Sei sulla pagina 1di 346

Manuale dell’utente

Traduzione delle istruzioni originali

Controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380


Numeri di catalogo 5069-L306ER, 5069-L306ERM, 5069-L310ER, 5069-L310ERM, 5069-L310ER-NSE,
5069-L310ERS2, 5069-L320ER, 5069-L320ERM, 5069-L330ER, 5069-L330ERM, 5069-L340ER, 5069-L340ERM,
5069-L350ERM, 5069-L380ERM, 5069-L3100ERM, 5069-L306ERS2, 5069-L306ERMS2, 5069-L310ERS2,
5069-L310ERMS2, 5069-L320ERS2, 5069-L320ERS2K, 5069-L320ERMS2, 5069-L320ERMS2K, 5069-L330ERS2,
5069-L330ERS2K, 5069-L330ERMS2, 5069-L330ERMS2K, 5069-L340ERS2, 5069-L340ERMS2, 5069-L350ERS2,
5069-L350ERS2K, 5069-L350ERMS2, 5069-L350ERMS2K, 5069-L380ERS2, 5069-L380ERMS2, 5069-L3100ERS2,
5069-L3100ERMS2
Informazioni importanti per l’utente
Leggere questo documento ed i documenti elencati nella sezione “Risorse aggiuntive” relativi ad installazione,
configurazione e funzionamento di questa apparecchiatura prima di installare, configurare, utilizzare o effettuare la
manutenzione del prodotto. Oltre ai requisiti previsti dalle normative, dalle leggi e dagli standard vigenti, gli utenti sono
tenuti a conoscere le istruzioni di installazione e di cablaggio.

Attività quali l’installazione, la regolazione, la messa in servizio, l’uso, l’assemblaggio, lo smontaggio e la manutenzione
devono essere effettuate da personale opportunamente formato secondo quanto previsto dai codici professionali vigenti.

Se l’apparecchiatura viene utilizzata per uso diverso da quello specificato dal produttore, i sistemi di protezione
dell’apparecchiatura potrebbero essere compromessi.

In nessun caso Rockwell Automation, Inc. sarà ritenuta responsabile per danni indiretti o risultanti dall’uso o
dall’applicazione dell’apparecchiatura.

Gli esempi e gli schemi riportati all’interno del presente manuale per l’utente sono forniti a titolo puramente indicativo.
A causa dell’elevato numero di variabili e requisiti associati a ogni particolare installazione, Rockwell Automation, Inc.
non può essere ritenuta responsabile per l’uso effettivo basato sugli esempi e sugli schemi.

Rockwell Automation, Inc. non si assume alcuna responsabilità relativamente all’uso di informazioni, circuiti,
apparecchiature o software descritti nel presente manuale.

È vietata la riproduzione integrale o parziale del presente manuale senza l’autorizzazione scritta di Rockwell Automation,
Inc.

All’interno del presente manuale, quando necessario, sono inserite note destinate a richiamare l’attenzione dell’utente su
argomenti riguardanti la sicurezza.

AVVERTENZA: Identifica informazioni su procedure o circostanze che possono provocare un’esplosione in un ambiente
pericoloso che potrebbe comportare lesioni personali o morte, nonché danni materiali o economici.

ATTENZIONE: Identifica informazioni su procedure o circostanze che possono provocare lesioni personali o morte, nonché
danni materiali o economici. I simboli di “Attenzione” consentono di identificare o evitare un pericolo e di riconoscerne le
conseguenze.
IMPORTANTE Identifica informazioni importanti per la corretta applicazione e comprensione del prodotto.

Sopra o all’interno dell’apparecchiatura possono essere presenti delle etichette che suggeriscono delle precauzioni
specifiche.

PERICOLO DI FOLGORAZIONI: Queste etichette possono trovarsi all’esterno o all’interno dell’apparecchiatura, ad esempio
un convertitore di frequenza o un motore, per avvisare gli utenti della presenza di tensioni pericolose.

PERICOLO DI USTIONI: Queste etichette possono essere collocate sull’apparecchiatura o al suo interno, ad esempio su
convertitore di frequenza o motore, per avvertire l’utente che le superfici potrebbero raggiungere temperature pericolose.

PERICOLO DI ARCO ELETTRICO: Le etichette possono essere posizionate sopra o all’interno dell’apparecchiatura (ad
esempio, un motor control center) per avvisare di un pericolo potenziale di arco elettrico. Gli archi elettrici possono
provocare gravi incidenti, se non addirittura il decesso. Indossare Dispositivi di Protezione Individuale (DPI). Seguire TUTTI i
requisiti normativi relativi alle procedure operative di sicurezza ed ai Dispositivi di Protezione Individuale (DPI).
Indice

Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11
Sommario delle modifiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Panoramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
Ulteriori risorse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12

Capitolo 1
Sistemi e controllori Requisiti minimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
CompactLogix 5380 e Compatibilità tra firmware del controllore e applicazione
Logix Designer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Compact GuardLogix 5380
Sistema CompactLogix 5380 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Sistema Compact GuardLogix 5380 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Progettazione del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Caratteristiche dei controllori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
Caratteristiche supportate dai controllori
Compact GuardLogix 5380 tramite il task di sicurezza . . . . . . . . 24
Alimentazione del sistema. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25

Capitolo 2
Come alimentare i controllori Due tipi di alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
CompactLogix 5380 Alimentazione MOD. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
Bus di alimentazione MOD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
Alimentazione SA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
Monitoraggio dell’assorbimento di corrente sul bus
di alimentazione SA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
Per creare un nuovo bus di alimentazione SA si utilizza un modulo
di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD . . . . . . 34
Alimentazione SA – Note aggiuntive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35

Capitolo 3
Come alimentare i controllori Due tipi di alimentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Compact GuardLogix 5380 Alimentazione MOD. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Bus di alimentazione MOD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
Alimentazione SA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
Monitoraggio dell’assorbimento di corrente sul bus
di alimentazione SA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
Per creare un nuovo bus di alimentazione SA si utilizza un modulo
di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD . . . . . . 44
Restrizioni quando si collega l’alimentazione SA a un sistema
Compact GuardLogix 5380 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
Alimentazione SA – Note aggiuntive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48

Capitolo 4
Concetto di sicurezza Sicurezza funzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
dei controllori Numero della rete di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
Firma di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
Compact GuardLogix 5380
Distinzione tra componenti standard e di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . 51

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 3


Indice

Capacità del flusso di dati del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52


Terminologia della sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53

Capitolo 5
Connessione al controllore Configurazione dei driver EtherNet/IP e USB sulla workstation . . 56
Configurazione del driver di comunicazione EtherNet/IP nel
software RSLinx Classic . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
Configurazione dei driver di dispositivi Ethernet con il software
RSLinx Classic . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
Configurazione del driver di comunicazione USB nel software
RSLinx Classic . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
Opzioni di connessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
Collegare un cavo Ethernet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
Collegare un cavo USB. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
Impostazione dell’indirizzo IP del controllore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
Impostare l’indirizzo IP con lo strumento per la messa in servizio
EtherNet/IP BOOTP-DHCP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
Disabilitare BOOTP/DHCP con il software RSLinx Classic . . 69
Utilizzare un server DHCP per impostare l’indirizzo IP del
controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
Utilizzo del software RSLinx Classic per impostare l’indirizzo
IP del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
Utilizzo di una scheda Secure Digital per impostare l’indirizzo
IP del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
Aggiornamento del firmware del controllore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
Determinare il firmware richiesto per il controllore . . . . . . . . . . . 76
Ottenere il firmware del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
Utilizzare il software ControlFLASH per l’aggiornamento del
firmware . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
Utilizzare AutoFlash per l’aggiornamento del firmware . . . . . . . 82

Capitolo 6
Primo utilizzo del controllore Creazione di un progetto dell’applicazione Logix Designer . . . . . . . . 85
Configurazione aggiuntiva per un controllore
Compact GuardLogix . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
Assegnare il numero della rete di sicurezza (SNN) . . . . . . . . . . . . 88
Copiare e incollare il numero della rete di sicurezza (SNN) di un
controllore di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
Collegamento online con il controllore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
Utilizzare RSWho . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
Utilizzare un percorso di comunicazione recente . . . . . . . . . . . . . 97
Considerazioni aggiuntive sul collegamento online
con un controllore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
Corrispondenza tra progetto e controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
Corrispondenza della versione del firmware. . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
Considerazioni aggiuntive sul collegamento online con
un controllore Compact GuardLogix . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
Firma di sicurezza e stato di blocco/sblocco di sicurezza . . . . . . 100

4 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Indice

Controlli per il collegamento online con un controllore


GuardLogix . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
Download nel controllore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
Utilizzare Who Active . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
Utilizzare il menu Controller Status. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
Considerazioni aggiuntive sul download in un controllore
Compact GuardLogix . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
Upload dal controllore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Utilizzare Who Active . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
Utilizzare il menu Controller Status. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
Considerazioni aggiuntive sull’upload in un controllore
Compact GuardLogix . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
Scelta della modalità di funzionamento del controllore . . . . . . . . . . 109
Utilizzo del selettore di modalità per modificare la modalità di
funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
Utilizzo dell’applicazione Logix Designer per modificare
la modalità di funzionamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
Modifica della configurazione del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
Pulsante di ripristino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
Ripristino di livello 1. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
Ripristino di livello 2. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115

Capitolo 7
Utilizzo della scheda SD Considerazioni sulla memorizzazione e il caricamento di un
progetto di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
Memorizzazione nella scheda SD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
Caricamento dalla scheda SD. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
Accensione del modulo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
Azione avviata dall’utente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
Altre operazioni con la scheda SD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128

Capitolo 8
Rete EtherNet/IP Funzionalità su reti EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
Software per reti EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
Nodi su una rete EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
Dispositivi inclusi nel conteggio dei nodi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
Dispositivi esclusi dal conteggio dei nodi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
Topologie di rete EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
Topologia di rete ad anello a livello di dispositivi . . . . . . . . . . . . 134
Topologia di rete lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
Topologia di rete a stella. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
Strumenti Integrated Architecture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
Velocità di trasmissione su reti EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
Interfaccia socket. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 5


Indice

Capitolo 9
Utilizzo delle modalità Livelli di rete disponibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
EtherNet/IP Rete a livello aziendale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
Rete a livello di dispositivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
Modalità EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
Modalità a doppio indirizzo IP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
Modalità lineare/DLR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
Sovrapposizione di intervalli di indirizzi IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
Configurazione delle modalità EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
Configurazione della modalità a doppio indirizzo IP con
l’applicazione Logix Designer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
Configurazione della modalità a doppio indirizzo IP
con il software RSLinx Classic . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
Configurazione della modalità lineare/DLR con l’applicazione
Logix Designer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
Configurazione della modalità lineare/DLR con il software
RSLinx Classic . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
Modifica della modalità EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
Modifica della modalità EtherNet/IP con l’applicazione
Logix Designer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
Modifica della modalità EtherNet/IP con il software
RSLinx Classic . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
Richieste DNS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
Instradamento di richieste DNS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
Server SMTP. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
Utilizzo di Socket Object. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
Invio di istruzioni Message . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
Differenze di visualizzazione nel software in base alle
modalità EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
Indirizzo IP del controllore e aggiornamenti del firmware. . . . . . . . 168

Capitolo 10
Gestione delle comunicazioni del Panoramica delle connessioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
controllore Interazione tra le comunicazioni del controllore e i dati
di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
Produzione e consumo di dati (interblocco) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
Intervallo di pacchetto richiesto (RPI) di tag multicast . . . . . . . 174
Invio e ricezione di messaggi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
Criteri per memorizzare connessioni di messaggi nella cache. . 176

Capitolo 11
Moduli I/O standard Moduli I/O locali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
Aggiunta di moduli I/O locali a un progetto . . . . . . . . . . . . . . . . 179
Codifica elettronica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
Moduli I/O remoti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
Aggiunta di moduli I/O remoti a un progetto . . . . . . . . . . . . . . . 187
Aggiunta alla configurazione I/O mentre si è online . . . . . . . . . . . . . 195

6 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Indice

Moduli e dispositivi che possono essere aggiunti mentre


si è online . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
Determinazione del momento in cui i dati vengono aggiornati . . . 196
Schema di flusso dell’aggiornamento dei dati di ingresso. . . . . . 196
Schema di flusso dell’aggiornamento dei dati di uscita. . . . . . . . 197

Capitolo 12
Dispositivi I/O di sicurezza Aggiunta di dispositivi I/O di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
Configurazione dei dispositivi I/O di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
Utilizzo della traduzione degli indirizzi di rete (NAT)
con i dispositivi CIP Safety . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
Impostazione del numero SNN di un dispositivo I/O
di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
Modificare il numero SNN di un dispositivo I/O
di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
Copiare e incollare un numero di rete di sicurezza (SNN) dei
dispositivi I/O di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
Limite del tempo di risposta della connessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
Firma dei dispositivi I/O di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
Configurazione mediante l’applicazione Logix Designer . . . . . 209
Reset del dispositivo I/O di sicurezza alla condizione
predefinita in fabbrica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
Formato degli indirizzi dei dispositivi I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
Sostituzione di un dispositivo I/O di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
Proprietà della configurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
Sostituzione con “Configure Only When No Safety Signature
Exists” abilitata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
Sostituzione con l’opzione “Configure Always” abilitata . . . . . 219

Capitolo 13
Sviluppo di applicazioni standard Elementi di un’applicazione di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
Task . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
Task evento con i moduli Compact 5000 I/O . . . . . . . . . . . . . . . 225
Priorità dei task. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
Programmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
Programmi schedulati e non schedulati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
Routine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
Parametri e tag locali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
Parametri del programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232
Linguaggi di programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232
Istruzioni Add-On . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
Proprietà estese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
Accesso all’oggetto Module da un’istruzione Add-On . . . . . . . . . . . 235
Monitoraggio dello stato del controllore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
Monitoraggio delle connessioni I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
Determinazione del timeout nelle comunicazioni I/O . . . . . . . 237
Determinazione del timeout delle comunicazioni I/O
con uno specifico modulo I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 7


Indice

Gestione automatica degli errori di connessione


dei moduli I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238
Esempi di progetto di un controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239

Capitolo 14
Sviluppo di applicazioni di Task di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
sicurezza Periodo del task di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
Esecuzione del task di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
Programmi di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
Routine di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
Istruzioni Add-on di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
Tag di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
Tipi di dati validi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
Ambito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
Parametri del programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
Tag di sicurezza prodotti/consumati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
Configurazione del numero SNN per la connessione di un
controllore di sicurezza peer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
Produzione di un tag di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 252
Consumo di dati tag di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
Mappatura dei tag di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
Restrizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
Creazione di coppie di mappatura di tag . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
Controllo dello stato della mappatura dei tag. . . . . . . . . . . . . . . . 258
Protezione dell’applicazione di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
Blocco di sicurezza del controllore
Compact GuardLogix 5380 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
Impostazione di password per il blocco e lo sblocco
di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
Generare la firma di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
Restrizioni di programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
Monitoraggio dello stato di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
Visualizzare lo stato tramite la barra online. . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
Visualizzare lo stato tramite la scheda Safety. . . . . . . . . . . . . . . . . 268
Monitorare le connessioni di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
Utilizzare lo stato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270
Errori di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
Errori irreversibili del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
Errori di sicurezza irreversibili nell’applicazione di sicurezza . . 272
Errori reversibili nell’applicazione di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . 273
Visualizzare gli errori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
Codici di errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274
Sviluppo di una routine di errore per le applicazioni di sicurezza . . 275
Utilizzo delle istruzioni
GSV/SSV in un’applicazione di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276

8 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Indice

Capitolo 15
Sviluppo di applicazioni di Panoramica del controllo assi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
controllo assi Programmazione del controllo assi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279
Acquisizione di informazioni sull’asse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281

Capitolo 16
Ricerca guasti nel controllore Diagnostica del controllore con Logix Designer . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
Simbolo di avviso nella struttura di configurazione I/O . . . . . . 284
Categorie della finestra di dialogo Module Properties
del modulo I/O . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
Notifiche in Tag Monitor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289
Informazioni sugli errori nella finestra di dialogo
Controller Properties . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289
Diagnostica delle porte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 291
Advanced Time Sync . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 293
Diagnostica del controllore con il software basato su Linx. . . . . . . . 296
Pagine Web del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 297
Pagina Web Home . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
Pagina Web Tasks . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 299
Pagine Web Diagnostics. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300
Pagine Web delle porte Ethernet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
Pagine Web Advanced Diagnostics. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 302
Pagina Web Browse Chassis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 304
Altri problemi che possono richiedere una ricerca guasti . . . . . . . . . 305
Dati in uscita inviati a velocità elevata da un task continuo . . . 305
Istruzioni Immediate Output emesse a velocità elevata . . . . . . . 305
Stato di priorità del traffico Integrated Motion su una rete
EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305

Appendice A
Indicatori di stato Display e indicatori di stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308
Messaggi di stato generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309
Messaggi di stato di Compact GuardLogix. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 311
Messaggi di errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 311
Messaggi di errore gravi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312
Codici di errore di I/O. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314
Indicatori di stato del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
Indicatore RUN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
Indicatore FORCE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
Indicatore SD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 318
Indicatore OK . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 318
Indicatori di stato
EtherNet/IP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
Indicatori NET A1 e NET A2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
Indicatori LINK A1 e LINK A2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 9


Indice

Indicatori di stato dell’alimentazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 320


Indicatore alimentazione MOD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 320
Indicatore alimentazione SA. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 320
Monitoraggio termico e comportamento in caso di guasto termico 321

Appendice B
Opzioni di sicurezza Disabilitazione di una porta Ethernet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 323
Disabilitare la porta Ethernet nella scheda
Port Configuration . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
Disabilitare la porta Ethernet con un’istruzione MSG. . . . . . . . 325
Disabilitazione del display di stato a quattro caratteri . . . . . . . . . . . . 327
Disabilitare tutte le categorie di messaggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328
Disabilitare singole categorie di messaggi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 330
Disabilitazione delle pagine Web del controllore . . . . . . . . . . . . . . . . 332

Appendice C
Cambio del tipo di controllore Passaggio da controllore standard a controllore di sicurezza . . . . . . 335
Passaggio da controllore di sicurezza a controllore standard . . . . . . 336
Cambio dei tipi del controllore di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 336

Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337

10 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Prefazione

Sommario delle modifiche Questo manuale contiene le informazioni nuove e aggiornate riportate nella
seguente tabella.

Argomento Pagina
Aggiunte informazioni su Compact GuardLogix® 5380 e sulla sicurezza In tutta la
pubblicazione
Capitolo 3, Come alimentare i controllori Compact GuardLogix 5380 37
Capitolo 4, Concetto di sicurezza dei controllori Compact GuardLogix 5380 49
Capitolo 12, Dispositivi I/O di sicurezza 199
Capitolo 14, Sviluppo di applicazioni di sicurezza 241

Panoramica Questo manuale fornisce informazioni sulla progettazione


di un sistema, sull’utilizzo di un sistema di controllori CompactLogix™
o Compact GuardLogix e sullo sviluppo di applicazioni.

È necessario avere la formazione e l’esperienza necessarie per la creazione,


l’utilizzo e la manutenzione di sistemi di sicurezza.

Per informazioni sui requisiti relativi al livello di integrità della sicurezza (SIL),
al livello prestazionale (PL) e all’applicazione di sicurezza, vedere
GuardLogix 5580 e Compact GuardLogix 5380 Controller Systems Safety
Reference Manual, pubblicazione 1756-RM012.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 11


Prefazione

Ulteriori risorse Questi documenti contengono informazioni aggiuntive relative ai prodotti


Rockwell Automation correlati.
Tabella 1 – Ulteriori risorse
Riferimento Descrizione
Installazione hardware Controllori CompactLogix 5380 – Istruzioni per Fornisce istruzioni per l’installazione dei controllori CompactLogix 5380.
l’installazione, pubblicazione 5069-IN013
Controllori Compact GuardLogix 5380 SIL 2 Fornisce istruzioni per l’installazione dei controllori Compact GuardLogix 5380.
Istruzioni per l’installazione, pubblicazione
5069-IN014
Criteri per il cablaggio e la messa a terra in Fornisce regole generali per l’installazione di un sistema industriale Rockwell Automation.
automazione industriale, pubblicazione 1770-4.1
Dati tecnici Compact 5000 I/O Modules Specifications Fornisce specifiche per gli adattatori EtherNet/IP Compact 5000 I/O™ e i moduli
Technical Data, pubblicazione 5069-TD001 Compact 5000 I/O
CompactLogix 5380 and Compact GuardLogix Fornisce specifiche per i controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380.
5380 Controllers Specifications Technical Data,
pubblicazione 5069-TD002
Reti Moduli di comunicazione EtherNet/IP nei sistemi Fornisce informazioni sull’utilizzo degli adattatori EtherNet/IP Compact 5000 I/O.
di controllo Logix 5000™ – Manuale dell’utente,
pubblicazione ENET-UM004
Guidance for Selecting Cables for EtherNet/IP Fornisce informazioni sulla selezione del cablaggio in base all’applicazione, alle condizioni
Networks, pubblicazione ENET-WP007-EN-P ambientali e ai requisiti meccanici.
CIP Sync (sincronizzazione Integrated Architecture and CIP Sync Spiega come configurare CIP Sync con prodotti e applicazioni Integrated Architecture®.
temporale) Configuration Application Technique,
pubblicazione IA-AT003
Requisiti delle applicazioni di GuardLogix 5580 and Compact GuardLogix 5380 Fornisce i requisiti per il raggiungimento e il mantenimento del Livello di integrità
sicurezza Controller Systems Safety Reference Manual, della sicurezza (SIL) 2 e del Livello prestazionale (PL) d con il sistema di controllori
pubblicazione 1756-RM012 GuardLogix 5570 utilizzando l’applicazione Studio 5000 Logix Designer®.
Controllo assi Sistema di coordinate movimento – Manuale Descrive come creare e configurare un sistema di coordinate per applicazioni di controllo assi.
dell’utente, pubblicazione MOTION-UM002
Configurazione ed avvio di Integrated Motion su Fornisce informazioni sulla configurazione di Integrated Motion in un sistema applicativo di
Ethernet/IP, pubblicazione MOTION-UM003 reti EtherNet/IP.
Movimento integrato su una rete EtherNet/IP, Fornisce descrizioni degli attributi AXIS_CIP_DRIVE e delle modalità e i metodi di controllo
pubblicazione MOTION-RM003 dell’applicazione Logix Designer
Logix 5000 Controllers Motion Instructions Fornisce informazioni sull’utilizzo delle istruzioni di controllo assi.
Reference Manual, pubblicazione
MOTION-RM002
Considerazioni sulla Logix 5000 Controllers Design Considerations Fornisce informazioni su come progettare e pianificare i sistemi di controllori Logix 5000™.
progettazione Reference Manual, pubblicazione 1756-RM094
Ethernet Design Considerations Reference Fornisce informazioni aggiuntive sulla progettazione della rete per il sistema in uso.
Manual, pubblicazione ENET-RM002
Replacement Guidelines: Logix 5000™ Controllers Fornisce linee guida sulla sostituzione dei controllori di seguito indicati.
Reference Manual, pubblicazione 1756-RM100 • Controllore ControlLogix® 5560/5570 con un controllore ControlLogix 5580
• Controllori CompactLogix 5370 L3 con un controllore CompactLogix 5380
Sistema CompactLogix – Guida alla selezione, Fornisce informazioni su come progettare e selezionare i componenti per il sistema
pubblicazione 1769-SG001 CompactLogix o Compact GuardLogix.
Attività e procedure di Logix 5000™ Controllers Common Procedures Consente di accedere ai manuali di programmazione dei controllori Logix 5000. I manuali
programmazione Programming Manual, pubblicazione trattano argomenti quali la gestione dei file di progetto, l’organizzazione dei tag, la logica di
1756-PM001 programma, le routine di test, la gestione degli errori e altro ancora.
Manuale di riferimento istruzioni generali Descrive le istruzioni di programmazione che possono essere utilizzate nei progetti
controllore LOGIX 5000, pubblicazione dell’applicazione Logix Designer.
1756-RM003
Set di istruzione di applicazione di sicurezza Fornisce informazioni sul set di istruzioni dell’applicazione di sicurezza GuardLogix.
GuardLogix – Manuale di riferimento,
pubblicazione 1756-RM095

12 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Prefazione

Tabella 1 – Ulteriori risorse


Riferimento Descrizione
Moduli digitali e di sicurezza Moduli I/O digitali serie 5000 nei sistemi di Fornisce informazioni sull’uso dei moduli digitali e di sicurezza Compact 5000 I/O.
Compact 5000 controllo Logix 5000 – Manuale dell’utente,
pubblicazione 5000-UM004
Moduli I/O analogici serie 5000 in sistemi di Fornisce informazioni sull’uso dei moduli analogici Compact 5000 I/O.
controllo Logix 5000 – Manuale dell’utente,
pubblicazione 5000-UM005
Modulo contatore ad alta velocità serie 5000 in Fornisce informazioni sull’uso del modulo contatore ad alta velocità Compact 5000 I/O.
sistemi di controllo Logix 5000 – Manuale
dell’utente, pubblicazione 5000-UM006
Moduli Guard I/O Moduli di sicurezza Guard I/O DeviceNet – Fornisce informazioni sull’utilizzo dei moduli di sicurezza Guard I/O™ DeviceNet, inclusi i
Manuale dell’utente, pubblicazione moduli I/O 1732DS e 1791DS.
1791DS-UM001
Moduli di sicurezza Guard I/O EtherNet/IP – Fornisce informazioni sull’utilizzo dei moduli di sicurezza Guard I/O EtherNet/IP, inclusi i
Manuale dell’utente, pubblicazione moduli I/O 1732ES e 1791ES.
1791ES-UM001
Moduli di sicurezza POINT Guard I/O – Manuale di Fornisce informazioni sull’uso dei moduli POINT Guard I/O™.
installazione e uso, pubblicazione 1734-UM013
Servioazionamenti Servoazionamenti Kinetix 5500 – Manuale Fornisce informazioni sull’utilizzo di un sistema di servoazionamenti Kinetix 5500. Contiene
dell’utente, pubblicazione 2198-UM001 anche i requisiti per utilizzare i servoazionamenti Kinetix 5500 nelle applicazioni di sicurezza.
Servoazionamenti Kinetix 5700 – Manuale Fornisce informazioni sull’utilizzo di un sistema di servoazionamenti Kinetix® 5700. Contiene
dell’utente, pubblicazione 2198-UM002 anche i requisiti per utilizzare i servoazionamenti Kinetix 5700 nelle applicazioni di sicurezza.
Convertitore di frequenza PowerFlex 527 – Fornisce informazioni sull’utilizzo di un convertitore di frequenza PowerFlex® serie 520.
Manuale dell’utente, pubblicazione 520-UM002
Certificazioni dei prodotti Sito Web sulle certificazioni dei prodotti, Fornisce dichiarazioni di conformità, certificati e altri dettagli sulle certificazioni.
http://www.rockwellautomation.com/global/
certification/overview.page

È possibile visualizzare o scaricare le pubblicazioni all’indirizzo


http://www.rockwellautomation.com/global/literature-library/overview.page.
Per ordinare le copie cartacee della documentazione tecnica, contattare il
distributore Allen-Bradley o il rappresentante Rockwell Automation di zona.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 13


Prefazione

Note:

14 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 1

Sistemi e controllori CompactLogix 5380 e


Compact GuardLogix 5380

Questo capitolo descrive le caratteristiche e le funzioni associate ai controllori


CompactLogix® 5380 e Compact GuardLogix® 5380.

Argomento Pagina
Requisiti minimi 15
Sistema CompactLogix 5380 17
Sistema Compact GuardLogix 5380 18
Progettazione del sistema 20
Caratteristiche dei controllori 22
Alimentazione del sistema 25

Requisiti minimi I controllori hanno requisiti minimi.


• I controllori CompactLogix™ 5380 e Compact GuardLogix® 5380
Compact hanno requisiti hardware minimi. Per ulteriori informazioni sui requisiti
CompactLogix GuardLogix hardware, vedere Tabella 2 a pagina 20.
• La versione del firmware del controllore deve essere compatibile con la
versione software utilizzata. Per ulteriori informazioni, vedere pagina 16.
• Software di programmazione

Sistema Num. di Cat. Applicazione


Studio 5000 Logix Designer®(1)
CompactLogix 5069-L320ER, 5069-L340ERM Versione 28.00.00 o successiva
CompactLogix 5069-L306ER, 5069-L306ERM, 5069-L310ER, Versione 29.00.00 o successiva
5069-L310ER-NSE, 5069-L310ERM,
5069-L320ERM, 5069-L330ER, 5069-L330ERM,
5069-L340ER
CompactLogix 5069-L350ERM, 5069-L380ERM, 5069-L3100ERM Versione 30.00.00 o successiva
Compact GuardLogix 5069-L306ERS2, 5069-L306ERMS2, Versione 31.00.00 o successiva
5069-L310ERS2, 5069-L310ERMS2,
5069-L320ERS2, 5069-L320ERS2K,
5069-L320ERMS2, 5069-L320ERMS2K,
5069-L330ERS2, 5069-L330ERS2K,
5069-L330ERMS2, 5069-L330ERMS2K,
5069-L340ERS2, 5069-L340ERMS2,
5069-L350ERS2, 5069-L350ERS2K,
5069-L350ERMS2, 5069-L350ERMS2K,
5069-L380ERS2, 5069-L380ERMS2,
5069-L3100ERS2, 5069-L3100ERMS2
(1) Per il software di comunicazione basato su Linx e il software ControlFLASH™ compatibili, vedere il Product Compatibility and
Download Center (PCDC).

IMPORTANTE Se per la propria applicazione sono necessarie connessioni di sicurezza o


logica di sicurezza, è necessario utilizzare un controllore Compact
GuardLogix.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 15


Capitolo 1 Sistemi e controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380

IMPORTANTE L’apparecchiatura viene fornita come apparecchiatura di tipo aperto per uso
interno. Deve essere montata all’interno di una custodia adatta alle
specifiche condizioni ambientali d’uso e progettata specificatamente per
evitare lesioni alle persone derivanti dall’accesso a parti in tensione.
La custodia deve presentare opportune caratteristiche ignifughe in modo da
prevenire o ridurre al minimo la propagazione delle fiamme, deve essere
conforme ad un indice di propagazione fiamma pari a 5VA o deve essere
approvata per l’applicazione se non metallica. Deve essere possibile accedere
all’interno della custodia solo mediante uno strumento.
Per ulteriori informazioni sui tipi di custodia specifici richiesti per la
conformità a determinate certificazioni di sicurezza del prodotto, vedere
Compact GuardLogix 5380 SIL 2 Controllers Installation Instructions,
pubblicazione 5069-IN014.

Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE)

Quando giunge alla fine della sua vita utile, l’apparecchiatura deve essere
smaltita separatamente dai rifiuti urbani indifferenziati.

Compatibilità tra firmware del controllore e applicazione


Logix Designer

Nei sistemi di controllo Logix 5000™, il firmware del controllore e


l’applicazione Logix Designer devono avere lo stesso livello di versione
principale. Ad esempio, se il controllore utilizza il firmware versione 31.xxx, è
necessario utilizzare la versione 31 dell’applicazione Logix Designer.

Esistono requisiti minimi di versione per le applicazioni software da utilizzare


nel sistema.

Le build di software compatibili sono state testate insieme per verificarne il


corretto funzionamento. Le versioni di software non identificate come
compatibili tra di loro non sono state testate insieme e non ne è garantito il
funzionamento.

Per ulteriori informazioni sulle versioni del firmware del controllore e sui
requisiti minimi per le applicazioni software, visitare il Product Compatibility
and Download Center (PCDC) di Rockwell Automation® all’indirizzo:
http://compatibility.rockwellautomation.com/Pages/home.aspx

Nel PCDC:
• La sezione Download contiene il firmware per il controllore.
• La sezione Compare contiene informazioni sulla compatibilità delle
applicazioni software utilizzate in un sistema di controllo
CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380.

16 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sistemi e controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380 Capitolo 1

Sistema CompactLogix 5380 I sistemi di controllo CompactLogix 5380 sono sistemi montati su guida DIN
che possono funzionare in varie applicazioni, inclusi sistemi autonomi che
contengono moduli I/O standard locali, come mostrato nella Figura 1.

Figura 1 – Controllore CompactLogix 5380 in un sistema autonomo

Controllore CompactLogix 5380 Moduli analogici e digitali


Compact 5000 I/O™

I controllori possono operare anche in sistemi più complessi, con dispositivi


collegati al controllore tramite una rete EtherNet/IP, come mostrato nella
Figura 2.

Figura 2 – Controllore CompactLogix 5380 in un sistema più complesso

Controllore CompactLogix 5380


Moduli Compact 5000 I/O
Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O
Moduli Compact 5000 I/O

Switch Stratix® 5400

Terminale
PanelView™ Plus 7

Servoazionamento
Kinetix® 5500
Convertitore di frequenza Adattatore 1734-AENTR
PowerFlex® 527 Moduli POINT I/O™ 1734

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 17


Capitolo 1 Sistemi e controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380

Sistema Il sistema Compact GuardLogix può comunicare con i dispositivi di I/O di


sicurezza tramite CIP Safety su una rete EtherNet/IP (moduli Guard I/O™,
Compact GuardLogix 5380 convertitori di frequenza e servoazionamenti di sicurezza integrati,
componenti di sicurezza integrati).

Con un controllore Compact GuardLogix è possibile interfacciarsi con I/O


standard tramite task standard e con I/O di sicurezza tramite il task di
sicurezza.

IMPORTANTE Per il task di sicurezza, i controllori Compact GuardLogix 5380 supportano


solo il linguaggio ladder.
Per i task standard, i controllori Compact GuardLogix 5380 supportano:
• Programma ladder (LD)
• Testo strutturato (ST)
• Blocchi funzione (FBD)
• Diagramma funzionale sequenziale (SFC)

I controllori possono funzionare in varie applicazioni, ad esempio sistemi


autonomi che contengono moduli I/O locale, come illustrato nella Figura 3.

Figura 3 – Controllore Compact GuardLogix 5380 in un sistema autonomo

Controllore Compact GuardLogix 5380 Moduli analogici standard, digitali standard e digitali di
sicurezza Compact 5000 I/O

18 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sistemi e controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380 Capitolo 1

I controllori possono operare anche in sistemi più complessi, con dispositivi


collegati al controllore tramite una rete EtherNet/IP, come mostrato nella
Figura 4.

Figura 4 – Controllore Compact GuardLogix 5380 su una rete DLR EtherNet/IP

Controllore Compact GuardLogix 5380 Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O


Moduli analogici, digitali e di sicurezza Moduli analogici, digitali e di sicurezza
Compact 5000 I/O Compact 5000 I/O

Adattatore POINT I/O™ 1734


Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O
Moduli POINT I/O 1734
Moduli analogici, digitali e di sicurezza
Moduli POINT Guard I/O™ 1734
Compact 5000 I/O

Servoazionamenti Kinetix 5500


(con funzionalità di sicurezza
Safe torque off) Convertitore di frequenza PowerFlex 527
Modulo ArmorBlock® Guard I/O™ (abilitato CIP Safety)
serie 1732ES

I controllori Compact GuardLogix 5380 possono comunicare con dispositivi


di sicurezza su una rete DeviceNet tramite un dispositivo di collegamento
1788-EN2DN, come illustrato nella Figura 5.

Figura 5 – Controllore Compact GuardLogix 5380 collegato a dispositivi su una rete DeviceNet

Dispositivo di collegamento da
EtherNet a DeviceNet serie 1788

Rete DeviceNet

Modulo CompactBlock™ Modulo CompactBlock


Guard I/O™ serie 1791DS Guard I/O serie 1791DS

Modulo ArmorBlock Modulo ArmorBlock


Guard I/O serie Guard I/O serie 1732DS
1732DS

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 19


Capitolo 1 Sistemi e controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380

Progettazione del sistema Quando si progetta un sistema, è necessario decidere quali componenti del
sistema sono necessari per l’applicazione. La Tabella 2 descrive i componenti
Compact comunemente utilizzati nei sistemi di controllo CompactLogix 5380 e
CompactLogix GuardLogix Compact GuardLogix 5380.

Tabella 2 – Componenti del sistema


Componente Uso Necessario Ulteriori informazioni
Guida DIN Sistema di montaggio. Sì • Controllori CompactLogix 5380 –
Istruzioni per l’installazione,
Terminazione (5069-ECR) La terminazione consente di coprire le Sì pubblicazione 5069-IN013
IMPORTANTE: la terminazione viene interconnessioni esposte sull’ultimo modulo del
fornita di serie con il controllore. sistema. • Controllori Compact GuardLogix 5380 –
Se si omette di installare la terminazione prima di Istruzioni per l’installazione,
alimentare il sistema, sussiste il rischio di lesioni pubblicazione 5069-IN014
per folgorazione o di danni alle apparecchiature.
IMPORTANTE: la terminazione viene installata
dopo l’installazione dell’ultimo modulo sulla
guida DIN. Questa soluzione evita che la
terminazione vada oltre la posizione di blocco.
Se si spinge la terminazione oltre la posizione di
blocco o la si inserisce dalla direzione opposta, si
può danneggiare il connettore del bus di
alimentazione MOD e del bus di alimentazione
SA.
Morsettiere rimovibili Collegare al controllore questi tipi di Sì
alimentazione:
• Alimentazione MOD
• Alimentazione SA
Alimentatore esterno(1) Fornisce l’alimentazione del modulo (MOD) al Sì
sistema.
Alimentatore esterno(1) Fornisce l’alimentazione del sensore/attuatore Sì – Soltanto se il sistema richiede Alimentazione del sistema a pagina 25
(SA) al sistema. l’alimentazione SA.
In caso contrario, l’alimentatore
esterno non è necessario.
Applicazione Consente di configurare il progetto utilizzato per Sì • Requisiti minimi a pagina 15
Studio 5000 Logix Designer la definizione dell’attività del controllore durante • Creazione di un progetto
il funzionamento del sistema. dell’applicazione Logix Designer a
pagina 85
Software di comunicazione basato su Utilizzato per: Sì • Per il software di comunicazione
Linx • Assegnare un indirizzo IP al controllore. compatibile basato su Linx, vedere il
• Mantenere le comunicazioni sulla rete Product Compatibility and Download
EtherNet/IP. Center (PCDC).
• Connessione al controllore a pagina 55
Software ControlFLASH™ Aggiornamento del firmware del controllore Sì • Per il software ControlFLASH™
compatibile, vedere il Product
Compatibility and Download Center
(PCDC).
• Aggiornamento del firmware del
controllore a pagina 75
Porta di programmazione USB Esecuzione di operazioni che richiedono solo una – Collegare un cavo USB a pagina 64
connessione temporanea al controllore, ad
esempio quando si scarica un progetto o si
aggiorna il firmware
Porta Ethernet A1 Connessione a reti a livello di dispositivo – Capitolo 9,
Utilizzo delle modalità EtherNet/IP
Porta Ethernet A2 Connessione a questi tipi di rete: – a pagina 141
• Rete a livello aziendale
• Rete a livello di dispositivi

20 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sistemi e controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380 Capitolo 1

Tabella 2 – Componenti del sistema


Componente Uso Necessario Ulteriori informazioni
Scheda Secure Digital (SD) Memorizzazione di dati, come il progetto del Si raccomanda di lasciare la Utilizzo della scheda SD a pagina 117
IMPORTANTE: la scheda 1784-SD2 controllore e i dati diagnostici necessari scheda SD inserita, in modo che,
viene fornita di serie con il controllore. all’assistenza tecnica per ottenere informazioni in in caso di errore, i dati diagnostici
caso di errori irreversibili del controllore. vengano scritti automaticamente
sulla scheda.
Cavi Ethernet Utilizzati come: Sì Collegare un cavo Ethernet a pagina 63
• Accedere al controllore dalla workstation su
una rete EtherNet/IP per impostare l’indirizzo
IP, aggiornare il firmware, scaricare e caricare
progetti.
• Collegare il controllore a una rete EtherNet/IP
ed eseguire i task necessari per il normale
funzionamento.
Cavo USB Consente di accedere al controllore direttamente Sì – Solo se si eseguono le Collegare un cavo USB a pagina 64
dalla workstation per impostare l’indirizzo IP, operazioni elencate nella colonna
aggiornare il firmware, scaricare e caricare precedente tramite la porta USB.
progetti. Le operazioni possono essere
La porta USB è adatta solo per la eseguite anche attraverso le porte
programmazione locale temporanea e non è Ethernet del controllore.
previsto che sia collegata in modo permanente.
Dispositivi I/O di sicurezza integrati su Collegati ai dispositivi di ingresso e uscita di Sì per i controllori Compact Dispositivi I/O di sicurezza a pagina 199
rete EtherNet/IP sicurezza, ad esempio i moduli di sicurezza GuardLogix 5380.
Compact 5000 I/O o il modulo di sicurezza
multifunzione Guardmaster®.
IMPORTANTE: i controllori CompactLogix 5380
non possono utilizzare dispositivi di sicurezza.
Moduli Compact 5000 I/O™ Utilizzati come: Sì • Moduli I/O standard a pagina 177
• Moduli I/O standard locali installati nel • Dispositivi I/O di sicurezza a pagina 199
sistema CompactLogix 5380.
• Moduli I/O standard remoti accessibili dalla
rete EtherNet/IP
• Moduli I/O di sicurezza locali installati nel
sistema CompactLogix 5380
• Moduli I/O di sicurezza remoti accessibili dalla
rete EtherNet/IP
Dispositivi installati su una rete Varia in base al tipo di dispositivo. Esempi d’uso Sì • Moduli I/O standard a pagina 177
EtherNet/IP sono di seguito elencati. • Dispositivi I/O di sicurezza a pagina 199
• Moduli I/O standard remoti
• Moduli I/O di sicurezza remoti • Sviluppo di applicazioni di controllo assi a
• Switch Ethernet pagina 277
• Dispositivi per il controllo assi, ad esempio
servoazionamenti.
• Dispositivi di interfaccia operatore.
(1) Si consiglia di utilizzare alimentatori esterni separati per l’alimentazione MOD e per l’alimentazione SA.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 21


Capitolo 1 Sistemi e controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380

Caratteristiche dei La Tabella 3 elenca le caratteristiche disponibili sui controllori. Le


caratteristiche sono descritte in dettaglio nel resto di questo manuale.
controllori
Tabella 3 – Caratteristiche dei controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380
Funzione Controllori CompactLogix 5380 Controllori Compact GuardLogix 5380 Valore
Memoria utente 5069-L306ER, 5069-L306ERM 5069-L306ERS2, 5069-L306ERMS2 0,6 MB
5069-L310ER, 5069-L310ER-NSE, 5069-L310ERM 5069-L310ERS, 5069-L310ERMS2 1 MB
5069-L320ER, 5069-L320ERM 5069-L320ERS2, 5069-L320ERS2K, 2 MB
5069-L320ERMS2, 5069-L320ERMS2K
5069-L330ER, 5069-L330ERM 5069-L330ERS2, 5069-L330ERS2K, 3 MB
5069-L330ERMS2, 5069-L330ERMS2K
5069-L340ER, 5069-L340ERM 5069-L340ERS2, 5069-L340ERMS2 4 MB
5069-L350ERM 5069-L350ERS2, 5069-L350ERS2K, 5 MB
5069-L350ERMS2, 5069-L350ERMS2K
5069-L380ERM 5069-L380ERS2, 5069-L380ERMS2 8 MB
5069-L3100ERM 5069-L3100ERS2, 5069-L3100ERMS2 10 MB
Memoria di sicurezza – 5069-L306ERS2, 5069-L306ERMS2 0,3 MB
– 5069-L310ERS2, 5069-L310ERMS2 0,5 MB
– 5069-L320ERS2, 5069-L320ERS2K, 1 MB
5069-L320ERMS2, 5069-L320ERMS2K
– 5069-L330ERS2, 5069-L330ERS2K, 1,5 MB
5069-L330ERMS2, 5069-L330ERMS2K
– 5069-L340ERS2, 5069-L340ERMS2 2 MB
– 5069-L350ERS2, 5069-L350ERS2K, 2,5 MB
5069-L350ERMS2, 5069-L350ERMS2K
– 5069-L380ERS2, 5069-L380ERMS2 4 MB
– 5069-L3100ERS2, 5069-L3100ERMS2 5 MB
Task di controllo • 32 task
IMPORTANTE: i controllori Compact GuardLogix 5380 supportano un task di sicurezza. Il task di sicurezza è incluso nei
32 task totali disponibili con i controllori Compact GuardLogix 5380. Di conseguenza, i controllori Compact GuardLogix 5380
supportano 31 task standard.
• 1.000 programmi/task
• Task evento; tutti i trigger evento
Porte di comunicazione • 1 – Porta USB, 2.0 massima velocità, tipo B
• 2 – Porte Ethernet integrate, 10 Mbps, 100 Mbps, 1 Gbps
Topologie di reti EtherNet/IP supportate • DLR (Device Level Ring)
• A stella
• Lineare
Nodi EtherNet/IP supportati, max.(1) 5069-L306ER, 5069-L306ERM 5069-L306ERS2, 5069-L306ERMS2 16
5069-L310ER, 5069-L310ER-NSE, 5069-L310ERM 5069-L310ERS2, 5069-L310ERMS2 24
5069-L320ER, 5069-L320ERM 5069-L320ERS2, 5069-L320ERS2K, 40
5069-L320ERMS2, 5069-L320ERMS2K
5069-L330ER, 5069-L330ERM 5069-L330ERS2, 5069-L330ERS2K, 60
5069-L330ERMS2, 5069-L330ERMS2K
5069-L340ER, 5069-L340ERM 5069-L340ERS2, 5069-L340ERMS2 90
5069-L350ERM 5069-L350ERS2, 5069-L350ERS2K, 120
5069-L350ERMS2, 5069-L350ERMS2K
5069-L380ERM 5069-L380ERS2, 5069-L380ERMS2 150
5069-L3100ERM 5069-L3100ERS2, 5069-L3100ERMS2 180

22 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sistemi e controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380 Capitolo 1

Tabella 3 – Caratteristiche dei controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380 (continua)
Funzione Controllori CompactLogix 5380 Controllori Compact GuardLogix 5380 Valore
Modalità EtherNet/IP • Modalità lineare/DLR
• Modalità a doppio indirizzo IP – Disponibile con l’applicazione Logix Designer, versione 29.00.00 o successive.
Assi Integrated Motion supportati 5069-L306ERM 5069-L306ERMS2 2
IMPORTANTE: non tutti i controllori
CompactLogix 5380 o Compact GuardLogix 5069-L310ERM 5069-L310ERMS2 4
5380 supportano Integrated Motion su una 5069-L320ERM 5069-L320ERMS2, 5069-L320ERMS2K 8
rete EtherNet/IP. Solo i controllori con una “M”
nel numero di catalogo supportano questa 5069-L330ERM 5069-L330ERMS2, 5069-L330ERMS2K 16
funzione.
5069-L340ERM 5069-L340ERMS2 20
5069-L350ERM 5069-L350ERMS2, 5069-L350ERMS2K 24
5069-L380ERM 5069-L380ERMS2 28
5069-L3100ERM 5069-L3100ERMS2 32
Moduli I/O locali, max. 5069-L306ER, 5069-L306ERM, 5069-L310ER, 5069-L306ERMS2, 5069-L306ERS2, 8
5069-L310ER-NSE, 5069-L310ERM 5069-L310ERS2, 5069-L310ERMS2
5069-L320ER, 5069-L320ERM 5069-L320ERS2, 5069-L320ERS2K, 16
5069-L320ERMS2, 5069-L320ERMS2K
5069-L330ER(2), 5069-L330ERM(2), 5069-L340ER, 5069-L330ERS2, 5069-L330ERS2K, 31
5069-L340ERM, 5069-L350ERM, 5069-L380ERM, 5069-L330ERMS2, 5069-L330ERMS2K,
5069-L3100ERM 5069-L340ERS2, 5069-L340ERMS2,
5069-L350ERS2, 5069-L350ERS2K,
5069-L350ERMS2, 5069-L350ERMS2K,
5069-L380ERS2, 5069-L380ERMS2,
5069-L3100ERS2, 5069-L3100ERMS2
Linguaggi di programmazione • Programma ladder (LD) • Per il task di sicurezza, i controllori Compact GuardLogix supportano
• Testo strutturato (ST) solo il linguaggio ladder.
• Blocchi funzione (FBD) • Per i task standard, i controllori Compact GuardLogix supportano:
– Programma ladder (LD)
• Diagramma funzionale sequenziale (SFC) – Testo strutturato (ST)
– Blocchi funzione (FBD)
– Diagramma funzionale sequenziale (SFC)
Caratteristiche supportate dei controllori • Controllo dell’accesso ai dati • Controllo dell’accesso ai dati
• Firmware Supervisor • Firmware Supervisor
• Scheda Secure Digital (SD) • Scheda Secure Digital (SD)
• Connessioni standard • Connessioni standard
• Connessioni di sicurezza
(1) Un nodo è un dispositivo EtherNet/IP che viene aggiunto direttamente alla configurazione I/O e contribuisce al raggiungimento del numero massimo di nodi del controllore. Per ulteriori informazioni
sui nodi EtherNet/IP, vedere pagina 131.
(2) Quando si utilizza questo controllore con l’applicazione Logix Designer, versione 29.00.00, l’applicazione limita a 16 il numero di moduli I/O locali nel progetto. Per ulteriori informazioni, consultare
l’articolo 942580 nella Knowledgebase di Rockwell Automation®, “5380 CompactLogix controllers limited to 16 local Compact 5000 I/O modules in V29 of Studio 5000”. Il documento è disponibile
all’indirizzo http://www.rockwellautomation.com/knowledgebase.
Con l’applicazione Logix Designer, versione 30.00.00 o successive, il controllore supporta fino a 31 moduli I/O locali.

