Sei sulla pagina 1di 38

2

TIZIANO ZANOTTI

BASSISTA CONTEMPORANEO
VOLUME 1

Nuova edizione

Graficamente rinnovata
con aggiunta di ulteriori spiegazioni e
nuovi brani musicali
Finito di stampare nel mese di luglio 2019
www.bassistacontemporaneo.it
Email: info@bassistacontemporaneo.it

© 2019 Tiziano Zanotti e Echoes Bologna. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione, anche parziale, non autorizzata.

2
Indice

Introduzione pag. 7
Lezione 0 pag. 9
Lezione 1 a. Teoria (I). Elementi di base. pag. 17
b. Capotasto I.
c. Teoria (II). Tempi semplici.
d. Esercizi.
e. Ritmiche.
f. Duetto.
g. Ear training. Note da C a A.

Lezione 2 a. Esercizi. pag. 27


b. Teoria. Legatura di valore.
c. Ritmiche.
d. Duetto.
e. Linee di basso: Country e Rock.
f. Ear training. Trasporto d’ottava.

Lezione 3 a. Teoria (I). Sedicesimi. pag. 31


b. Teoria (II). Alterazioni.
c. Esercizi.
d. Teoria (III). Punto di valore.
e. Ritmiche.
f. Duetto.
g. Ear training. Sedicesimi.

Lezione 4 a. Esercizi (I). pag. 35


b. Esercizi (II).
c. Esercizi (III).
d. Ritmiche.
e. Linee di basso. Country e Rock.
f. Ear training. Sedicesimi.

Lezione 5 a. Esercizi (I). pag. 39


b. Esercizi (II).
c. Esercizi (III).
d. Esercizi (IV).
e. Ritmiche.
f. Linee di basso. Rock.
g. Ear training. Ripasso.

Lezione 6 a. Capotasto II. pag. 43


b. Teoria. Scala maggiore.
c. Linee di basso. Walking.
d. Ritmiche.
e. Ear training. Scala Bb maggiore

Lezione 7 a. Teoria (I). Concetto di tonalità. pag. 51


b. Teoria (II). Analisi.
c. Esercizi (I).
d. Esercizi (II).
e. Forme sulla tastiera. Scala maggiore, base.
f. Tecnica per le mani. Salti di terza e quarta.
g. Ritmiche
h. Ear training. C e B maggiore.
i. Ripasso dei capotasti studiati. I e II

3
Lezione 8 a. Capotasto III. pag. 59
b. Teoria (I). Scala minore naturale.
c. Forme sulla tastiera. Scala minore naturale, base
d. Teoria (II). Ciclo delle quinte.
e. Ritmiche.
f. Ear training. Confronto scale parallele.
g. Ripasso dei capotasti studiati. Fino al III.

Lezione 9 a. Teoria (I). Punto doppio e triplo. pag. 67


b. Esercizi.
c. Teoria (II). Scala minore armonica.
d. Forme sulla tastiera. Scala minore armonica, base.
e. Studio melodico. Ricerca delle scale maggiori.
f. Tecnica per le mani.
g. Ritmiche.
h. Ear training. Confronto scale parallele.

Lezione 10 a. Capotasto IV. pag. 73


b. Teoria. Scala minore melodica.
c. Forme sulla tastiera. Scala minore melodica, base.
d. Ear training. Confronto scale parallele.
e. Studio melodico. Ricerca delle forme base.
f. Ritmiche.
g. Tecnica per le mani.
h. Ripasso dei capotasti studiati. Fino al IV
i. Ripasso delle lezioni. Da 1 a 10.

Lezione 11 a. Esercizi (I). pag. 81


b. Esercizi (II).
c. Teoria (I). Scala cromatica.
d. Forme sulla tastiera (I). Scala cromatica, base.
e. Teoria (II). Scala blues.
f. Forme sulla tastiera (II). Scala blues, base.
g. Linee di basso. Rhythm’n blues.
h. Ear training. Confronto scale parallele in B.

Lezione 12 a. Capotasto V. pag. 87


b. Ear training. Confronto scale parallele in A.
c. Ritmiche.
d. Teoria. Tempi composti.
e. Esercizi (I).
f. Esercizi (II).
g. Esercizi (III).
h. Linee di basso. Walking.
i. Ripasso dei capotasti studiati. Fino al V.

