Sei sulla pagina 1di 11

A.R.I.F.S.

onlus Associazione per Ricerca e Insegnamento di Filosofia e Storia


ARIFS onlus, Casella Postale 103, 25100 Brescia. Tel. 348 5178633 E-mail: arifs@arifs.it Sito su Internet: www.arifs.it

Cesare Luporini La concezione della storia in Marx. (conferenza tenuta per un pubblico di studenti)
Brescia, 22 maggio 1984 c/o Quadriportico di Piazza della Vittoria

(trascrizione non rivista dallautore) Il tema la concezione della storia in Marx. Io prendo questo tema alla lettera, in certo modo in presa diretta. Questo vuol dire anche tenere distinto Marx dal marxismo o dai vari marxismi che gli sono succeduti, in forme che si sono chiamate ortodosse (e quando sono ortodosse vuol dire che ci sono anche delle eresie), che sono state importanti, certo, storicamente, particolarmente per la storia del movimento operaio internazionale, i marxismi che si ispirano, o dicono o dicevano di ispirarsi, a Marx, ma che non sono Marx. Questa una prima distinzione che credo importante, fondamentale. Esiste una bellissima, importantissima Storia del marxismo pubblicata da Einaudi in sei volumi, un'opera collettiva, internazionale; per il primo volume di questa storia, a mio parere, ha un titolo sbagliato, perch si chiama "Il marxismo al tempo di Marx; ecco, un marxismo al tempo di Marx poteva anche esistere (dal punto di vista logico non ci sarebbe nessuna contraddizione), come poteva esistere un aristotelismo al tempo di Aristotele; di fatto non c' stato, c' stato dopo. Il marxismo al tempo di Marx non c' stato, e certamente a Marx avrebbe ripugnato molto la parola stessa, la personalizzazione (come si dice freudismo, invece di psicanalisi), questa personalizzazione avrebbe ripugnato certamente al suo modo di vedere. Del resto noto che lui stesso diceva non sono marxista". Per forse intendeva un'altra cosa: non sono un capo setta, non sono un capo fazione. L'idea stessa di un marxismo non esisteva. Cominci - una singolare coincidenza storica - a esistere proprio immediatamente dopo la morte di Marx nel 1883, quando Kautsky fond una rivista in Germania, che doveva affiancare la socialdemocrazia tedesca e si chiamava la Neue Zeit (Il tempo nuovo), e disse che era il centro di raccolta della scuola marxista. Si pu quasi dire che il marxismo ha una data: comincia un mese dopo la morte di Marx. Io penso che oggi abbiamo interesse a rifarci a Marx direttamente, come dicevo, in presa diretta. Marx ha analizzato soprattutto la societ del suo tempo, il capitalismo (lui non adoperava questa parola, ma dopo entrata in uso; lui diceva "modo di produzione capitalistico, era sempre aggettivo; oppure c'erano i capitalisti", oppure c'era "Il Capitale", che il titolo pi famoso della sua opera pi importante). Comunque ha analizzato la societ della sua epoca, e la sua epoca. Ora, il nostro tempo molto diverso da quello analizzato da Marx; per nello stesso tempo la nostra epoca figlia di quella di Marx, ne discende direttamente: si tratta di vedere se Marx ha ancora qualcosa da dire, da insegnare, per esempio nel suo modo e metodo di analizzare le cose. Inoltre noi abbiamo unimmagine molto pi ricca del pensiero di Marx, e della formazione di questo pensiero, di quella che non avessero questi primi - chiamiamoli - fondatori del marxismo, o dei marxismi, perch in questo mezzo secolo sono state pubblicate tante opere, particolarmente del periodo pi giovanile di Marx, ma poi del Marx che, prima di essere comunista, era stato un radicale liberale, soprattutto pratico, poi un democratico, un democratico estremo, soprattutto teorico, e poi simmetricamente diventa comunista e scopre - diciamo cos - il materialismo storico. Ma poi anche altri materiali, molto recentemente pubblicati, del Marx pi maturo, del Marx della