IMPORTANTE Quando si utilizza un controllore CompactLogix 5380 o


Compact GuardLogix 5380, non è necessario configurare un valore
di tempo di overhead del sistema.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 23


Capitolo 1 Sistemi e controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380

Caratteristiche supportate dai controllori


Compact GuardLogix 5380 tramite il task di sicurezza

I controllori Compact GuardLogix 5380 possono essere utilizzati nelle


applicazioni di sicurezza SIL 2/PLd tramite il task di sicurezza
nell’applicazione Logix Designer.

Nell’applicazione Logix Designer versione 31 o successiva, il task di sicurezza


supporta un sottoinsieme di caratteristiche supportate nel task standard,
elencate in questa tabella.

Funzione Applicazione Studio 5000 Logix Designer,


versione 31 o successiva
Task di sicurezza Task standard
Istruzioni Add-On X X
Allarmi ed eventi basati su istruzioni – X
Allarmi basati su tag – X
Registro controllore X X
Task evento(1) – X
Blocchi funzione (FBD) – X
Integrated Motion X(2) X
Istruzioni di sicurezza del servoazionamento X –
Programma ladder (LD) X X
Cambio di lingua X X
Protezione del sorgente basata su licenza – X
Importazione dei componenti del programma – X
Esportazione dei componenti del programma X X
Routine diagramma funzionale sequenziale (SFC) – X
Testo strutturato (ST) – X
(1) Sebbene il task di sicurezza non possa essere un task evento, è possibile attivare un task evento standard utilizzando l’istruzione
EVENT nel task di sicurezza.
(2) Limitatamente all’uso delle istruzioni di sicurezza con i servoazionamenti Kinetix 5700 ERS4.

IMPORTANTE Considerazione sulla sicurezza


I controllori Compact GuardLogix 5380 possono produrre tag standard unicast o multicast, ma possono
produrre tag di sicurezza solo unicast. I controllori possono consumare tag di sicurezza come unicast o
multicast.
Quando si configura un tag di sicurezza prodotto, è possibile configurare solo le opzioni di connessione
unicast. Logix Designer non consente di configurare le opzioni di connessione multicast.
Quando si configura un tag consumato, è necessario considerare le funzionalità del produttore:
• Se il produttore nell’albero I/O di questo controllore è un controllore GuardLogix 5580 o Compact
GuardLogix 5380 e si sta consumando un tag di sicurezza, è necessario configurare il tag consumato per
l’utilizzo di unicast.
• Se il produttore nell’albero I/O di questo controllore è un controllore GuardLogix 5570 o GuardLogix 5560
o un controllore Compact GuardLogix 5370, il tag di sicurezza consumato può essere configurato come
unicast o multicast. Un controllore GuardLogix 5560 richiede la versione 19.00.00 o successiva
dell’applicazione Studio 5000 Logix Designer per i tag di sicurezza unicast prodotti/consumati.

24 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sistemi e controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380 Capitolo 1

Alimentazione del sistema Il controllore fornisce alimentazione al sistema come indicato di seguito:

Compact • Alimentazione MOD – Alimentazione lato sistema che alimenta il


CompactLogix GuardLogix sistema e consente ai moduli di trasferire i dati ed eseguire la logica.

L’alimentazione lato sistema viene fornita mediante la morsettiera


rimovibile dell’alimentazione MOD.

• Alimentazione SA – Alimentazione lato campo che alimenta alcuni


moduli Compact 5000 I/O e i dispositivi lato campo connessi a tali
moduli.

L’alimentazione lato campo viene fornita mediante la morsettiera


rimovibile dell’alimentazione SA.

Prima di collegare l’alimentazione MOD e l’alimentazione SA a un sistema


CompactLogix 5380 o a un sistema Compact GuardLogix 5380, è necessario
tenere presenti alcune considerazioni e restrizioni specifiche.

Per ulteriori informazioni su come collegare l’alimentazione MOD e


l’alimentazione SA ai diversi sistemi, vedere quanto segue:

• Come alimentare i controllori CompactLogix 5380 – Capitolo 2 a


pagina 27

• Come alimentare i controllori Compact GuardLogix 5380 – Capitolo 3


a pagina 37

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 25


Capitolo 1 Sistemi e controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380

Note:

26 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 2

Come alimentare i controllori


CompactLogix 5380

Argomento Pagina
Due tipi di alimentazione 27
Alimentazione MOD 29
Alimentazione SA 30

Questo capitolo spiega come alimentare i controllori CompactLogix™ 5380


standard.

Per informazioni sull’alimentazione dei controllori


Compact GuardLogix® 5380, vedere Capitolo 3, Come alimentare i controllori
Compact GuardLogix 5380 a pagina 37.

Due tipi di alimentazione I controllori CompactLogix 5380 forniscono alimentazione al sistema come
indicato di seguito:

CompactLogix • Alimentazione MOD – Alimentazione lato sistema che alimenta il


sistema e consente ai moduli di trasferire i dati ed eseguire la logica.

L’alimentazione lato sistema viene fornita mediante la morsettiera


rimovibile dell’alimentazione MOD.

• Alimentazione SA – Alimentazione lato campo che alimenta alcuni


moduli Compact 5000 I/O™ e i dispositivi lato campo connessi a tali
moduli.

L’alimentazione lato campo viene fornita mediante la morsettiera


rimovibile dell’alimentazione SA.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 27


Capitolo 2 Come alimentare i controllori CompactLogix 5380

Per fornire l’alimentazione MOD e l’alimentazione SA, collegare alimentatori


esterni alle morsettiere rimovibili. La Figura 6 mostra le morsettiere rimovibili
su un controllore CompactLogix 5380.

Figura 6 – Morsettiere rimovibili di alimentazione MOD e SA su un controllore


CompactLogix 5380

Collegamento
alimentazione MOD

Collegamento
alimentazione SA

L’alimentazione parte dal controllore e attraversa la circuiteria interna del


modulo Compact 5000 I/O utilizzando i bus di alimentazione.

L’alimentazione MOD passa attraverso un bus di alimentazione MOD e


l’alimentazione SA attraverso un bus di alimentazione SA. I bus di
alimentazione MOD e SA sono isolati l’uno dall’altro.

IMPORTANTE Si raccomanda di utilizzare alimentatori esterni distinti per l’alimentazione


MOD e SA. In questo modo, si possono evitare conseguenze indesiderate
derivanti dall’utilizzo di un solo alimentatore.
Utilizzando alimentatori esterni separati, la perdita di alimentazione da
parte di un alimentatore non pregiudica la disponibilità di alimentazione da
parte dell’altro alimentatore. Ad esempio, se si utilizzano alimentatori
esterni separati per MOD e SA e si verifica una perdita dell’alimentazione SA,
rimane disponibile l’alimentazione MOD per il controllore
CompactLogix 5380 e i moduli Compact 5000 I/O. In tal modo il
trasferimento dei dati nel sistema non viene interrotto.

Per ulteriori informazioni sul collegamento dell’alimentazione MOD ed SA,


consultare Controllori CompactLogix 5380 – Istruzioni per l’installazione,
pubblicazione 5069-IN013.

28 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Come alimentare i controllori CompactLogix 5380 Capitolo 2

Alimentazione MOD L’alimentazione MOD è un’alimentazione CC necessaria per il funzionamento


di un sistema CompactLogix 5380.

CompactLogix IMPORTANTE Sul bus di alimentazione MOD è possibile utilizzare solo alimentazione CC.
Non collegare alimentazione CA al bus di alimentazione MOD.

Tenere presente quanto riportato di seguito.


• Ciascun modulo nel sistema CompactLogix 5380 assorbe corrente dal
bus di alimentazione MOD e trasferisce la corrente residua al modulo
successivo.
• L’alimentazione MOD consente ai moduli Compact 5000 I/O di
trasferire i dati e al controllore di eseguire la logica.
• Un sistema CompactLogix 5380 utilizza un solo bus di alimentazione
MOD.
• L’assorbimento di corrente continua totale attraverso il bus di
alimentazione MOD non deve essere superiore a 10 A, max,
a 18…32 V CC.
• Si consiglia di utilizzare un alimentatore esterno dimensionato in modo
adeguato per l’assorbimento di corrente totale del bus di alimentazione
MOD nel sistema.

Nel calcolo dell’assorbimento di corrente totale del bus di alimentazione


MOD nel sistema, è necessario considerare i requisiti della corrente di
spunto.

Figura 7 – Alimentatore esterno che fornisce alimentazione MOD

+
Alimentatore
24 V CC

Bus di alimentazione MOD

Quando l’alimentazione MOD è attiva, si verifica quanto riportato di seguito.

1. Il controllore CompactLogix 5380 assorbe corrente dal bus di


alimentazione MOD e trasferisce la corrente residua al modulo
successivo.
2. Il modulo successivo assorbe la corrente del bus di alimentazione MOD
e trasmette la corrente residua al modulo successivo.
3. Il processo prosegue finché i requisiti del bus di alimentazione MOD in
termini di corrente non vengono soddisfatti per tutti i moduli del
sistema.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 29


Capitolo 2 Come alimentare i controllori CompactLogix 5380

Per ulteriori informazioni sull’assorbimento di corrente dei moduli


Compact 5000 I/O dal bus di alimentazione MOD, consultare Compact 5000
I/O Modules Specifications Technical Data, pubblicazione 5069-TD001.

Alimentazione SA L’alimentazione SA fornisce alimentazione ai dispositivi collegati ad alcuni


moduli Compact 5000 I/O nel sistema CompactLogix 5380. L’alimentazione
SA è collegata al controllore tramite una morsettiera rimovibile di
CompactLogix alimentazione SA.

Tenere presente quanto riportato di seguito.

• Alcuni moduli Compact 5000 I/O assorbono corrente dal bus di


alimentazione SA e trasferiscono la corrente residua al modulo
successivo.

• Altri moduli Compact 5000 I/O si limitano a far passare corrente sul
bus di alimentazione SA fino al modulo successivo.

• Un sistema CompactLogix 5380 può avere più bus di alimentazione SA.


Il primo bus di alimentazione SA parte dal controllore e passa attraverso
i moduli I/O installati a destra del controllore.

Per creare un nuovo bus di alimentazione SA si utilizza un modulo di


distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD. Il nuovo bus di
alimentazione SA è isolato dal bus di alimentazione SA posto alla sua
sinistra nel sistema.

Per ulteriori informazioni sull’utilizzo di un modulo di


distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD in un sistema
CompactLogix 5380, vedere pagina 34.

• Se la fonte di alimentazione SA utilizza tensione CC, l’assorbimento


totale di corrente continua attraverso il bus di alimentazione SA non
deve essere superiore a 10 A, max a 18…32 V CC.

• Si consiglia di utilizzare un alimentatore esterno dimensionato in modo


adeguato per l’assorbimento di corrente totale del bus di alimentazione
SA su un singolo bus.

Nel calcolo dell’assorbimento di corrente totale del bus di alimentazione


SA nel sistema, è necessario considerare i requisiti di corrente di
spunto.

30 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Come alimentare i controllori CompactLogix 5380 Capitolo 2

• Le connessioni a un bus di alimentazione SA utilizzano un comune


condiviso. Tutti gli ingressi che assorbono corrente da un bus di
alimentazione SA per alimentare dispositivi lato campo generano,
attraverso la circuiteria, un segnale di ritorno al morsetto SA – sul
connettore di alimentazione SA.

IMPORTANTE Ogni bus di alimentazione SA ha un comune condiviso esclusivo,


dato che i bus di questo tipo sono completamente isolati l’uno
dall’altro.
In altre parole, il bus di alimentazione SA creato dal controllore
CompactLogix 5380 ha un comune condiviso. Se si utilizza un
modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD per
creare un nuovo bus di alimentazione SA nel sistema, il nuovo bus
disporrà del proprio comune condiviso per i moduli che assorbono
corrente da esso.

Figura 8 – Alimentatore esterno che fornisce alimentazione SA

Alimentatore +
CA o CC

Quando l’alimentazione SA è attiva si verifica quanto riportato di seguito.

1. Il controllore CompactLogix 5380 assorbe corrente dal bus di


alimentazione SA e fa passare la corrente residua al modulo successivo.

IMPORTANTE Il livello di corrente che il controllore CompactLogix 5380


assorbe dal bus di alimentazione SA è trascurabile. Assorbe 10 mA
(alimentazione CC), 25 mA (alimentazione CA).

2. Il modulo successivo porta a termine una delle operazioni di seguito


descritte.
– Se il modulo utilizza l’alimentazione SA, questo assorbe corrente dal
bus di alimentazione SA e fa passare la corrente residua al modulo
successivo.
– Se il modulo non utilizza la corrente del bus di alimentazione SA,
questo fa passare la corrente residua al modulo successivo.
3. Il processo prosegue finché tutti i requisiti del bus di alimentazione SA
in termini di corrente non vengono soddisfatti per tutti i moduli
presenti sul bus.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 31


Capitolo 2 Come alimentare i controllori CompactLogix 5380

Se il sistema include moduli CA e CC che richiedono l’alimentazione SA, è


necessario utilizzare un modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo
5069-FPD per creare un bus di alimentazione SA separato e suddividere i
moduli per tipo sui bus di alimentazione SA isolati.

Per ulteriori informazioni sull’assorbimento di corrente dei moduli


Compact 5000 I/O dal bus di alimentazione SA, consultare Compact 5000
I/O Modules Specifications Technical Data, pubblicazione 5069-TD001.

Monitoraggio dell’assorbimento di corrente sul bus di


alimentazione SA
Si consiglia di monitorare l’assorbimento di corrente sul bus di alimentazione
SA in termini di valore massimo, per modulo e complessivo per l’intero sistema
CompactLogix 5380.

È necessario assicurarsi che i moduli Compact 5000 I/O installati su un bus di


alimentazione SA non consumino più di 10 A. Se il consumo è superiore, è
necessario creare un altro bus di alimentazione SA.

Tenere in considerazione quanto riportato nell’esempio seguente.

• I valori considerati sono relativi allo scenario più sfavorevole, ovvero


tutti i moduli che assorbono la corrente del bus di alimentazione SA
assorbono il massimo disponibile sul modulo.

• Non tutti i moduli mostrati nella Figura 9 utilizzano la corrente del bus
di alimentazione SA. I moduli 5069-ARM e 5069-OW4I, ad esempio,
fanno solo passare la corrente del bus di alimentazione SA al modulo
successivo.

Altri moduli che non utilizzano la corrente del bus di alimentazione SA,
ma non sono mostrati nello schema, sono 5069-OB16, 5069-OB16F,
5069-OX4I e 5069-SERIAL.

32 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Come alimentare i controllori CompactLogix 5380 Capitolo 2

• Il valore massimo di corrente del bus di alimentazione SA a livello di


sistema è calcolato considerando l’assorbimento di corrente di ogni
modulo dal bus di alimentazione SA. Il calcolo inizia con il controllore.
L’assorbimento di corrente del bus di alimentazione SA del controllore
utilizzato per il calcolo è di 10 mA per l’alimentazione CC.

Nella Figura 9, dopo che il modulo 5069-IB16 nello slot 1 ha assorbito


la corrente del bus di alimentazione SA, la corrente massima del bus di
alimentazione SA del sistema è 210 mA.

Dopo che il modulo 5069-IB16 nello slot 2 ha assorbito la corrente del


bus di alimentazione SA, l’assorbimento di corrente del bus di alimenta-
zione SA del sistema è pari a 410 mA. Questo processo continua fino a
quando la corrente massima del bus di alimentazione SA del sistema è
pari a 7,160 A.

Figura 9 – Sistema CompactLogix 5380 – Calcolo dell’assorbimento di corrente del bus di


alimentazione SA

Bus di alimentazione MOD continua limitata a 10 A, max.

Bus di alimentazione SA continua limitata a 10 A, max.

Corrente nel bus di 10 mA 200 mA 200 mA 150 mA 0 mA 3A 3A 100 mA 100 mA 150 mA 250 mA
alimentazione SA per
modulo, max.

Corrente nel bus di alimentazione SA di sistema, max. = 7,160 A

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 33


Capitolo 2 Come alimentare i controllori CompactLogix 5380

Per creare un nuovo bus di alimentazione SA si utilizza un modulo


di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD

In un sistema CompactLogix 5380 è possibile utilizzare un modulo di


distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD per definire bus di
alimentazione SA aggiuntivi.

Il modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo blocca la corrente che


attraversa il bus di alimentazione SA alla sua sinistra. A questo punto, il
modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo crea un nuovo bus di
alimentazione SA per i moduli posizionati sulla destra. Il nuovo bus di
alimentazione SA è isolato dal bus di alimentazione SA posto alla sua sinistra
nel sistema.

È possibile collegare un alimentatore esterno a 24 V CC o 120/240 V CA a un


modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD in un sistema
CompactLogix 5380.

La Figura 10 mostra un sistema CompactLogix 5380 che utilizza un modulo di


distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD per creare un secondo
bus di alimentazione SA.

Figura 10 – Sistema CompactLogix 5380 – Creazione di un nuovo bus di alimentazione SA

Modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD

Bus di alimentazione MOD

Primo bus di alimentazione SA Secondo bus di alimentazione SA

Se necessario, è possibile installare più moduli di distribuzione


dell’alimentazione di campo 5069-FPD nello stesso sistema.

34 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Come alimentare i controllori CompactLogix 5380 Capitolo 2

Alimentazione SA – Note aggiuntive


• Altri esempi di configurazioni di sistema che utilizzano più bus di
alimentazione SA includono:
– I moduli presenti nel sistema assorbono complessivamente più di 10
A dall’alimentazione SA, ovvero la quantità massima di corrente che
un bus di alimentazione SA può fornire.
– I moduli all’interno del sistema devono essere isolati in base al tipo di
modulo, ad esempio moduli I/O digitali e moduli I/O analogici.
– I moduli nel sistema vengono isolati in funzione del tipo di
dispositivo lato campo cui sono collegati.

Ad esempio, è possibile separare i moduli collegati ai dispositivi lato


campo che utilizzano tensione CC dai moduli collegati ai dispositivi
lato campo che utilizzano tensione CA.

• La corrente effettiva in un sistema CompactLogix 5380 varia a seconda


delle condizioni operative in un determinato momento.

Ad esempio, l’assorbimento di corrente del bus di alimentazione SA su


alcuni moduli è diverso se i dispositivi di campo sono alimentati da tutti
i canali o solo da metà di questi.

• Alcuni moduli Compact 5000 I/O utilizzano l’alimentazione lato


campo, ma non la assorbono da un bus di alimentazione SA. Questi
moduli ricevono l’alimentazione lato campo da un alimentatore esterno
collegato direttamente al modulo I/O.

Ad esempio, i moduli 5069-OB16 e 5069-OB16F utilizzano i morsetti


dell’attuatore locale (LA) sulla morsettiera rimovibile del modulo,
ovvero i morsetti LA+ e LA– per tutti i canali del modulo.

In questo caso è possibile utilizzare lo stesso alimentatore esterno


collegato alla morsettiera rimovibile di alimentazione SA sul controllore
ai morsetti LA+ ed LA–.

IMPORTANTE È necessario prendere in considerazione il limite di corrente di un


alimentatore esterno se viene utilizzato per fornire alimentazione
alla morsettiera rimovibile di alimentazione SA sul controllore e ai
morsetti LA+ e LA– su un modulo 5069-OB16 o 5069-OB16F.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 35


Capitolo 2 Come alimentare i controllori CompactLogix 5380

Note:

36 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 3

Come alimentare i controllori


Compact GuardLogix 5380

Argomento Pagina
Due tipi di alimentazione 37
Alimentazione MOD 39
Alimentazione SA 40

Questo capitolo spiega come alimentare i controllori


Compact GuardLogix® 5380.

Per informazioni sull’alimentazione dei controllori CompactLogix® 5380


standard, vedere Capitolo 2, Come alimentare i controllori
CompactLogix 5380 a pagina 27.

Due tipi di alimentazione I controllori Compact GuardLogix 5380 forniscono alimentazione al sistema
come indicato di seguito:
Compact
GuardLogix • Alimentazione MOD – Alimentazione lato sistema che alimenta il
sistema e consente ai moduli di trasferire i dati ed eseguire la logica.

L’alimentazione lato sistema viene fornita mediante la morsettiera


rimovibile dell’alimentazione MOD.

• Alimentazione SA – Alimentazione lato campo che alimenta alcuni


moduli Compact 5000 I/O™ e i dispositivi lato campo connessi a tali
moduli.

L’alimentazione lato campo viene fornita mediante la morsettiera


rimovibile dell’alimentazione SA.

IMPORTANTE Sia l’alimentazione MOD che SA deve essere di tipo CC sul lato del
controllore. L’alimentazione CC per i controllori Compact GuardLogix deve
provenire da un alimentatore SELV/PELV.
Se si utilizza una tensione CA per i moduli I/O locali, è necessario effettuare il
collegamento attraverso un modulo di distribuzione dell’alimentazione di
campo 5069-FPD. Non è possibile terminare una tensione CA sul controllore.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 37


Capitolo 3 Come alimentare i controllori Compact GuardLogix 5380

Per fornire l’alimentazione MOD e l’alimentazione SA, collegare alimentatori


esterni alle morsettiere rimovibili. La Figura 11 mostra le morsettiere rimovibili
su un controllore Compact GuardLogix 5380.

Figura 11 – Morsettiere rimovibili di alimentazione MOD e SA su un controllore Compact


GuardLogix 5380

Connessione di
alimentazione MOD

Collegamento
alimentazione SA

L’alimentazione parte dal controllore e attraversa la circuiteria interna del


modulo Compact 5000 I/O utilizzando i bus di alimentazione.

L’alimentazione MOD passa attraverso un bus di alimentazione MOD e


l’alimentazione SA attraverso un bus di alimentazione SA. I bus di
alimentazione MOD e SA sono isolati l’uno dall’altro.

IMPORTANTE Si raccomanda di utilizzare alimentatori esterni distinti per l’alimentazione


MOD e SA. In questo modo, si possono evitare conseguenze indesiderate
derivanti dall’utilizzo di un solo alimentatore.
Utilizzando alimentatori esterni separati, la perdita di alimentazione da
parte di un alimentatore non pregiudica la disponibilità di alimentazione da
parte dell’altro alimentatore. Ad esempio, se si utilizzano alimentatori
esterni separati per MOD e SA e si verifica una perdita di alimentazione SA,
rimane disponibile l’alimentazione MOD per il controllore
Compact GuardLogix 5380 e i moduli Compact 5000 I/O. In tal modo il
trasferimento dei dati nel sistema non viene interrotto.

Per ulteriori informazioni sul collegamento all’alimentazione MOD e SA,


consultare Compact GuardLogix 5380 SIL 2 Controllers Installation
Instructions, pubblicazione 5069-IN014.

38 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Come alimentare i controllori Compact GuardLogix 5380 Capitolo 3

Alimentazione MOD L’alimentazione MOD è l’alimentazione CC necessaria per il funzionamento


di un sistema Compact GuardLogix 5380. Tenere presente quanto riportato di
Compact seguito.
GuardLogix
• Per fornire alimentazione MOD ai controllori
Compact GuardLogix 5380 è necessario utilizzare alimentatori
SELV o PELV.

• Ciascun modulo nel sistema Compact GuardLogix 5380 assorbe


corrente dal bus di alimentazione MOD e fa passare la corrente residua
al modulo successivo.

• L’alimentazione MOD consente ai moduli Compact 5000 I/O di


trasferire i dati e al controllore di eseguire la logica.

• Un sistema Compact GuardLogix 5380 utilizza un solo bus di


alimentazione MOD.

• È necessario limitare l’alimentazione MOD a 5 A, max, a 18…32 V CC.

• Si consiglia di utilizzare un alimentatore SELV/PELV esterno


dimensionato in modo adeguato per l’assorbimento di corrente totale
del bus di alimentazione MOD nel sistema. Nel calcolo
dell’assorbimento di corrente totale del bus di alimentazione MOD
nel sistema, è necessario considerare i requisiti di spunto.

Figura 12 – Alimentatore esterno che fornisce alimentazione MOD

24 V CC +
Alimentatore
SELV/PELV –

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 39


Capitolo 3 Come alimentare i controllori Compact GuardLogix 5380

Bus di alimentazione MOD

Quando l’alimentazione MOD è attiva, si verifica quanto riportato di seguito.

1. Il controllore Compact GuardLogix 5380 assorbe corrente dal bus di


alimentazione MOD e fa passare la corrente residua al modulo
successivo.
2. Il modulo successivo assorbe la corrente del bus di alimentazione MOD
e trasmette la corrente residua al modulo successivo.
3. Il processo prosegue finché i requisiti del bus di alimentazione MOD in
termini di corrente non vengono soddisfatti per tutti i moduli del
sistema.

Per ulteriori informazioni sull’assorbimento di corrente dei moduli


Compact 5000 I/O dal bus di alimentazione MOD, consultare Compact 5000
I/O Modules Specifications Technical Data, pubblicazione 5069-TD001.

Alimentazione SA L’alimentazione SA fornisce alimentazione ai dispositivi collegati ad alcuni


moduli Compact 5000 I/O nel sistema Compact GuardLogix 5380.
Compact L’alimentazione SA è collegata al controllore tramite una morsettiera
GuardLogix rimovibile di alimentazione SA.

Tenere presente quanto riportato di seguito.

IMPORTANTE Restrizioni più specifiche si applicano quando si collega l’alimentazione SA a


un controllore Compact GuardLogix 5380 o a un modulo di distribuzione
dell’alimentazione di campo 5069-FPD.
Per ulteriori informazioni, vedere pagina 45.

• Per fornire alimentazione SA ai controllori Compact GuardLogix 5380


è necessario utilizzare alimentatori SELV o PELV.

• Se l’alimentazione SA utilizza tensione CC, è necessario limitare


l’alimentazione SA a 10 A, max a 18…32 V CC.

• Alcuni moduli Compact 5000 I/O assorbono corrente dal bus di


alimentazione SA e trasferiscono la corrente residua al modulo
successivo.

• Altri moduli Compact 5000 I/O si limitano a far passare corrente sul
bus di alimentazione SA fino al modulo successivo.

• Se l’alimentazione SA è costituita da un alimentatore CA o un


alimentatore CC non SELV/PELV, è necessario eseguire la terminazione
da un modulo di distribuzione dell’alimentazione lato campo prima di
utilizzare l’alimentazione sul bus di alimentazione SA.

40 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Come alimentare i controllori Compact GuardLogix 5380 Capitolo 3

• Un sistema Compact GuardLogix 5380 può avere più bus di


alimentazione SA. Il primo bus di alimentazione SA parte dal
controllore e passa attraverso i moduli I/O installati a destra del
controllore.

Per creare un nuovo bus di alimentazione SA si può utilizzare un modulo


di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD. Il nuovo bus di
alimentazione SA è isolato dal bus di alimentazione SA posto alla sua
sinistra nel sistema.

Per ulteriori informazioni sull’utilizzo di un modulo


di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD in un
sistema CompactLogix 5380, vedere pagina 44.

• Si consiglia di utilizzare un alimentatore esterno dimensionato in modo


adeguato per l’assorbimento di corrente totale del bus di alimentazione
SA su un singolo bus. Nel calcolo dell’assorbimento di corrente totale del
bus di alimentazione SA su un bus specifico, è necessario considerare i
requisiti di corrente di spunto.

• Le connessioni a un bus di alimentazione SA utilizzano un comune


condiviso. Tutti gli ingressi che assorbono corrente da un bus di
alimentazione SA per alimentare dispositivi lato campo generano,
attraverso la circuiteria, un segnale di ritorno al morsetto SA sul
connettore di alimentazione SA.

IMPORTANTE Ogni bus di alimentazione SA ha un comune condiviso esclusivo,


dato che i bus di questo tipo sono completamente isolati l’uno
dall’altro.
In altre parole, il bus di alimentazione SA creato dal controllore ha
un comune condiviso. Se si utilizza un modulo di distribuzione
dell’alimentazione di campo 5069-FPD per creare un nuovo bus di
alimentazione SA nel sistema, il nuovo bus disporrà del proprio
comune condiviso per i moduli che assorbono corrente da esso.

Figura 13 – Alimentatore esterno che fornisce alimentazione SA

Alimentatore +
SELV/PELV
24 V CC –

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 41


Capitolo 3 Come alimentare i controllori Compact GuardLogix 5380

Quando l’alimentazione SA è attiva si verifica quanto riportato di seguito.

1. Il controllore assorbe corrente dal bus di alimentazione SA e fa passare la


corrente residua al modulo successivo.

IMPORTANTE Il livello di corrente che il controllore Compact GuardLogix 5380


assorbe dal bus di alimentazione SA è trascurabile, limitato a 10 mA.

2. Il modulo successivo porta a termine una delle operazioni di seguito


descritte.
– Se il modulo utilizza l’alimentazione SA, questo assorbe corrente dal
bus di alimentazione SA e fa passare la corrente residua al modulo
successivo.
– Se il modulo non utilizza la corrente del bus di alimentazione SA,
questo fa passare la corrente residua al modulo successivo.
3. Il processo prosegue finché tutti i requisiti del bus di alimentazione SA
in termini di corrente non vengono soddisfatti per tutti i moduli
presenti sul bus.

Per ulteriori informazioni sull’assorbimento di corrente dei moduli


Compact 5000 I/O dal bus di alimentazione SA, consultare
Compact 5000 I/O Modules and EtherNet/IP Adapters Technical Data,
pubblicazione 5069-TD001.

42 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Come alimentare i controllori Compact GuardLogix 5380 Capitolo 3

Monitoraggio dell’assorbimento di corrente sul bus di


alimentazione SA

Si consiglia di monitorare l’assorbimento di corrente sul bus di alimentazione


SA in termini di valore massimo, per modulo e complessivo per l’intero sistema
Compact GuardLogix 5380. È necessario assicurarsi che i moduli Compact
5000 I/O installati su un bus di alimentazione SA non consumino più di 10 A.
Se il consumo è superiore, è necessario creare un altro bus di alimentazione SA.
Tenere in considerazione quanto riportato nell’esempio seguente.
• I valori considerati sono relativi allo scenario più sfavorevole, ovvero
tutti i moduli che assorbono la corrente del bus di alimentazione SA
assorbono il massimo disponibile sul modulo.
• Non tutti i moduli mostrati nella Figura 14 a pagina 43 utilizzano la
corrente del bus di alimentazione SA. Ad esempio, i moduli
5069-OBV8S, 5069-ARM e 5069-OB16 si limitano a trasmettere la
corrente del bus di alimentazione SA al modulo successivo. Altri moduli
che non utilizzano la corrente del bus di alimentazione SA, ma non sono
mostrati nello schema, sono 5069-OB16F e 5069-OX4I.
• Il valore massimo di corrente del bus di alimentazione SA a livello di
sistema è calcolato considerando l’assorbimento di corrente di ogni
modulo dal bus di alimentazione SA. Il calcolo inizia con il controllore.
L’assorbimento di corrente del bus di alimentazione SA del controllore
utilizzato per il calcolo è di 10 mA per l’alimentazione CC.
In Figura 14, dopo che il modulo 5069-IB8S nello slot 1 ha assorbito la
corrente del bus di alimentazione SA, la corrente massima del bus di
alimentazione SA del sistema è 90 mA.
Dopo che il modulo 5069-IB8S nello slot 2 ha assorbito la corrente del
bus di alimentazione SA, l’assorbimento di corrente del bus di alimenta-
zione SA del sistema è pari a 170 mA. Questo processo continua fino a
quando la corrente massima del bus di alimentazione SA del sistema è
pari a 1,27 A.

Figura 14 – Sistema Compact GuardLogix 5380 – Calcolo dell’assorbimento di corrente del bus
di alimentazione SA

Bus di alimentazione MOD continua limitata a 5 A, max

Bus di alimentazione SA continua limitata a 10 A, max.

Corrente nel bus di 10 mA 80 mA 80 mA 0 mA 0 mA 900 mA 0 mA 100 mA 100 mA 0 mA 0 mA


alimentazione SA per
modulo, max.

Corrente nel bus di alimentazione SA di sistema, max. = 1,27 A

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 43


Capitolo 3 Come alimentare i controllori Compact GuardLogix 5380

Per creare un nuovo bus di alimentazione SA si utilizza un modulo


di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD

IMPORTANTE Se si utilizzano moduli relè Compact 5000 I/O locali o una tensione CA per i
moduli Compact 5000 I/O locali, è necessario effettuare il collegamento
attraverso un modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo
5069-FPD. Non è possibile terminare una tensione CA sul controllore.

In un sistema Compact GuardLogix 5380 è possibile utilizzare un modulo di


distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD per definire bus di
alimentazione SA aggiuntivi.
Il modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo blocca la corrente che
attraversa il bus di alimentazione SA alla sua sinistra. A questo punto, il
modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo crea un nuovo bus di
alimentazione SA per i moduli posizionati sulla destra. Il nuovo bus di
alimentazione SA è isolato dal bus di alimentazione SA posto alla sua sinistra
nel sistema.
È possibile collegare un alimentatore esterno a 24 V CC o 120/240 V CA a un
modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD in un sistema
Compact GuardLogix 5380.

IMPORTANTE Si applicano alcune restrizioni quando si collega l’alimentazione SA a un


modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD.
Per ulteriori informazioni, vedere pagina 45.

La Figura 15 mostra un sistema Compact GuardLogix 5380 che utilizza un


modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD per creare un
secondo bus di alimentazione SA.

Figura 15 – Sistema Compact GuardLogix 5380 – Creazione di un bus di alimentazione SA


Modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD

Bus di alimentazione MOD

Primo bus di alimentazione SA Secondo bus di alimentazione SA

Se necessario, è possibile installare più moduli di distribuzione


dell’alimentazione di campo 5069-FPD nello stesso sistema.

44 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Come alimentare i controllori Compact GuardLogix 5380 Capitolo 3

Restrizioni quando si collega l’alimentazione SA a un sistema


Compact GuardLogix 5380

Tenere presenti le restrizioni riportate nella Tabella 4 quando si collega


l’alimentazione SA a un sistema Compact GuardLogix 5380.
Tabella 4 – Restrizioni di alimentazione SA – Sistema Compact GuardLogix 5380
Componente a cui è collegata Restrizioni
l’alimentazione SA
Controllore • Per fornire alimentazione SA ai controllori Compact GuardLogix 5380 è necessario utilizzare alimentatori SELV/PELV.
Compact GuardLogix 5380 • È possibile collegare solo un alimentatore SELV/PELV da 24 V CC.
• L’assorbimento totale di corrente continua attraverso il bus di alimentazione SA non deve superare 10 A, max. a 0…32 V CC.
Esempio di sistema Compact GuardLogix

Alimentatore +
SELV 24 V CC Alimentazione MOD –
– da alimentatore SELV

Modulo di ingresso standard e di sicurezza


Compact 5000 I/O 24 V CC

Bus di alimentazione SA –
da alimentatore SELV

+
Alimentatore
SELV 24 V CC

Messa a terra

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 45


Capitolo 3 Come alimentare i controllori Compact GuardLogix 5380

Tabella 4 – Restrizioni di alimentazione SA – Sistema Compact GuardLogix 5380


Componente a cui è collegata Restrizioni
l’alimentazione SA
Modulo di distribuzione Oltre alle restrizioni indicate a pagina 45, si applicano anche le restrizioni seguenti:
dell’alimentazione di campo • È possibile utilizzare alimentatori non SELV o PELV se a destra del modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD sono
5069-FPD solo con moduli standard installati solo moduli standard Compact 5000 I/O.
Compact 5000 I/O • È possibile collegare un alimentatore a 24 V CC o 120/240 V CA. L’esempio utilizza un alimentatore da 120/240 V CA.
– Se l’alimentazione SA collegata al modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD è in tensione CC, l’assorbimento
totale di corrente continua attraverso il bus di alimentazione SA non deve essere superiore a 10 A, max a 0…32 V CC.
– Se un sistema Compact GuardLogix 5380 include moduli relè Compact 5000 I/O (5069-OW4I, 5069-OX4I, 5069-OW16) o moduli I/O
che richiedono un’alimentazione SA in tensione CA, è necessario installare questi moduli a destra di un modulo di distribuzione
dell’alimentazione di campo 5069-FPD, come illustrato.
IMPORTANTE: questo requisito si applica anche se significa che è necessario installare il modulo di distribuzione dell’alimentazione
di campo 5069-FPD subito a destra del controllore Compact GuardLogix 5380.
• Se un sistema Compact GuardLogix 5380 include moduli standard Compact 5000 I/O che utilizzano l’alimentazione SA fornita da un
alimentatore non SELV/PELV, i moduli I/O devono essere installati a destra di un modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo
5069-FPD.
IMPORTANTE: il bus di alimentazione SA creato dal modulo di distribuzione dell’alimentazione di campo 5069-FPD non può includere
moduli di sicurezza Compact 5000 I/O.
Esempio di sistema Compact GuardLogix

Alimentatore +
SELV 24 V CC
Alimentazione MOD – da alimentatore SELV

Modulo di ingresso standard e di sicurezza

Moduli relè Compact 5000 I/O 24 V CC


Compact 5000 I/O 120/240 V CA
Moduli di ingresso standard
Compact 5000 I/O 24 V CC

Bus di alimentazione SA – Bus di alimentazione SA – Bus di alimentazione SA –


da alimentatore SELV da alimentatore standard da alimentatore standard o
SELV

Alimentatore + Alimentatore + Alimentatore +


SELV 24 V CC standard standard o SELV
120/240 V CA – 24 V CC –

Messa a terra Messa a terra Messa a terra

46 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Come alimentare i controllori Compact GuardLogix 5380 Capitolo 3

Tabella 4 – Restrizioni di alimentazione SA – Sistema Compact GuardLogix 5380


Componente a cui è collegata Restrizioni
l’alimentazione SA
Modulo di distribuzione Oltre alle restrizioni indicate a pagina 45 e pagina 46, si applica anche la restrizione seguente:
dell’alimentazione di campo • Per fornire alimentazione SA ai moduli di sicurezza Compact 5000 I/O installati a destra del modulo di distribuzione dell’alimentazione
5069-FPD di campo 5069-FPD, è necessario utilizzare alimentatori SELV o PELV.
Con moduli Compact 5000 I/O di
sicurezza e standard
Esempio di sistema Compact GuardLogix

Alimentatore +
SELV 24 V CC
Alimentazione MOD – da alimentatore SELV

Modulo di ingresso standard e di sicurezza

Modulo di uscita standard e di sicurezza


Compact 5000 I/O 120/240 V CA
Modulo di ingresso standard
Compact 5000 I/O 24 V CC

Compact 5000 I/O 24 V CC


Bus di alimentazione SA – Bus di alimentazione SA – Bus di alimentazione SA –
da alimentatore SELV da alimentatore standard da alimentatore SELV

Alimentatore + Alimentatore + Alimentatore +


SELV 24 V CC standard SELV 24 V CC
– 120/240 V CA – –

Messa a terra Messa a terra Messa a terra

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 47


Capitolo 3 Come alimentare i controllori Compact GuardLogix 5380

Alimentazione SA – Note aggiuntive

• Altri esempi di configurazioni di sistema che utilizzano più bus di


alimentazione SA includono:

– I moduli presenti nel del sistema assorbono complessivamente più di


10 A dall’alimentazione SA, ovvero la quantità massima di corrente
che un bus di alimentazione SA può fornire.
– I moduli all’interno del sistema devono essere isolati in base al tipo di
modulo, ad esempio moduli I/O digitali e moduli I/O analogici.
– I moduli nel sistema vengono isolati in funzione del tipo di
dispositivo lato campo cui sono collegati.

Ad esempio, è possibile separare i moduli collegati ai dispositivi lato


campo che utilizzano tensione CC dai moduli collegati ai dispositivi
lato campo che utilizzano tensione CA.

• In un sistema Compact GuardLogix 5380 la corrente effettiva varia in


base alle condizioni operative in un determinato momento.

Ad esempio, l’assorbimento di corrente del bus di alimentazione SA su


alcuni moduli è diverso se i dispositivi di campo sono alimentati da tutti
i canali o solo da metà di questi.

• Alcuni moduli Compact 5000 I/O utilizzano l’alimentazione lato


campo, ma non la assorbono da un bus di alimentazione SA. Questi
moduli ricevono l’alimentazione lato campo da un alimentatore esterno
collegato direttamente al modulo I/O.

Ad esempio, i moduli 5069-OB16, 5069-OB16F e 5069-OBV8S


utilizzano i morsetti dell’attuatore locale (LA) sulla morsettiera
rimovibile del modulo, ovvero i morsetti LA+ e LA– per tutti i canali
del modulo.

In questo caso è possibile utilizzare lo stesso alimentatore esterno


collegato alla morsettiera rimovibile di alimentazione SA sul controllore
ai morsetti LA+ ed LA–.

IMPORTANTE È necessario prendere in considerazione il limite di corrente di un


alimentatore esterno se viene utilizzato per fornire alimentazione
alla morsettiera rimovibile di alimentazione SA sul controllore e ai
morsetti LA+ e LA– su un modulo 5069-OB16, 5069-OB16F o
5069-OBV8S. Il modulo 5069-OBV8S richiede un alimentatore
SELV/PELV.

48 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 4

Concetto di sicurezza dei controllori


Compact GuardLogix 5380

Argomento Pagina
Sicurezza funzionale 49
Numero della rete di sicurezza 50
Firma di sicurezza 51
Distinzione tra componenti standard e di sicurezza 51
Capacità del flusso di dati del controllore 52
Terminologia della sicurezza 53

Sicurezza funzionale Il sistema di controllori Compact GuardLogix® 5380 è certificato per l’uso in
applicazioni di sicurezza fino al livello SIL 2/PLd compreso, dove lo stato
Compact diseccitato è lo stato di sicurezza.
GuardLogix
Le applicazioni di sicurezza SIL 2/PLd basate sul controllore
Compact GuardLogix 5380 richiedono l’uso di una firma di sicurezza.

Per i requisiti dei sistema di sicurezza SIL 2/PLd, compresi gli intervalli dei test
di validazione funzionale, i tempi di risposta del sistema e i calcoli PFD/PFH,
fare riferimento alla pubblicazione 1756-RM012, GuardLogix 5580 and
Compact GuardLogix 5380 Controller Systems Safety Reference Manual.

È necessario leggere, comprendere e rispettare tali requisiti prima di utilizzare


un sistema di sicurezza Compact GuardLogix SIL 2/PLd.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 49


Capitolo 4 Concetto di sicurezza dei controllori Compact GuardLogix 5380

Numero della rete Il numero della rete di sicurezza (SNN) identifica in modo univoco le sottoreti
CIP Safety all’interno di una rete di sicurezza instradabile. La combinazione
di sicurezza SNN + indirizzo di nodo identifica in modo univoco ogni porta CIP Safety su
ogni dispositivo nella rete di sicurezza instradabile.
Compact
GuardLogix
L’applicazione assegna un numero SNN a ogni sottorete CIP Safety collegata a
un controllore Compact GuardLogix 5380, incluso il backplane. Se in una rete
Ethernet collegata sono presenti altri controllori Logix Safety, assegnare lo
stesso numero SNN per questa rete in ogni applicazione del controllore. In
questo modo è possibile utilizzare l’assegnazione automatica dei numeri di rete
di sicurezza di Logix Designer per i dispositivi aggiunti all’applicazione.

Per una spiegazione del numero della rete di sicurezza (SNN), vedere
GuardLogix 5580 and Compact GuardLogix 5380 Controller Systems Safety
Reference Manual, pubblicazione 1756-RM012.

Per informazioni su come assegnare il numero SNN, consultare Assegnare il


numero della rete di sicurezza (SNN) a pagina 88.

50 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Concetto di sicurezza dei controllori Compact GuardLogix 5380 Capitolo 4

Firma di sicurezza La firma di sicurezza è costituita da un numero ID, dalla data e dall’ora che
identificano in modo univoco la parte di sicurezza di un progetto. La firma
Compact comprende la logica di sicurezza, i dati e la configurazione.
GuardLogix
Il sistema Compact GuardLogix 5380 utilizza la firma di sicurezza per
determinare l’integrità del progetto e consentire di verificare che nel
controllore di destinazione venga scaricato il progetto corretto. La creazione, la
registrazione e la verifica della firma di sicurezza sono passaggi obbligatori del
processo di sviluppo dell’applicazione di sicurezza.

Per il funzionamento del controllore come controllore di sicurezza SIL 2/PLd,


la firma di sicurezza deve essere presente.

Per ulteriori informazioni, vedere Generare la firma di sicurezza a pagina 262.

Distinzione tra componenti Gli slot di uno chassis del sistema Compact GuardLogix 5380 non utilizzati
dalla funzione di sicurezza possono essere occupati da altri moduli
standard e di sicurezza Compact 5000 I/O™ certificati in base alle direttive EMC e sulla bassa
tensione. Vedere http://www.rockwellautomation.com/rockwellautomation/
Compact
GuardLogix
certification/ce.page per trovare il certificato CE per la famiglia di prodotti
CompactLogix e determinare i moduli certificati.

È necessario creare e documentare una distinzione chiara, logica e visibile tra i


componenti standard e quelli di sicurezza del progetto del controllore. Per
operare questa distinzione, l’applicazione Studio 5000 Logix Designer® dispone
di icone di identificazione della sicurezza per identificare task di sicurezza,
programmi di sicurezza, routine di sicurezza e componenti di sicurezza.

Inoltre, l’applicazione Logix Designer mostra un attributo di classe di sicurezza


ogni volta che si visualizzano task di sicurezza, programmi di sicurezza, routine
di sicurezza, tag di sicurezza o proprietà delle istruzioni Add-On di sicurezza.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 51


Capitolo 4 Concetto di sicurezza dei controllori Compact GuardLogix 5380

Capacità del flusso di dati del Questa figura illustra le capacità dei flussi di dati standard e di sicurezza del
controllore Compact GuardLogix 5380.
controllore
Figura 16 – Capacità del flusso di dati

Controllore Compact GuardLogix 5380


Compact
GuardLogix Standard Safety
Safety Task
Standard Tasks
Safety Programs
Standard Programs
Safety Routines
Standard Routines

Program Safety Data


Program Data

Controller Standard Tags Controller Safety Tags

N. Descrizione
1 I tag e la logica standard funzionano come in un controllore CompactLogix 5380 standard.
2 I dati di tag standard, dell’ambito del programma o del controllore, possono essere scambiati con dispositivi
di interfaccia operatore, personal computer ed altri controllori esterni.
3 I controllori Compact GuardLogix 5380 sono controllori integrati che permettono di spostare (mappare) dati
dei tag standard in tag di sicurezza per utilizzarli all’interno del task di sicurezza. Questo è il solo modo per
acquisire i data dei tag standard nel task di sicurezza. La logica di sicurezza nel task di sicurezza non può
leggere o scrivere il tag standard di origine nel trasferimento dati della mappatura dei tag; può solo fare
riferimento alla destinazione del tag di sicurezza della mappatura. Può tuttavia leggere e scrivere il tag di
sicurezza.

ATTENZIONE: I dati tag mappati non devono essere utilizzati per


controllare direttamente un’uscita SIL 2/PLd.

4 I tag di sicurezza dell’ambito del controllore possono essere letti direttamente dalla logica standard.
5 I tag di sicurezza possono essere letti o scritti dalla logica di sicurezza.
6 I tag di sicurezza possono essere scambiati tra i controllori di sicurezza nelle reti Ethernet, compresi i
controllori GuardLogix 1756 e Compact GuardLogix 5069.
7 I dati di tag di sicurezza, dell’ambito del programma o del controllore, possono essere letti da dispositivi
esterni, quali dispositivi di interfaccia operatore, personal computer ed altri controllori standard. I dispositivi
esterni non possono scrivere sui tag di sicurezza (indipendentemente dal fatto che il controllore sia protetto
o meno).
Dopo essere stati letti, tali dati sono considerati di tipo standard e non SIL 2/PLd.

52 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Concetto di sicurezza dei controllori Compact GuardLogix 5380 Capitolo 4

Terminologia della sicurezza La seguente tabella definisce i termini utilizzati nel presente manuale.

Abbreviazione Termine completo Definizione


1oo1 Uno di uno Identifica l’architettura del controllore elettronico programmabile. 1oo1 è un sistema a canale singolo.
1oo2 Uno di due Identifica l’architettura del controllore elettronico programmabile. 1oo2 è un sistema a doppio canale.
CIP Safety Common Industrial Protocol – Versione SIL 2/PLd del protocollo CIP.
Safety Certified
DC Copertura diagnostica Il rapporto tra tasso di guasto rilevato e tasso di guasto totale.
PFD Probability of Failure on Demand La probabilità media di un sistema di non adempiere alla sua funzione di progetto su domanda.
PFH Probability of Failure per Hour La probabilità per un sistema di subire un guasto pericoloso all’ora.
PL Livello prestazionale Classificazione della sicurezza ISO 13849-1.
SIL Safety Integrity Level (livello di Un livello relativo di riduzione dei rischi assicurato da una funzione di sicurezza, o usato per specificare un livello
integrità della sicurezza) di riferimento di riduzione dei rischi.
SIL CL SIL Claim Limit Il livello di integrità della sicurezza (SIL) massimo conseguibile.
SNN Numero della rete di sicurezza Un numero univoco che identifica una sezione della rete di sicurezza.
UNID ID nodo univoco (detto anche Il riferimento univoco del nodo è una combinazione del numero della rete di sicurezza (SNN) e dell’indirizzo del
riferimento univoco del nodo) nodo.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 53


Capitolo 4 Concetto di sicurezza dei controllori Compact GuardLogix 5380

Note:

54 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 5

Connessione al controllore

Argomento Pagina
Configurazione dei driver EtherNet/IP e USB sulla workstation 56
Opzioni di connessione 63
Impostazione dell’indirizzo IP del controllore 65
Aggiornamento del firmware del controllore 75

Compact
La connessione a un controllore avviene tramite un software basato su Linx.
CompactLogix GuardLogix Per utilizzare il software basato su Linx, è necessario utilizzare un driver di
comunicazione corrispondente alle connessioni dei cavi.

