Sei sulla pagina 1di 749

Dispense per le Olimpiadi di Fisica

1
Fabio Zoratti

6 marzo 2020

1 fabio.zoratti96@gmail.com
2
Indice

1 Introduzione - di Andrea Caleo (e Fabio Zoratti) 7


1.1 Nota per il lettore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.2 Come si vincono le Olimpiadi di Fisica? . . . . . . . . . . . . . 8
1.3 A cosa servono queste dispense? . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.4 Link, libri e dispense utili per la preparazione olimpica. . . . . 10
1.4.1 Testi di studio per la teoria . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.4.2 Link a raccolte di problemi ed eserciziari. . . . . . . . . 12
1.4.3 Testi di approfondimento. . . . . . . . . . . . . . . . . 14
1.4.4 Varie ed eventuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
1.5 Ringraziamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17

2 Matematica 19
2.1 Le funzioni elementari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2.1.1 La funzione esponenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2.1.2 La funzione logaritmo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
2.1.3 I numeri complessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
2.1.4 Le funzioni iperboliche . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.2 Analisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
2.2.1 Cenni di serie numeriche . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
2.2.2 Derivate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
2.2.3 Integrali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
2.2.4 Equazioni differenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
2.2.5 Espansione in Serie di Taylor (molto importante) . . . 67
2.3 Calcolo vettoriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
2.3.1 Vettori e versori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
2.3.2 Algebra lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
2.3.3 Cenni di analisi in più variabili . . . . . . . . . . . . . 99
2.3.4 Integrali in più variabili . . . . . . . . . . . . . . . . . 103

3
4 INDICE

2.3.5 Potenziale scalare e potenziale vettore . . . . . . . . . 120


2.3.6 Operatori differenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
2.4 Equazioni differenziali alle derivate parziali . . . . . . . . . . . 141
2.5 Cenni di statistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170

3 Fisica 175
3.1 Meccanica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
3.1.1 Statica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
3.1.2 Dinamica del punto materiale . . . . . . . . . . . . . . 179
3.1.3 Oscillazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191
3.1.4 Sfruttare le conservazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
3.1.5 Problemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
3.1.6 Corpo rigido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
3.1.7 Gravitazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
3.1.8 Sistemi a massa variabile . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
3.1.9 Sistemi di riferimento non inerziali . . . . . . . . . . . 256
3.1.10 Fluidodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
3.2 Termodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
3.2.1 Primo principio della termodinamica . . . . . . . . . . 269
3.2.2 Secondo principio della termodinamica . . . . . . . . . 275
3.2.3 Entropia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
3.2.4 Potenziali termodinamici . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
3.2.5 Cenni di meccanica statistica . . . . . . . . . . . . . . 291
3.2.6 Gas perfetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
3.2.7 Gas reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310
3.2.8 Tensione superficiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
3.2.9 Problemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 320
3.3 Elettromagnetismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
3.3.1 Campo elettrostatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
3.3.2 Campo magnetostatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
3.3.3 Equazioni di Maxwell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 381
3.3.4 Circuiti elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 416
3.3.5 I campi nella materia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424
3.4 Ottica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 444
3.4.1 Le scale mesoscopiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . 444
3.4.2 Le equazioni di Maxwell nei mezzi continui . . . . . . . 446
3.4.3 La propagazione di onde nei mezzi dielettrici lineari . . 448
3.4.4 La riflessione e la rifrazione . . . . . . . . . . . . . . . 467
INDICE 5

3.4.5 La causalità e le relazioni di Kramers-Kronig . . . . . . 477


3.4.6 Cenni di ottica non lineare . . . . . . . . . . . . . . . . 478
3.4.7 Problemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479
3.5 Relatività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 481
3.5.1 Relatività ristretta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 481
3.5.2 Relatività generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 520
3.5.3 Problemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 521
3.6 Meccanica quantistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 523
3.6.1 Decadimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 523
3.6.2 Principio di indeterminazione . . . . . . . . . . . . . . 523
3.6.3 Corpo nero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 523
3.6.4 Effetto fotoelettrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 523
3.6.5 Scattering Compton . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 523
3.6.6 Cenni di orbitali atomici . . . . . . . . . . . . . . . . . 523
3.6.7 Problemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 524
3.7 Complementi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 529
3.7.1 Lagrangiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 529
3.7.2 Tensori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 541
3.8 Problemi generici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 542

4 Soluzione dei problemi 569


4.1 Risposte agli esercizi di matematica . . . . . . . . . . . . . . . 569
4.2 Suggerimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 571
4.3 Soluzioni complete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 572
4.3.1 Meccanica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 572
4.3.2 Termodinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 629
4.3.3 Elettromagnetismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 642
4.3.4 Ottica e onde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 684
4.3.5 Relatività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 689
4.3.6 Meccanica quantistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 694
4.3.7 Problemi aggiuntivi e complementi . . . . . . . . . . . 696

5 Prova sperimentale 723


5.1 Propagazione degli errori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 723
5.1.1 Media e deviazione standard . . . . . . . . . . . . . . . 724
5.2 Metodi di fit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 725
5.2.1 Cosa fare davvero in gara . . . . . . . . . . . . . . . . 729
5.3 I principali strumenti con cui avrete a che fare . . . . . . . . . 734
6 INDICE

6 Appendice 737
6.1 Derivata delle funzioni elementari . . . . . . . . . . . . . . . . 738
6.2 Serie di Taylor più comuni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 739
6.3 La funzione gamma di Eulero . . . . . . . . . . . . . . . . . . 740
6.4 Identità vettoriali ed operatoriali . . . . . . . . . . . . . . . . 742
6.5 Lista delle modifiche apportate al file . . . . . . . . . . . . . . 743
Capitolo 1

Introduzione - di Andrea Caleo


(e Fabio Zoratti)

1.1 Nota per il lettore


Queste dispense sono ancora in fase di stesura, sono circa a metà del lavoro
completo. È molto probabile trovare quindi sezioni incomplete o con errori,
che possono essere di distrazione, typo o anche grossi. Troverete spesso inoltre
delle note in maiuscolo che mi servono a ricordare che cosa devo sistemare.
Vi prego di segnalarmi gli errori che trovate all’indirizzo email in copertina
al fine di rendere più rapido il lavoro di correzione. Inoltre, sarò contento di
ricevere feedback sul lavoro svolto. Ditemi se quello che leggete vi sembra
chiaro o vi sembra incomprensibile.
Per ora vi posso più o meno dire che la parte di matematica è quasi
completa, mancano gli esercizi di autovalutazione, mentre per fisica sono
ancora in alto mare
Alcune parti di meccanica sono fatte bene ed approfondite, altre hanno
buchi grossi
Termodinamica è quasi finita
Elettromagnetismo per ora fa abbastanza schifo ma conto di sistemarla
durante l’anno 2016/2017 in quanto seguirò dei bei corsi a riguardo
Onde e quantistica sono vuote (per ora). Conto di scrivere ottica alla fine
di questo anno accademico e quantistica l’anno successivo.
Relatività è ancora a metà e leggere mezza spiegazione incompleta può
confondere le idee.

7
8CAPITOLO 1. INTRODUZIONE - DI ANDREA CALEO (E FABIO ZORATTI)

I problemi potete tranquillamente farli senza aver letto la parte di teoria


e sono la cosa più utile da fare per le gare, quindi cominciate a farli.

1.2 Come si vincono le Olimpiadi di Fisica?


Non esiste un percorso lineare che porta uno studente a vincere le Olimpiadi
Italiane di Fisica e partecipare alle IPhO. Tuttavia, le tappe principali per
molti studenti sono le seguenti:

1. Lo studente, che chiameremo Angela, ottiene buoni risultati in fisica e


matematica a scuola.

2. Ad un certo punto, forse dopo aver partecipato ad una delle prime


fasi delle Olimpiadi Italiane di Fisica oppure dopo una partecipazione
fortuita a Senigallia in classe terza o quarta, Angela decide che e’
interessata alla fisica e vuole competere seriamente.

3. Angela si informa su come fare a diventare più brava chiedendo ad altri


ragazzi che hanno partecipato alle Olimpiadi, andando sul forum delle
Olimpiadi, oppure chiedendo ad uno dei suoi insegnanti.

4. Seguendo il consiglio che riceve più spesso, Angela si procura un libro di


fisica che copra il resto del materiale che ancora non ha potuto studiare
a scuola (probabilmente l’Halliday). Angela studia vari argomenti futuri
dal libro, riguarda argomenti precedenti, e intanto fa esercizi tratti dalle
fasi provinciali e nazionale delle Olimpiadi Italiane di Fisica.

5. Quando i problemi le sembrano facili, Angela prova ad affrontare alcuni


problemi delle Olimpiadi Internazionali di Fisica. Si accorge che questi
problemi sono molto più lunghi e complessi, ed in qualche caso richiedono
l’uso di tecniche più avanzate di quelle che conosce. Spesso e’ quasi
indispensabile aver visto un problema simile a quello che si sta provando
a risolvere.

6. Se non l’ha già studiata a scuola, Angela studia l’analisi (derivate ed


integrali), perché si accorge che questi argomenti sono menzionati molto
spesso nei problemi difficili. In particolare, scopre che aver capito i
concetti principali dell’analisi rende più facile risolvere anche problemi
che in teoria si possono risolvere senza l’analisi.
1.3. A COSA SERVONO QUESTE DISPENSE? 9

7. Angela ha finalmente tutti gli strumenti che le servono per competere


nelle Olimpiadi. Affronta molti problemi tratti dalle Olimpiadi Interna-
zionali, dalla raccolta di problemi della Scuola Normale Superiore e da
altre fonti che trova interessanti.

Ognuno dei 7 punti elencati ha richiesto uno sforzo attivo da parte di


Angela, e non e’ scontato che lei si renda conto di dover fare questo sforzo.
Per esempio, la maggior parte degli studenti di liceo si limita a studiare
quel che viene richiesto dai loro insegnanti, senza decidere autonomamente di
approfondire un argomento molto più in profondità. La realtà e’ che, per avere
successo nel resto della propria vita, avere un ottimo livello di competenza
in dieci materie diverse (le stesse dieci per tutti gli studenti della classe) e’
decisamente peggio che avere un livello di competenza rispettabile in nove
materie e stratosferico in una. Accorgersi di questo fatto prima di andare
all’università e’ una delle cose migliori che possano accadere ad un ragazzo.
Gli ultimi due step elencati sopra sono particolarmente complessi perché
richiedono di fare molti problemi e studiare materiale che non e’ univocamente
determinato. Ogni studente che arriva alle IPhO ha una preparazione diversa:
c’e’ chi ha fatto tutti i problemi delle IPhO ma non ha mai aperto un testo
di teoria più avanzato dell’Halliday, c’e’ chi e’ molto bravo di matematica
e sa bene tutta la fisica spiegata a scuola ma non ha mai visto argomenti
particolari come la diffrazione o la relatività, c’e’ chi si e’ studiato una serie di
tecniche universitarie ma non ha fatto molti problemi dalle edizioni precedenti.
Quello che quasi tutti loro hanno in comune e’ la curiosità di imparare la
fisica e l’aver fatto una certa quantità di preparazione indipendente.

1.3 A cosa servono queste dispense?


Queste dispense sono rivolte ai ragazzi delle scuole superiori che si cimenta-
no nelle Olimpiadi di Fisica. Sono pensate come supplemento per ragazzi che
ottengono buoni risultati in Fisica a scuola, ma vogliono la spinta in più che
serve ad arrivare ad alto livello su scala nazionale e internazionale. L’autore di
questo libro, Fabio Zoratti, ha partecipato alle Olimpiadi Internazionali della
Fisica nel 2014 e 2015 conseguendo una medaglia di bronzo e una medaglia
di argento. Si avvale della collaborazione di amici e collaboratori, molti dei
quali hanno partecipato ad altre edizioni delle Olimpiadi Internazionali della
Fisica e stanno coltivando una carriera nell’ambito della ricerca.
10CAPITOLO 1. INTRODUZIONE - DI ANDREA CALEO (E FABIO ZORATTI)

Il modo migliore per imparare fisica è quello di porsi domande difficili e


cercare le risposte, piuttosto che studiare molti libri di testo. Cio’ nonostante,
una serie di strumenti matematici e fisici sono fondamentali per espandere
i propri orizzonti. La prima parte di questo testo presenta la matematica
utile per fare i problemi delle Olimpiadi in modo che gli studenti che non
hanno ancora familiarità con l’analisi possano avere del materiale conciso
su cui studiare. Segue una discussione di alcuni argomenti di fisica che non
si trattano al liceo ma sono utili per le gare e per capire i trucchi che a
volte compaiono nelle soluzioni dei problemi. Presentiamo infine una ampia
collezione di problemi che coprono l’utilizzo di molte tecniche da tenere
presente.
Lo scopo di questo libro e’ di aiutare lo studente offrendogli una selezione
di materiale mirato alla preparazione per le Olimpiadi. Questo non puo’
sostituire la sua curiosità, che deve restare viva e spingerlo a trovare materiale
che proviene anche da altre fonti, ma puo’ servire come guida e collezione di
argomenti che sono sicuramente utili per le Olimpiadi. Queste dispense sono
obiettivamente complicate per un ragazzo del liceo. Non cercate di studiarle
per intero in una sola lettura, selezionate gli argomenti che pensate vi siano
più utili, non spaventatevi davanti ai problemi tosti e non mollate.
Riportiamo qua di seguito una lista di libri e siti consigliati per la prepa-
razione per le Olimpiadi di Fisica. La lista e’ tratta da una discussione sul
forum delle Olimpiadi che viene aggiornata periodicamente. Potete trovare
maggiori informazioni e alcuni link sul forum, oppure con una breve ricerca
su Google.
Essendo questo un libro scritto da un volontario è inevitabile che ci siano
sviste o errori veri e propri. Potete segnalare tutti gli errori all’indirizzo email
in copertina.

1.4 Link, libri e dispense utili per la prepara-


zione olimpica.
1.4.1 Testi di studio per la teoria
I seguenti testi sono indicati per una preparazione di livello liceale e pre-
universitaria. Il materiale che vi si trova copre la teoria di base ed e’ più che
sufficiente per affrontare le Olimpiadi Italiane di Fisica, se unito ad un solido
allenamento nella risoluzione di problemi.
1.4. LINK, LIBRI E DISPENSE UTILI PER LA PREPARAZIONE OLIMPICA.11

1. Fondamenti di Fisica, Halliday, Resnick e Walker, Ref [HRW12].


Si tratta di un libro di testo di fisica che esiste in una versione più
semplice, che viene usata anche nei licei (Fondamenti di Fisica, che si
puo’ integrare con Fisica Moderna), ed in una versione più avanzata
(divisa in Fisica 1 e Fisica 2), che a volte è usata nei primi corsi di Fisica
per Ingegneria. E’ un testo abbastanza semplice, ed è probabilmente
il più adatto a cominciare a studiare fisica, anche se fa un leggero uso
del calcolo differenziale ed integrale. Gli esercizi di fine capitolo sono
molto buoni per prendere la mano con gli argomenti del libro, e sono
generalmente di livello compreso tra la fase di Dicembre e quella di
Febbraio delle Olimpiadi. Se non è la Bibbia delle Olimpiadi, poco ci
manca.

2. I testi di Giovanni Tonzig.


I libri di Giovanni Tonzig trattano la fisica del liceo facendo uso di poca
matematica avanzata. Sono testi molto adatti alla preparazione delle
Olimpiadi, contengono un buon numero di problemi di livello molto
variabile e trattano approfonditamente argomenti spesso bistrattati a
scuola, come l’attrito, la fisica del vapore, la meccanica rotazionale.
Esistono un testo di meccanica, uno sulla fisica del calore ed uno di
elettromagnetismo.

3. La fisica di Feynman. (In inglese The Feynman Lectures on Physics).


Si tratta del testo scritto da Feynman mettendo insieme le lezioni di un
suo corso. Al suo interno sono spiegate le idee che stanno dietro a molti
degli argomenti di fisica, e spesso si trovano metodi originali e rapidi per
affrontare situazioni di vario genere. E’ un testo molto interessante per
il contenuto e per lo stile, che va anche oltre alle conoscenze necessarie
per le Olimpiadi (soprattutto nel 2◦ e 3◦ volume). Non è scritto per
insegnare a risolvere problemi e non contiene esercizi. Io consiglio il
testo in inglese, ma, se non vi sentite sicuri, potete ricorrere al testo
tradotto per la Zanichelli.

4. La fisica di Berkeley.
Si tratta di un testo classico, che ha ormai una quarantina d’anni, ma
ne mostra molti di meno. Io consiglio i primi due volumi, da leggere
parallelamente ad (oppure al termine di) un libro più classico. Il primo
12CAPITOLO 1. INTRODUZIONE - DI ANDREA CALEO (E FABIO ZORATTI)

volume riguarda la meccanica e tratta in modo particolarmente accurato


la relatività ristretta, rispetto agli altri testi del suo tipo. E’ ricco di
esempi utili e di letture interessanti, ad un livello intermedio tra il liceo
e l’università. Purtroppo, però, non contiene molti problemi interessanti
per le olimpiadi, e la trattazione della meccanica non relativistica è fatta
un po’ meglio su altri testi. Il secondo volume tratta l’elettromagnetismo
in modo abbastanza classico. Le cose sono spiegate ad un livello più
alto dell’Halliday, facendo uso anche di strumenti di analisi vettoriale
(gradiente, rotore, laplaciano), che sono presentati dallo stesso testo ma
lo rendono un testo difficile come primo approccio all’elettromagneti-
smo. Anche in questo caso sono presenti molti esempi utili e letture
interessanti, e il testo contiene anche problemi che potrebbero servire
per le Olimpiadi (l’ultimo capitolo è dedicato interamente ai problemi).
Usa il sistema di unità di misura CGS. Il terzo volume tratta le onde e
le oscillazioni, ad un livello più alto di quello che serve per le Olimpiadi,
anche se molte sue parti sono interessanti e comprensibili già al liceo. Il
quarto ed il quinto volume trattano temi di fisica quantistica e statistica
ad un livello quasi universitario, e sono materiale molto avanzato per le
Olimpiadi.

5. Fisica generale 1 e 2, Rosati.


Il Rosati è un altro libro che viene consigliato per i corsi di laurea
in Ingegneria, come l’Halliday. Talvolta è anche consigliato a Fisica.
Rispetto all’Halliday è un po’ più completo ed avanzato, ed alcuni
preferiscono iniziare con questo. Si divide in due testi, Fisica Generale 1
e 2. Oltre a questo, ci sono altri libri dello stesso tipo, come il Mazzoldi
ed il Picasso. Un commento personale: per studiare la teoria va bene un
po’ qualsiasi libro tra questi, ma l’Halliday resta il migliore. Riguardo
agli eserciziari, invece, penso che quelli relativi a questi libri (ognuno
di loro ne ha uno) non siano particolarmente interessanti: spesso gli
esercizi sono troppo cervellotici o pieni di conti, non sono particolarmente
interessanti e sono più facili di quelli che poi vengono dati a Senigallia,
alle IPHO ed ai primi esami universitari.

1.4.2 Link a raccolte di problemi ed eserciziari.


1. Il sito delle olimpiadi italiane.
1.4. LINK, LIBRI E DISPENSE UTILI PER LA PREPARAZIONE OLIMPICA.13

Ovviamente questo sito lo conoscete già, ma non sottovalutatelo come


risorsa. Ci sono ormai oltre 15 edizioni delle Olimpiadi, cioè oltre 15
prove di Dicembre, 15 prove di Febbraio e 15 gare nazionali. E’ un ottimo
punto di partenza, e quando dovete prendere parte ad una fase delle
gare è consigliabile aver fatto tutti i problemi usciti precedentemente
relativi a quella fase. Nella pagina del 2001 sono stati pubblicati anche
i testi della gara per la selezione della squadra IPHO (il problema 3 è
molto utile; gli altri due sono IPHO tradotti).

2. Il sito dello Stage di Fisica a Pisa.


Si tratta di un progetto iniziato da Fabio Zoratti e Francesco Hoch che
cerca di spiegare argomenti di fisica medio-avanzati ai ragazzi del liceo,
al fine di prepararsi alle Olimpiadi della Fisica. Durante la settimana
di stage viene fornito del materiale ricco di teoria e problemi ai ragazzi,
che viene poi pubblicato sul sito1 ufficiale dell’evento.

3. Il libro “Le olimpiadi della fisica”.


Il titolo completo è “Le olimpiadi della fisica. Problemi dalle gare italiane
e internazionali.”. Si tratta del libro scritto da Giuliana Cavaggioni,
Dennis Luigi Censi, Francesco Minosso, Paolo Nesti ed Umberto Penco
che raccoglie una selezione di problemi (con soluzioni dettagliate) presi
dalle gare italiane ed internazionali. I problemi presi dalle gare italiane
sono diversi da quelli che trovate sul sito del link precedente, perché quelli
del libro vengono da prima del 1995. Quelli presi da gare internazionali,
invece, li trovate anche nel link successivo, ma la soluzione riportata sul
libro è spesso più chiara e precisa di quella presente sul sito (alcune di
quelle che si trovano online non sembrano neanche molto corrette).

4. Il sito delle olimpiadi internazionali di fisica.


In questo sito si trovano tutti i problemi delle passati edizioni delle
Olimpiadi Internazionali di Fisica. Non sono consigliati solo a chi vuole
vincere le IPHO. Il livello nel corso degli anni è aumentato, e buona
parte dei problemi delle IPHO vecchie potrebbe essere adatto ad una
gara di Senigallia di questi ultimi anni. Sono problemi estremamente
istruttivi, e farli richiede impegno e dedizione, ma ne vale la pena.
Negli ultimi anni purtroppo è cresciuta a dismisura la tendenza a dare
1
https://stagefisica.uz.sns.it
14CAPITOLO 1. INTRODUZIONE - DI ANDREA CALEO (E FABIO ZORATTI)

problemi molto lunghi, molto contosi e con poche idee, perciò consiglio
di non cominciare dagli anni più recenti, ma da quelli più vecchi.

5. I problemi di Fisica della Scuola Normale.


E’ il libro che raccoglie alcuni problemi (con le soluzioni) del test di
ammissione della Scuola Normale Superiore. Sono problemi un po’
diversi da quelli delle Olimpiadi, ma molti di loro sono interessanti e
non banali. Ovviamente è particolarmente consigliato per chi vuole
entrare in una qualche scuola di eccellenza in cui è previsto un test di
fisica. Sul sito della Normale si trovano anche tutti gli altri problemi
dal 1960 ad oggi, ma senza soluzione.

6. Gli esercizi di David Morin.


Il libro di meccanica classica di David Morin, Ref [Mor08], che rientra
anche tra i testi di approfondimento consigliati, è ricchissimo di esercizi
(ci sono circa 250 problemi risolti e 350 non risolti) molto belli ed
istruttivi. Il link in fondo alla pagina che presenta il suo libro porta
ad una novantina di problemi, la maggior parte dei quali proviene dal
suo libro. Si tratta di materiale un po’ avanzato per le Olimpiadi, ma
quando sapete bene l’Halliday e volete provare qualcosa di più difficile,
potete partire da questo testo.

7. E.6) Un esercizio al giorno.


Si tratta della raccolta di esercizi di meccanica e termodinamica di
Giancarlo Cella, esercitatore di Fisica 1 e 2 a Pisa. Anche in questo
caso si tratta di problemi di difficoltà molto variabile, in media un po’
più facili che gli esercizi di David Morin. Una parte sono abbastanza
adatti anche per le Olimpiadi. Non sono ordinati per difficoltà, perciò
non lasciatevi scoraggiare dalla soluzione del primo esercizio.

8. 200 Puzzling Physics Problems Ref [HRG01].


E’ un libro con 200 problemi belli ed originali su vari argomenti della
fisica, in buona parte olimpici, con soluzioni dettagliate. Su Amazon si
può trovare un’anteprima e leggere le prime pagine del testo.

1.4.3 Testi di approfondimento.


1. Introduction to classical mechanics, di David Morin.
1.4. LINK, LIBRI E DISPENSE UTILI PER LA PREPARAZIONE OLIMPICA.15

Se siete curiosi di scoprire cosa è la forza di Coriolis e come si usano i


quadrivettori, questo è il testo che fa per voi. Si tratta di un testo molto
bello e interessante che tratta la meccanica in modo molto chiaro e
preciso, senza tralasciare gli aspetti delicati (come il moto dei corpi rigidi
e quello degli oscillatori accoppiati). Le spiegazioni sono ineccepibili. E’
probabilmente il testo migliore per studiare meccanica al primo anno di
Fisica. E’ anche un testo ricchissimo di problemi (vedi sopra). Per le
Olimpiadi, alcuni degli argomenti sono trattati in modo un po’ avanzato.
Non è un testo adatto per cominciare: prima conviene sapere almeno la
meccanica dell’Halliday. Potete trovare alcuni capitoli del libro come
esempio alla pagina di David Morin.

2. Termodinamica, di Enrico Fermi.


Il testo di termodinamica di Fermi è molto noto ed apprezzato. Tratta
le cose in un modo un po’ più generale di quello che si fa solitamente
per le Olimpiadi, e non pone l’accento sugli esercizi (ce n’è qualcuno,
ma sono poco entusiasmanti) ma solo sulla teoria. Poichè non esiste un
testo analogo al Morin di termodinamica, potreste ricorrere a questo se
volete approfondire la materia.

3. Introduction to Electrodynamics, di David J. Griffiths.


Se volete capire un po’ meglio che cos’è il metodo delle immagini ed a
cosa serve il vettore di Poynting, questo è il testo che fa per voi. Il testo
di elettrodinamica di Griffiths è, a mio parere, uno dei testi migliori per
una introduzione all’elettromagnetismo a livello universitario. Tratta
quasi tutti gli argomenti classici dei corsi di elettromagnetismo in modo
chiaro e relativamente completo (un paio di argomenti di base, tra
cui i circuiti in corrente alternata, all’università si fanno nei corsi di
laboratorio e non di elettrodinamica, e quindi non sono presenti in
questo testo), facendo ampio uso degli strumenti dell’analisi vettoriale
necessari. Alcuni problemi di fine paragrafo e capitolo sono interessanti
e non ovvi. Contiene anche una introduzione alla relatività ristretta
molto valida. Per le Olimpiadi, diversi argomenti sono trattati in modo
un po’ avanzato. Non è un testo adatto per cominciare: prima conviene
sapere almeno l’elettromagnetismo dell’Halliday.

4. Misure ed analisi di dati. Introduzione al laboratorio di fisica. Di Liana


Martinelli e Luca Baldini.
16CAPITOLO 1. INTRODUZIONE - DI ANDREA CALEO (E FABIO ZORATTI)

Si tratta del testo di Laboratorio di Fisica usato a Pisa per i corsi del
primo anno. La prima parte del testo tratta vari argomenti di statistica:
come propagare l’errore in casi semplici e complessi, come trattare vari
tipi di distribuzione, come stimare l’incertezza su una misura, come
eseguire un fit a partire da un certo numero di dati. La seconda parte è
una introduzione all’uso del computer e spiega i fondamenti del Latex e
di GNUplot (un programma per l’analisi dati, ad esempio per fittare
dei dati con una certa funzione). è un buon testo e spiega le cose in
modo semplice, ove possibile. Per alcune parti è richiesta la conoscenza,
a livello base, di derivate ed integrali. Non è assolutamente necessario
conoscere la parte di statistica di questo testo per affrontare le prove
sperimentali delle Olimpiadi di Fisica.

5. An introduction to modern astrophysics, di Carroll e Ostlie.


Questo librone di 1400 pagine, che potremmo definire l’Halliday dell’a-
strofisica, spiega in modo chiaro una quantità di fenomeni più grande
di quanto possiate immaginarvi. Il livello è leggermente più basso di
quello universitario; la maggior parte degli argomenti vengono trattati
con qualche dettaglio in più nei corsi appositi, ma le cose fondamentali
nel libro ci sono, e sono spiegate molto bene e senza evitare di fare i
conti nei casi in cui ciò è possibile. è una lettura che per voi risulterà
impegnativa, perciò ve la consiglio solo se siete davvero interessati. A
differenza di altri libri dello stesso tipo, questo riesce a non fare uso
in modo eccessivo di conoscenze avanzate che richiederebbero di aver
seguito i primi 3 anni di università. Come testi alternativi, che sono
meno completi, meno chiari e in alcuni casi più tecnici, ma sono gra-
tuiti ed in italiano, ci sono le dispense di Paolo Monaco (università
di Trieste) e le dispense di Paolo Paolicchi (università di Pisa); alcuni
parti, però, potrebbero essere per voi piuttosto pesanti (o totalmente
incomprensibili).

6. Lezioni di astronomia, di Elio Fabri e Umberto Penco.


Che coordinate si usano per definire la posizione di un corpo celeste?
Quali parametri servono per descriverne il moto? Perchè la teoria
tolemaica degli equanti funzionava cosı́ bene? Le lezioni di astronomia
di Umberto Penco e Elio Fabri linkate sono le dispense di un corso
annuale di Astronomia dell’università di Pisa, attivo fino a qualche anno
fa (adesso astronomia non si fa più). Anche se qualche volta potrebbero
1.5. RINGRAZIAMENTI 17

essere più chiare, contengono materiale perlopiù elementare e possono


risultare interessanti per chi volesse approfondire l’argomento.

1.4.4 Varie ed eventuali


1. Make It Stick: The Science of Successful Learning, di Peter Brown e
altri. Questo libro (in inglese) non e’ un testo di fisica, ma e’ un libro
che mette insieme ricerche nel campo della psicologia ed esperienze di
persone che hanno avuto successo in vari campi per descrivere quali
siano le tecniche di studio più efficaci. Tra le altre cose, il libro spiega
che il modo migliore di studiare comprende ripassare frequentemente
argomenti passati in modo attivo, cioe’ non rileggendo vecchio materiale
ma sforzandosi di richiamarlo alla memoria autonomamente; e che e’
essenziale fare esercizi e problemi, ma facendo attenzione a non dedicarsi
a una serie di esercizi tutti uguali tra loro in un breve intervallo di
tempo. I ragazzi che ottengono ottimi risultati alle Olimpiadi e poi
all’Università studiano quasi sempre in questo modo, anche se talvolta
lo fanno senza rendersene conto. Leggere questo libro vi puo’ aiutare ad
usare il tempo che dedicate allo studio nel modo più efficace possibile.
2. Il Luna Park della Fisica, di Jearl Walker.
Si tratta di un libretto che elenca 600 fenomeni strani dal punto di
vista fisico. In fondo al libro ci sono dei suggerimenti su come trovare
le risposte, quando è possibile farlo (alcuni sono veramente difficili da
spiegare, e neanche l’autore riesce ). Non è un testo che aiuta molto a
vincere le Olimpiadi visto che affronta le cose solo da un punto di vista
qualitativo, ma è comunque molto interessante. Walker è uno degli
autori del primo libro consigliato in questa pagina.
http://www.ioc.ee/ kalda/ipho

1.5 Ringraziamenti
Queste dispense sono per la maggior parte mia rielaborazione di argomenti
visti al liceo e in università, ma ci sono diverse persone che mi hanno aiutato
che vale la pena ringraziare.
Primo fra tutti il mio professore di Fisica del liceo, Riccardo Sangoi. Que-
st’uomo mi ha fatto appassionare alla Fisica, mi ha sempre fornito problemi
18CAPITOLO 1. INTRODUZIONE - DI ANDREA CALEO (E FABIO ZORATTI)

difficili per mettermi alla prova e mi ha sempre seguito fornendomi materiale


per approfondire. Non sarei dove sono ora senza di lui.
Molte altre persone mi hanno invece aiutato direttamente nella stesura
di questo libro, scrivendo problemi e/o soluzioni. Rinrgazio quindi Salvatore
Raucci, Andrea Antinucci, Pietro Pelliconi, Nico Kleijne, Giovanni Maria
Tomaselli, Lorenzo Breschi, Gabriele Manganelli, Beppe Bogna, Giorgio
Busoni.
Altri ringraziamenti speciali vanno a

• Giovanni Maria Tomaselli per i consigli su come scrivere come si de-


ve in LATEX. All’inizio le mie formule erano inguardabili, con i suoi
insegnamenti ora sono perlomeno decenti.

• Andrea Caleo per aver scritto l’introduzione a questo libro e averlo


pubblicizzato.

• Giogio Busoni per aver scritto diversi capitoli (i trucchi per fare gli
integrali e gran parte delle tecniche di soluzione delle PDE) e avermi
lasciato in eredità un sacco di problemi veramente tosti.

• Stefano Bolzonella per i consigli dati e per avermi sostenuto nei miei
progetti con il Gruppo Olimpiadi.

• Giuseppe Carlo La Rocca, per il fantastico corso di Elettrodinamica del


secondo anno. Anche se è decisamente troppo avanzato per il livello
richiesto alle Olimpiadi non potevo non riportare qui diversi risultati
e ragionamenti utili per capire per bene una teoria importante come
l’elettromagnetismo.
Capitolo 2

Matematica

2.1 Le funzioni elementari


2.1.1 La funzione esponenziale
Definizione 2.1.1 (Numero di Nepero). Definiamo la costante
∞  x
X 1 1
e := = lim 1 + ≈ 2, 718 . . .
n=0
n! x→∞ x

Si può dimostrare che questo numero è trascendente 1 .


Definizione 2.1.2 (Funzione esponenziale). In modo intuitivo, si definisce
f (x) = ex esattamente come si definisce 2x .

x
X xn
Si può dimostrare che e =
n=0
n!

Proposizione 2.1.1 (Proprietà elementari dell’esponenziale).

ex+y = ex · ey
y
(ex ) = exy
ex > 0 ∀x ∈ R
Esattamente come quando al posto di e c’è un numero razionale.
1
Ovvero non esiste un polinomio a coefficienti razionali tale che P (e) = 0. In sostanza,
è ancora più che irrazionale

19
20 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Figura 2.1: Grafico della funzione esponenziale

2.1.2 La funzione logaritmo


Il logaritmo in base a si definisce come la funzione inversa dell’esponenziale.
Ovvero,
y = ax ⇒ x = loga y
Ricordando che ex > 0 ∀x ∈ R, risulta ovvio che il logaritmo non è definito
per x < 0. (Si può comunque definire il logaritmo da C → C, ma non ne
parleremo qui).
Il logaritmo in base e ha alcune proprietà interessanti per cui si definisce
logaritmo naturale e si scrive
loge x := ln x
Proposizione 2.1.2 (Proprietà elementari del logaritmo).
aloga b = b
2.1. LE FUNZIONI ELEMENTARI 21

a = db+c = db · dc ⇒ logd a = b + c = logd da + logd db = logd (da · db )

Quindi loga (xy) = loga x + loga y


Notare che loga xx = loga x + loga x = 2 loga x. Per induzione si mostra
che vale
loga xn = n loga x∀n ∈ N
Si può estendere in modo da trovare che

loga xy = y loga x
Formula del cambio di base 2 :
logb x
loga x =
logb a

2
Di solito la calcolatrice calcola solo i logaritmi in base 10 e base e. Di norma si converte
sempre un logaritmo in base e
22 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Figura 2.2: Grafico della funzione logaritmo

2.1.3 I numeri complessi


Potrà sembrare una presa in giro, ma i numeri complessi in realtà sempli-
ficano spesso i calcoli.

Definizione 2.1.3 (Unità immaginaria). Definiamo i, l’unità immaginaria,


come un numero tale che i2 = −1. È evidente che i ∈
/R

Definizione 2.1.4 (Numero complesso). Definiamo C, l’insieme dei numeri


complessi z = a + ib, dove a, b ∈ R e i è l’unità immaginaria.
Due numeri complessi sono uguali se e solo se è uguale sia la loro parte
reale sia la parte immaginaria.

Definizione 2.1.5 (Somma di numeri complessi). La somma viene definita


in modo intuitivo sommando separatamente parte reale e immaginaria.

z1 + z2 = (a1 + ib1 ) + (a2 + ib2 ) = (a1 + a2 ) + i(b1 + b2 )


2.1. LE FUNZIONI ELEMENTARI 23

Definizione 2.1.6 (Prodotto di numeri complessi).

z1 ·z2 = (a1 +ib1 )·(a2 +ib2 ) = a1 ·a2 +ia1 b2 +ib1 a2 +i·ib1 b2 = (a1 a2 +(−1)b1 b2 )+i(a1 b2 +a2 b1 )

Definizione 2.1.7 (Complesso coniugato). Dato z ∈ C, si definisce z̄


complesso coniugato in questo modo:

z = a + ib ⇒ z̄ = a − ib

Notare che z̄¯ = z. Notare che z z̄ = (a2 + b2 ) + i · 0 = a2 + b2 ∈ R (sostituire


nella formula del prodotto per convincersene).

Definizione 2.1.8 √ (Modulo). Definiamo√ modulo


p di un numero complesso
√ z
la quantità |z| = z z̄ ∈ R. Notare che z z̄ = (a + ib)(a − ib) = a2 + b2

Definizione 2.1.9 (Rapporto di numeri complessi). Dati z1 , z2 definiamo il


z1 a1 + ib1
rapporto = . È utile notare che questo è un numero complesso
z2 a2 + ib2
effettuando una furba sostituzione.

z1 a1 + ib1 a1 + ib1 a2 − ib2 (a1 + ib1 )(a1 − ib2 ) z1 z¯2 z1 z¯2


= = = 2 2
= =
z2 a2 + ib2 a2 + ib2 a2 − ib2 a2 + b 2 z2 z¯2 |z2 |2

Forma trigonometrica dei numeri complessi

Definizione 2.1.10 (Forma trigonometrica). Dato un z ∈ C, esiste sempre


un θ tale che z = |z|(cos θ + i sin θ). Questo è ovvio se si distrubuisce il
prodotto.

( √
a = |z| cos θ = a2 + b2 cos θ
z = |z|(cos θ + i sin θ) = a + ib ⇒ √
b = |z| sin θ = a2 + b2 sin θ

Di conseguenza l’angolo θ
 a
cos θ = √ 2

a + b2
b
sin θ = √

a + b2
2
24 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Forma esponenziale dei numeri complessi

Teorema 2.1.3 (Formula di Eulero). Vale l’identità

eix = cos x + i sin x

cos x + i sin x
Dimostrazione: Consideriamo la funzione f : R → C = .
eix
Consideriamo la derivata di f (x), f 0 (x) = (− sin x+i cos x)e−ix +(−i cos x+
sin x)e−ix = 0.
Di conseguenza, f è costante. Calcoliamo f (0) = 1.
Di conseguenza, è intelligente scrivere un numero complesso in questo
modo:

z = |z|(cos θ + i sin θ) = |z|eiθ

In questo modo, il prodotto e il rapporto di numeri complessi diventa


molto più semplice da scrivere:

z1 z2 = |z1 ||z2 |ei(θ1 +θ2 )

1 1 −iθ
= e
z |z|

z n = |z|n einθ

È inoltre furbo utilizzare queste formule per ricavare la formula di addizione


di seno e coseno

cos(α + β) + i sin(α + β) = ei(α+β) = eiα eiβ =

= (cos α+i sin α)(cos β+i sin β) = (cos α cos β−sin α sin β)+i(sin α cos β+cos α sin β)

(
cos(α + β) = cos α cos β − sin α sin β
sin(α + β) = sin α cos β + cos α sin β
2.1. LE FUNZIONI ELEMENTARI 25

Figura 2.3: Rappresentazione sul piano complesso dell’identità di Eulero

Il logaritmo complesso
Normalmente il logaritmo si definisce per la prima volta su R+ , ma ha una
naturale estensione anche su R\{0} e su C\{0}, con qualche piccolo problema.
Abbiamo appena visto che un generico numero complesso è esprimibile come

z = ρeiθ
Con ρ e θ numeri reali. Possiamo quindi definire la funzione C\{0} → C

ln z = ln ρeiθ = ln ρ + iθ


Questa è una definizione pratica, che mostra effetivamente come fare i


conti. La definizione vera è la stessa che si dà per i numeri reali, ovvero w è
logaritmo di z se

ew = z
Questa definizione ha un problema intriseco, ovvero se io considero v =
w + i2π, si ha ev = ew ei2π = ew = z, ovvero il logaritmo di un numero
complesso non è unico. Per motivi matematici che non sono interessanti
26 CAPITOLO 2. MATEMATICA

per queste dispense si preferisce comunque questa definizione di logaritmo.


Ricordatevi quindi che in realtà

ln z = ln ρeiθ = ln ρ + iθ + i2kπ, k ∈ Z

2.1. LE FUNZIONI ELEMENTARI 27

2.1.4 Le funzioni iperboliche


Definiamo due nuove funzioni a partire dalla funzione esponenziale.

Definizione 2.1.11. (Funzioni iperboliche) Definiamo:

ex + e−x

cosh(x) := coseno iperbolico


2 −x


x

 e −e
sinh(x) := seno iperbolico
 2

 sinh(x)
tanh(x) := tangente iperbolica


cosh(x)

La prima cosa che si domanda una persona quando vede queste funzioni è:
perché accidenti le hai chiamate seno e coseno iperbolico se non ci assomigliano
per niente?
La domanda è legittima, ma ora vedremo che in verità ci assomigliano
davvero tanto.

Proposizione 2.1.4 (Identità fondamentale).

e2x + 2 + e−2x e2x − 2 + e−2x


cosh2 (x) − sinh2 (x) = − =1
4 4

Estremamente simile a cos2 x + sin2 x = 1

Proposizione 2.1.5.

cosh(−x) = cosh(x)

sinh(−x) = − sinh(x)

tanh(−x) = − tanh(x)

Sono banali verifiche. Notare che il coseno iperbolico è pari esattamente come
il coseno, mentre il seno iperbolico è dispari come il seno.

Proposizione 2.1.6 (Derivate delle funzioni iperboliche). Saltate pure questa


proposizione se non sapete ancora cos’è una derivata. Verrà spiegato in
dettaglio nella prossima sezione.
In ogni caso,
28 CAPITOLO 2. MATEMATICA

 0
e − e−x
 x
 0

 sinh (x) = = cosh(x)
2


 0
e + e−x
  x
0
cosh (x) = = sinh(x)

 2
1


tanh0 x =


cosh2 x
Se parliamo di seno e coseno, invece, otteniamo le stesse identità ma con
un segno meno per il coseno.

Nota (Formula di Eulero). Ricordiamo la formula eix = cos x + i sin x, dove i


è l’unità immaginaria e x ∈ R

Proposizione 2.1.7.

eix + e−ix


 cosh(ix) = = cos x


ix
2 −ix
e −e
sinh(ix) = = i sin x
2




tanh(ix) = i tan x

Si verifica facilmente queste formule sostituendo con la formula di Eulero.


Questo spiega definitivamente la scelta di questo nome.

Figura 2.4: Grafico delle funzioni iperboliche


2.2. ANALISI 29

2.2 Analisi
2.2.1 Cenni di serie numeriche
Questo è un argomento che non dovrebbe capitare mai, ma voglio comun-
que insegnarvi un paio di trucchetti che possono essere utili per fare alcuni
problemi. Nella maggior parte dei casi, è impossibile trovare la forma esplicita
del limite di una serie, spesso ci si limita a dire se converge o meno. Io vi
mostrerò i pochi casi in cui si riesce a fare esplicitamente, perché sono gli
unici che vi possono capitare in gara. Approfondire l’argomento è, a mio
parere, una perdita di tempo per la preparazione alle gare. In ogni caso, ci
passerete almeno 6 mesi al corso di Analisi 1 all’università.

Definizione 2.2.1 (Successione). Si definisce successione una sequenza


ordinata di oggetti, solitamente numeri reali. Si indica con il pedice xn

Definizione 2.2.2 (Serie). Data una certa successione xn , consideriamo la


n
X
successione sn = xk = x0 + x1 + x2 + . . . + xn . Se esiste L = lim sn =
n→∞
k=0
n
X
lim xk , il limite L si dice somma della serie.
n→∞
k=0

Esempio 2.2.1. Se xn = 1 ∀n ∈ N, allora è facile verificare che sn = n + 1,


per cui L = ∞

Esempio 2.2.2 (Serie geometrica). Consideriamo una successione definita


per ricorsione xn+1 = kxn , x0 = A. È facile verificare che xn = Ak n .
Consideriamo
n n
X
n
X 1−k 1 − k n+1
sn = Ak = A k n = A(1+k+k 2 +. . .+k n ) = A (1+k+k 2 +. . .+k n ) = A
k=0 k=0
1−k 1−k

È facile vedere che

1

sn → A 1 − k se k ∈ (−1, 1)

sn → ∞ se k ≥ 1

sn non ha limite se k ≤ −1

30 CAPITOLO 2. MATEMATICA

1
Esempio 2.2.3 (Serie armonica). Consideriamo la successione xn = α α ∈

n
X
R. Si può dimostrare 3 che la serie xn converge se e solo se α > 1. Si
n=1
possono dire un paio di cose in più. Per gli α ∈ N, con α pari, la somma
2 4
si calcola esplicitamente. Per α = 2, per esempio, fa π6 , per α = 4 fa π90 .
Ovviamente non dovete nè ricordare questi risultati, nè saperli calcolare. Lo
dico solo per vostra conoscenza personale.
Un caso notevole è il caso α = 1, in quanto si ha
n
X 1
k=1
k
→1
ln n
Ovvero,
n
X 1
≈ ln n
k=1
k
P∞ 1
Per n abbastanza grande. Notare che quindi n=1 n →∞

2.2.2 Derivate
In tutta la fisica è fondamentale utilizzare strumenti del calcolo differenziale.
Il più importante è sicuramente la derivata.
Per i prossimi capitoli, ogni volta che indicherò una funzione f (x), intendo
una funzione f : R → R, ovvero una funzione che ha come argomento
un numero reale e restituisce un numero reale. Dal capitolo sul calcolo
differenziale in più variabili comincerò a specificare volta per volta che funzione
intendo.

Definizione 2.2.3. Sia f (x) una funzione di una variabile reale. Si definisce
derivata di f (x) la funzione

f (x + h) − f (x)
f 0 (x) = lim
h→0 h
3
Usando il criterio di condensazione di Cauchy
2.2. ANALISI 31

ex+h − ex
Esempio 2.2.4. Se f (x) = ex allora f 0 (x) = limh→0 = ex ·
h
eh − 1
lim = ex
h→0 h
In effetti non sono stato onesto nel calcolare questa derivata, in quanto
mi sono ricondotto a calcolare un limite e non vi ho spiegato come calcolarlo.
Nei prossimi paragrafi vi mostrerò come evitare il problema.
Nota. Per indicare la derivata di una funzione ci sono molti modi. Elenco ora
i più comuni:
• Df
df

dx
• f0
Inoltre, l’operazione di derivazione si può fare più volte, ovvero dopo aver
fatto la derivata di f (x) ottenendo f 0 (x), si può fare la derivata di f 0 (x)
ottenendo f 00 (x). La notazione per le derivate successive è questa:
• Dn f
dn f

dxn
• f (n)
In fisica, se f (t) è funzione del tempo, la derivata temporale si indica
di solito con un puntino sopra la f , ovvero f˙. La derivata successiva con 2
puntini (f¨) eccetera

Significato fisico della derivata


Esempio 2.2.5. Sia x(t) la posizione lungo l’asse x di un punto materiale al
x(t + ∆t) − x(t) ∆x
tempo t. Calcoliamo x0 (t) = lim = lim = v(t).
∆t→0 ∆t ∆t→0 ∆t
Analogamente, possiamo calcolare v 0 (t) ottenendo a(t)
In sostanza, la derivata rappresenta il tasso di variazione infinitesimo
di una quantità diviso per la variazione della variabile indipendente. Più
la derivata è grande, più la funzione sta crescendo, più è negativa, più sta
diminuendo.
32 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Figura 2.5: Significato geometrico della derivata

Significato geometrico della derivata Consideriamo la retta che passa


per i punti (x1 , f (x1 )), (x2 , f (x2 )). Questa retta è secante il grafico della
∆f (x) f (x2 ) − f (x1 )
funzione. Il suo coefficiente angolare è : m = = .
∆x x2 − x1
Facendo tendere x2 a x1 , i punti si avvicinano sempre di più e la retta diventa
si avvicina sempre di più alla tangente al grafico. In particolare, facendo il
lim x2 → x1 , la retta diventa esattamente la tangente. Usando il cambio di
variabile x2 = x1 + h, il limite diventa lim h → 0 e il coefficiente angolare
f (x1 + h) − f (x1 )
della retta tende a m = lim = f 0 (x1 )
h→0 h
Usando un po’ di buonsenso, si capisce subito che se la derivata è positiva,
allora la funzione è crescente in quel punto. Se è negativa, la funzione è
decrescente. Se la derivata invece vale zero, purtroppo in generale non si può
dire niente. La tangente al grafico rimane orizzontale ma in generale non si
può stabilire conoscendo solo la derivata prima se si tratta di un massimo
o di un minimo. Per esempio, f (x) = x2 , f (x) = −x2 , f (x) = x3 sono tre
funzioni che in 0 hanno derivata nulla, ma per la prima è un punto di minimo,
per la seconda un massimo, mentre per la terza si chiama flesso.
Riassumento, data una funzione f (x), la sua derivata f 0 (x) è un’altra
funzione che in ogni punto vale il coefficiente angolare della retta tangente a
f (x)

Derivata delle funzioni elementari Il calcolo della derivata delle funzioni


elementari richiede di saper calcolare i limiti. Di solito si fanno fra la fine
della quarta e l’inizio della quinta. Visto che queste dispense sono pensate
anche per i più giovani, darò la derivata solo delle funzioni più banali senza
2.2. ANALISI 33

dimostrarle per poi mostrare come da queste poche regole si può ottenere la
derivata di una funzione qualsiasi.

Funzione Derivata
Costante 0
xα αx α−1
con α ∈ R
ex ex
sin(x) cos(x)
cos(x) − sin(x)
1
log(x)
x
1
arcsin(x) √
1 − x2
1
arccos(x) −√
1 − x2
1
arctan(x)
1 + x2
sinh(x) cosh(x)
cosh(x) sinh(x)
1
sinh−1 (x) √
x2 − 1
1
cosh−1 (x) √
1 + x2
1
tanh−1 (x)
1 − x2
Tabella 2.1: Derivata delle funzioni elementari

Io ho sempre odiato lo studio mnemonico, ma queste funzioni sono talmente


poche che vale la pena imparare queste quattro derivate senza farsi troppe
domande, per l’utilizzo che vi serve alle olimpiadi. Nel prossimo paragrafo vi
mostrerò le regole di derivazione che permettono di usare queste 5 regole per
ottenere la derivata di una funzione qualsiasi, usando qualche trucco.

Regole di derivazione La derivata della somma è la somma delle derivate.


In formule:
(f (x) + g(x))0 = f 0 (x) + g 0 (x)
Esempio 2.2.6. Sia f (x) = x2 +sin(x)+ex +3. f 0 (x) = 2x+cos(x)+ex +0 =
2x + cos(x) + ex
34 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Questa regola risulta banale da dimostrare se si scrive la definizione di


derivata.
La derivata del prodotto si calcola con questa somma:

(f (x) · g(x))0 = f 0 (x) · g(x) + f (x) · g 0 (x)

Esempio 2.2.7. Sia f (x) = 3x2 . f 0 (x) = 0 · x2 + 3 · 2x = 6x


Esempio 2.2.8. Sia f (x) = ex · sin(x). f 0 (x) = ex · sin(x) + ex · cos(x)
La derivata della funzione composta si calcola in questo modo:

(f (g(x)))0 = f 0 (g(x)) · g 0 (x)

Questa formula è l’unica complicata delle 3 e quindi ora ci dedicherò più


attenzione.
Esempio 2.2.9. Sia f (x) = e2x . Vogliamo calcolare la derivata usando la
regola di derivazione composta. In questo caso possiamo vedere f (x) come
composizione della funzione h(x) = 2x e della funzione g(x) = ex , funzioni di
cui sappiamo calcolare la derivata. In particolare, f (x) = g(h(x)). Usiamo
meccanicamente la formula: f 0 (x) = g(h(x))0 = (ex )02x · (2x)0 dove il pedice
indica che faccio la derivata della funzione ex e poi la calcolo nel punto 2x.
Concludendo, f 0 = e2x · 2 = 2e2x
Esempio 2.2.10. Sia f (x) = cos(x2 ). Come prima, calcolo la derivata di
cos(x) e la valuto in x2 e la moltiplico per la derivata di x2 . Ricordo che
utilizzo questo metodo in quanto mi riconduco sempre a funzioni di cui so
calcolare la derivata. Concludendo, f 0 = − sin(x2 ) · 2x

Esempio 2.2.11. Sia f (x) = 2x + 5. È intelligente scrivere la radice come
√ 1
unòpportuno elevamento a potenza. 2x + 5 = (2x + 5) 2 . Ora ci siamo
1
ricondotti ad una funzione di cui sappiamo fare la derivata: 2x + 5 e x 2 .
1
Quindi f 0 = 12 (2x + 5)− 2 · 2 = √2x+5
1

Esempio 2.2.12. Sia f (x) = (3x2 + 2)5x . Vogliamo calcolare la derivata di


questa funzione. Non siate tentati di utilizzare cose fantasiose tipo la regola
per derivare xα in quanto questa regola vale se e solo se α è un numero reale
costante. In questo caso invece l’esponente è variabile.
Scriviamo la funzione in modo più intelligente e tutto risulterà più chiaro:
2 5x 2
f (x) = eln(3x +2) = e5x ln(3x +2) . A questo punto siamo nel caso di una
2.2. ANALISI 35

funzione del tipo ef (x) , la cui derivata è, secondo le regole mostrate sopra,
2 5x · 6x
ef (x) f 0 (x) = e5x ln(3x +2) 5 ln(3x2 + 2) + 2
3x + 2
Esempio 2.2.13. Vogliamo calcolare la derivata della tangente di x.
sin(x)
f (x) = tan(x) = = sin(x)(cos(x))−1
cos(x)
 2
0 −1 −2 sin(x)
f (x) = cos(x)(cos(x)) −sin(x)(cos(x)) ·(− sin(x)) = 1+ =
cos(x)
1
1 + tan2 (x) =
cos2 (x)

Derivate applicate alla fisica Supponiamo di conoscere la posizione lungo


l’asse x di un punto materiale in funzione del tempo. Calcoliamo la velocità e
l’accelerazione per esercizio.
Esempio 2.2.14. Consideriamo per esempio il caso di moto rettilineo uni-
formemente accelerato.
La teoria ci dice che x(t) = x0 + v0 t + 12 at2 . Calcoliamo x0 = v con le
regole imparate.
x0 = 0 + v0 + at = v(t). Ovvero velocità che aumenta linearmente nel
tempo, come previsto.
Calcoliamo a(t) = 0 + a accelerazione costante, come previsto.
Esempio 2.2.15. Vediamo ora un esempio meno banale. Consideriamo un
oggetto che si muove di moto circolare uniforme su una circonferenza di raggio
R e di pulsazione (2π/T ) ω. La posizione lungo l’asse x sarà x(t) = R cos(ωt).
La posizione lungo l’asse y sarà invece y(t) = R sin(ωt). Queste sono entrambe
funzioni di variabile reale, sono indipendenti e quindi possiamo applicare
senza problemi tutte le regole che abbiamo imparato. Calcoliamo le velocità
e le accelerazioni lungo gli assi.

vx = −Rω sin(ωt)
vy = Rω cos(ωt)

ax = −Rω 2 cos(ωt) = −ω 2 x(t)
ay = −Rω 2 sin(ωt) = −ω 2 y(t)
Vorrei far notare che in questo caso, il vettore accelerazione ~a è esattamente
−ω 2~x. Questo conferma che l’accelerazione in un moto circolare uniforme è
centripeta.
36 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Esercizi
Calcolare la derivata delle seguenti funzioni. Le soluzioni sono in fondo al
libro.

1. x2 + 10x + cos x 7. sin ex x2


13. arctan
1+x
2. tan x + ex 8. ln tan x2
1
14. arcsin ln 1+x
ex x cos x
3. 9.
x 1 + tan2 x 15. sin cos x2
2
4. ex cos tan x 16. cos(ωx + φ) (φ
10. ln
1 + x2 costante)
x2 + 1
5. 11. xx cos x √
x+3 17. x2 + R2
r
cos x 3x
6. 12. 2 18. xx
1 + x2 x +1
2.2. ANALISI 37

2.2.3 Integrali
Supponiamo di avere una funzione f (x) e di voler calcolare l’area 4 che
sta fra la funzione e l’asse x in un dato intervallo [a, b]. Fare questa cosa
si chiama calcolare l’integrale della funzione f (x) fra a e b. Il simbolo per
Z b
indicare L’operazione è: Area = f (x)dx. Il simbolo ha una forma che
a
permette di dare un significato intuitivo a questa operazione. Con dx si indica
un piccolissimo ∆x (in generale in fisica le variazioni piccole si indicano con
una d). Il prodotto f (x)dx è l’area di un rettangolino di altezza f (x) e base
dx. La S grande di integrale indica che quella quantità va sommata ovunque
da a a b, ovvero fare la somma delle aree dei rettangolini compresi fra a e b.

(a) (b)

Figura 2.6: Significato geometrico dell’integrale

Proprietà elementari dell’integrale


Proposizione 2.2.1. Siano a < b < c tre numeri reali. Vale allora
Z b Z c Z b
f (x)dx = f (x)dx + f (x)dx
a a c

Questo risultato è ovvio se si considera che l’integrale è l’area sotto la curva.


4
Area con segno. Se la funzione sta sopra l’asse x, l’area sarà considerata positiva, se
invece sta sotto verrà presa negativa
38 CAPITOLO 2. MATEMATICA
Z b Z a
Proposizione 2.2.2. f (x)dx = − f (x)dx. Questa, più che una propo-
a b
sizione è una definizione che permette di maneggiare gli estremi di integrazione
senza preoccuparsi di quale sia il maggiore.
Z b Z b
Proposizione 2.2.3 (Linearità dell’integrale). (f (x)+g(x))dx = f (x)dx+
Z b Z b Z b a a

g(x)dx c · f (x)dx = c f (x)dx dove c è un numero reale. Ovvio se


a a a
pensato in termini di aree.

Come calcolare gli integrali Ciò che ci interessa è trovare un modo per
calcolare facilmente l’integrale conoscendo la funzione f (x). Un modo quasi
semplice di fare questa cosa è il seguente. Purtroppo non esiste nessun metodo
diretto e infallibile per calcolare l’integrale di una funzione. Tuttavia, ci si
può quasi sempre ricondurre a dei casi in cui si è in grado di farlo. Vediamo
ora come riuscirci.
Definizione 2.2.4 (Funzione integrale). Sia fZ(x) una funzione. Si definisce
x
funzione integrale di f (x) la funzione F (x) = f (x)dx
a

Definizione 2.2.5 (Primitiva). Si dice che g(x) è una primitiva di f (x) se


g 0 (x) = f (x)
Teorema 2.2.4 (Importante). Se g(x) e h(x) sono entrambe primitive di
f (x), allora g(x) − h(x) = costante Dimostrazione: (g(x) − h(x))0 = g 0 − h0 =
f − f = 0. Se la derivata di qualcosa è 0, è intuitivo che questo qualcosa sia
costante. (Ovviamente può essere dimostrato matematicamente utilizzando il
teorema di Lagrange, ma non è questo l’obiettivo di queste dispense.)
Z x
Consideriamo la funzione integrale F (x) = f (x)dx. Questa funzione
a
indica l’area sotto la funzione f (x) dal punto a, fissato, al punto x, variabile.
Questa funzione si chiama funzione integrale. È particolarmente utile in
Z x2
quanto se noi vogliamo calcolare f (x)dx possiamo calcolarla con l’espres-
x1
sione F (x2 ) − F (x1 ). Per capire perché questa cosa funziona, ritengo che sia
sufficiente fare un disegno di una funzione a caso e ragionare in termini di
aree, fissando i punti a, x1 , x2 .
Avere un modo per calcolare F (x) diventa quindi molto utile.
2.2. ANALISI 39

Teorema 2.2.5 (Teorema fondamentale del calcolo integrale). Sia f (x) una
funzione (per la precisione, continua, ma per quello che dovete fare alle
olimpiadi di fisica, una funzione qualsiasi). Consideriamo F (x) la funzione
integrale di f (x), definita come sopra. Vale F 0 (x) = f (x)
Ovvero, la derivata della funzione F (x) è f (x). Questo ci permette di dire
che in un certo senso fare la derivata e fare un integrale sono due operazioni
inverse, come moltiplicare e dividere per due uno stesso numero.
Questo teorema ci permette di calcolare quindi la funzione integrale di
una funzione data, potendo quindi anche calcolare l’area sotto ad un grafico.
Facciamo ora degli esempi per chiarificare il tutto.
Z a
Esempio 2.2.16. Vogliamo calcolare xdx, ovvero la funzione integrale
0
di f (x). Abbiamo detto che il significato fisico dell’integrale è l’area con
segno sottesa dal grafico della funzione. In questo caso, la funzione f (x) = x
disegna un triangolo isoscele rettangolo. I lati congruenti del triangolo valgono
entrambe a.L’area è dunque a2 /2. Ci aspettiamo quindi che anche l’integrale
valga la stessa cosa.
Calcoliamo l’integrale utilizzando il teorema appena enunciato. Per trovare
la funzione integrale, dobbiamo trovare una primitiva di f (x) = x. È facile
x2
vedere che g(x) = è una primitiva (è sufficiente derivare e controllare
2
l’uguaglianza). Con l’altro teorema enunciato sopra, possiamo dire che tutte
x2
le primitive sono della forma h(x) = g(x) + c = + c.
Z a 2
Ora siamo pronti a calcolare xdx.
0
Z a Usando il teorema fondamentale del calcolo integrale, possiamo scrivere
a2 a2
xdx = h(a) − h(0) = +c+0−c=
0 2 2
Notare che se avessimo utilizzato un’altra primitiva di f (x) al posto di
h(x) (per esempio g(x)), il risultato non sarebbe cambiato, in quanto tutte le
primitive differisconoZ per una costante, che si semplificaZ nella differenza.
b b
b2
Calcoliamo ora xdx con lo stesso metodo. xdx = +c−
 2 a a 2
b 2 − a2

a (b − a)(b + a)
+c = = . Facendo il disegno, si capisce su-
2 2 2
bito che l’area in questione è l’area di un trapezio di basi a e b e di altezza
b − a, che corrisponde all’area trovata.
40 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Notare che se a = −b, l’area diventa 0. Questo perché quando si calcola


un integrale si considera l’area con segno. Il disegno mostra chiaramente che
in questo caso l’area sotto l’asse x e l’area sopra sono uguali, di conseguenza
la somma fa 0.

Esempio 2.2.17. Calcoliamo ora l’area sotto una parabola: f (x) = x2 . Una
x3
primitiva di f (x) è . Ometterò ora il +c in quanto abbiamo visto che per
3
il calcolo delle aree siZ semplifica.
a
a3
Di conseguenza, x2 dx = −0
0 3

Come ricondursi a cose che si sanno fare I pochi esempi che ho fatto
fin’ora sono elementari e quindi si riesce a trovare una primitiva ad occhio.
Purtroppo non è sempre cosı́. Se vi chiedessi adesso di trovare la primitiva di
(x2 − 2x)ex dx vi trovereste sicuramente più in difficoltà. Esistono però dei
metodi standard per cercare di ricondursi a cose che si sanno fare.
Ora ne elencherò alcuni. Alle olimpiadi non dovrebbe capitarvi di fare
troppi integrali e di solito vi viene detto come farli. Tuttavia è comunque
buona norma saperli maneggiare perché vi permette di essere molto più sicuri
di quello che state facendo e, credetemi, in gara conta parecchio.
Vediamo alcuni esempi.

Esempio 2.2.18. Vogliamo fare l’integrale/calcolare la primitiva di f (x) =


3x2 + 5x + 2.
Possiamo sfruttare la linearità dell’integrale per ricondurci a cose che
sappiamo fare:
Z Z Z Z
5
(3x + 5x + 2)dx = 3 x dx + 5 xdx + 2 dx = x3 + x2 + 2x + c
2 2
2

L’integrale per sostituzione La cosa più utile per cercare di fare cambi
negli integrali è la sostituzione. Vediamo un esempio per capire cosa intendo.

Esempio 2.2.19 (Integrale per sostituzione). Calcoliamo ora una primitiva


5
di f (x) = 5x sin(3x2 ). Notiamo che la funzione − cos(3x2 ) se derivata ci dà
6
esattamente f (x).
Sarebbe bello avere un metodo per non dover ragionare in modo cosı́
astruso. Se l’argomento del seno fosse stato t invece di 3x2 , le cose sarebbero
2.2. ANALISI 41

state più evidenti. Cerchiamo quindi di capire come fare. Chiamiamo t = 3x2 .
Z r
t
Il nostro integrale diventa 5 sin(t)dx. Tuttavia, noi stiamo facendo
3
l’area di un rettangolo con l’altezza che dipende da t mentre la base dipende
da x . Potete ben capire che in questo c’è qualcosa di sbagliato. Bisogna
quindi trovare un modo di esprimere dx in funzione di t e dt in modo da avere
qualcosa di sensato.
È il momento di utilizzare una delle altre notazioni per la derivata, ovvero
df
, in quanto le cose diventeranno più intuitive. Ricordiamo che il significato
dx
fisico di questa notazione è che la derivata è il rapporto fra l’incremento
infinitesimo della funzione e la variazione infinitesima della variabile.
Noi conosciamo la definizione di t come funzione
r di x, ovvero t = g(x).
t
Possiamo quindi ricavare x = g −1 (t) := h(t) = . Calcoliamo quindi h0 (t) =
3
dh dx 1
= = √ . Possiamo quindi scrivere, maneggiando i differenziali come
dt dt 2 3t
se fossero numeri (cosa che piace molto ai fisici ma odiata dai matematici),
1
dx = √ dt. Ora possiamo finalmente sostituire nell’integrale di partenza,
2 3tZ r Z
t 1 5 5 5
ottenendo 5 sin(t) √ dt = sin tdt = − cos(t) = − cos(3x2 )
3 2 3t 6 6 6
Ci siamo sforzati abbastanza per riuscire a cambiare variabile, ma alla
fine siamo riusciti ad ottenere un integrale molto più facile da calcolare.

2
Esempio 2.2.20. Calcoliamo una primitiva di f (x) = 2xex . Proviamo a
sostituire t = x2 e vediamo se la situazione migliora. Nessuno ci assicura che
l’integrale che ne salterà fuori sarà più facile o semplicemente risolvibile, ma
un buon occhio può vedere che quantomeno renderà più semplice il tutto.
Nell’esempio precedente abbiamo prima esplicitato x in funzione di t e poi
fatto la derivata. Vediamo ora che non èZl’unico metodo. Z Z
dt x2
= 2x. Quindi dt = 2xdx. Quindi f (x)dx = 2xe dx = et dt =
dx
2
et = ex

Ora, negli esempi precedenti ho leggermente barato in quanto non ho


mai scritto gli estremi di integrazione e ho semplicemente sostituito alla fine.
Vediamo come fare riprendendo l’esempio precedente.
42 CAPITOLO 2. MATEMATICA
Z 3
2
Esempio 2.2.21. Vogliamo calcolare stavolta 2xex dx. Come prima,
2
vogliamo effettuare un cambio di variabile t = x2 . Possiamo agire in due modi:
trovare la primitiva in funzione della nuova variabile e alla fine risostituire,
come ho fatto prima, oppure cambiare l’estremo di integrazione per non dover
sostituire alla fine. Z 3 Z b
x2
Come abbiamo visto sopra, 2xe = et dt. Vogliamo ora calcolare
2 a
a, b in modo da non dover cambiare variabile alla fine. Ricordiamo quindi che
t = x2 , quindi 2 2
Z avremo che a = 2 = 4, mentre b = 3 = 9. Quindi il nostro
9
integrale è et dt = e9 − e4 . È facile verificare che il risultato è lo stesso che
4
avremmo ottenuto nell’altro modo.
Esempio 2.2.22. Calcoliamo una primitiva di tan x.
− sin x
Z Z Z
sin x
tan xdx = dx = − dx = − ln(| cos x|)
cos x cos x
Esempio 2.2.23. Calcoliamo una primitiva di cos2 x.
Sfruttiamo le formule di duplicazione del coseno per ricondurci a qualcosa
di più facile:
cos 2x + 1
cos 2x = 2 cos2 x − 1 ⇒ cos2 x =
2

sin 2x
Z Z
cos 2x + 1 +x cos x sin x + x
cos2 xdx = dx = 2 =
2 2 2

Le sostituzioni trigonometriche e parametriche Ci sono alcune espres-


sioni che vi devono far immediatamente pensare a delle √ cose utili. Per esempio,
se vi trovate davanti ad un integrale in cui compare 1 − x2 o simili, è molto
probabile che sia utile la sostituzione x = sin t (anche un coseno va bene).
Allo stesso modo, bisogna √ fare attenzione
√ alle funzioni iperboliche. Se ci
troviamo davanti ad un x2 − 1 o 1 + x2 , molto probabilmente sostituire
x = cosh t o x = sinh t semplifica di parecchio l’integrazione.
x
Esempio 2.2.24. Calcoliamo una primitiva di √ . Sarà utile sostituire
1 − x2
x = sin t ⇒ dx = cos tdt
2.2. ANALISI 43

Z
x
Z
sin t
Z √
√ dx = cos tdt = sin tdt = − cos t = − 1 − x2
1 − x2 cos t

Integrale per parti Consideriamo l’identità


Z Z Z
d
f (x)g(x) = (f (x)g(x))dx = f (x)g(x)dx + f (x)g 0 (x)dx
0
dx

Da cui otteniamo la formula di integrazione per parti


Z Z
f (x)g(x)dx = f (x)g(x) − f (x)g 0 (x)dx
0
(2.1)

Cerchiamo di capire cosa significa questa formula apparentemente inutile


e come utilizzarla per fare gli integrali.

Esempio 2.2.25. Vogliamo trovare una primitiva di ln x. Cerchiamo di usare


la formula di integrazione per parti per trovare una primitiva.

Z Z Z Z
1
ln xdx = 1 · ln xdx = x ln x − x dx = x ln x − dx = (x − 1) ln x
x

Ovvero, nel nostro caso abbiamo che f 0 (x) = 1 e g(x) = ln x. Sfruttando


la formula, abbiamo derivato il logaritmo rendendolo più facile da gestire.

Esempio 2.2.26. Calcoliamo in modo diverso rispetto a prima una primitiva


di cos2 x

Z Z Z Z
2
cos xdx = cos x·cos xdx = sin x cos x− sin x·(− sin x)dx = sin x cos x+ (1−cos2 x)dx =

Z
= sin x cos x + x + cos2 xdx

Riscrivendo il primo e l’ultimo termine dell’equazione abbiamo


Z Z
cos xdx = sin x cos x + x − cos2 xdx
2
44 CAPITOLO 2. MATEMATICA
Z
Ovvero, chiamando I = cos2 xdx,

I = sin x cos x + x − I

Che è un’equazione di primo grado in I. Risolvendo in modo banale


abbiamo
Z
sin x cos x + x
I = cos2 xdx =
2
Esattamente come prima.

I trucchi per fare gli integrali in Fisica


Quando si ha a che fare con gli integrali in fisica, quello che consiglio è di
usare trucchi algebrici per trasformare le quantità fisicamente dimensionate
(lunghezze, masse, temperature, tempi. . . ) in quantità adimensionali, fare
cambi di variabili opportuni in modo da aver finito di trattare il problema
fisico per poi affrontare un problema di pura matematica, che con un po’ di
pazienza si risolve. Ora cercherò di essere più chiaro con un esempio. Un
altro esempio che sarà chiarificatore è il 2.2.34, nel capitolo sulle equazioni
differenziali.

I trucchi per fare gli integrali in generale


Vediamo ora una serie di sostituzioni furbe che funzionano sempre per
fare diversi tipi di integrali. Chiameremo la funzione da integrale f (x), e
distingueremo casi a seconda che possa essere espressa come una funzione
R(xi ) dove gli xi appaiono solo con potenze intere. Il caso in cui R indica un
polinomio sarà in particolare il caso nel quale i trucchetti funzionano sempre.

