giro di pochi mesi, per, questa esclusione - che concludeva una fase di sostanziale disinteresse per larea caucasica - stata superata in maniera piuttosto improvvisa e rapida. Nel giugno del 2003, la versione preliminare della strategia di sicurezza europea presentata dal Rappresentante per la Politica Estera e la Sicurezza, Javier Solana, sosteneva che We should take a stronger interest in the problems of the Southern Caucasus, which in due course will also be a neighbouring region 37 . Le conseguenze di questo mutato orientamento si sono viste presto. Gi nel luglio del 2003 lUnione Europea ha nominato un rappresentante speciale per il Caucaso del Sud, nella persona dellesperto diplomatico finlandese Heikki Talvitie, con il compito di aiutare i paesi della regione a raggiungere gli obbiettivi posti da Bruxelles: sviluppare contatti con governi, parlamenti, magistrature e societ civile, incoraggiare i tre paesi a cooperare su sicurezza, terrorismo e crimine organizzato, preparare il ritorno alla pace. Il rappresentante europeo avrebbe anche fornito assistenza per la risoluzione dei conflitti etno-territoriali 38 . Nel corso del suo mandato Talvitie visit tre volte la regione, anche nel corso degli avvenimenti noti come rivoluzione delle rose, che determinarono il cambio di regime in Georgia. Il mandato di questo rappresentante era per insufficiente e nel dicembre 2003 il Parlamento Europeo ha raccomandato di includere il Caucaso
Ibidem, p. 185. Wider Europe Neighbourhood: A New Framework for Relations with our Eastern and Southern Neighbours, in Commission Communication COM (203), 104 Final, Bruxelles, 11 March 2003. 36 S.E. CORNELL, Europe and the Caucasus: In Search for a Purpose, in Central AsiaCaucasus Analyst, 2 July 2004, http://www.cacianalyst.org/viewarticle.phparticleid=2419. 37 J. SOLANA, A Secure Europe in a Better World, paper presentato a Tessalonica, 20 giugno 2003, http://www.ue.eu.int/pressdata/EN/reports/76255.pdf. 38 Per il testo completo della Joint Action cfr. Official Journal of the European Union, L 169/74 L 169/75, 8 luglio 2003.
35 34

21

meridionale nella Politica Europea di Vicinato. La Commissione Europea ha accolto questa indicazione, che divenuta operativa nel giugno 2004. Come spiegare questa svolta nella politica estera dellUnione Europea verso le tre repubbliche del Caucaso meridionale? In primo luogo, naturalmente con lingresso di dieci nuovi paesi dellEuropa orientale e meridionale, avvenuta nel maggio 2004, che ha non solo mutato in maniera radicale il quadro interno dellintera Unione Europea, ma anche ampliato sensibilmente i suoi riferimenti esterni. Il grande allargamento del 2004, cio, ha contribuito non poco alla percezione delle repubbliche del Caucaso meridionale ma anche di Ucraina, Bielorussia e Moldavia, come ovvio alla stregua di paesi vicini. La strategia di sicurezza dellUnione Europea considera adesso prioritario che questi paesi divengano pi stabili e sicuri ed disposta ad impegnarsi per favorire tale processo 39 . Come stato osservato, per quel che riguarda la cooperazione regionale Bruxelles dovrebbe tener conto nella regione caucasica dellesperienza, in gran parte negativa, dei Balcani. Qui, come noto, il tentativo di indurre i paesi dellarea ad intraprendere una cooperazione regionale sono sostanzialmente falliti ed essi hanno preferito avviare canali individuali nelle relazioni con lUnione Europea 40 . Unimpostazione di questo tipo andrebbe se possibile evitata nel Caucaso meridionale anche se, come si detto, latteggiamento dei tre governi locali nei confronti dellintegrazione europea non univoco, con la Georgia nettamente pi sensibile di Armenia e Azerbaigian. Anzi, la svolta della politica europea stata in larga misura determinata dalla rivoluzione delle rose in Georgia 41 . Strettamente collegato al mutato atteggiamento europeo ovviamente anche la questione della candidatura della Turchia, il cui eventuale ingresso porterebbe le frontiere europee direttamente sul Caucaso meridionale 42 . Come noto, Ankara ha ottimi rapporti con lAzerbaigian (anche per laffinit linguistica) e buoni con la Georgia, mentre non mantiene rapporti diplomatici con lArmenia. Tra i due paesi pesano infatti sia il genocidio armeno del 1915, che il governo di Ankara rifiuta ostinatamente di riconoscere, sia la chiusura da parte turca delle frontiere con lArmenia in seguito alla guerra dellAlto Karabakh. Il presidente armeno Kocharian ha in effetti chiesto che Bruxelles imponga alla Turchia la riapertura della frontiera con lArmenia, ritenendo inaccettabile che uno stato che sta trattando ladesione allUnione Europea isoli in tal modo un altro che gi parte della Politica di Vicinato Europeo. I difficilissimi rapporti tra questi due paesi
D. LINCH, The EU: Toward a Strategy, cit., p. 173. F. DALLA PIAZZA, Caucaso, una rassegna, 19 dicembre 2005, http://www. osservatoriobalcani.org/articleview/5064/1/205. 41 Sugli avvenimenti che hanno determinato la rivoluzione delle rose cfr. G. BENSI, Georgia: la caduta di Shevarnadze, in CSSEO Working Paper, 2004, 64, http://www.csseo.org e C. KING, A Rose among Thorns. Georgia Makes Good, in Foreign Affairs, 83, 2004, 2, pp. 13-18. 42 Si veda al riguardo M. AYDIN, Turkeys Policies toward the South Caucasus and Its Integration in the EU, in Quaderni di Relazioni Internazionali, 2006, 1, pp. 58-62.
40 39

22

rappresentano in effetti un ostacolo non secondario per la politica dellUnione nel Caucaso, ma al tempo stesso si pu anche osservare che la prospettiva europea potrebbe contribuire al loro miglioramento. In questo senso, anche se si tratta di processi non immediati, il cammino della Turchia verso lUnione Europea potrebbe avere conseguenze positive sulla situazione della regione 43 . Nel complesso, tuttavia, lintensificazione della politica europea nei confronti del Caucaso meridionale sembra ricollegarsi al nuovo e pi assertivo corso della politica europea, manifestatosi negli ultimi mesi nei confronti paesi dellex-Urss, soprattutto in Ucraina e Moldavia. Come stato osservato, proprio il Caucaso meridionale sembra poter costituire un ulteriore ed importante banco di prova della politica estera dellUnione Europea verso i paesi ex sovietici 44 . Bruxelles, per, continua ad occuparsi soprattutto delle questioni legate alla sicurezza ed allo sviluppo, mentre si mostra quanto mai prudente nei confronti delle esplicite aspirazioni locali in particolare georgiane ad entrare a farne parte 45 . Per esempio, durante una sua visita nella regione, il commissario europeo Janez Potecnik ha insistito sul fatto che la Politica di Vicinato non ha legami diretti con la questione delladesione allUnione, ma si limita a coordinare i diversi programmi di assistenza nel Caucaso meridionale. Il 20 febbraio 2006 il diplomatico svedese Peter Semneby stato nominato nuovo Rappresentante Speciale dellUnione Europea per il Caucaso meridionale ed ha ricevuto un nuovo e pi ampio mandato. Tuttavia non sono ancora stati approntati i Piani di Azione che definiranno limpegno europeo nel Caucaso meridionale nei prossimi 3-5 anni. Lultima tornata di discussioni tra i rappresentanti di Georgia, Armenia e Azerbaigian e lUnione Europea ha avuto luogo a marzo a Bruxelles, ma senza giungere ad una conclusione. Le trattative sono in effetti molto complesse, perch riguardano un vasto raggio di questioni, tra le quali il monitoraggio del conflitto nellOssetia meridionale, la messa in sicurezza della centrale nucleare di Metzamor in Armenia, i negoziati con Cipro da parte dellAzerbaigian e cos via 46 . I Piani di Azione, collegati alla soluzione dei conflitti, al miglioramento degli standard democratici e al livello di governance e diritti umani, costituiscono una opportunit importante per contribuire in maniera sostanziale allo sviluppo del Caucaso meridionale, ma sono al tempo stesso di difficile raggiungimento ed ardua implementazione. Daltra parte lUnione Europea deve sensibilmente accrescere la sua visibilit nella regione per divenirvi un attore credibile, in
J. GOVETT, Turkish Drive towards EU Increases Possibilities for Change in the Caucasus, in Eurasia Insight, 6 January 2005, http://www.eurasianet.org/departments/insight/ articles/eav010605.shtml. 44 M. MONDELLI, LEuropa in espansione: sovrapposizioni, inclusioni ed esclusioni nellestero condiviso, in Ispi Policy Brief, 2005, 14, http://www.ispionline.it. 45 A. ROCHANOWSKI, EU Extends Cooperation with Georgia, but Expresses Caution in Access Issue, in Eurasia Insight, 17 June 2004, <http://www.eurasianet.org/departments/insight/articles/ eav061704.shtml>. 46 A. LOBJAKAS, South Caucasus: Slow Progress on Plans for Closer EU Ties, http://www.rferl.org/featurearticle/2006/03/ddfda8do-6641-4dd2-a1d4-f50647ao.
43

23

quanto la sola immagine di honest broker (onesto mediatore), estraneo alle rivalit strategiche russo-americane non pi sufficiente. Soprattutto alla luce della necessit di confrontarsi con la nuova politica energetica della Russia, il Caucaso inizia adesso ad acquisire agli occhi dei paesi europei unimportanza strategica che ancora pochi anni fa non aveva affatto 47 . Alla luce di queste considerazioni, un recente rapporto ha raccomandato una serie di misure per rafforzare lefficacia politica dellUnione Europea nella regione, trarre il maggior vantaggio possibile dal negoziato per i Piani di Azione, aumentare lazione di sostegno alla soluzione dei conflitti, sia tra Armenia e Azerbaigian che in Georgia 48 . 4. La Georgia: una posizione privilegiata? Come si gi avuto modo di dire in precedenza, la Georgia stato tra i paesi del Caucaso meridionale quello che ha manifestato sin dagli anni immediatamente successivi allindipendenza una maggiore vocazione occidentale. Sotto il lungo potere di Shevarnadze tale vocazione stata in larga misura soffocata dalla crisi economica del paese e dalla incombente presenza russa. La rivoluzione delle rose ha cercato invece programmaticamente di portare a compimento il processo di fuoriuscita dallorbita di Mosca e di ingresso nelle struttura occidentali, in primo luogo Nato e Unione Europea. Tanto il presidente Saakashvili quanto altre figure di rilievo della nuova dirigenza di Tbilisi hanno affermato a pi riprese di ritenere linserimento nella Politica Europea di Vicinato un primo passo verso la completa adesione allUnione Europea. Nonostante tutte le cautele manifestate da Bruxelles nei confronti delle avances della Georgia, non vi dubbio che questo paese costituisca il vero motore dellavvicinamento della regione allEuropa. Daltro canto, con limminente pur se problematico ingresso di Romania e Bulgaria nellUnione, la Georgia si avviciner sensibilmente allEuropa, separata solo dalla frontiera liquida del Mar Nero. Non a caso, un paese rivierasco come la Romania mostra un interesse particolare per la Georgia, soprattutto dopo che il nuovo presidente Basescu ha dato un forte impulso alla politica romena verso il Mar Nero. Oltre alla Romania, la Bulgaria e le tre repubbliche baltiche hanno costituito il cosiddetto Nuovo gruppo di amici della Georgia, che ne difendono la posizione verso lUnione Europea e lOsce 49 . In questo contesto, la stabilizzazione della Georgia, minata al suo interno dalle sconfitte con i separatisti abkhazi e osseti, costituisce una priorit per lUnione Europea. La quale, al tempo stesso, non pu essere indifferente al forte orientamento in senso occidentale della

L. DI PUPPO, The EU Looks Carefully at the Caucasus and Its Energy Potential, 4 June 2006, http://www.caucaz.com/home_eng/breve_contenu.php?id=248. 48 Conflict Resolution in the South Caucasus: The EUs Role, in Europe Report, 2006, 173, http://www.crisisgroup.org/home/index.cfm?id4037&1=1. 49 D. LYNCH, Why Georgia Matters, in Chaillot Papers, 2006, 86, p. 55.

47

24

nuova dirigenza georgiana, assai pi accentuato di quanto avvenga in quella armena ed azera. LUnione Europea, da parte sua, guarda alla Georgia con particolare interesse. Il Rappresentante Speciale, il gi ricordato Talvitie, si recato diverse volte nel paese, dove il 1 settembre 2005 ha ufficialmente iniziato le sue attivit un team composto da 20 persone. Il rafforzamento democratico, la stabilizzazione della democrazia, la soluzione dei conflitti etno-territoriali al suo interno, il consolidamento del ruolo di paese-tramite per il trasporto del petrolio proveniente dallAsia centrale e dal Caspio, la lotta ai traffici illegali (soprattutto armi e droga) e la collaborazione nella lotta al terrorismo internazionale sono i principali interessi europei in Georgia, che costituisce dunque un significativo banco di prova per la politica estera di Bruxelles dopo il grande allargamento del 2004. Occorre tuttavia considerare che linteresse europeo per la Georgia, come per lintero Caucaso meridionale, rimane meno prioritario rispetto ad altre aree, in primo luogo quella balcanica. Inoltre, lopzione filo-occidentale di Tbilisi non riguarda solo lUnione Europea, ma anche gli Stati Uniti. Ora, nella sfera strategica e militare questi ultimi sono non solo naturalmente pi influenti dellUnione Europea, ma hanno anche obbiettivi e metodi non sempre identici, soprattutto nel vicino contesto medio-orientale. In particolare, a Tbilisi si ha la sensazione che mentre Washington fornisce un concreto appoggio militare, economico e diplomatico, Bruxelles si limita a progetti di cooperazione ed a indicazioni moraleggianti 50 . Vi inoltre un problema sostanziale nei rapporti tra Unione Europea e lodierna dirigenza della Georgia, vale a dire la forte volont di questultima di ricostituire lunit territoriale del paese senza tenere in sufficiente considerazione le rivendicazioni di abkhazi e osseti e la situazione creatasi sul campo. Lo slogan riprendiamoci la Georgia del Movimento Nazionale che ha portato Mikhail Saakashvili al potere alla fine del 2003 riguardava in effetti non solo la necessit di porre fine alla corruzione ed allinefficienza del precedente governo, ma anche quella di ristabilire la supremazia dei georgiani sulle minoranze e di porre fine allindipendenza delle repubbliche secessioniste. E questo sulla base di posizioni fortemente centraliste e nazionaliste simili a quelle che avevano portato alla rovina la presidenza di Gamsakhurdia agli inizi degli anni Novanta. Indurre la dirigenza georgiana ad accettare una politica pi attenta verso le minoranze nazionali (oltre a osseti e abkhazi ci sono numerose altre minoranze nazionali, tra le quali armeni e azeri hanno anche un insediamento territoriale piuttosto compatto) un compito particolarmente difficile per lUnione Europea, ma si tratta naturalmente di un obbiettivo essenziale. In particolare la confusione tra stato georgiano e nazione georgiana sembra caratterizzare anche lodierna dirigenza di Tbilisi. Qui come nellAlto Karabakh, il semplice ritorno allo status quo antecedente lo scoppio dei conflitti etno-territoriali dei primi anni Novanta
50

Ibidem, p. 15.

25

non sembra poter costituire il punto di partenza della politica europea verso la stabilizzazione di tali conflitti. In effetti a tuttoggi non stato fatto nessun passo avanti per la soluzione di questa questione, che senza dubbio costituisce uno dei principali fattori di destabilizzazione della regione. Come stato osservato da uno studioso statunitense, The central government must recognize the multiethnic and multireligious reality of the country. It must accept a decade of state-building in the secessionist regions and allow local government to be empowered. If these efforts succeed, Georgia could well become the positive example for Eastern Europe and Eurasia that observers have long hoped for 51 . Occorre anche tener presente che il rapporto con la Georgia non agevole alla luce delle sue difficili relazioni con la Russia, che a sua volta un partner strategico dellUnione Europea. Proprio lo status delle due regioni separatiste di Abkhazia e Ossetia meridionale costituisce a questo riguardo lostacolo principale. Lintensificazione delle rivendicazioni georgiane su queste regioni dopo la rivoluzione delle rose ha infatti ravvivato la prospettiva di un loro incorporamento nella Federazione Russa. Pi volte sollecitata dai dirigenti di Abkhazia e Ossetia meridionale, questa sorta di annessione di territori giuridicamente appartenenti alla Georgia sembra peraltro scarsamente praticabile, soprattutto alla luce delle forti ripercussioni interne ed internazionali che unoperazione del genere potrebbe avere. Si pensi solo al caso della Cecenia. Non vi dubbio, tuttavia, che Mosca appaia ancora intenzionata a sostenere lufficiosa indipendenza di queste repubbliche da Tbilisi. Tra laltro, la possibilit di un mutamento di status del Kosovo viene interpretato dalle autorit russe anche alla luce di una analoga prospettiva riguardante la regioni secessioniste di Abkhazia e Ossetia meridionale 52 . La questione di comprendere sino a che punto possa arrivare tale protezione di fronte allevidente volont georgiana di risolvere a proprio favore la partita, nella sicurezza di avere lappoggio degli Stati Uniti. La questione dello status di Abkhazia e Ossetia meridionale rischia in effetti non solo di riacutizzare le tensioni inter-etniche nella regione caucasica, ma anche di divenire un pericoloso banco di prova della rivalit russo-statunitense nei paesi della Csi 53 . In una situazione di questo genere lUnione Europea deve evidentemente procedere con estrema prudenza. Dopo la rivoluzione delle rose lUnione Europea ha stanziato 7,5 milioni di euro in un programma di riabilitazione rivolto allOssetia meridionale, in particolare per quel che riguarda la fornitura di acqua potabile ed elettricit, nonch per la riapertura della ferrovia Gori-Tsinkhvali. Diversi progetti sono stati anche approvati per migliorare la situazione
C. KING, A Rose among Thorns. Georgia Makes Good, cit., p. 8. I. TORBAKOV, Russia Plays up Kosovo Precedent for Potential Application in the Caucasus, in Eurasia Insight, 4 December 2006, http://www.eurasianet.org/departments/insight/ articles/eav041206pr.shtml. 53 A questo riguardo si veda A. FERRARI, La Georgia tra Federazione Russa e Stati Uniti: un modello di transizione egemonica?, cit., p. 72.
52 51

26

dellAbkhazia (in particolare per lo sminamento del territorio) e della Georgia occidentale 54 . Tuttavia resta la questione centrale di come affrontare la questione globale dello status di questi territori secessionisti, parallela del resto a quella dellAlto Karabakh. Per quanto auspicata dalla maggior parte dei politici e degli analisti europei 55 , il rientro di queste entit allinterno di Georgia e Azerbaigian sebbene con unampia ridefinizione della loro autonomia non dovrebbe a mio giudizio essere considerata lunica opzione praticabile, sia per lostilit delle popolazioni interessate sia per la sua difficile attuazione, anche alla luce della posizione della Russia. 5. Conclusioni

La stabilit del Caucaso meridionale e le sue potenzialit di sviluppo dipendono essenzialmente dallequilibrio con cui gli agenti interni ed esterni si muoveranno in una situazione che rimane estremamente complessa e problematica. E infatti fondamentale che la regione possa sottrarsi allodierna situazione di faglia geopolitica per far s che la sua posizione strategica divenga occasione di sviluppo e non di conflitto. Da questo punto di vista, nonostante tutti i dubbi e le difficolt, linserimento delle tre repubbliche del Caucaso meridionale nella Politica Europea di Vicinato costituisce nel complesso uno sviluppo potenzialmente positivo tanto per lUnione Europea quanto per i paesi della regione. Tuttavia, per renderlo efficace nel medio e lungo termine occorrer che Bruxelles sia capace di impostare una strategia coerente e unitaria; e non solo nei confronti di Georgia, Armenia e Azerbaigian. Si tratta infatti di una regione nella quale sta avendo luogo una contrastata transizione egemonica dalla Russia agli Stati Uniti 56 nei confronti della quale lUnione Europea deve muoversi con prudenza, individuando attentamente i rischi connessi ad un suo maggior coinvolgimento. La necessit crescente di diversificare gli approvvigionamenti energetici e limportanza che il Caucaso meridionale ha in questo ambito impongono allUnione Europea di prestare in sempre maggiore attenzione a questa regione. E vero peraltro che, a differenza di Stati Uniti e Russia, lUnione Europea non persegue obbiettivi di dominio strategico e pu quindi, almeno entro certi limiti, porsi come honest broker nella regione, avvicinandola a s nellambito di uno spazio di valori politici e culturali condivisi che alcuni iniziano a definire
Cfr. D. LYNCH, Why Georgia Matters, cit., p. 64. Secondo D. Lynch, per esempio, Georgias territorial integrity is a key interest for the EU (D. LYNCH, Why Georgia Matters, cit., p. 73). Laffermazione mi sembra discutibile. Linteresse europeo sta nella composizione definitiva dei conflitti in Georgia e nellintero Caucaso meridionale, che potrebbe avere anche soluzioni differenti dalla ricostituzione dellintegrit territoriale della Georgia (e dellAzerbaigian). 56 A. FERRARI, La Georgia tra Federazione Russa e Stati Uniti: un modello di transizione egemonica?, cit., pp. 56-78.
55 54

27

limpero europeo 57 . E questo anche a prescindere dalla prospettiva ufficialmente non in agenda di una futura membership di Georgia, Armenia e Azerbaigian. Questi paesi, a loro volta, devono sfruttare al meglio limportante opportunit di cui dispongono per compiere passi precisi verso una prospettiva europea divenuta di recente pi percorribile, ma che richiede un enorme impegno politico, economico e sociale. Solo cos sar loro possibile lasciarsi alle spalle un quindicennio post-sovietico caratterizzato soprattutto da instabilit politica, conflitti etno-territoriali e crisi economica.

57

Cfr. M. GUDERZO, Limpero europeo, in Studi Urbinati, 3, 2004/2005, 56, pp. 357-379.

28

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA TRANSCAUCASIA Silvia Tosi

1. Introduzione: la gravosa eredit della transizione Negli ultimi anni Armenia, Azerbaigian e Georgia hanno conosciuto una crescita economica particolarmente rapida, richiamando lattenzione degli investitori internazionali, attratti dalle opportunit di sfruttamento delle risorse energetiche dellarea e dalla posizione geografica strategicamente cruciale per il passaggio dei corridoi di trasporto trans-eurasiatici. Il recente dinamismo economico non deve per portare a trascurare il fatto che tutti e tre i Paesi provengono da una fase recessiva grave e prolungata, conseguente al trauma comune della dissoluzione dellUnione Sovietica: tale recessione ha coinvolto tutti i settori economici ed ha avuto effetti drammatici sulla produzione interna, sulla dotazione di infrastrutture e nel complesso sui livelli di vita della popolazione dei tre Paesi. Questa ricerca fornisce un quadro complessivo della recente performance economica delle tre repubbliche, esaminando i principali fattori che hanno permesso la crescita delle economie caucasiche e individuando i nodi critici in grado di influire sulle prospettive di sviluppo di medio-lungo periodo, con la consapevolezza che su di esse grava tuttora leredit di una difficile transizione. Negli anni Ottanta Armenia, Azerbaigian e Georgia avevano beneficiato di tassi di crescita e livelli di vita relativamente alti, mediamente superiori rispetto agli altri membri dellUnione Sovietica. Questo relativo benessere era dovuto in larga misura ai generosi sussidi statali, alla possibilit di procurarsi materie prime e fonti energetiche a prezzi vantaggiosi e alla pianificazione centralizzata del commercio allinterno dellUnione Sovietica, tutti fattori che favorivano la produzione industriale locale. Tanto pi favorevoli erano le condizioni economiche delle tre repubbliche caucasiche nel periodo sovietico, quanto pi gravi sono state le conseguenze del crollo dellUrss sulle loro performance economiche: dalla dissoluzione dellUnione Sovietica infatti tutte e tre le repubbliche sono emerse come Paesi poveri. Se il PIL pro capite cominci a ridursi gi alla fine degli anni Ottanta, a causa della crescente incertezza politica ed economica 1 , la rottura dei legami commerciali tra le repubbliche sovietiche ha poi privato le economie caucasiche del proprio principale mercato di esportazione, esponendole ai meno favorevoli prezzi del mercato mondiale e rivelandone
1

J. FALKINGHAM, The End of the Rollercoaster? Growth, Inequality and Poverty in Central Asia and the Caucasus, in Social Policy and Administration, 39, 2005, 4, p. 341.

29

lassoluta mancanza di competitivit. Linterruzione dei flussi commerciali ha anche escluso i tre Paesi dallaccesso alle proprie principali fonti di approvvigionamento di materie prime e risorse energetiche, provocando una grave crisi energetica che ha influito negativamente sulla produzione industriale. Allo stesso modo, anche il settore agricolo si trovato in difficolt, principalmente a causa della riluttanza con cui gli Stati post-sovietici hanno intrapreso radicali riforme della propriet terriera, che avrebbero potuto risollevare la bassa produttivit del settore.

TASSO DI CRESCITA PIL REALE (%)


Armenia Azerbaigian Georgia

30,0 20,0 10,0 0,0 -10,0 -20,0 -30,0 -40,0 -50,0


Fonte: UNECE

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

00

01

02

03

04

05

La dimensione del tracollo economico verificatosi in Armenia, Azerbaigian e Georgia nella prima met degli anni Novanta stata nel complesso talmente grave che nel giro di cinque anni il Pil dei tre Paesi si ridotto di pi della met rispetto ai livelli del 1989, facendo registrare le performance pi negative di tutta lexUnione Sovietica 2 . La gravit della recessione ancora pi evidente se si esaminano i dati relativi alla produzione industriale: nel 1992 per esempio i tre Paesi nel complesso hanno fatto registrare una contrazione della produzione industriale quasi pari al 37 per cento rispetto allanno precedente, mentre Armenia e Georgia hanno entrambe subito una riduzione annua superiore al 45 per cento, i dati in assoluto pi negativi tra tutti i Paesi dellex-Unione Sovietica dal 1990 al 2004.

UNITED NATIONS ECONOMIC COMMISSION FOR EUROPE, Economic Survey of Europe 2005 n. 2. Statistical Appendix, Genve, 2005, pp. 70 e ss.

30

TASSO DI CRESCITA PIL REALE 1990-2005 (%): 90 Armenia Azerbaigian Georgia REPUBBLICHE CAUCASICHE CSI Federazione Russa Repubbliche europee CSI (a) Asia Centrale (b)
Fonte: UNECE

91

92

93 -8,8

94 5,4

95 6,9 2,6 -3,7 -5,7 -4,1

96 5,9 1,3

97 3,3 5,8

98 7,3 3,1 7,0

99 3,3 2,9 4,9

00 5,9 1,8 6,9 8,8

-5,5 -11,7

-11,7 -41,8 -0,7

2004 vs 1989 9,6 15,1 14,0 10,1 13,9 1,5 01 02 03 04 05 4,8 8,2 6,1 5,5 9,9 5,2 4,7 5,3 6,4 11,0 11,8 7,6 7,3 8,8 7,1 6,2 9,0 8,1 7,2 8,0 -58,5

-22,6 -23,1 -19,7 -11,8

10,0 7,4 11,1 9,9 10,6 11,2 10,2 26,4 -22,7

-15,1 -21,1 -44,9 -29,3 -10,4 -12,3 -11,4 -34,3 -23,1 -12,7 -3,1 -3,0 -3,3 -0,2 -6,1 -5,0 -7,9 -7,4 -14,0 -14,5 -9,8 -8,7 -14,4 -12,7

11,2 10,5 5,5 -3,5 -3,6 6,9 1,4 1,4 0,6 1,8

16,5 -35,3 n.d. -19,8 n.d. -17,5

-3,2 5,1

-5,3 6,4 10,0 5,1 0,6 1,5 0,8 4,8 5,7 7,1 7,8 9,0

-10,6 -12,6 -21,1 -11,5 -7,2 -10,6 -7,2 -12,1 -6,0 1,2

11,7 n.d. -32,8 8,3 n.d. 0,1

(a) Bielorussia, Moldova, Ucraina (b) Kazachstan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan, Uzbekistan

TASSO DI CRESCITA PRODUZIONE INDUSTRIALE 1990-2004 (%): 90 Armenia Azerbaigian Georgia REPUBBLICHE CAUCASICHE CSI Federazione Russa Repubbliche europee CSI (a) Asia Centrale (b)
Fonte: UNECE

91 -7,7 -8,9

92

93

94 5,3

95 1,5

96 1,4 -6,7 6,8 -2,9 -3,2 -4,0 -3,4 2,6

97 1,0 0,3 8,2 2,0 2,2 2,0 3,9 1,3

98 -2,1 2,2 -1,5 0,7 -3,2 -5,2 2,0 0,1

99 5,3 3,6 4,8 4,1 9,1 11,0 5,4 4,4

00 6,4 6,9 6,1 6,6 12,0 11,9 11,6 14,5

01 5,3 5,1 -1,1 3,9 6,8 4,9 11,9 11,5

02 14,6 3,6 4,9 5,7 4,7 3,7 6,4 8,0

03 15,1 6,1 10,6 8,7 8,5 7,0 13,6 8,9

04 2,1 5,7 3,4 4,5 8,5 7,3 13,2 8,8

-7,5 -6,3 -5,7 -6,2 -0,4 -0,1 0,4 n.d.

-48,2 -10,7

2004 vs 1989 -32,8 -63,5 -80,2 -66,1 -24,6 -28,7 -0,6 -7,7

-30,4 -19,7 -24,7 -21,4

-22,6 -45,8 -36,7 -39,1 -13,5 -13,4 -36,9 -23,4 -24,9 -16,9 -7,0 -8,0 -4,3 -0,1 -17,0 -13,1 -22,2 -18,0 -14,8 -20,9 -7,5 -8,1 -5,7 -3,3

-25,1 -11,7 -8,0

-15,1 -11,2 -24,9

(a) Bielorussia, Moldova, Ucraina (b) Kazachstan, Kirghisistan, Tagikistan, Turkmenistan, Uzbekistan

31

A partire dalla met degli anni Novanta tutti e tre i Paesi hanno iniziato a registrare tassi di crescita generalmente positivi, con unevidente accelerazione tra il 2000 e il 2001. Tuttavia, nonostante questa crescita sostenuta, le tre economie caucasiche devono ancora completare il processo di recupero dalla crisi economica che le ha colpite allinizio del decennio scorso, e anzi in alcuni casi sono ancora ben lontane dai livelli precedenti allindipendenza. Di fatto, solo lArmenia nel 2004 aveva sostanzialmente recuperato i livelli produttivi del 1989, mentre il Pil reale di Azerbaigian e Georgia nello stesso anno era equivalente rispettivamente al 77 e al 41 per cento del Pil del 1989. Per quanto riguarda il settore industriale, la Georgia produce addirittura l80 per cento in meno rispetto ai livelli precedenti allindipendenza. Nel complesso quindi le performance di crescita economica delle tre repubbliche caucasiche sono ancora nettamente inferiori agli standard di fine anni Ottanta: basti pensare che il Pil reale dei tre Paesi messi insieme nel 2004 corrispondeva grosso modo a due terzi del Pil registrato nel 1989.
VARIAZIONE DEL PIL REALE 1989-2004 (1989=100)
1989 2004

120 100 80 60 40 20 0 Armenia Azerbaigian Georgia Totale Repubbliche caucasiche

Fonte: UNECE

Unattenta valutazione delle condizioni attuali e delle prospettive future delle economie caucasiche deve necessariamente partire dalla considerazione che, per quanto tutti e tre i Paesi abbiano riguadagnato una certa stabilit macroeconomica nella seconda met degli anni Novanta, ancora adesso essi sono alle prese con la difficile opera di ricostruzione economica post-sovietica e di passaggio da uneconomia pianificata a uneconomia di mercato. In particolare il processo di privatizzazione stato finora irregolare ed incompleto, con buoni risultati per quanto riguarda la cessione delle piccole e medie imprese e con gravi ritardi per ci che riguarda la ristrutturazione dei grandi complessi industriali. Le difficolt del processo di privatizzazione si sono riverberate sulla capacit relativa di ciascuno dei tre Paesi di attirare gli investimenti stranieri indispensabili per accelerare la crescita economica complessiva: significativo pu essere considerato

32

il fatto che dei tre Paesi solo lAzerbaigian riuscito negli ultimi anni a beneficiare di flussi di investimenti diretti esteri particolarmente consistenti, ma grazie alla propria dotazione di risorse energetiche e alle ampie possibilit di sfruttamento che essa offre, pi che a un quadro economico complessivo attraente per gli investimenti.
INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI NETTI (in milioni di US$): Armenia Azerbaigian Georgia
Fonte: EIU 2006

2000 104,2 129,9 131,6


(a) gennaio-settembre

2001 69,9 226,5 109,9

2002 110,7 1066,8 163,3

2003 120,4 2351,7 335,6

2004 216,6 2351,3 489,5

2005 150,8 (a) 458,2 175,3 (a)

2. Dalla transizione allo sviluppo Dal quadro complessivo della transizione post-sovietica emergono tratti comuni ai tre Paesi per quanto riguarda le principali difficolt che essi hanno dovuto affrontare allindomani dellindipendenza: queste somiglianze, derivanti da un trauma comune, non devono per distogliere lattenzione da alcune fondamentali differenze nella struttura e nelle potenzialit economiche delle tre repubbliche, che possono influire in misura significativa sulle prospettive di sviluppo di ciascuna. 2.1 Armenia
INDICATORI ANNUALI DI CRESCITA: 2001 PIL (miliardi di US$) TASSO DI CRESCITA PIL REALE (%)
Fonte: EIU 2006

2002 2,4 13,2

2003 2,8 13,9

2004 3,6 10,1

2005 5 13,9

2,1 9,6

CRESCITA PER SETTORE:

Industria di cui: settore metallurgico Costruzioni Agricoltura Trasporti e comunicazioni Commercio


Fonte: EIU 2006

crescita del settore (%) 2004 2005 1,5 6,6 2,1 34,9 13,2 34,1 14,3 10,9 17,6 12,9 9,2 9,4

contributo alla crescita del PIL (%) 2004 2005 0,3 1,3 --2,1 5,2 3,2 2,4 0,9 0,8 0,9 1,0

33

Negli ultimi quattro anni leconomia armena ha beneficiato di una crescita particolarmente sostenuta, con tassi costantemente a due cifre nonostante una lieve flessione registrata nel 2004 3 . Il principale fattore responsabile di questa performance economica favorevole stato senza alcun dubbio la rapida espansione del settore delle costruzioni (cresciuto nel 2005 addirittura del 34 per cento rispetto allanno precedente), sostenuta da una crescente domanda sia pubblica, sia privata. Da un lato infatti la combinazione di consistenti rimesse dallestero e nuovi crediti provenienti dal sistema bancario in lento sviluppo ha permesso la realizzazione di numerosi progetti di edilizia residenziale privata, mentre dallaltro lato la diaspora armena ancora una volta ha dimostrato il suo apporto fondamentale per leconomia nazionale, andando ad integrare la spesa pubblica dedicata al finanziamento di nuovi programmi di investimento nelledilizia civile e industriale. Non a caso proprio lo sforzo di ammodernamento delle infrastrutture civili e di costruzione di nuovi impianti industriali, che ha reso quello delle costruzioni il settore trainante delleconomia armena, considerato un presupposto per consentire al Paese di mantenere alti tassi di crescita anche nei prossimi anni. Limpegno per la ristrutturazione economica e lammodernamento delle infrastrutture ha coinvolto anche il settore agricolo, che ha visto incrementare la produzione fino a diventare nel 2005 (grazie a una crescita che si attestata intorno all11 per cento rispetto allanno precedente) il secondo maggior contribuente alla crescita complessiva 4 . Nei prossimi anni il settore agricolo continuer probabilmente a crescere a ritmi sostenuti soprattutto grazie allassistenza finanziaria fornita dalla US Millennium Challenge Corporation in seguito ad un accordo tra Armenia e Stati Uniti; lo scopo principale di tale accordo (raggiunto anche grazie alla notevole influenza esercitata dalla diaspora armena sugli ambienti politici e finanziari americani) quello di sostenere le politiche governative di riduzione della povert rurale attraverso unampia opera di ammodernamento delle infrastrutture per lirrigazione per aumentarne lefficienza e delle reti stradali per migliorare laccesso delle comunit rurali tanto al mercato agricolo quanto alla rete di servizi sociali. La crescita industriale nazionale stata pure positiva, anche se pi contenuta, sorretta in particolare dal boom registrato nel settore metallurgico (con un tasso di crescita superiore al 40 per cento nei primi nove mesi del 2005 5 ), che ha beneficiato di consistenti investimenti esteri per la costruzione di nuovi impianti. Lespansione del settore metallurgico ha in effetti pi che compensato il declino nella produzione registrato nei settori meccanico e della lavorazione delle pietre preziose, tanto che lintero settore manifatturiero ha realizzato nello stesso periodo una crescita superiore al 9 per cento. Il boom metallurgico ha inoltre
I dati sono tratti da: ECONOMIST INTELLIGENCE UNIT, Country Report Armenia, London, February 2006, p. 5. 4 Ibidem, p. 23. 5 Ibidem, p. 27.
3

34

contribuito in misura decisiva alla crescita delle esportazioni armene, insieme agli elevati prezzi mondiali e al commercio di pietre preziose lavorate, tradizionale settore di esportazione del Paese: crescita tuttavia non sufficiente a ridurre il deficit commerciale, che viceversa aumentato a causa degli alti prezzi mondiali dei prodotti minerari greggi, ovvero della quota pi consistente delle importazioni armene. Nonostante tale rialzo (che riguarda naturalmente anche i prezzi delle fonti energetiche), limpatto sulla bilancia commerciale armena dei prezzi mondiali a livelli record negli ultimi due anni pu considerarsi nel complesso pi contenuto delle aspettative, grazie al fatto che i prezzi dimportazione delle fonti energetiche sono stati fissati precedentemente e non rinegoziati fino al 2006. I ripetuti annunci da parte di Gazprom di imminenti aumenti del prezzo delle forniture di gas allArmenia lasciano per immaginare che il deficit commerciale armeno sia destinato ad aggravarsi ulteriormente, parallelamente allintensificarsi della pressoch totale dipendenza energetica del Paese dalla Russia. In questa ottica va considerata positivamente la priorit assegnata dal governo armeno alla diversificazione delle fonti energetiche, in uno sforzo volto a contenere la gi preponderante presenza russa nel settore (che comprende tra laltro il controllo sullunico impianto nucleare del Paese, che da solo genera allincirca il 40 per cento dellenergia elettrica armena, e il monopolio sulla rete di distribuzione elettrica nazionale). A tale scopo in corso la realizzazione di nuovi progetti energetici, tra cui un nuovo gasdotto che collega lArmenia allIran e lampliamento, sempre in collaborazione con lIran, dellimpianto termoelettrico di Hrazdan, finora controllato in gran parte da capitali russi. Grazie allimpegno governativo e alla graduale realizzazione di riforme strutturali sostenute anche dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca Mondiale, negli ultimi anni il settore energetico armeno ha notevolmente ridotto le perdite dovute allinefficienza, fino a poter fare a meno degli onerosi sussidi statali che gravavano sul bilancio pubblico, ed ha anche iniziato ad esportare energia elettrica in Georgia. Il quadro di crescita complessiva sopra delineato stato accompagnato da una decisa riduzione dellinflazione, il cui tasso per il 2005 (0,6 per cento, il pi basso dal 2000 6 ) rimasto ben al di sotto dellobiettivo del 3 per cento fissato dalla Banca Centrale armena. La riduzione dellinflazione nonostante gli alti tassi di crescita del Pil e degli aggregati monetari in gran parte dovuta al rafforzamento della valuta locale (il dram) e al suo apprezzamento soprattutto nei confronti del dollaro americano (grazie alla generale debolezza del dollaro stesso nei confronti delle altre valute sui mercati mondiali) e dello stesso rublo. Il rafforzamento del dram ha quindi pi che compensato gli effetti inflattivi degli alti tassi di crescita e ha provocato persino una riduzione dei costi di produzione: come si gi sottolineato, la spinta al rialzo dei prezzi dei prodotti energetici a livello globale ha infatti avuto fino al 2005 scarsi effetti sulleconomia armena, proprio per il
6

Ibidem, p. 23.

35

fatto che i prezzi della quota pi consistente delle importazioni di prodotti energetici in Armenia sono fissati anticipatamente, e dunque non hanno risentito per il momento delle fluttuazioni dei prezzi mondiali.
TASSO DI INFLAZIONE - IPC (variazione % su base annua): gen feb mar apr mag 2003 2004 2005 4,0 3,0 6,9 7,7 4,8 4,7 3,2 8,7 3,4 2,8 7,9 1,3 2,2 7,9 0,3 giu 4,1 6,3 -1,0 lug 3,7 9,5 ago 4,3 9,4 set 7,6 6,0 ott 7,0 6,3 nov dic media 7,1 4,4 8,6 2,0 4,7 7,0 0,6

-3,0 -2,0 -0,5 -0,4 -0,2 -0,2

Fonte: EIU 2006

TASSO DI CAMBIO: 2001 2002 2003 2004 2005 TASSO DI CAMBIO dram/US$ (media annua) TASSO DI CAMBIO dram/rublo (media annua)
Fonte: EIU 2006

555,1 573,4 578,8 533,5 457,7 19,0 18,3 18,9 18,5 16,0

Lapprezzamento del dram a partire dal 2004 pu considerarsi il prodotto di due fattori: da un lato, lalto tasso di inflazione registrato nel 2003 (mediamente superiore al 7,5 per cento negli ultimi quattro mesi dellanno) ha spinto le autorit armene ad accogliere le pressioni del Fmi e a consentire un apprezzamento del tasso di cambio per contrastare le spinte inflazionistiche; dallaltro lato, lapprezzamento del dram stato stimolato dal massiccio afflusso di capitali che ha investito il Paese nella forma di rimesse dallestero. Nel complesso gli effetti del rafforzamento del dram sono stati positivi per il mercato nazionale, in quanto hanno incoraggiato una maggiore fiducia nella moneta nazionale e incrementato il suo utilizzo tanto per le transazioni quanto come strumento di risparmio privato 7 , rafforzando al contempo il fragile sistema finanziario e bancario locale. Viceversa, il marcato apprezzamento del dram anche in termini reali rispetto al dollaro americano e alleuro ha sollevato qualche preoccupazione per la perdita di competitivit dei prodotti nazionali sui mercati internazionali: a placare i timori degli esportatori armeni, pi che giustificati data la tendenza al ribasso del tasso di cambio a partire gi dal 2004 e la ridotta base di esportazione del Paese, non sono finora bastate le valutazioni ottimistiche del Fmi, che considera come fattori positivi per la competitivit armena i vantaggi di cui beneficia leconomia nazionale in termini di costo della manodopera e la concentrazione delle esportazioni del Paese in particolari nicchie di mercato. A sostegno della
7

In unindagine condotta dalla Banca Centrale su un campione di duemila famiglie, il 33 per cento degli intervistati ha dichiarato di preferire per le transazioni il dram alle valute straniere, contro il solo 17 per cento registrato lanno precedente, ECONOMIST INTELLIGENCE UNIT, Country Report Armenia, London, May 2006, p. 24.

36

posizione del Fmi pu essere ricordato il fatto che negli ultimi cinque anni le esportazioni sono cresciute costantemente, particolarmente verso Paesi non appartenenti alla ex-sfera sovietica, tanto che lUnione Europea nel suo complesso divenuta il principale partner commerciale della piccola repubblica.
COMMERCIO ESTERO (US$):
Esportazioni 2000,0 1500,0 1000,0 500,0 0,0 -500,0 -1000,0
Fonte: EIU 2006

Importazioni

Bilancia commerciale

2000

2001

2002

2003

2004

2005

Le condizioni dei conti con lestero dellArmenia, giudicate nel complesso con ottimismo dal Fmi nonostante il deficit commerciale, sono rafforzate dallandamento dei trasferimenti correnti, che grazie a una combinazione di consistenti rimesse dallestero e maggiori aiuti pubblici (per un complessivo 20 per cento del Pil nel 2005) hanno prodotto un attivo in grado di ridurre sensibilmente il deficit di parte corrente (sceso nel 2005 al di sotto del 2,5 per cento del Pil dal 4,5 per cento registrato nel 2004 8 ). Analogamente, landamento del debito estero da valutare ora con un certo ottimismo, alla luce della sua progressiva e costante riduzione che ha portato a dimezzare lo stock di debito tra il 2000 e il 2005 (con una riduzione di dieci punti percentuali nellultimo anno), a privilegiare i canali multilaterali di credito e a ridurre i debiti bilaterali. Tuttavia non si pu certo ignorare il fatto che un ruolo considerevole nellambito di questa riduzione stato svolto dalla conclusioni di un debt-for-equity swap, che nel 2003 ha estinto il debito dovuto dallArmenia alla Russia, ovvero al suo principale creditore bilaterale, in cambio della cessione di importanti pacchetti azionari a compagnie russe.

EIU, Country Report Armenia, February 2006, cit., p. 31.

37

BILANCIA COMMERCIALE E SALDO DI PARTE CORRENTE (in milioni di dollari USA): 2000 2001 2002 2003 2004 Esportazioni di merci Importazioni di merci Saldo commerciale Servizi (netti) Redditi (netti) Trasferimenti unilaterali (netti) Saldo di parte corrente
Fonte: EIU 2006

2005 981,4 -1566,1 -584,7 -53,9 44,9 389,5 -204,2

309,9 -773,4 -463,5 -55,8 52,9 188,1 -278,3

353,1 -773,3 -420,2 -17,8 63,5 174,0 -200,5

513,8 -882,5 -368,8 -40,7 88,2 173,4 -147,9

696,1 -1130,2 -434,1 -68,3 94,5 218,5 -189,4

738,3 -1196,3 -458,0 -70,7 36,6 330,4 -161,7

Daltra parte non si pu negare che, sebbene la forte crescita delleconomia armena possa tenere sotto controllo anche nei prossimi anni il deficit corrente, compensando grazie ai trasferimenti unilaterali il deficit commerciale e del settore dei servizi, gli alti tassi di crescita del Pil non possono certo da soli eliminare le debolezze strutturali del settore estero del Paese. In particolare acquista ulteriore rilevanza lo sforzo governativo volto a sviluppare nuovi settori di esportazione, che da un lato possano alleviare la dipendenza dalle importazioni di prodotti alimentari, mentre dallaltro lato possano rimediare alla ridotta base industrialemanifatturiera nazionale. In questo senso prevedibile che nuovi massicci investimenti soprattutto nei settori metallurgico, meccanico e minerario possano guidare la crescita delle esportazioni nei prossimi anni, riducendo la quota riconducibile al settore della lavorazione dei diamanti (che nel 2005 rappresentava oltre il 36 per cento del totale 9 ) e compensando il probabile aumento delle importazioni di beni capitali dovuto alla realizzazione di nuovi progetti edilizi e infrastrutturali. In questo senso pu forse interpretarsi la decisione del Governo di approvare per il 2006 un obiettivo di deficit di bilancio vicino al 3 per cento del Pil, segnando un marcato allentamento nella politica fiscale rispetto al deficit dell1 per cento registrato nel 2005. Il basso livello del deficit registrato nel 2005 sembra dovuto a una combinazione di entrate maggiori delle aspettative e riduzioni nella spesa: se il primo fattore pu essere salutato come un (parziale) successo delle autorit nel processo di miglioramento del sistema di imposizione e nella lotta allevasione, il secondo rispecchia soprattutto un dato negativo, ovvero la grave inefficienza che affligge la regolamentazione e le procedure relative agli appalti pubblici causando laccumulo di lunghi ritardi nella decisione e nella realizzazione dei programmi di spesa pubblica. La scelta di una politica fiscale maggiormente espansiva per il 2006 del tutto coerente con il programma di riduzione della povert contenuto
9

Ibidem, pp. 11 e 29.

38

nel Poverty Reduction Strategy Paper (Prsp) approvato dal Governo armeno nel 2003 con il consenso e lassistenza del Fmi, programma che dovrebbe determinare le priorit di politica economica del Paese in unottica di medio e lungo periodo10 . Gli obiettivi del Prsp prevedono infatti un sostanziale incremento della spesa pubblica dedicata a infrastrutture e programmi sociali e dunque un probabile aumento del deficit pubblico, che sar finanziato da una combinazione di maggiori (anche se in misura limitata) entrate provenienti dalla tassazione, prestiti concessi dalle istituzioni finanziarie internazionali ed emissione di titoli di stato. Il Prsp rappresenta limpegno pi consistente da parte delle autorit armene per la crescita stabile e lo sviluppo del Paese: il programma considera cruciale per gli obiettivi di riduzione della povert laumento sostanziale del livello di occupazione attraverso la creazione di nuove piccole e medie imprese e la continua modernizzazione del settore pubblico al fine di migliorare laccesso della popolazione ai servizi pubblici fondamentali. Tra questi, a ricevere la quota pi ampia della spesa pubblica nellambito del Prsp sono il settore sanitario e dellistruzione, entrambi reduci da anni di scarsi investimenti e deterioramento delle infrastrutture: oltre alla ristrutturazione della dotazione fisica, entrambi i settori hanno iniziato a beneficiare di salari pi alti, corsi di formazione e aggiornamento per il personale e di una particolare attenzione al decentramento della gestione (soprattutto finanziaria) dei servizi sanitari e alla qualit dellistruzione al fine di meglio soddisfare le esigenze di specializzazione del mercato del lavoro. A questo programma si devono aggiungere i prestiti che il Paese riceve dalla Banca Mondiale e dallo stesso Fondo Monetario (nellambito del Poverty Reduction and Growth Facility, un programma triennale iniziato nel 2005), destinati soprattutto a finanziare la realizzazione di riforme necessarie a rendere pi efficace la gestione del sistema di tassazione e ad incoraggiare lo sviluppo del sistema bancario. In effetti gi a partire dal 2004 le entrate fiscali derivanti dalla tassazione hanno iniziato a crescere, sia in termini assoluti, sia come percentuale del Pil: tuttavia nel 2005 questa percentuale era ancora piuttosto bassa, intorno al 14 per cento. Una delle ragioni sottostanti a questa scarsa performance senza dubbio il fatto che molti dei settori pi dinamici delleconomia armena, che hanno maggiormente contribuito al raggiungimento di alti tassi di crescita, non sono soggetti a tassazione: questo particolarmente vero per i settori industriali che hanno potuto beneficiare di massicci investimenti stranieri, che sono stati attirati nel Paese proprio grazie allesenzione fiscale. Unaltra ragione, pi preoccupante, che pu contribuire a spiegare il basso livello delle entrate fiscali lalto tasso di evasione: da unindagine condotta nel 2005 dal Caucasus Resource Research Centre emerso infatti che, pi ancora della
INTERNATIONAL MONETARY FUND, Republic Of Armenia: Poverty Reduction Strategy Paper Progress Report, Washington D.C., May 2005, p. 5; EIU, Country Report Armenia, February 2006, cit., pp. 9, 20; COMMISSION OF THE EUROPEAN COMMUNITIES, Commission Staff Working Paper, Annex To: European Neighbourhood Policy, Country Report Armenia, Bruxelles, 2005, pp. 16-17.
10

39

corruzione e delle collusioni, quasi 6 imprenditori su 10 (su un campione di oltre 500 aziende armene) lamentano la pressione fiscale ingiustificatamente elevata, tale cio da costituire il principale ostacolo allo sviluppo della propria attivit. Oltre a ci, l83 per cento degli intervistati ha anche citato lo scarso impegno dello Stato per facilitare lo sviluppo di nuove opportunit produttive e la mancanza di unadeguata regolamentazione, soprattutto per ci che riguarda la protezione della propriet intellettuale, come seri limiti allespansione delle attivit produttive 11 . La questione del miglioramento dellambiente economico e del clima degli affari assume quindi particolare rilievo tra le priorit dellagenda di politica economica del Governo. Tuttavia probabile che nellimmediato futuro non vi siano progressi sostanziali, dal momento che lappuntamento con le elezioni politiche del 2007 verosimilmente attirer, soprattutto a partire dagli ultimi mesi del 2006, lattenzione governativa verso le esigenze della campagna elettorale.
INDICATORI SULL'AVVIAMENTO DI UN'ATTIVITA' PRODUTTIVA: Armenia Tempi di avviamento (giorni) Costi di avviamento (% reddito pro capite) Rigidit dell'impiego (indice: 0=min rigidit; 100=max rigidit) Tempi di registrazione della propriet (giorni) Disclosure Index (indice di trasparenza: 0=min; 7=max) Tempi di attuazione di un contratto (giorni) Costi di attuazione di un contratto (% valore del debito) Durata media delle procedure di insolvenza (anni)
Fonte: Doing Business in 2006, Banca Mondiale

Georgia 21 13,7 43 9 4 375 31,7 3,3

Azerbaigian 115 12,5 38 61 0 267 19,8 2,7

25 6,1 49 6 3 (2005) 185 17,8 1,9

Nel complesso le prospettive di crescita delleconomia armena resteranno strettamente legate allandamento del settore estero. Se, come previsto, leconomia russa manterr tassi di crescita superiori al 5 per cento anche per il 2006 e il 2007, essa potr trainare leconomia armena (insieme alle altre economie della regione) grazie alla forte domanda di importazioni e alla disponibilit ad investire ingenti capitali in settori chiave quali quello energetico e quello metallurgico. Oltre a questo, limpatto sulla bilancia commerciale armena della diminuzione attesa dei prezzi mondiali dei metalli dovrebbe essere compensato da un aumento della produzione, mentre la riduzione dei prezzi dei generi alimentari sul mercato mondiale (gi in corso dal 2005) dovrebbe aiutare a contenere laumento delle spese per le importazioni. Nondimeno, la dipendenza del Paese da una base di esportazione piuttosto ristretta, comprendente solo poche categorie di
11

EIU, Country Report Armenia, February 2006, cit., p. 20.

40

merci, continuer a rendere leconomia nazionale vulnerabile a inattese fluttuazioni dei prezzi mondiali. PREVISIONI DI CRESCITA 2006-2007: 2004 TASSO DI CRESCITA PIL REALE (%): Mondo Russia Armenia PREZZI MONDIALI DELLE MERCI: Petrolio (Brent; US$/barile) Oro (US$/oncia) Prodotti alimentari (variaz. % in US$) Materie prime industriali (variaz. % in US$) SETTORE ESTERO ARMENIA: Esportazioni di merci (milioni US$) Importazioni di merci (milioni US$) Saldo di parte corrente (milioni US$) Deficit di parte corrente (% del PIL)
Fonte: EIU 2006

2005 4,4 6,2 13,9 54,7 445,0 -0,2 10,4 981,4 1566,1 -204,2 4,1

2006 (a) 2007 (a) 4,0 5,7 8,5 55,0 525,0 -0,5 -1,3 1056,0 1709,1 -229,5 4,0 3,9 5,2 9,0 46,8 493,8 -2,3 -10,7 1156,9 1874,1 -272,6 4,2

5,0 7,2 10,1 38,5 409,5 8,5 21,0 738,3 1196,3 -161,7 4,5

(a) Previsioni Economist Intelligence Unit

41

2.2 Georgia INDICATORI ANNUALI DI CRESCITA: 2001 PIL (miliardi di US$) TASSO DI CRESCITA PIL (%)
Fonte: EIU 2006, IMF 2006 e BERS

2002 3,4 5,5

2003 4,0 11,1

2004 5,1 5,9

2005 6,4 9,3

3,2 4,8

CRESCITA PER SETTORE (%): 2003 Agricoltura Costruzioni Industria Servizi


Fonte: EIU 2006

2004 -7,1 15,5 17,6 17,0

2005 4,9 1,2 5,2 11,5

10,3 43,3 0,9 8,7

Tasso di crescita PIL (%) 1995-2005


Tasso di crescita PIL (%) 12,0 10,0 8,0 6,0 4,0 2,0 0,0 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005
Fonte: BERS 2006

Diversamente da quello armeno, landamento della crescita del Pil in Georgia stato altalenante negli ultimi cinque anni12 : dopo aver fatto registrare nel 2003 un tasso di crescita doppio rispetto allanno precedente e il pi alto dal 1996, leconomia georgiana ha subito una decisa flessione lanno seguente, dovuta alla performance particolarmente negativa del settore agricolo (che passato da una crescita a due cifre nel 2004 a una contrazione della produzione del 7,1 per cento
12

I dati sono tratti da: ECONOMIST INTELLIGENCE UNIT, Country Report Georgia, London, February 2006, pp. 21-22.

42

nel 2005). Accanto a questo, un altro fattore in grado di spiegare il brusco rallentamento delleconomia georgiana nel 2004 stato il completamento dei progetti relativi alla costruzione di nuove infrastrutture di trasporto per il gas e il petrolio del Mar Caspio: in effetti la costruzione di questi nuovi gasdotti e oleodotti aveva trainato nel 2003 la crescita economica, e il loro progressivo completamento ha inevitabilmente portato allesaurimento della fase di crescita del settore (che infatti ha registrato nel 2005 una crescita modesta, dell1,2 per cento). Il tasso di crescita delleconomia georgiana si riportato nel 2005 al di sopra del 9 per cento, in gran parte grazie alla ripresa del settore agricolo, che cresciuto quasi del 5 per cento grazie alle buone condizioni meteorologiche e che rappresenta allincirca un quinto del Pil georgiano. La ripresa agricola tuttavia non elimina gli ostacoli strutturali di cui soffre il settore, come ad esempio la frammentazione della propriet terriera in appezzamenti di piccole dimensioni: questi vincoli impediscono lulteriore sviluppo di un settore divenuto negli ultimi anni particolarmente importante per il commercio con lestero, dato che le esportazioni di prodotti agricoli costituiscono quasi un quarto delle esportazioni totali georgiane. In tutti gli altri settori si verificato viceversa un rallentamento della crescita, legato in gran parte ancora una volta al completamento dei progetti di costruzione delle nuove infrastrutture di trasporto delle risorse energetiche. Lunico settore che nel complesso ha mantenuto un tasso di crescita a due cifre (+11,5 per cento) stato quello dei servizi: il dato specialmente importante in considerazione della quota crescente rappresentata dai servizi, che nel 2005 per la prima volta ha superato la met del Pil totale.
QUOTA DEI SETTORI RISPETTO AL PIL (%)
60,0 50,0 40,0 30,0 20,0 10,0 0,0 1999
Fonte: EIU 2006

Agricoltura Industria Servizi

2000

2001

2002

2003

2004

2005

Anche in questo caso non si possono trascurare alcune considerazioni: nel 2004 la straordinaria performance del settore dei servizi era da attribuire allespansione delle telecomunicazioni (+25,5 per cento), soprattutto grazie allo sviluppo delle reti di telefonia mobile, prima pressoch inesistenti nel Paese. Un tale tasso di

43

crescita difficilmente poteva ripetersi lanno seguente, ed infatti lo stesso settore ha registrato una crescita comunque molto positiva, ma inferiore di quasi dieci punti percentuali (+15,9 per cento). Questa crescita pi contenuta stata per compensata dal tasso di crescita registrato nel settore dei servizi finanziari (+54,4 per cento nei primi nove mesi dellanno, il pi alto dal 1999), che ha contribuito in misura decisiva a mantenere a due cifre la crescita complessiva dei servizi. Il dato relativo ai servizi finanziari deriva da una maggiore efficienza del sistema bancario, che si riflessa in un aumento dellattivit di intermediazione; tuttavia non bisogna dimenticare che alla base di questa nuova vitalit del sistema finanziario georgiano vi anche un massiccio afflusso di capitali stranieri in gran parte non sterilizzato dalla Banca Centrale, a causa delle limitate opzioni di politica monetaria a sua disposizione. Il dato pi significativo dellespansione del settore dei servizi resta comunque il fatto che sia anchessa in larga misura collegata alla costruzione delle nuove reti di trasporto delle risorse energetiche e agli investimenti esteri ad essi correlati, che si rivelano quindi fondamentali per la prosecuzione della fase attuale di crescita economica. Laumento sia nominale che reale dei salari, particolarmente pronunciato a partire dal 2004, e delloccupazione nel settore stato uno degli effetti positivi pi evidenti dellespansione del terziario: da un lato esso ha spinto verso lalto i salari anche negli altri settori, compreso il settore pubblico, incrementando quindi il reddito delle famiglie; dallaltro lato ha compensato almeno in parte laumento della disoccupazione che si verificato a seguito dei consistenti tagli del personale dellamministrazione pubblica. Nonostante il contributo del terziario, nel 2005 il tasso di disoccupazione ha infatti toccato il 13,8 per cento, confermando implicitamente la tesi che una fetta consistente della disoccupazione sia strutturale e di lungo periodo: questo spiegherebbe anche la presenza di uneconomia informale particolarmente sviluppata, comprendente agricoltura di sussistenza e altre attivit di lavoro occasionale, che agisce come valvola di sicurezza per allentare le pressioni sociali. Nonostante i tagli relativi al pubblico impiego, il Governo georgiano ha nel complesso incrementato la spesa pubblica 13 : una crescita delle entrate allincirca del 30 per cento nel 2005, superiore alle aspettative e allobiettivo fissato dal Governo, ha infatti consentito alle autorit di aumentare le spese sociali destinate alla riduzione della povert, che affligge ancora pi della met della popolazione georgiana 14 (con una percentuale pari al 17,4 che vive in condizioni di povert assoluta 15 ), nellambito dellEconomic Development and Poverty Reduction Program, approvato nel 2003 con il sostegno del Fondo Monetario Internazionale e della Banca Mondiale. La spesa sociale ha rappresentato nel 2005 il 22 per cento
Ibidem, pp. 18-19. WORLD BANK, Georgia Country Brief 2006, http://web.worldbank.org/WEBSITE/ EXTERNAL/COUNTRIES/ECAEXT/GEORGIAEXTN/. 15 Dati relativi al 2004, INTERNATIONAL MONETARY FUND, Georgia: Poverty Reduction Strategy Paper Progress Report, Washington D.C., March 2005, p. 5.
14 13

44

della spesa pubblica totale, ovvero la sua componente principale, ed stata in gran parte destinata allaumento delle pensioni minime e alla progressiva eliminazione degli arretrati. Il consistente aumento delle entrate pubbliche che ha consentito la realizzazione dei programmi di spesa sociale sembra soprattutto merito della riforma dellimposizione fiscale approvata dal governo georgiano e introdotta allinizio del 2005 16 : accanto ad una generale riduzione delle aliquote fiscali e del numero stesso delle imposte, volta a ridurre levasione, il governo ha infatti ridotto anche le esenzioni fiscali, soprattutto per quanto riguarda la tassazione dei profitti e limposta sul valore aggiunto. Laumento delle accise che ha colpito soprattutto alcool e tabacco ha avuto tuttavia come effetto principale quello di incoraggiare il contrabbando, vera piaga delleconomia nazionale, costringendo le autorit a rafforzare il proprio impegno per contrastare il commercio illegale attraverso pi stretti controlli alle frontiere. E significativo in questo senso il fatto che nel bilancio approvato nel dicembre 2005 per lanno 2006, che fissa un aumento di spesa del 15 per cento rispetto allanno precedente, la quota destinata ad aumentare in misura pi consistente sia quella destinata alle spese per la difesa, che comprendono anche gli incrementi destinati a rafforzare le forze armate e di pubblica sicurezza, e che andranno cos a costituire pi del 3 per cento del Pil. Sul totale delle entrate resta per significativa anche la quota dei proventi non derivanti dalle imposte (circa il 12 per cento nel 2005): questa quota peraltro destinata ad aumentare nel bilancio del 2006, quando nelle casse dello Stato arriveranno i proventi dellambizioso programma di privatizzazione iniziato nel 2004 e culminato nel 2005 con la cessione (soprattutto ad acquirenti stranieri) di alcune importanti attivit, quali Georgia Telecom, il complesso industriale di Madneuli per lestrazione e la lavorazione delloro e del rame, la compagnia nazionale di trasporti navali. I consistenti ricavi delle privatizzazioni e il loro notevole contributo alle entrate totali dello Stato hanno consentito una decisa riduzione del deficit pubblico, contenuto nel 2005 entro il 2,4 per cento, senza per questo sacrificare, come si detto, la possibilit per le autorit di incrementare la spesa pubblica destinata in particolare alla costruzione di infrastrutture, alla realizzazione di programmi sociali e alla difesa. La generosa politica fiscale georgiana stata peraltro criticata dal Fondo Monetario Internazionale, che ne ha sottolineato il carattere populistico (in particolare in vista delle elezioni amministrative previste per la fine del 2006) e limpegno giudicato insufficiente per la riduzione della povert 17 . Le pressioni del Fondo hanno spinto il governo georgiano ad approvare parallelamente al bilancio per il 2006 un programma di medio periodo per le spese, che dovrebbe assicurare un maggiore controllo e una maggiore prudenza nella gestione della politica fiscale.
EIU, Country Report Georgia, February 2006, cit., p. 18. INTERNATIONAL MONETARY FUND EXECUTIVE BOARD, Public Information Notice. Conclusion of 2005 Article IV Consultation with Georgia, Washington D.C., April 2006, http://www.imf.org/external/np/sec/pn/2006.
17 16

45

BILANCIO DELLO STATO (in miliardi di Lari)


Entrate
3,00 2,50 2,00 1,50 1,00 0,50 0,00 2002
Fonte: EIU 2006

Spese

2003

2004

2005

In effetti la critica del Fondo Monetario Internazionale dettata da una pi generale preoccupazione circa la posizione finanziaria complessiva del Governo, in particolare per ci che riguarda la sostenibilit del debito pubblico e le prospettive di rimborso del debito pubblico verso lestero. Lapprezzamento del lari avvenuto negli ultimi tre anni ha alleggerito sensibilmente il servizio del debito, gi ridotto dopo la rinegoziazione di gran parte dei debiti bilaterali avvenuta nel luglio del 2004 nellambito di una serie di accordi conclusi in sede Club di Parigi. Tuttavia parte di questi accordi non ancora stata finalizzata, e parte dei Paesi creditori non ha per ora accettato di rinegoziare i crediti concessi al governo georgiano.
TASSO DI CAMBIO (lari/US$): 2001 2002 2003 2004 2005 2006(a) 2007(a) Media annua Variazione annua (% rispetto alla media dellanno precedente)
Fonte: EIU 2006

2,07 --

2,20 -6,3

2,15 2,3

1,92 10,7

1,81 5,7

1,79 1,1

1,76 1,7

(a) Previsioni EIU

Lapprezzamento del lari rispetto a tutte le maggiori valute a partire dal 2003 uno degli effetti pi vistosi del massiccio afflusso di capitali esteri che ha investito la Georgia contestualmente alla realizzazione dei progetti relativi alla costruzione delloleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan. Fino al 2005 questo afflusso di capitali ha permesso al Paese di coprire il proprio deficit corrente, sempre pi ampio a causa dellaumento dei prezzi delle risorse energetiche e delle crescenti importazioni di

46

beni capitali che la base industriale nazionale insufficientemente sviluppata non pu fornire per le attivit collegate alla costruzione delloleodotto.
BILANCIA DEI PAGAMENTI (in milioni di US$): 2001 Esportazioni Importazioni SALDO BILANCIA COMMERCIALE Saldo dei servizi Saldo dei redditi Trasferimenti unilaterali netti SALDO DI PARTE CORRENTE Investimenti diretti esteri Investimenti di portafoglio Altri flussi di capitale SALDO DI CONTO CAPITALE E FINANZIARIO Errori e omissioni SALDO GLOBALE
Fonte: EIU 2006

2002 601,7 -1084,7 -483,0 35,5 33,2 193,0 -221,3 163,3 0,0 -144,1 37,6 -6,0 -189,7

2003 830,6 -1466,6 -636,0 54,0 32,4 174,9 -374,7 335,6 0,0 -12,9 342,6 -16,8 -49,0

2004 1092,5 -2008,6 -916,1 56,1 96,7 337,6 -425,7 489,5 -13,1 2,5 519,8 14,7 108,8

2005 1472,0 -2686,0 -1214,0 71,9 93,8 297,3 -751,0 537 19,2 166,8 723,0 12,0 -16,0

496,1 -1045,6 -549,5 77,2 32,3 228,3 -211,7 109,9 -0,1 99,9 204,5 34,9 27,7

Tuttavia con il completamento del progetto Btc il flusso di Ide verso la Georgia si bruscamente ridotto, soprattutto a partire dal terzo trimestre del 2005, e a compensare questa riduzione non stato sufficiente lincremento dei flussi in entrata derivanti dal processo di privatizzazione di alcuni grandi complessi industriali, ceduti a gestori stranieri. I ricavi della privatizzazione hanno comunque contribuito ad incrementare le riserve ufficiali della Banca Centrale, alleviando cos la pressione sulla politica monetaria e sui tentativi della Banca Centrale di sterilizzare i flussi di capitali esteri utilizzando i limitati strumenti a sua disposizione. Per contenere almeno in parte il deficit corrente invece il Paese sembra sempre pi doversi affidare (oltre che naturalmente agli aiuti ufficiali) alle sempre pi consistenti rimesse provenienti dai circa due milioni di georgiani che lavorano in altri Paesi dellex-Unione Sovietica. Su una popolazione totale di meno di quattro milioni e mezzo di persone 18 , le rimesse di quasi due milioni di lavoratori trasferitisi principalmente in Russia non fanno che evidenziare in maniera ancora pi netta limportanza del legame
Dati relativi al 2003, Dipartimento Nazionale di Statistica del Ministero delle Finanze della Repubblica di Georgia.
18

47

economico esistente tra i due Paesi. In effetti, insieme alla Turchia, la Russia ancora il principale partner commerciale della Georgia, e il suo fornitore pressoch esclusivo di combustibili. Certamente anche nel prossimo biennio lUnione Europea fornir alla Georgia quantit crescenti di beni capitali e di servizi (soprattutto di trasporto e di consulenza) collegati alla messa in funzione delle nuove infrastrutture di trasporto. Nondimeno, la rapida crescita complessiva delle importazioni in larga misura da attribuire ai prezzi del petrolio e dei suoi derivati in continua ascesa: in particolare, la crescita del settore industriale georgiano nel 2005 ha provocato un incremento della domanda di energia, che a sua volta si dovuto confrontare con lincapacit del Paese di sfruttare appieno il proprio notevole potenziale idroelettrico (le centrali idroelettriche georgiane sfruttano infatti solo il 10-20 per cento della loro capacit produttiva 19 ). Questo fa s che la Georgia sia costretta ad importare dalla Russia gran parte del proprio fabbisogno energetico, accentuando cos la propria dipendenza economica dal vicino settentrionale. Oltre ad essere il principale fornitore di energia della repubblica caucasica, infatti, la Russia tradizionalmente anche il principale mercato di destinazione delle esportazioni georgiane, soprattutto per quanto riguarda il vino e gli altri prodotti agricoli, che nel 2005 costituivano poco meno di un quarto delle esportazioni totali del Paese: la domanda russa nello stesso anno ha coperto i tre quarti del vino esportato dalla Georgia e pi del 30 per cento delle sue esportazioni complessive 20 . Tra le importazioni di risorse energetiche, le rimesse dei lavoratori emigrati e le esportazioni in gran parte dipendenti dalla domanda russa, non dunque difficile immaginare la misura in cui le prospettive di crescita delleconomia georgiana siano condizionate dallandamento delleconomia russa, che secondo le previsioni dovrebbe mantenere un tasso di crescita superiore al 5 per cento nel biennio 2006-2007, pur subendo un lieve rallentamento 21 . Tuttavia, il recente divieto imposto da Mosca sullimportazione di vino e acqua minerale dalla Georgia, probabilmente dettato anche da motivazioni politiche, avr inevitabilmente ripercussioni negative sullandamento delle esportazioni georgiane, privando di fatto il Paese del proprio principale mercato di esportazione e costringendo gli esportatori a cercare nuovi mercati nel difficile tentativo di trovare nel breve periodo unalternativa allampia domanda russa 22 . Il fatto che le esportazioni georgiane dipendano in definitiva da una gamma ristretta di prodotti, per lo pi a basso valore aggiunto e quindi particolarmente vulnerabili alle fluttuazioni dei prezzi mondiali, lascia prevedere che il saldo commerciale del Paese tender quindi a peggiorare nel biennio in corso, principalmente a causa degli alti costi del petrolio e del declino dei prezzi dei prodotti alimentari e dei metalli greggi (ovvero dellaltra maggiore categoria di esportazione, destinata soprattutto al mercato turco). Il quadro appare ancora
EIU, Country Report Georgia, February 2006, cit., p. 25. Ibidem, pp. 24-26. 21 Per le previsioni relative alleconomia russa e allandamento dei prezzi mondiali, v. tabella a p. 9. 22 ECONOMIST INTELLIGENCE UNIT, Country Report Georgia, London, June 2006, p. 24.
20 19

48

pi preoccupante se si considera che le rendite derivanti dalle esportazioni sono in grado di coprire solo il 35 per cento delle importazioni totali e un brusco deterioramento delle ragioni di scambio potrebbe minacciare la stabilit macroeconomica del Paese.
PREVISIONI DI CRESCITA 2006-2007: 2004 Tasso di crescita PIL reale (%) Tasso di inflazione (%, media) Deficit di bilancio pubblico (% PIL) Esportazioni (miliardi di US$) Importazioni (miliardi di US$) Saldo corrente (% del PIL)
Fonte: EIU 2006

2005 9,3 8,2 -2,4 1,5 -2,7 -11,7

2006(a) 8,8 6,7 -2,8 1,8 -3,3 -10,7

2007(a) 6,4 5,7 -2,5 2,1 -3,8 -8,5

5,9 5,7 -3,0 1,1 -2,0 -8,3

(a) Previsioni EIU

In considerazione della dipendenza energetica del Paese dalla Russia (che si manifestata nella sua drammatica evidenza quando nel gennaio 2006 una serie di esplosioni che hanno coinvolto le infrastrutture di trasporto dellenergia elettrica e del gas nelle repubbliche caucasiche della Federazione russa ha interrotto le forniture di combustibile dirette in Georgia, ancora pi essenziali nei mesi invernali), da valutare con prudenza il programma governativo di riforme volte ad incrementare la produzione di energia elettrica in misura tale da garantire al Paese lautosufficienza energetica. In effetti, la strategia governativa prevede un generale ammodernamento delle infrastrutture e la costruzione di nuove centrali idroelettriche (che non richiedono limportazione di combustibile), al fine di sfruttare tutto il potenziale idroelettrico nazionale e di rendere il Paese un esportatore di energia elettrica. Tuttavia questo programma non sembra allentare i legami di dipendenza dalla Russia, in quanto la stessa azienda che detiene il monopolio dellelettricit in Russia controlla anche il 75 per cento della rete di distribuzione dellelettricit in Georgia e allincirca un quinto della capacit produttiva del Paese. Altre compagnie russe inoltre parteciperanno massicciamente alla costruzione (e poi alla gestione) delle nuove centrali idroelettriche, mentre la maggior parte degli impianti termoelettrici georgiani di recente costruzione funziona grazie alla tecnologia e ai capitali russi. Allo stesso modo la possibilit di soddisfare il proprio fabbisogno di gas grazie al South Caucasus Gas Pipeline, ovvero il progetto parallelo alloleodotto Baku-TbilisiCeyhan, che dovrebbe trasportare il gas estratto dal giacimento azero di Shah Deniz, nel Mar Caspio, permetter alla Georgia di importare gas dallAzerbaigian a prezzi preferenziali e di beneficiare delle rendite derivanti dal transito del combustibile sul proprio territorio: tuttavia anche per ci che riguarda le forniture di gas improbabile che la dipendenza georgiana dalla Russia cessi del tutto, sia per il rischio implicito nella semplice sostituzione dellAzerbaigian alla Russia

49

come unico fornitore del Paese, sia nelleventualit che la Georgia scelga di differenziare le proprie importazioni di gas includendo anche il Kazachstan tra i propri fornitori. In questultimo caso infatti il gas kazako arriverebbe comunque in Georgia grazie a un gasdotto russo 23 . In definitiva il miglioramento delle condizioni della bilancia dei pagamenti georgiana verr a dipendere, oltre che naturalmente dalle rimesse dallestero, dagli introiti derivanti dal transito delle risorse energetiche sul territorio nazionale, una volta che le nuove infrastrutture di trasporto entreranno in funzione. Le previsioni dellEconomist Intelligence Unit stimano infatti che solo a partire dal 2007 si avr una sensibile riduzione del deficit corrente, proprio in corrispondenza della prevista apertura del South Caucasus Gas Pipeline 24 . Daltra parte i probabili nuovi massicci afflussi di capitali stranieri rafforzeranno la tendenza allapprezzamento del lari, accentuando le pressioni sulla politica monetaria: la Banca Centrale fatica infatti anche ora a sterilizzare lafflusso di capitali soprattutto a causa della sostanziale impossibilit di vendere sul mercato finanziario nazionale scarsamente sviluppato titoli a breve termine denominati in valuta locale. Lapprezzamento del lari sar tanto pi marcato anche in considerazione dellobiettivo primario fissato dalla Banca Centrale, ovvero della riduzione dellinflazione: la politica fiscale espansiva perseguita dal Governo coerentemente con i propri programmi di sviluppo, riduzione della povert e prosecuzione delle riforme strutturali infatti intensificher ulteriormente le pressioni sul tasso di inflazione, che nel 2005 ha superato mediamente l8 per cento. La particolare difficolt di realizzare un appropriato mix di politiche macroeconomiche sembra quindi essere la caratteristica distintiva in grado di condizionare pi che mai lesito del processo di sviluppo economico della Georgia, le cui prospettive peraltro riposano a loro volta sulla validit e sul successo della sfida costituita dalle nuove rotte energetiche transcaucasiche.
2.3 Azerbaigian INDICATORI ANNUALI DI CRESCITA: 2001 PIL (in miliardi di US$) TASSO DI CRESCITA PIL REALE (%)
Fonte: EIU 2006

2002 6,1 10,6

2003 7,0 11,2

2004 8,5 10,2

2005 11,9 26,4

5,7 9,9

23 24

EIU, Country Report Georgia, February 2006, cit., pp. 15-17. Ibidem, p. 11.

50

CRESCITA PER SETTORE (%): Agricoltura Industria Costruzioni Commercio (ingrosso e dettaglio)
Fonte: EIU 2006

2001 11,1 5,2 5,9 9,9

2002 6,4 3,6 105,0 9,6

2003 5,6 6,0 61,0 10,9

2004 4,6 5,7 41,9 13,0

2005 7,5 56,8 2,0 13,2

Rispetto alle altre due economie caucasiche, lAzerbaigian presenta alcune caratteristiche distintive che sono alla base dellandamento della sua performance economica. Dopo tre anni di crescita a due cifre, nel 2005 il Paese ha beneficiato di un vero e proprio boom economico, con un tasso di crescita del Pil reale che ha raggiunto il 26,4 per cento, il pi alto nel mondo. La rapida crescita delleconomia azera sta continuando anche nel 2006 e, secondo le stime del Comitato Nazionale di Statistica relative al primo trimestre dellanno, il Pil cresciuto del 39,5 per cento in termini reali, rispetto a una crescita di poco superiore al 10 per cento nello stesso periodo dellanno precedente 25 . Questa accelerazione, certo sorprendente nelle dimensioni ma non del tutto inattesa, da attribuire quasi interamente allespansione del settore industriale, guidata in particolare dal settore degli idrocarburi. La produzione industriale cresciuta infatti del 57 per cento nel 2005, principalmente come risultato di un incremento superiore al 40 per cento nella produzione relativa allindustria estrattiva, che comprende il settore petrolifero e quello del gas e che costituisce allincirca il 60 per cento dellintera produzione industriale del Paese.
PRODUZIONE INDUSTRIALE PER SETTORE: 2003 2004 2005 2005 2006 (gen-mar) (gen-mar) 47,4 9,1 15,4 2,7 30,7 72,5 62,9 6,3 30,8 10,6 10,9 0,1

CRESCITA ANNUA: Industria estrattiva (idrocarburi) 1,4 2,3 41,4 10,3 Elettricit 16,4 2,3 4,8 12,0 Industria manifatturiera 17,7 10,2 15,6 5,3 di cui: Prodotti alimentari 5,2 0,1 4,2 33,0 Raffinazione del petrolio 4,2 9,1 14,2 n.d. Industria chimica 8,0 25,0 6,2 -17,7 QUOTA RISPETTO ALLA PRODUZIONE INDUSTRIALE TOTALE: Industria estrattiva (idrocarburi) 48,6 48,8 59,8 58,3 Elettricit 8,7 7,7 6,1 8,5 Industria manifatturiera 42,7 43,6 34,1 39,4 di cui: Prodotti alimentari 17,8 18,8 13,6 15,3 Raffinazione del petrolio 13,4 12,3 9,4 12,2 Industria chimica 2,9 3,2 2,1 0,9
Fonte: EIU 2006
25

ECONOMIST INTELLIGENCE UNIT, Country Report Azerbaijan, London, May 2006, p. 21.

51

Il boom petrolifero sta avendo benefiche ricadute sullintera economia: il pi alto potere dacquisto delle famiglie, che deriva soprattutto dai maggiori salari pagati nel settore degli idrocarburi (sempre pi dominato da compagnie private, principalmente straniere), tende infatti ad incrementare la domanda di beni di consumo e di servizi, che a sua volta si riflette sulla crescita del terziario (il settore delle telecomunicazioni cresciuto ad esempio del 36 per cento nel 2005). Tuttavia lespansione dellindustria degli idrocarburi ha anche contribuito a marginalizzare progressivamente il settore agricolo, la cui quota rispetto al Pil scesa al di sotto del 10 per cento nel 2005, nonostante lincremento nella domanda abbia spinto la crescita del settore al di sopra del 7 per cento. Inoltre, sebbene nel 2005 le esportazioni azere di prodotti alimentari siano pi che raddoppiate in termini assoluti e quasi raddoppiate in termini percentuali sulle esportazioni totali del Paese, il settore agricolo ha sofferto e prevedibilmente soffrir in misura crescente per lapprezzamento marcato del manat, che combinato con gli alti costi di trasporto tende ad indebolirne la competitivit sui mercati internazionali 26 .
INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI (in milioni di US$): 2001 Armenia Georgia Azerbaigian di cui: nel settore petrolifero Federazione russa Totale CSI
Fonte: EIU 2006, UNCTAD, BERS

2002 111 163 1067 1007 3461 8835

2003 120 336 2352 2256 7958 15536

2004 217 490 2351 2237 11672 22554

2005 201 234 458 241 n.d. n.d.

70 110 227 119 2748 7076

A ben vedere, la rapida crescita dellindustria degli idrocarburi come si detto non del tutto inattesa: leconomia azera ha piuttosto iniziato nel 2005 a cogliere i benefici dei massicci investimenti diretti esteri che a partire dal 2002 si sono riversati nel settore, al fine di sfruttare i giacimenti di petrolio e gas naturale di cui il Paese ricco. In effetti la produzione di petrolio greggio ha superato nel 2005 i 22 milioni di tonnellate, con un incremento superiore al 40 per cento rispetto allanno precedente, soprattutto grazie al completamento dei progetti di esplorazione e linizio dello sfruttamento dei giacimenti petroliferi azeri nel Mar Caspio (Azeri-Chirag-Guneshli) ad opera dellAzerbaijan International Operating Company (Aioc), un consorzio internazionale privato guidato da British Petroleum. Allo stesso modo, la produzione di gas naturale, sostanzialmente in declino dal 1999 e stabile dal 2002, ha subito un nuovo incremento del 15 per cento, da attribuirsi anche in questo caso quasi esclusivamente allattivit di sfruttamento dellAioc, che ha quasi raddoppiato la propria produzione di gas, a
26

Ibidem, pp. 26-27.

52

fronte dellandamento fondamentalmente stagnante dellattivit della State Oil Company of the Azerbaijan Republic (Socar), la compagnia statale di sfruttamento degli idrocarburi. Grazie allo sfruttamento dei nuovi giacimenti petroliferi, nel 2005 per la prima volta la produzione del consorzio guidato da Bp ha superato nettamente (quasi del 50 per cento) la produzione della Socar: considerato che lo sfruttamento dei giacimenti Acg raggiunger la massima capacit operativa a partire dalla seconda met del 2006, in coincidenza con la piena efficienza del nuovo oleodotto BakuTbilisi-Ceyhan (il primo carico di petrolio proveniente dal nuovo oleodotto ha lasciato il porto turco nel giugno del 2006), nei prossimi anni il settore petrolifero continuer a trainare la rapida crescita delleconomia azera, e il volume di greggio prodotto dallAioc costituir una quota sempre pi dominante della produzione totale, che dovrebbe raggiungere nel 2008 il milione di barili al giorno 27 . In effetti, loleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan, costruito grazie a capitali internazionali privati e con lappoggio del governo americano, oltre che naturalmente di Azerbaigian e Turchia, costituir la principale via di trasporto del petrolio proveniente dai giacimenti sfruttati dallAioc, mentre la Socar continuer ad esportare esclusivamente attraverso il pi obsoleto e meno conveniente oleodotto BakuTbilisi-Novorossijsk. Oltre a ci, un ulteriore fattore in grado di spiegare il declino dellimportanza della compagnia petrolifera statale il suo prevalente sfruttamento di giacimenti situati sulla terraferma, meno ricchi e comunque dotati di tecnologia arretrata: di fatto, nei prossimi anni la sopravvivenza della Socar sar pi che altro affidata alla quota del 10 per cento che la compagnia possiede allinterno del consorzio Aioc, cosicch una parte crescente della sua produzione annua scaturir dallattivit di esplorazione e sfruttamento condotta dalle compagnie petrolifere straniere.
PRODUZIONE DI PETROLIO E GAS: 96 Petrolio (milioni di tonnellate) SOCAR AIOC Gas naturale (miliardi di metri cubi) SOCAR AIOC
Fonte: EIU 2006

97 9,1 9,0 0,1 6,0 6,0 0,0

98 11,4 9,0 2,4 5,6 5,2 0,4

99 13,7 9,0 4,8 6,0 5,8 0,2

00 13,9 9,0 5,1 5,6 n.d. n.d.

01 14,9 9,0 5,9 5,5 4,7 0,9

02 15,3 8,9 6,5 5,1 4,2 1,0

03 15,4 8,9 6,5 5,1 4,2 1,0

04 15,5 9,0 6,6 5,0 3,8 1,0

05 22,2 9,0 13,2 5,8 3,9 1,9

9,1 9,1 0,0 6,3 6,3 0,0

27

Ibidem, p. 10.

53

Un discorso analogo pu essere fatto per la produzione di gas naturale: la quota prodotta dal consorzio privato destinata a crescere significativamente a partire dalla seconda met del 2006, quando lo sfruttamento del giacimento di Shah Deniz, sempre nel Mar Caspio, raggiunger la massima capacit operativa, marginalizzando progressivamente lattivit della State Oil Company of the Azerbaigian Republic anche in questo settore.
PRODUZIONE DI PETROLIO (in milioni di tonnellate)
14,0 12,0 10,0 8,0 6,0 4,0 2,0 0,0 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 SOCAR AIOC

Fonte: EIU 2006

PRODUZIONE DI GAS (in miliardi di metri cubi)


SOCAR 5,0 4,5 4,0 3,5 3,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0 2001
Fonte: EIU 2006

AIOC

2002

2003

2004

2005

54

COMPOSIZIONE DELLE ESPORTAZIONI 2005 (in %)

Petrolio (a) Prodotti alimentari Macchinari ed altri beni capitali Altro

Prodotti chimici Metalli greggi Attrezzature di trasporto

COMPOSIZIONE DELLE IMPORTAZIONI 2005 (in %)

M acchinari e altri beni capitali M etalli greggi P etro lio e altri minerali greggi A ltro

P ro do tti alimentari P ro do tti chimici A ttrezzature di traspo rto

Fonte: EIU 2006

55

Come prevedibile, il settore petrolifero domina anche la struttura del commercio con lestero: basti pensare che, pur senza considerare le esportazioni dellAioc, non computate nelle statistiche ufficiali del Comitato Nazionale di Statistica 28 , le esportazioni di petrolio costituiscono allincirca l80 per cento del totale, mentre la seconda categoria di esportazione (i prodotti alimentari) rappresenta una quota inferiore all8 per cento. Dal lato delle importazioni, il ruolo dominante dellindustria degli idrocarburi evidente nelle massicce importazioni di beni capitali, destinati in prevalenza allo sviluppo dellindustria estrattiva, che costituiscono tuttora un terzo del totale. Daltra parte la distribuzione delle importazioni tra le diverse categorie di beni non solo pi bilanciata rispetto alla struttura delle esportazioni, ma riflette anche un generale aumento in termini assoluti delle importazioni di beni di consumo: il fenomeno particolarmente evidente per ci che riguarda i prodotti alimentari, settore in cui continua a registrarsi un deficit consistente nonostante laumento delle esportazioni sia in termini assoluti, sia come percentuale sul totale. Il mancato computo del petrolio venduto dallAioc sui mercati esteri tra le esportazioni del Paese influisce anche sui dati relativi alla direzione del commercio estero dellAzerbaigian ma non elimina la netta prevalenza dei Paesi occidentali per ci che riguarda i mercati di esportazione: in effetti dai dati ufficiali emerge che allincirca l80 per cento delle esportazioni azere diretta verso Paesi non appartenenti allex-Unione Sovietica (con lItalia che occupa il primo posto, assorbendo nel 2005 pi del 30 per cento delle esportazioni azere), ma il fatto che la produzione dellAioc, che costituisce la maggior parte della produzione petrolifera del Paese, sia in larga misura venduta sui mercati occidentali lascia intendere che la quota complessiva destinata a questi ultimi vada ben al di l della cifra registrata dal Comitato Nazionale di Statistica. La
28

Ibidem, p. 27. Le statistiche del Comitato Nazionale di Statistica, che riportano le quote di ciascun settore sul totale delle esportazioni e importazioni del Paese e si basano sui dati doganali, differiscono nettamente dai dati registrati dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca Centrale azera, che viceversa sembrano includere anche il petrolio venduto allestero dallAioc (circa 3500 milioni di dollari).
BILANCIA DEI PAGAMENTI (IMF e Banca Centrale) in milioni di US$: Esport. di cui: sett. petrol. 2002 2304,9 2046,0 2003 2624,6 1336,8 2004 3743,0 1779,2 2005 7649,0 6883,2

COMMERCIO CON L'ESTERO (Comitato Nazionale di Statistica) in milioni di 2002 2003 2004 2005 US$: Esport. 2164,4 2590,4 3615,4 4346,9 di cui: sett. 1927,4 2229,1 2972,5 3337,0 petrol. % sulle 88,9 86,1 82,2 76,8 esport. totali Import. -1665,5 -2626,2 -3515,9 -4200,3 SALDO 501,9 -35,8 99,6 146,6 COMM.
Fonte: EIU 2006

Import. SALDO COMM.


Fonte: EIU 2006

-1823,3 -2723,1 -3581,7 -4349,9 481,6 -98,5 161,3 3299,1

56

prevalenza di partner commerciali esterni allex-Unione Sovietica evidente anche dal lato delle importazioni, in particolare per ci che riguarda le importazioni di beni capitali: in questo ambito infatti, eccezion fatta per il 2005, in cui Singapore stato il principale esportatore in Azerbaigian grazie a un insieme di forniture una tantum di beni capitali, va gradualmente acquistando rilevanza la Gran Bretagna, che grazie agli ingenti investimenti effettuati dallAioc (di cui Bp possiede la quota pi consistente) sta diventando il pi importante fornitore di beni capitali del Paese 29 .
PRINCIPALI PARTNER COMMERCIALI (in %): 2001 Esportazioni: Ex-Unione Sovietica di cui: Federazione russa Resto del mondo di cui: Italia Francia Turchia Importazioni: Ex-Unione Sovietica di cui: Federazione russa Resto del mondo di cui: Singapore Regno Unito Turchia
Fonte: EIU 2006

2002 11,2 4,4 88,8 50,0 7,7 3,9 39,1 16,9 60,9 2,1 5,1 3,9

2003 12,9 5,7 87,1 51,9 8,1 4,1 32,4 14,6 67,6 0,4 10,9 7,4

2004 17,5 5,8 82,5 44,7 1,8 5,1 33,2 16,2 66,8 n.d. 12,0 6,4

2005 20,8 6,6 79,2 30,3 9,4 6,3 34,4 17,1 65,6 9,2 9,1 7,4

9,6 3,4 90,4 57,2 2,9 2,9 31,1 10,7 68,9 0,2 3,8 10,4

Lespansione dellindustria degli idrocarburi ha avuto effetti particolarmente positivi sulla bilancia dei pagamenti azera: dopo aver sperimentato per anni ampi deficit correnti, legati soprattutto negli ultimi anni agli alti livelli di importazioni connessi allo sviluppo del settore petrolifero, nel 2005 per la seconda volta dallindipendenza (la prima stata nel 1992) lAzerbaigian ha concluso lanno con un surplus corrente pari allincirca all1,3 per cento del Pil, in netta controtendenza rispetto al deficit del 30 per cento registrato lanno precedente.

29

Ibidem, p. 28.

57

BILANCIA DEI PAGAMENTI (in milioni di US$): 2001 Esportazioni di cui: settore petrolifero Esportazioni (% del PIL) Importazioni di cui: settore petrolifero Importazioni (% del PIL) Saldo della bilancia commerciale Servizi (netti) Redditi (netti) Trasferimenti unilaterali (netti) SALDO DELLE PARTITE CORRENTI SALDO DELLE PARTITE CORRENTI (% del PIL) Investimenti diretti esteri (netti) di cui: settore petrolifero Investimenti diretti esteri (% del PIL) di cui: settore petrolifero (% del PIL) Investimenti di portafoglio (netti) Altri flussi di capitali (netti) SALDO DI CONTO CAPITALE E FINANZIARIO Errori ed omissioni SALDO GLOBALE
Fonte: EIU 2006

2001
2304,9 2046,0 37,8 -1823,3 -335,9 29,9 481,6 -935,6 -384,7 70,4 -768,4 -12,6 1066,8 1007,1 17,5 16,5 0,4 -148,5 890,0 -87,4 34,2

2003
2624,6 1336,8 36,8 -2723,1 -1108,9 38,1 -98,5 -1614,5 -442,1 134,2 -2020,9 -28,3 2351,7 2315,0 32,9 31,6 0,0 -72,0 2255,9 -11,8 123,8

2004
3743,0 1779,2 43,9 -3581,7 -1624,2 42,0 161,3 -2238,4 -700,6 188,5 -2589,2 -30,4 2351,3 2258,2 27,6 26,2 -18,1 627,0 2956,1 -49,9 317,0

2005
7649,0 6883,2 61,2 -4349,9 -1927,3 34,8 3299,1 -1970,0 -1645,6 483,9 167,3 1,3 458,2 242,2 3,7 1,9 30,5 76,3 566,0 -125,6 607,7

2078,9 1841,0 36,5 -1465,1 -138,4 25,7 613,8 -375,1 -367,2 76,6 -51,9 -0,9 226,5 125,3 3,9 2,1 0,0 -100,5 126,0 -0,9 73,4

Questa nota positiva dovuta allampio surplus commerciale registrato nel 2005, che grazie alle esportazioni pi che raddoppiate ha potuto compensare abbondantemente il saldo dei redditi, fortemente negativo a causa del progressivo rimpatrio dei profitti delle compagnie petrolifere straniere. Negli anni precedenti i massicci investimenti diretti esteri affluiti nel Paese contestualmente allo sviluppo del settore petrolifero azero hanno in genere pi che compensato (o quasi compensato nel 2004) gli ampi deficit correnti: nel 2005 il completamento dei progetti di sfruttamento dei nuovi giacimenti di idrocarburi ha avuto come risultato, oltre al considerevole incremento del volume delle esportazioni, un brusco declino degli investimenti diretti esteri, passati da una quota vicina al 30 per cento nel 2003 e 2004 a poco meno del 4 per cento del Pil (pari in termini

58

assoluti a un quinto degli investimenti diretti esteri registrati nel 2004), con una riduzione vicina al 90 per cento nel solo settore petrolifero. Naturalmente il boom petrolifero ha avuto un impatto positivo anche sul bilancio pubblico, permettendo al Governo azero unelevata spesa pubblica senza superare lobiettivo di deficit fissato per il 2005 all1,1 per cento. A dire il vero il deficit registrato nel 2005 stato persino inferiore, pari allo 0,7 per cento del Pil, soprattutto grazie agli alti prezzi del petrolio, che, oltre ad aver contribuito in misura considerevole, come si gi potuto osservare, ad aumentare il valore complessivo delle esportazioni, hanno fatto crescere anche i profitti delle compagnie petrolifere e delle attivit collegate allindustria degli idrocarburi, contribuendo cos ad incrementare le entrate derivanti dallimposta sui profitti quasi del 60 per cento rispetto al 2004. La crescita delle entrate derivanti dallimposta sui profitti stata dunque la pi rapida nel 2005, ma anche limposta sul reddito delle persone fisiche ha registrato una crescita superiore al 40 per cento, peraltro in linea con la crescita avvenuta nel 2004 rispetto allanno precedente: merito in gran parte della crescita dei salari (soprattutto nel settore petrolifero), che nel 2005 sono aumentati mediamente del 22 per cento in termini nominali, a fronte di un tasso di inflazione annuo vicino al 10 per cento 30 . Tuttavia anche nel 2005 la fonte di entrata pi consistente stata limposta sul valore aggiunto, la cui crescita riflette landamento particolarmente positivo del settore dei servizi, specialmente del commercio al dettaglio, anche questo in conseguenza della crescita dei salari e del potere dacquisto delle famiglie (nonostante lalto tasso di inflazione), e quindi della domanda dei consumatori. Per quanto siano marcatamente aumentate le entrate pubbliche, la spesa del Governo cresciuta anche pi rapidamente, a seguito di un incremento medio superiore al 30 per cento delle spese destinate a sanit, educazione e sicurezza sociale, nonch un sostanzioso aumento dei salari dei dipendenti pubblici, che costituiscono la componente maggiore del bilancio pubblico 31 . In realt le decisioni di spesa del Governo sono state da pi parti criticate in quanto sospettate di essere mosse intese a guadagnare il consenso popolare in vista delle elezioni presidenziali del 2008, piuttosto che essere funzionali a una strategia di sviluppo di medio-lungo periodo e di riduzione della povert ancora diffusa nel Paese. Tale ad esempio la posizione del Fondo Monetario Internazionale, che ha recentemente sottolineato la tendenza del Governo azero ad enfatizzare le considerazioni di breve periodo, in contrapposizione alla necessit di elaborare una strategia fiscale di medio periodo in grado di gestire il boom petrolifero e il surplus corrente da esso derivante, che assegni la priorit a misure volte alla riduzione della povert e una particolare attenzione alla realizzazione di riforme

30 31

Ibidem, p. 17. Ibidem, p. 18.

59

strutturali 32 . In effetti finora nel non c stato un netto progresso nella realizzazione delle riforme destinate a migliorare lassistenza sociale, ristrutturare e snellire la burocrazia, favorire la concorrenza soprattutto nel sistema bancario e rendere pi efficiente e pi trasparente la gestione delle aziende pubbliche ancora esistenti.; allo stesso modo, nella politica fiscale del Governo quasi del tutto assente la spesa destinata a investimenti che dovrebbero aiutare a rendere pi efficienti e competitivi i settori non legati allindustria petrolifera e a impedire laccentuarsi del dualismo economico nel Paese.
BILANCIO PUBBLICO: 2004

Entrate di cui: imposta sul reddito imposta sui profitti IVA Spese di cui: sanit educazione spese sociali SALDO
Fonte: EIU 2006

2005 2006 (gen-feb) variaz variaz variaz mln % mln % mln % annua annua annua manat PIL manat PIL manat PIL % % % 1481,2 17,7 20,8 2055,2 17,3 38,8 420,2 18,9 71,4 221,6 223,4 452,7 73,5 294,0 236,5 -19,8 2,6 2,7 5,4 0,9 3,5 2,8 -0,2 47,3 25,3 10,5 21,6 32,9 25,6 10,5 -317,5 355,4 599,9 115,3 372,5 305,0 -85,5 2,7 3,0 5,1 1,0 3,1 2,6 -0,7 43,3 59,1 32,5 42,6 56,9 26,7 29,0 -47,8 77,4 95,7 405,8 10,6 52,7 37,5 14,4 2,1 3,5 4,3 18,2 0,5 2,4 1,7 0,6 5,8 42,0 33,5 85,1 51,4 75,1 -0,8 --

1501,0 17,9

2140,7 18,0

Al momento lunico strumento di programmazione della spesa pubblica in unottica di medio periodo rappresentato dal Sofaz, lo State Oil Fund of the Azerbaijan Republic, un fondo estero istituito con decreto presidenziale nel 1999 e destinato a gestire i ricavi della crescita petrolifera a beneficio dellintera economia azera e in funzione dello sviluppo economico del Paese. Le risorse cui attinge il Sofaz sono costituite dai ricavi derivanti dalla vendita del gas e del petrolio da parte della Socar (con la vistosa eccezione delle rendite provenienti dalle attivit della compagnia petrolifera di Stato quando essa agisce in qualit di azionista o partner nella realizzazione di progetti di sfruttamento petrolifero: esclude quindi le rendite percepite dalla Socar grazie alla quota del 10 per cento detenuta dalla compagnia nelle remunerative attivit del consorzio Aioc), i ricavi percepiti dallo Stato per la cessione o laffitto a compagnie straniere di parti del
INTERNATIONAL MONETARY FUND EXECUTIVE BOARD, Public Information Notice. Conclusion of 2005 Article IV Consultation with Azerbaijan, Washington D.C., April 2006, http://www.imf.org/external/np/sec/pn/2006.
32

60

suolo e sottosuolo nazionale a scopo di sfruttamento, le rendite derivanti dal transito sul territorio azero di idrocarburi destinati allesportazione, bonus e royalties e le rendite generate dal reinvestimento delle attivit detenute dal Fondo. Creato allo scopo di reinvestire i massicci afflussi di valuta estera che avrebbero investito il Paese grazie allo sfruttamento delle risorse petrolifere, il Fondo ha in effetti dedicato una parte delle proprie risorse per lo sviluppo delleconomia nazionale, per la costruzione di infrastrutture e per la riduzione della povert: le spese per lo sviluppo vengono programmate nel medio periodo sulla base del deficit di bilancio relativo a tutti i settori delleconomia, escluso quello degli idrocarburi 33 . Nel bilancio approvato per il 2006 in effetti il previsto incremento del 60 per cento relativo alla spesa pubblica sar possibile (oltre che grazie a un previsto aumento delle entrate derivanti dal settore petrolifero) proprio grazie al ricorso al Sofaz, ricorso che dovrebbe diventare sempre pi massiccio nei prossimi anni. Tuttavia ancora una volta lincremento della spesa pubblica sembra in larga misura dedicato a spese correnti, anzich ad investimenti in capitale, a danno delle possibilit di gettare basi solide per una maggiore diversificazione delleconomia nazionale. Nel complesso il Sofaz ha il vantaggio di alleviare la dipendenza dellAzerbaigian dagli aiuti internazionali e dai prestiti ufficiali: le preoccupazioni del Fondo Monetario Internazionale, della Banca Mondiale e della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo riguardo allallocazione della spesa pubblica del Paese e al crescente ricorso alle risorse del Sofaz sembrano infatti dettate in parte anche dal timore che questa minore dipendenza dalle istituzioni internazionali possa ridurre gli incentivi a realizzare effettivamente un ampio programma di riforme strutturali compatibili con la politica di condizionalit da esse sostenuta. Lampliamento previsto per il 2006 del deficit pubblico (comunque limitato all1,1 per cento del Pil) beneficer comunque, oltre che del Sofaz, delle condizioni di crescita economica generalmente favorevoli: anche per il 2006 infatti un costante incremento della produzione petrolifera grazie allo sfruttamento dei giacimenti del Caspio e alla possibilit di utilizzare il nuovo oleodotto BakuTbilisi-Ceyhan per il trasporto verso i mercati occidentali, nonch un ulteriore slancio nella produzione di gas grazie allo sfruttamento dei giacimenti di Shah Deniz dovrebbero garantire un tasso di crescita del Pil azero particolarmente elevato, superiore al 30 per cento. Solo nel 2007 la crescita dovrebbe rallentare, mantenendosi comunque robusta, intorno al 16 per cento, a causa di una progressiva riduzione degli investimenti diretti esteri. Nel biennio in corso dunque la dotazione di risorse naturali del Paese e lattenzione dimostrata verso di esse dagli investitori stranieri in cerca di alternative al gas russo e al petrolio del Golfo Persico permetteranno alleconomia azera di crescere a tassi decisamente superiori rispetto alla media delle economie dellex-Unione Sovietica.