Ad esempio, prima di connettersi al controllore tramite un cavo Ethernet, è


necessario creare un driver EtherNet/IP con il software basato su Linx.

SUGGERIMENTO Le procedure di esempio riportate in questo capitolo utilizzano RSLinx®


Classic. Per altri software di comunicazione basati su Linx, la procedura
può differire leggermente. Consultare la guida online del software
basato su Linx in uso.

Per l’esecuzione delle operazioni di seguito elencate è necessario un driver di


comunicazione:

• Upload e download di progetti applicativi di


Studio 5000 Logix Designer®

• Aggiornamento del firmware del controllore

• Impostazione o modifica dell’indirizzo IP del controllore

• Acquisizione dei dati del controllore per interfacce operatore


elettroniche su una rete Ethernet

• Connessione di RSNetWorx™ per EtherNet/IP alla rete Ethernet per il


monitoraggio online dell’utilizzo delle risorse di rete.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 55


Capitolo 5 Connessione al controllore

Configurazione dei driver Prima di effettuare la connessione al controllore tramite la porta Ethernet o
USB, è necessario configurare il driver EtherNet/IP o USB nel software basato
EtherNet/IP e USB sulla su Linx della propria workstation.
workstation
Una workstation che esegue l’applicazione Studio 5000 Logix Designer può
Compact utilizzare questi driver di comunicazione:
CompactLogix GuardLogix
• Driver EtherNet/IP:

– Supporta la comunicazione in runtime.


– Richiede che la workstation e il controllore siano configurati.
– Supporta le comunicazioni su distanze più lunghe rispetto al driver
USB.

• Driver di dispositivi Ethernet:

– Consente di scaricare un progetto dell’applicazione Logix Designer


su un controllore presente su una rete Ethernet quando il proprio
controllore non è connesso in modo diretto a quella rete.
– Richiede la configurazione degli indirizzi IP che si desidera
raggiungere navigando la rete con il software e, quindi, quella dei
dispositivi con cui il controllore comunica.

• Driver USB:

– Costituisce un metodo pratico per collegarsi a un controllore non


configurato e per configurare la porta Ethernet.
– Costituisce un metodo pratico per collegarsi a un controllore quando
la configurazione della porta non è nota.
– Costituisce un metodo pratico per aggiornare il firmware del
controllore.
– Non è destinato a connessioni in runtime; si tratta di una connessione
di utilizzo soltanto temporaneo con una distanza di cablaggio
limitata.

56 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

Configurazione del driver di comunicazione EtherNet/IP nel


software RSLinx Classic

Prima di aggiungere un driver Ethernet, confermare che sussistono le


condizioni riportate di seguito.

• La workstation deve essere connessa alla rete EtherNet/IP in modo


corretto.

• L’indirizzo IP e gli altri parametri di rete devono essere configurati


correttamente per la workstation.

Per configurare il driver EtherNet/IP, attenersi alla procedura descritta di


seguito.

1. Dal menu a discesa Communications, scegliere Configure Drivers.

Viene visualizzata la finestra di dialogo Configure Drivers.


2. Dal menu a discesa Available Driver Types, scegliere EtherNet/IP
Driver.
3. Fare clic su Add New.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 57


Capitolo 5 Connessione al controllore

Viene visualizzata la finestra di dialogo Add New RSLinx Driver.


4. Digitare un nuovo nome o utilizzare il nome predefinito, quindi fare clic
su OK.

Viene visualizzata la finestra di dialogo Configure driver.


5. Selezionare Browse Local Subnet.

SUGGERIMENTO Per visualizzare i dispositivi presenti su un’altra sottorete o VLAN dalla


workstation che esegue il software di comunicazione basato su Linx,
fare clic su Browse Remote Subnet.

6. Selezionare il driver che si desidera utilizzare.


7. Fare clic su OK per chiudere la finestra di dialogo.

Il nuovo driver è disponibile nella finestra di dialogo Configure Drivers.

58 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

Configurazione dei driver di dispositivi Ethernet con il software


RSLinx Classic

Per configurare un driver di dispositivi Ethernet, è necessario che sussistano le


condizioni riportate di seguito.

• La workstation è collegata a una rete Ethernet diversa da quella del


controllore di destinazione.

• Sulla workstation, l’indirizzo IP e gli altri parametri di rete sono


impostati correttamente.

Per configurare il driver di dispositivi Ethernet, attenersi alla procedura


descritta di seguito.

1. Dal menu a discesa Communications scegliere Configure Drivers.

Viene visualizzata la finestra di dialogo Configure Drivers.


2. Dal menu a discesa Available Driver Types scegliere Ethernet devices.
3. Fare clic su Add New.

Viene visualizzata la finestra di dialogo Add New RSLinx Driver.


4. Utilizzare il nome predefinito per il nuovo driver oppure digitare un
nuovo nome, quindi fare clic su OK.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 59


Capitolo 5 Connessione al controllore

Viene visualizzata la finestra di dialogo Configure driver.


5. Nella finestra di dialogo Configure driver, immettere un nome host per
ogni stazione che si desidera raggiungere navigando la rete con il
software RSLinx Classic.

Il nome host è l’indirizzo IP per il dispositivo.

6. Fare clic su Add New per aggiungere altre stazioni e assegnare un nome
host a ciascuna di esse.
7. Dopo aver aggiunto tutte le stazioni fare clic su OK.
8. Nella finestra di dialogo Configure Drivers fare clic su Close.

60 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

Configurazione del driver di comunicazione USB nel software


RSLinx Classic

Nel software RSLinx Classic, versione 3.80.00 o successive, un driver USB


viene visualizzato automaticamente quando si collega la workstation al
controllore tramite un cavo USB.

La visualizzazione del driver USB nel software RSLinx Classic può richiedere
qualche istante.

IMPORTANTE Un driver USB viene visualizzato nel software RSLinx Classic software
soltanto se la workstation e il controllore sono collegati tramite un cavo USB.
Quando il cavo viene scollegato, il driver scompare dal software RSLinx
Classic.

Se si utilizza il software RSLinx Classic, versione 3.80.00 o successive, e un


driver USB non viene visualizzato automaticamente, effettuare le operazioni
riportate di seguito.

1. Confermare che il cavo USB è collegato al controllore.

Viene visualizzata la finestra di dialogo Found New Hardware Wizard.


2. Selezionare una delle opzioni di connessione Windows Update e fare
clic su Next.

SUGGERIMENTO Se il software per il driver USB non viene trovato e l’installazione viene
annullata, verificare di aver installato il software RSLinx Classic versione
3.80 o successiva.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 61


Capitolo 5 Connessione al controllore

3. Fare clic su Install the software automatically (scelta consigliata) e quindi


su Next.
Il software viene installato.

4. Fare clic su Finish per configurare il driver USB.


5. Dal menu a discesa Communications, scegliere RSWho.

Il driver della porta USB viene visualizzato nell’organizer della


workstation RSLinx Classic.

62 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

Opzioni di connessione È necessario connettersi al controllore prima di poter iniziare a usarlo.


Assicurarsi di aver già configurato i driver di comunicazione EtherNet/IP o
Compact USB (vedere Configurazione dei driver EtherNet/IP e USB sulla workstation a
CompactLogix GuardLogix pagina 56).

Le opzioni di connessione al controllore includono:


• Cavo Ethernet collegato a una porta Ethernet – Le porte Ethernet
del controllore supportano velocità di comunicazione di 10 Mbps,
100 Mbps e 1 Gbps. Vedere Collegare un cavo Ethernet a pagina 63.
• Cavo USB collegato alla porta USB – La porta USB del controllore
utilizza una presa di tipo B ed è compatibile con USB 2.0. La velocità
della porta è di 12 Mbps. Vedere Collegare un cavo USB a pagina 64.

Collegare un cavo Ethernet

La figura di esempio mostra un controllore CompactLogix™ 5380. Per collegare


un cavo Ethernet a un controllore Compact GuardLogix® 5380, le operazioni
sono le stesse.

AVVERTENZA: Se si collega o si scollega il cavo di comunicazione con


l’alimentazione collegata al modulo o a qualsiasi altro dispositivo di rete, può
verificarsi un arco elettrico, che nei casi di installazioni in aree pericolose può
provocare un’esplosione. Prima di procedere, assicurarsi di aver rimosso
l’alimentazione o che l’area non sia pericolosa.

Se si collega il controllore direttamente a una rete EtherNet/IP, collegare un


cavo Ethernet Cat. 5e oppure Cat. 6 con un connettore RJ45 a una porta
Ethernet del controllore.

Per informazioni sulla scelta del cavo corretto, consultare


Guidance for Selecting Cables for EtherNet/IP Networks, pubblicazione
ENET-WP007-EN-P.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 63


Capitolo 5 Connessione al controllore

Collegare un cavo USB

Per aggiornare il firmware e per scaricare programmi, utilizzare la connessione


USB.

La figura di esempio mostra un controllore CompactLogix 5380. Per collegare


un cavo USB a un controllore Compact GuardLogix 5380, le operazioni sono
le stesse.

La porta USB è adatta solo per la programmazione locale temporanea e non è


previsto che sia collegata in modo permanente. Il cavo USB non deve superare i
3,0 m e non deve contenere hub.

AVVERTENZA: Non utilizzare la porta USB in aree pericolose.

Figura 17 – Connessione USB

64 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

Impostazione dell’indirizzo Per il funzionamento su una rete EtherNet/IP di un controllore


CompactLogix 5380 o Compact GuardLogix 5380, è necessario impostarne
IP del controllore l’indirizzo IP. I controllori vengono forniti senza indirizzo IP.
Compact
CompactLogix GuardLogix IMPORTANTE Questa sezione contiene una descrizione generale dell’impostazione di un
indirizzo IP.
La modalità EtherNet/IP di funzionamento del controllore produce effetti
sull’impostazione e sull’utilizzo degli indirizzi IP del controllore. Ad esempio,
se il controllore funziona in modalità a doppio indirizzo IP, è necessario
impostare un indirizzo IP per ciascuna delle porte Ethernet del controllore.
Ovvero, è necessario effettuare i passi descritti in questa sezione due volte,
una per ciascuna porta.
Per ulteriori informazioni sugli effetti prodotti dalle modalità EtherNet/IP
sull’indirizzo IP del controllore, vedere il Capitolo 9, Utilizzo delle modalità
EtherNet/IP a pagina 141.
Inoltre, le operazioni descritte in questa sezione fanno riferimento a un
controllore CompactLogix 5380. Per impostare l’indirizzo IP di un controllore
Compact GuardLogix 5380, le operazioni sono le stesse.

Quando il controllore è ancora nella condizione predefinita in fabbrica, sono


valide le condizioni relative agli indirizzi IP di seguito descritte:

• Le porte Ethernet integrate del controllore sono configurate per


ottenere un indirizzo IP attraverso un server DHCP.

Se nessun server DHCP è disponibile o se il server DHCP non è


configurato per impostare l’indirizzo IP, è necessario impostare
manualmente l’indirizzo IP.

• La configurazione del controllore rende necessaria l’impostazione


dell’indirizzo IP ogni volta che il controllore viene spento e riacceso.

È possibile configurare il controllore in modo da rendere questa


operazione non più necessaria.

• Il controllore è configurato per utilizzare la modalità a doppio indirizzo


IP. Di conseguenza, è necessario impostare un indirizzo IP univoco per
la porta A1 e la porta A2.

Per impostare l’indirizzo IP, è possibile utilizzare gli strumenti di seguito


elencati.
• Strumento BOOTP-DHCP
• Server DHCP
• Software RSLinx® Classic
• Scheda SD

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 65


Capitolo 5 Connessione al controllore

Ognuno di questi strumenti ha requisiti di connessione per l’impostazione


dell’indirizzo IP. Ad esempio, per impostare l’indirizzo IP iniziale del
controllore con il software RSLinx Classic o con l’applicazione, il computer
deve essere collegato al controllore tramite un cavo USB.

Per il funzionamento su una rete EtherNet/IP, è necessario definire i parametri


di seguito elencati.

Parametro di rete EtherNet/IP Descrizione


Indirizzo IP L’indirizzo IP identifica il modulo in modo univoco. L’indirizzo IP si presenta nel formato xxx.xxx.xxx.xxx, dove ogni sequenza xxx
rappresenta un numero compreso tra 000 e 255.
Esistono dei valori riservati che non è possibile utilizzare come primo ottetto nell’indirizzo. I numeri che seguono sono esempi
di valori che non possono essere utilizzati:
001.xxx.xxx.xxx
127.xxx.xxx.xxx
da 223 a 255.xxx.xxx.xxx
I valori riservati specifici che non possono essere utilizzati variano in base alle specifiche condizioni di ciascuna applicazione. I valori
elencati in precedenza sono soltanto esempi di valori riservati.
Maschera di sottorete La maschera di sottorete suddivide un indirizzo IP in un indirizzo di rete e un indirizzo host. Stabilisce se il controllore scambia
pacchetti Ethernet direttamente con un altro dispositivo o se invece instrada i pacchetti attraverso il gateway. Per impostazione
predefinita, il valore di questo campo è 0.0.0.0.
Gateway Un gateway connette singole reti fisiche in un sistema di reti. Quando un nodo comunica con un nodo di una rete diversa, un gateway
trasferisce dati tra le due reti. Per impostazione predefinita, il valore di questo campo è 0.0.0.0.

Definire questi parametri se si utilizza l’indirizzamento DNS oppure si fa


riferimento al controllore mediante il nome host nelle istruzioni MSG.
Tabella 5 – Parametri di rete EtherNet/IP per l’indirizzamento DNS
Parametro di rete EtherNet/IP Descrizione
Nome host Un nome host è parte di un indirizzo in formato testo che identifica l’host dove risiede un modulo. L’indirizzo in formato testo
completo di un modulo è nome_host.nome_dominio.

Considerazioni sulla sicurezza


• Le connessioni di sicurezza non possono utilizzare nomi host (ciò richiede la ricerca DNS, che non è consentita per gli I/O di
sicurezza). I dispositivi di sicurezza sulle reti EtherNet/IP non presentano il parametro del nome host. I dispositivi standard
presentano il parametro del nome host, indipendentemente dal fatto che il progetto sia di sicurezza o standard.
• I controllori Compact GuardLogix 5380 possono avere connessioni di sicurezza o standard. Se utilizzati in un progetto standard, i
controllori GuardLogix 5580 sono considerati dispositivi standard (le uniche connessioni sono i tag standard consumati), pertanto
il controllore presenta il parametro del nome host.
• Quando i controllori Compact GuardLogix 5380 vengono utilizzati in un progetto di sicurezza, si presume che siano dispositivi di
sicurezza e il parametro del nome host non viene presentato.
Nome di dominio Un nome di dominio è parte di un indirizzo in formato testo che identifica il dominio dove risiede il modulo. L’indirizzo in formato
testo completo di un modulo è nome_host.nome_dominio. Il nome di dominio ha un limite di 48 caratteri.
Se si specifica un server DNS, è necessario digitare un nome di dominio. Inoltre, quando si invia una e-mail dal modulo, alcuni server
relay di posta richiedono un nome di dominio durante l’handshake iniziale della sessione SMTP.
Indirizzo server DNS primario Un indirizzo che identifica uno qualsiasi dei server DNS utilizzati nella rete. Quando si specifica un nome di dominio o un nome host
nella configurazione di un modulo, è necessario disporre di un server DNS. Il server DNS, infatti, converte il nome di dominio o il
Indirizzo server DNS secondario nome host in un indirizzo IP utilizzato sulla rete.
Per ulteriori informazioni sull’indirizzamento DNS, vedere pagina 73.

66 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

Impostare l’indirizzo IP con lo strumento per la messa in servizio


EtherNet/IP BOOTP-DHCP

I controllori sono abilitati per DHCP per impostazione predefinita.

BOOTP-DHCP è uno strumento stand-alone utilizzabile per impostare un


indirizzo IP. Se utilizzato, lo strumento BOOTP-DHCP imposta un indirizzo
IP e altri parametri TCP (Transport Control Protocol).

Lo strumento BOOTP-DHCP viene installato automaticamente con


l’installazione del software RSLinx Classic o dell’applicazione Logix Designer
sul computer in uso.

Accedere al strumento BOOTP-DHCP da una delle seguenti posizioni:


• Programmi > Rockwell Software® > BOOTP-DHCP Tool

Se il server non è installato, è possibile scaricarlo e installarlo


dall’indirizzo http://www.ab.com/networks/ethernet/bootp.html.

• Directory Tools nel CD di installazione dell’ambiente Studio 5000®

IMPORTANTE Prima di avviare lo strumento BOOTP-DHCP, assicurarsi di disporre


dell’indirizzo fisico (MAC) del modulo.
L’indirizzo MAC viene visualizzato a scorrimento nel display di stato
che si trova sul lato frontale del controllore. Il formato dell’indirizzo
è simile al seguente:
00-00-BC-14-55-35

Per impostare l’indirizzo IP con lo strumento BOOTP-DHCP, attenersi alla


seguente procedura.

1. Collegare la workstation alla rete Ethernet su cui risiede il controllore.


2. Avviare lo strumento BOOTP-DHCP.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 67


Capitolo 5 Connessione al controllore

L’indirizzo MAC del controllore viene visualizzato nella finestra


Request History.
3. Selezionare il controllore appropriato e fare clic su Add to Relation List.

Viene visualizzata la finestra di dialogo New Entry.


4. Digitare un indirizzo IP, un nome host e una descrizione per il modulo.

Nome host e descrizione sono opzionali.

5. Fare clic su OK.


6. Per assegnare questa configurazione al modulo, attendere che il modulo
venga visualizzato nel riquadro Relation List e selezionarlo.
7. Fare clic su Disable BOOTP/DHCP.

68 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

Il modulo ora utilizza la configurazione assegnata e non emette richieste


BOOTP o DHCP dopo che il controllore è stato spento e riacceso.

IMPORTANTE Tenere presente quanto riportato di seguito.


• Se non si fa clic su Disable BOOTP/DHCP, durante i successivi cicli
di accensione/spegnimento la configurazione IP corrente viene
cancellata e il controllore inizia nuovamente a inviare richieste
DHCP.
• Se si fa clic su Disable BOOTP/DHCP e BOOT/DHCP non viene
disattivato, è possibile utilizzare il software RSLinx Classic per la
sua disattivazione.
Per ulteriori informazioni sull’utilizzo del software RSLinx Classic per
disabilitare BOOTP/DHCP, vedere pagina 69.

Disabilitare BOOTP/DHCP con il software RSLinx Classic

Per disabilitare BOOTP/DHCP con il software RSLinx Classic, attenersi alla


seguente procedura.

1. Avviare il software RSLinx Classic.

Dopo alcuni secondi viene visualizzata una finestra di dialogo RSWho.


2. Se questo non avviene, dal menu a discesa Communications scegliere
RSWho.

3. Individuare il controllore.

È possibile accedere al controllore tramite driver USB o EtherNet/IP.


4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul controllore e scegliere
Module Configuration.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 69


Capitolo 5 Connessione al controllore

5. Fare clic sulla scheda Port Configuration.


6. In Network Configuration Type, selezionare Static per disabilitare
BOOTP/DHCP.

7. Fare clic su OK.

70 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

Utilizzare un server DHCP per impostare l’indirizzo IP del


controllore

Dato che i controllori, nella condizione predefinita in fabbrica, sono abilitati


per DHCP, è possibile utilizzare un server DHCP per impostare l’indirizzo IP.

Il server DHCP assegna automaticamente gli indirizzi IP alle stazioni client


che accedono a una rete TCP/IP. Il protocollo DHCP è basato su BOOTP e
preserva in parte la compatibilità all’indietro.

ATTENZIONE: È possibile utilizzare un server DHCP configurato in modo da


assegnare sempre lo stesso indirizzo IP a dispositivi specifici quando vengono
visualizzati sulla rete EtherNet/IP e richiedono un indirizzo IP.
Se il sistema in uso non utilizza un server DHCP che assegna lo stesso indirizzo
IP a dispositivi specifici, si raccomanda di assegnare al controllore un indirizzo IP
fisso. Non impostare l’indirizzo IP in modo dinamico. In altre parole, non
ottenere le impostazioni IP automaticamente utilizzando l’opzione DHCP nel
software RSLinx Classic o nell’applicazione Logix Designer.
Quando un controllore ottiene le impostazioni IP automaticamente utilizzando
DHCP, l’indirizzo IP di tale controllore viene cancellato a ogni ciclo di spegni-
mento e accensione. Se al controllore non viene assegnato automaticamente lo
stesso indirizzo IP tramite un server DHCP quando richiede un nuovo indirizzo IP,
è possibile che gli venga assegnato un nuovo indirizzo IP.
L’utilizzo di un nuovo indirizzo IP può avere conseguenze indesiderate. Ad
esempio, può verificarsi una condizione di indirizzo IP duplicato o errori di
configurazione del controllore, poiché l’indirizzo IP differisce da quello
memorizzato nel progetto dell’applicazione Logix Designer.
La mancata osservanza di questa precauzione può causare un movimento
imprevisto della macchina o una perdita del controllo del processo.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 71


Capitolo 5 Connessione al controllore

Rilevamento di un indirizzo IP duplicato

Il controllore verifica che il suo indirizzo IP non corrisponda a quello di


nessuno degli altri dispositivi di rete quando si esegue una delle operazioni di
seguito elencate.

• Collegamento del controllore a una rete EtherNet/IP

• Modifica dell’indirizzo IP del controllore

Se l’indirizzo IP del controllore corrisponde a quello di un altro dispositivo


sulla rete, la porta Ethernet del controllore passa in modalità di conflitto. In
modalità di conflitto, sono valide le condizioni di seguito elencate.

• L’indicatore di stato NET (rete) è rosso fisso.

• Il display a quattro caratteri indica il conflitto.

Nel display scorre la scritta: <Indirizzo_IP_del_modulo> Duplicate IP


<Indirizzo_MAC_del_nodo_duplicato_rilevato>

Ad esempio: 192.168.1.1 Duplicate IP – 00:00:BC:02:34:B4

Risoluzione di un indirizzo IP duplicato

La risoluzione di un conflitto tra gli indirizzi IP di due dispositivi sulla rete


dipende dalle condizioni in cui la duplicazione è stata rilevata. Le procedure
per la risoluzione di duplicazioni di indirizzi IP sono illustrate nella tabella
riportata di seguito.

Condizioni di rilevamento di indirizzi IP duplicati Procedura di risoluzione


• Entrambi i dispositivi supportano il rilevamento di 1. Il dispositivo entrato in funzione per primo utilizza l’indirizzo IP e continua a funzionare senza interruzioni.
indirizzi IP duplicati. 2. Il dispositivo che entra in funzione per secondo rileva la duplicazione ed entra in modalità di conflitto.
• Il secondo dispositivo viene collegato alla rete Per assegnare un nuovo indirizzo IP al controllore e uscire dalla modalità di conflitto,
quando il primo è già collegato e funzionante. vedere Impostare l’indirizzo IP con lo strumento per la messa in servizio EtherNet/IP BOOTP-DHCP a pagina 67.
• Entrambi i dispositivi supportano il rilevamento di Entrambi i dispositivi EtherNet/IP entrano in modalità di conflitto.
indirizzi IP duplicati. Per risolvere questo conflitto, attenersi alla seguente procedura.
• I due dispositivi sono stati accesi a. Assegnare un nuovo indirizzo IP al controllore. Per ulteriori informazioni,
approssimativamente nello stesso momento. vedere Impostare l’indirizzo IP con lo strumento per la messa in servizio EtherNet/IP BOOTP-DHCP a pagina 67.
b. Spegnere e riaccendere l’altro dispositivo.
Un dispositivo supporta il rilevamento di indirizzi IP 1. Indipendentemente da quale dispositivo ha ottenuto l’indirizzo IP per primo, il dispositivo che non supporta il
duplicati e l’altro no. rilevamento di indirizzi IP duplicati utilizza l’indirizzo IP e continua a funzionare senza interruzioni.
2. Il dispositivo che supporta il rilevamento di indirizzi IP duplicati rileva la duplicazione ed entra in modalità di
conflitto.
Per assegnare un nuovo indirizzo IP al controllore e uscire dalla modalità di conflitto,
vedere Impostare l’indirizzo IP con lo strumento per la messa in servizio EtherNet/IP BOOTP-DHCP a pagina 67.

72 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

Indirizzamento DNS

Per specificare un nome host per un controllore, un nome di dominio e i server


DNS, è possibile utilizzare anche l’indirizzamento DNS. L’indirizzamento
DNS consente di configurare strutture di rete e sequenze di indirizzi IP simili
in domini diversi.

L’indirizzamento DNS è necessario soltanto quando si fa riferimento al


controllore tramite il nome host, ad esempio nelle descrizioni di percorsi nelle
istruzioni MSG.

Per utilizzare l’indirizzamento DNS, attenersi alla seguente procedura.

1. Assegnare un nome host al controllore.


Un nome host può essere assegnato da un amministratore di rete. I nomi
host validi devono essere conformi allo standard IEC-1131-3.
2. Configurare i parametri del controllore.
3. Configurare l’indirizzo IP, la maschera di sottorete, l’indirizzo del
gateway, un nome host per il controllore, il nome di dominio e gli
indirizzi per i server DNS primario e secondario.

Nel server DNS, il nome host deve corrispondere all’indirizzo IP del


controllore.
4. Nell’applicazione Logix Designer, aggiungere il controllore all’albero di
configurazione I/O.

IMPORTANTE Tenere presente quanto riportato di seguito.


• Se un modulo figlio risiede nello stesso dominio del modulo padre,
digitare il nome host. Se il dominio del modulo figlio è diverso da quello
del modulo padre, digitare il nome host e il nome di dominio
(nomehost.nomedominio)
• L’indirizzamento DNS può essere usato anche nel profilo del modulo
nell’albero di configurazione I/O o nel percorso dei messaggi. Se il nome
di dominio del modulo di destinazione è diverso dal nome di dominio del
modulo sorgente, è necessario utilizzare un nome DNS completo
(nomehost.nomedominio). Ad esempio, per inviare un messaggio da
EN2T1.posizione1.aziendaA a EN2T1.posizione2.aziendaA, i nomi host
corrispondono, ma i domini sono diversi. Se non si specifica un nome DNS
completo, il modulo aggiunge il nome di dominio predefinito al nome
host specificato.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 73


Capitolo 5 Connessione al controllore

Utilizzo del software RSLinx Classic per impostare l’indirizzo IP del


controllore

Per impostare l’indirizzo IP del controllore con il software RSLinx Classic,


procedere come segue.

1. Verificare che il computer sia collegato al controllore tramite un cavo


USB.
2. Avviare il software RSLinx Classic. Dopo alcuni secondi viene
visualizzata una finestra di dialogo RSWho.
3. Se questo non avviene, dal menu a discesa Communications scegliere
RSWho.

4. Individuare il controllore tramite il driver USB.


5. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul controllore e scegliere
Module Configuration.

6. Nella scheda Port Configuration fare clic su Manually configure IP


settings per la porta.
7. Assegnare i parametri di configurazione della porta e fare clic su OK.

74 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

Utilizzo di una scheda Secure Digital per impostare l’indirizzo IP del


controllore

Per impostare l’indirizzo IP del controllore, è possibile utilizzare una scheda


SD. La scheda SD consente di impostare l’indirizzo IP quando un progetto
viene caricato nel controllore.

Per ulteriori informazioni sull’utilizzo di una scheda SD, vedere Capitolo 7,


Utilizzo della scheda SD a pagina 117.

Aggiornamento del firmware Il controllore viene fornito con la versione del firmware 1.xxx installata.
È necessario aggiornare la versione del firmware prima di utilizzarlo in un
del controllore progetto dell’applicazione Logix Designer.
Compact
CompactLogix GuardLogix

IMPORTANTE Il controllore deve essere in modalità Programmazione remota o


Programmazione e tutti gli errori gravi reversibili devono essere eliminati
per accettare gli aggiornamenti.

IMPORTANTE Considerazione sulla sicurezza


Non è possibile aggiornare un controllore con blocco di sicurezza.

Per aggiornare il firmware del controllore, è possibile utilizzare gli strumenti di


seguito elencati:

• Software ControlFLASH™ o ControlFLASH Plus™

• Funzione AutoFlash dell’applicazione Logix Designer

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 75


Capitolo 5 Connessione al controllore

Per aggiornare il firmware del controllore, completare queste operazioni:

• Determinare il firmware richiesto per il controllore

• Ottenere il firmware del controllore

• Utilizzare il software ControlFLASH per l’aggiornamento del firmware

• Utilizzare AutoFlash per l’aggiornamento del firmware

IMPORTANTE Questa sezione contiene una descrizione generale relativa


all’aggiornamento del firmware del controllore.
Le modifiche del firmware possono avere effetti diversi su alcuni controllori
in base alle condizioni del sistema al momento della modifica, in particolare
a seconda della modalità EtherNet/IP utilizzata.
Per ulteriori informazioni sugli effetti di modifiche alla versione del
firmware sulla configurazione del controllore rispetto all’utilizzo delle
modalità EtherNet/IP, vedere Capitolo 9, Utilizzo delle modalità EtherNet/IP
a pagina 141.

Determinare il firmware richiesto per il controllore

IMPORTANTE Il controllore deve essere in modalità Programmazione remota o


Programmazione e tutti gli errori gravi reversibili devono essere eliminati
per accettare gli aggiornamenti.

Il firmware e il software devono avere lo stesso livello di versione principale.


Ad esempio, se il controllore utilizza il firmware versione 31.xxx, è necessario
utilizzare la versione 31 dell’applicazione Logix Designer.

Non tutti i controllori supportano le stesse versioni minime del firmware.

Prima di ottenere e aggiornare il firmware, assicurarsi di essere a conoscenza


della versione del firmware appropriata e della versione del software
compatibile per il controllore.

Scaricare il firmware e i file associati (come AOP, EDS e DTM) e accedere alle
note sulla versione del prodotto dal Product Compatibility and Download
Center (PCDC) all’indirizzo http://compatibility.rockwellautomation.com/
Pages/home.aspx.

76 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

Ottenere il firmware del controllore

È possibile ottenere il firmware del controllore nei modi descritti di seguito:

• Con l’installazione dell’applicazione Studio 5000 Logix Designer, che


include il firmware.

IMPORTANTE La versione del firmware preconfigurato con l’installazione del


software è quella iniziale del controllore. Potrebbero essere
disponibili versioni successive del firmware.
Si consiglia di controllare il centro PCDC per determinare se sono
disponibili versioni successive del firmware del controllore. Per
ulteriori informazioni, vedere il prossimo punto nell’elenco.

• Con il download del firmware, dei file associati e delle note sulla versione
del prodotto dal centro PCDC, all’indirizzo:

http://www.rockwellautomation.com/rockwellautomation/support/
pcdc.page

Utilizzare il software ControlFLASH per l’aggiornamento del


firmware

IMPORTANTE In base al numero di catalogo, alla versione dell’applicazione Logix Designer


e alla versione del firmware utilizzata, i controllori CompactLogix 5380 e
Compact GuardLogix 5380 hanno requisiti minimi diversi per la versione del
software ControlFLASH™.
Per determinare la versione minima del software per la propria
applicazione, consultare il centro PCDC all’indirizzo: http://
www.rockwellautomation.com/rockwellautomation/support/pcdc.page.
Il software ControlFLASH è disponibile come indicato di seguito:
• Come parte del processo di installazione dell’applicazione
Studio 5000 Logix Designer
• Come download autonomo dal centro PCDC.

ATTENZIONE: Se la scheda Secure Digital (SD) è bloccata e impostata per il


caricamento all’accensione, questo aggiornamento può essere sovrascritto
dal firmware sulla scheda SD.
Per ulteriori informazioni sull’utilizzo delle schede SD, vedere Capitolo 7,
Utilizzo della scheda SD a pagina 117.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 77


Capitolo 5 Connessione al controllore

1. Verificare le condizioni di seguito riportate.


• La connessione con la rete è stabilita.
• Il driver di rete è stato configurato nel software di comunicazione
basato su Linx.
• Il controllore funziona in modalità Programmazione remota o in
modalità Programmazione e tutti gli errori gravi reversibili sono
azzerati.
2. Dal menu Start di Windows, fare clic su FLASH Programming Tools >
ControlFLASH.

3. Fare clic su Next.

78 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

4. Selezionare il controllore e fare clic su Next.

La versione 15.01.00 o successiva di ControlFLASH riporta il nome


della famiglia dei controllori, che si applica a tutti i controllori della
famiglia, anziché i numeri di catalogo di singoli controllori.

ControlFLASH versione 14.01.00 o precedente ControlFLASH versione 15.01.00 o successiva

5. Espandere il percorso di comunicazione e selezionare il controllore.


6. Fare clic su OK.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 79


Capitolo 5 Connessione al controllore

7. Selezionare la versione del firmware e fare clic su Next.

Se la versione del firmware necessaria non è presente nell’elenco, scegliere


Show all revisions.

SUGGERIMENTO Se si verifica un errore del file script dopo la scelta del numero di versione
del firmware, come mostrato in figura, potrebbe esservi un problema con
i file del firmware.

Si consiglia di utilizzare la versione più recente del software


ControlFLASH. Se questo non è il caso, per prima cosa è necessario
aggiornare il software all’ultima versione.
Per risolvere il problema, procedere come segue:
• Scaricare la versione del firmware desiderata per l’aggiornamento
all’indirizzo http://www.rockwellautomation.com/support/.
Sostituire la versione del firmware precedentemente installata con
quella pubblicata nel sito Web dell’assistenza tecnica.
• Se la versione del firmware sostitutiva non risolve l’anomalia,
contattare l’assistenza tecnica Rockwell Automation.
.

8. Nella schermata di riepilogo fare clic su Finish.

9. Quando viene visualizzata una finestra di dialogo per la conferma fare


clic su Yes.

80 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

Prima di iniziare l’aggiornamento del firmware, viene visualizzata la


finestra di dialogo illustrata di seguito. Eseguire l’azione appropriata per
l’applicazione. In questo esempio, l’aggiornamento prosegue quando si fa
clic su OK.

La finestra di dialogo di avanzamento indica lo stato di avanzamento


dell’aggiornamento del firmware. I controllori indicano lo stato di
avanzamento degli aggiornamenti e dei blocchi.

IMPORTANTE Attendere il completamento dell’aggiornamento del firmware


prima di spegnere e riaccendere o di interrompere in altro modo
l’aggiornamento.
Se l’aggiornamento del firmware viene interrotto, il controllore
torna al firmware di avvio, ossia alla versione 1.xxx.

Al termine dell’aggiornamento, la finestra di dialogo Update Status


indica che l’aggiornamento è stato completato.
10. Fare clic su OK.

11. Chiudere il software ControlFLASH.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 81


Capitolo 5 Connessione al controllore

Utilizzare AutoFlash per l’aggiornamento del firmware

Per aggiornare il firmware del controllore con la funzione AutoFlash, attenersi


alla seguente procedura.

ATTENZIONE: Se la scheda Secure Digital (SD) è bloccata e impostata per il


caricamento all’accensione, questo aggiornamento può essere sovrascritto
dal firmware sulla scheda SD.

1. Verificare le condizioni di seguito riportate.


• La connessione con la rete è stabilita.
• Il driver di rete è stato configurato nel software di comunicazione
basato su Linx.
• Il controllore funziona in modalità Programmazione remota o in
modalità Programmazione e tutti gli errori gravi reversibili sono
azzerati.
2. Avviare l’applicazione Logix Designer e creare un progetto.

Per ulteriori informazioni, vedere Creazione di un progetto


dell’applicazione Logix Designer a pagina 85.
3. Nel progetto fare clic su RSWho.

4. Espandere il percorso di comunicazione e selezionare il controllore.

82 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Connessione al controllore Capitolo 5

5. Selezionare il controllore e fare clic su Go Online.

6. Nella finestra di dialogo Who Active, selezionare il controllore sotto il


driver di comunicazione che si desidera utilizzare e fare clic su Update
Firmware.
.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 83


Capitolo 5 Connessione al controllore

7. Nella finestra di dialogo Choose Firmware Revision, spostarsi nella


posizione dei file firmware (C:\Program Files (x86)\ControlFlash).
8. Selezionare la versione del firmware, quindi fare clic su Update.
9. Nella finestra di conferma fare clic su Yes.

10. Nella finestra di attenzione di ControlFlash fare clic su OK.

Una finestra di dialogo di avanzamento indica lo stato di avanzamento


dell’aggiornamento del firmware. I controllori indicano lo stato di
avanzamento degli aggiornamenti e dei blocchi.

IMPORTANTE Attendere il completamento dell’aggiornamento del firmware


prima di spegnere e riaccendere o di interrompere in altro modo
l’aggiornamento.
Se l’aggiornamento di ControlFLASH sul controllore viene
interrotto, i controllori ripristinano il firmware di avvio, ovvero la
versione 1.xxx.

Al termine dell’aggiornamento, la finestra di dialogo Update Status


indica che l’aggiornamento è stato completato.
11. Fare clic su OK nella finestra di dialogo Who Active.

84 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 6

Primo utilizzo del controllore

Argomento Pagina
Creazione di un progetto dell’applicazione Logix Designer 85
Configurazione aggiuntiva per un controllore Compact GuardLogix 88
Collegamento online con il controllore 95
Download nel controllore 102
Upload dal controllore 105
Scelta della modalità di funzionamento del controllore 109
Modifica della configurazione del controllore 112
Pulsante di ripristino 113

Creazione di un progetto In base alle impostazioni di fabbrica, il controllore non contiene un progetto
dell’applicazione Studio 5000 Logix Designer®. Per creare un progetto
dell’applicazione dell’applicazione Logix Designer, attenersi alla seguente procedura.
Logix Designer
1. Avviare l’applicazione. L’applicazione Logix Designer è inclusa
Compact nell’ambiente Studio 5000®.
CompactLogix GuardLogix

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 85


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

2. Fare clic su New Project.

3. Nella finestra di dialogo New Project effettuare le seguenti operazioni:


a. Selezionare il controllore.
b. Assegnare un nome al progetto.
c. Spostarsi nella posizione in cui il file di progetto viene creato.
d. Fare clic su Next.

86 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

4. Selezionare il valore per campi di seguito elencati.


• Revision
• Security Authority (opzionale)
• Secure With (disponibile solo in caso di utilizzo di Security
Authority)
Per informazioni sulla sicurezza, consultare la pubblicazione
1756-PM016, Protezione dei controllori Logix 5000 – Manuale di
programmazione.

5. Fare clic su Finish.


6. In base al controllore utilizzato:
• Per un controllore Compact GuardLogix® 5380, proseguire con
Configurazione aggiuntiva per un controllore Compact GuardLogix
a pagina 88.
• Per un controllore CompactLogix™ 5380, proseguire con
Collegamento online con il controllore a pagina 95.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 87


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

Configurazione aggiuntiva I controllori Compact GuardLogix 5380 richiedono una configurazione


aggiuntiva dopo la creazione del progetto. Questi argomenti descrivono come
per un controllore configurare i parametri aggiuntivi.
Compact GuardLogix
Argomento Pagina
Compact Assegnare il numero della rete di sicurezza (SNN) 88
GuardLogix
Collegamento online con il controllore 95

Per un controllore Compact GuardLogix, l’applicazione Logix Designer crea


un task di sicurezza e un programma di sicurezza. All’interno del programma di
sicurezza viene inoltre creata una routine di sicurezza principale in linguaggio
ladder, denominata MainRoutine.

Una barra rossa sotto l’icona consente di distinguere i programmi e le routine di


sicurezza dai componenti del progetto standard in Controller Organizer.

Assegnare il numero della rete di sicurezza (SNN)

Quando si creano progetti del controllore, l’applicazione Studio 5000 Logix


Designer genera automaticamente un valore SNN ogni volta che riconosce una
nuova sottorete contenente dispositivi CIP Safety:
• A ciascuna porta del controllore compatibile con CIP Safety viene
assegnato un numero SNN. Ai controllori Compact GuardLogix 5380
sono assegnati fino a tre numeri di rete di sicurezza: un numero SNN
distinto per ciascuna porta Ethernet e un numero SNN per il backplane.
• Se nell’albero I/O è presente un bridge o un adattatore e viene aggiunto
un dispositivo CIP Safety figlio, alla sottorete creata dal bridge o dalla
scheda viene assegnato un numero SNN.

Per gli utenti tipici, l’assegnazione automatica di un numero SNN basato sul
tempo è sufficiente. Tuttavia, è necessaria l’assegnazione manuale del valore
SNN nei seguenti casi:
• Se una o più porte del controllore si trovano su una sottorete CIP Safety
che dispone già di un numero SNN definito.
• Se il progetto di sicurezza viene copiato in un’altra installazione
hardware all’interno dello stesso sistema CIP Safety instradabile.

88 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

Rockwell Automation raccomanda di cambiare ogni numero SNN


impostandolo sul numero della rete di sicurezza già stabilito per la sottorete, se
esistente. In questo modo, ai dispositivi creati successivamente nel progetto
verrà assegnato automaticamente il numero SNN corretto.

Per capire se alle sottoreti esistenti vengono aggiunte le porte del controllore o
Ethernet, vedere GuardLogix 5580 and Compact GuardLogix 5380
Controller Systems Safety Reference Manual, pubblicazione 1756-RM012.

Ogni rete di sicurezza deve avere un numero di rete di sicurezza univoco.


Occorre accertarsi che venga assegnato un SNN univoco a ciascuna rete CIP
Safety che contiene dispositivi di sicurezza.

SUGGERIMENTO Alle sottoreti CIP Safety o agli chassis ControlBus™ contenenti più
dispositivi di sicurezza è possibile assegnare più numeri della rete di
sicurezza. Tuttavia, per semplicità, si consiglia di utilizzare un unico SNN
univoco per ciascuna sottorete CIP Safety.

Per una spiegazione del numero della rete di sicurezza (SNN), vedere
GuardLogix 5580 and Compact GuardLogix 5380 Controller Systems Safety
Reference Manual, pubblicazione 1756-RM012.

Il valore SNN può essere assegnato dal software (basato sul tempo) oppure
dall’utente (manuale). I due formati del valore SNN sono descritti nelle
seguenti sezioni.
• Assegnazione automatica del numero SNN basato sul tempo a pagina 90
• Assegnazione manuale del numero SNN a pagina 91

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 89


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

Assegnazione automatica del numero SNN basato sul tempo

Quando viene creato un controllore o un dispositivo nuovo, viene assegnato


automaticamente un valore SNN basato sul tempo.
• I dispositivi creati direttamente sotto una porta del controllore avranno
per impostazione predefinita lo stesso numero SNN della porta del
controllore.
• Per i dispositivi non direttamente sotto una porta del controllore, ai
nuovi dispositivi di sicurezza aggiunti successivamente alla stessa rete
CIP Safety viene assegnato lo stesso valore SNN definito all’interno
dell’indirizzo di livello più basso sulla rete CIP Safety.

Nel formato basato sul tempo, il valore SNN è definito mediante la data e l’ora
in cui il numero è stato generato, in base al computer in cui è eseguito il
software di configurazione.

Figura 18 – Formato basato sul tempo

90 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

Assegnazione manuale del numero SNN

L’assegnazione manuale è utile se si progetta la rete e si inseriscono i numeri


SNN nello schema di rete. Può essere più facile leggere i numeri SNN da uno
schema che copiarli e incollarli da più progetti.

L’assegnazione manuale del numero SNN è necessaria nei seguenti casi:


• Se una o più porte del controllore si trovano su una sottorete CIP Safety
che dispone già di un numero SNN definito.
• Se il progetto di sicurezza viene copiato in un’altra installazione
hardware all’interno dello stesso sistema CIP Safety instradabile.

IMPORTANTE Se si assegna un SNN automaticamente o manualmente, assicurarsi che


l’ampliamento del sistema non determini una duplicazione delle
combinazioni di SNN e riferimento univoco di nodo.
Se il progetto contiene combinazioni duplicate di SNN e riferimento univoco di
nodo, viene visualizzata un’avvertenza. È comunque possibile verificare il
progetto, ma Rockwell Automation consiglia di risolvere le combinazioni
duplicate.
Tuttavia, sulla rete di sicurezza instradabile possono essere presenti dispositivi
di sicurezza che hanno lo stesso SNN e indirizzo di nodo e non sono nel
progetto. In tal caso, questi dispositivi di sicurezza non sono noti
all’applicazione Logix Designer e non verrà visualizzata alcuna avvertenza.
Se due dispositivi diversi hanno lo stesso riferimento di nodo, il sistema di
sicurezza non può rilevare un pacchetto ricevuto da un dispositivo e destinato
all’altro.
Se vi sono riferimenti univoci di nodi duplicati, è responsabilità dell’utente del
sistema dimostrare che non può derivarne una condizione di mancanza di
sicurezza.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 91


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

Per impostare l’assegnazione manuale dei numeri SNN del controllore,


procedere come segue:

1. Sulla barra degli strumenti Online, fare clic sull’icona Controller


Properties.
2. Nella finestra di dialogo Controller Properties fare clic sulla scheda
Safety.
3. Nella scheda Safety fare clic su a destra del numero della rete di
sicurezza della porta che si desidera modificare.

4. Nella finestra di dialogo Safety Network Number selezionare Manual.


5. Immettere il numero SNN come valore compreso tra 1 e 9999
(decimale).

6. Fare clic su OK.

92 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

Copiare e incollare il numero della rete di sicurezza (SNN) di un


controllore di sicurezza

Se è necessario applicare un numero SNN ad altri controllori di sicurezza, è


possibile copiare e incollare il numero SNN. Esistono diversi modi per copiare
e incollare i numeri SNN dei controllori.

Copiare il numero SNN di un controllore di sicurezza

Dalla scheda Safety della finestra Controller Properties:

1. Nella scheda Safety fare clic sul campo SNN da copiare.


2. Premere Ctrl-C per copiare il numero SNN.

Dalla finestra di dialogo Safety Network Number:

1. Nella finestra di dialogo Controller Properties fare clic sulla scheda


Safety.
2. Per aprire la finestra di dialogo Safety Network Number, fare clic
su a destra del numero della rete di sicurezza.
3. Nella finestra di dialogo Safety Network Number fare clic su Copy
oppure fare clic nel campo del numero SNN e premere Ctrl-C.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 93


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

Incollare il numero SNN di un controllore di sicurezza

1. Nella finestra di dialogo Controller Properties fare clic sulla scheda


Safety.

2. Per aprire la finestra di dialogo Safety Network Number, fare clic


su a destra del numero della rete di sicurezza.
3. Nella finestra di dialogo Safety Network Number fare clic su Paste
oppure fare clic nel campo del numero SNN e premere Ctrl-V.

4. Fare clic su OK.


5. Nella scheda Safety della finestra Controller Properties fare clic su OK.

94 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

Collegamento online con il Per collegarsi online con il controllore, è innanzitutto necessario specificare un
percorso di comunicazione nell’applicazione Logix Designer.
controllore
SUGGERIMENTO Per questa sezione è stata scelta la porta USB come percorso di
Compact
CompactLogix GuardLogix comunicazione. È possibile un altro percorso attraverso le porte
Ethernet integrate.

Utilizzare RSWho

1. Aprire o creare un progetto con l’applicazione Logix Designer.


2. Nell’applicazione fare clic su RSWho.

3. Espandere il percorso di comunicazione e selezionare il controllore.

4. Se si desidera memorizzare il percorso nel file di progetto fare clic su


Set Project Path.

La memorizzazione del percorso del progetto nel progetto stesso


consente di non dover scegliere il percorso ogni volta che si attiva la
modalità online.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 95


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

5. Dopo aver scelto il percorso di comunicazione, nella finestra di dialogo


Who Active fare clic su Go Online.

Go Online utilizza il nodo evidenziato nella struttura ad albero


Who Active, indipendentemente dall’impostazione di Path nel
progetto. Per ulteriori informazioni sulla finestra di dialogo
Who Active, vedere la Guida online di Logix Designer.

Vedere Considerazioni aggiuntive sul collegamento online con un


controllore a pagina 98.

96 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

Utilizzare un percorso di comunicazione recente

È possibile scegliere un percorso di comunicazione recente e andare online


oppure applicarlo al progetto.

1. Fare clic sul pulsante Recent Communication Path accanto alla barra
Path.

2. Nella finestra di dialogo Select Recent Communications Path, scegliere


il percorso.

3. Per memorizzare il percorso nel progetto, fare clic su Set Project Path.
4. Fare clic su Go Online.

Per ulteriori informazioni sulla finestra di dialogo Select Recent


Communications Path, vedere la Guida online di Logix Designer.

Una volta stabilito un percorso di comunicazione, è possibile scegliere Go


Online dal menu Controller Status quando si lavora nel progetto.

