Sei sulla pagina 1di 6

Val Chisone LE PARETI DI ROURE

DISLOCAZIONE DEI SETTORI DI ARRAMPICATA

VILLARETTO
SE
ST
RI PILASTRO DI VIGNAL
ER
E
Km
30
BALMA CIMA DELLE
GRANGE

DI RORETO
E
L ON
V AL T CASTEL DEL BOSCO
DEL RCE
T I OU
RE B PIN
PA ER
OL
O Km
ALBAREA
LA ROUNC
25

PILASTRO DI VIGNAL
ROCCA MOREL

TORRE FALCONERA

CIMA DELLE GRANGE

FALESIA DELLE
GRANGE

D E

A1 F
E1
H I
C LM NO

B
CIMA DELLE GRANGE E PILASTRO DI VIGNAL 1400m ) Q R S
“Rocca dei Brun”Pilastro di Vignal
Cima delle Grange”
G
ACCESSO:

A
P
CIMA DELLE GRANGE E PILASTRO DI VIGNAL (Elenco vie)

N° NOME VIA SVILUP DIFFICOLTA’ NOTE DISCESA


PO
MAX OBBLIG
A VIA DEL DIEDRO  100 m 5c 5a Attrezzata A piedi
A. Morini, F. Michelin, A. De Poli, R. (4 L) 
Carignano
(nov. 79)
A1 VIA DELLO SPIGOLO 100 m 6a+ 5b Attrezzata A piedi
F. Michelin, F. Martinelli ( ott. 2007) (4L) 
B VIA DELLO SFRAPIOMBO  80 m 6a 5c Attrezzata A piedi
F. Michelin e G. Rossetto (apr.88) (2L) 
C VIA DEL CAMINO  70 m 6b 5c Attrezzata A piedi
F. Michelin, B. e W. Canepa (nov. 95) (3L) 
D OTTOBRE ROSSO  90 m 6b+ 5c Attrezzata Doppie 25 m
F. Michelin, B. e W. Canepa (nov. 95) (4L)  oppure a piedi
E VIA MICHELIN – DE POLI  100 m 5b 5a Attrezzata Doppie 25 m
F. Michelin, A. De Poli (dic. 79) (4L) 
E1 VENA DI QUARZO   10 m 5c 5a Attrezzata
F. Michelin, B. e W. Canepa (dic. 93) 
F GOCCE DI ACQUA  110 m 6b 6a Attrezzata
Michele e Ezio Ferrero 1999 (4L) 
G SPERONE DEL VENTO  130 m 6a 5b Attrezzata
R. Brun, 1999 (5L) 
H VIA DI TANGO 35 m 6a Attrezzata
A. Sorbino & C. (2L) 
I TIRAMISU' 90 m 6b /A0 6a Attrezzata
A,.Sorbino & C. (3L) 
L NABIR AL BAR 20 m 5c Attrezzata
A. Sorbino & C. 
M STRETCHING 20 m 5c Attrezzata
A. Sorbino & C. 
N ECLISSI DELLO SPIT 90 m 6a 5c Attrezzata
A. Sorbino & C. (4L) 
O VIA GAIDO – MARONE 90 m 4c Non attrezzata
(prima salita del Pilastro) (4L)
A. Gaido, M. Marone (nov. 78)
P LULU' E MARLENE   220 m 6b 5c Attrezzata
Riccardo Brun e Alain Gorlier (1997) (10L) 
Q DELIRIO DEI NANI 25 m 6a Attrezzata
A. Sorbino & C. 
R PROVA ANCORA FORSE 110 m 6a 5c Attrezzata
A. Sorbino & C. (4L) 
S PSICO SINTESI 90 m 6c 6a Attrezzata
A. Sorbino & C. (4L) 

NOTA: La VIA DELLO SPIGOLO (apertura recente) si raggiunge dopo aver percorso il 1° tiro della Via del Diedro

CIMADELLE GRANGE
FALESIA DELLE GRANGE 1400 m
3a
PUNTA FALCONERA

6a +
6a
TORRE FALCONERA
TORRE
5c /6a FALCONERA
5a 1200 m
5b
5b
6a+
5c
5b 5b

5a 5a
F
5b
4c
5a 6a
5b
6a
B 6a
? 6a+
5c
A 6b+ D 7 8 M. F
4b
4 5 6
1 5b
3
2
C
E
5c

Viadello spigolo
ACCESSO:
)

A Spigolo Ruffino – Pennacchio 200 m D+ (non attrezzata)


G. Ruffino, L . Pennacchio (autunno 1990)
B La tromba di Eustachio 200 m TD (parzialmente
A. Gaido, M. Corna, R. Geuna, N.Devenere (1979) attrezzata)
C La Mona 150 m D+ (attrezzata)
G. Ruffino & Cprimavera 1990)
D Diretta al grande cembro 160 m TD (parzialmente
G. Ruffino, B. Violi, L. Pennacchio (autunno 1990 attrezzata)
Via “Michelin – Rossetto” 260 m TD- (attrezzata)
E F. Michelin, G. Rossetto (novembre 1995)
Via del residuato bellico 140m TD- (attrezzata)
F F. Michelin, F. Martinelli (sett. 2005)

E VIA “MICHELIN - ROSSETTO” 


F. Michelin, G. Rossetto novembre 1995

RELAZIONE
SVILUPPO: 260 metri ESPOSIZIONE: Nord - Est
DIFFICOLTÀ:TD- (Obblig. 5b) Via attrezzata
TEMPO:ore 2,5 – 3,5
DISCESA: Scendendo leggermente sul versante opposto, si trova un ancoraggio che permette con una sola doppia da 25 metri di
calarsi al colletto dove termina il canale Nord che si può scendere a piedi fino all’attacco della via (tratti di 1° grado - 40 minuti)
E’ anche possibile scendere sulla via con doppie da 50 metri.