critica dell'economia politica, particolarmente degli anni 1860-61-63, materiali interessantissimi, che ci danno un'immagine estremamente pi ricca, mossa, movimentata, di Marx, di quella che non ci fosse, supponiamo, alla fine del secolo o al principio del secolo, o ancora negli anni Venti, dopo la Rivoluzione d'Ottobre. Inoltre si pone subito un problema, che : dopo tanti decenni di discussioni, di interpretazioni anche passionali perch legate alla passione politica, come trovare oggi una giusta angolatura per questo approccio a Marx. Io penso che, prima di tutto, bisogna non deformarlo Marx, nel senso che non si pu farne, per esempio, un professore di filosofia o di economia politica o di teoria della politica, perch questo non stato n ha mai voluto esserlo (forse se avesse avuto un'altra vita, certo aveva una preparazione molto grande, anche accademica, universitaria). Ma insomma, lapproccio giusto quello di partire da quelli che furono i suoi reali interessi, che toccano certo la filosofia, l'economia, la politica, per per uno scopo preciso, che n pi n meno che quello di trasformare il mondo, la societ. Ed anche per questo che poi ha avuto unenorme influenza. Sono famose le sue Tesi su Feurbach, che Engels pubblic nel 1888 (erano appunti personali), che poi hanno fatto tanto discutere; l'ultima sonava: "i filosofi hanno interpretato il mondo in modo diverso; si tratta ora di mutarlo"; che una contrapposizione drastica, gi un po' enigmatica, perch ognuna delle due proposizioni chiara di per se stessa, il loro rapporto invece racchiude tutta la problematica di Marx. Non che voglia dire che Marx pensasse che il mondo non va interpretato, anzi; per in un modo che consenta di mutarlo. Il che significa che Marx non accetta l'esistente, che una critica dellesistente (non il primo n l'unico), ma una critica dell'esistente in modo tutto particolare. Quando diventa comunista, per esempio, non accetta nessuna delle concezioni comunistiche allora circolanti, e dalle quali inizialmente era molto distante, ma fonda un comunismo nuovo - Engels lo chiam un "secondo comunismo" -, che non si contrappone semplicemente alla societ esistente, che ormai quella capitalistica, post rivoluzione americana e francese, ma che cerca all'interno di questa societ una forza sociale - un soggetto sociale diremmo oggi - interessata a cambiarla, che Marx ritiene che abbia un interesse storico a cambiarla. Ecco, la cerca dentro questa societ ed , come tutti sanno, il proletariato industriale, figlio della rivoluzione industriale e del capitalismo moderno, cio figlio esso stesso di una rivoluzione. Non bisogna mai dimenticarsi che per Marx le classi rivoluzionarie (una potenzialmente e una non potenzialmente) sono due: la borghesia (e questa un'idea che lui ha mantenuto sempre, fino all'ultimo) e il proletariato, non il solo proletariato; quindi lui si opponeva a quelli che consideravano - per esempio la socialdemocrazia tedesca - la borghesia tutta una massa reazionaria" (espressione del famoso programma di Gotha) contrapposta al proletariato industriale; lui ha sempre considerato la borghesia come classe rivoluzionaria non solo perch ha fatto delle rivoluzioni politiche, perch queste ormai sono nel passato, ma perch rivoluziona il modo di produzione, perch portatrice appunto della rivoluzione industriale. Quindi una forza sociale che sta dentro la societ e dentro la storia: ecco che qui si affaccia il tema storia, unito a quella di societ. Marx, cio, vuol capire per agire. E capire che cosa? Capire quella che lui chiama la "attuale societ" ( un'espressione sua) appunto per agire, per cambiarla, partendo da forze che siano maturate entro il suo seno. E la vuol capire cos com, appunto per vedere com possibile cambiarla, attraverso quelle contraddizioni che lui crede di poter riscontrare all'interno di questa societ. E quindi vuol capire l'epoca presente senza veli ideologici (vedremo dopo cosa intende come ideologia). Ora, lepoca presente e la societ attuale (attuale al tempo di Marx) non sono uguali a quella del passato; sono per un risultato storico, sono il risultato di un processo storico.

Per qui siamo al punto pi delicato della concezione di Marx. Io, a un certo punto, ho combattuto lo storicismo e linterpretazione storicistica del marxismo e di Marx. Lattuale societ, cio quella dominata dal modo di produzione capitalistico, dal rapporto di capitale, che Marx esaminer in seguito, soprattutto appunto nell'opera cos intitolata - il Capitale -, cio quella dominata dalla forma di merce e dal capitale, non soltanto un risultato storico. Essa funziona anche di per se stessa, essa ha le proprie leggi di funzionamento e di sviluppo da scoprire, che gi gli economisti inglesi classici, Smith, ma poi soprattutto Ricardo, hanno cominciato a esaminare. Marx si pone in continuit scientifica - critica ma scientifica - con questi economisti classici inglesi; appunto una critica che lui intende portare avanti - vedremo dopo che cosa significa critica dell'economia politica in Marx, almeno nell'essenza. Cio, questa societ ha una forma propria (ed importantissima in Marx la nozione di forma), una struttura propria (in un senso generale del termine struttura), che tende a riprodursi, come tutte le forme e formazioni sociali precedenti tendevano a riprodursi. E' una delle cose che Marx mette in luce. E la riproduzione sociale, che avviene attraverso particolari istituzioni sociali, per esempio la famiglia (la famiglia tra la altre cose un fondamentale istituto per la riproduzione dei rapporti sociali), per Marx non meno importante della produzione sociale. Dunque questa societ va studiata per quello che . Perch dicevo che un punto molto delicato che spesso viene frainteso? Perch Marx parte dal presente, dall'idea, o dalla constatazione, che il presente non qualcosa di puntuale, un punto tra il passato e il futuro; ma c un sistema del presente - e c' sempre un sistema del presente, e in questo caso dell'attuale societ - che appunto tende a riprodursi, come tutte le societ, e le "formazioni sociali (Marx inventa questa formula, questa espressione) che ci sono state nel passato. Per specifico, per Marx, del sistema capitalistico che esso, oltre a tendere a riprodursi, tende ad espandersi, a svilupparsi, ad accrescere le proprie forze, prima di tutto la propria forze produttive, e che intanto ha gi creato, e da un pezzo ormai, un mercato mondiale, per opera dellInghilterra, che - era - il paese di punta di questo modo di produzione capitalistico. Nello stesso tempo questo sistema del presente, che si riproduce per le forze proprie cui ho accennato, un risultato storico, perch queste forze non ci sono sempre state, cos come sono ora, si sono accumulate storicamente, storicamente che hanno assunto la forma attuale, hanno dato lungo alla formazione sociale attuale. Quindi c' come una duplice radice del presente: una nel presente stesso come sistema e l'altra nel passato da cui geneticamente questo presente venuto fuori. Secondo me, capire questo punto, questa duplicit della radice, importantissimo per l'interpretazione di Marx. Ecco perch Marx non pu ridursi ad uno storicismo, che, sarebbe semplicemente vedere il presente soltanto come un risultato del passato. La storia stata un processo, e questo lo sapeva anche Hegel, quindi qualcosa che , per cos dire, venuto avanti; ma questo processo ha dato luogo a formazioni. sociali diverse, che si sono succedute attraverso trasformazioni e anche rotture; e in Occidente, particolarmente, il capitalismo "in grandi linee - dice Marx, un'altra espressione sua (macrostoria, si direbbe con un termine pi moderno) - uscito dal feudalesimo, questo a sua volta uscito dal modo di produzione antico, schiavistico. Quindi questo processo non un flusso continuo; ritmato e differenziato da queste formazioni sociali che si succedono. Certo, non che un giorno finisca una e cominci l'altra: una comincia dall'interno dell'altra; e spesso ci sono fatti esterni che interrompono questo processo, che creano regressi, stagnazioni, e cos via. Per a questo tipo di storicit che Marx affida lo studio delle successive formazioni sociali. Non quindi una filosofia della storia nel senso hegeliano. Questo uno dei temi su cui pi si attacca il marxismo. Marx ha sempre rifiutato, anzi ha ironizzato, ha esercitato sarcasmo sulla filosofia della storia in senso hegeliano. Come se ci fosse una ragione che governa il mando - per prendere l'espressione di Hegel - che ha un suo fine, una ragione finalistica, teleologica, che governa il mando, che ha una sua finalit da realizzare: lo spirito del mondo! Come se il dopo che