Vedere Considerazioni aggiuntive sul collegamento online con un controllore a


pagina 98.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 97


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

Considerazioni aggiuntive L’applicazione Logix Designer determina la possibilità di collegarsi online con
un controllore di destinazione a seconda che il progetto offline sia nuovo o
sul collegamento online con siano state apportate modifiche.
un controllore • Se il progetto è nuovo, è necessario prima scaricarlo nel controllore.
• Se sono state apportate modifiche al progetto, verrà richiesto di
Compact
CompactLogix GuardLogix effettuare l’upload o il download.
• Se non sono state apportate modifiche, è possibile collegarsi online per
controllare l’esecuzione del progetto.
SUGGERIMENTO Per informazioni sul caricamento di un progetto, sul download di un
progetto e sulle finestre di dialogo di caricamento e download, vedere
la Guida online di Logix Designer.

Questi processi sono influenzati da diversi fattori, tra cui le funzioni di


corrispondenza tra progetto e controllore e di corrispondenza della versione del
firmware.

Ai controllori Compact GuardLogix si applicano ulteriori considerazioni,


come lo stato di sicurezza e gli errori, la presenza di una firma di sicurezza e lo
stato di blocco/sblocco di sicurezza del progetto e del controllore.
Vedere Considerazioni aggiuntive sul collegamento online con un controllore
Compact GuardLogix a pagina 100.

Corrispondenza tra progetto e controllore

La funzione di corrispondenza tra progetto e controllore influisce sui processi


di download, upload e collegamento online dei progetti standard
e di sicurezza. Questa funzione si trova nella scheda Advanced della finestra
Controller Properties.

Se la funzione Match Project to Controller è abilitata nel progetto offline,


l’applicazione Logix Designer confronta il numero di serie del controllore nel
progetto offline con quello del controllore connesso. Se non corrispondono, è
necessario annullare il processo di download/upload, connettersi al controllore
corretto o verificare di essere connessi al controllore corretto, con conseguente
aggiornamento del numero di serie nel progetto in modo che corrisponda al
controllore di destinazione.

98 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

Corrispondenza della versione del firmware

La corrispondenza della versione del firmware influisce sul processo di


download. Se la versione del controllore non corrisponde a quella del progetto,
verrà richiesto di aggiornare il firmware del controllore. L’applicazione
Logix Designer consente di aggiornare il firmware nell’ambito della sequenza
di download.

IMPORTANTE Per aggiornare il firmware del controllore, è necessario prima installare


un kit di aggiornamento del firmware. Il kit di aggiornamento viene
fornito su un DVD aggiuntivo insieme all’ambiente Studio 5000®.

SUGGERIMENTO Per aggiornare il firmware è possibile selezionare ControlFLASH™ dal


menu Tools dell’applicazione Logix Designer.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 99


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

Considerazioni aggiuntive È possibile caricare la logica del programma e collegarsi online


indipendentemente dallo stato di sicurezza. Lo stato di sicurezza e gli errori
sul collegamento online influiscono solo sul processo di download.
con un controllore
Compact GuardLogix È possibile visualizzare lo stato di sicurezza nella scheda Safety della finestra di
dialogo Controller Properties.
Compact
GuardLogix
Firma di sicurezza e stato di blocco/sblocco di sicurezza

La presenza di una firma di sicurezza e lo stato di blocco o sblocco di sicurezza


del controllore influiscono sia sul processo di upload che su quello di
download.

La firma di sicurezza e lo stato di blocco di sicurezza sono caricati con il


progetto. Ad esempio, se il progetto nel controllore non era in blocco di
sicurezza, il progetto offline resta sbloccato dopo l’upload, anche se era stato
bloccato prima dell’upload.

In seguito ad un upload, la firma di sicurezza nel progetto offline corrisponde


alla firma di sicurezza nel controllore.

Lo stato del blocco di sicurezza viene sempre caricato con il progetto, anche in
assenza di firma di sicurezza.

L’esistenza di una firma di sicurezza e lo stato del blocco di sicurezza del


controllore determinano se è possibile procedere con un download.

Tabella 6 – Effetto del blocco di sicurezza e della firma di sicurezza sull’operazione di download
Stato del blocco di Stato della firma di sicurezza Funzionalità di download
sicurezza
La firma di sicurezza nel progetto offline Viene effettuato il download dell’intera applicazione. I tag di sicurezza vengono reinizializzati ai
corrisponde alla firma di sicurezza nel valori presenti al momento della creazione della firma di sicurezza. Lo stato del blocco di
Controllore non in blocco di controllore. sicurezza corrisponde allo stato nel progetto offline. La firma di sicurezza non cambia.
sicurezza Le firme di sicurezza non corrispondono. Se il controllore aveva una firma di sicurezza, quest’ultima viene cancellata automaticamente e
viene scaricato l’intero progetto. Lo stato del blocco di sicurezza corrisponde allo stato nel
progetto offline.
Le firme di sicurezza corrispondono. Se il progetto offline ed il controllore sono in blocco di sicurezza, vengono scaricati tutti i
componenti standard del progetto e i tag di sicurezza vengono reinizializzati con i valori
presenti al momento della creazione della firma di sicurezza.
Se il progetto offline non è in blocco di sicurezza ma il controllore sì, il download viene bloccato
Controllore in blocco di e per proseguire occorre prima sbloccare il controllore.
sicurezza
Le firme di sicurezza non corrispondono. È necessario innanzitutto lo sblocco di sicurezza del controllore per consentire il download. Se il
controllore aveva una firma di sicurezza, quest’ultima viene cancellata automaticamente e
viene scaricato l’intero progetto. Lo stato del blocco di sicurezza corrisponde allo stato nel
progetto offline.

100 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

Controlli per il collegamento online con un controllore GuardLogix

Per un progetto di sicurezza, l’applicazione Logix Designer controlla quanto


segue:
• I numeri di serie del progetto offline e del controllore corrispondono
(se è selezionata la funzione di corrispondenza tra il progetto ed il
controllore)?
• Il progetto offline contiene modifiche non presenti nel progetto del
controllore?
• Le versioni del progetto offline e del firmware del controllore
corrispondono?
• Il progetto offline o il controllore sono in blocco di sicurezza?
• Il progetto offline e il controllore hanno firme di sicurezza
compatibili?
Tabella 7 – Connessione al controllore con un progetto di sicurezza
Se nel software è presente la seguente indicazione Quindi
Impossibile eseguire la connessione al controllore. Mancata corrispondenza tra il Eseguire la connessione al controllore corretto, selezionare un altro file di progetto
numero di serie del progetto offline e quello del controllore. Il controllore selezionato oppure selezionare la casella di controllo Update project serial number e scegliere Go
può non essere corretto. Online… per eseguire la connessione al controllore e aggiornare il numero di serie del
progetto offline in modo che corrisponda al controllore.
Impossibile eseguire la connessione al controllore. La versione del progetto offline e del Scegliere una delle seguenti opzioni:
firmware del controllore non sono compatibili. • Selezionare Update Firmware. Selezionare la versione richiesta e fare clic su Update.
Fare clic su Yes per confermare la selezione.
IMPORTANTE: il progetto online viene cancellato.
• Per conservare il progetto online, annullare il processo online e installare una
versione dell’ambiente Studio 5000® compatibile con la versione del firmware del
controllore.
È necessario eseguire l’upload o il download per collegarsi online utilizzando il progetto Scegliere una delle seguenti opzioni:
aperto. • Upload per aggiornare il progetto offline.
• Download per aggiornare il progetto del controllore.
• Selezionare File per selezionare un altro progetto offline.
Impossibile eseguire la connessione conservando la firma di sicurezza. La versione • Per conservare la firma di sicurezza quando la versione secondaria del firmware non
secondaria del firmware sul controllore non è compatibile con la firma di sicurezza nel è compatibile, aggiornare la versione del firmware nel controllore in modo che
progetto offline. corrisponda esattamente al progetto offline. Collegarsi quindi online al controllore.
• Per procedere con il download indipendentemente dall’incompatibilità della firma di
sicurezza, fare clic su Download. La firma di sicurezza viene eliminata.
IMPORTANTE: il sistema di sicurezza richiede una nuova validazione.
Impossibile eseguire la connessione al controllore. La firma di sicurezza non compatibile Annullare il processo online. È necessario disattivare il blocco di sicurezza del progetto
non può essere eliminata quando il progetto è in blocco di sicurezza. offline prima del collegamento online.

Quando il controllore e l’applicazione Logix Designer sono online, lo stato di


blocco di sicurezza e la firma di sicurezza del controllore corrispondono al
progetto del controllore. Lo stato di blocco di sicurezza e la firma di sicurezza
del progetto offline vengono sovrascritti dal controllore. Se non si desidera
apportare tali modifiche al progetto offline in modo permanente, non salvare il
file di progetto al termine del collegamento online.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 101


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

Download nel controllore Quando si scarica un progetto nel controllore, viene eseguita una copia del
progetto dall’applicazione Logix Designer nel controllore. È possibile scaricare
Compact un progetto nei due modi di seguito elencati.
CompactLogix GuardLogix • Utilizzare Who Active a pagina 102
• Utilizzare il menu Controller Status a pagina 103

Utilizzare Who Active

Dopo aver impostato il percorso di comunicazione, è possibile utilizzare le


funzioni della finestra di dialogo Who Active per il download nel controllore.
Per eseguire il download, attenersi alla seguente procedura.

1. Dopo aver scelto il percorso di comunicazione, nella finestra di dialogo


Who Active fare clic su Download.

2. Dopo aver letto le avvertenze nella finestra di dialogo Download, fare


clic su Download.

102 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

Utilizzare il menu Controller Status

Dopo aver scelto un percorso di comunicazione nell’applicazione Logix


Designer, è possibile utilizzare il menu Controller Status per il download nel
controllore. Dal menu Controller Status scegliere Download.

Figura 19 – Download tramite il menu Controller Status

SUGGERIMENTO Al termine del download, il nome del progetto viene visualizzato sul
display di stato a scorrimento.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 103


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

Considerazioni Per un progetto di sicurezza, l’applicazione Logix Designer confronta le


seguenti informazioni nel progetto offline e nel controllore:
aggiuntive sul download in
• Numero di serie del controllore (se è selezionata la corrispondenza tra
un controllore progetto e controllore)
Compact GuardLogix • Versioni principale e secondaria del firmware
• Stato di sicurezza
Compact
GuardLogix • Firma di sicurezza (se presente)
• Stato del blocco di sicurezza
Dopo il superamento dei controlli, viene visualizzata una finestra di dialogo di
conferma del download. Fare clic su Download.

L’applicazione Logix Designer visualizzerà messaggi di stato nella finestra di


dialogo di download, nella schermata di avanzamento e nella finestra Errors.

Se nel software è presente la seguente indicazione: Allora:


Impossibile eseguire il download nel controllore. Mancata corrispondenza tra il Eseguire la connessione al controllore corretto oppure verificare che il controllore utilizzato sia
numero di serie del progetto offline e quello del controllore. Il controllore quello appropriato. Se si tratta del controllore corretto, selezionare la casella di controllo Update
selezionato può non essere corretto. project serial number per consentire l’esecuzione del download. Il numero di serie del progetto
viene modificato in modo da corrispondere al numero di serie del controllore.
Impossibile eseguire il download nel controllore. La versione principale del Selezionare Update Firmware. Selezionare la versione richiesta e fare clic su Update. Fare clic su
progetto offline e il firmware del controllore non sono compatibili. Yes per confermare la selezione.
Impossibile eseguire il download nel controllore. La firma di sicurezza non Annullare il processo di download. Per eseguire il download del progetto, è necessario disattivare
compatibile non può essere eliminata quando il progetto è in blocco di il blocco di sicurezza del progetto offline, eliminare la firma di sicurezza e scaricare il progetto.
sicurezza.
IMPORTANTE: il sistema di sicurezza richiede una nuova validazione.
Impossibile eseguire il download conservando la firma di sicurezza. La versione • Se la versione secondaria del firmware non è compatibile, aggiornare la versione del firmware
secondaria del firmware del controllore non è compatibile con la firma di nel controllore in modo che corrisponda esattamente al progetto offline per conservare la
sicurezza del progetto offline. firma di sicurezza. Scaricare quindi il progetto offline.
• Per procedere con il download indipendentemente dall’incompatibilità della firma di
sicurezza, fare clic su Download. La firma di sicurezza viene eliminata.
IMPORTANTE: il sistema di sicurezza richiede una nuova validazione.
Impossibile eseguire il download nel controllore. Il controllore è bloccato. Le Selezionare Unlock. Viene visualizzata la finestra di dialogo Safety Unlock for Download. Se è
firme di sicurezza del controllore e del progetto offline non corrispondono. selezionata la casella di controllo Delete Signature e si sceglie Unlock, fare clic su Yes per
confermare l’eliminazione.
IMPORTANTE: il sistema di sicurezza richiede una nuova validazione.
Download della firma di sicurezza in corso… La firma di sicurezza è presente nel progetto offline ed è in corso il download.

Se il download viene eseguito correttamente, lo stato di blocco di sicurezza e la


firma di sicurezza del controllore corrisponderanno al progetto scaricato. I dati
di sicurezza vengono inizializzati ai valori esistenti al momento della creazione
della firma di sicurezza.

104 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

Upload dal controllore Quando si carica un progetto dal controllore, viene eseguita una copia del
progetto dal controllore nell’applicazione Logix Designer. Per caricare un
Compact progetto, utilizzare uno dei metodi elencati di seguito.
CompactLogix GuardLogix • Utilizzare Who Active a pagina 105
• Utilizzare il menu Controller Status a pagina 106

Utilizzare Who Active

Dopo aver impostato il percorso di comunicazione, è possibile utilizzare le


funzioni della finestra di dialogo Who Active per l’upload dal controllore. Per
eseguire l’upload, attenersi alla seguente procedura.

1. Nel progetto dell’applicazione Logix Designer fare clic su RSWho.

2. Espandere il percorso di comunicazione e selezionare il controllore.


3. Fare clic su Upload nella finestra di dialogo Who Active.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 105


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

4. Nella finestra di dialogo Connected To Upload, verificare che il progetto


sia quello che si desidera caricare.
5. Fare clic su Upload.

Per ulteriori informazioni sulla finestra di dialogo Connected To Upload,


vedere la Guida online di Logix Designer.

Utilizzare il menu Controller Status

Dopo aver scelto un percorso di comunicazione nell’applicazione Logix


Designer, è possibile utilizzare il menu Controller Status per l’upload dal
controllore.

1. Dal menu a tendina Controller Status scegliere Upload.

106 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

2. Nella finestra di dialogo Connected To Upload, verificare che il progetto


sia quello che si desidera caricare.
3. Fare clic su Upload.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 107


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

Considerazioni aggiuntive Per un progetto di sicurezza, l’applicazione Logix Designer confronta le


seguenti informazioni nel progetto e nel controllore:
sull’upload in un controllore
• Numero di serie del controllore (se è selezionata la corrispondenza tra
Compact GuardLogix progetto e controllore)
• Progetto aperto e progetto del controllore
Compact
GuardLogix • Versioni principale e secondaria del firmware
• Firma di sicurezza (se presente)

IMPORTANTE Il caricamento è consentito indipendentemente dallo stato di sicurezza e


dallo stato di blocco di sicurezza del progetto offline e del controllore. Lo
stato di blocco segue lo stato del progetto caricato.

Tabella 8 – Comportamento di upload


Comportamento di upload: Risposta:
Se è attivata la corrispondenza tra il progetto e il controllore, l’applicazione • Eseguire la connessione al controllore corretto oppure verificare che il controllore utilizzato sia
Logix Designer controlla se il numero di serie del progetto aperto e il numero di quello appropriato.
serie del controllore corrispondono. • Selezionare un nuovo progetto da caricare oppure selezionare un altro progetto scegliendo
Select File.
• Se si tratta del controllore corretto, selezionare la casella di controllo Update project serial
number per consentire l’esecuzione del download. Il numero di serie del progetto viene
modificato in modo da corrispondere al numero di serie del controllore.
L’applicazione Logix Designer controlla se il progetto aperto corrisponde al • Se i progetti non corrispondono, è necessario selezionare un file corrispondente oppure
progetto del controllore. annullare il processo di upload.
• Se i progetti corrispondono, il software controlla se sono state apportate modifiche al
progetto offline (aperto).
L’applicazione Logix Designer verifica la presenza di modifiche nel progetto • Se non sono state apportate modifiche al progetto offline, è possibile collegarsi online senza
offline. eseguire l’upload. Fare clic su Go Online.
• Se sono state apportate modifiche al progetto aperto non presenti nel controllore, è possibile
scegliere di caricare il progetto, annullare l’upload oppure selezionare un altro file.
Caricamento della firma di sicurezza in corso… Questo messaggio viene visualizzato durante l’upload solo se nel progetto offline non esiste una
firma di sicurezza corrispondente a quella del controllore.

Se si seleziona Upload, vengono caricate le applicazioni standard e di


sicurezza. Se è presente una firma di sicurezza, viene caricata. Lo stato di
blocco di sicurezza del progetto riflette lo stato originale del progetto in
linea (controllore).

SUGGERIMENTO Prima di eseguire l’upload, se è presente una firma di sicurezza offline


oppure il progetto offline è in blocco di sicurezza ma il controllore non lo
è o non dispone di una firma di sicurezza, la firma di sicurezza offline e lo
stato di blocco di sicurezza saranno sostituiti dai valori online (sblocco di
sicurezza senza firma di sicurezza). Se non si desidera apportare tali
modifiche in modo permanente, non salvare il progetto offline al termine
dell’upload.

108 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

Scelta della modalità Utilizzare questa tabella come riferimento per determinare la modalità di
funzionamento del controllore.
di funzionamento
del controllore
Compact
CompactLogix GuardLogix

Posizione del selettore di Modalità disponibili per il controllore In questa modalità è possibile: In questa modalità non è possibile: ATTENZIONE:
modalità(1)
RUN Modalità Esecuzione – Il controllore • Impostare le uscite nello stato • Impostare le uscite nel loro stato La modalità Esecuzione viene
controlla attivamente il processo/la comandato dalla logica del progetto. configurato per la modalità utilizzata soltanto in condizioni
macchina. Non è possibile modificare i • Eseguire task (di scansione) Programmazione di completa sicurezza.
progetti nell’applicazione Logix Designer • Inviare messaggi • Modificare la modalità del controllore
quando è impostata la modalità • Inviare e ricevere dati in risposta a un con l’applicazione Logix Designer
Esecuzione. messaggio proveniente da un altro • Scaricare un progetto
controllore • Schedulare una rete ControlNet
• Produrre e consumare tag • Modificare il progetto mentre si è
online
REM Modalità Esecuzione remota – • Impostare le uscite nello stato • Impostare le uscite nel loro stato In modalità Esecuzione remota è
È identica alla modalità Esecuzione, comandato dalla logica del progetto. configurato per la modalità possibile modificare un file di
tranne per il fatto che consente di • Eseguire task (di scansione) Programmazione progetto online.
modificare il progetto online e la modalità • Modificare la modalità del • Scaricare un progetto Assicurarsi di controllare le uscite
del controllore utilizzando l’applicazione controllore con l’applicazione • Schedulare una rete ControlNet con attenzione per evitare lesioni
Logix Designer. Logix Designer alle persone e danni alle
• Modificare il progetto mentre si è apparecchiature.
online
• Inviare messaggi
• Inviare e ricevere dati in risposta a un
messaggio proveniente da un altro
controllore
• Produrre e consumare tag
Modalità Programmazione remota – • Impostare le uscite nel loro stato • Impostare le uscite nello stato
Funziona come la modalità configurato per la modalità comandato dalla logica del progetto.
Programmazione, ma consente di Programmazione • Eseguire task (di scansione)
modificare la modalità del controllore con • Modificare la modalità del
l’applicazione Logix Designer. controllore con l’applicazione
Logix Designer
• Scaricare un progetto
• Schedulare una rete ControlNet
• Modificare il progetto mentre si è
online
• Inviare e ricevere dati in risposta a un
messaggio proveniente da un altro
controllore Le uscite ricevono il comando di
• Produrre e consumare tag passare allo stato specifico della
modalità Programmazione,
Modalità Prova remota – Il codice • Impostare le uscite nel loro stato • Impostare le uscite nello stato generando una situazione a
viene eseguito, ma non c’è il controllo configurato per la modalità comandato dalla logica del progetto. rischio.
dell’I/O. È possibile modificare il progetto Programmazione • Scaricare un progetto
online e la modalità del controllore • Eseguire task (di scansione) • Schedulare una rete ControlNet
utilizzando l’applicazione Logix Designer. • Modificare la modalità del • Inviare messaggi
I moduli di uscita ricevono il comando di controllore con l’applicazione
passare allo stato specifico della modalità Logix Designer
Programmazione (On, Off oppure Hold). • Modificare il progetto mentre si è
online
• Inviare messaggi
• Inviare e ricevere dati in risposta a un
messaggio proveniente da un altro
controllore
• Produrre e consumare tag
PROG Modalità Programmazione – Questa • Impostare le uscite nel loro stato • Impostare le uscite nello stato Non utilizzare la modalità
modalità del controllore non esegue il configurato per la modalità comandato dalla logica del progetto. Programmazione come arresto di
codice o controlla gli I/O, ma sono Programmazione • Eseguire task (di scansione) emergenza. La modalità
disponibili operazioni di modifica. • Scaricare un progetto • Modificare la modalità del controllore Programmazione non è un
I moduli di uscita ricevono il comando di • Schedulare una rete ControlNet con l’applicazione Logix Designer dispositivo di sicurezza.
passare allo stato specifico della modalità • Modificare il progetto mentre si è • Inviare messaggi Le uscite ricevono il comando di
Programmazione (On, Off oppure Hold). online passare allo stato specifico della
Non è possibile modificare le modalità del • Inviare e ricevere dati in risposta a un modalità Programmazione,
controllore con l’applicazione Logix messaggio proveniente da un altro generando una situazione a
Designer. controllore rischio.
• Produrre e consumare tag
(1) Spostando il selettore di modalità da RUN a REM, il controllore passa in modalità Esecuzione remota, mentre spostando il selettore da PROG a REM il controllore passa in modalità Programmazione
remota. Non è possibile scegliere la modalità Prova remota usando solo il selettore di modalità; è necessario utilizzare l’applicazione Logix Designer.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 109


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

Utilizzo del selettore di modalità per modificare la modalità di


funzionamento
Per modificare la modalità di funzionamento, è possibile utilizzare il selettore
di modalità del controllore. Il selettore di modalità di funzionamento del
controllore fornisce uno strumento meccanico per aumentare la sicurezza del
controllore e del sistema di controllo. È necessario spostare fisicamente il
selettore di modalità posto sul controllore per modificare la sua modalità di
funzionamento da RUN a REM oppure a PROG.
Quando il selettore di modalità del controllore è posizionato su RUN, non
sono consentite operazioni quali la modifica online, il download di programmi
e gli aggiornamenti del firmware. Vedere Scelta della modalità
di funzionamento del controllore a pagina 109 per un elenco delle operazioni
non consentite.
Il selettore di modalità di funzionamento può essere utilizzato in modo
complementare ad altri metodi di autorizzazione e di autenticazione che
controllano l’accesso degli utenti al controllore in modo simile, come il servizio
FactoryTalk® Security.

IMPORTANTE In fase di runtime, si consiglia di impostare il selettore della modalità del


controllore in posizione RUN. Ciò può contribuire a scoraggiare l’accesso non
autorizzato al controllore o la potenziale manomissione del programma del
controllore, della configurazione o del firmware del dispositivo.
Impostare il selettore di modalità in posizione REM o PROG durante la messa
in servizio e la manutenzione del controllore e ogni volta che si rende neces-
sario un accesso temporaneo per modificare il programma, la configurazione
o il firmware del prodotto.

È possibile utilizzare il selettore di modalità posto sul lato frontale del


controllore per modificare la modalità di funzionamento in uno di quelli di
seguito descritti.
• Esecuzione (RUN)
• Remota (REM)
• Programmazione (PROG)

Selettore Selettore
modalità di modalità di
funzionamento funzionamento

110 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

Utilizzo dell’applicazione Logix Designer per modificare la


modalità di funzionamento

Quando si è collegati online con il controllore e il selettore di modalità del


controllore è impostato su Remota (REM, posizione centrale), è possibile
utilizzare Logix Designer per cambiare la modalità di funzionamento.

Il menu Controller Status nell’angolo in alto a sinistra della finestra


dell’applicazione consente di specificare queste modalità operative:
• Programmazione remota
• Esecuzione remota
• Prova remota

1. Dal menu a tendina Controller Status scegliere la modalità di


funzionamento.

SUGGERIMENTO In questo esempio, il selettore di modalità del controllore è impostato


sulla modalità remota. Quando il selettore di modalità del controllore è
impostato sulle modalità di esecuzione o di programmazione, le opzioni
del menu sono diverse.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 111


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

Modifica della Al termine della creazione di un progetto, nella finestra di dialogo Controller
Properties è possibile modificare alcuni parametri di configurazione mentre il
configurazione del controllore è offline.
controllore
Esempi di parametri configurabili che si possono modificare offline sono
Compact elencati di seguito.
CompactLogix GuardLogix
• EtherNet/IP Mode nella scheda General
• Enable Time Synchronization nella scheda Date/Time
• Execution Control nella scheda SFC Execution

Per modificare la configurazione del controllore mentre il progetto è offline,


attenersi alla seguente procedura.

1. Sulla barra degli strumenti Online, fare clic sul pulsante Controller
Properties.

2. Dalla finestra di dialogo Controller Properties fare clic sulla scheda


General.

112 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

Pulsante di ripristino È possibile ripristinare i controllori CompactLogix e Compact GuardLogix


mediante il pulsante di ripristino. Il pulsante di ripristino viene letto solo
all’accensione o al riavviamento. Se si preme il pulsante di ripristino in un altro
momento, non avrà alcun effetto.
Nel caso del controllore Compact GuardLogix, lo stato di blocco di sicurezza o
la firma di sicurezza non impediscono di eseguire un ripristino del controllore.
Poiché l’applicazione viene cancellata dal controllore durante un ripristino,
viene cancellato anche il livello di sicurezza del controllore. Quando si scarica
un progetto di sicurezza nel controllore, il livello di sicurezza viene impostato al
livello specificato nel progetto.
Vi sono due livelli di ripristino del controllore:
• Il ripristino di livello 1 cancella il programma applicativo e la memoria,
ma conserva l’indirizzo IP, tutte le impostazioni di rete e la versione del
firmware. Un ripristino di livello 1 ha luogo soltanto se il controllore
contiene un’applicazione utente. Vedere Ripristino di livello 1 a
pagina 114.
• Il ripristino di livello 2 riporta il controllore alle impostazioni
predefinite di fabbrica (incluso il firmware) e cancella tutte le
impostazioni di rete. Un ripristino di livello 2 ha luogo soltanto se il
controllore non contiene applicazioni utente e il controllore non utilizza
una versione 1.x del firmware. Vedere Ripristino di livello 2 a
pagina 115.

IMPORTANTE Dato che lo stato di abilitazione/disabilitazione della porta è associato al


programma applicativo, la porta Ethernet viene abilitata dopo una
procedura di ripristino di livello 1 o di livello 2.

AVVERTENZA: Se si preme il pulsante di ripristino con l’alimentazione


inserita, può verificarsi un arco elettrico, che nei casi di installazioni in aree
pericolose può provocare un’esplosione. Prima di procedere, assicurarsi di
aver rimosso l’alimentazione o che l’area non sia pericolosa.

Pulsante di Pulsante di
ripristino ripristino

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 113


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

Ripristino di livello 1

IMPORTANTE Un ripristino di livello 1 ha luogo soltanto se il controllore contiene


un’applicazione utente.

La procedura di ripristino di livello 1 completa le operazioni riportate di seguito:


• Cancella il programma applicativo.
• Mantiene le impostazioni di rete per la porta Ethernet integrata.
• Mantiene le informazioni sulla posizione assoluta degli assi (APR).
• Mantiene tutti i parametri di configurazione del Protocollo di
Temporizzazione di Precisione (sincronizzazione temporale).
• Mantiene il tempo dell’orologio entro la capacità di ritenzione di energia del
modulo.
• Nel registro controllore, crea una voce con registrazione cronologica che
indica l’avvenuto evento di ripristino di livello 1.
• Ripristina il controllore per iniziare la procedura d’avvio del controllore.
• Impedisce al controllore di caricare firmware o software dalla scheda SD al
primo avviamento dopo il ripristino, indipendentemente dall’impostazione
nella scheda SD e senza modificare il contenuto della scheda stessa
(l’impostazione di protezione dalla scrittura è irrilevante). La scheda SD
verrà ricaricata (se configurata per il caricamento) alle successive accensioni.
• Abilita la porta Ethernet, se disabilitata in precedenza.

Per eseguire un ripristino di livello 1, attenersi alla seguente procedura. Questa


procedura presuppone che una scheda SD sia installata nel controllore.

1. Spegnere il controllore.
2. Aprire lo sportellino anteriore del controllore.
3. Per tenere premuto il pulsante di ripristino, utilizzare uno strumento
piccolo, con il diametro di una graffetta.
4. Mentre si tiene premuto il pulsante di ripristino, accendere il controllore.
5. Continuare a mantenere premuto il pulsante di ripristino finché il display a
quattro caratteri visualizza a scorrimento i messaggi CLR, 4, 3, 2, 1, Project
Cleared.
6. Quando viene visualizzato il messaggio Project Cleared, rilasciare il
pulsante di ripristino.

IMPORTANTE Se si rilascia il pulsante di ripristino prima che il messaggio Project Cleared


scorra sul display, l’accensione del controllore prosegue e il ripristino non
viene effettuato.

Dopo l’esecuzione della procedura di ripristino di livello 1, caricare un progetto


dell’applicazione Logix Designer nei modi descritti di seguito:
• Scaricare il progetto dall’applicazione Logix Designer. Per ulteriori
informazioni, vedere Download nel controllore a pagina 102
• Spegnere e riaccendere il controllore per caricare un progetto dalla scheda
SD.
È possibile utilizzare questa opzione soltanto se il progetto memorizzato
sulla scheda SD è configurato per il caricamento del progetto all’accensione.

114 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Primo utilizzo del controllore Capitolo 6

Ripristino di livello 2

IMPORTANTE Una procedura di ripristino di livello 2 ha luogo soltanto se il controllore non


contiene applicazioni utente e il controllore non utilizza una versione 1.x del
firmware.

La procedura di ripristino di livello 2 completa le operazioni riportate di


seguito.

• Riporta il modulo alla versione 1.x del firmware, ovvero alla versione del
firmware predefinita in fabbrica.

• Cancella tutte le impostazioni utente, incluse quelle di rete e di


sincronizzazione temporale.

Se il controllore utilizza la versione 29.011 o successive del firmware,


viene ripristinata la modalità EtherNet/IP a doppio indirizzo IP, ovvero
la modalità predefinita.

• Ripristina il controllore per iniziare la procedura d’avvio del controllore.

• Dopo una procedura di ripristino di livello 2 non vengono inserite voci


nel registro controllore, ma i registri salvati nella scheda SD rimangono
memorizzati.

Per eseguire un ripristino di livello 2, attenersi alla seguente procedura. Questa


procedura presuppone che una scheda SD sia installata nel controllore.

1. Spegnere il controllore.
2. Aprire lo sportellino anteriore del controllore.
3. Rimuovere la scheda SD.
4. Per tenere premuto il pulsante di ripristino, utilizzare uno strumento
piccolo, con il diametro di una graffetta.
5. Mentre si tiene premuto il pulsante di ripristino, accendere il
controllore.
6. Continuare a mantenere premuto il pulsante di ripristino finché il
display a quattro caratteri visualizza a scorrimento i messaggi DFLT, 4, 3,
2, 1, Factory Default.
7. Quando viene visualizzato il messaggio Factory Default, rilasciare il
pulsante di ripristino.
8. Nella workstation utente, eliminare i file dalla scheda SD.
9. Spegnere il controllore.
10. Reinstallare la scheda SD.
11. Accendere il controllore.
12. Verificare che il controllore abbia la versione 1.x del firmware installata e
che sia abilitato per DHCP.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 115


Capitolo 6 Primo utilizzo del controllore

Dopo l’esecuzione di una procedura di ripristino di livello 2, per poter


riutilizzare il controllore è necessario completare le operazioni riportate di
seguito:

• Configurare le porte Ethernet, impostare la modalità EtherNet/IP


desiderata e configurare l’indirizzo IP del controllore.

Per ulteriori informazioni, vedere Impostazione dell’indirizzo IP del


controllore a pagina 65.

• Aggiornare la versione del firmware. Per ulteriori informazioni, vedere


Aggiornamento del firmware del controllore a pagina 75.

• Scaricare un progetto dell’applicazione Logix Designer nel controllore


in uno dei modi seguenti:
– Scaricare il progetto dall’applicazione Logix Designer. Per ulteriori
informazioni, vedere Download nel controllore a pagina 102.
– Spegnere e riaccendere il controllore per caricare un progetto dalla
scheda SD.

È possibile utilizzare questa opzione soltanto se il progetto


memorizzato sulla scheda SD è configurato per il caricamento del
progetto all’accensione.

116 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 7

Utilizzo della scheda SD

Argomento Pagina
Considerazioni sulla memorizzazione e il caricamento di un progetto di 120
sicurezza
Memorizzazione nella scheda SD 121
Caricamento dalla scheda SD 125
Altre operazioni con la scheda SD 128

Compact
I controllori vengono forniti di serie con una scheda SD installata. Si
CompactLogix GuardLogix raccomanda di lasciare la scheda SD inserita, in modo che, in caso di errore, i
dati diagnostici vengano scritti automaticamente sulla scheda. Rockwell
Automation può quindi utilizzare i dati per analizzare le cause dell’errore.

Si raccomanda di utilizzare le schede SD Rockwell Automation:

• Scheda 1784-SD2 – Scheda da 2 GB fornita con il controllore.

• Scheda 1784-SD1 – Scheda da 1 GB

• Scheda SD CodeMeter CmCard, 4 GB, numero di catalogo


9509-CMSDCD4 (quando sono abilitate le funzioni di protezione del
sorgente e di protezione dell’esecuzione basate su licenza).

Sebbene sia possibile utilizzare altre schede SD con il controllore,


Rockwell Automation non ha testato l’uso di tali schede con il controllore e si
potrebbe verificare un danneggiamento o una perdita dei dati.

Le schede SD non fornite da Rockwell Automation possono presentare


requisiti industriali, ambientali e di certificazione diversi rispetto a quelle
offerte da Rockwell Automation. Queste schede difficilmente possono essere
impiegate negli stessi ambienti in cui vengono utilizzate le schede per uso
industriale fornite da Rockwell Automation.

La scheda di memoria compatibile con il controllore viene utilizzata per


caricare o memorizzare il contenuto della memoria utente del controllore.

Quando si utilizza la funzione di memorizzazione, il progetto memorizzato


sulla scheda SD corrisponde al progetto presente nella memoria del controllore
in quel momento. Le modifiche apportate dopo aver salvato il progetto non
vengono riportate nel progetto sulla scheda SD.

Se si apportano modifiche al progetto nella memoria del controllore senza


memorizzarle, la volta successiva che si caricherà il progetto dalla scheda SD nel
controllore, le modifiche verranno sovrascritte.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 117


Capitolo 7 Utilizzo della scheda SD

IMPORTANTE Non rimuovere la scheda SD durante le operazioni di lettura o scrittura del


controllore. Se si rimuove la scheda durante una di queste attività, i dati
sulla scheda o sul controllore possono danneggiarsi.
Inoltre, il firmware del controllore nel momento in cui la scheda viene
rimossa può essere danneggiato. Lasciare la scheda nel controllore finché
l’indicatore di stato OK non diventa verde fisso.

Se è installata una scheda SD, è possibile visualizzarne i contenuti tramite la


scheda Nonvolatile Memory della finestra di dialogo Controller Properties. Se
sulla scheda è memorizzata un’applicazione di sicurezza, vengono visualizzati lo
stato del blocco di sicurezza e la firma di sicurezza.

Figura 20 – Scheda Nonvolatile Memory

Il progetto deve essere online per poter vedere il contenuto della scheda SD.

118 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo della scheda SD Capitolo 7

Tenere presente quanto riportato di seguito.

• Uno slot per scheda SD si trova sul lato anteriore del controllore, dietro
lo sportellino.

Slot per scheda Slot per scheda


SD SD

• Se la scheda è installata e si verifica un errore, i dati diagnostici vengono


automaticamente memorizzati nella scheda. I dati diagnostici facilitano
l’indagine e la correzione della causa dell’errore.
• Il controllore rileva la presenza di una scheda SD all’accensione oppure
quando la scheda viene inserita durante il funzionamento del
controllore.
• Nella scheda SD è possibile memorizzare tutti i dati di configurazione
archiviati nella memoria non volatile, ad esempio l’indirizzo IP del
controllore.
• Nella scheda SD è possibile memorizzare il programma di backup.

IMPORTANTE Rockwell Automation consiglia di eseguire regolarmente il backup


del programma Studio 5000 Logix Designer® su una scheda SD.
Se si verifica un errore irreversibile grave che determina la rimozione
del programma dalla memoria del controllore, è possibile ripristi-
nare automaticamente la copia di backup presente nella scheda SD
e riprendere velocemente il normale funzionamento del controllore.

Per informazioni dettagliate sull’utilizzo della memoria non volatile, consultare


Logix 5000 Controllers Nonvolatile Memory Programming Manual,
pubblicazione 1756-PM017.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 119


Capitolo 7 Utilizzo della scheda SD

Considerazioni sulla Solo i controllori Compact GuardLogix® 5380 supportano i progetti di


sicurezza. I controllori CompactLogix™ 5380 non supportano i progetti di
memorizzazione e il sicurezza.
caricamento di un progetto
di sicurezza Non è possibile memorizzare un progetto di sicurezza se lo stato di sicurezza è
Safety Task Inoperable. Quando si memorizza un progetto di sicurezza, il
Compact firmware del controllore viene salvato anche sulla scheda SD.
GuardLogix
Se nel controllore non esiste un progetto dell’applicazione, è possibile salvare
solo il firmware del controllore di sicurezza.

Se è presente una firma di sicurezza quando si memorizza un progetto, avviene


quanto segue:
• I tag di sicurezza vengono memorizzati con i loro valori presenti al
momento della creazione della firma.
• I tag standard sono memorizzati con i loro valori correnti.
• La firma di sicurezza corrente viene salvata.

Quando si memorizza un progetto di un’applicazione di sicurezza su una


scheda SD, Rockwell Automation consiglia di selezionare Program (Remote
Only) come modalità di caricamento, ovvero la modalità impostata nel
controllore dopo il caricamento di un progetto dalla scheda SD.

IMPORTANTE Per evitare che il firmware memorizzato sulla scheda SD sovrascriva quello
aggiornato di recente:
• Il processo di aggiornamento controlla innanzitutto l’opzione di
caricamento sulla scheda SD e, se necessario, la modifica in User
Initiated.
• L’aggiornamento del firmware procede.
• Il controllore viene ripristinato.
• L’opzione di caricamento rimane impostata su User Initiated.
Se la scheda SD è bloccata, l’opzione di caricamento non cambia e il
firmware memorizzato sulla scheda SD può sovrascrivere quello appena
aggiornato.

120 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo della scheda SD Capitolo 7

Memorizzazione nella Si raccomanda di eseguire regolarmente il backup dell’applicazione


Studio 5000 Logix Designer su una scheda SD.
scheda SD
Se si verifica un errore irreversibile grave che determina la rimozione del
Compact programma dalla memoria del controllore, è possibile ripristinare
CompactLogix GuardLogix automaticamente la copia di backup presente nella scheda SD per riprendere
velocemente il normale funzionamento del controllore.
Per memorizzare un progetto in una scheda SD, attenersi alla seguente
procedura.

1. Assicurarsi che il controllore sia online e in modalità Programmazione o


Programmazione remota.
2. Dal menu a tendina Controller Status fare clic su Controller Properties.

3. Nella scheda Nonvolatile Memory fare clic su Load/Store.

SUGGERIMENTO Se l’opzione Load/Store è visualizzata in grigio (non disponibile),


verificare quanto segue.
• Il controllore è in modalità Programmazione o Programmazione
remota
• Il percorso di comunicazione specificato è corretto.
• La scheda SD è installata.
• La scheda SD non è bloccata. Lo stato di blocco viene visualizzato
nell’angolo in basso a sinistra della finestra di dialogo Nonvolatile
memory/Load Store.
Se la scheda SD non è installata, nell’angolo in basso a sinistra della
scheda Nonvolatile Memory viene visualizzato un messaggio che indica
l’assenza della scheda, come mostrato di seguito.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 121


Capitolo 7 Utilizzo della scheda SD

4. Modificare le proprietà Load Image in base ai requisiti dell’applicazione.

Questa tabella descrive le opzioni di Load Image.


Tabella 9 – Opzioni di Load Image
Se si desidera caricare il Selezionare Note Considerazioni sulla sicurezza
progetto questa opzione di
Load Image
Ad ogni accensione o in All’accensione • Durante un ciclo di spegnimento e riaccensione si • Per un’applicazione di sicurezza, l’opzione On Power Up
caso di spegnimento e perdono le eventuali modifiche online, i valori dei tag e viene caricata indipendentemente dal fatto che il
riaccensione la schedulazione della rete non memorizzati nella controllore sia o meno in blocco di sicurezza o che sia
memoria non volatile. presente una firma di sicurezza.
• Il controllore carica il progetto e il firmware Se l’applicazione è configurata per essere caricata dalla
memorizzati a ogni accensione, indipendentemente scheda SD all’accensione, l’applicazione nel controllore
dal firmware e dal progetto dell’applicazione presenti viene sovrascritta anche se il controllore è in blocco di
nel controllore. sicurezza.
• È sempre possibile utilizzare l’applicazione
Studio 5000 Logix Designer per caricare il progetto.
Ogni volta che non vi è un On Uninitialized • Se il progetto è stato cancellato dalla memoria, questa • Se necessario, il controllore aggiorna anche il firmware del
progetto nel controllore e si Memory opzione carica di nuovo il progetto nel controllore coprocessore di sicurezza.
esegue un’accensione o all’accensione.
uno spegnimento/ • Se necessario, viene eseguito l’aggiornamento del
riaccensione dello chassis firmware sul controllore. Viene inoltre caricato il
progetto dell’applicazione presente nella memoria non
volatile e il controllore passa alla modalità selezionata,
ossia Programmazione o Esecuzione.
• È sempre possibile utilizzare l’applicazione Logix
Designer per caricare il progetto.
Solo attraverso User Initiated • Se il tipo di controllore e le versioni principali e • È possibile avviare un caricamento indipendentemente
l’applicazione Logix secondarie del progetto nella memoria non volatile dallo stato di sicurezza.
Designer corrispondono al tipo di controllore e alle versioni • È possibile caricare un progetto in un controllore in blocco di
principali e secondarie del controllore, è possibile sicurezza solo quando la firma di sicurezza del progetto
avviare un caricamento. salvato nella memoria non volatile corrisponde al progetto
nel controllore.
• Se le firme non corrispondono o se il controllore è in blocco
di sicurezza senza una firma di sicurezza, viene richiesto di
sbloccare preventivamente il controllore.
IMPORTANTE: quando si sblocca il controllore e si avvia un
caricamento dalla memoria non volatile, lo stato del blocco
di sicurezza, le password e la firma di sicurezza vengono
impostati sui valori contenuti nella memoria non volatile al
termine del caricamento.
• Se la versione del firmware nel controllore primario
corrisponde alla versione nella memoria non volatile, il
firmware del coprocessore di sicurezza viene aggiornato, se
necessario, l’applicazione salvata nella memoria non
volatile viene caricata in modo che lo stato di sicurezza
diventi Task di sicurezza funzionante e il controllore viene
impostato sulla modalità Programmazione.

IMPORTANTE Per evitare che il firmware memorizzato sulla scheda SD sovrascriva quello aggiornato di recente:
• Il processo di aggiornamento controlla innanzitutto l’opzione di caricamento sulla scheda SD e, se necessario, la modifica in
User Initiated.
• L’aggiornamento del firmware procede.
• Il controllore viene ripristinato.
• L’opzione di caricamento rimane impostata su User Initiated.
Se la scheda SD è bloccata, l’opzione di caricamento non cambia e il firmware memorizzato sulla scheda SD può sovrascrivere
quello appena aggiornato.

122 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo della scheda SD Capitolo 7

5. Modificare le proprietà Load Mode in base ai requisiti dell’applicazione.

Se si desidera che il controllore entri in questa modalità dopo il Scegliere Voci di menu
caricamento
Programmazione Program (soltanto remota)
Esecuzione Run (soltanto remota)

IMPORTANTE Considerazione sulla sicurezza


Rockwell Automation raccomanda di utilizzare Program (soltanto remota) quando si imposta la modalità di caricamento per un
progetto dell’applicazione di sicurezza.

6. In base ai requisiti dell’applicazione, impostare le proprietà Automatic


Firmware Update per i dispositivi I/O nell’albero di configurazione del
controllore. La proprietà Automatic Firmware Update è detta anche
funzione Firmware Supervisor.

IMPORTANTE Considerazione sulla sicurezza


Alcuni dispositivi I/O di sicurezza non supportano la funzione Firmware Supervisor. Ad esempio, i dispositivi I/O di sicurezza sulle
reti DeviceNet e i moduli POINT Guard I/O™ non supportano la funzione Firmware Supervisor.

Questa tabella descrive le opzioni di Automatic Firmware Update per i


dispositivi I/O.

Impostazione Descrizione Voci di menu


Disable Disabilita tutti gli aggiornamenti automatici del firmware. Questa voce viene
visualizzata nel menu soltanto dopo il salvataggio iniziale dell’immagine.

Enable and Store Files to Image Abilita gli aggiornamenti automatici del firmware per i dispositivi I/O nella
struttura ad albero per la configurazione del controllore. Salva il firmware dei
dispositivi I/O e del controllore nell’immagine. Solo i dispositivi I/O configurati
per la corrispondenza esatta della codifica partecipano al processo di
aggiornamento automatico del firmware.(1)
Disable and Delete Files to Image Disabilita gli aggiornamenti automatici del firmware per i dispositivi I/O nella
struttura ad albero per la configurazione del controllore. Rimuove il firmware dei
dispositivi I/O dall’immagine, ma non rimuove quello del controllore. Questa
voce viene visualizzata nel menu soltanto nei successivi salvataggi
dell’immagine.
(1) I dispositivi utilizzati con questa opzione devono supportare la versione del firmware a cui vengono aggiornati.

7. Fare clic su Store.


8. Nella finestra di dialogo di conferma visualizzata fare clic su Yes.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 123


Capitolo 7 Utilizzo della scheda SD

Se l’opzione Automatic Firmware Update è stata abilitata, una finestra di


dialogo segnala quali moduli non sono inclusi nell’aggiornamento
automatico del firmware.

IMPORTANTE Non rimuovere la scheda SD durante le operazioni di lettura o scrittura del


controllore. Se si rimuove la scheda durante una di queste attività, i dati
sulla scheda o sul controllore possono danneggiarsi. Inoltre, il firmware del
controllore nel momento in cui la scheda viene rimossa può essere
danneggiato. Lasciare la scheda nel controllore finché l’indicatore di stato OK
non diventa verde fisso.

9. Nella finestra di dialogo Automatic Firmware Update fare clic su Yes.


Il progetto viene memorizzato nella scheda SD come indicato dagli
indicatori di stato del controllore.

Queste indicazioni mostrano lo stato di memorizzazione


Mentre è in corso la memorizzazione, si verifica quanto riportato di seguito:
• L’indicatore OK è verde lampeggiante
• L’indicatore SD è verde lampeggiante.
• Sul display di stato, viene visualizzato il messaggio Saving…Do Not Remove SD Card.
• Una finestra di dialogo dell’applicazione Logix Designer segnala che la memorizzazione è in corso.
• Il controllore viene ripristinato.
• Nel display di stato viene visualizzata la stringa SAVE.
Quando la memorizzazione è terminata, si verifica quanto segue:
• Il controllore viene ripristinato.

IMPORTANTE Lasciare che la memorizzazione avvenga senza interruzioni. Se il


salvataggio viene interrotto, si può verificare un danneggiamento o
una perdita di dati.

124 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo della scheda SD Capitolo 7

Caricamento dalla scheda SD Dopo avere impostato il percorso di comunicazione, effettuato il collegamento
online con il controllore e impostato il controllore in modalità Programma, è
Compact possibile caricare un progetto nel controllore dalla scheda di memoria.
CompactLogix GuardLogix

IMPORTANTE Con la scheda SD e controllori nuovi con configurazione di fabbrica:


• Se si inserisce una scheda SD con un’immagine in un controllore nuovo
con configurazione di fabbrica (firmware 1.x), all’accensione il
controllore aggiorna automaticamente il firmware alla versione
memorizzata sulla scheda SD. L’aggiornamento avviene
indipendentemente dall’impostazione Load Image nell’immagine sulla
scheda SD (User Initiated, On Power Up o On Uninitialized Memory).
• Se l’immagine è stata creata con le impostazioni On Power Up o On
Uninitialized Memory, il controllore aggiorna il firmware e carica
nell’applicazione del controllore.

È possibile effettuare un caricamento da una scheda SD al controllore in uno


dei modi seguenti:
• Accensione del modulo
• Azione avviata dall’utente

SUGGERIMENTO È sempre possibile utilizzare l’applicazione Logix Designer per caricare il


progetto.

Accensione del modulo


Questa tabella mostra cosa accade all’accensione quando la scheda SD nel
controllore contiene un’immagine.