Lezione 13 a. Teoria (I). Spiegazione intervalli. pag. 93


b. Esercizi (I).
c. Teoria (II). Elementi di analisi melodica.
d. Esercizi (II).
e. Ritmiche.
f. Ear training. Intervalli.
g. Ripasso dei capotasti studiati. Fino al V.

4
Lezione 14 a. Capotasto VI. pag. 101
b. Esercizi (I).
c. Teoria. Tipi di intervalli melodici
d. Forme sulla tastiera. Intervalli.
e. Esercizi (II).
f. Linee di basso. Suddivisione di movimento.
g. Ritmiche.
h. Ear training. Intervalli.

Lezione 15 a. Teoria (I). Triadi. pag. 109


b. Esercizi.
c. Teoria (II). Sincope e contrattempo.
d. Ritmiche.
e. Ear training. Triadi.
f. Ripasso dei capotasti studiati. Fino al VI.

Lezione 16 a. Capotasto VII. pag. 117


b. Teoria (I). Terzine.
c. Ritmiche (I).
d. Esercizi (I).
e. Teoria (II). Armonizzazione del modo minore.
f. Forme sulla tastiera. Triadi, forma base.
g. Esercizi (II).
h. Ritmiche (II).
i. Teoria (III). Strutture armoniche.

Lezione 17 a. Esercizi (I). pag. 125


b. Forme sulla tastiera (I). Tipi di forme.
c. Forme sulla tastiera (II). Forme orizzontali.
d. Esercizi (II).
e. Linee di basso. Elementi per la costruzione.
f. Ritmiche (I).
g. Ritmiche (II).
h. Ear training. Triadi.

Lezione 18 a. Capotasto VIII. pag. 133


b. Esercizi.
c. Teoria. Collegamenti armonici tonali.
d. Linee di basso. Elaborazione delle linee.
e. Ritmiche. Tempi composti.
f. Ear Training. Scale.
g. Ripasso dei capotasti studiati. Fino al VIII.

Lezione 19 a. Esercizi (I). pag. 141


b. Esercizi (II).
c. Esercizi (III).
d. Linee di basso. Tempi semplici e composti.
e. Ritmiche (I).
f. Ritmiche (II).
g. Ear Training. Scale.

5
Lezione 20 a. Capotasto IX. pag. 145
b. Esercizi.
c. Ritmiche.
d. Ear training. Scale.
e. Linee di basso (I). Introduzione ai generi.
f. Linee di basso (II). Rock e shuffle.
g. Ripasso dei capotasti studiati. Fino al IX.
h. Ripasso delle lezioni. da 1 a 20.

Lezione 21 a. Esercizi (I). pag. 153


b. Esercizi (II).
c. Esercizi (III).
d. Linee di basso (I). Idee rock.
e. Tecnica dello strumento. Introduzione al plettro.
f. Linee di basso (II). Rock.
g. Ritmiche.
h. Ear training. Intervalli in schemi simmetrici.

Lezione 22 a. Capotasto X. pag. 159


b. Teoria (I). Quadriadi.
c. Esercizi (I).
d. Linee di basso. Idee funky.
e. Tecnica dello strumento. Introduzione allo slap.
f. Teoria (II). Segno di staccato.
g. Esercizi (II).
h. Ritmiche.

Lezione 23 a. Esercizi (I). pag. 169


b. Forme sulla tastiera. Quadriadi un forma base.
c. Esercizi (II).
d. Teoria (I). Schema armonico di base del blues.
e. Linee di basso. Blues shuffle.
f. Ear Training. Intervalli in schemi simmetrici.
g. Ritmiche.

Lezione 24 a. Capotasto XI. pag. 175


b. Tecnica dello strumento. Pos. semicromatica.
c. Esercizi.
d. Forme sulla tastiera. Triadi M e m (orizzontali).
e. Teoria (I). Successioni con affinità di quinta.
f. Teoria (II). Tempo tagliato.
g. Linee di basso. Idee latin.
h. Ear Training. Intervalli in schemi simmetrici.
i. Ripasso dei capotasti studiati. Fino al XI.

Lezione 25 a. Esercizi. pag. 187


b. Forme sulla tastiera. Quadriadi (orizzontali).
c. Linee di basso (I). Idee per walking bass.
d. Linee di basso (II). Elementi costruzione walking.
e. Ritmiche.
f. Ear Training.

