Sei sulla pagina 1di 6

The straight mind Monique Wittig

Questo testo, letto per la prima volta a New York alla Modern LanguageAssociation Convention nel 1978 e dedicato alle lesbiche americane, stato pubblicato in Feminist Issues n. 1, estate 1980. Traduzione di Rosanna Fiocchetto, pubblicato in Bollettino del CLI, febbraio 1990.

Negli anni recenti, a Parigi, il linguaggio come fenomeno ha dominato i moderni sistemi teoretici e le scienze sociali, ed entrato nelle discussioni politiche del movimento lesbico e del movimento di liberazione delle donne. Questo perch esso ha a che fare con un importante campo politico dove ci che in gioco il potere, o piuttosto una rete di poteri, poich esiste una molteplicit di linguaggi che costantemente agisce sulla realt sociale. L'importanza del linguaggio come posta del gioco politico stata percepita solo recentemente (comunque, i Greci classici sapevano che non si dava potere politico senza padronanza dell'arte della retorica, specialmente in una democrazia). Ma il gigantesco sviluppo della linguistica, il moltiplicarsi di scuole di linguistica, l'avvento delle scienze della comunicazione, e il tecnicismo dei metalinguaggi che queste scienze utilizzano, rappresentano i sintomi dell'importanza di questa posta politica. La scienza del linguaggio ha invaso le altre scienze come l'antropologia attraverso Lvi-Strauss, la psicoanalisi attraverso Lacan, e tutte le discipline che si sono sviluppate sulla base dello strutturalismo. La prima semiologia di Roland Barthes riusc di stretta misura a sottrarsi alla dominazione linguistica per diventare un'analisi politica dei differenti sistemi di segni per esempio, i miti della classe piccolo borghese - e la lotta di classe all'interno del capitalismo che questo sistema tende a nascondere. Siamo stati quasi salvi, poich la semiologia politica un'arma (un metodo) con cui si pu analizzare ci che chiamato ideologia. Ma il miracolo non dur. Piuttosto che introdurre nella semiologia concetti che le erano estranei - in questo caso i concetti marxisti - Barthes prontamente stabil che la semiologia era solo una branca della linguistica e che il linguaggio era il suo solo oggetto. Cos, il mondo intero solo un grande registro dove, per essere documentati, i pi diversi linguaggi appaiono come il linguaggio dell'Inconscio, il linguaggio della moda, il linguaggio dello scambio delle donne dove gli esseri umani sono letteralmente i segni usati per comunicare. Questi linguaggi, o piuttosto questi discorsi, si adattano gli uni agli altri, si interpenetrano, si supportano, si rafforzano, si autoproducono e si producono a vicenda. La linguistica ingenera la semiologia e la linguistica strutturale, la linguistica strutturale ingenera lo strutturalismo che ingenera l'Inconscio Strutturale. L'insieme di questi discorsi produce una statica confusionale per gli oppressi, che fa loro perdere di vista la causa materiale della loro oppressione e li immerge in una sorta di vuoto astorico. Infatti l'insieme di questi discorsi produce una lettura scientifica della realt sociale nella quale gli esseri umani sono dati come invarianti, intoccati dalla storia e immuni dai conflitti di classe, con una psiche identica per ciascuno di essi perch geneticamente programmata. Questa psiche, ugualmente intoccata dalla storia e immune dai conflitti di classe, fornisce agli specialisti, dall'inizio del XX secolo, un intero arsenale di invarianti: il linguaggio simbolico che molto vantaggiosamente funziona con molti pochi elementi, poich come il sistema decimale (0-9) i simboli "inconsciamente" prodotti dalla psiche non sono molto numerosi. Perci, questi simboli sono molto facili da imporre, attraverso la terapia e la teorizzazione, sull'inconscio collettivo e individuale. Ci viene insegnato che l'inconscio, con perfetto buon gusto, si struttura sulle metafore, per esempio il nome-del-padre, lo scambio delle donne, eccetera. Se l'inconscio, comunque, facile da controllare, non pu farlo chiunque. Come le rivelazioni mistiche, l'apparizione dei simboli nella psiche richiede multiple

