Sei sulla pagina 1di 39

03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 63

MANOSCRITTI GRECI DI TERRA D’OTRANTO.


RECENTI SCOPERTE E ATTRIBUZIONI (2005-2008)*.

Daniele Arnesano

Le ricerche sulla produzione libraria in una determinata area geo-


grafica possono trovare uno strumento valido, fra quelli a disposizione
della comunità scientifica, nei repertori di manoscritti prodotti sicura-
mente in quell’area o ad essa attribuiti per ragioni filologiche, paleo-
grafiche, codicologiche, storico-artistiche. Lo sforzo di compilare sus-
sidi come questi scaturisce, tra l’altro, dall’antica esigenza di alternare
a sessioni di reperimento e decifrazione dei dati (analisi) pause di rac-
colta e interpretazione degli stessi (sintesi), come è sinora avvenuto
negli studi sulla produzione libraria italo-greca1. Con questa finalità, il
primo corposo repertorio di manoscritti di Terra d’Otranto fu pubbli-
cato nel 1972 da Marco Petta2, cui fece seguito quello curato nel 1989
da Oronzo Mazzotta3. Ai 237 manoscritti registrati da quest’ultimo
170 sono stati aggiunti nel 2005 – sulla scorta di ricerche personali e,
soprattutto, sulla base dei dati pubblicati dagli studiosi – da parte di
chi scrive4. In quel contributo proponevo un inventario non sostitutivo,
––––––––––
*
La bibliografia sarà in parte citata in forma abbreviata; per lo scioglimento delle abbre-
viazioni si veda la fine del presente lavoro.
1
Col termine ‘sintesi’ non indico, beninteso, il banale compendio ma quell’impegnativa
operazione che consiste nell’unificare una pluralità di dati sparsi, ordinandoli poi in una
presentazione organica. La sintesi dettagliata sulla cultura italo-greca e sulla relativa pro-
duzione manoscritta è quella offerta nel 1982 da Guglielmo Cavallo (Cavallo, “La cultura
italo-greca”). Declinati secondo le diverse e spesso complementari discipline che hanno
per oggetto il libro manoscritto, i contributi di tipo analitico, apparsi negli ultimi decenni,
vantano metodi di indagine via via più affinati e risultati tanto più soddisfacenti; nell’im-
possibilità di citare anche solo i più importanti, ricorderò, fra quelli più recenti, un articolo
di Roberta Durante in cui finalmente si riprende il filone di indagine sulla decorazione
libraria salentina (R. Durante, “La decorazione dei codici salentini: l’esempio del Valli-
celliano C 7”, Neva ÔRwvmh 5 (2008), 277-301).
2
M. Petta, “Codici greci della Puglia trasferiti in biblioteche italiane ed estere”, BBGG
n.s. 26 (1972), 85-129; rist. in Brundisii Res 4 (1972), 59-121.
3
Mazzotta, Monaci e libri greci.
4
Arnesano, “Il repertorio dei codici greci”. In quella sede erano contrassegnati con un
asterisco (*) i manoscritti dei quali avevo esaminato l’originale o delle riproduzioni; erano
invece privi di asterisco quelli registrati sulla base di attribuzioni o di segnalazioni altrui
ma da me non esaminati (in questa sede farò ricorso al medesimo espediente), tra cui il
Par. 2268 (p. 57) ed il Par. 2988 (p. 58): un successivo esame autoptico mi consente di
escludere, almeno su base paleografica, l’attribuzione dei due cimeli ad area salentina. Per
03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 64

64 Daniele Arnesano

ma, come esprimevo già nel titolo («aggiornamenti e integrazioni»),


integrativo del repertorio di Mazzotta5.
In questa sede saranno elencate le testimonianze in scrittura greca
per le quali, dal 2005 al 2008, è stata proposta da parte di vari studiosi
la localizzazione in Terra d’Otranto o l’attribuzione a mani educate
alle caratteristiche grafiche salentine6. A queste ho aggiunto alcune te-
stimonianze da parte mia7. Si troveranno anche dei casi di attribuzione
espressa dagli autori in modo dubitativo: ho comunque ritenuto oppor-
tuno includerli nel repertorio, in attesa che da ulteriori ricerche scatu-
risca maggiore certezza8. Fra interi codici9, singole unità codicologi-
che10, frammenti11 e marginalia 12 si tratta in tutto di 38 segnature, cor-
rispondenti a libri conservati nella Biblioteca Apostolica Vaticana13,
presso diverse istituzioni italiane14, alcune delle quali locali, salen-
––––––––––
la stessa ragione è stato proposto di espungere dall’elenco dei codici di Terra d’Otranto i
Laurenziani Plut. 8.17, Plut. 9.12 e San Marco 770 (cfr. Baldi, “Il palinsesto Laur. Plut.
57.26”, 492-493).
5
Tale complementarietà era espressa – il lettore perdonerà l’autocitazione – nella premes-
sa: «A distanza di oltre quindici anni, è forse opportuno proporre un aggiornamento di
questo repertorio, che, spero, ne confermi l’utilità e ne rivitalizzi la funzionalità» (Arnesa-
no, “Il repertorio dei codici greci”, 25). I nuovi manoscritti erano registrati secondo gli
stessi criteri di Mazzotta (i dati forniti riguardavano: segnatura, datazione, supporto, con-
tenuto e bibliografia). Quelli già presenti nell’inventario del 1989 (secondo la sullodata
complementarietà) non presentavano nuovamente i dati relativi a datazione, supporto e
contenuto ma, contrassegnati dal rinvio a Mazzotta (con la sigla M, seguita dal numero di
pagina), erano corredati dei soli aggiornamenti bibliografici (senza la ripetizione di quelli
già presenti in Mazzotta). Alcuni manoscritti registrati nel 1989 erano del tutto assenti
nell’aggiornamento, per mancanza di integrazioni bibliografiche successive a quell’anno;
altri lo erano per riconosciuta incompatibilità con le caratteristiche paleografiche salentine
(elencati a p. 25 n. 5).
6
Essi sono Maria Luisa Agati (per il manoscritto nr. 28 del repertorio), Davide Baldi (nr.
8), Marco D’Agostino (nr. 25), Francesco D’Aiuto (nr. 5), Maria Rosa Formentin (nrr. 17-
19), Anna Gaspari (nr. 13), André Jacob (nrr. 1-2, 4, 9, 22-24), Santo Lucà (nrr. 6-7, 29,
33), Carlo Maria Mazzucchi (nr. 16), Bram Roosen e Peter Van Deun (nr. 15), Elisabetta
Sciarra (nrr. 26, 30-32), David Speranzi (nrr. 10, 14) ed Elena Velkovska (nr. 11). Non
un’attribuzione ma, più precisamente, un’identificazione di frustula sinora ritenuti disper-
si è quella di Angelo Giaccaria (nr. 35).
7
Alcune sono state attribuite alla Terra d’Otranto già in miei contributi del 2005 e del
2008 (nrr. 3, 21, 27, 36), altre sono attribuite qui per la prima volta (nrr. 12, 20, 37-38),
alle quali si aggiunga l’identificazione nr. 34.
8
Nrr. 16-17, 19, 24, 28 (queste attribuzioni saranno distinte dalle altre con “dubit.”).
9
Nrr. 1-7, 9, 11-12, 14, 18, 22-24, 27-31, 33, 37.
10
Nrr. 10, 15, 17, 19, 36.
11
Nrr. 8, 13, 20-21, 25, 32, 34-35, 38.
12
Nrr. 16, 26.
13
Nrr. 1-5.
14
Nrr. 8-12, 15-19, 25-29, 34-38.
03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 65