Appendice pag. 195


Conclusione Volume 1 pag. 213
Indice argomenti pag. 214

6
PAGINE VOLUTAMENTE
MANCANTI

7
PAGINE VOLUTAMENTE
MANCANTI

8
4.
a. Esercizi (I)
1/19

Figura 4-1

Suona lentamente le due possibilità della figura 4-1, cercando di alternare bene le dita della mano
destra. Questi due esercizi uniscono una croma e due sedicesimi per formare un quarto, suonali con
molta rilassatezza.
- Solfeggia
- Suona
- Canta

1/20

1/21

9
Bassista Contemporaneo 1

Figura 4-2

- Solfeggia
- Suona
- Canta

1/22

1/23

b. Esercizi (II)
1. Useremo ora le alterazioni costanti di Bb e Eb. Visualizza e memorizza.
Questo esercizio ti allena a leggere usando 2 bemolle in chiave. Alla lezione 6 vedremo che quando
hai solo 2 bemolle in chiave, essi sono automaticamente il Bb e il Eb. Studia bene la scala
preparatoria, poi passa a leggere lentamente l’esercizio.

- Solfeggia
- Suona
- Canta

1/24

10
Lezione 4

c. Esercizi (III)
1 Useremo ora l'alterazione F# in chiave. Visualizza e memorizza.
Ora con il F# in chiave, stando fermi con la mano in I capotasto, usiamo per la prima volta il 4° dito
della mano sinistra. Se hai seguito con precisione le istruzioni per la corretta impostazione della
mano, non avrai grossi problemi nel suonare questi 2 esercizi. Parti lentamente, cercando di
rinforzare con costanza il mignolo della mano sinistra.

- Solfeggia
- Suona
- Canta

1/25

1/26

d. Ritmiche

11
Bassista Contemporaneo 1

e. Linee di basso. Country e Rock


1/27
X4

1/28
X12

f. Ear training. Sedicesimi

12
PAGINE VOLUTAMENTE
MANCANTI

13
PAGINE VOLUTAMENTE
MANCANTI

14
14.
a. Capotasto VI

1. Preparazione

Tonalità:

- Solfeggia
- Suona
- Canta

2. Note su ogni corda.

3/20

15
Bassista Contemporaneo 1

3/21

3/22

3/23

3. Note su tutte le corde.


3/24

3/25

4. Spostamento di capotasto.
Tonalità:

3/26

16
Lezione 14

Tonalità:

3/27

b. Esercizi (I)
Questi brevi esercizi sono da suonare sulla forma base di B maggiore in VI capotasto. Sono alcune
applicazioni di legature a ritmiche che abbiamo già visto, creando effetti ritmici particolari. Più avanti
useremo un tipo di esercizio strutturato per imparare a suonare le legature applicate alle ritmiche
viste.
Figura 14-1

3/28

Figura 14-2

17
Bassista Contemporaneo 1

3/29

Figura 14-3

3/30

c. Teoria. Tipi di intervalli melodici


1. Nella lezione 13 abbiamo introdotto il concetto di intervallo. Gli intervalli si calcolano sempre
ascendendo: chiariamone la terminologia.
Figura 14-4

a. intervallo ascendente normale;


b. intervallo discendente, cioè calcolato scendendo, con la nota più bassa come radice per il
calcolo.

2. Scrivi le note per i seguenti intervalli.

18
Lezione 14

d. Forme sulla tastiera. Intervalli


1. Memorizza le forme base degli intervalli più usati.

*diteggiatura consigliata

2. Applica questi intervalli diatonici su una scala maggiore, usando la parte di tastiera che già
conosci. Ad esempio in G maggiore puoi suonare intervalli di terza stando fermo sulla forma base,
poi muovendoti su una coppia di corde (ad esempio la III e IV corda). Prova con vari tipi di intervalli.
Questo tipo di esercizio ti darà degli spunti melodici o armonici molto creativi.

e. Esercizi (II)
1. Memorizza il ciclo delle quinte. Cerca di suonare ogni nota cambiando sempre la sua posizione
sulla tastiera. Rimani in I capotasto per alcuni giri, poi perlustra tutta la tastiera seguendo sempre il
ciclo delle quinte. Questo sarà molto utile in futuro quando analizzeremo le successioni armoniche.

19
Bassista Contemporaneo 1

C F Bb Eb Ab Db Gb B E A D G

2. Suona ogni nota del ciclo delle quinte aggiungendo la quinta ascendente, prima con la
diteggiatura data poi improvvisandola.