Impostazione Il controllore è nella condizione Firmware > 1.xxx e memoria non volatile Firmware > 1.xxx e memoria non volatile
immagine predefinita in fabbrica (firmware interna non valida(2) interna valida(2)
v1.xxx)
User Initiated Carica soltanto il firmware(1) Nessuna azione Nessuna azione
On Power Up Carica sia il firmware sia l’applicazione • Carica il firmware se non c’è corrispondenza tra • Carica il firmware se non c’è corrispondenza
le versioni tra le versioni
• Carica l’applicazione • Carica l’applicazione
On Uninitialized Memory Carica sia il firmware sia l’applicazione(2) • Carica il firmware se non c’è corrispondenza tra Nessuna azione
le versioni
• Carica l’applicazione
(1) Rappresenta un cambiamento del comportamento rispetto ai controllori CompactLogix 5370 e precedenti.
(2) “Valida” include la condizione No Project.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 125


Capitolo 7 Utilizzo della scheda SD

Azione avviata dall’utente

IMPORTANTE Per un controllore con configurazione di fabbrica che utilizza la versione 1.xx
del firmware, è necessario aggiornare manualmente il controllore alla
versione del firmware richiesta prima di poter caricare un progetto sul
controllore.

Quando il controllore è già acceso, prima di poter caricare un progetto sul


controllore da una scheda SD è necessario completare le operazioni riportate di
seguito:
• Assicurarsi che il controllore abbia una versione del firmware
funzionante.
• Determinare il percorso di comunicazione.
• Andare online con il controllore.
• Assicurarsi che il controllore sia in modalità Programmazione.

Per caricare un progetto nel controllore dalla scheda SD, attenersi alla seguente
procedura.

1. Dal menu a tendina Controller Status fare clic su Controller Properties.

126 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo della scheda SD Capitolo 7

2. Nella scheda Nonvolatile Memory verificare che il progetto nell’elenco


sia quello corretto.

SUGGERIMENTO Se nessun progetto è memorizzato sulla scheda SD, un messaggio


visualizzato sulla scheda Nonvolatile Memory indica che un’immagine
(o progetto) non è disponibile.

Per informazioni sulla modifica del progetto disponibile per il


caricamento dalla memoria non volatile, consultare Logix 5000
Controllers Nonvolatile Memory Programming Manual,
pubblicazione 1756-PM017.
3. Fare clic su Load/Store.

SUGGERIMENTO Se l’opzione Load/Store è visualizzata in grigio (non disponibile),


verificare quanto segue.
• Si è specificato il percorso di comunicazione corretto e la modalità
online del controllore è attiva.
• La scheda SD è installata.
• Il controllore non è in modalità Esecuzione.

4. Fare clic su Load.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 127


Capitolo 7 Utilizzo della scheda SD

5. Nella finestra di dialogo di conferma visualizzata fare clic su Yes.

Dopo la conferma, il progetto viene caricato nel controllore come


indicato dagli indicatori di stato del controllore.

Queste indicazioni mostrano lo stato del caricamento


Mentre è in corso il caricamento, si verifica quanto riportato di seguito:
• L’indicatore OK è rosso fisso.
• L’indicatore SD è verde lampeggiante.
• Sul display di stato viene visualizzato il messaggio “Loading…Do Not Remove SD Card”.
• Sul display di stato può essere visualizzato il messaggio “Updating Firmware…Do Not Remove SD
Card” se con il caricamento viene aggiornato anche il firmware
• Una finestra di dialogo dell’applicazione Logix Designer segnala che la memorizzazione è in corso.
Quando il caricamento è terminato, si verifica quanto segue:
• Il controllore si riavvia.

IMPORTANTE Attendere il completamento del caricamento senza interruzioni. Se il


caricamento viene interrotto, si può verificare un danneggiamento o una
perdita di dati.

Altre operazioni con la Con la scheda SD possono essere eseguite queste operazioni:
scheda SD • Modifica dell’immagine caricata dalla scheda
• Verifica dell’esistenza di un caricamento già completato
Compact • Cancellazione di un’immagine dalla scheda SD
CompactLogix GuardLogix
• Memorizzazione di un’immagine vuota
• Modifica dei parametri di caricamento
• Lettura dalla scheda o scrittura sulla scheda di dati applicativi
• Visualizzazione dello stato del blocco di sicurezza e delle firme di
sicurezza nella scheda Non-volatile Memory – Solo controllori
Compact GuardLogix 5380.

Per ulteriori informazioni sul completamento di queste operazioni,


consultare Logix 5000 Controllers Memory Card Programming Manual,
pubblicazione 1756-PM017.

128 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 8

Rete EtherNet/IP

Argomento Pagina
Funzionalità su reti EtherNet/IP 130
Software per reti EtherNet/IP 131
Nodi su una rete EtherNet/IP 131
Topologie di rete EtherNet/IP 134
Velocità di trasmissione su reti EtherNet/IP 137
Interfaccia socket 139

Compact
I controllori CompactLogix™ 5380 e Compact GuardLogix® 5380 operano su
CompactLogix GuardLogix reti EtherNet/IP.

Tenere presente che, prima che il controllore possa operare su una rete
EtherNet/IP, è necessario configurare il driver nel software
RSLinx® Classic. Per ulteriori informazioni sulla configurazione di un
driver, vedere pagina 57 e pagina 59.

IMPORTANTE Alcune immagini di esempio contenute in questo capitolo raffigurano


controllori CompactLogix 5380 e altre raffigurano controllori Compact
GuardLogix 5380.
Il controllore utilizzato ha solo uno scopo esemplificativo. Per ogni esempio
possono essere utilizzati entrambi i tipi di controllore. Ad esempio,
l’immagine mostrata nella sezione Topologia di rete lineare che ha inizio a
pagina 135 utilizza i controllori Compact GuardLogix 5380, ma negli stessi
esempi è possibile utilizzare i controllori CompactLogix 5380.

La rete EtherNet/IP offre una suite completa di servizi per il controllo, la


configurazione e la raccolta dati attraverso l’implementazione dei livelli del
protocollo CIP (Common Industrial Protocol) sui protocolli Internet
standard, quali TCP/IP e UDP. Questa combinazione di standard riconosciuti
assicura la capacità necessaria per supportare lo scambio di informazioni e le
applicazioni di controllo.

I controllori utilizzano le transazioni dell’interfaccia socket e la comunicazione


convenzionale sulla rete EtherNet/IP per comunicare con i dispositivi Ethernet
che non supportano il protocollo applicativo EtherNet/IP.

Per ulteriori informazioni sulle transazioni dell’interfaccia socket, vedere


Interfaccia socket a pagina 139.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 129


Capitolo 8 Rete EtherNet/IP

Funzionalità su reti I controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380 supportano le


seguenti funzionalità di rete EtherNet/IP:
EtherNet/IP
• Doppie porte di rete EtherNet/IP integrate – Porta A1 e porta A2
Compact • Supporto per queste modalità EtherNet/IP:
CompactLogix GuardLogix – Modalità a doppio indirizzo IP – Disponibile con l’applicazione
Studio 5000 Logix Designer®, versione 29.00.00 o successive
– Modalità lineare/DLR
• Supporto per queste topologie di rete EtherNet/IP:
– DLR (Device Level Ring)
– Lineare
– A stella
• Supporto per queste velocità di trasmissione della rete EtherNet/IP:
– 10 Mbps
– 100 Mbps
– 1 Gbps
• Funzionamento solo in full-duplex

IMPORTANTE Un dispositivo che supporta soltanto la trasmissione half-duplex


deve essere collegato a uno switch per poter comunicare con un
controllore CompactLogix 5380 o Compact GuardLogix 5380.

• Supporto della tecnologia CIP Sync, basata su sincronizzazione


temporale utilizzando il Protocollo di Temporizzazione di
Precisione IEEE-1588
• Rilevamento di indirizzi IP duplicati
• Interfaccia socket per comunicare con i dispositivi Ethernet che non
supportano il protocollo applicativo EtherNet/IP
• Compatibilità con switch Ethernet standard di settore – Si raccomanda
l’utilizzo di switch gestiti. Inoltre, gli switch che supportano il protocollo
CIP offrono prestazioni più prevedibili.
• CIP Safety su rete EtherNet/IP – Solo controllori Compact
GuardLogix 5380
• Supporto di messaggistica, tag prodotti/consumati, interfaccia operatore
e moduli I/O distribuiti
• Supporto di Integrated Motion su rete EtherNet/IP –
Non disponibile per tutti i controllori CompactLogix 5380 o
Compact GuardLogix 5380

Per ulteriori informazioni sull’utilizzo di Integrated Motion su una rete


EtherNet/IP, vedere Capitolo 15, Sviluppo di applicazioni di controllo
assi a pagina 277.

Per ulteriori informazioni sulla progettazione di reti, consultare Ethernet


Design Considerations Reference Manual, pubblicazione ENET-RM002.

130 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Rete EtherNet/IP Capitolo 8

Software per reti EtherNet/IP Nella Tabella 10 sono elencati gli strumenti software da utilizzare con moduli e
reti EtherNet/IP.
.

Compact
CompactLogix GuardLogix Tabella 10 – Software per l’utilizzo di reti EtherNet/IP
Software Utilizzare Obbligatorio/
Opzionale
Applicazione Logix Designer • Configurare progetti CompactLogix. Necessario
• Definire la comunicazione EtherNet/IP.
RSLinx® Classic oppure • Configurare i dispositivi di comunicazione. Necessario
RSLinx Enterprise • Eseguire funzioni di diagnostica.
• Attivare la comunicazione tra dispositivi.
Strumento per la messa in Assegnare indirizzi IP al controllore e ai dispositivi su una Opzionale
servizio EtherNet/IP di rete EtherNet/IP.
BOOTP DHCP

Nodi su una rete EtherNet/IP Quando si configura il sistema di controllo CompactLogix 5380 o Compact
GuardLogix 5380, è necessario considerare il numero di nodi EtherNet/IP da
Compact includere nella sezione I/O Configuration del progetto.
CompactLogix GuardLogix
Nella Tabella 11 è illustrato il numero massimo di nodi EtherNet/IP supportati
dai controllori.
Tabella 11 – Nodi EtherNet/IP dei controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380
Controllori CompactLogix 5380 Nodi supportati, max.
5069-L306ER, 5069-L306ERM 16
5069-L310ER, 5069-L310ER-NSE, 5069-L310ERM 24
5069-L320ER, 5069-L320ERM 40
5069-L330ER, 5069-L330ERM 50, 60(1)
5069-L340ER, 5069-L340ERM 55, 90(1)
5069-L350ERM 60, 120(1)
5069-L380ERM 70,150(1)
5069-L3100ERM 80, 180(1)

Controllori Compact GuardLogix 5380 Nodi supportati, max.


5069-L306ERMS2, 5069-L306ERS2 16
5069-L310ERS2, 5069-L310ERMS2 24
L320ERS2, 5069-L320ERS2K, 40
5069-L320ERMS2, 5069-L320ERMS2K
5069-L330ERS2, 5069-L330ERS2K, 60
5069-L330ERMS2, 5069-L330ERMS2K
5069-L340ERS2, 5069-L340ERMS2 90
5069-L350ERS2, 5069-L350ERS2K, 120
5069-L350ERMS2, 5069-L350ERMS2K
5069-L380ERS2, 5069-L380ERMS2 150
5069-L3100ERS2, 5069-L3100ERMS2 180
(1) Con l’applicazione Studio 5000 Logix Designer, versione 31 o successiva.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 131


Capitolo 8 Rete EtherNet/IP

Dispositivi inclusi nel conteggio dei nodi

Qualsiasi dispositivo EtherNet/IP aggiunto alla sezione I/O Configuration


deve essere considerato nel conteggio del limite dei nodi del controllore.
Esempi di dispositivi che è necessario includere nel conteggio sono riportati di
seguito.

• Schede di comunicazione remota

• Switch inclusi nella sezione I/O Configuration

• Dispositivi con porta Ethernet integrata, ad esempio servoazionamenti,


moduli I/O e dispositivi di collegamento

• Controllori remoti, quando si stabilisce una connessione produttore/


consumatore tra i due controllori

• Dispositivi di interfaccia operatore inclusi nella sezione I/O


Configuration

• Dispositivi terze parti collegati direttamente alla rete EtherNet/IP

Dispositivi esclusi dal conteggio dei nodi


Quando si calcola il limite dei nodi Ethernet di un controllore, non bisogna
considerare i dispositivi presenti sulla rete EtherNet/IP, ma non inclusi nella
sezione I/O Configuration del progetto.

I dispositivi di seguito elencati non sono inclusi nella sezione I/O


Configuration e non devono quindi essere considerati nel conteggio del
numero di nodi.

• Computer

• Interfacce operatore non incluse nella sezione I/O Configuration

• Dispositivi di destinazione di istruzioni MSG non inclusi nella sezione


I/O Configuration

• Dispositivi Ethernet standard con i quali il controllore comunica


attraverso un’interfaccia socket

132 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Rete EtherNet/IP Capitolo 8

Nella Figura 21 sono illustrati i nodi dell’albero I/O.

Figura 21 – Esempi di nodi EtherNet/IP

Nodo

Nodo

Nodo

Nodo

La scheda Capacity nella finestra di dialogo Controller Properties visualizza il


numero di nodi Ethernet utilizzati in un progetto. La figura seguente è
rappresentativa del progetto mostrato nella Figura 21.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 133


Capitolo 8 Rete EtherNet/IP

Topologie di rete EtherNet/IP I controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380 supportano i
seguenti tipi di rete EtherNet/IP:
Compact • Topologia di rete ad anello a livello di dispositivi
CompactLogix GuardLogix
• Topologia di rete lineare
• Topologia di rete a stella

Alcuni esempi in questa sezione utilizzano controllori CompactLogix 5380,


mentre altri utilizzano controllori Compact GuardLogix 5380. Il controllore
utilizzato ha unicamente scopo esemplificativo. In ogni esempio è possibile
utilizzare entrambi i tipi di controllore.

Topologia di rete ad anello a livello di dispositivi

Una topologia di rete DLR è una rete ad anello tollerante al singolo guasto
pensata per collegare dispositivi di automazione. Una rete DLR utilizza nodi
del supervisore (attivo e di backup) e nodi dell’anello.

Quando viene rilevato un errore, le topologie di rete DLR si convertono


automaticamente in topologie di rete lineari. La conversione alla nuova
topologia di rete mantiene la comunicazione dei dati sulla rete. In genere, la
condizione di errore viene facilmente rilevata e corretta.

Il controllore è tipicamente in modalità lineare/DLR quando è utilizzato in


una topologia DLR. Se il controllore funziona in modalità a doppio indirizzo
IP, deve connettersi a una topologia DLR tramite un modulo ETAP collegato a
una porta Ethernet del controllore.

IMPORTANTE Se si utilizza un controllore in una rete DLR con almeno un dispositivo che ha
una velocità di trasmissione di rete massima di 100 Mbps, impostare le porte
del controllore su 100 Mbps. Se nell’anello sono presenti altri dispositivi che
supportano 1 Gbps, è comunque necessario impostare tutti i dispositivi
nell’anello a 100 Mbps per garantire una comunicazione più affidabile.

Figura 22 – Controllore CompactLogix 5380 in una topologia di rete DLR

Controllore CompactLogix 5380 Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O


Moduli Compact 5000 I/O™ Moduli Compact 5000 I/O

Tutte le comunicazioni su questa rete utilizzano la velocità di 100 Mbps perché


Convertitore di tutte le porte dei dispositivi sono configurate manualmente per 100 Mbps.
frequenza
PowerFlex® 527
Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O
Moduli Compact 5000 I/O

Servoazionamenti Adattatore 1734-AENTR Terminale


Kinetix® 5500 Moduli POINT I/O™ 1734 PanelView™ Plus 7

134 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Rete EtherNet/IP Capitolo 8

Topologia di rete lineare

Una topologia di rete lineare è un insieme di dispositivi collegati a margherita


su una rete EtherNet/IP. I dispositivi in grado di collegarsi a una topologia di
rete lineare ricorrono alla tecnologia degli switch embedded per evitare
l’utilizzo di uno switch separato, necessario nelle topologie di rete a stella.

Figura 23 – Controllore Compact GuardLogix 5380 in una topologia di rete lineare

Scheda EtherNet/IP Compact 5000 I/O™


Moduli Compact 5000 I/O
Adattatore 1794-AENTR
Moduli FLEX™ I/O 1794

Workstation

Terminale PanelView Plus 7

Controllore Compact GuardLogix 5380 Servoazionamenti Adattatore 1734-AENTR


Moduli Compact 5000 I/O Kinetix 5500 Moduli POINT I/O 1734

Per ulteriori informazioni sulla progettazione di una rete DLR, consultare


Tecnologia degli switch embedded EtherNet/IP – Guida applicativa,
pubblicazione ENET-AP005.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 135


Capitolo 8 Rete EtherNet/IP

Topologia di rete a stella

Una topologia di rete a stella è una rete EtherNet/IP tradizionale che include
diversi dispositivi collegati tra loro attraverso uno switch Ethernet. Il
controllore può operare in modalità lineare/DLR o a doppio indirizzo IP
quando è collegato a una topologia di rete a stella.

Se il controllore opera in modalità a doppio indirizzo IP, le porte Ethernet


hanno configurazioni IP univoche e devono essere collegate a sottoreti diverse.

Per ulteriori informazioni sulla configurazione di un controllore che utilizza la


modalità a doppio indirizzo IP, vedere Capitolo 9, Utilizzo delle modalità
EtherNet/IP a pagina 141.

Figura 24 – Controllori CompactLogix 5380 in una topologia di rete a stella

Controllore CompactLogix 5380


Moduli Compact 5000 I/O Adattatore 5069-AENTR
Moduli Compact 5000 I/O

Switch Stratix® 5400

Terminale
PanelView Plus 7

Servoazionamento
Kinetix 5500
Convertitore di frequenza Adattatore 1734-AENTR
PowerFlex 527 Moduli POINT I/O 1734

Strumenti Integrated Architecture

Per ulteriori informazioni sulla progettazione di un sistema


CompactLogix 5380, consultare la pagina Web Integrated Architecture® Tools
and Resources. Ad esempio, è possibile accedere alla sezione Popular
Configuration Drawings, che mostra topologie di rete EtherNet/IP diverse.

Lo strumento e le risorse sono disponibili all’indirizzo:


http://www.rockwellautomation.com/global/products-technologies/
integrated-architecture/tools/overview.page

136 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Rete EtherNet/IP Capitolo 8

Velocità di trasmissione su I controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380 supportano


queste velocità di trasmissione su reti EtherNet/IP:
reti EtherNet/IP
• 10 Mbps
Compact • 100 Mbps
CompactLogix GuardLogix • 1 Gbps

In un sistema CompactLogix 5380 le prestazioni di rete sono ottimali se si


utilizza una velocità di trasmissione in rete di 1 Gbps. Tuttavia, molti
dispositivi Ethernet non supportano tale velocità di trasmissione, ma
supportano invece una velocità massima di 100 Mbps.

La differenza tra velocità massime di trasmissione supportate sulla rete


influiscono sul sistema CompactLogix 5380 e, in alcune applicazioni, limitano
le possibilità di utilizzo della velocità di trasmissione di rete di 1 Gbps su un
controllore.

Quando si progetta un sistema CompactLogix 5380 e si considera la possibilità


di utilizzare la velocità di 1 Gbps sul controllore, tenere presente quanto segue.

• È possibile utilizzare la velocità di trasmissione della rete di 1 Gbps sulle


porte del controllore quando tutti i dispositivi di rete supportano la
velocità di 1 Gbps, ad esempio gli adattatori 5069-AEN2TR con moduli
Compact 5000 I/O e uno switch compatibile Gigabit.

Quando si utilizza una velocità di trasmissione su rete di 1 Gbps, è


necessario configurare le porte del controllore per l’utilizzo dell’opzione
Auto-Negotiate.

Controllore CompactLogix 5380


Moduli Compact 5000 I/O™

1 Gbps
Switch Stratix 5400
1 Gbps
1 Gbps

1 Gbps Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O


Moduli Compact 5000 I/O
Workstation

Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O


Moduli Compact 5000 I/O

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 137


Capitolo 8 Rete EtherNet/IP

• È possibile utilizzare la velocità di trasmissione su rete di 1 Gbps sulle


porte del controllore quando qualcuno dei dispositivi in rete supporta
una velocità massima di trasmissione della rete di 100 Mbps. In questo
caso, tuttavia, il controllore deve essere collegato a quei dispositivi
attraverso uno switch gestito.

La porta di connessione del controllore deve essere configurata per


l’utilizzo dell’opzione Auto-Negotiate e per la velocità di trasmissione su
rete di 1 Gbps.

Controllore CompactLogix 5380


Moduli Compact 5000 I/O Adattatore EtherNet/IP
Compact 5000 I/O
Moduli Compact 5000 I/O

Switch Stratix 5400


100 Mbps 1 Gbps
Terminale
PanelView™ Plus 7

100 Mbps 1 Gbps

100 Mbps
Adattatore EtherNet/IP
Compact 5000 I/O
Moduli Compact 5000 I/O

Convertitore di frequenza Servoazionamento


PowerFlex® 527 Kinetix® 5500

Si consiglia di non utilizzare la velocità di trasmissione su rete di 1 Gbps


sulle porte del controllore con una topologia di rete lineare o DLR e se almeno
un dispositivo sulla rete supporta una velocità massima di trasmissione di
100 Mbps.

Ovvero, è consigliabile non utilizzare velocità di trasmissione su rete diverse


sulle porte di dispositivi collegati alla stessa rete EtherNet/IP in assenza di
switch gestiti.

Tutta la comunicazione su questa rete


utilizza una velocità di 100 Mbps. Adattatore 1794-AENTR Adattatore EtherNet/IP
Moduli FLEX™ I/O 1794 Compact 5000 I/O
Moduli Compact 5000 I/O

Workstation Terminale PanelView Plus 7

Controllore CompactLogix 5380 Servoazionamenti Adattatore 1734-AENTR


Moduli Compact 5000 I/O Kinetix 5500 Moduli POINT I/O™ 1734

138 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Rete EtherNet/IP Capitolo 8

Interfaccia socket Il controllore può utilizzare interfacce socket per comunicare con i dispositivi
Ethernet che non supportano il protocollo applicativo EtherNet/IP.
Compact L’interfaccia socket è implementata tramite il Socket Object. Il controllore
CompactLogix GuardLogix comunica con il Socket Object attraverso istruzioni MSG.

È necessario utilizzare le istruzioni MSG per la configurazione e il


funzionamento dell’interfaccia socket come Unconnected e impostare il
percorso per inviare il messaggio allo stesso controllore da cui è stato originato.
Per comunicare con un altro dispositivo, è necessario conoscere il suo
protocollo applicativo. Nelle figure seguenti sono riportati esempi di schermate
con istruzioni MSG utilizzate con un’interfaccia socket.

I controllori supportano fino a 32 istanze di socket.

IMPORTANTE Quando si utilizzano socket con i controllori, tenere presente quanto segue:
• Una differenza significativa tra i controllori CompactLogix 5380 o
Compact GuardLogix 5380 e gli altri controllori Logix 5000™ è
rappresentata dal percorso di comunicazione. I controllori
CompactLogix 5380 non richiedono un modulo separato per la
comunicazione su reti EtherNet/IP, ad esempio un modulo di
comunicazione 1756-EN2TR. Per i controllori CompactLogix 5380 e
Compact GuardLogix 5380, l’istruzione MSG viene inviata al controllore
stesso utilizzando il percorso “THIS”.
• Tutti i controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380
devono utilizzare istruzioni MSG senza connessione per i
socket server. Quando si configura un messaggio per un controllore
CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380, è necessario
assicurarsi che la casella di controllo Connected nella finestra di dialogo
Message Configuration sia deselezionata.
• Quando il controllore funziona in modalità a doppio indirizzo IP e
gestisce un Socket Object, è possibile utilizzare un indirizzo IP
con un tipo di servizio Socket_Create. Per ulteriori informazioni,
vedere Utilizzo di Socket Object a pagina 165.

Per ulteriori informazioni sull’interfaccia socket, consultare EtherNet/IP


Socket Interface Application Technique, pubblicazione ENET-AT002.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 139


Capitolo 8 Rete EtherNet/IP

Note:

140 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 9

Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

Argomento Pagina
Livelli di rete disponibili 142
Modalità EtherNet/IP 143
Sovrapposizione di intervalli di indirizzi IP 149
Configurazione delle modalità EtherNet/IP 150
Modifica della modalità EtherNet/IP 158
Differenze di visualizzazione nel software in base alle modalità 166
EtherNet/IP
Indirizzo IP del controllore e aggiornamenti del firmware 168

Compact
Questo capitolo descrive le modalità EtherNet/IP disponibili con i controllori
CompactLogix GuardLogix CompactLogix™ 5380 e Compact GuardLogix® 5380.
• Doppio indirizzo IP
• Lineare/DLR

È richiesto il possesso di conoscenze operative per entrambe le modalità


prima dell’utilizzo del controllore CompactLogix 5380 o
Compact GuardLogix 5380. In questo capitolo vengono descritte
operazioni specifiche per ciascuna applicazione, relative alle
modalità EtherNet/IP.

In altri capitoli di questa pubblicazione viene descritta l’esecuzione di


operazioni più generali nell’applicazione Studio 5000 Logix Designer® e nel
software RSLinx® Classic. Se necessario, leggere quei capitoli per migliorare la
comprensione delle operazioni qui descritte.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 141


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

Livelli di rete disponibili I controllori possono connettersi a questi livelli di rete EtherNet/IP:
• Rete a livello aziendale
Compact • Rete a livello di dispositivi
CompactLogix GuardLogix
Il vantaggio di connettersi a livelli di rete separati è che è possibile segmentare le
reti e isolare la comunicazione su ciascuna di esse. Ad esempio, la
comunicazione necessaria al controllore per eseguire un task è limitata alla rete
a livello di dispositivi.

La segmentazione della rete e il conseguente isolamento delle comunicazioni


possono contribuire a garantire una maggiore sicurezza nell’applicazione.
Inoltre, la possibilità di connettersi a livelli di rete separati consente di
organizzare le reti nell’applicazione in modo più logico.

Rete a livello aziendale

Quando ci si connette a reti a livello aziendale, tenere presente quanto segue:

• È possibile collegare solo la porta A1 a una rete a livello aziendale.

IMPORTANTE Quando si impostano l’indirizzo IP e la maschera di sottorete, si stabilisce un


intervallo di indirizzi IP per la porta. Assicurarsi che gli intervalli di indirizzi IP
stabiliti per ciascuna porta del controllore non si sovrappongano.
Per ulteriori informazioni su intervalli di indirizzi IP sovrapposti,
vedere Sovrapposizione di intervalli di indirizzi IP a pagina 149.

Quando si collega una porta a una rete a livello aziendale, si configurano i


parametri seguenti:

• Indirizzo IP (obbligatorio)

• Maschera di sottorete, detta anche maschera di rete (obbligatoria)

• Indirizzo gateway (facoltativo)

• Nome host (facoltativo)

• Nome dominio (facoltativo)

• Indirizzo server DNS primario (obbligatorio se il controllore effettua


richieste DNS)

• Indirizzo server DNS secondario (obbligatorio se il controllore effettua


richieste DNS)

142 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

Rete a livello di dispositivi

Quando ci si connette a reti a livello di dispositivo, tenere presente quanto


segue:

• Non è necessario collegare il controllore a una rete a livello aziendale per


connettersi a reti a livello di dispositivo.

• È possibile collegare alle reti a livello di dispositivo le porte A1 e A2,


separatamente o insieme.

Quando si collega una porta a una rete a livello di dispositivo, si configurano i


parametri seguenti:

• Indirizzo IP (obbligatorio)

• Maschera di sottorete, detta anche maschera di rete (obbligatoria)

• Indirizzo gateway (facoltativo)

• Nome host (facoltativo)

Modalità EtherNet/IP Con l’applicazione Logix Designer, versione 29 o successive, i controllori


supportano le modalità EtherNet/IP seguenti:
Compact • Modalità a doppio indirizzo IP
CompactLogix GuardLogix
• Modalità lineare/DLR

La modalità EtherNet/IP predefinita in fabbrica del controllore è a doppio


indirizzo IP.

Modalità a doppio indirizzo IP

La modalità a doppio indirizzo IP consente di collegare le porte A1 e A2 a reti


separate. In questa modalità, la porta A1 può connettersi a una rete a livello
aziendale o a una rete a livello di dispositivo. La porta A2 può connettersi solo a
una rete a livello di dispositivo.

IMPORTANTE La modalità a doppio indirizzo IP è disponibile a partire dalla


versione 29.011 del firmware del controllore CompactLogix 5380.

In questa modalità, ogni porta richiede una propria configurazione di rete. Per
ulteriori informazioni su come configurare le porte Ethernet quando il
controllore utilizza la modalità a doppio indirizzo IP, vedere Configurazione
delle modalità EtherNet/IP a pagina 150.

Quando si configurano le porte Ethernet in modalità a doppio indirizzo IP, è


necessario evitare la sovrapposizione degli intervalli di indirizzi IP. Per ulteriori
informazioni, vedere Sovrapposizione di intervalli di indirizzi IP a pagina 149.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 143


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

La Figura 25 mostra un controllore CompactLogix 5380 che utilizza la


modalità a doppio indirizzo IP con connessioni a una rete a livello aziendale e a
una rete a livello di dispositivo.

Figura 25 – Controllore CompactLogix 5380 in modalità a doppio indirizzo IP con connessioni


di rete a livello aziendale e di dispositivo

Sistema operativo a livello di impianto

Switch Stratix 5410™

Controllore CompactLogix 5380


Moduli Compact 5000 I/O™

Terminale PanelView™ Plus 7

Porta A2 collegata a una


rete a livello aziendale

Porta 2 collegata a una rete


a livello di dispositivo

Switch Stratix® 2000

Scheda EtherNet/IP Compact 5000 I/O™ Convertitore di frequenza


Moduli Compact 5000 I/O PowerFlex® 527

144 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

La Figura 26 mostra un controllore CompactLogix 5380 che utilizza la


modalità a doppio indirizzo IP con connessioni a reti a livello di dispositivo
separate, inclusa una rete DLR.

Figura 26 – Controllore CompactLogix 5380 in modalità a doppio indirizzo IP con connessioni


di rete solo a livello di dispositivo

IMPORTANTE Se un controllore utilizza la modalità a doppio indirizzo IP, può connettersi a


una topologia di rete DLR solo tramite un modulo Ethernet 1783-ETAP, in
questo caso tramite la porta A2.

Controllore CompactLogix 5380


Moduli Compact 5000 I/O
Porta A1 collegata a un’altra
rete a livello di dispositivo.

Porta A2 collegata a una


rete DLR.
Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O
Moduli Compact 5000 I/O

Adattatore EtherNet/IP
Convertitore di frequenza Compact 5000 I/O
PowerFlex 527 Moduli Compact 5000 I/O

Adattatore 1734-AENTR Terminale PanelView Plus 7


Servoazionamenti Moduli POINT I/O™ 1734
Kinetix 5500

Terminale
PanelView Plus 7 Convertitore di frequenza
PowerFlex 527

Adattatore EtherNet/IP Adattatore EtherNet/IP Servoazionamenti


Compact 5000 I/O Compact 5000 I/O Kinetix® 5700
Moduli Compact 5000 I/O Moduli Compact 5000 I/O

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 145


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

Considerazioni sulla funzionalità del controllore in modalità a doppio indirizzo IP

Quando si utilizza la modalità a doppio indirizzo IP, tenere presenti le


caratteristiche del controllore descritte di seguito.

• Il controllore non supporta queste funzioni:


– Instradamento o commutazione TCP tra due reti separate
– Funzione di ponte CIP delle connessioni I/O (compresi produzione
e consumo) tra le due reti separate

• Il controllore supporta queste funzioni:


– Funzione di ponte CIP per connessioni non I/O come HMI,
messaggistica o socket tra le due reti separate.
– Funzione di ponte CIP per messaggi CIP non connessi tra due reti
separate

146 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

Modalità lineare/DLR

Quando i controllori funzionano in modalità lineare/DLR, possono


connettersi a una sola rete. Ovvero, esiste una sola configurazione di rete. Le
due porte fisiche consentono al controllore di collegarsi a topologie di
cablaggio di tipo lineare oppure DLR, in base alle esigenze.

Dopo l’installazione del firmware versione 29.011 o successive su un


controllore, la modalità EtherNet/IP viene automaticamente impostata su
doppio indirizzo IP. Per utilizzare la modalità lineare/DLR è necessario
cambiare la modalità EtherNet/IP.

Per ulteriori informazioni sull’impostazione della modalità lineare/DLR,


vedere Modifica della modalità EtherNet/IP a pagina 158.

Figura 27 – Controllore CompactLogix 5380 in modalità lineare/DLR in una rete DLR

Controllore CompactLogix 5380 Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O


Moduli Compact 5000 I/O Moduli Compact 5000 I/O

Convertitore di
frequenza
PowerFlex 527

Adattatore EtherNet/IP
Compact 5000 I/O
Moduli Compact 5000 I/O

Adattatore 1734-AENTR Terminale PanelView Plus 7


Servoazionamenti Moduli POINT I/O 1734
Kinetix 5500

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 147


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

Figura 28 – Controllore Compact GuardLogix 5380 in modalità lineare/DLR in una rete lineare

Controllore Compact GuardLogix 5380


Moduli Compact 5000 I/O Convertitore di frequenza
PowerFlex 527

Terminale PanelView Plus 7

Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O Servoazionamenti
Moduli Compact 5000 I/O Moduli Compact 5000 I/O Kinetix 5500

Figura 29 – Controllore CompactLogix 5380 in modalità lineare/DLR in una rete a stella

Controllore CompactLogix 5380


Moduli Compact 5000 I/O Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O
Moduli Compact 5000 I/O

Switch Stratix 5700

Terminale
PanelView Plus 7

Servoazionamento
Kinetix 5500
Convertitore di frequenza Adattatore 1734-AENTR
PowerFlex 527 Moduli POINT I/O 1734

148 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

Sovrapposizione di intervalli
di indirizzi IP IMPORTANTE La sovrapposizione degli intervalli di indirizzi IP si applica soltanto quando il
controllore funziona in modalità a doppio indirizzo IP.
Compact Se si utilizza il controllore in modalità lineare/DLR, si può ignorare questa
CompactLogix GuardLogix
sezione e continuare con Modalità lineare/DLR a pagina 147.

I valori degli indirizzi IP e della maschera di sottorete che si assegnano a una


porta Ethernet determinano un intervallo di indirizzi IP per quella porta. Il
valore della maschera di sottorete è utilizzato per determinare la porzione
dell’indirizzo IP che identifica la rete.

La sovrapposizione degli intervalli di indirizzi IP si verifica quando un qualsiasi


indirizzo IP incluso in un intervallo è presente anche nell’altro intervallo.
Quando un controllore utilizza la modalità a doppio indirizzo IP, le parti della
rete non possono sovrapporsi tra le porte Ethernet.

Negli esempi riportati di seguito viene descritta una situazione in cui gli
intervalli di indirizzi IP non si sovrappongono e una in cui si sovrappongono.

ESEMPIO Gli intervalli di indirizzi IP non si sovrappongono


Nella tabella seguente sono illustrate le configurazioni della porta A1 e della
porta A2 che utilizzano intervalli di indirizzi IP che non si sovrappongono.
Nessuno degli indirizzi IP inclusi nell’intervallo di indirizzi IP di una porta è
incluso nell’intervallo di indirizzi IP dell’altra porta.

Numero di Indirizzo IP Maschera di Intervallo di indirizzi IP


porta sottorete/ (Dal più basso al più alto)
Maschera di rete
A1 192.168.1.5 255.255.255.0 192.168.1.1…192.168.1.254
A2 192.168.2.1 255.255.255.0 192.168.2.1…192.168.2.254

ESEMPIO Gli intervalli degli indirizzi IP si sovrappongono


Nella tabella seguente sono illustrate le configurazioni della porta A1 e della
porta A2 che utilizzano intervalli di indirizzi IP che si sovrappongono.
Tutti gli indirizzi IP inclusi nell’intervallo di indirizzi IP della porta A2 sono
inclusi anche nell’intervallo di indirizzi IP della porta A1.

Numero di Indirizzo IP Maschera di Intervallo di indirizzi IP


porta sottorete/ (Dal più basso al più alto)
Maschera di rete
A1 192.168.1.5 255.255.252.0 192.168.0.1…192.168.3.254
A2 192.168.2.1 255.255.255.0 192.168.2.1…192.168.2.254

La differenza tra le configurazioni delle porte negli esempi risiede nel valore
della maschera di rete/sottorete per la porta A1.

Nel primo esempio il valore è 255.255.255.0, mentre nel secondo è


255.255.252.0.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 149


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

Configurazione delle Con queste applicazioni software è possibile configurare entrambe le modalità
EtherNet/IP a doppio indirizzo IP e lineare/DLR:
modalità EtherNet/IP
• Applicazione Logix Designer, versione 29.00.00 o successive
Compact • Software RSLinx® Classic, versione 3.81.00 o successive
CompactLogix GuardLogix • Con l’applicazione Logix Designer, versione 28.00.00, i controllori
5069-L320ER e 5069-L340ERM supportano solo la modalità
lineare/DLR.

IMPORTANTE Tenere presente che le versioni software minime applicabili variano


a seconda del numero di catalogo del controllore. Alcuni controllori
possono essere utilizzati con versioni software minime inferiori
rispetto ad altri.
Per ulteriori informazioni su come determinare quali sono i requisiti
minimi della versione software per il proprio controllore, vedere
Compatibilità tra firmware del controllore e applicazione
Logix Designer a pagina 16.

Le schermate possono essere leggermente diverse nella finestra di dialogo


Controller Properties per i controllori Compact GuardLogix 5380. Ad
esempio, la finestra di dialogo Controller Properties del controllore Compact
GuardLogix 5380 include una scheda Safety che non esiste nella finestra di
dialogo Controller Properties del controllore CompactLogix 5380.

Configurazione della modalità a doppio indirizzo IP con


l’applicazione Logix Designer

Nell’applicazione Logix Designer versione 29.00.00 o successive, la modalità a


doppio indirizzo IP è la modalità EtherNet/IP predefinita ed è visualizzata
nella scheda General della finestra di dialogo Controller Properties.

150 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

È possibile impostare l’indirizzo IP e la maschera di sottorete nella scheda


Internet Protocol.

SUGGERIMENTO Durante l’impostazione dell’indirizzo IP e della maschera di sottorete, si


consiglia di utilizzare una connessione USB tra la workstation e il
controllore.

1. Verificare che il progetto sia online.


2. Verificare che il controllore si trovi in una di queste modalità:
• Programmazione
• Programmazione remota
• Esecuzione remota

Non è possibile cambiare l’indirizzo IP o la maschera di sottorete se il


controllore sta funzionando in modalità Esecuzione.
3. Fare clic sulla scheda Internet Protocol.
4. Dal menu a tendina Port, scegliere A1.
5. Selezionare Manually configure IP settings.
6. Inserire i valori nei campi IP Address e Network Mask.
7. Fare clic su Apply.

8. Ripetere i passi precedenti, a partire dal passo 4

Nel passo 4 assicurarsi di scegliere A2 dal menu a tendina Port.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 151


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

Configurazione della modalità a doppio indirizzo IP con il software


RSLinx Classic

Nel software RSLinx Classic, la modalità IP per cui è configurato il controllore


è visualizzata nella scheda General della finestra di dialogo Configuration.

Ad esempio, in questa schermata il controllore è in modalità a doppio


indirizzo IP.

152 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

È possibile impostare l’indirizzo IP e la maschera di rete nella scheda Port


Configuration.

SUGGERIMENTO Durante l’impostazione dell’indirizzo IP e della maschera di sottorete, si


consiglia di utilizzare una connessione USB tra la workstation e il
controllore.

1. Dal menu a tendina Port, scegliere A1.


2. Selezionare Manually configure IP settings.
3. Inserire i valori nei campi IP Address e Network Mask.
4. Fare clic su Apply.

5. Ripetere i passi precedenti.

Nel passo 1 assicurarsi di scegliere A2 dal menu a tendina Port.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 153


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

Configurazione della modalità lineare/DLR con l’applicazione


Logix Designer

Tenere presente che, con il firmware versione 29.011 o successive, la modalità


EtherNet/IP Mode è quella a doppio indirizzo IP per impostazione
predefinita. Per utilizzare la modalità lineare/DLR è necessario cambiare la
modalità.

IMPORTANTE Per ulteriori informazioni sulla modifica della modalità EtherNet/IP del
controllore, vedere Modifica della modalità EtherNet/IP a pagina 158.

Dopo la modifica della modalità EtherNet/IP a lineare/DLR, la nuova


modalità viene visualizzata nella scheda General della finestra di dialogo
Controller Properties.

154 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

È possibile impostare l’indirizzo IP e la maschera di sottorete nella scheda


Internet Protocol.

1. Confermare che il progetto è online e che il controllore è in modalità


Programmazione, Programmazione remota oppure Esecuzione remota.

Non è possibile cambiare l’indirizzo IP o la maschera di sottorete se il


controllore sta funzionando in modalità Esecuzione.
2. Fare clic sulla scheda Internet Protocol.
3. Selezionare Manually configure IP settings.
4. Inserire i valori nei campi IP Address e Network Mask.
5. Fare clic su Apply.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 155


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

Configurazione della modalità lineare/DLR con il software


RSLinx Classic

Tenere presente che, con il firmware versione 29.011 o successive, la modalità


EtherNet/IP Mode è quella a doppio indirizzo IP per impostazione
predefinita. Per utilizzare la modalità lineare/DLR è necessario cambiare la
modalità.

IMPORTANTE Per ulteriori informazioni sulla modifica della modalità EtherNet/IP del
controllore, vedere Modifica della modalità EtherNet/IP a pagina 158.

La nuova modalità viene visualizzata nella scheda General della finestra di


dialogo Controller Properties.

156 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

È possibile impostare l’indirizzo IP e la maschera di sottorete nella scheda


Internet Protocol.

1. Confermare che il progetto è online.


2. Fare clic sulla scheda Port Configuration.
3. Selezionare Manually configure IP settings.
4. Inserire i valori nei campi IP Address e Network Mask.

5. Fare clic su Apply.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 157


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

Modifica della modalità È possibile modificare la modalità EtherNet/IP con l’applicazione Logix
Designer oppure con il software RSLinx Classic.
EtherNet/IP
Compact IMPORTANTE Tenere presente quanto riportato di seguito.
CompactLogix GuardLogix
• Prestare attenzione quando si modifica la modalità EtherNet/IP del
controllore e considerare i possibili effetti della modifica.
• Non è possibile cambiare la modalità EtherNet/IP del controllore da
doppio indirizzo IP a lineare/DLR quando si è connessi tramite la
porta A1. Per passare dalla modalità a doppio indirizzo IP alla modalità
lineare/DLR è necessario essere collegati al controllore tramite la
porta A2.

Gli effetti della modifica di modalità EtherNet/IP variano in base alla modifica
stessa. Prima di eseguire una modifica della modalità EtherNet/IP, assicurarsi
di essere a conoscenza dei suoi effetti.
Tabella 12 – Effetti della modifica della modalità EtherNet/IP
Modifica della modalità EtherNet/IP Effetti
Da modalità a doppio indirizzo IP a modalità lineare/DLR • Le impostazioni dell’indirizzo IP, della maschera di
rete e del gateway predefinito della porta A2 sono
applicati alla porta A1/A2.
• L’indirizzo MAC della porta A1 è applicato alla porta
A1/A2.
Questo scenario è possibile soltanto se il firmware del
controllore è aggiornato alla versione 29.011 o
superiore prima della modifica dell’indirizzo IP.
• Tentativi di modifica da modalità a doppio indirizzo
IP a modalità lineare/DLR hanno esito positivo solo
se, per almeno una porta, la sezione I/O
Configuration non contiene moduli.
Se le sezioni I/O Configuration di entrambe le
porte includono moduli, non è possibile passare
dalla modalità a doppio indirizzo IP alla modalità
lineare/DLR.
Da modalità lineare/DLR a modalità a doppio indirizzo IP • Le impostazioni dell’indirizzo IP, della maschera
di rete e del gateway predefinito della porta
A1/A2 sono applicate alla porta A2.
Altre impostazioni della porta A1/A2 (ad esempio,
server DNS e nome di dominio) vengono perse.
• L’indirizzo MAC della porta A1/A2 è applicato alla
porta A1. Un indirizzo MAC separato è applicato alla
porta A2.
• La porta A1 è abilitata per DHCP.
• La sezione I/O Configuration nel progetto
dell’applicazione Logix Designer è automaticamente
assegnata alla porta A1.
È possibile modificare la configurazione I/O nel
progetto dell’applicazione Logix Designer per
assegnarla alla porta A2.

158 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

Modifica della modalità EtherNet/IP con l’applicazione


Logix Designer

IMPORTANTE In questo esempio viene illustrata la modifica della modalità EtherNet/IP da


modalità a doppio indirizzo IP a modalità lineare/DLR. La stessa procedura si
applica anche alla modifica da modalità lineare/DLR a modalità a doppio
indirizzo IP.

Per modificare la modalità EtherNet/IP con l’applicazione Logix Designer,


attenersi alla procedura descritta di seguito.

1. Confermare che il progetto è offline.


2. Nella scheda General della finestra di dialogo Controller Properties fare
clic su Change IP Mode.

3. Dal menu a tendina New mode, scegliere la nuova modalità e fare clic su
OK.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 159


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

4. Nella finestra di dialogo Controller Properties fare clic su OK.


5. Salvare il progetto.
6. Scaricare il progetto aggiornato nel controllore.
7. Quando viene visualizzata l’avvertenza illustrata di seguito, leggerla
attentamente.

IMPORTANTE Prima di cambiare la modalità EtherNet/IP, assicurarsi di aver


compreso l’impatto sul controllore conseguente alla modifica.
Per ulteriori informazioni sull’impatto della modifica della modalità
EtherNet/IP, vedere Tabella 12 a pagina 158.

8. Per continuare fare clic su Yes.

160 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

Modifica della modalità EtherNet/IP con il software RSLinx Classic

Per modificare la modalità EtherNet/IP con il software RSLinx Classic,


attenersi alla procedura descritta di seguito.

1. Confermare che il controllore è online e che nessun progetto è presente


nel controllore.
2. Verificare che il controllore si trovi in una di queste modalità:
• Programmazione
• Programmazione remota
• Esecuzione remota

Non è possibile cambiare l’indirizzo IP o la maschera di sottorete se il


controllore sta funzionando in modalità Esecuzione.
3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul controllore e scegliere
Module Configuration.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 161


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

4. Nella scheda General della finestra di dialogo Configuration fare clic su


Change IP Mode.

5. Dal menu a tendina New mode, scegliere la nuova modalità e fare clic su
OK.

162 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

6. Quando viene visualizzata l’avvertenza illustrata di seguito, leggerla


attentamente.

IMPORTANTE Prima di cambiare la modalità EtherNet/IP, assicurarsi di aver


compreso l’impatto sul controllore conseguente alla modifica.
Per ulteriori informazioni sull’impatto della modifica della modalità
EtherNet/IP, vedere Tabella 12 a pagina 158.

7. Fare clic su Yes per continuare.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 163


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

Richieste DNS

Per qualificare l’indirizzo di un modulo, utilizzare l’indirizzamento DNS per


specificare un nome host per un modulo, che include anche l’indicazione di un
nome di dominio e di server DNS. L’indirizzamento DNS consente di
configurare strutture di rete e sequenze di indirizzi IP simili in domini diversi.

L’indirizzamento DNS è necessario soltanto quando si fa riferimento al


controllore tramite il nome host, ad esempio nelle descrizioni di percorsi nelle
istruzioni MSG.

IMPORTANTE Considerazione sulla sicurezza


Per informazioni sull’indirizzamento DNS per i controllori Compact
GuardLogix 5380, vedere la Tabella 5 – Parametri di rete EtherNet/IP per
l’indirizzamento DNS a pagina 66.

Per ulteriori informazioni sull’indirizzamento DNS, consultare


Configurazione di rete EtherNet/IP – Manuale dell’utente,
pubblicazione ENET-UM001.

Instradamento di richieste DNS


Le richieste DNS possono essere generate dalla porta A1 o dalla porta A2.

Richiesta DNS generata dalla porta A1


• Se l’indirizzo del server DNS risiede nella sottorete locale della porta A1,
le richieste DNS sono trasmesse dalla porta A1.
• Se la porta A2 è abilitata e l’indirizzo del server DNS risiede nella
sottorete locale della porta A2, le richieste DNS sono trasmesse dalla
porta A2.
• Se l’indirizzo del server DNS è esterno alle sottoreti locali, le richieste
DNS sono trasmesse dalla porta A1 in direzione del gateway predefinito
della porta A1.

Richiesta DNS generata dalla porta A2


• Se la porta A1 è abilitata e l’indirizzo del server DNS risiede nella
sottorete locale della porta A1, le richieste DNS sono trasmesse dalla
porta A1.
• Se l’indirizzo del server DNS risiede nella sottorete locale della porta A2,
le richieste DNS sono trasmesse dalla porta A2.
• Se la porta A1 è abilitata e l’indirizzo del server DNS è esterno a tutte le
sottoreti locali, le richieste DNS sono trasmesse dalla porta A1 in
direzione del gateway predefinito della porta A1.
• Se la porta A1 è disabilitata e l’indirizzo del server DNS è esterno a tutte
le sottoreti locali, le richieste DNS escono dalla porta A2 in direzione
del gateway predefinito della porta A2.