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 65

tine15, e in biblioteche europee ed extraeuropee16. È del tutto evidente


che questo nuovo elenco, come del resto i precedenti, non può essere
considerato esaustivo né definitivo; i dati provenienti dalla ricerca
scientifica, infatti, sono sempre in fieri (né per questo si può rinuncia-
re a riordinarli periodicamente), soprattutto quando essa – per fortuna
– è intensa e proficua, proprio come quella sull’attività scrittoria sa-
lentina, grazie alla sinergia di vari specialisti17.
Saranno escluse dall’elenco le testimonianze di natura documenta-
ria, le quali, benché minoritarie, appaiono proprio per questo degne
d’attenzione: fra di esse si possono ricordare le numerose pergamene
tarantine18, le sottoscrizioni testimoniali in calce a documenti greci e
latini19, ma anche reperti poco noti, quali il ricordo relativo ad un’au-
tentica notarile di un inventario di beni ecclesiastici risalente al 1505
––––––––––
15
Nrr. 13, 20-21. Nel Salento, come è noto, si conservano oggi pochissimi codici greci. A
Galatina ne è stato recentemente scoperto uno, conservato presso la Biblioteca Comunale
«Pietro Siciliani»; esso tuttavia non fu scritto in Terra d’Otranto né da mano educata alle
caratteristiche scrittorie salentine, bensì a Roma, nel 1592, dal famoso copista cipriota
Giovanni Santamaura (cfr. D. Arnesano, “Un nuovo codice di Giovanni Santamaura (Ga-
latinensis 25)”, in Miscellanea Bibliothecae Apostolicae Vaticanae, XIII (ST 433), Città
del Vaticano 2006, 7-25: 10, 13, tavv. 1-4); è invece certamente salentino il manoscritto di
Nardò, Archivio della Curia Vescovile, C 147bis, già registrato nel mio aggiornamento
(“Il repertorio dei codici greci”, 53) e che ho poi attribuito alla mano del copista Angelo
Micheli di Galatina (cfr. D. Arnesano, “Copisti salentini del Cinquecento”, in D. Levante
(ed.), «Colligite fragmenta». Studi in memoria di Mons. Carmine Maci, Campi Salentina
2007, 83-94: 91, tavv. 1-2).
16
Nrr. 6-7, 14, 22-24, 30-33.
17
Lo conferma il fatto che l’elenco seguente si basa su attribuzioni di esplicite segnature,
ma già altre e nuove testimonianze sono all’attenzione degli studiosi; si pensi, ad esempio,
che ai manoscritti salentini del solo fondo greco Barberiniano della Biblioteca Vaticana
(pp. 30-31 dell’aggiornamento del 2005) «si possono aggiungere almeno altre otto unità»
(V. von Falkenhausen - S. Lucà, “Due documenti greci inediti provenienti dall’archivio
del Patir”, ASCL 73 (2006), 71-93: 83 n. 45).
18
Per un approccio paleografico a questa documentazione cfr. G. Breccia, “Scritture
greche di età bizantina e normanna nelle pergamene del monastero di S. Elia di Carbone”,
ASCL 64 (1997), 33-89: 41-56; E. Crisci - P. Degni, “Documenti greci occidentali e do-
cumenti greci orientali”, in F. Magistrale - C. Drago - P. Fioretti (edd.), Libri, documenti,
epigrafi medievali: possibilità di studi comparativi. Atti del convegno internazionale di
studio dell’Associazione Italiana dei Paleografi e Diplomatisti, Bari, 2-5 ottobre 2000
(Studi e Ricerche 2), Spoleto 2002, 483-528, 492, 494-496, 521; cfr. anche F. Magistrale,
Le pergamene dell’Archivio arcivescovile di Taranto. I-II (1083-1258) (Università degli
Studi di Lecce. Dipartimento di Studi Storici dal Medioevo all’Età Contemporanea 30,
Fonti Medievali e Moderne per la Storia di Terra d’Otranto 5), Galatina 1999, 10-12 nr. 3;
23-25 nr. 7; 31-34 nr. 9.
19
Si tratta di uno studio tuttora in corso; per il momento mi sia consentito rinviare ad D.
Arnesano, “Le sottoscrizioni greche nei documenti pugliesi (secoli XIII-XIV)”, in D.
Bianconi - L. Del Corso (edd.), Oltre la scrittura. Variazioni sul tema per Guglielmo Ca-
vallo (Dossiers Byzantins 8), Paris 2008, 217-251.
03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 66

66 Daniele Arnesano

[tav. 1]20, e sopravvivenze tardissime, come l’atto di battesimo more


graecorum redatto da don Donato Vinzi di Soleto addirittura nel 1667
[tav. 2]21.
Grazie alle nuove attribuzioni, di cui tra breve si darà conto, il pa-
norama della produzione libraria in area salentina risulta, ancora una
volta, arricchito sotto molteplici aspetti.
Nel dominio della filologia e dell’euristica dei testi si segnalano an-
zitutto diverse testimonianze aristoteliche: due Vite del filosofo di Sta-
gira, i suoi trattati Categorie e Sull’interpretazione (con il commento
di Psello), l’Isagoge di Porfirio, il commento dello pseudo-Alessandro
agli Elenchi Sofistici e un commento anonimo al trattato Sull’interpre-
tazione22. Spiccano poi un testimone dell’Etymologicum gudianum23,
il Catalogo ‘di Lampria’24, un codice miscellaneo di contenuto gram-
maticale25, un frammento schedografico 26. Degni di nota sono inoltre i
nuovi testimoni salentini del romanzo Barlaam e Joasaph 27 e del com-

––––––––––
20
Sogliano Cavour (Galatina), Archivio parrocchiale, Libro dei confermati, f. 1r. Cfr. F.
De Dominicis, Sogliano Cavour tra storia ed economia, Lecce 1988, 49, 153, 167; So-
gliano Cavour tra Medioevo et Età Moderna, Galatina 2003, 25-26.
21
Otranto, Archivio diocesano, Luoghi della diocesi, Zollino. Liber baptizatorum ab anno
1622 ad 1694, f. 10v. Cfr. M. Cassoni, Il tramonto del rito greco in Terra d’Otranto, a c.
di M. Paone (Sallentinae Res 1), Nardò 2000, 37, 49-50; P. Palma, “La Grecìa salentina e
le sue fonti documentarie. Indagine per la ricostruzione dei caratteri originari della sua po-
polazione”, in Fonti archivistiche e ricerca demografica. Atti del convegno internazionale
di studi, Trieste, 23-26 aprile 1990 (Pubblicazioni degli archivi di Stato. Saggi 37), Roma
1996, II, 737-757, 749; Id., Melpignano tra Oriente e Occidente. Documenti e immagini
di una comunità della Grecìa salentina (Archivi e Società 4), [Galatina 2005], 27. Il Vat.
Barb. gr. 383, copia del typikon del monastero di S. Nicola di Casole ed ultimato da Stefa-
no Ripa di Soleto nel 1583, è il libro manoscritto datato più tardo prodotto in Terra d’O-
tranto (cfr. Mazzotta, Monaci e libri greci, 65; Arnesano, “Il repertorio dei codici greci”,
31); l’atto di battesimo di Donato Vinzi – pur nella sua sporadicità ed esiguità – è la testi-
monianza datata più tarda di scrittura greca salentina.
22
Nrr. 10, 22, 36. Sulla produzione di manoscritti di contenuto aristotelico in Terra d’O-
tranto, limitatamente ai secoli XIII e XIV, cfr. D. Arnesano, “Aristotele in Terra d’Otran-
to. I manoscritti fra XIII e XIV secolo”, S&T 4 (2006), 149-190.
23
Nrr. 30 + 31 + 32. Sulla tradizione manoscritta dell’Etymologicum gudianum si veda
Sciarra, “Note sul codice Vat. Barb. gr. 70”.
24
Nr. 17.
25
Nr. 14. L’attribuzione a mano di educazione grafica salentina si deve a David Speranzi,
che ringrazio per avermi comunicato il suo parere in merito a questo manoscritto.
26
Nr. 36. Per un elenco dei manoscritti salentini di contenuto schedografico, molti dei
quali attendono uno studio approfondito, cfr. Arnesano, La minuscola «barocca», 10 e n.
36.
27
Nrr. 6, 33. Il loro testo appartiene ad una recensione tipica, A secondo R. Volk, “Urtext
und Modifikationen des griechischen Barlaam-Romans. Prolegomena zur Neuausgabe”,
BZ 86-87 (1993-1994), 442-463: 459.
03ok 6-05-2010 15:11 Pagina 67

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 67

Tav. 1. Sogliano Cavour, Archivio parrocchiale, Libro dei confermati, f. 1r.


03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 68

68 Daniele Arnesano

Tav. 2. Otranto, Archivio diocesano, Luoghi della diocesi, Zollino.


Liber baptizatorum ab anno 1622 and 1694, f. 10v.
03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 69

