Sei sulla pagina 1di 568

Il conitto pensionistico

Indice

0.1 Puzzle sorprendente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1


0.1.1 Motivazione iniziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
0.1.2 Incontro con la spoliazione legale di Frederic Bastiat . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
0.1.3 Incontro con il concetto di contratto sociale e il caso delle leggi incostituzionali . . . . . . . 2
0.1.4 Incontro con Noam Chomsky . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
0.1.5 Incontro con Susan George . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
0.1.6 Draghi contro la spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
0.1.7 Incontro con Michele Boldrin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
0.1.8 Incontro con la massoneria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
0.1.9 Il puzzle sorprendente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
0.1.10 La favola di Pinocchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
0.1.11 Incontro con Beppe Scienza ed il Movimento Cinque Stelle . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
0.1.12 Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
0.1.13 La morale della favola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
0.1.14 La proposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
0.1.15 La Costituzione la stella polare del contratto sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
0.1.16 Incontro con Ettore Gotti Tedeschi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
0.1.17 Scienza e tecnica del diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
0.1.18 Incontro con Giuliano Amato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
0.1.19 La crisi morale della gura dell'avvocato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
0.2 Conitto pensionistico e non generazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
0.2.1 Le origini del conitto pensionistico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
0.3 Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
0.3.1 Il quadro generale del libro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
0.3.2 Un testo di scienze sociali applicate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
0.3.3 L'lite contro l'istruzione nanziaria degli italiani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
0.3.4 Sviluppo del libro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
0.3.5 Le scienze coinvolte nello studio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
0.3.6 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
0.4 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
0.5 Sicurezza sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
0.5.1 Origini della sicurezza sociale in Europa ed in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
0.5.2 Alcuni esempi di applicazione del concetto di sicurezza sociale alle politiche del welfare . . 25

i
ii INDICE

0.6 Sintesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25

1 I - Sistemi pensionistici 27
1.1 La dignit al di sopra di tutto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
1.1.1 Criteri morali ed etica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
1.1.2 I ni ed i limiti della potest legislativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
1.1.3 La nozione di bene comune . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
1.1.4 Il principio delle imposte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
1.1.5 L'azione dello Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
1.1.6 La contrapposizione Stato mercato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
1.1.7 Il reato dell'lite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
1.1.8 La doppia morale mercantilista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
1.2 Bene comune e povert . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
1.2.1 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
1.3 Bene comune e lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
1.3.1 Ford e la paga degli operai . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
1.3.2 L'impresa nel libero mercato al centro del bene comune . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
1.3.3 Come perseguire il bene comune nel lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
1.4 Bene comune e nanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
1.5 I principi economici dei sistemi pensionistici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
1.5.1 I sistemi pensionistici a redistribuzione dei tributi che non prevedono un rapporto sinallag-
matico tra prestazioni e contributi previdenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
1.5.2 I sistemi pensionistici a capitalizzazione che prevedono un rapporto sinallagmatico tra pre-
stazioni e risparmio privato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
1.5.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
1.5.4 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
1.5.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
1.6 Parametri di classicazione dei sistemi pensionistici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
1.6.1 Classicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
1.6.2 Gli schemi pensionistici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
1.6.3 Gli schemi pensionistici in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
1.6.4 I sistemi pensionistici nel mondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
1.6.5 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
1.6.6 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
1.7 Classicazione dei sistemi pensionistici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
1.7.1 Classicazione dei sistemi pensionistici secondo la World Bank . . . . . . . . . . . . . . . 47
1.7.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
1.7.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
1.8 Sistemi pensionistici in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
1.8.1 La classicazione dei sistemi pensionistici in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
1.9 Il primo pilastro della previdenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
1.9.1 Classicazione dei sistemi pensionistici secondo la World Bank . . . . . . . . . . . . . . . 48
INDICE iii

1.9.2 Perch la divisione della previdenza in pi pilastri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49


1.9.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
1.10 Il secondo pilastro della previdenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
1.10.1 Classicazione dei sistemi pensionistici secondo la World Bank . . . . . . . . . . . . . . . 50
1.10.2 Perch la divisione della previdenza in pi pilastri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
1.10.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
1.11 Il terzo pilastro della previdenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
1.11.1 Classicazione dei sistemi pensionistici secondo la World Bank . . . . . . . . . . . . . . . 51
1.11.2 Perch la divisione della previdenza in pi pilastri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
1.11.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52

2 II - I sistemi pensionistici pubblici 53


2.1 Modello economico nanziario dei sistemi pensionistici pubblici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
2.1.1 La gestione nanziaria del welfare universale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
2.1.2 La gestione nanziaria del welfare corporativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
2.2 Contratto sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
2.2.1 Stato sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
2.2.2 Interesse pubblico e tributi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
2.2.3 I tributi nello Stato sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
2.2.4 Dierenza tra lo Stato sociale e lo Stato condominio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
2.2.5 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
2.2.6 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
2.3 Il sistema pensionistico pubblico a redistribuzione dei tributi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
2.3.1 Caratteristiche del sistema in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
2.3.2 Patto intergenerazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
2.3.3 Sistemi di gestione nanziaria a ripartizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
2.3.4 Pubbliche amministrazioni con sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza . . . . 63
2.3.5 Critiche all'informazione sui sistemi pensionistici senza patrimonio di previdenza . . . . . . 64
2.3.6 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
2.3.7 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
2.4 Contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
2.4.1 I contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie nell'ordinamento italiano . . . . . . 66
2.4.2 I caratteri fondanti di tributo posseduti dai contributi obbligatori per le assicurazioni obbli-
gatorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
2.4.3 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
2.4.4 Contributi previdenziali e prestazioni previdenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
2.4.5 Contributi previdenziali e contributi gurativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
2.4.6 La riscossione unicata delle imposte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
2.4.7 La liquidazione, laccertamento e la riscossione dei contributi previdenziali nel diritto tribu-
tario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
2.4.8 L'imputazione dei contributi previdenziali nei bilanci degli enti previdenziali . . . . . . . . 68
2.4.9 Le aliquote contributive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
iv INDICE

2.4.10 La natura tributaria dei contributi previdenziali e le colpe dell'Universit italiana nel dibattito
socio politico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
2.4.11 I miti italiani sui contributi previdenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
2.4.12 Storia delle aliquote contributive della Social Security negli Stati Uniti d'America . . . . . 70
2.4.13 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
2.4.14 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
2.5 Fiscalit generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
2.5.1 Fiscalit generale e tributi di scopo nel campo della previdenza sociale pubblica . . . . . . 74
2.5.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
2.5.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
2.6 Schema pensionistico con formula della prestazione sociale in denaro predenita . . . . . . . . . . . 75
2.6.1 Caratteristiche degli schemi pensionistici a prestazioni previdenziali predenite . . . . . . . 75
2.6.2 Caratteristiche dei metodi di calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
2.6.3 Gestione nanziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
2.6.4 La variazione della promessa pensionistica e la teoria costituzionale nel diritto della previ-
denza sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
2.6.5 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
2.6.6 La sostenibilit sociale nel tasso di rendimento apparente nello schema pensionistico con
formula delle rendite predenita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
2.6.7 L'applicazione in Italia dello schema pensionistico con formula delle rendite predenita . . 77
2.6.8 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
2.6.9 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
2.7 Schema pensionistico con formula della prestazione sociale in denaro predenita sul reddito l'anzianit
contributiva e l'et di pensionamento di vecchiaia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
2.7.1 Caratteristiche degli schemi pensionistici a prestazioni previdenziali predenite . . . . . . . 78
2.7.2 Caratteristiche dei metodi di calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
2.7.3 Gestione nanziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
2.7.4 La variazione della promessa pensionistica e la teoria costituzionale nel diritto della previ-
denza sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
2.7.5 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
2.7.6 La sostenibilit sociale nel tasso di rendimento apparente nello schema pensionistico con
formula delle rendite predenita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
2.7.7 L'applicazione in Italia dello schema pensionistico con formula delle rendite predenita . . 80
2.7.8 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
2.7.9 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
2.8 Schema pensionistico con formula della prestazione sociale in denaro predenita sulla contribuzione
e la crescita e senza patrimonio di previdenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
2.8.1 Caratteristica principale dello schema NDC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
2.8.2 Lo schema NDC in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
2.8.3 Lo schema NDC nel superamento della bolla previdenziale in Italia . . . . . . . . . . . . . 82
2.8.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
2.8.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
2.9 Tasso di rendimento apparente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
INDICE v

2.9.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
2.9.2 Il tasso di rendimento apparente in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
2.9.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
2.9.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
2.10 Enti previdenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
2.10.1 Elenco delle pubbliche amministrazioni che gestiscono forme di previdenza sociale obbliga-
toria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
2.10.2 Gli enti previdenziali come enti impositori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
2.10.3 La politica di accorpamento degli enti previdenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
2.10.4 La previdenza sociale obbligatoria e la pressione scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
2.10.5 Gestione nanziaria degli enti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
2.10.6 Associazione di associazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
2.10.7 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
2.10.8 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
2.11 Conto economico consolidato delle amministrazioni pubbliche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
2.11.1 Quadro normativo di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
2.11.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
2.11.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
2.12 Spesa pensionistica pubblica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
2.12.1 Il nanziamento della spesa pensionistica in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
2.12.2 La spesa pensionistica nel modello previdenziale corporativo fascista . . . . . . . . . . . . 91
2.12.3 Perch l'indicatore della spesa pensionistica il suo rapporto con il PIL . . . . . . . . . . . 91
2.12.4 Il debito pensionistico latente in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
2.12.5 Le serie storiche della spesa pensionistica in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
2.12.6 Le previsioni di spesa dal 2014 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
2.12.7 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
2.12.8 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
2.13 Qualit della spesa pubblica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
2.13.1 La spesa pubblica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
2.13.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
2.14 Teoria costituzionale nel diritto della previdenza sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
2.14.1 I punti fondanti della teoria costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
2.14.2 Il dibattito sulla tutela dei cosiddetti diritti acquisiti in realt tutela delle aspettative pen-
sionistiche o tutela del diritto a prestazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
2.14.3 La giurisdizione concorde alla teoria costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
2.14.4 La giurisdizione contraria alla teoria costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
2.14.5 La teoria costituzionale nel dibattito politico-economico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
2.14.6 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
2.14.7 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
2.15 Riforma del sistema pensionistico pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
2.15.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
2.15.2 Le riforme del sistema pensionistico pubblico in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
vi INDICE

2.15.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102


2.15.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
2.16 Macroeconomia dei sistemi pensionistici pubblici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
2.17 La sostenibilit della gestione nanziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
2.18 Sostenibilit scale del del sistema pensionistico pubblico italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
2.18.1 Le caratteristiche della spesa pensionistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
2.18.2 Sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici e limite di sostenibilit degli enti pre-
videnziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
2.18.3 I parametri per valutare la sostenibilit scale della spesa pensionistica . . . . . . . . . . . 106
2.18.4 La valutazione della sostenibilit scale degli enti previdenziali . . . . . . . . . . . . . . . 107
2.18.5 Il limite del 16% di spesa pensionistica sul PIL ssato dalla World Bank nel 1994 . . . . . 107
2.18.6 Il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita e la sostenibilit
scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
2.18.7 La valutazione della sostenibilit scale del sistema pensionistico italiano nel Melburne Mer-
cer Global Pension Index . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
2.18.8 Critiche alla valutazione della sostenibilit scale del sistema pensionistico italiano secondo
il Centro Studi dell'Universit di Friburgo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
2.18.9 La valutazione della sostenibilit scale nel bilancio dello Stato dopo Maastricht . . . . . . 108
2.18.10 La valutazione della sostenibilit scale da parte del cittadino contribuente . . . . . . . . . 108
2.18.11 Critiche all'informazione previdenziale in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
2.18.12 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
2.18.13 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
2.19 Sostenibilit sociale del del sistema pensionistico pubblico italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
2.19.1 La sostenibilit sociale di un sistema pensionistico pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
2.19.2 Il contesto socio-economico e politico regolato dai sistemi pensionistici pubblici in Italia . . 111
2.19.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
2.20 Politiche di redistribuzione dei redditi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
2.20.1 Tassazione progressiva e redistribuzione dei redditi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
2.20.2 La redistribuzione dei redditi nei sistemi pensionistici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
2.20.3 Mobilit sociale e tassazione regressiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
2.20.4 Il reddito di cittadinanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
2.20.5 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
2.20.6 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
2.20.7 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
2.21 Opting out . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
2.21.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
2.21.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113

3 III - I sistemi pensionistici privati 114


3.1 Modello economico nanziario dei sistemi pensionistici privati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
3.2 Contratto di assicurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
3.3 Patrimonio di previdenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
3.3.1 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
INDICE vii

3.4 Principio della capitalizzazione integrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115


3.4.1 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
3.4.2 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116

4 IV - Storia pensionistica italiana 117


4.1 Il sistema pensionistico italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
4.1.1 I tre pilastri della previdenza sociale in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
4.1.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
4.2 Il sistema pensionistico pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
4.2.1 Il sistema pensionistico pubblico italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
4.2.2 La previdenza sociale come politica dei redditi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
4.2.3 Classicazione dei sistemi pensionistici pubblici (forme di previdenza di primo pilastro) in
base alla tipologia dei lavoratori e dei contratti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
4.2.4 Elenco delle pubbliche amministrazioni che gestiscono sistemi pensionistici pubblici (forme
di previdenza sociale obbligatoria) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
4.2.5 La previdenza sociale pubblica e la pressione scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
4.2.6 Gestione nanziaria degli enti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
4.2.7 Il segreto di Pulcinella sulla sostenibilit del sistema pensionistico pubblico italiano . . . . . 128
4.2.8 La ne per le nuove generazioni dell'Eldorado pensionistico italiano . . . . . . . . . . . . . 129
4.2.9 La responsabilit dei sindacati sulle riforme pensionistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
4.2.10 Il governo Renzi e la questione pensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
4.2.11 Critiche all'informazione sul sistema pensionistico obbligatorio italiano . . . . . . . . . . . 130
4.2.12 Associazione di associazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
4.2.13 ISTAT Statistiche sul sistema pensionistico pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
4.2.14 La posizione dei partiti politici italiani sul sistema pensionistico pubblico dopo la riforma
Fornero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
4.2.15 La posizione dei sindacati italiani sul sistema pensionistico pubblico dopo la riforma Fornero 132
4.2.16 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
4.2.17 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
4.3 Il sistema pensionistico privato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
4.3.1 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
4.3.2 Il ruolo del TFR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
4.3.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
4.3.4 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
4.3.5 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
4.4 Il modello previdenziale corporativo fascista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
4.4.1 Caratteristiche del modello previdenziale corporativo fascista . . . . . . . . . . . . . . . . 139
4.4.2 Le iniquit del modello previdenziale corporativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
4.4.3 L'applicazione del modello previdenziale corporativo fascista in epoca repubblicana . . . . 141
4.4.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
4.4.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
4.5 Modello previdenziale universale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
viii INDICE

4.5.1 Il modello previdenziale universale nell'ordinamento svizzero . . . . . . . . . . . . . . . . 144


4.5.2 Il modello previdenziale universale nell'ordinamento statunitense . . . . . . . . . . . . . . 145
4.5.3 La sostenibilit del modello previdenziale universale rispetto al modello previdenziale cor-
porativo fascista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
4.5.4 La lunga transizione del sistema pensionistico obbligatorio italiano verso il modello previ-
denziale universale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
4.5.5 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
4.5.6 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
4.6 La riforma delle pensioni Dini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
4.6.1 Analisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
4.6.2 Contenuto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
4.6.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
4.6.4 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
4.6.5 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
4.6.6 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
4.7 La riforma Monti del sistema pensionistico pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
4.7.1 Contesto storico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
4.7.2 La riforma Monti del sistema pensionistico pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
4.7.3 L'avvio del sistema pensionistico pubblico secondo il modello previdenziale universale . . . 149
4.7.4 L'illusione della stabilit del sistema pensionistico pubblico italiano dopo la riforma Monti . 149
4.7.5 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
4.7.6 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
4.8 La riforma delle pensioni Fornero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
4.8.1 Contesto storico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
4.8.2 Quadro normativo di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
4.8.3 L'avvio della transizione dal modello previdenziale corporativo fascista al modello previden-
ziale universale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
4.8.4 I punti salienti della riforma in sintesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
4.8.5 I risparmi della manovra economica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
4.8.6 Analisi della riforma delle pensioni Fornero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
4.8.7 L'assunzione di responsabilit inesistenti sul caso esodati . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
4.8.8 Il paradosso della rappresentanza sindacale dei lavoratori e dei pensionati dopo la Riforma
Fornero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
4.8.9 Le proposte di riforma della riforma delle pensioni Fornero . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
4.8.10 Il fallimento dei tentativi di annullare la riforma Fornero . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
4.8.11 L'Italia dopo la riforma delle pensioni Fornero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
4.8.12 Gli scenari possibili dopo la riforma Fornero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169
4.8.13 La ne della classe dirigente casta schiava dei propri privilegi . . . . . . . . . . . . . . . 170
4.8.14 Le posizioni dei partiti politici sul sistema pensionistico pubblico dopo la Riforma Fornero . 171
4.8.15 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
4.8.16 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
4.8.17 Altri progetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
INDICE ix

4.8.18 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177


4.9 Transizione al metodo di calcolo contributivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
4.9.1 I costi della transizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
4.10 Bolla previdenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
4.10.1 Come nasce la bolla previdenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
4.10.2 Come si riduce o elimina la bolla previdenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
4.10.3 La bolla previdenziale in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
4.10.4 Il superamento della bolla previdenziale in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188
4.10.5 Dierenze tra la bolla previdenziale e lo schema Ponzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188
4.10.6 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188
4.10.7 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190

5 V - Il glossario del conitto 192


5.1 Glossario del conitto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
5.2 La promessa pensionistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
5.2.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
5.2.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
5.2.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
5.3 Le aspettative pensionistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
5.3.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
5.3.2 La riduzione retroattiva della aspettative pensionistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
5.3.3 Evoluzione normativa art. 3 c. 12 L. 335/1995 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
5.3.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
5.3.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
5.4 Il furto generazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
5.4.1 Il furto generazionale nella Costituzione Italiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
5.4.2 Le iniquit del sistema pensionistico pubblico italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
5.4.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
5.4.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
5.5 Principio di disuguaglianza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
5.5.1 Il principio di disuguaglianza nella Costituzione Italiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
5.5.2 Le origini storiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
5.5.3 La giurisdizione sul principio di disuguaglianza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
5.5.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
5.5.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
5.6 Il principio della discriminazione generazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
5.6.1 Il principio della discriminazione generazionale nella Costituzione Italiana . . . . . . . . . 200
5.6.2 Le origini storiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
5.6.3 La giurisdizione sul principio della discriminazione generazionale . . . . . . . . . . . . . . 200
5.6.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
5.6.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
5.7 Il principio della discriminazione occupazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
x INDICE

5.7.1 Il principio della discriminazione occupazionale nella Costituzione Italiana . . . . . . . . . 201


5.7.2 Le origini storiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
5.7.3 La giurisdizione sul principio della discriminazione occupazionale . . . . . . . . . . . . . 202
5.7.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
5.7.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
5.8 Il principio della discriminazione tributaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
5.9 Il principio della discriminazione monetaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
5.10 Rischio di spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
5.10.1 Rischi ripetitivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
5.10.2 Rischi una tantum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
5.11 Il tradimento generazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
5.11.1 Il tradimento generazionale nel diritto del lavoro in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
5.11.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
5.11.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
5.12 Il conitto intergenerazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
5.12.1 Il conitto intergenerazionale nel campo della previdenza in Italia . . . . . . . . . . . . . . 206
5.12.2 Il conitto intergenerazionale nel mondo del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
5.12.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
5.12.4 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209

6 VI - Spoliazione legale 210


6.1 Premessa (spoliazione legale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
6.1.1 I casi di sottrazione del patrimonio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
6.1.2 Pinocchio vittima della spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
6.2 Spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
6.2.1 La spoliazione legale nel pensiero politico-economico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
6.2.2 La predazione nel pensiero di Frdric Bastiat . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
6.2.3 La denizione proposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
6.2.4 Costituzione e Corte Costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
6.2.5 I limiti della Costituzione italiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
6.2.6 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
6.2.7 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
6.3 Fascismo democratico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
6.4 Il potere dell'ignoranza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
6.4.1 Il potere dell'ignoranza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
6.4.2 L'ignoranza totale del cittadino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
6.4.3 L'universit come fabbrica degli asini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
6.4.4 I livelli di ignoranza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
6.4.5 Il cortocircuito tra trasparenza e accountability . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
6.4.6 Forme di gestione del potere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
6.4.7 Contrasto al potere dell'ignoranza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
6.5 L'ignoranza istruita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
INDICE xi

6.5.1 Dierenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223


6.5.2 L'ignoranza istruita nella spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
6.5.3 L'importanza del confronto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
6.5.4 Una guerra di religione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
6.5.5 Il contrasto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
6.5.6 Un caso reale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
6.6 Contratto asociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
6.6.1 Interesse privato ed interesse pubblico nel contratto asociale . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
6.6.2 L'oggetto del contratto asociale: il patrimonio preda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
6.7 Religione incivile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
6.7.1 La sopraazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
6.7.2 Le fallacie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
6.8 Deriva della nanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
6.8.1 La responsabilit e la capacit di intendere e di volere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
6.8.2 L'incapacit di intendere di massa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
6.8.3 Casi recenti in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
6.9 Tecnica della spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
6.9.1 Giustizia e legalit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
6.9.2 La tecnica della spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
6.9.3 Le istituzioni immorali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
6.9.4 I gruppi di potere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232
6.9.5 I saccheggiati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
6.9.6 Il patrimonio preda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
6.9.7 La logica del tradimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
6.9.8 La normativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
6.9.9 Aspetti gestionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
6.9.10 La giurisdizione nei casi di spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
6.9.11 Come si arontano le lite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
6.9.12 Alcuni esempi di spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
6.9.13 Alcuni autori della normativa di spoliazione legale in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
6.9.14 Alcuni economisti politici sulla spoliazione legale in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
6.9.15 Il superamento della spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
6.9.16 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
6.9.17 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
6.10 Costituzione italiana incostituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
6.10.1 Alcuni esempi di leggi incostituzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
6.10.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
6.11 Lobbycrazia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
6.11.1 Gruppi di potere e gruppi di interessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
6.11.2 Lobbycrazia e segmentazione sociale legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
6.12 Trua semantica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
xii INDICE

6.12.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249


6.13 Costruzione della verit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
6.13.1 Distinzione tra verit e costruzione di una verit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250
6.13.2 La tecnica della costruzione della verit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 251
6.13.3 Costruzione primaria della verit legale in Parlamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
6.13.4 Costruzione primaria della verit nelle aule di giustizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
6.13.5 Costruttori primari e secondari di verit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
6.13.6 La costruzione referendaria della verit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
6.13.7 La costruzione plebiscitaria della verit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
6.13.8 Sviare l'attenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
6.13.9 Lo scontro tra lite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
6.13.10 La neolingua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
6.13.11 L'opposizione nta o inutile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
6.13.12 La colpa dell'universit italiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
6.13.13 La tecnica della cazzata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
6.13.14 Contrasto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258
6.13.15 Esempi di costruzione della verit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258
6.14 Paralisi del saccheggiato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258
6.14.1 In Italia la laurea una patente da ignorante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
6.14.2 I prigionieri degli stereotipi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
6.14.3 Il controllo sociale del saccheggiato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
6.14.4 Modalit di contrasto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
6.15 Patrimonio preda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
6.15.1 Tipologie del patrimonio preda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
6.15.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
6.16 Matematica della spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
6.16.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
6.17 Contrasto alla spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
6.17.1 Un conitto tra gruppi di interesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
6.17.2 Come si individua un caso di spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
6.17.3 Scontro di lite e di rappresentanze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
6.17.4 Analisi delle competenze e delle conoscenze mancanti al gruppo dei saccheggiati . . . . . . 265
6.17.5 Analisi del meccanismo di spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
6.17.6 Il parlamento la casa della spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
6.17.7 Analisi dei testi di legge e delle relazioni, risoluzioni, interrogazioni, alla base della spolia-
zione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267
6.17.8 Le 15 regole per la redazione delle leggi di spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . 267
6.17.9 Le regole per la costruzione della verit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
6.17.10 I contenuti delle leggi di spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
6.17.11 Errori nel contrasto alla spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274
6.17.12 Come si contrastano le lite dominanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274
INDICE xiii

6.17.13 Uscita dalla spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275


6.18 Massoneria e societ civile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275
6.18.1 Emersione della massoneria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275
6.18.2 Che cosa si sa della massoneria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276
6.18.3 Chi contro la massoneria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276
6.18.4 La struttura piramidale a comparti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 277
6.18.5 La logica dei massoni per esercitare il potere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 277
6.18.6 Le tecniche di diusione delle verit costruite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
6.18.7 I punti deboli della massoneria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279
6.18.8 Contrasto tra lite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279
6.18.9 Antimassoneria come associazione pubblica di pensiero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
6.18.10 La check-list per isolare la massoneria nelle istituzioni e nelle associazioni . . . . . . . . . 280
6.18.11 Le regole dei massoni sui social network . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282
6.18.12 Le regole per neutralizzare la massoneria nelle istituzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
6.19 La legge non uguale per tutti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
6.19.1 La questione giustizia nella spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284
6.19.2 La questione giustizia nella spoliazione illegale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284
6.20 Casse di previdenza dei liberi professionisti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
6.20.1 Previdenza sociale pubblica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
6.20.2 Le leggi incostituzionali che regolano le casse di cui al D.Lgs. 509/1994 . . . . . . . . . . 290
6.20.3 La riforma di Inarcassa del 2012 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 290
6.21 Un immenso tentato furto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 294
6.21.1 Costruzione della verit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 295
6.22 Citazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 296
6.23 Illegittimit della riforma Dini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 297
6.23.1 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
6.24 Le baby pensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
6.24.1 La motivazione politica di un'operazione economica oggi incomprensibile . . . . . . . . . 298
6.24.2 Costi per lo Stato italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
6.24.3 Vantaggi per il baby pensionato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 299
6.24.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 299
6.24.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300
6.25 Le pensioni d'oro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
6.25.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
6.25.2 Esempio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
6.25.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
6.25.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
6.26 Le pensioni gonate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 302
6.26.1 Il fenomeno della pensione gonata in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
6.26.2 Il fenomeno della pensione gonata in Illinois . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
6.26.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
xiv INDICE

6.26.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 304


6.27 I vitalizi dei parlamentari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
6.27.1 Il caso di riduzione dei vitalizi in Trentino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
6.27.2 Il regime di cumulo dei vitalizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
6.27.3 Critiche all'informazione previdenziale sui vitalizi dei parlamentari . . . . . . . . . . . . . 305
6.27.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 306
6.27.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 306
6.28 Eliminazione della pensione minima . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307
6.28.1 Pensione minima in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307
6.28.2 Storia dell'eliminazione dell'integrazione al minimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308
6.28.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308
6.28.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308
6.29 Casse previdenziali D.Lgs. 509-1994 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 308
6.29.1 Cenni storici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309
6.29.2 La legge delega art.1 c.32 p. 4 L.537/1993 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309
6.29.3 Aspetti salienti della norma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312
6.29.4 La gestione nanziaria della casse D.Lgs. 509/1994 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
6.29.5 Gli eetti di venti anni di gestione con il modello previdenziale corporativo fascista . . . . 313
6.29.6 La posizione dei partiti politici sull'assetto delle casse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
6.29.7 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
6.29.8 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314
6.30 Casse previdenziali D.Lgs. 103-1996 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314
6.30.1 Cenni storici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315
6.30.2 Aspetti salienti della norma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315
6.30.3 La sentenza del Consiglio di Stato n. 3859/2014 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315
6.30.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316
6.30.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316
6.31 Lobby previdenziali in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316
6.31.1 Le lobby previdenziali in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
6.31.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 318
6.31.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 318

7 VII - Segmentazione legale 319


7.1 Il modello della segmentazione sociale legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
7.1.1 La denizione della segmentazione sociale legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
7.1.2 I quattro ambiti legali alla base della segmentazione sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . 320
7.1.3 I principi alla base della segmentazione sociale legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
7.1.4 Correlazione tra spoliazione legale e segmentazione sociale legale . . . . . . . . . . . . . . 321
7.1.5 La segmentazione sociale legale nella storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
7.2 La segmentazione del diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
7.3 Stato etico e Stato immorale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 322
7.3.1 Rottura del patto sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 322
INDICE xv

7.3.2 Stato etico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 322


7.3.3 Stato immorale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 322
7.3.4 Funzione sociale dello Stato etico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 323
7.3.5 Funzione asociale dello Stato immorale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 323
7.4 Asimmetria informativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 323
7.4.1 L'impossibile superamento della asimmetria informativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
7.4.2 Alcuni esempi di asimmetria informativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325
7.4.3 L'asimmetria economica alla base dell'asimmetria informativa . . . . . . . . . . . . . . . 326
7.4.4 L'asimmetria informativa nel caso della spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 326
7.5 Segmentazione corporativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 326
7.6 La segmentazione del diritto a prestazione sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 326
7.7 La segmentazione dell'obbligo tributario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327
7.7.1 La spoliazione legale nella segmentazione dell'obbligo tributario . . . . . . . . . . . . . . 327
7.7.2 La segmentazione dell'obbligo tributario in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327
7.8 Segmentazione del mercato del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328
7.8.1 La corporativizzazione del mercato del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328
7.8.2 La spoliazione legale nel mercato del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328
7.8.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328
7.9 La segmentazione del mercato dei capitali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328
7.9.1 La spoliazione legale nel mercato dei capitali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328
7.9.2 Il caso delle 4 banche italiane in risoluzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329
7.9.3 Il caso delle garanzie patrimoniali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329
7.9.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329
7.10 Rappresentanza democratica e segmentazione sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329
7.10.1 La legge elettorale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329
7.10.2 Alcuni casi di leggi elettorali italiane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 332
7.10.3 La comunicazione politica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 332
7.10.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 332

8 VIII - Spoliazione costituzionale 333


8.1 Stato di diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 333
8.2 Tecnica del diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 333
8.2.1 Tecnica del diritto di legittimit costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334
8.2.2 Tecnica del diritto sulla applicazione di una legge non di rango costituzionale . . . . . . . . 335
8.2.3 Dierenze tra le due analisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335
8.2.4 Il legislatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335
8.2.5 Il glossario costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335
8.2.6 I limiti e le nalit del controllo di legittimit costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . 336
8.2.7 Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 336
8.2.8 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 340
8.3 Ricorso di costituzionalit diretto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 341
8.3.1 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 341
xvi INDICE

8.4 Spoliazione costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 341


8.4.1 La trua semantica particolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 341
8.4.2 Il potere legislativo contro il potere giudiziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 342
8.4.3 Una legge che non legge . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 342
8.4.4 La farsa costituzionale italiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 343

9 IX - Spoliazione illegale 344


9.1 La casta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 344
9.2 Spoliazione illegale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 344
9.3 Segmentazione del reato economico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345
9.3.1 Bancarotta fraudolenta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345
9.3.2 Bancarotte semplice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345
9.3.3 Non performing loans . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346
9.3.4 Il fondo Atlante 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346
9.3.5 Una operazione di sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346

10 X - Conclusioni 347
10.1 Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 347
10.1.1 Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 347
10.1.2 Un ordinamento incostituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 347
10.1.3 Un paese senza giuristi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348
10.1.4 La casta vuole un Paese ingiusto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348
10.1.5 L'istruzione unica arma di difesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348
10.1.6 Scoprire la Costituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348
10.1.7 La trasparenza la verica dei fatti e accountability . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
10.1.8 Afrodite K un esempio di spoliazione costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
10.1.9 L'errore dei saccheggiati nel contrasto all'lite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
10.1.10 Un metodo di contrasto alla casta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
10.2 Visione innovativa del libro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
10.2.1 Superare la segmentazione mentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
10.2.2 Il metodo Popper . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 350
10.2.3 Un libro per il dialogo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 350
10.2.4 La cultura dell'ipse dixit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 350
10.2.5 Superior stabat lupus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 350
10.2.6 Il trasformismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 351
10.2.7 Esigere il dialogo non il confronto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 351
10.2.8 Guardate il patrimonio preda e troverete la massoneria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 351
10.2.9 L'agnello non si faccia rappresentare dal lupo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 351
10.3 I limiti dell'universit italiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 351
10.3.1 I limiti dell'universit italiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352
10.4 Diritto della previdenza sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352
10.4.1 Diritto della previdenza sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352
INDICE xvii

10.5 Proposte politiche che scaturiscono dal libro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353


10.5.1 Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353
10.5.2 Proposte politiche che scaturiscono dall'analisi socio economica svolta nel libro . . . . . . . 354
10.6 Superamento della spoliazione legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 360
10.6.1 Il ruolo dell'opposizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 360
10.6.2 Il ricorso diretto di costituzionalit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 360

11 Appendice I glossario dei sistemi pensionistici 361


11.1 Adeguatezza della prestazione pensionistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 361
11.1.1 Applicazione nel caso delle casse di cui al D.Lgs. 509/1996 . . . . . . . . . . . . . . . . . 361
11.1.2 La Riforma delle pensioni Fornero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 362
11.1.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 362
11.1.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 362
11.2 Alfabetizzazione nanziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 362
11.2.1 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363
11.3 Aliquota contributiva pensionistica di equilibrio previdenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363
11.3.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363
11.3.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363
11.4 Aliquota contributiva pensionistica di computo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 364
11.4.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 364
11.4.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 365
11.4.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 365
11.5 Aliquota contributiva pensionistica di nanziamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 365
11.5.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 365
11.5.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366
11.5.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366
11.6 Aliquota contributiva pensionistica eettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366
11.6.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366
11.6.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 367
11.7 Aliquota di rendimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 367
11.7.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 367
11.7.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368
11.7.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368
11.8 Aliquota scale eettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368
11.8.1 L'aliquota scale eettiva in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368
11.8.2 Lo scostamento tra aliquota scale eettiva ed il rapporto tra il gettito scale ed il PIL . . . 368
11.8.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368
11.8.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369
11.9 Aliquota scale totale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369
11.9.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369
11.9.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369
11.10Anzianit contributiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370
xviii INDICE

11.10.1 Applicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370


11.10.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370
11.10.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370
11.11Assegno sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370
11.11.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370
11.11.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370
11.11.3 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371
11.12Assicurazione generale obbligatoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371
11.12.1 Aspetti normativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371
11.12.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371
11.12.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371
11.13Assicurazione sociale per la vecchiaia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 372
11.13.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 372
11.13.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 372
11.13.3 Bibliograca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 372
11.14Assicurazioni sociali obbligatorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 372
11.14.1 Tipologie di eventi tutelati dalle assicurazioni sociali obbligatorie . . . . . . . . . . . . . . 373
11.14.2 Elementi costitutivi delle assicurazioni sociali obbligatorie gestite da pubbliche amministra-
zioni - 1 pilastro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 373
11.14.3 Classicazione delle assicurazioni sociali obbligatorie in base alla tipologia dei lavoratori e
dei contratti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 373
11.14.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375
11.14.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375
11.15Bilancio tecnico attuariale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375
11.15.1 Bilancio tecnico attuariale degli enti di gestione di forme di previdenza obbligatorie con
sistema di gestione a ripartizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375
11.15.2 Bilancio tecnico attuariale e debito pubblico pensionistico implicito . . . . . . . . . . . . . 376
11.15.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 377
11.15.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 377
11.16Busta arancione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 378
11.16.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 378
11.16.2 Problematiche nella implementazione della busta arancione . . . . . . . . . . . . . . . . . 378
11.16.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 379
11.16.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 379
11.17Capitale nozionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 379
11.17.1 Il capitale nozionale nel sistema pensionistico pubblico italiano . . . . . . . . . . . . . . . 379
11.17.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 380
11.17.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 380
11.18Casellario centrale delle posizioni previdenziali attive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 380
11.18.1 Quadro normativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 380
11.18.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 381
11.18.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 381
INDICE xix

11.18.4 Regolamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 381


11.19Coeciente di rivalutazione dei redditi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 382
11.19.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 382
11.19.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 382
11.20Coeciente di trasformazione in rendita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 383
11.20.1 Applicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 383
11.20.2 Tabelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 384
11.20.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 384
11.20.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 384
11.21Conitto pensionistico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 384
11.21.1 Il conitto pensionistico in genere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 385
11.21.2 Come si esce dal conitto pensionistico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 385
11.21.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 386
11.21.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 386
11.22Consolidamento scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 386
11.22.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 386
11.22.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 386
11.23Contabilit economico patrimoniale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 386
11.23.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 387
11.23.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 387
11.24Contabilit nanziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 387
11.24.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 387
11.24.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 387
11.25Contabilit generazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 387
11.25.1 Metodologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388
11.25.2 Divario di sostenibilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388
11.25.3 Classica Sostenibilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388
11.25.4 Il modello base della contabilit generazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388
11.25.5 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 391
11.25.6 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 391
11.25.7 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 391
11.26Contributi gurativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
11.26.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
11.26.2 Il caso della capitalizzazione simulata sulla crescita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
11.26.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
11.26.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
11.27Contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 393
11.27.1 I contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie nell'ordinamento italiano . . . . . . 394
11.27.2 I caratteri fondanti di tributo posseduti dai contributi obbligatori per le assicurazioni obbli-
gatorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 394
11.27.3 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 394
xx INDICE

11.27.4 Contributi previdenziali e prestazioni previdenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 395


11.27.5 Contributi previdenziali e contributi gurativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 395
11.27.6 La riscossione unicata delle imposte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 395
11.27.7 La liquidazione, laccertamento e la riscossione dei contributi previdenziali nel diritto tribu-
tario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 396
11.27.8 L'imputazione dei contributi previdenziali nei bilanci degli enti previdenziali . . . . . . . . 396
11.27.9 Le aliquote contributive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 396
11.27.10La natura tributaria dei contributi previdenziali e le colpe dell'Universit italiana nel dibattito
socio politico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 397
11.27.11I miti italiani sui contributi previdenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 397
11.27.12Storia delle aliquote contributive della Social Security negli Stati Uniti d'America . . . . . 398
11.27.13Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 398
11.27.14Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 399
11.28Contributo di solidariet . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 401
11.28.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 401
11.28.2 Il contributo di solidariet nel dibattito sul mito dei diritti acquisiti . . . . . . . . . . . . . 402
11.28.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 402
11.28.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 402
11.29Contributo integrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 403
11.29.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 404
11.29.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 404
11.29.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 404
11.30Contributo soggettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 404
11.30.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 405
11.30.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 405
11.30.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 405
11.31Coorte (statistica) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 405
11.31.1 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 406
11.32Cuneo scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 406
11.32.1 Il cuneo scale nelle scienze economiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 407
11.32.2 Il cuneo scale nel mercato del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 407
11.32.3 Politica ed Economia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 409
11.32.4 Critiche all'informazione economica sul cuneo scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 409
11.32.5 La situazione in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 410
11.32.6 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 410
11.32.7 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 411
11.32.8 News . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 411
11.33Debito pensionistico latente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 412
11.33.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 412
11.33.2 Il debito pensionistico latente in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 412
11.33.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 412
11.33.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 412
INDICE xxi

11.34Debito pubblico implicito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 413


11.34.1 Denizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 413
11.34.2 Dierenze e similitudini tra debito pubblico implicito e debito pubblico esplicito . . . . . . 413
11.34.3 Esempi di normative che hanno determinato l'esplosione del debito pubblico implicito . . . 414
11.34.4 Il debito pubblico implicito nella teoria del saccheggio legale . . . . . . . . . . . . . . . . 414
11.34.5 Studi recenti sul debito pubblico implicito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 414
11.34.6 Il debito pubblico implicito in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415
11.34.7 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415
11.34.8 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415
11.35Default dei sistemi pensionistici pubblici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 416
11.35.1 I rischi di stabilit della gestione nanziaria dei sistemi pensionistici pubblici . . . . . . . . 416
11.35.2 Distinzione del default previdenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 416
11.35.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417
11.35.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417
11.36Diritti acquisiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 418
11.36.1 Nel diritto del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 418
11.36.2 Errata e diusa convinzione sui diritti acquisiti nel campo del diritto della previdenza sociale 418
11.36.3 Il caso di riduzione dei vitalizi in Trentino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419
11.36.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419
11.36.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419
11.37Diritto a prestazione di previdenza sociale pubblica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 420
11.37.1 Casistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 420
11.38Divario scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 420
11.39Et per il pensionamento di vecchiaia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 420
11.39.1 Elenco delle pubbliche amministrazioni che gestiscono forme di previdenza sociale obbliga-
toria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 421
11.39.2 Gli enti previdenziali come enti impositori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 423
11.39.3 La politica di accorpamento degli enti previdenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 423
11.39.4 La previdenza sociale obbligatoria e la pressione scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424
11.39.5 Gestione nanziaria degli enti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424
11.39.6 Associazione di associazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424
11.39.7 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424
11.39.8 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 425
11.40Fiscalizzazione degli oneri sociali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 426
11.40.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 426
11.40.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 426
11.40.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 427
11.41Formula della rendita predenita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 427
11.41.1 Caratteristiche degli schemi pensionistici a prestazioni previdenziali predenite . . . . . . . 427
11.41.2 Caratteristiche dei metodi di calcolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 427
11.41.3 Gestione nanziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 428
xxii INDICE

11.41.4 La variazione della promessa pensionistica e la teoria costituzionale nel diritto della previ-
denza sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 428
11.41.5 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 429
11.41.6 La sostenibilit sociale nel tasso di rendimento apparente nello schema pensionistico con
formula delle rendite predenita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 429
11.41.7 L'applicazione in Italia dello schema pensionistico con formula delle rendite predenita . . 429
11.41.8 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 429
11.41.9 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 429
11.42Gestione assicurativa patrimoniale del rischio economico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 430
11.42.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 430
11.42.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 430
11.43Gestione collettiva tributaria per cassa delle situazioni di bisogno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 430
11.43.1 Il caso italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 430
11.43.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431
11.43.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431
11.44Gruppo di interesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431
11.44.1 Classicazione del gruppo di interesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431
11.44.2 Classicazione del gruppo di interesse in base al metodo usato per ottenere il risultato alla
domanda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432
11.44.3 Gruppo di interesse e risposta legale dello Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432
11.44.4 La domanda legale del gruppo di interesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432
11.44.5 Lobbying . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432
11.45Indice di benecio relativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432
11.45.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 433
11.46Indice di patrimonializzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 433
11.46.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 433
11.46.2 Applicazione in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 433
11.46.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 434
11.46.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 434
11.47Istruzione nanziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 434
11.47.1 L'istruzione nanziaria in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 434
11.47.2 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435
11.48Istruzione previdenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435
11.49Legge di capitalizzazione simulata sulla crescita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435
11.49.1 Perch si utilizza la capitalizzazione simulata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 436
11.49.2 La legge di capitalizzazione simulata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 436
11.49.3 Applicazione in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 436
11.49.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 437
11.49.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 438
11.50Limite di sostenibilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 438
11.50.1 Sostenibilit scale dei sistemi pensionistici obbligatori e limite di sostenibilit degli enti
previdenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 439
INDICE xxiii

11.50.2 La sostenibilit come valutazione attuariale degli enti previdenziali . . . . . . . . . . . . . 439


11.50.3 La sostenibilit delle casse D.Lgs. 509/1994 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 439
11.50.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 440
11.50.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 440
11.51Matematica previdenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 441
11.52Maturato previdenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 441
11.52.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 441
11.52.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 441
11.53Metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita . . . . . . . . . . . . . . . 442
11.53.1 Principi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 443
11.53.2 Applicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 443
11.53.3 Il signicato di capitalizzazione simulata sulla crescita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 444
11.53.4 Dierenze tra il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata e sistema pen-
sionistico a capitalizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 444
11.53.5 L'equivoco della garanzia della sostenibilit con il metodo contributivo . . . . . . . . . . . 444
11.53.6 La ne dello stato sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 445
11.53.7 Confronto tra il metodo di calcolo contributivo ed il metodo di calcolo retributivo . . . . . 445
11.53.8 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 445
11.53.9 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 446
11.54Metodo di calcolo misto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 446
11.54.1 Quadro normativo di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447
11.54.2 Applicazione in Italia nel campo della previdenza (pubbliche amministrazioni di forma giu-
ridica privata) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447
11.54.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447
11.54.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447
11.55Metodo di calcolo retributivo fascista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 448
11.55.1 L'art. 12 del R.D.L. 636/1939 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 448
11.55.2 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 448
11.55.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449
11.55.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449
11.56Metodo di calcolo retributivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449
11.56.1 Applicazioni in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449
11.56.2 Principi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 450
11.56.3 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 450
11.56.4 Esempi in Italia di applicazione del metodo di calcolo retributivo . . . . . . . . . . . . . . 450
11.56.5 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 450
11.56.6 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 451
11.57Montante contributivo individuale nozionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 451
11.57.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 452
11.57.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 452
11.58Nucleo di valutazione della spesa previdenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 452
11.58.1 Il quadro normativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 453
xxiv INDICE

11.58.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 454


11.58.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 454
11.59Patto intergenerazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 454
11.59.1 L'ignoranza della Costituzione Italiana alla radice del mito del patto intergenerazionale . . . 455
11.59.2 La mancanza dei presupposti del patto intergenerazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 455
11.59.3 Dal patto intergenerazionale alla sostenibilit scale e sociale dei sistemi pensionistici pub-
blici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 455
11.59.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 456
11.59.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 456
11.60Pensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 456
11.60.1 La pensione nei rapporti giuridici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 457
11.60.2 Il nanziamento delle pensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 458
11.60.3 La pensione nell'ordinamento giuridico italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 458
11.60.4 Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 460
11.60.5 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 461
11.60.6 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 461
11.61Pensione anticipata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 462
11.61.1 Quadro generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 462
11.61.2 La riforma delle pensioni Fornero del 2012 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 463
11.61.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 463
11.61.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 463
11.62Pensione di anzianit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 463
11.62.1 Quadro generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 464
11.62.2 La riforma previdenziale Dini del 1995 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 464
11.62.3 La riforma delle pensioni Fornero del 2012 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 464
11.62.4 Gli elevati costi della pensione di anzianit per il sistema pensionistico obbligatorio . . . . . 464
11.62.5 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 465
11.62.6 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 465
11.63Pensione di Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 465
11.63.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 466
11.64Perequazione automatica delle pensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 466
11.64.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 466
11.64.2 Il tema della costituzionalit del blocco della perequazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 466
11.64.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 467
11.64.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 467
11.65Rapporto tra il gettito scale totale ed il PIL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 468
11.65.1 Descrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 468
11.65.2 La pressione scale in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 468
11.65.3 Teorie economiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 469
11.65.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 470
11.65.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 470
INDICE xxv

11.66Prestazione di previdenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 471


11.67Prestazione di previdenza sociale di diritto pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 471
11.67.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 471
11.67.2 Prestazione previdenziale a domanda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 471
11.67.3 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 471
11.68Prestazione di previdenza complementare di diritto privato contrattuale . . . . . . . . . . . . . . . 471
11.68.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 472
11.68.2 Prestazione previdenziale contrattuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 472
11.69Principio del bilancio in cassa chiusa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 472
11.69.1 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 472
11.69.2 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 473
11.70Principio del pro rata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 473
11.70.1 Applicazione in Italia nel campo della previdenza (pubbliche amministrazioni di forma giu-
ridica privata) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 473
11.70.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 473
11.70.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 474
11.71Principio della capitalizzazione integrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 474
11.71.1 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 475
11.71.2 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 475
11.72Principio di copertura nanziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 475
11.72.1 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 475
11.73Qualit della spesa pubblica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 475
11.73.1 La spesa pubblica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 475
11.73.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 476
11.74Rapporto tra il gettito scale totale ed il PIL . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 476
11.74.1 Descrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 476
11.74.2 La pressione scale in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 476
11.74.3 Teorie economiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 477
11.74.4 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 478
11.74.5 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 478
11.75Redistribuzione intergenerazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479
11.75.1 Solidariet intergenerazionale regressiva in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479
11.75.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479
11.75.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 480
11.76Redistribuzione intragenerazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 480
11.76.1 Solidariet intragenerazionale regressiva in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 480
11.76.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 481
11.76.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 481
11.77Remunerazione da crescita economica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 482
11.77.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 482
11.77.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 482
xxvi INDICE

11.78Rendita pensionistica legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 482


11.78.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 483
11.78.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 483
11.79Rischio biometrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 483
11.79.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 483
11.79.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 483
11.80Rischio demograco (previdenza sociale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 483
11.80.1 Caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 483
11.80.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 484
11.80.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 484
11.81Rischio di longevit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 484
11.81.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 484
11.81.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 485
11.81.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 485
11.82Rischio economico (previdenza sociale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 485
11.82.1 Il rischio economico nei sistemi pensionistici senza patrimonio di previdenza . . . . . . . . 485
11.82.2 Il rischio economico nei sistemi pensionistici con patrimonio di previdenza . . . . . . . . . 486
11.82.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 486
11.82.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 486
11.83Rischio politico (previdenza sociale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 486
11.83.1 Il rischio politico nei sistemi pensionistici senza patrimonio di previdenza . . . . . . . . . . 486
11.83.2 Il rischio politico nei sistemi pensionistici con patrimonio di previdenza . . . . . . . . . . . 487
11.83.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 487
11.83.4 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 487
11.84Riserva legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 487
11.84.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 487
11.84.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 488
11.84.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 488
11.85Riserva matematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 488
11.85.1 La riserva matematica nel campo della previdenza sociale pubblica . . . . . . . . . . . . . 489
11.85.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 489
11.85.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 489
11.86Risparmio previdenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 489
11.86.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 490
11.86.2 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 490
11.87Rivalutazione dei redditi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 490
11.88Saldo previdenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 490
11.88.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 490
11.88.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 490
11.88.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 490
11.89Schema pensionistico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491
INDICE xxvii

11.89.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491


11.89.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491
11.90Segmentazione del mercato del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491
11.90.1 La corporativizzazione del mercato del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491
11.90.2 La spoliazione legale nel mercato del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491
11.90.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491
11.91Segmentazione mentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491
11.91.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 492
11.91.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 492
11.92Servizio pubblico essenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 492
11.92.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 492
11.92.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 492
11.93Situazione stazionaria del sistema pensionistico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 492
11.93.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 492
11.93.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 493
11.94Sostenibilit scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 493
11.94.1 Il vincolo di bilancio inter-temporale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 493
11.94.2 Gli indicatori della sostenibilit scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 493
11.94.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 494
11.94.4 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 494
11.95Spesa corrente primaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 494
11.96Tasso annuo di capitalizzazione per la rivalutazione del montante contributivo individuale nozionale . 494
11.96.1 Tabelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 495
11.96.2 Tasso annuo per la capitalizzazione simulata negativo nel 2014 . . . . . . . . . . . . . . . 495
11.96.3 Le proposte di blocco della rivalutazione negativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 497
11.96.4 Le lotte dei sindacati dei pensionati durante la crisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 497
11.96.5 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 497
11.96.6 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 499
11.97Tasso di pensionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 500
11.98Tasso di sostituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 500
11.98.1 Applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 500
11.98.2 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 501
11.98.3 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 501
11.99Tecnica del diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 502
11.99.1 Tecnica del diritto di legittimit costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 502
11.99.2 Tecnica del diritto sulla applicazione di una legge non di rango costituzionale . . . . . . . . 503
11.99.3 Dierenze tra le due analisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 503
11.99.4 Il legislatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 503
11.99.5 Il glossario costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 504
11.99.6 I limiti e le nalit del controllo di legittimit costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . 504
11.99.7 Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 504
xxviii INDICE

11.99.8 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 509


11.100Teoria assicurativa nel diritto della previdenza sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 509
11.100.1Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 509
11.100.2Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 510
11.101Teoria della retribuzione dierita nel diritto della previdenza sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . 510
11.101.1La giurisdizione contraria alla teoria della retribuzione dierita . . . . . . . . . . . . . . . 510
11.101.2Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 510
11.101.3Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 511
11.102Tributo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 511
11.102.1Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 511
11.102.2Legislazione nel mondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 512
11.102.3Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 513
11.102.4Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 513

12 Appendice II Glossario da Wikipedia 514


12.1 Glossario da Wikipedia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 514

13 Appendice III Fantasie dei famosi 516


13.1 Fantasie dei famosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 516
13.1.1 Su il sistema a ripartizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 516

14 Appendice IV Alcuni studiosi dei sistemi pensionistici 517


14.1 Mattia Persiani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 517
14.1.1 Carriera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 517
14.1.2 Principi del diritto della previdenza sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 517
14.1.3 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 518
14.1.4 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 519

15 Appendice V Alcuni enti previdenziali 520


15.1 Alcuni enti previdenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 520

16 Appendice VI Sistemi pensionistici esteri 521


16.1 Sistema pensionistico svizzero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 521
16.1.1 Collegamenti esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 521

17 Appendice VII Confronto tra sistemi pensionistici 522


17.1 Confronto tra sistemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 522

18 Appendice VIII 25 regole della disinformazione 523


18.1 25 regole della disinformazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 523

19 Appendice IX 10 strategie del controllo sociale 526


19.1 10 strategie del controllo sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 526
19.1.1 Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 527
INDICE xxix

20 Appendice XII Citazioni del libro 528


20.1 Citazioni del libro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 528

21 Appendice XII Bibliograa 529


21.1 Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 529

22 Fonti per testo e immagini; autori; licenze 530


22.1 Testo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 530
22.2 Immagini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 538
22.3 Licenza dell'opera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 538
0.1. PUZZLE SORPRENDENTE 1

0.1 Puzzle sorprendente


< Indice >
< 0 - Premessa > < prec > < succ >
Arrivato a quasi 400 pagine di libro, mi ritrovo a fare per l'ennesima volta una premessa-sintesi sul contenuto del
libro, in questo caso con uno spirito completamente cambiato.
Dopo che mi sono arrivati dei riscontri positivi sui suoi contenuti, mi stato chiesto quali erano le motivazioni e il
ne di questo enorme sforzo.
Ci mi ha stimolato a riettere sul frutto di 4 anni di lavoro e mi sono reso conto che ho avuto un risultato che non
mi aspettavo.

0.1.1 Motivazione iniziale


L'impulso che ha dato il via al lavoro dovuto alla approvazione della riforma delle pensioni di Inarcassa del 2012.
Entrando nei dettagli ho avuto modo di appurare che nelle pieghe dei regolamenti, in modo totalmente incompren-
sibile a prima lettura si annidava il taglio retroattivo delle aspettative pensionistiche per chi non sarebbe riuscito a
raggiungere i 35 anni di iscrizione (art. 20 c. 1 del regolamento[1] e art. 20 c. 2 del regolamento)[2] ed al contempo la
salvaguardia delle pensioni retributive per chi aveva maturato al 31/12/2012 venti anni di contribuzione (art. 32 c.6
del regolamento 2012)[3] .
Senza avere ancora padronanza del glossario che ho scritto dopo, mi sono subito accorto che in tre commi si consumava
il furto generazionale ossia mentre ad alcuni si garantivano le aspettative pensionistiche sulle pensioni paghi uno e
prendi otto, alla stragrande massa si applicava il principio della discriminazione generazionale usando retroattivamente
il metodo di calcolo contributivo con aliquote contributive ridicole che restituiranno pensioni da fame.
In particolare mi sono accorto subito che, per le migliaia di ingegneri ed architetti che si cancellano ogni anno da
Inarcassa, il nuovo regolamento di previdenza di Inarcassa applica il principio di disuguaglianza ammesso nella nostra
Costituzione reale, come sar spiegato in seguito.
Mentre nel dibattito pubblico si parla continuamente di tutela dei diritti acquisiti che in campo previdenziale non
esistono, mi sono quindi accorto che i tagli retroattivi per noi liberi professionisti non solo sono possibili, ma li hanno
messi nelle leggi.
Sulla base di questo presupposto ho iniziato ad indagare il sistema pensionistico pubblico italiano partendo da uno
stimolante tweet che ho trovato in rete e che diceva: Cultura signica avere parole. Avere parole signica capire. Capire
signica poter contrastare. Poter contrastare signica avere forza.
Mi sono infatti reso conto che per descrivere la situazione attuale mi mancavano le parole, il dizionario previ-
denziale su Wikipedia era del tutto inesistente. Il glossario di Inarcassa parlava di solidariet intergenerazionale e
intragenerazionale senza chiarire che era dai poveri verso i ricchi.
Ho quindi inserito un centinaio di nuove voci su Wikipedia e con esse ho iniziato a trarre le prime conclusioni.
In pratica come se ho iniziato a costruire le tessere che messe insieme avrebbero dato la visione del sistema
pensionistico pubblico che mi era totalmente indecifrabile.
Il problema era che a anco di un glossario istituzionale avevo per bisogno, per descrivere la realt, di un glossario
del conitto che descrivesse quelle che per me erano delle aberrazioni ossia palesi ingiustizie.
E qui ho creato altre tessere diciamo non istituzionali che per erano utili per andare avanti nella costruzione del
puzzle.

0.1.2 Incontro con la spoliazione legale di Frederic Bastiat


Il glossario del conitto, che nella prima fase sembrava pi un capriccio o una forzatura, ha assunto una perfetta logicit
dopo che mi capitato di leggere due articoli[4][5] che descrivevano il concetto di spoliazione legale introdotto da
Frdric Bastiat nel suo libro "La Legge" del 1850 ca. e mi sono reso conto che le aberrazioni del sistema pensionistico
pubblico dei liberi professionisti individuate dalle voci furto generazionale, discriminazione occupazionale, principio
di disuguaglianza ed altre, erano perfettamente spiegabili in tal senso.
Con questo concetto in mano, tutte le tessere iniziavano a combaciare e compenetrarsi.
2 INDICE

Ma il concetto era troppo astratto per cui, studiando nel dettaglio le modalit di attuare la legislazione previdenziale,
vericate leggendo i bilanci di Inarcassa, l'editoria istituzionale, i contenuti degli incontri pubblici, ho piano piano
codicato la tecnica della spoliazione legale individuando in primo luogo un nuovo termine ossia il patrimonio preda.
E questa stata la prima sorpresa in quanto questo strumento non era utile solo per comprendere la legislazione sulla
previdenza bens i molti campi della nostra vita.
La normativa retroattiva sulle obbligazioni subordinate, che le ha inserite tra i patrimoni aggredibili con il bail-in,
un esempio recente di spoliazione legale.