33

ECONOMIST INTELLIGENCE UNIT, Country Profile Azerbaijan, London, 2005, p. 26.

61

PREVISIONI DI CRESCITA 2006-2007: Tasso di crescita PIL reale (%) T. di crescita produzione industriale (%) T. di crescita investimenti fissi lordi (%) T. di inflazione (media annua) Saldo delle partite correnti (miliardi di US$) Saldo delle partite correnti (% del PIL)
Fonte: EIU 2006

2004 10,2 5,7 32,0 6,7 -2,6 -29,8

2005 26,4 40,0 17,5 9,6 0,2 1,3

2006(a) 32,5 45,0 14,5 6,6 4,2 22,6

2007(a) 16,1 15,0 8,0 6,9 10,1 41,2

(a) Previsioni EIU

CRESCITA PIL REALE (% )


Azerbaigian Ex-URSS

35 30 25 20 15 10 5 0 2001
Fonte: EIU 2006

2002

2003

2004

2005

2006

2007

Tuttavia una crescita economica cos rapida, guidata dallindustria petrolifera, ha avuto e continuer ad avere effetti problematici sulleconomia azera: il pi vistoso di questi effetti dato senza dubbio dalle difficolt della Banca Centrale di controllare linflazione, tendente al rialzo dallultimo trimestre del 2003 a causa del massiccio afflusso di capitali stranieri che ha iniziato ad investire il Paese, cercando al contempo di evitare un eccessivo apprezzamento del manat. A dire il vero, nellultimo trimestre del 2005 c stato un significativo rallentamento dellinflazione, passata dal 10,3 per cento su base annua registrato nel mese di settembre al 6,2 per cento nel mese successivo, per poi scendere al di sotto del 5 per cento nel mese di novembre. Tuttavia, pi che essere il frutto di unefficace politica monetaria, questo miglioramento sembra sia da attribuire a un sostanziale cambiamento del paniere di consumo di riferimento, i cui componenti sono stati ampliati, riducendo cos il peso di alcuni elementi importanti, come ad esempio i generi alimentari 34 .
34

Ibidem, p. 22.

62

Tasso di inflazione (%, variaz. su base annua) 14 12 10 8 6 4 2 0 01/03 03/03 05/03 07/03 09/03 11/03 01/04 03/04 05/04 07/04 09/04 11/04 01/05 03/05 05/05 07/05 09/05 11/05 01/06 03/06

Fonte: EIU 2006

In effetti, al fine di ridurre le pressioni inflazionistiche, la Banca Centrale azera ha alzato il tasso di sconto per ben tre volte nel corso del 2005, portando i tassi ufficiali dal 7 al 9 per cento, ma la manovra ha avuto un impatto assai limitato, a causa della sostanziale assenza di un sistema di intermediazione funzionante: basti pensare che il settore bancario controllato per oltre il 60 per cento dalle due inefficienti banche a gestione statale. Per di pi laspettativa di un ulteriore rialzo dei tassi di almeno un altro punto percentuale nel corso del 2006 potrebbe avere il pericoloso effetto di incoraggiare attacchi speculativi e attirare nuovi afflussi di capitali stranieri difficilmente controllabili attraverso operazioni di sterilizzazione. Lesistenza di un sistema finanziario scarsamente sviluppato, nel quale difficile il ricorso allemissione di titoli di debito, limita gli strumenti a disposizione della Banca Centrale per la sterilizzazione degli afflussi di valuta forte, costringendo di fatto le autorit di politica monetaria a servirsi esclusivamente del gi citato SOFAZ per investire la valuta estera.
INDICATORI TRIMESTRALI: 2004 2005 2006 I II III IV I II III IV I Tasso di inflazione (%, variaz. su base 6,2 5,5 5,0 10,5 12,4 11,1 10,3 5,3 5,0 annua) Tasso annuale di 7,0 7,0 7,0 7,0 7,0 7,5 8,0 9,0 9,0 sconto (media) Tasso di cambio 0,99 0,98 0,98 0,98 0,98 0,95 0,93 0,92 0,91 manat/US$ (media) Salari nominali 87,8 90,5 105,3 103,1 107,8 112,2 115,5 117,9 129,7 (manat/mese)
Fonte: EIU 2006

63

Il ricorso al Sofaz sembra essere lunica risorsa valida anche per contenere lapprezzamento del manat, sia in termini nominali che in termini reali. I continui afflussi di capitali derivanti dalla crescita delle esportazioni di idrocarburi lasciano prevedere che nel biennio in corso la valuta nazionale si apprezzer ulteriormente in termini reali allincirca del 14-15 per cento, minando la competitivit dei gi fragili settori non petroliferi delleconomia. Allo stesso modo, la Banca Centrale lascer apprezzare il manat anche in termini nominali al fine di contenere lespansione dellofferta di moneta e tenere sotto controllo linflazione. Tuttavia la strategia della Banca Centrale ha per il momento modesti effetti sulleconomia azera, anche a causa della scarsa fiducia del pubblico nella valuta nazionale come strumento di risparmio: in effetti tuttora la maggior parte dei depositi bancari denominata in dollari americani o rubli, nonostante si stia registrando un graduale aumento dei depositi denominati in manat. Lindividuazione e la realizzazione di una politica monetaria efficace dunque stata ed tuttora il nodo pi problematico che devono sciogliere le autorit di politica economica per gestire la crescita delleconomia azera. Le diverse e contrastanti pressioni cui deve rispondere la politica monetaria rendono assolutamente necessaria ladozione di un atteggiamento particolarmente cauto da parte della Banca Centrale: da un lato, tanto lafflusso crescente di capitali stranieri proveniente dallesportazione del petrolio azero quanto il programma governativo di massicci incrementi della spesa pubblica sono destinati a produrre unulteriore accelerazione dellinflazione, una tendenza accentuata anche dalle pressioni al rialzo dei salari; dallaltro lato, una stretta monetaria volta a contenere le spinte inflazionistiche non solo risulterebbe in un apprezzamento ancora pi marcato del manat, ma avrebbe anche leffetto di privare tutta leconomia non legata allindustria petrolifera della liquidit di cui essa ha invece bisogno per potersi sviluppare e diventare competitiva. Di per s, le tendenze dellinflazione e del tasso di cambio sembrano rafforzare la struttura duale delleconomia azera, basata su un moderno ed efficiente settore industriale petrolifero, affiancato dal resto delleconomia caratterizzato da bassa produttivit, tecnologia arretrata e scarsi investimenti. Le prospettive di crescita sostenibile delleconomia azera, in un contesto macroeconomico stabile, dipendono quindi dalla capacit delle autorit del Paese di elaborare una strategia di politica economica in grado di destreggiarsi tra la semplice gestione finanziaria della ricchezza petrolifera nazionale e lesigenza di sviluppare uneconomia diversificata. Come nei Paesi petroliferi del Golfo Persico, tale sforzo richiede lemergere (necessariamente lento) di un settore economico privato dinamico e avanzato dal punto di vista tecnologico e gestionale: nel medio-lungo periodo questa sar la sfida pi impegnativa per leconomia azera.

64

3. Conclusioni Come si gi menzionato, lArmenia lunica delle tre repubbliche caucasiche ad aver recuperato nel 2004 i livelli produttivi precedenti allindipendenza, specialmente grazie alla rapida crescita economica degli ultimi 4-5 anni. E tuttavia lecito interrogarsi sulla solidit di questa crescita e sulle prospettive di medio-lungo termine delleconomia armena, alla luce dello stretto legame esistente con la Russia, la cui performance economica condiziona in misura sostanziale landamento delleconomia del piccolo Paese caucasico. La Federazione russa non solo costituisce un importante mercato per le esportazioni armene e una delle principali destinazioni di emigrazione dei lavoratori del Paese: la massiccia presenza dei capitali russi specialmente nel settore energetico del Paese non fa che accentuare la gi stretta dipendenza armena da Mosca per quanto riguarda le forniture energetiche e sottolinea le condizioni di sostanziale isolamento politico ed economico del Paese, evidenziando al contempo lesigenza di sviluppare reti di transito e di trasporto alternative. Se per lArmenia questo rappresenta un indispensabile strumento per poter allentare lisolamento politico ed economico che la circonda, cercando di aprirsi una via verso il Golfo Persico (peraltro affidandosi al rapporto con lIran, della cui solidit in questi mesi lecito dubitare), lindividuazione, la realizzazione e lo sfruttamento di corridoi trans-eurasiatici alternativi costituiscono lopportunit principale su cui anche le altre due repubbliche sembrano fare affidamento per lo sviluppo economico dellintera regione caucasica. In effetti, tanto per chi possiede consistenti giacimenti di gas e petrolio (Azerbaigian), quanto per chi fondamentalmente privo di tali risorse ma pu sfruttare la propria posizione geografica strategicamente favorevole (Georgia), la realizzazione dei nuovi progetti di sfruttamento e trasporto degli idrocarburi ha consentito un massiccio afflusso di investimenti esteri nel settore estrattivo, nelle costruzioni e nei servizi, che hanno trainato la crescita economica degli ultimi anni. Leffettivo successo del processo di sviluppo economico delle repubbliche caucasiche dipender quindi nei prossimi anni dalla capacit delle tre economie di affrancarsi da un lato dalla loro dipendenza dalla Russia, dallaltro lato di integrarsi nel pi ampio sistema economico globale. La crescente attenzione che sia lUnione Europea che gli Stati Uniti (ma anche alcuni Paesi dellAsia Centrale, quali il Kazachstan) stanno dimostrando nei confronti delle tre repubbliche unutile indicazione della potenziale rilevanza economica dellarea e al contempo un forte incentivo per i Paesi caucasici a confrontarsi con i propri problemi di inefficienza economica e scarsa competitivit internazionale. Progressi nelle riforme strutturali sono infatti necessari affinch la rapida crescita economica sperimentata negli ultimi anni possa diventare qualcosa di pi di una breve parentesi nella storia dei Paesi caucasici, limitata per di pi ad un numero ristretto di settori produttivi.

65

IL TRANSCAUCASO NELLA POLITICA ESTERA DELLA TURCHIA Carlo Frappi

Introduzione Il superamento del sistema internazionale bipolare proprio della guerra fredda ha comportato, per la Turchia, una radicale trasformazione della cornice entro la quale esercitare la propria politica estera. La dissoluzione dellUnione Sovietica ha segnato, difatti, la fine del tradizionale ruolo di baluardo contro lespansionismo sovietico verso le aree del Medio Oriente e del Mediterraneo orientale, svolto dalla Turchia nellambito della strategia atlantica del containment. Logica conseguenza la necessit, per Ankara, di reimpostare il proprio rapporto con i tradizionali alleati occidentali, nel quadro di una pi generale ridefinizione del proprio ruolo e dei propri obiettivi regionali e internazionali. Frutto di tale necessit, i rapporti della Turchia con le tre repubbliche del Transcaucaso hanno costituito, un importante banco di prova per un nuovo corso di pi assertiva politica estera. Per il tentativo, cio, di affermare nel Transcaucaso cos come nei Balcani o in Medio Oriente un nuovo profilo regionale basato sul bilanciamento della tradizionale cooperazione con lOccidente e le sue strutture da un lato, con il pi deciso perseguimento del proprio interesse nazionale, in termini economici e di sicurezza, dallaltro 1 . Daltro canto, la maggior assertivit della politica regionale inaugurata da Ankara con il 1991 risultava pienamente in linea con il proposito statunitense ed europeo di prospettare, agli stati ex-sovietici, un modello turco di sviluppo. Un modello che basato su secolarismo, democrazia e libero mercato appariva loro come principale antidoto alla possibile affermazione di un modello iraniano 2 , cos come al ritorno dellegemonia di Mosca sullo spazio post-sovietico 3 . Ci tuttavia non ha implicato, tanto nei rapporti con il Transcaucaso quanto con le altre aree limitrofe alla Turchia, un radicale cambiamento della tradizionale impostazione conservatrice propria della politica estera di Ankara, ma piuttosto un
questa lessenza pi profonda del double coupling problem teorizzato da Lesser. I.O. LESSER, Beyond Bridge or Barrier: Turkeys Evolving Security Relations with the West, in A. MAKOVSKY - S. SAYARI (eds), Turkeys New World: Changing Dynamics in Turkish Foreign Policy, Washington D.C., 2000, p. 205. Nel medesimo senso, H. KRAMER, A Changing Turkey: The Challenge to Europe and the United States, Washington D.C., 2000, pp. 93-94. 2 P. ROBINS, Between Sentiment and Self-Interest: Turkeys Policy toward Azerbaijan and the Central Asian States, in Middle East Journal, 47, 1993, 4, p. 593. 3 Z. BRZEZINSKI, The Grand Chessboard: American Primacy and Its Geostrategic Imperatives, New York, 1997, p. 47.
1

66

suo adeguamento alla mutata realt degli allineamenti internazionali e regionali. Sia pur nel quadro di una maggior assertivit e degli aggiustamenti di rotta resi necessari per fronteggiare una situazione senza precedenti storici la politica transcaucasica turca non ha infatti rovesciato i tradizionali principi della cautela e del non-interventismo frutto del precetto kemalista 4 , percorrendo a delicate tightrope 5 tesa tra la volont di cooperazione con gli Stati di Nuova Indipendenza (Sni) e lesigenza di non essere attirata in una pericolosa competizione regionale con Russia e Iran. In questo senso possono essere dunque lette le linee-guida esplicitate dal Ministero per gli Affari Esteri turco rispetto al Transcaucaso, a neighboring area where the stability and welfare of the peoples [] is a matter of high interest for Turkeys own security and stability 6 . Esse comprendono: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. Il mantenimento della pace e della stabilit; Unampia cooperazione regionale con il contributo delle tre repubbliche; Il consolidamento dellindipendenza degli SNI; Il rafforzamento delle strutture democratiche; La liberalizzazione dei mercati; Lo sviluppo del potenziale economico regionale; Il sostegno allintegrazione nelle organizzazioni euro-atlantiche (Osce, Nato e Consiglio dEuropa) e nelle iniziative regionali 7 .

Ci non deve tuttavia indurre ad attribuire alla politica estera turca verso il Transcaucaso una coerenza e una linearit che non le sono state proprie. A ostacolare la coerente formulazione degli interessi nazionali nellarea e conseguenzialmente delle politiche attraverso le quali perseguirli hanno contribuito infatti diversi ordini di fattori strettamente collegati tra loro, tanto di natura interna quanto internazionale. In primo luogo, le elezioni parlamentari dellottobre 1991 segnavano la fine del lungo periodo di stabilit politica garantito al paese dal premierato di Turgut zal (dicembre 1983 novembre 1989) 8 e dalla solida maggioranza del Partito della Madrepatria (Anavatan Partisi Anap), di cui era presidente. Daltro canto, la successione di zal a Evren alla Presidenza della Repubblica, nellottobre 1989, decretava la fine della consolidata consuetudine costituzionale che assegnava tale carica a un alto esponente dello
M. AYDIN, Determinants of Turkish Foreign Policy: Historical Framework and Traditional Inputs, in Middle Eastern Studies, 35, 1999, 4, p. 156. 5 W. HALE, Turkish Foreign Policy 1774-2000, London, 2002, p. 266. 6 REPUBLIC OF TURKEY, MINISTRY OF FOREIGN AFFAIRS, Turkeys Relations With Southern Caucasus, http://www.mfa.gov.tr. 7 REPUBLIC OF TURKEY, MINISTRY OF FOREIGN AFFAIRS, Turkeys Relations With Southern Caucasus, cit. 8 La centralit della figura di zal si pu tuttavia estendere sino al giugno 1991, mese in cui terminava il governo guidato dal protg dellex-premier Yldrm Akbulut. P. ROBINS, Suits and Uniforms: Turkish Foreign Policy since the Cold War, London, 2003, p. 53.
4

67

Stato Maggiore. Se ci, da un lato, rappresent un importante passo sul percorso della smilitarizzazione della politica turca, daltra parte, segnalava la rottura di un legame quello tra governo ed esercito cui veniva tradizionalmente demandata la formulazione della politica estera turca. Si apriva invece, con il 1991, un periodo di elevata instabilit istituzionale caratterizzato dalla successione di nove governi sino al maggio 1999 che non poteva che influire negativamente sulla attuazione di una coerente linea di politica estera. Tanto pi in ragione della assunzione del governo, nella delicata fase tra il 1991 e il 1993, da parte di Sleyman Demirel, tradizionale avversario di zal. In secondo luogo, la repentinit dei cambiamenti internazionali e regionali cui la politica estera turca doveva far fronte, accompagnata dalla sostanziale impreparazione dellestablishment turco a un tale sfida, apriva ampi spazi allazione isolata e spesso contraddittoria dei diversi centri di potere nazionale. Una concorrenzialit, questa, resa pi accentuata dalla circostanza che le nuove sfide regionali risultarono di sovente caratterizzate da un inestricabile cortocircuito di questioni di sicurezza ed economiche. Si apriva cos, in Turchia, una fase di inesplorata dialettica politica che, oltre a riguardare i tradizionali autori della politica estera, si estendeva anche ai centri di potere economico. Centri di potere identificabili in prima battuta con le compagnie energetiche nazionali direttamente coinvolte nella politica regionale verso il Transcaucaso, le quali beneficiavano, inoltre, delle conseguenze istituzionali del processo di apertura democratica, avviatosi nel paese nel corso degli anni 90 9 . Unapertura democratica che, non secondariamente, ha finito per fornire nuovi spazi allazione di una societ civile che, portatrice di interessi spesso confliggenti, ha complicato ulteriormente il quadro di riferimento di un processo decisionale, quello turco rispetto al Transcaucaso, che diventer, come sottolineato da Tayfur e Gymen, piuttosto affollato 10 . La tortuosit del percorso intrapreso da Ankara sulla via della definizione di una politica regionale per il Transcaucaso, resa pi evidente infine dalla considerazione dei fattori internazionali sommatisi alla complessit del contesto nazionale turco. In questo senso, le peculiarit proprie dallarea transcaucasica caratterizzata da unelevata conflittualit interna e dalla convergenza di interessi economici e di sicurezza di importanti attori regionali e internazionali hanno rappresentato un difficile nodo cui rapportarsi coerentemente. Tanto pi difficile, poi, per la contemporanea apertura del processo di ridefinizione dellidentit e delle prerogative delle maggiori organizzazioni internazionali cui la Turchia tradizionalmente rivolgeva la propria attenzione dalla Nato alla Ueo, dallOnu allOsce.
Sullinfluenza esercitata dalla progressiva democratizzazione turca sul processo decisionale, Z. ONIS - U. TREM, Business, Globalization and Democracy: A Comparative Analysis of Turkish Business Associations, in Turkish Studies, 2, 2001, 2. 10 M.F. TAYFUR - K. GYMEN, Decision Making in Turkish Foreign Policy: The Caspian Oil Pipeline Issue, in Middle Eastern Studies, 38, 2002, 2, p. 107.
9

68

1. Le origini della politica estera turca verso gli Stati di Nuova Indipendenza (1991-1993) La dissoluzione sovietica restituiva alla politica estera turca degli stati che, oggetto secolare di contesa tra limpero ottomano e quello russo, avevano tradizionalmente occupato un posto di primo piano nella politica estera di Istanbul. Con la nascita della Repubblica Turca e la contemporanea formazione della Repubblica Federale Socialista Sovietica Transcaucasica, Mustafa Kemal, coerentemente con il principio pace in casa, pace nel mondo, sacrificava i rapporti e le rivendicazioni territoriali sul Trancaucaso alla volont di rafforzare la sovranit della Turchia sui territori a essa riconosciuti dal Trattato di Losanna (1923), oltre che a una pi pragmatica realpolitik che imponeva buoni rapporti con il vicino sovietico 11 . Daltro canto, il contemporaneo sforzo di rifondare una identit nazionale turca dalla connotazione spiccatamente territoriale, prima ancora che etnica 12 si traduceva nella proibizione delle attivit anti-sovietiche dei movimenti irredentisti di stampo pan-turco o neo-ottomano 13 . Nel corso del primo settantennio di vita della Turchia, dunque, i rapporti con le repubbliche sovietiche del Transcaucaso passarono necessariamente attraverso la mediazione di Mosca, mentre gli stessi rapporti tra la consistente popolazione turca di origine caucasica 14 e i propri affini doltreconfine si ridussero a sporadici contatti di natura culturale 15 . I primi segnali della crisi sovietica e della crescente indipendenza che le singole repubbliche iniziavano ad assumere sul piano internazionale, colsero dunque la Turchia sostanzialmente impreparata e non disposta a capovolgere quella almost
Con il trattato di Alessandropoli/Gmr (1920), daltro canto, Armenia e Turchia avevano fissato i rispettivi confini, ponendo sotto sovranit turca i distretti dei Kars e Ardahan. Lanno successivo il Trattato di Mosca turco-sovietico sanciva gli attuali confini nord-orientali del paese, con la parallela rinuncia turca al porto georgiano di Batumi. B.R. KUNIHOLM, The Origins of the Cold War in the Near East, Princeton, 1980, pp. 358-359. Le rivendicazioni sovietiche sui distretti dei Kars e Ardahan ritorneranno, nellimmediato secondo dopoguerra, a incrinare i rapporti turco-sovietici e a spingere pi risolutamente Ankara verso la cooperazione economica e militare con le nascenti strutture di matrice euro-atlantica. Tali rivendicazioni cesseranno ufficialmente solo nel 1953. W. HALE, Turkish Foreign Policy 1774-2000, cit., pp. 111-112 e 122. 12 W. HALE, Identit e Politica in Turchia, in R. ALIBONI (a cura di), Geopolitica della Turchia, Milano, 1999, p. 45. 13 J.M. LANDAU, Pan-Turkism: From Irredentism to Cooperation, London, 1995, pp. 74-75. Tale atteggiamento era peraltro in linea con le previsioni dl Trattato turco-sovietico del marzo 1921 che impegnava le parti a proibire, sul proprio territorio, la formazione di organizzazioni irredentiste that have hostile intentions to the other country. W. HALE, Turkish Foreign Policy 1774-2000, cit., p. 51. 14 Secondo Henze, circa un 15% della popolazione della neoproclamata Repubblica Turca (2 milioni su un totale di 13) era di origine caucasica, giunta in Anatolia a seguito delle guerre russoturche tra il XIX secolo e la prima guerra mondiale. P. HENZE, Turkey and the Caucasus: Relations with the New Republics, in M. RADU (ed.), Dangerous Neighborhood: Contemporary Issues in Turkeys Foreign Relations, New Brunswick/London, 2003, pp. 79-80. 15 P. HENZE, Turkey and the Caucasus: Relations with the New Republics, cit., p. 81.
11

69

obsequious correctness toward Moscow 16 che costituiva una consolidata tradizione diplomatica. In questo contesto va dunque inserita la cautela che Ankara mostr nellaccordare il riconoscimento ufficiale delle nuove repubbliche, allindomani delle dichiarazioni di indipendenza susseguitesi a partire dallagosto 1991. Solo a seguito della formale dissoluzione dellUrss, difatti, il 16 dicembre successivo, Ankara riconosceva in blocco le repubbliche da essa emerse. Unica eccezione fu tuttavia costituita dal riconoscimento che la Turchia, primo stato della comunit internazionale, accord in novembre allAzerbaigian 17 , a dimostrazione dellimportanza che Ankara attribuiva ai rapporti con la vicina e affine repubblica azera, e a segnale della centralit che questa avrebbe da allora assunto nella politica regionale turca nellarea del Transcaucaso, cos come in quelle del Mar Nero e dellAsia centrale. Emersa con chiarezza sin dai primi mesi del 1992 18 , la volont europea e statunitense di proporre un modello turco di sviluppo agli stati emersi dalla dissoluzione sovietica costitu un importante incentivo per Ankara ad attuare una pi dinamica azione di politica regionale. Un maggior impegno nello spazio postsovietico che, su questo sfondo, la Turchia inizi presto a valutare come strumento per rafforzare, nel quadro dei nascenti equilibri internazionali, la valenza strategica regionale del paese rispetto alle cancellerie occidentali 19 . Daltro canto, nel paese, un senso di profonda euforia aveva accompagnato la
P. HENZE, Turkey: Toward the Twenty-First Century, in G.E. FULLER - I.O. LESSER, Turkeys New Geopolitics, From the Balkans to Western China, Boulder, 1993, p. 28. 17 A questo proposito, Robins evidenzia come la Turchia avrebbe probabilmente dilazionato ancora i tempi del riconoscimento, se il Primo Ministro azero Hasanov non avesse forzato la mano al governo: He appealed to the Turkish people over the governments head during a stopover in Ankara, saying that Turkish business might lose out were it not the first country to extend recognition. P. ROBINS, Between Sentiment and Self-Interest: Turkeys Policy toward Azerbaijan and the Central Asian States, cit., p. 602. In linea con questa interpretazione, Winrow sottolinea come il pi rapido riconoscimento dellAzerbaigian rispetto alle altre repubbliche fosse legato alla volont di anticipare un possibile riconoscimento iraniano. G. WINROW, Turkey and the Caucasus: Domestic Interests and Security Concerns, London, 2000, p. 8. 18 Nel febbraio 1992, la visita di Demirel a Washington costitu loccasione per Bush per promuovere ufficialmente il ruolo di modello della Turchia per gli SNI. Parallelamente, la Commissione Europea, prima ancora dei governi britannico e tedesco, evidenziava il fondamentale ruolo di corridoio della Turchia rispetto allo spazio post-sovietico. Sottolinea, a tal proposito, Robins come foreign politicians visiting Turkey, especially those from Europe, seemed to identify Central Asia and Transcaucasia as a relatively cost free way of having praise on their host, with whom, in other areas, relations were often problematic. P. ROBINS, Suits and Uniforms: Turkish Foreign Policy since the Cold War, cit., p. 284. 19 Daltro canto, gi in occasione di una riunione tentasi a Vienna, nel dicembre 1989, tra lallora Ministro degli Esteri Ylmaz e i principali ambasciatori turchi, le linee guida della politica estera a venire erano non a caso identificate attorno alla necessit di mantenere la ferma cooperazione con la Nato, aprendo al contempo rapporti pi stretti con i paesi doltrecortina. Se infatti, la distensione ridimensionava limportanza strategica della Turchia, la sua posizione geografica ne avrebbe rifondato la valenza agli occhi delloccidente. B.R. KUNIHOLM, Turkey and the West Since World War II, in V. MASTNY - R.C. NATION (eds), Turkey Between East and West: New Challenges for a Rising Regional Power, Boulder/Oxford 1996, pp. 61-62.
16

70

dissoluzione dellUrss e il conseguente emergere di quello che appariva come un nuovo mondo prevalentemente turcofono 20 formato da quattro delle cinque repubbliche centroasiatiche e dallAzerbaigian naturalmente portato alla identificazione e cooperazione con il fratello maggiore turco. La possibilit che la Turchia potesse fondare sugli storici legami di natura etnica, culturale e linguistica la propria direttrice di politica estera verso i paesi turcofoni del Caucaso e Asia centrale divenendo cos per essi punto di riferimento obbligato sulla strada del rafforzamento della indipendenza lungi dallessere relegata ai movimenti pan-turchi, neo-ottomani o di solidariet etnica, fin per ammantare la stessa retorica governativa e presidenziale 21 . Prendeva cos forma il primo tentativo turco di sviluppare una linea di politica regionale verso lo spazio post-sovietico, una politica che, rivolgendosi prevalentemente agli stati turcofoni dellarea, mancava ancora di una strategia coerente sia pur di breve periodo verso larea del Transcaucaso. Tuttavia, come sostiene Aras, as the relationship between ethnicity and foreign policy comes to the fore, identity politics has more to do with politics than with identity 22 . Lungi dunque dal rappresentare la volont di affermazione di un modello pan-turco, il richiamo alla comunanza etnica, linguistica e culturale offriva piuttosto alla Turchia cos come agli Sni un comodo quanto suggestivo strumento di riavvicinamento politico. In questo senso, sgombrato il campo dalla connotazione ideologico-confessionale attribuita alla politica regionale di Ankara 23 , la strategia turca verso gli SNI, cos come il suo successivo fallimento, vanno valutati, prima ancora che sul piano economico 24 , su quello strettamente politico. A fallire fu, in particolare, il tentativo di Ankara di assicurarsi il sostegno dei nuovi interlocutori rispetto a una piattaforma comune di politica internazionale e regionale confacente agli interessi del Ministero degli Affari Esteri turco. Il primo Summit Turco, convocato ad Ankara nellottobre 1992, costitu in questo senso la principale fonte di disillusione per una Turchia che, per loccasione,
P. ROBINS, Suits and Uniforms: Turkish Foreign Policy since the Cold War, cit., p. 272. Innumerevoli sono difatti le dichiarazioni, provenienti dalla pi alte sfere delle istituzioni nazionali, velate di accenti pan-turchi. Cos, se zal, in linea con la propria retorica tradizionalmente colorita, sosteneva che il secolo a venire sarebbe stato il secolo dei turchi, lo stesso Demirel, generalmente pi moderato, salutava lemergere di a gigantic Turkish world esteso dallAdriatico sino alla Grande Muraglia cinese. P. ROBINS, Suits and Uniforms: Turkish Foreign Policy since the Cold War, cit., p. 280. 22 B. ARAS, Turkish Foreign Policy Toward the Caucasus, in Central Asia and the Caucasus, 5 (11), 2001, p. 83. 23 Si veda, ad esempio, S. HUNTINGTON, Lo Scontro delle Civilt e il nuovo ordine mondiale, Garzanti Editore, trad. it., Milano, 2000, p. 214. 24 La mancanza di adeguate risorse finanziarie da indirizzare verso gli Stati di Nuova Indipendenza, la ritrosia dellimprenditoria turca verso investimenti che si presentavano ad alto rischio, cos come lincapacit della Turchia di presentarsi come canale privilegiato degli aiuti economici provenienti dalle principali organizzazioni internazionali e regionali, sono tutte concause comunemente addotte per spiegare il fallimento della politica regionale turca nella fase immediatamente successiva al 1991.
21 20

71

aveva predisposto una dichiarazione congiunta contenente le linee-guida di un politica estera comune. La mancanza di accordo sulle principali questioni in essa contenute dal riconoscimento della Repubblica Turca di Cipro del Nord sino al conflitto in Bosnia-Erzegovina rappresent un duro colpo alla credibilit del ruolo regionale cui Ankara aspirava. La pi cocente sconfitta per la diplomazia turca giunse, tuttavia, in relazione alla posizione da assumere relativamente al conflitto che, nel Transcaucaso, opponeva Azerbaigian e Armenia per il controllo della regione dellAlto Karabakh. Questione che, riguardando pi da vicino gli equilibri dellarea post-sovietica, rappresentava un fondamentale banco di prova per la sua politica regionale. Una politica che non pot di conseguenza che uscire ridimensionata dalle profonde divisioni emerse sul tema, cos come dal rifiuto opposto dai capi di stato centroasiatici alla proposta propugnata dal presidente azero Elibey e appoggiata dalla Turchia di intraprendere azioni concrete contro loccupante armeno e, pi significativamente, dalla mancanza di accordo finanche su una dichiarazione di aperta condanna delloccupazione 25 . Il summit di Ankara, pensato come pietra miliare per lo sviluppo di una rete di cooperazione turcocentrica nello spazio post-sovietico, si tradusse dunque nella evidente manifestazione della velleitariet dei progetti regionali di Ankara, della possibilit di trarre da essi facili e veloci dividendi politici, cos come della sottovalutazione dellinfluenza che Mosca continuava a esercitare sullestero vicino. Significativamente, il summit si concludeva con una dichiarazione congiunta sulla volont di approfondire la cooperazione economica e gli scambi culturali aspetti che, da allora, avrebbero costituito il principale ambito di collaborazione tra la Turchia e le repubbliche centroasiatiche. 1.1 La Turchia e i conflitti nel Transcaucaso Il principale ostacolo alliniziale cooperazione politica ed economica tra la Turchia e le repubbliche del Transcaucaso cos come alla predisposizione di una coerente strategia regionale di lungo periodo fu rappresentato dallaccentuata conflittualit che accompagn e segu, nellarea, la dissoluzione dellUnione Sovietica. Il cammino post-indipendentistico delle tre repubbliche fu infatti pesantemente condizionato dallerompere di tensioni e conflitti, dai contorni etnoterritoriali 26 , nella regione azera a maggioranza armena dellAlto Karabakh, cos come nelle province georgiane dellOssetia meridionale e dellAbkhazia. La diplomazia turca si trovava cos a fronteggiare una fluida e incerta situazione di

25 26

P. ROBINS, Suits and Uniforms: Turkish Foreign Policy since the Cold War, cit., p.287. Si fa qui riferimento, nella definizione di Streleckij, a quelle controversie accese in nome di etnie o gruppi etnici e riguardanti il diritto di abitare, possedere o amministrare questo o quel territorio. Cit. in E. PAIN, Analisi comparativa e valutazione del rischio di conflitti etnopolitici lungo le frontiere russe, in P. SINATTI (a cura di), La Russia e i conflitti nel Caucaso, Torino, 2000, p. 81.

72

fatto, rapportarsi alla quale era reso pi complesso dalle rilevanti ripercussioni che implicava tanto sul piano internazionale, quanto interno. In questo quadro, il nodo che pi di ogni altro influenz la politica estera turca fu il conflitto per il controllo dellAlto Karabakh che, prodottosi a uno stato latente a partire dal 1988, assunse, a seguito delle dichiarazioni di indipendenza azere e armene, un connotato tipicamente interstatale destinato ad avere pesanti ripercussioni sulla politica regionale di Ankara. Non un caso che, dopo aver a lungo considerato le tensioni azero-armene come problema elusivamente interno allUrss, la Turchia, alla vigilia della sua dissoluzione, manifestasse la propria disapprovazione rispetto al provvedimento con il quale lAzerbaigian, il 26 novembre 1991, sopprimeva lautonomia tradizionalmente accordata alla regione dellAlto Karabakh. Una decisione, questultima, che il governo Demirel sottoline essere contraria tanto alla stabilit regionale, quanto agli stessi interessi azeri 27 . Lerompere, a partire dai primi mesi del 1992, del conflitto si ripercosse negativamente anzitutto sulle prospettive di normalizzazione degli storicamente tesi rapporti turco-armeni. Leredit del passato ottomano rappresentava, difatti, un pesante fardello sulla strada di una possibile normalizzazione delle relazioni bilaterali. Pesava e pesa a tuttoggi, in particolare, il tentativo di Erevan e della diaspora di ottenere che allo sterminio della popolazione armena compiuto in Turchia a partire dal 1915, venga ufficialmente riconosciuta internazionalmente come ad Ankara la natura di genocidio 28 . Parallelamente, le rivendicazioni armene su territori della Turchia orientale 29 , cos come il ricordo, tra la diplomazia turca, degli attentati terroristici compiuti negli anni Ottanta dallArmenian Secret Army for the Liberation of Armenia, costituivano altrettante eredit di un passato con cui risultava difficile fare i conti. A scapito di ci, tuttavia, a partire dalla visita a Erevan dellambasciatore turco a Mosca, Volkan Vural, nellaprile del 1991, i rapporti tra i due paesi sembrarono imboccare un percorso di reciproco riavvicinamento. Nelloccasione venne infatti predisposta la bozza di un accordo di buon vicinato, cui segu, allindomani del riconoscimento turco dellindipendenza armena, lapertura di un consolato turco e la nomina di un ambasciatore a Erevan, in
S. BOLUKBASI, Ankaras Baku-Centred Transcaucasia Policy: Has It Failed?, in Middle East Journal, 51, 1997, 1, p. 83. 28 Ankara, continua al contrario a sostenere che dietro i massacri della popolazione armena non vi sia stata una deliberata politica di sterminio, ridimensionando al contempo le stime relative alle vittime. In questo senso, S.R. SONYEL, Falsifications and Disinformation Negative Factors in Turco-Armenian Relations, in SAM Papers, 3, 2000. 29 Nel 1991 il Parlamento armeno dichiarava il non riconoscimento della validit dei Trattati di Kars e Gmr del 1921, con i quali venivano stabiliti i confini turco-armeni. Larticolo 11 della Dichiarazione di Indipendenza armena, fa inoltre riferimento alla Anatolia orientale come alla Armenia occidentale. Daltro canto, tuttavia, i successivi ingressi dellArmenia nelle organizzazioni internazionali che riconoscono il principio di inviolabilit delle frontiere a partire da quello nella Conferenza per la Sicurezza e Cooperazione in Europa del gennaio 1992 possono essere interpretati come un sia pur indiretto riconoscimento della frontiera tra i due stati.
27

73

attesa della formalizzazione di unapertura di relazioni diplomatiche che lo sviluppo delle operazioni militari nellAlto Karabakh render tuttavia inattuabile. Parallelamente e in funzione del tentativo di normalizzazione dei rapporti con lArmenia, Ankara tent peraltro di non lasciarsi trascinare nella crescente ostilit armeno-azera propugnando, a pi riprese, un ruolo di mediatore imparziale tra le parti. In questo quadro si colloca dunque la shuttle diplomacy 30 inaugurata dal Ministro degli Esteri turco etin tra la regione e le varie capitali europee, cos come il tentativo di internazionalizzare la mediazione del conflitto attraverso le organizzazioni di cui la Turchia era membro con la Csce in testa 31 nella costante riaffermazione del principio della intangibilit delle frontiere 32 . Daltro canto, propugnando una politica di non diretto intervento nel conflitto in Azerbaigian, Ankara dimostrava tutta la propria preoccupazione rispetto alla possibilit che questo potesse assumere un connotato spiccatamente confessionale 33 , minando le fondamenta del precetto secolarista turco e della sua proiezione internazionale un rischio tanto pi sentito per il contemporaneo sviluppo della crisi bosniaca. La possibilit di assumere un ruolo di mediatore, era infine funzionale alla volont di anticipare lanalogo tentativo di Teheran. La credibilit di un ruolo turco super partes rispetto al conflitto, fu tuttavia vittima della mancanza di formulazione di una coerente strategia regionale di politica estera, nel cui vuoto si inserirono presto le divergenze tra le pi alte cariche istituzionali del paese. Alla moderazione del governo guidato da Demirel, fece infatti da contrappeso la colorita e populistica retorica del Presidente zal che fin per minarne le fondamenta, contribuendo una volta di pi alla radicalizzazione delle posizioni di unopinione pubblica, quella turca, che a gran voce richiedeva una pi attiva politica di sostegno ai fratelli azeri. La linea interventista di zal alle cui spalle si muoveva unampia parte dello spettro politico e istituzionale
S.E. CORNELL, Turkey and the Conflict in Nagorno-Karabakh: A Delicate Balance, in Middle Eastern Studies, 34, 1998, 1, p. 60. 31 La Turchia riusc, in ambito CSCE, a porre la questione dellAlto Karabakh nellagenda del summit di Praga del 28 febbraio 1992, nel corso del quale lorganizzazione decise di costituire un gruppo di contatto per la mediazione nel conflitto. Prendeva cos forma quello che sarebbe divenuto noto, a partire dal giugno successivo, come il Gruppo di Minsk, di cui la Turchia divenne parte assieme a Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Italia, Federazione Russa, Svezia e Stati Uniti. Sullo sforzo di mediazione internazionale rispetto allAlto Karabakh, si veda J.J. MARESCA, The International Community and the Conflict over Nagorno-Karabakh, in B.W. JENTLESON (ed), Opportunities Missed, Opportunities Seized: Preventive Diplomacy in the Post-Cold War World, Lanham, 2000, pp. 68-90. 32 La stretta riaffermazione del principio di inviolabilit delle frontiere in connessione al conflitto nellAlto Karabakh rispondeva, prima ancora che alla volont di sostegno alla causa azera, alle preoccupanti connessioni che esso mostrava rispetto alla rinascita del separatismo curdo in Turchia. La presa armena di Lachin nel maggio 1992 comport infatti la formazione, nella regione gi sede negli anni Venti di unentit autonoma curda di un Movimento Curdo di Liberazione che proclamava in essa la formazione di uno stato curdo indipendente. Cfr. Keesings Record of World Events, 38, June 1992. 33 A. COWELL, Turk Warns of a Religious War in Azerbaijan, in The New York Times, 12 March 1992.
30

74

turco 34 si manifest, in tutta evidenza, a seguito delle rilevanti vittorie militari che i separatisti armeni, sostenuti militarmente dalla madrepatria, ottennero tra il febbraio e il maggio 1992. La minaccia presidenziale di un intervento militare a protezione dellenclave azera di Nakhichevan 35 , accompagnata dai movimenti di truppe in prossimit dei confini orientali del paese, implic cos il fallimento della contemporanea mediazione di Demirel. La possibilit che la Turchia intervenisse militarmente nel conflitto, daltro canto, spinse pi risolutamente Erevan nellorbita politico-militare di Mosca, finendo per favorire lavvio di una polarizzazione degli schieramenti regionali, che avrebbe costituito, da allora, una pesante gravame sulla via della cooperazione nellarea. Dopo aver infatti rifiutato di esaminare, a inizio marzo, un piano di pace turco 36 , in maggio lArmenia siglava il Trattato di Sicurezza Collettiva (Cst) della Csi e un Accordo di Sicurezza Congiunta con la Russia alle cui truppe avrebbe peraltro demandato, nel febbraio successivo, la responsabilit del pattugliamento delle proprie frontiere internazionali, ivi compresa quella con la Turchia. Le sconfitte militari azere della primavera accentuarono, peraltro, la crisi politica del governo guidato da Mutalibov, che in giugno lasci il posto al leader della formazione nazionalista del Fronte Popolare dellAzerbaigian, Elibey. In questo quadro dinsieme, la spiccata retorica anti-russa e pan-turca del presidente azero, si tradusse in Turchia in un ulteriore elemento di polarizzazione politica, oltre che in un insormontabile ostacolo rispetto ai contemporanei tentativi di dialogo e cooperazione tra Demirel e il governo armeno guidato dal moderato TerPetrossian 37 . Maturava cos, sulla scia della sempre pi pressante richiesta
Lopposizione al governo del Partito della Giusta Via (DYP) guidato da Demirel si presentava compatta nel richiedere un pi deciso intervento nel conflitto. Il Partito Nazionalista di Azione (MHP) di Trke, dalla tradizionale connotazione pan-turca, era naturalmente il pi attivo sostenitore della necessit di intervento militare a tutela degli interessi regionali turchi. Allo stesso modo, il Partito Democratico della Sinistra (DSP) guidato da Ecevit, portatore di una retorica terzomondista e sostenitore di una regionally-centred foreign policy depending on national interests (W. HALE, Turkish Foreign Policy 1774-2000, cit., p. 207), criticava aspramente la cautela politica di Demirel come controproducente rispetto allavanzamento degli interessi turchi nelle aree del Caucaso e dellAsia centrale. Infine, linfluente Mesut Yilmaz succeduto a zal alla leadership del maggior partito dellopposizione, il Partito della Madrepatria (ANAP) a pi riprese sottoline la necessit di una pi dura linea di politica estera nei confronti dellArmenia. 35 Secondo uninterpretazione ampiamente propugnata in Turchia, la lettera dei Trattati di Mosca e Kars del 1921 conferiva a essa il diritto di intervenire militarmente a tutela dello status dellenclave. 36 Significativamente, lArmenia giustificava il rifiuto sulla base dellaccusa alla Turchia di not being neutral. Cfr. Keesing's Record of World Events, 38, March 1992. 37 Nellagosto 1992, una missione diplomatica turca in Armenia sondava la possibilit di apertura delle relazioni diplomatiche, richiedendo a tal fine il ritiro dellesercito dai territori azeri esterni allAlto Karabakh. Nel settembre successivo, inoltre, il governo turco accett la richiesta armena di invio di 100.000 tonnellate di grano allArmenia, per motivi umanitari. Contemporaneamente, veniva siglato un protocollo per la fornitura di energia elettrica al paese. Leffetto congiunto dei due provvedimenti sarebbe stata la rottura di quellembargo azero nei confronti dellArmenia, che costituiva la principale arma di Baku. Fu cos solo a seguito delle vibranti proteste del governo azero e dellopposizione turca, inoltre, a far cadere un accordo bollato come una pugnalata alle
34

75

dellopinione pubblica nazionale 38 , laperto sostegno di Ankara a favore della causa azera, che si concretava, nellaprile 1993, nella chiusura delle frontiere tra Turchia e Armenia, dove venivano contemporaneamente mobilitati lesercito e laviazione. Le successive schiaccianti vittorie militari dei secessionisti armeni che entro settembre estendevano la propria occupazione a un quarto circa del territorio azero dimostrarono tuttavia tutta la inefficacia della politica regionale di Ankara. Inefficacia manifesta rispetto tanto al tentativo di mobilitare, a sostegno della causa azera, i propri alleati occidentali, quanto di attuare una qualche forma di diplomazia coercitiva principale ostacolo alla quale era costituito dalla tutela militare russa di Erevan. La possibilit di assicurare che lAzerbaigian fosse retto da un regime amico, obiettivo centrale nella strategia turca verso il Transcaucaso 39 , fu ulteriore vittima dellinsuccesso della politica rispetto allAlto Karabakh. Nel giugno 1993 un colpo di stato deponeva infatti Elibey, presto sostituito da Heydar Aliyev che, in mancanza di concrete alternative, rovesciava il corso di politica estera sino ad allora seguito dal paese, congelando i rapporti con la Turchia e avvicinandosi risolutamente alla Russia. Nel maggio 1994, dopo aver riportato il paese nella Csi e siglato il Trattato per la Sicurezza Collettiva, lAzerbaigian accettava un piano per il cessate-il-fuoco che, predisposto dal Ministro della Difesa russo Grachev, prevedeva tra laltro il dispiegamento, a sua garanzia, di truppe russe sotto legida della Csi. Bench questultima previsione venisse successivamente rigettata dal parlamento azero, la firma dellaccordo rappresent un importante successo diplomatico per Mosca, che, presentandosi come garante unico della stabilit e della sicurezza nellarea, rafforzava le proprie posizioni in quello che appariva essere a hidden regional conflict between Turkey's drive to build a zone of influence in Transcaucasia and Russia's determination not to be excluded from its traditional spheres of influence 40 . Laccordo per il cessate-il-fuoco, cui non sarebbe seguita la conclusioni di un piano di pace, finiva per congelare, assieme al conflitto, le stesse possibilit di normalizzazione dei rapporti diplomatici armeno-turchi, condizionati da Ankara, a partire dal 1993, a positive development toward the peaceful settlement of the Nagorno-Karabakh dispute 41 . I rapporti della Turchia con lArmenia e con essi le potenzialit di unampia cooperazione nel Transcaucaso finivano cos per divenire ostaggio del crescente avvicinamento allAzerbaigian.

spalle da parte di Ankara. S. BOLUKBASI, Ankaras Baku-Centred Transcaucasia Policy: Has It Failed?, cit., p. 84. 38 S.E. CORNELL, Turkey and the Conflict in Nagorno-Karabakh: A Delicate Balance, cit., p. 61. 39 S. BOLUKBASI, Ankaras Baku-Centred Transcaucasia Policy: Has It Failed?, cit., p. 81. 40 S.J. BLANK, Turkeys Strategic Engagement in the Former USSR and U.S. Interests, in S.J. BLANK - S.C. PELLETIERE - W.T. JOHNSEN, Turkey's Strategic Position at the Crossroads of World Affairs, Carlisle, 1993, p. 69-70. 41 G. WINROW, Turkey and the Caucasus: Domestic Interests and Security Concerns, cit., p. 13.

76

Daltro canto, loggettiva difficolt per il governo turco di predisporre, rispetto ai conflitti nellarea transcaucasica, una linea di deciso e coerente intervento, risult evidente anche rispetto a quel conflitto in Abkhazia che, a partire dallestate del 1992, divampava in Georgia. La netta instabilit che caratterizz la fase successiva alla proclamazione dindipendenza georgiana determinata dalla guerra civile del 1991-1992 e dal conflitto in Ossetia meridionale aveva rappresentato un freno allapertura delle relazioni diplomatiche tra Ankara e Tbilisi. Il tardivo riconoscimento accordato alla Repubblica Georgiana nel maggio 1992 dimostrava dunque, una volta di pi prima ancora della iniziale secondariet del vettore transcaucasico della politica estera turca la riproposizione della tradizionale cautela e del non-interventismo sul piano regionale. Non un caso, in questo senso, che il riconoscimento turco seguisse il consolidamento del potere di Shevarnadze e, pi significativamente, lanalogo provvedimento statunitense e tedesco. Fu dunque in contemporanea che si svilupparono, nella successiva estate, i primi contatti turco-georgiani per lo sviluppo di una cooperazione politico-economica, da un lato 42 , e lapertura delle ostilit nella regione secessionista della Abkhazia, dallaltro. Liniziale atteggiamento legalistico e filo-governativo di Ankara rispetto al conflitto fu messo in seria difficolt, questa volta, dalla presenza in Turchia di una numerosa comunit di origine abkhaza 43 . Questultima, in unit di intenti con le numerose associazioni di minoranze dorigine nord-caucasica, diede vita al Comitato di Solidariet Caucasico-Abkhazo (Kafkas-Abhaz Dayanima Komitesi Kadk), attivo sin dal 1992 nel richiedere il riconoscimento turco dellindipendenza dellAbkhazia, e nellesercitare pressioni su quella parte trasversale dello spettro politico favorevole a un pi attivo coinvolgimento nelle questioni regionali. La contemporanea formazione, a opera della influente minoranza georgiana, della Fondazione Culturale e di Solidariet Turco-Georgiana (Trk-Grc Kltr ve Dayanima Vakf Tgkdv) determin cos un scontro di interessi, che assunse presto portata politica. Lavvio di un pericoloso processo di politicizzazione delle minoranze etniche, emerse chiaramente dallacceso dibattito parlamentare sullAbkhazia dellottobre 1992. Dibattito che evidenziava, al contempo, limpossibilit per Ankara di sfruttare i dividendi politici che le sarebbero potuti derivare dal pi diretto sostegno a una delle parti in causa. Su questo sfondo, fu

Nel luglio 1992, Demirel si recava in visita a Tbilisi dove veniva siglato un Accordo di Amicizia e protocolli in materia di commercio, cultura, istruzione e trasporti. 43 Secondo Winrow, la comunit turco-abkhaza comprendeva 700.000 persone. Un numero, questo, tanto pi rilevante se paragonato al totale della popolazione della provincia georgiana che, nelle stime di Alexei Zverev era di poco superiore al mezzo milione G. WINROW, Turkey and the Caucasus: Domestic Interests and Security Concerns, cit., p. 33; A. ZVEREV, Ethnic Conflicts in the Caucasus, 1988-1994, in B. COPPIETERS (ed.), Contested Borders in the Caucasus, Bruxelles, 1996, http://www.poli.vub.ac.be.

42

77

dunque la necessit di rapportarsi alla fabbrica demografica 44 turca, prima ancora che una deliberata scelta di politica estera, a dettare lagenda della politica nei confronti del conflitto in Georgia. A imporre, cio, un approccio bilanciato che, pur sensibile in a humanitarian fashion 45 alle istanze dei secessionisti, ribadiva fermamente la necessit del rispetto dellintegrit territoriale georgiana. Bench una simile linea di condotta super partes finisse per assicurare ad Ankara sia pur limitati risultati politici 46 , esso imped tuttavia di offrire a Tbilisi quelle garanzie di sicurezza che Shevarnadze, come gi accaduto ad Aliyev, non pot che richiedere alla Russia. Fu ancora una volta Mosca nel novembre 1993, dopo aver ottenuto lingresso georgiano nella Csi e nel Tsc e negoziato il dispiegamento di una forza di interposizione, a farsi infatti promotrice di un accordo per il cessate-il-fuoco. Significativamente inoltre, come gi avvenuto con lArmenia, Russia e Georgia si accordavano per il dispiegamento di guardie di frontiera russe al confine con la Turchia. I conflitti etno-territoriali divampati nel Transcaucaso con la dissoluzione dellUrss hanno dunque costituito il principale ostacolo, tra il 1992 e linizio del 1994, sulla via dellaffermazione di un ruolo regionale di primo piano della Turchia. Leffetto combinato di fattori interni e internazionali ha infatti impedito ad Ankara di rappresentare, per larea, un fattore di sicurezza e stabilit, lasciando al contempo campo libero alle iniziative di Mosca. La conseguente sistematizzazione russocentrica rappresentava, per questa via, la pi evidente manifestazione, da un lato, dellinefficacia della politica regionale turca e, dallaltro, dellavvio di una polarizzazione degli interessi e schieramenti regionali che avrebbe da allora pesantemente influito sulle possibilit di cooperazione interregionale. 1.2 La centralit azera nella politica multi-regionale di Ankara La stretta affinit etnica, linguistica e culturale tra Turchia e Azerbaigian base della consueta formula due stati, una nazione rendeva lapprofondimento delle relazioni bilaterali un passaggio quasi obbligato nello sviluppo delle rispettive politiche estere. Se infatti la Turchia rappresentava, per Baku, un ponte verso le principali strutture di matrice euro-atlantica, oltre che un naturale punto di riferimento sulla strada del rafforzamento della propria sovranit e indipendenza, non meno rilevante risultava essere per Ankara, di converso, lAzerbaigian. Forte di
D.B. SEZER, Turkey in the New Security Environment in the Balkan and Black Sea Region, in V. MASTNY - R.C. NATION (eds.), Turkey Between East and West: New Challenges for a Rising Regional Power, cit., p. 90. 45 P. ROBINS, Suits and Uniforms: Turkish Foreign Policy since the Cold War, cit., p. 183. 46 In particolare, in occasione del lancio delloperazione di monitoraggio del cessate-il-fuoco UNOMIG, la richiesta di partecipazione turca provenne significativamente, nel settembre 1994, da entrambe le parti del conflitto. Inoltre, tra il 1999 e il 2001, Il Ministero degli Esteri turco offriva ripetutamente di ospitare colloqui tra inviati del governo georgiano e rappresentanti del KADK.
44

78

ingenti e inesplorate risorse energetiche, esso costituiva, prima ancora che un partner economico di primo piano 47 , un fondamentale alleato nellaffermazione dellinfluenza turca sul Transcaucaso e lAsia centrale. LAzerbaigian si configur dunque, sin dalla fase immediatamente successiva al 1991, come il punto di collegamento tra le diverse direttrici della politica multiregionale di Ankara nellarea del Transcaucaso, cos come in quella dellAsia centrale e del Mar Nero. Una politica multi-regionale caratterizzata dal tentativo di porsi alla testa di iniziative di cooperazione economica regionale, in linea con le pi profonde convinzioni del liberista zal. Sin dagli anni Ottanta, infatti, le relazioni economiche regionali avevano assunto, nella politica estera di Ankara, il ruolo centrale di fattore di stabilizzazione e sicurezza regionale 48 , elemento di cooperazione e avvicinamento politico con gli avversari, prima ancora che con i partner regionali. Si gi visto come lAzerbaigian avesse assunto una posizione centrale per lo sviluppo cos come per il fallimento della cooperazione con gli stati turcofoni della ex-Unione Sovietica. Nello stesso ambito la Turchia sosteneva, nel 1992, il progetto di allargamento della Economic Cooperation Organisation (Eco). Lorganizzazione, creata nel 1985 da Turchia, Iran e Pakistan, e finalizzata alla predisposizione di accordi doganali e allo sviluppo di una rete infrastrutturale tra i suoi membri, si apriva cos alla partecipazione delle cinque repubbliche centroasiatiche, dellAfghanistan e dellAzerbaigian. In occasione dei summit di Quetta e Istanbul, del febbraio e luglio 1993 49 , lEco approvava un ambizioso piano dazione di lungo periodo (da completare entro il 2005), ottenendo contemporaneamente lo status di osservatore presso le Nazioni Unite. Nonostante il promettente inizio, tuttavia, lorganizzazione non ha avuto un significativo impatto sugli scambi economici tra i suoi membri il cui incremento stato in linea con i pi generali tassi di crescita n ha sviluppato, al suo interno, meccanismi di consultazione politica. La valenza pi profonda dellEco sembra dunque essere stata, per Ankara, la disponibilit di un canale istituzionale di cooperazione con Teheran, e di uno strumento per prevenire iniziative economiche unilaterali iraniane nellarea del Transcaucaso e dellAsia centrale. Un maggior rilievo ha assunto, nel quadro del multi-regionalismo turco, il progetto di costituzione di un meccanismo di cooperazione per larea del Mar Nero. Allindomani della proclamazione dellindipendenza degli Sni, zal,
Dallanalisi dei dati forniti dal Sottosegretariato al Commercio estero turco, emerge infatti come gi nel 1992, se si esclude dal computo la Federazione Russa, le esportazioni turche verso lAzerbaigian costituivano il 42% del totale della esportazioni verso i paesi della Csi. UNDERSECRETARIAT OF THE PRIME MINISTRY FOR FOREIGN TRADE, Exports, http://www.dtm.gov.tr. 48 W. HALE, Turkish Foreign Policy 1774-2000, cit., p. 208. 49 . ZAR, Economic Co-operation Organisation: a Promising Future, in Perceptions, 2, 1997, 1, p. 16.
47

79

riprendendo un progetto elaborato sul finire degli anni Ottanta, si faceva promotore della Black Sea Economic Cooperation (Bsec), lanciata ufficialmente in occasione dellincontro di Istanbul del giugno 1992. Significativamente lorganizzazione, oltre a includere gli stati rivieraschi del Mar Nero (Russia, Ucraina, Romania, Bulgaria, Georgia) e la Moldova, assumeva contemporaneamente, su iniziativa turca, una pi ampia dimensione transcaucasica e balcanica con la partecipazione di Azerbaigian e Armenia da una parte, e di Grecia e Albania dallaltra. Obiettivo dichiarato dellorganizzazione, la progressiva rimozione degli ostacoli al commercio tra i suoi partecipanti e la predisposizione di progetti congiunti in materia di trasporto, comunicazioni, energia, turismo, agricoltura e protezione ambientale50 . A tal fine venivano istituiti un Segretariato Permanente, unAssemblea Parlamentare e un Consiglio Economico dellorganizzazione, per favorire le cui attivit veniva inoltre stabilita la costituzione della Black Sea Foreign Trade and Development Bank, con sede a Salonicco. Nonostante il lancio in ambito Bsec di una serie di rilevanti progetti infrastrutturali 51 , non sembra tuttavia che lorganizzazione, come gi per il caso dellEco, abbia sortito effetti indipendenti sullaumento degli scambi tra i suoi membri. Daltro canto, la sostanziale inefficacia delle iniziative di cooperazione regionale turche risulta in linea con la pi generale tendenza, registrata lungo lultimo quindicennio, a una scarsa interazione economica con larea del Transcaucaso. A tutto il 2005, infatti, le repubbliche transcaucasiche influivano per un modesto 1,1% sul totale delle esportazioni turche 52 , e per uno 0,5% sulle importazioni 53 . Di converso, nello stesso 2005, il volume degli scambi con la Turchia si assestava, per lAzerbaigian al 6,9% del totale54 , mentre per la Georgia, nel primo quadrimestre del 2006, al 10% 55 . Significativamente, in entrambi i casi,

B. GLTEKIN - A. MUMCU, Black Sea Economic Cooperation, in V. MASTNY - R.C. NATION (eds), Turkey Between East and West: New Challenges for a Rising Regional Power, cit., pp. 179-180. 51 Per ci che riguarda pi propriamente la cooperazione tra Turchia e Transcaucaso, nel 1996 veniva completato lEastern Black Sea Telecommunications Project (Dokap), per la costruzione di un collegamento digitale radio tra Turchia, Azerbaigian e Georgia, del valore di 15 miliardi di dollari. M. DEMIRSAR, BSEC Business Conference Promotes Regional Cooperation, in Turkish Daily News, 2 May 1997. 52 UNDERSECRETARIAT OF THE PRIME MINISTRY FOR FOREIGN TRADE, Exports, http://www.dtm.gov.tr. 53 UNDERSECRETARIAT OF THE PRIME MINISTRY FOR FOREIGN TRADE, Imports, http://www.dtm.gov.tr. Sul volume del commercio estero con il Transcaucaso pesa, peraltro, il provvedimento della chiusura delle frontiere con lArmenia varato da Ankara nellaprile 1993 a seguito del conflitto nellAlto Karabakh. 54 STATE STATISTICAL COMMITTEE OF THE AZERBAIJAN REPUBLIC, Azerbaijan's Main Trading Partners in 2005, in Azerbaijan in Figures 2006, http://www.azstat.org. 55 NATIONAL BANK OF GEORGIA, Major Foreign Trade Partners of Georgia, in Bulletin of Monetary and Banking Statistics, April 2006, http://www.nbg.gov.ge.

50

80

il dato relativo alla Turchia risultava nettamente inferiore a quello riguardante la Russia 56 . La secondaria valenza economica assunta dalla Bsec non deve tuttavia indurre a sottovalutarne la portata politica. Per quanto il lancio della cooperazione economica non si sia tradotto, come era nelle intenzioni di zal, in un miglioramento delle relazioni politiche tra i suoi partecipanti, la Bsec ha comunque rappresentato, tra il 1992 e il 1999, un importante forum for member states to try to settle their differences [] and to enhance Turkeys image as a cooperative neighbour 57 . 2. Ridefinizione pragmatica della politica transcaucasica (1994-2000) Il sostanziale fallimento, tra il 1991 e il 1994, della politica estera turca verso il Transcaucaso, frutto della mancanza di una coerente strategia regionale prima ancora che di mezzi materiali, era stato reso pi manifesto dalla scarsa attenzione che, nei confronti dellarea, mostrarono i principali attori della comunit internazionale. La concomitanza della crisi bosniaca, accompagnata dalla difficile fase di adeguamento alla nuova realt internazionale delle principali organizzazioni euro-atlantiche, nonch dalla volont dei principali attori della comunit internazionale di non compromettere i rapporti con la Russia di Elcin, avevano privato la Turchia di quel sostegno economico quanto diplomatico che, solo, avrebbe potuto dare un diverso peso alla direttrice regionale della sua politica estera. Su questo sfondo, la rottura dellisolamento internazionale del Transcaucaso, prodottosi a cavallo tra il 1993 e il 1994 a seguito delle iniziative regionali europee e statunitensi, non pot che aprire nuovi rilevanti spazi alla politica estera di Ankara. La Turchia inaugurava infatti un nuovo corso di politica regionale che, gettatasi alle spalle leccessiva quanto infondata euforia successiva alla dissoluzione sovietica, si connotava in senso pi spiccatamente pragmatico, legandosi a filo doppio alle iniziative regionali statunitensi. Iniziative che, significativamente, si indirizzarono verso i due settori rispetto ai quali la dipendenza degli stati transcaucasici da Mosca aveva reso impraticabile il tentativo di prenderne le distanze: quello della cooperazione alla sicurezza da un lato, e quello economico, con particolare riferimento allo sfruttamento e al trasporto delle risorse energetiche del Mar Caspio, dallaltro. A favorire il nuovo approccio regionale turco, contribuirono due ulteriori fattori. In primo luogo, la sia pur parziale risoluzione dei conflitti in Abkhazia e Alto Karabakh, introducendo un primo importante fattore di stabilizzazione del
Nello stesso periodo di tempo preso in considerazione, la percentuale sul totale del volume di scambi con la Russia si attestava al 12% per lAzerbaigian e al 17,6% per la Georgia. 57 W. HALE, Turkish Foreign Policy 1774-2000, cit., p. 270; nella stessa direzione C. KING, The New Near East, in Survival, 43, 2001, 2, pp. 58-59.
56

81

Transcaucaso, conferiva una nuova libert dazione a Baku e Tbilisi. In secondo luogo, tale libert dazione risult essere tanto pi ampia a partire dalla netta perdita di credibilit regionale cui fu soggetta la Russia allindomani della fallimentare prima campagna militare in Cecenia 58 . 2.1 Politica economica ed energetica Se la volont di proporre un modello turco di sviluppo aveva giocato un ruolo di primo piano nelliniziale politica di Ankara rispetto agli Sni in generale e allAzerbaigian in particolare, una motivazione altrettanto valida derivava, parallelamente, dai vantaggi strettamente economici che ne sarebbero derivati per il Paese. Al di l del valore rivestito dalla cooperazione economica nella visione zalista, e della possibilit di aprire nuovi mercati alle esportazioni nazionali, tali vantaggi si concretavano principalmente nella prospettiva di inserimento nel giro daffari legato allo sfruttamento delle ingenti risorse energetiche del Mar Caspio, rispetto alle quali lAzerbaigian appariva come il cork in the bottle 59 . La Turchia, daltro canto, costituiva un mercato in costante espansione, le cui stime di crescita nel fabbisogno energetico imponevano il tentativo di diversificazione degli esistenti canali di approvvigionamento principalmente russi. Al di l, tuttavia, della valenza strettamente economica, lo sfruttamento degli idrocarburi del Caspio offriva ad Ankara ben pi rilevanti dividendi politici. La necessit di approntare nuove rotte per il trasporto energetico verso i mercati occidentali schiudeva difatti alla Turchia la prospettiva di divenire lo stato-chiave nel transito degli idrocarburi, con notevole incremento della propria valenza strategica, tanto nei confronti degli stati consumatori quanto di quelli produttori di energia. Per questa via dunque, Il Trancaucaso assumeva progressivamente agli occhi di Ankara la duplice potenziale connotazione di fornitore energetico e, contemporaneamente, di primo corridoio rispetto alle risorse energetiche centroasiatiche kazake, turkmene e uzbeke. Non dunque un caso che la questione energetica con particolare riguardo ai progetti di trasporto entrasse, sin dal 1992, nellagenda della politica regionale di Ankara. Subito dopo la proclamazione dindipendenza azera, difatti, la Compagnia Petrolifera Turca (Trkiye Petrolleri Anonim Ortakl Tpao) predisponeva il progetto di costruzione di un oleodotto tra Baku e il porto turco di Ceyhan sul Mediterraneo 60 . Tale progetto, che diverr la pietra angolare della pi pragmatica strategia transcaucasica turca degli anni Novanta, veniva formalizzato dalla firma di un memorandum tra i ministri dellenergia turco e azero, il 9 marzo
Sul punto, S. BLANK, Russia and Europe in the Caucasus, in European Security, 4, 1995, 4, p. 638. Per una pi approfondita analisi si veda A. LIEVEN, Chechnya: The Tombstone of Russias Power, New Haven/London, 1998. 59 Z. BRZEZINSKI, The Grand Chessboard, cit., p. 46. 60 M.F. TAYFUR - K. GYMEN, Decision Making in Turkish Foreign Policy: The Caspian Oil Pipeline Issue, cit., p. 110.
58

82

1993 61 salvo cadere vittima, dopo la caduta di Elibey, del riavvicinamento di Aliyev a Mosca. A riaprire definitivamente la partita del trasporto energetico che, significativamente, minacciava il tradizionale monopolio russo contribuiva per la firma, nel settembre 1994, del cosiddetto contratto del secolo tra Aliyev e il consorzio dellAzerbaijan International Oil Company (Aioc). Il contratto, finalizzato allo sfruttamento di tre giacimenti caspici azeri 62 , prevedeva infatti lindividuazione, in un primo tempo, di una rotta per il cosiddetto early oil e, successivamente, del tragitto per il passaggio della Main Export Pipeline (Mep). La Turchia, rappresentata nellAioc da una modesta quota dell1,75% in capo alla Tpao 63 , tornava cos a concentrarsi sul nodo del trasporto energetico, favorita questa volta dalla internazionalizzazione della questione. Se infatti, come sostiene Larrabee, pipeline projects acquired the role played by railways in late nineteenth century diplomacy, as weapons in a struggle for political as well as economic penetration 64 , essi costituivano, al contempo, un fondamentale strumento, in capo agli Sni, per il rafforzamento della propria sovranit e della propria indipendenza rispetto alla sistematizzazione russocentrica dello spazio post-sovietico. Principalmente in questa prospettiva 65 , lamministrazione Clinton entrava nella partita degli oleodotti caspici, dichiarando nel gennaio 1995, attraverso il proprio ambasciatore ad Ankara 66 , il proprio sostegno ai progetti di trasporto predisposti dalla Turchia, come parte del pi ambizioso progetto per la predisposizione di un corridoio energetico est-ovest in grado di coinvolgere i paesi produttori di energia dellarea transcaucasica e centroasiatica.
Il memorandum prevedeva lavvio della costruzione delloleodotto, da finanziare con investimenti di istituzioni internazionali e banche estere, a partire dal 1994. A dimostrazione del tentativo turco di mantenere una posizione di equidistanza nel contemporaneo conflitto nellAlto Karabakh, nessuna indicazione veniva fornita circa il percorso delloleodotto, lasciando cos aperta una possibile rotta attraverso lArmenia. P. ROBINS, Suits and Uniforms: Turkish Foreign Policy since the Cold War, cit., p. 303. 62 Va segnalato come, attorno alla titolarit dei giacimenti energetici del Caspio, la Russia sollevasse la questione dello status internazionale del bacino. La connotazione internazionale di lago, piuttosto che di mare, implicava difatti una sovranit congiunta sulla gran parte dello spazio del bacino, con un parallela riduzione delle zone economiche esclusive degli stati rivieraschi. La Turchia, non avendo uno sbocco sul bacino, restava formalmente fuori dalla controversia legale, pur manifestando il proprio sostegno a favore della posizione azera. Sul punto, B.H. OXMAN, Caspian Sea or Lake: What Difference Does It Make?, in Caspian Crossroads Magazine, 1, 1996, 4; B. JANUSZ, The Caspian Sea: Legal Status and Regime Problems, in RIIA/REP Briefing Papers, 2005, 2. 63 La partecipazione della Tpao sarebbe cresciuta, sulla base di un accordo siglato il 12 aprile 1995, di un ulteriore 5% ceduto dalla compagnia petrolifera azera Socar. Nellassicurarsi una maggior quota partecipativa, la Tpao anticipava un analogo tentativo iraniano. Cfr. Keesing's Record of World Events, 48, April 1995. 64 S. LARRABEE, cit. in W. HALE, Turkish Foreign Policy 1774-2000, cit., p. 271. 65 In questo senso, il senatore Brownback, membro del Comitato per le Relazioni Estere del Senato, in S. BROWNBACK, U.S. Economic and Strategic Interests in the Caspian Sea Region: Policies and Implications, in Caspian Crossroads Magazine, 3, 1997, 2. 66 P. ROBINS, Suits and Uniforms: Turkish Foreign Policy since the Cold War, cit., p. 305.
61

83

La politica transcaucasica della Turchia assumeva cos, agli occhi dei suoi beneficiari, la pi profonda connotazione di avamposto degli interessi regionali statunitensi. Su questo sfondo, la questione connessa alla individuazione della rotta per learly oil azero, rappresent una prima importante saldatura degli interessi e delle posizioni turche con quelle dellAzerbaigian e di una Georgia che avrebbe assunto, da allora, un ruolo di primo piano nella politica regionale di Ankara. In alternativa a una rotta settentrionale tra Baku e il terminale russo di Novorossijsk 67 , la Turchia, a seguito della visita del presidente Demirel a Tbilisi del novembre 1994, proponeva infatti la costruzione di un oleodotto tra Baku e Supsa, in Georgia 68 . Oltre a determinare un rilevante ambito di cooperazione regionale aperto ufficialmente con la firma, nel febbraio 1995, dellEarly Oil Transportation Agreement tra Turchia e Georgia la realizzazione di tale rotta era interpretata, ad Ankara, come primo passo per la possibile individuazione della Mep lungo la direttrice Baku-Ceyhan. Non un caso, in questo senso, che il Ministero per gli Affari Esteri turco proponesse di finanziare la sua realizzazione, a patto che venisse contemporaneamente ufficializzato un impegno alla successiva predisposizione del prolungamento verso la Turchia 69 . Come gi accaduto in precedenza rispetto ai conflitti nel Transcaucaso, anche in questo caso, tuttavia, la Turchia manifest la propria incapacit di predisporre una linea di politica estera coerente e univoca. La mancanza di coordinamento tra le
Il tentativo turco di sottrarre credibilit internazionale alla rotta verso il terminale russo sul Mar Nero, si concret, prima ancora che sul piano strettamente tecnico, nella approvazione di una nuova regolamentazione entrata in vigore nel novembre 1994 per la limitazione del passaggio di natanti attraverso gli stretti del Bosforo, unico sbocco al mare per le petroliere russe provenienti da Novorossiisk. La motivazione addotta era di natura strettamente ambientale, ricollegata al rischio di catastrofe ecologica in unarea, quella di Istanbul, abitata da pi di 10 milioni di persone. B. SASLEY, Turkey's Energy Politics in the Post-Cold War Era, in Middle East Review of International Affairs, 2, 1998, 4, pp. 31-32. Per levoluzione della regolamentazione sul passaggio attraverso gli Stretti, Y. GL, Regulation Of The Passage Through The Turkish Straits, in Perceptions, 6, 2001, 1. 68 Il percorso, se da un lato rifletteva lopposizione azera a una rotta armena e quella statunitense a una iraniana, dimostrava, al contempo, il pragmatismo insito nelle scelte turche. Numerose erano state infatti le pressioni interne a sostegno del terminale georgiano di Batumi, capoluogo della regione a maggioranza musulmana dellAgiaria. Tale soluzione era, in particolare, propugnata dalla compagnia nazionale per il gas (Boru Hatlar le Petrol Tama A.. - BOTA), allora egemonizzata politicamente dal Partito Nazionalista di Azione. Su questo sfondo, la volont di non fornire sostegno alle istanze autonomistiche proprie della regione e, di conseguenza, di non creare motivi dattrito con Tbilisi, induceva il Ministero per gli Affari Esteri turco a gettare il proprio peso a favore del terminale alternativo di Supsa soluzione peraltro propinata dallo stesso Aioc. Sulle diverse alternative e posizioni internazionali sulla questione delle rotte petrolifere, E. YAZDANI, Competition over the Caspian Oil Routes: Oilers and Gamers Perspective, in Alternatives, 5, 2006, 1/2. 69 Finanziamento dellopera era condizionato inoltre allacquisto esclusivo, da parte della Turchia, del petrolio trasportato, rispetto ala cui quantit Ankara richiedeva un impegno formale per un periodo di otto anni. Infine, la costruzione sarebbe dovuta essere opera di compagnie turche o di consorzi internazionali a guida turca. P. ROBINS, Suits and Uniforms: Turkish Foreign Policy since the Cold War, cit., pp. 306-307.
67

84

principali istituzioni nazionali interessate allo sviluppo della cooperazione energetica si tradusse infatti in uno scontro tra le diverse anime dello spettro politico turco 70 che, in un momento di elevata instabilit istituzionale 71 , comport nel luglio 1996 il ritiro dellofferta turca di finanziamento delloleodotto azero-georgiano, a opera del governo Erbakan. Su questo sfondo, fu dunque solo il decisivo intervento dellamministrazione Clinton promotrice di una soluzione multipla per il trasporto dellearly oil attraverso le due rotte concorrenti a favorire la scelta delloleodotto Baku-Supsa, formalizzata dallAioc nellottobre 1995 72 senza che tuttavia Ankara fosse riuscita a promuovere il proprio interesse rispetto alla individuazione della rotta della Mep. Lungi dallesaurirsi con la chiusura della controversia relativa allearly oil, lattivo coinvolgimento statunitense nella questione energetica si manifest con ancor maggiore determinazione anche in relazione alla successiva individuazione della rotta per la Mep. Al di l delle pressioni a pi riprese esercitate sullAioc per lapprovazione del progetto di trasporto tra Baku e Ceyhan via Tbilisi (Btc) 73 , lesplicito sostegno alla rotta veniva inserito, a partire dal 1997, nella pi ampia formulazione di una strategia regionale indirizzata a favorire lo sviluppo di una rete infrastrutturale est-ovest. Rete che faceva della Turchia il perno regionale di un ambizioso sistema di oleodotti e gasdotti transcaucasici e centroasiatici 74 . Forte del rinnovato sostegno statunitense, a cavallo tra il 1997 e il 1998, linfluente Consiglio di Sicurezza Nazionale (Csn) turco interveniva direttamente nella formulazione e nel coordinamento della politica energetica del paese. Le sue linee guida 75 entravano cos, per la prima volta, a far parte del Documento sulla
Sulla mancanza di un centro decisionale unico rispetto alla politica energetica, cos come di meccanismi per il coordinamento dei diversi attori in gioco, M.F. TAYFUR - K. GYMEN, Decision Making in Turkish Foreign Policy: The Caspian Oil Pipeline Issue, cit., pp. 111-117; G. WINROW, Turkey and the Caucasus: Domestic Interests and Security Concerns, cit., pp. 27-29. 71 Tra lottobre 1995 e il luglio 1996, si alternarono infatti in Turchia tre diversi governi retti da maggioranze differenti, due a guida della iller (ottobre-novembre 95 e novembre 95-marzo 96), uno di Ylmaz (marzo-luglio 96). 72 S. BOLUKBASI, The Controversy over Caspian Mineral Resources, in Europe-Asia Studies, 50, 1998, 3, p. 404. 73 Sullevoluzione della politica statunitense verso il Caspio, con particolare riferimento al progetto Btc, J. JOFI, Pipeline Diplomacy: the Clinton Administrations Fight for Baku-Ceyhan, in WWS Case Study, 1999, 1; S. KOBER, The Great Game, Round 2: Washingtons Misguided Support for the Baku-Ceyhan Oil Pipeline, in Cato Institute Foreign Policy Briefings, 2000, 63. 74 Loleodotto Btc avrebbe difatti beneficiato, nelle intenzioni statunitensi, del petrolio estratto nei giacimenti kazaki e trasportato a Baku dal terminale di Aktau. Parallelamente veniva lanciato il progetto Trans-Caspian Gas Pipeline, un gasdotto sottomarino per collegare i giacimenti del Turkmenistan con Baku, da dove un gasdotto parallelo alla Btc avrebbe raggiunto la Turchia. 75 I contorni della politica energetica turca per il secolo a venire erano identificati attorno a quattro punti salienti: (a) la collocazione geografica della Turchia e il suo sistema politico ed economico rendono il Paese uno snodo quasi obbligato sul percorso delle rotte energetiche verso occidente; (b) il crescente fabbisogno energetico della Turchia impone di ottenere il massimo beneficio dalla produzione del Caspio; (c) la rotta Baku-Ceyhan risulta centrale per la politica energetica nazionale; (d) fermo restando il sostegno alla rotta Baku-Ceyhan la Turchia deve promuovere la
70

85

Politica Nazionale del 1998. Significativamente, inoltre, il Csn riconosceva ufficialmente al Ministero per gli Affari Esteri la titolarit delladozione delle misure necessarie al conseguimento degli obiettivi cos determinati. A partire dalla primavera 1998 si moltiplicarono dunque i contatti tra Ankara, Tbilisi e Baku in vista della approvazione del progetto Btc. Un esplicito impegno in tal senso veniva cos sancito dalla Dichiarazione di Ankara, siglata nellottobre successivo, in occasione dei 75 anni dalla proclamazione della Repubblica Turca. La presenza, tra i firmatari, del Presidente uzbeko Karimov e del kazako Nazarbaev, rimarcava una volta di pi la portata eurasiatica della collaborazione energetica nellarea del Transcaucaso, in perfetta sintonia con la politica regionale della Casa Bianca rappresentata, nelloccasione, dal Segretario per lEnergia Bill Richardson. Su questo sfondo, laccordo intergovernativo per la costruzione della Btc accompagnato da sei accordi quadro veniva infine siglato da Demirel, Aliyev e Shevarnadze, alla presenza di Clinton, nel novembre 1999 a Istanbul, a margine di un summit Osce. 76 Daltro canto, tra il 1999 e il 2000, la scoperta di nuovi fecondi giacimenti petroliferi in Azerbaigian e Kazachstan, contribuiva a fugare i dubbi sulla valenza economica del progetto sino ad allora nutriti dallAioc 77 . Dopo una serie di studi di fattibilit condotti a partire dal 2000, la costruzione della Btc iniziava cos nellestate 2002 per essere completata nel maggio del 2005. Parallelamente, nel marzo 2001, Baku e Ankara si accordavano per la costruzione di un gasdotto che, seguendo lo stesso percorso della Btc, avrebbe collegato i giacimenti azeri al terminale turco di Erzurum. Laccordo, ratificato dal parlamento turco nel febbraio del 2003, prevede il completamento del gasdotto entro la fine del 2006 78 . Secondo le stime della BOTA, lAzerbaigian fornir, di conseguenza, il 13% del consumo nazionale di gas entro il 2010 79 . 2.2 Politica regionale di sicurezza La centralit assunta dalle iniziative regionali degli Stati Uniti nella strategia transcaucasica perseguita dalla Turchia a partire dal 1994 emerse in tutta evidenza,
pi ampia cooperazione regionale, in particolare nei confronti della Russia. M.F. TAYFUR - K. GYMEN, Decision Making in Turkish Foreign Policy: The Caspian Oil Pipeline Issue, cit., p. 103. 76 Quanto determinante fosse stato il sostegno statunitense risult evidente dallentusiasmo con il quale Clinton salut laccordo, indicando come one of the my proudest accomplishments [] the Caspian pipeline agreement, which I believe, 30 years from now, you'll all look back on as one of the most important things that happened this year. H. KAZAZ, Clinton's Proudest Achievement This Year Is Caspian Pipeline Agreement, in Turkish Daily News, 11 December 1999. 77 .Z. OKTAV, American Policies Towards the Caspian Sea and The Baku-Tbilisi-Ceyhan Pipeline, in Perceptions, 10, 2005, 1, pp. 27-28. 78 N. DEVLET, Turkeys Energy Policy in the Next Decade, in Perceptions, 9, 2004/2005, 4, p. 76. 79 Ibidem, p. 75.

86

oltre che sul piano energetico, su quello della cooperazione alla sicurezza. La progressiva trasformazione della Nato da alleanza difensiva in meccanismo di cooperazione per la sicurezza e la stabilit dellarea eurasiatica 80 coinvolse infatti, sin dal principio, le repubbliche del Transcaucaso. Il summit di Bruxelles del gennaio 1994 costitu in questo quadro un fondamentale spartiacque, nella misura in cui, attraverso il lancio della Partnership for Peace (Pfp), veniva offerto agli Sni un primo canale istituzionale di cooperazione bilaterale con lAlleanza Atlantica finalizzato to develop, over the longer term, forces that are better able to operate with those of the members 81 . Obiettivo, questo, tanto pi significativo se letto alla luce della contemporanea approvazione del Combined Joint Task Force Concept, designato a fornire allAlleanza uno strumento flessibile per operazioni di peacekeeping aperte alla partecipazione di stati non membri 82 . Georgia e Azerbaigian siglavano il Pfp Framework Document rispettivamente nel marzo e maggio del 1994, seguiti dalla Armenia in ottobre. La dissoluzione dellUnione Sovietica non aveva rappresentato, per la Turchia, una diminuzione della percezione di minaccia proveniente da nord-est che, al contrario, non pot che essere accentuata dal successo con il quale, tra il 1993 e il 1994, la Russia era riuscita a riportare Georgia e Armenia nella propria orbita militare. Non stupisce dunque che la Turchia fosse tra i promotori della Pfp 83 , e che ne sfruttasse a fondo le potenzialit di cooperazione regionale 84 , assumendo il ruolo di principale punto di collegamento tra la Nato e il Transcaucaso. In questo senso, ad esempio, pu essere letta la proposta turca, espressa al summit di Sintra del maggio 1997, per lapertura ad Ankara di un Pfp Training Center. Il centro, inaugurato nel successivo giugno 1998 e finalizzato to provide qualitative training and education support to partners in accordance with NATO and Pfp general principles and interoperability objectives 85 , dava la misura dellimpegno
W. CHRISTOPHER - W.J. PERRY, NATOs True Mission, in New York Times, 21 October 1997. 81 Ulteriori obiettivi del programma, espressamente rivolto a colmare il vuoto di sicurezza determinatosi, con la caduta dellUnione Sovietica, nello scacchiere eurasiatico, erano to facilitate transparency in national defence planning and budgeting processes; to ensure democratic control of defence forces; to maintain the capability and readiness to contribute to operations under the authority of the United Nations and/or the responsibility of the OSCE; to develop cooperative military relations with NATO, for the purposes of joint planning, training and exercises, in order to strengthen ability of Pfp participants to undertake mission in the field of peacekeeping, search and rescue, humanitarian operations, and others as may subsequently be agreed. NORTH ATLANTIC TREATY ORGANISATION, NATO Handbook, Bruxelles, 2001, p. 68. 82 Ibidem, pp. 253-255. 83 Y. NAN - . YUSUF, Partnership For Peace, in Perceptions, 4, 1999, 2. 84 In questa prospettiva, la Turchia beneficiava peraltro della presenza, in Georgia e Azerbaigian, di propri attachs militari che, al contrario, Washington nominer solo nella seconda met degli anni 90. Nella prima fase di sviluppo della Pfp, la Turchia gioc un ruolo quasi esclusivo nellapprontare gli accordi logistici necessari al suo sviluppo. 85 PARTNERSHIP FOR PEACE TRAINING CENTER, Our Mission, http://www.bioem.tsk.mil.tr.
80

87

turco alla cooperazione regionale per la sicurezza. Stando ai dati forniti dal centro, tra le venti nazionalit sino a oggi fruitrici dei corsi di addestramento, i militari azeri sono stati secondi solo a quelli provenienti dallUcraina, mentre i georgiani quarti 86 . Linteroperabilit dei contingenti Nato e di quelli azero-georgiani veniva poi propugnata attraverso le esercitazioni militari cui, a partire dal 1997, presero parte contingenti azeri e georgiani, sempre al fianco di quelli turchi. Lungi dallesaurirsi con i programmi attuati sotto legida Nato, limpegno di Ankara rispetto allammodernamento e organizzazione degli apparati militari di Azerbaigian e Georgia, costitu una parte essenziale della profonda cooperazione bilaterale inaugurata, tra il 1996 e il 1997, dalla Turchia. Dopo un primo accordo di cooperazione tecnico-scientifica siglato nel 1996 tra il Ministero della Difesa azero e il Capo di Stato Maggiore turco 87 , nel maggio 1997, in occasione di una visita ad Ankara di Aliyev, i due paesi approfondivano la misura della cooperazione. Nelloccasione veniva infatti siglata una dichiarazione sulla Deepened Strategic Cooperation che, bench segretata nel contenuto, impegnava Turchia e Azerbaigian, secondo il Turkish Daily News, [to] help each other within the context of their strategic partnership using methods foreseen by the United Nations in the event that their sovereignty, territorial integrity, and the inviolability of their borders are endangered 88 . Anche nei confronti della Georgia, lavvio della cooperazione militare fu segnato, nellestate 1996, dalliniziativa dello Stato Maggiore, che si accordava per laddestramento militare dellesercito e per la predisposizione di esercitazioni congiunte. Ulteriori accordi di addestramento e assistenza finanziaria e tecnologica venivano siglati nel settembre 1997, a seguito della visita di Demirel a Tbilisi, nel giugno 1998 e nel marzo 1999 89 . Complessivamente, tra il 1997 e il giugno del 2005 data della firma dellultimo accordo per la sicurezza Ankara ha sostenuto la modernizzazione delle forze armate georgiane con un impegno finanziario pari a 37 milioni di dollari 90 . Tra i fattori che hanno contribuito al lancio della cooperazione militare tra la Turchia e i suoi partner trancaucasici, un ruolo di primo piano ha di certo svolto la
Va peraltro rimarcato come il totale dei militari provenienti dalle 10 repubbliche dellex fianco meridionale sovietico dalla Moldova sino al Tagikistan abbia costituito l80% sul totale dei militari addestrati sotto legida della Pfp. TURKISH PFP TRAINING CENTER, About the Center, http://www.bioem.tsk.mil.tr. 87 Lo Stato Maggiore turco era stato tradizionalmente in prima linea nel sostenere la necessit di una pi stretta collaborazione militare tra Turchia e Azerbaigian. Lallora Capo di Stato Maggiore, Gre, era stato il primo rappresentante delle istituzioni turche a visitare Baku un mese prima che lAzerbaigian venisse ufficialmente riconosciuto. Logico presupporre inoltre, nonostante le smentite ufficiali, che allo Stato Maggiore vada ascritta la paternit dellaccordo in base al quale, nel 1992, un centinaio di ex-ufficiali turchi arrivavano in Azerbaigian in qualit di consiglieri militari per essere poi espulsi in conseguenza del riavvicinamento di Aliyev a Mosca. 88 Cit. in G.E. HOWARD, NATO and the Caucasus: The Caspian Axis, in S.J. BLANK (ed.), NATO After Enlargement: New Challenges, New Missions, New Forces, Carlisle, 1998, p. 177. 89 J. FEINBERG, The Armed Forces in Georgia, in Center for Defense Information Monograph, March 1999, p. 28. 90 D. LYNCH, Why Georgia Matters, in Chaillot Papers, 2006, 86, p. 58.
86

88

comune volont di controbilanciare la pressione russa sullarea. Una necessit, questa, tanto pi avvertita in relazione ai contemporanei sforzi di Mosca volti a ottenere una favorevole revisione dei tetti imposti dal trattato sulle Forze Convenzionali in Europa (1990) ai contingenti dispiegabili nella flank zone del Caucaso 91 . Per la Georgia, la presa di distanza da Mosca si concretava principalmente nella possibilit di assumere direttamente la responsabilit del pattugliamento dei propri confini e delle acque territoriali nel Mar Nero. In questa prospettiva, dal 1996 la Turchia assieme a Germania, Stati Uniti e Ucraina lanciava un programma di addestramento di truppe di frontiera, che dallestate 1999, a seguito del ritiro russo, divenivano operative sul confine turco-georgiano in Agiaria. Parallelamente, con Stati Uniti e Gran Bretagna, la Turchia assumeva lonere di dotare Tbilisi di una marina militare in grado di assicurare un pattugliamento costiero sino ad allora esclusiva responsabilit delle imbarcazioni russe 92 . In questa prospettiva, Ankara cedeva alla Georgia una delle 17 imbarcazioni che avrebbero costituito la base della marina e organizzava contestualmente unesercitazione navale congiunta, la Kavkazskaya Amazoni98, nel maggio 1998 93 . A partire dal luglio successivo, la marina georgiana iniziava dunque la progressiva sostituzione di quella russa. Allo stesso modo, per lAzerbaigian, la cooperazione militare con la Turchia il cui esercito era numericamente secondo, in ambito Nato, solo a quello statunitense rappresentava anzitutto un contrappeso alla crescente cooperazione russo-armena. Non un caso, in questo senso, che la Deepened Strategic Cooperation turco-azera venisse lanciata a breve distanza rispetto allemergere dello scandalo del Yerevangate, legato alla rivelazione del trasferimento di armamenti russi allArmenia per un valore superiore al miliardo di dollari, nel periodo 1994-1996 94 .

Mosca richiedeva inoltre che dal computo totale delle forza dispiegate venissero esclusi i contingenti impegnati in attivit di peacekeeping. Per lanalisi delle problematiche che emergevano rispetto alla applicazione e alla revisione del Trattato CFE, R.A. FALKENRATH, The CFE Flank Dispute: Waiting in the Wings, in International Security, 19, 1995, 4; G. AYBET, The CFE Treaty: The Way Forward For Conventional Arms Control In Europe, in Perceptions, 3, 1996, 4; R. HUBER, NATO Enlargement and CFE Ceilings: A Preliminary Analysis in Anticipation of a Russian Proposal, in European Security, 5, 1996, 3. 92 A rendere lesigenza di cooperazione navale con Tbilisi pi pressante, lincidente occorso nel marzo 1996, allorch una nave militare russa apriva il fuoco su un peschereccio turco in acque territoriali georgiane, causando un pesante incidente diplomatico tra Ankara e Mosca. G.E. HOWARD, NATO and the Caucasus: The Caspian Axis, cit., p. 185. 93 J. FEINBERG, The Armed Forces in Georgia, cit., pp. 27-28. 94 The massive transfer of arms also included the gift of over 32 Scud ballistic missiles and 8 associated launchers to the Armenian military. Armenian military personnel even received extensive training in the use of the missiles at the Russian testing range of Kapustin Yar in mid1996. [] Moreover, the transfer of nearly 100 sophisticated T-72 tanks and 50 armored vehicles greatly augmented the military muscle of the Armenian-backed forces of Nagorno-Karabakh. G.E. HOWARD, NATO and the Caucasus: The Caspian Axis, cit., p. 196.

91

89

Se innegabile, come sostiene Kknar, che having established a sophisticated combination of military, law enforcement, and intelligence relationship with Azerbaijan and Georgia, [Turkey] has been successful in exerting its power to offset [] other competing influences 95 , non si pu non riconoscere, tuttavia, come tale combinazione abbia determinato una serie di ricadute negative sulla pi ampia sicurezza dellarea transcaucasica. La stessa centralit assunta dalla Turchia rispetto alle iniziative regionali della Nato, ad esempio, finiva per pesare sulla volont di collaborazione dellArmenia, spinta pi risolutamente a cercare altrove garanzie di sicurezza e sostegno finanziario-tecnologico. Se il Trattato di Amicizia, Collaborazione e Mutua Assistenza siglato con la Russia nellagosto 1997 confermava una volta di pi la centralit rivestita da Mosca nella politica estera armena, Erevan inaugurava contemporaneamente la cooperazione alla sicurezza con la Grecia 96 . In questo quadro, i tre accordi militari greco-armeni siglati tra il 1996 e il 1997 assieme al lancio di una cooperazione trilaterale tra Grecia, Armenia e Iran 97 fomentarono i timori di accerchiamento, tradizionalmente parte integrante delle politiche di sicurezza di Ankara 98 . Il processo di polarizzazione degli schieramenti regionali ebbe modo di manifestarsi, in tutta evidenza, nel corso del 1999. Lo scoppio della crisi kosovara, sullo sfondo della ridefinizione del Concetto Strategico dellAlleanza Atlantica, vide Georgia e Azerbaigian prendere, da un lato, le distanze dalla condanna della Csi dellintervento Nato e, dallaltro, dispiegare propri contingenti nel Turkbat, il battaglione turco di peacekeeping di stanza in Kosovo nellambito della Kfor 99 . Parallelamente essi dichiaravano inoltre la propria intenzione di non rinnovare il Trattato sulla Sicurezza Collettiva della Csi al contrario dellArmenia che lo sottoscriveva, assieme a Russia, Bielorussia, Kazachstan, Kirghizistan e Tagikistan in aprile. La progressiva connotazione di gioco a somma zero che la cooperazione alla sicurezza and assumendo nella regione transcaucasica nel corso della seconda met degli anni 90, non pot daltro canto che influire negativamente sulla stessa
A.M. KKNAR, Turkey and the Caucasus: Security and Military Challenges, in M. RADU (ed.), Dangerous Neighborhood: Contemporary Issues in Turkeys Foreign Relations, cit., p. 93. 96 Significativamente, Atene diveniva al contempo il canale privilegiato per la cooperazione tra lArmenia e la Nato, come dimostrato dalla partecipazione di contingenti armeni alla esercitazione militare Prometheus-97 organizzata e ospitata dalla Grecia nel dicembre 1997. 97 Nonostante il meccanismo trilaterale avesse una connotazione principalmente economica, lincontro dei ministri degli esteri dei tre paesi a Teheran nel settembre 1998 sollev notevoli preoccupazioni ad Ankara. Riferendosi allincontro, il Ministro degli esteri turco Cem arriv ad accusare la Grecia di recruit Muslim soldiers to take part in the new Crusades. Cit. in P. ROBINS, Suits and Uniforms: Turkish Foreign Policy since the Cold War, cit., p. 171. 98 Il riferimento va qui a quella che viene comunemente indicata come la sindrome di Svres. Richiamando lomonimo trattato del 1920, base della spartizione del territorio turco tra le grandi potenze, si sottolinea la costante percezione di minaccia alla integrit territoriale turca proveniente dallazione congiunta degli avversari regionali di Ankara. 99 G. WINROW, Turkey and the Caucasus: Domestic Interests and Security Concerns, cit., p. 25; A.M. KKNAR, Turkey and the Caucasus: Security and Military Challenges, cit., p. 95.
95

90

efficacia della azione di Ankara. Non stupisce infatti che, su questo sfondo, la proposta avanzata dalla Turchia nel luglio 1998 per la creazione, in ambito Pfp, di una forza di peacekeeping Nato per il Caucaso, fosse destinata al fallimento. Un fallimento, questultimo, tanto pi rilevante in ragione della primaria importanza che Georgia e Azerbaigian avevano attribuito a tale possibilit sin dallinizio della collaborazione con la Nato. Che la Turchia fosse consapevole dei rischi che la polarizzazione degli schieramenti regionali portava con s, risulta evidente dalla considerazione che, anche in questa fase, il maggior attivismo di Ankara nel Transcaucaso non si traduceva nel rovesciamento della tradizionale cautela della propria politica estera. Non un caso, in questo senso, che la Turchia, non solo non entrasse in alleanze militari con Georgia e/o Azerbaigian 100 , ma evitasse contemporaneamente di assumere iniziative autonome di peacekeeping 101 o di avvicinarsi a quelle formazioni regionali, quali il Guuam, percepite come schieramenti regionali anti-russi 102 . Secondo la stessa logica, mostrava inoltre tutta la propria ritrosia a lanciare progetti di pattugliamento congiunti turco-georgiano-azeri per garantire la sicurezza delle rotte petrolifere che attraversavano o avrebbero attraversato i rispettivi territori, lambendo zone di conflitto o, nel caso della Turchia, soggette alle attivit terroristiche del Pkk 103 .

Baku in particolare, in risposta alla saldatura militare dellasse russo-armeno, sembra abbia insistito sulla possibilit di un patto di mutua difesa in almeno due occasioni. La prima di queste risale al maggio 1997, allorch, a seguito dello Yerevangate, dopo intensi colloqui con lo Stato Maggiore turco, Aliyev riusciva a ottenere solo il blando impegno contenuto nella dichiarazione sulla Deepened Strategic Cooperation (G.E. HOWARD, NATO and the Caucasus: The Caspian Axis, cit., pp. 176-177). Ancora, in occasione della visita ad Ankara del febbraio 1999, Aliyev richiedeva senza successo un trattato turco-azero ricalcato sul patto di Amicizia Collaborazione e Mutua Assistenza russo-armeno del 1997 (D.B. SEZER, Turkish-Russian Relations: From Adversity to Virtual Rapprochement, in A. MAKOVSKY - S. SAYARI, Turkeys New World, p. 100). Parallelamente il governo turco smentiva la possibilit, adombrata dal Consigliere per la Politica Estera azero Glzade, dellapertura di una base militare turca in Azerbaigian (G. WINROW, Turkey and the Caucasus: Domestic Interests and Security Concerns, cit., pp. 24-25). 101 In questo senso va letto il rifiuto opposto da Ankara, nel dicembre 2001, alla proposta georgiana di sostituzione delle truppe di peacekeeping russe schierate sul confine tra la Georgia e lAbkhazia. V. KORKMAZ, Dynamics of Turkish Foreign Policy Towards South Caucasus; Continuities and Changes, in N. ATEOLU GNEY - F. AKSU (eds.), Proceedings of the International Conference on the Prospects for Cooperation and Stability in the Caucasus, March 1st, 2005, stanbul, stanbul 2005, p. 29. 102 Il favore con il quale buona parte degli analisti statunitensi guardava alla possibilit dellingresso turco nel gruppo consultivo del Guuam, ben dimostrato dallauspicio espresso in tal senso da Brzezinski nel settembre 1999. RFE/RL Newsline, 3, 1999, 183. 103 Un accordo a tre in tal senso veniva siglato, in un mutato contesto regionale, nel successivo 2002. I. TORBAKOV, A New Security Arrangement Takes Shape In The South Caucasus, in Eurasia Insight, 24 January 2002.

