Sei sulla pagina 1di 27

Scuola di Alpinismo e Scialpinismo

Silvio Saglio

A cura di Max Pantani e di Er Capo

E venerd (finalmente):

Domani vado a scalare


Di per s una frase grammaticalmente corretta e anche, da un punto di vista contenutistico, lodevole sia nelle intenzioni, sia nel merito.

Non saremmo qui a fare un Corso CAI se fosse altrimenti.

Domani vado a scalare


anche una frase, per, che pone inquietanti interrogativi di natura filosofico esistenziale del tipo

Perch vado a scalare? l Con chi? l Dove vado? l Come ci vado? l Ecc.
l

A dire il vero, non ce ne fregherebbe niente (di tali questioni) se non fosse che ad alcune di esse sono indissolubilmente legati:

la nostra pelle (cosa a cui teniamo tutti, salvo i soggetti tendenti al suicidio) il nostro umore (dopo una settimana passata mestamente in ufficio / banca / falegnameria / miniera / ecc.) discrete possibilit percentuali di tornare a casa prima che i familiari allertino, nellordine:

n n n n n n n n n n n n

polizia carabinieri vigili del fuoco soccorso alpino guardia di finanza soccorso speleologico guardia svizzera reggimento alpino Cadore commissario Basettoni commisario Zenigada commissario Rex gli istruttori della SEM

E evidente che il

BUON SENSO
non si pu insegnare: o lo si ha oppure no.

Scopo di questa sera dimostrare che, in montagna,

chi ha del buon senso (e lo usa) ritorna a casa


pi facilmente e pi soddisfatto.

Senza pretendere di fornire illuminazioni filosofiche definitive, vediamo assieme

quali domande dovremmo porci


ci trasformiamo
al venerd sera quando, guardando lo zaino sul pavimento...

da Dr. Jeckill
prototipo di lavoratore/studente fantozziano e un po depresso

in Mr. Hide
prototipo di provetto alpinista ottavogradista

Perch
n n n

andiamo a scalare
Motivazioni personali
voglia di staccare con il quotidiano ricerca di bei posti, allaria aperta aspirazione ad un po di sano divertimento voglia di stare in compagnia ricerca della forma atletica allenamento per un obiettivo alpinistico ecc.

n n n

Perch

andiamo a scalare
Obiettivi specifici
n

nessuno, basta andare in un posto dove si mangia bene devo piantare la bandierina sulla cima di una montagna o di una via ambita devo migliorare il mio grado o le mie capacit tecniche ecc.

Con chi
n

andiamo a scalare
Il compagno di cordata
valutazione delle capacit alpinistiche: pi bravo, bravo come o meno bravo di me? affiatamento: vado con il solito compagno di cordata o con un compagno poco conosciuto? abbiamo le stesse motivazioni o lo stesso interesse? ecc.

Con chi

andiamo a scalare
Il gruppo
n n n n

c affiatamento? attenzione alla dilatazione dei tempi aspettarsi oppure no? principio di responsabilit dei pi esperti ecc.

Con chi

andiamo a scalare
La cordata a tre
n

progressione generalmente pi lenta migliore distribuzione dei materiali maggiori problemi... ma anche maggiori possibilit di risoluzione dei problemi stessi ecc.

Dove

andiamo a scalare
Falesia
n n

n n

al mare o in montagna? ci sono fix, spit, resinati... oppure chiodi piantati da mio nonno? quanto sono lunghi i monotiri (25/30/35 m)? quali difficolt devo aspettarmi? ecc.

Dove

andiamo a scalare
Mezza montagna
n n n n n

monotiri o pi tiri? corda intera o mezze corde? quale avvicinamento? c neve sulla discesa? ecc.

Dove

andiamo a scalare
Montagna
n n

n n n n n n n

siamo proprio sicuri? pericoli oggettivi e soggettivi: ci ho pensato? mezze corde e attrezzatura: ho tutto? tipo di roccia, stato della neve chiodatura e soste et di apertura della via punti di fuga discesa! ecc.

Quando
28
gennaio

andiamo a scalare
Stagione e previsioni meteo
n

n n

ricordarsene prima del venerd sera alle h. 24.00 informarsi su che tempo ha fatto nei giorni precedenti siti Web e altro ricorda: in inverno le giornate sono corte mooooolto corte ecc.