164 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

Server SMTP

Il server SMTP è disponibile soltanto attraverso la porta aziendale. Le e-mail


possono quindi transitare soltanto attraverso la porta aziendale.
Per ulteriori informazioni sull’invio di e-mail attraverso una porta Ethernet,
consultare Configurazione di rete EtherNet/IP – Manuale dell’utente,
pubblicazione ENET-UM001.

Utilizzo di Socket Object


Quando il controllore funziona in modalità a doppio indirizzo IP e gestisce un
Socket Object, è possibile utilizzare un indirizzo IP con un tipo di servizio
Socket_Create. Per impostazione predefinita, questo indirizzo IP è
INADDR_ANY.

Tenere presente quanto riportato di seguito.


• Se si utilizza INADDR_ANY, la comunicazione IP avviata da
quell’istanza di Socket Object segue le stesse regole di instradamento di
una richiesta DNS descritte in Instradamento di richieste DNS a
pagina 164.
• Se si utilizza l’indirizzo IP della porta A1 invece di INADDR_ANY, i
pacchetti IP possono raggiungere solo la sottorete della porta A1 o
transitare attraverso il suo gateway predefinito.
• Se si utilizza l’indirizzo IP della porta A2 invece di INADDR_ANY, i
pacchetti IP possono raggiungere solo la sottorete della porta A2 o
transitare attraverso il suo gateway predefinito.
• Se si utilizza un indirizzo IP diverso da quelli delle porte A1 o A2 o da
INADDR_ANY, la richiesta Create_Socket_Service viene rifiutata.

Invio di istruzioni Message

È possibile inviare istruzioni Message (MSG) attraverso la porta aziendale o a


livello di dispositivo. L’unica differenza tra le configurazioni di istruzioni MSG
consiste nel percorso.
Quando si configura un’istruzione MSG su un controllore che funziona in
modalità a doppio indirizzo IP, utilizzare questi percorsi:
• Porta aziendale (Porta A1) – 3
• Porta a livello di dispositivi (Porta A2) – 4
Se il controllore funziona in modalità lineare/DLR, il percorso
da utilizzare è 2.
Per ulteriori informazioni sull’uso delle istruzioni MSG, consultare
Manuale di riferimento istruzioni generali controllore LOGIX 5000,
pubblicazione 1756-RM003.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 165


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

Differenze di visualizzazione nel software in base alle modalità


EtherNet/IP

La Tabella 13 illustra le differenze nell’applicazione Logix Designer in base al


funzionamento del controllore in modalità a doppio indirizzo IP o in modalità
lineare/DLR.
Tabella 13 – Differenze di visualizzazione delle modalità EtherNet/IP nell’applicazione Logix Designer
Modalità EtherNet/IP
Sezione Modalità a doppio indirizzo IP Modalità lineare/DLR
nell’applicazione
Struttura ad albero
I/O Configuration
nell’organizer del
controllore

Scheda General
nella finestra di
dialogo Controller
Properties

Scheda Internet
Protocol nella
finestra di dialogo
Controller
Properties

Se si collega la porta A1 a una rete a livello di dispositivo, alcuni parametri


vengono visualizzati come configurabili, ma non sono utilizzati. Per ulteriori
informazioni sui parametri configurati per collegare una porta a una rete a
livello di dispositivo, vedere Rete a livello di dispositivi a pagina 143.

Quando il controllore funziona in modalità lineare/DLR, nella finestra di


dialogo Controller Properties dell’applicazione Logix Designer è disponibile
anche la scheda Network. Quando invece il controllore funziona in modalità a
doppio indirizzo IP, la scheda Network non è disponibile.

166 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

La Tabella 14 illustra le differenze nel software RSLinx Classic in base al


funzionamento del controllore in modalità a doppio indirizzo IP o in modalità
lineare/DLR.
Tabella 14 – Differenze di visualizzazione delle modalità EtherNet/IP nel software RSLinx Classic
Modalità EtherNet/IP
Sezione nel Modalità a doppio indirizzo IP Modalità lineare/DLR
software
Scheda General

Scheda Port
Configuration

Se si collega la porta A1 a una rete a livello di dispositivo, alcuni parametri


vengono visualizzati come configurabili, ma non sono utilizzati. Per ulteriori
informazioni sui parametri configurati per collegare una porta a una rete a
livello di dispositivo, vedere Rete a livello di dispositivi a pagina 143.

Quando il controllore funziona in modalità lineare/DLR, nella finestra di


dialogo Configuration del software RSLinx Classic è disponibile anche la
scheda Network. Quando invece il controllore funziona in modalità a doppio
indirizzo IP, la scheda Network non è disponibile.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 167


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

Indirizzo IP del controllore e Per funzionare correttamente, i controllori CompactLogix 5380 e


Compact GuardLogix 5380 richiedono un indirizzo IP e la versione del
aggiornamenti del firmware firmware compatibile con la versione di Studio 500 Logix Designer in uso.
Compact
CompactLogix GuardLogix IMPORTANTE Questa sezione non si applica ai controllori Compact GuardLogix 5380
perché è necessario utilizzare la versione firmware 31.011 o successiva con
tali controllori.
Le condizioni descritte si applicano controllori che utilizzano versioni
firmware precedenti a 31.011.

Prima di impostare l’indirizzo IP e di aggiornare il firmware del controllore, è


necessario sapere quanto segue.

• Stato del controllore prima della modifica

• Versione del firmware da utilizzare per l’aggiornamento del controllore

• Ordine con cui si intende eseguire l’impostazione dell’indirizzo IP e


l’aggiornamento della versione del firmware

Stato del Descrizione Versione firmware Sequenza di esecuzione delle Risultato del completamento delle operazioni nell’ordine
controllore dell’aggiornamento/ operazioni indicato
prima delle modifica
modifiche
Predefinito in • Nessun indirizzo IP Versione 29.011 o 1. Cambiare la modalità • La modalità EtherNet/IP del controllore è automaticamente
fabbrica impostato successive EtherNet/IP da modalità a impostata a modalità a doppio indirizzo IP.
• Per le porte A1 e A2 doppio indirizzo IP a modalità • Le impostazioni dell’indirizzo IP, della maschera di rete e
vengono utilizzati lineare/DLR. del gateway predefinito della porta A1/A2 sono applicati alla
indirizzi MAC Per ulteriori informazioni, porta A2.
univoci vedere Modifica della modalità Altre impostazioni della porta A1/A2 (ad esempio, server DNS e
EtherNet/IP a pagina 158. nome di dominio) vengono perse.
• Ogni porta del 2. Impostare l’indirizzo IP per la
controllore è porta A1/A2. • L’indirizzo MAC della porta A1/A2 è applicato alla porta A1,
abilitata per DHCP 3. Installare il firmware del mentre alla porta A2 è applicato un indirizzo MAC separato.
• Versione firmware controllore. • È necessario impostare l’indirizzo IP.
1.xxx
1. Installare il firmware del • Dopo l’installazione del firmware, la modalità EtherNet/IP del
controllore. controllore resta impostata a modalità a doppio indirizzo IP.
2. Impostare gli indirizzi IP per la La modalità EtherNet/IP del controllore è impostata a modalità
porta A1 e per la porta A2. a doppio indirizzo IP nello stato predefinito in fabbrica.
• Un indirizzo MAC univoco è assegnato a ciascuna porta nel
controllore.
• È necessario impostare l’indirizzo IP e i relativi parametri per la
porta A1 (porta aziendale) e per la porta A2 (porta a livello di
dispositivi).
• Nessun indirizzo IP Versione 28.xxx 1. Impostare l’indirizzo IP per la • La modalità EtherNet/IP del controllore è automaticamente
impostato IMPORTANTE: la porta A1/A2. impostata a modalità lineare/DLR.
• Un indirizzo MAC versione 28.xxx è 2. Installare il firmware del • Le impostazioni dell’indirizzo IP per la porta A1/A2 restano
unico è utilizzato supportata soltanto controllore. invariate.
per la porta A1/A2 dai controllori
5069-L320ER e 1. Installare il firmware del
• La porta A1/A2 è 5069-L340ERM. controllore.
abilitata per DHCP 2. Impostare l’indirizzo IP per la
porta A1/A2.
• Versione firmware
1.xxx

168 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Utilizzo delle modalità EtherNet/IP Capitolo 9

Stato del Descrizione Versione firmware Sequenza di esecuzione delle Risultato del completamento delle operazioni nell’ordine
controllore dell’aggiornamento/ operazioni indicato
prima delle modifica
modifiche
In funzione • Indirizzo IP Versione 29.011 o Aggiornamento del firmware del • La modalità EtherNet/IP passa a modalità a doppio indirizzo IP.
impostato per la successive controllore • Le impostazioni dell’indirizzo IP, della maschera di rete e
porta A1/A2 del gateway predefinito della porta A1/A2 sono applicati alla
• Versione 28.xxx del porta A2.
firmware installata
Altre impostazioni della porta A1/A2 (ad esempio, server DNS e
nome di dominio) vengono perse.
• L’indirizzo MAC della porta A1/A2 è applicato alla porta A1. Un
indirizzo MAC separato è applicato alla porta A2.
• La sezione I/O Configuration nel progetto dell’applicazione
Logix Designer è automaticamente assegnata alla porta A1.
È possibile modificare la configurazione I/O nel progetto
dell’applicazione Logix Designer per assegnarla alla porta A2.
• Se necessario, dopo l’aggiornamento di versione del firmware è
possibile passare alla modalità lineare/DLR. Per ulteriori
informazioni, vedere Modifica della modalità EtherNet/IP a
pagina 158.
• Controllore Downgrade alla Eseguire il downgrade del • La modalità EtherNet/IP resta lineare/DLR
operativo in versione 28.xxx firmware del controllore • Le impostazioni dell’indirizzo IP restano invariate
modalità IMPORTANTE: è
lineare/DLR possibile eseguire
• Indirizzo IP questo downgrade solo
impostato per la sui controllori
porta A1/A2 5069-L320ER e
• Versione firmware 5069-L340ERM.
29.011 o successiva
installata
• Controllore Eseguire il downgrade del • La modalità EtherNet/IP cambia automaticamente da modalità
operativo in firmware del controllore a doppio indirizzo IP a modalità lineare/DLR.
modalità a doppio • Al termine della modifica, la configurazione IP della porta A2
indirizzo IP viene applicata alla porta A1/A2.
• Indirizzi IP
impostati per la
porta A1 e per la
porta A2
• Versione firmware
29.011 o successiva
installata

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 169


Capitolo 9 Utilizzo delle modalità EtherNet/IP

Note:

170 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 10

Gestione delle comunicazioni del controllore

Argomento Pagina
Panoramica delle connessioni 171
Interazione tra le comunicazioni del controllore e i dati di controllo 172
Produzione e consumo di dati (interblocco) 173
Invio e ricezione di messaggi 175

Panoramica delle Le connessioni vengono utilizzate quando nel sistema sussistono le condizioni
elencate di seguito.
connessioni
• Nella configurazione I/O del progetto utente sono presenti moduli I/O,
Compact
CompactLogix GuardLogix
moduli di comunicazione e adatttatori.

• Nel progetto utente sono configurati tag prodotti e consumati.

• Nell’applicazione utente vengono eseguiti messaggi connessi.

• Dispositivi esterni, terminali di programmazione o terminali di


interfaccia operatore comunicano con il controllore.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 171


Capitolo 10 Gestione delle comunicazioni del controllore

Interazione tra le Il controllore esegue il task di comunicazione in modo separato dal codice
applicativo. Il controllore esegue le comunicazioni in modo asincrono rispetto
comunicazioni del all’applicazione. Di conseguenza, è importante assicurarsi che le comunicazioni
controllore e i dati di consegnate al controllore siano complete prima che l’applicazione venga
controllo eseguita sulla base dei nuovi dati inviati. Ciò vale sia per i dati in ingresso al
controllore sia per quelli in uscita.
Compact
CompactLogix GuardLogix Ad esempio, se un dispositivo di interfaccia operatore scrive un blocco
consistente di dati della ricetta nel controllore, è possibile che l’esecuzione del
codice applicativo venga avviata con quei dati prima che i dati vengano scritti.
Quest’azione si traduce nella presenza di metà della ricetta corrente e metà
dell’ultima ricetta nello spazio applicativo.

Per tenere sotto controllo gli effetti delle comunicazioni asincrone, i


programmatori fanno solitamente uso dei costrutti di seguito elencati.
• Coppie di istruzioni UID/UIE
• Istruzioni CPS per lo spostamento di dati.

Queste opzioni si basano sul controllo del momento in cui il core principale
può passare da un task all’altro. Di conseguenza, il task di comunicazione non
può modificare i dati quando questi sono utilizzati dal task di controllo. Dato
che il controllore elabora le comunicazioni su un core della CPU indipendente,
questi metodi non sono più efficaci in tutte le situazioni.

Nella Tabella 15 è illustrato il comportamento del controllore.


Tabella 15 – Comportamento dei controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380
Accesso ai tag
Interfaccia Messaggio Aggiornamento I/O Produzione/ Altri task utente Motion Planner
Costrutto applicativo operatore Consumo
UID/UIE Consente Consente Consente Consente Blocca Consente
CPS Blocca Blocca Blocca Blocca Consente Consente
Blocca – Impedisce alle comunicazioni di modificare i valori dei dati di origine durante l’esecuzione delle applicazioni.
Consente – Consente alle comunicazioni di modificare i valori dei dati di origine durante l’esecuzione delle applicazioni.

Dato che i controllori hanno un’integrità dei dati a 32 bit, questo si applica
soltanto a strutture dati più grandi di 32 bit. Se l’esigenza primaria è l’integrità a
livello di parola, l’integrità dei dati a 32 bit non ha impatto sull’utilizzo dei dati.

Le buone pratiche di programmazione consigliano l’utilizzo di due parole


univoche all’inizio e alla fine dei dati. Il controllore convalida le parole per
assicurare l’integrità dei dati dell’intera struttura. Si raccomanda di modificare i
dati di handshake e di convalidarli con il codice applicativo a ogni transazione
prima che il codice applicativo del controllore o un sistema di livello superiore
che legge i dati del controllore intervenga su di essi.

172 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Gestione delle comunicazioni del controllore Capitolo 10

Nella Tabella 16 sono illustrati due elementi dati aggiunti a una struttura per il
controllo dell’integrità dei dati. Ovvero, vengono aggiunti un elemento dati
iniziale e un elemento dati finale. Si consiglia che la convalida della
corrispondenza tra elemento dati iniziale ed elemento dati finale venga
effettuata dal controllore prima che questo agisca su Mia_Ricetta1.

Se i valori dell’elemento dati iniziale e dell’elemento dati finale non


corrispondono, è possibile che le comunicazioni stiano riempiendo la struttura.
Lo stesso si applica a sistemi di livello superiore che stanno ricevendo dati dal
controllore.
Tabella 16 – Elementi dati
Struttura Mia_Ricetta1 Mia_Ricetta2 Mia_Ricetta3
Elemento dati 101 102 103
iniziale
Zucchero 3 4 8
Farina 4 3 9
Cioccolato 2 2 4
Olio 6 7 2
Elemento dati finale 101 102 103

SUGGERIMENTO Si consiglia di effettuare questa verifica su una copia dei dati


memorizzata in un buffer e non sull’elemento dati effettivo utilizzato in
scrittura dal nucleo delle comunicazioni. Se si utilizzano dati
memorizzati in un buffer, si riduce il rischio di una modifica dei dati da
parte delle comunicazioni successiva al superamento del test di validità
dei dati.

Produzione e consumo di dati I controllori consentono di produrre (trasmettere) e consumare (ricevere) tag
nell’ambito del controllore. I controllori CompactLogix™ 5380 e Compact
(interblocco) GuardLogix® 5380 producono lo stesso tag standard attraverso le porte
Ethernet e il backplane e i conteggi dei consumatori si applicano ai consumatori
Compact
CompactLogix GuardLogix
totali di tutte le porte.

Figura 30 – Esempio di tag prodotti e consumati

Controllore_1 Controllore_2
Tag prodotto Tag consumato

Controllore_3
Tag consumato

Controllore_4
Tag consumato

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 173


Capitolo 10 Gestione delle comunicazioni del controllore

Nella Tabella 17 sono descritti i tag condivisi a livello di sistema.

Tabella 17 – Descrizione dei tag prodotti e consumati

Tag Descrizione
Tag prodotto Un tag che viene reso disponibile dal controllore per l’utilizzo da parte di altri controllori. I dati
possono essere consumati (ricevuti) contemporaneamente da più controllori.
Un tag prodotto invia i propri dati a uno o più tag consumati (consumatori) senza l’utilizzo di
logica.
Tag consumato Un tag che riceve dati da un tag prodotto. Il tipo di dati del tag consumato deve corrispondere
al tipo di dati del tag prodotto, incluse le dimensioni degli array. L’intervallo di pacchetto
richiesto (RPI) del tag consumato determina il periodo di aggiornamento dei dati.

Due controllori possono condividere tag prodotti e consumati solo se sono


collegati alla stessa rete. Non è possibile collegare in ponte i tag prodotti e
consumati su due reti.

Tag prodotti e consumati utilizzano le connessioni del controllore e i moduli di


comunicazione in uso.

I controllori Compact GuardLogix 5380 possono utilizzare anche tag di


sicurezza prodotti e consumati. Per ulteriori informazioni su come utilizzarli,
vedere Tag di sicurezza prodotti/consumati a pagina 247.

Intervallo di pacchetto richiesto (RPI) di tag multicast

Il primo consumatore di un tag multicast prodotto su una certa porta di


comunicazione determina l’RPI per quella porta. Tutti i successivi consumatori
che utilizzano la stessa porta devono richiedere lo stesso valore di RPI del
primo consumatore, altrimenti la connessione ha esito negativo. I controllori
con backplane e porte Ethernet possono produrre dati con un valore di RPI
indipendente su ciascuna porta.

Per ulteriori informazioni sui tag prodotti e consumati, consultare


Logix 5000™ Controllers Produced and Consumed Tags Programming
Manual, pubblicazione 1756-PM011.

174 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Gestione delle comunicazioni del controllore Capitolo 10

I messaggi trasferiscono dati ad altri dispositivi, ad esempio altri controllori e


Invio e ricezione di messaggi interfacce operatore. L’istruzione MSG è un’istruzione di uscita in logica ladder
che legge o scrive in modo asincrono un blocco di dati da o su un altro modulo
Compact
CompactLogix GuardLogix
attraverso il backplane o una rete. La dimensione dell’istruzione varia in base ai
tipi di dato e al comando di messaggio che si programma.

I messaggi utilizzano le risorse della connessione per inviare o ricevere dati.


I messaggi possono lasciare la connessione aperta (se memorizzati nella cache)
oppure chiuderla al termine della trasmissione.

I messaggi possono essere connessi o non connessi. I messaggi non connessi


dipendono dalla disponibilità di buffer non connessi in tutti i dispositivi
attraverso i quali passa il messaggio. I messaggi connessi iniziano con una
richiesta di allocazione di buffer per la connessione in tutti quei dispositivi,
prima dell’invio del messaggio effettivo. Se si decide di memorizzare nella cache
un messaggio connesso, il controllore mantiene la connessione aperta dopo il
completamento del messaggio. Un messaggio memorizzato nella cache
consente di migliorare l’efficienza se si intende inviare ripetutamente il
messaggio.

I messaggi connessi utilizzano risorse di connessione e sono meno efficienti dei


messaggi connessi memorizzati nella cache o dei messaggi non connessi. Se non
si memorizza nella cache il messaggio connesso, le risorse vengono utilizzate in
modo temporaneo ogni volta che il messaggio viene attivato. Fintanto che un
messaggio connesso rimane memorizzato nella cache, le risorse restano allocate
e non sono disponibili per altri messaggi. Se l’applicazione supera la capacità
della cache del controllore, i messaggi memorizzati nella cache possono esserne
estromessi.

Ogni messaggio utilizza una connessione dal controllore, indipendentemente


dal numero di dispositivi inclusi nel percorso del messaggio.
Tabella 18 – Tipi di messaggio
Tipo del messaggio Metodo di Messaggio connesso Il messaggio può
comunicazione essere memorizzato
nella cache
Tabella dati CIP di lettura o di – Configurabile Sì(2)
scrittura
PLC-2®, PLC-3®, PLC-5® o SLC™ CIP No No
(tutti i tipi)
CIP con ID origine No No
DH+™ Sì Sì(2)
CIP generico – Opzionale (1) Sì(2)
Trasferimento a blocchi di lettura o di – Sì Sì(2)
scrittura
(1) È possibile connettere i messaggi generici CIP. Per la maggior parte delle applicazioni si consiglia tuttavia di lasciare i messaggi
generici CIP non connessi.
(2) Si consiglia, se possibile, di memorizzare nella cache i messaggi connessi che si presentano più spesso di una volta ogni
60 secondi.

Per ulteriori informazioni sull’utilizzo dei messaggi, consultare Logix 5000


Controllers Messages Programming Manual, pubblicazione 1756-PM012.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 175


Capitolo 10 Gestione delle comunicazioni del controllore

Criteri per memorizzare connessioni di messaggi nella cache

Quando si configura un’istruzione di messaggio, è possibile memorizzare la


connessione nella cache. Utilizzare la Tabella 19 per decidere se memorizzare
una connessione nella cache.
.

Tabella 19 – Opzioni per memorizzare le connessioni nella cache


Esecuzione del messaggio Quindi
Frequente Memorizzare la connessione nella cache.
In questo modo la connessione resta aperta e il tempo di esecuzione viene
ottimizzato. L’apertura di una connessione ogni volta che il messaggio viene
eseguito determina un aumento del tempo di esecuzione.
Occasionale Non memorizzare la connessione nella cache.
In questo modo la connessione viene chiusa al completamento del messaggio.
La connessione è quindi disponibile per altri usi. I messaggi senza connessione
sono ideali per le connessioni di messaggi non memorizzate spesso nella cache.

SUGGERIMENTO Le connessioni memorizzate nella cache trasferiscono dati in modo più


veloce rispetto a quelle che non lo sono. Con il controllore è possibile
memorizzare nella cache fino a 256 connessioni.

176 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 11

Moduli I/O standard

Argomento Pagina
Moduli I/O locali 177
Moduli I/O remoti 185
Aggiunta alla configurazione I/O mentre si è online 195
Determinazione del momento in cui i dati vengono aggiornati 196

I sistemi CompactLogix™ 5380 e Compact GuardLogix® 5380 supportano


queste opzioni di moduli I/O:
• Moduli I/O locali
• Moduli I/O remoti

Moduli I/O locali Il sistema CompactLogix 5380 utilizza moduli Compact 5000 I/O™ come
moduli I/O locali. I moduli vengono installati a destra del controllore.
Compact
CompactLogix GuardLogix Il numero di moduli Compact 5000 I/O locali che possono essere installati in
un sistema CompactLogix 5380 varia in base al controllore utilizzato e può
arrivare fino a un massimo di 31 moduli.

Nella Tabella 20 è riportato il numero di moduli I/O locali supportati dai


controllori.

Tabella 20 – Moduli I/O locali in un sistema CompactLogix 5380


Controllori CompactLogix 5380 Controllori Compact GuardLogix 5380 Moduli I/O locali supportati, max.
5069-L306ER, 5069-L306ERM, 5069-L310ER, 5069-L310ERM, 5069-L306ERMS2, 5069-L306ERS2, 5069-L310ERS2, 8
5069-L310ER-NSE 5069-L310ERMS2
5069-L320ER, 5069-L320ERM 5069-L320ERS2, 5069-L320ERS2K, 5069-L320ERMS2, 16
5069-L320ERMS2K
5069-L330ER(1), 5069-L330ERM(1), 5069-L340ER, 5069-L330ERS2, 5069-L330ERS2K, 5069-L330ERMS2, 31
5069-L340ERM, 5069-L350ERM, 5069-L380ERM, 5069-L330ERMS2K, 5069-L340ERS2, 5069-L340ERMS2,
5069-L3100ERM 5069-L350ERS2, 5069-L350ERS2K, 5069-L350ERMS2,
5069-L350ERMS2K, 5069-L380ERS2, 5069-L380ERMS2,
5069-L3100ERS2, 5069-L3100ERMS2
(1) Quando si utilizza questo controllore con l’applicazione Studio 5000 Logix Designer® versione 29.00.00, l’applicazione limita a 16 il numero di moduli I/O locali nel progetto. Per ulteriori informazioni,
consultare l’articolo 942580 nella Knowledgebase di Rockwell Automation®, “5380 CompactLogix controllers limited to 16 local modules in version 29 of Studio 5000®”. Il documento è disponibile
all’indirizzo http://www.rockwellautomation.com/knowledgebase.
Con l’applicazione Logix Designer, versione 30.00.00 o successive, il controllore supporta fino a 31 moduli I/O locali.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 177


Capitolo 11 Moduli I/O standard

Esempi di fattori da tenere in considerazione quando si stabilisce l’utilizzo dei


moduli I/O locali in un sistema CompactLogix 5380 sono elencati di seguito.

• Numero di moduli I/O locali supportati dal controllore.

• Caratteristiche disponibili sui diversi moduli, ad esempio la


registrazione cronologica per punto di una sequenza di eventi, che è
disponibile soltanto su alcuni moduli di ingresso digitali
Compact 5000 I/O

• Utilizzo dell’alimentazione dei moduli I/O, incluse l’alimentazione


MOD e quella SA.

Per ulteriori informazioni sui moduli Compact 5000 I/O consultare Ulteriori
risorse a pagina 12.

Figura 31 – Sistemi CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380

Controllore CompactLogix 5380 Moduli locali Compact 5000 I/O™ Controllore Compact GuardLogix 5380 Moduli locali Compact 5000 I/O

178 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Moduli I/O standard Capitolo 11

Aggiunta di moduli I/O locali a un progetto

Prima di aggiungere moduli I/O locali a un progetto dell’applicazione


Logix Designer, è necessario aprire un progetto oppure crearne uno nuovo.
Per informazioni sulla creazione di un progetto, consultare Creazione di un
progetto dell’applicazione Logix Designer a pagina 85.

È possibile aggiungere moduli I/O locali a un progetto nei due modi di seguito
descritti.

• Discover Modules

• New Module

Discover Modules

L’opzione Discover Modules è utile quando i moduli I/O sono già installati ed
è possibile collegare l’applicazione Logix Designer al controllore. Per
aggiungere un modulo I/O locale utilizzando l’opzione Discover Modules,
attenersi alla seguente procedura.

1. Andare online con l’applicazione Logix Designer.


2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su 5069 Backplane e scegliere
Discover Modules.

L’applicazione Logix Designer rileva automaticamente i moduli


disponibili installati nel sistema.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 179


Capitolo 11 Moduli I/O standard

3. Nella finestra Select Module Type fare clic su Create per aggiungere un
modulo individuato al progetto.

4. Nella finestra New Module configurare le proprietà del modulo e fare


clic su OK.

180 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Moduli I/O standard Capitolo 11

5. Nella finestra di avviso fare clic su Yes.

SUGGERIMENTO Se si inibisce la connessione con il modulo, è necessario ricordarsi di


rimuovere l’inibizione della connessione in seguito.

6. Chiudere la finestra di dialogo Select Module Type.

Per aggiungere altri moduli I/O locali:

• Se durante la creazione del primo modulo I/O si è deselezionata la


casella di controllo Close on Create, ripetere i passi da 3 a 6.

• Se durante la creazione del primo modulo I/O non si è deselezionata la


casella di controllo Close on Create, ripetere i passi da 2 a 6.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 181


Capitolo 11 Moduli I/O standard

New Module

È possibile aggiungere un modulo I/O standard offline o online. Se non sono


installati I/O fisici o non è possibile connettersi al controllore, questo è il
metodo più semplice per aggiungere I/O. Per utilizzare New Module per
aggiungere un modulo, seguire questa procedura.

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su 5069 Backplane e scegliere
New Module.

2. Selezionare il modulo e fare clic su Create.

Viene visualizzata la finestra di dialogo New Module.

182 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Moduli I/O standard Capitolo 11

3. Nella scheda General impostare i parametri Series e Revision.


4. Configurare il resto del modulo come necessario. Per informazioni sulla
codifica elettronica, vedere Codifica elettronica a pagina 184.
5. Al termine fare clic su OK.

SUGGERIMENTO Se i valori dei parametri Series e Revision non corrispondono a quelli del
modulo per il quale questa configurazione è concepita, nel progetto
possono verificarsi errori del modulo.

6. Se si aggiunge un modulo in modalità online, nella finestra di dialogo di


avviso fare clic su Yes.

SUGGERIMENTO Se si inibisce la connessione con il modulo, è necessario ricordarsi di


rimuovere l’inibizione della connessione in seguito.

7. Chiudere la finestra di dialogo Select Module Type.


Per aggiungere altri moduli I/O locali:
• Se durante la creazione del primo modulo I/O si è deselezionata la
casella di controllo Close on Create, ripetere i passi da 2 a 3.
• Se durante la creazione del primo modulo I/O non si è deselezionata la
casella di controllo Close on Create, ripetere i passi da 1 a 3.
Per ulteriori informazioni sull’utilizzo di moduli I/O locali in un sistema
CompactLogix 5380, consultare le risorse elencate in Ulteriori risorse a
pagina 12.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 183


Capitolo 11 Moduli I/O standard

Codifica elettronica

La codifica elettronica riduce le possibilità di utilizzare un dispositivo errato in


un sistema di controllo. La codifica confronta il dispositivo definito nel
progetto con il dispositivo installato. Se la codifica non riesce, viene generato
un errore. Vengono confrontati i seguenti attributi.

Attributo Descrizione
Vendor Il fabbricante del dispositivo.
Device Type Il tipo di prodotto in generale: ad esempio, modulo I/O digitale.
Product code Il tipo di prodotto specifico. Il Product Code fa riferimento ad un numero di catalogo.
Major Revision È un numero che rappresenta le capacità funzionali del dispositivo.
Minor Revision È un numero che rappresenta le modifiche comportamentali del dispositivo.

Sono disponibili le seguenti opzioni di codifica elettronica.

Codifica Descrizione
elettronica
Compatible Permette al dispositivo installato di accettare la codifica del dispositivo definito nel progetto
Module qualora il dispositivo installato sia in grado di emulare il dispositivo definito. Tramite l’opzione
Compatible Module, è possibile solitamente sostituire un dispositivo con un altro dotato delle
seguenti caratteristiche:
• Stesso numero di catalogo
• Stesso numero di versione principale o superiore
• Per la versione secondaria valgono i seguenti criteri:
– Se il numero di versione principale è lo stesso, il numero di versione secondaria deve
essere lo stesso o superiore.
– Se il numero di versione principale è superiore, il numero di versione secondaria può
essere qualsiasi valore.
Disable Keying Indica che gli attributi di codifica non vengono considerati quando si tenta di comunicare con
un dispositivo. Con Disable Keying, la comunicazione può avvenire con un dispositivo diverso
dal tipo specificato nel progetto.
ATTENZIONE: prestare attenzione quando si utilizza Disable Keying. Se utilizzata in modo non
corretto, questa opzione può provocare lesioni personali o morte, nonché danni materiali o
economici.
Si consiglia vivamente di non utilizzare Disable Keying.
Chi utilizza l’opzione Disable Keying dovrà assumersi la piena responsabilità di valutare se il
dispositivo in uso sia in grado di soddisfare i requisiti funzionali dell’applicazione.
Exact Match Indica che, per stabilire la comunicazione, tutti gli attributi di codifica devono corrispondere.
Se anche un solo attributo non corrisponde precisamente, la comunicazione con il dispositivo
non viene stabilita.

Nel selezionare un’opzione di codifica, prendere attentamente in


considerazione le implicazioni di tutte le opzioni.

IMPORTANTE Se si modificano i parametri di codifica elettronica online vengono interrotte le


connessioni online al dispositivo e a tutti i dispositivi collegati tramite esso. Inoltre,
potrebbero venire interrotti anche i collegamenti agli altri controllori.
Se il collegamento I/O a un dispositivo viene interrotto, si potrebbe verificare una
perdita di dati.

Ulteriori informazioni

Per informazioni più dettagliate sulla codifica elettronica, vedere


Electronic Keying in Logix 5000 Control Systems Application Technique,
pubblicazione LOGIX-AT001.

184 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Moduli I/O standard Capitolo 11

Moduli I/O remoti I moduli I/O remoti non risiedono nel sistema di controllo CompactLogix
5380 o Compact GuardLogix 5380. Il controllore si connette ai moduli I/O
Compact attraverso una rete EtherNet/IP. I controllori supportano l’utilizzo di un’ampia
CompactLogix GuardLogix gamma di moduli I/O remoti. Quando si usano moduli I/O remoti, si
consiglia l’utilizzo di moduli Compact 5000 I/O per ottimizzare le prestazioni.

Ad esempio, i controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380


possono connettersi a:
• Famiglie di moduli I/O basati su chassis, ad esempio i moduli
Compact 5000 I/O, ControlLogix® I/O 1756, Compact I/O™ 1769
oppure SLC™ I/O 1746
• Famiglie di moduli I/O in-cabinet, ad esempio i moduli
POINT I/O™ 1734 o FLEX™ I/O 1794
• Famiglie di moduli I/O On-Machine™, ad esempio i moduli
ArmorBlock® I/O 1732E

IMPORTANTE Gli esempi di rete riportati di seguito servono solo a mostrare


moduli I/O remoti nelle varie topologie di rete. Non considerano le velocità
di comunicazione sulla rete tra il controllore e i moduli I/O.
Si consiglia, comunque, di considerare le velocità di comunicazione sulla rete
nella determinazione del modo migliore per incorporare moduli I/O remoti
in un sistema CompactLogix 5380.
Per ulteriori informazioni, vedere Velocità di trasmissione su reti EtherNet/IP
a pagina 137

Figura 32 – Moduli I/O remoti in un sistema CompactLogix 5380 su una topologia di rete DLR

Controllore CompactLogix 5380 Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O


Moduli Compact 5000 I/O Moduli Compact 5000 I/O

Convertitore di
frequenza Moduli I/O remoti
PowerFlex® 527

Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O


Moduli Compact 5000 I/O

Servoazionamenti
Kinetix® 5500

Adattatore 1734-AENTR Terminale PanelView™ Plus 7


Moduli POINT I/O™ 1734

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 185


Capitolo 11 Moduli I/O standard

Figura 33 – Moduli I/O remoti in un sistema CompactLogix 5380 su una topologia di rete
lineare

Controllore CompactLogix 5380 Convertitore di frequenza


Adattatore 1734-AENTR
Moduli Compact 5000 I/O PowerFlex® 527
Moduli POINT I/O 1734

Moduli I/O remoti

Terminale PanelView™ Plus 7

Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O Servoazionamenti Kinetix 5500
Moduli Compact 5000 I/O Moduli Compact 5000 I/O

Figura 34 – Moduli I/O remoti in un sistema CompactLogix 5380 su una topologia di rete a
stella

Controllore CompactLogix 5380


Adattatore EtherNet/IP Compact 5000 I/O
Moduli Compact 5000 I/O
Moduli Compact 5000 I/O

Switch Stratix® 5700

Terminale
PanelView Plus 7 Moduli I/O remoti

Convertitore di frequenza
PowerFlex 527

Servoazionamento Kinetix 5500

Adattatore 1734-AENTR
Moduli POINT I/O 1734

186 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Moduli I/O standard Capitolo 11

Aggiunta di moduli I/O remoti a un progetto

Prima di aggiungere moduli I/O remoti a un progetto, è necessario aggiungere


il modulo di comunicazione EtherNet/IP che facilita la comunicazione tra il
controllore e i moduli I/O remoti.

È possibile aggiungere moduli I/O remoti a un progetto nei due modi di


seguito descritti.

• Discover Modules

• New Module

Discover Modules

La funzione Discover Module è utile quando i moduli I/O sono già installati e
collegati alla rete. Quando si utilizza l’opzione Discover Modules per
individuare i dispositivi Ethernet, l’esplorazione con l’applicazione Logix
Designer si basa sulla configurazione Ethernet nel software RSLinx® Classic.
• Se il driver EtherNet/IP viene utilizzato nel software RSLinx Classic,
l’applicazione Logix Designer rileva automaticamente i moduli I/O
remoti.
• Se il driver dei dispositivi Ethernet viene utilizzato nel software RSLinx
Classic, è necessario configurare l’indirizzo IP per ogni dispositivo
Ethernet che si intende visualizzare nella finestra di dialogo Select
Module Type, mostrata a pagina 188.
• Se il bus Ethernet viene esplorato attraverso un router CIP, è necessario
configurare l’indirizzo IP per ogni dispositivo Ethernet che si intende
visualizzare nella finestra di dialogo Select Module Type, mostrata a
pagina 188.

Le operazioni descritte in questa sezione si applicano quando si utilizza il driver


EtherNet/IP in RSWho per navigare sulla rete.

Per utilizzare l’opzione Discover Modules quando si aggiunge un modulo I/O


remoto, attenersi alla seguente procedura.

1. Andare online con l’applicazione Logix Designer.


2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Ethernet e scegliere
Discover Modules.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 187


Capitolo 11 Moduli I/O standard

L’applicazione Logix Designer rileva automaticamente i moduli


disponibili installati nel sistema.
3. Nella finestra Select Module Type fare clic su Create per aggiungere un
adattatore rilevato al progetto.

4. Nella finestra New Module configurare le proprietà del modulo e fare


clic su OK.

5. Nella finestra di avviso fare clic su Yes.

SUGGERIMENTO Se si inibisce la connessione con il modulo, è necessario ricordarsi di


rimuovere l’inibizione della connessione in seguito.

188 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Moduli I/O standard Capitolo 11

6. Chiudere la finestra di dialogo Select Module Type.


7. Fare clic con il pulsante destro del mouse su 5069 Backplane e scegliere
Discover Modules.

L’applicazione Logix Designer rileva automaticamente i moduli


disponibili installati nel sistema.
8. Nella finestra Select Module Type fare clic su Create per aggiungere un
modulo individuato al progetto.

9. Nella finestra New Module configurare le proprietà del modulo e fare


clic su OK.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 189


Capitolo 11 Moduli I/O standard

10. Nella finestra di avviso fare clic su Yes.

SUGGERIMENTO Se si inibisce la connessione con il modulo, è necessario ricordarsi di


rimuovere l’inibizione della connessione in seguito.

11. Chiudere la finestra di dialogo Select Module Type.

Dopo aver aggiunto il modulo I/O remoto, tenere in considerazione quanto


riportato di seguito.
• Per aggiungere moduli I/O remoti nella stessa posizione remota:
– Se durante la creazione del primo modulo I/O si è deselezionata la
casella di controllo Close on Create, ripetere i passi da 8 a 11.
– Se durante la creazione del primo modulo I/O non si è deselezionata
la casella di controllo Close on Create, ripetere i passi da 7 a 11.

• Per aggiungere moduli I/O remoti in una posizione remota diversa,


ripetere i passi da 2 a 11.

190 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Moduli I/O standard Capitolo 11

New Module

È possibile aggiungere un modulo I/O standard offline o online. Se non


sono installati I/O fisici o non è possibile connettersi al controllore, questo
è il metodo più semplice per aggiungere I/O. Per utilizzare New Module
per aggiungere un modulo I/O remoto, seguire questa procedura.

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Ethernet e selezionare


New Module.

2. Selezionare l’adattatore EtherNet/IP e fare clic su Create.


SUGGERIMENTO Per alcuni moduli, è possibile che venga visualizzata la finestra
di dialogo Select Major Revision. Se questo accade, selezionare
la versione principale del modulo e fare clic su OK.
Tenere presente che, se i valori dei parametri Series e Revision
non corrispondono a quelli del modulo per il quale questa
configurazione è concepita, nel progetto possono verificarsi
errori di modulo.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 191


Capitolo 11 Moduli I/O standard

3. Nella finestra New Module configurare le proprietà del modulo e fare


clic su OK.

4. Se si aggiunge un modulo in modalità online, nella finestra di dialogo di


avviso fare clic su Yes.

SUGGERIMENTO Se si inibisce la connessione con il modulo, è necessario ricordarsi di


rimuovere l’inibizione della connessione in seguito.

5. Chiudere la finestra di dialogo Select Module Type.

192 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Moduli I/O standard Capitolo 11

6. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nuovo modulo di
comunicazione EtherNet/IP oppure sul backplane e quindi scegliere
New Module.

7. Selezionare il modulo I/O che si desidera aggiungere e fare clic su


Create.

SUGGERIMENTO Qualora sia necessario aggiungere più di un modulo I/O nella stessa
posizione remota, si consiglia di deselezionare la casella di controllo
Close on Create prima di fare clic su Create.
Se la casella di controllo Close on Create è deselezionata, al termine della
configurazione per un modulo I/O viene automaticamente visualizzata
la finestra di dialogo Select Module Type ed è quindi possibile saltare il
passo 6.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 193


Capitolo 11 Moduli I/O standard

8. Configurare il modulo I/O.


9. Nella finestra New Module configurare le proprietà del modulo e fare
clic su OK.

10. Se si aggiunge un modulo in modalità online, nella finestra di dialogo di


avviso fare clic su Yes.

SUGGERIMENTO Se si inibisce la connessione con il modulo, è necessario ricordarsi di


rimuovere l’inibizione della connessione in seguito.

11. Chiudere la finestra di dialogo Select Module Type.

Dopo aver aggiunto il modulo I/O remoto, tenere in considerazione quanto


riportato di seguito.
• Per aggiungere moduli I/O remoti nella stessa posizione remota:
– Se durante la creazione del primo modulo I/O si è deselezionata la
casella di controllo Close on Create, ripetere i passi da 7 a 8.
– Se durante la creazione del primo modulo I/O non si è deselezionata
la casella di controllo Close on Create, ripetere i passi da 6 a 8.

• Per aggiungere moduli I/O remoti in una posizione remota diversa,


ripetere i passi da 1 a 11.

194 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Moduli I/O standard Capitolo 11

Aggiunta alla configurazione È possibile aggiungere moduli I/O locali e remoti e altri dispositivi alla
configurazione del controllore mentre il progetto è online.
I/O mentre si è online
Compact IMPORTANTE Per aggiungere moduli I/O quando il controllore è online, il selettore
CompactLogix GuardLogix di modalità di funzionamento del controllore deve essere nella posizione
REM oppure PROG.
I moduli Compact 5000 I/O devono essere già installati nel sistema.
Non è possibile installare i moduli Compact 5000 I/O quando il sistema è
alimentato.

I moduli e i dispositivi che possono essere aggiunti mentre si è online


dipendono dalla versione del software utilizzata. Versioni più recenti
consentono di aggiungere più moduli e dispositivi mentre si è online.

I profili Add-On per i moduli vengono resi disponibili con le diverse versioni
dell’applicazione Logix Designer. In alcuni casi, dopo il download e
l’installazione del file del profilo Add-On per un modulo, è possibile
aggiungere il modulo al progetto mentre si è online.

Un elenco dei file dei profili Add-On può essere consultato all’indirizzo:

https://download.rockwellautomation.com/esd/download.aspx?downloadid=addonprofiles

Per ulteriori informazioni sulle aggiunte alla configurazione I/O mentre si è


online, consultare Logix 5000™ Controllers Design Considerations Reference
Manual, pubblicazione 1756-RM094.

Moduli e dispositivi che possono essere aggiunti mentre si è online


Utilizzando l’applicazione Logix Designer versione 28 o successive, è possibile
aggiungere i moduli e i dispositivi di seguito elencati alla configurazione I/O
del controllore CompactLogix 5380 o Compact GuardLogix 5380 mentre si è
online.

• Moduli Compact 5000 I/O come moduli I/O locali o remoti

• Schede EtherNet/IP Compact 5000 I/O

• Moduli EtherNet/IP ControlLogix 1756

• Moduli I/O ControlLogix 1756

IMPORTANTE Questi moduli non possono essere aggiunti in modalità online:


• Moduli di controllo assi ControlLogix serie 1756 (1756-MO2AE,
1756-HYD02, 1756-MO2AS, 1756-MO3SE, 1756-MO8SE, 1756-MO8SEG,
1756-M16SE)
• ControlLogix 1756-RIO
• ControlLogix 1756-SYNCH
• Safety I/O

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 195


Capitolo 11 Moduli I/O standard

Determinazione del I controllori CompactLogix 5380 e Compact GuardLogix 5380 aggiornano i


dati in modo asincrono con l’esecuzione della logica. Per determinare la
momento in cui i dati frequenza di invio dei dati di un controllore, di un modulo di ingresso o di un
vengono aggiornati bridge, consultare gli schemi di flusso riportati di seguito.
• Schema di flusso dell’aggiornamento dei dati di ingresso
Compact
CompactLogix GuardLogix • Schema di flusso dell’aggiornamento dei dati di uscita

Schema di flusso dell’aggiornamento dei dati di ingresso

IMPORTANTE Considerazione sulla sicurezza


Gli ingressi standard Compact GuardLogix vengono aggiornati
come gli ingressi standard CompactLogix, ma i tag degli ingressi di sicurezza
Compact GuardLogix (ingressi, consumati e mappati) vengono
aggiornati e bloccati all’inizio dell’esecuzione del task di sicurezza.
Vedere Esecuzione del task di sicurezza a pagina 244.

Digitale senza eventi, analogico senza campionamento in tempo reale (RTS, Real Time Sample), tag prodotto

Metodo di produzione dei dati di Tag prodotto con eventi di cambiamento di stato dei dati
ingresso

Digitale con eventi abilitati

Analogico con
campionamento in tempo
reale abilitato

No
RTSRPI?

Il modulo invia dati alla frequenza Il modulo invia dati alla frequenza
specificata dal parametro RTS. specificata dai parametri RTS ed RPI
(Requested Packet Interval).

Il modulo invia i dati alla frequenza RPI e al


cambiamento di un punto specificato.

Il controllore produttore invia i dati alla fre-


quenza RPI e quando viene eseguita un’istru-
zione Immediate Output.
Il task evento in un controllore consumatore
viene attivato soltanto dall’esecuzione di
un’istruzione Immediate Output nel produt-
tore.

Il modulo o il controllore produttore


invia i dati alla frequenza RPI.

Nuovi dati possono comparire in tag di ingresso in qualsiasi momento durante la


scansione del programma. Se la logica di controllo legge valori di tag di ingresso in
più posizioni, non si deve presupporre che i dati restino invariati durante la
scansione della logica.

196 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Moduli I/O standard Capitolo 11

Schema di flusso dell’aggiornamento dei dati di uscita

Elaborazione automatica
delle uscite di ciascun task.
Metodo di produzione dei dati di uscita Configurazione del profilo del modulo di uscita

Produzione di dati ciclici Viene eseguita un’istruzione


alla frequenza determinata Immediate Output. Si raccomanda di
dall’RPI. ridurre al minimo l’utilizzo di
Considerazione sulla istruzioni Immediate Output a uscite Il profilo del modulo Il profilo del modulo
sicurezza critiche che devono essere aggiornate consente solo l’invio alla consente l’invio dei dati
L’RPI dell’uscita di sicurezza immediatamente. frequenza determinata alla frequenza RPI oppure
è il periodo del task di dall’RPI al termine della scansione
sicurezza. Per informazioni dei task
sugli aggiornamenti delle
uscite di sicurezza, vedere
Esecuzione del task di
sicurezza a pagina 244.

L’invio dei dati viene L’invio dei dati viene Nessun dato è inviato L’invio dei dati viene
effettuato dal effettuato dal dall’elaborazione effettuato dal controllore ed
controllore, attivato alla controllore ed è attivato automatica delle uscite è attivato dalla conclusione
frequenza RPI. dal programma utente. dei task.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 197


Capitolo 11 Moduli I/O standard

Note:

198 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 12

Dispositivi I/O di sicurezza

Argomento Pagina
Aggiunta di dispositivi I/O di sicurezza 199
Configurazione dei dispositivi I/O di sicurezza 200
Utilizzo della traduzione degli indirizzi di rete (NAT) con i dispositivi CIP Safety 202
Impostazione del numero SNN di un dispositivo I/O di sicurezza 204
Limite del tempo di risposta della connessione 208
Firma dei dispositivi I/O di sicurezza 209
Formato degli indirizzi dei dispositivi I/O 211
Sostituzione di un dispositivo I/O di sicurezza 212

Aggiunta di dispositivi I/O Se si aggiunge un dispositivo I/O di sicurezza al sistema, è necessario definire
una configurazione per il dispositivo, comprendente i seguenti elementi:
di sicurezza
• Indirizzo di nodo per reti DeviceNet
Compact
GuardLogix IMPORTANTE Un controllore Compact GuardLogix® 5380 può accedere ai disposi-
tivi su una rete DeviceNet solo tramite dispositivi di collegamento,
ad esempio il dispositivo di collegamento 1788-EN2DN.
Il controllore può comunicare con i dispositivi su DeviceNet.
Tuttavia, di norma i controllori Compact GuardLogix 5380 utilizzano
reti EtherNet/IP per comunicare con i dispositivi di sicurezza.

• Indirizzo IP per reti EtherNet/IP


• Numero rete di sicurezza (SNN). Per impostare il numero della rete di
sicurezza, vedere pagina 204.
• Firma di configurazione. Vedere pagina 209 per informazioni sulla
configurazione manuale o automatica della firma.
• Tempo limite di risposta. Vedere pagina 208 per informazioni
sull’impostazione del tempo limite di risposta.
• La configurazione del modulo viene completata con i parametri di test,
uscita ed ingresso di sicurezza

IMPORTANTE • Non è possibile aggiungere dispositivi I/O di sicurezza mentre si è online


con il controllore.
• Per configurare i dispositivi I/O di sicurezza tramite il controllore
Compact GuardLogix 5380 è possibile utilizzare l’applicazione
Studio 5000 Logix Designer®.
• La funzione Discover Modules non è compatibile con i dispositivi I/O di
sicurezza.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 199


Capitolo 12 Dispositivi I/O di sicurezza

Configurazione dei Aggiungere il dispositivo I/O di sicurezza alla cartella I/O Configuration.
dispositivi I/O di sicurezza SUGGERIMENTO Alcuni dispositivi I/O di sicurezza supportano dati standard e di
sicurezza. La definizione del modulo determina i dati disponibili.
Compact
GuardLogix 1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla rete Ethernet e selezionare
New Module.