• Caso f (x) = R(x, ax + b): sostituire t2 = ax + b, x = (t2 − b)/a
dx = 2tdt/a
 p/q 
• Caso f (x) = R x, ax+b
cx+d
con p, q interi e a 6= 0, c 6= 0, ad − bc 6= 0,
ax+b b−dtq q−1
sostituire tq = cx+d
, x= dx = (ad − bc)q (cttq −a)2 dt
ctq −a
,
 
ax+b p1 /q1 ax+b pn /qn
 
• Caso f (x) = R x, cx+d , . . . , cx+d con pi , qi interi e ad −
bc 6= 0: come prima, con q = m.c.m.(qi )
2.2. ANALISI 45
√ √
• Caso f (x) = R(x, ax2 + bx +√c) e a > 0, sostituire ax2 + bx + c =
√ t2 −c bt− at2 −c
ax + t, x = b−2 √ , dx = 2
at

(b−2 at)2
dt

• Caso f (x) = R(x, ax2 + bx + c) e a < 0, dette x1,2 le radici di ax2 +
2 +x
bx + c = 0, sostituire t2 = xx−x 1
2 −x
, x = x2tt2 +1 1 t
, dx = 2(x2 − x1 ) (t2 +1)2 dt

• Caso f (x) = R(xm (axp + b)q ) dove almeno una di queste quantità è
1/p−1
intera: q, m+1
p
, q + m+1
p
: sostituire t = xp , x = t1/p , dx = t p dt

• Caso f (x) = R(cos x, sin x): ci sono diverse possibilità, bisogna vedere
quale torna meglio, a volte basta t = sin x o t = cos x o t = tan x. Se
queste non funzionano, potete sempre usare le formule parametriche:

1 − t2
cos x =
1 + t2
2t
sin x =
1 + t2
2t
tan x =
1 − t2
2dt
dx =
1 + t2

Esempio 2.2.27. Vogliamo calcolare


Z √
dx sin ax + b

Pare particolarmente brutto! Ma si fa, ed è semplice:


Z √ Z
2tdt 2
Z
2
dx sin ax + b = sin t = dt sin t = (sin t − t cos t)
a a a
2 √ √ √ 
= sin ax + b − ax + b cos ax + b
a
Esempio 2.2.28. Vogliamo calcolare
Z 0  (2n+5)/3
x
−( x+3
2/3
) x dx
e
−3 x+3 x2
46 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Usiamo la sostituzione suggerita. Da notare che non è ben chiaro se dobbiamo


scegliere p = 1 o p = 2. Per sicurezza, scegliamo p = M CD(1, 2) = 15 .
Troviamo
Z 0 (2n+5)/3 Z ∞  3 2
t2

x
−( x+3 )
2/3 x dx −t2 2n+5 t − 1
e = e t 9 dt
−3 x+3 x2 0 −3t3 (t3 − 1)2
Z ∞ Z ∞
−t2 2n+5 1 2 2
= e t 6
t dt = e−t t2n+1 dt
0 t 0

Facciamo ora la sostituzione t2 = s


Z ∞ Z ∞
1 ∞
Z
−t2 2n+1 −s n ds 1
e t dt = e s = dse−s sn = n!
0 0 2 2 0 2
che si può calcolare per parti.
Esempio 2.2.29. Vogliamo calcolare l’integrale
Z rmax
rdr
2 q
2E 2 L2
rmin
m
r + 2GM r − m 2

che da il periodo delle oscillazioni radiali nel problema dei due corpi, come
vedrete nel capitolo di meccanica. I due estremi sono definiti come i punti
di inversione del moto, ovvero dove l’oggetto sotto radice si annulla, quindi
possiamo riscriverlo come6

m r2
r Z
rdr
2 − p
2E r1 (r2 − r)(r − r1 )
è quindi uno dei casi riportati sopra. Usiamo la sostituzione suggerita
r
m r2 2m ∞ r1 + r2 t2 2(r2 − r1 )tdt 1 + t2
r Z Z
rdr
2 − p = −
2E r1 (r2 − r)(r − r1 ) E 0 1 + t2 (1 + t2 )2 (r2 − r1 )t
r
2m ∞ r1 + r2 t2
Z
= 2 − dt
E 0 (1 + t2 )2
che è un integrale razionale che impareremo a fare fra poco.
5
Nell’altro caso potrebbero potenzialmente comparire radici quadrate, anche se vedremo
che questo non era il caso nel nostro esempio.
6
Nota: E < 0.
2.2. ANALISI 47

Esempio 2.2.30. Provare a ridurre in forma di integrale razionale il periodo


delle oscillazioni radiali di una molla
Z rmax
rdr
2 q
k 4 L2
rmin −m r + 2E
m
r2 − m2

Con ciascuna delle sostituizioni precedenti, vi potreste essere ricondotti a un


integrale razionale del tipo Z
P (x)
dx
Q(x)
Il primo passo per fare un integrale del genere è controllari i gradi dei polinomi
P, Q. Se DegP ≥ DegQ allora il primo passo a fare la divisione fra polinomi,
ottenendo
Z
R(x)
S(x) + dx
Q(x)
dove S(x) è il polinomio quoziente e integrarlo è banale, quindi resta da
R(x)
integrare Q(x) dove R(x) è il polinomio resto e DegR < DegQ. Adesso
affronteremo esplicitamenti i casi DegQ = 1 e DegQ = 2, e per finire daremo
una idea di come si puo generalizzare il procedimento per DegQ = n
Se DegQ = 1 allora DegR = 0, quindi R(x) è un numero costante,
che posso scegliere essere uguale ad 1 senza perdita di generalità, mentre
Q(x) = ax + b quindi
Z Z  
1 1 1 1 b
dx = dx = log x +
ax + b a x + b/a a a
Il caso n = 1 era quindi banale. Affontiamo ora il meno banale caso n = 2.
Per semplificare un pò le formule che scrivero, notate che nel caso n = 1 avrei
potuto in realtà senza perdita di generalità scegliere Q(x) = x + k. Nel caso
n = 2 quindi scelgo
R(x) = x + a
Q(x) = x2 + bx + c
Devo ora differenziare 3 casi, a seconda del valore del delta dell’equazione
x2 + bx + c = 0, ovvero di ∆ = b2 − 4c
Caso ∆ > 0: trovo le due soluzioni x1,2 con x1 6= x2 e scrivo
R(x) x+a x+a 1 1
= 2 = =A +B
Q(x) x + bx + c (x − x1 )(x − x2 ) x − x1 x − x2
48 CAPITOLO 2. MATEMATICA

ora impongo che questa sia una identità, ovvero che moltiplicando tutto per
(x − x1 )(x − x2 ) i polinomi che ottengo a destra e sinistra siano identici.
Questo mi darà un sistema lineare di equazioni per i coefficienti ignoti A, B

x + a = A(x − x2 ) + B(x − x1 ) = (A + B)x − (Ax1 + Bx2 )

ottengo

A+B = 1
x1 A + x2 B = a

che ha sempre una soluzione unica, in quanto x1 6= x2 e quindi il determinante


della matrice associata è non nullo. Una volta trovati A e B possiamo
riscrivere il nostro integrale
Z Z Z
R(x) A B
= dx + dx =
Q(x) x − x1 x − x2
Z Z
dx dx
=A +B = A log(x − x1 ) + B log(x − x2 )
x − x1 x − x2

Caso ∆ = 0: in questo caso Q(x) = x2 + bx + c = (x − x0 )2 Osservo che la


derivata di (x − x0 )−1 è

d 1 1
=−
dx (x − x0 ) (x − x0 )2

Per calcolare il mio integrale vorrò quindi scomporlo7 come nel caso di prima,
ma stavolta le funzioni in cui sceglierò di scomporlo saranno 1/Q(x) ed
1/(x − x0 ):
 
R(x) x+a x+a 1 1
= 2 = =A +B −
Q(x) x + bx + c (x − x0 )2 x − x0 (x − x0 )2

otterrò
(x + a) = A(x − x0 ) − B
7
Nota che durante tutta questa sezione, utilizzerò l’espressione “scomporlo” per indicare
“scriverlo come somma di più termini”, e non intederò fattorizzarlo.
2.2. ANALISI 49

e quindi ancora una volta due equazioni indipendenti

A = 1
−x0 A − B = a

Una volta trovati A e B posso effettuare facilmente l’integrale originale


Z Z Z Z Z
R(x) 1 1 dx d 1
= A dx − B dx = A + B dx
Q(x) x − x0 (x − x0 )2 x − x0 dx x − x0
1
= A log(x − x0 ) + B
x − x0
L’ultimo caso è ∆ < 0. Lo affronteremo in 2 modi differenti. Nel primo caso,
vogliamo usare solo i numeri reali, nel secondo sfrutteremo la potenza dei
numeri complessi. Primo metodo: dobbiamo trovare ancora una volta due
funzioni facilmente integrabili che sommate opportunamente danno il nostro
integrando. Per prima cosa notiamo che se ∆ < 0 allora x2 + bx + c puo
essere riscritto nella forma 8 (x − α)2 + β 2 . Osseriamo ora che
β2
 
d x−α 1
arctan = 2 =
dx β (x − α)2 + β 2

1 + x−α β

d 2(x − α)
log (x − α)2 + β 2 =

dx (x − α)2 + β 2
Quindi come avrete intuito ora cerchero di riscrivere la funzione da integrare
come combinazione lineare di queste due funzioni
R(x) x+a x+a β2 2(x − α)
= 2 = 2 2
= A 2 2
+B
Q(x) x + bx + c (x − α) + β (x − α) + β (x − α)2 + β 2
x + a = Aβ 2 + 2B(x − α)

ottengo sempre due equazioni linearmente indipendenti


1
B=
2
2
β A − 2αB = a
8
Sfruttando i numeri complessi, α sarà la parte reale della radice, mentre β sarà la parte
immaginaria. Se i polinomio è a coefficienti reali, le due radici sono complesse coniugate,
quindi hanno stessa parte reale e parti immaginarie uguali in modulo e opposte di segno,
quindi β 2 è ben definito.
50 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Una volta trovati A e B posso effettuare facilmente l’integrale originale

β2 2(x − α)
Z Z Z
R(x)
= A 2 2
dx + B dx
Q(x) (x − α) + β (x − α)2 + β 2
 
x−α
Z Z
d d
+ B dx log (x − α)2 + β 2

= A dx arctan
dx β dx
 
A x−α
+ B log (x − α)2 + β 2

= arctan
β β

Il secondo metodo è molto più veloce ma presenta alcuni passaggi in cui


bisogna stare molto attenti altrimenti si possono ottenere risultati molto
sbagliati. Posso essenzialmente usare il caso ∆ > 0 con x1,2 radici complesse,
con x2 = x̄1 . Otterrò

R(x) x+a x+a 1 1


= 2 = =A +B
Q(x) x + bx + c (x − x1 )(x − x2 ) x − x1 x − x2

dato che la mia funzione era reale otterrò banalmente che deve valere anche
B = Ā. Quindi il risultato sarà
Z
R(x)
= A log(x − x1 ) + B log(x − x2 ) = A log(x − x1 ) + Ā log(x − x̄1 )
Q(x)

Sorge spontaneo chiedersi: ma adesso come faccio a vedere che tale soluzione
è equivalente a quella precedente, o, in altre parole, come riscrivo questa
schifezza usando solo numeri reali? Riscriviamo la cosa in modo furbo,
utilizzando il fatto che anche x è reale:

A = Ar + iAi
z = x − x1 = ρeiφ
z̄ = x − x̄1 = ρe−iφ

ottengo

A log(x − x1 ) + Ā log(x − x̄1 ) = A log(z) + Ā log(z̄)


= (Ar + iAi ) log ρeiφ + (Ar − iAi ) log ρe−iφ
 

= (Ar + iAi ) (log ρ + iφ) + (Ar − iAi ) (log ρ − iφ) = 2Ar log ρ − 2Ai φ
2.2. ANALISI 51

e ricordandomi cosa sono ρ, φ, z in funzione di x e delle parti reali ed


immaginarie delle radici x1 , ovvero α e β trovo
 
−Im(x1 ) β
= Ar log (x − α)2 + β 2 + 2Ai arctan

2Ar log |x − x1 | − 2Ai arctan
x − Re(x1 ) x−α

C’e qualcosa che non torna! Il primo pezzo col logaritmo è uguale a prima9 ,
mentre il secondo pezzo con la arcotangente no! In effetti, nel passare ai
complessi sarei dovuto stare attento a quale delle due radici prendevo come
x1 e quale come x̄1 , e assicurarmi di non cambiare foglio di Rienmann nel
fare i vari passaggi. Se cambio foglio di riemann, aggiungereò termini del tipo
log ei2πn con n intero. Se questo ragionamento è giusto, allora la soluzione che
ho appena trovato differisce solo per un termine costante da quella trovata
precedentemente. Questo può essere verificato usando la relazione
1 π
arctan x + arctan =
x 2
Da cui trovo
   
β π x−α
arctan = − arctan
x−α 2 β

Trovando il risultato
 
2 2
 β
Ar log (x − α) + β − 2Ai arctan + πAi
x−α

Quindi la soluzione trovata è effettivamente equivalente alla precedente, dato


che le due primitive differiscono per una costante10 . A questo punto siamo
pronti per spiegare, almeno teoricamente, come si affronta il caso generale
per n ≥ 3: il metodo per fare l’integrale sarà scriverlo come somma di n
termini di cui so fare l’integrale. Per trovare quali sono questi termini, il primo
passa da fare sarà scomporre il denominatore. Per il terema fondamentale
dell’algebra, qualsiasi polinomio a coefficienti reali può essere scomposto in
prodotti di polinomi a coefficienti reali di grado 1 e 2 irriducibili11 , o in soli
polinomi a coefficienti complessi di grado 1 dove la radici complesse appaiono
9
Rimane da controllare che Ar = 1/2, che è abbastanza facile e lo lasciamo per esercizio.
10
Rimane in realtà da verificare che Ai = − a+α
2β , che lasciamo nuovamente per esercizio
11
Ovvero polinomi di grado 2 con ∆ < 0.
52 CAPITOLO 2. MATEMATICA

sempre assieme alla complessa coniugata. Una volta scomposto il polinomio


quoziente, ovvero trovate tutte le radici, dovrò considerare un termine

1
x − xi

per ogni polinomio di grado 1, e dei termini

βi2
(x − αi )2 + βi2
2(x − αi )
(x − αi )2 + βi2

per ogni polinomio di grado 2. Se alcune radici reali compaiono più volte
(ovevro con molteplicità m), dovro considerare anche termini

d 1 j−1
j−1
=− , 2≤j≤m
dx (x − x0 ) (x − xi )j

mentre se le radici complesse compiaono con molteplicità m > 1, ovvero lo


stesso polinomio di grado 2 compare m > 1 volte nella fattorizzazione, dovrò
considerare i termini
d 1 2(j − 1)(x − αi )
2 j−1
= − , 2≤j≤m
2
dx ((x − αi ) + βi ) ((x − αi )2 + βi2 )j
d x−α (3 − 2j)(x − αi )2 + βi2
= , 2≤j≤m
dx ((x − αi )2 + βi2 )j−1 ((x − αi )2 + βi2 )j

Esempio 2.2.31. Continuiamo l’integrale del periodo delle oscillazioni radiali


iniziato sopra
r ∞
r1 + r2 t2
Z
2m
2 − dt
E 0 (1 + t2 )2

Ora sappiamo che per farlo dovremo decomporlo in somma di 4 funzioni


facilmente integrabili, che sono

1 2t d 1 2t d t 1 − t2
, , =− , =
1 + t2 1 + t2 dt 1 + t2 (1 + t2 )2 dt 1 + t2 (1 + t2 )2
2.2. ANALISI 53

Imponiamo l’identità

r1 + r2 t2 1 − t2
 
1 2t 2t
= A + B + C − + D
(1 + t2 )2 1 + t2 1 + t2 (1 + t2 )2 (1 + t2 )2
r1 + r2 t2 = A(1 + t2 ) + 2Bt(1 + t2 ) − 2Ct + D(1 − t2 )

è facile vedere che B = C = 0 perché la nostra funzione integranda è pari


mentre quelle sono funzioni dispari, e si trova

A + D = r1
A − D = r2

Da cui
r1 + r2 r1 − r2
A= , B=
2 2
Otteniamo
r r
2m ∞ r1 + r2 t2 2m ∞
 
r1 − r2 d t
Z Z
r1 + r2 1
2 − dt = 2 − dt +
E 0 (1 + t2 )2 E 0 2 1 + t2 2 dt 1 + t2
r  
2m r1 + r2 ∞ r1 − r2 t ∞
= 2 − [arctan x]0 + [ ]
E 2 2 1 + t2 0
r
r1 + r2 2m
= π −
2 E

Esercizi Calcolare i seguenti integrali. Le soluzioni sono in fondo al libro.


54 CAPITOLO 2. MATEMATICA

2.2.4 Equazioni differenziali


Definizione 2.2.6. (Equazione differenziale) Si definisce equazione differen-
ziale un’equazione in cui l’incognita è una funzione e nell’equazione compare
lei e le sue derivate. Si definisce l’ordine di una equazione differenziale il
massimo ordine di derivazione della funzione incognita nell’equazione.

Esempio 2.2.32. Vogliamo trovare una funzione f (x) tale che f (x) = f 0 (x).
Questa è un’equazione differenziale del primo ordine (lineare a coefficienti
costanti) 12 .

La teoria dietro le equazioni differenziali è estremamente complicata e


complessa. Nella stragrande maggioranza dei casi non si riesce ad ottenere
una soluzione esplicita. Nei problemi che capitano alle olimpiadi, o l’equazione
si fa oppure vi dicono di approssimarla in modo che si possa fare.

Equazioni differenziali a variabile separabile Queste sono fra le più


facili e vi capiteranno molto spesso. In questo stesso libro ci sono molti
problemi che portano ad un’equazione di questo tipo.

Definizione 2.2.7 (Equazione differenziale a variabili separabili). Un’equa-


zione differenziale nella variabile y(x) si dice a variabili separabili se è della
forma

y 0 = f (y)g(x)
Ovvero se si riesce a isolare una funzione solo di y e una solo di x. È molto
utile separare le variabili, se possibile, in quanto l’equazione si può integrare
in questo modo:

dy Z y(x) Z x
0 dx dy dy
y = f (y)g(x) ⇒ = g(x) ⇒ = g(x)dx ⇒ = g(x)dx
f (y) f (y) y(x0 ) f (y) x0

Ovvero, a patto di saper fare un paio di integrali, la soluzione si trova


facilmente. Notare una cosa importante: quando ho integrato, non ho scelto
a caso gli estremi, bensı́ ho messo estremi che corrispondono a eventi corri-
spondenti, ovvero se l’estremo di destra vale x0 , l’estremo a sinistra dovrà
valere la cosa corrispondente in y, ovvero y0 = y(x0 ).
2.2. ANALISI 55

Figura 2.7: Circuito di scarica RC

Esempio 2.2.33 (Carica e scarica di un circuito RC). Abbiamo due circuiti


elettrici, uno per caricare un condensatore e l’altro per scaricarlo.
Trattiamo prima la scarica in quanto è più semplice. Il circuito è costituito
da un capacitore C e da una resistenza R collegati in serie, come in figura 2.7.
All’istante t = 0, la carica sul condensatore vale q0 . Vogliamo trovare q(t).
Scriviamo l’equazione della maglia:
q
− − RI = 0
C
Ricordiamo che, avendo il circuito una sola maglia, I = q̇.
L’equazione si riscrive
q
q̇ = −
RC
Questa è evidentemente un’equazione differenziale a variabile separabile 13
Separiamo le variabili e integriamo.
Z q(t) Z t
dq dt q(t) t t
= − ⇒ ln =− ⇒ q(t) = q0 e− RC
q0 q 0 RC q0 RC
Ovvero, la soluzione è un’esponenziale decrescente. Calcoliamo per
completezza la corrente
t
dq q0 −
I= =− e RC
dt RC
12
Darò il significato di questi aggettivi in questo capitolo
13
In realtà questa equazione è anche lineare a coefficienti costanti, quindi la tecnica
risolutiva standard è diversa, ma il metodo che vi mostro funziona ugualmente e questo
problema è istruttivo.
56 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Consideriamo ora il processo di carica del condensatore: il circuito elettrico


va modificato aggiungendo una batteria di forza elettromotrice V in serie agli
altri componenti. All’istante iniziale, la carica sul condensatore è 0. Vogliamo
trovare q(t).
L’equazione della maglia diventa
q
V − − RI = 0
C
Come prima, I = q̇. L’equazione è di nuovo a variabili separabili.

Z q(t) Z t
V q dq dq
q̇ = − ⇒ = dt ⇒ = dt
R RC V q q(0)=0 V q 0
− −
R RC R RC

Vediamo che questo integrale si fa senza problemi e viene un logaritmo.


Tuttavia, esiste un metodo più furbo e meno contoso di risolverla.
Riprendiamo l’equazione della maglia e cambiamo la nostra variabile
q → Q(t) = q(t) − CV . Sostituiamo nellèquazione della maglia e otteniamo

Q
V − − V − RQ̇ = 0
C
Ci siamo ricondotti al caso precendente, l’equazione adesso è la stessa
t

della scarica. La soluzione che avevamo trovato era q(t) = q0 e RC . In questo
caso sarà quindi
t t t
Q(t) = Q(0)e− RC ⇒ q(t) − CV = (q(0) − CV )e− RC ⇒ q(t) = CV (1 − e− RC )

Notiamo quindi che con quella sostituzione abbiamo semplificato l’integra-


zione. Vorrei ricordare che è molto più semplice fare un sacco di sostituzioni
piuttosto che fare un integrale mostruoso. Consiglio quindi di fare sempre
molta attenzione alla possibilità di fare sostituzioni che permettano di togliere
termini nell’equazione.

Nota. Bisogna fare particolarmente attenzione alla possibilità di fare sostitu-


zioni intelligenti soprattutto nelle equazioni differenziali lineari, ovvero dove
y e le sue derivate compaiono solo con esponente 1.
2.2. ANALISI 57

Esempio 2.2.34 (Caduta di un grave con attrito proporzionale a v 2 ). Sup-


poniamo di avere un pallone che cade verticalmente da molto in alto. Un
modello ragionevole per stimare l’attrito con l’aria ad alte velocità è del tipo
F~a = −kv 2 vb, dove v è la velocità e vb è il versore velocità, ovvero un vettore
di modulo 1 nella direzione della velocità (vedi capitolo sul calcolo vettoriale
per ulteriori informazioni).
~
Scriviamo F~ = m~a per il pallone: m~g − kv 2 vb = m dv dt
. Tutti i vettori
sono diretti lungo l’asse zb quindi possiamo togliere i vettori e passare alle
componenti.
dv
mg − kv 2 = m
dt
Questa è un’equazione differenziale a variabili separabili.

kv
d√
m · dv 1 mg
dt = 2
=r √
mg − kv kg kv
1 − ( √ )2
m mg

Dove nell’ultima uguaglianza ho semplicemente utilizzato trucchi algebrici


e ho portato dentro il differenziale delle quantità costanti che moltiplicano la
variabile (ovvero ho fatto una sostituzione al volo, come andrebbe fatta). A
questo punto l’equazione si presenta in forma più decente
r
kg dα
dt =
m 1 − α2
dove ho semplicemente cambiato il nome alla variabile. A questo punto si
integra facilmente
Z tr Z α
kg dα
dt = 2
0 m α0 1 − α

Dove gli estremi corrispondenti devono essere eventi fisici corrispondenti.


r
kg
t = tanh−1 (α) − tanh−1 (α0 )
m
Ricordando cosa vale α e ponendo v0 = 0 si ottiene finalmente
r r !
mg kg
v(t) = tanh t
k m
58 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Equazioni differenziali lineari

Definizione 2.2.8. Un’equazione differenziale si dice lineare se y e le sue


derivate compaiono solo con esponente 1.

È molto importante notare che se y1 (t) e y2 (t) sono soluzioni della stessa
equazione differenziale lineare, allora anche una qualsiasi combinazione lineare
delle due αy1 (t) + βy2 (t), α, β ∈ R è ancora una soluzione dell’equazione di
partenza.

Esempio 2.2.35. Consideriamo una massa m attaccata ad una molla di


costante k. La massa è libera di oscillare senza attrito intorno alla posizione
di equilibrio. Trovare la legge oraria del moto nel caso generale.
L’equazione del moto è

mẍ = −kx
r
k
Possiamo per comodità scriverla come ẍ = −ω 2 x ,con ω =
m
Questa equazione è lineare 14 . Cerchiamo delle soluzioni. La tecnica
standard per trovare la soluzione di una di queste equazioni è cercarne una
della forma x = Aeλt , con λ ∈ C.
Sostituendo nell’equazione,

Aλ2 eλt = −Aω 2 eλt

Visto che ex 6= 0∀x ∈ R, possiamo semplificarlo e ottenere

λ = ±iω

Ovvero la soluzione generica sarà del tipo

x(t) = Aeiωt + Be−iωt


Giustamente, vi chiederete perché a sinistra abbiamo una posizione, che
è evidentemente un numero reale, quando a destra abbiamo un numero
complesso. La risposta è che per ora non abbiamo imposto tutta la fisica che
c’è in questo problema! Se imponiamo delle condizioni iniziali, vedremo ora
che spariscono tutte le parti complesse.
14
E a coefficienti costanti
2.2. ANALISI 59

Supponiamo che all’istante t = 0 sia x(0) = x0 e v(0) = v0 . Facciamo i


conti e vediamo che rimangono solo numeri reali.

A = x0 + v0
( 
x0 = A + B 2 2iω eiωt + e−iωt eiωt − e−iωt
⇒ ⇒ x(t) = x0 +v0 =
v0 = iω(A − B) B = x0 − v0 2 2i
2 2iω
v0
= x0 cos(ωt) + sin(ωt)
ω
E come previsto, spariscono tutti i termini complessi e quindi per for-
tuna x(t) è un numero reale. Per completezza, calcoliamo anche velocità e
accelerazione.

v(t) = −ωx0 sin(ωt) + v0 cos(ωt)


a(t) = −ω 2 x0 cos(ωt) − ωv0 sin(ωt)

Notare che effettivamente x(0) = x0 e v(0) = v0 . Questo è un buon


controllo che si può fare per vedere se effettivamente abbiamo fatto i conti
giusti.
Inoltre, è buona norma ributtare la soluzione dentro l’equazione differen-
ziale per vedere se effettivamente torna. A volte i conti si sbagliano senza
accorgersene.
Una cosa che potrebbe esservi utile è che se sapete a priori che le quantità
x0 e v0 o chi per loro sono reali, potete cercare direttamente una soluzione
nella forma

x(t) = A cos ωt + B sin ωt


La dimostrazione di questa cosa è sostanzialmente quello che ho fatto
poco fa, in quanto non ho imposto niente di particolare sul problema (a parte
che x0 , v0 siano reali) e la soluzione era effettivamente una somma di seni e
coseni.

Esempio 2.2.36 (Molla attaccata in verticale). Spostiamo il problema pre-


cedente dal piano al verticale. Vogliamo vedere cosa cambia rispetto a
prima.
60 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Ora, oltre alla forza elastica, c’è anche la forza peso. Scriviamo l’equazione
del moto. Prendiamo un riferimento con l’asse x b verticale verso il basso,
ovvero diretto come ~g . Prendiamo lo zero delle x nel punto in cui la molla è
imperturbata.

mg − kx = mẍ
L’equazione assomiglia molto a prima, c’è solo un termine costante aggiun-
tivo. Come ho suggerito un paio di esempi fa, può essere molto utile provare
a sommare qualcosa a x(t) cercando di far sparire quel termine. Scriviamo
quindi x(t) = X(t) + X0 . Cerchiamo X0 tale che quel termine fastidioso
sparisca.

mg − kX − KX0 = mẌ
mg
Per X0 = , otteniamo quello che volevamo. Cosa mi significa questo
k
risultato? Vorrei far notare che X0 è esattamente la posizione di equilibrio
stabile tenendo conto anche della forza peso. Fisicamente, vuol dire quindi che
aggiungere una forza costante in questa situazione non cambia assolutamente
niente se non spostare il punto attorno a cui c’è oscillazione.
La presenza di g quindi non altera minimamente il periodo di oscillazione.
Concludiamo per completezza la soluzione dell’equazione, sfruttando il
risultato di prima.

V0 mg mg v0
X(t) = X0 cos(ωt)+ sin(ωt) ⇒ x(t) = +(x0 − ) cos(ωt)+ sin(ωt)
ω k k ω
mg 15
Notare che effettivamente hx(t)i = , ovvero effettivamente la molla
k
oscilla intorno al punto di equilibrio stabile, come previsto.
L’ultima cosa che voglio far notare è che usando un trucco trigonometrico
si può scrivere la soluzione più generale in forma diversa, a volte più comoda
da maneggiare. Consideriamo


 
A B
A cos x + B sin x = A2 + B2 √ cos x + √ sin x
A2 + B 2 A2 + B 2
15
Con la notazione hf (t)i si intende il valor medio della funzione calcolato su un pe-
riodo (oppure su un tempo che viene specificato, in caso di moto non periodico), ovvero
1 T
Z
f (t)dt
T 0
2.2. ANALISI 61

Fin’ora abbiamo scritto solo un’identità. Tuttavia i termini √A2A+B 2 , √A2B+B 2


possono essere visti come il seno e il coseno di un opportuno angolo, in quanto
la somma dei loro quadrati fa 1. Quindi:


A cos x + B sin x = A2 + B 2 (cos α cos x + sin α sin x) = C cos(x − α)

Il significato di questa formula è che per trovare la soluzione più gene-


rale dell’equazione non è indispensabile utilizzare sia seno che coseno ma si
può anche solo utilizzare il coseno (o il seno) a patto di inserire anche
un’opportuna fase che verrà determinata dalle condizioni iniziali.
Esempio 2.2.37 (Oscillatore armonico smorzato). Consideriamo di nuovo
l’esempio precedente, aggiungendo l’attrito. Consideriamo quindi una massa
che si muove attaccata ad una molla in verticale, ma stavolta aggiungiamo
alla nostra massetta una sorta di vela per aumentare l’attrito con l’aria.
Un modello esatto per l’attrito viscoso con l’aria non esiste. Un modello
ragionevole è supporre che la forza di attrito sia proporzionale alla velocità
dell’oggetto nel fluido, ovvero F~a = −γ~v , dove γ è un fattore che tiene conto
per esempio della geometria dell’oggetto e della viscosità del fluido. Potreste
giustamente obiettare dicendo ”Perchè F ∝ v e non F ∝ v 2 , piuttosto che
F ∝ v α ?”. La risposta è che anche questi sono modelli sensati, ma per le
velocità basse che raggiunge una massa attaccata alla molla funziona meglio
questo modello. Per velocità molto alte invece funziona meglio il modello
F ∝ v2.
Detto questo, continuiamo il problema. Scegliamo un riferimento x b ver-
ticale verso il basso, come prima, con sempre lo zero nel punto di molla
imperturbata (molla libera). Scriviamo l’equazione del moto.

mg − γ ẋ − kx = mẍ
Come prima, vorremo liberarci del termine costante mg per semplificarci
i conti. Vediamo che la sostituzione fatta prima funziona ancora, quindi la
usiamo.
γ
Ẋ + ω 2 X = 0
Ẍ +
m
k
Dove come al solito ho chiamato ω 2 = . Cerchiamo come prima una
m
soluzione della forma X(t) = Aeλt . Otteniamo questa equazione.
62 CAPITOLO 2. MATEMATICA

γ
Aeλt (λ2 +
λ + ω2) = 0
m
Se vogliamo che la nostra soluzione funzioni, deve essere sempre 0 il
termine fra parentesi. Abbiamo quindi una equazione di secondo grado in λ
che risolta ci da r
γ γ 2
λ1,2 = − ± − ω2
2m 2m
Ora ci sono un paio di casi da trattare.
 γ 2
1. Se ci aspettiamo che lo smorzamento sia piccolo, sarà − ω 2 < 0,
2m
per cui r
γ 2
 γ 2
λ1,2 = − ±i ω −
2m 2m
r  γ 2
Chiamiamo ωs = ω 2 − . La soluzione dell’equazione sarà del
2m
tipo

γ γ γ
X(t) = Ae− 2m t+iωs t + Be− 2m t−iωs t = e− 2m t Aeiωs t + Be−iωs t


Esattamente come prima, imponendo le condizioni iniziali i termini


complessi spariranno e otterremo una soluzione

γ
X(t) = Ce− 2m cos(ωs t + φ)

Dove C e φ vengono determinati imponendo le condizioni iniziali.


Risostituiamo per trovare x(t) e commentiamo.

mg γ
x(t) = + Ce− 2m cos(ωs t + φ)
k
Ovvero ciò che succede è che la massa continua ad oscillare, diminuendo
sempre di più l’ampiezza al passare del tempo per poi stabilizzarsi sulla
posizione di equilibrio stabile, esattamente come prevedeva il buonsenso.
Notare che la frequenza di oscillazione intorno alla posizione di equilibrio
non è esattamente la stessa che ci sarebbe senza l’attrito. Infatti, ωs < ω.
2.2. ANALISI 63

Figura 2.8: Smorzamento piccolo

2. Se invece lo smorzamento è molto forte, ovvero l’attrito


 γ conta molto
2
(immaginate la massetta immersa nel miele) allora − ω 2 > 0,
2m
per cui la soluzione dell’equazione sarà la somma di due esponenziali
decrescenti (entrambe gli esponenti sono negativi, anche quello con il
segno +, controllare per credere) e di conseguenza il moto si fermerà
dopo molto poco. In questo caso si parla di smorzamento ipercritico.

Figura 2.9: Smorzamento ipercritico


 γ 2
3. Se infine abbiamo il caso limite, − ω 2 = 0, allora la soluzione è
2m
più complicata. Infatti, la soluzione che abbiamo è del tipo
X(t) = Aeλt + Beλt = (A + B)eλt

E questo non va per niente bene, perché se l’esponente è lo stesso allora


abbiamo un solo grado di libertà sulla costante, il che vuol dire che
64 CAPITOLO 2. MATEMATICA

in generale non saremo in grado di imporre contemporaneamente la


velocità e la posizione iniziali, cosa insensata. Questo vuol quindi dire
che la nostra soluzione va bene ma che per trovare tutte le soluzioni, ce
ne serve una linearmente indipendente 16 dall’altra.
Per fortuna non è necessario cercare molto per trovarla, in quanto
X(t) = Ateλt risolve l’equazione e non è un multiplo dell’altra soluzione
che abbiamo trovato.
La soluzione più generale sarà quindi

γ γ
X(t) = Ate− 2m t + Be− 2m t

Dove come al solito le costanti A, B si trovano imponendo le condizioni


iniziali. In questo caso si parla di smorzamento critico, ma in sostanza
non è molto diverso dal primo caso.

Figura 2.10: Smorzamento critico

Esempio 2.2.38 (Oscillatore armonico forzato). Proviamo ora ad aggiungere


all’esempio precedente anche una nuova forza esterna, stavolta non costante.
In particolare, è sensato provare a vedere cosa succede inserendo una forza
di tipo sinusoidale (cosinusoidale). Vi potrebbe sembrare strano riuscire a
mantenere un motore che eserciti una forza del tipo F (t) = F0 cos(ωt), ma in
effetti non è cosı́ difficile. In particolare, se consideriamo un circuito elettrico a
16
In questo caso vuole dire semplicemente un’altra funzione che non sia multiplo della
prima
2.2. ANALISI 65

corrente alternata (ovvero il vostro circuito elettrico a casa), la tensione segue


esattamente la legge V (t) = V0 cos(ωt) 17 , dove V0 ≈ 300V e ω ≈ 2π · 50Hz
Per sfruttare le formule già ottenute, rimaniamo in meccanica e riscriviamo
l’equazione del moto.
γ F0
ẍ + ẋ + ω02 x = cos(ωt) (2.2)
m m
r
k
Fate molta attenzione ora a non confondere ω0 = con ω quello del
m
motore in quanto rappresentano quantità fisiche diverse e vedremo che le cose
interessanti si hanno quando ω ≈ ω0 .
Questa equazione differenziale è sempre lineare a coefficienti costanti, ma
stavolta non è omogenea, ovvero non c’è un = 0 ma c’è un = f (t). Facciamo
una piccola considerazione che ci permette di capire quante soluzioni dobbiamo
cercare.
Siano x1 (t) e x2 (t) entrambe soluzioni dell’equazione non omogenea 2.2.
Il che significa
γ F0
ẍ1 + ẋ1 + ω02 x1 = cos(ωt)
m m
γ F0
ẍ2 + ẋ2 + ω02 x2 = cos(ωt)
m m
Facciamo la differenza membro a membro di queste due equazioni.

¨ x2 ) + γ (x1 −
(x1 − ˙ x2 ) + ω 2 (x1 − x2 ) = 0
0
m
Ovvero x1 − x2 risolve l’equazione omogenea associata. Tuttavia noi
conosciamo già tutte le soluzioni della omogenea, quindi per ottenere la
soluzione più generale della non omogenea ci basta prendere la soluzione
dell’omogenea e sommarci una soluzione della non omogenea.
Questa affermazione in effetti non ci aiuta a trovare la soluzione, ma ci
dice che se per caso ne troviamo una, anche sparando a caso, allora le abbiamo
trovate tutte e abbiamo finito, il che è un grosso bene.
Ora vediamo di trovare la soluzione dell’equazione che abbiamo, trovando
una soluzione particolare xp (t) dell’equazione.
17 V0
La tensione di 220V , quella che sentite nominare sempre, è √ , ovvero il valore
2
quadratico medio della tensione
66 CAPITOLO 2. MATEMATICA

È conveniente fare un cambio di variabili e lavorare in C, in quanto derivare


un coseno o un seno non è bello quanto derivare un esponenziale.
La nostra equazione si scrive quindi
γ F0 iωt
ż + ω02 z =
z̈ + e
m m
Dove <z = xp . Avendo un esponenziale a destra è sensato cercare soluzioni
della forma z(t) = z0 eiωt , con z0 un opportuno numero complesso. Sostituiamo
nell’equazione cercando z0
 γ  F0 iωt
2
−ω z0 + iω z0 + ω0 z0 eiωt =
2
e
m m
Semplificando eiωt

F0 F0
z0 = m
γ ⇒ z0 = r m
e−iδ = |z0 |e−iδ
2 2
ω02 − ω 2 + iω γ ω
m (ω 2 − ω02 )2 +
m2
γω
Dove tan δ = 2
m
ω0 −ω 2
. La soluzione che cercavamo era del tipo z(t) =
z0 eiωt = |z0 |ei(ωt−δ) , quindi, essendo x = <z, xp (t) = |z0 | cos(ωt − δ).
La soluzione più generale sarà quindi la somma della soluzione dell’omo-
genea più il termine che abbiamo appena trovato.
γ
x(t) = x0 (t) + xp (t) = Ce− 2m cos(ωs t + φ) + |z0 | cos(ωt − δ)
Ovvero la soluzione generale è la somma di un termine che rapidamente
viene smorzato 18 e un termine di ampiezza costante che è quello che conterà
sul lungo periodo.
La funzione |z0 (ω)| ha un grafico molto caratteristico a campana che ha
un massimo molto vicino a ω0 .
AGGIUNGERE GRAFICO E FARE CONSIDERAZIONI

18 2m
Il periodo in cui è significativo si chiama transiente e di solito il periodo è 3τ = 3 .
γ
Si sceglie 3τ in quanto è un numero intero di tempi caratteristici e e−3 ≈ 0, 05, che è molto
poco.
2.2. ANALISI 67

Figura 2.11: Grafico dell’ampiezza dell’oscillazione

Figura 2.12: Sfasamento rispetto alla forza esterna

2.2.5 Espansione in Serie di Taylor (molto importante)


Questo è sicuramente uno degli strumenti matematici che un fisico deve
saper maneggiare al meglio. L’idea che ha portato alla sua creazione è
che spesso i modelli fisici per i fenomeni portano a complesse equazioni
matematiche, spesso troppo complesse per essere risolte in modo esatto.
L’esempio più classico è questo:

Esempio 2.2.39 (Pendolo semplice). Abbiamo un pendolo semplice, ovvero


una massa m sospesa al soffitto tramite un filo inestensibile e di massa
trascurabile di lunghezza l. Vogliamo trovare il periodo di oscillazione e la
legge oraria del moto.
Soluzione: Scomponiamo le forze lungo le componenti radiale e tangenziale.
Indichiamo con θ l’angolo che il filo forma con la verticale fisica. La tensione
68 CAPITOLO 2. MATEMATICA

19
sarà diretta lungo la direzione radiale, mentre il peso avrà due componenti
(
Risr = T − mg cos θ = mθ̇2 l
Risθ = −mg sin θ = mlθ̈

La seconda equazione è quella interessante che risolve per θ(t) (l’altra


include anche la variabile T che aggiunge un’incognita).
g
θ̈ = − sin θ
l
Questa equazione sembra molto bella a scriversi, ma ha un grossissimo
problema: non si riesce a risolvere in maniera esatta.
Una cosa che potrebbe bastarci è una formula approssimata che sia in grado
di darci abbastanza informazioni e magari ci dica di quanto l’approssimazione
è sbagliata nel peggiore dei casi.
Scopriremo in questo capitolo che sin θ ≈ θ se θ  1, quindi la nostra
equazione diventa lineare a coefficienti costanti se l’angolo iniziale è  1 in
radianti. La soluzione generale sarà
r
g
θ(t) = C1 sin(ωt) + C2 cos(ωt) = C3 cos(ωt + φ) con ω =
l

Poniamoci quindi l’obiettivo di trovare un modo per approssimare una


qualsiasi funzione in un punto che ci interessa.
Chiamiamo la nostra funzione f (x) e il punto intorno a cui vogliamo
approssimare x0 . Ovviamente noi tratteremo solo funzioni abbastanza regolari,
ovvero senza discontinuità troppo vicine al punto che consideriamo. In
sostanza, tratteremo tutte le funzioni che capitano in un problema di fisica.
È ragionevole pensare che in un intorno molto piccolo si possa approssimare
inizialmente la funzione come una retta. La pendenza di questa retta sarà
ovviamente il valore della derivata nel punto. Ovvero, in formule

f (x) ≈ f (x0 ) + f 0 (x0 ) · (x − x0 ) := g(x) (2.3)


Convinciamoci che questa è veramente una retta e che approssima la
funzione f (x) nei punti molto vicini a x0 . Intanto, notiamo che l’unica
cosa variabile nell’equazione è l’ultimo pezzo. Ovvero, indicando con lettere
19
Il puntino sopra una funzione, di norma indica la derivata rispetto al tempo.
2.2. ANALISI 69

maiscole le costanti, g(x) = A + B(x − C), che è evidentemente lèquazione di


una retta.
Inoltre, g(x0 ) = f (x0 ) + f 0 (x0 )(x0 − x0 ) = f (x0 ), quindi le funzioni hanno
lo stesso valore in x0 . Calcoliamo g 0 (x) = f 0 (x0 ) costante (del resto è una
retta, potevamo aspettarcelo). La parte interessante è che è esattamente
uguale alla derivata di f (x) valutata nel punto x0 . In sostanza, abbiamo
scritto l’equazione della retta tangente al grafico nel punto x0 .
Ora cerchiamo una approssimazione migliore: scriviamo una parabola che
passa per il punto (x0 , f (x0 )) e che abbia le sue derivate prima e seconda in
x0 , g 0 (x0 ), g 00 (x0 ) uguali alle derivate di f (x)

f 00 (x0 )
f (x) ≈ g(x) = f (x0 ) + f 0 (x0 )(x − x0 ) + (x − x0 )2
2
Notiamo che è una parabola in quanto la variabile è x e compare al massimo
come termine di secondo grado. Derivate per credere che g(x0 ) = f (x0 ),
g 0 (x0 ) = f 0 (x0 ), g 00 (x0 ) = f 00 (x0 )
In fisica non si userà praticamente mai nessuna espansione oltre il secondo
ordine, ma per completezza enuncio questo

Definizione 2.2.9 (Serie di Taylor). Sia f (x) una funzione (con infinite
derivate in x0 eccetera. . . ). Si definisce Serie di Taylor centrata in x0 di f (x)
la funzione g(x)

X f (n) (x0 )
g(x) = (x − x0 )n (2.4)
n=0
n!

Questa funzione può essere vista come un polinomio di grado infinito.


Sotto alcune ipotesi su |x−x0 |, i termini di grado maggiore diventano piccoli a
piacere e la funzione diventa approssimativamente un vero e proprio polinomio.

Definizione 2.2.10 (Funzione analitica). Una funzione si definisce analitica


se la sua serie di Taylor centrata in x0 converge alla funzione f (x) in un
intorno di x0 (ovvero per |x − x0 | < ) ∀x0 ∈ R

Nota. In fisica tutte le funzioni sono analitiche, ovvero per ogni funzione

X f (n) (x0 )
f (x) = (x − x0 )n
n=0
n!
70 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Ora abbiamo spostato il problema dall’avere una funzione brutta a piacere


difficile da maneggiare ad avere un polinomio di grado infinito. Per fortuna,
per tutti i problemi che vi capiteranno, tutti i termini di grado ≥ 3 sono
trascurabili rispetto agli altri e si buttano via senza ritegno.

Esempio 2.2.40. Calcoliamo la serie di Taylor di una funzione, a titolo di


esempio. f (x) = sin(x), x0 = 0.
Dobbiamo calcolare tutte le derivate di sin(x), valutarle in x0 = 0 e poi
utilizzare la formula per ottenere il termine di ennesimo grado.

X sin(n) (0)
f (x) = xn
n=0
n!

n Derivata n-esima Derivata nel punto Termine della somma


0 sin(x) 0 0
1 cos(x) 1 x
2 − sin(x) 0 0
x3
3 − cos(x) -1 −
6
4 sin(x) 0 0
x5
5 cos(x) 1
120
... ... ... ...

Tabella 2.2: Serie di Taylor del seno

Visto che dopo poco le derivate cominciano a ripetersi, si può dimostrare


che alla fine

X (−1)k+1 2k+1
sin(x) = x
n=0
(2k + 1)!

In particolare,
x3
sin(x) = x − + ...
6
Nella maggior parte dei casi, si tiene solo il primo termine, ovvero sin(x) ≈
x. Per vedere le serie di Taylor più comuni potete andare nell’appendice a
vedere 6.2
2.2. ANALISI 71

Figura 2.13: Grafico dello sviluppo di Taylor del seno con sempre più termini

Esempio 2.2.41 (Importantissimo: tutto è un pendolo). Supponiamo di


avere un punto materiale vincolato a muoversi su una retta. Sul punto agisce
un campo di forze F (x) conservativo tale per cui x0 è un punto di equilibrio
stabile. Trovare la frequenza delle piccole oscillazioni intorno a x0 .
Soluzione con le forze:
Punto di equilibrio stabile vuol dire che in x0 si ha F (x0 ) = 0 (e.g. θ = 0
per un pendolo, ∆x = 0 per una molla. . . ) e si ha che per ∆x abbastanza
piccolo la forza è di richiamo, ovvero se ∆x è positivo, F < 0, se ∆x è
negativo, F > 0, ovvero la forza tende a riportare un oggetto nella posizione
di equilibrio, se lo spostamento è abbastanza piccolo.
L’espressione della forza può essere molto complicata ma quello che ci
interessa è semplicemente la forza in un punto vicino a x0 . Di conseguenza,
72 CAPITOLO 2. MATEMATICA

possiamo approssimare

dF (x0 ) dF (x0 )
F (x) = F (x0 ) + ∆x = ∆x
dx dx
Ovvero la forza è una funzione lineare dello spostamento, per spostamenti
abbastanza piccoli, esattamente come una molla, esattamente come un pendolo
(nell’ultima uguaglianza ci siamo ricordati che F (x0 ) = 0). Inoltre, grazie
alle considerazioni che abbiamo fatto sul segno di F , sicuramente avremo
dF (x0 )
< 0.
dx
A questo punto, ricordiamo che F = ma

d2 ∆x dF (x0 )
m 2
=− ∆x = −mω 2 ∆x
dt dx
1 dF (x0 )
Dove ho chiamato ω 2 =
m dx
Questa è una equazione differenziale lineare a coefficienti costanti, la cui
soluzione è una combinazione lineare di seno e coseno di ωt, esattamente
come succede per una molla.
In realtà, è la molla che è una buona molla, ovvero noi definiamo molla
un oggetto risponda ad una deformazione opponendosi con una forza data
dalla formula
F~ = −k ∆x
~

Quello che sto dicendo è che in realtà ogni oggetto, se visto abbastanza
vicino alla sua posizione di equilibrio, si comporta come una molla ideale,
ovvero un oggetto che rispetta quella formula. Le molle vere, cioè il filo di
ferro arrotolato, semplicemente sono degli oggetti che rispettano molto bene
quella legge anche per deformazioni più grandi e quindi vengono prese come
modello campione per fare gli esempi, ma in realtà qualsiasi cosa si comporta
in quel modo intorno ad una posizione di equilibrio stabile.
Ora, una buona domanda è: perché quando abbiamo espanso la forza
abbiamo tenuto solo il primo termine e abbiamo buttato via tutti gli altri?
La risposta è che potevamo anche tenerne un paio di più, ottenendo un’ap-
prosimazione migliore, solo che avremmo ottenuto una equazione differenziale
non lineare, che è molto più difficile da risolvere e per questo non capita alle
olimpiadi.
Soluzione energetica:
2.2. ANALISI 73

Se il campo di forza è conservativo, allora esiste un potenziale U (x) tale


dU
che F (x) = − . Essendo x0 un punto di equilibrio stabile, si ha F (x0 ) = 0
dx
dF (x0 )
e < 0. Di conseguenza, x0 è un punto di minimo locale per U
dx
(ovvero ∃∆x piccolo a piacere tale che U (x0 ) ≤ U (x)∀x tali che x0 − ∆x <
x < x0 + ∆x)
Inoltre, essendo un campo conservativo, l’energia totale sarà una costante
del moto. Scriviamo quindi
 2
1 dx
E= m + U (x) = costante
2 dt
Espandiamo l’energia potenziale al primo ordine.
dU (x0 )
U (x) = U (x0 ) + ∆x = U (x0 ) + F (x0 )∆x = U (x0 ) = costante
dx
Deriviamo rispetto al tempo l’energia totale per ottenere l’equazione del
moto  2 !
1 dx
d m + U (x)
dE 2 dt dx d2 x
=0= =m =0
dt dt dt dt2
Ovvero v = 0 oppure a = 0. Abbiamo ottenuto un risultato diverso da
prima. . . Vuol dire che il nostro metodo non funziona? No. Vuol dire solo
che abbiamo approssimato in modo troppo grossolano. Scriviamo U fino al
secondo ordine (ovvero tenendo termini fino al secondo).

1 d2 U (x0 ) 2
U (x) = U (x0 ) + ∆x
2 dx2
Dove ci siamo già ricordati che il primo termine fa zero. Riscriviamo
quindi l’energia totale.

2 2
1 d2 U (x0 ) 2
 
1 dx 1 dx
E= m + U (x) = m + U (x0 ) + ∆x
2 dt 2 dt 2 dx2
Deriviamo di nuovo l’energia totale rispetto al tempo e ricordiamoci che
dx d(x − x0 ) d∆x
= =
dt dt dt
74 CAPITOLO 2. MATEMATICA

in quanto aggiungiamo una costante che viene poi derivata.


 2 !
1 dx
d m + U (x)
dE 2 dt d∆x d2 ∆x d2 U (x0 ) d∆x
=0= =m + ∆x = 0
dt dt dt dt2 dx2 dt
d∆x
Possiamo scartare la soluzione = 0 in quanto non è fisicamente
dt
sensata in questo caso.
L’equazione del moto diventa quindi

d2 ∆x d2 U (x0 )
m = − ∆x = −mω 2 ∆x
dt2 dx2
che se confrontata con quella ottenuta nel caso della soluzione con le forze
è uguale identica.
dU
Per convincersi che ω 2 è lo stesso, è sufficiente ricordarsi che F = −
dx
Ora, una buona domanda è: come faccio a sapere a che ordine devo
espandere per ottenere il risultato giusto? La risposta è che di solito è il testo
del problema a dirlo.
Una buona norma in ogni caso è:

• Se usate le forze, si espande al primo ordine

• Se usate potenziali, al secondo ordine

• Se state facendo una cosa a caso, espandete finchè non ottenete un


termine non nullo
2.3. CALCOLO VETTORIALE 75

2.3 Calcolo vettoriale


In fisica è estremamente importante l’utilizzo dei vettori per formulare
delle leggi sensate.
Il concetto che sta alla base di questa schematizzazione è che per indicare la
posizione di un oggetto nello spazio, bisogna scegliere un sistema di riferimento.
Un sistema di riferimento nello spazio tridimensionale ha bisogno di un’origine,
ovvero di un punto in cui viene deciso che la posizione è 0 (e.g. l’angolo del
tavolo, il centro del giardino, la Terra nel sistema solare) e di una terna di
vettori ortonormali (lunghi 1 e perpendicolari a 2 a 2) che indichino delle
direzioni comode per esprimere la posizione di qualcosa (e.g. due vettori
paralleli ai due lati del tavolo e un terzo perpendicolare, due vettori paralleli
ai lati del giardino rettangolare e un terzo perpendicolare. . . )
Una volta scelto il sistema di riferimento, a patto che rispetti le condizioni
sopra elencate, si può indicare la posizione di un qualsiasi oggetto dando una
terna di numeri reali. Ogni terna di numeri reali rappresenta uno e un solo
punto.

2.3.1 Vettori e versori


Spesso quando bisogna indicare un vettore di cui si conosce il modulo ma
bisogna indicarne la direzione è utile utilizzare i versori, ovvero vettori di
modulo 1.
Un versore si indica con un cappuccio sopra la lettera. Per esempio, il
versore zb, ovvero il vettore di lunghezza 1 che punta come l’asse z.
Supponiamo di dover indicare in componenti un qualsiasi vettore. Per
esempio, un oggetto si può trovare alle coordinate
 
x0
~x =  y0 
z0
Per fare i conti può essere utile scriverlo nel modo equivalente ~x =
x0 x
b + y0 yb + z0 zb, dove semplicemente i 3 versori indicano
     
1 0 0
x
b=  0  yb =  1  zb =  0 
0 0 1
76 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Prodotto scalare Quando avete parlato di lavoro di una forza avrete


sicuramente introdotto il prodotto scalare, ovvero un’operazione fra due
vettori che restituisce un numero reale.

~a · ~b = |~a||~b| cos θ

Dove con |~a| si intende il modulo di ~a, ovvero ~a · ~a (Ovvero la lunghezza
di ~a calcolata con pitagora).

Figura 2.14: Significato grafico del prodotto scalare

Seguono banalmente dalla definizione di prodotto scalare le seguenti


proprietà utili per fare i conti.

~a · ~b = ~b · ~a

~a · (~b + ~c) = ~a · ~b + ~a · ~c

~a · (k~b) = k~a · ~b
È utile ricordare che la base di R3 formata dai 3 versori x b, yb, zb è ortonormale,
ovvero x b·x b = 1, xb · yb = 0, x
b · zb = 0, yb · yb = 1 etc. Questa condizione si può
riassumere sinteticamente cambiando nome agli assi da x b, yb, zb a x b1 , x
b2 , x
b3 e
scrivendo x bi · x
bj = δij dove l’oggetto a destra si chiama delta di Kronecker e
vale 1 se i = j e 0 se i 6= j.
In questo modo, se scriviamo i vettori ~a e ~b in termini dei versori, otteniamo
2.3. CALCOLO VETTORIALE 77

~a · ~b = (ax x
b + ay yb + az zb) · (bx x
b + by yb + bz zb) = ax bx + ay by + az bz

Esempio 2.3.1. Il lavoro compiuto da una forza constante in modulo e


~ è L = F~ · ∆x
direzione per uno spostamento ∆x ~

Prodotto vettoriale L’esempio più semplice per capire la necessità di


inventare il prodotto vettoriale è il momento di una forza.
Dati due vettori ~a, ~b si definisce il loro prodotto vettoriale come il vettore
~c = ~a × ~b 20 il vettore che sta nel piano ortogonale al piano formato dai due
vettori ~a, ~b e di modulo |~c| = |~a||~b| sin θ dove θ è l’angolo compreso fra i due
vettori. Il verso di ~c è determinato dalla regola della mano destra: tenere il
pollice destro come ~a, l’indice destro come ~b, il verso del dito medio indicherà
il verso di ~c.
Dalla definizione segue subito che se due vettori sono paralleli, ovvero
~a = k~b, allora il loro prodotto vettore è 0, in quanto il seno dell’angolo
compreso è 0.
È importante notare che a differenza del prodotto scalare che è commuta-
tivo, il prodotto vettoriale è anticommutativo, ovvero ~a × ~b = −~b × ~a. Questa
cosa si vede applicando la regola della mano destra.
Con un po’ di artifici, si riesce a mostrare che se ~a = ax x b + ay yb + az zb e il
~
corrispondente per b, allora
 
x
b yb zb
~a × ~b = det  ax ay az 
b x by bz
Da cui seguono banalmente altre proprietà utili del prodotto vettore

~a × (~b + ~c) = ~a × ~b + ~a × ~c
~a × (k~b) = k~a × ~b
Con un po’ di fatica si riesce anche a dimostrare alcune identità di calcolo
vettoriale, per esempio

~a × (~b × ~c) = ~b(~a · ~c) − ~c(~a · ~b)


20
Viene anche indicato con ~c = ~a ∧ ~b
78 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Figura 2.15: Significato geometrico del prodotto vettoriale

Il prodotto vettoriale ha anche dei significati fisici scorrelati dalla sua


applicazione in meccanica. Per esempio, costruiamo un parallelogramma che
abbia i lati paralleli ad ~a, ~b. Essendo l’area del parallelogramma ab sin θ, si
vede immediatamente che A = |~a × ~b|. Possiamo addirittura immaginare
l’area come un vettore, scrivendo A ~ = ~a × ~b. In questo caso, il vettore area è
ortogonale al piano in cui sta la figura.
Ovviamente, se abbiamo un triangolo che ha i lati ~a, ~b e il terzo che
congiunge gli estremi, l’area del triangolo sarà ovviamente metà di quella del
parallelogramma, quindi A ~ = 1 ~a × ~b
2
Attenzione: Per il prodotto vettore non vale la proprietà associativa,
ovvero c’è bisogno di mettere le parentesi quando c’è un prodotto vettore
multiplo. In generale sarà

~a × (~b × ~c) 6= (~a × ~b) × ~c


Per far vedere con un esempio che non vale sempre l’uguaglianza, prendia-
2.3. CALCOLO VETTORIALE 79

b, ~b = ~c = yb
mo ~a = x

b × (b
x y × yb) 6= (b b × ~0 6= zb × yb ⇒ 0 6= −b
x × yb) × yb ⇒ x x

Prodotto misto Una cosa interessante ma non troppo utile, almeno per
fare questi problemi, è il cosiddetto prodotto misto fra 3 vettori ~a, ~b, ~c, definito
come
~a × ~b · ~c
Ho omesso le parentesi in questa espressione in quanto vi è un solo modo di
fare le cose che abbia senso, ovvero prima il prodotto vettore e poi il prodotto
scalare.
È utile notare che questo numero si può scrivere facilmente utilizzando le
matrici in questo modo:
 
ax ay az
~a × ~b · ~c = det  bx by bz 
cx cy cz
È facile vedere che quindi il prodotto misto si può permutare in più forme,
ovvero

~a × ~b · ~c = ~b × ~c · ~a = ~c × ~a · ~b
Infine è utile vedere il significato fisico del prodotto misto. Costruia-
mo un parallelepipedo (non retto) che abbia gli spigoli come i tre vettori
~a, ~b, ~c. Questo parallelepipedo, in figura 2.16, ha tutte le facce a forma di
parallelogramma. Scelta la faccia ab, il volume di questo parallelepipedo è
rappresentato dal volume spazzato dall’area ab, ovvero sarà A ~ · ~c = ~a × ~b · ~c.
Il volume di questo parallelepipedo è quindi rappresentato dal prodotto
misto dei 3 vettori. È quindi un ottimo metodo per controllare in modo
rapido se 3 vettori sono complanari o meno, in quanto se sono complanari, il
volume deve essere 0.
Se al posto di un parallelepipedo ci avessimo messoun tetraedro,
 la formula
1 1 1
del volume sarebbe stata molto simile, ovvero V = ~a × ~b ·~c = ~a ×~b ·~c
3 2 6
80 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Figura 2.16: Parallelepipedo formato dai 3 vettori

2.3.2 Algebra lineare


Matrici Al primo anno di università vedrete in dettaglio tutta l’algebra
lineare. Il mio obiettivo è solo quello di darvi un’introduzione informale, in
quanto permette di generalizzare molte cose e fare i conti in modo intelligente.
Questa sezione è assolutamente facoltativa e vi dà solo un’idea del perché si
facciano le cose in un certo modo.
Definizione 2.3.1 (Spazio vettoriale). Uno spazio vettoriale è caratterizzato
da 4 oggetti:
• Un insieme V
• Un campo K (ovvero R oppure C)
• Un’operazione di somma fra elementi di V , ovvero + : V × V → V
(Prendo due elementi di V , che chiamo a, b e ci associo c = a + b)
• Un’operazione di prodotto per elementi del campo, ovvero se v ∈ V e
α ∈ K, · : K × V → V , w = α · v, w ∈ V
Le operazioni di somma e prodotto per uno scalare devono avere le
proprietà di commutatività, associativita, ecc. . . Inoltre, ∀v, w ∈ V , deve
essere z = v + w, z ∈ V , ovvero l’insieme deve essere chiuso rispetto alla
somma. Inoltre, ∀α ∈ K, ∀v ∈ V , deve essere w = αv, w ∈ V , ovvero l’insieme
V deve essere chiuso rispetto al prodotto per uno scalare.
2.3. CALCOLO VETTORIALE 81

Esempio 2.3.2. Il piano cartesiano con assi x, y è uno spazio vettoriale su


R, in quanto l’insieme delle coppie (x, y) dotato della somma componente per
componente e del prodotto per numero reale soddisfa le richieste.
Esempio 2.3.3. L’insieme dei numeri reali R è uno spazio vettoriale su R,
in quanto ∀v, w ∈ R, v + w ∈ R, ∀α ∈ R, ∀v ∈ R, αv ∈ R. Le proprietà
associativa eccetera sono banali.
Esempio 2.3.4. Lo spazio tridimensionale è uno spazio vettoriale su R, per
lo stesso motivo di due esempi fa.
Esempio 2.3.5. L’insieme delle funzioni f : R → R è uno spazio vettoriale
su R, se diamo l’operazione di somma e prodotto

h(x) := f (x) + g(x) ∀x ∈ R, ∀f, g


g(x) := αf (x) ∀f, ∀α
È ovvio che in questo modo otteniamo ancora delle funzioni.
Esempio 2.3.6. I punti di un quadrato nel piano x, y, visti come un sotto-
spazio del piano x, y non sono uno spazio vettoriale, in quanto è evidente che
l’insieme non è chiuso rispetto alla somma.
Esempio 2.3.7. Una retta che non passa per l’origine nel piano x, y, vista
come sottoinsieme di punti del piano non è uno spazio vettoriale, sempre
perché non è chiuso rispetto alla somma. Una retta che passa per l’origine,
invece lo è.
Definizione 2.3.2 (Generatori). Si dice che un insieme di vettori apparte-
nenti a V
{a1 , a2 , a3 . . .} è un insieme di generatori ∀v ∈ V , posso ottenere v come una
combinazione lineare dei generatori, ovvero
X
∃αi |v = α i ai
i

Esempio 2.3.8. Dati due vettori non paralleli nel piano x, y posso ottenere
qualsiasi altro vettore del piano come una combinazione lineare dei due, ovvero
se v, w sono i due vettori non paralleli, ∀z ∈ (x, y)∃a, b ∈ R|z = a · v + b · w. Se
invece che avere due vettori non paralleli ne avessi 3 o più, sarebbero ancora
dei generatori. Semplicemente sarebbero ridondanti in quanto esiste più di
una combinazione che genera il vettore z.
82 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Esempio 2.3.9. Dato lo spazio vettoriale delle funzioni f : R → R, è ovvio


che {cos x, sin x} non è un insieme di generatori, in quanto praticamente tutte
le funzioni non si possono scrivere come f (x) = a cos x + b sin x

Definizione 2.3.3 (Base). Un insieme di generatori si dice base se comunque


io tolga uno dei generatori, allora l’insieme che mi rimane non è più di
generatori.

Esempio 2.3.10. Due vettori non paralleli nel piano x, y sono una base, in
quanto sono un insieme di generatori e se ne tolgo uno non lo sono più. Allo
stesso modo, se ho 3 vettori non complanari nello spazio tridimensionale,
questi sono una base.

Nota. È ovvio che le basi non sono uniche. Basta pensare al solito esempio
dei due vettori nel piano. Se li ruoto di un angolo a caso, sono ancora una
base ma in generale sono una base diversa.

Teorema 2.3.1. Se B, B 0 sono basi, allora il numero di elementi di B è


uguale al numero di elementi di B 0 . Il numero n di elementi della base, che
quindi non dipende dalla stessa, si chiama dimensione dello spazio.

Esempio 2.3.11. Il piano x, y ha dimensione 2 in quanto due vettori non


paralleli sono una base. Di conseguenza, se ho 3 vettori nel piano, potranno
essere dei generatori ma non una base.

Esempio 2.3.12. Lo spazio delle funzioni f : R → R ovviamente non ha una


base di dimensione finita. Di conseguenza, si dice che lo spazio ha dimensione
infinita.

Esempio 2.3.13 (Importante). Se uno spazio vettoriale ha dimensione n,


allora, scelta una base B = {b1 , b2 . . . , bn } ogni vettore v ∈ V si rappresenta
in modo unico come sequenza ordinata di numeri
 
α1
 α2 
v =  .. 
 
 . 
αn
n
X
Tale che v = αi bi
i=1
2.3. CALCOLO VETTORIALE 83

Esempio 2.3.14. Se prendo il piano x, y e come base scelgo


• Il primo vettore lungo l’asse x di lunghezza 1
• Il secondo vettore lungo l’asse y di lunghezza 1
Allora ogni punto nel piano si rappresenta in modo unico come
 
xp
v=
yp
21
Dove xp e yp sono ascissa e ordinata.
Definizione 2.3.4 (Funzione lineare). Una funzione su uno spazio vettoriale
f : V → V si dice lineare se

∀v, w ∈ V f (v + w) = f (v) + f (w)


∀v ∈ V, ∀α ∈ K f (αv) = αf (v)
Che si può anche riassumere nella condizione equivalente

∀v, w ∈ V, ∀α, β ∈ K f (αv + βw) = αf (v) + βf (w)


Esempio 2.3.15. La funzione su R f = kx è una funzione lineare. Allo
stesso modo, una funzione f : V → V , f (v) = kv è evidentemente lineare.
Esempio 2.3.16. Su Rn una rotazione è una funzione lineare. Stessa cosa
per le simmetrie assiali e centrali.
Esempio 2.3.17. L’operazione di derivazione è una funzione lineare. Infatti
(αf + βg)0 = αf 0 + βg 0
Allo stesso modo l’integrale.
Teorema 2.3.2. Sia B = {v1 , v2 , . . . , vn } una base di V . Supponiamo di
conoscere il valore di f (vi ) ∀i e lo chiamiamo wi = f (vi ). Allora sappiamo
calcolare f (v) ∀v ∈ V . La dimostrazione è banale e si basa sul fatto che se B
è una base, allora
Xn
∀v ∈ V ∃αi | v= αi vi
i=1
21
Capitan ovvio? Sono perfettamente d’accordo, ma ai matematici piace e voi passerete
il primo anno a dimostrare queste cose. Auguri.
84 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Di conseguenza, essendo la funzione lineare,


n
! n n
X X X
f (v) = f αi vi = αi f (vi ) = αi wi
i=1 i=1 i=1

Definizione 2.3.5. Si definisce matrice n × m una tabella di numeri (reali o


complessi) di m righe e n colonne.

Definizione 2.3.6 (Somma fra matrici). Si può eseguire la somma di due


matrici A, B se e solo se hanno le stesse dimensioni, ovvero stesso numero di
righe e stesso numero di colonne.
In tal caso, ogni elemento della matrice somma C = A + B è definito in
modo ovvio come la somma dei corrispondenti elementi di A e B.
È ovvio dalle proprietà dell’addizione che la somma fra matrici gode della
proprietà associativa e commutativa.

Definizione 2.3.7 (Prodotto fra matrici). Due matrici purtroppo non si


possono sempre moltiplicare fra di loro. Perchè questo sia possibile, le
dimensioni devono seguire una certa regola.
Sia A una matrice m × n, sia B una matrice n × l. Allora esiste il prodotto
C = AB
Denotando con Aij l’elemento della matrice A che sta nella riga i e nella
colonna j, il prodotto C è una matrice m × l definito come
m
X
Cij = Aik Bkj
k=1

Esempio 2.3.18. Facciamo un esempio di prodotto fra matrici per chiarificare


le idee. Prendiamo
 
  1 2 3
1 0 3 4  2 5 −3 
A= B=  −2 5 −1 

2 5 6 1
3 −7 0
La matrice A ha 2 righe e 4 colonne, la matrice B ha 4 righe e 3 colonne.
Di conseguenza, esiste la matrice prodotto C = AB e ha 2 righe e 3 colonne.
Non esiste invece la matrice prodotto D = BA in quanto semplicemente
le matrici non hanno le dimensioni adatte ad essere moltiplicate. È quindi
2.3. CALCOLO VETTORIALE 85

evidente che il prodotto fra matrici non è commutativo. Persino quando le


matrici hanno dimensioni per cui sono moltiplicabili sia a destra che a sinistra,
spesso il prodotto dà un risultato diverso nei due casi.
Andiamo ora a calcolare il prodotto. Dalla definizione,
4
X
C11 = A1i Bi1 = 1 · 1 + 0 · 2 + 3 · (−2) + 4 · 3 = 7
i=1


1 2 3 !
7 ... ...
 
1 0 3 4  2 5 −3 
=
2 5 6 1  −2 5 −1  .. .. ..
. . .
3 −7 0
Calcoliamo C12


1 2 3 !
7 −11 . . .
 
1 0 3 4  2 5 −3 
=
2 5 6 1  −2 5 −1  .. .. ..
. . .
3 −7 0
In quanto 1 · 2 + 0 · 5 + 3 · 5 + 4 · (−7) = −11
Allo stesso modo si ricavano tutti gli altri. Il risultato è
 
  1 2 3  
1 0 3 4   2 5 −3 
= 7 −11 0
2 5 6 1  −2 5 −1  3 52 −15
3 −7 0

Teorema 2.3.3. Sia f funzione lineare f : V → W con V, W spazi vettoriali,


V di dimensione n, W di dimensione m. Sia B una base di V , B 0 una base di
W . Allora la funzione lineare si rappresenta in modo unico come una matrice
di m righe e n colonne.

Ora farò diversi esempi per far capire cosa si intende.

Esempio 2.3.19. Consideriamo il piano x, y e consideriamo una rotazione


di angolo α attorno all’origine (si intende in verso antiorario). Secondo il
teorema precedente, essendo una rotazione un’applicazione lineare, la possiamo
rappresentare come una matrice, se scegliamo una base. In particolare, la
funzione lineare va dal piano x, y in se stesso, perciò le dimensioni della
86 CAPITOLO 2. MATEMATICA

matrice sono 2 × 2. La base più ovvia da scegliere è ovviamente quella formata


dai due vettori (1, 0), (0, 1).
Consideriamo un generico vettore v = (x0 , y0 ). Facendo un bel disegno, si
vede con facilità che il vettore v viene mandato nel vettore w = (cos αx0 −
sin αy0 , sin αx0 + cos αy0 )
Se scriviamo il tutto come prodotto fra matrici, avremo che
    
x0 cos α − y0 sin α cos α − sin α x0
=
x0 sin α + y0 cos α sin α cos α y0
Una generica rotazione di angolo α si rappresenta quindi come una matrice
fatta cosı́
 
cos α − sin α
R(α) =
sin α cos α
Vediamo come potevamo arrivare al risultato in un modo diverso e più sem-
plice. Il teorema 2.3.2 ci dice che se conosciamo quanto vale un’applicazione
lineare su una base, allora sappiamo calcolarla per ogni vettore.
La nostra base è formata dai due vettori e1 = (1, 0) e e2 = (0, 1). È molto
più semplice da vedere che
   
cos α − sin α
R(e1 ) = R(e2 ) =
sin α cos α
Se ora noi già sappiamo che possiamo rappresentare in modo unico come
una matrice il tutto, allora
      
a11 a12 1 a11 cos α
= =
a21 a22 0 a21 sin α
      
a11 a12 0 a12 − sin α
= =
a21 a22 1 a22 cos α
Per cui, di nuovo,
 
cos α − sin α
R(α) =
sin α cos α

Esempio 2.3.20 (Il prodotto vettoriale come applicazione lineare). Fissato


~ ∈ R3 , consideriamo la funzione fω~ : R3 → R3 fω~ (~v ) = ω
un vettore ω ~ × ~v .
Mostriamo innanzitutto che è un’applicazione lineare.
2.3. CALCOLO VETTORIALE 87

fω~ (α~v + β w) ~ × (α~v + β w)


~ =ω ~ = α~ω × ~v + β~ω × w
~ = αfω~ (~v ) + βfω~ (w)
~

Di conseguenza, sarà rappresentabile come una matrice 3 × 3 in quanto la


funzione fω~ va da uno spazio di dimensione 3 in sè stesso. Vediamo di trovare
questa matrice. Se scriviamo ω ~ come vettore colonna

ωx
~ =  ωy 
ω
ωz

    
ωy vz − ωz vy 0 −ωz ωy vx
~ × ~v =  ωz vx − ωx vz  =  ωz
fω~ (~v ) = ω 0 −ωx   vy 
ωx vy − ωy vx −ωy ωx 0 vz

Esempio 2.3.21 (Identità). L’applicazione lineare f : V → V f (v) = v si


rappresenta come una matrice quadrata di lato dim(V ) fatta in questo modo:

···
 
1 0 0
..

0 1 . 0 

I=

.. .. .. .. 
 . . . . 
0 0 ··· 1
Controllate per esercizio che data una qualsiasi matrice A quadrata dello
stesso lato di I, vale la relazione

AI = IA = A

Spesso è utile rappresentare la matrice identità con il delta di Kronecker

Iij = δij

Dove
(
1 Se i = j
δij =
0 altrimenti
88 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Esempio 2.3.22 (Derivata). La derivata è un’operatore lineare. Potreste


quindi aspettarvi che sia possibile scrivere la derivata di una funzione come
prodotto fra un vettore che rappresenti la funzione e una matrice. Questo
non è vero, in quanto le ipotesi del teorema 2.3.3 c’è che entrambe gli spazi
vettoriali di arrivo e di partenza abbiano una base finita, cosa ovviamente
non vera per lo spazio delle funzioni derivabili.

Teorema 2.3.4 (Composizione di applicazioni lineari). Supponiamo di avere


f : V → W e g : W → Z entrambe lineari. Allora la funzione h = g ◦ f :
V → Z è lineare e, scelte le opportune basi coerenti, la matrice H è uguale al
prodotto delle matrici G e F

H = GF
Notare che la dimensione delle matrici G ed F è tale da permettere di
essere moltiplicate in questo modo.

Esempio 2.3.23. Questo esempio è banale. Se ne possono fare di più utili,


ma in 3D è più complicato immaginare le cose. Consideriamo due rotazioni
nel piano x, y, entrambe intorno all’origine, di angoli α, β.
Ci aspettiamo quindi che facendole entrambe otteniamo una rotazione di
angolo α + β. Controlliamo se funziona

  
cos β − sin β cos α − sin α
R̃ = Rβ Rα = =
sin β cos β sin α cos α
 
cos α cos β − sin α sin β − sin α cos β − cos α sin β
= =
sin α cos β + cos α sin β cos α cos β − sin α sin β
 
cos(α + β) − sin(α + β)
=
sin(α + β) cos(α + β)

Determinante Il determinante di una matrice ha molte proprietà utili che


vi spiegheranno in dettaglio al corso di algebra lineare. Per ora, tutto ciò che
vi può servire è sapere come calcolarlo.
Innanzitutto, il determinante è una funzione f : M (n, K) → K, ovvero è
una funzione che restituisce un numero a partire da una matrice quadrata.
Se la matrice è a coefficienti complessi, il determinante in generale sarà un
numero complesso. Se è a coefficienti reali, sarà un numero reale. Non si
definisce il determinante per una matrice che non sia quadrata.
2.3. CALCOLO VETTORIALE 89

Inoltre

det(A) = 0 ⇔ Le righe (o le colonne) di A sono linearmente dipendenti

Quel se e solo se è molto importante.


Vediamo di calcolare il determinante. Per una matrice 1 × 1

det(A) = |A| = a
Dove a è ovviamente l’unico numero che compare nella matrice. Questa
notazione è leggermente infelice in quanto si può confondere con il valore
assoluto o modulo. In particolare, niente vieta al determinante di una matrice
di essere minore o uguale a zero, di conseguenza se la matrice è composta solo
dal numero −1, il suo determinante sarà −1, non 1, che sarebbe semplicemente
il valore assoluto dell’unico numero che compare nella matrice.
Se la matrice è 2 × 2,
 
a b a b
A= ⇒ |A| = = ad − bc
c d c d
Se la matrice è 3 × 3, esiste la regola di Sarrus che permette di calcolare il
determinante. Per applicarla, può essere utile scrivere la matrice e scrivercela
accanto un’altra volta, come in figura 2.17. Chiamo diagonale principale la
direzione che va dall’alto sinistra a basso destra e diagonale secondaria l’altra.
Bisogna sommare il contributo di tutti i termini sulle diagonali principali e
sottrarre tutti i termini sulle diagonali secondarie.

Figura 2.17: Regola di Sarrus


90 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Se la matrice è più grande, è necessario definire il determinante in modo


ricorsivo. Se la matrice è n × n, con questo metodo, chiamato sviluppo di
Laplace, ci si riconduce a calcolare n determinanti di matrici (n − 1) × (n − 1).
Ovviamente se n − 1 > 3 si può iterare per rimpicciolire ancora il tutto.
Ovviamente i calcoli diventano molto laboriosi dopo poco.
Per sviluppare secondo Laplace bisogna innanzitutto scegliere una riga
(oppure una colonna). È consigliabile sceglierne una con tanti zeri, se ce ne
sono, ora vedremo perché.
Facciamo un esempio pratico per vedere cosa succede
 
1 2 0 5
 0 0 3 1 
A=  3 −2 5 0 

1 0 5 6
Scegliamo di sviluppare secondo la seconda riga, in quanto ci sono due
zeri. Allora vale

1 2 0 5
2 0

5 1 0 5
0 0 3 1
= (−1) · 0 · −2 5

+1·0· 3 5 0

det(A) = 0 +
3 −2 5 0
0 5

6 1 5 6
1 0 5 6

1 2 5 1 2 0

+(−1) · 3 · 3 −2 0 + 1 · 1 ·
3 −2 5

1 0 6 1 0 5
Cerchiamo di capire cosa ho fatto. Innanzitutto ho percorso la riga che ho
scelto, fermandomi su ogni elemento. Per ogni elemento aij ho sommato un
contributo (−1)i+j aij det(Aij ) dove Aij indica la matrice che ottengo togliendo
da A la riga i e la colonna j. Nel nostro caso ho tolto sempre la seconda riga
e la colonna cambiava man mano. Come vedete, è intelligente scegliere una
riga/colonna con tanti zeri.
Finiamo il calcolo per completezza

1 2 5 1 2 0

det(A) = −3 3 −2 0 + 3 −2 5

= −3 (−12 + 0 + 0 − (−10 + 0 + 36)) +

1 0 6 1 0 5

+ (−10 + 10 + 0 − (0 + 0 + 30)) = 114 − 30 = 84


2.3. CALCOLO VETTORIALE 91

Corollario. Se una matrice è triangolare superiore, ovvero ha numeri diversi


da 0 solo sulla diagonale principale e sopra, allora il determinante è il prodotto
degli elementi sulla diagonale. Un esempio facile

1 2 3
0 4 5 = 1 · 4 5 + 0 = 4 · 6 = 24

0 6
0 0 6

Ovviamente un enunciato uguale vale se la matrice è triangolare inferiore.

Inversa di una matrice Data una matrice quadrata A, a volte esiste la


matrice inversa A−1 tale che AA−1 = A−1 A = I dove I è l’identità. Si può
facilmente dimostrare che l’inversa esiste se e solo se il determinante di A è
diverso da 0.
In particolare, la formula esplicita per l’inversa è

1
a−1
ji = det(Aij )
detA
Ho indicato con a−1 ij l’elemento della matrice inversa nella posizione i, j,
mentre Aij è la matrice che si ottiene togliendo la riga i e la colonna j, come
nel calcolo del determinante. Notare che ho scritto a−1ji . Non è un typo, bensı́,
dopo essersi smazzati di conti per fare tutti i determinanti, bisogna pure
ricordarsi di fare la trasposta22 della matrice.
Esiste un metodo più umano, chiamato algoritmo di Gauss-Jordan, che
permette di calcolare in modo meno orribile l’inversa. Facciamo un esempio
per mostrare il metodo.
 
3 5 0
A= 6 1 0 
0 0 5
Per usare l’algoritmo di Gauss, dobbiamo affiancare alla nostra matrice A
la matrice identità.
 
3 5 0 || 1 0 0
 6 1 0 || 0 1 0 
0 0 5 || 0 0 1
22
Ovvero ribaltarla rispetto alla diagonale principale.
92 CAPITOLO 2. MATEMATICA

L’obiettivo è ottenere con alcune operazioni che ora spiego a sinistra


l’identità. La matrice che si avrà a destra sarà l’inversa di A. Le operazioni
consentite sono

• Moltiplicare una riga per un numero


• Aggiungere un multiplo di una riga ad un’altra riga.

Volendo ottenere a sinistra l’identità, la prima operazione che facciamo è


dividere l’ultima riga per 5.
 
3 5 0 || 1 0 0
 6 1 0 || 0 1 0 
0 0 1 || 0 0 15
Ora togliamo due volte la prima riga alla seconda.
 
3 5 0 || 1 0 0
 0 −9 0 || −2 1 0 
0 0 1 || 0 0 15
Dividiamo la seconda per −9
 
3 5 0 || 1 0 0
 0 1 0 || 92 − 19 0 
0 0 1 || 0 0 15
Togliamo 5 volte la seconda riga alla prima

0 || − 19 95 0
 
3 0
 0 1 0 || 29 − 19 0 
0 0 1 || 0 0 51
E infine dividiamo per 3 la prima riga
1 5
 
1 0 0 || − 27 27
0
 0 1 0 || 29 − 19 0 
0 0 1 || 0 0 51
Quindi la matrice di destra
1 5
 
− 27 27
0
2

9
− 19 0 
1
0 0 5
2.3. CALCOLO VETTORIALE 93

È l’inversa di A. Controlliamo esplicitamente che lo sia, facendo la


moltiplicazione
  1 5
  
3 5 0 − 27 27 0 1 0 0
 6 1 0   2 −1 0  =  0 1 0 
9 9
0 0 5 0 0 15 0 0 1
94 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Derivata di un versore
Il riferimento cartesiano è un riferimento di assi ortogonali fissi. Questo
non è l’unico riferimento possibile. Per esempio, sul piano xy si può scegliere di
utilizzare le coordinate polari, ovvero associare ad ogni punto la sua distanza
dall’origine r ∈ [0, +∞) e l’angolo che forma con l’asse x, θ ∈ [0, 2π).
Il riferimento cartesiano ha una caratteristica molto speciale che lo rende
molto più semplice da trattare: i versori diretti come gli assi sono fissi, ovvero
in ogni punto dello spazio i 3 versori hanno la stessa direzione. Questo non
è vero per le coordinate polari, ad esempio. Infatti, se vogliamo indicare la
posizione di un corpo in coordinate polari o ci riconduciamo ad esprimerla in
coordinate cartesiane scrivendo

~ = r cos θb
R x + r sin θb
y
Tuttavia, spesso è preferibile per motivi di simmetria non ricondursi alle
coordinate cartesiane (per esempio se abbiamo a che fare con una forza
centrale), ma semplicemente indicare un vettore che indichi la congiungente
dal punto considerato all’origine del riferimento, ovvero ci inventiamo rb =
cos θb x + sin θb
y . È chiaro che questo versore semplifica la notazione e il
problema se abbiamo per esempio una forza radiale F~ = F (~r)b r. La posizione
~
indicata prima sarà R = rb r.
Ovviamente nel piano non ci basta un versore solo per indicare un vettore
applicato.23 È quindi utile definire anche il versore θb = − sin θb x + cos θb y.
Viene definito in questo modo in quanto rb · θb = 0, |θ| b = 1, rb × θb = zb, con zb il
versore perpendicolare al piano e uscente.
È importantissimo capire che a differenza del riferimento cartesiano dove
x
b, yb, zb sono gli stessi vettori in tutto lo spazio, nel caso di coordinate polari
(ma in generale anche per altri riferimenti) i vettori rb, θb dipendano dal punto
del piano in cui ci si trova.