100

91

3. Il processo di revisione della politica transcaucasica turca a partire dal 2000 Per quanto la linea pragmatica di politica transcaucasica turca avesse fatto registrare, tra il 1995 e il 2000, una serie di rilevanti successi sul piano della cooperazione militare ed energetica, essa non era tuttavia riuscita a offrire a Georgia e Azerbaigian concrete alternative per risolvere quelle problematiche che ancora ne inficiavano il processo di state building. Il congelamento dei rispettivi conflitti interni, associato a una cooperazione energetica che aveva mancato di assicurare quei veloci e cospicui dividendi economici che essi avevano auspicato, finirono per mettere in luce le contraddizioni insite nella politica regionale turca, sullo sfondo dellallineamento a quella statunitense. Contraddizioni legate a una politica estera che, pur perseguendo una linea di basso profilo, aveva finito tuttavia per divenire parte integrante di un progressivo processo di polarizzazione degli schieramenti regionali. Contraddizioni infine che, rese pi evidenti dalla pi assertiva politica transcaucasica inaugurata dalla Russia di Vladimir Putin tra il 1999 e il 2000, fecero registrare un netto arretramento delle posizioni conquistate da Ankara nellarea, imponendo una ridefinizione degli strumenti di cooperazione verso larea. 3.1 La nuova strategia regionale della Turchia La dissoluzione dellUnione Sovietica non aveva comportato, come detto, una ridefinizione del concetto strategico alla base della politica estera turca. La percezione di una minaccia proveniente dalla Russia aveva cos determinato buona parte delle scelte compiute da Ankara verso il Transcaucaso nel corso degli anni Novanta, tanto sul piano energetico quanto della sicurezza. Tra la fine degli anni Novanta e linizio degli anni 2000, tuttavia, maturava ad Ankara un ampio dibattito sulla revisione del fondamento del proprio concetto strategico 104 . Incentivato in larga misura dalla prospettiva di apertura dei negoziati per lingresso nellUe a seguito della decisione del Summit di Helsinki del dicembre 1999 e favorito dal clima di pi ampia cooperazione regionale determinatosi allindomani dell11 settembre, esso si traduceva in un cambio di prospettiva riguardo lazione di politica regionale. Una azione che, pur mantenendo ferma la cooperazione tradizionalmente perseguita sotto legida delle organizzazioni regionali di cui era parte Nato e Osce in primis poneva rinnovata enfasi sulla collaborazione multilaterale e sulla necessit di coinvolgimento di tutti gli attori transcaucasici nel tentativo di colmare quel vuoto di sicurezza che ancora minava la stabilit dellarea. In questa prospettiva, e sullo sfondo di un deciso riavvicinamento di Ankara a Mosca 105 , Demirel si faceva promotore, nel gennaio del 2000, di un Patto di
Si veda, a riguardo, P. BILGIN, Turkeys Changing Security Discourses: The Challenge of Globalisation, in European Journal of Political Research, 44, 2005, 1. 105 Sul punto, F. HILL - O. TASPINAR, Russia and Turkey in the Caucasus: Moving Together to Preserve the Status Quo?, in IFRI Russie Nei Visions, 2006, 8.
104

92

Stabilit per il Caucaso modellato su quello gi approvato per i Balcani nel luglio 1999 106 . Laccordo, proposto in occasione di una visita a Tbilisi del 14 e 15 gennaio, era rivolto alla costituzione di un meccanismo deputato, in linea con le norme e i valori Osce, alla pi ampia gestione dei conflitti ancora aperti nel Transcaucaso, e alla successiva predisposizione di uno strumento di diplomazia preventiva. Il Patto, aperto alla partecipazione di tutti i membri Osce, veniva espressamente proposto alle tre repubbliche transcaucasiche e alla Russia 107 . Il contemporaneo fallimento del negoziato di pace di Davon tra Armenia e Azerbaigian per lAlto Karabakh, tuttavia, limitava sul nascere le possibilit di successo delliniziativa turca. Inoltre, rimarcando una volta di pi la limitata libert dazione nel Transcaucaso che la partnership turco-azera concedeva ad Ankara, Erevan e Mosca condizionavano la firma di un accordo sul Caucaso alla normalizzazione dei rapporti tra Turchia e Armenia. Laccento posto da Ankara sullo sviluppo della cooperazione multilaterale nel Transcaucaso si riflesse inoltre, a partire dal 1999, nella rinnovata attenzione verso quella Bsec che costituiva lunica struttura regionale comprendente, oltre alla Turchia, le repubbliche transcaucasiche e la Russia. Tra il 1999 e il 2001, la Bsec si dotava infatti di uno statuto e di un ambizioso piano dazione economica, enfatizzando the importance of joint projects which would bring in tangibile benefits and stimulate internal reforms and integration of national economies in the region 108 . Significativamente inoltre, se fino al 1999 la Bsec aveva manifestato lintenzione di sostenere la pace e la stabilit regionale by applying the pragmatic concept that economic cooperation is an effective confidencebuilding measure and serves as a pillar in the new European architecture 109 , con la dichiarazione rilasciata a margine del Decennial Summit di Istanbul del giugno 2002, si sottolineava lintenzione di to consider ways and means of enhancing contribution of the Bsec to strengthening security and stability in the region 110 . Che la cooperazione nel bacino del Mar Nero assumesse una rinnovata centralit nel quadro della politica transcaucasica di Ankara, ulteriormente dimostrato dalla contemporanea ripresa di un progetto, datato 1998, per la cooperazione navale alla sicurezza dellarea 111 . Prendeva cos forma il Black Sea Naval Cooperation Task Group (Blackseafor). Formalizzato a Istanbul nellaprile 2001 a
S. GULTASLI, Demirel Suggests Caucasus Stability Pact, in Turkish Daily News, 16 January 2000. 107 G. WINROW, Turkey and the Caucasus: Domestic Interests and Security Concerns, cit., pp. 60-61. 108 M. AYDIN, Europes Next Shore: The Black Sea Region after EU Enlargement, in ISS Occasional Papers, 2004, 53, p. 22. 109 BLACK SEA ECONOMIC COOPERATION, Istanbul Summit Declaration, Istanbul, 17 November 1999, http://www.bsec-organization.org. 110 REPUBLIC OF TURKEY, MINISTRY OF FOREIGN AFFAIRS, The Text of the Istanbul Decennial Summit Declaration (25 June, 2002), http://www.mfa.gov.tr. 111 H. ULUSOY, A New Formation in the Black Sea: BLACKSEAFOR, in Perceptions, 4, 2001/2002, 4.
106

93

opera dei sei stati rivieraschi del Mar Nero, il meccanismo, con lobiettivo di approfondire la cooperazione tra i suoi partecipanti e contribuire alla stabilit dellarea, veniva finalizzato al compimento di missioni di salvataggio, umanitarie, di sminamento e di protezione ambientale nel bacino 112 . Su iniziativa turca, inoltre, la Blackseafor lanciava, a partire dallincontro dei Ministri degli Esteri tenutosi ad Ankara nel gennaio 2004, un forum di consultazione politica, nel cui ambito lorganizzazione aggiungeva alle proprie finalit la cooperazione antiterroristica e contro il traffico di armi di distruzione di massa 113 . Liniziativa, oltre a segnare unulteriore saldatura della cooperazione russo-turca, marcava per la prima volta, la presa di distanza di Ankara dalla politica regionale di sicurezza propugnata dagli Stati Uniti. Evidente risultava infatti la concorrenzialit del progetto rispetto alloperazione navale Nato Active Endeavour, lanciata nel Mediterraneo con le stesse finalit a partire dallottobre 2001, e suscettibile, nei programmi statunitensi, di estendersi al bacino del Mar Nero 114 . Come sottolineato da un recente hearing innanzi alla Commissione del Senato statunitense per le Relazioni Estere, lopposizione turca a una simile eventualit sembrava fondarsi, prima ancora che sulla volont di non aprire il passaggio attraverso gli Stretti a unit navali non appartenenti a stati rivieraschi, sul proposito di evitare nuove linee di polarizzazione nello spazio transcaucasico 115 . La presa di distanza dalla politica transcaucasica di Washington era peraltro gi emersa, sebbene in maniera pi latente, rispetto alla freddezza con la quale Ankara aveva accolto la rivoluzione delle rose georgiana, nel novembre 2003. Lenfasi posta dalla Casa Bianca sul processo di democratizzazione del Transcaucaso sullo sfondo del pi generale impegno a favore della democratizzazione nello spazio del Grande Medio Oriente era passibile, agli occhi di Ankara, di tradursi in un rinnovato impegno a favore della causa dellautodeterminazione dei popoli. Principio che, prima ancora che contraddire le linee guida della politica regionale di Ankara, veniva percepito come minaccia allintegrit territoriale turca 116 tanto pi in connessione alla rinascita dellinsorgenza curda interna e alle prospettive di partizione dellIraq, oltre che, naturalmente, alle rivendicazioni armene sul territorio anatolico.
BLACKSEAFOR, Agreement for the Establishment of Black Sea Naval Cooperation Task Group, http://www.blackseafor.org. 113 Si vedano, in questo senso, le dichiarazioni di Ankara (19 gennaio 2004), Mosca (7 luglio 2004) e Kiev (31 marzo 2005), in REPUBLIC OF TURKEY, MINISTRY OF FOREIGN AFFAIRS, BLACKSEAFOR, http://www.mfa.gov.tr. 114 Russia agrees to join Turkish security operation in Black Sea, in RIA Novosti, 29 June 2006. Daltro canto lopposizione turca allestensione del progetto al Mar Nero si gi manifestata, bloccandolo, nel giugno 2004. B.P. JACKSON, The Future of Democracy in the Black Sea Area, in Hearing before the Committee on Foreign Relations, United States Senate, 8 March 2005, p.4, http://www.foreign.senate.gov. 115 Z. BARAN, The Future of Democracy in the Black Sea Area, in Hearing before the Committee on Foreign Relations, United States Senate, 8 March 2005, pp. 9-10, http://www.foreign.senate.gov. 116 Z. BARAN, The Future of Democracy in the Black Sea Area, cit.
112

94

Il tentativo turco di propugnare un meccanismo regionale multilaterale per la soft security cooperation stato daltro canto frutto di un pi generale processo di europeizzazione della politica estera turca, inteso come il foreign policy change at the national level originated by the adaptation pressures and the new opportunities generated by the European integration process 117 . La decisione del Summit europeo di Helsinki di accordare alla Turchia lo status di candidato allingresso nellUe, ha infatti costituito un elemento determinante sulla strada della revisione della politica transcaucasica di Ankara. La cooperazione per la lotta la terrorismo, alla diffusione e al traffico delle armi di distruzione di massa, cos come al traffico internazionale di stupefacenti, in questo senso pienamente in linea con la strategia di sicurezza europea adottata nel dicembre 2003 118 . La prospettiva di apertura dei negoziati per lingresso nellUnione imponeva peraltro al governo turco di affrontare i nodi irrisolti della politica estera di Ankara, di risolvere cio quei contenziosi regionali che ne mettevano a rischio il cammino europeo. La centralit rivestita, per il governo Erdoan, dal vettore europeo della politica estera si traduceva quindi nella necessit di riaprire, sul versante transcaucasico, la datata e insidiosa questione della normalizzazione dei rapporti con lArmenia 119 . Il summit Nato di Madrid, del giugno 2003, costituiva in questo senso un primo importante spartiacque. Nelloccasione infatti, a margine di un incontro separato tra il Ministro degli Esteri armeno Oskanian e il turco Gl, questultimo dichiarava lintenzione di perseguire la riconciliazione dei due paesi with renewed energy 120 . Condizionando la normalizzazione dei rapporti esclusivamente alla fine delle rivendicazioni armene sullAnatolia orientale, Gl, nel tentativo di svincolare i rapporti turchi con lArmenia da quelli con lAzerbaigian, modificava considerevolmente la posizione tenuta dalla Turchia nel precedente decennio. Nonostante una serie di incontri successivi, tra lestate del 2003 e il 2004, le possibilit di soluzione del contenzioso sono andate tuttavia progressivamente assottigliandosi. Un primo rilevante ostacolo stato rappresentato dalla dura reazione azera alla prospettiva di riapertura delle frontiere turco-armene che, dallangolazione di Baku, si sarebbe tradotta in un duro colpo

J. VAQUER, cit. in G. WINROW, Turkeys Changing Regional Role and Its Implications, in Paper Presented at the Conference Europeanization and Transformation: Turkey in the PostHelsinki Era, Istanbul, 2-3 December 2005, p. 4, http://www.ces.bilgi.edu.tr. 118 M. EMERSON - N. TOCCI, Turkey as a Bridgehead and Spearhead: Integrating EU and Turkish Foreign Policy, in CEPS EU-Turkey Working Papers, 2004, 1, p.4. 119 La collegata possibilit di riapertura del confine turco-armeno, risultava peraltro importante per contrastare il progressivo impoverimento dei distretti orientali di Kars, Van e Ardahan. Una necessit tanto pi avvertita ad Ankara in connessione alla riduzione dello squilibrio economico regionale che costituisce un non secondario problema sulla strada dellingresso turco nellUnione. Sulle implicazioni economiche della chiusura della frontiera, B. GLTEKIN, The Stakes of the Opening of Turkish-Armenian Border: The Cross-Border Contacts between Armenia and Turkey, in French Institute of Anatolian Studies Working Paper, 2002), http://www.tabdc.org. 120 H. KHACHATRIAN, Olive Branch from Ankara Raise Hopes and Challenges in Armenia, in Eurasia Insight, 24 June 2003.

117

95

al proprio potere negoziale rispetto allAlto Karabakh 121 . Daltro canto, il dibattito interno alla Turchia sulla questione armena si andato progressivamente intrecciando con quello relativo alla effettiva desiderabilit dellingresso nellUnione Europea, i cui sostenitori diminuirono notevolmente dopo lo slittamento dei termini per lapertura dei negoziati, previsti per il dicembre 2004. Su questo sfondo, la ripresa della campagna internazionale per il riconoscimento del genocidio armeno in occasione del suo novantennale (aprile 2005), le connesse manifestazioni di solidariet al popolo armeno provenienti dalle principali capitali e dal Parlamento Europeo 122 , nonch le pressioni esercitate su Ankara dalla Commissione Europea 123 , rinvigorivano la tradizionale sindrome di accerchiamento diffusa in Turchia. La questione della normalizzazione dei rapporti con lArmenia finiva cos per essere vittima del pi ampio scontro tra il riformismo del governo Erdoan e il conservatorismo di buona parte dello spettro politico e istituzionale turco, per il quale il cammino europeo imponeva uninaccettabile ridimensionamento delle garanzie di sicurezza nazionale. 4. Conclusioni Il Transcaucaso ha rappresentato, a partire dal 1991, un importante banco di prova per la ridefinizione del ruolo internazionale e regionale della Turchia. Se il fallito tentativo di proporsi agli Sni come modello di sviluppo era frutto, anzitutto, della volont di rifondare una valenza strategica internazionale post-guerra fredda, allo stesso modo il pragmatico tentativo di bilanciare una pi assertiva politica regionale con il tradizionale legame con le organizzazioni euro-atlantiche, era in linea con laffermazione di una good international citizenship 124 . Del tentativo cio di presentarsi, agli occhi dei propri alleati internazionali, come affidabile attore regionale, punto di riferimento centrale per attivit multilaterali in paesi limitrofi o culturalmente affini alla Turchia dalla Georgia allAzerbaigian, dalla Bosnia alla Albania, dal Kosovo allAfghanistan. Una good international citizenship che nella seconda met degli anni Novanta tuttavia rimasta vittima, nello spazio postsovietico, della eccessiva identificazione della Turchia con le iniziative regionali di Washington che, favorendo la polarizzazione di schieramenti contrapposti, hanno finito per minare le
F. ISMAILZADE, Azerbaijan Concerned by Possible Turkish-Armenian Normalization, in Eurasia Insight, 7 July 2003. 122 Il Parlamento Europeo, che ha riconosciuto il genocidio armeno nel 1987, apriva la seduta del 14 aprile con un minuto di silenzio a memoria delle sue vittime. Armenians Seek EU Platform for Disputes with Turkey, in Turkish Daily News, 15 April 2005. 123 In maggio, il rappresentante della Commissione Europea ad Ankara, Kretschmer, dopo aver rimarcato le mancanze istituzionali e legislative che ancora ostacolavano il percorso della Turchia verso lUnione Europea, aggiungeva che The Armenian issue is not a criterion for membership. But it is an issue that Turkey needs to urgently face up to. Kretschmer: Turkey Far from Meeting EU Entry Conditions, in Turkish Daily News, 7 May 2005. 124 P. ROBINS, Suits and Uniforms: Turkish Foreign Policy since the Cold War, cit., p.42.
121

96

fondamenta del tentativo turco di non lasciarsi catturare dalla competizione regionale con lIran e, soprattutto, con la Russia. In questo senso, dunque, la cooperazione con il Transcaucaso si va delineando oggi come frutto del tentativo di propugnare una nuova politica regionale che, con una spiccata enfasi sul multilateralismo e un rinnovato interesse alla cooperazione con Mosca, persegua pi risolutamente linteresse nazionale turco. Se la politica transcaucasica di Ankara risultata centrale nel rifondare la valenza strategica del paese rispetto ai propri partner occidentali, essa ha al contempo rivestito un ruolo di primo piano anche sul piano interno. Essa ha infatti rappresentato un terreno privilegiato di scontro e di sintesi per le diverse istanze generate dal processo di democratizzazione aperto in Turchia nel corso degli anni Novanta. La nuova dialettica inter-istituzionale, il rapporto della politica con la societ civile, il ruolo delliniziativa economica e culturale privata, sono tutte questioni che si sono infatti intrecciate a doppio filo con la predisposizione della politica verso il Transcaucaso. Lungi dallessersi concluso, il processo di ridefinizione del ruolo internazionale e regionale di Ankara e con esso la cornice nella quale sviluppare i rapporti con il Transcaucaso resta ancora aperto e incerto negli sbocchi. La prospettiva di ingresso nellUe, cos come la rinnovata attenzione che Bruxelles ha rivolto al Caucaso a partire dal 2004, rappresentano elementi di potenziale rafforzamento e stabilizzazione della politica regionale della Turchia, passibile di divenire lunico confine europeo terreste con il Transcaucaso. Molto dipender, in questo senso, dalla capacit di entrambe le parti di armonizzare i propri interessi e le proprie politiche nellarea, dalla capacit di Bruxelles di sostenere le iniziative regionali turche come, ad esempio, il Patto di Stabilit per il Caucaso e, parallelamente, di quella di Ankara di liberarsi dei legacci che ancora ne imbrigliano la politica regionale a partire dalla risoluzione di quella questione armena che continua a rappresentare il principale ostacolo al superamento del deficit di sicurezza del Transcaucaso.

97

FONTI ENERGETICHE E INFRASTRUTTURE DI TRASPORTO Silvia Tosi

1. Le risorse energetiche del bacino del Mar Caspio Negli ultimi anni la regione del Mar Caspio e del Caucaso ha sempre pi richiamato lattenzione internazionale: politici e analisti hanno infatti ripetutamente sottolineato la rilevanza degli Stati rivieraschi e delle risorse energetiche (petrolio e gas naturale) da essi possedute in misura consistente. Merita sottolineare tuttavia che mancano statistiche ufficiali relative alle riserve e alla produzione delle risorse del bacino del Caspio e le stime variano considerevolmente. Tanto in Russia quanto in Iran (due dei cinque Stati rivieraschi del Mar Caspio) lo sfruttamento delle risorse situate nel bacino del Caspio stato finora relativamente ridotto, sicch la quasi totalit delle riserve e della produzione di idrocarburi della regione provengono dalle repubbliche un tempo appartenenti allUnione Sovietica, che nel complesso possiedono riserve petrolifere stimate pari a 48,5 miliardi di barili, ovvero equivalenti ad un sesto delle riserve dei Paesi non appartenenti allOpec, e nel 2005 hanno prodotto quasi 2 milioni e 300mila barili di petrolio al giorno, pari allincirca al 5 per cento della produzione non-Opec 1 . Cos riviste, le stime relative alle riserve petrolifere del Caspio variano tra i 17 e i 33 miliardi di barili (equivalenti rispettivamente alle riserve del Qatar e degli Stati Uniti), con una produzione che secondo gli analisti nel 2010 dovrebbe assestarsi tra i 2 milioni e mezzo e i 6 milioni di barili al giorno (superiore nel complesso alla produzione del Venezuela, il principale produttore petrolifero dellAmerica Latina), mentre le stime relative alle riserve di gas naturale ammontano a poco meno di 7 miliardi di metri cubi (pi o meno equivalenti alle riserve di gas dellArabia Saudita) 2 . La crescente rilevanza internazionale della regione si rispecchiata quindi in un deciso incremento nella produzione e nellestrazione di queste preziose risorse, particolarmente evidente nelle repubbliche dellex-Unione Sovietica a seguito dellindipendenza, e soprattutto in Kazachstan e Azerbaigian, grazie alla
1

BP, Statistical Review of World Energy 2006, London, 2006, pp. 4-6 e 20-22 (dati disponibili aggiornati al 2005, http://www.bp.com) e United STATES ENERGY INFORMATION ADMINISTRATION, International Energy Outlook 2005, Washington D.C., 2005, passim, http://www.eia.doe.gov. 2 R. WINSTONE - R. YOUNG, The Caspian Basin, Energy Reserves and Potential Conflicts, London, 2005, pp. 35-36.

98

realizzazione di alcuni nuovi progetti di sfruttamento relativi ai giacimenti di Karachaganak (Kazachstan) e Azeri-Chirag-Gunashli (Azerbaigian) per ci che riguarda il petrolio, Kashagan (Kazachstan) e Shah Deniz (Azerbaigian) per il gas naturale e Tengiz (Kazachstan) per entrambi. Basti pensare che il Kazachstan ha pi che triplicato la propria produzione tanto di petrolio quanto di gas rispetto al 1994 (passata rispettivamente da 430mila barili di petrolio al giorno a circa un milione e 364mila nel 2005 e da poco pi di 4 miliardi di metri cubi di gas naturale a 23,5 miliardi nel 2005), mentre lAzerbaigian ha pi che raddoppiato la propria produzione petrolifera (passata da 193mila barili al giorno nel 1994 a 452mila nel 2005) 3 . Daltra parte non si pu fare a meno di notare che nonostante le riserve di gas naturale nella regione siano molto pi abbondanti delle risorse petrolifere presenti, sono state queste ultime ad attirare una maggiore attenzione sia nazionale che internazionale: lo sfruttamento dei giacimenti di gas naturale stato finora tutto sommato ridotto soprattutto a causa dei pi alti costi di investimento rispetto al settore petrolifero, che oltre a costituire un potente deterrente per i Governi locali alle prese con una lunga opera di ricostruzione economica post-sovietica hanno ridotto gli incentivi anche per i potenziali investitori internazionali 4 . Tuttavia lo sfruttamento di queste importanti risorse ha incontrato diverse difficolt, legate, oltre che alla costosa tecnologia necessaria per avviare lesplorazione e lo sfruttamento dei giacimenti, alla localizzazione stessa dei giacimenti (specialmente di quelli offshore), nonch alle condizioni politiche (e geopolitiche) ed economiche dei singoli Stati rivieraschi. La delimitazione delle rispettive porzioni di piattaforma continentale degli Stati che si affacciano sul Mar Caspio ha in effetti costituito motivo di notevole attrito tra gli stessi, rendendo per questo pi difficoltosa lopera di esplorazione e sfruttamento delle risorse situate nel sottosuolo marino, specialmente laddove queste ultime si trovino distanti dalle coste, ovvero i giacimenti occupino una superficie tale da ricadere sotto la giurisdizione di Stati diversi. Il fallimento nel corso degli anni di qualsiasi tentativo di raggiungere un accordo multilaterale sulla questione ha incoraggiato gli Stati costieri, sullesempio della Russia, a definire la questione procedendo attraverso negoziati bilaterali. Questo procedimento ha portato alla ratifica tra il 1998 e il 2003 di una serie di trattati bilaterali tra Russia, Kazachstan e Azerbaigian che hanno definito la divisione del suolo e sottosuolo del Caspio secondo il principio delle linee di equidistanza, modificato al fine di mantenere lunit di eventuali giacimenti situati a ridosso della linea mediana, ma ha altres condotto alla divisione del Caspio in due zone: la prima, quella settentrionale, appunto spartita nella maniera suddetta, mentre la seconda, quella meridionale, tuttora preda di apparentemente insolubili dispute tra i tre Stati costieri interessati (Azerbaigian, Iran e Turkmenistan). I problemi
BP, Statistical Review of World Energy 2006, cit., pp. 6, 22. R. WINSTONE - R. YOUNG, The Caspian Basin, Energy Reserves and Potential Conflicts, cit., p. 36.
4 3

99

principali per il raggiungimento di un accordo anche su questa seconda porzione del Caspio riguardano tre importanti giacimenti di idrocarburi situati grosso modo al centro del bacino del Caspio, che costituiscono materia di scontro tra Azerbaigian e Turkmenistan per i relativi diritti di sfruttamento. Tuttavia il maggiore ostacolo allindividuazione di un definitivo assetto della questione probabilmente costituito dalla posizione intransigente da sempre sostenuta dallIran, contrario a qualsiasi sistemazione diversa dalla divisione del suolo, del sottosuolo e della superficie del Mar Caspio in parti uguali tra i cinque Stati rivieraschi, indipendentemente dalla lunghezza delle coste di ciascuno, e soprattutto contrario a una sistemazione sulla base del principio delle linee di equidistanza, che lascerebbe allIran lo sfruttamento soltanto del 14 per cento circa del suolo e sottosuolo, favorendo viceversa Kazachstan e Turkmenistan (rispettivamente 29 e 21 per cento) 5 . Al problema della definizione dei diritti di sfruttamento del suolo e sottosuolo si deve aggiungere la questione della gestione della superficie del Mar Caspio, che ha importanti riflessi anche sul regolare sfruttamento delle risorse situate nel sottosuolo. Sembra infatti che a tal proposito sia emerso un generico accordo tra i cinque Stati interessati sullopportunit che almeno larea centrale del bacino sia amministrata in comune dai Paesi costieri, sulla scia della posizione sempre sostenuta dalla Russia, che in caso di gestione comune grazie al proprio superiore potenziale militare sarebbe in grado di garantirsi leffettivo controllo della superficie del Caspio. Daltra parte il principio della gestione comune sembra, almeno nelle intenzioni dei cinque Stati interessati, debba essere bilanciato dal concetto non ancora ben definito di zone nazionali costiere, ovvero fasce di mare adiacenti alla costa sulle quali ciascuno Stato manterrebbe la propria giurisdizione. Proprio la mancata definizione dellestensione di tali zone nazionali, nonch del contenuto della giurisdizione detenuta da ciascuno Stato sulla propria zona, pu porre alcune questioni problematiche legate alla sicurezza dellintero bacino: infatti dal momento che i diritti di sfruttamento del suolo e del sottosuolo sono definiti secondo il principio dellequidistanza, potrebbe verificarsi leventualit (per la verit nemmeno tanto remota) che le attivit di sfruttamento di giacimenti offshore compresi nella porzione di fondale marino assegnata ad uno Stato possano realizzarsi al di l dei limiti della zona nazionale in cui lo stesso Stato pu esercitare la propria giurisdizione, con evidenti pericoli di attrito e conflitto tra i diversi Stati. Come si detto, il problema di una definitiva ripartizione delle aree di sfruttamento del Mar Caspio tra i diversi Stati costieri non per lunico ostacolo allattivit di esplorazione dei giacimenti di idrocarburi: altre difficolt sono infatti legate alle condizioni dei singoli Stati della regione. Per quanto lIran sia uno dei principali produttori mondiali di petrolio (il quarto produttore mondiale e il secondo Paese con le maggiori riserve petrolifere,
5

Ibidem, pp. 10-11.

100

secondo le statistiche relative al 2005 contenute nella BP Statistical Review of World Energy 2006 6 ) e lunico Stato in grado di svolgere un ruolo vitale di collegamento tra il Mar Caspio e il Golfo Persico, lo sfruttamento dei giacimenti di idrocarburi nel settore iraniano del Caspio (le cui riserve ammonterebbero peraltro a non pi di 15 miliardi di barili di petrolio e 311 miliardi di metri cubi di gas naturale, una piccola porzione rispetto alle riserve totali di idrocarburi del Paese 7 ) stato fortemente compromesso a causa delle pesanti sanzioni economiche imposte al Paese dagli Stati Uniti, che hanno fortemente scoraggiato gli investimenti delle compagnie americane e reso difficile per lIran attirare capitali stranieri per iniziare nuovi progetti di esplorazione. LIran finora ha dunque potuto sfruttare il proprio potenziale energetico nella regione del Caspio soltanto in modo indiretto, grazie ad alcuni accordi in base ai quali il Paese importa idrocarburi dagli altri Stati della regione ed esporta quantit equivalenti dai propri terminali situati nel Golfo Persico, incrementando i propri guadagni grazie alle tasse portuali e alle tariffe imposte sul transito. In tal modo lIran si proposto allattenzione internazionale, soprattutto degli altri Stati della regione, come Paese cruciale per lo sviluppo di corridoi di trasporto per il petrolio e il gas provenienti dagli Stati del bacino del Caspio, privi di sbocchi sui mari aperti, e diretti verso il Golfo Persico. Nonostante le vaste riserve di gas naturale, anche lo sfruttamento delle risorse energetiche del Turkmenistan stato problematico, recuperando solo in parte dopo il collasso successivo allindipendenza. La ragione principale dello scarso sfruttamento del potenziale energetico del Paese da ricercarsi nella pesante dipendenza dalla rete di gasdotti gestita dalla compagnia russa Gazprom, che passando attraverso il territorio russo collega la regione ai mercati mondiali e che ha costituito fino ad ora lunico canale in grado di garantire il trasporto del gas turkmeno verso i suoi principali mercati di esportazione, ovvero Federazione russa e Ucraina. In conseguenza dei limiti imposti dalla rete gestita da Gazprom e degli alti costi necessari per esportare il gas attraverso altri mezzi di trasporto, il gas turkmeno ha sofferto di una sostanziale non competitivit sui mercati internazionali, riducendo gli incentivi ad aumentare la produzione e ad avviare nuove attivit di esplorazione e sfruttamento. Solo negli ultimi anni, a seguito di alcuni accordi intercorsi tra Ashgabat e Mosca, il Paese ha potuto rinegoziare (e quindi aumentare) i volumi di gas destinati allesportazione tramite la rete di gasdotti russa. Nel complesso dunque i Paesi della regione che hanno attirato la maggiore attenzione internazionale grazie alle potenzialit di sfruttamento delle proprie risorse energetiche sono stati e sono tuttora Kazachstan e Azerbaigian, che sono i principali responsabili dellincremento (pari al 70 per cento) nella produzione di petrolio avvenuto nei Paesi dellex-Unione Sovietica dopo lindipendenza. Le
Dati tratti da BP, Statistical Review of World Energy 2006, cit., pp. 6, 8. Dati tratti da UNITED STATES ENERGY INFORMATION ADMINISTRATION, International Energy Outlook 2005, cit. e BP, Statistical Review of World Energy 2006, cit.
7 6

101

riserve di petrolio del Kazachstan sono indubbiamente le pi vaste del bacino del Caspio (il Kazachstan lottavo Paese al mondo per riserve di petrolio e lundicesimo per riserve di gas 8 ), raggiungendo quasi i 40 miliardi di barili (superiori alle riserve della Nigeria e allincirca equivalenti a quelle della Libia, entrambi membri dellOpec), mentre le riserve di gas naturale, pur se meno abbondanti, sono comunque stimate poco al di sopra delle riserve turkmene. Da solo, il Paese produce nel complesso allincirca i due terzi degli idrocarburi prodotti nellintera regione del Caspio 9 : tale performance produttiva stata possibile soprattutto grazie ai massicci investimenti americani di cui ha beneficiato il settore a partire dallindipendenza del Paese, per un totale di 20 miliardi di dollari. In effetti pi del 60 per cento degli investimenti nel settore degli idrocarburi del Paese stato effettuato da compagnie americane (Chevron Texaco in testa): Chevron Texaco ed Exxon Mobil detengono nel complesso il 75 per cento (50 e 25 per cento rispettivamente) delle quote di partecipazione al consorzio internazionale che nel 1993 ha iniziato lesplorazione e lo sfruttamento del giacimento (sia di petrolio che di gas) di Tengiz, il principale giacimento onshore del Paese, mentre la stessa Exxon Mobil insieme a Conoco Phillips fa parte di un secondo consorzio internazionale (di cui fra laltro litaliana Eni costituisce loperatore unico, dopo che la britannica British Gas ha ceduto la propria quota ai partner nel 2004) costituito per lo sfruttamento del giacimento (sia di petrolio che di gas) di Kashagan, il principale giacimento off shore 10 . Nonostante il Kazachstan detenga le pi vaste riserve di idrocarburi del bacino del Caspio, lo Stato che ha ricevuto la maggiore attenzione internazionale negli ultimi anni stato lAzerbaigian. Le riserve petrolifere del Paese, stimate intorno ai 7 miliardi di barili, corrispondenti allo 0,6 per cento delle riserve mondiali, sono state sfruttate in misura crescente negli ultimi anni, tanto che a partire dal 1997 la produzione di petrolio ha subito un incremento superiore al 10 per cento annuo (con una crescita complessiva del 61 per cento negli ultimi cinque anni). A questa performance positiva ha contribuito in misura sostanziale lesplorazione e lo sfruttamento da parte di un consorzio internazionale costituito nel 1994 e guidato da British Petroleum dei giacimenti offshore di Azeri-Chirag-Gunashli: tali giacimenti da soli hanno prodotto circa 400mila dei 452mila barili di greggio estratti giornalmente dallAzerbaigian nel 2005, e le stime prevedono un picco produttivo (che peraltro sar raggiunto molto presto, gi nel 2008) superiore al milione di barili al giorno 11 . Anche le riserve di gas naturale del Paese sono considerevoli (allincirca lo 0,8 per cento delle riserve mondiali, poco meno della met delle riserve situate in Kazachstan), ma il loro sfruttamento per anni rimasto limitato ai giacimenti onshore situati nella parte meridionale della
BP, Statistical Review of World Energy 2006, cit., pp. 6, 22. R. WINSTONE - R. YOUNG, The Caspian Basin, Energy Reserves and Potential Conflicts, cit., p. 38. 10 Ibidem, p. 21. 11 Ibidem, p. 37 e BP AZERBAIJAN, Presentation, May 2006, http://www.bp.com.
9 8

102

penisola di Absheron. Solo a partire dal 1996, anno in cui stato costituito il relativo consorzio internazionale, sono iniziati lesplorazione e lo sfruttamento del giacimento di Shah Deniz, situato nel Mar Caspio circa 100 chilometri a sud-est della capitale Baku, nonch la costruzione delle infrastrutture necessarie la cui assenza aveva fino a quel momento impedito lo sfruttamento dei giacimenti offshore di gas naturale. Secondo le stime di BP il giacimento di Shah Deniz contiene riserve pari a poco meno di 450 miliardi di metri cubi, equivalenti a pi di un terzo delle riserve di gas situate in Azerbaigian 12 .
RISERVE DI PETROLIO (dati alla fine del 2005): miliardi di barili 7,0 74,4 137,5 39,6 122,9 48,5 742,7 902,4 298,3 1200,7 quota sul totale (%) 0,6 6,2 11,5 3,3 10,2 4,0 61,9 75,2 24,8 100,0 rapporto riserve/ produzione (anni) 42,4 21,4 93,0 79,6 28,4 n.d. 81,0 73,1 19,7 40,6

Azerbaigian Federazione Russa Iran Kazachstan Totale ex-Unione Sovietica Totale ex-Unione Sovietica (esclusa Russia) Totale Medio Oriente Totale OPEC Totale non-OPEC TOTALE MONDIALE
Fonte: BP 2006

RISERVE DI GAS NATURALE (dati alla fine del 2005): miliardi di metri quota sul cubi totale (%) Azerbaigian Federazione Russa Iran Kazachstan Turkmenistan Totale Europa e Eurasia Totale Medio Oriente TOTALE MONDIALE
Fonte: BP 2006
12

rapporto riserve/ produzione (anni) > 100 80 > 100 > 100 49,3 60,3 > 100 65,1

1370 47820 26740 3000 2900 64010 72130 179830

0,8 26,6 14,9 1,7 1,6 35,6 40,1 100

BP, Statistical Review of World Energy 2006, cit. e BP AZERBAIJAN, Presentation, cit.

103

PRODUZIONE PETROLIO (migliaia di barili al giorno): 2000 2001 2002 2003 313 8544 3999 1111 2004 317 9287 4081 1297 2005 452 9551 4049 1364 quota sul totale (%, dati 2005) 0,6 12,1 5,1 1,6 14,8 2,8 31,0 41,7 58,3 100,0

Azerbaigian 281 300 311 Federazione Russa 6536 7056 7698 Iran 3818 3730 3414 Kazachstan 744 836 1018 Totale ex-Unione 8013 8659 9533 Sovietica Totale ex-Unione Sovietica (esclusa 1477 1603 1835 Russia) Totale Medio 23501 22871 21471 Oriente Totale OPEC 31393 30614 28882 Totale non-OPEC 43548 44122 45501 TOTALE 2432 2492 2533 MONDIALE
Fonte: BP 2006

10499 11409 11844 1955 2122 2293

23296 24588 25119 30806 32985 33836 46286 47214 47252 2623 2704 2763

PRODUZIONE DI GAS NATURALE (miliardi di metri cubi): 2000 Azerbaigian Federazione Russa Iran Kazachstan Turkmenistan Totale Europa e Eurasia Totale Medio Oriente TOTALE MONDIALE
Fonte: BP 2006

2001 5,2 542,4 66,0 10,8 47,9 967,7 224,8

2002 4,8 555,4 75,0 10,6 49,9 989,4 244,7

2003 4,8 578,6 81,5 12,9 55,1

2004 4,7 591,0 84,9 20,6 54,6

2005 5,3 598,0 87,0 23,5 58,8

quota sul totale (%, dati 2005) 0,2 21,6 3,1 0,9 2,1 38,4 10,6 100,0

5,3 545,0 60,2 10,8 43,8 959,5 206,8

1024,4 1055,9 1061,1 259,9 280,4 292,5

2432,3 2492,1 2532,6 2623,3 2703,8 2763,0

104

2. Il trasporto delle risorse attraverso il Caucaso: ragioni economiche e Grande Gioco politico-strategico Lo sviluppo dello sfruttamento delle risorse energetiche del Caspio e il conseguente aumento della produzione di idrocarburi nella regione ha naturalmente portato in primo piano la questione delle infrastrutture destinate a trasportare tali risorse verso i mercati internazionali. Azerbaigian, Kazachstan e Turkmenistan sono privi di sbocco su mari aperti e sono quindi obbligati ad esportare le proprie risorse per mezzo di oleodotti e gasdotti che necessariamente devono attraversare numerosi confini per raggiungere i principali mercati di destinazione: non c dunque da stupirsi se la ricerca di potenziali corridoi di trasporto attraverso gli Stati della regione divenuta una priorit per le potenze internazionali (regionali e non) e per le compagnie petrolifere operanti nel bacino del Caspio.

105

106

Le repubbliche ex-sovietiche della regione hanno tradizionalmente utilizzato per lesportazione degli idrocarburi estratti dai propri giacimenti il sistema di oleodotti e gasdotti russo, costruito in epoca sovietica, controllato dalla compagnia statale Transneft e costituito da quasi 47mila chilometri di condotte per una capacit massima di trasporto complessiva di 12,7 milioni di metri cubi 13 . Si tratta di una rete di trasporto che risente pesantemente delleredit politica sovietica, caratterizzata da un sistema imperiale che imponeva alle risorse energetiche provenienti dal Caspio e dalle repubbliche periferiche il transito attraverso il territorio russo, per poi raggiungere i terminali situati sul Baltico e sulle coste ucraine del Mar Nero, oppure collegarsi alloleodotto Druzba, il principale canale di esportazione del petrolio russo verso lEuropa. In mancanza di gasdotti e oleodotti che collegassero direttamente il bacino del Caspio ai mercati di esportazione, la Russia ha quindi per lungo tempo detenuto un monopolio del trasporto del gas e del petrolio al di fuori dellex-Unione Sovietica, e in particolare verso Occidente 14 . Un dato innegabile tuttavia riguarda lobsolescenza della rete russa di oleodotti e gasdotti: allincirca i tre quarti delle condotte in questione ha pi di ventanni e quasi la met ne ha pi di trenta, richiedendo quindi nel complesso una vasta (e costosa) opera di manutenzione e riparazione della rete esistente, nonch lelaborazione di progetti di costruzione di nuove infrastrutture in grado di assorbire lincremento produttivo derivante dal crescente sfruttamento delle risorse estratte dal Caspio. Questa opera di ammodernamento stata in parte favorita dal contesto geopolitico emerso dalla dissoluzione dellUnione Sovietica, che ha privato Mosca di un facile accesso ai terminali situati nelle repubbliche di nuova indipendenza, in particolare ai porti ucraini ubicati sul Mar Nero. Dalla met degli anni Novanta la realizzazione di un nuovo corridoio per lesportazione degli idrocarburi verso il Mar Nero dunque divenuta prioritaria: lampliamento del porto russo di Novorossijsk, con lobiettivo di farne il principale terminale per lesportazione del petrolio proveniente dal Caspio, stata la necessaria premessa per la realizzazione della variante Tikhoretsk-Novorossijsk, che innestandosi sulloleodotto che in epoca sovietica collegava Baku al porto di Odessa ha fatto s che dal 1997 loleodotto Baku-Novorossijsk, con una capacit di 100mila barili al giorno, divenisse lunica via di esportazione per il petrolio del Caspio caricato ai terminali di Sangachal, presso la capitale azera 15 . Nel 2000 il percorso di tale condotta stato modificato al fine di evitare il passaggio sul territorio ceceno, e contestualmente stato realizzato un collegamento con il porto russo di Makhachkala sul Mar Caspio.
H.A. SADRI - A. VOLKOV, The Russian Pipeline System: Between Globalization and Localization, in East European Quarterly, 38, 2004, 3, pp. 383-384. 14 S.F. STARR - S.E. CORNELL, The Politics of Pipelines: Bringing Caspian Energy to Markets, in Saisphere 2005, Washington D.C., 2005, http://www.sais-jhu.edu/pubaffairs/publications/ saisphere/winter05. 15 H.A. SADRI - A. VOLKOV, The Russian Pipeline System: Between Globalization and Localization, cit., p. 387 e US ENERGY INFORMATION ADMINISTRATION, Caspian Sea Regional Analysis Brief 2005, http://www.eia.doe.gov.
13

107

La portata comunque limitata delloleodotto Baku-Novorossijsk in rapporto alla crescente produzione di idrocarburi nella regione del Caspio di cui si parlato in precedenza, unita al desiderio delle repubbliche ex-sovietiche di affrancarsi definitivamente dal monopolio russo per ci che riguarda il trasporto delle proprie risorse energetiche, ha tuttavia incoraggiato la ricerca di rotte alternative e la conseguente proliferazione di progetti pi o meno realistici destinati a portare il gas e il petrolio del Caspio in ogni angolo dellEuropa e dellAsia, in cui lintreccio di ragioni economiche e ragioni politico-strategiche ha contribuito a dare credibilit a proposte altrimenti giudicate impraticabili 16 . Dalla fine degli anni Novanta Kazachstan e Turkmenistan hanno iniziato a studiare la possibilit di realizzare nuove infrastrutture per il trasporto del petrolio e del gas estratti dal Caspio verso Cina, Pakistan e India. Il sistema Trans-Afghan Pipelines, che avrebbe dovuto essere composto da un oleodotto (Central Asia Oil Pipeline) lungo quasi 1700 chilometri con una capacit di un milione di barili al giorno che dal Kazachstan attraverso il Turkmenistan e lAfghanistan avrebbe raggiunto il Pakistan e proseguito verso lIndia, e da un gasdotto (Centgas) lungo pi di duemila chilometri con una capacit di circa venti miliardi di metri cubi annui che a sua volta avrebbe raggiunto Pakistan e India partendo dal Turkmenistan e attraversando lAfghanistan, non ha finora visto la luce, nonostante i finanziamenti ricevuti dallAsian Development Bank dopo la firma del relativo memorandum dintesa da parte dei Paesi interessati, linteresse dichiarato da diverse compagnie internazionali quali Gazprom e Petronas e il riavvicinamento (peraltro di dubbia solidit) avvenuto tra India e Pakistan nel 2003. Allo stesso modo, dopo il completamento dei relativi studi di fattibilit, sono stati pi volte abbandonati e poi ripresi tra il 2003 e il 2005 i progetti relativi a un oleodotto che dal Kazachstan avrebbe dovuto trasportare il petrolio del Caspio fino alla regione cinese dello Xinjiang 17 ; nel 2005 finalmente, dopo che diverse compagnie petrolifere membri del consorzio che gestisce lo sfruttamento del giacimento kazako di Kashagan si sono opposte allingresso nel consorzio delle due principali compagnie petrolifere cinesi, stato realizzato un oleodotto che collega il terminale kazako di Atasu, nel nord del Paese, allo snodo ferroviario cinese di Alashankou, nello Xinjiang, senza che ancora sia stato trovato un accordo sulla possibilit di estendere tale oleodotto fino a raggiungere i giacimenti kazaki del Caspio 18 . Dei quattro principali progetti effettivamente realizzati, tutti diretti a trasportare le risorse del Caspio verso ovest, loleodotto gestito dal Caspian Pipeline Consortium (Cpc), una struttura lunga quasi 1600 chilometri con attualmente una
S.F. STARR - S.E. CORNELL, The Politics of Pipelines: Bringing Caspian Energy to Markets, cit. 17 J. ROBERTS, Energy Reserves, Pipeline Politics and Security Implications, in The South Caucasus: A Challenge for the EU, Chaillot Papers, 2003, 65, pp. 94-95. 18 A. SUKHANOV, Caspian Oil Exports Heading East, in Asia Times Online, 9 February 2005, http://www.atimes.com e CENTRAL ASIA-CAUCASUS ANALYST NEWS, KazakhstanChina Pipeline Completed, 16 November 2005, http://www.cacianalyst.org.
16

108

capacit di circa 600mila barili al giorno, destinata ad aumentare ad oltre un milione e 300mila barili entro il 2015, lunico a transitare in territorio russo fino a raggiungere il porto di Novorossijsk sul Mar Nero. Gli altri tre progetti hanno enormemente accresciuto limportanza internazionale della regione caucasica, divenuta uno snodo fondamentale per lesportazione del petrolio e del gas provenienti dal Caspio. Dal 1999 infatti operativo loleodotto Baku-Supsa, costruito e gestito dal consorzio Aioc per esportare il petrolio estratto dai giacimenti azeri offshore fino alle coste georgiane del Mar Nero: la capacit originaria di questo oleodotto stata successivamente accresciuta da 100mila a circa 220mila barili scaricati giornalmente al terminale di Supsa, pi altri 190mila barili trasportati al porto georgiano di Batumi grazie allutilizzo della linea ferroviaria preesistente 19 . Nonostante gli aggiustamenti, la linea Baku-Supsa mantiene comunque una capacit di trasporto limitata, insufficiente ad assorbire lincremento produttivo previsto dallAioc per lo sfruttamento dei giacimenti di Azeri-Chirag-Gunashli: in effetti tale oleodotto non rappresenta che la cosiddetta Early Oil Western Route, ovvero la linea provvisoriamente utilizzata dalle compagnie del consorzio Aioc per lesportazione del petrolio azero in attesa della completa realizzazione del Main Export Pipeline, loleodotto che dai terminali di Sangachal presso Baku e attraverso il territorio georgiano giunge fino al porto turco di Ceyhan, direttamente sul Mar Mediterraneo. Questa colossale opera di ingegneria, lunga oltre 1760 chilometri e costata 3,9 miliardi di dollari (quasi un miliardo di dollari in pi del previsto 20 ), costruita tra il 2002 e il 2005 e operativa dalla met del 2006 (il primo carico di petrolio stato effettuato presso il terminale di Ceyhan il 27 maggio 2006, un anno dopo lapertura ufficiale delloleodotto 21 ), in grado di trasportare un milione di barili di greggio al giorno a partire dal 2008: dati la dimensione e il ritmo di sfruttamento dei giacimenti di Azeri-Chirag-Gunashli, le prospettive di lungo periodo delloleodotto Btc dipendono tuttavia dalla possibilit di trasportare anche il petrolio kazako proveniente dai giacimenti di Kashagan, al fine di evitare il rischio di un prematuro esaurimento delle riserve petrolifere azere. In effetti il 16 giugno 2006 Azerbaigian e Kazachstan hanno firmato in accordo bilaterale che sancisce definitivamente la partecipazione pi volte annunciata di Astana al progetto Btc, accordo in base al quale il Kazachstan esporter tramite loleodotto Btc tra i 20 e i 25 milioni di tonnellate di greggio ogni anno, ovvero poco meno della met del
19

Laccresciuta capacit di trasporto (da poco pi di 130mila barili a 190mila barili al giorno) della linea ferroviaria che collega la capitale dellAzerbaigian al porto georgiano di Batumi, seguendo un percorso parallelo alloleodotto Baku-Supsa, stata raggiunta in gran parte a seguito dellannuncio effettuato da ExxonMobil nel giugno 2005 secondo cui la compagnia petrolifera avrebbe presto iniziato a inviare il greggio estratto dai propri giacimenti in Azerbaigian via treno fino al porto di Batumi (US ENERGY INFORMATION ADMINISTRATION, Caucasus Region Country Analysis Brief, May 2006, http://www.eia.doe.gov/cabs/Caucasus). 20 BPs Baku Pipeline 30% over Budget in Financial Times, 20 April 2006. 21 Happy Ending Nears in Baku-Tbilisi-Ceyhan Pipeline Project in Turkish Daily News, 25 May 2006, http://www.turkishdailynews.com.tr.

109

petrolio totale trasportato annualmente da Baku a Ceyhan 22 . Il petrolio kazako sar inizialmente trasportato via nave dal porto di Kuryk, sulla sponda orientale del Mar Caspio, al terminale di Sangachal, ma allo studio la possibilit di prolungare loleodotto Btc tramite un condotto sottomatino che raggiunga Aktau, il principale porto kazako. Per la verit loleodotto Btc fa parte di un sistema pi ampio di trasporto delle risorse energetiche che comprende anche un gasdotto gemello che dovrebbe essere operativo a partire dalla seconda met del 2006, il South Caucasus Pipeline (Scp), che corre parallelo al Btc fino alla citt turca di Erzurum, per poi connettersi al sistema di gasdotti turco. Tale gasdotto, la cui capacit iniziale dovrebbe essere di circa 7,2 miliardi di metri cubi allanno (con una possibilit di espansione fino a 20-30 miliardi di metri cubi annui quando il gasdotto funzioner a pieno regime 23 ), destinato ad esportare verso lEuropa il gas naturale proveniente dal giacimento off shore di Shah Deniz: tuttavia anche in questo caso allo studio la possibilit di prolungare il gasdotto fino al porto di Turkmenbashi ed avere cos accesso alle vaste riserve di gas naturale turkmene 24 . Nel complesso quindi il Caucaso meridionale sembra essere divenuto una sorta di corridoio preferenziale che grazie al sistema Btc-Scp e ai suoi potenziali prolungamenti verso est (tramite il menzionato sistema di Trans-Caspian Pipelines) e verso ovest (grazie ai progetti di costruzione di due prolungamenti del sistema di gasdotti turco, rispettivamente verso Grecia e Italia e verso Bulgaria, Romania, Ungheria e Austria, il cosiddetto Progetto Nabucco, entrambi allo studio nellambito del Programma Inogate25 ) in grado di collegare direttamente i principali fornitori di risorse energetiche del bacino del Caspio ai mercati occidentali. Al di l della diffusa retorica che tende considerare il Caucaso lo snodo fondamentale per far rivivere una sorta di Via della Seta del XXI secolo, e il sistema Btc-Scp la chiave di volta indispensabile per il completamento dei programmi Traceca e Inogate e dei principali progetti riguardanti lo sviluppo dei corridoi di trasporto trans-eurasiatici 26 , innegabile che lattenzione internazionale dedicata alle nuove infrastrutture di trasporto delle risorse energetiche passanti per il Caucaso non faccia altro che ribadire il crescente ruolo del bacino del Caspio nel mercato globale delle fonti energetiche ed evidenziare la
Kazakh, Azeri Leaders Signed Agreement on Kazakh Oils Delivery Via BTC in Today.Az, 16 June 2006, http://www.today.az e Azerbaijan: BTC Pipeline Hails Political Triumph in Oxford Analytica, 13 June 2006, http://www.oxan.com. 23 M. TSERETELI, Caspian Gas: Potential to Activate Europe in the South Caucasus, in Central Asia-Caucasus Analyst, 25 August 2004, http://www.cacianalyst.org e EUROPEAN BANK FOR RECONSTRUCTION AND DEVELOPMENT, Project Summary Document. SOCAR South Caucasus Gas Pipeline, December 2003, http://www.ebrd.com/projects/psd/psd2003. 24 S.F. STARR - S.E. CORNELL, The Politics of Pipelines: Bringing Caspian Energy to Markets, cit. 25 Intestate Oil and Gas Transport to Europe, http://www.inogate.org. 26 S.F. STARR - S.E. CORNELL, The Politics of Pipelines: Bringing Caspian Energy to Markets, cit.
22

110

complessa realt geopolitica di una regione in cui si intrecciano gli interessi economici e politico-strategici delle potenze locali e delle grandi potenze extraregionali. Non sorprende, quindi, che la questione della scelta dei progetti e della costruzione delle nuove infrastrutture, in genere gi di per s materia di negoziati difficili tra compagnie petrolifere e stati di transito, nel caso degli oleodotti e dei gasdotti passanti per il Caucaso abbia coinvolto una complessa miscela di considerazioni tanto economiche quanto strategiche. 2.1 Le ragioni economiche: la questione della sicurezza energetica tra ricerca di fonti alternative e chokepoints La sicurezza energetica viene in genere definita come la capacit di assicurarsi il soddisfacimento dei bisogni energetici futuri o come la capacit di avere accesso in futuro a una sufficiente quantit di risorse energetiche ad un prezzo ragionevole e senza rischio di gravi disservizi 27 . Il concetto alla base della sicurezza energetica quindi tradizionalmente connesso alla disponibilit fisica di risorse energetiche, declinata tanto nel senso di capacit produttiva inutilizzata, particolarmente importante per far fronte a improvvise e temporanee interruzioni negli approvvigionamenti, quanto nel senso di diversificazione geografica della produzione: in altre parole, maggiore il numero delle regioni in grado di fornire risorse energetiche, maggiore in genere la stabilit dei mercati internazionali in cui tali risorse vengono scambiate. Solitamente la questione della diversificazione delle risorse quindi intesa come possibile soluzione allaccentuata dipendenza dalle risorse del Medio Oriente grazie allincremento delle risorse disponibili provenienti da Russia, bacino del Caspio, Africa occidentale, America Latina. Limportanza delle risorse del Caspio risiede non tanto e non solo nella loro entit, come si visto indubbiamente notevole ma non certo in grado di modificare in misura sostanziale la dipendenza energetica globale dal Medio Oriente, ma nella possibilit che esse raggiungano il mercato mondiale restando complessivamente sotto il controllo delle compagnie internazionali che hanno investito nella regione e degli Stati esportatori, grazie ad un adeguato livello di investimento non soltanto nello sviluppo delle risorse e della capacit produttiva, ma anche nella costruzione delle relative infrastrutture di trasporto 28 . Di certo a questo fine volta la cosiddetta Multiple Pipeline Strategy promossa dagli Stati Uniti come lunica possibile strategia economicamente e politicamente valida per lesportazione degli idrocarburi del Caspio: per quanto inizialmente molte compagnie petrolifere abbiano accolto con scarso favore il coinvolgimento politico americano nel processo di scelta tra le varie possibili opzioni per il trasporto delle risorse del Caspio, in questo caso tale partecipazione ha contribuito in misura determinante allindividuazione di soluzioni economicamente efficienti, ed ha portato alla
27 28

G. BAHGAT, Central Asia and Energy Security, in Asian Affairs, 37, 2006, 1, p. 1. Ibidem, pp. 2-3.

111

costruzione prima degli oleodotti Baku-Supsa e Cpc (che nonostante si trovi in gran parte sul territorio russo gestito da un consorzio privato, sostanzialmente indipendente dal monopolio di TransNeft, ed ha costituito una prima importante alternativa al sistema tradizionale russo), e successivamente del sistema Btc-Scp e dei progetti relativi al sistema di Trans-Caspian Pipelines 29 . Lefficienza economica delle infrastrutture per il trasporto delle fonti energetiche dipende, nel caso delle risorse del Caspio, sostanzialmente da tre fattori. Il primo naturalmente legato alla sicurezza fisica delle infrastrutture stesse, ovvero alla possibilit di far fronte ai rischi connessi allinstabilit locale e alleventualit che gasdotti e oleodotti divengano potenziali obiettivi allinterno di conflitti regionali. Ci richiede lindividuazione di corridoi di trasporto che evitando le aree caratterizzate da instabilit minimizzino la vulnerabilit delle strutture rispetto ai conflitti civili o agli interventi militari stranieri, circostanze in cui eventuali attacchi contro oleodotti e gasdotti possono essere parte di una strategia legata a un conflitto pi ampio, piuttosto che essere deliberatamente volti a interrompere i flussi internazionali di risorse energetiche o danneggiare gli interessi delle compagnie petrolifere. Nel contesto caucasico questa preoccupazione particolarmente evidente: la variante delloleodotto Baku-Novorossijsk, completata nel 2000, esplicitamente intesa ad aggirare il territorio ceceno, ponendo la struttura al riparo dalla guerriglia. Analogamente, al favore con cui la Georgia ha accolto il sistema Btc-Scp non estranea la volont di evitare da un lato il transito in quelle regioni su cui Tbilisi non esercita un pieno controllo (Abkhazia e Ossetia meridionale), dallaltro uneccessiva dipendenza da quelle infrastrutture appartenenti alla rete russa di trasporto delle risorse energetiche che presentano a loro volta significativi rischi, come hanno drammaticamente dimostrato le esplosioni che nel gennaio 2006 hanno coinvolto la rete di gasdotti che collega la Georgia al suo vicino settentrionale, attribuite da Mosca ad attacchi terroristici e da Tbilisi ad un deliberato gesto russo volto ad interrompere le forniture di gas verso sud 30 . Da questo punto di vista anche loleodotto BakuSupsa risponde allesigenza di garantire la sicurezza fisica delle forniture energetiche: la sua appendice ferroviaria che conduce al porto di Batumi attraversa la repubblica autonoma dellAgiaria, un tempo teatro di tensioni separatiste ma su cui Tbilisi ha ormai riguadagnato il controllo 31 . Il dato pi evidente relativo alla preoccupazione per la sicurezza fisica delle infrastrutture tuttavia la completa esclusione dellArmenia dai corridoi di trasporto che collegano il Caspio al Mar Nero e al Mediterraneo, e in particolare dal percorso seguito dalloleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan e dal gasdotto parallelo
S.E. CORNELL - M. TSERETELI - V. SOCOR, Geostrategic Implications of the Baku-TbilisiCeyhan Pipeline, in S.F. STARR - S.E. CORNELL (a cura di), The Baku-Tbilisi-Ceyhan Pipeline: Oil Window to the West, Washington D.C./Uppsala, 2005, p. 31, http://www.cacianalyst.org. 30 Caucasus: Georgia, Armenia Consider Options after Russia Pipeline Explosions, in Radio Free Europe/Radio Liberty News & Analysis, 1 February 2006, http://www.rferl.org. 31 A. FERRARI, Il Caucaso. Popoli e conflitti di una frontiera europea, Roma, 2005, p. 96.
29

112

Baku-Tbilisi-Erzurum: unesclusione peraltro inevitabile dato il contenzioso ancora aperto tra Armenia e Azerbaigian per il controllo dellAlto Karabakh e la provenienza delle risorse che transitano attraverso il Caucaso, per ora esclusivamente da giacimenti azeri. Il sistema Btc-Scp, destinato di fatto ad ottenere una sorta di monopolio delle esportazioni di idrocarburi dallAzerbaigian verso occidente, ha infatti profonde implicazioni per la sicurezza energetica dei Paesi importatori, che dipendono dal petrolio e dal gas trasportati grazie a queste condotte, ma anche per gli Stati esportatori (Azerbaigian in primis, ma anche Kazachstan e, potenzialmente, Turkmenistan), per i quali tali infrastrutture costituiscono una fonte primaria di entrate. Non sorprende dunque che per garantirne il regolare funzionamento, al riparo da qualsiasi rischio per la loro sicurezza fisica, il percorso dei due condotti sia stato allungato attraverso la Georgia, a scapito di un possibile tragitto pi breve attraverso linstabile confine tra Azerbaigian e Armenia. Lesclusione armena ha pi che mai esposto il Paese ai rischi di interruzione delle forniture energetiche dalla Russia, spingendo pertanto Erevan ad affidarsi al gasdotto tuttora in costruzione tra Armenia e Iran come unica possibile soluzione alle proprie esigenze di diversificazione delle fonti di approvvigionamento energetico, finora limitate al gasdotto che collega il Paese alla Russia attraverso la Georgia. Le prospettive di prolungamento di questa nuova condotta, da un lato fino a collegarsi allintero sistema iraniano, e fino ai vasti giacimenti di gas turkmeni, dallaltro lato fino a raggiungere la Georgia (e quindi potenzialmente il Mar Nero e lEuropa), ne accentuano ulteriormente limportanza come fonte di approvvigionamento energetico alternativa alla Russia per gli stessi Paesi caucasici, e in particolare, oltre naturalmente allArmenia, per la Georgia 32 . Sennonch anche a voler escludere le problematiche relative alla crisi nucleare iraniana nella primavera del 2006 la compagnia russa Gazprom, che insieme allaltra societ russa Itera detiene la quota maggiore di ArmRosGazprom, la compagnia che gestisce la quasi totalit delle attivit energetiche armene, ha ripetutamente annunciato (e poi smentito) di aver concluso con il Governo armeno un accordo che le garantisce il controllo del gasdotto, nellambito di una pi ampia sistemazione della questione delle condizioni di fornitura del gas naturale alla piccola repubblica caucasica 33 . Se linteresse di Gazprom per il nuovo gasdotto (che si prevede venga completato entro il 2006 e possa quindi diventare operativo nel 2007) trover soddisfazione, lungi dal rappresentare la chiave per diversificare le forniture armene e quindi garantire al Paese una maggiore sicurezza energetica, il gasdotto armeno-iraniano non far che confermare la
H. PEIMANI, The Iran-Armenia Pipeline: Finally Coming to Life, in Central Asia-Caucasus Analyst, 22 September 2004, http://www.cacianalyst.org. 33 Details on Russian-Armenian Gas Agreement Remain Unclear, in Radio Free Europe/Radio Liberty Newsline, 7 April 2006, http://www.rferl.org/newsline; Russia Confirms Takeover of Iran-Armenia Pipeline, in The Journal of Turkish Weekly, 7 April 2006, http://www.turkishweekly.net; E. DANIELYAN, Armenia Cedes More Energy Assets for Cheaper Russian Gas, in Eurasianet Business & Economics, 10 April 2006, http://www.eurasianet.org.
32

113

posizione assolutamente dominante della Russia nel settore energetico armeno, e quindi la pressoch totale dipendenza energetica di Erevan dal suo alleato settentrionale. Il controllo del gasdotto armeno-iraniano evidenzia il secondo, e pi importante, dei tre fattori da cui dipende lefficienza economica degli oleodotti e dei gasdotti che esportano le risorse energetiche del Caspio, e che fa del Caucaso meridionale un passaggio obbligato per il trasporto di tali risorse verso i mercati internazionali, ovvero lindipendenza delle infrastrutture dal controllo russo come condizione necessaria per una reale diversificazione delle fonti di approvvigionamento energetico. Questo vale naturalmente per i Paesi di transito: oltre ad essere, come ovviamente prevedibile, un importante fattore di sviluppo per leconomia nazionale, grazie alla possibilit di attirare massicci investimenti esteri e di beneficiare di consistenti tariffe di transito, nonch alla capacit di fungere da catalizzatore per la realizzazione di altri progetti di rilevanza internazionale nella regione, nel caso della Georgia la costruzione delle nuove infrastrutture per il trasporto delle risorse energetiche sul proprio territorio nazionale fondamentale anche per diversificare il proprio approvvigionamento energetico, segnando un punto di svolta rispetto alla pressoch totale dipendenza energetica che il Paese caucasico ha finora mantenuto nei confronti della Russia. Per la Turchia, altro Paese di transito dei corridoi energetici passanti per il Caucaso, lo stesso discorso acquista una connotazione ancora pi significativa: la crescente predisposizione internazionale a considerare il sistema Btc-Scp come principale canale per far giungere le risorse del Caspio (o almeno della sua parte occidentale) sul mercato sembra realmente in grado di rendere la Turchia una sorta di centro energetico tra Oriente e Occidente, in grado di collegare le risorse situate ad est del Paese con la domanda proveniente dai mercati situati ad ovest, assumendo un ruolo che finora stato una ingombrante prerogativa russa 34 . Ma la necessit di allentare la dipendenza dalla Russia per quanto riguarda le forniture energetiche vale anche, e soprattutto, per i Paesi importatori di risorse energetiche, in particolare per i Paesi occidentali: questo il presupposto per la validit della Multiple Pipeline Strategy americana, ovvero linteresse occidentale allo sviluppo di una rete di corridoi alternativi per lesportazione delle risorse della regione, almeno uno dei quali sia al di fuori del controllo russo. Ed senza alcun dubbio questo uno dei motivi, oltre naturalmente allaccento posto sulla possibilit di promuovere lo sviluppo complessivo e la crescita delle economie regionali, che hanno spinto le principali istituzioni finanziarie internazionali occidentali (Banca Mondiale e Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo) a sponsorizzare generosamente la costruzione del sistema Btc-Scp 35 .

G. BAHGAT, Central Asia and Energy Security, cit., p. 8. F. ISMAILZADE, Leading Western Financial Institutions Lend Money to BTC Pipeline, in Central Asia-Caucasus Analyst, 19 November 2003, http://www.cacianalyst.org.
35

34

114

Il soggetto pi direttamente interessato a minimizzare il controllo russo sulle risorse energetiche del Caspio sicuramente lEuropa: lUnione Europea ha infatti inserito tra le priorit politiche per il proprio sviluppo energetico quella di evitare qualsiasi dipendenza strategica, in particolare nei confronti della Russia 36 . Mosca gi il principale fornitore di gas per lEuropa e con la domanda europea di gas naturale probabilmente destinata ad aumentare sostanzialmente nel prossimo futuro naturale che la Russia cerchi di colmare la domanda in eccesso con il proprio gas o controllando i canali di esportazione del gas turkmeno e kazako. In tal caso il Caucaso meridionale e la Turchia, tramite la South Caucasus Pipeline, costituiscono un prezioso corridoio di accesso per lEuropa ai giacimenti del Caspio, in grado di diversificare le fonti di approvvigionamento energetico europeo e contemporaneamente ridurre la dipendenza dellEuropa dalla russa Gazprom. Analogamente, il petrolio trasportato al porto turco di Ceyhan, insieme a quello scaricato ai due terminali georgiani di Supsa e Batumi (complessivamente pi di un milione e 400mila barili di greggio al giorno) pu certo sembrare poca cosa in confronto alla dimensione del consumo europeo di petrolio (quasi 15 milioni di barili al giorno nel 2005 37 ): al di l del suo valore assoluto, limpatto e il valore strategico del petrolio esportato sui mercati europei attraverso il Caucaso consiste nella sua origine, non russa e non Opec, e quindi nel suo contributo alla diversificazione delle fonti energetiche europee. Non un caso che la volont di rafforzare il legame tra Mar Nero e Mar Caspio e di fornire alternative ai tradizionali flussi commerciali e di transito di merci e risorse centrati sulla Russia sia, come si gi ricordato, al centro dei programmi Tra ceca e Inogate, entrambi sostenuti dallUnione Europea. Nellambito di questi programmi di cooperazione la regione caucasica assume una rilevanza di primo piano: il programma Inogate, il cui trattato istitutivo (Umbrella Agreement) in vigore tra i ventuno Paesi firmatari dal febbraio 2001 esplicitamente accoglie il principio della diversificazione delle infrastrutture di trasporto delle risorse energetiche come fondamento indispensabile per rafforzare la sicurezza energetica dei Paesi europei 38 , ha inserito tra i progetti di sviluppo prioritario la South Caucasus Pipeline, la connessione tra le infrastrutture di trasporto del gas iraniane e turche, nonch il cosiddetto Sistema Multimodale di Trasporto Petrolifero (Multimodal Oil Transport System) per trasportare il petrolio kazako via nave attraverso il Caspio e poi da Baku e attraverso la Georgia, via treno e grazie agli oleodotti, fino ai terminali sul Mar Nero o direttamente fino a Ceyhan nel Mediterraneo 39 . Nel tentativo di sottrarre al controllo russo lesportazione del gas del Caspio inoltre il programma Inogate fa del gasdotto Scp (e quindi del
S.E. CORNELL - M. TSERETELI - V. SOCOR, Geostrategic Implications of the Baku-TbilisiCeyhan Pipeline, cit., p. 28-29. 37 BP, Statistical Review of World Energy, cit., p. 11. 38 INTERSTATE OIL AND GAS TRANSPORT TO EUROPE, INOGATE Developments 20012004 and New Perspectives, Kyiv, 2004, p. 9, http://www.inogate.org/inogate/en/resources/ publications. 39 http://www.inogate.org.
36

115

Caucaso) il nucleo necessario di una rete alternativa per il trasporto di tale preziosa risorsa verso lEuropa: per quanto avveniristici e fantasiosi possano sembrare, i due lunghi gasdotti che connettendosi al sistema turco dovrebbero raggiungere rispettivamente lItalia attraverso la Grecia (circa 3400 chilometri di lunghezza, per una portata complessiva di 22 miliardi di metri cubi) e lAustria attraverso Bulgaria, Romania e Ungheria (pi di 3600 chilometri, per una portata di 20 miliardi di metri cubi) rispondono precisamente a questa esigenza, e si propongono come potenziale alternativa al cosiddetto Blue Stream (il gasdotto sottomarino operativo dal 2003 che collega le coste russe sul Mar Nero al porto turco di Samsun) per soddisfare il fabbisogno dellEuropa sud-orientale in via del tutto indipendente dal transito sul territorio russo 40 . Il programma Traceca si spinge anche oltre facendo del Caucaso il nucleo di un corridoio di trasporto tra Oriente e Occidente [che si sviluppa] dallEuropa, attraverso il Mar Nero, il Caucaso meridionale e il Mar Caspio, riconosciuto come la via pi breve e potenzialmente pi rapida e meno costosa dallAsia Centrale ai porti sui mari aperti collegati con il mercato globale 41 . In tale contesto le infrastrutture connesse allesportazione delle risorse energetiche del Caspio (oleodotti e gasdotti, ma anche la rete ferroviaria Batumi/Poti-Tbilisi-Baku e i terminali marittimi di Poti, Batumi, Baku, Aktau e Turkmenbashi) si inseriscono in (e costituiscono la chiave di volta di) una pi ampia rete di trasporti e comunicazioni tra Europa ed Asia, che include oleodotti e gasdotti, strade, ferrovie, porti e servizi marittimi, linee elettriche e fibre ottiche. A ben vedere, pi che la chiave di volta, le infrastrutture energetiche passanti per il Caucaso costituiscono di fatto gli unici progetti di un certo spessore effettivamente portati avanti nellambito del Traceca dal suo lancio ufficiale nel 1993 e gli unici risultati positivi in grado di rivitalizzare e rilanciare un progetto ambizioso da troppo tempo in fase di sostanziale stasi a causa delle scarse risorse economiche e politiche ad esso finora dedicate 42 . In definitiva uno dei meriti pi apprezzabili dei programmi Traceca e Inogate stato quello di coinvolgere direttamente i Paesi esportatori del Caspio in iniziative di cooperazione alla ricerca di corridoi di trasporto alternativi, indipendenti cio dalla loro ex-madrepatria. Anche per Azerbaigian, Kazachstan e Turkmenistan le infrastrutture di trasporto che attraversano il Caucaso meridionale rappresentano un canale di esportazione particolarmente appetibile proprio in virt della loro indipendenza dalla rete monopolistica russa nelle mani di Gazprom e Transneft, che permette ai tre Paesi di mantenere un maggiore controllo sulle proprie risorse di maggior valore. Se questo pi che mai ovvio nel caso dellAzerbaigian, grazie in particolare alla quota del 10 per cento detenuta dalla compagnia statale Socar
INOGATE, INOGATE Developments 2001-2004 and New Perspectives, cit., p. 12. TRANSPORT CORRIDOR EUROPE-CAUCASUS-ASIA, TRACECA Brochure, pp. 4-6, http://www.traceca-org.org. 42 S.E. CORNELL - M. TSERETELI - V. SOCOR, Geostrategic Implications of the Baku-TbilisiCeyhan Pipeline, cit., p. 29.
41 40

116

allinterno dellAioc, il consorzio incaricato della gestione del sistema Btc-Scp e delloleodotto Baku-Supsa, va detto che laccordo siglato nel giugno 2006 da Azerbaigian e Kazachstan (in base al quale questultimo esporter una parte consistente del petrolio estratto principalmente dal giacimento di Kashagan tramite loleodotto Btc) un indice significativo dellinteresse di Astana per lo sviluppo di reti di trasporto alternative che riducano la dipendenza delle proprie esportazioni dalla benevolenza di Mosca, sul cui territorio per il momento transitano gli idrocarburi kazaki. Data lattuale impraticabilit di soluzioni dirette verso est (Cina) o verso sud (Turkmenistan, Afghanistan, Iran), nonch limprobabile eventualit che la Turchia autorizzi un incremento sostanziale del passaggio delle petroliere attraverso Istanbul in grado di far fronte a una possibile espansione della portata delloleodotto Cpc 43 , una condotta che collega direttamente Baku al Mar Mediterraneo rappresenta unopportunit unica per il Paese asiatico per diversificare i propri canali di esportazione coerentemente con il desiderio di accrescere la propria importanza quale Paese produttore di risorse energetiche. Un discorso analogo pu essere fatto per il Turkmenistan, che per esportare il proprio gas per il momento si affida quasi esclusivamente alla rete di gasdotti russi: da questo punto di vista la tensione nei rapporti con lAzerbaigian riguardo alla definizione delle rispettive porzioni di sottosuolo del Caspio rappresenta un fastidioso ostacolo allopportunit di collegare i vasti giacimenti di gas turkmeni alle infrastrutture caucasiche, che viceversa non potrebbe che essere uno stimolo positivo per spezzare il quasi-monopolio russo cui si fatto cenno e per avvicinare il Paese ai ricchi mercati europei. Lopportunit unica rappresentata dal corridoio di trasporto che attraverso il Caucaso raggiunge direttamente il Mediterraneo messa in risalto anche dal terzo elemento dal quale, come si detto, dipende lefficienza economica delle infrastrutture per il trasporto delle risorse energetiche del Caspio, ovvero la possibilit di aggirare i cosiddetti chokepoints, quelle strozzature geografiche che ostacolano i regolari flussi commerciali via mare, costituite in particolare, per ci che riguarda il trasporto del petrolio, dagli Stretti del Bosforo e dei Dardanelli tra Mar Nero e Mar Mediterraneo e dallo Stretto di Hormuz tra Golfo Persico ed Oceano Indiano. In effetti, la possibilit di raggiungere direttamente il Mediterraneo attraverso la vicina Turchia il fattore determinante che rende le infrastrutture che attraversano il Caucaso meridionale pi appetibili anche per il petrolio del Kazachstan, oltre che naturalmente per le risorse dellAzerbaigian, rispetto tanto alloleodotto Cpc, che termina a Novorossijsk sul Mar Nero, quanto ad un eventuale oleodotto che dagli Stati del Caspio orientale procedendo verso sud attraversi lIran fino al Golfo Persico, diretto in questo caso verso i mercati asiatici 44 . Se quindi nel caso dellAzerbaigian i vantaggi del sistema Btc-Scp sono
G. BAHGAT, Central Asia and Energy Security, cit., p. 9 e S.F. STARR - S.E. CORNELL, The Politics of Pipelines: Bringing Caspian Energy to Markets, cit. 44 Lopzione iraniana stata a lungo considerata dai Paesi interessati e dalle compagnie petrolifere impegnate nella regione come la pi efficiente da un punto di vista economico, nonostante il
43

117

del tutto evidenti per prossimit geografica, maggiore controllo sulle risorse esportate e sulle infrastrutture di trasporto, loleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan rappresenta anche per il Kazachstan lopzione migliore per trasferire sui mercati internazionali il petrolio del Caspio in modo sicuro, rapido, economico e rispettoso dellambiente 45 . Questo vale a maggior ragione se si considerano le ripetute dichiarazioni delle autorit turche che sottolineano la situazione ormai insostenibile del traffico attraverso gli Stretti (dalla met degli anni Novanta al 2005 il transito delle petroliere nel Bosforo triplicato 46 ) e lintenzione di impedire ogni ulteriore incremento della quantit di petrolio passante per la citt pi popolosa e importante della Turchia. In realt, ci che pi di ogni altra preoccupazione relativa alla sicurezza della popolazione di Istanbul pu convincere compagnie petrolifere e Paesi esportatori a concentrare la propria attenzione sulle vie di transito che attraversano il Caucaso, e in particolare sulloleodotto Btc, la possibilit neanche troppo remota che la Turchia decida di aumentare le gi costose tariffe per il transito delle petroliere attraverso gli Stretti o di rendere pi severe le relative norme di sicurezza nel tentativo di ridurre il traffico. Considerato che tali norme per il transito di materiali pericolosi attraverso gli Stretti impongono alle petroliere lunghi tempi di attesa (che nella stagione invernale possono anche superare le due settimane) e che per ogni giorno di attesa le compagnie di trasporto devono pagare un costo di stazionamento che si aggira intorno ai 60mila dollari 47 , si comprende facilmente come un oleodotto che non dipenda dal transito attraverso il Bosforo per raggiungere i mercati permetta agli esportatori un sostanzioso risparmio in termini di tempi e di costi. Non sorprende quindi che la ricerca di nuovi canali di trasporto alternativi al passaggio attraverso i chokepoints e il potenziamento delle infrastrutture esistenti sia anche al centro dei gi ricordati programmi Traceca e Inogate. In particolare questultimo ha assegnato la priorit a tre progetti di costruzione di oleodotti direttamente sul suolo europeo: lestensione delloleodotto Odessa-Brody fino alla citt polacca di Plock; la costruzione di un oleodotto che dal porto rumeno di
formidabile ostacolo costituito dalla politica degli Stati Uniti ostile al coinvolgimento dellIran nei progetti di costruzione di nuove infrastrutture per il trasporto del petrolio del Caspio. Lo scoglio che ha determinato il definitivo accantonamento del progetto piuttosto legato proprio al fatto che le risorse energetiche trasportate attraverso lIran avrebbero raggiunto il Golfo Persico e sarebbero poi state esportate attraverso lo Stretto di Hormuz, che con i circa 17 milioni di barili di greggio che transitano giornalmente in un canale largo poco pi di tre chilometri costituisce di gran lunga la pi importante strettoia petrolifera mondiale (attraverso il Bosforo transitano giornalmente 3 milioni di barili di greggio, in una larghezza inferiore ad un chilometro), S.E. CORNELL - M. TSERETELI - V. SOCOR, Geostrategic Implications of the Baku-Tbilisi-Ceyhan Pipeline, cit., pp. 18-19. 45 S.F. STARR - S.E. CORNELL, The Politics of Pipelines: Bringing Caspian Energy to Markets, cit. 46 J. ELKIND, Economic Implications of the Baku-Tbilisi-Ceyhan Pipeline, in S.F. STARR - S.E. CORNELL (a cura di), The Baku-Tbilisi-Ceyhan Pipeline: Oil Window to the West, cit., p. 40. 47 Ibidem, p. 46.

118

Costanta sul Mar Nero raggiunga Omisalj (Croazia) e prosegua fino al porto di Trieste; e la costruzione di un oleodotto che colleghi il porto bulgaro di Burgas, sempre sul Mar Nero, con il porto greco di Alessandropoli sul Mediterraneo 48 . Tutti e tre questi progetti mirano ad allentare la pressione sugli Stretti turchi e presuppongono chiaramente un rafforzamento e ampliamento delle strutture portuali situate sulle coste orientali del Mar Nero: di questo si occupa infatti il programma Traceca, che nei propri progetti di assistenza tecnica riguardanti lo sviluppo dei trasporti marittimi sottolinea limportanza dellammodernamento e dellampliamento dei porti georgiani di Poti e, soprattutto, Batumi (che, come si ricorder, direttamente collegato alloleodotto Baku-Supsa, di cui costituisce un terminale alternativo) e del rafforzamento delle rotte marittime che li collegano ai porti situati sulle coste occidentali del Mar Nero, di cui gli oleodotti progettati nellambito dellInogate costituirebbero un naturale prolungamento verso i mercati europei 49 . Se questo insieme di ragioni economiche contribuiscono ad accentuare limportanza del Caucaso meridionale come valido corridoio alternativo in grado di accrescere la sicurezza energetica per consumatori, esportatori e mercati energetici globali, rendendo il trasporto delle risorse energetiche meno vulnerabile a shock di natura tecnica o politica e mantenendo un alto grado di efficienza economica, non bisogna dimenticare che nel caso della regione del Caucaso e del Mar Caspio la scelta della via pi appropriata attraverso cui tali risorse devono passare riflette pi che mai anche una serie di motivazioni legate a una complessa competizione politico-strategica in atto tra soggetti locali e potenze regionali ed extraregionali.

48 49

INOGATE, INOGATE Developments 2001-2004 and New Perspectives, cit., p. 10. TRACECA, TRACECA Brochure, cit., p. 38.

119

120

121

122

2.2 Le ragioni politico-strategiche: le risorse energetiche e il cosiddetto Grande Gioco Il 25 maggio 2005 Samuel Bodman, Segretario del Dipartimento dellEnergia degli Stati Uniti, in occasione della cerimonia ufficiale di apertura delloleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan, salutava linizio di [] una nuova era nello sviluppo del bacino del Caspio. [Loleodotto Btc] permette al petrolio del Caspio di raggiungere i mercati europei e mondiali in modo economicamente efficiente e rispettoso dellambiente, [] rafforza lintegrazione di Azerbaigian, Georgia e Turchia nelleconomia globale. [] Gli Stati Uniti hanno sostenuto il Btc perch credono nella capacit di tale progetto di rafforzare la sicurezza energetica globale, diversificare le fonti di approvvigionamento energetico dei Paesi partecipanti, dare slancio alla cooperazione regionale ed espandere le opportunit di investimento internazionale [] 50 . Le parole del Segretario Bodman, peraltro confermate anche da un analogo intervento del portavoce del Dipartimento di Stato 51 , non hanno fatto altro che ribadire le linee fondamentali che, almeno negli interventi ufficiali, hanno guidato lapproccio americano alla questione della scelta dei corridoi di trasporto pi adatti a far giungere le risorse energetiche del Caspio sui mercati internazionali: preoccupazione per la sicurezza energetica globale, impegno per lo sviluppo economico della regione e, naturalmente, volont di massimizzare i profitti degli investimenti americani. Ci che le parole del Segretario Bodman hanno mancato di sottolineare al cospetto dei leader politici locali e della stampa internazionale stato un concetto daltro canto ben noto a tutti i presenti: il concetto cio che loleodotto Btc, prima ancora di essere un progetto determinante per le prospettive di sviluppo regionale, particolarmente importante per la sicurezza energetica globale e probabilmente anche vantaggioso per gli investitori internazionali, stato fin dallinizio dei dibattiti riguardanti la sua possibile realizzazione una pedina, peraltro di grande valore strategico, allinterno di un complesso gioco geopolitico che ha coinvolto, e tuttora coinvolge, le maggiori potenze regionali ed extra-regionali in una competizione per lestensione della propria influenza che tende inevitabilmente ad intrecciarsi con gli sforzi dei soggetti locali volti a rafforzare la propria sovranit ed ampliare il proprio spazio di manovra internazionale. La dissoluzione dellUnione Sovietica allinizio degli anni Novanta ha creato un vuoto di potere in unarea particolarmente rilevante per le relazioni internazionali, che si estende dal Mar Nero ai confini con la Cina. Limportanza strategica del Caucaso e dellAsia centrale dovuta anzitutto alla collocazione geopolitica stessa della regione: pi ancora della sua condizione di ponte tra Europa e Asia, e
UNITED STATES DEPARTMENT OF ENERGY, OFFICE OF PUBLIC AFFAIRS, BakuTbilisi-Ceyhan Pipeline First Oil Ceremony. Remarks of Secretary of Energy Samuel Bodman, Washington D.C., 25 May 2005, http://www.energy.gov. 51 UNITED STATES DEPARTMENT OF STATES, United States Welcomes Opening of Caspian Basin Pipeline, 25 May 2005, http://usinfo.state.gov.
50

123

tra cultura occidentale, islamica e sinica 52 , ci che ne rende evidente la centralit la sostanziale fragilit dei suoi equilibri strategici e militari. La vicinanza di quattro potenze nucleari (Russia, Cina, India e Pakistan), di un altro Stato che ha intrapreso un attivo programma di sviluppo del proprio potenziale nucleare (Iran), di un Paese la cui stabilit e sicurezza necessita il sostegno della comunit internazionale (Afghanistan) e del bastione sud-orientale della Nato (Turchia), unita alla lunga tradizione di conflitti etnici locali, fa del Caucaso e dellAsia centrale unarea a rischio continuo di instabilit, e quindi meritevole della massima attenzione internazionale. La guerra globale contro il terrorismo lanciata dagli Stati Uniti non ha fatto che accentuarne il valore strategico per Washington come base di partenza indispensabile per le proprie operazioni militari, dandole cos lopportunit di riempire con la propria presenza il vuoto lasciato dallUnione Sovietica 53 . Se l11 settembre 2001 e la campagna contro il terrorismo che ne seguita hanno fornito loccasione per linsediamento di una potenza esterna nella regione, un altro avvenimento ha contribuito in misura determinante a plasmare il destino dellarea: la costituzione nel 1994 del consorzio internazionale Aioc pu essere assunta come punto di partenza della competizione internazionale per il controllo e soprattutto per laccesso alle risorse energetiche di cui ricco il bacino del Caspio, che ha aggiunto unulteriore dimensione alla lotta per il controllo politicostrategico del Caucaso e dellAsia centrale. Da quel momento la partita che si giocata intorno alle infrastrutture destinate ad esportare le risorse energetiche del Caspio ha avuto lobiettivo di creare reti di dipendenza politica e di cooperazione strategica funzionali da un lato a massimizzare linfluenza di ciascuna delle maggiori potenze nella regione, dallaltro lato a sfruttare il coinvolgimento di queste ultime per perseguire gli interessi strategici propri di ciascuno degli Stati locali 54 . In altre parole, le modalit di gestione dei flussi delle risorse energetiche, il maggiore o minore (o persino mancato) coinvolgimento dei soggetti interessati agli equilibri della regione nella scelta dei percorsi di transito del gas e del petrolio rappresentano il fattore critico per determinare il successo o il fallimento delle rispettive politiche. In questo contesto di competizione internazionale e rivalit geopolitiche il Caucaso viene proiettato al centro della scena in virt del ruolo fondamentale che la regione caucasica pu svolgere allinterno della Grand Strategy americana, ovvero il ruolo di corridoio in grado di consentire laccesso allAsia centrale e (ancora pi importante) al cosiddetto Grande Medio Oriente che costituiscono

S.E. CANTLEY, Black Gold or the Devils Excrement? Hydrocarbons, Geopolitics and the Law in the Caspian Basin, in Europe-Asia Studies, 54, 2002, 3, p. 478. 53 G. BAHGAT, Central Asia and Energy Security, cit., p. 11. 54 B. SHAFFER, From Pipedream to Pipeline: A Caspian Success Story, in Current History, October 2005, p. 344.

52

124

un obiettivo strategico degli Stati Uniti 55 . Allinizio degli anni Novanta le neonate repubbliche indipendenti ex-sovietiche erano viste come periferiche rispetto agli interessi strategici americani, e lattenzione che esse ricevevano da Washington era sostanzialmente dettata dalla preoccupazione che leredit dellarsenale sovietico finisse nelle mani sbagliate, favorendo la proliferazione di armi di distruzione di massa 56 . Viceversa dalla met del decennio la politica americana verso la regione ha assunto una connotazione sempre pi assertiva, volta a minimizzare linfluenza russa e (soprattutto) iraniana e a creare [] un nuovo spazio geopolitico che si estende dalla Turchia attraverso il Caucaso meridionale fino allAsia centrale, che consenta [agli Stati Uniti] laccesso diretto allintera Eurasia 57 . Da allora lappoggio e il coinvolgimento di Washington nella realizzazione delle infrastrutture di trasporto delle risorse energetiche del Caspio passanti per il Caucaso sono stati motivati dal desiderio politico-strategico di creare un corridoio di trasporto lungo la direttrice est-ovest che escludesse qualsiasi interferenza russa e negasse allIran la possibilit di sfruttare la sua posizione geograficamente favorevole per il transito delle risorse del Caspio al fine di aumentare la propria influenza nella regione. In effetti il transito attraverso lIran poteva essere (e a dire il vero lo stato, almeno per il gas turkmeno) una possibile alternativa per il trasporto delle risorse energetiche del Caspio: la scelta della direttrice est-ovest passante per il Caucaso tuttavia esclude il Paese e rischia di ridurne linfluenza in unarea che Teheran ha storicamente considerato di proprio interesse strategico. In questottica si comprende come la decisione iraniana di firmare tra il 2001 e il 2002 una serie di accordi con lArmenia per la costruzione di un gasdotto che colleghi i due Paesi (fornendo alla repubblica caucasica unalternativa alla totale dipendenza dal gas russo per soddisfare il proprio fabbisogno) non sia che il tentativo di percorrere lunica strada rimasta allIran per mantenere la propria presenza e recuperare la propria influenza nel Caucaso. Il Caucaso infatti un tassello-chiave anche nella strategia della Repubblica Islamica: con la propria presenza nella regione lIran si lega anche direttamente allEuropa, e pu presentarsi allOccidente (Stati Uniti esclusi) come una forza di stabilit per il mantenimento dei fragili equilibri locali. A conferma di questo ragionamento, si pu citare il repentino cambiamento nelle relazioni, tradizionalmente poco amichevoli, tra Iran e Azerbaigian, avvenuto allindomani dellinclusione del primo nel cosiddetto asse del male da parte degli Stati Uniti: temendo che la cooperazione tra Washington e Baku nella lotta al terrorismo avrebbe potuto spingersi fino a fare del Paese caucasico una base per un eventuale attacco statunitense, Teheran ha effettuato una svolta a centottanta gradi nella sua politica e ha avviato un intenso dialogo al vertice con Baku nel
Ibidem, p. 344 e M. BRILL OLCOTT, The Great Powers in Central Asia, in Current History, October 2005, p. 332. 56 G. BAHGAT, Central Asia and Energy Security, cit., p. 12. 57 V. MATCHAVARIANI, U.S. Policies and Russian Responses to Developing the East-West Transportation Corridor, in Central Asia-Caucasus Analyst, 18 June 2003, http://www.cacianalyst.org.
55

125

tentativo di assicurarsi una benevola neutralit da parte del suo vicino settentrionale 58 . Nel lungo periodo tuttavia lobiettivo americano, di cui la costruzione di unopportuna rete di infrastrutture energetiche nel Caucaso meridionale dovrebbe permettere il raggiungimento, quello, detto con le parole di Zbigniew Brzezinski, ex-Consigliere per la Sicurezza Nazionale, di [] ridurre e poi azzerare influenza e presenza russa nella regione, favorendo laffermazione e la crescita di quella occidentale, segnatamente di quella americana 59 . La strategia di Multiple Pipelines sostenuta da Washington infatti uno strumento prezioso per rafforzare lindipendenza e la sovranit degli Stati del Caucaso e dellAsia centrale, sottraendo appunto il controllo delle loro risorse pi preziose alla vicina Russia. Unita agli altri strumenti utilizzati da Washington nella regione, ovvero la cooperazione (prevalentemente militare) sotto lombrello della Nato e della Partnership for Peace, lappoggio alla creazione del Guuam (uniniziativa di cooperazione politica, economica e strategica avviata nel 1996 da Georgia, Ucraina, Uzbekistan, Azerbaigian e Moldova allo scopo di rafforzare lindipendenza e la sovranit di queste repubbliche ex-sovietiche) e la promozione dei movimenti democratici (come la cosiddetta Rivoluzione delle Rose in Georgia), la Multiple Pipeline Strategy sembra in grado di garantire agli Stati Uniti la possibilit di mantenere nellarea una presenza di lungo periodo in grado di bilanciare la Russia e, in una prospettiva pi lontana, la Cina. Non bisogna infatti dimenticare che una politica energetica che promuova le infrastrutture energetiche dirette dal Caspio al Mediterraneo passando per il Caucaso nega anche a Pechino (nel 2005 il secondo maggior consumatore di petrolio, dietro agli Stati Uniti 60 ) laccesso alle risorse energetiche del Caspio, cui la Repubblica Popolare interessata per soddisfare il proprio crescente fabbisogno e che costituiscono una delle ragioni principali del suo coinvolgimento nellarea. In questottica la politica cinese di inserimento attivo nella partita per le risorse energetiche [] rischia di indebolire fatalmente il tentativo statunitense di affermare il primato americano nel Caspio61 . Daltro canto anche il tentativo russo di riaffermare la tradizionale influenza nel suo estero vicino passa per il controllo sulle principali infrastrutture per lesportazione delle risorse energetiche da essi detenute e sulle reti di distribuzione delle stesse risorse allinterno dei Paesi del Caucaso e dellAsia Centrale. Basti pensare che la Russia per ora lacquirente pressoch esclusivo del gas estratto in Turkmenistan, che viene quindi trasferito sui mercati grazie al
S.E. CORNELL - F. ISMAILZADE, The Baku-Tbilisi-Ceyhan Pipeline: Implications for Azerbaijan, in S.F. STARR - S.E. CORNELL (a cura di), The Baku-Tbilisi-Ceyhan Pipeline: Oil Window to the West, cit., p. 79. 59 Riportato in BTC, la nuova pedina del Grande Gioco petrolifero, in Il Sole 24 Ore, 25 maggio 2005, http://www.ilsole24ore.com. 60 BP, Statistical Review of World Energy, cit., p. 11. 61 L. MAUGERI, Il Caspio divide Russia e America, in Il Sole 24 Ore, 18 maggio 2006.
58

126

sistema di gasdotti russo; che nel complesso Gazprom, Itera e Rao Ues dominano le reti di distribuzione del gas e dellelettricit, nonch i principali impianti di produzione dellenergia elettrica in Armenia, Georgia e repubbliche dellAsia centrale; e che Mosca sempre pi consapevole anche dellimportanza del controllo degli impianti idroelettrici dellAsia centrale per far sentire il peso determinante della propria voce nella gestione delle risorse idriche della regione, e quindi massimizzare la propria influenza politica 62 . Parallelamente Mosca si oppone alla costruzione di nuovi oleodotti e gasdotti che trasportino le risorse del Caspio indipendentemente dal controllo russo, prime fra tutte le infrastrutture sponsorizzate dagli Stati Uniti e passanti per il Caucaso meridionale: tali infrastrutture infatti fanno cadere uno degli indispensabili presupposti grazie ai quali la Russia pu mantenere una forte influenza politicostrategica sulla regione. A dimostrazione dellimportanza che la partita delle infrastrutture energetiche ha assunto nella politica regionale russa, nel febbraio scorso (circa tre mesi prima della prevista apertura delloleodotto Baku-TbilisiCeyhan) Mosca ha cercato di recuperare parte del proprio controllo sulle risorse energetiche del Caspio proponendo allAzerbaigian un accordo di lungo termine sulle quantit di petrolio da trasportare attraverso il vecchio oleodotto BakuNovorossijsk, nel tentativo di impedire un completo abbandono delloleodotto passante sul territorio russo come via di esportazione del petrolio azero 63 . Ancora pi che in Azerbaigian, il cosiddetto Grande Gioco si manifesta in Georgia. Non solo sul territorio georgiano transitano tanto il sistema Btc-Scp quanto loleodotto Baku-Supsa, ma il Paese acquista anche una speciale rilevanza strategica per la stabilit regionale in considerazione dello stato di conflitto esistente tra gli altri due Stati caucasici. La stabilit della Georgia quindi essenziale per rafforzare la posizione degli Stati Uniti nella regione, e per dimostrare la validit dellappoggio americano alloleodotto Btc e in definitiva di tutta la politica americana verso il Caucaso: a questo proposito infatti da segnalare la crescente partecipazione americana al mantenimento della stabilit della Georgia, anzitutto con consistenti contributi economici a sostegno dellintegrit territoriale del Paese (il riferimento ovviamente alle questioni dellOssetia meridionale e dellAbkhazia) 64 , e soprattutto inviando a partire dal 2002 numerosi consiglieri militari in chiave antiterroristica. Leffetto complessivo dellintrecciarsi delle strategie e rivalit delle potenze impegnate nel Grande Gioco e dei soggetti locali che possono sfruttare tali
62

Ibidem; M. TSERETELI, Russian Energy Expansion in Caucasus: Risks and Mitigation Strategy, in Central Asia-Caucasus Analyst, 27 August 2003, http://www.cacianalyst.org; M. BRILL OLCOTT, The Great Powers in Central Asia, cit., p. 334. 63 Moscow Proposes Oil Transport Deal to Azerbaijan, in Axis Information and Analysis, 23 February 2006, http://www.axisglobe.com. 64 UNITED STATES DEPARTMENT OF STATE, U.S. Pledges $2 Million for South Ossetia Economic Rehabilitation e U.S. Donate $2 Million for Georgias South Ossetia Region, 14 June 2006, http://usinfo.state.gov.

127

rivalit a proprio vantaggio quello di ampliare le opzioni di politica estera degli Stati locali e di esaltare il loro ruolo nella regione. Da questo punto di vista, il Paese che ha saputo maggiormente beneficiare dellandamento della partita per le infrastrutture energetiche, e che pertanto incarna meglio la strategia di sviluppo di molteplici direttrici lungo cui incanalare la propria politica estera, forse il Kazachstan. La Multiple Pipeline Strategy americana e soprattutto il corridoio di trasporto caucasico rafforzano la posizione del Paese nei confronti della Russia garantendone una maggiore indipendenza, consentono lo sviluppo di una strategia di esportazione delle risorse energetiche capace di aggiustare secondo opportunit i flussi petroliferi diretti rispettivamente verso Russia, Cina e Occidente (tramite il Caucaso) e di equilibrare volta per volta i tre maggiori poli (Russia, Cina e Stati Uniti) con cui Astana in relazione, e in definitiva soddisfa lambizione del Kazachstan a divenire un soggetto importante nei mercati energetici capace di sviluppare relazioni vantaggiose con le maggiori potenze extra-regionali 65 . Allo stesso modo la realizzazione del corridoio caucasico per Baku unopportunit preziosa per ampliare il proprio raggio dazione internazionale e sviluppare, tramite le prospettive di estensione transcaspiana del sistema Btc-Scp e dei corridoi Traceca e Inogate, una politica estera che coinvolgendo i Paesi dellAsia centrale esalti la posizione e il valore politico-strategico dellAzerbaigian. 3. Conclusioni: lEuropa, la sicurezza energetica e il cosiddetto Grande Gioco del Caspio Lintero sistema di infrastrutture per il trasporto delle risorse energetiche attraverso il Caucaso sembra dunque risentire delle decisioni politico-strategiche di Washington, nellambito del pi generale approccio degli Stati Uniti verso quella vasta regione che si estende dal Mediterraneo orientale ai confini cinesi, pi ancora che dellinsieme di ragioni economiche legate alla questione energetica. Per citare le parole del Presidente dellAzerbaigian Ilham Aliyev: se non fosse stato per il sostegno degli Stati Uniti, non avremmo mai potuto trasformare questi progetti in realt 66 . Anche se lEuropa dovrebbe, almeno in teoria e nelle dichiarazioni ufficiali, essere il soggetto maggiormente interessato alle risorse energetiche del Caspio per accrescere la propria sicurezza energetica minimizzando la propria dipendenza dalla Russia, lUnione Europea stata sostanzialmente assente nel cosiddetto Grande Gioco nel Caucaso meridionale. Molto pi dellempasse in cui si trovano gli ambiziosi programmi Traceca e Inogate, penalizzati dalla scarsit di fondi e di iniziative di rilievo per alimentare la cooperazione tra Europa da un lato e Caucaso ed Asia centrale dallaltro, pesa la mancanza di una visione strategica
S.F. STARR - S.E. CORNELL, The Politics of Pipelines: Bringing Caspian Energy to Markets, cit. 66 Riportato in G. ISMAILOVA, Baku-Tbilisi-Ceyhan Oil Pipeline Is Put into Operation, in Central Asia-Caucasus Analyst, 1 June 2005, http://www.cacianalyst.org.
65

128

attiva e condivisa 67 . Eppure, la questione della sicurezza energetica e la crescente interdipendenza che si sta creando tra Europa e Caucaso rendono un eventuale deterioramento della stabilit nel Caucaso una minaccia per la stessa sicurezza europea: sembra dunque necessario che i Paesi europei identifichino rapidamente una strategia attiva e condivisa verso la regione.

67

L. MAUGERI, Il Caspio divide Russia e America, cit.

129

LEVOLUZIONE DELLE STRATEGIE RUSSE NEL CAUCASO (1991-2006) Aldo Ferrari

Introduzione La dissoluzione dellUrss, avvenuta alla fine del 1991, ha avuto conseguenze particolarmente notevoli in una regione complessa e tormentata come quella caucasica 1 . Il risultato pi significativo stato lindipendenza di Georgia, Armenia e Azerbaigian, che in epoca sovietica avevano lo status di repubbliche federate. Dopo quasi due secoli la Russia ha cos perso le sue conquiste transcaucasiche, con le quali aveva avuto un rapporto che nel complesso pu essere considerato positivo. Conserva invece al suo interno le indocili popolazioni del Caucaso settentrionale, inquadrate in repubbliche o regioni autonome 2 . Nel primo periodo post-sovietico la Russia si quindi trovata a dover sostenere nei confronti del Caucaso una politica di doppio registro, interna ed esterna al tempo stesso, resa estremamente difficile dalla profonda crisi politica, economica e culturale che lha coinvolta soprattutto negli anni Novanta dello scorso secolo. In questo senso il Caucaso costituisce per la Russia una sorta di duplice confine, interno ed esterno al tempo stesso 3 . Conviene qui esaminarne lo sviluppo a partire dalla distinzione fondamentale tra i due versanti del Caucaso, luno ancora inserito nella compagine federale russa, laltro ormai indipendente. A Mosca, tuttavia, lintera regione caucasica viene percepita come un unico sistema, sia nella sfera economica che in quella di sicurezza 4 . Si tratta in effetti della regione pi turbolenta dellintera area ex-sovietica, che mette a dura prova le capacit politiche del Cremlino, i cui interessi fondamentali sono essenzialmente due: preservare lintegrit territoriale della Federazione nel Caucaso settentrionale e salvaguardare i propri interessi strategici ed economici nella Transcaucasia. Come stato osservato, Pi ancora che in altre aree ex sovietiche, in quella caucasica la
Per uno sguardo pi vasto sulla storia antica e recente del Caucaso rimando al mio recente saggio Il Caucaso. Popoli e conflitti di una frontiera europea, Roma, 2005. 2 Strumenti utili per leggere la complessa situazione attuale sono: N. BEROUTCHACHVILI - J. RADVANY (a cura di), Atlas gopolitique informatique du Caucase, Paris, 1996 e A. CUCIEV, Atlas Etnopolitieskoj istorii Kavkaza, 1774-2004, Moskva, 2006. 3 Si veda a questo riguardo A. FERRARI, La Russia e il limes caucasico (1801-2002), in L. ZARRILLI (a cura di), La grande regione del Caspio. Percorsi storici e prospettive geopolitiche, Milano, 2004, pp. 17-42. 4 D. LYNCH, A Regional Insecurity Dynamic, in The South Caucasus: A Challenge for the EU, Chaillot Papers, 2003, 75, p. 17.
1

130

fondamentale e dominante finalit strategica russa rimane quella della conservazione di un ruolo egemonico primario di influenza politica 5 . In questo studio la politica della Russia verso il Caucaso verr esaminata in due fasi corrispondenti la prima alla presidenza di Boris Elcin, la seconda a quella di Vladimir Putin e seguendone levoluzione. 1. Il Caucaso settentrionale Se la dissoluzione dellUrss ha consentito alle tre repubbliche della Transcaucasia di trovare una loro pur sofferta ed ancora incompleta indipendenza da Mosca, le popolazioni del Caucaso settentrionale, tradizionalmente le pi avverse al dominio russo e sovietico, sono invece rimaste inserite nel quadro della Federazione Russa con lo status di repubbliche o regioni autonome. Bisogna inoltre considerare che in gran parte di queste entit autonome esiste una forte componente russa (31, 8% in Ossetia settentrionale, 71, 8% nella regione autonoma adighea ecc.) 6 . Nel Caucaso Settentrionale la Russia post-sovietica deve fronteggiare una situazione quanto mai complessa, in cui interagiscono fattori differenti. Bench la maggior parte delle popolazioni locali siano musulmane, laspetto religioso sembra essere secondario se non, in parte, nel caso della Cecenia e del Dagestan, dove lislam pi antico e strutturato 7 . Dopo la fine dellUrss sono in effetti venuti al pettine soprattutto i nodi creati dalla politica delle nazionalit portata avanti negli anni Venti, in primo luogo il collegamento tra laltro quasi sempre imperfetto tra etnie e territori, compromesso ulteriormente dalle repressioni staliniane. Al di l di ogni giudizio di merito, la territorializzazione delle identit locali, in precedenza di carattere sostanzialmente tribale, ha determinato una serie di conflitti latenti 8 , aggravati dalle deportazioni staliniane alla fine della seconda guerra mondiale e dalla infelice gestione del ritorno dei popoli deportati 9 . Lapparente e relativa tranquillit di questi territori dopo il ritorno in essi dei deportati in seguito al XX Congresso ha dimostrato negli immediati anni post-sovietici tutta la sua precariet. La possibilit che linserimento nella Federazione Russa venga sostituito da una struttura politica unitaria che comprenda tutti i popoli del Caucaso del Nord, o almeno una loro sensibile parte, sembra tuttavia remota. E non solo per lindisponibilit di Mosca. Il punto che
A. VITALE, La politica estera russa e il Caucaso, in Quaderni di Relazioni Internazionali, 2006, 1, p. 40. 6 Questi dati sono quelli dellultimo censimento sovietico, del 1989. Cfr. P. B. HENZE, The Demography of the Caucasus According to 1989 Soviet Census Data, in Central Asian Survey, 10, 1991, 1/2, p. 158. 7 A. BENNIGSEN - C. LEMERCIER QUELQUEJAY, Lislam parallelo. Le confraternite musulmane in Unione sovietica, a cura di E. FASANA (trad. it.), Genova, 1990. 8 S. SALVI, La mezzaluna con la stella rossa. Origini, storia e destino dellislam sovietico, Genova, 1993, pp. 259-264. 9 A. NEKRI, Popoli deportati. Il genocidio delle minoranze nazionali sotto Stalin: una ferita ancora aperta, trad. it., Milano, 1978.
5

131

la politica nazionale sovietica ha sensibilmente rinforzato le singole identit etnico-nazionali, ormai fortemente collegate a entit politico-territoriali. Allo stato attuale dei fatti, cio, appare poco probabile che le popolazioni del Caucaso del Nord possano realmente trovare una qualche forma di unit politica. Neppure la fede islamica, pur condivisa dalla grande maggioranza delle popolazioni del Caucaso settentrionale, assai spesso in maniera intensa, sembra poter costituire un fattore unificante davvero efficace a livello politico. Nell'intera regione, tuttavia, il peso dell'islam continua ad essere forte, soprattutto grazie all'azione delle confraternite, che neppure le dure repressioni sovietiche sono riuscite a smantellare ed hanno oggi ripreso a far sentire il loro influsso. Esistono anche organizzazioni politiche in primo luogo il Partito della Rinascita Islamica che in nome della comune fede religiosa chiedono il superamento delle divisioni etniche, riprendendo in questo modo il modello ottocentesco dell'imam amil', ma una prospettiva unitaria panislamica appare sinora inconsistente nel Caucaso come nelle altre regioni musulmane ex sovietiche. Nel Caucaso Settentrionale, cio, la Federazione Russa si trovata a fronteggiare una situazione quanto mai complessa, ma nella quale laspetto religioso sembra essere secondario se non, in parte, nel caso della Cecenia e del Dagestan. La prima contesa che esplose fu quella del distretto di Prigorodnyj, attribuito allOssetia dopo la soppressione della repubblica autonoma della CeceniaInguscetia e deportazione della sua popolazione, nel giugno 1946. Anche dopo la ricostituzione di tale repubblica nel 1957, il distretto rimase allOssetia e i deportati ingusci che vi fecero ritorno trovarono le loro case occupate da osseti, i quali si rifiutarono di restituirle, appoggiati dalle autorit locali. Il conflitto rimase insoluto ma latente negli ultimi decenni sovietici, ma si intensific nel 1990-91 ed esplose nel 1992 con violenti scontri tra le due popolazioni, imponendo linvio di truppe russe a separare i contendenti. Gli ingusci, musulmani, continuano ad essere visti, al pari dei loro consanguinei ceceni, come una popolazione tradizionalmente ostile alla Russia. Le accuse ai russi di appoggiare gli osseti, prevalentemente cristiani e loro tradizionali alleati, sembrano pertanto essere almeno in parte giustificate. Latteggiamento sostanzialmente favorevole agli osseti da parte di Mosca va inserito nelle dinamiche di lungo termine del rapporto tra la Russia ed il Caucaso, dove questa popolazione costituisce da sempre un importante sostegno delle strategie russe. Non a caso Mosca ha sostanzialmente appoggiato anche le rivendicazioni degli osseti meridionali, che chiedono l'unione dell'Ossetia settentrionale e di quella meridionale, inserita nella repubblica georgiana 10 . In definitiva il conflitto osseto-inguscio ha fornito alla Russia il pretesto per riprendere saldamente il controllo militare su un territorio importante della regione nord-caucasica. Lazione russa in Inguscetia va inoltre inquadrata nellambito del confronto con la Cecenia, proclamatasi indipendente gi alla fine del 1991.
Sulle complesse dinamiche ossete si veda larticolo di J. BIRCH, Ossetiya Land of Uncertain Frontiers and Manipulative Elites, in Central Asian Survey, 1999, 4, pp. 501-534.
10

132

Nelle due repubbliche autonome del Caucaso del Nord, la Caraciaia-Circassia e la Cabardino-Balcaria, esistono invece contrasti tra le popolazioni caucasiche (circassi, adighei e cabardini, parlanti diverse varianti di ununica lingua ed appartenenti alletnia circassa) e turche (caraciai e balcari). Popolazioni cervelloticamente inserite in epoca sovietica in due entit politiche etnicamente miste e che cercano ora di ricomporsi secondo linee etniche e territoriali pi coerenti, in sostanza costituendo una repubblica cabardino-circassa nel nord ed una caraciai-balcara nel sud montagnoso 11 . Liniziativa soprattutto nelle mani delle due popolazioni turche delle repubbliche, mentre quelle circasse sono meno attive. In ogni caso si tratta di popolazioni interamente musulmane, il che costituisce un parziale deterrente ad un loro scontro diretto. La situazione tuttavia aggravata dalla presenza di una consistente popolazione russa, perlopi di origine cosacca, quindi con unantica tradizione di animosit nei confronti dei musulmani locali 12 . Il governo russo sembra propenso a riprendere la politica zarista di usare questa popolazione cosacca come un utile strumento di pressione nei confronti delle popolazioni circasse e turche delle due repubbliche 13 . In entrambe, tuttavia, la situazione rimasta sotto il controllo russo e sino a pochi anni fa non si sono avute gravi tensioni, anche perch al vertice sono rimasti uomini della nomenklatura sovietica, poco propensi ad avventure di tipo nazionalista o religioso. Prima di passare ad occuparci del caso ceceno, conviene prendere in considerazione il rapporto tra Mosca ed il Dagestan. Questultimo, organizzato in repubblica autonoma, stato a lungo insieme alla Cecenia la regione pi ostile alla dominazione russa. Il grande amil, che nellOttocento guid la resistenza antirussa, apparteneva ad una delle sue numerose popolazioni, gli avari, ed anche nel corso della ribellione al potere sovietico nel 1920-22 il Dagestan fu al centro degli eventi. Nonostante questo, per, la regione non venne coinvolta nella deportazione dei popoli avvenuta nel corso della Seconda Guerra Mondiale, forse per il timore in una sollevazione generale. Probabilmente proprio laver evitato questa tragedia la ragione della relativa tranquillit della regione negli ultimi decenni sovietici, nel corso del quale le cariche politiche venivano distribuite alle molte, oltre trenta, comunit etniche della repubblica con un sistema di ripartizione simile al modello libanese. Anche negli anni immediatamente successivi alla dissoluzione dellUrss, i problemi principali del Dagestan sono stati di ordine interno: da un lato laspirazione di una delle sue popolazioni i lesghi di riunirsi ai connazionali inseriti nellAzerbaigian, dallaltro il conflitto tra la piccola comunit cecena locale (i cosiddetti akkiny) con quella dei lachi, che aveva occupato le loro terre durante la deportazione. Anche nel corso delle due guerre della Russia con la Cecenia, quando molti ritenevano che il Dagestan avrebbe aiutato i suoi vicini, nulla di rilevante in
11 12

S.E. CORNELL, Conflicts in the North Caucasus, in Central Asian Survey, 1998, 3, p. 420. V. AVIOUTSKII, Les cosaques au Nord-Caucase, in Hrodote, 1996, 81, pp. 126-150. 13 S.E. CORNELL, Conflicts in the North Caucasus, cit., p. 422.

