Sei sulla pagina 1di 522

MERCURY 332 0434

Manuale di Servizio
Versione 8 Marzo 2002 (Rev. 4)
MANUALE DI SERVIZIO
Tabella riassuntiva revisioni manuale

Tabella riassuntiva revisioni manuale

Rev. Data Pag. Descrizione delle modifiche

0 20.07.98 - Approvazione documento


1 19.05.99 i, ii, 185 Correzione forza di compressione da 5kg a 7kg.
(Rif. RDM 4613)

2 26.04.00 i, ii, 1, 2, 17, 20, Inserimento funzionalità nuovo software vers. 2.2.
39, 41, 47, 49, 81, Aggiornamento schemi elettrici.
83, 94÷120, (Rif. RDM 4724, 4730, 4748, 4830, 4875)
125÷137, 157,
160, 164, 177,
195, 209, 211
3 13.11.00 i, ii, 7, 13, 127, Introduzione nuovo tipo di collimatore.
128, 201 (Rif. RDM 4682)

4 08.03.02 Tutte Introduzione nuovo Inverter tipo Mitsubishi


FR-E540-1.5k-EC.
Introduzione nuovo motore tipo LAFERT MS80-
S4.
Introduzione potenziometri 10 giri su Seriografo.
Introduzione "NOTA" modalità di montaggio
collimatore ad IRIDE.
Introduzione nuovi valori taratura potenziometro
collimatore ad IRIDE (celle 121-122).
Aggiornamento schemi elettrici e disegni.
(Rif. RDM 5132, 5181, 5182, 5291, 5295, 5307, 5372, 5374)

5
6

(Rev. 4) MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Tabella riassuntiva revisioni manuale

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

MERCURY 332 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Indice

Indice
1 INTRODUZIONE 1-1
1.1 Icone presenti nel manuale .................................................................1-1
2 ASPETTI DI SICUREZZA 2-1
2.1 Avvertenze ..........................................................................................2-2
2.2 Rischi ambientali e smaltimento..........................................................2-3
2.3 Simboli utilizzati .................................................................................2-4
3 DESCRIZIONE 3-1
3.1 Targhette identificative........................................................................3-1
3.2 Descrizione .........................................................................................3-3
4 DATI TECNICI 4-1
4.1 Caratteristiche tecniche ......................................................................4-1
4.2 Tabella divisioni formati in CM ............................................................4-6
4.3 Tabella divisioni formati in INCH .........................................................4-7
4.4 Standard e normative..........................................................................4-8
4.5 Dimensioni di ingombro ......................................................................4-9
5 PRE-INSTALLAZIONE 5-1
5.1 Predisposizione elettrica ......................................................................5-3
5.2 Adattamento alla tensione di rete ........................................................5-4
5.3 Condizioni ambientali .........................................................................5-4
5.4 Requisiti di spazio...............................................................................5-4
6 INSTALLAZIONE 6-1
6.1 Montaggio del basamento....................................................................6-2
6.2 Montaggio del carrello porta colonna ...................................................6-3
6.3 Montaggio della trave porta torretta.....................................................6-4
6.4 Montaggio della colonna porta tubo.....................................................6-6
6.5 Montaggio del gruppo compressore......................................................6-7
6.6 Montaggio dei telai porta IB e porta seriografo .....................................6-8
6.7 Montaggio del seriografo....................................................................6-10
6.8 Montaggio della camera di ionizzazione (optional) ..............................6-10
6.9 Montaggio dell'IB ..............................................................................6-11
6.10 Montaggio del complesso radiogeno ...................................................6-12
6.11 Montaggio della tavola porta paziente ................................................6-13
6.12 Collegamento alla linea di alimentazione ...........................................6-14

(Rev. 4) i MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Indice

7 LOGICA DI FUNZIONAMENTO DEL TAVOLO 7-1


7.1 Sequenze di funzionamento.................................................................7-4
7.1.1 Sequenza di accensione ed inizializzazione ........................................7-4
7.1.2 Sequenza di attivazione di un movimento ..........................................7-5
7.2 Condizioni di anomalia........................................................................7-6
7.2.1 Generazione di un allarme di condizione ...........................................7-6
7.2.2 Generazione di un allarme funzionale................................................7-7
7.2.3 Generazione di un allarme causato dal circuito di potenza ................7-8

8 COLLEGAMENTO INTERFACCIA IN/OUT 8-1


8.1 Logica di funzionamenti Input / Output ..............................................8-4
9 DESCRIZIONE DELLA TECNICA DI IMPOSTAZIONE DEI DATI 9-1
9.1 Accesso al gruppo 100 – Taratura potenziometri ..................................9-3
9.1.1 Taratura potenziometro PENDOLAZIONE (celle 101-102) ..................9-8
9.1.2 Taratura potenziometro CARRO (celle 103 – 104) ............................9-10
9.1.3 Taratura potenziometro RIBALTAMENTO (celle 105 – 106) ..............9-12
9.1.4 Taratura potenziometro BARELLA LONGITUDINALE
(celle 109 – 110) ..............................................................................9-13
9.1.5 Taratura potenziometro BARELLA TRASVERSALE (celle 111 – 112).9-15
9.1.6 Taratura potenziometro DISTANZA FUOCO-FILM (celle 113 – 114)..9-17
9.1.7 Taratura potenziometro STRATO DI TOMOGRAFIA(celle 115 – 116) 9-20
9.1.8 Taratura potenziometro COLLIMATORE BASE (celle 117 – 118) ......9-23
9.1.9 Taratura potenziometro COLLIMATORE ALTEZZA (celle 119 – 120) .9-27
9.1.10 Taratura potenziometro COLLIMATORE IRIDE (Optional)
(celle 121 – 122) ..............................................................................9-31
9.1.11 Taratura potenziometro FORMATO CASSETTA BASE
(celle 125 – 126) ..............................................................................9-34
9.1.12 Taratura potenziometro FORMATO CASSETTA ALTEZZA
(celle 127 – 128) ..............................................................................9-35
9.1.13 Taratura potenziometro CARRELLO CASSETTA TRASVERSALE
(celle 129 – 130) ..............................................................................9-36
9.2 Accesso al gruppo 200 – Dati installazione ........................................9-39
9.2.1 Legenda e funzioni delle celle del gruppo 200 ..................................9-43
9.3 Accesso al gruppo 300 – Dati motori..................................................9-71
9.3.1 Teoria di funzionamento di un asse con controllo PID......................9-71
9.4 Accesso ai gruppi 400, 500, 600 – Dimensioni e corse .......................9-80
9.4.1 Limiti delle corse eseguite dai movimenti controllati
con potenziometro ...........................................................................9-86
9.4.2 Dimensioni di alcune parti dell'apparecchio.....................................9-87
9.4.3 Dati relativi al controllo dei potenziometri per il single fault.............9-88
9.4.4 Corse del carrello e dei limitatori del seriografo................................9-89
9.5 Accesso al gruppo 700 – Copiatura EEprom ......................................9-98
9.6 Accesso al gruppo 800 – Prova vita seriografo ..................................9-102
9.6.1 Esecuzione di un ciclo di test ........................................................9-104

MERCURY 332 ii (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Indice

10 LOGICA DI FUNZIONAMENTO SINGLE FAULT 10-1


10.1 Concetto ed interpretazione...............................................................10-1
10.2 Realizzazione Hardware.....................................................................10-2
10.3 Realizzazione Software e principio di funzionamento..........................10-4
11 CONDIZIONI DI FUNZIONAMENTO 11-1
11.1 Collisione..........................................................................................11-1
11.2 Compressore.....................................................................................11-3
11.3 Collimatore .......................................................................................11-5
11.4 Modalità operative.............................................................................11-8
11.5 Radiografia standard.........................................................................11-9
11.5.1 Schema a blocchi esecuzione "Radiografia standard" .....................11-10
11.6 Sequenza rapida .............................................................................11-11
11.6.1 Schema a blocchi esecuzione "Sequenza rapida"............................11-12
11.7 Tomografia......................................................................................11-13
11.7.1 Schema a blocchi esecuzione "Tomografia" ....................................11-16
11.8 Radiografia digitale .........................................................................11-18
11.8.1 Schema a blocchi esecuzione "Radiografia digitale"........................11-19
11.9 Tomografia digitale..........................................................................11-20
11.9.1 Schema a blocchi esecuzione "Tomografia digitale" ........................11-22

12 EMERGENZE 12-1
13 TARATURA HARDWARE 13-1
13.1 Scheda microprocessore....................................................................13-1
13.1.1 Impostazione Jumpers ....................................................................13-1
13.1.2 Taratura trimmer.............................................................................13-6
13.2 Schede console (CPU "F" – Display "G")..............................................13-9
13.2.1 Impostazione Jumpers ....................................................................13-9
13.3 Scheda seriografo............................................................................13-11
13.3.1 Impostazione Jumpers ..................................................................13-11
13.3.2 Taratura Trimmer..........................................................................13-12
13.4 Azionamenti motori limitatori e carrello seriografo ...........................13-14
13.4.1 Impostazione Jumpers ..................................................................13-14
13.4.2 Taratura Trimmer..........................................................................13-14
13.5 Inverter 13-16
13.5.1 Funzioni ingressi/uscite Inverter ...................................................13-17
13.5.2 Impostazione hardware Inverter ....................................................13-18
13.5.3 Impostazione parametri software Inverter ......................................13-18
13.5.3.1 Parametri con dati modificati da
Villa Sistemi Medicali .......................................................13-19
13.5.3.2 Parametri che mantengono i dati di default..................13-21
13.5.4 Accesso ai parametri per scrittura .................................................13-22
13.5.5 Procedura di ripristino dei parametri di default .............................13-23

(Rev. 4) iii MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Indice

14 CORRISPONDENZA LED – OUTPUT SCHEDA PRINCIPALE 14-1


14.1 Scheda principale .............................................................................14-1
14.2 Scheda Seriografo .............................................................................14-5
15 VERIFICA DEI RISULTATI RADIOGRAFICI 15-1
15.1 Taratura seriografo ...........................................................................15-1
15.1.1 Verifica del posizionamento longitudinale del carrello ......................15-2
15.1.2 Verifica del posizionamento trasversale del carrello .........................15-3
15.1.3 Verifica del posizionamento dei limitatori.........................................15-3
15.2 Taratura Collimatore.........................................................................15-4
16 DIAGNOSI 16-1
16.1 Diagnosi resettabili ...........................................................................16-1
16.2 Diagnosi non resettabili ....................................................................16-6
16.3 Visualizzazione errori seriali ............................................................16-11
17 MANUTENZIONE E PULIZIA 17-1
17.1 Manutenzione eseguibile da parte dell'operatore ................................17-2
17.2 Manutenzione eseguibile dal Tecnico Autorizzato ...............................17-3
18 SCHEMI ELETTRICI E DISEGNI 18-1
18.1 Lista schemi elettrici e disegni...........................................................18-3
19 PARTI DI RICAMBIO 19-1

Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta


o tradotta senza il consenso di Villa Sistemi Medicali.
Questo manuale in Italiano è la versione originale.
MERCURY 332 iv (Rev. 4)
MANUALE DI SERVIZIO
Introduzione

1 INTRODUZIONE

NOTA:
Il presente manuale è aggiornato allo stato del prodotto con il quale viene
venduto, per garantire un riferimento adeguato nell'esecuzione delle
operazioni di diagnostica e riparazione comunemente eseguite dal Tecnico
di servizio.
Il manuale potrebbe non riflettere variazioni di prodotto prive di impatti
sulle modalità di servizio.

Il tavolo telecomandato Mercury 332 è un apparecchio radiologico che


permette di eseguire esami radiologici generali. In particolare, in funzione
degli accessori ad esso collegati, esami in cui sia necessario l’uso di
liquidi di contrasto trovano con questo apparecchio la loro applicazione
ottimale.

Il presente manuale ha lo scopo di fornire all'utente istruzioni per un


funzionamento sicuro ed efficiente dell'apparecchio.

L'apparecchiatura deve essere usata in ottemperanza alle procedure


contenute nel manuale e mai per scopi diversi da quelli in esso previsti.

Mercury 332 è un apparecchio elettromedicale e come tale può essere


utilizzato solamente sotto la supervisione di un medico ovvero di
personale altamente qualificato e con le necessarie conoscenze in materia
di protezione da raggi X.

L'utente è responsabile per quanto concerne gli adempimenti in materia


legale rivolti all'installazione e al funzionamento dell'apparecchio stesso.

1.1 Icone presenti nel manuale

Indica una “NOTA”; si raccomanda particolare attenzione nella lettura


degli argomenti identificati con tale icona.

Indica una “ATTENZIONE”; gli argomenti identificati con questa icona


riguardano gli aspetti di sicurezza del paziente e/o dell'operatore.

(Rev. 4) 1-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Introduzione

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

MERCURY 332 1-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Aspetti di sicurezza

2 ASPETTI DI SICUREZZA

ATTENZIONE:
Leggere molto attentamente questo capitolo.

Villa Sistemi Medicali progetta e costruisce le apparecchiature in


conformità ai requisiti di sicurezza; fornisce, inoltre, tutte le informazioni
necessarie per un utilizzo appropriato e le avvertenze relative ai pericoli
associati ai generatori di raggi X.

Villa Sistemi Medicali non si assume alcuna responsabilità per:


• l’uso dell’apparato Mercury 332 diverso da quello per cui è stato
progettato
• danni all’apparato, all’operatore, al paziente causati sia da errate
installazioni e manutenzione diverse dalle procedure contenute nei
manuali d’uso e servizio a corredo dell’apparato, sia da errate
tecniche operative
• modifiche meccaniche e/o elettriche, apportate durante e dopo la
installazione.

Solamente personale autorizzato da Villa Sistemi Medicali può


effettuare interventi tecnici all'apparecchio.

Solamente personale autorizzato può rimuovere le protezioni


dell’armadio elettrico e dell’apparecchio ed accedere alle parti sotto
tensione e agli organi in movimento.

(Rev. 4) 2-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Aspetti di sicurezza

2.1 Avvertenze

L'apparecchiatura non è stata progettata per essere utilizzata in presenza


di vapori, di miscele anestetiche infiammabili con l’aria, oppure ossigeno
o protossido d’azoto.
Evitare ingresso di acqua o altri liquidi nell'apparecchio per scongiurare
rischi di cortocircuito e corrosioni.
Prima della pulizia dell'apparecchio scollegare sempre lo stesso dalla rete.
Il personale autorizzato all'esecuzione degli esami radiologici deve
osservare le regole di protezione contro le radiazioni ionizzanti.
Per proteggere il paziente dalle radiazioni diffuse nelle zone adiacenti a
quelle da radiografare devono essere utilizzate, dove necessario, le
protezioni dedicate (indumenti piombati).
Durante l'esecuzione degli esami radiografici deve essere presente nella
sala solamente il paziente. E’ possibile la presenza dell’operatore e del
personale autorizzato, ove l’esame lo richieda, solo se provvisti degli
indumenti per radioprotezione.
Tutti i movimenti sono controllati da un potente e sofisticato sistema
elettronico a microprocessore. Le velocità, le posizioni, le partenze e gli
arresti di tali movimenti sono controllati e gestiti dalla logica
dell’apparecchio. In questa logica le sicurezze rivestono un aspetto
fondamentale tanto da garantire il massimo della sicurezza sia per il
paziente che per l’operatore. Ciononostante l’operatore DEVE SEMPRE
PRESTARE LA MASSIMA ATTENZIONE quando un movimento viene
attivato. I pulsanti rossi di EMERGENZA presenti sulla console di
comando e sulla parte frontale dell’apparecchio possono essere premuti
in caso l’utilizzatore avvertisse una situazione di pericolo.
Questi pulsanti arrestano immediatamente qualsiasi movimento e
funzione e sono un valido strumento offerto all’operatore in aggiunta alle
sicurezze intrinseche nell’apparecchio.
Prima dell’attivazione degli organi motorizzati quali il ribaltamento,
la barella longitudinale, la pendolazione, controllare che non vi
siano, in prossimità del tavolo, oggetti che possano interferire con i
movimenti stessi. Prestare la massima attenzione, durante l’attivazione
dei movimenti motorizzati, verso le eventuali persone presenti nella sala
radiologica.
Sebbene il Mercury 332 sia stato progettato con un elevato grado di
protezione alle interferenze elettromagnetiche, è necessaria la sua
installazione ad una certa distanza da cabine di trasformazione d’energia
elettrica, da gruppi statici di continuità, da ricetrasmettitori portatili per
uso amatoriale e per radiotelefonia cellulare. Per questi ultimi è ammesso
l’utilizzo solo ad una distanza superiore a 1.5m da qualsiasi elemento
dell’apparato.
Eventuali strumentazioni od apparati utilizzati nelle vicinanze del
Mercury 332 devono essere conformi alle normative di Compatibilità
Elettromagnetica.

MERCURY 332 2-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Aspetti di sicurezza

Gli strumenti non conformi, di cui è nota la scarsa immunità ai campi


elettromagnetici, devono essere installati ad una distanza di almeno 3m
dal Mercury 332 e devono essere alimentati attraverso una linea elettrica
dedicata.
Mercury 332 non può essere installato in sale chirurgiche.
Mercury 332 deve essere spento durante tutto il tempo d’utilizzo di
elettrobisturi od apparati similari.
Provvedere alla pulizia, e qualora lo si ritenga necessario alla
disinfezione, delle parti che possono entrare in contatto col paziente.

2.2 Rischi ambientali e smaltimento

Il Mercury 332 contiene, in alcune sue parti, materiale e liquido che al


termine del ciclo di vita dell’apparato devono essere smaltiti presso i
centri di recupero designati dalle Aziende Unità Sanitarie Locali.
In particolare l’apparato contiene i seguenti materiali e/o componenti:
• “Motoriduttori”: olio lubrificante, acciaio, alluminio
• Motori: ferro, rame, involucri di materiale plastico non biodegradabile
• Armadio elettrico: ferro, alluminio, rame, materiale plastico non
biodegradabile, vetronite per circuiti stampati.

Lo smaltimento dell’apparecchio dismesso dall’utilizzatore e i costi


relativi non sono carico della Villa Sistemi Medicali.

(Rev. 4) 2-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Aspetti di sicurezza

2.3 Simboli utilizzati

Simbolo Descrizione

Apparato con parti applicate di tipo B

∼ Corrente alternata

N Punto di connessione al conduttore neutro

R S T Punto di connessione ai conduttori linea trifase

Terra di protezione

Terra funzionale

Attenzione: consultare la documentazione di


accompagnamento

Attenzione: non mettere le mani

Tensione pericolosa

MERCURY 332 2-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione

3 DESCRIZIONE

3.1 Targhette identificative

5
1 (N°2 targhette sul basamento
e 1 sul settore)

Made in Italy

1 SISTEMI
Mercury 332
Mains : 400V 3
Type: 976800xx03
4A 50 Hz
Targhetta caratteristiche
MEDICALI
Serial Number xxxx
Manufactured: month year
Mercury 332
20090 BUCCINASCO
MILANO-ITALIA

Made in Italy

2 SISTEMI
Seriografo Type: 8618000600

Targhetta caratteristiche
MEDICALI
Serial Number xxxx
Manufactured: month year
Seriografo per Mercury 332
20090 BUCCINASCO
MILANO-ITALIA

Made in Italy

3 SISTEMI
Beam Limiting Device Model: 86110026
Line : 24 Vac 4.5 A 50/60 Hz
Targhetta caratteristiche MEDICALI
Inherent filtration: 0.5mmAl eq 100kV HVL 2.7mm Al
S/N: XXYYZZZZ Manufactured: month year
Collimatore per Mercury 332
20090 BUCCINASCO
MILANO-ITALIA
Max duty-cycle: 90s on / 180s off

4 5
Targhetta Targhetta
identificativa "Attenzione"
Calotta di non mettere le
Compressione mani

(Rev. 4) 3-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione
(N°5 targhette)

MERCURY 332 3-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione

3.2 Descrizione

Il tavolo telecomandato Mercury 332 è la naturale evoluzione della


tecnologia e del design dei tavoli telecomandati della Villa Sistemi
Medicali.

Mercury 332 è stato progettato e costruito in conformità con le


disposizioni Europee previste per l’ottenimento della marcatura CE per gli
apparecchi elettromedicali garantendo la massima sicurezza per
l’operatore e per il paziente.

Mercury 332 è un tavolo universale per diagnostica radiologica atto a


soddisfare tutte le necessità, impiegato per esami del digerente, del
cranio e dello scheletro, urografie, mielografie, esami vascolari, dei
polmoni, broncografia e, quando completato da un sistema di
acquisizione digitale, angiografie.

Mercury 332 è comandato da una console di controllo posta in zona


protetta dalle radiazioni.
La console è provvista di due footswitches, uno per le esposizioni di grafia
e uno per la fluoroscopia.
Per un facile posizionamento del paziente, i comandi relativi ai movimenti
apparecchio sono duplicati su un pannello di comando, posto sulla parte
anteriore del tavolo.

Mercury 332, tavolo completamente telecomandato, tomografico,


ribaltabile da +90°a -90°, controllato da microprocessore, è studiato per
offrire la massima versatilità di utilizzo nella diagnostica radiologica.

Mercury 332 può inoltre montare, oltre al tradizionale collimatore


elettronico con delimitazione del campo quadro-rettangolare, una
versione di collimatore ad iride (optional) con campo circolare ottimale
per l’utilizzo dell’Intensificatore di Brillanza.

La versione standard Mercury 332 è provvista di seriografo


computerizzato con possibilità di utilizzo di tutti i formati di film da
13x18 a 35x43cm oppure da 5x7 a 14x17inches con una vastissima
gamma di divisioni e con carrello portacassetta autocentrante.

Il codice identificativo dell’apparecchio sarà diverso in funzione del tipo di


collimatore e della tensione di alimentazione, come risulta dalla tabella
seguente:

Codice Tipo di collimatore Alimentazione

9768003503 Standard (rettangolare) 380V 50Hz

9768004303 Standard (rettangolare) 400V 50Hz

9768004403 Iride 400V 50Hz

(Rev. 4) 3-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione

Mercury 332 è dotato sia di accessori standard che di accessori


opzionali. La tabella seguente elenca tutti gli accessori disponibili facendo
la distinzione tra standard, cioè normalmente consegnati con
l’apparecchio, e accessori opzionali che richiedono quindi di essere
specificatamente richiesti in fase di ordinazione.

Rif. Descrizione Tipo accessorio

A Pedana arresto paziente Standard

B Appoggia testa Standard

C Maniglia appoggio paziente (N°2 pezzi) Standard

D Appoggia gambe (N°2 pezzi) Optional

E Tendifascia con fascia di compressione Optional

Tutti gli accessori disponibili sono facilmente applicabili venendo


direttamente montati sul profilo del piano porta paziente.

MERCURY 332 3-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

(Rev. 4) 3-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Dati tecnici

4 DATI TECNICI

4.1 Caratteristiche tecniche

Caratteristiche generali
Tipo apparecchio Mercury 332
Costruttore Villa Sistemi Medicali S.p.A.
20090 Buccinasco (MI) Italia
Classe I con parti
Classe di appartenenza
applicate di tipo B
Grado di protezione IP00
Caratteristiche meccaniche
Peso 1420 Kg
Altezza totale con DFF max. 2550 mm
Lunghezza con piano porta paziente centrato 2180 mm
Altezza con piano porta paziente centrato 1720 mm
Altezza piano porta paziente dal suolo 930 mm
Distanza fuoco-pavimento con tavolo verticale da 400 mm a 2500 mm
Intensificatore di Brillanza fino a 16"
Posizione dei comandi – su console;
– su doppio comando a
bordo tavolo

(Rev. 4) 4-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Dati tecnici

Caratteristiche elettriche
Alimentazione trifase 3N~ 380-400 V ac
Frequenza 50/60 Hz
Corrente assorbita massima 4A
Potenza assorbita 3.5 kVA
Motore ribaltamento asincrono trifase 380 V pilotato da inverter
Motore pendolazione asincrono trifase 380 V pilotato da inverter
Motore movimento p.p.p. longitudinale 380 V ca
asincrono trifase
Motore movimento p.p.p. trasversale 24 V cc
Motore movimento carro seriografo-tubo 380 V ca
asincrono trifase
Motore movimento distanza fuoco-film 24 V cc
Motore movimento strato 24 V cc
Motori movimento compressore 24 V cc
(alto/basso, dentro/fuori)
Motore carrello porta cassetta seriografo 140 V cc pilotato da azionamento
Motori limitatori seriografo 140 V cc pilotato da azionamento
Corse meccaniche
P.p.p. longitudinale lato testa 1000 mm
P.p.p. longitudinale lato piedi 600 mm
P.p.p. trasversale lato interno 115 mm
P.p.p. trasversale lato esterno 115 mm
Carro seriografo 570 mm
Distanza Fuoco-Film minima 1000 mm
(in funzione del tipo di tubo)
Distanza Fuoco-Film massima 1470 mm
(in funzione del tipo di tubo)
Pendolazione colonna lato testa 40 °
Pendolazione colonna lato piedi 40 °
Rotazione cuffia ± 180 °
Ribaltamento verticale 90 °
Ribaltamento trendelebourg - 90 °

MERCURY 332 4-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Dati tecnici

Caratteristiche Piano Porta Paziente


Lunghezza 2180 mm
Larghezza 700 mm
Superficie piana
Centratura nei due sensi automatica
Filtrazione ≤ 0.8 mm Al eq @ 100 kVp,
HVL 2.7 mm Al
Compressore
Compressione motorizzata
Valori di compressione selezionabili 7 – 10 – 14 kg
Tecnologia
Controllo logico – microprocessore principale;
– microprocessore controllo SF
Controllo di posizione assi – potenziometro;
– encoder per assi seriografo
Funzioni
Consolle display numerico con segnalazione:
– messaggi di condizione lavoro;
– indicazione posizione (pendolazione,
DFF, ribaltamento, altezza strato)
con accuratezza ± 1° ± 2 mm;
– allarmi di guasti accessori esterni;
– allarmi di guasti interni
Predisposizione per esami – fluoroscopici;
– seriografici;
– tomografici

(Rev. 4) 4-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Dati tecnici

Tomografia
Angoli 7°, 20°, 30°, 45°
Velocità 2
Altezza strato da 0 mm a 240 mm con 2 velocità,
funzione di incremento automatico
Tipo di tomografia arco-piano
Movimento unidirezionale con ritorno a 0°
DFF 1140 mm
Spessore strato di taglio con altezza 7° = ∼ 25 mm
media (125 mm) 20° = ∼ 15 mm
30° = ∼ 10 mm
45° = ∼ 5 mm
Tempi di tomografia Angolo 1° velocità 2° velocità
7° 0.6 sec 0.3 sec
20° 1.6 sec 0.8 sec
30° 2.6 sec 1.3 sec
45° 4.0 sec 2.0 sec
Range tomografico carro variabile in funzione dell'angolo e dello
strato impostati
Seriografo
Controllo elettronico
Divisioni vedi tabelle seguenti
Sequenza rapida selezionabile
Tempo passaggio scopia-grafia circa 1.6 sec
Tempo tra 2 grafie in sequenza rapida circa 0.5 sec
Carrello portacassette autocentrante
Collimazione interna automatica
Camera di ionizzazione predisposto
Griglia vibrante sincronizzata con partenza
raggi

MERCURY 332 4-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Dati tecnici

Collimatore
Limitazioni – quadra e rettangolare (standard)
– circolare con iride (optional)
Funzioni – automatica
– manuale
– hold
Lampada alogena 24V 100W
Filtrazione inerente 0.5 mm Al eq. @ 100kVp con
HVL 2.7 mm Al eq.
Performances
Collisione dati dimensioni
– stanza
– accessori
impostabili in software da consolle
Condizioni ambientali
Condizioni operative Temperatura: da +10 a +40°
Umidità: da 30 a 75 %
Pressione: da 700 a 1060 hPa
Condizioni per il trasporto e Temperatura: da -20 a +70°
l'immagazzinamento Umidità: ≤ 95% non condensante
Pressione: > 630 hPa

(Rev. 4) 4-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Dati tecnici

4.2 Tabella divisioni formati in CM

13x18

18x24 9x24 9x12 24x18 12x18

24x24 12x24 12x12

24x30 12x30 30x24 15x24 15x12 10x24 10x12

30x30 15x30 10x30

18x43 43x18 21x18 14x18

15x40

20x40 10x40 40x20 20x20 13x20 10x20

30x35 15x35 10x35 35x30 17x30 12x30

30x40 15x40 10x40 40x30 20x30 13x30 10x30

35x35 17x35 12x35

35x43 17x43 12x43 43x35 21x35 14x35

NOTA:
Il primo numero del formato si riferisce all'asse trasversale del piano
porta paziente (destra-sinistra del paziente). La misura indicata sulle
varie divisioni è nominale.

MERCURY 332 4-6 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Dati tecnici

4.3 Tabella divisioni formati in INCH

5x7

8x10 4x10 4x5 10x8 5x8

10x12 5x12 12x10 6x10 6x5 4x10 4x5

9.5x9.5 4.7x9.5 3x9.5

7x17

11x14 5.5x14 3.7x14 14x11 7x11 4.7x11 3.5x11

14x14 7x14 4.7x14

14x17 7x17 4.7x17 17x14 8.5x14 5.7x14

NOTA:
Il primo numero del formato si riferisce all'asse trasversale del piano
porta paziente (destra-sinistra del paziente). La misura indicata sulle
varie divisioni è nominale.

(Rev. 4) 4-7 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Dati tecnici

4.4 Standard e normative

Il Mercury 332 è conforme alle seguenti normative:

EN 60601-1 (IEC 601-1)


EN 60601-1-2 (IEC 601-1-2)
EN 60601-1-3 (IEC 601-1-3)
EN 60601-2-32 (IEC 601-2-32)

0434 Il simbolo CE attesta la conformità del Mercury 332 alla


direttiva 93/42/CEE.

MERCURY 332 4-8 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Dati tecnici

4.5 Dimensioni di ingombro

40░ 40░

40░
40░

30░
12░

Figura 4-1

(Rev. 4) 4-9 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Dati tecnici

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

MERCURY 332 4-10 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Pre-installazione

5 PRE-INSTALLAZIONE
Le istruzioni riportate nelle seguenti pagine permettono di eseguire
un’installazione tale da garantire un funzionamento corretto del
Mercury 332.
Il Costruttore è in grado di fornire l’assistenza e la consulenza Tecnica
necessaria fin dalla fase di pre-installazione.
Il locale deve essere preparato per l’installazione del Mercury 332, con la
piastra di fissaggio a pavimento (particolare A - Figura 5-1) che deve
essere annegata nel pavimento come da disegno di installazione.
Rimuovere la parte superiore del pavimento per un’area di 810
x 510 mm sino allo strato di calcestruzzo della soletta, affinché la
superficie superiore del telaio e della piastra sia a filo pavimento.
La superficie di calcestruzzo della soletta, sotto la piastra, deve essere
sufficientemente rugosa in modo da assicurare un’adeguata adesione del
calcestruzzo da colare. Posizionare la piastra e livellarla accuratamente.
Colare l’impasto di calcestruzzo con rapporto cemento/sabbia di 1:2,5 e
togliere la parte eccedente, lasciare asciugare per 6 ore.
La piastra A è già provvista di fori filettati e viti da M16 per l’ancoraggio
della base. Si tenga presente in sede di posa in opera della piastra di
ottenere un piano il più possibile in bolla.
L’installazione standard del Mercury 332 prevede il passaggio dei cavi
sotto traccia come illustrato in Figura 5-2:
• C: distanza tra pozzetto e armadio; max 9m
• D: distanza tra armadio e consolle; max 14m.

NOTA:
Per esigenze di montaggio con distanze superiori a quelle sopra citate si
dovranno richiedere cavi di collegamento elettrico di lunghezza adeguata
all’atto dell’ordine.

La piastra A (Figura 5-1) è adatta per solette con portata superiore a


4000kg/m2 (1600kg su una superficie di 0.4m2).
Nel caso la soletta non abbia una portata sufficiente (inferiore a
4000kg/m2), è disponibile la piastra distribuzione pesi (particolare B -
Figura 5-1).
Tale piastra potrà essere installata a pavimento in 2 modi diversi:
1. Annegata nel pavimento
2. Fissata sul pavimento.
Nel primo caso (1) seguire la istruzioni date in precedenza per la piastra
di dimensioni inferiori, assicurandosi di rimuovere la parte superiore del
pavimento per un’area di 2010 x 2010 mm.

(Rev. 4) 5-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Pre-installazione

Nel secondo caso (2), la piastra andrà fissata a pavimento sfruttando i


relativi fori di fissaggio e mascherata tramite la costruzione di un rialzo
che vada a ricoprire la struttura della piastra stessa.

I requisiti per una corretta installazione sono:


• minima altezza del locale richiesta: 3m
• per il trasporto della macchina all’interno del locale, le porte
dovranno avere una dimensione di:
– 90cm per il materiale senza imballo
– 110cm per il materiale imballato
• Le canaline a pavimento dovranno avere una sezione di:
– 4 x 4cm per la canalina D
– 12 x 8cm per la canalina C
– 4 x 4cm per la canalina B.

Il Mercury 332 può essere installato tre giorni dopo il termine delle
murarie.

MERCURY 332 5-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Pre-installazione

5.1 Predisposizione elettrica

• ALIMENTZIONE 380/400V Trifase+Terra


• FREQUENZA 50Hz
• POTENZA ASSORBITA 3.5kVA
• CORRENTE ASSORBITA 4A
• RESISTENZA APPARENTE DI LINEA < 1Ω

ATTENZIONE:
L’apparecchio può essere collegato direttamente alla rete o in “cascata” al
generatore raggi. In entrambi i casi i conduttori di alimentazione trifase
dovranno essere di sezione minima non inferiore a 4.0 mm².
• Collegamento diretto alla rete:
Predisporre un interruttore automatico completo di fusibili come da
norme vigenti nel paese di installazione.
• Collegamento al generatore:
Verificare sul manuale del generatore che i punti di collegamento
siano corretti per valori di carico ed isolamento.
La messa a terra generale deve rispondere alle normative vigenti. La non
buona qualità della messa a terra dell’apparecchio può creare pericoli per
l’incolumità dell’operatore e/o cattivo funzionamento delle
apparecchiature elettroniche.

(Rev. 4) 5-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Pre-installazione

5.2 Adattamento alla tensione di rete

Il trasformatore di isolamento ed alimentazione (T1) del Mercury 332 è


corredato da 2 gruppi di morsetti (R S T) di alimentazione
dell’avvolgimento primario.
Un gruppo è realizzato per connettere l’alimentazione 380V, l’altro 400V.
L’apparecchio può essere fornito con predisposizione per allacciamento a
380V o a 400V. Tale predisposizione deve essere specificata all’atto
dell’ordine e viene effettuata in fabbrica prima della spedizione.
Prima di alimentare l’apparecchio, verificate che la tensione di rete
corrisponda alle predisposizioni dell’apparecchio accertandovi che:
• la targhetta caratteristica riporti il valore di tensione corretto
(l’ubicazione delle targhette è descritta al paragrafo 3.1)
• il collegamento del primario del trasformatore di isolamento
alimentazione principale T1 corrisponda alla tensione di rete.

5.3 Condizioni ambientali

Per le condizioni ambientali di esercizio e trasporto/stoccaggio si devono


rispettare i dati riportati al capitolo 4.1.

5.4 Requisiti di spazio

Lo spazio operativo necessario sul frontale è di 1000 mm. Ai lati è


necessario uno spazio come da Figura 5-2.

ATTENZIONE:
L’armadio elettrico è dotato di ruote, al solo scopo di facilitare l’accesso al
pannello posteriore durante le operazioni di installazione e
manutenzione.
Tali ruote non sono dimensionate per trasportare l’apparecchio,
nemmeno per brevi tratti.

MERCURY 332 5-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Pre-installazione

Figura 5-1

Figura 5-2

(Rev. 4) 5-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Pre-installazione

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

MERCURY 332 5-6 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

6 INSTALLAZIONE

ATTENZIONE:
Procedendo nelle attività di installazione meccanica e collegamento
elettrico di seguito descritte rispettare tutte le norme di sicurezza
previste:
• indossare vestiario antinfortunistico (scarpe, guanti, occhiali quando
necessario)
• evitare il sollevamento di pesi eccessivi
• agire sempre in condizioni di estrema sicurezza
• accedere a componenti elettrici solo dopo aver scollegato l’impianto
dalla rete sincerandosene di persona.

L’apparecchio viene spedito premontato a gruppi. Il montaggio meccanico


consiste esclusivamente nell’assemblaggio di questi ultimi.
La tensione delle catene, la registrazione dei cuscinetti e le eventuali
coppie di serraggio sono quindi effettuate prima della consegna, con le
seguenti caratteristiche:
• catena traslazione longitudinale trave 8Nm
• catena traslazione gruppo seriografo-tubo 8Nm
• catena pendolazione 7Nm
• catena movimento longitudinale pannello freccia a 0 mm
• catena movimento trasversale pannello freccia a 0 mm.

Ogni intervento su questi particolari, oltre che non essere


necessario, può causare un cattivo funzionamento
dell’apparecchiatura.

(Rev. 4) 6-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

6.1 Montaggio del basamento

Il complesso basamento-trave portante viene spedito già montato e


imballato in una sola cassa.
Togliere le pareti dell’imballo e trasportare il complesso nel locale
d’installazione. Togliere le quattro viti (A - Figura 6-1) a testa esagonale
dalla piastra di fissaggio, posizionare il basamento e fissarlo con le stesse
viti.
Eseguire un primo controllo del livellamento e provvedere eventualmente
con spessori.

Figura 6-1

MERCURY 332 6-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

6.2 Montaggio del carrello porta colonna

Il carrello porta colonna viene spedito già montato su una incastellatura


in legno che serve al trasporto ed è dimensionato in altezza in modo da
permettere un facile accoppiamento nelle guide della trave portante.

NOTA:
Il gruppo cremagliera-attuatore DFF viene spedito fissato solidamente
nella posizione che permette fasatura tra la DFF e l’altezza strato. Non
rimuovere per alcuna ragione il fermo (A) del gruppo prima di aver
eseguito le operazioni descritte nei paragrafi 6.3 e 6.4.
Verificare che tra l’estremità inferiore della cremagliera e il piano del
carro seriografo la distanza sia pari a 40 ± 5mm.

Per il montaggio del carrello porta colonna procedere con il metodo


seguente:
1. Posizionare l’incastellatura in modo tale da imboccare i cuscinetti
nelle due guide (A - Figura 6-2) superiore e inferiore e sulla guida
quadra centrale (B - Figura 6-2).
2. Togliere l’incastellatura in legno.
3. Far scorrere il complesso sulle guide e controllare, su tutta la
lunghezza della trave, il corretto funzionamento dei cuscinetti.
Montare il fissaggio guaina (C - Figura 6-2). Fissare sulla trave la
squadretta porta connettori (A - Figura 6-3).

Figura 6-2 Figura 6-3

(Rev. 4) 6-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

6.3 Montaggio della trave porta torretta

La trave spedita su una incastellatura che ne permette manovrabilità e


trasporto con mezzi usuali.
1. Montare sulla base i bracci portanti di sostegno i quali presentano le
seguenti differenze:
• Lato testa - 3 cave fissaggio piano porta paziente (A - Figura 6-4)
• Lato piedi - 4 cave fissaggio piano porta paziente (B - Figura 6-4).

Figura 6-4

2. Fissarli con le 10 viti a brugola (per ogni lato) senza serrare.


3. Avvitare sulle testate posteriori dei due bracci i perni di servizio (A
- Figura 6-5) fissati sull’incastellatura della trave. Infilare la trave sui
due perni di servizio utilizzando i fori previsti nella stessa.

Figura 6-5

4. Accostare progressivamente la trave ai due bracci facendola scorrere


sui perni di servizio.

MERCURY 332 6-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

5. Unire le piastre (A e B - Figura 6-6) centrandole tra di loro. Infilare il


pignone (C - Figura 6-6) nel foro della torretta. Non forzare il pignone,
ma muovere la piastra (B - Figura 6-6) per far ingranare i denti.

Figura 6-6

6. Controllare che il complesso trave posteriore, bracci portanti sia


allineato e in squadra.
7. Ottenute le condizioni di cui sopra sbloccare la trave ai due bracci di
sostegno mediante otto viti.
8. Bloccare le venti viti a brugola dei due bracci.
9. Togliere i perni di servizio e l’incastellatura in legno.

(Rev. 4) 6-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

6.4 Montaggio della colonna porta tubo

1. Ruotare su se stesso il motore della DFF in modo da allungare


l’attuatore per circa 20cm.
2. Smontare dalla colonna porta tubo la staffa di supporto carter
(A - Figura 6-7).
3. Infilare la colonna porta tubo nella colonna carrello.
4. Fissare il motore DFF con le 2 viti poste sulla parte superiore.
5. Collegare il morsetto per l’alimentazione del motore DFF.
6. Agganciare il filo metallico della puleggia (B - Figura 6-7) all’apposito
gancio.
7. Controllare che il filo sia ben teso e che sia avvolto nel senso della
freccia.

Figura 6-7

ATTENZIONE:
Rimuovere a questo punto il blocchetto coordinatore "A" (vedi Nota
al paragrafo 6.2) di fissaggio cremagliera.

MERCURY 332 6-6 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

6.5 Montaggio del gruppo compressore

Posizionare il compressore (A - Figura 6-8) davanti alla colonna del


carrello (B - Figura 6-8) e fissarlo con le sei viti.
Fissare il cavo ondulato del compressore al passacavo (C - Figura 6-8) in
modo da permettere tutta la corsa del compressore stesso e della DFF.

Figura 6-8

(Rev. 4) 6-7 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

6.6 Montaggio dei telai porta IB e porta seriografo

1. Rimuovere i due supporti cuscinetti posteriori e la barra di correzione


parallasse del telaio (Figura 6-11).

NOTA:
L’apparecchio è spedito con due differenti barre di correzione
(Figura 6-10).
• A: Per IB da 9" ÷ 12" (code 5268348200)
• B: Per IB da 14" ÷ 16" (code 5268348600)

2. Posizionare la barra opportuna (in funzione delle dimensioni dell’I.B.


da installare) nella parte frontale della colonna di pendolazione sotto
la trave (C - Figura 6-9).
3. Inserire il cuscinetto oscillante posteriore della barra prescelta nella
guida della colonna.
4. Posizionare il telaio porta I.B. sulla base e fissarlo alla barra di
correzione parallasse. Fissare il telaio al cuscinetto lineare (D
- Figura 6-9).
5. Rimontare i due cuscinetti (B - Figura 6-11) sulla parte posteriore del
telaio e posizionarli nelle due guide quadre (A - Figura 6-11).
6. Montare la trave (B - Figura 6-9) al carrello colonna (C - Figura 6-9)
senza serrare le viti relative.
7. Montare la parte anteriore (E - Figura 6-9) ai traversi senza serrare le
viti. Fissare i traversi al cuscinetto lineare (D - Figura 6-9).

MERCURY 332 6-8 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

Figura 6-9 Figura 6-10

Figura 6-11

(Rev. 4) 6-9 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

6.7 Montaggio del seriografo

1. Rimuovere le due viti di fissaggio posteriori e le due inferiori.


2. Appoggiare il seriografo sul telaio e fissarlo alla trave del carrello
porta colonna con le viti posteriori.
3. Fissare il seriografo al telaio nella parte anteriore con le viti inferiori.
4. Serrare ora tutte le viti del telaio porta seriografo.