Esempio 2.3.24. Supponiamo di avere nel piano xy un campo di forza che


dipende solo dal tempo, ovvero

F~ = F~ (t)
23
Ovvero un vettore che non può essere spostato nell’origine senza cambiare il significato
fisico di quello che si fa. Per esempio le forze sono vettori applicati. È molto semplice
capire come sia diversa una forza applicata in un punto di un corpo piuttosto che in un
altro.
2.3. CALCOLO VETTORIALE 95

dF~
Vogliamo calcolare la derivata temporale di F~ , ovvero .
dt

dF~ d
= (Fx (t)b y ) = F˙x x
x + Fy (y)b b˙ + F˙y yb + Fy yb˙ = F˙x x
b + Fx x b + F˙y yb
dt dt
In quanto i versori sono delle costanti, perché non dipendono nè dal tempo,
nè dalla posizione nè da nient’altro.
Esempio 2.3.25. Supponiamo di avere la posizione in coordinate polari di
un oggetto. Vogliamo calcolarne la velocità.
~
Noi abbiamo R(t) = R(t)b r(t)

~
dR(t)
~v (t) = ˙ r + R(t)rb˙
= R(t)b
dt
La cosa più facile che si può fare è ricordare la definzione di rb che abbiamo
dato in coordinate cartesiane, ovvero rb(t) = cos θ(t)b x + sin θ(t)by , farne la
derivata in coordinate cartesiane e poi scrivere il vettore che abbiamo ottenuto
in termini di rb, θ.
b Questa tecnica funziona e per esercizio ora la userò, ma in
seguito vi mostrerò dei metodi più semplici.

db
r d
= (cos θb x + sin θb
y ) = (− sin θb
x + cos θb
y )θ̇ = θ̇θb
dt dt
˙ r + R(t)θ̇θb
Di conseguenza, ~v = R(t)b
˙
La cosa si può ovviamente iterare ottenendo θb = −θ̇br. L’accelerazione di
un corpo in coordinate polari

d~v
~a(t) = = (R̈ − Rθ̇2 )b
r + (2Ṙθ̇ + Rθ̈)θb (2.5)
dt
Come avevo anticipato, c’è un modo alternativo per ottenere la deriva-
ta di un versore. Notiamo innanzitutto che un versore x b è caratterizzato
dall’equazione

x|2 = x
|b b·x
b=1
Questa equazione può essere derivata membro a membro ottenendo una
cosa utile

d|x|2 d
= 1
dt dt
96 CAPITOLO 2. MATEMATICA

d
x·x
(b b) = 1
dt
b˙ · x
x b+x b˙ = 0
b·x

b˙ · x
x b=0
Ovvero un versore è ortogonale alla sua derivata. In particolare, possiamo
sicuramente trovare un vettore ~a per cui si possa scrivere la sua derivata in
questo modo: x b˙ = ~a × x
b.
METTI UN BUON DISEGNO
Si arriva finalmente a concludere x b˙ = ω
~ ×xb
Otteniamo di nuovo per esercizio la velocità e accelerazione in coordinate
polari. In questo caso trovare ω~ è molto semplice in quanto entrambe i versori
rb, θ ruotano solo intorno all’asse zb, quindi avremo che ω
b ~ = θ̇b
z

r + Rrb˙ = Ṙb
~v = Ṙb r + Rω × rb = Ṙb z × rb = Ṙb
r + Rθ̇b r + Rθ̇θb

~a = R̈b z ×b
r+Ṙθ̇b r+Ṙθ̇θ+R b θ̇~ω ×θb = R̈b
b θ̈θ+R b θ̇2 zb×θb = (R̈−Rθ̇2 )b
r+(2Ṙθ̇+Rθ̈)θ+R r+(2Ṙθ̇−Rθ̈)θb

Esempio 2.3.26 (Velocità e accelerazione in coordinate sferiche). Prima di


cominciare è opportuno definire per bene il sistema di coordinate sferiche, in
quanto vengono prese alcune convenzioni standard che è bene puntualizzare
per non confondersi. Innanzitutto le coordinate sono 3: r, θ, φ. L’angolo
θ ∈ [0, π] non è la latitudine ma la colatitudine, ovvero quando θ = 0, rb = zb.
L’equatore viene quindi descritto dall’equazione θ = π/2.
L’angolo φ ∈ [0, 2π] invece è la longitudine standard, ovvero quello che
indica Est e Ovest.
In particolare, per ritornare alle coordinate cartesiane si usa il seguente
sistema:

x = r sin θ cos φ

y = r sin θ sin φ

z = r cos θ

Vogliamo ora ricavare velocità e accelerazione in coordinate sferiche. Noi


~ = Rb
sappiamo che R r. Di conseguenza sarà di nuovo R ~˙ = Ṙb
r + Rrb˙ Questa
2.3. CALCOLO VETTORIALE 97

Figura 2.18: Sistema di coordinate sferiche

volta scrivere ω ~ non è altrettanto semplice, in quanto non è ovvio in che piano
ruota rb e tantomeno il suo modulo.
In generale, ω
~ sarà un vettore ortogonale al versore x b1 di cui indica la
rotazione. Di conseguenza, scelti due altri vettori a caso ~x1 , ~x2 tali che non
siano entrambe complanari al versore, sarà sempre possibile esprimere ω ~ come
un’opportuna combinazione lineare degli altri due, ovvero ω ~ = a1~x1 + a2~x2 .
Consideriamo quindi rb˙ . Scegliamo quindi due versori x b1 , x
b2 intelligenti da
utilizzare, ovvero due versori intorno a cui sappiamo scrivere in modo facile
la rotazione in termini di θ̇, φ̇. Per esempio, se scegliamo x b1 = φ,b ω~ θ = θ̇φ.
b Se
scegliamo inoltre x b2 = zb, è facile vedere come intorno a z la rotazione sia solo
intorno a φ, ovvero ω ~ φ = φ̇b z . È infine immediato verificare che i tre vettori
rb, x
b1 , x
b2 non sono complanari, quindi possiamo scrivere ω ~ = θ̇φb + φ̇b z.

rb˙ = ω
~ × rb = θ̇φb × rb + φ̇b
z × rb = θ̇θb + φ̇ sin θφb

Di conseguenza otteniamo

~v = Ṙb
r + Rθ̇θb + R sin θφ̇φb (2.6)
Calcoliamo con molta fatica ora l’accelerazione ~a
98 CAPITOLO 2. MATEMATICA

d~v b˙ Ṙ sin θφ̇+R cos θθ̇φ̇+R sin θφ̈)φ+R ˙


~a = r+Ṙrb˙ +(Ṙθ̇+Rθ̈)θ+R
= R̈b b θ̇θ+( b sin θφ̇φb
dt

b˙ φb˙
Dobbiamo ora calcolare a parte θ,
˙
z ) × θb = −θ̇b
θb = (θ̇φb + φ̇b r − cos θφ̇φb
˙
z ) × φb = φ̇b
φb = (θ̇φb + φ̇b z × φb = φ̇(cos θb
r − sin θθ)
b × φb = −φ̇ cos θθb − φ̇ sin θb
r
Sostituendo nell’equazione di prima si ottiene infine

2 2 2
ar = R̈ − Rθ̇ − R sin θφ̇

aθ = Rθ̈ + 2Ṙθ̇ − R sin θ cos θφ̇2 (2.7)

aφ = R sin θφ̈ + 2Ṙ sin θθ̇ + 2R cos θθ̇φ̇

Il significato fisico di alcuni di questi termini verrà chiarito nel capitolo di


meccanica.
2.3. CALCOLO VETTORIALE 99

2.3.3 Cenni di analisi in più variabili


Nel capitolo sulle derivate e sugli integrali ho sempre parlato di funzioni
di una sola variabile che restituiscono un solo numero reale. Purtroppo le
cose non sono sempre cosı́ semplici.
Il primo esempio è molto semplice.

Esempio 2.3.27. Supponiamo di conoscere la legge oraria del moto di un


punto materiale. Questo vuol dire che noi conosciamo

x(t)

y(t)

z(t)

Ovvero, la nostra funzione ha come variabile un solo numero reale e ne


spara fuori 3, ovvero abbiamo una funzione ~x(t) : R → R3 . Definiamo la
derivata di questa funzione nel modo più sensato, ovvero componente per
componente: 
vx (t)

~v (t) = vy (t)

vz (t)

Allo stesso modo si può continuare a derivare ottenendo l’accelerazione.

Purtroppo non è sempre cosı̀ semplice.

Esempio 2.3.28. Supponiamo di conoscere la temperatura di un oggetto


tridimensionale. La temperatura dell’oggetto non è uniforme ma varia nella
posizione.
Di conseguenza, la temperatura non è funzione di una variabile sola, ma
T (~x) = T (x, y, z)
Capite bene che definire la derivata di un oggetto simile non è altrettanto
semplice perché dovremmo intanto definire rispetto a cosa si deriva.

Esempio 2.3.29. Supponiamo di avere invece il campo elettrico E(~ ~ x, t) =


~
E(x, y, z, t). Questa situazione è persino peggio. Nell’esempio precedente
avevamo una funzione di 3 variabili che restituiva un valore solo. In questo caso
invece abbiamo una funzione di 4 che ne restuisce 3 (Ovvero le 3 componenti
del campo)
100 CAPITOLO 2. MATEMATICA

È quindi necessario dare delle nuove definizioni per formulare delle leggi
fisiche con senso in questi casi. Cominciamo riprendendo l’esempio 2.3.28
Esempio 2.3.30. Abbiamo un oggetto a temperatura Tc e un oggetto a
temperatura Tf , fissate e costanti. Poniamo in mezzo a questi oggetti una
sbarra metallica dritta di conducibilità termica λ, lunghezza L e sezione S.
Vogliamo conoscere la temperatura in ogni punto della sbarra quando è stato
raggiunto lo stato stazionario.
Scegliamo un sistema di riferimento intelligente: prendiamo l’asse x pa-
rallelo all’asse della sbarra e gli assi y e z a caso, ortogonali a x. Poniamo il
punto di contatto fra la sbarra e il corpo freddo (Tf ) a 0. Il punto di contatto
fra la sbarra e il corpo caldo sarà quindi ad L. Per ovvie considerazioni di
simmetria, la temperatura della sbarra non dipenderà da y o da z.
S
La legge di Fourier sul calore dice che P = λ ∆T , dove P indica la
∆x
potenza trasmessa. Questa formula si trova sui vari libri di testo, tuttavia
nel nostro problema non è chiaro chi sia ∆T e tantomeno ∆x in quanto non
stiamo studiando un fenomeno globale come la trasmissione del calore dal
corpo caldo al corpo freddo ma stiamo studiando la trasmissione del calore
dentro la sbarra.
Ciò che si fa sempre in questi casi è ricondursi a posti molto piccoli dove
si spera che le leggi valgano. Mettiamoci in un punto della sbarra 0 < x < L.
Consideriamo un volumetto di sbarra delimitato da x e x + ∆x. Se prendo
un ∆x abbastanza piccolo, ∆x è definito, la differenza di temperatura pure e
quindi la legge acquisisce senso.
Scriviamo quindi la legge di Fourier per questo volume infinitesimo:
P (x) + P (x + ∆x) T (x, y, z) − T (x + ∆x, y, z)
P (x) ≈ P (x + ∆x) ≈ = λS
2 ∆x
L’ultima frazione che compare nell’espressione sembra molto la derivata
della funzione, fatta con le altre variabili che rimangono costanti. In effetti è
esattamente questa la definizione di derivata parziale
Definizione 2.3.8. (Derivata parziale) Sia f (x1 , x2 , . . . , xn ) una funzione di
n variabili f : Rn → R. Si definisce derivata parziale di f rispetto a xi :
f (x1 , x2 , . . . , xi + h, . . . xn ) − f (x1 , x2 , . . . , xi , . . . xn ) ∂f
lim =
h→0 h ∂xi
Ovvero si fa la derivata rispetto ad una variabile trattando tutte le altre come
costanti.
2.3. CALCOLO VETTORIALE 101

Riprendiamo l’esempio. La legge di Fourier diventa quindi, per ∆x


abbastanza piccolo,
∂T (x, y, z)
P (x) = −λS (2.8)
∂x
Questa equazione non è sufficiente a concludere l’esercizio. Dobbiamo
anche considerare che abbiamo raggiunto lo stato stazionario. Questo significa
che la temperatura non varia più nel tempo, ovvero che non ci sono accumuli
di energia in giro per la sbarra. L’energia che fluisce al punto x dovrà
essere uguale all’energia che fluisce in x + ∆x. In formule, P (x + ∆x) =
P (x). Possiamo portare tutto a sinistra in questa formula e dividere per ∆x,
ottenendo
P (x + ∆x) − P (x) ∂P
= =0
∆x ∂x
per ∆x → 0. Derivando quindi parzialmente rispetto a x l’equazione 2.8
(Posso farlo, quando si deriva al massimo si perdono informazioni), ottengo

∂P ∂ 2T
0= = −λS 2
∂x ∂x

∂ 2T
Otteniamo infine quindi =0
∂x2
Ricordiamo inoltre che per ragioni di simmetria abbiamo capito che la
∂T ∂T
temperatura non dipende da y e da z. Di conseguenza si avrà = =0
∂y ∂z
Quindi
∂T
= C1 + f (y, z)
∂x
dove f è una generica funzione di solo y e z. Ovviamente in questo caso la
funzione è costante perché abbiamo mostrato che le derivate parziali rispetto
a y e z valgono 0, ma in generale potrebbe non esserlo.
Possiamo integrare di nuovo e ottenere

T (x, y, z) = C1 x + C2

dove le due costanti vengono determinate imponendo che T (0) = Tf e T (L) =


Tc , ovvero
x
T (x, y, z) = Tf + (Tc − Tf )
L
102 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Esempio 2.3.31 (Esempi di calcolo di derivate parziali). Sapendo calcolare


le derivate di una funzione in una variabile, calcolare delle derivate parziali è
banale. Per completezza metterò comunque degli esempi.

∂ 2 ∂
• (x yz cos y) = yz cos y x2 = 2xyz cos y dove nel primo passaggio
∂x ∂x
ho portato fuori dalla derivata i termini costanti.
∂ 2
• (x yz cos y) = x2 y cos y
∂z
∂ 2 ∂
• (x yz cos y) = x2 z (y cos y) = x2 z(cos y − y sin y)
∂y ∂y
2.3. CALCOLO VETTORIALE 103

2.3.4 Integrali in più variabili


In questa sezione non ho intenzione di spegarvi come fare per bene gli
integrali in più variabili ma semplicemente vi spiegherò le idee che ci stanno
dietro in modo da poter comprendere il ragionamento che sta dietro le prossime
sezioni. Non è assolutamente necessario che voi sappiate fare integrali di
linea o di superficie, ma aver già visto più o meno come si affrontano vi dà la
possibilità di fare i problemi con più sicurezza.

Integrali di linea L’idea intuitiva di integrale di linea dovrebbe esservi


chiara. Questo paragrafo include le idee base che permettono di formalizzare
matematicamente questo concetto in modo da calcolare effettivamente un
integrale di linea riconducendosi a fare integrali in una variabile, cosa che
sapete fare. Prendiamo quindi l’esempio più noto e discutiamolo.
Quando dovete calcolare il lavoro di una forza, dovete considerare per ogni
punto della traiettoria il lavoro infinitesimo

dL = F~ (~x) · d~x
e farne la somma su tutti i possibili valori che può assumere sulla traiettoria.
Per dare un po’ di formalismo alla notazione in modo da scrivere le cose in
modo più compatto opererò nel seguente modo standard. La traiettoria, verrà
chiamata ~γ (t)

x(t)

~γ (t) = y(t)

z(t)

E per brevità, anche se è una cosa che odio, in genere ometterò il segno
di vettore sopra γ. Il parametro t della curva è una parametrizzazione della
curva.
Per esempio, se il nostro oggetto si muove su una parabola descritta da
y = x2 + y0 , una possibile parametrizzazione di questa cosa è
(
x(t) = vt
~γ (t) =
y(t) = at2 + y0

SPIEGA MEGLIO QUESTO CASINO


104 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Il significato fisico è che noi stiamo dicendo in un certo senso quanto


tempo ci impega la nostra particella per seguire la traiettoria. Le due
costanti che ho introdotto, a, v servono solo a dare coerenza alle dimensioni
degli oggetti in gioco, ma matematicamente non ce n’è bisogno. Una cosa
importante da notare è che noi stiamo dicendo che il lavoro non dipenda dalla
parametrizzazione t, ovvero che il lavoro non dipenda dalla velocità a cui
viene percorso il tutto.
Il vettore γ 0 (t) rappresenta il vettore tangente alla traiettoria e in partico-
lare ha il significato fisico di velocità di percorrenza
Per farla breve, vediamo in modo fisico che cosa sto facendo
d~x
dL = F~ (~x) · d~x = F~ (~x) · dt = F~ · ~v dt = P dt
dt
Ovvero ho diviso e moltiplicato per dt, dando quindi una velocità alla
particella. Una volta fatto questo, cambio il nome alla posizione dell’oggetto,
che normalmente chiamo ~x e ora lo chiamo γ, in quanto chiamarlo ~x può
portare confusione di notazione quando la situazione si fa complicata.
Di conseguenza, scriverò l’integrale su una certa curva γ come
Z Z Z
L = F (~x) · d~x = F (~x(t)) · ~x (t)dt = F~ (γ(t)) · γ 0 (t)dt
~ ~ 0
γ γ

Lunghezza di una curva Se la nostra curva è parametrizzata, è molto


semplice calcolarne la lunghezza. Consideriamo la nostra curva a due istanti di
tempo, t, t+dt. Se dt è abbastanza piccolo, la nostra curva sarà approssimabile
come una segmento. Di conseguenza, la lunghezza del segmento si calcola con
Pitagora
p
dL = (x(t + dt) − x(t))2 + (y(t + dt) − y(t))2
Ovviamente tutto questo vale anche in dimensione 3 aggiungendo z, ma
facciamolo nel piano per semplificare la notazione. Possiamo quindi dire che

x(t + dt) − x(t) = x0 (t)dt


Per definizione di derivata, e uguale per la y. Raccogliendo il dt e
portandolo fuori dalla radice,
p
dL = x02 + y 02 dt = |γ 0 (t)|dt
2.3. CALCOLO VETTORIALE 105

Dove le barre indicano la norma del vettore. La lunghezza della curva


sarà quindi
Z b Z bp
0
L(γ) = |γ (t)|dt = x02 (t) + y 02 (t)dt
a a
Se la nostra curva non è parametrizzata ma è definita da una funzione
implicita per esempio y(x) = x2 , possiamo scrivere comunque il teorema di
pitagora infinitesimo

s  2 s  2
p dy dy
dL = (dx)2 + (dy)2 = (dx)2 + dx = 1+ dx
dx dx

Esempio 2.3.32 (Calcolo esplicito di un integrale di linea). Facciamo ora


un esempio pratico di calcolo di integrale di linea. Consideriamo il campo
Magnetico di un filo percorso da corrente infinito
(
Bx (x, y) = x2−y
+y 2
x
By (x, y) = x2 +y 2

Consideriamo due curve differenti AGGIUNTI FIGURA: una curva circolare


di raggio R e una curva spezzata che segua un quadrato di lato 2L, entrambe
centrate nell’origine. Partiamo dal quadrato. Dovremo definire la curva come
unione (nel giusto ordine e nel giusto verso) di 4 curve.

γ1 : y(t) = L, x(t) = −Lt, t ∈ [−1, 1]


γ2 : x(t) = −L, y(t) = −Lt, t ∈ [−1, 1]
γ3 : y(t) = −L, x(t) = Lt, t ∈ [−1, 1]
γ2 : x(t) = L, y(t) = Lt, t ∈ [−1, 1]

quindi la circuitazione del campo vale


Z Z Z Z Z
~ ~
B · dl = ~ ~
B · dl + ~ ~
B · dl + ~ ~
B · dl + ~ · d~l
B
γ γ1 γ2 γ3 γ4

Ciascuno dei 4 integrali lo posso fare andando a sostituire x, y e d~l, dato da


 
d d
d~l = x(t)x̂ + y(t)ŷ dt
dt dt
106 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Per la prima curva troviamo

d~l = −Ldtx̂

quindi
1 1 1
−L
Z Z Z Z
~ ~l = dt π
B·d Bx (x, y)dx = (−L)dt = = arctan 1−arctan(−1) =
γ1 −1 −1 L + L2 t2
2
−1 1+t 2 2

In modo analogo trovo


Z Z Z
~ ~
B · dl = ~ ~
B · dl = ~ · d~l = π
B
2
Zγ2 γ3 γ4

~ · d~l = 2π
B
γ

Ripetiamo ora lo stesso calcolo con l’altra curva, per convincerci che il risultato
non cambia

γ : x(t) = R cos t, y(t) = R sin t, t ∈ [0, 2π]


d~l = (−R sin tx̂ + R cos tŷ) dt

quindi la circuitazione del campo vale


2π  
−R sin t
Z Z Z
~ · d~l = R cos t
B (Bx dx + By dy) = (−R sin t) + (R cos t) dt
γ γ 0 R2 R2
Z 2π Z 2π
2 2

= sin t + cos t dt = dt = 2π
0 0

Integrali in più variabili Questo argomento è decisamente complesso e


vasto. Spesso vi capita di trovare espressione come
I
F~ = − ~
pdA
∂V

che vi fanno avere la necessità di integrare su superfici, volumi, oggetti di


dimensione generica. Non è mio compito insegnarvi a farlo, anche perché è
fastidioso formalizzarlo come si deve. Io cercherò di darvi delle idee su quali
sono i problemi che possono scaturirne e le idee per saltarne fuori.
2.3. CALCOLO VETTORIALE 107

Prima di trattare il caso vettoriale, che è molto rognoso, ma per foruna


spesso si riesce ad eludere, trattiamo il caso di un integrale scalare. Prendiamo
come esempio una funzione f : R2 → R. Consideriamo
ZZ
f (x, y)dx dy

La prima cosa da notare è che a quell’integrale manca qualcosa, ovvero


gli estremi di integrazione. Per una funzione di una sola variabile, di solito
gli estremi assumono la forma
Z b
f (x)dx
a

Ma questa cosa è semplice solo in quanto i sottoinsiemi decenti di R hanno


una forma bella e facile da scrivere. Mi spiego meglio: il significato fisico
dell’integrale è l’area che sta sotto la curva in un certo intervallo. Se andiamo
in dimensione superiore, per esempio con una fuzione da R2 → R, l’integrale
sarà il volume sotto la funzione, ma bisogna prima delimitare l’area sotto
cui calcolarla. Mentre un intervallo di R è facilmente determinabile dai suoi
estremi, una figura piana di R2 può avere una forma brutta a piacere.
Per esempio, potremmo essere interessati a calcolare
Z
(1 + x2 + y)dx dy
D

Dove D = {(x, y) ∈ R2 t.c. x2 + y 2 ≤ R2 }, ovvero il volume che sta fra la


funzione e il piano x, y, delimitato da una circonferenza di raggio R.
È evidente che a differenza che in una variabile non possiamo trovare una
primitiva e farne la differenza agli estremi. L’idea che sta alla base della
soluzione è ricondursi a quello che si sa fare, ovvero trovare una primitiva e
farne la differenza agli estremi. Per farlo, si possono provare più modi. Quello
che risulterebbe più comodo in questo caso è un cambio di variabili che renda
l’insieme di integrazione semplice da gestire, ma ne parlerò in dettaglio nel
prossimo paragrafo, l’altro è spezzare l’insieme di integrazione in più insiemi
piccoli facili da gestire.
Un insieme semplice da gestire è un insieme normale, ovvero un insieme
simile a quello in figura 2.19. Quello è un insieme normale rispetto a x, ovvero
l’insieme si può scrivere come D = {(x, y) ∈ R2 t.c a < x < b ∧ f (x) < y <
g(x)}
108 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Figura 2.19: Insieme normale del piano

In questo caso è intuitivo pensare che l’integrale si possa scrivere


Z Z bZ g(x)
h(x, y)dx dy = h(x, y)dy dx
D a f (x)

Ovvero l’ordine logico è integrare prima rispetto a y, facendola sparire


dall’integrazione, per poi integrare tutto ciò che rimane rispetto a x. Facciamo
un esempio concreto per far capire il procedimento. Prendiamo h(x, y) =
xy, f (x) = x2 , g(x) = 2x2

Z bZ 2x2 Z b 2x2 b
y2
Z Z
7 5 7
h(x, y)dx dy = xy dy dx = x dx = x dx = (b6 −a6 )
D a x2 a 2 x2 a 2 12
Ovviamente se l’insieme fosse stato normale rispetto a y, ovviamente
avremmo potuto fare la stessa identica cosa.
Se l’insieme non è normale, come nel caso che stavamo trattando prima24 ,
24
In realtà è un insieme normale anche quello, ma non avevo voglia di cercare un
esempio più brutto. Fra poco ci accorgeremo anche dentro il calcolo dell’integrale che è
effettivamente un insieme normale.
2.3. CALCOLO VETTORIALE 109

è intelligente provare a renderlo tale. Per esempio, D = {(x, y) ∈ R2 t.c. x2 +


y 2 ≤ R2 si può vedere come unione di due insiemi

D1 = {(x, y) ∈ R2 t.c. − R < x < R ∧ 0 < y < R2 − x2 }

D2 = {(x, y) ∈ R2 t.c. − R < x < R ∧ 0 > y > − R2 − x2 }
Ovvero ho tagliato la circonferenza di raggio R con l’asse x e preso le due
semicirconferenze che ho ottenuto. È intuitivo che in termini di aree e volumi
si abbia
Z Z Z
f= f+ f
D1 ∪D2 D1 D2

Di conseguenza, il nostro integrale di prima diventa

Z Z Z
2 2
(1 + x + y)dx dy = (1 + x + y)dx dy + (1 + x2 + y)dx dy =
D D1 D2


Z R Z R2 −x2 Z R Z 0
2
(1 + x + y)dy dx + √
(1 + x2 + y)dy dx
−R 0 −R − R2 −x2

Vediamo che possiamo calcolarlo esplicitamente come prima. Tuttavia,


possiamo semplificarci i conti raccogliendo tutto dentro un unico integrale.


R2 −x2 √R2 −x2
R R
y2 R √
Z Z Z  Z
2

(1+x +y)dy dx = y + x2 y + √
dx = 2(1+x2 ) R2 − x2 dx
−R − R2 −x2 −R 2 − R2 −x2 −R

che è un integrale brutto da calcolare ma che comunque si fa.25

Esempio 2.3.33. Proviamo ora a calcolare il momento di inerzia di un disco


sottile attorno al suo centro.
Z
I = dm d2

25

Hint√per farlo: tirare fuori R dalla radice e sostituire in modo
√ da avere 1 − x2 . Il
termine 1 − x2 si può fare sostituendo x = sin t. Il termine x2 1 − x2 si può fare allo
stesso modo oppure per parti.
110 CAPITOLO 2. MATEMATICA

dove d invica la distanza dal centro, e dm = σdA è una piccola massettina


contenuta nell’area dA. Prendiamo un sistema di assi cartesiano e centriamolo
nel centro del disco. Avremo

d 2 = x2 + y 2
dA = dxdy

E il dominio sarà
x2 + y 2 ≤ R 2

dove R è il raggio del disco. Possiamo riscriverlo in forma normale come

−R ≤ x ≤ R
√ √
− R 2 − x2 ≤ y ≤ R 2 − x2

il nostro integrale diventa



R2 −x2 √
R R
2 √
Z Z Z  
2 2 2
I = σ dx √
dx 2x dy(x + y ) = σ R2 − x2 + ( R2 − x2 )3
−R − R2 −x2 −R 3
4 2√ 2 2 2√ 2
Z R  
= σ dx 2
x R −x + R R −x 2
−R 3 3

Sostituendo x = R cos θ trovo


Z 0
2 4 π
  Z
4 3 2 2 3
dθ sin2 θ 1 + 2 cos2 θ

I = σ (−R) sin θdθ R cos θ sin θ + R sin θ = σR
π 3 3 3 0
Z π Z π 
2 4
= σR dθ sin2 θ + 2 dθ sin2 θ cos2 θ
3
Z0 π Z0 π 
2 4 2 1 2
= σR dθ sin θ + d(2θ) sin (2θ)
3 0 4 0
 
2 4 π 2π 1
= σR + = πR4 σ
3 2 8 2

La massa è invece logicamente M = σπR2 , quindi

1
I = M R2
2
2.3. CALCOLO VETTORIALE 111

Il cambio di variabili: lo Jacobiano Spesso le coordinate cartesiane non


sono le migliori, in quanto spesso i problemi presentano notevoli simmetrie
che permetterebbero di semplificare i conti. È per questo che è utile saper
passare dalle coordinate cartesiane, dove fare gli integrali è standard, a quelle
curvilinee, che semplificano i conti ma hanno bisogno di accortezze.
Per esempio, per calcolare il volume della sfera bisogna calcolare
Z
dx dy dz
D

Dove

D = {(x, y, z) ∈ R3 t.c. x2 + y 2 + z 2 ≤ R2 }
Se passiamo dalla terna di coordinate (x, y, z) alla terna (r, θ, φ), è ovvio
che il volume non può essere
Z
dr dθ dφ
r≤R

In quanto è evidente che è dimensionalmente sbagliato. Analogamente a


quello che succede in una sola variabile, quando si passa da un integrale fatto
nella variabile x alla variabile t = g(x), bisogna moltiplicare per un fattore
che tenga conto di questo. Cercherò di dare una spiegazione intuitiva di quale
sia il fattore, anche se non è semplice.
Quando si effettua un cambio di variabili, si hanno n equazioni che legano
le coordinate vecchie alle coordinate nuove. Passando da coordinate sferiche
a coordinate cartesiane26 , le equazioni saranno

x = r sin θ cos φ

y = r sin θ sin φ

z = r cos θ

In generale sarà quindi x = f (r, θ, φ), y = g(r, θ, φ) . . .


Cerchiamo quindi di legare la variazione infinitesima di x, y, z alle variazioni
infinitesime di r, θ, φ, ovvero cerchiamo dx = f (dr, dθ, dφ). Sarà

∂f ∂f ∂f
dx = dr + dθ + dφ
∂r ∂θ ∂φ
26
È volutamente il contrario di quello che stavamo facendo prima.
112 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Ed equazioni analoghe per dy, dz. In particolare, notiamo che dx è una


combinazione lineare di dr, dθ, dφ. Può essere quindi utile esprimere il tutto
sotto forma di matrice
   
dx dr
 dy  = J  dθ 
dz dφ
Dove J si chiama matrice Jacobiana della trasformazione ed è ovviamente
3 × 3. Calcoliamo J per questa trasformazione.
 
sin θ cos φ r cos θ cos φ −r sin θ sin φ
J =  sin θ sin φ r cos θ sin φ r sin θ cos φ 
cos θ −r sin θ 0
Solo per aggiungere chiarezza, la prima riga rappresenta x, la seconda y e
la terza z. Abbiamo derivato rispetto a r nella prima colonna, θ nella seconda
e φ nella terza.
È importante calcolare |J|, ora vedremo perché. Per esercizio, calcolatelo
esplicitamente. Il risultato è |J| = r2 sin θ.
Quando abbiamo parlato del prodotto misto, abbiamo visto che il volume
di un parallelepipedo di lati ~a, ~b, ~c si ottiene facendo il determinante della
matrice fatta dalle componenti dei vettori. In realtà questa cosa vale in
generale, anche in dimensioni inferiori e superiori. Per esempio, l’area del
parallelogramma di lati ~a, ~b è A = |~a × ~b|. Se lo scriviamo per componenti, è
facile vedere che, di nuovo, l’area è il determinante della matrice fatta dalle
componenti di ~a, ~b.
Il nostro parallelepipedo di volume dV = dx dy dz viene deformato dalla
trasformazione, finendo quindi in un parallelepipedo di lati dr, dθ, dφ. Mentre
il primo dei due è retto, ovvero dx⊥dy⊥dz, il secondo è storto. Il grado di
distorsione è dato per l’appunto dalla matrice Jacobiana. Il volume dV sarà
quindi uguale a dV = r2 sin θdr dθ dφ = |J|dr dθ dφ.
Calcoliamo quindi il volume della sfera

Z Z 2π Z π Z R Z π Z R
2 2
r sin θdr dθ dφ = r sin θdr dθ dφ = 2π r2 sin θdr dθ =
D 0 0 0 0 0

Z π
2π 3 4π 3
= R sin θdθ = R
3 0 3
2.3. CALCOLO VETTORIALE 113

Ovviamente il ragionamento è uguale se al posto di integrare 1, dobbiamo


integrare una funzione, ovvero al posto di integrare
Z
dx dy dz
D
Dobbiamo integrare
Z
f (x, y, z)dx dy dz
D
Come prima, l’integrale diventa
Z
f (r, θ, φ)|J|dr dθ dφ
D
Dove |J| è lo stesso di prima, ma vale in generale. Calcoliamo con un
altro esempio l’area del cerchio.
(  
x = r cos θ cos θ −r sin θ
⇒J = ⇒ |J| = r
y = r sin θ sin θ r cos θ
Z Z 2π Z R Z R
A= dx dy = rdr dθ = 2π rdr = πR2
x2 +y 2 ≤R2 0 0 0

Esempio 2.3.34. Ricalcoliamo ora l’integrale precedente usando un cambio


di coordinate furbo che ci risparmi un po di fatica. Usando coordinate
cilindriche troviamo

d2 = ρ 2
dA = ρdρdθ

E il dominio è semplicemente

0≤ ρ ≤R
0 ≤ θ ≤ 2π

Quindi
R 2π 2π R
R4
Z Z Z Z Z
2 2 π 1
I = dm d = ρdρdθσρ = σ dθ dρρ3 = 2πσ = σR4 = M R2
0 0 0 0 4 2 2
Notevolmente più veloce!
114 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Esempio 2.3.35. Vogliamo ora calcolare il momento di inerzia di un paral-


lelepipedo attorno ad uno dei suoi assi principali. Avremo:
a a
− ≤x≤
2 2
b b
− ≤y≤
2 2
c c
− ≤z≤
2 2
dm = ρdV = ρdxdydz
d 2 = x2 + y 2
M = ρabc

Scriviamo il momento di inerzia


Z a/2 Z b/2 Z c/2 Z a/2  3 !
2 b
dzρ x2 + y = ρc 2
dx x2 b +

Izz = dx dy
−a/2 −b/2 −c/2 −a/2 3 2
Z a/2
b2 b2
   
2 2  a 3
= ρbc dx x + = ρbc +a
−a/2 12 3 2 12
1 1
ρabc a2 + b2 = M a2 + b2
 
=
12 12
Le altre componenti si possono ricavare per simmetria.

Integrali superficiali Supponiamo di dover calcolare un integrale superfi-


ciale scalare, ovvero
Z
f (x, y, z)dA
∂V

Facciamo un esempio concreto per chiarezza. Prendiamo f = x2 yz e


come superficie la sfera di raggio R. Per descrivere una superficie, si possono
utilizzare più modi. Per esempio, si può descrivere con un’equazione implicita
come

x2 + y 2 + z 2 = R 2
Un altro modo per rappresentarla è una sua parametrizzazione. Quando
si fa un integrale di linea si dà una velocità all’oggetto che la percorre. Allo
2.3. CALCOLO VETTORIALE 115

stesso modo si può fare per le superfici. La parametrizzazione più comune


della sfera è

x = R sin θ cos φ

~x(θ, φ) = y = R sin θ sin φ

z = R cos θ

Dove i parametri liberi sono θ, φ. Era abbastanza ovvio che avessimo


bisogno di due parametri in quanto una superficie ha due gradi di libertà
Definiamo di nuovo la matrice Jacobiana di questa parametrizzazione
come

∂xi
Jij =
∂pj
Dove ho indicato con xi le coordinate spaziali x, y, z e con p i parametri
θ, φ. Lo Jacobiano sarà in questo caso quindi
 
R cos θ cos φ R cos θ sin φ −R sin θ
J=
−R sin θ sin φ R sin θ cos φ 0
Trattiamo ora questa matrice come una coppia di vettori orizzontali, il
vettore

∂xi
vi =
∂p1
e il vettore

∂xi
wi =
∂p2
Che sono rispettivamente la prima e la seconda riga della matrice.
Consideriamo ora la quantità G = |~v × w|
~


x
b y
b z
b

~ = | R cos θ cos φ R cos θ sin φ −R sin θ | =
|~v × w|
−R sin θ sin φ R sin θ cos φ 0

= |(R2 sin2 θ cos φ)b


x + (R2 sin2 θ sin φ)b
y + (R2 sin θ cos θ)b
z| =
116 CAPITOLO 2. MATEMATICA

q
2
=R sin4 θ cos2 φ + sin4 θ sin2 φ + sin2 θ cos2 θ = R2 sin θ
Questa quantità non è stata calcolata a caso ma sarà proprio l’equivalente
dello Jacobiano quando si usa un cambio di variabili. Il motivo di tutto questo
non è troppo semplice da spiegare. Potete immaginare che i due vettori ~v e
w
~ siano i generatori del piano tangente alla superficie nel punto. Se i due
generatori sono perpendicolari, è intuitivo che ci sia più superficie perché sarà
più piatta. Se invece tendono ad essere paralleli, l’area dA sarà sempre più
piccola. 27
Il nostro integrale diventa quindi

Z Z Z 2π Z π
f (~x(θ, φ))G dθ dφ = R2 sin2 θ cos2 φR sin θ sin φR cos θ R2 sin θdθ dφ =
0 0

2π π 2π π
sin5 θ
Z Z Z 
5 4 2 5
=R sin θ cos θ cos φ sin φ dθ dφ = R cos2 φ sin φ dφ = 0
0 0 0 5 0

Se al posto di avere un integrale scalare avessimo avuto un integrale di


flusso, per esempio,
Z
~ · dA
E ~

27
Il fatto che sia proprio il prodotto vettoriale il buon rappresentante che faccia tornare
i conti giusti non è un caso. La teoria che sta dietro questa cosa è lunga e complicata e ha
come prerequisito tutto il primo anno di Università. Vi vieto quindi di provare ad imparare
ora le varie generalizzazioni in quanto sarebbe una completa perdita di tempo. Non
vi capiterà mai di dover fare un integrale cosı́ cattivo in una gara. Potrebbe succedere che
ve ne facciano calcolare uno estremamente semplice solo con argomenti fisici, senza dover
fare i conti. Io vado sul sicuro e ve l’ho spiegato comunque, ma è molto di più di quello che
è richiesto.
Quando avrete finito il primo anno di Università e comincerete ad avere dimestichezza
con lo spazio duale di Rn , lo spazio (Rn )∗ , scoprirete l’esistenza dello spazio Rnr per
rappresentare varietà di dimensione qualsiasi e del suo duale (Rnr )∗ per integrare su
ipersuperfici di dimensione qualsiasi. Con calma vi accorgerete che il prodotto wedge (∧)
coincide con il prodotto vettoriale su (R32 )∗ e con il determinante su (Rnn )∗ . Solo dopo
aver finito il primo anno vi consiglio di leggere le dispense di Paolo Acquistapace che
trovate in bibliografia Ref [Acq18] per approfondire l’argomento. Sono fatte veramente
bene, ma sono estremamente formali. Affrontarle al liceo è una perdita di tempo.
2.3. CALCOLO VETTORIALE 117

Avremmo dovuto innanzitutto trovare il versore ortogonale alla superficie,


farne il prodotto scalare con il campo e poi agire come prima. Per quanto
riguarda il trovare il versore normale, ricordo che il prodotto vettoriale ×
restituisce un vettore ortogonale ai primi due. Di conseguenza, essendo ~v , w ~ i
generatori del piano tangente alla superficie nel punto, il prodotto vettoriale
~v ×w~ sarà ortogonale a entrambe e avrà quindi la direzione della perpendicolare
al piano. Quindi, semplicemente basterà sostituire a G = |~v × w| ~ il vettore
~
G = ~v × w.~
Nota. Ricordate che ~v × w~ = −w ~ × ~v , per cui quando scegliete se mettere
prima ~v o w,
~ state dando un’orientazione alla superficie. Ricordate che per
convenzione, su una superficie chiusa il versore deve essere uscente. Ragionate
un attimo sulla parametrizzazione che avete usato e mettete l’ordine giusto.

Esempio 2.3.36. Proviamo ora a calcolare la temperatura media di una


sfera che ha

z 2 − x2 − y 2
T (x, y, z) = T0
x2 + y 2 + z 2

Per farlo dobbiamo scegliere una parametrizzazione della superficie della sfera.
Scegliamo

x(θ, φ) = R sin θ cos φ


y(θ, φ) = R sin θ sin φ
z(θ, φ) = R cos θ

Troviamo ora lo Jacobiano:



(x(θ, φ), y(θ, φ), z(θ, φ)) = (R cos θ cos φ, R cos θ sin φ, −R sin φ)
∂θ

(x(θ, φ), y(θ, φ), z(θ, φ)) = (−R sin θ sin φ, R sin θ cos φ, 0)
∂φ

Quindi
q
2
|G| = R (sin2 θ cos φ)2 + (sin2 θ sin φ)2 + (cos θ sin θ cos2 φ + cos θ sin θ sin2 φ)2
p
= R2 sin4 θ + sin2 θ cos2 θ = R2 sin θ
118 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Quindi
Z π Z 2π
z 2 − x2 − y 2
Z
1 1
R2 sin θdθdφT0 cos2 θ − sin2 θ

hT i = 2
dΣT0 2 2 2
= 2
4πR Σ x +y +z 4πR 0 0
Z 2π Z π
 T0 1
Z
T0 2 2 T0
dt 2t2 − 1 = −

= dφ sin θdθ cos θ − sin θ =
4π 0 0 2 −1 3
A tal proposito è bene ricordarsi che

2 2 2 R2
hx i = hy i = hz i =
3
sulla sfera, e che quindi
1 1
hcos2 θi = hsin2 θi =
2 3
(sempre sulla sfera).

Integrali vettoriali in più variabili Pregate di non trovarne. L’idea


standard è scrivere ogni vettore per componenti e fare gli integrali separati.
Possibilmente, cercate di sfruttare teoremi come il teorema della divergenza
2.3.6 o del gradiente 2.3.5 per salvarvi. Spesso rendono banale un integrale
rognoso.
Esempio 2.3.37 (Flusso del campo elettrico). Consideriamo ora alcuni campi
elettrici
x y z
E1 (x, y, z) = x̂ + ŷ + ẑ
(x2 + y 2 + z 2 )3/2 (x2 + y 2 + z 2 )3/2 (x2 + y 2 + z 2 )3/2
E2 (x, y, z) = xx̂ + y ŷ + z ẑ
3xz 3yz 2z 2 − x2 − y 2
E3 (x, y, z) = x̂ + ŷ + ẑ
(x2 + y 2 + z 2 )5/2 (x2 + y 2 + z 2 )5/2 (x2 + y 2 + z 2 )5/2
Per ognuno di essi vogliamo calcolare il flusso del campo elettrico
Z
ΦE = ~ · dA
E ~
Σ

Riprendendo il calcolo di G, possiamo trovare il suo orientamento


~ = R2 sin2 θ cos φx̂ + R2 sin2 θ sin φŷ + R2 sin θ cos θẑ =
G
= R2 sin θ(sin θ cos φx̂ + sin θ sin φŷ + cos θẑ)
2.3. CALCOLO VETTORIALE 119

Quindi
Z Z π Z 2π
ΦE = ~ ~
dΣE · dA = dθ dφR2 sin θ (Ex sin θ cos φ + Ey sin θ sin φ + Ez cos θ)
Σ 0 0

Procediamo
Z π Z 2π
1
dφR2 sin θ 2 sin2 θ cos2 φ + sin2 θ sin2 φ + cos2 θ = 4π

ΦE1 = dθ
R
Z0 π Z0 2π
dφR2 sin θR sin2 θ cos2 φ + sin2 θ sin2 φ + cos2 θ = 4πR3

ΦE2 = dθ
Z0 π Z0 2π
1
dφR2 sin θ 3 3 sin2 θφ cos θ sin2 φ + cos2 φ + cos θ(2 cos2 θ − sin2 θ)
 
ΦE3 = dθ
0 R
Z π 0

= dθ cos θ = 0
R 0
120 CAPITOLO 2. MATEMATICA

2.3.5 Potenziale scalare e potenziale vettore


Ragioniamo sul lavoro compiuto da una forza. Molto spesso, per esempio
per forze di attrito, non è possibile scrivere il lavoro come una funzione per
esempio solo della posizione inziale e della posizione finale. Se per esempio
lascio fermo un mattone sul tavolo il lavoro compiuto dall’attrito è 0, se
sposto il mattone prima in avanti, trascinandolo, per poi riportarlo indietro,
l’attrito con il tavolo compie lavoro, eppure la posizione iniziale è uguale alla
posizione finale. È quindi evidente che non esiste una funzione fatta come
vogliamo in questo caso.
Cercheremo in questa sezione di trovare delle condizioni sufficienti sulle
forze affinché si possa trovare una funzione della posizione f (~x) tale che se
un oggetto si muove ~x → ~y , il lavoro compiuto dalla forza si possa scrivere
L = f (~y ) − f (~x)
L’attrito è un esempio davvero orribile in quanto non è nemmeno un campo
di forze. Infatti, la forza esercitata dall’attrito sul mattone non dipende dalla
sua posizione ma da altri fattori (per esempio le altre forze sul mattone, la
sua velocità). Cerchiamo quindi di trovare la funzione che cerchiamo per il
lavoro solo per forze più decenti, per esempio per campi di forze, ovvero forze
che dipendono solo dalla posizione e dal tempo, ovvero F~ = F~ (~x, t).
Per esempio, il campo di forze generato da una massa puntiforme è
effettivamente un campo di forze in quanto la forza fra la massa fissata e
un’altra massa dipende solo dalla relativa posizione.
Purtroppo non tutti i campi di forze sono belli.

Esempio 2.3.38. Supponiamo di avere una massa puntiforme immersa in un


fluido in movimento. Il fluido si muove solo lungo l’asse x, nel verso positivo.
Supponiamo di riuscire a mantenere la velocità del fluido disuniforme lungo
l’asse y, ovvero la velocità è lungo x, ma il suo modulo dipende da y. Possiamo
supporre in modo ragionevole che la forza di attrito viscoso sia F~ ∝ ~vfluido .
Muoviamo la massa lungo un rettangolo nel piano xy. Prima facciamo un
segmento lungo x risalendo la corrente, poi facciamo un segmente lungo y, in
modo perpendicolare alla corrente. Poi andiamo lungo x, come la corrente.
Infine scendiamo lungo y ritornando dove eravamo partiti.
Il lavoro della forza di attrito viscoso sarà
Z
L= F~ · d~x
percorso
2.3. CALCOLO VETTORIALE 121

Nei tratti lungo y la forza è perpendicolare allo spostamento e quindi non


compie lavoro. Lungo x, invece il lavoro sarà una volta positivo e una volta
negativo. In conclusione,
 
L = F~ (y + ∆y) − F~ (y) · ∆~x
Evidentemente in generale il lavoro non sarà 0. Di conseguenza in questo
caso non possiamo trovare una funzione che dipenda solo dalla posizione
iniziale e finale.

Figura 2.20: Esempio di campo non conservativo

Differenziali esatti Consideriamo il lavoro infinitesimo compiuto da una


forza

dL = Fx dx + Fy dy + Fz dz
Diciamo che il lavoro infinitesimo è un differenziale esatto se, scelti due
punti dello spazio ~x, ~y il lavoro compiuto dalla forza per andare da ~x a ~y non
dipende dal percorso compiuto ma solo dalla posizione iniziale e finale.
Si capisce molto rapidamente che questa condizione è equivalente a dire
che, dato un qualsiasi percorso chiuso che parte da ~x e torna in ~x, il lavoro
compiuto è 0.
122 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Figura 2.21: Esempio di campo conservativo

Cerchiamo quindi delle condizioni necessarie/sufficienti sulla forza perché


il suo lavoro sia un differenziale esatto.
Se fosse L = f (~x) = f (x, y, z), allora si dovrebbe avere

∂f ∂f ∂f
dL = dx + dy + dz
∂x ∂y ∂z
Ovviamente noi siamo interessati ad una funzione decente, ovvero una
funzione continua, derivabile con derivate continue, eccetera. Per funzioni per
cui esiste la derivata seconda ed è continua, vale la formula

∂ 2f ∂ 2f
=
∂x∂y ∂y∂x
Ovvero quando si fanno le derivate parziali miste non importa l’ordine in
∂f
cui si deriva28 . Essendo Fx = eccetera, dovrà essere
∂x
∂Fx ∂Fy
=
∂y ∂x
E analoghe per le altre, ovvero

∂Fi ∂Fj
= (2.9)
∂xj ∂xi
28
Questo si chiama Teorema di Schwartz
2.3. CALCOLO VETTORIALE 123

Questa condizione è necessaria affinché possa esistere la funzione che


stiamo cercando. Si scopre che la condizione è anche sufficiente sotto alcune
ipotesi sul dominio in cui vale quella relazione29 .
Controllando quindi questa facile relazione fra le derivate si può facilmente
vedere se il lavoro della forza è un differenziale esatto o meno. Si può quindi
facilmente definire l’enegia potenziale rispetto a ~x0 30
Z Z ~
x
U (~x) = − F~ · d~x = − F~ · d~x (2.10)
γ ~
x0

Dove γ è una generica curva qualsiasi che congiunge i punti ~x, ~x0 , in
quanto abbiamo mostrato che il lavoro non dipende dal percorso. È ovvio
da questa definizione che il potenziale dipende dal punto particolare da cui
partiamo. Vediamo cosa succede se definiamo due potenziali rispetto a due
punti diversi.

Z ~
x Z ~
x Z ~
x2
U~x1 (~x) − U~x2 (~x) = − F~ · d~s + F~ · d~s = − F~ · d~s = costante
~
x1 ~
x2 ~
x1

Ovvero il potenziale è univocamente determinato a meno di una costante


additiva. Si può quindi scegliere arbitrariamente il punto ~x0 in modo che la
costante sia comoda.
Il lavoro compiuto dalla forza è quindi
Z ~b Z ~b Z ~a
L= F~ · d~x = F~ · d~x − F~ · d~x = −U (~b) + U (~a) = −∆U
~a ~
x0 ~
x0

Nel prossimo paragrafo mostrerò come tornare indietro, ovvero come


ottenere la forza a partire dal potenziale. Come potete immaginare, trovare il
potenziale data la forza è decisamente più complicato, in quanto per ottenere
il potenziale bisogna integrare, mentre per trovare la forza basterà derivare.

29
Cioè se il dominio è un aperto semplicemente connesso.
30
Di solito si pone ~x0 = ∞
124 CAPITOLO 2. MATEMATICA

2.3.6 Operatori differenziali


È bene cominciare questo capitolo con un’avvertenza: questi oggetti
permettono di formulare in modo più sensato le leggi della fisica, ma in effetti
non sono veramente utili per fare i problemi olimpici. Consiglio di dare una
letta rapida per capire il significato ma non perderci troppo tempo in quanto
non vi capiterà praticamente mai di riuscire ad usarli in un problema finchè
non arrivate al secondo anno di università.

Gradiente Quando si ha a che fare con un campo conservativo, è intelligente


scrivere un energia potenziale. Quando siamo in una sola variabile, per esempio
l’asse x o la distanza dal centro r, la relazione fra il potenziale e la forza è
dU
F =− .
dx
Se invece la forza è più complicata, anche la formula lo diventerà. Pren-
diamo un campo di forze conservativo a caso F~ (x, y, z). Il potenziale, a rigor
di logica, sarà anche lui funzione di tutte e tre le coordinate: U = U (x, y, z).
Di conseguenza, per fare una derivata bisogna decidere intanto rispetto a cosa
derivare.
Inoltre, mentre nel caso monodimensionale non ci sono problemi perché
si parla del modulo della forza, nel caso tridimensionale la situazione è più
complicata. Cerchiamo di estendere il ragionamento fatto in una dimensione:

F~ (x, y, z) = −cose · (U (x, y, z))


In questa equazione abbiamo a sinstra un vettore e a destra qualcosa
moltiplicato per uno scalare. È ovvio che quel qualcosa deve essere un vettore,
altrimenti la nostra equazione è priva di senso.
Inoltre, nel caso di una variabile, la nostra formula dovrà ricondursi al
caso in una sola variabile.
Quindi
∂U
Fx = −
∂x
Ma la coordinata x non ha motivo di essere privilegiata rispetto alle altre
coordinate, quindi varranno equazioni analoghe anche per y, z.
∂U
Fy = −
∂y
∂U
Fz = −
∂z
2.3. CALCOLO VETTORIALE 125

È utile raccogliere queste tre equazioni scalari in una sola equazione


vettoriale.
∂U ∂U ∂U
F~ = − b+−
x yb + − zb
∂x ∂y ∂z
È utile scrivere questa uguaglianza nella forma

F~ = −∇U
~

Dove
~ := ∂ x
∇ b+
∂ ∂
yb + zb
∂x ∂y ∂z
si chiama nabla ed è qualcosa di simile ad un vettore.
Questo oggetto è utile per scrivere in forma compatta equazioni vettoriali.
Bisogna fare molta attenzione quando lo si usa, in quanto la definizione che
ho appena dato vale solo per coordinate cartesiane. Vediamo con un
esempio perché.

Esempio 2.3.39 (Equazione di Fourier sul calore). Abbiamo già visto


nell’esempio 2.3.30 una generalizzazione dell’equazione
∆T
P = λS
∆x
che è
∂T
P = −λS
∂x
È utile definire un nuovo vettore utile, J,~ vettore che rappresenta il
trasporto di energia per unità di area per unità di tempo.
L’equazione sopra diventa quindi

~ = −λ ∂T x
J~ · A ~
b·A
∂x
Possiamo liberarci dell’area ottenendo
∂T
J~ = −λ x b
∂x
Come prima, la direzione x b non è privilegiata, quindi per ragioni di
simmetria si avranno equazioni analoghe per le altre direzioni, ottenendo
126 CAPITOLO 2. MATEMATICA

∂T ∂T ∂T
J~ = −λ( x b+ yb + ~
zb) = −λ∇T
∂x ∂y ∂z

J~ = −λ∇T
~ (2.11)
Ora, questa equazione ha senso indipendentemente dal sistema di coordina-
~ il significato di variazione
te di riferimento se noi attribuiamo all’oggetto ∇T
di temperatura nello spazio.
Quello che sto cercando di dire è che se noi vogliamo che la legge J~ =
−λ∇T~ valga in qualsiasi sistema di coordinate perché noi associamo a ∇T ~
il significato di variazione di temperatura nello spazio, la definizione ∇ =~
∂ ∂ ∂
b + yb+ zb non può essere la più generale possibile. Infatti, se passiamo
x
∂x ∂y ∂z
in coordinate sferiche

~ = ∂f rb + ∂f θb + ∂f φb
∇f
∂r ∂θ ∂φ
Questa definizione è palesemente sbagliata, in quanto semplicemente
stiamo sommando delle cose che non hanno la stessa unità di misura.
Si può dimostrare che la definizione corretta in coordinate sferiche è

~ = rb∂f + θb1 ∂f + φb 1 ∂f
∇f
∂r r ∂θ r sin θ ∂φ
Vi sconsiglio caldamente di cercare in giro metodi per ricavarlo in quanto
quelli standard richiedono una quantità infinita di conti che sicuramente
porteranno ad errori catastrofici e vi faranno perdere un sacco di tempo,
mentre i metodi belli richiedono troppa altra roba come prerequisito.
La cosa che va ricordata è il primo termine, in quanto in praticamente
tutti i problemi olimpici f (r, θ, φ) = f (r) e di conseguenza i termini angolari
diventano nulli.
Per completezza, scrivo qui sotto anche la definizione del gradiente in
coordinate cilindriche.

~ = ∂f rb + 1 ∂f θb + ∂f zb
∇f
∂r r ∂θ ∂z
Il gradiente di una funzione ha un’importante significato fisico, ovvero
il gradiente è il vettore che indica la direzione di massima variazione della
funzione.
2.3. CALCOLO VETTORIALE 127

Quando si cercano i massimi e i minimi di una funzione in più variabili,


~ = 0, in quanto, analoga-
bisogna innanzitutto controllare i punti in cui ∇f
mente a quello che succede in una variabile, se una funzione ha un massimo
o un minimo locale allora in quel punto il gradiente è nullo. La condizione
ovviamente non è sufficiente. Ci sono alcuni casi brutti in cui la funzione ha
gradiente nullo ma non è nè un massimo nè un minimo.
Per immaginare un esempio concreto, si può pensare al grafico di una
funzione da R2 → R a forma di sella. Lungo una direzione il punto sembra
un massimo, lungo l’altra sembra un minimo.

Figura 2.22: Rappresentazione grafica del gradiente di una funzione di


due varaibili. Il valore della funzione è rappresentato dal colore, le frecce
rappresentano il campo vettoriale gradiente

Infine, riguardo il gradiente è utile sapere questo teorema, uno dei corollari
del teorema di Stokes.

Teorema 2.3.5 (Teorema del gradiente). Sia V un volume regolare delimitato


dalla superficie ∂V . Vale allora la formula
I Z
~
f (~x)dA = ~ (~x)dV
∇f
∂V V
128 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Figura 2.23: Rappresentazione grafica del gradiente di una funzione di due


varaibili. Il valore della funzione è rappresentato dalla superficie, le frecce
rappresentano il campo vettoriale gradiente

L’integrale a sinistra è un integrale superficiale, ovvero fatto su tutta la


superficie ∂V , mentre il secondo è un integrale di volume, su tutto V . Non è
assolutamente necessario che voi sappiate fare integrali di superficie o integrali
multipli, questa sezione è un approfondimento, ma se uno semplicemente vi
attribuisce un significato fisico si riesce a fare delle ottime considerazioni. Vi
sembra una formula inutile? Vediamo un esempio.

Esempio 2.3.40 (Legge di Stevino). Consideriamo un fluido fermo, ovvero


un fluido in cui ~v (x, y, z, t) = 0. Scelto un volume V di fluido, vale la seconda
legge della dinamica F~ = m~a. Le forze agenti sul volume di fluido sono le
forze di pressione p e la forza peso m~g .

Z I Z Z Z
ρ~g dV − ~ = m~a = 0 ⇒
pdA ρ~g dV − ~
∇pdV =0⇒ ~
(ρ~g −∇p)dV =0
V ∂V V V V
2.3. CALCOLO VETTORIALE 129

Noi abbiamo scelto un volume a caso, quindi questa formula vale per
qualsiasi volume. In particolare, se vale per ogni volume, allora l’argomento
dell’integrale deve essere 0, quindi

~ = ρ~g
∇p
Questa formula vale in generale, molto più in generale della p = p0 + ρgh
che avete sicuramente trovato al liceo che vale se ρ e ~g sono costanti. In
particolare, vale per coordinate curvilinee e vale anche per ~g variabile, per
esempio per trovare la pressione dentro il sole. È interessante ricordare poi
~
che essendo ~g un campo conservativo, si può scrivere ~g = −∇φ

~ + ρφ) = 0 ⇒ p + ρφ = costante
∇(p

Divergenza Un altro operatore utile è la divergenza. Mentre il gradiente


ha come argomento una funzione e restituisce un vettore, la divergenza fa il
contrario, ha come argomento un vettore e restituisce uno scalare.
Diamo la definizione di divergenza di un campo vettoriale in coordinate
cartesiane.

∂Fx ∂Fy ∂Fz


divF~ = + +
∂x ∂y ∂z
Data questa definizione si è tentati di scrivere

divF~ = ∇
~ · F~

In effetti questa è la notazione standard per indicare la divergenza e la


userò anche io, ma è estremamente importante tenere a mente che questa
definizione vale solo per coordinate cartesiane.
Data questa notazione, saremmo tentati di scrivere per esempio in coordi-
nate sferiche

 
∂ 1 ∂ 1 ∂ ∂Fr 1 ∂Fθ 1 ∂Fφ
divF~ = ∇·
~ F~ = rb + θb + φb · F~ = + +
∂r r ∂θ r sin θ ∂φ ∂r r ∂θ r sin θ ∂φ

Questa cosa purtroppo è sbagliata e il motivo è che la divergenza non


è definita come Nabla scalar F ma in un altro modo e questa notazione
purtroppo può portare ad errori.
130 CAPITOLO 2. MATEMATICA

La vera formula è
2
~ · F~ = 1 ∂r Fr + 1 ∂ sin θFθ + 1 ∂Fφ

r2 ∂r r sin θ ∂θ r sin θ ∂φ
Come prima, questa formula non è assolutamente da sapere e non siete
minimamente tenuti a saperla ricavare. L’unico termine che vale la pena
ricordare è il primo, quello con la derivata in r in quanto permette di fare
alcuni conti rapidi nei problemi olimpici.
Parliamo ora del significato fisico della divergenza.
La vera definizione di ∇~ · F~ è
I
F~ · dA
~
~ · F~ = lim
∇ ∂V
V →0 V
Diamo un significato a questo coso. Il termine a numeratore è il flusso del
campo F~ attraverso la superficie ∂V che delimita il volume V . La divergenza
misura insomma quanto le linee di campo stanno entrando o uscendo da un
punto.
Da questa definizione di ∇~ · F~ segue abbastanza facilmente il seguente

Teorema 2.3.6 (Teorema della divergenza (teorema di Gauss)). Sia F~ un


campo vettoriale regolare e V un volume regolare delimitato da ∂V . Vale
allora la seguente formula.
I Z
~ ~
F · dA = ~ · F~ dV

∂V V

Ovvero il flusso del campo attraverso la superficie ∂V è uguale all’integrale


di volume della divergenza del campo. Trascurando il fatto che fare integrali
di scalari su volume è molto più semplice che fare integrali superficiali, è
interessante utilizzare questo teorema per dare formulazioni locali delle leggi
della fisica, ovvero non leggi che includano integrali su volumi o superfici ma
leggi che valgano punto per punto.

Esempio 2.3.41 (Equazione di continuità per un fluido). Definiamo il vettore


trasporto di massa per unità di superficie per unità di tempo J.~ È abbastanza
~
evidente l’uguaglianza J = ρ~v , dove ρ è la densità del fluido e ~v è la velocità.
2.3. CALCOLO VETTORIALE 131

Consideriamo un generico volume V , delimitato da ∂V . Il flusso del


vettore J~ attraverso la superficie ∂V sarà uguale a meno la derivata della
massa contenuta nel volume V 31
I Z
~ ~ ∂
J · dA = − ρdV
∂V ∂t V
Applichiamo il teorema della divergenza e portiamo la derivazione rispetto
al tempo dentro l’integrale 32 .
Z  
~ ∂ρ
∇ · (ρ~v ) + dV
V ∂t
Come al solito, questa uguaglianza vale per ogni volume, quindi deve
essere nullo l’argomento dell’integrale.

~ · (ρ~v ) + ∂ρ = 0

∂t
Questa equazione viene spesso chiamata equazione di continuità e si può
fare un ragionamento assolutamente identico in elettromagnetismo lasciando
J~ il vettore densità di corrente, ovvero carica per unità di tempo per unità di
superficie. 33

~ · J~ + ∂ρ = 0
∇ (2.12)
∂t
Esempio 2.3.42 (Equazione di continuità per il calore). Si può fare un ragio-
namento assolutamente analogo al precedente considerando l’energia al posto
di massa o carica elettrica. Consideriamo un oggetto con capacità termica
per unità di massa c, indipendente dalla temperatura, con una temperatura
non necessariamente omogenea e tantomeno costante T . Supponiamo per
semplicità che non venga generata energia nel corpo 34 .
Consideriamo una porzione del corpo V delimitata da ∂V . Definendo di
nuovo J~ come il vettore trasporto di energia per unità di tempo per unità di
superficie si avrà
31
Il segno meno è dovuto al fatto che un vettore uscente dalla superficie ha flusso positivo
per convenzione, per cui se il flusso è maggiore di zero la massa diminuisce.
32
Si può fare perché è una derivata parziale rispetto ad una variabile diversa.
33
In effetti non è nemmeno necessario lasciare J~ in quanto di nuovo J~ = ρ~v
34
Per esempio se il corpo è radioattivo viene prodotto calore al suo interno.
132 CAPITOLO 2. MATEMATICA

~ ∂V ) = − ∂Eint
Φ(J,
∂t
Dove abbiamo ~
Z indicato il flusso di J attraverso ∂V . L’energia interna sarà
del tipo Eint = cT dV
V
I Z Z  
∂ ∂(cT )
J~ · dA
~=− cT dV ⇒ ∇~ · J~ + dV
∂V ∂t V V ∂t
Al solito, dobbiamo porre uguale a 0 l’argomento dell’integrale. Ricordando
poi l’equazione di Fourier 2.11, otteniamo

−∇ ~ ) + ∂cT = 0
~ · (λ∇T
∂t
Notate che per il momento io non ho nemmeno assunto che la capacità
termica o la conducibilità termica siano delle costanti, ovvero questa equazione
funziona bene anche per materiali disomogenei.
Ora facciamo l’assunzione che c e λ siano uniformi nel corpo e otteniamo
l’equazione
∂T λ~ ~
= ∇ · ∇T
∂t c
L’operatore ∇ ~ ·∇
~ viene utilizzato molto spesso e ne parlerò fra poco.
A causa del suo frequente utilizzo gli viene dato il nome di Laplaciano e si
~ ·∇
utilizza la notazione ∇ ~ =∇~ 2.
Otteniamo infine
∂T λ~2
= ∇ T (2.13)
∂t c
Per la prima volta vediamo la dipendenza dal tempo della temperatura.
Questa è una equazione differenziale alle derivate parziali. Se ritenete difficile
risolvere un’equazione differenziale in una sola variabile35 , questa è un inferno.
Esempio 2.3.43 (Teorema di Gauss per i campi r−2 ). Avrete sentito parlare
del teorema di Gauss per l’elettrostatica. Il teorema asserisce che dato
un volume V , delimitato da ∂V , la somma delle cariche contenute in V è
proporzionale al flusso del campo elettrico attraverso la superficie.
35
Si chiamano equazioni differenziali ordinarie e sono quelle trattate anche da me qualche
capitolo fa.
2.3. CALCOLO VETTORIALE 133

X
q
~ ∂V ) =
Φ(E,
0
Dove 0 è la costante dielettrica del vuoto. Alla luce del teorema 2.3.6,
può essere interessante scrivere in forma locale questa legge.
I Z
~ ~ 1 ~ = ρ
~ ·E
E · dA = ρdV ⇒ ∇
∂V 0 0
Questa si chiama prima equazione di Maxwell scritta in forma differenziale.
È abbastanza evidente che conoscendo E ~ in una determinata regione dello
spazio è immediato riuscire a trovare ρ, facendo un paio di derivate. Consiglio
di fare il problema 3.3.5 per convincersene.
Il bello di questa legge è che in effetti non vale solo per il campo elettrico
ma per qualsiasi campo che gli assomigli abbastanza, ovvero qualsiasi campo
che per cariche puntiformi va come r−2 . Sono sicuro che almeno un esempio
vi viene in mente.
Per esempio, proviamo a scrivere una legge equivalente per il campo
gravitazionale.
Consideriamo il flusso del campo ~g prodotto da una massa puntiforme
attraverso una superficie sferica centrata nella massa.
 
2 GM
Φ(~g , ∂V ) = 4πr − 2 = −4πGM
r
Esattamente come per il campo elettrico, solo con una costante diversa.
Di conseguenza varrà

~ · ~g = −4πGρ
∇ (2.14)

Rotore Un altro operatore molto importante è il rotore. In coordinate


cartesiane il rotore si scrive
 
∂Fz ∂Fy
 ∂y − ∂z 
 ∂Fx ∂Fz 
 
rotF~ =  − 
 ∂z ∂x 
 ∂Fy ∂Fx 

∂x ∂y
134 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Come per la divergenza, questa definizione ci suggerisce una notazione


più compatta per rotF~ = ∇ ~ × F~
Di nuovo, come per la divergenza, questa definizione vale solo per
coordinate cartesiane e per fare il rotore in sferiche non basta nemmeno
~
fare Nabla vettor F, con la definizione in sferiche di ∇.
La vera definizione del rotore è
I
F~ · d~s
~ × F~ = lim
∇ ∂Σ
Σ→0 Σ
Dove Σ è una generica superficie, non chiusa, il cui contorno è ∂Σ. L’inte-
grale al numeratore si chiama circuitazione del campo lungo la curva ∂Σ. Il
significato di questa formula è che il rotore misura quanto il campo non è
conservativo, infatti se F~ fosse conservativo, il suo integrale di linea lungo
una qualsiasi curva chiusa dovrebbe essere 0.
Notiamo che porre ∇ ~ × F~ = 0 è equivalente alla condizione 2.9, quindi se
il rotore di un campo è identicamente nullo 36 , allora il campo è conservativo
e quindi esiste un potenziale.
Dalla definizione di rotore come limite, segue il seguente

Teorema 2.3.7 (Teorema del rotore). Sia Σ una superficie regolare (non ne-
cessariamente piatta) e ∂Σ il suo contorno. Sia inoltre F~ un campo vettoriale
regolare. Allora
I Z
~
F · d~s = ~ × F~ · dA
∇ ~
∂Σ Σ

Laplaciano Si definisce l’operatore laplaciano come la divergenza del gra-


diente di un campo, sia vettoriale sia scalare.

∇2 F~ = ∇
~ ·∇
~ F~
~ · ∇f
∇2 f = ∇ ~

Mentre per il laplaciano di una funzione scalare è facile capire come


calcolarlo, per il laplaciano di un vettore potreste dirmi che sto facendo
il gradiente di un vettore, cosa che non ho mai definito, per poi farne la
divergenza. Avete perfettamente ragione ma ora chiarirò il vostro dubbio.
36
Su un aperto semplicemente connesso.
2.3. CALCOLO VETTORIALE 135

Prendiamo il caso delle coordinate cartesiane.

∂2 ∂2 ∂2
   
2 ∂ ∂ ∂ ∂ ∂ ∂
∇ = x
b+ yb + zb · x
b+ yb + zb = + +
∂x ∂y ∂z ∂x ∂y ∂z ∂x2 ∂y 2 ∂z 2
Di conseguenza, possiamo applicare questo operatore ad un vettore senza
farci troppe domande, ottenendo

∂2 ∂2 ∂2
 2
∂2 ∂2
 2
∂2 ∂2
   
2~ ∂ ∂
∇F = + + Fx x
b+ + + Fy yb+ + + Fz zb
∂x2 ∂y 2 ∂z 2 ∂x2 ∂y 2 ∂z 2 ∂x2 ∂y 2 ∂z 2
Se le domande ce le vogliamo proprio porre, allora vi posso dire che fare
~ F~ ci dà come risultato una cosa che possiamo pensare come una matrice

∂Fj
Mij =
∂xi
Nabla lo possiamo pensare come un vettore orizzontale
 
∂ ∂ ∂
∂x ∂y ∂z
Quindi quando andiamo a fare la moltiplicazione fra vettore e matrice
otteniamo di nuovo un vettore.
In coordinate sferiche e cilindiche il laplaciano è particolarmente brutto e
come per il rotore non vale la pena nemmeno di scriverlo in quanto non vi
servirà mai alle Olimpiadi.
È tuttavia di notevole significato fisico. Prendiamo per esempio l’equazione
2.14. Possiamo scrivere ~g = −∇V ~ , ottenendo

∇2 V = 4πGρ
E similmente per il potenziale e carica elettrici
ρ
∇2 V = −
0
È di notevole importanza il fatto che queste equazioni siano esattamente
uguali. Inoltre, la soluzione a questa equazione37 è subito riducibile ad un
integrale
37
Si chiama equazione di Poisson
136 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Z
k ρ
V (r) = dV 0
4π |~r − ~r0 |
1
Dove k vale −4πG o
0
k
E in generale vale per qualsiasi campo che vada come F~ = 2 rb
r
Cambiando esempio, prendiamo l’equazione della corda tesa

∂ 2ψ ∂ 2ψ
v2 = (2.15)
∂x2 ∂t2
Che descrive un’onda in moto a velocità v su una corda tesa. (ψ è la
perturbazione dalla posizione di equilibrio). È ovvia una generalizzazione di
questa equazione in 3 dimensioni

∂ 2ψ
v 2 ∇2 ψ =
∂t2
Che descrive quindi una qualsiasi onda in moto in 3 dimensioni a velocità
v. Ovviamente, al posto di ψ possiamo mettere un campo vettoriale.
Prendiamo per esempio le equazioni di Maxwell per l’elettromagnetismo.
I Z
~ ~ 1

 E · dA = ρdV



 I∂V 0 V
~ · dA ~=0

B




I∂V Z
~ ∂ ~ · dA~
 E · d~s = − B


 ∂Σ ∂t Σ !
~
 I Z
∂ E




 ~ · d~s = µ0
B J~ + 0 ~
· dA

∂Σ Σ ∂t
Usiamo i teoremi della divergenza e del rotore per scrivere in forma
differenziale, semplificando gli integrali.

~ = ρ

 ~ ·E



 0



 ~
∇ · ~
B = 0
~
 ~ ×E
∇ ~ = − ∂B

 ∂t
~

~ = µ0 J~ + µ0 0 ∂ E


∇
 ~ ×B
∂t
2.3. CALCOLO VETTORIALE 137

Consideriamo il caso in cui siamo nel vuoto, ovvero ρ = 0, J~ = 0 e


prendiamo il rotore della terza equazione.

~ × (∇
∇ ~ =−∂∇
~ × E) ~ ×B
~
∂t
Sostituiamo l’ultima equazione
2~
~ × (∇
∇ ~ = −µ0 0 ∂ E
~ × E)
∂t2
Sfruttiamo poi l’identità vettoriale sul doppio prodotto vettoriale per
arrivare a scrivere
2~
~ ∇
∇( ~ · E) ~ = −µ0 0 ∂ E
~ − ∇2 E
∂t2
~ ·E
Ma siamo nel vuoto quindi ∇ ~ = 0.

~
∂ 2E
~ = µ0 0
∇2 E
∂t2
Ovvero il campo elettrico si propaga nel vuoto come un’onda a velocità
1
c= √ .
µ0 0
~ che
Prendendo il rotore della quarta, si ottiene la stessa equazione per B,
38
viene lasciata da ricavare per esercizio .

38
Ovvero non ho voglia di scriverla.
138 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Serie di Taylor per funzioni di più variabili


Condisideriamo una f : Rn → R, ovvero una funzione di più variabili
che restituisce un numero reale. Supponiamo di conoscere f (~x0 ) e di essere
interessati a sapere che cosa succede lı́ vicino. Cerchiamo quindi una formula
per l’espansione in serie di Taylor per una funzione di più variabili.
È ovvio che se la nostra f fosse da Rn → Rm , ovvero un campo vettoriale,
è sufficiente fare il ragionamento componente per componente. Consideriamo
quindi

g : R → R = f (~x0 + t~h)
È chiaro che se scriviamo g(1) = f (~x0 + ~h) e |~h|  |~x0 |, abbiamo
esattamente quello che volevamo.
Scriviamo quindi la serie di Taylor di g, che è una funzione di una sola
variabile, quindi la sappiamo calcolare
∞ ∞
X g (n) (0) n
X g (n) (0)
g(t) = t ⇒ g(1) =
n=0
n! n=0
n!

Io mostrerò la formula solo fino al secondo ordine, quindi ora troncherò la


serie, in quanto non vi capiterà mai alle gare di avere a che fare con qualcosa
di peggio, ma con questa formula si può comunque andare avanti.

g(0) = f (~x0 )

f (~x0 + t~h) − f (~x0 ) ~ (~x0 ) · ~h


g 0 (0) = lim = ∇f
t→0 t
Per convincervi di questa formula potete fare il giochetto di sommare e
sottrarre le cose giuste.
Se ~x0 = (x1 , x2 . . . xn ) e ~h = (h1 , h2 , . . . hn ),

f (~x0 + t~h) − f (~x0 ) f (x1 + th1 , x2 + th2 , . . . , xn + thn ) − f (x1 , x2 , . . . , xn )


g 0 (0) = lim = lim =
t→0 t t→0 t

f (x1 + th1 , x2 + th2 , . . . , xn + thn ) − f (x1 , x2 + th2 , . . . , xn + thn )


lim +
t→0 t
2.3. CALCOLO VETTORIALE 139

f (x1 , x2 + th2 , . . . , xn + thn ) − f (x1 , x2 , . . . , xn )


+ =
t

Dove ho aggiunto e tolto la stessa cosa per far tornare le cose

n
∂f (~x0 ) f (. . .) − f (. . .) X ∂f ~ (~x0 ) · ~h
h1 + lim = hi = ∇f
∂x1 t→0 t i=1
∂x i

Ora, per calcolare g 00 (0), la situazione si complica leggermente. Se fare la


prima derivata ci ha portato ad avere da uno scalare un vettore, possiamo
aspettarci che derivando di nuovo ci venga fuori qualcosa di ancora più grosso,
ovvero una matrice. Infatti, definendo la matrice Hessiana di f

∂ 2 f (~x0 )
Hf (~x0 )ij =
∂xi ∂xj

 
∂ 2f ∂ 2f ∂ 2f
...

 ∂x21 ∂x1 ∂x2 ∂x1 ∂xn 

 ∂ 2f ∂ 2f ... .. 

2
. 
Hf = 
 ∂x2 ∂x1 ∂x2 

 .. .. .. 
 ... . . . 
∂ 2f 2
 
 ∂ f 
... ...
∂xn ∂x1 ∂x2n

È interessante notare che la matrice Hessiana è simmetrica, ovvero

Hij = Hji

In quanto al solito l’ordine di derivazione non conta.

n X
X n
00
g (0) = Hij hi hj
i=1 i=1

Ovvero, se volete vederlo come prodotto fra matrici,


140 CAPITOLO 2. MATEMATICA

 
∂ 2f ∂ 2f ∂ 2f
...

 ∂x21 ∂x1 ∂x2 ∂x1 ∂xn 
 h1

 ∂ 2f ∂ 2f ... .. 
00
 2
.  h2 
g (0) = h1 h2 . . . hn 
 ∂x2 ∂x1 ∂x2 
 ..


 ... ... ..  . 
 ... . 
hn
∂ 2f ∂ 2f
 
 
... ...
∂xn ∂x1 ∂x2n

Quindi, riassumendo,
n
~ ~ ~ 1 X ∂ 2f
f (~x0 + h) = f (~x0 ) + ∇f · h + hi hj
2 i,j=1 ∂xi ∂xj

Per chiarezza, farò l’esempio con n = 2, ovvero con una funzione f (x, y)
Sarà
~ = ∂f x
∇f b+
∂f
yb
∂x ∂y
∂f ∂f
 
2
Hf =  ∂x ∂x∂y 

∂f ∂f 
∂y∂x ∂y 2
Se poi chiamo

~h = ∆xb
x + ∆yb
y

∂ 2f ∂ 2f ∂ 2f
 
∂f ∂f 1
f (~x0 +~h) = f (~x0 )+ ∆x+ ∆y+ ∆x 2
+ ∆y 2
+ 2 ∆x∆y
∂x ∂y 2 ∂x2 ∂y 2 ∂x∂y

Chiaramente la formula peggiora drasticamente se aumentate l’ordine di


approssimazione.
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 141

2.4 Equazioni differenziali alle derivate par-


ziali
Se pensate che le equazioni differenziali ordinarie siano difficili, le PDE39 ,
sono molto peggio. Tratterò solo alcuni casi molto notevoli. In realtà non è
possibile che vi diano da risolvere delle equazioni simili, ma a volte potreste
essere guidati a trovare la soluzione di una PDE con solo argomenti fisici. L’u-
nica che vi consiglio di leggere almeno una volta è la soluzione dell’equazione
della corda tesa, le altre sono fuori dalla portata delle Olimpiadi.
Non dovete assolutamente perdere tempo a imparare queste cose, fatelo
solo una volta che davvero non sapete più cosa studiare, prima non ne vale la
pena, la probabilità che vi serva davvero è bassissima, ma la metto comunque
per farvi capire come si ragiona in questi casi.

Equazione della corda tesa

∂ 2 ψ(x, t) 2
2 ∂ ψ(x, t)
= c (2.16)
∂t2 ∂x2
Ovviamente, oltre a questa equazione che descrive il moto, dobbiamo
dare delle opportune condizioni iniziali e al contorno. Per una equazione
differenziale ordinaria di ordine n, è necessario dare n dati iniziali. Essendo
questa una PDE del secondo ordine, ci aspettiamo quindi di dover dare
per ogni punto x, la sua posizione ψ(x, 0) = f (x) e la sua velocità iniziale
∂ψ(x,0)
∂t
= g(x). Perdonate se non uso dei nomi con significato fisico rilevante
ma i conti diventano rapidamente corposi.
Per risolvere esplicitamente questa equazione è necessario usare un trucco.
Si passa alle variabili
(
r = x + ct
s = x − ct
Perciò, in modo intuitivo,

∂f ∂f ∂r ∂f ∂s ∂f ∂f
= + = +
∂x ∂r ∂x ∂s ∂x ∂r ∂s
39
Partial derivatives equations
142 CAPITOLO 2. MATEMATICA

E si avrà un’equazione analoga per t. Notare che possiamo togliere f ,


scrivendo una equazione operatoriale
∂ ∂ ∂r ∂ ∂s ∂ ∂
= + = +
∂x ∂r ∂x ∂s ∂x ∂r ∂s
E analoga per t, che si può riassumere in forma matriciale
   
∂ ∂
 ∂x 
 ∂  = J  ∂r
 
∂ 
∂t ∂s
Dove J è lo Jacobiano della trasformazione.
Nota. Vi faccio notare questa cosa solo perché spesso è più facile fare l’inverso
di una matrice piuttosto che invertire una trasformazione di coordinate.
Passando da coordinate sferiche a cartesiane, tutto è facile in quanto seno e
coseno sono definite bene. Arcseno e arcocoseno purtroppo hanno restrizioni
di dominio che fanno fare un sacco di casi fastidiosi. Invertendo la matrice
Jacobiana si evita questo problema
∂ 2ψ
Andiamo a calcolare
∂x2
∂ 2ψ ∂ 2ψ ∂ 2ψ
  
∂ ∂ ∂ψ ∂ψ
+ + = + 2 +
∂r ∂s ∂r ∂s ∂r2 ∂s∂r ∂s2
Otteniamo un’equazione analoga per t

∂ 2ψ 2
2∂ ψ
2
2 ∂ ψ
2
2∂ ψ
= c − c 2 + c
∂t2 ∂r2 ∂s∂r ∂s2
Ma dato che

∂ 2 ψ(x, t) 2
2 ∂ ψ(x, t)
= c
∂t2 ∂x2
Otteniamo

∂ 2ψ
=0
∂s∂r
Ora integriamo
∂ ∂ψ ∂ψ
=0⇒ = a(r) ⇒ ψ = A(r) + B(s)
∂s ∂r ∂r
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 143

Ovvero

ψ(x, t) = A(x + ct) + B(x − ct)


Vi sembrerà inutile, ma credetemi, abbiamo semplificato davvero di parec-
chio il problema di prima. Ora ciò che dobbiamo trovare sono le due funzioni
A, B, che però sono funzioni di una sola variabile. Andiamo a imporre
le condizioni iniziali.