133

effetti avvenuto, bench la parte nord-occidentale della repubblica sia stata marginalmente coinvolta negli scontri. La ragione principale di questa estraneit va vista nel fatto che, a differenza di quanto avvenuto in Cecenia, nel Dagestan rimasta sinora al potere llite sovietica di orientamento se non filo-russo, almeno non ostile alla Russia. Inoltre, come si detto, le popolazioni della regione non hanno memoria diretta dellorrore delle deportazioni. Infine, lestrema frammentazione etnica del paese rende poco agevole organizzare dellopposizione a Mosca, dalla quale il Dagestan dipende economiche in maniera pressoch assoluta 14 . Non vi dubbio peraltro che esista un sentimento anti-russo allinterno delle popolazioni dagestane, tra le quali la pratica islamica particolarmente radicata, ma senza un cambio al vertice politico difficile che possa affermarsi. Vi sono tuttavia diversi segnali del fatto che la presa delllite sovietica sulla repubblica si sta attualmente attenuando 15 . In particolare il Dagestan costituisce il centro di una rinascita dellislam, che peraltro non mai stato sradicato, neppure in epoca sovietica, grazie allazione delle confraternite sufi 16 . Adesso la fase clandestina solo un ricordo e nelle scuole della repubblica, soprattutto nei distretti nord-occidentali, si stanno diffondendo classi di arabo e di Corano 17 . Tutto questo tende, insieme con la rinascente pratica del pellegrinaggio alla Mecca, a riavvicinare i dagestani, come le altre popolazioni musulmane del Caucaso del Nord, al mondo islamico. Sin dalla dissoluzione dell'Urss, tuttavia, il problema di maggior rilevanza della regione ciscaucasica rappresentato dalla Cecenia. Nonostante il suo passato di strenua opposizione alla Russia, non vi dubbio che un fattore determinante nel costituirsi di questa regione a bastione irriducibile della lotta dei popoli caucasici a Mosca sia stato l'aver trovato sin dall'inizio un leader energico come Dochar Dudaev. Questi, un ex generale sovietico, nell'ottobre del 1991 riusc a prendere il potere a Groznyj indicendo un referendum nel quale venne sancita unilateralmente unica tra le repubbliche della Federazione Russa lindipendenza della Cecenia-Inguscetia. Lo stesso Dudaev ne divenne presidente, chiedendo la solidariet delle altre popolazioni caucasiche e dei musulmani in generale 18 . Elcin avrebbe voluto reprimere immediatamente questa secessione, ma il parlamento russo annull il suo decreto sullo stato d'emergenza, allontanando per tre anni lo scontro armato. Nessuna delle altre repubbliche caucasiche ebbe per il coraggio di seguire lesempio ceceno, anzi nel marzo del 1992 gli ingusci si separarono dalla Cecenia ed aderirono al nuovo trattato federale russo. Nel
Ibidem, p. 430. R. BRUCE - E. KISRIEV, After Chechnya: New Dangers in Daghestan, in Central Asian Survey, 1997, 3, pp. 401-412. 16 T. ZARCONE, Vitalit e influenza delle confraternite e del sufismo nella regione del Caucaso, in M. STEPANIANTS (a cura di), Sufismo e confraternite nellislam contemporaneo. Il difficile equilibrio tra mistica e politica, Torino, 2003, pp. 161-181. 17 R. BRUCE - E. KISRIEV, The Islamic Factor in Dagestan, in Central Asian Survey, 2000, 2, pp. 235-252. 18 S. SALVI, Breve storia della Cecenia, Firenze, 1995, p. 41.
15 14

134

frattempo la Russia esercit un rigido blocco economico nei confronti della Cecenia, che fu allora abbandonata da quasi tutti i russi che vi risiedevano 19 . Oltre a ci, Mosca foment lopposizione interna a Dudaev, che nellottobre del 1994 tent di conquistare Groznyj con lappoggio dellaviazione russa. Il fallimento di questo tentativo indusse Elcin ad invadere la Cecenia, iniziando una guerra rivelatasi rovinosa. Le truppe russe riuscirono dopo molti sforzi ad occupare la parte pianeggiante della Cecenia, inclusa la capitale Groznyj (ridotta in macerie dai bombardamenti aerei), ma la resistenza cecena si concentr sulle montagne e produsse clamorose azioni terroristiche. Prima tra tutte quella di Budennovsk, in territorio russo, dove un commando guidato da amil Basaev, si impadron nel giugno 1995 dellospedale locale, riuscendo a resistere al sanguinoso intervento delle truppe speciali ed ottenendo un salvacondotto per rientrare in patria. Nonostante luccisione di Dudaev avvenuta nellaprile del 1996, lavventura bellica in Cecenia divenne sempre pi invisa allopinione pubblica russa. La decisione di porre fine alle ostilit venne rafforzata dalla improvvisa e sconcertante riconquista di Groznyj da parte dei ceceni nei primi giorni dellagosto 1996. Il 23 di quel mese, A. Lebed, il plenipotenziario russo inviato dal presidente Elcin a risolvere la contesa con i ceceni, sottoscrisse un cessate il fuoco che prevedeva la partenza immediata delle truppe russe dalla Cecenia. Lo stesso Lebed stipul poi con Aslan Maschadov, divenuto il principale capo della resistenza cecena dopo la morte di Dudaev, laccordo di Chazav Jurt, in base al quale lo status definitivo della Cecenia sarebbe stato rinviato di 5 anni 20 . Sotto la guida di Maschadov, eletto Presidente della Repubblica nel gennaio 1997 e riconosciuto tale dalla Russia, la Cecenia ha conosciuto alcuni anni di confusa e precaria indipendenza. I negoziati con la Russia per definire il nuovo status della repubblica sono apparsi subito inconcludenti, nonostante la stipula di un trattato di pace nel maggio 1997. Da parte russa la possibilit di riconoscere una piena indipendenza alla Cecenia era preclusa da considerazioni tanto politiche quanto economiche. Lindipendenza cecena avrebbe da un lato potuto stimolare analoghe richieste da parte di altre repubbliche della Federazione, caucasiche e non, con in prospettiva il rischio di una disgregazione dellintero paese. Da un punto di vista economico, inoltre, la Cecenia non particolarmente ricca di petrolio, ma attraverso essa passa quello prodotto nellAzerbaigian, che viene esportato in Occidente attraverso il porto di Novorossijsk, sul Mar Nero. Un accordo, siglato nel settembre 1997, regol provvisoriamente la questione del transito di questo petrolio 21 . Da un punto di vista politico la Russia offriva in sostanza alla Cecenia uno status di ampia autonomia, simile a quello di cui gode il Tatarstan allinterno della federazione. Ma da parte cecena questo appariva insufficiente, soprattutto dopo una guerra sostanzialmente vinta. Di fronte alla Russia si pose quindi un
Ibidem, p. 44. M. BENNIGSEN BROXUP, Chechnya: Political Development and Strategic Implication for the North Caucasus, in Central Asian Survey, 1999, 4, p. 545. 21 Ibidem, p. 556.
20 19

135

dilemma: riconoscere lindipendenza cecena, col rischio di innescare un processo di progressiva secessione dei soggetti della Federazione, almeno nel Caucaso settentrionale, oppure ritornare alluso della forza, con una migliore programmazione dellazione militare? 2. La Transcaucasia A differenza di quanto fece lUrss nei primi anni 20, la Russia post-sovietica non stata in grado di arrestare il cammino verso lindipendenza delle repubbliche transcaucasiche. E questo sia per una almeno iniziale rottura ideologica con il passato imperiale sia per il caos politico-diplomatico dellimmediato periodo postsovietico. Come stato osservato, ... per dimensioni e ritmi di attivit economica, coerenza ed equilibrio nella politica estera la Russia attuale non raggiunge neppure il livello di una potenza regionale come la Turchia 22 . Pur con ripetute e spesso pesanti intromissioni nella vita politica di questi paesi, soprattutto di Georgia e Azerbaigian, Mosca non sembra avere leffettiva possibilit di muoversi davvero in una direzione neo-imperiale. Oltre a ci, anche psicologicamente lopinione pubblica russa tende a disinteressarsi sempre pi di questa regione, coinvolgendo le tre repubbliche transcaucasiche in una pi generale avversione per il Caucaso derivante in primo luogo dalle vicende cecene 23 . Tra laltro, in tutta la Transcaucasia la percentuale dei russi residenti assai bassa, certo assai minore delle percentuali riportate dallultimo censimento sovietico (7,38% in Georgia, 1,84% in Armenia, 6,16% in Azerbaigian) 24 . Occorre tuttavia tener presente che la Russia considera anche la Transcaucasia come le altre aree ex sovietiche un Estero Vicino (Blizkoe Zarubee), vale a dire uno spazio storicamente, politicamente ed economicamente legato ai suoi interessi vitali. Questo senza presupporre necessariamente una ricomposizione imperiale, ma ponendosi come fine, non sempre apertamente confessato, quello della reintegrazione sovrastatale delle repubbliche ex sovietiche e dellautodeterminazione delle minoranze russe in esse contenute 25 . Soprattutto a partire dalla fine del 1993, Mosca ha esplicitato i suoi interessi e le sue priorit riguardo ai conflitti nellex-Urss, rivendicando: a) le funzioni di peacekeeping e difesa delle minoranze nazionali, in particolare russofone, in tutto l estero vicino; b) il mantenimento della stabilit nel territorio dellintera Csi e la formazione di una fascia di buon vicinato lungo i confini russi, da assicurare anche per mezzo di forze militari; c) un ruolo speciale allinterno della Csi, non solo per i suoi specifici interessi nazionali, ma anche alla luce del fatto che
S. PANARIN, Konflikty v Zakavkaze: pozicii storon, perspektivy uregulirovanija, vozmonyj vklad Rossii, in Vestnik Evrazii, 1999, 1/2, p. 122. 23 Ibidem, p. 123. 24 P.B. HENZE, The Demography of the Caucasus According to 1989 Soviet Census Data, cit., p. 151. 25 A. VITALE, La politica estera russa e il Caucaso, cit., p. 44.
22

136

nessuno stato estero e nessuna organizzazione internazionale ha mostrato lintenzione o la capacit di sostituire la Russia in questo ruolo. Tali rivendicazioni non escludono per la richiesta di collaborazione con Onu e Osce nella gestione delle aree di crisi nello spazio ex-sovietico 26 . La Transcaucasica una regione di enorme significato strategico ed economico per la Russia, la cui politica nella regione risulta solo limitatamente efficace, in primo luogo a causa del divario esistente tra le ambizioni a rimanere nella regione come forza dominante e le potenzialit a disposizione 27 . Lazione di Mosca in Transcaucasia peraltro favorita da alcuni fattori di notevole rilevanza: la contiguit territoriale, lappartenenza dellintera regione allarea linguistica russa e la comune esperienza sovietica (che facilita le possibilit di comprensione e dialogo), il prevalente orientamento verso la Russia dei flussi economici ed umani locali (che aumenta linteresse delle popolazioni transcaucasiche alla conservazione di vasti legami economici, politici ed umanitari con la Russia), la presenza, infine, di basi e truppe russe di peace-making nella regione (grazie alle quali la Russia pu ancora esercitare una notevole pressione di breve termine) 28 . Dal punto di vista strategico Mosca evidentemente interessata ad avere a sud della nuova e turbolenta frontiera caucasica una fascia di paesi non ostili, che le consentano di mantenere i suoi interessi nella regione. Si tratta di interessi legati sostanzialmente alle fonti di energia. In primo luogo al petrolio nel Caspio, che dopo il crollo dellUrss passato sotto il controllo dellAzerbaigian indipendente, dal quale le compagnie occidentali hanno presto ottenuto la maggior parte dei diritti di sfruttamento 29 . Ma anche a quello del Kazachstan, che insieme con il gas del Turkmenistan per essere avviato verso i mercati occidentali deve transitare attraverso il Caucaso seguendo un percorso che stato al centro di accanite dispute tra i paesi interessati (Russia, Turchia, Iran, Azerbaigian, Armenia, Georgia) e che nel summit Osce di Istanbul del novembre 1999 si risolse a favore della linea Baku-Tbilisi-Ceyhan. Una soluzione duramente ma vanamente osteggiata dalla Russia, che viene tagliata fuori da questa direttrice, come anche lArmenia e lIran, eterogeneo asse di paesi esclusi dal nuovo Eldorado petrolifero del Caspio.

D. DANILOV, Russias Search for an International Mandate in Transcaucasia, in B. COPPETIERS (ed.), Contested Borders in the Caucasus, Bruxelles, 1995 (consultabile in rete: http://poli.vub.ac.be/ publi/ContBorders/eng/contents.htm). 27 P. BAEV, Russias Policy in North and South Caucasus, in The South Caucasus: A Challenge for the EU, cit., p. 41. 28 S. PANARIN, Konflikty v Zakavkaze: pozicii storon, perspektivy uregulirovanija, vozmonyj vklad Rossii, cit., pp. 123-123. 29 A. COHEN, The New Great Game: Pipeline Politics in Eurasia, in Eurasian Studies, 1996, 1, pp. 2-25; R. GOULIEV, Oil and Politics. New Relationships among the Oil-Producing States: Azerbaijan, Russia, Kazakhstan, and the West, New York, 1997; J. FEDOROV, Neft i politika Azerbajdana, Moskva, 1997; R. MUSABEKOV, Nezavisimyj Azerbaidan: Neft i politika, in Centralnaja Azija i Kavkaz, 1998, 1, pp. 48-52.

26

137

Da un punto di vista militare la Russia ha cercato in questi anni di mantenere la sua presenza in Transcaucasia, impegnandosi ad impedire la penetrazione di agenti esterni (in primo luogo, ovviamente, Turchia e Iran, ma anche Stati Uniti e Nato), anche solo a livello di assistenza militare e fornitura di armi. Come in Asia Centrale, tuttavia, anche nel Caucaso la Russia ha voluto prendere il controllo dei confini esterni della Csi (coincidenti con quelli sovietici), ma se in Armenia la presenza del suo esercito benvenuta (come deterrente nei confronti non tanto dellAzerbaigian quanto della Turchia), lAzerbaigian ne ha preteso il ritiro sin dal 1993. E la Georgia ha di recente ottenuto linizio della chiusura delle basi russe. In effetti la politica della Russia post-sovietica nei confronti della Transcaucasia stata in larga misura determinata dallatteggiamento delle nuove repubbliche indipendenti. Tra queste solo lArmenia entrata sin dallinizio nella Csi, mostrando cos di voler mantenere un legame preferenziale con la Russia, reso obbligato non tanto, o non solo, dalle tradizionali buone relazioni tra i due paesi quanto da una situazione geopolitica estremamente rischiosa a causa della guerra non dichiarata con lAzerbaigian per lAlto Karabakh e lostilit della Turchia. Tbilisi e Baku, guidate da due accesi nazionalisti, il georgiano Gamsakhurdia e lazero Elchibey (eletto nel giugno 1992), hanno avuto inizialmente un atteggiamento pi ostile, rifiutandosi di aderire alla Csi. Gamsakhurdia, fautore di una politica micro-imperiale ostile sia alla Russia che alle autonomie delle minoranze etniche 30 , riusc in breve a suscitare una aperta resistenza da parte di Abkhazi e osseti, subito appoggiati da Mosca. Alla quale non era certo pi gradito Elchibey, sostenitore dellavvicinamento - anche militare - alla Turchia. Si spiega cos il sostegno offerto allArmenia nel conflitto per lAlto Karabakh per premiarla della sua immediata scelta filo-russa e, al contrario, quello offerto ai separatisti abkhazi per punire la Georgia della sua infedelt 31 . In entrambi i casi, tuttavia, tale sostegno non stato decisivo 32 n assoluto, in quanto sarebbe imprudente per uno stato multi-etnico come la Russia appoggiare in maniera troppo aperta le rivendicazioni separatiste delle diverse etnie caucasiche. Allo stesso modo non sorprende che la Russia abbia appoggiato i nemici interni di Gamsakhurdia e Elchibey, rovesciati in maniera violenta nel corso del 1992 e sostituiti da Shevarnadze e Aliyev, persone dal lungo trascorso sovietico, che senza affatto divenire fantocci di Mosca, anzi mostrando maggiore autonomia di quanto sembrasse prevedibile, hanno promosso comunque una politica pi realista: alla fine del 1993 Georgia e Azerbaigian, soccombenti nei rispettivi
O. VASILIEVA, La Georgia quale modello di piccolo impero, in C. M. SANTORO (a cura di), Nazionalismo e sviluppo politico nellex URSS, Milano, 1995, pp. 206-228. 31 A. DE TINGUY, La Russie en Transcaucasie: chef dorchestre ou mdiator, in R.M. DJALALI (ed.), Le Caucase postsovitique: La transition dans le conflit, Bruxelles/Paris, 1995, pp.152-153. 32 La ragione principale della netta vittoria militare di queste minoranze, enormemente inferiori da un punto di vista numerico rispetto ad azeri e georgiani, deve essere visto nella loro assai maggiore combattivit, che deriva in primo luogo dalla comune percezione di una gravissima minaccia alla propria identit etno-culturale. Cfr. S. PANARIN, Konflikty v Zakavkaze: pozicii storon, perspektivy uregulirovanija, vozmonyj vklad Rossii, cit, p. 115.
30

138

conflitti interni, aderirono alla Csi. E Aliyev, pur rifiutando di accogliere truppe di Mosca sul territorio dellAzerbaigian, attribu alla Lukoil lente russo per le risorse energetiche una percentuale, limitata peraltro al 10%, nello sfruttamento dei giacimenti petroliferi. La Georgia, invece, con un trattato bilaterale del 1995 concesse alla Russia il diritto a mantenere per 25 anni le quattro basi presenti sul suo territorio. A parte quella di Vaziani, situata nei pressi di Tbilisi, le altre basi russe si trovavano proprio in regioni pi o meno fuori del controllo del governo centrale: a Batumi, in Agiaria, a Gudauta, in Abkhazia, a Akhalkalaki, in Javakheti 33 . Nel complesso sembra di poter individuare due linee alternative della politica estera russa verso la Transcaucasia. Una, prevalente ma applicata soprattutto nei confronti di Georgia e Azerbaigian, prevede rapporti di coesistenza regolati dal diritto internazionale. Laltra, ufficialmente non riconosciuta, ritiene che la Russia sia costretta dalla particolare situazione post-sovietica a difendere i suoi interessi vitali anche al di fuori di tali norme, privilegiando gli interlocutori ad essa pi favorevoli, vale a dire armeni, osseti ed abkhazi 34 . In pratica queste due linee si sono sviluppate in maniera spesso contraddittoria. La Transcaucasia costituisce un obbiettivo primario di questa nuova assertivit politico-diplomatica di Mosca, che non risultata tuttavia molto produttiva. La Russia ha cercato in questi anni di ottenere un mandato internazionale per risolvere i conflitti interetnici in Transcaucasia, ponendosi per in sostanziale contrasto con la volont delle repubbliche locali (ma non di armeni, abkhazi e osseti) e della stessa comunit internazionale, restia a conferirle questo ruolo. Il suo rinnovato attivismo stato piuttosto salutato con timore, come una nuova manifestazione dellimperialismo russo. Tuttavia la sua posizione stata favorita dalla riluttanza di Onu e Osce di agire con prontezza, cosicch gi nel 1992 la Russia invi truppe nellOssetia meridionale e allanno successivo nellAbkhazia 35 . In entrambi i casi questo intervento di peace-keeping ha ottenuto il riconoscimento dellOsce, ma senza determinare una soluzione definitiva dei conflitti: queste due regioni sono infatti rimaste in sostanza al di fuori dellautorit georgiana. Si tratta, peraltro, di un esito non sgradito a Mosca, anche se la Federazione Russa avrebbe dovuto poco dopo confrontarsi con forme analoghe di secessionismo nel Caucaso settentrionale, in particolare in Cecenia. NellAlto Karabakh i risultati diplomatici della Russia sono stati ancora pi limitati. In particolare Mosca non riuscita i tentativi in questo senso furono particolarmente intensi nel 1994 a convincere lAzerbaigian ad accettare linterposizione di truppe russe e da allora la questione della contesa regione autoproclamatasi indipendente stata internazionalizzata, sottraendosi in
Sulla questione delle basi russe in Georgia si veda A. FERRARI, Georgia e Russia. Unamicizia senza basi, in ISPI Policy Brief, Marzo 2004, 4, http://www.ispionline.it. 34 S. PANARIN, Konflikty v Zakavkaze: pozicii storon, perspektivy uregulirovanija, vozmonyj vklad Rossii, cit., p. 124. 35 Ibidem.
33

139

definitiva allintervento diretto di Mosca. Nellambito del gruppo di Minsk il suo atteggiamento ha sempre cercato di bilanciare quello dei paesi occidentali, tendenzialmente filo-azero nonostante linflusso delle comunit armene di Francia e Stati Uniti, mantenendosi quindi su posizioni almeno in parte favorevoli alle rivendicazioni degli armeni, i suoi pi affidabili partner nella regione. Nel complesso, tuttavia, nonostante gli sforzi profusi nel primo decennio postsovietico, la presa russa sulla Transcaucasia si attenuata. Delle tre repubbliche della regione due, Georgia e Azerbaigian, si sono mosse sia pure con la dovuta cautela, soprattutto questultimo verso un deciso avvicinamento allOccidente, la seconda attraverso un legame privilegiato anche se non privo di difficolt con la Turchia. Solo lArmenia, per la sua tradizionale vicinanza alla Russia e la necessit di controbilanciare lasse Baku-Ankara, tende ancora verso Mosca anche se uneventuale soluzione del conflitto per il Karabakh impossibile senza il consenso dellOccidente le consentirebbe di eliminare lattrito con i due vicini turchi e quindi di porre fine alla dipendenza dallappoggio russo 36 . Occorre tener presente che dopo il crollo del sistema sovietico ed il conseguente indebolimento del controllo russo, il Caucaso si trova oggi in una situazione di estrema incertezza. La dissoluzione dellUrss ha trasformato una regione gi di per s tanto complessa e travagliata in un luogo di scontro di giganteschi interessi internazionali. Interessi economici, in primo luogo, ma anche strategici, che si riannodano inestricabilmente con lasciti storici dolorosi e rivendicazioni contrapposte. In realt la complessit della realt caucasica e delle forze esterne che vi agiscono rendono difficile non solo fare previsioni di medio o lungo termine, ma anche disegnare un quadro coerente ed esauriente delle dinamiche in corso. Mentre molte entit politiche locali sono indipendenti o aspirano a tale status, lintera regione tornata ad essere oggetto di scontro tra interessi geopolitici esterni. In primo luogo, ovviamente, quelli delle potenze locali, vale a dire Russia, Turchia e Iran. Mosca, Ankara e Teheran si confrontano per ridefinire le rispettive sfere di influenza in una partita che comprende complessi fattori religiosi, politicoideologici ed economici. In questo senso il Caucaso si trova cio in una situazione in parte simile a quella del XVIII secolo, prima che la Russia riuscisse ad estromettere dalla regione i suoi rivali musulmani 37 . Dopo circa due secoli questa sistemazione torna ad essere posta in discussione, secondo una dinamica per alcuni aspetti paragonabile a quella dell'Asia centrale ex sovietica, l'altro frutto tardivo dell'espansionismo imperiale russo. Ma il dato principale della questione sta piuttosto nel fatto che entrambe queste aree sono inserite in quello che viene definito Grande Medio Oriente o Grande Asia Centrale, intendendo
L. ZARRILLI, No peace no war: riflessioni sul conflitto del Nagorno-Karabagh, in 1989. Rivista di Diritto Pubblico e Scienze Politiche, 2000, 2, p. 324. 37 A. FERRARI, Etnie e petrolio del Caucaso, in Relazioni Internazionali, 1995, 36, pp. 60-66 e idem, La Russia e il Caucaso: alle origini di un problema insoluto, in La Nuova Europa, 1995, 4, pp. 85-93.
36

140

con queste espressioni lenorme regione, fondamentale su scala globale per le sue ricchezze energetiche, che va dalle coste orientali del Mar Nero alle frontiere della Cina 38 . Il sempre influente Z. Brzezinski ha indicato con molta chiarezza quale debba essere in questa regione, da lui definita i Balcani dellEurasia 39 , la strategia degli Stati Uniti: evitare il riemergere di un impero euroasiatico che potrebbe ostacolare lobbiettivo geostrategico americano 40 Anche senza attribuire agli scenari disegnati in questopera il valore di un programma ufficiale dellamministrazione statunitense, non vi dubbio che dopo la dissoluzione dellUrss Washington ha condotto, soprattutto a partire dal 1994, una politica di penetrazione massiccia nellintera regione che oggettivamente tende a privare la Russia del tradizionale ruolo dominante. Uno specialista tanto acuto quanto schietto come Stephen Blank scrive chiaramente: States and analysts may talk of international relations as if a new liberal dispensation had come to pass. But, as in earlier times, they act according to long-standing tenets of realism and realpolitik. The quest for energy, the source of all the talk of a new great game between Russia and United States, cannot be understood or separated apart from more traditional and competitive geostrategies aiming to integrate the Transcaspian into a Western, or Russian ecumene 41 . Nel Caucaso cos come in Asia Centrale (entrambe le regioni sono qui incluse nel termine Transcaspian) ci si trova quindi di fronte ad una sorta di riedizione del great game ottocentesco di kiplinghiana memoria, in cui la Russia postsovietica si confronta con un antagonista occidentale rappresentato questa volta non dalla Gran Bretagna, ma dagli Stati Uniti 42 . Ma i rapporti di forza sembrano essere molto pi sfavorevoli a Mosca di quanto fossero a Pietroburgo. Secondo la maggior parte degli analisti, proprio la competizione politica, strategica ed economica non cruenta, ma reale tra Stati Uniti e Russia nei paesi postsovietici del Caucaso (e dellAsia centrale) costituisce il dato saliente delle dinamiche dellintera regione. Per alcuni aspetti questa competizione richiama certamente il great game ottocentesco e kiplinghiano, vale a dire la lunga rivalit tra Russia e Gran Bretagna per le regioni a cavallo tra i rispettivi imperi. La suggestione di questo parallelo storico non deve per condizionare oltre misura lanalisi della situazione odierna 43 , che determinata da fattori in larga misura
M.R. DJALALI - T. KELLNER, Moyen-Orient, Caucase et Asie Centrale: des concepts gopolitiques construire et reconstruire?, in Central Asian Survey, 2000, 1, pp. 117-140. 39 Z. BRZEZINSKI, La grande scacchiera, trad. it., Milano, 1998, p. 167. 40 Ibidem, p. 121. 41 S. BLANK, Every Shark East of Suez: Great Power Interests, Policies and Tactics in the Transcaspian Energy Wars, in Central Asian Survey, 1999, 2, p. 150. 42 Per la politica statunitense nella regione si veda B. SHAFFER, US Policy, in The South Caucasus: A Challenge for the EU, cit., pp. 53-62; C. STEFANACHI, Il Caucaso nellorizzonte strategico americano, in Quaderni di Relazioni Internazionali, 2006, 1, pp. 27-37. 43 M. EDWARDS, The New Great Game and the New Great Gamers: Disciples of Kipling and Mackinder, in Central Asian Survey, 2003, 1, pp. 83-102.
38

141

differenti da quelli ottocenteschi. In particolare, occorre tener presente la pluralit di agenti statuali locali (Georgia, Armenia, Azerbaigian 44 , Turchia 45 , Iran 46 ), super-statuali (Unione Europea, Nato, Osce, Guuam) e sub-statuali (multinazionali, Ong, lobbies di vario tipo, diaspore, organizzazioni criminali, gruppi terroristici e cos via) che interagiscono a livelli diversi nella regione. La penetrazione statunitense ha luogo a diversi livelli: laspetto economico, in primo luogo il controllo delle fonti energetiche, in realt inscindibile da quello politico e strategico. Il colossale progetto di un asse geo-economico mirante a collegare il petrolio ed il gas dellAsia centrale con il Mediterraneo, noto con limmaginifica denominazione di Via della seta del XXI secolo 47 , appare parallelo al tentativo politico di eliminare la presenza russa dalla regione. Un tentativo portato avanti anche sostenendo la costituzione di un asse tra i paesi ex sovietici pi ostili alla prospettiva di una ricomposizione politica intorno alla Russia, il cosiddetto Guuam (acrostico di Georgia, Ucraina, Uzbekistan, Azerbaigian e Moldavia), la cui prima riunione politica ha avuto luogo nel maggio del 2000 48 . Nel Caucaso il principale beneficiario di questo progetto o dovrebbe essere lAzerbaigian, a sua volta paese di grande rilevanza economica per i giacimenti di petrolio del Caspio. Come anche per i paesi centro-asiatici le prospettive collegate allo sfruttamento delle ricchezze naturali sono state utilizzate per attrarre fuori dallorbita russa i neo-indipendenti stati della regione, allettati da miraggi di ricchezza rivelatisi illusori per diversi anni. Questa politica economica ha tuttavia cominciato a dare i primi risultati tangibili nel 1999, quando stato inaugurato loleodotto che da Baku porta il petrolio a Supsa, sul litorale georgiano del Mar Nero, ponendo cos fine allegemonia russa sullesportazione del petrolio caspico. Nello stesso anno la Georgia ha denunciato il trattato di sicurezza collettiva della Csi, al quale lAzerbaigian non aveva mai aderito, avvicinandosi invece alla Nato. E la Russia ha effettivamente iniziato lo sgombero delle basi che conservava in questa repubblica 49 . Non da escludere che loffensiva dei guerriglieri ceceni in Dagestan nellagosto del 1999 sia stata favorita
Sul coinvolgimento di queste tre repubbliche si veda A. FERRARI, Georgia, Armenia e Azerbaigian. Pedine del nuovo Grande Gioco?, in Quaderni di Relazioni Internazionali, 2006, 1, pp. 15-26. 45 M. FUMAGALLI, Le iniziative regionali della Turchia, in A. COLOMBO et al., Il Grande Medio Oriente. Il nuovo arco dellinstabilit, Milano, 2002, pp. 109-158; M. AYDIN, Turkeys Policies toward the South Caucasus and its Integration in the EU, in Quaderni di Relazioni Internazionali, 2006, 1, pp. 51-62. 46 R. REDAELLI, Gli assi strategici della politica estera iraniana alla luce dellattuale evoluzione politica interna, in M. ANTONSICH et al., Geopolitica della crisi. Balcani, Caucaso e Asia Centrale nel nuovo scenario internazionale, Milano, 2001, pp. 437-492. 47 Cfr. M.O. ZARDARIAN, Velikij elkovyj put: istorija, konjunktura, perspektivy, in Centralnaja Azija i Kavkaz, 1999, 4 (5), pp. 175-183. 48 Per maggiori informazioni sulla struttura e le finalit di questa associazione di stati postsovietici si veda il sito http://www.guuam.org. 49 J. RADVANYI, Conflits caucasiens et bras de fer russo-amricaines, in Le Monde diplomatique, octobre 2000, p. 18.
44

142

dallimpressione che la presa russa sullintera regione caucasica fosse ormai esaurita. Lenergica reazione di Mosca, sotto un leader pi energico dellultimo Elcin, ha peraltro dimostrato che la situazione caucasica pi fluida di quanto si possa pensare e talvolta desiderare. 3. Putin e la politica caucasica della Russia Il Caucaso ha avuto in effetti una notevole importanza per la carriera politica di Vladimir Putin, che era stato da poco nominato capo del governo quando, allinizio dellagosto 1999, vi furono le gi ricordate infiltrazioni di guerriglieri ceceni in Dagestan. Tra la fine di agosto e i primi di settembre alcuni attentati attribuiti dal Cremlino a terroristi ceceni, peraltro senza presentare prove convincenti provocarono centinaia di vittime a Mosca ed in altre localit del paese. In reazione a tali fatti la macchina militare russa si rimise in moto, questa volta con un andamento molto deciso delle operazioni. I guerriglieri vennero espulsi dal Dagestan, poi la Cecenia fu nuovamente invasa, con una sostanziale ripetizione delle diverse fasi del precedente conflitto: occupazione della zona pianeggiante e delle principali citt, ardua penetrazione nelle zone montagnose, violenti contrattacchi della resistenza cecena. Limpressione di efficacia offerta da Putin in quelloccasione fu fondamentale per la sua elezione a presidente nel marzo 2000. Nel corso di questa seconda occupazione della Cecenia, rifiutandosi di trattare non solo con i comandanti militari come Basaev, ma anche con il presidente Maschadov, la Russia ha invece cercato di individuare un interlocutore politico malleabile. Un interlocutore che stato dapprima lex sindaco di Groznyj, Belan Gantemirov, quindi nel giugno del 2000 la suprema autorit religiosa cecena, il mufti Achmed Kadyrov, che negli anni precedenti si era opposto ai tentativi di Basaev di imporre un regime islamico al paese. Una figura quindi ostile al radicalismo islamico e disposto a collaborare con Mosca, ma la cui azione stata fortemente limitata tanto dallostilit dei suoi rivali tra i connazionali filorussi quanto dagli scarsi poteri a sua disposizione. Bench buona parte della popolazione cecena, stanca di una situazione ormai insostenibile, abbia accettato il ritorno della sovranit russa, i combattenti pi irriducibili si sono asserragliati sulle montagne, rinforzati da volontari islamici di diversa origine, bene armati e decisi a resistere a oltranza, anche iniziando il ricorso ad azioni suicide 50 . In questa situazione, le possibilit di unestensione del conflitto alle vicine regioni caucasiche, soprattutto al Dagestan, sono nel complesso aumentate 51 .

T. VALASEK, The Changing Face of the Chechnya War, in Weekly Defense Monitor, 13 July 2000, http://www.cdi.org. 51 S. LEVINE, Upheaval in Caucasus, Central Asia Comes as No Surprise, in Eurasia Insight, 28 September 2000, http://www.eurasianet.org.

50

143

Anche sotto la nuova presidenza la Russia, quindi, appears to try to restore its influence throughout the region, on all sides, in every conflict, in order to prevent developments from slipping out of control and so opening the floodgates to outside interference 52 . Per raggiungere questo obbiettivo Putin sembra utilizzare due distinte politiche: una puramente repressiva in Cecenia, laltra pi flessibile ed incentrata prevalentemente, ma non esclusivamente, sulle leve diplomatiche ed economiche in Transcaucasia. Occorre considerare che anche nel Caucaso la Russia da alcuni anni grandemente favorita dalla favorevole congiuntura economica, che grazie agli alti prezzi petroliferi ha posto Putin in una situazione incomparabilmente migliore di quella in cui si era trovato Elcin nel decennio precedente, consentendogli di elaborare una vera e propria strategia energetica globale 53 . Al tempo stesso, per, Putin ha dovuto confrontarsi con il ridispiegamento strategico di Washington verso il cosiddetto Grande Medio Oriente seguito all11 settembre 2001, che ha ovviamente coinvolto anche il Caucaso (e lAsia Centrale). Lincondizionato avvicinamento, almeno verbale, agli Stati Uniti e lopportunistica adesione allo slogan della lotta al terrorismo internazionale dettati dalla possibilit di migliorare in maniera sostanziale la posizione della Russia nei confronti dellOccidente, nella sfera economica come in quella strategica 54 , hanno consentito alla Russia di avere un sostanziale via libera alla repressione militare della Cecenia, che continua ad essere portata avanti con sistemi particolarmente detestabili. Questo, tuttavia, non ha certo portato ad un progresso della situazione nella regione. Sul fronte militare lesercito russo ha ottenuto notevoli successi negli ultimi, portando duri colpi alla resistenza cecena ed eliminando alcuni tra i leader principali (sono stati uccisi gli arabi Khattab e Abu Walid, Jandarbiev, questultimo nel Qatar con una discussa operazione dei Servizi di Sicurezza, mentre Charbiev stato costretto alla resa). Ma questi progressi sul fronte bellico, pagati peraltro a durissimo prezzo dalla popolazione civile, non hanno certo prevenuto lorganizzazione di gravissimi atti terroristici, sia in Cecenia e nelle regioni limitrofe del Caucaso (in particolare Ossetia e Inguscetia) sia in Russia (come hanno dimostrato soprattutto i tragici eventi del teatro Dubrovka a Mosca, 23-25 ottobre 2002 costati la vita non solo allintero commando ceceno che se ne era impadronito, ma anche a 129 civili russi). Anche in Cecenia, inoltre, si diffuso negli ultimi anni la pratica di origine vicinoorientale degli attentati suicidi, compiuti talvolta da donne.
D. TRENIN, Russias Security Interests and Policies in the Caucasus Region, in B. COPPETIERS (ed.), Contested Borders in the Caucasus, cit., (consultabile in rete: http://poli.vub.ac.be/publi/ContBorders/eng/contents.htm). 53 Per la politica energetica di Putin si veda M. OLCOTT, Vladimir Putin and the Geopolitics of Oil, in The Energy Dimension in Russian Global Strategy, The James A. Baker III Institute for Public Policy at Rice University, 2004, http://www.carnegie.ru/en/pubs/workpapers/71963.htm. 54 Su questo tema si veda P. SINATTI, La Russia dopo l11 settembre, in Affari Esteri, 2002, 133, pp. 125-140 e il mio articolo I dilemmi del Cremlino tra eurasismo e occidentalismo, in Limes. Rivista italiana di Geopolitica, 2002, 3, pp. 227-236.
52

144

Nonostante lostentata sicurezza delle dichiarazioni delle autorit di Mosca, la questione cecena tuttora tragicamente aperta. Oltre alla mancanza di una politica di sviluppo dellintera regione nord-caucasica, che pure potrebbe essere favorita dallodierno momento positivo delleconomia russa 55 , il nodo cruciale della situazione dato dalla totale mancanza di legittimazione da parte di Mosca della controparte separatista, definita tout court terroristica e con la quale si rifiutano trattative politiche per tentare di risolvere in conflitto in ogni maniera che non sia la resa incondizionata. Tanto gli elementi irriducibili come Basaev, ucciso il 10 luglio di questanno, quanto quelli politicamente pi moderati come il presidente Maschadov sono stati esclusi da ogni trattativa, mentre Mosca ha puntato tutte le sue carte sul consolidamento di Kadyrov, inviso a buona parte della popolazione locale. Nel marzo 2003 ha avuto luogo un referendum con il quale stata approvata con una sospetta percentuale favorevole del 96% la nuova costituzione, che conferma linserimento della Cecenia nella Federazione Russa e ne sancisce un ordinamento fortemente presidenziale. Questultimo aspetto determinato dalla volont di Mosca che il proprio proconsole in Cecenia disponga di forti poteri, ma al tempo stesso non corrisponde alla struttura clanica della societ cecena, che richiederebbe invece una amministrazione il pi possibile condivisa e rappresentativa. Neppure lamnistia concessa nel maggio 1993 a tutti i combattenti non coinvolti in atti criminali omicidi, rapimenti, stupri ha contribuito ad una ricomposizione della situazione politica in Cecenia. Kadyrov combatteva aspramente i radicali islamici (i wahabiti, come vengono chiamati solitamente in Russia), cercando al tempo stesso di avvicinare a s i capi dei vari clan. Tuttavia le sue forze di sicurezza, alla cui testa aveva nominato il figlio Ramzan, si rendevano responsabili di tali violenze ed arbitri da renderne sempre pi impopolare la guida. La sostanziale mancanza di legittimit del potere di Kadyrov venne confermata proprio dalle grottesche elezioni dellottobre 2003, in cui egli stato eletto presidente dopo che gli altri principali candidati erano stati convinti dalle pressioni russe a ritirarsi e con una affluenza alle urne altissima secondo le autorit federali ma quasi inesistente nella realt 56 . Nei mesi successivi alle elezioni la popolarit di Kadyrov rimasta bassissima, cosicch lattentato che il 9 maggio 2004 pose fine alla sua vita non ha certo costituito una sorpresa. La scomparsa di Kadyrov ha inferto realmente un duro colpo alla politica russa in Cecenia, basata esclusivamente sulla repressione e priva di una visione di lunga durata. La sua morte seguita da una nuova ondata di violenze e arbitri, nonch dallintensificazione delle azioni della guerriglia, sia

Anzi, il perdurare del conflitto in Cecenia ostacola pesantemente lo sviluppo dellintera area, che pure avrebbe interessanti prospettive. Cfr. al riguardo A. FERRARI, La regione del Mar Nero e la politica estera russa, in A. COLOMBO et al., Il Grande Medio Oriente. Il nuovo arco dellinstabilit, cit., soprattutto pp. 92-93. 56 T. ALIYEV, Chechen Election Goes just about to Plan, in Caucasus Reporting Service, n. 9 October 9, 2003, 199, http://www.iwpr.net.

55

145

contro le truppe federali che contro le forze di polizia locale fedeli a Mosca 57 avrebbe potuto indicare alle autorit russe la necessit di un cambiamento di strada nella loro politica verso la Cecenia. Ma non sembra che questa svolta abbia avuto luogo. Inizialmente il presidente Putin aveva dato limpressione di voler semplicemente sostituire il presidente ucciso con suo figlio Ramzan, ricevendolo al Cremlino poche ore dopo lattentato e nominandolo primo vicepremier. In seguito ha per abbandonato questo progetto, che con ogni probabilit avrebbe peggiorato ulteriormente la situazione, non tanto per la giovane et del personaggio, quanto per lodio che la sua temuta milizia gli ha procurato. Alla successione di Kadyrov Mosca ha designato Alu Alchanov, in precedenza ministro degli Interni. Le elezioni presidenziali sono state precedute da una serie di violente operazioni militari della guerriglia, sia in Cecenia che nelle regioni limitrofe, nonch dai due attentati aerei della notte tra il 23 ed il 24 agosto, probabilmente di matrice cecena, che hanno provocato 89 vittime. Le elezioni del 29 agosto ratificarono la scelta delle autorit russe, ma senza certo porre fine alla tragedia della Cecenia. Non certo un caso che immediatamente dopo queste elezioni la cittadina di Beslan, nellOssetia settentrionale, sia stata vittima della pi grave tragedia del Caucaso post-sovietico. Il primo settembre, un commando ceceno prese in ostaggio un migliaio di persone. I terroristi chiedevano il ritiro delle truppe russe dalla Cecenia e la liberazione dei prigionieri accusati di terrorismo. Dopo inutili trattative, lintervento dei militari russi ha causato centinaia di vittime, soprattutto bambini. Questo tragico episodio ha dimostrato come sia tuttaltro che tramontato il rischio che dalla Cecenia il conflitto possa estendersi alle vicine regioni caucasiche 58 . Una politica di cecenizzazione che si fondi essenzialmente sul potere di un presidente imposto dalla Russia ed appoggiato da una milizia brutale non pu certo ottenere il consenso necessario ad avviare questa regione sulla via di una pacificazione che sar comunque difficile e irta di problemi di ogni genere. In Cecenia tale consenso pu essere raggiunto solo coinvolgendo nella maggior misura possibile nel governo le entit claniche (tejp) che ne costituiscono tuttora il fondamento sociale. Un organo collettivo, una sorta di Loya Jirga locale, corrisponderebbe alla tradizione politica e sociale cecena assai pi di un presidente-proconsole 59 . Per quanto non certo esente da rischi, un processo di questo tipo magari sanzionato in seguito da una modifica costituzionale che
U. DUDAEV, Killings on the Increase, in Caucasus Reporting Service, 9 June, 2004, 237, http://www.iwpr.net. 58 In seguito anche la repubblica cabardino-balcara stata di recente sanguinosamente coinvolta nel conflitto, quando - il 15 ottobre 2005 - un numeroso reparto di miliziani ceceni ha attaccato la capitale Nal'cik, provocando decine di vittime. Negli ultimi mesi, inoltre la situazione politica ed interetnica si visibilmente deteriorata anche nel Dagestan e non da escludere che nei prossimi mesi la relativa tranquillit di questa repubblica possa venir meno. 59 T. DE WAAL, Chechnya: Time for an International Role?, in Caucasus Reporting Service, 16 June, 2004, 238, http://www.iwpr.net.
57

146

trasformi la repubblica cecena da presidenziale a parlamentare potrebbe contribuire al miglioramento della situazione. Inoltre, non si vede come la Russia possa pensare di giungere ad una pacificazione definitiva della Cecenia senza riconoscere il diritto di sedere al tavolo delle trattative anche ai leader separatisti, o almeno a quelli di essi come Maschadov e Zakaev che, oltre a mantenere una legittimit politica, non sono influenzati dallislamismo radicale. Un processo di questo tipo richiederebbe per da parte russa e cecena una volont politica di comprensione reciproca che sembra essere del tutto assente. La conclusione della tragedia della Cecenia appare in effetti lontana. Nelle sue diverse fasi il conflitto dura ormai da oltre un decennio ed ha prodotto una profonda radicalizzazione da entrambe le parti. Nel campo ceceno si trovano indubbiamente numerosi estremisti, tra i quali i fondamentalisti islamici che considerano i russi infedeli da sterminare e perseguono lobbiettivo politico di costituire uno stato islamico nel Caucaso settentrionale. Si tratta evidentemente di uno scenario politico che potrebbe avere conseguenze disastrose per la Russia, alla quale non pu quindi essere negato il diritto di opporvisi. Al tempo stesso, come stato osservato, non tutti coloro che cercano lindipendenza possono essere considerati come terroristi o fanatici, bench, naturalmente, elementi del genere possano essere presenti 60 . Mosca continua invece a rifiutare ogni soluzione politica che non consista nella completa sconfitta dei terroristi per mezzo di una brutale repressione che non pu neppure essere definita militare e la creazione di un governo fantoccio. La demonizzazione del nemico determina una percezione non politica, bens metafisica e strumentale al tempo stesso del conflitto in corso. In questo senso linserimento della resistenza cecena nella onnicomprensiva categoria del terrorismo internazionale unarma a doppio taglio, che aiuta a legittimare la repressione militare, ma allontana al tempo stesso la soluzione politica. Limbarbarimento di entrambi i contendenti ed il loro rifiuto di riconoscere alla controparte ogni legittimit non possono non indurre al pessimismo riguardo alla possibilit che il conflitto che da oltre dieci anni devasta la Cecenia possa concludersi in tempi brevi. Dalle autorit della Russia postsovietica, che sta pagando questo conflitto con un altissimo prezzo umano e morale, prima ancora che economico sembra legittimo attendersi un atteggiamento differente da quello avuto sinora, senza che lo schermo della lotta al terrorismo internazionale impedisca ancora la ricerca di una soluzione indubbiamente difficile, ma necessaria. Lincapacit di trovare una soluzione politica alla resistenza cecena, ridotta unicamente a questione terroristica, rende ancor pi difficile per Mosca opporsi alla penetrazione statunitense nelle repubbliche indipendenti della Transcaucasia. La politica di Putin in questa regione ha tuttavia segnato un cambiamento significativo rispetto a quanto era avvenuto nel decennio precedente. In particolare Putin si sforzato di superare la mancata coincidenza tra la politica
R. MENON - G.E. FULLER, Russias Ruinous Chechen War, in Foreign Affairs, 79, 2002, 2, p. 44.
60

147

estera dello stato e linteresse delle grandi compagnie petrolifere russe che aveva ostacolato lazione di Mosca nella regione. La decisa, se non brutale, opera di riappropriazione delle compagnie petrolifere russe da parte dello stato ha avuto ripercussioni notevoli nella regione 61 , soprattutto per quel che riguarda lAzerbaigian. Qui, oltre a sanare diversi contenziosi accumulatisi in precedenza e a legittimare la transizione ereditaria del potere, Putin ha finalmente acconsentito alla costruzione del contestato oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan. Tanto in Georgia quanto in Armenia, inoltre, la politica russa ha iniziato a far leva sulleconomia. Tra il 2002 ed il 2003 Mosca acquis il controllo pressoch totale dellenergia elettrica in Georgia 62 , estendendo ulteriormente la sua penetrazione economica in Armenia, della quale controlla ora circa la met dellenergia elettrica e dal settembre 2003 anche la centrale nucleare di Metzamor 63 . Questo spregiudicato uso politico delleconomia da parte della Russia appare in effetti collegato allidea di impero liberale elaborato dallinfluente Anatolij ubais, noto per avere guidato le liberalizzazioni nei primi anni Novanta ed attualmente a capo di una vasta holding energetica di Stato, la Rao Ues. A partire dalla fine del 2003 ubais si pi volte espresso a favore di questa prospettiva, che consentirebbe al paese pi industrializzato e maggiormente dotato di risorse energetiche, umane e militari fra gli stati membri della Csi, di tornare ad assumere il ruolo che gli compete e di edificare un moderno impero basato sui principi liberali della tolleranza e della cooperazione. In maniera non dissimile dagli Stati Uniti, la Russia dovrebbe ricostituire la sua egemonia sullarea ex-sovietica su queste nuove basi, con un accorto utilizzo degli strumenti a sua disposizione, primo fra tutti la leva delle risorse energetiche, ma anche accordando sostanziale libert di movimento e di lavoro in territorio russo alle intense correnti migratorie in provenienza principalmente dall'area caucasica e centroasiatica 64 . Al di l della discutibile consistenza dellidea della Russia come impero liberale, non vi dubbio che la politica estera di Mosca negli ultimi anni si stia servendo ampiamente delle leve energetiche, in particolare ma non solo nei confronti delle repubbliche ex-sovietiche. Assai prima del conflitto con lUcraina per il gas a cavallo tra 2005 e 2006, la Transcaucasia pu in effetti essere considerata il banco di prova di questa nuova strategia russa. Un altro aspetto importante di questa politica estera basata principalmente sugli strumenti economici, il riavvicinamento alla Turchia, con la quale aveva avuto in precedenza forti contenziosi sia in Europa (Bosnia e Kosovo) sia nello stesso
P. BAEV, Russias Policy in North and South Caucasus, cit., p. 45. M. TSERETELI, Russian Energy Expansion in Caucasus: Risks and Mitigation Strategy, 27 August 2003, http://www.cacianalyst.org/viewarticlephp?articleid=1675. 63 H. KHACHATRIAN, Russian Moves in Caucasus Energy and Power Sectors Could Have Geopolitical Impact, in Eurasia Insight, 25 September 2003, http://www.eurasianet.org/ departments/business/articles/eav092502.shmtl. 64 I. TORBAKOV, Russian Policymakers Air Notion of Liberal Empire in Caucasus, Central Asia, in Eurasia Insight, 27 October 2003, http://www.eurasianet.org/departments/insight/ articles/eav102703.shtml.
62 61

148

Caucaso (Alto Karabakh e Cecenia). Da alcuni anni Mosca e Ankara hanno invece trovato opportuno migliorare i loro rapporti. A livello economico da segnalare soprattutto la costruzione del gasdotto sottomarino Blue Stream, che porta il gas russo in Turchia attraversando il Mar Nero, nonch il forte intensificarsi del flusso turistico tra i due paesi. A livello strategico, invece, Russia e Turchia questultima soprattutto dopo il peggioramento dei rapporti con Washington in seguito alla Guerra del Golfo trovano conveniente limitare la penetrazione statunitense nel Caucaso 65 Oltre a perseguire queste nuove strategie di carattere prevalentemente economico, Mosca continua peraltro a portare avanti nel Caucaso alcuni aspetti della politica precedente. In particolare ha riconfermato il suo appoggio alle regioni separatiste, soprattutto ad Abkhazia e Ossetia meridionale, che fanno parte della sempre meno controllabile Georgia. Un altro aspetto importante di questa politica il tentativo di mantenere il pi a lungo possibile le proprie basi militari in Georgia ed Armenia. E evidente che Mosca si servita di queste basi per preservare la propria declinante presa sulla Georgia. In ogni caso il parlamento georgiano non ha mai ratificato il trattato del 1995, il che ha consentito al governo di chiedere in seguito la chiusura delle basi russe. Nel novembre 1999, durante il vertice Osce di Istanbul, Georgia e Russia firmarono un nuovo trattato per la graduale riduzione della presenza militare russa. Le basi di Gudauta e Vaziani avrebbero dovuto chiudere, ma questo avvenuto solo per la seconda. La prima, situata in Abkhazia, ha continua ad ospitare una forza militare russa di peace-keeping, tanto gradita agli abkhazi quanto invisa al governo di Tbilisi. La presenza delle basi russe in Armenia non invece mai stata messa in discussione a causa del perdurare della percezione della minaccia turca da parte di Erevan. Nel complesso tuttavia, la reale rilevanza strategica di queste basi discutibile. In particolare, da pi parti vengono sollevate questions about the purpose and the rationale of the Russian military bases in Georgia and Armenia, since their dismal status stands in sharp contrast to the strategic importance that is often ascribed to them. Indeed, the few thousand troops stationed in those bases are at a low state of readiness and increasingly resemble lost legions that have few chances of seeing reinforcements arriving swiftly in a time of crisis 66 . In ogni caso, la presenza di queste basi e la pressione energetica non hanno potuto impedire la penetrazione statunitense in Georgia, avvenuta almeno ufficialmente sotto il segno della lotta al terrorismo. Sin dal febbraio 2002, infatti, gli Stati Uniti hanno inviato in Georgia un contingente militare, sia pur limitato (200 uomini) e preposto alladdestramento anti-terroristico (progetto Train and Equip). Il dispiegamento di militari statunitensi in Georgia seguito alla scoperta di militanti di al-Qaeda nella repubblica ex-sovietica di Georgia, precisamente nella valle settentrionale del Pankisi, che costituisce da anni il principale canale
65

F. HILL - O. TASPINAR, La Russie et la Turquie au Caucase: se rapprocher pour prserver le statu quo?, in Russie.Nei. Visions, 2006, 8, pp. 4-5. 66 P. BAEV, Russias Policy in North and South Caucasus, cit., p. 48.

149

attraverso cui si alimenta la guerriglia separatista cecena. Nonostante Putin abbia cercato di far buon viso a cattivo gioco dichiarando che larrivo di militari statunitensi in Georgia non preoccupa il governo russo, tale fatto che segue di poco il loro pi consistente dislocamento nelle repubbliche centroasiatiche ex sovietiche ha un significato strategico molto preoccupante per la Russia. Viene in effetti ad essere compromessa la dottrina strategica, affermata a partire dalla fine del 1993, secondo la quale Mosca rivendica funzioni di peacekeeping e mantenimento della stabilit nel territorio dellintera CSI e la formazione di una fascia di buon vicinato lungo i confini russi. La presenza americana in Georgia, in una regione di vitale importanza strategica per la Russia, costituisce inoltre un fattore che inquieta larga parte dellopinione pubblica russa, nonch i vertici militari 67 . Da parte russa si sospetta infatti in primo luogo che questi istruttori possano addestrare le truppe georgiane in vista di una riconquista di Abkhazia e Ossetia meridionale, prospettiva assai poco gradita a Mosca 68 . Pi in generale, la Russia teme che nonostante le smentite ufficiali di Washington loperazione Train and Equip abbia costituito un primo passo per linsediamento stabile di truppe statunitensi nella regione. Nel corso del 2002 e del 2003 i rapporti tra la Georgia e la Russia hanno conosciuto fasi alterne. Alcuni segnali positivi si sono avuti nella sfera economica, ma in quella politica i rapporti russo-georgiani sono sempre tesissimi. Mosca ha mantenuto il regime di visto obbligatorio con la Georgia, emettendo al tempo stesso passaporti russi in Abkhazia e Ossetia. Ma soprattutto la presenza di guerriglieri ceceni nella valle di Pankisi ad aver avvelenato i rapporti tra Mosca e Tbilisi. Dopo un misterioso bombardamento aereo di questa localit il 23 agosto 2002, attribuito dalle autorit georgiane alla Russia (che ha ufficialmente smentito), il presidente Putin giunto a minacciare unazione militare russa, provocando una forte preoccupazione a Tbilisi, che nonostante i gravi problemi di budget increment immediatamente le sue spese militari 69 . Un incontro tra Putin e Shevarnadze avvenuto a Chisinau (Moldavia) il 6 ottobre dello stesso anno sembr aver in parte migliorato la situazione. I presidenti dei due paesi raggiunsero un accordo sul controllo congiunto della valle di Pankisi per controllare lo sconfinamento in Russia di guerriglieri ceceni e Shevarnadze si spinse a definire la Russia uno dei due principali partner strategici del suo paese,

I. TORBAKOV, Putin Faces Domestic Criticism over Russias Central Asia Policy, in Eurasia Insight, 2 December 2002, http://www.eurasianet.org/departments/insight/articles/eav021202. shtml. 68 J. SILVERMAN, Russian Manoeuvring in Kodori Exposes Tangle of Georgian Interests, in Eurasia Insight, 17 April 2002, http://www.eurasianet.org/departments/insight/artcles/ eav041702a.shtml. 69 I. ARESHIDZE - I. CHKHENKELY, Georgian Diplomats, Blaming Russia, Invite Important Questions, in Eurasia Insight, 27 November 2002, http://www.eurasianet.org/departments/ insight/articles/eav112702.shtml.

67

150

ovviamente insieme agli Stati Uniti 70 . Tale dichiarazione, peraltro, suscit immediatamente le reazioni negative degli oppositori del presidente, che vi lessero un pericoloso cedimento alle pressioni russe 71 . La politica di equilibrio tra Russia e Occidente condotta da Shevarnadze risultava ormai insoddisfacente sia verso linterno che verso lesterno. Mentre in Russia la sempre pi stretta cooperazione militare di Tbilisi con gli Stati Uniti (e la Turchia) 72 suscitava una crescente irritazione, cos come lesplicito appoggio alla guerra in Irak, per altri aspetti la posizione di Shevarnadze appariva a Washington eccessivamente succube a Mosca, come nelle questioni energetiche. Nel 2003 la popolarit di Shevarnadze era ormai molto bassa, soprattutto alla luce di una situazione economica sempre difficilissima. A partire dalle elezioni locali, che si svolsero il 2 giugno in unatmosfera di disordine e violenza, il potere dellanziano presidente inizi a sgretolarsi rapidamente. Gli Stati Uniti cominciarono ad appoggiare direttamente e indirettamente i suoi oppositori (soprattutto con i finanziamenti di George Soros a movimenti giovanili e reti televisive) 73 . La rivoluzione di velluto stata guidata principalmente da persone di netto orientamento filo-occidentale, come Nino Burjanadze, Zurab Zhvania e soprattutto Mikhail Saakashvili, impostosi come la figura dominante dellopposizione. Dopo i clamorosi brogli elettorali nelle elezioni parlamentari del 2 novembre, che avevano visto la contestatissima vittoria delle forze filopresidenziali, la situazione sfuggita di mano a Shevarnadze, costretto alle dimissioni il 23 novembre del 2003. Dimissioni in qualche modo concordate con la Russia, il cui ministro degli esteri Igor Ivanov era in quei giorni a Tbilisi per seguire levolvere della situazione. Dopo una presidenza pro-tempore di Nino Burjanadaze, le elezioni del 4 gennaio 2004 hanno visto il trionfo di Mikhail Saakashvili, che ha ottenuto il 97,5% dei voti. Questa evoluzione politica della Georgia avvenuta indubbiamente con il favore ed il sostegno degli Stati Uniti. Washington intenzionata a fare della Georgia il paese chiave del suo ridispiegamento strategico e militare nella regione caucasica, pi di quanto per differenti ragioni possano divenirlo lArmenia e lAzerbaigian. Non a caso il ministro della difesa Donald Rumsfeld visit Tbilisi gi nel dicembre 2003, invitando tra laltro la Russia a chiudere le sue basi militari in questo paese. A Mosca diffuso il timore che le truppe russe possano essere sostituite da quelle statunitensi, magari allinterno delle stesse basi tanto a lungo contestate. Nonostante le smentite di Washington, non vi dubbio che
Georgian President revises Foreign Policy concept, in Caucasus Report, 24 October 2002, http://www.rferl.org/Caucasus-report/2002/10/ 35-241003.html. 71 G. KANDELAKI, Shevarnadzes Chisinau Concessions Shatter Georgia Political Unity, in Eurasia Insight, 10 September 2002, http://www.eurasianet.org/departments/insight/articles/ eav100902.shtml. 72 I. TORBAKOV, Expanding Turkish-Georgian Strategic Ties Rankle Russia, in Eurasia Insight, 25 April 2003, http://www.eurasianet.org/departments/insight/articles/eav042503.shtml. 73 P. SINATTI, La Georgia tra Mosca e Washington, in Limes. Rivista di geopolitica, 2004, 1, p. 292.
70

151

proprio la Georgia sia il punto di partenza del processo di transizione egemonica che sta avvenendo nella Transcaucasia ed alla quale Mosca si oppone peraltro strenuamente 74 . Si tratta comunque di un processo non esente da rischi. Il pi immediato pu provenire dalla tentazione, oggi forte a Tbilisi, di sfruttare lappoggio statunitense per riprendere la politica micro-imperiale di Gamsakhurdia e porre fine in maniera violenta alla virtuale indipendenza delle repubbliche secessioniste. Questo potrebbe determinare una ripresa dei conflitti inter-etnici, raffreddatasi ormai da dieci anni ma sostanzialmente irrisolti. Lo slogan Riprendiamoci la Georgia utilizzato dal blocco elettorale guidato da Saakashvili, Movimento Nazionale, risulta non poco inquietante per abkhazi e osseti. Soprattutto dopo quel che avvenuto in Agiaria. Il presidente di questa repubblica, Abashidze, che da oppositore di Shevarnadze era divenuto suo alleato nel corso del 2003, aveva assunto una posizione decisamente ostile alla nuova dirigenza di Tbilisi, facendo affidamento sulla base militare russa dislocata a Batumi. Nel maggio 2004, per, stato costretto alla resa, rifugiandosi in Russia. LAgiaria quindi ritornata sotto il controllo di Tbilisi, segnando linizio della riconquista del territorio nazionale che faceva parte del programma elettorale di Saakashvili. Va per tenuto presente che, per quanto prevalentemente musulmani, gli abitanti dellAgiaria sono georgiani e non hanno nei confronti di Tbilisi la forte ostilit di abkhazi e osseti. La partita per riprendere il controllo dei territori abitati da queste popolazioni potrebbe quindi risultare pi difficile e foriero di gravi complicazioni internazionali. Tuttavia la determinazione di Saakashvili di proseguire in questa direzione fuori questione. Poco dopo aver vinto la partita in Agiaria, il presidente georgiano ha iniziato quella in Ossetia meridionale, per mezzo di una campagna consistente tanto in dimostrazioni di buona volont (donazioni di fertilizzanti, offerte di pagare le pensioni agli abitanti della regione, tentativi di organizzare incontri culturali e sportivi, trasmissioni televisive in lingua osseta), quanto in esibizioni di forza militare. Nellestate del 2004 la tensione in questa regione aument sensibilmente, con tutta una serie di incidenti frontalieri, scaramucce ed accuse reciproche tra le parti. La situazione ancora oggi estremamente delicata e non escluso che in nellimmediato futuro possa precipitare verso un vero e proprio scenario di guerra 75 . Lintensificazione delle rivendicazioni georgiane su queste regioni dopo la rivoluzione delle rose ha infatti ravvivato la prospettiva di un loro incorporamento nella Federazione Russa. Pi volte sollecitata dai dirigenti di
A questo riguardo si veda A. FERRARI, La Georgia tra Federazione Russa e Stati Uniti: un modello di transizione egemonica?, in A. COLOMBO (a cura di), La sfida americana. Europa, Medio Oriente e Asia Orientale di fronte allegemonia globale degli Stati Uniti, Milano, 2005, pp. 56-78. 75 I. TORBAKOV, South-Ossetia Crisis Stokes Tension between Russia and Georgia, in Eurasia Insight, 25 August 2004, http://www.eurasianet.org/departments/insight/articles/eav082504. shtml; S. SMITH, South Ossetia Conflict Heats up, in Caucasus Reporting Service 12 August 2004, 246, http://www.iwpr.net.
74

152

Abkhazia e Ossetia meridionale, questa sorta di annessione di territori giuridicamente appartenenti alla Georgia sembra peraltro scarsamente praticabile, soprattutto alla luce delle forti ripercussioni interne ed internazionali che unoperazione del genere potrebbe avere. Si pensi solo al caso della Cecenia. Non vi dubbio, tuttavia, che Mosca appaia ancora intenzionata a sostenere lufficiosa indipendenza di queste repubbliche da Tbilisi. Tra laltro, la possibilit di un mutamento di status del Kosovo viene interpretato dalle autorit russe anche alla luce di una analoga prospettiva riguardante la regioni secessioniste di Abkhazia e Ossetia meridionale 76 . Linvito alla prudenza rivolto da uno specialista statunitense dellarea alla nuova leadership georgiana, ma anche ai policy-makers di Washington, appare pertanto del tutto condivisibile: The United States should now help Georgias new leadership think creatively about basic questions of sovereignty, territorial control, and institutional design. The central government must recognize the multiethnic and multireligious reality of the country. It must accept a decade of state-building in the secessionist regions and allow local government to be empowered. If these efforts succeed, Georgia could well become the positive example for Eastern Europe and Eurasia that observers have long hoped for 77 . In effetti la situazione in Georgia rischierebbe di diventare estremamente pericolosa se si acutizzasse la rivalit tra la Russia e gli Stati Uniti per il controllo di questo paese, soprattutto sfruttandone le tensioni interne. Un ulteriore dispiegamento militare statunitense, magari con lobbiettivo di difendere il nuovo oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan, confermerebbe i timori russi sulla volont di Washington di insediarsi stabilmente nel Caucaso ed inasprirebbe senza dubbio la situazione. Tuttavia il rapporto tra Mosca e Tbilisi continua ad essere estremamente teso, con segnali di schiarita rapidamente seguiti da momenti di irrigidimento. Lannuncio, avvenuto il 30 maggio 2005, della chiusura delle ultimi basi russe in Georgia entro il 2008 ha senzaltro contribuito a distendere i rapporti tra i due paesi. Tuttavia laumento del prezzo del gas imposto da Mosca alla fine dellanno e gli attentati, non chiariti, che il 22 gennaio del 2006 hanno provocato linterruzione per alcuni giorni del rifornimento energetico alla repubblica caucasica hanno di nuovo portato ad un peggioramento della situazione. Il successivo blocco da parte di Mosca di prodotti agricoli georgiani (in particolare vino e acqua minerale), ha mostrato ancora una volta quanto difficile sia il

I. TORBAKOV, Russia Plays up Kosovo Precedent for Potential Application in the Caucasus, in Eurasia Insight, 12 April 2006, http://www.eurasianet.org/departments/insigh/articles/ eav041206pr.shtml. 77 C. KING, A Rose Among Thorns. Georgia Makes Good, in Foreign Affairs, 2004, 2, pp. 1318.

76

153

cammino verso linstaurazioni di stabili rapporti di collaborazione tra Georgia e Russia 78 . Le relazioni della Russia con lArmenia sono completamente diverse. Da un punto di vista economico questa repubblica in netto miglioramento, con tassi di sviluppo intorno al 10% nel 2001-2002. Levoluzione della situazione internazionale dopo l11 settembre 2001 ha per posto lArmenia in una situazione estremamente complessa. I tradizionali rapporti positivi con lIran uno dei paesi del cosiddetto asse del male hanno creato alcune difficolt con Washington 79 . Inoltre, il dislocamento di militari statunitensi nella vicina repubblica georgiana stato osservato a Erevan con una certa inquietudine 80 , in quanto potrebbe preludere ad una completa esclusione dalla Transcaucasia della Russia, che dellArmenia resta il sostegno principale contro lAzerbaigian e soprattutto la Turchia. E vero peraltro che negli ultimi anni vi sono stati alcuni importanti segnali di distensione tra lArmenia e la Turchia. Il 15 maggio 2002 i ministri degli esteri dei due paesi (e dellAzerbaigian) si sono incontrati ai margini del summit della Nato di Reykjavik e altri colloqui hanno avuto luogo a giugno a Istanbul, in occasione di una conferenza della Comunit economica del Mar Nero. Un ulteriore elemento positivo costituito dalla vittoria alle elezioni turche del 2002 del Partito della Giustizia e dello Sviluppo, meno legato alleredit kemalista e quindi almeno in teoria alla tradizionale posizione negazionista riguardante il genocidio armeno del 1915. Anche se una svolta in questo senso appare al momento ancora remota, leventuale soluzione del complesso contenzioso turcoarmeno modificherebbe in effetti radicalmente le prospettive geopolitiche del Caucaso. Anche nella mutata situazione internazionale il principale alleato dellArmenia rimane tuttavia la Russia. Nella sfera militare la stretta alleanza con Mosca stata riconfermata da una serie di nuovi accordi firmati nel novembre 2003 tra i ministri della difesa dei due paesi 81 . La specificit storica e geopolitica dellArmenia continua dunque a farne un fedele alleato di Mosca ed ha sinora impedito una penetrazione strategica degli Stati Uniti in questo paese. Ciononostante anche qui la situazione potrebbe conoscere unevoluzione poco gradita a Mosca. Va comunque segnalato come a livello di opinione pubblica anche lArmenia sembri indirizzarsi pi chiaramente che in passato verso Occidente piuttosto che verso la Russia. In un sondaggio condotto nel dicembre 2004 dallArmenian Center for National and International Studies (Acnis) su un
Sul significato, non solo economico, che questa misura ha per la Georgia si veda larticolo di M. CORSO, To Georgia, Wine War with Russia: A Question of National Security, in Eurasia Insight, 13 April 2006, http://www.eurasianet.org/departments/insigh/articles/eav041306pr.shtml. 79 E. DANIELYAN, U.S. Sanctions Expose Unease over Warm Ties between Yerevan and Tehran, in Eurasia, 18 May 2002, http://www.eurasianet.org/departments/insight/articles/pp051802. shtml. 80 J-C. PEUCH, Possible US Military Buildup in Georgia Raises Armenian Concerns, in Eurasia Insight, 14 March 2002, http://www.eurasianet.org/departments/insight/articles/pp031402.shtml. 81 S. BLAGOV, Armenia and Russia Reassert Bonds amid Georgias Crisis, in Eurasia Insight, 17 November 2003, http://www.eurasianet.org/departments/insigh/articles/eav111703.shtml.
78

154

campione di duemila persone, due terzi degli intervistati si sono detti favorevoli allingresso nellUnione Europea e solo il 12% contrari. Tutti i cento politici e specialisti di politica internazionale contattati dallAcnis hanno dato la stesa risposta. Esito analogo ha dato un altro sondaggio, organizzato dallagenzia Vox populi, secondo il quale il 72% della popolazione di Erevan preferirebbe far parte dellUnione Europea anzich della CSI 82 . In una repubblica tradizionalmente filo-russa si tratta di un dato rilevante, che risente certo degli avvenimenti georgiani. La percezione del diminuito peso della Russia nella regione sembra aver parzialmente influenzato anche lorientamento dei vertici politici armeni, che negli ultimi anni hanno rafforzato i legami con Nato, Stati Uniti e Unione Europea. In Azerbaigian il cambiamento delle prospettive geopolitiche dopo l11 settembre ha avuto conseguenze relativamente limitate. La leadership autoritaria e clanica di Heydar Aliyev aveva stabilito rapporti preferenziali con gli Stati Uniti e la Turchia senza per pregiudicare le relazioni con lIran e la Russia. Il presidente Putin ha cercato sin dallinizio del 2001 di migliorare le relazioni della Russia con lAzerbaigian, acconsentendo, sia pure in maniera ambigua, alla costruzione del tanto contestato oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan. Per la Russia in effetti di particolare importanza economica la soluzione dei problemi di divisione del Mar Caspio, dove di gran lunga la maggior potenza militare (come mostrano le ripetute, e a volte imponenti, manovre militari) 83 . Da parte di Baku la volont di migliorare i rapporti con Mosca deriva anche dal fatto che numerosi azeri lavorano in Russia, contribuendo non poco con le loro rimesse alleconomia dl paese. Il miglioramento delle relazioni russo-azere ha in qualche modo limitato la penetrazione statunitense, che pure indubbiamente aumentata. In particolare si rafforzata la cooperazione militare, soprattutto per migliorare la flotta, principalmente in funzione anti-iraniana 84 . Ciononostante, nel corso della guerra in Iraq del 2003 latteggiamento dellAzerbaigian stato alquanto prudente, in quanto Aliyev, la cui salute era ormai minata, non voleva sacrificare allalleanza con gli Stati Uniti il sentimento di solidariet per lIraq ampiamente diffuso in un paese musulmano come lAzerbaigian. Bench la possibilit di accogliere basi statunitensi non sia esclusa dalla dirigenza azera 85 , si ha in effetti limpressione che Baku abbia ceduto definitivamente alla Georgia la chance di divenire il paesechiave della penetrazione statunitense nella regione.
E. DANIELYAN, Polls Show Pro-Western Shift in Armenian Public Opinion, in Eurasia Insight, 11 January 2005, http://www.eurasianet.org/departments/insight/articles/eav011105. shtml. 83 P. BAEV, Russias Policy in North and South Caucasus, cit., pp. 46-47. 84 S. BLANK, U.S. Military in Azerbaijan, to Counter Iranian Threat, in Central Asia-Caucasus Analyst, 10 April 2002, http://www.cacianalyst.org/2002-04-10/20020410_US_AZERBAIJAN_ IRAN.htm. 85 F. ISMAILZADE, Heightened Geopolitical Competition over the Caucasus?, in Central AsiaCaucasus Analyst, 17 December 2003, http://www.cacianalyst.org/view_article.php?articleid= 1977.
82

155

La discutibile operazione politica che ha visto la trasmissione ereditaria del potere da Heydar Aliyev morto alla fine del 2003 a suo figlio Ilham, stata bene accolta sia dalla Russia che dagli Stati Uniti. Mosca spera evidentemente che Ilham Aliyev, il quale per rafforzare la sua ancora debole posizione ha un forte bisogno dellappoggio del grande vicino settentrionale, abbia ereditato lequilibrio politico del padre. Per quel che riguarda Washington, gli interessi connessi al transito petrolifero ed al controllo del radicalismo islamico sono troppo grandi perch si guardi eccessivamente alle incerte credenziali democratiche del nuovo presidente. Mentre la Georgia ormai apertamente proiettata verso gli Stati Uniti e lArmenia rimane in larga misura sotto il controllo di Mosca perch obbligata dalle sue particolari questioni geopolitiche, lAzerbaigian sembra quindi poter costituire una sorta di modello delle nuove relazioni internazionali, in cui la superpotenza statunitense agisce in parziale accordo con quella locale, in questo caso la Russia 86 . 4. Conclusioni

La recente politica della Russia post-sovietica nei confronti del Caucaso si sviluppa dunque secondo due linee differenti. Nel Caucaso settentrionale, Mosca ha dimostrato anche sotto la presidenza di Putin di non saper concepire una vera alternativa alla politica di repressione in Cecenia (sia pure affidata ad una fazione locale filo-russa), n di portare avanti un effettivo sviluppo economico dellintera regione. Da questo punto di vista il Caucaso continua a costituire davvero il punto debole della Russia putiniana, anche se non si deve sottovalutare limportanza che a livello di politica interna continua ad avere la manifestazione di fermezza manifestata verso questa regione. Nella Transcaucasia, invece, rispetto al decennio di Elcin, alluso spregiudicato delle rivalit interetniche ed al mantenimento di basi militari nella regione ovunque possibile la Russia ha iniziato ad aggiungere lo sfruttamento sempre pi intenso delle leve economiche, in particolare per quel che riguarda lenergia. Questa strategia, legata alla nuova concezione di un impero liberale che sembra stare prendendo piede a Mosca, non tuttavia servita ad impedire che in seguito alla cosiddetta rivoluzioni delle rose la Georgia si allontanasse ulteriormente dallorbita russa, avvicinandosi ancor pi agli Stati Uniti ed allUnione Europea. Nella stessa Armenia, tradizionalmente lalleato pi fedele nella regione, si hanno crescenti segnali di un desiderio di disimpegno dallo stretto e pur strategicamente indispensabile legame con la Russia. Il paese in cui tale politica sembra aver dato frutti migliori forse lAzerbaigian, che nonostante il completamento delloleodotto Baku-Ceyhan, ha oggi migliorato i suoi rapporti con Mosca.
I. TORBAKOV, Russia Backs Dynastic Political Succession Scenario in Azerbaijan, in Eurasia Insight, 7 August 2003, http://www.eurasianet.org/department/insight/articles/ eav0800703a.shtml.
86

156

Nel complesso sembra possibile affermare che la politica russa nel Caucaso appare rivolta essenzialmente al mantenimento dello status quo, per molti aspetti favorevole a Mosca grazie alleredit imperiale e sovietica, ma senza la capacit di adattarsi realmente alla mutata situazione internazionale, in primo luogo allindipendenza delle tre repubbliche transcaucasiche. In particolare la Russia sembra ancora soggetta ad una tentazione cripto-imperiale, che tende a ricondurre sotto il suo controllo questi paesi che tendono invece, con particolare forza nel caso della Georgia, a proiettarsi vero lEuropa e lOccidente. In effetti, tanto sotto la guida di Elcin quanto sotto quella di Putin la Russia non ha saputo dimostrarsi un valido polo di attrazione per queste repubbliche (se non per lArmenia, costretta dalla sua particolare situazione geopolitica a mantenersi stretta a Mosca). In particolare, la politica brutale in Cecenia e lincapacit di realizzare un adeguato sviluppo socio-economico del Caucaso settentrionale costituiscono un biglietto da visita assai poco gradevole nei confronti dei paesi transcaucasici. Questo ha reso con ogni probabilit irreversibile il distacco di Georgia e Azerbaigian dallorbita politica diretta della Russia. Sia per la crescente penetrazione degli Stati Uniti sia per laccresciuto interesse dellUnione Europea, la situazione politica e strategica del Caucaso meridionale sta rapidamente cambiando. E qui, forse pi che in ogni altra regione dellex-Urss, Mosca deve trovare un difficile equilibrio tra la difesa dei suoi consistenti interessi strategici e la nuova realt politica internazionale.

157

LA DIMENSIONE STRATEGICA DELLASIA CENTRALE TRA RUSSIA, CINA E USA Matteo Fumagalli

Introduzione La fine della guerra fredda e dellera bipolare hanno portato ad uno stravolgimento delle relazioni strategiche in Asia centrale. In epoca sovietica le relazioni tra la regione ed il mondo esterno passavano da Mosca. Non vi erano rappresentanze diplomatiche nella regione, laccesso alla quale era interdetto alla quasi totalit dei cittadini non sovietici, non vi erano lites diplomatiche centroasiatiche e soprattutto non vi era alcuna sistematica riflessione teorica sul ruolo che la regione potesse occupare nel sistema internazionale in quanto non se ne vedeva la necessit: lordine nella regione era garantito da Mosca e linput delle lites regionali nel definire questo ordine pareva minimo. Limplosione dello stato sovietico e la conseguente indipendenza delle cinque repubbliche centroasiatiche hanno rimesso in discussione non solo questa certezza, ma anche limportanza strategica della regione. Nellimmediato (i primi anni Novanta) il consolidamento statuale e dellidentit nazionale costituivano le priorit delle lites centroasiatiche. Per le potenze (geograficamente 1 ) esterne alla regione, oltre al consolidamento della statualit delle cinque repubbliche (che avrebbe evitato irredentismo e secessionismo), laccesso alle risorse energetiche (petrolio e gas naturale) rappresentava la principale ragione per allacciare rapporti con gli attori regionali. Verso la fine degli anni Novanta apparve incofuntabile che la minaccia posta dal radicalismo islamico avrebbe occupato un ruolo centrale nelle relazioni tra le repubbliche post-sovietiche e ogni altro attore che avrebbe voluto interagire con loro. Come avrebbero risposto le repubbliche centroasiatiche a questo crescente interesse per la regione ha dato vita a una serie di dibattiti, accademici e non. Sarebbero rimaste a gravitare nellorbita russa o avrebbero optato per lallacciamento di rapporti pi o meno stretti con altri attori, pi o meno vicini? Di contro, come avrebbe reagito lunica superpotenza globale rimasta, gli Stati Uniti, alla comparsa di un nuovo teatro regionale?
1

Chiarisco subito che il mio uso dei termini interno ed esterno alla regione puramente geografico. Infatti quello che mi propongo di mostrare come lappartenenza di un attore alla regione sia stato oggetto di aspra contestazione, ma soprattutto larticolazione della alterit di un attore rispetto al contesto centroasiatico stato utilizzato come giustificazione per ridurne la presenza.

158

Al fine di rispondere a queste domande esaminer il ri-allineamento strategico dellAsia centrale dallindipendenza a oggi, facendo particolare attenzione alle dinamiche successive agli attacchi dell11 settembre 2001. E bene chiarire subito che chi scrive non ritiene che gli attacchi dell11 settembre abbiano costituito o generato un cambiamento strutturale nel sistema internazionale. Limpatto degli attacchi sulle relazioni strategiche in Asia centrale stato tuttaltro che secondario, ma rimangono forti elementi di continuit con il periodo sovietico e irrisolte tensioni rendono prematuro ogni giudizio sulleffettivo consolidamento del sistema regionale centroasiatico. Policy-makers e analisti hatto fatto uso frequente di metafore e nuovi strumenti di analisi per riferirsi alle dinamiche strategiche e di sicurezza dei paesi centroasiatici e di quegli attori che hanno cercato di espandere la propria presenza e influenza nella regione. Complesso di sicurezza regionale 2 e comunit di sicurezza 3 sono i due concetti pi comunemente usati nel corso degli ultimi quindici anni per ripensare la formazione del sistema regionale in Asia centrale. Esaminer queste dinamiche guardando allAsia centrale quale esempio di quelli che Alessandro Colombo definisce sistemi regionali post-unitari 4 . Nella prima parte del saggio in particolare mi concentrer sulle strategie degli unici attori che hanno mostrato di avere sia le risorse che la visione strategica per imporsi nella regione (Russia, Cina e Stati Uniti) 5 , nonch sugli orientamenti internazionali delle repubbliche della regione, evidenziandone somiglianze e differenze. La seconda parte del saggio esamina due casi studio specifici: la nascita e crisi della Partnership Strategica tra Stati Uniti e Uzbekistan (2001-2005) e il consolidamento della Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (Sco, 2001-2007). Lanalisi di questi processi (di ascesa e declino statunitense, consolidamento della egemonia russa e simultanea crescita dellinfluenza economica cinese) costituiscono due casi studio rappresentativi dei processi di contestazione cui stato soggetto il sistema regionale centroasiatico. Discutere i due casi studio mi consentir di esaminare uno dei fattori di instabilit che secondo Colombo affliggono tali sistemi regionali: i deficit di legittimit che gravano sui confini del sistema, sul numero e sullidentit dei suoi attori e

Si vedano: B. BUZAN - O. WVER, Regions and Power: The Structure of International Security, Cambridge, 2003; R. ALLISON - L. JONSON (eds.), Central Asian Security: The New International Context, London, 2001. 3 Si vedano: E. ADLER - M.N. BARNETT, Governing Anarchy: A Research Agenda for the Study of Security Communities, in Ethics and International Affairs, 10, 1996; J. HEATHERSHAW, Worlds Apart: The Making and Remaking of Geopolitical Space in the US-Uzbekistan Strategic Partnership, in Central Asian Survey, 18, 2007, 1. 4 A. COLOMBO, Frammentazione e ordine internazionale. I sistemi regionali post-unitari e il nuovo arco dellinstabilit, in Quaderni di Relazioni Internazionali, 2006, 3. 5 Non sto sottintendendo che questa visione strategica sia sempre stata coerente o coerentemente applicata.

159

sullesistenza del sistema stesso 6 . Oggetto di contestazione nellAsia centrale post-sovietica, al pari di altri sistemi post-unitari, sono stati i confini (dove finisce lAsia centrale?), il numero e lidentit degli attori (gli Usa sono una potenza centroasiatica? Che dire della Russia e della Cina?), nonch il sistema stesso (esiste un sistema regionale centroasiatico separato da altri sistemi limitrofi?). Concluder questo contributo sostenendo che il recente ri-allineamento strategico il risultato di una convergenza normativa delle lites regionali, russe e cinesi. Il concetto di comunit di sicurezza sviluppato da Adler e Barnett (e applicato al contesto centroasiatico da Heathershaw 7 ) appare pertinente per cogliere lelemento coagulante della Organizazzione per la Cooperazione di Shanghai. Al tempo stesso appare prematuro sostenere che il sistema regionale centroasiatico sia ormai consolidato. Come sostiene Colombo con riferimento alla formazione dei sistemi regionali sorti sulle ceneri del sistema unitario, la statualit tanto difesa (assieme a una autentica gelosia della propria sovranit) dalle cinque repubbliche centroasiatiche appare tuttora debole. Proprio questa debolezza e le tensioni irrisolte costituiscono e anzi richiedono cooperazione tra attori regionali ed extraregionali. 1. Ripensare le dinamiche di integrazione e frammentazione regionali 8 Il crollo del sistema bipolare ha portato a una autentica proliferazione degli studi sul regionalismo 9 e a un ripensamento di questioni relative alla sicurezza a livello regionale 10 . Le teorie delle relazioni internazionali offrono una ricca selezione di approcci che cercano di spiegare le dinamiche di frammentazione ed integrazione seguiti alla fine del bipolarismo. Le teorie (neo)realiste 11 hanno tradizionalmente sminuito il ruolo delle istituzioni internazionali e delle dinamiche cooperative fra gli stati a favore di una presunzione del sistema quale anarchico, in cui il comportamento degli attori (stati) il risultato della distribuzione di potenza (militare o economica). Negli approcci neorealisti le forme di cooperazione pi comuni sono le alleanze militari in cui gli attori pi deboli collaborano e cercano di bilanciare quellattore che costituisce una minaccia. Se gli assunti neorealisti fossero validi, nel contesto centroasiatico dovremmo aspettarci una cooperazione
A. COLOMBO, Frammentazione e ordine internazionale. I sistemi regionali post-unitari e il nuovo arco dellinstabilit, cit., pp. 86-87. 7 J. HEATHERSHAW, Worlds Apart: The Making and Remaking of Geopolitical Space in the USUzbekistan Strategic Partnership, cit. 8 A. COLOMBO, Frammentazione e ordine internazionale. I sistemi regionali post-unitari e il nuovo arco dellinstabilit, cit. 9 A.J. HURRELL, Explaining the Resurgence of Regionalism in World Politics, in Review of Iternational Studies, 21, 1995, 4. 10 P. KUBICEK, Regionalism, Nationalism and Realpolitik in Central Asia, in Europe-Asia Studies, 49, 1997, 4, p. 638. 11 K.N. WALTZ, Theory of International Politics, Reading, 1979; S.M. WALT, The Origins of Alliances, Ithaca, 1987.
6

160

tra le repubbliche post-sovietiche al fine di controbilanciare una minaccia comune (effettiva o immaginata). La conseguenza di questo comportamento sarebbe una forte spinta integrativa verso la cooperazione regionale. In realt non solo le repubbliche dellAsia centrale non hanno cooperato per bilanciare linfluenza russa (il Turkmenistan si dichiarato permanentemente neutrale, lUzbekistan ha cercato di ridurre al minimo il retaggio culturale russo sul paese), ma alcuni mantenevano stretti legami con Mosca (Kirghizistan e Kazachstan, pur allinterno di una politica multivettoriale), e il Tagikistan entrava in una relazione di tipo clientelare con questa. Un altro principio neorealista vedrebbe negli stati pi deboli i pi accesi entusiasti di strutture multilaterali per bilanciare minacce regionali. Di nuovo, il Tagikistan avrebbe dovuto farsi promotore di una serie di strutture regionali per bilanciare il vicino Uzbekistan e le ambizioni di egemonia regionale di questo stato, mentre invece Dushanbe ha preferito una stretta relazione bilaterale con Mosca. Lintreccio della questione del degrado ambientale con la propriet e luso delle risorse naturali avrebbe dovuto mostrare il riscontro empirico delle teorie dellinterdipendenza 12 . Poich gli stati centroasiatici non sono in grado di risolvere tali problemi (la dessiccazione del lago dAral e dei due immissari, lAmu Darya e il Syr Darya; la gestione e distribuzione delle risorse naturali) tramite azioni unilaterali in quanto essi affliggono tutte le repubbliche della regione (ad esempio lUzbekistan dipende dalle risorse idriche kirghize e tagike e questi stati dipendono dal gas uzbeko), una soluzione richiede unazione congiunta, regionale e multilaterale. Ci significa limitare la sovranit di stati che quella stessa sovranit lhanno acquisita solo recentemente. Aldil di un certo livello di cooperazione nel settore ambientale13 , mancano invece esempi di come superare tali problemi di azione collettiva. A differenza degli approcci (neo)realisti, le teorie della stabilit egemonica vedono nella presenza di un attore privilegiato o federatore esterno 14 un elemento necessario per superare i problemi di azione collettiva. Tali teorie prevedono che gli stati pi deboli si allineino allattore pi forte (bandwagoning). Negli anni Novanta la Russia non ha n voluto n ha avuto le risorse per prendere liniziativa di promuovere una cooperazione inter-statuale su base regionale, intrattendendo relazioni bilaterali ad hoc. Non sono mancate strutture multilaterali (che anzi abbondano, perlomeno sulla carta 15 ), ma gli effetti pratici di queste sono apparsi di scarsa sostanza. Al tempo stesso le teorie della stabilit egemonica hanno una certa utilit se applicate al contesto centroasiatico. Come in altri
12

E. WEINTHAL, State Making and Environmental Cooperation: Linking Domestic and International Politics in Central Asia, Cambridge (Mass.), 2002. 13 S. HORSMAN, Uzbekistans Involvement in the Tajik Civil War 1992-1997: Domestic Considerations, in Central Asian Survey, 18, 1999, 1, pp. 37-48; E. WEINTHAL, State Making and Environmental Cooperation: Linking Domestic and International Politics in Central Asia, cit. 14 P. KUBICEK, Regionalism, Nationalism and Realpolitik in Central Asia, cit., p. 639. 15 Per una rassegna dei vari tentativi di regionalismo e regionalizzazione si veda A. LIBMAN, Regionalisation and Regionalism in the Post-Soviet Space: Current Status and Implications for Institutional Development, in Europe-Asia Studies, 59, 2007, 3.

161

sistemi regionali di recente formazione, anche quello centroasiatico ha mostrato come lordine regionale sia esogeno in quanto le potenze internazionali Usa e Russia soprattutto hanno giocato un ruolo fondamentale nel dar forma al sistema regionale centroasiatico. Il problema di queste teorie, come pure di quelle esaminate in precedenza, sostiene Kubicek, che considerano gli attori centroasiatici dei non attori, ossia dei recipienti passivi delle azioni e strategie provenienti dallesterno. Sia gli approcci costruttivisti alle relazioni internazionali 16 che quegli studi di politica estera che affermano limportanza di fattori interni per comprendere le relazioni strategiche tra gli stati 17 sopperiscono a questa mancanza. Due concetti appaiono pertinenti alla presente analisi: innanzitutto il riconoscimento che lordine in Asia centrale non solo esogeno, ma al tempo stesso endogeno, nel senso che anche il risultato delle strategie elaborate dalle lites centroasiatiche. In secondo luogo le interazioni tra attori interni ed esterni e le dinamiche che ne risultano possono essere comprese appieno solo prendendo in considerazioni questioni di identit, norme e valori che se condivisi danno vita a forme di comunit o, nel contesto dellAsia centrale, regioni-comunit 18 . Prima di procedere oltre, guarder a come le dinamiche di frammentazione e integrazione nella regione nellera post-bipolare sono state ripensate tenendo conto di questi elementi (esogenia o endogenia dellordine e questioni identitarie). 1.1 La teoria del complesso di sicurezza regionale (regional security complex) Alcuni degli elementi di novit pi significativi che hanno seguito la fine dellera bipolare sono costituiti dalla prominenza assunta dalle regioni come attori di politica internazionale e dalla regionalizzazione della sicurezza. Un modo di ripensare la trasformazione della sicurezza internazionale e la sua regionalizzazione stato proposto da Buzan e Wver attraverso la teoria del complesso di sicurezza regionale (regional security complex theory, Rsct) 19 . Lassunto principale della Rsct che poich le minacce alla sicurezza viaggiano pi rapidamente lungo brevi distanze che non attraverso spazi pi estesi, linterdipendenza della sicurezza strutturata su base regionale, intorno a quelli che Buzan e Wver chiamano complessi di sicurezza regionali. Gli stati che
E. ADLER - M.N. BARNETT, Governing Anarchy: A Research Agenda for the Study of Security Communities, cit. 17 Si vedano: M.N. BARNETT, High Politics is Low Politics: The Domestic and Systemic Sources of Israeli Security Policy, 1967-1977, in World Politics, 42, 1990, 4; M.N. BARNETT - J.S. LEVY, Domestic Sources of Alliances and Alignments: The Case of Egypt, 1962-1973, in International Organization, 45, 1991, 3; R.D. PUTNAM, Diplomacy and Domestic Politics: The Logic of Two-level Games, in InternationalOrganization, 42, 1988, 3. 18 E. ADLER, Imagined (Security) Communities: Cognitive Regions in International Relations, in Millennium: Journal of International Studies, 26, 1997, 2. 19 B. BUZAN - O. WVER, Regions and Power: The Structure of International Security, cit., p. 4.
16

162

appartengono a un complesso di sicurezza regionale condividono preoccupazioni in relazione alla sicurezza e sono interconnessi al punto che le azioni di uno hanno un impatto diretto sulla sicurezza degli altri attori 20 . La Rsct effettua una distinzione tra un livello sistemico in cui operano gli attori globali e uno subsistemico, quello regionale. Il vantaggio del concetto di complesso di sicurezza regionale costituito dalla possibilit di esaminare linterazione tra questi due livelli di analisi. I cambiamenti allinterno del complesso sono infatti dettati da fattori interni ed esterni al sistema. Allison e Jonson riprendono tale concetto e lo applicano al contesto centroasiatico al fine di comprendere le cause della riconfigurazione strategica in atto nella regione. Lanalisi di Allison e Jonson pertinente al contesto centroasiatico perch interroga la capacit delle repubbliche centroasiatiche di rispondere con efficacia alle minacce di varia natura in maniera autonoma o attraverso il sostegno di una potenza esterna che interviene ai fini di mantenere pace e stabilit nella regione. Le dinamiche strategiche sono influenzate da fattori sia esterni (alleanze tra potenze esterne e attori regionali) che interni (potenza economica o militare delle repubbliche regionali). Lintensificazione di contatti tra interno ed esterno pu anche risultare nella formazione di una comunit di sicurezza, fondata su valori e interessi comuni. Alla luce dellalto livello di competizione intraregionale, questo esito in Asia centrale considerato improbabile da Allison e Jonson. In realt la recente evoluzione strategica nella regione, che ha visto la presenza statunitense diminuire a favore di una maggiore influenza sino-russa, e una simultanea affermazione della Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai sembra mostrare che, dopotutto, una identit di valori e interessi possono emergere nella regione. Il problema costituito dal fatto che gli studi delle comunit di sicurezza hanno tradizionalmente guardato a comunit liberali o alla trasformazione di regioni illiberali in comunit liberali 21 , mentre le societ centroasiatiche si discostano palesemente da questo modello di trasformazione lineare, come verr mostrato in seguito. 1.2 Il nesso tra identit e sicurezza: le comunit di sicurezza La nozione di comunit di sicurezza (una regione transnazionale che comprende stati sovrani le cui popolazioni condividono aspettative di cambiamento pacifico 22 ), sviluppata originariamente da Karl Deutsch e poi ripresa da Adler e Barnett, ha avuto un impatto fondamentale sullo studio della politica internazionale. Come notano Adler e Barnett, fino a poco pi di un decennio fa, gli studiosi di relazioni internazionali erano decisamente a disagio nellutilizzare
R. ALLISON - L. JONSON (eds.), Central Asian Security: The New International Context, cit., p. 5 21 E. ADLER - M.N. BARNETT, Governing Anarchy: A Research Agenda for the Study of Security Communities, cit. 22 Ibidem.
20

163

nozioni di identit, valori, norme e simboli, in particolare il fatto che attori statuali e non possano condivere questi elementi che ne definiscono lidentit sociale. Adler e Barnett distinguono tra le comunit di sicurezza amalgamate e quelle pluralistiche, a seconda della porzione di sovranit che viene ceduta. Lidea di comunit di sicurezza pluralistica appare pi pertinente a una discussione dei sistemi regionali post-unitari in quanto il processo di statebuilding di recente origine e gli stati membri di questa comunit sono restii a cedere anche solo porzioni della sovranit appena acquisita. La nozione di comunit di sicurezza costituisce un importante passo in avanti per comprendere la formazione del sistema centroasiatico e gli elementi che lo definiscono. Ci sono per delle peculiarit nel contesto in questione. Le differenze sono essenzialmente due. In primo luogo la cessione di porzioni di sovranit una non possibilit in Asia centrale, in quanto lunica eccezione costituita dalla relazione clientelare tra Russia e Tagikistan durante e nel periodo immediatamente successivo alla guerra civile in cui il Tagikistan aveva di fatto ceduto la propria sovranit a Mosca. Nonostante la presenza di una vasta gamma di organizzazioni regionali, il regionalismo centroasiatico apparso, per larga parte del periodo post-sovietico, simile pi alla somma delle parti che non a un sistema di governance regionale 23 . In secondo luogo ci che accomuna le comunit di sicurezza, secondo Adler, dato dalle aspettative che eventuali episodi di cambiamento a livello politico avvengano senza ricorrere alluso della violenza. Di contro, la violenza, o meglio la possibilit della violenza in Asia centrale non mai esclusa. Il separatismo, terrorismo e fondamentalismo islamico, identificati dalle potenze regionali come le maggiori minacce alla sicurezza regionale, indicano come la possibilit della violenza incomba sul sistema. Tale violenza, va ricordato, non esclusivamente di natura anti-sistema, ma pu manifestarsi come violenza di stato, legittimata dalle lites al potere come misura necessaria per rispondere a minacce alla propria esistenza 24 . La crisi di Andijan in Uzbekistan nel maggio 2005, quando scontri fra forze governative e dimostranti hanno causato un numero imprecisato di morti, ne un chiaro esempio. 1.3 Comunit di sicurezza immaginate e comunit di sicurezza illiberali Dopo aver occupato un ruolo a dir poco marginale negli studi strategici e di sicurezza durante la guerra fredda, le questioni identitarie e il ruolo di queste nel definire le politiche di sicurezza sono state finalmente riconosciute negli studi di sicurezza. La ricerca di Adler e Barnett focalizzata su comunit liberali o sul processo attraverso cui comunit di sicurezza non liberali diventano tali, come gi osservato in precedenza. LAsia centrale si pone in contrasto a tale idea, in quanto
23

A. LIBMAN, Regionalisation and Regionalism in the Post-Soviet Space: Current Status and Implications for Institutional Development, cit. 24 M. FUMAGALLI, The Andijan Events: State Violence, Popular Resistance and the Rhetoric of Terrorism in Uzbekistan, in ISIM Newsletter, 18, 2006, pp. 28-29.