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 69

mento di Teofilatto ai Vangeli28, ma anche sei fogli – sinora ritenuti


dispersi e recentemente identificati – appartenenti al codice Taurin. C
III 17, contenente il typikon del monastero di S. Nicola di Casole29.
Dal punto di vista storico-culturale è rilevante la scoperta di un te-
stimone salentino del Nomocanone di Alessio Aristeno30, tanto più che
le annotazioni in margine sono state riconosciute come autografe di
Nicola-Nettario di Casole († 1235)31. A più tarda temperie culturale è
invece riconducibile un manoscritto, contenente il commento dello
pseudo-Alessandro agli Elenchi Sofistici, prodotto nella cerchia erudi-
ta gravitante intorno alla figura di Sergio Stiso di Zollino (attivo fra il
1480 ed il 1530 circa)32. Un dato utile alla conoscenza dell’umanesi-
mo salentino proviene anche dall’attribuzione dei marginalia presenti
in una cinquecentina delle Vite parallele di Plutarco33 alla mano del
suo possessore, il medico e poeta Alberigo Longo (sec. XVex.-1555),
nato ed educato a Nardò, attivo a Bologna e, come traduttore dal gre-
co, a Roma34.
Le recenti scoperte in materia di produzione libraria salentina sono
degne d’attenzione, infine, anche sotto il profilo paleografico. Sullo
stile definito «rectangulaire aplati ou écrasé» 35 si apre un interessante
filone d’indagine: è stato infatti individuato un gruppo di circa 30 co-
dici, prodotti fra la metà del secolo XI ed il primo quarto del successi-
––––––––––
28
Nrr. 2, 4, 24. Sulla diffusione in Terra d’Otranto del commento di Teofilatto ai Vangeli
cfr. Jacob, “La réception de la littérature”, 29-54.
29
Nrr. 34, 35 (con bibliografia).
30
Nr. 1.
31
Abate di S. Nicola di Casole ed intellettuale di primo piano dell’entourage federiciano:
si veda J. M. Hoeck - R. J. Loenertz, Nikolaos-Nektarios von Otranto Abt von Casole.
Beiträge zur Geschichte der Ost-westlichen Beziehungen unter Innocenz III und Friedrich
II (Studia Patristica et Byzantina 11), Ettal 1965; Jacob, “Autour de Nicolas-Nectaire”,
231-232 (con bibliografia).
32
Nr. 10. Sergio Stiso fu maestro di greco, fra gli altri, di Aulo Giano Parrasio: si veda F.
Lo Parco, “Sergio Stiso grecista italiota e accademico pontaniano del secolo XVI”, Atti
dell’Accademia Pontaniana 49 (1919), 217-236; ulteriore bibliografia è reperibile in Ar-
nesano, “San Nicola di Casole”, 133-138 e note.
33
Nr. 26.
34
Ringrazio Elisabetta Sciarra, cui si deve l’attribuzione, per avermi permesso di darne
anticipatamente notizia in questa sede. Per ulteriori ragguagli rinvio al suo contributo “I
copisti e la stampa”. Su Alberigo Longo cfr. G. Jacovelli, “Medici pugliesi del ’500 in
Europa e nel mondo: Matteo Tafuri, Alberico Longo, Jacopo Ferdinando”, in M. Lanera -
M. Paone (edd.), Momenti e figure di storia pugliese. Studi in onore di Michele Viterbo
(Peucezio) (Biblioteca di Cultura Pugliese 21), Galatina 1981, I, 252-272: 265-268; V.
Gallo, “Longo, Alberigo”, in Dizionario Biografico degli Italiani, LXV, Roma 2005, 686-
687 (con bibliografia).
35
Su cui cfr. Jacob, “Les écritures de Terre d’Otrante”, 270.
03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 70

70 Daniele Arnesano

vo, la cui scrittura, tuttora oggetto di studio, rappresenterebbe lo stadio


iniziale di tale stile, del quale dunque si potrebbe chiarire la genesi36.
Ad una successiva fase della storia grafica locale afferiscono invece le
nuove testimonianze vergate in minuscola «barocca», le quali arricchi-
scono il panorama delle scritture in uso durante i secoli XIII e XIV37.
Anche per l’età umanistica sono stati portati alla luce elementi di inte-
resse paleografico; anzitutto i nomi di due nuovi personaggi, il copista
Gabriele, responsabile del citato manoscritto aristotelico uscito dalla
cerchia di Stiso 38, e quello già menzionato di Alberigo Longo, di cui
non si conosceva sinora la scrittura greca39; poi gli altri materiali data-
bili ai secoli XV e XVI40: essi vanno ad aggiungersi al già consistente
gruppo di libri vergati nei due secoli da mani di educazione grafica
salentina, per i quali uno studio palografico d’insieme, tuttora assente,
è fortemente auspicabile.

––––––––––
36
Cfr. Lucà, “Dalle collezioni manoscritte”, 55, 62. Tra questi codici è annoverato il ma-
noscritto Scor. T III 3 (nr. 6), che fu vergato dal copista Eustazio, nell’anno 1057; se l’i-
potesi di una ‘salentinità’ geografica, oltre che paleografica, del manoscritto scorialense
cogliesse nel vero, esso toglierebbe il primato del più antico manoscritto salentino datato
al Par. gr. 3, risalente al 1095 (su cui cfr. Mazzotta, Monaci e libri greci, 91; Arnesano, “Il
repertorio dei codici greci”, 55, con bibliografia).
37
Nrr. 8, 21, 25, 27, 36. Su questa tipica scrittura salentina (ivi comprese le testimonianze
nrr. 21, 25, 27 e 36) cfr. da ultimo Arnesano, La minuscola «barocca», 19-58.
38
Nr. 10. Sull’attività e la figura del copista Gabriele cfr. Speranzi, “Per la storia della li-
breria”, 90-110.
39
Nr. 26 (cfr. supra, n. 34).
40
Nrr. 11-14, 18, 28.
03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 71

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 71

REPERTORIO

CITTÀ DEL VATICANO - BIBLIOTECA APOSTOLICA VATICANA

1) Barb. gr. 324*. Sec. XIIex., cart.


Alexius Aristenus, Nomocanon.
Attrib.: Jacob, “Autour de Nicolas-Nectaire”, 232-234, tavv. I-VIII.
Cfr. Canart - Peri, Sussidi bibliografici, 143.

2) Barb. gr. 570. Sec. XIII1, membr.


Theophylactus, In quatuor Evangelia enarrationes.
Attrib.: Jacob, “La réception de la littérature”, 41-49.
Cfr. Canart - Peri, Sussidi bibliografici, 163.

3) Chis. R IV 2*. Sec. XIV, membr.


Euchologium.
Attrib.: Arnesano, La minuscola «barocca», 73, 76 nr. 9.
Cfr. Franchi de’ Cavalieri, Codices graeci, 2-3; Buonocore, Bibliografia 1968-1980, I, 341;
Ceresa, Bibliografia 1986-1990, 296; Parenti, Il monastero di Grottaferrata, 313.

4) Ottob. gr. 37. Sec. XIIex., membr.


Theophylactus, In quatuor Evangelia enarrationes.
Attrib.: Jacob, “La réception de la littérature”, 38-41.
Cfr. Feron - Battaglini, Codices manuscripti, 30; Canart - Peri, Sussidi bibliografici, 185;
Buonocore, Bibliografia 1968-1980, I, 384-385.

5) Ross. 766*. Sec. XIV-XV, cart.


Andreas Caesariensis, Commentarium in Apocalypsin.
Attrib.: D’Aiuto, “Per lo studio”, 244 e n. 5.
Cfr. Canart - Peri, Sussidi bibliografici, 325; Ceresa, Bibliografia 1991-2000, 481; Il fondo
rossiano (scheda di A. Aletta).

ESCORIAL - Real Biblioteca del Monasterio

6) T III 3*. A. 1057, membr.


Barlaam et Joasaph.
Copiato dal kalligraphos Eustazio.
03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 72

72 Daniele Arnesano

Attrib.: Lucà, “Dalle collezioni manoscritte”, 55, 58, 62 e n. 52.


Cfr. Graux - Martin, Fac-similés de manuscrits, tavv. 30-31; Vogel - Gardthausen, Die grie-
chischen Schreiber, 123; Revilla, Catálogo de los códices, 509-510; Cavallo, “La cultura
italo-greca”, 526; Pérez Martín, “Apuntes sobre la historia”, 161; Lucà, “Su due sinassari”,
69 n. 61; Id., “Teodoro Sacerdote”, 150-151 nr. 4; Id., “Manuscritos griegos”, 102.

7) W IV 7 [ff. 1r-103v]. Sec. XIV, cart.


Gregorius Nyssenus, De opificio hominis.
Anonymi interpretatio duodecim signorum zodiaci.
Attrib.: Lucà, “Dalle collezioni manoscritte”, 84.
Cfr. De Andrés, Catálogo de los códices, 212-213 nr. 559.

FIRENZE - Biblioteca Medicea Laurenziana

8) Plut. 5.18 [f. 193]*. Sec. XIII, membr. palins.


Psalterium.
Attrib.: Baldi, “Il palinsesto Laur. Plut. 57.26”, 498.
Cfr. Bandini, Catalogus codicum manuscriptorum, 41; Palivmyhsto". News from Rinasci-
mento Virtuale, 46.

9) Plut. 5.22*. Sec. XII, membr.


Collectio canonum.
Attrib.: Jacob, “Autour de Nicolas-Nectaire”, 233 e n. 13.
Cfr. Bandini, Catalogus codicum manuscriptorum, I, 45-48; Ecloga. Das Gesetzbuch Leon
III., 35; Répertoire de réglures, 380.

10) Plut. 72.6 [ff. 12r-80r]*. Sec. XVex., cart.


Ps.-Alexander, In Aristotelis sophisticos elenchos commentarium.
Attrib.: Speranzi, “Per la storia della libreria”, 107-111, tav. II.
Cfr. Bandini, Catalogus codicum manuscriptorum, III, 30-31; Baldi, “Il palinsesto Laur.
Plut. 57.26”, 498-499; Arnesano, “San Nicola di Casole”, 135.

FIRENZE - Biblioteca Riccardiana


11) 82*. Sec. XV2, cart. [tav. 3]
Euchologium.
Attrib.: Velkovska, “Un eucologio del monastero”, 88.
Cfr. Vitelli, Indice dei codici greci, 528.
03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 73

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 73

Tav. 3. Ricc. 82, f. 15r.