Quando
28
gennaio

andiamo a scalare
Condizione nevi e ghiacciai
n

importante anche (e soprattutto) se sto andando in montagna a scalare roccia! so che tempo far domani (pi o meno) ma so come stato il tempo ieri? E il giorno prima? valutazione delle condizioni ambientali complessive ecc.

Quando
28
gennaio

andiamo a scalare
Week-end o infrasettimana
n

nel mezzo della settimana si spesso da soli in parete/falesia nel week-end molte via classiche sono sovraffollate ecc.

Come
n n n

andiamo a scalare
Preparazione fisica/alimentazione
sono sufficientemente allenato? c un avvicinamento importante? ho nella panza carboidrati, grassi e proteine a sufficienza? ho riempito a sufficienza la borraccia per non avere visioni mistiche mentre sono in parete? sono sano di mente? ecc.

n n

Come
n n n n

andiamo a scalare
Materiali
porto scarponi e ramponi? da quanti anni non cambio la corda? avr freddo alle manine? quello che attacco allimbragatura mi rende autosufficiente? cosa ci faccio con i chiodi se non ho il martello? ecc.

Come
n n

andiamo a scalare
Conoscenze
ho idea di quello che vado a fare? so come ci si arriva e, soprattutto, da che parte si scende? so dove sono i rifugi o i bivacchi? so a chi telefonare quando scender la sera e io sar ancora al secondo tiro? ho scelto qualcosa di adeguato alle mie capacit? ho la cartina/guida/relazione del posto? ecc.

n n

gi gloriosa istruttrice di alpinismo della Scuola Silvio Saglio

Lasciare detto dove si va


n n n

n n n

Attaccate un foglietto sulla porta di casa Avvisate la mamma, i nonni o i parenti sudamericani Libro del rifugio: scrivete due righe ( la prima traccia che seguono i soccorsi) Parlate con il rifugista Lasciate la macchina in vista (anche per i ladri) Ecc.

gi gloriosa istruttrice di alpinismo della Scuola Silvio Saglio

Rispettare i tempi della scalata


n

Se dopo due tiri di corda lorologio segna le 18.00 forse il caso di scendere Ricorda: la velocit ormai considerata un importante fattore di sicurezza Non serve arrampicare o andare per ghiacci di corsa serve invece NON perdere tempo nelle manovre Come dice il saggio: meglio svegliarsi presto e tornare a casa che svegliarsi tardi e bivaccare Ecc.

gi gloriosa istruttrice di alpinismo della Scuola Silvio Saglio

Saper rinunciare
n

Meglio tornare 100 volte che non tornare pi (toccatevi pure) Ricordarsi che la montagna comunque resta l non ve la porta via nessuno Portere dietro maillon rapide, vecchi chiodi da roccia e da ghiaccio, cordini e moschettoni da lasciare eventualmente in parete Ecc.

gi gloriosa istruttrice di alpinismo della Scuola Silvio Saglio

Premunirsi contro la sfiga


e contro il bivacco imprevisto
n

n n

n n n

Fare lo zaino la sera prima (la mattina lalpinista non cosciente delle proprie azioni) Il telo termico e la giacca a vento Pila frontale !!!!!!!!!!! (con le pile cariche, altrimenti la usate come fascetta e ci giocate agli indiani) Il telefonino Un minimo di Pronto Soccorso La Bibbia (e anche un cornetto rosso)

gi gloriosa istruttrice di alpinismo della Scuola Silvio Saglio

Acquisire le info necessarie


n

Avvaletevi della tradizione orale (chiedete ad Oreste lumi sulla via che volete fare: sicuramente lha gi fatta 84 volte) Avvaletevi della tradizione scritta (comprate, fatevi prestare, fatevi regalare, rubate, fotocopiate o riscrivete voi il libro con la relazione della via) Avvaletevi della sperimentazione personale (quando andate in giro aprite gli occhi: di fianco alla via che fate oggi, magari c quella che vi piacerebbe fare domani) Ecc.

Conclusione Se restate a Milano... comunque rischiate:


n n

di essere investiti da un auto pirata appena mettete il naso fuori di casa di vedere un Boing 747 entrare dalla finestra di camera vostra di fare 3 ore e mezza di coda, in auto, allentrata dellIkea di azzerare la vostra Carta di Credito con azioni improprie di shopping ecc. ecc.