interpretazioni. Solo loro, gli psicoanalisti, sono assegnati (autorizzati?) ad organizzare e ad interpretare le manifestazioni psichiche che mostreranno il simbolo nel suo pieno significato. E mentre il linguaggio simbolico estremamente povero ed essenzialmente lacunoso,i linguaggi o i metalinguaggi che lo interpretano si stanno sviluppando, ciascuno di essi, con una ricchezza, un'ostentazione, che solo le esegesi logiche hanno eguagliato. Chi d agli psicoanalisti la loro conoscenza? Ad esempio, per Lacan, ci che egli chiama il "discorso psicoanalitico" e l'esperienza analitica" gli "insegna" quello che gi sa. E l'uno gli insegna ci che l'altra gli aveva insegnato. Ma chi potr negare che Lacan ha acquistato scientificamente conoscenza, attraverso l'esperienza analitica" (qualcosa di simile ad un esperimento), delle strutture dell'Inconscio? Chi sar tanto irresponsabile da ignorare i discorsi delle persone psicoanalizzate giacenti sui loro divani? Nella mia opinione, non c' dubbio che Lacan abbia trovato nell'inconscio le strutture che ha detto di avervi trovato, dal momento che egli stesso ve le aveva inserite in precedenza. Chi non caduto in potere dell'istituzione psicoanalitica pu sperimentare un incommensurabile sentimento di tristezza davanti al grado di oppressione (di manipolazione) che i discorsi psicoanalizzati mostrano. Nell'esperienza analitica c' una persona oppressa, quella psicoanalizzata, il cui bisogno di comunicazione viene sfruttato e che (nello stesso modo in cui le streghe, sotto tortura, poterono solo ripetere il linguaggio che gli inquisitori volevano ascoltare) non ha altra scelta (se ella/egli non vuole distruggere il contatto implicito che le/gli permette di comunicare e di cui ella/egli ha bisogno) se non quella di cercare di dire ci che si suppone che ella/ egli debba dire. Dicono che questo pu durare tutta la vita - crudele contratto che costringe un essere umano ad esibire la sua miseria ad un oppressore che ne direttamente responsabile, che lo sfrutta economicamente, politicamente, ideologicamente, e la cui interpretazione riduce questa miseria a poche figure del discorso. Ma il bisogno di comunicare che questo contratto implica pu essere soddisfatto solo nella situazione psicoanalitica, nell'essere curato o sottoposto a "sperimentazione"? Se crediamo alle testimonianze delle lesbiche, delle femministe, dei gays, niente affatto. Tutte le loro testimonianze mettono in rilievo il significato politico dell'impossibilit che lesbiche, femministe e gay devono affrontare nel tentativo di comunicare nella societ eterosessuale, oltre che con uno psicoanalista. Quando lo stato generale delle cose viene compreso (non si malati o non si deve essere curati; si ha un nemico) il risultato per la persona oppressa di rompere il contratto psicoanalitico. Questo ci che appare nelle testimonianze, insieme all'insegnamento che il contratto psicoanalitico non era un contratto consensuale, ma un contratto forzato. I discorsi che opprimono particolarmente tutti noi, lesbiche, donne e omosessuali, sono quei discorsi che danno per scontato che ci che fonda la societ, ogni societ, l'eterosessualit (una parola che apparsa per la prima volta nella lingua francese nel 1911). Questi discorsi parlano di noi e pretendono di dire la verit in un campo apolitico; come se qualcosa di ci che ha significato potesse sfuggire al politico in questo momento della storia, e come se, per quanto ci riguarda, potessero esistere significati politicamente insignificanti. Questi discorsi dell'eterosessualit ci opprimono nel senso che ci prevengono dal parlare, a meno che non parliamo nei loro termini. Tutto ci che li mette in questione subito ignorato come elementare. Il nostro rifiuto dell'interpretazione totalizzante della psicoanalisi fa dire ai teorici che noi trascuriamo la dimensione simbolica. Questi discorsi ci negano ogni possibilit di creare le nostre proprie categorie. Ma la loro azione pi feroce l'inflessibile tirannia che essi esercitano sul nostro io fisico e mentale.

