Sei sulla pagina 1di 2

CICLO CORONARICO

I vasi terminali hanno un rapporto 1.1 tra fibra muscolare e capillare. (3000
capillari/mm2)
 A riposo: 80 ml/min per 100g
 Durante l’ex: 300ml/min per 100 g

ADENOSINA : viene rilasciata dalle cellule del muscolo cardiaco quando il


flusso coronarico si riduce troppo e quando il cuore è troppo iperattivo dove un
aumento del metabolismo cardiaco produce un aumento del consumo di ossigeno
e quindi una maggior degradazione di ATP ad adenosina.

REGOLAZIONE DEL MUSCOLO DIPENDE DA :

 STIMOLAZIONE PRESSORIA ( OVVERO RISPOSTA MIOGENA


AUTOREGOLAZIONE )
Il muscolo liscio risponde ad uno stiramento causato da un aumento di pressione
nel sangue.
Un maggior stiramento quindi provoca depolarizzazione della muscolatura liscia
vasale che fa aumentare l’ingresso di calcio nelle cellule provocando la
contrazione.

 STIMOLAZIONE NERVOSA ( ATTIVAZIONE DEL SNA)


Stimolazione dei recettori alfa e contrazione muscolo liscio vascolare.
PROTEINCHINASI E CALMODULINA regolano la sensibilità di calcio dei
filamenti sottili e spessi aumentando la contrazione.

 STIMOLAZIONE ORMONALE ( sostanze circolanti nel sangue )


Principali vasocostrittori e vasodilatatori :
adenosina, noradrenalina, angiotensina II

 STIMOLAZIONE DI ORIGINE ENDOTELIALE ( rilasciati dalla cellule


endoteliali )
MONOSSIDO DI AZOTO O OSSIDO NITRICO , gas lipofilico rilasciato dalle
cellule endoteliali in risposta a stimoli chimici e fisici. È il fattore rilasciante la
muscolatura liscia vasale più importante ed ha un azione locale.

Viene rilasciato da NO SINTETASI sotto forma di 3 enzimi: NO NEURONALE


NO
INDUCIBILE
NO
ENDOTELIALE
Il monossido di azoto
Agisce sulla muscolatura liscia dei vasi sanguigni provocando vasodilatazione,
con conseguente aumento del flusso ematico, e svolgendo una funzione
omeostatica sul sistema circolatorio. Oltre ad essere un potente vasodilatatore,
inibisce anche l'adesione e l'aggregazione piastrinica.

ENDOTELINA = peptide di 21 AA che provoca vasocostrizione, è rilasciata


maggiormente quando i vasi vengono danneggiati.
Le endoteline sono una classe di proteine che costringono i vasi sanguigni
provocando un aumento della pressione arteriosa. ... Le endoteline sono peptidi di
21-residui amminoacidici vasocostrittori prodotti principalmente nell'endotelio e
hanno un ruolo chiave nell'omeostasi vascolare.
Funzioni:
 Previene le emorragie
 Azione di vasocostrizione a lungo termine

REGOLAZIONE A LUNGO TERMINE: tale regolazione avviene quando


cambiano le richieste metaboliche a lungo termine e consiste nella variazione
della vascolarizzazione ( ANGIOGENESI )
1. CARENZA DI OSSIGENO
2. FATTORI DI CRESCITA, sempre per carenza di 02
Viene fatta vedere un osservazione di un muscolo non stimolato e fatta la
prova di stimolazione elettrica per 30 giorni abbiamo: un aumento del numero
di capillari, una maggior trasfusione delle fibre glicolitiche e le fibre IIX
vengono trasformate in fibre IIA.