Sei sulla pagina 1di 1

La Croce: albero di salvezza

Lalbero della vita si manifestato nella Croce del Signore. Il libro biblico della Genesi narra dellalbero della vita che era nel giardino, da cui Adamo ed Eva furono allontanati: per la sua disobbedienza luomo perse il diritto di accedere a questa pianta simbolica, cio cadde in potere della morte. Ma la situazione cambia grazie a Ges Cristo: per la sua obbedienza, infatti, lumanit ha di nuovo accesso alla vita stessa di Dio. La Croce di Cristo, quindi, il nuovo albero della vita: grazie ad essa noi siamo salvi. La tradizione cristiana ha sempre visto nellalbero della Croce limmagine alternativa dellalbero che ha causato la caduta. Il giorno dellesaltazione della S. Croce (il 14 settembre) il Prefazio proprio celebra cos questo mistero: Nellalbero della Croce tu hai stabilito la salvezza delluomo, perch donde sorgeva la morte, di l risorgesse la vita, e chi dallalbero traeva vittoria, dallalbero venisse sconfitto per mezzo di Cristo, nostro Signore. Il male diabolico che dallalbero traeva vittoria, dallalbero della Croce stato sconfitto. Lalbero iniziale, simbolo della disobbedienza, si contrappone allalbero della Croce, simbolo della obbedienza. La sfiducia di Adamo trova lantitesi salvifica nella fiducia di Ges Cristo: Adamo non si fidato di Dio e per colpa sua tutti sono costituiti peccatori; Cristo invece si fidato totalmente di Dio, facendosi obbediente fino alla morte di croce, e per merito suo tutti possono diventare amici di Dio. Il grande inno alla Croce che la Chiesa recita il Venerd Santo nelladorazione del Crocifisso, esprime la stessa grande riflessione: Il Creatore addolorato perch lantico genitore, creato per primo, era stato ingannato, quando lo vide mangiare il frutto velenoso e precipitare cos nella morte, decise che il legno avrebbe cancellato i danni prodotti dal legno. Questo modo della nostra salvezza era richiesto dallordine stesso delle cose, per rovinare con abilit labilit dellastuto rovinatore e ricavare la medicina proprio di l da dove aveva estratto la rovina. Per questo la processione del Venerd Santo a Savona si apre con la cassa di Adamo ed Eva a cui rivolta la promessa del Salvatore. Questo stesso inno canta la Croce di nostra salvezza, paragonandola agli altri alberi: Un albero nella selva non c a te eguale, n per fiori, n per fronte, n per frutti. Proprio per questo motivo la nostra tradizione ligure ha costruito i Crocifissi processionali con i canti fioriti: essi vogliono ricordarci che la Croce lalbero per eccellenza, con fiori splendidi e frutti preziosi. Ammirando la bellezza artistica dei nostri Crocifissi fioriti, noi adoriamo la Croce come lalbero della vita, che si contrappone allalbero della conoscenza del bene e del male. La pretesa delluomo, di ogni uomo, dellumanit in genere, di far di testa propria sostituita dallaffidamento di Ges Cristo al Padre: Non come voglio io ma come vuoi tu; Padre nelle tue mani affido la mia vita. Nella Croce di Ges Cristo, che si fidato di Dio, ogni uomo ritrova lamicizia con Dio e pu gustare, finalmente, il frutto dellalbero della vita ed ammirare la salvezza rifiorita. don Claudio Doglio