0.1.3 Incontro con il concetto di contratto sociale e il caso delle leggi incostituzionali
Uno snodo fondamentale stato il suggerimento che mi stato dato di approfondire il concetto di contratto sociale
contenuto nella Costituzione.
Questi concetti sono ancora assenti sulla Wikipedia italiana e mi sono appoggiato principalmente a quella francese.
Insieme a questi concetti ho approfondito il discorso dell'interesse pubblico e dei tributi.
Questi concetti sono posti a fondamento del sistema pensionistico pubblico e l'unione della spoliazione legale al
contratto sociale mi ha fatto porre una domanda: come possibile che la Costituzione che tutela tutti i diritti, possa
permettere che si attui impunemente la spoliazione legale?
La prima scoperta che la prima parte della Costituzione, quella che elenca i diritti ed i doveri programmatica,
ossia un elenco di buoni propositi che possono benissimo restare lettera morta.
Inoltre, andando ad approfondire la Costituzione mi sono reso conto che c' un buco nella nostra Costituzione ed esso
nella parte che regola le modalit con cui si possono eliminare dall'ordinamento le leggi incostituzionali.
Come ho spiegato, rispetto ad altre democrazie, la nostra ha creato un meccanismo, che io denirei di spoliazione
legale costituzionale per cui le leggi incostituzionali possono rimanere vigenti anche 40 anni.
Questo passaggio stato fondamentale in quanto la regola che alla base della spoliazione legale che essa si basa
sempre su una legge incostituzionale.
Da qui nata la prima denizione del comportamento delle lite che ho chiamato logica del tradimento in quanto
nella predisposizione delle leggi si tradisce in primis la Costituzione programmatica e con essa anche i deboli, gli
analfabeti nanziari, le vittime della asimmetria informativa ossia i saccheggiati.

0.1.4 Incontro con Noam Chomsky


Quando andando avanti nella lettura di vari articoli mi sono imbattuto nel decalogo sulle strategie di controllo sociale
che poi ho scoperto falsamente attribuitogli, ho capito che si sposava perfettamente con la tecnica della spoliazione
legale.
Il decalogo descrive quali sono le precondizioni da avere nel consenso sociale per poter attuare nel Parlamento (la
casa della spoliazione legale) la legislazione di spoliazione legale.
Quindi la tecnica della spoliazione legale, che in una prima fase avevo codicato solo per quanto riguarda la parte
tecnica della legge, si arricchita di una parte di contorno propedeutica ossia quella che ho chiamato della costruzione
della verit.
Costruzione della verit che era il frutto del glossario farlocco che trovavo d'uso corrente in tutti quelli che ho
individuato come le lite che attuano la spoliazione legale.
In questa fase vi stato quindi un ampliamento del concetto di spoliazione legale individuando il modello della
segmentazione sociale legale.
Senza questa ulteriore spiegazione del diritto e senza queste nuove parole per descrivere la realt sociale non era
pienamente comprensibile la modalit tecnica legislativa di attuazione della spoliazione legale.
In particolare ho individuato i quattro campi del diritto in cui avviene la discriminazione che porta alla spoliazione
legale e sono: tributario, previdenziale, mercato del denaro, mercato del lavoro.
Invece Chomsky mi ha illuminato per queste sue considerazioni:
vanno eliminate le istituzioni che attuano la spoliazione legale (che lui denisce tutto per noi stessi e niente per gli
altri) e non le persone che le guidano in quanto queste, se attaccate, saranno eliminate dal sistema stesso.
0.1. PUZZLE SORPRENDENTE 3

Questo mi ha fatto capire che non vanno criminalizzate le singole persone a capo di una istituzione, inutile, dispen-
dioso e senza risultati pratici. Sono le modalit di funzionamento della istituzione che attua la spoliazione legale che
vanno contrastate no alla eliminazione della istituzione stessa in quanto applica leggi anticostituzionali.[6]
Dal suggerimento di Chomsky, unito alle speciali doti legislative dei delegati di Inarcassa, ho capito che questa pub-
blica amministrazione diventata una istituzione da eliminare in quanto basata sul principio tutto per noi stessi,
niente per gli altri.

0.1.5 Incontro con Susan George

Successivamente mi capitato di leggere un articolo di una scienziata sociale Susan George intitolato La guerra di
classe l'hanno stravinta i ricchi[7] che conteneva due importanti concetti: egemonia culturale introdotto da Gramsci e
mancanza di elaborazione di una prospettiva da parte degli oppositori in Spagna appartenuti al movimento Occupy.[8]
Consultando Wikipedia ho potuto constatare che egemonia culturale faceva il paio con quella che nella tecnica della
spoliazione legale ho chiamato costruzione della verit.
Tanto Chomsky quanto Susan George parlano quindi di lite che manipolano controllano e gestiscono la politica.
Loro per non spiegano il passaggio per cui tale controllo avveniva attraverso le leggi, mentre Bastiat lo ha messo
subito in evidenza.
Quindi Chomsky e George mi davano la conferma sulla teoria di Bastiat ma solo sulle tecniche di costruzione di
quelle che Bastiat nel 1850 deniva sosmi, inganni, fallacie.
Ai tre io ho aggiunto due concetti: che le leggi violano la Costituzione programmatica e che le leggi per forza di cose
creano la segmentazione sociale legale.
Messe insieme queste nuove tessere, mancava una pi esatta denizione delle lite che attuano la spoliazione legale.
La cosa pi importane detta da Susan George era comunque che le lite della opposizione non hanno mai saputo
elaborare proposte alternative e che non sono mai state egemoniche.
A questo punto mi sono convinto che lo scontro politico tra lite e come aveva capito Gramsci la prima cosa che
deve fare una lite conquistare l'egemonia culturale.
Ma se gli oppositori non hanno la pi pallida idea di cosa sia la spoliazione legale, come fanno ad elaborare una
strategia?
Il libro quindi, doveva dare una chiave di lettura della realt ad una lite di opposizione che no ad oggi brancola nel
buio.

0.1.6 Draghi contro la spoliazione legale

Dalla citazione di Chomsky Draghi ha detto che il contratto sociale morto, dopo un intervento su questo libro che
spiegava che bisogna risalire alle fonti e sviluppare un pensiero critico, sono risalito alla intervista di Draghi sul Wall
Street Journal ed ho letto le esatte parole di Draghi.[9]
I giornalisti intervistatori hanno riportato su una parte dell'articolo le parole di Draghi correttamente[10] mentre in una
altra parte dell'articolo si sono inventati che Draghi avrebbe detto che il contratto sociale tradizionale obsoleto[11]
quando Draghi nella intervista aveva fatto una battuta ben diversa. [12] .
Un conto dire che c'erano soldi a palate da distribuire, un conto dire che il contratto sociale obsoleto.
Quindi anche Chomsky stato vittima della costruzione della verit fatta dai media.
L'intervista di Draghi invece interessantissima in quanto, pone sullo stesso piano, il modello sociale e l'economia,
con Draghi che critica la essibilit imposta ai giovani, ossia il doppio standard di protezione sociale tra i pi tutelati
e gli ultimi che hanno subito con la crisi la disoccupazione al 50%.
E Draghi dice di fare il consolidamento scale buono ossia di tagliare le tasse e le spese correnti, naturalmente
quelle della spoliazione legale, e fare le riforme del lavoro per dare pi lavoro.
E si spiega meglio criticando i governi che fanno il cattivo consolidamento scale, la cattiva austerity ossia tagliare
gli investimenti (che creano lavoro ai giovani) ed aumentare le tasse per coprire le cattive spese correnti non tagliate
ossia che servono per nanziare la spoliazione legale.
4 INDICE

Questo esattamente quello che ha fatto la riforma delle pensioni Fornero quando ha aumentato le aliquote con-
tributive, non ha tagliato le pensioni regalate, ha allungato l'et di pensionamento bloccando il ricambio di botto e
diminuendo il numero dei pensionati ossia dei fruitori del welfare pur con un aumento della spesa pubblica.
Invece andavano diminuite immediatamente le pensioni regalate, continuati gli investimenti e aumentata l'et di
pensionamento in parallelo con l'aumento di occupazione, non creando disoccupazione.
E cosa dire della lettera di Draghi e Trichet al Governo italiano del 5 agosto 2011?[13] .
Certo ci sono anche i punti 1 e 2 discutibili, ma il punto 3 non chiede di cancellare lo stato sociale o dice che il
contratto sociale obsoleto.
Il punto sul mercato del lavoro una accurata revisione delle norme che regolano l'assunzione e il licenziamento dei
dipendenti, stabilendo un sistema di assicurazione dalla disoccupazione e un insieme di politiche attive per il mercato
del lavoro che siano in grado di facilitare la riallocazione delle risorse verso le aziende e verso i settori pi competitivi
prevede interventi nelle assunzioni e Draghi ha fatto presente che la segmentazione del mercato del lavoro non
auspicabile.
Ma chi stato il responsabile della segmentazione che ha portato al disastro?
La essibilit non iniziata con il pacchetto Treu e continuata con la legge Biagi.
L'intervista e la lettera di Draghi ha un grosso merito ossia di far capire che l'economia, il lavoro, la previdenza sociale
pubblica sono totalmente interconnesse e vanno trattate contemporaneamente come ho provato a fare nel libro, ma
come dicilmente vengono arontate dai politici italiani.
Il dibattito politico si svolge tutto per settori, una volta le pensioni, una volta il mercato del lavoro, una volta il debito
e il costo dei dipendenti, perdendo quindi il lo logico che altrimenti condurrebbe al sano consolidamento scale.
Ma solo trattando le cose separatamente l'lite riesce a gestire la spoliazione legale.

0.1.7 Incontro con Michele Boldrin

Questo stato un incontro su Twitter ed ha riguardato uno scambio di battute sul termine sostenibilit dei sistemi
pensionistici pubblici.
L'illuminazione che mi ha dato stata quando ho chiesto a Michele Boldrin cosa signica che il sistema pensionistico
pubblico sostenibile come dice Tito Boeri e Pier Carlo Padoan e lui mi ha risposto Nulla, coma abbiamo provato
nel nostro scambio. Parlano a vanvera.
Ci mi ha fatto riettere su come si costruisce la verit in Italia. Un professore che viene scelto da diverse universit
americane, si permette di dire che il nostro ministro dell'economia parla a vanvera.
E a conferma del fatto che ci siamo capiti ha messo un mi piace sul mio I contributi sono tributi, la sostenibilit
esiste no alla manovra successiva.
Pochi giorni dopo leggevo un suo precedente articolo su noiseFromAmerica dove lamentava l'ignoranza degli studenti
della nostra contabilit nazionale[14] e leggendo la denizione gi si capiva subito il perch quella che era denito
il sistema pensionistico pi sostenibile d'Europa gi ai primi di marzo del 2016 evaporava sotto la richiesta della
Commissione Europea di una manovra correttiva dei conti pubblici.
Con questo scambio andavo quindi a compilare la voce Macroeconomia dei sistemi pensionistici pubblici che di
seguito spiegava il concetto della sostenibilit che non esiste.
E con questo incontro riettevo sul fatto che se i cervelli italiani sono in fuga, non detto che le idee, nell'era del web,
non possano ritornare, magari prima di loro e di poterle sfruttare per conquistare l'egemonia culturale e contestare
pubblicamente chi parla a vanvera o per ignoranza o perch un costruttore di verit organico alle lite dominanti.
Ed infatti mi rendevo poi conto che, mentre in Italia molti personaggi pubblici negano la natura tributaria dei contributi
previdenziali,[15] altri cervelli in fuga o cervelli rientrati, mi confermavano quello che ovvio in tutto il mondo.

0.1.8 Incontro con la massoneria

Casualmente in tv viene trasmessa l'intervista[16] ad un funzionario francese della previdenza sociale Maurice Caillet
autore del libro Ero massone, che raccontava la passione della massoneria nella elaborazione delle leggi.
0.1. PUZZLE SORPRENDENTE 5

D> Secondo lei si parla sempre che la massoneria che governa il mondo, la massoneria che governa la nanza,
la massoneria che addirittura riesce ad intervenire sui governi, sui governi interi dei paesi sovrani, nazionali facendo,
come nel caso della Francia, promuovendo l'aborto, promuovendo il divorzio, insomma quei principi non negoziabili
di cui parla la chiesa cattolica. Vorrei chiederle, vero che la massoneria ha tutta questa forza e riesce ad incidere, in
modo cos forte all'interno dei paesi nazionali e soprattutto come fa concretamente ad incidere
R> In eetti molte leggi sono preparate nelle logge quindi le logge servono a scambiare, a fare degli scambi sul piano
intellettuale, questa la base del lavoro, e si arriva a delle conclusioni su scala regionale, su scala nazionale, spesso dei
progetti di legge vengono elaborati nelle logge, poi i massoni, che sono deputati o ministri, gli piace molto fare questo
lavoro perch viene preparato da altri fratelli, una cosa buona poi alcune leggi sono gi praticamente pronte per
essere presentate alla Camera dei deputati ed in seguito al governo. Io sono stato molto vicino a questa situazione, molto
coinvolto quando si trattato della vecchia legge sull'aborto perch ero ginecologo e sono stato impegnato a sinistra, nella
massoneria e l mi sono reso conto che quando Giscard D'Estaign stato eletto che sembrava che non fosse massone
per nel suo gabinetto c'era il grande maestro del grande oriente che si chiamava Prot ed era al Ministero della Salute
e degli Aari Sociali ... quindi c'era un grande maestro con il presidente e un grande maestro con il ministro della Sanit
e quindi la legge passata molto facilmente perch al momento della scelta da parte del Parlamento i deputati di sinistra
hanno votato a favore ma i deputati di destra, che erano massoni e purtroppo ce n'erano molti hanno votato anche loro
a favore e quindi il governo ha avuto la maggioranza che voleva.
Spiegava quindi come le leggi venissero redatte nelle logge e portate in approvazione dal ministro da massoni a lui
vicino.
Ed ancora ... io ero un socialista di medio livello ... ove si comprende la variet delle associazioni ove sono presenti.
In particolare evidenziava come l'attivit speculativa sulla formazione delle leggi era particolarmente stimolante per
gli appartenenti alla loggia.
Ecco quindi l'ultima tessera del puzzle, la massoneria non come associazione dedita all'esoterismo, per lo meno come
attivit principale, come crede la Chiesa cattolica[17] bens alla ben pi procua tecnica della spoliazione legale.[18]
Chi altri avrebbe potuto redigere il famoso regolamento di Inarcassa fatto apposta per continuare a pagare per lungo
tempo le pensioni paghi uno e prendi otto e nel contempo al taglio retroattivo per la massa di precari che si formata
in questi anni?
L'analisi di come agisce la massoneria mi ha fatto aggiungere lo spirito con cui le lite che si rifanno alla massoneria
agiscono e precisamente quelle che ho chiamato la logica del tradimento e la logica del vigliacco.
La seconda particolarmente signicativa e spiega il motivo della segretezza della appartenenza di un massone ad
una loggia che si dovrebbe occupare di lantropia, esoterismo, fraternit, uguaglianza e libert.

0.1.9 Il puzzle sorprendente


Il libro quindi ha assunto questa sionomia: i capitoli 6 e 7 spiegano la spoliazione legale mentre gli altri spiegano il
sistema pensionistico che in molte situazioni non altro che un esempio di applicazione della spoliazione legale.
A questo punto, il puzzle iniziato senza una immagine guida, non solo cominciava a chiudersi in ampie zone, ma
ragionando con un lo conduttore unico, mi ha dato lo strumento per comprendere diversi altri casi di spoliazione
legale.
Il libro non pi quindi un semplice manuale di diritto della previdenza sociale pubblica bens un manuale di sociologia
e scienze politiche che mostra con quali tecniche le lite controllano i saccheggiati.
Lo schema che seguono sempre lo stesso ed sintetizzato con la favola di Pinocchio.

0.1.10 La favola di Pinocchio


La tecnica della spoliazione legale descritta nel dettaglio su un centinaio di pagine nei capitoli 6 e 7.
Dicile era trovare una sintesi no a ch, casualmente mi venuta in soccorso la favola di Pinocchio nel capitolo
XVIII e XIX dove si descrive l'incontro con il Gatto e la Volpe.
Nel web circolano notizie false sulla appartenenza di Collodi alla massoneria.
Non so se un caso, ma Collodi ha fatto con Pinocchio esattamente l'operazione opposta a quella che gli si imputa
ossia, ha descritto metaforicamente, come la massoneria applica la tecnica della spoliazione legale.
6 INDICE

Si ritrovano le corrispondenze alla favola in alcuni casi di deriva della nanza (il metodo pi rapido ed ecace per
separare gli stupidi dai loro soldi) es. le obbligazioni delle banche fallite in Italia nel 2015, gli NPL sempre delle
banche o quello delle casse di previdenza dei liberi professionisti di cui al D.Lgs. 509/1994:

1. Pinocchio rappresenta i saccheggiati;


2. Il Campo dei Miracoli il prodotto nanziario (dicitura che rientra nella trua semantica);
3. I 4 zecchini d'oro che ha Pinocchio, sono i contributi previdenziali ossia i tributi ed in genere tutti i versamenti
fatti;
4. L'albero degli zecchini d'oro il meccanismo di spoliazione legale attuato attraverso gli inganni, le fallacie, i
sosmi, es. per le casse attraverso il regolamento di previdenza ed il bilancio tecnico;
5. I 1000 zecchini d'oro promessi sono i risultati del bilancio tecnico destinati a non avverarsi mai;
6. Il seppellire gli zecchini d'oro l'obbligo per legge di versare i contributi previdenziali obbligatori e di costituire
il patrimonio preda;
7. L'annaamento degli zecchini d'oro sono le ulteriori spese che le casse fanno per prestazioni non inerenti
l'attivit istituzionale;
8. L'attesa della nascita dell'albero , per le casse, la cosiddetta sostenibilit ossia la promessa che si avveri un
fatto miracoloso quale la nascita dell'albero degli zecchini d'oro o l'avverarsi delle assurde condizioni previste
nella redazione dei bilanci tecnici;
9. La Volpe si pu far rappresentare dagli attuari che spiegano il bilancio tecnico agli iscritti salvo dimenticare
che non contiene ad esempio il tasso di sostituzione netto che descrive l'adeguatezza delle pensioni o che
quantichino la probabilit che si avverino tutte le ipotesi fatte nella redazione del bilancio tecnico per i prossimi
50 anni ossia zero assoluto;
10. Il Gatto pu essere rappresentato da tutti gli stakeholders che hanno immediati riscontri economici positivi dai
4 zecchini d'oro seppelliti, sistema che invece non garantisce nulla a chi paga ossia i Pinocchio della situazione.
11. I ringraziamenti di Pinocchio al Gatto ed alla Volpe sono la carenza di istruzione nanziaria e l'asimmetria
informativa;
12. Mangiafoco lo Stato che immette liquidit nel sistema, liquidit che con i meccanismi di spoliazione legale
va ad avvantaggiare solo le lite;
13. La scimmia giudice rappresenta l'essenza della spoliazione legale ossia la giustizia negata. Nello stato di diritto
la giustizia l'unica arma di difesa del debole contro i forti. Il debole non pu avere paura della giustizia, il
forte s perch la forza dello Stato superiore a tutto e tutti. Negare la giustizia signica tutelare i forti.
14. La sentenza della scimmia giudice pu sembrare incomprensibile in quanto Pinocchio ha spiegato esattamente
tutte le sue ragioni ed il meccanismo della trua. Ma Pinocchio non ha capito che il meccanismo della trua
legale, quindi lui il colpevole visto che ha chiesto di intervenire contro il Gatto e la Volpe che si sono
comportati in modo perfettamente legale. Ecco quindi che al Pinocchio di turno, che protesta della ingiustizia
subita in base ad ovvie violazioni della Costituzione, lo Stato ore bastonate di legalit".
15. L'amnistia l'ulteriore umiliazione initta a Pinocchio che per uscire di prigione e riacquistare la libert de-
ve dichiararsi malfattore al pari degli altri carcerati, proprio perch lui che ha violato la legge incolpando
falsamente il Gatto e la Volpe;
16. Il paese di Acchiappacitrulli l'Italia;
17. Gli animali spennati sono le vittime italiane di tutte le ultime spoliazioni legali, a partire dai bond Parmalat,
i titoli dell'Argentina venduti dalle banche nell'ultimo periodo, le quattro banche fallite con i crediti concessi,
senza garanzie ed all'ultimo momento, agli amici degli amministratori, la vendita delle obbligazioni subordinate
fatte all'ultimo momento prima del default solo da alcuni importanti titolari di conti;
18. Il Pappagallo uno di questi saccheggiati che racconta il suo disincanto dopo aver perso tutto nella nanza
creativa e nella borsa;
19. Il grillo parlante l'Europa che ce lo chiede;
0.1. PUZZLE SORPRENDENTE 7

0.1.11 Incontro con Beppe Scienza ed il Movimento Cinque Stelle

Nella spiegazione della costruzione della verit, risultata completamente assente la voce dei professori universitari
che hanno le competenze per smascherare i professori organici nella costruzione della verit, fondamento per attuare
i meccanismi di spoliazione legale.
Anche quando vengono individuati e compresi nella loro complessit non evidenziano il collegamento delle leggi di
spoliazione legale con le leggi incostituzionali che ne sono alla base e che dovrebbero portare alla loro eliminazione.
La spoliazione legale sempre basata su una legge incostituzionale.
Le lite all'opposizione dovrebbero in primis riconquistare l'egemonia culturale, ma neanche sanno cosa sia.
Dovrebbero riaermare i principi costituzionali violati ma sono ignoranti delle pi semplici nozioni del diritto.
Se prendiamo l'esempio di Beppe Scienza ed analizziamo le sue opere, vediamo che forse il massimo critico dei
fondi pensione e del risparmio gestito, almeno secondo quanto scritto su Wikipedia e quanto da lui scritto in un
articolo sul blog di Beppe Grillo, consciamente o inconsciamente partecipa lui stesso alla costruzione della verit che
alla base della spoliazione legale.
Nel caso dei fondi pensione la verit costruita non riguarda tanto i rendimenti pi o meno alti, pi o meno congrui,
bens la tutela del risparmio prevista dall'art. 47 della Costituzione
Art. 47
La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla lesercizio del
credito.
Favorisce laccesso del risparmio popolare alla propriet dellabitazione, alla propriet diretta coltivatrice e al diretto e
indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese.
Basterebbe questa semplice osservazione per capire che un risparmio previdenziale quale il TFR che deve avere la
massima tutela sia come risparmio in s ma anche in quanto destinato alla previdenza sociale pubblica, non pu essere
investito come un capitale di rischio in azioni, hedge fund, fondi comuni, azioni non quotate, senza avere garanzie
che non siano quelle del mercato che non le d.
Ebbene, Beppe Scienza, volendo contestare l'operato del governo, in fase di approvazione del nuovo regolamento
sugli investimenti dei fondi pensione, invita a segnalare al ministero, la mancanza di trasparenza nel caso si adino i
risparmi ai fondi comuni o negli strumenti nanziari non quotati, ritenendo invece che l'alternativa dell'investimento
diretto nei mercati nanziari sia ammissibile.
Beppe Scienza arriva a dire "Calpesta ogni regola di prudenza permettere direttamente il 30% in strumenti nanziari
non negoziati in mercati regolamentati (art. 5 comma 1): a un fondo devono essere permessi solo titoli quotati".[19]
" inammissibile equiparare fondi comuni e simili (i cosiddetti OICR) agli strumenti nanziari negoziati nei mercati
regolamentati, cio in pratica ai titoli quotati (art. 5 comma 1)"[20]
Acquistare le azioni signica diventare proprietari di una azienda. Signica fare l'imprenditore. Il risparmio diventa
capitale di rischio. Questo per Beppe Scienza plausibile. Questo signica giocare con l'analfabetismo nanziario nei
quali siamo tra i primi al mondo.
Il Movimento 5 Stelle sceglie quindi la costruzione della verit sulla quale si basa l'attivit di quelli che Beppe Scienza
denisce i pescecani.
Anche nel caso delle Casse di previdenza dei liberi professionisti, in una risoluzione in parlamento, il Movimento 5
Stelle ha assecondato la costruzione della verit posta a fondamento della spoliazione legale.[21]
In questo caso infatti la costruzione della verit va anche oltre quella gradita alle casse andando addirittura ad equi-
pararle alla previdenza complementare. Cosa impossibile visto che il nanziamento con i tributi. Ma intanto il
messaggio che passa che i liberi professionisti sono iscritti ad un fondo pensione che investe in borsa e rende molto
di pi dell'INPS. Ignorando invece che la situazione opposta, che le casse servono a pagare le pensioni paghi uno e
prendi otto dei professionisti, quelli s, alfabetizzati nanziariamente e che fanno parte dei costruttori di verit.
Quindi non basta ergersi a paladini dell'antisistema, bisogna anche capire che la stella polare contro la spoliazione
legale la Costituzione.
Se non si conosce o si fa nta di non conoscerla, ci saranno sempre le favole che le Volpi ed i Gatti continueranno
a raccontare come l'Albero degli zecchini d'oro moltiplichi i denari innite volte e ci saranno i Pinocchio pronti a
seppellire gli zecchini d'oro (il patrimonio preda).
8 INDICE

0.1.12 Conclusioni

Se l'impulso a scrivere nato per capire il sistema pensionistico pubblico, la conclusione dell'indagine stata la
scoperta della spoliazione legale e di come vengono implementate nel nostro ordinamento leggi che violano i prin-
cipi programmatici della nostra Costituzione. Questo in quanto la stessa Costituzione permette di lasciare i principi
programmatici lettera morta e di implementare la Costituzione reale che opera in modo diametralmente opposto.
[22]
Quello che ho cercato di codicare non altro che una branca del diritto che, come diceva Bastiat, non veniva
ravvisata come un problema dagli economisti, ma neanche dagli studiosi del diritto.
Una branca che potrebbe prendere il nome di diritto incostituzionale e l'economia che genera economia della
spoliazione legale.
Anche se non sta a me dirlo, la comprensione della tecnica della spoliazione legale, no ad ora mai codicata da
nessuno in dettaglio come ho fatto, fornisce uno strumento unico di comprensione dei comportamenti dei politici
e dei legislatori, permettendo di individuare sul nascere, gi al momento della presentazione di una legge, i casi di
spoliazione legale.
Quando avete una norma incostituzionale, aancata ad una costruzione della verit che, in punta di diritto, fa acqua
da tutte le parti, ed in pi si in presenza di un patrimonio preda, si capisce subito chi sono i saccheggiati e chi le
lite.
Questo libro non altro che un manuale per chi vuole diventare l'lite che si oppone a quella attualmente egemonica.
Mi sono capitate di leggere risoluzioni del Movimento 5 stelle che contenevano le costruzioni della verit dell'lite
che applica la spoliazione legale.
Se prima non si conquista l'egemonia culturale che riaerma le verit costituzionali, una proposta alternativa alla
spoliazione legale non neanche possibile elaborarla per l'opposizione.
Che dire ad esempio dell'emendamento che aveva aumentato le pensioni pi alte all'interno del testo di legge della
riforma Fornero e del quale non si mai rintracciato l'autore?
Basterebbe la semplice tracciabilit di ogni parola inserita nei testi di legge per individuare nel Parlamento, ossia nella
Casa della spoliazione legale, chi ne sono gli autori.
Strano che le approvazioni delle leggi di spoliazione legale non abbiano dei padri che le rivendicano.

0.1.13 La morale della favola

Nel libro di Pinocchio, il Gatto e la Volpe sfruttando l'ingenuit del burattino rubano gli zecchini d'oro.
Nel mondo reale ci avviene attraverso la spoliazione legale che si ripresenta ogni volta che l'analfabetismo nanziario
non contrastato da alcuna lite.
Il contrasto deve avvenire nelle universit e nella Casa della spoliazione legale ossia in Parlamento.
Quando una norma di spoliazione legale stata approvata gi tardi in quanto abbiamo visto che la Costituzione
italiana di fatto impedisce la sua eliminazione e la giustizia italiana, anche se si dovesse muovere, interviene dopo
anni, quando i danni sono stati fatti.
Dire che va fatta l'alfabetizzazione nanziaria della massa o l'alfabetizzazione previdenziale di tutti i liberi professio-
nisti signica volere perpetuare il saccheggio all'innito.
Il libro serve quindi come un manuale rivolto alle lite per la comprensione della tecnica della spoliazione legale
e per la parte relativa ai sistemi pensionistici, un manuale di alfabetizzazione previdenziale, base minima per la
comprensione dei meccanismi di spoliazione legale nell'ambito della previdenza sociale pubblica.
L'appendice sugli errori degli esperti, non sono altro che un elenco di quelli che parlano a vanvera e con questo modo
alimentano la favola dell'Albero degli zecchini d'oro.
Chomsky ha spiegato che le istituzioni che praticano la spoliazione legale vanno eliminate.
Se cos si facesse, si eliminano le fonti cui si abbevera la massoneria e come nella favola di Pinocchio al cap. XXXVI
il Gatto e la Volpe si troverebbero a fare i mendicanti.
Tutto dipende dalla nascita di lite che la sappiano contrastare ecacemente. Associazioni che sappiano trovare gli
anticorpi per eliminare le inltrazioni.
0.1. PUZZLE SORPRENDENTE 9

0.1.14 La proposta

L'analisi della spoliazione legale, mi porta a dire che la semplice protesta senza cognizione di causa, protesta fatta sui
danni patiti ma senza saper argomentare inutile e controproducente, e si fa la ne di Pinocchio davanti al Giudice
scimmia.
Ripercorrendo al contrario l'analisi fatta dagli studiosi su cui ho basato il libro, mi porta a dire che, per contrastare
la spoliazione legale, deve nascere una lite di opposizione a quella egemonica che in primo luogo sappia annullare
il gap culturale che alla base dell'asimmetria informativa o analfabetismo nanziario o previdenziale e che quindi
riscopra i contenuti autentici della Costituzione.
Superata questa prima fase, purtroppo senza l'aiuto delle universit che sono dentro il meccanismo di costruzione
della verit, questa lite dovrebbe riconquistare l'egemonia culturale.
Il contrasto deve avvenire tra le lite in due modi:
Il contrasto all'lite denominata Volpe ossia i costruttori della verit nelle Universit sono facilmente confutabili in
quanto i professori dovrebbero continuare a sostenere tesi assurde e un contraddittorio con i suoi studenti che sono
acculturati e critici.
Pi complicato confutare la verit costruita in Parlamento in quanto va annullata la verit uciale che oltre che
sulle fallacie dei professori universitari compiacenti, si appoggia altre verit costruita nel Parlamento e costituita da
tutte le leggi incostituzionali vigenti.
E per superare questa fase non si pu certo attendere che tutte le leggi incostituzionali vigenti siano vagliate dalla
Corte Costituzionale.
Sarebbe una attesa di decenni e mai esaustiva visto che la Costituzione non permette che il rinvio pregiudiziale in via
incidentale nel corso di un giudizio.
Signica che devono sparire dal dibattito pubblico tutte le cose dette a vanvera ossia vanno individuati i costruttori di
verit in ambito universitario, parlamentare, giornalistico, saggistico.
Quando si superato questo passaggio, bisogna ritornare nella Casa della spoliazione legale di oggi e farla ritornare
ad essere un Parlamento che sappia eliminare le leggi di spoliazione legale facendo semplicemente leggi in linea con
la Costituzione.
Per facilitare la comprensione dei meccanismi di spoliazione legale, mi sono cimentato anche nella elencazione delle
regole che servono per individuare un caso di spoliazione legale in modo che, sommando pi indizi, ci si senta facilitati
nella conferma di una cosa che riguarda comunque una costruzione intellettuale.
La lite del Gatto fa invece riferimento a tutti i beneciari della spoliazione legale e in questo caso il contrasto
consiste semplicemente nella constatazione di come il patrimonio preda nisce nelle loro tasche.
Inoltre ho elencato come una ipotetica lite dovrebbe intervenire nel dibattito pubblico no a fare capire quali sono i
requisiti minimi per scalzare la massoneria dalle istituzioni e dalle associazioni.
Ad esempio i regolamenti elettorali e le leggi elettorali che garantiscono i posti assicurati, sono un lasciapassare diretto
ad eventuali massoni che sono riusciti ad occupare posizioni di vertice dei partiti.
Il trasformismo non altro che la naturale conseguenza di queste normative indispensabili per la spoliazione legale.

0.1.15 La Costituzione la stella polare del contratto sociale

La prima parte della Costituzione con l'elenco dei diritti da tutelare e dei doveri da implementare ha natura program-
matica, e gli intellettuali non organici alle lite dominanti tendono ad esaltare la nostra Costituzione, ma si fermano
spesso alla sua funzione ideale.
Il corpus normativo vigente rappresenta invece il contratto sociale operativo e come stato dimostrato grazie alla
spoliazione legale contiene molte norme incostituzionali.
Gli intellettuali che si battono per la difesa delle enunciazioni teoriche ma che lasciano che il contratto sociale reale
le violino sistematicamente sono pi dannosi degli intellettuali organici alle lite dominanti in quanto fanno credere
ai saccheggiati che stanno facendo qualcosa in loro difesa e quindi contro la spoliazione legale quando nella realt la
ignorano.
Quindi battersi contro la spoliazione legale l'unico modo per attuare la parte programmatica della Costituzione in
10 INDICE

quanto signica battersi per eliminare le leggi incostituzionali dal contratto sociale vigente.
Ad esempio la Carta dei diritti universali del lavoro, promossa dalla CGIL fa credere che ci sia bisogno di elencare
ancora una volta i diritti dei lavoratori, come se nel 2016, dopo la dichiarazione dei diritti dell'Uomo, dopo la Costi-
tuzione Italiana, dopo la dichiarazione Europea sui diritti dell'uomo, ancora non sia chiaro quali debbano essere gli
obiettivi da raggiungere.
In realt tutto gi stato scritto e mentre si elencano per l'ennesima volta tali diritti, nulla si fa per eliminare le leggi
incostituzionali in materia di lavoro, previdenza, sanit, istruzione. E queste non hanno bisogno di una nuova carta
per essere eliminate ma di nuove persone. Una nuova lite.
E la CGIL quindi mentre scrive la Carta, magari approva i contratti con il welfare aziendale che va nella direzione
opposta o gestisce i fondi pensione che usano le tax expenditure regressive e investono il TFR sui mercati nanziari
esteri giocando in borsa con i tributi che dovrebbero avere la massima tutela costituzionale in quanto risparmio.

0.1.16 Incontro con Ettore Gotti Tedeschi

Il panphlet di Ettore Gotti Tedeschi, In aari vince Caino 2016 Il Giornale, che ho illustrato anche in una altra
parte mi ha illuminato sui rapporti tra dignit umana, principi morali, etica, deontologia, prassi che sono alla base
della comprensione del diritto prima come scienza sociale e successivamente, individuando una dottrina, come possa
rientrare nella tecnica del diritto.
Bench insegni etica della nanza, il diritto senza economia ha poca ecacia nella societ, i rapporti economici sono
sostanzialmente regolati dal diritto, quindi arontare il tema etico per l'economia signica arontarlo anche per il
diritto.
Egli ci fa capire che i principi morali che derivano dalle culture e quindi dalle religioni tradizionali sono alla base del
patto sociale e del contratto sociale.
L'etica l'applicazione dei principi morali che per alcuni possono derivare da una religione dogmatica.
Chi applica in modo sistematico i principi morali segue la dottrina.
Parallelamente a queste osservazioni, la Costituzione rappresenta i principi morali, i diritti ed i doveri che essendo la
fonte del diritto, ne determinano la dottrina.
L'applicazione della dottrina non altro che la tecnica del diritto di seguito arontata.

0.1.17 Scienza e tecnica del diritto

Appena si parla con un giurista di scienza e tecnica del diritto ti risponde che il diritto una scienza sociale, che non
ha nulla a che vedere con le scienze tecniche.
Io mi sono sempre opposto a questa visione e nalmente ho trovato conferma.
E' vero che il diritto si occupa dell'uomo e della societ, ma se ne occupa secondo delle regole tecniche replicabili,
come nel caso di Newton ove un esperimento ripetuto con le stesse condizioni, deve dare lo stesso risultato.
Se uno stesso rapporto giuridico, con gli stessi soggetti, con le stesse clausole avesse un eetto diverso, non avremmo
la certezza del diritto, ma il libero arbitrio.
In primis bisogna vedere quali sono i principi che regolano la tecnica del diritto.
La fonte del diritto risiede nella Costituzione. Tutte le leggi devono rispettare i limiti da essa posti.
Il Parlamento emana le leggi ordinarie secondo la propria discrezionalit ma nei limiti previsti dalla Costituzione.
Se non lo fa, in alcuni specici casi le leggi possono essere impugnate davanti alla Corte Costituzionale che il giudice
delle leggi.
La principale dierenza con le scienze matematiche che mentre per esse i principi derivano dalla osservazione dei
fenomeni sici, nel diritto i principi sono ssati dal contratto sociale, ossia da un accordo tra uomini.
E questi accordi possono cambiare con un ritmo ben diverso ossia con l'evoluzione della societ, rispetto invece alle
scienze siche ove i principi possono cambiare solo in seguito a nuove scoperte.
Ma una volta ssati i principi e le regole, il diritto diventa una tecnica.
0.1. PUZZLE SORPRENDENTE 11

Altra particolarit che mentre nelle scienze siche la legge descrive il fenomeno sico, nel diritto la legge descrive
il comportamento da tenere.
Per cui pu accadere che viene fatta una legge che va contro i principi costituzionali e che la stessa debba essere
rispettata.
Ma il concetto fondamentale che se per le scienze siche, le leggi predicono un risultato e per chiunque il risultato
lo stesso 2+2=4, per il diritto ad ogni legge corrisponde una unica possibilit di comportamento legittimo.
Ossia ogni giurista al quale si chiede quale deve essere il comporta in base ad una certa legge, deve dare la stessa
risposta.
Questo non accade sempre per le modalit di scrivere le stesse leggi e per i casi specici, ma la tecnica del diritto, se
applicata con cognizione di causa dovrebbe portare alla redazione di leggi univocamente comprensibili ed applicabili.
Se ci non avviene le legge scritta male o interpretata male.
In conclusione, dire che esiste la tecnica del diritto signica dire che le leggi vanno sempre applicate nel rispetto della
fonte del diritto, ossia la Costituzione.
Se invece si applicano indistintamente le leggi vigenti, senza occuparsi del loro rapporto con la Costituzione, allora
si parla di legalit, ma non di tecnica del diritto.
Ecco perch la Corte Costituzionale applica la tecnica del diritto.

0.1.18 Incontro con Giuliano Amato


Sul sito web della Corte Costituzionale vi un video del giudice costituzionale Giuliano Amato che spiega la funzione
della Corte nel nostro ordinamento.
In sintesi alcuni concetti espressi nel video:

Il giurista chiarisce e convince

quando fai chiarezza gli occhi di chi ti davanti si illuminano

se i giuristi sono gli azzeccagarbugli, chi fa politica fa altrettanto

il politico che non vuole farsi capire dice " una situazione complessa""

nella discussione giuridica tecnica 2+2 fa 4 il politico pu chiedere di fare 2+3=5

il niet sovrano fatto dalla politica, e lo ha fatto anche lui quando la legge supera la tecnica (ossia non rispetta
la Costituzione)"

il mestiere del giudice delle leggi non lo ammette (di superare la tecnica ossia il rispetto della Costituzione)"

il giudice delle leggi valuta se una legge o meno conforme alla Costituzione

i giudici costituzionali valutano se la legge rispetta i parametri della Costituzione

dicono cosa irragionevole rispetto alla Costituzione, mentre dire quale il livello di ragionevolezza spetta al
Parlamento

si dice allora che il Parlamento legittimato dal popolo mentre la Corte Costituzionale non lo "

i parlamenti di Ita e Ger hanno trasformato delle democrazie in dittature

allora hanno capito che anche il Parlamento ha dei limiti che sono nella Costituzione
12 INDICE

la qualit della nostra civilt piuttosto che quella del diritto dipende dal lavoro fatto dalla CC

le Corti Costituzionali tutelano i diritti a prescindere dal consenso come invece avviene per i parlamenti

la corte ha cambiato le leggi pre-repubblicane che non garantivano i nuovi principi costituzionali

la corte una istituzione fedele solo alla Costituzione ed ai diritti che essa garantisce alla persona e non
vincolata dalla ricerca del consenso come il Parlamento

quando la politica decide di ignorare la Costituzione lui lo chiama niet sovrano ed ammette di averlo fatto
anche lui

La Costituzione la fonte del diritto. Il Parlamento dovrebbe fare le leggi solo nel suo rispetto. Le leggi vigenti vanno
giudicate solo in base ad essa.
Da questa sintesi si capisce che quello che lui chiama niet sovrano, coincide con quella che ho chiamato spoliazione
legale e con quello che un cittadino qualsiasi dice fare come cazzo mi pare.
Cio Giuliano Amato, giudice costituzionale ammettendo di aver fatto leggi che violano la Costituzione, leggi che
probabilmente sono ancora vigenti, confessa l'esistenza della spoliazione legale.
I limiti a chi vuole fare come gli pare, anche se con l'avallo del Parlamento, sono nella Costituzione e la Corte
Costituzionale ha il compito di sanzionare le leggi che non la rispettano e che violano i diritti.
Senza la cognizione di questa catena, l'ignorante subir sempre il niet sovrano (spoliazione legale) e non avr mai
diritti a prescindere dalla Costituzione pi bella del mondo.
L'ignorante deve quindi saper capire la legge, se questa compatibile con la Costituzione e, di conseguenza, capire
se le lite stanno facendo come c... si pare o no.
L'ignorante deve trovare, come suo rappresentante, uno che sa mettere in discussione le leggi illegittime costituzio-
nalmente, altrimenti non avr mai scampo visto che non la Corte Costituzionale che lo va a salvare.
Quando un avvocato fa il giurista basandosi sulle leggi vigenti e non sulla Costituzione non fa il suo lavoro in quanto
la Corte Costituzionale pu sanzionare sia le leggi preesistenti ad essa, come ha fatto pi volte o, se modicata, le
leggi precedenti la modica.
Un esempio recente la sentenza 116/2013 che a seguito della modica costituzionale all'art. 97 del 2014 stata
ribaltata nel luglio 2016.
Questo ragionamento fondamentale nella selezione delle lite che si dovrebbero opporre al sistema che gestisce la
spoliazione legale.
Se uno che vuole governare non sa se una legge vigente illegittima costituzionalmente, va solo a fare lo scaldapiedi
delle lite.
In questo hanno colpa anche le opposizioni in parlamento che man mano che si formano le leggi di spoliazione legale,
fanno passare la cosa nel dimenticatoio.
I costruttori di verit primaria sono : i prof. universitari, i parlamentari, i giudici.
Per i giudici, poich la materia giuridica tecnica, se sbagliano signica che ignorano la Costituzione come nel caso
di 6 casi recenti di rinvio alla Corte Costituzionale della legge sul contributo di solidariet.
I parlamentari invece, se fanno una legge incostituzionale perch vogliono farla.
I professori universitari che fanno la costruzione della verit con fallacie ed inganni della Costituzione, sono dei
venduti.
Un gruppo che sta alla opposizione senza predisporre durante tale periodo la soluzione a leggi di spoliazione legale,
tradisce il suo mandato.
Un avvocato che applica tutte le leggi senza porsi il problema della loro legittimit tradisce il suo mandato.

0.1.19 La crisi morale della gura dell'avvocato


Al termine della disamina dei vari aspetti contenuti poi in dettaglio nel libro, mi sono reso conto che l'avvocato in
quanto operatore del diritto il massimo responsabile della crisi in cui siamo.
0.1. PUZZLE SORPRENDENTE 13

L'avvocato come il calciatore nel calcio, il tennista nel tennis, il chirurgo nella chirurgia.
Se il calciatore prende ogni volta il pallone con le mani, se il tennista fa rimbalzare la palla due volte prima di colpirla,
se il chirurgo arriva in sala operatoria con la tuta da meccanico, non c' pi partita, non c' pi nulla da ragionare.
Questo quello che ho notato sia nel confronto con gli avvocati sia leggendo i commenti specializzati in materia del
diritto della previdenza sociale pubblica.
Il 99% degli interventi ignorano le basi della materia, il restante 1% connivente con la spoliazione legale.
Con le basi mancanti, impensabile che possano arontare la tecnica del diritto nella valutazione di una legge vigente
e se vedete i reclami sono una accozzaglia di aermazioni che si perdono in pagine e pagine di citazioni quando i
principi da aermare sono sintetici.
La pensione di Stato si paga con i tributi, le amministrazioni pubbliche gestiscono i sistemi pensionistici pubblici
secondo norme di diritto pubblico.
Esse non possono fallire, al massimo possono essere poste in liquidazione e la gestione nanziaria avviene con i
principi della contabilit nanziaria e quindi, nel rendiconto che non neanche un bilancio consuntivo, si pu avere
o un avanzo o un disavanzo di amministrazione ma l'ecacia della gestione non si valuta con il patrimonio netto.
Questi concetti sono totalmente sconosciuti alla maggioranza degli avvocati che, vittime della disinformazione che
parte direttamente da Cassa Forense, pensano che sia un fondo pensione di diritto privato e quindi brancolano nel
buio.
Per l'avvocato italiano, in denitiva non esiste la certezza del diritto ma una serie di opinioni che generano una
innit di dubbi, di possibili sfumature, di molteplici applicazioni ed una legge, per cui per dieci avvocati diversi
corrispondono dieci comportamenti legali diversi.
La cosa pi ridicola che si parla di deontologia del professionista quando le basi di partenza sono gi totalmente
travisate.
Se una pubblica amministrazione, applica su larga scala come fa Cassa Forense, la spoliazione legale, come fa un
avvocato a gestirla ed a candidarsi per gestirla?
0 - Premessa

[1] Inarcassa, REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012, 5 novembre 2015. URL consultato il 9 marzo 2016.

Art. 20 Pensione di vecchiaia unicata

20.1 - Dal 1 gennaio 2013 la pensione di vecchiaia unicata corrisposta a coloro che abbiano compiuto almeno sessanta-
cinque anni di et ed abbiano maturato almeno trenta anni di iscrizione e contribuzione ad INARCASSA. Si prescinde dal
requisito di anzianit contributiva minima al raggiungimento dellet anagraca di almeno settanta anni. A decorrere dal
1 gennaio 2014 let pensionabile ordinaria elevata di tre mesi per ogni anno no a raggiungere, a regime, i sessantasei
anni, come da allegata tabella I, ed il requisito contributivo minimo aumentato di sei mesi ogni anno no ad arrivare a
trentacinque anni, come indicato nella stessa tabella I..

[2] Inarcassa, REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012, 5 novembre 2015. URL consultato il 9 marzo 2016.

20.2 - La pensione di vecchiaia unicata costituita dalla somma di due distinte quote conuenti in

unico trattamento unitario: 1) la prima riferita alle anzianit contributive maturate entro il 31 dicembre 2012, determinata
secondo le modalit di cui allart. 17; 2) la seconda, per le anzianit contributive maturate a decorrere dal 1 gennaio 2013,
determinata secondo quanto previsto dallart. 26. Nel caso non si raggiunga il requisito di anzianit contributiva minima di
cui al comma 1, anche la quota relativa alle anzianit contributive maturate anteriormente al 1 gennaio 2013 sar calcolata
con le modalit di cui allart. 26 del presente Regolamento..

[3] Inarcassa, REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012, 5 novembre 2015. URL consultato il 9 marzo 2016.

32.6 - Agli iscritti che abbiano maturato almeno 20 anni di iscrizione e contribuzione al 31

dicembre 2012, dal compimento del 70 anno di et e con una anzianit contributiva di almeno 30 anni, si applica il calcolo
pro rata di cui allart. 20 comma 2, anche qualora non raggiungano il requisito di anzianit contributiva minima di cui al
comma 1 dello stesso articolo..

[4] David Hart, La Spoliazione legale nel pensiero di Frdric Bastiat: I parte, 28 febbraio 2014. URL consultato il 9 marzo
2016.
14 INDICE

I predatori tendono ad ingannare le loro vittime per mezzo di stratagemmi (inganni, raggiri, frodi) e luso di
sosmi (fallacie) per legittimare e mascherare ci che stanno compiendo. compito degli economisti politici
come Bastiat svelare i trucchi, gli espedienti e le menzogne usate dai predatori per nascondere quel che fanno
agli occhi dei gonzi (la gente comune), in vista delleliminazione della spoliazione organizzata dalle societ
per bene..
[5] David Hart, La Spoliazione legale nel pensiero di Frdric Bastiat: II parte, 7 marzo 2014. URL consultato il 9 marzo 2016.
Invece Bastiat intese concentrarsi sulla spoliazione legalizzata, la quale ben dicilmente veniva ravvisata
come un problema dagli economisti, sebbene fosse sempre esistita su vasta scala nel corso della storia e ne
costituisse uno dei motori trainanti..
[6] Noem Chomsky, CHOMSKY: LA DEMOCRAZIA IN ITALIA E' FINITA in Cadoinpiedi, 24 gennaio 2014. URL
consultato il 9 marzo 2016.
La sda del futuro? Non limitarci a osservare il corso degli eventi ed eliminare le istituzioni che perseguono
il tutto per noi stessi, niente per gli altri..
[7] Susan George, La guerra di classe l'hanno stravinta i ricchi, 10 febbraio 2014. URL consultato il 9 marzo 2016.
La lotta di classe al contrario, un mondo paradossale dove si ruba ai poveri per dare ai ricchi, con lobiettivo di
togliere di mezzo i diritti umani e la democrazia, considerati lultimo ostacolo (o lultimo baluardo) da superare
per ricavare protti pi alti senza troppe seccature.
Lestablishment economico e nanziario non ha sensi di colpa per quello che accaduto nel mondo negli ultimi sei-sette
anni. uno dei paradossi di questepoca, i neoliberisti hanno capito il signicato del concetto di egemonia culturale di
Antonio Gramsci e lhanno applicato benissimo..
[8] Susan George, La guerra di classe l'hanno stravinta i ricchi, 10 febbraio 2014. URL consultato il 9 marzo 2016.
Il movimento di Occupy aveva buoni contenuti, ma stato anarchico. Hanno consentito a tutti di parlare in un
momento di rabbia collettiva, ma non hanno mai preso una sola decisione per passare allazione. Il problema
della societ civile la mancanza di una visione globale: gli ecologisti pensano solo allambiente, i sindacati al
lavoro, le femministe alle donne, altri a nanza e tasse..
[9] Brian Blackstone, Matthew Karnitschnig and Robert Thomson, Q&A: ECB President Mario Draghi, 22 febbraio 2012.
URL consultato il 16 marzo 2016.
WSJ: Do you think Europe will become less of the social model that has dened it? - Draghi: The European
social model has already gone when we see the youth unemployment rates prevailing in some countries. These
reforms are necessary to increase employment, especially youth employment, and therefore expenditure and
consumption..
[10] Brian Blackstone, Matthew Karnitschnig and Robert Thomson, Europes Banker Talks Tough, 24 febbraio 2012. URL
consultato il 16 marzo 2016.
He said Europes vaunted social modelwhich places a premium on job security and generous safety nets
is already gone, citing high youth unemployment; in Spain, it tops 50%. He urged overhauls to boost job
creation for young people..
[11] Brian Blackstone, Matthew Karnitschnig and Robert Thomson, Europes Banker Talks Tough, 24 febbraio 2012. URL
consultato il 16 marzo 2016.
European Central Bank President Mario Draghi warned beleaguered euro-zone countries that there is no
escape from tough austerity measures and that the Continents traditional social contract is obsolete, as he
waded into an increasingly divisive debate over how to tackle the regions scal and economic troubles..
[12] Brian Blackstone, Matthew Karnitschnig and Robert Thomson, Q&A: ECB President Mario Draghi, 22 febbraio 2012.
URL consultato il 16 marzo 2016.
WSJ: Job for life -Draghi: You know there was a time when (economist) Rudi Dornbusch used to say that
the Europeans are so rich they can aord to pay everybody for not working. Thats gone..
[13] redazione, Il testo della lettera della Bce al Governo italiano, 29 settembre 2011. URL consultato il 16 marzo 2016.
3. Incoraggiamo inoltre il Governo a prendere immediatamente misure per garantire una revisione dell'amministrazione
pubblica allo scopo di migliorare l'ecienza amministrativa e la capacit di assecondare le esigenze delle im-
prese. Negli organismi pubblici dovrebbe diventare sistematico l'uso di indicatori di performance (soprattutto
nei sistemi sanitario, giudiziario e dell'istruzione). C' l'esigenza di un forte impegno ad abolire o a fondere
alcuni strati amministrativi intermedi (come le Province). Andrebbero raorzate le azioni mirate a sfruttare
le economie di scala nei servizi..
0.2. CONFLITTO PENSIONISTICO E NON GENERAZIONALE 15

[14] Michele Boldrin, Aboliamo il classico, 13 ottobre 2014. URL consultato il 9 marzo 2016.

E se voi, usando il link alla pagina di Wikipedia che vi ho messo sopra, fate la somma delle ore dedicate a
italiano-latino-greco (lascio fuori storia, losoa e storia dell'arte per carit di patria) scoprite che sono la
parte dominante, sono ci che conta non solo al classico ma nei licei. E, temo sia ancora cos, persino negli
istituti tecnici. E nel resto delle materie, oltre alla religione, c' anche l'educazione sica che ora chiamano
con un nome nuovo, non C++ o la contabilit nazionale! Morale: l'allievo/a medio/a acquisisce una visione del
mondo ed una cultura che sono esattamente quelle del glio delle elite borghesi italiane di 90-50 anni fa!.

[15] Inarcassa Insostenibile, INARCASSA Open parte 1, 4 dicembre 2015. URL consultato il 9 marzo 2016.

Il nuovo Presidente di Inarcassa, lArch. Giuseppe Santoro, introduce i lavori del Comitato Nazionale Delegati
auspicando un quinquennio di attivit improntato su due principi: Conoscenza e Confronto. ... I Delegati devono
inne riversare il loro impegno alla ricerca delle migliori soluzioni per il risparmio previdenziale che si dovrebbe
smettere di chiamare Tassa..

[16] tv 2000, Vade Retro - Ero massone, cos la Madonna mi ha salvato, 19 giugno 2014. URL consultato il 9 marzo 2016.

Per l'ultima puntata della stagione di Vade Retro. Ospite della trasmissione condotta da David Murgia sar
Maurice Caillet, Venerabile frammassone per 15 anni in Francia che sveler segreti e inganni della Massoneria:
rituali, norme di funzionamento interno, giuramenti oltre all'inuenza sulla politica da parte di.

[17] CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE, DICHIARAZIONE SULLA MASSONERIA, 26 novembre
1983. URL consultato il 9 marzo 2016.

Rimane pertanto immutato il giudizio negativo della Chiesa nei riguardi delle associazioni massoniche, poich
i loro principi sono stati sempre considerati inconciliabili con la dottrina della Chiesa e perci liscrizione a
esse rimane proibita. I fedeli che appartengono alle associazioni massoniche sono in stato di peccato grave e
non possono accedere alla Santa Comunione..

[18] FRANCO STEFANONI (giornalista), Ordini professionali: la casta degli intoccabili, 7 settembre 2015. URL consultato il
9 marzo 2016.

La Massoneria e Ordini in certi casi hanno avuto dei contatti, talvolta anche dichiaratamente, quindi Presidenti
hanno dichiarato che erano iscritti a Logge..

[19] Beppe Scienza, I pescecani dei fondi pensione, giugno 2012. URL consultato il 9 marzo 2016.

3. Calpesta ogni regola di prudenza permettere direttamente il 30% in strumenti nanziari non negoziati in
mercati regolamentati (art. 5 comma 1): a un fondo devono essere permessi solo titoli quotati.

[20] Beppe Scienza, I pescecani dei fondi pensione, giugno 2012. URL consultato il 9 marzo 2016.

1. inammissibile equiparare fondi comuni e simili (i cosiddetti OICR) agli strumenti nanziari negoziati
nei mercati regolamentati, cio in pratica ai titoli quotati (art. 5 comma 1).

[21] On. Lombardi Roberta, Camera dei Deputati 7-00747 Risoluzione in commissione presentata dallOn. Lombardi
Roberta (M5S) il 27 luglio 2015., 27 luglio 2015. URL consultato il 9 marzo 2016.

Occorre infatti che il legislatore, delinei la natura pubblica o privata di questi enti, con le conseguenze del
caso. Laddove si optasse per la completa natura privatistica, dovrebbe, a parere degli interroganti, venir me-
no la gestione del primo pilastro previdenziale da parte di questi enti, che dovrebbero a quel punto essere
caratterizzati come previdenza complementare..

[22] David Hart, La Spoliazione legale nel pensiero di Frdric Bastiat: II parte, 7 marzo 2014. URL consultato il 9 marzo 2016.

Invece Bastiat intese concentrarsi sulla spoliazione legalizzata, la quale ben dicilmente veniva ravvisata
come un problema dagli economisti, sebbene fosse sempre esistita su vasta scala nel corso della storia e ne
costituisse uno dei motori trainanti..