03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 74

74 Daniele Arnesano

12) 87*. Sec. XV, cart. [tav. 4]


Horologium.
La scrittura esibita dalla mano principale (ff. 1r-9r, 12r-67v, 69r-86v, 88r-
95v, 98r-103r [r. 4], 106r-134v, 142r-144r, 145r-165r), ora più posata e con
qualche pretesa calligrafica, ora più corsiveggiante e grossolana, appare
riconducibile ad un filone di tarde minuscole italogreche – specialmente
salentine – caratterizzate da un ritorno più o meno marcato a forme geo-
metrizzanti, angolose e sobrie, dopo quelle barocche del secolo XIII e di
parte del XIV, di cui pure il filone conserva dei fossili in certi squilibri
modulari e in alcune legature un po’ più vistose. Tale ritorno a forme tra-
dizionali è stato riscontrato soprattutto in modesti manufatti d’uso litur-
gico, databili già a partire dalla seconda metà del secolo XIV (cfr. Jacob,
“Les écritures de Terre d’Otrante”, 276-277).

Attrib.: Arnesano (segnalazione di S. Parenti).


Cfr. Vitelli, Indice dei codici greci, 530.

GALATONE - Chiesa parrocchiale Maria SS. Assunta

13) 4 [f. 12r]*. Sec. XV, cart.


Octoechum.
Attrib.: Gaspari, “Due frammenti”, tavv. 1-2.
Cfr. Gaspari, “Francesco d’Assisi”, 159.

LONDON - British Library

14) Harl. 6875. Sec. XVex.- XVIin., cart.


Miscellanea grammaticale.

Il codice è comunemente datato all’anno 1468 e attribuito al milieu mes-


sinese di Costantino Lascari, sulla scorta di un colofone presente al f. 22r.
David Speranzi ritiene che il colofone si riferisca non già alla confezione
del codice ma alla stesura di uno dei trattatelli grammaticali e costituisca
quindi il terminus post quem per la datazione del codice stesso, il quale, in
base alla filigrana, va piuttosto assegnato alla fine del secolo XV o all’ini-
zio del secolo XVI. Lo studioso, inoltre, dubita della localizzazione mes-
sinese del manoscritto e riconosce nella mano che lo vergò una chiara
educazione grafica salentina.

Attrib.: Speranzi (comunicazione personale del 2 ottobre 2009).


Cfr. Summary Catalogue, 214; Wright, “Manuscripts of Italian Provenance”, 468; Martínez
Manzano, Constantino Láscaris, 73.
03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 75

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 75

Tav. 4. Ricc. 87, f. 29r.


03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 76

76 Daniele Arnesano

MILANO - Biblioteca Ambrosiana

15) A 109 sup. [ff. 1r-10v]. Sec. XIV, cart.


Anastasius Sinaita, Viae dux.
Attrib.: Roosen - Van Deun, “Les collections de définitions”, 59, 66-68 (sigla M).
Cfr. Martini - Bassi, Catalogus codicum, 36-37; Pasini, Bibliografia dei manoscritti, 194;
Arnesano - Sciarra, “Libri e testi di scuola”, 460 n. 181.

16) Q 74 sup. [marginalia]. Sec. X, membr. (marginalia del sec. XIIIex.)


Miscellanea sacro-profana.

Il codice è stato attribuito dagli studiosi al sec. X e ad area orientale (per i


dettagli sul suo contenuto si consulti la bibliografia citata in basso). Verso
la fine del sec. XIII esso fu annotato da una mano latina, ma vi compaiono
anche dei marginalia greci che – se intendo correttamente le parole del
Mazzucchi – lo studioso cautamente riferisce ad area salentina: «Il Q 74
sup., più o meno nel periodo in cui fu postillato dal lettore latino, ricevette
le attenzioni di quattro mani greche. Doveva quindi trovarsi in un’area di
tradizione ellenofona. Se aggiungiamo che ai ff. 223r, 223v, 226v quattro
lettere ejn ejkqevsei e al f. 227r una numerazione marginale del primo co-
pista sono state riempite in rosso, si potrebbe concludere che il codice fos-
se nel Salento» (Mazzucchi, “Un testimone della conoscenza del greco”,
358-359).

Attrib. (dubit.): Mazzucchi, “Un testimone della conoscenza del greco”, 358-359 e n. 16.
Cfr. Martini - Bassi, Catalogus codicum, 767-780; Pasini, Bibliografia dei manoscritti, 306-
307; Mazzucchi, “Un testimone della conoscenza del greco”, 356-357, 358-359.

NAPOLI - Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III

17) III B 29 [ff. 246r-247v]. Sec. XIV, membr.


[Lamprias], Catalogus.
Attrib. (dubit.): Formentin, “Uno scriptorium”, 92.
Cfr. Cavallo, “La trasmissione scritta”, 161 n. 8, 193, 195-196, 197, 199, 212; Id., “La
cultura italo-greca”, 558, 577; Id., “Scritture italo-greche”, 36-37; Codici greci, 89-90 nr. 32
(scheda di M. R. Formentin); Dorandi, “Diogene Laerzio”, 100, 103, 115-117, 121, 155,
172.

18) III C 25. Sec. XVI, cart.


Leo VI Sapiens, Tactica.
Attrib.: Formentin, “Uno scriptorium”, 93.
03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 77

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 77

19) III E 8 [ff. 3-9, 12-14, 16-58, 60-125]*. Sec. XIV, cart.
Joannes Philoponus, In Aristotelis De anima commentarium.

Il manoscritto – la cui attribuzione alla Terra d’Otranto è stata espressa in


modo dubitativo – è ritenuto opera di almeno nove copisti. Non ho esami-
nato integralmente il manufatto ma devo rilevare che le due mani ripro-
dotte negli specimina pubblicati non presentano, a mio avviso, caratteri-
stiche paleografiche proprie delle scritture salentine.

Attrib. (dubit.): Formentin, “Uno scriptorium”, 97.


Cfr. Formentin, “Un codice farnesiano”, tavv. 1-2.

NARDÒ - Archivio della Curia Vescovile

20) Frammento s.n.* Sec. XII, membr. [tav. 5]


Evangeliarium.

Il frammento è costituito da un bifoglio, conservato in una cartellina di


cartoncino giallo, sulla quale è scritto: «Diocesi di Nardò - Gallipoli. Cu-
ria Vescovile. Nardò, 147». Ritengo che esso appartenesse al medesimo
manufatto dal quale provengono i già noti frustula di Galatone [tavv. 6-8],
su cui cfr. Petta, “Tre manoscritti greci”, 21-22 nr. 1; Arnesano, “Il reper-
torio dei codici greci”, 42 (con uno specimen del fr. B, f. 6r, a p. 27; il fr.
E risulta tuttora disperso, ma una riproduzione fotografica del recto è
pubblicata in Fattizzo, Il Crocifisso di Galatone, 49).

Attrib.: Arnesano.

NARDÒ - Biblioteca della Curia Vescovile

21) Cinquecentina s.n. [f. di guardia]*. Sec. XIIIex.-XIVin., membr.


Hymni.

Attrib.: Arnesano, “Il «Copista del Digenis Akritas»”, 141, tav. V.


Cfr. Arnesano, La minuscola «barocca», 106 nr. 124.

NEW HAVEN - Yale University Library

22) 256*. Sec. XIII, membr.


Porphyrius, Isagoge; Aristoteles, Categoriae, De interpretatione; Michael
Psellus, Paraphrasis in Aristotelis De interpretatione.

Attrib.: Jacob, “La réception de la littérature”, 59.


03ok 3-05-2010 8:56 Pagina 78

78 Daniele Arnesano

Tav. 5. Neriton. fr. s.n.


03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 79

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 79

Tav. 6. Galaton. fr. D, f. 7v.


03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 80

80 Daniele Arnesano

Tav. 7. Galaton. fr. F, f. 10r.


03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 81

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 81

Tav. 8. Galaton. fr. G, f. 12r.


03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 82

82 Daniele Arnesano

Cfr. Shailor, Catalogue of Medieval, 15-16. Uno specimen del f. 3r è reperibile presso il sito
web della biblioteca (www.library.yale.edu/beinecke).

PARIS - Bibliothèque Nationale

23) Gr. 161. Sec. XIII, membr. palins.


Catena in Genesim.

Attrib.: Jacob, “Autour de Nicolas-Nectaire”, 246 e n. 35.


Cfr. Omont, Inventaire sommaire, I, 19.

24) Gr. 185. Sec. XIII1, cart.


Theophylactus, In quatuor Evangelia enarrationes.

Attrib. (dubit.): Jacob, “La réception de la littérature”, 49-51.


Cfr. Omont, Inventaire sommaire, I, 21.

ROMA - Archivio di Stato

25) Stato Civile-Appendice. Sec. XIIIex.-XIVin., membr.