nasce dal prima fosse anche la scopo di quel prima! Marx rifiuta assolutamente questo tipo di filosofia della storia hegeliana, la rifiuta al principio e la rifiuta alla fine della sua attivit. Esiste s anche un finalismo oggettivo nella storia, ma il finalismo oggettivo frazionato: semplicemente il fatto, che si diceva prima, che ogni formazione sociale, una volta stabilita, tende a mantenersi. C' una specie di forza inerziale che tende a mantenerla finch non sono maturate forze disgregatrici dentro questa, che partoriranno la futura formazione sociale. Solo in questo senso c' un finalismo: quello di una formazione sociale; poi, intendiamoci, per Marx non sono dei soggetti questi, sono semplicemente dei modi riassuntivi; i soggetti operanti, agenti, sono sempre gli uomini. Ecco allora la storicit, la Geschichtlichkeit. Anche la nazione di storicit per noi sembra ovvia, per, in verit, una nazione moderna, che comincia in pratica in Hegel (c' in Hegel, in Schleiermacher); questidea, che ci sono dei fenomeni che sono per loro natura storici, un'idea moderna. Naturalmente l'idea di storia antica, ma appunto la storia come narrazione (ad es. Historiae fiorentine, o Tucidide), per lidea che ci sono dei fenomeni che sono per loro natura storici un'idea moderna, che si afferma prima di tutto in Hegel. Ma c' un altro significato, altre a quello del risultato storico, e cio l'idea della transitoriet: qualcosa storico sia in quanto un risultato di un processo storico, sia in quanto esser storico vuoi dire che non eterno, ma che transitorio. Certo, nella storia - storia umana naturalmente - come la vede Marx ci sono delle costanti, alcune, poche. Ma nessuna delle formazioni sociali cui ha dato luogo il corso della storia" - anche questa un'espressione marxiana - si stabilizzata per sempre, per il movimento delle forze interne. E quindi anche le categorie economiche, politiche, spirituali che via via le hanno dominate, e che la scienza deve scoprire, non sono eterne, sono anchesse delle categorie storiche, affette da questa storicit, da questa intrinseca storicit, perch dipendono dalle condizioni storiche nelle quali si sono prodotte e nelle quali si sono affermate, nelle quali sono entrate in opera. Questo fatto era completamente fuori dellottica degli economisti classici. Questo quindi uno dei primi - forse il pi importante - prodotto della critica dell'economia politica: cio gli economisti classici trattavano le categorie dell'economia come, in fondo, se fossero eterne; sapevano benissimo che si riferivano alla loro epoca, ma la loro epoca la vedevano come il perfezionamento pressoch assoluto di un processo di avvicinamento precedente dell'umanit. Allora, il corso storico, come dicevo, venuto avanti, ritmato da questa successione di formazioni sociali, sia pure con stagnazioni, catastrofi, processi interrotti (spesso per interventi esterni, per esempio di invasione di un paese da parte di un altro). Per noi, intellettualmente, per capirlo, lo dobbiamo recuperare andando all'indietro, per via differenziale. Questa l'altra novit che porta Marx. Perch? Che cosa vuol dire? Perch la societ presente, quella capitalistica, - secondo l'analisi di Marx - il sistema pi complesso e pi ricco di elementi, tra cui anche elementi residuati dal passato storico (per esempio la propriet fondiaria) assorbiti nel sistema. Ma pi ricco, pi complesso di quelli che c'erano stati prima; e nello stesso tempo - vedremo perch - il pi dinamico rispetto a tutti quelli che c'erano stati prima. Ora, Marx ha questa specie di assioma, del resto largamente condiviso, che dal pi complesso si capisce il pi semplice. C' la famosa affermazione che l'anatomia dell'uomo ci fa capire l'anatomia della scimmia, che lui ha enunciato assai prima di. Darwin; non c' nemmeno bisogna di ficcarci dentro un evoluzionismo di tipo darwiniano, anche se poi non in disaccordo; semplicemente questo appunto: dal pi complesso si capisce il pi semplice. Ecco dunque il metodo differenziale all'indietro: io recupero andando all'indietro la storia, per questo metodo differenziale, cio trovo gli elementi che sono comuni a tutte le formazioni sociali; ma molto pi importanti sono gli elementi differenziali. Ecco dunque una specie di rovesciamento dellottica sul processo storico. Poi a Marx preme, per ragioni soprattutto pratiche e politiche, capire la linea storica che ha portato al presente, quindi particolarmente (non esclusivamente, ma particolarmente) nellOccidente,