6a, passo 6b
PUNTA FALCONERA 1300 m 6b
5a
F VIA DEL RESIDUATO BELLICO 
5b
passo A0 settembre 2005)
6a,Martinelli
(F. Michelin, F.
6a 4c 6a
RELAZIONE 6c 4b 5b 5b
via del Residuato Bellico.
SVILUPPO: 160 metri (TOTALE 5b 400m
4c, con la5c
via Michelin - Rossetto )
6b
ESPOSIZIONE: Nord
DIFFICOLTÀ:TD- 5c (Obblig. 6a) 4c
5a
Via attrezzata
6b
TEMPO TOTALE:ore 6b 4-6 6a
DISCESA: Doppie da 25 sulla 5c via6a
fino nel canale che si scende poi a piedi fino nel bosco sottostante,
7b?
Attraversando poi a destra si ritorna
+ all’attacco della via della Torre Falconera.
6a 5b 5b
ROCCA 6b MOREL 1450
6a
m
Via di doi gabia).
4c
Via delle placche
6a
6b A
ACCESSO : B
5c E
A= VIA COL VENTO
D
C
B= VIA DELLE PLACCHE
C= SPERONE DELLA LIBERAZIONE
D= L’ARCO DEI FANTASMI
E= VIA DII DOI GABIA

A VIA COL VENTO 


1ª salita: F. Michelin, G. Rossetto, B. e W. Canepa aprile 1995
RELAZIONE :
SVILUPPO : 300 metri
TEMPO: ore 3 - 4
DIFFICOLTÀ : TD / TD+ ( Obblig. 6a ) Via attrezzata  (nuts e friends medi utili)

DISCESA :
A) Scendere lungo la cresta a sinistra per circa 40 metri poi calarsi con due doppie da 50 metri (partenza su pianta) alla sosta 4, da
dove si prosegue in doppia lungo l’itinerario di salita.

B) Dal pianoro sommitale scendere sul versante opposto alla parete e seguire il comodo sentiero che scendendo verso destra porta nel
vallone di Bourcet. Al termine del vallone si ritorna all’auto seguendo una stradina nell’inverso della Val Chisone (totale 1 ora).
Questa soluzione è consigliabile per abbinare la salita ad altre vie del vallone di Bourcet.

C) Seguire per un breve tratto il sentiero che scende sul versante opposto alla parete poi, quando questo svolta a destra, scendere
verso sinistra passando sopra ai salti rocciosi fino a raggiungere un canalone sul margine destro orografico della parete che
consente di ritornare alla base senza effettuare corde doppie (30 minuti / percorso non molto agevole).

B VIA DELLE PLACCHE 


1ª salita: F. Michelin, G. Rossetto ottobre 1995

RELAZIONE:

SVILUPPO : 200 metri


TEMPO:ore 2 - 3
DIFFICOLTÀ:TD / TD - (Obblig. 5b) Via attrezzata 
DISCESA: Doppie da 50 metri sulla via

NOTA: Nella primavera 2004, si è verificato un crollo sulla sinistra della via delle placche.
La frana non ha comunque danneggiato la via, che è stata in seguito più volte ripetuta.

C) SPERONE DELLA LIBERAZIONE 


M. Conti, M. Becciu 25 aprile 2003
RELAZIONE:
( E’ possibile fare una sosta intermedia alla pianta).
Dalla sosta 3 è anche possibile salire direttamente con bella ed esposta arrampicata raggiungendo poi a destra la
sosta 4 (6b, variante non attrezzata)
SVILUPPO:280 metri
TEMPO:ore 4 - 5
DIFFICOLTÀ:TD / D + (Obblig. 5c) Attrezzatura 
Materiale necessario:
DISCESA: Doppie da 50m sulla via, oppure si può raggiungere verso destra la sommità di Rocca Morel e scendere poi sulle doppie di
Via col Vento.
E’ anche possibile scendere a piedi nel canale che si trova sulla destra idrografica della via,
D L’ARCO DEI FANTASMI 
1ª salita: F. Segatel, M. Segatel, G Latini primavera 2007

RELAZIONE:

SVILUPPO : 200 metri


DIFFICOLTÀ:ED- (Obblig. 6b+) Via attrezzata Necessari 14 rinvii

DISCESA:

E VIA DII DOI GABIA 


1ª salita: Angelo Gaido e Mario Marone settembre 1976
(F. Michelin e E. Messina ottobre 2007)
ACCESSO:
RELAZIONE:
SVILUPPO:150 metri (+ 40 metri di canale)
TEMPO: ore 3 - 4
DIFFICOLTÀ:TD (Obblig. V, A1)
Via attrezzata con vecchi chiodi a pressione (ancora affidabili) nei tratti in artificiale e parzialmente attrezzata con chiodi tradizionali
nei tratti in libera 
MATERIALE NECESSARIO: 2 corde da 50 metri, 15 rinvii, una staffa, cordini, martello, quattro o cinque chiodi e alcuni friends
medi.
DISCESA: in doppia sfruttando le soste della via.