Libri parrocchiali, 1565-1725, I/1*.
Hymni.

Attrib.: D’Agostino, “Uno sconosciuto frammento”, tavv. 1-4.


Cfr. Arnesano, La minuscola «barocca», 115 nr. 153.

ROMA - Biblioteca Angelica

26) Cinquecentina DD.19.13 [marginalia]*. Sec. XVI.


Plutarchus, Vitae parallelae.

I marginalia sono attribuibili alla mano dell’umanista salentino Alberigo


Longo. A p. *ii si legge: «Sum Alberici longi sale(n)tini et amicor(um)».

Attrib.: Sciarra, “I copisti e la stampa”.

ROMA - Biblioteca Casanatense

27) 1255*. Sec. XIVex., cart. [tav. 9]


Menologium.
03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 83

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 83

Tav. 9. Casanat. 1255, f. 8r.


03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 84

84 Daniele Arnesano

Attrib.: Arnesano, La minuscola «barocca», 73, 116 nr. 155, tav. XXV.
Cfr. Bancalari, “Index codicum graecorum”, 188; I luoghi della memoria, 329 nr. 16 (con
uno specimen).

ROMA - Biblioteca Corsiniana

28) 41 E 30*. Sec. XVI, cart.


Horologium.

Attrib. (dubit.): Agati, Catalogo dei manoscritti greci, 71-74 nr. 6, tav. 9.

ROMA - Biblioteca Vallicelliana

29) B 22*. Sec. XII1, membr. palins.


Menaeum.

Attrib.: Lucà, “Dalle collezioni manoscritte”, 62 n. 52.


Cfr. Martini, Catalogo di manoscritti, II, 8-10; Lucà, “Ars renovandi”, 133 n. 6.

SANKT-PETERBURG - Rossijskaja Nacional’naja Biblioteka

30) Gr. 114. Sec. XIII, membr.


Etymologicum Gudianum.
+ Sinait. gr. 1201 + Sinait. Neva EuJrhvmata M 186.

L’attribuzione al Salento è stata proposta per ragioni critico-testuali; la


pubblicazione di uno specimen del codice Sinait. Neva EuJr hvmata M 186
(cfr. nr. 32) sembra confermare su base paleografica tale attribuzione.

Attrib.: E. Sciarra in Arnesano - Sciarra, “Libri e testi di scuola”, 431 n. 25.


Cfr. Granstrem, “Katalog greeskich rukopisej”, 254; Reitzenstein, Geschichte der griechi-
schen, 72 (sigla e); Géhin - Frøyshov, “Nouvelles découvertes”, 173 e n. 27; Sciarra, “Note
sul codice Vat. Barb. gr. 70”, 372, 402.

SN’ - Monh; th'" ÔAgiva" Aijkaterivnh"

31) Gr. 1201.


[vd. Sankt-Peterburg gr., 114]
03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 85

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 85

Cfr. Gardthausen, Catalogus codicum, 247-248; Reitzenstein, Geschichte der griechischen,


72 (sigla e); Beneevi, Catalogus codicum, 521-523 nr. 558; Kamil, Catalogue of all manu-
scripts, 137 nr. 2101; Géhin - Frøyshov, “Nouvelles découvertes”, 173 e n. 27; Sciarra, “No-
te sul codice Vat. Barb. gr. 70”, 372, 402; Arnesano - Sciarra, “Libri e testi di scuola”, 431
n. 25.

32) Neva EuJrhvmata M 186*.


[vd. Sankt-Peterburg, gr. 114]

Cfr. Ta; neva euJrhvmata, 186 nr. 186 (con uno specimen); Géhin - Frøyshov, “Nouvelles
découvertes”, 173 e n. 27; Arnesano - Sciarra, “Libri e testi di scuola”, 431 n. 25.

SOFIA - Nauen Centr za Slavjano-Vizantijski Prouvanija


«Ivan Dujev»

33) D 270. Sec. XIex., membr.


Barlaam et Joasaph.
Attrib.: Lucà, “Dalle collezioni manoscritte”, 62 n. 52.
Cfr. Durova, Checklist de la collection, 36; Lucà, “Su due sinassari”, 69 n. 61; Id., I “co-
pisti”, 153, 154, 155.

TORINO - Biblioteca Nazionale Universitaria

34) B IV 34 [f. 172]*. Sec. XII2, membr. [tav. 10]


Theodorus Studita, Poenae monasteriales.

In seguito all’incendio che colpì la biblioteca di Torino nel 1904, il foglio


fu accorpato al manoscritto B IV 34, un noto codice di contenuto innogra-
fico tradizionalmente assegnato al sec. XI (su cui cfr. Grosdidier de Ma-
tons, Romanos le Mélode, XIII, 73 [sigla T]; Giaccaria, “Nuove identifica-
zioni”, 435-436), con il quale in realtà nulla ha a che vedere. Esso appar-
teneva invece al Taur. C III 17 (typikon del monastero di S. Nicola di Ca-
sole) e ne costituiva uno dei fogli ritenuti sinora dispersi, precisamente il
f. 4 (secondo la foliotazione precedente l’incendio). Lo conferma, tra l’al-
tro, la presenza sul verso di alcune pene monastiche (epitimia) relative al
bibliotecario e al copista, trascritte – proprio da questo foglio e nel 1890,
quindi prima dell’incendio – da Henri Omont (“Le Typicon de S. Nico-
las”, 391). Ritengo inoltre che esso appartenesse originariamente al mede-
simo manufatto dal quale proviene il f. 5 del Veron. 133 (su cui cfr. Arne-
sano, “Il repertorio dei codici greci”, 25 n. 6; 62). Per un approfondimen-
to rinvio al mio “Gli Epitimia di Teodoro Studita”.

Ident.: Arnesano.
Cfr. Pasinus, Codices manuscripti, I, 296 nr. 197 (b.III.8), sul B IV 34; ibid., 308-309 nr.
216 (b.III.27), sul C III 17.
03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 86

86 Daniele Arnesano

Tav. 10. Taur. B IV 34, f. 172r.


03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 87

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 87

35) C III 17 A. 1173 / Sec. XII, membr.


[1 f. iniziale, ff. 40*, 180*, 182*, 183*].
Typikon monasterii sancti Nicolai Casularum; lettera del patriarca di Co-
stantinopoli a Paolo, vescovo di Gallipoli.

Cinque fogli del codice torinese, ritenuti dispersi, sono stati ritrovati; cfr.
Giaccaria, “Nuove identificazioni”, 438: «ff. 5 (1 f. iniziale, gli altri nu-
merati prima dell’incendio come 40, 180, 182 e 183) da unire al codice
restaurato in passato» (a questi va ora aggiunto il f. 4*, identificabile con
l’attuale f. 172 del Taur. B IV 34; cfr. supra, nr. 34). I ritrovati ff. 182* e
183* dovrebbero contenere parte di una lettera patriarcale di risposta alle
domande poste da Paolo, vescovo di Gallipoli, sulla proscomidia, sulla
liturgia dei Presantificati e sulla frazione del pane (ed. Cozza-Luzi, De
excerptis liturgicis, 167-171; cfr. Jacob, “La lettre patriarcale”, 144 n. 5).
Ident.: Giaccaria, “Nuove identificazioni”, 438.
Cfr.: Pasinus, Codices manuscripti, I, 308-309 nr. 216 (b.III.27); Gulmini, I manoscritti mi-
niati, I, 33-34 nr. 17, II, fig. 76; Mazzotta, Monaci e libri greci, 98; Codici greci, 104 nr. 41
(scheda di A. Jacob); Arnesano, “Il repertorio dei codici greci”, 61.

VENEZIA - Biblioteca Nazionale Marciana

36) Gr. 257 [ff. 256r-274v, 276r-283v]*. Sec. XIII2, cart. [tavv. 11-12]
Commentarium in Aristotelis De interpretatione; Aristotelis vitae;
Schedographia.
Attrib.: Arnesano, La minuscola «barocca», 73, 119 nr. 166, 124 (segnalazione di D.
Bianconi).
Cfr. Mioni, Codices Graeci, I, 371-373; Arnesano - Sciarra, “Libri e testi di scuola”, 465 n.
213.

VERONA - Biblioteca Capitolare

37) 120*. Sec. XIII, membr. palins. [tavv. 13-14]


Contacarium.

Il manufatto rientra in una tipologia di libro liturgico, con notazione musi-


cale, di dimensioni ridotte, di livello modesto, ben documentata nel Salen-
to dei secoli XIII e XIV; ricordo ad esempio i manoscritti criptensi G. g.
III, E. a. VIII, E. a. X, E. a. XII, E. b. II, E. b. V ed E. g. IX (cfr. Crisci, I
palinsesti di Grottaferrata, 34-35, 43-44, 46, 49; Lucà, “Su origine e
datazione”, 190, 191, 193, 204; Arnesano, La minuscola «barocca», 83
nr. 36; 94-95 nr. 75; 96-97 nrr. 81-86). Sul piano paleografico, utili mate-
riali di confronto sono costituiti ad esempio dal Crypt. E. a. XII, dal
03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 88

88 Daniele Arnesano

Tav. 11. Marc. gr. 257, f. 280r.