Figura 6-12

6.8 Montaggio della camera di ionizzazione (optional)

Rimuovere i carter del seriografo. Montare la camera nei supporti


(A - Figura 6-12). Fare passare il cavo secondo il percorso illustrato in
Figura 6-13.
Controllare che il cavo non interferisca nei movimenti della griglia e dei
meccanismi del seriografo.

Figura 6-13

MERCURY 332 6-10 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

6.9 Montaggio dell'IB

Rimuovere dal telaio la piastra porta I.B. (A - Figura 6-14).


Montare la piastra sull’intensificatore. Tenere presente in questa fase che
la telecamera dovrà venirsi a trovare dal lato piedi del tavolo di esame.
Fissare ora il tutto al telaio con le sei viti a brugola (B - Figura 6-14).

Figura 6-14

(Rev. 4) 6-11 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

6.10 Montaggio del complesso radiogeno

NOTA:
In caso il collimatore sia di tipo ad IRIDE, montare il distanziale di forma
circolare ∅ 120mm / spessore 3mm (cod. 51748927), ubicato all'interno
della scatola del collimatore stesso, tra il conetto e il supporto guaina
orientabile; questo permetterà il corretto montaggio della copertura tubo.
Tenere in considerazione che tale operazione aumenterà la distanza tra il
collimatore e il fuoco del tubo. Al fine di mantenere una adeguata
corrispondenza tra il campo raggi ed il campo luce collimatore si dovrà
allontanare il filamento della lampada dallo specchio di circa 3 mm; per
fare ciò fare riferimento al manuale del collimatore, capitolo "Calibrazione
del Collimatore".

Per mezzo di 4 viti fissare il conetto e la copertura cuffia alla cuffia.


Montare il collimatore automatico fissandolo al conetto piombato
(Figura 6-15). Infilare il complesso sul perno (Figura 6-16). Il disco del
perno presenta un riferimento segnato in rosso che dev’essere sulla
verticale (in alto) quando il collimatore è rivolto verso il piano porta
paziente. Inoltre il microinterruttore di abilitazione raggi deve essere nella
cava apposita.
Questo consente di ottenere le corrette posizioni intermedie. Bloccare con
apposita vite a brugola.
La maniglia permette lo sblocco della rotazione del complesso radiogeno.
Il dispositivo illustrato in Figura 6-16 permette una perfetta centratura
del complesso radiogeno sull’asse trasversale della tavola. Questa
operazione va eseguita ad installazione ultimata utilizzando la luce del
collimatore.

Figura 6-15 Figura 6-16

MERCURY 332 6-12 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

6.11 Montaggio della tavola porta paziente

1. Posare la tavola sui due bracci di supporto con il gruppo motori dal
lato piedi.
2. Mettere due piccoli spessori tra la tavola e i due bracci di supporto.
3. Muovere con un cacciavite il cursore di fissaggio (A - Figura 6-17) in
modo da fare coincidere i fori filettati (B - Figura 6-17) con i
corrispondenti fori (C - Figura 6-17).
4. Avvitare (senza serrare ) le viti a brugola in dotazione, (collocate sulla
tavola porta paziente), ripetere l’operazione dall’altro lato della tavola.
5. Controllare che risulti in squadra alla struttura di supporto, indi
bloccare le viti.

Figura 6-17

(Rev. 4) 6-13 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

6.12 Collegamento alla linea di alimentazione

ATTENZIONE:
Accertarsi che la linea d’alimentazione sia disabilitata.

1. Collegare il conduttore di terra di protezione di sezione pari o


maggiore a 4mm² al morsetto G/V, della morsettiera X0.

2. Collegare i conduttori R (L1), S (L2), T(L3) d’alimentazione ai morsetti


contrassegnati R,S,T della morsettiera X0. Dopo averli collegati si
dovrà fascettarli insieme a non più di 3cm dai relativi morsetti.

• Tutti i conduttori di segnali e BT sono collegati con spine e prese tipo


CANNON e HIRSHMANN
• tutti i conduttori di potenza per alimentazione motori sono collegati
con morsetti a vite tipo CABUR a norme UL. Dopo averli fissati si
dovrà fascettarli a gruppi di almeno tre conduttori a non più di
3cm dai relativi morsetti
• i motori di pendolazione e ribaltamento sono collegati con cavi
schermati
• i potenziometri dei movimenti longitudinale e trasversale barella e del
carro seriografo sono collegati con il cavo schermato X29
• il cavo X31 è inserito nella guida-cavi, che dovrà essere fissata come
illustrato in Figura 6-18
• i cavi di terra motori movimento longitudinale e trasversale piano
porta paziente (12) e motore movimento carro (13) dovranno essere
inseriti nella guida-cavi (A - Figura 6-18).

Figura 6-18

MERCURY 332 6-14 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

ATTENZIONE:
Rispettare tassativamente la numerazione, lo schema di passaggio ed il
collegamento dei cavi di terra come illustrato in Figura 6-19, Figura 6-20
e Figura 6-21.
La mancanza di ciò, o l’errato collegamento possono causare cattivo
funzionamento della apparecchiatura.
Non collocare nessun elemento elettrico estraneo nell’armadio
strumentazione perché ciò potrebbe causare disturbi o interferenze al
sistema.

(Rev. 4) 6-15 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

STATOR

H.V.

X25

X23

X54

RACK/CONSOLE

X45

X47
X54 IONIZATION
X36
X46
X34
H.V.

X30

X26 I.I. CAMERA


X20
10 ANGULATION X2
11 BRAKE
I.I. CAMERA X33
12 STATOR
13 X36
14 2
X34 14
X46
X47
AMPLIMAT ANGULATION 15
CHAMBER BRAKE
X24 X29
X26 TILTING
BRAKE
Female
Male
X35

X21

X55

Figura 6-19: Schema passaggio cavi inguainati e messa a terra

6-16 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

X26
X18

X19

8(X26)
3
7(X26)

X28

X31

X27

Figura 6-20: Schema passaggio cavi liberi

(Rev. 4) 6-17 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

X26 X12
X13
X19 X17

X25 X4

X29
X54
X33
X20
X24
X2
X30
X8
X23

4-5-6
7-8-9 X47
X11
X25 X10 X46

X6

2-3-5-10-11 X1
12-13-14 X34
6 X18 X14
9 8 X35

X5
X23
4 X3
7 X2
X54

X36

3
X55
X21

X46 X33
11

10
X56
X45
RACK/CONSOLE X6

X36
X30
X47
12

X21
X28
X29

RACK

X9 X0,E1,E2,2
X22
X1
15
14
X31

13
CONSOLE
X27

Figura 6-21: Schema punti di connessione cavi e messa a terra

(Rev. 4) 6-19 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Installazione

Figura 6-22: Schema installazione carter

(Rev. 4) 6-21 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento del tavolo

7 LOGICA DI FUNZIONAMENTO DEL


TAVOLO
Il circuito logico di controllo elettronico del Mercury 332 è composto da:
• una scheda "console" con a bordo la componentistica elettronica
destinata al suo funzionamento, i tasti di comando, i relativi led di
segnalazione ed un microprocessore del tipo MC68332 (Motorola).
Su questa scheda è presente una Eprom del tipo 27C256 32Kx8
contenente il programma realizzato per:
– monitorare la condizione dei tasti e dei joystick presenti sulla
console ed inviarli alla scheda principale
– ricevere dalla scheda principale l'accensione dei led attivi e i dati
da visualizzare sui display.
Questo processore dialoga con la scheda principale posta nel rack
attraverso una linea seriale
• una scheda "rack" con a bordo tutta la componentistica elettronica
destinata al suo funzionamento, i driver per le uscite e le porte per gli
ingressi.
Su questa scheda sono presenti 2 microprocessori di tipo differente.
Il primo, uguale a quello che si trova sulla scheda "console", è
accoppiato a 2 Eprom tipo 27C1001 128Kx8 ed ha il compito di
controllare e gestire tutte le funzioni del tavolo.
In queste 2 Eprom è contenuto il programma operativo. La versione
di tale programma è identificato con un numero di revisione riportato
sull’etichetta presente sulle Eprom. Il programma contiene la data e
l’ora di compilazione che ne rendono certa l’identificazione.
Per visualizzare questi dati si dovrà eseguire la seguente procedura:
1. Premere il tasto D (Figura 7-1) per 5 secondi. Allo scadere di
questo tempo sui display appare:
– display 1 = 002 riportante il numero della pagina utilizzata
per la scrittura dei codici di accesso
– display 2-3-4 = 000 in attesa della scrittura della chiave di
accesso
– display 5 = spento.
2. Premere il tasto E (Figura 7-1).
Sui display appare la scritta DATA e ORA di compilazione della
versione Software in uso.
L’apparecchio che segue questo manuale è dotato della:
Version X.X
identificabile sui display consolle:
DD.MM.YY HH.MM
3. Premere il tasto G (Figura 7-1).
4. Premere il tasto D (Figura 7-1) per 5 secondi. L’apparecchio
ritorna nelle condizioni di utilizzo standard.
Il secondo, Z80, accoppiato ad una Eprom tipo 27C256 32Kx8 ha la
funzione di "controllore" per la verifica, in aggiunta al primo
processore, del corretto funzionamento del tavolo secondo il principio
Single Fault (SF).
(Rev. 4) 7-1 MERCURY 332
MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento del tavolo
Questa logica di funzionamento verrà analizzata nel capitolo 10.

MERCURY 332 7-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento del tavolo

Figura 7-1

(Rev. 4) 7-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento del tavolo

7.1 Sequenze di funzionamento

7.1.1 Sequenza di accensione ed inizializzazione

All'atto dell'accensione tutta la parte elettronica viene alimentata grazie al


contatto del relè K17L che alimenta il primario del trasformatore T4.
A questo punto il processore principale ed il controllore iniziano ad
eseguire le verifiche atte ad accertarsi che tutte le condizioni di macchina
siano regolari.
Se ciò è rispettato sia il processore principale che il controllore attivano
dopo un tempo di 3 sec. il rispettivo relè di "ready".
I contatti aperti di questi 2 relè sono collegati in serie.
Una fase della bobina del teleruttore di potenza K1L è interrotta dalla
serie di questi 2 relè.
La loro attivazione permetterà quindi l'eccitazione di K1L che grazie alla
chiusura dei suoi contatti alimenterà i circuiti di potenza del tavolo.
Dopo un tempo di 3 sec. il processore attiva il relè K36 il cui contatto
alimenta le bobine dei teleruttori di potenza dei motori carrello e
limitatori del seriografo (K11M e K12M).
A questo punto i movimenti carrello seriografo e limitatori iniziano la loro
procedura di inizializzazione che ha come scopo il raggiungimento dei
microinterruttori di posizione 0 per determinare la tacca di inizio
conteggio degli encoder.
Durante tutto questo periodo, da quando cioè il tavolo è stato alimentato
a quando i 2 movimenti hanno terminato la loro procedura di
inizializzazione, tutti i movimenti del tavolo sono inibiti e sul display 4
della console (Figura 7-1) appare la scritta lampeggiante "Ini"
(inizializzazione).
Quando la procedura di inizializzazione dei movimenti carrello e limitatori
del seriografo ha avuto buon fine, i display della console si accenderanno
mostrando i valori relativi alle posizioni del tavolo, la scritta lampeggiante
"Ini" scompare e tutti i movimento saranno abilitati.

MERCURY 332 7-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento del tavolo

7.1.2 Sequenza di attivazione di un movimento

Quando un joystick, destinato all'attivazione di un movimento, viene


azionato, 2 microinterruttori vengono contemporaneamente azionati.
Il primo invia il segnale di attivazione movimento, attraverso la linea
seriale, dalla console alla scheda principale.
Il secondo apre il circuito di SF che viene controllato sia dal processore
principale, sia dal controllore.
Se tutte le condizioni sono regolari, il processore attiverà dei relè posti
sulla scheda stessa che pilotano direttamente i motori, nei casi dei
movimenti barella trasversale e compressore, mentre per tutti gli altri
casi saranno attivate le uscite destinate all'eccitazione dei teleruttori di
potenza i cui contatti alimentano i motori.
Una volta lanciato il movimento il potenziometro di feed back viene
campionato per verificare la posizione e la velocità del movimento stesso.
Per visualizzare le condizioni di lavoro, tutte le uscite sono dotate di un
led di segnalazione che si illumina quando una uscita, sia essa di
movimento, sia essa di pilotaggio ad un accessorio esterno, è attiva.
Come rappresentazione a blocchi delle sequenze sopra descritte, quanto
mostrato di seguito può chiarire ulteriormente il funzionamento logico.

(Rev. 4) 7-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento del tavolo

SCHEMA A BLOCCHI SCHEMA A BLOCCHI


SEQUENZA DI ACCENSIONE MOVIMENTO SEMPLICE

Accensione tavolo Attivazione Joystick NO


Alimentazione parte di movimento
elettronica SF OK →
K17L e T4 ON SI ↓ ↓
Invio Seriale dati
Apertura Hardware NO
Verifica parte NO Segnalazione del circuito SF →
elettronica OK → ALLARMI SF OK
SI SI ↓ ↓
↓ Attivazione relè
3 sec. ↑ movimento o NO
Relè READY ON uscita logica →
K1L ON SF OK
SI ↓ ↓
Attivazione relè di NO Spegnimento
Verifica elettronica potenza HW → relè READY
NO Spegnimento SF OK
dell'Hardware Segnalazione
→ Relè READY ALLARMI
OK SI ↓
SI Movimento del NO
↓ motore →
3 sec. SF OK
K36-K11M-K12M SI ↓ ↑
ON Feed back NO
Start movimento potenziometro
motori seriografo per SF OK →
INIZ. SI ↓ ↑
Rilascio joystick
spegnimento uscite NO
Fine messaggio Arresto movimento
"Ini" →
richiusura circuito SF
abilitazione SW SF OK
movimento motori
tavolo

MERCURY 332 7-6 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento del tavolo

7.2 Condizioni di anomalia

Durante il funzionamento dell'apparecchio si possono verificare 3


differenti situazioni di anomalia:
• anomalia di condizione
• anomalia di funzionamento
• anomalia del circuito di potenza.

Queste 3 differenti situazioni causano delle conseguenze di seguito


analizzate.

7.2.1 Generazione di un allarme di condizione

Durante il funzionamento dell'apparecchio può accadere che si manifesti


una anomalia nel tavolo o in uno degli accessori collegati.
Se questa anomalia non compromette il funzionamento dell'impianto
(Esempio: il generatore non è "pronto" entro il tempo previsto), alcuni
movimenti saranno inibiti via SW ed il relativo allarme apparirà
lampeggiante sul display della console accompagnato da un "beep"
intermittente.
Per rimuovere l'allarme e riabilitare tutti i movimenti sarà necessario
azionare il joystick "J" (Figura 7-1) 2 volte nella direzione indicata dalla
freccia.
La prima azione tacita il "beep", la seconda resetta l'allarme e ripristina le
condizioni regolari.

MERCURY 332 7-6 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento del tavolo

7.2.2 Generazione di un allarme funzionale

Se viene riconosciuta dal processore una situazione di anomalia causata


dal controllo SF o da altri elementi interagenti con il processore che
potrebbe compromettere gravemente il funzionamento dell'apparecchio, i
relè di READY vengono diseccitati e sulla console appare un allarme
lampeggiante.
Questa condizione non è resettabile trattandosi come detto di una
anomalia "grave".
Si dovrà quindi indagare per scoprire la causa di tale effetto.
Per rimuovere l'allarme e riabilitare i movimenti sarà necessario spegnere
l'apparecchio.

NOTA:
Nel caso l'allarme venga generato dal controllore, (allarmi da 238 a 282)
la diagnosi lampeggiante sui display (Figura 7-1) della console avrà
sempre al primo posto l'allarme 080.
Ciò è dovuto al fatto che il processore principale riconosce sia la caduta
del teleruttore K1L sia l'allarme inviatogli dal controllore.

(Rev. 4) 7-7 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento del tavolo

7.2.3 Generazione di un allarme causato dal circuito di potenza

Se un movimento del tavolo o del seriografo dovesse per qualsiasi motivo


superare il fine corsa SW determinato dal potenziometro, un fine corsa di
emergenza verrà intercettato.
Ciò comporterà lo spegnimento di uno dei teleruttori di potenza:
• K1L = alimentazione potenza di tutto l'apparecchio
• K11M = alimentazione motore carrello seriografo
• K12M = alimentazione motore limitatori seriografo
con l'apertura conseguente di uno degli ingressi di controllo potenza
facenti capo alla scheda del processore principale (X10 pin 25 e pin 6).

Ciò determinerà lo spegnimento dei relè di READY da parte del


processore principale e del controllore, e genererà un allarme
lampeggiante sul display della console.
Questi allarmi (080 e 081) non sono resettabili.
Sarà quindi necessario spegnere l'apparecchio per rimuovere la
situazione di allarme.
Dopo aver rimosso le cause del guasto, per ripristinare le condizioni
normali di funzionamento si dovrà seguire la procedura di accensione
dopo arresto di potenza descritta nel capitolo 12.

Come rappresentazione a blocchi delle sequenze sopra descritte, quanto


mostrato di seguito può chiarire ulteriormente il funzionamento logico.

MERCURY 332 7-8 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento del tavolo

ALLARME DI ALLARME ALLARME


CONDIZIONE FUNZIONALE DI POTENZA

Anomalia tipo: Anomalia tipo: Anomalia tipo:


resettabile - Single Fault - Emergenza tavolo
- Componente - Emerg. seriografo
Allarme su
display ← Spegnimento Diseccitazione:
lampeggiante relè READY -K1L tavolo OR
-K11M carrello OR
Allarme su -K12M limitatori
Joystick reset: ↑
-1° beep OFF display:
-2° allarme OFF lampeggiante Apertura ingressi
NON -Tavolo (X10 / 25)
resettabile OR
Causa anomalia: NO -Seriografo (X10 / 6)
rimossa →
Spegnimento
YES ↓ apparecchio Allarme su display:
Ripristino lampeggiante
condizioni Ricerca -080 emerg. tavolo
normali di lavoro guasto OR
-081 emerg. seriogr..

Spegnimento
apparecchio

Ricerca
guasto

(Rev. 4) 7-9 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento del tavolo

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

MERCURY 332 7-10 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Collegamento interfaccia IN/OUT

8 COLLEGAMENTO INTERFACCIA IN/OUT


Tutti i segnali di ingresso ed uscita verso gli accessori come: generatore,
catena TV ecc. sono collegati alla scheda principale ed alla morsettiera
X0.
Le caratteristiche hardware di questi segnali sono elencate di seguito.

Caratteristich
Conn. X0 Tipo Descrizione Caratteristiche hardware
e elettriche
X05/01 05 OUT 0 Tubus Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs
X05/02 06 OUT 0 Fluoroscopia Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs
X05/03 07 OUT 0 Grafia Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs
X05/04 08 OUT 0 Preparazione Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs
X05/05 09 OUT 0 Preparazione in Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs digitale
X05/06 10 OUT 0 II scatto pedale Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs raggi
X05/27 19 IN Comune per Optomos ingresso comune max 125 Vac -
circuito IB 70 mA
X05/07 20 OUT IB min (IV con Optomos out polariz. in X05 max 125 Vac -
IB 4 campi) pin 27 70 mA
X05/26 21 OUT IB med (III con Optomos out polariz. in X05 max 125 Vac -
IB 4 campi) pin 27 70 mA
X05/08 22 OUT IB max (II con Optomos out polariz. in X05 max 125 Vac -
IB 4 campi) pin 27 70 mA
X05/10 23 IN Comune per Optomos ingresso comune max 125 Vac -
invers. video 70 mA
X05/09 24 OUT Inversione Optomos out polariz. in X05 max 125 Vac -
orizzon. video pin 10 70 mA
X05/28 25 OUT Inversione Optomos out polariz. in X05 max 125 Vac -
verticale video pin 10 70 mA
X17/01 27 OUT Analog. lumin. Output reostato da 0 a max 0.5 W
monitor 470 KΩ
X17/08 28 OUT Analog. contr. Output reostato da 0 a max 0.3 W
monitor 4.7 KΩ
X17/04 30 OUT Analogica per kV Output analogica da 1.8 a max 5 mA
manuali 6.5 V dc
X03/08 33 IN Generatore Input NPN attivo a 0 Vs max 10 mA
pronto per raggi
X05/30 34 OUT 0 Prima velocità Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs Tomo
X05/12 35 OUT 0 Seconda velocità Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs Tomo
X05/31 36 OUT 0 Angolo Tomo 7° Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs

(Rev. 4) 8-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Collegamento intefaccia IN/OUT
X05/13 37 OUT 0 Angolo Tomo 20° Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs
X05/32 38 OUT 0 Angolo Tomo 30° Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs
X05/14 39 OUT 0 Angolo Tomo 45° Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs

MERCURY 332 8-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Collegamento interfaccia IN/OUT

Caratteristich
Conn. X0 Tipo Descrizione Caratteristiche hardware
e elettriche
X05/33 40 OUT 0 Raggi ON senza Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs richiesta
X05/34 42 OUT 0 kV-mA scopia Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs man./auto
X03/21 46 IN X-ray on Input NPN attivo a 0 Vs max 10 mA
X03/19 47 IN Digitale Input NPN attivo a 0 Vs max 10 mA
selezionata
X03/09 58 IN Richiesta scopia Input NPN attivo a 0 Vs max 10 mA
pulsata
X03/07 59 IN Seriografo Input NPN attivo a 0 Vs max 10 mA
selezionato
X05/29 60 OUT 0 Start scopia Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs pulsata
X14/10 64 OUT 0 Motion detection Transistor open collector NPN max 100 mA
Vs (N.A.)

INGRESSI DI SERVIZIO PER IMPOSTAZIONE DATI


X03/05 43 IN Potentiometer Input NPN active at 0 Vs max 10 mA
setting
X03/18 44 IN Installation data Input NPN active at 0 Vs max 10 mA
X03/06 45 IN PDI motor data Input NPN active at 0 Vs max 10 mA
X03/12 49 OUT Input common Output 0 Vs max 10 mA

(Rev. 4) 8-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Collegamento intefaccia IN/OUT

8.1 Logica di funzionamenti Input / Output

I seguenti input / output sono pilotati dal software seguendo delle


sequenze logiche.
Nella tabella sono descritte le condizioni di funzionamento.

Ingresso Condizione di attivazione Condizione di disattivazione


X-ray ON - Esposizione attiva nel generatore Fine raggi
(kV al 75% del valore nominale)
- Scopia attiva
Generatore Generatore pronto per l'emissione Generatore in condizioni di
pronto per preparazione non ultimata
raggi
Digitale Posto di lavoro "digitale" selezionato Posto di lavoro "digitale"
deselezionato
Seriografo Posto di lavoro "seriografo" Posto di lavoro "seriografo"
selezionato deselezionato
Richiesta Digital is set for the Fluoro pulse Digital is set for the continuous
scopia mode fluoro mode
pulsata

Uscita Condizione di attivazione Condizione di disattivazione


Fluoroscopia - Tubo a 0 gradi Una delle condizioni per l'attivazione
- Carrello Seriografo in park mancante
- Comando premuto
- Collimatore in modo auto e
auto+hold
SE collimatore in modo manuale:
- Entrambi gli assi < = posizione IB
Preparazione - Tubo a 0 gradi Comando rilasciato O tubo NON a 0
- Cassetta presente e divisione gradi O ingresso presenza raggi OFF
scelta (solo per modo seriografo e dopo un'esposizione
non per modo DSI)
- Angolo e velocità selezionati (solo
per modo tomo)
- Collimatore in modo auto
- Comando premuto (1° scatto)
Preparazione - Tubo a 0 gradi Comando rilasciato O tubo non a 0
digitale - Digitale selezionata gradi
- Collimatore in modo auto
- Comando premuto (1° scatto)
II scatto - Preparazione attiva Comando rilasciato O una della
pedale raggi - Limitatori seriografo in posizione condizioni mancanti
(non per modo DSI)
- Carrello seriografo in posizione
(non per modo DSI)
- Collimatore in posizione (solo in
modo auto)
- Comando premuto (II scatto)
Grafia - Ingresso "generatore pronto" attivo Comando rilasciato O ingresso

MERCURY 332 8-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Collegamento interfaccia IN/OUT
- Ritardo partenza griglia scaduto presenza raggi OFF dopo
(non per modo DSI) un'esposizione

(Rev. 4) 8-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Collegamento intefaccia IN/OUT

Uscita Condizione di attivazione Condizione di disattivazione


kV/mA - Comando sul pulsante: - Comando sul pulsante:
manuali • LED pulsante ON • LED pulsante OFF
• output OFF • output ON
IB max - Comando sul pulsante: - Comando sul pulsante IB medio O
• LED pulsante ON sul pulsante IB min:
• output ON • LED pulsante OFF
• output OFF
IB medio - Comando sul pulsante: - Comando sul pulsante IB max. O
• LED pulsante ON sul pulsante IB min:
• output ON • LED pulsante OFF
• output OFF
IB min - Comando sul pulsante: - Comando sul pulsante IB medio O
• LED pulsante ON sul pulsante IB max:
• output ON • LED pulsante OFF
• output OFF
Inversione - Comando sul pulsante: - Comando sul pulsante:
orizzontale • LED pulsante ON • LED pulsante OFF
video • output ON • output OFF
Inversione - Comando sul pulsante: - Comando sul pulsante:
verticale • LED pulsante ON • LED pulsante OFF
video • output ON • output OFF
Tubus Collimatore base < = 20.6 cm O - Collimatore base > 20.6 cm E
collimatore altezza < = 20.6 cm - Collimatore altezza > 20.6 cm
Analogica kV - aumento tensione con
manuali di pulsante kV+
scopia V ref. - diminuzione tensione con
pulsante kV-
Nota: range tensione: +1.6 ÷ +6 V dc.
Analogica - aumento tensione con pulsante
regolazione luminosità +
luminosità - diminuzione tensione con pulsante
monitor V ref luminosità -
Nota: range di regolazione:
0 ÷ 470Kohm.
Analogica - aumento tensione con pulsante
regolazione contrasto +
contrasto - diminuzione tensione con pulsante
monitor V ref contrasto -
Nota: range di regolazione:
0 ÷ 4.7Kohm.
1^ velocità di - Tomo ON e 1^ velocità selezionata - Tomo OFF O Digitale ON O
Tomo 2^ velocità selezionata
2^ velocità di - Tomo ON e 2^ velocità selezionata - Tomo OFF O Digitale ON O
Tomo 1^ velocità selezionata
Tomo angolo - Angolo 7° selezionato Angolo 7° deselezionato O
7° selezion. Digitale ON
Tomo angolo - Angolo 20° selezionato Angolo 20° deselezionato O
20° selezion. Digitale ON
Tomo angolo - Angolo 30° selezionato Angolo 30° deselezionato O
30° selezion. Digitale ON
MERCURY 332 8-6 (Rev. 4)
MANUALE DI SERVIZIO
Collegamento interfaccia IN/OUT

Uscita Condizione di attivazione Condizione di disattivazione


Tomo angolo - Angolo 45° selezionato Angolo 45° deselezionato O
45° selezion. Digitale ON
Start Scopia - Comando scopia attivo Comando rilasciato O una delle
pulsata - Ingresso comando scopia pulsata condizioni mancanti
attivo
- Ingresso generatore READY attivo
Raggi ON Raggi OFF Con posto di lavoro "digitale" o
senza Nota: L'uscita è attiva in condizioni "seriografo" selezionato e presenza
richiesta di normale funzionamento. E' raggi ON senza richiesta di scopia e
disattivata in condizione di grafia
allarme. Questo
funzionamento è inverso
rispetto a tutti gli altri OUT.
Motion Uno o più movimenti attivi tra: Nessuno dei movimenti:
detection - Barella longitudinale lato piedi - Barella
(N.A.) - Barella longitudinale lato testa - Carri
- Barella trasversale lato interno - Pendolazione
- Barella trasversale lato esterno attivo
- Carri lato testa
- Carri lato piedi
- Pendolazione lato testa
- Pendolazione lato piedi

(Rev. 4) 8-7 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Collegamento intefaccia IN/OUT

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

MERCURY 332 8-8 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Collegamento interfaccia IN/OUT

DOCUMENTO PER TECNICO


AUTORIZZATO
(da rimuovere dal presente manuale)

RIFERIMENTO CODICI DI ACCESSO

Codice di Codice
riferimento accesso

Rif. 1 488591

Rif. 2 48859284

Rif. 3 229879

(Rev. 4) 8-9 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Collegamento intefaccia IN/OUT

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

MERCURY 332 8-10 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9 DESCRIZIONE DELLA TECNICA DI


IMPOSTAZIONE DEI DATI
Tutti i dati necessari alla configurazione, al funzionamento ed alla
taratura del Mercury 332 sono contenuti in EEprom compresa la
Checksum che viene aggiornata ad ogni variazione di dato.
All'atto dell'accensione i dati vengono caricati in Ram, ricalcolata la
Checksum dei dati ricevuti e eseguita la comparazione con quella
presente in EEprom. Nel caso non vi sia corrispondenza tra i due dati
viene generato l’allarme 090.
Allo spegnimento, i dati in Ram vengono persi mentre quelli in EEprom
sono conservati.
La presenza della batteria tampone è necessaria solo per la copiatura
delle EEprom come descritto al paragrafo 9.5.
I dati contenuti in EEprom sono suddivisi in "gruppi".
All'interno di ognuno di questi gruppi vi possono essere fino a 99 "celle"
di posizione.
Una posizione di memoria sarà quindi configurata con 3 cifre di cui:

0 00
↓ ↓
Numero di gruppo Posizione della cella
Per accedere alla sola lettura dei dati contenuti in queste celle sarà
sufficiente eseguire dei ponti in modo da inviare lo 0 Vs agli ingressi
destinati a questo tipo di funzione.
Per poter anche modificare, quindi scrivere i nuovi dati nelle celle, sarà
necessario oltre che realizzare i relativi ponti, digitare un codice di
accesso.
Nella tabella di seguito riportata sono elencate le suddivisioni dei gruppi
di dati con le loro funzioni, gli ingressi da collegare a 0 Vs (morsetto
X0/49) ed i codici di accesso da digitare.
Nella tabella e nei paragrafi seguenti i codici di accesso sono indicati con
un riferimento.
Nel foglio allegato questi codici sono indicati per intero.

ATTENZIONE:
Per evitare che persone estranee possano accedere alle celle di memoria e
modificarle, causando malfunzionamento dell’apparecchio, si consiglia al
Tecnico Autorizzato di rimuovere tale documento presente alla pagina 8-
7.

(Rev. 4) 9-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Ingresso X0 Codice Gruppo Funzione


accesso
X03/12 49 // // Comune ingressi 0 Vs
X03/05 43 Rif.1 pag. 8.7 100 Taratura potenziometri
X03/18 44 Rif.2 pag. 8.7 200 Parametri di installazione
X03/06 45 Rif.1 pag. 8.7 300 Dati per assi motori
X03/05 + 43 + 44 Rif.3 pag. 8.7 400 Corse dei movimenti e misure di
X03/18 macchina
500 Corse carrello seriografo
600 Corse limitatori seriografo
X03/05 + 43 + 45 Rif.1 pag. 8.7 700 Copiatura EEprom
X03/06
X03/18 + 44 + 45 Rif.3 pag. 8.7 800 Prova vita seriografo
X03/06

MERCURY 332 9-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

NOTA:
Le procedure indicate nei paragrafi seguenti, spesso fanno riferimento
alla Figura 9-16 posta alla fine del presente capitolo.
Per consultare facilmente tale figura, aprire la pagina in modo di renderla
visibile durante la lettura delle altre pagine del manuale.

9.1 Accesso al gruppo 100 – Taratura potenziometri

Come detto in precedenza il Mercury 332 basa il controllo dei suoi


movimenti sul feed back generato dai potenziometri.
Questi potenziometri devono essere quindi tarati, deve cioè essere
memorizzato il valore di riferimento della tensione corrispondente al fine
corsa minimo e massimo, nelle celle corrispondenti localizzate nella
EEprom.

Per accedere alla lettura dei dati contenuti nel gruppo 100 si dovrà
seguire la seguente procedura:
1. Spegnere l'apparecchio e chiudere a 0 Vs l'ingresso X03 pin 05
(ponte X0/49 - X0/43).
2. Accendere l'apparecchio. Sui display della console (Figura 9-16) sarà
visualizzato:
• Display 1 = numero del gruppo e della cella impostata
• Display 2 = migliaia di unità della posizione che il movimento
dovrà raggiungere, lampeggiante
• Display 3 = centinaia, decine ed unità della posizione che il
movimento dovrà raggiungere, lampeggiante
• Display 4 = decimali della posizione che il movimento dovrà
raggiungere, lampeggiante
• Display 5 = Valore del potenziometro nella posizione attuale
dopo la conversione ADC. Questo valore è compreso
tra 0 e 4095.

NOTA:
In questo programma il seriografo (quando presente) esegue la procedura
di inizializzazione solo per il movimento del carrello per poter eseguire la
taratura dei potenziometri formato cassetta.
I limitatori non vengono in questa fase attivati.

3. Utilizzando i tasti G ed E (Figura 9-16) si può rispettivamente


incrementare e decrementare il numero della cella da visualizzare.
Come detto in precedenza in questa fase non è possibile né
modificare alcuna impostazione, né eseguire alcun movimento.

(Rev. 4) 9-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Per ottenere ciò:

4. Premere il tasto D (Figura 9-16) per 5 sec. Allo scadere di questo


tempo sui display (Figura 9-16) appare:
• Display 1 = 002 riportante il numero della pagina utilizzata
per la scrittura dei codici di accesso
• Display 2-3-4 = 000 in attesa della scrittura della chiave di
accesso
• Display 5 = spento.
5. Premere il tasto F (Figura 9-16). Sul display 5 appare la scritta
lampeggiante CORR che indica la possibilità di scrittura della chiave
di accesso.
6. Impostare la chiave relativa a questo gruppo di dati (Rif. 1 pag.8-7)
per mezzo dei tasti numerici (Figura 9-16). Questa impostazione
apparirà scorrendo da destra verso sinistra sulle cifre dei display 2-
3-4.
7. Premere sul tasto F (Figura 9-16) per confermare.
Se il tasto di conferma non viene premuto entro 15 sec. dal momento
dell'impostazione dell'ultima cifra, il messaggio CORR lampeggiante
scompare, quanto scritto scompare dai display e nella memoria
rimane il dato non modificato.
Se il tasto di conferma viene invece premuto entro il termine previsto,
sul display 5 appare la scritta lampeggiante C137 che indica la
possibilità di accesso, grazie all'utilizzo della chiave appena digitata,
ai gruppi 100-300-700 in funzione di quali ingressi sono collegati a 0
Vs.
8. Mantenere il tasto D (Figura 9-16) premuto per 5 sec.
I display ritornano alla posizione del gruppo 100 abbandonata nel
momento di ingresso alla pagina 002.

A questo punto sarà possibile modificare i dati delle celle facenti parte di
questo gruppo.
Sarà inoltre possibile eseguire i movimenti per la taratura dei
potenziometri utilizzando il joystick H (Figura 9-16).
In questo programma solamente questo joystick sarà attivo e il motore
che verrà azionato dipenderà dalla cella impostata.
Azionando il joystick verso l'alto, il movimento impostato avrà la direzione
verso il suo massimo ed il valore numerico del potenziometro indicato sul
display 5 aumenterà.
Azionando il joystick verso il basso il movimento avrà la direzione
opposta, verso il suo minimo, ed il valore del potenziometro diminuirà.
In questo programma le velocità dei vari movimenti sono impostate
automaticamente dal software di taratura e non sono modificabili.
Durante la fase di taratura il programma di anticollisione non è attivo
quindi, prima di eseguire qualunque movimento sincerarsi che nel corso
di esso non vi siano rischi di collisione.
Inoltre, poiché i fine corsa software vengono impostati proprio in questo
programma, l'arresto su di essi non è previsto.

MERCURY 332 9-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati
Se si supera la corsa prevista il movimento intercetterà il
microinterruttore di emergenza causando l'arresto dell'apparecchio.

(Rev. 4) 9-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

I limiti dei movimenti vengono impostati di default all'atto del collaudo in


fabbrica dell'apparecchio.
Questi limiti vengono visualizzati sui display 2-3-4 (Figura 9-16) in
funzione della cella impostata.
Sarà possibile variare questi limiti modificando i dati nelle celle del
gruppo 4.
Questa modifica comporterà la taratura secondo corse differenti, quelle
appunto impostate nelle celle modificate.
** Quanto detto non è valido per le celle 117, 118, 119, 120, 121, 122.
Quando queste celle sono selezionate, il numero visualizzato,
corrispondente alla misura da raggiungere con il campo luce proiettato
sul piano paziente, è un numero impostato direttamente dal software.
Questo numero tiene conto della taratura del potenziometro DFF e della
quota impostata nella cella 209.
Nella tabella di seguito riportata sono indicate le corse dei movimenti
impostate di default:

Limite
Cella Movimento Direzione movimento Dir. H joystick
impostato
101 Pendolazione Antiorario (lato testa) BASSO - 40.0°
102 Pendolazione Orario (lato piedi) ALTO 40.0°
103 Carro Destro (lato piedi) BASSO - 40.0 mm
104 Carro Sinistro (lato testa) ALTO 530 mm
105 Ribaltamento Antiorario (trendelemborg) BASSO -89.0°
106 Ribaltamento Orario (verticale) ALTO 89.0°
107 Scorta
108 Scorta
109 Barella longitud. Destro (lato piedi) BASSO - 600 mm
110 Barella longitud. Sinistro (lato testa) ALTO 1000 mm
111 Barella trasvers. Interno BASSO - 115 mm
112 Barella trasvers. Esterno ALTO 115 mm
113 DFF Basso BASSO 1020 mm
114 DFF Alto ALTO 1490 mm
115 Strato Basso BASSO 0 mm
116 Strato Alto ALTO 340 mm
117 Collimatore base Chiuso BASSO **
118 Collimatore base Aperto ALTO **
119 Collimatore altezza Chiuso BASSO **
120 Collimatore altezza Aperto ALTO **
121 Optional Chiuso BASSO **
Collimatore iride
122 Optional Aperto ALTO **
Collimatore iride

MERCURY 332 9-6 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Cella Movimento Direzione movimento Dir. H joystick Limite


impostato
123 Scorta
124 Scorta
125 Cassetta base Ganascia base con cassetta 13 156 mm
126 Cassetta base Ganascia base con cassetta 43 460 mm
127 Cassetta altezza Ganascia altezza con cassetta 208 mm
18
128 Cassetta altezza Ganascia altezza con cassetta 460 mm
43
129 Carrello trasversale Destro (lato piedi) BASSO - 59.5 mm
130 Carrello trasversale Sinistro (lato testa) ALTO 59.5 mm
131 Scorta
132 Scorta

Dopo le operazioni di accesso al gruppo 100, per eseguire la taratura dei


potenziometri sopra elencati sarà quindi necessario operare come segue.