Quando usiamo il supergeneralizzante termine "ideologia" per designare tutti i discorsi del gruppo dominante, releghiamo questi discorsi nell'ambito delle Idee Irreali, dimentichiamo la violenza materiale (fisica) che essi direttamente esercitano sulle persone oppresse, una violenza prodotta dai discorsi astratti e "scientifici" cos come dai discorsi dei mass media. Voglio insistere sull'oppressione materiale degli individui attraverso i discorsi, e voglio sottolineare i suoi effetti immediati attraverso l'esempio della pornografia. Le immagini pornografiche, i film, le foto delle riviste, i manifesti pubblicitari sui muri delle citt, costituiscono un discorso, e questo discorso copre il nostro mondo con i suoi segni, e questo discorso ha un significato: significa che le donne sono dominate. I semiotici possono interpretare il sistema di questo discorso, descrivere la sua disposizione. Ci che essi leggono in quel discorso sono segni la cui funzione non di significare e che non hanno altra ragione di essere eccetto quella di essere elementi di un determinato sistema o ordine. Ma per noi questo discorso non separato dal reale, come lo per i semiotici. Non solo esso mantiene rapporti molto stretti con la realt sociale che la nostra oppressione (economicamente e politicamente), ma anche reale in se stesso poich uno degli aspetti dell'oppressione, poich esercita un preciso potere su di noi. Il discorso pornografico fa parte delle strategie della violenza che viene esercitata su di noi: esso umilia, degrada, un crimine contro la nostra "umanit". Come tattica di vessazione ha un'altra funzione, quella di avvertimento. Ci ordina di rimanere in riga e ricorda a quelli che tendono a dimenticarlo di stare al passo; richiama alla paura. Gli stessi esperti di semiotica cui mi riferivo prima, quando noi facciamo manifestazioni contro la pornografia ci rimproverano di confondere i discorsi con la realt. Essi non vedono che questo discorso la realt per noi, una delle facce della realt della nostra oppressione. Credono che sbagliamo il livello dell'analisi. Ho scelto la pornografia come esempio perch il suo discorso il pi sintomatico e il pi dimostrativo della violenza che ci viene fatta attraverso i discorsi, in tutti gli ambiti della societ. Non c' niente di astratto nel potere che le scienze e le teorie hanno, nell'agire materialmente e attualmente sui nostri corpi e sulle nostre menti, anche se il discorso che producono astratto. una delle forme del dominio, la sua vera espressione, come disse Marx. Io voglio dire, piuttosto, uno dei suoi esercizi. Tutti gli oppressi conoscono questo potere ed hanno a che fare con esso. quello che dice: tu non hai il diritto di parlare perch il tuo discorso non scientifico e non teorico, tu sei su un livello sbagliato di analisi, tu stai confondendo discorso e realt, il tuo discorso ingenuo, tu hai frainteso questa o quella scienza. Se il discorso dei moderni sistemi teorici e della scienza sociale esercita un potere su di noi, perch lavora con concetti che ci toccano da vicino. Nonostante l'avvento storico dei movimenti di liberazione lesbico, femminista e gay, processi che hanno gi sconvolto le categorie filosofiche e politiche dei discorsi delle scienze sociali, le loro categorie (cos brutalmente messe in questione) vengono tuttavia utilizzate senza alcuna revisione dalla scienza contemporanea. Esse funzionano come concetti primitivi in un conglomerato di ogni genere di discipline, teorie ed idee correnti che chiamer il pensiero eterosessuale (vedi Il pensiero selvaggio di Claude Lvi-Strauss). Essi concernono la "donna", l'uomo", il "sesso", la "differenza" e tutte quelle serie di concetti che portano questo marchio, inclusi concetti come "storia", "cultura" e "reale". E sebbene sia stato accettato negli anni recenti che non esiste qualcosa come la natura, che tutto cultura, rimane dentro quella cultura un nucleo di natura che resiste ad ogni revisione, un rapporto escluso dal sociale nell'analisi - un rapporto le cui caratteristiche sono

ineluttabilmente nella cultura, cos come nella natura, e che il rapporto eterosessuale. Lo chiamer l'obbligatorio rapporto sociale tra "uomo" e "donna". (Mi riferisco qui a Ti-Grace Atkinson e alla sua analisi della relazione sessuale come istituzione in Amazon Odyssey, 1974). Con la sua ineluttabilit come sapere, come principio ovvio, come a priori dato in una scienza, il pensiero eterosessuale sviluppa un'interpretazione totalizzante della storia, della realt sociale, della cultura, del linguaggio e di tutti i fenomeni soggettivi allo stesso tempo. Posso solo sottolineare il carattere oppressivo di cui il pensiero eterosessuale intessuto nella sua tendenza ad universalizzare immediatamente la sua produzione di concetti in leggi generali che pretendono di mantenersi vere per tutte le societ, tutte le epoche, tutti gli individui. Cos si parla dello scambio delle