03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 89

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 89

Tav. 12. Marc. gr. 257, f. 282r.


03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 90

90 Daniele Arnesano

Tav. 13. Veron. 120, ff. 100v-101r.


03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 91

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 91

Tav. 14. Veron. 120, ff. 101v-102r.


03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 92

92 Daniele Arnesano

Crypt. E. b. V (Crisci, I palinsesti di Grottaferrata, 46, tavv. 92-94) e dal-


l’Ambros. Q 2 sup. (ff. 1, 239) (Lucà, “L’apporto dell’Italia meridionale”,
200; Pasini, Bibliografia dei manoscritti, 302).
Attrib.: Arnesano.
Cfr. Mioni, Catalogo di manoscritti greci, 490-491; Formentin, “I palinsesti greci”, 183-
185; Moran, “A List of Greek”, 69; Marchi, I manoscritti della Biblioteca, 211.

VITERBO - Biblioteca Capitolare

38) 69*. Sec. XII, membr. [tavv. 15-16]


Octoechum.

Si tratta di due bifogli, vergati in una minuscola caratterizzata da ductus


corsiveggiante, moderato chiaroscuro, leggera inclinazione verso destra,
contrasto tra lettere schiacciate (ad es. pi minuscolo e omega) e lettere
oblunghe (ad es. epsilon maiuscolo e lambda), uncini all’estremità infe-
riore di alcuni tratti verticali (ad es. in my e ny). La scrittura si colloca nel
medesimo contesto grafico cui appartiene un gruppo di manoscritti di
contenuto sacro, in cui le caratteristiche sopra citate vengono tuttavia
espresse in modo ora più ora meno evidente. L’esempio più eclatante è
esibito da un amanuense, attivo durante l’ultimo ventennio del secolo XII
o forse durante il primo decennio del XIII e responsabile dell’eucologio
Vat. Barb. gr. 443, di parte del sinassario Par. gr. 1624 + Vallic. C 34III
(ff. 9-16) e dei ff. 1 e 34 (typikon-lezionario) del Par. gr. 175 (cfr. Jacob,
“Les annales du monastère”, 125-126, tavv. III-VII; Lucà, “Su due sinas-
sari”, 65-71, tavv. 1-4; Jacob, “Tra Basilicata e Salento”, 23-28).
Attrib.: Arnesano. Ringrazio Santo Lucà per la conferma di tale attribuzione (comunicazione
personale del 4 aprile 2008).
Cfr. Mioni, Catalogo di manoscritti greci, 528.
03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 93

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 93

Tav. 15. Viterb. 69, f. 2r.


03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 94

94 Daniele Arnesano

Tav. 16. Viterb. 69, f. 2v.


03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 95

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 95

ABBREVIAZIONI

Agati, Catalogo dei manoscritti greci = M. L. Agati, Catalogo dei manoscrit-


ti greci della Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsinia-
na (BollClass, Suppl. 24), Roma 2007.
Arnesano, “Gli Epitimia di Teodoro Studita” = D. Arnesano, “Gli Epitimia di
Teodoro Studita. Due fogli ritrovati del dossier di Casole”, Byzantion 80
(2010), in corso di stampa.
Arnesano, “Il «Copista del Digenis Akritas»” = Id., “Il «Copista del Digenis
Akritas». Appunti su mani anonime salentine dei secoli XIII e XIV”, Bi-
zantinistica 7 (2005), 135-158.
Arnesano, “Il repertorio dei codici greci” = Id., “Il repertorio dei codici greci
salentini di Oronzo Mazzotta. Aggiornamenti e integrazioni”, in M. Spe-
dicato (ed.), Tracce di storia. Studi in onore di mons. Oronzo Mazzotta
(Società di Storia Patria. Sezione di Lecce. Quaderni de «L’Idomeneo»
1), Galatina 2005, 25-80.
Arnesano, La minuscola «barocca» = Id., La minuscola «barocca». Scritture
e libri in Terra d’Otranto nei secoli XIII e XIV (Università degli Studi di
Lecce. Dipartimento dei Beni delle Arti e della Storia. Fonti Medievali e
Moderne XII), Galatina 2008.
Arnesano, “San Nicola di Casole” = Id., “San Nicola di Casole e la cultura
greca in Terra d’Otranto nel Quattrocento”, in H. Houben (ed.), La con-
quista turca di Otranto (1480) tra storia e mito. Atti del Convegno inter-
nazionale di studio, Otranto - Muro Leccese, 28-31 marzo 2007 (Saggi e
Testi 41-42), Galatina 2008, I, 107-140.
Arnesano - Sciarra, “Libri e testi di scuola” = D. Arnesano - E. Sciarra, “Libri
e testi di scuola in Terra d’Otranto”, in L. Del Corso - O. Pecere (edd.),
Libri di scuola e pratiche didattiche dall’antichità al Rinascimento. Con-
vegno internazionale di studi, Cassino, 7-10 maggio 2008, 425-473.
Baldi, “Il palinsesto Laur. Plut. 57.26” = D. Baldi, “Il palinsesto Laur. Plut.
57.26. Studio codicologico e paleografico. Con una postilla su alcuni
codici laurenziani di origine salentina”, Byzantion 77 (2007), 466-500.
Bancalari, “Index codicum graecorum” = F. Bancalari, “Index codicum grae-
corum Bibliothecae Casanatensis”, SIFC 2 (1894), 161-207 (Samberger,
Catalogi codicum graecorum, II, 203-249).
Bandini, Catalogus codicum manuscriptorum = A. M. Bandini, Catalogus
codicum manuscriptorum Bibliothecae Mediceae Laurentianae, Floren-
tiae 1764-1770.
Beneevi, Catalogus codicum = V. N. Beneevi, Catalogus codicum manu-
scriptorum graecorum qui in monasterio Sanctae Catharinae in Monte
Sina asservantur, I, Sankt-Peterburg 1911.
Buonocore, Bibliografia 1968-1980 = M. Buonocore, Bibliografia dei fondi
manoscritti della Biblioteca Vaticana (1968-1980) (ST 318-319), Città
del Vaticano 1986.
03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 96

96 Daniele Arnesano

Canart - Peri, Sussidi bibliografici = P. Canart - V. Peri, Sussidi bibliografici


per i manoscritti greci della Biblioteca Vaticana (ST 261), Città del
Vaticano 1970.
Cavallo, “La cultura italo-greca” = G. Cavallo, “La cultura italo-greca nella
produzione libraria”, in G. Pugliese Carratelli (ed.), I Bizantini in Italia,
Milano 1982, 495-608.
Cavallo, “La trasmissione scritta” = Id., “La trasmissione scritta della cultura
greca antica in Calabria e in Sicilia tra i secoli X-XV. Consistenza, tipo-
logia, fruizione”, Scrittura e civiltà, 4 (1980), 157-245.
Cavallo, “Scritture italo-greche” = Id., “Scritture italo-greche librarie e docu-
mentarie. Note introduttive ad uno studio correlato”, in Bisanzio e l’Italia.
Raccolta di studi in onore di Agostino Pertusi (Scienze Filologiche e
Letteratura 22), Milano 1982, 29-38.
Ceresa, Bibliografia 1986-1990 = M. Ceresa, Bibliografia dei fondi mano-
scritti della Biblioteca Vaticana (1986-1990) (ST 379), Città del Vaticano
1998.
Ceresa, Bibliografia 1991-2000 = Id., Bibliografia dei fondi manoscritti della
Biblioteca Vaticana (1991-2000) (ST 426), Città del Vaticano 2005.
Codici greci = P. Canart - S. Lucà (edd.), Codici greci dell’Italia meridio-
nale, Grottaferrata, Biblioteca del Monumento Nazionale, 31 marzo - 31
maggio 2000, Roma 2000.
Cozza-Luzi, De excerptis liturgicis = G. Cozza-Luzi, De excerptis liturgicis e
Typico monasterii Casulani (Nova Patrum Bibliotheca 10, 2), Roma
1905.
Crisci, I Palinsesti di Grottaferrata = E. Crisci I Palinsesti di Grottaferrata.
Studio codicologico e paleografico (Pubblicazioni dell’Università degli
Studi di Cassino. Sezione di Studi Filologici, Letterari, Storici, Artistici e
Geografici 2), Napoli 1990.
D’Agostino, “Uno sconosciuto frammento” = M. D’Agostino, “Uno scono-
sciuto frammento innografico di Terra d’Otranto”, Scripta 1 (2008), 27-
31.
D’Aiuto, “Per lo studio” = F. D’Aiuto, “Per lo studio dei manoscritti greci
miniati del fondo Rossiano della Biblioteca Vaticana”, Bullettino
dell’Istituto Storico Italiano per il Medioevo 110 2 (2008), 241-261.
De Andrés, Catálogo de los códices = G. De Andrés, Catálogo de los códices
griegos de la Real Biblioteca de El Escorial, III, Madrid 1967.
Dorandi, “Diogene Laerzio” = T. Dorandi, “Diogene Laerzio fra Bisanzio e
l’Italia meridionale. La circolazione delle Vite dei filosofi tra la Tarda
Antichità e l’età paleologa”, S&T 5 (2007), 99-172.
Durova, Checklist = A. Durova et alii, “Checklist” de la collection de ma-
nuscrits grecs conservée au Centre de recherches slavo-byzantines «Ivan
Dujev» auprès de l’Université «St. Clement d’Ohrid» de Sofia (Publica-
tions du programme de la coopération entre le Centre «Ivan Dujev» de
l’Université «St. Clement d’Ohrid» de Sofia et l’Université Aristote de
Thessalonique 3), Thessalonique 1994.
03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 97