164

proprio lopposizione a questo processo di trasformazione politica e cognitiva che tiene insieme gli stati membri della comunit di sicurezza che fa capo alla Sco (secondo caso studio esaminato in questo saggio). Se per alcuni la Partnership Strategica tra Stati Uniti ed Uzbekistan (primo caso studio) poteva costituire un meccanismo attraverso cui lUzbekistan pur allinterno della guerra globale al terrorismo diventava parte di una comunit di sicurezza immaginata liberale, in realt il legame tra identit e norme da un lato e sicurezza dallaltro appare applicabile anche a regioni che liberali non sono. Le lites centroasiatiche (e russe) hanno articolato la regione come un luogo in cui gli attori membri di tale comunit difendono strenuamente lidea di sovranit e minacce alla stabilit provenienti da gruppi militanti islamici, organizzazioni non governative dedite alla democratizzazione della regione, nonch potenze esterne alla regione. Queste concezioni di statualit e sovranit si fondano su una radicale demarcazione tra interno ed esterno, e il rispetto di quanto avviene allinterno (di ogni stato) costituisce uno degli elementi caratterizzanti questa comunit di sicurezza immaginata. 1.4 I sistemi regionali post-unitari In questo saggio lAsia centrale verr esaminata come esempio di quelli che Alessandro Colombo definisce sistemi regionali post-unitari. Al pari di altri sistemi post-unitari, il sistema centroasiatico si pone in forte antitesi a quello europeo occidentale per una serie di motivi. Innanzitutto una prima differenza sta nella origine anomala del sistema regionale europeo, fortemente consolidato anche grazie al fatto che il processo di integrazione risale a diversi secoli fa (e che la statualit dei paesi membri forte e dunque cessioni di sovranit non sono percepite come un indebolimento della statualit). Lorigine dei sistemi regionali post-unitari risale allimplosione del centro, in questo caso quello sovietico intorno a cui gravitava la periferia centroasiatica. Colombo inoltre sottolinea lorigine esogena dellordine regionale. Il crollo del centro, allorigine della formazione del nuovo sistema, non ha portato a una situazione di indipendenza della periferia dal centro. Al contrario la forza gravitazionale dello spazio unitario precedente 25 si fa sentire eccome in Asia centrale, forse pi in questo decennio che in quello precedente in cui la debolezza dello stato russo era evidente. Le relazioni di sicurezza in Asia centrale sono inevitabilmente influenzate dalla politica russa verso la regione 26 . Al pari di Adler e Barnett, Colombo condivide lattenzione a nozioni di comunit e identit, il collante del nascente sistema regionale. Colombo nota pure come gli
A. COLOMBO, Frammentazione e ordine internazionale. I sistemi regionali post-unitari e il nuovo arco dellinstabilit, cit., p. 79. 26 Questo non significa che lordine sia esclusivamente esogeno e nella fattispecie di origine russa. La tesi qui sostenuta che il vecchio centro esercita una forza gravitazionale molto forte, ma questa viene soggetta a negoziazione (pur su base ineguale) da parte degli attori regionali.
25

165

stati membri del sistema siano riluttanti a cedere porzioni di sovranit a strutture sovrastatali. Questo, viene sottolineato, non dovuto al fatto che la statualit di questi stati particolarmente forte; al contrario, proprio la debolezza della statualit centroasiatica il riconoscimento implicito delle lites regionali di questa debolezza e il tentativo di farvi riparo a essere il maggiore ostacolo a ogni processo integrativo. Questo, chiaro, si pone in forte contrasto con il sistema regionale forte per eccellenza: quello europeo 27 . I due elementi centrali del sistema europeo, ossia la cessione di porzioni di sovranit e la forte statualit, sono assenti nel caso centroasiatico. Come mostrer nelle pagine seguenti, le repubbliche post-sovietiche dellAsia centrale sono apparse del tutto riluttanti a cedere anche porzioni minime della propria sovranit a organizzazioni regionali o supra-regionali. Questo aspetto, anzich essere una anomalia del nascente sistema centroasiatico, appare una normalit nelle fasi formative dei sistemi regionali post-unitari. Analizzare quindi lorigine del nascente e fragile sistema regionale centroasiatico significa interrogare le determinazioni di questo sistema (i confini, le identit degli attori e lesistenza del sistema stesso), come scrive Colombo, e verificarne la legittimit. Ed proprio questo deficit di legittimit che mina alle fondamenta la definizione dei confini, lidentit degli attori e lesistenza stessa del sistema internazionale come sistema interstatuale. Gli attori che appartengono e definiscono tali sistemi, sostiene Stefanachi a proposito del sistema regionale estasiatico, sono accomunati da una forte affermazione della sovranit statuale, dalla ricerca di sicurezza e da una aspirazione multipolare 28 . Nelle pagine seguenti esaminer due casi studio che mostreranno come anche il sistema centroasiatico soffra di un deficit di legittimit plurimo che colpisce le tre determinazioni sopra citate, e come il recente consolidamento della Sco abbia dato vita a quanto di pi vicino la regione abbia espresso a un sistema regionale in cui la Sco ambisce a determinare lordine del sistema e costituire un polo in un sistema internazionale multipolare. Prima di procedere oltre, opportuno rivisitare le tre ragioni principali per cui la regione centroasiatica diventata di importanza strategica dopo il crollo dellUrss: la questione dellaccesso agli idrocarburi, la sicurezza, e le instabili relazioni tra stato e societ. 2. Limportanza strategica del sistema regionale centroasiatico Che cos dunque lAsia centrale e da dove deriva la sua importanza strategica? A livello geografico lAsia centrale comprende una porzione significativa della massa eurasiatica, che racchiude non solo le cinque repubbliche post-sovietiche di
27

A. COLOMBO, Frammentazione e ordine internazionale. I sistemi regionali post-unitari e il nuovo arco dellinstabilit, cit., p. 75. 28 C. STEFANACHI, LAsia orientale tra regionalizzazione e leadership americana, in A. COLOMBO (a cura di), La sfida americana. Europa, Medio Oriente e Asia orientale di fronte allegemonia globale degli Stati Uniti, Milano, 2006, pp. 108-114.

166

Kazachstan, Kirghizistan, Uzbekistan, Tagikistan e Turkmenistan, ma anche la Mongolia, il Xinjiang e lAfghanistan 29 . I problemi sorgono quando si cerca di definire la regione a livello politico. La regione era nota come Asia di mezzo e Kazachstan (srednyaya Aziya i Kazakhstan) in epoca sovietica in quanto le autorit sovietiche differenziavano tra la parte meridionale della regione, marcatamente distinta a livello geografico e culturale dalla Russia, e il Kazachstan, pi simile o meno dissimile, almeno nelle regioni settentrionali alle zone della Siberia centrale. E solo in epoca post-sovietica che i leader delle cinque repubbliche post-sovietiche resero noto che la categoria Asia centrale avrebbe sostituito quella precedente e che ne avrebbero fatto parte le cinque repubbliche di Kazachstan, Kirghizistan, Uzbekistan, Tagikistan e Turkmenistan 30 . Per gran parte degli anni Novanta per gli Stati Uniti, la Russia e la Cina (come pure per lUnione Europea) le repubbliche centroasiatiche sono state percepite come un collettaneo di stan non proprio degni di nota 31 . Come osserva Legvold, la disintegrazione dello spazio sovietico rendeva i rischi provenienti dalla regione meno prevedibili, ma tutto sommato lincertezza sembrava porre una minaccia meno temibile rispetto alla presenza della potenza sovietica. Come far fronte a questo nuovo spazio politico in via di formazione non era ben chiaro, n era chiara la strategia che le potenze internazionali avrebbero adottato nei confronti della regione. Lattenzione cinese continuava a essere monopolizzata da quel che succedeva nella zona del Pacifico e in particolare dai rapporti con Taiwan. La Russia sprofondava in un caos decisionale in cui le relazioni con lOccidente e il conflitto ceceno gettavano il vecchio ventre molle dellUnione Sovietica (la periferia meridionale, appunto) nellombra, considerato come un peso di cui liberarsi al pi presto 32 . Gli Stati Uniti da parte loro parevano oscillare tra le critiche allo scarso progresso in tema di democrazia, pluralismo e diritti umani e i tentativi invece di integrare le repubbliche centroasiatiche nelle strutture di una Nato a sua volta in via di ridefinizione. Laccesso alle riserve di idrocarburi, specialmente di Kazachstan e Turkmenistan (e Azerbaigian) e le difficolt connesse al trasporto di queste verso ovest tenevano impegnati governi e multinazionali. LUnione Europea era presente solo per interposta persona, nelle vesti della Organizzazione per la Sicurezza e Cooperazione in Europa e altri programmi ad hoc 33 .

29

I. ZVIAGELSKAYA, Russia and Central Asia: Problems of Security, in B. RUMER (ed.), Central Asia at the End of Transition, London, 2005, p. 72. 30 Ibidem. 31 R. LEGVOLD, Great Power Stakes in Central Asia, in R. LEGVOLD (ed.), Thinking Strategically: The Major Powers, Kazakhstan and the Central Asian Nexus, Cambridge (Mass.), 2003, p. 1. 32 Solo con lavvento di Evgenij Primakov al Ministero degli Esteri cominciava un serio ripensamento dellimportanza strategica delle repubbliche centroasiatiche per il Cremlino. 33 Questi comprendono i programmi Tacis (scaduto nel 2006), Bomca, Cadap.

167

Gli attacchi dellundici settembre 2001 hanno cambiato la percezione dellAsia centrale e della sua importanza strategica. Non si sono risparmiate iperboli per riferirsi alla regione: lAsia centrale era diventata improvvisamente un teatro centrale della prima guerra globale del ventunesimo secolo 34 ed aveva acquisito una nuova rilevanza strategica 35 . Il riferimento a un presunto nuovo Grande Gioco diventava la spiegazione delle dinamiche in corso, invece che una analogia il cui potere esplicativo avrebbe dovuto essere soggetto a verifica empirica. Gli eventi che si sono succeduti dalla fine del 2004 e nel corso degli anni successivi (2005-2007) hanno mostrato come il ruolo statunitense nella regione fosse assai pi precario di quanto fosse possibile immaginare nellautunno 2001. Lespulsione delle forze statunitensi dallUzbekistan, le crescenti critiche alla presenza Usa in Kirghizistan, laffermazione della Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai come importante attore regionale nonch lefficacia delle compagnie cinesi e soprattutto russe nel rafforzare la presenza politica ed economica di Pechino e Mosca nella regione sembrano dare ragione a chi, specialmente in Cina e Russia, sosteneva lalterit di Washington alla regione. Questa sezione ripercorre brevemente il percorso e gli ostacoli incontrati dalle repubbliche centroasiatiche verso il consolidamento della propria indipendenza. Cos facendo illustrer le problematiche che hanno preoccupato il policy-making non solo delle lites locali, ma anche delle maggiori potenze internazionali, ossia gli Stati Uniti, la Russia e la Cina. 2.1 State-building, autoritarismo e contratto sociale. Un elemento che accomuna le repubbliche centroasiatiche la presenza di regimi autoritari pi o meno consolidati 36 . A parte qualche timido esperimento con riforme volte a introdurre una certa misura di pluralismo e liberalizzazione politica mentre lUnione Sovietica volgeva al tramonto (Tagikistan) e nei primi anni di indipendenza (Kirghizistan, 1991-1994; Tagikistan, 1991-1992), gli stati e le popolazioni dellAsia centrale sono rimasti immuni dal processo di democratizzazione che ha contraddistinto il crollo del comunismo in Europa centro-orientale e nelle repubbliche baltiche. I regimi pi repressivi sono stati quelli di Turkmenistan e Uzbekistan, ma nel complesso le lites al potere hanno fatto di tutto per preservare e consolidare la propria posizione e isolarsi da possibili sfide da parte dellopposizione.

34

D. LOVELACE, Foreword, in E. WISHNICK, Strategic Consequences of the Iraq War: US Security Interests in Central Asia Reassessed, Strategic Studies Institute, US Army War College, Carlisle, 2004, p. i. 35 R. GIRAGOSIAN, The Strategic Central Asian Arena, in China and Eurasia Forum Quarterly, 4, 2006, 1, p. 133. 36 S.N. CUMMINGS (ed.), Power and Change in Central Asia, London, 2002.

168

Come ha notato Deniz Kandiyoti a proposito del rapporto stato-societ in Uzbekistan, per gran parte del periodo post-sovietico una sorta di contratto sociale tra lites e popolazione ha garantito ordine e stabilit sociale 37 . Le lites assicuravano che lassenza di opposizione sarebbe stata ricompensata con un sistema di sussidi che avrebbe consentito alla popolazione di fronteggiare le difficolt economiche associate allindipendenza. Di contro, la popolazione avrebbe rinunciato a far sentire il proprio malcontento. Questo sistema, strutturalmente precario, ha garantito che episodi di protesta di massa e disordini civili rimanessero ai minimi livelli. Quando per, come gli episodi di Andijan nel maggio 2005 dimostrano, lo stato non appare pi in grado di garantire anche i fabbisogni minimi della popolazione che anzi continua a vessare, il malcontento non pi contenibile e il conflitto politico si fa violento. Se questa situazione in buona sostanza una questione interna alle repubbliche della regione, la incessante pressione politica e le difficolt economiche hanno reso ogni forma di opposizione non clandestina impossibile, contribuendo alla crescita in popolarit dellislamismo radicale e alle ramificazioni internazionali di questo fenomeno. 2.2 Sicurezza e islamismo radicale La questione della minaccia posta dai movimenti radicali islamici nella regione collegata al deterioramento delle relazioni tra stato e societ esaminate qui sopra. La crescita e la minaccia posta dai movimenti islamisti in Asia centrale e Afghanistan sono stati oggetto di un numero crescente di pubblicazioni accademiche e non. LIslam politico post-sovietico ha assunto varie forme e manifestazioni. Il Partito di rinascita islamico del Tagikistan ha giocato un ruolo centrale nella guerra civile che ha distrutto il paese dal 1992 al 1997. La presenza di un movimento islamico fra i ranghi della opposizione tagika ha consentito alla fazione governativa ma anche alle autorit delle repubbliche confinanti, soprattutto a Tashkent di agitare lo spettro del fondamentalismo islamico, facendo della lotta allestremismo religioso una priorit delle politiche della sicurezza delle repubbliche centroasiatiche. Anche nel vicino Uzbekistan, la popolarit di organizzazioni come Adolat (concentrata nella valle di Ferghana) nel 1991-1992 contribu ad alimentare la percezione di una crescente minaccia ai regimi laici della regione 38 . Di scarso rilievo in Turkmenistan e sostanzialmente marginale anche in Kazachstan, la cosiddetta minaccia islamica nella regione si concentrata in Uzbekistan, Kirghizistan e Tagikistan, e particolarmente nella regione transfrontaliera della valle di Ferghana. Lopposizione islamica nella regione include sia movimenti violenti che non violenti. Questi ultimi comprendono il Partito di rinascita islamico in Tagikistan (dopo gli accordi di
D. KANDIYOTI, Andijan: Prelude to a Massacre, OpenDemocracy.net, 20 May 2005, http://www.opendemocracy.net/globalization-institutions_government/Andijan_2527.jsp. 38 A. KHALID, Islam after Communism. Religion and Politics in Central Asia, London, 2007, p. 140.
37

169

pace del 1997), ma anche lHizb-ut Tahrir, una organizzazione transnazionale dalla retorica fortemente antisemita e antiamericana, ma che professa un cambiamento politico e linstaurazione del califfato nella regione tramite metodi pacifici (proselitismo e cambiamento graduale). Lopposizione violenta in Asia centrale stata tradizionalmente identificata con il Movimento islamico dellUzbekistan (Imu), fondato nel 1998 da Tohir Yuldash e Juma Namangani. LImu stato protagonista di ripetute incursioni in Uzbekistan nelle estati del 1999 e 2000 e ha costituito una spina nel fianco del regime di Islam Karimov. I suoi militanti hanno tradizionalmente operato dalle valli del Tagikistan centrale (Tavildera e Karategin) e quando poi gli accordi di pace che hanno posto fine alla guerra civile nel paese hanno imposto ai militanti di lasciare la repubbliche, lImu ha trovato rifugio nellAfghanistan talebano, salvo poi essere coinvolta (e decimata) nella guerra al terrorismo che ha colpito le basi di gruppi al-qaedisti e fazioni talebane nellinverno 2001. Scontri tra truppe governative e militanti si sono poi verificati negli anni successivi in Uzbekistan (attentato nel 2004), in Kirghizistan (2005) e Tagikistan (2006), senza per dar mai limpressione che potessero costituire una seria minaccia alla posizione dei regimi al potere. La presenza di questi episodi stata ciononostante utilizzata dalle lites locali (ma anche da Cina e Russia) come giustificazione per una azione sempre pi repressiva nei confronti della opposizione, religiosa e laica, violenta e non. 2.3 Dimensione energetica La questione energetica costituisce unaltra importante ragione per cui le potenze internazionali, attori statuali e non (compagnie petrolifere in primis) hanno riposto una crescente attenzione verso la regione. Nonostante la regione disponga anche di risorse idriche (Tagikistan e Kirghizistan), la presenza di idrocarburi che ha destato lattenzione internazionale per lAsia centrale. Kazachstan, Turkmenistan e Uzbekistan, in misura diversa, dispongono di gas naturale, mentre Turkmenistan e soprattutto Kazachstan possiedono ingenti riserve petrolifere. Le riserve kazake si aggirano intorno ai 39,8 miliardi di barili di petrolio (met delle riserve russe e lundici per cento di quelle saudite 39 ). Il Turkmenistan dispone invece di circa 600 milioni di barili 40 . E il gas naturale la maggiore risorsa di cui dispone lo stato turkmeno, visto che le sue riserve ammontano a circa 2.860 miliardi di metri cubi. Le riserve kazake sono di pari entit, mentre quelle uzbeke sono leggermente inferiori (1.870 miliardi di metri cubi 41 ). Le tre questioni sollevate dal crollo sovietico sono innanzitutto quella relativa allaccesso alle risorse, nonch il loro trasporto al di fuori della regione e limpatto sulle economie e societ locali. Storia e geografia hanno tradizionalmente legato la questione energetica alle
39

INTERNATIONAL CRISIS GROUP, Central Asias Energy Risks, Asia Report n. 133, 24 May 2007, p. 6, http://www.crisisgroup.org/home/index.cfm?id=4866&l=1. 40 Ibidem, p. 8. 41 Ibidem, p. 12.

170

relazioni con la Russia, attraverso cui venivano trasportati gli idrocarburi. La possibilit di sfruttare gli idrocarburi centroasiatici ha riscontrato il prevedibile interesse di quegli attori, quali gli Stati Uniti, lUnione Europea e pi recentemente la Cina, alla ricerca della sicurezza energetica. Il consolidamento delle relazioni con le repubbliche centroasiatiche favorito in parte dai fabbisogni energetici degli attori esterni alla regione, e la diversificazione delle importazioni di idrocarburi passa necessariamente dalla regione. Le controversie relative alla fattibilit, ai costi e alle opportunit politiche di costruire nuovi oleodotti o gasdotti per trasportare le risorse verso ovest, sud o est o ammodernare le strutture sovietiche che trasportano gas naturale e petrolio via territorio russo hanno preoccupato e affascinato al tempo stesso analisti, politici, compagnie private e governi di mezzo mondo. La Russia, come si vedr nella prossima sezione, ha cercato di creare un cartello controllato dalla compagnia Gazprom (ufficialmente indipendente dal Cremlino, anche se in pratica luso politico di questa appare sempre pi evidente) al fine di controllare non solo le infrastrutture (che permettono il trasporto delle risorse via Russia), ma anche i giacimenti stessi tramite la firma di una serie di contratti con i governi locali. La Cina ha cercato di rispondere costruendo un oleodotto che trasporta petrolio dal Kazachstan, mentre Usa e Ue hanno sviluppato pipelines alternative cercando di ridurre la dipendenza dalle risorse e infrastrutture russe 42 . Non vanno poi dimenticati aspetti pi deleteri di questa ricchezza energetica, ossia il fatto che leconomia locale viene distorta da una dipendenza da queste risorse. Non vi sono in altre parole incentivi per diversificare leconomia. Ci che ancor pi preoccupante che le lites al potere non hanno mostrato alcun segno di volere ridistribuire le ricchezze acquisite alla popolazione che invece rimasta esclusa dai vari contratti del secolo firmati da compagnie occidentali e ristretti circoli di potere nella regione. 3. Russia: verso la ricostituzione di un ordine esogeno? La presenza russa nella regione risale alla seconda met del diciannovesimo secolo, allorch limpero zarista si espanse verso sud, conquistando le steppe kazake e turkmene, i khanati di Kokand e Khiva e lemirato di Bukhara. Con la conquista di Tashkent (1876) e la battaglia di Goek-tepe (1881), la conquista russa dellAsia centrale era pressoch totale. Il periodo sovietico ha poi consolidato i legami tra la regione e la Russia al punto tale che, nonostante limplosione dello stato sovietico, vi era una fitta rete di interdipendenze che avrebbero continuato a determinare le relazioni tra il centro (la Russia) e la periferia (lAsia centrale) 43 .
Per una analisi pi dettagliata della questione energetica in Asia centrale si vedano S. TOSI, Fonti energetiche e infrastrutture di trasporto, ISPI Working Paper n. 4, ottobre 2006, http://www.ispionline.it/it/documents/wp_4_2006.pdf e INTERNATIONAL CRISIS GROUP, Central Asias Energy Risks, cit. 43 Quella che comunemente nota come eredit sovietica racchiude non solo la prossimit geografica ed esperienze storiche condivise, ma anche la complementariet e dipendenza delle
42

171

Negli anni Novanta le relazioni russo-centroasiatiche sono state contraddistinte da una radicale perdita di influenza da parte russa a livello politico e culturale. Questa perdita di influenza era dovuta alla volont delle lites centroasiatiche di difendere la propria indipendenza da Mosca, ma anche alle difficolt incontrate dalla Russia nello stabilire i parametri del proprio disimpegno e alla ridefinizione delle proprie priorit strategiche. In un primo momento (allorch Kozyrev era ministro degli Esteri durante la presidenza Eltsin) sembr che lAsia centrale non fosse altro che un peso, specialmente economico, per la Russia. Un peso di cui disfarsi al pi presto. Al tempo stesso lasse strategico russo era decisamente orientato verso la definizione di relazioni privilegiate con lOccidente. Certo il Cremlino si rendeva conto che un ritiro totale dalla regione sarebbe stato non solo impraticabile, ma controproducente. Il controllo dei confini afghano-sovietici rimase infatti una priorit russa. Ci non era tanto dovuto a una riflessione strategica riguardo al ruolo che la Russia avrebbe potuto giocare in quella parte del mondo, quanto pi a esigenze di sicurezza. Un confine poroso avrebbe portato a degli spillover di instabilit dallAfghanistan verso lAsia centrale post-sovietica e da questa entro i confini russi. Il radicalismo religioso, ma anche il traffico di stupefacenti e di armi costituivano minacce non solo alla sicurezza di Tagikistan e Uzbekistan, fra gli altri, ma anche alla sicurezza russa. Che il vecchio confine afghano-sovietico era diventato un confine afghano-tagiko sembrava una differenza impercettibile. Truppe russe (la 201-esima divisione motorizzata) rimasero stazionate nella piccola repubblica montana a garantire la sicurezza tagiko e per estensione della Federazione Russa. Nel settore della sicurezza la Russia rimasta il principale attore nella regione, anche se la sua capacit di garantire la sicurezza stata progressivamente erosa. Il riconoscimento di questa realt ha portato le repubbliche centroasiatiche alla ricerca di nuovi partner in grado di colmare queste percezioni di insicurezza. A livello culturale linfluenza russa era in declino. Migliaia di russi o russofoni hanno lasciato la regione negli anni Novanta alla ricerca di maggiori fortune (economiche) e maggiore sicurezza (anche solo a livello psicologico) entro i confini russi. LAsia centrale diventava progressivamente meno russa, e pi uzbeka, kazaka, kirghiza e cos via. Il biennio 1999-2000 ha costituito un autentico spartiacque tra le due fasi di politica e concettualizzazione del ruolo russo in Asia centrale. Nel giro di breve tempo linfluenza russa passata da una situazione di declino inarrestabile a un recupero di una influenza perduta. I fattori decisivi che hanno portato a questo mutamento radicale sono stati essenzialmente due: - il cambio alla presidenza della Federazione Russa; - la rinascita economica russa dovuta a un aumento dei prezzi del petrolio.

economie, identit, culture e valori condivisi, come pure infrastrutture create in funzione dellunit dello spazio sovietico e non nellassunto che un giorno le repubbliche sarebbero diventate indipendenti.

172

Vladimir Putin ha razionalizzato lallora assai caotica formulazione della politica estera (e non solo) russa, in gran parte grazie alla verticalizzazione del potere (vertikal vlasti). Il ripensamento strategico russo comincia nel 1999 e si manifesta nella bozza della Dottrina militare (poi adottata nel 2000) e nel Concetto di sicurezza nazionale in cui gli obiettivi strategici del paese vengono dichiarati in maniera inequivocabile: la vocazione multipolare e il contenimento dellinfluenza straniera nello spazio post-sovietico. La Russia ha proceduto a definire i sui obiettivi strategici nella regione: - reintegrare la regione nella propria sfera di influenza e mantenere la stabilit regionale; - prevenire la crescita di influenza di potenze esterne 44 . I tentativi per raggiungere il primo obiettivo non sono mai mancati nemmeno nel corso degli anni Novanta. Il tentativo di creare delle strutture militari integrate tramite il Trattato di sicurezza collettiva (Tsc) firmato a Tashkent nel 1992 costituisce lesempio pi lampante di questi tentativi e del loro fallimento dovuto sia ad una mancanza di volont da parte di alcune repubbliche post-sovietiche di cedere nuovamente porzioni di sovranit alla Russia, ma anche alla mancaza di reali capacit da parte russa di tradurre in pratica le dichiarazioni retoriche di tali trattati. Nel ridefinire la posizione russa nella regione e pi in generale nello spazio post-sovietico Putin ha fatto meno uso di retorica e ha invece insitito su una risorsa pi efficace: il controllo da parte russa (fosse questo governativo o di compagnie russe pi o meno allineate al Cremlino) delle risorse energetiche e delle infrastrutture attraverso cui queste devono essere trasportate come strumento di politica estera 45 . Per assicurare la propria influenza nella regione la Russia ha di fatto creato un cartello in campo energetico 46 . Limprovvisa disponibilit finanziaria di Mosca dovuta allalto prezzo del petrolio ha consentito alle autorit russe di riversare miliardi di dollari sulle repubbliche centroasiatiche. Un atteggiamento filo-russo manifestato tramite la partecipazione a strutture di sicurezza (Tsc o Sco) o economiche (Comunit Economica Eurasiatica, Eurasec) sarebbe stato ricompensato con investimenti ingenti e una intensificazione negli scambi commerciali. A differenza delle politiche occidentali che hanno tentato di far uso della condizionalit, lunica condizionalit russa consiste nel posizionamento internazionale delle repubbliche post-sovietiche senza manifestare interesse alcuno per le dinamiche interne al paese. Che questi paesi

L. JONSON, Russia and Central Asia, in R. ALLISON - L. JONSON (eds.), Central Asian Security: The New International Context, cit., pp. 98-114. 45 Alcuni analisti hanno anche notato come la Russia abbia cercato di fare uso di un certo soft power: cfr. N. POPESCU, Russias Soft Power Ambitions, CEPS Policy Brief n. 115, October 2006 e F. HILL, Moscow Discovers Soft Power, in Current History, 105, October 2006, pp. 341347. 46 S. BLANK, Russia Realizes its Cartel, in Central Asia-Caucasus Analyst, 30 November 2005, http://www.cacianalyst.org e M. BRILL OLCOTT, The Great Powers in Central Asia, in Current History, 104, October 2005, pp. 331-335.

44

173

siano autoritari o democratici poco importa a Mosca che tramite le proprie azioni garantisce lo status quo (trattato come sinonimo di stabilit) nella regione. 4. Gli Stati Uniti e i dilemmi di sicurezza e democratizzazione La presenza statunitense una novit assoluta nella regione. Per lintero decennio 1991-2001 Washington non ha elaborato alcuna strategia nei confronti della regione. Privilegiando rapporti bilaterali anzich una strategia regionale, lattenzione statunitense era finalizzata al rafforzamento dellindipendenza delle repubbliche centroasiatiche (obiettivo alquanto vago) e soprattutto al contenimento della proliferazione nucleare (Kazachstan). Solo verso la seconda met degli anni Novanta gli Stati Uniti hanno cominciato a guardare alla regione come una possibile fonte alternativa di approvvigionamento di energia. Fino ad allora le repubbliche centroasiatiche apparivano del tutto marginali e periferiche agli interessi strategici americani. Geograficamente distante e remota e difficilmente accessibile, lAsia centrale non presentava alcuna minaccia per Washington, che infatti non esitava a criticare il lento progresso a livello economico e politico, nonch gli abusi in tema di diritti umani. Nel periodo 19911994 il consolidamento dellindipendenza della repubbliche centroasiatiche da Mosca ha monopolizzato lattenzione statunitense. Di fatto ci ha avuto conseguenze pratiche minime. Nel corso degli anni Novanta (1994-2001) stato possibile riscontrare un interesse crescente nei confronti delle questioni energetiche, manifestato tra laltro, con il sostegno per la costruzione della pipeline Baku-Tbilisi-Ceyhan (Btc) che avrebbe trasportato il petrolio dal Caspio al Mediterraneo evitando il territorio e le strutture russe. La diversificazione delle fonti di energia, la riduzione della dipendenza dal petrolio mediorientale (e in seguito dalle pipelines russe) hanno guidato la politica Usa verso la regione. Vi erano indubbiamente altre considerazioni. Mentre infatti la Nato era in via di ridefinizione ma anche di allargamento verso est, gli Usa hanno cercato di integrare gli stati della regione nelle strutture militari occidentali, principalmente tramite il programma Partnership for Peace della Nato. Lassistenza militare e la creazione di un battaglione centroasiatico hanno contribuito ad alimentare le paure russe di un accerchiamento occidentale ai propri danni. Al tempo stesso gli Usa hanno finanziato una serie di programmi che avrebbero dovuto portare alla creazione di una robusta societ civile e in ultima analisi di societ democratiche nella regione. La continua resistenza delle autorit locali a pressioni americane in tema di democrazia, pluralismo, diritti civili e umani, ha per costituito una incessante doccia fredda. Le possibilit che Uzbekistan o Turkmenistan per esempio seguissero lesempio degli stati post-comunisti dellEuropa centroorientale sono sempre state assai remote. In sostanza per il primo decennio dellindipendenza la politica Usa nella regione stata contraddistinta da un uso congiunto di cooperazione militare e assistenza economica.

174

Gli interessi strategici statunitensi nella regione sono mutati radicalmente in seguito agli attacchi dell11 settembre. Gli Usa hanno ratificato accordi con Uzbekistan e Kirghizistan circa luso di basi militari nei due paesi (KarshiKhanabad e Manas, rispettivamente), ottenuto diritti di sorvolo dal Kazachstan, nonch lavallo tagiko per luso temporaneo dellaeroporto della capitale Dushanbe 47 . Nei primi mesi del 2003 gli Stati Uniti contavano circa tremila unit nella regione ed avevano concluso accordi di intelligence-sharing con tutti gli stati della regione ad eccezione del Turkmenistan. Se le operazioni in Afghanistan sono state il fattore catalizzatore dellattenzione americana per la regione centroasiatica, la trasformazione strategica si rivelata di portata globale, come evidenziato nella Strategia per la sicurezza nazionale (2002). Lo spazio postsovietico diventato uno dei fronti principali in cui la guerra globale al terrorismo viene combattuta. Il cambiamento radicale nelle priorit strategiche ha causato un ripensamento delle relazioni con le repubbliche della regione, con lUzbekistan in particolare, come vedremo nelle pagine successive. Bilateralismo, anzich un approccio regionale, continua a contraddistinguere le relazioni tra Usa e repubbliche regionali in questa fase. Le relazioni con il Turkmenistan rimangono minime, ma nel complesso la presenza e il ruolo statunitense nella regione aumentano a tal punto da preparare il terreno a una controffensiva russa e cinese, sempre pi insofferenti alla presenza americana 48 . Il periodo che va dal 2005 in poi quello analiticamente di maggiore semplicit per il puro fatto che Washington non ha ancora iniziato un serio dibattito sul come reagire alla propria marginalizzazione nella regione, nonch alla apparente egemonia sino-russa istituzionalizzata attraverso la Sco. Il dibattito strategico negli Usa paralizzato a causa della inconciliabilit di due fazioni, una che chiede a gran voce la riapertura del dialogo senza condizioni con Tashkent, e laltra che considera riforme e regime behaviour change una conditio sine qua non per riallacciare i rapporti con lUzbekistan. Torner sullargomento nella discussione di uno dei due casi studio. Quello che comunque appare evidente come la politica Usa nella regione sia stata contraddistinta da un continuo vacillamento frutto di una mancanza di riflessione strategica su quali siano effettivamente gli obiettivi primari americani. Il cambiamento pi significativo degli ultimi anni riguarda il modo in cui la presenza Usa percepita da parte delle lites al potere in Asia centrale. Da alleati nella lotta al radicalismo islamista, i regimi centroasiatici hanno progressivamente visto gli Usa come una ulteriore minaccia alla propria sopravvivenza al potere (il
I. BERMAN, The New Battleground: Central Asia and the Caucasus, in The Washington Quarterly, 28, 2004/2005, 1, p. 60. 48 In seguito agli attacchi dell11 settembre e in controtendenza rispetto a vari circoli politici e militari russi, Vladimir Putin non manifest alcuna opposizione alluso americano delle basi in Kirghizistan e Uzbekistan, contando sulla dichiarazione che luso di queste fosse temporaneo e limitato alla durata delle operazioni in Afghanistan. Su questo faranno poi leva Mosca e Pechino per chiedere a gran voce il ritiro americano dalla regione.
47

175

regime di Tashkent ha perfino sostenuto lesistenza di una inverosimile alleanza tra Washington e lopposizione islamista dietro agli eventi di Andijan nel maggio 2005). 5. Cina: stabilit e sicurezza energetica Al fine di portare a termine il proprio processo di modernizzazione, la Cina necessita di un ambiente internazionale stabile e pacifico. Nello sviluppare una politica regionale nei confronti dei paesi centroasiatici la Cina ha tenuto in considerazione i seguenti aspetti. In primo luogo la Cina ha impostato le relazioni con i paesi confinanti alla luce della questione uigura e della stabilit della regione autonoma dello Xinjiang 49 . Se da un lato Pechino sta cercando di accelerare lo sviluppo economico della regione, dallaltro le autorit cinesi guardano sempre con circospezione e sospetto le attivit dei gruppi separatisti uiguri che occasionalmente hanno trovato rifugio in Kazachstan o Kirghizistan. In secondo luogo la Cina ritiene che le risorse energetiche della regione saranno oggetto del desiderio di un crescente numero di attori alla ricerca di una diversificazione delle fonti di energia e di una maggiore sicurezza energetica. In questo senso da intendersi lintensa attivit cinese sia in Asia centrale che in Africa, alla ricerca di mercati alternativi al Medio Oriente. Politicamente, le repubbliche centroasiatiche hanno mostrato di essere particolarmente sensibili a interferenze nella propria sovranit e la Cina ha mostrato sensibilit analoghe in tema di difesa della propria sovranit da interferenze esterne. La difesa di sovranit, stabilit e statualit accomunano Pechino e le lites della regione. La questione potenzialmente pi controversa era quella relativa alle dispute territoriali tra la Cina e lUnione Sovietica. Un accordo firmato nel 1991 chiuse sostanzialmente la questione dei confini sino-russi, eccezion fatta per i tremila chilometri di confine tra la Cina e tre repubbliche centroasiatiche. Le parti si accordarono per risolvere le dispute tramite negoziati, ma mentre la questione stata risolta nel caso del confine sinokazako, le dispute relative ai confini sino-kirghisi e sino-tagiki rimangono, con Bishkek e Dushanbe periodicamente irritate da quella che viene percepita come una inesorabile annessione cinese di territorio kirghizo e tagiko. E invece in tema di commercio e cooperazione economica che i legami tra Pechino e le repubbliche centroasiatiche si sono fatti sempre pi stretti. Se le cifre ufficiali parlano di scambi commerciali in crescita, soprattutto a livello di economia informale (shuttle trade e importazione di prodotti cinesi a basso costo e rivendita di questi sui mercati centroasiatici da parte di singoli individui) che la penetrazione economica cinese in Asia centrale diventa inarrestabile per proporzioni e per potenzialit. Infine, a livello della cooperazione militare e di sicurezza levento di maggiore rilevanza senza dubbio la creazione della Organizzazione per la

49

G. XING, China and Central Asia, in R. ALLISON - L. JONSON (eds.), Central Asian Security: The New International Context, cit., pp. 152-153.

176

Cooperazione di Shanghai, in cui per la prima volta la Cina partecipa a una struttura centroasiatica multilaterale. 6. Orientamenti strategici delle repubbliche centroasiatiche Il ritiro volontario russo 50 di fine 1991 e inizio 1992 ha di fatto costretto le repubbliche centroasiatiche a sviluppare politiche estere indipendenti per le quali erano impreparate sia a livello di riflessione strategica (il foreign policy-making era di stretto dominio russo in epoca sovietica) che pratico, dato che vi erano pochi centroasiatici nel corpo diplomatico sovietico, nonch poche risorse per aprire e sostenere ambasciate e consolati. Le nuove repubbliche hanno reagito e interagito in maniera diversa alle pressioni, sfide e opportunit offerte dalla possibilit di avere relazioni con paesi limitrofi e non e ai segnali contrastanti provenienti da Mosca, come gi osservato nelle pagine precedenti. La sezione riassume brevemente le scelte strategiche delle cinque repubbliche centroasiatiche dallindipendenza ad oggi. 6.1 La neutralit permanente del Turkmenistan Delle cinque repubbliche, il Turkmenistan quello che meno ha oscillato in termini di alleanze, almeno fino alla morte di Saparmurat Niyazov, il leader indiscusso del paese, nel dicembre 2006. Fino ad allora lelemento centrale della politica estera turkmena era costituito dalla ufficiale neutralit del paese, dichiarata da Niyazov al momento dellindipendenza dallUnione Sovietica e poi riconosciuta dalle Nazioni Unite nel dicembre 1995. I rapporti con la Comunit di Stati Indipendenti rimasero a livelli minimi per lintero periodo successivo al crollo dellUrss al punto che nel 2005 il paese riusc a fare declassare la propria partecipazione alla Csi al livello di paese associato. Niyazov decise the il paese non avrebbe fatto parte n della Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (unico paese della regione a non farne parte) n della Comunit Economica Eurasiatica o di altre organizzazioni regionali. Ashgabat ha mantenuto contatti assai circoscritti con la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale e il programma Partnership for Peace della Nato. La neutralit turkmena giustificata con riferimento a tre motivi 51 . Innanzitutto, ladesione a organizzazioni internazionali stata interpretata da Niyazov come una cessione di sovranit. Ci avrebbe avuto ripercussioni sulle relazioni con Iran e Afghanistan; quando questultimo era sotto controllo talebano il Turkmenistan era lunico stato post-sovietico con il quale manteneva relazioni ufficiali. Questo
L. JONSON, Russia and Central Asia, cit. M.J. DENISON, Turkmenistan in Transitino: A Window for EU Engagement?, CEPS Policy Brief n. 29, May 2007.
51 50

177

aspetto significativo in quanto lorganizzazione che ha preceduto la Sco (Shanghai-5) aveva nella lotta al terrorismo e nella opposizione al regime dei talebani uno degli elementi fondanti lorganizzazione. In secondo luogo, le minacce alla sicurezza turkmena hanno una origine pi probabile nelle dispute di frontiera con lUzbekistan (membro della Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva 52 ); il Tsc prevede situazioni in cui lattacco a uno stato membro si traduce in un attacco alla organizzazione stessa e prevede meccanismi di risoluzione dei conflitti qualora una parte sia esterna alla organizzazione, mentre non sono previsti meccanismi di risoluzione dei conflitti qualora entrambe le parti siano stati membri. La terza priorit strategica consiste nellassicurare che nessuna via di transito degli idrocarburi (attuale o potenziale) venga messa a repentaglio dallintrappolamento del paese in una particolare alleanza 53 . La morte del Turkmenbashi e la rapida successione di Gurbanguly Berdimukhammedov (eletto nel febbraio 2007) hanno aperto una finestra di opportunit alle lites del paese per riconsiderare lisolamento imposto da Niyazov. Come sostiene Denison, improbabile che la nuova leadership turkmena proceda a un riorientamento strategico a centottanta gradi 54 . Sar molto probabile che gli stretti rapporti con la Russia continuino, anche se maggiore considerazione verr data anche ad altri attori, inclusa la Cina e lUe. La visita a Mosca del neopresidente turkmeno Gurbanguly Berdimukhammedov nellaprile 2007 ha mostrato come la strategia russa di consolidare un cartello energetico nella regione anche tramite la politica energetica incontrer degli ostacoli nel Turkmenistan. Il Turkmenistan ha infatti resistito alla richiesta di intensificare le relazioni di sicurezza tra i due paesi n ha acconsentito alla richiesta del presidente russo Putin di muoversi in direzione di una reintegrazione economica ed energetica con Mosca 55 , per esempio bloccando lipotesi di un oleodotto transcaspico (osteggiato dal Cremlino) in favore di un riorientamento delle pipelines verso nord 56 . Limprovvisa scomparsa del Turkmenbashi ha aperto un periodo di incertezza, ma anche di opportunit per il paese per aprirsi al mondo esterno. I rapporti con la Cina, ma anche con lUe, potrebbero intensificarsi nel medio periodo, anche se non vi sono segnali che la nuova dirigenza turkmena possa rinunciare alla politica di neutralit permanente che peraltro ha giovato al paese, che ha evitato di trovarsi intrappolato in alleanze internazionali, beneficiando dellinteresse globale per le proprie risorse energetiche.

Gi Trattato di Sicurezza Collettiva. M.J. DENISON, Turkmenistan in Transitino: A Window for EU Engagement?, cit. 54 Ibidem. 55 Peraltro gi stretta, visto che lex presidente Niyazov aveva siglato un accordo nel 2003 che prevedeva che gran parte delle esportazioni di gas turkmeno sarebbero state dirette verso la Russia per i successivi venticinque anni. 56 S. BLAGOV, Russia Presses for More Caspian Cooperation with Turkmenistan, in Eurasia Daily Monitor, 30 April 2007.
53

52

178

6.2 Relazioni clientelari con Mosca? Tagikistan e Kirghizistan Le repubbliche del Kirghizistan e Tagikistan hanno goduto di spazi di manovra assai pi ristretti rispetto ai vicini. Privi delle riserve di idrocarburi di cui dispongono Turkmenistan e Kazachstan e dellimportanza strategica dellUzbekistan, Tagikistan e Kirghizistan hanno mantenuto un simile orientamento strategico per gran parte del periodo post-indipendenza. Le autorit kirghize hanno tradizionalmente guardato alla Russia come lo stato che garantisce la sicurezza del paese. Mosca non mai stata percepita come una minaccia e anzi la Russia vista come lunico baluardo contro i percepiti tentativi di egemonia uzbeka nella regione. Le relazioni con il vicino Uzbekistan sono invece state piuttosto tese, in particolare a partire dalla fine degli anni Novanta 57 . Le dispute riguardano questioni territoriali, propriet, uso e allocazione delle risorse idriche, pagamenti del gas uzbeko, nonch la situazione della considerevole minoranza uzbeka nel sud del paese. La percezione kirghiza della Russia come stato garante della propria sicurezza spiega molte delle scelte di politica estera di Bishkek dal 1991 ad oggi. Il Kirghizistan ha fatto parte della maggior parte delle organizzazione regionali sorte sulle ceneri dellUrss, dal Tcs alla Sco e lEurasec. Buoni rapporti sono rimasti anche a livello culturale. Nonostante lemigrazione di migliaia di persone in quella che stata una autentica emorragia dal paese della popolazione russofona negli anni Novanta, la cultura e la lingua russa non sono mai state oggetto di discriminazione, a differenza del vicino Uzbekistan e del Turkmenistan, dove la nazionalizzazione della cultura del paese andata di pari passo con la riduzione della presenza pubblica del russo. Il russo continua a essere correntemente parlato nel paese e nel 2000 il suo status di lingua ufficiale stato finalmente riconosciuto 58 . In seguito allimplosione dello stato sovietico, la Russia ha ridimensionato la propria presenza nel paese, limitando questa al personale stazionato in una piccola base aerea a Kant dal 2003, quando le autorit kirghize hanno concluso un accordo con la controparte russa simile a quello precedentemente raggiunto con gli americani. Con tale mossa lallora presidente Akaev intendeva rassicurare sia i russi che le lites kirghize che la concessione della base agli Usa (contestata dalle lites kirghize pro-russe) non andava interpretata come una volont di disimpegno di Bishkek dallorbita russa. La dipendenza energetica del paese, la russificazione delle regioni settentrionali e la presenza di vari lavoratori stagionali provenienti dal Kirghizistan sul territorio
N.W. MEGORAN, The Borders of Eternal Friendship? The Politics and Pain of Nationalism and Identity along the Uzbekistan-Kyrgyzstan Ferghana Valley Boundary 1999-2000, tesi di dottorato, Cambridge, 2002. 58 Tale status stato negato alluzbeko, nonostante sia parlato da quasi un abitante su cinque e da uno su due nel sud del paese.
57

179

della Federazione Russa lasciano alle autorit kirghize uno spazio di manovra assai limitato. Anche in occasione della cosiddetta rivoluzione dei tulipani (marzo-aprile 2005) quando il regime di Akaev fu rovesciato da una coalizione alquanto eterogenea di lites in rottura con il regime, boss locali di dubbia reputazione e proteste popolari, il cambiamento di regime a Bishkek non ha seguito i modelli georgiano e ucraino che in seguito a brogli elettorali nel 2003 e 2004 avevano portato alla fine dei regimi autoritari filo-russi di Shevarnadze e Kuchma, e a un riorientamento strategico filo-occidentale dei due paesi. Le questioni di politica estera e alleanze internazionali rimasero estranee alla rivoluzione kirghiza. Le tensioni con la Cina durante gli anni Novanta (a causa di dispute territoriali) e una ambivalente relazione con gli Stati Uniti (circa luso e in particolare il pagamento dellaffitto della base) non hanno mai reso credibile la possibilit di un riallineamento che distanziasse Bishkek dalla zona di influenza russa. Ci non significa che Bishkek non abbia cercato di massimizzare i profitti derivanti dalle necessit logistiche imposte dalla guerra in Afghanistan. Al contrario, la concessione delluso della base di Ganci (presso Manas, vicino alla capitale Bishkek) alle truppe statunitensi ha portato del contante prezioso nelle esangui casse del governo kirghizo. Quello che rende il caso kirghizo unico che le basi Usa e russe si trovano a pochi chilometri di distanza. La base russa ha per un valore puramente simbolico dato lesiguo numero di mezzi e personale che staziona nella base di Kant. Nonostante la particolarit della situazione, probabile che questa non cambi nel prossimo futuro. Bishkek ha pi volte minacciato gli Usa di espulsione, ma il bluff stato pi volte rivelato da Washington che si rende conto di come la situazione della base di Manas sia ben diversa dalla situazione di Karshi-Khanabad in Uzbekistan, allorch gli Usa ricevettero lordine da Tashkent di chiudere la base. Non negli interessi di Bishkek che gli Usa lascino il paese. Al cuore del problema c molto pi semplicemente un tentativo kirghiso di alzare il prezzo della collaborazione di Bishkek. Nonostante il Kirghizistan avesse richiesto il pagamento di circa 200 milioni di dollari per laffitto della base, le parti si sono accordate per una cifra pi ragionevole (17 milioni) 59 . A differenza della situazione di Karshi, la Sco ma anche Cina e Russia non hanno mai esercitato pressione su Bishkek affinch le truppe americane venissero espulse. Questo riflette probabilmente lo scarso peso strategico che i vari attori esterni assegnano al Kirghizistan. La relazione tra Russia e Kirghizistan pu per certi versi essere definita di tipo clientelare in quanto il sostegno economico russo viene scambiato con un orientamento filo-russo. La liberalizzazione del sistema economico kirghizo ha attratto un considerevole numero di investitori russi, e limmancabile
59

Kyrgyzstan Says It Gets $17 Million Rent For US Base, Radio Free Europe/Radio Liberty, 13 February 2007, http://www.rferl.org/featuresarticle/2007/02/FA73D47E-6BFA-4133-989688A4169F789C.html.

180

Gazprom ha acquisito una quota di maggioranza della compagnia statale kirghiza di idrocarburi Kyrgyzneftegaz. Di ancor pi stretta dipendenza dalla Russia la situazione del Tagikistan. La posizione ai confini di Cina e Afghanistan ha fatto del paese un prezioso partner strategico sia per la Russia che per gli Usa a discapito dellisolamento geografico e della scarsit di risorse naturali del paese (risorse idriche a parte 60 ). Nella fase terminale del periodo sovietico la repubblica appariva fra quelle pi inclini a una liberalizzazione del sistema politico locale. La guerra civile che ha travolto il paese (1992-1997) e lo ha reso una sorta di failed state ha interrotto queste riforme facendo del Tagikistan uno degli stati pi poveri al mondo. Lintervento russo ha giocato un ruolo fondamentale nel porre fine al conflitto. Formalmente neutrale e presente con forze di peacekeeping, la Russia in realt non ha mai nascosto il proprio sostegno politico alla fazione del presidente Rakhmonov e la contemporanea preoccupazione per il ruolo giocato dalla opposizione (United Tajik Opposition), una variegata coalizione di forze islamiche, democratiche, liberali, nonch elementi criminali (peraltro presenti anche nella coalizione progovernativa) 61 . Di tutte le repubbliche ex sovietiche (forse con leccezione della sola Bielorussia), il Tagikistan stato lalleato pi fedele di Mosca. Il Tagikistan era fra le repubbliche che pi dipendevano economicamente dai sussidi russi in epoca sovietica; nel periodo post-sovietico il legame stato esteso a questioni politiche e di sicurezza. Senza lintervento risolutore russo la guerra civile tagika avrebbe continuato a sconvolgere il paese. Lintervento russo, beninteso, non era guidato da motivazioni umanitarie, bens strategiche. Nel momento in cui le altre repubbliche centroasiatiche sembravano ritagliarsi sfere di autonomia da Mosca (specialmente Turkmenistan e Uzbekistan, entrambi ai confini con lAfghanistan), il Tagikistan costituiva per la Russia un tassello importante per continuare a presidiare i confini instabili e strategicamente importanti con lAfghanistan e mantere di conseguenza una presenza militare in Asia centrale. Il traffico di droga, armi e la crescente minaccia posta dal radicalismo islamico rendevano il Tagikistan un alleato strategico importantissimo per Mosca. Di contro, il sostegno finanziario e soprattutto politico per la coalizione al potere a Dushanbe apparivano imprescindibili: senza lappoggio esterno russo lordine in Tagikistan sarebbe crollato in breve tempo. Pur in minor misura se paragonato ai vicini Uzbekistan e Kirghizistan, anche il Tagikistan ha beneficiato della necessit statunitense di aver accesso a strutture, aeroporti e basi in Asia centrale allindomani degli attacchi dell11 settembre. Dushanbe decise di non concedere agli Usa luso delle proprie basi (peraltro inadeguate a livello strutturale alle necessit americane), ma acconsent alla richiesta delluso dellaeroporto della
E. MARAT, Russia and China Unite Forces in Peace Mission 2007, in Central AsiaCaucasus Analyst, 4 April 2007, http://www.cacianalyst.org. 61 K. NOURZHANOV, Saviours of the Nation or Robber Barons? Warlord Politics in Tajikistan, in Central Asian Survey, 24, 2005, 2.
60

181

capitale Dushanbe e alla richiesta di diritto di sorvolo. La collaborazione tagika venne garantita tramite un corposo programma di assistenza finanziaria 62 . Beninteso, linfluenza di Mosca non necessariamente diminuita. Se le truppe di frontiera russe hanno lasciato il paese nel 2005 e la sicurezza dei confini ora gestita dallesercito tagiko, le autorit locali hanno acconsentito a che Mosca stabilisse una base militare nella capitale Dushanbe (dove sono di stanza cinquemila soldati), che in futuro potrebbe essere trasformata in base aerea. Nemmeno sono cessati il sostegno e i finanziamenti russi. Nel 2004 la Russia ha cancellato i debiti tagiki per un valore di 330 miliardi di dollari e promesso investimenti per circa 2 miliardi di dollari 63 . In sostanza la Russia ha fatto uso di un sostegno sia militare che economico per evitare che il paese cadesse nella zona di influenza Nato/statunitense. Le autorit tagike da parte loro non hanno mai negato come la Russia fosse da considerarsi il partner strategico nonch alleato del Tagikistan. 6.3 Il Kazachstan e la politica multivettoriale Al pari degli orientamenti internazionali delle altre repubbliche centroasiatiche, anche la politica estera kazaka non ha contenuti ideologici, ma definita da una combinazione di pragmatismo e di desiderio di distogliere lattenzione dai problemi interni verso le relazioni internazionali del paese. A livello strategico il Kazachstan ha intrapreso una via di mezzo, autodefinendosi un paese che unisce est e ovest, ossia un paese eurasiatico nel senso letterale del termine. Nazarbaev enfatizza al tempo stesso le radici turche della popolazione (etnia) kazaka e i legami con la Russia 64 . Nel consolidare lo stato kazako Nazarbaev ha fatto uso di strumenti autoritari nel trattare problemi interni, mentre a livello internazionale lo stato kazako ha condotto una politica estera pragmatica in cui Astana cerca di mantenere relazioni cordiali con tutti i paesi, confinanti e non 65 . Le autorit kazake hanno fatto della multivettorialit lelemento caratterizzante la politica estera del paese. La natura multivettoriale della politica estera kazaka dovuta principalmente ai seguenti fattori 66 . In primo luogo vi la collocazione geografica del paese nel cuore della massa eurasiatica, privo di accesso al mare: ci rende i rapporti di buon vicinato con Russia e Cina imprescindibili. Inoltre va ricordato come la
Questa ammontava a circa 60 milioni di dollari nel 2005 (Dipartimento di Stato Usa, http://dushanbe.usembassy.gov/pr_012006.html). 63 M. TORFEH, Central Asia: Putin Visit Takes Russian-Tajik Relations to New Level, Radio Free Europe/Radio Liberty, 20 October 2004, http://www.rferl.org/features/features_Article.aspx? m=10&y=2004&id=0F926680-1249-4DDA-9CEF-17651746D876. 64 S.N. CUMMINGS, Eurasian Bridge or Murky Waters between East and West? Ideas, Identity and Output in Kazakhstans Foreign Policy, in Journal of Post-Communist Studies and Transition Politics, 19, 2003, 3. 65 Ibidem, p. 139. 66 Ibidem, pp. 142-143.
62

182

leadership del paese fosse alla ricerca di una nuova identit post-sovietica per il paese. Questa ricerca di una nuova identit conseguenza di una indipendenza non cercata ma subita, di un processo di state-building incompiuto, della collocazione geografica del paese e della composizione multietnica della popolazione 67 . La comunit kazaka, considerata nazione titolare della repubblica in epoca sovietica, costituiva una semplice maggioranza relativa fino al crollo sovietico; la presenza di numerose comunit russofone nel paese (soprattutto nel nord ai confini con la Siberia e nei centri urbani) rendeva di fatto il Kazachstan uno stato binazionale, dalla identit incerta per molti aspetti, ma deciso nel non volere (e potere) fare a meno di mantenere buoni rapporti con la vicina Russia. Infine, gli stessi kazaki si mostravano maggiormente a proprio agio con espressioni identitarie non etniche. Il paese oscillava in sostanza tra una identit kazaka entro i propri confini, affermata con sempre maggiore visibilit e decisione, e una identit kazachstana (non etnica) in campo internazionale. La flessibilit resa possibile da una politica estera multivettoriale e non ideologica veniva inoltre utilizzata a fini di politica interna come strumento di legittimazione del regime al potere. Una politica multivettoriale, sostiene Sally N. Cummings, indica che lidentit nazionale del paese debole e racchiude in s una serie di contraddizioni 68 . Lo stesso anno in cui il paese ader a una unione doganale con Russia e Bielorussia, Astana si mostr favorevole a una pi stretta integrazione economica su base regionale. La simultanea ricerca di pi partner a livello internazionale genera non solo una politica estera incerta e contraddittoria, ma indebolisce anche lidentit del paese che pi che ancorare oriente e occidente galleggia fra questi 69 . 6.4 LUzbekistan e la strategia di omnibalancing Al pari delle altre repubbliche centroasiatiche (con lunica eccezione del Kirghizistan nei primi anni Novanta), lindipendenza non ha portato a una liberalizzazione del sistema politico uzbeko n alla introduzione di riforme democratiche. Le autorit uzbeke hanno introdotto qualche timida riforma che ha portato alla formazione di un sistema partitico e un (limitato) livello di competizione elettorale negli anni 1991-1992. Il consolidamento della opposizione laica al regime di Islam Karimov e lemergere di una opposizione islamista nella regione della valle di Ferghana (in cui le sensibilit religiose sono particolarmente forti) portarono questo breve esperimento a una drastica conclusione. La formazione di uno stato forte e il conseguimento di una effettiva (e non solo de jure) indipendenza dalla Russia sono stati gli obiettivi principali del regime di Islam Karimov in Uzbekistan.
67 68

Peraltro queste sono considerazioni che valgono anche per le altre repubbliche nella regione. S.N. CUMMINGS, Eurasian Bridge or Murky Waters between East and West? Ideas, Identity and Output in Kazakhstans Foreign Policy, cit. 69 Ibidem, p. 152.

183

Karimov ha guidato lUzbekistan verso lindipendenza dalla Russia tramite la riduzione dellinfluenza russa a livello culturale, ma soprattutto distanziando il paese da Mosca in termini di relazioni politiche e di sicurezza 70 . Ci non si tradotto in una scelta strategica filo-occidentale. Tashkent ha alternato ladesione a organizzazioni multilaterali russo-centriche (Csi e Tsc) a una parallela partecipazione a strutture occidentali. Nonostante lUzbekistan avesse aderito immediatamente alla Comunit di Stati Indipendenti ed avesse firmato il Trattato di Sicurezza Collettiva a Tashkent nel 1992, la repubblica centroasiatica ader al programma Nato Partnership for Peace nel 1994. Le truppe uzbeke entrarono a far parte del battaglione centroasiatico (Centrazbat) nel 1995. Nel 1999 il paese non ha rinnovato la propria partecipazione nel Tsc, preferendo invece aderire al Guam (poi diventato Guuam in seguito alla adesione uzbeka), il forum multilaterale di cui fanno parte Georgia, Ucraina, Azerbaigian e Moldova, percepito in Russia come un gruppo esplicitamente anti-russo. Nonostante questo sia stato letto come un ri-allineamento occidentale del paese, la strategia uzbeka era invece quella di bilanciare fra loro tutte le potenze esterne ai fini di mantenere una notevole autonomia. Le relazioni con Mosca si raffreddarono notevolmente durante gli anni Novanta; questo per non imped ai due paesi di collaborare nella prima fase della guerra civile tagika per porre fine al conflitto (1992-1994) 71 . Le relazioni fra i due paesi si deteriorarono negli anni seguenti allorch divenne chiaro alle autorit di Tashkent che lordine emerso in Tagikistan alla fine della guerra civile non sarebbe stato favorevole allUzbekistan che aveva tradizionalmente dominato la vita politica della piccola repubblica montana per lintero periodo sovietico. Lattentato al presidente Karimov del febbraio 1998 nel centro di Tashkent e soprattutto lintensificarsi delle incursioni da parte di movimenti radicali islamisti verso la fine degli anni Novanta portarono le lites uzbeke alla consapevolezza che non sarebbe stato possibile garantire la sicurezza del paese (e della regione) senza il sostegno esterno di una qualche potenza internazionale. Ci ha portato a una prima collaborazione a livello di intelligence tra il paese e gli Stati Uniti, ma anche a un progressivo miglioramento nelle relazioni con la Russia, in particolare in seguito alla elezione di Putin a presidente. Nel 2001 Tashkent ha aderito alla
Il processo di state-building in Uzbekistan stato contraddistinto da una graduale, ma decisa uzbekizzazione del paese anche a livello culturale. Luso ufficiale della lingua russa stato ridotto drasticamente a favore delluzbeko che stato promosso. Liconografia nelle strade e piazze delle citt dellUzbekistan ha visto nel corso degli anni scomparire le scritte in russo e in cirillico a favore di quelle in uzbeko e in caratteri latini (dal 1993 luso dellalfabeto cirillico stato ufficialmente abbandonato, nonostante in pratica sia possibile trovare la lingua scritta in entrambi gli alfabeti, cosa che crea non poca confusione fra la popolazione). A livello economico invece i legami tra Russia e Uzbekistan non sono mai venuti meno. La Russia tradizionalmente la destinazione principale delle esportazioni uzbeke, mentre il mercato uzbeko sempre stato egemonizzato da compagnie e prodotti russi. 71 Sulla guerra civile tagika si veda S. HORSMAN, Uzbekistans Involvement in the Tajik Civil War 1992-1997: Domestic Considerations, cit.
70

184

Sco, una organizzazione che fa della lotta al terrorismo uno dei propri obiettivi. Il primo decennio di indipendenza stato dunque caratterizzato da una totale concentrazione sul rafforzamento della statualit uzbeka e del regime al potere. La giustificazione stata trovata nella minaccia (reale o immaginata) di un pericolo islamista che minacciava la sicurezza del paese. Lorientamento strategico del paese la logica derivazione di due assunti: primo, che il processo di statebuilding doveva passare attraverso il raggiungimento di una totale indipendenza da Mosca; e secondo, che lautonomia uzbeka sarebbe stata garantita solo attraverso una strategia di omnibalancing, ossia evitando di legarsi eccessivamente ad altri attori. In secondo luogo, quando lincapacit uzbeka di far fronte alla minaccia islamista divenne lampante, ci ha portato ad allacciare pi stretti legami con lattore esterno (qualunque esso fosse) che sembrava in grado di garantire la sicurezza uzbeka. Dal 2001 al 2004 gli Usa rappresentavano lo stato garante della sicurezza uzbeka, mentre negli anni successivi la Russia soppiant gli Stati Uniti nel ruolo di partner strategico del paese. Limpatto degli attacchi dell11 settembre sullallineamento strategico uzbeko oggetto di analisi in una sezione successiva. 6.5 Sintesi: continuit e discontinuit Il breve excursus negli orientamenti strategici delle cinque repubbliche centroasiatiche nel periodo post-sovietico ha evidenziato le seguenti dinamiche. 1. In primo luogo il processo di state-building ha dominato lagenda delle cinque repubbliche. Nessuna di queste vantava un precedente di statualit indipendente. Anzi solo con la creazione dello stato sovietico e la politica di delimitazione nazionale (1924-1936) che le repubbliche assumono le sembianze pseudo-statuali entro i confini attuali 72 . Vennero creati parlamenti nazionali, costituzioni, bandiere e inni; insomma tutte le vestigia formali della statualit, tranne ovviamente la sovranit, che rimaneva soggetta a Mosca. Le istituzioni formali della statualit centroasiatica pre-esistevano dunque al crollo dellUrss, ma solo con il dicembre 1991 che le repubbliche diventarono soggetti di diritto internazionale. Tutte le repubbliche si mostrarono ben presto assai gelose della sovranit appena acquisita e assai riluttanti a cederne anche porzioni minime per dar vita a strutture regionali per far fronte a problemi comuni (questione ambientale, gestione delle risorse naturali, ma anche della sicurezza). 2. La strenua difesa della propria sovranit si tradotta, in campo internazionale, in una riluttanza ad entrare in nuove alleanze con attori esterni alla regione. Questo contribuisce a far luce sul fallimento di strutture multilaterali e della Csi, percepite come strumento russo per rinnovare la propria egemonia sulla regione. Con leccezione del Tagikistan, sprofondato nella guerra civile, le altre
Cfr. F. HIRSCH, Empire of Nations, Ithaca, 2005 e T. MARTIN, The Affirmative Action Empire. Nations and Nationalism in the Soviet Union, 1923-1939, Ithaca, 2001.
72

185

repubbliche si sono ritagliate spazi di autonomia pi o meno decisi. Turkmenistan e Uzbekistan sono stati gli stati pi decisi a evitare lintrappolamento in alleanze, mentre Kazachstan e Kirghizistan hanno cercato, per pragmatismo pi che per convinzione, di bilanciare la dipendenza dalla Russia in tema di sicurezza con il sostegno finanziario Usa (specialmente il Kirghizistan). 3. Va inoltre osservato come la situazione strategica nella regione sia cambiato non una, ma ben due volte dall11 settembre 2001 a oggi. La presenza e linfluenza statunitense sono cresciute significativamente dal 2001 al 2004 e le repubbliche centroasiatiche si sono in varia misura ri-allineate in modo da beneficiare economicamente (tramite i programmi di assistenza militare e di sicurezza) e politicamente (tramite il sostegno politico ai regimi al potere) dai nuovi legami con Washington. Negli ultimi anni, invece, la Russia, forte di una economia pi forte e dunque pi attraente e meno preoccupata delle implicazioni di una strategia volta alla preservazione dello status quo politico, ha soppiantato gli Usa come partner strategico. 4. Infine limpatto maggiore dell11 settembre sulle relazioni strategiche nella regione e fra le repubbliche centroasiatiche e gli attori esterni stato lacuirsi delle tensioni tra le esigenze di sicurezza e quelle di riforma dei sistemi politici ed economici nella regione. La sicurezza ha dominato lagenda delle relazioni tra gli attori regionali e quelli esterni a discapito della pressione per introdurre riforme e liberalizzazione politica ed economica. 7. Il ri-allineamento strategico dalla partnership tra Usa e Uzbekistan consolidamento della Sco al

Come gi notato nella prima parte di questo saggio, la dimensione strategica dellAsia centrale nel 2007 appare molto diversa da quella di inizio decennio. Allora la presenza e linfluenza statunitense erano in visibile crescita, con le repubbliche centroasiatiche che offrivano collaborazione agli Usa (dietro compenso, ovviamente). Oggi la situazione non potrebbe essere pi diversa. Linfluenza statunitense in declino, mentre Russia e Cina sembrano saldamente in controllo. Questa sezione esamina il caso studio del ri-allineamento strategico ai fini di illustrare due tesi: 1. in primo luogo gli allineamenti strategici in Asia centrale sono tuttora sostanzialmente fluidi, come mostrano la repentina crisi tra Usa e Uzbekistan e il voltafaccia di Tashkent che nel novembre 2005 ha siglato un trattato di alleanza con la Russia; 2. in secondo luogo questo repentino cambiamento mostra come il sistema regionale centroasiatico sia tuttora non consolidato.

186

7.1 Le relazioni tra Stati Uniti e Uzbekistan dalla illusione della partnership alla crisi della illusione (2001-2005) 73 Gli attacchi dell11 settembre hanno costituito unautentica manna dal cielo per le autorit uzbeke. Dopo aver lamentato lo scarso sostegno alla propria lotta contro il terrorismo per anni (in particolare dal 1998 in poi), Tashkent vedeva finalmente riconosciuta la bont delle proprie tesi. Il radicalismo islamico costituiva una minaccia non solo per la stabilit statuale uzbeka o regionale, ma per il sistema internazionale nel suo complesso. Il 5 ottobre 2001 il governo uzbeko acconsent alla richiesta Usa di utilizzare la base di Karshi-Khanabad (precedentemente usata in epoca sovietica dallArmata Rossa durante la guerra in Afghanistan). La collaborazione tra Washington e Tashkent divent sempre pi stretta, con Tashkent che era fra i pochi paesi al mondo a sostenere linvasione dellIraq mentre al tempo stesso riceveva decine di milioni di dollari in assistenza di varia natura (militare e non) dagli Usa 74 . Nel marzo del 2002 Karimov e Bush si ritrovano a Washington per siglare la Partnership strategica fra Usa e Uzbekistan. In apparenza il documento non faceva altro che conferire ufficialit a una comunanza di interessi strategici fra i due paesi. La crisi delle relazioni tra Usa e Uzbekistan non ha origine in un evento preciso, bens in una serie cumulativa di processi che hanno reso la partnership imbarazzante e controproducente per entrambe le parti. I primi segnali di un deterioramento delle relazioni uzbeko-statunitensi sono datati 2004, allorch il Dipartimento di Stato americano pubblic un rapporto critico della situazione uzbeka in tema di diritti umani e stato delle riforme politiche nel paese 75 . Le critiche non pervenivano esclusivamente da parte statunitense. I motivi che avevano spinto le autorit uzbeke (radicalismo islamista; bilanciamento antirusso; comunanza di obiettivi strategici con gli Stati Uniti nella lotta al terrorismo) non apparivano pi validi. La presenza statunitense contrariamente a quanto inizialmente sperato, ossia che la collaborazione portasse maggiore sicurezza allUzbekistan ha peggiorato la situazione. Il ripetersi sempre pi frequente di attentati da parte di organizzazioni clandestine nella primavera ed estate 2004 che sono poi culminate negli eventi di Andijan nel maggio 2005 hanno portato il regime di Islam Karimov a percepire la partnership con Washington come una seconda minaccia alla sicurezza uzbeka, o meglio alla sicurezza del proprio regime e alla propria sopravvivenza (politica). Questo mutamento di percezioni aveva luogo proprio mentre le autorit di Tashkent osservavano, con

J. HEATHERSHAW, Worlds Apart: The Making and Remaking of Geopolitical Space in the US-Uzbekistan Strategic Partnership, cit. 74 M. FUMAGALLI, Alignments and Re-alignments in Central Asia: Rationale and Implications of Uzbekistans Rapprochement with Russia, in International Political Science Review, 28, 2007, 3, p. 267. 75 G. GLEASON, The Uzbek Expulsion of US Forces and Realignment in Central Asia, in Problems of Post-Communism, 53, 2006, 2.

73

187

preoccupazione, le ondate di proteste popolari in Georgia (2003), Ucraina (2004) e Kirghizistan (2005) che avevano rovesciato i regimi al potere. La crisi di Andijan, in cui una insurrezione nella citt ha portato a degli scontri tra lopposizione e le forze di sicurezza uzbeke, conclusa con una repressione governativa particolarmente dura, rappresenta lemblema pi che la causa o il fattore catalizzatore della crisi tra Usa e Uzbekistan. La reazione statunitense alla reazione del governo uzbeko, dopo un primo tentennamento, fu quella di richiedere una investigazione internazionale e indipendente, richiesta sempre rifiutata alle autorit uzbeke che vedevano nella cosa uninterferenza nelle proprie questioni interne e dunque una lesione della propria sovranit. Contrariamente a quanto Usa, Unione Europea e organizzazioni di diritti umani si aspettavano, la crisi di Andijan non ha portato allisolamento internazionale dellUzbekistan. Al contrario Tashkent ricevette un pronto e deciso sostegno da Mosca, Pechino, e dagli altri paesi della Sco. A quel punto le relazioni con Washington (e Bruxelles) sono apparse come un peso di cui era possibile fare a meno. Il 29 luglio 2005 le autorit uzbeke comunicavano alle controparti statunitensi che avrebbero dovuto lasciare la base di Karshi-Khanabad entro centottanta giorni. Il 12 novembre 2005, mentre a Mosca Putin e Karimov firmavano un trattato di alleanza (dando vita ad una collaborazione senza precedenti, secondo le parole di Islam Karimov 76 ), le ultime truppe americane lasciavano in tono sommesso il territorio uzbeko. 7.2 LOrganizzazione per Cooperazione di Shanghai LOrganizzazione per la Cooperazione di Shanghai viene costituita come organizzazione internazionale intergovernativa nel giugno 2001 con lo scopo di rispondere ai fenomeni che mettono a repentaglio la pace, stabilit e sicurezza nella regione centroasiatica 77 . La Sco nasce nellaccordo di cooperazione militare nelle zone di confine siglato da Russia, Cina, Kazachstan, Kirghizistan e Tagikistan nel 1996, accordo che aveva dato vita al cosiddetto Gruppo di Shanghai o Shanghai-5, dalla citt in cui era stato firmato. A questo aveva fatto seguito lanno seguente un secondo accordo per la riduzione delle forze militari nelle zone di confine. Privo di una vera e propria organizzazione e ancora lontano da una vera e propria istituzionalizzazione, il Gruppo di Shanghai sembrava essere destinato a diventare lennesimo esempio di vacua struttura multilaterale post-sovietica, questa volta con laggiunta cinese. Invece, e con sorpresa di molti, a partire dal 1999 il Gruppo di Shanghai ha progressivamente ampliato il proprio raggio di azione e i propri
76 77

Novosti Uzbekistana, 24 novembre 2005. Della Sco al momento fanno parte sei stati (Russia, Cina, Uzbekistan, Kazachstan, Tagikistan e Kirghizistan), mentre Mongolia, Iran, Pakistan e India hanno ottenuto nel corso degli anni lo status di paesi osservatori.

188

obiettivi. La cooperazione tra gli stati membri stata estesa da quella militare (prevista negli accordi firmati nel 1996-97), a quella economica e culturale 78 . Gli obiettivi sono stati estesi a forme di cooperazione in settori non tradizionali come la lotta al terrorismo, al separatismo ed allestremismo religioso. Questa nuova e pi intensa cooperazione stata formalizzata tramite listituzionalizzazione del gruppo in una organizzazione internazionale nel 2001. Tali accordi prevedevano anche la creazione di una Segreteria permanente con sede a Pechino (a testimonianza dellimportanza conferita dalla Cina alla organizzazione) e di una struttura regionale per lanti-terrorismo (Rats), con sede a Tashkent, in Uzbekistan 79 . Lampliamento del raggio dazione della Sco nasce dalle forti (e crescenti) preoccupazioni degli stati membri relativamente alla sicurezza. Le incursioni di militanti islamici nella valle di Ferghana nelle estati del 1999-2000 e nel 20042005 ed il crescente timore dei paesi della regione e di Russia e Cina circa la crescente minaccia rappresentata da gruppi radicali islamici hanno portato gli stati membri a coordinare i propri sforzi per far fronte a fenomeni che mettono a repentaglio la pace, la stabilit e la sicurezza regionale. Gli obiettivi strategici della Sco sono sostanzialmente due: 1. la gi precedentemente citata cooperazione nella lotta al terrorismo, al separatismo e allestremismo religioso; 2. la volont di contenere la presenza e linfluenza degli Stati Uniti nella regione 80 . Il primo obiettivo non pone la Sco in opposizione agli Usa, in quanto entrambi gli attori condividono queste preoccupazioni. Ci spiega come, allindomani degli attacchi dell11 settembre e durante la prima fase della guerra in Afghanistan, n la Sco n alcuno dei paesi membri abbia sollevato obiezioni alla presenza americana nella regione e al ruolo che gli Usa svolgevano nel raggiungere quellobiettivo strategico che la Sco si era posto (combattere il terrorismo) senza raggiungere nessun traguardo di rilievo in proposito. Il secondo obiettivo della organizzazione pone invece la Sco in radicale contrapposizione alla presenza statunitense in Asia centrale. La volont di contenere, se non ridurre, la presenza statunitense della regione costituisce un forte collante strategico per tutti i paesi
Nel 2003 stato siglato un accordo volto a facilitare gli scambi commerciali al fine di creare una zona di libero scambio e ad agevolare la cooperazione nel settore energetico. Nel 2006 stata poi adottata una risoluzione che istituisce il Business Council e la Interbank Association allinterno del framework della Sco, cfr. E. CALZA, Levoluzione della Shanghai Cooperation Organization, in Quaderni di Relazioni Internazionali, 2006, 3, p. 94. 79 Originariamente il centro avrebbe dovuto aver sede in Kirghizistan, a Bishkek, ma in seguito venne deciso di spostarlo a Tashkent, anche alla luce della adesione dellUzbekistan, della rilevanza strategica di questo stato e della priorit che Tashkent conferisce alla lotta contro il terrorismo. 80 C.P. CHUNG, The Shanghai Cooperation Organization: Chinas Changing Influence in Central Asia, in The China Quarterly, 2004, 180, pp. 990-993.
78

189

membri. Risponde sia alle priorit strategiche russe e cinesi, che vedevano la presenza Usa ai propri confini come una minaccia, che allistinto di sopravvivenza delle lites al potere nella regione, che hanno scelto le proprie alleanze in funzione del sostegno politico ai propri regimi. Qualora questo sostegno fosse apparso in dubbio, come nel periodo delle rivoluzioni colorate post-sovietiche, i paesi in questione non avrebbero esitato a compiere un ri-allineamento in favore della Russia o della Cina. Al fine di evitare che la presenza statunitense nella regione si traducesse in una realt permanente, la Sco ha cominciato a chiedere a gran voce, tramite comunicati ufficiali, che Washington fissasse una data entro la quale gli Usa si sarebbero ritirati dalla regione. Poich il motivo dietro luso statunitense della basi era lappoggio alle operazioni in Afghanistan, il fatto che queste fossero state dichiarate concluse nel 2003 andava interpretato secondo Russia e Cina come se le condizioni che ne avevano permesso luso non fossero pi valide. Due dichiarazioni sono apparse di forte valenza simbolica. In occasione del summit di Astana nel luglio 2005 la Sco aveva richiesto agli Stati Uniti di fissare i tempi per il ritiro delle proprie truppe dalle basi nella regione. A questa dichiarazione aveva poi fatto seguito lultimatum uzbeko in cui venivano concessi centottanta giorni agli Usa per lasciare la base di Karshi-Khanabad. La seconda (comunicato del 15 giugno 2006) si riallaccia al comunicato del summit di Astana dellanno precedente e sottolinea lefficacia della azione della Sco (nel ridurre linfluenza di attori esterni nella regione). Che cosa (diventata) dunque la Sco? Secondo Chung la Sco costituisce una partnership, non una alleanza 81 . Una alleanza, sostiene Chung, si definisce per opposizione ad altri attori (gli Stati Uniti sono il riferimento neanche troppo velato), mentre invece la Sco una struttura aperta, un meccanismo che si propone di creare un clima di fiducia reciproca e cooperazione nella regione. A controprova di come gli stati membri della Sco percepiscano lalterit Usa alla regione, gli Stati Uniti si sono visti negare lo status di paese osservatore, concesso invece alla Mongolia e al Pakistan. I paesi membri della Sco fanno proprio quello che viene definito spirito di Shanghai (Shanghai Jingshen) che si fonda sui seguenti principi: fiducia reciproca, comunicazione, cooperazione, co-esistenza e comunanza di interessi fra gli stati membri 82 . Chung sostiene che la Sco costituisce un nuovo modello di regionalismo che si pone in antitesi al vecchio regionalismo, di cui lUe rappresenta lesempio pi evidente. A differenza del vecchio regionalismo, il nuovo regionalismo non richiede cessioni di sovranit, ma anzi nasce sul principio di riconoscimento della sovranit degli stati membri. Questo nuovo tipo di regionalismo unisce stati dai diversi sistemi politici, con diverse tradizioni culturali e religiose, ma con interessi comuni. Nel corso degli anni la Sco si affermata come una organizzazione di cui fanno parte stati uniti da una
81 82

Ibidem, p. 991. Ibidem.

190

consonanza normativa, ossia quella che Kimmage definisce una posizione non conservatrice, ma conservazionista (conservationist), orientata al mantenimento dello status quo 83 . Questo obiettivo funzionale alle priorit strategiche cinesi e russe, come agli interessi di autosopravvivenza dei regimi al potere nella regione. Oltre che consentire il mantenimento dello status quo nellimmediato e di osteggiare la presenza Usa nella regione, la Sco deve anche essere considerata nel contesto delle relazioni sino-russe. Le relazioni tra Mosca e Pechino sono migliorate progressivamente gi allepoca di Gorbachev nella seconda met degli anni Ottanta e le due potenze hanno in seguito firmato un accordo di partnership strategica. Le priorit strategiche dei due paesi convergono al momento, come gi osservato nella prima parte di questo saggio: ridurre la presenza americana ai propri confini, contenere separatismo, terrorismo e estremismo religioso sono obiettivi largamente condivisi dai due attori 84 . Entrambi inoltre aspirano alla costituzione di un mondo multipolare. La Sco sembra essere un meccanismo volto al raggiungimento di questo obiettivo. A partire dal 2005 Cina e Russia hanno condotto esercitazioni militari congiunte (Peace Mission 2005 e 2006) che verranno ripetute nuovamente nella estate del 2007. Vi sono al tempo stesso alcune osservazioni che suggeriscono alcuni dubbi sulla lunga durata di questa partnership e sulla identit di vedute tra Russia e Cina 85 . La Russia considera le repubbliche centroasiatiche parte della propria sfera dinfluenza e la regione unarea in cui esercitare la propria egemonia. Questo significa che Mosca non desidera che la Cina diventi eccessivamente coinvolta negli affari della regione. Sinora la Cina ha accettato lo status russo di primus inter pares, anche in considerazione del fatto che il tempo tutto dalla parte della Cina. In prospettiva la ricchezza russa dovuta agli alti prezzi del petrolio diminuir, mentre invece lespansione economica cinese sembra inarrestabile. Basta solo attendere per vedere le relazioni sino-russe capovolte, con Pechino nelle vesti di senior partner. Pi in generale, come osserva Lo, le economie russa e cinese non sono per nulla complementari e sono destinate ad entrare in competizione, come sta gi accadendo in Siberia orientale e in prospettiva in Asia centrale 86 . 7.3 Sintesi: i deficit di legittimit del sistema regionale centroasiatico La discussione dei due casi studio nelle pagine precedenti ha evidenziato come i tre deficit di legittimit di cui soffrono i sistemi regionali post-unitari identificati
D. KIMMAGE, SCO: Shoring up the Post-Soviet Status Quo, Radio Free Europe/Radio Liberty, 8 July 2005, http://www.rferl.org/features/features_Article.aspx?m=07&y=2005&id= 9A8D1C5FB72B-4A40-AEDC-08ED11AAA34F. 84 G. XING, China and Central Asia, cit., p. 166. 85 B. LO, The Long Sunset of Strategic Partnership: Russias Evolving China Policy, in International Affairs, 80, 2004, 2. 86 Ibidem.
83

191

da Colombo (confini, identit degli attori, esistenza del sistema) sono stati una costante del periodo post-sovietico e sono stati costantemente soggetti a definizione, negoziazione e contestazione. Confini In epoca sovietica il termine Asia di mezzo (srednyaya Aziya) veniva utilizzato per indicare quella parte della periferia sovietica in Asia che comprendeva le repubbliche di Uzbekistan, Kirghizistan (allora Kirghizia), Turkmenistan (Turkmenia) e Tagikistan. Il Kazachstan ne era escluso in quanto parte di una regione stepposa di confine tra lAsia centrale vera e propria e la Siberia. E solo nel 1992 che il Kazachstan entrato ufficialmente a far parte dellAsia centrale (Tsentralnaya Aziya/Orta Oziyo). Se i confini della regione appaiono pi o meno definiti a livello geografico (Kazachstan e Turkmenistan possono anche appartenere alla regione del Caspio), meno certi e sicuramente meno stabili sono apparsi i confini del sistema regionale centroasiatico. Gli Stati Uniti hanno articolato la concezione pi elastica di questi confini. Per gran parte del periodo post-sovietico gli Stati Uniti hanno promosso una visione di un macro-sistema regionale i cui confini andavano dal Caucaso al Caspio allAsia centrale fino ai confini della Cina (esclusa). Di questa facevano parte attori che centroasiatici non sono (Georgia, Armenia e Azerbaigian), mentre non vi facevano parte la Cina o perfino la Russia il cui ruolo nelle dinamiche di sicurezza regionali rimasto cruciale nonostante il crollo dellUrss. In seguito alla guerra in Afghanistan gli Stati Uniti hanno allargato i confini del sistema regionale verso sud, in modo da comprendere anche lAfghanistan (se non pure il Pakistan). La visione del sistema regionale centroasiatico appare ben pi contenuta secondo la visione strategica della Sco. Del sistema fanno parte quattro repubbliche centroasiatiche (Turkmenistan escluso), Cina e Russia. Qui le questioni critiche sono due: lespulsione degli Usa dal sistema, la cui alterit viene pi volte proclamata dalla Sco, e il ruolo del Turkmenistan, de jure e de facto neutrale, ma che per il peso nella politica energetica di ogni attore globale risulta difficile escludere da una strategia per lAsia centrale. Numero e identit degli attori Il numero stesso degli attori rimane incerto. Lincertezza circa i confini dellAsia centrale come sistema si riflette sui dibattiti circa il numero e lidentit degli attori che appartengono a questo sistema. Come gi notato la concezione Usa vedeva includere non solo Washington, ma anche lAfghanistan (integrando di fatto Asia centrale e meridionale), la regione del Caspio e il Caucaso meridionale, aumentando a dismisura il numero di attori. Russia e Cina hanno propeso per una concezione pi esclusiva del sistema regionale centroasiatico, escludendo gli Usa, ma anche lAfghanistan e cercando di fare a meno del Turkmenistan. Il Caucaso costituisce un sistema a parte per Mosca mentre risulta di minimo interesse a Pechino.

192

Esistenza del sistema Esiste dunque un sistema regionale centroasiatico? Da quanto discusso in precedenza, appare difficile stabilire se esista o meno un sistema regionale centroasiatico la cui esistenza sia riconosciuta come legittima da tutte le parti interessate. Probabilmente ne esiste pi di uno, il che mostra come sia impossibile decretare lesistenza di un sistema tramite criteri oggettivi. Lesistenza o meno di un sistema regionale centroasiatico appare piuttosto il prodotto di un processo di costruzione sociale, soggetto in quanto tale a ridefinizione continua. 8. Conclusioni

I primi anni del nuovo secolo sono stati contraddistinti da rapidi ri-allineamenti strategici in Asia centrale. La rapidit e la drammaticit con cui si sono susseguiti rendono ogni previsione azzardata. Possiamo perci solo avanzare qualche riflessione conclusiva. Questo saggio ha mostrato come nessuno degli attori esterni qui esaminati (Russia, Cina e Stati Uniti) abbia mostrato di avere una coerente strategia verso lAsia centrale. La Russia ha alternato fasi di disimpegno impostole dalla trasformazione postsovietica a tentativi di imporsi come legemone naturale. Per gli Stati Uniti lAsia centrale ha cessato di essere un collettaneo di stan trascurabili per diventare uno dei teatri principali nella lotta al terrorismo. Washington ha ripetutamente oscillato in maniera pi che incerta tra tentativi di promuovere riforme politiche e difendere i propri interessi in politica energetica e politiche funzionali alla guerra al terrorismo. Lapertura di basi in Uzbekistan e Kirghizistan allindomani della guerra in Afghanistan comunic a Mosca e Pechino in lettere chiarissime come il mondo fosse radicalmente mutato. Gradualmente le repubbliche centroasiatiche, pur in diversa misura, hanno cominciato a vedere nei legami con Washington un peso (liability), invece che un vantaggio (asset). Il fallimento della gestione post-invasione in Iraq e limplosione strategica della amministrazione Bush durante il secondo mandato hanno indebolito la posizione statunitense al punto che il regime di Islam Karimov a Tashkent non ha esitato a dare il benservito alle truppe statunitensi e alla partnership con Washington. Pi in generale ci che imputabile a Washington laver fallito nel comprendere il proprio fallimento nella regione. Il fallimento strategico statunitense in Asia centrale dovuto da un lato alla continua incertezza tra gli obiettivi della sicurezza e della democratizzazione, obiettivi che in questo decennio sono entrati in rotta di collisione. Dallaltro dovuto alla mancata capacit americana di rendersi conto di quanto abbia fallito nel comprendere le dinamiche politiche, sociali e di sicurezza nella regione. Se dunque una rentre americana nella regione appare improbabile (e Washington si accontenter al momento di mantenere la base in Kirghizistan e coltivare buone relazioni con il Kazachstan, anche per limportanza di questo a livello energetico),

193

la fluidit della situazione presenta una opportunit unica a un attore che fino ad ora rimasto ai margini delle dinamiche strategiche nella regione: lUnione Europea. Il ripensamento in atto circa la strategia da adottare per impegnarsi in Asia centrale dimostra che lUe potrebbe giocare un ruolo di rilievo in futuro 87 . Tutto sommato, di fronte ai succedanei capovolgimenti che hanno contraddistinto le relazioni di Mosca e Washington con le repubbliche centroasiatiche, Pechino ha mantenuto una politica coerente nel corso degli ultimi quindici anni. Al momento in cui questo saggio viene scritto, i paesi centroasiatici, Cina e Russia condividono una visione strategica che enfatizza i principi di stabilit, difesa della sovranit statuale da ogni interferenza straniera, la lotta allestremismo islamico e il multipolarismo come strumento antiegemonico (in chiave anti-Usa). La razionalizzazione nel processo decisionale e limprovvisa e cospicua disponibilit finanziaria resa possibile dallalto costo degli idrocarburi ha permesso alla Russia di re-imporre la propria egemonia nella regione attraverso una strategia che unisce luso della dipendenza energetica come strumento di politica estera e una politica di sicurezza che ricompensa un atteggiamento pro-russo e punisce un orientamento filo-occidentale. La riduzione della presenza occidentale anche obiettivo cinese che vede la presenza statunitense ai propri confini come una minaccia. La Sco esprime questa nuova consonanza strategica fondata sulla difesa di statualit, sovranit (da interferenze straniere) e in sostanza dello status quo, definito come sopravvivenza dei regimi al potere. La convergenza normativa ha contribuito a creare un senso di identit tra i paesi membri. Lo spazio centroasiatico diventato, come sostiene Heathershaw, il luogo in cui i principi di sovranit e autorit (statuale) vengono rispettati e difesi contro tentativi da parte di potenze esterne. La demarcazione tra interno/esterno (appartenenza/alterit alla regione) diventato oggetto di discussione. Essere definiti come esterni alla regione priva di legittimit le proprie azioni. Russia e Cina hanno insistito sulla alterit degli Usa nella regione e sui tentativi di penetrarvi ai fini di stabilire la propria egemonia in spazi che non competono loro. Al momento la situazione appare meno fluida che in tutto il periodo postsovietico. Il saggio sostiene per che prematuro considerare chiuso il capitolo centroasiatico. Questo perch la regione si trova di fronte a una serie di crocevia che ne segneranno la traiettoria per i prossimi anni e decenni. Tre mi sembrano di particolare rilevanza per le implicazioni non solo sulla stabilit statuale, ma regionale nel suo complesso. Successione politica La prima sfida che si presenta riguarda la successione politica. Per questioni biologiche la questione inevitabile. Nessuna delle repubbliche centroasiatiche ha
Sulla strategia Ue in Asia centrale si vedano A. FERRARI, LUnione Europea e lAsia centrale, ISPI Policy Brief n. 52, maggio 2007, http://www.ispionline.it/it/documents/ pb_52_2007.pdf e N.J. MELVIN, The European Union Strategic Role in Central Asia, CEPS Policy Brief n. 128, March 2007.
87

194

predisposto meccanismi istituzionali per far fronte a questa evenienza, nel caso di scomparsa del presidente di turno. Riforme Con lunica eccezione del Kazachstan, la cui situazione economica sensibilmente migliorata grazie ai costi degli idrocarburi, la situazione economica delle altre repubbliche rimane stagnante. Lo stato rimane in controllo delleconomia e, nei casi in cui non lo , clan, gruppi regionali e network criminali competono per spartirsi le poche risorse. Le implicazioni di questa spartizione iniqua sono politiche in quanto le fazioni escluse dalla ridistribuzione delle risorse (economiche, ma anche politiche) possono presentare una minaccia alla stabilit del paese, come gi mostrato in occasione della guerra civile tagika, della rivoluzione dei tulipani in Kirghizistan, e delle ripetute lotte di potere in Uzbekistan. Radicalizzazione della protesta Questa possibilit diretta conseguenza delle prime due questioni. La centralizzazione del potere in circoli ristretti di lites, il consolidamento dellautoritarismo e il procrastinarsi della introduzione di riforme politiche ed economiche contribuiscono allacuirsi di malesseri e frustrazioni fra la popolazione locale. In mancanza di possibilit di dar voce al malcontento alcuni elementi marginali si sono rivolti a organizzazioni militanti islamiche che nel corso degli anni sono diventate vieppi popolari. Questa popolarit dovuta pi alla carenza di alternative che non a un reale desiderio di sostituire gli attuali regimi laici con un califfato. Pur tuttavia, la stagnazione protratta non fa altro che alimentare il malcontento e rendere la possibilit che il conflitto politico diventi violento sempre pi probabile. Questi cambiamenti profondi toccheranno la dimensione interna, regionale e statuale. Come i regimi e i popoli della regione affronteranno le sfide e opportunit che si presentano, dipender anche da come le potenze esterne alla regione (Russia, Cina, Stati Uniti, ma anche lUnione Europea) sapranno loro porsi e proporsi. In conclusione, nonostante i vari ri-allineamenti strategici che si sono ripetuti negli ultimi quindici e pi anni, rimangono, come sostiene Martha Brill Olcott, fondamentali linee di continuit nella regione. Queste continuit comprendono irrisolte tensioni tra stato e societ, tra lites e resto della popolazione e le rivalit tra attori regionali e potenze internazionali (e tra queste ultime fra loro). Tali tensioni, qualora rimangano irrisolte, preannunciano nuove scosse. La chiusura del sistema politico, le frustrazioni socio-economiche e la gestione della successione politica ai vari leader/regimi costituiscono alcune tra le sfide che nessun attore, interno o esterno alla regione, ancora apparso n in grado n deciso ad affrontare.

195

CONTINUIT POST-SOVIETICA, AUTORITARISMO POLITICO E DIRITTI UMANI IN ASIA CENTRALE Fabrizio Vielmini

Introduzione Con il crollo del sistema sovietico, sullesempio degli altri paesi gi parte del Patto di Varsavia, le repubbliche dAsia centrale, hanno intrapreso una serie di riforme politico-istituzionali aventi lobiettivo dichiarato duniformare i propri sistemi interni a quelli dei paesi dellarea atlantica. Da parte di questi ultimi vi fu unadesione interessata alle richieste provenienti da questi neofiti della scena internazionale. Le repubbliche dellAsia centrale vennero allora considerate terreno despansione del modello liberal-democratico. Tuttavia, lesperienza degli ultimi 15 anni ha dimostrato la vacuit delle aspettative iniziali: nonostante innumerevoli sforzi, programmi e iniziative varie finalizzate allapertura e alla trasformazione dei sistemi politici centroasiatici secondo i principi dello stato di diritto, il panorama regionale resta caratterizzato da pratiche autoritarie e da magistrature corrotte e inefficienti, nel cui quadro il numero di violazioni quotidiane dei diritti fondamentali dei cittadini si mantenuto costante, mentre in una parte considerevole della regione sono venute allargandosi le zone grigie di non-diritto legate alla deliquescenza delle istruzioni pubbliche. A tuttoggi, il rapporto dei regimi ai programmi di democratizzazione si trova in una condizione paradossale. Nonostante i dirigenti dichiarino che linstaurazione della democrazia rappresentativa e il rispetto delle libert fondamentali siano obiettivi delle loro politiche, la realt di queste ultime testimonia di una precisa volont volta a impedire concrete evoluzioni in tale direzione. Negli ultimi anni tale divergenza stata giustificata nei termini della costruzione di una cosiddetta democrazia guidata (upravljaemaja demokratija). Pretesa quale via nazionale alla democrazia, tale formula viene piuttosto intesa quale democrazia imitata, un paravento per regimi non completamente dittatoriali e preoccupati di mantenere un dialogo con i sistemi considerati autenticamente democratici. Per indagare le ragioni di questa permanenza dellautoritarismo nella regione, il presente studio, piuttosto che sullenucleazione dei punti in cui la divergenza di fondo fra teorie delle democratizzazione e pratica politica centroasiatica si manifesta, si concentra sui motivi che ne stanno alla base. Questi vanno in primo luogo individuati nellapproccio, normativo e universalistico, delle teorie della cosiddetta transizione, le quali hanno soprasseduto ai tentativi di cambiamento

196

influenzandone in profondit il percorso, nella complessit dei sistemi sociopolitici centroasiatici, con la loro capacit atipica di far convivere differenti sostrati culturali, nelle concrete sfide alla tenuta dei regimi posti dalla congiuntura geopolitica post-sovietica. Questultima in particolare emerge come una determinante dordine principale dato che le fragili repubbliche si sono trovate ad essere oggetto di una complessa interazione fra potenze esterne volta al controllo delle loro risorse strategiche. Lanalisi parte da una descrizione delle teorie della democratizzazione e della transizione nel momento in cui esse intervengono ad occupare il vuoto ideologico post-comunista. Si allarga quindi ad una panoramica dei percorsi seguiti da ciascuno dei soggetti statali centroasiatici constatando la vacuit del concetto di democrazia se applicato a tali esperienze. Spiegazioni per la divergenza vengono cercate nei precipui caratteri socioculturali che definiscono la politica nella regione. In tale sezione viene posta la questione di quanto la democrazia occidentale sia compatibile con lo sfondo storico e antropologico della regione. Inoltre, alla luce della dissoluzione del regime centroasiatico che pi aveva fatto ricorso alle risorse delle democratizzazione, quello di Askar Akaev in Kirghizistan, lo studio sinterroga su quanto gli effetti delle pratiche importate siano benefici per la stabilit e le possibilit di tenuta dei soggetti statali della regione. 1. Dietro gli sforzi della democratizzazione: il paradigma della transizione La congiuntura dellinizio degli anni Novanta favor lapplicazione alla regione di un complesso di dottrine ed idee per essa completamente nuove. Dal punto di vista centroasiatico, le lite locali si ritrovarono spinte in unindipendenza che lungi dallessere unaspirazione endogena costituiva una fatalit dovuta alla volont dabbandono della regione da parte del centro moscovita. Non solo esse dovevano improvvisamente gestire tale nuova situazione e le sue immense sfide, ma ci avveniva in un contesto di assoluto vuoto ideale causato dalla parallela scomparsa del quadro concettuale marxista-leninista. Questi, seppur profondamente modificato dalladattamento alla realt locale, aveva non di meno costituito lideologia alla base del sistema, la fonte delluniverso mentale e culturale di apparatiki rigidamente formati per servire il medesimo. Avendo lideologia monopolizzato cos a fondo e a lungo il campo della riflessione politica, si avvertiva un acuto bisogno di modelli alternativi per la gestione della nuova situazione e la necessaria riforma delle esistenti strutture amministrative. Mancando una memoria istituzionale precedente allintegrazione imperiale e poi sovietica, ladozione dei modelli democratico-liberali dellOccidente vincitore della guerra fredda, emergeva quasi automaticamente quale una strada obbligata da percorrere. Da parte occidentale, una tale impostazione venne accolta con entusiasmo, soprattutto al centro del campo vincitore, gli Stati Uniti. Qui da oltre un decennio,

197

quale elemento centrale della politica estera globale 1 , si era fatto strada il concetto di rivoluzione democratica mondiale, strumento ideologico adottato dalle amministrazioni Reagan in contrapposizione allinternazionalismo comunista usato dellUrss. Alla base di tale ideologia stava un paradigma teorico a pretesa scientifica, quello della transizione alla democrazia, il quale, in una visione teleologica, propugnava la possibilit di un percorso lineare di passaggio dallautoritarismo alla democrazia, percorso sul quale avrebbe potuto avviarsi qualsiasi societ attraverso lapplicazione di schemi standard, a prescindere dalle condizioni di partenza e dal suo tipo di struttura interna 2 . In virt della sua funzionalit ad una politica estera di superpotenza, tale visione stata sviluppata da ampi settori del mondo accademico statunitense che la hanno arricchita di un discorso articolato su una serie di concetti precipui, fino a influenzare in senso egemonico il campo degli studi del cambiamento politico. Dopo oltre ventanni, tale egemonia lungi dallavere esaurito i suoi effetti, contribuendo inoltre a nascondere gli interessi geopolitici che sin dallinizio sono stati alla base del suo sviluppo 3 . Da parte europea lapproccio stato pi pragmatico. Di fronte ad un interesse iniziale scarso o inesistente per questi lembi dellex Urss, ci si limitati ad auspicare trasformazioni in senso democratico quali gli sviluppi le pi adatti a garantire la sicurezza del nuovo ambiente internazionale nonch la stabilit delle societ centroasiatiche. Nondimeno, sotto linfluenza della visione transitologica, nella prospettiva cosmopolitica kelnesiana di globalismo giuridico dominante negli anni Novanta, anche gli europei sono convenuti nel considerare il neoliberalismo e la rappresentazioni ad esso precipue di stato di diritto (Rule of law) e diritti umani quali principi superiori, fondamenti normativi della legittimit di qualsiasi governo. Emergeva cos una visione comune occidentale volta a realizzare una terza ondata di democratizzazione cos da completare luniformazione planetaria sotto

Nella visione dei suoi sostenitori, tali principi configurano un diritto universale ad una governance democratica il quale deve essere protetto da parte di collective international processes. Cfr. T. FRANCK, The Emerging Right to Democratic Governance, in The American Journal of International Law, 86, 1992, 1, pp. 46-91. Si veda N. GUILHOT, The Democracy Makers. Human Rights and the Politics of Global Order, New York, 2005, per unanalisi del fenomeno nelle condizioni storiche della sua istituzionalizzazione. 2 T. CAROTHERS, The end of the Transition Paradigm, in Journal of Democracy, 13, 2002, 1, p. 6. 3 Si veda le considerazioni elaborate in riferimento allesperienza egiziana da D. PIOPPI, Il paradigma della democratizzazione e il cambiamento politico in Egitto, in M. TORRI (a cura di) Il Grande Medio Oriente nellera dellegemonia americana, Milano, 2006, pp. 4-21. Lautrice mette bene in evidenza il parallelo fra il carattere egemonico del discorso della democratizzazione transitologica e altre dottrine prodotte storicamente nellambito del mondo accademico allo scopo di servire quale strumentario teorico dimprese coloniali.

198

il solo dei possibili sistemi socio-politici 4 . Tale pulsione stata applicata allinterno dei confini dellex Urss con unintensit volontarista particolare, spinta da un vero e proprio trionfalismo 5 , il quale ha alimentato una convinzione rinnovata dellinevitabilit del percorso che le repubbliche avrebbero dovuto seguire per raggiungere il doppio approdo al libero mercato e alla democrazia e una ancor pi ridotta considerazione dei limiti strutturali dellesportazione del modello nelle condizioni precipue alla regione. Va inoltre tenuto presente che, per la realizzazione del proprio disegno nelle periferie del mondo, di riflesso a quanto avveniva presso lo scomparso avversario comunista, il paradigma della transizione poteva disporre di un concreto apparato (democracy-promotion communities), in primo luogo attraverso il sistema internazionale degli aiuti allo sviluppo rappresentanti dei quali sbarcarono in forze nella regione. A questa, quale parte del blocco sovietico, vennero applicati gli stessi schemi utilizzati nellEuropa orientale. Al centro, lattenzione per le trasformazioni istituzionali improntate ai principi del buon governo (good governance) 6 . Lessenza di questi ultimi deriva da un altro elemento chiave del paradigma della transizione, il suo pregiudizio totalitario, la convinzione che alla radice dei presunti mali del sistema sovietico ci fosse uno stato onnipotente, un Leviatano che andava ora ingabbiato per favorire una idealizzata societ civile e la liberalizzazione delleconomia da esso negate. Di conseguenza, una parte consistente delle attivit implementate dallapparato internazionale dispiegato nella regione si concentrata sugli aspetti formali della definizione della politica interna, in particolari sui parlamenti e i meccanismi elettorali. Come vedremo nei dettagli in seguito, tali programmi hanno ricalcato le esperienze della cooperazione allo sviluppo nel terzo mondo negli anni Sessanta e Settanta. Come allora, ladozione formale di leggi e strutture di facciata non ha potuto interagire con i comportamenti e le pratiche alla base della societ e delle istituzioni realmente definenti il campo politico, le quali, seppur trasformandosi per rispondere alle sfide del post-indipendenza, sono risultate in definitiva rafforzate 7 . Le numerose forzature del modello generarono una crescente resistenza e avversione allinterno della regione, dove si constatata una non recepibilit da parte di stati di recente formazione di elementi quali il deperimento delle specificit nazionali e lesaurimento del ruolo dello stato.
S. HUNTINGTON, The Third Wave: Democratization in the Late Twentieth Century, Norman (Ok.)/London, 1991. 5 M. LIU, Detours from Utopia on the Silk Road: Ethical Dilemmas of Neoliberal Triumphalism, in Central Eurasian Studies Review, 2, 2003, 2. 6 L. DE MARTINO, Dsillusions des donateurs? La coopration internationale en Asie Centrale, in Conference Proceedings: The Illusions of Transition: Which Perspectives for Central Asia and the Caucasus?, CIMERA, 9 December 2004, pp. 152-161, http://www.cimera.org/publications/cp6/popup.html. 7 M. BAIMYRZAEVA, Institutional Reforms in Kyrgyzstan, in Central Eurasian Studies Review, 4, 2005, 1, pp. 29-35.
4

199

Nella degradazione delle condizioni generali di vita e dato il fatto che essa riduceva la democrazia ad una procedura formale, lideologia importata della trasformazione stata percepita in misura crescente quale sistema concepito non per lo sviluppo ma piuttosto per lapertura di queste economie periferiche al capitale globale 8 , il quale, sempre secondo schemi gi consolidati, tramite lagenda delle istituzioni finanziarie internazionali pu influenzare le politiche nazionali senza curarsi particolarmente delle popolazioni dei paesi beneficiari. Un fattore a cui tutti hanno dovuto portare attenzione che nel trascurare la dimensione statuale, senza il rafforzamento delle istituzioni e delle autorit responsabili dorganizzare le elezioni e le giurisdizioni dapplicazione della legge non sarebbe stato possibile a priori parlare di democrazia, nemmeno nei termini formali previsti dal pacchetto standard della transizione 9 . Per tutta la seconda met degli anni Novanta, si consolida cos il citato paradosso per cui, pur a fronte a scarsi o nulli risultati sul terreno, la transizione viene assunta come fenomeno compiuto, a parte qualche effetto collaterale trascurabile, in una sicurezza che tradiva la volont politica di continuare a dare definitivamente per scontato limpossibilit di un modello altro rispetto alla democrazia liberale di stampo anglosassone, quale punto darrivo ineliminabile del convivere politico delle societ umane. Dal canto loro, con il venir meno degli entusiasmi e delle aspettative proprie al primo periodo post-indipendenza, pur continuando a dichiarasi a favore di un discorso che costituiva la via obbligata dellaccesso agli aiuti finanziari internazionali, i dirigenti centroasiatici hanno iniziato a contrapporre unargomentazione sottolineante i limiti di una democratizzazione incondizionata ed a tempi accelerati. Tale argomentazione si fonda sul particolarismo culturale, sui principi di non ingerenza e sovranit e, soprattutto, sui rischi che unapertura incondizionata del campo politico potrebbe comportare per la stabilit dei giovani stati. In tal modo, continuava ad essere accettata la visione della transizione cos come lidea delluscita da un passato di totalitarismo, il quale, in virt delle tracce profonde da esso lasciate, avrebbe richiesto un lungo periodo dadattamento alle politiche di democratizzazione da parte delle realt locali 10 .

