Sei sulla pagina 1di 1

PEPTIDI

1> PEPTIDE NATRIURETICO ATRIALE è un ormone peptidico prodotto dalle


cellule miocardiche con attività endocrina, situate a livelo atriale.
Queste cellule contengono granuli secretori, dove accumulano e dai quali rilasciano il
peptide natriuretico atriale, che esplica un'azione endocrina specializzata a livello
cardiovascolare.
Oltre al peptide natriuretico atriale si conoscono altri due peptidi natriuretici correlati

2> il PEPTIDE NATRIURETICO B CELEBRALE sintetizzato dalle cellule


miocardiche ventricolari e da alcuni neuroni encefalici.

3> il PEPTIDE NATRIURETICO C ENDOTELIALE .

i peptidi agiscono direttamente sul centro di controllo del BULBO per ridurre
la pressione arteriosa.

Dal momento che l'attività di questi ormoni è sovrapponibile, si parla nel complesso
di peptidi natriuretici. Il loro rilascio risulta elevato quando le cellule muscolari del
cuore vengono stirate più del normale, situazione legata ad un eccessiva
IPERVOLEMIA quindi a fenomeni definiti IPERTENSIVI.
Per compensare l'ipervolemia, i peptidi natriuretici - come il nome stesso suggerisce
- provocano un marcato incremento della DIURESI E della NATRIURESI,
aumentando l’escrezione di sodio e acqua attraverso i reni, inoltre, hanno un’azione
vasodilatante quindi rilassano la muscolatura liscia sia a livello cardiaco che a livello
renale dove l’azione è soprattutto diretta alle arteriole afferenti al glomerulo.

Tali azioni sono mediate sia da meccanismi diretti che indiretti, legati all'effetto
inibitorio sul rilascio e/o sull'azione di vari ormoni e mediatori,
come ANGIOTENSINA, ANGIOTENSINA II ALDOSTERONE E
VASOPRESSINA di natriuretici agiscono direttamente sul centro di controllo
cardiovascolare del bulbo per ridurre la pressione arteriosa , con attività inibitoria
sull'attivazione del sistema simpatico, quindi i peptidi natriuretici
CONTRIBUISCONO A RIDURRE IL RITORNO VENOSO E LA PRESSIONE
ARTERIOSA.

Se invece diminuisce la pressione e il volume ematico si ha la LIBERAZIONE DI


RENINA.