0.2 Conitto pensionistico e non generazionale


< Indice >
< 0 - Premessa > < prec > < succ >
Il momento pi delicato nella scrittura di un libro su Wikibooks la scelta del titolo in quanto va fatta prima di iniziare
a scriverlo e non alla ne come avviene correntemente.
16 INDICE

In questo caso, per un tema arontato da autodidatta ossia quello del diritto costituzionale e del diritto della previdenza
sociale legati all'economia politica ed alle scienze economiche, la scelta di Il conitto pensionistico in luogo di Il
conitto generazionale o I sistemi pensionistici stata assolutamente azzeccata visti gli sviluppi dopo un anno di
scrittura.
Due sono gli aspetti salienti per confermare la scelta del titolo: il primo che non esiste il patto generazionale che
regola i rapporti nei sistemi pensionistici ma esiste il contratto sociale ossia il rapporto che lega lo Stato ai suoi
cittadini e il sistema pensionistico pubblico non nanziato solamente da una generazione di lavoratori ma da tutti i
protagonisti economici della nazione.
Il secondo aspetto invece il fatto che i beneciati dalle pensioni regalate non sono gli appartenenti a speciche
coorti di pensionati bens da chi rientra in specici parametri di reddito, occupazione, anzianit e che abbia operato
opportune scelte.
Ad esempio due donne nate nel 1951 che abbiano iniziato la stessa professione nel 1976, possono aver optato la prima
per la baby pensione dopo appena 9 anni e mezzo di lavoro (riscattando la laurea) e la seconda per il lavoro, magari
ritrovandosi la seconda nell'impossibilit di andare in pensione prima dell'entrata in vigore della riforma delle pensioni
Fornero e di conseguenza di dover andare in pensione a 67 anni nel 2018.[1] [2] [3] Abbiamo il caso del lavoratore
precario che ha pagato pochi contributi, non per sua scelta ma per scelta dello Stato e che gli stessi saranno rivalutati
in modo ridotto con il metodo di calcolo contributivo mentre gli stessi lavoratori che avevano nel 1996 pi di 18 anni
di anzianit si ritroveranno i contributi versati nello stesso periodo rivalutati a tassi di rendimento apparente che sono
considerati legalmente tassi usurari.
Un prontuario intitolato semplicemente I sistemi pensionistici non avrebbe evidenziato che l'istituzione dei siste-
mi pensionistici pubblici, attraverso politiche di redistribuzione regressive dei redditi, fosse degenerata in questo
momento in una situazione di conitto sociale generata dallo Stato attraverso le sue leggi.
Leggi sviluppate nel tempo con un lo conduttore: violare i principi Costituzionali. Se questi fossero stati applicati,
non esisterebbe il conitto pensionistico.
Il conitto pensionistico vuole quindi evidenziare le aberrazioni di un sistema legale che a pi riprese ha portato il
Paese sull'orlo del default.

0.2.1 Le origini del conitto pensionistico

Come si vedr nei vari capitoli il conitto pensionistico in Italia deriva dal difetto di origine del sistema pensio-
nistico pubblico basato sul modello occupazionale corporativo che n dalla nascita dei primi enti ha creato una
dierenziazione delle prestazioni di previdenza sociale.
Nella legge istitutiva dell'INFPS nel 1935 c' stato un tentativo di universalizzazione del sistema pensionistico subito
degenerato nel 1939 con il metodo di calcolo retributivo fascista.
La Costituzione Italiana del 1948 ha stabilito i principi di uguaglianza e di solidariet che sono spiegati nella teoria
Costituzionale del diritto della previdenza sociale ma che sono sostanzialmente rimasti lettera morta.
Nel dopoguerra sono state infatti istituite nuove casse di previdenza dei liberi professionisti secondo la segmentazione
prevista nella legge del 1935.
La istituzione delle baby pensioni e dei vitalizi estesi poi alle 21 nuove regioni hanno moltiplicato i beneciari dei
regali pensionistici.
Dopo un primo tentativo di riordino della situazione con la riforma Amato nel 1992, un intervento di Ciampi ha dato
il via libera alle Casse di previdenza dei liberi professionisti nel 1994.
Inne nel 1995 con la riforma delle pensioni Dini si sono creati i presupposti nel pi totale spregio della carta costi-
tuzionale per l'esplosione del conitto pensionistico creando i tre gruppi di cittadini con prospettive pensionistiche
totalmente diverse e la Gestione separata INPS con la ghettizzazione del mondo dei precari gli della nuova cultura
del lavoro.
E' nata contemporaneamente l'illusione della sostenibilit del nuovo sistema contributivo quando in realt la transi-
zione dal metodo di calcolo retributivo a quello contributivo sarebbe avvenuta nell'arco di decenni.
Infatti analizzando la spesa pensionistica dal 1995 al 2002 si ha un peggioramento della copertura previdenziale dal
92% al 75% ossia un crollo mai visto nei precedenti 70 anni di previdenza sociale.
In questa fase nata anche la pensione gonata dei sindacalisti come legge Treu denita da lui stesso una legge venuta
0.3. PREMESSA 17

male.
Sempre Treu autore della legge sulla moltiplicazione delle casse dei liberi professionisti e dei lavoratori autonomi,
addirittura con soli 5.000 iscritti, anch'essa denita dallo stesso Treu istituzioni dai costi non sostenibili proprio per
lo spezzettamento amministrativo.
Quindi il sostanziale mantenimento dei precedenti privilegi non ha migliorato i conti ma addirittura la riforma delle
pensioni Dini li ha peggiorati in quanto il nuovo metodo contributivo, pi sostenibile scalmente non avrebbe avuto
eetti signicativi sulla determinazione della rendita pensionistica se non dopo il 2025 circa.
0 - Premessa
< Indice >

[1] Pensioni. Donne classe '53,in pensione con 30 anni di dierenza, 12/10/2015. URL consultato il 3 gennaio 2016.

Compagne di banco alle elementari, ma in pensione a trent'anni di distanza una dall'altra. E' il destino che
potrebbe toccare in sorte a due donne nate nel 1953, che, con il rinvio delle modiche alla Legge Fornero in
tema di essibilit, potrebbero ora uscire dal lavoro con trent'anni di dierenza di et:.

[2] Pensioni, dal 2016 le donne lavoreranno 22 mesi in pi, 28/12/2015. URL consultato il 28 dicembre 2015.

La classe di et pi penalizzata quella delle donne nate nel 1953 dato che si ritroveranno a rincorrere la
pensione no al 2020 (nel 2018, quando compiranno 65 anni e 7 mesi sar scattato un nuovo scalino mentre
nel 2019 ci sar nuovo aumento della speranza di vita)..

[3] Luca Cifoni, Pensioni, il caso della classe del 1953: fuori dal lavoro solo nel 2020, 29/12/2015. URL consultato il 31
dicembre 2015.

Ma per le signore nate nellanno immediatamente successivo, che lavorano nel settore privato, le tappe della
riforma Fornero disegnano una sorta di percorso a ostacoli che le far accedere alla pensione di vecchiaia solo
nel 2020, alla soglia dei 67 anni (per la precisione 66 e 11 mesi)..

0.3 Premessa
< Indice >
< 0 - Premessa > < prec > < succ >

0.3.1 Il quadro generale del libro


Partendo dallo studio scientico del diritto della previdenza sociale e dei sistemi pensionistici pubblici sulla base dei
principi scaturiti dagli studi del prof. Mattia Persiani, universalmente riconosciuto come il massimo esponente italiano
nel campo del diritto della previdenza sociale, il libro riscontra come tali principi valgono a livello teorico ma non
della pratica applicazione e analizzando le iniquit nella realt pratica dei sistemi pensionistici pubblici italiani, esso
d gli strumenti per capire i meccanismi di spoliazione legale fondata sulla emanazione di leggi incostituzionali e sulla
diusione della ignoranza istruita attraverso la disinformazione (dire solo la met delle cose, quelle che fanno comodo).
Il libro permette quindi a chi lo vuole di praticare un percorso di autocoscienza della propria ignoranza istruita e di
apprendere come difendersi dalle lite legate ai gruppi di interesse che lo saccheggiano attraverso il patrimonio preda.
In un certo senso questo libro la continuazione dei semplici manuali che si usano nei corsi di Diritto della previdenza
sociale.
In quei casi infatti vengono enunciati i principi costituzionali generali che sono alla base della previdenza sociale pubblica
e le modalit di applicazione delle leggi vigenti ossia dell'aspetto legale.
In questo libro si va ad analizzare l'aspetto di legittimit costituzionale delle leggi che regolano il diritto della previden-
za sociale pubblica con tutti gli articoli della Costituzione Italiana e non solo degli articoli che deniscono i principi
del diritto della previdenza sociale pubblica e delle conseguenze economiche, politiche e sociali di tali leggi illegittime
costituzionalmente.
Nella seconda parte del libro si comprende che la tecnica della spoliazione legale applicata universalmente in tutti i
settori, sempre con il medesimo principio della segmentazione legale per cui possiamo avere:
18 INDICE

con la segmentazione del mercato del lavoro la spoliazione legale attraverso il precariato;

con la segmentazione tributaria la spoliazione legale attraverso le tax expenditure o i paradisi scali;

con la segmentazione del mercato dei capitali la spoliazione legale con le obbligazioni vendute ai clienti retail;

con la segmentazione della prestazione previdenziale sociale la spoliazione legale negando i diritti ai lavoratori
autonomi malati.

0.3.2 Un testo di scienze sociali applicate


Se si guarda la presentazione di un corso di laurea in scienze sociali applicate e gli argomenti trattati nel libro, si
scopre che questo non altro che un testo di scienze sociali applicate ai sistemi pensionistici, pubblici e privati.
Tale corso di laurea prevede le conoscenze multidisciplinari[1] che sono indicate nel seguito e che sono state studiate
per spiegare il funzionamento e le aberrazioni del sistema pensionistico pubblico italiano con una raccolta ragionata di
argomenti tratti da varie discipline ed integrati con riferimenti a report di istituzioni economico-nanziarie nazionali
e sovranazionali.
Gli aspetti salienti sono riconducibili all'analisi della segmentazione sociale frutto della non applicazione del principio
di uguaglianza stabilito dalla Costituzione, cosa che non avviene nel caso del Servizio Sanitario Nazionale unito ai
modelli di gestione nanziaria che attuano la spoliazione legale.
La comprensione degli aspetti del conitto pensionistico richiede conoscenze multidisciplinari desunte dai seguenti
corsi di laurea:

economia;
scienza delle nanze;
economia pubblica - contabilit pubblica - nanza pubblica;
diritto tributario;
diritto della previdenza sociale;
diritto costituzionale della previdenza sociale;
scienze attuariali;
scienze statistiche, demograche e sociali;
economia previdenziale e dei sistemi pensionistici;
diritto del lavoro;
scienze politiche;
scienze sociali;
economia politica (macroeconomia - microeconomia);
storia economica (storia della massoneria);
psicologia.

Ognuna di queste scienze aronta il conitto pensionistico con la visione limitata agli aspetti specici ad essa cor-
relati senza cos raggiungere un quadro completo, coerente ed esaustivo del vero signicato del conitto sociale
corrispondente.
L'ambiente di Wikipedia, Wikibooks e Wikisource si presta benissimo all'approccio multidisciplinare in quanto
in esso sono sviluppati o in via di sviluppo o potranno essere sviluppati senza limiti e potenzialmente con risorse
illimitate.
Solo l'approccio multidisciplinare permette di capire l'impatto macroeconomico dei sistemi pensionistici pubblici
dopo che sono stati analizzati dal punto di vista giuridico e politico sociale.
L'approccio simile a quello usato nello studio sui limiti della sostenibilit della crescita economica o del genere del
maxiprocesso alla maa dove tutti gli episodi di un fenomeno vennero arontati contemporaneamente.
0.3. PREMESSA 19

0.3.3 L'lite contro l'istruzione nanziaria degli italiani

Innumerevoli studi sul livello di educazione nanziaria degli italiani dimostrano che il livello molto basso rispetto
agli altri paesi.[2]
Chi vorr approfondire la lettura del libro, scoprir che esso va contro la maggior parte dei luoghi comuni che circolano
in rete.
Non che il libro presenta una ricerca originale nel campo del diritto della previdenza sociale. Anzi, esso si basa sugli
studi del prof. Mattia Persiani che li ha presentati oltre mezzo secolo fa e che vengono insegnati con il suo manuale
in molti corsi universitari.
Ma la maggioranza dei lettori si trover al cospetto di concetti che vanno contro le proprie pi ferme convinzioni.
Come possibile ci? Gli italiani sono meno capaci nella matematica o c' un problema di disinformazione?
Sul nire del 2015 a seguito del fallimento di 4 banche italiane emerso nel dibattito pubblico la scarsa educazione
nanziaria degli italiani che sono rimasti vittime della trua.
Nel libro si evidenzier che molto spesso la costruzione della verit nasce nel Parlamento e nelle universit che fanno
da incubatori alle teorie che vanno contro i principi costituzionali determinando lo scollamento tra il cittadino e le
istituzioni.
Questo in quanto ampiamente diuso in Italia il conitto di interessi ove un professore universitario svolge contem-
poraneamente l'attivit politica, aderisce a think tank che svolgono pi che la funzione di ricerca quella di indirizzo del
dibattito politico ed inne sono commentatori a pagamento oltre che conferenzieri per societ, banche, assicurazioni,
che hanno rilevanti interessi nel campo nanziario.
La scuola totalmente assente in questi argomenti e quindi rimangono in campo la stampa ed i media che in larga
parte sono legati alle lite che lucrano sull'analfabetismo nanziario e previdenziale.
Vi immaginate un politico o un giornalista che vi spiegano come le loro pensioni sono basate su metodi di calcolo
che restituiscono il doppio di quanto hanno versato? Per quante volte l'ho segnalato ai giornalisti, soprattutto quelli
impegnati nelle trasmissioni televisive sull'argomento, tante volte hanno fatto nta di non capire. E cos i candidati
alla gestione dell'INPGI, uno degli enti previdenziali pi dissestati tra le casse di previdenza dei liberi professionisti.
A ci si deve aggiungere una legislazione ultrasettantennale che ha sviluppato nel tempo un linguaggio superato
dalla evoluzione politica economica dovuta dalla adesione a organismi sovranazionali che hanno assunto funzioni di
indirizzo o di controllo sulla nostra politica economica.
La piattaforma di Wikipedia particolarmente congeniale ad un autodidatta come me in quanto, partendo dalle leggi
e dai dati raccolti in Wikisource e dalle innite voci presenti su Wikipedia si pu redigere un libro, su un fenomeno
molto complesso ed in continua evoluzione, che sia perfettamente congruente con queste fonti e che possa quindi
facilmente confutare le voci istituzionali del Parlamento e della stampa che prendono autorevolezza dall'ipse dixit.

0.3.4 Sviluppo del libro

Il libro si sta sviluppando in tre direzioni:

glossario per avere un linguaggio di base da condividere, anche con neologismi, a fronte di innumerevoli
varianti;

teoria giuridico economica legata al fenomeno pensionistico per avere modello di riferimento;

sviluppo di una analisi socio economica dei sistemi pensionistici.

Glossario

Il glossario la base di partenza per ogni studio. Si constatato che l'argomento arontato con una variet di
termini impressionanti e che sono una delle principali cause nella determinazione dell'analfabetismo previdenziale e
dell'asimmetria informativa dovuto al basso livello di educazione nanziaria.[3]
I termini sviluppati aspirano quindi ad introdurre nel linguaggio corrente concetti che nelle altre nazioni sono d'uso
consolidato come "pensione di Stato", "patrimonio di previdenza" che in Italia non esiste, "tasso di rendimento appa-
20 INDICE

rente" in luogo di implicito a voler sottolineare che non legato ad un capitale ma ad un articio, ma anche i termini
necessari alla descrizione del conitto pensionistico e quelli usati per la costruzione della verit.
La piattaforma di Wikipedia stata molto utile per la comprensione di questo argomento multidisciplinare e per
questo le voci pi signicative sono comunque state raccolte nel glossario da Wikipedia.
Inne per arontare i ragionamenti legati al conitto vero e proprio stato sviluppato uno specico glossario del
conitto.

Teoria giuridica alla base del diritto della previdenza sociale

La teoria giuridico su cui si basa il lavoro la sintesi del pensiero di Mattia Persiani.
Essa sintetizzata Teoria costituzionale nel diritto della previdenza sociale.

Tecnica della spoliazione legale

La tecnica della spoliazione legale invece una innovazione dell'autore e non mai stata enunciata in precedenza.

0.3.5 Le scienze coinvolte nello studio

economia

Nella analisi del contratto sociale si evidenzia la correlazione tra i sistemi pensionistici e l'economia complessiva.
Per la verica della sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici necessario valutare la spesa pensionistica
pubblica nell'ambito del il bilancio dello Stato ed in particolare del Conto economico consolidato della amministrazio-
ni pubbliche, in rapporto al PIL ed ad altri fattori come debito pubblico esplicito ed il decit come anche evidenziato
nei preamboli della riforma delle pensioni Dini e della riforma delle pensioni Fornero.

scienza delle nanze

Le scienze delle nanze studiano i sistemi pensionistici sulla base di modelli teorici che sono totalmente svincolati
dalla realt pratica.
Si spiega i sistemi pensionistici basati su schemi che prevedono l'equilibrio nanziario all'interno degli enti previden-
ziali quando nella realt si eettuano signicativi trasferimenti dal bilancio dello Stato e, come detto nel paragrafo
precedente, l'equilibrio del sistema va analizzato nell'ambito del bilancio dello Stato.
Inoltre si sposa la teoria che i contributi previdenziali non sono tributi, cosa ampiamente smentita nel testo.

casi di disinformazione In molti casi i corsi di laurea in scienza delle nanze o diritto tributario, prevedono
l'insegnamento degli schemi pensionistici obbligatori come basati sul patto intergenerazionale e non si considerano i
contributi previdenziali obbligatori come tributi bens come imposte di scopo.

economia pubblica

diritto tributario

Del diritto tributario si sposata la dottrina che riuta la distinzione tra imposte tasse e contributi, ritenendola priva
di reale signicato giuridico e sostanziale.
Luigi Rastello in Diritto Tributario. Principi Generali (CEDAM) dedica tutta la prima parte alla dimostrazione che
la tradizionale ripartizione tra i tributi sostanzialmente illusoria e quindi errata.
0.3. PREMESSA 21

diritto della previdenza sociale

I principi del diritto della previdenza sociale su cui si fonda il ragionamento del libro la sintesi del pensiero di Mattia
Persiani che dal 1963 pubblica il Manuale del diritto della Previdenza Sociale (CEDAM), arrivato alla 20ma edizione.
La sintesi degli studi di Mattia Persiani stata fatta nella voce teoria costituzionale nel diritto della previdenza sociale.
Alla ne del libro si scopre come degenerato il diritto della previdenza sociale.

diritto costituzionale

Riprendendo i principi della teorica o modello costituzionale nel diritto della previdenza sociale, analizza la legisla-
zione vigente nel rapporto con tali principi e esplicita i casi di violazione degli stessi ossia quando la legislazione
illegittima costituzionalmente.

scienze attuariali

scienze statistiche, demograche e sociali

economia previdenziale e dei sistemi pensionistici

diritto del lavoro

scienze politiche

scienze sociali

psicologia

Altre discipline interessate sono diritto tributario per spiegare i principi scali che regolano il nanziamento con i
tributi del sistema pensionistico pubblico italiano e economia pubblica per valutare la spesa pensionistica pubblica nel
bilancio dello Stato.
Nella Appendice I Glossario dei sistemi pensionistici sono state raccolte le voci pi signicative necessarie per
la trattazione. Esse sono state in parte desunte dalla legislazione italiana o straniera, in parte tradotte da glossari di
istituzioni nanziarie.
La contabilit generazionale prende spunto da Laurence Kotliko e da questa si passati alla valutazione della
sostenibilit scale del sistema pensionistico pubblico italiano.
I testi salienti delle istituzioni nanziarie internazionali sono:
OECD: Pension at a glance 2013";
OECD: Government at a glance 2013";
OECD: Taxing wages 2014";
World Bank del 1994 Adverting the Old Age Crisis";
CE: Fiscal sustainability report 2012.
Con queste premesse nel libro si denisce per la prima volta in Italia la traduzione della denizione anglosassone di
PAYG con un pi comprensibile sistema pensionistico pubblico a redistribuzione dei tributi, superando la denizione
corrente di sistema a ripartizione incompleta e fuorviante in quanto non vi alcuna ripartizione ma una epocale
redistribuzione intergenerazionale e intragenerazionale dei redditi.
L'analisi economico sociale del sistema pensionistico pubblico a redistribuzione dei tributi viene quindi approfondita
nei documenti delle istituzioni italiane e nella analisi della legislazione come nel caso della riforma delle pensioni
Fornero.
Altri importanti documenti sono:
Il conto economico consolidato delle amministrazioni pubbliche;
Il Documento di economia e nanza;
22 INDICE

I database dell'ISTAT;
I bilanci dell'INPS e delle Casse di previdenza dei liberi professionisti;
Le riforme previdenziali.
Dalla riforma delle pensioni Dini alla riforma delle pensioni Fornero, la legge prevede il controllo della spesa pen-
sionistica in rapporto al PIL ed il rispetto dei vincoli di bilancio.
La riforma Dini introduce nel Documento di programmazione economico nanziaria, ora DEF l'introduzione di una
sezione con la indicazione della spesa previdenziale prevista nel successivo decennio.
Anche la recente sentenza sulla bocciatura del referendum per l'abrogazione della riforma delle pensioni Fornero ha
indicato la non ammissibilit del quesito in quanto legge di bilancio non sottoponibile a quesito ai sensi dell'art. 75
della Costituzione Italiana che vieta i referendum su norme tributarie.
Indice

0.3.6 Bibliograa
Melburne Mercer Global Pension Index, Melburne Mercer Global Pension Index.
Pensions at a Glance 2013: OECD and G20 indicators Italia, OCSE20131126Italia. URL consultato il 9 dicembre
2013.

Goverment at a Glance 2013., OCSE2013Gov. URL consultato il 20 aprile 2015.


Taxing wages 2014., OCSE2014Taxingwages. URL consultato il 20 aprile 2015.
Averting the old age crisis in World Bank, 1994. URL consultato il 19 novembre 2014.
Averting the old age crisis in World Bank, 1994. URL consultato il 19 novembre 2014.
Fiscal Sustainability Report 2012, Euroean Economy ago 2012.
eurostat statistics explained. URL consultato l'8 novembre 2014.
OECD Overcoming vulnerabilities of pension sistems, OECD Overcoming vulnerabilities of pension sistems.
OECD Glossary of statistical terms, OECD Glossary.
Total tax rate (% of commercial prots), The World Bank Indicator.

0 - Premessa
< Indice >

[1] FACOLTA' DI Sc. Politiche, Sociologia, Comunicazione Universit degli Studi di ROMA 'La Sapienza', Laurea Magi-
strale/Specialistica (corso biennale) Scienze Sociali Applicate, 2012/13. URL consultato il 17 marzo 2016.
La formazione impartita si fonda sul nocciolo classico delle scienze sociali- la sociologia in primis, ma anche
la psicologia sociale e l'antropologia culturale- e nello stesso tempo integra, in una prospettiva volta a far
maturare competenze interdisciplinari complesse, altre discipline quali la storia contemporanea, l'economia,
la statistica, il diritto, le scienze della politica e della formazione, la geograa, le relazioni internazionali..
[2] Glv MAZ, Sette italiani su dieci sono analfabeti funzionali. Leggono ma non capiscono, 15 marzo 2016. URL consultato
il 17 marzo 2016.
Il livello di istruzione in Italia molto basso e quasi tre adulti su quattro sono analfabeti funzionali,
incapaci di adattarsi all'evoluzione della societ moderna. In pratica sanno leggere ma non capiscono quello che
leggono, che siano le condizioni di un'utenza domestica o le condizioni contrattuali di una polizza assicurativa,
o un contratto d'atto. Lo ha sottolineato il governatore della Banca d'Italia, ....
[3] Glv MAZ, Sette italiani su dieci sono analfabeti funzionali. Leggono ma non capiscono, 15 marzo 2016. URL consultato
il 17 marzo 2016.
Il livello di istruzione in Italia molto basso e quasi tre adulti su quattro sono analfabeti funzionali,
incapaci di adattarsi all'evoluzione della societ moderna. In pratica sanno leggere ma non capiscono quello che
leggono, che siano le condizioni di un'utenza domestica o le condizioni contrattuali di una polizza assicurativa,
o un contratto d'atto. Lo ha sottolineato il governatore della Banca d'Italia, ....
0.4. INTRODUZIONE 23

0.4 Introduzione

< Indice >


< 0 - Premessa > < prec > < succ >
Per conitto pensionistico si intende un conitto economico all'interno della societ italiana legato alla spesa pen-
sionistica ed al nanziamento della stessa.
La spesa pensionistica contempla due aspetti: il primo pi evidente e signicativo legato ai pensionati ai quali lo
Stato provvede, attraverso enti pubblici, con l'erogazione del servizio pubblico pensione"; il secondo riguarda i costi
di gestione del sistema pensionistico e contemplano sia gli enti gestori ma soprattutto le modalit di amministrazione
dei patrimoni costituiti con i tributi non spesi immediatamente.
Il nanziamento della spesa pensionistica avviene tramite i tributi che gravano principalmente sui lavoratori attivi e
le imprese ma anche sui contribuenti in genere che insieme coprono i costi del sistema pensionistico.
Esso si svolge tutto in termini legali in quanto il sistema pensionistico pubblico regolato da norme di diritto pubblico.
Il conitto pensionistico quindi il risultato degli eccessi o meglio alle aberrazioni delle politiche di redistribuzione
dei redditi, rivendicate da corpi ed organizzazioni sociali, che hanno avuto il sostegno e l'approvazione dei partiti
politici che hanno governato il Paese.
Mentre la logica vorrebbe che i padri pensassero al futuro dei gli, la legislazione nel campo della previdenza sociale
pubblica basata sul modello previdenziale corporativo fascista ha portato allo sviluppo di lobby previdenziali che si
battevano per ottenere il massimo a prescindere dal bene comune.
Non esistendo nella politica italiana una lobby dei giovani o dei gli, ne risultato che la lobbycrazia ha caricato tutti
i costi economici sulle giovani generazioni attraverso il debito pubblico esplicito ed il debito pubblico implicito ed
attuando politiche di redistribuzione dei redditi contro i giovani.
Ad esse si sono aggiunte politiche di discriminazione generazionale nel mondo del lavoro che esulano da questa
trattazione ma che sono collegate dal punto di vista della discriminazione previdenziale come nel caso della Gestione
Separata INPS.
Ogni singola riforma previdenziale quindi un tassello del conitto pensionistico dove uno di questi corpi sociali
emergenti poneva a carico dei soccombenti nuovi costi economici e sociali slegati da principi di equit.
Quella che dovrebbe essere la corretta gestione di un servizio pubblico come avviene in molte parti del mondo, in
Italia ha raggiunto dei costi che la popolazione attiva non riesce pi a sostenere, costi che contribuiscono in modo
signicativo, in concomitanza della crisi economica iniziata nel 2007, all'aggravarsi della stessa con l'aumento della
disoccupazione, aumento del decit e del debito pubblico e la diminuzione del PIL per via dell'elevata tassazione
legata al costo del lavoro.
Le promesse pensionistiche dagli anni '70 in poi hanno portato ad un debito pensionistico latente dal 150% al 400%
del PIL negli anni '90.
La spesa pubblica pensionistica ha superato il 16% del PIL nel 2013 ed pari a circa il 40% della spesa pubblica.
Con la spesa sanitaria la spesa per il welfare supera il 50% della spesa corrente primaria.
La spesa pubblica pensionistica della Germania che ha le stesse componenti demograche dell'Italia del 12% del
PIL ossia quattro punti di PIL che corrispondono a circa 60 miliardi di euro ma il costo del servizio al debito pubblico
italiano quattro volte superiore a quello tedesco.
Le riforme delle pensioni degli ultimi 20 anni hanno lasciato invariati i costi e diminuito le aspettative pensionistiche
dei lavoratori attivi i quali devono accollarsi i costi dei regali previdenziali pregressi.
La segmentazione del mercato del lavoro ha portato ad uno sviluppo asimmetrico delle gestioni pensionistiche con lo
Stato che restituisce le pensioni con diversi tassi di rendimento apparente a seconda della professione e del percorso
lavorativo penalizzando i precari e le forme di lavoro essibile.
Il conitto pensionistico, per alcuni conitto generazionale o questione generazionale legato a leggi di diritto pubblico
quali sono quelle che regolano il sistema pensionistico pubblico in Italia.
Indagare sulle origini, lo sviluppo e l'esplosione del conitto pensionistico signica quindi semplicemente analizzare la
normativa italiana sul diritto della previdenza sociale dell'ultimo secolo in generale e degli ultimi 25 anni in particolare.
Si tratta di normative che gestiscono la redistribuzione dei redditi attraverso la raccolta di tributi da parte di enti
pubblici preposti e di analizzare la spesa pensionistica pubblica attuata secondo il principio della discriminazione
24 INDICE

generazionale.
In novanta e pi anni una serie di istituzioni pubbliche hanno subito una mutazione genetica e anzich essere strumento
per risolvere problemi sociali sono diventati la fonte dei problemi sociali economici e politici di una nazione.
Ma le istituzioni sono lo specchio di una nazione quindi la mutazione avvenuta nei corpi sociali di rappresentanza,
dai sindacati ai partiti alle corporazioni rappresentate da ordini o professioni che hanno abbracciato un solo credo: la
pensione a qualunque costo e contro ogni logica.
Gli italiani si sono ritrovati drogati di pensioni e assistenza sociale chiudendo gli occhi su tutto quello che accadeva
intorno.
A questo si aggiungono i costi di gestione dei sistemi pensionistici che, per le casse di previdenza dei liberi profes-
sionisti, sono aggravati dallo schema pensionistico adottato che comprende l'accumulo dei tributi in patrimoni che
spesso hanno rendimenti inferiori a quello del debito pubblico.
Se in passato avvenuto che la distruzione della nazione pu essere additata a singoli condottieri con le loro scelte,
in questo caso la responsabilit collettiva anche se alcuni portano la responsabilit delle leggi pi deleterie.
Quella che oggi viene chiamata crisi pensionistica legata ai fattori economici e demograci era gi stato ampiamente
anticipato in uno studio della World Bank del 1994.
Questo libro vuole evidenziare le aberrazioni che eccedono nella redistribuzione dei redditi quanto gi ampiamente
previsto.
Le modalit di uscita dal conitto pensionistico sono ugualmente chiare e conosciute ma i partiti si guardano bene
dallo svolgere la loro azione di guida per ovvie ragioni di convenienza elettorale.
Si tratta semplicemente di ridurre e riequilibrare le pensioni in essere per riportarle in linea con i costi economici e
sociali sostenibili.
Economisti, professori universitari, giornalisti partecipano all'opera di disinformazione.
Il testo vuole mettere a confronto quanto previsto dalla World Bank (v. Parte I) con quanto accaduto (v. Parte IX e
X).
Gli esperti di sistemi pensionistici possono quindi saltare tutte le parti intermedie che invece risultano utili per
comprendere le modalit con cui il sistema pensionistico italiano si materializzato.
Lo strumento per quanticare il conitto pensionistico quello della contabilit generazionale introdotto da Laurence
Kotliko nel 1994 che evidenzia il debito somma del debito pubblico esplicito e del debito pubblico implicito, lasciato
alle generazioni che ancora devono nascere ovvero dall'analisi dei bilanci dello Stato.
0 - Premessa
< Indice >

0.5 Sicurezza sociale


< Indice >
< 0 - Premessa > < prec > < succ >
L'espressione sicurezza sociale ha assunto ultimamente signicati esclusivamente legati alle politiche di sostegno alle
persone in condizioni di bisogno ma, nell'ambito dello studio del conitto pensionistico, si porr risalto all'uso fatto
del termine nei momenti iniziali di applicazione delle nuove politiche.

0.5.1 Origini della sicurezza sociale in Europa ed in Italia

La rivoluzione industriale in Europa e l'urbanesimo ad essa collegata ha portato nella seconda met dell'800 alla
concentrazione di masse di lavoratori nelle citt ed allo smembramento della famiglia contadina che si assumeva
anche gli oneri di assistenza.
Al termine della vita lavorativa gli operai si trovavano senza un sostentamento in condizioni di estrema povert.
La presenza di masse di indigenti nelle citt portarono a sommosse e disordini quali ad esempio a Milano la rivolta
del maggio 1898 repressa con i cannoni dal generale Bava Beccaris.
0.6. SINTESI 25

In risposta alla esigenza di garantire la sicurezza sociale ossia l'ordine pubblico per l'armonico svolgimento delle
attivit economiche, lo Stato Italiano approv nel luglio del 1898 la prima legge sulle assicurazioni obbligatorie.
Simili iniziative si sono avute in Germania nel 1883 con il cancelliere Otto von Bismarck o in Gran Bretagna nel
1911 con la National Insurance poi riformato dopo la Seconda Guerra Mondiale sulla base dei principi del Beveridge
Report.
Nell'ottica secondo cui i padroni delle nuove industrie determinavano una nuova struttura sociale, per lo Stato do-
vevano farsi carico anche dei costi necessari per mantenere l'ordine sociale ossia la sicurezza sociale e pertanto gli
schemi pensionistici creati in Germania ed Italia erano sul modello occupazionale detto anche bismarchiano.
Il modello inglese evolve dal sistema contributivo e no ad orire un livello minimo di prestazioni date dallo Stato
a prescindere dai contributi versati dal cittadino. Il modello prende il nome di modello beveridge e indica che
universale.

0.5.2 Alcuni esempi di applicazione del concetto di sicurezza sociale alle politiche del
welfare

Vi una interpretazione sulle baby pensioni in Italia per cui le stesse sono state introdotte nel momento dello
scontro sociale dopo il 1968 per riportare l'ordine.

Gli Stati Uniti dopo la Seconda Guerra Mondiale hanno segretamente pagato la pensione agli ex nazisti forse
per evitare un lungo dopoguerra di disordini in Germania.

La guerra civile in Iraq dopo la guerra del golfo iniziata con lo sbandamento dell'esercito ad opera del
governatore americano con la conseguente cancellazione della pensione a tutti i soldati sbandati.

Da questi esempi si vede che la societ moderna non riesce pi a garantire l'ordine e la sicurezza pubblica se non
garantisce un reddito certo ad ampie fasce di popolazione in condizioni di bisogno.
0 - Premessa
< Indice >

0.6 Sintesi
< Indice >
< 0 - Premessa > < prec > < succ >
Divario scale generazionale e spesa pensionistica pubblica sul PIL sono i due concetti alla base del conitto pensio-
nistico.
In parole povere si direbbe che il conitto pensionistico nasce quando le ricche pensioni dei nonni sono pagate tassando
oltremisura gli e nipoti.
La pensione un servizio pubblico che si distingue dagli altri servizi pubblici per queste caratteristiche:

viene erogato in forma individuale;

viene erogato in denaro.

Altri servizi pubblici hanno caratteristiche molto diverse nel senso che vengono forniti in modo indivisibile ad esempio
la difesa una spesa pubblica indivisibile o in modo collettivo ad esempio la scuola primaria viene fornita in modo
paritario a tutti gli alunni.
Anche la manutenzione delle strade fatta in modo indivisibile a prescindere dall'utilizzo che ciascuno ne fa.
La sanit pubblica un servizio fornito in caso di necessit in modo principalmente gratuito salvo dei ticket che
coprono una piccola percentuale della spesa.
26 INDICE

La sanit pubblica viene quindi fornita su base individuale ma come servizio, non come compartecipazione in denaro.
Il fatto di essere cittadini italiani garantisce una sorta di assicurazione sanitaria obbligatoria pagata dalla collettivit
attraverso i tributi.
Il servizio pensionistico pubblico fornito ai sensi dell'art. 38 della Costituzione per sostenere i lavoratori in alcune
situazioni di bisogno previste dalla legge ossia in vecchiaia quando non possono lavorare, per invalidit o per inabilit.
Sono previste anche altre forme di sostegno per i superstiti dei lavoratori, per i disoccupati ecc.
Come nasce il conitto pensionistico?
Poich le pensioni sono pagate dallo Stato o da suoi enti pubblici preposti con i tributi, non vi accumulo dei contributi
pagati da ciascuno durante la sua vita lavorativa in modo tale che possa crearsi una propria posizione assicurativa
coperta da un patrimonio di previdenza.
Si dice quindi che non esiste un rapporto sinallagmatico tra contributi versati e pensione corrisposta dallo Stato. In
parole povere non c' corrispondenza tra quanto versato e quanto pagato dallo Stato.
L'importo della pensione viene quindi stabilito secondo una formula predenita della rendita che viene applicata per
legge.
Storicamente avvenuto che nella fase di avvio di un sistema pensionistico pubblico a redistribuzione dei tributi si
hanno pochi pensionati i cui costi possono essere sostenuti da un numero elevato di lavoratori attivi pagando un basso
livello di tributi.
In una fase di crescita si possono aumentare le aliquote contributive ai lavoratori attivi alle imprese e aumentare il
gettito scale totale in rapporto al PIL e garantire pensioni che restituiscono quindi molto di pi dei tributi versati dai
primi iscritti.
Una volta raggiunte le aliquote massime sostenibili dal sistema economico attraverso politiche di consolidamen-
to scale, per mantenere la sostenibilit del sistema si riducono le pensioni dei nuovi pensionati allungando l'et
pensionabile e riducendo i nuovi importi delle pensioni.
Il conitto pensionistico si manifesta quando il sistema pensionistico pubblico, ai pensionati continua ad erogare
pensioni che sono multipli dei tributi versati (aliquota scale eettiva sopportata in fase attiva che comprende i con-
tributi previdenziali) e promette ai lavoratori attivi pensioni che sono una restituzione parziale dei tributi versati. E'
il divario scale generazionale o scal gap.
Inne si arriva ad una insostenibilit scale e sociale dei sistemi pensionistici pubblici quando si crea una bolla
previdenziale che porta l'economia di uno Stato ad avvitarsi su se stessa.
0 - Premessa
< Indice >
Capitolo 1

I - Sistemi pensionistici

1.1 La dignit al di sopra di tutto


< Indice >
< 1 - Sistemi pensionistici > < prec > < succ >
La dignit al di sopra di tutto.

1. Il primo bene di un popolo la sua dignit;


2. Luomo in quanto persona il fondamento ed il ne della societ;
3. La dignit umana ha la stessa forma e materia della giustizia;
4. La dignit umana come radice di tutti i diritti fondamentali non suscettibile di bilanciamento con nessun
diritto fondamentale singolare;
5. La dignit umana si pone al di sopra degli ordinamenti giuridici, dei sistemi politici, delle dottrine morali,
poich questi traggono da essa la loro giusticazione ultima. (cit. Avv. Ulisse Silvio)

La Carta Costituzionale della Repubblica Italiana, riconosce ed aerma la pari dignit sociale dei cittadini, prima
ancora di prescrivere che essi devono essere eguali.
Quindi tutte le leggi del nostro ordinamento devono rispettare i principi sopra enunciati altrimenti non vanno soltanto
contro la Carta Costituzionale ma contro il rispetto della dignit umana.
Approvare leggi che calpestano la dignit un atto contro l'umanit e quindi un crimine.
Tuttavia, la garanzia della dignit non mai stata usata come un valore che possa trovarsi da solo sulla bilancia per
essere ponderato con il valore di un altro diritto fondamentale, questo perch la dignit umana come radice di tutti
i diritti fondamentali non suscettibile di bilanciamento con nessun diritto fondamentale singolare.
Chiunque ritiene viceversa che una situazione soggettiva tutelata come diritto fondamentale sia da relativizzare e
debba subire delle limitazioni in virt di altri valori costituzionali deve viceversa dimostrare che questa situazione non
abbia alcun legame con la dignit umana.
Il legislatore quindi libero di risolvere collisioni tra diritti fondamentali e ritoccare gli equilibri, ma deve tenere fare
i conti con il peso della dignit che far sempre pendere la bilancia in una direzione.
E' signicativo che lunica occorrenza del sintagma dignita' umana nella Costituzione italiana sia nel secondo
comma dellart. 41, in cui essa e' congurata proprio come un limite alliniziativa economica privata.
Il libro sulla base di questi principi aronta l'ordinamento in materia pensionistica individuando due loni ossia le
leggi che rispettano e tutelano la dignit umana e quelle che la violano palesemente ossia le leggi di spoliazione legale.

1.1.1 Criteri morali ed etica


Se i criteri morali sono il frutto della cultura o di una religione, l'etica la trasposizione nella realt di tali criteri.

27
28 CAPITOLO 1. I - SISTEMI PENSIONISTICI

Se per il credente i criteri morali sono legati al senso della vita, per altri sono il risultato di culture e tradizioni.
Mentre per il credente i principi morali sono il fondamento e il comportamento etico il ne dell'esistenza, per altri
pu essere che non vi sia tale dogma e la prassi modelli nel tempo i riferimenti morali.
I riferimenti morali sono legati alla dignit della persona.
Se la prassi modella i criteri morali, pu arrivare a ledere la dignit.
Questo quello che accade se il diritto che anche economia, viene applicato violando i principi costituzionali e
quindi la prassi legislativa ordinaria si aerma ignorando la Costituzione.

1.1.2 I ni ed i limiti della potest legislativa

Molte volte ci chiediamo della potest legislativa dello Stato, pensando alle materie regolate senza chiederci perch
lo Stato si arrogato questo potere.
Si detto che lo Stato acquisisce con il contratto sociale tra i suoi cittadini tale potere legislativo ma in base a quali
ni e quali limiti?
Lo Stato in alcuni casi tende a soddisfare gli interessi dei singoli con altre modalit che possono essere riassunte
nell'interesse pubblico, ossia per mezzo del diritto pubblico. Sono i casi ove i risultati che si raggiungerebbero con il
diritto privato sarebbero o insoddisfacenti o impossibili da conseguire come nel caso del fallimento del mercato.
La Carta Costituzionale nella prima parte ha un valore programmatico, rappresenta cio l'obiettivo a cui dovrebbero
tendere le leggi da sviluppare nel tempo.
Sono i diritti fondamentali che si dovrebbe tendere a tutelare per tutelare la persona.
Ma per alcuni la Costituzione fatta per essere ignorata, e la parte che si pu ignorare appunto quella programmatica
ossia della tutela dei diritti fondamentali.
Ecco quindi che nascono le leggi incostituzionali, non per incompetenza o ignoranza ma con il semplice obiettivo di
regolare delle materie in modo diorme da quanto previsto dalla parte programmatica.
Ci sono dei casi di legislazione ove la violazione supera i principi programmatici e comprendono aspetti della persona
umana che non sono e non possono essere indicati nella Carta Costituzionale.
Ma questa lesione della dignit supera ogni comma, ogni virgola della Carta e rappresentano i limiti che non possono
essere superati dal potere legislativo.
Chi esercita il potere legislativo assume la veste criminale di oppressore in quanto lo Stato e solo lui ha il potere di
far applicare le sue leggi con la forza.

L'individuazione del bene comune nella Costituzione

L'art. 2 della Costituzione italiana stabilisce che la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo,
sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalit, e richiede l'adempimento dei doveri
inderogabili di solidariet politica, economica e sociale; diritti che, dunque, sono in un regime di indisponibilit da
parte del potere, in quanto considerati alla stregua di porzioni costitutive di una dimensione irrinunciabile.
Se ne deduce, cos, che il termine ultimo dell'attribuzione di questi diritti inviolabili non l'uomo inteso in senso
astratto ed atomistico, come titolare individuale di una relazione esclusiva con il potere pubblico, bens la persona,
e come tale immersa in una rete di relazioni, di esperienze e di bisogni che contribuiscono a connotarne la concretezza
e la realt, e che, pertanto, proprio per questo partecipano al carattere della indisponibilit predetta.
Ed invero nella Repubblica Italiana, il ne ultimo dell'organizzazione sociale consiste, indiscutibilmente, proprio
nello sviluppo di ogni singola persona umana (cos ad esempio Corte cost., sent. n. 167/1999; il c.d. principio
personalista), e ci, lo ripetiamo, anche quando tale sviluppo avviene nelle formazioni sociali in cui si articola la
societ: sicch anche tali comunit o gruppi o associazioni genericamente indicate nellarticolo, in quanto contribui-
scono proprio al raggiungimento di questa nalit, da un lato meritano tutela e promozione, dall'altro sono pur esse
obbligate a rispettare i diritti inviolabili di ogni singolo individuo. E tra quei diritti, senz'altro, si possono annoverare
anche tutte quelle pretese variamente denite che sono semplicemente strumentali al raggiungimento degli obiettivi
positivi di emancipazione che, non per pura casualit, la costituzione altrettanto enuncia.
1.1. LA DIGNIT AL DI SOPRA DI TUTTO 29

Con semplicit possiamo dire che questi diritti e bisogni-pretese strumentali o funzionali, obbligano il potere ad
esprimersi in senso ragionevolmente conforme, sia per fornire soddisfazione concreta ad una istanza specica, sia per
tessere quelle condizioni di carattere materiale e morale senza le quali sarebbe del tutto frustrato anche il godimento
dei diritti di libert in senso proprio. L'art. 2 Cost., infatti, che introduce qui un principio strutturale dell'ordinamento
repubblicano si propone di riconoscere, garantire e promuovere un adeguato spazio di libera determinazione per
ciascun individuo e, soprattutto, di consentire che sia l'individuo ad esprimersi ed a dire allo Stato quale sia la
propria identit (e per la tal ragione, ed evidentemente non a caso, che questo esposto si apre con un Io).
Ne consegue che neppure il legislatore, ordinario o costituzionale che sia, pu limitare o annullare la tutela oerta
da alcuni diritti, poich essi, proprio perch posti a giusticazione del nuovo assetto repubblicano e delle sue nalit
complessive, rientrano nel novero di quei principi supremi che non possono essere sovvertiti o modicati nel loro
contenuto essenziale neppure da leggi di revisione costituzionale.
Assicurare l'uguaglianza sostanziale signica proprio intervenire per eliminare o modicare le condizioni di eettiva
diseguaglianza che aiggono singole persone o intere categorie sociali, assicurando agli elementi deboli della
comunit i necessari strumenti per realizzare gli obiettivi individuati dalla Costituzione. (avv. Silvio Ulisse)

1.1.3 La nozione di bene comune

Senza avere una nozione, una denizione, una condivisione del signicato di bene comune, non possibile parlare di
Stato, Costituzione, contratto sociale, beni pubblici, interesse pubblico ed interesse privato.
Se il bene individuale il raggiungimento dell'interesse del singolo con l'assunzione di obbligazioni da parte dello
stesso soggetto, il bene comune consiste nel raggiungimento dell'interesse del singolo con l'assunzione di obbligazioni
da parte della collettivit.
Per questo il bene comune si raggiunge con i tributi e non esiste un rapporto sinallagmatico tra tributi e servizi pubblici
individuali.
Il bene comune la sintesi di tutti i concetti espressi, il punto di equilibrio tra tutti gli interessi e quindi il fondamento
dello Stato.
Il bene comune deve comprendere anche il bene del singolo cittadino altrimenti non pi il bene comune ma il bene
della maggioranza.
Il singolo cittadino pu non essere soddisfatto del punto di equilibrio trovato e delle penalizzazioni che ritiene che lo
riguardino, ma se il punto di equilibrio accettato signica che il contratto sociale ancora sostenibile socialmente.
L'interesse privato nel diritto privato la persecuzione del bene del singolo secondo azioni che dipendono dalla sua
volont.
L'interesse pubblico nel diritto pubblico la persecuzione del bene del singolo secondo azioni che non dipendono
dalla sua volont.
I beni comuni sono beni il cui l'uso e la gestione regolata nell'interesse pubblico.
Si tende spesso a confondere il bene pubblico con la solidariet e la redistribuzione dei tributi.
Come se i ricchi pagano dei servizi ai poveri. Se cos fosse, lo Stato sarebbe uno strumento di elemosina ai meno
fortunati.
Ma ci toglierebbe dignit sia ai cittadini che ricevono il servizio pubblico che allo Stato.
Il gettito scale, al momento della raccolta, non legato al singolo servizio per il quale si pensa di pagare, ma legato
alla capacit contributiva ossia ad un reddito o ad un patrimonio.
Ma un reddito o un patrimonio, generato in uno spazio sico, amministrativo, gestito da uno Stato, come paga tutte
le spese per la produzione del reddito, cos paga, attraverso i tributi, l'utilizzo di tali risorse.
Quindi nell'utilizzo di tali risorse lo Stato si attiene solo al bene comune ossia alla creazione, al miglioramento, alla
gestione degli aspetti collettivi che mantengono l'ambiente economico, politico e sociale in cui si produce il reddito
e si mantiene il patrimonio.
Il bene comune il ne unico della esistenza dello Stato e dovrebbe consistere nella tutela della dignit di ogni singolo
cittadino con la difesa dell'interesse privato, dell'interesse pubblico e dei beni comuni.
Dall'analisi di queste denizioni si evince la dierenza tra lo Stato sociale e lo Stato condominio.
30 CAPITOLO 1. I - SISTEMI PENSIONISTICI

Un condominio tutela la propriet del singolo e ripartisce gli oneri in base al valore della propriet, lo Stato sociale
non tutela la propriet ma la dignit della persona umana e questa non si valuta.
Cos come un condominio ripartisce le spese di pulizia delle scale in base alla percorrenza, lo Stato se decide di
servire tutti i cittadini con una adeguata viabilit lo fa a prescindere dai costi per il singolo, valutando la realizzazione
di opere ove vi il fallimento del mercato a tutela dei diritti fondamentali della persona.

La scelta che va oltre il mercato

Un elemento distintivo del bene comune rispetto al bene individuale che spesso esso viene individuato ove vi il
w:fallimento del mercato.
Nel caso di bene individuale, es. una strada privata, valuto il costo di mercato per la realizzazione, la confronto con
le risorse individuali, valuto i beneci e ne decido la realizzazione.
Nel caso di fallimento del mercato, signica che o un singolo privato non ha le risorse economiche per arontare tale
impresa o che se anche le avesse, i beneci che potrebbe avere non danno una remunerazione a tutti i fattori della
produzione coinvolti.
L'esistenza dello Stato dimostra che una moltitudine di attivit possono essere svolte solo se esse non sono adate al
libero mercato.
L'entit della spesa pubblica valutata come percentuale sul PIL ed essa viene coperta con le imposte valutate quale
rapporto tra il gettito scale sul PIL. L'eventuale dierenza coperta dal debito pubblico.
Nei paesi sviluppati si va da un 25% degli USA ad un 48% della Danimarca.
Questi dati non sono immediatamente confrontabili in quanto ci sono alcune spese es. sanit e previdenza socia-
le pubblica che possono essere totalmente o parzialmente escluse dal perimetro dello Stato a seconda delle scelte
politiche.
Il confronto tra l'attrattivit di un paese per un imprenditore, va fatto sul costo totale del lavoro e non solo sulle aliquote
scali.
Potrei avere basse aliquote scali ma un elevato costo del lavoro se i sindacati si fanno pagare anche una quota
corrispondente ai mancati contributi previdenziali obbligatori che saranno utilizzati dagli stessi nei fondi pensionistici
privati.
Stessa cosa per una eventuale assicurazione sanitaria.
Vediamo quindi che il funzionamento dello Stato per assicurare il bene comune costa da un minimo del 25% del PIL
no ad un 50% del PIL ed in mezzo abbiamo un range di possibili interventi che essenzialmente riguardano i servizi
pubblici ad erogazione individuale (sanit, istruzione, previdenza sociale) che appunto da soli valgono solo in Italia il
30% del PIL.

Esempi di bene comune

1.1.4 Il principio delle imposte

Art. 53 della Costituzione Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacit contri-
butiva. Il sistema tributario informato a criteri di progressivit.
Tre sono i principi contenuti nell'articolo:

1. Le imposte servono per le spese pubbliche;

2. Tutti sono tenuti a concorrere in base alla capacit contributiva;

3. Il sistema tributario segue criteri di tassazione progressiva.

La prima osservazione, che non si accenna ad alcuna corrispondenza tra imposte e servizio pubblico.
Cos come per i contributi previdenziali obbligatori non esiste un rapporto sinallagmatico di corrispettivit con la
pensione, stessa cosa per tutte le altre imposte e le spese pubbliche.
1.1. LA DIGNIT AL DI SOPRA DI TUTTO 31

Questo principio fondamentale per confutare la logica mercantilistica dello Stato come mero fornitore di servizi.
Non si concorre in base all'uso del servizio ma in base alla capacit contributiva.
Un servizio pubblico che viene stabilito in base al bene comune per tutelare la dignit della persona non pu essere
prezzato in quanto sviluppato con regole fuori dal mercato e spesso in spazi economici dove si ha il fallimento del
mercato.
Qual' quindi il principio per la determinazione dei tributi se non quello dell' uso dei servizi pubblici? E' quello
della capacit contributiva.
Questo principio dovrebbe far capire la dierenza tra uno Stato condominio ed uno Stato sociale.
Nello Stato condominio, le spese si ripartiscono in base all'uso dei servizi oerti dal condominio, nello Stato sociale
la spesa pubblica si ripartisce in base alla capacit contributiva che si manifesta in molti modi.
Non dipende quindi dal reddito prodotto ma dall'avere una disponibilit economica in una situazione normata.
Quale quindi il signicato dello Stato come bene comune? Lo Stato esiste prima del cittadino e dopo del cittadino
ed il cittadino partecipa al clima economico sociale che lo Stato ha determinato prima che nascesse no alla sua
scomparsa, non perch esso fornisce una serie di servizi mirati ad hoc, bens perch permette al cittadino di sviluppare
liberamente la sua azione in uno spazio protetto, civilizzato, con la garanzia della tutela dei diritti civili, economici,
sociali.
Ad esempio la tassazione dell'impresa raggiunge cifre elevate che l'impresa non compensa con servizi specici ma
solo ricollegando la sua azione con la possibilit di muoversi in uno spazio nazionale ove attinge a una manodopera
istruita e ad un mercato composto da una popolazione che in uno spazio tutelato riesce ad accrescere la sua ricchezza
ed a progredire.
Uno dei modi pi facili per comprendere la mancanza di collegamento tra imposte e servizi pubblici la normativa
stessa ove molte volte si evince che il nanziamento avviene attraverso l'imposizione scale a soggetti che nulla hanno
a che vedere con chi usufruisce dei servizi.

La ragione della imposizione scale Se non viene tassato l'uso dei servizi pubblici, ci si chiede quale il principio
con cui lo Stato impone le imposte.
Abbiamo detto che legato alla capacit contributiva. Cosa signica avere una capacit contributiva? Ci sono diversi
tipi di imposte, dirette, indirette, contributi previdenziali che nell'insieme coprono la quasi totalit del gettito scale.
Nel caso delle imposte dirette esse tassano la produzione del reddito reale o standardizzato.
Elenco imposte dirette ed in conto capitale
Nel caso delle imposte indirette esse tassano prevalentemente i consumi.
Elenco delle imposte indirette
Sintesi dei conti aggregati delle Amministrazioni Pubbliche
Qual' quindi il signicato di tassare una ricchezza, o in sede di produzione del reddito, o nella fase di consumo di un
bene, o nella fase del passaggio della propriet es. successione, trasferimento, o il pagamento di un premio?
Il signicato che senza lo Stato, senza la sua organizzazione, senza il livello di benessere, di istruzione, di sanit,
garantito dallo Stato ai suoi cittadini, questa ricchezza non potrebbe essere prodotta, detenuta, scambiata, conservata.
In sintesi il servizio pubblico che lo Stato si fa remunerare non quello nella fase di utilizzo del servizio pubblico in
s visto come corrispettivo, che non pu essere in quanto non vi corrispondenza ma il servizio pubblico generale
che permette la produzione, conservazione, utilizzo del reddito o di un bene.
Se non ci fosse l'azione dello Stato che organizza e gestisce i beni pubblici materiali ed immateriali, che eroga i servizi
pubblici per il benessere dei suoi cittadini, lo spazio economico-sociale ove agisce il cittadino, l'impresa o l'ente e lo
Stato stesso, non potrebbe esistere e senza di esso non sarebbe possibile la creazione di quel livello di reddito o la
conservazione di quel patrimonio.
Quindi quando un ricco si sente penalizzato in quanto i servizi sociali che utilizza sono innitamente inferiori alle
tasse che paga, fa una valutazione errata dei servizi pubblici che utilizza.
Quando si produce un bene, l'impresa fa il bilancio tra i ricavi ed i costi e tra i costi mette tutti i fattori della produzione,
manodopera, materie prime, energia ecc.
Ma nella produzione di quel bene non mette il costo della realizzazione e manutenzione delle strade, della sicurezza
32 CAPITOLO 1. I - SISTEMI PENSIONISTICI

generale, dell'esercito che difende le frontiere dello Stato, l'ammortamento dei costi per l'istruzione dei dipendenti, il
costo per la sanit pubblica per non permettere la diusione di epidemie o i costi per la conservazione della natura e
del paesaggio se magari agisce nel campo del turismo.
Le imposte sono quindi un costo per la produzione del reddito o il mantenimento del patrimonio.
Lo Stato attua politiche demograche, di redistribuzione dei redditi nelle situazioni di bisogno che vanno a vantaggio
di chi produce reddito e che per questo ritiene di svolgere la sua azione in un paese.
Diverso il concetto di concorrenza scale e concorrenza salariale che porta a far sviluppare dei settori industriali in
specici paesi.
Situazione sempre esistita e che sempre esister, esacerbata dall'avvento della globalizzazione ossia dalla apertura dei
mercati.

Il caso dei sistemi pensionistici Con la introduzione del metodo di calcolo contributivo, si potrebbe pensare che
nel caso dei contributi sociali o previdenziali obbligatori, ci sia un rapporto diretto tra contributi e pensione e quindi
che lo Stato di fatto sia niente di pi che una banca virtuale che senza patrimonio trasferisce una ricchezza nel tempo.
Cio che lo Stato riesca a fare senza patrimonio quello che obbligatorio per i fondi pensione ossia il trasferimento
nel tempo di una ricchezza tramite il patrimonio che in aggiunta viene anche gestito.
La realt ben diversa, i contributi previdenziali insieme ad altri trasferimenti dello Stato, comprensivi del debi-
to pubblico, vengono usati per pagare le pensioni correnti che non hanno alcun legame con i contributi versati e
quindi servono per trasferire il reddito prodotto nello stesso esercizio economico, tra cittadini appartenenti a diverse
situazioni sociali.
L'importo della pensione di Stato stabilito da una legge dello Stato e non dal patrimonio.
E lo Stato non pu garantire n l'insieme dei contributi versati n la loro gestione in quanto in ogni momento le
pensioni saranno erogate esclusivamente in base al gettito scale totale ed al costo del debito e degli altri servizi
pubblici.
Se per ragioni demograche si dovesse avere un dimezzamento della popolazione e per ragioni economiche si dovesse
dimezzare il PIL pro-capite, le pensioni non potranno che diventare un quarto, senza considerare gli altri costi dello
Stato.
Per questo motivo il sistema pensionistico pubblico pu essere visto soltanto come uno strumento dello Stato per fare
delle politiche di redistribuzione dei redditi basate sul bene comune, come hanno ben dimostrato anche tutti i report
della Banca d'Italia, sulla riduzione del reddito dei giovani negli ultimi 20 anni rispetto ai pensionati.
Lo Stato diventa quindi lo strumento per la lotta di classe dove le classi sono rispettivamente i lavoratori attivi ed i
pensionati con altre distinzioni all'interno di queste classi.