ψ(x, 0) = f (x) ⇒ A(x) + B(x) = f (x)


Calcoliamo
∂ψ
= cA0 (x + ct) − cB 0 (x − ct)
∂t
Per cui,

∂ψ(x, 0)
= g(x) ⇒ c(A0 (x) − B 0 (x)) = g(x)
∂t
Sia ora G(x) una primitiva di g(x). Allora il nostro sistema diventa

  
1 1
A(x) = f (x) + G(x)
( 

A(x) + B(x) = f (x) 2 c
⇒ 
A(x) − B(x) = 1c G(x) 1 1
B(x) = f (x) − G(x)


2 c

Per cui,

1 1
ψ(x, t) = (f (x + ct) + f (x − ct)) + (G(x + ct) − G(x − ct))
2 2c
Z x+ct
1 1
ψ(x, t) = (f (x + ct) + f (x − ct)) + g(z)dz
2 2c x−ct

Discutiamo ora di una cosa importante, ovvero dei domini di f (x) e g(x).
Non si tratta di un delirio da matematico, ma di una cosa di notevole rilevanza
fisica che va aggiustata per avere la soluzione corretta.
Normalmente ci aspettiamo di non avere f, g su tutto R, ma solo su
un piccolo intervallo. Per esempio, se abbiamo una corda tesa fra [0, L], La
funzione che descrive la forma della corda potrà tranquillamente essere definita
144 CAPITOLO 2. MATEMATICA

su tutto R, ma la funzione perde significato fuori dall’intervallo [0, L]. La


cosa giusta da fare è prolungare con continuità la funzione in modo periodico,
ovvero ripeterla periodicamente di periodo L.

Equazione del trasporto


2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 145

Equazione di Laplace

∇2 V = 0
è una equazione alle derivate parziali lineare ed omogenea. Questo in virtù
del fatto che l’operatore laplaciano è un operatore lineare, infatti se ∆V1 = 0,
∆V2 = 0 e V = V1 + V2 allora
∂2 ∂2 ∂2 ∂2 ∂2 ∂2 ∂2 ∂2 ∂2
∇2 V = V + V + V = V1 + V1 + V 1 + V 2 + V2 + V2
∂x2 ∂y 2 ∂z 2 ∂x2 ∂y 2 ∂z 2 ∂x2 ∂y 2 ∂z 2
= ∇2 V1 + ∇2 V2 = 0

Allo stesso modo anche V3 = kV1 con k numero reale sarà anche essa solu-
zione. Quindi le soluzioni di tali equazioni formano uno spazio vettoriale,
a dimensione infinita. La risoluzione di equazioni alle derivate parziali può
essere suddivisa in due parti:
1. Trovare tutte le soluzioni dell’omogenea lineamente indipendenti, ovvero
una base dello spazio vettoriale che ci interessa

2. Capire quale è la combinazione lineare giusta che ci da anche le condizioni


al contorno che vogliamo
Le condizioni al contorno non possono essere qualsiasi, altrimenti la soluzione
potrebbe non esistere. In particolare, dato uno spazio compreso fra due
superfici chiuse40 , le possibili condizioni al contorno pososno essere:
• Dare il valore del potenziale sulle due superfici

• Dare il valore del campo elettrico sulle due superfici


In particolare, a noi interesserà considerare il primo caso, e se le superfici
coincideranno con la superficie di un conduttore, il valore del potenziale sulla
superficie sarà semplicemente una costante e non dipenderà dalla posizione
sulla superficie, semplificando ulteriormente il problema. In generale, trovare
tutte le soluzioni in un dato set di coordinate non è difficile. La parte
molto complicata è al contrario capire la giusta combinazione lineare che mi
serve, specie se le superfici che delimitano il mio spazio sono brutte. Per
esempio uno può cercare di risolvere l’equazione nello spazio compreso fra una
40
La superficie esterna può anche andare all’infinito.
146 CAPITOLO 2. MATEMATICA

superficie a forma di banana e una a forma di fagiolo. Il problema sarebbe


perfettamente ben posto, ma il punto 2 sarebbe terribilmente complicato.
Non tratteremo casi simili in queste dispense, e ci limiteremo ai seguenti
casi: potenziale all’interno di un parallelepipedo, all’interno di un cilidro,
fra due cilindri concentrici (eventualmente uno di raggio infinito), fra due
sfere concentriche (eventualmente una di raggio infinito). Passiamo ora a
risolvere sistematicamente la prima parte. Nota: in tutto il capitolo, riscriverò
le equazioni riassorbendo opportunamente delle unità di lunghezza nelle
coordinate in modo che diventino adimensionali. Il tutto per una migliore
leggibilità delle equazioni.
Coordinate Cartesiane Se le coordinate sono cartesiane possiamo
scrivere

∂2 ∂2 ∂2
∇2 V = V + V + V = Vxx + Vyy + Vzz = 0
∂x2 ∂y 2 ∂z 2

Come abbiamo detto non siamo interessati ora a trovare la più generale solu-
zione di tale equazione, ma semplicemente una ad una soluzioni linearmente
indipendenti. Per questo posso, senza perdita di generalità41 , ipotizzare che
la mia soluzione sia a variabili separabili

V (x, y, z) = X(x)Y (y)Z(z)

Sostituendo, e dividendo tutta l’equazione per V , ottengo (ed indicando


con
Ẋ = dX/dx, Ẍ = d2 X/dx2

e le altre in modo simile (posso farlo dato che ciascuna funzione ha un solo
argomento)

1 Ẍ(x) Ÿ (y) Z̈(z)


(Vxx + Vyy + Vzz ) = + + =0
V X(x) Y (y) Z(z)

41
Dimostrare tale affermazione non è banale e richiede di sapere molta matematica del
primo e secondo anno, quindi non dovete provarci!
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 147

Se ora derivo questa espressione rispetto alle tre variabili, trovo


! !
∂ Ẍ(x) Ÿ (y) Z̈(z) d Ẍ(x)
+ + = =0
∂x X(x) Y (y) Z(z) dx X(x)
! !
∂ Ẍ(x) Ÿ (y) Z̈(z) d Ÿ (y)
+ + = =0
∂y X(x) Y (y) Z(z) dy Y (y)
! !
∂ Ẍ(x) Ÿ (y) Z̈(z) d Z̈(z)
+ + = =0
∂z X(x) Y (y) Z(z) dz Z(z)

Da cui capisco che devono valere le seguenti 4 equazioni separatamente


Ẍ(x)
= C1
X(x)
Ÿ (y)
= C2
Y (y)
Z̈(z)
= C3
Z(z)
C1 + C2 + C3 = 0
Dove C1,2,3 sono numeri reali. Tali numeri non possono essere ovviamente
tutti positivi, nè tutti negativi. È possibile mostrare che scegliendone due
negativi e uno positivo, al variare di tale numero ottengo una base del mio
spazio di soluzioni, quindi sceglierò in particolare42
Ẍ(x)
= −n2
X(x)
Ÿ (y)
= −m2
Y (y)
Z̈(z)
= n2 + m2
Z(z)
Ottenendo la famiglia di soluzioni
√ 
V (x, y, z) = Cn,m sin (nx + φx ) sin (my + φy ) sinh n2 + m2 z + φz
42
Nota che li scelgo essere numeri interi perché ho riassorbito le unità di lunghezza. Per
n2
un cubo, senza assorbire le lugnhezze avrei usato L 2 , dove L è il lato del cubo ed n ∈ N.
148 CAPITOLO 2. MATEMATICA

a cui chiaramente vanno aggiunte tutte le soluzioni ottenibili permutando x


con z ed y con z. Questa soluzione non vi sarà molto utile per le olimpiadi,
in quanto i coefficienti Cn,m possono essere trovati solo facendo quello che
si chiama sviluppo di Fourier. Prima di concludere questa sezione, voglio
tuttavia farvi notare che è possibile trovare un’altra base dello spazio di
soluzioni in coordinate cartesiane, che consiste essenzialmente di polinomi
in 3 variabili di grado omogeneo. Vi faccio alcuni esempi usando solo due
variabili (ovvero, soluzioni indipendenti da z). Volendo risolvere
∂2 ∂2
∇2 V = V + V = Vxx + Vyy = 0
∂x2 ∂y 2
Possiamo associare una soluzione ad ogni monomio di 2 variabili P (x, y) =
Cn,m xn y m , e per facilitare il tutto supponiamo che n, m siano interi non
negativi. Cominciamo con ipotizzare che
∂2
2
V = P (x, y) = Cn,m xn y m (2.17)
∂x
Allora possiamo subito trovare
Z Z Z
∂ Cn,m m n+1
V = P (x, y)dx = P (x, y)dx = Cn,m y m xn dx = C1 (y) + y x
∂x n+1
Z  
Cn,m m n+1 Cn,m
V = dx C1 + y x = C0 (y) + C1 (y)x + y m xn+2
n+1 (n + 1)(n + 2)
Dove C0,1 (y) non sono costanti, ma funzioni che non dipendono da x. A
questo punto posso inserire questa soluzione dentro l’equazione originale e
trovare
∂2 ∂2
 
n m Cn,m m n+2
−P (x, y) = −Cn,m x y = 2 V = 2 C0 (y) + C1 (y)x + y x
∂y ∂y (n + 1)(n + 2)
∂2 Cn,m m(m − 1) m−2 n+2
= 2
(C0 (y) + C1 (y)x) + y x
∂y n(n − 1)
Per poter avere una identità è necessario avere m = 0, 1 in quanto non ci
sono altri termini che contengano xn+2 . Inoltre dovrà essere anche n = 0, 1,
perché altrimenti il termine xn non può cancellarsi con alcun altro termine.
Otteniamo
∂2
−Cn,m xn y m = (C0 (y) + C1 (y)x)
∂y 2
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 149

Per n = 1 otteniamo

−C1,m xy m = C̈0 (y) + xC̈1 (y)


C0 = A + By
y m+2
C1 = −C1,m + Dy + E
(m + 1)(m + 2)
y m+2
 
C1,m
V = (A + By) + −C1,m + Dy + E x + y m x3
(m + 1)(m + 2) (n + 1)(n + 2)

Per n = 0 invece abbiamo

−C0,m y m = C̈0 (y) + xC̈1 (y)


C1 = A + By
y m+2
C0 = −C0,m + Dy + E
(m + 1)(m + 2)
y m+2 C0,m
V = −C0,m + Dy + E + (A + By) x + y m x2
(m + 1)(m + 2) (n + 1)(n + 2)

In partica abbiamo trovato le seguenti soluzioni linearmente indipendenti

1, x, y, x2 − y 2 , xy, x3 − 3xy 2 , y 3 − 3yx2

Potremmo ulteriormente amplicare questo set di soluzioni indebolendo l’ipotesi


2.17, per esempio con
 2 m
∂2 X y
V = P (x, y) + k m P (x, y) ,m ∈ N
∂x2 m
x 2

Tuttavia ci fermeremo qua, e ritorneremo su questo set di soluzioni nella


sezione della soluzione in coordinate sferiche.
Coordinate Cilindriche
Il Laplaciano in coordinate cilindriche è

1 ∂2 ∂2
 
2 1 ∂ ∂
∇ = ρ + 2 2+ 2
ρ ∂ρ ∂ρ ρ ∂θ ∂z

Possiamo di nuovo supporre che

V (ρ, θ, z) = R(ρ)Θ(θ)Z(z)
150 CAPITOLO 2. MATEMATICA

con la stessa tecnica di prima trovo

1 d   1 Θ̈(θ) Z̈(z)
ρṘ(ρ) + 2 + =0
ρR(ρ) dρ ρ Θ(θ) Z(z)

Derivando rispetto a z si trova

d Z̈(z)
=0
dz Z(z)

Quindi quel termine è costante

Z̈(z)
= Cz
Z(z)

Sostituendo e moltiplicando per ρ2 si trova

ρ d   Θ̈(θ)
ρṘ(ρ) + + Cz ρ2 = 0
R(ρ) dρ Θ(θ)

Il termine con la funzione Θ è l’unico che contiene una dipendenza da θ,


quindi derivando rispetto a θ

d Θ̈(θ)
=0
dθ Θ(θ)

Quindi anche quel termine è costante

Θ̈(θ)
= Cθ = −n2
Θ(θ)

L’ultima uguaglianza nasce dal fatto che la funzione Θ deve essere periodica di
2π, e quindi possiamo solo accettare soluzioni sinusoidali. Otteniamo quindi

ρ d  
ρṘ(ρ) − n2 + Cz ρ2 = 0 (2.18)
R(ρ) dρ

Le soluzioni di questa equazione sono dette funzioni di Bessel. Vi consiglio


di provare il problema 3.8.21 che aiuta a comprendere le funzioni di Bessel.
Noi qui tratteremo solo il caso in cui Cz = 0, ovvero in cui le soluzioni non
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 151

dipendono da z (ovvero per esempio quando avete simmetria per traslazioni


lungo l’asse, perché il cilindro è infinito). In tal caso l’equazione diventa:
ρ d  
ρṘ(ρ) − n2 = 0
R(ρ) dρ
Essendo una equazione differenziale di secondo ordine ci aspettiamo 2 soluzioni
linearmente indipendenti. Sostituiamo R(ρ) = ρα :
1 d α−1 α d α
− n2 = α−1 (ρ ) − n2 = α2 − n2 = 0

α−1
ραρ
ρ dρ ρ dρ
da cui si deduce α = n e si trova tutta la famiglia di soluzioni
∞  
X
i Bi
V (ρ, θ) = A0 + B0 log ρ + Ai ρ + i cos (θ + φi )
i=1
ρ

Esempio 2.4.1. Consideriamo due fili uniformemente carichi e infinitamente


lunghi. Le densità di carica sui due fili sono rispettivamente λ e −λ. I due
fili sono posti a x = /2, y = 0 ed x = −/2, y = 0 dentro un conduttore
cilindrico infinito cavo di raggio R. Calcolare il potenziale elettrico nel limite
 → 0, λ → ∞, λ = Q = const all’interno di tutto il cilindro conduttore.
Soluzione Il potenziale elettrico di un filo uniformemente carico è

V (ρ̂) = λ log ρ̂

Scriviamo ora quanto vale ρ̂ in funzione delle coordinate del sistema METTI
DISEGNO. Otteniamo, per il primo filo
r

ρ̂1 = ρ2 + ( )2 − ρ cos θ
2
E per il secondo filo
r r
 
ρ̂2 = ρ2 + ( )2 − ρ cos(π − θ) = ρ2 + ( )2 + ρ cos θ
2 2
Quindi il potenziale dei due fili sarà
 r r 
 
V12 (ρ, θ) = λ log ρ2 + ( )2 − ρ cos θ − log ρ2 + ( )2 + ρ cos θ
2 2
152 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Dato che  è piccolo, possiamo espandere il logaritmo in serie. Il primo termine


dovrebbe bastare
    
 
V12 (ρ, θ) = λ log ρ + log 1 − cos θ − log ρ − log 1 + cos θ + λO(2 )
2ρ 2ρ
 
  Q
= λ − cos θ − cos θ + λO(2 ) = − cos θ + O()
2ρ 2ρ ρ

Quindi nel limite  → 0

Q
V12 (ρ, θ) = − cos θ
ρ

Il potenziale elettrico risultate sarà dato dalla somma di questo più quello
indotto, che è dato dalla 2.4 con la scelta dei coefficienti Ai , Bi opportuni.
∞  
Q X
i Bi
V (ρ, θ) = − cos θ + A0 + B0 log ρ + Ai ρ + i cos (θ + φi )
ρ i=1
ρ

In particolare, essendo il cilindro un conduttore, vorremo che il potenziale


sulla sua superficie sia costante
∞  
Q X
i Bi
V (R, θ) = − cos θ + A0 + B0 log R + Ai R + i cos (θ + φi )
R i=1
R

È chiaro che affinché ciò avvenga, è necessario, per ogni i ≥ 2 che Ai = Bi =


043 . Rimane

 
Q B1
V (R, θ) − cos θ + A0 + B0 log R + A1 R + cos (θ + φi ) =
R R
   
B1 Q B1
= A0 +B0 log R+ A1 R cos φ1 + cos φ1 − cos θ−sin φ1 A1 R + sin θ
R R R
I primi due termini sono costanti sulla superficie del cilindro, perché non
dipendono da θ, mentre il secondo e il terzo sono proporzionali a cos θ e sin θ
43
In particolare, deve essere Bi = 0 da cui segue Ai = −Bi /R2 = 0. La ragione per cui
Bi = 0 verrà spiegata a breve per l = 0, 1.
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 153

rispettivamente. Affinché il potenziale sia costante sul conduttore, è quindi


necessario che
B1 Q
A1 R cos φ1 + cos φ1 − = 0
R
 R

B1
sin φ1 A1 R + = 0
R

La seconda equazione ha soluzioni A1 R + BR1 = 0 e sin φ1 = 0, tuttavia la




prima soluzione rende la prima equazione impossibile, quindi scegliamo la


seconda. La prima equazione diventa
B1 Q
A1 R + − = 0
R R
Abbiamo una equazione e due incognite. Tuttavia, ci accorgiamo che il
termine con B1 è esattamente uguale a quello generato dai nostri due fili
infiniti. Quindi usare B1 6= 0 significherebbe aggiungere altri fili infiniti
all’interno del nostro conduttore, che non è ciò che vogliamo, quindi B1 = 0 e
Q
A1 =
R2
Per finire, dobbiamo discutere i coefficienti A0 e B0 . Il termine dato da B0 è
il potenziale elettrico generato da un filo infinito di densità di carica B0 , e
quindi dato che non vogliamo aggiungere altri fili infinito all’interno del nostro
cilindro, B0 = 0. Il termine A0 è un termine costante che possiamo sempre
aggiungere, in particolare se vogliamo che il potenziale a cui è il conduttore
sia V0 , dovremo scegliere A0 = V0 . Il risultato finale è
 
Q ρ R
V (ρ, θ) = − cos θ + V0
R R ρ
Coordinate Sferiche
Il Laplaciano in coordinate sferiche è
1 ∂2 ∂2
 
2 1 ∂ ∂ 1
∇V = (rV ) + sin θ V + 2 2 V
r ∂r2 r2 sin θ ∂θ ∂θ r sin θ ∂φ2
Ancora una volta possiamo cercare soluzioni a variabili separabili. Poniamo
1
V (r, θ, z) = R(r)Θ(θ)Φ(φ)
r
154 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Sostituiamo, dividiamo per V e moltiplichiamo tutto per r2 sin2 θ

R̈(r) sin θ ∂   Φ̈(φ)


r2 sin2 θ + sin θΘ̇(θ) + =0
R(r) Θ(θ) ∂θ Φ(φ)

Derivando l’equazione rispetto a φ troviamo


!
∂ R̈(r) sin θ ∂   Φ̈(φ) d Φ̈(φ)
r2 sin2 θ + sin θΘ̇(θ) + = =0
∂φ R(r) Θ(θ) ∂θ Φ(φ) dφ Φ(φ)

Da cui
Φ̈(φ)
= Cφ = −m2 , m ∈ Z
Φ(φ)
L’ultima uguaglianza nasce dal fatto che la funzione Φ deve essere periodica
di 2π, e quindi possiamo solo accettare soluzioni sinusoidali. Sostituiamo e
dividiamo tutto per sin2 θ

2 R̈(r) 1 ∂   m2
r + sin θΘ̇(θ) − =0
R(r) sin θΘ(θ) ∂θ sin2 θ

Abbiamo separato le variabili, infatti è facile vedere che la dipendenza da r è


data solo dal primo termine, che deve essere quindi costante, e la dipendenza
da θ è invece data dagli altri 2, che devono quindi essere anche essi costanti.
Spezziamo quindi l’equazione in

R̈(r)
r2 = l(l + 1)
R(r)
1 ∂   m2
sin θΘ̇(θ) − = −l(l + 1)
sin θΘ(θ) ∂θ sin2 θ

La prima equazione è facile da risolvere, infatti le soluzioni sono

Bl
R(r) = Al rl+1 +
rl
L’altra equazione è meno facile da risolvere, e le sue soluzioni sono chiamati
polinomi associati di Legendre Plm (cos θ), mentre i prodotti Plm (cos θ)eimφ =
Ylm (θ, φ) sono chiamate armoniche sferiche e sono funzioni tabulate. Noi
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 155

considereremo il caso “facile” in cui m = 0, in questo caso i Pl0 vengono


chiamati polinomi di Legendre Pl (cos θ). Ecco qua i primi 3:
P0 (x) = 1
P1 (x) = x
3x2 − 1
P2 (x) =
2
Mettiamo ora assieme i vari pezzi per costruire le soluzioni
X Bl

l
V (r, θ) = Al r + l+1 Pl (cos θ) (2.19)
l
r

Usando ora il fatto che z = r cos θ riscriviamo le prime soluzioni usando le


coordinate cartesiane. per l = 0 otteniamo
B0
A0 +
r
Questo è un potenziale costante sommato al potenziale di una carica punti-
forme, lo conoscevamo già. Per l = 1 troviamo
   
B1 B1 z
A1 r + 2 cos θ = A1 z + 3
r r
Il primo dei due termini lo conoscevamo già: è un potenziale che cresce in
modo costante, che indica un campo elettrico costante. Il secondo invece è
nuovo, ed è il potenziale elettrico generato da un dipolo elettrico p~:
p~ · ~r p~ · r̂ |~p| cos θ
V =k 3
=k 2 =k
r r r2
Andiamo ora a vedere i termini con l = 2:
B2 3 cos2 −1 B2 3z 2 − r2
     
2 B2 2
A2 r + 3 P2 (cos θ) = A2 r + 3 = A2 + 5
r r 2 r 2
  2 2 2
B2 2z − x − y
= A2 + 5
r 2
Il primo di questi termini ci ricorda qualcosa che abbiamo visto di recente:
in effetti è molto simile alla soluzione che avevamo trovato nella sezione
coordinate cartesiane
x2 − y 2
156 CAPITOLO 2. MATEMATICA

In effetti, partendo dalle soluzioni 2.19 è possibile ricavare tutte le soluzioni


anche in coordinate cartesiane, e saranno tutte dei polinomi di grado l
omogeneo. Il secondo termine invece, è il potenziale generato da un quadripolo
elettrico. METTI FIGURA.

Esempio 2.4.2. Per mostrare un esempio di utilizzo pratico di queste solu-


zioni, consideriamo una sfera conduttrice cava di raggio R, al cui interno, al
centro, venga posto un dipolo elettrico p~. Trovare il potenziale all’interno di
ogni punto della sfera.
Soluzione: Il potenziale elettrico generato da un dipolo abbiamo appena
visto essere (se scegliamo l’asse z lungo p~):

|~p| cos θ
Vp (r, θ) = k
r2
Tuttavia questo termine da solo non basta, perché la sfera essendo conduttrice
dovrà avere un valore costante del potenziale sulla sua superficie, mentre in
questo caso abbiamo

|~p| cos θ
Vp (R, θ) = k
R2
che dipende dall’angolo θ. Per ovviare a questo problema, dobbiamo aggiun-
gere un potenziale indotto V , dato dalla soluzione 2.19 scegliendo opportuna-
mente gli Al e i Bl . Ragionando un poco vediamo che gli unici termini che
possono cancellare questa dipendenza angolare del potenziale sono quelli con
l = 1, quindi il potenziale totale sarà pari a:
   
|~p| cos θ B1 B1 k|~p|
V (r, θ) = k + A1 r + 2 cos θ = A1 r + 2 + 2 cos θ
r2 r r r

Se calcoliamo il potenziale sulla superficie della sfera avremo


 
B1 k|~p|
V (R, θ) = A1 R + 2 + 2 cos θ
R R

L’unico modo per ottenere un potenziale costante è imporre che la roba fra
parentesi faccia zero. Si, è vero, in questo modo il potenziale sulla sfera farà
per forza 0, ma dovete ricordare che siamo ancora liberi di aggiungere altri
termini della soluzione, in particolare per porre la sfera a un potenziale V0
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 157

bastarà aggiungere il termine della soluzione A0 = V0 . Ci ritroviamo quindi


con l’equazione:
B1 k|~p|
A1 R + 2 + 2 = 0
R R
Chiaramente questa equazione da sola non è risolvibile, in quando abbiamo 2
incognite. Bisogna aggiungerci una informazione fisica: il termine B1 indica
un potenziale di dipolo. Quindi scegliere un B1 6= 0 vuol dire aggiungere un
altro dipolo dentro la sfera, mentre la mia ipotesi è che non ci siano altri
dipoli al suo interno, quindi devo scegliere B1 = 0. Ottengo:

k|~p|
A1 = − =0
R3
E quindi il potenziale all’interno della sfera sarà

k|~p| cos θ R2
 
r
V (r, θ) = − + V0
R2 r2 R

Avendo trovato il potenziale in tutto lo spazio, possiamo ora passare a calcolare


la sensità di carica superficiale indotta sulla superficie della sfera conduttrice.
Per farlo possiamo usare il teorema di Gauss su una superficie chiusa di
area base dA = (dx)2 e altezza dh  dx, che racchiuda un pezzettino della
superficie della sfera. Troviamo
Z
~ ·E
dΣ ~ = Er dA = σE dA
Σ
Er = σ

Quindi la densità di carica superficiale è pari alla componente normale del


campo elettrico sulla sfera. Quindi

∂ 3k|~p| cos θ
σ = Er (R, θ) = − V (r, θ)r=R =
∂r R3
Esempio 2.4.3. Facciamo ora l’esercizio inverso: prendiamo una sfera con-
duttrice e poniamola in una campo elettrico esterno costante, che per comodità
orienteremo lungo l’asse z. Trovare il potenziale in tutto lo spazio.
Il potenziale elettrico dato dal campo esterno è

Vext (r, θ) = Er cos θ


158 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Come prima dobbiamo aggiungere una soluzione dell’equazione di Laplace


che mi dia un potenziale costante sulla sfera. Attenzione: stavolta risolviamo
nello spazio esterno alla sfera. Mentre prima era proibito aggiungere un
qualsiasi termine Bl , perché sarebbe stato equivalente ad aggiungere cariche
all’interno della sfera, che era lo spazio dove stavamo cercando il potenziale,
ma era consentito aggiungere qualsiasi termine Al , perché lo spazio interno
alla sfera è limitato e perciò tali termini non divergevano, ora ci troviamo nella
situazione contraria: non possiamo aggiungere nessun termine Al 44 , perché lo
spazio esterno include punti all’infinito, dove asumiamo che il campo elettrico
non assuma valori infiniti, mentre siamo liberi di aggiungere qualsiasi termine
Bl . Scriviamo quindi

X Bl
V (r, θ) = Er cos θ + A0 + Pl (cos θ)
l=0
rl+1
Come nell’esempio precedente è ovvio che tutti i Bl con l 6= 0, 1 devono essere
nulli per avere un potenziale costante sulla sfera. Otteniamo
 
B0 B1 B0 B1
V (r, θ) = Er cos θ + A0 + + 2 cos θ = A0 + + Er + 2 cos θ
r r r r
La condizione di potenziale costante sulla sfera quindi è
B1
ER + 2 = 0
R
Ovvero
R2
 
B0 r
V (r, θ) = A0 + + ER − 2 cos θ
r R r
Restano da trovare le costanti A0 , B0 . Come fare? Bisogna capire cosa queste
costanti significhino fisicamente. Calcoliamo ora il potenziale elettrico V0 a
cui è tenuta la sfera e la carica totale Q depositata su di essa:
B0
V0 = V (R, θ) = A0 +
R
Z 2 Z 2π Z π
1 ~ ~ R
Q = dAE = dφ sin θdθEr (R, θ)
4π Σ 4π 0 0
R2 π ∂ R2 π
Z Z  
B0
= − V (r, θ)r=R = − − 2 + 3E cos θ = B0
2 0 ∂r 2 0 R
44
Eccetto l = 0, che è una costante additiva del potenziale che non cambia il valore
del campo elettrico e posso sempre scegliere a piacere, e l = 1, che però equivarrebbe ad
aggiungere un campo elettrico esterno costante, cosa che non vogliamo fare.
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 159

Quindi avremo

R2
   
Q R r
V (r, θ) = V0 + − 1 + ER − 2 cos θ
R r R r

Se la sfera era isolata e scarica inzialmente, Q = 0 e quindi

R2
 
r
V (r, θ) = V0 + ER − 2 cos θ
R r

Quindi un dipolo elettrico posto dentro una sfera conduttrice genera un campo
indotto costante all’interno della sfera, mentre un campo elettrico costante
all’esterno della sfera genera un campo indotto uguale a quello di un dipolo
elettrico all’esterno della sfera.
Corollario interessante: Nella sezione di algebra abbiamo visto che per x, x0 ∈
R:

1 1 X  x0  n
= , x0 < x
|x − x0 | x n=0 x
∞  n
1 1 X x
= , x0 > x
|x − x0 | x0 n=0 x0

Dato che spesso nel calcolo dei campi elettrici ci ritroviamo a calcolare spesso
1
|~r − ~r0 |

sarebbe utile avere tale espressione generalizzata al caso del vettore. Un modo
per trovare i primi termini è usare il teorema di Carnot, come abbiamo fatto
in alcuni esercizi, e fare le espansioni in serie. Tuttavia c’e un metodo più
veloce, basta ricordarsi che

1 1 X  r0 l
= Pl (cos θ), r0 < r
|~r − ~r0 | r l=0 r
∞  l
1 1 X r
= Pl (cos θ), r0 > r
|~r − ~r0 | r0 l=0 r0
160 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Equazione di Poisson
Ne avevate avuto abbastanza con l’equazione di Laplace, che era gia
abbastanza complicata? Ecco, l’equazione di Poisson è ovviamente peggio,
perché si tratta di risolvere l’equazione non omogenea associata
∇2 V = f (x, y, z)
Non andremo molto nei dettagli riguardo a questa equazione. La prima cosa
da notare è che è anche questa una equazione lineare, quindi, per trovare tutte
le sue soluzioni, basterà trovare una soluzione particolare dell’equazione di
Poisson, a cui aggiungere tutte le soluzioni dell’equazione di Laplace. Quindi,
al solito, il problema più grande sarà trovare la giusta combinazione lineare di
soluzioni dell’equazione omogenea (Laplace) da aggiungerci per fare tornare
bene le condizioni al contorno, ma noi non ci occuperemo di questo ora. Per
trovare la soluzione particolare che funzioni, si può procedere al solito con la
separazione della variabili45 . Scrivendo
f (r, θ, φ) = f r (r)f θ (θ)f φ (φ)
nel caso di coordinate sferiche, o in modo anologo per gli altri sistemi, la risolu-
zione dell’equazione può poi essere fatta proiettando la funzione su opportuni
stati. Farò ora un esempio per spiegare cosa significa “proiettare”. Nel caso di
coordinate sferiche per esempio, assumento che f φ (φ) = 1, possiamo riscrivere
una funzione periodica f θ (θ) come combinazione lineare di Pl (cos θ), e poi
risolvere termine per termine. Ad esempio
∇2 V = f r (r) cos2 θ
dove f r (r) è una generica funzione di r. Possiamo scomporre
2 1
cos2 θ = P2 (cos θ) + P0 (cos θ)
3 3
e poi cercare due soluzioni del tipo
P0 (cos θ)
∇2 V0 (r, θ) = f r (r) , V0 (r, θ) = R(r)P0 (cos θ)
3
2P2 (cos θ)
∇2 V2 (r, θ) = f r (r) , V2 (r, θ) = R(r)P2 (cos θ)
3
45
Se la funzione f non è a variabili separabili, potete sempre scriverla come somma di
cosa a variabili separabili. Non spiegherò qui come fare questo in generale, perché sarebbe
troppo lungo.
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 161

Tutti i termini in θ e φ mi si semplificheranno, e il problema sarà ridotto a


risolvere un’equazione differenziale lineare di secondo ordine ordinaria.

Esempio 2.4.4. Consideriamo una sfera uniformemente carica. Il potenziale


al suo interno si potrebbe trovare semplicemente con il teorema di Gauss,
ma noi ci vogliamo fare del male quindi proveremo a trovarlo risolvendo
l’equazione di Poisson.
In questo paragrafo, per semplificare i conti non utilizzeremo

ρ
∇2 V = −
0
Bensı̀

∇2 V = −k4πρ
1
Chiaramente ponendo k = 4π 0
tutto torna identico a prima. Tuttavia,
dato che sono pigro non metterò nemmeno k, per cui ricordatevi che manca
quel termine quando trovate le formule per il potenziale.
Se la densità di carica è uniforme, la nostra funzione f sarà una costante.
Quindi nel “proiettare” avremo solo l = 0:

V (r, θ, φ) = V (r)
2 1 ∂2
∇V = (rV (r)) = −4πρE
r ∂r2
Integrando due volte l’equazione troviamo

∂2
(rV (r)) = −4πρE r
∂r2
∂ r2
(rV (r)) = −4πρE + C1
∂r 2
r3
rV (r) = −4πρE + C1 r + C0
6
2π C0
V (r) = − ρE r2 + C1 +
3 r
Al solito dobbiamo scegliere le giuste costanti e per farlo dobbiamo sempre
chiederci il loro significato fisico. Calcoliamo la carica contenuta all’interno
162 CAPITOLO 2. MATEMATICA

di una distanza r:
r2 2π π r2 π
Z Z Z Z
1 ~ ~ ∂
Q(r) = dA · E = dθ sin θEr = − dθ sin θ V
4π Σ 4π 0 0 2 0 ∂r
2 Z π
 
r 4π C0 4π
= dθ sin θ ρE r + 2 = ρE r3 + C0
2 0 3 r 3

Dato che ρE 4π
3
r3 è la carica che mi sarei aspetatto dalla nostra distribuzione
omogenea, significa che C0 sarebbe una carica aggiuntiva posta nell’origine.
Non la vogliamo, quindi C0 = 0:

V (r) = − ρE r2 + C1
3
A questo punto è logico che il significato di C1 è il potenziale che vogliamo
scegliere nel punto r = 0.
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 163

Equazione di Fourier
In questa sezione, vogliamo studiare le soluzioni dell’equazione di Fourier


T = k∇2 T
∂t
Questa equazione sembra ancora più complicata di quella di Laplace, dato
che ora abbiamo una quarta coordinata, il tempo. Ed in effetti lo è. Però
abbiamo già fatto molta strada! Innanzitutto le soluzioni stazionarie, ovvero
dove la temperatura non varia con il tempo sono quelle di

∇2 T = 0

Ovvero sono sempre soluzioni delle equazioni di Laplace, che abbiamo già
studiato in buon dettaglio. Passiamo ora alle soluzioni variabili nel tempo.
Discutere il caso più generale è alquanto complicato, quindi considereremo
alcuni casi con particolari simmetrie: in particolare invarianza per traslazione
lungo due dei 3 assi (sistema cartesiano), invarianza per rotazioni attorno ad
un asse e traslazioni lungo lo stesso (cilindriche) o invarianza per rotazioni
attorno a qualsiasi asse (sferiche).
Coordinate Cartesiane
L’equazione si riduce ad avere solo due coordinate: (x, t):

∂ ∂2
V = k 2V
∂t ∂x
L’equazione può essere al solito risolta per separazione delle variabili:

V (t, x) = T (t)X(x)
Ẍ(x) = −n2 X(x)
Ṫ (t) = −kn2 T (t)

da cui

2 π 2 kt
X
V[0,1] (t, x) = Cn sin(nπx)e−n
n=1

dove ho anche imposto le condizioni al contorno V (t, 0) = V (t, 1) = 0, e i Cn


vanno scelti in modo da riprodurre il giusto valore per V (0, x). Questo spesso
significa calcolare la serie di Fourier di V (0, x). Questo metodo funziona solo
164 CAPITOLO 2. MATEMATICA

se il dominio per x è limitato. Nel caso sia illimitato (x ∈ [0, ∞) oppure


x ∈ (−∞, ∞)) è necessario l’utilizzo della soluzione46
Z ∞
V (t, x) = dyV[0,∞] (t, x − y)g(y)dy
0

dove
1 x2
V[0,∞] (t, x) = √ e− 4kt
4πkt
Esempio 2.4.5. Vogliamo calcolare l’evoluzione temporale di un sistema
fatto di due piastre infinite in posizione x = 0 ed x = 1 tenute a temperature
fisse T1 , T2 < T1 che contengono al loro interno un materiale con diffusività k
a temperatura iniziale T0 (x) = T2 .
Soluzione
Cominciamo col calcolare lo stato di equilibrio finale: sarà
∂2
∇2 T = T =0
∂x2
La cui soluzione è
T (x) = T1 + (T2 − T1 )x
La soluzione completa sarà data dalla somma di questa soluzione con una
dipendente dal tempo

T (t, x) = T1 + (T2 − T1 )x + T̂ (t, x)

Le condizioni al bordo per T̂ saranno

T (t, 0) = T1 + T̂ (t, 0) = T1
T (t, 1) = T2 + T̂ (t, 1) = T2

ovvero
T̂ (t, 0) = T̂ (t, 1) = 0
che è proprio il caso che abbiamo considerato per il nostro sviluppo in serie.
La condizione al bordo per t = 0 è invece47

T (0, x) = T1 + (T2 − T1 )x + T̂ (0, x) = T0 (x) = T2


46
Questa vale per x ∈ [0, +∞), ma ne esiste una simile per x ∈ (−∞, +∞).
47
la funzione T0 (x) è discontinua, ma è uguale a T2 in ogni punto diverso da x = 0.
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 165

ovvero
T̂ (0, x) = (T2 − T1 ) (1 − x)
Per utilizzare la soluzione con lo sviluppo in serie, bisogna trovare i Cn tali
che ∞
X
Cn sin(nπx) = (T2 − T1 ) (1 − x)
n=1

Per trovare i Cn basta proiettare su uno stato sin(mπx):



X
Cn sin(nπx) sin(mπx) = (T2 − T1 ) (1 − x) sin(mπx)
n=1
Z 1 ∞
X Z 1
dx Cn sin(nπx) sin(mπx) = dx (T2 − T1 ) (1 − x) sin(mπx)
0 n=1 0

solo un termine della somma sopravvive, quello con n = m:


Z 1 Z 1
2 Cn
dxCn sin (nπx) = = dx (T2 − T1 ) (1 − x) sin(nπx)
0 2 0

Da cui trovo
2
Cn = (T2 − T1 )

E la soluzione completa è

X 2 2 2
T (t, x) = T1 + (T2 − T1 )x + (T2 − T1 ) sin(nπx)e−n π kt
n=1

Una cosa da notare, è che anche senza saper trovare i coefficienti Cn , si è


comunque in grado di dare una stima del tempo necessario per raggiungere
l’equilibrio, esso sarà dato approssimativamente dalla costante di tempo che
compare nell’esponenziale, ovvero
1
= n2 π 2 k
τ
Dove come n sceglierò n = 1 in quanto mi da il tempo scala più lungo di tutti.
Da notare che le unità di k sono diverse dal solito per via del fatto che all’inizio
ho riassorbito tutte le unità di lunghezza in k per rendere adimensionale.
Ripristinado le giuste unità si trova
1 π2k
= 2
τ x
166 CAPITOLO 2. MATEMATICA

dove al posto di x andrà messo lo spessore del sistema.


Coordinate Cilindriche
L’equazione si riduce ad avere solo due coordinate: (ρ, t):
 
∂ 1 ∂ ∂
V =k ρ V
∂t ρ ∂ρ ∂ρ
Sostituendo
V (t, ρ) = R(ρ)T (t)
Separando le variabili ottengo nuovamente un caso speciale di 2.18 (ovvero
con n = 0 e Cz = n2 > 0):
1 d  
ρṘ(ρ) + n2 = 0
R(ρ)ρ dρ
Ṫ (t) = −kn2 T (t)
La soluzione generale sarà perciò

2 π 2 kt
X
V (t, ρ) = (An J0 (nρ) + Bn Y0 (nρ)) e−n
n=1

Dove J0 è la funzione dei Bessel del primo tipo, regolare nell’origine, e Y0


è la funzione di Bessel del secondo tipo, divergente nell’origine. METTI
GRAFICO.
Coordinate Sferiche
L’equazione si riduce ad avere solo due coordinate: (r, t):
∂ 1 ∂2
V =k (rV )
∂t r ∂r2
Sostituendo
1
V (t, ρ) = R(r)T (t)
r
Ottengo
R̈(r) = −n2 R(r)
Ṫ (t) = −kn2 T (t)
Da cui trovo la soluzione
∞  
X sin nπr cos nπr −n2 π2 kt
V (t, r) = An + Bn e
n=1
r r
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 167

Esempio 2.4.6. Abbiamo un uovo preso dal frigo, a temperatura T1 e lo


mettiamo in una pentola di acqua bollente a T2 . Studiare l’evoluzione della
temperatura dell’uovo e del flusso di calore.
Soluzione
All’istante iniziale, la temperatura dell’uovo è uniformemente T1 , a parte la
superficie esterna che è a T2 > T1 . Dopo molto tempo ci aspettiamo che tutto
l’uovo abbia raggiunto la temperatura T2 . Quindi

T (t, r) = T2 + T̂ (t, r)

La condizione a t = 0 è

T (0, r) = T2 + T̂ (0, r) = T1

ovvero
T̂ (0, r) = T1 − T2
mentre le condizioni sul guscio esterno dell’uovo è

T (t, 1) = T2 + T̂ (t, 1) = T2

ovvero
T̂ (t, 1) = 0
Imponiamo queste condizioni sulla soluzione
∞  
X sin nπr cos nπr −n2 π2 kt
T̂ (t, r) = An + Bn e
n=1
r r

La condizione del guscio esterno da



2 π 2 kt
X
T̂ (t, 1) = (An sin nπ + Bn cos nπ) e−n =0
n=1
An sin nπ + Bn cos nπ = 0

ovvero Bn = 0, come potevamo aspettarci dato che vogliamo una soluzione


regolare. La condizione iniziale invece ci dice che
∞  
X sin nπr
T̂ (0, r) = An = T1 − T2
n=1
r
168 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Per trovare i coefficienti An moltiplico da ambo i lati per r sin mπx ed integro
Z 1 ∞
X Z 1
dr An sin nπr sin mπr = (T1 − T2 ) drr sin mπr
0 n=1 0

Solo l’elemento con n = m della somma contribuisce, quindi


Z 1 Z 1
2
An dr sin nπr = (T1 − T2 )
drr sin nπr
0 0
Z 1 Z 1
2 An T1 − T2
An dr sin nπr = = (T1 − T2 ) drr sin nπr = (−1)n
0 2 0 nπ
2(T1 − T2 )
An = (−1)n

Da cui si ricava la soluzione finale

X 2 sin nπr −n2 π2 kt
T (t, r) = T2 + (T1 − T2 ) (−1)n e
n=1
nπ r

Il flusso di calore è
∞  

~ r) = k̂∇T = k T (t, r)r̂ = 2k(T1 −T2 )r̂
X sin nπr 2 2
J(t, n
(−1) cos nπr − e−n π kt
∂r n=1
nπr

dove k̂ è la conduttività termica, da non confondere con k la diffusività


termica, e la loro relazione è
k̂ = kCρ
dove ρ è la densità del materiale e C è il suo calore specifico. L’energia totale
trasferita all’uovo è
Z t Z ∞ Z t
2 2
X
E(t) = dt dΣ ~ · J(t,
~ 1) = −8π k̂(T1 − T2 ) dte−n π kt
0 Σ n=1 0

k̂ 1 X 2 2
= −8π (T1 − T2 ) 2 2
(1 − e−n π kt )
k n=1


8πCρ(T1 − T2 ) X 1 8πCρ(T1 − T2 ) π 2 4π
lim E(t) = − 2 2
= − 2
= Cρ(T2 − T1 )
t→∞ π n=1
n π 6 3
2.4. EQUAZIONI DIFFERENZIALI ALLE DERIVATE PARZIALI 169

che ripristinando le unità di lunghezza è


4π 3
lim E(t) = R Cρ(T2 − T1 ) = M C(T2 − T1 )
t→∞ 3
dove M è la massa totale dell’uovo, come ci aspettavamo. Analogamente
all’esempio 2.4.5 la costante di tempo per l’equilibrio è

1 π2k
= 2
τ x
Dove x deve essere preso pari alla lunghezza caratteristica, ovvero il raggio
dell’uovo.
170 CAPITOLO 2. MATEMATICA

2.5 Cenni di statistica


Media e varianza Dati N numeri reali {x1 , x2 , . . . xn } definiamo la loro
media aritmetica µ
N
1 X
µ= xi
N i=1
Definiamo la varianza σ 2 la quantità
N
2 1 X
σ = (xi − µ)2
N i=1

La quantità σ = σ 2 viene chiamata deviazione standard. Notare che la
deviazione standard ha la stessa unità di misura degli xi , la varianza no.
Vorrei far notare che la varianza (o la deviazione standard), rappresentano
concretamente quanto i numeri sono dispersi rispetto alla media. Per esempio,
se abbiamo i due campioni

C1 = {3, 6, 9} C2 = {6, 6, 6}
Abbiamo che ovviamente µ1 = µ2 = 6, tuttavia σ22 = 0, semplicemente
applicando la definizione, perché ogni xi è uguale a µ. σ1 invece vale
1
σ12 = (3 − 6)2 + (6 − 6)2 + (9 − 6)2 = 6

3
Nota. Non abbiamo scelto la quantità
N
1 X
q= (xi − µ)
N i=1
come rappresentante della dispersione perché
N N
1 X 1 X N
q= xi − µ=µ− µ=0
N i=1 N i=1 N
Potevamo scegliere la quantità
N
1 X
q= |xi − µ|
N i=1
2.5. CENNI DI STATISTICA 171

Per evitare di avere sempre 0, ma la varianza definita come sopra ha più


significato e soprattutto è più pratica per fare i conti.

Probabilità discreta Per gli scopi di queste dispense e delle Olimpiadi, la


definizione di probabilità è casi favorevoli diviso casi totali. Per esempio, la
probabilità che esca 1 o 2 su un dado a 6 facce è 31 .

Definizione 2.5.1 (Variabile aleatoria). È un nome pomposo per indicare


la rappresentazione di un evento, casuale o meno, con un numero reale. Per
esempio, se vogliamo schematizzare l’esito del lancio di un dado a 6 facce,
la schematizzazione è ovvia. Inventiamo una variabile X che può assumere
6 valori discreti, 1, 2, 3, 4, 5, 6, che rappresentano in modo ovvio l’esito del
lancio.
Se al posto di aver avuto un dado avessi avuto una moneta, la cosa sarebbe
stata sempre banale ma di meno. Invento la variabile X che può assumere
valore 0 o 1, con 0 testa e 1 croce (o viceversa, non è rilevante).

Definizione 2.5.2 (Variabili aleatorie discrete e continue). Una variabile


aleatoria X si dice discreta se può assumere un insieme discreto di valori. Per
esempio la variabile X rappresenta la somma del valore sulle facce di N dadi
è una variabile aleatoria discreta.
Se la variabile può assumere valori con continuità, allora si dice che è una
variabile aleatoria continua. Per esempio, se misuro la distanza percorsa da
un copertone di bicicletta prima di bucarsi, la variabile X può teoricamente
assumere qualsiasi valore in [0, +∞].

Definizione 2.5.3 (Probabilità per una variabile aleatoria discreta). Consi-


deriamo una variabile aleatoria X che può assumere i valori X1 , X2 , . . . Xn .
La probabilità dell’evento Xi si indica con P (Xi ) ed è definita come casi
favorevoli su casi totali.

Per esempio, se abbiamo sempre un dado a 6 facce,


1
P (X1 ) = P (X2 ) = . . . = P (X6 ) =
6
Notare che abbiamo sempre
n
X
P (Xi ) = 1
i=0
172 CAPITOLO 2. MATEMATICA

Definizione 2.5.4 (Media e varianza per una variabile discreta). Data una
variabile discreta di cui si conosce la distribuzione di probabilità P , si definisce
la media attesa µ
n
X
µ= P (Xi )Xi
i=1

Notare che se per ogni P sostituiamo la frazione casi favorevoli diviso


casi totali, otteniamo una sorta di media pesata che tiene conto del fatto che
alcuni eventi capitano più spesso di altri. Notare che nella definizione non c’è
un diviso n finale in quanto la probabilità è già normalizzata in modo che la
somma dei P (Xi ) sia 1.
Allo stesso modo viene definita la varianza σ 2
n
X
2
σ = (Xi − µ)2 P (Xi )
i=1

Densità di probabilità Si definisce in modo analogo a quanto detto per le


variabili aleatore discrete la probabilità per una variabile aleatoria continua.
Sia x una variabile aleatoria. La funzione p : R → [0, ∞) si dice densità
di probabilità di x se la probabilità di trovare x compresa fra i valori x0 e
x0 + dx è p(x0 )dx. Convincetevi del risultato in termini di aree.
Nota. La probabilità di trovare x compreso fra i valori a e b sarà quindi una
somma di aree infinitesime, ovvero un integrale, ovvero
Z b
P (a < x < b) = p(x)dx
a

Dato che x da qualche parte si deve trovare, se faccio il limite per a →


−∞, b → ∞, ottengo
Z ∞
1= p(x)dx
−∞

Ovvero la funzione distribuzione di probabilità sottende un’area sempre


uguale a 1. Questo non vuole assolutamente dire che f (x) < 1. Possiamo
infatti avere una funzione molto alta intorno a 0 che decresce molto in fretta.
2.5. CENNI DI STATISTICA 173

Definizione 2.5.5 (Media e varianza per una variabile continua). Analoga-


mente al caso discreto, si definisce la media attesa di una variabile aleatoria
x di cui si conosce la funzione densità di probabilità
Z ∞
µ= xp(x)dx
−∞

Similmente si definisce la varianza σ 2


Z ∞
2
σ = (x − µ)2 p(x)dx
−∞

Valore di aspettazione Data una variabile aleatoria x, sia discreta che


continua e una generica funzione di x, f (x), si definisce il valore di aspettazione
di f (x)
Z ∞
E[f (x)] = f (x)p(x)dx
−∞
n
X
E[f (X)] = f (Xi )P (Xi )
i=1

Dove ovviamente una definizione è per il caso discreto e una per il caso
continuo. Vorrei far notare che il termine valore di aspettazione non è scelto
a caso, in quanto moltiplicando la funzione per la densità di probabilità,
otteniamo esattamente la media dei valori che può assumere f (x).
Infatti, se f (x) = x
Z ∞
E[x] = xp(x)dx = µ
−∞

Vediamo ora come la varianza si può scrivere in un modo equivalente in


termini di valori di aspettazione

Z ∞ Z ∞
2 2 2
σ = (x − µ) p(x)dx = E[(x − µ) ] = (x2 − 2µx + µ2 )p(x)dx =
−∞ −∞
Z ∞ Z ∞ Z ∞
2 2
= x p(x)dx−2µ xp(x)dx+µ p(x)dx = E[x2 ]−2µ2 +µ2 = E[x2 ]−(E[x])2
−∞ −∞ −∞
2
Notare che essendo σ ≥ 0, abbiamo ottenuto che
174 CAPITOLO 2. MATEMATICA

(E[x])2 ≤ E[x2 ]
Risultato non scontato ed interessante, ovvero se faccio la media dei
quadrati di qualcosa, sarà sempre maggiore o uguale del quadrato della
media.48

Funzione di ripartizione

La funzione Gaussiana

48
Alle olimpiadi di matematica è una disuguaglianza nota chiamata AM-QM
Capitolo 3

Fisica

3.1 Meccanica
Tutta la meccanica si riconduce a saper scrivere bene F~ = m~a e poi
integrare. Io mostrerò le tecniche standard che permettono di risolvere i
problemi.

3.1.1 Statica
Se un corpo Xè in equilibrio, si avrà che ~a = 0 e ~v = 0. Di conseguenza,
Dovrà essere F~ = 0

Forza di gravità Una forza che c’è praticamente sempre nei problemi
di meccanica è la forza peso. Vicino alla superficie terrestre, con ottima
approssimazione il vettore ~g è costante e la forza peso vale sempre F~ = m~g .
Nel capitolo sulla gravitazione tratterò nel dettaglio il caso in cui questa
approssimazione non è applicabile e bisogna ricorrere alla formula di Newton
F~ = − GM
r2
m
rb

Forze vincolari Ci sono vincoli in praticamente ogni problema di meccanica.


Il fatto di potersi muovere sul pavimento senza affondare è un vincolo, per
esempio. I vincoli si distinguono in due tipi principali e in base a questi si
può subito dire che tipo di forza eserciteranno. Ci sono i vincoli senza attrito,
detti vincoli lisci e i vincoli con attrito.

175
176 CAPITOLO 3. FISICA

I vincoli lisci in particolare sono molto migliori da trattare in quanto


la forza che esercitano è sempre ortogonale alla superficie. Questa potete
prenderla come una sorta di definizione di vincolo liscio, in quanto qualsiasi
componente tangente alla superficie è in grado di compiere lavoro e questo
viene quindi considerato attrito.
I vincoli che non sono lisci, vengono di solito trattati banalmente scompo-
nendo le forze nella parte di vincolo puro e nella parte di attrito, trattandole
separatamente, in quanto entrambe le due componenti hanno direzione definita
e, sperabilmente, anche un modulo facile da ricavare.

Attrito Attrito è un modo vago per dire spreco di energia. In ogni situazione
ci sono tipi di attrito diversi e quindi anche molti modelli diversi di descriverli.
In particolare, per problemi di meccanica potrete avere a che fare con questi
tipi di attrito.

1. Attrito statico. Ovviamente si ha questo tipo di attrito quando un


oggetto è fermo, come un oggetto appoggiato su un tavolo, oppure il
suo punto di contatto è istantaneamente fermo, come quando si ha una
palla che rotola senza strisciare sul pavimento. Il punto di appoggio
sarà istantaneamente fermo e quindi l’attrito sarà di tipo statico.
Per descrivere questo attrito è necessario un coefficiente, di solito chia-
mato µ, che dipende dalle superfici dei due oggetti che si sfregano. Nella
maggior parte dei casi è un numero minore di 1, ma se si prende gomma
contro asfalto, per esempio, può anche essere più alto.
Ricordate che in generale la forza di attrito statico non è FA = µN .
Questa formula vale per l’attrito statico massimo, ovvero il massimo
valore che può raggiungere, ma non necessariamente viene raggiunto
questo valore. Non usate quindi quella formula a sproposito. Per
esempio, un mattone appoggiato su un piano non ha bisogno di attrito
per stare fermo. Anzi, la presenza dell’attrito lo farebbe inspiegabilmente
accelerare da qualche parte, in quanto sarebbe l’unica forza orizzontale.

2. Attrito dinamico. Quando avete un oggetto che striscia sul tavolo o


contro un altro oggetto, ovviamente l’attrito non può più essere statico.
Questo attrito compie lavoro, a differenza del precedente, ed è quindi
causa di perdita di energia meccanica, di solito sotto forma di calore. Il
modello più semplificato di attrito dinamico prevede che valga sempre
3.1. MECCANICA 177

la formula FAd = µd N . La direzione dell’attrito è sempre tangente la


superficie e si oppone allo spostamento, in particolare, FbA = −b v dove il
versore vb indica la velocità relativa fra le superfici. Vorrei far notare che
per il terzo principio della dinamica, se c’è attrito fra due oggetti, per
esempio un mattone e il pavimento, se il pavimento trattiene il mattone
facendolo rallentare, il mattone a sua volta trascina il pavimento dietro
di sè. Ricordatevi questa cosa in particolare se avete a che fare con due
oggetti che si possono muovere entrambi, in quanto l’attrito fra i due
conterà su entrambi gli oggetti.
Un dettaglio: vedendo i dati tabulati, µd ≈ 12 µs
3. Attrito viscoso. Quando si spara un proiettile o semplicemente ci
si muove in auto, non si può non tenere conto della resistenza dell’aria
sugli oggetti che vi si muovono attraverso. La cosa diventa ancora più
importante se ci si muove in un liquido, per esempio in acqua. Come
per l’attrito fra superfici, non esiste un modo esatto per descriverlo,
ma solo modelli che si adattano bene o meno bene alla situazione. I
modelli che vi capiterà di utilizzare sono principalmente due e ora darò
un rapido sguardo ad entrambe.
In generale, è plausibile aspettarsi che la forza di attrito dipenda dalla
velocità relativa fra il mezzo e l’oggetto e che la direzione sia quella
della velocità, con verso opposto. Di conseguenza, ci aspettiamo

F~ ∝ −v α vb

Sperimentalmente si vede che il coefficiente α è normalmente compreso


fra 1 e 2. Se siamo in un regime di bassa velocità e flusso laminare,
allora saremo più vicini a 1, se siamo estremamente veloci e c’è flusso
tubolento, come sparando un proiettile o andando in autostrada, allora
il coefficiente sarà più vicino a 2.
Andando a buonsenso, ci aspettiamo che il coefficiente di proporzionalità
dipenda da una caratteristica intrinseca del mezzo e da una quantità
che indichi l’area efficace dell’oggetto che fa resistenza.
Nel caso di moto veloce, ci aspettiamo inoltre che la forza da esercitare
non sia tanto dipendente dalle caratteristiche di resistenza del mezzo
quanto al fatto che per andare avanti è necessario spostare della massa.
Sarà quindi più significativa la densità del fluido nel secondo caso.
178 CAPITOLO 3. FISICA

Nel primo caso vale quindi la formula di Stokes per il moto laminare

F~a = −6πRs η~v (3.1)

Dove Rs è una lunghezza caratteristica del sistema. Se l’oggetto è una


sfera immersa in un fluido, allora Rs è il raggio della sfera. Nel caso di
oggetti di forma più irregolare, il problema si complica e di solito non si
sa qual è la lunghezza caratteristica se non in modo approssimato. La
costante η si chiama viscosità del mezzo ed è quindi la caratteristica
del fluido che indica quanto questo fa attrito. Notare che la viscosità si
misura in Pa · s, che vengono chiamati Poise.
Nel secondo caso, invece ci aspettiamo una formula del tipo

1
F~a = − cr ρAv 2 vb (3.2)
2
Dove ρ è la densità del fluido, v la velocità relativa, A la sezione d’urto
e cr una costante adimensionale che indica approssimativamente se la
forma dell’oggetto facilita il moto o aumenta la resistenza.
Purtroppo in una gran parte dei casi si ha una situazione intermedia fra
le due che viene difficilmente descritta da delle equazioni elementari.1

Funi e tensioni Nella maggior parte dei problemi di meccanica si ha a


che fare con delle funi inestensibili e anche di massa trascurabile (ma non
sempre). Dato che le funi hanno massa nulla, affinché sia vero F = ma, deve
per forza essere F = 0, ovvero se ad un capo della fune è applicata una certa
forza, questa si trasmetterà inalterata fino all’altro capo. La forza trasmessa
sarà quindi la tensione della fune.
È molto importante notare che la fune è inestensibile, in quanto questa
affermazione indica un vincolo cinematico piuttosto importante e utile, che
spesso viene dato per scontato ma non va comunque dimenticato. In parole
povere sto dicendo che se la fune è inestensibile e ci sono due oggetti ai suoi
capi, questi due oggetti dovranno avere la stessa accelerazione in modulo.
1
Il moto di un fluido in generale viene descritto dalle equazioni di Navier-Stokes, che
danno un modello molto generale (ma non il più generale) di fluido in moto. L’unico
problema di queste equazioni è che sono molto complicate da integrare. Per molto complicate
intendo che sono uno dei 7 problemi del millennio. Nella maggior parte dei casi ci si
accontenta di far lavorare dei supercomputer per simulare quello che può succedere.
3.1. MECCANICA 179

Bilanciare le forze
Consiglio molto vivamente di fare sempre un disegno grande e che permetta
anche alla gente ignorante come me in geometria di disegnare gli angoli senza
sbagliarli. Ricordate di disegnare innanzitutto sull’oggetto tutte le forze
agenti su di lui e, se è opportuno farlo, anche la forza uguale e contraria che
esercita sull’altro. Per esempio se ho un blocchetto appoggiato su un cuneo
che può scivolare sul piano, è molto utile disegnare entrambe le forze.
Non dimenticate che se una forza vi risulta scomoda da trattare in quanto
non ha la stessa direzione delle altre, potete sempre scomporla nelle sue
componenti lungo altre direzioni. È sufficiente moltiplicare per un seno o un
coseno.

Bilanciare i momenti

XSe un corpo esteso è in equilibrio statico, allora si avrà sicuramente


F~ = 0, ma non solo. Si dovrà avere anche che rispetto ad un qualsiasi
X
polo scelto, la somma dei momenti ~τ sarà 0. Ricordate di scegliere poli
intelligenti, per esempio poli in cui il momento delle forze che non avete voglia
di calcolare è 0. Questo accade se vi mettete nel punto di applicazione di
quella forza oppure se semplicemente scegliete un polo lungo quella retta di
applicazione. Se siete furbi (e fortunati), potreste far sparire diverse forze
fastidiose solo con una scelta accurata del polo.

3.1.2 Dinamica del punto materiale


Sistemi di riferimento
Mentre per la statica si ha a che fare con oggetti fermi2 , quando si comincia
con la dinamica del punto materiale è opportuno puntualizzare delle cose.
Innanzitutto definiamo cosè un sistema di riferimento.
Consiglio di leggere la parte sulle coordinate sferiche e curvilinee in generale
nella parte di matematica prima di affrontare questo paragrafo.

Definizione 3.1.1 (Sistema di riferimento). Nello spazio in cui viviamo, un


sistema di riferimento è costituito da un centro, che è un punto dello spazio,
eventualmente in movimento, e un sistema di coordinate che permetta di
2
Domandatevi sempre rispetto a cosa.
180 CAPITOLO 3. FISICA

determinare ogni punto dello spazio in modo univoco. Il sistema più classico
è il riferimento cartesiano, costituito da 3 assi ortogonali fissi.
Oltre a queste due caratteristiche, un sistema di riferimento deve anche
associare ad ogni punto dello spazio una terna di versori (preferibilmente
ortogonali), che non devono essere in generali uniformi nello spazio. Nel caso
delle coordinate sferiche, per esempio, variano da punto a punto.

Per riuscire a fare della Fisica, è necessario in un certo senso dire quando
valgono le leggi della fisica e cercare di correggere i casi in cui non valgono.
Per farlo, è necessario definire un sistema di riferimento inerziale

Definizione 3.1.2 (Sistema di riferimento inerziale (SRI)). Un sistema di


riferimento si dice inerziale se un punto materiale a cui non sono applicate
forze si muove di moto rettilineo uniforme, ovvero con ~a = 0

La Terra non è un riferimento inerziale, in quanto ruota intorno al Sole


e su se stessa, e di conseguenza un oggetto che si muove di moto rettilineo
uniforme vero verrebbe visto come accelerato da noi. Tuttavia, dato che le
accelerazioni sono molto piccole, le leggi valgono con ottima approssimazione.
Vedremo comunque come correggere in modo esatto questi problemi.
Vorrei far notare che in generale un riferimento rotante non può essere
inerziale. Se due riferimenti ruotano l’uno rispetto all’altro, quindi, almeno
uno dei due non è inerziale.
Esistono davvero i riferimenti inerziali? Questa è una domanda più da
filosofo che da fisico. Infatti, supponendo che ne esista almeno uno, ne esistono
infiniti, in quanto se un riferimento 2 si muove a velocità fissata rispetto al
riferimento 1, inerziale, allora l’accelerazione di un generico oggetto misurata
da 2 è uguale all’accelerazione misurata da 1. Di consegenza, se vale la legge
di inerzia in 1, vale anche in 2.
Quello che interessa ad un fisico è riuscire a capire quando può applicare
certe formule e come correggerle se non può applicarle. In questo capitolo
tratteremo solo riferimenti inerziali. Consultate l’indice per trovare il capitolo
sui riferimenti non inerziali, in cui il tutto verrà spiegato più nel dettaglio.

Diagramma di corpo libero Come per la statica, è sempre opporuno


fare un disegno grande e calcolarsi la risultante delle forze, se necessario
scomponendo le forze lungo le direzioni utili. Una volta calcolate le forze,
Bisogna usare F~ = m~a per risolvere il moto.
3.1. MECCANICA 181

Coordinate cartesiane Le coordinate cartesiane hanno qualcosa di più


rispetto alle altre, molto più profondo di quanto possiate immaginare ora. In
ogni caso, se scegliete un riferimento cartesiano con assi fissi, l’accelerazione
di un oggetto si esprime molto bene. Infatti, avendo F~ = m~a

Fx = max = mẍ

Fy = may = mÿ

Fz = maz = mz̈

Moto del proiettile Questo è un esempio semplicissimo che in realtà è


molto istruttivo. Consideriamo un punto materiale che si muove in una regione
dello spazio in cui è sottoposto ad una forza costante F~ = m~g . Consideriamo
il problema generico in cui l’oggetto parte dal punto ~x0 con velocità ~v0 .
Data l’assoluta invarianza traslazionale del problema, non abbiamo nemmeno
bisogno di scegliere un sistema di riferimento per trovare il moto dell’oggetto.
Lo faremo solo alla fine per ritrovare il risultato che già conosciamo.
Dato che F~ = m~x,¨ si ha che~x ¨ = ~g . Se integriamo una volta si ottiene
Z t Z t
¨
~xdt = ~g dt ⇒ ~v (t) − ~v0 = ~g t ⇒ ~v (t) = ~v0 + ~g t
0 0
Ora possiamo integrare di nuovo per ottenere
Z t Z t
1
~v (t)dt = (~v0 + ~g t) dt ⇒ ~x(t) − ~x0 = ~v0 t + ~g t2
0 0 2
1
~x(t) = ~x0 + ~v0 t + ~g t2
2
Ora per semplicità possiamo scegliere un riferimento in modo che ~x0
coincida con l’origine. In questo modo, il primo termine sparisce e ci rimane
1
~x(t) = ~v0 t + ~g t2
2
Questa formula ci dice in modo chiaro che il vettore posizione si muove
solo nel piano generato dai vettori ~v0 e ~g . Di conseguenza, la traiettoria è una
curva piana.
Prendiamo gli assi fissi del riferimento in questo modo: yb parallelo a ~g e
di verso opposto e xb ortogonale a yb e appartenente al piano della traiettoria.
L’asse z è evidentemente superfluo.
182 CAPITOLO 3. FISICA

In questo modo, ritroviamo il risultato che già conoscevamo


(
x(t) = v0 cos θt
y(t) = v0 sin θt − 21 gt2
Per vedere che questa è davvero una parabola nel piano x − y, possiamo
semplicemente eliminare dal sistema la variabile t ottenendo
 2
x x 1 x
t= ⇒ y(x) = v0 sin θ − g
v0 cos θ v0 cos θ 2 v0 cos θ
Che è evidentemente una parabola.

Coordinate curvilinee Spesso il problema presenta vincoli o simmetrie


tali da rendere poco utile un riferimento cartesiano e molto più utile un
riferimento polare, per esempio. Questi problemi normalmente permettono di
scrivere in modo molto semplice le forze ma hanno lo svantaggio di cambiare
l’espressione dell’accelerazione.
Facciamo un secondo chiarezza su cosa si intende per velocità e accelera-
zione in altri sistemi di coordinate.
La velocità e l’accelerazione sono vettori, il che vuol dire che esistono di per
sè e se io ruoto il riferimento, semplicemente sto cambiando le loro proiezioni
sui versori che ho scelto. Il vettore accelerazione dunque non è diverso, ma
cambia il suo modo di rappresentarlo. In un riferimento cartesiano è
 

~a =  ÿ 

È abbastanza ovvio che in coordinate polari nel piano, definite come
(
x = r cos θ
y = r sin θ
l’accelerazione non potrà essere
 

~a =
θ̈
In quanto essendo lo stesso vettore rappresentato in modi diversi, dovrà
quantomeno avere unità di misura coerenti. Per il calcolo esplicito di come si
3.1. MECCANICA 183

ottiene la formula vera, si rimanda al capitolo di calcolo vettoriale. Per ora ci


limiteremo a riportare la formula 2.5 e commentarla.
 
r̈ − rθ̇2
~a =
rθ̈ + 2ṙθ̇
Consideriamo a titolo di esempio il moto circolare uniforme. In tal caso,
ṙ = θ̈ = 0. Di conseguenza,
 
−rθ̇2
~a = = −rθ̇2 rb
0
Ovvero l’accelerazione è centripeta e il suo modulo vale a = rω 2 , come ci
aspettavamo. Ora consideriamo il caso leggermente più generale in cui un
oggetto si muove vincolato su una circonferenza ma non necessariamente in
modo uniforme. In tal caso, avremo solo ṙ = 0.
 
−rθ̇2
~a =
rθ̈
Ricordatevi questa cosa quando avete a che fare con un oggetto che si
muove su una circonferenza.
Ovviamente le coordinate sferiche sono utili quando si hanno oggetti che si
muovono nel piano. In generale avremo bisogno di 3 coordinate per descrivere
completamente il moto di un oggetto. Vediamo quindi le coordinate sferiche,
che sono state definite nel capitolo di analisi vettoriale.
Riportiamo la formula 2.7 per l’accelerazione in coordinate sferiche

2 2 2
ar = r̈ − rθ̇ − r sin θφ̇

aθ = rθ̈ + 2ṙθ̇ − r sin θ cos θφ̇2

aφ = r sin θφ̈ + 2ṙ sin θθ̇ + 2r cos θθ̇φ̇

In molti casi si ha a che fare con oggetti che si muovono con φ̇ = costante =
ω, θ̇ = 0 e ṙ = 0. Fisicamente, ci indicano per esempio un pendolo che non si
muove su un piano ma su una circonferenza, di moto circolare uniforme. In
questo caso le equazioni si riducono a

2 2
ar = −r sin θω

aθ = −r sin θ cos θω 2

aφ = 0

184 CAPITOLO 3. FISICA

Vorrei far notare che questa accelerazione si può scrivere come


 
sin θ
~a = −r sin θω 2  cos θ 
0
Che è un vettore di modulo |~a| = ω 2 r sin θ che punta verso il centro di
rotazione (METTI UN DISEGNO). Notare che r sin θ è esattamente il raggio
della circonferenza percorsa dal punto materiale.

Esempio 3.1.1 (Pendolo sferico). Vediamo in modo più approfondito il


pendolo sferico, per fare un esempio di come usare la formula dell’accelerazione
in coordinate curvilinee. Come per il pendolo semplice, non è un problema
risolubile in modo esatto. Ci accontenteremo di alcuni casi particolari che
siano istruttivi.
Consideriamo quindi un punto materiale sospeso con una fune inestensibile
di massa trascurabile, sotto l’effetto della sua forza peso m~g . Ovviamente
si avrà ṙ = 0, in quanto il filo è inestensibile. Scomponiamo le forze lungo
i versori del sistema di riferimento sferico. È evidente dal disegno che sia
la tensione della fune, sia il peso, stanno nel piano generato dai versori θ,b rb.
Lungo φ non si avranno quindi forze.
Sarà quindi
 
−T + mg cos θ
F~ =  −mg sin θ 
0

Imponiamo r = l = cost e F~ = m~a



T 2 2 2
g cos θ − m = −lθ̇ − l sin θφ̇

−g sin θ = lθ̈ − l sin θ cos θφ̇2

0 = l sin θφ̈ + 2l cos θθ̇φ̇

La prima equazione è l’unica a includere la variabile T . Di conseguenza,


può essere utile solo per trovare la tensione una volta risolto il resto del
problema. Per questo motivo la ignoreremo.
(
−g sin θ = lθ̈ − l sin θ cos θφ̇2
0 = l sin θφ̈ + 2l cos θθ̇φ̇
3.1. MECCANICA 185

Chiamiamo ora per semplicità di notazione ω02 = gl . Notare che questa è


la frequenza di oscillazione del pendolo semplice.
(
−ω02 sin θ = θ̈ − sin θ cos θφ̇2
(3.3)
0 = sin θφ̈ + 2 cos θθ̇φ̇
Ora il nostro obiettivo è integrare queste equazioni, per quanto possibile.
Per esempio, sarebbe bello avere un’equazione differenziale nella sola variabile
θ, riuscendo a esprimere φ in funzione di θ e sostituendo.
Notiamo che la seconda equazione sembra quasi la derivata di qualcosa.
Infatti, possiamo scriverla come

d  
0= sin θφ̇ + cos θθ̇φ̇
dt
Che non è ancora quello che vogliamo. Se moltiplichiamo l’equazione
originale per sin θ, tuttavia, otteniamo

d  2 
0 = sin2 θφ̈ + 2 cos θ sin θθ̇φ̇ = sin θφ̇
dt
Ovvero che
sin2 θφ̇ = cost
Ci si poteva arrivare in un altro modo? Beh, il significato fisico dell’ultima
equazione diventa chiaro se la moltiplichiamo per ml2 . Infatti

ml2 sin2 θφ̇ = m|~l × ~v | = Lz


Che era abbastanza prevedibile in quanto se prendiamo come polo il punto
di sospensione, la tensione non fa momento e il peso è sempre rivolto lungo
la verticale, di conseguenza la componente z del momento angolare sarà
conservata.
Possiamo ora sostituire φ̇ nella prima equazione in modo da avere un’e-
quazione differenziale nella sola variabile θ.
 2
Lz
− ω02 sin θ = θ̈ − sin θ cos θ (3.4)
ml sin2 θ
2

Che, credetemi, non si integra esplicitamente. Possiamo tuttavia studiare


qualche caso particolare, come per esempio quando il filo traccia un cono
186 CAPITOLO 3. FISICA

nello spazio, ovvero quando θ è costante. In tal caso l’equazione diventa da


differenziale ad algebrica

L2z
− ω02 sin θ = − cos θ (3.5)
m2 l4 sin3 θ
Prima di procedere, tuttavia, facciamo un piccolo inciso per mostrare
la conservazione dell’energia semplicemente partendo dalle equazioni che
abbiamo già. L’energia totale del nostro punto sarà
1
E = mv 2 − mgl cos θ
2
In generale, in coordinate sferiche il modulo della velocità è

v 2 = ṙ2 + r2 θ̇2 + r2 sin2 θφ̇2


Questa formula non è calata dal cielo ma abbiamo semplicemente calcolato
il modulo della velocità, con la formula 2.6, nel capitolo di analisi vettoriale.
Calcoliamo quindi Ė. Dato che ci aspettiamo che si conservi, dovrebbe venire
identicamente nulla. Ricordiamo che r = l = costante.

Ė = ml2 θ̇θ̈ + ml2 sin θ cos θθ̇φ̇2 + ml2 sin2 θφ̇φ̈ + mgl sin θθ̇ =

   
2 2 2 2
= ml θ̇ θ̈ + sin θ cos θφ̇ + ω0 sin θ + sin θφ̇φ̈
Ricordiamo che abbiamo a disposizione le equazioni 3.3 e 3.4 per fare
sostituzioni, oltre alla formula per φ̇ in termini di Lz . Usando la prima delle
3.3 otteniamo già

     
Ė = ml2 θ̇ 2 sin θ cos θφ̇2 + sin2 θφ̇φ̈ = φ̇ml2 2 sin θ cos θθ̇φ̈ + sin2 θφ̇ =

d  2 
2 dLz
= φ̇ml sin θφ̇ = φ̇ =0
dt dt

Avendo quindi Ė, l’energia si conserva.


Riprendiamo ora il discorso di prima sulla traiettoria conica. In termini
L2
del parametro adimensionale k 2 = 2 4z 2 l’equazione 3.5 diventa
m l ω0
3.1. MECCANICA 187

sin4 θ = k 2 cos θ ⇒ (1 − cos2 θ)2 = k 2 cos θ


Che è in effetti un’equazione di quarto grado in cos θ. Controlliamo alcuni
casi notevoli.

1. Se Lz = 0, allora il pendolo sta fermo. Ma se Lz = 0 allora anche k = 0


e quindi dobbiamo avere cos θ = 1, ovvero che in effetti sta sospeso in
verticale

2. Se togliamo la gravità, allora ω0 → 0, quindi k → ∞. Fisicamente ci


aspettiamo quindi che il pendolo in realtà si muova di moto circolare a
θ0 ≈ π/2 a causa della forza apparente centrifuga.
Se vogliamo che l’equazione abbia soluzione, il membro di sinistra è
sicuramente sempre ≤ 4, quindi dobbiamo avere che cos θ → 0 affinché
k 2 cos θ rimanga limitato, ovvero θ → π/2

Come accade spesso quando troviamo delle posizioni notevoli di alcuni


moti, siamo interessati a vedere se sono di equilibrio instabile o stabile e
nel secondo caso calcolare la frequenza delle piccole oscillazioni intorno alla
posizione di equilbrio. Vediamo quindi come fare.
Piccole oscillazioni vuol dire che ci aspettiamo che il nostro θ(t) = θ0 +α(t)
con α piccolo, dove piccolo detto in questo modo significa tutto e niente.
Se abbiamo un angolo come in questo caso, allora di solito angolo piccolo
significa α  1, ma se avessimo una lunghezza, per esempio, dovremmo
confrontarla con un altro parametro caratteristico del sistema con le dimensioni
di una lunghezza. In fisica, dire piccolo senza specificare rispetto a cosa è
completamente senza senso.
Per vedere quindi se si tratta di una posizione di equilibrio stabile o
instabile ci sono principalmente due modi

1. Studiare l’energia potenziale del sistema in funzione della variabile e


stabilire se il punto di equilibrio rappresenta un massimo (instabile) o
un minimo (stabile) della funzione

2. Espandere in serie l’equazione del moto al primo ordine e vedere se


l’equazione diventa α̈ = −Ω2 α (forza di richiamo e quindi stabile)
oppure α̈ = Ω2 α (forza repulsiva e quindi instabile)
188 CAPITOLO 3. FISICA

Vorrei far notare che i due modi in realtà sono completamente equivalenti
in quanto essendo la forza (o il momento, in realtà non è davvero importante)
∂U
F̃ = −
∂θ
Nel punto di equilibrio si avrà F = 0. Al primo ordine

∂ F̃ (θ0 ) ∂ 2 U (θ0 )
F̃ (θ0 + α) = F̃ (θ0 ) + α=0− α
∂θ ∂θ2
∂ 2 U (θ0 )
E se U ha un massimo relativo, allora < 0, se è un minimo,
∂θ2
2
∂ U (θ0 )
>0
∂θ2
Espandiamo quindi in serie l’equazione del moto. Notare che θ = θ0 + α ⇒
θ̈ = α̈
Lz
−ω02 sin(θ0 + α) = α̈ − cos(θ0 + α)
m2 l4 sin3 (θ0 + α)
Espandendo in serie, usando sin(θ0 + α) = sin θ0 + cos θ0 α e cos(θ0 + α) =
cos θ0 − sin θ0 α
Avendo scelto di espandere al primo ordine, bisogna fare attenzione a
come espandere il denominatore dell’equazione che è (sin(θ0 + α))−3 . Dato
che siamo interessati al primo ordine, possiamo scrivere

 −3  
−3 −3 −3 α −3 3α
(sin(θ0 +α)) ≈ (sin θ0 +cos θ0 α) = sin θ0 1 + ≈ sin θ0 1 −
tan θ0 tan θ0
Tutti i termini successivi sono stati completamente ignorati in quanto
abbiamo deciso in partenza di espandere al primo ordine, quindi possiamo
ignorare tutti i termini αk con k ≥ 2
Siamo finalmente pronti a concludere

 
Lz 3α
−ω02 (sin θ0 + cos θ0 α) = α̈ − (cos θ0 − sin θ0 α) 2 4 3 1−
m l sin θ0 tan θ0
Al momento questa equazione fa abbastanza ribrezzo, ma è facile vedere
che tantissimi termini si semplificano proprio perché θ0 è una posizione di
equilibrio. L’equazione diventa
3.1. MECCANICA 189

L2z 3L2z cos θ0


−ω02 cos θα = α̈ + α + α
m2 l4 sin2 θ0 m2 l4 sin3 θ0 tan θ0
Sfruttiamo il fatto che
4
L2z 2 sin θ0
= ω 0
m2 l4 cos θ0
Quindi

sin2 θ0 3 sin θ0
 
−ω02 cos θα = α̈ + + ω02 α
cos θ0 tan θ0
E infine

sin2 θ0
 
α̈ = − 4 cos θ0 + ω02 α
cos θ0
Che è in modo molto evidente un’equazione del tipo α̈ = −Ω2 α, ovvero
una posizione di equilibrio stabile con pulsazione

sin2 θ0
 
2
Ω = 4 cos θ0 + ω02
cos θ0
Infine ci possiamo domandare se esistono delle condizioni iniziali tali per
cui il pendolo oscilla intorno alla posizione di equilibrio e traccia un’orbita
periodica (con periodo non necessariamente di un giro solo), ovvero se esistono
condizioni tali per cui il pendolo disegna sempre la stessa linea chiusa nello
spazio, se necessario facendo molti giri.
Per trovare la soluzione a questa domanda, dobbiamo imporre che, se
ωp è la frequenza di oscillazione intorno alla posizione di equilibrio e ωr è la
frequenza di rivoluzione del pendolo, allora deve essere
ωp
∈ Q possibilmente ∈ N
ωr
Noi conosciamo entrambe le frequenze, infatti
s
sin2 θ0
ωp = 4 cos θ0 + ω0
cos θ0
Lz ω0
ωr = 2 =√
ml2 sin θ cos θ0
190 CAPITOLO 3. FISICA

Per cui si deve avere


ωp p
= 4 + tan2 θ0 ∈ Q
ωr
3.1. MECCANICA 191

3.1.3 Oscillazioni
Come abbiamo fatto nell’esempio precedente, il 3.1.1, capita spesso che
venga richiesto di calcolare la frequenza di piccole oscillazioni intorno alla
posizione di equilibrio stabile. Per quanto riguarda le oscillazioni a un grado
di libertà, consiglio di guardare l’esempio 2.2.41 nel capitolo sull’espansione
in serie di Taylor. Questo paragrafo tratterà solo il caso a più gradi di libertà.