almeno nella prima e nella seconda parte del suo pensiero (il Marx pi maturo si interessa molto anche ad altre cose, cio a cose ancora precedenti, che vanno fuori del campo della linea della storia occidentale e delle sue formazioni sociali). Allora, gi a questo punto, si possono fare alcune constatazioni sul pensiero storico di Marx. Che intanto il discorso di Marx sulla storia e la storicit strettamente legato a quello sulla societ, sulle formazioni sociali: sono cio strettamente interdipendenti l'uno dall'altro, nel senso che gli accadimenti storici vanno visti come tali che si producono sempre all'interno di un sistema sociale (quelli che gli storici appunto, almeno gli storici della storia vnementielle come stata chiamata modernamente, quella dell'accadimento, quella che normalmente oggetto della narrazione), vanno visti all'interno dei sistemi sociali entro cui si producano. Daltra parte il discorso sul sociale risulta strettamente imbricato (non propria identico, ma strettamente imbricato) al discorso sull'economico. E qui siamo proprio nel cuore del materialismo storico o concezione materialistica della storia", che un'espressione che Marx non ha inventato (Marx, amava pochissimo le etichette ed in verit molto difficile etichettarlo), un'espressione inventata da Engels (per bisogna riconoscere che Marx l'ha accettata). Dunque, l'economico e il sociale sono strettamente imbricati tra di loro, sono quasi come due facce della stessa medaglia, anche se non proprio identici. Bisogner poi capire il luogo che prendono in questa visione il politico - o la politica - e lo spirituale - o il culturale. Ora, Marx ha rotto con Hegel e con le scuola hegeliane nelle quali si era formato (i giovani hegeliani della sinistra, innanzitutto) ed ha rotto anche con l'aiuto di Feuerbach, per poi voltando immediatamente le spalle anche a Feuerbach; ha rotto per fondare una scienza della societ e della storia autonoma dalla filosofia. Anche questo lo considero un punto di grande rilevanza; perch gi una mistificazione fare di Marx, come si diceva una volta soprattutto nei paesi latini, un "filosofo tedesco"; certo, Marx viene fuori dal seno della filosofia, intriso di filosofia, inoltre c' una ricaduta filosofica, ricaduta nel senso di fallow up del suo pensiero; per lui non intendeva fare il filosofo, ma anzi fondare una scienza che a un certo momento risulti completamente autonoma dalla filosofia; e quindi anche questo essenziale, se non lo si vuole travisare: non lo si pi tramutare appunto in un "filosofo", anche se c' una filosofia di Marx, come c' una filosofia di Machiavelli, come c' una filosofia di Galileo (per Galilei faceva lo scienziato, Machiavelli faceva il politico): la ricaduta, leffetto sulla filosofia. Marx polemizza, in particolare, con la filosofia speculativa in senso hegeliano - Hegel stesso chiamava la sua filosofia speculativa" -, che pretende di essere senza presupposti. E questa gi una critica che Feuerbach aveva rivolto a Hegel, cio la mistificazione che sarebbe contenuta nellidea e nella pretesa di fare una filosofia che partisse da se stessa, senza presupposti. Marx dice esplicitamente che egli presuppone, cio che la storiografia deve presupporre una cosa molto semplice che tutti conoscono, e cio gli individui umani viventi, coi loro processi di vita; non l'Uomo per, non l'Uomo con la maiuscola - ecco dove si distacca da Feuerbach: la Gattung, il genere sublimato speculativamente -, ma l'uomo al plurale, gli individui umani viventi, viventi in condizioni fisiche e ambientali date, anche se essi le modificano con la loro attivit, che sono comunque condizionanti della loro attivit. Quindi gli uomini sono condizionati appunto, prima di tutto, dalle condizioni fisiche e ambientali nelle quali nascono, sorgono, si muovano (e sono condizionati anche dalla propria fisicit: come gi diceva Aristotele, sono prima di tutto degli animali, degli animali di tipo particolare) e nelle quali loro sono attivi. Gli uomini, diceva Marx, si distinguono dagli animali perch producono da s i propri mezzi di sussistenza, modificando il proprio ambiente (non che si distinguano per il pensiero, la religione;