1.1.5 L'azione dello Stato

L'azione dello Stato quindi quella di perseguire il bene comune giusticando le leggi che impone per il raggiungi-
mento dell'interesse pubblico.
La distribuzione della ricchezza non uniforme e questa distribuzione si crea con il mercato ma inuenzata anche
dalla azione dello Stato.
Se il gettito tributario arriva al 44% del PIL e la spesa pubblica arriva al 50% del PIL creando quindi debito pubblico,
lo Stato diviene il soggetto principale nella redistribuzione del reddito.
L'Italia ha l'indice di Gini degli USA, nazione con uno stato leggero a livello di tassazione, quindi pi soggetto alle
derive del libero mercato in termini di redistribuzione dei redditi, ma ha il livello di tassazione pari a quello delle
nazioni del nord Europa ove l'indice di Gini nettamente inferiore.
Ecco quindi che se non si fanno delle politiche corrette, se le imposte sono una spesa per la produzione del reddito
e la spesa pubblica crea reddito alle lite, allora signica che lo Stato amplicando la concentrazione della ricchezza
signica che socializza i costi e privatizza gli utili.
Azione che sar spiegata ampiamente con la tecnica della spoliazione legale.
1.1. LA DIGNIT AL DI SOPRA DI TUTTO 33

Il mito della solidariet dello Stato

Secondo Ettore Gotti Tedeschi nel suo panphlet intitolato In aari vince Caino l'uomo ha bisogno di tre alimentazioni:
materiale, intellettuale, spirituale.
Ognuno tenderebbe al solo bene individuale se non venisse ammessa la superiorit del bene comune fondata sul
riconoscimento che l'uomo ha bisogno delle tre alimentazioni.
Da queste tre scaturirebbe il concetto di solidariet che sarebbe quindi alla base della azione dello Stato quale
distributore di bene comune.
Questa idea scaturisce dalla religione cattolica che difende la propriet privata ma cerca di relativizzarne l'importanza
della stessa sulla persona in modo che possa essere uno strumento per aiutare gli altri, considera i meno fortunati, di
fatto, come poi predicano che non dovrebbe essere, ossia degli scarti ossia dei pesi da sostenere.
Secondo il mio punto di vista, l'azione dello Stato si basa su presupposti completamente diversi, come anche
vericabile nella realt.
Se si parte dal concetto di solidariet, signica che qualcuno deve essere privato con i tributi di un reddito o di un
patrimonio senza ricevere nulla.
Ma lo Stato, che crea un ambiente politico, economico, sociale, al prezzo di indebitarsi esso stesso, non ha un prezzo?
Senza le infrastrutture siche, senza il capitale umano, senza le risorse giuridiche amministrative, sarebbe possibile
creare o possedere quel patrimonio?
Avete mai visto l'accumulazione di patrimonio in uno Stato fallito?.
Perch gli avvocati o i dottori sono inesistenti nel deserto?
Dove ci sono epidemie di ebola ci sono i turisti?
Anche dove si insediato da poco tempo lo Stato islamico immediatamente vengono raccolti i tributi.
Il solo fatto di gestire un conitto, fa parte del bene comune e non di un istinto di solidariet.
Lo Stato ha quindi come ne il bene comune che non signica in alcun modo solidariet, ma il raggiungimento di
particolari risultati socio economici che vengono imposti con servizi pubblici e opere pubbliche.
Il mito della solidariet talmente falso che ad esempio nel sistema pensionistico pubblico, si parla di problemi di
sostenibilit per la redistribuzione regressiva dei tributi verso i pi abbienti.
La restituzione di pensioni che valgono 12 volte i contributi versati, denunciata dal presidente della Cassa di previdenza
sociale dei ragionieri sono un esempio di "solidariet" dello Stato.
Ci si chiede come deve essere considerato l'intervento dello Stato nel caso ad es. di calamit naturale come un'alluvione
o un sisma.
Quello uno dei casi di individuazione del bene comune ossia di come tutelare tutti i cittadini da questo rischio
aleatorio.
Anzich fare stipulare ad ogni singolo cittadino una polizza assicurativa contro tali rischi, essa viene assunta dallo
Stato che ha la capacit nanziaria di gestire questo "risarcimento" del danno in modo diverso rispetto al classico
modello assicurativo privato.
In questo modo lo Stato crea quel clima di garanzia politica, economico, sociale, culturale che permette il normale
svolgimento della attivit tutelando i suoi cittadini da rischi aleatori.
Anche la sanit pubblica rientra in questo schema di gestione del bene comune. La sanit del singolo cittadino viene
arontata come un bene comune ove il cittadino non viene lasciato solo a fronte della malattia.

L'assurdo confronto dei liberisti

I liberisti propugnano lo Stato leggero, con l'individuo responsabilizzato nei suoi bisogni di servizi.
Ad esempio per la sanit, secondo il liberista ognuno si paga la polizza individuale, stessa cosa per la istruzione.
Il liberista, cos facendo, indica come si dovrebbero abbassare le tasse su chi produce reddito o su chi ha i patrimoni
in quanto quelli che erano bene comune diventano bene individuale.
34 CAPITOLO 1. I - SISTEMI PENSIONISTICI

Ma quando il liberista ha bisogno di altri beni individuali quali la sua sicurezza, le strade e le altre infrastrutture per
i beni che produce, in quel caso, richiede che siano trattati come bene comune.
Quindi se uno va a piedi e l'altro trasporta 100 tonnellate di beni al giorno, chi che deve pagare per la manutenzione
delle infrastrutture?
Ne consegue che il liberista tende a togliere dalle competenze dello Stato tutti i servizi pubblici su base individuale
per ovvie ragioni.

1.1.6 La contrapposizione Stato mercato


Nelle sue attivit lo Stato gestisce sempre secondo i principi della contabilit nanziaria, mentre il privato gestisce le
sue attivit secondo i principi della contabilit economico patrimoniale.
I privati agiscono nel libero mercato, regolato da norme di diritto privato, che prevedono il fallimento degli operatori.
Lo Stato ed i suoi enti agiscono al di fuori del mercato, secondo leggi di diritto pubblico e non previsto il fallimento
degli enti ma la loro eventuale messa in liquidazione.
I fondi pensione agiscono nel libero mercato e sarebbero il cosiddetto terzo pilastro della previdenza.
L'INPS e gli altri enti pubblici gestiscono forme obbligatorie di previdenza con la riscossione delle imposte, altri
trasferimenti e la corresponsione della pensione di Stato secondo leggi di diritto pubblico e sarebbe il primo pilastro
della previdenza.
Nel mondo esiste inne quello che viene chiamato il secondo pilastro della previdenza dove la raccolta obbligatoria
dei contributi previdenziali, quindi con le caratteristiche proprie di una imposta, viene gestita da societ di diritto
privato previo accumulo e gestione patrimoniale con la possibilit di casi particolari che in parte rientrano n nel
diritto privato ed in parte nel diritto pubblico creando i presupposti della spoliazione legale.
In alcuni casi il sistema pensionistico DB, in altri casi DC ossia a contributi deniti.
Nel dibattito tali operatori sono deniti professionali, ma in realt hanno nel caso DB le stesse caratteristiche dei
sistemi pensionistici pubblici di primo pilastro con la dierenza che il patrimonio raccolto con le imposte viene
trasformato in capitale di rischio come se si agisse nel diritto privato.
In alcuni casi si ha di fatto la creazione di un fondo sovrano ossia costituito da gettito scale gestito in forma
privatistica.

1.1.7 Il reato dell'lite


La violazione della legge si congura come un reato o un illecito amministrativo.
Nel caso di un contratto la violazione di un obbligo si congura come una responsabilit civile e il risarcimento del
danno.
Esiste un caso particolare, dove la violazione di una normativa, causando quindi dei danni o ad una popolazione o
danneggiando la dignit della persona singola anche creandogli dei danni patrimoniali, non viene sanzionata.
E' appunto un caso particolare riservato ad una ristretta lite che abita la Casa della spoliazione legale ossia il
Parlamento.
Il reato consiste nella approvazione di leggi illegittime costituzionalmente.
I responsabili dello stupro della Costituzione creano la legalit illegittima e non vengono mai sanzionati ma anzi, il
pi delle volte, vivono nelle agiatezze e negli onori pubblici.
A dire il vero, una situazione che si ripete dalla notte dei tempi ossia da quando sono state scritte le prime leggi.
Marco Porcio Catone

I ladri di beni privati passano la vita in carcere e in catene, quelli di beni pubblici nelle ricchezze e
negli onori
(Marco Porcio Catone, citato in Aulo Gellio, Notti attiche, XI, 18, 18)

La legge che pu essere impunemente violata da questa lite appunto la Costituzione e nel nostro caso la Costituzione
della Repubblica Italiana.
1.1. LA DIGNIT AL DI SOPRA DI TUTTO 35

Se un avvocato insulta un suo collega passibile delle sanzioni del codice deontologico.
Se un avvocato vota una legge incostituzionale che, imponendo una tassazione regressiva, obbliga un giovane avvocato
a chiudere il suo studio e a restare disoccupato, non solo non subisce alcuna sanzione, ma gode sia degli onori della
carica di parlamentare, degli emolumenti previsti per essa ed eventualmente anche del fatto di avere una concorrenza
ridotta nella sua professione.
Quando si avverasse il caso, dopo una lunga procedura giudiziaria, di vedersi dichiarare incostituzionale una legge (e
ho trovato un record di permanenza di una legge incostituzionale di 106 anni) non che si va a vedere i danni che
sono stati causati da essa e chi li ha subiti.
Si cancella la norma solo per l'avvenire e per li passato, "chi ha avuto ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato ha dato,
scordamoce o passato semmo e Napuli pais".

La dignit nella storia

Uno degli esempi secondo me pi chiari e comprensibili di cosa signica difendere la propria dignit nei confronti
dello Stato dato dalla signora Rosa Parks.
Se pensate che tutto si svolto dopo la seconda guerra mondiale negli Stati Uniti, con una delle costituzioni pi
vecchie del mondo ed ancora pi considerate e rispettate, si comprende come l'lite preferisca che non si parli in modo
scientico della spoliazione legale, di come si preferisca che le leggi per combatterla siano il pi possibile inecaci,
di come l'essere umano non possa vivere di solo pane ossia della sola soddisfazione dei bisogni sici basilari ma abbia
bisogno che sia tutelato nella sua dignit di persona ossia intellettualmente e spiritualmente.

1.1.8 La doppia morale mercantilista

Analizziamo alcune situazioni pratiche ove le lite vogliono il libero mercato, ma solo per gli altri.

Il prestito dipende da chi lo fa

Quando un semplice lavoratore va a chiedere un prestito in banca per costruirsi una casa, deve fornire delle garanzie
reali ossia ipotecare un bene che pu essere la stessa abitazione.
La banca quindi quando presta i soldi ha sempre idonee garanzie e la sua azione consiste nel rendere liquido quello
che ha come garanzia solida.
I crediti incagliati delle banche nei confronti delle famiglie, rappresentano l'uno per cento in quanto le garanzie sono
sempre abbastanza solvibili.
Non la stessa cosa quando le banche vendono dei titoli di debito come possono essere le obbligazioni.
In questo caso, essendo un "prodotto nanziario" la responsabilit della valutazione del rischio ricade nell'acquirente
che non ha garanzie e pu perdere tutto nel caso non tanto di errate valutazioni ma di documentazione informativa
palesemente falsa.
Il tutto senza considerare che nel paese della pi bassa istruzione nanziaria abbiamo il pi elevato numero di
investitori retail che superano la verica del MiFID.

Alterazione della libera concorrenza

Abbiamo il caso delle banche che non possono ricevere aiuti di Stato, nonostante si possono creare crisi di sistema.
In passato si procedeva con la nazionalizzazione delle stesse.
Ora si vuole procedere con il bail-in ed il Fondo Atlante. Ma i fondi sovrani, quali sono le casse di previdenza dei
liberi professionisti, trasformano regolarmente i tributi in capitale di rischio e si appropriano sul mercato di azioni,
quindi della propriet delle aziende, di fatto privatizzandole ossia fornendo un Aiuto di Stato.
Mentre negli USA la Social Security investe solo in titoli di Stato trentennali, di fatto operando una partita di giro
nel bilancio dello Stato, in molti paesi, come il Giappone, ma anche in Italia con le casse dei liberi professionisti si
interviene nel mercato alterando la libera concorrenza.
36 CAPITOLO 1. I - SISTEMI PENSIONISTICI

Come pu un piccolo imprenditore competere con un fondo sovrano? Per le banche si vieta l'intervento, ma per altre
aziende come Enel o Finmeccanica, tale intervento nel capitale gradito.
Ma se non create crisi di sistema, ossia siete ad es. un PMI o un agricoltore che deve vendere il suo grano al prezzo
della borsa merci inuenzata da Cicago pensate che in caso di dicolt lo Stato viene a salvarvi?
Naturalmente se siete un libero professionista avrete che Pierluigi Bersani vi introduce nella libera concorrenza senza
tarie minime, mentre se siete Monte dei Paschi di Siena allora lo Stato si preoccupa di fare il prezzo degli NPL con
il patrimonio delle loro casse di previdenza sociale, naturalmente se quello di mercato non vi piace.
Da queste osservazioni si evince come avviene quindi la segmentazione del mercato dei capitali e la doppia morale
mercantilistica.

1.2 Bene comune e povert


< Indice >
< 1 - Sistemi pensionistici > < prec > < succ >
Una volta chiarito che il ne la dignit, che il mezzo il bene comune, come si valuta il bene comune?
Tutte le scelte che si prendono nella gestione della cosa pubblica sono prese in nome del bene comune, ma esiste un
manuale con le regole, i parametri e la descrizione di come raggiungerlo?

Le tre alimentazioni dell'uomo

Quanto contenuto in questo paragrafo ripreso totalmente dal libro di Ettore Gotti Tedeschi Negli aari vince
Caino.
Per ragioni di copyright faccio un indegno riassunto che spero sia altrettanto chiaro come nel testo originale.
L'uomo ha bisogno di tre alimentazioni: quella materiale, quella intellettuale, quella spirituale che servono per il corpo,
l'intelletto e lo spirito.
Paolo VI in Populorum Progressio aerma che lo sviluppo autentico dell'uomo non pu essere solo economico bens
integrale ossia devono aversi le tre alimentazioni.
Se l'uomo ha solo la prima alimentazione lo si riconosce solo come animale.
Se ha l'alimentazione materiale e quella intellettuale allora lo si riconosce come un pragmatico razionale.
Con la sola alimentazione spirituale lo si fa un asceta.
Soddisfacendolo intellettualmente e spiritualmente lo si fa un potenziale santo.
Ecco quindi l'importanza di uno sviluppo integrale dell'uomo.
Ma abbiamo anche i fornitori delle alimentazioni tra i quali regna un conitto eterno.
Chi fornisce l'alimentazione materiale ha bisogno di controllare quella intellettuale e relativizzare quella spirituale.
Chi gestisce l'alimentazione spirituale relativizza quella materiale e guida quella intellettuale.
Chi gestisce l'alimentazione intellettuale cerca di controllare quella materiale e sminuire quella spirituale.

Povert e ricchezza

Cos come essere poveri non un merito, anche essere ricchi non un demerito.
La propriet privata uno strumento indispensabile per la gestione della alimentazione materiale nel rispetto oltre
che del corpo, dell'intelletto e dello spirito.
Ognuno nel costruire la sua alimentazione materiale si rapporta con gli altri uomini eseguendo scambi che dovrebbero
essere liberamente soddisfacenti.
La realt economica non rende mai tutti gli uomini liberi delle scelte che gli permettono di soddisfare il proprio
sviluppo integrale come realmente vorrebbe.
1.2. BENE COMUNE E POVERT 37

La realt economica regolata dalle leggi scritte dagli uomini ed imposte dallo Stato con il contratto sociale.
Le leggi che regolano l'economia sono in costante aggiornamento e servono per mantenere aggiornato il contratto
sociale ossia la sostenibilit economica e sociale dei rapporti tra i cittadini di uno stato.
Non esiste l'economia senza il diritto e il diritto senza economia.

La globalizzazione

La globalizzazione sta rapidamente cambiando il mondo elevando il tenore di vita di ampie fasce di popolazioni,
aumentando la ricchezza dei pi ricchi e ridimensionando la ricchezza della classe media dei paesi ricchi.
Tutto partito con la delocalizzazione delle produzioni manufatturiere che si avevano nei paesi ricchi, il conseguente
abbassamento dei prezzi per i consumatori occidentali che per perdendo il lavoro, poi non hanno pi il reddito per
comperare anche i prodotti a basso costo.
Nel mondo occidentale abbiamo quindi le attivit legate alla domanda interna, che non possono essere soppiantate dal-
le importazioni e le attivit che invece possono essere delocalizzate ovvero sottoposte alla concorrenza internazionale
come ad es. la produzione di frumento.
I prezzi dei prodotti incorporano il costo del lavoro che dipende dal salario e dal costo del welfare state dello stato di
produzione.
La concorrenza internazionale diventa anche una concorrenza dei welfare state ossia del bene comune dei cittadini
dei vari stati.

I conni del welfare state

Si pone quindi il problema di come mantenere i costi dello stato sociale quando le attivit sono poste in concorrenza
con produttori insediati negli stati che attuano la concorrenza scale e limitano i diritti sociali dei lavoratori.
Ci sono poi i conni interni del welfare state quando esso organizzato secondo modelli corporativi.
C' inne la spoliazione legale attuata all'interno delle istituzioni che attuano il welfare state.
Alla luce di queste immense problematiche appena elencate, come si compila un manuale per il perseguimento del
bene comune?
Quali devono essere i conni del welfare state?

La povert assoluta

Casualmente in questi giorni (luglio 2016) vengono pubblicati i dati sulla povert assoluta in Italia.
Dalla ricerca su Google esce il calcolatore Istat della soglia di povert assoluta.
Mi capitato pi volte di sentire che un ricco pu arricchirsi quanto vuole, purch ci porti all'aumento del bene
comune, non c' problema.
Ci signica che qualsiasi redistribuzione della ricchezza pu andar bene basta che c' un aumento del PIL.
Quindi l'indice di Gini di misura della distribuzione della ricchezza, con questo criterio potrebbe tranquillamente
arrivare ad uno ossia tutta la ricchezza ad uno.
Ovvio che ci assurdo, ma c' anche un altro limite ossia la soglia di povert assoluta.
Se il contratto sociale lascia persone sotto la soglia di povert assoluta, penso che c' qualcosa che non funziona.
Quindi direi che le prime due regole per il raggiungimento del bene comune sono:

1. la povert assoluta non deve crescere ma diminuire;

2. la crescita complessiva deve essere positiva.


38 CAPITOLO 1. I - SISTEMI PENSIONISTICI

La redistribuzione della ricchezza il cuore del problema

Se l'alimentazione spirituale pu essere fornita solo se lo Stato garantisce le libert civili, se diamo per scontato
che l'alimentazione intellettuale pu essere fornita gratuitamente dallo Stato a tutti senza sostanziali dicolt, resta
l'alimentazione materiale come fulcro del discorso ossia la distribuzione della ricchezza.
Ricchezza che fatto di redditi e di patrimoni.
Se si tolgono quindi le persone svantaggiate, inabili per le quali lo Stato dovrebbe garantire l'assistenza, resta da
analizzare come avviene la distribuzione della ricchezza tra tutti quelli potenzialmente abili al lavoro.

1.2.1 Bibliograa
La misura della povert tesi di Irene Sguotti A.A. 2012/13

1.3 Bene comune e lavoro


< Indice >
< 1 - Sistemi pensionistici > < prec > < succ >
Il lavoro il fondamento economico del bene comune in quanto indispensabile per l'alimentazione materiale, intel-
lettuale e spirituale.
Il lavoro l'unica fonte che crea il reddito da redistribuire per il bene comune.
Il lavoro deve essere svolto e compensato nel rispetto della dignit.
Nelle innite modalit in cui si svolge il rapporto di lavoro si creano le innumerevoli situazioni di discriminazione tra
i cittadini.
Alcune caratteristiche del lavoro:

mercato su cui si svolge l'attivit (interno, estero)

tipo di mercato (libera concorrenza, monopolio)

tipo di contratto (indeterminato, determinato, essibile)

tipo di lavoro (usurante, non usurante)

Qui non si vuole arontare il tema dei rapporti di lavoro, legato alla dignit ed all'equit, ma di creazione e distruzione
del lavoro pi legato al bene comune.
Il reddito, prima di redistribuirlo, bisogna produrlo.

1.3.1 Ford e la paga degli operai


Uno degli aneddoti sulla storia di Ford che una volta avviata la prima catena di montaggio che sfornava automobili
ad un ritmo mai visto, era il problema a chi venderle.
Per questo la paga degli operai era tale da permettergliene l'acquisto.
Il lavoro fa i consumatori ed i consumatori fanno il lavoro.
Questo vale in un mercato chiuso.
Se interviene la delocalizzazione e la concorrenza salariale tra stati con diversi costi del welfare, del lavoro e che fanno
la concorrenza scale, il lavoro si sposta dove costa di meno.
E' la globalizzazione ossia l'apertura dei mercati alla libera concorrenza e circolazione di beni, persone e capitali, con
il ne di tutelare in primo luogo il cittadino consumatore.
Ma se il cittadino perde il lavoro dopo un poco di tempo non avr reddito neanche per i prodotti pi economici.
1.4. BENE COMUNE E FINANZA 39

In generale distinguerei quindi due situazioni, il lavoro che dipende dalla domanda interna, il lavoro che legato alla
concorrenza internazionale, il lavoro che legato alle importazioni.

1.3.2 L'impresa nel libero mercato al centro del bene comune


Se tutti i lavori hanno un valore primario nei confronti del bene comune, il lavoro delle imprese sul libero mercato ha
un valore superiore in quanto fonte primaria del PIL.
Solo da queste imprese, agricole, industriali, artigianali, intellettuali, purch posizionate sul libero mercato, nasce il
reddito che a cascata alimenta i servizi pubblici.
Le imprese che operano come fornitori di servizi sia pubblici o in regime di monopolio, sono le imprese che
redistribuiscono il reddito tra tutti gli altri lavoratori e cittadini in cambio di un servizio legato al bene comune.
Inne vi sono quelli che ripartiscono i redditi senza fornire servizi e sono i casi di deriva della nanza legati alla
spoliazione legale.
Quindi ogni volta che si carica l'impresa di oneri che non servono per il bene comune, si fa una azione contro il lavoro.

1.3.3 Come perseguire il bene comune nel lavoro


Occupazione

Costo totale del lavoro

Monte dei salari

1.4 Bene comune e nanza


< Indice >
< 1 - Sistemi pensionistici > < prec > < succ >
La nanza uno strumento che non pu essere colpevolizzato a prescindere, solo per il fatto di esistere.
Ma la nanza, pu facilmente degenerare quando diventa ne solo all'arricchimento a prescindere di tutto anzich
perseguire solo il puro e semplice bene comune.
Questo perch, a dierenza di tutte le altre attivit, il ne ossia il denaro si pu facilmente mescolare con la merce
che tratta ossia sempre il denaro.
La nanza per l'economia quello che il sangue per il corpo umano.
Tutti gli organi del corpo umano, hanno bisogno del sangue per svolgere le proprie funzioni, la mancanza di esso crea
il collasso del singolo organo prima e dell'intero corpo dopo.
Ma si potrebbe pensare la nanza come il gestore dell'acquedotto.
Si tratta di erogare un servizio essenziale che ha come ne di produrre le risorse che alla ne rientrano nel sistema
come la pioggia nelle sorgenti.
E questo fa pensare ad un tema di attualit ossia il sistema bancario si regge se regge l'economia e viceversa. Se
non piove le banche non possono distribuire la risorsa preziosa e la pioggia (il risparmio) si crea solo se le risorse
distribuite sono ben utilizzate.
Quindi dire che la nanza va eliminata una assurdit, cos come che la nanza possa permettersi tutto.
Il troppo o il poco non sono tollerabili. Tutto si deve svolgere con un equilibrio collaudato.
Pensare di inventare la nanza creativa per risolvere i problemi dell'economia una bestemmia.

1.5 I principi economici dei sistemi pensionistici


< Indice >
40 CAPITOLO 1. I - SISTEMI PENSIONISTICI

< 1 - Sistemi pensionistici > < prec > < succ >
I sistemi pensionistici sono organismi che hanno lo scopo di erogare delle prestazioni previdenziali ai soggetti che
vi partecipano. Sono caratterizzati dalla partecipazione di un numero elevato di partecipanti in quanto trattando dei
rischi biometrici dai costi elevati, devono essere ripartiti in una collettivit.
Un sistema pensionistico anche un modello semplicato che descrive il funzionamento della gestione della previ-
denza sociale per alcune collettivit.
I principi economici che sono alla base dei sistemi pensionistici sono contenuti nella normativa che regola il rapporto
economico tra utente/cliente e gestore.
I sistemi pensionistici hanno due modalit di gestire il rapporto economico:

1. I sistemi pensionistici a redistribuzione dei tributi basati sulla contabilit nanziaria, che non prevedono un
rapporto sinallagmatico tra prestazione sociale in denaro e contributi pensionistici se il rischio biometrico
tutelato con una prestazione sociale in denaro secondo modalit del servizio pubblico essenziale;

2. I sistemi pensionistici a capitalizzazione basati sulla contabilit economico patrimoniale, che prevedono un
rapporto sinallagmatico tra prestazione pensionistica complementare e risparmio previdenziale se il rischio
biometrico gestito in forma assicurativa.

1.5.1 I sistemi pensionistici a redistribuzione dei tributi che non prevedono un rapporto
sinallagmatico tra prestazioni e contributi previdenziali

Sono i sistemi pensionistici obbligatori che nella classicazione secondo la World Bank ricadono nel primo pilastro
della previdenza o nel secondo pilastro della previdenza.
Nel caso di previdenza di primo pilastro, sono i sistemi pensionistici di diritto pubblico con gestori che possono essere
enti pubblici o pubbliche amministrazioni con persona giuridica privata che svolgono una attivit di interesse pubblico
erogando il servizio pubblico di tutela previdenziale senza patrimonio di previdenza.
Nel caso di previdenza di secondo pilastro, sono i sistemi pensionistici di diritto pubblico con gestori privati che
svolgono una attivit di interesse pubblico erogando il servizio pubblico di tutela previdenziale con patrimonio di
previdenza.

Caratteristiche dei sistemi pensionistici pubblici senza patrimonio di previdenza

Siamo nel caso del primo pilastro della previdenza (comprensivo anche del pilastro zero secondo la classicazione pi
specica della World Bank).
La prestazione pensionistica fornita come un servizio pubblico con erogazioni in denaro la cui entit calcolata con
un metodo di calcolo ssato per legge. Si dice che la rendita pensionistica stabilita con una formula della rendita
predenita.
Il nanziamento dell'ente previdenziale avviene per cassa attraverso i tributi in quanto i contributi previdenziali
obbligatori per le assicurazioni sociali obbligatorie sono tributi.
Nel caso in cui una gestione previdenziale non riesca a mantenere l'equilibrio nanziario lo Stato interviene con
trasferimenti di tributi dal bilancio o con il debito pubblico determinando il decit dello Stato.
L'equilibrio della gestione nanziaria di questi sistemi pensionistici legato alla sostenibilit scale del sistema
pensionistico ed alla crescita reale del PIL inuenzata sia da fattori economici sia dagli sviluppi demograci.
Quando in un sistema pensionistico la gestione nanziaria non pi in equilibrio si opera una riforma previdenziale
che pu intervenire:

aumento della aliquota contributiva pensionistica di nanziamento;

aumento dell'et per il pensionamento di vecchiaia;

diminuzione delle prestazioni pensionistiche in essere. I diritti acquisiti in questo caso non esistono per deni-
zione.
1.5. I PRINCIPI ECONOMICI DEI SISTEMI PENSIONISTICI 41

Essendo le prestazioni pensionistiche dei servizi pubblici, gli stessi possono essere variati in base alle contingenze
economiche dello Stato.
Tali sistemi pensionistici sono senza riserve patrimoniali o se con riserve esse non coprono il debito pensionistico
latente.
In tal caso l'indice di patrimonializzazione o fund ratio inferiore all'unit ed il patrimonio dell'ente previdenziale
non pu essere denito patrimonio di previdenza.
Il patrimonio pu servire per assorbire mismach temporanei dovuti a crollo dei redditi o degli iscritti o nel caso di
spoliazione legale interviene come patrimonio preda.
Tali sistemi pensionistici sono caratterizzati dalla gestione politica della redistribuzione dei redditi con frequenti
interventi della politica (es. INPS).

Valutazione della stabilit della gestione nanziaria La stabilit della gestione nanziaria dei sistemi pensio-
nistici pubblici strettamente legata alla sostenibilit nanziaria del debito pubblico della nazione che li gestisce.
Si tende ad associare la stabilit della gestione nanziaria legandola ai nanziamenti specici legati al singolo sistema
pensionistico pubblico, ma ci comunque fuorviante in quanto sia nel caso pi evidente di trasferimenti dalla scalit
generale, sia nel caso in cui non vi siano, i costi dei servizi pubblici e le prestazioni dei servizi pubblici, possono essere
valutati solo nell'ambito complessivo del bilancio dello Stato con, da una parte appunto l'insieme complessivo delle
prestazioni fornite, dall'altra il gettito scale totale.
Un parametro di valutazione normalmente utilizzato il rapporto tra la spesa pensionistica ed il PIL.
Detto rapporto va confrontato con il rapporto tra il gettito scale totale ed il PIL e gli altri indicatori macroeconomici
quali il rapporto tra il debito pubblico ed il PIL e il decit del bilancio dello Stato in rapporto al PIL.

Caratteristiche dei sistemi pensionistici pubblici con patrimonio per mismachment temporanei

I sistemi pensionistici che vengono classicati nel secondo pilastro della previdenza non sono presenti in Italia mentre
sono diusi in Svizzera ed in altri paesi OCSE.
Sono sistemi pensionistici obbligatori gestiti da privati secondo leggi di diritto pubblico e si distinguono per la presenza
di un patrimonio di previdenza.
La prestazione pensionistica viene calcolata sempre secondo il metodo della formula predenita determinando una
solidariet che va oltre la redistribuzione del rischio assicurativo.
Quando il patrimonio di previdenza non copre pi le obbligazioni derivanti dalla formula della rendita predenita,
si interviene con leggi di diritto pubblico che modicano la formula della rendita predenita determinando quindi
l'assenza del rapporto sinallagmatico tra contributi previdenziali e prestazioni pensionistiche.
Si pu pensare che la presenza di un patrimonio di previdenza rappresenti l'esistenza di un rapporto sinallagmatico
tra prestazioni pensionistiche e contributi previdenziali, ma ci non vero in quanto il rischio economico scaricato
sugli aderenti in forma obbligatoria, in particolare modo per quanto riguarda il rischio di longevit.

Valutazione della stabilit della gestione nanziaria

1.5.2 I sistemi pensionistici a capitalizzazione che prevedono un rapporto sinallagmatico


tra prestazioni e risparmio privato

Sono i sistemi pensionistici deniti dalla World Bank terzo e quarto pilastro della previdenza.
Sono i sistemi pensionistici o gli strumenti nanziari che si basano sulla volontariet del rapporto giuridico di diritto
privato che regola la gestione del risparmio.
Il gestore deve gestire i risparmi secondo il principio della capitalizzazione integrale ossia mantenere un patrimonio
di previdenza che copre le obbligazioni assunte in base al rapporto giuridico di diritto privato.

Valutazione della stabilit della gestione nanziaria 1 - Sistemi pensionistici


42 CAPITOLO 1. I - SISTEMI PENSIONISTICI

1.5.3 Note

1.5.4 Collegamenti esterni


EIOPA

1.5.5 Bibliograa
Libri

La riforma delle pensioni Fornero commentata comma per comma su Wikibooks

Leggi

Decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, articolo 24, in materia di "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equita'
e il consolidamento dei conti pubblici."

Decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, articolo 12, in materia di "Misure urgenti in materia di stabilizzazione
nanziaria e di competitivita' economica."

Web

ESSPROS Manual and user guidelines, ESSPROS Manual and user guidelines.

v. pag. 166.

Melburne Mercer Global Pension Index, Melburne Mercer Global Pension Index.
Pensions at a Glance 2013: OECD and G20 indicators Italia, OCSE20131126Italia. URL consultato il 9 dicembre
2013.

News

Beniamino Musto, Direttiva Iorp, cosa cambia per i fondi pensione italiani in insurancetrade.it. URL consultato
il 4 ottobre 2015.

Paolo Onofri, La distribuzione dei rischi nel sistema pensionistico italiano in Professione Finanza. URL consul-
tato il 17 settembre 2014.

Vincenzo Galasso, Chi paga per la riforma delle pensioni in La Voce.info. URL consultato il 31 dicembre 2013.
Paola Valentini, Pensioni, in Danimarca il sistema pi ecace e sostenibile al mondo in Milano Finanza.
Povere pensioni in Sbilanciamoci. URL consultato il 6 dicembre 2013.
Inps, frena il numero di pensioni in MilanoFinanza. URL consultato il 5 dicembre 2013.
Fornero sfondata da pensioni a 60 anni. E fuoco che brucia sotto i conti Inps in Bliz quotidiano. URL consultato
il 16 novembre 2013.

Pensioni: Fornero, grazie alla riforma risparmi per 22 miliardi entro il 2020 in Teleborsa. URL consultato il 19
aprile 2013.

Risparmi per 80 miliardi dalla riforma Fornero in Corriere della Sera. URL consultato il 13 giugno 2013.
Andrea Telara, Pensioni, le vere vittime della riforna Fornero in Panorama. URL consultato il 22 agosto 2013.
Previdenza, i divora-pensione in MilanoFinanza. URL consultato il 23 agosto 2013.
La Cassa ragionieri prova l'attacco in Il sole 24 ore. URL consultato il 26 marzo 2013.
1.6. PARAMETRI DI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PENSIONISTICI 43

1.6 Parametri di classicazione dei sistemi pensionistici


< Indice >
< 1 - Sistemi pensionistici > < prec > < succ >

1.6.1 Classicazione

I sistemi pensionistici possono essere organizzati in molteplici modi e si distinguono per i seguenti aspetti:

Natura giuridica dei sistemi pensionistici;

Persona giuridica delle istituzioni previdenziali;

Tipo di partecipazione;

Tipo di tutele gestite;

Tipo di prestazioni previdenziali;

Modalit di nanziamento;

Modalit di gestione nanziaria;

Modalit di calcolo del tipo di prestazione previdenziale;

Modalit di variazione della promessa pensionistica;

Gestione dei rischi.

Natura giuridica dei sistemi pensionistici

I sistemi pensionistici si distinguono in:

sistemi pensionistici di diritto pubblico quando sono istituiti per un interesse pubblico e forniscono un servizio
pubblico;

sistemi pensionistici di diritto privato quando sono istituti per soddisfare degli interessi privati.

Persona giuridica delle istituzioni previdenziali

I sistemi pensionistici possono essere gestiti da:

amministrazioni pubbliche (che possono essere enti pubblici o essere fondazioni o associazioni senza scopo di
lucro e con persona giuridica privata);

societ con persona giuridica privata con o senza scopo di lucro.

Tipo di partecipazione ai sistemi pensionistici

Obbligatoria;

Volontaria.
44 CAPITOLO 1. I - SISTEMI PENSIONISTICI

Tipo di tutele gestite

Tutele gestite:

per situazioni al termine o con la sospensione del rapporto di lavoro:


assicurazione sociale per la vecchiaia;
assicurazione sociale per la disoccupazione;
assicurazione sociale per l'impiego;
per eventi accaduti durante l'attivit lavorativa:
assicurazione sociale per l'invalidit;
assicurazione sociale per l'inabilit;
assicurazione sociale per i superstiti;
assicurazione sociale per la maternit;
assicurazione sociale vita;
assicurazione sociale per gli infortuni sul lavoro.

Tipo di prestazioni previdenziali

Prestazione economica pensioni

Prestazione in natura

Modalit di nanziamento

Fiscalit anche con contributi previdenziali obbligatori

Finanziamento con versamenti volontari

Modalit di gestione nanziaria

Sistema pensionistico pubblico a redistribuzione dei tributi

Gestione secondo il principio della capitalizzazione integrale con patrimonio di previdenza.

Modalit di calcolo delle pensioni di vecchiaia

Schema pensionistico con formula delle rendite predenita (dened benet schema pensionistico DB o schema
pensionistico NDC)

Capitalizzazione dei versamenti nel patrimonio di previdenza nel rispetto del principio della capitalizzazione
integrale

Modalit di variazione della promessa pensionistica

Ammessa

Non ammessa

Modalit di estinzione dell'ente gestore

Liquidazione

Fallimento
1.6. PARAMETRI DI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PENSIONISTICI 45

Rischio economico

Il rischio economico[1] pu essere:

A carico dell'ente gestore


A carico dell'iscritto

Rischio demograco

Il rischio demograco[1] pu essere:

Esistente
A carico dell'ente gestore
A carico dell'iscritto
Inesistente

Rischio politico

Il rischio politico[2] pu essere:

A carico dell'ente gestore


A carico dell'iscritto

1.6.2 Gli schemi pensionistici


Gli schemi pensionistici derivano da una combinazione di queste caratteristiche:

Gestione nanziaria degli istituti di previdenza


funded
unfunded

Formula di calcolo delle rendite pensionistiche


schema pensionistico a rendite denite
schema pensionistico a contributi deniti

Collettivit che ricevono il servizio


Lavoratori
Cittadini

Gestione del servizio


Pubblico
Privato

Tipologia del servizio


Pubblico (sempre obbligatorio)
Privato
Obbligatorio
46 CAPITOLO 1. I - SISTEMI PENSIONISTICI

Volontario

Nel dibattito politico culturale sono in uso acronimi che derivano dalla lingua inglese. Non sempre la traduzione
italiana completa e descrittiva dei medesimi parametri.

NDC Pension Scheme Nonnancial (notional) Dened Contribution Pension Scheme

1.6.3 Gli schemi pensionistici in Italia


(a)
In Italia il secondo pilastro della previdenza non stato implementato
(b)
A seguito della riforma delle pensioni Fornero

1.6.4 I sistemi pensionistici nel mondo


Sistema pensionistico italiano

Sistema pensionistico pubblico in Italia

Sistema pensionistico privato in Italia

Sistema pensionistico obbligatorio in Svizzera

1 - Sistemi pensionistici

1.6.5 Note
[1] Professione Finanza 17/09/2014, In questo modo rischio economico (leconomia cresce poco) e rischio demograco (la
popolazione invecchia rapidamente) sono a carico del lavoratore attraverso il ridimensionamento delle rendite che sono
liquidate se gli eventi negativi per il sistema pensionistico prima menzionati si materializzano.

[2] Professione Finanza 17/09/2014, A questo obiettivo va aggiunto il fatto che un sistema pensionistico a ripartizione di
fronte a un incremento del tasso di dipendenza degli anziani che renda politicamente insopportabile il peso sulle spalle
delle persone attive possa subire ulteriori modicazioni peggiorative rispetto a quelle attuali. Lanalisi di questo rischio
politico rileva due aspetti, quello economico e quello pi strettamente politico.

1.6.6 Bibliograa
Libri

La riforma delle pensioni Fornero commentata, Conigliomannaro, Wikibooks

Leggi

Decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, articolo 24, in materia di "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equita'
e il consolidamento dei conti pubblici."

Decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, articolo 12, in materia di "Misure urgenti in materia di stabilizzazione
nanziaria e di competitivita' economica."

Web

Melburne Mercer Global Pension Index, Melburne Mercer Global Pension Index.

Pensions at a Glance 2013: OECD and G20 indicators Italia, OCSE20131126Italia. URL consultato il 9 dicembre
2013.
1.7. CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PENSIONISTICI 47

News

Paolo Onofri, La distribuzione dei rischi nel sistema pensionistico italiano in Professione Finanza. URL consul-
tato il 17 settembre 2014.

Vincenzo Galasso, Chi paga per la riforma delle pensioni in La Voce.info. URL consultato il 31 dicembre 2013.
Paola Valentini, Pensioni, in Danimarca il sistema pi ecace e sostenibile al mondo in Milano Finanza.
Povere pensioni in Sbilanciamoci. URL consultato il 6 dicembre 2013.
Inps, frena il numero di pensioni in MilanoFinanza. URL consultato il 5 dicembre 2013.
Fornero sfondata da pensioni a 60 anni. E fuoco che brucia sotto i conti Inps in Bliz quotidiano. URL consultato
il 16 novembre 2013.

Pensioni: Fornero, grazie alla riforma risparmi per 22 miliardi entro il 2020 in Teleborsa. URL consultato il 19
aprile 2013.

Risparmi per 80 miliardi dalla riforma Fornero in Corriere della Sera. URL consultato il 13 giugno 2013.
Andrea Telara, Pensioni, le vere vittime della riforna Fornero in Panorama. URL consultato il 22 agosto 2013.
Previdenza, i divora-pensione in MilanoFinanza. URL consultato il 23 agosto 2013.
La Cassa ragionieri prova l'attacco in Il sole 24 ore. URL consultato il 26 marzo 2013.

1 - Sistemi pensionistici

1.7 Classicazione dei sistemi pensionistici


< Indice >
< 1 - Sistemi pensionistici > < prec > < succ >
La World Bank ha analizzato i sistemi pensionistici in un rapporto del 1994.

1.7.1 Classicazione dei sistemi pensionistici secondo la World Bank


E' in uso una classicazione dei sistemi pensionistici scaturita da una pubblicazione della World Bank del 1994
Adverting the Old Age Crisis.[1]
Pilastro 1 Un sistema obbligatorio pubblico nanziato con le tasse con gestione pubblica;
Pilastro 2 Un sistema obbligatorio privatamente gestito con patrimonio di previdenza;
Pilastro 3 Un sistema volontario privatamente gestito con patrimonio di previdenza, che gestisce i risparmi privati.
Successivamente tale classicazione stata integrata e specicata:
Pilastro 0 Una pensione base nanziata con il gettito scale che pu essere universale o sulla prova dei mezzi;
Pilastro 1 Un sistema pensionistico pubblico obbligatorio che nanziato con il gettito scale e in alcuni casi gestito
con delle riserve nanziarie;
Pilastro 2 Un sistema obbligatorio su base corporativa o individuale con patrimonio di previdenza (fully funded);
Pilastro 3 Un sistema volontario su base corporativa o individuale con patrimonio di previdenza (fully funded), che
gestisce i risparmi privati|.
Pilastro 4 Un sistema volontario fuori dei sistemi pensionistici con accesso ad una variet di strumenti nanziari e
non nanziari.

1.7.2 Note
[1] Melburne Mercer Global Pension Index, Pag. 12
48 CAPITOLO 1. I - SISTEMI PENSIONISTICI

1.7.3 Bibliograa
Melburne Mercer Global Pension Index.

Pensions at a Glance 2013: OECD and G20 indicators Italia. URL consultato il 9 dicembre 2013.

1 - Sistemi pensionistici

1.8 Sistemi pensionistici in Italia


< Indice >
< 1 - Sistemi pensionistici > < prec > < succ >

1.8.1 La classicazione dei sistemi pensionistici in Italia


(a)
In Italia il secondo pilastro della previdenza non stato implementato
(b)
A seguito della riforma delle pensioni Fornero
(c)
Solo con il Metodo di calcolo retributivo
1 - Sistemi pensionistici

1.9 Il primo pilastro della previdenza


< Indice >
< 1 - Sistemi pensionistici > < prec > < succ >
Il primo pilastro della previdenza, nel campo dei sistemi pensionistici una denizione introdotta in una pubbli-
cazione della World Bank nel 1994 per indicare sinteticamente i sistemi pensionistici pubblici obbligatori nanziati
con le tasse ed a gestione pubblica ossia secondo il diritto della previdenza sociale.
Nella maggioranza dei paesi OCSE i sistemi pensionistici pubblici sono sistema pensionistici pubblici a redistribuzione
dei tributi con le prestazioni previdenziali determinate applicando uno schema pensionistico con formula delle rendite
predenita.
Il sistema obbligatori pubblico attua quindi politiche di redistribuzione dei redditi su base scale con eventuale
patrimonio per superare decit di cassa temporanei, salvo i casi di saccheggio legale.
In Italia il primo pilastro della previdenza corrisponde al sistema pensionistico pubblico in Italia.

1.9.1 Classicazione dei sistemi pensionistici secondo la World Bank

E' in uso una classicazione dei sistemi pensionistici scaturita da una pubblicazione della World Bank del 1994
Adverting the Old Age Crisis.[1]
Pilastro 1 Un sistema obbligatori pubblico nanziato con le tasse con gestione pubblica e quindi su politiche di
redistribuzione dei redditi con eventuale patrimonio per superare decit di cassa temporanei;[2]
Pilastro 2 Un sistema obbligatorio privatamente gestito con patrimonio di previdenza e quindi su politiche di
redistribuzione dei risparmi capitalizzati;
Pilastro 3 Un sistema volontario privatamente gestito con patrimonio di previdenza, che gestisce i risparmi privati|.
Successivamente tale classicazione stata integrata e specicata:
Pilastro 0 Una pensione base nanziata con il gettito scale che pu essere universale o sulla prova dei mezzi;
Pilastro 1 Un sistema pensionistico pubblico obbligatorio che nanziato con il gettito scale e in alcuni casi gestito
con delle riserve nanziarie;
1.9. IL PRIMO PILASTRO DELLA PREVIDENZA 49

Pilastro 2 Un sistema obbligatorio su base corporativa o individuale con patrimonio di previdenza (fully funded);
Pilastro 3 Un sistema volontario su base corporativa o individuale con patrimonio di previdenza (fully funded), che
gestisce i risparmi privati|.
Pilastro 4 Un sistema volontario fuori dei sistemi pensionistici con accesso ad una variet di strumenti nanziari e
non nanziari.

1.9.2 Perch la divisione della previdenza in pi pilastri

Nel secondo dopoguerra, nel mondo occidentale si sono sviluppati dei sistemi pensionistici pubblici molto generosi
che sul nire del secolo sono andati in crisi nanziaria. Tale crisi dipesa dalla ne della crescita economica sulla
quale si basava la remunerazione da crescita economica dei sistemi pensionistici pubblici a redistribuzione dei tributi.
Nel caso italiano ad esempio, con il metodo di calcolo retributivo, in alcuni casi lo Stato, attraverso suoi enti pubblici
restituiva anche otto volte i contributi versati grazie alla degenerazione del diritto della previdenza sociale.
La World Bank, denunciando l'insostenibilit nanziaria di tali schemi prospettava una modalit di uscita dai sistemi
pensionistici pubblici individuando una diversa allocazione delle risorse destinate alla previdenza in modo da per-
mettere alle persone di pi alto reddito di mantenere un pi elevato standard di vita in fase di ritiro, slandosi dalla
contribuzione al sistema pensionistico pubblico con l'introduzione del massimale di contribuzione.
Il sistema pensionistico pubblico destinato per ragioni di sostenibilit scale del sistema pensionistico pubblico ad
un relativo ridimensionamento, si pensato di far sviluppare nei vari paesi ulteriori sistemi pensionistici obbligatori
o volontari occupazionali o meno a gestione privata e a capitalizzazione.
Il sistema pensionistico privato occupazionale a capitalizzazione stato denito dalla World Bank secondo pilastro
della previdenza.
Il sistema pensionistico privato volontario a capitalizzazione stato denito dalla World Bank terzo pilastro della
previdenza.
Nel caso italiano stato implementato solo il primo ed il terzo pilastro in quanto la contribuzione obbligatoria assorbe
gi una quota elevatissima di reddito in rapporto agli altri paesi OCSE.
Quindi il terzo pilastro si sviluppato in Italia in larga parte a sostegno delle fasce di reddito pi elevate che hanno
usufruito anche di incentivi scali su base regressiva tipici dei meccanismi di spoliazione legale.

1.9.3 Note
[1] Averting the Old Age Crisis in World Bank, 1994.

pag. 12.

[2] La spesa pubblica nel XX secolo. Una prospettiva globale.

pag. 183 Il primo pilastro dovrebbe essere obbligatorio, gestito dal settore pubblico, nanziato con le entrate
scali".

Web

Averting the old age crisis in World Bank, 1994. URL consultato il 19 novembre 2014.

Averting the old age crisis in World Bank, 1994. URL consultato il 19 novembre 2014.

Melburne Mercer Global Pension Index, Melburne Mercer Global Pension Index.

Pensions at a Glance 2013: OECD and G20 indicators Italia, OCSE20131126Italia. URL consultato il 9 dicembre
2013.

Categoria:Il conitto pensionistico


1 - Sistemi pensionistici
50 CAPITOLO 1. I - SISTEMI PENSIONISTICI

1.10 Il secondo pilastro della previdenza


< Indice >
< 1 - Sistemi pensionistici > < prec > < succ >
Il secondo pilastro della previdenza, nel campo dei sistemi pensionistici una denizione introdotta in una pub-
blicazione della World Bank nel 1994 per indicare sinteticamente i sistemi pensionistici privati obbligatori nanziati
con i contributi obbligatori ed a gestione privata.
Nella maggioranza dei paesi OCSE i sistemi pensionistici privati sono gestiti con un patrimonio di previdenza nel
rispetto del principio della capitalizzazione integrale.
Il sistema obbligatorio privato attua quindi politiche di redistribuzione dei redditi su base attuariale.
In Italia il secondo pilastro della previdenza corrisponde non stato ancora implementato a tutto il 2014.

1.10.1 Classicazione dei sistemi pensionistici secondo la World Bank

E' in uso una classicazione dei sistemi pensionistici scaturita da una pubblicazione della World Bank del 1994
Adverting the Old Age Crisis.[1]
Pilastro 1 Un sistema obbligatori pubblico nanziato con le tasse con gestione pubblica e quindi su politiche di
redistribuzione dei redditi con eventuale patrimonio per superare decit di cassa temporanei;
Pilastro 2 Un sistema obbligatorio privatamente gestito con patrimonio di previdenza e quindi su politiche di
redistribuzione dei risparmi capitalizzati;
Pilastro 3 Un sistema volontario privatamente gestito con patrimonio di previdenza, che gestisce i risparmi privati.
Successivamente tale classicazione stata integrata e specicata:
Pilastro 0 Una pensione base nanziata con il gettito scale che pu essere universale o sulla prova dei mezzi;
Pilastro 1 Un sistema pensionistico pubblico obbligatorio che nanziato con il gettito scale e in alcuni casi gestito
con delle riserve nanziarie;
Pilastro 2 Un sistema obbligatorio su base corporativa o individuale con patrimonio di previdenza (fully funded);
Pilastro 3 Un sistema volontario su base corporativa o individuale con patrimonio di previdenza (fully funded), che
gestisce i risparmi privati.
Pilastro 4 Un sistema volontario fuori dei sistemi pensionistici con accesso ad una variet di strumenti nanziari e
non nanziari.

1.10.2 Perch la divisione della previdenza in pi pilastri

Nel secondo dopoguerra, nel mondo occidentale si sono sviluppati dei sistemi pensionistici pubblici molto generosi
che sul nire del secolo sono andati in crisi nanziaria. Tale crisi dipesa dalla ne della crescita economica sulla
quale si basava la remunerazione da crescita economica dei sistema pensionistici pubblici a redistribuzione dei tributi
e senza patrimonio di previdenza.
Nel caso italiano ad esempio, con il metodo di calcolo retributivo, in alcuni casi lo Stato, attraverso suoi enti pubblici
restituiva anche otto volte i contributi versati.
La World Bank, denunciando l'insostenibilit nanziaria di tali schemi prospettava una modalit di uscita dai sistemi
pensionistici pubblici individuando una diversa allocazione delle risorse destinate alla previdenza in modo da per-
mettere alle persone di pi alto reddito di mantenere un pi elevato standard di vita in fase di ritiro, slandosi dalla
contribuzione al sistema pensionistico pubblico con l'introduzione del massimale di contribuzione.
Il sistema pensionistico pubblico destinato per ragioni di sostenibilit scale del sistema pensionistico pubblico ad
un relativo ridimensionamento, si pensato di far sviluppare nei vari paesi ulteriori sistemi pensionistici obbligatori
o volontari occupazionali o meno a gestione privata e a capitalizzazione.
Il sistema pensionistico privato occupazionale a capitalizzazione stato denito dalla World Bank secondo pilastro
della previdenza.
1.11. IL TERZO PILASTRO DELLA PREVIDENZA 51

Il sistema pensionistico privato volontario a capitalizzazione stato denito dalla World Bank terzo pilastro della
previdenza.
Nel caso italiano stato implementato solo il primo ed il terzo pilastro in quanto la contribuzione obbligatoria assorbe
gi una quota elevatissima di reddito in rapporto agli altri paesi OCSE e pertanto impossibile attuare politiche di
opting out.
Quindi il terzo pilastro si sviluppato in Italia in larga parte a sostegno delle fasce di reddito pi elevate che hanno
usufruito anche di incentivi scali su base regressiva tipici dei meccanismi di saccheggio legale.

1.10.3 Note
[1] Averting the Old Age Crisis in World Bank, 1994.

pag. 12.

Web

Averting the old age crisis in World Bank, 1994. URL consultato il 19 novembre 2014.

Averting the old age crisis in World Bank, 1994. URL consultato il 19 novembre 2014.

Melburne Mercer Global Pension Index, Melburne Mercer Global Pension Index.

Pensions at a Glance 2013: OECD and G20 indicators Italia, OCSE20131126Italia. URL consultato il 9 dicembre
2013.

1 - Sistemi pensionistici

1.11 Il terzo pilastro della previdenza


< Indice >
< 1 - Sistemi pensionistici > < prec > < succ >
Il terzo pilastro della previdenza, nel campo dei sistemi pensionistici una denizione introdotta in una pubblica-
zione della World Bank nel 1994 per indicare sinteticamente i sistemi pensionistici privati volontari nanziati con i
contributi volontari ed a gestione privata.
Nella maggioranza dei paesi OCSE i sistemi pensionistici privati sono gestiti con un patrimonio di previdenza nel
rispetto del principio della capitalizzazione integrale.
Il sistema obbligatori privato attua quindi politiche di redistribuzione dei redditi su base attuariale.
In Italia il terzo pilastro della previdenza corrisponde al sistema pensionistico privato in Italia.

1.11.1 Classicazione dei sistemi pensionistici secondo la World Bank

E' in uso una classicazione dei sistemi pensionistici scaturita da una pubblicazione della World Bank del 1994
Adverting the Old Age Crisis.[1]
Pilastro 1 Un sistema obbligatori pubblico nanziato con le tasse con gestione pubblica e quindi su politiche di
redistribuzione dei redditi con eventuale patrimonio per superare decit di cassa temporanei;
Pilastro 2 Un sistema obbligatorio privatamente gestito con patrimonio di previdenza e quindi su politiche di
redistribuzione dei risparmi capitalizzati;
Pilastro 3 Un sistema volontario privatamente gestito con patrimonio di previdenza, che gestisce i risparmi privati|.
Successivamente tale classicazione stata integrata e specicata:
Pilastro 0 Una pensione base nanziata con il gettito scale che pu essere universale o sulla prova dei mezzi;
52 CAPITOLO 1. I - SISTEMI PENSIONISTICI

Pilastro 1 Un sistema pensionistico pubblico obbligatorio che nanziato con il gettito scale e in alcuni casi gestito
con delle riserve nanziarie;
Pilastro 2 Un sistema obbligatorio su base corporativa o individuale con patrimonio di previdenza (fully funded);
Pilastro 3 Un sistema volontario su base corporativa o individuale con patrimonio di previdenza (fully funded), che
gestisce i risparmi privati|.
Pilastro 4 Un sistema volontario fuori dei sistemi pensionistici con accesso ad una variet di strumenti nanziari e
non nanziari.

1.11.2 Perch la divisione della previdenza in pi pilastri


Nel secondo dopoguerra, nel mondo occidentale si sono sviluppati dei sistemi pensionistici pubblici molto generosi
che sul nire del secolo sono andati in crisi nanziaria. Tale crisi dipesa dalla ne della crescita economica sulla
quale si basava la remunerazione da crescita economica dei sistema pensionistici pubblici a redistribuzione dei tributi.
Nel caso italiano ad esempio, con il metodo di calcolo retributivo, in alcuni casi lo Stato, attraverso suoi enti pubblici
restituiva anche otto volte i contributi versati.
La World Bank, denunciando l'insostenibilit nanziaria di tali schemi prospettava una modalit di uscita dai sistemi
pensionistici pubblici individuando una diversa allocazione delle risorse destinate alla previdenza in modo da per-
mettere alle persone di pi alto reddito di mantenere un pi elevato standard di vita in fase di ritiro, slandosi dalla
contribuzione al sistema pensionistico pubblico con l'introduzione del massimale di contribuzione.
Il sistema pensionistico pubblico destinato per ragioni di sostenibilit scale del sistema pensionistico pubblico ad
un relativo ridimensionamento, si pensato di far sviluppare nei vari paesi ulteriori sistemi pensionistici obbligatori
o volontari occupazionali o meno a gestione privata e a capitalizzazione.
Il sistema pensionistico privato occupazionale a capitalizzazione stato denito dalla World Bank secondo pilastro
della previdenza.
Il sistema pensionistico privato volontario a capitalizzazione stato denito dalla World Bank terzo pilastro della
previdenza.
Nel caso italiano stato implementato solo il primo ed il terzo pilastro in quanto la contribuzione obbligatoria assorbe
gi una quota elevatissima di reddito in rapporto agli altri paesi OCSE.
Quindi il terzo pilastro si sviluppato in Italia in larga parte a sostegno delle fasce di reddito pi elevate che hanno
usufruito anche di incentivi scali su base regressiva tipici dei meccanismi di saccheggio legale.

1.11.3 Note
[1] Averting the Old Age Crisis in World Bank, 1994.

pag. 12.

Web

Averting the old age crisis in World Bank, 1994. URL consultato il 19 novembre 2014.

Averting the old age crisis in World Bank, 1994. URL consultato il 19 novembre 2014.

Melburne Mercer Global Pension Index, Melburne Mercer Global Pension Index.
Pensions at a Glance 2013: OECD and G20 indicators Italia, OCSE20131126Italia. URL consultato il 9 dicembre
2013.