Ossia quale veicolo attraverso cui inglobare i paesi in ritardo di sviluppo nel nuovo progetto di espansione globale del capitalismo, cfr. M. CERIMELE, A che serve la democrazia? Stato, mercato e sviluppo nel Kazachstan post-sovietico, in Meridione. Sud e Nord del Mondo, 5, 2005, 3, pp. 144. 9 O. CAPPELLI, Democratizzazione o state-building? Riletture critiche della transizione postcomunista, in Oltre la democratizzazione, Meridione. Sud e Nord del Mondo, 5, 2005, 3, pp. 5-59. 10 P. GEISS, Political Discourse on Authority Relations in Central Asia. A Sociological Elucidation, in Central Asia Monitor, 2000, 6, pp. 1-6.

200

2. Le traiettorie istituzionali delle cinque repubbliche dopo lindipendenza Osserviamo ora le esperienze concrete affrontate dalle repubbliche centroasiatiche dopo lindipendenza. Vedremo come levoluzione dei sistemi politici presenta caratteristiche tali da configurare la regione quale un blocco omogeneo, cos come gi essa si differenziava allinterno del contesto sovietico. Dopo una serie di iniziali esercizi elettorali relativamente aperti si assiste ad un crescente accentramento del potere da parte degli apparati presidenziali. Tutte le esperienze post-sovietiche convergono su scioglimenti dallalto delle legislature, ripetute modifiche costituzionali, ricorso allo strumento del referendum per ottenere conferme plebiscitarie nonch altre misure eccezionali finalizzate a mantenere il potere presidenziale in una posizione dominante. Nondimeno, possibile differenziare le traiettorie seguite dopo il 1991 individuando differenti gradi differenti di apertura nelle 5 repubbliche. Se esse restano tutte regimi ibridi mescolanti qualche elemento (per lo pi formale) di democrazia con un solido impianto autoritario, possibile tuttavia collocare i cinque soggetti in una scala discendente che va dal quadro di relativa tolleranza del Kazachstan fino allimpostazione totalitaria del Turkmenistan. In tutti e cinque i casi, caratteri e personalit dei segretari di partito riciclatisi in presidenti hanno profondamente influenzato le traiettorie devoluzione del sistema politico11 . 2.1 Kazachstan

Il sistema instaurato dal presidente Nursultan Nazarbaev si pone quale effettivo di democrazia guidata 12 o autoritarismo illuminato. Durante tutto il corso della propria esperienza post-sovietica, la dirigenza si prestata a vari esperimenti di transizione istituzionale e state-building, con e senza il supporto di istituzioni internazionali, senza tuttavia permettere che questi andassero a toccare in profondit gli equilibri interni del paese. Dopo le prime, esitanti aperture, con la costituzione del 1995 Nazarbaev fissa le regole del gioco del sistema ponendo i tre rami del potere sotto il suo saldo controllo. Reso bicamerale ma privato delliniziativa legislativa, il parlamento pu essere sciolto in qualunque momento per decisione presidenziale ed avr quindi cura di lavorare conformemente alla sua volont 13 . Le vicende parlamentari sono state indicative delle tendenze politiche e del ricorso sistematico alla manipolazione istituzionale quale forma di legittimazione del regime. Cos, nella stessa occasione, un referendum veniva indetto per lestensione del mandato del leader per altri cinque anni. E da quel momento in
R. TARAS (ed.), Postcommunist Presidents, Cambridge, 1997. Secondo le parole dello stesso Nazarbaev, in Nezavisimaja Gazeta, 12 gennaio 2004, p.1. 13 Per una analisi di questa svolta nella vita politica interna kazaka: B. BALCI, Les lections lgislatives de decmbre 1995 au Kazakhstan, in Bulletin de lObservatoire de lAsie centrale et du Caucase, fvrier 1996, 1, pp. 18-20.
12 11

201

poi il paese ha conosciuto una lunga serie demendamenti costituzionali e plebisciti volti a modellare il dettato legislativo con lordine delle cose e gli interessi del regime. Questi ha altres esercitato unaccorta e puntuale rotazione dei quadri la quale, unita ad una centralizzazione crescente e a rimaneggiamenti territoriali delle unit amministrative, ha permesso dinstaurare un controllo effettivo sullinsieme del campo politico. La forza del sistema di Nazarbaev stata nellabilit nel neutralizzare tutte le potenziali forze antagoniste attraverso metodi differenziati che comprendono sia la repressione che la cooptazione nei ranghi del potere. Nel corso degli anni, Nazarbaev ha compiuto altri passi volti ad assicurare al proprio regime il pieno controllo del potere politico e fissa questordine di cose facendo adottare dal parlamento la cosiddetta Legge del primo presidente (27 giugno 2000), la quale garantisce limmunit perpetua di Nazarbaev e la sua futura influenza sul sistema politico anche dopo luscita formale dalla scena istituzionale. Regnando su un paese immenso, sottoposto a numerose forze centrifughe, Nazarbaev ha operato una modifica sapiente del rapporto fra centro e periferie, dialettica essenziale ereditata dal sistema sovietico. Se il centro ha mantenuto il controllo diretto tramite la nomina dei governatori regionali (akim), i poteri di questi ultimi sono rafforzati in modo che essi fungano da garanzia della necessaria mobilitazione dei votanti in occasione dei numerosi esercizi elettorali e pi in generale della legittimazione del regime a livello regionale. Questa decentralizzazione de facto deriva anche dal relativo, a confronto dei vicini, pluralismo partitico, il quale ha permesso ai leader regionali di appropriarsi di risorse gi a disposizione dellapparato del Pcus, ci che ne ha ulteriormente aumentato il potere e il margine di manovra nellimplementazione delle politiche del centro. Parallelamente, quale apertura formale alla decentralizzazione, stato conservato il principio delleleggibilit delle assemblee regionali. Il potere centrale stato favorito dalle difficolt oggettive che incontrava la formazione di una contro-lite proprio in virt dellimmensit delle distanze tra i diversi centri urbani, cos che potenziali leader alternativi venivano facilmente cooptati nelllite o marginalizzati dallimpossibilit di strutturare reti di supporto su scala nazionale. Un altro elemento strutturale che va tenuto presente come il sistema si sia ristrutturato accentuando il principio etno-nazionalista in nuce nella costruzione nazionale sovietica. In tal modo lappartenenza alletnia kazaka divenuto un prerequisito importante per trovare lavoro o fare carriera. In un contesto in cui la nazionalit eponima del paese costituiva solo una risicata maggioranza, tale situazione ha posto una parte consistente della popolazione in una zona grigia di non diritto sottolineata dallambiguit della definizione ufficiale della cittadinanza, oscillante fra ius solis e ius sanguinis. A livello generale, il principale fattore che ha dato forma al sistema stata la piena affermazione del controllo del clan presidenziale sulla vita economica del

202

paese. Di fronte alla precariet della tenuta interna, la chiave del successo di Nazarbaev in tale impresa in larga misura risieduta nel bilanciamento delle fonti di supporto interne con quelle internazionali. Accondiscendendo allintroduzione di un indirizzo di politica economica generale dispirazione liberista, cos come richiesto dal grande capitale transnazionale che si andava allora installando nel settore energetico del paese, il regime si assicurato il silenzio dei censori internazionali della democratizzazione 14 . Allo stesso tempo, il regime ha tratto dal contesto internazionale solo quegli elementi che potevano essergli utili nellopera di consolidamento interno, scartando allo stesso tempo quanto avrebbe rimesso in gioco rendite e monopoli controllati dalllite. Sulla falsariga di quanto avveniva contemporaneamente in Russia, Nazarbaev ha cos eliminato la vecchia guardia contraria alle privatizzazioni e ai programmi del Fondo Monetario Internazionale (Fmi). A determinare la vita del paese sono dunque sorti alcuni grandi gruppi finanziari, fra i quali primeggiano quelli controllati da parenti di Nazarbaev 15 , i quali si sono anche ripartiti i principali media spingendosi in alcuni casi fino ad operazioni dingegneria partitica volte ad assicurare i loro interessi allinterno delle istituzioni. Nonostante il fatto che alcuni rappresentanti dei gruppi oligarchici abbiano sfidato il sistema cercando di creare unopposizione politica strutturata, Nazarbaev ha dato finora prova della massima abilit politica riuscendo a neutralizzare le fronde successive tramite un utilizzo disinvolto della giustizia e di altri strumenti extralegali 16 , ci che fa giustizia di anni di retorica riformista nel senso dello stato di diritto. Ciononostante, allinterno del girone ex sovietico, ma anche al di l di esso, con gli anni il regime di Nazarbaev andato acquistando un crescente prestigio frutto sia del finora riuscito sviluppo economico che della capacit ineguagliata di soddisfare il capitale internazionale presente nel paese, distribuire risorse per arricchire la propria sfera famigliare e clientelare, coordinare le spinte centrifughe ed evitare i nefasti scenari di conflitto che venivano prescritti come quasi inevitabili nei primi anni dindipendenza.

M. CERIMELE, A che serve la democrazia? Stato, mercato e sviluppo nel Kazachstan postsovietico, cit. 15 EVRAZIJSKIJ CENTR POLITICESKIKH ISSLEDOVANIJ, AGENSTVO EPICENTR, Gruppy vliyaniya v vlastno-politieskoj sisteme Respubliki Kazakhstan (I gruppi dinfluenza nel sistema politico di potere della repubblica del Kazachstan), 29 noiabr 2005, http://www.mizinov.net/articles/10280. 16 In particolare, fra il 2001 e il 2002 quando gli ex uomini del regime Murat Abljazov e Galiman akjanov vennero arrestati dopo che erano riusciti a riunire i principali oppositori del paese nel blocco Dvk (Scelta democratica del Kazachstan).

14

203

2.2

Kirghizistan

A fronte dei successi e dellequilibrio nellimplementazione delle ristrutturazioni capitalistiche propri allesperienza kazaka, quella del Kirghizistan offre lesempio di un paese che dal primo momento della scomparsa della struttura federale sovietica, non ha cessato di oscillare fra differenti esperimenti istituzionali teoricamente destinate a sviluppo, democratizzazione e effettiva governance ma portatori nei fatti di profondo disordine, per il paese cos come per linsieme della regione. A lungo il Kirghizistan stato considerato il modello per lapplicazione del paradigma della transizione alla regione centroasiatica. Anche qui molto dipeso dalla figura del primo presidente, Askar Akaev, lunico leader centroasiatico allalba dellindipendenza a non provenire dalla nomenklatura del Pcus, ma bens dal mondo accademico. Cosciente delle simpatie che tale fatto gli procurava in ambito internazionale, Akaev aveva sognato nella prima met degli anni Novanta di fare del suo paese unisola di democrazia sullo sfondo autoritario della regione. Per qualche anno sembr funzionare. La prima Costituzione, emanata nel maggio 1993, era interamente modellata sui principi del liberalismo anglosassone, con la connessa enfasi sui diritti umani, a cui il paese venne dedicato 17 . Akaev condannava duramente il totalitarismo introducendo le pi disparate riforme con il plauso e lassistenza di differenti istituzioni sopranazionali. Fra queste, il Fmi il quale sugger una riforma daggiustamento strutturale con effetti devastanti per la struttura economica del paese. Su tale sfondo, al centro divenne rapidamente chiaro che con gli strumenti propri dei regimi liberali non sarebbe stato possibile governare un paese profondamente diviso da una frattura generale nord/sud e, allinterno di queste macroregioni, da una struttura clanica particolarmente frammentata (allincirca una quarantina di gruppi). In tale contesto, data la scarsit di risorse materiali e le stridenti contraddizioni regionali, gli istituti democratici non potevano che risultare un guscio vuoto, secondario rispetto allesigenza di assicurare la tenuta del paese nelle frontiere ereditate dallUrss. Da un lato, Akaev dovette fare sempre pi riferimento ai suoi sponsor internazionali. A tal punto, in una condizione che perdura ancora oggi, che il Kirghizistan pu essere descritto quale un protettorato internazionale 18 . La differenza rispetto al periodo precedente al 1991 sta nel fatto che invece di doversi rapportare a ununica potenza ordinatrice, il paese deve ora far riferimento a uninsieme di soggetti trans-nazionali (ma in maggioranza anglo-americani), senza il supporto dei quali lo stato non sarebbe in grado di assicurare le funzioni pi basilari dellamministrazione pubblica quali leducazione, le strutture di sicurezza e la sanit. Tuttavia lappoggio internazionale da un lato non era
Secondo lo slogan Kyrgyzstan strana prav eloveka (Il Kirghizistan paese dei diritti delluomo), cfr. S. ISLAM, Capitalism on the Silk Route?, in M. MANDELBAUM, Central Asia and the World, New York, 1994, pp. 147-176. 18 B.M. PTRIC, Post-Soviet Kyrgyzstan or the Birth of a Globalized Protectorate, in Central Asian Survey, 24, 2005, 3, pp. 319-332.
17

204

sufficiente, dallaltro i suoi referenti interni, la collettivit degli operatori delle Ong create dai programmi di cooperazione, premeva per la continuazione delle riforme, senza tenere in considerazione gli effetti profondi per la societ, per alcuni in preda ad una sorta di surriscaldamento da modernizzazione 19 . Il regime cominci dapprima ad applicare pressioni crescenti sui media 20 , poi, con il crescere dei disastri sociali provocati dal nuovo corso economico e il conseguente innalzamento del livello delle critiche da parte delle opposizioni, dovette cercare di ricostruire una linea verticale di potere in grado di mantenere il contatto fra il centro e le regioni. Akaev cominci un crescente ricorso allo strumento referendario, allo scopo di scavalcare il legislativo e poter cos procedere con la linea di transizione prescelta. Sullesempio di Nazarbaev, mise in piedi un sistema piramidale al cui vertice stavano i membri ed i prossimi della famiglia presidenziale i quali a loro volta garantivano il tornaconto di una serie di clan e gruppi dinteresse economici. Tuttavia, la pi elevata frammentazione interna e povert rendevano molto pi difficile la tenuta interna del sistema. A poco serv anche fare ricorso ai miti mobilizzatori del nazionalismo i quali trovarono uneco soffusa, non sufficiente a superare n la frammentazione clanica regionale n lalienazione crescente delle masse rurali sempre pi esposte agli effetti delle ristrutturazioni liberali 21 . Il sistema di Akaev entr in crisi con lavvicinarsi delle elezioni per il rinnovo del parlamento e della presidenza del 2005. Da un lato, gli interessi consolidatisi intorno al regime compirono innumerevoli e goffi tentativi volti a mantenere inalterati i propri privilegi. Dallaltro la lunga serie di scontenti dello stato corrente delle cose inizi a uscire dai ranghi. Il risultato finale fu il primo cambio di regime nellarea centroasiatica. Attori principali ne furono le masse di diseredati mobilitati verso i palazzi del potere dagli oppositori, contadini o sottoproletari di recente urbanizzazione i quali espressero una sorta di vendetta delle campagne contro una capitale percepita come indifferente al degrado delle loro condizioni di vita. Il successivo evolversi della vita politica del paese ne conferma la crisi strutturale, frutto in buona parte di un erronea applicazione di schemi alieni alla sua realt. Il nuovo regime di Kurmanbek Bakiyev si rapidamente ritrovato nella condizione di Akaev. Le pratiche nepotistiche e la corruzione sono continuate, allargandosi e corrodendo sempre pi l'insieme della cosa pubblica. Al fine di essere eletto senza complicazioni ed evitare di approfondire le tensioni fra il nord e il sud del paese,
Secondo unespressione dellex direttore del Centro di Studi strategici del paese, V.B. Bogatyrev. Intervista dellautore, Bishkek, 23 marzo 2007. 20 Sin dal 1994 si segnala il perseguimento giudiziario di giornalisti scomodi al regime. Cfr. B. PANNIER, Backsliding in Kirgyzstan, in Transition, 1, 1995, 18, pp. 80-81. 21 E. HUSKEY, An Economy of Authoritarianism? in IDEM (ed.), Power and Change in Central Asia, London, 2002, pp. 76-96.
19

205

Bakiyev sottoscrisse un patto pre-elettorale con lunica altra personalit che potesse aspirare alla presidenza nel dopo-Akaev, il generale e anchegli ex ministro Felix Kulov. Molto dubbio in termini costituzionali, laccordo riservava a questi la guida del governo. Nel frattempo il nuovo regime si trovato a condurre un costante braccio di ferro con lopposizione, la quale ha continuato a fare ricorso alla piazza, paralizzando pi volte la vita della capitale. Alla fine del 2006, Bakiyev aveva accettato di ridurre le prerogative della presidenza con lintroduzione di una costituzione di stampo parlamentare. Tuttavia, dopo poco pi dun mese, il presidente ribaltava il compromesso raggiunto e faceva votare dal parlamento (da lui largamente controllato) una nuova carta fondamentale che in pratica restaurava legemonia della massima carica. A quel punto, dopo un anno e mezzo dintesa, Bakiyev ha anche estromesso il Primo ministro facendo in modo che non venisse riconfermato dal parlamento dopo che Kulov aveva presentato le dimissioni dellesecutivo in seguito alla crisi costituzionale. Kulov ha cos raggiunto il fronte delle opposizioni portando ad un confronto ancora in corso mentre scriviamo. Laccusa principale rivolta al presidente continua ad essere lincapacit a portare a termine le riforme. In realt il problema del Kirghizistan sta nel fallimento del tentativo di creare un apparato statale funzionante, ci che induce una condizione di crisi a carattere endemico nellassenza di un lite dirigente e duna opposizione in grado di avanzare proposte concrete. Al suo posto troviamo una costellazione frammentata di piccoli capi regionali e tribali, privi di programmi politici, i quali piuttosto che dirigere subiscono anchessi il corso degli eventi. Le richieste di riforme celano con difficolt esigenze di redistribuzione di ricchezza e potere mentre i partiti con i loro programmi politici sono solo un involucro per gruppi dinteresse finanziario o regionale, in una prospettiva in cui la politica in primo luogo unarena in cui si gioca per inserire i propri rappresentanti allinterno delle strutture di potere in modo da poter meglio affermare i propri interessi a livello locale. 2.3 Tagikistan In unipotetica graduatoria regionale del grado dapertura politica, il Tagikistan si colloca in una posizione intermedia fra la precedente coppia pi pluralista e il blocco autoritario rappresentato da Uzbekistan e Turkmenistan. Il paese si erge quale esperienza a s poich marcata dal conflitto civile che lo ha devastato fra il 1992 e il 1997, un fatto che ha impedito al sistema politico di assumere tratti ben definiti. La delimitazione nazionale sovietica degli anni Trenta cre in Tagikistan un soggetto particolarmente squilibrato, dove il problema principale era il basso grado di auto-identificazione delle province con il centro 22 . Le rivalit regionali
Si veda il numero speciale (Le Tadjikistan existe-t-il?) di Cahiers dEtudes sur la Mditerrane Orientale et le monde Turco Iranien, 18, juillet-dcembre 1994.
22

206

esplosero in conflitto non appena limprovvisa indipendenza fece venire meno il fattore esterno che aveva assicurato la tenuta del sistema. Nondimeno, la guerra civile venne interpretata erroneamente quale un confronto fra forze del vecchio regime e gruppi dispirazione democratica. La figura di Imomali Rakhmonov, un oscuro quadro di secondo livello, venne innalzata alla presidenza da parte della coalizione al potere, probabilmente nella convinzione che, dato il suo basso profilo e lassenza di una rete strutturata di supporto a livello nazionale, questi sarebbe stato pi facilmente manipolabile in una fase di passaggio. Al contrario, Rakhmonov riuscito sorprendentemente a sopravvivere alle sue eminenze grigie e giostrando fra lalto livello di conflittualit allinterno della stessa coalizione governativa, a mantenere il potere presentandosi quale artefice della riconciliazione nazionale. La congiuntura successiva alla guerra civile suscit elevate aspettative fra gli attori della democratizzazione in Asia centrale. La cessazione delle ostilit si fondava su un Accordo di riconciliazione nazionale il quale prevedeva meccanismi istituzionali e pratiche volti ad assicurare laccesso al potere ai membri dellopposizione, per i quali veniva riservato il 30 per cento delle cariche pubbliche. La singolarit della situazione tagika sta anche nel riconoscimento di una legittimit politica ai membri dellopposizione islamista (Partito della rinascita islamica, Pri), un unicum in una regione in cui le forze rifacentesi allislam politico vengono represse in ogni modo in quanto presentate quale minaccia alle istituzioni laiche. Se la presidenza stata in qualche modo costretta a confrontarsi con eletti dal popolo per la composizione dellesecutivo, tale situazione stata pi che altro il portato di un conflitto intestino che ha lacerato il paese senza che nessuna delle parti fosse in grado di prevalere sugli oppositori. Nella misura in cui la situazione andata stabilizzandosi, il regime ha cercato di espellere gli avversari politici quasi li considerasse un corpo estraneo, cos che il paese ha conosciuto una normalizzazione autoritaria, in linea con le pi generali tendenze centroasiatiche 23 . Llite al potere con Rakhmonov ha continuato a far uso di strumenti repressivi per affermare ed allargare la propria sfera di controllo tramite il costante rafforzamento dellistituto della presidenza. La costituzione in vigore, che di base ancora quella adottata nel 1994, ha subito continui rimaneggiamenti cos che contiene numerose contraddizioni. Essa assegna al presidente la nomina dei sindaci e dei governatori regionali, prerogativa di cui Rakhmonov ha pi volte usufruito per allontanare ex membri dellopposizione, distorcendo in tal modo il dettato dellaccordo di riconciliazione nazionale. Il potere giudiziario dichiarato indipendente ma il presidente pu dimettere e nominare i giudici, oltre che influenzare la Corte costituzionale tramite il controllo sul parlamento del partito presidenziale (Partito democratico del popolo). Daltronde, in violazione alla
J. GRVINGHOLT, Statehood and Governance: Challenges in Central Asia and the Southern Caucasus, Deutsches Institut fr Entwicklungspolitik, Briefing Paper, February 2007.
23

207

Legge sullamnistia parte degli accordi del 1997, molti ex antagonisti del presidente sono stati portati innanzi alla giustizia per presunti crimini commessi prima della pacificazione. La guerra al terrorismo ha costituito unoccasione inattesa per Rakhmonov, il quale ne ha ricavato risorse aggiuntive per consolidare la propria presa sul paese. Nel 2003, lattuale presidente ha riguadagnato il distacco dai suoi colleghi regionali, estendendo il proprio mandato da cinque a sette anni ed introducendo per se stesso la possibilit di concorrere per due mandati aggiuntivi. Il tutto tramite un referendum dove i cittadini erano chiamati contemporaneamente ad esprimersi su un pacchetto di 50 emendamenti costituzionali, le cui modalit sfidavano qualsiasi decenza internazionale 24 . Il clima creato nella regione dallemergenza anti-terrorista post-2001 ha favorito il riemergere di un rinnovato discorso pubblico sulla minaccia islamica, anche questo una costante nei percorsi istituzionali regionali. Rakhmonov ha comunque cura a bilanciare le proprie mosse liberticide con atti dapertura, dovendo tenere in considerazioni che le fonti esterne di finanziamento soprattutto quelle destinate al cospicuo terzo settore - restano fra le voci principali del bilancio nazionale 25 . Il sistema vanta ancora un certo pluralismo politico ma esso sempre meno sostanziale. Esemplare il rapporto del potere con il Partito della rinascita islamica, il quale, pur avendo perduto presa nel sociale viene mantenuto quale interlocutore privilegiato, proprio perch inoffensivo nei confronti del regime in forza delle sue crescenti divisioni interne. In ogni caso, i partiti si sono sempre pi svuotati di senso e gli equilibri delllite si determinano facendo affidamento sui legami di solidariet e di parentela piuttosto che sulle alleanze politiche 26 . Negli ultimi due anni, mentre la presidenza ha ulteriormente accentrato la sua presa su politica ed economia, assorbita dai problemi crescenti nel confinante Afghanistan, la comunit internazionale sembrata accettare linterpretazione che dipinge Rakhmonov quale principale e unico garante della stabilit e dunque di una gradualit del cambiamento, che tuttavia non sembra portare ad alcun sviluppo positivo nellapertura del sistema politico. Cos, a un decennio dalla firma degli accordi di pace, il paese appare tuttora in una situazione di stallo, nella quale rimangono aperte le cause da cui la guerra civile era emersa, con il presidente che a tratti appare inconsapevole della reale situazione delle periferie, dove cresce alienazione nei confronti dello stato a causa della corruzione generale e della mancanza daccesso a cariche e ricchezze
Z. ABDULLAEV - S. NAZAROVA, Tajikistan: Referendum Result Controversy, Institute for War and Peace Reporting, 28 June 2003. 25 M.B. OLCOTT, Central Asias Second Chance, Carnegie Endowment for International Peace, Washington, 2005. 26 INTERNATIONAL CRISIS GROUP, Tajikistans Politics: Confrontation or Consolidation, Asia Briefing, 19 May 2004.
24

208

monopolizzate dalla burocrazia centrale. 2.4 Uzbekistan In virt della propria posizione centrale e del peso demografico (oltre la met della popolazione centroasiatica), lUzbekistan influenza in profondit la vita della regione, tendenze politiche incluse. Dopo luscita dalla compagine federale, llite al potere ha effettuato una chiara scelta basata sul ruolo centrale dello stato nel condurre il passaggio allindipendenza. Durante il periodo sovietico, lo stato uzbeko, che quale perno del sistema damministrazione dellAsia centrale aveva potuto disporre di ingenti risorse economiche nel migliorare le condizioni di vita delle masse, si radicato in profondit fra la popolazione. Bench lattuale Uzbekistan sia una creatura geopolitica artificiale composta da territori appartenuti nel corso della storia a differenti formazioni politiche, sul suo territorio si concentra la memoria storica dei principali sistemi statali preesistenti lentrata della regione nella compagine imperiale russa. Il mantenimento della centralit dellapparato direttivo burocratico-amministrativo stato analizzato da esperti locali alla luce delle considerazioni di Karl Wittfogel sulla permanenza di tali strutture nelle cosiddette societ idrauliche 27 . Tanto vero che lo stato uzbeko controlla tuttora il settore agricolo (produzione di cotone) attraverso una rete di comunit locali (makhalla) integrate nellamministrazione pubblica come gi in precedenza nel sistema dei kolchoz. Ad un livello pi esteso, la vita politica nazionale si organizza su clan a base regionale, i cui principali sono quelli di Samarcanda, Ferghana e Bukhara. La rete dei gruppi politici regionali si collega con gli interessi economici e commerciali per via del mantenimento del controllo statale sulle principali attivit economiche del paese. Lintreccio di potere politico ed economico esprime un elevato livello di interdipendenza fra tutte le classi privilegiate e le strutture statali formando la base di sostegno del presidente Islam Karimov 28 . In uno schema patrimonialista, la lealt a Karimov tradotta in privilegi nella sfera economica, per mantenere i quali le lite hanno offerto qualsiasi supporto il vertice richiedesse loro. La forza degli interessi consolidati in tale blocco stata tale da sabotare i tentativi di democratizzazione, che aumentando la trasparenza del sistema e la partecipazione popolare, sarebbero andati ad intaccare privilegi consolidati. Laccentramento stato favorito dal contesto dei primi anni dindipendenza quando il crollo della situazione di sicurezza in Tagikistan e la degradazione delle
27

K. A. WITTFOGEL, Oriental Despotism. A Comparative Study of Total Power, New Haven, 1957 (tr. it., Il dispotismo orientale, I-II, Firenze, 1968). Per la sua applicazione al contesto uzbeko post-sovietico Cfr. E. ABDULLAEV, Uzbekistan between Traditionalism and Westernization, in B. RUMER (ed.), Central Asia at the End of Transition, New York/London, 2005, pp. 267-66. 28 E. AKERMAN, Power & Wealth in Central Asian Politics: Clan Structures versus Democratisation, The Conflict Studies Research Centre, Royal Military Academy, London, 2002.

209

condizioni di vita presso i vicini per effetto delle terapie shock neoliberali sembravano giustificare il corso politico di Karimov. In parallelo questi ha tratto unaltra importante risorsa volta al consolidamento del proprio regime dalla manipolazione storiografica e propagandistica del passato uzbeko. Con unintensit a tratti di carattere totalitario, stata elaborata un ideologia dellindipendenza nazionale la quale ha ripreso meccanismi della propaganda sovietica, quali la lotta alle idee aliene e distruttive e la glorificazione dellautorit presidenziale in unassimilazione analogica che proietta unirreale grandezza passata sul radioso futuro che la guida del leader fornir al paese al fine di giustificare tutte le forzature del sistema. Se il sistema di clientelismo di stato con i suoi meccanismi di propaganda ha presentato nel corso degli anni Novanta un elevato grado di coerenza, con lesaurirsi delle risorse economiche in virt della forte crescita demografica e del corso di politica estera improntato allautarchia e al contrasto con la Russia, le cose hanno cominciato a deteriorarsi. Le chiusure del sistema hanno cominciato a costituire un serio freno allo sviluppo delle attivit imprenditoriali con la creazione di contrasti fra i gruppi dediti ai settori rentier delleconomia e quelli emergenti legati al commercio e alla finanza. La degradazione economica ha dato un forte impulso alla corruzione. In un contesto di crescente ricorso a misure coercitive a livello di politica generale, i pubblici ufficiali e le forze dellordine sono stati incoraggiati a comportamenti di tipo predatorio a tutti i livelli. Soprattutto, il ristagno ha incrinato lequilibrio fra i principali clan del paese. A farne le spese stato quello della valle di Ferghana, il punto pi sensibile del paese dove risiede oltre un terzo della popolazione e si concentrano le principali attivit agricole e industriali. Sempre qui, sono maggiormente marcati i problemi sociali e demografici che vanno a intrecciarsi con la presa pi salda dellIslam sulla collettivit, una concentrazione di condizioni per lo sviluppo di forme virulente di protesta che costituisce il maggior motivo di apprensione per le autorit centrali. Unespressione del crescente contrasto fra la valle di Ferghana ed il potere centrale sono stati i fatti di Andijan 29 , quando sullo sfondo dellanarchia nel vicino Kirghizistan, i gruppi economici colpiti dalle manovre del centro non hanno esitato a manipolare il malcontento popolare per cercare di rafforzare la propria posizione nei confronti del governo il quale ha risposto con pugno di ferro alla sfida locale. I fatti di Andijan hanno indicato come il regime sia sempre pi incline ad usare la violenza quale mezzo di risoluzione delle controversie politiche. Sin dai primi anni di sovranit, Karimov ha sfruttato a fondo il tema della stabilit politica e
Venerd 13 maggio 2005, in circostanze che restano ancor da chiarire, le forze dellordine uzbeke comandate dal presidente Karimov in persona aprono il fuoco sulla folla radunatisi nella cittadina di Andijan (valle di Ferghana uzbeka). I resoconti sul numero delle vittime variano dalle 150 alle migliaia.
29

210

delle minaccia islamista, reale o percepita, incombenti sul paese e di converso sulla regione tutta. Tali temi sono stati securitizzati 30 , ossia sottratti al dibattito e al campo della politica e volutamente esasperati per giustificare ogni genere di repressione interna. La sicurezza assurta a valore assoluto, al quale stata sacrificata ogni prospettiva di riforma politica, con un parallelo rafforzamento delle strutture di sicurezza e una chiusura delle possibilit daccesso ai vertici delllite. Allo stesso tempo cresciuta la volont di controllo totale sulle organizzazioni sociali e non-governative le quali sono state represse tramite restrizioni legali, blocchi delle disponibilit finanziarie e varie misure intimidatorie. 2.5 Turkmenistan Il Turkmenistan occupa il punto estremo dello spettro politico centroasiatico in verit non ampio avvicinandosi di molto alla definizione di un sistema totalitario. Va detto che anche prima dellindipendenza questa era fisicamente e culturalmente una delle parti pi isolate dellUrss, dove conseguentemente furono meno avvertiti i rinnovamenti dellepoca della perestrojka, cos che mancava il materiale sociale attraverso cui tentare una democratizzazione del paese 31 . Il fattore personale ha giocato un ruolo considerevole nel definire il profilo politico del Turkmenistan post-sovietico. Per 21 anni, fino alla sua scomparsa nel dicembre 2006, la vita pubblica stata dominata dalla figura del presidente Saparmurat Niyazov. Nominatosi Turkmenbashi (padre dei turkmeni), Niyazov si differenziato dai suoi colleghi e vicini per una certa onest intellettuale nei confronti del discorso della democratizzazione. Pur seguendo le tendenze regionali volte a creare istituzioni formali sul modello occidentale, lex presidente ha sempre messo in chiaro che linfluenza internazionale sarebbe stata subordinata alla sua concezione degli interessi nazionali, vantando la necessit di preservare il carattere orientale del paese in quanto maggiormente indicato al carattere ed alle esigenze della popolazione 32 . Facendo seguire i fatti alle parole, solo fra tutti gli eredi del sistema sovietico, Niyazov ha conservato il sistema a partito unico (ribattezzando il Partito comunista quale Partito democratico), ha organizzato plebisciti referendari per dapprima estendere e poi promulgare a vita il proprio mandato presidenziale e introdotto un culto della propria personalit che estremizzava i fasti staliniani.
Secondo la terminologia di B. Buzan, che con essa definisce una precisa strategia dei gruppi di potere volta a definire alcune questioni politiche quali minacce esistenziali per lordine pubblico, da delegare allambito esclusivo dellazione delle forze dellordine B. BUZAN, People, States and Fear, Boulder, 1991. 31 to budet v Turkmenistane? (Cosa avverr in Turkmenistan?), Carnegie Working Paper, Moscow Center, n. 1, 2007. 32 Si veda ad esempio lintervista concessa dal presidente a LUnit (La democrazia, roba da Occidente), 2 novembre 1994.
30

211

Il risultato politico conseguito una forma estremamente accentrata di potere patrimoniale personale, definibile quale sultanistica in virt dellassenza di strutture dintermediazione fra il vertice e le masse, in cui lapparato amministrativo e militare agiscono quali puri strumenti personali del presidente sulla base di pulsioni elementari quali il timore della punizione e il desiderio di ricompensa 33 . Niyazov riuscito a controllare sapientemente lequilibrio dei cinque principali clan del paese e a impedire il consolidamento di poli di potere alternativi attraverso una rotazione ininterrotta di personalit differenti alle principali cariche pubbliche. Sul piano costituzionale, il presidente contemporaneamente capo dello stato, del governo e delle forze armate e dispone inoltre di una facolt illimitata demissione di decreti aventi immediato valore di legge, del diritto esclusivo di nomina dei magistrati, dei procuratori e di tutte le cariche direzionali regionali. 34 Il potere legislativo inizialmente rappresentato da un parlamento (Mejlis) di 50 deputati stato svuotato di senso tramite lintroduzione di un Consiglio del popolo (Khalq Maslikhaty) dove si radunano oltre ai normali parlamentari, i rappresentanti dei distretti e gli hakim nominati dal presidente. Il Consiglio, organo di rappresentanza suprema ma senza poteri effettivi, presenta similarit con strutture analoghe del Barhein e della Giordania, ma, data la composizione allargata a 2507 persone e il fatto che sia prevista una sola sessione annua, rappresenta pi unassemblea tribale che altro 35 . Niyazov non si limitato ad estendere il suo controllo a tutti gli ambiti della vita pubblica e a costruire un culto stalinista della personalit. Nel quadro di una propaganda massiccia sul suo ruolo nel riportare i turkmeni ad una presunta perduta grandezza, il presidente aveva, con la pubblicazione del Rukhnama (Libro dellanima) nel 2002, tentato di attribuire caratteri sacrali alla propria persona 36 . Lassiduit con cui questo e un ristretto numero di messaggi decisi dal vertice bombarda le masse, lubiquit della figura del presidente, lassenza di qualsiasi contenuto impegnato danno al sistema mediatico turkmeno un carattere surreale, degno di Orwell. Va da s che un tale sistema presenta uno dei peggiori record mondiali in termini di rispetto dei diritti umani libert personali gravemente ristrette, serie limitazioni alla libert di movimento sia allinterno che allestero, negazione dei diritti delle minoranze etniche e religiose. Prima della scomparsa di Niyazov, la morte in detenzione della giornalista O. Muradova ha messo in evidenza
H.E. CHEHABI - J.J. LINZ, Sultanistic Regimes, Baltimore, 1998. La definizione di Weber che in Economia e societ (tr. it., Milano, 1957) caratterizzava tali regimi per la loro assenza di fondamento ideologico e carismatico. 34 Cfr. A. GIROUX, Les Etats dAsie centrale face lindpendance, in Le courrier des pays de lEst, avril 1994, 388, pp. 3-43. 35 Cfr. J. ANDERSON, Authoritarian Political Development in Central Asia: The Case of Turkmenistan, in Central Asian Survey, 14, 1995, 4, pp. 509-527. 36 Esiste, ovviamente, anche un sito: http://ruhnama.info.
33

212

lisolamento totale del sistema carcerario (con uno dei numeri di detenuti fra i pi elevati al mondo) e luso sistematico della tortura per i crimini dopinione 37 . Il tutto nellambito di uno sforzo sistematico volto a isolare il paese da qualsiasi influenza proveniente dal resto del mondo incluse quelle provenienti dalla sfera religiosa, nella quale il Turkmenistan spicca quale sola repubblica ex sovietica dove siano stati demoliti luoghi di culto appartenenti a confessioni aliene, ossia tutte quelle al di fuori dellIslam ufficiale e della Chiesa ortodossa. La situazione del Turkmenistan induce quindi ad una serie di interessanti riflessioni a riguardo della tematica della democratizzazione e dellevoluzione dei sistemi politici centroasiatici. Innanzitutto appare evidente come, in presenza di ingenti risorse energetiche, la comunit internazionale sia incline ad un ampio grado dindulgenza. Lautoritarismo dei regimi petroliferi pu essere perdonato nel momento in cui serve ad assicurare uno stabile quadro interno quale precondizione allentrata del capitale internazionale. Ci pone la questione della coerenza e della reputazione di organizzazioni quale lOsce, le quali traggono la propria raison dtre anche dallessere una comunit di valori, nei consessi della quale il Turkmenistan ha continuato a sedere senza che alle critiche verbali seguisse alcun risultato effettivo. Tale contraddizione apparsa in maniera stridente nellinverno del 2002, quando a seguito di un dubbio attentato contro Niyazov questi scaten una repressione generale delle rimanenti sacche di dissenso. Dieci stati partecipanti decisero allora di avviare il cosiddetto Meccanismo di Mosca, prevedente la nomina di una commissione per lesame di una situazione attinente a gravi violazioni dei diritti fondamentali. Ma Ashgabat si limit a rifiutare di collaborare allavvio del meccanismo e lintera questione cadde nel dimenticatoio con grave danno dimmagine per lorganizzazione di Vienna 38 . La situazione turkmena emerge quale particolarmente rilevante dopo la morte improvvisa di Niyazov, quando viene seguita con attenzione per valutare quali siano le possibilit di tenuta dei regimi centroasiatici dopo anni di accentramento dei sistemi attorno alle persone dei presidenti. Nonostante il fatto che tale elemento con Niyazov avesse raggiunto la massima intensit, ci che faceva prevedere scenari di caos e paralisi, il passaggio si finora svolto in modo tranquillo, bench la chiusura ermetica del paese agli sguardi esterni impedisca di valutare esattamente cosa si stia muovendo nei retroscena del potere. Lunica cosa certa che il passaggio delle cariche si svolto in spregio del dettato costituzionale, che, in caso di scomparsa del presidente, prevedeva che la sua carica venisse assunta ad interim dal presidente del parlamento. Questi, O. Ataev,
INTERNATIONAL CRISIS GROUP, Turkmenistan after Niyazov, Asia Briefing n. 60, 12 February 2007, p. 24. 38 E. ATHANASIOU, La dimension humaine de lOSCE et la lutte contre le terrorisme, in Droits fondamentaux, janvier-dcembre 2004, 4.
37

213

stato al contrario incriminato ed arrestato, mentre lo scettro del potere passato a Gurbanguly Berdymukhammedov, un alto funzionario sopravvissuto alle innumerevoli purghe niyazoviane, confermato nella carica da una tipica votazione plebiscitaria, sullo sfondo di una sostanziale condiscendenza da parte della comunit internazionale. La rapidit di tale processo fa inoltre sospettare che la scomparsa del tiranno non sia stata naturale ma che vada piuttosto interpretata quale effetto di una rivolta di palazzo, la quale potrebbe altres servire da modello per altre successioni nella regione. Tutte le ipotesi sul futuro della repubblica restano in ogni caso aperte. Il nuovo regime si trova di fronte ad enormi problemi, per affrontare i quali sar probabilmente costretto ad introdurre mutamenti nel sistema di potere modellato sulla personalit del defunto presidente . Va comunque notato che il Turkmenistan il solo sistema centroasiatico con il Kazachstan a poter vantare un livello di capacit desercizio del potere uniforme sullinsieme del territorio nazionale, seppure ci abbia preso la forma di un sistema poliziesco, tale successo sul piano della creazione delle istituzioni potrebbe rivelarsi quale il fattore decisivo nel garantire la tenuta del sistema, nonch unimportante lezione per le altre repubbliche. 3. Problemi nella definizione della sfera politica centroasiatica: sfide interne Da questa rapida panoramica appare evidente che la vera scelta istituzionale effettuata dai regimi centroasiatici dopo la fine dellUrss stata nel senso di un sistema di tipo autoritario in cui, pur nel quadro dellosservanza formale di un dettato costituzionale, la sede del potere stata consapevolmente posta al di fuori degli ambiti normativi. Linsuccesso degli schemi di democratizzazione applicati allAsia centrale, cos come le particolarit dello sviluppo politico delle 5 repubbliche, vanno esaminati comparando le contraddizioni fra i presupposti teorici del paradigma della transizione e le realt culturali e politiche della regione. Come gi accennato, la transitologia ha comportato un approccio estremamente ideologizzato ai problemi della regione, in cui ad alcuni fattori veniva assegnata unimportanza eccessiva mentre altri venivano oltremisura sottostimati 39 . Tra gli elementi sopravvalutati sicuramente limpatto totalitario del sistema sovietico sulle realt locali 40 e la speranza di poter formare una base sociale che si facesse vettore del cambiamento in alternativa alle piramidi di potere delle presidenze. Tra quelli sottovalutati, la persistenza di caratteri premoderni nei sistemi di valori locali, la
39

C. POUJOL, How Can We Use the Concept of Transition in Central Asian Post-Soviet History? An Attempt to Set a New Approach, in Conference Proceedings: The Illusions of Transition: Which Perspectives for Central Asia and the Caucasus?, cit., pp. 7-19. 40 O. CAPPELLI, Democratizzazione o state-building? Riletture critiche della transizione postcomunista, cit.

214

specificit e la profondit dellimpresa sovietica di gestione della politica, le particolarit delle segmentazioni tribali interne. Da questinsieme di distorsioni deriva linconsistenza degli elementi di democrazia formale introdotti nelle pratiche di potere post-sovietiche, cos come una serie di rischi sulle prospettive future di tenuta dei sistemi. 3.1 Assenza di ricettori interni, opposizioni e societ civile

Fra i principali malintesi derivanti dallapproccio normativo della transizione vi stata la pretesa dindividuare delle forze sociali locali pronte a farsi portatrici del cambiamento in senso democratico, sulla falsariga dellesperienza in questo senso nei paesi dellEuropa orientale. Se le aperture della breve stagione della perestrojka avevano infatti dato origine anche in Asia centrale a degli abbozzi di processi endogeni di democratizzazione 41 , questi non avevano per in alcun modo rappresentato dei movimenti popolari di massa paragonabile a quelli sorti nelle sezioni caucasica ed est-europea della federazione sovietica. Le opposizioni centroasiatiche hanno preso piede in alcuni settori della vecchia intelligencija sovietica, ossia fra minoranze urbane educate alla cultura russa e dunque profondamente sradicate dalla massa della popolazione a confronto, i quadri dei partiti presidenziali successori del Pcus, in virt del loro radicamento nei corpi sociali rurali, hanno sempre presentato un grado notevolmente pi elevato di rappresentativit popolare. In Uzbekistan era ben visibile come i sedicenti partiti democratici liquidati da Karimov rappresentassero associazioni socioculturali radicate nei circoli letterari piuttosto che reali opposizioni politiche operative 42 . La democrazia appare quindi quale uno slogan tattico utilizzato a fini di lotta politica. Va infatti notato come sin dai loro esordi, a fianco delle rivendicazioni ecologiche e della contestazione del ruolo del Pcus, tali opposizioni non avessero esitato a manipolare slogan di stampo etno-nazionalista la cui evoluzione incontrollata, sullo sfondo degli scontri interetnici che caratterizzarono la dissoluzione dei sistemi comunisti, avrebbe potuto causare conseguenze imprevedibili per la delicata struttura della convivenza interetnica centroasiatica. In ogni caso, i partiti dopposizione hanno mantenuto atteggiamenti massimalisti e intransigenti nei confronti dei regimi, favorendo cos la propaganda di questi ultimi volta a bollarli come pericolosi per la stabilit, fatto di cui si pu dubitare dato che tali soggetti si sono sempre pi trovati emarginati, incapaci come sono stati di superare i loro personalismi e divisioni interne nonch di presentare un discorso pubblico in grado di trascendere le divisioni interetniche e interregionali tipiche del contesto centroasiatico.
C. POUJOL, Le concept de dmocratie est-il applicable l'Asie centrale post-sovitique? Rflexions sur la transition dmocratique, in Dfense, janvier-fvrier 2001, 91, pp. 32-36. 42 Cfr. S. AKBARZADEH, Nation-Building in Uzbekistan, in Central Asia Survey, 15, 1996, 1, pp. 23-32.
41

215

Alla luce degli scarsi risultati sul piano partitico e mediatico, le speranze per il processo di democratizzazione si sono concentrate sulla societ civile quale sua principale forza propulsiva 43 . Concretamente si trattato qui di rappresentanti del terzo settore. La presenza di Ong stata richiesta come obbligatoria per tutta una serie di programmi daiuto delle organizzazioni internazionali che hanno creato cos la domanda per un loro sviluppo. Cos come nel resto dello spazio postsovietico, si formata in Asia centrale una classe di operatori di Ong (nponiki), le quali, con supporto economico occidentale, si sono impegnate esattamente nelle funzioni lasciate scoperte dal ritiro della cosa pubblica supportato dallo stesso committente. Ci si pu dunque chiedere quanto una tale classe sarebbe capace di sussistere in assenza della sua fonte ispiratrice. Nella visione di questultima la societ civile evidentemente riferita alleredit della dissidenza al regime sovietico, e dunque in opposizione allo stato totalitario e alla sua sfera dazione nel campo economico e politico. Ma proprio una tale nozione di corpo sociale separato dalle sfere della politica e delleconomia qualcosa di quanto mai assente dalla cultura della regione 44 . Secondo alcuni autori la presenza di una societ civile relativamente alla regione potrebbe dedursi distinguendo al suo interno una componente neo-liberale (ossia il settore indotto dalla cooperazione internazionale) da una comunitaria precipua a forme di autorganizzazione sociale riscontrabili in certe tradizioni secolari dei popoli della regione e esplicantisi in forme di mutuo soccorso (quale la corve per la costruzione di piccole infrastrutture, denominata aar presso i kazaki e i kirghizi) o di presa di decisioni a livello locale 45 . Tuttavia tali tradizioni informali sono precipuamente non antagoniste nei confronti del potere e dunque difficilmente classificabili in una concezione classica di societ civile. Sotto tale categoria restano quindi le sole Ong, i cui leader risultano spesso anchessi largamente alieni rispetto alle comunit locali dove si trovano a operare e dunque dubbi quali reali attori di cambiamenti sostanziali. Al contrario, nella loro totale dipendenza dai sussidi internazionali, piuttosto che agenti positivi di cambiamento essi sono stati in misura crescente percepiti dalla popolazione quali vettori di un modello estraneo e negativo, in un clima di risentimento e apatia che ha portato alla svalutazione dei valori democratici. Tale percezione si acuita dopo gli eventi del marzo 2005 in Kirghizistan, dove gli operatori delle Ong sono apparsi quale una contro-lite manipolata dallintervento straniero per determinare la politica nazionale 46 . In definitiva, appare come buona parte dellazione
Ad esempio J. ANDERSON, Kyrgyzstan. Central Asias Island of Democracy, Amsterdam, 1999. 44 B.M. PTRIC, Post-Soviet Kyrgyzstan or the Birth of a Globalized Protectorate, cit. 45 B. BABAJANIAN et al., Civil Society in Central Asia and the Caucasus, in Central Asia Survey, 24, 2005, 3, pp. 209-224. 46 A. MATVEEVA, Central Asia: A Strategic Framework for Peacebuilding, International Alert, February 2006.
43

216

internazionale volta a stimolare la crescita della societ civile sia frutto di una ricerca fuorviante, sovente un modo per spendere i fondi stanziati, ignorando, di nuovo, la complessa alterit della realt centroasiatica rispetto alle societ occidentali 47 . Da notare ancora come questi settori dopposizione, bench repressi, sono stati contemporaneamente manovrati dai regimi poich necessari alla loro legittimit democratica di fronte allaudience internazionale, cos che la presenza di surrogati dopposizione con un diritto di partecipazione limitata alla vita pubblica e funzionanti a finanziamento occidentale ha contribuito a creare il sipario dietro a cui il potere controlla privatamente le risorse dello stato. 3.2 Il conflitto di valori fra paradigma della transizione e cultura locale Osservando dallesterno lo scarto esistente fra i valori dichiarati dai regimi e la realt autoritaria dellesercizio del potere, gli attori occidentali in Asia centrale si stupiscono di come questo possa venire accettato dai cittadini locali. Non possibile spiegare il mantenimento di queste pratiche autoritarie prescindendo dagli orientamenti culturali precipui delle societ centroasiatiche. Uno sguardo in questa direzione fornisce una prova aggiuntiva di come unesperienza di adozione della modernizzazione di matrice occidentale non ha speranza di successo se non considera i sottili meccanismi interni tramite cui ogni societ si pensa e si riproduce cos che la trasformazione possa adattarsi al tipo di rapporti sociali esistente 48 . Preannunciando largomento del paragrafo successivo, va notato come il considerevole grado di successo conseguito dalla modernizzazione sovietica nella regione sia consistito proprio nella sua capacit dadattamento alle particolarit delle societ locali le quali, sotto la sovrastruttura socialista hanno confermato elementi profondamente tradizionali e in alcuni casi addirittura definibili quali pre-moderni. Dal canto loro, le societ centroasiatiche hanno dimostrato di avere unattitudine a mantenere tratti specifici e antichi pur adattandosi a nuove tendenze, una capacit speciale di mescolare in maniera abbastanza armoniosa concetti apparentemente antagonistici in cui sta una delle chiavi principali per comprendere la storia della regione nel corso del XX secolo 49 . Cos, nel suo profondo lAsia centrale rimasta islamica nei suoi valori e nelle sue rappresentazioni collettive. Scomparsa la sovrastruttura precedente, settantanni di ci che nel suo impatto per la popolazione locale pu essere assimilato a una sorta di globalizzazione socialista, questa, pi che sforzarsi nei
47

O. ROY, The Predicament of Civil Society in Central Asia and the Greater Middle East, in International Affairs, 81, 2005, 5. 48 A. CAILL, Critique de la raison utilitaire, Paris, 1989. 49 C. POUJOL, How Can We Use the Concept of Transition in Central Asian Post-Soviet History? An Attempt to Set a New Approach, cit., p. 18.

217

nuovi standard liberali a pretesa universale, tornata a riscoprire le proprie pratiche ancestrali. Tanto pi che, complice lesposizione mediatica in negativo tipica del primo decennio post-sovietico, lindividualismo e le libert senza freni della democrazia occidentale sono stati bollati da molti quali distruttivi per i valori tradizionali e destabilizzanti per la vita sociale. Da ci derivata una nuova attenzione alletica della giustizia propria alla tradizione musulmana, dove un valore pi accentuato dato alla stabilit politica piuttosto che alla libert di per s. In tal senso, come altrove nel mondo, la concezione occidentale dei diritti umani si oppone alla cultura comunitaria di derivazione islamica la quale, e in questo in armonia con i valori del periodo socialista, pone laccento sui doveri di collaborazione e di identificazione del singolo nella comunit piuttosto che su diritti individuali pensati in contrapposizione alla sfera collettiva 50 . Ancora pi a fondo dei valori islamici, in terre marcate dalla memoria dellappartenenza allimpero mongolo di Gengis Khan, si possono trovare echi del principio patrimoniale della trasmissione dei feudi (ulus), sulla base di lignaggi associati a un mandato dal Cielo. Da qui una certa percezione sacrale di un potere a cui gli individui si sottomettono per evitare intromissioni celesti nella loro vita 51 , percezione mantenutasi largamente anche nel periodo comunista data la carica ideale del sistema e quindi riaffiorata al massimo, come osservato, in Turkmenistan. La capacit dei presidenti a mantenersi in carica non si spiega se non si tiene conto di queste particolarit antropologiche dellarea centroasiatica. Per la massa della popolazione, la figura presidenziale apparsa quale garante dei resti del welfare socialista e degli argini contro una radicalizzazione di tipo islamico o etno-nazionalista. Tale elemento ben evidente nellesperienza del Kirghizistan sotto Akaev. A tutti era ben evidente come il presidente fosse un inetto la cui gestione era responsabile del degrado del paese. Non di meno Akaev pot reggersi al potere per 15 anni poich, nelle parole di un analista della regione, la sua figura veniva totemizzata da parte della maggioranza della popolazione (ma in primo luogo dalle minoranze) che la percepiva quale principale garante della stabilit 52 . Largamente rilevabile poi una percezione del potere quale esercizio incontrastato della forza, necessariamente inflessibile a garanzia del mantenimento della stabilit. Dopo la scomparsa del sistema sovietico, questultima un valore primario. I centroasiatici condividono infatti con i russi la memoria di una storia millenaria intervallata da invasioni e altri cataclismi epocali.
D. ZOLO, Cosmopolis. La prospettiva del governo mondiale, Milano, 1998. N.N. KRADIN, lementy tradicionnoj vlasti v postsovetskoj politieskoj culture: antropologieskij podxod (Elementi di potere tradizionale nella cultura politica post-sovietica: un approccio antropologico), Dumaem.ru, 10 mart 2006. Sulleredit moderna dellImpero mongolo dello stesso autore N.N. KRADIN, Imperia ingis-khana (LImpero di Gengis-Khan), Moskva, 2006. Sullo stesso tema cfr. C. LEMERCIER-QUELQUEJAY, La paix mongole, Paris, 1970. 52 O. BONDARENKO, Razmylenija o Kirgizskoj revoljucii.Sistema Akaeva i e mogiliki, janvar 2005, http://www.CentrAsia.org/newsA.php4?st=1106994900.
51 50

218

Da ci deriva un bisogno diffuso di sicurezza, il quale dopo essere stato a lungo soddisfatto dallappartenenza alla potenza dotata del pi forte esercito del mondo, riemerso impetuosamente con la scomparsa di questultima causando un profondo trauma per la societ nel suo complesso. Unaltra caratteristica antropologica basilare delle societ centroasiatiche, altrettanto decisiva nellinfluenzare il cambiamento politico, costituito da patriarcalismo tanto pi solido e radicato procedendo da nord verso sud. Esso deriva dallinflusso della famiglia allargata, la quale crea un profondo rispetto della gerarchia e dellanzianit, il quale si riproduce nella segmentazione sociale su gruppi di solidariet. Qui i consigli degli anziani (aksakal) sono venuti assumendo un peso crescente quali istanze consultative e di arbitraggio dei conflitti. Da non trascurare inoltre fattori provenienti dalla dialettica fra il nomadismo delle steppe e il sedentarismo agricolo del sud, da sempre un filo rosso dellevoluzione politica dellarea e come tale uno spartiacque culturale che si riconferma a ogni svolta storica dei destini locali. Non a caso stato fra due popoli fuoriusciti dalla tradizione nomadica, kazaki e kirghizi, che i sistemi politici hanno dato prova di una pi ampia apertura. Fra queste genti vige il cosiddetto principio della lda, secondo cui, una volta che un gruppo sociale, trib o clan, conquista legemonia interna alla collettivit, nessuno deve contestare la stessa fino a quando il dominante sar in grado dassicurare lordine 53 . Tale principio pone lobbligo al dominante di mantenere la lealt dei subordinati. Non va inoltre dimenticato come, soprattutto nei contesti urbani, lUnione Sovietica avesse creato con i suoi consolidati meccanismi di welfare un elevato livello di civilt, il quale andato seriamente degradandosi dopo il 1991 (con la particolare eccezione del Kazachstan) e il ricordo del quale mantiene non solo elevate aspettative presso la popolazione nei confronti dei governi ma anche lavversione per i principi del liberalismo economico. Di fronte a questinsieme di fattori storici, antropologici e culturali, evidente come un percorso dinstaurazione della democrazia debba seguire un approccio pensato per riflettere gli stessi al suo interno e in alcun modo non possa rifarsi allimitazione dellesperienza delle societ occidentali. 3.3 La permanenza dei gruppi informali alla base della struttura del potere in Asia centrale

Non avendo preso in considerazione gli orientamenti culturali delle societ locali, gli schemi della transizione hanno perseguito la democratizzazione dei sistemi politici centroasiatici concentrandosi sui loro aspetti formali. Esse concepivano in
A. BUISSON, La difficile exportation de la dmocratie en Asie centrale, inadaptation du projet ou extranit du concept?, juin 2006, http://www.institut-gouvernance.org/fr/dossiers/motcledossiers-24.html.
53

219

termini weberiani lesistenza di un autorit razionale e impersonale prendendo misure per il suo rafforzamento. Ma da quanto osservato deriva che tradizionalmente le relazioni di potere centroasiatiche si fondano su obbligazioni di tipo personale e informale le quali trascendono le divisioni amministrative ufficiali 54 . Questi poteri personali si strutturano su gruppi locali di solidariet fondati sul fattore etnico-tribale e/o regionale, componendo le loro differenti pulsioni in sistemi di favoritismo variamente articolati. Queste reti tradizionali (diversamente definite a seconda del contesto quali clan o trib) rappresentano forme dinterazione sociale basate sulla fiducia e lealt da cui lindividuo attende protezione e aiuto. Esse hanno origini diverse a seconda se sorte nel contesto sedentario o in quello nomadico. Nel primo rappresentano confraternite basate sul controllo risorse chiave, idriche in primo luogo, e losservazione delle pratiche della sharia (il modello essendo la mahalla uzbeka) 55 , mentre nel secondo costituivano un mezzo di trasmissione del sapere e di adattamento alla rigidit della vita di transumanza. Nelle aree sedentarie lappartenenza ai gruppi di solidariet deriva dal luogo di residenza mentre nel secondo da tradizionali legami tribali e di parentela (autentici o percepiti come tali). Dato il radicamento nel tessuto sociale, la legittimit del potere in Asia centrale sempre derivata dal rispetto dellautorit delle figure chiave di tali segmentazioni. La permanenza di tali segmentazioni fino ai giorni nostri aiuta a far luce sulla natura reale del sistema sovietico a queste latitudini nonch sulla sua pretesa natura totalitaria. A dispetto della sua capacit di penetrazione e dellestensione delle sue funzioni, limpresa sovietica fu lungi dallingabbiare societ ed economia nella cappa oppressiva presupposta da una visione totalitarista. Prima e dopo gli eccessi staliniani, appare al contrario come essa incontr sempre enormi difficolt ad affermare un controllo monolitico e centralizzato sullimmenso paese. Sin dallinizio la terminologia ufficiale riconobbe infatti tale difficolt quale mestniestvo, localismo, indicando con ci la frammentazione del potere decisionale tra contrapposte alleanze di interessi aggregate in piramidi corporative la cui influenza giungeva fino al cuore del partito-stato 56 . Il regionalismo, la strutturazione verticale dello spazio su unit amministrative in competizione per lassegnazione di risorse fu un elemento cardine della politica sovietica di gestione delle periferie asiatiche 57 . Qui, se da un lato lideologia ufficiale imponeva ai gruppi di solidariet di uscire dalla sfera pubblica ufficiale, le penurie
P.G. GEISS, Demokatisierung und gesellschaftliche Reformen in Zentralasien, Bonn, 2002, pp. 17, http://library.fes.de. 55 P.G. GEISS, Mahallah and kinship relations. A study on residential communal commitment structures in Central Asia of the nineteenth century, in Central Asian Survey, 20, 2001, 1, pp. 97-106. 56 O. CAPPELLI, Democratizzazione o state-building? Riletture critiche della transizione postcomunista, cit., p. 32. Lautore osserva come tale realt fosse evidente gi dagli anni Settanta, cfr. J.F. LOUGH, The Soviet Union and Social Science Theory, Cambridge (Mass.), 1977. 57 P. JONES LUONG, Institutional Change and Political Continuity in Post-Soviet Central Asia: Power, Perceptions, and Pacts, New York, 2002, pp. 321.
54

220

delleconomia mobilizzata mantenevano viva la domanda per la loro funzione di canali dallocazione delle risorse, favorendo cos le condizioni per una loro riproduzione allinterno delle strutture collettiviste e di partito 58 . Non potendo eliminarle, il sistema sovietico si serv delle segmentazioni interne preesistenti a base clanica o regionalista per costruire un complesso sistema dequilibri fra centro e periferia in cui, i confini fra stato e societ risultarono confusi. In questo esso diede prova di una capacit unica di riorganizzare le societ locali sulla base di un esperimento sociale del tutto inedito in cui il modello dello stato nazione europeo, nella comprensione marxista-leninista, venne impresso sulla realt multietnica turco-iranica e musulmana locale integrando le sue segmentazioni interne su nuove basi 59 . In definitiva, in quanto principale elemento di continuit con il passato presovietico della regione, la segmentazione della societ su gruppi di solidariet e le relazioni di potere che da esso emanano costituiscono un elemento essenziale e strutturale dellordine politico e sociale dellAsia centrale. Queste dunque, lontano dallessere trattate quali difetto da superare come nellapproccio transitologico, costituiscono un terreno di confronto obbligato per lazione di modernizzazione statale avviata dopo lindipendenza60 . Tanto pi che il fattore clanico e tribale si ulteriormente rafforzato dopo la scomparsa dellUrss. Infatti, con il loro impatto sulla vita della maggioranza della popolazione, le politiche neoliberali condotte nel corso anni Novanta hanno ridato nuova linfa al senso dei legami clanici sulla base dei quali, come negli anni Trenta, le persone hanno costruito nuovi sistemi di scambio informali per far fronte alle carenze della vita quotidiana. In molte zone della regione lappartenenza a un determinato gruppo tribale divenuta un importante momento per lingresso nel mondo politico ed economico. Pi in generale, lungo tutta la fascia sud dellex Urss si assiste tuttora a una complessa dialettica in cui lazione statale e quella delle strutture claniche inerenti alle societ indigene interagiscono luna sullaltra 61 . Osservando tale stato di cose, si pu in particolare comprendere le ragioni dellinefficacia dei programmi normativi volti ad affermare nella regione il concetto di stato di diritto (rule of law). Se il sistema sovietico aveva fondato un sistema giudiziario di corti formalmente simile a quelli europei, il suo funzionamento era sottomesso ai meccanismi informali del partito e delle sue segmentazioni interne. Tuttora, linfluenza del fattore clanico determina una preferenza diffusa per la risoluzione informale delle dispute piuttosto che per il loro affidamento alla rigidit della legge. Pratiche che allo sguardo occidentale appaiono in negativo come corruzione si rivelano, se analizzate in una prospettiva
O. ROY, La Nouvelle Asie Centrale ou la fabrication des nations, Paris, 1997. P. JONES LUONG (ed.), The Transformation of Central Asia. States and Societies from Soviet Rule to Independence, Ithaca, 2004, pp. 332. 60 P.G. GEISS, Demokatisierung und gesellschaftliche Reformen in Zentralasie, cit. 61 E. SCHATZ, Modern Clan Politics. The Power of Blood in Kazakhstan and Beyond, Seattle/London, 2004, p. 250.
59 58

221

di antropologia sociale priva di pregiudizi, quale una cultura del dono endemica al vissuto locale 62 . In quanto tale si tratta di uno degli elementi fondanti del sistema poich sovrintende al meccanismo di distribuzione delle risorse che assicura la tenuta della catena damministrazione. Cos le procedure formali e democratiche mutuate da Occidente possono intervenire nel mutare gli equilibri interni, ma in nessun caso risultare decisive per la loro definizione, come pretendevano i fautori della transizione. 3.4 Gli adattamenti dei sistemi politici al contesto post-sovietico

Alla luce delle caratteristiche sopra enucleate possiamo dunque accingerci allanalisi del funzionamento della vita politica centroasiatica dopo lindipendenza. Il primo elemento da prendere in considerazione lestrema difficolt della situazione che le lite al governo si sono trovate a gestire avendo a disposizione risorse drasticamente ridotte. In tali condizioni era naturale che i dirigenti continuassero a fare ricorso alle tecniche sviluppate durante il periodo sovietico riciclando le strutture organizzative di partito e sostituendo il marxismo-leninismo con il nazionalismo. In generale la precariet delle entit formatesi dal collasso della struttura unitaria era tale da far ritenere lautoritarismo quale sola possibile variante. Seguendo lesempio russo, le lite post-sovietiche hanno istituito un quadro istituzionale dove la forza della presidenza si confronta a parlamenti talmente deboli da permettere al vertice di dominare completamente la vita pubblica. Va notato inoltre che lindipendenza insorse a culmine degli sconvolgimenti della perestrojka, durante i quali lamministrazione Gorbachev aveva distrutto lintegrit dello stato per tentare dimporre nuove regole senza rispettare quelle gi stabilite alla base della sua autorit. I nuovi presidenti erano quindi espressione di un patto conservatore fra clan, espressione di un equilibrio dinteressi che non si poteva permettere di rimettere in discussione tramite elezioni libere 63 . Conformemente, essi hanno operato per adattare larchitettura di potere delle reti informali e delle regioni alle nuove condizioni. Di conseguenza, lefficienza e il grado di rappresentativit di un presidente centroasiatico si fonda sulla propria capacit dassicurare tale equilibrio. Il suo compito quello di rinegoziare costantemente i patti informali che determinano la partecipazione e il grado dinfluenza dei differenti gruppi dispensando premi e punizioni ai membri della clientela. Finalmente egli deve essere summa di tutte le tendenze interne e fungere da arbitro super partes fra di esse, autentica chiave di volta delledificio politico e del suo funzionamento. Lamministrazione presidenziale dunque il vero centro decisionale ed esecutivo del paese, il governo essendo piuttosto un
B. PETRIC, Pouvoir, rseaux et don en Ouzbkistan. post-sovitique, Paris, 2002. S.F. STARR, Clans Authoritarians Rulers, and Parliaments in Central Asia, Silk Road Paper, June 2006.
63 62

222

gabinetto di tecnici incaricati dellesecuzione delle decisioni presidenziali. Lo schema si ripete a livello regionale, dove i capi delle amministrazioni rispondono al solo presidente del loro operato. Mancando di una linea di demarcazione fra la sfera pubblica e quella economica, tale sistema pu essere definito quale neo-patrimonialista 64 . Attorno alle amministrazioni presidenziali, in uno schema piramidale, si collocano a differenti livelli i differenti gruppi clientelari e regionali in funzione del tipo di legami personali e del grado di vicinanza al vertice. A seconda delle risorse disponibili, essi corrispondono a conglomerati economici, sovente controllati da prossimi del presidente, i quali si dividono lessenziale della ricchezza del paese. In Kazachstan la gestione delle risorse petrolifere stata il fattore principale della ristrutturazione delle reti clientelari in uno sistema di tipo neo-liberale. In Turkmenistan e Uzbekistan e, seppur sui generis, in Tagikistan, vi stato un grado di continuit pi forte con il vecchio regime. Qui lo stato ha mantenuto il proprio carattere autarchico e ha rinvigorito lapparto centrale di pianificazione per resistere contemporaneamente alla penetrazione neo-liberista e allapertura del sistema politico. Di fronte a meccanismi di potere talmente strutturati ovvio che le istituzioni formate sui modelli importati da Occidente non rappresentano che strutture formali sovrapposte ai meccanismi endogeni. I partiti ad esempio esistono nella misura in cui sono connessi con la stratificazione clanica-patrimoniale su cui poggia la piramide di potere presidenziale. Essi costituiscono raggruppamenti politici instabili e momentanei e non potrebbe essere altrimenti dato che la competizione politica pi che fra stato e societ avviene allinterno dello stato stesso. Le elezioni avvengono per ratificare il corso presidenziale ed esprimono parlamentari che non rappresentato cittadini individuali ma blocchi e comunit territoriali. Particolarmente blindate sono le elezioni presidenziali dalle quali non ragionevole attendersi alcun elemento di cambiamento. Non di meno i regimi continuano a dichiarare la loro dedizione alle riforme per godere della legittimazione e del sostegno materiale che proviene loro dallaccettazione sul piano internazionale. A tal fine essi devono conservare una parvenza democratica, ci che impone loro uno sforzo costante volto alla produzione di un pluralismo controllato, che lontano dal rispondere alle esigenze dei cittadini in primo luogo atto a placare le pressioni riformatrici provenienti dallesterno. Tale sforzo si esprime nella creazione di ulteriori istituzioni formali quali ombudsman e commissioni varie per il rispetto dei diritti umani, adozione di testi legislativi e altre regole corrispondenti agli standard internazionali, creazione di surrogati dorganizzazioni politiche e sociali indipendenti, periodiche
J. ISHIYAMA, Neopatrimonialism and the Prospects for Democratization in the Central Asian Republics, in S.N. CUMMINGS (ed.), Power and Change in Central Asia, London, 2002, pp. 4256.
64

223

dichiarazioni di lotta alla corruzione. 3.5 Rischi per la tenuta dei sistemi I sistemi politici centroasiatici sono dunque strutture complesse e ricche di contraddizioni. Tale natura nel contesto di competizione geopolitica in cui larea s venuta a trovare per effetto del ritiro sovietico presenta seri problemi per la tenuta complessiva di questi fragili edifici i quali nonostante il loro accentramento, permangono estremamente fragili. Tale elemento stato largamente tralasciato dai programmi internazionali dassistenza che hanno continuato a insistere per limplementazione effettiva del pacchetto di riforme, il quale, come ha dimostrato nei fatti lesperienza del Kirghizistan, pu aggiungere in molti casi ulteriori elementi di destabilizzazione fino a portare al crollo complessivo delledificio. Vediamo ora quali fattori oggi nella regione agiscono in questo senso. Un problema riconosciuto unanimemente da tutti gli osservatori quello della successione dei presidenti. Dato che attorno alla loro personalit si di fatto costruito lintero edificio del potere evidente che una loro repentina scomparsa potrebbe portare a uno scontro generalizzato fra i vari clan su cui il potere presidenziale basato il criterio di rappresentativit reale del sistema essendo luniforme presenza di clan e regioni allinterno delle istituzioni centrali. Con il passare degli anni e lesaurimento delle risorse (o al contrario, come in Kazachstan, a causa dellaumento della ricchezza e dunque della posta in gioco) la lotta per il trono in intensificazione in tutte le repubbliche. La preoccupazione comune alle lite al governo di tutta la regione dunque quello distituzionalizzare il carisma personale in stabili meccanismi di potere. In mancanza di formule di legittimit gradite erga omnes per il passaggio di potere da una persona allaltra 65 , lunica soluzione sembra essere nel rafforzamento delle istituzioni dello stato, un dato il cui banco di prova sar la tenuta della successione turkmena, ma che tuttavia ancora troppo poco preso in considerazione dai programmi internazionali. Ne consegue dunque che il problema principale della regione la degradazione della cosa pubblica. Nonostante la costante ricerca despansione della propria
Un modello dinastico sullesempio dellAzerbaigian, dove lex presidente gi membro del politburo sovietico, Heydar Aliyev, riuscito prima del suo decesso a mettere sul trono il figlio Ilham - sarebbe idealmente considerato quale una variante ottimale dagli attuali inquilini dei palazzi presidenziali, anche in considerazione della legittimit con cui in definitiva stato accettato sia da parte dellOccidente che della Russia, nonostante gli eccessi di repressione delle opposizioni a cui si accompagnato. Tale variante viene pubblicamente discussa in Kazachstan ma sembra che scatenerebbe una reazione incontrollata fra i gruppi oligarchici interni. Il modello di successione Eltsin-Putin sembra pi realistico ma incontra limiti oggettivi nellassoluta chiusura dei presidenti, nella loro fobia dei cambiamenti e nellassenza di figure con il dovuto phisique du rle. Resta la variante del colpo di palazzo, la quale non da escludere sia stata applicata in Tukmenistan lo scorso dicembre.
65

224

autorit formale, nei fatti il potere effettivo dei governi andato ovunque diminuendo. Il degrado della macchina amministrativa stato un portato diretto del venir meno dei precedenti criteri di professionalit nella selezione del personale. I nuovi vertici hanno selezionato troppi quadri sulla base del solo criterio della fedelt personale producendo burocrazie che spiccano per la loro bassa qualit e lo scollamento dalla realt e dagli interessi della popolazione. Al di l del fattore personale va per notato che laccanimento contro il sistema sovietico si risolto anche in un attacco a quello che, pur con tutti i suoi limiti, era stato un tentativo volto a proiettare nella regione elementi mutuati dal concetto di servizio pubblico dellEuropa continentale. E ci che preme notare qui che proprio le organizzazioni internazionali hanno favorito questo processo spingendo per lo smantellamento della sfera pubblica e influenzando il contenuto dei programmi di formazione (spesso fornita direttamente attraverso innumerevoli programmi di training) non secondo i bisogni dellamministrazione ma degli obiettivi del paradigma della transizione 66 . Tale sviluppo porta a una crescita eccessiva del fattore clanico. Di fronte allaumento dellincertezza generale, i vari gruppi dinteresse cercano di allargare i propri margini di manovra al fine di proteggere i propri domini di fronte a possibili varianti inattese. Sono cos aumentate le depredazioni della cosa pubblica ed cresciuto il peso di gruppi parassitari, fondati sullo sfruttamento delle rendite da materie prime e formati da membri delllite dirigente in connessione col vertice del mondo degli affari. Questi nuovi intrecci sono ovviamente interessati a mantenere minime le capacit dello stato e contribuiscono cos a creare un circolo vizioso. Nonostante il peggioramento delle condizioni di vita, tali blocchi sono dominati dal timore che lapertura di nuovi spazi in campo economico apra la via a gruppi di potere alternativi 67 . Essi sono cos tesi a mantenere a tutti i costi lo status quo impedendo cos il trasferimento di risorse alle esigenze di sviluppo delleconomia reale indispensabili per stabilizzare la situazione generale sul lungo periodo. Il potenziale pernicioso di tale situazione aumentato dal fatto che esso crea circoli viziosi nelle possibilit di modernizzazione dellapparto di stato e nella privatizzazione di risorse che sarebbe indispensabile mettere al servizio dei bisogni comuni. 68 Fermo restando quanto detto a proposito delleccessivo accento sulla corruzione da parte occidentale, resta che la degradazione delle condizioni di vita e dei
R. ABAZOV, The Collapse of Public Service and Kyrgyzstans Endemic Instability, in Central Asia-Caucasus Analyst, 15 November 2006, http://www.cacianalyst.org/view_article.php? articleid=4560. 67 E. EFEGIL, Avtoritarnye Konstitucionnye patrimonialnye reimy v gosudarstvax Central'noj Azii (I regimi autoritari costituzionali patrimoniali dellAsia centrale), in Central'naia Azija i Kavkaz, 2006, 5, pp. 107-115. 68 A. BUISSON, Clanisme et factionalisme en Asie centrale, in IDEM, La difficile exportation de la dmocratie en Asie centrale, inadaptation du projet ou extranit du concept?, cit.
66

225

rapporti sociali ha effettivamente raggiunto livelli preoccupanti e omnipervasivi, aumentando linefficienza generale dei sistemi e un approccio nichilistico verso le possibilit della cosa pubblica. In particolare tale involuzione evidente nellamministrazione della giustizia, la quale serve essenzialmente potere e ricchezza aumentando di conseguenza la disaffezione della popolazione verso lo stato. Di nuovo linflusso neo-liberale ha giocato un suo ruolo in negativo, dato che i tagli ai benefici goduti dai funzionari pubblici hanno fatto del ricorso a pratiche di corruzione una questione di sopravvivenza per questi ultimi. Un fenomeno preoccupante per il futuro della regione la crescita dellimportanza del crimine organizzato. Tale crescita si alimenta dellaumento del peso delleconomia nera si calcola che, mediamente, un terzo delle attivit economiche resti al di fuori delle statistiche 69 nonch dal fatto che la regione divenuta un crocevia fondamentale per il narcotraffico proveniente dal vicino Afghanistan, intensificatosi in particolare dopo lintervento anglo-americano nel paese 70 . Il punto che a noi interessa rilevare alla luce dei citati fenomeni doccupazione della sfera pubblica da parte delle fazioni, che si assiste a una generale sovrapposizione fra il piano politico e quello criminale. In particolare in Kirghizistan e Tagikistan, interconnesse con le segmentazioni sociali e in un contesto di degradazione sociale crescente, le narcomafie vedono loro aperte tutte le strade per accrescere la propria impresa sulla politica nazionale tramite lacquisto di seggi parlamentari in occasione delle elezioni o delle cariche pubbliche messe in vendita da ministri corrotti fino a configurare un assalto allo stato dallesterno, volto a penetrare le istituzioni e il processo di decisione politica in modo da fissare le regole pi adatte ai propri interessi. Il rafforzamento del crimine organizzato aumenta la probabilit che consistenti sezioni del territorio nazionale sfuggano definitivamente al controllo delle capitali, un rischio di feudalizzazione che gi in nuce e si alimenta in parallelo al processo di occupazione della cosa pubblica da parte delle fazioni regionali. Da notare come, solo in parte paradossalmente, lespansione dellimpresa criminale avvenuta pi in profondit nelle zone dove pi sentito il bisogno di sicurezza da parte della popolazione, quali la valle di Ferghana e il Tagikistan, sconvolti o aventi avuto un assaggio della guerra civile. Come osservato, le societ centroasiatiche nutrono un elevato livello daspettativa nella capacit dello stato a provvedere ai loro bisogni. Nel momento in cui le speranze che la cosa pubblica si manifesti scompaiono definitivamente, sono gli stessi gruppi criminali, i quali distribuiscono una parte dei loro profitti per provvedere alle necessit essenziali delle comunit locali, ad apparire quali unalternativa al fallimento dello stato71 . Tanto pi che a volte, come dimostrano certe esperienze nella parte kirghiza della valle
B. RUMER, Overview, in IDEM (ed.), Central Asia at the End of Transition, New York/London, 2005, pp. 3-66. 70 ASSESSMENT RISK GROUP, Nelegalnyj rynok Centralnoj Azii (Il mercato illegale dellAsia centrale), Almaty, 2005, pp. 330. 71 E. MARAT, The State-Crime Nexus in Central Asia, Silk Road Paper, October 2006.
69

226

di Ferghana, questi stessi soggetti si spingono fino a fissare nuove regole di convivenza intercomunitaria. A questo proposito va notato come linsistenza da parte dei donatori internazionali sullo sviluppo della societ civile tramite la crescita del numero delle Ong non abbia contribuito al miglioramento della situazione, rafforzando in certi casi le pratiche clientelari e le tendenze centrifughe regionali. Ancora una volta lesempio del Kirghizistan fa scuola. Qui, il processo di formazione delle Ong spesso avviene a cascata a partire da grosse strutture centrali fondate nella capitale da ex politici di rilievo, i quali si fanno garanti dei finanziamenti internazionali. Lungi dal crearsi nuove forze sociali, emergono cos nuove strutture gerarchiche, parallele a quelle gestite dallo stato. Nel momento in cui tali organizzazioni si ritrovano a occuparsi di funzioni vitali per le comunit locali quali la gestione delle risorse idriche nelle aree rurali, i loro dirigenti (ora rispondenti a Washington piuttosto che a Bishkek) assumono un potere politico superiore a quello delle autorit elette 72 . Ecco unaltra dimostrazione di come lazione internazionale destatalizzatrice crei lhumus per nuovi conflitti. Le cose sono complicate dal fatto che, in un contesto di crescente distacco dei regimi dalla societ, degradazione delle condizioni di vita e in cui i benefici del processo di sedicente democratizzazione sono avvertiti solo da una ristrettissima lite, si assiste ad un crescente ricorso alluso della forza quale strumento di regolazione delle questioni politiche. Tale tendenza stata favorita dal clima di diffuso consenso antiterrorista creato dallintervento statunitense nella regione il quale ha permesso ai regimi di estendere lambito delle questioni securitizzate nel dibattito pubblico cos da intensificare la repressione delle dissidenze. 73 Tale situazione restringe sempre di pi gli spazi leciti di contestazione e questo in un contesto gi caratterizzato dal difetto di organizzazioni politiche in grado dincanalare e dar voce pubblica al dissenso. In tali condizioni, data limpossibilit dottenere qualsiasi cambiamento attraverso le urne, si stanno sviluppando gruppi antagonisti che si rifiutano apertamente di partecipare a una vita politica ufficiale in cui i giochi sono largamente predeterminati al di l degli esercizi elettorali di facciata periodicamente organizzati dalllite al potere per soddisfare gli interessi occidentali. In questo scollamento fra le lite interne va cercata la ragione di base del fenomeno delle rivoluzioni colorate osservato negli ultimi mesi in vari punti dello spazio postsovietico, il quale ha parzialmente toccato anche il Kirghizistan. Qui, come anche nei fatti uzbeki dAndijan, stato possibile vedere come il potenziale centroasiatico di protesta resta escluso dal campo politico, assumendo al limite caratteri di jaqueries, destinate in avvenire a manifestarsi in forme sempre pi violente, prive dobiettivi e di qualsiasi slancio ideale. Tale discorso pone la questione della crescita dei gruppi islamisti nella regione. Di
72 73

B.M. PTRIC, Post-Soviet Kyrgyzstan or the Birth of a Globalized Protectorate, cit. Cfr. nota 29.

227

per s lIslam permane una forza marginale sul piano politico. Anche in Uzbekistan, lo spazio dove storicamente la sharia aveva messo radici, lIslam politico continua a essere irrilevante nei centri decisionali. Per il momento, oltre a non essere in grado di superare le profonde segmentazioni etniche, sociali e localiste dello spazio centroasiatico 74 , la presenza dei gruppi islamisti stata sfruttata dagli apparati del potere per poter compiere disparate operazioni politiche altrimenti di difficile esecuzione. Coscienti che le loro mosse avrebbero trovato unaccoglienza compiaciuta a Mosca in particolare e in Occidente in generale, i dirigenti locali hanno applicato ampiamente e con disinvoltura letichetta di estremista (come sinonimo di fondamentalista islamico) a tutte le figure per essi politicamente scomode 75 , giustificandone leliminazione quale mossa necessaria della loro lotta a salvaguardia del carattere secolare dei loro regimi. La crescita islamista va quindi letta quale fenomeno compensatorio. In primo luogo del dissenso altrove represso o che i gruppi dopposizione democratica non sono in grado desprimere. In secondo luogo di tutti quei contesti sociali che sono rimasti a margine dei processi avviati dalla nefasta indipendenza delle repubbliche. Si tratta in particolare delle zone rurali, sempre pi in contrasto con citt che da luoghi di irradiazione del socialismo reale sono divenute i ricettori del capitalismo pi sfrenato, il quale denunciato dagli islamisti assieme agli altri aspetti deleteri della modernizzazione occidentale adottati in blocco con il pacchetto della democratizzazione. Lislamismo si diffonde poi nelle regioni escluse a livello nazionale dalla redistribuzione del potere. Non a caso nel contesto kirghizo e uzbeko, esso si sviluppa nella valle di Ferghana, per entrambi la regione pi disgiunta dal centro. E non a caso proprio qui dopo il 1991 si assistito al pi drammatico degradarsi delle condizioni di vita della maggioranza della popolazione al quale gli islamisti rispondono assicurando una parte di quei servizi che nel periodo sovietico erano forniti dallo stato. La crescita dellislamismo eversivo va altres letta quale un effetto del restringimento progressivo dellapparato educativo, che unito alla riduzione delle spese di ricerca ha avviato processi negativi le cui conseguenze saranno gravissime sul lungo periodo e renderanno presto ancora pi avvertibili le carenze di personale qualificato. Anche qui avvertibile un effetto dei programmi di democratizzazione i quali da un lato hanno favorito lo studio di scienze umanitarie, dallaltro premuto per la derussificazione delleducazione. Tale fatto ha portato a indebolire quello che era stato il principale strumento daccesso al diritto e alla cultura moderni, essendo quella della Russia lunica esperienza direttamente accessibile di trasformazione in tal senso, allontanando contemporaneamente le

O. ROY, Evolution dans un environnement complexe, in Ex-URSS: les Etats du divorces, Les Etudes de la Documentation franaise, 1993, p. 144. 75 Cfr. B. BROWN, Post-Soviet States: Central Asia, Radio Free Europe/Radio Liberty Research Report, 12 March 1994, p. 14.

74

228

masse dalla cultura di stampo europeo 76 . 4. Il contesto esterno. La democratizzazione nel contesto della competizione geopolitica regionale. Leffetto delle rivoluzioni colorate Le sorti locali della promozione della democrazia vanno anche analizzate alla luce delle evoluzioni degli equilibri geopolitici centroasiatici prodotti dallinterazione delle potenze. Come abbiamo trattato allinizio di questo studio, la democratizzazione un elemento dichiarato della politica seguita dagli Stati Uniti nella regione, sin dal primo momento dellinstaurazione di relazioni diplomatiche con le neonate repubbliche indipendenti 77 . Appare come Washington abbia perseguito in tal modo due obiettivi principali. Da un lato impedire lintegrazione delle repubbliche allinterno di altri poli regionali, in primo luogo la Russia. Dallaltro creare le condizioni pi favorevoli per la sovranit del capitale. In tal senso, lazione del principale agente democratizzatore si accontentata di ridurre il senso della democrazia al suo valore formale e procedurale, escludendo che essa comportasse elementi di trasformazione economica e sociale. Lesempio del Kazachstan dimostra come il rafforzamento dellautoritarismo del regime sia andato alimentandosi di pari passo con la penetrazione del settore petrolifero del paese da parte del capitale globale 78 , il quale ha influito negativamente sulle riforme politiche esprimendo la propria preferenza per un sistema autoritario in grado di garantire i propri interessi 79 . In tal modo lessenziale da parte americana era fornire un quadro legale a sostegno dellesistenza di questi deboli soggetti internazionali, ci che venne fatto nella misura in cui i regimi, indipendentemente dalla loro capacit empirica di gestire la sovranit, mostravano la loro aderenza formale a certe regole internazionali, pur sapendo che non vi era alcuna capacit di implementare il contenuto degli impegni sottoscritti. Allo stesso tempo, in un ambiguo rapporto con la diplomazia ufficiale, nella regione si dispiegata tutta lindustria statunitense della democratizzazione e del cambio di regime (regime change) 80 , composta da Ong, accademici, giuristi e altri consultants internazionali. Si tratta in primo luogo dellOpen Society Institute di George Soros, dello Usaid (agenzia di stato statunitense per la cooperazione allo sviluppo) e di una serie di organizzazioni emananti dal National Endowment for Democracy, finanziato dal congresso Usa: in particolare la Freedom House, il
E. ABDULLAEV, Uzbekistan between Traditionalism and Westernization, cit. Unazione esplicitata dalladozione di strumenti legislativi quali il Freedom Support Act, votato dal Congresso gi nel 1992 per regolare gli aiuti americani a favore dei paesi dellarea Csi. 78 D. CERIMELE, A che serve la democrazia? Stato, mercato e sviluppo nel Kazachstan postsovietico, cit. 79 E. WEINTHAL - P. JONES LUONG, Energy Wealth and Tax Reform in Russia and Kazakhstan, in Resources Policy, 27, 2002, 4, pp. 1-9. 80 Il termine industria non uniperbole in quanto gli Stati Uniti spendono mediamente 700 milioni dollari per lesportazione della democrazia, principalmente tramite Usaid. Cfr. N. GUILHOT, The Democracy Makers. Human Rights and the Politics of Global Order, cit.
77 76

229

National Democratic Institute (Ndi, struttura satellite dal Partito democratico) e lInternational Republican Institute (Iri, analogo repubblicano del Ndi) 81 . Queste e altre numerose organizzazioni, assimilabili nei fatti una sorta di komintern della democratizzazione, hanno proposto, con slanci al limite del missionario, lezioni di democrazia per differenti attori sociali locali, cercando di formare unlite alternativa a quella dei regimi in carica. La dinamica dellazione di queste strutture nelle repubbliche centroasiatiche gi stata accennata. Allo scollamento progressivo della realt politica locale dal dettato teorico, le organizzazioni statunitensi hanno risposto mantenendo fermezza sulladesione normativa alla democrazia in s, non quale processo ma come totalit da adottare incondizionatamente. Questo ha creato le premesse per una relazione antagonistica e conflittuale. Tale evoluzione segnata dal fatto che lazione geopolitica statunitense nella regione fortemente determinata dalla competizione con la Russia, un confronto che attraversando le repubbliche ha influenzato anchesso in maniera decisiva la natura dei sistemi 82 . Mano a mano che Mosca riprendeva a condurre una linea di politica estera centroasiatica coerente con i propri interessi nazionali, gli Usa hanno accentuato le loro pressioni sui regimi, con interventi diretti e dichiarazioni ufficiali sempre pi configurabili quali interferenze negli affari interni delle repubbliche come testimoniano le reazioni a seguito delle elezioni presidenziali svoltesi fra 1999 e 2000 in Kazachstan, Uzbekistan e Kirghizistan le quali hanno di conseguenza sempre pi percepito la presenza dellapparato di democratizzazione quale un elemento destabilizzante. Con lavvio della cosiddetta guerra al terrorismo, daltronde, tale presenza si ritrov sempre pi discreditata. Gli Usa da un lato hanno promosso con la loro azione pratiche in contrasto con la concezione dei diritti umani 83 , dallaltro si sono ritrovati quale principale alleato del campione regionale dellautoritarismo, lUzbekistan (facendo inoltre capire di essere pronti ad accordarsi anche con il Turkmenistan, se questo avesse prestato il proprio territorio per il trasferimento delle strutture militari espulse da Tashkent alla fine del 2005), rendendo cos chiaro che il loro sostegno alla democratizzazione sarebbe stato effettivo fintanto che non in contrasto con i loro interessi e obiettivi geopolitici nella regione. Il discredito portato dallazione americana allidea di democrazia divenuto completo con lavvio della stagione delle rivoluzioni colorate post-sovietiche, organizzato dalle citate organizzazioni transnazionali del regime change e inaugurato nel girone post-sovietico dallimpresa di Mikhail Saakashvili in Georgia alla fine del 2003. Di fronte al crollo a livello mondiale dellimmagine della diplomazia americana e nel tentativo di calmierare le contraddizioni fra la retorica
B. RAMAN, The National Endowment for Democracy of US, South Asia Analysis Group, 13 April 2000, http://www.saag.org/papers2/paper115.html. 82 B. RUMER (ed.), Central Asia at the End of Transition, cit. 83 E. ZHOVTIS, 11th September: Consequences for Human Rights in Central Asia, in Helsinki Monitor, 13, January 2002.
81

230

ufficiale e una pratica sempre pi compromessa, lamministrazione Bush ha ritenuto conveniente sostenere un rilancio alla grande del tema dellestensione della democrazia. A quel punto, il Kirghizistan, nel quale nel corso del 2005, a ridosso degli eventi dUcraina, sarebbe dovuto passare attraverso una serie di esercizi elettorali per il rinnovo dellintero corpo politico, si present quale un terreno di prova per tentare di estendere londa delle rivoluzioni colorate e riconfermare il Kirghizistan quale modello della propria influenza in Asia centrale 84 . Lulteriore degradarsi della situazione in Kirghizistan quale effetto del cambio di regime, e il connesso strascico insanguinato in Uzbekistan dei fatti di Andijan, hanno avuto precisi effetti negativi sui processi politici dei vicini (Russia inclusa). Ovunque la lezione imparata stata che la repressione paga e che la cosa pi importante di non seguire lesempio di Akaev. Di conseguenza si assistito a un profondo discredito dellidea stessa di democrazia e ad unondata di misure repressive preventive contro le opposizioni e le organizzazioni finanziate dagli Usa, in un attacco al terzo settore che dato il suo carattere indiscriminato ha avuto quale risultato collaterale di fragilizzare ulteriormente la situazione interna dei regimi. Gli effetti delle rivoluzioni colorate sono stati ben evidenti in Uzbekistan, dove fino a prima del colpo di stato georgiano, Karimov aveva ceduto ad una serie di pressioni occidentali (allentamento della censura, apertura alle richieste contro lapplicazione della tortura provenienti dallOnu, aumento del numero delle Ong, convertibilit della valuta nazionale) per ritornare rapidamente sui propri passi sin dalla fine del 2003 85 . Una digressione va fatta per seguire latteggiamento europeo verso questi sviluppi. Pur seguendo un approccio pi equilibrato, sostanzialmente i paesi dellUnione Europea sono andati al seguito della politica statunitense per la regione. Difficile sarebbe stato attendersi un comportamento diverso. Infatti a differenza dei paesi anglosassoni, quelli europei sono sprovvisti di quadri specializzati sullAsia centrale nonch di rappresentanze diplomatiche sul terreno, ci che ha prodotto unazione disordinata e incoerente 86 . Se pur con tutte le contraddizioni a cui hanno dato adito gli Usa hanno seguito una linea conforme ai loro interessi geopolitici, gli europei hanno cos perso di vista il pi ampio contesto in cui le proprie risorse venivano utilizzate. Nellambito dellazione europea va anche inquadrata quella dellOsce,
Sebbene il collasso del regime di A. Akaev sia dovuto in primo luogo allincapacit dello stesso a gestire il paese, gli Usa hanno indubbiamente accelerato il corso degli eventi tramite il supporto logistico dellopposizione e pressioni diplomatiche dirette sullex presidente. Sulla questione: P. ESCOBAR, The Tulip Revolution Takes Root, in Asian Times, 26 March 2005; R. CAGNAT, Asie centrale: la poudrire, les allumettes et les apprentis sorciers, in Dfense nationale, juin 2005; e anche il mio (sotto pseudonimo, F. VILLIER) Les tats-Unis en Asie centrale: Chronique dune dfaite annonce, in Outre-terre Revue franaise de gopolitique, 2006, 17. 85 E. ABDULLAEV, Uzbekistan between Traditionalism and Westernization, cit. 86 INTERNATIONAL CRISIS GROUP, Central Asia: What Role for the European Union?, Asia Report n. 113, 10 April 2006.
84

231

organizzazione che ha occupato un ruolo importante fra gli attori della democratizzazione in virt della propria presenza sul terreno in tutte le repubbliche e dellaccesso diretto ai massimi vertici delle stesse. Se lOsce ha fornito un importante piattaforma di dialogo fra Europa e Asia centrale, essa si altres trovata in seria difficolt nella comprensione della realt locale, stretta fra il particolarismo di questultima e luniversalismo della concezione normativa dei diritti delluomo, mancando di una strategia atta al dialogo interculturale e allintegrazione di norme derivanti da differenti universi interpretativi 87 . Tale contraddizione evidente nel contrasto a riguardo della richiesta del Kazachstan di presiedere lOrganizzazione, le tergiversazioni sulle quali hanno approfondito le linee di frattura interne alla stessa. Con la crescita della carica missionaria dellazione internazionale statunitense, lOsce stata inoltre percepita quale uno strumento aggiuntivo dellagenda geopolitica regionale degli Usa volta a utilizzare strumentalmente i processi di democratizzazione a fini geopolitici 88 . Sia verso lOsce che lUe i regimi centroasiatici esprimono una crescente frustrazione derivante dallessere sotto scrutinio senza che corrispondenti attenzioni vengano rivolte alle involuzioni allinterno dellarea atlantica nella sfera dei diritti fondamentali, involuzioni acceleratisi dopo lapertura della guerra al terrorismo. Soprattutto alla luce degli sviluppi degli ultimi mesi, quando si riscontra una crescita dellinteresse europeo per la regione giustificato nei termini esclusivi della sicurezza energetica, ci che ha portato in pi di unoccasione a soprassedere sullimportanza dei principi democratici per accordarsi con i regimi dotati di materie prime, lEuropa ha visto sgretolarsi la propria presunta superiorit morale. Latteggiamento paternalista e la politica dei due pesi e due misure hanno aumentato la disillusione sia fra le lite che fra la massa della popolazione centroasiatica nei confronti della democratizzazione mettendo allo stesso tempo i regimi ancora di pi sulla difensiva 89 . Dagli insuccessi dellazione occidentale emersa una crescente gravitazione delle repubbliche verso Russia e Cina, le quali, sullo sfondo delle rivoluzioni colorate, si sono mosse sulla base di una percezione del processo di democratizzazione quale tentativo diretto a espellere la loro influenza da questi paesi 90 . Per effetto della pressione occidentale, la Russia apparsa quale un modello antropologicamente pi vicino sul piano politico, sulla base dei valori comuni quali la tolleranza religiosa e il multi-culturalismo su cui si fondano storicamente le formazioni politiche eurasiatiche. Da notare come vi siano anche stati tentativi di avanzare concezioni specifiche dei diritti umani, sulla base di una declinazione
A. KREIKEMEYER, Learning by Doing The OSCE in Central Asia, NIASnytt, 2, 2004 http://nias.ku.dk/nytt. 88 P. DUNAY, The OSCE in Crisis, Chaillot Paper n. 88, April 2006, http://www.iss.europa.eu/public/content/chaile.html. 89 A. MATVEEVA, EU stakes in Central Asia, Chaillot Paper n. 91, July 2006, http://www.iss.europa.eu. 90 Come nuovamente riconosciuto dagli stessi autori del paradigma della transizione, cfr. T. CAROTHERS, The Backlash Against Democracy Promotion, in Foreign Affairs, 85, 2006, 2.
87

232

del concetto meno individualista e universalista e associata alla comprensione precipua di esso allinterno di altre civilt, tentavi di cui ad esempio si fatta interprete la Chiesa ortodossa. 91 La dottrina della democrazia sovrana poi divenuta un elemento di strutturazione alleanze nel campo ex sovietico in particolare fra Russia e Kazachstan, specialmente nel contesto delle polemiche sulla candidatura della repubblica alla presidenza dellOsce 92 . Se la Russia resta un riferimento obbligato per le repubbliche locali, sorprendente notare come laggressivit della democratizzazione sia stata tale da spingere prepotentemente i centroasiatici in direzione della Cina, un processo esemplificato dal voltafaccia strategico dellUzbekistan da partner strategico di Washington ad alleato di punta di Pechino. Nel complesso, la dinamica dei rapporti sino-centroasiatici testimonia della profonda disillusione nei confronti della retorica democratica occidentale, una disillusione diffusa a tutti i livelli delle societ centroasiatiche che sembra oggi persino in grado di superare la secolare diffidenza storica nei confronti del grande vicino orientale. 93 La Cina divenuta un alleato nella difesa del principio di non interferenza negli affari interni e con essa si formata una concezione comune di sicurezza ideologica, basata sulla convinzione che qualsiasi tentativo dinstallare nella regione strutture sociali e politiche avulse dal suo percorso devoluzione storica non potr che risolversi nel crollo del fragile equilibrio centroasiatico. Lesperienza kirghiza ha rafforzato questa persuasione agli occhi dei pi. Allo stesso modo, in parallelo al rifiuto dei modelli destabilizzanti di derivazione occidentale, cresciuta linterazione con altri poli delle relazioni internazionali quali lIndia, lIran, la stessa Turchia, portatori di differenti modelli di statualit e convivenza civica. Tali sviluppi rivestono oggettivamente unimportanza enorme, pari solo alla trascuratezza con cui sono stati recepiti e commentati in Europa, il che denota la profondit dellincomprensione con cui nel nostro continente si guarda a quanto si svolge sulla scena regionale. Ci particolarmente evidente osservando come la politica europea abbia seguito per inerzia la linea anti-russa statunitense tralasciando di considerare come ci abbia contribuito a recidere arterie vitali con i processi democratici che hanno continuato a operare in Russia, la quale non pu essere sostituita quale motore di democratizzazione effettiva della regione.

Si veda per esempio unintervista al metropolita Kirill in Rossijskaja Gazeta, 21 april 2006. D. SATPAEV, Dut medvedja i barsa (Il duetto dellorso e del ghepardo), Nezavisimaja Gazeta, 11 decabr 2006. 93 Una buona analisi di questo sviluppo fondamentale per la geopolitica regionale nello sguardo di un osservatore indiano: M.K. BHADRAKUMAR, Foul Play in the Great Game, in Asia Times, 12 July 2005.
92

91

233

5.