(Rev. 4) 9-7 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.1.1 Taratura potenziometro PENDOLAZIONE (celle 101-102)

Taratura del valore minimo

1. Per mezzo dei tasti E ed G (Figura 9-16) impostare sul display 1 la


cella 101.
2. Sui display 3 e 4 (Figura 9-16) appare lampeggiante il valore -40.0,
corrispondente al valore in gradi da raggiungere per eseguire la
taratura.
3. Sul display 5 (Figura 9-16) appare il valore del potenziometro dopo la
conversione ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
4. Azionare il joystick H verso il BASSO ottenendo il movimento
ANTIORARIO (direzione verso minimo lato testa).
5. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve decrementarsi.
Se ciò non accade significa che i 2 estremi del potenziometro sono
collegati a rovescio.
6. Appoggiare un piano sul lato destro della colonna in modo che il
bordo del primo risulti il più possibile vicino alla piastra del fulcro
tomografico dove è presente la tracciatura del limite -40.0 gradi.
Azionando il joystick far coincidere la tracciatura della piastra fulcro
con il bordo del piano appoggiato alla colonna (Figura 9-1).
7. Verificare che il valore indicato del potenziometro sia attorno a 600,
in caso contrario allentare l'ingranaggio e ruotare il potenziometro
fino ad ottenere il valore indicato.
8. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
9. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

Taratura del valore massimo

10. Impostare per mezzo del tasto G (Figura 9-16) la cella 102.
11. Sui display 3 e 4 appare lampeggiante il valore 40.0, corrispondente
al valore in gradi da raggiungere per eseguire la taratura.
12. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
13. Azionare il joystick H verso l'ALTO ottenendo il movimento ORARIO
(direzione verso massimo lato piedi).
14. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve incrementarsi.
15. Appoggiare un piano sul lato sinistro della colonna in modo che il
bordo del piano risulti il più possibile vicino alla piastra del fulcro
tomografico dove è presente la tracciatura del limite +40.0 gradi.
Azionando il joystick far coincidere la tracciatura della piastra fulcro
con il bordo del piano appoggiato alla colonna (Figura 9-1).
16. Verificare che il valore del potenziometro sia attorno a 3450.
17. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
18. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).
MERCURY 332 9-8 (Rev. 4)
MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

-40° +40°

LINEE DI RIFERIMENTO

PIASTRA TOMOGRAFICA

PIASTRA DI RISCONTRO

Figura 9-1: Taratura potenziometro PENDOLAZIONE (celle 101 – 102)

(Rev. 4) 9-9 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.1.2 Taratura potenziometro CARRO (celle 103 – 104)

Taratura del valore minimo

1. Per mezzo dei tasti E ed G (Figura 9-16) impostare sul display 1


(Figura 9-16) la cella 103.
2. Sui display 3 e 4 (Figura 9-16) appare lampeggiante il valore -40,
corrispondente al valore in mm rispetto alla posizione centrale da
raggiungere per eseguire la taratura.
3. Sul display 5 (Figura 9-16) appare il valore del potenziometro dopo la
conversione ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
4. Azionare il joystick H verso il BASSO ottenendo il movimento verso
DESTRA (direzione verso minimo lato piedi).
5. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve decrementarsi.
Se ciò non accade significa che i 2 estremi del potenziometro sono
collegati a rovescio.
6. Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione minima equivalente alla distanza tra il corsoio carro ed il
limite macchina pari a 755 mm (Figura 9-2).
7. Verificare che il valore indicato del potenziometro sia attorno a 700,
in caso contrario allentare l'ingranaggio e ruotare il potenziometro
fino ad ottenere il valore indicato.
8. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
9. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

Taratura del valore massimo

10. Impostare per mezzo del tasto G (Figura 9-16) la cella 104.
11. Sui display 3 e 4 appare lampeggiante il valore 530, corrispondente
al valore in mm da raggiungere per eseguire la taratura.
12. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
13. Azionare il joystick H verso l'ALTO ottenendo il movimento verso
SINISTRA (direzione verso massimo lato testa).
14. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve incrementarsi.
15. Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione massima equivalente alla distanza tra il corsoio carro ed il
limite macchina pari a 1325 mm (Figura 9-2).
16. Verificare che il valore del potenziometro sia attorno a 3400.
17. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
18. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

MERCURY 332 9-10 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

755
1325

Figura 9-2: Taratura potenziometro CARRO (celle 103 – 104)

(Rev. 4) 9-11 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.1.3 Taratura potenziometro RIBALTAMENTO (celle 105 – 106)

Taratura del valore minimo

1. Per mezzo dei tasti E ed G (Figura 9-16) impostare sul display 1


(Figura 9-16) la cella 105.
2. Sui display 3 e 4 (Figura 9-16) appare lampeggiante il valore -89.0,
corrispondente al valore in gradi da raggiungere per eseguire la
taratura.
3. Sul display 5 (Figura 9-16) appare il valore del potenziometro dopo la
conversione ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
4. Accertarsi che la barella sia centrata longitudinalmente.
Se cosi non fosse selezionare la cella 109 e, per mezzo del joystick H,
portarla nel centro trave per evitare la collisione della stessa con il
pavimento durante il movimento di ribaltamento.
Azionare il joystick H verso il BASSO ottenendo il movimento
ANTIORARIO (direzione verso minimo trendelembourg).
5. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve decrementarsi.
Se ciò non accade significa che i 2 estremi del potenziometro sono
collegati a rovescio.
6. Per mezzo di un goniometro a livella verificare il raggiungimento della
posizione -89.0 gradi.
7. Verificare che il valore indicato del potenziometro sia attorno a 400,
in caso contrario allentare l'ingranaggio e ruotare il potenziometro
fino ad ottenere il valore indicato.
8. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
9. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

Taratura del valore massimo

10. Impostare per mezzo del tasto G (Figura 9-16) la cella 106.
11. Sui display 3 e 4 appare lampeggiante il valore 89.0, corrispondente
al valore in gradi da raggiungere per eseguire la taratura.
12. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
13. Azionare il joystick H verso l'ALTO ottenendo il movimento ORARIO
(direzione verso massimo verticale).
14. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve incrementarsi.
15. Per mezzo di un goniometro a livella verificare il raggiungimento della
posizione 89.0 gradi.
16. Verificare che il valore del potenziometro sia attorno a 3700.
17. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
18. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

MERCURY 332 9-12 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.1.4 Taratura potenziometro BARELLA LONGITUDINALE (celle


109 – 110)

Taratura del valore minimo

1. Per mezzo dei tasti E ed G (Figura 9-16) impostare sul display 1


(Figura 9-16) la cella 109.
2. Sui display 3 e 4 (Figura 9-16) appare lampeggiante il valore -600,
corrispondente al valore in mm rispetto alla posizione centrale da
raggiungere per eseguire la taratura.
3. Sul display 5 (Figura 9-16) appare il valore del potenziometro dopo la
conversione ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
4. Azionare il joystick H verso il BASSO ottenendo il movimento verso
DESTRA (direzione verso minimo lato piedi).
5. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve decrementarsi.
Se ciò non accade significa che i 2 estremi del potenziometro sono
collegati a rovescio.
6. Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione minima equivalente alla distanza tra il limite barella ed il
bordo trave pari a 665 mm (Figura 9-3).
7. Verificare che il valore indicato del potenziometro sia attorno a 800,
in caso contrario allentare l'ingranaggio e ruotare il potenziometro
fino ad ottenere il valore indicato.
8. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
9. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

Taratura del valore massimo

10. Impostare per mezzo del tasto G (Figura 9-16) la cella 110.
11. Sui display 3 e 4 appare lampeggiante il valore 1000, corrispondente
al valore in mm da raggiungere per eseguire la taratura.
12. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
13. Azionare il joystick H verso l'ALTO ottenendo il movimento verso
SINISTRA (direzione verso massimo lato testa).
14. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve incrementarsi.
15. Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione massima equivalente alla distanza tra il limite barella ed il
bordo trave pari a 1030 mm (Figura 9-3).
16. Verificare che il valore del potenziometro sia attorno a 3300.
17. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
18. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

(Rev. 4) 9-13 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

1030 665

Figura 9-3: Taratura potenziometro BARELLA LONGITUDINALE (celle 109 – 110)

MERCURY 332 9-14 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.1.5 Taratura potenziometro BARELLA TRASVERSALE (celle


111 – 112)

Taratura del valore minimo

1. Per mezzo dei tasti E ed G (Figura 9-16) impostare sul display 1


(Figura 9-16) la cella 111.
2. Sui display 3 e 4 (Figura 9-16) appare lampeggiante il valore -115,
corrispondente al valore in mm rispetto alla posizione centrale da
raggiungere per eseguire la taratura.
3. Sul display 5 (Figura 9-16) appare il valore del potenziometro dopo la
conversione ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
4. Azionare il joystick H verso il BASSO ottenendo il movimento verso
INTERNO (direzione verso minimo lato interno).
5. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve decrementarsi.
Se ciò non accade significa che i 2 estremi del potenziometro sono
collegati a rovescio.
6. Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione minima equivalente alla quota 545 mm rilevata tra il bordo
esterno trave ed il bordo barella (Figura 9-4).
7. Verificare che il valore indicato del potenziometro sia attorno a 630,
in caso contrario allentare l'ingranaggio e ruotare il potenziometro
fino ad ottenere il valore indicato.
8. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
9. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

Taratura del valore massimo

10. Impostare per mezzo del tasto G (Figura 9-16) la cella 112.
11. Sui display 3 e 4 appare lampeggiante il valore 115, corrispondente
al valore in mm da raggiungere per eseguire la taratura.
12. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
13. Azionare il joystick H verso l'ALTO ottenendo il movimento verso
ESTERNO (direzione verso massimo lato esterno).
14. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve incrementarsi.
15. Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione massima equivalente alla quota 755 mm rilevata tra il
bordo esterno trave ed il bordo barella (Figura 9-4).
16. Verificare che il valore del potenziometro sia attorno a 3500.
17. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
18. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

(Rev. 4) 9-15 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

548

778

Figura 9-4: Taratura potenziometro BARELLA TRASVERSALE (celle 111 – 112)

MERCURY 332 9-16 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.1.6 Taratura potenziometro DISTANZA FUOCO-FILM (celle


113 – 114)

Taratura del valore minimo

1. Per mezzo dei tasti E ed G (Figura 9-16) impostare sul display 1


(Figura 9-16) la cella 113.
2. Sui display 3 e 4 (Figura 9-16) appare lampeggiante il valore 1020,
corrispondente al valore in mm da raggiungere per eseguire la
taratura.
3. Sul display 5 (Figura 9-16) appare il valore del potenziometro dopo la
conversione ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
4. Azionare il joystick H verso il BASSO ottenendo il movimento verso
BASSO (direzione verso minimo basso).
5. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve decrementarsi.
Se ciò non accade significa che i 2 estremi del potenziometro sono
collegati a rovescio.
6. Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione minima equivalente a 155 mm rilevati tra il bordo
superiore parte fissa colonna e la sommità della colonna mobile
(Figura 9-5).

NOTA:
La reale distanza fuoco-film verrà poi calcolata dal software tenendo
conto della differenza tra la posizione del fuoco ed il perno. Questo dato
verrà impostato nella cella 209.

7. Verificare che il valore indicato del potenziometro sia attorno a 480,


in caso contrario allentare l'ingranaggio e ruotare il potenziometro
fino ad ottenere il valore indicato.
8. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
9. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

(Rev. 4) 9-17 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Taratura del valore massimo

10. Impostare per mezzo del tasto G (Figura 9-16) la cella 114.
11. Sui display 3 e 4 appare lampeggiante il valore 1490, corrispondente
al valore in mm da raggiungere per eseguire la taratura.
12. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
13. Azionare il joystick H verso l'ALTO ottenendo il movimento verso
ALTO (direzione verso massimo alto).
14. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve incrementarsi.
15. Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione massima equivalente a 625 mm rilevati tra il bordo
superiore parte fissa colonna e la sommità della colonna mobile
(Figura 9-5).
16. Verificare che il valore del potenziometro sia attorno a 3600.
17. Premere il tasto F (Figura 9-5) di conferma.
18. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

MERCURY 332 9-18 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

625

155

Figura 9-5: Taratura potenziometro DISTNZA FUOCO-FILM (celle 113 – 114)

(Rev. 4) 9-19 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.1.7 Taratura potenziometro STRATO DI TOMOGRAFIA


(celle 115 – 116)

Taratura del valore minimo

1. Per mezzo dei tasti E ed G (Figura 9-16) impostare sul display 1


(Figura 9-16) la cella 115.
2. Sui display 3 e 4 (Figura 9-16) appare lampeggiante il valore 0,
corrispondente al valore in mm da raggiungere per eseguire la
taratura.
3. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
4. Azionare il joystick H verso il BASSO ottenendo il movimento verso
BASSO (direzione verso minimo basso).
5. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve decrementarsi.
Se ciò non accade significa che i 2 estremi del potenziometro sono
collegati a rovescio.
6. Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione minima equivalente alla distanza tra il blocchetto attacco
camma ed il piano carrello pari a 60 mm (Figura 9-6).

NOTA:
Per verificare l'esattezza di questa posizione, equivalente allo strato film,
si deve eseguire una pendolazione settando la cella 101. Durante questo
movimento il seriografo non deve subire nessuno spostamento. Se cosi
non fosse ritoccare la posizione del fulcro fino ad ottenere la perfetta
immobilità del seriografo durante il movimento di pendolazione.

7. Verificare che il valore indicato del potenziometro sia attorno a 230,


in caso contrario allentare l'ingranaggio e ruotare il potenziometro
fino ad ottenere il valore indicato.
8. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
9. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

MERCURY 332 9-20 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Taratura del valore massimo

10. Impostare per mezzo del tasto G (Figura 9-16) la cella 116.
11. Sui display 3 e 4 appare lampeggiante il valore 340, corrispondente
al valore in mm da raggiungere per eseguire la taratura.
12. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
13. Azionare il joystick H verso l'ALTO ottenendo il movimento verso
l'ALTO (direzione verso massimo alto).
14. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve incrementarsi.
15. Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione massima equivalente alla distanza tra il blocchetto attacco
camma ed il piano carrello pari a 400 mm (Figura 9-6).
16. Verificare che il valore del potenziometro sia attorno a 3900.
17. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
18. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

(Rev. 4) 9-21 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

400

60

banda di rallentamento

banda morta

set point

banda morta

banda di rallentamento

Figura 9-6: Taratura potenziometro STRATO DI TOMOGRAFIA (celle 115 – 116)

MERCURY 332 9-22 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.1.8 Taratura potenziometro COLLIMATORE BASE


(celle 117 – 118)

Per limitazione BASE del collimatore si intende la limitazione


corrispondente alla destra-sinistra del paziente.

ATTENZIONE:
Questa taratura DEVE TASSATIVAMENTE essere eseguita con la
distanza Fuoco-Piano Paziente pari a 980 mm.
Questa quota è visualizzata sul display 2 (Figura 9-16) quando una di
queste celle è selezionata.
Per permettere l'impostazione di questa misura, quando queste celle sono
settate, il joystick di movimento DFF è attivo.
Una volta visualizzata la misura 980 sul display, verificare l'esattezza di
questa quota per mezzo di un metro.
Prima di procedere a questa taratura, si dovrà già aver inserita la
distanza tra il fuoco ed il perno cuffia nella cella 209 e la taratura del
potenziometro DFF dovrà già risultare eseguita.
Nel caso si tentasse di memorizzare il valore del potenziometro senza che
la quota visualizzata sia 980, verrà generato l'allarme 088.
Se si esegue la memorizzazione del valore massimo senza aver
precedentemente inserito il valore minimo, viene generato l'allarme 089.

Taratura del valore minimo


1. Per mezzo dei tasti E ed G (Figura 9-16) impostare sul display 1
(Figura 9-16) la cella 117.
2. Sui display 3 e 4 (Figura 9-16) appare lampeggiante il valore
suggerito dal software, corrispondente al valore in mm da
raggiungere per eseguire la taratura.
3. Sul display 5 (Figura 9-16) appare il valore del potenziometro dopo la
conversione ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
4. Azionare il joystick H verso il BASSO ottenendo il movimento verso
CHIUSO (direzione verso minimo ganasce chiuse).
5. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve decrementarsi.
Se ciò non accade significa che i 2 estremi del potenziometro sono
collegati a rovescio.
6. Azionare il tasto accensione luce collimatore per proiettare sul piano
porta paziente il campo limitato dalle ganasce del collimatore.
Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione minima (Figura 9-7) indicata sul display 3 (Figura 9-16).
7. Verificare che il valore indicato del potenziometro sia attorno a 800
per il collimatore con iride e 900 per quello senza, in caso contrario
allentare l'ingranaggio e ruotare il potenziometro fino ad ottenere il
valore indicato.
8. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
9. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).
(Rev. 4) 9-23 MERCURY 332
MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

MERCURY 332 9-24 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Taratura del valore massimo

10. Impostare per mezzo del tasto G (Figura 9-16) la cella 118.
11. Sui display 3 e 4 appare lampeggiante il valore suggerito dal
software, corrispondente al valore in mm da raggiungere per eseguire
la taratura.
12. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
13. Azionare il joystick H verso l'ALTO ottenendo il movimento verso
APERTO (direzione verso massimo ganasce aperte).
14. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve incrementarsi.
15. Azionare il tasto accensione luce collimatore per proiettare sul piano
porta film il campo limitato dalle ganasce del collimatore.
Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione (Figura 9-7) indicata sul display 3 (Figura 9-16).

NOTA:
Questa misura è calcolata in modo da garantire la linearizzazione del
movimento in tutto il suo range.

16. Verificare che il valore del potenziometro sia attorno a 3300 per il
collimatore con iride e 3200 per quello senza.
17. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
18. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

(Rev. 4) 9-25 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

fuoco

Piano paziente
980 mm

min cella 117


max cella 118

Figura 9-7: Taratura potenziometro COLLIMATORE BASE (celle 117 – 118)

MERCURY 332 9-26 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.1.9 Taratura potenziometro COLLIMATORE ALTEZZA


(celle 119 – 120)

Per limitazione ALTEZZA del collimatore si intende la limitazione


corrispondente alla testa-piedi del paziente.

ATTENZIONE:
Questa taratura DEVE TASSATIVAMENTE essere eseguita con la
distanza Fuoco-Piano Paziente pari a 980 mm.
Questa quota è visualizzata sul display 2 (Figura 9-16) quando una di
queste celle è selezionata.
Per permettere l'impostazione di questa misura, quando queste celle sono
settate, il joystick di movimento DFF è attivo.
Una volta visualizzata la misura 980 sul display, verificare l'esattezza di
questa quota per mezzo di un metro.
Prima di procedere a questa taratura, si dovrà già aver inserita la
distanza tra il fuoco ed il perno cuffia nella cella 209 e la taratura del
potenziometro DFF dovrà già risultare eseguita.
Nel caso si tentasse di memorizzare il valore del potenziometro senza che
la quota visualizzata sia 980, verrà generato l'allarme 088.
Se si esegue la memorizzazione del valore massimo senza aver
precedentemente inserito il valore minimo, viene generato l'allarme 089.

Taratura del valore minimo


1. Per mezzo dei tasti E ed G (Figura 9-16) impostare sul display 1
(Figura 9-16) la cella 119.
2. Sui display 3 e 4 (Figura 9-16) appare lampeggiante il valore
suggerito dal software, corrispondente al valore in mm da
raggiungere per eseguire la taratura.
3. Sul display 5 (Figura 9-16) appare il valore del potenziometro dopo la
conversione ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
4. Azionare il joystick H verso il BASSO ottenendo il movimento verso
CHIUSO (direzione verso minimo ganasce chiuse).
5. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve decrementarsi.
Se ciò non accade significa che i 2 estremi del potenziometro sono
collegati a rovescio.
6. Azionare il tasto accensione luce collimatore per proiettare sul piano
porta film il campo limitato dalle ganasce del collimatore.
Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione minima (Figura 9-8) indicata sul display 3 (Figura 9-16).
7. Verificare che il valore indicato del potenziometro sia attorno a 900
per il collimatore con iride e 950 per quello senza, in caso contrario
allentare l'ingranaggio e ruotare il potenziometro fino ad ottenere il
valore indicato.
8. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
9. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).
(Rev. 4) 9-27 MERCURY 332
MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

MERCURY 332 9-28 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Taratura del valore massimo

10. Impostare per mezzo del tasto G (Figura 9-16) la cella 120.
11. Sui display 3 e 4 appare lampeggiante il valore suggerito dal
software, corrispondente al valore in mm da raggiungere per eseguire
la taratura.
12. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
13. Azionare il joystick H verso l'ALTO ottenendo il movimento verso
APERTO (direzione verso massimo ganasce aperte).
14. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve incrementarsi.
15. Azionare il tasto accensione luce collimatore per proiettare sul piano
porta film il campo limitato dalle ganasce del collimatore.
Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione (Figura 9-8) indicata sul display 3 (Figura 9-16).

NOTA:
Questa misura è calcolata in modo da garantire la linearizzazione del
movimento in tutto il suo range.

16. Verificare che il valore del potenziometro sia attorno a 3200 per il
collimatore con iride e 3100 per quello senza.
17. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
18. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

(Rev. 4) 9-29 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

fuoco

Piano paziente
980 mm

min cella 119


max cella 120

Figura 9-8: Taratura potenziometro COLLIMATORE ALTEZZA (cella 119 – 120)

MERCURY 332 9-30 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.1.10 Taratura potenziometro COLLIMATORE IRIDE (Optional)


(celle 121 – 122)

ATTENZIONE:
Questa taratura DEVE TASSATIVAMENTE essere eseguita con la
distanza Fuoco-Piano Paziente pari a 980 mm.
Questa quota è visualizzata sul display 2 (Figura 9-16) quando una di
queste celle è selezionata.
Per permettere l'impostazione di questa misura, quando queste celle sono
settate, il joystick di movimento DFF è attivo.
Una volta visualizzata la misura 980 sul display, verificare l'esattezza di
questa quota per mezzo di un metro.
Prima di procedere a questa taratura, si dovrà già aver inserita la
distanza tra il fuoco ed il perno cuffia nella cella 209 e la taratura del
potenziometro DFF dovrà già risultare eseguita.
Nel caso si tentasse di memorizzare il valore del potenziometro senza che
la quota visualizzata sia 980, verrà generato l'allarme 088.
Se si esegue la memorizzazione del valore massimo senza aver
precedentemente inserito il valore minimo, viene generato l'allarme 089.

Taratura del valore minimo

1. Per mezzo dei tasti E ed G (Figura 9-16) impostare sul display 1


(Figura 9-16) la cella 121.
2. Sui display 3 e 4 (Figura 9-16) appare lampeggiante il valore
suggerito dal software, corrispondente al valore in mm da
raggiungere per eseguire la taratura.
3. Sul display 5 (Figura 9-16) appare il valore del potenziometro dopo la
conversione ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
4. Azionare il joystick H verso il BASSO ottenendo il movimento verso
CHIUSO (direzione verso minimo iride chiusura).
5. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve decrementarsi.
Se ciò non accade significa che i 2 estremi del potenziometro sono
collegati a rovescio.
6. Azionare il tasto accensione luce collimatore per proiettare sul piano
porta film il campo limitato dall'iride del collimatore.
Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione (Figura 9-9) indicata sul display 3 (Figura 9-16).
7. Verificare che il valore indicato del potenziometro sia compreso tra
400 e 1000, in caso contrario allentare l'ingranaggio e ruotare il
potenziometro fino ad ottenere il valore indicato.
8. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
9. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

(Rev. 4) 9-31 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Taratura del valore massimo

10. Impostare per mezzo del tasto G (Figura 9-16) la cella 122.
11. Sui display 3 e 4 appare lampeggiante il valore suggerito dal
software, corrispondente al valore in mm da raggiungere per eseguire
la taratura.
12. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
13. Azionare il joystick H verso l'ALTO ottenendo il movimento verso
APERTO (direzione verso massimo iride apertura).
14. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve incrementarsi.
15. Azionare il tasto accensione luce collimatore per proiettare sul piano
porta film il campo limitato dall'iride del collimatore.
Per mezzo di un doppio metro verificare il raggiungimento della
posizione (Figura 9-9) indicata sul display 3 (Figura 9-16).

NOTA:
Questa misura è calcolata in modo da garantire la linearizzazione del
movimento in tutto il suo range.

16. Verificare che il valore del potenziometro sia compreso tra 3000 e
3600.
17. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
18. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

MERCURY 332 9-32 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

fuoco

Piano paziente
980 mm

min cella 121


max cella 122

Figura 9-9: Taratura potenziometro COLLIMATORE IRIDE (celle 121 – 122)

(Rev. 4) 9-33 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.1.11 Taratura potenziometro FORMATO CASSETTA BASE


(celle 125 – 126)

Per BASE della cassetta si intende la dimensione corrispondente alla


destra-sinistra del paziente.

Taratura del valore minimo

1. Per mezzo dei tasti E ed G (Figura 9-16) impostare sul display 1


(Figura 9-16) la cella 125.
2. Sui display 3 e 4 (Figura 9-16) appare lampeggiante il valore 156,
corrispondente al valore in mm da raggiungere per eseguire la
taratura.
3. Sul display 5 (Figura 9-16) appare il valore del potenziometro dopo la
conversione ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
4. Premere il tasto in/out carrello cassetta per portare il carrello nella
posizione di caricamento.
5. Muovere manualmente la ganascia di fermo cassetta base, il valore
del potenziometro indicato sul display 5 deve incrementarsi.
Se ciò non accade significa che i 2 estremi del potenziometro sono
collegati a rovescio.
6. Inserire una cassetta di formato 13x18 con il lato base 13.
Premere il tasto di inserimento per portare il carrello in posizione
park.
7. Verificare che il valore indicato del potenziometro sia attorno a 1500,
in caso contrario allentare e ruotare il potenziometro fino ad ottenere
il valore indicato.
8. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
9. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

Taratura del valore massimo

10. Impostare per mezzo del tasto G (Figura 9-16) la cella 126.
11. Sui display 3 e 4 appare lampeggiante il valore 460, corrispondente
al valore in mm da raggiungere per eseguire la taratura.
12. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
13. Premere il tasto in/out carrello cassetta per portare il carrello nella
posizione di caricamento.
14. Inserire una cassetta di formato 35x43 con il lato base 43.
Premere il tasto di inserimento per portare il carrello in posizione
park.
15. Verificare che il valore del potenziometro sia attorno a 2450.
16. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
17. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).
MERCURY 332 9-34 (Rev. 4)
MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.1.12 Taratura potenziometro FORMATO CASSETTA ALTEZZA


(celle 127 – 128)

Per ALTEZZA della cassetta si intende la dimensione corrispondente alla


testa-piedi del paziente.

Taratura del valore minimo


1. Per mezzo dei tasti E ed G (Figura 9-16) impostare sul display 1
(Figura 9-16) la cella 127.
2. Sui display 3 e 4 (Figura 9-16) appare lampeggiante il valore 208,
corrispondente al valore in mm da raggiungere per eseguire la
taratura.
3. Sul display 5 (Figura 9-16) appare il valore del potenziometro dopo la
conversione ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
4. Premere il tasto in/out carrello cassetta per portare il carrello nella
posizione di caricamento.
5. Nel movimento di uscita le ganasce di fermo cassetta altezza si
aprono automaticamente, verificare durante questo movimento che il
valore del potenziometro indicato sul display 5 si incrementi.
Se ciò non accade significa che i 2 estremi del potenziometro sono
collegati a rovescio.
6. Inserire una cassetta di formato 13x18 con il lato altezza 18.
Premere il tasto di inserimento per portare il carrello in posizione
park.
7. Verificare che il valore indicato del potenziometro sia attorno a 1750,
in caso contrario allentare e ruotare il potenziometro fino ad ottenere
il valore indicato.
8. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
9. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

Taratura del valore massimo


10. Impostare per mezzo del tasto G (Figura 9-16) la cella 128.
11. Sui display 3 e 4 appare lampeggiante il valore 460, corrispondente
al valore in mm da raggiungere per eseguire la taratura.
12. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
13. Premere il tasto in/out carrello cassetta per portare il carrello nella
posizione di caricamento.
14. Inserire una cassetta di formato 35x43 con il lato altezza 43.
Premere il tasto di inserimento per portare il carrello in posizione
park.
15. Verificare che il valore del potenziometro sia attorno a 2400.
16. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
17. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).
(Rev. 4) 9-35 MERCURY 332
MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.1.13 Taratura potenziometro CARRELLO CASSETTA


TRASVERSALE (celle 129 – 130)
Taratura del valore minimo
1. Per mezzo dei tasti E ed G (Figura 9-16) impostare sul display 1
(Figura 9-16) la cella 129.
2. Sui display 3 e 4 (Figura 9-16) appare lampeggiante il valore -59.5,
corrispondente al valore in mm da raggiungere per eseguire la
taratura.
3. Sul display 5 (Figura 9-16) appare il valore del potenziometro dopo la
conversione ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
4. Inserire una cassetta di formato 18x24 (lato altezza 24) nel carrello
autocentrante, su cui sia tracciata la mezzeria parallela al lato 18.
Azionare il joystick H verso il BASSO ottenendo il movimento verso
DESTRA (direzione verso minimo lato piedi)
5. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve decrementarsi.
Se ciò non accade significa che i 2 estremi del potenziometro sono
collegati a rovescio.
6. Verificare il raggiungimento della posizione minima equivalente alla
coincidenza tra la linea di mezzeria della cassetta ed il limite
inferiore del foro quadro presente nel limitatore posteriore del
seriografo (Figura 9-10).
Questa misura corrisponde ad uno spostamento della cassetta
rispetto al centro del seriografo pari a 59.5 mm.
7. Verificare che il valore indicato del potenziometro sia attorno a 150,
in caso contrario allentare l'ingranaggio e ruotare il potenziometro
fino ad ottenere il valore indicato.
8. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.
9. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).
Taratura valore massimo
10. Impostare per mezzo del tasto G (Figura 9-16) la cella 130.
11. Sui display 3 e 4 appare lampeggiante il valore 59.5, corrispondente
al valore in mm da raggiungere per eseguire la taratura.
12. Sul display 5 appare il valore del potenziometro dopo la conversione
ADC il cui valore sarà compreso tra 0 e 4095.
13. Azionare il joystick H verso l'ALTO ottenendo il movimento verso
SINISTRA (direzione verso massimo lato testa).
14. Il valore del potenziometro indicato sul display 5 deve incrementarsi.
15. Eseguire il movimento fino ad ottenere la coincidenza della
mezzeria indicata sulla cassetta con il bordo superiore del foro
quadro presente sul limitatore posteriore del seriografo (Figura 9-10).
Questa misura corrisponde ad uno spostamento della cassetta
rispetto al centro del seriografo pari a 59.5 mm
16. Verificare che il valore del potenziometro sia attorno a 3950.
17. Premere il tasto F (Figura 9-16) di conferma.

MERCURY 332 9-36 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati
18. Se tutto è regolare sul display 1 appare per 2 sec il messaggio
lampeggiante ACC. (Accettato).

(Rev. 4) 9-37 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

59.5

FINESTRA

CASSETTA

59.5

Figura 9-10: Taratura potenziometro CARRELLO CASSETTA TRASVERSALE


(celle 129 – 130)

MERCURY 332 9-38 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.2 Accesso al gruppo 200 – Dati installazione

In questo gruppo sono contenuti quei valori legati all'installazione


dell'apparecchio.
Dei dati di default, inseriti all'atto del collaudo, sono presenti nelle varie
celle. Si dovranno inserire i valori corretti per garantire il buon
funzionamento dell'installazione.

ATTENZIONE:
In questo gruppo di celle sono presenti dei parametri che determinano la
distanza di arresto di alcune parti dell’apparecchio rispetto al suolo, alle
pareti, al soffitto.
Impostare i dati in modo che MAI nessuna parte dell’apparecchio si
arresti in modo tale da risultare a una distanza inferiore a 50mm rispetto
ad un elemento della sala.

Per accedere alla lettura dei dati contenuti nel gruppo 200 si dovrà
seguire la seguente procedura.
1. Spegnere l'apparecchio e chiudere a 0 Vs l'ingresso X03 pin 18
(ponte X0/49 - X0/44).
2. Accendere l'apparecchio. Sui display (Figura 9-16) della console sarà
visualizzato:
• Display 1 = numero del gruppo e della cella impostata
• Display 2 = migliaia di unità del valore in memoria
• Display 3 = centinaia, decine ed unità del valore in memoria
• Display 4 = decimali del valore in memoria.

NOTA:
In questo programma entrambi i relè di READY ed il relè di alimentazione
seriografo K36 non vengono eccitati.
I circuiti di potenza quindi sono senza alimentazione e la procedura di
inizializzazione non sarà effettuata.

3. Utilizzando i tasti G ed E (Figura 9-16) si può rispettivamente


incrementare e decrementare il numero della cella da visualizzare.
Come detto in precedenza in questa fase non è possibile modificare
alcuna impostazione.
Per ottenere ciò:
4. Premere il tasto D (Figura 9-16) per 5 sec. Allo scadere di questo
tempo sui display (Figura 9-16) appare:
• Display 1 = 002 riportante il numero della pagina utilizzata
per la scrittura dei codici di accesso
• Display 2-3-4 = 000 in attesa della scrittura della chiave di
accesso

(Rev. 4) 9-39 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati
• Display 5 = spento.

MERCURY 332 9-40 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

5. Premere il tasto F (Figura 9-16). Sul display 5 (Figura 9-16) appare la


scritta lampeggiante CORR che indica la possibilità di scrittura della
chiave di accesso.
6. Impostare la chiave relativa a questo gruppo di dati (Rif. 2 pag. 8-7)
per mezzo dei tasti numerici (Figura 9-16). Questa impostazione
apparirà scorrendo da destra verso sinistra sulle cifre dei display 2-
3-4 (Figura 9-16).
7. Premere sul tasto F (Figura 9-16) per confermare.
Se il tasto di conferma non viene premuto entro 15 sec. dal momento
dell'impostazione dell'ultima cifra, il messaggio CORR lampeggiante e
quanto scritto scompare dai display.
Si dovrà quindi reimpostare la chiave.
Se il tasto di conferma viene invece premuto entro il termine previsto,
sul display 5 appare la scritta lampeggiante C2 che indica la
possibilità di accesso, grazie all'utilizzo della chiave appena digitata,
al gruppo 200.
8. Mantenere il tasto D (Figura 9-16) premuto per 5 sec.
I display ritornano alla posizione del gruppo 200 abbandonata nel
momento di ingresso alla pagina 002.

A questo punto sarà possibile modificare i dati delle celle facenti parte di
questo gruppo.
Per eseguire la modifica si dovrà operare come segue.

9. Per mezzo dei tasti E e G (Figura 9-16) selezionale la cella desiderata.


Una volta visualizzata sul display 1 la cella interessata, il dato
presente in memoria è visibile sui display 2-3-4.
10. Premere il tasto F (Figura 9-16).
Sul display 5 appare il messaggio lampeggiante CORR.
11. Per mezzo dei tasti numerici (Figura 9-16) inserire il nuovo dato che
verrà visualizzato sui display 2-3-4.

NOTA:
La variazione del dato numerico è possibile in 2 modi differenti:
1) Impostare il dato utilizzando i tasti numerici da 0 a 9 (Figura 9-16).
2) Utilizzare i tasti B e C (Figura 9-16) per decrementare e incrementare
il valore del dato.
Il tasto A (Figura 9-16) inserisce o cancella il segno "-" davanti al dato
numerico.

12. Premere il tasto F (Figura 9-16) per confermare.


Se il tasto di conferma F non viene premuto entro 15 sec. dal
momento dell'impostazione dell'ultima cifra, il messaggio CORR
lampeggiante e quanto scritto scompare dai display 2-3-4.
Riapparirà il dato antecedente alla modifica che rimane memorizzato.
Se il tasto di conferma viene invece premuto entro il termine previsto,
il dato modificato viene memorizzato.

(Rev. 4) 9-41 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

MERCURY 332 9-42 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.2.1 Legenda e funzioni delle celle del gruppo 200

• 201 – Distanza della parete sinistra dal centro di rotazione


In questa cella si dovrà inserire la distanza misurata tra la parete di
sinistra ed il centro di rotazione del tavolo.
Per semplicità di misura si potrà considerare che la posizione del
centro di rotazione del tavolo corrisponda al centro della pedanina
salita paziente (Figura 9-11).
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 1100
Massimo valore accettato: 3000.
• 202 – Distanza della parete destra dal centro di rotazione
In questa cella si dovrà inserire la distanza misurata tra la parete di
destra ed il centro di rotazione del tavolo.
Per semplicità di misura si potrà considerare che la posizione del
centro di rotazione del tavolo corrisponda al centro della pedanina
salita paziente (Figura 9-11).
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: - 3000
Massimo valore accettato: - 1100.
• 203 – Distanza soffitto - pavimento
In questa cella si dovrà inserire la distanza misurata tra il soffitto ed
il pavimento nella zona dove il tavolo opererà (Figura 9-11).
Nel caso in cui vi sia la presenza, nella traiettoria di rotazione del
sistema, di elementi pensili, si dovrà inserire nella cella tale valore.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 2000
Massimo valore accettato: 5000.

(Rev. 4) 9-43 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati
Figura 9-11: Impostazione celle dimensioni stanza (celle 201 – 202 - 203)

MERCURY 332 9-44 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• 204 – Dimensione campo minimo IB (IV nel caso di IB 4 campi)


Se viene installato un IB a 3 campi, si dovrà in questa cella riportare
la misura del diametro del campo minimo.
Nel caso di IB a 4 campi (cella 265=1), introdurre la misura del 4°
campo.
Se l'IB è monocampo si dovrà inserire la misura del diametro dello
schermo di ingresso.
Il valore impostato in questa cella permetterà di rendere visibile l'iride
(quando presente) sull'immagine di scopia o di circoscrivere lo stesso
in modo da scomparire dall'immagine.
Lo stesso dicasi per le ganasce base ed altezza nel caso in cui il
collimatore sia sprovvisto di iride.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 130
Massimo valore accettato: 450.
• 205 – Dimensione campo medio IB (III nel caso di IB 4 campi)
Se viene installato un IB a 3 campi, si dovrà in questa cella riportare
la misura del diametro del campo medio.
Nel caso di IB a 4 campi (cella 265=1), introdurre la misura del 3°
campo.
Se l'IB è monocampo si dovrà inserire la misura del diametro dello
schermo di ingresso.
Il valore impostato in questa cella permetterà di rendere visibile l'iride
(quando presente) sull'immagine di scopia o di circoscrivere lo stesso
in modo da scomparire dall'immagine.
Lo stesso dicasi per le ganasce base ed altezza nel caso in cui il
collimatore sia sprovvisto di iride.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 130
Massimo valore accettato: 450.
• 206 – Dimensione campo massimo IB (II nel caso di IB 4 campi)
Se viene installato un IB a 3 campi, si dovrà in questa cella riportare
la misura del diametro del campo massimo.
Nel caso di IB a 4 campi (cella 265=1), introdurre la misura del 2°
campo.
Se l'IB è monocampo si dovrà inserire la misura del diametro dello
schermo di ingresso.
Il valore impostato in questa cella permetterà di rendere visibile l'iride
(quando presente) sull'immagine di scopia o di circoscrivere lo stesso
in modo da scomparire dall'immagine.
Lo stesso dicasi per le ganasce base ed altezza nel caso in cui il
collimatore sia sprovvisto di iride.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 130
Massimo valore accettato: 450.

(Rev. 4) 9-45 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• 207 – Dimensione della cuffia in posizione 0 gradi


In questa cella si dovrà inserire la misura della sporgenza maggiore
della cuffia rispetto al perno di attacco.
Questa misura serve per preservare la cuffia dalla collisione durante i
movimenti del tavolo, quando questa si trova nella posizione centrata
sul seriografo (0 gradi).
Si dovrà quindi misurare la sporgenza superiore, laterale destra e
laterale sinistra della cuffia rispetto al suo perno di fissaggio.
La misura più grande tra le 3 rilevate dovrà essere inserita in questa
cella (Figura 9-12).
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 200
Massimo valore accettato: 400.
• 208 – Dimensioni del gruppo cuffia - collimatore
In questa cella si dovrà inserire la misura della sporgenza del
collimatore rispetto al perno di attacco cuffia (Figura 9-12).
Questa misura serve per preservare il gruppo cuffia-collimatore dalla
collisione durante i movimenti del tavolo, quando questa si trova in
una posizione che sia diversa da quella centrata sul seriografo
(0 gradi).
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 300
Massimo valore accettato: 450.
• 209 – Distanza perno cuffia - fuoco
In questa cella si dovrà inserire la differenza in mm tra il perno
attacco cuffia ed il fuoco (Figura 9-12).
Questa misura permetterà al software di calcolare l'esatta DFF.
Se il fuoco si trova più vicino al film rispetto alla posizione del perno
il numero da inserire sarà negativo.
Se sarà più lontano il dato dovrà essere positivo.
Per inserire il segno "-" premere il tasto A (Figura 9-16) prima di
digitare il dato.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: - 100
Massimo valore accettato: 60.

MERCURY 332 9-46 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

A B

focus

209

208

Nota:
Il dado da inserire nella cella 207
viene ricavato dalla formula
seguente:
207 = (A + B)/2 + (A - B)/2
Ciò corrisponde al valore maggiore
delle due semilarghezze.

Figura 9-12: Impostazioni dati cuffia (celle 207 – 208 – 209)

(Rev. 4) 9-47 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

BANDA MORTA

In questo apparecchio la banda morta è valida solo per quei movimenti


che non sono gestiti dal controllo PDI (proporzionale, derivativa, integrale)
degli assi e quindi per i seguenti movimenti:
– carro seriografo/IB-tubo
– barella longitudinale
– barella trasversale
– DFF
– strato
– collimatore (base, altezza, iride).

Per banda morta s'intende la distanza dal limite di corsa software,


determinato dal potenziometro di posizione, a partire dal quale il
comando di movimento viene spento.
Il valore totale della banda morta è uguale al doppio del numero
impostato. Infatti se è impostato il dato 7 mm il comando verrà spento 7
mm prima del limite software determinato dal potenziometro ed il motore
non sarà attivo anche se supererà di 7 mm questo limite.
La banda morta quindi, interviene in corrispondenza del raggiungimento
di un fine corsa oppure quando la traiettoria ha un punto di arrivo
prefissato come ad esempio la centratura.
Tanto più grande quindi sarà questo valore, tanto maggiore sarà la
"finestra" entro la quale il movimento potrà posizionarsi.
Se il movimento viene spento rilasciando il comando senza raggiungere il
punto di destinazione o il fine corsa, la banda morta non interviene.

• 210 – Banda morta movimento carro seriografo / IB-tubo


Il dato inserito in questa cella corrisponde alla banda morta per il
movimento del carro.
In questo movimento la banda morta interviene solo in
corrispondenza dei fine corsa.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 1
Massimo valore accettato: 90.
• 211 – Banda morta movimento barella longitudinale
Il dato inserito in questa cella corrisponde alla banda morta per il
movimento longitudinale della barella.
In questo movimento la banda morta interviene in corrispondenza dei
fine corsa e della centratura.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 1
Massimo valore accettato: 90.

MERCURY 332 9-48 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• 212 – Banda morta movimento barella trasversale


Il dato inserito in questa cella corrisponde alla banda morta per il
movimento trasversale della barella.
In questo movimento la banda morta interviene in corrispondenza dei
fine corsa e della centratura.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 1
Massimo valore accettato: 90.
• 213 – Banda morta movimento DFF
Il dato inserito in questa cella corrisponde alla banda morta per il
movimento della DFF.
In questo movimento la banda morta interviene in corrispondenza dei
fine corsa, del posizionamento all'accensione della tomografia e nella
funzione di incremento automatico strato.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 1
Massimo valore accettato: 90.
• 214 – Banda morta movimento strato
Il dato inserito in questa cella corrisponde alla banda morta per il
movimento dello strato.
In questo movimento la banda morta interviene in corrispondenza dei
fine corsa e del posizionamento all'accensione della tomografia.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 1
Massimo valore accettato: 90.
• 215 – Banda di rallentamento movimento strato
Il dato inserito in questa cella corrisponde alla banda entro la quale il
movimento dello strato utilizza la velocità lenta.
Questa banda di rallentamento è posizionata all'esterno della banda
morta (Figura 9-6).
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 1
Massimo valore accettato: 90.

(Rev. 4) 9-49 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• 216 – Banda morta movimento collimatore base


Il dato inserito in questa cella corrisponde alla banda morta per il
movimento della ganascia di limitazione base del collimatore.
In questo movimento la banda morta interviene in corrispondenza dei
fine corsa e di tutti i posizionamenti automatici del collimatore
determinati dai formati da limitare.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 1
Massimo valore accettato: 20.
• 217 – Banda morta movimento collimatore altezza
Il dato inserito in questa cella corrisponde alla banda morta per il
movimento della ganascia di limitazione altezza del collimatore.
In questo movimento la banda morta interviene in corrispondenza dei
fine corsa e di tutti i posizionamenti automatici del collimatore
determinati dai formati da limitare.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 1
Massimo valore accettato: 20.
• 218 – Banda morta movimento collimatore iride
Il dato inserito in questa cella corrisponde alla banda morta per il
movimento dell'iride del collimatore.
In questo movimento la banda morta interviene in corrispondenza dei
fine corsa e di tutti i posizionamenti automatici del collimatore
determinati dai formati da limitare.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 1
Massimo valore accettato: 20.
• 219 – Banda di rallentamento movimento collimatore base
Il dato inserito in questa cella corrisponde alla banda entro la quale il
movimento della ganascia di limitazione collimatore base utilizza la
velocità lenta.
Questa banda di rallentamento è posizionata all'esterno della banda
morta (Figura 9-13).
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 1
Massimo valore accettato: 20.

MERCURY 332 9-50 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• 220 – Banda di rallentamento movimento collimatore altezza


Il dato inserito in questa cella corrisponde alla banda entro la quale il
movimento della ganascia di limitazione collimatore altezza utilizza la
velocità lenta.
Questa banda di rallentamento è posizionata all'esterno della banda
morta (Figura 9-13).
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 1
Massimo valore accettato: 20.
• 221 – Banda di rallentamento movimento collimatore iride
Il dato inserito in questa cella corrisponde alla banda entro la quale il
movimento dell'iride del collimatore utilizza la velocità lenta.
Questa banda di rallentamento è posizionata all'esterno della banda
morta (Figura 9-13).
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 1
Massimo valore accettato: 20.
• 222 – Distanza di sicurezza collisione cuffia - pavimento
In questa cella si dovrà inserire il dato corrispondente alla distanza di
sicurezza tra la cuffia ed il pavimento (Figura 9-14).
La cuffia può essere spostata verso il pavimento da differenti
movimenti:
– rotazione
– pendolazione
– carro
– DFF.
Quando la cuffia raggiunge la distanza dal pavimento impostata in
questa cella, il movimento che ha determinato questa condizione
viene arrestato, e nessun altro movimento che possa muovere la
cuffia in direzione di collisione sarà abilitato.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 20
Massimo valore accettato: 400.