1 - Sistemi pensionistici
Capitolo 2

II - I sistemi pensionistici pubblici

2.1 Modello economico nanziario dei sistemi pensionistici pubblici

< Indice >


< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
Il modello economico nanziario dei sistemi pensionistici pubblici utilizzato nella stragrande maggioranza dei paesi
OCSE per la gestione della previdenza sociale ossia delle prestazioni pensionistiche dello stato sociale.
Il modello individua quindi le situazioni di bisogno tipiche dello stato sociale per mezzo del diritto della previdenza
sociale e, da un punto di vista nanziario, le aronta e risolve con lo schema classico delle politiche di redistribuzione
dei redditi usando schemi propri della matematica previdenziale.
In questo modello le prestazioni sociali sono a carico dello Stato o direttamente o attraverso suoi istituti appositamente
predisposti e regolati dal diritto della previdenza sociale.
La redistribuzione dei redditi avviene quindi attraverso la raccolta obbligatoria delle imposte fatta da enti pubblici e il
trasferimento delle risorse non avviene nel tempo con il patrimonio accantonato bens tra coorti di cittadini attraverso
norme di diritto pubblico.
In questo modo, i pensionati sono a carico della collettivit in quanto i pagamenti avvengono o con le imposte o con
il debito pubblico, trasferendone i costi nel futuro.
Non vi quindi un accumulo di patrimonio di previdenza in quanto le imposte (contributi previdenziali) vengono
raccolti e spesi nello stesso esercizio nanziario.
L'ente pubblico non quindi responsabile della conservazione ed accrescimento del capitale, sempre secondo le regole
classiche di investimento in quanto il patrimonio di previdenza non esiste.
Lo Stato quindi responsabile della emanazione di leggi che siano quanto pi possibile eque attuarialmente tra le
coorti e nelle coorti, ma soprattutto che siano sostenibili scalmente nell'ambito macroeconomico e che il sistema
pensionistico pubblico sia sostenibile socialmente.
Dal punto di vista economico avviene che lo Stato, attraverso la riscossione delle imposte, si adopera anch una quota
delle risorse economiche prodotte nell'anno di esercizio vengano immediatamente reinserite nel circuito economico e
senza che si sono costituiti dei patrimoni signicativi, e senza passare attraverso il mercato del denaro ossia i mercati
nanziari.
La spesa pensionistica rientra quindi nel conto economico consolidato dello Stato come spesa primaria poich regolata
da norme di diritto pubblico, come ad es. la riforma delle pensioni Fornero.
Le imprese che si rivolgono al mercato nanziario ed il sistema economico in genere, non devono remunerare nessun
capitale per la gestione di questo sistema pensionistico in quanto non indispensabile.
Gli enti pensionistici dovrebbero possibilmente garantire, nella gestione nanziaria, sia l'equivalenza attuariale delle
obbligazioni tra le generazioni attraverso le leggi, altrimenti si ha un trasferimento di ricchezza aggiuntivo, sia l'equit
nella redistribuzione delle risorse tra lavoratori e pensionati, nell'ottica della spesa corrente.
Il sistema pensionistico quindi unfunded ovvero senza patrimonio di previdenza.

53
54 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

2.1.1 La gestione nanziaria del welfare universale

2.1.2 La gestione nanziaria del welfare corporativo

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >

2.2 Contratto sociale


< Indice > < 7 - Segmentazione legale > < prec > < succ >
Il contratto sociale assume nelle scienze sociali ed in losoa numerosi signicati cangianti nel tempo.
In relazione ai sistemi pensionistici pubblici per contratto sociale si intende il rapporto giuridico di diritto pubblico
esistente tra Stato e cittadino ossia i diritti ed i doveri che nascono in seguito alla approvazione di normative di diritto
pubblico.
Nel diritto amministrativo non esiste il rapporto contrattuale tipico del diritto privato pacta sunt servanda.
In ogni momento lo Stato pu cambiare le leggi sulla erogazione dei servizi pubblici anche retroattivamente, secondo
la volont espressa dal popolo attraverso gli organismi rappresentativi.
Il contratto sociale quindi legato in questa trattazione alle idee esposte da Rousseau nel testo Il contratto sociale ove
sono spiegati i concetti di cittadino, sovranit e volont popolare.
Si pu citare Cicerone per comprendere il contratto sociale: Siamo schiavi delle leggi per poter essere liberi. (da Pro
Aulo Cluentio Habito, 146) Legum servi sumus ut liberi esse possimus.
Alla base dei sistemi pensionistici pubblici a redistribuzione dei tributi vi quindi il contratto sociale e non il cosiddetto
patto intergenerazionale che non esiste.
Le evoluzioni normative possono assumere una forma brutale nei confronti del cittadino che si riassumono nella frase
del Marchese del Grillo tratta da un sonetto di Gioacchino Belli.
Cera una vorta un Re cche ddar palazzo
mann ora a li popoli steditto:
Io s io, e vvoi nun zete un cazzo,
sori vassalli bbuggiaroni, e zzitto.
Questo per semplicare volgarmente il signicato di potest legislativa dello Stato in materia di previdenza sociale.
Nel momento del rischio di default lo Stato, con la riforma delle pensioni Fornero, ha individuato ristretti segmenti
di popolazione come ad esempio gli esodati e le donne pensionande, impedendo loro di andare in pensione anche per
altri 5 anni rispetto a chi ci andava no al 31 dicembre 2011 riducendo le pensioni del 20-25% rispetto alle pensioni
retributive di chi aveva maturato i requisiti con la legge antecedente.
In questo caso si arriva ad una vera e propria degenerazione del contratto sociale ove si calpesta il principio di
uguaglianza previsto nella Costituzione.
Questa degenerazione spiegata dal modello della segmentazione sociale legale.

2.2.1 Stato sociale

Lo Stato tale quando un popolo entro i limiti di un territorio esercita la sua sovranit.
Quando il patto sociale che mantiene la pace sociale scritto ed imposto con la forza da una lite o da un autocrate,
abbiamo una dittatura.
Quando il patto sociale che mantiene la pace sociale scritto ed approvato con procedure democratiche, abbiamo lo
Stato sociale e la democrazia.
Il contratto sociale di uno Stato sociale costituito dall'ordinamento giuridico che scaturisce dalla Costituzione ed
composto da tutte le leggi che passano il controllo di legittimit costituzionale.
2.2. CONTRATTO SOCIALE 55

Una dittatura si regge sulla negazione legale dei diritti umani mentre uno Stato sociale si regge sulla tutela dei diritti
umani.
Dal punto di vista economico una dittatura si regge sulla spoliazione legale mentre in una democrazia la spoliazione
legale il risultato della implementazione di leggi incostituzionali ossia che violano il principio di eguaglianza su cui
si basa lo Stato sociale e la democrazia.
Il contratto sociale in una democrazia prevede che la tutela dei diritti umani sia adata allo Stato sociale che la
esercita nanziando i necessari servizi pubblici attraverso le prestazioni patrimoniali imposte senza che vi sia un
rapporto corrispondente di prestazioni.
Il contratto sociale, stabilisce gli ambiti in cui l'interesse del singolo cittadino coincide con l'interesse pubblico.
La Carta sociale europea[1] riconosce i diritti umani e le libert e stabilisce un meccanismo di controllo per garantirne
il rispetto da parte degli Stati.
Il momento della riscossione delle imposte quindi il momento in cui si rinnova la stipula o sottoscrizione del contratto
sociale ove tutti i cittadini e residenti dovrebbero riconoscere che il divario scale individuale compensato dal
perseguimento degli interessi pubblici che sono anche i suoi.
Veil of ignorance
Social contract
Contractualisme
Contrato social
Welfare state
tat-providence
Estado del bienestar

2.2.2 Interesse pubblico e tributi


Intrt gnral Intrt gnral tradotto dal francese con Google
Public interest Public interest tradotto dall'inglese con Google
Inters pblico Inters pblico tradotto dallo spagnolo con Google
La denizione di interesse pubblico collegata a quella di contratto sociale, stato sociale e servizio pubblico.
Questo concetto al centro di dibattiti politici, economici. E 'ampiamente citato per giusticare l'esistenza di servizi
pubblici, azioni pubbliche, leggi e regolamenti di ordine pubblico, cos come regolamenti che colpiscano i diritti
fondamentali (ad esempio, come parte di propriet di ssare i casi di esproprio e la nazionalizzazione). Coinvolge lo
scopo di tutti gli enti pubblici (dal livello comunitario no alle pi alte cariche dello Stato).
Vi sono varie teorie alcune anche recenti che hanno arontato il tema e, visto che un tema losoco ognuna trova
un riscontro parziale nella realt.
Qui si vuole dare una denizione partendo dalla constatazione della realt.
Non si vuole dare una denizione cosiddetta originaria che spieghi come nato il contratto sociale.
Si prende atto che esiste una organizzazione Stato, i cittadini, la Costituzione e le leggi di diritto pubblico che regolano
l'organizzazione.
Tutto si lega con l'esistenza di un interesse pubblico che viene esercitato dallo Stato.
La prima constatazione che l'interesse pubblico trova una denizione degli scopi nella Carta ed una applicazione
pratica attraverso le leggi.
Per distinguere tale situazione si parla anche di Costituzione e Costituzione materiale.
Quindi abbiamo un continuo rinnovarsi dei cittadini che modicano e rinnovano incessantemente il contratto sociale
in base ai mutevoli o nuovi interessi pubblici.
Abbiamo interessi pubblici che vengono perseguiti in forma universale, ad esempio nella tutela di alcuni diritti es.
istruzione e salute mentre altri che vengono perseguiti secondo il modello della segmentazione sociale legale.
L'interesse pubblico trova attuazione attraverso innumerevoli modalit di nanziamento tributario.
56 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Vediamo quindi quanto le varie denizioni di interesse pubblico si avvicinano a questa descrizione della realt:
Interesse generale designa la nalit di azione di una istituzione che opera per il bene di una popolazione considerata
nel suo complesso.
Si distingue interesse comune da interesse pubblico e da interesse collettivo.

L'interesse comune descrive uno scopo denito come il risultato di tutti gli interessi espressi dai membri di una
comunit. Ci solleva naturalmente la questione della legittimit del termine, a causa delle dicolt pratiche
nella determinazione della collettivit (completezza, la rappresentativit, l'equit ...).

Due concezioni dell'interesse generale coesistono. Il primo progetto, anglosassone, denisce l'interesse gene-
rale come il risultato della somma degli interessi individuali. Il secondo progetto, francese, ritiene che l'interesse
generale come un ordine superiore di nalit di interessi individuali, che si implicano che supera il bene co-
mune nella misura in cui sostiene di essere qualcosa di pi ambizioso di somma degli interessi individuali ",
un obiettivo a cui l'individuo dovrebbe presentare.

L'interesse pubblico relativo alla realizzazione dell'interesse generale attraverso il quadro giuridico di diritto
pubblico di un paese o di una repubblica.

Intanto notiamo che la denizione svincolata dalle modalit di reperimento delle risorse.
Quindi possiamo avere secondo la denizione inniti interessi generali ma l'interesse pubblico quello che si realizza
attraverso il quadro giuridico di diritto pubblico.

Interesse pubblico e interessi comuni

Per le dottrine utilitaristici e le politiche in paesi anglosassoni costituzioni, l'interesse pubblico designato come bene
comune (common wealth) e si compone di massimizzare la felicit individuale di tutti i membri di un gruppo, di una
comunit o di di un paese.
Storicamente, con l'Europea Unione, il concetto di interesse pubblico tende ad essere sostituita dalla nozione di
interesse comune che denita come la conciliazione degli interessi espressi dai gruppi di pressione o lobby.

Il bilanciamento tra interesse pubblico, interesse individuale e delle lobby nel contratto sociale

La teoria del Veil of ignorance serve per giusticare lo modalit di denizione delle leggi che perseguono l'interesse
pubblico.
Nella realt le leggi sono scritte da cittadini che hanno bene in mente i propri interessi ma che ritengono che gli stessi
siano perseguibili in alcuni campi in modo collettivo anzich individuale.
Ad esempio, in Sudafrica, ad un certo punto i bianchi hanno abbandonato le proprie posizioni sull'aparthaid ed hanno
sposato la causa dell'eguaglianza. Quindi il primo passaggio la denizione dei principi fondanti il contratto sociale.
Nello stesso modo, come cambiano le esigenze individuali, si aggiornano gli interessi pubblici da perseguire.
Quindi alla ne l'interesse pubblico consiste nella soddisfazione degli interessi individuali secondo modalit che nel
momento della denizione delle regole sono neutrali.
Ci avviene anche per organizzazioni pi piccole che operano nel campo del diritto privato.

Il riuto del contratto sociale

Quando alcuni cittadini ritengono che le leggi che dovrebbero perseguire l'interesse pubblico non sono giuste e le
denunciano violando le leggi e lo Stato e le istituzioni non riescono ad applicare le leggi, si ha il riuto del contratto
sociale che, n quando non viene riscritto ed implementato, non si basa pi sul diritto pubblico ma sulla consuetudine
dello stato di fatto.
2.2. CONTRATTO SOCIALE 57

2.2.3 I tributi nello Stato sociale

La teoria classica sui tributi, almeno in Italia distingue tra tasse, imposte e contributi.
Molteplici sono le possibili motivazioni che giusticano l'imposizione dei tributi da parte dello Stato.
Tax Tax tradotto da Google
Tributo Tributo tradotto da Google
Impuesto Impuesto tradotto da Google
Impt Impt tradotto da Google]

Classicazione classica in Italia

L'imposta una prestazione patrimoniale imposta ossia una obbligazione senza prestazione per corrispettivo che
nasce in un rapporto giuridico di diritto pubblico ove al manifestarsi di un fatto stabilito dalla legge, il contribuente
soggetto ad una prestazione in denaro verso lo Stato o un altro ente impositore il quale non soggetto all'obbligo
di una contro prestazione per cui le imposte sono usate per il nanziamento di servizi pubblici indivisibili es. difesa,
sanit ecc.
Es. IRPEF una imposta sul reddito delle persone siche e il rapporto giuridico di diritto pubblico nasce con la
produzione del reddito. Es. IRES (IRPEG) imposta sul reddito delle societ.
La tassa una prestazione patrimoniale imposta ossia una obbligazione senza prestazione per corrispettivo che nasce
in un rapporto giuridico di diritto pubblico nel caso in cui il contribuente vuole usufruire di un servizio pubblico,
il contribuente soggetto ad una prestazione in denaro verso lo Stato o un altro ente impositore il quale sog-
getto all'obbligo di una contro prestazione che consiste nella erogazione di un servizio pubblico divisibile coperto
nanziariamente dalla tassa o parzialmente, o totalmente o addirittura in eccesso.
Il contributo una prestazione patrimoniale imposta ossia una obbligazione senza prestazione per corrispettivo che
nasce in un rapporto giuridico di diritto pubblico al realizzarsi di alcune condizioni giuridiche come lo svolgimen-
to di una attivit (contributi previdenziali del dipendente nel rapporto di lavoro) o nell'impiego di un lavoratore (il
committente o il datore di lavoro) o nel caso di propriet di terreni (contributo di bonica) o nel caso di svolgi-
mento di edicazione (contributo per oneri di urbanizzazioni) e nel caso in cui lo Stato o un ente pubblico eroga un
servizio pubblico (es. previdenza sociale, attivit di bonica, opere di urbanizzazione), il contribuente soggetto ad
una prestazione in denaro verso lo Stato o un altro ente impositore il quale non soggetto all'obbligo di una contro
prestazione sinallagmatica (do ut des) che consiste nella erogazione di un servizio pubblico divisibile.
Riassumendo:
La distinzione quindi nasce su:

1. requisito per far nascere l'imposizione scale;

2. rapporto tra tassazione e tipo del servizio.

Se il fatto di richiedere un servizio pubblico dovesse essere discriminante per un cittadino in quanto non abbiente,
signica o che non sono tutelati i suoi diritti sociali previsti nella Costituzione. Un servizio pubblico pu essere a
prestazione individuale, ma sempre servizio pubblico in quanto organizzato da un ente pubblico per conseguire un
interesse pubblico.
Se la tassa fosse un corrispettivo di un servizio pubblico, dovrebbe essere chiamata prezzo o taria.
Inoltre si pu anche usufruire di un servizio pubblico ove prevista una tassa senza averla pagata quindi signica
che il servizio sempre fornito a prescindere dalla tassa e che la tassa deve essere corrisposta a prescindere dalla
produzione del reddito.
Nel conto economico consolidato delle amministrazioni pubbliche si distinguono:

Imposte dirette e in conto capitale

Imposte indirette
58 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Contributi sociali

Quindi il regolamento Sec95 non distingue le imposte indirette dalle tasse ed i contributi per le concessioni edilizie.
In sostanza alcuni tributi denominati tasse, diritti, accise, contributi, sono tutte imposte indirette.

Una classicazione insensata

Leggo su tributi in spagnolo che la Germania regola con il diritto tributario solo le imposte.
Se si analizza l'uso nale dei tributi si vede che essi servono per l'erogazione di un servizio pubblico.
Service public Service public tradotto dal francese con Google
Public service Public service tradotto dall'inglese con Google
Servicio pblico Servicio pblico tradotto dallo spagnolo con Google
Purtroppo la voce in Wikipedia italiana ad oggi (2016) ancora inconsistente, la migliore sicuramente la francese
che fa riferimento direttamente al contratto sociale.
Il servizio pubblico si basa sull'interesse pubblico.
Quindi i tre tipi di tributo servono per nanziare i servizi pubblici che per denizione perseguono in ogni caso un
interesse pubblico e senza sinallagmaticit.
Neanche nel caso del imposta di scopo si ha il completo nanziamento del servizio pubblico o dell'opera pubblica.
La contabilit dello Stato si attua con il principio di copertura nanziaria e non i principi contabili economico
patrimoniali tipici di una impresa.
Ci signica che come in una impresa i ricavi vanno nel bilancio a formare la massa totale degli attivi, i tributi nel
bilancio dello Stato vanno a costituire la somma delle entrate e come nel bilancio di una impresa un ricavo non si
dice che il corrispettivo di una specica spesa come ad es. gli stipendi cos un tributo non il corrispettivo di un
singolo programma di spesa pubblica ma va visto nell'ottica complessiva del bilancio dello Stato riassunta nel Conto
economico consolidato delle amministrazioni pubbliche.
Per questo motivo non ha senso di distinguere la scalit generale dicendo che alcune spese sono a carico della scalit
generale.
Il bilancio dello Stato va visto nella sua interezza come il bilancio di una impresa e il risultato economico nale
unico e non delle singole unit di spesa.

Il tributo

La suddivisione dei tributi quindi senza un senso logico-pratico e si ritiene che ha senso la sola denizione:
Il tributo il corrispettivo richiesto dallo Stato in base al contratto sociale per la tutela dell'interesse pubblico ossia
l'insieme degli interessi privati che si perseguono in forma collettiva attraverso lo Stato.
Il tributo una prestazione patrimoniale imposta ossia una obbligazione senza prestazione corrispettiva che lo Stato o
un ente impositore applica al manifestarsi di un requisito che pu essere la realizzazione di un reddito, uno scambio
economico, un rapporto giuridico tra privati, l'esistenza di un diritto (di propriet, di cittadinanza, ecc. ecc.) e per i quali
non sorge l'obbligo di erogazione, in rapporto sinallagmatico di un servizio pubblico fornito per un interesse pubblico .

Il tributo nel contratto sociale

Il contratto sociale tra Stato e cittadino, regolato dal diritto pubblico, consiste nella erogazione di servizi pubblici di
interesse pubblico nanziati dai cittadini attraverso i tributi.

2.2.4 Dierenza tra lo Stato sociale e lo Stato condominio

2.2.5 Note
[1] Consiglio d'Europa, Carta sociale europea, 3/5/1996. URL consultato il 24 gennaio 2016.
2.3. IL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO A REDISTRIBUZIONE DEI TRIBUTI 59

Le Parti riconoscono come obiettivo di una politica che perseguiranno con tutti i mezzi utili, a livello nazio-
nale ed internazionale, la realizzazione di condizioni atte a garantire l'esercizio eettivo dei seguenti diritti e
principi:.

2.2.6 Bibliograa
[1] [2] [3] [4] [5]

2 - Sistemi pensionistici pubblici

[1] Previdenza e assistenza sociale in ISTAT, 2010. URL consultato l'8 ottobre 2014.

[2] Anno 2009 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI in ISTAT, 5/12/2014. URL consultato il 1 gennaio
2016.

[3] Anno 2011 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI in ISTAT, 5/12/2014. URL consultato il 1 gennaio
2016.

[4] Anno 2012 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI in ISTAT, 5/12/2014. URL consultato il 1 gennaio
2016.

[5] Anno 2014 TRATTAMENTI PENSIONISTICI E BENEFICIARI in ISTAT, 5/12/2014. URL consultato il 1 gennaio
2016.

2.3 Il sistema pensionistico pubblico a redistribuzione dei tributi


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
Si dice sistema pensionistico pubblico a redistribuzione dei tributi detto anche sistema pensionistico pubblico
a ripartizione dei tributi o anche sistema pensionistico pubblico senza patrimonio di previdenza[1] (in inglese
unfunded pension plan)[2] , PAYG metod, pay as you go metod, di quei sistemi pensionistici pubblici, regolati da
norme di diritto della previdenza sociale, la cui gestione nanziaria prevede che le pensioni siano pagate con i tributi
ed eventualmente con il debito pubblico.
Il nanziamento con i tributi consiste generalmente in imposte che possono essere o solo i contributi previdenziali
raccolti con aliquote di nanziamento o altre imposte attraverso trasferimenti dalla scalit generale o da altri enti
pubblici.
Il sistema pensionistico dal lato del nanziamento con i tributi dipende quindi dal reddito complessivo degli appar-
tenenti da una entit statuale (cittadini e imprese), a sua volta legato alla demograa dei lavoratori attivi, al loro
reddito ed al livello di pressione scale (v. gettito scale totale in rapporto al PIL) (v. sostenibilit scale dei sistemi
pensionistici pubblici), nonch dalla capacit di indebitarsi da parte dello Stato (v. avanzo/disavanzo primario, debito
pubblico, spazio scale).
Ne consegue che essendo il sistema soggetto al rischio economico, politico e demograco, lo Stato non pu garantire
alcuna restituzione dei contributi obbligatori versati ma solo la pi corretta gestione di cassa sia dei tributi che saranno
raccolti al momento in cui il contribuente di oggi sar pensionato, che del debito pubblico eventualmente presente.
E' naturale conseguenza che la sostenibilit scale di un sistema pensionistico pubblico a redistribuzione dei tributi pu
essere valutata solo nell'ambito della contabilit nazionale mentre l'analisi del bilancio del singolo ente previdenziale
ha poco signicato.
Tale aspetto stato normato dalla riforma delle pensioni Dini all'art. 1 comma 5 con l'inserimento delle previsioni di
spesa pensionistica nel DPEF ora DEF.
Dal lato della spesa pensionistica, l'adeguatezza delle prestazioni invece inuenzata dal rapporto dei pensionati
rispetto ai lavoratori (v. indice di vecchiaia).
In questo sistema non vi quindi un patrimonio di previdenza accumulato dall'ente previdenziale che sia di garanzia
delle obbligazioni assunte come avviene per i sistemi pensionistici a capitalizzazione fully funded.[3]
La garanzia data dall'esistenza dello Stato che in passato ha raccolto direttamente o indirettamente i tributi (con-
tributi pi altre imposte e tasse) ed ha pagato le pensioni passate, stessa cosa fa oggi e stessa cosa far in futuro
60 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

raccogliendo i tributi futuri e liquidando le pensioni che matureranno. Questo perch le pensioni erogate dal sistema
pensionistico pubblico rientrano nella spesa corrente primaria.
Quindi il livello delle prestazioni previdenziali dato dalle risorse che lo Stato riesce a reperire e destinare alla spesa
pensionistica ossia dal gettito scale totale e dall'equilibrio nanziario del bilancio dello Stato.
Nei paesi OCSE tali gestioni possono essere solo pubbliche. La World Bank classica i sistemi pensionistici che usano
tale modalit di gestione come primo pilastro della previdenza.
Si distingue dai fondi pensione ove le pensioni sono pagate con la corrispondente quota di patrimonio accumulato
in fase di lavoro e che applicano il principio della capitalizzazione integrale detti previdenza di secondo pilastro o
previdenza di terzo pilastro.
I sistemi pensionistici pubblici sono gli strumenti degli Stati, fondati su principi di coesione sociale, con cui viene
garantita la sicurezza sociale ai propri cittadini.
Il sistema pensionistico pubblico in Italia basato sul modello previdenziale corporativo fascista che molto vulnera-
bile nella creazione della bolla previdenziale mentre nelle nazioni del nord Europa basato sul modello previdenziale
universale pi legato al solo rischio economico e al rischio demograco.
Il sistema pensionistico a redistribuzione dei tributi senza patrimonio di previdenza a copertura del debito pensio-
nistico latente ossia delle obbligazioni derivanti dalle prestazioni previdenziali promesse, correntemente ed impro-
priamente detto gestione a ripartizione o anche "schema pensionistico a ripartizione.
Il termine ripartizione sottintende infatti dei concetti di equit nanziaria, inter e intragenerazionale che sono disattesi
nella realt italiana. Infatti le ipotetiche regole della ripartizione in realt cambiano con ogni riforma previdenziale
e ci altera alle radici il concetto di ripartizione.
Si parla infatti di redistribuzione intragenerazionale e redistribuzione intergenerazionale quale eetto delle numero-
se riforme previdenziali conseguenza del modello previdenziale corporativo fascista che niscono per alimentare i
desiderata delle diverse lobby previdenziali no a sfociare nella spoliazione legale.
Ci dipende dalle modalit di gestione nanziaria degli enti previdenziali attuatori dei sistemi pensionistici pubblici,
che prevedono l'utilizzo delle entrate derivanti dall'imposizione scale che l'ente gestore ha a qualsiasi titolo, per i pen-
sionati che hanno diritto alle pensioni ed alle altre prestazioni previdenziali secondo il rapporto giuridico previdenziale
di diritto pubblico, con la applicazione di uno schema pensionistico con formula delle rendite predenita.
Se le entrate contributive non sono sucienti, la spesa pensionistica coperta con altri trasferimenti dalla scalit
generale.
In questi sistemi l'ente previdenziale gestore non ha quindi la copertura patrimoniale delle obbligazioni[4] assunte per
legge con gli aventi diritto ossia pensionati e attivi e, l'eventuale patrimonio netto, serve solo per gestire le necessit
di liquidit correnti (mismatched temporanei).
In sintesi si ha una gestione di cassa ove alle entrate ci sono le imposte raccolte dall'ente pubblico o trasferite ad esso
dallo Stato, secondo le necessit derivanti dall'obbligo di pagamento dello stock di pensioni correnti nonch delle
nuove pensioni, diminuito delle pensioni cessate.[5]
Per mantenere l'equilibrio nanziario della gestione, di anno in anno si attuano continue riforme previdenziali che
possono prevedere la variazione delle aliquote contributive pensionistiche di nanziamento ovvero modiche allo
schema pensionistico con formula delle rendite predenita per ridurre il numero e l'importo delle pensioni future.
Quindi si tratta di una previdenza sociale di tipo politico in quanto la legge a stabilire l'importo e le modalit
di nanziamento delle pensioni e delle altre prestazioni previdenziali nei casi di rapporto giuridico previdenziale di
diritto pubblico.
Non esiste un rapporto sinallagmatico tra contributi previdenziali e prestazioni previdenziali.
La denizione 'gestione a ripartizione' o pay as you go (PAYG) mette in evidenza la caratteristica che il sistema
legato alle risorse nanziarie che la politica mette a disposizione, senza comunque focalizzare l'attenzione che il
nanziamento pubblico attraverso i tributi e non mette in evidenza gli eetti della redistribuzione intergenerazionale
e della redistribuzione intragenerazionale.
la denizione di schema pensionistico con formula delle rendite predenita che fa emergere l'aspetto temporale nella
determinazione delle aspettative pensionistiche in quanto le stesse devono essere regolarmente variate per mantenere
la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici.
Infatti il sistema inuenzato in modo determinante dalla variabile demograca (rischio demograco) ed economica
(rischio economico) per cui sono necessari continui aggiustamenti con opportune riforme previdenziali.
2.3. IL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO A REDISTRIBUZIONE DEI TRIBUTI 61

Alcuni sistemi pensionistici senza copertura patrimoniale del debito pensionistico latente o con un patrimonio che
copre in minima parte le obbligazioni dell'ente, in Italia sono ad es. INPS e le casse di previdenza trasformate ai sensi
del D.Lgs. 509/1994.
La denizione classica ma impropria, in quanto slegata dalla realt, quella di sistema di gestione a ripartizione,
spiegato nei corsi universitari di economia, che prevede che ci sia una relazione tra il numero dei pensionati, l'importo
della pensione e il numero dei lavoratori attivi e i contributi versati, ma tale schema nella realt non mai rispettato.
Nella realt nei sistemi pensionistici senza copertura patrimoniale (gestione a ripartizione), gli enti si nanziano con
l'imposizione scale consistente nei contributi previdenziali riscossi sia dai propri iscritti che da altre gure indicate
dalla legge (datore di lavoro, committente, societ o lavoratori non iscritti), nonch con i trasferimenti dello Stato e
nel pagamento con gli stessi delle prestazioni previdenziali correnti, previste per legge, ai propri iscritti (pensioni di
vecchiaia, anzianit, reversibilit, superstiti, invalidit, inabilit).
In Italia, la caratteristica saliente del sistema che le prestazioni previdenziali fornite dai sistemi pensionistici pubblici,
sono un servizio pubblico erogato ai sensi dell'art. 38 della Costituzione,[6] quindi senza un corrispettivo pagamento
di un premio come avviene nella previdenza complementare.

2.3.1 Caratteristiche del sistema in Italia

Il sistema pensionistico pubblico senza copertura patrimoniale, in Italia si consolidato con la nascita dell'INFPF
(Istituto nazionale fascista della previdenza sociale) nel 1936.
Il sistema regolato da leggi speciali dello Stato e si svolge secondo la teoria costituzionale nel diritto della previdenza
sociale.
Lo Stato, attraverso suoi istituti, in base alla potest legislativa impone ai cittadini (da cui imposte) il pagamento dei
contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie che niscono nel bilancio degli enti previdenziali preposti dallo
Stato come entrate.
Lo Stato, attraverso gli enti previdenziali eroga le pensioni| come un servizio pubblico, il cui costo una spesa pubblica
che risulta tra le uscite del bilancio dello Stato (Conto economico consolidato delle amministrazioni pubbliche) e
quindi nanziato dalle entrate scali.
L'importo della pensione stabilito nella legge speciale che contempla uno schema pensionistico con formula delle
rendite predenita per il calcolo della pensione di vecchiaia.
Il cittadino che riceve la pensione ha una remunerazione apparente ai contributi previdenziali versati pari al tasso di
rendimento apparente.
Il rendimento dei contributi apparente in quanto il sistema senza patrimonio di previdenza (unfunded) ed i contri-
buti raccolti come imposte vengono spesi per cassa per la spesa pensionistica| corrente che , come detto, una spesa
pubblica.
Anche se il sistema unfunded ossia senza la copertura di un patrimonio di previdenza, la crescita economica, oppor-
tunamente utilizzata con schemi pensionistici con formula a rendite denite che scontano dei principi di equit scale,
riesce a rendere il sistema pensionistico obbligatorio scalmente sostenibile| ossia si riesce a mantenere l'equilibrio,
nel bilancio dello Stato o per meglio dire nel conto economico consolidato delle amministrazioni pubbliche, tra entrate
scali ed uscite per la spesa pensionistica|.
I vantaggi del sistema sono molteplici:

si possono fornire immediatamente delle prestazioni pensionistiche;

i costi sono solo quelli di gestione delle posizioni previdenziali e non ci sono quelli per la gestione del patrimonio
di previdenza come nel caso di fondi pensione secondo il principio della capitalizzazione integrale;

immettendo ricchezza nel portafoglio degli anziani si tutelano le fasce deboli e si stimola la crescita senza la
necessit di patrimonializzare grandi redditi.

Le cause di crisi del sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza sono diverse da quelle dei sistemi pensio-
nistici con patrimonio di previdenza:
62 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

2.3.2 Patto intergenerazionale


Il sistema di gestione a ripartizione, non prevede n l'accumulo delle imposte versate, n la loro capitalizzazione,
in quanto le imposte sono immediatamente usate per erogare le pensioni. Il sistema si basa sulla garanzia data
dall'esistenza dello Stato che eroga le prestazioni previdenziali di oggi, come un servizio pubblico nanziato dal-
le imposte. Il contribuente di oggi, iscritto obbligatoriamente alla pubblica amministrazione che gestisce forme di
previdenza obbligatorie, usufruir del servizio pubblico una volta raggiunti i requisiti previsti dalla legge vigente
al momento del pensionamento. Il sistema di gestione si basa sulla sostenibilit scale| data dalla dierenza tra
entrate correnti ed uscite correnti. Nel caso in cui si verichi uno squilibrio di bilancio devono essere apportate im-
mediatamente delle variazioni alle leggi speciali che regolano i sistemi pensionistici ovvero le assicurazioni sociali
obbligatorie che gestiscono attraverso una riforma previdenziale come ad es. la riforma delle pensioni Fornero.[7]
La verica della sostenibilit| nanziaria nel lungo periodo serve esclusivamente quali strumento di programmazione
economico-sociale.

2.3.3 Sistemi di gestione nanziaria a ripartizione


Esistono diverse modalit di gestione nanziaria a ripartizione:[8]

Modalit di nanziamento (lato entrate)

Il sistema di nanziamento con l'imposizione scale pu essere:

1. a carico della scalit generale con imposte indirette| es. contributo integrativo;

2. a carico degli iscritti con imposte dirette| es. aliquota contributiva pensionistica di nanziamento o contributo
soggettivo.

Modalit di erogazione delle prestazioni previdenziali (lato uscite)

Uscite (lato utente) Nel sistema di gestione nanziario a ripartizione, generalmente non vi corrispondenza tra i
contributi versati e le prestazioni previdenziali corrisposte ovvero le relazioni non sono del tipo della capitalizzazione
ai tassi di mercato ma a tassi ttizi che possono essere anche negativi con quindi la svalutazione dei contributi (metodo
di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita).
La determinazione della pensione di vecchiaia o di altre prestazioni previdenziali avviene sulla base della storia con-
tributiva e reddituale registrata nel casellario centrale delle posizioni previdenziali attive e pu avvenire con uno dei
metodi di calcolo che denisce la prestazione previdenziale a prescindere dai contributi e dalla capitalizzazione degli
stessi:

1. metodo di calcolo retributivo;

2. metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita (schema pensionistico NDC Non-
nancial (Notional) Dened Contribution);

3. metodo di calcolo misto o sistema pro-rata| o pensione calcolata in parte con il metodo retributivo ed in parte
con il metodo contributivo.

Stabilit nanziaria degli enti gestori di forme di previdenza obbligatoria

Normativa di riferimento La legge prevede per le Casse di previdenza trasformate ai sensi della L. 509/1994, il
rispetto di diversi parametri:

1. art. 1 c. 4 L. 509/1994[9] c) previsione di una riserva legale, al ne di assicurare la continuit nell'erogazione


delle prestazioni, in misura non inferiore a cinque annualit dell'importo delle pensioni in essere";
2.3. IL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO A REDISTRIBUZIONE DEI TRIBUTI 63

2. art. 2 c. 2 L. 509/1994[10] 2. La gestione economico-nanziaria deve assicurare l'equilibrio di bilancio me-


diante l'adozione di provvedimenti coerenti alle indicazioni risultanti dal bilancio tecnico| da redigersi con
periodicita' almeno triennale";
3. art. 3 c. 12 L. 335/1995 Riforma Dini in vigore no al 26/12/2006. Impone la stabilit per un arco temporale
non inferiore a 15 anni valutato mediante bilancio tecnico attuariale in termini di saldo totale positivo;
4. art. 1 c. 763 L. 296/2006 Legge nanziaria 2006 in vigore dal 1/1/2007 (modica all'art. 3 c. 12 L. 335/1995).
Impone la stabilit per non arco temporale non inferiore a 30 anni valutato in termini di saldo totale positivo
valutato mediante il bilancio tecnico;
5. art. 24 c. 24 D.L. 201/2011 detto Salva Italia (in vigore dal 15 agosto 2012)[11] 24. In considerazione
dell'esigenza di assicurare l'equilibrio nanziario delle rispettive gestioni in conformita' alle disposizioni di
cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e al decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, gli enti e
le forme gestorie di cui ai predetti decreti adottano, nell'esercizio della loro autonomia gestionale, entro e non
oltre il 30 settembre 2012, misure volte ad assicurare l'equilibrio tra entrate contributive e spesa per prestazioni
pensionistiche secondo bilanci tecnici| riferiti ad un arco temporale di cinquanta anni. Le delibere in materia
sono sottoposte all'approvazione dei Ministeri vigilanti secondo le disposizioni di cui ai predetti decreti; essi
si esprimono in modo denitivo entro trenta giorni dalla ricezione di tali delibere. Decorso il termine del 30
settembre 2012 senza l'adozione dei previsti provvedimenti, ovvero nel caso di parere negativo dei Ministeri
vigilanti, si applicano, con decorrenza dal 1 gennaio 2012: a) le disposizioni di cui al comma 2 del presente
articolo sull'applicazione del pro-rata agli iscritti alle relative gestioni; b) un contributo di solidarieta', per
gli anni 2012 e 2013, a carico dei pensionati nella misura dell'1 per cento. Tale normativa signica che la
stabilit nanziaria richiede il saldo previdenziale positivo a 50 anni (vedi glossario della voce bilancio tecnico
attuariale).

2.3.4 Pubbliche amministrazioni con sistema pensionistico senza patrimonio di previ-


denza
Inps

Le casse trasformate con il D.Lgs. 509/1994 sono indicate nell'Elenco A[12] dello stesso decreto legislativo:

Cassa nazionale di previdenza e assistenza avvocati e procuratori legali


Cassa di previdenza tra dottori commercialisti
Cassa nazionale previdenza e assistenza geometri
Inarcassa[13] Cassa nazionale previdenza e assistenza ingegneri e architetti liberi professionisti
Cassa nazionale del notariato
Cassa nazionale previdenza e assistenza ragionieri e periti commerciali
Ente nazionale di assistenza per gli agenti e i rappresentanti di commercio (ENASARCO)
Ente nazionale di previdenza e assistenza consulenti del lavoro (ENPACL)
Ente nazionale di previdenza e assistenza medici (ENPAM)
Ente nazionale di previdenza e assistenza farmacisti (ENPAF)
Ente nazionale di previdenza e assistenza veterinari (ENPAV)
Ente nazionale di previdenza e assistenza per gli impiegati dell'agricoltura (ENPAIA)
Fondo di previdenza per gli impiegati delle imprese di spedizione e agenzie marittime
Istituto nazionale di previdenza dirigenti aziende industriali (INPDAI)
Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani (INPGI)
Opera nazionale assistenza orfani sanitari italiani (ONAOSI).
64 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

2.3.5 Critiche all'informazione sui sistemi pensionistici senza patrimonio di previdenza


Le pensioni sono pagate in parte dalle imposte di tutti i cittadini

In altre parole, le pensioni sono pagate in parte dalle imposte di tutti i cittadini.[14]
Con tale aermazione si tende a distinguere tra le imposte riscosse dallo Stato e quelle riscosse dai suoi enti previ-
denziali.
Il sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza non si regge sul patto intergenerazionale, ma sullo Stato ossia
le pensioni sono un servizio pubblico erogato dallo Stato per garantire la sicurezza sociale e i cittadini in condizioni
di bisogno.
Ci discende dalla teoria costituzionale nel diritto della previdenza sociale.
Una imposta non distinguibile nel suo percorso di spesa tra quando quando riscossa da un ente pubblico o dallo
Stato, soprattutto se poi la spesa fatta da enti pubblici non economici.
Relativamente alle sole pensioni i contributi versati da lavoratori e imprese (circa 209 miliardi) bastano a coprire
circa il 71% di ci che viene attualmente erogato, pari a circa 295 miliardi. Lo scorso anno, insomma, lo Stato ci ha
messo circa 84 miliardi di euro.[15]
Tale modo di rappresentare il sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza porta a credere che i contributi
previdenziali non siano imposte quando invece nei sistemi pensionistici senza patrimonio di previdenza, le pensioni
sono pagate totalmente con le imposte.
Non esiste un rapporto sinallagmatico| con i contributi previdenziali| neanche nel caso di applicazione del schema
pensionistico con formula della rendita predenita sulla contribuzione e la crescita e senza patrimonio di previdenza.

2.3.6 Note
[1] OECD Glossary, UNFUNDED PENSION PLANS:Plans that are nanced directly from contributions from the plan
sponsor or provider and/or the plan participant. Unfunded pension plans are said to be paid on a current disbursement
method.

[2] CBC News 22/08/2014, Perhaps the most underfunded pension plan in the country belongs to the federal government.

[3] OECD Overcoming vulnerabilities of pension sistems, Figure 7. The size of pension reserve funds

[4] NATIONAL CENTER FOR POLICY ANALYSIS 2009, Measuring the Unfunded Obligations of European Countries

[5] CBC News 22/08/2014, Essentially, the contributions are on the governments books, but they go into general revenue and
no outside assets are purchased to cover them ultimately the payment to the pensioner will come out of future general
tax revenue.

[6] Costituzione, Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e
all'assistenza sociale. I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in
caso di infortunio, malattia, invalidita' e vecchiaia, disoccupazione involontaria.

[7] Panorama20130607, La colpa non soltanto della riforma Fornero ma anche di altri analoghi provvedimenti adottati
in precedenza, negli anni '90 e dal 2000 in poi. Si tratta di misure che, in certi periodi, hanno interrotto o attenuato la
rivalutazione automatica degli assegni Inps, che avviene ogni anno in base al tasso di inazione (la cosiddetta perequazione).

[8] SistemiGestionePrevidenziali, p. 5

[9] D.Lgs.509/1994, art.1 c.4 lett.c

[10] D.Lgs.509/1994, art.2 c.2

[11] D.L.201/2011, art.24

[12] D.Lgs.509/1994

[13] BilancioPrevisione2013, p. 59

[14] Francesco Cancellato, Dieci cose da sapere sulle pensioni, se avete 30 anni in Linkiesta, 16/09/2014. URL consultato il
09/11/2014.
2.3. IL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO A REDISTRIBUZIONE DEI TRIBUTI 65

Relativamente alle sole pensioni i contributi versati da lavoratori e imprese (circa 209 miliardi) bastano a
coprire circa il 71% di ci che viene attualmente erogato, pari a circa 295 miliardi. Lo scorso anno, insomma,
lo Stato ci ha messo circa 84 miliardi di euro..

[15] Francesco Cancellato, Dieci cose da sapere sulle pensioni, se avete 30 anni in Linkiesta, 16/09/2014. URL consultato il
09/11/2014.

Relativamente alle sole pensioni i contributi versati da lavoratori e imprese (circa 209 miliardi) bastano a
coprire circa il 71% di ci che viene attualmente erogato, pari a circa 295 miliardi. Lo scorso anno, insomma,
lo Stato ci ha messo circa 84 miliardi di euro..

2.3.7 Bibliograa
Leggi

Costituzione della Repubblica Italiana

Decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, in materia di "Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma
32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori
di forme obbligatorie di previdenza e assistenza."

Decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, in materia di "Attuazione della delega conferita dall'art. 2, comma
25, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di tutela previdenziale obbligatoria dei soggetti che svolgono
attivita' autonoma di libera professione."

Decreto-legge 2 dicembre 2011, n. 201, articolo 24, in materia di "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equita'
e il consolidamento dei conti pubblici."

Web

(EN) Jagadeesh Gokhale, Measuring the Unfunded Obligations of European Countries, NATIONAL CENTER
FOR POLICY ANALYSIS 2009. URL consultato il 20 settembre 2014.

OECD Overcoming vulnerabilities of pension sistems, OECD Overcoming vulnerabilities of pension sistems.

OECD Glossary of statistical terms, OECD Glossary.

Primo Rapporto AdEPP 2011, PrimoRapportoAdEPP2011.

Inarcassa Bilancio di previsione 2013, BilancioPrevisione2013. URL consultato il 20 marzo 2013.

Sistemi nanziari di gestione dei fondi previdenziali e metodi di calcolo delle prestazioni, SistemiGestione-
Previdenziali. URL consultato il 20 marzo 2013.

News

(EN) Don Pittis, Workers not to blame for Quebec pension problem: Don Pittis in CBC News. URL consultato
il 22 agosto 2014.

Andrea Telara, Pensioni, le vere vittime della riforna Fornero in Panorama. URL consultato il 22 agosto 2013.

Pubblicazioni

Rivista 1/2009, Rivista1/2009. URL consultato il 20 marzo 2013.

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >
66 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

2.4 Contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
I contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie sono un tributo[1] previsto dalle leggi di diritto della
previdenza sociale sul sistema pensionistico pubblico per il nanziamento degli enti previdenziali gestori di forme di
assicurazioni obbligatorie.
Nel tempo hanno assunto molteplici denizioni tra le quali si rilevano: oneri sociali, contributi sociali, contributi
previdenziali.
I contributi obbligatori sono classicabili come imposte| dovute obbligatoriamente in relazione di un rapporto giu-
ridico di diritto pubblico, da persone siche o persone giuridiche, ad enti previdenziali, con personalit giuridica
pubblica (enti pubblici) o privata (fondazioni o associazioni) ma comunque sempre pubbliche amministrazioni ovve-
ro enti gestori di sistemi pensionistici pubblici|, per il nanziamento parziale o totale della spesa pubblica necessaria
all'erogazione delle pensioni| o di altre prestazioni previdenziali.
I contributi previdenziali sono imposti a seguito di un obbligo di legge da cui discende la natura di imposta degli stessi
come evidenziato nella teoria costituzionale nel diritto della previdenza sociale.
L'entit del pagamento determinato secondo l'aliquota contributiva pensionistica di nanziamento denita anche
aliquota di scopo in quanto destinata al nanziamento degli enti previdenziali, ancorch spesso con l'integrazione di
trasferimenti dalla scalit generale.
Da ci discende che le pensioni| erogate dal sistema pensionistico pubblico e le altre prestazioni previdenziali si pagano
con le imposte|.[2]
La dierenza rispetto ad altre imposte dirette o indirette come l'IRPEF o l'IVA che le prime sono riscosse dallo
Stato e successivamente trasferite secondo la necessit agli enti previdenziali es. INPS, mentre i contributi obbligatori
sono riscossi dall'ente impositore es. INPS o INPGI che sono anche gli erogatori di un servizio pubblico.
Essi risultano regolati dal "R.D.L. 04-10-1935, n. 1827 (convertito) Perfezionamento e coordinamento legislativo della
previdenza sociale." Titolo II Assicurazioni obbligatorie Capo III Contributi obbligatori e tutte le successive modica-
zioni. Dello stesso tipo sono i contributi obbligatori stabiliti nella costituzione di casse di previdenza per singole categorie
di lavoratori.
Secondo l'art. 2753| del Codice Civile, in Italia, i crediti derivanti dal mancato versamento dei contributi ad istituti,
enti o fondi speciali, compresi quelli sostitutivi o integrativi, Hanno privilegio generale sui mobili del datore di
lavoro.
Si distinguono dai versamenti in forma volontaria fatti agli enti gestori di forme di previdenza complementare, deniti
premio assicurativo in quanto queste obbligazioni nascono in virt di un rapporto giuridico di diritto privato di tipo
assicurativo.
I contributi obbligatori vengono conteggiati al pari delle altre tasse ed imposte nell'indicatore cuneo scale per valutare
l'incidenza dei tributi sul costo del lavoro ovvero nell'aliquota scale eettiva per analizzare il livello di tassazione del
lavoratore dipendente o autonomo.
I contributi obbligatori vengono inoltre conteggiati nel gettito scale totale indicato nel conto economico consolidato
delle amministrazioni pubbliche per valutare sia la pressione scale apparente che il decit delle amministrazioni
pubbliche come previsto dall'art. 97| della Costituzione.

2.4.1 I contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie nell'ordinamento italiano

I contributi obbligatori detti anche contributi previdenziali contributi sociali o oneri sociali, in Italia, sono una
tipologia di imposta[3][4][5][6] che pu essere diretta| o indiretta| destinata al nanziamento, insieme ad altri trasfe-
rimenti dello Stato, della spesa pubblica del sistema pensionistico obbligatorio che gli enti previdenziali gestiscono
secondo lo schema del sistema pensionistico senza copertura patrimoniale associato ad uno schema pensionistico
con formula delle rendite predenita per l'erogazione delle prestazioni previdenziali|[7] agli iscritti alle assicurazioni
sociali obbligatorie.
L'entit dei contributi previdenziali determinata dalla applicazione al reddito dell'iscritto al sistema pensionistico
obbligatorio, dell'aliquota contributiva pensionistica di nanziamento (per le casse dei liberi professionisti chiamata
2.4. CONTRIBUTI OBBLIGATORI PER LE ASSICURAZIONI OBBLIGATORIE 67

contributo soggettivo) o in alcuni casi all'imponibile IVA (in questo caso viene chiamata anche contributo integrativo).
I contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie, pagati dal lavoratore dipendente all'INPS, sono una imposta
diretta. I contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie, pagati dal datore di lavoro all'INPS, sono una imposta
indiretta. Il contributo soggettivo o i contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie, pagati dal libero profes-
sionista o dal lavoratore autonomo, sono una imposta diretta. Il contributo integrativo pagato dal committente del
libero professionista, una imposta indiretta.
I contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie, spesso concorrono in modo preponderante nella incidenza
del cuneo scale e della pressione scale dello Stato e quindi nella valutazione della sostenibilit scale dei sistemi
pensionistici obbligatori. L'incidenza dei contributi va valutata anche nell'aliquota scale totale.
In Italia, tra gli altri enti previdenziali, sono enti impositori l'INPS, l'ENPALS, l'INPGI.[8][9]

2.4.2 I caratteri fondanti di tributo posseduti dai contributi obbligatori per le assicura-
zioni obbligatorie
Secondo la sentenza della Suprema Corte,[10] i caratteri indispensabili a denire i contributi obbligatori un tributo
sono:

obbligatoriet della prestazione;


destinazione del gettito a ni sociali;
misura della retribuzione quale indice di capacit contributiva.

Altri aspetti importanti sono la incongurabilit della contribuzione in termini di corrispettivit e la totale mancanza
di collegamento tra contributo previdenziale e spesa dell'ente previdenziale.

2.4.3 Caratteristiche
Tale imposta viene applicata al nascere di un rapporto di lavoro dipendente o con l'inizio dell'attivit di lavoro auto-
nomo in quanto si determinano le condizioni per cui il lavoratore viene iscritto all'assicurazione sociale obbligatoria|;
tale imposta grava sia sugli iscritti alle assicurazioni sociali obbligatorie (lavoratori dipendenti, autonomi e liberi
professionisti) che sui non iscritti (datori di lavoro, committenti, societ ecc.) a seconda di quanto previsto nelle leggi
speciali che le regolano.
La contribuzione obbligatoria viene applicata in Italia ai sensi dell'art. 23| della Costituzione| per il nanziamento dei
servizi pubblici previsti dell'art. 38| della Carta. I contributi previdenziali, bench apparentemente della stessa forma,
assumono la forma di imposta diretta o imposta indiretta a seconda dei soggetti obbligati.
I contributi previdenziali pagati dai lavoratori| all'INPS assumono la forma di imposta diretta con aliquota di circa il
9% che viene pagata dal datore di lavoro in qualit di sostituto d'imposta.[11]
I contributi previdenziali pagati dal datore di lavoro assume la forma di imposta indiretta.
Il contributo soggettivo pagato dai professionisti assume la forma di imposta diretta.
Il contributo integrativo applicato ai committenti| dei liberi professionisti| quindi sempre una imposta indiretta,
e in alcuni casi applicato anche ai clienti di societ o lavoratori non iscritti agli enti previdenziali e che quindi non
usufruiranno mai di prestazioni previdenziali quale eventuale corrispettivo del versamento di contributi previdenziali.
A seguito della Legge Fornero, esiste in caso di appalto, subappalto o subfornitura una responsabilit solidale dell'appaltatore/committente
con chi esegue la prestazione lavorativa, per il versamento dei contributi previdenziali e assicurativi a favore dei la-
voratori dipendenti e autonomi. Il lavoratore ovvero l'istituto previdenziale o asscurativo, limitamente alle risorse
impegnate nell'appalto o subfornitura, possono chiedere il pagamento alla controparte, che ha diritto di rivalersi| sul
datore di lavoro.

2.4.4 Contributi previdenziali e prestazioni previdenziali


Per capire tale relazione, bisogna avere chiaro il signicato di contratto ossia di quel patto che fa nascere obbligazioni
tra le parti che lo sottoscrivono al ne di denire compiutamente gli obblighi reciproci. Nel caso dei contributi
68 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

previdenziali, l'obbligo di versamento agli enti previdenziali pubblici, nasce in forza di leggi dello Stato, emanate ai
sensi dell'art. 38 della Costituzione, al ne di realizzare un interesse pubblico che consiste nel fornire una prestazione
previdenziale in denaro o in natura ai cittadini che stanno in particolari condizioni di bisogno (pensione di vecchiaia,
pensione di invalidit, pensione di inabilit, pensione di reversibilit.
Il nanziamento di tali prestazioni deriva in larga parte dai contributi previdenziali, ma anche dalla scalit generale
quando tali enti non sono in equilibrio per ragioni legate alla demograa degli iscritti, in quanto sono sistemi del tipo
pay-as-you-go. Le prestazioni previdenziali, non sono fornite dagli enti previdenziali pubblici come rivalutazione di
un risparmio gestito come avviene nella previdenza complementare, bens in base a formule contingenti che assumono
diverse terminologie nel tempo come metodo di calcolo retributivo o metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione
simulata sulla crescita, che sono legati a parametri aggiuntivi rispetto ai semplici versamenti dell'iscritto quali l'et
pensionabile, i contributi gurativi, l'anzianit contributiva e comunque parametri variabili nel tempo in base alle
continue riforme previdenziali| necessarie a mantenere la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici obbligatori
gestiti secondo il sistema pensionistico senza copertura patrimoniale e con metodo PAYG.

2.4.5 Contributi previdenziali e contributi gurativi


Nel momento in cui vengono eettuati i versamenti dei contributi previdenziali, l'ente previdenziale annota i dati
relativi in appositi registri ora riassunti nel casellario centrale delle posizioni previdenziali attive e diventano contributi
gurativi ossia qualit come durata di iscrizione e importo dei redditi da cui derivano gli importi dei contributi
previdenziali versati. Dalla somma di tutti i contributi gurativi, al raggiungimento di particolari requisiti di et
pensionabile e anzianit contributiva, secondo la normativa vigente al momento del raggiungimento degli stessi, nasce
il diritto alla prestazione previdenziale. Gli altri contributi gurativi possono derivare da: ricongiungimento, riscatto,
malattia, inabilit, militare, distacchi sindacali. Nel caso in cui i contributi gurativi non sono coperti da versamenti
contributivi dell'iscritto o del datore di lavoro, si parla di scalizzazione degli oneri sociali, in quanto la prestazione
previdenziale che ne deriva nanziata con la scalit generale.

2.4.6 La riscossione unicata delle imposte


Le imposte possono essere pagate in Italia con il Modello F24 che permette la compensazione dei tributi e contributi
dovuti ai vari enti impositori (Stato, INPS, Comuni, Regioni, enti previdenziali).[12] Le modalit sono stabilite dal
D.Lgs. 241/97.[13]
Con Decreto interministeriale del 10 gennaio 2014 - Min. Economia e Finanze tale possibilit stata estesa anche a
tutti gli enti previdenziali con personalit giuridica di diritto privato|.[14]
I soggetti obbligati al pagamento dei contributi previdenziali sono deniti dallo Stato Italiano contribuenti.

2.4.7 La liquidazione, laccertamento e la riscossione dei contributi previdenziali nel di-


ritto tributario
I contributi previdenziali sono delle imposte e quindi la loro riscossione legata al diritto tributario.[15]
Tale impostazione stata raorzata dalla legge di stabilit 2014 (L. 147/2013, articolo 1, comma 611, lettere a e
b) ove nel caso dei procedimenti di reclamo/mediazione per atti e controversie di natura tributaria, l'Agenzia delle
Entrate, nel caso di conclusione favorevole della mediazione/reclamo, rideterminer anche gli importi dei contributi
previdenziali dovuti senza sanzioni ed interessi.[16]

2.4.8 L'imputazione dei contributi previdenziali nei bilanci degli enti previdenziali
I contributi previdenziali, una volta riscossi dagli enti previdenziali vengono iscritti tra il patrimonio netto dell'ente
previdenziale|, sancendo la totale discontinuit di diritto tra il contribuente e i contributi previdenziali essendo essi
ascritti ad un ente con una persona giuridica propria (pubblica o privata) senza obblighi contrattuali specici con il
contribuente.
Nei sistemi pensionistici con gestione a ripartizione sono quindi impiegati per fornire le prestazioni previdenziali
senza riguardo all'accantonamento degli stessi a garanzia dei contributi versati, come avviene nel caso della previdenza
complementare con gestione a capitalizzazione.
2.4. CONTRIBUTI OBBLIGATORI PER LE ASSICURAZIONI OBBLIGATORIE 69

Il patrimonio netto dell'INPS

Il patrimonio netto dell'INPS, in rapporto alle obbligazioni derivanti dalle prestazioni previdenziali previste dalle leggi
speciali sulle assicurazioni sociali obbligatorie, assolutamente trascurabile, sia in termini di rapporto con le spese
correnti, sia in rapporto al debito pensionistico latente o debito pubblico implicito, che valutabile in multipli del
PIL.
L'INPS ha una gestione a ripartizione e sostanzialmente i contributi previdenziali incassati nell'anno, integrati dai
trasferimenti scali vengono impiegati nell'anno corrente.

2.4.9 Le aliquote contributive


Le aliquote contributive di nanziamento nel sistema pensionistico obbligatorio italiano

Gli enti previdenziali che gestiscono le assicurazioni sociali obbligatorie, in base alle diverse leggi speciali impongono
il pagamento dei contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie con un'ampia variet di aliquote.