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 97

Ecloga. Das Gesetzbuch Leon III. = L. Burgmann (hrsg.), Ecloga. Das Ge-
setzbuch Leon III. und Konstantinos’ V. (Forschungen zur Byzantinischen
Rechtsgeschichte 10), Frankfurt am Main 1983.
Fattizzo, Il Crocifisso di Galatone = S. Fattizzo, Il Crocifisso di Galatone,
Galatina 1982.
Feron - Battaglini, Codices manuscripti = E. Feron - F. Battaglini, Codices
manuscripti graeci Ottoboniani Bibliothecae Vaticanae, Romae 1893.
Formentin, “I palinsesti greci” = M. R. Formentin, “I palinsesti greci della
Biblioteca Nazionale Marciana e della Capitolare di Verona”, Divptuca 2
(1980-1981), 146-186.
Formentin, “Un codice farnesiano” = Ead., “Un codice farnesiano restaurato
due volte”, Atti della Società Ligure di Storia Patria 43/1 (2003) [= D.
Puncuh [ed.], Studi in memoria di Giorgio Costamagna (1916-2000)],
415-424.
Formentin, “Uno scriptorium” = Ead., “Uno scriptorium a Palazzo Farnese?”,
Scripta 1 (2008), 77-102.
Franchi de’ Cavalieri, Codices graeci = P. Franchi de’ Cavalieri, Codices
graeci Chisiani et Borgiani, Romae 1927.
Gardthausen, Catalogus codicum = V. Gardthausen, Catalogus codicum
graecorum sinaiticorum, Oxford 1886.
Gaspari, “Due frammenti” = A. Gaspari, “Due frammenti dell’ufficiatura in
onore di S. Nicola? Materiali per un aggiornamento”, Studi sull’Oriente
Cristiano 12 2 (2008), 111-118.
Gaspari, “Francesco d’Assisi” = Ead., “Francesco d’Assisi: un santo venerato
anche dalla Chiesa bizantina? Il “caso” del manoscritto Galat. 4”, Archi-
vum Franciscanum Historicum 101 (2008), 155-180.
Géhin - Frøyshov, “Nouvelles découvertes” = P. Géhin - S. Frøyshov, “Nou-
velles découvertes sinaïtiques: à propos de la parution de l’inventaire des
manuscrits grecs”, REB 58 (2000), 167-184.
Giaccaria, “Nuove identificazioni” = A. Giaccaria, “Nuove identificazioni di
manoscritti greci e latini della Biblioteca Nazionale Universitaria di Tori-
no”, Aevum 81 (2007), 429-483.
Granstrem, “Katalog greeskich rukopisej” = E. È. Granstrem, “Katalog gre-
eskich rukopisej leningradskich chranili”, Vizantijskij Vremennik 18
(1961), 254-274.
Graux - Martin, Fac-similés de manuscrits = Ch. Graux - A. Martin, Fac-si-
milés de manuscrits grecs d’Espagne, Paris 1891.
Grosdidier de Matons, Romanos le Mélode = J. Grosdidier de Matons, Roma-
nos le Mélode et les origines de la poésie religieuse à Byzance, Paris
1977.
Gulmini, I manoscritti miniati = N. U. Gulmini, I manoscritti miniati della
Biblioteca Nazionale di Torino, II, I manoscritti greci, Torino 1989.
Il fondo rossiano = S. Maddalo (ed.), Il fondo rossiano (I miniati della Bi-
blioteca Apostolica Vaticana 1), in corso di stampa.
03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 98

98 Daniele Arnesano

I luoghi della memoria = I luoghi della memoria scritta. Manoscritti, incuna-


boli, libri a stampa di Biblioteche Statali Italiane, dir. scientifica G. Ca-
vallo, Roma 1994.
Jacob, “Autour de Nicolas-Nectaire” = A. Jacob, “Autour de Nicolas-Nectai-
re de Casole”, in J.-M. Martin - B. Martin-Hisard - A. Paravicini Bagliani
(éds.), Vaticana et Medievalia. Études en l’honneur de Louis Duval-Ar-
nould (Millennio Medievale 71, Strumenti e Studi 16), Firenze 2008, 231-
251.
Jacob, “La lettre patriarcale” = Id., “La lettre patriarcale du Typicon de Caso-
le et l’évêque Paul de Gallipoli”, RSBN 24 (1987), 143-163.
Jacob, “La réception de la littérature” = Id., “La réception de la littérature by-
zantine dans l’Italie méridionale après la conquête normande. Les exem-
ples de Théophylacte de Bulgarie et de Michel Psellos”, in A. Jacob - J.-
M. Martin - G. Noyé (éds.), Histoire et culture dans l’Italie byzantine.
Acquis et nouvelles recherches (Collection de l’École Française de Rome
363), Roma 2006, 21-67.
Jacob, “Les annales du monastère” = Id., “Les annales du monastère de San
Vito del Pizzo, près de Tarente, d’après les notes marginales du Parisinus
Gr. 1624”, RSBN 30 (1993), 123-153.
Jacob, “Les écritures de Terre d’Otrante” = Id., “Les écritures de Terre d’O-
trante”, in La paléographie grecque et byzantine (Colloques Internatio-
naux du Centre National de la Recherche Scientifique 559), Paris 1977,
269-281.
Jacob, “Tra Basilicata e Salento” = Id., “Tra Basilicata e Salento. Precisazio-
ni necessarie sui Menei del monastero di Carbone”, ASCL 68 (2001), 21-
52.
Kamil, Catalogue of all manuscripts = M. Kamil, Catalogue of all manu-
scripts in the monastery of St. Catharine on Mount Sinai, Wiesbaden
1970.
Lucà, “Ars renovandi” = S. Lucà, “Ars renovandi: modalità di riscrittura nel-
l’Italia greca medievale”, in S. Lucà (ed.), Libri palinsesti greci: conser-
vazione, restauro digitale, studio. Atti del Convegno Internazionale, Villa
Mondragone, Monte Porzio Catone, Università degli Studi di Roma «Tor
Vergata», Biblioteca del Monumento Nazionale di Grottaferrata, 21-24
aprile 2004, Roma 2008, 131-154.
Lucà, “Dalle collezioni manoscritte” = Id., “Dalle collezioni manoscritte di
Spagna: libri originari o provenienti dall’Italia greca medievale”, RSBN
44 (2007) (= Ricordo di Lidia Perria III), 39-96.
Lucà, “I copisti” = Id., “I copisti Luca cqamalo;" e Paolo tapeinov" ”, ASCL
68 (2001), 149-173.
Lucà, “L’apporto dell’Italia meridionale” = Id., “L’apporto dell’Italia
meridionale alla costituzione del fondo greco dell’Ambrosiana”, in C. M.
Mazzucchi - C. Pasini (edd.), Nuove ricerche sui manoscritti greci
dell’Ambrosiana. Atti del convegno, Milano, 5-6 giugno 2003
(Bibliotheca Erudita 24), Milano 2004, 191-242.
Lucà, “Manuscritos griegos” = Id., “Manuscritos griegos de la Italia meridio-
nal en España”, in Lecturas de Bizancio. El legado escrito de Grecia en
03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 99