(Rev. 4) 9-51 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

FORMATO
DA COLLIMARE

SET POINT

BANDA MORTA = 217


BANDA DI RALLENTAMENTO = 219
BANDA DI RALLENTAMENTO = 220
BANDA MORTA = 216

SET POINT

SET POINT
FORMATO
DA COLLIMARE

BANDA MORTA = 218

BANDA DI RALLENTAMENTO = 221

Figura 9-13: Impostazione celle bande morte e di rallentamento collimatore


(celle 216 – 217 – 218 – 219 – 220 – 221)

MERCURY 332 9-52 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

(Rev. 4) 9-53 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• 223 – Distanza di sicurezza collisione cuffia o barella - soffitto


In questa cella si dovrà inserire il dato corrispondente alla distanza di
sicurezza tra la cuffia o la barella ed il soffitto (Figura 9-14).
La cuffia può essere spostata verso il soffitto da differenti movimenti:
– rotazione
– pendolazione
– carro
– DFF.
Quando la cuffia raggiunge la distanza dal soffitto impostata in
questa cella, il movimento che ha determinato questa condizione
viene arrestato, e nessun altro movimento che possa muovere la
cuffia in direzione di collisione sarà abilitato.
Lo stesso vale per la barella eccezion fatta per i movimenti che
potrebbero causare la collisione del pannello con il soffitto che sono:
– il movimento longitudinale della barella stessa
– il movimento di rotazione.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 20
Massimo valore accettato: 400.
• 224 – Distanza di sicurezza collisione cuffia o barella - pareti
In questa cella si dovrà inserire il dato corrispondente alla distanza di
sicurezza tra la cuffia o la barella e le pareti (Figura 9-14).
La cuffia può essere spostata verso le pareti da differenti movimenti:
– rotazione
– pendolazione
– carro
– DFF.
Quando la cuffia raggiunge la distanza dalle pareti impostata in
questa cella, il movimento che ha determinato questa condizione
viene arrestato, e nessun altro movimento che possa muovere la
cuffia in direzione di collisione sarà abilitato.
Lo stesso vale per la barella eccezion fatta per i movimenti che
potrebbero causare la collisione del pannello con le pareti che sono:
– il movimento longitudinale della barella stessa
– il movimento di rotazione.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 20
Massimo valore accettato: 400.
• 225 – Distanza di sicurezza collisione barella - pavimento
In questa cella si dovrà inserire il dato corrispondente alla distanza di
sicurezza tra la barella ed il pavimento (Figura 9-14).
Quando la barella raggiunge la distanza dal pavimento impostata in
questa cella, il movimento viene arrestato per evitare la collisione.
Sarà possibile il movimento opposto.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 20

MERCURY 332 9-54 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati
Massimo valore accettato: 400.

(Rev. 4) 9-55 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

223 223

224

222
225

Figura 9-14: Impostazione distanze di sicurezza (celle 222 – 223 – 224 – 225)

MERCURY 332 9-56 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• 226 – Banda di rientro barella longitudinale


Questo dato determina la banda entro la quale la barella, se il
movimento di ribaltamento è attivo, esegue il movimento di rientro
verso la posizione impostata nella cella 232 (con rotazione oraria) o
233 (con rotazione antioraria).
Questa banda di rientro è posizionata sopra alla banda di
rallentamento impostata nella cella 227 (Figura 9-15).
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 0
Massimo valore accettato: 200.
• 227 – Banda di rallentamento ribaltamento per rientro barella
Questo dato determina la banda entro la quale il ribaltamento
rallenta la sua velocità utilizzando quella impostata nella cella 334,
per permettere alla barella di rientrare verso la posizione centrale,
senza valicare la soglia della collisione con il pavimento.
Questa banda di rallentamento è posizionata sopra alla distanza di
sicurezza impostata nella cella 225 (Figura 9-15).
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 10
Massimo valore accettato: 400.
• 228 – Posizione di parcheggio carrello seriografo
Il dato inserito in questa cella determina la posizione di parcheggio
del carrello porta cassette del seriografo.
La posizione quindi di parcheggio che il carrello raggiungerà sarà pari
al valore impostato meno 14mm rispetto al microinterruttore di
inizializzazione.
Ciò poiché il microinterruttore di inizializzazione si trova avanzato di
14mm rispetto al punto di inizio di tutti i conteggi delle corse
software.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: -20.0
Massimo valore accettato: 70.0.
• 229 – Correzione dimensioni collimatore
Il dato inserito in questa cella permette di incrementare o
decrementare, della quantità impostata, tutti i formati relativi alle
divisioni cassetta limitati dal collimatore.
Questa differenza non è presente in corrispondenza dei limiti minimo
e massimo del potenziometro.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: -25.0
Massimo valore accettato: 25.0.

(Rev. 4) 9-57 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

226

227

225

Figura 9-15: Impostazioni dati rientro barella e rallentamento ribaltamento


(celle 225 – 226 – 227)

MERCURY 332 9-58 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• 230 – Ritardo partenza movimento griglia


Nella sequenza di emissione raggi standard, la partenza del
movimento griglia può essere ritardata rispetto alla richiesta raggi
inviata al generatore.
Questo ritardo, utilizzato per la fasatura tra la posizione della griglia
e l'emissione, deve essere inserito in questa cella.
Unità di misura: sec
Minimo valore accettato: 0.00
Massimo valore accettato: 2.00.
• 231 – Modifica visualizzazione strato in Tomo digitale
La posizione dello strato di taglio in tomografia digitale può risultare
differente rispetto a quella della tomografia standard.
Il valore inserito in questa cella permette di modificare la
visualizzazione di tale misura quando la funzione digitale è attiva.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: - 50
Massimo valore accettato: + 50.
• 232 – Misura di rientro barella dal lato piedi durante il
ribaltamento
La posizione centrata della barella è ottenuta con una sporgenza lato
piedi di 65 mm rispetto alla trave, e 35 mm lato testa.
La misura impostata in questa cella permette di recuperare questa
sporgenza quando il ribaltamento viene azionato in senso orario
(verticale).
Il dato impostato in questa cella determina la quantità in mm di
rientro della barella.
Se per esempio viene impostato il dato 65 la barella si posizionerà a
filo della trave.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 0
Massimo valore accettato: 300.
• 233 – Misura di rientro barella dal lato testa durante il
ribaltamento
La posizione centrata della barella è ottenuta con una sporgenza lato
piedi di 65 mm rispetto alla trave, e 35 mm lato testa.
La misura impostata in questa cella permette di recuperare questa
sporgenza quando il ribaltamento viene azionato in senso antiorario
(trendelembourg).
Il dato impostato in questa cella determina la quantità in mm di
rientro della barella.
Se per esempio viene impostato il dato 35 la barella si posizionerà a
filo della trave.
Unità di misura: mm
Minimo valore accettato: 0
Massimo valore accettato: 300.

(Rev. 4) 9-59 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

MERCURY 332 9-60 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• 234 – Velocità del movimento longitudinale della barella


In questa cella si dovrà inserire il valore della velocità del movimento
longitudinale della barella espressa in mm/sec.
Questo valore dovrà essere il valore medio, che tenga cioè conto delle
varie condizioni di utilizzo (verticale, orizzontale, a carico, ecc).
Sarà possibile visualizzare sul display 4 (Figura 9-16) il valore della
velocità istantanea.
Ciò avviene se la cella 256 è abilitata e se il joystick di questo
movimento è attivato.
Questo dato è utilizzato dal software per verificare che, durante il
movimento, il potenziometro segua correttamente il movimento.
Questo dato è intimamente legato a quello della cella 445.
Unità di misura: mm/sec.
Minimo valore accettato: 20
Massimo valore accettato: 70.
• 235 – Velocità del movimento trasversale della barella
In questa cella si dovrà inserire il valore della velocità del movimento
trasversale della barella espressa in mm/sec.
Questo valore dovrà essere il valore medio, che tenga cioè conto delle
varie condizioni di utilizzo (verticale, orizzontale, a carico, ecc).
Sarà possibile visualizzare sul display 4 (Figura 9-16) il valore della
velocità istantanea.
Ciò avviene se la cella 256 è abilitata e se il joystick di questo
movimento è attivato.
Questo dato è utilizzato dal software per verificare che, durante il
movimento, il potenziometro segua correttamente il movimento.
Questo dato è intimamente legato a quello della cella 446.
Unità di misura: mm/sec.
Minimo valore accettato: 20
Massimo valore accettato: 70.
• 236 – Velocità del movimento carro
In questa cella si dovrà inserire il valore della velocità del movimento
carro espressa in mm/sec.
Questo valore dovrà essere il valore medio, che tenga cioè conto delle
varie condizioni di utilizzo (verticale, orizzontale, a carico, ecc).
Sarà possibile visualizzare sul display 4 (Figura 9-16) il valore della
velocità istantanea.
Ciò avviene se la cella 256 è abilitata e se il joystick di questo
movimento è attivato.
Questo dato è utilizzato dal software per verificare che, durante il
movimento, il potenziometro segua correttamente il movimento.
Questo dato è intimamente legato a quello della cella 447.
Unità di misura: mm/sec.
Minimo valore accettato: 15
Massimo valore accettato: 65.

(Rev. 4) 9-61 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• 237 – Velocità del movimento DFF


In questa cella si dovrà inserire il valore della velocità del movimento
DFF espressa in mm/sec.
Questo valore dovrà essere il valore medio, che tenga cioè conto delle
varie condizioni di utilizzo (verticale, orizzontale, a carico, ecc).
Sarà possibile visualizzare sul display 4 (Figura 9-16) il valore della
velocità istantanea.
Ciò avviene se la cella 256 è abilitata e se il joystick di questo
movimento è attivato.
Questo dato è utilizzato dal software per verificare che, durante il
movimento, il potenziometro segua correttamente il movimento.
Questo dato è intimamente legato a quello della cella 448.
Unità di misura: mm/sec.
Minimo valore accettato: 10
Massimo valore accettato: 50.
• 238 – Variazione tensione di alimentazione lampada collimatore
È possibile variare la tensione di alimentazione della lampada del
collimatore modificando il duty cycle di funzionamento del mosfet di
pilotaggio.
Il dato espresso in questa cella è la percentuale del duty cycle di
funzionamento. Quindi inserendo il dato 100 la tensione sarà piena,
inserendo 50 sarà la metà del valore massimo possibile e così di
seguito.
Unità di misura: %
Minimo valore accettato: 1
Massimo valore accettato: 100.
• 239 – Dimensione del campo massimo per IB a 4 campi
Solo nel caso in cui sia installato un IB a 4 campi (cella 265 = 1),
questa cella è attiva.
Si dovrà quindi inserire la misura del diametro del campo massimo (I
campo).
Il valore impostato in questa cella permetterà di rendere visibile l'iride
(quando presente) sull'immagine di scopia o di circoscrivere lo stesso
in modo da scomparire dall'immagine.
Lo stesso dicasi per le ganasce base ed altezza nel caso in cui il
collimatore sia sprovvisto di iride.
Unita di misura: mm
Minimo valore accettato: 130
Massimo valore accettato: 450.

MERCURY 332 9-62 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Le celle successive sono utilizzate per operare delle scelte di


impostazione.
Sarà quindi sufficiente inserire il dato 0 o 1 per definire la scelta di
impostazione.
Per modificare il dato inserito si dovrà operare come segue:
1. Premere il tasto F (Figura 9-16) per abilitare la correzione.
Sul display 5 appare il messaggio lampeggiante CORR.
2. Premere il tasto A (Figura 9-16) per modificare il dato (0, 1).
Dopo questa operazione la scritta CORR scompare ed il dato viene
confermato in EEprom.

• 248 – Espulsione carrello a fine programma


Al termine di un programma di divisione cassetta, il carrello può
essere guidato automaticamente verso la posizione di caricamento
cassetta, oppure attendere in zona parcheggio il comando manuale di
espulsione.
1 = espulsione automatica
0 = attesa in parcheggio.
• 251 – Esclusione inizializzazione seriografo
È possibile eseguire i vari movimenti, quando il programma Taratura
potenziometri è attivo, senza che il seriografo sia collegato e senza
rimuovere la scheda seriografo. Inserendo il dato 1 in questa cella si
ottiene questa funzione.
In questa condizione premendo il tasto di Enter per caricare un dato
potenziometro quando è settata una delle celle "Potenziometro
seriografo" (125, 126, 127, 128, 129 e 130) si ottiene l’allarme 083
(memorizzazione non consentita) resettabile.
Se in questa cella rimane inserito il dato 1, all’accensione del
programma standard, viene generato l’allarme del programma
standard, viene generato l’allarme 083 che non è resettabile.
1 = esclusione seriografo
0 = funzionamento normale.
• 252 – Dimensione esterna IB
Se è installato un IB di dimensione superiore ai 12" il movimento
carro lato testa viene limitato quando il ribaltamento è inferiore a 0
gradi.
Ciò previene il rischio di collisione IB con il suolo.
1 = IB maggiore di 12"
0 = IB uguale o inferiore a 12".
• 253 – Collimatore con iride
Se il collimatore è completo di iride questo asse viene controllato, in
caso contrario il software bypassa il monitoraggio.
1 = collimatore con iride
0 = collimatore senza iride.

(Rev. 4) 9-63 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

MERCURY 332 9-64 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• 254 – Funzione Hold collimatore attiva di default


La funzione automatica del collimatore può essere accoppiato alla
funzione Hold.
Questo accoppiamento può avvenire per default ogni volta che il
programma automatico viene selezionato, oppure può essere
impostato manualmente.
1 = hold impostato per default con il programma collimatore
automatico
0 = hold selezionato manualmente.
• 255 – Scelta tipo di cassette utilizzato (cm/pollici)
Si può impostare il tipo di cassette che verranno utilizzate nel
seriografo.
1 = cassette in pollici
0 = cassette in cm.
• 256 – Cella di servizio per:
– Movimento collimatore senza limiti
– Visualizzazione velocità:
barella longitudinale
barella trasversale
carro
DFF.
Quando questa funzione è attiva, sui display 1-2-3 (Figura 9-16)
appare il messaggio lampeggiante "SERVICE".
Il collimatore può essere azionato tramite joystick dal minimo al
massimo indipendentemente dal formato o dalla divisione.
Questa funzione permette di eseguire verifiche e regolazioni al
sistema senza che il collimatore venga mosso automaticamente.
Inoltre se vengono azionati i joystick di movimento:
– barella longitudinale
– barella trasversale
– carro
– DFF
sul display 4 viene visualizzata la velocità istantanea del movimento
attivato.
1 = settaggio per servizio
0 = funzionamento normale.
• 257 – Selezione movimento trasversale cassetta per div. croce
È possibile eseguire i programmi in div. croce ottenendo il movimento
trasversale del carrello per la prima metà del programma verso piedi
o verso testa a seconda della selezione impostata.
Ciò comporterà la lettura dei radiogrammi dal basso verso l'alto o
viceversa.
1 = movimento testa/piedi (lettura radiogrammi da alto a basso)
0 = movimento piedi/testa (lettura radiogrammi da basso ad alto).

(Rev. 4) 9-65 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• 258 – Range movimento carro variabile in Tomo


È possibile eseguire la scelta tra il range fisso di movimento carro in
tomo, (che tiene conto dell'angolo maggiore e dello strato massimo) ed
il range variabile in funzione dell'angolo e dello strato.
1 = range variabile
0 = range fisso.
• 259 – Selezione del tipo di Inverter
È possibile eseguire la scelta del tipo di inverter utilizzato.
1 = Inverter tipo DINVERTER
0 = Inverter tipo CD II.

NOTA:
Nel caso sia settato il dato = 1 (DINVERTER) la scheda A3 presenta N°2
diodi in aggiunta.
Solo nel caso in cui la sostituzione dell’inverter CD II con il tipo
DINVERTER venga eseguito a campo si deve prevedere il montaggio di
N°2 diodi collegati come segue:
– Catodo U67 pin 17 Anodo U39 pin 2
– Catodo U67 pin 15 Anodo U39 pin 3.

• 260 – Introduzione carrello porta cassette da console


È possibile abilitare l'introduzione in parcheggio del carrello porta
cassette dalla console di comando oltre che dal pannello a bordo
apparecchio.
Tale abilitazione, per ragioni di sicurezza, può essere attivata
solo in presenza del carrello con protezioni di sicurezza salva
dita.
Dato 1 = introduzione carrello da console consentita
Dato 0 = inibizione introduzione carrello da console.
• 261 – Inversione orizzontale immagine
È possibile abilitare l'inversione immagine orizzontale all'accensione
(in caso di catene televisive che richiedano tale funzione).
All'accensione l'uscita X0-24 può risultare attiva mentre il led
presente sul tasto della console è spento (quindi led ed uscita NON
sono in fase), oppure risultare led ed uscita entrambi spenti (quindi
IN fase) a seconda della selezione impostata in questa cella.
Dato 1 = all'accensione led OFF, uscita ON
Dato 0 = all'accensione led OFF, uscita OFF.

MERCURY 332 9-66 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• 262 – Inversione verticale immagine


È possibile abilitare l'inversione immagine verticale all'accensione (in
caso di catene televisive che richiedano tale funzione).
All'accensione l'uscita X0-25 può risultare attiva mentre il led
presente sul tasto della console è spento (quindi led ed uscita NON
sono in fase), oppure risultare led ed uscita entrambi spenti (quindi
IN fase) a seconda della selezione impostata in questa cella.
Dato 1 = all'accensione led OFF, uscita ON
Dato 0 = all'accensione led OFF, uscita OFF.
• 263 – Rotazione comandi movimento barella
È possibile ruotare il movimento della barella rispetto al comando
joystick presente sulla console. Questo permette di rendere i
movimenti in fase visivamente o con il monitor.
Dato 1 = Movimenti in fase con monitor.
– joystick verso l'alto = barella verso lato testa
– joystick verso il basso = barella verso lato piedi
– joystick verso destra = barella verso lato interno
– joystick verso sinistra = barella verso lato esterno.
Dato 0 = Movimenti in fase visivamente.
– joystick verso l'alto = barella verso lato interno
– joystick verso il basso = barella verso lato esterno
– joystick verso destra = barella verso lato testa
– joystick verso sinistra = barella verso lato piedi.
• 265 – Impostazione IB 4 campi
È possibile impostare la scelta tra in IB a 3 o a 4 campi.
Tale impostazione modifica il funzionamento dei tasti di selezione
zoom IB ed il comportamento delle relative uscite.
Con impostato IB a 3 campi il funzionamento è il seguente:
– all'accensione il led IB max è attivo così come la relativa uscita
X0-22
– per modificare il campo è necessario premere:
IB medio = il led relativo e l'uscita X0-21 si attivano, oppure
IB min = il led relativo e l'uscita X0-20 si attivano
– un solo led ed una sola uscita alla volta possono essere attivi
– in nessun caso tutti i led e tutte le uscite sono spente
– il collimatore ed i limitatori si posizionano sulle dimensioni
impostate nelle celle:
I.B. max (X0-22) cella 206
I.B. medio (X0-21) cella 205
I.B. min (X0-20) cella 204.

(Rev. 4) 9-67 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Con impostato IB a 4 campi il funzionamento è il seguente:


– all'accensione tutti i led e tutte le uscite relative alla selezione
campo IB sono spente
– per modificare il campo è necessario premere:
IB max = il led relativo e l'uscita X0-22 si attivano, oppure
IB medio = il led relativo e l'uscita X0-21 si attivano, oppure
IB min = il led relativo e l'uscita X0-20 si attivano
– un solo led ed una sola alla volta uscita possono essere attivi
– ripremendo il tasto il cui led è acceso si ottiene la condizione
iniziale (tutti i led e tutte le uscite spente)
– il collimatore ed i limitatori si posizionano sulle dimensioni
impostate nelle celle:
IB campo I (nessuna uscita) cella 239
IB max (campo II) (X0-22) cella 206
IB medio (campo III) (X0-21) cella 205
IB min (campo IV) (X0-20) cella 204

Dato 1 = Scelta IB a 4 campi


Dato 0 = Scelta IB a 3 campi.

Nella tabella seguente sono riassunte le celle del gruppo 200 ed i valori
impostati di default.

Valore Valore
Cella Funzione Default Impostato
min max
201 Distanza parete sinistra - centro 1100 3000 3000
macchina
202 Distanza parete destra - centro -3000 -1100 -3000
macchina
203 Distanza pavimento - soffitto 2000 5000 3000
204 Dimensione schermo IB minimo 130 450 158
(campo IV)
205 Dimensione schermo IB medio 130 450 250
(campo III)
206 Dimensione schermo IB massimo 130 450 312
(campo II)
207 Dimensione max ½ cuffia per 200 400 235
posizione 0°
208 Dimensione max cuffia/collim.per 300 450 330
posiz. ≠ 0°
209 Distanza perno attacco cuffia-fuoco -100 +60 35
210 Banda morta carro 1 90 15
211 Banda morta barella longitudinale 1 90 5
212 Banda morta barella trasversale 1 90 2
213 Banda morta DFF 1 90 2
214 Banda morta strato 1 90 2
215 Banda di rallentamento strato 1 90 15

MERCURY 332 9-68 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Valore Valore
Cella Funzione Default Impostato
min max
216 Banda morta collimatore base 1 20 2
217 Banda morta collimatore altezza 1 20 2
218 Banda morta collimatore iride 1 20 2
219 Banda rallentamento collimatore base 1 20 10
220 Banda rallentamento collimatore 1 20 10
altezza
221 Banda rallentamento collimatore iride 1 20 10
222 Distanza di sicurezza cuffia-pavimento 20 400 200
223 Distanza di sicurezza cuffia/barella- 20 400 200
soffitto
224 Distanza di sicurezza cuffia/barella- 20 400 200
pareti
225 Distanza di sicurezza barella- 20 400 85
pavimento
226 Banda di rientro barella durante il 0 200 20
ribaltamento
227 Banda rallentamento ribalt. per rientro 10 400 200
barella
228 Posizione parcheggio carrello seriografo -20.0 70.0 22.0
229 Correzione dimensioni collimatore -25.0 25.0 0.0
230 Ritardo partenza movimento griglia 0.00 2.00 0.50
231 Differenza strato in tomo digitale -50 50 0
232 Rientro barella lato piedi durante 0 300 65
ribaltamento
233 Rientro barella lato testa durante 0 300 35
ribaltamento
234 Velocità movimento barella 20 70 45
longitudinale
235 Velocità movimento barella trasversale 20 70 46
236 Velocità movimento carro 15 65 39
237 Velocità movimento DFF 10 50 31
238 Variazione alimentazione lampada 1 100 100
collimatore
239 Dimensione campo massimo IB 4 130 450 410
campi

(Rev. 4) 9-69 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Cella Funzione Configurazione Default Impostato


248 Espulsione carrello a fine programma 1=SI 0=NO 1
249 Scorta
250 Scorta
251 Esclusione inizializzazione seriografo 1=esclusione 0
0=normale
252 IB superiore ai 12" 1=>12” 0=<12” 1
253 Collimatore con iride 1= SI 0=NO 0
254 Funzione Hold ON di default 1= SI 0=NO 1
255 Tipo di cassette utilizzate 1=inch 0=cm 0
256 Funzioni di service 1=service 0
0=normale
257 Selezione movimento trasversale per 1=testa/piedi 0
divisione croce 0=piedi/testa
258 Range carro variabile in tomo 1=variabile 1
0=fisso
259 Tipo di Inverter 1=DINVERTER 1
0=CD II
260 Introduzione carr. porta cassetta da 1=SI 0=NO 0
console
261 Inversione immagine orizzontale 1=SI 0=NO 1
262 Inversione immagine verticale 1=SI 0=NO 0
263 Rotazione comandi movimento barella 1=SI 0=NO 0
265 Impostazione IB a 4 campi 1=SI 0=NO 0

MERCURY 332 9-70 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.3 Accesso al gruppo 300 – Dati motori

In questo gruppo sono contenuti quei valori legati al funzionamento dei


motori controllati secondo il metodo PDI (proporzionale, derivativa,
integrale).
Dei dati di default, inseriti all'atto del collaudo, sono presenti nelle varie
celle.
Questi dati sono determinanti per il corretto funzionamento
dell'apparecchio.
Prima di variare un dato qualsiasi di questo programma è importante
conoscerne profondamente il suo significato, la sua funzione e le
eventuali conseguenze.
La spiegazione sintetica di seguito riportata può essere utile per meglio
comprendere le funzioni delle varie celle presenti per ognuno dei motori
controllati con questo sistema.

9.3.1 Teoria di funzionamento di un asse con controllo PID

Per ottenere il movimento di un asse, il software di pilotaggio dovrà


conoscere:
• il punto di partenza del movimento
• il punto di arrivo.
Il punto di partenza è noto in quanto corrisponde alla posizione in cui
l'asse si trova.
Il punto di arrivo viene determinato dalla scelta operata all'atto della
selezione di un movimento.
Per raggiungere quindi il punto di arrivo sarà necessario descrivere una
traiettoria.
Questa traiettoria sarà compiuta grazie ai dati inseriti nelle apposite celle
contenenti i valori della velocità e della accelerazione.
Per eseguire il movimento sarà quindi necessario che il software esegua 2
funzioni tra di loro distinte:
• la generazione di traiettoria
• l'inseguimento della traiettoria.

• Generazione della traiettoria


Il software costruisce una variabile che istante per istante
rappresenta il punto ove dovrebbe trovarsi il movimento.
Questa variabile è detta traiettoria teorica.
Avendo come origine il punto di partenza, la generazione della
traiettoria teorica si compone di:
– una rampa di salita, cioè un tratto ad accelerazione costante
crescente linearmente
– un tratto a velocità costante
– una rampa di discesa con accelerazione uguale a quella di salita
ma con segno negativo.

(Rev. 4) 9-71 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati
I valori di velocità ed accelerazione utilizzati per la generazione della
traiettoria teorica sono quelli inseriti nelle celle relative.

MERCURY 332 9-72 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• Inseguimento della traiettoria


L'inseguimento della traiettoria teorica costruisce una variabile che
genera la traiettoria reale.
Questa variabile sarà poi tradotta nel segnale di riferimento (Vref),
inviato all'azionamento che pilota il motore dell'asse.
Questo segnale sarà modulato in modo da approssimare il più
possibile la precedente traiettoria teorica.
Questa variabile è la somma di 3 componenti:
– Proporzionale
La parte proporzionale è il prodotto della moltiplicazione:
"errore istantaneo" X "guadagno proporzionale"
dove:
– l'errore istantaneo è dato dalla differenza tra la posizione
reale (monitorata dal feed back del potenziometro o
dell'encoder) e quella teorica (calcolata dalla generazione della
traiettoria)
– il guadagno proporzionale è il dato inserito nella cella
dedicata.
Questo prodotto viene opportunamente convertito per il DAC
utilizzato.

– Integrale
La parte integrale è il prodotto della moltiplicazione:
"somma degli errori" X "guadagno integrale"
dove:
– somma degli errori.
Ogni millisecondo viene calcolato l'errore di posizionamento
tra la traiettoria reale e quella teorica.
L'errore può assumere un valore negativo o positivo a
seconda che la traiettoria reale sia in anticipo o in ritardo
rispetto a quella teorica.
La somma di tutti questi errori campionati sarà algebrica,
terrà cioè conto del segno negativo o positivo dell'errore.
La somma degli errori sarà quindi un numero che viene
accumulato durante il compimento di tutta la traiettoria.
– il guadagno integrale è il dato inserito nella cella dedicata.
Questo prodotto viene opportunamente convertito per il DAC
utilizzato.

(Rev. 4) 9-73 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

– Derivativa
La parte derivativa è il prodotto della moltiplicazione:
"differenza di errore tra 2 campionamenti" X
"guadagno derivativo"
dove:
– differenza di errore tra 2 campionamenti.
A differenza di quanto avviene per l'azione integrale, il tempo
di intervallo tra due campionamenti dell'azione derivativa
deve essere impostato nella cella dedicata.
Questo intervallo espresso in msec. è definito "periodo di
campionamento derivativo".
Ad ogni campionamento viene calcolato l'errore di posizione,
cioè la differenza tra la traiettoria reale e quella teorica.
La differenza tra l'errore rilevato in un campionamento e
l'errore rilevato nel campionamento successivo permette di
riconoscere di quanto la traiettoria reale ha modificato la sua
posizione rispetto a quella teorica.
– il guadagno derivativo è il dato inserito nella cella dedicata.
Questo prodotto viene opportunamente convertito per il DAC
utilizzato.

• Limite di integrazione
È il valore massimo che la somma degli errori dell'azione integrale
può assumere.
Se la somma degli errori dovesse superare il valore impostato in
questa cella, verrà limitata dal software in accordo al limite
impostato.
Se il dato impostato in questa cella è uguale a 0 non viene eseguita
nessuna limitazione.
Questo parametro evita una azione eccessivamente energica nel caso
la somma assumesse dei valori considerevoli.

• Errore per STOP motore


Questo errore determina lo spegnimento dell'azionamento
responsabile del pilotaggio del motore ed è calcolato in base alla
differenza tra la posizione reale e quella teorica del movimento. Se
l'errore assume un valore pari a quello impostato il movimento viene
arrestato ed apparirà una diagnosi lampeggiante sul display (Figura
9-16).

• Ritardo spegnimento motore


Questo ritardo è il tempo dopo il quale terminata la corsa teorica
viene spento l'azionamento del motore.
Questo tempo permette di recuperare un eventuale errore di
posizionamento reale rispetto a quello teorico.
Grazie a ciò l'azione integrale può completare la sua funzione.
Inserendo il valore 0 l'azionamento rimane sempre abilitato.

MERCURY 332 9-74 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• Valore minimo PID per partenza movimento


Questo dato determina il valore di coppia pari al quale il teleruttore di
movimento viene attivato per dare alimentazione al motore.
Un valore troppo piccolo determina la chiamata del teleruttore ogni
volta che il joystick viene attivato, anche nel caso in cui il punto di
arrivo coincida con quello di partenza e quindi il movimento non
venga azionato.
Un valore troppo grande causa la partenza brusca del movimento.
Ciò è dovuto al fatto che il teleruttore viene attivato quando il valore
di coppia ha già raggiunto un valore considerevole.
Questo dato è utilizzato solo per gli assi pendolazione e ribaltamento.

Per accedere alla lettura dei dati contenuti nel gruppo 300 si dovrà
seguire la seguente procedura:
1. Spegnere l'apparecchio e chiudere a 0 Vs l'ingresso X03 pin 06
(ponte X0/49 - X0/45).
2. Accendere l'apparecchio.
Sui display della console (Figura 9-16) sarà visualizzato:
– Display 1 = numero del gruppo e della cella impostata
– Display 2 = migliaia di unità del valore in memoria
– Display 3 = centinaia, decine ed unità del valore in memoria
– Display 4 = decimali del valore in memoria.

NOTA:
In questo programma entrambi i relè di READY ed il relè di alimentazione
seriografo K36 non vengono eccitati.
I circuiti di potenza quindi sono senza alimentazione e la procedura di
inizializzazione non sarà effettuata.

3. Utilizzando i tasti G ed E (Figura 9-16) si può rispettivamente


incrementare e decrementare il numero della cella da visualizzare.
Come detto in precedenza in questa fase non è possibile modificare
alcuna impostazione.

Per ottenere ciò:

4. Premere il tasto D (Figura 9-16) per 5 sec.


Allo scadere di questo tempo sui display (Figura 9-16) appare:
– Display 1 = 002 riportante il numero della pagina utilizzata per la
scrittura dei codici di accesso
– Display 2-3-4 = 000 in attesa della scrittura della chiave di
accesso
– Display 5 = spento.
5. Premere il tasto F (Figura 9-16).
Sul display 5 appare la scritta lampeggiante CORR che indica la
possibilità di scrittura della chiave di accesso.

(Rev. 4) 9-75 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

6. Impostare la chiave relativa a questo gruppo di dati (Rif. 1 pag.8-7)


per mezzo dei tasti numerici (Figura 9-16).
Questa impostazione apparirà scorrendo da destra verso sinistra
sulle cifre dei display 2-3-4.
7. Premere sul tasto F (Figura 9-16) per confermare.
Se il tasto di conferma non viene premuto entro 15 sec. dal momento
dell'impostazione dell'ultima cifra, il messaggio CORR lampeggiante e
quanto scritto scompare dai display.
Si dovrà quindi reimpostare la chiave.
Se il tasto di conferma viene invece premuto entro il termine previsto,
sul display 5 appare la scritta lampeggiante C137 che indica la
possibilità di accesso, grazie all'utilizzo della chiave appena digitata,
ai gruppi 100-300-700 in funzione di quali ingressi sono collegati a 0
Vs.
8. Mantenere il tasto D (Figura 9-16) premuto per 5 sec.
I display ritornano alla posizione del gruppo 300 abbandonata nel
momento di ingresso alla pagina 002.

A questo punto sarà possibile modificare i dati delle celle facenti parte di
questo gruppo.
Per eseguire la modifica si dovrà operare come segue:

9. Per mezzo dei tasti E e G (Figura 9-16) selezionale la cella desiderata.


Una volta visualizzata sul display 1 la cella interessata, il dato
presente in memoria è visibile sui display 2-3-4.
10. Premere il tasto F (Figura 9-16).
Sul display 5 appare il messaggio lampeggiante CORR.
11. Per mezzo dei tasti numerici (Figura 9-16) inserire il nuovo dato che
verrà visualizzato sui display 2-3-4.

NOTA:
La variazione del dato numerico è possibile in 2 modi differenti:
1) Impostare il dato utilizzando i tasti numerici da 0 a 9 (Figura 9-16).
2) Utilizzare i tasti B e C (Figura 9-16) per decrementare e incrementare
il valore del dato.

12. Premere il tasto F (Figura 9-16) per confermare.


Se il tasto di conferma F non viene premuto entro 15 sec. dal
momento dell'impostazione dell'ultima cifra, il messaggio CORR
lampeggiante e quanto scritto scompare dai display 2-3-4.
Riapparirà il dato antecedente alla modifica che rimane memorizzato.
Se il tasto di conferma viene invece premuto entro il termine previsto,
il dato modificato viene memorizzato.

MERCURY 332 9-76 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Nella tabella seguente vengono riassunti i dati impostati di default per i 5


motori controllati con il sistema PDI.
È da notare la differenza di alcuni parametri impostati nei motori che
utilizzano il feed back da potenziometro (pendolo, ribaltamento, carrello
trasversale) rispetto a quelli impostati per i motori che utilizzano il feed
back da encoder (carrello e limitatori seriografo).
Ciò è motivato dal fatto che il potenziometro ha un campionamento per
tutta la lunghezza della sua corsa limitato a 4095 punti, mentre l'encoder
ha un campionamento pari a 50 tacche per mm.

Motore pendolazione

Cella Funzione Misura Default Impostato


301 Periodo di campionamento derivativo sec 0.003
302 Guadagno proporzionale Σ 200
303 Guadagno integrale Σ 0
304 Guadagno derivativo Σ 0
305 Limite di integrazione ° 2.0
306 Velocità (non utilizzata) °/sec 0.1
307 Velocità joystick e tomografia lenta °/sec 11.2
308 Velocità tomografia veloce °/sec 22.4
309 Accelerazione per 307 °/sec2 22.0
310 Accelerazione per 308 °/sec2 44.0
311 Errore che determina lo stop motore ° 5.0
312 Ritardo spegnimento motore sec 2.00
313 Scorta
314 Valore min.PDI per partenza movim. unità DAC 5

(Rev. 4) 9-77 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Motore ribaltamento

Cella Funzione Misura Default Impostato


329 Periodo di campionamento derivativo sec 0.003
330 Guadagno proporzionale Σ 700
331 Guadagno integrale Σ 5
332 Guadagno derivativo Σ 0
333 Limite di integrazione ° 2.0
334 Velocità lenta per rientro barella °/sec 1.5
335 Velocità joystick °/sec 4.5
336 Velocità (non utilizzata) °/sec 0.1
337 Accelerazione per 334 e 335 °/sec2 7.0
338 Accelerazione (non utilizzata) °/sec2 0
339 Errore che determina lo stop motore ° 5.0
340 Ritardo spegnimento motore sec 2.00
341 Scorta
342 Valore min.PDI per partenza movim. unità DAC 5

Motori limitatori seriografo

Cella Funzione Misura Default Impostato


357 Periodo di campionamento derivativo mm 0.005
358 Guadagno proporzionale Σ 100
359 Guadagno integrale Σ 120
360 Guadagno derivativo Σ 3000
361 Limite di integrazione mm 20.0
362 Velocità inizializzazione mm/sec 80.0
363 Velocità (non utilizzata) mm/sec 0.1
364 Velocità di lavoro mm/sec 2400.0
365 Accelerazione per 362 mm/sec2 1500.0
366 Accelerazione per 364 mm/sec2 2200.0
367 Errore che determina lo stop motore mm 20.0
368 Ritardo spegnimento motore sec 2.00
369 Scorta
370 Scorta

MERCURY 332 9-78 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Motore carrello seriografo

Cella Funzione Misura Default Impostat


o
371 Periodo di campionamento derivativo mm 0.001
372 Guadagno proporzionale Σ 30
373 Guadagno integrale Σ 40
374 Guadagno derivativo Σ 3000
375 Limite di integrazione mm 5.0
376 Velocità per inizializzazione mm/sec 80.0
377 Velocità in/out cassetta mm/sec 600.0
378 Velocità di lavoro mm/sec 2400.0
379 Accelerazione per 376 e 377 mm/sec2 1000.0
380 Accelerazione per 378 mm/sec2 2400.0
381 Errore che determina lo stop motore mm 40.0
382 Ritardo spegnimento motore sec 2.00
383 Scorta
384 Scorta

Motore carrello trasversale seriografo

Cella Funzione Misura Default Impostato


385 Periodo di campionamento derivativo mm 0.003
386 Guadagno proporzionale Σ 700
387 Guadagno integrale Σ 0
388 Guadagno derivativo Σ 1000
389 Limite di integrazione mm 10.0
390 Velocità (non utilizzata) mm/sec 0.1
391 Velocità di centratura iniziale mm/sec 30.0
392 Velocità di lavoro mm/sec 30.0
393 Accelerazione per 391 mm/sec2 30.0
394 Accelerazione per 392 mm/sec2 300.0
395 Errore che determina lo stop motore mm 10.0
396 Ritardo spegnimento motore sec 0.50
397 Scorta
398 Scorta

(Rev. 4) 9-79 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.4 Accesso ai gruppi 400, 500, 600 – Dimensioni e


corse

In questo gruppo sono contenuti quei valori legati alle dimensioni


dell'apparecchio ed alle corse che i vari movimenti compiono.
All'interno di questo gruppo possiamo riconoscere 6 blocchi di dati le cui
caratteristiche sono profondamente differenti tra di loro:

• Limiti delle corse eseguite dai movimenti controllati con


potenziometro
Come ampiamente trattato nella parte riguardante la taratura dei
potenziometri, in quella fase, una volta selezionata la cella
corrispondente al minimo od al massimo valore del potenziometro da
tarare, sui display appare il limite del movimento da raggiungere per
assegnare a quel punto il valore del potenziometro.
Questo limite viene impostato in questo blocco di dati.
Variare il valore dei dati impostati di default significa modificare il
range di corsa del movimento e di conseguenza sarà necessario
modificare la posizione dei microinterruttori di emergenza.
Si dovrà inoltre verificare se la meccanica del movimento sarà in
grado di sostenere questa variazione.
Il software dividerà il nuovo range di corsa per il numero di punti del
potenziometro che verranno campionati tra il valore minimo e quello
massimo della nuova corsa.
Per concludere questi dati non devono mai essere modificati poiché
sono intimamente legati alla caratteristica costruttiva
dell'apparecchio.

• Dimensioni di alcune parti dell'apparecchio


In questo blocco di dati sono presenti alcune dimensioni
caratteristiche dell'apparecchio.
Queste dimensioni sono utilizzate dal software per eseguire il calcolo
della collisione.
Appare evidente come questi dati siano intimamente legati
all'apparecchio e quindi non dovranno mai essere modificati per
non compromettere il funzionamento dell'apparecchio.

MERCURY 332 9-80 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• Dati relativi al controllo dei potenziometri per il single fault


In questo gruppo sono presenti 13 celle.
Nelle prime 4 (445-446-447-448) sono inseriti i dati dell'errore
massimo accettato tra il movimento teorico del potenziometro ed il
movimento reale.
Il movimento teorico è calcolato con la velocità impostata nelle celle
234, 235, 236 e 237, date dalla caratteristica dell'apparecchio.
I potenziometri dei movimenti di:
– ribaltamento
– pendolazione
– carrello trasversale seriografo
sono monitorati dal controllo ad assi PDI, questa sicurezza è
garantita dai dati inseriti nelle rispettive celle di "errore che
determina lo stop motore".
Per quanto riguarda i 4 potenziometri di feed back dei movimenti di:
– barella longitudinale
– barella trasversale
– DFF
necessitano del dato presente nelle celle di questo gruppo (velocità del
movimento), poiché i rispettivi movimenti non sono controllati con il
metodo PDI.
L'unità di misura di queste celle è in mm.

Nella quinta cella (449) è inserito il dato relativo alla finestra di


campionamento potenziometri per Single fault. Come spiegato nella
parte dedicata, il processore verifica che i potenziometri dei
movimenti non subiscano variazioni se i movimenti stessi non sono
attivi. Ciò al fine di garantire la sicurezza Single Fault.
Il numero da inserire in questa cella deve tenere conto di eventuali
movimenti causati dalla inerzia dopo l'arresto del movimento.
L'unità di misura è espressa in "tacche di potenziometro", un valore
cioè corrispondente all'unità dopo la conversione AD.
Il valore impostato in questa cella controlla l'eventuale spostamento
dei potenziometri:
– collimatore altezza
– collimatore base
– collimatore iride
– movimento trasversale carrello porta cassette
– dimensione cassetta base
– dimensione cassetta altezza
– altezza strato
senza che il movimento sia attivo.
Tanto più grande sarà questo valore tanto maggiore sarà il
movimento eseguito senza comando prima che il processore visualizzi
l'allarme.

(Rev. 4) 9-81 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Nella sesta cella (450) è inserito il dato relativo alla extra corsa che il
potenziometro può compiere in corrispondenza dei limiti software
senza che sia generato un allarme.
Questa extra corsa può essere causata, ad esempio dalle bande
morte.
Se il potenziometro supera, nell'extra corsa, il valore del dato
impostato in questa cella, sarà generato un allarme che indica
l'eccessiva vicinanza del potenziometro ai limiti.
Tutto ciò permette di rilevare se un circuito potenziometro è
interrotto all'atto dell'accensione.
Come per la cella precedente, l'unità di misura è in "tacche di
potenziometro".

Nella settima cella (451) è presente il dato relativo alla sicurezza


single fault per quanto riguarda l'azionamento dei joystick.
Il tempo impostato in questa cella, con unità di misura in sec.,
equivale alla finestra entro la quale non viene generato allarme di
single fault (231 o 232) per mascherare la mancata contemporaneità
di attivazione meccanica dei microinterruttori da parte dei joystick.

Nelle seguenti 6 celle (452-453-454-455-456-457) sono presenti i


dati di sicurezza Single Fault per il movimento dei potenziometri
come descritto nella cella 449.
In queste celle sono controllati quei movimenti che potrebbero
causare dei rischi al paziente e per maggiore facilità di
interpretazione le unità di misura sono espresse in gradi o millimetri.