Modi normali di oscillazione Andiamo a considerare un sistema a più


gradi di libertà vicino all’equilibrio. Prendiamo per esempio un sistema
composto da 3 molle uguali di costante elastica k e due masse uguali m, come
in figura 3.1

Figura 3.1: Molle accoppiate

Nel disegno, le molle sono a riposo. Chiamiamo x1 la posizione della


prima massa rispetto al suo punto di equilibrio, positiva verso destra e x2 la
posizione della seconda massa sempre rispetto al proprio punto di equilibrio,
sempre positiva verso destra. Andiamo a scrivere F~ = m~a per questo sistema
di oggetti.
(
mẍ1 = −kx1 + k(x2 − x1 )
mẍ2 = −kx2 + k(x1 − x2 )

Per risolvere questo sistema, in generale avremo bisogno di 4 condizioni


iniziali, due posizioni e due velocità iniziali. In generale il moto di questo
sistema sarà abbastanza brutto, ma noi vorremmo poterlo scrivere come
sovrapposizione di moti belli per poterci capire qualcosa.
Supponiamo che esistano delle condizioni iniziali per cui l’intero sistema
oscilli di moto armonico con una certa frequenza incognita ω. Al momento
niente ci assicura che questo ω esista davvero, ma questo moto è semplice da
studiare. Vediamo cosa succede: imponiamo che sia ẍi = −ω 2 xi per i = 1, 2
192 CAPITOLO 3. FISICA

(
−mω 2 x1 = −kx1 + k(x2 − x1 )
−mω 2 x2 = −kx2 + k(x1 − x2 )
Per fare un po’ di ordine, diamo un paio di nomi alle cose. Chiamiamo

k
ω02 =
m
La frequenza normale di una sola molla. Chiamiamo inoltre

ω2
λ=
ω02
Ho solo dato dei nomi per semplicità di notazione (serve molto nei casi
più complessi, credetemi). Riscriviamo il sistema
(
−λx1 = −2x1 + x2
−λx2 = x1 − 2x2
Questo è un sistema di due equazioni e due incognite dipendenti da
un parametro. Noi vogliamo che esista una soluzione diversa da (0, 0) in
quanto vogliamo un moto che sappiamo studiare. Affinchè ciò sia possibile, il
parametro λ può assumere solo alcuni valori, altrimenti l’unica soluzione del
sistema sarà (0, 0). Vediamo di trovare questi valori vedendo cosa succede
risolvendo il sistema in modo elementare
(
x2 = (2 − λ)x1
−λ(2 − λ)x1 = x1 − 2(2 − λ)x1

È chiaro dalla seconda equazione che affinché non si abbia x1 = x2 = 0 si


deve avere che i coefficienti della seconda equazione siano uguali

−λ(2 − λ) = 1 − 4 + 2λ
Che è un’equazione di secondo grado in λ

λ2 − 4λ + 3 = 0
Che ha come soluzione λ = 1 e λ = 3. Questo vuol dire che esistono
effettivamente delle frequenze per cui il nostro sistema oscilla completamente
3.1. MECCANICA 193

di moto armonico, a patto di dargli le condizioni iniziali giuste! In particolare,


se λ = 1, possiamo riscrivere il sistema
(
−x1 = −2x1 + x2
−x2 = x1 − 2x2
Che sono due equazioni equivalenti che ci dicono che x1 = x2 , ovvero
le due masse si muovono insieme, tenendo alla stessa lunghezza la molla in
mezzo. Fisicamente tutto questo è estremamente sensato in quanto se la
molla in mezzo è imperturbata allora entrambe le masse sono semplicemente
attaccate alla propria molla. Imponendo le condizioni iniziali giuste, possiamo
far oscillare l’intero sistema di moto armonico di una certa frequenza, in
questo caso ω = ω0 . Se invece prendiamo λ = 3,
(
−3x1 = −2x1 + x2
−3x2 = x1 − 2x2

Che sono di nuovo equazioni equivalenti che dicono x2 = −x1 , ovvero le


due masse si muovono allo stesso modo ma in controfase. Se ci pensate è
molto sensato anche questo, in quanto il centro della molla centrale rimane
fermo e quindi ogni massa è come se fosse attaccata a due molle, una a sinistra
e una a destra, fissate al muro, una di costante k e l’altra di costante 2k 3 . Di
nuovo abbiamo ottenuto delle condizioni iniziali per cui il sistema si muove
completamente di moto armonico.
A questo punto cosa succede al sistema nel caso più generale? La risposta
è una sovrapposizione delle due cose! Se mettiamo le condizioni come nel
primo caso, avremo che
(
x1 = A cos(ω0 t + φ)
x2 = A cos(ω0 t + φ)
Nel secondo caso invece
( √
x1 = A cos( 3ω0 t + φ)

x2 = −A cos( 3ω0 t + φ)
3
Se si taglia a metà una molla la costante elastica raddoppia. Provate a dimostrarlo, è
facile. Valgono in realtà formule per le molle analoghe a quelle dei capacitori in serie e in
parallelo. Sono molto semplici, provate a mostrarle.
194 CAPITOLO 3. FISICA

Nel caso più generale il moto sarà una somma dei due!
( √
x1 = A cos(ω0 t + φ) + B cos( 3ω0 t + φ1 )

x2 = A cos(ω0 t + φ) − B cos( 3ω0 t + φ1 )
Con A, B, φ, φ1 le 4 costanti da determinare dalle condizioni iniziali. Perchè
questa cosa funziona? Perchè in questo caso avevamo un’equazione del moto
lineare e di conseguenza la somma di due soluzioni è ancora una soluzione.
Dato che la soluzione per questo sistema di equazioni differenziali è unica,
trovandone una siamo sicuri di averla trovata giusta e di averle trovate tutte!
Facciamo un po’ di ordine e vediamo di generalizzare il metodo.

1. Noi avevamo un sistema a più gradi di libertà descritti da un sistema


di equazioni del moto lineari, ovvero

n
X
ẍi = aij xj
j=1

Per determinati coefficienti fissati aij . Notare che non ci sono termini
noti in questo sistema, ovvero le coordinate xi sono prese rispetto ad
una posizione di equilibrio (stabile).

2. Abbiamo supposto che esistano delle condizioni iniziali per cui l’intero
sistema oscilla di moto armonico di una certa frequenza incognita
dipendente dai parametri aij

3. Abbiamo cercato i valori della frequenza per cui effettivamente questo è


possibile imponendo che ogni xi abbia ẍi = −ω 2 xi

4. Abbiamo cercato le condizioni iniziali giuste per ogni frequenza

5. Abbiamo scritto le soluzioni del moto particolari

6. Abbiamo scritto le soluzioni del moto generali come somma di quelle


particolari.

In particolare i passaggi algebrici intermedi sono stati fatti un po’ a caso,


risolvendo un sistema per sostituzione ma facendolo più o meno a braccio.
Esiste un metodo che voi non siete tenuti a sapere che utilizza le matrici.
All’università lo vedrete sicuramente e quindi ve lo espongo.
3.1. MECCANICA 195

La formula
n
X
ẍi = aij xj
j=1

Indica esattamente un prodotto fra matrici ovvero è equivalente a


    
ẍ1 a11 a12 · · · a1n x1
 ẍ2   a21 a22 · · · a2n 
  x2 
 
 ..  =  ..
  
..   .. 
 .   . ... ... .  . 
ẍn an1 an2 · · · ann xn
Quando noi andiamo ad imporre ẍi = −ω 2 xi , diventa
    
x1 a11 a12 · · · a1n x1
 x2   a21 a22 · · · a2n   x2
  
−ω 2  ..  =  ..
   
.  .
. . . . . . ..   ..

 .   . 
xn an1 an2 · · · ann xn
Ovvero
  
a11 + ω 2 a12 ··· a1n x1
 a21 a22 + ω 2 ··· a2n  x2 
=0
  
 .. ..  ..
 . ... ... .  . 
an1 an2 · · · ann + ω 2 xn
Che è un sistema di equazioni che ammette soluzione se e solo se il
determinante della matrice è uguale a 0. Questo ci dà un’equazione di grado
n per ω 2 . Una volta trovati i valori di ω, si può sostituire per trovare i vettori
giusti. Vediamo l’esempio di prima come diventa

(     
mẍ1 = −kx1 + k(x2 − x1 ) ẍ1 −2 1 x1
⇒ = ω02
mẍ2 = −kx2 + k(x1 − x2 ) ẍ2 1 −2 x2

       
2 x1 −2 1 x1 −2 + λ 1 x1
−ω = ω02 ⇒ =0
x2 1 −2 x2 1 −2 + λ x2

Che ha soluzione quando il determinante della matrice è 0, ovvero quando


196 CAPITOLO 3. FISICA

(−2 + λ)2 − 1 = 0
Ovvero per λ = 1 e λ = 3. Buttando questi due valori si ottengono anche
le relazioni fra x1 e x2 .
Il discorso è finito, ora farò una breve digressione solo per chi ha già fatto
il corso di algebra lineare. Questo discorso è completamene inutile per chi fa
le Olimpiadi ma se vi va di leggerlo fate pure.
Qualcuno potrebbe domandarsi: esistono sempre i modi normali di oscilla-
zione? Cosa ci assicura che esista sempre il modo armonico del sistema? Non
esiste un sistema fisico in cui il moto non si può ricondurre a questo sistema
semplice? Per rispondere a questa domanda è conveniente esprimere il tutto
in termini della Lagrangiana del sistema L e delle coordinate generalizzate qi .
Se abbiamo un moto come quello sopra descritto, siamo in un punto vicino
all’equilibrio stabile del sistema, quindi la lagrangiana, almeno vicino a quel
punto, si potrà espandere fino al secondo ordine ottenendo un’espressione

L = Mij q̇i q̇j − Kij qi qj


Dove ho usato la convenzione di Einstein e ho indicato con M e K le due
matrici. Il termine con M sarà il termine cinetico mentre il termine con K
sarà il termine del potenziale. Questa lagrangiana porta alle equazioni del
moto

Mij q̈j = Kij qj


Imporre q̈i = −ω 2 qi è equivalente a cercare di diagonalizzare simultanea-
mente le due matrici Mij e Kij , cosa che spesso è impossibile fare. Tuttavia,
per motivi fisici è ovvio che la matrice Mij sia definita positiva in quanto ogni
condizione iniziale ha anche una velocità iniziale e l’energia cinetica è sempre
positiva in quanto somma di cose positive. Di conseguenza si deve avere
Mij q̇i q̇j > 0 ∀q̇i , q̇j , ovvero la matrice è definita positiva. Inoltre, per essere in
un punto di equilibrio stabile, la matrice Kij deve essere quantomeno semide-
finita. Per il terzo principio della dinamica, si deve avere Kij = Kji , quindi la
matrice del potenziale è simmetrica. Inoltre, la matrice Mij può essere anche
lei presa simmetrica e di conseguenza vale il teorema di diagonalizzazione
simultanea, per cui i modi normali esistono sempre.
Attenzione: La matrice K in generale è solo semidefinita, ovvero può
avere autovalore 0. Questa cosa non è da dimenticare in quanto ha un
3.1. MECCANICA 197

significato fisico rilevante. Frequenza 0 indica periodo infinito. Ovviamente la


corrispondenza fisica è un moto di traslazione dell’intero sistema senza che le
forze interne facciano qualcosa. Pensate a titolo di esempio al modo normale
più stupido che si ha quando mettere su una guida circolare (niente gravità,
è nel vuoto) N masse m uguali collegate da molle di costante elastica k e
lunghezza a riposo nulla (Ogni massa è legata esattamente alla successiva
e alla precedente). Il moto più banale che può compiere questo sistema è
quello in cui tutte le masse hanno la stessa velocità angolare Ω rispetto al
centro e quindi tutte ruotano insieme tenendo le molle a lunghezza costante.
Ovviamente questo moto è periodico in più sensi: dopo T = 2π/Ω le masse
sono di nuovo dov’erano, ma il periodo di oscillazione delle molle diventa
infinito, ovvero ω = 0
198 CAPITOLO 3. FISICA

3.1.4 Sfruttare le conservazioni


Quantità di moto

Il riferimento del centro di massa

Energia meccanica
3.1. MECCANICA 199

3.1.5 Problemi
Problema 3.1.1 (Filo che si avvolge (Da Ref [Cel18])). Il disco
in figura 3.2 è fissato rigidamente ad un piano orizzontale, e ad esso è fissato
un filo inestensibile di lunghezza l. All’altro estremo è fissata una massa m che
viene lanciata con velocità iniziale di modulo v0 in direzione perpendicolare al filo.
Calcolare la velocità della massa, la sua traiettoria e la tensione del filo in funzione
del tempo.

Figura 3.2: problema 3.1.1

Soluzione: 4.3.1
Problema 3.1.2 (Punti materiali ai vertici di un poligono). N
punti materiali stanno ai vertici di un poligono regolare di N lati e all’istante
iniziale il poligono ha lato l. Ogni punto, in ogni istante, si muove sempre verso il
punto successivo (in senso antiorario) con velocità di modulo costante v, uguale
per tutti. Trovare la forma delle traiettorie dei vari punti.
Soluzione: 4.3.2
Problema 3.1.3 (Forma della gittata di un cannone).
Supponiamo di avere un cannone che spara proiettili in qualsiasi direzione ad
una velocià fissata v0 . Il cannone può regolare l’angolo θ che forma la velocià
iniziale con l’orizzontale a piacere. Vogliamo trovare la linea che demarca la zona
sicura dalla zona pericolosa, ovvero dove può arrivare un proiettile (nello spazio,
non solo riferito al terreno) e dove no.
Hint: 4.2.1
Soluzione: 4.3.3
Problema 3.1.4 (Palla appoggiata su emisfera con attrito).
Un punto materiale è appoggiato sul punto più alto di una emisfera fissata al
terreno di raggio R. Viene dato un colpetto infinitesimo al punto. Trovare l’angolo
θ rispetto alla verticale in cui il punto si stacca dalla emisfera.
200 CAPITOLO 3. FISICA

Soluzione: 4.3.4

Problema 3.1.5 (Palla appoggiata su emisfera senza attrito).


Come il problema precedente, solo che l’emisfera non è fissata al pavimento ma
è libera di muoversi sul pavimento senza attrito. Il punto ha massa m, l’emisfera
ha massa M .
Soluzione: 4.3.5

Problema 3.1.6 (IPhO 1, 2003). Vedi figura 3.3. Una corda


inestensibile è avvolta intorno ad un cilindro rigido di raggio R e tenuta orizzontale.
La lunghezza della corda è L > 2πR e ha massa trascurabile. In fondo alla corda
c’è un punto materiale di massa m. Il punto A è fisso (la corda è legata in quel
punto) e indicato in figura. Assumere che la massa si muova sempre nel piano in
figura. L’accelerazione di gravità è ~g .

Figura 3.3: problema 3.1.6

Sia O il centro del riferimento. Si indichi con P la posizione della particella. Il


punto mobile di contatto fra la corda e il cilindro è Q (vedi figura). Si indichi con
s la lunghezza P Q. Si indichino con rb e bt i versori radiale e tangente.
Si consideri inoltre lo spostamento angolare θ (vedi figura). Quando θ = 0,
la lunghezza s è esattamente L. Si fissi il potenziale gravitazionale a 0 in questo
momento. Si indichino inoltre con θ̇ e ṡ le derivate delle quantità sopra definite. A
meno che non venga specificato nella domanda, le velocità si considerino rispetto
al punto fermo O.
In funzione dei parametri sopra definiti, considerando sempre la corda tesa,
trovare

1. La relazione fra θ̇ e ṡ.

2. La velocità ~vQ del punto Q rispetto ad O.


3.1. MECCANICA 201

3. La velocità relativa ~v 0 fra P e Q.

4. Se ne ricavi la velocità di P , ~v

5. Calcolare l’accelerazione del punto P .

6. Il potenziale gravitazionale U .

7. La velocità vm nel punto più basso della traiettoria


A questo punto assumere che
L 9π 2 π
= + cot
R 8 3 16

8. Calcolare la velocità vS che ha la particella quando la corda è ancora tesa ed


è più corta possibile.

9. Calcolare la velocità vH che ha la particella nel punto più alto della traiettoria
quando sta facendo il giro della morte.

Per la prossima parte del problema non si faccia più riferimento alla figura
precedente ma si prenda ora in considerazione la figura 3.4

Figura 3.4: problema 3.1.6, 2

Stavolta la corda non è fissata ma è libera di muoversi. Le due masse sono


m < M . All’inizio la lunghezza indicata in figura è L. All’istante iniziale la massa
m viene rilasciata da ferma e lasciata cadere. Assumere che il moto avvenga sempre
nel piano e che le due masse non si sboccino.
L’attrito dinamico fra la corda e la superficie è trascurabile ma l’attrito statico
è invece molto grande. Assumere che se la corda si trovi ferma ad un certo punto
del moto rimanga poi tale.
Si assuma che il peso si fermi dopo essere caduto di una distanza D, con
(L − D)  R. Se la particella è in grado di fare un giro della morte mantenendo
202 CAPITOLO 3. FISICA

entrambe i capi della corda tesi, allora il rapporto α = D


L non può essere più piccolo
di un certo valore critico αC . Trascurando i termini di ordine R
L o superiori, trovare
m
un’espressione per αC in termini del rapporto fra le masse M
Soluzione non disponibile.

Problema 3.1.7 (Modi normali di oscillazione). Lungo un cerchio


di raggio a si trovano due masse identiche m che possono scorrere lungo il perimetro.
Le masse sono collegate tra loro con due molle di costante k e lunghezza a riposo
nulla, le quali seguono il perimetro del cerchio (potete immaginarle come se le spire
fossero avvolte attorno al bordo del cerchio). Per quali condizioni iniziali le due
masse compiono un osicillazione armonica alla stessa frequenza ω? Trovare tale
frequenza. E se le masse fossero 3 e collegate da 3 molle? E se fossero n?
Soluzione: 4.3.6
Problema 3.1.8.
Due palle di raggio R e r < R sono sovrapposte cosı́ che la piu grande sia sotto
e la congiungente i centri sia verticale (potete pensare che siano separate da un
distanza infinitesima). Quella grande ha massa M mentre quella piccola ha massa
m < M . Vengono fatte cadere verticalmente da un altezza h  R; dopo l’urto
qual’è la massima altezza raggiunta dalla palla piccola?
Ora invece alla palla piccola viene data anche una velocità angolare ω attorno
a un asse orizzontale passante per il suo centro (tenere presente che visto che le
palle sono separate da una distanza infinitesima, prima dell impatto con il terreno
il fatto che la palla piccola ruoti non influenza la palla grande). Nel ipotesi che tra
le palle ci sia un coefficiente d’attrito abbastanza altro tale che nell’urto le palle
non possano slittare l’una sull’altra, trovare qual’è questa volta la massima altezza
raggiunta dalla palla piccola dopo l’urto. Soluzione non disponibile.

Problema 3.1.9 (Moto che accelera su una pista circolare). Una


motocicletta (trattarla come un punto materiale) si muove su una pista circolare
orizzontale di raggio R, partendo da ferma. Il coefficiente d’attrito statico tra
ruote ed asfalto è µ. La motocicletta accelera e, in un certo momento, raggiunge la
massima velocità che le consente di rimanere in pista. Quanta strada ha percorso,
come minimo, da quando è partita fino a questo momento?
Soluzione: 4.3.7
Problema 3.1.10 (IPhO 2014, 1.1). Fate riferimento alla figura
3.5. Assumere che il cilindro di raggio R e massa M rotoli senza strisciare sul
pavimento. Assumere invece che non ci sia attrito fra il punto materiale m e il
cilindro. La massa m viene lasciata cadere da ferma come in figura. Trovare la
forza fra la massa m e il cilindro F quando la massa raggiunge il punto più basso
della traiettoria.
3.1. MECCANICA 203

Figura 3.5: Problema 3.1.10

Soluzione non disponibile.


Problema 3.1.11 (Senigallia 2012, 1). Immaginiamo una sfera
rigida, di raggio R, vincolata a restare fissa. Su di essa incide un fascio costituito
da un gran numero di particelle identiche, anch’esse sferiche e rigide, ciascuna di
raggio r e massa m. Le particelle hanno tutte la stessa velocità ~v cosicchè non si
urtano mai. Si supponga anche che gli urti tra particelle che rimbalzano e quelle
del fascio incidente siano trascurabili. La velocità è sufficientemente grande da
poter considerare le traiettorie rettilinee, sia prima che dopo l’urto. Gli urti con la
sfera fissa sono perfettamente elastici, e nell’urto non ci sono forze tangenziali tra
le sfere.

Figura 3.6: Disegno del fascio

Si considerino le grandezze rappresentate in figura: b, chiamata parametro


d’impatto, e θ, angolo formato tra la direzione di provenienza del fascio incidente e
la direzione della particella diffusa.
204 CAPITOLO 3. FISICA

1. Si trovi la relazione tra b e l’angolo θ, cioè si trovi la funzione b(θ).


Il fascio ha una sezione trasversale circolare il cui raggio è molto maggiore
del raggio r delle particelle e maggiore anche del raggio R della sfera fissa. Si
indichi con I l’intensità del fascio, cioè il numero di particelle che incidono,
nell’unità di tempo, sull’unità di superficie disposta perpendicolarmente al
fascio, e si supponga che I sia uniforme e costante.

2. Si trovi il numero nd (θ) di particelle diffuse, nell’unità di tempo, con un


angolo compreso tra θ e θ + dθ. Per quale valore di θ la funzione nddθ(θ) ha il
massimo?

Figura 3.7: Disegno del rilevatore

Si supponga ora di collocare un rivelatore, cioè un dispositivo che conta le


palline in transito attraverso una certa superficie, ad una distanza D dalla
sfera fissa e ad un angolo θ rispetto al fascio incidente. Si supponga che
l’area sensibile del rivelatore sia un quadrato che ovviamente viene disposto
perpendicolarmente alla direzione da cui provengono le particelle diffuse. Il
lato del quadrato, l, sia molto maggiore dei raggi R e r e contemporaneamente
molto minore di D: r, R  l  D. Si noti che nella figura 2 la scala è molto
ridotta rispetto alla figura 1.

3. Si calcoli il tasso di conteggi del rivelatore, nr , cioè il numero di conteggi


nell’unità di tempo.

4. In che modo il tasso di conteggi dipende dall’area della regione sensibile del
rivelatore? Per quale angolo θ il tasso di conteggi ha il valore massimo? In
che modo nr dipende da D?

5. Si consideri un intervallo di tempo ∆t sufficientemente lungo perché sulla


sfera fissa incida un numero molto grande di particelle. Qual è il valore medio
della forza che le particelle esercitano sulla sfera?
3.1. MECCANICA 205

Soluzione non disponibile.

Problema 3.1.12 (Macchina di Atwood con filo massivo). Con-


siderare una macchina di Atwood con appese due masse, MA > MB e con un filo
di lunghezza 2l + πR e massa non trascurabile, m. All’istante iniziale le due masse
sono ferme alla stessa altezza. Trovare la legge oraria del moto. Assumere che la
puleggia abbia massa trascurabile e raggio R.
Soluzione: 4.3.8

Problema 3.1.13 (Pila di mattoni). Abbiamo a disposizione un


numero N di mattoni uguali, con il lato più lungo di lunghezza 2L. Mettiamo i
mattoni uno sopra l’altro, appoggiati senza attrito. Vogliamo sapere a che distanza
possiamo mettere al meglio il mattone N -esimo affinché la pila non cada in funzione
di N .
Soluzione: 4.3.9

Problema 3.1.14 (Massima deflessione). Consideriamo due masse


sferiche, mA ed mB , libere di muoversi su un piano senza attrito. La massa mB
è ferma al centro del riferimento, mentre mA si muove verso mB con una certa
velocità (non rilevante). Se mB > mA , a priori la massa mA può anche ritornare
indietro da dove è arrivata. Se invece mA > mB , allora esiste un angolo massimo θ
(nel riferimento del laboratorio), fra la velocità di arrivo e la velocità dopo il colpo.
Trovare θ in funzione del rapporto fra le masse.
Hint: Usate il riferimento del CM.
Soluzione: 4.3.10
206 CAPITOLO 3. FISICA

3.1.6 Corpo rigido


~ questo sconosciuto Purtroppo al liceo il capitolo sul corpo rigido
L,
non viene sempre affrontato come si deve, anche perché richiede un po’ di
matematica e non è per niente semplice. Vediamo quindi di fare chiarezza su
che cosa si può fare quando si ha un problema che include il corpo rigido.
Definiamo il vettore L ~ per un sistema di punti materiali qualsiasi.
Innanzitutto abbiamo bisogno di un sistema di riferimento inerziale
rispetto a cui prendere tutti i nostri vettori. Per un sistema rotante o accelerato
si può comunque definire L ~ ma non varranno le equazioni fondamentali che
scriverò fra poco che permettono di risolvere i problemi4 .
La prima cosa fondamentale da specificare quando si parla di momento
angolare è specificare rispetto a quale polo viene calcolato. Nella definizione
qui sotto indicheremo con ~ri le posizioni dei vari punti in un generico riferi-
mento, mentre con ~rp indicherò la posizione del polo nel riferimento. Notare
che la posizione del polo può tranquillamente essere accelerata, a differenza
del nostro sistema di riferimento.
X
~ =
L mi (~ri − ~rp ) × (~vi − ~vp )
i

Dove ~vi e ~vp sono semplicemente ~r˙i e ~˙r.


p
dL~
Ora, calcoliamo
dt

~
dL X d
= mi (~ri − ~rp ) × (~vi − ~vp ) =
dt i
dt
X X
= mi (~vi − ~vp ) × (~vi − ~vp ) + mi (~ri − ~rp ) × (~ai − ~ap )
i i
X
= mi (~ri − ~rp ) × (~ai − ~ap ) =
i
X X
= (~ri − ~rp ) × mi~ai − mi (~ri − ~rp ) × ~ap
i i

4
Si può comunque risolvere un problema in un riferimento accelerato ma bisogna
considerare tutte le forze apparenti.
3.1. MECCANICA 207

Consideriamo la seconda sommatoria. Gli unici termini dipendenti


P da
i (che P
è l’indice su cui si somma) sono mi e ~ri . Definendo M = i mi e
m~r
~rcm = iM i i , il secondo termine della somma diventa quindi semplicemente

M (~rcm − ~rp ) × ~ap


Ricordando adesso che per ogni particella vale F~i = mi~ai , il primo termine
diventa invece
X X
(~ri − ~rp ) × F~i = ~τi = ~τext
i i

Dove quando abbiamo sommato l’ultima volta si sono semplificati tutti


i termini dovuti alle forze interne del sistema, in quanto a causa del terzo
principio della dinamica compaiono sempre a coppie, una volta f~i e l’altra
−f~i . Inoltre, sempre per il terzo principio, sono pure sulla stessa retta di
applicazione e di conseguenza anche ~τ compare a segni alterni.
Riassumendo, abbiamo ottenuto

dL~
= ~τext − M (~rcm − ~rp ) × ~ap
dt
Che a volte viene chiamata seconda equazione cardinale della meccanica
5
. Al liceo avrete visto sicuramente la versione debole di questa equazione,
ovvero quella senza il secondo termine. In molti casi, per fortuna il secondo
termine se ne va e possiamo usare l’equazione più facile.
Se almeno una delle seguenti condizioni si verifica, allora il secondo termine
se ne va e l’equazione diventa più semplice:

1. Quando il polo si muove di moto rettilineo uniforme (~ap = 0)

2. Quando scegliamo come polo il centro di massa (~rcm = ~rp )

3. Quando (~rcm − ~rp ) è parallelo a ~ap . (Ci sono davvero pochi casi in cui
si usa)

Ora che abbiamo detto come cambia la legge per descrivere il moto di
un oggetto, cerchiamo di dare una formula più potabile ad L ~ per poterlo
calcolare più agevolmente se abbiamo a che fare con oggetti comuni.
5
La prima è F~ = m~a
208 CAPITOLO 3. FISICA

Per esempio, se abbiamo un solo punto materiale, L ~ = ~r × p~, dove ho


indicato la quantità di moto dell’oggetto con p~.
Se l’oggetto è un corpo rigido esteso, la situazione si complica di parecchio
e nel prossimo paragrafo vedremo perché.

Il calcolo di L~ Siamo interessati a trovare un’espressione per L ~ facile da


calcolare e da gestire. Proviamo a cercarla.
Scriviamo quindi L ~ rispetto al polo P per un generico sistema di punti
materiali.

X
~ =
L mi (~ri − ~rp ) × (~vi − ~vp ) =
i
X X X X
= mi~ri × ~vi − mi~rp × ~vi − mi~ri × ~vp + mi~rp × ~vp =
i i i i
X
= mi~ri × ~vi − M~rcm × ~vp − M~rp × ~vcm + M~rp × ~vp
i

Ora è utile riscrivere ~ri e ~vi come ~rcm + r~i0

X X X
mi~ri × ~vi = mi (~rcm + r~i0 ) × (~vcm + v~i0 ) = M~rcm × ~vcm + mi r~i0 × v~i0
i i i
X
Dove i termini incrociati sono spariti a causa del fatto che mi r~i0 =
X
mi v~i0 = 0 in quanto sono la posizione degli oggetti rispetto al centro di
massa.
Riscriviamo quindi L ~

X
~ = M~rcm × ~vcm +
L mi r~i0 × v~i0 − M~rcm × ~vp − M~rp × ~vcm + M~rp × ~vp =
i
X
= M (~rcm − ~rp ) × (~vcm − ~vp ) + mi r~i0 × v~i0
i
~ cm
= M (~rcm − ~rp ) × (~vcm − ~vp ) + L
~ rispetto ad un qualsiasi polo è la somma di due termini, uno che
Ovvero L
è il contributo del centro di massa come se fosse un grosso punto materiale e
l’altro termine è il momento angolare rispetto al centro di massa.
3.1. MECCANICA 209

~ cm per un corpo rigido, ovvero la parte più


Vediamo di calcolare adesso L
complicata del problema.

Tensore di inerzia Non è richiesta la conoscenza del tensore d’inerzia alle


Olimpiadi di Fisica, ma per dare senso al tutto ritengo sia il caso di introdurlo.
Non siete tenuti a saper ricavare queste formule, nè tantomeno a ricordarvele.
Riscriviamo L~ per un oggetto esteso e rigido. Trattiamolo come un
sistema di punti materiali tenuti insieme da sbarrette inestensibili e di massa
nulla. Per ricondurci al caso continuo basterà cambiare la somma con un
integrale.
Rigido significa che prese due particelle a caso, la distanza (in modulo)
fra di loro è costante, ovvero |~ri − ~rj | =costante. Abbiamo visto nel capitolo
sul calcolo vettoriale che quando un vettore ha norma costante, allora la sua
derivata si calcola

d~v d(~ri − ~rj )


~ × ~v ⇒
=ω ~ × (~ri − ~rj )

dt dt

~ cm utilizzando questa formula.


Calcoliamo quindi L

X X X X
~ cm =
L mi~ri × ~vi = mi~ri × (~ω × ~ri ) = mi ri2 ω
~− mi~ri (~ri · ω
~)
i i i i

Ora rinominiamo l’indice i in α in quanto avremo bisogno di i per un altro


scopo.
Denotiamo la componente iesima di un vettore con la notazione (L)~ i = Li .
Per esempio, la componente z di L ~ si scrive quindi Lz
~
XIl prodotto scalare fra due vettori sarà quindi ~a · b = ax bx + ay by + az bz =
ai bi , dove l’indice i assume i valori x, y, z.
i
~
Scriviamo quindi la componente iesima di L.
210 CAPITOLO 3. FISICA

! !
X X
~ i = Li =
(L) mα rα2 ω
~ − mα~rα (~rα · ω
~) =
α i α i
X X
= mα rα2 ωi − mα rα,i (~rα · ω
~) =
α α
!
X X X X X
= mα rα2 δi,j ωj − mα rαi rα,j ωj = mα rα2 δi,j ωj − mα rαi (rα,j ωj ) =
α,j α j α,j α,j
!
X X X
mα rα2 δi,j ωj − mα rαi (rα,j ωj ) = mα (rα2 δi,j − rαi rα,j ) ωj =

= Ii,j ωj =
α,j α,j j

Dove Ii,j è la cosa fra parentesi. So bene di non essere stato particolarmente
chiaro. Inoltre l’argomento in sè è abbastanza complicato di per sè. Ora
cercherò di spiegarmi meglio.
Il termine che ho rinominato non è altro che una cosa che non include ω ~,
ma solo quantità legate alla forma geometrica dell’oggetto. Di conseguenza,
una volta definita la forma dell’oggetto e calcolato questo misterioso Ii,j ,
calcolare L~ cm diventa molto semplice.
In particolare all’inizio della seconda riga ho sostituito al termine ωi il
termine δi,j ωj in quanto stavo cercando di fattorizzare ωj in modo da ottenere
qualcosa moltiplicato esattamente per lei. Ricordo che δi,j si chiama delta di
Kronecker e vale 1 se i = j, 0 altrimenti. È solo un trucchetto per scrivere le
cose in modo più furbo.
L’oggetto Ii,j si chiama tensore d’inerzia e ne sentirete a lungo parlare
durante il corso di Meccanica Classica al secondo anno di Fisica. Per quello
che vi riguarda ora, è semplicemente una matrice, ovvero una tabella 3x3 di
numeri che si misurano in kg · m2
Di conseguenza, Ii,j , scelto un’orientazione di assi con l’origine nel centro
di massa, avrà questa forma:
 
Ixx Ixy Ixz
 Iyx Iyy Iyz 
Izx Izy Izz
È importante capire che il tensore di inerzia è qualcosa che esiste di per
sè, ma per scriverlo come una matrice è necessario scegliere un sistema di assi
ortogonali con centro nel CM.
3.1. MECCANICA 211

Si può capire questa cosa facendo l’analogo con i vettori. Dati due
punti nello spazio, il vettore che li congiunge esiste e basta, ma se io voglio
rappresentarlo come una terna di numeri reali, devo prima scegliere un sistema
di assi su cui proiettarlo. Il tensore di inerzia funziona allo stesso modo.
È facilissimo vedere che Ii,j = Ij,i , semplicemente scambiando gli indici
nella definizione e vedendo che non è cambiato niente.
Quando un tensore rispetta quell’identità, si dice che il tensore è simmetrico.
Durante il corso di Algebra Lineare al primo anno scoprirete che qualsiasi
tensore simmetrico è diagonalizzabile, ovvero esiste un’opportuna scelta degli
assi per cui il tensore è rappresentato da una matrice che ha cose sulla
diagonale principale e 0 altrove. Questa terna di assi si chiama riferimento
degli assi principali.
Fare considerazioni di simmetria sulla forma dell’oggetto permette di tro-
vare questa configurazione di assi in modo semplice. Esiste il modo di trovare
questi assi anche nel caso generale, ma esula completamente dall’obiettivo
di queste dispense, in quanto qui siamo già ben oltre ciò che è richiesto alle
Olimpiadi.
Supponiamo di aver scelto il sistema di assi per cui il tensore è diagonale.
Calcoliamo quindi finalmente L ~ cm con la nuova formula.
      
Lx Ixx 0 0 ωx Ixx ωx
 Ly  =  0 Iyy 0   ωy  =  Iyy ωy 
Lz 0 0 Izz ωz Izz ωz

È molto intuitivo vedere che nel caso generale ω ~ non saranno paralleli.
~ ed L
Questo può essere un grosso problema.
Per fortuna, nel caso dei problemi olimpici, accade praticamente sempre
che ω~ sia diretta lungo uno degli assi principali. In questo caso la terna che
rappresenta ω ~ è fatta da due zeri e da un numero. Facendo la moltiplicazione
per il tensore di inerzia si vede subito che in questo caso L ~ eω ~ sono paralleli.
In tal caso si può chiamare I la costante di proporzionalità fra i due, chiamarlo
momento di inerzia rispetto a quell’asse e ritrovare la formula

~ = I~ω
L

Con I il momento di inerzia. Come vedete dopo questo lungo ragionamento,


questa equazione è ben lontana dal poter descrivere qualsiasi situazione possa
capitare, quindi è sempre bene controllare prima di usarla a sproposito.
212 CAPITOLO 3. FISICA

Per completezza e chiarezza, scriverò ora la formula esplicita del tensore in


termini di un integrale in coordinate cartesiane. Non spaventatevi, la formula
è brutta ma c’è di peggio.
Z
Iij = (r2 δij − ri rj )ρdV =
V

 Z Z Z
2 2 2 2

(x + y + z ) − x ρdV (−xy) ρdV (−xz) ρdV
V V ZV
 Z Z

(x2 + y 2 + z 2 ) − y 2 ρdV

= (−xy) ρdV (−yz) ρdV


 ZV V Z Z V

(x2 + y 2 + z 2 ) − z 2 ρd

(−xz) ρdV (−yz) ρdV
V V V

 Z Z Z 
2 2

y +z ρdxdydz (−xy) ρdxdydz (−xz) ρdxdydz
VZ V ZV
 Z 
 
x2 + z 2 ρdxdydz

= (−xy) ρdxdydz (−yz) ρdxdydz
 


 ZV VZ Z V 

x2 + y 2 ρdxdydz

(−xz) ρdxdydz (−yz) ρdxdydz
V V V

Come vedete, in ogni casella della matrice c’è un numero espresso da un


integrale di volume. Quando l’oggetto ha una simmetria spiccata, è evidente
che i termini incrociati come xy e yz e zx, se integrati sul volume faranno 0.
Inoltre, potete riconoscere nei termini diagonali il classico termine md2 che già
conoscevate come momento di inerzia rispetto all’asse. Nel caso voi sappiate
già che per motivi di simmetria il vostro tensore dovrà essere diagonale, la
formula diventa molto più semplicemente

 Z 
2 2

y +z ρdxdydz 0 0
V
 Z 
 
x2 + z 2

Iij =  0 ρdxdydz 0
 

 V Z 
 
x2 + y 2 ρdxdydz

0 0
V

Dove il numero di parametri da conoscere si è ridotto da 6 a 3. Non c’è


niente di magico in questo, in quanto per avere il tensore in forma diagonale
3.1. MECCANICA 213

abbiamo dovuto ruotare il nostro riferimento ed è noto che per una rotazione
in 3D è necessario conoscere esattamente 3 angoli. Dato che 3 + 3 = 6, i gradi
di libertà sono rispettati.

Esempio 3.1.2 (Tensore di inerzia di una sfera uniforme). Riscriviamo la


definizione di Iij .
X
mα rα2 δij − rαi rαj

Iij =
α

Prendiamo un sistema di assi cartesiani centrati nel centro di massa


della sfera, non conta la loro orientazione nello spazio in quanto la sfera è
completamente simmetrica.
Con questo sistema di assi, scriviamo tutti i vari termini del tensore di
inerzia

rα2 = x2 + y 2 + z 2
rαx = x
rαy = y
rαz = z
La sfera è un sistema continuo, quindi dobbiamo sostituire alla sommatoria
un integrale.

Z Z
rα2 δij rα2 δij − rαi rαj ρdx dy dz
 
Iij = − rαi rαj dmα =
α α

In tutto avremo 6 oggetti di calcolare, in quanto il tensore di inerzia è


una tabella di 9 numeri, ma è simmetrica rispetto alla diagonale principale,
quindi conoscendone 6 li conosciamo tutti.
Calcoliamo Izz

Z Z
2 2 2 2
(x2 + y 2 )ρdx dy dz

Izz = (x + y + z ) δzz − z · z ρdx dy dz =
α α

È ovvio che è conveniente passare in coordinate sferiche per semplificare il


calcolo dell’integrale.
214 CAPITOLO 3. FISICA

Ricordiamo che per trasformare il differenziale del volume bisogna molti-


plicare per il determinante dello Jacobiano del cambio di coordinate. Se non
avete capito niente di questa frase, andate a vedere il capitolo sugli integrali
in più variabili.

dx dy dz = r2 sin θdr dθ dφ

Z 2π Z π Z R Z π Z R
2 2 2
Izz = ρr sin θr sin θdr dθ dφ = 2πρ r4 sin3 θdr dθ =
0 0
Z π0 Z −1 0 0
2π 5 2π 5
= R ρ sin3 θdθ = R ρ −(1 − cos2 θ)d cos θ =
5 5
Z0 1 1
2π 5 2π 4 2
= R ρ (1 − t2 )dt = R5 ρ = M R2
5 −1 5 3 5

Ovviamente basta ruotare il riferimento e per ragioni di simmetria avremo


Ixx = Iyy = Izz = 25 M R2 . Calcoliamo quindi Ixy e per ragioni di simmetria
sarà Iyz = Ixz = Ixy .

Z Z R Z π Z 2π
Ixy = −xyρdxdydz = −ρ r sin θ cos φr sin θ sin φr2 sin θdθdφ =
V 0 0 0
Z R Z π Z 2π
= −ρ r4 sin3 θ sin φ cos φdrdθdφ =
0 0 0
5 Z 2π Z π
ρR
=− sin3 θ sin(2θ)dθdφ = 0
10 0 0

Concludendo,
 
1 0 0
2
I = M R2  0 1 0 
5
0 0 1

Esempio 3.1.3 (Tensore di inerzia di una sfera cava). Usiamo l’esempio di


prima per ottenere il momento di inerzia di una sfera cava. Per fare questo,
possiamo considerare una due sfere concentriche, una di densità ρ, grande di
raggio R e l’altra di raggio r e densità −ρ. Il momento di inerzia, essendo
l’integrale lineare, sarà la somma dei due contributi.
3.1. MECCANICA 215

I = I+ + I−
Dove ovviamente I− sarà negativo. Per dare senso al tutto, imponiamo
che la massa totale della sfera cava sia costantemente M .
4π 3 3 M
M= (R − r3 )ρ ⇒ ρ =
3 4π R − r3
3

Il momento di inerzia delle sfere sarà, secondo la formula calcolata prima


2π 5 4
I+ = ρR
5 3
2π 5 4
I− = − ρr
5 3
Quindi

8π 8π 3 R5 − r 5 2 R5 − r 5
I = I+ + I− = ρ(R5 − r3 ) = M 3 = M
15 15 4π R − r3 5 R3 − r 3
Se ora vogliamo trovare il momento di inerzia di un pallone da basket,
per esempio, che ha tutta la massa concentrata sulla superficie, è sufficiente
calcolare

0 2 R5 − r 5
I = lim M 3
r→R 5 R − r3
Questa cosa si può fare in molti modi, per esempio usando la regola di de
l’Hopital, espandendo in serie di Taylor, oppure con un truccone algebrico.
Farò tutti e 3 per esercizio

R5 − r 5 −5r4 5
lim 3 3
= lim 3
= R2
r→R R − r r→R −3r 3

R5 − r 5 R5 − (R − dr)5 −5R4 dr + dr2 . . . 5 + dr . . . 5


lim = lim 3 = lim = lim R2 = R2
r→R R3 − r 3 dr→0 r − (r − dr)3 dr→0 −3R2 dr + dr 2 . . . dr→0 3 + dr . . . 3

R5 − r 5 (R − r)(R4 + R3 r + R2 r2 + Rr3 + r4 )
lim = lim =
r→R R3 − r 3 r→R (R − r)(R2 + Rr + r2 )
(R4 + R3 r + R2 r2 + Rr3 + r4 ) 5
= lim 2 2
= R2
r→R (R + Rr + r ) 3
216 CAPITOLO 3. FISICA

Per le solite ragioni di simmetria, sarà quindi


 
1 0 0
2
I = M R2  0 1 0 
3
0 0 1
Esempio 3.1.4 (Tensore di inerzia di un cilindro). Calcoliamo il tensore di
inerzia di un cilindro omogeneo di raggio R e altezza 2L. Prendiamo l’asse
z lungo l’asse del cilindro e gli assi x e y perpendicolari a z. È evidente che
questi saranno assi principali, per ragioni di simmetria. Calcoliamo Izz

Z Z L Z R Z 2π
2 2
Izz = ρ(x + y )dxdydz = ρr2 (cos2 φ + sin2 φ)rdφdrdz =
V −L 0 0
R4 1
= 2Lρ · 2π = M R2
4 2
Calcoliamo ora Ixx = Iyy

Z Z L Z R Z 2π
2 2
Ixx = ρ(y + z )dxdydz = ρ(r2 sin2 φ + z 2 )rdφdrdz =
V −L 0 0


R4 L3 R 2
Z
1 1
= ρ2L sin2 φdφ + ρ2 2π = M R 2 + M L2
4 0 3 2 4 3
Per cui
 
3R2 + 4L2 0 0
M
I= 0 3R2 + 4L2 0 
12
0 0 6R2
Esempio 3.1.5 (Tensore di inerzia di una sbarretta sottile). Consideriamo
una sbarretta sottile di lunghezza l e massa m. Scegliamo un riferimento
centrato nel CM che abbia l’asse x lungo la sbarretta e gli altri due ortogonali
al primo. È evidente che saranno assi principali.
Calcoliamo quindi i 3 momenti di inerzia. La massa per unità di lunghezza
sarà λ = ml e quindi la massa dm sarà dm = λdx

L/2 L/2 L/2


mL2
Z Z Z
2 2 2 2
Izz = Iyy = (x + y )λdx = (x + z )λdx = x2 λdx =
−L/2 −L/2 −L/2 12
3.1. MECCANICA 217

In quanto sia y, z sono sempre 0 nel volume del solido in questo riferimento.
Z Z
2 2
Ixx = (y + z )λdx = 0dx = 0

Quindi il tensore di inerzia sarà


 
0 0 0
1
I = M L2  0 1 0 
12
0 0 1

Teorema degli assi paralleli (Teorema di Huygens-Steiner)


Cosa succede se cerchiamo di calcolare il tensore di inerzia rispetto a 3 assi
paralleli agli assi principali ma traslati rispetto ad essi? Questa cosa è già stata
vista precedentemente per il momento angolare, ma ora vogliamo formalizzarla
meglio riguardo ai vari momenti di inerzia. Partiamo col ricordare che il
tensore di inerzia si calcola rispetto ad assi passanti per il centro di massa,
ovvero tali che
Z
xi dx1 dx2 dx3 = 0
V

Quindi ricordiamo la definizione di assi principali, ovvero tre assi x1,2,3 scelti
in modo che
Z
xi xj dx1 dx2 dx3 = 0 ∀i, j ∈ {1, 2, 3}
V

di conseguenza
Z
Iij = ρ xi xj dx1 dx2 dx3 = 0
V

per ogni coppia (i, j), i 6= j. Il tensore di inerzia rispetto agli assi principali
sarà cosı̀ diagonale, e i suoi elementi diagonali saranno dati da
Z
Ikk = ρ (x2i + x2j )dx1 dx2 dx3
D

con i 6= j 6= k 6= i. Calcolare il tensore di inerzia rispetto ad assi che non


passano per il c.d.m. non ha senso. Tuttavia ha senso calcolare i momenti di
inerzia (ovvero gli elementi diagonali del tensore) rispetto a tali assi.
218 CAPITOLO 3. FISICA

Fisicamente ci sono delle applicazioni pratiche dirette di quello che stiamo


facendo, non si tratta di un esercizio puramente di matematica. Infatti, se
per esempio vincoliamo un asta a ruotare intorno ad un punto diverso dal
suo centro di massa, in generale potrà essere furbo scrivere una cosa come il
tensore di inerzia tenendo conto di quel vincolo e sfruttando il punto fisso.
Proviamo quindi a calcolarli rispetto a degli assi traslati di ~x0 = (x0,1 , x0,2 , x0,3 ).
Troviamo
Z
ˆ
Ikk = ρ dx1 dx2 dx3 ((xi − x0,i )2 + (xj − x0,j )2 )
ZD Z Z Z
2 2 2 2
= ρ dV (xi + xj ) − 2ρx0,i dV xj − 2ρx0,j dV xi + ρ(x0,i + x0,j ) dV
D D D D
= Ikk + M (x20,i + x20,j ) = Ikk + M d 2

R
Dove negli ultimi passagia abbiamo riconosciuto la massa dell’oggetto ρ D dV
e la distanza dell’asse traslato dall’asse principale pari a d2 = (x20,i + x20,j ).
Questo teorema, che sicuramente avrete già visto sul vostro libro di testo, si
chiama teorema degli assi paralleli o teorema di Steiner.

Teorema degli assi perpendicolari


Consideriamo ora il caso di un oggetto sottile, ovvero che abbia tutta la
sua massa concentrata su un piano, e calcoliamo il tensore di inerzia rispetto
agli assi principali. Scegliamo il piano z = 0 come quello dove giaccia tutta la
densità di massa. Avremo
Z Z Z
2 2 2 2
Ixx = ρ(y + z )dxdydz = σ(y + z )dxdy = σy 2 dxdy
ZD ZD ZD
Iyy = ρ(x2 + z 2 )dxdydz = σ(x2 + z 2 )dxdy = σx2 dxdy
ZD ZD ZD
2 2 2 2
Izz = ρ(x + y )dxdydz = σ(x + y )dxdy = σ(x2 + y 2 )dxdy
D D D

Dove abbiamo posto ρdz = σ dato che l’oggetto è sottile. Da queste relazioni
si evince subito che

Izz = Ixx + Iyy

Ovvero che il momento rispetto all’asse perpendicolare al piano che contiene


la massa è uguale alla somme degli altri due momenti di inerzia. Questo
3.1. MECCANICA 219

teorema è detto teorema degli assi perpendicolari, e vale solo se l’oggetto ha


tutta la massa concentrata su un piano.
Esempio 3.1.6. Consideriamo un disco piano di spessore trascurabile, raggio
R e massa M . Vogliamo calcolare il momento di inerzia rispetto ai suoi assi
principali.
Indichiamo con zb il versore ortogonale al piano del disco. È una cosa nota
che I = 12 M R2 , ma visto che state leggendo queste dispense per imparare
rifarò il conto. Indichiamo con t lo spessore infinitesimo del disco. Ovviamente
ci serve solo per fare l’integrale, poi sparirà all’interno del termine con la
massa.

Z Z tZ Z
2 2 2 2
Izz = (x +y )ρdxdydz = (x +y )ρdxdydz = ρt (x2 +y 2 )dxdy
V 0 x2 +y 2 ≤R2 x2 +y 2 ≤R2

A questo punto è ovviamente più pratico passare in coordinate polari


piane

Z 2π Z R Z R
2 1 1 1
Izz = ρt r rdrdφ = 2πρt r3 dr = πR4 tρ = (tπR2 )R2 = M R2
0 0 0 2 2 2
A questo punto dobbiamo calcolare Ixx e Iyy . Dal teorema appena mostrato
noi sappiamo che

Ixx + Iyy = Izz


Ma è ovvio per motivi di simmetria che Ixx = Iyy , per cui
1
Ixx = Iyy = M R2
4
Dato che io finché non vedo non credo, farò il conto esplicito, anche se
è brutto, per mostrare che i conti tornano. In questo caso se calcoliamo Ixx
dobbiamo per ogni punto andare a calcolare la sua distanza d dall’asse x e
sommare i contributi dmd2 per ogni massetta dm. Ovviamente la simmetria
circolare precedente è stata rotta quindi dovremo fare un integrale leggermente
più rognoso.

Z Z R Z 2π Z R Z 2π
2 2
Ixx = dmd = ρt (r cos θ) rdrdθ = ρt r3 cos2 θdrdθ
V 0 0 0 0
220 CAPITOLO 3. FISICA

L’integrale del coseno quadro su un periodo è esattamente π. L’altro


integrale si fa come prima e quindi
Z R
1
Ixx = ρtπ r3 dr = M R2
0 4

Energia cinetica
Di solito i problemi si risolvono con ottime considerazioni di conservazioni
di energia e derivati. Sarebbe quindi bello avere un’espressione per l’energia
cinetica in termini di quantità appena definite come il tensore di inerzia e
il momento angolare. Calcoliamoci quindi l’energia cinetica di un oggetto
esteso sommando i contributi di tutte le massette dm che lo compongono e
cerchiamo di vedere se troviamo un risultato con una forma accettabile.
Z
1
K= |V~ |2 dm
2 V
Ovviamente al solito possiamo scrivere V~ = V~cm + ~v , per ogni particella.
Facendo questa sostituzione,

Z  Z Z Z
1 2 ~ 2
 1 2 ~ 1
K= Vcm + 2Vcm · ~v + v dm = Vcm dm+Vcm · ~v dm+ v 2 dm
2 V 2 V V 2 V

A questo punto, il primo integrale è banale in quanto è la massa totale del


nostro oggetto, M . Il secondo integrale è nullo, proprio perchè ~v è la velocità
rispetto al centro di massa, che è definito in modo che quel coso sia nullo.
Il terzo integrale è la parte più interessante che adesso andiamo a vedere.
Innanzitutto però notiamo una cosa fondamentale: l’energia cinetica di un
corpo rigido si può scrivere come somma di due termini, uno come se il nostro
corpo rigido fosse un grosso punto materiale che si muove di velocità V~cm più
un contributo dovuto alla rotazione intorno al centro di massa, ovvero per
ogni corpo rigido

1 2
K = M Vcm + Krot
2
A questo punto è utile andare a vedere come esprimere Krot in termini di
~ × ~r
cose che sappiamo. Dato che il corpo è rigido, avremo ~v = ω
3.1. MECCANICA 221

Z Z
1 2 1
Krot = (~ω × ~r) dm = ((~ω × ~r) · (~ω × ~r)) dm =
2 V 2 V
Z Z 
1 1 ~
 1 ~
= (~ω · (~r × (~ω × ~r))) dm = ω~· ~r × (~ω × ~r) dm = ω~ ·L
2 V 2 V 2

~ non sono paralleli, per


~ eL
Vorrei far notare che nel caso più generale, ω
cui non potremo far sparire il prodotto scalare. Possiamo tuttavia scrivere il
tutto in termini del tensore di inerzia. Infatti,
X 1X 1X
Li = Iij ωj ⇒ K = ωi Li = Iij ωi ωj
j
2 i 2 i,j

Siano x
b1 , x
b2 , x
b3 i 3 versori che indicano la direzione degli assi principali
del corpo. Indichiamo con ωi la componente i esima di ω ~ ·x
~ , ovvero ωi = ω bi .
Se scegliamo gli assi principali, il tensore diventa diagonale per cui

1X 1 1 1
K= Iij ωi ωj = I11 ω12 + I22 ω22 + I33 ω32
2 i=j 2 2 2

Che, in un caso molto particolare coincide con quella che sicuramente


conoscete, ovvero K = 12 Iω 2 . Questo caso si ottiene semplicemente imponendo
che il nostro corpo rigido possa ruotare solo intorno ad uno dei tre assi
principali, facendo in modo che due delle 3 componenti della formula che ho
scritto sopra siano identicamente nulle.

Equazioni di Eulero
Noi abbiamo sempre definito il momento angolare in un sistema di rife-
rimento inerziale, in quanto permette di formulare leggi sensate e facili da
scrivere. Purtroppo, quando si tratta il corpo rigido il riferimento degli assi
principali riserva troppi vantaggi per abbandonarlo. Se si dovesse descrivere
il moto di un corpo rigido in un sistema fisso, il tensore di inerzia sarebbe
variabile nel tempo in quanto la matrice che lo rappresenta dipende dalla
direzione degli assi del riferimento rispetto alla direzione del corpo!
Capite bene che già la parola tensore spaventa, un tensore variabile
è raccapricciante. Inoltre il calcolo esplicito del tensore d’inerzia richiede
molti integrali nel caso generale, che sono molto fastidiosi da fare. È quindi
222 CAPITOLO 3. FISICA

preferibile trovare un modo per descrivere il moto del corpo rigido in un


sistema di riferimento in cui gli assi principali non ruotino.
Non è strettamente necessario mettersi nel sistema di riferimento solidale
al corpo per ottenere questa situazione. Spesso è facile trovare dei sistemi
di riferimento rotanti in cui il corpo si muove bene, ovvero gli assi principali
rimangono fissi.
Supponiamo di aver trovato questo riferimento e chiamiamolo 2, mentre il
riferimento fisso lo chiamiamo 1.
Chiamiamo Ω la velocità angolare con cui il sistema 2 ruota intorno al
sistema 1. Siano x ~ cm sarà
bi i versori degli assi principali del corpo. Allora L

~ cm = L1 x
L b1 + L2 x
b2 + L3 x
b3
Per fortuna, nel riferimento degli assi principali si ha Li = Ii ωi

~ cm = I1 ω1 x
L b1 + I2 ω2 x
b2 + I3 ω3 x
b3
Per cui,

~ cm
dL ~
δL
= I1 ω̇1 x
b1 +I2 ω̇2 x
b2 +I3 ω̇3 x ~
b3 +Ω×(I1 ω1 x
b1 +I2 ω2 x
b2 +I3 ω3 x
b3 ) = ~ L
+Ω× ~
dt δt
~
δL
Dove il è una notazione che non ho mai usato prima e che vuol
δt
semplicemente dire quello che c’è scritto prima. Non mi piace molto usarla in
quanto può confondere ma semplifica di molto la notazione.
La seconda equazione cardinale della meccanica ci dice anche che

~ cm
dL
= ~τcm
dt
Se proiettiamo il momento delle forze sugli assi principali, otteniamo le
equazioni di Eulero

τ1 = I1 ω̇1 + Ω2 I3 ω3 − Ω3 I2 ω2

τ2 = I2 ω̇2 + Ω3 I1 ω1 − Ω1 I3 ω3

τ3 = I3 ω̇3 + Ω1 I2 ω2 − Ω2 I1 ω1

Nel caso particolare in cui scegliamo il sistema di riferimento solidale con


il corpo, si semplificano leggermente, in quanto Ω = ω
3.1. MECCANICA 223


τ1 = I1 ω̇1 + ω2 ω3 (I3 − I2 )

τ2 = I2 ω̇2 + ω3 ω1 (I1 − I3 )

τ3 = I3 ω̇3 + ω1 ω2 (I2 − I1 )

224 CAPITOLO 3. FISICA

Problemi

Problema 3.1.15 (Moneta su un tavolo).


Soluzione non disponibile.

Problema 3.1.16 (Palla sul giradischi). Questo problema è tratto


dal Morin, Ref [Mor08].
Supponiamo di avere una sfera uniforme di massa m appoggiata su un giradischi
che ruota con velocità angolare Ω. La sfera rotola senza strisciare sul giradischi.
Mostrare che la sfera si muove su una circonferenza (vista nel riferimento del
2
laboratorio) e la percorre con una velocità angolare ω = Ω.
7
Hint: 4.2.2 Soluzione non disponibile.

Problema 3.1.17 (Corda avvolta sul tavolo (Morin Ref [Mor08])).

Soluzione non disponibile.

Problema 3.1.18 (Moto di un dipolo elettrico in campo magnetico (APhO


2001, 2)).
Possiamo schematizzare un dipolo elettrico come una sbarretta rigida di lun-
ghezza ~l ai cui capi sono attaccati due cariche, una +q e l’altra −q. Il verso di ~l è
fatto in modo che il vettore vada dalla carica negativa a quella positiva.
Il tutto è immerso in un campo magnetico uniforme B ~ = B0 zb.

1. Scrivere la forza F~ agente sul dipolo in termini della velocità del centro di
massa ~vcm e della velocità angolare di rotazione intorno al centro di massa ω
~
~
(e di B ovviamente).

2. Scrivere il momento delle forze rispetto al centro di massa ~τ in funzione delle


stesse quantità.

3. La forza esterna sul centro di massa non è ovviamente nulla (altrimenti non
te l’avremmo fatta calcolare al punto 1), quindi la quantità di moto del
dipolo non si conserva. Trovare un’altra quantità P~ , simile alla quantità
di moto, che si conservi nel moto in campo magnetico. Scrivere inoltre la
conservazione dell’energia meccanica totale E.

4. Mostrare che la quantità J = (~rcm × P~ + I~ ~ è una costante del moto (P~


ω) · B
è la quantità trovata al punto 3 e I è il momento di inerzia rispetto al centro
di massa del dipolo).
3.1. MECCANICA 225

5. All’istante iniziali il dipolo si trova cosı́: il suo centro è al centro del riferimento,
~vcm = 0, ~l punta la direzione x beω ~ = ω0 zb
Se ωc < ωc , il dipolo non riesce a compiere un giro completo intorno al suo
centro di massa. Trovare ωc .

6. Qual’è la massima distanza lungo x


b che riesce a percorrere il dipolo in termini
di un generico ω0 ?

7. Trovare la tensione della sbarretta. Esprimerlo in termini di ω.

Soluzione non disponibile.

Problema 3.1.19 (Panca infinita). Considera una panca priva di


massa su cui sono poggiati (in posizioni simmetriche rispetto al centro della panca)
due cilindri identici di massa m raggio a e momento di inerzia rispetto all’asse
I = βma2 . Sopra i due cilindri è poggiata un altra panca identica e sopra di essa
altri due cilindri identici e cosı́ via formando un sistema infinito. Ciascuno cilindro
può rotolare senza scivolare rispetto a ciascuna panca con cui è a contatto. A un
certo momento la prima panca viene spinta orizzontalmente cosı́ da muoversi con
un accelerazione a0 . Trovare l’accelerazione lineare dei cilindri all’ n−esimo piano
(il primo piano è n = 1).
Soluzione: 4.3.11
226 CAPITOLO 3. FISICA

3.1.7 Gravitazione
Il problema dei due corpi Parleremo in questo capitolo del problema dei
due corpi, ovvero un sistema fisico composto da solo due oggetti che interagi-
scono, la cui interazione dipende dalla distanza fra i centri dei due oggetti, per
esempio due stelle che si ruotano intorno per attrazione gravitazionale, ma
anche una stella e un pianeta o semplicemente l’elettrone intorno al nucleo.
Trattare due oggetti invece di uno è decisamente un problema. Solitamente
è molto difficile integrare l’equazione del moto per un corpo solo, figurarsi due.
Vedremo subito che per fortuna il problema dei due corpi si può ricondurre
in modo rapido ad un problema con un corpo solo. Vediamo come:
Supponiamo di avere 2 oggetti di massa ma , mb , posizione in un riferimento
~ra , ~rb e velocità ~va , ~vb . Supponiamo inoltre che l’energia potenziale del sistema
dipenda solo dalla distanza fra le due masse.
Scriviamo energia, quantità di moto e momento angolare (rispetto al
centro del riferimento) del sistema.


 P~ = ma~va + mb~vb

~ = ma~ra × ~va + mb~rb × ~vb
L
E = 1 ma v 2 + 1 mb v 2 + U (|~ra − ~rb |)


a b
2 2
Cambiamo variabili per semplificarci le cose:

~r := ma~ra + mb~rb
cm
ma + mb
~r = ~rb − ~ra

Con ovvia definizione di ~vcm e ~r˙ . Riscriviamo le 3 quantità in funzione


delle nuove variabili.

 P~ = (ma + mb )~vcm
ma mb


~r × ~r˙
~
L = (ma + mb )~rcm × ~vcm +
m a + m b

 1 2 1 ma mb 2
E = (ma + mb )vcm
 + ṙ + U (r)
2 2 ma + mb
Dove è conveniente definire µ, massa ridotta del sistema, in questo modo

1 1 1
= +
µ ma mb
3.1. MECCANICA 227

˙
È ora evidente che questa scelta di coordinate è migliore. Infatti, P~ =
F~ext = 0, quindi troviamo che ~vcm è costante. Niente ci vieta quindi di
metterci nel riferimento (inerziale) del centro di massa, in cui le espressioni si
semplificano di molto.

L ~ = µ~r × ~r˙
1
E = µṙ2 + U (r)
2
Ovvero, possiamo trattare il problema come se avessimo un solo corpo di
massa µ che si muove in un campo centrale. Una volta che avremo trovato ~r
µ
e ~r˙ , potremo tornare indietro invertendo le coordinate e ritrovando ~ra = ~r
ma
µ
e ~rb = − ~r
mb

Conservazione di L ~ e di E Consideriamo ora un oggetto che si muove


in campo centrale F~ (r) = F (r)br. Mostriamo innanzitutto che il momento
angolare rispetto al centro del riferimento si conserva.

~
dL
= ~τ = ~r × F~ = ~r × F (r)b
r=0
dt
In quanto F~ e ~r sono paralleli. Il fatto che il momento angolare si conservi
ha una notevole conseguenza fisica che poi semplifica di molto la trattazione
del problema. L ~ è un vettore che si conserva, per cui, oltre a conservarsi
il modulo di L = rv sin θ, la parte davvero interessante è che si conserva la
~ Questo implica immediatamente che la traiettoria sia una
direzione di L.
curva piana.
Vediamo ora di mostrare rapidamente che effettivamente un campo centrale
qualsiasi è conservativo, cosa che ho dato per scontato fin’ora ma non del
tutto ovvia.
Condizione necessaria e sufficiente affinché esista un potenziale 6 è che
6
Se il dominio è un aperto semplicemente connesso. Questa condizione non è patologica
come la maggior parte delle ipotesi in Analisi, purtroppo. Esistono esempi molto concreti
di campi vettoriali a rotore nullo su un dominio non semplicemente connesso che non
ammettono potenziale. L’esempio più semplice è il campo magnetico generato da un filo
~ H
rettilineo infinito percorso da corrente. Su tutto lo spazio tranne il filo vale ∇× ~ = µ0 J~ = 0,
~
ma H non ammette potenziale, in quanto facendo la circuitazione lungo una circonferenza
che contiene il filo non otteniamo zero.
228 CAPITOLO 3. FISICA

~ × F~ = 0. Scriviamo il rotore in coordinate cartesiane e controlliamo



per esempio la componente zb (sarà completamente simmetrico sulle altre
componenti.)

 y  x
∂ F (r) ∂ F (r)
~ × F~ )z = ∂Fy (r) − ∂Fx (r) =
(∇ r − r =
∂x ∂y ∂x ∂y
yF 0 (r) ∂r xF 0 (r) ∂r yF ∂r xF ∂r
= − − 2 + 2
r ∂x r ∂y r ∂x r ∂x
p ∂r x x
Ora ricordiamo che r = x2 + y 2 + z 2 , per cui =p =
∂x x2 + y 2 + z 2 r
e analogamente per y. Per cui
0 0
~ × F~ )z = xy F (r) − xy F (r) − xy F + xy F = 0
(∇
r2 r2 r3 r3
In questo calcolo vi era assoluta simmetria fra le coordinate, quindi il cal-
colo delle altre componenti del rotore darà lo stesso risultato. Di conseguenza,
ogni campo centrale è conservativo. Potremo quindi sempre scrivere l’energia
potenziale.
Una dimostrazione migliore si può fare prendendo un cammino a caso
e vedendo che l’integrale di linea della forza non dipende dal percorso ma
solo da partenza e arrivo, semplicemente scomponendo il cammino in tratti
infinitesimi quasi rettilinei. La dimostrazione la trovate su qualsiasi libro di
testo elementare.

Il potenziale efficace La conservazione di L ~ permette di fare una sostitu-


zione intelligente che semplificherà i conti in molte occasioni.
Scriviamo l’energia totale di una massa puntiforme che si muove in campo
centrale
1 1 1
E = mv 2 + U (r) = mvr2 + mvt2 + U (r)
2 2 2
Dove ho scomposto la velocità in due componenti ortogonali, ovvero la
velocità radiale (ṙ) e la velocità perpendicolare al raggio vettore 7 (rθ̇)
7
Attenzione! Questa non è la velocità tangenziale. La velocità è sempre tangente la
traiettoria. Questa componente della velocità si ottiene proprio proiettando su una retta
perpendicolare al raggio vettore
3.1. MECCANICA 229

Il modulo di L ~ sarà proprio mrvt = mr2 θ̇. È intelligente a questo punto


sostituire θ̇ con L, in quanto l’energia totale passa da una funzione di due
variabili, r e θ, ad una funzione di una sola variabile, molto più facile da
gestire.
Scriviamo quindi l’energia totale:

1 L2
E = mṙ2 + + U (r)
2 2mr2
Vorrei far notare che fin’ora non abbiamo ancora utilizzato il fatto che si
tratti della forza gravitazionale, ma abbiamo semplicemente parlato di una
generica forza centrale, di conseguenza questa formula continua a valere per
qualsiasi potenziale centrale.
Facciamo ora alcune considerazioni sulla forza di gravità a partire da
questa formula. Sostituendo U , si ottiene

1 L2 GM m
E = mṙ2 + 2

2 2mr r

Figura 3.8: Grafico del potenziale efficace

A sinistra di questa uguaglianza abbiamo una costante, l’energia totale,


mentre a destra c’è una funzione di r ed ṙ. Disegnamo il grafico di Ueff =
230 CAPITOLO 3. FISICA

L2 GM m
2
− , riportato in figura 3.8. È evidente che una volta fissato il
2mr r
potenziale efficace e l’energia, i valori che si possono raggiungere sul grafico
sono quelli che stanno sotto la linea che indica l’energia, in quanto viene
aggiunto il termine 12 mṙ2 che è sempre positivo.
Ora è evidente che se E = E4 , c’è un solo punto del grafico che tocca la
retta orizzontale. Di conseguenza, dovrà essere r = cost. Il punto in questione
si ottiene imponendo

∂Ueff
− =0
∂r
e se fate i conti vi accorgerete che questa equazione è equivalente a imporre
che la forza di gravità sia centripeta. Avete ottenuto l’orbita circolare.
Se invece E = E3 , si vede che c’è solo un intervallo limitato di r raggiun-
gibili. Di conseguenza, sicuramente l’orbita sarà limitata. Per il caso della
gravità avremo che è un’ellisse. Ovviamente i valori limiti raggiungibili sul
grafico per r corrispondono al caso fisico di afelio e perielio.
Se E = E2 = 0, si vede dal grafico che è possibile raggiungere r → ∞,
mentre verso sinistra si può raggiungere solo un certo rmin e non 0, a causa
della conservazione del momento angolare.
Se E = E1 > 0, allora come prima avremo che l’orbita non è limitata.

Piccole oscillazioni intorno all’orbita stabile È interessante studiare


che cosa succede ad un corpo in orbita circolare se il suo moto viene legger-
mente perturbato. Per studiare che cosa succede in un intorno dell’orbita
circolare, è utile espandere in serie di Taylor al primo ordine le forze che
agiscono sulla massetta.
Se siamo su un’orbita circolare, vorrà dire che

F~ (r0 ) − F~c (r0 ) = 0

Dove F~ è il campo centrale e F~c è la forza centripeta. Espandiamo in serie


la forza.

∂F (r0 ) ∂Fc (r0 )


∆F = ∆r − ∆r
∂r ∂r
Essendo F = ma
3.1. MECCANICA 231

 
¨ = ∂F (r0 ) ∂Fc
m∆r − ∆r = ±mω 2 ∆r
∂r ∂r
Il ± è dovuto al fatto che a priori non sappiamo se l’orbita sarà stabile o
instabile. Di conseguenza, il segno di quel termine determinerà se una piccola
variazione del moto causa un danno irreparabile oppure se semplicemente fa
oscillare intorno all’orbita stabile.
Se poi ci accorgiamo che

∂Ueff
F − Fc = −
∂r
Troviamo un’espressione ancora più semplice per quello che volevamo
2
¨ = − ∂ Ueff (r0 ) ∆r
m∆r
∂r2
Di conseguenza,
s
1 ∂ 2 Ueff
 
ω= −
m ∂r2 r=r0

Il problema di Keplero Poniamoci ora l’obiettivo trovare la forma delle


orbite più generale per un oggetto di massa µ che si muove in campo centrale
k
U = − . Scriviamo l’energia totale usando il potenziale efficace.
r
1 L2 k
E = µṙ2 + 2

2 2µr r
Abbiamo mostrato che l’energia è una costante del moto. Derivandola
rispetto al tempo dovremo quindi ottenere 0.

L2 L2
 
k k
Ė = 0 = µṙr̈ − 3 ṙ + 2 ṙ = ṙ µr̈ − 3 + 2
µr r µr r
Ovviamente la soluzione ṙ = 0 non è quella più generale, in quanto
rappresenta solo il caso di orbita circolare. Possiamo quindi scartarla per
cercarne una più generica.

L2 k
µr̈ = 3
− 2
µr r
232 CAPITOLO 3. FISICA

Essendo noi interessati ad una dipendenza del tipo r(θ) e non r(t), è utile
pensare di cambiare la variabile di derivazione di r.

dr dr dθ
=
dt dθ dt
Ma noi ricordiamo che

L
L = µr2 θ̇ ⇒ θ̇ =
µr2
Riscriviamo quindi la nostra equazione

L2
 
d L dr L k
µ = 3− 2
dθ µr2 dθ µr 2 µr r
Per riuscire ad integrare questa cosa, l’esperienza insegna che è utile
cambiare variabile

1
u=
r

Lu2
 2
L2 u3
 
d 1 du Lu
µ − 2 = − ku2
dθ µ u dθ µ µ

L2 d2 u L2
= − u+k
µ dθ2 µ

d2 u kµ
= −u + 2
dθ L
E sono sicuro che questa siete capaci di integrarla.


u(θ) = A cos(θ + φ) +
L2
Ora ricordiamo come abbiamo definito u e troviamo finalmente

L2

r(θ) =
1 + B cos θ
3.1. MECCANICA 233

Dove ho semplicemente fatto un cambio di variabile per ottenere una


costante più bella. Se confrontiamo ora questa equazione con quella di una
conica in coordinate polari con un fuoco nell’origine, di eccentricità  8
l
r(θ) =
1 −  cos θ
capiamo subito che cosa descrive la nostra funzione. Viene dato da ricavare
nel problema 3.1.26 il valore di  in funzione di E, L. Per ora accontentiamoci
del risultato
s
2EL2
= 1+ 2
k µ
Vorrei far notare che se  = 0, fisicamente abbiamo che l’orbita è circolare,
per cui troviamo la relazione

2EL2
= −1
k2µ
Dove il segno meno non vi deve spaventare in quanto l’energia è evi-
dentemente negativa. Se abbiamo un’orbita ellittica, sarà 0 <  < 1. Per
l’orbita parabolica, dovremo avere  = 1 e di conseguenza E = 0. Questo è
fisicamente sensato in quanto noi vogliamo il caso limite di orbita ellittica,
ovvero un’orbita che arriva a ∞ con velocità nulla, ovvero con energia
k 1
E=− + µ · 02 = 0
∞ 2
Per una generica orbita iperbolica, avremo  > 1 e quindi E > 0. Queste
k
cose valgono per qualsiasi campo di forze centrale che sia del tipo F = 2
r
ma non vale in generale per altri andamenti della forza. Vorrei far notare che
non ho mai fatto assunzioni riguardo il segno di k, per cui le orbite saranno
coniche anche in caso di forza repulsiva. Quando andiamo a calcolare l’energia
totale, avremo semplicemente in questo caso la somma di due oggetti positivi,
per cui in caso di forza repulsiva avremo sempre E > 0 e di conseguenza le
orbite saranno sempre delle iperboli.
Concludiamo calcolando il periodo dell’orbita. Ovviamente ha senso
domandarsi questa cosa solo per orbite chiuse, per cui ellissi. Consideriamo
la quantità
8
Vedi l’appendice per più dettagli su questa formula
234 CAPITOLO 3. FISICA

dA 1
= r2 θ̇
dt 2
9
Che rappresenta l’area spazzata nell’unità di tempo Se scriviamo

L = µr2 θ̇
È evidente che

dA L
= = costante
dt 2µ
Per cui, se integriamo su un periodo otterremo l’area dell’ellisse10 . Se
questo ha i due semiassi lunghi a > b, la sua area sarà A = abπ

Z τ
dA
dt = abπ
0 dt
Z τ
L √
dt = a2 π 1 − 2
0 2µ
s
L 2EL2
τ = a2 π − 2
2µ k µ
r
2Eµ
τ = 2πa2 − 2
k

Per calcolare E, possiamo utilizzare il teorema del viriale, che verrà


trattato fra un paio di paragrafi, oppure semplicemente scrivere

1 L2 k
E = µṙ2 + 2

2 2µr r
Se imponiamo ṙ = 0, fisicamente stiamo trovando i punti di massima e
minima distanza dal centro dell’orbita 11 .
9
È l’area dA di un triangolino isoscele di lati r, r, rdθ diviso per dt.
10
Vorrei far notare che la formula precedente è in effetti la seconda legge di Keplero.
Notate che è equivalente alla conservazione del momento angolare.
11
Se ṙ(t̄) = 0, allora abbiamo che ṙ < 0 per t < t̄ e ṙ > 0 se t > t̄, ovvero siamo in un
minimo, oppure il contrario, ovvero siamo in un massimo. Fisicamente non esistono punti
di flesso per il problema di Keplero.
3.1. MECCANICA 235

L2 k
E= 2

2µr r
Che è un’equazione di secondo grado in r.

k L2
r2 +r− =0
E 2µE
s  s 
2 2 2
k k L k  2EL k
r1,2 =− ± 2
+ =− 1 ± 1 + 2  = − (1 ± )
2E 4E 2µE 2E k µ 2E

Se ora ricordiamo che in un ellisse


1
a = (r1 + r2 )
2
Troviamo

k k
a=− ⇒E=−
2E 2a
Tornando quindi al calcolo del periodo,
r s   r
2 2Eµ 2 2µ k 3 µ
τ = 2πa − 2 = 2πa − 2 − = 2πa 2
k k 2a k
Che prende il nome di terza legge di Keplero. Se trattiamo il caso della
gravità, k = Gm1 m2 , µ = mm11+m
m2
2

3 2π
τ = a2 p
G(m1 + m2 )
Ovvero

τ 2 ∝ a3

Il vettore di Lenz A ~ Nel moto in campo centrale abbiamo trovato la


~ che fornisce 3 quantità conservate, le sue proiezioni
conservazione del vettore L,
lungo gli assi, e l’energia totale E, che è un’altra quantità indipendente dal
momento angolare, per un totale di 4 quantità indipendenti. Ce n’è ancora
un’altra, indipendente dalle prime due, che non abbiamo ancora considerato.
236 CAPITOLO 3. FISICA

~ definito come
Andiamo a considerare il vettore A

~ = p~ × L
A ~ + kmb
r
~
dA
Dove al solito k = −GM m. Andiamo a calcolare
dt

~
dA d~p ~ db
r k k  
= z + kmθ̇θb = 2 θb −L + mr2 θ̇ = 0
× L + km = 2 rb × Lb
dt dt dt r r

In quanto per l’appunto si ha L = mr2 θ̇. Questo vettore A ~ viene chiamato


vettore di Lenz ed è il vettore che fornisce l’ultima quantità conservata che
manca all’appello. In particolare, fornisce una sola quantità indipendente
dall’energia e dal momento angolare. Vediamo perché.
Innanzitutto, il vettore A~ − kmb ~ per cui sta nel piano
r è ortogonale a L,
~
dell’orbita e di conseguenza anche A è nel piano dell’orbita. Inoltre, possiamo
dire ancora qualcosa sulla sua direzione. Infatti, se consideriamo

~ · p~ = p~ × L
A ~ · p~ + kmb
r · p~ = kmb
r · p~
~ p = 0 se e solo se rb·~p = 0, ovvero il vettore di Lenz
Diventa evidente che A·~
punta in un punto dell’orbita molto preciso, ovvero un punto di inversione.
Sarà afelio o perielio?
Andiamo a calcolare il modulo di A. ~ Noi sappiamo già che è costante,
perché abbiamo mostrato che il vettore intero A ~ è costante, cosa molto più
forte. Inoltre ci aspettiamo che sia strettamente legato alle costanti E ed L
che già conosciamo, altrimenti avremmo troppe costanti del moto. Per questo,
anche se all’inizio non sembrano tornare i conti, sforziamoci di far tornare
fuori un oggetto che contenga quei due termini in quanto sappiamo già che
deve uscire una cosa simile.