Dipendenti privati L'aliquota contributiva relativa al fondo pensione dei lavoratori dipendenti FPLD general-
mente pari al 33% con poche eccezioni (fondo volo).[19][20]

INPS
Dipendenti privati
Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti
Fondo volo
Fondo dazieri
Lavoratori dello spettacolo (ex ENPALS)
Sportivi professionisti. Fondo pensioni per gli sportivi professionisti. (ex ENPALS)
Personale dipendente dalle aziende private del gas: Fondo Gasisti (Gas). Integrativo.
Personale dipendente dalle aziende private del gas: Fondo Gasisti (Gas). Integrativo.
Lavoratori delle miniere, cave e torbiere: gestione minatori. Integrativo.
Dipendenti della ex azienda autonoma delle ferrovie, trasformata prima in Ente pubblico economico
e, successivamente, in S.p.A. La gestione adata in precedenza alla stessa azienda ferroviaria, tra-
mite il Fondo pensioni del personale delle ferrovie dello Stato, stata trasferita allINPS, mediante
la costituzione di apposito Fondo sostitutivo, con la legge 23 dicembre 1999, n. 488, articolo 43.

Dipendenti pubblici L'aliquota contributiva del fondo pensioni generalmente del 32,65%.[21][22]

INPS
Dipendenti pubblici (ex INPDAP)
Dipendenti delle amministrazioni statali (ex INPDAP)
Dipendenti degli enti locali
uciali giudiziari ed aiutanti uciali giudiziari. Per questi soggetti in precedenza erano previste
alcune Casse pensionistiche amministrate dalla Direzione Generale degli Istituti di Previdenza del
Ministero del Tesoro. Ai sensi dellarticolo 4 del decreto legislativo n. 479/1994 le Casse sono state
trasformate in gestioni autonome.

Lavoratori autonomi Le aliquote contributive previste nella tabella seguente, sono ssate dalla riforma delle
pensioni Fornero.

INPS
Autonomi
Commercianti e Artigiani
70 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Gestione separata INPS art.2 c.26 L.335/1995 L'aliquota contributiva ssata per il 2013 al 27,72%.[23]

Liberi professionisti

INPGI

Giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti

Modalit di apposizione delle marche per il pagamento dei contributi

In passato la modalit di pagamento dei contributi avveniva attraverso l'apposizione di marche che venivano acquistate
in banca. Le modalit erano previste dal R.D. 28.8.24 n. 1422.

2.4.10 La natura tributaria dei contributi previdenziali e le colpe dell'Universit italiana


nel dibattito socio politico

Avere ben denita la natura di tributo dei contributi previdenziali, signica poter sviluppare di conseguenza dei logici
ragionamenti nel campo dell'economia, del diritto e della politica. In Italia esistono diverse scuole di pensiero che, in
campo universitario, determinano opposte modalit di insegnamento.

2.4.11 I miti italiani sui contributi previdenziali

Il fatto che i contributi previdenziali siano considerati per quello che eettivamente sono ossia una imposta par-
ticolarmente contrastato nel dibattito politico ed economico italiano, anche da illustri esponenti che preferiscono
alimentare alcuni miti. Ci non accade negli altri paesi occidentali ove gi nel nome dell'imposta contributiva evi-
denziato il termine tassa, ad esempio negli Stati Uniti d'America ove i contributi previdenziali sono stabiliti dalla
FICA tax|.

I contributi previdenziali come risparmio forzoso

Un governo che in modo del tutto arbitrario taglia tutte le pensioni al di sopra di una certa cifra invita i contribuenti
a eludere se non evadere i propri versamenti pensionistici e, soprattutto, a considerarli come una tassa anzich una
forma di risparmio, pur forzosa, volta a garantirsi una vecchiaia tranquilla. (Tito Boeri).[24] Anche i pi illustri
economisti contemporanei tra cui Tito Boeri alimentano questo mito del risparmio legato ai contributi previdenziali.
L'INPS che gestisce la quasi totalit delle prestazioni previdenziali pensionistiche ha un patrimonio di poche decine
di miliardi di euro mentre ha erogato solo nel 2012 oltre 290 miliardi di euro di prestazioni istituzionali. Il debito
previdenziale latente relativo agli iscritti al casellario centrale delle posizioni previdenziali attive ammonta a multipli
di PIL. Il risparmio prevede l'accumulo di risorse e la loro conservazione con conseguente possibilit di recupero. Il
sistema pensionistico obbligatorio invece nanziato con la gestione a ripartizione. Le imposte raccolte nel bilancio
corrente sono immediatamente reimpiegate per pagare le prestazioni previdenziali correnti calcolate con dei metodi di
calcolo che nulla hanno a che vedere con i contributi previdenziali versati tanto che molto spesso gli enti previdenziali
niscono in dissesto. Solo nel 2011 l'INPDAP stato chiuso e assorbito dall'INPS determinando per la prima volta
la chiusura in perdita del bilancio dell'ente. Nei sistemi pensionistici con gestione a ripartizione il rischio economico
e demograco e le promesse pensionistiche| (v. solidariet intergenerazionale) si scaricano sulle generazioni future o
con il debito pubblico esplicito o con il default dei sistemi pensionistici obbligatori con il ridimensionamento del debito
pubblico implicito quanto non vi pi la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici obbligatori operando quindi delle
riforme previdenziali| come ad esempio quella entrata in vigore nel 2012 (Riforma delle pensioni Fornero).

2.4.12 Storia delle aliquote contributive della Social Security negli Stati Uniti d'America

Nella tabella sono elencate le aliquote contributive applicate dalla Social Security negli Stati Uniti d'America.
2.4. CONTRIBUTI OBBLIGATORI PER LE ASSICURAZIONI OBBLIGATORIE 71

2.4.13 Note
[1] Michele Tronconi, Tfr in busta paga, un siluro alla previdenza integrativa in intermediachannel, 07/10/2014. URL consultato
il 7 ottobre 2014.

Tenuto presente che gi il 33 per cento, in vigore per il settore privato (per gli autonomi il 20 per cento),
veniva valutato da Franco Modigliani come una tassa invece che come risparmio obbligatorio (Avventure
di un economista, Laterza, 1999)..

[2] CBC News 22/08/2014, Essentially, the contributions are on the governments books, but they go into general revenue and
no outside assets are purchased to cover them ultimately the payment to the pensioner will come out of future general
tax revenue.

[3] AppuntiPersiani, p.to 31. I contributi previdenziali come imposte. Se si tiene conto del signicato dellintervento dello Stato
nel sistema della previdenza sociale, i contributi previdenziali possono essere congurati come imposte. Le imposte sono le
prestazioni pecuniarie che un ente pubblico ha il diritto di esigere in virt della sua potest di imperio, nella misura nei modi
stabiliti dalla legge, allo scopo di reperire mezzi necessari allo svolgimento della sua attivit. Presupposto dell'imposta
esclusivamente la soggezione alla potest dello stato, mentre l'impiego che l'ente pubblico fa del ricavo dell'imposizione, in
base a norme estranee al rapporto tributario, non ha alcuna inuenza sull'origine e sull'estensione dell'obbligo contributivo.

[4] AGI20131126, I contributi previdenziali in Italia infatti nel 2012 sono al 33% del totale lordo della retribuzione, comples-
sivamente pari al 9% del Pil e al 21,1% del totale delle tasse. La media Ocse del 19,6%, pari al 5,2% del Pil e al 15,8%
del totale delle tasse.

[5] IBL Spesa pubblica, p.24 - Per come funzionano i sistemi previdenziali a ripartizione, che cio usano i contributi attuali
(a dierenza dei sistemi a capitalizzazione), il capitale previdenziale messo da parte per pagare le pensioni trascurabile,
e dunque non possibile pagare le pensioni se non tassando (esosamente) chi lavora.

[6] Unipartenope, p.8 - La maggior parte dei programmi previdenziali pubblici sono stati e sono tuttora nanziati sulla base di
un Pay As You Go, cio attraverso la tassazione della classe giovane per poter nanziare i beneci correnti alla popolazione
anziana.

[7] AppuntiPersiani, p.to 31. La funzione dei contributi previdenziali quella di fornire agli enti previdenziali i mezzi necessari
alla realizzazione dai compiti loro adati dalla legge per la soddisfazione immediata di un interesse pubblico.

[8] Agenzia delle Entrate, pag. 14 - Tutti possono compensare i crediti ed i debiti nei confronti dei diversi enti impositori
(Stato, INPS, comuni, regioni, INAIL, ENPALS, INGPI, Camere di Commercio

[9] INPS F24, Possono essere eettuate compensazioni tra i debiti e i crediti nei confronti dei diversi Enti impositori (ad
esempio Stato, Inps, Regioni, Comuni)

[10] diritto.it, Infatti i contributi non costituiscono parte integrante del salario ma un tributo, in quanto tale da pagare comunque
ed in ogni caso, indipendentemente dalle vicende nanziarie dellazienda.

[11] LavoroFisco 16/09/2014, la Suprema Corte rammenta il proprio costante orientamento, secondo cui, in tema di omesso
versamento delle ritenute allerario, lo stato dinsolvenza non libera il sostituto dimposta, dovendo questi adempiere al
proprio obbligo di corrispondere le ritenute cos come adempie a quello di pagare le retribuzioni di cui le ritenute stesse
sono parte.

[12] D.Lgs. 241/1997 art.17, art. 17 - I contribuenti eseguono versamenti unitari delle imposte, dei contributi dovuti all'INPS
e delle altre somme a favore dello Stato, delle regioni e degli enti previdenziali, con eventuale compensazione dei crediti,
dello stesso periodo, nei confronti dei medesimi soggetti,

[13] D.Lgs. 241/1997

[14] Ingenio F24, La semplicazione non di poco conto, visto che il professionista potr compensare limporto dovuto alla
propria cassa di previdenza con un eventuale credito IRPEF (o IVA o altra imposta o contributo pagabile mediante F24)

[15] LeggiOggi 27 luglio 2013, Lart. 1 del decreto legislativo 462/97ha disposto che: Per la liquidazione, laccertamento e la
riscossione dei contributi e dei premi previdenziali ed assistenziali che devono essere determinati nelle dichiarazioni dei
redditi, si applicano le disposizioni previste in materia di imposte sui redditi.

[16] Il Sole 24 Ore 24/02/2014, L'esito del procedimento di reclamo/mediazione rileva anche per i contributi previdenziali e
assistenziali (con base imponibile riconducibile a quella delle imposte sui redditi). E sui contributi non si applicheranno n
sanzioni n interessi.

[17] Opzione per il sistema contributivo

[18] Artigiani1
72 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

[19] Aliquote INPS 2013

[20] INPS Parametri contributivi 2013

[21] Aliquote INPS 2013

[22] INPS Parametri contributivi 2013

[23] GS INPS Aliquote 2013

[24] Boeri20131205, Un governo che in modo del tutto arbitrario taglia tutte le pensioni al di sopra di una certa cifra invita i
contribuenti a eludere se non evadere i propri versamenti pensionistici e, soprattutto, a considerarli come una tassa anzich
una forma di risparmio, pur forzosa, volta a garantirsi una vecchiaia tranquilla.

[25] Historical Social Security Tax Rates accessed 7 Nov 2013

2.4.14 Bibliograa

Leggi

Decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, in materia di "Norme di semplicazione degli adempimenti dei con-
tribuenti in sede di dichiarazione dei redditi e dell'imposta sul valore aggiunto, nonch di modernizzazione del
sistema di gestione delle dichiarazioni."

Decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, articolo 17, in materia di "Norme di semplicazione degli adempimenti
dei contribuenti in sede di dichiarazione dei redditi e dell'imposta sul valore aggiunto, nonch di modernizzazione
del sistema di gestione delle dichiarazioni."

Regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636 (in Gazz. U., 3 maggio, n. 105). -- Modicazioni delle disposi-
zioni sulle assicurazioni obbligatorie per l'invalidit e la vecchiaia, per la tubercolosi e per la disoccupazione
involontaria.. URL consultato il 26 aprile 2014.

Regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636 (in Gazz. U., 3 maggio, n. 105). -- Modicazioni delle disposi-
zioni sulle assicurazioni obbligatorie per l'invalidit e la vecchiaia, per la tubercolosi e per la disoccupazione
involontaria.. URL consultato il 26 aprile 2014.

Regio Decreto - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827. URL consultato il 26 aprile 2014.

Regio Decreto - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827. URL consultato il 30 aprile 2014.

Libri

Mattia Persiani, Diritto della previdenza sociale, 19 ed., Padova, CEDAM, 2012, ISBN 978-88-13-33206-8.

Autori vari, La previdenza sociale, 3/11/2014, Wikipedia

Web

Versamento delle ritenute previdenziali prioritario sulla retribuzione, LavoroFisco 16/09/2014. URL consultato
il 16 settembre 2014.

Obbligazione contributiva dei lavoratori autonomi e subordinati e le liti scali, LeggiOggi 27 luglio 2013. URL
consultato il 16 febbraio 2014.

Aliquota contributiva I.V.S. Artigiani, Artigiani1. URL consultato il 3 febbraio 2014.

Mariangela Bonasia, La riforma dei sistemi previdenziali: il dibattito teorico e politico., Unipartenope. URL
consultato il 3 febbraio 2014.
2.5. FISCALIT GENERALE 73

Legge 2 luglio 2001, n. 248, di conversione del decreto legge 3 maggio 2001, n.158. Decreto legge 28 settembre
2001, n. 355. Opzione per il sistema contributivo., Opzione per il sistema contributivo. URL consultato il 27
gennaio 2014.

Professionisti: contributi previdenziali compensabili con i crediti IRPEF o IVA, Ingenio F24. URL consultato il
27 gennaio 2014.

La spesa pubblica in Italia e in Europa, IBL Spesa pubblica. URL consultato il 22 gennaio 2014.

Determinazione per l'anno 2013 del limite minimo di retribuzione giornaliera ed aggiornamento degli altri
valori per il calcolo di tutte le contribuzioni dovute in materia di previdenza ed assistenza sociale., INPS
Parametri contributivi 2013. URL consultato il 18 gennaio 2014.

Gestione separata di cui allart.2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335. Aliquote contributive, aliquote
di computo, massimale e minimale per lanno 2013., GS INPS Aliquote 2013. URL consultato il 18 gennaio 2014.

Artigiani ed esercenti attivit commerciali : Contribuzione per lanno 2013., Artigiani/Commercianti Contri-
buzione INPS 2013. URL consultato il 18 gennaio 2014.

Tabella delle aliquote contributive INPS in vigore dal 1 gennaio 2013, Aliquote INPS 2013. URL consultato il
27 febbraio 2014.

Riassunto Diritto della previdenza sociale, Persiani, AppuntiPersiani. URL consultato il 7 ottobre 2013.

Anche il contributo previdenziale un tributo, diritto.it. URL consultato il 5 dicembre 2013.

GUIDA PRATICA al PAGAMENTO delle IMPOSTE, Agenzia delle Entrate. URL consultato il 28 dicembre
2013.

Quel taglio rozzo alle pensioni doro (TITO BOERI)., Boeri20131205. URL consultato il 5 dicembre 2013.

Tabella delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2013, INPS. URL consultato il 28 dicembre 2013.

Modello F24 Riscossione unicata, INPS F24. URL consultato il 3 gennaio 2014.

News

(EN) Don Pittis, Workers not to blame for Quebec pension problem: Don Pittis in CBC News. URL consultato
il 22 agosto 2014.

Denizione estesa ai contributi in Il Sole 24 Ore. URL consultato il 24 febbraio 2014.


Ocse, precari a rischio povert Avranno pensioni da fame in Agi.it. URL consultato il 26 novembre 2013.

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >

2.5 Fiscalit generale


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
Con scalit generale,[1] nel dibattito politico economico in Italia, si intende l'insieme delle entrate scali dello Stato
italiano, raccolte in base a obblighi di leggi che non indicano gi una specica destinazione di spesa pubblica.
74 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Le imposte IRPEF ed IVA, ad esempio sono imposte che non hanno una specica destinazione e vanno a contribuire
alla formazione della scalit generale.
La scalit generale, attraverso i trasferimenti dello Stato alle amministrazioni pubbliche permette l'attuazione dei
programmi di spesa pubblica es. gestione e manutenzione di strade, servizio sanitario nazionale, istruzione pubblica,
servizio pensionistico pubblico attraverso l'INPS.
l'opposto dell'imposta di scopo.
Nel caso dell'INPS i trasferimenti dalla scalit generale hanno assunto nel tempo una importanza via via maggiore
anche in considerazione delle sempre pi vaste competenze assegnategli.
L'entit non comunque signicativa in quanto nell'ambito della valutazione della spesa pensionistica non cambia se
il nanziamento legato all'imposizione scale degli iscritti o meno.
Ci attiene infatti alle politiche di redistribuzione dei redditi che vengono attuate dal Governo.

2.5.1 Fiscalit generale e tributi di scopo nel campo della previdenza sociale pubblica

La teoria costituzionale nel diritto della previdenza sociale prevede che all'onere di soddisfare le necessit dei cittadini
in condizioni di bisogno "provvedono organi ed istituti predisposti o integrati dallo Stato" (Art. 38 c. 5 Cost.).
Da un punto di vista sostanziale non ha signicato distinguere gli interventi di welfare pubblico, regolati da norme di
diritto pubblico qual' il diritto della previdenza sociale, se nanziati direttamente dallo Stato o con i tributi raccolti
dagli istituti preposti tipo INPS o casse di previdenza D.Lgs. 509/1994 e D.Lgs. 103/1996.
I contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie sono tributi a tutti gli eetti e le amministrazioni pubbliche che
erogano le pensioni pubbliche sono gestite con la contabilit nanziaria e secondo il principio di copertura nanziaria.
Pertanto la dierente modalit di nanziamento attraverso la scalit generale ed i trasferimenti agli enti ovvero
direttamente tramite la raccolta dei tributi da parte degli enti rappresenta solo una scelta organizzativa, mentre le
politiche di spesa degli enti previdenziali sono sempre decise a livello politico dal parlamento attraverso le successive
riforme delle pensioni e non in base ad una gestione con contabilit economico patrimoniale aziendale secondo il
principio del bilancio in cassa chiusa con patrimonio di previdenza.
La riforma delle pensioni Fornero una legge di bilancio pertanto il bilancio va inteso come conto economico con-
solidato delle amministrazioni pubbliche che va valutato nella sua interezza quale avanzo o disavanzo e quindi decit
dello Stato ai ni della sostenibilit nanziaria di tutti i programmi di spesa pubblica.
Molte sono inoltre le leggi di scalizzazione degli oneri sociali che di fatto rendono impossibile denire il nanzia-
mento della spesa pensionistica per la pensione pubblica come nanziato semplicemente dai contributi obbligatori
per le assicurazioni obbligatorie.

2.5.2 Note

[1] La Gazzetta del Mezzogiorno, Ma perch, forse, spaventato dalla voglia matta di partiti e parti sociali di nanziare qualsiasi
iniziativa con il ricorso alla scalit generale

2.5.3 Bibliograa

News

Giuseppe De Tommaso, Cav o Prof tutti sognano la scalit generale in La Gazzetta del Mezzogiorno. URL
consultato l'8 marzo 2014.

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >
2.6. SCHEMA PENSIONISTICO CON FORMULA DELLA PRESTAZIONE SOCIALE IN DENARO PREDEFINITA75

2.6 Schema pensionistico con formula della prestazione sociale in denaro


predenita
< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
Lo schema pensionistico con formula della prestazione sociale in denaro predenita, (in inglese DB o Dened
Benet pension scheme e dened benet formulae) , uno schema pensionistico| utilizzato nei sistemi pensionistici
privati o pubblici e prevede che l'importo delle pensioni (beneci deniti)[1] stabilito in anticipo da una formula o
metodo di calcolo (tra le pi diuse vi l'uso per la pensione di vecchiaia del metodo di calcolo retributivo).
L'importo della rendita o del benecio pensionistico non dipende quindi dai contributi obbligatori versati o dal
patrimonio dell'ente previdenziale.
I sistemi pensionistici obbligatori pubblici, regolati da norme di diritto pubblico ed in particolare dal diritto della
previdenza sociale, nella maggioranza dei casi, sono gestiti secondo il sistema pensionistico senza patrimonio di pre-
videnza applicando uno schema pensionistico con formula delle rendite predenita, scaricando il rischio economico|,
demograco| o politico| a carico del beneciario in quanto le prestazioni previdenziali possono essere modicate
in qualsiasi momento per garantire la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici obbligatori solo quando viene a
mancare la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici.
I fondi pensione o sistemi pensionistici privati gestiti con patrimonio di previdenza possono prevedere le presta-
zioni previdenziali predenite ma il rischio economico deve essere a carico del gestore, anche se alcune normative
prevedono le modalit di ristrutturazione in caso di squilibri del patrimonio di previdenza.

2.6.1 Caratteristiche degli schemi pensionistici a prestazioni previdenziali predenite


La caratteristica fondamentale dello schema che le pensioni sono stabilite a prescindere dai contributi previdenziali
eettivamente versati. Tali schemi pensionistici prevedono infatti che le rendite pensionistiche siano stabilite secondo
metodi di calcolo e requisiti soggettivi.
I requisiti soggettivi possono essere:

et per il pensionamento di vecchiaia;


anzianit contributiva.

I metodi di calcolo possono essere:

metodo di calcolo retributivo;


metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita;
metodo di calcolo misto.

2.6.2 Caratteristiche dei metodi di calcolo


Le formule utilizzate per determinare l'importo della rendita pensionistica, nel caso di sistemi pensionistici senza
patrimonio di previdenza devono essere calibrate per essere accettabili sia da chi usufruisce del servizio pubblico, sia
per la sostenibilit nanziaria dell'ente gestore.
La sostenibilit sociale del sistema pensionistico che adotta tale schema da parte del cittadino o del lavoratore, a
seconda dei sistemi, data dal tasso di rendimento apparente restituito dalla formula. Se il cittadino ha un rendimento
paragonabile a quello dei mercati nanziari, il sistema accettabile.

2.6.3 Gestione nanziaria


unfunded sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza;
funded fondi pensione.
76 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

2.6.4 La variazione della promessa pensionistica e la teoria costituzionale nel diritto della
previdenza sociale

Lo schema pensionistico con formula delle rendite predenita un modo di determinazione delle pensioni| nel caso
del rapporto giuridico previdenziale di diritto pubblico.
quindi utilizzato nei sistemi pensionistici pubblici| gestiti senza patrimonio di previdenza| ove le leggi speciali che
regolano le assicurazioni sociali stabiliscono i requisiti per il conseguimento delle stesse e l'ammontare delle stesse
prestazioni previdenziali.
Ma la formula rimane ssa n quando il sistema pensionistico sostenibile scalmente| o sostenibile scalmente|.
Quando il sistema pensionistico non pi sostenibile lo Stato attua una riforma previdenziale consistente nella modica
della formula precedentemente attuate prevedendo prestazioni diverse nel tempo, determinando ad es. a parit di
contributi previdenziali versati diversi trattamenti previdenziali es. pro rata temporis.
Le prestazioni che derivano dalla applicazione dello schema pensionistico con formula delle rendite predenita, non
sono quindi il corrispettivo contrattuale di una obbligazione, ma denite come un servizio pubblico per soddisfare
degli interessi pubblici stabiliti ad es. nell'ordinamento italiano dall'art. 38 della Costituzione.
Nel linguaggio corrente, dire schema pensionistico con formula delle rendite predenita, equivale a dire erogazione
della pensione secondo la legge che sar vigente al momento del pensionamento, legge che garantisce la sostenibilit
scale del sistema pensionistico e non un corrispettivo ad una obbligazione contrattuale.
Tale metodo quindi legato alle pensioni erogate secondo il rapporto giuridico previdenziale di diritto pubblico per
la tutela dei diritti sociali| e pertanto non possibile prevedere durante la fase di lavoro attivo quale potr essere
l'importo della pensione in quanto esso pu essere stabilito solo al momento della maturazione dei requisiti.
In sostanza dire schema pensionistico con formula a rendite denite equivale a dire la pensione sar erogata nelle
modalit e nell'importo in base alla legge che sar vigente quando maturano i requisiti previsti dalla normativa vi-
gente al momento del raggiungimento dei requisiti, tale che il bilancio dell'ente previdenziale| sia sempre sostenibile
scalmente.
Per questo motivo solo lo Stato o gli enti previdenziali delegati (pubbliche amministrazioni) possono gestire i sistemi
pensionistici obbligatori utilizzando lo schema con formula delle rendite predenita in quanto hanno la potest o la
delega di variare le leggi che ne regolano la gestione, mantenendola sostenibile|, sia dal lato delle entrate (imposte)
che delle uscite (rendite).
La quasi totalit delle nazioni OCSE non ammette la gestione privata si sistemi pensionistici senza copertura patrimoniale.[2][3]
Diverso il caso delle pensioni erogate secondo un rapporto giuridico di diritto privato| ove le regole sono stabilite al
momento della sottoscrizione del contratto e restano immutabili salvo diverse pattuizioni successive approvate dalle
parti.
Gli utenti dei sistemi pensionistici pubblici hanno quindi l'obbligo di partecipare secondo quanto previsto per legge
con il versamento dei contributi previdenziali, ed il diritto alle prestazioni previdenziali secondo quanto previsto per
legge.
In Italia il calcolo della pensione di vecchiaia ha contemplato in un primo periodo no alla riforma delle pensioni
Fornero il metodo di calcolo retributivo via via corretto nei coecienti e negli scaglioni di reddito secondo l'evoluzione
delle necessit di equilibrio dei conti, no a passare prima al metodo di calcolo pro-rata ed inne al metodo di calcolo
contributivo a capitalizzazione simulata sui contributi e la crescita, con la previsione, secondo la riforma Fornero di
continui aggiornamenti dei coecienti di trasformazione|.
Sempre la riforma delle pensioni Fornero ha aumentato l'et per il pensionamento di vecchiaia delle lavoratrici di 5
anni in un solo passaggio normativo con il ne di migliorare la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici
nel brevissimo periodo.

2.6.5 Caratteristiche

Caratteristica saliente di questi metodi che non vi nessun rapporto tra i contributi previdenziali versati dagli iscritti
e le prestazioni previdenziali promesse, se non un rapporto strumentale di calcolo (il patrimonio di previdenza non
esiste).
In Svizzera, ad esempio, la spesa pensionistica nanziata per circa il 20% con il gettito IVA ed altre imposte.
2.6. SCHEMA PENSIONISTICO CON FORMULA DELLA PRESTAZIONE SOCIALE IN DENARO PREDEFINITA77

Ad esempio, nel caso di calcolo della pensione di vecchiaia con il metodo di calcolo retributivo, viene restituita una
riserva matematica che in alcuni casi anche di 8 volte rispetto a quanto versato.
La denizione 'gestione a ripartizione' mette in evidenza la caratteristica che il sistema legato alle risorse nanziarie
che la politica mette a disposizione mentre, la denizione 'schema pensionistico con formula a rendite denite' mette
in evidenza la caratteristica che la prestazione previdenziale denita al momento della maturazione dei requisiti, in
base alle leggi vigenti.
la denizione di 'schema pensionistico con formula delle rendite predenita' che fa emergere l'aspetto tempora-
le nella determinazione delle aspettative pensionistiche in quanto le stesse possono essere variate per mantenere la
sostenibilit scale dei sistemi pensionistici obbligatori.
Infatti il sistema inuenzato in modo determinante dalla variabile demograca (rischio demograco|) ed economica
(rischio economico|) per cui spesso sono necessari aggiustamenti con opportune riforme previdenziali|.

2.6.6 La sostenibilit sociale nel tasso di rendimento apparente nello schema pensionisti-
co con formula delle rendite predenita

2.6.7 L'applicazione in Italia dello schema pensionistico con formula delle rendite prede-
nita
In Italia l'applicazione dello schema pensionistico con formula delle rendite predenita rappresenta la storia del sistema
pensionistico pubblico in Italia basato sul modello previdenziale corporativo fascista.
Il sistema pensionistico pubblico italiano infatti strutturato per corporazioni che, nel caso di situazioni demograche
ed economiche favorevoli, hanno implementato formule per il calcolo della pensione di vecchiaia molto generose che
nel tempo hanno contribuito alla esplosione della bolla previdenziale.

2.6.8 Note
[1] Unipartenope, p.8 - Vengono chiamati a beneci deniti in quanto sono le regole proprie del piano a denire i beneci che
verranno deniti ...

[2] OECD Glossary, Unfunded pension plans are said to be paid on a current disbursement method (also known as the pay
as you go, PAYG, method). Unfunded plans may still have associated reserves to cover immediate expenses or smooth
contributions within given time periods. Most OECD countries do not allow unfunded private pension plans.

[3] AVS/AI Opuscolo 3.06, Il calcolo anticipato determinato in base alla situazione personale attuale del richiedente (stato
civile, composizione della famiglia ecc.) e al diritto applicabile al momento del calcolo. Cambiamenti nella situazione
personale o nel diritto in vigore possono avere ripercussioni signicative sul diritto ad una rendita o sull'ammontare di
quest'ultima. Per questa ragione, un calcolo vincolante delle rendite pu essere eseguito solo all'insorgenza dell'evento
assicurato (vecchiaia, invalidit, decesso)

2.6.9 Bibliograa
OECD Glossary of statistical term. URL consultato il 28 marzo 2014.

Calcolo anticipato della rendita. URL consultato il 28 marzo 2014.

OCSE Glossary of statistical terms. URL consultato il 3 febbraio 2014.

Mariangela Bonasia, La riforma dei sistemi previdenziali: il dibattito teorico e politico.. URL consultato il 3
febbraio 2014.

Previdenza, i divora-pensione in MilanoFinanza. URL consultato il 23 agosto 2013.

La Cassa ragionieri prova l'attacco in Il sole 24 ore. URL consultato il 26 marzo 2013.

Mariangela Bonasia, La riforma dei sistemi previdenziali: il dibattito teorico e politico.. URL consultato il 3
febbraio 2014.

Previdenza, i divora-pensione in MilanoFinanza. URL consultato il 23 agosto 2013.


78 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

La Cassa ragionieri prova l'attacco in Il sole 24 ore. URL consultato il 26 marzo 2013.

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >

2.7 Schema pensionistico con formula della prestazione sociale in denaro


predenita sul reddito l'anzianit contributiva e l'et di pensionamen-
to di vecchiaia
< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
Lo schema pensionistico con formula della prestazione sociale in denaro predenita sul reddito l'anzianit
contributiva e l'et di pensionamento di vecchiaia, (in inglese DB o Dened Benet pension scheme e dened
benet formulae) , uno schema pensionistico| utilizzato nei sistemi pensionistici privati o pubblici e prevede che
l'importo delle rendite pensionistiche| (beneci deniti)[1] stabilito in anticipo da una formula o metodo di calcolo
(tra le pi diuse vi l'uso per la pensione di vecchiaia del metodo di calcolo retributivo).
L'importo della rendita o del benecio pensionistico non dipende quindi dai contributi obbligatori versati o dal
patrimonio dell'ente previdenziale.
I sistemi pensionistici obbligatori pubblici, regolati da norme di diritto pubblico e specicatamente dal diritto della
previdenza sociale, nella maggioranza dei casi, sono gestiti secondo il sistema pensionistico senza patrimonio di pre-
videnza applicando uno schema pensionistico con formula delle rendite predenita, scaricando il rischio economico|,
demograco| o politico| a carico del beneciario in quanto le prestazioni previdenziali possono essere modicate
in qualsiasi momento per garantire la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici obbligatori solo quando viene a
mancare la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici.
I fondi pensione o sistemi pensionistici privati gestiti con patrimonio di previdenza possono prevedere le presta-
zioni previdenziali predenite ma il rischio economico deve essere a carico del gestore, anche se alcune normative
prevedono le modalit di ristrutturazione in caso di squilibri del patrimonio di previdenza.

2.7.1 Caratteristiche degli schemi pensionistici a prestazioni previdenziali predenite


La caratteristica fondamentale dello schema che le pensioni sono stabilite a prescindere dai contributi previdenziali
eettivamente versati. Tali schemi pensionistici prevedono infatti che le rendite pensionistiche siano stabilite secondo
metodi di calcolo e requisiti soggettivi.
I requisiti soggettivi possono essere:

et per il pensionamento di vecchiaia;


anzianit contributiva.

I metodi di calcolo possono essere:

metodo di calcolo retributivo;


metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita;
metodo di calcolo misto.

2.7.2 Caratteristiche dei metodi di calcolo


Le formule utilizzate per determinare l'importo della rendita pensionistica, nel caso di sistemi pensionistici senza
patrimonio di previdenza devono essere calibrate per essere accettabili sia da chi usufruisce del servizio pubblico, sia
per la sostenibilit nanziaria dell'ente gestore.
2.7. SCHEMA PENSIONISTICO CON FORMULA DELLA PRESTAZIONE SOCIALE IN DENARO PREDEFINITA SUL REDDITO L'ANZIA

La sostenibilit sociale del sistema pensionistico che adotta tale schema da parte del cittadino o del lavoratore, a
seconda dei sistemi, data dal tasso di rendimento apparente restituito dalla formula. Se il cittadino ha un rendimento
paragonabile a quello dei mercati nanziari, il sistema accettabile.

2.7.3 Gestione nanziaria

unfunded sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza;

funded fondi pensione.

2.7.4 La variazione della promessa pensionistica e la teoria costituzionale nel diritto della
previdenza sociale

Lo schema pensionistico con formula delle rendite predenita un modo di determinazione delle pensioni| nel caso
del rapporto giuridico previdenziale di diritto pubblico.
quindi utilizzato nei sistemi pensionistici pubblici| gestiti senza patrimonio di previdenza| ove le leggi speciali che
regolano le assicurazioni sociali stabiliscono i requisiti per il conseguimento delle stesse e l'ammontare delle stesse
prestazioni previdenziali.
Ma la formula rimane ssa n quando il sistema pensionistico sostenibile scalmente| o sostenibile scalmente|.
Quando il sistema pensionistico non pi sostenibile lo Stato attua una riforma previdenziale consistente nella modica
della formula precedentemente attuate prevedendo prestazioni diverse nel tempo, determinando ad es. a parit di
contributi previdenziali versati diversi trattamenti previdenziali es. pro rata temporis.
Le prestazioni che derivano dalla applicazione dello schema pensionistico con formula delle rendite predenita, non
sono quindi il corrispettivo contrattuale di una obbligazione, ma denite come un servizio pubblico per soddisfare
degli interessi pubblici stabiliti ad es. nell'ordinamento italiano dall'art. 38 della Costituzione.
Nel linguaggio corrente, dire schema pensionistico con formula delle rendite predenita, equivale a dire erogazione
della pensione secondo la legge che sar vigente al momento del pensionamento, legge che garantisce la sostenibilit
scale del sistema pensionistico e non un corrispettivo ad una obbligazione contrattuale.
Tale metodo quindi legato alle pensioni erogate secondo il rapporto giuridico previdenziale di diritto pubblico per
la tutela dei diritti sociali| e pertanto non possibile prevedere durante la fase di lavoro attivo quale potr essere
l'importo della pensione in quanto esso pu essere stabilito solo al momento della maturazione dei requisiti.
In sostanza dire schema pensionistico con formula a rendite denite equivale a dire la pensione sar erogata nelle
modalit e nell'importo in base alla legge che sar vigente quando maturano i requisiti previsti dalla normativa vi-
gente al momento del raggiungimento dei requisiti, tale che il bilancio dell'ente previdenziale| sia sempre sostenibile
scalmente.
Per questo motivo solo lo Stato o gli enti previdenziali delegati (pubbliche amministrazioni) possono gestire i sistemi
pensionistici obbligatori utilizzando lo schema con formula delle rendite predenita in quanto hanno la potest o la
delega di variare le leggi che ne regolano la gestione, mantenendola sostenibile|, sia dal lato delle entrate (imposte)
che delle uscite (rendite).
La quasi totalit delle nazioni OCSE non ammette la gestione privata si sistemi pensionistici senza copertura patrimoniale.[2][3]
Diverso il caso delle pensioni erogate secondo un rapporto giuridico di diritto privato| ove le regole sono stabilite al
momento della sottoscrizione del contratto e restano immutabili salvo diverse pattuizioni successive approvate dalle
parti.
Gli utenti dei sistemi pensionistici pubblici hanno quindi l'obbligo di partecipare secondo quanto previsto per legge
con il versamento dei contributi previdenziali, ed il diritto alle prestazioni previdenziali secondo quanto previsto per
legge.
In Italia il calcolo della pensione di vecchiaia ha contemplato in un primo periodo no alla riforma delle pensioni
Fornero il metodo di calcolo retributivo via via corretto nei coecienti e negli scaglioni di reddito secondo l'evoluzione
delle necessit di equilibrio dei conti, no a passare prima al metodo di calcolo pro-rata ed inne al metodo di calcolo
contributivo a capitalizzazione simulata sui contributi e la crescita, con la previsione, secondo la riforma Fornero di
continui aggiornamenti dei coecienti di trasformazione|.
80 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Sempre la riforma delle pensioni Fornero ha aumentato l'et per il pensionamento di vecchiaia delle lavoratrici di 5
anni in un solo passaggio normativo con il ne di migliorare la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici
nel brevissimo periodo.

2.7.5 Caratteristiche
Caratteristica saliente di questi metodi che non vi nessun rapporto tra i contributi previdenziali versati dagli iscritti
e le prestazioni previdenziali promesse, se non un rapporto strumentale di calcolo (il patrimonio di previdenza non
esiste).
In Svizzera, ad esempio, la spesa pensionistica nanziata per circa il 20% con il gettito IVA ed altre imposte.
Ad esempio, nel caso di calcolo della pensione di vecchiaia con il metodo di calcolo retributivo, viene restituita una
riserva matematica che in alcuni casi anche di 8 volte rispetto a quanto versato.
La denizione 'gestione a ripartizione' mette in evidenza la caratteristica che il sistema legato alle risorse nanziarie
che la politica mette a disposizione mentre, la denizione 'schema pensionistico con formula a rendite denite' mette
in evidenza la caratteristica che la prestazione previdenziale denita al momento della maturazione dei requisiti, in
base alle leggi vigenti.
la denizione di 'schema pensionistico con formula delle rendite predenita' che fa emergere l'aspetto tempora-
le nella determinazione delle aspettative pensionistiche in quanto le stesse possono essere variate per mantenere la
sostenibilit scale dei sistemi pensionistici obbligatori.
Infatti il sistema inuenzato in modo determinante dalla variabile demograca (rischio demograco|) ed economica
(rischio economico|) per cui spesso sono necessari aggiustamenti con opportune riforme previdenziali|.

2.7.6 La sostenibilit sociale nel tasso di rendimento apparente nello schema pensionisti-
co con formula delle rendite predenita

2.7.7 L'applicazione in Italia dello schema pensionistico con formula delle rendite prede-
nita
In Italia l'applicazione dello schema pensionistico con formula delle rendite predenita rappresenta la storia del sistema
pensionistico pubblico in Italia basato sul modello previdenziale corporativo fascista.
Il sistema pensionistico pubblico italiano infatti strutturato per corporazioni che, nel caso di situazioni demograche
ed economiche favorevoli, hanno implementato formule per il calcolo della pensione di vecchiaia molto generose che
nel tempo hanno contribuito alla esplosione della bolla previdenziale.

2.7.8 Note
[1] Unipartenope, p.8 - Vengono chiamati a beneci deniti in quanto sono le regole proprie del piano a denire i beneci che
verranno deniti ...

[2] OECD Glossary, Unfunded pension plans are said to be paid on a current disbursement method (also known as the pay
as you go, PAYG, method). Unfunded plans may still have associated reserves to cover immediate expenses or smooth
contributions within given time periods. Most OECD countries do not allow unfunded private pension plans.

[3] AVS/AI Opuscolo 3.06, Il calcolo anticipato determinato in base alla situazione personale attuale del richiedente (stato
civile, composizione della famiglia ecc.) e al diritto applicabile al momento del calcolo. Cambiamenti nella situazione
personale o nel diritto in vigore possono avere ripercussioni signicative sul diritto ad una rendita o sull'ammontare di
quest'ultima. Per questa ragione, un calcolo vincolante delle rendite pu essere eseguito solo all'insorgenza dell'evento
assicurato (vecchiaia, invalidit, decesso)

2.7.9 Bibliograa
OECD Glossary of statistical term, OECD Glossary. URL consultato il 28 marzo 2014.

Calcolo anticipato della rendita, AVS/AI Opuscolo 3.06. URL consultato il 28 marzo 2014.
2.8. SCHEMA PENSIONISTICO CON FORMULA DELLA PRESTAZIONE SOCIALE IN DENARO PREDEFINITA SULLA CONTRIBUZIO

OCSE Glossary of statistical terms, OCSE Glossary. URL consultato il 3 febbraio 2014.

Mariangela Bonasia, La riforma dei sistemi previdenziali: il dibattito teorico e politico., Unipartenope. URL
consultato il 3 febbraio 2014.

Previdenza, i divora-pensione in MilanoFinanza. URL consultato il 23 agosto 2013.

La Cassa ragionieri prova l'attacco in Il sole 24 ore. URL consultato il 26 marzo 2013.

Mariangela Bonasia, La riforma dei sistemi previdenziali: il dibattito teorico e politico., Unipartenope. URL
consultato il 3 febbraio 2014.

Previdenza, i divora-pensione in MilanoFinanza. URL consultato il 23 agosto 2013.

La Cassa ragionieri prova l'attacco in Il sole 24 ore. URL consultato il 26 marzo 2013.

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >

2.8 Schema pensionistico con formula della prestazione sociale in dena-


ro predenita sulla contribuzione e la crescita e senza patrimonio di
previdenza
< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
Lo schema pensionistico con formula della prestazione sociale in denaro predenita sulla contribuzione e
la crescita e senza copertura patrimoniale in inglese (NDC) Nonnancial (notional) Dened Contribution
Pension Scheme, di seguito schema NDC, una modalit di gestione prevista nel diritto della previdenza sociale
nei sistemi pensionistici pubblici gestiti dallo Stato o da enti previdenziali da esso predisposti, senza patrimonio di
previdenza e avente la caratteristica di restituire un importo della pensione secondo una formula matematica, basata sui
contributi previdenziali versati o accreditati con la scalizzazione degli oneri sociali rivalutati secondo un parametro
legato alla crescita economica, chiamata metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita.

2.8.1 Caratteristica principale dello schema NDC

Lo schema NDC una evoluzione dello schema DB, del quale conserva tutte le caratteristiche ad eccezione della
modalit per il calcolo della pensione di vecchiaia che appunto il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione
simulata sulla crescita.

Il sistema pensionistico pubblico con schema DB

Un sistema pensionistico pubblico detto sistema pensionistico DB| quando ha le seguenti caratteristiche:

1. classicato previdenza di primo pilastro secondo la World Bank;

2. E' senza patrimonio di previdenza| quindi con indice di patrimonializzazione inferiore al 100% e nella mag-
gioranza dei casi vicino a zero;

3. Le pensioni si pagano con le imposte;

4. Il calcolo della pensione di vecchiaia fatto con uno schema pensionistico con formula delle rendite predenita
eccetto il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita.
82 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Il sistema pensionistico pubblico con schema NDC

Un sistema pensionistico pubblico detto NDC quando ha le seguenti caratteristiche:

1. classicato previdenza di primo pilastro secondo la World Bank;

2. E' senza patrimonio di previdenza| quindi con indice di patrimonializzazione inferiore al 100% e nella mag-
gioranza dei casi vicino a zero;

3. Le pensioni si pagano con le imposte;

4. Il calcolo della pensione di vecchiaia fatto con il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata
sulla crescita.

2.8.2 Lo schema NDC in Italia


Lo schema NDC stato introdotto in Italia con la riforma Dini, per i lavoratori che sono entrati nel mondo del lavoro
per la prima volta nel 1996.
Poich il sistema pensionistico pubblico in Italia si basa sul modello previdenziale corporativo fascista, pur in pre-
senza di una bolla previdenziale, si preferito avviare una transizione lenta al modello previdenziale universale
implementando lo schema NDC per gruppi di lavoratori ed in modo parziale.
Quindi tutti i lavoratori entrati dopo il 1996 e che andranno in pensione a partire dal 2040 circa, sono gi nello schema
NDC.
I lavoratori che al 1996 avevano meno di 18 anni di contributi e che andranno in pensione a partire dal 2020 no
al 2040 circa avranno lo schema NDC per la quota di contributi versati dal 1996 mentre per gli anni precedenti
potranno utilizzare il precedente metodo di calcolo retributivo che comunque conserva il carattere di vantaggio solo
se applicato agli ultimi anni, mentre se applicato ai primi anni della carriera potrebbe rivelarsi anche penalizzante nel
caso di elevata crescita economica.
Inne i lavoratori che nel 1996 avevano pi di 18 anni di contributi hanno iniziato ad andare in pensione con la riforma
delle pensioni Fornero e che ci andranno no alla maturazione del requisito di ca. 42 anni di contribuzione a seconda
dei casi (quindi no al 2020 circa) hanno conservato il diritto al metodo di calcolo retributivo per gli anni di lavoro
svolto no al 2011 mentre si vedranno applicato il metodo retributivo per gli anni successivi.
Inne tutti i pensionati che erano gi in pensione all'entrata in vigore della riforma delle pensioni Fornero che vengono
liquidati totalmente con il metodo di calcolo retributivo.

2.8.3 Lo schema NDC nel superamento della bolla previdenziale in Italia

2.8.4 Note

2.8.5 Bibliograa
(EN) Robert Holzmann, Edward Palmer, and David Robalino, editors, Nonnancial Dened Contribution
Pension Schemes in a Changing Pension World, WorldBank 2012. URL consultato il 13 agosto 2014.

Sandro Gronchi e Sergio Nistic, Sistemi a Ripartizione Equi e Sostenibili Modelli Teorici e Realizzazioni
Pratiche, CNEL 25/06/2003. URL consultato il 13 agosto 2014.

Mariangela Bonasia, La riforma dei sistemi previdenziali: il dibattito teorico e politico., Unipartenope. URL
consultato il 3 febbraio 2014.

Previdenza, i divora-pensione in MilanoFinanza. URL consultato il 23 agosto 2013.

La Cassa ragionieri prova l'attacco in Il sole 24 ore. URL consultato il 26 marzo 2013.

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >
2.9. TASSO DI RENDIMENTO APPARENTE 83

2.9 Tasso di rendimento apparente

< Indice >


< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
Il tasso di rendimento apparente, detto anche tasso di rendimento implicito , tasso di rendimento interno
o tasso di rendimento nozionale, nel caso di sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza con schema
pensionistico con formula delle rendite predenita il coeciente che applicato come se fosse un tasso di interesse
nella legge di capitalizzazione permette di valutare la remunerazione apparente che lo Stato o l'ente previdenziale da
ai contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie versati dal lavoratore o dal cittadino, nonostante non ci sia
alcun patrimonio di previdenza ovvero capitale, che possa produrre tale rendimento.
Il tasso di rendimento apparente pu essere nominale o reale.
Se la valutazione fatta al netto dell'inazione, il tasso di rendimento apparente reale.
Se la valutazione fatta al lordo dell'inazione, il tasso di rendimento apparente nominale.
Nel caso in cui lo schema pensionistico con formula delle rendite predenita applicato sia il metodo di calcolo con-
tributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita, il tasso di rendimento apparente coincide con il tasso annuo di
capitalizzazione per la rivalutazione del montante contributivo individuale solo se il coeciente di trasformazione
in rendita applicato nella formula predenita per il calcolo della pensione di vecchiaia coincide con la vita media
dell'individuo al quale lo Stato assegna la rendita.
Nel caso di utilizzo di un qualsiasi altro schema pensionistico con formula delle rendite predenita, il tasso che
applicato ai contributi previdenziali| versati relativi alla assicurazione sociale per la vecchiaia, corrisponde alla riserva
matematica di copertura delle obbligazioni derivanti dalla pensione di vecchiaia al momento della sua concessione.

2.9.1 Applicazione

Matematicamente il tasso di rendimento apparente denito come il tasso di interesse ia che applicato alla legge di
capitalizzazione rende il debito pensionistico latente o riserva matematica o montante contributivo individuale appa-
rente di una serie di versamenti di contributi previdenziali, posto ovviamente che questo tasso ia esista nell'intervallo
( 0 + inf ) e che sia unico.
Per cui, il tasso di rendimento apparente si calcola risolvendo l'equazione del debito pensionistico latente con ia tale
che il valore del debito pensionistico latente DP Ln sia stabilito pari a quello ssato dallo schema pensionistico con
formula delle rendite predenita.
2
DP Ln = CF1 (1 + ia ) + CF2 (1 + ia ) + + CFn (1 + ia )n
ovvero:
n
[1] t=1 CFt (1 + ia )t = DP Ln
Dove:

t : scadenze temporali;

CFt : usso nanziario dei contributi previdenziali (positivo) al tempo t ;

In un senso il tasso ia rappresenta il tasso di interesse pagato dall'ente gestore che si accolla il debito pensionistico
latente.
Il tasso di rendimento apparente non pu essere calcolato direttamente, ma, come detto, si deve risolvere ricorsiva-
mente la menzionata equazione polinomiale.
Nel caso di sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza il costo derivante dal tasso di rendimento apparente,
poich non vi patrimonio di previdenza accollato alle generazioni successive determinando il cosiddetto furto
intergenerazionale.
84 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

2.9.2 Il tasso di rendimento apparente in Italia

In Italia gli enti previdenziali in fase di avvio della loro gestione, nel caso di utilizzo di uno schema pensionistico
con formula delle rendite predenita sono stati particolarmente generosi, con casi particolari di tassi di rendimento
apparente superiore al tasso di usura, come nel caso delle pensioni baby o della pensione gonata.

2.9.3 Note

2.9.4 Bibliograa

Leggi

Legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di "Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare."

News

Laura Cavestri, Fornero: le Casse non hanno sostenibilit a 50 anni in Il sole 24 ore. URL consultato il 29 marzo
2013.

Pensioni: Fornero, non pensabile siano pi lunghe della vita lavorativa in ASCA. URL consultato il 3 aprile 2013.

Se il Pil crolla le pensioni calano a picco in La Repubblica. URL consultato il 12 aprile 2013.

Web

Sergio Nistic, Dalluniformit dei tassi di sostituzione alluniformit dei rendimenti individuali: alcune ries-
sioni sullequit e la sostenibilit del modello NDC*, MPS Studi e Note di Economia 2009. URL consultato il 6
settembre 2014.

Sistemi nanziari di gestione dei fondi previdenziali e metodi di calcolo delle prestazioni, SistemiGestione-
Previdenziali. URL consultato il 20 marzo 2013.

EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE PENSIONISTICA DI BASE, MinisteroLavoroL335/1995. URL


consultato il 4 aprile 2013.

Carlo A. Bollino, Elementi di economia politica, 4 ed., Morlacchi Editore, 2008, ISBN 88-89422-38-6.

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >

2.10 Enti previdenziali


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
Gli enti previdenziali[1] (o enti pubblici previdenziali), nell'ordinamento giuridico italiano, sono le istituzioni|
previste ai sensi dell'art. 38| della Costituzione| che gestiscono la previdenza e l'assistenza previste dall'Assicurazione
Generale Obbligatoria o sue forme sostitutive secondo il modello previdenziale corporativo (pensione di vecchiaia,
pensione di anzianit, pensione di invalidit, pensione di inabilit, pensione di reversibilit o pensione ai superstiti o
pensione indiretta).
Essi gestiscono sistemi pensionistici senza copertura patrimoniale| utilizzando il metodo PAYG per il calcolo delle
prestazioni previdenziali al ne di garantire la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici obbligatori.
Le attivit sono nanziate con sia con le imposte speciche (contributi previdenziali) sia con altri trasferimenti dello
Stato.
2.10. ENTI PREVIDENZIALI 85

Tali enti pubblici gestiscono quella che comunemente detta previdenza di primo pilastro, distinta invece dalla
previdenza complementare (detta anche previdenza di secondo pilastro), che si attua invece su base volontaria. La
partecipazione agli enti previdenziali obbligatoria per legge.

2.10.1 Elenco delle pubbliche amministrazioni che gestiscono forme di previdenza sociale
obbligatoria
L'ISTAT ogni anno compila l'elenco delle pubbliche amministrazioni|.[2]
Tale elenco individua le pubbliche amministrazioni ai sensi dell'art. 5 c. 7 del D.L. 12/2012 che sostituisce il c. 2
dell'art. 1 della L.196/2009.[3]
In applicazione del Sistema Europeo dei Conti (Sec95) per l'ISTAT, indipendentemente dal regime giuridico (pub-
blico o privato) che la regola, una Unit istituzionale classicata nel settore delle Amministrazioni Pubbliche
(Settore S13) se":

di propriet o amministrata o controllata da Amministrazioni pubbliche;


non deve vendere sul mercato o, in caso contrario, deve vendere a prezzi non economicamente rilevanti (cio
i ricavi non devono eccedere il 50% dei costi di produzione dei servizi). Nel caso in cui i ricavi fossero superiori
al 50% dei costi di produzione si sarebbe in presenza di enti market (di mercato) e non di Amministrazioni
Pubbliche.

Anche le casse di previdenza dei liberi professionisti ai sensi del D.Lgs. 509/1994 e 103/1996 ancorch con personalit
giuridica privata quali sono le associazioni o le fondazioni, sono quindi pubbliche amministrazioni.

Enti di diritto pubblico

Istituto nazionale della previdenza sociale - INPS


Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro INAIL

Regimi pensionistici degli eletti di Organi costituzionali

Regime pensionistico degli eletti alla Presidenza della Repubblica


Regime pensionistico degli eletti alla Camera dei Deputati
Regime pensionistico degli eletti al Senato della Repubblica
Regime pensionistico degli eletti della regione Valle d'Aosta
Regime pensionistico degli eletti della regione Piemonte
Regime pensionistico degli eletti della regione Lombardia
Regime pensionistico degli eletti della regione Trentino Alto Adige
Regime pensionistico degli eletti della regione Veneto
Regime pensionistico degli eletti della regione Friuli Venezia Giulia
Regime pensionistico degli eletti della regione Liguria
Regime pensionistico degli eletti della regione Emilia Romagna
Regime pensionistico degli eletti della regione Toscana
Regime pensionistico degli eletti della regione Marche
Regime pensionistico degli eletti della regione Umbria
Regime pensionistico degli eletti della regione Lazio
86 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Regime pensionistico degli eletti della regione Abruzzo


Regime pensionistico degli eletti della regione Molise
Regime pensionistico degli eletti della regione Campania
Regime pensionistico degli eletti della regione Puglia
Regime pensionistico degli eletti della regione Basilicata
Regime pensionistico degli eletti della regione Calabria
Regime pensionistico degli eletti della Regione Siciliana
Regime pensionistico degli eletti della regione Sardegna

Regimi pensionistici dei dipendenti di Organi costituzionali

Regime pensionistico dei dipendenti della Presidenza della Repubblica


Regime pensionistico dei dipendenti della Camera dei Deputati
Regime pensionistico dei dipendenti del Senato della Repubblica
Regime pensionistico dei dipendenti della Regione siciliana

Pubbliche amministrazioni con personalit giuridica di diritto privato

Le casse trasformate con il D.Lgs. 509/1994 sono indicate nell'Elenco A[4] dello stesso decreto legislativo:

Cassa nazionale previdenza e assistenza ingegneri e architetti liberi professionisti| (Inarcassa)[5]


Cassa italiana di previdenza e assistenza geometri| (CIPAG)
Cassa nazionale del notariato
Cassa di previdenza tra dottori commercialisti| (CNPADC)
Cassa nazionale previdenza e assistenza ragionieri e periti commerciali| (CNPR)
Cassa nazionale di previdenza e assistenza forense
Ente nazionale di previdenza e assistenza dei farmacisti| ENPAF
Ente nazionale di previdenza ed assistenza dei veterinari ENPAV
Ente nazionale di previdenza e assistenza per i consulenti del lavoro ENPACL
Ente nazionale di previdenza per gli addetti e gli impiegati in agricoltura ENPAIA
Ente nazionale previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri ENPAM
Ente nazionale di assistenza per gli agenti e i rappresentanti di commercio Fondazione ENASARCO
Fondo agenti spedizionieri e corrieri FASC
Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani INPGI
Opera nazionale per l'assistenza agli orfani dei sanitari italiani ONAOSI

Le casse nate con il D.Lgs. 103/1996[6] sono indicate nel Primo Rapporto ADEPP:[7]

Ente nazionale di previdenza ed assistenza a favore dei biologi (ENPAB)


Ente nazionale di previdenza e assistenza della professione infermieristica (ENPAPI)
2.10. ENTI PREVIDENZIALI 87

Ente nazionale di previdenza ed assistenza per gli psicologi (ENPAP)

Ente nazionale di previdenza per gli addetti e per gli impiegati in agricoltura (ENPAIA - gestione separata
periti agrari e gestione separata per gli agrotecnici)

Ente nazionale di previdenza ed assistenza periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI)

Istituto nazionale di previdenza ed assistenza dei giornalisti italiani Giovanni Amendola (INPGI - gestione
separata)

Ente di previdenza e assistenza pluricategoriale degli attuari, dei chimici, dei dottori agronomi e dei dottori
forestali, dei geologi (EPAP).