• Corse del carrello e dei limitatori del seriografo


In questo blocco sono contenute le corse eseguite dal carrello e dai
limitatori del seriografo per eseguire le varie divisioni delle cassette.
Nel caso in cui le linee separatrici dei radiogrammi di alcune divisioni
non dovessero risultare perfette si potrà ritoccare queste corse,
seguendo attentamente le istruzioni riportate nel capitolo dedicato.

NOTA:
Il posizionamento del carrello e dei limitatori può non corrispondere alla
misura presente nella cella relativa; a causa delle inerzie meccaniche del
sistema.
In ogni modo la correzione in mm introdotta nelle celle ha un effetto di
incremento e decremento della quota finale pari al valore della correzione.

MERCURY 332 9-82 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

• Fattori di sicurezza per movimenti controllati con PDI


Nel caso in cui il valore di PDI generato dal software ed inviato agli
azionamenti dei motori si discosti dalla velocità di feed back fornita
dai potenziometri o dagli encoder, il sistema deve essere in grado di
riconoscere questo effetto e quindi di bloccare l'apparecchio.
Questo inconveniente può essere causato da un indurimento
meccanico o da uno slittamento della trasmissione al potenziometro.
Per ognuno dei 5 assi controllati con PDI, 2 valori determinano la
quantità di scostamento tra PDI e velocità ed il tempo oltre il quale
questo scostamento determina un allarme.
– Tempo di scostamento
È espresso in secondi e permette di mascherare eventuali spikes
del valore di PDI determinati da attriti.
Nel caso in cui esista un reale problema, tanto più grande sarà
questo tempo tanto più movimento verrà eseguito prima che un
allarme sia generato.
– Fattore K
Questo fattore divide il valore PDI (PDI/k).
Il software esegue un confronto tra il valore della velocità ed il
valore di PDI/k. Essendo k al denominatore della frazione, tanto
più grande sarà k tanto più piccolo sarà il risultato della frazione.
Poiché l'allarme viene generato se PDI/k > velocità, tanto più
piccolo sarà il valore PDI/k tanto più sarà accettato, senza
generare allarmi, un movimento meccanicamente "legato".
In senso generale tanto più grandi sono i valori di tempo e k
impostati per ogni movimento, tanto più il movimento accetterà
"indurimenti", permettendo un ampio movimento non controllato
prima di generare un allarme.

Per accedere alla lettura dei dati contenuti nei gruppi 400-500-600 si
dovrà seguire la seguente procedura:
1. Spegnere l'apparecchio e chiudere contemporaneamente a 0 Vs gli
ingressi X03 pin 05 e pin 18 (ponti X0/49 - X0/43 - X0/44).
2. Accendere l'apparecchio.
Sui display della console (Figura 9-16) sarà visualizzato:
– Display 1 = numero del gruppo e della cella impostata
– Display 2 = migliaia di unità del valore in memoria
– Display 3 = centinaia, decine ed unità del valore in memoria
– Display 4 = decimali del valore in memoria.

NOTA:
In questo programma entrambi i relè di READY ed il relè di alimentazione
seriografo K36 non vengono eccitati.
I circuiti di potenza quindi sono senza alimentazione e la procedura di
inizializzazione non sarà effettuata.

(Rev. 4) 9-83 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

3. Utilizzando i tasti G ed E (Figura 9-16) si può rispettivamente


incrementare e decrementare il numero della cella da visualizzare.
Come detto in precedenza in questa fase non è possibile modificare
alcuna impostazione.

Per ottenere ciò:

4. Premere il tasto D (Figura 9-16) per 5 sec.


Allo scadere di questo tempo sui display (Figura 9-16) appare:
– Display 1 = 002 riportante il numero della pagina utilizzata per la
scrittura dei codici di accesso
– Display 2-3-4 = 000 in attesa della scrittura della chiave di
accesso
– Display 5 = spento.
5. Premere il tasto F (Figura 9-16).
Sul display 5 appare la scritta lampeggiante CORR che indica la
possibilità di scrittura della chiave di accesso.
6. Impostare la chiave relativa a questo gruppo di dati (Rif. 3 pag.8-7)
per mezzo dei tasti numerici (Figura 9-16). Questa impostazione
apparirà scorrendo da destra verso sinistra sulle cifre dei
display 2-3-4.
7. Premere sul tasto F (Figura 9-16) per confermare.
Se il tasto di conferma non viene premuto entro 15 sec. dal momento
dell'impostazione dell'ultima cifra, il messaggio CORR lampeggiante e
quanto scritto scompare dai display.
Si dovrà quindi reimpostare la chiave.
Se il tasto di conferma viene invece premuto entro il termine previsto,
sul display 5 appare la scritta lampeggiante C4568 che indica la
possibilità di accesso, grazie all'utilizzo della chiave appena digitata,
ai gruppi 400-500-600-800 in funzione di quali ingressi sono collegati
a 0 Vs.
8. Mantenere il tasto D (Figura 9-16) premuto per 5 sec.
I display ritornano alla posizione del gruppo 400 abbandonata nel
momento di ingresso alla pagina 002.

A questo punto sarà possibile modificare i dati delle celle facenti parte di
questo gruppo.
Per eseguire la modifica si dovrà operare come segue:

9. Per mezzo dei tasti E e G (Figura 9-16) selezionale la cella desiderata.


Una volta visualizzata sul display 1 la cella interessata, il dato
presente in memoria è visibile sui display 2-3-4.
10. Premere il tasto F (Figura 9-16).
Sul display 5 appare il messaggio lampeggiante CORR.
11. Per mezzo dei tasti numerici (Figura 9-16) inserire il nuovo dato che
verrà visualizzato sui display 2-3-4.

MERCURY 332 9-84 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

NOTA:
La variazione del dato numerico è possibile in 2 modi differenti:
1) Impostare il dato utilizzando i tasti numerici da 0 a 9 (Figura 9-16).
2) Utilizzare i tasti B e C (Figura 9-16) per decrementare ed
incrementare il valore del dato.
Il tasto A (Figura 9-16) inserisce o cancella il segno "-" davanti al dato
numerico.

12. Premere il tasto F (Figura 9-16) per confermare.


Se il tasto di conferma F non viene premuto entro 15 sec. dal
momento dell'impostazione dell'ultima cifra, il messaggio CORR
lampeggiante e quanto scritto scompare dai display 2-3-4.
Riapparirà il dato antecedente alla modifica che rimane memorizzato.
Se il tasto di conferma viene invece premuto entro il termine previsto,
il dato modificato viene memorizzato.

(Rev. 4) 9-85 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.4.1 Limiti delle corse eseguite dai movimenti controllati con


potenziometro

Nella tabella seguente sono elencate le celle del blocco che raggruppa i
limiti dei movimenti.

Limite Limite
Cella Movimento Direzione movimento Default Impost.
min. max.
401 Pendolazione Antiorario (lato testa) -60.0 -30.0 - 40.0°
402 Pendolazione Orario (lato piedi) 30.0 60.0 40.0°
403 Carro Destro (lato piedi) -250 0 - 40.0 mm
404 Carro Sinistro (lato piedi) 400 800 530 mm
405 Ribaltamento Antiorario (trendelem.) -99.0 0 -89.0°
406 Ribaltamento Orario (verticale) 0 99.0 89.0°
407 Scorta
408 Scorta
409 Barella longit. Destro (lato piedi) -800 -400 - 600 mm
410 Barella longit. Sinistro (lato testa) 800 1200 1000 mm
411 Barella trasv. Interno -200 -50 - 115 mm
412 Barella trasv. Esterno 50 200 115 mm
413 DFF Basso 800 1200 1020 mm
414 DFF Alto 1200 1700 1490 mm
415 Strato Basso -10 10 0 mm
416 Strato Alto 300 450 340 mm
425 Cassetta base Ganascia base con 120 300 156 mm
cassetta 13
426 Cassetta base Ganascia base con 300 500 460 mm
cassetta 43
427 Cassetta Ganascia altezza con 150 300 208 mm
altezza cassetta 18
428 Cassetta Ganascia altezza con 300 500 460 mm
altezza cassetta 43
429 Carrello trasv. Destro (lato piedi) -80.0 -40.0 - 59.5 mm
430 Carrello trasv. Sinistro (lato testa) 40.0 80.0 59.5 mm
431 Scorta
432 Scorta

MERCURY 332 9-86 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.4.2 Dimensioni di alcune parti dell'apparecchio

Nella tabella seguente sono elencate le celle del blocco che raggruppa le
dimensioni di alcune parti dell'apparecchio.

Limite Limite
Cella Descrizione Default Impost.
min. max.
433 Distanza centro ribaltamento - 300 1000 538mm
pavimento
434 Distanza centro ribaltamento - film 100 500 301mm
435 Distanza film – piano porta paziente 30 300 97mm
436 Sporgenza superiore colonna rispetto 100 400 218mm
perno cuffia
437 Traslazione trave per 90° di 300 900 604mm
ribaltamento
438 Semilarghezza sinistra barella 900 1300 1090mm
439 Semilarghezza destra barella -1300 -900 -1090mm
440 Distanza IB – film -50 100 80mm
441 Distanza film – limitatori 5 50 13mm
442 Rientro estremi carro per tomografia 150 350 180mm
443 Rientro lato testa carro per IB > 12” 150 350 245mm
444 Corsa carrello seriografo park - 700.0 730.0 711.0mm
caricamento

(Rev. 4) 9-87 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.4.3 Dati relativi al controllo dei potenziometri per il single fault

Nella tabella seguente sono elencate le celle del blocco che raggruppa i
dati riguardanti il controllo dei potenziometri.

Limite Limite
Cella Descrizione Default Impost.
min. max.
445 Errore per potenziometro barella 5 500 100 mm
longitudinale
446 Errore per potenziometro barella 5 500 150 mm
trasversale
447 Errore per potenziometro carro 5 500 100 mm
448 Errore per potenziometro DFF 5 500 200 mm
449 Scostamento valore potenziometro 5 900 50 pulse
(finestra sicurezza SF) collimatore,
seriografo, strato
450 Finestra extra corsa potenziometri 0 100 30 pulse
451 Tempo di ritardo allarme SF per joystick 0.10 3.00 5.00 sec.
452 Scostamento valore potenziometro 00.1 10 2,0°
pendolo (finestra sicurezza SF)
453 Scostamento valore potenziometro carro 1 300 10 mm
(finestra sicurezza SF)
454 Scostamento valore potenziometro 00.1 10 2,0°
ribaltamento (finestra sicurezza SF)
455 Scostamento valore potenziometro 1 300 10 mm
barella longitudinale (finestra sicurezza
SF)
456 Scostamento valore potenziometro 1 100 10 mm
barella trasversale (finestra sicurezza
SF)
457 Scostamento valore potenziometro DFF 1 200 10 mm
(finestra sicurezza SF)

MERCURY 332 9-88 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.4.4 Corse del carrello e dei limitatori del seriografo

Nella tabella seguente sono elencate le celle del blocco che raggruppa le
corse del carrello e dei limitatori del seriografo.

Carrello seriografo cassette "CM"

Formato Divisioni Corsa Default


Cella Impost.
BxH 1 2 3 4 4+ 6 divisione (mm)
461 13x18 • 1 259.0
462 18x24/ • 1 284.0
18x43
463 18x24 • • 1-3 239.5
464 18x24 • • 2-4 328.5
465 24x18/ • 1 314.0
24x24
466 24x18/ • •(24x24) 1-3 254.5
24x24
467 24x18/ • •(24x24) 2-4 373.5
24x24
468 24x30 • 1 314.0
469 24x30 • 1 254.5
470 24x30 • 2 373.5
471 30x24 • 1 344.0
472 30x24 • • 1-3 269.5
473 30x24 • • 2-4 418.5
474 30x24 • • 1-4 244.7
475 30x24 • • 2-5 344.0
476 30x24 • • 3-6 443.3
477 30x30/ • 1 344.0
30x35
478 30x30/ • 1 269.5
30x35
479 30x30/ • 2 418.5
30x35
480 30x30/ • 1 244.7
30x35
481 30x30/ • 2 344.0
30x35
482 30x30/ • 3 443.3
30x35
483 30x40 • 1 344.0
484 30x40 • 1 269.5
485 30x40 • 2 418.5
486 30x40 • 1 244.7
487 30x40 • 2 344.0

(Rev. 4) 9-89 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati
Formato Divisioni Corsa Default
Cella Impost.
BxH 1 2 3 4 4+ 6 divisione (mm)
488 30x40 • 3 443.3

MERCURY 332 9-90 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Formato Divisioni Corsa Default


Cella Impost.
BxH 1 2 3 4 4+ 6 divisione (mm)
489 40x30 • 1 394.0
490 40x30 • 1 294.5
491 40x30 • 2 493.5
492 40x30 • 1 261.4
493 40x30 • 2 394.0
494 40x30 • 3 526.6
495 40x30 • 1 244.7
496 40x30 • 2 344.2
497 40x30 • 3 443.7
498 40x30 • 4 543.2
499 35x35/ • 1 372.0
35x30
500 35x35/ • 1 283.5
35x30
501 35x35/ • 2 460.5
35x30
502 35x35/ • 1 254.0
35x30
503 35x35/ • 2 372.0
35x30
504 35x35/ • 3 490.0
35x30
505 35x43 • 1 372.0
506 35x43 • 1 283.5
507 35x43 • 2 460.5
508 35x43 • 1 254.0
509 35x43 • 2 372.0
510 35x43 • 3 490.0
511 43x35/ • 1 410.0
43x18
512 43x35/ • 1 302.5
43x18
513 43x35/ • 2 517.5
43x18
514 43x35/ • 1 266.7
43x18
515 43x35/ • 2 410.0
43x18
516 43x35/ • 3 553.3
43x18
517 20x40 • 1 294.0
518 20x40 • 1 244.5
519 20x40 • 2 343.5
520 40x20 • 1 394.0
521 40x20 • 1 294.5

(Rev. 4) 9-91 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati
522 40x20 • 2 493.5

MERCURY 332 9-92 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Formato Divisioni Corsa Default


Cella Impost.
BxH 1 2 3 4 4+ 6 divisione (mm)
523 40x20 • 1 261.4
524 40x20 • 2 394.0
525 40x20 • 3 526.6
526 40x20 • 1 244.7
527 40x20 • 2 344.2
528 40x20 • 3 443.7
529 40x20 • 4 543.2
530 15x40 • 1 269.0
531 40x15 • 1 394.0
532 40x15 • 1 294.5
533 40x15 • 2 493.5
534 40x15 • 1 261.4
535 40x15 • 2 394.0
536 40x15 • 3 526.6
537 40x15 • 1 244.7
538 40x15 • 2 344.2
539 40x15 • 3 443.7
540 40x15 • 4 543.2

Carrello seriografo cassette "POLLICI"

Formato Divisioni Corsa Default


Cella Impost.
BxH 1 2 3 4 4+ 6 divisione (mm)
571 5x7 • 1 257.2
572 8x10 • 1 295.3
573 8x10 • • 1-3 244.6
574 8x10 • • 2-4 346.0
575 10x8 • 1 320.7
576 10x8 • 1 257.2
577 10x8 • 2 384.2
578 10x12 • 1 320.7
579 10x12 • 1 257.2
580 10x12 • 2 384.2
581 12x10 • 1 346.1
582 12x10 • • 1-3 270.0
583 12x10 • • 2-4 422.3
584 12x10 • • 1-4 244.4
585 12x10 • • 2-5 346.1
586 12x10 • • 3-6 447.4
587 9.5x9.5 • 1 314.4
588 9.5x9.5 • 1 254.0
589 9.5x9.5 • 2 374.7

(Rev. 4) 9-93 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Formato Divisioni Corsa Default


Cella Impost.
BxH 1 2 3 4 4+ 6 divisione (mm)
590 9.5x9.5 • 1 233.8
591 9.5x9.5 • 2 314.4
592 9.5x9.5 • 3 394.7
593 11x14 • 1 333.4
594 11x14 • 1 263.6
595 11x14 • 2 403.1
596 11x14 • 1 240.4
597 11x14 • 2 333.4
598 11x14 • 3 426.4
599 14x11 • 1 371.5
600 14x11 • 1 282.5
601 14x11 • 2 460.5
602 14x11 • 1 252.9
603 14x11 • 2 371.5
604 14x11 • 3 490.1
605 14x11 • 1 238.0
606 14x11 • 2 327.0
607 14x11 • 3 416.0
608 14x11 • 4 505.0
609 14x14 • 1 371.5
610 14x14 • 1 282.5
611 14x14 • 2 460.5
612 14x14 • 1 252.9
613 14x14 • 2 371.5
614 14x14 • 3 490.1
615 14x17 • 1 371.5
616 14x17 • 1 282.5
617 14x17 • 2 460.5
618 14x17 • 1 252.9
619 14x17 • 2 371.5
620 14x17 • 3 490.1
621 17x14 • 1 409.6
622 17x14 • 1 301.6
623 17x14 • 2 517.6
624 17x14 • 1 265.6
625 17x14 • 2 409.6
626 17x14 • 3 553.6
627 7x17 • 1 282.6
628 17x7 • 1 409.6
629 17x7 • 1 301.6
630 17x7 • 2 517.6
631 17x7 • 1 265.6
632 17x7 • 2 409.6

MERCURY 332 9-94 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Formato Divisioni Corsa Default


Cella Impost.
BxH 1 2 3 4 4+ 6 divisione (mm)
633 17x7 • 3 553.6
634 17x7 • 1 247.6
635 17x7 • 2 355.6
636 17x7 • 3 463.6
637 17x7 • 4 571.6

Limitatori seriografo cassette "CM"

Formato base Divisioni


Cella Default (mm) Impost.
da limite 1 2 3 4 4+ 6+
541 13 • 130.0
542 18 • 180.0
543 18 • 87.0
544 18 • 87.0
545 24 • 240.0
546 24 • 117.0
547 30 • 300.0
548 30 • 147.0
549 30 • 147.0
550 30 • 97.5
551 30 • 97.5
552 40 • 400.0
553 40 • 197.0
554 40 • 130.6
555 40 • 97.5
556 35 • 356.0
557 35 • 175.0
558 35 • 116.0
559 43 • 430.0
560 43 • 213.0
561 43 • 141.3
562 20 • 200.0
563 20 • 97.0
564 15 • 150.0
565 24 • 117.0

(Rev. 4) 9-95 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Limitatori seriografo cassette "POLLICI"

Formato base Divisioni


Cella Default (mm) Impost.
da limite 1 2 3 4 4+ 6+
638 5 • 129.0
639 8 • 205.0
640 8 • 99.5
641 8 • 99.5
642 10 • 256.0
643 10 • 125.0
644 12 • 307.0
645 12 • 150.5
646 12 • 150.5
647 12 • 99.6
648 12 • 99.6
649 9.5 • 243.0
650 9.5 • 118.5
651 9.5 • 78.3
652 11 • 281.0
653 11 • 137.5
654 11 • 91.0
655 14 • 358.0
656 14 • 176.0
657 14 • 116.6
658 14 • 87.0
659 7 • 180.0
660 17 • 434.0
661 17 • 214.0
662 17 • 142.0
663 17 • 106.0

MERCURY 332 9-96 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Limite Limite
Cella Descrizione Default Impost.
min. max.
671 Fattore k per movimento pendolazione 100 30000 3000
672 Tempo ritardo per movimento 0 9.9 0.5
pendolazione
673 Scorta
674 Scorta
675 Fattore k per movimento ribaltamento 100 30000 10000
676 Tempo ritardo per movimento 0 9.9 0.5
ribaltamento
677 Scorta
678 Scorta
679 Fattore k per movimento limitatori 100 30000 7000
680 Tempo ritardo per movimento limitatori 0 9.9 0.2
681 Fattore k per movimento carrello 100 30000 4000
682 Tempo ritardo per movimento carrello 0 9.9 0.2
683 Fattore k per movimento carrello 100 30000 4000
trasversale
684 Tempo ritardo per movimento carrello 0 9.9 0.5
trasversale

(Rev. 4) 9-97 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.5 Accesso al gruppo 700 – Copiatura EEprom

Questo programma permette di eseguire la copiatura della EEprom.


In questo componente sono memorizzati tutti i dati necessari al
funzionamento dell'apparecchio.
Ad ogni accensione questi dati vengono caricati nella Ram.
Se per sicurezza si desiderasse copiare questi dati su una EEprom da
archiviare come scorta, si dovrà seguire la procedura di seguito elencata:
1. Spegnere l'apparecchio e chiudere contemporaneamente a 0 Vs gli
ingressi X03 pin 05 e pin 06 (ponti X0/49 - X0/43 - X0/45).
2. Accendere l'apparecchio.
Sui display della console (Figura 9-16) sarà visualizzato:
– Display 1 = 701 (numero del gruppo e della cella impostata)
– Display 2 = spento
– Display 3 = E - r (copiatura dei dati EEprom in Ram)
– Display 4 = 0 (bit di selezione per la copiatura)
– Display 5 = spento

NOTA:
In questo programma entrambi i relè di READY ed il relè di alimentazione
seriografo K36 non vengono eccitati.
I circuiti di potenza quindi sono senza alimentazione e la procedura di
inizializzazione non sarà effettuata.

Come detto in precedenza in questa fase non è possibile modificare


alcuna impostazione.

Per ottenere ciò:

3. Premere il tasto D (Figura 9-16) per 5 sec.


Allo scadere di questo tempo sui display (Figura 9-16) appare:
– Display 1 = 002 riportante il numero della pagina utilizzata per la
scrittura dei codici di accesso
– Display 2-3-4 = 000 in attesa della scrittura della chiave di
accesso
– Display 5 = spento.
4. Premere il tasto F (Figura 9-16).
Sul display 5 appare la scritta lampeggiante CORR che indica la
possibilità di scrittura della chiave di accesso.
5. Impostare la chiave relativa a questo programma (Rif. 1 pag.8-7) per
mezzo dei tasti numerici (Figura 9-16). Questa impostazione apparirà
scorrendo da destra verso sinistra sulle cifre dei display 2-3-4.

MERCURY 332 9-98 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

6. Premere sul tasto F (Figura 9-16) per confermare.


Se il tasto di conferma non viene premuto entro 15 sec. dal momento
dell'impostazione dell'ultima cifra, il messaggio CORR lampeggiante e
quanto scritto scompare dai display.
Si dovrà quindi reimpostare la chiave.
Se il tasto di conferma viene invece premuto entro il termine previsto,
sul display 5 appare la scritta lampeggiante C137 che indica la
possibilità di accesso, grazie all'utilizzo della chiave appena digitata,
ai gruppi 100-300-700 in funzione di quali ingressi sono collegati a 0
Vs.
7. Mantenere il tasto D (Figura 9-16) premuto per 5 sec.
I display ritornano alla posizione della cella 701 abbandonata nel
momento di ingresso alla pagina 002.

A questo punto sarà possibile eseguire la copiatura dei dati da EEprom a


Ram.
Per eseguire la copiatura si dovrà operare come segue:

8. Premere il tasto F (Figura 9-16).


Sul display 5 apparirà la scritta lampeggiante CORR che indica la
possibilità di modificare i parametri.
9. Premere il tasto A per modificare il bit di copiatura indicato sul
display 4 da 0 a 1.
– 0 = copiatura non abilitata
– 1 = copiatura possibile.
Quando sul display 4 appare il bit 1, la scritta CORR scompare ed ha
inizio la copiatura dei dati da EEprom a Ram.
Dopo un tempo di circa 5 sec. se la copiatura ha avuto buon fine sui
display 1 e 2 appare il messaggio lampeggiante EEP. 510.

A questo punto è necessario copiare i dati caricati nella Ram su di una


nuova EEprom. Per eseguire ciò:

10. Spegnere l'apparecchio , rimuovere la EEprom ed inserirne una


nuova che deve tassativamente essere dello stesso tipo e marca
24C16 SGS Thomson.
11. Accendere l'apparecchio.
Sui display della console sarà visualizzato l’allarme 090. Questo
allarme è generato in quanto la nuova EEprom non contiene la
Checksum quindi la RAM non è in grado di effettuare la verifica e
genera di conseguenza l’allarme indicato.

(Rev. 4) 9-99 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

12. Resettare l’allarme tramite il joystick “J”.


Sui display della console (Figura 9-16) sarà visualizzato:
– Display 1 = 702 (numero del gruppo e della cella impostata)
– Display 2 = spento
– Display 3 = r - E (copiatura dei dati contenuti in Ram su EEprom)
– Display 4 = 0 (bit di selezione per la copiatura)
– Display 5 = spento.

NOTA:
In questo programma entrambi i relè di READY ed il relè di alimentazione
seriografo K36 non vengono eccitati.
I circuiti di potenza quindi sono senza alimentazione e la procedura di
inizializzazione non sarà effettuata.

13. In questa fase non è necessario digitare il codice di accesso poiché lo


stesso è mantenuto in memoria in quanto l'operazione di copiatura
EEprom non è ultimata.
14. A questo punto sarà possibile eseguire la copiatura dei dati da Ram a
EEprom.

Per eseguire la copiatura si dovrà operare come segue:

15. Premere il tasto F (Figura 9-16).


Sul display 5 apparirà la scritta lampeggiante CORR che indica la
possibilità di modificare i parametri.
16. Premere il tasto A per modificare il bit di copiatura indicato sul
display 4 da 0 a 1.
– 0 = copiatura non abilitata
– 1 = copiatura possibile.
Quando sul display 4 appare il bit 1, la scritta CORR scompare ed ha
inizio la copiatura dei dati da Ram a EEprom.
Dopo un tempo di circa 20 sec. se la copiatura ha avuto buon fine sui
display 1 e 2 appare il messaggio lampeggiante EEP. 511.

Il trasferimento dei dati da una EEprom ad un'altra è a questo punto


eseguito, utilizzando come stazione di transito la Ram.

Sarà possibile eseguire la copiatura dei dati contenuti nella Ram su più
EEprom.
Questa operazione è sveltita in quanto dopo l'esecuzione del
trasferimento da Ram a EEprom, se l'apparecchio viene spento, alla sua
riaccensione il programma si riposiziona alla cella 702 abilitando un'altra
copiatura come sopra descritto ripresentando ad ogni accensione
l’allarme 090 se una nuova EEprom viene inserita.

MERCURY 332 9- (Rev. 4)


100
MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Se il trasferimento dei dati da Ram a EEprom non viene eseguito,


spegnendo e riaccendendo l'apparecchio, il programma si posiziona alla
cella 701 richiedendo nuovamente la digitazione del codice di accesso ed
il caricamento dei dati in Ram.

Nel corso di queste operazioni si possono verificare delle anomalie che


vengono segnalate sui display 1 e 2 con le diagnosi:
• Err 500 = Byte non riconosciuto. EEprom difettosa
• Err 501 = Scrittura dati non eseguita in tempo utile. EEprom
difettosa
• Err 502 = Confronto tra dati Ram e dati EEprom non corretto.
Riprovare l'operazione di copiatura
• Err 512 = Lettura dei dati EEprom non corretta. Riprovare
l'operazione di lettura.

(Rev. 4) 9- MERCURY 332


101
MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.6 Accesso al gruppo 800 – Prova vita seriografo

Questo programma è realizzato per eseguire la prova dei movimenti del


seriografo e del collimatore.
Durante la fase di collaudo, questo programma viene utilizzato per
eseguire una "prova vita" del seriografo e del collimatore eseguendo un
certo numero di cicli.

Il numero di cicli eseguiti da questo programma viene visualizzato sui


display della console (Figura 9-16).

Per lanciare questo test si dovrà seguire la seguente procedura:


1. Spegnere l'apparecchio e chiudere contemporaneamente a 0 Vs gli
ingressi X03 pin 06 e pin 18 (ponti X0/49 - X0/44 - X045).
2. Accendere l'apparecchio.
Sui display della console sarà visualizzato:
– Display 1 = 801 (numero del gruppo e della cella che esegue la
prova a vita)
– Display 2 = spento
– Display 3 = centinaia, decine ed unità di migliaia del numero di
cicli eseguiti
– Display 4 = centinaia, decine ed unità del numero di cicli
eseguiti.
3. Nel carrello del seriografo deve essere presente una cassetta 18x24
oppure 30x24.
Nel caso il seriografo fosse configurato per accettare cassette in
pollici, dovrà essere inserita una cassetta formato 8x10 oppure
12x10.
Se ciò è rispettato, dopo la fase di inizializzazione, il ciclo dei
movimenti avrà subito inizio.
Nel caso contrario il carrello sarà portato automaticamente in
posizione di caricamento cassetta.
Una volta inserita la cassetta corretta, premendo il tasto in/out
cassetta il carrello verrà inviato in posizione park dove da questo
istante il ciclo dei movimenti avrà inizio.

In questo programma, la digitazione della chiave di accesso per la


modifica dei dati è necessaria solo per modificare il numero di cicli
visualizzati sui display.
Questa operazione di modifica può essere eseguita mentre i movimenti
per il ciclo di prova sono attivi.

MERCURY 332 9- (Rev. 4)


102
MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Per ottenere ciò:

4. Premere il tasto D (Figura 9-16) per 5 sec.


Allo scadere di questo tempo sui display appare:
– Display 1 = 002 riportante il numero della pagina utilizzata per la
scrittura dei codici di accesso
– Display 2-3-4 = 000 in attesa della scrittura della chiave di
accesso
– Display 5 = spento.
5. Premere il tasto F (Figura 9-16).
Sul display 5 appare la scritta lampeggiante CORR che indica la
possibilità di scrittura della chiave di accesso.
6. Impostare la chiave relativa a questo gruppo di dati (Rif. 3 pag.8-7)
per mezzo dei tasti numerici (Figura 9-16). Questa impostazione
apparirà scorrendo da destra verso sinistra sulle cifre dei
display 2-3-4.
7. Premere sul tasto F (Figura 9-16) per confermare.
Se il tasto di conferma non viene premuto entro 15 sec. dal momento
dell'impostazione dell'ultima cifra, il messaggio CORR lampeggiante e
quanto scritto scompare dai display.
Si dovrà quindi reimpostare la chiave.
Se il tasto di conferma viene invece premuto entro il termine previsto,
sul display 5 appare la scritta lampeggiante C4568 che indica la
possibilità di accesso, grazie all'utilizzo della chiave appena digitata,
ai gruppi 400-500-600-800 in funzione di quali ingressi sono collegati
a 0 Vs.
8. Mantenere il tasto D (Figura 9-16) premuto per 5 sec.
I display ritornano alla posizione del gruppo 801 abbandonata nel
momento di ingresso alla pagina 002.

A questo punto sarà possibile modificare il numero dei cicli visualizzato


nei display 2, 3 e 4.
Per eseguire la modifica:

9. Premere il tasto F (Figura 9-16).


Sul display 5 appare il messaggio lampeggiante CORR.
10. Per mezzo dei tasti numerici inserire il nuovo dato che verrà
visualizzato sui display 2, 3 e 4.
11. Premere il tasto F (Figura 9-16) per confermare.
Se il tasto di conferma F non viene premuto entro 15 sec. dal
momento dell'impostazione dell'ultima cifra, il messaggio CORR
lampeggiante e quanto scritto scompare dai display 2, 3 e 4.
Riapparirà il dato antecedente alla modifica che rimane memorizzato.
Se il tasto di conferma viene invece premuto entro il termine previsto,
il dato modificato viene memorizzato.

(Rev. 4) 9- MERCURY 332


103
MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

9.6.1 Esecuzione di un ciclo di test

Di seguito viene descritta la sequenza dei movimenti che permettono


l'esecuzione del test.
Il seriografo esegue il ciclo di inizializzazione dopo di che il seriografo ed il
collimatore si predispongono nella:

• Condizione di partenza
– griglia in posizione 0
– movimento trasversale carrello centrato
– limitatori nella posizione 230 mm
– ganasce base e altezza collimatore nella posizione 230x230 mm
per una DFF pari a 1000 mm.

Dopo che questa condizione di partenza è stata ottenuta, per 4 volte sarà
eseguito:

• Ciclo A
Contemporaneamente si avranno i seguenti eventi:
– il carrello si porta nella posizione "panoramica formato 30", si
arresta in questo punto per 1 sec., indi ritorna in posizione park
– i limitatori si portano nella posizione formato 30/2, si arrestano
in questo punto per 1 sec., indi ritornano nella posizione 230mm
– il collimatore limita un campo pari al formato 30x24/2 ad una
DFF pari a 1000 mm per 1 sec. dopo di che ritorna nella
posizione 230x230 mm
– il movimento griglia viene attivato per 1.5 sec.

Dopo l'esecuzione di 4 cicli A, secondo le modalità sopra descritte sarà


eseguito:

• Ciclo B
Contemporaneamente si avranno i seguenti eventi:
– il carrello si porta nella posizione caricamento cassetta e dopo 1
sec. dal raggiungimento di questa posizione ritorna in park
– i limitatori si portano nella posizione formato 30x24/4 dove
rimangono per 1 sec. prima di ritornare alla posizione 230 mm
– il collimatore limita un campo pari al formato 30x24/4 ad una
DFF pari a 1000 mm per 1 sec. dopo di che ritorna nella
posizione 230x230 mm
– il movimento griglia rimane attivo dal momento in cui il carrello
ha lasciato la posizione park al momento in cui vi è ritornato.

A questo punto tutti i movimenti vengono arrestati per 3 sec. dopo di che
ha inizio un nuovo gruppo di 4 cicli A + 1 ciclo B.

MERCURY 332 9- (Rev. 4)


104
MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Al termine del secondo gruppo di cicli quando il carrello ritorna nella


posizione park il movimento di traslazione laterale cassetta viene attivato
portando la cassetta prima al fine corsa lato piedi, quindi al limite lato
testa indi nella posizione centrata.
A questo punto l'attesa di 3 sec. ha inizio.

La serie completa dei cicli secondo le modalità indicate avrà inizio


nuovamente.

Il conteggio dei cicli eseguiti viene incrementato di una unità ogni volta
che il carrello raggiunge la posizione park.

NOTA:
Se il collimatore è dotato di iride, quest'asse seguirà le ganasce di base ed
altezza, circoscivendo sempre il formato limitato da questi assi.

Spegnere l'apparecchio per interrompere il ciclo di prova vita.

(Rev. 4) 9- MERCURY 332


105
MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

MERCURY 332 9- (Rev. 4)


106
MANUALE DI SERVIZIO
Descrizione della tecnica di impostazione dei dati

Figura 9-16

(Rev. 4) 9-107 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento Single Fault

10 LOGICA DI FUNZIONAMENTO SINGLE


FAULT

10.1 Concetto ed interpretazione

La realizzazione del Single Fault ha come obiettivo il controllo ridondante


sui circuiti di attivazione dei movimenti del tavolo, quelle funzioni cioè,
che se fuori controllo possono risultare pericolose per il paziente.
Questa sicurezza è realizzata in modo tale che, se si verifica un solo
guasto alla volta (da qui il termine Single Fault), ai vari livelli della catena
che determina il movimento, il sistema è in grado di riconoscere il guasto
ed esegue una azione tale da provocare l'arresto immediato del
movimento.

Di seguito viene illustrato il modo completamente innovativo per mezzo


del quale questa norma è stata realizzata su questo tavolo.
Questo "modo" garantisce il rispetto della norma secondo la sua
interpretazione più rigida, garantendo fattori di sicurezza elevatissimi
mantenendo alto il grado di affidabilità e semplicità.
In caso di anomalia a qualsiasi livello della catena dei movimenti, questo
sistema, grazie alla sua sofisticata tecnologia ed alla rapidità di
intervento, è in grado di arrestare qualsiasi movimento risulti fuori
controllo, entro 10 mm dal momento in cui il guasto si verifichi.

(Rev. 4) 10-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento Single Fault

10.2 Realizzazione Hardware

I movimenti di:
• ribaltamento
• pendolazione
• carro porta seriografo - intensificatore
• piano porta paziente longitudinale
• piano porta paziente trasversale
• distanza fuoco – film (DFF)
• compressore in/out
• compressore alto/basso
presenti sul tavolo telecomandato rispondono alla sicurezza SF sopra
descritta.

Una parte della scheda principale in cui è presente un microprocessore


(µP) denominata "controllore" dialoga con la scheda principale per
garantire una verifica ridondante per quanto riguarda i movimenti sopra
citati.
Tutti i comandi di movimento presenti sulla console, sul pedale o
pulsante di preparazione-raggi e sul doppio comando sono realizzati con
un doppio microinterruttore (µS).
Il primo µS è collegato sul contatto aperto (NA) ed è sarà responsabile
della richiesta di movimento.
Il secondo è collegato sul contatto chiuso (NC) ed è in serie a tutti i
secondi µS che hanno la funzione di sicurezza SF.
Il collegamento in serie permette di ottenere un solo filo che è inviato ad
un ingresso presente sia sulla parte principale che su quella controllore
(X2 pin 11).
Questo ingresso che è polarizzato con lo 0 Vs generato dalla scheda
principale è presente quando tutti i movimenti sono a riposo, quando cioè
nessun comando di movimento è attivo, ed è "open" quando uno o più
comandi sono attivati.

Tutti i movimenti dotati di potenziometro:


• ribaltamento
• pendolazione
• carro porta seriografo – intensificatore
• piano porta paziente longitudinale
• piano porta paziente trasversale
• distanza fuoco – film (DFF)
• movimento strato
utilizzano come feed back di movimento destinato alla scheda principale
il segnale proveniente dal potenziometro stesso.

MERCURY 332 10-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento Single Fault

I restanti movimenti, quelli cioè relativi ai due motori del compressore


sono monitorati grazie a 4 ingressi che derivano dal collegamento del
contatto aperto di 4 relè le cui bobine saranno collegate in parallelo ai
motori del compressore e discriminati grazie ad 1 diodo collegato in serie
a ciascuna bobina.

NOTA:
Gli ingressi del movimento compressore sono 4 per riconoscere la
direzione che il motore assume.
Infatti se a livello elettronico dovesse intervenire un guasto tale per cui il
motore assumesse una direzione contraria a quella scelta per mezzo del
joistyck, monitorando solo il movimento e non la direzione, l'elettronica
non è in grado di riconoscere il guasto. Trattandosi di una parte che
viene a contatto diretto con il paziente, questa ulteriore discriminazione
circuitale aumenta il fattore di sicurezza.

Riassumendo quindi le parti HW che sono presenti per la sicurezza SF


troviamo:
• Parte macchina
– 4 relè in parallelo ai motori di movimento compressore
– raddoppio di tutti i comandi di movimento console, pedale,
doppio comando
• Scheda principale
– realizzazione di un ingresso per i comandi movimento doppi SF
– realizzazione di 4 ingressi per il feed back dei movimenti
compressore
– realizzazione di 9 uscite che riportino la condizione delle porte di
uscita destinate al comando degli elementi di attivazione dei
movimenti sopra descritti
– realizzazione di una linea seriale destinata al controllore con lo
scopo di eseguire una verifica incrociata del funzionamento della
elettronica di entrambe parti della scheda
– presenza di un relè di "ready" sulla scheda principale
• Parte controllore
Realizzazione di una zona nella scheda principale denominata
controllore con:
– presenza di un relè di "ready"
– ingresso per i comandi movimento doppi
– 9 ingressi di monitoraggio delle porte di comando movimenti
– linea seriale di colloquio con la scheda principale.

(Rev. 4) 10-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento Single Fault

10.3 Realizzazione Software e principio di


funzionamento

Il software esegue le funzioni riguardanti la sicurezza SF secondo la


descrizione sotto riportata:

• Accensione
All'accensione dell'apparecchio la scheda principale ed il controllore
eseguono una verifica incrociata del buon funzionamento di
entrambe le elettroniche grazie alla linea seriale di collegamento.
Entrambi verificano che l'ingresso dei comandi di movimento sia in
condizioni di "nessun comando premuto".

Le 9 porte di uscita dovranno essere disattive e la verifica di ciò è


eseguita dal controllore grazie ai 9 ingressi di monitorizzazione.
In presenza di tutte queste condizioni rispettate sia la scheda
principale che il controllore attivano i relè di "ready" i cui contatti
aperti collegati in serie attiveranno la bobina del teleruttore di
potenza K1L che alimenterà le parti di potenza.

All'attivazione dei relè di "ready" nessun feed back, sia a livello di


potenziometri, sia a livello di ingressi controllo compressore, dovrà
risultare attivo.
Nel caso in cui le condizioni descritte ai punti precedenti non si
verificassero i relè di "ready" non saranno attivati e la scheda
principale invierà una diagnosi di allarme alla console
discriminandola secondo i seguenti livelli:
– Diagnosi 907 = un comando e l'ingresso SF sono attivi
all'atto dell'accensione
– Diagnosi 232 = un comando è attivo ma l'ingresso SF non
funziona
– Diagnosi 231 = nessun comando è attivo ma l'ingresso SF
non funziona
– Diagnosi 940 = mancanza di dati sulla linea seriale dal
controllore al processore principale
– Diagnosi 950 = mancanza di dati sulla linea seriale dal
processore principale al controllore
– Diagnosi 270÷278 = le 9 uscite di attivazione movimenti
risultano attive senza comando
– Diagnosi 279÷282 = le 4 uscite movimento compressore
risultano attive senza comando
– Diagnosi 201÷215 = il potenziometro 1÷13 è in movimento
senza comando (204 non usato).

MERCURY 332 10-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento Single Fault

NOTA:
Nel caso in cui il guasto fosse a livello elettronico della scheda principale
il controllore non attiverà il suo relè di "ready" ma non può inviare alcun
messaggio di allarme alla console poiché le due unità non sono collegate
direttamente.
In questo caso il controllore accenderà un led rosso di segnalazione
anomalia della scheda principale.

• Attivazione di uno o più movimenti


Se un movimento viene richiesto la scheda principale riceverà
l'informazione di quale movimento dovrà essere attivato grazie alla
linea seriale che la collega alla console o per mezzo degli ingressi
provenienti dal doppio comando.
Contemporaneamente l'ingresso SF dei comandi cambia di stato.
Questo ingresso è presente anche sul controllore.
Entrambe le parti accettano che una o più porte siano attivate e la
scheda principale verifica che i potenziometri corrispondenti alle
porte attive siano in movimento.
Per quanto riguarda il movimento compressore solo quando le porte
rispettive risultano attive, sarà accettato che l'ingresso di feed back
rispettivo cambi di stato.
Quando sia il comando di movimento che quello SF vengono
disattivati, sia la scheda principale che il controllore verificano che le
porte risultino immediatamente spente.

Il feed back dei potenziometri o del compressore devono anch'essi


risultare immediatamente disattivati fatta eccezione per i movimenti
di ribaltamento e pendolazione che risulteranno arrestati solo dopo il
termine della rampa di decelerazione.

• Anomalie di funzionamento
Come accennato nell'introduzione il sistema è in grado di riconoscere
una anomalia a qualsiasi livello della catena responsabile del
movimento.
Le possibilità quindi di anomalia potranno essere:
a guasto del µS di comando movimento
b guasto del µS di SF
c guasto della scheda principale
d guasto del controllore
e guasto delle porte di comando per i componenti di attivazione
movimenti
f guasto di un componente di attivazione movimento
g guasto di un elemento responsabile del feed back.