2. Nella scheda Catalog, selezionare il dispositivo I/O di sicurezza.

SUGGERIMENTO Per ridurre l’elenco di moduli tra cui scegliere, utilizzare i filtri.

3. Fare clic su Create.

200 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Dispositivi I/O di sicurezza Capitolo 12

4. Immettere un nome per il nuovo dispositivo.

5. Se è necessario modificare le impostazioni Module Definition, fare clic


su Change.

IMPORTANTE Per i dispositivi I/O di sicurezza non utilizzare Disable Keying.


Per ulteriori informazioni sulla codifica elettronica, vedere
pagina 184.

6. Immettere l’indirizzo di nodo per le reti DeviceNet o l’indirizzo IP per le


reti EtherNet/IP.
Nel menu a discesa sono inclusi solo i numeri di nodo inutilizzati.
Se la rete utilizza il sistema di traduzione degli indirizzi di rete (NAT),
vedere Utilizzo della traduzione degli indirizzi di rete (NAT) con i
dispositivi CIP Safety a pagina 202.
7. Per modificare il numero di rete di sicurezza, fare clic sul
pulsante (se necessario).
Vedere pagina 204 per i dettagli.
8. Impostare il limite del tempo di reazione della connessione utilizzando
la scheda Safety.
Vedere pagina 208 per i dettagli.
9. Per completare la configurazione del dispositivo I/O di sicurezza,
consultare la relativa documentazione per l’utente e la guida online
dell’applicazione Logix Designer.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 201


Capitolo 12 Dispositivi I/O di sicurezza

Utilizzo della traduzione Il sistema NAT traduce un indirizzo IP in un altro indirizzo IP tramite un
router o uno switch con configurazione NAT. Il router o lo switch traducono
degli indirizzi di rete (NAT) gli indirizzi di origine e di destinazione all’interno dei pacchetti di dati non
con i dispositivi CIP Safety appena il traffico passa tra le sottoreti.

Compact Questo servizio è utile se è necessario riutilizzare gli indirizzi IP in una rete. Ad
GuardLogix esempio, il sistema NAT consente di segmentare i dispositivi in più sottoreti
private identiche, mantenendo identità uniche sulla sottorete pubblica, ad
esempio per più macchine o linee identiche.

Questa sezione si applica solo agli utenti di sistemi di sicurezza in ambienti in


cui il controllore e i dispositivi con cui comunica si trovano su lati separati del
router o dello switch con configurazione NAT.

Con CIP Safety, l’indirizzo IP del dispositivo fa parte del riferimento univoco
del nodo che fa parte del protocollo. Il dispositivo confronta la parte
dell’indirizzo IP del riferimento univoco del nodo nei pacchetti CIP Safety con
il proprio indirizzo IP e rifiuta tutti i pacchetti che non corrispondono.
L’indirizzo IP nel riferimento univoco del nodo deve essere l’indirizzo IP
tradotto mediante NAT. Il controllore utilizza l’indirizzo tradotto, ma il
protocollo CIP Safety necessita dell’indirizzo reale del dispositivo.

Se si utilizza il sistema NAT per comunicare con un dispositivo CIP Safety,


procedere come segue per impostare l’indirizzo IP.

1. Nel campo IP Address immettere l’indirizzo IP che verrà utilizzato dal


controllore.
Quando si utilizza il sistema NAT, questo è solitamente l’indirizzo IP
sulla rete pubblica.

202 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Dispositivi I/O di sicurezza Capitolo 12

2. Per aprire la finestra di dialogo Advanced Ethernet Settings, fare clic su


Advanced.

3. Contrassegnare la casella di controllo per indicare che questo modulo ed


il controllore comunicheranno tramite dispositivi NAT.
4. Immettere l’indirizzo nel campo Actual module address.

SUGGERIMENTO Se si è configurato l’indirizzo IP tramite i selettori rotativi, in questo


campo è necessario immettere l’indirizzo impostato sul dispositivo. In
caso contrario, nel campo Actual module address occorre immettere lo
stesso indirizzo presente sulla scheda Internet Protocol del dispositivo.

5. Fare clic su OK.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 203


Capitolo 12 Dispositivi I/O di sicurezza

Impostazione del numero Quando si aggiunge il primo dispositivo I/O di sicurezza alla rete, viene
assegnato automaticamente un numero SNN basato sul tempo. Ciò non si
SNN di un dispositivo I/O di applica al backplane del controllore o alle porte Ethernet, poiché il controllore
sicurezza conta come dispositivo sulla rete.

Compact Quando alla stessa rete vengono aggiunti successivamente altri dispositivi di
GuardLogix sicurezza, viene assegnato loro lo stesso numero SNN definito nell’indirizzo di
livello più basso della rete CIP Safety, o nel controllore stesso nel caso di porte
collegate al controllore.

Per la maggior parte delle applicazioni, questo valore SNN basato sul tempo ed
automatico è sufficiente.

Se l’applicazione richiede l’assegnazione manuale del numero SNN dei


dispositivi di I/O di sicurezza, è sufficiente assegnare il numero SNN del primo
dispositivo di I/O di sicurezza aggiunto in un backplane o una rete remota.
Logix Designer assegna quindi il numero SNN del primo dispositivo a tutti i
dispositivi aggiunti allo stesso backplane o alla stessa rete remota.

Per una spiegazione del numero della rete di sicurezza (SNN), vedere
GuardLogix 5580 and Compact GuardLogix 5380 Controller Systems Safety
Reference Manual, pubblicazione 1756-RM012.

Modificare il numero SNN di un dispositivo I/O di sicurezza


Per impostare l’assegnazione manuale del numero SNN di un dispositivo
di I/O di sicurezza, procedere come segue:

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul modulo di comunicazione
EtherNet/IP remoto nell’albero di configurazione I/O, quindi
selezionare New Module.
2. Selezionare il dispositivo I/O di sicurezza e fare clic su Create.
3. Nella finestra di dialogo di configurazione New Module, fare clic
su a destra del numero di rete di sicurezza.

204 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Dispositivi I/O di sicurezza Capitolo 12

4. Nella finestra di dialogo Safety Network Number selezionare Manual.


5. Immettere il numero SNN come valore compreso tra 1 e 9999
(decimale).

6. Fare clic su OK.


7. Nella finestra di dialogo di configurazione New Module fare clic su OK.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 205


Capitolo 12 Dispositivi I/O di sicurezza

Copiare e incollare un numero di rete di sicurezza (SNN) dei


dispositivi I/O di sicurezza.

Se è necessario applicare un numero SNN ad altri dispositivi I/O di sicurezza,


è possibile copiare e incollare il valore SNN. Esistono diversi modi per copiare
e incollare i numeri SNN dei dispositivi I/O di sicurezza.

Copiare il numero SNN di un dispositivo I/O di sicurezza

Dalla scheda General della finestra Module Properties:

1. Nella scheda General selezionare ed evidenziare il numero SNN.


2. Premere Ctrl-C per copiare il numero SNN.

Dalla finestra di dialogo Safety Network Number:

1. Nella scheda General della finestra Module Properties fare clic su a


destra del numero di rete di sicurezza per aprire la finestra di dialogo
Safety Network Number.
2. Nella finestra di dialogo Safety Network Number fare clic su Copy
oppure fare clic nel campo del numero SNN e premere Ctrl-C.

206 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Dispositivi I/O di sicurezza Capitolo 12

Incollare il numero SNN di un dispositivo I/O di sicurezza

1. Nella scheda General della finestra Module Properties fare clic su a


destra del numero di rete di sicurezza per aprire la finestra di dialogo
Safety Network Number.

2. Nella finestra di dialogo Safety Network Number fare clic su Paste


oppure fare clic nel campo del numero SNN e premere Ctrl-V.

Per una spiegazione del numero della rete di sicurezza (SNN), vedere
GuardLogix 5580 and Compact GuardLogix 5380 Controller Systems Safety
Reference Manual, pubblicazione 1756-RM012.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 207


Capitolo 12 Dispositivi I/O di sicurezza

Limite del tempo di risposta Il limite del tempo di risposta della connessione (CRTL) è definito dai tre
valori riportati sotto.
della connessione
Valore Impostazione Descrizione
Compact predefinita
GuardLogix
Requested Packet Interval (RPI) 10 ms (valore RPI Frequenza con cui i pacchetti di ingresso e uscita sono
degli ingressi) inviati in rete.
Timeout multiplier 2 Moltiplicatore di timeout, ossia il numero di tentativi
prima del timeout.
Network Delay Multiplier 200 Moltiplicatore di ritardo di rete, che tiene conto dei
ritardi noti sulla rete. Quando si verificano questi
ritardi, il timeout può essere evitato utilizzando
questo parametro.

Modificando questi valori è possibile regolare il limite del tempo di risposta


della connessione. Se non viene ricevuto un pacchetto valido entro il tempo
CRTL, la connessione di sicurezza va in timeout e i dati di ingresso e di uscita
vengono impostati nello stato di sicurezza (OFF).

IMPORTANTE I valori predefiniti generano un limite del tempo di risposta della


connessione di ingresso di 40 ms. Se non vengono apportate modifiche alle
impostazioni predefinite, verificare che questo limite venga utilizzato nei
calcoli del tempo di risposta di sicurezza.
Si consiglia di non ridurre il valore predefinito del moltiplicatore di timeout e
del moltiplicatore di ritardo di rete, in quanto si potrebbero generare
interruzioni indesiderate della connessione.

IMPORTANTE Per applicazioni con grandi banchi di POINT Guard I/O di sicurezza, il limite
del tempo di risposta della connessione predefinito può causare la perdita
della connessione ai moduli I/O di sicurezza. In questi casi può essere
necessario aumentare il valore di RPI rispetto al valore predefinito.
Assicurarsi che nei calcoli del tempo di risposta di sicurezza venga utilizzato
il nuovo limite del tempo di risposta della connessione.

Per una spiegazione dei tempi di risposta, vedere GuardLogix 5580 and
Compact GuardLogix 5380 Controller Systems Safety Reference Manual,
pubblicazione 1756-RM012.

208 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Dispositivi I/O di sicurezza Capitolo 12

Firma dei dispositivi I/O Ogni dispositivo di sicurezza ha una firma di configurazione univoca, che
definisce la configurazione del modulo. L’autenticazione di configurazione è
di sicurezza composta da un numero identificativo, una data e un’ora, ed è utilizzata per
verificare la configurazione del modulo.
Compact
GuardLogix

Configurazione mediante l’applicazione Logix Designer

Quando il dispositivo I/O viene configurato utilizzando l’applicazione


Logix Designer, la firma di configurazione viene generata automaticamente.
È possibile visualizzare e copiare la firma di configurazione tramite la scheda
Safety della finestra di dialogo Module Properties.

Figura 35 – Visualizzazione e copia della firma di configurazione

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 209


Capitolo 12 Dispositivi I/O di sicurezza

Reset del dispositivo I/O di sicurezza alla condizione predefinita in


fabbrica

Se un modulo Guard I/O™ era stato utilizzato in precedenza, cancellare la


configurazione preesistente prima di installarlo in una rete di sicurezza
resettandolo alle condizioni predefinite in fabbrica.

Quando il progetto del controllore è online, nella scheda Safety della finestra di
dialogo Module Properties viene visualizzata la proprietà della configurazione
corrente. Quando la configurazione appartiene al progetto aperto, viene
visualizzato “Local”. Quando la configurazione appartiene ad un secondo
dispositivo, viene visualizzato “Remote” insieme al numero della rete di
sicurezza (SNN) e all’indirizzo di nodo o al numero di slot del proprietario
della configurazione. Se la lettura del dispositivo non riesce, viene visualizzato
un errore di comunicazione.

Se la connessione è Local, è necessario inibire la connessione del modulo prima


di resettare la proprietà. Per inibire il modulo, procedere come segue.

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul modulo e selezionare
Properties.
2. Fare clic sulla scheda Connection.
3. Selezionare Inhibit Connection.
4. Fare clic su Apply e quindi su OK.

Per resettare il modulo alla configurazione predefinita in fabbrica in modalità


online, procedere come segue.

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul modulo e selezionare
Properties.
2. Fare clic sulla scheda Safety.
3. Fare clic su Reset Ownership.
.

SUGGERIMENTO Qualora esistano modifiche in sospeso delle proprietà del modulo, una
firma di sicurezza oppure un blocco di sicurezza, non è possibile
ripristinare la proprietà.

210 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Dispositivi I/O di sicurezza Capitolo 12

Formato degli indirizzi dei Quando si aggiunge un dispositivo alla cartella I/O Configuration, per tale
dispositivo l’applicazione Logix Designer crea automaticamente dei tag definiti
dispositivi I/O nell’ambito del controllore.
Compact
GuardLogix
Le informazioni I/O vengono presentate come una serie di tag. Ciascun tag
utilizza una struttura di dati, a seconda del tipo e delle funzioni del dispositivo
I/O. Il nome di un tag è basato sul nome del dispositivo utilizzato nel sistema.

Il formato degli indirizzi dei moduli I/O di sicurezza segue questo schema.

ESEMPIO Nomemodulo.Tipo.Membro

Tabella 21 – Formato degli indirizzi dei dispositivi I/O di sicurezza


Dove È
Nomemodulo Il nome del dispositivo I/O di sicurezza
Tipo Tipo di dati Input: I
Output: O
Membro Dati specifici dal dispositivo I/O
Modulo di solo Nomemodulo:I.RunMode(1)
ingresso Nomemodulo:I.ConnectionFaulted(1)
Nomemodulo:I.Input Members
Modulo di sola uscita Nomemodulo:I.RunMode(1)
Nomemodulo:I.ConnectionFaulted(1)
Nomemodulo:O.Output Members
I/O misti Nomemodulo:I.RunMode(1)
Nomemodulo:I.ConnectionFaulted(1)
Nomemodulo:I.Input Members
Nomemodulo:O.Output Members
(1) Questo membro è obbligatorio.

Tabella 22 – Altre risorse


Riferimento Descrizione
Dati I/O e tag dei controllori Logix 5000 – Manuale di Fornisce informazioni sull’indirizzamento dei dispositivi
programmazione, pubblicazione 1756-PM004 I/O standard

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 211


Capitolo 12 Dispositivi I/O di sicurezza

Sostituzione di un dispositivo Questa sezione fornisce informazioni sulla sostituzione dei dispositivi I/O di
sicurezza quando sono collegati ai controllori Compact GuardLogix.
I/O di sicurezza
Compact
GuardLogix Proprietà della configurazione

Quando il progetto del controllore è online, nella scheda Safety della finestra di
dialogo Module Properties viene visualizzata la proprietà della configurazione
corrente.
• Quando la configurazione appartiene al progetto aperto, viene
visualizzato “Local”.
• Quando la configurazione appartiene ad un secondo dispositivo, viene
visualizzato “Remote” insieme al numero della rete di sicurezza (SNN) e
all’indirizzo di nodo o al numero di slot del proprietario della
configurazione.
• Se la lettura del modulo non riesce, viene visualizzato un errore di
comunicazione.

Se la connessione è Local, è necessario inibire la connessione del modulo prima


di resettare la proprietà. Per inibire il modulo, procedere come segue.

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul modulo e selezionare
Properties.
2. Fare clic sulla scheda Connection.
3. Selezionare Inhibit Connection.
4. Fare clic su Apply e quindi su OK.

212 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Dispositivi I/O di sicurezza Capitolo 12

Configurazione di una sostituzione

Per sostituire un dispositivo I/O di sicurezza su una rete Ethernet, è possibile


usare l’applicazione Logix Designer.

Per sostituire un modulo Guard I/O su una rete DeviceNet, la scelta dipende
dal tipo di modulo.
Tabella 23 – Software
Se si utilizza un Utilizzare Vedere
Dispositivo I/O di sicurezza su rete L’applicazione Logix Designer Sotto
EtherNet/IP.
Modulo Guard I/O 1791DS tramite un Applicazione Logix Designer Sotto
dispositivo di collegamento
1788-EN2DN
Modulo POINT Guard I/O™ 1734 tramite Software RSNetWorx™ per Vedere Moduli di sicurezza POINT
un dispositivo di collegamento DeviceNet Guard I/O – Manuale di installazione e
1788-EN2DN e una scheda 1734-PDN uso, pubblicazione 1734-UM013.

• Se si sta utilizzando una parte del sistema CIP Safety per garantire la
conformità al livello SIL 2/PLd durante la sostituzione e il collaudo
funzionale del dispositivo, non è possibile utilizzare la funzione
Configure Always.

Per ulteriori informazioni, vedere Sostituzione con “Configure Only


When No Safety Signature Exists” abilitata a pagina 214.

• Se l’intero sistema di controllo CIP Safety instradabile non viene


utilizzato per garantire la conformità con il livello SIL 2/PLd durante la
sostituzione e il collaudo funzionale di un dispositivo, è possibile
utilizzare la funzione Configure Always.

Per ulteriori informazioni, vedere Sostituzione con l’opzione “Configure


Always” abilitata a pagina 219.

La sostituzione del dispositivo I/O di sicurezza si configura nella


scheda Safety della finestra di dialogo Controller Properties del controllore
Compact GuardLogix 5380.

Figura 36 – Sostituzione dei dispositivi I/O di sicurezza

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 213


Capitolo 12 Dispositivi I/O di sicurezza

Sostituzione con “Configure Only When No Safety Signature Exists”


abilitata

Quando viene sostituito un dispositivo I/O di sicurezza, se il DeviceID del


nuovo dispositivo corrisponde all’originale, la configurazione viene scaricata
dal controllore di sicurezza. Il DeviceID è una combinazione di nodo/indirizzo
IP ed SNN ed è aggiornato ogni volta che viene impostato il numero SNN.
Se il progetto è configurato come “Configure Only When No Safety Signature
Exists”, seguire i passi descritti nella Tabella 24 per sostituire un dispositivo
I/O di sicurezza in base allo scenario effettivo. Al termine della procedura il
DeviceID corrisponderà all’originale e il controllore di sicurezza potrà pertanto
scaricare la corretta configurazione del dispositivo e ristabilire la connessione di
sicurezza.
Tabella 24 – Sostituzione di un modulo
Con firma di Condizione Intervento necessario
sicurezza Compact modulo
GuardLogix sostitutivo
No Senza SNN Nessuna. Il dispositivo è pronto all’uso.
(preconfigurato)
Sì o No Stesso SNN della Nessuna. Il dispositivo è pronto all’uso.
configurazione task
di sicurezza originale
Sì Senza SNN Vedere Scenario 1 – Dispositivo sostitutivo nelle condizioni
(preconfigurato) predefinite in fabbrica e presenza della firma di sicurezza a
pagina 214.
Sì Vedere Scenario 2 – Numero SNN del dispositivo sostitutivo diverso
SNN differente dalla dall’originale e presenza della firma di sicurezza a pagina 216.
configurazione task
No di sicurezza originale Vedere Scenario 3 – Numero SNN del dispositivo sostitutivo diverso
dall’originale e assenza della firma di sicurezza a pagina 218.

Scenario 1 – Dispositivo sostitutivo nelle condizioni predefinite in fabbrica e presenza della


firma di sicurezza
1. Rimuovere il dispositivo I/O in uso ed installare quello nuovo.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul dispositivo I/O di sicurezza
sostitutivo e selezionare Properties.
3. Per aprire la finestra di dialogo Safety Network Number, fare clic su
a destra del numero di rete di sicurezza.

214 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Dispositivi I/O di sicurezza Capitolo 12

4. Fare clic su Set.

5. Verificare che l’indicatore di stato della rete (NS) lampeggi con luce
alternata rossa/verde sul dispositivo corretto prima di fare clic su Yes
nella finestra di dialogo di conferma per impostare il numero SNN e
accettare il dispositivo sostitutivo.

6. Seguire le procedure indicate dalla propria società per il test funzionale


del dispositivo I/O sostituito e del sistema nonché per autorizzare l’uso
del sistema.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 215


Capitolo 12 Dispositivi I/O di sicurezza

Scenario 2 – Numero SNN del dispositivo sostitutivo diverso dall’originale e presenza della
firma di sicurezza

1. Rimuovere il dispositivo I/O in uso ed installare quello nuovo.


2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul proprio dispositivo I/O di
sicurezza e selezionare Properties.
3. Fare clic sulla scheda Safety.
4. Fare clic su Reset Ownership.

5. Fare clic su OK.


6. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul dispositivo e selezionare
Properties.
7. Per aprire la finestra di dialogo Safety Network Number, fare clic su
a destra del numero di rete di sicurezza.

216 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Dispositivi I/O di sicurezza Capitolo 12

8. Fare clic su Set.

9. Verificare che l’indicatore di stato della rete (NS) lampeggi con luce
alternata rossa/verde sul dispositivo corretto prima di fare clic su Yes
nella finestra di dialogo di conferma per impostare il numero SNN e
accettare il dispositivo sostitutivo.

10. Seguire le procedure indicate dalla propria società per il test funzionale
del dispositivo I/O sostituito e del sistema nonché per autorizzare l’uso
del sistema.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 217


Capitolo 12 Dispositivi I/O di sicurezza

Scenario 3 – Numero SNN del dispositivo sostitutivo diverso dall’originale e assenza della
firma di sicurezza

1. Rimuovere il dispositivo I/O in uso ed installare quello nuovo.


2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul proprio dispositivo I/O di
sicurezza e selezionare Properties.
3. Fare clic sulla scheda Safety.

4. Fare clic su Reset Ownership.


5. Fare clic su OK.
6. Seguire le procedure indicate dalla propria società per il test funzionale
del dispositivo I/O sostituito e del sistema nonché per autorizzare l’uso
del sistema.

218 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Dispositivi I/O di sicurezza Capitolo 12

Sostituzione con l’opzione “Configure Always” abilitata


ATTENZIONE: Abilitare la funzione “Configure Always” solo se l’intero
sistema di controllo CIP Safety non è utilizzato per mantenere il livello
SIL 2/PLd durante la sostituzione e il collaudo funzionale di un dispositivo.
Non posizionare i dispositivi impostati su valori predefiniti di fabbrica su una
rete CIP Safety con la funzione Configure Always abilitata, a meno che non si stia
seguendo la presente procedura di sostituzione.

Se nel progetto del controllore è abilitata la funzione “Configure Always”, il


controllore verifica e collega automaticamente un dispositivo sostitutivo che
soddisfi tutti i seguenti requisiti:
• Il controllore dispone di dati di configurazione per un dispositivo
compatibile nell’indirizzo di rete specificato.
• Il dispositivo è nelle condizioni predefinite di fabbrica o ha un numero
SNN che corrisponde alla configurazione.

Se il progetto è configurato per “Configure Always”, seguire la procedura


adeguata per sostituire un dispositivo I/O di sicurezza.
1. Rimuovere il dispositivo I/O in uso ed installare quello nuovo.
a. Se il dispositivo è nelle condizioni predefinite di fabbrica, andare al
passo 6.
Non è necessaria alcuna azione da parte del controllore Compact
GuardLogix 5380 per assumere la proprietà del dispositivo.
b. In caso di errore di mancata corrispondenza del numero SNN, andare
al punto successivo per riportare il dispositivo alle condizioni
predefinite di fabbrica.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul proprio dispositivo I/O di
sicurezza e selezionare Properties.
3. Fare clic sulla scheda Safety.

4. Fare clic su Reset Ownership.


5. Fare clic su OK.
6. Seguire le procedure indicate dalla propria società per il test funzionale
del dispositivo I/O sostituito e del sistema nonché per autorizzare l’uso
del sistema.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 219


Capitolo 12 Dispositivi I/O di sicurezza

Note:

220 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 13

Sviluppo di applicazioni standard

Argomento Pagina
Elementi di un’applicazione di controllo 221
Task 223
Programmi 228
Routine 230
Parametri e tag locali 231
Linguaggi di programmazione 232
Istruzioni Add-On 233
Proprietà estese 234
Accesso all’oggetto Module da un’istruzione Add-On 235
Monitoraggio dello stato del controllore 236
Monitoraggio delle connessioni I/O 237

Elementi di un’applicazione Un’applicazione di controllo è costituita da diversi elementi che devono essere
pianificati per garantire un’efficiente esecuzione dell’applicazione. Tra gli
di controllo elementi di un’applicazione sono inclusi quelli di seguito riportati.
Compact
• Task
CompactLogix GuardLogix • Programmi
• Routine
• Parametri e tag locali
• Istruzioni Add-On

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 221


Capitolo 13 Sviluppo di applicazioni standard

Figura 37 – Elementi di un’applicazione di controllo

Gestore errori del controllore

Task 32

Task 1
Configurazione

Stato

Programma 1.000 Watchdog

Programma 1 Tag e
Routine parametri del
principale programma
Routine di
errore

Altre Routine

Tag del controllore Definizione istruzioni Dati I/O Dati condivisi con il
(globali) Add-On sistema

222 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni standard Capitolo 13

Task Il controllore consente di utilizzare più task per schedulare e attribuire una
priorità all’esecuzione di programmi in base a criteri specifici. Questa capacità
di multi-tasking consente di ripartire il tempo di elaborazione del controllore
tra le varie operazioni dell’applicazione:
• Il controllore esegue un solo task alla volta.
• Un task può interrompere l’esecuzione di un altro task e prendere il
controllo in base alla sua priorità.
• In un task è possibile utilizzare più programmi. Viene eseguito un
programma alla volta.
• È possibile visualizzare i task nella vista dell’organizer del controllore o in
quella dell’organizer logico, in base alle esigenze.

SUGGERIMENTO Un numero elevato di task può rendere difficile la messa a punto


ottimale del sistema.

Figura 38 – Task in un’applicazione di controllo


Gestore errori del controllore

Task 32

Task 1
Configurazione
Stato

Periodo
Programma 1.000
Watchdog
Programma 1 Tag e
Routine parametri del
principale programma
Routine di
errore
Altre Routine

Tag del controllore Definizione Dati I/O Dati condivisi


(globali) istruzioni Add-On con il sistema

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 223


Capitolo 13 Sviluppo di applicazioni standard

Figura 39 – Task
Organizer del controllore Organizer logico

Task principale
(continuo)
Task principale
(continuo)

Task 2 Task 2
(periodico) (periodico)

Un task fornisce le informazioni relative a schedulazione e priorità per un


gruppo di uno o più programmi. Per configurare un task come continuo,
periodico o evento, utilizzare la finestra di dialogo Task Properties.

Figura 40 – Configurazione del tipo di task

La Tabella 25 descrive i tipi di task che possono essere configurati.

224 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni standard Capitolo 13

Tabella 25 – Tipi di task e frequenza di esecuzione


Tipo di task Esecuzione del task Descrizione
Continuo Costante Il task continuo viene eseguito in background. Tutto il tempo di CPU non assegnato ad altre operazioni (quali il controllo
assi e altri task) viene utilizzato per eseguire i programmi nel task continuo.
• Il task continuo viene eseguito costantemente. Al termine di un’analisi completa, viene riattivato immediatamente.
• Un progetto non richiede l’utilizzo di un task continuo. Se utilizzato, ne può esistere soltanto uno.
Periodico A intervalli stabiliti, ad esempio Un task periodico esegue una funzione a intervalli di tempo regolari.
ogni 100 ms • Allo scadere del periodo di tempo stabilito, qualsiasi task con priorità inferiore viene interrotto, il task periodico viene
eseguito una volta, quindi il controllo viene restituito al task precedente, nel punto in cui era stato interrotto.
• È possibile configurare il periodo di tempo da 0,1 a 2.000.000,00 ms. L’impostazione predefinita è 10 ms. Dipende
anche dal controllore e dalla configurazione.
Evento Al verificarsi un evento Un task evento esegue una funzione al verificarsi di un evento (trigger). Possibili trigger di un task evento sono elencati di
seguito.
• Cambiamento di stato dei dati di ingresso per il modulo
• Un trigger di un tag consumato
• Un’istruzione EVENT
• Un trigger di asse
• Un trigger evento di controllo assi
È possibile configurare un tempo di timeout opzionale per il mancato verificarsi di trigger evento. Il tempo di timeout
attiva l’esecuzione di task evento anche in assenza del trigger. Selezionare la casella di controllo Check the Execute Task If
No Event Occurs Within <tempo di timeout> per il task.

I controllori CompactLogix™ 5380 e Compact GuardLogix® 5380 supportano


fino a 32 task. Soltanto uno di questi può essere continuo.

Un task può avere fino a 1.000 programmi, ognuno con le proprie routine
eseguibili e i tag definiti nell’ambito del programma. Una volta attivato un task,
i programmi a esso assegnati vengono eseguiti nell’ordine in cui sono stati
raggruppati. I programmi compaiono soltanto una volta nell’organizer del
controllore e non possono essere condivisi tra più task.

Task evento con i moduli Compact 5000 I/O

SUGGERIMENTO I moduli di ingresso di sicurezza Compact 5000 I/O™ non possono attivare
eventi.

Alcuni moduli di ingresso digitali Compact 5000 I/O possono attivare un task
evento. Ad esempio, per configurare un task evento con un evento attivato dal
cambiamento dello stato di ingresso del modulo 5069-IB16F, procedere come
segue.

1. Configurare il modulo d’ingresso 5069-IB16F per l’attivazione del task


evento. Le operazioni necessarie sono riportate di seguito.
a. Nella definizione del modulo 5069-IB16F, utilizzare Data with
Events come tipo di connessione.
b. Abilitazione dell’evento.
c. Selezionare almeno un punto sul modulo che partecipi all’evento.
d. Definire l’evento, ad esempio un cambiamento di stato da Off a On.
e. Scegliere quale fronte dell’evento attiva l’evento, ovvero stabilire se
l’evento può essere attivato dal fronte di salita, dal fronte di discesa
oppure da entrambi.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 225


Capitolo 13 Sviluppo di applicazioni standard

L’utente può abilitare il latch di un evento e trigger di punti


indipendenti.
2. Creare un task evento nel progetto.
3. Configurare il task evento.
• Selezionare il trigger evento. È possibile, ad esempio, selezionare
Module Input Data State Change come trigger.
• Nel modulo, collegare il task al tag di ingresso evento appropriato.

Per ulteriori informazioni sull’utilizzo di task evento con i moduli


Compact 5000 I/O, consultare Moduli I/O digitali serie 5000 nei sistemi di
controllo Logix 5000 – Manuale dell’utente, pubblicazione 5000-UM004.

Per ulteriori informazioni sull’utilizzo di task evento in linea generale,


consultare Logix 5000 Controllers Tasks, Programs, and Routines
Programming Manual, pubblicazione 1756-PM005.

226 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni standard Capitolo 13

Priorità dei task

Nel controllore ogni task ha un livello di priorità. Il sistema operativo utilizza il


livello di priorità per determinare il task da eseguire quando vengono attivati
più task. Un task con priorità più alta interrompe qualsiasi task con priorità più
bassa. Il task continuo ha la priorità più bassa e viene quindi interrotto da task
periodici o da task evento.

Il task continuo viene eseguito quando non è in esecuzione un task periodico.


A seconda dell’applicazione, il task continuo può essere eseguito più
frequentemente rispetto ai task periodici o con frequenza molto minore. Può
anche esservi una grande variabilità nella frequenza con cui il task viene
chiamato e nel relativo tempo di scansione (a causa dell’effetto degli altri task
periodici).

IMPORTANTE Se si configurano più task con la stessa priorità, il controllore li suddivide in


porzione di tempo e, in tal modo, la loro applicazione risulterà meno
ottimizzata. Tale approccio è sconsigliato.

È possibile configurare task periodici ed evento affinché vengano eseguiti con


un livello di priorità dal più basso (15) al più alto (1). Per configurare la priorità
dei task, utilizzare la finestra di dialogo Task Properties.

Figura 41 – Configurazione della priorità dei task

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 227


Capitolo 13 Sviluppo di applicazioni standard

Programmi Il sistema operativo del controllore è un sistema multi-tasking con prelazione,


conforme allo standard IEC 61131-3. Questo sistema fornisce quanto segue:
• Programmi per raggruppare dati e logica
• Routine per incorporare codice eseguibile scritto in un unico linguaggio
di programmazione

Ogni programma contiene gli elementi di seguito elencati.


• Tag locali
• Parametri
• Una routine eseguibile principale
• Altre Routine
• Una routine di errore opzionale

Figura 42 – Programma in un’applicazione di controllo

Gestore errori del controllore

Task 32

Task 1
Configurazione

Stato

Watchdog
Programma 1.000

Programma 1
Tag e
Routine parametri del
principale programma

Routine di
errore

Altre Routine

Tag del controllore Definizione Dati I/O Dati condivisi con il


(globali) istruzioni Add-On sistema

Figura 43 – Programmi

228 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni standard Capitolo 13

Programmi schedulati e non schedulati

I programmi schedulati all’interno di un task vanno in esecuzione fino a


completamento, dal primo all’ultimo. I programmi non collegati ad alcun task
si presentano come non schedulati.

I programmi non schedulati all’interno di in un task vengono scaricati nel


controllore con l’intero progetto. Vengono quindi verificati dal controllore, ma
non eseguiti.

È necessario schedulare un programma all’interno di un task prima che la sua


scansione possa essere eseguita dal controllore. Per schedulare un programma
non schedulato, utilizzare la scheda Program/Phase Schedule della finestra di
dialogo Task Properties.

Figura 44 – Schedulazione di un programma non schedulato

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 229


Capitolo 13 Sviluppo di applicazioni standard

Routine Una routine è un insieme di istruzioni logiche scritte in un unico linguaggio di


programmazione, ad esempio nel linguaggio ladder. Le routine forniscono il
codice eseguibile per il progetto in un controllore.

Ogni programma ha una routine principale. Si tratta della routine che deve
essere eseguita per prima, nel momento in cui il controllore attiva il task
associato e chiama il programma associato. Per richiamare altre routine,
utilizzare istruzioni logiche quali Jump to Subroutine ( JSR).

È possibile specificare anche una routine opzionale di errore del programma.


Il controllore esegue questa routine se rileva un errore di esecuzione
dell’istruzione in una delle routine del programma associato.

Figura 45 – Routine in un’applicazione di controllo

Gestore errori del controllore

Task 32

Task 1
Configurazione

Stato

Watchdog
Programma 1.000

Programma 1
Tag e parametri
Routine
del programma
principale

Routine di errore

Altre Routine

Tag del controllore (globali) Definizione istruzioni Dati I/O Dati condivisi
Add-On con il sistema

Figura 46 – Routine

Routine

Routine Routine

Routine

230 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni standard Capitolo 13

Parametri e tag locali Con un controllore Logix 5000™ è possibile utilizzare un tag (nome in caratteri
alfanumerici) per indirizzare i dati (variabili). Nei controllori Logix 5000 non
esiste un formato numerico fisso. Il nome del tag identifica i dati e consente di
effettuare le operazioni elencate di seguito.
• Organizzare i dati per il mirroring della macchina.
• Documentare l’applicazione durante il suo sviluppo.

L’esempio seguente mostra tag di dati creati nell’ambito del programma


principale del controllore.

Figura 47 – Esempio di tag


Controller Organizer – Parametri del programma principale e tag locali Organizer logico – Parametri del programma principale e tag locali

Finestra Program Tags – Parametri del programma principale e tag locali

Dispositivi I/O analogici

Valore intero
Bit di memoria
Contatore
Temporizzatore
Dispositivi I/O digitali

Esistono varie linee guida per la creazione e la configurazione di parametri e tag


locali in grado di garantire l’esecuzione ottimale di task e programmi. Per
ulteriori informazioni, consultare Dati I/O e tag dei controllori Logix 5000 –
Manuale di programmazione, pubblicazione 1756-PM004.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 231


Capitolo 13 Sviluppo di applicazioni standard

Parametri del programma


I parametri del programma definiscono un’interfaccia dati per i programmi per
facilitare la condivisione dei dati. È possibile ottenere la condivisione dei dati
tra i programmi tramite connessioni predefinite tra i parametri o direttamente
tramite una notazione speciale.

A differenza dei tag locali, tutti i parametri del programma sono accessibili
pubblicamente al di fuori del programma. Inoltre, può essere specificato
l’accesso esterno da un’interfaccia operatore su base individuale per ogni
parametro.

Esistono varie linee guida per la creazione e la configurazione di parametri e tag


locali in grado di garantire l’esecuzione ottimale di task e programmi.
• Dati I/O e tag dei controllori Logix 5000 – Manuale di
programmazione, pubblicazione 1756-PM004
• Logix 5000 Controllers Program Parameters Programming Manual,
pubblicazione 1756-PM021
• Logix 5000 Controllers Design Considerations Reference Manual,
pubblicazione 1756-RM094

Linguaggi di L’applicazione Studio 5000 Logix Designer® supporta questi linguaggi di


programmazione.
programmazione
Linguaggio Utilizzo preferenziale in programmi con
Programma ladder (LD) Esecuzione continua o parallela di operazioni multiple (non sequenziate)
Operazioni booleane o basate su bit
Operazioni logiche complesse
Elaborazione di messaggi e comunicazioni
Interblocco macchina
Operazioni che il personale di assistenza o manutenzione deve
interpretare per la ricerca di guasti della macchina o del processo
IMPORTANTE: il linguaggio ladder è l’unico linguaggio di
programmazione utilizzabile con il task di sicurezza sui controllori
Compact GuardLogix 5380.
Blocchi funzione (FBD) Controllo continuo del convertitore e del processo
Controllo ad anello
Calcoli nel flusso del circuito
Diagramma funzionale Gestione ad alto livello di operazioni multiple
sequenziale (SFC)
Sequenza ripetitiva di operazioni
Processo batch
Controllo assi che utilizza testo strutturato
Operazioni macchina a stati
Testo strutturato (ST) Operazioni matematiche complesse
Elaborazione loop di array o tabelle speciali
Gestione di stringhe ASCII o elaborazioni del protocollo

Per informazioni sulla programmazione in questi linguaggi, consultare


Logix 5000 Controllers Common Procedures Programming Manual,
pubblicazione 1756-PM001.

232 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni standard Capitolo 13

Istruzioni Add-On L’applicazione Logix Designer consente di progettare e configurare blocchi di


istruzioni di uso comune per migliorare la coerenza del progetto. Queste
istruzioni create dall’utente, simili alle istruzioni predefinite disponibili nei
controllori Logix 5000, sono denominate istruzioni Add-On.
Le istruzioni Add-On riutilizzano gli algoritmi di controllo di uso comune.
Le istruzioni consentono di:
• Facilitare la manutenzione attraverso la creazione di logica per una
singola istanza.
• Contribuire alla tutela della proprietà intellettuale tramite la protezione
del codice sorgente.
• Ridurre il tempo di sviluppo della documentazione.
È possibile utilizzare le istruzioni Add-On in più progetti. Le istruzioni
possono essere definite dall’utente, acquisite da altri oppure copiate da un altro
progetto. Nella Tabella 26 sono descritte le funzioni delle istruzioni Add-On e
i vantaggi che derivano dal loro utilizzo.
Tabella 26 – Capacità delle istruzioni Add-On
Capacità Descrizione
Risparmio di tempo Con le istruzioni Add-On, è possibile combinare la logica di utilizzo più frequente in blocchi di istruzioni riutilizzabili. Il risparmio di tempo deriva
dalla condivisione con altri di istruzioni create per i propri progetti. Le istruzioni Add-On rendono il progetto più coerente, in quanto gli algoritmi
di uso comune lavorano tutti nello stesso modo, indipendentemente da chi implementa il progetto.
IMPORTANTE: Non è possibile modificare le istruzioni Add-On in modalità online. È possibile sovrascrivere le istruzioni Add-On esistenti
utilizzando la funzione di importazione parziale online.
Utilizzo di editor standard È possibile creare istruzioni Add-On utilizzando uno degli editor di seguito elencati.
• Linguaggio ladder
• FBD
• Testo strutturato
Esportazione di istruzioni È possibile esportare istruzioni Add-On in altri progetti, oltreché copiarle e incollarle da un progetto all’altro. L’assegnazione di un nome
Add-On descrittivo e univoco a ogni istruzione rende più semplice la gestione e il riuso di un gruppo di istruzioni Add-On.
Utilizzo di viste contestuali Le viste contestuali consentono di visualizzare la logica di un’istruzione per eseguire la ricerca guasti online semplice e veloce delle istruzioni
Add-On.
Documentazione di Quando si crea un’istruzione, è possibile immettere informazioni nei campi descrittivi. La definizione di ogni istruzione include la versione, lo
un’istruzione storico delle modifiche e informazioni descrittive. Il testo della descrizione viene incluso anche nella guida relativa all’istruzione.
Applicazione della protezione Durante la creazione di istruzioni Add-On, è possibile limitare i diritti di accesso degli utenti delle istruzioni alla sola lettura. È possibile anche
al codice sorgente impedire l’accesso alla logica interna o ai parametri locali utilizzati dalle istruzioni. Questo tipo di protezione del codice sorgente consente di
evitare modifiche non desiderate delle istruzioni e aiuta a proteggerne la proprietà intellettuale.

Una volte definite all’interno di un progetto, le istruzioni Add-On hanno lo


stesso comportamento delle istruzioni integrate nei controllori Logix 5000.
Con Studio 5000 Logix Designer versione 31 o superiore, le istruzioni
Add-On vengono visualizzate nella cartella Assets dell’organizer. Per un più
facile accesso, sono visualizzate nella barra degli strumenti delle istruzioni
insieme alle istruzioni interne.

Figura 48 – Istruzioni Add-On (esempio in Studio 5000 Logix Designer versione 31)

Barra degli strumenti delle istruzioni

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 233


Capitolo 13 Sviluppo di applicazioni standard

Proprietà estese Le proprietà estese consentono di definire informazioni aggiuntive (ad esempio
limiti, unità ingegneristiche o identificatori di stato) per vari componenti nel
progetto del controllore.

Componente Proprietà estese


Tag Il Tag Editor consente di aggiungere proprietà estese a un tag.
Tipo di dati definito dall’utente Nel Data Type Editor è possibile aggiungere proprietà estese ai tipi di dati.
Istruzioni Add-On Nelle proprietà associate alla definizione di istruzioni Add-On è possibile
aggiungere proprietà estese alle istruzioni Add-On.

Il comportamento pass-through consiste nella capacità di assegnare una


proprietà estesa al livello superiore di una struttura o di un’istruzione Add-On
per renderla automaticamente disponibile a tutti i membri. Questo
comportamento è configurabile dall’utente ed è disponibile per descrizioni,
identificatori di stato e unità ingegneristiche.
È possibile configurare il comportamento pass-through nella scheda Project
della finestra di dialogo Controller Properties. Se si sceglie di non rendere
visibili le proprietà pass-through, saranno visualizzate soltanto le proprietà
estese configurate per un determinato componente.
Il comportamento pass-through non è disponibile per i limiti. Se nella
creazione di un’istanza di un tag al tipo di dato sono associati dei limiti,
l’istanza viene copiata.
Per definire tag con dei limiti, utilizzare la sintassi .@Min e .@Max. La
definizione di limiti come proprietà estese di un tag non viene indicata nel
browser di tag. Se si cerca di utilizzare proprietà estese non definite per un
determinato tag, compare una segnalazione visiva negli editor e la verifica della
routine ha esito negativo. Tra le segnalazioni visive sono incluse le seguenti.
• Un errore di ramo in logica ladder
• Un errore di verifica X in FBD
• Un errore evidenziato in testo strutturato
È possibile accedere alle proprietà estese dei limiti definiti dalla sintassi .@Min
e .@Max. Non è tuttavia possibile accedere in scrittura ai valori delle proprietà
estese nella logica.
Per ulteriori informazioni sulle proprietà estese, consultare Dati I/O
e tag dei controllori Logix 5000 – Manuale di programmazione, pubblicazione
1756-PM004.

234 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni standard Capitolo 13

Accesso all’oggetto Module L’oggetto MODULE fornisce informazioni sullo stato di un modulo. Per
selezionare un determinato oggetto Module, è necessario impostare l’operando
da un’istruzione Add-On Object Name delle istruzioni GSV e SSV con il nome del modulo. Il modulo
specificato deve essere presente nella sezione I/O Configuration dell’organizer
del controllore e deve avere un nome dispositivo.

È possibile accedere a un oggetto MODULE direttamente da un’istruzione


Add-On. In precedenza, l’accesso ai dati di un oggetto MODULE era
consentito, ma non dall’interno di un’istruzione Add-On.

Per accedere ai dati dell’oggetto MODULE, è necessario creare un parametro


Module Reference durante la definizione dell’istruzione Add-On. Un
parametro Module Reference è un parametro InOut del tipo di dati
MODULE che fa riferimento all’oggetto MODULE di un modulo hardware.
È possibile utilizzare parametri Module Reference sia nella logica di istruzioni
Add-On che all’interno della logica di programmazione.

Per ulteriori informazioni sul parametro Module Reference, consultare la guida


online dell’applicazione Logix Designer e Logix 5000 Controllers Add-On
Instructions Programming Manual, pubblicazione 1756-PM010.

Per fornire informazioni sullo stato, l’oggetto MODULE utilizza gli attributi
di seguito elencati:
• EntryStatus
• FaultCode
• FaultInfo
• FWSupervisorStatus
• ForceStatus
• Instance
• LEDStatus
• Mode
• Path

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 235


Capitolo 13 Sviluppo di applicazioni standard

Monitoraggio dello stato Il controllore prevede l’utilizzo di istruzioni Get System Value (GSV) e
Set System Value (SSV) per leggere e impostare (modificare) i dati del
del controllore controllore. Il controllore memorizza i dati di sistema in oggetti.

L’istruzione GSV estrae le informazioni specificate e le colloca nella


destinazione. L’istruzione SSV imposta l’attributo specificato con i dati di
origine. Entrambe le istruzioni sono disponibili nella scheda Input/Output
della barra degli strumenti Instruction.

Figura 49 – Istruzioni GSV e SSV per il monitoraggio e l’impostazione degli attributi

Quando si aggiunge un’istruzione GSV o SSV al programma, vengono


visualizzati i nomi degli oggetti, le classi degli oggetti, e i nomi degli attributi
per l’istruzione. Con l’istruzione GSV è possibile estrarre i valori degli attributi
disponibili. Per l’istruzione SSV vengono visualizzati soltanto gli attributi che
possono essere impostati dall’utente.

Dato che alcuni tipi di oggetto compaiono più volte, è necessario specificare il
nome dell’oggetto. È possibile, ad esempio, che esistano più task in
nell’applicazione. Ogni task ha il proprio oggetto Task, cui si può accedere
attraverso il nome del task.

Le istruzioni GSV e SSV consentono il monitoraggio e l’impostazione di molti


oggetti e attributi. Per ulteriori informazioni sulle istruzioni GSV e SSV,
consultare la guida online.

236 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni standard Capitolo 13

Monitoraggio delle Se la comunicazione con un dispositivo nella configurazione I/O del


controllore non viene stabilita entro il periodo di tempo specificato per
connessioni I/O un’applicazione, si verifica un timeout della comunicazione e il controllore
genera degli avvisi.
Il tempo di timeout minimo che, una volta scaduto senza comunicazione, causa
un timeout è di 100 ms. Il tempo di timeout può essere maggiore, a seconda
della frequenza RPI dell’applicazione. Ad esempio, se l’applicazione usa il
valore RPI di default = 20 ms, il periodo di timeout è di 160 ms.
Per ulteriori informazioni sul timeout di un’applicazione, consultare
la risposta ID 38535 nella Knowledgebase di Rockwell Automation®:
http://www.rockwellautomation.com/knowledgebase.

Quando si verifica un timeout, il controllore genera gli avvisi di seguito


elencati.
• L’informazione di stato I/O Fault viene visualizzata a scorrimento sul
display di stato a quattro caratteri del controllore.
• L’icona viene visualizzata nella cartella I/O Configuration e sui
dispositivi in cui si è verificato il timeout.
• Viene generato un codice di errore del modulo. È possibile accedere al
codice di errore tramite:
– La finestra di dialogo Module Properties
– L’istruzione GSV

Per ulteriori informazioni sugli errori di I/O, consultare


Logix 5000 Controllers Major, Minor, and I/O Faults Programming Manual,
pubblicazione 1756-PM014.

Determinazione del timeout nelle comunicazioni I/O


Questo esempio può essere utilizzato con i controllori CompactLogix 5380 o
Compact GuardLogix 5380 e aiuta a determinare se si è verificato un timeout
nella comunicazione del controllore:
• L’istruzione GSV legge lo stato dell’indicatore di stato I/O
(tramite l’attributo LEDStatus dell’oggetto MODULE) e lo memorizza
nel tag IO_LED.
• IO_LED è un tag DINT che memorizza lo stato dell’indicatore di stato
I/O o quello del display di stato posto sulla parte anteriore del
controllore.
• Se IO_LED è uguale a 2, almeno una connessione I/O è stata persa e
Fault_Alert è impostato.