Conclusioni

Le vicende della democratizzazione in Asia centrale forniscono dunque un quadro frammentato e contraddittorio. Oltre quindici anni di sforzi in questa direzione hanno finora prodotto risultati estremamente limitati. Di fronte al quadro di crisi offerto dal Kirghizistan, piuttosto che una tendenza verso maggiore apertura nella regione si registrato una diffusa aspettativa per un forte potere e carismatico, in grado dimporre delle regole a societ fortemente destrutturate. In Kazachstan evidente come, accompagnandosi a distruzioni e saccheggi, i fatti dUzbekistan e Kirghizistan abbiano avuto leffetto di rafforzare i sentimenti conservatori dei cittadini: molti dei rappresentanti della nascente classe media che prima desideravano lattuazione di riforme politiche in tempi stretti temono ora che uneventuale forzatura della mano del regime possa ripercuotersi sul proprio livello di vita. A livello regionale, lautoritarismo connesso a queste tendenze percepito dalla maggioranza quale precondizione necessaria per la tenuta delleconomia e in ogni caso quale male minore di fronte alla prospettiva crescente di unafghanizzazione della sicurezza regionale. Tale prospettiva in effetti pericolosamente reale. La tendenza allutilizzo della violenza da parte dei regimi e dei loro oppositori conserva tutta la sua attualit. Per quanto ci si possa attendere una certa liberalizzazione, indispensabile dopo gli eccessi dellepoca di Niyazov, levoluzione del Turkmenistan resta unincognita dalla quale sembra ragionevole attendersi lesercizio di uninfluenza regressiva sulle tendenze regionali. In Kazachstan, nonostante i brillanti risultati delleconomia degli ultimi anni, laumento della ricchezza ha significato anche unimpennata del livello dello scontro fra lite, il quale pu anchesso produrre risultati imprevedibili al momento delluscita di Nazarbaev dalla scena politica. Il quadro generale dunque quello di una crisi sistemica dei sistemi politici regionali, dove lite dirigenti e opposizioni sono assorbiti nella lotta per il potere e sempre pi distanti dalla gente comune. Sul piano esterno chiaro che le repubbliche postsovietiche rimangono oggetti pi che soggetti della vita internazionale, incapaci nel complesso a smarcarsi dalle reti dinfluenze esterne interessate a controllarne la posizione strategica. Vi quindi indubbiamente un ruolo per unassistenza internazionale allevoluzione dei panorami politici interni. E per essenziale ripensare le basi intellettuali di tale ruolo. Le tendenze regressive aperte dagli eventi del 2005 segnalano lesistenza di una deviazione sistematica nel modello di sviluppo finora applicato. Sono necessarie nuove chiavi di lettura e paradigmi dinterpretazione della realt regionale in modo da uscire dalla gabbia interpretativa e dal peso ideologico del paradigma della transizione. Lo stesso concetto di democratizzazione resta un termine incerto nella sua applicazione alla regione. Il concetto di modernizzazione appare in questo senso pi appropriato e in ogni caso viene meglio percepito a livello locale, dove costituisce il minimo comune denominatore di consenso fra i regimi e la massa della popolazione a proposito di ci che si cerca di raggiungere attraverso gli sforzi di riforma. Parlare di democrazia, di conformit a standard

234

internazionali, impostare sulla loro presenza o meno lanalisi dei fenomeni fuorviante: vi sono come vi erano elementi dapertura, ma il problema principale come utilizzare questi elementi nella (ri)costruzione delle istituzioni che devono assicurare il funzionamento del sistema e imporre la legalit indispensabile a proteggere i diritti umani. I tentativi di riforma concentrati sugli aspetti formali delle istituzioni sono destinati a fallire poich da un lato, si rifiutano di prendere in considerazione i potenti aspetti informali della vita politica locale mentre dallaltro vengono realizzati da strutture che al momento vengono percepite come estranee da parte delle comunit dove la loro azione si esplica 94 . La prima priorit dunque quella di concentrare gli sforzi sulla ricostituzione di un servizio pubblico efficiente in grado di far fronte allinstabilit cronica delle regioni periferiche agendo concretamente per il rispetto dei diritti fondamentali. A tal fine, lattenzione va portata, piuttosto che sulla delegazione del potere e lespansione del terzo settore, sul rafforzamento della catena di comando e linterazione fra centro e periferia, principio su cui si costruita nel periodo sovietico lamministrazione pubblica, la quale oggi va riportata sotto controllo effettivo. Affermare leffetto stabilizzante del centro indispensabile per evitare le derive anarchiche di cui si possono osservare i risultati in Tagikistan e Kirghizistan. Importante anche rivedere i principi di formazione dei funzionari statali, la quale oggi frammentata in differenti programmi internazionali e va riportata sotto lalveo di istituti pubblici nazionali, coadiuvati eventualmente da consigli in cui le istanze internazionali siano rappresentate. In secondo luogo, necessario riprendere il cammino dellassistenza nella coscienza che questo potr seguire innumerevoli vie, senza percorsi necessari e lineari. I requisiti dei sistemi istituzionali locali non possono essere definiti in base a valori assoluti ma devono essere valutati sulla base delle esperienze concrete, dellassenza storica di pratiche democratiche e del fatto che lapplicazione delle leggi qui sottomessa a regole informali, in un contesto dove i concetti stessi della democratizzazione sono lungi dallessere percepiti quali legittimi. E quindi necessario rompere con luniversalismo e il determinismo astratto della razionalit utilitarista che ha sovrinteso finora agli sforzi dellassistenza internazionale. Lesperienza dimostra che strategie di successo sono solo quelle capaci di fondersi con le strutture informali preesistenti in un modo complementare e consensuale integrando differenti approcci, antropologici e sociologici. Nelle parole di Jaques Sapir, il successo di qualsiasi strategia di modernizzazione passa attraverso lattitudine a riutilizzare le forme tradizionali e non attraverso la proiezione e lapplicazione, diretta e integrale, dellinsieme delle forme reputate moderne, direttamente prese in prestito da societ considerate come pi avanzate 95 .
94 95

M. BAIMYRZAEVA, Institutional Reforms in Kyrgyzstan, cit. J. SAPIR, La guerre civile et lconomie de guerre, origines du systme sovitique, in Cahiers du monde russe et sovitique, 1997, p. 11.

235

Una premessa indispensabile quella di re-inventare le forme tradizionali, di pensare la gestione della diversit locale senza negare la portata universale di certi avanzamenti economici e giuridici. Le strategie di sviluppo devono basarsi su ricerche sulle strutture effettive di legittimit proprie al contesto centroasiatico in modo da elaborare unequazione dellesercizio del potere che prenda in considerazione i meccanismi tradizionali di selezione delle lite. Tutto ci richiede non solo leffettuarsi dellemancipazione degli individui ma una sapiente opera dadattamento ai meccanismi tradizionali inerenti alle societ eurasiatiche. Come dimostra lesperienza del Giappone, un nuovo ed efficace ordine normativo pu solo emergere dallinterpenetrazione fra gli orientamenti culturali comunitari e le innovazioni politico-economiche della modernit. Una via da percorrere sicuramente quella che cerca di rendere espliciti i legami informali sottesi alle architetture tribali e ai gruppi di solidariet. Se effettivamente la presenza di tali segmentazioni pone una sfida allordine delle societ centroasiatiche, le istituzioni devono affrontare la stessa ingaggiandosi nella gestione di queste divisioni, dando forma al loro significato e al ruolo che possono giocare nella vita pubblica contemporanea, attraverso la creazione di soluzioni istituzionali in grado di riflettere e gestire il pluralismo culturale. Uno sforzo rivolto in questo senso pu risultare pi effettivo nel preservare la stabilit sociale nonch nellaumentare la rappresentativit delle forme di governo, piuttosto che un approccio volto a negare questi fenomeni secondo paradigmi che prevedono linevitabile assimilazione delle particolarit nellalveo della cultura ufficiale promossa dallo stato 96 . Analoghe considerazioni dovrebbero sovrintendere a una gestione dellIslam, il quale, in qualit di fattore strutturante le reti di solidariet, d forma alle aspettative individuali a riguardo della legittimit dellordine politico. Anche qui, unevoluzione effettiva e stabilizzante dei sistemi politici locali richiede quindi unintegrazione selettiva di elementi della cultura giuridica islamica nei diritti nazionali questo vero principalmente in Tagikstan e Uzbekistan, dove la sharia era stata integrata dalle formazioni statali precedenti larrivo dei russi nella regione. In definitiva necessario pensare un quadro istituzionale che si misuri direttamente con le peculiarit della regione, che se ne avvalga selettivamente al posto di stigmatizzarle, riflettendole nella sfera pubblica in modo da introdurre uneffettiva trasparenza. Un tale approccio pu disinnescare in modo molto pi effettivo il potenziale esplosivo delle segmentazioni interne alle societ centroasiatiche, che rimane nella misura in cui esse sono negate e relegate nel sottosuolo. E necessario infine introdurre cambiamenti nel modello di sviluppo economico, dato che non verosimile attendersi reali cambiamenti delle istituzioni senza una corrispondente attivazione delle dinamiche sociali a supporto degli stessi. In tale complesso percorso, lEuropa potrebbe avere un ruolo decisivo da giocare.
96

E. SCHATZ, Modern Clan Politics. The Power of Blood in Kazakhstan and Beyond, cit..

236

Nella competizione geopolitica in atto, essa potrebbe affermarsi quale forza moderante e per laffermazione di valori quale la cooperazione e il multilateralismo, in cui lapertura reale e il pluralismo restano quale una visione di lungo periodo. Tuttavia, dal punto di vista europeo, tale evoluzione richiede: una valutazione pi adeguata del significato strategico dellarea centroasiatica sulla scena internazionale, evitando cio di considerare la regione dal solo punto di vista delle sue materie prime; unuscita dalla visione securitaria che ha portato a distogliere risorse reali verso i programmi militari a partire dall11 settembre; la consapevolezza che sar possibile giocare un ruolo effettivo e costruttivo in una regione di talmente difficile accesso solo in cooperazione con la Russia.

237

LISLAM IN ASIA CENTRALE TRA RECUPERO DELLA TRADIZIONE E MOVIMENTI RADICALI: IL CASO UZBEKO Paolo Sartori

Introduzione Fondamentalismo e radicalismo islamico sono comunemente considerati due dei maggiori ostacoli posti sulla strada verso la democratizzazione delle repubbliche ex sovietiche dellAsia centrale e comprensibilmente suscitano particolare interesse in chi si interroga sul futuro di questi paesi. Lattenzione accordata dagli analisti alle espressioni radicali riferibili alla cultura islamica di questa regione non , per, un fenomeno post-sovietico. Gi negli anni Ottanta, di fronte agli insuccessi dellArmata rossa in Afghanistan, alcuni avvertivano che unondata islamista avrebbe travolto il socialismo sovietico partendo proprio dallAsia centrale. Contrariamente a tale previsione, ai popoli che abitavano la regione bastato un referendum per conquistare almeno formalmente lindipendenza da Mosca senza scomodare i locali imam; infatti, con la sola eccezione del Tagikistan dove un partito islamico parte integrante della compagine di governo, in Asia centrale lIslam fondamentalista e radicale non riuscito a mobilitare le masse verso un percorso politico alternativo a quello praticato dagli attuali regimi. Ciononostante il timore dellislamismo radicale centroasiatico resta; se non altro perch, 11 settembre a parte, imperversa la guerra al terrorismo nel vicino Afghanistan e perch le notizie ufficiali che giungono dalla regione ci avvertono della presenza di gruppi islamisti, pi o meno legati ad al-Qaeda. Lultima eclatante manifestazione di tale sinistra presenza risale a non molto tempo fa. Il 13 maggio 2005 in Uzbekistan, ad Andijan, le forze armate spararono su una manifestazione anti-governativa uccidendo un numero di civili ad oggi imprecisato e impossibile da verificare. La protesta era avvenuta in seguito a un assalto del carcere cittadino da parte di un commando armato che aveva liberato alcune centinaia di prigionieri. Tra questi figuravano ventitr imprenditori locali che attendevano di essere giudicati per fondamentalismo e separatismo sulla base di legami con lAkromiya, considerata dalle autorit uzbeke unorganizzazione di matrice islamista. Non tutti, per, concordano con tale versione dei fatti. Chi critica la posizione governativa sostiene che lAkromiya sia solo una rete composta da individui reciprocamente solidali che, probabilmente grazie ai proventi dellelemosina

238

rituale, assiste limprenditoria locale 1 fatto non eccezionale in Asia centrale e che laccusa di fondamentalismo mascheri invece una lotta tra il potere centrale e alcuni gruppi locali per il controllo delle risorse finanziarie e delle attivit commerciali 2 . Come dunque definire lAkromiya, unorganizzazione radicale o un gruppo filantropico? Sulla base di fonti ufficiali si ripetutamente detto che essa unorganizzazione nata da una costola del ben pi noto Hizb ut-Tahrir alIslami (Il partito della liberazione islamica) 3 , che predica leversione del regime uzbeko e la costituzione di un califfato. A leggere Iymonga yol 4 (La via alla fede), considerato il pamphlet dellorganizzazione, possiamo con sufficiente certezza affermare che tali idee brillano per la loro assenza: evidentemente lopera di un autodidatta nelle scienze islamiche tradizionali, il testo si limita a esortare i musulmani a riscoprire il Corano e le tradizioni profetiche proponendo il primato della fede sulletica islamica 5 ; elementi che non possono che suggerire un ragionevole dubbio sullorientamento radicale del gruppo che si ispira a tale testo6 . A nostro parere i dubbi sorti sulla natura dellAkromiya rappresentano eloquentemente lo stato della ricerca sul fondamentalismo e sul radicalismo islamico dAsia centrale: ad oggi bisogna ammettere che pi che le caratteristiche di tali fenomeni, si conoscono le iniziative assunte dai governi centroasiatici per contenere qualsivoglia istanza politica di natura islamica. In condizioni di diffusa repressione laccesso alle fonti, sia scritte che orali, resta di primaria importanza; se non altro per verificare lattendibilit delle argomentazioni usate dalle autorit governative in Asia centrale per rappresentare la minaccia islamista.
OSCE, Preliminary Findings on the Events in Andijan, Uzbekistan, 13 May 2005, Warsaw, 20 June 2005, p. 9, http://www.osce.org/item/15234.html. 2 Sul tema, da ultimo, s.v. M. FUMAGALLI, State Violence and Popular Resistance in Uzbekistan, in ISIM Review, (2006), 18, pp. 28-29. 3 Partito politico e movimento transnazionale fondato a Gerusalemme nel 1953 che si prefigge attraverso il proselitismo lorganizzazione di una societ islamica organizzata secondo le regole della sharia, condizione necessaria per la costituzione di un califfato islamico, cfr. http://www.hizb-ut-tahrir.org/index.php/EN/def. Per un ragguaglio sullattivit di tale partito in Asia centrale s.v. M. FUMAGALLI, Un califfato in Ferghana? Lislamismo centroasiatico continua a sognare, in Limes, 2002, 3, pp. 133-142. 4 I termini uzbeki si riproducono secondo una trascrizione semplificata dellodierno alfabeto. Quindi si avr il grafema kh in luogo di x. 5 Cfr., per chi non leggesse luzbeko, la traduzione inglese di Iymonga yol offerta da A.J. FRANK - J. MAMATOV (eds.), Uzbek Islamic Debates. Texts, Translations, and Commentaries, Springfield, 2006, in specie le pp. 372-374. bene ricordare che in passato anche figure autorevoli dellerudizione islamica dUzbekistan avevano apertamente criticato lAkromiya; allora, per, le argomentazioni in sfavore di tale gruppo non venivano dalla sua pretesa natura radicale, bens dal fatto che un gruppo o un partito potesse costituire un motivo di scissione, cio di eresia, allinterno della comunit dei fedeli musulmani. Le critiche venivano soprattutto dallimam della moschea Tokhtaboy di Tashkent, Obidkhon-Qori, cfr. Ibidem, pp. 146-150; sulle accuse di eresia mosse da Shaykh Muhammad-Soqid Muhammad-Yusuf ad Akram Yoldoshev si veda I. ROTAR, What is known about Akramia and the uprising?, http://www.forum18.org/Archive.php?article_id=586. 6 Sulla questione s.v. A. KHALID, Islam after Communism. Religion and Politics in Central Asia Today, Berkeley, 2007, p. 194.
1

239

A tal proposito dobbiamo purtroppo constatare che la letteratura prodotta da individui e da gruppi che in modo e a titolo diverso sono stati considerati rappresentativi dellislamismo radicale centroasiatico resta accessibile quasi esclusivamente agli studiosi locali 7 ; quandanche questa fosse reperibile, accertarne la diffusione e la percezione tra le diverse comunit musulmane dellAsia centrale per ora al di fuori delle possibilit di chi indaga su questo campo 8 . Non deve dunque stupire se in generale si ha una conoscenza assai approssimativa del pensiero dei pi autorevoli rappresentanti dellislamismo radicale regionale e se non si riesce a quantificare la consistenza di tale fenomeno 9 . Tali considerazioni hanno necessariamente influenzato lelaborazione di questo contributo conducendola verso una discussione attorno a ci che in Asia centrale, e nello specifico in Uzbekistan, occupa effettivamente lo spazio compreso tra la tradizione e il radicalismo islamico, estremi solo apparentemente opposti della medesima cultura. In questo modo la nostra attenzione si rivolta verso ci che autorevole e, di conseguenza, rilevante per i musulmani dUzbekistan, ovvero verso ci che possiede la capacit di influire direttamente sul modo di concepire e di rappresentare lIslam da parte della comunit dei fedeli musulmani. Per tale ragione presenteremo le principali e pi autorevoli correnti di pensiero che riteniamo particolarmente caratterizzanti la storia della cultura islamica centroasiatica nonch utili per orientarci nellinterpretazione dellattualit. Da qui proseguiremo esaminando le fasi diverse delle trasformazioni istituzionali islamiche avvenute in epoca sovietica prestando particolare attenzione alle diverse voci dellautorit religiosa islamica. Indi prenderemo in esame la fase di reislamizzazione e la comparsa di un ambiente fondamentalista chiamato mujaddidiyya; concluderemo con alcune osservazioni sulla predicazione odierna nelle moschee di Tashkent e sullattivit giurisprudenziale online di un autorevole esponente dellIslam uzbeko. 1. Alcuni elementi caratteristici dellIslam in Asia centrale Ancora oggi in Italia, come altrove in Occidente, lAsia centrale resta una terra dai tratti distintivi ancora piuttosto incerti, spesso confusa tra regioni limitrofe pi facilmente identificabili. Rispetto alla storia di queste ultime lAsia centrale viene
A titolo esemplificativo s.v. B. BABAJANOV - M. BRILL OLCOTT, The Terrorist Notebooks, in Foreign Policy, March/April 2003, 135, pp. 31-40; N. ALNIAZOV, La communaut musulmane du Kazakhstan, acteurs officiels et groups officieux, in M. LARUELLE - S. PEYROUSE (sous la direction de), Islam et politique en ex-URSS (Russie dEurope et Asie centrale), Paris, 2005, pp. 297-308. 8 Cfr., da ultimo, E. KARAGIANNIS, Political Islam in Uzbekistan: Hizb ut-Tahrir al-Islami, in Europe-Asia Studies, 58, 2006, 2, pp. 261-280. 9 Si consideri la lezione tenuta recentemente da Igor Rotar alla Jamestown Foundation sul tema The Future of Islamic Radicalism and Religious Freedom in Central Asia, http://www.jamestown.org/events_details.php?event_id=23.
7

240

comunemente considerata meno civilizzata ad esempio se confrontata con le culture sedentarie dellantichit persiana e cinese o meno conforme a una determinata fede sia questa alloccorrenza il socialismo sovietico, la democratizzazione post-sovietica o lIslam medio-orientale 10 . A dispetto del luogo comune ereditato dalle rappresentazioni coloniali che vuole i territori caratterizzati dal nomadismo pastorale islamizzati pi recentemente e pi tiepidamente di altri, lAsia centrale, pur nella sua eterogeneit geografica e nella stretta interdipendenza di culture sedentarie e nomadi, viene considerata (almeno dai musulmani) uno dei centri storici di elaborazione in materia di giurisprudenza islamica (fiqh) 11 , di irradiazione del pensiero sufi (tasavvuf) e di produzione libresca 12 . Anzi, proprio la memoria della conversione allIslam gioca ancora oggi, come nel passato 13 , un ruolo di primissimo piano nelle strategie di legittimazione che alcune comunit musulmane centroasiatiche adottano per rinegoziare la propria identit allorquando devono fare fronte a trasformazioni politiche e istituzionali che potrebbero portare a un loro depotenziamento 14 . Un impulso decisivo alla diffusione della religione islamica in Asia centrale non fu dato dalle conversioni forzate dai conquistatori arabi, bens dalla corrente di pensiero chiamata murjia. Durante lepoca formativa dellIslam tale termine venne impiegato per designare una categoria di musulmani contraddistinti da una posizione neutrale nei confronti della lotta per il potere. Pi tardi il suo utilizzo fu associato ad una serie di scuole dogmatiche che identificavano la fede (imn)
Devo questa riflessione a S.A. DUDOIGNON, Central Eurasian Studies in the European Union: A Short Insight, in S.A. DUDOIGNON H. KOMATSU (eds.), Research Trends in Modern Central Eurasian Studies (18th-20th Centuries). A Selective and Critical Bibliography of Works Published Between 1985 and 2000, Part 1, Tokyo, 2003, p. 158. Sovente, infatti, meraviglia linterlocutore non appassionato di cose orientali scoprire che Samarcanda o Bukhara si trovano in Uzbekistan; come se tali sofisticati esempi della civilt islamica non potessero trovare una collocazione naturale in una regione frontaliera situata ai margini delle e in parte inglobante le steppe dellEurasia abitate un tempo dai pastori nomadi. 11 Non meravigli dunque ritrovare opere manoscritte dedicate alla prosopografia dei dottori della legge islamica di Bukhara del XIII sec. redatte tra i secoli XIV e XIX tra Egitto e Siria, cfr. A. MUMINOV, Le rle et la place des juristes hanafites dans la vie urbane de Boukhara et de Samarcande entre le XIe et le dbut du XIIIe sicle, in Cahiers dAsie centrale, 9, 2001, p. 131. 12 Attivit questa, non disgiunta da quella dei giuristi e dei sufi. I conventi (khnqh) di dervisci, ad esempio, furono tra i luoghi pi importanti per la riproduzione del patrimonio manoscritto, cfr. L. DODKHUDOEVA, La bibliothque de Khwja Muhammad Prs, in Cahiers dAsie centrale, 5-6, 1998, pp. 125-132. 13 D. DEWEESE, Islamization and Native Religion in the Golden Horde. Baba Tkles and Conversion to Islam in Historical and Epic Tradition, University Park, 1994, pp. 516-532; A.J. FRANK, Muslim Religious Institutions in Imperial Russia. The Islamic World of Novouzensk District & the Kazakh Ineer Horde, 1780-1910, Leiden, 2001, pp. 274-278. 14 Si consideri, ad esempio, il caso dei Qoja del Kazachstan discendenti diretti di Ali e quindi degli arabi dei Quraysh , B.G. PRIVATSKY, Turkistan Belongs to the Qojas: Local Knowledge of a Muslim Turkistan, in S.A. DUDOIGNON (ed.), Devout Societies vs. Impious States? Transmitting Islamic Learning in Russian, Central Asia and China, through the Twentieth Century, Berlin, 2004, pp. 161-212; S. ABASHIN, The Logic of Islamic Practice: A Religious Conflict in Central Asia, in Central Asian Survey, 25, 2006, 3, pp. 267-286.
10

241

soltanto con una professione verbale (ikrr; tasdq bil-qawl) indipendentemente dalle azioni (amal) dellindividuo. Alla fine del secolo VII i murjiiti ricoprirono un ruolo politico di grande rilievo nel Khurasan e nella Transoxiana, in particolare nella lotta delle popolazioni non arabe locali convertite allIslam (mawli) per essere esenti dalla tassa (jizya) imposta ai non musulmani dalllite araba che rappresentava il potere del califfato umayyade. In ambito dottrinale listanza delle popolazioni indigene faceva leva sulla tesi murjiita che, come si detto, considerava la professione di fede di per s sufficiente perch un individuo fosse considerato un musulmano a tutti gli effetti. Per ovvie ragioni, ci aveva unimmediata ricaduta nella sfera del giuridico, visto che lindigeno convertitosi allIslam sarebbe stato sollevato dallonere del pagamento dellimposta. Bench le comunit arabe utilizzassero qualsiasi pretesto per ostacolare la popolazione locale nel processo di conversione allIslam, lislamizzazione dellAsia centrale ebbe successo appunto perch strettamente legata alla murjia: la tesi della divisione tra fede e pratica rese possibile alla popolazione locale di accogliere lIslam senza eccessive complicazioni, di conquistare pari diritti allinterno delle comunit di nuova formazione e, infine, di mantenere il proprio status pur non dominando del tutto la lingua araba 15 . Non questo un elemento di poco conto se consideriamo che allinizio del Novecento, quando si disputava sulla possibilit che il sermone del venerd (khutba) venisse pronunciato in turco in luogo dellarabo considerate le difficolt di comprensione manifestate dalla comunit dei fedeli 16 , unassociazione di giuristi musulmani di Tashkent indic quale modello di tolleranza il generale arabo Qutayba ibn Muslim (m. 715) il quale, divenuto governatore per i califfi umayyadi del Khurasan, aveva fondato moschee aperte alla preghiera in persiano 17 . Caduta lUrss, si riscoperto che lopera di proselitismo (dawa) favorita dai murjiiti ebbe un ruolo significativo per favorire la diffusione dellIslam nella regione. Sembra testimoniare tale riscoperta il fatto che negli anni Novanta a Tashkent gli imam mettevano in guardia i fedeli dalleventualit che i fanciulli studiassero sui libri di storia [scritti] da bugiardi, dai russi e dai miscredenti (yolghonchi, uruscha, kofircha tarikhlar), che sostengono che lIslam fu diffuso in Asia centrale dagli arabi con la forza 18 . La storia dellIslam dAsia centrale fu profondamente influenzato dalla scuola giuridica (madhhab) hanafita. Tale dottrina nacque in Iraq, a Kufa, verso la met dellVIII sec., cio in unepoca travagliata da polemiche, spesso violente, nei confronti delle Tradizioni (sunna) del Profeta. Rispetto alle altre scuole giuridiche,
Islam na territorii byvej Rossiskoj imperii. nciklopedieskij slovar, vypusk 4, Moskva, 2003, s.v. al-Murdjia [S. KUTLU]. 16 Turk khutba qmak khussinda, in al-Islh, 1916, 10, p. 305; NAMANGNL KHWJA JAHNGR MUFT, Turk khutba khussinda, in al-Islh, 1916, 13, pp. 420-423. 17 HAYAT-I TAHRRYYA, Maslak wa maqsad, in Izhr al-Haqq, 1918, 8, pp. 7-8. 18 OBIDKHON-QORI, Musulmon-arablar bosqinchmi?, http://muslimuzbekistan.net/uz/special/ audio/detail.php?ID=3344.
15

242

il madhhab hanafita lascia una maggiore autonomia nella risoluzione di questioni giuridiche, che non sono documentate nei testi sacri. Il principio (asl) caratteristico dellesercizio giurisprudenziale nel milieu hanafita sempre stato il ragionamento analogico (qiys), che favorisce al dottore della legge islamica il pronunciamento su casi non evidentemente contemplati dal Corano o dalla sunna o per il quale non vi sia un manifesto consenso (ijm) dei giurisperiti. Lopera dei giuristi hanafiti dAsia centrale sta alla base della nota tolleranza verso le pratiche devozionali o costumi religiosi (urf wa dat) pre-islamici, assimilati durante la conversione delle popolazioni locali allIslam. Lo sforzo di razionalit della scuola hanafita si fonda su uno studio rigoroso delle Tradizioni del Profeta. Essa nasce da unattenzione del tutto particolare per la raccolta e la sistematizzazione dei detti e dei fatti (hadith) del Profeta, che va riconosciuta agli eruditi musulmani locali, e si accompagna allo sviluppo di grandi centri di riproduzione del sapere islamico (madrasa) nelle regioni centromeridionali dellAsia centrale. Sviluppo che bene ricordare inizia con i Karakhanidi (999-1212), cio nel momento in cui, per la prima volta dopo la prima ondata di conquistatori arabi, il Mawarannahr entra a far parte dei domini di uno stato tribale che comprende anche le regioni a nord e a est dellattuale Asia centrale, fortemente eterogenee quanto a grado di islamizzazione. Lacquisizione di importanza da parte delle madrasa favorita dal fatto che il sistema di governo in uso nello stato karakhanide era fondato sulla divisione in appannaggi. Fatto che aveva incoraggiato uno sviluppo pi spontaneo dei centri urbani e sostenuto il processo di potenziamento indipendente dei centri locali di scienze musulmane. I giuristi hanafiti, che erano gli eredi della scuola murjiita e che appoggiavano la conversione allIslam, esercitavano una grande influenza nelle citt del Mawarannahr. Essi ebbero a cuore la difesa degli interessi della popolazione, ed essendo appunto a questa integrati provenendo dalla classe media, divennero progressivamente i capi spirituali dei cittadini: portatori della legge sacra della nuova religione, e disposti a rendere il messaggio di questultima comprensibile alla gente. Per questo durante il secolo XI non furono rari i conflitti tra il sovrano karakhanide di Bukhara e la gilda dei giurisperiti hanafiti della citt operavano in difesa degli interessi della popolazione 19 ; al contempo and consolidandosi la tendenza a trovare nel controllo e nella protezione delle istituzioni giuridiche islamiche un potente strumento di legittimazione del potere 20 . Caratterizza ulteriormente lIslam centroasiatico la pluralit di letture e risposte elaborate dai musulmani nei confronti di governi non islamici. Rispetto alla dominazione della regione da parte di poteri che esprimevano una cultura allogena conosciamo esempi di resistenza sia violenta che passiva. Per quanto riguarda i primi, si tenga presente la sollevazione capeggiata da un maestro della
Per alcuni esempi in proposito si veda A. MUMINOV, Le rle et la place des juristes hanafites dans la vie urbane de Boukhara, cit., pp. 133-134. 20 Si leggano in questo modo anche alcune forme di mecenatismo come listituzione a Bukhara di una biblioteca pubblica destinata alluso dei giuristi musulmani della citt, cfr. ibidem, p. 136.
19

243

confraternita sufi naqshbandiyya Duchi Ishon nel 1892 e lattivit di resistenza armata alla sovietizzazione (il cosiddetto basmachestvo), un fenomeno che impegn militarmente lautorit sovietiche sul largo fronte centroasiatico (valle di Ferghana e regione di Bukhara) per pi di un decennio (1918-1930). Vanno poi tenuti in debito conto anche i fenomeni di resistenza passiva alla campagna di forzata secolarizzazione denominata assalto (hujm) che prevedeva, ad esempio, manifestazioni pubbliche in cui le donne venivano liberate dal velo islamico. In proposito vanno rilevati i risultati di uno studio recente che mette in luce come una resistenza allabbandono del velo o di altri costumi come il pagamento della dote da parte della famiglia della sposa (mahr/qalim) a quella dello sposo si registrasse anche presso attivisti comunisti centroasiatici, vale a dire allinterno di quegli ambienti che avrebbero dovuto facilitare sul campo la realizzazione di tale progetto di emancipazione femminile 21 . Nei diversi casi di resistenza attiva e passiva i dottori della legge islamica e, in pi in generale, le autorit religiose sembrano avere occupato solo ruoli marginali o tuttal pi strumentali. Ad esempio, alla politica di chiusura dei tribunali islamici e di lotta al tradizionalismo islamico intrapreso nella seconda met degli anni venti, alcuni gruppi di ulema reagirono beninteso laddove essi disponevano ancora di un auditorium esortando la popolazione a contrastare la trasformazione della societ musulmana, a unirsi in una guerra santa per la creazione di uno stato islamico (musulmnbd) 22 . Allo stesso modo vanno letti i casi in cui le autorit religiose islamiche fiancheggiarono la resistenza dei Basmachi, emettendo delle fatwa in favore della guerra contro il governo sovietico. Se restiamo allambito delle istituzioni e della cultura islamica dominato dai giurisperiti, dobbiamo registrare una tendenza di lunga durata al pragmatismo che si declina, da un lato, nel tentativo di armonizzare la sharia a sistemi di diritto allogeni e, dallaltro, nellevitare uno scontro diretto con linvasore di altra fede (ghayr dn) qualora esso si dovesse risolvere a detrimento dei musulmani. Portiamo qualche esempio: tra le cronache della conquista russa dellAsia centrale, la Storia dei Sultani Manghit occupa un posto degno di menzione. Il suo autore, Mrz Abd al-Azz Sm, storiografo alla corte dellemiro Muzaffar (1860-1885), racconta i giorni successivi allavvicinamento del sovrano bucariota a Samarcanda, interessato a sfruttare il consolidamento delle posizioni dei russi a Tashkent e nei territori limitrofi per guadagnare terreno sul rivale khan di Kokand. Larresto di un ambasciatore del governatore russo Kaufman, la successiva
C. DE SANTI, Cultural Revolution and Resistance in Uzbekistan during the 1920s. New Perspectives on the Woman Question, in P. SARTORI - T. TREVISANI (eds.), Patterns of Transformation In and Around Uzbekistan, Reggio Emilia, 2007, pp. 40-76, i.c.s. Per ulteriori approfondimenti su questo ed altre aspetti della questione femminile nellUzbekistan sovietico s.v. M. KAMP, The New Woman in Uzbekistan. Islam, Modernity, and Unveiling Under Communism, Seattle, 2006. 22 P. SARTORI, The Takent Ulam And the Soviet State. A Preliminary Research Note Based on NKVD Documents, in P. SARTORI - T. TREVISANI (eds.), Patterns of Transformation In and Around Uzbekistan, cit., pp. 143-166 i.c.s.
21

244

chiamata al jihd (guerra santa) contro i cristiani e le sollevazioni delle madrasa di Samarcanda vengono descritte come i frutti della scelleratezza e del fanatismo delle guardie dellemiro e dei mull locali. Allevidente inutilit di tali azioni lautore della cronaca contrapponeva lopinione di un saggio dignitario bucariota, il quale, posto di fronte allipotesi di un confronto armato, suggeriva di stringere un accordo di pace (sulh) coi russi visto che lesercito bucariota non aveva mai incontrato prima di allora un nemico cos forte, non disponeva di armi al pari dei cristiani (nasr) e sarebbe stato inevitabilmente sconfitto 23 . Simili gli argomenti di un erudito musulmano originario di Tashkent Muhammad Yunus Khwaja (n. 1830) che allindomani della conquista russa lasci lAsia centrale per lIndia perch la fonte della sharia si era estinta. Tornato a Kokand probabilmente dopo avere osservato gli effetti delle controversie attorno alle rivolte musulmane contro i britannici nellIndia settentrionale 24 si dedic alla compilazione di un testo in persiano in cui si dice che nei territori dellAsia centrale conquistati dai russi era ancora possibile giudicare e dirimere questioni secondo la nobile legge (shar-i sharif), condizione sufficiente per considerare la regione una casa dellIslam (dr al-Islm). Lautore proseguiva mettendo in guardia i funzionari dei tribunali islamici che sottrarsi ai propri compiti avrebbe indotto lamministrazione coloniale ad adottare misure tali da contrastare lIslam. In questo modo lAsia centrale sarebbe diventata una casa della guerra (dr alharb), fatto che avrebbe gettato i musulmani nella sedizione (fitna) 25 . Tali temi linferiorit militare dei musulmani e la possibilit per questi di assolvere ai propri obblighi religiosi pur essendo assoggettati a un potere allogeno non islamico verranno recuperati dai giurisperiti musulmani nei primi anni di dominio sovietico dellAsia centrale. Essi, infatti, servirono a giustificare gli accordi di collaborazione tra i dottori della legge islamica e i sovietici quando in Asia centrale imperversava la resistenza armata dei Basmachi.

Mrz Abd al-Azz Sm, Trkh-i saltin-i manghitiyya, izdanie teksta, predislovie, perevod i primeanija L.M. Epifanovoj, Moskva, 1962, pp. 60; 68; 72. Per ulteriori riflessioni attorno a questopera e al suo autore s.v. J.A. GROSS, Historical Memory, Cultural Identity, and Change: Mirza Abd al-Aziz Samis Representations of the Russian Conquest of Bukhara, in D.R. BROWER - E.J. LAZERINI, Russias Orient. Imperial Borderlands and Peoples, 1700-1917, Bloomington/Indianapolis, 1997, 203-226. 24 B. BABADJANOV, Russian Colonial Power in Central Asia as Seen by Local Muslim Intellectuals, in B. ESCHMENT - H. HARDER (eds.), Looking at the Coloniser. Cross-Cultural Perceptions in Central Asia and the Caucasus, Bengal, and Related Areas, Wrzburg, 2004, p. 78, n. 10. 25 Cfr. MUHAMMAD YNUS KHWA B. MUHAMMAD AMN-KHWA (TYB), Tuhfai Tyb, podgotovka k izdaniju i predislovie B.M. Babadanova, .Ch. Vachidova, H. Komatcu, Islamic Area Studies Project Central Asian Research Series n. 6, Tashkent/Tokyo, 2002, folia 36a/b.

23

245

2. LIslam in Asia centrale durante lepoca sovietica 2.1 La prima fase sovietica (1917-1938): dalla collaborazione alla deislamizzazione

A cambiare notevolmente il volto dellIslam centroasiatico contribuirono in misura di gran lunga maggiore della rivoluzione bolscevica le politiche di azione affermativa (1923-1932) e il Grande Terrore staliniano (1937-1938). Gli anni Venti si aprirono con molte incertezze: in Asia centrale il potere sovietico era ancora molto debole, istanze autonomiste erano state soffocate nel sangue nel 1918 e da quegli eventi era nata una resistenza armata; il panorama istituzionale e culturale di riferimento era ancora precipuamente islamico: al codice sovietico e allautorit dei tribunali rivoluzionari spesso si preferiva la sharia o il diritto consuetudinario (dat), i curricula scolastici restavano quelli della tradizione islamica, non veniva diversamente regolamentata la frequentazione delle moschee, dei conventi per sufi e il pellegrinaggio a luoghi santi. Per favorire lavvio delle campagne di promozione delle culture nazionali e di realizzazione dei progetti di trasformazione istituzionale elaborati da Mosca, allinizio venne favorito laccesso dei comunisti musulmani al potere, cio a incarichi allinterno dei vari commissariati del popolo e degli uffici politici. Per costruire un consenso tra la popolazione musulmana ci non bastava. Per tale motivo venne riconosciuto de jure lesercizio del diritto islamico, disciplinata lautorit giuridica dei tribunali e degli organi giuridici collegiali islamici (mahkama-i shariyya); e al contempo si decise in favore della restituzione delle propriet del waqf (fondazioni pie) e la creazione di una Direzione generale del waqf incaricata della loro gestione. Lesistenza di tribunali islamici, di waqf, e di madrasa nellAsia centrale sovietica presupponeva una collaborazione tra i dottori della legge islamica 26 e le autorit sovietiche. Gli intellettuali musulmani non svolgevano solo la funzione di mediatori tra il potere centrale e la popolazione della periferia, non erano passivi esecutori di direttive dallalto in cambio dei privilegi che accordava loro lamministrazione sovietica. Essi avevano un comune interesse: la riforma della societ islamica, non solo in senso progressista, ma anche rispetto a un recupero dei valori della tradizione in modo conforme alle esigenze dellepoca. In pratica ci si traduceva in una critica feroce a costumi religiosi e a forme di pietismo assai diffuse tra la popolazione musulmana locale quali, ad esempio, lelargizione di danaro a figure dautorit (shaykh) ai quali di solito si chiedeva di intercedere presso i santi, o a prezzolati predicatori apologeti (maddoh e qalandar) che si davano alla questua nei luoghi pubblici come il bazar; al contempo si biasimava esplicitamente lattivit di alcuni maestri sufi (ishon) itineranti che reclutavano discepoli e invocavano il pellegrinaggio (ziyorat) a tombe dei santi in cambio di
Per ulteriori approfondimenti sul tema si veda il mio Tashkent 1918, giurisperiti musulmani e autorit sovietiche contro i predicatori del bazar, in Annali di Ca Foscari, 2006, Serie Orientale 37, XLV/3, pp. 113-139.
26

246

danaro. Intellettuali e ulema giudicavano tali manifestazioni della religiosit popolare alla stregua di biasimevoli innovazioni e superstizioni (bidat wa khurofot). Il che offriva un punto di saldatura con la critica degli ideologi sovietici alle superstizioni e alle sopravvivenze religiose pretese pre-islamiche. Tale collaborazione era destinata a una brevissima durata: la realizzazione delle campagne pi aggressive per la modernizzazione del paese, lincalzare dellateismo militante e lattivit repressiva della polizia politica misero in moto un processo di progressiva de-islamizzazione della sfera pubblica in Asia centrale che si tradusse nella chiusura delle madrasa, nelleliminazione dei tribunali islamici a partire dal 1927, e nella definitiva nazionalizzazione del waqf nel 1930. Si tenga presente che, mentre venivano prese tali misure, procedeva il flusso migratorio peraltro iniziato allinizio degli anni Venti degli ulema dallAsia centrale verso lIndia, la Turchia e lArabia Saudita e si succedevano le ondate di arresti che culminarono con le operazioni di massa tra 37 e 38 27 . 2.2 Il secondo dopoguerra e la creazione della nomenklatura islamica

Il 1943 fu lanno che segn la svolta nelle relazioni tra lo stato e le comunit musulmane dellUrss, incluse quelle dellAsia centrale. Stalin, pare su iniziale richiesta del muft di Ufa Abdurrahman Rasulev che mirava a normalizzare i rapporti tra il governo sovietico e lIslam 28 , permise la creazione di quattro direttorati spirituali per le maggiori comunit musulmane dellUrss (Transcaucasia, Caucaso settentrionale e Daghestan, Russia europea e Siberia, Asia centrale e Kazachstan). Dopo la morte di Stalin, prese lentamente avvio il processo di riabilitazione dei molti ulema arrestati dalla polizia politica e condannati ai lavori forzati durante gli anni Trenta o spediti al fronte durante la seconda guerra mondiale. In generale si tratta di individui che, per il fatto di essere tra i pochi ad avere avuto una formazione classica allinterno delle madrasa e a dominare le lingue orientali in caratteri arabi, vennero assunti per svolgere mansioni allinterno degli Istituti di Studi Orientali, a Dushanbe e Tashkent, quando inizi lopera di catalogazione dei fondi manoscritti delle filiali tagika e uzbeka dellAccademia delle Scienze. Tra gli ulema scampati alle purghe alcuni furono scelti per coniugare la propria competenza in materia di diritto islamico alle politiche di ingerenza dello stato sovietico nellambito confessionale. il caso degli ulema reclutati allinterno dellAmministrazione spirituale dei musulmani dellAsia centrale, istituzione nota con lacronimo russo Sadum (Sredneaziatskoe duchovnoe upravlenie musulman)
27

O. HLEVNJUK, Les mcanisme de la Grande Terreur des anns 1937-1938 au Turkmnistan, Cahiers du monde russe, 39, 1998, pp. 197-208. 28 J.A. GROSS, The Polemic of Official and Unofficial Islam: Sufism in Soviet Central Asia, in F. DE JONG - B. RADTKE (eds.), Islamic Mysticism Contested: Thirteen Centuries of Controversies and Polemics, Leiden, 1999, p. 524.

247

che gestiva i rapporti tra il Consiglio per gli affari dei culti religiosi e la popolazione musulmana centroasiatica 29 . In pratica, esso costituiva uno strumento utilizzato dallo stato per controllare e monitorare lIslam. Al Sadum facevano capo le due uniche madrasa esistenti in Asia centrale situate una a Tashkent, laltra a Bukhara. Esso assegnava gli imam-khatib alle moschee ufficialmente registrate presenti sul territorio repubblicano e trasmetteva loro le direttive che giungevano dallalto sulla gestione dei luoghi di culto. I contenuti dei sermoni e dei discorsi degli imam-khatib delle moschee registrate dovevano attenersi allagenda dal Sadum, le fatwa opinioni autorevoli in materia di giurisprudenza islamica che il muft, capo del Sadum, aveva facolt di emettere. In questo modo, le moschee registrate fungevano da ripetitori del discorso islamico ufficiale elaborato dal Sadum che, a sua volta, veniva direttamente influenzato dalle indicazioni che giungevano dal Comitato per gli affari religiosi e del culto. La consulta del Sadum rappresentava lapice di unorganizzazione gerarchica 30 , una sorta di nomenklatura clericale 31 , istituzione evidentemente non conforme alla concezione non verticistica che nellIslam si ha dellautorit. Essa era costituita da una direzione (upravlenie/hayat) e da una commissione di revisione (taftish hayati) composte rispettivamente da undici e cinque membri. LAmministrazione spirituale dei musulmani dellAsia centrale era suddivisa in alcune sezioni, tra le quali ricordiamo, ad esempio, quelle dedicate alle fatwa 32 e allattivit delle moschee. Ciascuna delle cinque repubbliche ospitava una qoziyyat, un ufficio in cui operava un giudice, senza per che questi avesse riconosciuta lautorit vincolante in materia giuridica di cui solitamente dispone chi porta tale titolo nel mondo musulmano. Nel 1968 prese avvio la rivista ufficiale del Sadum, I musulmani dellOriente sovietico (Sovet sharqi musulmonlari), in cui si pubblicavano le fatwa e le ordinanze emesse dalla direzione, nonch i commenti ai decreti emanati dalle autorit governative aventi qualche relazione con la vita religiosa dei musulmani. Dal 1943, anno di fondazione del Sadum per decreto della corte suprema dellUrss, fino al 1989 tale istituzione venne diretta dalla famiglia Bobokhonov 33 . Il primo a essere eletto a capo del Sadum fu Ishon-Khon Bobokhonov (18561957), discendente da una famiglia di dignitari (khoja) sayrami, legata a una genealogia di maestri sufi della confraternita yasawiyya. Era una delle personalit
Y. ROI, Islam in the Soviet Union. From the Second World War to Gorbachev, New York, 2000, pp. 11-12. 30 Cfr. B. BABADJANOV, Sredneaziatskoe duchovnoe upravlenie musulman: predystorija i posledstvija raspada, in Mnogomernye granicy Centralnoj Azii, Moskva, 2000, p. 56. 31 B. BABADJANOV, Islam officiel contre Islam politique en Ouzbkistan aujourdhui: la Direction des Musulmans et les groupes non-hanaf, Revue dtudes comparatives Est-Ouest, 31, 2000, 3, p. 161. 32 Nel 1948 venne anche istituito un collegio di giurisperiti incaricato di dare responsi a questioni in materia di diritto islamico provenienti dalla popolazione. 33 Islam na territorii byvej Rossiskoj imperii. nciklopedieskij slovar, vypusk 4, s. v. Babachanovy [B. BABADJANOV].
29

248

pi note certamente non la pi autorevole tra gli ulema di Tashkent, avendo svolto saltuariamente la funzione di cad nel quartiere Sibzar di Tashkent tra gli anni 1899 e 1916. Successivamente il posto di muft, capo del Sadum, venne ereditato di padre in figlio fino al 1989. In questo modo si succedettero Ziyavuddin-Khan Bobokhonov (1908-1982) e suo figlio Shamsuddin-Khan Bobokhonov (1937), ritiratosi in seguito ad una manifestazione di piazza organizzata a Tashkent contro lestablishment religioso il 3 febbraio 1989. Perch i Bobokhonov furono scelti quali interlocutori del governo sovietico e rappresentanti dellIslam centroasiatico? A nostro avviso il rapporto tra i Bobokhonov e lo stato era caratterizzato da pi elementi. Anzitutto Ishon-Khon era stato, si dice, uno dei pi disponibili tra i muft e i giurisperiti musulmani di Tashkent alladattamento del diritto musulmano alla nuova condizione istituzionale prodottasi in Asia centrale dopo la rivoluzione bolscevica e la costituzione del potere sovietico nel 1918. In secondo luogo, i Bobokhonov furono negli anni Trenta confidenti della polizia politica 34 . Veniamo allattivit dei Bobokhonov allinterno del Sadum. A fianco dellopera di costituzione stessa dellAmministrazione spirituale dei musulmani dellAsia centrale, Ishon-Khon Bobokhonov diede inizio allemissione di fatwa su richiesta (po zakazu) del Comitato per gli affari religiosi. Si tratta di opinioni autorevoli perlopi conformi alle campagne di modernizzazione culturale lanciate dallo stato sovietico. Nel 1947, ad esempio, egli emise una fatwa sulla non obbligatoriet delluso del velo (paranja) per le donne, apparentemente un tentativo di coinvolgere le autorit musulmane nella realizzazione del progetto di emancipazione femminile iniziato negli anni Venti; nello stesso anno venne pubblicata unaltra fatwa che invitava a ignorare la celebrazione della conclusione del mese dedicato al pellegrinaggio alla Mecca con la festa del sacrificio (qurbon hayit) che notoriamente , assieme a quella in cui si festeggia la rottura del digiuno (ramazon hayit), una delle due feste (al-dn) per eccellenza del calendario islamico 35 . Il lascito di Ziyovuddin-Khon , per il ristretto ambito giurisprudenziale e di conseguenza per la storia del pensiero islamico centroasiatico, di grande interesse. Anzitutto si tenga presente che, oltre ad avere appreso le scienze religiose dal padre e nelle madrasa tashkenite Baraq-khon e Kukaldosh, egli fu uno dei discepoli di Said ibn Muhammad ibn Abd al-Wahid ibn Ali al-Asali atTarablusi al-Shami al-Dimashqi, meglio conosciuto in Uzbekistan con il soprannome Shomi Domlo (o Shami Domulla), un teologo di origine siriana, istallatosi a Kashghar tra il 1901 e il 1904 in seguito ad una condanna di
Per qualche informazione in pi si veda P. SARTORI, La sovietizzazione e lIslam in Asia centrale: gli ulema dUzbekistan in prospettiva storica, in: M. NORDIO (a cura di), Sguardo a Oriente. Asia centrale, Pakistan, Afghanistan, Turchia, Venezia, 2006, p. 93. 35 Questi due documenti sono reperibili in Qurbnlqning wjib imslg haqda 1947ni yil 20n ynwr trkhl 2n plnm qrr; Faranjning majbr maslig haqda, in rt Asiy wa Qzghistn musulmnlrnng dniyya nazrat zhrnl, 5-6, 1947, pp. 5 e 8-10.
34

249

wahhabismo venuta dal sovrano ottomano Abdulhamid II 36 . Compiuti viaggi attraverso il Turkestan orientale e la Cina, da Pechino Shomi Domlo giunse a Tashkent il 13 febbraio nel 1919 dove rimase, ospite di diverse famiglie, fino al 1932, allorquando, accusato di spionaggio al servizio della Gran Bretagna, si dar alla fuga; arrestato, morir in carcere nello stesso anno. Agli inizi degli anni Venti Shomi Domlo divent una delle maggiori autorit religiose a Tashkent, dopo avere dimostrato pubblicamente la sua eccellenza sulla scienza degli hadith. In quegli anni, a dispetto delle sue inclinazioni fondamentaliste, egli fu il principale, se non addirittura, lunico interlocutore delle autorit sovietiche durante le discussioni sullarmonizzazione del diritto islamico a quello sovietico e sulla riforma dellordinamento dei tribunali islamici. Lintensa attivit pedagogica di Shomi Domlo a Tashkent port alla creazione di una vera e propria scuola di pensiero la jamat ahl al-hadith allinterno del dominio delle scienze religiose islamiche, fondata sul recupero della conoscenza delle tradizioni del Profeta, quale principio essenziale per lorientamento del giudizio su temi non menzionati dal Corano o discussi in modo divergente dalle scuole giuridiche. Ziyovuddin Bobokhonov, dopo aver studiato nella celebre madrasa cairota alAzhar nel 1947 e compiuto un pellegrinaggio alla Mecca nello stesso anno, inizier a mettere in pratica gli insegnamenti degli ahl al-hadith: la lotta contro i costumi e le pratiche rituali locali, denunciate come non islamiche. Si leggano, alla luce di tale formazione religiosa, le fatwa emesse da Ziyovuddin contro il pellegrinaggio alle tombe dei santi e dei maestri sufi, nonch quelle che consideravano illegali le pratiche taumaturgiche e di divinazione. Tali opinioni autorevoli sono state commentate in diversi modi. In esse alcuni hanno rintracciato, come nel caso di quelle emesse dal padre, la sottomissione del muft alle autorit sovietiche e unesplicita aderenza alle campagne ideologiche contro le sopravvivenze pre-islamiche; altri, invece, hanno visto linfluenza del periodo trascorso in Arabia Saudita e i successivi contatti con i teologi provenienti dal Maghreb (durante le conferenze e gli incontri ufficiali) 37 . In particolare, si scritto che le sue fatwa contrarie alle pratiche devozionali locali erano basate su una letteratura giuridica non conforme a quella della tradizione del diritto hanafita locale, ma sulle opere di Taqi ad-Din Ahmad ibn Taymiyya (1263-1328)38 . Per le
Laddove non specificatamente annotato, le notizie sulla vita di Shomi Domlo provengono da A. MUMINOV, Chami-Damulla et son rle dans la constitution dun Islam sovitique, in M. LARUELLE - S. PEYROUSE (sous la direction de), Islam et politique en ex-URSS (Russie dEurope et Asie centrale), cit., pp. 241-61. 37 Islam na territorii byvej rossiskoj imperii. nciklopedieskij slovar, vypusk 4, s. v. Babachanovy [B. BABADJANOV]. 38 B. BABADJANOV, Islam in Uzbekistan : From the Struggle for Religious Purity to Political Activism, in B. RUMER (ed.), Central Asia: A Gathering Storm?, New York/London, 2002, p. 305; B. BABADJANOV, Islam et activisme politique. Le cas Ouzbek, in Annales. Histoire, Sciences Sociales, 59, septembre-dcembre 2004, 5-6, p. 1144. Non chiaro se tra le opinioni autorevoli espresse da Ziyovuddin Bobokhonov, a riferirsi alle opere di Ibn Taymiyya sia una sola fatwa, che condanna esplicitamente ladesione alle confraternite sufi, cfr. B. BABADJANOV, O fetvakh SADUM protiv neislamskikh obychaev, in M. BRILL OLCOTT 36

250

sue posizione esplicitamente critiche nei confronti delle pratiche religiose tollerate dalla dottrina hanafita, Ziyovuddin Bobokhonov ancora oggi considerato da alcuni in Uzbekistan il primo muft wahhabita del periodo sovietico 39 . Dobbiamo osservare che, a dispetto di tale accusa, la maggior parte delle fatwa contrarie ai costumi religiosi locali si basa sui testi pi noti e diffusi della produzione giudica hanafita 40 . Shamsuddin-Khon Bobokhonov, terzo muft del Sadum, combin una formazione al contempo sovietica e islamica: studi nella moschea cairota di al-Azhar negli anni 1962-1966, specializzandosi in filologia araba e poi difese una tesi di dottorato nella stessa disciplina allIstituto moscovita di orientalistica nel 1972. Nel 1982 in mancanza di reali alternative e grazie al sostegno del padre, egli sal alla guida della Direzione spirituale del musulmani dellAsia centrale. Una conoscenza assai limitata delle scienze religiose e comportamenti non sempre conformi al contegno richiesto a una personalit cos importante per la comunit musulmana della regione furono tra i motivi principali che intaccarono lautorit di Shamsuddin-Khon presso i fedeli musulmani dellAsia centrale. La liberalizzazione della politica religiosa negli anni della perestrojka permisero ai detrattori di Bobokhonov di avere la sua destituzione dal posto di muft nel 1989. Fino al 1993 lavor come consulente presso lIstituto di orientalistica uzbeko. 3. LIslam non ufficiale La creazione di una nomenklatura islamica, direttamente assoggettata al Comitato per gli affari religiosi e del culto, costitu il primo passo verso la divisione in Asia centrale tra i rappresentanti di un Islam ufficiale, espressione moderna ed emancipata dal tradizionalismo e dal fanatismo grazie al contributo decisivo del socialismo reale, e di un Islam non ufficiale, altrimenti detto Islam parallelo 41 . Nella letteratura specialistica sullIslam in Urss prodotta in Occidente durante la guerra fredda, alla categoria Islam non ufficiale beninteso descrittiva e non analitica stata fatto frequente ricorso per designare diversi fenomeni, pertinenti alla gestione del sacro nella sfera pubblica musulmana dAsia centrale, caratteristici di spazi istituzionali non ufficiali. Anzitutto tale espressione stata e viene tuttora usata per designare in modo assai generico le attivit di imam, predicatori, e insegnanti di scienze religiose svolte da individui non ufficialmente abilitati dal Comitato per gli affari religiosi allo
A. MALASHENKO (eds.), Islam na postsovetskom prostranstve: vzgliad iznutri, Moskva, 2001, pp. 172-173. 39 B. BABADJANOV, Islam in Uzbekistan: From the Struggle for Religious Purity to Political Activism, cit., p. 306. 40 Cfr. . BABACHANOV, Muftij Zijavuddinchan Ibn shon Babachan. izn i dejatelnost, Tashkent, 1999, pp. 203-213. 41 Per luso della categoria Islam parallelo come sinonimo di sufismo s.v. A. BENNIGSEN Ch. LEMERCIER-QUELQUEJAY, LIslam parallelo, Genova, 1990.

251

svolgimento di tali funzioni. Lespressione Islam non ufficiale rimanda anche a luoghi, diversi da quelli occupati dalla moschee registrate e dalle madrasa ufficiali, dedicati alla celebrazione di rituali e di insegnamenti religiosi; si d il caso di comunit di quartiere (mahalla) che, non avendo la propria moschea, usavano il cortile domestico per riunire i fedeli nella preghiera del venerd, oppure per celebrare funerali e feste per la circoncisione (khatna-toy) in occasione delle quali la comunit musulmana si adunava alla presenza di un mull non ufficiale chiamato a guidare la preghiera non rituale (du/duo). Visto che lo svolgimento di cerimonie non organizzate dalla Direzione spirituale era illegale, tali attivit erano considerate un fenomeno clandestino, underground. Se inizialmente tali manifestazioni di religiosit islamica erano considerate popolari, dalla seconda met degli anni Settanta in poi, tanto in Urss quanto in Occidente, and sempre pi consolidandosi lidea che lIslam non ufficiale fosse cresciuto e maturato nellalveo delle confraternite sufi (tariqa). LIslam parallelo dei sufi divent, e per molti ancora rimane, un fenomeno confessionale e politico provvisto di una propria ideologia e di una rete di gruppi reciprocamente solidali impenetrabili a chi non fosse adepto di una certa tariqa 42 . Bench tali idee fossero evidentemente frutto della macchina ideologica sovietica, esse fornirono le argomentazioni per fare dellIslam non ufficiale il probabile antagonista del potere sovietico in Asia centrale e per individuare nel sufismo, prima ancora del fontamentalismo, la corrente di pensiero che avrebbe ispirato una politica alternativa a quella socialista. Nel 1983, ad esempio, uno dei pi autorevoli esperti in materia scriveva:
The political and religious activity of the Sufi brotherhoods does present a serious threat to the Soviet system for two reasons. First, Sufi groups form small decentralized, closed societies, bound by a rigorous discipline. They exist more or less completely outside the official system. Their very existence serves as proof that other models of communal life are possibile outside the Soviet one, models based on Islam instead of Marxism. This is, in itself, an intolerable crime to the authorities. Second, the tariqa represents the hard-core of anti-Russian and anti-communist sentiments. Their adepts conduct permanent intense religious and nationalistic propaganda, numerous example of which are given in the Soviet press. In Central Asia they are probably the only outspoken adversaries of the communist regime 43 .

Meraviglia come allora la difficolt di reperire fonti di prima mano inducesse alcuni studiosi a considerare in quegli anni la stampa sovietica, sulle cui note funzioni propagandistiche qui non insisteremo, una fonte sufficientemente affidabile per dare una rappresentazione inequivocabile della potenzialit eversiva del sufismo centroasiatico. La relazione tra Islam non ufficiale e sufismo stata utilizzata per suffragare improbabili ipotesi. Taluni hanno addirittura cercato di
Per queste ed ulteriori osservazioni in proposito s.v W. MIYER, Islam and Colonialism. Western Perspectives on Soviet Asia, London/New York, 2002, pp. 180-181. 43 Ch. LAMERCIER-QUELQUEJAY, Sufi Brotherhoods in the USSR: A Historical Survey, Central Asian Survey, 2, 1983, 4, p. 29.
42

252

rintracciare nel passato la pericolosit delle confraternite, riesumando pretestuosamente gli episodi di resistenza e di ribellione armata allimpero zarista guidate da maestri sufi nel Caucaso e nellAsia centrale; altri hanno visto un filo rosso islamista percorrere la storia della regione e unire i Basmachi, lIslam parallelo e i mujhidn afghani degli anni Ottanta 44 . Ad ogni modo, va riconosciuto che dei rapporti tra lestablishment religioso musulmano ufficiale e le personalit autorevoli dellIslam non ufficiale in Asia centrale si conosce ancora molto poco. Solo occasionali erano infatti le notizie che riuscivano a filtrare dalle maglie della censura sulla circolazione di letteratura religiosa illegale, samizdat e materiale audio islamico, confiscato dalla polizia 45 . Tra i fenomeni a noi noti da mettere in relazione allIslam non ufficiale, probabilmente il pi rilevante quello comunemente chiamato khujra, termine con il quale si denota un metodo itinerante illegale di insegnamento delle scienze religiose islamiche. Esso apparve gi alla fine degli anni Trenta a Tashkent e nelle maggiori citt della valle di Ferghana (Uzgent, Osh, Namangan) in reazione alla chiusura completa di maktab e madrasa. A quei tempi gli insegnanti che si dedicavano a tale attivit erano generalmente individui di riconosciuta autorit religiosa che, per nascondersi alla polizia politica, cercavano un rifugio provvisorio presso famiglie solitamente si trattava di gruppi che vantavano una genealogia profetica o alide (riconoscibili da termine khoja, tora, miyon) 46 svolgendo allinterno di queste le comuni funzione del precettore. Allora il numero dei partecipanti alle lezioni dei maestri (domulla/domlo) itineranti erano assai ridotti per il comprensibile timore di delazioni. La partecipazione a tali gruppi di studio crebbe considerevolmente durante la perestrojka. Il programma dei corsi dipendeva dalla preparazione del maestro. Alcuni si limitavano alla lettura del Corano e alle lezioni elementari di grammatica araba; altri inserivano un corso superiore di morfologia e sintassi dellarabo, scienza degli hadith, dogmatica, etica e diritto islamico. Fu tale sistema di insegnamento, alternativo a quello impartito nelle madrasa ufficiali, che permise al pensiero legale hanafita tradizionale di sopravvivere, in particolare agli attacchi che venivano dallestablishment religioso ufficiale e dalle fatwa di Ziyovuddin Bobokhonov. La figura pi importante legata allattivit della khujra e, per questo, spesso messa in relazione al cosiddetto Islam non ufficiale, stata Muhammadjon Rustamov detto Hindustani (1892-1989) 47 . Egli nacque nel villaggio di Chorbogh, nella provincia di Kokand, nella famiglia di Rustam hojji Kokandi, un giurista (faqh)
M. BROXUP, Islam in Central Asia since Gorbachev, in Asian Affairs, 18, 1987, 3, pp. 28393. 45 H.B. PAKSOY, The Deceivers, in Central Asiatic Journal, 3, 1984, 1, pp. 123-132. 46 Da una conversazione dellautore con uno studioso tagiko, il cui apprendistato negli studi islamologici venne fatto in una khujra. 47 Per ulteriori notizie su Hindustani s.v. Islam na territorii byvej Rossiskoj imperii. nciklopedieskij slovar, tom I, Moskva, 2006, s.v. Chindustani [B. BABADJANOV]; M. BRILL OLCOTT, Roots of Radical Islam in Central Asia, Carnegie Paper n. 77, 2007, pp. 1113.
44

253

di fama regionale; la formazione di Hindustani inizi presso alcuni insegnanti di Kokand e dal 1913 si svolse a Bukhara, nella madrasa situata presso il convento sufi (khnqh) di Ishan Sayahsin, e poi presso lerudito di Balkh, in Afghanistan, Muhammad Gaws Sayyid-zda. Sopraggiunta la morte di questi nel 1921, egli continu i propri studi in una madrasa, detta Usmaniyya, nel Kashmir; da qui il suo soprannome Hindustani lIndiano. Nel 1928 comp il pellegrinaggio alla Mecca e fece ritorno in patria solo lanno successivo; dal 1933 al 1953 venne arrestato tre volte e spedito in confino in varie regioni dellUrss. Serv lArmata rossa per circa un anno, dal 1943 al 1944, fino al momento in cui fu ferito vicino a Minsk. Dalla met degli anni Cinquanta fino a quasi la fine dei suoi giorni egli svolse le funzioni di imam della moschea Maulano Yaqub Charkhi a Dushanbe. Dopo la morte di Stalin, Hindustani venne collocato nellIstituto di studi orientali di Dushanbe, come insegnante di urdu e per dedicarsi alla catalogazione di manoscritti. Si dice che verso la fine degli anni Cinquanta abbia iniziato a dedicarsi allinsegnamento illegale (khujra) e, al contempo, alla redazione di alcuni trattati, alcuni di genere mistico (Isharat al-Sabbaa; Pand-nama-i Hazrat-i Mawlawi); la pi importante tra le sue opere la traduzione uzbeka e commento (tafsir) del Corano in sei volumi, completata nel 1984. Lultimo decennio della sua vita di straordinario interesse per la storia del pensiero islamico in Asia centrale e in Uzbekistan in particolare. Sono celebri le critiche che lui mosse nel contesto di dibattiti pubblici contro le azioni e le opinioni di alcuni imam delle moschee della valle di Ferghana che secondo Hindustani allontanavano la comunit dei fedeli dalla dottrina hanafita. Si tratta, in particolare, di alcune abitudini diffuse presso le comunit musulmane locali durante la preghiera rituale collettiva. Ad esempio egli sosteneva la necessit di pronunciare solo internamente (makhfi) lamen alla fine della preghiera, e non ad alta voce (jahri) come invece invitavano a fare i suoi oppositori, oppure si batteva perch alcune pratiche devozionali locali come quella di recitare alcuni versetti del Corano e altre preghiere (du) in favore di un ammalato, per reclamare lintercessione favorevole di un santo o durante i funerali, fossero considerate conformi alla tradizione islamica. 4. Dalla perestrojka allindipendenza: lepoca della re-islamizzazione Gli anni della perestrojka furono caratterizzati in Asia centrale dallaffermazione di istanze identitarie di matrice nazionalista e dalla progressiva liberalizzazione del culto islamico. La funzione di controllo e di manipolazione dellopinione pubblica in materia religiosa svolta dal Sadum aveva dimostrato alla fine degli anni Settanta e per tutti gli anni Ottanta di non essere efficace. Anzitutto, tra le persone che in tutta autonomia continuarono a coltivare lerudizione islamica in Uzbekistan matur una crescente insofferenza per linattualit delle posizioni dottrinarie assunte dal Sadum, insofferenza che sfoci a volte in manifesto

254

dissenso 48 . Non va dimenticato che la mancanza di un profilo etico esemplare da parte del vertice della nomenklatura clericale e lo scollamento tra i vertici del Sadum e la base sociale che costituiva la comunit dei fedeli musulmani dellAsia centrale provocarono a Tashkent nel 1989 proteste pubbliche che portarono, come si detto, alle dimissioni del muft Shamsuddin Bobokhonov 49 . In seguito a tali proteste, alla guida del Sadum venne eletto Muhammad Sodiq Muhammad Yusuf. Nato nel 1952 nella provincia di Andijan, matur la sua prima formazione religiosa presso il padre Muhammad Yusuf Qori, incaricato dal Sadum nel 1953 a svolgere funzioni di shaykh-guardiano principale del mausoleo di Bah ad-Dn Naqshband a Bukhara. Dopo avere terminato le scuole medie Muhammad Sodiq Muhammad Yusuf venne accolto nella madrasa Mr-i Arab di Bukhara e prosegu i suoi studi religiosi nellIstituto superiore islamico al-Bukhri di Tashkent. Tra il 1975 e il 1976 svolse la funzione di redattore presso la rivista Sovet Sharqi Musulmonlari. Non diversamente dai suoi predecessori, la formazione di Muhammad Sodiq benefici dei rapporti tra lUrss e alcuni paesi del Medio Oriente; nel 1976, infatti, entr alla facolt di propaganda islamica (aldawa al-islm) dellUniversit nazionale di Libia. Nel 1980 prese servizio presso il Sadum al Dipartimento di relazioni internazionali e al contempo inizi a insegnare allIstituto al-Bukhari, di cui, dopo circa due anni, divenne vicedirettore. Nel marzo del 1989 al congresso (qurultoy) straordinario del Sadum Muhammad Sodiq Muhammad Yusuf venne eletto muft; nello stesso anno divenne membro del Soviet supremo dellUrss. Occupando tali posizioni, egli inizi progressivamente a liberare listituzione dallo stretto controllo degli organi governativi, in particolare dalle pretese del Comitato per gli affari religiosi presso il Consiglio dei ministri dellUrss di correggere le fatwa emesse dal Sadum, promovendo al contempo il recupero della tradizione della popolazione musulmana locale. Grazie ai suoi contatti personali con Gorbachev egli riusc a favorire unapertura al pellegrinaggio alla Mecca dei musulmani dellUrss, nonch alla fondazione di nuove moschee e di istituti di insegnamento islamici. La liberalizzazione della politica religiosa durante la perestrojka contribu alla ricomparsa di svariate pratiche devozionali, cui Muhammad Sodiq Muhammad Yusuf reag emettendo una serie di ordinanze mirate alla loro limitazione. In proposito, va considerato che lamministrazione spirituale si dimostr immediatamente insofferente nei confronti della comparsa di alcuni rituali quali, ad esempio, laccensione di candele o lumini presso le tombe dei santi, oppure quella di cospargersi il capo e il viso della polvere delle stesse tombe. Per questo
A. ABDUVAKHITOV, Islamic Revivalism in Uzbekistan, in D.F. EICKELMAN (ed.), Russias Muslim Frontiers. New Directions in Cross-Cultural Analysis, Bloomington/Indianapolis, 1993, pp. 79-97; B. BABADJANOV, Debates over Islam in Contemporary Uzbekistan. A View from Within, in S.A. DUDOIGNON (ed.), Devout Societies vs. Impious States? Transmitting Islamic Learning in Russia, Central Asia and China, through Twentieth Century, Berlin, 2004, pp. 39-60. 49 M. BRILL OLCOTT, Islam and Fundamentalism in Indipendent Central Asia, in Y. Roi (ed.), Muslim Eurasia. Conflicting Legacies, London, 1995, p. 26.
48

255

motivo in quellepoca presso ogni considerevole mausoleo venne posto ufficialmente un imam, incaricato dal Sadum di spiegare quelle norme che il fedele fosse tenuto a seguire durante il pellegrinaggio (ziyorat) a tali siti. La posizione occupata da Muhammad Sodiq si complic notevolmente allindomani dellindipendenza acquisita dallUzbekistan nel settembre 1991 e durante la guerra civile in Tagikistan. Bench riconosciuto e apprezzato dai governi per essere un rappresentante dellIslam moderato e privo di ambizioni politiche, Muhammad Sodiq dovette scontare la contiguit con le autorit religiose della valle di Ferghana in specie quelle di Namangan che erano apertamente polemiche verso loperato del presidente Islam Karimov e con Turajon-zoda, cad (qozi) del Tagikistan in epoca sovietica e leader del Partito della rinascita islamica (Hizbi nahzoti Islomi) 50 . In quegli stessi anni Muhammad Sodiq tent anche di svolgere il ruolo di mediatore tra i difensori dellortodossia hanafita e nuove figure dautorit religiosa seguaci di una corrente di rinnovamento della fede e delletica islamica chiamata mujaddidiyya. 5. Mujaddidiyya e vahhobiylar Considerata la diffusione degli scritti e delle registrazioni dei suoi maggiori teorici, la mujaddidiyya ha costituito il fenomeno culturale islamico pi rilevante dellAsia centrale tardo-sovietica che, non senza una certa approssimazione, possiamo definire fondamentalista. Per mujaddidiyya oggi 51 in Uzbekistan e nei paesi limitrofi si intende una corrente di pensiero rappresentata da un gruppo di ulema della valle di Ferghana, critico nei confronti dei costumi religiosi assimilati dalla dottrina hanafita e incline a sviluppare tendenze riformatrici basate sul rigorismo nellambito del culto e delletica islamica 52 . I rappresentanti di tale
M. BRILL OLCOTT, The Roots of Radical Islam in Central Asia, cit., pp. 19-27. Il termine mujaddid (innovatore) nellambito delle scienze islamiche assai evocativo, visto che si riferisce alla credenza secondo la quale allinizio di ogni secolo del calendario islamico verr mandata una persona incaricata di rinnovare lIslam. Dallepoca moderna lutilizzo di tale termine legato ad Ahmad Sirhindi (m. 1624), il rinnovatore del secondo millennio (mujaddid-i alf-i thn), un teologo musulmano naqshbandi di origine indiana che riconcili il misticismo con la stretta osservazione della sharia. Le critiche alle pratiche devozionali sufi, oggi comunemente considerate lespressione del sufismo popolare, ebbero origine in Asia centrale a partire dal XVIII sec., con il costituirsi di una corrente chiamata naqshbandiyya-mujaddidiyya a Bukhara che ebbe notevole diffusione nella regione fino allinizio del Novecento e che si fondava sulla rielaborazione del pensiero di Sirhindi e dei suoi epigoni riformatori. Su questo punto cfr. S. ABASHIN, Le soufisme populaire en Asie centrale, in M. LARUELLE - S. PEYROUSE (sous la direction de), Islam et politique en ex-URSS (Russie dEurope et Asie centrale), cit., p. 318; P. SARTORI, Tashkent 1918: giurisperiti musulmani e autorit sovietiche contro i predicatori del bazar, Annali di Ca Foscari, Serie orientale 37, 45, 2006, 3, p. 130, passim. 52 Altrimenti detto neo-hanbalita da S.A. DUDOIGNON, Islam dEurope? Islam dAsie? En Eurasie centrale (Russie, Caucase, Asie centrale), in A. FEILLARD (sous la direction de), LIslam en Asie, Paris, 2001, p. 49.
51 50

256

corrente predicavano la purificazione dellIslam da alcuni costumi religiosi largamente diffusi tra la popolazione come il pellegrinaggio ai luoghi santi o la recitazione del Corano accanto ai defunti; al contempo essi accusavano di idolatria (shirk) i tradizionalisti hanafiti, inclini invece a preservare tali costumi. Paradossalmente ci produsse una convergenza di interessi tra i rappresentanti della mujaddidiyya, il Sadum e i funzionari sovietici propensi ad estirpare le pretese sopravvivenze pre-islamiche nella regione. Dallaltro lato, probabilmente in concomitanza con linvasione sovietica dellAfghanistan, alcuni imam del Ferghana iniziarono a contestare il quietismo politico e laccondiscendenza di Hindustani nei confronti delle autorit sovietiche. In particolare essi sono noti per avere predicato in favore della guerra santa (jihd), che loro consideravano un dovere collettivo della comunit musulmana dellAsia centrale, da ottemperare combattendo contro il governo sovietico allo scopo di costituire uno stato islamico (musulmonobod) 53 . Hindustani, che considerava un favore divino lattenuazione della repressione religiosa dellera brezhneviana e della perestrojka, accus i suoi detrattori di essere dei wahhabiti (in uzbeko vahhobiy), cio dei fanatici, argomentando che nel periodo zarista simili atteggiamenti di manifesta ostilit nei confronti dei russi avevano prodotto esiti assai infausti per i musulmani 54 . Ma chi sono i rappresentanti della mujaddidiyya? Colui che oggi viene considerato la figura di riferimento per il pensiero riformatore della mujaddidiyya Hakimjon-Qori, nato nel 1898 e famoso a Margilan per avere insegnato in una khujra vicino al bazar principale della citt. Fuggito col padre a Uzgent, fece ritorno a Margilan solo nel secondo dopoguerra. Attorno al 1960 si un al gruppo di studio di Hindustani, ma senza successo: i due entrarono immediatamente in conflitto, fatto che condusse allinevitabile loro divisione. Non si sa quali siano stati i testi che influenzarono il pensiero di Hakimjon-Qori; si dice che alla base delle sue sferzanti critiche nei confronti della dottrina hanafita vi sia stata certa letteratura saudita che entrava in Uzbekistan con i pellegrini di ritorno dalla Mecca, in particolare testi di Ibn Taymiyya e un commentario (tafsir) al Corano di

In evidente continuit con gli ulema di Tashkent perseguitati dalla polizia politica negli anni trenta. 54 B. BABADJANOV - M. KAMILOV, Muhammadjan Hindustani (1892-1989) and the Beginning of the Great Schism Among the Muslims of Uzbekistan, in S.A. DUDOIGNON - H. KOMATSU (eds.), Islam in Politics in Russia and Central Asia (Early Eighteenth to Late Twentieth Centuries), London/New York, 2001, pp. 210-219. Per alcuni anni si detto che Hindustani fosse stato il primo a usare il termine wahhabi (uzb. Vahhobiylar) per designare gli ulema critici nei confronti dei costumi religiosi locali. Ulteriori studi hanno dimostrato come il termine fosse gi in uso a Tashkent prima del 1917, in specie da Nordikhon Domlo (1899-1975), un erudito musulmano tashkenita, tra i pi anziani fondatori del Sadum nonch incaricato della redazione delle prime fatwa emesse da tale istituzione. Sulluso del termine vahhobiy s.v. B. BABADJANOV, Debates over Islam in Contemporary Uzbekistan, cit., pp. 39-60; la biografia di Nodirkhon-Domlo reperibile in Islam na territorii byvej Rossiskoj imperii. nciklopedieskij slovar, tom I, Moskva, 2006, s.v. Nodirchon-domla [N.R. MIRMAKHMUDOV].

53

257

Ibn al-Kathir 55 ; ipotesi che, in assenza di suoi scritti e di registrazione dei suoi sermoni, pare piuttosto concessiva. Tra i pi autorevoli rappresentanti della mujaddidiyya meritano di essere annoverati Rahmatulloh-Qori Alloma (1950-1981) e Abduvali Qori Mirzoyev (1952- scomparso allaeroporto di Tashkent nel 1995, dopo essersi imbarcato su un volo per Mosca). Il primo, originario di Kokand e studente nella khujra di Hindustani, fu accusato da questultimo di essere un vahhobiy e ripudiato durante un pubblico anatema (duoi bad) 56 ; il secondo, nato ad Andijan, fu discepolo di Hakimjon-Qori a Margilan e per qualche tempo fece parte della khujra di Hindustani a Dushanbe. Tenendo conto di alcune testimonianze che sono giunte sino ai nostri giorni, pare che entrambi avessero partecipato a gruppi di studio non ufficiali organizzati da studenti di scambio egiziani a Tashkent alla fine degli anni Settanta; inoltre si sostiene fossero particolarmente influenzati dal trattato sullunit divina al-Tawhd del teologo settecentesco hanbalita Abd al-Wahhab e da due intellettuali fondamentalisti contemporanei, legiziano Sayyid Qutb e il pakistano Abl-Al Mawdd 57 . Alla fine degli anni Settanta Rahmatulloh-Qori e Abduvali-Qori polemizzarono col maestro Hindustani in materia di giurisprudenza islamica. Di qui lidea dello studioso uzbeko Bobojonov che tali polemiche abbiano costituito la premessa al grande strappo tra hanafiti tradizionalisti rappresentati da Hindustani e i seguaci dei due suddetti riformisti della mujaddidiyya. Con limplosione dellUrss Abduvali-Qori nel frattempo divenuto imam presso la maggiore moschea di Andijan e i vahhobiy crebbero in numero e aumentarono la propria influenza. Allinizio degli anni Novanta lautorit del primo raggiunse un punto apicale, tanto che sembr in lizza per il posto di muft, a capo del Sadum. Nel 1993 egli sostenne, assieme allex muft Shamsuddin Bobokhonov, le accuse di corruzione indirizzate a Muhammad Sodiq Muhammad Yusuf. Tra questi e Abduvali-Qori non correva buon sangue: nel 1990 il muft aveva tentato di conciliare le conseguenza dello scisma e i ripetuti confronti tra i gruppi della mujaddiddiyya e i radicali hanafiti. Lacquisizione dellindipendenza da parte dellUzbekistan, e il consolidamento della posizione di Islam Karimov alla guida del paese a detrimento dei partiti che avevano costellato lo scenario politico uzbeko scoraggiarono Abduvali-Qori dallesprimere qualsivoglia ambizione politica e dal condannare apertamente lattuale regime. Della sua popolarit cresciuta a dismisura tra la comunit dei fedeli uzbeki restano numerosissime tracce. In larga misura le pi importanti sono costituite da una serie considerevole di registrazioni audio. Queste sono divise in
M. BRILL OLCOTT, The Roots of Radical Islam in Central Asia, cit., p. 13. A. MUMINOV, Theological Schools in Central Asia, in L. JONSON - M. ESENOV (eds.), Political Islam and Conflict in Russian and Central Asia, Stockholm, 1999, p. 109, nota 14. 57 M. BRILL OLCOTT, The Roots of Radical Islam in Central Asia, cit., p. 14. Su queste due figure s.v., in italiano, M. CAMPANINI, Il pensiero islamico contemporaneo, Bologna, 2005.
56 55

258

tre gruppi. Il primo raccoglie le registrazioni di tafsir del Corano; il secondo lezioni (darslar) e discorsi (nuqtlar, beninteso diversi dai sermoni khutba) pronunciati di venerd in moschea; il terzo un commento (sharh) agli hadith raccolti dallerudito damasceno Nawawi Imam Muhi al-Din Abu Zakariya Yahya Damashqi (1233-1277) nella celebre opera Riydh al-Slihn 58 . Tutto questo materiale audio, che si vuole registrato nel 1992 e solo successivamente raccolto e sistematizzato in Arabia Saudita 59 , reperibile direttamente sul web, da siti uzbeki fondamentalisti 60 . Nelle sue lezioni si individuano immediatamente i temi cari alla mujaddidiyya, quali, ad esempio, la necessit del recupero della conoscenza dei fondamenti dellIslam come le tradizioni del Profeta 61 , e la trattazione dellidolatria (shirk). Per avere un esempio di come lerudito di Andijan fosse solito presentare il decadimento dello studio degli hadith nellAsia centrale sovietica, si consideri la lezione Sulla storia degli hadith e dellIslam dUzbekistan (Hadis va Ozbekistondagi Islom tarixi haqida) in cui si afferma:
[Per noi] un vanto che la maggior parte di questi eruditi [muhaddith i raccoglitori delle Tradizioni del Profeta] si formarono in questo nostro paese. Queste collezioni di hadith resteranno la base dellinsegnamento islamico in tutto il mondo fino al giorno del Giudizio. proprio un peccato [riconoscere] che, pur essendo i maestri (ustozlar) degli hadith vissuti qui, negli ultimi tempi questo paese sia tra quelli meno osservanti. Ci vero e non un caso. Gli acerrimi nemici dellIslam hanno voluto in poco tempo sbarazzarsi dei pi brillanti maestri prodotti da questo paese nellambito della sharia, individui eccellenti che avevano saputo scuotere il mondo intero quanto a conoscenze scientifiche. Leffetto stato notevole. Al posto degli ulema rimasero vive solo persone comuni; solo quelli che Iddio, sia lodato e glorificato, fece salvi. Ecco fu questa la ragione per cui alla gente comune fu impedito di osservare lIslam vero (haqiqiy Islom). Il risultato di tale grande pressione fu il divieto nel nostro paese di osservare la sunna e il Libro che sono i fondamenti del vero Islam (haqiqiy Islomning asosi). I nemici dellIslam approfittarono dellassenza degli ulema per stampare libri stranieri, in turco; il
La traduzione uzbeka in caratteri cirillici stata recentemente ripubblicata, cfr. ABU ZAKARIYO YAHYO IBN SHARAF NAVAVIY, Riyozus-Solihiyn (Solihlar gulshani), Tashkent 2006. 59 M. BRILL OLCOTT, The Roots of Radical Islam in Central Asia, cit., p. 18. 60 http://www.islomyoli.com/audio/uzbek/Abduwali/default.htm;http://www.islamnuri.com/audio/ index.html; http://muslimuzbekistan.net/uz/special/audio/detail.php?ID=3540. Cinque lezioni (darslar) di Abduvali-Qori sono reperibili in trascrizione conforme allattuale alfabeto uzbekolatino e in traduzione inglese in A.J. FRANK - J. MAMATOV (eds.), Uzbek Islamic Debates, cit., pp. 9-94. 61 Con tutta probabilit questo costituisce il motivo per cui lo studioso uzbeko Ashirbek Muminov distingue nella mujaddidiyya due maggiori direttrici, rappresentante dai Ahli Hadis cio da chi, come Hakimjon-Qori e Abduvali-Qori, ha insistito sul primato dello studio della sunna rispetto alla tradizionale letteratura giuridica afferente alla dottrina hanafita, e dai Ahli Quron, ovvero da chi incoraggiava la diretta consultazione del Libro e della sunna rifiutando di riconoscere lautorit delle scuole giuridiche (mazhab), cfr. A.J. FRANK - J. MAMATOV (eds.), Uzbek Islamic Debates, cit., p. xi.
58

259

risultato la diffusione di hadith deboli. Orbene fratelli, gli hadith deboli sono una cosa; ma essi inserirono anche quelli falsi nei nostri libri, cio tradizioni riguardanti il Messaggero di Dio (la pace sia su di lui) completamente inventate. Il risultato che la nazione (millat) stata privata dei suoi ulema, gli uomini chiamati a distinguere gli hadith veri dellIslam in favore della gente; stata privata dei suoi martiri (shahidlar), e le persone che non conoscevano il vero Islam iniziarono a poco a poco a riportare hadith assolutamente infondati 62 .

Nelle lezioni di Abduvali-Qori riecheggiano spesse volte le accuse di miscredenza (kufr). Se alcune di queste sono indirizzate verso coloro che in generale dileggiano lIslam 63 , altre quelle pi frequenti sono associate agli idolatri (mushriklar): Iddio ha premiato luomo con un culto giusto (shariy ibodat); il giorno del Giudizio colui che avr rifiutato tale culto sar condannato. Tale [culto] esige la sottomissione volontaria nella vita a Dio, sia lodato e glorificato. In questo ambito luomo si divide in due gruppi (ikki toyfa). Credenti e miscredenti. Tra questi ultimi si contano gli idolatri e gli atei (zindiq) 64 . Secondo AbduvaliQori lidolatria va distinta in maggiore e minore (katta va kichik), ed egli sostiene che pratiche devozionali quali fare offerte alle tombe dei santi, richiedere la mediazione di uno shaykh presso lo spirito di un morto 65 , sacrificare animali o pregare presso le tombe 66 sono azioni che non verranno perdonate. Considerato il grande attaccamento delle comunit musulmane dellAsia centrale a tali costumi religiosi comprensibile che le posizioni di Abduvali-Qori per la verit alcune volte esplicitamente estreme, come la condanna della musica 67 possano avere prestato loccasione per dibattiti e polemiche tra i suoi seguaci e gli hanafiti radicali, nonch lattenzione degli apparati di sicurezza governativi uzbeki 68 . Unaltra figura di riconosciuta autorit intellettuale nella sfera dellerudizione islamica in Uzbekistan Obidkhon-Qori Nazarov (n. 1968), originario di Namangan. Identificato anchegli come uno dei rappresentanti eccellenti della mujaddidiyya essendo stato discepolo di Rahmatulloh Alloma 69 , Obidkhon-Qori fu incaricato nel 1991 dal Sadum al posto di imam della moschea Tokhtaboy di Tashkent, luogo di preghiera situato a ridosso del mercato centrale (Chorsu bozori) e frequentato assiduamente dalla comunit musulmana cittadina. La fama di Obidkhon-Qori crebbe a dismisura tra il 1990 e il 1991 grazie alla conduzione di programmi televisivi e radiofonici strutturati attorno alla discussione di
Cfr. A.J. FRANK - J. MAMATOV (eds.), Uzbek Islamic Debates, cit., pp. 88-92. Cfr. il discorso Alloh Allohning oyatlari Rasul va uning sunnatlarini maskhara qilishlik kufrdur [Dileggiare Dio, i suoi versetti, il Profeta e la sua sunna miscredenza], scaricabile da http://www.islomyoli.com/audio/uzbek/Abduwali/qo'shimcha.htm. 64 Cfr. A.J. FRANK - J. MAMATOV (eds.), Uzbek Islamic Debates, cit., pp. 10, 35. 65 Ibidem, p. 56 66 Ibidem, p. 79. 67 Ibidem, p. 79. 68 La scomparsa di Abduvali-Qori allaeroporto di Tashkent nellagosto del 1995 ammantata di mistero. Per un quadro generale della vicenda s.v. HUMAN RIGHTs WATCH, Creating Enemies of the State. Religious Persecution in Uzbekistan, 2004, pp. 23-24. 69 A.J. FRANK - J. MAMATOV (eds.), Uzbek Islamic Debates, cit., p. 5.
63 62

260

tematiche religiose. Nel 1996 fu accusato dalla Direzione dei musulmani dellUzbekistan (Ozbekiston Musulmonlar Idorasi) listituzione succeduta al Sadum nel 1993 che dispone dellautorit religiosa sul solo territorio uzbeko per avere assunto delle posizioni in contrasto con le linee guida sulla predicazione emanate della Direzione stessa 70 . Obidkhon-Qori fugg nel marzo del 1998; accusato in contumacia per gli attentati terroristici del 1999 e considerato ad oggi uno degli ideologi della pretesa corrente wahhabita (vahhobiylik) in Uzbekistan 71 tuttora ricercato 72 . Recentemente ha ricevuto lo stato di rifugiato politico dalle Nazioni Unite e da un paio danni vive in Europa 73 . Bench accomunato ai teorici della mujaddidiyya, il pensiero di Obidkhon-Qori difficilmente pu essere considerato simile a quello di Abduvali-Qori. Anzitutto va considerato che nelle registrazioni audio delle prediche e delle lezioni del primo il tema dellidolatria (shirk) e la conseguente critica diretta ai costumi religiosi locali occupano uno spazio di gran lunga ridotto rispetto a quello occupato nei discorsi del secondo. Bisogna poi tenere conto del fatto che la predicazione di Obidkhon-Qori in generale pi moderata rispetto a quella di Abduvali-Qori. Cos sembra dallascolto di una parte considerevole delle registrazioni dei suoi interventi, in cui egli risponde a delle domande poste dallauditorio della moschea dopo il sermone del venerd. Portiamo qui qualche esempio per dimostrare come Obidkhon-Qori fosse evidentemente favorevole al recupero e alla ri-definizione di unetica islamica (axloq), ma come fosse al contempo sensibile al rischio che i fedeli percepissero solo il carattere normativo dei suoi responsi. Interpellato sulleventualit che una donna debba divorziare da una marito che si d alla vodka Obidkhon-Qori risponde:
Ora, la regola questa una questione delicata; suggerirti di fare immediatamente questa o quella cosa non va bene (yaramaydi). Un dottore non prescrive delle cure senza aver prima esaminato il paziente. [] Il dottore lo esaminer, gli misurer la febbre e far e misurer altre cose; gli taster il collo, misurer la pressione del sangue, e solo allora, su questa base, far una diagnosi e gli dar delle medicine. Allo stesso modo, uno non pu risolvere qualsiasi problema immediatamente in modo generico. Separati! Non lo fare! Uno non pu rispondere in questo modo.
HUMAN RIGHTs WATCH, Creating Enemies of the State. Religious Persecution in Uzbekistan, cit., p. 24. Secondo tale fonte, lincompatibilit tra la Direzione dei musulmani dellUzbekistan e Obidkhon-Qori Nazarov avrebbe solo fornito un pretesto per il suo allontanamento dal posto di imam, voluto dalle autorit governative allorquando Obidkhon-Qori, in odore di elezione allincarico di muft, si rifiut di collaborare con i servizi segreti. 71 Da un comunicato della versione uzbeka di Radio Free Europe/Radio Liberty Ozodlik Radiosi, Obidxon qori Ozodlik radiosi lavhasi-1 (03-04-2006), cfr. http://muslimuzbekistan.net/uz/ special/audio/detail.php?ID=3393. 72 Sulle pareti degli uffici governativi la sua foto segnaletica figura tra quelle dei ricercati dalla Direzione generale del ministero degli Affari Interni della citt di Tashkent per reati contro la Costituzione della Repubblica dUzbekistan (Toshkent shahar Ichki ishlar Bosh Boshqarmasi tomonidan Ozbekiston Respublikasi Konstitutsiyaviy tuzumiga qarshi qaratilgan jinoyatlarni sodir etganlar qidirilmoda). 73 http://uzbek.ferghana.ru/article.php?id=311.
70

261

Perci ognuno deve osservare la situazione, considerare le circostanze; essere cauto. Quello che chiamiamo separazione una brutta cosa. lultima cosa da farsi 74 .

Interrogato sulla possibilit che siano uomini a lavorare nei reparti di maternit degli ospedali limam risponde:
lecito se necessario; si dice che permesso. Fondamentalmente sono gli uomini a dover curare gli uomini e cos le donne dovrebbero prestare cura alle donne. Ci vale anche per i dottori; ma se le circostanze lo impongono gli uomini possono prendersi cura delle donne e il contrario 75 .

La questione dellobbligatoriet del velo viene discussa da Obidkhon-Qori in modo del tutto particolare, dimostrando di prestare attenzione non solo ai principi fondamentali che devono orientare il comportamento dei musulmani, ma anche alla contingenza sociale che caratterizza la vita del fedele. In questo modo si spiegano le opinioni conciliatorie espresse dallimam sulla liceit per le donne di un hijb nero:
Uno ha il diritto di vestire ci che vuole; noi non stiamo dicendo nulla a coloro che si oppongono al velo! In linea di massima essere contrari al velo cosa contraria anche allIslam. Intendo andare in giro scoperti. Vanno in giro vestite in questo o questaltro modo; non una cosa si dice in proposito. Perch devono godere di tale diritto? Hanno il diritto di andare in giro mezze nude, vestite di giallo, di rosso o piene di gioielli; perch dunque una non dovrebbe avere il diritto di vestirsi di nero? Questa incoscienza, uningiustizia. Orbene fratelli, non va bene. Voi occupate lo stesso mondo che occupano gli altri; che lo vogliate o no. Ora [ci] dovete tollerare, almeno un po. E noi tollereremo voi. Le osserviamo camminare mezze nude per le strade; e se ne vanno in giro come se si stessero mostrando al bazar; camminiamo accanto a quelli che vendono vodka senza proferir parola. Insomma loro fanno ogni sorta di cosa e noi non diciamo niente: stiamo in silenzio, pazienti, tolleranti; ma siate anche voi tolleranti! Se voi diventerete intolleranti, allora non noi, bens qualcuno da qualche altro paese risponder a tale forma di intolleranza; che Dio ce ne scampi! Non necessario. Quindi la buona condotta (yaxshi yol) va bene; predicare va bene; spiegare va bene; [quindi] se [qualcosa] non dovesse piacervi, spiegatelo con belle parole, dite che non vi piace. Tuttavia se non dovessero piacere, la risposta chiara: ora non mi sta bene quello che fate voi. Cosa farai? Io non ho intenzione di combattere contro di voi. Se non ti sta bene che io mi vesta di nero, allora nemmeno a me piace che tu vada in giro mezza nuda. Questa la natura delle cose; il mondo vario. Anzi, al mondo si trovano pietanze per tutti i gusti. [] Perci di per s non giusto dire che il velo nero non va bene, che bisogna fare

74

Cfr. Savollarga javoblar in http://www.islamnuri.com/audio/index.html; http://www.islomyoli.com/audio/uzbek/Obid/aralash.htm; A.J. FRANK - J. MAMATOV (eds.), Uzbek Islamic Debates, cit., pp. 131-132; 152-153. 75 Cfr. Savollarga javoblar in http://www.islamnuri.com/audio/index.html; http://www.islomyoli.com/audio/uzbek/Obid/aralash.htm; A.J. FRANK - J. MAMATOV (eds.), Uzbek Islamic Debates, cit., pp. 137; 158.

262

questa o questaltra cosa. Ci si metta quel che si vuole: luomo libero; venuto al mondo libero; che viva libero luomo e si vesta come vuole 76 .

Gli intellettuali e le figure dautorit religiosa ufficiale e non vicini ai circoli della mujaddidiyya sono spesso accusati, non solo dalle autorit governative ma anche dalle gente comune, di essere dei wahhabiti. Come gi stato detto tale termine fu inizialmente usato da Hindustani per accusare alcuni suoi studenti di rigorismo e di opinioni divergenti da quelle della consolidata tradizione hanafita. Una testimonianza dellutilizzo pretestuoso del termine wahhabita per reprimere moschee e imam non ossequiosi nei confronti del governo viene da ObidkhonQori. In una pubblica audizione la relativa registrazione pare sia del 92 limam sostenne che:
il termine vahhobiy si incontra presso tra chi, attaccandosi alla propria scuola giuridica, anche a quello hanafita, intende diffamare chi opera in modo conforme alla sharia e chi a volte vive in stretto accordo con la religione. Ci avviene, per, soprattutto per incoscienza e ingiustizia 77 .

In seguito, dai primi anni Novanta in poi, vahhobiy fu assunto nel linguaggio delle autorit politiche uzbeke per caratterizzare negativamente i movimenti e i gruppi islamisti che mostrarono di nutrire aspirazioni politiche ed elaborare programmi alternativi a quelli degli attuali regimi. il caso, ad esempio, di un gruppo chiamato Islom lashkarlari (Milizie dellIslam), che in pratica costitu unagenzia di vigilantes nella citt di Namangan. La sua base era localizzata nella moschea Otavalixon Tora, il cui imam, Abdulahat, era stato studente di Rahmatulla Alloma, uno dei pi feroci oppositori di Hindustani. Il gruppo venne immediatamente identificato dal Sadum come vahhobiy e accusato di avere legami economici con i Sauditi. 6. Uno sguardo alla predicazione e allIslam online 6.1 In moschea

Frequentare oggi una moschea a Tashkent significa anzitutto osservare la progressiva riappropriazione della dimensione pubblica del sacro da parte delle varie componenti della societ musulmana. Non raramente si incontrano in moschea persone adulte contente di potere esprimere apertamente la propria devozione in pubblico, senza i timori e le inquietudini che in epoca sovietica tale esibizione portava con s; dallinizio degli anni Novanta le moschee uzbeke non
76

Cfr. Savollarga javoblar in http://www.islamnuri.com/audio/index.html; http://www.islomyoli.com/audio/uzbek/Obid/aralash.htm; A.J. FRANK - J. MAMATOV (eds.), Uzbek Islamic Debates, cit., pp. 136-137; 157-158. 77 Cfr. Savollarga javoblar in http://www.islamnuri.com/audio/index.html; http://www.islomyoli.com/audio/uzbek/Obid/aralash.htm; A.J. FRANK - J. MAMATOV (eds.), Uzbek Islamic Debates, cit., pp. 142, 164.

263

hanno conosciuto solo dispute islamologiche e la repressione degli apparati governativi; esse hanno anche testimoniato il complesso processo di ricomposizione della societ musulmana, diventando il luogo dedicato alle riconciliazioni famigliari, al recupero della coesione nella sfera del simbolico da parte del gruppo. Certo, non deve essere dimenticato che la predicazione nelle moschee registrate esprime il pensiero di unautorit religiosa ufficiale lUfficio dei musulmani dellUzbekistan che, a sua volta, risponde alle istanze e alle sollecitazioni del Comitato per gli affari religiosi un organo di controllo istituito presso il Consiglio dei ministri. In questo modo i contenuti della predicazione sono inevitabilmente influenzati, per non dire suggeriti, dalle autorit religiose. Fatto che, per ovvie ragioni, non sempre suscita approvazione nellauditorium delle moschee uzbeke. Tuttavia, sarebbe assai riduttivo affermare che gli imam in Uzbekistan fungono da portavoce del governo nelle moschee; essi, oltre a tenere conto delle indicazioni che vengono dallalto, sono chiamati dalla popolazione della moschea a svolgere pi di una funzione: predicare il bene e proibire il male, a definire unetica esemplare, e a offrire consolazione a chi la chiede. Quindi essi rispondono del proprio operato tanto al governo quanto ai fedeli. Annoverato tra i pi apprezzati giovani imam della parte antica, a stragrande maggioranza musulmana, di Tashkent Isohjon Domlo. Nato ad Andijan e formatosi a Tashkent, dopo brevi esperienze di studio nel Medio Oriente arabo, Isohjon Domlo stato assegnato al posto di imam della moschea Tokhtaboy. L, data la grande frequentazione, capita sovente che durante la preghiera di mezzogiorno (peshin) i fedeli debbano prendere posto sui marciapiedi, lungo la strada, perch non c posto allinterno. I ristoranti vicino alla moschea rimangono chiusi al pubblico durante la preghiera; di norma l si servono solo pietanze permesse (halol), non si bevono alcolici n si pu fumare. Isohjon Domlo giovane, ha trentacinque anni, e le sue prediche, spesso urlate, sono particolarmente apprezzate dai giovani; si esprime nel dialetto uzbeko di Tashkent sottolineando la corretta pronuncia dei termini di origine araba, fenomeno comune a molti giovani imam uzbeki. I suoi sermoni del venerd vengono regolarmente registrati in audiocassette e rivenduti, assieme ad altri, davanti alla moschea. Tra quelle che abbiamo raccolto 78 due ci sono parse particolarmente interessanti. Esse contengono due sermoni, il primo registrato il 3 marzo 2006, il secondo l11 agosto dello stesso anno. Proprio questultimo stato letto in preparazione alla festa dellindipendenza (mustaqillik) dellUzbekistan (1 settembre). Ne riportiamo qui un brano:
Certo possibile che molti si sentano in qualche modo offesi quando noi diciamo che la libert un favore divino. E certamente anche possibile che molti abbiano pensato male quando abbiamo detto che avremmo discusso del tema dellindipendenza, dicendo che questa uneccelsa manna. Per colui che
78

Quattro registrazioni che vanno da marzo a settembre 2006.

264

provvisto di vera fede e che ha completamente appreso le nozioni sciaraitiche mai potr disprezzare lindipendenza, n potr mai disprezzare la libert (ammo haqiqiy chin etiqod bilan shari malumotlar toliq urganib chikkan ilmli-marifatli inson hech qachon mustaqillikni qoralaolmaydi hech qachon ozodlik hurriyatni qoralaolmaydi). Perci [va considerato che] uno dei primi comandi introdotti dalla religione islamica stato lannientamento della schiavit; nella religione islamica si iniziato a curarsi della schiavit e a combattere i suoi regimi in modo tale che secondo la nostra legge liberare uno schiavo un modo per espiare i peccati. Ad esempio, se un signore insulta il proprio schiavo oppure lo colpisce di proprio pugno, la sharia ha disposto che la pena corrispondente deve essere la liberazione dello schiavo. Forse questo testimonier in favore del contributo delleccelsa sharia alla libert e alla condizione di indipendenza di ogni uomo. Se voi rompete il digiuno di proposito, dovreste liberare uno schiavo; anche se commettete atti impuri dovreste dare la libert a uno schiavo; insomma detto in breve secondo la nostra legge la maggior parte delle colpe si espia proprio dando la libert a uno schiavo; e se la sharia ha imposto di riconoscere a una persona che schiava il diritto alla libert, allora considereremo un favore divino il fatto che ogni uomo possa godere del diritto di una vita libera, indipendente. [] anche possibile che tra di noi siano sedute persone molte delle quali fanatiche o [influenzate] da erronee convinzioni che danno da intendere che lindipendenza non sia un favore divino, bens una sventura che ci finita sulla testa. Ecco a queste persone noi ripetiamo che Dio che fa questa grazia e che se noi non pregheremo soltanto Iddio, allora egli ci toglier di mano questo favore e ci priver della grazia della libert; [] Adesso dobbiamo capire che, Dio volendo, noi possiamo starcene qui in moschea a pregare in libert grazie a questa indipendenza. Questo non lelogio di una qualche personalit, n di un certo regime: dobbiamo intendere correttamente che ci [lapplicazione di] un vero comando sciaraitico (bu haqiqiy shariy bir hukm ekanligini togri tushunub yetishimiz kerak). Se in seguito allindipendenza sono occorse alcune situazioni negative, non colpa questa dellindipendenza, divino favore; dovete invece capire che semmai colpa di qualcuno.