(Rev. 4) 10-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento Single Fault

Il sistema è in grado di riconoscere questi guasti grazie ai controlli


elencati.

a-b
Sono state descritte nel paragrafo precedente le condizioni di verifica
degli ingressi relativi all'attivazione dei movimenti ed i corrispondenti
codici di allarme.

c
Il guasto della parte elettronica o di comunicazione seriale della
scheda principale viene riconosciuta dal controllore grazie alla linea
seriale di collegamento che, come già detto, disattiva il relè di "ready"
ed accende un led rosso di allarme.

d
Allo stesso modo e grazie alla linea seriale sopra citata la scheda
principale è in grado di riconoscere una anomalia del controllore.
Se ciò si verifica la scheda principale spegne il suo relè di "ready" ed
invia la diagnosi di allarme 940 alla console.

NOTA:
La linea seriale di collegamento tra le 2 parti, oltre ad avere la funzione di
controllo del buon funzionamento dei microprocessori, viene utilizzata dal
controllore per eseguire un confronto tra gli ingressi e le porte attivate
dalla scheda principale.

e
All'atto dell'accensione nessuna delle porte di attivazione movimenti
dovrà essere attiva neppure quando nessuna richiesta di movimento
e di SF saranno attive.
Se questa anomalia si verifica verranno spenti entrambi i relè di
"ready" e la scheda principale invierà la diagnosi di allarme relativo
alla porta difettosa.

f
Potrà accadere che un componente hardware responsabile del
movimento di un motore si guasti rimanendo in corto circuito.
Il sistema è in grado di riconoscere il guasto grazie al feed back
generato dai potenziometri o dai relè posti in parallelo ai motori del
compressore.
In questo caso nessun comando di movimento sarà attivo, nessuna
porta sarà attiva ma la scheda principale riceverà un segnale di
movimento dai feed back.
I relè di ready sono subito disattivati e la diagnosi di allarme relativa
viene inviata alla console.

MERCURY 332 10-6 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento Single Fault

g
Nel caso in cui un componente hardware responsabile del movimento
o del feed back si guasti, il sistema riconosce un comando attivo con
relativa apertura del circuito SF, riconoscerà una o più porte attive
ma non riceverà segnale di feed back in numero e tipo pari a quello
delle porte attive.
Poiché il sistema è in grado di comparare le porte di comando con i
feed back, dopo aver spento i relè di ready, la scheda principale invia
una diagnosi di allarme alla console.

(Rev. 4) 10-7 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Logica di funzionamento Single Fault

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

MERCURY 332 10-8 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11 CONDIZIONI DI FUNZIONAMENTO

11.1 Collisione

Quando uno o più movimenti vengono attivati, può accadere che una
parte dell'apparecchio raggiunga il limite di sicurezza collisione.
Questo limite, impostato per mezzo delle celle:
• 201, 202, 203 (distanza pareti, soffitto)
• 222, 223 224, 225 (distanze di sicurezza)
determina una immaginaria barriera software invalicabile da qualunque
parte dell'apparecchio.
Quando una parte dell'apparecchio raggiunge questo limite, il movimento
che ha determinato questa situazione viene arrestato.
Sui display 1 e 2 (Figura 9-16) appare il messaggio lampeggiante COLLIS
e sul display 3 (Figura 9-16) un numero che indica le parti della sala e
dell'apparecchio che potrebbero entrare in collisione secondo la tabella di
seguito riportata.
Il messaggio lampeggiante COLLIS è presente fino a che un joystick viene
premuto per informare l'operatore che alcuni movimenti potrebbero
essere inattivi.
Al rilascio dei joystick il display si presenta nelle condizioni normali.
Ripremendo un comando il messaggio COLLIS viene riproposto fino a che
tale condizione non viene abbandonata.

1^ cifra = organo 2^ cifra = ostacolo

1 = Barella lato testa 1 = Parete sinistra


2 = Barella lato piedi 2 = Parete destra
3 = Cuffia 3 = Soffitto
4 = Colonna 4 = Pavimento
5 = Carro seriografo

Esempio:
Messaggio 32 = rischio di collisione tra cuffia e parete destra.

Tutti i movimenti che, se azionati porterebbero ad oltrepassare la barriera


software di collisione, al limite del quale l'apparecchio si trova, vengono
inibiti via software. Saranno azionabili solo i movimenti che
allontaneranno l'apparecchio da questa posizione di rischio.
A differenza dei messaggi sopra citati, l'allarme COLLIS 03 viene
generato e continuamente visualizzato quando l'ingresso di sicurezza
sospensione a soffitto (X0 pin 3) non è collegato a 0 V.
I movimenti del tavolo, ad eccezione dei 4 del tavolo porta paziente, sono
inibiti.

(Rev. 4) 11-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento
Per riabilitare i movimenti sarà necessario riportare l'eventuale "pensile"
in parcheggio.

MERCURY 332 11-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11.2 Compressore

Il dispositivo di compressione è una delle parti principali di un


apparecchio telecomandato.
Questo dispositivo, insostituibile specialmente nell'esecuzione degli esami
dell'apparato digerente, viene a diretto contatto del paziente.
Per questo motivo, questo dispositivo deve essere gestito in modo da
garantire il massimo della sicurezza evitando rischi al paziente in caso di
anomalia.
La logica di funzionamento adottata in questa realizzazione, che
garantisce sia la buona operatività, sia la massima sicurezza, viene di
seguito descritta.
Le posizioni del compressore sono ottenute con 2 movimenti ben distinti
tra di loro:
• entrata/uscita del cono di compressione rispetto al fascio radiogeno
• salita/discesa del cono di compressione rispetto al piano porta
paziente.
Quattro microinterruttori sono responsabili del riconoscimento dei limiti
delle corse:
• fine corsa compressore basso
• fine corsa compressore alto
• fine corsa compressore fuori
• fine corsa compressore dentro.
Quattro microinterruttori sono responsabili del riconoscimento del
contatto del cono con il paziente:
• 7 kg forza di compressione
• 10 kg forza di compressione
• 14 kg forza di compressione
• emergenza di compressione.

Quando il compressore si trova nella zona del movimento alto / basso


(quando cioè il microinterruttore "alto" è liberato), azionando i 4
movimenti barella, i 2 movimenti di centratura barella o il movimento del
carro si otterrà che:
• il movimento richiesto non si attiva
• il compressore risale per il seguente tempo:
– con forza di compressione minima (6 kg); attivazione motore
risalita per 1 sec
– con forza di compressione media (10 kg); attivazione motore
risalita per 1,5 sec
– con forza di compressione massima (14 kg); attivazione motore
risalita per 2 sec.
Al termine del tempo sopra indicato la risalita si arresta e la console
fornisce un segnale acustico "tipo lungo" (nel software sono presenti
2 tipi di segnale acustico "corto" e "lungo").

(Rev. 4) 11-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

Per attivare il movimento richiesto sarà necessario rilasciare e


ripremere il joystick del movimento.
Il movimento di risalita compressore è ovviamente a "uomo morto",
pertanto se durante la risalita il joystick viene rilasciato, il movimento
si arresta.
Ripremendo il joystick la risalita viene riattivata per il tempo previsto
in funzione della forza di compressione selezionata senza tenere conto
della precedente parziale risalita.
Solamente quando un tempo di risalita viene completato i 4
movimento barella e i 2 del carro saranno liberi.

Sarà così possibile eseguire lo spostamento del paziente o del tubo senza
alcun rischio, e una volta eseguito ciò sarà possibile comprimere
nuovamente il paziente.
Quando il compressore si trova in una posizione che non è quella di
parcheggio, azionando il joystick di pendolazione, il rientro del
compressore viene attivato.
Solamente dopo 1 sec. che il compressore ha raggiunto la posizione di
park, quindi ritorna ad intercettare il microinterruttore "dentro", il
movimento di pendolazione viene abilitato.
In parallelo ai motori di movimento compressore sono collegati 4 relè che
grazie all'azione di 4 diodi vengono eccitati in funzione del movimento
attivato.
I contatti di questi relè vengono utilizzati quale feed back al processore
principale per riconoscere se il movimento è attivo o disattivo.
Questi ingressi confrontati con lo stato dei joystick di movimento,
permettono di riconoscere anomalie sia di mancato funzionamento, sia di
funzionamento non desiderato.
Nel caso in cui i movimenti dell’apparecchio dovessero risultare inibiti
(condizione di allarme, mancanza di alimentazione, ecc .......) ed il cono
del compressore essere a contatto del paziente è possibile rimuovere tale
elemento per mezzo dello sblocco di sicurezza presente sul dispositivo.

MERCURY 332 11-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11.3 Collimatore

Il Mercury 332 è stato realizzato per poter accettare un collimatore a


campo quadro oppure uno a campo quadro con iride.
Questa scelta avviene mediante il settaggio del bit della cella 253.
I modi di funzionamento del collimatore sono:
• automatico
• manuale.
Il modo automatico a sua volta può essere associato alla funzione Hold.

La selezione della modalità di funzionamento del collimatore dipende sia


dalla scelta dell'operatore sia dalla condizione degli ingressi "Digitale (X0-
47)" e "Seriografo (X0-59)".
Le condizioni sono:

Ingressi Modo manuale Modo automatico

X0-47 ON (Digitale) NON POSSIBILE ATTIVO


X0-59 ON (Seriografo) SELEZIONABILE SELEZIONABILE
X0-47 OFF X0-59 OFF (Diretta) ATTIVO NON POSSIBILE

Quando la funzione automatica è attiva o selezionata la funzione Hold


può essere attivata o esclusa dall'operatore.

La logica di funzionamento del collimatore nelle varie modalità è di


seguito descritta.

• Modo manuale
– Se nessun programma è selezionato, quando il comando scopia
non è attivo, è possibile tramite i joystick collimare un formato
compreso tra il minimo ed il massimo.
I limitatori interni al seriografo seguono le ganasce base del
collimatore durante questa limitazione.
Viceversa quando il comando scopia è attivato il massimo formato
raggiungibile è quello pari all'IB selezionato
– Se è selezionato un programma il cui formato è minore rispetto a
quello dell'IB selezionato, il collimatore si posiziona sul formato
divisione che è il massimo formato raggiungibile. Sarà possibile
quindi collimare, per mezzo dei joystick, un formato qualsiasi
compreso tra il minimo ed il formato divisione. Questa condizione
è valida sia con comando scopia attivo che con comando
disattivo.
I limitatori interni al seriografo seguono le ganasce base del
collimatore se viene eseguita una ulteriore riduzione tranne se è
stata impostata una divisione a croce

(Rev. 4) 11-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

– Se è selezionato un programma il cui formato è maggiore rispetto


a quello dell'IB selezionato, quando il comando scopia non è
attivo, per mezzo del joystick sarà possibile posizionare le
ganasce su formati compresi tra il minimo ed il formato
selezionato.
Al contrario, con il comando scopia attivo, il massimo formato
raggiungibile è quello del campo IB selezionato
– Il led di funzione manuale presente sulla console rimane sempre
acceso sia con comando scopia attivo, sia con comando scopia
disattivo
– Nel caso in cui il collimatore si trovi in posizioni maggiori rispetto
al campo IB selezionato, premendo il comando di scopia le
ganasce verranno portate al formato IB.
Al rilascio del comando di scopia le ganasce si riportano sulla
posizione in cui si trovavano prima che il comando di scopia
venisse azionato
– È possibile in ogni momento selezionare la funzione collimatore
automatico. Entrambe le ganasce si porteranno quindi in
posizione formato IB selezionato
– Se l'apparecchio viene spento con il collimatore in condizione
manuale, alla riaccensione sarà attiva sempre la funzione
automatica.

• Modo automatico
– Se nessun programma è selezionato, è possibile tramite i joystick
collimare un formato compreso tra il formato IB impostato ed il
minimo.
I limitatori interni al seriografo seguono le ganasce base del
collimatore durante questa limitazione
– Se è selezionato un programma il cui formato è minore rispetto a
quello dell'IB selezionato, il collimatore si posiziona sul formato
divisione che è il massimo formato raggiungibile. Sarà possibile
quindi collimare, per mezzo dei joystick, un formato qualsiasi
compreso tra il minimo ed il formato divisione.
I limitatori interni al seriografo seguono le ganasce base del
collimatore se viene eseguita una ulteriore riduzione tranne se è
stata impostata una divisione a croce
– Se è selezionato un programma il cui formato è maggiore rispetto
a quello dell'IB selezionato, per mezzo del joystick sarà possibile
posizionare le ganasce su formati compresi tra il minimo ed il
campo IB selezionato
– Quando il comando di preparazione viene attivato, il collimatore
si posiziona sempre sul formato divisione selezionato
– È possibile in ogni momento selezionare la funzione collimatore
manuale.

MERCURY 332 11-6 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

• Modo automatico Hold


Il funzionamento è identico alla modalità automatica fatta eccezione
per il caso in cui durante la scopia sia stata eseguita una riduzione
per mezzo del joystick di una o entrambe le ganasce.
In questo caso con la preparazione attiva il collimatore rimane nella
posizione ottenuta per mezzo del joystick.

ATTENZIONE:
Il ciclo di lavoro della lampada del collimatore non deve essere superiore
a 2 cicli consecutivi di accensione separati da 180 sec. di spegnimento.
Questo ciclo di lavoro garantisce che le parti che possono venire a
contatto con il paziente non raggiungano temperature troppo elevate a
causa del riscaldamento prodotto dalla lampada alogena.

(Rev. 4) 11-7 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11.4 Modalità operative

Come indicato nella tabella del paragrafo precedente le modalità operative


dell'apparecchio possono essere:

• Digitale
L'ingresso X0-47 è attivo.
Il collimatore può essere selezionato solo nelle modalità automatico o
automatico+hold.
Sul display 5 (Figura 9-16) appare la scritta DSI.
È possibile eseguire indagini in fluoroscopia ed in grafia azionando i
comandi a pedale (standard) o a pulsante (optional).
Il seriografo in questa fase non esegue i movimento del carrello porta
cassetta e vibrazione griglia, mentre i limitatori seguono eventuali
riduzioni eseguite dalle ganasce base del collimatore.

• Seriografo
L'ingresso X0-59 è attivo.
Il collimatore può essere selezionato sia in modalità automatico, sia
in automatico+hold sia in manuale.
Sul display 5 (Figura 9-16) appare il formato della cassetta presente
nel seriografo ed il numero di esposizioni possibili.
È possibile eseguire indagini in fluoroscopia ed in grafia azionando i
comandi a pedale (standard) o a pulsante (optional).
Il seriografo esegue tutti i movimenti del carrello porta cassetta,
vibrazione griglia, e limitatori.
Questi ultimi seguono anche eventuali riduzioni eseguite dalle
ganasce base del collimatore.

• Diretta
Sia l'ingresso X0-47 che quello X0-59 sono disattivi.
Il collimatore può essere selezionato solo nella modalità manuale.
Il display 5 (Figura 9-16) si presenta spento.
Non è possibile eseguire indagini in fluoroscopia in quanto l'uscita di
richiesta scopia verso il generatore viene inibita.
È possibile eseguire esami in grafia azionando i comandi a pedale
(standard) o a pulsante (optional).
Il seriografo in questa fase non esegue il movimento del carrello porta
cassetta, vibrazione griglia e limitatori.
Le uscite di preparazione, II scatto e grafia vengono inviate al
generatore senza condizionamenti.
Non è selezionabile la tomografia.

MERCURY 332 11-8 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11.5 Radiografia standard

Per eseguire una radiografia standard sono previste nel software delle
sequenze che, solo se rispettate, permetteranno di portare a termine il
programma.
La sequenza delle operazioni è riassunta in:
1. I° scatto pedale (preparazione)
– partenza carrello dalla posizione PARK per raggiungere la
posizione "esposizione"
– movimento limitatori verso il formato cassetta se questo è
maggiore del formato I.B.
– attivazione dell'uscita richiesta "preparazione" al generatore
– movimento degli assi collimatore verso il formato grafia se questo
è maggiore del formato I.B.
2. II° scatto pedale
Attivazione dell'uscita "II scatto" al generatore.
3. Presenza ingresso "Generatore pronto"
Partenza griglia solo se sono presenti tutte le seguenti condizioni:
– assi collimatore fermi sulla dimensione del film o della divisione
selezionata
– limitatori in posizione film o divisione e ritardo spegnimento
motore (cella 368) scaduto
– carrello in posizione "esposizione" e ritardo spegnimento motore
(cella 382) scaduto.
4. Richiesta raggi
La partenza della griglia determina l'inizio del decremento del tempo
di ritardo impostato nella cella 230. Allo scadere di questo tempo:
– attivazione dell'uscita richiesta "raggi" al generatore.
5. Presenza raggi
L'ingresso "presenza raggi" deve essere presente entro un tempo pari
a 0.35 sec. In caso contrario sarà presente l'allarme 064.

Per maggior comprensione delle sequenze sopra descritte, viene di seguito


riportato lo schema a blocchi rappresentante la funzione "esposizione
standard" ed i relativi messaggi di allarme.

(Rev. 4) 11-9 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11.5.1 Schema a blocchi esecuzione "Radiografia standard"

• Carrello park
• Limitatori IB o div.
→ ←
• Collimatore IB o div.
Azionamento
↓ joystick
reset
I° scatto:
• Movimento verso posiz.
esposizione di:
- Carrello
- Limitatori
- Collimatore
• Out "richiesta prep." ON
↓ ↑
↑ • Raggiungimento NO
posizione finale di: → →
- Carrello Allarme
- Limitatori 060
- Collimatore
entro 8 sec.
SI ↓
II° scatto al generatore
NO Allarme
• Input "generat. Ready"
→ 062 →
entro 3 sec.
SI ↓
• Start movimento griglia
• Decremento tempo
cella 230
↓ ↑
• Tempo cel. 230 scaduto:
- Out "richiesta raggi" ON

↑ • Input "presenza raggi" NO Allarme
ON entro 0.35 sec. → 064 →
SI ↓ ↑
Exposure in corso. I° scatto:
• Rilascio pedale con SI Allarme 067
input "presenza raggi" → II° scatto: →
ON Allarme 066
NO ↓ ↑
• Input "presenza raggi" SI Allarme
ON oltre 6.5 sec. → 065 →
NO ↓
SI • Rilascio I° e II° scatto
← con tempo raggi termin. ←
("presenza raggi" OFF)
NO ↓

MERCURY 332 11-10 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11.6 Sequenza rapida

L'esecuzione di un programma in sequenza rapida prevede una sequenza


di operazioni differenti rispetto a quelle del programma standard.
Sarà possibile selezionare la funzione solo se una divisione con minimo 2
esposizioni è stata scelta e se nessuna esposizione è ancora stata
eseguita.
Con il modo sequenza rapida attivo non sarà possibile selezionare il
programma tomografico.
Le sequenze di questo programma sono:
1. I° scatto pedale (preparazione)
– partenza carrello dalla posizione PARK per raggiungere la
posizione "esposizione"
– movimento limitatori verso il formato cassetta se questo è
maggiore del formato I.B
– attivazione dell'uscita richiesta "preparazione" al generatore
– movimento degli assi collimatore verso il formato grafia se questo
è maggiore del formato I.B.
– partenza del movimento griglia.
2. II° scatto pedale
Attivazione dell'uscita "II scatto" al generatore.
3. Presenza ingresso "generatore pronto"
Attivazione dell'uscita richiesta "raggi" al generatore se sono presenti
le seguenti condizioni:
– assi collimatore fermi sulla dimensione della divisione selezionata
– limitatori in posizione divisione e ritardo spegnimento motore
(cella 368) scaduto
– carrello in posizione "esposizione" e ritardo spegnimento motore
(cella 382) scaduto.
4. Presenza raggi
L'ingresso "presenza raggi" deve essere presente entro un tempo pari
a 0.35 sec. In caso contrario sarà presente l'allarme 064.
5. Avanzamento programma
La scomparsa dell'ingresso "presenza raggi" determina:
– lo spegnimento dell'uscita richiesta raggi
– il pilotaggio del carrello alla posizione "esposizione" successiva.
6. Esecuzione della radiografia successiva
Quando il carrello ha raggiunto la posizione "esposizione" ed il ritardo
spegnimento motore (cella 382) è scaduto:
– la richiesta raggi viene nuovamente attivata.
In qualunque passo, se il II° scatto viene disattivato, il programma viene
abortito, il carrello espulso ed appare l'allarme 063.
Qualunque allarme intervenga durante l'esecuzione di un programma in
sequenza rapida il programma viene abortito ed il carrello espulso.
Per maggior comprensione delle sequenze sopra descritte, viene di seguito
riportato lo schema a blocchi rappresentante la funzione "sequenza
rapida" ed i relativi messaggi di allarme.
(Rev. 4) 11-11 MERCURY 332
MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11.6.1 Schema a blocchi esecuzione "Sequenza rapida"

• Selez. divisione e volet


• Carrello park ←
• Limitatori IB o div.
• Collimatore IB o div.
↓ ↑
I° scatto: Azionamento
• Movimento verso posiz. joystick reset
esposizione di: allarmi
- Carrello
- Limitatori ↑
- Collimatore
• Out "richiesta prep." ON • Progr. abortito
• Partenza movim. griglia • Carrello espulso

• Raggiungimento
posizione finale di: ↑
- Carrello NO Allarme
- Limitatori → 061 →
- Collimatore
entro 8 sec.
SI ↓
II° scatto al generatore NO Allarme
• Input "generat. Ready"
→ 062 →
entro 3 sec.
SI ↓
• Out "richiesta raggi" ON ↑

• Input "presenza raggi" NO Allarme
ON entro 0.35 sec. → 064 →
SI ↓ ↑
• Input "presenza raggi"
OFF (fine raggi) entro: NO Allarme
→ 6.5 sec → 065 →
- Out "richies. raggi" OFF
SI ↓
Fine SI ↑
programma → → →
NO ↓ ↑
• Rilascio pedale con SI Allarme
programma non termin. → 063 → ↓
NO ↓
↑ • Carrello in posizione ↑
successiva
• Out "richiesta raggi" ON

SI • Input "presenza raggi" NO Allarme Carrello OUT o
← ON entro 3 sec. → 064 → park (cella 248)

MERCURY 332 11-12 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11.7 Tomografia

L'esecuzione di un programma tomografico prevede una sequenza di


operazioni caratteristiche legate a questo tipo particolare di programma.

Prima dell'esecuzione delle esposizioni dei radiogrammi, sarà necessario


impostare i parametri tomografici.
Premendo il tasto "tomografia" il led rispettivo inizia a lampeggiare.
Per effettuare il posizionamento dei vari organi sarà necessario azionare il
joystick di centratura.
Se le posizioni di inizio tomografia non sono già raggiunte, questa azione
determinerà i seguenti movimenti:
• rientro compressore in park
• DFF a 1140
• centratura a 0° colonna
• altezza strato a 80 mm
• rientro carro nei limiti di tomografia.
Raggiunte queste posizioni un segnale acustico conferma l'ingresso in
tomografia ed il led rispettivo si accende.
Il tutti i movimenti sono a uomo morto, quindi se si rilascia il joystick
prima che il posizionamento sia completato, tutti i movimenti in corso si
arrestano ed il led di tomografia continua a lampeggiare.
Ripremendo il joystick si proseguirà nel raggiungimento della posizione

Una volta nel programma di tomografia sarà necessario selezionare:


• angolo
• velocità
• divisione
per poter eseguire una sequenza raggi.
Entrando in programma Tomo vengono automaticamente impostati 45°,
velocità lenta.
Se il programma tomografico è selezionato non sarà possibile l'ingresso
nel modo sequenza rapida.
Se nella cella 252 è presente il valore 1 (I.B. > 12”) non è posssibile
eseguire una tomografia con il ribaltamento inferiore a 0°. In questa
condizione il display indicante lo strato è lampeggiante e non è possibile
modificarne la posizione.

(Rev. 4) 11-13 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

I passi del programma di tomografia sono:


1. I° scatto pedale (preparazione)
– partenza carrello dalla posizione PARK per raggiungere la
posizione "esposizione"
– movimento limitatori verso il formato cassetta se questo è
maggiore del formato I.B
– attivazione dell'uscita richiesta "preparazione" al generatore
– movimento degli assi collimatore verso il formato grafia se questo
è maggiore del formato I.B
– partenza della griglia
– spostamento colonna verso la posizione di carica.
2. II° scatto pedale
Attivazione dell'uscita "II scatto" al generatore.
3. Presenza ingresso generatore pronto
Partenza della colonna per la tomografia se sono rispettate le
seguenti condizioni:
– assi collimatore fermi sulla dimensione del film o della divisione
selezionata
– limitatori in posizione film o divisione e ritardo spegnimento
motore (cella 368) scaduto
– carrello in posizione "esposizione" e ritardo spegnimento motore
(cella 382) scaduto.
4. Richiesta raggi
Attivazione dell'uscita richiesta "raggi" al generatore quando la
colonna entra nell'angolo di tomografia impostato.
5. Presenza raggi
– l'ingresso "presenza raggi" deve essere presente entro un tempo
pari a 0.35 sec. In caso contrario sarà presente l'allarme 064
– se l'ingresso "presenza raggi" si disattiva quando la colonna si
trova ancora nell'angolo di tomografia, quindi l'uscita richiesta
raggi è presente, sarà visualizzato l'allarme 068
– se l'ingresso "presenza raggi" rimane attivo per un tempo
superiore a 0.2 sec rispetto all'apertura dell'uscita "richiesta
raggi", verrà visualizzato l'allarme 069.

Mantenendo premuto il II scatto, la colonna ritorna alla posizione


centrata.
Se si rilascia il pedale la colonna si arresta e sarà necessario premere il
joystick di centratura per riportarla al centro.

Per maggior comprensione delle sequenze sopra descritte, viene di seguito


riportato lo schema a blocchi rappresentante la funzione "esposizione
tomografica" ed i relativi messaggi di allarme.

MERCURY 332 11-14 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

È possibile eseguire un movimento tomografico di test, senza cioè la


richiesta raggi.
Una volta impostati tutti i parametri, come sopra descritto, sarà
necessario azionare il joystick di centratura indi premere il pulsante di
test.

Se il movimento non viene completato il led di tomografia lampeggerà.


Sarà necessario azionare il joystick di centratura per riportare a 0° la
colonna e riabilitare il movimento tomografico.

Per uscire dal programma di tomografia si dovrà premere il pulsante di


tomografia, il led rispettivo inizierà a lampeggiare.
Azionando il joystick di centratura l'apparecchio si riposiziona in
condizioni standard.
Al termine del posizionamento, il led di tomografia cesserà di
lampeggiare.

(Rev. 4) 11-15 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11.7.1 Schema a blocchi esecuzione "Tomografia"

• Tomo ON (ang+vel+div)
• Carrello park
→ • Limitatori IB o div. ←
• Collimatore IB o div.
Azionamento
↓ joystick
centratura
I° scatto:
• Movimento verso posizione
esposizione di:
- Carrello, Limitatori, ↑
Collimatore
• Start movimento griglia Azionamento
joystick
• Colonna verso carica
reset
• Out "richiesta prep." ON

↑ • Raggiungimento
posizione finale di: ↑
- Carrello NO Allarme
- Limitatori → 060 →
- Collimatore
entro 8 sec.
SI ↓
II° scatto al generatore NO Allarme
• Input "generat. Ready"
→ 062 →
entro 3 sec.
SI ↓
• Start movimento colonna
↓ ↑
• Colonna in angolo Tomo
• Out "richiesta raggi" ON

↑ • Input "presenza raggi" NO Allarme
ON entro 0.35 sec. → 064 →
SI ↓ ↑
Tomografia in corso
• Input "presenza raggi" OFF SI Allarme
con colonna ancora in → 068 →
Tomo (richiesta raggi ON)
NO ↓ ↑
• Presenza raggi ON per SI Allarme
oltre 0.2 sec dal termine 069
→ →
di Tomo (rich. raggi OFF)
NO ↓
SI • Rilascio I° e II° scatto
con centratura colonna

terminata
↑ NO ↓
SI Azionamento joystick

MERCURY 332 11-16 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento
← centratura. Colonna a 0°

(Rev. 4) 11-17 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11.8 Radiografia digitale

L'ingresso in digitale può avvenire con 2 differenti condizioni di


seriografo:
• nessuna divisione impostata
• una divisione impostata.

Una volta selezionata quindi la funzione digitale, provenendo dalla prima


condizione sarà possibile azionare il movimento carrello, mentre
provenendo dalla seconda lo stesso rimarrà bloccato nella posizione park
fino a quando non si esca da digitale.

La sequenza delle funzioni in digitale sarà:


1. I° scatto pedale (preparazione)
Attivazione dell'uscita richiesta "preparazione digitale" al generatore.
2. II° scatto pedale
Attivazione dell'uscita "II scatto" al generatore.
3. Presenza ingresso "Generatore pronto"
Attivazione dell'uscita richiesta "raggi" al generatore.
4. Presenza raggi
L'ingresso "presenza raggi" deve essere presente entro un tempo pari
a 0.35 sec. In caso contrario sarà presente l'allarme 064.

Per maggior comprensione delle sequenze sopra descritte, viene di seguito


riportato lo schema a blocchi rappresentante la funzione "esposizione
standard" ed i relativi messaggi di allarme.

MERCURY 332 11-18 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11.8.1 Schema a blocchi esecuzione "Radiografia digitale"

• Digitale ON
→ • Carrello park ←
Azionamento
↓ joystick
reset
I° scatto:
• Out "richiesta prep." ON

II° scatto al generatore NO Allarme
• Input "generat. Ready"
→ 062 →
entro 3 sec.
SI ↓
• Out "richiesta raggi" ON
↓ ↑
↑ • Input "presenza raggi" NO Allarme
ON entro 0.35 sec. → 064 →
SI ↓
Esposizione in corso
Cadenza esposizioni DSI ←

SI • Rilascio I° o II° scatto ↑
← in qualunque condizione
NO ↓

(Rev. 4) 11-19 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11.9 Tomografia digitale

L'esecuzione di un programma tomografico digitale prevede una sequenza


di operazioni caratteristiche legate a questo tipo particolare di
programma.
L'ingresso in digitale può avvenire con 2 differenti condizioni di
seriografo:
• nessuna divisione selezionata
• una divisione selezionata.
Una volta selezionata quindi la funzione digitale, provenendo dalla prima
condizione sarà possibile azionare il movimento carrello, mentre
provenendo dalla seconda lo stesso rimarrà bloccato nella posizione park
fino a quando non si esca da digitale.
Sarà ora necessario impostare i parametri tomografici.
Premendo il tasto "tomografia" il led rispettivo inizia a lampeggiare.
Per effettuare il posizionamento dei vari organi sarà necessario azionare il
joystick di centratura.
Se le posizioni di inizio tomografia non sono già raggiunte, questa azione
determinerà i seguenti movimenti:
• rientro compressore in park
• DFF a 1140
• centratura a 0° colonna
• altezza strato a 80 mm
• rientro carro nei limiti di tomografia.
Raggiunte queste posizioni un segnale acustico conferma l'ingresso in
tomografia ed il led rispettivo si accende.
Il tutti i movimenti sono a uomo morto, quindi se si rilascia il joystick
prima che il posizionamento sia completato, tutti i movimenti in corso si
arrestano ed il led di tomografia continua a lampeggiare.
Ripremendo il joystick si proseguirà nel raggiungimento della posizione.

Una volta nel programma di tomografia sarà necessario selezionare:


• angolo
• velocità
per poter eseguire una sequenza raggi.

Entrando in programma Tomo vengono automaticamente impostati 45°,


velocità lenta.

Se nella cella 252 è presente il valore 1 (I.B. > 12”) non è possibile
eseguire una tomografia con il ribaltamento inferiore a 0°. In questa
condizione il display indicante lo strato è lampeggiante e non è possibile
modificarne la posizione.

MERCURY 332 11-20 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

I passi del programma di tomografia digitale sono:


1. I° scatto pedale (preparazione)
– attivazione dell'uscita richiesta "preparazione" al generatore
– spostamento colonna verso la posizione di carica.
2. II° scatto pedale
Attivazione dell'uscita "II scatto" al generatore.
3. Presenza ingresso "Generatore pronto"
Partenza della colonna per la tomografia dopo il raggiungimento della
posizione di fine carica.
4. Richiesta raggi
Attivazione dell'uscita richiesta "raggi" al generatore quando la
colonna entra nell'angolo di tomografia impostato.
5. Presenza raggi
– l'ingresso "presenza raggi" deve essere presente entro un tempo
pari a 0.35 sec. In caso contrario sarà presente l'allarme 064
– se l'ingresso "presenza raggi" rimane attivo per un tempo
superiore a 0.2 sec rispetto all'apertura dell'uscita "richiesta
raggi", verrà visualizzato l'allarme 069.

Mantenendo premuto il II scatto, la colonna ritorna alla posizione


centrata.
Se si rilascia il pedale la colonna si arresta e sarà necessario premere il
joystick di centratura per riportarla al centro.

Per maggior comprensione delle sequenze sopra descritte, viene di seguito


riportato lo schema a blocchi rappresentante la funzione "esposizione
tomografica digitale" ed i relativi messaggi di allarme.

È possibile eseguire un movimento tomografico di test, senza cioè la


richiesta raggi.
Una volta impostati tutti i parametri, come sopra descritto, sarà
necessario azionare il joystick di centratura indi premere il pulsante di
test.

Se il movimento non viene completato il led di tomografia lampeggerà.


Sarà necessario azionare il joystick di centratura per riportare a 0° la
colonna e riabilitare il movimento tomografico.

Per uscire dal programma di tomografia si dovrà premere il pulsante di


tomografia, il led rispettivo inizierà a lampeggiare.
Azionando il joystick di centratura l'apparecchio si riposiziona in
condizioni standard.
Al termine del posizionamento, il led di tomografia cesserà di
lampeggiare.

(Rev. 4) 11-21 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Condizioni di funzionamento

11.9.1 Schema a blocchi esecuzione "Tomografia digitale"

• Digitale ON
• Tomo ON (ang+vel)
→ ←
• Carrello park
Azionamento
↓ joystick
centratura

I° scatto:
• Colonna verso carica Azionamento
• Out "richiesta prep." ON joystick
reset

II° scatto al generatore NO Allarme
• Input "generat. Ready"
→ 062 →
entro 3 sec.
SI ↓
• Start movimento colonna
↓ ↑
• Colonna in angolo Tomo
• Out "richiesta raggi" ON

↑ • Input "presenza raggi" NO Allarme
ON entro 0.35 sec. → 064 →
SI ↓ ↑
• Presenza raggi ON per SI
Allarme
oltre 0.2 sec dal termine → 069 →
di Tomo (rich. raggi OFF)
NO ↓
SI • Rilascio I° e II° scatto
← con centratura colonna
terminata
↑ NO ↓
SI Azionamento joystick
← centratura. Colonna a 0°

MERCURY 332 11-22 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Emergenze

12 EMERGENZE
Come trattato nel paragrafo 7.2, uno dei movimenti del tavolo o del
seriografo potrebbe superare il fine corsa software ed intercettare uno dei
microinterruttori di emergenza.
L'allarme 080 o 081 lampeggiante sul display della console, segnala
questo tipo di anomalia.
Nel caso l'allarme presente sia 080, si dovrà identificare quale tra i
movimenti di:
• ribaltamento
• pendolazione
• carro
• DFF
• strato
• barella longitudinale
• barella trasversale.

Se l'allarme presente è 081 significa che i limitatori o il carrello del


seriografo hanno intercettato un microinterruttore di emergenza.
Dopo aver spento l'impianto, si dovrà identificate per quale motivo si è
creata questa situazione. Rimossa la causa, per ripristinare il
funzionamento agire come segue:

Allarme 080
1. Premere il pulsante di ripristino S1 posto nell'armadio elettrico.
2. Accendere l'apparecchio mantenendo premuto il pulsante. Attendere
il termine del ciclo di inizializzazione.
3. Azionare il joystick del movimento che si trova in emergenza nella
direzione opposta all'emergenza.
4. Rilasciare il pulsante S1.

ATTENZIONE:
Se il pulsante S1 è premuto, la serie dei microinterruttore di emergenza
viene bypassata quindi se la causa del guasto non è stata rimossa, esiste
il pericolo che il movimento prosegua la sua corsa senza più la sicurezza
del microinterruttore di emergenza attiva.
Ugualmente, se in questa fase viene attivato il movimento nella direzione
tale da condurlo verso il limite meccanico, cioè oltre l'emergenza,
nessuna sicurezza interviene.
Si dovrà quindi prestare la massima attenzione per evitare dannose
collisioni.

(Rev. 4) 12-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Emergenze

Allarme 081
1. Premere contemporaneamente i pulsanti di ripristino S19 ed S20
posti nell'armadio elettrico.
2. Accendere l'apparecchio mantenendo premuto il pulsante. Attendere
il termine del ciclo di inizializzazione.
3. Rilasciare i pulsanti.

Se la causa del problema che ha generato l'emergenza è stata rimossa, i


limitatori o il carrello riprenderanno il loro ciclo normale abbandonando il
microinterruttore di emergenza intercettato.

MERCURY 332 12-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

13 TARATURA HARDWARE

13.1 Scheda microprocessore

13.1.1 Impostazione Jumpers

Sulla scheda principale sono presenti dei cavalieri e dei collegamenti a


saldare utilizzati per il settaggio di alcune funzioni.
In Figura 13-1 sono indicati i cavalieri ed i punti di saldatura che devono
risultare chiusi.
La loro funzione e predisposizione sono di seguito elencate.

Selezione del tipo di EPROM o RAM utilizzabili come


componente U6 o U7
• Jumpers utilizzati:
Y1-2-3-4-5-6-7-8-9-10-11-12.
• Possibili configurazioni:
EPROM JUMPERS PRESENTI
512k x 8 1-5-6-8-11
128k x 8 1-5-6-12
64k x 8 1-5-6-9
32k x 8 3-5-6-9
RAM JUMPERS PRESENTI
128k x 8 2-4-7-9-10
32k x 8 2-4-7-9

NOTA:
Le RAM eventualmente utilizzabili in queste posizioni non sono le RAM di
funzionamento normale, ma quelle utilizzate in laboratorio per
emulazione.
I componenti normalmente utilizzati quindi sono EPROM

• Configurazione standard di utilizzo:


N° 2 EPROM 128k x 8; jumpers chiusi: Y1-5-6-12.

(Rev. 4) 13-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

Selezione del tipo di RAM utilizzabile come componente U8


o U9
• Jumpers utilizzati:
Y13-14.
• Possibili configurazioni:
RAM JUMPERS PRESENTI
128k x 8 13
32k x 8 13
8k x 8 14

• Configurazione standard di utilizzo:


N° 2 RAM 8k x 8; jumpers chiusi: Y14.

Predisposizione per eventuale FLASH EPROM o EPROM


utilizzabili come componente U10 (non utilizzato)
• Jumpers utilizzati:
Y15-16-17-18-19.
• Possibili configurazioni:
FLASH EPROM JUMPERS PRESENTI
512k x 8 16-19
128k x 8 19
EPROM JUMPERS PRESENTI
512k x 8 15-18
128k x 8 15-17

• Configurazione standard di utilizzo:


Nessun componente è previsto sullo zoccolo U10 quindi tutti i
jumpers risultano assenti.

Collegamento della batteria tampone


• Jumpers utilizzati:
PIN1.
• Configurazione standard di utilizzo:
La batteria deve essere collegata quindi il jumper deve risultare
presente.

MERCURY 332 13-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

Predisposizione per emulazione funzionamento controllore


• Jumpers utilizzati:
PIN2.
• Possibili configurazioni:
Posizioni 1-2 chiuse: emulazione
Posizioni 2-3 chiuse: funzionamento normale.
• Configurazione standard dei numeri:
Il jumper deve essere presente sulle posizioni 2-3.

Predisposizione per verifica controllore


• Jumpers utilizzati:
PIN3.
• Possibili configurazioni:
Posizione 1-2 chiusa: controllore collegato con il processore
principale
Posizione 2-3 chiusa: controllore collegato su se stesso (per
emulazione).
• Configurazioni standard di utilizzo:
Il jumper deve essere presente sulle posizioni 1-2.

Predisposizione per verifica processore principale


• Jumpers utilizzati:
PIN4.
• Possibili configurazioni:
Posizione 1-2 chiusa: processore principale collegato con il
controllore
Posizione 2-3 chiusa: processore principale collegato su se
stesso (per emulazione).
• Configurazione standard di utilizzo:
Il cavaliere deve essere presente sulle posizioni 1-2.

(Rev. 4) 13-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

Impostazione della velocità di trasmissione (bit per sec.) tra


controllore e processore principale
• Jumpers utilizzati:
Y20-21-22-23-24-25-26-27.
• Possibili configurazioni:
Y20: 64.800 bit per sec.
Y21: 32.400 bit per sec.
Y22: 19.200 bit per sec.
Y23: 9.600 bit per sec.
Y24: 4.800 bit per sec.
Y25: 2.400 bit per sec.
Y26: 1.200 bit per sec.
Y27: 600 bit per sec.
• Configurazione standard di utilizzo:
Viene impostata la velocità 1.200 bit per sec. quindi il jumper
Y26 deve essere chiuso.

NOTA:
La scelta della velocità di trasmissione tra il controllore ed il processore
principale è hardware per il controllore, modificando come descritto la
posizione dei cavalieri sopra indicati.
Per il processore principale questa impostazione è software quindi non
modificabile.
Lo stesso vale per la velocità di colloquio seriale tra il processore
principale e la console

Predisposizione per controllo uscite Single Fault


• Jumpers utilizzati:
Y28-29.
• Possibili configurazioni:
Y28 chiuso: non usato
Y29 chiuso: apparecchio per Villa.
• Configurazioni standard di utilizzo:
Il jumper Y29 deve essere presente.

MERCURY 332 13-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

Predisposizione per selezione uscite analogiche


• Jumpers utilizzati:
S1-2
Y31-32.
• Possibili configurazioni:
S1 chiuso + S2 aperto: analogica luminosità
Y31 chiuso + Y32 aperto: analogica contrasto
S1 aperto + S2 chiuso: non utilizzata
Y31 aperto + Y32 chiuso: non utilizzata.
• Configurazioni standard di utilizzo:
Sono presenti i jumpers S1 e Y31.

Abilitazione forzata assi collimatore


• Jumpers utilizzati:
Y33-34-35.
• Possibili configurazioni:
Y33: abilitazione asse collimatore base
Y34: abilitazione asse collimatore altezza
Y35: abilitazione asse collimatore iride.
• Configurazione standard di utilizzo:
Tutti i jumpers devono essere assenti.

NOTA:
La chiusura dei cavalieri sopra indicati abilita il movimento dell'asse
corrispondente. Non si otterrà però alcun movimento poiché il segnale di
riferimento è a 0. Questa possibilità permette di verificare parte del
circuito nel caso sia presente un guasto, senza muovere il motore. L'asse
sarà quindi, in questa condizione, abilitato con il motore fermo in coppia.

Predisposizione per collegamento 0V scheda principale -


console
• Jumpers utilizzati:
Y36.
• Possibili configurazioni:
Y36: collegamento 0V console-scheda principale eseguito.
• Configurazione standard di utilizzo:
Il jumper è presente in quanto questo collegamento riduce il
rumore presente sulla seriale 485.