~ 2 = A·
|A| ~A ~ = (~p×L)
~ 2 +k 2 m2 +2kmb ~ = p2 L2 +k 2 m2 +2kmb
r·~p×L r·(py x
b−px yb)L =

~ sono già perpendicolari, quindi sappiamo


Abbiamo sfruttato che p~ ed L
che il modulo del loro prodotto vettore sarà semplicemente il prodotto dei
~ anche nell’altra
moduli. Inoltre adesso dobbiamo cercare di far saltare fuori L
espressione. Per farlo dobbiamo fare un po’ di giochini
3.1. MECCANICA 237

km km 2
= p2 L2 + k 2 m2 + 2 (py x − px y)L = p2 L2 + k 2 m2 − 2 L =
r r
A questo punto possiamo raccogliere L2 ed accadrà la magia
 
2 2 2mk
=L p + + k 2 m2 = 2mEL2 + m2 k 2
r
Infatti ricordiamo che

p2 k
E= −
2m r
Con molta fatica abbiamo finalmente trovato il modulo

A= 2mEL2 + m2 k 2
Vi state chiedendo perché l’ho fatto? Perché se ora consideriamo la
quantità

~ · rb
A
~ è costante,
Dato che A

2
~ r = A cos θ ⇒ L +km = A cos θ ⇒ 1 = A cos θ+ km
 
~
p~ × L + kmb
r ·b
r = A·b
r r L2 L2
Che assume la forma consueta
L2
km
r= A
1+ km
cos θ
Che ci dà la forma dell’orbita, come avevamo ricavato prima in forma
differenziale. Da quest’ultima possiamo infine dire che il vettore di Lenz
punta al perielio in quanto per θ = 0 si ha che r è più piccolo che in θ = π.
Il vettore di Lenz è una peculiarità dell’orbita 1/r. In tutti gli altri campi
centrali c’è già la conservazione del momento angolare e dell’energia totale,
ma in questo caso vi è appunto una quantità in più, legata strettamente alla
potenza 1/r, che conservandosi permette alle orbite di chiudersi. Il teorema
di Berthrand generalizzerà di parecchio questo risultato concludendo che gli
unici potenziali centrali che portano a orbite chiuse stabili sono i potenziali
−1/r e r2 , corrispondenti per l’appunto al problema di Keplero e al potenziale
generato da una molla.
238 CAPITOLO 3. FISICA

Il teorema del viriale

Teorema 3.1.1 (Teorema del viriale).

Si consideri un sistema di n particelle di massa mi , velocità ~vi e posizione


n n
X dG X
~ri . Si consideri la quantità G = mi~ri · ~vi . Consideriamo = mi~ri ·
i=0
dt i=0
X n n
X
~ai + mi~vi · ~vi = ~ri · F~i + 2K.
i=0 i=0
dG
Consideriamo ora il valore medio di su un intervallo di tempo [0, τ ].
dt
* n +
  τ
G(τ ) − G(0)
Z
dG 1 dG X
= dt = = ~ri · F~i + 2hKi
dt τ 0 dt τ i=0

Sotto ipotesi molto blande, per esempio che il sistema si muova di moto
periodico (in tal caso G(τ ) = G(0)) oppure semplicemente limitato (si fa
tendere τ → ∞) allora si ottiene la relazione
* n +
X
~ri · F~i + 2hKi = 0
i=0

Può sembrare inutile ma nel caso di campo centrale con dipendenza da r


del tipo U = krα (F~ = −αkrα−1 rb)12 la formula diventa

αhU i = 2hKi
Nel caso di potenziale coulombiano, hU i = −2hKi. Formula inutile?
Vediamo. . .

Esempio 3.1.7. È data la massa del sole Ms , il suo raggio Rs . Stimare


la temperatura media del Sole. Trattarlo come una palla di gas (idrogeno)
monoatomico di densità uniforme 13 .

Soluzione: l’energia potenziale del sistema viene data da calcolare nel


2
problema 3.1.20 e vale U = − 3GM5Rs
s
. L’energia interna di un gas perfetto
12
Per esempio il potenziale coulombiano o gravitazionale
13
Trattare la densità del Sole come uniforme è una stima estremamente grossolana, ma
in questo momento ci interessa solol’ordine di grandezza.
3.1. MECCANICA 239

monoatomico è K = N 32 kB T , dove N = Ms
mp
dove mp è la massa del protone.
Applichiamo il teorema del viriale.

3GMs2 Ms
=3 kB T ⇒ T ≈ 3 · 106 K
5Rs mp

Diffusione da campo centrale


Forze di marea
Questo paragrafo è estremamente facoltativo.
Abbiamo sempre trattato gli oggetti su cui agisce la forza di gravità come
puntiformi e fin’ora non ci siamo mai posti il problema di un corpo esteso
soggetto a gravità. Direi che è ora di farlo. Consideriamo quindi una massa
molto grande, puntiforme, di massa M , posta ad una distanza R ~ dal centro
di massa di un oggetto esteso
√ di massa m che sta nel volume V . Inoltre,
3
consideriamo il caso in cui V  R, per esempio un satellita in orbita intorno
alla Terra oppure la Luna stessa. Andiamo a calcolare l’energia potenziale
dell’oggetto in orbita espandendo in serie l’energia la termine opportuno.
METTI UN DISEGNO
Parametrizziamo ogni punto del nostro oggetto esteso con il vettore ~r
rispetto al centro di massa dell’oggetto. Di conseguenza, il generico punto
determinato da ~r disterà R~ + ~r dalla massa M . Inoltre, dato che ~r è preso
rispetto al centro di massa, avremo che
Z
~rdm = ~0
V
Calcoliamo quindi l’energia potenziale

Z Z Z
~ = GM dm GM dm
Uogg (R) − dm = −GM =−
~ + ~r|
p r
V |R V ~ · ~r
R 2 + r 2 + 2R R V ~r  r 2

1 + 2R +
R R
A questo punto è opportuno espandere il termine dentro l’integrale ad un
r
ordine opportuno nella variabile t = 1
R
Ricordiamo che

α(α − 1) 2
(1 + x)α ≈ 1 + αx + x + ...
2
240 CAPITOLO 3. FISICA

Nel nostro caso, α = − 21 e quindi


1 1 3
(1 + x)− 2 = 1 − x + x2 + . . .
2 8
Vediamo quindi che cosa succede se espandiamo al primo ordine, ovvero
prendendo solo x e trascurando x2

Z   Z
GM b ~r GM GM b GM
Uogg ≈− 1−R dm = − + 2 R ~rdm = −
R V R R R V R

Che è la stessa cosa che vedremmo se il nostro oggetto fosse puntiforme.


Evidentemente abbiamo approssimato in modo troppo grossolano per vedere
qualcosa, ma comunque questo ci dice che la gravità si comporta abbastanza
bene per oggetti estesi ma non troppo grandi, in quanto il primo termine
di approssimazione è comunque nullo. In pratica, bisogna andare a vedere
l’ordine successivo per riuscire ad accorgersi che abbiamo un oggetto esteso e
non un oggetto puntiforme.
Di conseguenza, andiamo a vedere al prossimo ordine di approssimazione
cosa succede. Terremo quindi in considerazione tutti e soli i termini di grado
≤ 2.

Z  r 2 3  2 !
GM ~
r 1 ~
r
Uogg ≈− 1−Rb − + b·
2R dm =
R V R 2 R 8 R
Z 
GM GM 
b · ~r)2 − r2 dm
=− +0− 3(R
R 2R3 V
Z 
GM 
b · ~r)2 − r2 dm
Ũ = − 3 3(R (3.6)
2R V

Il primo termine è quello che approssima il nostro oggetto come puntiforme.


Il secondo è il termine che fa 0 per il motivo che abbiamo detto prima,
l’ultimo integrale è il primo termine diverso da 0 che compare nell’espansione
e rappresenta quello che volevamo. Esistono delle espressioni più belle per
questo risultato che vedremo fra qualche riga. Per ora cerchiamo solo di capire
come è fatto questo potenziale.
Prendiamo un sistema di riferimento cartesiano centrato nel CM dell’og-
getto con l’asse x che punta verso la massa M . Di conseguenza sarà R b = −bx.
3.1. MECCANICA 241

Inoltre sarà r2 = x2 + y 2 + z 2 . Il potenziale sarà quindi (togliendo il primo


termine, che al momento non ci interessa)
Z
GM
2x2 − y 2 − z 2 dm

Uogg = − 3
2R V
Ora, per esempio, potrebbe essere interessante cercare di capire che forma
assume un corpo deformabile lasciato in orbita. Diventerà una sfera o un
ellissoide dopo lungo tempo? E se diventa un ellissoide, lungo quali assi è
schiacciato?
Consideriamo quindi solo una massetta dm appartenente al corpo e
vediamo le forze agenti su di essa. Ovviamente

GM 2 2 2

Udm = − 2x − y − z dm
2R3
e dato che F~ = −∇U
~

GM
F~dm = 3 (2xb
x − yb
y − zb
z ) dm
R

Figura 3.9: Grafico della forza di marea

Come potete ben vedere dal disegno 3.9, la piccola differenza di distanza
dalla grande massa M porta a rendere il satellite più schiacciato in un verso
che in un altro, seguendo la forma del disegno.
Vediamo ora rapidamente una cosa interessante ma che potete tranquilla-
mente saltare in quanto non capiterà mai in una gara.
Notiamo innanzitutto che

r2 − (R
b · ~r)2
242 CAPITOLO 3. FISICA

è la distanza del punto r dall’asse R. b È facile da vedere in quanto


quell’espressione è proprio il teorema di Pitagora.
Se ora consideriamo quindi
Z  
2 2
r − (R · ~r) dm
b
V

Questo è esattamente il momento di inerzia rispetto all’asse R,


b che
denoteremo con IR . Riprendendo l’equazione 3.6

Z   Z 
GM 2 2 2
 GM 2
U =− 3 3(R · ~r) − 3r + 2r dm = − 3 −3IR + 2
b r dm
2R V 2R V

Ma, scelta una terna di assi principali x


bi ,

x21 + x22 + x21 + x23 + x22 + x23


Z Z
2 1
r dm = dm = (I3 + I2 + I1 )
V V 2 2
Per cui possiamo esprimere U in termini dei suoi momenti rispetto agli
assi principali e al momento rispetto all’asse R
b (che passa sempre per il centro
di massa, in quanto lo abbiamo scelto cosı́)
GM
U =− (I1 + I2 + I3 − 3IR )
2R3
Se consideriamo quindi un corpo in orbita, a meno di costanti additive, il
termine utile del potenziale è
3GM
U= IR
2R3
Infatti, il termine standard che va come 1r serve semplicemente a tenere in
orbita l’oggetto. Il termine dei 3 momenti di inerzia invece è solo una costante
additiva, che non è importante.
Viene da sè che se cerchiamo una posizione di equilibrio stabile dobbiamo
trovare un minimo del potenziale al variare dell’orientazione nello spazio del
nostro oggetto.
FINIRE DI DIRE IN MODO SEMPLICE

Tidal lock
3.1. MECCANICA 243

Il problema dei tre corpi


Purtroppo quando si ha a che fare con tre oggetti interagenti fra di loro
con forza gravitazionale il problema non si semplifica abbastanza da essere
risolto. È circa da quando Newton ha capito come funziona la gravitazione
che si prova ad integrare il moto dei 3 corpi e nessuno ci è riuscito, quindi vi
sconsiglio di provarci14 . In alcuni casi particolari il problema si semplifica di
parecchio facendo alcune approssimazioni, per esempio nella ricerca dei punti
di Lagrange.

I punti di Lagrange Consideriamo due corpi di masse M1 ≥ M2 interagen-


ti per gravità. Come abbiamo visto precedentemente, i due corpi ruoteranno
attorno al centro di massa del sistema seguendo quello che abbiamo detto
paragrafi fa. Consideriamo il caso in cui entrambe i corpi seguono un’orbita
circolare, ovvero mantenendosi ad una distanza R costante l’uno dall’altro.
Aggiungiamo ora a questo sistema un’altra massa m  M1 e quindi anche
m  M2 . Il moto dei due oggetti 1 e 2 non verrà perturbato dalla presenza
della nuova massa. Vogliamo vedere se esistono dei punti notevoli in cui la
massa m si trova in equilibrio stabile, ovvero se esistono dei punti tali per cui
la massa m sia ferma rispetto alle altre due masse e rimanga lı́ vicino in caso
di piccole perturbazioni.
Chiaramente la ricerca dei punti sarà effettuata nel piano dell’orbita, in
quanto se la massa m fosse fuori dal piano, sicuramente la risultante delle
forze punterebbe verso il piano e quindi non saremmo in equilibrio.
Prendiamo come sistema di riferimento un riferimento cartesiano inerziale
centrato nel centro di massa di M1 , M2 . Indichiamo con A ~eB ~ la posizione
dei corpi 1 e 2. I due corpi ruoteranno attorno al centro di massa con velocità
angolare Ω. La posizione sarà quindi
(
A~ = RA (cos Ωt, sin Ωt)
B~ = −RB (cos Ωt, sin Ωt)

Dove ovviamente RA = R Mµ1 e analogo per B. Notare che non stiamo


supponendo le due masse una molto maggiore dell’altra. Indichiamo con P~ la
posizione della massa m.

P~ = r(cos θ, sin θ)
14
Almeno per ora.
244 CAPITOLO 3. FISICA

Dato che ci interesserà l’energia potenziale gravitazionale, calcoliamo la


distanza dalle due masse di m.

(
rA = |P~ A| = |(r cos θ − RA cos Ωt, r sin θ − RA sin Ωt)| = r2 + RA
p
2
− 2rRA cos(θ − Ωt)
~
p
2 2
rB = |P B| = |(r cos θ + RB cos Ωt, r sin θ + RB sin Ωt)| = r + RB + 2rRB cos(θ − Ωt)

Scriviamo la lagrangiana L del sistema. Dato che imponiamo il vincolo


esterno delle masse che si muovono senza perturbazione, stiamo imponendo
un vincolo esterno quindi ci aspettiamo che dipenda espressamente dal tempo,
motivo per cui l’energia in generale non si conserverà.
1 1 GMA m GMB m
L = mṙ2 + mr2 θ̇2 + +
2 2 rA rB
Notare che la dipendenza da θ, t è nascosta nei termini rA ed rB . Calcolia-
mo quindi le derivate parziali per scrivere le equazioni del moto di Lagrange.
Evidentemente i parametri liberi sono θ ed r.
∂L GMA m ∂rA GMB m ∂rB


 =− 2
− 2
∂θ rA ∂θ rB ∂θ
∂L
= mr2 θ̇


∂ θ̇

d ∂L ∂L GMA m ∂rA GMB m ∂rB d  2 


= ⇒− 2
− 2
= mr θ̇ (3.7)
dt ∂ θ̇ ∂θ rA ∂θ rB ∂θ dt

∂L


 = mṙ
∂ ṙ
∂L GMA m ∂rB GMB m ∂rB

 = mrθ̇2 − 2
− 2
∂r rA ∂r rB ∂r

d ∂L ∂L GMA m ∂rB GMB m ∂rB


= ⇒ mr̈ = mrθ̇2 − 2
− 2
(3.8)
dt ∂ ṙ ∂r rA ∂r rB ∂r
Ovviamente non abbiamo nessuna intenzione di risolvere esplicitamente
l’equazione nel caso generale in quanto sarà praticamente impossibile. Ci
limitiamo a considerare il caso che vogliamo noi, ovvero θ̇ = Ω = costante
e ṙ = 0. Di conseguenza le due equazioni del moto si semplificano molto e
otteniamo
3.1. MECCANICA 245


GMA m ∂rA GMB m ∂rB
=−


2 2
rA ∂θ rB ∂θ

GM A m ∂r A GM B m ∂rB
mrΩ2 = +


2 2
rA ∂r rB ∂r
Calcoliamo ora le derivate parziali che avevo lasciato implicite per evitare
di avere conti mostruosi e risolviamo il sistema.

GMA m ∂rA GMB m ∂rB


2
=− 2

rA ∂θ rB ∂θ
GMA m 2rRA sin(θ − Ωt)
2
p =
r2 + RA − 2rRA cos(θ − Ωt) 2 r2 + RA2
− 2rRA cos(θ − Ωt)
GMB m −2rRB sin(θ − Ωt)
− 2
p
r2 + RB + 2rRB cos(θ − Ωt) 2 r2 + RB
2
+ 2rRB cos(θ − Ωt)

D’ora in poi chiamerò α = θ − Ωt in quanto chiaramente ci interessa solo


la posizione relativa degli oggetti che stanno ruotando. La prima soluzione
è sin α = 0 che fornisce α = 0, π. Cercheremo poi gli r corrispondenti, ora
troviamo tutte le soluzioni per α. Dopo aver semplificato l’espressione rimane

MA RA MB RB
3 = 3
2 2
(r2 + RA − 2rRA cos α) 2 (r2 + RB + 2rRB cos α) 2
Ma dato che abbiamo scelto come centro il centro di massa, MA RA =
MB RB . Quindi devono essere uguali i denominatori

2 2
RA − 2rRA cos α = RB + 2rRB cos α

(RA − RB )(RA + RB ) = 2r(RB + RA ) cos α

RA − RB
cos α =
2r
Notare che questo risultato ha la simmetria che deve effettivamente avere.
Se io mando α in α + π, scambio il ruolo delle due masse. Il risultato torna
perché il coseno cambia si segno. È sempre buona norma fare controlli di
simmetria sulle soluzioni per cercare errori.
246 CAPITOLO 3. FISICA

Usiamo l’altra equazione per trovare gli r corrispondenti ai vari valori di


α che abbiamo trovato.

rΩ2 MA ∂rA MB ∂rB


= 2 + 2
G rA ∂r rB ∂r

rΩ2 MA 2r − 2RA cos(θ − Ωt)


= 2 2
p +
G r + RA − 2rRA cos(θ − Ωt) 2 r + RA
2 2
− 2rRA cos(θ − Ωt)
MB 2r + 2RB cos(θ − Ωt)
+ 2
p
r2 + RB + 2rRB cos(θ − Ωt) 2 r + RB
2 2
+ 2rRB cos(θ − Ωt)

rΩ2 MA (r − RA cos α) MB (r + RB cos α)


= 3 + 3 (3.9)
G (r2 + RA2
− 2rRA cos α) 2 (r2 + RB2
+ 2rRB cos α) 2
Ora sostituiamo i valori di α che abbiamo trovato prima per risolvere
l’equazione.
1. α = 0

rΩ2 MA (r − RA ) MB (r + RB )
= 3 + 3
G (r2 + RA2
− 2rRA ) 2 (r2 + RB2
+ 2rRB ) 2
rΩ2 MA MB
= +
G |r − RA | |r + RB |
2. α = π
rΩ2 MA (r + RA ) MB (r − RB )
= 3 + 3
G (r2 + RA2
+ 2rRA ) 2 (r2 + RB2
− 2rRB ) 2
rΩ2 MA MB
= +
G |r + RA | |r − RB |
RA −RB
3. cos α = 2r

   
RA − RB RA − RB
MA r − RA MB r + RB
rΩ2 2r 2r
=  23 +   32
G RA − RB RA − RB
2 2
r2 + RA − 2rRA r2 + RB + 2rRB
2r 2r
3.1. MECCANICA 247

RA − RB RA − RB
rΩ2 MA r − MA RA MB r + MB RB
= 2r + 2r
3 3
G (r2 + RA RB ) 2 (r2 + RA RB ) 2
Ma come prima MA RA = MB RB per definizione di centro di massa.
Quindi,

rΩ2 (MA + MB )r
= 3
G (r2 + RA RB ) 2
G(MA + MB )
3
(r2 + RA RB ) 2 =
Ω2
Ma il membro a destra è esattamente il semiasse maggiore dell’orbita
alla 32 . Dato che le due masse sono distanti R,

R2
r2 + RA RB =
4
r
R2
r= − RA RB
4
Esprimiamo il risultato in termini delle masse MA , MB e della massa
ridotta µ
s s
2 2
R µ 1 µ2
r= − R2 =R −
4 MA MB 4 MA MB
Calcoliamo ora le proiezioni sugli assi x e y per dare una stima del
disegno che potrebbe venir fuori.

 
MA MB 1 1

RA − RB MA + MB MA MB R MB − MA
x = r cos α = =R =
2 2 2 MA + MB

s 2 r
√ R2 R2 + RB
2

RA − RB − 2RA RB
y = r 1 − cos2 α = r 1− = − RA RB − A
2r 4 4
248 CAPITOLO 3. FISICA

Problemi
Problema 3.1.20 (Energia interna di una sfera tenuta insieme per interazione
gravitazionale). Consideriamo una sfera di densità uniforme e massa
totale M . A questo sistema è ovviamente associata un’energia potenziale, definita
come

U =L

Dove L è il lavoro compiuto per assemblare questo sistema facendo arrivare


tante piccole massette dm dall’infinito e lasciando il sistema fermo alla fine della
costruzione 15 . Calcolare U in funzione della massa M , del raggio della sfera R e
di costanti fondamentali.
Soluzione: 4.3.12

Problema 3.1.21 (IPhO 2, 2011, Bangkok).


Uno ione di massa m, carica Q si muove con una velocità iniziale v  c da una
grande distanza fino ad arrivare vicino ad un atomo neutro di massa M  m e di
polarizzabilità elettrica α. Il parametro di impatto è b, come in figura 3.10.
L’atomo è istantaneamente polarizzato dal campo elettrico E ~ generato dallo
ione in arrivo. Il risultato di questa polarizzazione è che l’atomo diventa un dipolo
elettrico di momento di dipolo p~ = αE. ~ Si ignori ogni perdita radiativa e ogni
ritardo nell’informazione in questo problema.

~ p ad una distanza r dallo stesso lungo la direzione


1. Si calcoli il campo elettrico E
p~ (per la definizione di dipolo elettrico c’è un paragrafo in questo libro nel
capitolo di elettrostatica)

2. Si calcoli la forza F~ agente sullo ione dovuta alla polarizzazione dell’atomo.


Si mostri che è attrattiva indipendentemente dal segno di Q.

3. Si trovi un’espressione per la distanza minima rmin a cui arriva lo ione.

4. Se il parametro di impatto b è minore di un certo valore critico b0 allora lo


ione continuerà a cadere in spirale sull’atomo. In questo caso lo ione verrà
neutralizzato e l’atomo caricato. Questo processo è chiamato charge exchange
interaction. Qual è la sezione d’urto A = πb20 di questo fenomeno?

Soluzione: 4.3.13
15
Ovviamente è anche uguale a meno il lavoro per scomporre il sistema portando ogni
sua parte all’infinito.
3.1. MECCANICA 249

Figura 3.10: Problema 3.1.21

Problema 3.1.22 (Cambio di eccentricità). Un corpo si trova


in un orbita ellittica di eccentricità 1 attorno a una stella. Quando si trova nel
pericentro un urto gli fornisce un impulso radiale che trasforma l’orbita in una di
eccentricità 2 . Trovare l’angolo formato tra gli assi maggiori delle due orbite.
Soluzione: 4.3.14

Problema 3.1.23 (Tempo di collisione). Due masse m1 e m2


interagiscono solo gravitazionalmente. Vengono fatte partire da ferme distanti
inizialmente d tra di loro. Dopo quanto si scontrano?
Soluzione: 4.3.15

Problema 3.1.24 (Deflessione da una buca). In un piano oriz-


zontale è praticata una cavità circolare, di raggio R e profondià h. I bordi della
cavità sono arrotondati, ed un punto materiale di massa m è vincolato a muoversi
sulla superficie risultante. Inizialmente il punto materiale si muove all’esterno della
cavità, con velocità di modulo v0 e parametro d’urto (cioè la distanza tra la retta in
cui si muove e una retta parallela passante per il centro della buca) b . Determinare
le quantità conservate, e la deviazione angolare che il corpo subisce dopo essere
uscito dalla buca.
Soluzione: 4.3.16

Problema 3.1.25 (Moto dentro una sfera). Immaginate una


particella in grado di muoversi dentro la Terra, da considerare una sfera di massa
M e raggio R, senza interagire con il terreno ma solo per gravità, come se la Terra
fosse una palla di fluido senza resistenza. Qual è la forma della traiettoria della
particella m, date le condizioni iniziali? Il moto è periodico? Che periodo?
Soluzione: 4.3.17
250 CAPITOLO 3. FISICA

Problema 3.1.26 (Cambio di orbita). In questo problema trat-


teremo un satellite in orbita intorno alla Terra che accende per un tempo molto
breve i motori per cambiare l’orbita.
È utile usare la formula che descrive una conica con un fuoco nell’origine in
coordinate polari:

l
r(θ) =
1 −  cos(θ)
Dove l e  sono costanti. l è chiamato semilunare, mentre  è l’eccentricità
dell’orbita. Ricordiamo, per completezza, che una conica può essere:

• Una circonferenza se  = 0

• Un ellisse se 0 <  < 1

• Una parabola se  = 1

• Un’iperbole se  > 1

Esprimere  ed l in funzione di L modulo del momento angolare ed E per una


generica orbita (potete prenderla ellittica).
All’inizio il satellite si trova in orbita circolare geostazionaria. Trovare rT , il
raggio dell’orbita del satellite. Sono dati la massa della Terra MT e il periodo
TT = 1 giorno (definizione di orbita geostazionaria).
Il satellite accende i motori per un’istante molto breve. La spinta fa variare la
sua velocità di una quantità in modulo ∆v = βvT .
Primo caso: La spinta dei motori avviene in direzione radiale (si butta il
carburante verso il Sole).
Secondo caso: La spinta dei motori avviene in direzione tangenziale (l’astronave
accelera in avanti).
Trovare la nuova eccentricità dell’orbita e l’angolo che il semiasse della nuova
orbita forma con la velocità prima della spinta in entrambe i casi. Trovare βlim che
permette all’astronave di abbandonare l’orbita terrestre (trascurare la presenza
degli altri pianeti e del Sole).
Soluzione: 4.3.18

Problema 3.1.27 (Trio gravitazionale). Tre corpi (considerati


come punti materiali) di masse m1 , m2 e m3 interagiscono tra di loro solo gravita-
zionalmente. Sotto quali condizioni sulle mutue posizioni e sulla velocità angolare i
tre corpi ruotano rigidamente attorno al centro di massa comune?
Soluzione: 4.3.19
3.1. MECCANICA 251

Potenziali modificati

Problema 3.1.28 (Vela solare).


Consideriamo un satellite con un grosso specchio piano in grado di riflettere la
luce solare, orientabile a piacimento. Lo specchio ha area A. Il satellite, specchio
incluso, ha massa m  M dove M è la massa del Sole. Inizialmente il satellite
si trova ad una distanza r0 dal Sole, su un’orbita circolare. Trascurare la presenza
degli altri pianeti. Ad un certo punto il satellite apre la vela solare, facendo in
modo da tenere sempre lo specchio rivolto esattamente verso il Sole.
Parte 1
Il Sole ha un’intensità I0 , misurata alla distanza r0 , definita come potenza per
unità di area.

• Trovare il valore minimo di A che permette al satellite di abbandonare il


sistema solare.

• Se il satellite non rivolge più in modo esatto lo specchio verso il Sole ma fa in


modo che la normale allo specchio formi un angolo α variabile a piacimento
α ∈ [−π/2, π/2], dire che cosa succede.

Parte 2
È facile mettere dei dati numerici per accorgersi che si possono rapidamente
raggiungere relativistiche una volta abbandonato il sistema solare. Per questo
motivo non è più possibile che la forza esercitata dalla pressione di radiazione
dipenda solo dalla posizione del satellite e non dalla sua velocità.
Consideriamo quindi una sorgente monocromatica di fotoni che emette fotoni
ad una frequenza fissa ν nel suo riferimento. Consideriamo uno specchio di massa
m, tale che hν  mc2 rivolto verso la sorgente che si allontana dalla stessa ad una
velocità v (usate β che è meglio). Lo specchio viene colpito da una quantità di
fotoni n per unità di tempo, con il tempo misurato nel riferimento della sorgente.

• Trovare l’accelerazione dello specchio nel riferimento della sorgente in funzione


di β, n, ν, m

• Usare il risultato appena trovato per esprimere la forza agente sul satellite
in funzione della sua distanza dal Sole r e della sua velocità v (e degli altri
parametri rilevanti)

FINIRE
Soluzione: 4.3.20
252 CAPITOLO 3. FISICA

Problema 3.1.29 (Moto in potenziale di Yukawa). Un oggetto di


massa m si muove in una nebulosa che interagisce con lui solo gravitazionalmente.
Il potenziale a cui è soggetta la massa è centrale e dato dalla formula
r0 − rr
U (r) = U0 e 0
r
1. Trovare il raggio dell’orbita circolare stabile r1
2. Trovare la distribuzione di massa nello spazio che genera questo potenziale
3. Trovare la frequenza delle piccole oscillazioni intorno all’orbita circolare
stabile
Soluzione non disponibile.
Problema 3.1.30 (Potenziale di Einstein). Chiamiamo rs = 2GMc2
il raggio di Schwartzschild. Ai fini di questo problema non è importante sapere
come si ricava questo risultato.
La teoria della relatività generale prevede diversi cambiamenti nelle equazioni
della gravitazione di Newton. Il potenziale “classico” che deriva dalle equazioni di
Einstein per una massa puntiforme nel campo di una massa M  m è

mc2 rs rs L2
 
U (r) = − + 2 2 3
2 r m c r
1. Trovare la distribuzione di massa che genera questo potenziale
2. Trovare i raggi delle orbite circolari e discuterne la stabilità
Per r  rs il potenziale si comporta come quello newtoniano. L’effetto del
termine aggiuntivo si vede su lunghi periodi di tempo in quanto instaura un
moto di precessione dell’orbita.
3. Trovare, con le dovute approssimazioni, il valore ∆φ che rappresenta l’angolo
fra il semiasse maggiore dell’orbita prima e dopo una rivoluzione completa
intorno al Sole in funzione del semiasse maggiore dell’orbita a, della sua
eccentricità   1 (quindi l’orbita è quasi circolare) e di rs
La teoria della RG prevede inoltre che la luce venga deflessa di un certo
angolo dai campi gravitazionali. L’angolo previsto è

2rs
∆φ =
r0
Dove r0 è la distanza minima del fotone dalla stella. Proviamo a mostrare
questa formula usando il potenziale dato.
3.1. MECCANICA 253

4. Trovare la deflessione classica dovuta solo al termine newtoniano

5. Trovare la deflessione dovuta al termine aggiuntivo

6. Il risultato è conforme alla formula data?

Soluzione non disponibile.

Problema 3.1.31 (Precessione dell’orbita). Consideriamo un


oggetto che si muove in un potenziale

r2
 
r0
U (r) = −U0 −  02
r r
Trovare la forma delle orbite.
Soluzione: 4.3.21
254 CAPITOLO 3. FISICA

3.1.8 Sistemi a massa variabile


Cosa succede quando F~ = m~a non funziona più? In questa sezione
vediamo rapidamente cosa succede se abbiamo dei sistemi a massa variabile,
ovvero oggetti che perdono o acquistano massa durante il loro moto. Quello
che io consiglio di fare in ogni caso è di considerare il sistema in due istanti
di tempo molto vicini, t e t + dt e scrivere

F~ext dt = p~(t + dt) − p~(t)


Che è esattamente F~ = m~a per l’intero sistema di corpi. Con questo non
si sbaglia. Consiglio di fare i problemi qui sotto per prendere dimestichezza.
Se non vi vengono, leggete le soluzioni e cercate di fare gli altri.
Problema 3.1.32 (Equazione del razzo). Abbiamo un razzo che
si muove nello spazio in assenza di gravità. All’istante t0 = 0 la massa del razzo
è m0 e la sua velocità rispetto alla Terra è v0 = 0. Il razzo espelle carburante ad
dm
una velocità relativa u costante ed espelle massa ad un tasso costante = R.
dt
Scrivere l’equazione del moto e trovare la legge oraria. Soluzione: 4.3.22

Problema 3.1.33 (Caduta di una corda). Una fune inestensibile


di massa m e lunghezza L è appoggiata su un tavolo privo di attrito. Un’estremità
della fune sporge dal tavolo di una lunghezza x0 . Trovare l’equazione del moto e
risolverla. Trovare il tempo τ che impiega la corda ad essere completamente fuori
dal tavolo.
Soluzione: 4.3.23

Problema 3.1.34 (Goccia d’acqua in una nuvola). Possiamo


schematizzare una goccia d’acqua come una sfera di densità λ, immersa in un
liquido di densità ρ. La goccia d’acqua cade sotto l’effetto della gravità ~g e cadendo
aumenta la sua massa e il suo volume. Assumere che la goccia rimanga sferica
durante tutta la caduta e trascuare ogni tipo di attrito con l’aria.
Trovare l’equazione del moto e risolverla. (L’equazione del moto è brutta, non
scoraggiatevi.)
Hint: 4.2.3
Soluzione: 4.3.24

Problema 3.1.35 (Caduta di una corda (staffetta 82)). Una


catena di lunghezza L e densità σ Kg/m è mantenuta nella posizione mostrata in
figura 3.11, con un’estremità attaccata ad un supporto. Si assuma che solo una
parte di corda di lunghezza trascurabile parta da sotto il supporto. La corda viene
3.1. MECCANICA 255

Figura 3.11: problema 3.1.35

rilasciata. Trovare la forza che il supporto esercita sulla corda, in funzione del
tempo.
Soluzione: 4.3.25

Problema 3.1.36 (Razzo e gravità).


Un razzo parte da fermo a terra. Espelle carburante ad una velocità relativa ~u
costante, sempre verso il basso. Trascurare la rotazione della Terra e ogni tipo di
attrito con l’aria. Assumere inoltre ~g costante.

1. Scrivere l’equazione del moto del razzo


Assumere ora che la massa del razzo segua la legge m(t) = m0 (1 − αt), ovvero
la massa viene espulsa a tasso costante.

2. Calcolare numericamente il rapporto mm0 quando il razzo ha raggiunto la


velocità di fuga dalla Terra. Usate la massa della Terra MT = 6 · 1024 kg e
RT = 6, 37 · 106 m. Per la velocità di espulsione u, è ragionevole pensare che
si tratti di una velocità tipica delle molecoleqin un gas perfetto usato come
combustibile. Assumete quindi che sia u = 3RT µ , con µ = 2g/mol, ovvero
idrogeno molecolare (T = 300K).

3. A che altezza si trova il razzo al punto 2? È ragionevole l’assunzione ~g = cost?

Soluzione: 4.3.26
256 CAPITOLO 3. FISICA

3.1.9 Sistemi di riferimento non inerziali


Per quanto mi riguarda, io preferisco sempre lavorare in sistemi di riferi-
mento inerziali in quanto poi non capisco mai da che parte mettere le forze
apparenti fastidiose come la forza di Coriolis, ma dato che spesso qualche
persona vi obbliga a fare un problema mettendosi in un riferimento non
inerziale, sarà bene scrivere qualcosa a riguardo.
Consideriamo quindi due sistemi di riferimento, S e S1 , ovvero due terne
di versori ortogonali, che saranno x b, yb, zb e x
b1 , yb1 , zb1 . Siamo interessati a legare
quantità notevoli come accelerazione e velocità misurate nei due sistemi di
riferimento. Se uno dei due è inerziale e l’altro no, in uno varrà F~ = m~a,
nell’altro no ma troveremo qual è il termine correttivo che fa funzionare il
tutto.
In particolare, considererò il sistema S1 inerziale e il sistema S no. Tuttavia,
fino alla formula 3.11 il tutto è completamente simmetrico ed indipendente
dal fatto che un riferimento sia inerziale o meno, si tratta solo di cinematica
e non di dinamica

Figura 3.12: I due sistemi di riferimento

~ indica la posizione del centro del


Come si vede dalla figura, il vettore R
riferimento senza pedice visto dal riferimento con il pedice. Immaginiamo di
conoscere per esempio la traiettoria di un oggetto misurata dal riferimento
senza pedice, ovvero conosceremo un vettore

x(t)

~x(t) = y(t) = x(t)b
x + y(t)b
y + z(t)b
z

z(t)

3.1. MECCANICA 257

Vogliamo scoprire che cosa vede il riferimento S1 in funzione di ~x e di R.~


In generale, la posizione ~x1 (t) misurata nel riferimento S1 sarà semplicemente
la somma vettoriale delle due posizioni, ovvero

~ + ~x(t)
~x1 (t) = R(t)
A questo punto, andiamo a considerare anche l’eventualità che un rife-
rimento ruoti rispetto all’altro. Questo vuol dire che i tre versori x b, yb, zb,
misurati dal sistema S1 non sono fissi ma variano nel tempo. L’espres-
sione che abbiamo scritto subito sopra non cambia ma quando andiamo a
scriverla in termini delle componenti, è opportuno indicare che anche i versori
sono funzioni del tempo, per ricordarsene

~ + x(t)b
~x1 (t) = R(t) x(t) + y(t)b
y (t) + z(t)b
z (t)
Questo è fondamentale quando noi andiamo a calcolare la velocità misurata
nel sistema S1

d ~
dR(t) dx(t) dy(t) dz(t) db
x(t) dby (t) db
z (t)
~v1 (t) = ~x1 (t) = + x
b(t)+ yb(t)+ zb(t)+x(t) +y(t) +z(t)
dt dt dt dt dt dt dt dt
(3.10)
Andiamo a quantificare la rotazione del sistema S per chiarire le idee.
Indichiamo con Ω ~ la velocità angolare di rotazione del sistema S misurata
dal sistema S1 . Ricordiamo che la derivata di un generico versore che ruota è

db
x ~
=Ω×x b
dt
Se non siete convinti di questa formula, è stata spiegata nella parte di
matematica, nella sezione di analisi vettoriale. Andiamo ad analizzare meglio
che cosa cè scritto nella formula 3.10. Innanzitutto, scrivendo la derivata dei
~ il termine
versori in termini di Ω,

db
x(t) db
y (t) db
z (t)
x(t) + y(t) + z(t)
dt dt dt
Diventa

~ × (x(t)b
Ω x(t) + y(t)b
y (t) + z(t)b ~ × ~x(t)
z (t)) = Ω
La quantità
258 CAPITOLO 3. FISICA

dx(t) dy(t) dz(t)


x
b(t) + yb(t) +
dt dt dt
Di solito viene indicata con la notazione

δ~x
δt
Che è una notazione ad hoc usata semplicemente per indicare proprio
quello che c’è scritto e niente di più. Vorrei farvi notare che questo termine è
esattamente la velocità misurata nel sistema S, in quanto si fa solo la derivata
delle componenti considerando gli assi fissi. Per questo motivo la chiamerò ~v .
Riassumendo,

~
dR
~v1 = ~ × ~x
+ ~v + Ω
dt
Dove ricordiamo che i vettori ~x e ~v sono misurati nel sistema S mentre ~v1
~
e R nel sistema S1
A questo punto possiamo andare avanti a derivare per riuscire ad ottenere
una relazione fra le accelerazioni nei due sistemi di riferimento. Deriviamo di
nuovo,

d~v1 ~
d2 R d~v dΩ ~
~a1 = = 2 + + ~ × d~x
× ~x + Ω
dt dt dt dt dt
Ma di nuovo ~v e ~x sono misurati nell’altro riferimento quindi la loro
derivata conterrà per lo stesso motivo il termine con il prodotto vettore

~
d2 R δ~v ~ ~
dΩ

δ~
x

~a1 = 2 + + Ω × ~v + ~ ×
× ~x + Ω +Ω~ × ~x
dt δt dt δt
Ma di nuovo

 δ~x = ~v

δt
 v = ~a
 δ~
δt
In quanto sono effettivamente velocità e accelerazioni misurate in quel
riferimento. Andiamo quindi a riscrivere la formula

~
d2 R ~
~ × ~v + dΩ × ~x + Ω
 
~a1 = ~a + + 2 Ω ~ × Ω~ × ~x (3.11)
dt2 dt
3.1. MECCANICA 259

Che ci dice finalmente che cosa vede un osservatore nel sistema S1 in


base a quello che vede il sistema S. Ricordo tuttavia che Ω è misurato dal
sistema S1 e ci dice quanto ruota il sistema S considerando il sistema S1
fermo. Attenzione ai segni!
Se ora supponiamo che il sistema S1 sia inerziale, possiamo moltiplicare a
destra e sinistra per m, la massa della particella che si muove, e ottenere

~
d2 R ~
~ × ~v + m dΩ × ~x + mΩ
 
F~ = m~a + m 2 + 2mΩ ~ × Ω ~ × ~x
dt dt
Se ora andiamo a ricavare l’accelerazione nel sistema S

F~ ~
d2 R ~
~ × ~v − dΩ × ~x − Ω

~ × Ω~ × ~x

~a = − 2 − 2Ω
m dt dt
Troviamo finalmente quello che ci serviva, ovvero la correzione di F~ = m~a
in un sistema che non è inerziale. Vediamo che ci sono diversi termini correttivi
chiamate forze apparenti, andiamo a vederli uno per uno.

~
d2 R
dt2
Questo termine è dovuto all’accelerazione relativa dei due sistemi di
riferimento. Per esempio, se siete in auto e accelerate in avanti vi sentirete
schiacciati contro il sedile.

dΩ~
× ~x
dt
Questo termine viene chiamato forza azimutale ed è quasi sempre nullo in
~ = cost
quanto di solito si considerano riferimenti con Ω
 
~ × Ω
Ω ~ × ~x

Questo è il termine centripeto (o centrifugo, dipende come lo vedete).


Questa è la forza che vi spinge verso l’esterno quando fate una curva in
automobile. In realtà è il sedile che esercita una forza nel verso opposto per
mantenervi in traiettoria, ma quello che vedete voi è una forza centrifuga.
SPIEGA CON DISEGNO. OMEGA E X PERPENDICOLARI

F~ ~ Ω
~
~ · ~x) + Ω2~x = F + Ω2~x
~a = − Ω(
m m
260 CAPITOLO 3. FISICA

Ma nel riferimento dell’automobile voi siete fermi sul sedile, quindi ~a = 0.


Affinchè sia possibile, deve esserci una forza F~ vera

F~ = −mΩ2~x
Che avendo un segno meno va verso il centro della traiettoria e non verso
fuori, quindi è centripeta. L’ultimo termine è

~ × ~v
2Ω
Che viene chiamato forza di Coriolis
FINISCI DI DIRE COSE
3.1. MECCANICA 261

3.1.10 Fluidodinamica
Derivazione del teorema di Bernoulli In fluidodinamica c’è praticamen-
te una sola equazione da utilizzare. Sarebbe bene conoscere le ipotesi in cui è
applicabile, in modo da sapere quando si può usare e quando no. Per questo
motivo farò una breve dimostrazione. Non è assolutamente necessario conosce-
re questa dimostrazione, va benissimo quella riportata sull’Halliday-Resnick
Ref [HRW12].

Teorema 3.1.2 (Teorema di Bernoulli). Sia ρ la densità del fluido, ~v la


velocità, p la pressione, φ il potenziale gravitazionale per unità di massa (in
1
genere gh). Sotto alcune ipotesi la quantità ρv 2 + p + ρφ è una costante nel
2
fluido. Nella dimostrazione enuncerò man mano le ipotesi.

Dimostrazione: consideriamo un volume V di fluido abbastanza regolare,


delimitato da una superficie ∂V , altrettanto regolare. Scriviamo F~ = m~a per
d~v
questo volume di fluido. Prima di farlo, calcoliamo prima ~a = .
dt
In un fluido, ~v (~x, t) è una funzione di 4 variabili. Ora cercherò di con-
vincervi che ~a 6= ∂~
∂t
v
. Il ragionamento non è difficile. Vi basta pensare che
voi non state guardando la velocità di una particella, voi state guardando un
campo di velocità. Pensate ad un rubinetto da cui esce acqua. Appena sotto il
rubinetto il getto d’acqua avrà una sezione S che diventerà sempre più piccola
man mano che si scende a causa della gravità. Una volta raggiunto lo stato
stazionario evidentemente si avrà ∂~ v
∂t
= 0 ma è altrettanto evidente che una
goccia d’acqua che esce dal rubinetto accelera. In particolare, è facile vedere
che nel caso stazionario il campo di velocità in questo esempio dipenda dal
punto nello spazio in cui siamo. Sarà quindi plausibile trovare nell’espressione
∂v
dell’accelerazione termini come ∂x o simili. Andiamo a fare il calcolo esplicito.
Capiamo rapidamente che tipo di accelerazione stiamo cercando. Noi
vorremo andare a scrivere F~ = m~a, che vale sicuramente per un sistema di
punti ma per un oggetto continuo è un attimo più fumoso. Cerchiamo quindi
di seguire una particella sola e calcoliamo l’accelerazione di quella.
Consideriamo quindi una particella del fluido che si muove seguendo la
generica legge oraria ~x(t) = (x(t), y(t), z(t)).
La velocità della particella sarà quindi

~v = ~v (~x(t), t) = ~v (x(t), y(t), z(t), t)


262 CAPITOLO 3. FISICA

Che è una composizione di funzioni. Come vi ho insegnato a fare nel


d~v
capitolo di analisi in più variabili, possiamo adesso calcolare
dt

d~v ∂~v dx ∂~v dy ∂~v dz ∂~v ∂~v ∂~v ∂~v ∂~v ~ v + ∂~v
= + + + = vx + vy + vz + = (~v · ∇)~
dt ∂x dt ∂y dt ∂z dt ∂t ∂x ∂y ∂z ∂t ∂t
Supponiamo che il fluido sia sottoposto solo a forze di pressione e al suo
peso. Di conseguenza,

Z I Z Z Z
F~ = ρ~g dV − ~=
pdA ~
−ρ∇φdV − ~
∇pdV =− ~ + ∇p)dV
(ρ∇φ ~
V ∂V V V V
Z
m~a = ρ~adV
V
Mettendo insieme le due equazioni otteniamo
Z
~ + ρ∇φ)dV
(ρ~a + ∇p ~ =0
V
Per ora l’unica ipotesi che abbiamo fatto è che il volume sia regolare. Ora
possiamo subito togliere questa ipotesi notando che l’equazione che abbiamo
scritto vale per ogni volume regolare. Di conseguenza, ciò che deve essere 0 è
ciò che sta dentro l’integrale. Ovvero

~ + ρ∇φ
ρ~a + ∇p ~ =0

~ v + ρ ∂~v + ∇p
ρ(~v · ∇)~ ~ + ρ∇φ
~ =0 (3.12)
∂t
Dove nell’ultima equazione abbiamo sostituito ~a.
Ora cominciano le ipotesi del teorema: poniamoci nel caso stazionario,
∂~v
ovvero poniamo = 0. Questo fisicamente vuol dire che se guardo il fluido
∂t
ora o fra mezz’ora non sono in grado di notare differenze.
Usiamo inoltre un’identità vettoriale

~ v = 1 ∇(v
~v · ∇~ ~ 2 ) − ~v × (∇
~ × ~v )
2
Ora la seconda ipotesi: ρ è uniforme. Questo vuol dire che posso portarla
dentro e fuori dal gradiente a piacimento.
3.1. MECCANICA 263

 
~ 1 2  
~ × ~v = 0
∇ ρv + p + ρφ − ρ~v × ∇
2
Ora, se il fluido è irrotazionale, il membro di destra è nullo e quindi
1 2
ρv + p + ρφ è costante in tutto il fluido. Altrimenti possiamo moltipicare
2
scalarmente l’equazione per ~v . Questo fisicamente vuol dire muoversi su una
linea di flusso 16 .
Otteniamo quindi che
   
~ 1 2

~ × ~v
~v · ∇ ρv + p + ρφ − ρ~v × ∇ =0
2

ma il secondo termine è 0 perché è ortogonale a ~v , quindi


  
~ 1 2
~v · ∇ ρv + p + ρφ =0
2
1
Ovvero ρv 2 + p + ρφ è costante su ogni linea di flusso.
2
Vorrei far notare che se siamo in condizioni statiche, ovvero fluido fermo
(v = 0), l’espressione 3.12 si semplifica e otteniamo

~ = −ρ∇φ
∇p ~ (3.13)
Che si chiama legge di Stevino. Se l’unica forza in gioco è la gravità, si
riconduce banalmente a p = ρgh

Viscosità

Le equazioni di Navier-Stokes

16
Linea di flusso vuol dire il percorso che segue il liquido. Immaginate di colorare una
piccola parte del fluido. Dopo un po’ questo si sarà spostato e avrà tracciato una linea. La
linea disegnata è la linea di flusso.
264 CAPITOLO 3. FISICA

Problemi

Problema 3.1.37 (Rendimento di una ciminiera (IPhO 2010, Croazia)).

Soluzione non disponibile.

Problema 3.1.38 (Misurazioni complicate). Siete al centro di


una piscina riempita d’acqua (densità ρ) ed avete un cilindro di area di base S,
altezza H e massa m. Come potete misurare la superficie della piscina restando
fermi dove siete? Questo metodo è applicabile per misurare la superficie del mare?
Perchè?
Soluzione: 4.3.27

Problema 3.1.39 (IPhO fluido conduttore in campo magnetico).


Soluzione non disponibile.

Problema 3.1.40 (Senigallia 1, 2013). La viscosità è una proprietà


che quantifica la resistenza dei fluidi allo scorrimento relativo di uno strato di fluido
sull’altro. Il coefficiente di viscosità dinamico µ è definito considerando la forza che
occorre applicare ad uno strato di fluido per farlo scorrere ad una velocità diversa
rispetto ad un altro strato, adiacente al primo, posto ad una distanza ∆x, ovvero

F ∆x
µ=
S∆v
dove F è la forza applicata, ∆v la differenza di velocità tra i due strati e S la
porzione considerata di superficie di contatto tra i due strati. Per un’ampia classe
di liquidi, la viscosità è indipendente sia dal rapporto F/S (chiamato sforzo di
∆v
taglio) sia dal rapporto ∆x (gradiente di velocità): questi liquidi vengono chiamati
liquidi newtoniani.
Si vuole studiare la velocità di un liquido newtoniano, di densità ρ, che sotto
l’azione della forza di gravità scorre su una parete verticale, formando un cosiddetto
velo d’acqua di piccolo spessore s. La natura del fluido è irrilevante. A tal fine si
consideri una certa quantità di questo fluido, di altezza h e larghezza l molto minori
dell’altezza e della larghezza della parete. Si supponga che la porzione considerata
sia sufficientemente lontana dai bordi della parete.
In condizioni di regime, il flusso è stazionario e, se lo spessore s è piccolo, anche
laminare. Di conseguenza, il vettore velocità è in ogni punto del velo d’acqua
sempre parallelo all’asse y.
Essendo la porzione di liquido considerata lontana dal bordo superiore della
parete, la velocità risulta indipendente anche da y. Ovviamente, però, la velocità
dipende dalla distanza dalla parete: v = v(x). A causa delle forze di adesione tra
3.1. MECCANICA 265

liquido e parete, si può assumere che la velocità dell’acqua a contatto con la parete
sia nulla: v(0) = 0. Si consideri un piano σ parallelo alla parete, a distanza x da
essa, con 0 < x < s.
1. Si ricavi la forza peso agente sulla porzione del velo d’acqua compresa tra x
e s.
2. Si ricavi la forza d’attrito viscoso agente lungo il piano σ sulla porzione del
velo d’acqua compresa tra x e s.
3. Dalla considerazione che ci si trova in condizione di regime, si determini la
dipendenza del modulo della velocità v dalla distanza x dalla parete.
4. Si ricavi la portata volumetrica del velo d’acqua, relativamente alla porzione
considerata.
Soluzione: 4.3.28
Problema 3.1.41 (Secchio che ruota). Un secchio cilindrico di
raggio R e altezza 2H è riempito di acqua (densità ρ) fino all’altezza H. Con un
momento esterno viene messo in rotazione a velocità costante Ω. ~ Dopo un breve
periodo di transizione, si raggiunge lo stato stazionario. L’acqua ovviamente si
spalmerà sulle pareti.
• Trovare un espressione analitica per la forma della superficie descritta dal
pelo dell’acqua.
• Dire per quale valore di Ω l’acqua tocca il bordo dell’acqua tocca il fondo
oppure l’acqua traborda dal secchio.
• Trovare la pressione sul fondo del secchio.
Soluzione: 4.3.29
Problema 3.1.42 (Forma del contenitore). Un recipiente a sim-
metria cilindrica contiene acqua. Un piccolo buco praticato sul fondo causa la lenta
fuoriuscita del liquido. Si nota che la velocità a cui si abbassa il pelo dell’acqua è
dh
dt = costante. Determinare la forma del recipiente.
Soluzione: 4.3.30
Problema 3.1.43 (Effetto Magnus). Una palla da baseball viene
lanciata con un forte effetto. In particolare, la palla viene lanciata con una velocità
~v parallela al terreno e con una ω~ perpendicolare al terreno. La pallina ha raggio r,
massa m. La densità dell’aria è ρ e la distanza percorsa dalla pallina è L (trascurare
~g ). Stimare la deviazione orizzontale della pallina ∆x assumendo subito ∆x  L.
Siete autorizzati ad approssimare in modo brutale.
Soluzione: 4.3.31
266 CAPITOLO 3. FISICA

3.2 Termodinamica
Purtroppo la termodinamica viene fatta in terza superiore solitamente,
quando non si ha nessuno strumento matematico per affrontarla. Vorrei
affrontarla in modo più dettagliato, dando delle basi teoriche e strumenti di
analisi che permettono di fare le cose per bene in modo da capire davvero
cosa si sta facendo e non fare le cose a caso come a scuola. Vi consiglio di
dimenticare quello che sapete in quanto facendo termodinamica a scuola, in
cui si parla solo di gas perfetti, si acquisiscono alcuni automatismi, come per
esempio che in un’adiabatica pV γ = cost che sono troppo specifici e possono
portarvi ad errori quando si fanno i problemi se non usati con accortezza.

Prime definizioni ed esempi

Definizione 3.2.1. Un sistema termodinamico è un insieme di oggetti in


grado di scambiare energia con l’ambiente17 sotto forma di calore e lavoro.

Per esempio, un pistone con una parete mobile che contiene un gas di
qualsiasi tipo è un sistema termodinamico. Un solido con una certa capacità
termica è un sistema termodinamico. Un elastico è un sistema termodinamico.
Quando si parla di sistemi termodinamici, è molto importante definire che
cos’è lo stato di un sistema. Per esempio, se abbiamo N particelle massive,
per descrivere completamente il sistema in un certo istante dobbiamo dare la
posizione e la velocità di ogni particella, ovvero 6N parametri, uno per ogni
componente della velocità.
Ovviamente pensare di fare una cosa del genere per un gas, che ha ≈ 1023
particelle è impensabile e bisogna trovare un modo alternativo di dare una
descrizione del sistema.
Per continuare l’esempio del gas, è ragionevole pensare che dei parametri
adeguati possano essere la pressione p, il volume V e la temperatura T . Ora ho
fatto questo esempio in quanto dovrebbe essere noto a tutti, ma i 3 parametri
non sono per niente scelti a caso. Infatti, pressione e volume sono i due
parametri che possono variare per permettere al gas di scambiare energia
sotto forma di lavoro, mentre la temperatura vedremo è ciò che permette lo
scambio di energia sotto forma di calore.
17
Per ambiente si intende “Tutto il resto”, ovvero il resto dell’universo, oppure
semplicemente gli oggetti che gli stanno intorno.
3.2. TERMODINAMICA 267

Se avessimo preso come esempio un elastico, invece, i parametri più sensati


per descrivere lo stato del sistema sarebbero stati la lunghezza del filo l, la
sua tensione τ e la sua temperatura T . Vorrei far notare che la temperatura
compare sempre, mentre al posto di pressione e volume in questo caso abbiamo
lunghezza e tensione. Come prima, il prodotto lunghezza per tensione ci dà
un lavoro, ovvero il modo che ha l’elastico di scambiare energia sotto forma
di lavoro, mentre la temperatura ci parla del calore.
Vorrei inoltre far notare che le grandezze p, V e τ, l, sono a coppie una
intensiva e una estensiva. Vedremo più avanti che anche la temperatura avrà
la sua variabile coniugata, ovvero un altra variabile f tale che T f abbia le
dimensioni di un lavoro e f sia estensiva, a differenza di T che è intensiva.
In termodinamica si assume sempre una cosa fondamentale, ovvero che il
sistema sia in equilibrio istante per istante, ovvero che istante per istante le
proprietà del sistema siano omogenee. Per esempio, per un gas si intende che
la temperatura e la pressione del gas siano le stesse in tutto il gas.
Infine, per un sistema termodinamico si assume sempre che esista un’e-
quazione di stato, ovvero una relazione che leghi i parametri termodinamici
togliendo un grado di libertà al sistema.
Per esempio, per un gas perfetto abbiamo i parametri p, V, T . L’esistenza
di un’equazione di stato ci dice che in realtà abbiamo bisogno solo di due di
questi parametri per descrivere completamente il sistema, in quanto possiamo
ricavare il terzo.
L’equazione è ovviamente la famigerata pV = nRT , di cui discuteremo a
lungo.

Calore Spesso molta gente si domanda che cosa sia il calore. La risposta è
che è semplicemente una forma di scambiare energia fra due corpi che non è
il lavoro. Se andiamo a guardare a livello molecolare che cosa accade quando
avviciniamo due corpi a temperatura diversa vedremo che le molecole del corpo
a temperatura maggiore avranno una velocità quadratica media maggiore
e metterli in contatto farà urtare le molecole dei due corpi, trasmettendo
energia cinetica dal corpo caldo al corpo freddo. La termodinamica non si
occupa principalmente di questo ma semplicemente di descrivere il processo
dal punto di vista macroscopico. Di conseguenza, tutto ciò che c’è da sapere
sul calore è che è un modo per scambiare energia.
268 CAPITOLO 3. FISICA

Capacità termica Spesso in alcuni esercizi viene chiesto di calcolare la


capacità termica a qualcosa costante di alcuni oggetti. Vediamo innanzitutto
di definire che cosè la capacità termica.
 
đQ
Cq =
dT q

Ovvero la capacità termica è il rapporto fra il calore assorbito da una


sostanza e la sua variazione di temperatura, tenendo costante qualcosa. Vedre-
mo più volte con i gas che il a qualcosa costante è fondamentale per definire
qualcosa che abbia senso, in quanto la quantità di calore scambiata può essere
diversa a seconda di come viene effettuato lo scambio. Per esempio, per
un gas perfetto, cv =6 cp , dove ho indicato le capacità termiche a volume e
pressione costanti. Si può ovviamente definire la capacità termica specifica

Cq
cq =
m
Se si tratta di capacità per unità di massa, fratto n se è molare.

Energia interna Ciò che interessa davvero per la termodinamica non è


l’energia interna assoluta di un sistema, quanto la sua variazione. La prima
cosa importante da dire è che l’energia interna è sempre una variabile di stato,
ovvero ∆U dipende solo dai due stati termodinamici, quello di partenza e
quello di arrivo, indipendentemente dal percorso per andare da uno all’altro,
ovvero è un differenziale esatto.
Molto spesso è utile provare a trovare un’espressione esplicita per l’energia
interna di un sistema termodinamico. Per esempio, solo per un gas perfetto
l’energia interna è U = ncV T . Ribadisco solo per un gas perfetto. In
questa espressione cV si chiama calore specifico a volume costante e ne parlerò
nel capitolo sui gas perfetti. Per ora vi basta sapere che è un multiplo di R.
In generale sarebbe bello trovare un’espressione per U . Prendiamo per
esempio un sistema termodinamico descritto dai parametri p, V, T . Possiamo
sperare di trovare un’espressione dell’energia interna in funzione dei parametri
termodinamici, ovvero vorremmo trovare in generale

U = U (p, V, T )
3.2. TERMODINAMICA 269

Tuttavia, avendo a disposizione un’equazione di stato, in realtà uno dei


3 a scelta fra p, V, T può sparire con una sostituzione, in modo che U sia
funzione di 2 variabili invece che 3, cosa che la rende più maneggevole, ovvero

U (p, V, T ) = U (p, V ) = U (T, V ) = U (p, T )


Scrivere dU nei 3 casi porta a 3 scritture diverse, che sono la stessa cosa
ma possono rendere i conti più o meno facili a seconda della situazione.

∂U ∂U
dU (p, T ) = dT + dp
∂T ∂p
∂U ∂U
dU (V, T ) = dT + dV
∂T ∂V
∂U ∂U
dU (p, V ) = dV + dp
∂V ∂p
Sfruttando l’equazione di stato e le prossime equazioni che incontreremo,
vi mostrerò un modo per trovare U in funzione delle variabili opportune.

3.2.1 Primo principio della termodinamica


Il nome è molto pomposo ma il significato del primo principio della
termodinamica è semplicemente la conservazione dell’energia totale.
Il principio afferma che dato un sistema termodinamico che interagisce
con l’ambiente, la variazione della sua energia interna U è legata nel modo
seguente al calore scambiato dal gas con il sistema (con la convenzione che se
il gas prende calore allora Q > 0) e al lavoro compiuto dal gas L.

∆U = Q − L (3.14)
È importante definire bene le convenzioni sui segni. Per esempio i chimici
di solito usano ∆U = Q + L in quanto non considerano il lavoro fatto dal gas
ma il lavoro fatto sul gas, che è esattamente −L. Io userò sempre la formula
3.14, come qualsiasi altro libro di fisica.
È molto utile scrivere il primo principio in forma differenziale, ovvero
scrivere la stessa equazione per un processo di scambio infinitesimo.

dU = đQ − đL (3.15)
270 CAPITOLO 3. FISICA

Ho utilizzato la đ invece della d per il calore e il lavoro per un motivo


molto importante che discuterò in seguito.
Facciamo un esempio per chiarificare le idee. Prendiamo quindi un gas
perfetto chiuso in un pistone di sezione S, con una parete mobile. Affinchè
il sistema sia all’equilibrio istante per istante deve esserci una forza esterna
contro il pistone che bilanci la forza di pressione dovuta al gas. Se la parete
del pistone si sposta di dx, il lavoro compiuto dal gas è F dx, ma se F
controbilancia la pressione, allora đL = pSdx = pdV . Se al posto del gas ci
fosse stato l’elastico, il lavoro sarebbe stato invece đL = τ dl

Trasformazioni termodinamiche Abbiamo detto precedentemente che


un sistema termodinamico è caratterizzato fra le altre cose da un’equazione
di stato. È interessante studiare che cosa succede al sistema quando vengono
variati lentamente i suoi parametri mediante stimoli esterni (per esempio
facendo lavoro sul sistema). È abbastanza ovvio che senza ulteriori indicazioni
c’è almeno un grado di libertà di troppo in questa definizione, in quanto i
parametri sono almeno 3 (temperatura di sicuro più altri 2 per lo scambio di
lavoro), uno è legato agli altri dall’equazione di stato ma il terzo è libero.
Quando si compie una trasformazione termodinamica è quindi molto
importante definire come avviene la trasformazione e non solo il suo stato
iniziale e il suo stato finale. Per fare un esempio, prendiamo un gas perfetto
nel solito pistone mobile. Se io dico solamente che all’inizio pressione e volume
sono p0 , V0 e alla fine 2p0 , V0 , in generale non ho idea di che cosa sia successo
in mezzo e non so come il sistema ha interagito con l’ambiente e quindi il
lavoro e il calore scambiati.
Addirittura, è possibile fare trasformazioni che dopo un po’ riportino il
sistema al suo stato iniziale e questo non vuol dire assolutamente che non vi
sia stato scambio di energia fra ambiente e sistema. Anzi, questo è il tipo di
trasformazioni che si trattano più spesso. Si chiamano trasformazioni cicliche
e sono comuni perché è facile farne tante di fila. Per esempio, il motore a
scoppio delle automobili fa esattamente una trasformazione ciclica.
Per rappresentare una trasformazione termodinamica è molto utile uti-
lizzare un diagramma. Supponiamo per semplicità che i parametri siano 3,
per esempio p, V, T . Scelto uno dei piani p − V , T − V , p − T , ogni punto del
piano rappresenta uno e uno solo stato termodinamico, a causa dell’equazione
di stato. Una trasformazione termodinamica sarà quindi rappresentabile da
una curva in uno di questi piani, a patto che la trasformazione sia lenta,
3.2. TERMODINAMICA 271

ovvero che in ogni istante siano ben definiti i parametri del sistema. Una
trasformazione siffatta si dice quasistatica. Un’esplosione per esempio non è
una quasistatica.
Uno dei 3 piani in particolare è preferibile nella maggior parte dei casi
(ma non è di certo obbligatorio usare solo quello), ed è il piano p − V . Viene
scelto questo piano in quanto se Z mettiamo sull’asse x il volume e sull’asse y
la pressione abbiamo che L = pdV , dove γ è la curva che rappresenta la
γ
trasformazione, ovvero esattamente l’area sottesa dal grafico di γ.
Osservazione. Questo è esattamente il motivo per cui ho utilizzato đL invece
di dL. Quando uso il đ intendo che in realtà non ho un differenziale esatto.
Se đL fosse un differenziale esatto, vorrebbe dire che il lavoro compiuto
dal gas per andare da un certo stato ad un altro stato non dipende da come
ci vado, cosa Zassolutamente falsa se uno guarda il significato geometrico
dell’integrale pdV . Basta prendere una curva chiusa nel piano p − V per
capire che il lavoro dipende strettamente dalla trasformazione.
Il volume, invece, è eccome un differenziale esatto, in quanto la variazione
di volume di un sistema dipende solo dal volume iniziale e dal volume finale
(capitan ovvio?). Il fatto che sia đL = pdV , ovvero un differenziale non
esatto uguale al prodotto di un differenziale esatto per un’altra funzione ci fa
capire che in questo caso è possibile trovare una funzione che renda esatto un
differenziale.
È possibile dimostrare che questa cosa si può fare sempre, ovvero dato un
differenziale non esatto đf (x, y) esiste sempre una funzione g(x, y) tale che
dh = g(x, y)đf sia un differenziale esatto.
Essendo đQ = dU + đL, è ovvio che anche đQ non è un differenziale
esatto, in quanto somma di uno esatto e uno no. Possiamo quindi sperare di
trovare una funzione decente f tale che f đQ sia un differenziale esatto, molto
più facile da trattare. Scopriremo nel prossimo capitolo che la funzione esiste
ed è anche molto bella.

Trasformazioni comuni Ci sono alcune trasformazioni in particolare che


sono facili da effettuare in laboratorio e che quindi sono le più studiate. In
generale è sensato aspettarsi che siano delle trasformazioni in cui si tiene
fissato uno dei parametri e si fanno variare gli altri.
Per esempio, se abbiamo un sistema descritto da p, V, T , sicuramente
avremo la possibilità di fare agevolmente delle trasformazioni a pressione
272 CAPITOLO 3. FISICA

costante (le isobare) e trasformazioni a volume costante (isocore). La prima


si disegna sul piano p − V come un segmento orizzontale, mentre la seconda
come un segmento verticale. Vorrei far notare che non ho minimamente
nominato i gas in questa frase. Il fatto che esistano trasformazioni isobare
e che siano rappresentate da segmenti nel piano p − V è indipendente dal
sistema che si usa, basta che venga descritto da quei 3 parametri.
Per una trasformazione isocora, ovviamente dV = 0 e di conseguenza se
si può scambiare lavoro solo con scambi di volume, si avrà đL = 0 in questa
trasformazione.
Di conseguenza per una isocora varrà:

dU = đQ ⇒ ∆U = Q

Ovvero in questa particolarissima trasformazione, abbiamo che la


variazione di energia interna è uguale al calore scambiato. “Ma come, un
differenziale esatto è uguale ad uno non esatto?” NO. Semplicemente noi
abbiamo fatto gli integrali su una trasformazione estremamente specifica,
ovvero un segmento verticale nel piano p − V .
In una trasformazione isobara invece semplicemente p = costante = p0 .
Quindi

dU = đQ − p0 dV ⇒ ∆U = Q − p0 ∆V

Vorrei far notare di nuovo che non ho mai supposto che il mio sistema
termodinamico fosse un gas, tantomeno un gas perfetto.
Altre due trasformazioni estremamente importanti sono le isoterme (tem-
peratura costante) e le adiabatiche (đQ = 0), ma hanno un’importanza tale
che ne parlerò più a fondo nel prossimo paragrafo.

Cicli termodinamici È molto utile studiare che cosa succede quando


la nostra trasformazione termodinamica è ciclica, ovvero la trasformazione
ritorna allo stato iniziale dopo aver interagito con il sistema. Chiamiamo γ la
curva chiusa che rappresenta la trasformazione. Varrà il primo principio della
termodinamica
Z Z Z
dU = đQ − đL ⇒ dU = đQ − đL
γ γ γ
3.2. TERMODINAMICA 273

Ma dato che la trasformazione è ciclica,


Z ovvero lo stato iniziale è uguale
allo stato finale e U è di stato, si ha U = U (A) − U (A) = 0
γ
Di conseguenza,

Qciclo = Lciclo

Questa equazione è vera per qualsiasi trasformazione ciclica.


Siamo interessati tuttavia a capire quanto una trasformazione termodi-
namica sia utile. Supponiamo di avere a disposizione due corpi di grande
capacità termica18 a temperature diverse, Tc > Tf . Noi vorremmo costruire
una macchina termica, ovvero un oggetto in grado di scambiare calore e lavo-
ro con l’ambiente mediante un’opportuna trasformazione termodinamica, in
questo caso prendendo calore dal corpo caldo, cercando di trasformarne il più
possibile in lavoro e cedendo quello inutilizzabile al corpo freddo. Quello che
vorremmo capire è quanto il nostro motore funziona bene, ovvero quantificare
quanta dell’energia presa dal corpo caldo finisce in lavoro e quanta viene
sprecata in trasmissione di calore al corpo freddo.
In generale, una macchina termica può operare con molte sorgenti, ciascuna
alla sua temperatura. Si definisce quindi il rendimento della macchina come
il lavoro compiuto in un ciclo diviso per il calore totale assorbito in un ciclo,
ovvero

Lciclo
η=
Qassorbito

È molto importante sottolineare il fatto che nella definizione di lavoro c’è


solo il calore assorbito. La macchina termica, durante la trasformazione in
generale scambierà calore con le varie sorgenti. Quando si calcola il rendimento
bisogna individuare tutti e soli i momenti in cui la macchina sta assorbendo
calore dalle sorgenti e farne la somma.
Se stoltamente ci dimenticassimo di prendere solo il calore assorbito e invece
prendessimo tutto il calore scambiato, otterremmo che η = 1 per qualsiasi
ciclo, in quanto abbiamo ricavato prima che in un ciclo ∆U = Q − L = 0,
quindi avremmo η = LL = 1. Evidentemente non è molto utile definire una
cosa che vale sempre 1.
18
Oggetti siffatti si chiamano bagni termici
274 CAPITOLO 3. FISICA

È utile ricavare un’espressione alternativa del rendimento usando questo


fatto:
Qciclo = Qassorbito + Qceduto
Dove il secondo termine è evidentemente negativo. Per chiarezza, si può
scrivere
Qciclo = Qassorbito − |Qceduto |
Di conseguenza, il rendimento diventa

|Qceduto |
η =1−
Qassorbito
Evidentemente una quantità minore di 1.

Il ciclo di Carnot Consideriamo un ciclo termodinamico fatto in questo


modo:
1. Dal punto A al punto B il sistema segue una trasformazione adiabatica
(đQ = 0) in cui compie lavoro positivo (nel caso di sistema che scambia
volume con l’ambiente, il sistema si espande).
2. Dal punto B al punto C il sistema segue una trasformazione isoterma in
cui viene compiuto lavoro sul sistema (compressione) alla temperatura
Tf .
3. Dal punto C al punto D il sistema segue un’altra adiabatica in cui viene
fatto lavoro sul sistema (compressione).
4. Dal punto D al punto A il sistema segue un’altra isoterma in cui il
sistema compie lavoro (espansione) alla temperatura Tc .
Se tutte e 4 le trasformazioni vengono effettuate in modo reversibile,
ovvero in modo che sia possibile ripercorrerle all’indietro senza che nel sistema
o nell’universo sia cambiato nulla, allora questo ciclo viene chiamato Ciclo di
Carnot. È importante notare che una macchina termica che segue il ciclo di
Carnot scambia calore solo con due sorgenti, una a temperatura Tc e l’altra a
temperatura Tf .
L’altra cosa estremamente importante che porterà a risultati sorprendenti
è che non ho mai parlato di gas perfetto per seguire un ciclo di Carnot.
Qualsiasi sistema termodinamico può eseguire questo ciclo ed utilizza solo
delle trasformazioni che può seguire qualsiasi sistema.
3.2. TERMODINAMICA 275

Ciò che intendo è che per esempio per eseguire una isobara c’è bisogno che
il sistema abbia come parametro la pressione e il volume, cosa comune ai gas
ma non cosı́ banale per esempio per un fluido, in cui controllare la pressione è
più complicato e tantomeno per un elastico, per esempio, che non è nemmeno
descritto dal parametro pressione.
Un ciclo di Carnot invece utilizza solo delle isoterme e delle adiabatiche.
Queste nei vari piani p − V, τ − l possono essere rappresentate dalle curve
più bizzarre ma qualsiasi oggetto le può fare, in quanto un sistema per essere
termodinamico deve essere in grado di poter scambiare energia sotto forma
di calore.
Le cose più interessanti su questo particolare ciclo verranno a galla nel
prossimo capitolo. Per ora diciamo solo che il rendimento di un ciclo di Carnot

Qf
η =1−
Qc
In quanto la macchina termica scambia calore solo con due sorgenti, in un
caso assorbendolo e nell’altro cedendolo. (Ovviamente abbiamo preso Qf > 0)

3.2.2 Secondo principio della termodinamica


Il secondo principio della termodinamica si può formulare in un milione
di modi diversi, tutti equivalenti. Il concetto che ci sta dietro è che non è
possibile creare il moto perpetuo di seconda specie, ovvero un motore che
riesca a generare energia dal nulla.

Postulato 3.2.1 (Postulato di Clausius). DEVO SCEGLIERE QUALE


VERSIONE EQUIVALENTE SCRIVERCI. IL SUCCO È CHE NON SI
GENERA LAVORO DAL NIENTE

Le conseguenze di questo banale postulato sono davvero incredibili. Pren-


diamo per esempio due macchine termiche che operino solo con due sorgenti
a temperatura Tc , Tf , il primo un motore reversibile mentre il secondo un
motore qualsiasi.
Allora vale:

• Il rendimento del secondo motore è ≤ del rendimento del primo motore

• Se il secondo motore è reversibile, allora il rendimento è uguale.


276 CAPITOLO 3. FISICA

Vediamo di dimostrare questa cosa. Scriviamo intanto in formule la prima


parte. Chiamiamo 1 il primo motore, 2 il secondo e indichiamo con c, f
le temperature e i calori scambiati rispettivamente con la sorgente calda e
fredda.

Qf 2 Qf 1
η2 ≤ η1 ⇒ 1 − ≤1−
Qc2 Qc1
Scegliendo N, N 0 abbastanza grandi, si può avere

N0 Qc2
=
N Qc1
Ora consideriamo quindi un ciclo termodinamico ottenuto combinando
0
N cicli del primo motore fatto funzionare a rovescio (possiamo perché è
reversibile) e N del del secondo.
Il lavoro totale compiuto sarà

Ltot = N L2 − N 0 L1
Il calore ceduto alla sorgente fredda sarà

Qf = N Qf 2 − N 0 Qf 1
Mentre il calore preso dalla sorgente calda

Qc = N Qc2 − N 0 Qc1 = 0
Essendo

Ltot = Qc − Qf = −Qf
Otteniamo subito che non può essere Ltot > 0 in quanto se cosı́ fosse
avremmo trovato un motore che non fa altro che prendere calore dalla sorgente
termica fredda e trasformarlo in lavoro.
Di conseguenza

Ltot ≤ 0 ⇒ Qf ≥ 0 ⇒ N Qf 2 − N 0 Qf 1 ≥ 0

Qf 2 N0 Qc2 Qf 2 Qf 1 Qf 2 Qf 1
≥ = ⇒ ≥ ⇒1− ≤1−
Qf 1 N Qc1 Qc2 Qc1 Qc2 Qc1
3.2. TERMODINAMICA 277

η2 ≤ η1

E cosı́ la prima parte è mostrata. Per la seconda è sufficiente scambiare


le parti dei motori, in quanto se anche il secondo è reversibile, possiamo
scambiare ovunque gli 1 con 2 e viceversa e ottenere la disuguaglianza nel
verso opposto.