donne, della differenza tra i sessi, dell'ordine simbolico, dell'Inconscio, del desiderio, del godimento, della cultura, della storia, sempre al singolare, dando un significato assoluto a questi concetti mentre essi sono solo categorie fondate sull'eterosessualit o pensiero che produce la differenza tra i sessi come un dogma politico e filosofico. La conseguenza di questa tendenza verso l'universalit che la mente normale non pu concepire una cultura, una societ dove l'eterosessualit non ordini tutte le relazioni umane nonch la produzione dei concetti e anche di tutti i processi che sfuggono alla coscienza. Per di pi, questi processi inconsci sono storicamente pi imperativi, in quanto ci insegnano noi stessi attraverso gli strumenti degli specialisti. La retorica che li esprime (e la cui seduzione non sottovaluto) si sviluppa nei miti, ricorre all'enigma, procede per accumulazione di metafore, e la sua funzione di poeticizzare il carattere obbligatorio del tu sarai eterosessuale o non sarai. In questo pensiero, rifiutare l'obbligo del coito e le istituzioni che quest'obbligo ha prodotto come necessarie per la costituzione di una societ, semplicemente un'impossibilit, perch farlo significherebbe rifiutare la possibilit di costituire l'altro e rifiutare l'ordine simbolico", rendere impossibile la costituzione di significato senza la quale nessuno pu mantenere una coerenza interna. Cos il lesbismo, l'omosessualit e le societ che noi formiamo non possono essere pensate o parlate, anche se sono sempre esistite. Cos, la mente normale continua ad affermare che l'incesto, e non l'omosessualit, rappresenta la sua maggiore interdizione. Cos, pensata dalla mente eterosessuale, l'omosessualit non null'altro che eterosessualit. S, la societ eterosessuale basata sulla necessit del differente/altro ad ogni livello. Non pu funzionare economicamente, simbolicamente, linguisticamente o politicamente senza questo concetto. Questa necessit del differente/altro ontologica per l'intero conglomerato di scienze e discipline che io chiamo la mente eterosessuale. Ma che cos' il differente/altro se non il dominato? Infatti la societ eterosessuale la societ che non solo opprime le lesbiche e i gay, ma opprime anche molti differenti altri, opprime tutte le donne e molte categorie di uomini, tutti nella posizione del dominato. Costituire una differenza e controllarla un atto di potere, in quanto essenzialmente un atto normativo. Ognuno cerca di mostrare l'altro come differente. Ma non tutti ci riescono. Bisogna essere socialmente dominanti per riuscirci (Claude Faugeron e Philippe Robert, La giustizia e il suo pubblico e le rappresentazioni sociali del sistema penale, Masson, Parigi 1978). Per esempio, il concetto di differenza tra i sessi costituisce ontologicamente le donne in differenti/altre. Gli uomini non sono differenti, i bianchi non sono differenti, n lo sono i padroni. Ma i neri, cos come gli schiavi, lo sono. La caratteristica ontologica della differenza tra i sessi colpisce tutti i concetti che fanno parte dello stesso conglomerato. Ma per noi non c' una cosa come essere-donna o essere-uomo. "Uomo" e "donna" sono concetti politici di opposizione, e la copula che dialetticamente li unisce , al tempo stesso, quella che li abolisce (cfr., per la sua definizione di "sesso sociale", Nicole-Claude Mathieu, Note per una definizione sociologica delle categorie di sesso, in

Epistemologie Sociologique n. II, 1971). la lotta di classe tra donne e uomini che abolir gli uomini e le donne (come per ogni altra lotta di classe, dove le categorie di opposizione sono "riconciliate" dalla lotta il cui obiettivo di farle scomparire). Il concetto di differenza non ha nulla di ontologico in s. solo il modo in cui i padroni interpretano una situazione storica di dominio. La funzione della differenza di mascherare ad ogni livello i conflitti di interesse, inclusi quelli ideologici. In altre parole, per noi, questo significa che non possiamo pi essere oltre donne e uomini; e che queste, come classi e come categorie di pensiero o di linguaggio, devono sparire politicamente, economicamente, ideologicamente. Se noi, come lesbiche e gay, continuiamo a parlare di noi stessi e a concepire noi stessi come donne e come uomini, siamo strumentali al mantenimento dell'eterosessualit. Sono sicura che una trasformazione economica e politica non sdrammatizzer queste categorie di linguaggio. Possiamo redimere schiavo? Possiamo redimere negro, negra? Qual' la differenza con donna? Continueremo a scrivere bianco, padrone, uomo? La trasformazione dei rapporti economici non baster. Dobbiamo produrre una trasformazione politica dei concettichiave, cio dei concetti che sono strategici per noi. Perch c' un altro ordine di materialit, quello del linguaggio, e il linguaggio elaborato in base a questi concetti strategici. Ed al tempo stesso connesso con il campo politico, dove tutto ci