(Rev. 4) 13-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

13.1.2 Taratura trimmer

Sulla scheda principale sono presenti dei trimmer utilizzati per la


regolazione dei movimenti degli assi collimatore.
La loro funzione e taratura sono di seguito spiegate:

Taratura velocità assi collimatore


• Trimmer utilizzati:
P1-2-3.
• Funzione:
P1: taratura velocità asse collimatore base
P2: taratura velocità asse collimatore altezza
P3: taratura velocità asse collimatore iride.
• Procedura di taratura:
La regolazione di questi trimmer permette di variare la velocità
del motore di movimento ganascia. Questa regolazione varia sia la
velocità alta che la bassa, essendo quest'ultima ricavata con un
partitore inserito nel circuito quando il processore seleziona la
bassa velocità.
La rotazione in senso orario dei trimmer aumenta la velocità. I
trimmer sono del tipo a 20 giri.
La possibilità di monitorizzazione di questa regolazione è doppia.
È possibile infatti verificare la taratura sia come tensione di
riferimento agli operazionali, sia direttamente sulle alimentazioni
dei motori.
La tensione di riferimento agli operazionali è misurabile tra:
TP0 - TP1: motore collimatore base
TP0 - TP4: motore collimatore altezza
TP0 - TP7: motore collimatore iride
e può assumere un valore compreso tra 0 e 8 V dc che
corrisponderà proporzionalmente al valore della tensione ai
motori da 0 a 24 V dc.
Sarà possibile verificare la tensione direttamente ai capi dei
motori grazie ai test point:
TP2 - TP3: motore collimatore base
TP5 - TP6: motore collimatore altezza
TP8 - TP9: motore collimatore iride.
La taratura desiderabile si ottiene quando ai capi dei motori,
durante tutto il range di movimento in velocità alta, la tensione
rilevata ai test point è di 24 V dc.

MERCURY 332 13-6 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

Taratura del guadagno di coppia assi collimatore (reazione


d'armatura)
• Trimmer utilizzati:
P4-5-6.
• Funzione:
P4: taratura guadagno di coppia asse collimatore base
P5: taratura guadagno di coppia asse collimatore altezza
P6: taratura guadagno di coppia asse collimatore iride.
• Procedura di taratura:
La taratura di questi trimmer permette di regolare il guadagno di
coppia del motore di movimento ganascia.
Ruotando in senso orario il trimmer il guadagno aumenta. I
trimmer sono del tipo a 20 giri.
Una buona taratura di questo guadagno permette di ottenere un
movimento omogeneo e privo di vibrazioni, poiché in
corrispondenza di punti dove si può verificare un indurimento
meccanico del movimento, questo guadagno fornisce una coppia
superiore tale da superare l'indurimento.
Per ottenere la taratura desiderata si dovrà per ciascun asse agire
come segue:
1. Ruotare il trimmer dell'asse che si desidera tarare in senso
orario (+).
2. Quando l'asse inizia ad innescare una auto oscillazione,
ruotare il trimmer in senso antiorario.
3. Quando l'auto oscillazione si arresta ruotare il trimmer
ancora di 1 giro in senso antiorario.

(Rev. 4) 13-7 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

Figura 13-1

I jumpers a i punti di saldatura delimitati dal riquadro devono risultare chiusi.

MERCURY 332 13-8 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

13.2 Schede console (CPU "F" – Display "G")

13.2.1 Impostazione Jumpers

Sulla scheda console sono presenti dei cavalieri e dei collegamenti a


saldare utilizzati per il settaggio di alcune funzioni.
La loro funzione e predisposizione sono di seguito elencate:

Predisposizione abilitazione ingressi di scorta


• Jumpers utilizzati:
Y5-6-7-8-9 (scheda "F").
• Configurazione standard di utilizzo:
Tutti i jumpers sono aperti in quanto gli ingressi non sono
utilizzati.

Selezione del tipo di EPROM o RAM utilizzabili come


componente U15
• Jumpers utilizzati:
Y1-2-3-4 (scheda "F").
• Possibili configurazioni:
EPROM JUMPER PRESENTI
32k x 8 2-4 (scheda "F")
RAM JUMPER PRESENTI
32k x 8 1-3 (scheda "F")

NOTA:
La RAM eventualmente utilizzabile in questa posizione non è la RAM di
funzionamento normale che è integrata nel processore, ma quella
utilizzata in laboratorio per emulazione.
Il componente normalmente utilizzato quindi è la EPROM.

• Configurazione standard di utilizzo:


EPROM 32k x 8; jumpers chiusi Y2-4 (scheda "F").

(Rev. 4) 13-9 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

Collegamento alimentazione display con filtraggio


• Jumpers utilizzati:
Y2-3 (scheda "G").
• Configurazione standard di utilizzo:
I punti devono essere chiusi per garantire alimentazione e
filtraggio ai display.

Collegamento del cicalino


• Jumper utilizzato:
Y1 (scheda "G").
• Configurazione standard di utilizzo:
Il cicalino viene utilizzato normalmente quindi il jumper risulta
presente.

Predisposizione per collegamento 0V scheda principale -


console
• Jumper utilizzato:
Y10 (scheda "F").
• Possibile configurazione:
Y10 chiuso (scheda “F”): collegamento 0V console - scheda
principale eseguito.
• Configurazione standard di utilizzo:
Il jumper è presente in quanto questo collegamento riduce il
rumore presente sulla seriale 485.

Sulla scheda console non sono presenti trimmer per regolazioni.

MERCURY 332 13-10 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

13.3 Scheda seriografo

13.3.1 Impostazione Jumpers

Sulla scheda seriografo sono presenti due jumpers che hanno la seguente
funzione:

Selezione del tipo di controllo del motore carrello trasversale


• Jumper utilizzato:
Y1.
• Possibile configurazioni:
Y1 chiuso: motore carrello trasversale sempre in coppia
Y1 aperto: motore carrello trasversale in coppia solo quando
gestito dal processore.
• Configurazione standard di utilizzo:
Il jumper non viene installato.

Abilitazione forzata del freno movimento longitudinale


carrello
• Jumper utilizzato:
Y2.
• Possibile configurazione:
Y2 chiuso: freno sempre disattivato.
• Configurazione standard di utilizzo:
Il jumper non viene installato. Si utilizza nel caso si desideri per
servizio liberare il movimento carrello.

(Rev. 4) 13-11 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

13.3.2 Taratura Trimmer

Sulla scheda seriografo sono presenti dei trimmer utilizzati per le funzioni
di seguito elencate:

Taratura offset tensione di riferimento movimento assi


seriografo
• Trimmers utilizzati:
P1-2-3.
• Funzione:
P1: offset tensione di riferimento movimento limitatori
P2: offset tensione di riferimento movimento carrello
P3: offset tensione di riferimento movimento trasversale
carrello.
• Procedura di taratura:
Queste tarature hanno lo scopo di regolare a 0 V l'offset della
tensione di riferimento dei movimenti motori limitatori, carrello e
carrello trasversale.
Questa tensione variabile tra -10 e +10 V dc deve essere a 0 V
quando il movimento non è attivato.
I trimmer di regolazione sono del tipo a 20 giri. Ruotando in
senso orario la regolazione aumenta.
Misurando tra i punti:
TP4 - TP1: carrello trasversale
TP4 – C16: limitatori
TP4 – C18: carrello
ruotando il trimmer relativo si deve ottenere una lettura di 0 V.

Taratura del guadagno di coppia movimento carrello


trasversale (reazione d'armatura)
• Trimmer utilizzato:
P5.
• Funzione:
P5: taratura guadagno di coppia carrello trasversale.
• Procedura di taratura:
La taratura di questo trimmer permette di regolare il guadagno di
coppia del motore di movimento trasversale del carrello.
Ruotando in senso orario il trimmer il guadagno aumenta. Il
trimmer è del tipo a 20 giri.

MERCURY 332 13-12 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

Una buona taratura di questo guadagno permette di ottenere un


movimento omogeneo e privo di vibrazioni, poiché in
corrispondenza di punti dove si può verificare un indurimento
meccanico del movimento, questo guadagno fornisce una coppia
superiore tale da superare l'indurimento.
Per ottenere la taratura desiderata si dovrà agire come segue:
1. Ruotare il trimmer in senso orario (+).
2. Quando l'asse inizia ad innescare una vibrazione, ruotare il
trimmer in senso antiorario.
3. Quando la vibrazione si arresta ruotare il trimmer ancora di 1
giro in senso antiorario.

(Rev. 4) 13-13 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

13.4 Azionamenti motori limitatori e carrello seriografo

13.4.1 Impostazione Jumpers

Su questi azionamenti sono presenti i jumpers CV2 e CV3 che devono


risultare aperti. In questa configurazione il motore viene controllato in
corrente.

13.4.2 Taratura Trimmer

Sugli azionamenti sono presenti dei trimmer utilizzati per le funzioni di


seguito elencate:

Offset
Non utilizzato. Questa regolazione è attiva solo nel caso il sistema
lavori in velocità.
• Trimmer utilizzato:
P1.
• Funzione:
Regolazione dell'offset al motore.
• Procedura di taratura:
Non attivo.

Angolo di accensione SCR


• Trimmers utilizzati:
P2-3.
• Funzione:
Regolazione dell'angolo elettrico dell'accensione degli SCR.
• Procedura di taratura:
Questa regolazione può essere eseguita solo in laboratorio.

MERCURY 332 13-14 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

Accelerazione e decelerazione
Non utilizzato. Questa regolazione è attiva solo nel caso il sistema
lavori in velocità.
• Trimmers utilizzati:
P4-5.
• Funzione:
Regolazione delle accelerazioni e decelerazioni del motore.
• Procedura di taratura:
Non attivo.

Stabilità
• Trimmer utilizzato:
P6.
• Funzione:
Regolazione del guadagno proporzionale di corrente al motore.
• Procedura di taratura:
La regolazione corretta di questo trimmer deve garantire un
movimento senza oscillazioni.

Limitazione di corrente al motore


• Trimmers utilizzati:
P7-8.
• Funzione:
P7: regolazione della corrente per motore rotazione oraria
P8: regolazione della corrente per motore rotazione antioraria.
• Procedura di taratura:
Il motore deve poter usufruire della corrente necessaria quindi
non deve essere presente nessuna limitazione.

Velocità
Non utilizzato. Questa regolazione è attiva solo nel caso il sistema
lavori in velocità.
• Trimmers utilizzati:
P9-10.
• Funzione:
P9: regolazione della velocità minima del motore
P10: regolazione della velocità massima del motore.
• Procedura di taratura:
Non attivo.

(Rev. 4) 13-15 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

13.5 Inverter

L'inverter presente nel Mercury 332 è utilizzato per pilotare i motori di


angolazione e tomografia e di ribaltamento.
Questo pilotaggio non potrà mai essere contemporaneo.
L'uscita dell'inverter infatti viene smistata al motore prescelto grazie
all'azione di 2 teleruttori.

Il Mercury 332 viene fornito corredato dell'inverter:


MITSHUBISHI modello FR-E540 – 1,5K – EC.

Essendo il software dell'apparecchio Mercury 332 concepito anche per


l'utilizzo di inverter oggi obsoleti, una cella presente nel gruppo 200
determina l'adattamento del pilotaggio del software ai vari inverter.
Quindi il dato inserito nella cella 259 deve essere 1 quando l'inverter
Mitshubishi è presente sull'apparecchio.

MERCURY 332 13-16 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

13.5.1 Funzioni ingressi/uscite Inverter

Il collegamento dell'inverter, nella specifica applicazione per l'apparecchio


Mercury 332, prevede l'utilizzo dei punti elencati di seguito.
Una breve spiegazione permette di comprendere la funzione dei singoli
collegamenti.

Numero del morsetto Funzione

L1-L2-L3 Ingresso di alimentazione trifase 400 V 50/60 Hz.


Uscita di alimentazione motore 380 V con frequenza
variabile tra 0 e 120 Hz.
In caso di rotazione inversa del motore si dovranno
U-V-W
invertire queste uscite.
L'inversione dei fili ai morsetti L1-L2-L3 non cambia la
rotazione.
È il polo del collettore aperto per il segnale di RUN.
SE
Questo morsetto è polarizzato a 0 V fisso.
È lo 0 V di riferimento per il segnale V ref.
5 (morsetto 2).
Questo morsetto è polarizzato a 0 V fisso.
È il comune (0 V di riferimento) per i segnali di STR
SD ed STF.
Questo morsetto è polarizzato a 0 V fisso.
È il segnale di uscita dall'inverter (attivo a 0 V)
presente quando l'inverter è in movimento (rampe di
accelerazione e decelerazione incluse).
Questa uscita viene utilizzata per permettere il
RUN
riconoscimento del fine rampa da parte del processore.
Solo quando l'inverter ha terminato la rampa sarà
possibile eseguire lo scambio di collegamento al
motore tramite il teleruttore di potenza.
Quando questo ingresso viene polarizzato a 0 V
STF
l'inverter pilota il motore in direzione "AVANTI".
Quando questo ingresso viene polarizzato a 0 V
STR
l'inverter pilota il motore in direzione "INDIETRO".
Ingresso di riferimento velocità da 0 a +10 V dc.
Il quadrante di utilizzo di questo ingresso è
determinato dal parametro Pr73 (Pr73=1 range 0V
+10V con stop motore a 0 V).
2
La velocità del motore sarà proporzionale al segnale in
ingresso in questo morsetto.
Questa velocità sarà proporzionale alla velocità
massima impostata nel parametro Pr38.

(Rev. 4) 13-17 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

13.5.2 Impostazione hardware Inverter

L'inverter FR-E540 - 1,5K – EC è realizzato per accettare ingressi e


pilotare uscite in logica PNP (attivo alto) oppure NPN (attivo basso).
La selezione di tale funzionamento avviene per mezzo del "jumper" SINK
/ SOURCE posto sul lato frontale dell'inverter al di sotto della copertura.
Poiché il Mercury 332 è stato progettato in logica NPN, il "jumper" dovrà
essere nella posizione SINK.

13.5.3 Impostazione parametri software Inverter

Per permettere l'utilizzo dell'inverter FR-E540 - 1,5K – EC nelle più


svariate applicazioni, numerosi parametri impostabili sono presenti nella
memoria.
Alcuni di essi non sono attivi nell'applicazione specifica sul Mercury 332,
quindi anche se modificati non alterano il funzionamento
dell'apparecchio, altri sono utilizzati ma il dato contenuto rimane quello
di default contenuto nel programma base dell'inverter.
Infine alcuni parametri vengono modificati rispetto al valore di default da
Villa Sistemi Medicali per adeguare il funzionamento al Mercury 332.

Di seguito vengono elencati, divisi in 2 gruppi, i parametri modificati ed i


parametri non modificati ma che interagiscono sulla funzionalità del
Mercury 332, mentre quei parametri che non determinano alcun effetto
sul funzionamento dell'apparecchio non vengono citati perché ininfluenti.

Per una profonda conoscenza delle funzionalità dell'inverter è comunque


possibile consultare il manuale dedicato, fornito assieme all'apparecchio.

MERCURY 332 13-18 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

13.5.3.1 Parametri con dati modificati da Villa Sistemi Medicali

Param. Dato Funzione

Boost alla partenza. Questo parametro fornisce al motore uno spunto


alla partenza che permette di compensare l'inerzia del sistema. Una
Pr.0 9 regolazione eccessiva genera una partenza del movimento troppo
brusca, mentre una regolazione scarsa può causare la mancata
partenza del movimento in condizioni di carico.
Frequenza nominale del motore. In questo parametro deve essere
Pr.3 50
inserita la frequenza nominale caratteristica del motore utilizzato.
Rampa di accelerazione. Poiché il processore del Mercury 332
Pr.7 0 determina la accelerazione del movimento secondo la funzione PDI,
l'inverter non deve intervenire con correzioni in questa funzione.
Rampa di decelerazione. Poiché il processore del Mercury 332
Pr.8 0 determina la decelerazione del movimento secondo la funzione PDI,
l'inverter non deve intervenire con correzioni in questa funzione.
Corrente nominale del motore. In questo parametro deve essere
Pr.9 4
inserita la corrente nominale caratteristica del motore utilizzato.
Tensione nominale del motore. In questo parametro deve essere
Pr.19 400
inserita la tensione nominale caratteristica del motore utilizzato.
Corrente limite di prevenzione allo stallo. Questo parametro indica il
Pr.22 200 limite di corrente fornito al motore durante il funzionamento alle
varie velocità.
È la frequenza massima di uscita che l'inverter fornisce al motore
Pr.38 120 quando l'ingresso analogico del segnale di riferimento è al massimo
valore (+10 V).
È la frequenza PWM inviata al motore. Il valore di 13 KHz permette di
Pr.72 13 eliminare il rumore dato dal movimento del motore garantendo però
un basso rischio di emissioni EMC.
È il parametro che determina il valore minimo e massimo che
Pr.73 1 l'ingresso analogico di riferimento per la velocità può assumere
(0 +10 Vdc).
È il filtro software per il "rumore" elettrico del segnale analogico di
Pr.74 3
riferimento velocità.
Pr.77 2 Questo dato abilita la modifica dei parametri.
È il parametro che permette di abilitare le funzioni dell'inverter da
Pr.79 2
segnali esterni (da morsettiera).
Abilita gli allarmi nel caso in cui l'inverter si trovi in una condizione
Pr.156 16
di anomalia.
Pr.190 0 Abilita l'uscita RUN attivandola quando l'inverter è in marcia.
Abilita il relè di stato il cui contatto a scambio è riferito ai morsetti A-
B-C (da usare per eventuali funzioni accessorie) disattivandolo con
Pr.192 11
inverter OFF o in stato di allarme. Il carico max applicabile ai
morsetti è di 300 mA.
Accende il ventilatore di raffreddamento dei ponti di potenza solo se
Pr.244 1 l'inverter è in marcia o se la temperatura di esercizio ha superati i
valori consentiti.

(Rev. 4) 13-19 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

MERCURY 332 13-20 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

13.5.3.2 Parametri che mantengono i dati di default

Di seguito vengono elencati quei parametri che se modificati, potrebbero


compromettere il buon funzionamento dell'apparecchio.
Pertanto questa lista viene riportata per permettere, in caso di dubbi o
cattivo funzionamento, di verificare se i valori dei parametri sono corretti.
La descrizione della funzione di ciascuno di questi dati è riportata in
modo essenziale. Nel caso si desiderasse un maggiore approfondimento
consultare il manuale dell'inverter che viene fornito a corredo
dell'apparecchio.

Param. Dato Funzione Param. Dato Funzione

Pr.1 120 Frequenza massima Pr.66 50 Freq. riduz. limite corrente


Pr.2 0 Frequenza minima Pr.67 0 Numero reset in allarme
Tempo attesa reset
Pr.10 3 Frenatura DC (frequenza) Pr.68 1
automatico
Pr.11 0.5 Frenatura DC (tempo) Pr.69 0 Azzeram. conteggio reset
Pr.12 6 Frenatura DC (tensione) Pr.70 0 Servizio frenatura speciale
Pr.13 0.5 Frequenza di start Pr.71 0 Scelta motore
Pr.14 0 Selezione curva di carico Pr.75 14 Selez: reset, arresto PU
Max frequenza alta
Pr.18 120 Pr.78 0 Inibizione inversione
velocità
Freq. rif. accelerazione/
Pr.20 50 Pr.128 0 Selezione azione PID
decelerazione
Incremento tempo
Pr.21 0 Pr.150 150 Livello soglia corrente
acceleraz./deceleraz.
Pr.37 0 Indicazione velocità macc. Pr.151 0 Tempo controllo corrente
Pr.39 50 Freq. con rif. 20 mA Pr.152 5.0 Livello soglia corrente 0
Pr.41 10 Confronto val. nom./reale Pr.153 0.5 Tempo controllo corrente 0
Pr.42 6 Soglia frequenza uscita Pr.158 0 Selez. variab. morsetto AM
Selezione lettura gruppi
Pr.43 9999 Soglia freq. uscita reverse Pr.160 0
parametri
Pr.52 0 Selez. variab. display PU Pr.171 0 Azzer. contatore ore funz.
Pr.55 50 Fondo scala indicaz. freq. Pr.180 0 Selez. funz. morsetto RL
Pr.56 4 Fondo scala indic. corrente Pr.181 1 Selez. funz. morsetto RM
Pr.60 0 Selezione modo intelligente Pr.182 2 Selez. funz. morsetto RH
Pr.61 9999 Corrente di riferimento Pr.183 6 Selez. funz. morsetto MRS
Pr.62 9999 Corrente di rif. aceleraz. Pr.191 4 Selez. funz. morsetto FU
Pr.63 9999 Corrente rif. decelerazione Pr.240 1 Impostazione soft PWM
Pr.65 0 Selezione reset automatico

(Rev. 4) 13-21 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Tarature Hardware

13.5.5 Procedura di ripristino dei parametri di default

ATTENZIONE:
Questa procedura deve essere attivata solo nel caso in cui sia intervenuta
nell'inverter una condizione di malfunzionamento che ha compromesso
tutti i settaggi.
Eseguendo questa procedura verranno memorizzati i valori di default nei
vari parametri.
Quindi prima di attivare nuovamente il funzionamento dell'apparecchio si
dovranno impostare nuovamente i dati contenuti nella tabella
"Parametri con dati modificati da Villa Sistemi Medicali" e verificare
quelli contenuti in quella "Parametri che mantengono i dati di
default".

1. Seguendo le indicazioni riportate nel paragrafo "Accesso ai


parametri per scrittura" selezionare la cella Pr.79 e modificare il
dato memorizzato con il valore 1.

ATTENZIONE:
L'inverter si trova ora in modalità PU che significa abilitazione dei
movimenti anche da tastiera. Prestare quindi la massima attenzione
all'utilizzo dei tasti fino a che il dato contenuto nel parametro Pr.79 non
venga ripristinato al valore 2.

2. Premere il tasto MODE, il display visualizza la modalità PU.


3. Premere il tasto MODE, il display visualizza la modalità Help.
4. Premere il tasto  per 4 volte fino ad ottenere sul display
l'indicazione ALLC.
5. Premere il tasto SET, viene visualizzato il dato 0.
6. Premere il tasto  per visualizzare il dato 1.
7. Premere per 2 sec. il tasto SET per confermare. Il display inizia a
lampeggiare avvertendo che i dati di default sono stati memorizzati.
8. Premere il tasto MODE per uscire dalla procedura di reset.
9. Riprogrammare i dati modificando per primi i parametri Pr.77 e
quindi Pr.79 per permettere l'accesso a tutti gli altri parametri.

(Rev. 4) 13-23 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Corrispondenza Led – output scheda principale

14 CORRISPONDENZA LED – OUTPUT


SCHEDA PRINCIPALE
Sulla scheda principale e su quella seriografo sono presenti dei gruppi di
led che indicano se una uscita è attiva.
Ad ogni uscita corrisponde un led.
Le corrispondenze tra le varie funzioni ed i led sono sotto elencate.
In Figura 14-1 sono indicate le posizioni dei vari dei led.

14.1 Scheda principale

• GRUPPO LED BL7


Led 0 prenotazione inverter pendolo
Led 1 prenotazione inverter ribaltamento
Led 2 inversione orizzontale immagine monitor
Led 3 inversione verticale immagine monitor
Led 4 selezione campo IB minimo
Led 5 selezione campo IB medio
Led 6 selezione campo IB massimo
Led 7 attivazione relè ready pilotato dal processore principale.

• GRUPPO LED BL1


Led 8 marcia avanti inverter pendolo/ribaltamento
Led 9 marcia indietro inverter pendolo/ribaltamento
Led 10 scorta
Led 11 scorta
Led 12 tubo
Led 13 richiesta scopia
Led 14 richiesta grafia
Led 15 richiesta preparazione normale.

• GRUPPO LED BL2


Led 16 richiesta preparazione digitale
Led 17 secondo scatto
Led 18 richiesta scopia pulsata
Led 19 scorta
Led 20 scorta
Led 21 scorta
Led 22 scorta
Led 23 scorta.

(Rev. 4) 14-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Corrispondenza Led – output scheda principale

• GRUPPO LED BL3


Led 24 velocità tomo I°
Led 25 velocità tomo II°
Led 26 angolo 07°
Led 27 angolo 20°
Led 28 angolo 30°
Led 29 angolo 45°
Led 30 allarme raggi
Led 31 scorta.

• GRUPPO LED BL4


Led 32 selezione kV/mA manuali o automatici in scopia
Led 33 scorta
Led 34 Motion Detection (N.A.)
Led 35 scorta
Led 36 comando relè K36 per alimentazione seriografo
Led 37 movimento carro lato piedi
Led 38 movimento carro lato testa
Led 39 movimento barella longitudinale lato piedi.

• GRUPPO LED BL5


Led 40 movimento barella longitudinale lato testa
Led 41 movimento strato giù
Led 42 movimento strato su
Led 43 strato veloce
Led 44 movimento DFF giù
Led 45 movimento DFF su
Led 46 movimento barella trasversale dentro
Led 47 movimento barella trasversale fuori.

• GRUPPO LED BL6


Led 48 movimento compressore dentro
Led 49 movimento compressore fuori
Led 50 selezione forza di compressione 10 Kg
Led 51 selezione forza di compressione 15 Kg
Led 52 movimento compressore giù
Led 53 movimento compressore su
Led 54 accensione lampada collimatore
Led 55 apertura collimatore base.

MERCURY 332 14-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Corrispondenza Led – output scheda principale

• GRUPPO LED BL8


Led 56 chiusura collimatore base
Led 57 movimento veloce collimatore base
Led 58 apertura collimatore altezza
Led 59 chiusura collimatore altezza
Led 60 movimento veloce collimatore altezza
Led 61 apertura collimatore iride
Led 62 chiusura collimatore iride
Led 63 movimento veloce collimatore iride.

• LED FUNZIONI VARIE


DL1 reset del processore principale in corso
DL2 allarme rilevato dal controllore
DL3 relè ready controllore attivo
DL4 reset del supervisore in corso
DL5 alimentazione +5 V presente
DL6 alimentazione +12 V presente
DL7 alimentazione +5 V controllore presente
DL8 alimentazione +12 V controllore presente
DL9 alimentazione +24 Vs presente
DL10 alimentazione +15 Vs presente
DL11 alimentazione +5 Vs presente
DL12 alimentazione -15 Vs presente
DL13 alimentazione -24 Vs presente.

(Rev. 4) 14-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Corrispondenza Led – output scheda principale

Figura 14-1

MERCURY 332 14-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Corrispondenza Led – output scheda principale

14.2 Scheda Seriografo

• GRUPPO LED BL1


Led 64 comando abilitazione limitatori
Led 65 comando abilitazione carrello
Led 66 comando abilitazione cassetta trasversale
Led 67 comando griglia
Led 68 scorta
Led 69 scorta
Led 70 scorta
Led 71 scorta.

(Rev. 4) 14-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Corrispondenza Led – output scheda principale

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

MERCURY 332 14-6 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Verifica dei risultati radiografici

15 VERIFICA DEI RISULTATI


RADIOGRAFICI

15.1 Taratura seriografo

Il seriografo è tarato e verificato all'atto della realizzazione


dell'apparecchio, tuttavia una volta terminata l'installazione dell'impianto
può rendersi necessaria una ulteriore regolazione dopo aver eseguito delle
radiografie di prova.

Per verificare il corretto posizionamento del carrello, sia


longitudinalmente che trasversalmente, e dei limitatori sarà necessario
escludere la funzione automatica del collimatore che potrebbe interferire
nella limitazione del formato.
Per aprire automaticamente gli assi collimatore al formato massimo si
dovrà inserire il dato 1 nella cella 256.
Quando questa funzione è attiva sui display della console lampeggia il
messaggio "service".

(Rev. 4) 15-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Verifica dei risultati radiografici

15.1.1 Verifica del posizionamento longitudinale del carrello

Il posizionamento del carrello deve essere corretto indipendentemente


dalla lunghezza della corsa e dal peso della cassetta.

Un metodo efficace per questa verifica è dato dalla seguente procedura:


1. Inserire una cassetta 40x20 e selezionare la divisione per 4 in linea.
2. Eseguire il programma e sviluppare il film.
3. Le 3 linee bianche di separazione radiogrammi devono essere della
stessa larghezza.
4. Eseguire la medesima prova con una cassetta 35x35 divisa in 3.

Se il risultato è negativo significa che il posizionamento del carrello non è


corretto in tutte le sue corse.

NOTA:
In questa fase non è determinante verificare la larghezza delle linee
separatrici, che è determinata dal posizionamento dei limitatori, ma è
importante ottenere la medesima larghezza in tutte le linee.

Per ovviare a questo inconveniente si consiglia di modificare i guadagni


della funzione PDI presenti nella celle del gruppo 300.
La modifica di questi parametri può sortire differenti effetti, quindi si
consiglia di intervenire solo se il funzionamento del metodo PDI è ben
conosciuto.

La correzione di questo errore deve essere eseguita agendo su questi dati


poiché ciò è determinato dalla differenza che l'errore assume in funzione
della lunghezza della corsa.

La modifica delle singole corse attraverso i dati impostati nelle celle del
gruppo 400 comporterebbe una procedura molto lunga e laboriosa senza
risolvere il problema alla radice.
Ciononostante, se la pratica sul funzionamento del metodo PDI fosse
scarsa, si può adottare questo metodo di intervento.

MERCURY 332 15-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Verifica dei risultati radiografici

15.1.2 Verifica del posizionamento trasversale del carrello

Eseguendo su di un film 18x24 o 30x24 una serie di radiogrammi con


disposizione a croce si dovrà ottenere una linea di separazione tra i
radiogrammi superiori e quelli inferiori, continua e di spessore pari a
circa 2 mm.

Se ciò non avviene significa che lo spostamento trasversale del carrello


non è corretto.
Utilizzando le attrezzature descritte ripetere le operazioni descritte al
paragrafo 9.1.

Per facilitare questa operazione, durante l'esecuzione del programma 4 in


croce, si consiglia di marcare sulla cassetta con una matita la posizione
della stessa rispetto al foro quadro dei limitatori quando si trova nelle 2
posizioni di fine corsa.
Sarà quindi più facile identificare la quantità della correzione da eseguire
durante la procedura della nuova taratura.

15.1.3 Verifica del posizionamento dei limitatori

Eseguire delle esposizioni su film di vari formati con varie divisioni.

Tutte le linee separatrici, nelle varie dimensioni e divisioni devono


risultare della medesima larghezza.

Se ciò non fosse modificare i dati contenuti nelle celle del gruppo 400, in
modo da correggere gli eventuali errori.

ATTENZIONE:
Durante queste prove non eseguire limitazioni del collimatore base per
mezzo del joystick poiché i limitatori seguono il collimatore.

NOTA:
Il posizionamento del carrello e dei limitatori può non corrispondere alla
misura presente nella cella relativa; a causa dell'inerzia meccanica del
sistema.
In ogni modo la correzione in mm introdotta nelle celle ha un effetto di
incremento e decremento della quota finale pari al valore della correzione.

(Rev. 4) 15-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Verifica dei risultati radiografici

15.2 Taratura Collimatore

Il collimatore è pretarato e verificato all'atto della realizzazione


dell'apparecchio, tuttavia una volta terminata l'installazione sarà
necessario verificare la dimensione dei formati collimati.

Utilizzando i vari formati verificare che il collimatore copra il formato film


in tutte le condizioni di posizione del tavolo (orizzontale, verticale,
trendelembourg).
Verificare inoltre che il formato collimato non superi del 3% della DFF il
formato del film o della sua divisione.

Per eseguire questo controllo utilizzare una cassetta nel seriografo ed una
cassetta di formato 35x35 posizionata sul tavolo.
Calcolando la distanza tra il film nel seriografo e quello posto sulla
barella verificare il formato collimato sul film 35x35 ed eseguendo la
proporzione ottenere la dimensione a livello seriografo.

Se i formati non dovessero risultare corretti ripetere la taratura dei


potenziometri collimatore come descritta nel paragrafo 9.1 o variare il
dato inserito nella cella 229 della quantità che si desidera incrementare o
decrementare.

MERCURY 332 15-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Diagnosi

16 DIAGNOSI

16.1 Diagnosi resettabili

In questo gruppo sono elencate le diagnosi che possono essere rimosse


azionando 2 volte il joystick di reset.
Come detto in altra parte, il primo azionamento tacita il segnale acustico,
il secondo resetta l'allarme.
Quando un allarme è presente, il programma viene bloccato.
Le uscite verso il generatore, i movimenti seriografo e collimatore vengono
arrestati.
Al reset dell'allarme, il programma riparte dal punto in cui si era
arrestato.

• ALLARME 03
L'allarme COLLIS 03 viene generato quando l'ingresso di sicurezza
sospensione a soffitto (X0 pin 3) non è collegato a 0 V.
I movimenti del tavolo, ad eccezione dei 4 del tavolo porta paziente,
sono inibiti.
Per riabilitare i movimenti sarà necessario riportare l'eventuale
"pensile" in parcheggio.

• ALLARMI da 011 a 052


Per quanto riguarda gli allarmi di collisione (011 ÷ 052), essi saranno
automaticamente rimossi se la condizione che ha generato l'allarme
scompare.

• ALLARME 085
L'allarme 085 viene automaticamente rimosso quando lo strato
ritorna a livello film.
Questo allarme è generato quando l'apparecchio viene spento con la
funzione tomografica attiva.
Alla riaccensione, la presenza di questo allarme determina il blocco
del movimento carro, mentre il movimento di pendolazione può essere
azionato solo in direzione "centratura".
Una volta che la colonna è in posizione centrata, lo strato inizia la
sua discesa verso il livello film raggiunto il quale l'allarme si resetta e
tutti i movimenti vengono nuovamente abilitati.
Nel caso in cui la colonna fosse già a 0°, lo strato inizia
immediatamente la sua discesa.

(Rev. 4) 16-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Diagnosi

• ALLARME 087
Nel caso la cassetta sia inserita in modo non corretto nel carrello
autocentrante, tanto da trascinare i limitatori durante il movimento
di raggiungimento park, il carrello viene automaticamente espulso e
l'allarme 087 viene generato.
Questo allarme viene comunque generato in tutte quelle condizioni in
cui i limitatori vengono mossi senza comando.

• Messaggio "SERVICE"
Il messaggio lampeggiante "SERVICE" che può apparire sui display 1-
2-3 indica che la cella 256 è stata attivata.
In queste condizioni il collimatore non ha limitazioni dettate dai
formati cassetta.
Sarà quindi possibile:
– per mezzo dei joystick, variare il formato dal limite minimo a l
limite massimo
– visualizzare le velocità dei movimenti di barella longitudinale e
trasversale, carro e DFF.

Allarmi di collisione

Codice Diagnosi
03 Eventuale sospensione a soffitto non in parcheggio
011 Collisione tra barella lato testa e parete sinistra
013 Collisione tra barella lato testa e soffitto
014 Collisione tra barella lato testa e pavimento
022 Collisione tra barella lato piedi e parete destra
023 Collisione tra barella lato piedi e soffitto
024 Collisione tra barella lato piedi e pavimento
031 Collisione tra tubo e parete sinistra
032 Collisione tra tubo e parete destra
033 Collisione tra tubo e soffitto
034 Collisione tra tubo e pavimento
041 Collisione tra colonna e parete sinistra
042 Collisione tra colonna e parete destra
043 Collisione tra colonna e soffitto
044 Collisione tra colonna e pavimento
051 Collisione tra carro e traversa sinistra
052 Collisione tra carro e traversa destra

MERCURY 332 16-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Diagnosi

Allarmi funzionali

Codice Diagnosi
059 Il generatore emette raggi senza richiesta di scopia o grafia da parte del
Mercury 332
060 In programma raggi standard:
• carrello porta cassette
• assi collimatore
• iride (quando presente)
• limitatori
non hanno raggiunto la posizione di esposizione entro 8 sec.
061 In programma raggi sequenza rapida:
• carrello porta cassette
• assi collimatore
• iride (quando presente)
• limitatori
non hanno raggiunto la posizione di esposizione entro 8 sec.
062 L'ingresso "pronto per raggi" non è presente entro 3 sec.
063 In programma raggi sequenza rapida: programma interrotto
064 L'ingresso "presenza raggi" non è presente entro 0.2 sec. dalla richiesta raggi
grafia o scopia
065 L'ingresso "presenza raggi" è rimasto attivo per oltre 6.5 sec.
066 In programma raggi standard: il II scatto è stato aperto con l'ingresso "presenza
raggi" attivo
067 In programma raggi standard: il I scatto è stato aperto con l'ingresso "presenza
raggi" attivo
068 In programma raggi tomo: l'ingresso "presenza raggi" si è disattivato con la
richiesta raggi ancora attiva
069 In programma raggi tomo: l'ingresso "presenza raggi" non si è disattivato entro
0.2 sec. dall'apertura della richiesta raggi
070 Il compressore non ha raggiunto la posizione di parcheggio entro 28 sec. dalla
selezione del programma tomo
071 La colonna non ha raggiunto la posizione 0° entro 10 sec. dalla selezione del
programma tomo
072 Lo strato non ha raggiunto la posizione 80 mm entro 12 sec. dalla selezione del
programma tomo
073 Il carro non ha raggiunto la posizione di sicurezza entro 10 sec. dalla selezione
del programma tomo
074 La DFF non ha raggiunto la posizione 1140 mm entro 20 sec. dalla selezione del
programma tomo
085 All'accensione lo strato non è a livello film
087 I limitatori sono in movimento senza comando
088 Taratura dei potenziometri collimatore effettuata con distanza Fuoco/Piano
paziente non corretta
089 È stata richiesta la memorizzazione del valore massimo del potenziometro senza
aver precedentemente memorizzato il valore minimo. (Solo per potenziometri
collimatore)
090 Eeprom guasta. La Checksum è errata

(Rev. 4) 16-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Diagnosi

Codice Diagnosi
091 Il movimento di pendolazione ha raggiunto l'errore max di posizione (cella 311)
093 Il movimento di ribaltamento ha raggiunto l'errore max di posizione (cella 339)
095 Il movimento dei limitatori ha raggiunto l'errore max di posizione (cella 367)
096 Il movimento del carrello porta cassette ha raggiunto l'errore max di posizione
(cella 381)
097 Il movimento trasversale del carrello porta cassette ha raggiunto l'errore max di
posizione (cella 395)

Allarmi Potenziometri

Codice Diagnosi
125 Potenziometro "cassetta base" ha superato il limite SW minimo
126 Potenziometro "cassetta base" ha superato il limite SW massimo
127 Potenziometro "cassetta altezza" ha superato il limite SW minimo
128 Potenziometro "cassetta altezza" ha superato il limite SW massimo
133 Valore del potenziometro "angolazione " massimo <= al valore minimo
134 Valore del potenziometro "carro" massimo <= al valore minimo
135 Valore del potenziometro "ribaltamento" massimo <= al valore minimo
137 Valore del potenziometro "barella longitudinale" massimo <= al valore minimo
138 Valore del potenziometro "barella trasversale" massimo <= al valore minimo
139 Valore del potenziometro "DFF" massimo <= al valore minimo
140 Valore del potenziometro "strato" massimo <= al valore minimo
141 Valore del potenziometro "collimatore base" massimo <= al valore minimo
142 Valore del potenziometro "collimatore altezza" massimo <= al valore minimo
143 Valore del potenziometro "collimatore iride" massimo <= al valore minimo
145 Valore del potenziometro "cassetta base" massimo <= al valore minimo
146 Valore del potenziometro "cassetta altezza" massimo <= al valore minimo
147 Valore del potenziometro "carrello cassetta trasversale" massimo <= al valore
minimo

Allarme di vario genere

Codice Diagnosi
226 Comando discesa compressore attivo ma l'ingresso di SF (X03 pin 04) non attivo

MERCURY 332 16-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Diagnosi

Messaggi del programma di duplicazione EEprom

Codice Diagnosi
500 Byte dei dati non riconosciuti
501 Scrittura dei dati in EEprom oltre il tempo limite
502 Comparazione Ram - EEprom non corretta
510 Lettura EEprom corretta
511 Scrittura EEprom corretta
512 Programmazione EEprom non corretta

Allarme di guasto linea seriale

Codice Diagnosi
915 La console non riceve dati

907 Joystick o pulsanti chiusi all'accensione


909 Scrittura fuori dalla RAM video (solo per laboratorio)
999 La Ram ha perso i dati

(Rev. 4) 16-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Diagnosi

16.2 Diagnosi non resettabili

In questo gruppo sono elencate le diagnosi che non possono essere


rimosse se non spegnendo l'apparecchio.
Ciò è dovuto al fatto che il motivo che ha generato questi allarmi può
essere "grave" e quindi compromettere il funzionamento dell'apparecchio.

Prima di riaccendere l'apparecchio sarà necessario indagare sulle cause


del guasto che ha generato questa situazione.