3/31

3. Aggiungi l'ottava all'esercizio 2.

3/32

4. Costruisci delle linee con ritmiche improvvisate sull'esercizio 3.

f. Linee di basso. Suddivisioni di movimento


1. Abbiamo visto i due tipi di suddivisione di movimento, quella semplice (due suddivisioni) e quella
composta (tre suddivisioni).

2. Vediamo l'applicazione di queste suddivisioni sulla batteria, che è lo strumento ritmico più
importante, perché con il basso determina il "feel" cioè la sensazione generale, la sonorità e gli
accenti tipici del brano.
Per capire il feel della batteria bisogna far attenzione ai tre componenti più importanti: Hit-Hat,
rullante (snare) e cassa (bass drum). In particolare lo hi-hat scandisce il tempo di suddivisione.
a. Tempi semplici: hi-hat con ottavi o sedicesimi;
Figura 14-5

3/33

20
Lezione 14

3/34 3/35

3/36 3/37

b.Tempi composti: hi-hat con ottavi di terzine (tempo terzinato).


Figura 14-6
3/38

3/39 3/40

Nota che la cassa è quasi sempre sul 1° e 3° movimento, mentre il rullante è sul 2° e 4°.

3. Questa linea di basso costruita sul giro di blues mostra anche il pattern ritmico principale della
batteria.
3/41

21
Bassista Contemporaneo 1

g. Ritmiche

h. Ear training. Intervalli


Canta e memorizza gli intervalli ascendenti di 3, 5 e 8.

22
PAGINE VOLUTAMENTE
MANCANTI

23
PAGINE VOLUTAMENTE
MANCANTI

24
21.
a. Esercizi (I)
1. Questa scala su due ottave può essere trasportata su altre tonalità. Riconosci le forme orizzontali
che vengono attraversate.

2. Ora applica lo stesso concetto di diteggiatura obliqua su 2 ottave sulla scala di G minore naturale,
armonica e melodica. In pratica cerca di usare 4 note per ogni corda. Poi cambia fondamentale
eseguendole in C, F, Bb… ovvero in tutte le tonalità che il tuo basso ti permette come estensione.

3. Riconosci su quali forme orizzontali è creato questo esercizio.

Figura 21-1

- Solfeggia
- Suona
- Canta

25
Bassista Contemporaneo 1

5/02

b. Esercizi (II)
1.Quando si è in I capotasto, le forme orizzontali di G, A, D, E maggiore (le tonalità delle corde
vuote) non possono essere costruite in modo regolare ma necessitano di una variazione. Verificalo.

2. In tonalità di G maggiore la forma orizzontale più arretrata è la con variazione:

a. costruisci linee di basso con note da un quarto (walking), cambiando forma ( con

variazione e ) ogni due battute;

b. cambiando ogni battuta.

3. Ripeti tra e , e etc.

c. Esercizi (III)
Collega le forme orizzontali a tre e quattro note in tonalità di Eb maggiore.

d. Linee di basso (I). Idee rock


1. In questa lezione vediamo alcuni esempi di uso del basso nel rock, in particolare quando la
chitarra suona dei riff, cioè una frase breve ripetitiva fatta di note singole o bicordi. Il riff può essere
usato per introdurre o anche accompagnare le strofe.
2. Il bicordo può essere suonato anche sul basso (vedi lezione 19/a) ed è formato da due note
suonate contemporaneamente. I bicordi più usati dalla chitarra rock sono di due tipi:
a. bicordo di quinta, in cui la nota più bassa è da considerare come radice e può essere usato su
accordi maggiori e minori;
b. bicordo di quarta, in cui la nota più alta è la radice.

26
Lezione 21

3. Questo esempio mostra due possibilità per il basso di accompagnare il riff della chitarra.

5/03

5/04

a. il basso ripete quasi completamente le note fondamentali dei bicordi con lo stesso ritmo.
Questo sistema non è molto interessante all'ascolto perché avendo ritmiche uguali dà l'idea che
basso e chitarra siano uno strumento unico;

b. in questa linea il basso non si preoccupa di far sentire gli accordi ma usa la scala di E minore
aggiungendo dei cromatismi e ritmicamente è sempre in sincope.

4. Qui il riff della chitarra è ritmicamente piatto (quasi completamente assente la sincope) perché la
batteria usa un pattern più vario di quello dell'esempio precedente.

5/05

5/06

a. il basso è molto semplice, come in a) dell'esempio 3;

b. il basso è più libero di a) dell‘esempio 4 ma segue gli accordi più importanti. Sia in b) di questo
esempio che in b) dell'esempio 3, il basso lavora sulle note della scala senza riferirsi
continuamente agli accordi che si susseguono.