non che questo non ci fosse, per Marx, evidentemente; vedremo dopo anche in che senso). Modificano quindi la natura, l'ambiente circostante, attraverso il loro lavoro; e con questo modificano anche se stessi. C' almeno una parte dell'uomo che non fissa; c una parte che fissa, che sono le sue condizioni biologiche, per c' una parte, che oggi si direbbe culturale. Gli uomini hanno prima di tutto dei bisogni elementari da soddisfare, come del resto gli animali, per la loro sopravvivenza, che, in quanto bisogni elementari, sono sempre gli stessi, ora come diecimila anni fa: quelli del mangiare, del bere, del nutrirsi, la riproduzione, e cos via; anche se assumono via via forme storiche diverse, per sono quelli, e non altri, sono fissi, insomma sono delle costanti, sono una delle poche costanti. E in verit la storiografia deve sempre presupporre che alle spalle c' un uomo di questa natura. Poi l'evoluzione storica, per, produce bisogni nuovi, pi complessi, superiori. La soddisfazione di questi bisogni, prima di tutto di sopravvivenza, gli uomini la attuano sottomettendo, attraverso il loro lavoro, le forze naturali, cio forze strappate dal loro contesto naturale materiale. E lo fanno non isolatamente, ma lo fanno cooperando, cio vivendo in societ, vivendo associati in gruppi umani. Marx interpreta la zoon politicn di Aristotele nel senso proprio di animale sociale (anche se non completamente esatto, penso io, rispetto alla proposizione di Aristotele che veramente voleva dire, a mio parere, politico). Questa dunque la struttura materiale di fondo della societ, della societ in cui si combinano variamente, secondo le fasi storiche, le capacit produttive degli uomini e i mezzi di produzione. Mezzi di produzione vuol dire non solo gli strumenti che gli uomini hanno cominciato a formarsi dall'et della pietra, ma anche ci a cui gli strumenti materialmente si applicano, la terra ad esempio, e cos via. Quindi un materialismo che dovremmo dire storico-sociale, in cui la materia c'entra poco; o c'entra come oggetto; materialismo in quanto sono considerati i rapporti materiali, che hanno prima di tutto, come base - Marx la chiama base reale" - appunto questa natura, questa struttura. A questo punto bisogna domandarsi che cose la societ, per Marx, in generale. Ora, a Marx piacevano pochissimo i discorsi in generale; gli piacevano i discorsi specifici, cio applicati a una situazione, a una formazione sociale; per ci sono alcune, poche, costanti: ci sono alcune affermazioni di carattere generale, tra cui la risposta a che cos' la societ in generale. La societ in generale per Marx non un semplice aggregato di uomini, cio di individui (la categoria dell'individuo centrale, fondamentale, in Marx, sia dal punto di vista dell'analisi, sia dal punto di vista politico, dello scopo; ma questo il Marx politico, rivoluzionario, e lo lasciamo da parte), ma un insieme di relazioni tra gli individui; e questo centrale in Marx. La societ un insieme di relazioni di individui, quindi non esiste propriamente, come soggetto, mai, la societ, se non per espressione letteraria; il soggetto societ non c. Ci sono gli individui associati con le loro relazioni. Il tessuto relazionale quello che costituisce la societ. Questo un altro dei punti centrali di Marx. Cos' il tessuto relazionale? Quello che permette agli uomini di interagire - si direbbe oggi - tra di loro, cooperando. E ci che Marx chiama la prassi, la prassi sociale. Quindi c' questo primato della prassi sociale. I processi sociali, quindi i processi di questo interagire degli uomini tra di loro nella societ, che diventano storici, cio che danno luogo ad una evoluzione storica, sono prima di tutto processi pratici, i quali generano strutture, generano formazioni sociali, le quali, a loro volta, condizionano gli individui. Si potrebbe dire che il marxianesimo , prima di tutto, una scienza dei condizionamenti. (Per non sola il marxianesimo. Anche la psicanalisi di Freud prima di tutto una scienza dei condizionamenti, visti da un altro punto di vista dell'interiorit, chiamiamola cos, del singolo). E' prima di tutto (non soltanto, ma prima di tutto) una scienza dei condizionamenti; cio, dice Marx in una proposizione famosa: gli uomini, gli individui umani, producono s la propria storia, ma sempre in condizioni date, in cui ogni generazione di uomini viene a trovarsi, modificabili con la loro attivit, ma che prima di tutto li condizionano. Condizioni date, che non si pu fingere che non

esistano. E' ci che, a un certo punto, Marx chiama, con unespressione un po' ontologica, essere sociale: esiste un essere sociale, dato, di volta in volta. E c' l famosa espressione, che alcuni considerano espressione chiave del materialismo storico: non la coscienza che determina l'essere sociale, ma l'essere sociale che determina la coscienza. Cosa vuol dire? Che tutte le determinazioni che si trovano dentro ci che noi chiamiamo coscienza provengono dalla realt sociale. Naturalmente poi c' la ricaduta della coscienza nell'essere sociale; non che rimanga fuori. E poi, in quanto una coscienza pratica, influisce sull'essere sociale. Per il verso, diciamo cos, della determinazione comincia non dalla coscienza, come pensavano Hegel, gli idealisti, ecc., ma comincia appunto da questo vivere sociale, nei processi di vita della societ. Quindi anti-idealismo. Un materialismo in questo senso, cio un materialismo non in quanto parte da una nozione fisica di materia (questa Marx la lascia ai fisici); questa per Marx basta che in qualche modo esista. Ma lui non fa una scienza della natura, fa una scienza della societ, al centro della quale sta lattivit produttiva degli uomini per soddisfare i loro bisogni, prima di tutto quelli elementari. Sotto questo riguardo, le relazioni sociali hanno questa impronta: scientificamente considerate dice Marx - sono prima di tutto rapporti di produzione", cio i rapporti in cui gli individui si trovano a interagire tra loro nel produrre e riprodurre la loro vita associata, i loro processi di vita, prima di tutto quelli materiali, quelli pi elementari. Per anche qui bisogna stare attenti a non fraintendere, come spesso avviene, Marx. Perch questa che lui indica non una situazione originaria degli uomini, ma una situazione che gi essa stessa storica: la predominanza, nelle societ umane, di quelli che Marx chiama, nel senso anzidetto, rapporti di produzione", che poi danno luogo ai rapporti di propriet, cio al risvolto giuridico, presuppone gi un'evoluzione storica, che Marx fissa in due punti: fondamentalmente incremento della popolazione e incremento della produzione. I rapporti sociali originari degli uomini non sono questi, non sono i rapporti di produzione, bench gli uomini debbano vivere, quindi in qualche modo produrre (con la caccia, o la pesca, o la raccolta, quello che sia); ma una forma talmente elementare, che non pu ancora dar luogo a rapporti caratterizzanti la societ. I rapporti originari degli uomini sono semplicemente parentali, sono strutture parentali, che sono quelle dominanti nelle societ primitive (e tutti gli studi moderni antropologici, etnologici, hanno confermato questa tesi fondamentale di Marx). La preminenza dei rapporti di produzione, rapporti di propriet fra gruppi sociali che si sono diversificati secondo che dominino o non dominino i mezzi di produzione, questi rapporti di produzione, di propriet, si sono districati lentamente dagli originari rapporti parentali, e spesso hanno dato luogo, nelle societ antiche (pensiamo alla Gens romana, alla divisione ancora in trib che derivava da questa di Roma, oppure, non so, nell'Attica) a strutture parallele che sono convissute, finch quelle pi moderne hanno fatto scomparire quelle pi antiche; e di qui anche i famosi riformatori antichi, Solone e quelli che hanno dato istituzioni alla societ, che sono sempre espressione di rivoluzionamenti che erano gi avvenuti, nel seno, nelle struttura di queste societ. Quindi si sono districati lentamente con l'incremento della produzione attraverso la divisione del lavoro, concetto che Marx desume dalleconomia classica, dagli economisti classici. E allora sono nate le classi sociali, la possibilit dello sfruttamento (perch l'incremento della produzione d la possibilit che un gruppo sociale sfrutti un altro e quindi lo domini), il bisogno della politica e poi dello Stato, che quindi per Marx non sono rapporti eterni, sono rapporti che si sono formati (anche questo confermato oggi dall'enorme sviluppo degli studi della societ primitive, che possono andare avanti per secoli a per millenni senza che esista qualcosa che somigli alla nostra politica. Magari ci sono dei capi, ma in generale non hanno nulla che assomigli al potere e al dominio politico come li vediamo nelle nostre societ di classe). Quindi nasce la politica, la statualit, nascono gli ordinamenti giuridici, la separazione del pubblico dal privato, e cos via.