Allarme di interruzione potenza

Codice Diagnosi
080 Emergenza generale di potenza (K1L)
081 Emergenza di potenza seriografo (K11M - K12M)
082 Tensione di alimentazione troppo bassa riconosciuta da un ingresso dedicato
083 Seriografo escluso per servizio (Cella 251 = 1)

Allarmi Potenziometri

Codice Diagnosi
101 Potenziometro "angolazione" ha superato il limite SW minimo
102 Potenziometro "angolazione" ha superato il limite SW massimo
103 Potenziometro "carro" ha superato il limite SW minimo
104 Potenziometro "carro" ha superato il limite SW massimo
105 Potenziometro "ribaltamento" ha superato il limite SW minimo
106 Potenziometro "ribaltamento" ha superato il limite SW massimo
109 Potenziometro "barella longitudinale" ha superato il limite SW minimo
110 Potenziometro "barella longitudinale" ha superato il limite SW massimo
111 Potenziometro "barella trasversale" ha superato il limite SW minimo
112 Potenziometro "barella trasversale" ha superato il limite SW massimo
113 Potenziometro "DFF" ha superato il limite SW minimo
114 Potenziometro "DFF" ha superato il limite SW massimo
115 Potenziometro "strato" ha superato il limite SW minimo
116 Potenziometro "strato" ha superato il limite SW massimo
117 Potenziometro "collimatore base" ha superato il limite SW minimo
118 Potenziometro "collimatore base" ha superato il limite SW massimo
119 Potenziometro "collimatore altezza" ha superato il limite SW minimo
120 Potenziometro "collimatore altezza" ha superato il limite SW massimo
121 Potenziometro "collimatore iride" ha superato il limite SW minimo
122 Potenziometro "collimatore iride" ha superato il limite SW massimo

MERCURY 332 16-6 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Diagnosi

Codice Diagnosi
129 Potenziometro "carrello cassetta trasversale" ha superato il limite SW minimo
130 Potenziometro "carrello cassetta trasversale" ha superato il limite SW massimo
191 Potenziometro "pendolazione" non in movimento con comando attivo
193 Potenziometro "ribaltamento" non in movimento con comando attivo
195 Encoder "limitatori" non in movimento con comando attivo
196 Encoder "carrello porta cassette" non in movimento con comando attivo
197 Potenziometro "carrello trasversale" non in movimento con comando attivo

Allarmi di Single Fault riconosciuti dal processore


principale

Codice Diagnosi
201 Potenziometro "angolazione" in movimento senza comando
202 Potenziometro "carro" in movimento senza comando
203 Potenziometro "ribaltamento" in movimento senza comando
205 Potenziometro "barella longitudinale" in movimento senza comando
206 Potenziometro "barella trasversale" in movimento senza comando
207 Potenziometro "DFF" in movimento senza comando
208 Potenziometro "strato" in movimento senza comando
209 Potenziometro "collimatore base" in movimento senza comando
210 Potenziometro "collimatore altezza" in movimento senza comando
211 Potenziometro "collimatore iride" in movimento senza comando
213 Potenziometro "cassetta base" in movimento con carrello in park
214 Potenziometro "cassetta altezza" in movimento con carrello in park
215 Potenziometro "carrello cassetta trasversale" in movimento senza comando
217 Il movimento della barella longitudinale ha raggiunto l'errore di posizione
impostato nella cella 445
218 Il movimento della barella trasversale ha raggiunto l'errore di posizione impostato
nella cella 446
219 Il movimento del carro ha raggiunto l'errore di posizione impostato nella cella 447
220 Il movimento della DFF ha raggiunto l'errore di posizione impostato nella
cella 448
221 Joystick "compressore fuori" non attivo ma ingresso SF (X03 pin 16) attivo
222 Joystick "compressore fuori" attivo ma ingresso SF (X03 pin 16) non attivo
223 Joystick "compressore dentro" non attivo ma ingresso SF (X03 pin 03) attivo
224 Joystick "compressore dentro" attivo ma ingresso SF (X03 pin 03) non attivo
225 Joystick "compressore giù" non attivo ma ingresso SF (X03 pin 04) attivo
227 Joystick "compressore su" non attivo ma ingresso SF (X03 pin 17) attivo
228 Joystick "compressore su" attivo ma ingresso SF (X03 pin 17) non attivo

231 Nessun joystick attivo ma circuito SF aperto


232 Uno o più joystick attivi ma circuito SF chiuso

(Rev. 4) 16-7 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Diagnosi

Allarmi di Single Fault riconosciuti dal controllore (sempre


preceduti da 080)

Codice Diagnosi
238 Ingresso SF al controllore aperto all'accensione
239 Ingressi al controllore chiusi all'accensione

240 SF pendolazione o ribaltamento OK - bit seriale controllore / µP principale OFF -


bit movimento ON
241 SF pendolazione o ribaltamento OK - bit seriale controllore / µP principale ON -
bit movimento OFF
242 SF carro lato piedi OK - bit seriale controllore / µP principale OFF -
bit movimento ON
243 SF carro lato piedi OK - bit seriale controllore / µP principale ON -
bit movimento OFF
244 SF carro lato testa OK - bit seriale controllore / µP principale OFF -
bit movimento ON
245 SF carro lato testa OK - bit seriale controllore / µP principale ON -
bit movimento OFF
246 SF barella lato piedi OK - bit seriale controllore / µP principale OFF -
bit movimento ON
247 SF barella lato piedi OK - bit seriale controllore / µP principale ON -
bit movimento OFF
248 SF barella lato testa OK - bit seriale controllore / µP principale OFF -
bit movimento ON
249 SF barella lato testa OK - bit seriale controllore / µP principale ON -
bit movimento OFF
250 SF barella dentro OK - bit seriale controllore / µP principale OFF -
bit movimento ON
251 SF barella dentro OK - bit seriale controllore / µP principale ON -
bit movimento OFF
252 SF barella fuori OK - bit seriale controllore / µP principale OFF -
bit movimento ON
253 SF barella fuori OK - bit seriale controllore / µP principale ON -
bit movimento OFF
254 SF DFF giù OK - bit seriale controllore / µP principale OFF - bit movimento ON
255 SF DFF giù OK - bit seriale controllore / µP principale ON - bit movimento OFF
256 SF DFF su OK - bit seriale controllore / µP principale OFF - bit movimento ON
257 SF DFF su OK - bit seriale controllore / µP principale ON - bit movimento OFF
258 SF compressore dentro OK - bit seriale controllore / µP principale OFF -
bit movimento ON
259 SF compressore dentro OK - bit seriale controllore / µP principale ON -
bit movimento OFF
260 SF compressore fuori OK - bit seriale controllore / µP principale OFF -
bit movimento ON
261 SF compressore fuori OK - bit seriale controllore / µP principale ON -
bit movimento OFF

MERCURY 332 16-8 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Diagnosi

Codice Diagnosi
262 SF compressore giù OK - bit seriale controllore / µP principale OFF -
bit movimento ON
263 SF compressore giù OK - bit seriale controllore / µP principale ON -
bit movimento OFF
264 SF compressore su OK - bit seriale controllore / µP principale OFF -
bit movimento ON
265 SF compressore su OK - bit seriale controllore / µP principale ON -
bit movimento OFF

270 SF chiuso - movimento angolazione o ribaltamento ON


271 SF chiuso - movimento carro lato piedi ON
272 SF chiuso - movimento carro lato testa ON
273 SF chiuso - movimento barella lato piedi ON
274 SF chiuso - movimento barella lato testa ON
275 SF chiuso - movimento barella dentro ON
276 SF chiuso - movimento barella fuori ON
277 SF chiuso - movimento DFF giù ON
278 SF chiuso - movimento DFF su ON
279 SF chiuso - movimento compressore dentro ON
280 SF chiuso - movimento compressore fuori ON
281 SF chiuso - movimento compressore giù ON
282 SF chiuso - movimento compressore su ON

(Rev. 4) 16-9 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Diagnosi

Malfunzionamento della linea seriale dalla console


riconosciuto dal processore principale

Codice Diagnosi
910 Ricevimento dati interrotto

Malfunzionamento della linea seriale dal controllore


riconosciuto dal processore principale

Codice Diagnosi
940 Ricevimento dati interrotto

Malfunzionamento della linea seriale dal processore


principale riconosciuto dal controllore

Codice Diagnosi
950 Ricevimento dati interrotto

MERCURY 332 16-10 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Diagnosi

16.3 Visualizzazione errori seriali

È possibile visualizzare sui display della console gli errori di ricezione


delle linee seriali.
In qualsiasi programma (normale, taratura potenziometri, ecc), azionando
il joystick J (Figura 9-16) nel senso della freccia e contemporaneamente
premendo il tasto di accensione luce collimatore, si potranno conoscere
gli errori di ricezione seriale secondo le seguenti modalità:
Display 1: Errori ricevuti dal processore principale sulla seriale in
arrivo da console
Display 2: Scorta
Display 3: Scorta
Display 4: Errori ricevuti dal processore principale sulla seriale in
arrivo da controllore
Display 5: Errori ricevuti dalla console sulla seriale in arrivo da
processore principale.

Questi errori vengono azzerati allo spegnimento dell'apparecchio.

(Rev. 4) 16-11 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Diagnosi

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

MERCURY 332 16-12 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Manutenzione e Pulizia

17 MANUTENZIONE E PULIZIA
Come tutte le apparecchiature elettriche, questo apparecchio esige non
solo un corretto impiego ma anche manutenzione e controlli ad intervalli
regolari.
Questa precauzione garantirà un funzionamento efficiente e di lunga
durata.

Mercury 332 contiene parti meccaniche, come cuscinetti, catene, funi e


molle, soggette ad usura naturale.
Per prevenire qualsiasi possibilità di rischio per il paziente e per
l’operatore, è necessario che l’apparecchio sia sottoposto a regolari
interventi di controllo e manutenzione.

Gli elementi elettromeccanici ed elettronici contenuti nell’unità devono


essere regolati correttamente, per garantire il perfetto funzionamento,
immagini radiografiche di qualità, sicurezza elettrica e contenere la
dispersione dei raggi X nei limiti prestabiliti.

La manutenzione può essere svolta dall’operatore (paragrafo 17.1) o dal


tecnico autorizzato (paragrafo 17.2).

(Rev. 4) 17-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Manutenzione e Pulizia

17.1 Manutenzione eseguibile da parte dell'operatore

I controlli effettuabili direttamente dall’operatore sono i seguenti:

Intervallo Tipo di verifica Metodo

Giornalmente Controllo funzionalità degli indicatori luminosi Controllo


e dei led posti sulla console di comando visivo
Giornalmente Controllo funzionalità dei joystick e dei tasti Controllo
posti sulla console di comando e sul pannello a visivo
bordo tavolo
Giornalmente Controllo assenza di residui di liquidi di Controllo
contrasto visivo
Giornalmente Verifica scorrevolezza e rumorosità dei Controllo
movimenti visivo
Mensilmente Verifica integrità dell’apparecchio e delle Controllo
targhette visivo

ATTENZIONE:
Si raccomanda all’operatore di effettuare i controlli prima di ogni sessione
di utilizzo.
Se si riscontrano irregolarità, rumorosità elevata degli organi motorizzati,
o avarie l’operatore deve immediatamente informare il Servizio Tecnico

MERCURY 332 17-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Manutenzione e Pulizia

17.2 Manutenzione eseguibile dal Tecnico Autorizzato

Allo scopo di mantenere le caratteristiche iniziali dell’apparecchio è


raccomandato che una volta all’anno venga effettuata una manutenzione
preventiva da parte di un tecnico autorizzato dalla Villa Sistemi Medicali.

ATTENZIONE:
Interventi preventivi e/o correttivi possono essere eseguiti solamente dal
personale autorizzato dalla Villa Sistemi Medicali.

Durante la fase di manutenzione vengono controllate e, se necessario,


riaggiustate, le prestazioni funzionali dell’apparecchio seguendo le
indicazioni dei capitoli precedenti come sintetizzato nella tabella
seguente:

Tipo di verifica Metodo

Smontaggio dei carter e pulizia delle parti sottostanti con Controllo visivo
particolare attenzione alle coperture seriografo
Pulizia del Mylar sotto pannello porta paziente Controllo visivo
Controllo centratura fascio raggi Paragrafo 15.2
Controllo corrispondenza luce raggi Paragrafo 15.2
Controllo della divisione formati cassette Paragrafo 15.1
Verifica dei movimenti e dell’operatività della console e del Controllo visivo
comando a bordo apparecchio
Verifica delle centrature di ribaltamento, pendolazione, Controllo visivo
barella
Verifica della tensione delle catene Capitolo 6
Verifica del livello del lubrificante contenuto nei riduttori Controllo pratico
Verifica delle cinghie motori Controllo pratico
Verifica stato dei cuscinetti trave, DFF Controllo visivo
Verifica stato delle funi movimento ganasce seriografo Controllo visivo

ATTENZIONE:
In caso di sostituzione di componenti è necessario utilizzare solamente
ricambi originali.

ATTENZIONE:
Per le operazioni di Pulizia e Disinfezione effettuate direttamente dal
Tecnico Autorizzato si raccomanda di rispettare le informazioni riportate
al Capitolo 8 del Manuale d’Uso.

(Rev. 4) 17-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Manutenzione e Pulizia

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

MERCURY 332 17-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

18 SCHEMI ELETTRICI E DISEGNI


Esempio lettura connessioni.

Il Mercury 332 prevede l’utilizzo di connettori a 9, 15, 37 e 39 poli.


I connettori a 39 poli hanno il seguente sistema di lettura:

numero del Pin

numero connessione

Per individuare il numero specifico del Pin, eseguire l’identificazione


riportata nella seguente figura:

Esempio a 39 poli Vista lato connessione


Femmina Maschio

(Rev. 4) 18-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

Rappresentazione grafica dei connettori a 37, 15 e 9 poli.

Vista lato connessione


Femmina Maschio

37 POLI

Vista lato connessione


Femmina Maschio

15 POLI

Vista lato connessione


Femmina Maschio

9 POLI

MERCURY 332 18-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

18.1 Lista schemi elettrici e disegni

1. Schema alimentazione

2. Schema funzionale

3. Topografico posizione componenti elettrici

4. Topografico e schema elettrico Pulsantiera Bordo Macchina

5. Topografico armadio

6. Topografico scheda CPU

7. Schema elettrico scheda CPU

8. Topografico scheda Alimentatore

9. Schema elettrico scheda Alimentatore

10. Topografico e schema elettrico scheda Compressore

11. Topografico scheda Seriografo

12. Schema elettrico scheda Seriografo

13. Topografico scheda CPU consolle

14. Schema elettrico scheda CPU consolle

15. Topografico scheda Joystick consolle

16. Schema elettrico scheda Joystick consolle

17. Topografico scheda Display consolle

18. Schema elettrico scheda Display consolle

(Rev. 4) 18-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

19. Topografico Seriografo

20. Topografico e schema elettrico scheda Sensore Griglia

21. Topografico collimatore elettronico standard

22. Topografico e schema elettrico collimatore ad IRIDE

MERCURY 332 18-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema alimentazione 1
Codice 39689304 - Rev. 01 Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 1 di 21

(Rev. 4) 18-7 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 2 di 21

(Rev. 4) 18-9 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

(N░2 WELDING)

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 3 di 21

(Rev. 4) 18-11 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 4 di 21

(Rev. 4) 18-13 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

VelocitÓ 0
MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 5 di 21

(Rev. 4) 18-15 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 6 di 21

(Rev. 4) 18-17 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

TOMO 20░

TOMO 30░

TOMO 45░
TOMO 7░
MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 7 di 21

(Rev. 4) 18-19 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 8 di 21

(Rev. 4) 18-21 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

CUFFIA 0░

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 9 di 21

(Rev. 4) 18-23 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 10 di 21

(Rev. 4) 18-25 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 11 di 21

(Rev. 4) 18-27 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 12 di 21

(Rev. 4) 18-29 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 13 di 21

(Rev. 4) 18-31 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 14 di 21

(Rev. 4) 18-33 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 15 di 21

(Rev. 4) 18-35 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 16 di 21

(Rev. 4) 18-37 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 17 di 21

(Rev. 4) 18-39 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

(N░4 SPIRE) (N░4 SPIRE)

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 18 di 21

(Rev. 4) 18-41 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 19 di 21

(Rev. 4) 18-43 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 20 di 21

(Rev. 4) 18-45 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema funzionale 2
Codice 39689303 - Rev. 24 Pag. 21 di 21

(Rev. 4) 18-47 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

S21
Z24
S22
P6 Z25
S4
M8

M7 S5

S2 M8
M6
Z28
Z29
S3

Z26 S6
Z27

S8

S33 S9 S10

M2 S7 M17
P2

S34 Z34
Z35 S28
S30

Y2

S27
P7

S31

S29
S23

S24

P1
P5

P4 S25
Y1 P0
M3
S26
M5

Y6 M1
M4
Z23
Z22

MERCURY 332
Topografico posizione 3
componenti elettrici
Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-49 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico e schema 4
Pulsantiera Bordo Macc.
Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-51 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico armadio 5
(vista anteriore)
Pag. 1 di 2

(Rev. 4) 18-53 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico armadio 5
(vista posteriore)
Pag. 2 di 2

(Rev. 4) 18-55 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico scheda CPU 6
Codice 58688810 - Rev. 00 Pag. 1 di 4

(Rev. 4) 18-57 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico scheda CPU 6
Codice 58688810 - Rev. 00 Pag. 2 di 4

(Rev. 4) 18-59 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico scheda CPU 6
Codice 58688810 - Rev. 00 Pag. 3 di 4

(Rev. 4) 18-61 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico scheda CPU 6
Codice 58688810 - Rev. 00 Pag. 4 di 4

(Rev. 4) 18-63 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 1 di 24

(Rev. 4) 18-65 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 2 di 24

(Rev. 4) 18-67 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 3 di 24

(Rev. 4) 18-69 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 4 di 24

(Rev. 4) 18-71 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 5 di 24

(Rev. 4) 18-73 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 6 di 24

(Rev. 4) 18-75 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 7 di 24

(Rev. 4) 18-77 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 8 di 24

(Rev. 4) 18-79 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

L65 ¸ L75

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 9 di 24

(Rev. 4) 18-81 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

R82¸R89

R90¸R97

R98¸R105

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 10 di 24

(Rev. 4) 18-83 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

R106¸R113

R114¸R121

R122¸R128

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 11 di 24

(Rev. 4) 18-85 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

L184¸L186

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 12 di 24

(Rev. 4) 18-87 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 13 di 24

(Rev. 4) 18-89 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 14 di 24

(Rev. 4) 18-91 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
L149 ¸ L165 Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 15 di 24

(Rev. 4) 18-93 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 16 di 24

(Rev. 4) 18-95 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

C161¸C170

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 17 di 24

(Rev. 4) 18-97 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

L143¸L145

L146¸L148
MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 18 di 24

(Rev. 4) 18-99 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

0 ¸ 5V LIMITATORI
0 ¸ 5V CARRELLO
0 ¸ 5V CASS. TRASVERSALE

L1 ¸ L11

L103¸L113

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 19 di 24

(Rev. 4) 18-101 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

L18 ¸ L41

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 20 di 24

(Rev. 4) 18-103 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

CUFFIA A 0░

L42 ¸ L64

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 21 di 24

(Rev. 4) 18-105 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

I░ VELOCITA'
II░ VELOCITA'
7░
20░
30░
45░

COMUNE USCITE 24¸32

L76 ¸ L102

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 22 di 24

(Rev. 4) 18-107 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

L114 ¸ L141

USCITA ANALOGICA INVERTER 0 ¸ 10V

COMUNE INGRESSI 34¸37

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 23 di 24

(Rev. 4) 18-109 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

L166 ¸ L182

MERCURY 332
Schema elettrico 7
scheda CPU
Codice 39689404 – Rev. 00 Pag. 24 di 24

(Rev. 4) 18-111 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico 8
scheda Alimentatore
Codice 58688634 – Rev. 00 Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-113 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 9
scheda Alimentatore
Codice 39689402 – Rev. 00 Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-115 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico e schema 10
scheda Compressore
Codice 58688614 – Rev. 00 Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-117 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico 11
scheda Seriografo
Codice 58688626 – Rev. 00 Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-119 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 12
scheda Seriografo
Codice 39689403 – Rev. 00 Pag. 1 di 6

(Rev. 4) 18-121 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 12
scheda Seriografo
Codice 39689403 – Rev. 00 Pag. 2 di 6

(Rev. 4) 18-123 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

R45¸R52

C1¸C8

MERCURY 332
Schema elettrico 12
scheda Seriografo
Codice 39689403 – Rev. 00 Pag. 3 di 6

(Rev. 4) 18-125 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

L1 ¸ L15

MERCURY 332
Schema elettrico 12
scheda Seriografo
Codice 39689403 – Rev. 00 Pag. 4 di 6

(Rev. 4) 18-127 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

L16 ¸ L31

MERCURY 332
Schema elettrico 12
scheda Seriografo
Codice 39689403 – Rev. 00 Pag. 5 di 6

(Rev. 4) 18-129 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

L32 ¸ L47

MERCURY 332
Schema elettrico 12
scheda Seriografo
Codice 39689403 – Rev. 00 Pag. 6 di 6

(Rev. 4) 18-131 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico 13
scheda CPU consolle
Codice 58688736 – Rev. 01 Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-133 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 14
scheda CPU consolle
Code 39689415 – Rev. 00 Page 1 of 9

(Rev. 4) 18-135 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 14
scheda CPU consolle
Codice 39689415 – Rev. 00 Pag. 2 di 9

(Rev. 4) 18-137 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 14
scheda CPU consolle
Codice 39689415 – Rev. 00 Pag. 3 di 9

(Rev. 4) 18-139 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 14
scheda CPU consolle
Codice 39689415 – Rev. 00 Pag. 4 di 9

(Rev. 4) 18-141 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 14
scheda CPU consolle
Codice 39689415 – Rev. 00 Pag. 5 di 9

(Rev. 4) 18-143 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 14
scheda CPU consolle
Codice 39689415 – Rev. 00 Pag. 6 di 9

(Rev. 4) 18-145 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

INGRESSI 48 ¸ 79

MERCURY 332
Schema elettrico 14
scheda CPU consolle
Codice 39689415 – Rev. 00 Pag. 7 di 9

(Rev. 4) 18-147 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

INGRESSI 48 ¸ 79

MERCURY 332
Schema elettrico 14
scheda CPU consolle
Codice 39689415 – Rev. 00 Pag. 8 di 9

(Rev. 4) 18-149 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

INGRESSI 48 ¸ 79

MERCURY 332
Schema elettrico 14
scheda CPU consolle
Codice 39689415 – Rev. 00 Pag. 9 di 9

(Rev. 4) 18-151 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico 15
scheda Joystick consolle
Codice 58688724 – Rev. 00 Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-153 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 16
scheda Joystick consolle
Codice 39689717 – Rev. 00 Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-155 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico 17
scheda Display consolle
Codice 58688741 – Rev. 00 Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-157 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 18
scheda Display consolle
Codice 39689416 – Rev. 00 Pag. 1 di 6

(Rev. 4) 18-159 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 18
scheda Display consolle
Codice 39689416 – Rev. 00 Pag. 2 di 6

(Rev. 4) 18-161 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 18
scheda Display consolle
Codice 39689416 – Rev. 00 Pag. 3 di 6

(Rev. 4) 18-163 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 18
scheda Display consolle
Codice 39689416 – Rev. 00 Pag. 4 di 6

(Rev. 4) 18-165 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 18
scheda Display consolle
Codice 39689416 – Rev. 00 Pag. 5 di 6

(Rev. 4) 18-167 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Schema elettrico 18
scheda Display consolle
Codice 39689416 – Rev. 00 Pag. 6 di 6

(Rev. 4) 18-169 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico Seriografo 19
Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-171 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico e schema 20
scheda Sensore Griglia
Codice 58171031 – Rev. 00 Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-173 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Topografico collimatore 21
elettronico standard
Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-175 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Schemi elettrici e disegni

MERCURY 332
Collimatore ad 22
IRIDE
Pag. 1 di 1

(Rev. 4) 18-177 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

19 PARTI DI RICAMBIO
1 – COMPRESSORE

2 – PEDALE RAGGI e CONSOLLE

3 – CAVI DI CONNESSIONE

4 – COPERTURE

5 – ACCESSORI

6 – BRACCIO SUPPORTO TUBO

7 – COMPONENTI ELETTRICI

8 – BARELLA

9 – ASSIEME PEDANA e PANNELLO FRONTALE

10 – ARMADIO: Modulo principale

11 – ARMADIO: Componenti Seriografo

12 – BASE

13 – CARRELLO I.B.

14 – GRUPPO PENDOLAZIONE

15 – DISPOSITIVO TOMOGRAFICO

16 – TRAVE POSTERIORE

17 – COLLIMATORE ELETTRONICO

18 – COLLIMATORE IRIDE

19 – SERIOGRAFO

(Rev. 4) 19-1 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

1 - COMPRESSORE

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 6168727800 Calotta compressore ass.

b 2100470400 Pistoncino molla

c 5268723300 Braccio palpatore

d 5668725100 Copertura destra

e 5668725200 Copertura sinistra

f 5668719500 Copertura superiore

MERCURY 332 19-2 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

(Rev. 4) 19-3 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 5268722300 Galoppino

b 6668723500 Catena IN/OUT compressore

c 7168731000 Supporto galoppini compressore

d 6171116800 Rotella ∅ 22 assiemata

e 5268730400 Pinione motoriduttore movimento


verticale

f 6168730500 Catena movimento verticale


compressore ass.

g 4233103400 Microinterruttore movimento


braccio

MERCURY 332 19-4 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

g
b

c f e

(Rev. 4) 19-5 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 5768724100 Molla D.I.M.

b 4968719800 Guida lineare per movimento


IN/OUT compressore

c 6168727000 Motoriduttore M8 ass.

d 4268725300 Microinterruttori S7, S8, S9, S10


regolazione forza compressore

e 4233103400 Microinterruttore S4 movimento


braccio fuori

f 4971118000 Cuscinetto movimento IN/OUT


compressore

MERCURY 332 19-6 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

e d

f
b

(Rev. 4) 19-7 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 4368719700 Motoriduttore M7

b 4265310600 Microinterruttori S2, S3


movimento su/giù compressore

c 5268731200 Guida sinistra compressore

d 5268731300 Piattina scorrimento compressore

e 5668720500 Copertura superiore anteriore

f 5668720400 Copertura inferiore anteriore

g 4968710200 Guida lineare per movimento


su/giù compressore

MERCURY 332 19-8 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

c
d

(Rev. 4) 19-9 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

2 – PEDALE RAGGI e CONSOLLE

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 5273160700 Pulsante pedale

b 6173162600 Pulsante Scopia pedale ass.

c 6173162300 Pulsante Prep/raggi pedale ass.

d 7173165000 Pedale ass.

MERCURY 332 19-10 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

d a

c b

(Rev. 4) 19-11 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 4268828100 Pulsante di emergenza

b 5268227100 Pomolo

c 4492814900 Trasformatore

d 5868874000 Scheda CPU consolle

e 6168872500 Supporto Joystick ass. (senza


pomolo)

f 5468875200 Striscia di personalizzazione

g 5468903100 Pellicola serigrafata consolle

h 8368885000 Consolle ass.

MERCURY 332 19-12 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

a d e b

g h
20░

30░
7░

45░

(Rev. 4) 19-13 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

3 – CAVI DI CONNESSIONE

Rif. Codice VSM Descrizione Note

X1 6268867900 Cavo X1 consolle


X2 6268867700 Cavo X2 collegamento armadio –
macchina
X8 6268864200 Cavo X8 collegamento scheda
CPU - armadio
X11 6268867300 Cavo X11 collegamento piastra
seriografo
X18 6268728100 Cavo X18 compressore
X20 6268873100 Cavo X20 collegamento
potenziometro pendolazione
X21 6268868000 Cavo X21 collegamento
potenziometro ribaltamento
X23 6268869800 Cavo di collegamento X23
X24-X45 6268870900 Cavo pulsantiera tavolo X24-X45
X25 6268869700 Cavo collegamento potenziometro
D.F.F. X25
X26-X31 6268869900 Cavo di colegamento X26-X31
X29 6268869600 Cavo di collegamento X29
X30 6268867800 Cavo collegamento armadio -
macchina X30
X33 6268867600 Cavo collegamento armadio -
macchina X33
X34-M1 6268337100 Cavo X34 motore pendolo
X35-M2 6268130100 Cavo X35 motore ribaltamento
X36 6268867200 Cavo X36 alimentazione seriografo
X46 6268851500 Cavo X46 collegamento seriografo
X47 6268851600 Cavo X47 collegamento seriografo
X54 6268851700 Cavo X54 collegamento
collimatore
a 5168332700 Tubo corrugato ∅ 75mm –
L=1000mm
b 5168424300 Tubo corrugato ∅ 75mm –
L=1800mm
c 5168529800 Tubo corrugato ∅ 100mm –
L=2650mm

MERCURY 332 19-14 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

(Rev. 4) 19-15 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

4 – COPERTURE

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 5668114800 Copertura base

b 5468418100 Copertura cuffia

c 5668423300 Copertura braccio

d1 5668425200 Copertura sinistra attuatore

d2 5668425300 Copertura destra attuatore

e 5668530400 Copertura torretta

f 5668530300 Copertura posteriore sinistra

g 6168441000 Copertura anteriore seriografo

h 5668529600 Copertura supporto fissaggio


guaine

i1 6168526400 Telaio saldato per carenatura

i2 5668517600 Copertura posteriore

i3 5668515200 Copertura centrale

l 5668529900 Copertura inferiore trave

m 5668515400 Scatola motore

n 5668347600 Supporto cavi I.B.

o 5668530200 Copertura posteriore destra

p 5668643700 Copertura cavo connettore

6168349100 Assieme copertura posteriore e


q piombo

5968348400 Protezione salva mani

r 5668129900 Copertura uscita cavi base

s 5668637700 Copertura lato piedi

t 5668332900 Copertura carrello destra

MERCURY 332 19-16 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

(Rev. 4) 19-17 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

5 – ACCESSORI

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 6173120000 Maniglia barella

b 6168427000 Raccordo cuffia – collimatore ass.

c 7173127500 Reggispalle

d 7173129000 Tendifascia (opzionale)

e 6168539900 Braccio guida tubo corrugato

f 7173145000 Pedana

f1 6673146400 Dispositivo sblocco pedana

g 7173142000 Appoggiagambe (opzionale)

MERCURY 332 19-18 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

F1

F1

(Rev. 4) 19-19 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

6 – BRACCIO SUPPORTO TUBO

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 2100015600 Vite di sicurezza

b 5265515600 Ruota dentata piccola

c 4192005100 Potenziometro P6

d 5768434300 Supporto potenziometro

e 5168434200 Ruota grande

f 5068421200 Fune fine corsa braccio

g 4908313600 Cuscinetto

h 5768416800 Molla

i 4268517100 Microinterruttore S21, S22

MERCURY 332 19-20 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

f
g

i
h

a e

(Rev. 4) 19-21 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 7168434500 Supporto cuffia ass.

b 5668423100 Copertura braccio anteriore

c 4233104900 Microinterruttore S6

d 7168429000 Supporto cuffia orientabile ass.

MERCURY 332 19-22 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

b c

a d

(Rev. 4) 19-23 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

7 – COMPONENTI ELETTRICI

Rif. Codice VS; Descrizione Note

P0, P1, P2, 4192005100 Potenziometro P0, P1, P2, P4, P5,
P4 ÷ P7 P6, P7

Z22 ÷ Z29, 4192210600 Filtro Z22 ÷ Z29, Z34, Z35


Z34, Z35

S2, S3 4265310600 Microinterruttore S2, S3

S4, S5, 4233103400 Microinterruttore S4, S5, S27,


S27, S28 S28

S6, S31, 4233104900 Microinterruttore S6, S31, S33,


S33, S34 S34

S7 ÷ S10, 4268725300 Microinterruttore S7 ÷ S10, S29,


S29, S30 S30

S21 ÷ S26 4268517100 Microinterruttore S21 ÷ S26

M1 6668351700 Motore M1

M2 4368126000 Motore M2

M3 4391002700 Motore trifase M3

M4 4391005500 Motore trifase M4

M5 4368632900 Motore M5

M6 6168432100 Attuatore motore M6 ass.

M7 4368719700 Motore M7

M8 6168727000 Motore M8 ass.

M17 6168546000 Attuatore motore M17 ass.

MERCURY 332 19-24 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

(Rev. 4) 19-25 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

8 – BARELLA

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 4368632900 Motore M5

b 4268517100 Microinterruttore S25, S26

c 4968630400 Guida lineare per movimento


trasversale

d 6668638800 Catena movimento trasversale


barella

e 6668638900 Catena gruppo microinterruttori

f 6668638700 Catena movimento longitudinale


barella

g 4391002700 Motore trifase M3

h 4968638200 Cinghia movimento longitudinale


barella

i 5268646100 Puleggia motore

l 5368426000 Camma albero ass. per


movimento trasversale

m 5168642000 Pignone camme

5668638100 Copertura accesso relay

MERCURY 332 19-26 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

e
b
a

l m

d i h

(Rev. 4) 19-27 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 6168650600 Galoppino movimento trasversale


ass.

b 4090001300 Riduttore

c 4268517100 Microinterruttore S23, S24

d 5268631400 Puleggia riduttore

e 6168632200 Galoppino Z=24 montato

f 6168650500 Albero camma movimento


longitudinale ass.

g 6168640800 Albero rinvio movimento


longitudinale ass.

h 6168632000 Galoppino Z=17 montato

i 4192005100 Potenziometro P4, P5

5668637700 Copertura lato piedi

MERCURY 332 19-28 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

b i c g

d a f e

i
h

(Rev. 4) 19-29 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 4968628900 Guida lineare movimento


trasversale lato testa

b 7168629100 Supporto galoppini sinistro ass.

c 7168630100 Supporto galoppini destro ass.

d 5668637800 Copertura lato testa

e 5968637000 Protezione sotto pannello

f 5968627800 Pannello piano porta paziente

g 6168645000 Profilato piano porta paziente ass.

h 7168651500 Piano porta paziente ass.

MERCURY 332 19-30 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

e a

b c

(Rev. 4) 19-31 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

9 – ASSIEME PEDANA e PANNELLO FRONTALE

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 6168192000 Pedana ass.

b 5968190500 Gomma antiscivolo

c 6168441000 Copertura anteriore seriografo

d 6218608000 Pulsantiera bordo macchina ass.


(con pellicola serigrafata)

e 5418606800 Pellicola serigrafata per


pulsantiera

f 4268828100 Pulsante di emergenza ass.

MERCURY 332 19-32 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

a
b

d e f

(Rev. 4) 19-33 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

10 – ARMADIO: Modulo principale

Rif. Codice VSM Descrizione Note

A1 4492706600 Inverter

A1 cover 5668850400 Copertura inverter

A3 5868881000 Scheda CPU armadio ass.

A4 5868862600 Scheda seriografo

A10 5868886400 Scheda filtro inverter

A12 5868863400 Scheda alimentatore armadio

A13 5868861400 Scheda controllo compressore

K1L 4291512300 Contattore K1L

K2M, K3M 4291514200 Contattore con filtro K2M, K3M

K4M, K5M 4291514000 Contattore con filtro K4M, K5M

K15M, 4291513700 Contattore con filtro K15M, K16M


K16M

K17M, 4291513900 Contattore con filtro K17M, K18M


K18M

K17L, K6M, 4271810500 Relè K17L, K6M, K7M, K19M,


K7M, K19M, K20M, K21M
K20M,
K21M

Z39, Z40, 4192207100 Filtro monofase Z39, Z40,


Z43 ÷ Z45 Z43 ÷ Z45

Q1 4291511700 Interruttore magnetotermico


tripolare Q1

Q2 4291510900 Interruttore magnetotermico


tripolare Q2

R1 4192102800 Resistore R1

S1 4291412700 Pulsante ON-OFF-ON S1

T1 4492816400 Trasformatore trifase T1

T2 4468831400 Trasformatore monofase T2

T3 4492817500 Trasformatore monofase T3

T4 4492814700 Trasformatore monofase T4

V1 ÷ V3 4165121100 Ponte raddrizzatore V1 ÷ V3

Z1 4192201300 Filtro trifase di rete Z1

Z3 ÷ Z10 4192210700 Filtro Z3 ÷ Z10


MERCURY 332 19-34 (Rev. 4)
MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio
Z36 4192206700 Filtro Z36

(Rev. 4) 19-35 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

MERCURY 332 19-36 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

11 – ARMADIO: Componenti Seriografo

Rif. Codice VSM Descrizione Note

SFD 7268867400 Piastra componenti seriografo ass.

A8, A9 4492703500 Azionamento monofase A8, A9

L, L1 4192204500 Induttanza L, L1

K11M, 4291513700 Contattore con filtro K11M, K12M


K12M

Q3 4291510900 Interruttore magnetotermico


tripolare Q3

R2, R3 4192105700 Resistore R2, R3

S19, S20 4291412700 Pulsante ON-OFF-ON S19, S20

Z11 4192206700 Filtro Z11

(Rev. 4) 19-37 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

MERCURY 332 19-38 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

12 – BASE

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 4192005100 Potenziometro P2

b 5268129400 Pignone ribaltamento trave

c 7168128900 Tendicatena ass.

d 5268129700 Pignone albero riduttore

e 6668130200 Catena per movimento di


ribaltamento

f 4068113100 Riduttore

g 4368126000 Motore M2

h 4968338400 Cinghia per movimento di


ribaltamento

i 4233104900 Microinterruttore S33, S34

l 5268126200 Puleggia motore

m 5268126300 Puleggia riduttore

(Rev. 4) 19-39 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

g
l

m f

c d

MERCURY 332 19-40 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 5268133800 Tirante catena tripla

b 6668130300 Catena tripla

c 4968113600 Perno folle 47 R

d 5268133600 Pignone catena tripla

e 4968113500 Perno folle 35 R

f 6668130400 Copertura catena ass.

(Rev. 4) 19-41 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

MERCURY 332 19-42 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

13 – CARRELLO I.B.

Rif. Codice VSM Descrizione Note

6168352900 Piastra I.B. 9"

a 6168352700 Piastra I.B. 12"

5668348100 Piastra I.B. 16"

b 5568352100 Carrello porta I.B.

c 4990603500 Guida lineare anteriore

d 4968224100 Guida lineare per movimento di


traslazione del Seriografo e del
carrello I.B.

e 5668352200 Traversa anteriore

f 7168346500 Piastra sinistra ass.

g 5268348600 Squadra movimento carrello I.B.


9" – 12"

h 6168339800 Rotella carrello porta I.B. ass.

i 7168346000 Piastra destra ass.

(Rev. 4) 19-43 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

MERCURY 332 19-44 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

14 – GRUPPO PENDOLAZIONE

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 4192005100 Potenziometro P0

b 5268337400 Ruota dentata riduttore


pendolazione

c 4065118000 Riduttore per movimento di


pendolazione

d 5268511500 Puleggia riduttore

e 4968338400 Cinghia per motore di


pendolazione

f 5268511700 Puleggia motore

g 6668351700 Motore M1

h 4990603400 Guida lineare per movimento


colonna Altezza Strato

i 6668312700 Catena pendolazione

l 6168334700 Perno eccentrico e cuscinetto ass.

m 6168350800 Piastra collegamento braccio ass.

n 5268426900 Cremagliera attuatore D.F.F.

o 6168338600 Perno eccentrico e cuscinetto


∅ 35mm ass.

p 6168338500 Perno eccentrico e cuscinetto


∅ 26mm ass.

q 5268311900 Slitta motore

(Rev. 4) 19-45 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

q m

g
p

f e d

MERCURY 332 19-46 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 6168432100 Attuatore motore M6 ass.

(Rev. 4) 19-47 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

MERCURY 332 19-48 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

15 – DISPOSITIVO TOMOGRAFICO

Rif. Codice VSM Descrizione Note

M17 6168546000 Attuatore motore M17 ass.

S27, S28 4233103400 Microinterruttore S27, S28

S31 4233104900 Microinterruttore S31

P7 4192005100 Potenziometro P7

S29, S30 4268725300 Microinterruttore S29, S30

a 6168338600 Guida lineare per movimento


dispositivo tomografico ass.

b 5771117600 Molla

c 5268533800 Cremagliera torretta Altezza Strato

d 4990603700 Guida lineare per dispositivi


tomografico Altezza Strato

e 6168534300 Piastra movimento Altezza Strato


ass.

(Rev. 4) 19-49 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

M17

S27

S28
S30

P7 b

S29

S31

MERCURY 332 19-50 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

16 – TRAVE POSTERIORE

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 4391004700 Motore M4

b 4968511300 Cinghia movimento carro

c 5268511600 Slitta motore

d 4068510900 Riduttore

e 4968510500 Cuscinetto rulli conici

f 5268510800 Pignone catena doppia

g 6168531400 Catena movimento longitudinale


torretta ass.

h 4192005100 Potenziometro P1

i 5268516700 Pignone grande nylon

l 5268516600 Pignone piccolo nylon

(Rev. 4) 19-51 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

h l

MERCURY 332 19-52 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

17 – COLLIMATORE ELETTRONICO

Rif. Codice VSM Descrizione Note

8611002600 Collimatore elettronico

a 6111322000 Assieme calotta porta plexiglass

b 5811219900 Scheda pulsantiera collimatore

c 5611420700 Copertura connettore

d 6111113300 Calotta porta flangia ass.

e 5611219700 Copertura anteriore

f 6111217200 Assieme copertura

4591606700 Lampada alogena 24V 100W

5711211700 Molla limitatori luce

(Rev. 4) 19-53 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

a
f

c e

MERCURY 332 19-54 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

M9, M10 6111423900 Motore M9, M10 ass.

P8, P9 4192004000 Potenziometro P8, P9

a 5211424000 Camma

b 5211428800 Ingranaggio Z12

c 5211429000 Ingranaggio Z11

d 5911422100 Ingranaggio centrale

e 5911421700 Ingranaggio potenziometro

f 5911434700 Specchio

(Rev. 4) 19-55 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

MERCURY 332 19-56 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

18 – COLLIMATORE IRIDE

Rif. Codice VSM Descrizione Note

8611004800 Collimatore IRIDE

(Rev. 4) 19-57 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

MERCURY 332 19-58 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

19 – SERIOGRAFO

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 6218501900 Motore carro ass. – Motore


limitatori ass.

b 5218501300 Puleggia dentata piccola

c 4990802600 Cinghia limitatori

d 6118105000 Microinterruttore ass.

e 5218111000 Puleggia dentata grande

(Rev. 4) 19-59 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

e
d

MERCURY 332 19-60 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 5218403000 Camma movimento griglia

b 6118402500 Camma griglia ass.

c 6118404000 Carrucola ass.

d 4391202200 Freno magnete permanente

e 6618109000 Freno movimento cassetta ass.

f 4990802700 Cinghia movimento autocentrante

g 4291306000 Sensore di prossimità

h 4990804500 Cinghia movimento griglia

i 5218405200 Puleggia dentata

l 4065221600 Motore griglia

m 4192210600 Filtro

n 5817103100 Scheda sensori griglia

o 6118106500 Microinterruttore ass.

6118405500 Motoriduttore griglia ass.

(Rev. 4) 19-61 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

b c

a
i

f m
d
e

g h l

o n

MERCURY 332 19-62 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 4192005100 Potenziometro formato cassetta


base

b 6118211500 Dispositivo individuazione base


formato

c 5018201300 Fune individuazione formato base

d 4990604300 Guida lineare movimento


trasversale cassetta

e 4990604300 Guida lineare movimento cassetta


formato base lato testa

f 4990604200 Guida lineare movimento cassetta


formato base lato piedi

g 5718214200 Molla ganasce laterale

h 6118208000 Carrucola piccola ass.

i 4990604400 Guida lineare movimento cassetta


formato altezza

(Rev. 4) 19-63 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

c a b

f d

MERCURY 332 19-64 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 5218205400 Vite senza fine movimento


trasversale

b 4990604000 Madrevite

c 4108510900 Potenziometro trasversale

d 4391104300 Motoriduttore movimento


trasversale

e 6118215600 Dispositivo movimento


trasversale ass.

f 6118104500 Galoppino ass.

g 5018301400 Cinghia carrello e limitatori

h 6118208000 Carrucola piccola ass.

i 4990604700 Guida lineare movimento


longitudinale autocentrante

l 6118106000 Microinterruttore ass.

m 4192005100 Potenziometro formato cassetta


altezza

n 6118212500 Dispositivo individuazione altezza


formato

o 5018201200 Fune rivio – molla

p 5018213200 Fune individuazione formati

q 5218205700 Giunto elastico

(Rev. 4) 19-65 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

g h

q c

p
o
b
a n

g i h

f l

MERCURY 332 19-66 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 4990603800 Guida lineare movimento


limitatore grande

b 4990604600 Guida lineare movimento


limitatore piccolo

c 6118105500 Microinterruttore ass.

(Rev. 4) 19-67 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

c a

MERCURY 332 19-68 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

Rif. Codice VSM Descrizione Note

a 4990604400 Guida lineare ganascia chiusa

b 5018200500 Fune lunga ass.

c 6118207500 Carrucola ass.

d 5018200600 Fune corta ass.

e 6118202500 Rinvio di carrucola

f 4990604500 Cuscinetto 12x30x8

g 6118202000 Carrucola eccentrica ass.

h 5718200800 Molla a trazione autocentrante

(Rev. 4) 19-69 MERCURY 332


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

MERCURY 332 19-70 (Rev. 4)


MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

PAGINA LASCIATA INTENZIONALMENTE BIANCA

(Rev. 4) 19-71 MERCURY 332


Cod. 6968902803_Rev.4 0434

VILLA SISTEMI MEDICALI S.p.a.


Via Delle Azalee, 3
20090 Buccinasco (MI) - ITALY
Tel. (+39) 02 48859.1
Fax (+39) 02 4881844
MANUALE DI SERVIZIO
Parti di Ricambio

A DEL Global Technologies Company

19-74 MERCURY 332