η1 ≤ η2 ⇒ η1 = η2

Questo risultato è di fondamentale importanza per la termodinamica. Ci


dice che due qualsiasi motori, se operano solo fra due sorgenti e sono reversibili
hanno lo stesso rendimento, indipendentemente dal tipo di motore. Che sia
un motore a scoppio, un elastico o un gas di fotoni, non fa differenza.
Questo ci suggerisce che il rendimento per motori fatti cosı́ deve essere
funzione solo delle tue temperature Tc , Tf .
Di conseguenza

η = f (Tf , Tc )

È chiaro che se noi riusciamo ad esprimere esplicitamente questa funzione


per un motore per cui è facile da calcolare, abbiamo fatto bingo in quanto
abbiamo trovato il rendimento di un qualsiasi motore reversibile che operi
fra le temperature Tc , Tf . Finalmente qui entrano in gioco i gas perfetti in
quanto per loro è facile calcolare il rendimento di un ciclo di Carnot. Il calcolo
dettagliato verrà fatto nel paragrafo sui gas perfetti ma immagino già che
conosciate la formula

Tf
η =1−
Tc
Valida per qualsiasi motore reversibile che scambi calore solo
con due sorgenti, a temperatura Tf , Tc .
Sarà utile per il prossimo paragrafo scrivere la stessa formula in funzione
dei calori scambiati con le due sorgenti

Qf Tf
=
Qc Tc
278 CAPITOLO 3. FISICA

3.2.3 Entropia
Consideriamo un motore termodinamico M che operi con un numero
qualsiasi di sorgenti, ognuna a temperatura Ti . Con ciascuna scambia un
calore con segnoX Qi . Durante un ciclo, il calore totale scambiato dalla
macchina sarà Qi .
i
Consideriamo ora n motori di Carnot19 , ciascuno che operi fra la tempera-
tura Ti e un’altra temperatura T0 uguale per tutti. Prendiamo i motori di
Carnot in modo che scambino con ciascuna delle sorgenti tranne T0 , esatta-
mente una quantità di calore −Qi , in modo da controbilanciare quello che fa il
motore M . In pratica stiamo aggiungendo motori in modo che ogni sorgente
abbia come risultato complessivo il non scambiare calore con nessuno.
La sorgente a temperatura
X T0 , quella diversa, scambierà quindi una
quantità di calore Q0 = − Qi,0 , dove
i
T0
Qi,0 = Qi
Ti
Dove ho usato la formula del rendimento, che vale per ogni motore
reversibile che operi fra solo due temperature.
X Qi
Q0 = −T0
i
Ti

Se io vado a considerare il sistema composto dai motori di Carnot più il


motore M e lo considero un sistema termodinamico unico, questo ha come
unico risultato quello di ricevere una quantità di calore Q0 con la sorgente a
temperatura T0 , in quanto tutti gli altri calori con le sorgenti a temperatura
Ti si sono semplificati proprio grazie alla scelta accurata delle dimensioni
dei motori di Carnot. Di conseguenza, se fosse Q0 > 0, saremmo riusciti
ad estrarre calore da un corpo a temperatura uniforme creando lavoro, cosa
assurda per il secondo principio della termodinamica.
Di conseguenza,
X Qi X Qi
−T0 ≤0⇒ ≥0
i
Ti i
Ti
19
Va bene un qualsiasi motore reversibile che operi solo fra due temperature, prendiamo
un Carnot per semplicità.
3.2. TERMODINAMICA 279

Se il motore M è un motore reversibile, vale anche la disuguaglianza


opposta, semplicemente facendo andare all’indietro il motore. Quindi, se M è
reversibile,
X Qi
=0
i
Ti

Se il motore non scambia calore con un numero finito di sorgenti, ma


con un numero infinito, la somma va sostituita con un integrale e la formula
diventa
I
đQ
=0
γ T
Dove γ rappresenta la curva chiusa che rappresenta il ciclo termodinamico.
L’unica cosa che abbiamo supposto per ricavare questa equazione è che il
motore fosse reversibile, ma non abbiamo detto niente a riguardo del ciclo.
Di conseguenza, questa equazione vale per ogni ciclo termodinamico
reversibile, ovvero per ogni curva chiusa. Questa non è un’affermazione
da poco, abbiamo appena trovato un differenziale esatto.
Abbiamo finalmente trovato un fattore integrante per il calore, ovvero
đQ
se chiamiamo dS = , dS è un differenziale esatto. Ci tengo a rimarcare
T
per l’ennesima volta che in tutte queste assunzioni non abbiamo mai detto
che tipo di sistema termodinamico abbiamo usato e non abbiamo mai dato
un’equazione di stato. Di conseguenza questo risultato è estremamemente
generale.
Nel caso di trasformazioni non reversbili (non cicliche), non vale l’ugua-
glianza, ma solo la disuguaglianza, ovvero
Z Z
dS ≥ dS = ∆Srev
rev

Nel caso di quelle cicliche l’espressione si semplifica, ovvero


I I
dS ≥ dS = ∆Srev = 0
rev

DIRE COSE SUL FATTO CHE S È DI STATO MA SE NON CONOSCO


LA TRASFORMAZIONE HO SOLO UNA DISUGUAGLIANZA
280 CAPITOLO 3. FISICA

Il fatto che dS sia un differenziale esatto ci permette di trovare un’espres-


sione esplicita per S a meno di una costante additiva. Per fare un esempio,
calcoliamo S(T, V ) per un gas perfetto e commentiamo il risultato.

đQ dU p dT nRT dT dV
dS = = + dV = ncv + dV = ncv + nR
T T T T VT T V
Questo normalmente sarebbe un integrale di linea, ma noi abbiamo già
mostrato con argomenti fisici che dS è un differenziale esatto, per cui l’integrale
lo possiamo fare direttamente fra stato iniziale e finale, senza preoccuparci
del percorso, esattamente come quando si calcola il lavoro per un campo
conservativo, facendo la differenza di potenziale.

Z b Z b Z b
dT dV Tb Vb
∆S = dS = ncv + nR = ncv ln + nR ln
a a T a V Ta Va

Per fare una considerazione fisica interessante è utile sostituire alla


temperatura la pressione e fare manipolazioni algebriche.
  cR 1+ cR
pb Vb Vb v pb Vb v

∆S = ncv ln + ncv ln = ncv ln


pa V a Va 1+ cR
pa Va v

Cp Cv + R
Ricordiamo che γ = = è una costante adimensionale che viene
Cv Cv
utilizzata per caratterizzare il gas. L’espressione di γ è cosı́ semplice solo per
gas perfetti, non usatela a sproposito.

pb Vbγ
∆S = ncv ln
pa Vaγ
Valida per qualsiasi trasformazione reversibile ma solo per un
gas perfetto.
La cosa interessante da notare è che esiste una particolare trasformazione
reversibile in cui ∆S = 0, ovvero quella in cui pV γ = costante 20 . Del resto,
đQ
dS = ⇒ đQ = T dS. Se dS = 0, anche đQ = 0. Abbiamo appena
T
ricavato l’equazione che lega pressione e volume in una adiabatica.
20
In questo caso l’argomento del logaritmo è costantemente 1
3.2. TERMODINAMICA 281

Sfruttare i differenziali esatti Il fatto che dS sia un differenziale esatto


ci permetterà di fare diversi conti che permetteranno di trovare molte cose in
più sui nostri sistemi termodinamici.
Riscriviamo innanzitutto il primo principio della termodinamica per un
sistema che fa lavoro con p, V .
1 p
dU = T dS − pdV ⇒ dS = dU − dV
T T
Supponiamo ora di avere a disposizione un’equazione di stato, per chiarirci
le idee prendiamo quella dei gas perfetti,

pV = nRT
Questa legge verrà derivata più avanti per via cinetica, prendiamola ora
per buona e cerchiamo di sfruttarla per ottenere cose.
Quello che vogliamo ottenere adesso è una espressione per l’energia interna
del gas, per esempio in termini del volume e della temperatura, ovvero
cerchiamo
∂U ∂U
U = U (V, T ) ⇒ dU = dT + dV
∂T ∂V
Sostituiamo nel primo principio della termodinamica.

   
1 ∂U ∂U p 1 ∂U 1 ∂U
dS = dT + dV + dV = dT + + p dV
T ∂T ∂V T T ∂T T ∂V
Ma dS è un differenziale esatto quindi deve valere la condizione 2.9.21
Quindi

1 ∂ 2U
        2 
∂ 1 ∂U ∂ 1 ∂U 1 ∂U 1 ∂ U ∂p
= +p ⇒ =− 2 +p + +
∂V T ∂T ∂T T ∂V T ∂V ∂T T ∂V T ∂T ∂V ∂T
I due termini con la derivata seconda si elidono in quanto quando si fa
una derivata parziale non conta l’ordine di derivazione22 , quindi quello che
rimane è
21
Quando un differenziale è esatto le sue derivate miste devono essere uguali. Questo
deriva dal fatto che quando si fa una derivata seconda non conta l’ordine di quale derivata
fare per prima.
22
Per il teorema di Schwartz
282 CAPITOLO 3. FISICA

∂U ∂p
= −p + T
∂V ∂T
Questa equazione vale in generale. Per un gas perfetto, si ha p = nRT /V ,
∂p
quindi = nR/V e quindi troviamo che
∂T
∂U
=0
∂V
Per un gas perfetto. Quello che ci dice questa equazione è che

U (T, V ) = U (T )
Ovvero per un gas perfetto l’energia interna dipende solo ed esclusivamente
dalla temperatura! Vuol dire che se voi avete un gas perfetto e lo fate
espandere senza fargli compiere lavoro (per esempio liberandolo in una stanza
inizialmente vuota), la sua energia interna non cambia e quindi nemmeno la
sua temperatura.
Ovviamente questo risultato vale solo per i gas perfetti. Esistono altre
sostanze per cui è vero, ma in generale non è cosı́.
Per via puramente termodinamica non è possibile dire altro su questa
correlazione fra energia e gli altri parametri. Per via cinetica invece si può
arrivare a mostrare che questa relazione è lineare, ovvero

U ∝T
In particolare, la costante di proporzionalità vale

U = ncV T
Dove n è il numero di moli e cV dipende dal gas. Ne parlerò in dettaglio
nel capitolo dedicato ai gas perfetti.

Il piano T − S Abbiamo già parlato del piano p − V in cui rappresentare


le trasformazioni termodinamiche. Ora che abbiamo finalmente introdotto
l’entropia, è interessante utilizzare il piano in cui l’asse x indica l’entropia
del sistema S, mentre l’asse y indica la temperatura T . Data una curva in
questo piano, l’area sottesa varrà T dS = đQ. Quindi l’area sottesa dal grafico
indica il calore scambiato dal motore con l’universo, positivo se la curva va a
destra, negativo se va a sinistra. Consideriamo ora una curva bella, ovvero
3.2. TERMODINAMICA 283

una curva chiusa che non si intrecci. L’area che sta sotto la curva e sopra
l’asse S, inclusa quella dentro la curva, rappresenta ovviamente il Qass , ovvero
tutto il calore assorbito dal sistema in un ciclo, in quanto noi andiamo a
considerare solo l’area quando la curva va verso destra.
L’area sotto il grafico e non dentro la curva sarà quindi il calore ceduto
all’universo, per lo stesso motivo. Risulta evidente ora, dato che
L = Qass − Qced
che l’area dentro la curva è il lavoro effettuato nella trasformazione.
Fissiamo ora due temperature a caso Tf , Tc . Siamo interessati a capire
qual’è la curva che rappresenta un ciclo di rendimento massimo che sia sempre
compresa fra le temperature Tc , Tf . Dobbiamo quindi massimizzare l’area
dentro cercando di tenere piccola l’area sotto, in quanto
L
η=
Qass
Si può dimostrare ma è molto sensato pensare che la figura ottimale sia
un rettangolo che ha i lati paralleli agli assi, uno a Tf e l’altro a Tc .
Questo ciclo termodinamico è quindi fatto da due trasformazioni a tempe-
ratura costante e da due a entropia costante, ovvero adiabatiche. Abbiamo
appena scoperto che il ciclo di Carnot è il più efficiente fra i motori che
operano con varie sorgenti ma tutte a temperatura compresa fra Tf e Tc .
Calcoliamo ηcarnot in questo piano23 .
Qf ∆S · Tf Tf
η =1− =1− =1−
Qc ∆S · Tc Tc
Effettivamente non dipende da nient’altro se non dalle temperature e la
formula è sempre quella.

3.2.4 Potenziali termodinamici


Questo paragrafo sui potenziali termodinamici e il successivo sulle identità
di Maxwell sono facoltativi. Li ritenevo interessanti e li ho aggiunti ma non
dovrebbero uscire in una gara24 .
23
Questo è un po’ barare in quanto abbiamo definito S dopo che avevamo già calcolato
il rendimento di un Carnot in particolare. Semplicemente controlliamo che non ci siano
contraddizioni.
24
In realtà nemmeno la tensione superficiale dovrebbe uscire in una gara IPhO, ma 2
anni su 3 una domanda c’è.
284 CAPITOLO 3. FISICA

Quando noi scriviamo l’energia interna di un gas U , possiamo scriverla


usando il primo principio della termodinamica.

dU = T dS − pdV
Per cui abbiamo per forza

 ∂U = T

∂S
∂U

 = −p
∂V
Dal primo principio sembra che le variabili naturali per esprimere l’energia
interna siano U (S, V ). Non sempre può essere pratico lavorare con queste
due variabili, spesso potremmo trovarci meglio ad utilizzare altre funzioni di
stato che non sono l’energia ma ci assomigliano, che si riescono ad esprimere
meglio con variabili diverse.
Per esempio, se inventiamo la funzione H = U + pV , possiamo calcolare
dH

dH = dU + pdV + V dp = T dS + V dp
Di conseguenza, le variabili naturali di H sono H(S, p). La funzione H,
essendo somma di due funzioni di stato, è a sua volta una funzione di stato e
quindi il suo differenziale è esatto. Questa funzione viene chiamata entalpia.
Se consideriamo ora G = H − T S, possiamo calcolare dG

dG = dH − T dS − SdT = V dp − SdT
Ovvero le variabili naturali di G sono G(p, T ). Come l’entalpia, la funzione
G è di stato e viene chiamata energia libera di Gibbs.
Infine, se definiamo F = U − T S, calcoliamo dF

dF = dU − T dS − SdT = pdV − SdT


Di conseguenza le variabili naturali di F sono F (V, T ). Come le altre due,
F è di stato e viene chiamata energia libera di Helmoltz.
Vediamo ora di dare un significato fisico a queste funzioni, dopo averne
dato una definizione.
Per esempio, consideriamo una trasformazione in cui la temperatura del
nostro sistema viene mantenuta costante dall’esterno. Scriviamo il primo
principio della termodinamica.
3.2. TERMODINAMICA 285

Z Z
dU = T dS − đL ⇒ (dU − T dS) = − đL ⇒ ∆F = −L
γ γ

Dove γ rappresenta una trasformazione reversibile. Se la trasforma-


zione non è reversibile ma è generica, non vale l’uguaglianza ma solo una
disuguaglianza,

∆F ≤ −L ⇒ L ≤ −∆F
Se sul sistema non viene compiuto lavoro alcuno, si ha semplicemente

∆F ≤ 0
Per cui il punto a minima energia libera di Helmoltz è il punto di equilibrio
stabile in caso di trasformazione forzatamente isoterma.
Ora facciamo la stessa cosa per l’energia libera di Gibbs. Supponiamo
stavolta che sia la pressione esterna sia la temperatura siano mantenuti
costanti.
Z
dU = T dS − pdV ⇒ (dU − T dS + pdV ) = 0 ⇒ ∆G = 0
γ

Dove come prima vale il segno di ugualianza per ogni trasformazione se e


solo se la trasformazione è reversibile. In caso contrario, come prima vale la
disuguaglianza

∆G ≤ 0
E quindi come prima si ha che il punto a minima energia libera di Gibbs
è di equilibrio stabile se sia pressione sia temperatura vengono mantenuti
costanti.

Esempio 3.2.1 (Equazione di Clapeyron). Consideriamo un passaggio di


fase, ovvero per esempio il passaggio da fase gassosa a liquida di una sostanza.
La trasformazione avviene a temperatura esterna e pressione esterna costanti,
per cui l’equilibrio sarà nella posizione di minima energia libera di Gibbs.
Il nostro obiettivo è vedere come cambia il punto in cui avviene un
passaggio di fase, ovvero la pressione e la temperatura, in funzione dei
parametri esterni. Per esempio, sapete che a pressione più bassa, l’acqua
bolle prima. Vogliamo dare ora una stima quantitativa di questa variazione.
286 CAPITOLO 3. FISICA

La prima cosa da fare è cercare di capire in che equilibrio si trovano la fase


liquida e gassosa ad una certa temperatura fissata e una volta fatto questo,
far variare i parametri esterni per vedere cosa succede.
Consideriamo separatamente la fase liquida e gassosa e definiamo l’energia
libera di Gibbs per unità di massa per entrambe

Gl = ml gl
Gg = mg gg
Per cui
G = ml gl (T, p) + mg gg (T, p)
Se siamo in un punto di minimo, ovvero nell’equilibrio, avremo dG = 0.
Inoltre, se varia la massa di una delle due sostanze, si avrà, dalla conservazione
della massa

ml + mg = m ⇒ dml = −dmg

G+dG = (ml +dml )gl +(mg −dml )gg = ml gl +mg gg +dml (gl −gg ) = G+dml (gl (T )−gg (T ))

Per cui deve essere

dml (gl (T, p) − gg (T, p)) = 0 ⇒ gl (T, p) = gg (T, p)


Ma dG = V dp − SdT
dp sg − sl T ∆S
vl dp − sl dT = vg dp − sg dT ⇒ = =
dT vg − vl T (vg − vl )
Ma nel passaggio di fase la temperatura rimane costante quindi T ∆S è
esattamente il calore scambiato durante la trasformazione, che è il calore
latente per unità di massa λ, per cui si ottiene l’equazione di Clapeyron
dp λ
= (3.16)
dT T (vg − vl )
Questa equazione ci dà un’idea di come costruire un grafico delle fasi per
una data sostanza.
Rappresentiamo sul piano p − T i vari stati di aggregazione sotto cui può
presentarsi una sostanza.
3.2. TERMODINAMICA 287

Figura 3.13: Diagramma di fase per l’acqua

Come vediamo in figura 3.13, l’equazione di clapeyron ci dà la pendenza


delle linee disegnate in figura. Conoscendo quindi la posizione del punto
triplo, ovvero il punto in cui coesistono le tre fasi, siamo in grado di dare
approssimativamente un disegno che indichi dove il nostro oggetto è liquido
piuttosto che gassoso.
Vorrei far notare che l’acqua è un materiale anomalo, in quanto la densità
del ghiaccio è più bassa di quella dell’acqua, quando di solito un materiale
si dilata aumentando la temperatura. Di conseguenza, la linea che separa la
fase liquida da quella solida ha pendenza negativa, al contrario di quello che
accade di solito.
Se ora parliamo del passaggio di stato da liquido a gassoso, possiamo
sperare di avere vg  vl , per cui l’equazione di Clapeyron si semplifica e
otteniamo

dp λ λ λ dp pλ
= = V = RT ⇒ =
dT Tv Tn T p dT RT 2

Se ora separiamo le variabili e integriamo questa equazione, otteniamo


288 CAPITOLO 3. FISICA

 
λ 1 1
Z p
dp
Z T
λ − −
= dT ⇒ p = p0 e R T T0 (3.17)
p0 p T0 RT 2
Che, definito uno stato di riferimento p0 , T0 , ci dice come varia la pressione
a cui un fluido è in equilibrio con la sua fase gassosa.

Identità di Maxwell Possiamo sfruttare ora il fatto che le varie funzioni


che abbiamo definito precedentemente fossero funzioni di stato per ricavare
delle relazioni utili fra le varie derivate delle quantità termodinamiche che
abbiamo definito. Dubito che possa mai servirvi una di queste formule in una
gara, ma almeno avete qui elencato delle uguaglianze che prendono il nome di
Identità di Maxwell. L’utilità di queste relazioni è che in laboratorio è molto
semplice misurare qualcosa, per esempio pressione temperatura e volume, ma
molto difficile misurare qualcos’altro, per esempio entropia ed energia interna.
Queste identità permettono di misurare solo cose semplici.
   
∂T ∂p
dU = T dS − pdV ⇒ =−
∂V S ∂S V
   
∂T ∂V
dH = T dS + V dp ⇒ =
∂p S ∂S p
   
∂S ∂p
dF = −SdT − pdV ⇒ =
∂V T ∂T V
   
∂S ∂V
dG = −SdT + V dp ⇒ =−
∂p T ∂T p

Costanti di equilibrio (chimica) Cerchiamo di schematizzare una rea-


zione chimica in modo termodinamico, cercando di trovare una relazione che
ci dica cosa succederà durante la reazione. Consideriamo

nr1 R1 + nr2 R2 + . . . nrn Rn


np1 P1 + np2 P2 + . . . . + npm Pm
Dove R e P rappresentano i vari reagenti e prodotti. Schematizzerò il
problema con il metodo della scatola di Van’t Hoff.
Immaginiamo di avere un recipiente di volume V0 in cui avviene la reazione
e diversi canali da sinistra da cui arrivano i reagenti e diversi a destra da cui
3.2. TERMODINAMICA 289

escono i prodotti. La temperatura esterna viene mantenuta costante e uguale


a T.
I reagenti arrivano con pressione nulla. Il lavoro che faranno entrando sarà
X X
L= pi V i = nri RT
i i

Uscendo, i prodotti faranno un lavoro opposto


X X
L=− pi Vi = − npi RT
i i

Per cui, il lavoro totale sarà la somma


!
X X
L = RT nri − npj
i j

Dato che la temperatura viene forzatamente mantenuta costante, se agiamo


in modo reversibile avremo

∆F = −L
L’espressione per l’energia libera di Helmoltz è

F = U − TS
Che per un gas perfetto vale

F = ncV T − T (ncV ln T + nR ln V )

∆F = Fp − Fr

X X
npi cVpi T −T (npi cVpi ln T +npi R ln Vpi )− nrj cVrj T −T (nrj cVrj ln T +nrj R ln Vrj ) =
i j
!
X X
= −RT nri − npj
i j

Sfruttiamo le proprietà dei logaritmi per portare in un unico blocco il


termine con i volumi e isoliamolo portandolo a destra.
290 CAPITOLO 3. FISICA

n n n
Vp1p1 Vp2p2 . . . Vpnpn
= −RT ln n n n
Vr1r1 Vr2r2 . . . Vrnrn
3.2. TERMODINAMICA 291

3.2.5 Cenni di meccanica statistica


Queste due paginette in cui introduco in modo qualitativo la Meccanica
Statistica probabilmente farebbero rabbrividire chiunque abbia seguito un
corso serio. Tuttavia, questa branca della fisica ha come prerequisito circa
tutto il secondo anno di università, quindi cercherò di dirvi le cose un po’ a
braccio come le sapevo io quando facevo le Olimpiadi.

Cambio di prospettiva Il percorso della spiegazione di Termodinamica


che ho fatto nei paragrafi precedenti parte da concetti tipici della Meccanica
come l’energia e concetti comuni come la temperatura per dare una descrizione
dei fenomeni e poi scoprire cose come l’entropia. La Meccanica Statistica
parte completamente al contrario, fa ragionamenti di statistica per definire
subito l’entropia e in funzione di questa la temperatura. Vediamo in modo
spiccio come si procede.

Molteplicità di una configurazione

Entropia Per diversi motivi è più utile passare dalla molteplicità Ω di una
configurazione ad una quantità diversa, il suo logaritmo. Definiamo quindi
l’entropia S di un sistema come

S = kB ln Ω (3.18)
Dove ovviamente kB è la costante di Boltzmann. Notare che dato che la
molteplicità è moltiplicativa il suo logaritmo diventa additivo, di conseguenza
se ho due sistemi di molteplicità Ω1 e Ω2 , la molteplicità complessiva sarà
Ω1 · Ω2 , mentre l’entropia sarà S1 + S2 .
Inoltre, dato che lo stato più probabile di un sistema corrisponde al
massimo della molteplicità, dato che il logaritmo è monotono, corrisponderà
anche al massimo dell’entropia.25
25
La definizione di entropia fornita è decisamente malposta in un contesto classico in
quanto a rigor di logica per un sistema continuo la molteplicità è sempre infinita. Basti
pensare che la velocità di ogni particella può assumere un continuo di valori. Un approccio
semiclassico impone, un po’ forzando la mano, che lo spazio delle fasi sia quantizzato in
celle grandi 2π~, ma ovviamente se compare la costante di Planck vuol dire che il motivo
sotto è quantistico. Il come questo approccio abbia retto anche prima che la quantistica
si conoscesse è che il valore della costante è effettivamente irrilevante. Se decidiamo di
quantizzare lo spazio delle fasi usando C2π~ invece che 2π~, il cambio in entropia è la
292 CAPITOLO 3. FISICA

Temperatura Consideriamo un sistema isolato composto da due sottosi-


stemi inizialmente separati di energie E1 , E2 ed entropie S1 , S2 . Mettiamo in
contatto i due sistemi e cerchiamo di prevedere che cosa succederà. Dato che
il sistema è isolato, si conserverà l’energia totale. Di conseguenza,

E = E1 + E2 = cost
Ovvero l’energia totale è una costante del sistema. Le energie non sono
quindi indipendenti ma legate da quell’equazione. Vogliamo sapere come si
distribuiranno le energie quando si sarà raggiunto l’equilibrio. Per fare una
cosa sensata esprimiamo quindi una delle due in funzione dell’altra in modo
da avere un solo grado di libertà. Sarà quindi

E2 = E − E1
Noi sappiamo che lo stato di equilibrio corrisponde al massimo di entropia
del sistema. Di conseguenza, dato che il nostro parametro libero è E1 , dovrà
essere

S(E1 ) = S1 (E1 ) + S2 (E1 )


in un massimo. Ovviamente per trovare il massimo poniamo uguale a zero
la derivata

dS(E1 ) dS1 dS2 dS1 dS2 dE2 dS1 dS2


=0⇒ + =0⇒ + =0⇒ =
dE1 dE1 dE1 dE1 dE2 dE1 dE1 dE2
Dove abbiamo cercato di tenere patate con patate e carote con carote,
ovvero abbiamo cercato di trovare delle combinazioni di parametri che dipen-
dS2
dano da un solo sistema e non da due. Lasciare scritto dE 1
era corretto ma
poco utile. Definiamo quindi il parametro temperatura
∂E
T =
∂S
La condizione precedente ci dice quindi che all’equilibrio si deve avere
semplice aggiunta di un fattore kB ln C, ovvero uno shift. Questo porta proprio a quello
che si dice classicamente di solito, ovvero che l’entropia classica è definita a meno di una
costante additiva. In un approccio puramente quantistico invece, si può definire un oggetto,
che si chiama matrice densità, di solito indicato con ρ, a partire dal quale si può calcolare
un’entropia assoluta con la formula S = −kB tr ρ ln ρ.
3.2. TERMODINAMICA 293

T1 = T2
Come ci aspettavamo dalla termodinamica classica.

Il teorema di Boltzmann Questo è a mio parere l’unica parte che dovete


ricordare anche per le Olimpiadi in quanto è bene che la sappiate. A volte vi
può salvare. La dimostrazione di questo teorema riportata qui è fatta un po’
a caso ma è comunque meglio di niente.
Consideriamo un sistema molto grande (per esempio un gas) e un suo
sottosistema molto piccolo (per esempio poche molecole), che abbiano rispet-
tivamente energie E ed E1 , con E1  E. La molteplicità del sistema totale
sarà il prodotto delle molteplicità dei due sistemi più piccoli, quello ad energia
E1 e quello grande che avanza ad energia E − E1

Ωtot = Ω(E − E1 ) · Ω(E1 )


Andiamo a prendere il logaritmo dell’equazione sopra ed espandiamo
ricordando che E1  E

 
∂Ω(E)
ln Ωtot = ln Ω(E − E1 ) + ln Ω(E1 ) = ln Ω(E) − E1 + ln Ω(E1 ) =
∂E1
  
1 ∂Ω(E)
= ln Ω(E) 1 − E1 + ln Ω(E1 )
Ω(E) ∂E1
Ricordiamo ora che

1 df (x) d
= (ln f (x))
f (x) dx dx
Usate ora la regola di derivazione della funzione composta per controllare
che è vero. Scriviamo quindi
  
∂ ln Ω(E)
ln Ω(E) 1 − E1 + ln Ω(E1 )
∂E1
Ma ln Ω = S/kB quindi

  
E1 E1
ln Ω(E) 1 − + ln Ω(E1 ) = ln Ω(E) − + ln Ω(E1 )
kB T kB T
294 CAPITOLO 3. FISICA

Chiamiamo ora
1
β=
kB T
Notare che ha le dimensioni di 1/energia

ln Ωtot = ln Ω(E)Ω(E1 )e−βE1


Togliendo i logaritmi,

Ωtot = Ω(E)Ω(E1 )e−βE1


Ma, per motivi che non ricordo, Ω(E1 ) varia molto lentamente se E1  E,
quindi sia Ω(E) sia Ω(E1 ) sono costanti. Dato che la molteplicità della
configurazione è direttamente proporzionale alla sua probabilità, si ottiene
quindi

P (E1 ) ∝ e−βE1
E
Troverete più o meno ovunque espressioni in cui c’è un e− RT . Ricordatevi
che è una cosa sensata.

La funzione di partizione Consideriamo un sistema che può assumere


un insieme discreto di stati energetici Ei . La probabilità di ogni stato sarà a
temperatura fissata

Pi = Ce−βEi
Dove C è la costante di normalizzazione che rende la somma delle proba-
bilità uguali a 1. In particolare,
1
C=X
e−βEi
i
Dove la sommatoria è estesa a tutti gli stati che può assumere il sistema.
L’energia media del sistema sarà ricavabile da una media pesata, ovvero
X
Ei e−βEi
i
hEi = X
e−βEi
i
3.2. TERMODINAMICA 295

Dove abbiamo semplicemente fatto la media pesata di tutti i valori che


può assumere. Notiamo ora che
∂ −βEi
e = −Ei e−βEi
∂β
Possiamo quindi riscrivere la formula per l’energia
X ∂ ∂ X −βEi
− e−βEi e
∂β ∂β
hEi = i X = − Xi
−βEi
e e−βEi
i i

Diamo ora un nome


X
Z= e−βEi
i

Z si chiama funzione di partizione del sistema. Vedremo che ricompare in


praticamente ogni formula in cui si ricavano quantità macroscopiche. Vediamo
che quindi
∂Z
∂β ∂ ln Z
hEi = − =−
Z ∂β

Esempi di cose belle che si ricavano in meccanica statistica In fondo


la legge dei gas perfetti è ragionevole, che motivo c’è di dimostrarla? Non
importa, io lo faccio comunque. Consideriamo un sistema di N particelle
uguali e indistinguibili tutte di massa m, puntiformi, che si muovono vincolate
dentro un volume V . Troviamo la funzione di partizione del sistema e vediamo
poi cosa riusciamo a tirarne fuori. Innanzitutto possiamo scrivere l’energia
totale E del sistema
N
X |~pi |2
E=
i=1
2m
Possiamo quindi scrivere la funzione Z. A questo punto barerò un sacco
perché ci sono troppi argomenti che non vi ho spiegato che servono per
comprendere pienamente quello che sto per fare e non vale la pena impararli
per le Olimpiadi. La Meccanica Statistica ha come base fondante la Meccanica
296 CAPITOLO 3. FISICA

Hamiltoniana, in modo da dare delle basi matematiche solide. Grazie a queste


basi risulta evidente quali sono le variabili in gioco (per esempio perché si
integra su N p~dN ~x e non su altro) che sono tutte cose estremamente interessanti
e utili, ma non per i problemi olimpici. Per ora fidatevi di quello che faccio,
ci sono basi matematiche solide e non è fatto a caso, è solo spuegato un po’ a
caso perché non avete gli strumenti per capirlo.

" N
#
|~pi |2
Z Z
1 1 X
Z= exp[−βE]dΓ = exp −β dN p~ dN ~x
N !h3N N !h3N i=1
2m

A questo punto è evidente per le proprietà dell’esponenziale che questo è


un prodotto di integrali indipendenti e uguali. Per questo si scriverà quindi

Z1N
Z=
N !h3N
Dove Z1

β|~p|2 β|~p|2
Z Z   Z  
Z1 = exp − d~p d~x = V exp − d~p =
R3 V 2m R3 2m
β(p2x + p2y + p2z )
Z  
=V exp − dpx dpy dpz =
R3 2m
 3 Z
2m 2
exp −(x2 + y 2 + z 2 ) dx dy dz
 
=V
β R3
  32
2πm
=V
β
Sono andato un po’ veloce su questi conti perché tanto ho zingarato prima,
quindi non valeva la pena fare le cose troppo per bene. In ogni caso in questo
modo abbiamo un’espressione per Z. A questo punto possiamo finalmente
calcolare l’energia interna del gas U

Z1N
 
∂ ln Z ∂ ∂ ln Z1
U =− =− ln 3N
= −N =
∂β ∂β N !h ∂β
 
∂ 3 β 3N 3
= −N ln V − ln = = kB T
∂β 2 2πm 2β 2
3.2. TERMODINAMICA 297

Beh, non male, abbiamo già ritrovato una cosa che avevamo dato come
definizione tempo fa in Termodinamica. Si può fare di più: andiamo a ricavarci
da Z(V, T )26 anche la pressione del gas p. Per farlo, dobbiamo essere un po’
cauti, in quanto sappiamo che le variabili “buone” per U sono S e V . Una
∂U
persona affrettata potrebbe dire ”io so che p = − ∂V . In questo caso U non
dipende dal volume, quindi la pressione è zero.”. Parlando in questo modo
si commetterebbe un errore in quanto la nostra espressione per U non è in
termini delle sue variabili canoniche ma della temperatura, che non è né S né
V . Per fare questo ragionamento dovremmo prima trovare un’espressione di
S, buttarla nell’espressione sopra e poi poter fare la derivata.
Agiamo in modo diverso. Ricordiamo che esiste anche un potenziale
termodinamico che si chiama energia libera di Helmholtz, F , che è definita
come

F = U − TS
È possibile mostrare che in un certo senso questo potenziale è il più legato
alla funzione di partizione Z, infatti si ha

F = −kB T ln Z
La dimostrazione di questa formula non è complicatissima ma non la
farò in questo momento. Per un approfondimento consultate [D’E18c] in
bibliografia. Inoltre è utile notare che F ha come variabili canoniche proprio
∂F
V, T , esattamente come Z. Se ricordiamo che poi vale p = − ∂V , allora si
arriva subito a

∂ ∂ N kB T
p= kB T ln Z = N kB T ln Z1 = ⇒ pV = N kB T
∂V ∂V V
Come ci aspettavamo.27

26
Perché sono queste le variabili indipendenti? È un’altra domanda a cui non
risponderemo qui, al secondo anno di Università avrete le risposte.
27
Perdonatemi tutti i passaggi dove ho barato clamorosamente. La teoria dietro la
Meccanica Statistica è complessa e articolata. Questo voleva essere solo un assaggio.
298 CAPITOLO 3. FISICA

3.2.6 Gas perfetti


Teoria cinetica In questo paragrafo cercheremo di dare una descrizione
microscopica dei gas perfetti, per trovare dei risultati che ci saranno molto
utili in seguito.
Consideriamo un gas composto da N palline molto piccole, ognuna di
massa m, non interagenti fra di loro, racchiuse in una scatola cubica di lato
L.
Ogni volta che una pallina colpisce un lato della scatola, rimbalza elastica-
mente tornando indietro. Nell’urto, la sua quantità di moto cambia e quindi
la scatola dovrà esercitare una forza sulle palline e viceversa.
Consideriamo la scatola cubica posizionata in un riferimento cartesiano
con un vertice del cubo nel centro del riferimento e gli assi paralleli agli spigoli.
Consideriamo la faccia del cubo a x = 0 costante. Quando una pallina urta
contro la parete, la quantità di moto lungo x passa da −px a px , mentre le
altre due componenti rimangono invariate.
La forza che deve esercitare la parete sulla pallina sarà quindi
px
F =2
∆t
Ma la pallina che urta la parete in un tempo ∆t non è una sola, il gas è
composto da miliardi di molecole, di conseguenza la forza sarà

2n̄px
F =
∆t
Dove n è il numero di molecole che urtano la parete in un tempo ∆t. Ora
è necessario dire quanto vale questo n̄.
1 vx ∆t
n̄ sarà n̄ = N , ovvero vedo quanta strada fa una pallina, la divido
2 L
per L e so quante volte ha colpito la faccia giusta. Il fattore 1/2 deriva dal
fatto che la pallina colpisce una volta la faccia di sinistra e una volta la faccia
di destra, per cui la distanza in realtà è 2L.
Quindi

mvx2
F =N
L
Noi siamo più interessati alla pressione più che alla forza, ed essendo
F = pA, otteniamo
3.2. TERMODINAMICA 299

mvx2
p=N
V
In questa stima, tuttavia, abbiamo assunto che tutte le palline avessero la
stessa velocità, cosa che in generale non è assolutamente vero, di conseguenza
a vx2 dobbiamo sostituire un valore medio.

mhvx2 i
p=N
V
Notare che il valore medio non è hvx i2 bensı́ hvx2 i, ovvero l’ordine logico
delle cose da fare è prima fare il quadrato, poi la media, non prima la media e
poi il quadrato. Se non siete convinti che venga una cosa diversa, vi consiglio
di leggere il capitolo di statistica di questo volume, nella parte di matematica.
Ora è arrivato il momento di fare un po’ di considerazioni fisiche su questo
gas. La velocità delle particelle, come vedremo più tardi, è estremamente
alta. Inoltre, abbiamo supposto il gas rarefatto, per cui la gravità conta poco.
Di conseguenza, non esiste una direzione privilegiata e quindi avremo che le
velocità lungo x, y, z saranno distribuite nello stesso modo, ovvero se P (v)dv
è la distribuzione di velocità avremo

Px (vx )dvx = Py (vy )dvy = Pz (vz )dvz


Di conseguenza, per come sono definite velocità medie e velocità quadrati-
che medie, avremo

1
hvx2 i = hvy2 i = hvz2 i = hv 2 i
3
Dove v 2 = vx2 + vy2 + vz2 è il modulo della velocità.
Di conseguenza,

N mhv 2 i 2 hU i
p= = (3.19)
3 V 3 V
Notare che questa equazione vale solo per gas monoatomici, in quanto
abbiamo supposto che le varie molecole fossero palline. Se fossero stati corpi
estesi più complicati, come per esempio una molecola di O2 che ha una
struttura come un manubrio, non avremmo potuto trattarla come una pallina.
Facciamo ancora delle considerazioni sulle velocità. Abbiamo già detto
che non vi sono direzioni privilegiate e quindi le tre distribuzioni sono uguali.
300 CAPITOLO 3. FISICA

La cosa ancora più potente è che non solo le 3 direzioni sono equivalenti,
ma sono pure indipendenti, in quanto una particella non ha motivo di avere
correlazione fra le 3 velocità.
Di conseguenza, la probabilità di avere una certa velocità ~v = (vx , vy , vz )
sarà

P (vx , vy , vz )dvx dvx dvz = P (vx )dvx P (vy )dvy P (vz )dvz
Se poi ora tiriamo in ballo quello che abbiamo imparato nel capitolo di
meccanica statistica, otteniamo addirittura la distribuzione di probabilità per
le velocità.

mvx2

P (vx )dvx = Ae 2kB T dvx
Z
Dove A è la costante di normalizzazione che fa in modo che P (vx )dvx = 1
. Mettendo insieme il tutto,

m(vx2 + vy2 + vz2 )



P (vx , vy , vz )dvx dvx dvz = A3 e 2kB T dvx dvx dvz
Ora, noi in realtà non siamo davvero interessati a conoscere la direzione
della velocità, in quanto in generale sarà qualcosa di caotico. Siamo molto
più interessati
p 2 a vedere come è distribuito il modulo della velocità ovvero
v = vx + vy + vz2 . Per passare da un sistema di 3 coordinate vx , vy , vz ad
2

uno più sensato, è conveniente metterci in coordinate sferiche. Per farlo,


ovviamente dobbiamo tenere conto del determinante dello Jacobiano quando
facciamo il cambio da dvx dvx dvz a dvdθdφ

mv 2

P (v, θ, φ) = A3 e 2kB T v 2 sin θdvdθdφ
Visto che non siamo interessati alla dipendenza da θ, φ, possiamo integrare
rispetto a entrambe e calcolare A, in modo da ottenere in tutta la sua
magnificenza la distribuzione di velocità di Maxwell-Boltzmann
  23
m mv
− 2k
2

P (v) = 4π v2e B T
dv (3.20)
2πkB T
3.2. TERMODINAMICA 301

Il cui grafico è riportato per alcune temperature in figura 3.14. Finalmente


questa distribuzione ci permette di calcolare le medie delle velocità di cui
avevamo bisogno.

Figura 3.14: Distribuzione di velocità di Maxwell-Boltzmann. Il grafico è per


l’ossigeno alle temperature segnate in gradi centigradi

Z ∞ Z ∞   23
2 2 m mv
− 2k
2

hv i = v P (v)dv = 4π v4e B T
dv
0 0 2πkB T
mv 2
Per calcolare questo integrale cambiamo variabile in t = ⇒ dt =
2kB T
mvdv
kB T

 32 Z ∞  23
kB T 4 3 1 √
   
2 m 2kB T 3
−t kB T 4 kB T 5 3kB T
hv i = 4π t e
2 dt = √ Γ = √ π=
2πkB T 0 m m π m 2 m π22 m
302 CAPITOLO 3. FISICA

Dove Γ(z) è la funzione gamma di Eulero, definita in appendice. Abbiamo


sfruttato
  ripetutamente il fatto che Γ(z + 1) = zΓ(z) e abbiamo ricordato che
1 √
Γ = π
2
Riprendendo quindi l’equazione 3.19

1 mhv 2 i N
p= ⇒ pV = N kB T ⇒ pV = NA kB T
3 V NA

pV = nRT (3.21)

Ce n’è voluta di fatica per ricavare un’equazione cosı́ banale, eh?


Infine, scriviamo l’energia interna per un gas monoatomico

N 3 3
U= mhv 2 i = N kB T = nRT
2 2 2

Libero cammino medio Consideriamo il gas come un’insieme di palline


che vanno in giro per il recipiente a grande velocità. Siamo interessati a
cercare di capire quanta strada fa una pallina mediamente prima di scontrarsi
con un’altra.
Supponiamo che la pallina percorra una distanza rettilinea L. La pallina
può incontrarne altre durante il suo percorso e quindi cambiare direzione. La
pallina ne incontrerà un’altra se questa si trova in un certo volume efficace
spazzato, ovvero se trova una pallina dentro un certo volume σL, dove σ ha
le dimensioni di un’area.
Il valore di σ è 4πr2 se consideriamo il gas omogeneo. Il motivo di tutto
questo è che entrambe le palline di raggio r hanno dimensioni e quindi l’area
in cui può trovare un’altra pallina non è πr2 ma π(2r)2 .
Calcoliamo ora la probabilità che la pallina abbia percorso esattamente
una distanza L prima di trovarne un’altra. Detta n la densità numerica di
palline, ovvero n = N/V , se il gas è abbastanza rarefatto la probabilità di
incontrare una pallina in un certo volume piccolo sarà

P = nV

Dividiamo il percorso della pallina in tanti tratti lunghi L/N , dove N è


solo un numero, non ha niente a che fare con il numero totale di molecole.
3.2. TERMODINAMICA 303

La probabilità che la pallina arrivi esattamente a distanza L è quindi la


probabilità che in ogni piccolo tratto la pallina non incontri nessuno, tranne
nell’ultimo, in cui incontra la pallina.
 N −1
N −1 nσL nσL
P (L)N = P (no) · P (si) = 1−
N N
Quindi

P (L)dL = lim P (L)N = e−nσL nσdL


N →∞
 n
L 1
Dove dL = e abbiamo usato il limite notevole limn→∞ 1 + =e
N n
Di conseguenza, il libero cammino medio sarà il valore
Z ∞ Z ∞
1
λ = E[L] = P (L)LdL = e−nσL nσLdL =
0 0 nσ
È interessante notare alcune cose riguardo questo risultato. Il primo è che
è indipendente dalla temperatura, in quanto σ è una caratteristica geometrica
N
della molecola e quindi non varia, mentre n = ovviamente non può variare
V
se vario solo la temperatura.
Questo può essere interpretato nel seguente modo: se aumento la tempe-
ratura, effettivamente il numero di urti per unità di tempo aumenta, ma la
distanza percorsa dalle molecole non cambia, in quanto quando io aumento
la temperatura, aumento a tutte le particelle la velocità e quindi è come se io
facessi andare più velocemente la registrazione di un filmato.
La seconda cosa interessante è che una distribuzione esponenziale è me-
moryless, ovvero una volta che io ho percorso un metro, la probabilità che ho
adesso, dopo averlo superato, di farne un altro è la stessa che avevo all’inizio.
Questa cosa, se ci pensate un attimo è molto sensata e ci rassicura sulla
validità del nostro risultato.

Trasformazioni termodinamiche notevoli Consideriamo nel piano p −


V un’isocora. Questa è rappresentata da un segmento verticale. Varrà il
primo principio della termodinamica

dU = đQ − đL
304 CAPITOLO 3. FISICA

Essendo dV = 0, đL = 0. Di conseguenza, in un’isocora

dU = đQ ⇒ ∆U = Q
Essendo U = ncv T , in un’adiabatica Q = ncV ∆T . Questo giustifica il
nome di cV calore specifico a volume costante.
Consideriamo ora nel piano p − V un’isobara. Questa è rappresentata da
un segmento orizzontale. Essendo la pressione costante, L = p∆V

dU = đQ − đL ⇒ Q = ∆U + p∆V = ncV ∆T + nR∆T = n(cV + R)∆T


Se chiamiamo cp = cV + R otteniamo un’espressione per il calore specifico
a volume costante. Questa equazione si chiama relazione di Mayer e vale solo
per i gas perfetti.
Consideriamo ora un’isoterma. Essendo U = ncV T , si avrà ∆U = 0

Q=L
A questo punto possiamo calcolare il lavoro facendo un integrale.

Z b
nRT dV Vb
dL = pdV = dV ⇒ L = nRT = nRT ln =Q
V a V Va
Infine, consideriamo una trasformazione adiabatica.

dU = −đL ⇒ ncV dT = −pdV


Differenziamo a sinistra e a destra l’equazione di stato dei gas per far
sparire il differenziale della temperatura.

pV = nRT ⇒ pdV + V dp = nRdT

cV cV + R cV
(pdV + V dp) = −pdV ⇒ pdV + V dp = 0
R R R
cp
Notiamo che cV + R = cp . Se chiamiamo γ = cv , scopriamo che questo
rapporto per un gas perfetto è costante e γ > 1. Riscriviamo l’equazione

Z b Z b  γ
dV dp dV dp Vb pb
γpdV +V dp = 0 ⇒ γ =− ⇒γ =− ⇒ ln = − ln
V p a V a p Va pa
3.2. TERMODINAMICA 305

pb Vbγ
ln = 0 ⇒ pb Vbγ = pa Vaγ
pa Vaγ

Le varie funzioni di stato per un gas perfetto Abbiamo dato la formula


per l’energia interna di un gas perfetto monoatomico

3
U = nRT
2
In generale, abbiamo mostrato nel capitolo sul secondo principio della
termodinamica che per un gas perfetto

∂U
=0
∂V
Perciò per qualsiasi gas perfetto

U = U (T )
Se ripetiamo il ragionamento che abbiamo fatto nel caso di gas monoatomi-
co per un gas qualsiasi, otteniamo un risultato molto simile, ovvero otteniamo
che

U = ncV T
Dove cV è una costante che dipende dal gas. In particolare, vale 32 R per un
gas monoatomico, 52 R per uno biatomico e 62 R = 3R per un gas poliatomico.
Vedrete ad un corso di meccanica statistica che il teorema di equipartizione
dell’energia giustifica questi numeri, apparentemente a caso.
Abbiamo ricavato nel capitolo sull’entropia la formula esplicita per la
variazione di entropia in un gas perfetto

p2 V2γ
∆S = ncv ln
p1 V1γ
Ovviamente, essendo definita a meno di una costante additiva, non avrebbe
senso parlare di S, ma solo di ∆S. Tuttavia, spesso per fare i conti è pratico
fare delle cose poco lecite. Vediamo cosa intendo

dT nRT
dS = ncV + dV ⇒ S = ncV ln T + nR ln V
T TV
306 CAPITOLO 3. FISICA

In questa formula ci sono parecchie cose che mi fanno ribrezzo. La prima


è sicuramente che si sta facendo il logartimo di un qualcosa che ha unità di
misura e il logaritmo è definito da R a R, fare cose come il logaritmo di moli
su litro non ha senso.
Tuttavia, essendo definita l’entropia a meno di una costante additiva,
quella costante potrebbe essere inglobata dentro il logartimo, sfruttando le
sue proprietà, per dare un denominatore adeguato e quindi non fare cose
prive di senso.
Quello che sto cercando di trasmettervi è che questa formula è ogget-
tivamente brutta e ha delle cose poco lecite al suo interno, ma visto che
appesantirei di molto la notazione se dovessi ragionare sempre su variazioni
di quantità e non sul loro valore, vale la pena di scrivere qualcosa di brutto
per evitare formule mostruose. Succederà una cosa analoga per tutte le altre
quantità termodinamiche che abbiamo definito.
L’entalpia di un gas perfetto è H = U +pV = ncV T +nRT = n(cV +R)T =
ncp T , dove cp è il calore specifico a pressione costante.
L’energia libera di Helmholtz F è

F = U − T S = ncV T − T (ncV ln T + nR ln V )

Dove vale lo stesso discorso fatto per l’entropia sulla bruttezza di questa
formula.
L’energia libera di Gibbs sarà

G = U −T S+pV = ncV T −T (ncV ln T + nR ln V )+pV = ncp T −T (ncV ln T + nR ln V )

Il ciclo di Carnot per un gas perfetto Consideriamo un ciclo di Carnot


per un gas perfetto che si svolge fra le temperature Tf , Tc . Indicherò con
A, B, C, D i 4 punti che determinano il ciclo.
Le trasfomazioni A → B e C → D sono adiabatiche. Le trasformazioni
B → C e D → A sono isoterme.
Siamo interessati a calcolare il rendimento di questo ciclo termodinamico.
Dobbiamo quindi calcolare il lavoro compiuto nel ciclo e il calore assorbito.
L’unica delle 4 trasformazioni in cui viene assorbito calore è B → C, in
quanto nelle due isoterme non c’è scambio di calore e nell’altra isoterma viene
ceduto. Il calore sarà
3.2. TERMODINAMICA 307

VC
Qass = LBC = nRTc ln
VB
Calcoliamo ora il lavoro compiuto in tutto il ciclo.
VA
LDA = nRTf ln
VD

LAB = −∆UAB = −ncV (Tb − Ta ) = −ncV (Tc − Tf )

LCD = −∆UCD = −ncV (Td − Tc ) = −ncV (Tf − Tc ) = −LAB

 
VC VA
Ltot = LAB + LBC + LCD + LDA = LBC + LDA = nR Tc ln + Tf ln
VB VD
Calcoliamo quindi η
 
VC VA VA
nR Tc ln + Tf ln Tf ln
Ltot VB VD VD
η= = =1+
Qass VC VC
nRTc ln Tc ln
VB VB
Ora andiamo a calcolare in che relazione stanno i 4 volumi. Scriviamo in
forma alternativa l’equazione che descrive un’adiabatica.
nRT γ
pV γ = cost ⇒ V = cost ⇒ T V γ−1 = cost
V
Essendo TC = TB = Tc e TA = TD = Tf , otteniamo

1
( −1
TC VCγ−1 = TD VDγ−1
  γ−1 
VC Tf VB VA VC
⇒ = = ⇒ =
TA VAγ−1 = TB VBγ−1 VD Tc VA VD VD

Per cui finalmente concludiamo il conto del rendimento


Tf
η =1−
Tc
In quanto i logaritmi si sono semplificati portando un meno nella formula.
Finalmente abbiamo messo un punto a questo argomento lasciato in sospeso.
308 CAPITOLO 3. FISICA

La velocità del suono in aria Siamo interessati a calcolare la velocità di


propagazione di un’onda di pressione in aria. Ovviamente approssimeremo in
modo che l’onda provochi un piccolo spostamento d’aria, come fa il suono.
Di conseguenza questo modello non sarà valido per un’esplosione.
Consideriamo un’onda piana, ovvero un’onda che si propaga solo lungo
una direzione, che ovviamente sarà il nostro asse x. Una particella che a
riposo aveva una posizione x finirà in ψ(x, t).
Consideriamo un volumetto dV = Adx. Il volumetto viene deformato
dall’onda e diventa quindi
 
0 ∂ψ(x)
dV = Adx + A(ψ(x + dx, t) − ψ(x, t)) = Adx 1 +
∂x
Conservandosi la massa, la densità passerà da ρ0 a ρ1
 
dm dm dV ρ0 ∂ψ
ρ1 = = = ≈ ρ0 1 −
dV 0 dV dV 0 ∂ψ ∂x
1+
∂x
Ora, noi non siamo interessati molto a quello che succede a p e ρ in
assoluto, ma ci interessa più che altro descrivere la loro piccola variazione
rispetto all’equilibrio. Ci interesserà quindi trovare qualcosa in funzione di

ρ0 = ρ1 − ρ0
p0 = p1 − p0
Consideriamo il volumetto deformato di prima e scriviamo la seconda
legge della dinamica.

∂ 2ψ
F = ma ⇒ − (p1 (x + dx) − p1 (x)) A = ρ0 Adx 2
∂t
p1 (x + dx) − p0 (x + dx) − (p1 (x) − p0 (x)) ∂ 2ψ
− = ρ0 2
dx ∂t
∂p0 ∂ 2ψ ∂p0 ∂ρ0 ∂ 2ψ
− = ρ0 2 ⇒ − 0 = ρ0 2
∂x ∂t ∂ρ ∂x ∂t
Ma noi sappiamo che
∂ψ ∂ρ0 ∂ 2ψ
ρ0 = ρ1 − ρ0 = −ρ0 ⇒ = −ρ0 2
∂x ∂x ∂x
3.2. TERMODINAMICA 309

Quindi

∂p0 ∂ 2 ψ ∂ 2ψ
=
∂ρ0 ∂x2 ∂t2
Ora bisogna dire qualcosa di termodinamico riguardo il processo. Un’onda
di pressione di solito viaggia molto velocemente e quando ci sono processi
che avvengono a grande velocità è difficile che avvenga uno scambio di calore
considerevole, quindi potremo trattare il processo come adiabatico.

pV γ = cost ⇒ pρ−γ = cost ⇒ dpρ−γ − γpρ−γ−1 dρ = 0

dp p

dρ ρ
Infine otteniamo quindi

∂ 2ψ p ∂ 2ψ
= γ
∂t2 ρ ∂x2
Che se confrontata con la 2.15 ci dice che l’impulso si propaga con una
velocità
r
γp
v=
ρ
Per concludere, è utile ricordare che abbiamo a che fare con un gas perfetto
e sostituire con l’espressione in termini di p e ρ con qualcosa in termini di T .
nµ RT RT
pV = nRT ⇒ p = ⇒p=ρ
V µ µ
Per cui,
s r
γRT γkB T
v= =
µ m
310 CAPITOLO 3. FISICA

3.2.7 Gas reali


Perchè studi i gas reali? Non
possono capitare in una gara!

Tutti prima di Astana 2014

L’equazione di stato di Van der Waals Le approssimazioni che si fanno


per descrivere i gas perfetti sono davvero brutali e di conseguenza funzionano
bene solo per temperature alte, ovvero dell’ordine dei 300K. Se si vogliono
approssimazioni migliori, bisogna tener conto di due cose: la dimensione
non nulla delle molecole e la mutua interazione fra le particelle. Una buona
equazione che descriva questo modello è l’equazione di Van der Waals che
descrive i cosiddetti gas reali.
L’equazione è questa

an2
 
p + 2 (V − nb) = nRT
V
Dove a e b sono opportune costanti che tengono conto dei due fattori. È
importante notare e ricordare nei problemi che quando a, b → 0 l’equazione
si riconduce all’equazione di stato dei gas perfetti. Ricordatevene perché vi
servirà nei problemi.
Spesso questa equazione viene scritta in termini del volume molare Vm =
V
. Dividendo membro a membro entrambe i lati dell’equazione si ottiene
n
quindi
 
a
p + 2 (Vm − b) = RT
Vm
Spesso quelli che usano questa forma dell’equazione dimenticano28 la m
di molare. Se non c’è, probabilmente dovrebbe esserci. Mettetecela.

L’isoterma di Van der Waals La prima cosa che si nota quando si disegna
un’isoterma di Van del Waals è che la sua forma dipende strettamente dalla
temperatura. Per temperature alte, è una curva che assomiglia molto ad
28
Non hanno voglia di scrivere
3.2. TERMODINAMICA 311

un’iperbole, come per i gas perfetti, mentre per temperature basse la curva
fa una sorta di ansa ripiegandosi su se stessa

RT a
p= − 2
Vm − b Vm
In particolare, sotto una certa temperatura che viene chiamata Tc , la
pressione presenta due punti stazionari, mentre sopra quella temperatura non
ne ha. Per trovare questa temperatura, consideriamo i due punti stazionari.
∂p
Questi due sono le soluzioni dell’equazione = 0. Man mano che si
∂Vm
avvicinano, la curva fra di loro si appiattisce sempre di più, finchè nel punto
critico non diventa un punto di flesso. In particolare, nel momento in cui i
punti diventano lo stesso punto, si annulla la derivata seconda.
Per ottenere quindi le coordinate termodinamiche di questo punto, bisogna
quindi mettere a sistema
 
a
 p + Vm2 (Vm − b) = RT


∂p
∂Vm
=0
 ∂2p = 0


∂V 2 m

 
a
 pc + Vmc
 2 (Vmc − b) = RTc


 RTc 2a
− 2
+ 3 =0
 (Vmc − b) Vmc

 2RTc 6a

 − 4 =0
(Vmc − b)3 Vmc
Dividiamo la seconda equazione per la terza ottenendo

Vmc − b Vmc
= ⇒ Vmc = 3b
2 3
Ributtiamo ciò che abbiamo trovato nella prima equazione.

RTc 2a 8a
2
= 3
⇒ Tc =
4b 27b 27Rb
Sostituiamo infine nella prima per trovare la pressione.
 a  8a a
pc + 2b = R ⇒ p c =
9b2 27Rb 27b2
312 CAPITOLO 3. FISICA

Per dei gas solitamente è facile misurare sperimentalmente questi parametri


critici e di conseguenza è utile invertire queste relazioni per ottenere i parametri
a, b in funzione delle coordinate termodinamiche critiche.

27(RTc )3

a =

64Pc
b =
 RT c
8Pc

Figura 3.15: Varie isoterme di Van der Waals

Una parte molto interessante dell’equazione di Van der Waals è che


descrive in modo accettabile anche i liquidi. In particolare, la fase liquida
viene descritta bene dalla zona del grafico evidenziata in figura 3.15, quella
indicata dalla lettera L. È evidente che però vi è un problema quando un
liquido viene descritto da questa equazione, in quanto c’è una zona del grafico
in cui ad una diminuzione di volume corrisponde una diminuzione di pressione,
cosa insensata. Per dare una soluzione a questo problema, il grafico viene
rettificato in modo orizzonale, in modo da togliere questo problema. L’altezza
giusta a cui tagliare è quella che lascia sopra e sotto il grafico la stessa area.
In figura 3.16 viene chiarificato il tutto.
Dato che la zona rettificata esiste solo per T < Tc , si avrà che non c’è
liquefazione del gas sopra la temperatura critica.
3.2. TERMODINAMICA 313

Figura 3.16: Taglio corretto del grafico

Facendo delle piccole approssimazioni è possibile esprimere la pressione


pLG a cui si taglia il grafico, ovvero la pressione a cui sono in equilibrio liquido
e gas in termini dei coefficienti a, b e della temperatura.
Z Vg
(p − pLG )dV = 0
Vl
Vg 
an2
Z 
nRT
− 2 dV = pLG (Vg − Vl )
Vl V − nb V
 
Vg − nb 2 1 1
nRT ln + an − = pLG (Vg − Vl )
Vl − nb Vg Vl
Se usiamo il fatto che Vg  Vl si ottiene una semplificazione

Vg − nb an2
nRT ln + = pLG Vg
Vl − nb Vl
Ora dobbiamo fare delle altre approssimazioni per far uscire i parametri
che ci servono. Intanto possiamo trattare inizialmente il gas come perfetto

Vg − nb an2
nRT ln − = nRT (3.22)
Vl − nb Vl
an2
Per stimare il volume del liquido, possiamo notare che pl  V
, per cui

an2 2 an abn2
(V − nb) = nRT ⇒ V − V + =0
V2 RT RT
314 CAPITOLO 3. FISICA

r r !
an a2 n2 abn2 an 4bRT
V1,2 = ± − = 1± 1−
2RT 4R2 T 2 RT 2RT a
Espandiamo in serie la radice
r
4bRT 1 4bRT 1 16b2 R2 T 2
1− ≈1− −
a 2 a 4 a2
È chiaro che delle due radici trovate sopra dovremo prendere la più piccola,
in quanto quando T → 0, avremo V → nb

1 16b2 R2 T 2
   
an 1 4bRT 2bRT
Vl = 1−1+ + = nb 1 +
2RT 2 a 4 a2 a
Riprendiamo l’equazione 3.22 approssimando all’ordine opportuno

Vg − nb an2
nRT ln − = nRT
2nb2 RT nb
a
Se poi infine Vg  nb
nRT
pLG an2
nRT ln − = nRT
2nb2 RT nb
a
a a
ln 2 − =1
2b pLG bRT
a 2b2 pLG
− − 1 = ln
bRT a
a a
pLG = − 2 e bRT −1
2b
Che confrontata con l’equazione 3.17, con un rapido confronto ci fa trovare
la relazione
a λ a
= ⇒λ=
bRT RT b
Abbiamo quindi ottenuto il calore latente molare a partire semplicemente
dall’equazione di van der Waals.
3.2. TERMODINAMICA 315

Trasformazioni notevoli Per studiare le varie trasformazioni termodina-


miche per un gas di Van der Waals è prima opportuno ricavare alcune funzioni
di stato utili. Cerchiamo quindi di trovare un’espressione per l’energia interna
del gas in termini di volume e temperatura, ovvero trovare U (T, V ).
Scriviamo il differenziale dell’entropia usando il primo principio della
termodinamica.

 
1 p 1 ∂U 1 ∂U p
dU = T dS − pdV ⇒ dS = dU + dV = dT + + dV
T T T ∂T T ∂V T

Sfruttiamo il fatto che dS è un differenziale esatto.


   
∂ 1 ∂U ∂ 1 ∂U p
= +
∂V T ∂T ∂T T ∂V T

1 ∂ 2U 1 ∂U 1 ∂ 2U 1 ∂p p
=− 2 + + − 2
T ∂T ∂V T ∂V T ∂T ∂V T ∂T T

∂U ∂p
=T −p
∂V ∂T
Sfruttiamo l’equazione di Van der Waals per ricavare la pressione

nRT an2
p= − 2
V − nb V

∂U an2 an2
= 2 ⇒ U (T, V ) = − + f (T )
∂V V V
Ora dovremmo ricordare che quando a, b = 0 un gas reale si riconduce ad
un gas perfetto. Di conseguenza,

an2
U (T, V ) = − + ncV (T, a, b)T
V
Purtroppo per via puramente termodinamica non si può dire molto altro.
Dobbiamo assumere che il calore specifico a volume costante sia indipendente
dagli altri parametri. Di conseguenza

an2
U (T, V ) = − + ncV T
V
316 CAPITOLO 3. FISICA

Una volta trovata questa espressione, possiamo finalmente ricavare l’equa-


zione di un’adiabatica per un gas reale.

an2
đQ = 0 ⇒ dU = −pdV ⇒ ncV dT + dV = −pdV
V2
an2 an2
 
nRT
ncV dT = − 2 − + 2 dV
V V − nb V
dT R
=−cV dV
T V − nb
Fate molta attenzione a non fare cose tipo scrivere cp = cV + R o cose a
caso simili che avete acquisito come automatismi per i gas perfetti in quanto
non sono vere per i gas reali.
Ora possiamo tranquillamente integrare questa relazione ottenendo
cV
T1 R V1 − nb
ln = − ln
T0 V2 − nb
cV
T R (V − nb) = cost (3.23)

Il ciclo di Carnot per un gas reale Ora calcoleremo il rendimento di un


ciclo di Carnot per un gas reale. Tutto questo è puro masochismo in quanto
sappiamo già che cosa deve venire, ma lo farò perché so che siete scettici e
ancora non credete al fatto che il rendimento possa essere quello.
Consideriamo quindi due adiabatiche e due isoterme.

1. A → B espansione isoterma, Tc .

2. B → C espansione adiabatica.

3. C → D compressione isoterma Tf .

4. D → A compressione adiabatica.

Calcoliamo il lavoro totale del ciclo.

B B
an2
   
VB − nb
Z Z
nRTc 1 1
LAB = pdV = − 2 dV = nRTc ln +an2 −
A A V − nb V VA − nb VB VA
3.2. TERMODINAMICA 317

  
2 1 1
LBC = −∆UBC = −(UB − UA ) = − ncV (Tf − Tc ) − an −
VC VB
Non dimenticatevi che U 6= ncV T , stolti!
 
VD − nb 2 1 1
LCD = nRTf ln + an −
VC − nb VD VC
  
2 1 1
LDA = − ncV (Tc − Tf ) − an −
VA VD
X VD − nb VB − nb
Lciclo = L = nRTf ln + nRTc ln
VC − nb VA − nb
Dove magicamente tutti i termini si sono semplificati tranne questi due.
Calcoliamo ora il calore assorbito, che viene scambiato tutto durante
A → B.

   
2 1 1 VB − nb 2 1 1
Qass = QAB = ∆UAB +LAB = −an − +nRTc ln +an −
VB VA VA − nb VB VA

VB − nb
Qass = nRTc ln
VA − nb
Calcoliamo quindi η.

VD − nb VB − nb VD − nb
Tf ln + nRTc ln ln
Lciclo VC − nb VA − nb Tf VC − nb
η= = =1+
Qass VB − nb Tc VB − nb
nRTc ln ln
VA − nb VA − nb
Ora possiamo utilizzare l’equazione 3.23 ricavata prima per un’adiabatica
di Van der Waals per usare lo stesso trucco che abbiamo usato per i gas
perfetti e ottenere che la frazione con i logaritmi fa −1.
Di conseguenza, otteniamo finalmente
Tf
η =1−
Tc
Ora cominciate ad avere più fiducia sulla validità di questa formula?
318 CAPITOLO 3. FISICA

Capacità termiche notevoli Come vi avevo anticipato, per i gas reali


non vale la relazione di Mayer cp = cV + R.
Calcoliamoci quindi quanto vale davvero cp

an2
1

đQ

dU + pdV ncV dT + dV + pdV 
an2 dV

cp = = = V2 = cV + p + 2
n dT p ndT ndT V ndT

Differenziamo l’equazione di stato per ottenere il dV /dT .

an2 an2 2an2


   
p+ 2 (V − nb) = nRT ⇒ p + 2 dV − (V − nb) 3 dV = nRdT
V V V

Dove ovviamente non compare dp perché siamo a pressione costante.


dV nR
= 2
2an2

dT an
p+ − (V − nb)
V2 V3
Quindi

an2
 
R p+ 2
V R R
cp −cV =  2 = 2 2 =
2 2an

an 2an V − nb 2a n
p + 2 − (V − nb) 3 1−  1− (V − nb)2
2 RT V 3

V V an V3
p+ 2
V

Che come potete ben vedere è ben lungi dall’essere una costante. Quindi
attenti a non usare a sproposito le cose imparate per i gas perfetti.
3.2. TERMODINAMICA 319

3.2.8 Tensione superficiale


PRENDERLA DALLE DISPENSE DI CORNOLTI CHE QUELLA AN-
DAVA MOLTO BENE
320 CAPITOLO 3. FISICA

3.2.9 Problemi
Problema 3.2.1 (Temperatura nella colonna d’aria). Vogliamo
dare un modello della variazione della pressione e della temperatura nell’atmosfera
con l’altezza.
Modello 1: Considerare la temperatura nell’atmosfera costante e uguale a
quella al suolo, T0 noto. Trovare la pressione in funzione dell’altezza, sapendo che
a terra vale patm . Ovviamente trascurate venti, piogge e vari fenomeni atmosferici.
Trattate l’aria come un gas perfetto biatomico di massa molare µN2
Modello 2: Considerare uno strato d’aria che risale l’atmosfera senza scambiare
calore. Stesse domande del caso precendente, solo che stavolta T = 6 cost. Fino a
che altezza ha senso questo modello?
Soluzione: 4.3.32

Problema 3.2.2 (Astronave con una perdita). Un’astronave,


che potete modellizzare come una sfera, ha al suo interno aria alla pressione p0 ,
temperatura T0 . Il volume dell’astronave è V0 . Ad un certo punto un piccolo
oggetto si schianta contro l’astronave, creando un piccolo buco di sezione A.
Trovare la pressione all’interno dell’astronave in funzione del tempo.
Soluzione: 4.3.33

Problema 3.2.3 (Apho molla con il gas oscillazione adiabatica).


Soluzione non disponibile.

Problema 3.2.4 (IPhO 2, 2014, Astana).


Soluzione non disponibile.

Problema 3.2.5 (IPhO 1.2, 2014, Astana). Una bolla di sapone


di raggio r contiene un gas ideale biatomico. Lo spessore del sapone è h  r e
la bolla si trova nel vuoto. La tensione superficiale del sapone è σ e il sapone ha
densità di massa ρ.

1. Si trovi la formula per il calore molare del sistema in cui il calore viene fornito
in modo lento tale da mantenere l’equilibrio termodinamico e meccanico.

2. Si trovi la frequenza ω delle piccole oscillazioni della bolla assumendo che la


capacità termica dello strato di sapone sia molto più grande della capacità
termica del gas. Si assuma che l’equilibrio termico venga raggiungo molto
prima del periodo delle oscillazioni.

Soluzione: 4.3.34
3.2. TERMODINAMICA 321

Problema 3.2.6 (Massimo lavoro estraibile da un sistema).


Abbiamo due corpi di capacità termica finita e costante Ca e Cb , alla temperatura
iniziale Ta < Tb . Supponendo di avere a disposizione il motore migliore possibile,
vogliamo sapere quanto vale il massimo lavoro che possiamo estrarre dal sistema.
Soluzione: 4.3.35

Problema 3.2.7 (Gas di fotoni). Un gas di fotoni dentro una


scatola può essere rappresentato dalle equazione di stato

U (T, V ) = aT 4 V
p = U
3V
Dove a è una costante opportunamente dimensionata29
Disegnare nel piano p − V un ciclo di Carnot fra le temperature Tf , Tc compiuto
da questo gas e calcolarne il rendimento.
Soluzione: 4.3.36

Problema 3.2.8 (Sfera radiante).


Soluzione non disponibile.

Problema 3.2.9 (IPhO 2016 1, Mumbai).


Soluzione non disponibile.

Problema 3.2.10 (Un palloncino da compleanno (APhO 2011)).


Soluzione non disponibile.

Problema 3.2.11 (Temperatura di una conduttura).


Soluzione non disponibile.

Problema 3.2.12 (Effetto Leidenfrost (APhO 2009)).


Lo scopo di questo problema è di stimare il tempo di vita di una goccia d’acqua
emisferica posta su un piano rovente. Si verifica che in questa situazione si forma
uno strato molto sottile di vapore fra la goccia d’acqua e il piano caldo, che permette
alla goccia di scivolare sul piano praticamente senza attrito.
Si assuma che il vapore si comporti come un fluido newtoniano di viscosità η e
di conducibilità termica k. Il calore latente del liquido è L.
Ricordiamo la definizione di viscosità per un fluido newtoniano. Dati due strati
paralleli di fluido, di area A, la forza tangenziale agente fra i due strati è data da
questa formula

29 8π 5 kB
4
a=
15h3 c3
322 CAPITOLO 3. FISICA

Figura 3.17: Disegno della goccia

F 1
η=
A dv
dz

Dove η è appunto la viscosità, da considerarsi costante, mentre dv


dz è la differenza
di velocità fra i due strati diviso per la distanza fra gli stessi (ovvero la derivata,
per spessori piccoli).
Dalla figura risulta chiaro che la pressione del gas debba essere maggiore al
centro della goccia d’acqua. Questo porta ad un flusso di vapore dall’interno verso
l’esterno. Assumere che all’equilibrio termodinamico si abbia che lo spessore dello
strato è b. Assumere inoltre che la velocità del gas sia puramente radiale (ma
dipendente sia da r che da z).
Per il flusso di vapore dall’interno verso l’esterno, assumere che valga la formula

∂v(r, z) z ∂P (r, z)
= (3.24)
∂z η ∂r
Assumere che la goccia usi tutto il calore che riceve dal tavolo per evaporare e
non per aumentare la sua temperatura. Di conseguenza il valore della differenza di
temperatura fra la goccia e il tavolo è ∆T , noto e costante. Chiamare la pressione
atmosferica P0 . Assumere che la goccia rimanga sempre emisferica. Indicare con ρ
e ρv le densità della goccia e del vapore, rispettivamente.
∂P
1. Trovare v(r, z) in funzione di z, ∂r , b. Hint: cercate condizioni al contorno
sensate.
Assumere che si sia raggiunto lo stato stazionario e che il vapore prodotto
dall’evaporazione venga riversato tutto sotto la goccia.

2. Trovare P (r).

3. Trovare b in funzione degli altri dati.

4. Trovare il tempo di vita τ della goccia.


3.2. TERMODINAMICA 323

Figura 3.18: Sistema di riferimento e schematizzazione goccia

Soluzione: 4.3.37

Problema 3.2.13 (Trasformazione termodinamica con attrito).


Soluzione non disponibile.

Problema 3.2.14 (Crescita dello spessore del ghiaccio (SNS 2015)).

Considerate un lago di superficie molto grande e profondità dell’acqua uniforme e


molto grande. L’aria sopra la superficie del ghiaccio è da considerarsi a temperatura
costante e uniforme Tf < 273 K. L’acqua sotto lo strato di ghiaccio è da considerarsi
allo stesso modo a temperatura uniforme e costante Tc > Tf . A causa della bassa
temperatura dell’aria, lo strato di ghiaccio cresce lentamente. All’istante t0 = 0
il ghiaccio è spesso h0 . Calcolare lo spessore del ghiaccio in funzione del tempo
conoscendo la conducibilità termica del ghiaccio k e il calore latente di solidificazione
per unità di massa L.
Soluzione: 4.3.38

AGGIUNGERE PROBLEMI DI CELLA SUL CALCOLO ESPLICITO


DI ∆S. PER ORA LI TROVATE SU UN ESERCIZIO AL GIORNO
324 CAPITOLO 3. FISICA

3.3 Elettromagnetismo
3.3.1 Campo elettrostatico
Il campo elettrico Le cariche elettriche ferme si comportano in modo
molto simile alle masse. La legge che indica la forza di attrazione/repulsione
fra due cariche q1 , q2 ferme l’una rispetto all’altra è
1 q 1 q2
F = 2
4π0 r12
La forza è radiale come nel caso della gravità.
Supponiamo ora di avere un sistema di cariche tenute ferme in un qualche
modo, rispetto ad un riferimento inerziale S. In tal caso, introducendo una
piccola carica dq nel sistema, a patto di non spostare le altre cariche già
presenti, la forza sarà sempre
Z
1 q0 dq
F~ = 2
rb
V 4π0 r
Si può portare quindi q0 fuori dall’integrale, ottenendo che

F~ = q0 E
~
dove
Z
~ = 1 dq
E rb
V 4π0 r2
non dipende dalla carica q0 e rimane costante (non necessariamente uni-
forme) se le altre cariche rimangono ferme. Scoprirete che in realtà questo
campo vettoriale, chiamato campo elettrico, ha grande significato di per sè
e non è solo un semplice artificio per semplificare i conti. Inoltre, in questo
caso la forza è quella esercitata da una somma di forze centrali, per cui è
sicuramente conservativa se le altre cariche rimangono ferme.

Il potenziale elettrostatico Il campo elettrostatico è conservativo. Di


conseguenza, si potrà definire un’energia potenziale di una nuova particella
che viene introdotta nel sistema.
Z ~
r
U (~r) = − F~ · dr

3.3. ELETTROMAGNETISMO 325

Visto che abbiamo detto che F~ = q0 E,


~ sarà
Z ~
r
U (~r) ~ · dr
= V (~r) = − E
q0 ∞

Per il campo elettrostatico, di conseguenza sarà

~ = −∇V
E ~

Ci tengo a precisare che affinché il campo elettrico sia conservativo è


necessario che non ci siano campi magnetici variabili. Nella sezione sulle
equazioni di Maxwell vedrete infatti che in questo caso il campo elettrico è
tutt’altro che conservativo.

Conservazione della carica elettrica È un’evidenza sperimentale che la


carica elettrica totale di un sistema di oggetti sia una quantità conservata.
Normalmente in meccanica classica vale la stessa cosa per la massa, quindi
avrete già delle idee a riguardo su che effetti possa avere questa legge di
conservazione. Tuttavia vi è una grossa differenza che permette ai fenomeni
elettrici di essere più vasti: la massa ha un segno solo, mentre la carica può
essere di un segno o dell’altro. Questo pone un grado di libertà più grosso sui
fenomeni che possono accadere. Per esempio, un fenomeno molto studiato è il
decadimento di un elettrone e positrone in due fotoni. Le prime due particelle
hanno rispettivamente carica −e e +e, mentre i fotoni sono scarichi. Come
vedete, sia a destra che a sinistra della reazione la somma totale delle cariche
è nulla, ma questo non vieta che vengano conservarsi separatamente la carica
positiva e negativa.

Quantizzazione della carica elettrica Una cosa interessante è che la


carica elettrica è quantizzata, ovvero può assumere solo valori multipli interi
di una certa costante che si chiama carica elementare e vale

e = 1, 602 · 10−19 C
In particolare, ogni elettrone ha carica −e e ogni protone ha carica +e. Un
neutrone ha carica 0. Esistono anche particelle più piccole, chiamate Quark,
che possono avere carica più piccola di questo valore, ma non possono esistere
come oggetti indipendenti, ma solo in gruppo con altri Quark in modo che
l’insieme abbia carica multipla e.
326 CAPITOLO 3. FISICA

Nella maggior parte dei problemi non è necessario tenere conto di questo
fatto ma a volte possono farvi domande a caso in cui dovete accorgervi che
una particella ha carica 2e e quindi può essere una particella α,30 per esempio.

Usare la legge di Gauss


In elettrostatica c’è praticamente una sola legge da saper adoperare con
molta cura ed è il teorema di Gauss per l’elettrostatica, ovvero
X
~ ∂V ) =
0 Φ(E, qint
In parole povere, data una qualunque superficie chiusa, il flusso del campo
attraverso la superficie è direttamente proporzionale a quanta carica è presente
dentro la superficie.

Esempio 3.3.1. Per fare un esempio facile, prendiamo una carica puntiforme
~ r). Il problema ha evidentissima simmetria sferica, il
q. Vogliamo ricavare E(~
che ci suggerisce di scegliere una superficie sferica centrata nella carica, di
~ = E(r)b
raggio r. Il campo elettrico, a causa della simmetria sarà E r. Usiamo
il teorema di Gauss

~ = q
4πr2 0 E = q ⇒ E rb
4π0 r2
Che è ovviamente la formula del campo elettrico di una carica puntiforme.

Esempio 3.3.2. Facciamo ora un esempio leggermente più complicato, ma


non di molto. Prendiamo un filo rettilineo infinito che abbia una carica per
unità di lunghezza λ. Vogliamo trovare E(~ ~ r).
È evidente la simmetria cilindrica del problema. Stavolta vi è un problema
in più non da poco però. Sicuramente abbiamo che E(~ ~ r) = E(r),
~ ovvero la
simmetria cilindrica implica che il modulo del campo elettrico dipenda solo
dalla distanza dal filo.
~
Mettendonci in coordinate cilindriche, sarà E(r) = Er (r)b r + Eθ (r)θb +
Ez (r)b z . Ora, sicuramente Ez = 0, in quanto se io ribalto l’asse z, il problema
è identico a prima, ma Ez0 = −Ez . Usando questa trasformazione il campo
elettrico non può essere cambiato perché il problema è identico. Quindi
Ez0 = Ez = −Ez ⇒ Ez = 0.
30
Un nucleo di elio, ovvero due neutroni e due protoni tenuti insieme per forze nucleari.
Il complesso ha carica +2e. Se ci aggiungiamo due elettroni diventa un atomo di Elio
3.3. ELETTROMAGNETISMO 327

Allo stesso modo, se ci fosse una componente Eθ , in ogni caso dipende


da r e basta il suo modulo. Il campo avrà quindi un verso di rotazione
che definisco come ~a = rb × Eθ θb = Eθ zb. Tuttavia lungo z vi è una assoluta
simmetria di riflessione, quindi analogamente a prima si ottiene Eθ = 0.
Finalmente, avendo escluso per motivi di simmetria componenti trasverse
del campo, possiamo scrivere E(~ ~ r) = E(r)br e applicare il teorema di Gauss,
scegliendo un’oppurtuna superficie chiusa.
La scelta ottimale è abbastanza evidente, prendendo una superficie cilin-
drica con asse nel filo di altezza h e raggio r.