E nascono le forme antagonistiche o potenzialmente antagonistiche - in quanto c una classe che domina le altre, oppure un'alleanza di alcune che dominano le altre - che caratterizzano appunto le grandi civilt umane; risultati storici dunque e non eterni. La nostra linea di sviluppo occidentale, fondamentalmente, per Marx: il sistema schiavistico antico, il sistema feudale e quello capitalistico. Ecco la progressivit. Marx non adopera quasi mai (io non ricordo) la parola progresso; per, invece, c l'aggettivo progressivo. Ma la progressivit delle formazioni sociali, che corrispondono a modi di produzione diversi, almeno nella linea storica che conduce a noi nell'Occidente, consiste nel fatto, constatabile empiricamente, che, nonostante le fasi di stagnazione, di regresso, e cos via, (sempre in quest'ottica di macrostoria, che dicevo) del sempre maggiore dominio tecnico-scientifico dell'uomo sulla natura, cio sulle forze naturali. Questa la progressivit: ogni formazione successiva, almeno al suo apice, rappresenta una fase ulteriore di progresso. Ma questa ha raggiunto nel sistema capitalistica unenorme e decisivo sviluppo, come non aveva avuto nelle formazioni sociali precedenti. E' qui, in questa societ a forma antagonistica, cio divisa in classi, che abbiamo distinto fra questa base economica e invece le forma politiche, giuridiche. Marx, noto, a un certo punto, distingue fra struttura economica e sovrastruttura politica e giuridica, che quella che cementa, tiene insieme, possiamo dire, quegli elementi costitutivi della struttura economica, che poi fatta di rapporti di produzione, che sono gi rapporti tra gli uomini e le forze produttive messe in opera. A questa punto ci possiamo domandare: ma che posto ha la coscienza, che posto ha tutto ci che tradizionalmente si raccoglie sotto questo termine? Ecco, qui si tocca un altro punto cruciale, cio la critica di ci che Marx chiama ideologia, prendendo questo termine da una certa scuola filosofica, ma cambiandogli completamente significato, termine che poi ha avuto unenorme fortuna. (Oggi tutti parlano di ideologia, dicono che il marxismo un'ideologia; e ideologia ha preso anche significati diversi da quelli originari di Marx). Anche qui bisogna vedere con una certa cura. Per Marx intanto c' la coscienza pratica e immediata - che si realizza prima di tutto nel lavoro umano, in ogni individuo di una societ in cui si produce - pratica-immediata, che per contiene un elemento riflesso, e cio la rappresentazione del fine, che ogni singolo che lavora o partecipa a una cooperazione del lavoro si rappresenta. Nel Capitale c' la famosissima contrapposizione tra l'ape che costruisce l'alveare e luomo: la differenza che lape fa una costruzione perfetta dal punto di vista dell'analisi infinitesimale (l'angolo delle celle, e cos via), per non che si possa dire che ne ha una rappresentazione, qualcosa di istintuale che la parta a questo; la pi rozza capanna che si costruisce l'uomo - dice Marx - prima di costruirla nelle cose, se la rappresentata nella mente, cio appunto c' la rappresentazione del fine. Quindi c questo fatto tecnico; e questa la coscienza pratica, immediata. Per ci sono la forme sociali della coscienza, dalla pi rudimentali alle pi sofisticate, le grandi religioni storiche, le filosofie, che sono anch'esse un prodotto della divisione del lavoro e che corrispondono in qualche modo all'essere sociale, alla struttura e sovrastruttura, che cambiano di epoca in epoca. Dice Marx - un'altra proposizione famosa - come non si giudicano gli individui da ci che essi pensano di per se stessi, altrettanto vale per le epoche storiche e la societ storiche: non che si possano giudicare da quello che pensavano a dicevano di se stesse, ma bisogna vedere, scoprire, quali erano i processi reali, da cui sortivano anche queste idee. Ora, nelle societ antagonistiche le classi dominanti producono a fanno produrre - diciamo - dai loro intellettuali delle idee che, in un modo o in un altro, diventano idee dominanti (anche se in genere non penetrano mai fino in fondo le classi subalterne, ma questa fu Lenin a osservarlo piuttosto che Marx), e quindi che sono illusionistiche, che i filosofi perfezionano spesso creando quella che poi Engels chiam falsa coscienza, cio una coscienza illusoria, sbagliata. Qui ideologia si contrappone a scienza, evidentemente. Per lideologia anche funzionale; non c societ umana senza ideologia, dice Marx, perch negli uomini tutta la loro attivit, comunque, passa attraverso la coscienza, cos come storicamente e cos come si viene trasformando storicamente, e quindi passa attraverso le forme ideologiche,