27
Bassista Contemporaneo 1

In questo modo genera sonorità che non erano state in precedenza calcolate dal chitarrista che ha
creato il riff (vedi la battuta 2 di questo esempio). Solo bisogna fare attenzione a non esagerare.
5. In questo esempio il basso riempie solo le ultime due misure lasciate libere dalla chitarra.
5/07

e. Tecnica dello strumento. Introduzione all’uso del plettro


1. Nella musica rock il basso viene spesso suonato con il plettro, per chi è interessato ecco alcuni
esercizi per iniziare a usarlo.

2. Ci sono vari modi di usare il plettro ma i più comuni sono:


a. alternare in giù ( ) e su ( ) il più possibile (è il sistema che permette di essere più veloci);
b. solo in un senso.

Il plettro può essere usato per ottenere un sound molto particolare, non limitato solo al rock. Anzi,
impadronendoti bene di questa tecnica puoi usarla anche in altri generi. Di sicuro un bassista con
una preparazione professionale deve sapersi destreggiare anche col plettro.

28
Lezione 21

3. Suona prima lentamente poi sempre più veloce, portando avanti un tasto per volta.
5/08

5/09

5/10

5/11

4. Suona gli esercizi delle lezioni precedenti con il plettro.

f. Linee di basso (II). Rock


1. Accompagna il seguente schema armonico.
5/12

Oramai sei certamente in grado di trovare scale e accordi utili per costruire le linee e lanciarti in
variazioni. Metti assieme tutte le tue conoscenze per sviluppare un tuo modo personale di fare
musica. Da questa lezione in avanti ti chiederò sempre di più di esprimere la tua personalità di
musicista.
2. Suona questa linea poi improvvisa delle variazioni.
5/13

29
Bassista Contemporaneo 1

g. Ritmiche

h. Ear Training. Intervalli in schemi simmetrici


1. Canta gli intervalli ricavati dalle scale, in schemi simmetrici.
In questi schemi simmetrici posti all’interno di una scala si lavora intonando un intervallo e il suo
complementare. Ovvero terze e seste, quarte e quinte, seconde e settime. In questo modo, pur
complicandosi l’intonazione, diventa più facile capire che intervallo è usato. Praticali con molta calma
e precisione.

30
PAGINE VOLUTAMENTE
MANCANTI

31
PAGINE VOLUTAMENTE
MANCANTI

32
Appendice
In questa appendice trovi una raccolta di 10 nuovi brani che ho composto proprio per rendere
ancora più vivo e stimolante lo studio del Bassista Contemporaneo.

• Solo pezzi originali di difficoltà graduata


• Trascrizioni esatte delle linee col sistema di diteggiatura del Bassista Contemporaneo e
indicazione degli accordi
• Basi e arrangiamenti per organico completo formato da batteria, basso, chitarra e tastiere,
in versione completa e minus one*

Da un lato si tratta di materiale costruito su misura, e quindi relativamente semplice, per mettere
alla prova le capacità strumentali che hai acquisito in questo primo livello del corso. Dall'altro è un
vero e proprio concept album che ti aiuta a fissare i concetti studiati in maniera assolutamente
indelebile, incoraggiandoti a proseguire nel percorso con sempre maggior convinzione.

I brani di questa raccolta attraversano vari generi musicali e presentano una grande varietà
stilistica, formale e armonica. Studiali con cura, prestando attenzione a scale, accordi e strutture
usate, poi suonali col basso per verificare le tue conoscenze in questa fase del percorso. Cerca
sempre di controllare il tocco e la precisione ritmica.

Quando li saprai suonare con una certa sicurezza, presta attenzione anche agli altri strumenti. Cerca
di seguire quello che fanno, accompagnamento o assolo, esattamente come se fossi in una band.
Anche questo è un ottimo training.

Con questi brani da aggiungere al tuo repertorio, il Bassista Contemporaneo è davvero tutto quello
che ti serve per imparare il basso elettrico. Dovrai lavorarci un po', ovviamente. Metterci impegno ed
essere disponibile ad affrontare la musica in maniera atipica. Ma i risultati saranno molto superiori
alle tue aspettative!

* Per ricevere le basi audio in versione minus one scrivi a info@bassistacontemporaneo.it. Le basi
audio complete sono invece disponibili come bonus per gli iscritti al corso online.

33
PAGINE VOLUTAMENTE
MANCANTI

34
35
36