La sentenza del Consiglio di Stato del 28 novembre 2012 La sentenza[8] confermato l'elenco delle pubbliche am-
ministrazioni redatto dall'ISTAT che pertanto sono inserite nel Conto economico delle amministrazioni pubbliche.[9]

Vigilanza degli enti pubblici con personalit giuridica di diritto privato La vigilanza delegata:

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, al Ministero dell'Economia e delle Finanze ed al Ministero della
Giustizia;

Commissione di vigilanza sui fondi pensione COVIP;

Commissione Parlamentare di controllo sulle attivit degli Enti Gestori di Forme Obbligatorie di Previdenza
Commissione Parlamentare

Corte dei Conti

2.10.2 Gli enti previdenziali come enti impositori


In Italia, gli enti previdenziali, sono enti impositori (es. l'INPS, l'ENPALS, l'INPGI) in quanto obbligano i soggetti
previsti dalle leggi speciali sulle assicurazioni sociali obbligatorie, al pagamento dei contributi previdenziali.[10][11]
Le imposte possono essere pagate in Italia con il Modello F24 che permette la compensazione dei tributi e contributi
dovuti ai vari enti impositori (Stato, INPS, Comuni, Regioni, enti previdenziali).[12] Le modalit sono stabilite dal
D.Lgs. 241/97.[13] Con Decreto interministeriale del 10 gennaio 2014 - Min. Economia e Finanze tale possibilit
stata estesa anche a tutti i liberi professionisti iscritti agli enti previdenziali con personalit giuridica di diritto privato
(D.Lgs. 509/1994 e D.Lgs. 103/1996).[14]

2.10.3 La politica di accorpamento degli enti previdenziali


A partire dalla riforma Dini lo Stato Italiano, in campo previdenziale, ha imboccato una strada di accorpamento
degli enti previdenziali trasferendo la gestione dei fondi all'INPS. Tale politica tende ad eliminare le discriminazioni
tra i lavoratori oltre che a creare economie di scala nonch ad avere un sistema pensionistico obbligatorio capace di
assorbire sia gli choc nanziari provenienti dall'esterno, sia gli squilibri propri dei sistemi pensionistici con gestione
a ripartizione quando si manifestano in comunit ristrette di lavoratori gli squilibri demograci ed economici lega-
ti a settori economici specici. La riforma Dini ha iniziato con una politica che prevedeva l'armonizzazione degli
ordinamenti pensionistici nel rispetto della pluralit degli organismi assicurativi.
La riforma delle pensioni Fornero prevede anch'essa la semplicazione, armonizzazione ed economicit dei proli di
funzionamento delle diverse gestioni previdenziali.
Ma mentre le leggi fondamentali prevedono una convergenza dei sistemi pensionistici, con leggi ad hoc sono state
trasferite le funzioni degli enti previdenziali all'INPS.
Nel 2013 l'INPS arrivava a gestire oltre il 90% delle posizioni previdenziali attive ed erogava oltre il 90% di tutte
le prestazioni previdenziali pensionistiche dello Stato Italiano. La restante parte viene gestita da oltre 20 casse di
previdenza con personalit giuridica di fondazione o associazione, quindi privata, ancorch siano a tutti gli eetti
pubbliche amministrazioni.
88 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Un nuovo programma di Revisione della Spesa[15] stato approvato dal Governo Italiano il 19 novembre 2013. In par-
ticolare il programma prevede: 3.3 INPS e altri enti previdenziali (completamento accorpamento enti previdenziali
e razionalizzazione spese immobiliari)".

2.10.4 La previdenza sociale obbligatoria e la pressione scale


Gli enti gestori di forme di previdenza obbligatoria, sono inseriti dall'Istituto Nazionale di Statistica ISTAT ai sensi
del co.3, art.1 della legge 31 dicembre 2009, nell'elenco delle pubbliche amministrazioni[16] che concorrono al conto
economico consolidato dello Stato. Gli oneri sociali o contributi previdenziali| versati agli enti, indipendentemente
dalla fruizione dei servizi (ad esempio imprese), sono quindi imposte ai sensi dell'art. 23 della costituzione.[17] In
denitiva la gestione previdenziale incide sulla pressione scale sia a livello generale dello Stato, sia nei confronti del
singolo contribuente.[18][19]

2.10.5 Gestione nanziaria degli enti


Gli enti gestori di forme di previdenza obbligatoria possono avere diverse modalit di gestione nanziaria:[20]

1. gestione nanziaria a ripartizione| senza capitali di copertura es. INPS;


2. gestione nanziaria a ripartizione| con parziale copertura di capitali es. alcuni di quelli trasformati ai sensi del
D.Lgs. 509/1994;
3. gestione nanziaria a ripartizione| con capitali di copertura come quelli costituiti ai sensi del D.Lgs 103/1996.

2.10.6 Associazione di associazioni


Le casse di forma giuridica privata sono associate nell'ADEPP, Associazione degli Enti Previdenziali Privati.

2.10.7 Note
[1] LaVoce.info 03/10/2014, Che il welfare italiano abbia un urgente bisogno di essere riformato indubbio, stante che si tratta
di uno dei sistemi pi frammentati, pi pieni di buchi, pi esposti a manipolazioni e imbrogli tra quelli europei.

[2] ElencoISTAT, v. ISTAT 2012 Enti nazionali di previdenza e assistenza

[3] D.L. 16/2012, art. 5 c. 7 - Ai ni della applicazione delle disposizioni in materia di nanza pubblica, per amministrazio-
ni pubbliche si intendono, ... a decorrere dall'anno 2012 gli enti e i soggetti indicati a ni statistici dal predetto Istituto
nell'elenco oggetto del comunicato del medesimo Istituto in data 30 settembre 2011, pubblicato in pari data nella Gazzetta
uciale della Repubblica italiana n. 228,

[4] D.Lgs.509/1994

[5] BilancioPrevisione2013, p. 59

[6] D.Lgs.103/1996

[7] PrimoRapportoAdEPP2011

[8] SentenzaConsiglioStato28/11/2012

[9] ContoEconomicoAmministrazioniPubbliche2011

[10] Agenzia delle Entrate, pag. 14 - Tutti possono compensare i crediti ed i debiti nei confronti dei diversi enti impositori
(Stato, INPS, comuni, regioni, INAIL, ENPALS, INGPI, Camere di Commercio

[11] INPS F24, Possono essere eettuate compensazioni tra i debiti e i crediti nei confronti dei diversi Enti impositori (ad
esempio Stato, Inps, Regioni, Comuni)

[12] D.Lgs. 241/1997 art.17, art. 17 - I contribuenti eseguono versamenti unitari delle imposte, dei contributi dovuti all'INPS
e delle altre somme a favore dello Stato, delle regioni e degli enti previdenziali, con eventuale compensazione dei crediti,
dello stesso periodo, nei confronti dei medesimi soggetti,
2.10. ENTI PREVIDENZIALI 89

[13] D.Lgs. 241/1997

[14] Ingenio F24, La semplicazione non di poco conto, visto che il professionista potr compensare limporto dovuto alla
propria cassa di previdenza con un eventuale credito IRPEF (o IVA o altra imposta o contributo pagabile mediante F24)

[15] Il commissario straordinario per la revisione della spesa - Programma di lavoro presentato il 12 novembre 2013|

[16] Elenco pubbliche amministrazioni

[17] costituzione, art. 23

[18] WSJ, Italians born in 1970, who are about 43 now, will pay 50% more in taxes as a percentage of their lifetime income than
those born in 1952, according to research from the Bank of Italy and the University of Verona. The research also found
they will receive half the pension benets that Italys 60-somethings are getting or are poised to get.

[19] A24

[20] SistemiGestionePrevidenziali

2.10.8 Bibliograa
Leggi

Costituzione della Repubblica Italiana

Decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, in materia di "Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma
32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori
di forme obbligatorie di previdenza e assistenza."

Decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, in materia di "Attuazione della delega conferita dall'art. 2, comma
25, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di tutela previdenziale obbligatoria dei soggetti che svolgono
attivita' autonoma di libera professione."

Decreto-legge 16 marzo 2012, n. 16, articolo 5, in materia di "Disposizioni urgenti in materia di semplicazioni
tributarie, di ecientamento e potenziamento delle procedure di accertamento."

Decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, articolo 17, in materia di "Norme di semplicazione degli adempimenti
dei contribuenti in sede di dichiarazione dei redditi e dell'imposta sul valore aggiunto, nonch di modernizzazione
del sistema di gestione delle dichiarazioni."

Sentenze

Sentenza Consiglio di Stato 28/11/2012, SentenzaConsiglioStato28/11/2012. URL consultato il 20 marzo 2013.

News

Da dove partire per la riforma del welfare in LaVoce.info. URL consultato il 3 ottobre 2014.

(EN) Cristofer Emsdem, Italian Generation Feels Fiscal Squeeze in Wall Street Journal.

Alessandro Tapparini, Wall Street Journal: 40enni italiani schiacciati da sco e welfare in America 24.

Web

Giuseppe Smargiassi, Enti nazionali di previdenza sociale, Treccani Enti nazionali di previdenza sociale (2012).
URL consultato il 30 agosto 2014.

PRESENTAZIONE DELLA SEZIONE SPECIALE CASSE, Mefop 30/2012. URL consultato il 13 giugno
2014.

Professionisti: contributi previdenziali compensabili con i crediti IRPEF o IVA, Ingenio F24. URL consultato il
27 gennaio 2014.
90 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Elenco pubbliche amministrazioni, ElencoISTAT. URL consultato il 6 aprile 2013.


Primo Rapporto AdEPP 2011, PrimoRapportoAdEPP2011.
Inarcassa Bilancio di previsione 2013, BilancioPrevisione2013. URL consultato il 20 marzo 2013.
Conto Economico delle Amministrazioni Pubbliche 2011, ContoEconomicoAmministrazioniPubbliche2011.
URL consultato il 6 aprile 2013.

Sistemi nanziari di gestione dei fondi previdenziali e metodi di calcolo delle prestazioni, SistemiGestione-
Previdenziali. URL consultato il 20 marzo 2013.
Modello F24 Riscossione unicata, INPS F24. URL consultato il 3 gennaio 2014.
GUIDA PRATICA al PAGAMENTO delle IMPOSTE, Agenzia delle Entrate. URL consultato il 28 dicembre
2013.

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >

2.11 Conto economico consolidato delle amministrazioni pubbliche


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
L'ISTAT, quale ente pubblico elabora i dati riferiti al conto economico consolidato delle amministrazioni pubbli-
che in base alle norme vigenti. Dal 2015 la sintesi dei conti ed aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche
sono elaborati secondo il secondo il regolamento Ue n. 549/2013 Sec2010. In precedenza la [1] in Italia e i relati-
vi aggregati erano elaborati in conformit alle regole ssate dal regolamento Ce n. 2223/96 (Sec95), dal Manuale
sul disavanzo e sul debito pubblico, dal regolamento Ce n. 3605/93 (cos come emendato dal regolamento Ce n.
475/2000), dal regolamento Ce n. 351/2002 sugli obblighi di notica nell'ambito della procedura sui decit eccessivi
di cui al protocollo annesso al Trattato di Maastricht e dai regolamenti Ce n. 2103/2005 e n. 479/2009.
I dati relativi a tali elaborazioni sono trasmessi alla Commissione UE per monitorare gli andamenti di nanza pubblica
e vericare la loro congruenza rispetto agli obiettivi deniti da ciascun paese con il proprio patto di stabilit e crescita.
Il Conto economico consolidato della amministrazioni pubbliche l'equivalente del bilancio consolidato per le imprese
economiche che si caratterizza per la depurazione delle operazioni intercompany e rappresenta solo i rapporti tra
la capogruppo e le economie terze.
Il Conto economico consolidato della amministrazioni pubbliche risulta depurato dei trasferimenti tra amministrazioni
e rappresenta solo i rapporti tra lo Stato nella sua totalit e le economie terze.

2.11.1 Quadro normativo di riferimento


Le pubbliche amministrazioni assicurano l'equilibrio dei bilanci e la sostenibilit del debito pubblico secondo quanto
stabilito nell'art. 97 della Costituzione Italiana in base alle modiche entrate in vigore nel 2014.

2.11.2 Note
[1] ISTAT 1990-2012, sintesi dei conti ed aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche

2.11.3 Bibliograa
ISTAT-Sintesi dei conti ed aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche 2015 - Periodo 1995-2014

ISTAT, Sintesi dei conti ed aggregati economici delle Amministrazioni pubbliche. URL consultato il 1 ottobre
2014.
2.12. SPESA PENSIONISTICA PUBBLICA 91

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >

2.12 Spesa pensionistica pubblica


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
La spesa pensionistica pubblica in Italia l'insieme di tutte le spese dello Stato italiano attraverso il sistema pen-
sionistico pubblico in Italia per garantire il cittadino nelle situazioni di stato di bisogno previste dall'art. 38 della
Costituzione.
Lo Stato, una volta deniti con delle leggi speciali, quali devono essere i livelli di tutela dei lavoratori e dei cittadini
da garantire con le assicurazioni sociali obbligatorie provvede alla copertura delle spese, che prende il nome appunto
di spesa pensionistica in quanto tali provvidenze sono garantite con una pensione corrisposta da enti previdenziali.

2.12.1 Il nanziamento della spesa pensionistica in Italia


Il sistema pensionistico pubblico in Italia ha la gestione nanziarie tipica del sistema pensionistico pubblico a redi-
stribuzione dei tributi e quindi senza copertura patrimoniale delle promesse pensionistiche pertanto non essendovi il
patrimonio a garanzia delle obbligazioni assunte dallo Stato, la spesa pensionistica dell'anno corrente pagata con le
entrate scali correnti.
Le imposte sono raccolte o direttamente dagli enti previdenziali, che sono enti impositori, tramite la riscossione
dei contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie ovvero nel caso dell'INPS con integrazioni al bisogno
provenienti da trasferimenti dalle entrate della scalit generale.
Ci signica che le pensioni erogate nell'anno corrente sono pagate con le entrate scali dell'anno corrente e, in caso
di squilibrio si ricorre, attraverso il bilancio dello Stato, alla emissione di titoli di debito pubblico esplicito.
Signica anche che le pensioni erogate in passato, sono state pagate con le imposte correnti raccolte nel passato e che
le pensioni che saranno erogate in futuro saranno pagate con le imposte che sar possibile raccogliere dallo Stato o
direttamente o tramite pubbliche amministrazioni a ci destinate (enti previdenziali) e che quindi le pensioni erogate
hanno contribuito, essendo una spesa corrente, al decit corrente del bilancio dello Stato, cosi come le pensioni che
saranno erogate in futuro saranno condizionate sia dal livello del debito pubblico che dal decit corrente dell'anno in
cui saranno erogate.

2.12.2 La spesa pensionistica nel modello previdenziale corporativo fascista


In Italia gli enti previdenziali sono organizzati secondo il modello previdenziale corporativo fascista.
Tale applicazione , n dall'origine, la fonte di tutti gli squilibri e dei regali pensionistici operati in Italia, attraver-
so pubbliche amministrazioni, che ha portato l'Italia ad avere un debito pubblico implicito per le sole prestazioni
pensionistiche in essere di 100 punti percentuali di PIL, superiore a quello della Germania.
Tale sistema ha anche gli stessi eetti di una tassazione regressiva in quanto opera il trasferimento delle imposte dai
meno abbienti ai pi abbienti con apposite politiche di redistribuzione dei redditi.
Quindi la spesa pensionistica un campo in cui si esplica il conitto intergenerazionale attraverso il metodo della
spoliazione legale.
Ci facilmente constatabile andando a vericare i bilanci dei singoli enti previdenziali o delle singole gestioni, fondi,
casse come diversamente chiamate e confrontandoli con le rispettive leggi speciali che regolano i metodi PAYG che
applicano ai propri iscritti.

2.12.3 Perch l'indicatore della spesa pensionistica il suo rapporto con il PIL
interessante osservare che per valutare la sostenibilit della spesa pensionistica si veda il suo rapporto con il PIL di
un paese e non con i contributi versati.
92 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Infatti, come evidenziato dalla ormai indiscussa teoria costituzionale nel diritto della previdenza sociale le pensioni
sono un servizio pubblico e non importante valutarne i costi in rapporto ai contributi versati, ma alle potenzialit
di un paese di produrre reddito, visto che alla ne il servizio e pagato con le imposte che possono essere raccolte in
qualsiasi modo e non solo attraverso i contributi.
Tale sistema in Italia chiaramente evidente con i trasferimenti dal bilancio dello Stato all'INPS, soprattutto dopo la
riforma Monti che ha accorpato in INPS il 95% delle posizioni previdenziali.
Se fosse valida la teoria assicurativa nel diritto della previdenza sociale la sostenibilit sarebbe valutata esclusivamente
sui contributi incassati dalla singola gestione, ma la storia italiana insegna che le gestioni corporative non sono so-
stenibili per l'instabilit nanziaria causata essenzialmente dalle oscillazioni demograche delle singole corporazioni
con la nascita e la scomparsa di intere professioni.

2.12.4 Il debito pensionistico latente in Italia

Il debito pensionistico latente passato dal 150% del PIL nel 1960 al 400% del PIL nei primi anni 1990.[1]
Una parte consistente di tale debito pensionistico latente deriva dalle promesse pensionistiche| dei partiti politici in
materia pensionistica e non dalla reale contribuzione| dei lavoratori.

2.12.5 Le serie storiche della spesa pensionistica in Italia

La serie storica della spesa pensionistica rilevata dall'ISTAT.[2]


Altre importanti grache sulla spesa pensionistica sono fornite dall'ISTAT qui.
Un report sulla spesa pensionistica italiana stato redatto nel 2014 dal Comitato Scientico di Itinerari Previdenziali.
Rapporto completo
Sintesi
Tabella 1
Tabella 2
Graci Casse Professionali
Prestazioni a sostegno del reddito

2.12.6 Le previsioni di spesa dal 2014

Secondo il rapporto dell FMI in base all'Articolo 4 del trattato, l'Italia dal 2014 dovrebbe intervenire sulla spesa per
le pensioni, nonostante le recenti riforme previdenziali, in quanto la spesa pensionistica la pi alta tra i paesi OCSE,
essa rappresenta circa il 30% di tutte le spese del bilancio dello Stato e poich i trasferimenti per altre politiche sociali
rivolte ai giovani sono ridotte al minimo (un settimo della spesa per le pensioni).

2.12.7 Bibliograa

Web

Giancarlo Morcaldo, Pensioni, necessit di una riforma. URL consultato il 31 agosto 2014.

TRE GRAFICI SULLE PENSIONI. URL consultato il 20 agosto 2014.

2.12.8 Note
[1] Morcaldo 2007, pag. 12 - Il debito pensionistico, cio lammontare delle riserve che sarebbe stato necessario accumulare
in un regime di capitalizzazione per far fronte agli impegni presi, per eetto della progressiva estensione del sistema e dei
continui miglioramenti apportati alla normativa cresceva rapidamente, passando da una volta e mezzo il prodotto interno
lordo annuo nel 1960 a poco meno di quattro volte nei primi anni novanta.
2.13. QUALIT DELLA SPESA PUBBLICA 93

[2] Previdenza e assistenza sociale in ISTAT, 2010. URL consultato l'8 settembre 2014.

v. Cap. 5 tab. 5.1..

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >

2.13 Qualit della spesa pubblica


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
La qualit della spesa pubblica, vista dal lato di una Pubblica amministrazione attraverso le uscite registrate in un
bilancio, pu essere misurata attraverso un indice che rappresenti il rapporto tra il valore del servizio pubblico fornito
rispetto al costo del servizio pubblico valorizzato ai prezzi di mercato.
La qualit della spesa pubblica, vista dal lato di una Pubblica amministrazione attraverso le entrate registrate in un
bilancio, pu essere misurata attraverso un indice che rappresenti il rapporto tra il costo di produzione del servizio
pubblico fornito rispetto al carico scale che grava sul cittadino.

2.13.1 La spesa pubblica


Nella realizzazione della spesa pubblica, l'azione di produzione di beni in assenza di mercato fa mancare l'incentivazione
ad agire in maniera eciente.[1]

2.13.2 Note
[1] Piero Vernaglione, I fallimenti dello Stato nelle economie miste su vonmises.it. URL consultato il 3 novembre 2014.

La cancellazione del sistema dei prezzi impedisce le sue due funzioni fondamentali: il calcolo economico e
lincentivazione ad agire in maniera eciente..

2 - Sistemi pensionistici pubblici

2.14 Teoria costituzionale nel diritto della previdenza sociale


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
La teoria costituzionale nel diritto della previdenza sociale o modello costituzionale [1] una teoria giuridica
che trova nella Costituzione Italiana i fondamenti per l'analisi del sistema pensionistico pubblico regolato dalla branca
di diritto pubblico denominata diritto della previdenza sociale.
I sistemi pensionistici pubblici italiani gestiti nel rispetto di tale teoria rientrano in quelli che la World Bank classica
come primo pilastro della previdenza ossia Un sistema pensionistico pubblico obbligatorio che nanziato con il
gettito scale e in alcuni casi gestito con delle riserve nanziarie.
Tale teoria anche detta tesi tributarista[2][3] in quanto basandosi sulla lettura dell'art. 23 della Costituzione classica
i contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie come imposte.
Da ci discende che:

1. la pensione, quale prestazione previdenziale della previdenza sociale pubblica un servizio pubblico fornito in
denaro (l'ISTAT classica tali spese prestazioni sociali in denaro);

2. le pensioni erogate dagli enti pubblici, come tutti i servizi pubblici si pagano con i tributi;
94 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

3. la spesa pensionistica pubblica fa parte della spesa corrente primaria[4] del bilancio dello Stato valutata com-
plessivamente nel conto economico consolidato delle amministrazioni pubbliche.

La teoria pone le basi per la transizione al modello previdenziale universale ispirato ai principi della Costituzione
rispetto al precedente modello previdenziale corporativo fascista basato sui principi XXVI e XXVII della Carta del
lavoro tuttora presente e oggetto di superamento attraverso un lungo periodo di transizione.
Il giurista Mattia Persiani gi nel 1963 aveva esposto in modo compiuto tale teoria nel Manuale giuridico Diritto della
previdenza sociale ove, in maniera sintetica ma organica, analizzava gli aspetti fondamentali del sistema pensionistico
pubblico in Italia alla luce della allora giovane Carta Costituzionale.
Tale teoria giuridica ha portato al superamento della precedente teoria assicurativa nel diritto della previdenza sociale
e della teoria della retribuzione dierita nel diritto della previdenza sociale.
Ci sono autori che pur condividendo l'impostazione generale della teoria descritta da Mattia Persiani, su aspetti
puntuali suggeriscono diverse interpretazioni della Costituzione, ma tali puntualizzazioni non possono essere consi-
derate marginali o non pregiudizievoli nell'interpretazione della teoria in quanto tale teoria si conferma solo nell'esatta
accettazione dei principi elaborati da Mattia Persiani, pena la sua decadenza.
Ad es. i contributi previdenziali per Persiani sono imposte, mentre per altri autori sono imposte speciali o contributi
speciali.
La diversa interpretazione porta a diverse conclusioni sul signicato di solidariet nella erogazione del servizio
pubblico essenziale prestazione di previdenza.

2.14.1 I punti fondanti della teoria costituzionale


La potest legislativa riconosciuta dall'art. 117 della Costituzione sulla previdenza sociale

Il sistema si regge in virt della potest legislativa riconosciuta allo Stato sulla previdenza sociale dalla Costituzione
all'art. 117 p.to o).
La potest legislativa esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonch dei vincoli derivanti
dallordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali.
Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie:
m) determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su
tutto il territorio nazionale;
......
o) previdenza sociale;

La denizione della previdenza sociale nell'art. 38 della Costituzione

L'analisi si basa appunto partendo dall'art. 38 della Costituzione:


Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all'assistenza
sociale.
I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio,
malattia, invalidit e vecchiaia, disoccupazione involontaria.
Gli inabili ed i minorati hanno diritto all'educazione e all'avviamento professionale.
Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti predisposti o integrati dallo Stato.
L'assistenza privata libera.

La gestione con le amministrazioni pubbliche del sistema pensionistico pubblico

L'art. 38 della Costituzione evidenzia quindi che la gestione del sistema pensionistico pubblico in Italia adata a:

organi predisposti o integrati dallo Stato;


2.14. TEORIA COSTITUZIONALE NEL DIRITTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE 95

istituti predisposti o integrati dallo Stato.

Il potere dello Stato di imposizione scale nell'art. 23 della Costituzione: i contributi previdenziali come
imposte

Il nanziamento del sistema pensionistico pubblico in Italia deriva dall'imposizione scale.


Mattia Persiani individua senza dubbio come imposte i contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie inqua-
drandoli in base all'art. 23 della Costituzione rigettando sia l'interpretazione di retribuzione dierita che di premio
assicurativo e ancora di pi di imposte speciali o contributi speciali.

La prestazione di previdenza come servizio pubblico essenziale

La prestazione di previdenza corrisposta dallo Stato come un servizio pubblico essenziale e non come corrispettivo
del versamento di un premio assicurativo o di un reddito dierito.

La sostenibilit sociale nel tasso di rendimento apparente nello schema pensionistico con formula a rendite
denite

Il rapporto giuridico pubblico di contribuzione

Il rapporto giuridico di diritto pubblico di prestazione di previdenza

La legge speciale di diritto pubblico che regola le assicurazioni sociali obbligatorie, alla maturazione dei requisiti
previsti dalla legge, su domanda dell'avente diritto, la nascita di una obbligazione che prevede come debitore l'ente
previdenziale, come creditore il lavoratore o il cittadino che ha maturato i requisiti e come prestazione il versamento
di una rendita (in Italia comunemente chiamata pensione, mentre in Svizzera si parla solo di rendita).
La rendita viene concessa dall'ente previdenziale che esamina la domanda, verica i requisiti e emette l'atto che
riconosce l'obbligazione ossia il diritto ad esigere la rendita secondo le modalit previste dalla legge.
La somma dei costi attualizzati di tutte le obbligazioni future (in base alle leggi vigenti) di un ente previdenziale
rappresenta il debito pensionistico latente per le obbligazioni in essere.
Fino al momento del riconoscimento dell'obbligazione, non ci sono diritti maturati che l'iscritto possa far valere nei
confronti dell'ente previdenziale, ma solo aspettative pensionistiche che non hanno un valore giuridico.

L'assenza di un rapporto sinallagmatico con i contributi obbligatori Per il calcolo della pensione di vecchiaia,
non si utilizza l'importo esatto dei contributi versati ma l'aliquota contributiva pensionistica di computo.
L'obbligazione nasce in virt di una legge di diritto pubblico e non di un contratto tra le parti quindi da escludere
un rapporto sinallagmatico con i contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie.
Ci ancora pi vero vedendo l'aliquota contributiva pensionistica di nanziamento a carico del lavoratore (molto
spesso ora al 9%) rispetto all'aliquota contributiva pensionistica di computo (ora al 33% per i dipendenti e al 20%
per gli autonomi in crescita), nel caso di metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita o del
tasso di rendimento apparente restituito dal metodo di calcolo retributivo applicato nel sistema pensionistico pubblico
in Italia.
Lo Stato applica quindi uno schema pensionistico con formula della rendita predenita per garantire una rendita
nanziata principalmente con la scalit a carico del datore di lavoro al nascere del rapporto di lavoro.

Il divieto di sottoporre a referendum la legge sulle aliquote contributive pensionistiche di nanziamento

La scelta di sottoporre a referendum abrogativo una legge che contempla anche la variazione delle aliquote contributive
(v. es. comma 22 della riforma delle pensioni Fornero), congurandosi i contributi previdenziali come tributi, imposte
dirette e indirette, secondo la teoria costituzionale risulterebbe in contrasto con l'art. 75 della Costituzione Italiana
che vieta i referendum su norme tributarie.[5][6]
96 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

2.14.2 Il dibattito sulla tutela dei cosiddetti diritti acquisiti in realt tutela delle aspet-
tative pensionistiche o tutela del diritto a prestazione
Alla luce della teoria costituzionale, il dibattito sulle tutele dell'entit della prestazione sociale in denaro, nel dibattito
erroneamente denite "diritti acquisiti" va scisso in due fattispecie:

1. la riduzione del diritto a prestazione alla base della prestazione sociale in denaro, nel caso di gravi squilibri del
bilancio dello Stato o dell'ente previdenziale;
2. la riduzione delle aspettative pensionistiche nel caso di gravi squilibri del bilancio dello Stato o dell'ente
previdenziale.

Il dibattito riferito tra chi ritiene che i diritti acquisiti siano tutelati costituzionalmente e tra quelli che ritengono che
tale tutela costituzionale sia inesistente.

1. La tutela delle aspettative pensionistiche

Nell'ordinamento italiano, la tutela delle aspettative pensionistiche sempre avvenuta per legge.
Signica che tale tutela non discende da principi costituzionali bens da una precisa volont politica.
Ad esempio la riforma delle pensioni Dini prevedeva in origine tale tutela all'art. 1 c. 23.
Nella riforma delle pensioni Fornero del 2011 la tutela delle aspettative pensionistiche stabilita nell'art. 24 c. 2 del
D.L. 201/2011.
Ma vi sono casi espliciti in cui tale tutela stata eliminata, sempre con apposite leggi.
Se ne deduce che la tutela delle aspettative pensionistiche dipende solo dalle leggi e quindi una precisa scelta politica
e non un diritto che discende dalla Costituzione.

2. La riduzione del diritto a prestazione sociale in denaro

Premessa Nella storia del sistema pensionistico pubblico in Italia, basato n dalle origini sul modello previdenziale
corporativo fascista, gli squilibri nanziari negli enti di gestione sono stati innumerevoli, ma lo Stato si sempre as-
sunto i costi delle obbligazioni in essere adando gli enti previdenziali in default previdenziale alla gestione dell'INPS
e integrando i decit con trasferimenti aggiuntivi della scalit generale.
Con la riforma Monti del sistema pensionistico pubblico il 95% dei lavoratori italiani hanno la loro posizione pre-
videnziale presso l'INPS ed il sistema, dal punto di vista della gestione nanziaria universale nel senso che gli enti
previdenziali con i loro contributi fanno parte integrante del conto economico consolidato delle amministrazioni
pubbliche e concorrono al rispetto del rispetto dei vincoli di nanza pubblica (decit pubblico).
In questa situazione, l'INPS solo un ente strumentale dello Stato che gestisce per cassa e la spesa pensionistica,
come ben specicato sia nella riforma delle pensioni Dini che nella riforma delle pensioni Fornero va controllata in
rapporto alla incidenza sul PIL.
Dato per assodato che in caso di default dello Stato, le obbligazioni possono ovviamente essere ridotte, il dibattito
verte sulla possibilit di operare delle riduzioni per prevenire tale evenienza.

L'assenza di un rapporto sinallagmatico con i contributi obbligatori La pensione pubblica corrisposta in


base all'art. 38 comma 2 della Cost. che indica che ai lavoratori nelle situazioni di bisogno siano assicurati mezzi
adeguati alle esigenze di vita.
Quindi il metodo di calcolo della pensione non ha come ne il rapporto con i contributi previdenziali versati ma con
l'obiettivo dei mezzi adeguati alle esigenze di vita.
L'obbligazione per la amministrazione previdenziale nasce in virt di una legge di diritto pubblico e quindi del
contratto sociale e non di un contratto tra le parti quindi da escludere un rapporto sinallagmatico con i contributi
obbligatori.
Ci ancora pi vero vedendo l'aliquota contributiva pensionistica di nanziamento a carico del lavoratore rispet-
to all'aliquota contributiva pensionistica di computo, nel caso di metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione
2.14. TEORIA COSTITUZIONALE NEL DIRITTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE 97

simulata sulla crescita o del tasso di rendimento apparente restituito dal metodo di calcolo retributivo applicato nel
sistema pensionistico pubblico in Italia.
Lo Stato applica quindi uno schema pensionistico con formula della rendita predenita per garantire una rendita
nanziata con la scalit a carico del datore di lavoro al nascere del rapporto di lavoro.

I termini dell'obbligazione previdenziale L'obbligazione previdenziale quindi legata solo alla legge vigente al
momento del conseguimento dei requisiti.
La casistica la pi disparata possibile, legata alle innumerevoli gestioni pensionistiche e alle relative leggi speciali
per cui si hanno trattamenti diversi anche a parit di condizioni e di tempo.
Ovvero nella stessa gestione in tempi successivi possono cambiare totalmente le regole.
Per analizzare i termini dell'obbligazione quindi non ci si pu basare n sul livello di tutela n di contribuzione.

2.14.3 La giurisdizione concorde alla teoria costituzionale

La sentenza della Corte Costituzionale n. 6/2015

La sentenza della Corte Costituzionale n. 6/2015 chiarisce, al p.to 3 del dispositivo, la natura della riforma delle
pensioni Fornero.
La Corte Costituzionale chiamata a decidere l'ammissibilit del referendum promosso dalla Lega Nord per l'abrogazione
dell'art. 24 del decreto Salva Italia (riforma delle pensioni Fornero) nella sua interezza descrive tra le cause di
inammissibilit in base all'art. 75 della Costituzione, le leggi di bilancio.
La Corte "rileva il divieto di ammissibilit del referendum abrogativo di leggi di bilancio, di cui al medesimo precetto
costituzionale, riferibile al complessivo contenuto disciplinatorio del predetto art. 24."
Una legge di bilancio disciplina la spesa pubblica ed in questo caso la spesa pensionistica ma anche le entrate tributarie.
I sistemi pensionistici pubblici a redistribuzione dei tributi sono quindi regolati da norme di diritto pubblico.

I contributi obbligatori come tributo

La sentenza della Corte di Cassazione del 25 maggio 2011 n. 20845 conclude in questo modo:"Lo stato di dissesto
dell'imprenditore - il quale prosegua ciononostante nell'attivit d'impresa senza adempiere all'obbligo previdenziale
e neppure a quello retributivo - non elimina il carattere di illiceit penale dell'omesso versamento dei contributi.
Infatti i contributi non costituiscono parte integrante del salario ma un tributo, in quanto tale da pagare
comunque ed in ogni caso, indipendentemente dalle vicende nanziarie dell'azienda. Ci trova la sua ratio
nelle nalit, costituzionalmente garantite, cui risultano preordinati i versamenti contributivi e anzitutto
la necessit che siano assicurati i beneci assistenziali e previdenziali a favore dei lavoratori. Ne consegue
che la commisurazione del contributo alla retribuzione deve essere considerata un mero criterio di calcolo per la
quanticazione del contributo stesso (cfr Cassazione, 11962/2009 e 27641/2003).[7]

La pensione come servizio pubblico essenziale

La Cassa nazionale di previdenza ed assistenza a favore dei ragionieri e periti commerciali in una controversia
arrivata no alla sentenza della Corte di Cassazione circa l'applicazione del principio del pro-rata previsto dalla riforma
delle pensioni Dini nel caso di riforme generali dell'ordinamento generale di una cassa di previdenza.
La sentenza[8] ha riconosciuto che la possibilit di variare le promesse pensionistiche per le casse D.Lgs. 509/1994
possibile per le pensioni erogate dopo il 2007 senza che vi sia l'obbligo stretto di applicare il pro-rata, riducendo
quindi anche i cosiddetti diritti acquisiti.
Ci signica che la prestazione di previdenza di diritto pubblico, in quanto servizio pubblico, non legata ad una
obbligazione contrattuale bens alle esigenze dello Stato di garantire un insieme di principi costituzionali.
98 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

La Corte Costituzionale (sent. 116/2013) e l'inesistenza dei diritti acquisiti

La Corte Costituzionale con sentenza del 3/6/2013 dichiarava la norma sul contributo di solidariet illegittima.[9]
Nella descrizione del fatto, viene fatta una importante precisazione al p.to 1.4 " Non si tratterebbe di una mera ride-
terminazione o rareddamento dei livelli previdenziali pubblici, in astratto possibile essendo acquisito il principio
della possibilit di una disciplina dierenziata del rapporto previdenziale pubblico rispetto a quello privato, ma di una
vera e propria imposta, gravante non su tutti i pensionati, ma esclusivamente su quelli pubblici.
Nel dibattito pubblico, vi la diusa convinzione che una volta conseguito il diritto alla pensione ed ottenutane la
concessione, tale risultato sia intangibile e che si abbia conseguentemente diritto alla perequazione automatica delle
pensioni.
La Corte Costituzionale, spesso additata di difendere odiosi privilegi come nel caso delle pensioni d'oro, del vitalizi
dei parlamentari o delle pensioni gonate, in realt nelle numerose sentenze ha sempre valutato la corretta attuazione
di leggi che prevedevano tali tutele.
Quindi, come nel caso della riforma delle pensioni Dini o della riforma delle pensioni Fornero la tutela dei cosiddetti
diritti acquisiti riguardanti situazioni pregresse era esplicitamente indicata nella legge.
Quindi non esistono, come evidenziato dalla Corte Costituzionale dei cos detti diritti acquisiti nel campo delle
pensioni corrisposte da enti previdenziali gestori di sistemi pensionistici a redistribuzione dei tributi secondo uno
schema pensionistico con formula della rendita predenita in quanto la rideterminazione o rareddamento dei
livelli previdenziali pubblici, possibile.

Corte di Cassazione sent. 17530/2005 30 agosto 2015

La pensione di anzianit e di vecchiaia sono concesse dalla Amministrazione pubblica solo alla cessazione del rapporto
di lavoro, sia dipendente sia dalla ne dell'attivit di lavoro autonomo in quanto l'esigenza di garantire mezzi adeguati
alle esigenze di vita si ritengono nascano dalla cessazione dell'attivit lavorativa per ragioni di et (art. 38 secondo
comma Cost.).

2.14.4 La giurisdizione contraria alla teoria costituzionale

2.14.5 La teoria costituzionale nel dibattito politico-economico

Nel dibattito politico economico l'accettazione della teoria costituzionale, piuttosto che quella assicurativa o del red-
dito dierito, porta a conclusioni sostanzialmente diverse rispetto alla analisi delle politiche di redistribuzione dei
redditi attuate in un paese.
Se i contributi obbligatori sono imposte, si deve ragionare in termini di aliquote imposte sul costo del lavoro, mentre se
i contributi obbligatori sono un premio, ognuno viene trattato dallo Stato con diverse modalit e diverse incentivazioni,
vista la molteplicit dei regimi pensionistici.
E ancora se i contributi sono un reddito dierito, si deve ragionare sulla diversa quantit di reddito che viene
accantonata e come viene rivalutata o svalutata dallo Stato.

2.14.6 Note
[1] Veronica Valenti, Giuppichelli ed., Diritto alla pensione e questione intergenerazionale, 1a cop. - modello costituzionale

[2] Mario Intorcia, INPS, L'ordinamento pensionistico, p. 250 - La tesi prevalente quella che assimila i contributi previdenziali
alle imposte (tesi tributaristica).

[3] Maurizio Cinelli, Giuppichelli ed., X ed. 2012, Diritto della previdenza sociale, p. 247 - Allo stato, la concezione che
raccoglie i maggiori favori risulta essere quella tributarista anche se, poi, la classicazione dei contributi previdenziali
come tasse o contributi speciali o imposte dipende da quale si ritiene che debba essere la funzione del sistema di previdenza
sociale, in specico riferimento alla relazione che in tale sistema si congura tra interesse pubblico e interesse dei singoli.

[4] Claudio Romini, L'Opinione, 15/11/2014, http://www.opinione.it/editoriali/2014/11/15/romiti_editoriale-15-11.aspx#.VGceFCKkNSM.


twitter Titolo mancante per url url (aiuto). URL consultato il 15 novembre 2014.
2.14. TEORIA COSTITUZIONALE NEL DIRITTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE 99

Fin da quando ho cominciato ad interessarmi di politica, mi sono sempre posto una domanda: se la mano
pubblica si espone eccessivamente dal lato della spesa corrente, come pu farvi fronte nel caso di una molto
prolungata recessione? O taglia la medesima spesa corrente o aumenta i debiti - tertium non datur - lunica
risposta possibile..

[5] Stradeonline.it 26/6/2014, L'articolo 75 della Costituzione prevede infatti che non possano tenersi referendum, tra l'altro,
sulle leggi tributarie e di bilancio. La cosiddetta riforma Fornero non era contenuta stricto sensu in una legge di
bilancio, ma in un provvedimento - il cosiddetto decreto Salva-Italia - che realizzava, anche per eetto delle disposizioni
in materia previdenziale, una manovra correttiva dei conti pubblici, sostanzialmente recepita, quanto agli eetti contabili,
nella legge di bilancio.

[6] IPE magazine luglio 2014, On the other hand, political parties like Lega Nord which won 6.2% of votes at the European
elections would like to repeal the Fornero reform. Lega Nord has started collecting signatures to launch a referendum,
although this will probably be deemed unconstitutional because it would concern scal issues.

[7] diritto.it 23/02/2012, Infatti i contributi non costituiscono parte integrante del salario ma un tributo, in quanto tale da
pagare comunque ed in ogni caso, indipendentemente dalle vicende nanziarie dell'azienda.

[8] Sentenza Cassazione sez. Lavoro Civile n. 17892 del 1/4/2014

[9] Corte Costituzionale sentenza 116/2013

2.14.7 Collegamenti esterni


Libri

Maurizio Cinelli, Diritto della previdenza sociale, Maurizio Cinelli, Giuppichelli ed., X ed. 2012, Diritto della
previdenza sociale. URL consultato il 23 agosto 2014.

Veronica Valenti, Diritto alla pensione e questione intergenerazionale. Modello costituzionale e decisioni poli-
tiche., Veronica Valenti, Giuppichelli ed., Diritto alla pensione e questione intergenerazionale. URL consultato
il 23 agosto 2014.

Veronica Valenti, I PRINCIPI COSTITUZIONALI IN MATERIA PREVIDENZIALE E LA LORO DI-


MENSIONE INTERTEMPORALE. URL consultato il 25 marzo 2015.

Mario Intorcia, L'ordinamento pensionistico, Mario Intorcia, INPS, L'ordinamento pensionistico. URL consul-
tato il 23 Luglio 2014.

Mario Intorcia, L'ordinamento pensionistico, in INPS, settembre 2011

Mattia Persiani, Diritto della previdenza sociale, 19 ed., Padova, CEDAM, 2012, ISBN 978-88-13-33206-8.

News

(EN) Maria Teresa Cometto, Italy: Revolution, not evolution in Investiments & Pensions Europe. URL consultato
il 14 luglio 2014.

SFASCISMO PREVIDENZIALE. IL REFERENDUM DELLA LEGA INCOSTITUZIONALE. PECCA-


TO, AIUTEREBBE A FARE CHIAREZZA in Stradeonline.it. URL consultato il 27 giugno 2014.

Tagli alle pensioni: la roccaforte dei diritti acquisiti in Il Sole 24 Ore. URL consultato il 29 settembre 2014.

Blocco indicizzazione delle pensioni: la Corte dei Conti solleva questione di costituzionalit in Lavoro e Fisco.
URL consultato il 24 settembre 2014.

Sentenze

Sentenza Corte di Cassazione n. 24221 del 13/11/2014. URL consultato il 13 novembre 2014.

Sentenza Cassazione sez. Lavoro Civile n. 17892 del 1/4/2014, Sentenza Cassazione sez. Lavoro Civile n.
17892 del 1/4/2014. URL consultato l'11 settembre 2014.
100 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Corte Costituzionale sentenza 116/2013 pdf, Corte Costituzionale sentenza 116/2013 pdf. URL consultato il 20
agosto 2014.

Corte Costituzionale sentenza 116/2013, Corte Costituzionale sentenza 116/2013. URL consultato il 20 agosto
2014.

Web

Anche il contributo previdenziale un tributo, diritto.it 23/02/2012. URL consultato il 5 dicembre 2013.

Nicola C. Salerno, Come intervenire sulle pensioni (troppo) alte? in reforming.it, 8/11/2014, Nicola C. Salerno
08/11/2014. URL consultato il 10 novembre 2014.

< Indice >

2.15 Riforma del sistema pensionistico pubblico


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
La riforma del sistema pensionistico pubblico o riforma delle assicurazioni sociali obbligatorie, in un sistema
pensionistico pubblico a redistribuzione dei tributi, consiste nella approvazione delle nuove leggi di diritto pubblico
che possono essere leggi speciali e/o regolamenti che regolano le assicurazioni sociali obbligatorie che regolano il
diritto alla prestazione previdenziale erogata come prestazione sociale in denaro.
Una riforma delle pensioni quindi una legge di modica dei diritti dei cittadini sulla modalit di erogazione delle
pensioni pubbliche ossia del diritto ad avere le prestazioni sociali in denaro.
Le leggi di riforma del sistema pensionistico pubblico sono leggi di bilancio e pertanto non possono essere sottoposte
a referendum abrogativo, come accaduto anche per la riforma delle pensioni Fornero.
La riforma del sistema pensionistico pubblico pu riguardare sia l'ente previdenziale pubblico o che svolge l'attivit
istituzionale di gestione di un sistema pensionistico pubblico per quanto riguarda le modalit di gestione, sia le regole
per la corresponsione agli iscritti delle assicurazioni sociali che consistono nella modica dello schema pensionistico
con formula delle rendite predenita.
La riforma del sistema pensionistico pubblico si sostanzia quindi in una manovra economica con eetti di bilancio,
per l'ente, ed eetti sugli oneri e sulle prestazioni previdenziali per gli iscritti, sia nel breve che nel lungo periodo. La
correzione pu essere attuata con un aumento del carico scale (aumento dei contributi previdenziali) o con una dimi-
nuzione delle uscite (diminuzione dell'importo delle prestazioni previdenziali ad es. con il blocco della perequazione
automatica delle pensioni, diminuzione del tempo di erogazione delle pensioni con l'aumento dell'et per il pensiona-
mento di vecchiaia). Una similitudine pu considerarsi la Legge nanziaria (Italia) per lo Stato Italiano con l'aumento
delle tasse e la diminuzione dei servizi.[1]
Nel caso in cui la riforma previdenziale riduca le promesse pensionistiche o aumenti l'aliquota contributiva pensioni-
stica di nanziamento, per avere le stesse prestazioni previdenziali, signica che non pu essere mantenuto lo schema
pensionistico con formula della rendita predenita vigente per cui la riforma previdenziale consiste in un default dei
sistemi pensionistici pubblici.
Ogni riforma previdenziale ha un impatto pi o meno signicativo sulla sostenibilit sociale dei sistemi pensionistici
pubblici.

2.15.1 Applicazione
Nell'ordinamento italiano, nel campo delle assicurazioni sociali obbligatorie, le regole vigenti permettono di ipotiz-
zare la "pensione promessa", una obbligazione futura che al momento della corresponsione si deve confrontare con
la sostenibilit scale dello Stato e sulla sostenibilit per gli enti con autonomia gestionale, secondo bilanci tecnici
attuariali. Nel caso di un sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza basato sul modello previdenziale cor-
porativo fascista, la sostenibilit nanziaria si basa sulla analisi di bilanci tecnici che ipotizzano degli scenari relativi
alla demograa degli iscritti, allo sviluppo economico delle collettivit iscritte e dell'economia in generale.
2.15. RIFORMA DEL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO 101

Nel caso in cui non si avverano tali ipotesi, al ne di garantire la stabilit nanziaria dell'ente si eettua una rifor-
ma del sistema pensionistico pubblico[2] o manovre economiche che cambiando le regole di gestione dei sistemi
pensionistici, ristabiliscono l'equilibrio nanziario dell'ente.
Nel caso di un sistema pensionistico pubblico gestito secondo il modello previdenziale universale la riforma del sistema
pensionistico viene realizzata quando non sussiste pi la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici ovvero
la sostenibilit sociale dei sistemi pensionistici pubblici.

2.15.2 Le riforme del sistema pensionistico pubblico in Italia


Anno 2012

Nel mese di novembre 2012 il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha approvato numerose riforme previ-
denziali relative alle Casse con forma giuridica di diritto privato, ai sensi dell'art. 24 c. 24 del decreto Salva Italia
(Previdenza di primo pilastro).

Anno 2011

D.L. 201/2011 del 6/12/2011 convertito con L. 214/2011 del 22/12/2012 Riforma delle pensioni Fornero

Anno 1996

D.Lgs. 103/1996

Anno 1995

L. 335/1995 Riforma Dini


L. 8 agosto 1995, n. 335 - Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare

Anno 1994

D.Lgs. 509/1994

Anno 1992

D.Lgs. 503/1993 Riforma Amato

Anno 1973

D.P.R. 1092 Approvazione del testo unico delle norme sul trattamento di quiescenza dei dipendenti civili e militari
dello Stato.
E' la legge che ha introdotto con l'art. 42 la baby pensione per i dipendenti pubblici.

Anno 1958

LEGGE 20 febbraio 1958, n. 55 Estensione del trattamento di riversibilita' ed altre provvidenze in favore dei pen-
sionati dell'assicurazione obbligatoria per la invalidita', la vecchiaia ed i superstiti.

Anno 1952

L. n. 218 del 4 aprile 1952 in materia di Riordinamento delle pensioni dell'assicurazione obbligatoria per l'invalidita',
la vecchiaia e i superstiti.
102 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

TITOLO I. Modicazioni e integrazioni al regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636, convertito nella legge 6 luglio
1939, n. 1272, e successive modicazioni.
TITOLO II Adeguamento delle pensioni per l'invalidita', la vecchiaia e i superstiti
TITOLO III Disposizioni transitorie e nali

Anno 1948

L'art. 38 della Costituzione ssa i nuovi principi della previdenza sociale senza comunque abbandonare il modello
previdenziale corporativo fascista.

Anno 1939

Viene riformata la norma del 1935 che istituiva l'INPS, ssando un nuovo metodo PAYG e nuove modalit di
pagamento dei contributi previdenziali.[3][4]

Anno 1935

Istituzione dell'INPS ed abrogazione di tutte le norme precedenti.[5] [6]

2.15.3 Note
[1] Libero 15/01/2014, Peccato che intanto il buco si allarghi e che i parziali interventi (Riforma Dini, Riforma Prodi, Riforma
Damiano, Riforma Fornero), servano soltanto a tamponare limminente e non orano alcuna prospettiva.

[2] ASCA20121008, L'obiettivo quello di alleggerire l'onere sulle generazioni giovani e sulle generazioni future di promesse
pensionistiche poco lungimiranti fatte in passato dalla politica, che ha dimostrato di avere scarsa conoscenza del meccanismo
delle pensioni.

[3] R.D. 14 aprile 1939, n. 636, Sicurezza sociale (assicurazioni obbligatorie) Regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636
(in Gazz. U., 3 maggio, n. 105). -- Modicazioni delle disposizioni sulle assicurazioni obbligatorie per l'invalidit e la
vecchiaia, per la tubercolosi e per la disoccupazione involontaria.

[4] R.D. 14 aprile 1939, n. 636 Slex, Sicurezza sociale (assicurazioni obbligatorie) Regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636
(in Gazz. U., 3 maggio, n. 105). -- Modicazioni delle disposizioni sulle assicurazioni obbligatorie per l'invalidit e la
vecchiaia, per la tubercolosi e per la disoccupazione involontaria.

[5] R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827, R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827-Perfezionamento e coordinamento legislativo
della previdenza sociale.- V. Art. 1 c. 1

[6] R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 2, R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827-Perfezionamento e coordinamento legislativo
della previdenza sociale.- V. Art. 1 c. 1

2.15.4 Bibliograa
Leggi

Anno 2013

Decreto-legge 28 ottobre 2013, n. 157, in materia di "Regolamento di armonizzazione dei requisiti di accesso
al sistema pensionistico di categorie di personale iscritto presso l'INPS, l'ex ENPALS e l'ex INPDAP, in attuazione
dell'articolo 24, comma 18, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modicazioni, dalla legge
22 dicembre 2011, n. 214"

Anno 2011

Decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, articolo 24, in materia di "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equita'
e il consolidamento dei conti pubblici."
2.15. RIFORMA DEL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO 103

Anno 2006

Decreto-legge 2 febbraio 2006, n. 42, in materia di "Disposizioni in materia di totalizzazione dei periodi assi-
curativi."

Anno 1996

Decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, in materia di "Attuazione della delega conferita dall'art. 2, comma
25, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di tutela previdenziale obbligatoria dei soggetti che svolgono
attivita' autonoma di libera professione."

Anno 1995

Legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di "Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare."

L. 8 agosto 1995, n. 335 - Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare

Anno 1994

Decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, in materia di "Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma
32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori
di forme obbligatorie di previdenza e assistenza."

Anno 1992

Decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 503, in materia di "Norme per il riordinamento del sistema previden-
ziale dei lavoratori privati e pubblici, a norma dell'articolo 3 della legge 23 ottobre 1992, n. 421."

Anno 1973

Decreto del presidente della Repubblica 29 dicembre 1973, n. 1092, in materia di "Approvazione del testo unico
delle norme sul trattamento di quiescenza dei dipendenti civili e militari dello Stato."

Anno 1958

Legge 20 febbraio 1958, n. 55, in materia di "Estensione del trattamento di riversibilita' ed altre provvidenze in
favore dei pensionati dell'assicurazione obbligatoria per la invalidita', la vecchiaia ed i superstiti."

Anno 1952

Legge 4 aprile 1952, n. 218, in materia di "Riordinamento delle pensioni dell'assicurazione obbligatoria per
l'invalidita', la vecchiaia e i superstiti."

Anno 1948

Costituzione della Repubblica Italiana

Anno 1947

Legge 15 giugno 1947, n. 436, in materia di "Modicazioni alle norme che regolano la composizione degli organi
dell'Istituto nazionale della previdenza sociale."
104 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Anno 1939

Regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636 (in Gazz. U., 3 maggio, n. 105). -- Modicazioni delle disposi-
zioni sulle assicurazioni obbligatorie per l'invalidit e la vecchiaia, per la tubercolosi e per la disoccupazione
involontaria., R.D. 14 aprile 1939, n. 636. URL consultato il 26 aprile 2014.
Regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636 (in Gazz. U., 3 maggio, n. 105). -- Modicazioni delle disposi-
zioni sulle assicurazioni obbligatorie per l'invalidit e la vecchiaia, per la tubercolosi e per la disoccupazione
involontaria., R.D. 14 aprile 1939, n. 636 Slex. URL consultato il 26 aprile 2014.

Anno 1935

Regio Decreto Legge 4 ottobre 1935, n. 1827


Regio Decreto - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 in materia di Perfezionamento e coordinamento legislativo
della previdenza sociale, R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827. URL consultato il 26 aprile 2014.
Regio Decreto - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 in materia di Perfezionamento e coordinamento legislativo
della previdenza sociale, R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 2. URL consultato il 30 aprile 2014.

News

Antonio Castro, Pensioni, c' un altro buco da 10 miliardi in Libero Quotidiano. URL consultato il 15 gennaio
2014.

Pensioni, dove sono i privilegi in Il Sole 24 Ore. URL consultato il 15 gennaio 2014.
Laura Cavestri, Fornero: le Casse non hanno sostenibilit a 50 anni in Il sole 24 ore. URL consultato il 29 marzo
2013.

Pensioni: Fornero, non pensabile siano pi lunghe della vita lavorativa in ASCA. URL consultato il 3 aprile 2013.

Web

Giusy Ascani, RILEVANZE ATTUARIALI E FINANZIARIE NELLA RIFORMA DELLE PENSIONI


MONTI-FORNERO, Tesi Giusy Ascani. URL consultato il 25 giugno 2014.
Inarcassa Bilancio di previsione 2013, BilancioPrevisione2013. URL consultato il 20 marzo 2013.

Pubblicazioni

Rivista 1/2009, Rivista1/2009. URL consultato il 20 marzo 2013.

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >

2.16 Macroeconomia dei sistemi pensionistici pubblici


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
La macroeconomia il ramo dell'economia politica che si occupa della analisi del sistema economico a livello
aggregato.
Lo strumento per svolgere tale analisi le contabilit nazionale e nello specico attraverso i regolamenti SEC.
L'ISTAT riepiloga i conti nazionali con numerose statistiche ed una sintesi nel conto economico consolidato delle
amministrazioni pubbliche.
2.17. LA SOSTENIBILIT DELLA GESTIONE FINANZIARIA 105

I sistemi pensionistici pubblici possono essere analizzati solo nell'ambito macroeconomico in quanto funzionano
senza un patrimonio di previdenza con gli equilibri nanziari dove le entrate degli enti previdenziali sono costituite
da entrate tributarie proprie (contributi previdenziali obbligatori) e trasferimenti nanziari dallo Stato (derivati da
tributi o debito pubblico) ed uscite costituite dalla spesa pensionistica che costituiscono una delle tante componenti
della spesa pubblica e precisamente una componente della spesa corrente primaria.
Molto spesso vi la tentazione di fare una analisi della stabilit economica delle gestioni nanziarie dei singoli enti
previdenziali come se fossero amministrazioni separate dal bilancio dello Stato.
Ci totalmente smentito dalla realt in quanto la spesa pensionistica ha assunto una entit talmente rilevante no ad
arrivare al 16% del PIL e quasi il 40% della spesa pubblica.
Gli equilibri nanziari della spesa pensionistica sono quindi, oltre che dipendenti dagli andamenti demograci ed
economici congiunturali, anche strettamente correlati alla sostenibilit del debito pubblico dello Stato.
2 - Sistemi pensionistici pubblici
< Indice >

2.17 La sostenibilit della gestione nanziaria


2 - Sistemi pensionistici pubblici
La sostenibilit della gestione nanziaria di un sistema pensionistico pubblico senza patrimonio di previdenza
detta anche stabilit della gestione previdenziale o assicurazione dell'equilibrio nanziario delle gestioni per
un numero predenito di anni una modalit di valutare la gestione dei sistemi pensionistici pubblici senza patrimonio
di previdenza.
Tale valutazione viene eettuata tramite la redazione di un bilancio tecnico attuariale sulla base di una serie di ipotesi
di sviluppo economico e demograco.
Quando queste valutazioni sono sviluppate per un lungo arco temporale di decenni, la probabilit che tutte le ipotesi
si avverino praticamente nulla.
Pertanto valutare con il bilancio tecnico attuariale la sostenibilit a 50 anni di una cassa di previdenza un esercizio
puramente teorico senza risvolti pratici circa la garanzia che possano avverarsi le elaborazioni prospettate.
Nella realt la sostenibilit non esiste, non mai esistita e mai esister per il semplice motivo che la spesa
pensionistica pubblica di un sistema pensionistico a redistribuzione dei tributi, essendo senza patrimonio di previdenza
legata alle entrate del bilancio dello Stato.
Le entrate sono una variabile aleatoria in quanto inuenzata dal ciclo economico, dalla occupazione, dalla disoccu-
pazione, dalla demograa, dal debito pubblico, dalle politiche scali del governo di turno e di conseguenza i siste-
mi pensionistici vengono continuamente riformati per seguire tali oscillazioni, cambiando le regole per accedere al
pensionamento e l'entit della durata del pensionamento.
Anche le gestioni autonome sono inuenzate dagli stessi parametri con l'aggravante che pi le casse sono riferite ad
un nucleo ristretto di lavoratori pi queste variabili possono oscillare no a determinare squilibri gestionali tali che
le casse vengono riassorbite da un ente statale pi grande, nel caso italiano dall'INPS che nel 2016 gi gestiva il 95%
dei lavoratori e il 98% dei contributi previdenziali.
2 - Sistemi pensionistici pubblici

2.18 Sostenibilit scale del del sistema pensionistico pubblico italiano


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
Per sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici[1][2] si intende la capacit di uno Stato di imporre una
pressione scale per nanziare il sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza, considerando l'equit delle
promesse pensionistiche|, il cuneo scale sul lavoro, il livello di pressione scale legale, l'aliquota scale eettiva e i
costi delle assicurazioni sociali obbligatorie amplicati dalle politiche di solidariet intragenerazionale regressiva e di
solidariet intergenerazionale regressiva.
106 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Nei sistemi pensionistici pubblici detti anche primo pilastro della previdenza, il nanziamento con le tasse e la
gestione pubblica.
Gli enti previdenziali che gestiscono i sistemi pensionistici pubblici sono nanziati con la riscossione dei contributi
obbligatori per le assicurazioni obbligatorie calcolati con l'aliquota contributiva pensionistica di nanziamento detta
anche aliquota di scopo e nel caso di disavanzo di gestione, con trasferimenti dalla scalit generale (es. INPS).
Da ci deriva che le pensioni| che derivano da una assicurazione obbligatoria si pagano con le imposte|.
Quando la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici compromessa quando si vericano situazioni ricon-
ducibili al rischio demograco| o al rischio economico| ovvero quando le promesse pensionistiche hanno determinato
l'esplosione della bolla previdenziale, gli Stati attuano il default dei sistemi pensionistici obbligatori che comprendono
le riforme previdenziali| es. in Italia la Riforma Dini e la Riforma delle pensioni Fornero.