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 99

España. Madrid, 15 de septiembre a 16 de noviembre de 2008, Madrid


2008, 89-106.
Lucà, “Su due sinassari” = Id., “Su due sinassari della famiglia C*: il Crypt.
D.a. XIV (ff. 291-292) e il Roman. Vallic. C34III (ff. 9-16)”, ASCL 66
(1999), 51-85.
Lucà, “Su origine e datazione” = Id., “Su origine e datazione del Crypt. B.b.
VI (ff. 1-9). Appunti sulla collezione manoscritta greca di Grottaferrata”,
in L. Perria (ed.) Tra Oriente e Occidente. Scritture e libri greci fra le
regioni orientali di Bisanzio e l’Italia (Testi e Studi Bizantino-Neoellenici
14), Roma 2003, 145-224.
Lucà, “Teodoro Sacerdote” = Id., “Teodoro Sacerdote, copista del Reg. gr.
Pii II 35. Appunti su scribi e commitenti di manoscritti greci”, BBGG n.s.
55 (2001), 127-163.
Marchi, I manoscritti della Biblioteca = S. Marchi, I manoscritti della Biblio-
teca Capitolare di Verona. Catalogo descrittivo redatto da don Antonio
Spagnolo, Verona 1996.
Martínez Manzano, Constantino Láscaris = T. Martínez Manzano, Constan-
tino Láscaris. Semblanza de un humanista bizantino (Nueva Roma 7),
Madrid 1998.
Martini, Catalogo di manoscritti = E. Martini, Catalogo di manoscritti greci
esistenti nelle biblioteche italiane (Indici e Cataloghi 19) Roma 1967.
Martini - Bassi, Catalogus codicum = D. Martini - D. Bassi, Catalogus codi-
cum graecorum Bibliothecae Ambrosianae, Milano 1906 (rist. Hildes-
heim - New York 1978).
Mazzotta, Monaci e libri greci = O. Mazzotta, Monaci e libri greci nel Salen-
to medievale (Scriptorium 2), Novoli 1989.
Mazzucchi, “Un testimone della conoscenza del greco” = C. M. Mazzucchi,
“Un testimone della conoscenza del greco negli ordini mendicanti verso
la fine del Duecento (Ambr. Q 74 sup.) e un codice appartenuto al Sacro
Convento d’Assisi (Ambr. E 88 inf.)”, Neva ÔRwvmh 3 (2006), 355-359.
Mioni, Catalogo di manoscritti greci = E. Mioni, Catalogo di manoscritti
greci esistenti nelle biblioteche italiane, II (Indici e Cataloghi 20), Roma
1964.
Mioni, Codices Graeci = Id., Codices Graeci manuscripti Bibliothecae Divi
Marci Venetiarum. Thesaurus antiquus (Indici e Cataloghi n.s. 6), Roma
1981-1985.
Moran, “A List of Greek” = N. K. Moran, “A List of Greek Music Palim-
psests”, Acta Musicologica 57 (1985), 50-72.
Omont, Inventaire sommaire = H. Omont, Inventaire sommaire des manu-
scrits grecs de la Bibliothèque Nationale, Paris 1886-1888 (Hildesheim -
Zürich - New York 2000).
Omont, Le “Typicon de S. Nicolas” = Id., “Le Typicon de S. Nicolas de
Casole près d’Otrante”, REG 3 (1890), 381-391.
Palivmyhsto" . News from Rinascimento Virtuale = Palivmyhsto". News
from Rinascimento Virtuale - Digitale Palimpsestforschung. Rediscover-
03ok 3-05-2010 8:57 Pagina 100

100 Daniele Arnesano

ing written records of a hidden European cultural heritage, Zaragoza


2004.
Parenti, Il monastero di Grottaferrata = S. Parenti, Il monastero di Grottafer-
rata nel Medioevo (1004-1462). Segni e percorsi di una identità (OCA
274), Roma 2005.
Parenti - Velkovska, Mille anni di “rito greco” = S. Parenti - E. Velkovska,
Mille anni di “rito greco” alle porte di Roma. Raccolta di saggi sulla tra-
dizione liturgica del Monastero italo-bizantino di Grottaferrata (Anavl e-
kta Kruptofevrrh" 4), Grottaferrata 2004.
Pasini, Bibliografia dei manoscritti = C. Pasini, Bibliografia dei manoscritti
greci dell’Ambrosiana: 1857-2006 (Bibliotheca Erudita 30), Milano
2007.
Pasinus, Codices manuscripti = Codices manuscripti Bibliothecae Regii Tau-
rinensis Athenaei per linguas digesti, et binas in partes distributi, in qua-
rum prima Hebraei, et Graeci, in altera Latini, Italici et Gallici. Recen-
suerunt, et animadversionibus illustrarunt J. Pasinus, A. Rivautella et F.
Berta, Taurini 1749.
Pérez Martín, “Apuntes sobre la historia” = I. Pérez Martín, “Apuntes sobre
la historia del texto bizantino de la Vida de Barlaam y Josafat”, Erytheia
17 (1996), 159-177.
Petta, “Tre manoscritti greci” = Id., “Tre manoscritti greci della chiesa par-
rocchiale di Galatone”, BBGG n.s. 24 (1970), 3-26.
Reitzenstein, Geschichte der griechischen = R. Reitzenstein, Geschichte der
griechischen Etymologika. Ein Beitrag zur Geschichte der Philologie in
Alexandria und Byzanz, Leipzig 1897 (Amsterdam 1964).
Répertoire de réglures = Répertoire de réglures dans les manuscrits grecs
sur parchemin. Base de données établie par Jacques-Hubert Sautel à
l’aide du fichier Leroy et des catalogues récents (Bibliologia. Elementa
ad librorum studia pertinentia 13), Turnhout 1995.
Revilla, Catálogo de los códices = P. A. Revilla, Catálogo de los códices
griegos de la Biblioteca de El Escorial, I, Madrid 1936.
Roosen - Van Deun, “Les collections de définitions” = B. Roosen - P. Van
Deun, “Les collections de définitions philosophico-théologiques apparte-
nant à la tradition de Maxime le Confesseur: le recueil centré sur oJmwvnu-
mon, sunwvnumon, parwvnumon, eJterwvnumon... ”, in M. Cacouros - M.-H.
Congourdeau (éds.), Philosophie et sciences à Byzance de 1204 à 1465.
Les textes, les doctrines et leur transmission. Actes de la Table Ronde or-
ganisée au XXe Congrès International d’Études Byzantines (Orientalia
Lovanienesia Analecta 146), Paris 2001, Leuven - Paris - Dudley MA
2006, 53-76.
Samberger, Catalogi codicum graecorum = C. Samberger, Catalogi codicum
graecorum qui in minoribus bibliothecis italicis asservantur in duo volu-
mina collati et novissimis additamentis aucti, Lipsiae 1965-1968.
Sciarra, “I copisti e la stampa” = E. Sciarra, “I copisti e la stampa; interazioni
tra testo e margine nelle cinquecentine romane”, in Coexistence et coopé-
ration au Moyen Âge. IVe Congrès Européen d’Études Médiévales, Paler-
me, 23-27 juin 2009, in corso di stampa.
03ok 7-05-2010 12:14 Pagina 101

Manoscritti greci di Terra d’Otranto 101

Sciarra, “Note sul codice Vat. Barb. gr. 70” = Ead., “Note sul codice Vat.
Barb. gr. 70 e sulla tradizione manoscritta dell’Etymologicum
Gudianum”, in R. M. Piccione - M. Perkams (hrsg.), Selecta colligere, II,
Alessandria 2005, 355-402.
Shailor, Catalogue of Medieval = B. A. Shailor, Catalogue of Medieval and
Renaissance Manuscripts in the Beinecke Rare Book and Manuscript
Library. Yale University, II, Mss 251-500 (Medieval & Renaissance Texts
& Studies 48), Binghamton 1987.
Speranzi, “Per la storia della libreria” = D. Speranzi, “Per la storia della libre-
ria medicea privata. Giano Lascaris, Sergio Stiso di Zollino e il copista
Gabriele”, Italia Medioevale e Umanistica 48 (2007), 77-111.
Summary Catalogue = The British Library. A Summary Catalogue of Greek
Manuscripts, I, London 1999.
Ta; neva euJrhvmata = Ta; neva euJrhvmata tou’ Sina’, Aqh’nai 1998.
Velkovska, “Un eucologio del monastero” = E. Velkovska, “Un eucologio
del monastero di Grottaferrata. Il Vaticano Gr. 2111 (XIII sec. ex.)”, in
Parenti - Velkovska, Mille anni di “rito greco”, 73-104 nr. VI; rist. (con
aggiunte ed aggiornamenti) di “Un eucologio del monastero di Grottafer-
rata. Il Vat. Gr. 2111 (XIII sec. ex.)”, BBGG n.s. 46 (1992) (= Miscella-
nea di studi in onore di P. Marco Petta per il LXX compleanno IV), 347-
390.
Vitelli, Indice dei codici greci = G. Vitelli, Indice dei codici greci Riccar-
diani, Magliabechiani e Marucelliani, SIFC 2 (1894), 471-570 (Samber-
ger, Catalogi codicum graecorum, I, 135-234).
Vogel - Gardthausen, Die griechischen Schreiber = M. Vogel - V. Gardt-
hausen, Die griechischen Schreiber des Mittelalters und der Renaissance
(Zentralblatt für Bibliothekwesen. Beiheft 33), Leipzig 1909 (Hildesheim
1966).
Wright, “Manuscripts of Italian Provenance” = C. E., Wright, “Manuscripts
of Italian Provenance in the Harleian Collection in the British Museum.
Their sources, associations and channels of acquisition”, in C. H. Clough
(ed.), Cultural Aspects of the Italian Renaissance. Essays in Honour of
Paul Oskar Kristeller, Manchester 1976, 462-484.

Università di Roma
“La Sapienza”