Figura 50 – GSV utilizzata per identificare il timeout I/O

IMPORTANTE Considerazione sulla sicurezza


Ogni modulo I/O di sicurezza ha uno stato di connessione nel tag definito dal
modulo.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 237


Capitolo 13 Sviluppo di applicazioni standard

Determinazione del timeout delle comunicazioni I/O con uno


specifico modulo I/O

Se si verifica un timeout delle comunicazioni con un dispositivo (modulo)


incluso nella configurazione I/O del controllore, il controllore genera un
codice di errore e informazioni di errore per il modulo. È possibile utilizzare
istruzioni GSV per ottenere il codice e le informazioni di errore tramite gli
attributi FaultCode e FaultInfo dell’oggetto Module.

Per i moduli I/O di sicurezza, vedere Monitorare le connessioni di sicurezza a


pagina 269.

Gestione automatica degli errori di connessione dei moduli I/O

Per attivare l’esecuzione del gestore errori del controllore, è possibile utilizzare
un errore di connessione I/O. A questo scopo, è necessario impostare la
proprietà del modulo che genera un errore grave come conseguenza di un
errore di connessione I/O. Un errore grave attiva l’esecuzione del gestore errori
del controllore.

IMPORTANTE Non è possibile programmare le connessioni del modulo I/O di sicurezza o le


connessioni di produzione/consumo di sicurezza in modo che causino
automaticamente un errore grave sul controllore. Vedere Sviluppo di
applicazioni di sicurezza a pagina 241.

Può essere importante interrompere la normale scansione di un programma per


gestire un errore di connessione I/O. Per far questo, impostare la modalità
Major Fault On Controller If Connection Fails While In Run Mode e
aggiungere la logica nel gestore errori del controllore.

Figura 51 – Errore grave generato da un errore di connessione I/O

È possibile configurare l’applicazione in modo da lasciare un errore di


connessione del modulo I/O in attesa di risposta fino alla scansione del
programma successivo. Per far questo, inserire la logica in una normale routine
e utilizzare l’istruzione GSV come descritto a pagina 237 per richiamarla.

238 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni standard Capitolo 13

È necessario dapprima sviluppare una routine all’interno del gestore errori


del controllore in grado di rispondere agli errori di connessione I/O. Quindi
selezionare Major Fault On Controller If Connection Fails While in
Run Mode nella finestra di dialogo Module Properties del modulo I/O o del
modulo di comunicazione padre.

SUGGERIMENTO Il rilevamento di una perdita di connessione I/O richiede almeno


100 millisecondi, anche utilizzando il gestore errori del controllore.

Per ulteriori informazioni sulla programmazione del gestore errori del


controllore, consultare Logix 5000 Controllers Major, Minor, and I/O Faults
Programming Manual, pubblicazione 1756-PM014.

Esempi di progetto di un controllore

Logix Designer include esempi di progetto che possono essere copiati e


modificati per adattarsi all’applicazione dell’utente. Per accedere ai progetti di
esempio, scegliere Sample Project nell’interfaccia di Studio 5000®.

Figura 52 – Apertura di progetti di esempio

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 239


Capitolo 13 Sviluppo di applicazioni standard

Note:

240 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Capitolo 14

Sviluppo di applicazioni di sicurezza

Argomento Pagina
Task di sicurezza 242
Programmi di sicurezza 244
Routine di sicurezza 244
Tag di sicurezza 245
Tag di sicurezza prodotti/consumati 247
Mappatura dei tag di sicurezza 256
Protezione dell’applicazione di sicurezza 259
Generare la firma di sicurezza 262
Restrizioni di programmazione 265
Monitoraggio dello stato di sicurezza 266
Errori di sicurezza 272
Sviluppo di una routine di errore per le applicazioni di sicurezza 275
Utilizzo delle istruzioni GSV/SSV in un’applicazione di sicurezza 276

Compact
In questo capitolo vengono descritti i componenti di un progetto di sicurezza e
GuardLogix vengono fornite informazioni relative all’utilizzo delle funzioni che
contribuiscono a proteggere l’integrità dell’applicazione di sicurezza, come la
firma di sicurezza e il blocco di sicurezza.

La pubblicazione GuardLogix 5580 and Compact GuardLogix 5380


Controller Systems Safety Reference Manual, 1756-RM012, tratta gli
argomenti seguenti:
• Linee guida e requisiti per lo sviluppo e la messa in servizio di
applicazioni di sicurezza SIL 2/PLd, compreso l’uso di profili Add-On
• Creazione di una specifica dettagliata del progetto
• Sviluppo, documentazione e verifica dell’applicazione
• Generazione della firma di sicurezza per l’identificazione e la protezione
del progetto
• Conferma del progetto mediante la stampa o la visualizzazione del
progetto caricato e il confronto manuale delle configurazioni, dei dati di
sicurezza e della logica del programma di sicurezza
• Verifica del progetto tramite test case, simulazioni, test di verifica
funzionale e, se necessario, una verifica di sicurezza indipendente
• Blocco dell’applicazione di sicurezza
• Calcolo del tempo di reazione del sistema

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 241


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

ATTENZIONE: L’esecuzione di una modifica online (alla logica, ai dati o alla


configurazione) può influire sulle funzioni di sicurezza del sistema se la
modifica viene eseguita mentre l’applicazione è in esecuzione. Una modifica
deve essere tentata solo se assolutamente necessaria. Inoltre, se la modifica
non viene eseguita correttamente, può arrestare l’applicazione. Pertanto,
quando la firma di sicurezza viene eliminata per apportare una modifica
online al task di sicurezza, prima di eseguire la modifica online devono essere
implementate e presenti misure di sicurezza alternative per tutta la durata
dell’aggiornamento.

Task di sicurezza Quando viene creato un progetto del controllore di sicurezza, l’applicazione
Compact Studio 5000 Logix Designer® genera automaticamente un task di sicurezza con
GuardLogix un programma di sicurezza e una routine (di sicurezza) principale.

Figura 53 – Task di sicurezza nell’organizer del controllore e nell’organizer logico

All’interno del task di sicurezza è possibile utilizzare diversi programmi di


sicurezza, costituiti da più routine di sicurezza. I controllori Compact
GuardLogix® 5380 supportano un task di sicurezza. Il task di sicurezza non può
essere eliminato.

Inoltre, non è possibile schedulare programmi standard o eseguire routine


standard all’interno del task di sicurezza.

242 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

Periodo del task di sicurezza

Il task di sicurezza è un task periodico. La priorità del task e il tempo del


watchdog vengono specificati nella finestra di dialogo Task Properties –
Safety Task.

Per aprire la finestra di dialogo, fare clic con il pulsante destro del mouse su
Safety Task e selezionare Properties.

Figura 54 – Configurazione del periodo del task di sicurezza

Per ottenere tempi uniformi di esecuzione del task di sicurezza e ridurre al


minimo gli errori del watchdog del task di sicurezza, si consiglia di eseguire il
task di sicurezza come task utente con la massima priorità.

Specificare il periodo del task di sicurezza (in ms) e il watchdog del task di
sicurezza (in ms). Il periodo del task di sicurezza è il tempo trascorso fra tempi
di avvio successivi per il task di sicurezza. Il watchdog del task di sicurezza è il
tempo massimo consentito per l’esecuzione del task, dall’avvio fino al
completamento.

Il periodo del task di sicurezza è limitato a un massimo di 500 ms e non può


essere modificato in modalità online. Accertarsi che il task di sicurezza possa
completare l’esecuzione logica prima dell’attivazione successiva. Se si verifica un
timeout del watchdog del task di sicurezza, viene generato un errore di
sicurezza irreversibile nel controllore di sicurezza.

Il periodo del task di sicurezza influisce direttamente sul tempo di risposta del
sistema.

Per ulteriori informazioni sul calcolo del tempo di risposta del sistema, vedere
GuardLogix 5580 and Compact GuardLogix 5380 Controller Systems Safety
Reference Manual, pubblicazione 1756-RM012.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 243


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

Esecuzione del task di sicurezza

Il task di sicurezza viene eseguito allo stesso modo di un task periodico


standard, con le seguenti eccezioni:
• Tutti i tag di ingresso di sicurezza (immessi, consumati e mappati)
vengono aggiornati e bloccati all’inizio dell’esecuzione del task di
sicurezza. Per ulteriori informazioni sulla mappatura dei tag di sicurezza,
vedere pagina 256.
• Al termine dell’esecuzione del task di sicurezza vengono generati i
pacchetti delle uscite di sicurezza (tag prodotti e moduli di uscita).
• Quando il controllore non dispone di una firma di sicurezza e non è in
blocco di sicurezza, il task di sicurezza può essere sospeso fino al
completamento di una modifica online di un elemento di sicurezza.

Programmi di sicurezza I programmi di sicurezza possiedono tutti gli attributi dei programmi standard,
con l’eccezione che è possibile schedularli solo nel task di sicurezza e possono
Compact contenere solo componenti di sicurezza. I programmi di sicurezza possono
GuardLogix contenere soltanto routine di sicurezza. È necessario designare una routine di
sicurezza come routine principale; è possibile designare un’altra routine come
routine di errore.

I programmi di sicurezza non possono contenere routine o tag standard.

Routine di sicurezza Le routine di sicurezza possiedono tutti gli attributi delle routine standard, ma
possono esistere esclusivamente all’interno di un programma di sicurezza. Per le
Compact routine di sicurezza è supportato solo il linguaggio ladder
GuardLogix
Una routine di sicurezza si distingue visivamente da una routine standard per la
presenza di una filigrana.

244 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

Istruzioni Add-on di sicurezza È possibile creare istruzioni Add-On di sicurezza da utilizzare nelle
applicazioni di sicurezza. Le istruzioni Add-On di sicurezza sono dotate di una
firma di istruzione di sicurezza per l’utilizzo in applicazioni di sicurezza fino
alle applicazioni classificate SIL 2 incluse.

Per ulteriori informazioni, consultare Logix 5000 Controllers Add-On


Instructions Programming Manual, pubblicazione 1756-PM010.

Tag di sicurezza I tag di sicurezza possiedono tutti gli attributi dei tag standard con l’aggiunta di
meccanismi certificati per garantire l’integrità dei dati SIL 2/PLd.
Compact
GuardLogix Al momento della creazione, al tag vengono assegnate le seguenti proprietà:
• Nome
• Descrizione (facoltativa)
• Tipo di tag
• Tipo di dati
• Ambito
• Classe
• Stile
• Accesso esterno
• Se il valore del tag è una costante

IMPORTANTE Non è possibile creare un tag alias standard per un tag di sicurezza. Al
contrario, i tag standard possono essere mappati ai tag di sicurezza
mediante la mappatura dei tag di sicurezza. Vedere Mappatura dei tag di
sicurezza a pagina 256.

L’applicazione Logix Designer può scrivere nei tag di sicurezza direttamente


tramite Tag Monitor quando il controllore Compact GuardLogix 5380 non è
in blocco di sicurezza, non ha una firma di sicurezza ed è in funzione senza
errori di sicurezza.

Il controllore non consente di scrivere nei dati dei tag di sicurezza da dispositivi
di interfaccia operatore (HMI) esterni o tramite le istruzioni dei messaggi da
controllori peer. I dispositivi HMI possono avere accesso in sola lettura ai tag di
sicurezza (a seconda dell’impostazione dell’accesso esterno).

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 245


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

Tipi di dati validi

Il tipo di dati definisce il tipo di dati memorizzati nel tag, ad esempio bit o
numeri interi.

I tipi di dati possono essere combinati per formare delle strutture. Una struttura
è caratterizzata da un tipo di dati univoco corrispondente ad un’esigenza
specifica. All’interno di una struttura, ciascun tipo di dati viene definito
membro. Analogamente ai tag, ai membri vengono associati un nome ed un
tipo di dati. È possibile creare strutture personalizzate, come array o tipi di dati
definiti dall’utente.

I controllori Logix contengono tipi di dati predefiniti da utilizzare con


istruzioni specifiche. I tag di sicurezza possono essere composti dai seguenti
elementi:
• Tutti i tipi di dati primitivi (ad esempio, BOOL, SINT, INT, DINT,
LINT, REAL)
• Tipi predefiniti utilizzati per le istruzioni delle applicazioni di sicurezza
• Tipi definiti dall’utente o array composti dai due tipi di cui sopra

Ambito

L’ambito di un tag determina il punto in cui è possibile accedere ai dati del tag.
Al momento della creazione, un tag viene definito come tag del controllore
(dati globali) o tag del programma per un programma di sicurezza o standard
specifico (dati locali). I tag di sicurezza possono essere definiti nell’ambito del
controllore o del programma di sicurezza.

I tag di sicurezza dell’ambito del controllore possono essere letti dalla logica
standard o di sicurezza o da altri dispositivi di comunicazione, ma possono
essere scritti solo dalla logica di sicurezza o da un altro controllore di sicurezza.
I tag di sicurezza dell’ambito del programma sono accessibili solo dalle routine
di sicurezza locali, ossia da routine che risiedono nel programma di sicurezza.

Quando vengono creati tag definiti nell’ambito di un programma, la classe


viene specificata automaticamente a seconda che il tag sia stato creato in un
programma standard o di sicurezza. La classe dei tag creati nell’ambito del
controllore, invece, deve essere specificata manualmente.

Quando i tag di sicurezza sono definiti nell’ambito del controllore, tutti i


programmi hanno accesso ai dati di sicurezza. I tag devono essere definiti
nell’ambito del controllore se utilizzati nei seguenti casi:
• Più programmi nel progetto
• Per produrre o consumare dati
• Per la mappatura dei tag di sicurezza

Per ulteriori informazioni, vedere Mappatura dei tag di sicurezza a pagina 256.

I tag di sicurezza definiti nell’ambito del controllore possono essere letti, ma


non scritti, dalle routine standard.

246 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

Parametri del programma Per i parametri del programma, un parametro di sicurezza non può essere
collegato o vincolato a un parametro standard o a un tag dell’ambito del
controllore.

Per informazioni sui parametri del programma, vedere Parametri del


programma a pagina 232.

Tag di sicurezza prodotti/ Per trasferire i dati di sicurezza tra controllori Compact GuardLogix 5380, si
utilizzano tag di sicurezza prodotti e consumati.
consumati
I tag associati a I/O di sicurezza e dati di sicurezza prodotti o consumati
Compact
GuardLogix
devono essere tag di sicurezza dell’ambito del controllore. Per i tag
di sicurezza prodotti/consumati, è necessario creare un tipo di dati definito
dall’utente con il primo membro della struttura del tag riservato allo
stato della connessione. Tale membro è un tipo di dato predefinito denominato
CONNECTION_STATUS.

Tabella 27 – Connessioni prodotte e consumate


Tag Descrizione della connessione
Prodotto I controllori Compact GuardLogix 5380 possono produrre (inviare) tag di sicurezza ad altri
controllori GuardLogix.
• I controllori Compact GuardLogix 5380 supportano solo tag prodotti unicast.
• I controllori Compact GuardLogix 5380 supportano la produzione di un tag destinato a un
massimo di 15 consumatori, se tutti questi sono configurati per consumare il tag unicast.
• Il controllore produttore utilizza una connessione per ciascun consumatore.
Consumato I controllori Compact GuardLogix 5380 possono consumare (ricevere) tag di sicurezza da altri
controllori GuardLogix in queste configurazioni:
• Se si dispone di un controllore Compact GuardLogix 5380 (il produttore) nell’albero I/O di un
altro controllore Compact GuardLogix 5380 (il consumatore), il consumatore può consumare
un tag dal produttore solo se il tag è unicast.
• Se il controllore produttore è un controllore GuardLogix 5570, allora un controllore
consumatore Compact GuardLogix 5380 può consumare tag multicast o unicast.
• Ciascun tag consumato consuma una connessione.

I tag di sicurezza prodotti e consumati sono soggetti alle seguenti restrizioni:


• Solo i tag di sicurezza definiti nell’ambito controllore possono essere
condivisi.
• La dimensione dei tag di sicurezza prodotti e consumati è limitata a
128 byte.
• Le coppie di tag prodotti/consumati devono essere dello stesso tipo di
dati definito dall’utente.
• Il primo membro del tipo di dati definito dall’utente deve essere il tipo di
dati predefinito CONNECTION_STATUS.
• L’intervallo di pacchetto richiesto (RPI, Requested Packet Interval) del
tag di sicurezza consumato deve corrispondere al periodo del task di
sicurezza del controllore Compact GuardLogix 5380 produttore.

Per configurare correttamente i tag di sicurezza prodotti e consumati per la


condivisione dei dati tra controllori di sicurezza peer, è necessario configurare
correttamente i controllori di sicurezza peer, produrre un tag di sicurezza e
consumare un tag di sicurezza, come descritto in questa sezione.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 247


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

Configurazione del numero SNN per la connessione di un


controllore di sicurezza peer

Il controllore di sicurezza peer è soggetto agli stessi requisiti di configurazione


del controllore di sicurezza locale. Il controllore di sicurezza peer deve inoltre
essere dotato di un numero della rete di sicurezza (SNN).
L’applicazione di sicurezza scaricata nel controllore di sicurezza peer configura i
valori SNN per ogni porta CIP Safety del controllore.
.

Tabella 28 – SNN e posizione del controllore


Posizione del controllore di SNN
sicurezza peer
Posto nello chassis locale L’applicazione utente sul controllore peer genera un valore SNN per la
porta locale del backplane del controllore.
Posto in un altro chassis Il controllore deve avere un valore SNN univoco.

Per una spiegazione del numero della rete di sicurezza (SNN),


vedere GuardLogix 5580 and Compact GuardLogix 5380 Controller Systems
Safety Reference Manual, pubblicazione 1756-RM012.
Se il numero SNN assegnato automaticamente al controllore produttore non
corrisponde al numero SNN effettivamente utilizzato dal controllore, è
possibile seguire questi passi per copiare e incollare il numero SNN.

SUGGERIMENTO Quando si impostano i valori SNN corretti del controllore come descritto
in Assegnare il numero della rete di sicurezza (SNN) a pagina 88, al
controllore produttore viene assegnato il valore SNN corretto. In questi
casi non è necessario eseguire questa procedura.

1. Aggiungere il controllore produttore all’albero I/O del controllore


consumatore.
In questo esempio, l’accesso al controllore produttore è eseguito tramite
una rete EtherNet/IP attraverso la porta Ethernet A1. Impostare il
numero SNN della porta A1 sullo stesso numero SNN della porta
Ethernet del progetto SIL2_SafetyProject.
Controllore consumatore

Controllore produttore

2. Nel progetto del controllore produttore, fare clic con il pulsante destro
del mouse sul controllore produttore e selezionare Controller
Properties.

248 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

3. Nella scheda Safety fare clic su accanto alla porta (Ethernet o


Backplane) che comunica con il controllore consumatore. Verrà
visualizzata la finestra di dialogo Safety Network Number.

4. Copiare il numero SNN del controllore produttore.

SUGGERIMENTO È anche possibile copiare il valore SNN direttamente dalla scheda Safety.
Nella scheda Safety selezionare la cella con il valore SNN. Fare clic con il
pulsante destro del mouse e scegliere Copy (oppure premere Ctrl-C).

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 249


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

5. Nell’albero I/O del progetto del controllore consumatore, fare clic con il
pulsante destro del mouse sul modulo che rappresenta il controllore
produttore e scegliere Properties.

6. Nella scheda General della finestra Module Properties fare clic su per
aprire la finestra di dialogo Safety Network Number.

250 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

7. Incollare il numero SNN del controllore produttore nel campo SNN e


fare clic su OK.

A questo punto, i numeri della rete di sicurezza corrispondono.


Finestra di dialogo Controller Properties del produttore nel progetto Finestra di dialogo Module Properties del produttore nel progetto del
del produttore consumatore

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 251


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

Produzione di un tag di sicurezza

Seguire questi passi per produrre un tag di sicurezza.

1. Nel progetto del controllore produttore creare un tipo di dati definito


dall’utente per definire la struttura dei dati da produrre.
Assicurarsi che il primo membro dei dati abbia
CONNECTION_STATUS come tipo di dati.
Per ulteriori informazioni sul tipo di dati CONNECTION_STATUS,
vedere Monitorare le connessioni di sicurezza a pagina 269.
2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Controller Tags e
selezionare New Tag.
3. Impostare il valore di Type su Produced, il valore di Class su Safety
e il valore di Data Type sul tipo di dati definito dall’utente creato nel
passo 1.
4. Fare clic su Connection e immettere il limite massimo del numero di
consumatori (1…15).

5. Fare clic su OK.


6. Fare clic su Create.

252 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

Consumo di dati tag di sicurezza

Per consumare i dati prodotti da un altro controllore, procedere come segue.

IMPORTANTE Logix Designer non scarica un progetto se si tenta di consumare un tag di


sicurezza da un controllore remoto con Disable Keying abilitato.

1. Nel progetto del controllore consumatore creare un tipo di dati definito


dall’utente identico a quello creato nel progetto del produttore (i nomi
dei tipi di dati definiti dall’utente devono corrispondere).
SUGGERIMENTO Il tipo di dati definito dall’utente può essere copiato dal progetto
del produttore e incollato nel progetto del consumatore.

2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Controller Tags e


selezionare New Tag.
3. Impostare il valore di Type su Consumed, il valore di Class su Safety
e il valore di Data Type sul tipo di dati definito dall’utente creato nel
passo 1.

4. Fare clic su Connection per aprire la finestra di dialogo Consumed Tag


Connection.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 253


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

5. Nel menu a discesa Producer, selezionare il controllore che produce i


dati.
6. Nel campo Remote Data, immettere il nome del tag prodotto.
7. Fare clic sulla scheda Safety.
8. Nel campo Requested Packet Interval (RPI) immettere l’intervallo RPI
per la connessione, espresso tramite incrementi di 1 ms. Il valore
predefinito è 20 ms.
• L’intervallo RPI specifica il periodo tra gli aggiornamenti dei dati su una
determinata connessione. L’intervallo RPI del tag di sicurezza
consumato deve essere identico al periodo del task di sicurezza del
progetto di sicurezza produttore.

Progetto del consumatore Progetto del produttore

• Il valore di Connection Reaction Time Limit indica il tempo limite di


risposta della connessione, ossia la durata massima dei pacchetti di
sicurezza sulla connessione associata. Per semplificare i vincoli di
temporizzazione, è possibile ottenere un tempo limite di risposta della
connessione accettabile regolando il periodo del task di sicurezza del
controllore produttore, che comporta la regolazione della frequenza
RPI.
• Il valore di Max Network Delay indica il ritardo di trasporto osservato
massimo dal momento della produzione dei dati al momento della loro
ricezione. Se online, fare clic su Reset Max per ripristinare il ritardo di
rete massimo.
9. Se il limite del tempo di risposta della connessione è accettabile, fare clic
su OK.

SUGGERIMENTO Se un tag di sicurezza consumato ha il codice di errore: “16#0111


Requested Packet Interval (RPI) out of range”, verificare che la
frequenza RPI del tag consumato corrisponda al periodo del task di
sicurezza del produttore.

254 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

10. Se l’applicazione ha requisiti più complessi, fare clic su Advanced nella


scheda Safety per accedere ai parametri di configurazione avanzata del
limite del tempo di risposta della connessione.

• Il valore di Timeout Multiplier determina il numero di RPI di attesa di


un pacchetto prima di dichiarare un timeout della connessione.

• Il valore di Network Delay Multiplier definisce il tempo di trasporto dei


messaggi applicato dal protocollo CIP Safety. Network Delay Multiplier
specifica il ritardo del percorso produttore-consumatore-produttore.

È possibile utilizzare Network Timeout Multiplier per aumentare o


ridurre il valore di Connection Reaction Time Limit.

ATTENZIONE: Se si riduce il moltiplicatore di timeout o il moltiplicatore


ritardo rete al di sotto dei valori predefiniti, si possono verificare interruzioni
indesiderate della connessione di sicurezza. Se si utilizzano reti wireless, può
essere necessario aumentare i valori al di sopra di quelli predefiniti.

Tabella 29 – Altre risorse


Riferimento Descrizione
Limite del tempo di risposta della connessione a Fornisce maggiori informazioni su come impostare la
pagina 208 frequenza RPI e su come Max. Network Delay, Timeout
Multiplier e Network Delay Multipliers incidono sul
tempo di risposta della connessione
Monitorare le connessioni di sicurezza a pagina 269 Contiene informazioni sul tipo di dati predefinito
CONNECTION_STATUS
Logix 5000 Controllers Produced and Consumed Tags Fornisce informazioni dettagliate sull’utilizzo di tag
Programming Manual, pubblicazione 1756-PM011 prodotti e consumati

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 255


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

Mappatura dei tag di Una routine di sicurezza non può accedere direttamente ai tag standard. Per
consentire l’utilizzo dei dati dei tag standard all’interno delle routine dei task di
sicurezza sicurezza, i controllori Compact GuardLogix 5380 dispongono di una
funzione di mappatura dei tag di sicurezza che consente di copiare i valori dei
Compact
GuardLogix
tag standard nella memoria dei task di sicurezza.

I tag mappati vengono copiati dai tag standard ai tag di sicurezza


corrispondenti all’inizio del task di sicurezza. Ciò può aumentare il tempo di
scansione del task di sicurezza.

SUGGERIMENTO Le routine dei task standard possono leggere direttamente i tag di


sicurezza.

Restrizioni

La mappatura dei tag di sicurezza è soggetta alle seguenti restrizioni:

• La coppia tag di sicurezza-tag standard deve essere definita nell’ambito


del controllore.

• I tipi di dati della coppia tag di sicurezza-tag standard devono


corrispondere.

• Non è consentito l’uso di tag alias.

• La mappatura deve essere definita per l’intero tag. Ad esempio, non è


consentito l’uso di myTimer.pre se myTimer è un tag TIMER.

• Una coppia di mappatura è costituita da un tag standard mappato ad un


tag di sicurezza.

• Non è possibile mappare un tag standard a un tag di sicurezza designato


come costante.

• La mappatura di tag non può essere modificata in presenza delle seguenti


condizioni:
– se il progetto è in blocco di sicurezza
– se esiste una firma di sicurezza
– se il selettore a chiave è in posizione RUN
– se si è verificato un errore di sicurezza irreversibile

ATTENZIONE: Se si utilizzano dati standard in una routine di sicurezza, è


necessario verificare che i dati vengano utilizzati in modo adeguato. L’utilizzo
di dati standard in un tag di sicurezza non li rende dati di sicurezza. Non è
consentito controllare direttamente un’uscita di sicurezza SIL 2/PLd con dati
di tag standard.
Per ulteriori informazioni, consultare GuardLogix 5580 and Compact GuardLogix
5380 Controller Systems Safety Reference Manual, pubblicazione 1756-RM012.

256 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

Creazione di coppie di mappatura di tag

1. Per aprire la finestra di dialogo Safety Tag Mapping, scegliere


Map Safety Tags dal menu Logic.

2. Aggiungere un tag esistente nella colonna Standard Tag Name or


Safety Tag Name digitando il nome del tag nella cella o selezionando un
tag dal menu a tendina.

Fare clic sulla freccia per visualizzare una finestra di dialogo con i tag
filtrati. Nella colonna Standard Tag Name è possibile selezionare
solo tag standard definiti nell’ambito del controllore. Nella colonna
Safety Tag Name è possibile selezionare solo tag di sicurezza dell’ambito
del controllore.

3. Per aggiungere un nuovo tag nella colonna Standard Tag Name o Safety
Tag Name:
a. Fare clic con il pulsante destro del mouse nella cella vuota e
selezionare New Tag.
b. Digitare il nome del tag nella cella.
4. Fare clic con il pulsante destro del mouse nella cella e selezionare
New tagname, dove tagname corrisponde al testo digitato nella cella.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 257


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

Controllo dello stato della mappatura dei tag

Nell’ultima colonna a sinistra della finestra di dialogo Safety Tag Mapping è


indicato lo stato della coppia mappata.
Tabella 30 – Icone dello stato di mappatura dei tag
Contenuto della Descrizione
cella
Vuota La mappatura dei tag è valida.
Durante il funzionamento offline, l’icona raffigurante una X indica che la mappatura dei tag
non è valida. È possibile spostarsi su una nuova riga o chiudere la finestra di dialogo Safety
Tag Mapping.(1)
Durante il funzionamento online, una mappa di tag non valida causa un messaggio di
errore in cui viene indicato il motivo per il quale l’associazione non è valida. Non è possibile
spostarsi su un’altra riga o chiudere la finestra di dialogo Safety Tag Mapping nel caso in cui
sia presente un errore di mappatura dei tag.
Indica la riga attiva.

Indica la riga Create New Mapped Tag.

Indica una modifica in sospeso.

(1) La mappatura dei tag viene controllata anche durante la verifica del progetto. La presenza di una mappatura di tag non valida
causa un errore di verifica del progetto.

Per ulteriori informazioni, vedere le restrizioni relative alla mappatura dei tag a
pagina 256.

258 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

Protezione dell’applicazione È possibile proteggere il programma applicativo da modifiche non autorizzate


generando una firma di sicurezza, impostando password e applicando il blocco
di sicurezza di sicurezza al controllore.
Compact
GuardLogix
Blocco di sicurezza del controllore Compact GuardLogix 5380

ATTENZIONE: Il blocco di sicurezza da solo non soddisfa i requisiti SIL 2/PLd.

Per proteggere i componenti di controllo di sicurezza dalle modifiche e


impedire che la firma di sicurezza venga accidentalmente eliminata, è possibile
applicare il blocco di sicurezza al controllore e impostare password per
bloccarlo e sbloccarlo.

IMPORTANTE Se l’applicazione è configurata per essere caricata dalla scheda SD


all’accensione, l’applicazione nel controllore viene sovrascritta anche se il
controllore è in blocco di sicurezza.

La funzione di blocco di sicurezza può essere utilizzata solo con i componenti


di sicurezza, come il task di sicurezza, i programmi di sicurezza, le routine di
sicurezza, le istruzioni Add-On di sicurezza, i tag di sicurezza, gli I/O di
sicurezza e la firma di sicurezza.

È possibile modificare tutti i componenti standard mentre il controllore è in


blocco di sicurezza.

SUGGERIMENTO Lo stato di blocco di sicurezza del controllore può essere visualizzato in diversi modi:
• Il display a quattro caratteri sul controllore indica lo stato di blocco.
• Nell’applicazione Logix Designer, il testo del pulsante Safety Status della barra online
indica lo stato di blocco di sicurezza.

• Nella barra dell’applicazione Logix Designer vengono inoltre visualizzate le icone


riportate di seguito a indicare lo stato di blocco di sicurezza del controllore.
= controllore in blocco di sicurezza
= controllore non in blocco di sicurezza

È possibile impostare il blocco di sicurezza del progetto del controllore


indipendentemente dalla modalità di funzionamento (online o offline) e a
prescindere dalla disponibilità del sorgente del programma, purché non siano
presenti forzature di sicurezza o modifiche di sicurezza online in sospeso.

Non è possibile modificare lo stato di blocco o sblocco di sicurezza quando il


selettore di modalità del controllore è in posizione RUN.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 259


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

SUGGERIMENTO Le azioni di attivazione e disattivazione del blocco di sicurezza vengono


incluse nel registro del controllore.
Per ulteriori informazioni sull’accesso al registro del controllore, fare
riferimento al manuale di programmazione Logix 5000 Controllers
Controller Information and Status Programming Manual, pubblicazione
1756-PM015.

È possibile applicare e rimuovere il blocco di sicurezza del controllore dalla


scheda Safety della finestra di dialogo Controller Properties.

Figura 55 – Blocco di sicurezza del controllore

SUGGERIMENTO Nell’applicazione Logix Designer è inoltre possibile selezionare Tools >


Safety > Safety Lock/Unlock.

Se si imposta una password per la funzione di blocco di sicurezza, occorre


inserirla nel campo Enter Password. In caso contrario, fare clic su Lock.

Figura 56 – Blocco di sicurezza del controllore

Nella finestra di dialogo Safety Lock è inoltre possibile impostare o modificare


la password. Vedere Impostazione di password per il blocco e lo sblocco di
sicurezza a pagina 261.

260 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

La funzione di blocco di sicurezza descritta in questa sezione e le misure di


sicurezza standard nell’applicazione Logix Designer sono applicabili ai progetti
dei controllori Compact GuardLogix.

Per informazioni sulle funzioni di sicurezza di Logix Designer, consultare la


pubblicazione 1756-PM016, Protezione dei controllori Logix 5000 – Manuale
di programmazione.

Impostazione di password per il blocco e lo sblocco di sicurezza

La funzione di blocco e sblocco di sicurezza utilizza due password separate. Le


password sono opzionali.

IMPORTANTE Rockwell Automation non fornisce alcuna forma di servizio di override delle
password o della sicurezza. Quando si configurano i prodotti e le password,
Rockwell Automation incoraggia i clienti a seguire le buone pratiche di
sicurezza e a pianificare di conseguenza la gestione delle password.

Per impostare le password, procedere come indicato di seguito.

1. Nella barra dei menu di Logix Designer, fare clic su Tools > Safety >
Change Passwords.
2. Dal menu a tendina What Password, selezionare Safety Lock oppure
Safety Unlock.

3. Inserire la vecchia password, se esistente.


4. Inserire e confermare la nuova password.
5. Fare clic su OK.

SUGGERIMENTO Le password possono avere una lunghezza compresa tra 1 e 40 caratteri


e non vi è distinzione tra maiuscole e minuscole. È possibile utilizzare
lettere, cifre e i simboli seguenti: ‘ ~ ! @ # $ % ^ & * ( ) _ + , – = { } | [ ]
\:;?/.
Per cancellare una password esistente, immettere una nuova password
di lunghezza zero.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 261


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

Generare la firma di sicurezza

IMPORTANTE Per generare una firma, il controllore deve essere in modalità


programmazione.

Prima di eseguire il test di verifica, è necessario generare la firma di sicurezza. La


firma di sicurezza può essere generata solo in presenza di queste condizioni:
• Il progetto del controllore Compact GuardLogix 5380 è online senza
blocco di sicurezza.
• Non sono presenti forzature di sicurezza, modifiche di sicurezza online
in sospeso o errori di sicurezza.
• Lo stato di sicurezza deve essere Safety Task OK.
.

SUGGERIMENTO È possibile visualizzare lo stato di sicurezza tramite il pulsante


Safety Status nella barra online nella scheda Safety della finestra di
dialogo Controller Properties.

Per generare la firma di sicurezza dalla scheda Safety della finestra di dialogo
Controller Properties, fare clic su Generate.

Figura 57 – Generazione della firma di sicurezza

Per la firma di sicurezza, i controllori Compact GuardLogix 5380


dispongono di un ID a 32 byte, di cui solo i primi 4 byte sono
visualizzati nella scheda. Per visualizzare e copiare l’intero ID a
32 byte, fare clic su per aprire la finestra di dialogo Safety
Signature ID.

SUGGERIMENTO Nell’applicazione Logix Designer è inoltre possibile selezionare Tools >


Safety > Generate Signature.

Se esiste una firma precedente, viene richiesto di sovrascriverla.

SUGGERIMENTO La creazione e l’eliminazione di una firma di sicurezza vengono


registrate nel registro del controllore.
Per ulteriori informazioni sull’accesso al registro del controllore, fare
riferimento al manuale di programmazione Logix 5000 Controllers
Controller Information and Status Programming Manual, pubblicazione
1756-PM015.

262 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

Se è stata configurata una firma di sicurezza, non è consentito eseguire le


operazioni descritte di seguito nella sezione dell’applicazione riservata alla
sicurezza:
• Programmazione o modifica online/offline (incluse le istruzioni
Add-On di sicurezza)

• Forzatura degli I/O di sicurezza.

• Modifica dello stato di inibizione dei moduli I/O di sicurezza o dei


controllori produttori.

• Manipolazione dei dati di sicurezza (se non eseguita dalla logica delle
routine di sicurezza).

• Download di una nuova applicazione di sicurezza solo se il controllore è


bloccato.

Protezione della firma di sicurezza in modalità Esecuzione


È possibile prevenire l’eliminazione della firma di sicurezza mentre il
controllore è in modalità Esecuzione remota, a prescindere dal fatto che
l’applicazione di sicurezza sia bloccata o sbloccata.

IMPORTANTE È necessario completare questi passaggi prima di creare una firma di


sicurezza o di applicare un blocco di sicurezza al controllore. Quando è
presente una firma di sicurezza o l’applicazione è in blocco di sicurezza, la
casella di controllo Protect Signature in Run Mode non è modificabile.

Per proteggere la firma di sicurezza, procedere come segue:


1. Aprire la finestra di dialogo Controller Properties.
2. Fare clic sulla scheda Safety.
3. Selezionare Protect Signature in Run Mode.
4. Fare clic su OK.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 263


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

Copia della firma di sicurezza

È possibile utilizzare il pulsante Copy per creare un record della firma di


sicurezza da utilizzare per la documentazione, il confronto e la convalida di un
progetto di sicurezza.

Fare clic su Copy per copiare i componenti ID, Date e Time negli Appunti di
Windows.

Eliminazione della firma di sicurezza

Fare clic su Delete per eliminare la firma di sicurezza. La firma di sicurezza non
può essere eliminata in presenza di queste condizioni:

• Il controllore è in blocco di sicurezza.

• Il controllore è in modalità Esecuzione con il selettore di modalità in


posizione RUN.

• Il controllore è in modalità Esecuzione o Esecuzione remota con


l’opzione Protect Signature in Run Mode abilitata.
.

ATTENZIONE: Se si elimina la firma di sicurezza e quindi se ne genera una


nuova, è necessario ripetere il test e rivalidare il sistema per soddisfare i
requisiti SIL 2/PLd.
Senza firma di sicurezza, il controllore non è conforme al livello SIL2/PLd.
Per ulteriori informazioni sui requisiti relativi al livello di integrità della
sicurezza (SIL) e al livello prestazionale (PL), vedere GuardLogix 5580 e
Compact GuardLogix 5380 Controller Systems Safety Reference Manual,
pubblicazione 1756-RM012.

264 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

Restrizioni di L’applicazione Logix Designer impone restrizioni che limitano la disponibilità


di alcune voci di menu e funzioni (ad esempio tagliare, incollare, eliminare,
programmazione cercare e sostituire). Queste restrizioni aiutano a proteggere i componenti di
sicurezza da modifiche quando è presente almeno una di queste condizioni:
Compact
GuardLogix
• Il controllore è in blocco di sicurezza.

• Esiste una firma di sicurezza.

• Sono presenti errori di sicurezza.

IMPORTANTE I tempi di scansione massimo e ultimo del task e dei programmi di


sicurezza possono essere reimpostati in modalità online.

Se si verifica anche solo una di queste condizioni, non è possibile:

• Creare o modificare gli oggetti di sicurezza, ivi compresi programmi di


sicurezza, routine di sicurezza, tag di sicurezza, istruzioni Add-On di
sicurezza e dispositivi I/O di sicurezza.

• Applicare forzature ai tag di sicurezza.

• Creare nuove mappature dei tag di sicurezza.

• Modificare o eliminare mappature di tag.

• Modificare o eliminare tipi di dati definiti dall’utente utilizzati dai tag di


sicurezza.

• Modificare il nome, la descrizione, il tipo di chassis e lo slot del


controllore ed il numero della rete di sicurezza (SNN).

• Creare, modificare o eliminare una connessione di sicurezza.

Quando il controllore è in blocco di sicurezza, non è possibile modificare o


eliminare la firma di sicurezza.

Per un parametro del programma, un parametro di sicurezza non può essere


collegato o vincolato a un parametro standard o a un tag dell’ambito del
controllore.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 265


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

Monitoraggio dello stato di Per monitorare lo stato del controllore è possibile utilizzare:
sicurezza • La barra online dell’applicazione Logix Designer
• La scheda Safety nella finestra di dialogo Controller Properties
Compact
GuardLogix
Visualizzare lo stato tramite la barra online.

Nella barra online sono visualizzate le informazioni sul progetto e sul


controllore, compresi lo stato del controllore, lo stato delle forzature, lo stato di
modifica online e lo stato di sicurezza.

Figura 58 – Pulsanti di stato

Stato del controllore

Quando è selezionato il pulsante di stato del controllore come


mostrato sopra, nella barra online vengono visualizzati la modalità (Remote
Program) e lo stato (OK) del controllore. L’indicatore Energy Storage OK
combina lo stato del controllore primario e del coprocessore di sicurezza.

Se uno dei due o entrambi hanno un errore relativo all’accumulo di energia,


l’indicatore di stato si illumina. L’indicatore I/O combina lo stato dell’I/O
standard e di sicurezza. L’I/O con lo stato di errore più significativo viene
visualizzato accanto all’indicatore di stato.

Stato forzature

Il pulsante Forces Status indica Forces o No Forces. Quando il


pulsante è selezionato, la barra online mostra se le forzature I/O o SFC sono
abilitate o disabilitate e se sono installate o meno. Il menu ForcesStatus
contiene comandi per rimuovere, abilitare o disabilitare tutte le forzature.

Stato di modifica online

Il pulsante Online Edit Status indica se sono presenti o meno


modifiche nella routine ladder online o nel diagramma a blocchi funzione.
Quando il pulsante è selezionato, la barra online mostra lo stato di modifica del
controllore. Se vengono effettuate modifiche da un altro utente, quest’area
mostra una descrizione testuale delle modifiche.

266 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

Stato di sicurezza

Quando si fa clic sul pulsante Safety Status , la barra online


visualizza la firma di sicurezza.

Figura 59 – Visualizzazione online della firma di sicurezza

Il pulsante Safety Status indica se il controllore è in blocco o sblocco di


sicurezza oppure se presenta un errore. Viene inoltre visualizzata un’icona
indicante lo stato di sicurezza.

Se è presente una firma di sicurezza, l’icona include un piccolo segno di


spunta.

Tabella 31 – Icone di stato di sicurezza in un’applicazione SIL 2/PLd, sia online che offline
Se lo stato di Viene visualizzata l’icona
sicurezza è
Safety Unlocked Il controllore non è in blocco di sicurezza.

Safety Locked Il controllore è in blocco di sicurezza.

Safety Faulted Vi è un errore di sicurezza.

Safety Task Inoperable


Il controllore non è in blocco di sicurezza e il task di sicurezza non è
funzionante.

Il controllore è in blocco di sicurezza e il task di sicurezza non è funzionante.

Vi è un errore di sicurezza e il task di sicurezza non è funzionante.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 267


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

Visualizzare lo stato tramite la scheda Safety.

È possibile visualizzare lo stato di sicurezza del controllore tramite il pulsante di


stato della sicurezza nella barra online e nella scheda Safety della finestra di
dialogo Controller Properties.

Figura 60 – Stato di sicurezza

• Task di sicurezza non funzionante.


• Task di sicurezza funzionante
Ad eccezione di Safety Task OK, le descrizioni indicano che esistono errori di
sicurezza irreversibili.

Per informazioni sui codici di errore e le azioni correttive, vedere Errori gravi di
sicurezza (Tipo 14) a pagina 274.

268 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

Monitorare le connessioni di sicurezza

Per i tag associati ai dati di sicurezza consumati, è possibile monitorare


lo stato delle connessioni di sicurezza utilizzando il membro
CONNECTION_STATUS. Per monitorare le connessioni di ingresso ed
uscita, i tag I/O di sicurezza dispongono di un membro per lo stato di
connessione denominato SafetyStatus. Entrambi i tipi di dati contengono due
bit: ConnectionFaulted e RunMode.

Il valore ConnectionFaulted indica se la connessione di sicurezza tra il


produttore di sicurezza e il consumatore di sicurezza è Valida (0) o In errore (1).
Se ConnectionFaulted è impostato su In errore (1) per qualsiasi motivo, i dati
di sicurezza vengono azzerati e il valore RunMode viene impostato sullo Stato
di riposo (0).

Il valore RunMode indica se i dati consumati vengono aggiornati attivamente


da un dispositivo che si trova in modalità Esecuzione (1) o in Stato di riposo
(0). Lo stato di riposo è indicato se la connessione è chiusa, si è verificato un
errore del task di sicurezza o il controllore remoto oppure il dispositivo è in
modalità programmazione o test. Per le connessioni I/O di sicurezza,
RunMode è sempre invertito rispetto allo stato ConnectionFaulted. Non
fornisce dati univoci.

Nella seguente tabella sono descritte le combinazioni degli stati


ConnectionFaulted e RunMode.
Tabella 32 – Stato della connessione di sicurezza
Stato ConnectionFaulted Stato RunMode Funzionamento della connessione di sicurezza
0 = Valido 1 = Esecuzione I dati vengono controllati attivamente dal dispositivo
produttore, che si trova in modalità Esecuzione.
0 = Valido 0 = Riposo La connessione è attiva ed il dispositivo produttore si
trova nello stato di riposo. I dati di sicurezza vengono
azzerati. Questo vale solo per le connessioni consumate.
1 = In errore 0 = Riposo La connessione di sicurezza è in errore. Lo stato del
dispositivo produttore è sconosciuto. I dati di sicurezza
vengono azzerati e il valore RunMode viene impostato
sullo Stato di riposo (0).
1 = In errore 1 = Esecuzione Stato non valido.

Se un dispositivo è inibito, il bit ConnectionFaulted viene impostato su In


errore (1) e il bit RunMode viene impostato su Riposo (0) per ciascuna
connessione associata al dispositivo. Di conseguenza, i dati di sicurezza
consumati vengono azzerati.

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 269


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

Utilizzare lo stato
Connection Status (.ConnectionFaulted) è lo stato della connessione di
sicurezza tra il controllore di sicurezza e il modulo I/O di sicurezza. Quando la
connessione funziona correttamente, questo bit è LO (0). Quando la
connessione NON funziona correttamente, questo bit è HI (1). Quando lo
stato di connessione è HI (connessione non funzionante correttamente),
tutti gli altri tag definiti dal modulo sono LO e devono essere considerati dati
“non validi”.
Lo stato punto è disponibile sia per gli ingressi di sicurezza (.PtxxInputStatus)
che per le uscite di sicurezza (.PtxxOutputStatus). Quando un tag di stato
punto è HI (1), indica che il singolo canale funziona ed è cablato correttamente
e che la connessione di sicurezza tra il controllore di sicurezza e il modulo I/O
di sicurezza su cui risiede questo canale funziona correttamente.
È inoltre disponibile lo stato combinato sia per gli ingressi di sicurezza
(.CombinedInputStatus) che per le uscite di sicurezza
(.CombinedOutputStatus). Quando il tag di stato combinato è HI (1), indica
che tutti i canali di ingresso o uscita sul modulo funzionano e sono cablati
correttamente e che il collegamento di sicurezza tra il controllore di sicurezza e
il modulo I/O di sicurezza su cui risiedono questi canali funziona
correttamente.
L’utilizzo dello stato combinato o dello stato punto dipende dall’applicazione.
Lo stato punto fornisce semplicemente uno stato più granulare.
Nelle istruzioni di sicurezza a doppio canale è integrato il monitoraggio dello
stato degli I/O di sicurezza. Input status e Output status sono parametri per le
istruzioni relative agli ingressi e alle uscite di sicurezza. L’istruzione DCS (e
altre istruzioni di sicurezza a doppio canale) ha lo stato di ingresso per i canali
di ingresso A e B. L’istruzione CROUT ha lo stato di ingresso per i feedback 1
e 2 e ha lo stato di uscita per i canali di uscita che sono comandati dalle uscite
CROUT O1 e O2. I tag di stato utilizzati in queste istruzioni devono essere HI
(1) per i tag di uscita delle istruzioni di sicurezza (O1 per le istruzioni di
ingresso e O1/O2 per CROUT) per essere eccitati.

270 Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018


Sviluppo di applicazioni di sicurezza Capitolo 14

Per un corretto funzionamento delle istruzioni di sicurezza, è importante


comandare i tag di stato degli ingressi e delle uscite PRIMA dell’istruzione di
sicurezza, come illustrato nella Figura 61.

Figura 61 – Esempi di istruzioni

Quando si utilizzano istruzioni quali XIC e OTE, deve essere interrogato lo


stato degli I/O di sicurezza. La responsabilità di questa operazione è a carico
dell’utente. Prima di utilizzare un canale d’ingresso di sicurezza come
interblocco, verificare che lo stato del canale sia HI (1). Prima di eccitare un
canale di uscita di sicurezza, verificare che lo stato del canale sia HI (1).

Pubblicazione Rockwell Automation 5069-UM001D-IT-P – Aprile 2018 271


Capitolo 14 Sviluppo di applicazioni di sicurezza

Errori di sicurezza Gli errori nel sistema Compact GuardLogix 5380 possono essere:
• Errori reversibili del controllore
Compact • Errori irreversibili del controllore
GuardLogix
• Errori di sicurezza irreversibili nell’applicazione di sicurezza
• Errori di sicurezza reversibili nell’applicazione di sicurezza

Errori irreversibili del controllore


Gli errori irreversibili del controllore si verificano quando la diagnostica
interna del controllore ha esito negativo. Se si verifica un errore irreversibile del
controllore, l’esecuzione dei task standard e di sicurezza si arresta e le
connessioni in uscita vengono interrotte. I dispositivi I/O di sicurezza
reagiscono alla perdita di dati di uscita passando allo stato di sicurezza. Per il
ripristino è necessario scaricare nuovamente il programma applicativo.
Se si verifica un errore, i dati diagnostici vengono automaticamente
memorizzati nella scheda SD. Rockwell Automation può quindi utilizzare i
dati per analizzare le cause dell’errore. Contattare l’assistenza tecnica.

Errori di sicurezza irreversibili nell’applicazione di sicurezza


Se si verifica un errore di sicurezza irreversibile nell’applicazione di sicurezza, la
logica e il protocollo di sicurezza vengono interrotti. Gli errori del watchdog
del task di sicurezza e della partnership di controllo rientrano in questa
categoria.
Quando il task di sicurezza rileva un errore di sicurezza irreversibile, viene