(vedete un'altra volta limportanza del termine forme) le forme sociali ideologiche; ed attraverso queste poi che gli uomini - dice Marx - combattano le loro lotte, per esempio le loro rivoluzioni quando ci sono, quando si producono delle epoche rivoluzionarie. Per Marx le rivoluzioni non si possono fare a piacere solo perch non si contenti della societ presente: bisogna che ci sia qualcosa che sia un'epoca rivoluzionaria, che contenga cio gli elementi di trasformazione, ovvero delle contraddizioni cos forti da contenere elementi e forze sociali per la trasformazione; queste epoche hanno delle fasi, si chiudono; e Marx estremamente ostile ai rivoluzionari che vogliono fare sempre e comunque la rivoluzione. Si tratta allora di far convergere in un futuro storico forse lontano il pi possibile ideologia e scienza. Comunque si tratta sempre degli individui umani associati, gli individui sociali, essi sono gli agenti; anche quando si parla di classi, dietro le classi bisogna vedere gli individui che le compongono, e le condizioni reali in cui si trovano gli individui che compongono le classi: le classi non si muovono quasi mai compattamente, hanno certe radici nel processo produttivo, ma in genere poi si muovano per frazioni, per parti, con determinazioni anche ideologiche, e cos via. Detto tutto questo, che ha una validit molto generale per la concezione della storia, Marx contrappone in modo radicale il modo di produzione capitalistico, cio il capitalismo, a tutti quelli che lo hanno preceduto, ed all'ultimo dei quali, dal cui seno uscito, perch il modo di produzione capitalistico caratterizzato dalla separazione, cio dalla distribuzione su classi sociali diverse da una parte del potere o del comando sopra i mezzi di produzione, che comincia dalla propriet di questi mezzi di produzione, e dall'altra parte dalla massa della forza lavoro cio dal lavoro salariato. Ora, una separazione cos radicale, di questo genere, non c' mai stata prima nella storia. Cio, il lavoratore, diciamo cos, ha sempre avuto una parte almeno dei mezzi di produzione (nella manifattura, ancor pi nell'artigianato, o il contadino) a sua disposizione. Invece proprio il sistema capitalistico dominato e caratterizzato da questa separazione e distribuzione su gruppi sociali diversi; il che voleva dire che ci doveva essere per la sua origine una massa di lavoro disponibile, di forza lavoro disponibile, disoccupata, che veniva fuori da processi di degradazione di altre attivit produttive. E' questo che caratterizza il dominio e lo sviluppo del capitale industriale e della produzione industriale, anche rispetto al precedente capitale mercantile, che si era accumulato per attivit mercantili e che non affatto necessariamente legato (per esempio nelle citt medievali) a questa caratteristica della produzione capitalistica, che segue alla rivoluzione industriale, alla rivoluzione delle macchine, prima di tutto quindi in Inghilterra. E ci d luogo ad un fatto nuovo nella storia, e cio all'esistenza di un meccanismo economico, che tende ad essere autonomo, a svilupparsi secondo le proprie leggi e tendenze, che Marx studia, un meccanismo autonomo nel suo svolgersi e nel suo riprodursi come non c'era mai stato nella storia. Il capitalista in linea di principio non ha bisogno di dominare politicamente la societ per dominare la societ! Gli basta avere il comando sulla produzione per dominare nella societ. E quindi i politici diventano un gruppo sociale a parte, al suo servizio; mentre nelle formazioni sociali precedenti la classe dominante era dominante nello stesso tempo economicamente e politicamente, cio doveva esercitare il dominio politico diretto, perch solo attraverso il dominio diretto la stessa persona (il signore feudale, mettiamo) poteva tenere insieme la riproduzione di questa formazione sociale: non bastava l'economia di per se stessa. Voi vedete quindi come l'economia non abbia sempre una funzione uguale in Marx: cambia secondo la formazioni sociali; nella societ primitiva ne ha pochissima, il minimo - tanto vero che non determina nemmeno la formazioni sociali-; nelle altre formazioni, di societ antagonistiche, sempre connessa col politico, perch solo col politico si riproduce. Ecco, in linea di principio il