~ ∂V ) = Φ(laterale) + Φ(basi)
Φ(E,
Dato che il versore area è ortogonale al campo elettrico nelle basi, il flusso
attraverso quelle due superfici è nullo. Rimane quindi il contributo sulla faccia
laterale

Φ = 2πrE(r)
La carica racchiusa nella superficie sarà q = λh. Quindi, usando Gauss

~ λ
E(r) = rb
2π0 r
Che è una formula che immagino abbiate già visto.
Per esercizio, ricaviamo lo stesso risultato facendo l’integrale, solo per far
vedere quanti conti risparmia il teorema di Gauss.
Z Z ∞
~ ~ 1 λ
E = dE = 2 2
− xdx
r[
−∞ 4π0 r + x

Consideriamo i contributi dovuti alle dq posizionate a +x e −x. È evidente


che il modulo del campo è lo stesso, ma la direzione è diversa e tale per cui si
conserva solo la componente radiale e si elide la tangenziale. Di conseguenza,
il nostro integrale diventa

Z ∞ Z +∞
~ = 1 λ λ r
E 2 2
cos θ(x)dxb
r= rb 3 dx
−∞ 4π0 r + x 4π0 −∞ (x2 + r2 ) 2
Sfruttiamo la simmetria per cambiare il dominio dell’integrale portando
fuori un fattore 2. Inoltre, cerchiamo di avere dentro l’integrale delle quantità
adimensionali.
328 CAPITOLO 3. FISICA

Z ∞ Z ∞
~ = λ r x λ 1
E rb 2 3 rd = rb 3 dt
2π0 0 r3 (1 + r ) 2 r
x 2π0 r 0 (1 + t2 ) 2
Ora il problema non ha più niente di fisico e si riconduce a saper fare un
integrale. È una cosa molto importante riuscire a fare questo, in quanto ora
la nostra espressione è

~ = f (r)b
E rK
Ovvero noi conosciamo l’andamento di r in tutto lo spazio, conosciamo
la direzione ovunque, tutto quello che ci manca è un fattore moltiplicativo
K che indica il suo modulo. Questo è sicuramente importante se bisogna
costruire qualcosa, ma in generale, se vogliamo studiare un generico fenomeno
è la cosa che ci importa di meno in quanto sappiamo praticamente tutto sul
campo ovunque. Se poi va male e l’integrale non siamo capaci di farlo, mal
che vada lo si fa fare in modo approssimato ad un computer, ma la fisica del
problema è completamente compresa.
Vediamo ora di calcolare il nostro integrale in modo esplicito
Z
1
3 dt
(1 + t2 ) 2
Data la forma del denominatore

1 + t2
Può essere intelligente usare una sostituzione iperbolica, in quanto

cosh2 x = 1 + sinh2 x
Usiamo quindi

t = sinh x ⇒ dt = cosh xdx

Z Z Z
1 1 1 sinh x t
dt = cosh xdx = 2 dx = tanh x = =√
cosh3 x
3
(1 + t2 ) 2 cosh x cosh x 1 + t2

Di conseguenza, il nostro integrale definito


3.3. ELETTROMAGNETISMO 329

Z ∞    
1 t t
3 dt = lim √ − √ =1−0=1
0 (1 + t2 ) 2 t→∞ 1 + t2 1 + t2 t=0

Esempio 3.3.3. Consideriamo un piano infinito, con una densità di carica σ


uniforme. Vogliamo trovare il campo elettrico in tutto lo spazio.
Scegliamo una superficie chiusa adeguata per utilizzare il teorema di Gauss,
dopo aver fatto alcune considerazioni di simmetria. Innanzitutto, è ovvio che
il campo elettrico deve essere ortogonale al piano e avere verso opposto nei
due semispazi. Se il campo elettrico E(~~ r) avesse una componente trasversa,
potrei ruotare il mio disegno intorno ad un asse ortogonale al piano, passante
per il punto ~x e otterrei che il sistema fisico non è cambiato ma il campo si.
Di conseguenza, se chiamiamo con x b il versore ortogonale al piano, avremo
~ ~
che E = E(d)b x, dove d è la distanza dal piano.
Scegliamo ora quindi una superficie chiusa adeguata. Prendiamo una
qualsiasi figura piana appartenente al piano carico e le facciamo spazzare
un volume simmetricamente a sinistra e a destra del piano, percorrendo in
entrambe i versi una distanza d. Quello che abbiamo ottenuto è un prisma di
base qualsiasi, la cui area verrà chiamata A.
Calcoliamo il flusso del campo attraverso questa superficie. Ovviamente le
facce laterali non contribuiscono al flusso del campo in quanto il campo sarà
ortogonale alla superficie. Per quanto riguarda le basi, avremo che entrambe
contribuiscono di una quantità E(d)A, in quanto in entrambe i casi campo
elettrico e area hanno la stessa orientazione relativa.
Di conseguenza
σ
20 E(d)A = σA ⇒ E(d) = (3.25)
20
Notiamo una cosa molto interessante, ovvero che questa quantità non
dipende da d, ovvero il campo elettrico ha lo stesso modulo in tutto lo spazio.
Per esercizio, otteniamo lo stesso risultato integrando, ovvero calcoliamo
il campo elettrico ad una distanza d dall’asse di un disco di raggio R carico
omogeneamente e poi facciamo il limite per R → ∞
Consideriamo una corona circolare di raggio r e spessore dr. L’area di
questa corona sarà

dA = π(r + dr)2 − πr2 = 2πrdr + π(dr)2 = 2πrdr


330 CAPITOLO 3. FISICA

In quanto (dr)2  rdr quando dr → 0. La carica dq di questa corona


sarà

dq = 2πσrdr
Il modulo del campo elettrico infinitesimo generato dalla corona sarà
quindi
2πσrdr
dE =
4π0 (d2 + r2 )
Come nell’esempio precedente, le componenti trasverse del campo si elidono
e quindi rimane solo una componente del campo che sarà

dE˜ = dE cos θ = dE √ d
d2 + r 2
Quindi in definitiva il campo sarà

R r R
Z R Z Z
σ rd σ d
d r σ d x
E= 3 dr = d =
r 2 23 d 3 dx
0 20 (r2 + d2 ) 2 20 0 (1 + d ) 20 0 (1 + x2 ) 2

Vorrei far notare che se facciamo tendere R → ∞, si vede subito che il


campo elettrico non dipende da d, in quanto non compare fuori dall’integrale
e dentro l’estremo viene mangiato dal limite. Di conseguenza, come prima
si riesce a dare tutte le informazioni sulla fisica del problema senza dover
necessariamente integrare, è sufficiente portare tutte le quantità dimensionate
fuori dall’integrale. In ogni caso, essendo semplice da calcolare lo facciamo

 
Z R   Rd
σ d x σ 1 σ  1
E= 3 dx = −√ = 1− q 
20 0 (1 + x2 ) 2 20 1 + x2 0 20 R 2
1+(d)

Come avevo già fatto notare, se R → ∞, il secondo termine va a zero e


quindi il campo è uniforme.

Attenzione ai conduttori Per ora abbiamo sempre lavorato con oggetti


isolanti, ovvero oggetti in cui le cariche sono obbligate a rimanere ferme,
per esempio il piano infinito uniformemente carico. I conduttori invece sono
3.3. ELETTROMAGNETISMO 331

caratterizzati da un’elevata capacità di permettere alle cariche di muoversi al


loro interno. Nel capitolo sulle equazioni di Maxwell si discuterà di cariche
in movimento, in questo capitolo di elettrostatica parleremo solo del caso
stazionario, ovvero la situazione dopo che si è stabilizzata, eventualmente
anche in un tempo infinito.

Il teorema di Coulomb La prima cosa da notare quando si parla di


conduttori è che questi, anche se sono globalmente neutri, in realtà, come
tutta la materia, hanno semplicemente una grande quantità di carica positiva
controbilanciata da altrettanta negativa. Per questo motivo, anche se un
conduttore è globalmente neutro, se viene immerso in un campo elettrico
esterno, le cariche si possono spostare generando uno sbilanciamento di carica,
ovvero il conduttore continua a rimanere neutro ma localmente diventa carico.
Le cariche in un conduttore sono quindi libere di muoversi all’interno
del suo volume. Per riuscire addirittura ad allontanarsi dalla superficie e
andare per conto loro nel vuoto è necessario un campo elettrico molto intenso.
Di conseguenza, un conduttore normalmente non è in grado di cambiare la
quantità di carica totale presente su di lui a meno di essere messo in contatto
con altri oggetti.
Diamo ora una descrizione quantitativa del fenomeno, sulla superficie e
all’interno.
La prima cosa da dire è che la carica si dispone sulla superficie del
conduttore. Il motivo di questo fatto è semplicemente che le cariche di segno
uguale tendono a respingersi e quindi si allontanano il più possibile. Non
potendo allontanarsi dal conduttore, rimangono quindi sulla sua superficie.
All’equilibrio il campo elettrico totale deve essere ortogonale alla superficie
del conduttore. Il motivo di questo è che se non fosse ortogonale, allora ci
sarebbe almeno una piccola componente del campo che darebbe la possibilità
alle cariche di spostarsi ancora all’interno del conduttore. Di conseguenza,
il conduttore non sarebbe all’equilibrio. Allo stesso modo si mostra che il
campo elettrico interno al conduttore è nullo. Infatti, se non lo fosse, il
conduttore potrebbe ancora separare carica portandola sulla superficie, in
quanto ci sarebbero tantissime cariche elettriche a cui è applicato un campo
elettrico non nullo.
La combinazione di questi due fatti ci dice delle cose molto interessanti:
innanzitutto, la superficie del conduttore è equipotenziale, in quanto il campo
è ortogonale alla superficie. Se aggiungiamo anche che il campo elettrico
332 CAPITOLO 3. FISICA

dentro il conduttore è nullo, otteniamo che il potenziale di un conduttore


all’equilibrio è uniforme.
Diamo ora una descrizione quantitativa della correlazione fra la densità
di carica locale sulla superficie del conduttore. Avviciniamoci di molto al
conduttore. A distanze abbastanza piccole, il conduttore sarà approssimabile
come un piano. Se guardiamo molto vicino, potremo dire che la densità di
carica superficiale σ in una regione molto piccola è uniforme. Scegliamo quindi
una superficie chiusa e applichiamo il teorema di Gauss. Prendiamo una
superficie esattamente come nell’esempio 3.3.3. Stavolta il campo elettrico da
un lato è nullo, quindi ci sarà solo un termine a contribuire al flusso.

~ = σn
0 EdA = σdA ⇒ E b
0
Dove abbiamo indicato con n b il versore ortogonale alla superficie.
Questa formula correla quindi il campo elettrico sulla superficie di un
conduttore con la densità di carica superficiale e prende in nome di teorema
di Coulomb
Vorrei far notare che questa formula differisce dalla 3.25 per un fattore 2.
Attenti a non confondere l’una con l’altra, il significato fisico è molto diverso.

Il teorema del guscio sferico Una cosa in particolare può risultare par-
ticolarmente controintuitiva da vedere perciò ritengo sia il caso di darci
un’occhiata.
Consideriamo un guscio sferico fatto da conduttore, di raggi r1 < r2 .
Andiamo a posizionare ferma una carica puntiforme q al centro della sfera. A
questo punto le cariche sul conduttore si distribuiranno sulle due superfici in
modo da rendere nullo il campo dentro il conduttore e uniforme il potenziale.
In particolare basta applicare il teorema di Gauss ad una superficie di raggio
r1 < r < r2 per vedere che sulla superficie r1 si accumula in modo uniforme
una carica −q. Dato che il conduttore era globalmente neutro all’inizio, dovrà
esserlo anche alla fine, perciò sulla superficie esterna r2 dovrà esserci una
carica totale q. Data la simmetria del problema, si distribuirà di nuovo in
modo uniforme.
Domandiamoci ora che cosa succede se la carica puntiforme q fosse stata
posizionata non al centro del nostro guscio ma in un punto a caso all’interno.
Applicando di nuovo Gauss ad una superficie sferica di raggio r1 < r < r2
si ottiene di nuovo che sulla superficie interna si accumula −q e poi con lo
stesso ragionamento si arriva a dire che su quella esterna si accumula q. La
3.3. ELETTROMAGNETISMO 333

differenza rispetto a prima è che adesso non abbiamo più la simmetria sferica,
a priori.
Sulla superificie interna, infatti, la carica totale sarà −q, ma in generale
ovviamente non si avrà simmetria, ovvero le cariche saranno più concentrate
più vicino a dove si trova la carica interna q.
A questo punto resta da calcolare che cosa succede sulla superficie esterna.
La cosa sorprendente è che anche in questo caso, la distribuzione di carica è
uniforme sulla superficie esterna. Questo fatto è poco intuitivo, ma si può
spiegare dicendo che all’interno del conduttore, il campo generato dalla carica
libera q è completamente neutralizzato dall’effetto delle cariche sulla superficie
interna. Di conseguenza, se vogliamo che il campo dentro il conduttore
rimanga nullo anche dopo che abbiamo considerato la carica esterna +q, deve
per forza essere a simmetria sferica. Di conseguenza, ovunque ci troviamo
nello spazio fuori dalla sfera, questa si comporta esattamente come se fosse
una carica puntiforme centrata nel centro della sfera!

Dipoli elettrici Definiamo un dipolo elettrico un insieme di due cariche


elettriche, una +q e l’altra −q, in qualche modo vincolate a rimanere ad una
distanza fissa d. Per tenere conto dell’orientazione nello spazio del dipolo,
considereremo il vettore d~ di modulo d, che segue la congiungente le due
particelle e va da quella negativa a quella positiva.
Questi oggetti non sono niente di particolare, semplicemente capita spesso
di averne a che fare nei problemi e avere un paio di formulette già pronte può
essere comodo, ma in realtà sono tranquillamente ricavabili sul momento.
Vediamo quindi cosa succede ad un dipolo elettrico immerso in un campo
elettrico uniforme. Calcoliamo la forza totale agente sul dipolo

F~tot = F~+ + F~− = q E


~ − qE
~ =0
Per cui, ~a = 0.
Calcoliamoci ora il momento delle forze di un campo elettrico uniforme
rispetto al CM del dipolo. Chiamiamo m+ ed m− le masse delle due particelle
(nella maggior parte dei casi m+ = m− )
Sarà quindi
(
r+ = µ d~
m+
r− = − mµ− d~
Per cui
334 CAPITOLO 3. FISICA

 
µ ~ ~ − µ d~ × (−q E)
~ = q d~ × Eµ 1 1
~τ = d × qE ~ + = q d~ × E
~
m+ m− m+ m−

~ otteniamo
E se definiamo il vettore dipolo elettrico p~ = q d,

~
~τ = p~ × E
Come vedete non è una formula complicata, ma vi consiglio di tenerla a
mente comunque
Calcoliamoci ora invece il campo elettrico generato dal nostro dipolo
elettrico. In particolare, siamo interessati a vedere come si comporta il dipolo
a grandi distanze, ovvero per r  d. Calcoliamo il campo in modo esatto e
poi faremo le giuste approsimazioni

d~ d~
!
~ =E ~+ + E ~− = q ~
r + 2
~
r − 2
E − =
4π0 |~r + d~ |3 |~r − d~ |3
2 2

! !!
q 1 1 d~ 1 1
= ~r ~
− ~
+ ~
+ ~
4π0 |~r + d2 |3 |~r − d2 |3 2 |~r + d2 |3 |~r − d2 |3

Questa formula è esatta. Ora bisogna decidere a che ordine di approssima-


zione vogliamo una formula più semplice. Su ogni libro di testo delle superiori
è riportata quella al primo ordine in d/r, ovvero che include solo termini di
grado ≤ 1 e io calcolerò proprio quella. In ogni caso, volendo si può ricavare
una formula più precisa semplicemente tenendo termini di ordine superiore.
Andiamo a svolgere il conto. Innanzitutto notiamo che
r s  2
~
d d 2
d~ d
2 ~
~r + = r + d · ~r +

= r 1 + rb · +
2 4 r 2r
E possiamo già trascurare il termine di secondo grado in quanto stiamo
tenendo solo il primo ordine. Ricordiamo inoltre che (1+x)α = 1+αx+O(x2 )31
Andiamo quindi a calcolare il campo elettrico
31
Questa notazione si chiama o piccolo e o grande di Landau e servono solo a dire che i
successivi termini sono di ordine superiore e quindi si buttano via.
3.3. ELETTROMAGNETISMO 335

! !! ! !!!
~ = q ~r 3 d~ 3 d~ d~ 3 d~ 3 d~
E 1 − rb · − 1 + rb · + 3 1 − rb · + 1 + rb · =
4π0 r3 2 r 2 r 2r 2 r 2 r
!
q ~r 3d~ d~ r(~p · rb) − p~
3b
= − 3 rb · + 3 =
4π0 r r r 4π0 r3

r(~p · rb) − p~
~ = 3b
E (3.26)
4π0 r3
Calcoliamo ora in modo più semplice il potenziale elettrostatico generato
dal dipolo, svoglendo il calcolo nello stesso modo, solo che ora non abbiamo a
che fare con vettori ma con scalari,
!
q 1 1
V = V+ + V− = −
4π0 |~r + d~ | |~r − d~ |
2 2

d
Come prima, consideriamo l’espansione al primo ordine in
r
! !!
q d~ d~ q d~ · rb p~ · rb
V = 1 − rb · − 1 + rb · = = (3.27)
4π0 r 2 2 4π0 r2 4π0 r2

Notare, che come per il campo elettrico, la potenza dominante del poten-
ziale decresce molto più rapidamente del potenziale generato da una carica
puntiforme.
Vediamo ora rapidamente in che modo avremmo potuto ricavare il campo
elettrico, formula leggermente brutta, a partire dal potenziale che è invece
molto semplice. Scriviamo la definizione di potenziale a partire dal campo
elettrico

~ = −∇V
E ~ p~ · rb
~ = −∇
4π0 r2
A questo punto si può agire in diversi modi. Il più diretto e burino è
scrivere tutto i coordinate cartesiane, fare i conti e poi ricostruire un’equazione
vettoriale. Il modo più intelligente invece può essere di fare manipolazioni
vettoriali furbe. Intanto cerchiamo di capire cosa varia nell’espressione e cosa
336 CAPITOLO 3. FISICA

no, perché sarà quello a decidere cosa ci tocca derivare e cosa no. Sicuramente
r è variabile, ma anche rb varia. L’esperienza ci dice che è furbo scrivere

~ = −∇V
E ~ p~ · ~r
~ = −∇
4π0 r3
In quanto adesso possiamo derivare più agilmente. Vediamo come, sfrut-
tando la regola della derivata del prodotto

~ = −∇V
~ = −~p · ~r∇
~ 1 1 ~
E 3
− ∇(~p · ~r)
4π0 r 4π0 r3
Il primo pezzo è facile in quanto ∇ ~ 13 = − 34 rb, mentre il secondo è
r r
leggermente più ostico da vedere. Per farlo possiamo scriverlo in cartesiane

~ p · ~r) = ∇(p
∇(~ ~ x x + py y + pz z) = px x
b + py yb + pz zb = p~
Mettendo insieme tutto,

~ = 3(~p · ~r)b
E
r

p~
=
3(~p · rb)b
r − p~
4π0 r 4 4π0 r 3 4π0 r3
Esattamente come visto prima, con difficoltà.
Inoltre, è anche ovvio che su un dipolo elettrico agiranno delle forze
se immerso in un campo elettrico E ~ esterno non generato da lui stesso.
Consideriamo quindi due cariche q, −q attaccate da una barretta inestensibile
~ Supponiamo che la carica negativa si trovi nel punto ~x. La forza
lunga d.
totale agente sul dipolo sarà

F~ = F~+ + F~− = q E(~ ~ − q E(~


~ x + d) ~ x) = q(E(~ ~ − E(~
~ x + d) ~ x))

Questa formula è esatta, non abbiamo fatto alcun tipo di approssimazione.


Notiamo innanzitutto che se il campo E ~ è uniforme, allora F~ = 0. Supponiamo
ora che il dipolo sia piccolo rispetto al tasso di variazione del campo elettrico,
ovvero mettiamoci nell’approssimazione

~
1 ∂|E|
~ 
|d|
~ ∂x
|E|
Dove in realtà x non ha nulla da invidiare alle altre variabili, l’ho scelta
solo perché non mi viene in mente un modo migliore di scriverlo. Andiamo
quindi ad espandere in serie al primo ordine il campo elettrico in modo da
3.3. ELETTROMAGNETISMO 337

capire cosa succede alla forza nel limite di dipolo piccolo. Consideriamo la
componente i-esima del campo

~ − Ei (~x) = ∇E
Ei (~x + d) ~ i · d~

Ovvero

∂Ei ∂Ei ∂Ei


dx + dy + dz
∂x ∂y ∂z
Per cui

~ i·d
Fi = q ∇E
Notiamo che q d~ = p~, per cui

~ i·p
Fi = ∇E
A questo punto, se il campo è effettivamente elettrostatico, allora si ha

~ = 0 ⇒ ∂Ei − ∂Ej = 0 ⇒ ∂Ei = ∂Ej


~ ×E

∂xj ∂xi ∂xj ∂xi
Per cui

3 3 3
X ∂Ei X ∂Ej X ∂ ∂ ~ 
Fi = pj = pj = (Ej pj ) = E · p~
j=1
∂xj j=1
∂xi j=1
∂x i ∂x i

Per cui,

F~ = ∇(
~ E~ · p~)

Ovvero la forza a cui è soggetto il nostro dipolo elettrico è conservativa e


deriva da un potenziale

~
U = −~p · E
Quella che abbiamo calcolato adesso è effettivamente la forza agente
sull’intero dipolo. Dato che è a tutti gli effetti un corpo rigido, ci aspettiamo
che su di esso agisca anche un momento ~τ rispetto al suo centro. In questo
caso sarebbe anche opportuno definire il centro. Assumiamo che il centro di
338 CAPITOLO 3. FISICA

massa corrisponda con il baricentro delle cariche, ovvero che il baricentro stia
a metà della sbarretta. Andiamo a calcolare il momento rispetto a quel punto
!
d~ ~ d~ ~dq 
~ + E(~
~ x + d) ~ x)

~τcm = × F+ − × F− = × E(~
2 2 2
Questa formula è ancora esatta. Possiamo preliminarmente approssimarla
all’ordine 0 notando che stavolta i due campi elettrici sono concordi e non
discordi, per cui approssimando brutalmente con E(~ ~ = E(~
~ x + d) ~ x) otteniamo
subito un momento non nullo che è

~
~τcm = p~ × E

Energia potenziale elettrostatica


Abbiamo visto che ad un sistema di due cariche elettriche possiamo
associare un’energia potenziale
1 q1 q2
U=
4π0 d
Ovviamente se noi andiamo a considerare un sistema di più cariche, per
ogni coppia sarà possibile scrivere l’energia potenziale, ovvero
1 X qi q j
U=
4π0 coppie rij

Dove dobbiamo fare attenzione a non mettere i termini con indice uguale
e dobbiamo anche ricordarci che se mettiamo la coppia i, j non dobbiamo
mettere la coppia j, i, in quanto l’energia potenziale è della coppia e non
della coppia ordinata. Per far assumere un aspetto più simmetrico alla nostra
espressione, possiamo notare che se facciamo
XX
qi q j
i j

Contiamo esattamente due volte ogni coppia (oltre a contare anche i casi
i = j), quindi possiamo scrivere
1 1 X qj q j
U=
2 4π0 i6=j rij
3.3. ELETTROMAGNETISMO 339

Che ovviamente si può estendere al caso di distribuzione continua portando


alla formula

ρ(~r)ρ(~r0 ) 0
Z Z
1
U= dV dV
8π0 V V 0 |~r − ~r0 |
Ovvero bisogna integrare su tutto lo spazio in cui c’è carica due volte. Se
poi notiamo che

ρ(~r0 )
Z
1
0
dV 0 = φ(~r)
4π0 V 0 |~r − ~r |
Allora la nostra espressione prende una forma abbastanza semplice e
sensata
Z
1
U= φ(~r)ρ(~r)dV
2 V
Vorrei farvi notare la presenza del fattore 1/2 che può confondere le
idee. L’espressione φρdV è effettivamente l’energia potenziale della singola
carica dq immersa nel potenziale φ, ma noi in questo caso non stiamo
cercando questo. Noi stiamo associando un’energia potenziale all’intero
sistema, ovvero la carica dq e quello che genera il potenziale φ. Di conseguenza
il ragionamento da fare è quello che abbiamo fatto sopra e non uno diverso.
La presenza del fattore 1/2 è dovuta proprio al fatto che bisogna prestare
attenzione al non contare le cose due volte.
Possiamo trovare un’espressione alternativa per quello trovato sopra espri-
mendo tutto in termini del campo elettrico E ~ generato dal potenziale φ.
Ricordiamo quindi che E ~ = −∇φ~ e ricordiamo la prima legge di Maxwell,
ovvero il teorema di Gauss per l’elettrostatica

~ = ρ ⇒ ∇2 φ = − ρ
~ ·E

0 0
L’espressione per l’energia potenziale del sistema può quindi scriversi
Z
0
U =− φ(~r)∇2 φ(~r)dV
2 V
Ora andiamo a fare un po’ di manipolazioni con le formule per far tornare
fuori una formula alternativa che sarà utile in molti casi. Consideriamo
l’identità matematica
340 CAPITOLO 3. FISICA

~ · (ψ ∇φ)
∇ ~ = ∇ψ
~ · ∇φ
~ + ψ∇2 φ
Dove ψ, φ sono generiche funzioni scalari. Questa è un’identità vettoriale,
non ha niente di fisico. Tuttavia, se andiamo a considerare il caso particolare
ψ=φ

~ · (φ∇φ)
φ∇2 φ = ∇ ~ − ∇φ
~ · ∇φ
~
Usiamo questa formula per modificare la nostra espressione
Z 
0 ~ ~ ~ ~

U= ∇φ · ∇φ − ∇ · (φ∇φ) dV
2 V
Aggiungiamo ora qualcosa al nostro modello. Separiamo il secondo pezzo
dell’espressione
Z I
~ ~
∇ · (φ∇φ)dV = ~ · dA
(φ∇φ) ~
V ∂V
~ = −E.
Sappiamo che ∇φ ~
I
− ~ · dA
φE ~
∂V
Fin’ora non abbiamo assunto assolutamente niente sulla natura della
nostra distribuzione di cariche. Ora facciamo l’assunzione che la distribuzione
sia localizzata, ovvero che esista un volume finito al di fuori del quale ρ = 0
ovunque. In tal caso è sufficiente prendere un volume V con contorno ∂V
molto più grande di questo volume per accorgersi che la situazione in cui il
campo elettrico e il potenziale sono più intensi a grandi distanze è quando il
nostro ammasso non è globalmente neutro ma ha una carica totale Q. In tal
caso prendendo una superficie gaussiana molto più grande del volume in cui
è compreso il tutto, avremo che
Q Q
E∼ V ∼
r2 r
Per cui il nostro integrale sarà
I
~ ∼ Q Q · R2 ∼ 1 → 0
~ · dA
φE
∂V R R2 R
Per cui in queste ipotesi il termine di bordo si semplifica e rimane
3.3. ELETTROMAGNETISMO 341

Z Z
0 ~ · ∇φdV
~ 0
U= ∇φ = E 2 dV (3.28)
2 V 2 V

Se definiamo
1
u = 0 E 2
2
La densità di energia associata al campo elettrico, allora il nostro integrale

Z
U= udV

Dove l’integrale è da fare su tutto lo spazio. Vorrei farvi notare che c’è
una differenza fra le espressioni
1 1 X qj q j
U1 =
2 4π0 i6=j rij
e

ρ(~r)ρ(~r0 ) 0
Z Z
1
U2 = dV dV
8π0 V V0 |~r − ~r0 |
In quanto abbiamo mostrato che sotto alcune ipotesi la seconda si esprime
in termini del quadrato del campo elettrico, ovvero U2 ≥ 0, mentre è facile
prendere configurazioni con un numero finito di cariche puntiformi per cui
U1 < 0. 32 Cosa c’è di diverso in quello che abbiamo fatto?
Andiamo ad usare la formula 3.28 per un sistema di cariche puntiformi
per vedere che cosa abbiamo toppato. Prendiamo quindi due cariche q e −q
poste a distanza d e calcoliamo l’energia della configurazione.

Z Z Z   
0 2 0 ~ − )2 dV = 0
~ + +E ~ ~
U= E dV = (E E+2 + E−2 + 2E+ · E− dV
2 2 2

Consideriamo il termine misto


Z Z
~+ · E
~ − dV = 1 q q
E x 1 · x
b2 dV
|~r − ~r+ |2 |~r − ~r− |2
b
4π0
32
Basta prendere due cariche +q e −q
342 CAPITOLO 3. FISICA

Z
q q
3
(~r − ~r+ ) · (~r − ~r+ )dV
|~r − ~r+ | |~r − ~r− |3
Ora bisogna fare un po’ di conti schifosi per valutare l’integrale. Se non
vi interessano saltate qualche riga.
COPIA I CONTI DAL JACKSON
Per cui il termine dà effettivamente l’energia potenziale dell’interazione
che avevamo scritto all’inizio
q1 q 2
U=
4π0 d12
Cosa rappresentano gli altri due termini dovuti ad E+2 e E−2 ? Intanto
notiamo che sono positivi. In realtà sono molto positivi, ovvero
Z  2 Z ∞
q 1
E+2 dV = 2
4πr dr ∼ dr → ∞
4π0 r2 0 r2
Ovvero questo termine non solo è sempre positivo, ma è pure infinito!
In questo termine, l’unico oggetto fisico che conta è effettivamente la carica
positiva. Se andiamo ad associare al campo elettrico un’energia, ovviamente
qualsiasi cosa dotato di carica porterà con sè dell’energia a causa del campo
che genera. Il problema di considerare la carica puntiforme è proprio il fatto
che questo termine è infinito. In meccanica quantistica verrà risolto questo
problema. Per i problemi che dovete fare voi, semplicemente ricordatevi di
questo fatto e togliete questo contributo infinito per far tornare i conti. Del
resto, se cercate la differenza di energia fra due configurazioni, se le cariche
non annichiliscono l’auto-energia dovuta alla singola particella ci sarà sia
prima che dopo, quindi tanto vale non considerarla, anche se è infinita.

La proprietà del valore intermedio per funzioni armoniche Questa


sezione è estremamente facoltativa, fornisce solo una giustificazione del perché
alcuni conti si fanno in un certo modo. Consideriamo quindi un oggetto a
simmetria sferica immerso nel potenziale elettrostatico generato da altre
cariche. Per fare un esempio concreto, possiamo prendere per esempio
una sfera carica con densità ρ(r) a completa simmetria sferica immerso nel
potenziale V (~r) (questo può essere di qualunque tipo) generato da altre
cariche che stanno fuori dalla sfera. Il potenziale V (~r) dovrà soddisfare
l’equazione
3.3. ELETTROMAGNETISMO 343

ρ
∇2 V = −
0
Ma dato che stiamo considerando solo il potenziale generato da altre cariche
esterne, sarà ρ = 0 e quindi ∇2 V = 0. Le funzioni che rispettano quest’ultima
equazione si dicono funzioni armoniche. Una proprietà interessante di queste
funzioni è la proprietà del valore intermedio.
FINISCI DI SCRIVERE

La continuità del potenziale e del campo elettrico


344 CAPITOLO 3. FISICA

Condensatori

Uno dei componenti principali dei circuiti elettrici che avrete sicuramente
già incontrato è il condensatore (anche detto capacitore). Un condensatore è
composto da un insieme di conduttori (in genere due), disposti rigidamente
in un certo modo. Nei condensatori veri, c’è sempre un materiale dielettrico
fra i due, che aiuta a mantenere la geometria dell’oggetto e, come vedremo
più avanti, aiuta anche a rendere più efficace il tutto.
I condensatori vengono costruiti per diversi motivi. Uno di questi è poter
avere campi elettrici abbastanza intensi e controllabili in regioni ristrette. Un
altro è immagazzinare energia accumulando carica per poi rilasciarla molto
velocemente.
Nella situazione più comune, abbiamo condensatori composti da due
oggetti metallici molto vicini e su uno dei due vi è una carica elettrica +q,
mentre sull’altro una −q. I due conduttori, essendo all’equilibrio, avranno
un potenziale elettrostatico uniforme su tutto il volume e quindi avrà senso
parlare di differenza di potenziale fra i due conduttori ∆V . Per motivi storici
spesso non viene chiamata ∆V bensı́ V .
Inoltre, proprio per la condizione di equilibrio dei conduttori si ha che il
rapporto

q
C=
V
è costante e dipende solo dalla geometria del nostro oggetto. Vorrei far
notare che q non è la carica del condensatore, in quanto la carica totale è
nulla, bensı́ è la carica separata, ovvero se su un conduttore cè q e sull’altro
−q, allora la carica separata è q.
La costante geometrica C viene chiamata capacità del condensatore e
dato che dipende solo dalla geometria dell’oggetto è opportuno calcolarla per
alcuni oggetti tipici da incontrare, come sfere, cilindri. . . Vediamo un paio di
esempi su come si calcola la capacità di un oggetto.
Prima di andare a vedere gli esempi, vorrei solo aggiungere che C si misura
ovviamente in VC dove C indica coulomb e V indica i volt. Questa unità
di misura viene chiamata F , farad. Fisicamente, si ha a che fare solo con
oggetti che hanno capacità dell’ordine dei µF o nF . Un condensatore con una
capacità dell’ordine dei mF è estremamente grosso e credo se ne vedano solo
in apparecchi che richiedono molta energia come negli impianti industriali.
3.3. ELETTROMAGNETISMO 345

Esempio 3.3.4 (Capacità di un condensatore piano). Calcoliamo la capacità


di un condensatore fatto in questo modo: prendiamo due superifici uguali
piatte di conduttore di area A e forma arbitraria, disposte parallelamente
√ ad
una distanza d l’una dall’altra. Considereremo solo il caso d  A, in quanto
come√vedremo le capacità sono quantità molto piccole e un condensatore con
d ≈ A ha poco senso di esistere.
Supponiamo di separare una carica di prova q e calcoliamo ∆V (q). Ci
aspettiamo che sia una cosa costante.√ Vediamo se questo esempio torna.
Dato che abbiamo supposto d  A, possiamo considerare le due superfici
come piani infiniti di carica. Secondo la formula 3.25 il campo elettrico
generato da ciascuna sarà
σ q
E= =
20 2A0
Per cui, dato che le superfici sono due, il campo totale sarà
q
E=
A0
Dato che il campo è uniforme, il ∆V sarà E · d. Per cui,
q q A
C= = = 0
∆V qd d
A0
Che in effetti dipende solo dalla geometria dell’oggetto. Notiamo inoltre
che più le lastre sono vicine più aumenta la capacità dell’oggetto.

Esempio 3.3.5 (Capacità di un condensatore sferico). Calcoliamo la capacità


di un sistema siffatto:

• Una sfera di conduttore di raggio r1

• Un guscio sferico vuoto fra i raggi r1 ed r2

• Un guscio sferico di conduttore fra i raggi r2 ed r3

Mettiamo una carica q sulla superficie interna e una carica −q sulla


superficie r2 . La differenza di potenziale sarà
 
q 1 1
∆V = −
4π0 r1 r2
346 CAPITOLO 3. FISICA

Proprio grazie al teorema del guscio sferico. Infatti, tutta la carica su r2


non conta niente finchè ci muoviamo fra 0 < r < r2 . Calcoliamo quindi la
capacità
 −1
q 1 1
C= = 4π0 −
∆V r1 r2
Se ora andiamo a fare il lim r2 → ∞, fisicamente stiamo considerando un
condensatore fatto da una sola sfera di conduttore isolata. La sua capacità
sarà, secondo la formula precedente

C = 4π0 r1
Vorrei far notare a titolo di esempio che se prendiamo come condensatore
la Terra, la sua capacità è di

CT ≈ 4π · 8, 85 · 10−12 · 6, 37 · 106 F ≈ 7 · 10−4 F


Che come vedete è molto piccolo.

Esempio 3.3.6 (Capacità di un condensatore cilindrico). Andiamo a calcolare


la capacità di un condensatore a simmetria cilindrica siffatto:

• Un cilindro di conduttore fino a r1

• Un guscio cilindrico vuoto fra r1 ed r2

• Un guscio cilindrico di conduttore fra r2 ed r3

Ovviamente lavoriamo nell’approssimazione in cui il cilindro è molto lungo,


ovvero spostandosi lungo l’asse di simmetria non cambia niente. In formule,
hr
Mettiamo una carica di prova +q sulla superficie r1 . Si accumulerà di
conseguenza una carica −q sulla superficie r2 . Andiamo a calcolare il ∆V per
ricavarne la capacità
Calcoliamo il campo elettrico usando il teorema di Gauss. Prendiamo un
guscio sferico cilindrico di raggio r, r1 < r < r2 . Applichiamo il teorema di
Gauss

~ ∂V ) = q ⇒ 0 2πrhE(r) = q ⇒ E(r) = q
0 Φ(E,
2π0 rh
3.3. ELETTROMAGNETISMO 347

La differenza di potenziale ∆V , sarà, secondo la sua definizione,


Z r2
q r2
|∆V | = E(r)dr = ln
r1 2π0 h r1
Quindi
q 2π0 h
C= =
∆V ln rr21
Notare che per r1 → r2 si ha C → ∞

Energia interna di un condensatore


Per accumulare carica su un condensatore è necessario compiere lavoro.
Questa affermazione è abbastanza banale, andiamo a quantificare questa cosa.
Prendiamo quindi un condensatore di capacità C, su cui è già separata una
carica q (eventualmente 0). Andiamo ad aumentare la carica separata di una
piccola quantità dq. Per farlo, è necessario prendere della carica positiva sulla
faccia caricata negativamente e portarla sulla faccia già caricata positivamente.
Ovviamente per fare questa cosa dobbiamo far attraversare alla carica una
differenza di potenziale che sarà uguale alla ddp ai capi del condensatore.
Di conseguenza, il lavoro necessario per portare la carica dq da una faccia
all’altra sarà
q
dL = V dq = dq
C
Per cui, se il condensatore è inizialmente scarico e poi vi si accumula una
carica Q, il lavoro totale compiuto per separare la carica è stato di
Z Q
Q2
Z
1
L= L= qdq =
0 C 2C
E dato che questo lavoro non dipende da come viene trasportata la carica,
possiamo associare un energia potenziale U

Q2
U=
2C
Che può essere espressa anche in termini della ddp V

(CV )2 1
U= = CV 2
2C 2
348 CAPITOLO 3. FISICA

Ricordiamo che qualche paragrafo fa avevamo calcolato un’energia interna


associata al campo elettrico
1
u = 0 E 2
2
Andiamo a calcolare U nel caso particolare di condensatore piano a facce
parallele
1 1 A 1 1
U = CV 2 = 0 (Ed)2 = 0 E 2 Ad = 0 E 2 V = uV
2 2 d 2 2
E in effetti ci aspettavamo che dovesse tornare questo risultato in quanto
effettivamente la nostra distribuzione di cariche è localizzata e non abbiamo
cariche puntiformi a far divergere u. Anche se abbiamo controllato il risultato
solo per questo condensatore, in realtà vale per tutti quanti.
3.3. ELETTROMAGNETISMO 349

Metodo della carica immagine


Uno dei metodi più utlizzati in elettrostatica per risolvere i problemi è
quello della carica immagine. Purtroppo sulla maggior parte dei libri di testo
delle superiori non viene nemmeno citato e quindi, quando qualcuno si trova
ad usarlo in gara perché gli viene detto di farlo, non ha idea da che parte
cominciare.
Ora cercherò di dare una spiegazione di come funziona e a cosa serve
questo metodo.

Teorema 3.3.1 (Carica immagine). Sia V una regione dello spazio delimitata
da ∂V . Supponiamo di conoscere il potenziale elettrostatico U (~r) per ogni
punto della superficie.
Allora il campo elettrico all’esterno di V è univocamente determinato.

La dimostrazione di questo teorema è su Wikipedia, ma leggere la dimo-


strazione non vi convincerà di più della sua verità, per cui non la riporto.
Questo teorema è utile perché ci dice che se io trovo una qualsiasi
distribuzione di cariche che genera il potenziale dato sulla superficie ∂V ,
allora ho trovato il campo elettrico (e il potenziale) giusti.
In parole povere, per trovare il campo elettrico all’esterno di un conduttore
su cui vi è induzione di carica, il metodo che vi può capitare di dover usare è
sparare a caso una distribuzione che vi sembra sensata, magari dipendente
da dei parametri da trovare. Se funziona, siete sicuri che il campo elettrico
esterno sarà quello generato dalla vostra distribuzione. Non andate subito a
pensare cose complicate, spesso basta mettere una o più cariche puntiformi,
mal che vada delle linee rette di carica.
L’unico modo vero per capire questo metodo è fare degli esercizi. Poco più
avanti ci sono diversi problemi che si risolvono in questo modo. Vi consiglio
di leggere comunque attentamente la soluzione anche se siete convinti di aver
fatto giusto in quanto questo metodo è decisamente complicato e sapere un
paio di trucchi può cambiare il colore della medaglia.
350 CAPITOLO 3. FISICA

Problemi
Problema 3.3.1 (Volume infinito di carica). Considerate un
parallelepipedo infinito con densità di carica uniforme ρ. In formule, dato un
riferimento cartesiano xyz, la densità di carica in tutto lo spazio è
(
ρ Se − a < x < a
0 Altrimenti
Dove a è una costante positiva con le dimensioni di una lunghezza.

1. Trovare il campo elettrico e il potenziale elettrostatico in tutto lo spa-


zio usando la legge di Gauss (scegliete un punto intelligente per lo 0 del
potenziale)
2. Stessa domanda ma usando stavolta la legge di Gauss in forma differenziale
3. Consideriamo ora la situazione in cui ρ → ∞, a → 0 ma il loro prodotto
ρ · a rimane costante. Descrivere quantitativamente cosa succede e che cosa
rappresenta quello che abbiamo fatto.

Soluzione non disponibile.


Problema 3.3.2 (Distribuzione di carica per avere un campo elettrico
uniforme). Considerare la situazione in figura 3.19

Figura 3.19: problema 3.3.2

Due sfere di densità ρ e −ρ uniforme sono sovrapposte in modo che la distanza


fra il centro della negativa e quella positiva sia il vettore ~δ come in figura. Entrambe
le sfere hanno raggio a.
~ 0 nella zona in cui si sovrappongono le cariche.
1. Calcolare il campo elettrico E
2. È possibile far tendere ρ → ∞ e δ → 0 in modo che il loro prodotto rimanga
costante (capite voi costante e uguale a cosa) in modo che il nostro oggetto
diventi un guscio sferico vuoto con una densità di carica superficiale σ.
Trovatela in funzione dell’angolo θ preso rispetto al vettore ~δ, in funzione del
campo E ~ 0.
3.3. ELETTROMAGNETISMO 351

3. Trovare il potenziale e il campo elettrico nello spazio esterno al guscio. Qual’è


il termine dominante del potenziale a grandi distanze dalla sfera? A cosa
assomiglia questo campo? È solo una somiglianza o è proprio lui?

Soluzione: 4.3.39

Problema 3.3.3 (Lavoro e guscio conduttore). Una carica pun-


tiforme q si trova al centro di un guscio conduttore neutro ed isolato, di raggio
interno a e raggio esterno b. Quanto lavoro serve per spostare la carica all’infinito
(attraverso un piccolo buco nel guscio)?
Soluzione: 4.3.40

Problema 3.3.4 (Pressione dovuta alla carica interna). Conside-


riamo un guscio sferico con densità superficiale di carica σ.

1. Da questo guscio viene tolta una zona molto piccola. Trovare il campo
elettrico al centro del buco.

2. Sfruttare il risultato precedente per trovare la pressione che deve esercitare


l’atmosfera esterna per fare in modo che il guscio non esploda a causa della
repulsione fra cariche dello stesso segno

3. Trovare la pressione con un metodo diverso: considerare l’energia della


configurazione e ricavarne la pressione.

Soluzione non disponibile.

Problema 3.3.5 (Carica in campo elettrico a simmetria sferica di modulo


costante (Senigallia 3, 2011)). Si considerino due superfici sferiche
concentriche di raggi R1 = R ed R2 = 2R che delimitano un volume V ; un’opportu-
na distribuzione di cariche, in posizione determinata, è tale da generare un campo
elettrico radiale uscente, il cui modulo (E0 noto) è uguale in tutti punti del volume
V.
Il campo elettrico è nullo nei punti interni alla prima superficie (quella di raggio
minore) e nei punti esterni alla seconda superficie. Per ottenere questo è necessario
porre una distribuzione di carica positiva sulla superficie interna, una negativa sulla
superficie esterna ed un’ulteriore distribuzione volumetrica nello spazio tra le due
superfici, in modo tale che la carica totale sia nulla.

1. Quanto valgono le densità di carica superficiale (uniformi) sulle due superfici


sferiche di raggio R1 ed R2 ?
352 CAPITOLO 3. FISICA

2. Quanto vale la densità media di carica spaziale tra le due superfici sferiche di
raggio R1 ed R2 ? Si può facilmente verifcare ( per esempio considerando due
corone sferiche di uguale volume ) che la densità di carica spaziale non può
essere uniforme; essa sarà quindi funzione della distanza dal centro: ρ = ρ(r).

3. Determinare l’andamento della densità volumetrica di carica ρ(r) al variare


della distanza dal centro.

4. Tracciare i grafici del campo elettrico E(r), della densità di carica (volu-
metrica) ρ(r) e del potenziale elettrostatico V (r), con V∞ = 0, per ogni r
compreso nell’intervallo [0, 5R].
Una particella di massa m e carica q > 0, lanciata radialmente dall’esterno
verso il centro della distribuzione sferica, riesce ad attraversare la sfera se la
sua velocità iniziale ha un valore qualunque maggiore di v0 (e la conservazione
dell’energia mostra che v02 = 2qE0 R/m).
La stessa particella viene lanciata, da fuori, con velocità di modulo v0 in
modo che nel punto di ingresso la direzione sia ruotata di 45◦ rispetto a
quella radiale; la particella raggiunge una distanza minima dal centro delle
distribuzione (rmin ) per poi uscire di nuovo all’esterno.

5. Spiegare perché la traiettoria della particella è certamente una curva piana.

6. Scrivere l’equazione che dà il valore di rmin e risolverla in termini della


variabile z = r/R con un’opportuna tecnica numerica e con l’approssimazione
dell’1%.
Soluzione non disponibile.

Problema 3.3.6 (Senigallia 2, 2013). Una sferetta di massa m


possiede una carica q ed è appesa ad un lungo filo. Se si dispone la sferetta vicino
ad una lastra conduttrice scarica, si osserva che la sferetta viene attratta dalla
lastra; questo accade perché, per induzione, sulla superficie della lastra si forma
una distribuzione di cariche di segno opposto a q. Si supponga che, all’equilibrio,
la sferetta si trovi ad una distanza a dalla lastra e che il filo formi un angolo α con
la verticale. Rispetto alla distanza a tra carica e lastra le dimensioni della sferetta
sono molto piccole cosicchè la carica q può essere sempre considerata puntiforme;
inoltre le dimensioni della lastra, molto maggiori di a, possono essere considerate
infinite. Si può quindi considerare un piano (di equazione x = 0) come superficie di
separazione tra un mezzo conduttore nel semispazio x < 0 e il vuoto nel semispazio
x > 0, entro cui si trova la sferetta. Nella figura è indicato anche il sistema di
coordinate consigliato, in modo che la sferetta si trovi sull’asse x, quindi nel punto
di coordinate (a, 0, 0), che l’asse y sia verticale e orientato verso l’alto e l’asse z
3.3. ELETTROMAGNETISMO 353

perpendicolare al piano della figura ed uscente. Relativamente alla distribuzione


delle cariche indotte, sarà sufficiente studiare la situazione lungo l’asse y > 0.
Infatti, per simmetria, la densità di carica, σ, dipenderà solo dalla distanza r del
punto considerato dall’origine (r2 = y 2 + z 2 ).

Figura 3.20: problema 3.3.6

1. Per determinare il campo elettrostatico in un generico punto P = (x, y, 0)


nel semispazio vuoto x > 0 si consideri inizialmente il punto Q = (−x, y, 0)
all’interno del materiale conduttore e simmetrico di P rispetto al piano di
~
separazione tra i due mezzi. Si scrivano il vettore campo e.s. E(Q) prodotto
da tutte le cariche presenti e il vettore E~ 1 (Q) prodotto dalle sole cariche
indotte che si formano sulla superficie della lastra (piano x = 0). Qui - e
nel seguito - si esprimano i vettori usando la notazione coi versori o per
componenti.
2. Si scriva adesso il campo e.s. E ~ 1 (prodotto dalle sole cariche indotte presenti
sulla superficie della lastra) nel punto P nel semispazio x > 0, mostrando che,
limitatamente a questo semispazio, il campo E ~ 1 è identico a quello generato
0
da una singola carica puntiforme q di cui si chiede il valore e la posizione.
~ , in prossimità del punto S = (0, r, 0) nel
3. Si scriva il campo e.s. (totale) E
semispazio vuoto, cioè in un punto vicinissimo alla superficie della lastra, a
354 CAPITOLO 3. FISICA

distanza r dall’origine O; in altri termini, il limite dell’espressione del campo


per x → 0+, y = r, z = 0.

4. Si calcoli la densità di carica indotta σ(r) nel punto S e si dica quanto vale
nel punto della superficie della lastra dove il suo modulo è massimo.

5. Si calcoli il valore della carica q in funzione di m, a ed α.

6. Si calcoli la quantità totale di carica indotta sul piano conduttore.

7. Bonus: cosa succede se invece di avere un intero semispazio fatto di condut-


tore avessimo solo un parallelepipedo di lati infiniti ma spessore finito? (Per
spessore si intende lo spessore lungo x)

Soluzione: 4.3.41

Problema 3.3.7 (IPhO 1, 2010, Croazia).


Una particella puntiforme di carica elettrica q è posizionata nelle vicinanze di
una superficie sferica metallica collegata elettricamente a terra e di raggio R (vedi
figura 3.21). Di conseguenza, sulla sfera viene indotta una distribuzione superficiale
di carica. Riuscire a calcolare il campo elettrico ed il potenziale elettrostatico
prodotti dalla distribuzione della carica superficiale è un compito assai improbo.
Tuttavia tale calcolo può essere considerevolmente semplificato utilizzando un
metodo matematico chiamato metodo delle immagini. In questo metodo il campo
elettrico ed il potenziale elettrostatico prodotti dalla carica distribuita sulla sfera
sono equivalenti a quelli prodotti da una singola carica puntiforme posta dentro la
sfera (non devi dimostrare ciò).
Nota: Il campo elettrico ed il potenziale elettrostatico di questa carica immagine
riproducono il campo elettrico ed il potenziale elettrostatico solamente all’esterno
della sfera (compresa la sua superficie).

1. Trovare il valore di q 0 e d0 , mostrati in figura.

2. Trovare la forza agente sulla carica q


Una particella puntiforme di carica q e massa m è legata a un filo di lunghezza
L che ha l’altra estremità fissata a un muro nelle vicinanze della sfera metallica
collegata elettricamente a terra. Nelle tue considerazioni, ignora tutti gli
effetti elettrostatici prodotti dal muro. La particella puntiforme si comporta
come un pendolo matematico (vedi figura 3.22). Il punto al quale il filo è
fissato al muro si trova a distanza l dal centro della sfera. Trascura gli effetti
della gravità.
3.3. ELETTROMAGNETISMO 355

Figura 3.21: Carica davanti ad una sfera

Figura 3.22: Pendolo elettrico

3. Trovare la frequenza delle piccole oscillazioni del pendolo.


Data una distribuzione di cariche elettriche, è importante calcolare l’energia
elettrostatica del sistema. Nel nostro problema (vedi figura 3.21), c’è intera-
zione elettrostatica tra la carica q esterna alla sfera e le cariche indotte sulla
superficie della sfera ed è presente un’interazione elettrostatica anche tra le
cariche indotte sulla sfera. In funzione della carica q, del raggio R della sfera
e della distanza d determina le seguenti energie elettrostatiche:
4. l’energia elettrostatica dovuta all’interazione tra la carica q e le cariche
indotte sulla sfera;
5. l’energia elettrostatica dovuta all’interazione tra le cariche indotte sulla sfera;
6. l’energia elettrostatica totale del sistema dovuta all’interazione.
356 CAPITOLO 3. FISICA

Soluzione non disponibile.

Problema 3.3.8 (Carica nel conduttore). Una carica puntiforme


q è posta dentro un guscio conduttore sferico di raggi R1 < R2 , ovvero è posta ad
una distanza d < R1 dal centro del guscio. Il guscio conduttore è messo a terra.

1. Trovare il campo elettrico e il potenziale ovunque.

2. Trovare la forza che agisce sulla carica elettrica.

3. Trovare la carica indotta sulla superficie interna (il totale, non la distribuzio-
ne).

4. Trovare la carica totale indotta (ovvero presa dalla terra) sul guscio.

5. Rispondere alle due domande precedenti nel caso in cui invece il guscio sia
scarico ed isolato.

Soluzione non disponibile.

Problema 3.3.9 (Superfici equipotenziali). Considerate due fili


rettilinei infiniti e paralleli posti a distanza 2R, uno con carica λ e l’altro con carica
−λ. Ponete uguale a 0 il potenziale sul piano che sta a metà fra i fili (dovete capire
voi come è messo questo piano in modo che la mia affermazione abbia senso).

1. Mostrare che le superfici equipotenziali sono dei cilindri circolari con asse
parallelo ai fili (dovete capire voi centrati dove)

2. Calcolate esplicitamente la posizione del centro delle circonferenze e del loro


raggio in funzione di λ, V, R. Per confrontarvi facilmente con la mia soluzione
consiglio di scegliere un riferimento con l’asse z parallelo ai fili e posizionato
nel punto medio e l’asse x che trapassa i fili.

3. Fare un grafico delle superfici equipotenziali. Se volete vederlo bene vi


consiglio di usare software come Geogebra33 .

Soluzione: 4.3.42

Problema 3.3.10 (Misure di conducibilità). Due cilindri infinita-


mente lunghi e paralleli di raggio a distano tra di loro (distanza tra i centri) d > 2a.
Le superifici dei due cilindri sono mantenuti ai potenziali rispettivamente V0 e −V0 .
Lo spazio esterno ai cilindri è riempito di un materiale di resistività uniforme ρ.
33
È gratis.
3.3. ELETTROMAGNETISMO 357

Viene misurata una corrente i che scorre attraverso lo spazio da un conduttore


all’altro. Chiaramente la corrente che viene misurata è infinita a causa dell’infinita
lunghezza dei conduttori, quindi la misura che fate è di corrente per unità di
lunghezza hi . Calcolare ρ in funzione degli altri parametri.
Hint: 4.2.4
Soluzione: 4.3.43

Problema 3.3.11 (Forza fra i gusci). Consideriamo un guscio


conduttore scarico e isolato. Il guscio è sferico di raggio a e di spessore infinitamente
piccolo. Questo guscio viene immerso in un campo elettrico uniforme E ~ 0 . Per
induzione elettrostatica si viene a formare una densità di carica superficiale σ sul
conduttore, che dovrete capire voi da che parametri dipenderà.
Immaginate ora di tagliare a metà il guscio conduttore con un piano perpendi-
colare al campo passante per il centro della sfera, ovvero dividete il conduttore in
due gusci emisferici. Supponete che la distribuzione di carica non vari durante il
taglio.
Trovare la forza da applicare ai gusci per fare in modo che non si separino.
Hint: 4.2.5 Soluzione non disponibile.

Problema 3.3.12 (Soluzione elettrolitica). Consideriamo un mare


di fluido globalmente neutro. Il fluido è composto da portatori di carica positivi e
negativi, di densità numerica per unità di volume iniziale rispettivamente n+ ed
n− . Le particelle cariche del mare hanno carica +q+ e −q− , con ovvia notazione,
in modo che valga la relazione n+ q+ = n− q− , in modo da mantenere la neutralità.
L’intero sistema si trova all’equilibrio termodinamico alla temperatura T .
Ad un certo punto una carica esterna +Q viene portata dall’infinito fino dentro
la distribuzione di carica e viene inchiodata in modo che non possa muoversi. Dopo
un lungo tempo viene raggiunto l’equilibrio termodinamico.
Trovare esplicitamente la densità di carica netta ρ(~r) in tutto lo spazio, nella
seguente approssimazione: eseguire tutti i conti al prim’ordine nel parametro
adimensionale kBUT , dove U è un’energia legata alle cariche di cui non dò l’espressione
precisa per non dare troppi suggerimenti sul risultato.
Soluzione: 4.3.44
358 CAPITOLO 3. FISICA

3.3.2 Campo magnetostatico


Corrente continua
Prima di andare a parlare del campo magnetico è opportuno parlare
prima degli oggetti su cui esercita una forza, ovvero le correnti elettriche. Nel
caso monodimensionale la definizione di corrente è estremamente semplice:
consideriamo un filo molto sottile, rettilineo, in cui la carica elettrica si muove
(ovviamente lungo il filo). Considerando un punto in particolare del filo x, la
corrente nel punto è definita come

dq
I(x, t) =
dt
Ovvero la quantità di carica che attraversa la superficie di interesse
nell’unità di tempo. Dato che in generale i circuiti elettrici e le sorgenti non
saranno monodimensionali, è opportuno dare una generalizzazione di questa
definizione che ci aspettiamo sia di natura vettoriale per dare una direzione e
un verso allo spostamento delle cariche elettriche.
~ x, t), tale che, data una qualsiasi
Possiamo quindi definire il vettore J(~
superficie Σ valga l’uguaglianza
Z
IΣ (t) = ~ x, t) · dA
J(~ ~
Σ

Dove ovviamente IΣ è la corrente che passa attraverso la superficie Σ


Il vettore J~ si chiama il vettore densità di corrente e misura la intensità di
corrente per unità di area. In modo intuitivo, è il vettore che indica quanta
carica viene trasportata per unità di tempo per unità di superficie. Vi è una
grande analogia con la fluidodinamica in cui c’è proprio il vettore J~ che indica
invece la massa trasportata per unità di tempo per unità di area. Data la
grande somiglianza, è ovvio che

J~ = ρ~vd
Dove ρ è la densità di carica per unità di volume e ~vd non è la velocità
degli elettroni (che trasportano la carica) ma è la velocità di deriva, ovvero
come mediamente si sposta la massa. Gli elettroni infatti si muovono ad
altissima velocità di moto caotico ma in pratica si spostano di poco a causa
del gran numero di urti che fa spesso cambiare direzione. La velocità di deriva
è quindi la misura di quanto si sposta nettamente la carica. Per dare una
3.3. ELETTROMAGNETISMO 359

stima concreta, in un impianto elettrico domestico vd ≈ cm s


, mentre la velocità
di un elettrone è di almeno 5 ordini di grandezza di più.
Attenzione: È importante notare a posteriori che noi sappiamo che in
un conduttore i nuclei positivi stanno fermi mentre ciò che si muove portando
corrente sono gli elettroni, che per una sfortunata serie di coincidenze hanno
convenzionalmente carica negativa −e, per cui la velocità di deriva ~vd e la
densità di corrente J~ avranno verso opposto, cosa che spesso si dimentica di
considerare

L’equazione di continuità Uno dei principi fondamentali della Fisica, in


particolare dell’elettromagnetismo, è la conservazione della carica elettrica
totale. In un processo in cui si creano e si distruggono particelle, la somma con
segno delle cariche deve comunque essere la stessa prima e dopo l’avvenimento.
Andiamo a considerare ora un certo volume di interesse V , che al suo interno
contiene della carica continua e quindi descrivibile da una densità volumica
ρ(~r, t). La carica totale contenuta all’interno di questo volume sarà
Z
Q= ρdV
V

Andiamo ora a considerare il flusso del vettore J~ attraverso la superficie


∂V , ovvero il contorno del nostro volume. Dato che J~ rappresenta il trasporto
di carica, in analogia con la fluidodinamica, il flusso di J~ rappresenterà il
tasso di uscita di carica dalla nostra superficie, ovvero
I
~ = − ∂Q
J~ · dA
∂V ∂t
Dove il segno − deriva dalla convenzione che dà segno positivo al flusso
uscente dalla superficie. Scriviamo meglio il tutto
I Z
~ ~ d
J · dA = − ρ(~r, t)dV
∂V dt V
Questa equazione prende il nome di equazione di continuità e fisicamente
non indica niente oltre alla conservazione della carica elettrica totale. Possiamo
andare a cercare una formulazione locale di questa formula. Andiamo ad
applicare il teorema della divergenza a sinistra dell’uguale
Z Z Z  
~ · JdV
~ d ~ · J~ + ∂ρ
∇ =− ρ(~r, t)dV ⇒ ∇ dV = 0
V dt V V ∂t
360 CAPITOLO 3. FISICA

E dato che abbiamo scelto un volume arbitrario, deve essere 0 l’argomento


dell’integrale, ovvero

~ · J~ + ∂ρ = 0

∂t
Che è l’equazione di continuità nel caso locale. Fisicamente questa equa-
zione indica solamente la conservazione della carica elettrica totale. Tuttavia,
in un certo senso ci dice una cosa ovvia ma comunque importante: non è solo
la carica elettrica totale a conservarsi, la conservazione vale punto per punto.
Se in un certo punto dello spazio vi è una diminuzione o un accumulo di
carica, allora per forza deve esserci una divergenza della densità di corrente,
che ci dice in pratica che la carica non può sparire in un punto e ricomparire
in un altro, deve per forza esserci una corrente che la porta da un punto
all’altro.
Per questo capitolo noi esamineremo la magnetostatica, ovvero fenomeni
magnetici in cui le varie quantità fisiche non variano nel tempo. Per questo
motivo in questo capitolo prenderemo sempre

∂ρ
=0
∂t
Che comporta immediatamente

~ · J~ = 0

Che espressa in forma integrale, che forse vi è più familiare
I
J~ · dA
~=0 ∀∂V
∂V

Che ci dice che la carica non si accumula o non sparisce da nessuna parte.
Nei capitoli successivi, generalizzeremo questo a distribuzioni qualsiasi.

Resistività Cominciamo a fare dei modellini che ci permettano di fare


dei problemi. In elettrostatica abbiamo spesso avuto a che fare con dei
conduttori, all’interno dei quali il campo elettrico era zero. Adesso non siamo
più nell’elettrostatica e siamo in presenza di correnti elettriche. Per questo
motivo in generale nei conduttori il campo elettrico non sarà più nullo e al
loro interno potrà esistere anche una densità di corrente J.~
3.3. ELETTROMAGNETISMO 361

Il modello più banale che possiamo fare è il modello che si usa più spesso,
ovvero il modello di Ohm, in cui la relazione fra il campo elettrico e la densità
di corrente è lineare

~ = ρJ~
E
dove ρ è per una quantità chiamata resistività, che caratterizza il materiale
e dipende da alcuni parametri aggiuntivi come la temperatura T . Sfortunata-
mente tutti hanno scelto nel tempo di usare come nome ρ, che si confonde con
la carica libera. In questa formula il vettore E~ rappresenta il campo elettrico
esterno applicato al conduttore e il vettore J~ rappresenta il vettore densità di
corrente generato dal campo elettrico esterno.
Questa legge si può scrivere nella forma equivalente

J~ = σ E
~

Dove la quantità

1
σ=
ρ
Viene chiamata conducibilità elettrica, ed è semplicemente un modo
diverso di chiamare le cose, non ha niente di fisica in più. A volte si preferisce
usare questa formulazione solo perché se vi è appunto una carica libera ρ è
estremamente facile confondere la resistività con la carica.34
In questa legge si suppone che la resistenza sia lineare, ovvero che campo
elettrico e densità di corrente siano sempre parallele. In generale non sarà
sempre vero, ma alle Olimpiadi non credo vi capiterà mai di avere una
situazione diversa. In tal caso la resistività va sostituita con un tensore a due
indici, ovvero una matrice, che permette di legare E ~ e J~ in modo che non
siano necessariamente paralleli.
Per convincersi che non sia necessario il parallelismo fra i due vettori,
consiglio di pensare ad un analogo termodinamico: conduzione di calore
attraverso del legno molto nodoso. Sarà comune a tutti voi vedere che nel
legno nodoso le fiamme non si espandono in modo isotropo ma seguono le
linee del legno. Il paragone non è proprio lo stesso ma per avere un’idea del
perché va più che bene.
34
Ovviamente anche σ si confonde con la densità superficiale di cariche. Sta a voi o a
chi ha scritto il problema la scelta della formulazione che confonde meno.
362 CAPITOLO 3. FISICA

La legge di Ohm non è davvero una legge. Semplicemente definisce che


cos’è un conduttore Ohmico, ovvero un conduttore che rispetta questa legge.
È evidente che esistono dei materiali che non rispettano questa legge, per
esempio gli isolanti e i diodi a giunzione p-n, in cui la relazione fra campo
elettrico applicato e corrente è tutt’altro che lineare. In tutti i problemi in
cui non sia diversamente specificato potete tuttavia assumere che i conduttori
seguano la legge di Ohm.
Notiamo che la legge nel caso di un filo rettilineo di sezione A e di lunghezza
d può essere scritta nella forma equivalente

~ = ρJ~ ⇒ EAd = ρJAd ⇒ V = I ρd


E
A
Dove la quantità
d
R=ρ
A
Viene chiamata resistenza del componente.
L’ultima cosa da notare in questa formula è la natura dello spostamento
delle cariche in un conduttore. Cercherò di spiegarmi meglio: noi sappiamo
che su una carica puntiforme immersa in un campo elettrico agisce una forza

F~ = q E
~
~ = 1 J~
Ma dato che E 35
,
σ

q
F~ = J~
σ
Ma questa non è una relazione che ci aspettavamo, in quanto F~ è collegato
all’accelerazione delle particelle, non alla velocità come è J~ ! Questa formula
sarebbe quindi
q
m~a =
ρ~vd
σ
Evidentemente c’è qualcosa che non va in questa equazione in quanto la
soluzione non ci sembra molto fisica. Per correggere questo modello dobbiamo
aggiungere una forza, che renda sensato quello che abbiamo scritto. In questo
caso infatti sembra che le cariche continuino ad accelerare fino all’infinito. Il
conduttore deve quindi in qualche modo esercitare una forza su queste cariche
35
Ho scelto σ per cercare di fare meno confusione con ρ di carica, non per altri motivi.
3.3. ELETTROMAGNETISMO 363

in moto. Se vogliamo salvare il modello, l’unica possibilità per questo tipo di


forza è che sia

F~R = −γ~vd

Ovvero una forza di smorzamento viscoso, come accade per esempio in


fluidodinamica. In questo caso l’equazione precedente si scrive

q
m~a = ρ~vd − γ~vd
σ
Che per un opportuno valore di γ porta alla soluzione stazionaria che
volevamo

~a = 0

In particolare, la relazione è

q nq 2
γ= ρ=
σ σ
Dove ho indicato con n la densità numerica di portatori di carica, ovvero
per definizione il valore n tale che valga

ρ = nq

Notare che questa quantità dipende da q 2 , quindi il nostro modello funziona


sia nel caso siano gli elettroni di carica negativa a muoversi, sia che siano i
protoni, di carica positiva a spostarsi.

La forza di Lorentz Ora che abbiamo introdotto la corrente elettrica


possiamo finalmente introdurre il campo magnetico B, ~ più complicato da
immaginare del campo elettrico, che esercita una forza molto diversa sulle
cariche. In particolare, il campo magnetico agisce solo sulle cariche elettriche
in movimento e non su quelle ferme. Quantitativamente, data una carica q
con velocità ~v rispetto ad un certo sistema di riferimento, la forza magnetica
F~B agente è

F~B = q~v × B
~ (3.29)
364 CAPITOLO 3. FISICA

La prima cosa da notare è che il campo magnetico non agisce su cariche


elettriche ferme36 . Inolte, il campo magnetico non compie mai lavoro su una
carica elettrica. Infatti, la potenza erogata è
dL
= F~B · ~v = q~v × B
P = ~ · ~v = 0
dt
In quanto la forza è sempre ortogonale alla velocità. Viene da sè che se
ho una particella in solo campo magnetico, la sua velocità è una costante del
moto.
Inoltre, se ho una particella su cui agisce solo la forza magnetica avrò che

d~v ~
m = q~v × B
dt
Esempio 3.3.7 (Carica in campo magnetico uniforme e costante). Se B ~ è
costante e uniforme, questa è evidentemente l’equazione differenziale che
~ con frequenza
descrive il moto di un vettore ~v che precede rispetto all’asse B
qB
ω=
m
Per vederlo in modo più sensato, scriviamo l’equazione in questo modo

d~v ~
= Ω × ~v
dt
Dove

~
~ = − qB

m
Dal capitolo sui riferimenti non inerziali dovrebbe risultare facile da vedere
che cambiando il nostro sistema di riferimento S in un altro S 0 tale che S 0
ruoti di −~ω rispetto a S, in quel riferimento si avrà

   
d~v δ~v 
~ × ~v
 
~ × ~v
 
~ × ~v

= + (−Ω) = Ω + (−Ω) =0
dt S0 δt S S S S

36
Ma ferme rispetto a cosa? Se io mi metto in un riferimento in moto, vedo la carica in
movimento, quindi se il campo magnetico non cambiasse avrei che sulla carica agisce una
forza, quindi questa accelera, cosa completamente sbagliata perché violerebbe il principio di
relatività secondo cui la fisica vale in ogni riferimento inerziale. Questo è sicuramente uno
dei primi dubbi che hanno portato alla formulazione della teoria della relatività ristretta.
In poche parole, cambiando sistema di riferimento i campi elettrici e magnetici variano.
Andate a vedere il paragrafo di relatività a riguardo per ulteriori informazioni.
3.3. ELETTROMAGNETISMO 365

Per cui ~vS 0 è costante, da cui si ottiene che ~v in S precede intorno all’asse
Ω con quella frequenza.
Per completezza, vediamo comunque di risolvere in modo esplicito l’equa-
zione differenziale per vedere cosa succede

d~v ~
= Ω × ~v
dt
~ e gli altri due a caso, ortonormali.
Prendiamo 3 assi, z lungo Ω

v̇x = −Ωz vy

v̇y = Ωz vx

v̇z = 0

La terza equazione ci dice subito che vz è costante. Ricaviamo vx dalla


seconda e sostituiamolo nella prima

Ωz vx = v̇y ⇒ Ωz v̈y = −Ω2z vy


Che è l’equazione di un pendolo di frequenza Ωz = Ω, ovvero

vy = A cos(Ωt + φ)
E dato che Ωz vx = v̇y , otteniamo

vx = −A sin(Ωt + φ)
Ovvero il vettore ~v si muove su una circonferenza centrata sull’asse Ω, ~
ovvero precede intorno a quell’asse.
Fisicamente abbiamo mostrato quindi che in generale una particella libera
in campo magnetico si muove su una spirale. In particolare, se la compo-
nente parallela al campo della velocità è nulla, allora la traiettoria è una
circonferenza.

Le cariche puntiformi non sono gli unici oggetti su cui un campo magnetico
può esercitare una forza. Evidentemente q~v è la generalizzazione discreta di
~ Non è difficile allora capire che la forza agente su
una densità di corrente J.
una certa densità di corrente sarà
Z
~
F = J~ × BdV
~
V
366 CAPITOLO 3. FISICA

Questa formula può sembrare leggermente difficile da interpretare, per cui


vedremo subito come si riduce nel caso di un filo percorso da corrente. Un filo
è in sostanza la restrizione monodimensionale del vettore densità di corrente.
~
La quantità JdV sarà quindi un vettore densità di corrente per un piccolo
volumetto. Prendiamo un volumetto cilindrico, con le basi perpendicolari al
vettore J~ di area dA e di lunghezza dl. La quantità

J~ · dA
~
Sarà uguale alla corrente che passa nel filo I. Se vogliamo mantenere il
~
carattere vettoriale di JdV dovremo quindi inventarci qualcosa relativo a dl.
In particolare possiamo tranquillamente per convenzione dargli il carattere di
~ Scriveremo quindi
vettore con la stessa direzione e verso di J.

~
JdV = Id~l
Che ci permette di scrivere la forza agente su un filo percorso da corrente
Z
F = Id~l × B
~ ~
γ

Dove con γ ho semplicemente indicato il filo.


L’ultima cosa da aggiungere è che le forze magnetiche ed elettriche si
sovrappongono senza interferire, ovvero se abbiamo una particella immer-
sa in un campo sia elettrico che magnetico allora la forza totale agente è
semplicemente la somma delle due, ovvero

F~L = q(E
~ + ~v × B)
~ (3.30)
Dove il pedice L indica il nome che si dà a questa forza in onore dei fisici
che hanno contribuito alla teoria. In questo caso si chiama forza di Lorentz.

Usare la legge di Gauss Dato che in elettrostatica la legge di Gauss ci ha


salvati in diverse situazioni è naturale andare a cercare un suo equivalente per
il campo magnetico. Non sono ancora stati trovati dei monopoli magnetici in
natura e per ora non si è nemmeno riusciti a simulare il campo magnetico
che potrebbero generare. Questo fatto porta immediatamente alla legge di
Gauss per la magnetostatica
I
~
Φ(B, ∂V ) = ~ · dA
B ~=0
∂V
3.3. ELETTROMAGNETISMO 367

Ovvero data una qualsiasi superficie chiusa, il flusso del campo magnetico
attraverso questa superficie è nullo. In forma locale si può esprimere usando
il teorema della divergenza
I Z
0= ~ ~
B · dA = ∇~ · BdV
~
∂V V

E dato che il volume è arbitrario, deve essere 0 l’integrando, per cui

~ ·B
∇ ~ =0

In generale questa legge non è molto utilizzata in quanto vi permette


solo di dire se un campo esiste o meno, ovvero non permette di risalire alla
forma del campo ma solo di darne delle caratteristiche qualitative. A volte
vi può essere chiesto di utilizzarla davvero per trovare delle relazioni fra le
componenti del campo (e.g. Senigallia 2012 p3, Problema 3.3.36).
Per ottenere qualcosa di costruttivo, è necessario usare un altra legge. In
elettrostatica ricordiamo che il campo elettrico è conservativo, ovvero

~ ×E
∇ ~ =0

È naturale cercare un’equivalente per il campo magnetico, ovvero cercare


~ a delle quantità fisiche rilevanti. L’evidenza
una legge che leghi il rotore di B
sperimentale mostra che la legge37 è

~ ×B
∇ ~ = µ0 J~

Che, badate bene, non vale sempre ma solo quando non c’è campo elettrico
oppure questo non varia nel tempo. Notiamo che in magnetostatica questa
situazione è sempre verificata in quanto prendendo la divergenza di questa
equazione si ottiene

~ ·∇
∇ ~ ×B
~ = µ0 ∇
~ · J~ ⇒ 0 = ∇
~ · J~

Che effettivamente avevamo supposto dall’equazione di continuità. Sicu-


ramente avrete già visto l’equazione precedente nella sua forma equivalente
I Z
B~ · d~s = µ0 J~ · dA
~ = µ0 iint
∂Σ Σ

37
Si chiama legge di Ampere
368 CAPITOLO 3. FISICA

Ovvero data una qualunque superficie regolare Σ delimitata dalla curva


regolare ∂Σ si ha che la circuitazione del campo lungo la curva ∂Σ è uguale al
flusso del vettore densità di corrente J~ attraverso la superficie Σ (moltiplicata
per µ0 , permeabilità magnetica del vuoto).
Questa legge permette di ricavare il campo magnetico B ~ solo se ci sono
evidenti simmetrie che permettano di trasformare una circuitazione in un
qualcosa di banale, come vedremo nell’esempio seguente. In generale purtrop-
po questa legge è inutile in quanto avere a disposizione una circuitazione non
permette di risalire al campo. Vedremo invece nel seguente paragrafo come
usare dei trucchi che permettano di avere una formula esplicita per il campo
dato il vettore J~ in tutto lo spazio.

Esempio 3.3.8 (Filo infinito percorso da corrente). Consideriamo un filo


rettilineo infinito percorso da una corrente costante e uniforme i. Il problema
ha evidentissima simmetria cilindrica, per cui il modulo del campo magnetico
B(r, z, φ) dipenderà ovviamente solo dalla coordinata r e non da φ, z, con gli
stessi ragionamenti fatti nel calcolo del campo elettrico nel capitolo precedente.
Consideriamo ora una superficie cilindrica centrata nell’asse del cilindro e
utilizziamo la legge di Gauss per trovare altre informazioni sul campo.

~ ∂V ) = 0
Φ(B,

Il campo sarà ovviamente B ~ = Br (r)b r + Bφ (r)φb + Bz (r)b z . Lungo la


superficie laterale del cilindro l’unico termine a fare flusso sarà quindi il
termine radiale. Se il cilindro ha raggio r e altezza h, il flusso laterale sarà

Φlat = 2πrhBr (r)

Mentre lungo le due basi del cilindro l’unica componente a fare flusso sarà
quella lungo z, ma dato che Bz non cambia, il flusso del campo sulla base
inferiore è esattamente opposto al flusso sulla base superiore, per cui il flusso
attraverso le basi sarà nullo

Φbasi = 0

Da cui

0 = Φtot = Φlat + Φbasi = 2πrBr ⇒ Br = 0


3.3. ELETTROMAGNETISMO 369

Per cui sicuramente il campo non ha componente radiale. Andiamo ora a


calcolare la circuitazione del campo lungo una circonferenza centrata in un
punto dell’asse. Si avrà
I
B~ · d~s = 2πrBφ (r)
∂Σ
Se ora applichiamo la legge di Ampere,
µ0 i
2πrBφ (r) = µ0 i ⇒ Bφ (r) =
2πr
L’ultima cosa che rimane da vedere è la componente z del campo. Per fare
quest’ultima considerazione facciamo questo gioco di simmetrie. Prendiamo
un punto P sul filo e immaginiamo di tagliare a metà il filo, esattamente in
quel punto. Prendiamo la metà di sopra e la metà di sotto una alla volta e
vediamo il campo che generano sul piano π ortogonale al filo e tale che P ∈ π
NO NO NON FUNZIONA NIENTE PENSACI MEGLIO38

Il potenziale vettore A ~ I potenziali sono belli, permettono spesso di sem-


plificare i conti e trovare cose conservate senza integrare il moto esplicitamente,
cosa spesso impossibile. Dato che il campo magnetico è più strano della gra-
vità e del campo elettrostatico, è difficile pensare di trovare un potenziale U
tale che B~ = −∇U ~ , soprattutto considerando che ∇ ~ ×B ~ 6= 0 in tutti i casi in
cui il campo ha sorgente.
È dimostrabile che un potenziale alternativo esiste ed è un potenziale
vettore, ovvero non si ha più F~ = −∇U ~ bensı́

~ =∇
B ~ ×A
~
In particolare, questo potenziale non è uno scalare ma è un vettore.
Notiamo inoltre che

~ ·B
∇ ~ =∇
~ ·∇
~ ×A
~ = 0 ∀A
~
Ovvero passando al potenziale vettore abbiamo gratis la legge di Gauss
per la magnetostatica, dato che la divergenza del rotore è sempre nulla.
Il potenziale vettore è uno strumento molto avanzato e ovviamente non
siete nemmeno tenuti a conoscere la sua esistenza. A livello delle Olimpiadi
38 ~ è uno pseudovettore il risultato è banale, ma non ho mai definito
Usando il fatto che B
cos’è e al momento non ho voglia di farlo.
370 CAPITOLO 3. FISICA

ritengo che sia dannoso imparare ad utilizzarlo in quanto è una perdita di


tempo. Più avanti invece vi sarà utile. Vi espongo qui la sua esistenza solo
perché lo userò per mostrare alcuni risultati che non si fanno altrimenti.

~
∂E
La legge di Biot-Savart Consideriamo il caso elettrostatico, in cui ∂t
= 0.
Allora vale la legge di Ampere

~ ×B
∇ ~ = µ0 J~
~
Esprimiamo questa legge in termini del potenziale vettore A

~ ×∇
∇ ~ ×A
~ = µ0 J~

~ ∇
∇( ~ · A)
~ − ∇2 A
~ = µ0 J~

Possiamo dire in modo approssimativo che come scegliamo il potenziale


scalare a me