che concerne il linguaggio, la scienza e il pensiero si riferisce alla persona come soggettivit e alla sua relazione con la societ (cfr. Christine Delphy, Per un femminismo materialista, in Feminist Issues ). Noi non possiamo lasciarlo al potere della mente eterosessuale o al pensiero del dominio. Se fra tutte le produzioni della mente eterosessuale io sfido in modo particolare lo strutturalismo e l'Inconscio Strutturale, per questo motivo: in un momento della storia in cui il dominio dei gruppi sociali non appare pi come una necessit logica ai dominati, che si ribellano e mettono in dubbio le differenze, Lvi-Strauss, Lacan e i loro epigoni si richiamano a necessit che sfuggono al controllo della coscienza e dunque alla responsabilit degli individui. Essi si richiamano a processi inconsci, ad esempio, che richiedono come condizione necessaria per ogni societ lo scambio delle donne. Secondo loro, questo ci che l'inconscio ci dice con autorit, e l'ordine simbolico, senza il quale non c' significato, non c' linguaggio, non c' societ, dipende da questo. Ma cosa significa che le donne vengono scambiate, se non che esse sono dominate? Nessuna meraviglia che vi sia solo un inconscio, e che esso sia eterosessuale. un inconscio che guarda troppo consciamente agli interessi dei padroni in cui e per cui vive, per rinunciare cos facilmente ai loro concetti (sono simbolici i milioni di dollari all'anno guadagnati dagli psicoanalisti?). Inoltre, il dominio negato; non c' schiavit delle donne, c' differenza. A ci voglio rispondere con la frase di un contadino rumeno durante una pubblica riunione nel 1848: I signori dicono che non c' stata schiavit, ma noi lo sappiamo che c' stata schiavit, questa sofferenza che abbiamo sofferto. S, noi lo sappiamo, e la scienza dell'oppressione non pu prescindere da noi. in questa scienza che dobbiamo rintracciare il ci che non va detto eterosessuale, e (parafrasando Roland Barthes) non dobbiamo sopportare di vedere la Natura e la Storia di volta in volta confuse (Roland Barthes, Mythologies, Hill e Wang, New York 1972, P. II). Dobbiamo rendere brutalmente visibile che lo strutturalismo, la psicoanalisi e in particolare Lacan hanno rigidamente trasformato i loro concetti in miti, un'operazione che stata loro necessaria per eterosessualizzare sistematicamente quella dimensione personale che emersa tra gli individui dominati nel campo storico, soprattutto tra le donne, che hanno cominciato la loro lotta quasi due secoli fa. E ci che stato fatto sistematicamente, in accordo interdisciplinare armonioso, poich i miti eterosessuali

circolano con agio da un sistema formale a un altro, come sicuri valori che possono essere investiti in psicologia altrettanto bene che nella psicoanalisi e in tutte le scienze sociali. Questo insieme di miti eterosessuali un sistema di segni che utilizza figure del discorso, e cos pu essere politicamente studiato dall'interno della scienza della nostra oppressione; ma noi lo sappiamo che c' stata la schiavit la dinamica che introduce il diacronismo della storia nel discorso fisso delle essenze eterne. Questa impresa dovrebbe in qualche modo essere una semiologia politica, bench con quanta sofferenza abbiamo sofferto noi lavoriamo anche a livello del linguaggio/manifesto, del linguaggio/azione, di quello che trasforma, che fa la storia. Intanto, nei sistemi che sembravano cos eterni e universali da poterne estrarre leggi, leggi con cui rimpinzare i computers, e in ogni caso rimpinzare il meccanismo inconscio; in questi sistemi, grazie alla nostra azione e al nostro linguaggio, stanno avvenendo degli spostamenti. Ad esempio, un modello come lo scambio delle donne rinchiude la storia in un modo cos violento e brutale che l'intero sistema, che si credeva formale, slitta in un'altra dimensione di conoscenza. Questa dimensione appartiene a noi, poich in qualche modo siamo state designate, e poich, come ha detto Lvi-Strauss, noi parliamo, lasciateci dire che rompiamo il contratto eterosessuale. Cos, questo ci che dicono le lesbiche in questo paese e in molti altri, se non con le teorie almeno attraverso la loro pratica sociale, le cui ripercussioni sulla cultura e sulla societ eterosessuale sono ancora imprevedibili. Un antropologo potrebbe dire che dobbiamo aspettare cinquant'anni. S, se si vuole universalizzare il funzionamento di queste societ e far comparire le loro invarianti. Intanto i concetti eterosessuali sono minati. Che cos' una donna? Panico, allarme generale per una difesa attiva. Francamente, un problema che le lesbiche non hanno a causa di un cambiamento di prospettiva, e sarebbe scorretto dire che le lesbiche si associano, fanno l'amore, vivono con le donne, perch "donna" ha un significato solo nei sistemi eterosessuali di pensiero e nei sistemi economici eterosessuali. Le lesbiche non sono donne (non pi una donna chi non in relazione di dipendenza personale con un uomo).