capitalista moderno non ha bisogno di fare lui direttamente il politico; ha bisogno di avere dei politici al suo servizio, ma non di fare lui il politico. E difatti, anche oggi, fa sempre una strana impressione quando un capitalista, direttamente, va a fare l'uomo politico. Questa la caratteristica del capitalismo, che viene fuori dal fatto che il meccanismo economico ha una sua vita autonoma e che consente un dominio della societ indiretto, in cui la politica ha (o avrebbe) sola una funzione ausiliaria. Naturalmente questa vale soprattutto per la societ e la Stato che Marx analizzava ai suoi tempi, che era il capitalismo della libera concorrenza, dello stato minimale. Oggi le cose sono cambiate, per sono cambiate in un processo continuativo, non con una rottura. E d'altra parte questo processo continuativo legato a unaltra caratteristica del capitalismo (adoperiamo questo termine, anche se a Marx non sarebbe piaciuto), e cio al fatto che il sistema capitalistico, per mantenersi, deve rivoluzionare continuamente se stesso soprattutto attraverso l'innovazione tecnologica. Ha delle crisi - ecco l'altra scoperta della critica dell'economia politica di Marx -, che non sono un fatto che si aggiunge casualmente, sono crisi organiche, attraverso le quali il capitalismo si ristruttura e si rinnova. Quindi da una parte Marx pensa che questa contraddizioni interne lo porteranno ad un certo momento non proprio al crollo (perch l'idea del crollo non sua), ma certo a una crisi finale, per nella stesso tempo sono la sua forza, costituiscono la sua grande forza espansiva, che appunto ha dato lungo al mercato mondiale. La storia universale di Hegel si realizzata, ma si realizzata partendo da queste strutture, cio s' realizzata come mercato mondiale; l'ha creata prima di tutto l'Inghilterra, quando cre un mercato mondiale: allora nata veramente la Weltgeschichte. Quindi il sistema capitalistico rivoluziona continuamente se stesso attraverso la crisi, le ristrutturazioni. E vedete che questo, un po, lo stiamo vivendo anche oggi; sono i grandi punti interrogativi che stiamo vivendo anche oggi. Se una dovesse a questo punto, per finire, chiedere: qual lerudit scientifica di Marx? L'eredit scientifica di Marx in questa cose che si sono dette. E quando dico eredit scientifica non intendo dire verit assoluta: tutte le verit scientifiche sono scientificamente discutibili, perch altrimenti sarebbero verit religiose, metafisiche, quello che si vuole, ma non scientifiche. L'ultima parola che il modo di produzione capitalistico l'ultima forma antagonistica della societ: in fondo poi il punto da discutere, anche da discutere suddividendolo, sarebbe questo. Prima di tutto vero che ci sono state nelle grandi civilt forme antagonistiche? Sembra difficile negarlo; ma c anche chi lo pu negare. Poi: vero, e in che senso vero - perch questa proposizione di Marx potrebbe essere vera anche in un senso diverso da quello di Marx - che si trasforma dal di dentro fino a diventare non pi antagonistica? C' oggi chi lo ritiene. E cos via. Questa l'eredit scientifica. C' poi un'eredit etico-politica. Io faccio solo un accenno. Quel meccanismo economico basato sul valore di scambio, cio sul dominio generalizzato della merce, della forma di merce, genera la mercificazione di tutti i rapporti, quello che alcuni chiamano alienazione degli uomini, fino al punto che la forma di merce sembra che quasi diventi essa stessa il soggetto della storia, quindi come una seconda natura, una potenza che nasce dallinterno delle strutture della societ, ma che anche una potenza estranea ai singoli individui che opera sulle loro coscienze (per esempio Marx non ha conosciuto quel fenomeno che noi chiamiamo consumismo, in cui propria la forma di merce cerca di plasmare le coscienze degli uomini in modo da riprodurle e da espanderle e riprodurre cos il sistema). Per c questo antagonismo, secondo Marx, tra i meccanismi economici, che superano le volont degli individui, perch il capitalismo potrebbe esistere anche senza capitalisti, in quanto il capitalismo caratterizzato da quella separazione, e

potrebbero esserci societ capitalistiche, Stati capitalistici, e il lavoro, quello che oggi si chiama lavoro dipendente, che non dispone del comando sopra i mezzi di produzione. Marx lascia in sostanza due messaggi, uno scientifico e uno etico-politico: che i processi di vita degli uomini non sono basati sul valore di scambio, sono basati sopra i loro bisogni e aspirazioni individuali, sopra i valori d'uso (chiamiamoli cos, in un senso anche lato), e che comunque questo potere del meccanismo economico qualcosa da cui lui pensa che il genere umano debba riscattarsi. Come? Tornando indietro? No, Marx questo non lo pensa, lo escluderebbe (anche se oggi ci sono invece tendenze che dicono: questa societ brutta, torniamo indietro); non in questo senso, ma controllando collettivamente (anche se la parola collettivamente Marx l'adopera molto poco, e pu essere sorprendente per i nostri orecchi; la conosce, quindi non che non l'adoperi perch non la conosce; quasi sempre, nelle traduzioni in lingue latine, quando viene tradotto collettivo, in genere genossenschaftlich: e la Genossenschaft la compagnia, la comunit; una sfumatura, se volete, semantica; per nel collettivo sparisce l'individuo; nell'immagine di Marx del genossenschaftlich non sparisce mai l'individuo: questa la differenza) i processi economici e sociali per liberare gli individui. La libert di ciascuno come condizione della libert di tutti - dice Marx -, non viceversa. Quindi vedete come tiene sempre d'occhio l'elemento individuale. Non un individualista nel senso borghese, perch per lui quella un'ideologia e l'individuo si pu isolare nella societ solo dove c' una societ molto sviluppata e quindi presuppone la societ, ma in questo senso diverso di emancipazione, liberazione. E attribuisce appunto alla classe rivoluzionaria questa compito universale di emancipazione a partire dallemancipazione del lavoro, dunque dominando e controllando i processi produttivi. E' quella che lui chiama, con una formula spesso un po' irrisa, regno della libert, che si dovrebbe instaurare su quello della necessit (quello della necessit, economico, che non pu essere soppresso), che sarebbe poi questo controllo e quindi lo sviluppo delle personalit degli uomini associati (riprende questo termine rousseauiano dell'associazione degli uomini) che si instaura. Marx crede in questo senso liberatorio dalle costrizioni, e in questo senso indirizza il suo comunismo. Marx fondamentalmente un antistatalista; non un anarchico, perch non crede che lo Stato si possa sopprimere da un giorno all'altro; per un antistatalista, un associazionista, cooperativista, in questo senso che interpreta il suo comunismo. E con questo chiudo, perch io credo che questa sia poi la domanda centrale che Marx ci ha lasciato. Sar possibile un giorno che gli uomini associati in una qualunque forma e liberi dallo sfruttamento e dall'oppressione (che per Marx facevano una cosa sola, anche se potenzialmente no; per non ne ha mai sviluppato la differenza, mentre noi sappiamo oggi che sono due concetti che vanno tenuti relativamente separati), che un giorno le soggettivit degli uomini associati possano controllare, dominare, i meccanismi economici, senza tornare indietro, senza tornare a forme di miseria e a forme di societ pi primitive? Questa la domanda centrale che in fondo ci ha lasciato. Per chi? Naturalmente per chi intenda riconoscerla. Si pu anche respingerla.