Lobiettivo di questo sermone evidente: presentare lindipendenza come una cosa giusta dal punto di vista islamico in ossequio a direttive che con tutta probabilit vengono dallalto, dalle autorit governative, e in modo conforme alle indicazioni che, sul tema, provengono dallUfficio dei musulmani dellUzbekistan. Insomma si tratta di un sermone letto su richiesta (po zakazu). Rispetto a questo, il sermone sul tema delle malevoli innovazioni e delle superstizioni che hanno danneggiato la fede islamica (sof islomiy etiqodni har xil bidatu xurofotlar wa islomi itiqodga zarar qiltirilgan aziatlar) offre lo spazio a ulteriori osservazioni. In questo caso limam identifica la superstizione con lattivit di astrologi (folbin; munajjim) e di predicatori semi-analfabeti (chalasavod duokashlar). Contro tali figure, peraltro tuttora assai diffuse nella regione, Isohjon-Domlo lancia il proprio anatema. Il sermone inizia mettendo in guardia i fedeli che si tratta di attivit esistenti alla Mecca ai tempi degli idolatri arabi (arab mushriklar), prima del Profeta; indi procede sostenendo che la rivelazione islamica e linsegnamento di Maometto hanno portato una cura (muolaja) per il malanno procurato dalle suddette superstizioni; infine Isohjon-Domlo chiude con

265

una considerazione sullepoca attuale, osservando che nel XXI secolo non si fa nulla se non consultando gli oroscopi. Per limam questo un segno di inequivocabile ritorno allepoca dellignoranza (johiliyyat), cio allepoca precedente alla rivelazione islamica. Questo sermone rende pi complessa linterpretazione del pensiero di IsohjonDomlo e la sua eventuale collocazione nella storia dellautorit religiosa in Uzbekistan. Si tenga presente che in Asia centrale tutte le pratiche legate alla divinazione, allesorcismo, alla guarigione dal malocchio o dalla possessione degli spiriti appunto materia di individui chiamati folbin/tabib, stata fortemente contrastata in epoca sovietica dalla propaganda ateista, dagli ulema ufficiali e da quelli della mujaddidiyya. Con lindipendenza e il consolidamento del processo di re-islamizzazione iniziato con la perestrojka tali attivit hanno conosciuto una riscoperta si dice anche favorita dal recupero delle svariate rappresentazioni del folklore considerate parti integranti delleredit culturale nazionale 79 . Ci considerato, parrebbe che Isohjon-Domlo fosse beninteso limitatamente a questo tema vicino alle opinioni di chi in passato contrastava le superstizioni religiose, cio i cosiddetti fondamentalisti, rappresentati da alcuni ulema del Sadum e da quelli della mujaddidiyya ferghanese. 6.2 Giurista in internet

Una delle novit nellattuale panorama islamico dUzbekistan la presenza a Tashkent di Shaykh Muhammad Sodiq Muhammad Yusuf e la crescente influenza che in tutta evidenza egli esercita in seno alla comunit nazionale musulmana. Ritornato in patria dopo un volontario esilio durato pi di otto anni nel 1993 and in Libia a causa delle crescenti pressioni da parte governativa , egli non occupa una posizione allinterno dellUfficio dei musulmani dellUzbekistan. Egli non fa parte ufficialmente dellestablishment religioso, ma unanimemente considerato il pi autorevole rappresentante dellIslam dUzbekistan 80 . Il ritorno dellex muft non sembra per casuale, bens fortemente favorito dal governo. Oggi infatti lassoluto assoggettamento dellUfficio dei musulmani dellUzbekistan allapparato governativo costituisce un fattore che contribuisce fortemente ad aumentare insofferenza e indifferenza verso loperato del muft e dei suoi collaboratori. A questo si aggiunga che asseverato il valore puramente amministrativo della loro produzione giuridica che non riesce a riattivare in alcun

Per uno studio in proposito esemplare s.v. K. KEHL-BODROGI, Religise Heilung und Heiler in Choresm, Uzbekistan, Max Planck Institute for Social Anthropology Working Papers n. 73, 2005, scaricabile dal sito http://www.eth.mpg.de/pubs/wps/pdf/mpi-eth-working-paper-0073.pdf. 80 Per uno studio preliminare su Muhammad Sodiq, apparentemente troppo incline a considerare il supporto di questi a Karimov, s.v. E.M. McGLINCHEY, Islamic Leaders in Uzbekistan, in Asia Policy, January 2006, 1, pp. 134-140.

79

266

modo un dibattito religioso capace di coinvolgere lopinione pubblica 81 . Inoltre i fedeli, allorquando interpellati sulle figure che rappresentano lUfficio dei musulmani dellUzbekistan, non esitano a discutere il profilo intellettuale degli ultimi due muft. Il timore che un malcontento strisciante potesse in qualche modo favorire la coagulazione di un consenso attorno a nuove figure dautorit religiosa apertamente critiche nei confronti del governo uzbeko non deve essere stato un elemento secondario nella valutazione che presso le alte sfere governative ha favorito il rientro di Muhammad Sodiq. In cambio il governo ne trae un consistente vantaggio. Si tenga anzitutto presente che Muhammad Sodiq Muhammad Yusuf rappresenta agli occhi della popolazione musulmana una figura religiosa di conclamata erudizione, la cui autorit nel campo delle scienze islamiche viene riconosciuta e apprezzata da diversi gruppi della popolazione. Pi e pi volte, almeno a Tashkent, il nostro interesse per Muhammad Sodiq Muhammad Yusuf stato accolto da un moto di emozione e dallapprovazione da parte della gente. Proprio in virt di tale popolarit, lex muft viene impiegato dal governo per calmierare il crescente bisogno di manifestazione del religioso nella sfera pubblica. Non si spiega altrimenti come i suoi scritti beninteso tutti pubblicati con il permesso del Comitato per gli affari religiosi 82 , quindi con lapprovazione del governo siano reperibili quasi ovunque, nei grandi magazzini, per strada di fronte alla moschea; sorprendentemente, bench apparentemente si tratti di cultura alta, la gente comune consuma le opere di Muhammad Sodiq Muhammad Yusuf, soprattutto quelle dedicate alla giurisprudenza. Va letteralmente a ruba una serie di libretti intitolati Zikr Ahlidan Sorang (Chiedetelo ai sapienti), in cui si pubblicano i responsi di Muhammad Sodiq a svariate questioni di giurisprudenza. Bench si tratti di un fenomeno assai limitato, che dipende cio da un pubblico perlopi giovane e ristretto agli individui che hanno la disponibilit economica di accedere a internet, la popolarit dellattivit di giurisperito di Muhammad Sodiq si coglie immediatamente consultando il web. Dal 2004 egli effettivamente svolge la funzione di giurista gestendo una pagina di domande e risposte, oggi chiamata Zikr ahlidan sorash Shaykh Muhammad Sodiq Muhammad Yusuf savol-javoblari sahifasi, allinterno di una sezione di un sito internet uzbeko dedicato a vari forum sullIslam 83 . Le questioni cui Muhammad Soqid chiamato a rispondere sono di varia natura. La maggior parte rappresenta eloquentemente le dinamiche della reB. BABADJANOV, Islam officiel contre Islam politique en Ouzbkistan aujourdhui, cit., p. 163. 82 Sui libri e i cd che contengono le sue opere si legge: Ozbekiston Republikasi Vazirlar Mahkamasi huzuridagi Din ishlari qomitasi [] chop etildi. 83 http://forum.islom.uz/smf/index.php. La sezione dedicata alle fatwa stata strutturata allinterno di questo sito solo attorno alla fine dello scorso dicembre. Prima Shaykh Muhammad Soqid Muhammad Yusuf svolgeva la stessa funzione allinterno del portale islamico http://www.islam.uz, oggi versione russa di http://www.islom.uz.
81

267

islamizzazione della societ uzbeka. Infatti sono numerose le questioni relative alla corretta esecuzione di un rituale (ibodat) quale labluzione o la preghiera, e che dimostrano come una conoscenza ancora approssimativa dellIslam sia tuttora diffusa tra i giovani musulmani utenti della rete; fatto che non scoraggia Muhammad Sodiq a prodigarsi in consigli e a esortare alla lettura dei testi necessari ad approfondire la conoscenza in materia. Spesso si indotti a pensare alla re-islamizzazione come un fenomeno che caratterizza precipuamente la vita spirituale di chi consuma cultura islamica, vale a dire dei fedeli. La re-islamizzazione, invece, coinvolge anche lestablishment religioso, cio chi ufficialmente incaricato di ri-produrre e di diffondere la cultura islamica. Capita sovente, infatti, che a Muhammad Sodiq venga chiesto quali debbano essere le qualit di un buon imam 84 , visto che quelle dellindividuo che guida la preghiera nella moschea del quartiere o del villaggio lasciano un po a desiderare. Con tutta probabilit, a distanza di tempo dal crollo dellUrss e dellentusiastica riscoperta del religioso, non diminuito il numero di mull autodidatti, spesso persone cresciute nelle scuole sovietiche e che, dopo lindipendenza dellUzbekistan, hanno recuperato unidentit islamica solo formale 85 . Similmente compaiono questioni che toccano ancora la religiosit popolare, le cui pratiche, come gi si detto, restano ancora particolarmente legata a figure religiose di dubbia formazione, per le quali Muhammad Sodiq dimostra di nutrire insofferenza: Lindividuo che lei chiama domla, maestro non . []. Quello che fa non giusto86 . Numerosissime restano le questioni attorno alla liceit sciaraitica di certi comportamenti come, ad esempio, sedersi a una tavola imbandita in cui trovano posto bevande alcoliche 87 , oppure dedicarsi allallevamento di maiali che saranno venduti a non musulmani 88 . Questioni solo apparentemente banali che indicano, invece, quanto duraturi sono gli effetti della russificazione: come centanni fa 89 , durante lepoca zarista, cos ancora oggi lallevamento del maiale in verit perlopi gestito dalla minoranza coreana e lutilizzo di prodotti suoi
MUHAMMADBOBUR, Kimlar? Imom bulishga haqqli?, 15 febbraio 2007, http://forum.islom.uz/smf/index.php?topic=3855.0. 85 B.-M. PETRIC, Pouvoir, don et rseaux en Ouzbkistan post-sovitique, Paris, 2002, pp. 227229. 86 Sheruz, Hozirgi kundagi domlalarning jamiyatdagi orni, 26 dicembre 2006, http://forum.islom.uz/smf/index.php?topic=3225.0. 87 Dasturxonda turli spiritli ichimliklar bor edi, 13 gennaio 2007, http://islom.uz/index.php?option=com_content&task=view&id=62&Itemid=36. 88 ABU MUSLIM, Chochqani gayridinlarga sotsa boladimi?, 8 gennaio 2005; ABDULAZIZ, Gayridinga chochqa yetishtirib sotsa boladimi?, 10 gennaio 2005, http://www.islam.uz/fatvo/, visitato il 28 novembre 2006. 89 Per un raffronto s.v. P. SARTORI, Note sui tribunali islamici nel Turkestan russo (1865-1918), in G. GIRAUDO - A. PAVAN (a cura di), Atti del convegno Integrazione, assimilazione, esclusione e reazione etnica del Centro di studi balcanici (Cesbi) e dellAssociazione per lo Studio in Italia dellAsia centrale e del Caucaso (asiac), Universit di Ca Foscari, Venezia (22-26 novembre 2006), Napoli, 2007, i.c.s.
84

268

succedanei 90 costituiscono unossessione per il musulmano che ha a cuore un comportamento conforme alle prescrizioni islamiche. Accanto a queste assumono particolare rilevanza le questioni sullelemosina rituale (zakot) 91 , sullistituzione di fondazioni pie (vaqf) e sulla possibilit di eseguire transazioni attraverso istituti di credito islamici, comportamenti impensabili in epoca sovietica e che oggi diventano la principale fonte di sussistenza laddove spadroneggia il neopatrimonialismo dei gruppi di potere. Da una panoramica delle questioni prospettate a Muhammad Sodiq emerge in tutta evidenza un dato: la cultura islamica che oggi caratterizza la societ uzbeka non solo espressione di una cultura periferica, relegata tra i confini della regione centroasiatica. Al persistere di fenomeni come il pagamento del mahr, il prezzo della sposa pratica tradizionale che, come luso del velo, fu fortemente contrastata allinizio del periodo sovietico per promuovere spesso con la forza lemancipazione femminile 92 , si intrecciano le storie di famiglie travagliate da conversioni alle chiese cristiane 93 fenomeno da non sottovalutare in Asia centrale. Parimenti contribuiscono alla definizione di Islam uzbeko anche le esperienze che pervengono dallemigrazione, nonch dalle rappresentazioni che dellIslam si danno a livello globale. Se, da un lato, Muhammad Sodiq chiamato a rassicurare lUzbeko della diaspora preoccupato dallimpurit dei piatti della mensa usati dai colleghi non musulmani 94 , dallaltro, nulla oggi ostacola il musulmano uzbeko a sentirsi parte dellecumene islamica e a sollecitare Muhammad Sodiq a esprimere indignazione per lesecuzione di Saddam Hussein avvenuta in coincidenza con la celebrazione della festa del sacrificio 95 . Nel gennaio del 2005 un tale da Margilan pose a Muhammad Sodiq le seguenti questioni:
Mi meraviglia una cosa, ovvero che ultimamente siano aumentate fatwa di vario tipo; nulla di male se ce ne sono tante, ma cosa fare se una contraddice laltra? Di chi sono le fatwa che vanno osservate? Chi ha il diritto di emettere una fatwa? Se alcune fatwa sono in contraddizione luna con laltra cosa dobbiamo fare?.

FARHOD, Chochqa terisidan ishlangan qiyimlar, 15 dicembre 2004, http://www.islam.uz/fatvo/, visitato il 28 novembre 2006. 91 QORAKA, Sadaqai Joriya yoki Zakot?, 3 febbraio 2007, http://forum.islom.uz/smf/index.php?topic=3673.0. Per farsi unidea sulla rilevanza dellelemosina rituale nellambito rurale s.v. H. FATHI, Islamisme et pauvret dans le monde rural de lAsie centrale post-sovitique. Vers un espace de solidarit islamique?, Documents du programme de lUNRISD, Socit civile et mouvements sociaux, novembre 2004, 14, pp. 26-30. 92 R.M. SANJAR, Mahr haqida, 9 febbraio 2007, http://forum.islom.uz/smf/index.php?topic= 3762.0. 93 JAFAR, Oli imron surasi 55 oyat, 15 febbraio 2007, http://forum.islom.uz/smf/index.php? topic=3810.0. 94 ANSORIY, Halol yoki harom?, 12 febbraio 2007, http://forum.islom.uz/smf/index.php?topic= 3798.0. 95 HANIF, Saddam qatli haqida, 16 gennaio 2007, http://forum.islom.uz/smf/index.php?topic= 3289.0.

90

269

Lex mufti rispose anzitutto che di norma si chiede una fatwa a una persona sapiente, devota e giusta (ilmli, taqvoli va adolatli kishi); nel caso in cui pi persone corrispondessero a tale profilo continuava la risposta del giurista nulla vieta il richiedente di rivolgersi a chi meglio crede 96 . Se fosse cos come sostiene Muhammad Sodiq, allora che rimarrebbe dellautorit dellUfficio dei musulmani dellUzbekistan? La possibilit di interpellare direttamente una qualsiasi figura autorevole nellambito della giurisprudenza islamica, di conclamata devozione e di comprovata giustizia, ma che non fosse assoggettata al governo uzbeko, farebbe di questultima uneffettiva alternativa allUfficio dei musulmani dellUzbekistan, il cui capo/muft, come si detto, per legge lunico individuo a godere dellautorit necessaria ad emettere delle fatwa. Muhammad Sodiq costituisce dunque unalternativa allodierno mufti? Solo apparentemente. Per ora Muhammad Sodiq si limita a rappresentare un pensiero islamico moderato e fortemente critico delle alternative politiche islamiste 97 e del radicalismo 98 cos come piace al governo e, in sostanza, in modo non diverso da quello dellUfficio dei musulmani. A questo si aggiunga che il servizio svolto sul web da Muhammad Sodiq propone un Islam secolarizzato e saldamente ancorato alla tradizione e alleredit (meros); fattori che in Uzbekistan contribuiscono a mantenere lIslam come un elemento caratteristico della cultura nazionale 99 . Al contempo, per, la diffusa accessibilit del web nonch limmediata funzionalit di forum e siti costruiti sulla formula dialogica domanda-risposta (savol-javoblar) veicola una definizione dellidentit islamica in modo diverso da come ci avviene nella madrasa, nella moschea o allinterno della comunit di quartiere. Non solo il web esalta lesperienza religiosa individuale a sfavore di quella collettiva 100 , ma tende necessariamente anche a ridurre la cultura islamica a un sistema normativo, nonch a promuovere una conoscenza della dottrina basata quasi esclusivamente sulla distinzione tra ci che lecito e ci che non lo .

MARGILONIY, Kimning fatvosiga, 6 gennaio 2005, http://www.islam.uz/fatvo/, visitato il 28 novembre 2006. 97 Cfr. le critiche recentemente mosse allHizb ut-Tahrir in SHAYKH MUHAMMAD SODIQ MUHAMMAD YUSUF, Din nasihatdir, Tashkent, 2006, pp. 50-94. 98 Cfr. SHAYKH MUHAMMAD SODIQ MUHAMMAD YUSUF, Vasatiya hayot yoli, Tashkent, 2006, in specie i capitoli che biasimano le accuse di miscredenza e il terrorismo, pp. 227-230; 226-275. 99 Sul tema s.v. A. KHALID, A Secular Islam: Nation, State, and Religion in Uzbekistan, in International Journal of Middle Eastern Studies, 35, 2003, p. 579; S.A. DUDOIGNON, Djadidisme, Mirasisme, Islamisme, in Le rformisme musulman en Asie Centrale: du primier renouveau la sovitization, 1788-1937, in Cahiers du Monde Russe, 37, 1996, 1-2, pp. 13 e 14. 100 Come descritto da O. ROY, Globalized Islam. The Search for a New Ummah, New York, 2004, pp. 183-184.

96

270

7. Conclusioni Il frequente ricorso al termine haqiqiy (vero, genuino) che riecheggia dai media e per strada risuonano spesso espressioni quali vera fede, vero credente e vero Islam (haqiqiy imon, haqiqy momin, haqiqiy islom) uniforma e in larga misura anche appiattisce i discorsi che, a vario livello, si elaborano sullIslam in Uzbekistan. Senza dubbio tale fenomeno testimonia, ancora una volta, come lUzbekistan sia uno spazio in cui in atto una contesa per la definizione dellIslam fra attori molto diversi. Se un secolo fa la definizione del capitale culturale islamico era lesclusivo oggetto del contendere degli ambienti intellettuali e dei gruppi che dominavano la riproduzione del sapere, oggi reclamano il diritto di rappresentare lIslam il governo, i rappresentanti dellIslam ufficiale, le figure dautorit religiose che stanno al di fuori dellUfficio dei musulmani e la stessa comunit dei fedeli. Tali attori si proclamano beninteso a diverso titolo difensori dei comuni fondamenti dellIslam nazionale: la dottrina hanafita con la sua tradizione giuridica, la cultura del misticismo, le pratiche devozionali e i costumi religiosi popolari. Fatto che inevitabilmente porta ad occasionali dispute sulla conformit o meno di una certa idea alla tradizione e causa la divisione della comunit dei fedeli tra tradizionalisti e fondamentalisti/wahhabiti. Ci avviene perch, secolarizzazione e nazionalizzazione a parte, lesperienza sovietica sembra avere lasciato in eredit un complesso di inferiorit nei confronti dellIslam arabo, percepito come affidabile interprete del messaggio divino, ma anche una diffusa insofferenza per ci che potrebbe in qualche modo inquinare la genuinit dei prodotti tipici. Non meravigli dunque se in Uzbekistan basta un libro di un qualche autore arabo non fa poi tanta differenza che sia un razionalista alla Muhammad Abduh o un fondamentalista alla Sayyid Qutb - per essere accusati di sostenere lIslam politico 101 , mentre la gente comune continua ad andare in moschea dove, tra le altre cose, si ripropone il pensiero dei tele-predicatori arabi come Amr Khaled102 o frequenta i siti islamici ufficiali uzbeki per conoscere le opere di Yusuf al-Qaradhawi103 - famoso giurista nonch rettore delluniversit islamica del Qatar tradotte in uzbeko da Shaykh Muhammad Sodiq Muhammad Yusuf104 .

Cfr. B. BABADJANOV - M. BRILL OLCOTT, Scularisme et Islam politique en Asie centrale, in M. LARUELLE - S. PEYROUSE (sous la direction de), Islam et politique en ex-URSS (Russie dEurope et Asie centrale), cit., p. 329. 102 Dal sermone Gunohdan saqlanish (Preservare dal peccato) pronunciato da Yorqinjon-Qori, imam della moschea Balandmasjid di Tashkent, disponibile in audio-cassetta e scaricabile anche da http://www.uzislam.com/forum/index.php?topic=1830.msg%25msg_id%25. Per un recente approfondimento sulla figura di Amr Khaled in italiano s.v. S. SHAPIRO, Il volto dellislam, in Internazionale, 22 giugno 2006, 12, pp. 30-37; E. MARIANI, Dal Corano al web. La carriera mediatica di Amru Khaled, in Meridiana, 52, 2005, pp. 117-138. 103 http://forum.islom.uz/smf/index.php?topic=1839.msg21842#msg21842. 104 Si tratta del testo Islomda halol va harom (Lecito e illecito nellIslam) scaricabile dal sito http://www.islom.uz.

101

271

LE RISORSE ENERGETICHE E LE ECONOMIE CENTROASIATICHE Silvia Tosi

Introduzione La regione centroasiatica si imposta negli ultimi anni allattenzione internazionale grazie alla crescente importanza strategica da essa rivestita nellambito di quella che spesso viene definita come una riedizione del Grande Gioco che nel corso del XIX secolo ha visto confrontarsi la Russia zarista e la Gran Bretagna imperiale. Allinizio del XXI secolo, la posta in gioco in questa partita costituita in buona misura dalla possibilit di accedere ai vasti giacimenti di idrocarburi di cui alcuni paesi della regione sono ricchi. Questo paper analizza la dimensione energetica del Grande Gioco centroasiatico esaminando le performance economiche dei singoli paesi dellarea soprattutto in riferimento allo sviluppo del loro settore energetico, le diverse opportunit di esportazione delle risorse in relazione agli ostacoli che esse incontrano e ai diversi soggetti interessati ad averne il controllo, e infine le diverse posizioni assunte dai paesi della regione allinterno delle dinamiche internazionali che contribuiscono a definire i contorni del Great Game energetico. 1. La transizione economica post-sovietica Lanalisi dellevoluzione post-sovietica delle economie centroasiatiche deve inevitabilmente tenere conto della difficolt di reperire statistiche attendibili riguardanti le performance economiche recenti dei singoli paesi, soprattutto in riferimento a Turkmenistan e Uzbekistan. Nel complesso comunque possibile fare alcune considerazioni, generalmente valide per i paesi dellAsia centrale come per tutte le repubbliche un tempo appartenenti allUnione Sovietica. In epoca sovietica le economie dellAsia centrale dipendevano dai generosi sussidi concessi dal governo centrale, beneficiavano di costi artificialmente bassi per le materie prime e le risorse energetiche e potevano contare sulla pianificazione centralizzata della direzione degli scambi commerciali allinterno dellUrss, tutti fattori che favorivano la produzione industriale locale. Come era prevedibile, le conseguenze della dissoluzione dellUrss sulle performance economiche delle repubbliche centroasiatiche sono state particolarmente gravi, avviando una fase recessiva prolungata (con leccezione dellUzbekistan) che ha coinvolto tutti i settori economici e ha avuto effetti drammatici sulla produzione

272

interna, sulla dotazione di infrastrutture e, nel complesso, sui livelli di vita della popolazione. Se il Pil pro capite cominci a ridursi gi alla fine degli anni Ottanta, a causa della crescente incertezza politica ed economica 1 , la rottura dei legami commerciali tra le repubbliche sovietiche ha poi privato le economie dellAsia centrale del proprio principale mercato di esportazione, esponendole ai meno favorevoli prezzi del mercato mondiale e rivelandone lassoluta mancanza di competitivit. Linterruzione dei flussi commerciali ha anche escluso i cinque paesi dallaccesso alle proprie principali fonti di approvvigionamento di materie prime e/o risorse energetiche, provocando una grave crisi che ha influito negativamente sulla produzione industriale. Allo stesso modo, anche il settore agricolo si trovato in difficolt, principalmente a causa della riluttanza con cui gli Stati post-sovietici hanno intrapreso radicali riforme della propriet terriera, che avrebbero potuto risollevare la bassa produttivit del settore.

TASSO DI CRESCITA PIL REALE (%)


1990 1991 Kazachstan Kirghizistan Tagikistan Turkmenistan Uzbekistan Totale Asia centrale Federazione Russa Csi (senza Fed. russa)
Fonte: UNECE, EIU

1992 -5,3

1993 -9,2

1994 1995 -12,6 -8,2 -5,4

1996 0,5 7,1

1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 1,7 9,9 1,7 -11,4 5,2 1,8 1,4 1,5 -1,9 2,1 5,3 7,1 4,4 1,5 -5,3 1,5 2,7 3,7 3,7 16,5 4,4 4,8 6,4 2,6 9,8 5,4 8,3 5,5 4,0 7,1 10,0 6,3 13,5 5,3 10,2 4,3 4,5 9,0 5,1 8,3 9,8 0,0 9,5 0,3 4,2 6,4 4,7 6,1 9,3 7,0 10,2 3,3 4,4 7,1 7,3 8,4 9,4 7,1 10,6 4,5 7,7 8,3 7,2 10,1 9,7 -0,2 6,7 6,0 7,0 n.d. 6,4 n.d.

2006 10,6 2,7 7,0 6,0 7,2 n.d. 6,6 n.d.

2004 vs. 1989 2,4 -15,8 -47,2 -9,8 19,5 0,1 -17,5 -23,9

-1,0 4,8 0,2 1,8 -0,8 -0,2 -3,0 -3,4

-11,0 -7,9 -8,5 -4,7 -0,5 -7,4 -5,0 -8,1

-13,8 -15,5 -20,1

-32,3 -16,3 -21,3 -12,4 -16,7 -15,0 -11,1 -10,6 -14,5 1,5 -2,3 -7,2 -8,7 -17,3 -5,2 -12,1 -12,7 -7,2 -0,9 -6,0 -4,1 -9,1 6,7 1,7 1,2 -3,6 -3,3

-12,9 -11,8 -17,7

J. FALKINGHAM, The End of the Rollercoaster? Growth, Inequality and Poverty in Central Asia and the Caucasus, in Social Policy and Administration, 39, 2005, 4, p. 341.

273

TASSO DI CRESCITA PIL REALE (% )


20,0 10,0 0,0 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 -10,0 -20,0 -30,0 -40,0 -50,0
Armenia T urkmenistan Kirghizistan Uzbekistan T agikistan

Fonte: UNECE; per il 2005 e 2006: EIU

A partire dalla seconda met degli anni Novanta, tuttavia, tutte e cinque le economie hanno cominciato a sperimentare tassi di crescita generalmente positivi pur con una flessione tra il 1997 e il 1998, dovuta alla crisi finanziaria che ha investito la Russia e pi in generale lAsia in tale periodo e nel 2004 il Pil complessivo dei cinque paesi ha raggiunto i livelli del 1989 (dati Unece, vedi tabella) 2 . Ciononostante, tale dato, in apparenza incoraggiante, maschera una situazione ben pi eterogenea: con leccezione dellUzbekistan (il cui Pil, secondo i dati dellUnece, nel 2004 superava del 19,5 per cento il Pil del 1989) e del Kazachstan (+2,4 per cento rispetto al 1989), nel 2004 il Pil delle altre economie centroasiatiche era ancora ben lontano dai livelli degli ultimi anni del periodo sovietico (-47,2 per cento nel caso del Tagikistan). Per avere unidea delle prospettive di sviluppo economico dellAsia centrale quindi opportuno soffermarsi sullandamento delle singole economie nazionali dopo lindipendenza. Prima dellindipendenza il Kazachstan era, tra i paesi centroasiatici, quello economicamente pi legato alla Russia, che assicurava input e risorse energetiche a basso costo indispensabili per lo sviluppo della base industriale kazaka (i cui settori principali erano costituiti dallindustria metallurgica e da quella estrattiva). Oltre a ci, leconomia kazaka era caratterizzata anche da un ampio settore agricolo, dominato dalla coltivazione di cereali (frumento in particolare) destinati alla distribuzione allinterno dellUnione Sovietica. Non sorprende quindi che con la scomparsa dellUrss il Kazachstan abbia dovuto affrontare una grave recessione (con una contrazione del Pil reale pari al 36 per cento tra il 1990 e il 1995, mediamente il 7 per cento annuo) caratterizzata da un vero e proprio crollo della produzione industriale (la quota del settore industriale rispetto al Pil totale
2

UNITED NATIONS ECONOMIC COMMISSION FOR EUROPE, Economic Survey of Europe 2005 n. 2. Statistical Appendix, Geneva, 2005, pp. 70 e ss.

274

passata dal 31 per cento nel 1992 al 21 per cento nel 1996)3 . A partire dal 1999 leconomia kazaka ha iniziato a registrare stabilmente tassi di crescita del Pil reale positivi, sostenuti in particolare dallalto prezzo del petrolio: a partire dal 2000 il comparto industriale tornato a essere la voce pi importante del Pil (33 per cento) e il Pil reale cresciuto a un ritmo annuo superiore al 9 per cento (le stime relative al 2006 indicano una crescita annua del 10,6 per cento). Il merito di tali performance positive da attribuire indubbiamente alla ricca dotazione di idrocarburi del paese: secondo le stime Bp il Kazachstan possiede a fine 2006 riserve di petrolio pari a 39,8 miliardi di barili, il 3,3 per cento delle riserve mondiali, e riserve di gas naturale pari a 3.000 miliardi di metri cubi, l1,7 per cento delle riserve mondiali. Per quanto non sia ancora autosufficiente a livello energetico, soprattutto a causa di una rete di infrastrutture di distribuzione, risalente allepoca sovietica, obsoleta e in parte in stato di abbandono, il paese centroasiatico si sta avviando a diventare un produttore importante sul mercato mondiale. Il boom petrolifero degli ultimi anni stato trainato e sostenuto da una rapida crescita degli investimenti (che nel 2006 sono cresciuti del 19 per cento rispetto allanno precedente e hanno costituito il 26 per cento del Pil), che ha avuto ricadute positive anche su altri settori, quali il settore delle costruzioni (soprattutto di infrastrutture destinate al settore degli idrocarburi), che nel periodo gennaio-settembre 2006 ha registrato una crescita del 35 per cento rispetto allo stesso periodo del 2005, e quello dei servizi (anche in questo caso collegato allesplorazione e allo sfruttamento dei giacimenti di idrocarburi). Lo sviluppo del settore petrolifero ha anche consentito al Kazachstan di avere il reddito pro capite pi alto di tutti i paesi della Csi, dopo la Federazione Russa. Il motore del boom petrolifero costituito indubbiamente dagli investimenti diretti esteri effettuati soprattutto da compagnie occidentali, che al momento producono pi dell80 per cento del greggio del paese: dallindipendenza, il settore petrolifero kazako riuscito ad attrarre oltre l80 per cento di tutti gli Ide destinati allAsia centrale, e circa il 10 per cento degli Ide destinati ai paesi dellex Unione Sovietica. Lafflusso di Ide occidentali non accenna a diminuire nonostante latteggiamento non sempre favorevole da parte del governo kazako: soprattutto a seguito del continuo rialzo del prezzo del petrolio il governo ha infatti iniziato a chiedere con sempre maggiore insistenza di rinegoziare i contratti di esplorazione e sfruttamento stipulati con gli investitori stranieri, come nel caso della nuova legge sui production sharing agreements (Psa), approvata nel 2004, che ha fissato per i nuovi progetti di esplorazione una quota di partecipazione obbligatoria del 50 per cento per la compagnia petrolifera statale Kazmunaigaz. Il settore petrolifero domina anche la struttura del commercio con lestero: gli idrocarburi costituiscono oltre il 70 per cento delle esportazioni kazake e sono principalmente destinati ai mercati occidentali (anche se la Russia rappresenta per
I dati statistici relativi alleconomia del Kazachstan sono tratti da ECONOMIST INTELLIGENCE UNIT, Country Profile Kazakhstan, London, July 2006 e da IDEM, Country Report Kazakhstan, London, January 2007.
3

275

il paese il terzo mercato di esportazione), mentre pi del 40 per cento delle importazioni del paese costituito da macchinari destinati allindustria estrattiva, importati prevalentemente dalla Russia (che fornisce al Kazachstan il 38 per cento delle sue importazioni ed tuttora il fornitore principale anche per quanto riguarda i beni di consumo, la cui domanda non pu essere soddisfatta dalla fragile industria manifatturiera locale). Anche il Turkmenistan possiede una significativa dotazione di petrolio e gas naturale, tanto che sin dallindipendenza si assistito a un massiccio spostamento della base industriale del paese dal settore manifatturiero ad alta intensit di lavoro al settore degli idrocarburi. Tuttavia, lesistenza di generosi sussidi statali e lo stato di decadenza in cui versano gli impianti produttivi e le infrastrutture di trasporto hanno reso il settore degli idrocarburi vittima di sprechi e inefficienze. In particolare, poich circa l85 per cento della produzione di gas del paese viene prodotto dalla compagnia statale Turkmenneftegaz, la crescita economica del paese ha finito per dipendere, sin dai primi anni successivi allindipendenza, dallabilit del governo di Ashgabat di assicurare al gas turkmeno nuovi mercati di esportazione. Lattuale forte presenza statale nel settore degli idrocarburi coerente con la scelta fatta dal paese allindomani dellindipendenza, in favore del mantenimento di un sistema di pianificazione economica di stampo sovietico: unico paese della Csi a non aver avviato un programma di sviluppo in collaborazione con il Fondo monetario internazionale (Fmi), il Turkmenistan si affidato, per il proprio sviluppo, a un programma di industrializzazione basato sulla sostituzione delle importazioni, con piani di crescita pluriennali, scarse privatizzazioni (nel 2005 il contributo del settore privato al Pil era stimato intorno al 25 per cento, il livello pi basso di tutta la regione centroasiatica 4 ), forniture gratuite dei servizi (comprese le forniture energetiche), meccanismi di controllo dei prezzi, restrizioni agli investimenti stranieri. La dotazione di risorse energetiche del paese, insieme alla costante priorit assegnata dal governo allo sviluppo del settore, ha consentito al Turkmenistan di beneficiare di una crescita sostenuta negli ultimi anni: nonostante i dati ufficiali relativi alla crescita del Pil reale siano scarsamente attendibili, le stime dellEconomist Intelligence Unit (Eiu) valutano il tasso di crescita annua del Pil reale per il 2005 e il 2006 intorno al 6 per cento. Tuttavia, bene notare che nel periodo gennaio-luglio 2006 in termini di volumi la produzione di gas naturale del paese cresciuta solo del 2 per cento, mentre la produzione di petrolio si addirittura ridotta del 13 per cento: alla luce di questi dati evidente come la crescita economica turkmena sia pi che altro effetto degli alti prezzi delle esportazioni di risorse energetiche. E probabile che questa tendenza non cambi nei prossimi anni, anche alla luce dellaccordo firmato con la Russia alla fine del 2006, in base al quale stato rinegoziato il prezzo delle importazioni russe di gas
4

I dati statistici relativi alleconomia turkmena sono tratti da ECONOMIST INTELLIGENCE UNIT, Country Profile Turkmenistan, London, August 2006 e IDEM, Country Report Turkmenistan, London, January 2007.

276

naturale turkmeno (rialzato da 65 dollari a 100 dollari per mille metri cubi; la Russia si anche impegnata ad acquistare una maggiore quantit di gas in termini di volumi: 50 miliardi di metri cubi allanno, contro 42 miliardi negli anni precedenti). I dati relativi alla struttura del commercio con lestero confermano il predominio del settore degli idrocarburi nelleconomia turkmena: nonostante i dati ufficiali pi recenti disponibili siano relativi al 2001, lEiu stima che nel 2005 le esportazioni di idrocarburi (dirette principalmente verso lUcraina, attraverso la rete di distribuzione russa) costituissero circa il 90 per cento delle esportazioni totali del paese, mentre le importazioni di beni capitali destinati allo sviluppo dellindustria petrolifera e gasifera (provenienti tradizionalmente dalla Russia, anche se nellultimo biennio gli Emirati Arabi Uniti hanno acquisito maggiore importanza come paese fornitore, in virt degli investimenti effettuati dalla compagnia Dragon Oil nellesplorazione dei giacimenti petroliferi turkmeni nel Caspio) nello stesso anno rappresentavano circa il 60-70 per cento delle importazioni totali. Lo sviluppo del settore energetico nazionale, tuttavia, continua a risentire in maniera accentuata di alcuni ostacoli strutturali. Il livello degli Ide rimasto molto basso negli ultimi anni (circa 350 milioni di dollari nel 2004 e circa 300 milioni di dollari nel 2005, secondo le stime della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo, un livello molto inferiore a quello degli Ide effettuati nellaltro paese centroasiatico ricco di risorse energetiche, il Kazachstan, che nel periodo 2001-2005 ha ricevuto una media di 2,7 miliardi di dollari allanno sotto forma di Ide). Lo scarso interesse mostrato finora dagli investitori stranieri nei confronti del Turkmenistan principalmente dovuto al clima degli affari poco favorevole che caratterizza il paese. Oltre a questo, la capacit di esportazione del paese piuttosto limitata e dipende quasi esclusivamente dallormai obsoleto sistema di gasdotti russo 5 , per laccesso al quale il Turkmenistan deve competere con gli altri produttori regionali di gas naturale (Federazione Russa, Kazachstan e Uzbekistan). Sebbene le sue riserve di idrocarburi non siano sufficienti a sostenere unesportazione su larga scala, anche lUzbekistan possiede una discreta dotazione di gas naturale, secondo le stime pi o meno equivalente all1 per cento delle riserve mondiali. Dopo lindipendenza lo sviluppo del settore degli idrocarburi stato una priorit per il governo di Tashkent, impegnato a raggiungere lautosufficienza energetica, tanto che negli ultimi anni il paese divenuto anche un esportatore regionale di gas naturale (verso Russia, Kirghizistan e Tagikistan). Ciononostante, la principale risorsa naturale del paese centroasiatico costituita dai suoi giacimenti auriferi, le cui riserve sono stimate

Il Turkmenistan esporta il proprio gas anche attraverso il sistema di distribuzione iraniano e Tehran si sta sempre pi imponendo come partner importante anche per quanto riguarda le (per ora scarse) esportazioni petrolifere turkmene, grazie alla conclusione di oil swaps tra i due paesi.

277

intorno alle 2.100 tonnellate (lUzbekistan il sesto paese al mondo) e la cui produzione pari allincirca al 3 per cento della produzione mondiale 6 . Nel complesso leconomia uzbeka ancora fortemente legata al settore agricolo, che nel 2004 costituiva il 31 per cento del Pil ed tuttora dominato dalla coltivazione del cotone, che costituisce anche la voce principale delle esportazioni (22 per cento nel 2003). Il settore industriale viceversa costituiva, sempre nel 2004, il 25,2 per cento del Pil: al suo interno, il settore energetico costituisce la componente principale (24 per cento), mentre loro la seconda componente principale delle esportazioni del paese (13,5 per cento). Allindomani dellindipendenza, i dati ufficiali (sulla cui attendibilit, come si accennato, peraltro lecito nutrire qualche dubbio) hanno registrato una recessione pi contenuta rispetto alle altre economie dellAsia centrale: questo da attribuire in gran parte agli alti prezzi mondiali delloro e del cotone, che hanno contribuito in misura determinante a sostenere le esportazioni. A sua volta la possibilit di beneficiare di una bilancia commerciale in attivo ha disincentivato ladozione di riforme strutturali e lavvio di un programma di privatizzazioni: dopo il crollo dellUnione Sovietica lUzbekistan si orientato infatti verso politiche di sviluppo guidate dallo stato, basate in particolare sulla promozione dellindustrializzazione attraverso la sostituzione delle importazioni e sulladozione di misure protezionistiche attraverso barriere tariffarie e non tariffarie. Lo scarso sviluppo del settore privato e la presenza pervasiva dello stato in tutti i settori produttivi non solo ha reso particolarmente difficili i rapporti con le istituzioni finanziarie internazionali, Fmi in primis, ma ha anche creato un clima degli affari particolarmente ostile agli investimenti stranieri: secondo il rapporto Doing Business 2007 della Banca Mondiale, lUzbekistan occupa la 147 posizione su 175 paesi, la posizione pi arretrata tra tutti i paesi dellex Urss 7 . Gli alti tassi di crescita del Pil reale registrati dal paese negli ultimi anni (dal 2004 il Pil reale cresciuto a un tasso vicino o superiore al 7 per cento annuo) sembrano quindi essere sostenuti da una combinazione di alti prezzi delle esportazioni, politiche di compressione delle importazioni e ampi investimenti statali per lo sviluppo delle infrastrutture nel settore degli idrocarburi, finanziati con i ricavi derivanti dallesportazione di oro e cotone da parte di imprese statali. Accanto alla tradizionale riluttanza del governo a cedere il controllo sulle attivit ritenute di importanza strategica (come appunto oro, cotone e idrocarburi) si assistito pi recentemente a una maggiore disponibilit ad attirare Ide soprattutto nel settore energetico e soprattutto provenienti dalla Federazione Russa: la Russia tra laltro il tradizionale partner commerciale del paese, assorbendo il 22 per

I dati statistici relativi alleconomia uzbeka sono tratti da ECONOMIST INTELLIGENCE UNIT, Country Profile Uzbekistan, London, April 2006; IDEM, Country Report Uzbekistan, London, December 2006 e IDEM, Country Report Uzbekista. Update, London, February 2007. 7 WORLD BANK, Doing Business 2007. Economy Rankings, Washington D.C., 2007, http://www.doingbusiness.org/EconomyRankings.

278

cento delle esportazioni e il 70 per cento delle esportazioni di gas naturale e fornendo il 26,8 per cento delle importazioni del paese (dati relativi al 2004). La crescente attenzione riservata allo sfruttamento delle risorse energetiche della regione ha progressivamente marginalizzato le due economie che di tali risorse sono sostanzialmente prive, Kirghizistan e Tagikistan. Nel primo paese, nei primi quattro anni dopo lindipendenza il Pil reale ha subito una contrazione complessiva del 50 per cento; a partire dal 1996 il paese ha sperimentato tassi di crescita del Pil positivi, soprattutto grazie allesplorazione e allo sfruttamento del giacimento aurifero di Kumtor, che stimato lottavo giacimento mondiale. Lestrazione delloro ha sostenuto la crescita economica del paese (tanto che nel 2005 tale settore costituiva il 40 per cento della produzione industriale e il 35 per cento delle esportazioni) e contrastato il declino del settore manifatturiero. Ciononostante leconomia del paese centroasiatico ancora fortemente dipendente dal settore agricolo (che sempre nel 2005 costituiva il 34 per cento del Pil), caratterizzato soprattutto da agricoltura di sussistenza, e lo stesso sviluppo del settore estrattivo resta vulnerabile, come dimostrato dalla contrazione della produzione verificatasi nel 2005 e 2006 (-15,6 per cento e -12,8 per cento rispettivamente) a causa delladozione di misure legislative a tutela dei lavoratori osteggiate dalla compagnia canadese Centerra Gold, che possiede la licenza per lo sfruttamento del giacimento di Kumtor 8 . In seguito allindipendenza, il Kirghizistan si impegnato a perseguire un programma di ristrutturazione economica in collaborazione con le istituzioni finanziarie internazionali, ma le dispute interne hanno rallentato ladozione di adeguate misure di riforma, con il risultato che il processo di privatizzazione stato lento e insufficiente a causa dellopposizione interna alla cessione delle attivit economiche gestite dallo stato e della sostanziale mancanza di interesse da parte degli investitori stranieri e soprattutto a partire dalla fine degli anni Novanta il paese si trovato gravato da un pesante debito detenuto nei confronti tanto delle istituzioni multilaterali, quanto di creditori bilaterali. Lafflusso di Ide nel paese, dopo aver segnato qualche anno di crescita positiva grazie agli investimenti effettuati per lo sviluppo della miniera di Kumtor, a partire dal 1999 ha subito un brusco declino, per poi recuperare lievemente negli ultimi anni, pur rimanendo sempre a livelli molto bassi (gli Ide netti ammontavano a 42,6 milioni di dollari nel 2005). Nonostante gli sforzi delle autorit volti a migliorare il grado di apertura economica del paese (il Kirghizistan stato il primo paese dellex Unione Sovietica a entrare nellOrganizzazione Mondiale del Commercio, nel 1998) e sebbene il clima degli affari sia nel complesso migliore rispetto ai suoi vicini Tagikistan, Uzbekistan e Turkmenistan (nel rapporto Doing Business 2007, il Kirghizistan figura in 90 posizione, dietro al Kazachstan 63 ma meglio
8

I dati statistici relativi alleconomia del Kirghizistan sono tratti da ECONOMIST INTELLIGENCE UNIT, Country Profile Kyrgyz Republic, London, September 2006 e IDEM, Country Report Kyrgyz Republic, London, February 2007.

279

della Federazione Russa 96) 9 , per il momento la quasi totalit degli Ide effettuati nel paese proviene da soggetti che hanno una certa familiarit con leconomia kirghiza, in particolare Federazione Russa e Kazachstan. La Russia anche il principale partner commerciale del paese, fornendo il 34,2 per cento delle importazioni e assorbendo il 20 per cento delle esportazioni kirghize (dati relativi al 2005). Un possibile miglioramento per quanto riguarda la situazione degli Ide (il cui incoraggiamento costituisce una priorit per il governo di Bishkek) potrebbe derivare dallapprovazione da parte del Fmi, a fine marzo 2007, della richiesta delle autorit di Bishkek di entrare a far parte del programma del Fmi per i paesi fortemente indebitati (Hipc): per quanto stia crescendo allinterno della classe politica del paese lopposizione al programma Hipc, ladesione a esso comporterebbe per il Kirghizistan la necessit di rispettare una serie di condizionalit molto pi rigide rispetto al tradizionale Poverty Reduction and Growth Facility, favorendo forse ladozione di riforme difficili. In epoca sovietica il Tagikistan era una delle repubbliche pi povere dellUnione e beneficiava dunque di un livello particolarmente alto di trasferimenti dal governo centrale: con il crollo sovietico questi trasferimenti sono venuti a mancare, e la guerra civile che ha devastato il paese dal 1992 al 1997 ha ulteriormente aggravato la recessione economica, provocando una contrazione annua del Pil reale mediamente pari al 17 per cento tra il 1991 e il 1996 10 . Nel 1992 il Pil reale era gi sceso al 60 per cento dei livelli del 1989, e tra il 1992 e il 1996 si verificata unulteriore contrazione complessiva del 50 per cento, mentre la produzione industriale si ridotta del 70 per cento tra il 1990 e il 1997. A partire dal 1998 il paese ha iniziato a registrare tassi di crescita del Pil sostenuti grazie alla relativa stabilit politica del paese, al recupero di alcuni settori industriali e alla forte crescita delle rimesse dei lavoratori tagiki emigrati soprattutto nella Federazione Russa (che secondo le stime Eiu nel 2005 costituivano pi del 20 per cento del Pil): nonostante il tasso di crescita annua del Pil reale tra il 2000 e il 2005 sia stato mediamente del 9 per cento, nello stesso 2005 il livello del Pil tagiko era ancora allincirca la met del livello del 1989. Lagricoltura resta ancora un settore importante delleconomia tagika, costituendo allincirca un quarto del Pil (24,2 per cento; dati relativi al 2004) e assorbendo i due terzi della forza lavoro, prevalentemente impiegata nella coltivazione del cotone. Il settore industriale, che costituisce il 28 per cento del Pil (dati 2004) dominato dallestrazione e lavorazione dellalluminio (che costituisce pi del 40 per cento della produzione industriale). Insieme, cotone e alluminio rappresentavano nel 2005 il 77,7 per cento delle esportazioni del paese: gli alti prezzi mondiali dellalluminio negli ultimi anni hanno sostenuto la crescita facendo crescere le esportazioni, ma hanno anche ridotto gli incentivi alla
WORLD BANK, Doing Business 2007. Economy Rankings, cit. I dati statistici relativi alleconomia tagika sono tratti da ECONOMIST INTELLIGENCE UNIT, Country Profile Tajikistan, London, April 2006 e IDEM, Country Report Tajikistan, London, December 2006.
10 9

280

diversificazione delle esportazioni e mantenuto il paese in una condizione di vulnerabilit rispetto alle fluttuazioni dei prezzi mondiali delle materie prime. Va detto che la crescita dei consumi nel paese ha beneficiato non solo della crescita marcata delle rimesse dallestero, ma stata sostenuta anche dai crescenti proventi del traffico internazionale di droga, allinterno del quale il Tagikistan un importante paese di transito. Il governo si potuto dedicare allavvio di riforme strutturali solo al termine della guerra civile, ma tali riforme hanno proceduto lentamente e con risultati deludenti, soprattutto per quanto riguarda le privatizzazioni (lindustria dellalluminio, la pi importante del paese, ancora nelle mani dello stato), con il risultato che il paese dipende tuttora fortemente dagli aiuti internazionali e beneficia di uno dei pi bassi livelli di Ide di tutta lAsia centrale. Nel 2003 lafflusso di Ide ammontava a soli 32 milioni di dollari, mentre lanno successivo sono aumentati a 272 milioni di dollari, pressoch esclusivamente a causa di un debt-for-equity swap stipulato con la Russia, che ha cancellato circa 300 milioni di dollari di debito detenuto da Dusanbe nei confronti di Mosca in cambio della cessione di attivit nel comparto energetico. Proprio gli investimenti russi nel settore energetico tagiko potrebbero contribuire a sviluppare il vasto potenziale idroelettrico del paese (che sfruttato ora solo al 5 per cento proprio a causa della mancanza di investimenti) e a ridurre la dipendenza del Tagikistan dalle importazioni di petrolio e gas provenienti da Kazachstan, Turkmenistan e Uzbekistan.

281

PRINCIPALI PARTNER COMMERCIALI (%) Esportazioni Kazachstan (2005) Svizzera 19,8 Italia 15,0 Russia 10,5 Francia 9,6 Cina 8,7 Kirghizistan (2005) Emirati Arabi 25,8 Russia 20,0 Kazachstan 17,3 Svizzera 15,5 Tagikistan (2004) Paesi Bassi 41,4 Turchia 15,3 Uzbekistan 7,2 Lettonia 7,1 Svizzera 6,9 Turkmenistan (2001-2003) Ucraina 49,0 Italia 18,0 Iran 11,0 Russia 6,0 Turchia 5,0 Uzbekistan (2004) Russia 22,0 Cina 14,7 Turchia 6,4 Tagikistan 6,1 Kazachstan 4,2
Fonte: EIU

COMMERCIO ESTERO PER SETTORE (%) Esportazioni Kazachstan (2005) Idrocarburi Metalli Prodotti chimici Alimentari Kirghizistan (2005) Metalli e pietre preziose Prodotti minerari Tessile Tagikistan (2005) Alluminio Cotone Energia elettrica Turkmenistan (1999-2001) Gas naturale Petrolio Uzbekistan (2003) Cotone Oro Risorse energetiche
Fonte: EIU

Importazioni Russia Germania Cina Stati Uniti Ucraina Russia Kazachstan Cina Stati Uniti Russia Kazachstan Uzbekistan Azerbaigian Stati Uniti Russia Ucraina Turchia Emirati Arabi Germania Russia Corea del Sud Stati Uniti Germania Kazachstan 38,0 7,5 7,2 6,9 4,9 34,2 16,3 9,3 6,1 24,2 15,2 12,3 6,3 5,8 21,0 15,0 9,0 8,0 4,0 26,8 12,6 8,0 7,7 6,3

Importazioni 73,8 15,9 3,3 2,4 Macchinari Metalli Idrocarburi Prodotti chimici 43,8 14,7 13,4 11,5 27,9 13,1 10,9 27,2 9,5 4,3 60,0 15,0 44,4 12,8 9,9

35,1 Idrocarburi 14,4 Macchinari 11,5 Prodotti chimici 61,9 Allumina 15,8 Petrolio 5,8 Energia elettrica 57,0 Macchinari 26,0 Alimentari 22,4 Macchinari 13,5 Materie plastiche 9,8 Alimentari

282

2. Le risorse energetiche centroasiatiche: entit e localizzazione

Fonte: EIA, Le Monde diplomatique

I paesi dellAsia centrale negli ultimi anni hanno attirato lattenzione internazionale in misura crescente in virt delle risorse energetiche (petrolio e gas naturale) da esse possedute in misura consistente, soprattutto nellarea del bacino del Mar Caspio. Merita tuttavia sottolineare che non sono disponibili statistiche ufficiali relative alle riserve e alla produzione di idrocarburi del bacino del Caspio, e anche le stime esistenti variano considerevolmente. Tanto in Russia quanto in Iran (due dei cinque stati rivieraschi) lo sfruttamento delle risorse situate nel bacino del Caspio stato finora relativamente ridotto: la quasi totalit della produzione di idrocarburi della regione proviene infatti dalle repubbliche un tempo appartenenti allUnione Sovietica, che nel complesso possiedono riserve petrolifere stimate tra i 17 e i 48 miliardi di barili, equivalenti circa a un sesto delle riserve dei paesi non appartenenti allOpec, e nel 2006 secondo i primi dati hanno prodotto quasi 2 milioni e 300mila barili di petrolio al giorno, pari

283

allincirca al 5 per cento della produzione non-Opec 11 . Secondo gli analisti nel 2010 la produzione petrolifera della regione dovrebbe assestarsi tra i 2 milioni e mezzo e i 6 milioni di barili al giorno (superiore nel complesso alla produzione del Venezuela, il principale produttore petrolifero dellAmerica latina) 12 . Tra i paesi centroasiatici, il Kazachstan indubbiamente quello con le pi vaste riserve petrolifere, stimate tra i 9 e i 40 miliardi di barili (allincirca pari rispettivamente a quelle di Algeria e Libia, entrambi membri dellOpec), che sono concentrate principalmente in quattro enormi giacimenti Tengiz, lungo la costa nordorientale del Caspio, Karachaganak, nel nord del paese vicino al confine con la Russia, Kashagan, giacimento offshore nel nord del Mar Caspio, nonch, secondo le stime del consorzio Agip KCO che sta conducendo le attivit di esplorazione, il pi grande giacimento situato al di fuori del Medio Oriente e il quinto giacimento mondiale, e Kurmangazy, situato anchesso offshore, al confine tra Russia e Kazachstan 13 ne fanno lundicesimo paese al mondo 14 . La produzione petrolifera kazaka, pari a oltre 1,4 milioni di barili al giorno nel 2006, costituisce quasi i due terzi dellintera produzione petrolifera della regione: Kazachstan e Azerbaigian insieme producono attualmente quasi il 90 per cento del petrolio proveniente dal bacino del Caspio 15 . Da solo, il Kazachstan produce nel complesso allincirca i due terzi degli idrocarburi prodotti nellintera regione del Caspio 16 : tale performance produttiva stata possibile soprattutto grazie ai massicci investimenti americani di cui ha beneficiato il settore a partire dallindipendenza del paese, per un totale di 20 miliardi di dollari. In effetti pi del 60 per cento degli investimenti nel settore degli idrocarburi del paese stato effettuato da compagnie americane (Chevron Texaco in testa): Chevron Texaco ed Exxon Mobil detengono nel complesso il 75 per cento (50 e 25 per cento rispettivamente) delle quote di partecipazione al consorzio internazionale che nel 1993 ha iniziato lesplorazione e lo sfruttamento del giacimento (sia di petrolio che di gas) di Tengiz, il principale giacimento onshore del paese, mentre la stessa Exxon Mobil insieme a Conoco Phillips fa parte di un secondo consorzio internazionale (di cui fra laltro litaliana Eni costituisce loperatore unico, dopo che la britannica British Gas ha ceduto la propria quota ai partner nel 2004)

BP, Statistical Review of World Energy 2007, London, 2007, pp. 6-8 e 22-24, http://www.bp.com, e UNITED STATES ENERGY INFORMATION ADMINISTRATION, Country Analysis Brief. Caspian Basin, Washington D.C., January 2007, http://www.eia.doe.gov. 12 Ibidem. 13 UNITED STATES ENERGY INFORMATION ADMINISTRATION, Country Analysis Brief. Kazakhstan, Washington D.C., October 2006, http://www.eia.doe.gov. 14 UNITED STATES CENTRAL INTELLIGENCE AGENCY, CIA World Factbook 2007, https://www.cia.gov/library/publications/the-world-factbook/docs/rankorderguide.html. 15 BP, Statistical Review of World Energy 2007, cit., p. 8. 16 R. WINSTONE - R. YOUNG, The Caspian Basin, Energy Reserves and Potential Conflicts, cit., p. 38.

11

284

costituito per lo sfruttamento del giacimento (sia di petrolio che di gas) di Kashagan, il principale giacimento offshore 17 . Per quanto la regione centroasiatica stia diventando un importante fornitore di petrolio sul mercato mondiale, ancora pi rilevante il potenziale dellarea per quanto riguarda il gas naturale. Le riserve di gas di Kazachstan, Turkmenistan e Uzbekistan ammontano (secondo le statistiche di Bp e dellEnergy Information Administration americana Eia, relative al 2006) a circa 7.730 miliardi di metri cubi, pi o meno equivalenti a quelle dellArabia Saudita (il quarto paese al mondo per riserve di gas) e pari allincirca al 4 per cento delle riserve mondiali 18 . Turkmenistan e Uzbekistan sono i principali produttori di gas della regione: il primo ha sviluppato il proprio settore gasifero soprattutto a partire dal 2000, dopo lentrata in vigore di un accordo con la Russia che ha posto fine alla disputa esistente tra i due paesi sul prezzo di esportazione del gas turkmeno (che dipende quasi esclusivamente dalla rete di gasdotti gestita dalla russa Gazprom per raggiungere i mercati internazionali) e ha permesso al paese centroasiatico di diventare nel 2006 lundicesimo produttore mondiale di gas, con una produzione di 62,2 miliardi di metri cubi, pari al 2,2 per cento della produzione mondiale (poco pi del vicino Uzbekistan, che nello stesso anno ha prodotto 55,4 miliardi di metri cubi di gas) 19 . Nonostante nel paese siano presenti alcuni dei pi vasti giacimenti del mondo (in particolare Dauletabad e Shatlyk), essi sono stati sfruttati sin dagli anni Settanta e tendono quindi inevitabilmente ad esaurirsi: questo, unito alla mancanza di statistiche indipendenti sulleffettiva entit delle riserve di gas turkmene, getta non poche ombre sulle prospettive future del Turkmenistan come importante fornitore di gas naturale per il mercato internazionale, soprattutto in riferimento alla validit economica di alcuni nuovi progetti infrastrutturali per lesportazione del gas turkmeno. Diversamente dal Turkmenistan, lUzbekistan ha mantenuto livelli produttivi piuttosto alti anche durante gli anni Novanta (superiori ai 40 miliardi di metri cubi annui) concentrandosi sulla produzione per il mercato interno e per lesportazione verso i propri vicini Kirghizistan, Kazachstan e Tagikistan. Le sue vaste riserve (1.870 miliardi di metri cubi nel 2006) sono distribuite in 52 diversi giacimenti situati principalmente nel bacino del fiume Amu Darya (uno dei due affluenti del Lago dAral) e nelle regioni sudorientali del paese20 . Il loro sfruttamento tuttavia minacciato dalla scarsa disponibilit di investimenti stranieri nel settore, dopo che nel 2005 la compagnia statale Uzbekneftegaz ha sciolto il primo e unico production sharing agreement stipulato con una compagnia occidentale (la britannica Trinity Energy): al momento le uniche compagnie straniere impegnate
17 18

Ibidem, p. 21. BP, Statistical Review of World Energy 2007, cit., p. 22 e UNITED STATES CENTRAL INTELLIGENCE AGENCY, World Factbook 2007, cit. 19 BP, Statistical Review of World Energy 2007, cit., p. 24. 20 Ibidem, p. 22.

285

nelle attivit di esplorazione e sviluppo dei giacimenti uzbeki sono le russe Gazprom e Lukoil 21 . Le riserve gasifere del Kazachstan sono pi vaste di quelle turkmene e uzbeke (con 3mila miliardi di metri cubi nel 2006 il Kazachstan lundicesimo paese al mondo per riserve di gas, il secondo tra i paesi dellex Unione Sovietica dopo la Russia), ma sono composte prevalentemente da gas associato, e quindi sono state sfruttate relativamente poco visto che spesso il gas stato reiniettato nel sottosuolo per facilitare lestrazione del petrolio. Il paese infatti divenuto un esportatore netto di gas naturale solo nel 2005, con una produzione annua di 23,3 miliardi di metri cubi (23,9 miliardi di metri cubi nel 2006), meno della met della produzione dei suoi due vicini centroasiatici 22 . I dati presentati fanno riferimento alle statistiche disponibili per le riserve accertate di idrocarburi nellAsia centrale e nel bacino del Caspio: tuttavia il potenziale energetico della regione sembra essere molto maggiore, dato che molti dei giacimenti non sono ancora stati completamente esplorati. Le stime dellEia per il bacino del Caspio (che tuttavia non includono lUzbekistan) fissano le riserve petrolifere probabili a circa 184 miliardi di barili, che potrebbero portare le riserve complessive a un livello cinque volte maggiore di quello attuale e di poco inferiore alle attuali riserve dellArabia Saudita (che il primo paese al mondo e possiede il 15 per cento delle riserve mondiali), mentre le riserve probabili di gas naturale della regione sono stimate intorno agli 8.400 miliardi di metri cubi, e porterebbero le riserve complessive a oltre il doppio del livello attuale23 .
RISERVE DI PETROLIO (dati alla fine del 2006): miliardi di quota sul barili totale (%) Azerbaigian 7,0 0,6 Federazione Russa 79,5 6,6 Iran 137,5 11,4 Kazachstan 39,8 3,3 Turkmenistan 0,5 <0,1 Uzbekistan 0,6 <0,1 Totale ex-Unione Sovietica 128,2 10,6 Totale ex-Urss (esclusa Russia) 48,7 4,1 Totale Medio Oriente 742,7 61,5 Totale OPEC 905,5 74,9 Totale non-OPEC 174,5 14,4 TOTALE MONDIALE 1200,7 100,0
Fonte: BP 2007

rapporto riserve/ produzione (anni) 29,3 22,3 86,7 76,5 9,2 13,0 28,6 n.d. 79,5 72,5 13,6 40,6

UNITED STATES ENERGY INFORMATION ADMINISTRATION, Country Analysis Brief. Central Asia, Washington D.C., September 2005, http://www.eia.doe.gov. 22 BP, Statistical Review of World Energy 2007, cit., p. 22 e 24. 23 UNITED STATES ENERGY INFORMATION ADMINISTRATION, Caspian Sea Region: Survey of Key Oil and Gas Statistics and Forecasts, Washington D.C., July 2006.

21

286

RISERVE DI GAS NATURALE (dati alla fine del 2006): miliardi di metri quota sul cubi totale (%) Azerbaigian 1350 0,7 Federazione Russa 47650 26,3 Iran 28130 15,5 Kazachstan 3000 1,7 Turkmenistan 2860 1,6 Uzbekistan 1870 1,0 Totale Europa e Eurasia 64130 35,3 Totale Medio Oriente 73470 40,5 TOTALE MONDIALE 181460 100
Fonte: BP 2007

rapporto riserve/ produzione (anni) > 100 77,8 > 100 > 100 46,0 33,7 59,8 > 100 63,3

PRODUZIONE PETROLIO (migliaia di barili al giorno): 2001 Azerbaigian Federazione Russa Iran Kazachstan Turkmenistan Uzbekistan Totale ex-Unione Sovietica Totale ex-Urss (esclusa Russia) Totale Medio Oriente Totale OPEC Totale non-OPEC TOTALE MONDIALE
Fonte: BP 2007

2002 311 7698 3543 1018 182 171 9533 1835 21642 29031 45466 74496

2003 313 8544 4183 1111 202 166 10499 1955 23395 30884 46172 77056

2004 315 9287 4248 1297 193 152 11407 2120 24764 33175 47068 80244

2005 452 9552 4268 1356 192 126 11840 2288 25352 34068 47183 81250

2006 654 9769 4343 1426 163 125 12299 2530 25589 34202 47461 81663

301 7056 3794 836 162 171 8660 1604 23107 30857 44075 74932

quota sul totale (%, dati 2006) 0,8 12,3 5,4 1,7 0,2 0,1 15,3 3,1 31,0 41,9 58,1 100,0

PRODUZIONE DI GAS NATURALE (miliardi di metri cubi): 2001 Azerbaigian Federazione Russa Iran Kazachstan Turkmenistan Uzbekistan Totale Europa e Eurasia Totale Medio Oriente TOTALE MONDIALE
Fonte: BP 2007

2002 4,8 555,4 75,0 10,6 49,9 53,5 989,1 244,7 2524,6

2003 4,8 578,6 81,5 12,9 55,1 53,6 1024,7 259,9 2614,3

2004 4,7 591,0 91,8 20,6 54,4 55,8 1055,6 290,7 2703,1

2005 5,3 598,0 100,9 23,3 58,8 55,0 1060,0 317,5 2779,8

2006 6,3 612,1 105,0 23,9 62,2 55,4 1072,9 335,9 2865,3

5,2 542,4 66,0 10,8 47,9 53,6 967,7 224,8 2482,1

quota sul totale (%, dati 2006) 0,2 21,3 3,7 0,8 2,2 1,9 37,3 11,7 100,0

287

3. Lesportazione delle risorse: vincoli geografici, esigenze economiche e obiettivi politico-strategici Se vero che le risorse energetiche centroasiatiche hanno attirato lattenzione internazionale negli ultimi anni, la questione chiave da risolvere in questo particolare contesto riguarda la necessit di individuare corridoi e infrastrutture in grado di far arrivare efficacemente tali risorse sui mercati internazionali. La questione dellesportazione delle risorse energetiche situate in una regione priva di sbocchi diretti sui mari aperti infatti cruciale per la soluzione del problema della sicurezza energetica, intesa come possibilit di avere accesso a una quantit sufficiente di risorse energetiche a costi ragionevoli per il prossimo futuro, senza gravi rischi di interruzione delle forniture 24 . Tradizionalmente, gli idrocarburi provenienti dallAsia centrale sono stati trasportati per mezzo del sistema di oleodotti e gasdotti russo, costruito in epoca sovietica e controllato dalle compagnie statali Transneft e Gazprom. Si tratta di una rete di trasporto che risente pesantemente delleredit sovietica, caratterizzata da un sistema imperiale che imponeva alle risorse energetiche provenienti dal Caspio e dalle repubbliche periferiche il transito attraverso il territorio russo, per poi raggiungere i terminali situati sul Baltico e sulle coste ucraine del Mar Nero, oppure collegarsi alloleodotto Druzba, il principale canale di esportazione del petrolio russo verso lEuropa. In mancanza di gasdotti e oleodotti che collegassero direttamente il bacino del Caspio ai mercati di esportazione, la Russia ha quindi per lungo tempo mantenuto il controllo sul trasporto del gas e del petrolio al di fuori dellex-Unione Sovietica, e in particolare verso Occidente 25 . Tuttora la compagnia russa Gazprom detiene un sostanziale monopolio sullesportazione del gas centroasiatico (kazako, turkmeno e uzbeko), che viene convogliato verso nord attraverso i due rami del vecchio Central Asia-Center Pipeline costruito nel 1974 per poi immettersi nella rete di distribuzione russa e dirigersi in Ucraina. Un dato innegabile tuttavia riguarda lo stato di obsolescenza della rete russa di oleodotti e gasdotti: allincirca i tre quarti delle condotte ha pi di ventanni e quasi la met ne ha pi di trenta, richiedendo quindi nel complesso una vasta e costosa opera di manutenzione e riparazione della rete esistente, nonch lelaborazione di progetti di costruzione di nuove infrastrutture in grado di assorbire lincremento produttivo derivante dal crescente sfruttamento delle risorse estratte dal Caspio 26 .

G. BAHGAT, Central Asia and Energy Security, in Asian Affairs, 37, 2006, 1, p. 1. S.F. STARR - S.E. CORNELL, The Politics of Pipelines: Bringing Caspian Energy to Markets, in Saisphere 2005, Washington D.C., 2005, http://www.saisjhu.edu/pubaffairs/publications/saisphere/winter05. 26 H.A. SADRI - A.Y. VOLKOV, The Russian Pipeline System: Between Globalization and Localization, in East European Quarterly, 38, 2004, 3, pp. 383-384.
25

24

288

Fonte: EIA

289

3.1

La sicurezza energetica europea e le risorse centroasiatiche

Con riferimento alle risorse centroasiatiche, la questione della sicurezza energetica viene in effetti generalmente intesa in termini europei e pi in generale occidentali, come necessit di diversificare le fonti di approvvigionamento energetico dei paesi europei, alleviando la loro dipendenza dalle risorse provenienti dal Golfo Persico e da quelle che transitano sul territorio russo. In questo senso limportanza delle risorse del Caspio risiede non tanto e non solo nella loro entit, indubbiamente notevole ma non certo in grado di modificare in misura sostanziale la dipendenza energetica globale dal Medio Oriente, ma nella possibilit che esse raggiungano il mercato mondiale restando complessivamente sotto il controllo delle compagnie internazionali che hanno investito nella regione e degli stati esportatori, grazie a un adeguato livello di investimento non soltanto nello sviluppo delle risorse e della capacit produttiva, ma anche nella costruzione delle relative infrastrutture di trasporto in grado di evitare i cosiddetti chokepoints, le strozzature geografiche costituite in particolare dagli Stretti del Bosforo e dei Dardanelli tra Mar Nero e Mediterraneo, che rallentano il transito delle petroliere verso i mari aperti, e dallaltro le aree a maggiore rischio di instabilit politica 27 . Un primo passo verso lacquisizione di una maggiore indipendenza degli approvvigionamenti energetici europei dal vecchio sistema di trasporto sovietico stato compiuto nel 2001, con linaugurazione delloleodotto Caspian Pipeline Consortium (Cpc). Lungo 1.510 kilometri, da Tengiz, sulla costa orientale del Mar Caspio, fino a porto russo di Novorossijsk, sulla sponda nordorientale del Mar Nero, loleodotto Cpc stato realizzato come strumento principale per il trasporto del petrolio estratto dai giacimenti kazaki di Tengiz, di cui lamericana Chevron Texaco costituisce il principale operatore, sui mercati internazionali, con una capacit iniziale di 560mila barili di greggio al giorno. La decisione di esportare attraverso questo oleodotto anche il petrolio di altri giacimenti kazaki, in particolare di Karachaganak, ha fatto s che negli ultimi anni esso trasportasse fino a 700mila barili al giorno, e la sempre crescente produzione petrolifera kazaka ha spinto alcuni membri del consorzio che gestisce loleodotto a proporre un ulteriore ampliamento della sua capacit fino a raggiungere 1,3 milioni di barili al giorno entro il 2015 28 . Si tratta naturalmente di un primo passo molto parziale verso lindipendenza dal controllo russo, dato che loleodotto transita comunque sul territorio della Federazione Russa e lo stesso governo di Mosca possiede il 24 per cento delle quote di partecipazione allinterno del consorzio incaricato della sua gestione. Tuttavia va detto che loleodotto Tengiz-Novorossijsk stato il primo, nella regione, gestito da un consorzio internazionale istituito tramite un vero e proprio trattato multilaterale tra i governi di tre stati (Federazione Russa,

G. BAHGAT, Central Asia and Energy Security, cit., pp. 2-3 Caspian/Iraq Export Pipelines, in Middle East Economic Survey, 49, 2006, 52, http://www.mees.com.
28

27

290

Kazachstan e Oman) e otto compagnie petrolifere private (Chevron Texaco la principale e detiene il 15 per cento delle quote del consorzio) 29 . Tra laltro, loleodotto Cpc resta ancora il principale canale di esportazione del petrolio kazako: la questione dellespansione della sua capacit per la verit ha finora incontrato lopposizione del governo russo, che ha condizionato il suo consenso allaumento delle tariffe di transito e alla partecipazione dei membri del Cpc al progetto delloleodotto che dal porto bulgaro di Burgas sul Mar Nero dovrebbe estendersi fino alla citt greca di Alexandroupolis (oleodotto Bap). Nel settembre 2006 Russia, Bulgaria e Grecia hanno firmato un memorandum dintesa per raggiungere una decisione finale entro il 2007 sulla costruzione delloleodotto, che dovrebbe iniziare nel 2009-2010 e costare 1,3 miliardi di dollari, per una capacit iniziale di 700mila barili di greggio al giorno. Il progetto fa parte anche dellInterstate Oil and Gas Transport to Europe (Inogate), il programma finanziato dallUnione Europea per promuovere lintegrazione regionale dei sistemi di trasporto delle risorse energetiche e facilitarne il transito allinterno delle repubbliche ex sovietiche e verso i mercati europei 30 . In effetti la costruzione delloleodotto Bap come prosecuzione delloleodotto Cpc sullatra sponda del Mar Nero, pur non risolvendo il problema del transito del petrolio kazako su territorio russo, potrebbe costituire una valida opportunit in quanto risolverebbe almeno il problema del transito attraverso gli Stretti turchi. Una via alternativa verso ovest per il petrolio kazako costituita dalla possibilit di esportare il greggio attraverso il Caucaso grazie alloleodotto Baku-TbilisiCeyhan (Btc), che dal luglio 2006 scarica il petrolio azero ai terminali del porto turco direttamente sul Mediterraneo. In effetti, dopo ripetuti annunci in questo senso da parte del presidente kazako Nazarbaev, nel giugno 2006 il governo di Astana ha firmato un accordo che prevede il trasporto di 53 milioni di barili allanno via nave fino al terminale azero di Sangachal, da cui poi il petrolio kazako dovrebbe raggiungere il Mediterraneo proprio attraverso il Btc 31 . Per il momento il Kazachstan si impegnato a costruire una nuova flotta di petroliere destinate al trasporto del greggio attraverso il Caspio nellambito del TransCaspian Crude Oil Export System (o Kazakhstan-Caspian Transportation System, Kcto), un progetto di rete di trasporto multimodale destinata a collegare Kazachstan, Azerbaigian e Georgia e finanziata nellambito del programma Inogate. Questo sistema multimodale dovrebbe secondo le previsioni raggiungere la piena operativit tra il 2009 e il 2010, in coincidenza con lavvio della produzione petrolifera nel giacimento di Kashagan, e potrebbe raggiungere una
M. BRILL OLCOTT, Kazmunaigaz: Kazakhstans National Oil and Gas Company. Appendix II, James A. Baker III Institute for Public Policy of Rice University, Houston, March 2007, p. 75. 30 INTERSTATE OIL AND GAS TRANSPORT TO EUROPE, INOGATE Developments 20012004 and New Perspectives, Kiev, June 2004, p. 19, http://www.inogate.org/inogate/en/ resources/publications. 31 M. DENISON, Kazakh Decision to Join BTC Pipeline May Alter Delicate Regional Dynamics, in Central Asia-Caucasus Analyst, 28 June 2006, http://www.cacianalyst.org.
29

291

capacit di trasporto massima di 500mila barili al giorno. La possibilit di esportare il petrolio kazako attraverso loleodotto Btc, che si estende per 1.760 kilometri con una capacit attuale di 500mila barili al giorno (destinata a raddoppiare tra il 2008 e il 2009), sembra essere fondamentale anche per la validit economica dello stesso oleodotto caucasico, costato quasi quattro miliardi di dollari (un miliardo in pi del previsto): dati la dimensione e il ritmo di sfruttamento dei giacimenti di Azeri-Chirag-Gunashli, le prospettive di lungo periodo delloleodotto dipendono dalla possibilit di trasportare anche il petrolio kazako proveniente dai giacimenti di Kashagan, al fine di evitare il rischio di un prematuro esaurimento delle riserve petrolifere azere. Non deve sorprendere quindi che quattro compagnie petrolifere impegnate nello sfruttamento del giacimento di Kashagan (Eni, Total, ConocoPhilips e Inpex possiedono allincirca il 55 per cento delle quote dellAgip Kazakhstan North Caspian Operating Company) possiedano anche il 15 per cento delle quote dellAioc, il consorzio che gestisce loleodotto Btc. Il petrolio di Kashagan in definitiva potrebbe anche costituire la variabile determinante per leventuale realizzazione di un vero e proprio oleodotto transcaspico, proposto da pi parti, che sarebbe sostenibile sul piano economico solo nel caso in cui il volume del petrolio kazako trasportato giornalmente attraverso il Caspio superasse i 500mila barili e per il quale, comunque, sarebbe necessario anche il consenso di Mosca, che finora si sempre opposta alla sua realizzazione, ufficialmente adducendo ragioni di sostenibilit ambientale 32 . Lidea di esportare il petrolio kazako tramite loleodotto Btc ha ricevuto naturalmente il forte appoggio occidentale, degli Stati Uniti in particolare: non solo infatti, come si detto, la validit dellintero progetto Btc dipende dalla possibilit che a esso partecipi anche il Kazachstan, ma anche per il paese centroasiatico (e, soprattutto, per le compagnie petrolifere occidentali che operano nel paese) diventa sempre pi pressante lesigenza di trovare canali di trasporto alternativi in grado di assorbire lincremento produttivo atteso nei prossimi anni, dato che loleodotto Cpc non sembra avere capacit sufficiente per esportare il petrolio proveniente dal pi vasto giacimento del bacino del Caspio, quando esso avr raggiunto la piena operativit. E in questo senso, un sistema transaspico che colleghi i ricchi giacimenti kazaki direttamente al Mediterraneo attraverso Azerbaigian Georgia e Turchia con il non trascurabile doppio pregio, tra laltro, di evitare la strozzatura costituita dagli Stretti turchi del Bosforo e dei Dardanelli e di essere sottratto al capriccioso e imprevedibile controllo russo rappresenta una pedina fondamentale nel complesso della strategia centroasiatica di Washington, di cui la questione della sicurezza energetica europea parte integrante 33 . Tale strategia, attraverso la creazione di un corridoio di trasporto delle risorse energetiche sviluppato lungo la direttrice est-ovest, libero da
32 33

Caspian/Iraq Export Pipelines, cit. A. COHEN, U.S. Interests and Central Asia Energy Security, The Heritage Foundation, Washington D.C., November 2006.

292

interferenze russe e in grado di negare allIran la possibilit di proporsi come rotta di transito per gli idrocarburi del Caspio verso lOceano Indiano, mira a creare uno spazio continuo dalla Turchia attraverso lAsia centrale fino ai confini con la Cina che garantirebbe agli Stati Uniti quellaccesso diretto allheartland centroasiatico indispensabile in vista di una possibile presenza americana di lungo periodo nellarea 34 . Nellambito di questa visione strategica, la minaccia pi preoccupante, oltre a quella di un incremento degli oil swaps per mezzo dei quali il Kazachstan invia per ora modeste quantit di petrolio attraverso il Caspio fino al porto iraniano di Neka, evidentemente costituita dalla possibilit, ventilata dal governo di Tehran e dalla compagnia francese Total e ben vista dallo stesso governo di Astana, che il sistema multimodale transcaspico sia esteso anche alle sponde settentrionale e meridionale del Caspio, a comprendere quindi anche Russia e Iran 35 . Viceversa, il naturale completamento del corridoio energetico est-ovest costituito dal Kcts-Btc allinterno della strategia americana per la sicurezza energetica europea potrebbe essere la realizzazione di un gasdotto transcaspico che facesse confluire il gas centroasiatico nel gasdotto parallelo alloleodotto Btc (South Caucasus Pipeline, Scp), completato alla fine del 2006, che con una capacit prevista di 20 miliardi di metri cubi di gas allanno (8 miliardi di metri cubi allanno come capacit iniziale) dal 2007 porta il gas naturale estratto dal giacimento azero di Shah Deniz fino alla citt turca di Erzurum, dalla quale poi il gas confluirebbe nella rete di distribuzione del paese 36 . Nel corso degli anni Novanta la compagnia Shell aveva compiuto alcuni studi volti alla realizzazione di un gasdotto tra Turkmenistan e Azerbaigian, inevitabilmente accantonati a causa dellatteggiamento di chiusura del governo di Ashgabat nei confronti delle compagnie petrolifere occidentali. Tuttavia nel 2006 lidea stata riesumata da Stati Uniti e Unione Europea, con la differenza che a essere collegati al gasdotto Scp attraverso il Caspio sarebbero non i giacimenti turkmeni ormai vecchi e di incerta entit, ma quelli apparentemente pi promettenti del Kazachstan, paese indubbiamente anche meglio disposto nei confronti degli investimenti occidentali 37 . Leventuale realizzazione di un gasdotto transcaspico collegato al Scp sarebbe senza ombra di dubbio il naturale punto di partenza di un sistema che, collegandosi al progettato gasdotto Nabucco, possibile chiave di volta della politica energetica dellUnione Europea, porterebbe il gas del bacino del Caspio attraverso il Caucaso meridionale, Turchia, Bulgaria, Romania, Ungheria e

V. MACHAVARIANI, U.S. Policies and Russian Responses to Developing the East-West Transportation Corridor, in Central Asia-Caucasus Analyst, 18 June 2003, http://www.cacianalyst.org. 35 M. DENISON, Kazakh Decision to Join BTC Pipeline May Alter Delicate Regional Dynamics, cit. 36 Caspian/Iraq Export Pipelines, cit. 37 Ibidem.

34

293

Austria fino al cuore dellEuropa continentale, garantendo almeno nelle intenzioni la sicurezza energetica del Vecchio Continente nel medio-lungo periodo38 . 3.2 Going East: le risorse dellAsia centrale e i mercati asiatici

Questa visione sostanzialmente eurocentrica della sicurezza energetica deve per necessariamente essere rivista tenendo conto dellesistenza di altri potenziali mercati di esportazione delle risorse del bacino del Caspio, costituiti dai paesi asiatici: secondo le previsioni infatti nel 2015 la domanda di risorse energetiche dei paesi non appartenenti allOcse superer la domanda dei paesi Ocse, e di tale incremento saranno in gran parte responsabili proprio i paesi asiatici, la cui domanda di energia destinata a triplicare entro il 203039 . In particolare, Cina e India vedranno aumentare le proprie importazioni di idrocarburi per sostenere la propria crescita economica; gi nel 2004 la stessa Cina aveva sorpassato il Giappone come secondo consumatore mondiale di petrolio, alle spalle degli Stati Uniti. E quindi naturale che Pechino guardi agli idrocarburi del Caspio e dellAsia centrale come a una riserva particolarmente rilevante per la propria sicurezza energetica, costituita da risorse non appartenenti a paesi Opec, situate in una regione direttamente confinante con le province occidentali del paese e quindi trasportabili in modo relativamente sicuro via terra. Inizialmente lapproccio cinese al Grande Gioco per le risorse del Caspio stato caratterizzato da unenfasi sui legami bilaterali con i singoli paesi asiatici. Tuttavia la forte e ingombrante presenza russa nella regione centroasiatica ha spinto Pechino a cambiare strategia, impostando un approccio multilaterale e sostenendo una politica di cooperazione energetica nellambito della Shanghai Cooperation Organisation (Sco), di cui fa parte anche la Federazione Russa 40 . Parte di questa politica dovrebbe essere anche lo studio di proposte volte alla costruzione di oleodotti e gasdotti che colleghino i vari membri della Sco. Gi dal XVI Congresso del Partito comunista cinese, tenutosi nel 2002, in effetti Pechino ha iniziato a sviluppare una strategia energetica diretta verso occidente, impegnandosi in discussioni con le varie repubbliche centroasiatiche per la costruzione di condotte per il trasporto degli idrocarburi e per la conduzione di operazioni di esplorazione e sfruttamento in questi stessi paesi. I principali benefici che Pechino cerca di ottenere grazie alla propria politica di investimenti
B. OROURKE, Caspian: EU Invests in New Pipeline, in News and Analysis, Radio Free Europe/Radio Liberty, 27 June 2006, http://www.rferl.org; INTERSTATE OIL AND GAS TRANSPORT TO EUROPE, INOGATE Developments 2001-2004 and New Perspectives, cit., p. 12. 39 UNITED STATES ENERGY INFORMATION ADMINISTRATION, International Energy Outlook 2006, Washington D.C., 2006. 40 S. BLANK, Chinas Emerging Energy Nexus with Central Asia, in China Brief, 6, 2006, 15, pp. 8-10.
38

294

nel settore energetico dei paesi centroasiatici sono principalmente connessi da un lato alla possibilit di ridurre la dipendenza energetica del paese dalle forniture energetiche provenienti dal Golfo Persico, dallaltro lato alla minore vulnerabilit che il trasporto via terra attraverso il continente asiatico presenterebbe nei confronti della proiezione di potenza globale perseguita da Washington soprattutto per mezzo della propria flotta militare. La strategia cinese verso lAsia centrale e le sue risorse energetiche ha finora colto discreti successi: in buona misura il merito dellaccoglienza positiva che le repubbliche ex sovietiche hanno riservato alle iniziative di Pechino senza dubbio da attribuire al fatto che gli investimenti effettuati nel settore degli idrocarburi dalla China National Petroleum Corporation (Cnpc), la compagnia petrolifera di stato, rappresentano unopportunit importante per gli esportatori della regione centroasiatica per diversificare le direttrici del proprio export energetico. Dal punto di vista cinese, una componente importante nella strategia centroasiatica della Repubblica popolare (che condivide circa tremila kilometri di confine con Kazachstan, Kirghizistan e Tagikistan) inoltre rappresentata dalla necessit di favorire il mantenimento della stabilit al di l dei propri confini occidentali, esigenza fondamentale per la sicurezza nazionale cinese soprattutto in considerazione della difficile situazione di instabilit politica presente nelle regioni occidentali del paese, caratterizzate da spinte centrifughe 41 . Il governo di Pechino ha quindi un forte interesse a garantire la stabilit e la continuit dei regimi esistenti nelle repubbliche centroasiatiche, per quanto autoritari. Nellambito della propria politica energetica verso lAsia centrale, Pechino ha individuato il Kazachstan come interlocutore privilegiato. Sin dalla seconda met degli anni Novanta gli investimenti cinesi nel paese hanno subito un forte incremento: nel 1997 Cnpc ha avviato le prime attivit di esplorazione petrolifera, attraverso lacquisizione di una parte della compagnia locale Aktobemunaigaz, che gestisce le attivit di esplorazione e sfruttamento dei giacimenti petroliferi situati nella regione centrale di Aktobe; nel 2003 Sinopec e Cnooc (China National Offshore Oil Corporation) hanno cercato di intensificare la presenza cinese nel settore degli idrocarburi kazako offrendosi di rilevare la quota detenuta da British Gas allinterno del consorzio di sfruttamento del giacimento misto di Kashagan (tentativo fallito a causa dellopposizione degli altri membri del consorzio); due anni pi tardi, nel 2005, Cnpc ha rilevato la compagnia kazakocanadese PetroKazakhstan, acquisendo i diritti di sfruttamento dei giacimenti petroliferi di Kumkol, nel Kazachstan centrale, e del bacino del fiume Turgai, nel Kazachstan occidentale, e il controllo congiunto (insieme a Kazmunaigaz) del complesso di Shymkent, il principale impianto di raffinazione del paese 42 .
X. GUO, The Energy Security in Central Eurasia: The Geopolitical Implications to Chinas Energy Strategy, in China and Eurasia Forum Quarterly, 4, 2006, 4, p. 134, http://www.cacianalyst.org. 42 M. BRILL OLCOTT, Friendship of Nations in the World of Energy, in Pro et Contra, 10, 2006, 2-3, pp. 7-8.
41

295

La pedina fondamentale della politica energetica cinese per costituita delloleodotto sino-kazako, lungo oltre 3000 kilometri, che una volta completato collegher il terminale di Atyrau, sulla costa settentrionale del Mar Caspio, alla citt di Alashankou, nello Xinjiang cinese 43 . La realizzazione del progetto prevede tre fasi: la prima, completata nel 2003, ha collegato Kenkyiak, nella regione di Aktobe, dove Cnpc dirige le attivit di sfruttamento di alcuni giacimenti, al terminale di Atyrau tramite un oleodotto lungo 450 kilometri e con una capacit di 12mila barili al giorno. La seconda fase stata completata nel dicembre 2005 con linaugurazione di un oleodotto lungo 1.200 kilometri che si estende da Atasu, nellovest del paese, ad Alashankou, poco oltre il confine cinese. Loleodotto divenuto operativo nel luglio 2006 e attualmente ha una capacit di 200mila barili al giorno: al momento il petrolio esportato in Cina attraverso questa condotta proviene principalmente dai giacimenti del Turgai e di Kumkol, di cui come si detto Cnpc la compagnia operatrice. Tuttavia si tratta di giacimenti di dimensioni relativamente ridotte rispetto ai giacimenti situati nel bacino del Caspio, tanto che per poter sfruttare appieno il potenziale delloleodotto, almeno fin tanto che non sar completata anche la terza fase, si rende necessario individuare fornitori alternativi: a questo proposito nel corso del 2006 la compagnia russa Rosneft ha esternato in pi occasioni il proprio interesse a esportare il petrolio russo verso la Cina attraverso il Kazachstan, pi precisamente attraverso loleodotto di epoca sovietica che collega Omsk a Pavlodar, nel Kazachstan settentrionale, e infine ad Atasu, da dove confluirebbe nel nuovo oleodotto sino-kazako. I vertici di Rosneft hanno in effetti sostenuto che la compagnia russa potrebbe fornire alla Cina attraverso loleodotto AtasuAlashankou poco pi di 51 milioni di barili di petrolio nel 2007 44 . Tuttavia questa ipotesi incontra alcuni ostacoli, legati in primo luogo alla necessit di ammodernare e in gran parte ricostruire loleodotto sovietico, e in secondo luogo alla sostanziale diffidenza con la quale Mosca guarda alla politica di differenziazione dei mercati di esportazione perseguita da Astana come strumento per accrescere la propria indipendenza economica dallex madrepatria. La terza e ultima fase del progetto sino-kazako prevede la costruzione, a partire dal 2011, di un oleodotto tra Kenkiyak e Atasu, che dovrebbe collegare i giacimenti di Aktobe al complesso di Shymkent e ai giacimenti di Kumkol raddoppiando anche la capacit di trasporto dellintera infrastruttura, che dovrebbe raggiungere i 400mila barili al giorno ma soprattutto creerebbe un unico corridoio continuo dai pi ricchi giacimenti del Caspio direttamente fino al confine cinese. Anche in questo caso, come per il progetto Btc, la validit e sostenibilit economica del progetto sino-kazako sembra dipendere dalla possibilit che una parte del petrolio di Kashagan prenda la via della Cina; non a caso il completamento delloleodotto e il raddoppio della sua capacit sono previsti non prima del 2011, in coincidenza cio
43 44

Caspian/Iraq Export Pipelines, cit. Russian Oil Transit via Kazakhstan to China to Hit 51 mln bbl in 2007, RIA Novosti Business, http://en.rian.ru/business/20061031/55263095.html.

296

con lavvio delle attivit di estrazione e di sfruttamento commerciale del pi grande deposito petrolifero offshore del Kazachstan.

Il naturale complemento delloleodotto Atyrau-Alashankou costituito dal progetto di costruzione di un gasdotto che dovrebbe collegare Kazachstan e Cina. Nellagosto 2005 Cnpc e Kazmunaigaz hanno firmato un accordo per la sua realizzazione: il percorso del gasdotto non ancora stato precisato, mentre la sua capacit iniziale dovrebbe essere di circa 10 miliardi di metri cubi annui, destinata a triplicare una volta che il gasdotto avr raggiunto la sua piena operativit 45 . Un discorso analogo a quello appena descritto per la sicurezza energetica cinese pu essere fatto anche per lIndia, la cui economia destinata a crescere rapidamente nei prossimi anni, sostenendo a sua volta la crescita della domanda di risorse energetiche del paese. Lo stesso Primo ministro indiano Manmohan Singh dichiarava nel 2005 che la sicurezza energetica nella nostra scala di priorit seconda solo alla sicurezza alimentare 46 . Come la Cina, anche lIndia dunque
UNITED STATES ENERGY INFORMATION ADMINISTRATION, Country Analysis Brief. Kazakhstan, cit. 46 Citato in S. BLANK, Indias Energy Offensive in Central Asia, in Central Asia-Caucasus Analyst, 9 March 2005, http://www.cacianalyst.org.
45

297

interessata a ridurre la propria dipendenza dalle riserve energetiche del Medio Oriente e, soprattutto, dellIran, anche nel contesto della partnership che Nuova Delhi sta sviluppando con Washington. E questa esigenza di diversificazione delle fonti energetiche che determina linteresse indiano per le risorse centroasiatiche, interesse peraltro rafforzato da considerazioni di ordine diverso: nella possibilit di avere accesso al forziere energetico dellAsia centrale Nuova Delhi ravvisa infatti lopportunit di stabilire legami con i paesi dellarea allo scopo di rafforzare la propria sicurezza interna contro la minaccia costituita dal radicalismo islamico, di sfruttare il potenziale di nuovi mercati di sbocco per la propria produzione e pi in generale di espandere la propria influenza in unarea strategica per gli equilibri globali, in linea con la propria parabola di ascesa al rango di potenza mondiale. In questo contesto linteresse indiano si concretizzato in particolare nellappoggio a un progetto tanto innovativo e ambizioso, quanto fantasioso e azzardato, quel progetto di gasdotto transafghano (Trans-Afghan Pipeline, Tap) destinato a portare il gas turkmeno fino allOceano Indiano. Lidea di costruire un gasdotto attraverso Turkmenistan, Afghanistan e Pakistan risale gi alla met degli anni Novanta, ma linstaurazione del regime talebano a Kabul e il conseguente clima di ostilit internazionale e instabilit interna ne hanno inevitabilmente causato il preventivo accantonamento. La caduta dei talebani e il cambio di regime nellAfghanistan occupato dalle forze internazionali hanno condotto alla riesumazione dellambizioso disegno, e nel dicembre 2002 il presidente afghano Hamid Karzai e i suoi omologhi del Pakistan Pervez Musharraf e del Turkmenistan Saparmurat Niyazov hanno firmato laccordo che prevede la costruzione del Tap per un costo complessivo di 3,5 miliardi di dollari, sottolineando limportanza vitale di tale opera per dare slancio alle economie della regione. Per quanto leffettiva realizzazione del progetto sia inevitabilmente pregiudicata dal permanere di una situazione di diffusa instabilit regionale, esso stato salutato con un certo entusiasmo tanto dai governi dei paesi interessati quanto dalle istituzioni finanziarie multilaterali, in particolare lAsian Development Bank (Adb) e la Islamic Development Bank, che hanno concesso generosi finanziamenti, mentre nel 2005 il governo indiano ha espresso ufficialmente lintenzione di partecipare al progetto. Nel 2005 stato anche completato il relativo studio di fattibilit, commissionato dallAdb, che ha proposto la costruzione di un gasdotto lungo quasi 1.700 kilometri con una capacit di circa 33 miliardi di metri cubi allanno, che dal giacimento turkmeno di Dauletabad dovrebbe dirigersi a sud, attraversare lAfghanistan passando per Herat e Kandahar e il Pakistan passando per Quetta e Multan, per giungere infine alla citt indiana di Fazilka, poco distante dal confine indo-pakistano. In effetti dallo studio dellAdb emerge chiaramente la necessit di coinvolgere anche

298

lIndia affinch lintero progetto Tap possa considerarsi economicamente valido e sostenibile nel medio-lungo periodo 47 . Tuttavia, nonostante il diffuso entusiasmo e nonostante il cambiamento avvenuto negli ultimi anni nellorientamento degli Stati Uniti, ora favorevoli alla realizzazione del gasdotto soprattutto in contrapposizione alla possibile alternativa costituita da un gasdotto dal Turkmenistan al Pakistan attraverso lIran, il progetto Tap rimasto finora niente pi di unipotesi suggestiva. Sulla sua costruzione pesa soprattutto linstabilit afgana, ma va detto che la stessa India, nonostante il recente miglioramento nei rapporti bilaterali, piuttosto riluttante ad affidare nelle mani del Pakistan il proprio approvvigionamento di gas proveniente dallAsia centrale 48 . Su tutto poi incide anche lincognita relativa allimpossibilit di conoscere con relativa sicurezza e attraverso analisi indipendenti lentit delle riserve del Turkmenistan, che dovrebbero fornire il gas destinato a transitare nel Tap, e le reali capacit produttive del paese. 3.3 La posizione della Russia tra politica di influenza e monopolio energetico

Oltre ai mercati europei e a quelli asiatici, spesso si dimentica che sempre pi negli ultimi anni anche la Federazione Russa ha acquisito importanza come importatore, e non solo come paese di transito e concorrente nellesportazione, delle risorse energetiche centroasiatiche. Quello russo non solo un generico interesse a mantenere (o recuperare) spazi di influenza in quello che considera il proprio estero vicino, nel cui contesto il controllo su un settore vitale per le economie delle repubbliche di nuova indipendenza rappresenta uno strumento utilizzato per legare a Mosca i regimi locali e un complemento della politica di presenza politica e militare impostata dal Cremlino per mantenere la stabilit dellarea. A ben vedere per Gazprom la possibilit di importare gas naturale dai paesi centroasiatici fondamentale per sopperire al declino produttivo atteso nei giacimenti siberiani, molti dei quali sono in via di esaurimento, e per garantire le forniture energetiche allEuropa mantenendo la propria posizione di sostanziale monopolio. A tale scopo la Russia ha proceduto a stipulare una serie di nuovi accordi e a rinnovare (e rafforzare) quelli gi esistenti con i singoli paesi centroasiatici, in particolare Uzbekistan, Turkmenistan e Kazachstan. Al primo dei tre, allindomani degli eventi di Andijan Mosca ha promesso ingenti investimenti nel settore energetico, parallelamente a un trattato di reciproca assistenza militare che ha consentito alla Russia di riempire prontamente il vuoto lasciato dagli Stati Uniti, espulsi dalla base di Karshi-Khanabad. Con il Kazachstan, nellottobre 2006 la Russia ha creato una nuova joint venture per processare il gas estratto dal
47

S. BLANK, Indias Continuing Quest for Central Asian Energy, in Central Asia-Caucasus Analyst, 13 July 2005, http://www.cacianalyst.org. 48 Ibidem.

299

giacimento kazako di Karachaganak presso un impianto della Russia meridionale, assicurandosi quindi che una porzione rilevante del gas kazako venga poi esportata attraverso il proprio territorio (a un prezzo superiore di quello precedente: tra i 100 e i 140 dollari per 1000 metri cubi, contro i 47 dollari pagati precedentemente). Con il Turkmenistan, lo scorso settembre Gazprom ha infine raggiunto un accordo per limportazione di 50 miliardi di metri cubi annui di gas per il triennio 2007-2009, dovendo per cedere alle richieste di Ashgabat di aumentare il prezzo del gas importato da 65 a 100 dollari per mille metri cubi (comunque meno della met del prezzo al quale Gazprom rivende il gas ai paesi europei). Infine, durante una visita ufficiale in Kazachstan e Turkmenistan, nel maggio 2007 Putin, Nazarbaev e il neo-presidente turkmeno Berdymukhammedov hanno raggiunto un accordo preliminare per lampliamento e lammodernamento del Central Asia-Center Pipeline, il gasdotto di epoca sovietica che dal Turkmenistan e dallUzbekistan attraverso il Kazachstan si collega al sistema di distribuzione russo e che tuttora costituisce il pressoch esclusivo canale di esportazione del gas centroasiatico; il presidente russo, insieme con i suoi omologhi di Astana e Ashgabat, ha poi annunciato, in occasione della stessa visita, lintenzione, gi ventilata in passato ma finora mai rispettata, principalmente a causa dellatteggiamento capriccioso dellex presidente turkmeno Niyazov, di costruire un nuovo gasdotto lungo le coste del Mar Caspio, che dovrebbe far confluire in Russia volumi crescenti di gas turkmeno e kazako. Se finora Mosca ha cercato di perseguire i propri obiettivi in materia energetica attraverso il rafforzamento dei legami bilaterali con i paesi della regione, le ambizioni russe si indirizzano in realt verso lo sviluppo di forme di cooperazione energetica multilaterale. A questo proposito nei disegni russi la Sco riveste unimportanza del tutto particolare, e potrebbe diventare il nucleo di una sorta di Opec del gas che abbia in Mosca il suo centro, un nuovo club dellenergia che consentirebbe alla Russia non solo di influire sul prezzo mondiale del gas, ma anche di esercitare uninfluenza dominante sulle politiche energetiche degli altri produttori centroasiatici 49 . Le aperture lasciate intravedere da Mosca verso uneventuale partecipazione iraniana a pieno titolo alla Sco (ora Tehran partecipa al Gruppo di Shanghai con lo status di osservatore) possono intendersi anche come funzionali a contrastare il progetto, sostenuto da Washington, di gasdotto trans-afghano e a sostenere viceversa lipotesi di realizzare un corridoio energetico lungo la direttrice nord-sud diretto come il Tap verso Pakistan e India, ma attraverso lIran. La costruzione di un simile gasdotto non solo costituirebbe una delle opere infrastrutturali pi grandiose allinterno dellambizioso disegno russo, ma permetterebbe anche a Gazprom di avere accesso ai lucrosi mercati dellAsia meridionale.

S. BLANK, The Shanghai Cooperation Organisation as an Energy Club, Portents for the Future, in Central Asia-Caucasus Analyst, 4 October 2006, http://www.cacianalyst.org.

49

300

4. Le repubbliche centroasiatiche allinterno allineamenti e politiche multivettoriali

della

partita

energetica:

La complessa partita internazionale per laccesso alle risorse energetiche dellAsia centrale e il loro controllo ha inevitabilmente finito per inserire i paesi centroasiatici allinterno di queste difficili dinamiche regionali, obbligandoli a districarsi tra le diverse e a volte contrastanti esigenze di sviluppo economico, indipendenza politica, stabilit interna ed equilibrio regionale. Allinterno di questo contesto le repubbliche ex sovietiche hanno assunto atteggiamenti e impostato politiche diverse, ma tutte tese, almeno nelle intenzioni, a massimizzare i benefici derivanti dal crescente interesse internazionale per le risorse da essi possedute. I diversi gradi con cui questi paesi hanno saputo finora seguire politiche multi-vettoriali hanno determinato quanto ciascuno di essi ha potuto effettivamente trarre vantaggio dalla propria posizione di produttore ed esportatore di idrocarburi e in quale misura, viceversa, stato risucchiato nellorbita di questa o quella potenza. Sin dal 2001 lUzbekistan ha cercato di sviluppare una politica di apertura verso lOccidente, presentandosi come partner strategico degli Stati Uniti nella guerra contro il terrorismo: come risultato di questo avvicinamento, volto a consentire al paese di recuperare una maggiore autonomia nei confronti di Mosca, alcune compagnie petrolifere britanniche avevano potuto entrare in joint ventures con la compagnia petrolifera statale e firmare production sharing agreements per lesplorazione e lo sfruttamento di alcuni giacimenti del paese. Tuttavia gli eventi di Andijan del 2005 e soprattutto le critiche piovute sul governo di Tashkent dalle cancellerie occidentali hanno indotto il presidente Karimov a temere per la stabilit del proprio regime e a compiere una brusca inversione di rotta. Tashkent ha quindi ristrutturato la propria politica estera con un deciso riavvicinamento a Mosca e, in misura minore, Pechino, tanto che alla fine del 2005 Russia e Uzbekistan hanno siglato un trattato di assistenza militare che di fatto ha imbrigliato la politica estera uzbeka allinterno di uno stretto allineamento con Mosca. Al paese, quindi, rimasto poco spazio di manovra anche nel settore energetico, privato ormai degli investimenti occidentali, ancora poco interessante per quelli cinesi (che si sono concentrati finora nel pi ricco Kazachstan) e dominato inevitabilmente dalla presenza crescente delle russe Gazprom e Lukoil. Il tutto a scapito dellambizioso disegno di Karimov di fare del paese lo snodo fondamentale per il transito delle risorse energetiche allinterno della regione centroasiatica 50 . Diverso destino, ma non per questo pi favorevole, ha incontrato il tentativo spesso incoerente del Turkmenistan di sviluppare diverse alternative per lesportazione del proprio gas per alleggerire la necessit di dover esportare quasi esclusivamente attraverso la Federazione Russa. Ashgabat ha quindi esplorato
50

D. KIMMAGE, Central Asia: The Fate of the Multivector Model, Radio Free Europe/Radio Liberty, 2 June 2006, http://www.rferl.org.

301

tutte le possibili rotte per portare le risorse energetiche sui mercati internazionali 51 , compreso il gi citato gasdotto trans-afghano e un possibile gasdotto trans-caspico verso lAzerbaigian e la Turchia, nonch un gasdotto attraverso lUzbekistan e verso la Cina. Proprio con il governo cinese Niyazov ha firmato nellaprile 2006 un accordo per lesportazione di 30 miliardi di metri cubi di gas allanno a partire dal 2009 e per i successivi trentanni, attraverso un gasdotto ancora da costruire (ma che lex presidente turkmeno prevedeva di poter completare proprio entro il 2009). Il percorso di tale gasdotto ancora indeterminato, e sembra anche destinato a incontrare non pochi ostacoli, dato che i due paesi che esso dovrebbe attraversare prima di giungere al confine cinese (Uzbekistan e Kazachstan) sono entrambi concorrenti del Turkmenistan. Tuttavia la firma di un accordo che impegna Ashgabat e Pechino in tal senso una chiara indicazione della volont turkmena di giocare la carta energetica per massimizzare la propria libert di azione in campo internazionale e al contempo rafforzare la propria posizione nei confronti di Mosca. Una strategia, peraltro, che sembra essere portata avanti anche dal nuovo presidente Gurbanguly Berdymukhammedov, che ha ribadito nel gennaio scorso lintenzione di proseguire sulla strada per la Cina, ma ha altres salutato con favore, quattro mesi pi tardi, laccordo con Vladimir Putin relativo allampliamento e ammodernamento del Central Asia-Center Pipeline e alla costruzione del nuovo gasdotto lungo le coste