2.18.1 Le caratteristiche della spesa pensionistica

La spesa pensionistica in Italia del sistema pensionistico pubblico caratterizzata dal funzionamento dei sistemi
pensionistici senza patrimonio di previdenza| rispetto alla riserva matematica corrispondente al debito pensionistico
latente, che rappresenta la quota pi rilevante del debito pubblico implicito.
La spesa pensionistica viene quindi coperta dagli enti previdenziali con le entrate correnti rappresentate dalle im-
poste (normalmente i contributi previdenziali sono riscossi direttamente dall'ente previdenziale, al quale si possono
aggiungere altri trasferimenti dalla scalit generale).
La valutazione della sostenibilit della spesa pensionistica consiste quindi nella verica degli equilibri nanziari sia
dal punto di vista degli enti previdenziali, sia dal punto di vista globale dell'economia di uno Stato attraverso il conto
economico consolidato delle amministrazioni pubbliche e il conseguente rispetto del patto di stabilit e crescita,
nonch dal punto di vista del singolo contribuente.

2.18.2 Sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici e limite di sostenibilit degli
enti previdenziali

I concetti di sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici e di limite di sostenibilit di un ente previdenziale,
sono profondamente diversi anche se apparentemente coincidenti.
Nel primo caso, la valutazione della spesa pensionistica fatta nell'ottica dell'economia complessiva dello Stato,
mentre nel secondo caso, ente per ente.
La valutazione ente per ente, fa riferimento a singole gestioni economiche secondo il modello previdenziale corpo-
rativo fascista, mentre la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici va vista nell'ottica macroeconomica.
Si possono avere singole gestioni assolutamente rispettose del limite di sostenibilit, inserite in uno Stato con profondi
problemi economici o con un vero e proprio dissesto dei conti dello Stato e viceversa uno Stato con i conti in ordine
e crescita e un ente previdenziale corporativo in dissesto.
Nel caso in cui uno Stato adotti un modello previdenziale universale i due concetti diventano coincidenti in quanto
l'ente previdenziale unico coincide con lo Stato.

2.18.3 I parametri per valutare la sostenibilit scale della spesa pensionistica

Il rapporto della spesa pensionistica con il PIL

Uno dei parametri pi usati per valutare la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici obbligatori dato dal rapporto
della spesa pensionistica di uno stato con il suo PIL.
La serie storica rilevata dall'ISTAT. 800px|center|Istat serie storiche spesa pensionistica sul pil anni 1971 2010
tavola 5.4|
Si rileva agevolmente come con il crollo del PIL a seguito della crisi economica del 2007 si avuta una impennata
del rapporto tra spesa pensionistica e PIL che si cercato di recuperare con la riforma delle pensioni Fornero.
thumb|Trattamenti pensionistici e beneciari - 12-nov-2013 - Testo integrale|
2.18. SOSTENIBILIT FISCALE DEL DEL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO ITALIANO 107

2.18.4 La valutazione della sostenibilit scale degli enti previdenziali


Gli enti previdenziali che gestiscono il modello previdenziale universale

Gli enti previdenziali che gestiscono il sistema pensionistico pubblico secondo il modello previdenziale universale,
sono in genere enti statali che raccolgono la totalit o un'elevatissima percentuale dei cittadini di uno Stato.
In tal caso la sostenibilit scale va vista a livello di incidenza della spesa pensionistica sul PIL, secondo scenari
macroeconomici deniti.
Gli aggiustamenti con successive riforme previdenziali| sono continui per il semplice motivo che lo scenario ma-
croeconomico di riferimento, dicilmente si avvera e pertanto, per seguire con la spesa pensionistica le entrate
dello Stato, cambiamenti alla normativa dello schema pensionistico con formula delle rendite predenita vigente
sono frequenti, magari solo dal lato della rivalutazione delle pensioni, ma i vincoli del bilancio dello Stato sono
insormontabili.

Gli enti previdenziali che gestiscono il modello previdenziale corporativo fascista

Gli enti previdenziali che gestiscono il sistema pensionistico pubblico secondo il modello previdenziale corporativo
fascista, per valutare la stabilit della gestione nanziaria devono semplicemente rispettare il limite di sostenibilit
imposto dalla legge nell'ipotesi di scenari macroeconomici ssati come riferimento.

2.18.5 Il limite del 16% di spesa pensionistica sul PIL ssato dalla World Bank nel 1994
La World Bank in una sua pubblicazione del 1994 Adverting the Old Age Crisis.[3] , prevedendo la crisi dei sistemi
pensionistici pubblici nel mondo, aveva indicato la progressione della spesa nei paesi OCSE con una crescita no al
16% sul PIL che si sarebbe raggiunta nel 2030 per poi rimanere stabile su tale valore.
In Italia, considerando la spesa per le pensioni sia del settore pubblico che privato, le risorse destinate alla previdenza
sociale gi nel 2013 superavano il 18%, complice anche la caduta del PIL reale avvenuta dopo la crisi economica del
2007.

2.18.6 Il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita e la


sostenibilit scale

2.18.7 La valutazione della sostenibilit scale del sistema pensionistico italiano nel Mel-
burne Mercer Global Pension Index
Un istituto australiano elabora una classica dei sistemi pensionistici nel loro insieme, sia per la parte pubblica che in
quella privata.[4]
Nel report del 2014 inerente il sottoindice sostenibilit" sono state poste le seguenti domande:
[5]

Il punteggio per ogni domanda va da 1 a 10.


Il 60% del peso degli indicatori legato ai sistemi pensionistici privati con patrimonio di previdenza, il 40% al sistema
pensionistico pubblico senza patrimonio di previdenza.
Il risultato complessivo per il sottoindice relativo alla sostenibilit, per il 2014 il pi basso su 25 nazioni ed pari a
13.4.[6]
L'indice complessivo per l'Italia la collocava alla 19a posizione su 25.[7]

2.18.8 Critiche alla valutazione della sostenibilit scale del sistema pensionistico italiano
secondo il Centro Studi dell'Universit di Friburgo
In uno studio del 2013 il debito pubblico implicito valutato dal Centro Studi dell'Universit di Friburgo poneva invece
l'Italia tra i migliori paesi, anche alla luce della recente riforma delle pensioni Fornero.[8]
108 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

Dalle valutazioni della Banca d'Italia il debito pubblico implicito di qualche multiplo del PIL, quindi i calcoli fatti
dall'universit tedesca sono lontano dalla realt, forse perch basati sul sistema contributivo che entrer a regime solo
tra qualche decennio, mentre il debito pubblico implicito deriva dalla normativa passata.

2.18.9 La valutazione della sostenibilit scale nel bilancio dello Stato dopo Maastricht

2.18.10 La valutazione della sostenibilit scale da parte del cittadino contribuente

2.18.11 Critiche all'informazione previdenziale in Italia

Nel dibattito politico-economico in Italia vi sono sovente aermazioni che non hanno senso compiuto dal punto di
vista economico-previdenziale.

Critiche all'aermazione Il sistema pensionistico pubblico italiano sostenibile

Ancora nel 2014, nonostante i suggerimenti dell'FMI sul taglio della spesa pensionistica o la valutazione negativa da
parte di istituti economici internazionali il Ministro Pier Carlo Padoan aermava Le nanze pubbliche italiane sono
solide e sostenibili, grazie alle riforme del sistema pensionistico ed ai persistenti ed elevati avanzi primari, conseguiti
dal paese per molti anni, come illustrato anche dalle analisi di lungo periodo della Commissione Europea.[9]

2.18.12 Note
[1] WorldBank2004, pag. 18 - The implications of the IPD for scal sustainability have motivated several cross-country studies
(Table 4).

[2] (EN) Benedict Clements, Csaba Feher, Sanjeev Gupta, Pension reform and equity, 17 luglio 2014. URL consultato l'11
aprile 2015.

The discussion on pension reform typically centres on scal sustainability..

[3] Averting the Old Age Crisis in World Bank, 1994.

pag. 8 gura 2.

[4] Melburne Mercer Global Pension Index, Melburne Mercer Global Pension Index

[5] Melburne Mercer Global Pension Index, p. 51 chapter 7

[6] Melburne Mercer Global Pension Index, pag. 73

[7] Melburne Mercer Global Pension Index, pag. 33

[8] Isabella Bufacchi, La sorpresa del debito sostenibile in Il Sole 24 Ore.

Ebbene in questa classica - l'ultima calcolata in questi giorni dal Centro Studi dell'Universit di Friburgo
sotto la guida del Prof. Raelhuschen - l'Italia svetta al secondo posto con un debito totale/Pil al 73%, dopo la
Lettonia..

[9] Pier Carlo Padoan, Documento di economia e nanza 2014 (nota di aggiornamento in MEF, 30/09/2014. URL consultato
il 14 ottobre 2014.

pag. IV Le nanze pubbliche italiane sono solide e sostenibili, grazie alle riforme del sistema pensionistico
....

2.18.13 Bibliograa

Leggi

Costituzione della Repubblica Italiana


2.18. SOSTENIBILIT FISCALE DEL DEL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO ITALIANO 109

Decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, in materia di "Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma
32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori
di forme obbligatorie di previdenza e assistenza."

Decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, in materia di "Attuazione della delega conferita dall'art. 2, comma
25, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di tutela previdenziale obbligatoria dei soggetti che svolgono
attivita' autonoma di libera professione."

Web

Melburne Mercer Global Pension Index, Melburne Mercer Global Pension Index.

OECD Overcoming vulnerabilities of pension sistems, OECD Overcoming vulnerabilities of pension sistems.

Implicit Pension Debt: Issues, Measurement and Scope in International Perspective, WorldBank2004. URL
consultato il 17 luglio 2014.

Sandro Momigliano, Audizione nellambito dellindagine conoscitiva sulla funzionalit del sistema previdenziale
pubblico e privato, Banca d'Italia 11 giugno 2014. URL consultato il 12 giugno 2014.

Tiziano Treu, Mario Carta, Pensioni, Pensioni, Treccani, Il libro dell'anno 2004. URL consultato il 9 giugno 2014.

La spesa pubblica in Italia e in Europa, IBL Spesa pubblica. URL consultato il 22 gennaio 2014.

OCSE Pension reforms on track but the challenges of adequacy and inequality in old age remain, says OECD
Pension at a Glance 2013, OCSEGlance. URL consultato il 27 novembre 2013.

Nucleo di valutazione della spesa previdenziale

thumb|NuVSP Rapporto sugli andamenti nanziari del sistema pensionistico obbligatorio Aprile 2012|

ISTAT

https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Trattamenti_pensionistici_e_beneficiari_-_12-nov-2013_-_Testo_integrale.
pdf https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Trattamenti_pensionistici_e_beneficiari_-_12-nov-2013_-_Nota_metodologica.
pdf

News

Raaele Zenti, Sapete che il calo del PIL riduce anche le vostre pensioni? Ecco perch in AdviseOnly. URL
consultato il 10 novembre 2014.

Il monito del Fmi e l'insostenibile peso delle pensioni in Il Sole 24 Ore. URL consultato il 23 settembre 2014.

Il monito del Fmi e l'insostenibile peso delle pensioni in Il Sole 24 Ore. URL consultato il 23 settembre 2014.

IL FINANCIAL TIMES: IL PESO DEL DEBITO ITALIANO UN PROBLEMA PER TUTTI in Financial
Times. URL consultato il 23 settembre 2014.

Linsostenibile leggerezza della sostenibilit previdenziale in TheWalkingDebt. URL consultato il 20 agosto 2014.

Ocse, precari a rischio poverta' Avranno pensioni da fame in Agi.it. URL consultato il 26 novembre 2013.

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >
110 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

2.19 Sostenibilit sociale del del sistema pensionistico pubblico italiano


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
La sostenibilit sociale del sistema pensionistico pubblico italiano[1][2] attiene allo studio dei rapporti politici,
economici, sociali che sono regolati dal sistema pensionistico pubblico in Italia basato su una moltitudine di gestioni
pensionistiche pubbliche che applicano uno schema pensionistico con formula della rendita predenita.
Contempla l'analisi dei sistemi pensionistici obbligatori valutando gli eetti socio economici derivanti dal modello
previdenziale attuato.
Essa verica gli eetti delle riforme dei sistemi pensionistici pubblici nell'economia, nella politica e dal punto di vista
sociale.
Poich le riforme si susseguono per mantenere la sostenibilit scale del sistema pensionistico pubblico italiano anche
gli eetti sono molteplici e mutevoli.

2.19.1 La sostenibilit sociale di un sistema pensionistico pubblico


La sostenibilit sociale di un sistema pensionistico pubblico riguarda i seguenti aspetti:

copertura dei rischi;

adeguatezza delle prestazioni pensionistiche;

equit della redistribuzione intergenerazionale;

equit della redistribuzione intragenerazionale;

equit attuariale dello schema pensionistico;

equit della governance.

Copertura dei rischi

I rischi che possono essere coperti da un sistema pensionistico pubblico sono:

rischi biometrici

rischio di longevit
rischio di invalidit
rischio relativo a morte

disoccupazione

maternit

malattia

infortuni

In Italia In Italia i sistemi pensionistici pubblici frammentati prevedono una ampia dierenziazione nella copertura
dei rischi.
I dipendenti hanno maggiori tutele, gli iscritti alla Gestione separata INPS, hanno minori tutele riguardo alla malattia.
I lavoratori autonomi hanno ancora minori tutele riguardo la malattia e la maternit.
La maggiore variet di tutela riguarda comunque il rischio di longevit con tassi di sostituzione netti variabili anche
del 50%.
2.19. SOSTENIBILIT SOCIALE DEL DEL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO ITALIANO 111

2.19.2 Il contesto socio-economico e politico regolato dai sistemi pensionistici pubblici in


Italia

I sistemi pensionistici obbligatori sono gli strumenti attraverso il quale, gli Stati arontano il problema della sicurezza
sociale.
Nei paesi OCSE diusa la gestione nanziaria degli enti previdenziali secondo il sistema pensionistico senza
patrimonio di previdenza.
Esiste una notevole variabilit nella applicazione di questo schema generale che si sostanzia nella applicazione coor-
dinata di uno schema pensionistico con formula delle rendite predenita pi o meno generoso in quanto a tasso di
rendimento apparente restituito agli iscritti.
L'ampiezza che hanno assunto tali schemi pensionistici nell'economia dei paesi avanzati fa si che per questi, l'equilibrio
economico-sociale-politico sia ormai ampiamente determinato dalle variabili ad esso legato.
In diversi paesi, la eccessiva generosit dei sistemi pensionistici ha generato una bolla previdenziale origine di squi-
libri macroeconomici dell'economia nazionale che ha contribuito in maniera determinante alla crisi economica della
nazione.

Alcune posizioni politico-economiche sulla sostenibilit sociale del sistema pensionistico pubblico italiano

Mauro Mar presidente del MEFOP Nel 2014 il professore Mauro Mar segnalava con alcuni articoli l'evidenziarsi
degli squilibri del sistema pensionistico italiano, sia pubblico che privato, come presupposto per la nascita del conitto
intergenerazionale.[3]

2.19.3 Bibliograa

redazione, Spesa sociale, dopo il picco del 2013 l'Italia continua a investire in Redattore sociale. URL consultato
il 24 novembre 2014.

Stefano Patriarca, Tfr in busta paga? in LaVoce.info. URL consultato il 3 ottobre 2014.

(EN) James C. Capretta, Global Aging and the Sustainability of Public Pension Systems in CSIS, CSIS gen
2007. URL consultato il 1 ottobre 2014.

Marcello Morciano e Carlo Mazzaferro, I costi della lenta transizione al sistema contributivo: unanalisi distri-
butiva in CAPPaper, CAPP 2009. URL consultato il 10 novembre 2014.

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >

[1] Raaele Zenti, Sapete che il calo del PIL riduce anche le vostre pensioni? Ecco perch in AdviseOnly. URL consultato il
10 novembre 2014.

c il tema della sostenibilit sociale dei sistemi pensionistici pubblici.

[2] Maurizio Benetti, Si prola un conitto tra pensionandi e pensionati. URL consultato il 27 agosto 2015.

Un sistema pensionistico a ripartizione, con le pensioni nanziate dai contributi di chi lavora, accettabile
dai lavoratori nella misura in cui le loro pensioni attese siano simili a quelle per le quali versano i contributi.
Diventa non accettabile se i lavoratori debbono nanziare con i loro contributi pensioni sensibilmente pi alte
di quelle che potranno avere..

[3] Francesco Pacico, Se i gli non pagano la pensione ai padri? in Il Garantista, 06/11/2014. URL consultato il 6 novembre
2014.

Il problema che qui si stanno mettendo le basi per un conitto intergenerazionale, che va evitato..
112 CAPITOLO 2. II - I SISTEMI PENSIONISTICI PUBBLICI

2.20 Politiche di redistribuzione dei redditi


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
Le politiche di redistribuzione dei redditi[1] sono quelle attuate dallo Stato che nel momento di fornitura dei servizi
pubblici o di attuazione della tassazione ai contribuenti, consegue anche l'eetto di penalizzare il reddito di alcuni
cittadini nei confronti di altri ovvero di agevolare economicamente alcune fasce di popolazione.

2.20.1 Tassazione progressiva e redistribuzione dei redditi


Uno studio indica che non necessariamente una tassazione progressiva pi spinta sia necessariamente pi utile nella
attuazione di politiche di redistribuzione dei redditi a favore delle fasce pi disagiante.[2]

2.20.2 La redistribuzione dei redditi nei sistemi pensionistici


I sistemi pensionistici sono organizzati con lo scopo di restituire ai beneciari un reddito per il sostentamento dignitoso
ed adeguato in una delle situazione di bisogno individuate dalle assicurazioni sociali obbligatorie.

2.20.3 Mobilit sociale e tassazione regressiva


Mettere delle barriere scali, come ad esempio i contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie minimi per
l'esercizio della professione forense, un modo di creare uno sbarramento nell'accesso alla professione o di espellere
alcuni gruppi a basso reddito da uno spazio economico e di fatto ridurre la mobilit sociale.
In questo modo si concentrano le probabilit di realizzare un reddito pi elevato su un minore numero di cittadini e
quindi si opera una politica di redistribuzione dei redditi.

2.20.4 Il reddito di cittadinanza


Una delle modalit di attuare tali politiche il reddito di cittadinanza.

2.20.5 Note
[1] Unisi didattica

[2] (EN) Cathie Jo Martin and Alexander Hertel-Fernandez, How Sweden ghts inequality without soaking the rich in Vox.
URL consultato il 13 ottobre 2014.

The way most advanced, industrial countries have made real gains on inequality is through relatively regressive
taxes that fund programs that reduce inequality..

2.20.6 Bibliograa
Web

Pietro Garibaldi, Lavoro: conitto generazionale. URL consultato il 28 agosto 2014.


POLITICHE DI REDISTRIBUZIONE DEL REDDITO. URL consultato il 7 luglio 2014.

News

La ricchezza di 85 paperoni pari a quella della met pi povera del pianeta in Il Fatto Quotidiano. URL
consultato il 20 agosto 2014.

CHOMSKY: LA DEMOCRAZIA IN ITALIA E' FINITA in Cadoinpiedi. URL consultato il 20 agosto 2014.
2.21. OPTING OUT 113

2.20.7 Collegamenti esterni


Inps contributi obbligatori

2 - Sistemi pensionistici pubblici


< Indice >

2.21 Opting out


< Indice >
< 2 - Sistemi pensionistici pubblici > < prec > < succ >
L'opting out nel campo della previdenza sociale obbligatoria indica l'operazione di decontribuzione parziale della-
liquota contributiva obbligatoria verso schemi previdenziali integrativi.
Tale possibilit stata indicata nell'art. art. 24 c. 28 del decreto Salva Italia conosciuto anche come riforma delle
pensioni Fornero.

2.21.1 Note

2.21.2 Bibliograa
News

Contributi obbligatori alla previdenza integrativa: lopting-out nella riforma previdenziale in Il Sole 24 Ore.
URL consultato il 21 marzo 2015.

2 - Sistemi pensionistici pubblici


Capitolo 3

III - I sistemi pensionistici privati

3.1 Modello economico nanziario dei sistemi pensionistici privati


< Indice >
< 3 - Sistemi pensionistici privati > < prec > < succ >
Il modello economico nanziario dei sistemi pensionistici privati utilizzato nella stragrande maggioranza dei casi in
cui si vuole accantonare del risparmio individuale per averlo erogato in una fase successiva della vita.
Da un punto di vista nanziario, esso usa lo schema classico della capitalizzazione che il fondamento della mate-
matica nanziaria classica.
Vi quindi una fase di accumulo del risparmio previdenziale, con versamenti volontari ad un ente privato e l'accumulo
di un capitale per un lungo periodo di tempo.
L'ente privato responsabile della conservazione ed accrescimento del capitale, sempre secondo le regole classiche
di investimento.
Al termine della fase di accumulo del capitale inizia la fase di erogazione della rendita, sempre determinata secondo
le regole classiche della matematica nanziaria.
Dal punto di vista economico avviene che attraverso il risparmio dei singoli delle risorse economiche vengono prima
tolte dal circuito economico e dopo che si sono costituiti dei patrimoni signicativi, questi vengono reinseriti nel
circuito economico attraverso il mercato del denaro ossia i mercati nanziari.
Le imprese che si rivolgono al mercato nanziario devono remunerare il capitale, quindi il sistema economico
trasferisce risorse a chi sta accumulando risorse economiche per un uso futuro.
I patrimoni servono per trasferire un reddito accantonato in un tempo futuro.
Gli enti pensionistici devono garantire nella gestione nanziaria l'equivalenza delle obbligazioni con il patrimonio
gestito.
Il sistema pensionistico quindi funded ovvero con patrimonio di previdenza.
3 - Sistemi pensionistici privati
< Indice >

Questo modulo solo un abbozzo. Contribuisci a migliorarlo secondo le convenzioni di Wikibooks

3.2 Contratto di assicurazione


< Indice >
< 3 - Sistemi pensionistici privati > < prec > < succ >
Il contratto di assicurazione una tipologia di contratto di diritto privato.

114
3.3. PATRIMONIO DI PREVIDENZA 115

Nel diritto privato vale la locuzione latina pacta sunt servanda a signicare che i patti, una volta stabilite le obbligazioni
e le clausole si rispettano ossia diventano vincolanti per le parti.
Nel campo della previdenza complementare l'assicurazione serve per tutelare dai rischi biometrici ed in particolare:

rischio di morte

rischio di invalidit

rischio di longevit o di sopravvivenza.

Il campo della previdenza complementare si distingue dai sistemi pensionistici pubblici dalla invariabilit dei patti e
per il fatto che essi sono sottoscritti volontariamente da parte di soggetti giuridici quali l'ente previdenziale assicuratore
ed il cliente assicurato.
3 - Sistemi pensionistici privati
< Indice >

3.3 Patrimonio di previdenza


< Indice >
< 3 - Sistemi pensionistici privati > < prec > < succ >
Per patrimonio di previdenza, nell'ambito della gestione nanziaria degli istituti di previdenza degli enti di diritto
pubblico in Svizzera, si considera il patrimonio destinato esclusivamente alla copertura degli impegni nei confronti
dell'eettivo di assicurati e di beneciari di rendite esistenti (principio del bilancio in cassa chiusa) nel modo che le
prestazioni possono essere eettuabili in quanto esigibili.
Un sistema pensionistico con patrimonio di previdenza in inglese descritto come un "fully funded pension sistem".
Gli istituti di previdenza, nella gestione dei sistemi pensionistici obbligatori, possono avere diversi sistemi di gestione
nanziaria.
Nel caso in cui gestiscano sistemi pensionistici a redistribuzione dei tributi, quindi senza copertura patrimoniale
delle obbligazioni, signica che non attuano il principio della capitalizzazione integrale in quanto le obbligazioni sono
coperte dalle entrate correnti (principio di cassa) e non dal patrimonio di previdenza derivante dall'accantonamento
dei contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie.
Nel caso in cui gestiscano il sistema pensionistico pubblico nel rispetto del principio di capitalizzazione integrale,
signica che le obbligazioni sia nei confronti dei pensionati che degli attivi, sono coperte dal patrimonio di previdenza
derivante dall'accantonamento e capitalizzazione dei versamenti degli iscritti e quindi esigibili.
Il principio della capitalizzazione integrale invece obbligatorio in Italia per i fondi pensione che raccolgono i
versamenti degli aderenti volontari e coprono la riserva matematica con il patrimonio di previdenza.
Il patrimonio di previdenza esplicitamente menzionato nella normativa svizzera.

3.3.1 Collegamenti esterni


Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e linvalidit

3 - Sistemi pensionistici privati


< Indice >

3.4 Principio della capitalizzazione integrale


< Indice >
< 3 - Sistemi pensionistici privati > < prec > < succ >
116 CAPITOLO 3. III - I SISTEMI PENSIONISTICI PRIVATI

Per principio della capitalizzazione integrale, nell'ambito della gestione nanziaria degli istituti di previdenza,
si intende quando tutti gli impegni dellistituto di previdenza (liabilites) devono essere coperti dal patrimonio di
previdenza (assets), tenendo conto soltanto delleettivo di assicurati e di beneciari di rendite esistente (principio
del bilancio in cassa chiusa) nel modo che le prestazioni possono essere eettuabili in quanto esigibili.
Gli istituti di previdenza, nella gestione dei sistemi pensionistici obbligatori, possono avere diversi sistemi di gestione
nanziaria.
Nel caso in cui gestiscano sistemi pensionistici a redistribuzione dei tributi signica che non attuano il principio della
capitalizzazione integrale in quanto le obbligazioni sono coperte dalle entrate correnti (principio di cassa) e non dal
patrimonio di previdenza raccolto con i contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie.
Nel caso in cui gestiscano il sistema pensionistico pubblico nel rispetto del principio della capitalizzazione integrale,
signica che le obbligazioni sia nei confronti dei pensionati che degli attivi, sono coperte dal patrimonio di previdenza
e quindi esigibili.
In Italia gli enti previdenziali di cui al D.Lgs. 103/1996 pur applicando il metodo di calcolo contributivo a capitaliz-
zazione simulata sulla crescita n dalla loro istituzione non rispettano n il principio della capitalizzazione integrale,
n il principio del bilancio in cassa chiusa.
Il principio della capitalizzazione integrale previsto per alcuni istituti di previdenza, enti di diritto pubblico in
Svizzera.
Il principio della capitalizzazione integrale invece obbligatorio in Italia per i fondi pensione che raccolgono i
versamenti degli aderenti volontari.

3.4.1 Voci correlate


Principio di competenza economica

3.4.2 Collegamenti esterni


Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e linvalidit

3 - Sistemi pensionistici privati


< Indice >
Capitolo 4

IV - Storia pensionistica italiana

4.1 Il sistema pensionistico italiano


< Indice >
< 4 - Storia pensionistica italiana > < prec > < succ >
Il sistema pensionistico italiano attua gli interventi di previdenza e assistenza previsti nell'art. art. 38 della Costi-
tuzione.
L'art. 1886 del C.C. prevede che le assicurazioni sociali sono disciplinate da leggi speciali che sono quelle che regolano
il sistema pensionistico.
Il sistema pensionistico quindi diviso nel sistema pensionistico pubblico in Italia attuato da enti previdenziali che
gestiscono le assicurazioni sociali obbligatorie e nel sistema pensionistico privato che fornisce prestazioni previdenziali
integrative o complementari a quanto previsto dal sistema pensionistico pubblico.

4.1.1 I tre pilastri della previdenza sociale in Italia


In Italia, volendo seguire la classicazione della World Bank sono presenti solo il primo, il terzo ed il quarto pilastro
della previdenza.
Il pilastro 0 con l'eliminazione della pensione minima prevede delle prestazioni basate sulla prova dei mezzi ossia
l'assegno sociale.
Il pilastro 2 in Italia non stato implementato.

Sistema pensionistico pubblico (previdenza di primo pilastro)

Il sistema pensionistico pubblico in Italia regolato fondamentalmente dalla riforma Dini negli artt. 1, 2 e 3 ed
ultimamente modicato dalla riforma delle pensioni Fornero.
Le assicurazioni sociali obbligatorie sono regolate da leggi speciali e gestite dallo Stato attraverso enti previdenziali,
come previsto dall'art. 38 della Costituzione Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti
predisposti o integrati dallo Stato.
Il sistema pensionistico pubblico nanziato con l'imposizione scale. Il sistema pensionistico pubblico italiano
gestito come nella maggior parte dei paesi OCSE ed quindi un sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza
con le prestazioni previdenziali determinate con uno schema pensionistico con formula della rendita predenita.

Previdenza statale
Assicurazione: sociale a carico dello Stato
Partecipazione: obbligatoria
Rischi assicurati:

117
118 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

per situazioni al termine o con la sospensione del rapporto di lavoro:


assicurazione sociale per la vecchiaia;
assicurazione sociale per la disoccupazione;
assicurazione sociale per l'impiego;
per i rischi o eventi durante l'attivit lavorativa:
assicurazione sociale per l'invalidit;
assicurazione sociale per l'inabilit;
assicurazione sociale per i superstiti;
assicurazione sociale per la maternit;
assicurazione sociale vita;
assicurazione sociale per gli infortuni sul lavoro.

Societ di gestione: Enti previdenziali (persona giuridica pubblica), associazioni, fondazioni (pubbliche am-
ministrazioni ma con persona giuridica privata)
Finanziamento: imposizione scale (contributi previdenziali obbligatori)
Prestazioni: Pensioni
Modalit di gestione: sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza vincolata alla sostenibilit scale
del sistema pensionistico pubblico italiano
Importo delle prestazioni: secondo le leggi vigenti al momento della erogazione con schema pensionistico con
formula della rendita predenita

Sistema pensionistico privato obbligatorio (previdenza di secondo pilastro)

Il sistema pensionistico privato obbligatorio in Italia non stato implementato, quindi non esiste in Italia la previdenza
di secondo pilastro come classicata dalla World Bank.

Sistema pensionistico privato volontario (previdenza di terzo pilastro)

il sistema pensionistico privato volontario fully funded costituito dai fondi pensione regolati fondamentalmente dal
D.Lgs. n. 252/2005.
Le assicurazioni sociali regolate da leggi speciali e gestite da societ private costituite secondo le medesime leggi
speciali, sono dette terzo pilastro della previdenza; correntemente sono gestite dai fondi pensione che realizzano una
previdenza complementare alle assicurazioni sociali obbligatorie gestite da pubbliche amministrazioni.
Il sistema privato gestito nel rispetto del principio della capitalizzazione integrale fully funded.

Previdenza professionale privata


Assicurazione: sociale a carico dei partecipanti
Partecipazione: volontaria
Rischi assicurati:
assicurazione sociale per la vecchiaia;
assicurazione sociale per i superstiti (su base volontaria).
Societ o enti di gestione: fondo pensione|Fondi pensione
Finanziamento: versamenti del partecipante o del datore di lavoro secondo regole prestabilite
Prestazioni: Pensione complementare sotto forma di rendita
Modalit di gestione: secondo il principio della capitalizzazione integrale con patrimonio di previdenza
Importo delle prestazioni:
4.2. IL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO 119

Previdenza integrativa (previdenza di quarto pilastro)

La previdenza integrativa che non regolata da leggi speciali ma dalle regole previste dal Capo XX del C.C. chiamata
previdenza di quarto pilastro, quindi questo tipo previdenza di tipo assicurativo e il rapporto giuridico quello di
una corrente assicurazione regolata dal Codice Civile come per tutti i tipi di assicurazioni. Il sistema di gestione
a capitalizzazione. Anche l'utilizzo di altri strumenti nanziari mobiliari o meno rientra nella previdenza di quarto
pilastro.

Previdenza privata

Assicurazione: normale e individuale o altri tipi di prodotti nanziari

Partecipazione: volontaria

Contempla:

Polizze vita
Previdenza professionale privata Fondi di investimento

Previdenza professionale privata* Depositi vincolati

Previdenza professionale privata* Altre forme di risparmio gestito

4.1.2 Bibliograa
Giusy Ascani, RILEVANZE ATTUARIALI E FINANZIARIE NELLA RIFORMA DELLE PENSIONI
MONTIFORNERO. URL consultato il 25 giugno 2014.

< Indice >

4.2 Il sistema pensionistico pubblico


< Indice >
< 4 - Storia pensionistica italiana > < prec > < succ >
Il sistema pensionistico pubblico in Italia detto anche sistema pensionistico obbligatorio o previdenza di pri-
mo pilastro consiste nell'insieme di circa 50 enti previdenziali italiani pubblici o amministrazioni pubbliche che
gestiscono le assicurazioni sociali obbligatorie regolate da leggi di diritto pubblico.
Il sistema pensionistico pubblico quindi predisposto ai sensi dell'art. 38 della Costituzione, per garantire i cittadini
italiani nelle situazioni di bisogno.
Il sistema pensionistico pubblico nanziato con l'imposizione scale, da cui deriva il termine obbligatorio, ossia
con l'obbligo di pagare agli enti previdenziali i contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie che assumono
la forma di imposte dirette o imposte indirette a seconda dei soggetti contribuenti. Nel caso di gestioni in decit il
nanziamento integrato con ulteriori trasferimenti dalla scalit generale.
Da ci discende che le pensioni si pagano con le imposte e che la spesa pensionistica fa parte della spesa corrente
primaria[1] del bilancio dello Stato| valutata complessivamente nel conto economico consolidato delle amministrazioni
pubbliche.
La gestione nanziaria quindi quella dei sistemi pensionistici obbligatori senza patrimonio di previdenza detta
impropriamente a ripartizione. Infatti le prestazioni previdenziali sono calcolate con una formula derivante da uno
schema pensionistico con formula delle rendite predenita che slegato alla gestione a capitalizzazione dei contributi
versati come avviene nei sistemi pensionistici privati che attuano il principio della capitalizzazione integrale.
Ci comporta che le prestazioni pensionistiche sono derivate da scelte politiche e pertanto svolgono anche una funzione
di politiche di redistribuzione dei redditi.
Gli enti previdenziali svolgono sempre una attivit istituzionale di previdenza ed assistenza a carattere pubblicistico
correlata all'interesse pubblico[2] tipica delle amministrazioni pubbliche sia che abbiano personalit giuridica pubblica
120 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

(enti pubblici) sia che abbiano personalit giuridica privata (associazioni o fondazioni di cui al D.Lgs. 509/1994 o
D.Lgs. 103/1996).
Si distingue dal sistema pensionistico privato in Italia (detto anche previdenza di secondo pilastro), regolata da norme
di diritto privato che, in Italia, si attua quindi su base volontaria ed con gestione nanziaria a capitalizzazione dei
premi assicurativi versati.
Il sistema pensionistico pubblico italiano basato sul modello previdenziale corporativo fascista con la legge istitutiva
dell'INPS tuttora vigente nell'impianto fondamentale.
Nel caso di lavoratori che nel corso della vita lavorativa siano obbligati all'iscrizione a pi enti previdenziali, al termine
della propria vita lavorativa, possono essere costretti ad usufruire dell'istituto della ricongiunzione contributiva o della
totalizzazione ossia il lavoratore che insegue gli enti e non lo Stato che assiste il lavoratore cosa che non avviene nel
modello previdenziale universale.
In Italia ci in contrapposizione con il sistema universalistico rappresentato dal Servizio Sanitario Nazionale che ha
superato il sistema delle mutue frammentato e iniquo.[3]

4.2.1 Il sistema pensionistico pubblico italiano

I caratteri fondamentali del sistema pensionistico pubblico italiano derivano dalla legge di istituzione dell'INPS del
1935 che, insieme alle modiche del 1939, ha forgiato il modello tuttora vigente anche se con le riforme Dini e
Fornero si iniziato ad eliminare le distorsioni pi eclatanti che ne minacciano la sostenibilit.
Essi sono deniti dal modello previdenziale corporativo fascista che prevede la costituzione di una pluralit di enti
previdenziali destinati ciascuno ad una o pi gestioni di casse o fondi per ristrette categorie (corporazioni) di lavoratori.
Nel 2014 si potevano contare pi di 40 diverse gestioni pensionistiche, anche se con la riforma Monti del sistema
pensionistico pubblico obbligatorio, l'INPS gestisce pi del 90% delle posizioni previdenziali dei lavoratori italiani
attraverso qualche decina di gestioni (fondi o casse).
L'accentramento dei vari enti previdenziali in Inps deriva dal fatto che nel tempo le varie gestioni si sono trovate
nell'impossibilit nanziaria di erogare le prestazioni pensionistiche per la naturale insostenibilit nanziaria di una
gestione senza copertura patrimoniale con schema pensionistico con formula a rendite denite, riferita una platea
ristretta di lavoratori che nel lungo periodo sono soggetti ad ampie oscillazioni demograche ed economiche dovute
anche alla estinzione delle professioni per ragioni tecniche, normative, economiche.
Questo fenomeno non si verica con lo stesso impatto fatale nel modello previdenziale universale ove la platea
comprensiva di tutti i cittadini di uno Stato.
Attualmente il sistema pensionistico obbligatorio italiano quindi un ibrido di gestioni dalle pi disparate regole
di contribuzione, pensionamento ed assistenza, in alcuni casi nanziate da trasferimenti da altre gestioni in attivo o
da trasferimenti dalla scalit generale e nel caso di gestioni in fase di avvio con il trasferimento dei risparmi tra
generazioni successive.
Da ci ne consegue che per lo Stato italiano, quando si tratta del servizio pubblico istituito ai sensi dell'art. 38 della
Costituzione, i cittadini lavoratori non sono uguali di fronte alla legge ma vige la pi ampia discriminazione possibile
ed immaginabile dovuta ad una serie indiscriminata di normative che determinano la pi ampia variet di prestazioni
previdenziali, ci in base al potere politico assunto nel tempo dalle varie lobby o corporazioni.

La classica dei privilegiati del sistema pensionistico pubblico italiano

La valutazione di come avviene il diverso trattamento dei vari cittadini lavoratori, dal punto di vista numerico pu
essere valutata calcolando il tasso di rendimento apparente dei contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie
versati oppure, attraverso altri indici.[4]

Valore della pensione in rapporto ai contributi versati Se si considera il valore attuariale della prestazione
pensionistica in rapporto ai contributi obbligatori versati possibile individuare alcune categorie di cittadini italiani
particolarmente avvantaggiate dal sistema pensionistico attuale.
I multipli dei contributi versati oltre il primo, sono quindi pagati dal contribuente.
Valore attuariale della pensione:
4.2. IL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO 121

Oltre 100 volte i contributi versati

La pensione dei sindacalisti permette di ottenere un vitalizio integrativo basato sull'ultimo stipendio, anche con un
solo mese di versamento dei contributi.

Oltre 10 volte dei contributi versati

I vitalizi dei parlamentari| sono sicuramente al primo posto e possono restituire no ad oltre 40 volte l'importo dei
contributi versati. Le normative che regolano tali prestazioni previdenziali sono stabilite dai vari organi costituzionali
e normalmente non vengono pubblicate.

Oltre cinque no a dieci volte dei contributi versati

Gli assegni di alcune casse dei liberi professionisti privatizzate ai sensi del D.Lgs. 509/1994 es. ragionieri arrivavano
a restituire no ad otto volte i contributi versati.[5]

Oltre tre no a cinque volte dei contributi versati

Le baby pensioni potevano restituire oltre tre volte i contributi versati. La pensione minima di Inarcassa restituiva
quattro volte i contributi versati.

Oltre due no a tre volte dei contributi versati

Ancora nel 2014 il tasso di sostituzione per i nuovi pensionati dell'INPGI era del 104% che corrispondeva ad una
prestazione dal valore doppio rispetto ai contributi obbligatori versati.

Oltre una volta e mezzo no a due volte dei contributi versati

Il metodo di calcolo retributivo per la stragrande maggioranza dei lavoratori restituisce oltre una volta e mezza i
contributi versati.

Oltre una volta no ad una volta e mezzo dei contributi versati

Per i giovani iscritti all'INPS dopo il 1996 o agli iscritti alle casse dei liberi professionisti di cui al D.Lgs. 103/1996
o anche alla gestione separata INPS ai quali viene applicato per intero ai contributi versati il metodo di calcolo
contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita nel caso in cui sia rispettata la previsione di crescita del PIL
dell'1,5% annuo, l'importo della pensione che sar erogata non restituir pi del 140% dei contributi versati. Ipotesi
attualmente lontana dalla realt.

Oltre l'80% no al 100% dei contributi versati

La gestione separata INPS applicando il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita per
i contributi versati negli ultimi anni, a breve verr applicata un tasso annuo di capitalizzazione per la rivalutazione del
montante contributivo individuale negativo determinando di fatto una restituzione parziale dei contributi versati.

Meno dell'80% dei contributi versati

Secondo le critiche| rivolte dagli iscritti dell'ENPAS, gli stessi avrebbero avuto prestazioni pensionistiche di molto
inferiori ai contributi versati. Ci vale anche per una piccola percentuale di ex lavoratori dipendenti, di retribuzioni
elevate, in ragione del metodo di calcolo retributivo che, partendo da coecienti di trasformazione che assegnavano
il 2% della retribuzione media degli ultimi 10 anni di lavoro per ogni anno di anzianit, sino a retribuzioni di 43.000
euro lordi annui, riduceva le prestazioni a 1,5% della retribuzione per la fascia di retribuzione tra 43.000 e 81.500
euro lordi annui, per arrivare allo 0,9% della retribuzione media per la parte di retribuzione superiore a 81.500 euro
lordi/anno.
122 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Valore della pensione in rapporto ai contributi versati calcolato in anni di pensione regalati dallo Stato ita-
liano Gli stessi regali pensionistici sopra indicati, possono essere valutati in termini di anni regalati ai pensionati
come calcolato nel 2001 dalla Commissione governativa presieduta dal prof. Alberto Brambilla.[6]
Gli anni di pensione regalati, sono quindi pagati dal contribuente.
Valore attuariale della pensione:

pi di 20 anni di pensione regalati

pensione gonata dei sindacalisti

20 anni di pensione regalati

artigiani e commercianti

10 anni di pensione regalati

dipendenti pubblici

8 anni di pensione regalati

dipendenti privati

1 anno di pensione rubato

gestione separata INPS per i pensionati del 2014 a seguito della svalutazione reale del 5% del montante contributi-
vo individuale per l'applicazione del tasso annuo di capitalizzazione per la rivalutazione del montante contributivo
individuale.

Periodi variabili rubati

ex lavoratori dipendenti con retribuzioni medio alte (indicativamente superiori a 100.000 lordi/anno)

Valore assoluto della integrazione della pensione in aggiunta ai contributi versati Se si considera il valo-
re attuariale in termini monetari, della prestazione pensionistica rispetto ai contributi obbligatori versati possibi-
le individuare l'importo della integrazione che avvengono per alcune categorie di cittadini italiani particolarmente
avvantaggiate dal sistema pensionistico attuale.
Gli incrementi dei contributi versati, sono quindi pagati dal contribuente.
Valore attuariale della integrazione della pensione:

incremento di oltre cinque milioni di euro


incremento di oltre un milione di euro

Con la pensione gonata dei sindacalisti, con uno stipendio da dirigente, si arriva a superare il milione di incremento
rispetto ai contributi versati.

incremento di oltre cinquecentomila euro


incremento di oltre duecentomila euro
incremento di oltre centomila euro
incremento di oltre cinquantamila euro
decremento di oltre cinquantamila euro
decremento di oltre centomila euro
4.2. IL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO 123

Classica secondo il tasso di sostituzione Il metodo classico di verica dell'adeguatezza della prestazione pen-
sionistica tramite la valutazione del tasso di sostituzione.
Tale metodo valuta l'adeguatezza della prestazione pensionistica, ma non i costi.

Aliquota contributiva di calcolo restituita rispetto al cuneo scale comprensivo dell'aliquota contributiva di
nanziamento Se si considera il valore attuariale in termini di aliquota contributiva pensionistica di calcolo resti-
tuita dalla prestazione pensionistica rispetto all'aliquota corrispondente al cuneo scale o alla pressione scale legale
comprensivo dell'aliquota contributiva pensionistica di nanziamento possibile valutare l'importo della integrazio-
ne che avvengono per alcune categorie di cittadini italiani particolarmente avvantaggiate dal sistema pensionistico
attuale.
Tale metodo evidenzia la percentuale di reddito pensionistico pagata dallo Stato ossia dal contribuente al pensionato.

tendente ad innito

Nel caso della pensione gonata dei sindacalisti, considerata la quasi insussistenza dei versamenti contributivi, si pu
arrivare ad un valore innito.

tra 50 e 100

tra 21 e 50

tra 11 e 20

tra zero e 10

zero

Classica degli schemi pensionistici con formula a rendite denite applicati in Italia in base al tasso di rendi-
mento apparente Un altro modo di classicare i metodi di calcolo della pensione di vecchiaia quello di valutare il
tasso di rendimento apparente applicato ai contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie versati, in relazione
alla riserva matematica restituita con l'erogazione della pensione di vecchiaia.
Tale metodo evidenzia la disparit di trattamento che lo Stato riserva ai suoi cittadini premiandoli in modo diverso
con tassi di rendimento apparente diversi, per alcuni negativi.

4.2.2 La previdenza sociale come politica dei redditi

La previdenza di primo pilastro o previdenza sociale il principale strumento di politica dei redditi di uno Stato
moderno. In Italia il maggiore ente previdenziale, l'INPS, con 18 milioni di pensionati e oltre 20 milioni di iscritti,
raccoglie in modo diretto o tramite trasferimenti oltre 250 miliardi di euro, e distribuisce appunto oltre 18 milioni di
prestazioni previdenziali. Poich opera con il sistema di gestione a ripartizione, le prestazioni sono stabilite da leggi
dello Stato e quindi con scelte politiche svincolate dall'eettiva contribuzione degli iscritti.

4.2.3 Classicazione dei sistemi pensionistici pubblici (forme di previdenza di primo


pilastro) in base alla tipologia dei lavoratori e dei contratti

Lavoratori dipendenti|

Dipendenti privati e pubblici - AGO gestita dall'INPS di personalit giuridica pubblica con il Fondo pensioni
dei lavoratori dipendenti;

Altre tipologie - Previdenza sociale integrativa gestita dall'INPS attraverso appositi fondi;

Altre tipologie di lavoratori dipendenti - AGO gestita dall'INPS con appositi Fondi Sostitutivi;
124 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Lavoratori autonomi|

Gestione previdenziale per coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli - A.G.O. gestita dall'INPS
con apposita gestione speciale

Gestione previdenziale per artigiani - A.G.O. gestita dall'INPS con apposita gestione speciale

Gestione previdenziale per commercianti - A.G.O. gestita dall'INPS con apposita gestione speciale

Altre forme di lavoratori parasubordinati e autonomi (L.335/1995) - A.G.O. gestita dall'INPS con la gestione
separata INPS;

INPS Gestione ex ENPALS (dal 1/1/2012) per i lavoratori dello spettacolo e dello sport professionistico

Liberi professionisti|

Forme sostitutive dell'A.G.O. gestite dagli enti previdenziali di personalit giuridica privata;

D.Lgs. 509/1994

Addetti e impiegati in agricoltura


Agenti e rappresentanti di commercio|
Agenti spedizionieri e corrieri
Architetti| e ingegneri|
Assistenza agli orfani| dei sanitari italiani
Avvocati|
Consulenti del lavoro|
Dottori commercialisti|
Farmacisti|
Geometri|
Giornalisti|
Medici| e odontoiatri|
Notai|
Ragionieri| e periti commerciali|
Veterinari|
Spettacolo e sport professionistico - no al 31/12/2011 ENPALS, dal 1/1/2012 INPS Gestione ex EN-
PALS

D.Lgs. 103/1996

Attuari, chimici|, dottori agronomi| e dei dottori forestali, geologi| (ente pluricategoriale)
Addetti e impiegati in agricoltura (gestione separata)
Biologi|
Giornalisti (gestione separata)
Infermieri|
Periti industriali| e periti industriali laureati
Psicologi|

4.2.4 Elenco delle pubbliche amministrazioni che gestiscono sistemi pensionistici pubblici
(forme di previdenza sociale obbligatoria)
L'ISTAT ogni anno compila l'elenco delle pubbliche amministrazioni|.[7]
4.2. IL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO 125

Enti con persona giuridica di diritto pubblico

Istituto nazionale della previdenza sociale - INPS

L'INPS ha in gestione diversi sistemi pensionistici obbligatori riguardanti diverse categorie di lavoratori.

Dipendenti privati

Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti


Fondo volo
Fondo dazieri
Lavoratori dello spettacolo (ex ENPALS)
Sportivi professionisti. Fondo pensioni per gli sportivi professionisti. (ex ENPALS)
Personale dipendente dalle aziende private del gas: Fondo Gasisti (Gas). Integrativo.
Personale dipendente dalle aziende private del gas: Fondo Gasisti (Gas). Integrativo.
Lavoratori delle miniere, cave e torbiere: gestione minatori. Integrativo.
Dipendenti della ex azienda autonoma delle ferrovie, trasformata prima in Ente pubblico economico
e, successivamente, in S.p.A. La gestione adata in precedenza alla stessa azienda ferroviaria, tra-
mite il Fondo pensioni del personale delle ferrovie dello Stato, stata trasferita allINPS, mediante
la costituzione di apposito Fondo sostitutivo, con la legge 23 dicembre 1999, n. 488, articolo 43.

Dipendenti pubblici

Dipendenti pubblici (ex INPDAP)


Dipendenti delle amministrazioni statali (ex INPDAP)
Dipendenti degli enti locali
uciali giudiziari ed aiutanti uciali giudiziari. Per questi soggetti in precedenza erano previste
alcune Casse pensionistiche amministrate dalla Direzione Generale degli Istituti di Previdenza del
Ministero del Tesoro. Ai sensi dellarticolo 4 del decreto legislativo n. 479/1994 le Casse sono state
trasformate in gestioni autonome.

L'INPDAP era competente per la gestione delle prestazioni pensionistiche dei dipendenti delle amministrazioni pub-
bliche iscritte alle casse degli ex istituti di previdenza. Ci include tanto l'adozione dei provvedimenti di pensione
(di vecchiaia, di anzianit e di inabilit) che dei provvedimenti di riconoscimento di servizi e periodi utili a pensione
(riscatti, ricongiunzioni, contribuzione gurativa, totalizzazione).

Cassa trattamenti pensionistici statali (CTPS)


Cassa pensione sanitari (CPS)
Cassa pensione dipendenti enti locali (CPDEL)
Cassa pensioni uciali giudiziari (CPUG)
Cassa insegnanti (CPI)

Lavoratori autonomi

Autonomi
Commercianti e Artigiani

Lavoratori atipici e parasubordinati

Gestione separata INPS art.2 c.26 L.335/1995


126 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Regimi pensionistici degli eletti di Organi costituzionali

Regime pensionistico degli eletti alla Presidenza della Repubblica

Regime pensionistico degli eletti alla Camera dei Deputati

Regime pensionistico degli eletti al Senato della Repubblica

Regime pensionistico degli eletti della regione Valle d'Aosta

Regime pensionistico degli eletti della regione Piemonte

Regime pensionistico degli eletti della regione Lombardia

Regime pensionistico degli eletti della regione Trentino Alto Adige

Regime pensionistico degli eletti della regione Veneto

Regime pensionistico degli eletti della regione Friuli Venezia Giulia

Regime pensionistico degli eletti della regione Liguria

Regime pensionistico degli eletti della regione Emilia Romagna

Regime pensionistico degli eletti della regione Toscana

Regime pensionistico degli eletti della regione Marche

Regime pensionistico degli eletti della regione Umbria

Regime pensionistico degli eletti della regione Lazio

Regime pensionistico degli eletti della regione Abruzzo

Regime pensionistico degli eletti della regione Molise

Regime pensionistico degli eletti della regione Campania

Regime pensionistico degli eletti della regione Puglia

Regime pensionistico degli eletti della regione Basilicata

Regime pensionistico degli eletti della regione Calabria

Regime pensionistico degli eletti della Regione Siciliana

Regime pensionistico degli eletti della regione Sardegna

Regimi pensionistici dei dipendenti di Organi costituzionali

Regime pensionistico dei dipendenti della Presidenza della Repubblica

Regime pensionistico dei dipendenti della Camera dei Deputati

Regime pensionistico dei dipendenti del Senato della Repubblica


4.2. IL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO 127

Pubbliche amministrazioni con personalit giuridica di diritto privato

Le casse trasformate con il D.Lgs. 509/1994 sono indicate nell'Elenco A[8] dello stesso decreto legislativo:

Ente nazionale di previdenza per gli addetti e gli impiegati in agricoltura ENPAIA

Ente nazionale di assistenza per gli agenti e i rappresentanti di commercio Fondazione ENASARCO

Fondo agenti spedizionieri e corrieri FASC

Cassa nazionale previdenza e assistenza ingegneri e architetti liberi professionisti| (Inarcassa)[9]

Opera nazionale per l'assistenza agli orfani dei sanitari italiani ONAOSI

Cassa nazionale di previdenza e assistenza forense

Ente nazionale di previdenza e assistenza per i consulenti del lavoro ENPACL

Cassa di previdenza tra dottori commercialisti| (CNPADC)

Ente nazionale di previdenza e assistenza dei farmacisti| ENPAF

Cassa italiana di previdenza e assistenza geometri| (CIPAG)

Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani G. Amendola INPGI

Cassa nazionale del notariato

Cassa nazionale previdenza e assistenza ragionieri e periti commerciali| (CNPR)

Ente nazionale di previdenza ed assistenza dei veterinari ENPAV

Ente nazionale previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri ENPAM

Le casse nate con il D.Lgs. 103/1996[10] sono indicate nel Primo rapporto ADEPP:[11]

Ente nazionale di previdenza ed assistenza a favore dei biologi (ENPAB)

Ente nazionale di previdenza e assistenza della professione infermieristica (ENPAPI)

Ente nazionale di previdenza ed assistenza per gli psicologi (ENPAP)

Ente nazionale di previdenza per gli addetti e per gli impiegati in agricoltura (ENPAIA - gestione separata
periti agrari e gestione separata per gli agrotecnici)

Ente nazionale di previdenza ed assistenza periti industriali e dei periti industriali laureati (EPPI)

Istituto nazionale di previdenza ed assistenza dei giornalisti italiani Giovanni Amendola (INPGI - gestione
separata)

Ente di previdenza e assistenza pluricategoriale degli attuari, dei chimici, dei dottori agronomi e dei dottori
forestali, dei geologi (EPAP).

La sentenza del Consiglio di Stato del 28 novembre 2012 e del TAR n. 300034/2010 La sentenza[12] confermato
l'elenco delle pubbliche amministrazioni redatto dall'ISTAT che pertanto sono inserite nel Conto economico delle
amministrazioni pubbliche.[13] Ci conferma che questi enti amministrano delle spese pubbliche|. Gi la precedente
sentenza del TAR 30034/2010 del 4 agosto 2010 evidenziava la contraddizione tra la personalit giuridica privata
degli enti trasformati ai sensi del D.Lgs 509/1994 con il fatto che non dovrebbero usufruire di nanziamenti dello
Stato quando usufruiscono dell'imposizione scale conseguente ai contributi previdenziali obbligatori.[14]
128 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Vigilanza degli enti pubblici con personalit giuridica di diritto privato La vigilanza delegata:

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, al Ministero dell'Economia e delle Finanze ed al Ministero della
Giustizia;
Commissione di vigilanza sui fondi pensione COVIP;
Commissione parlamentare di controllo sulle attivit degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza
Commissione Parlamentare
Corte dei Conti
Collegio dei revisori dei Conti
Societ di revisione dei bilanci

4.2.5 La previdenza sociale pubblica e la pressione scale


Gli enti gestori di forme di previdenza obbligatoria, sono inseriti dall'Istituto nazionale di statistica ISTAT ai sensi
del co.3, art.1 della legge 31 dicembre 2009, nell'elenco delle pubbliche amministrazioni[15] che concorrono al conto
economico consolidato delle amministrazioni pubbliche. Gli oneri sociali o contributi previdenziali| versati agli enti,
indipendentemente dalla fruizione dei servizi (ad esempio imprese), sono quindi imposte ai sensi dell'art. 23 della
costituzione.[16] In denitiva la gestione previdenziale incide sul rapporto tra il gettito scale ed il PIL a livello generale
dello Stato, sia nei confronti del singolo contribuente, con l'aliquota scale eettiva.[17][18]

4.2.6 Gestione nanziaria degli enti


Gli enti gestori di forme di previdenza obbligatoria possono avere diverse modalit di gestione nanziaria:[19]

1. gestione nanziaria senza patrimonio di previdenza| ossia senza capitali di copertura es. INPS;
2. gestione nanziaria senza patrimonio di previdenza| ma con parziale copertura di capitali es. alcuni di quelli
trasformati ai sensi del d.lgs. 509/1994;
3. gestione nanziaria senza patrimonio di previdenza| ma con capitali di copertura come quelli costituiti ai
sensi del d.lgs 103/1996 grazie alla adozione dello schema pensionistico con formula delle rendite prede-
nita denominato metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita. Con questa strana
combinazione, alcune casse sono costrette a regalare i maggiori interessi agli iscritti.

4.2.7 Il segreto di Pulcinella sulla sostenibilit del sistema pensionistico pubblico italiano
L'Italia, come in tutti i paesi OCSE ha il sistema pensionistico pubblico detto anche primo pilastro della previdenza
con gestione secondo lo schema PAYG ovvero di sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza ma dal 1992
si sono succedute almeno 7 riforme previdenziali| che ogni volta hanno cercato di riequilibrare, senza mai riuscirvi
minimamente ma anzi aggravandoli, i conti del bilancio dello Stato.
Tutti gli esperti nel campo dei sistemi pensionistici ed i politici sanno perch con 7 riforme previdenziali| non si
ancora riusciti a risolvere la situazione, ma anzi si continuato e si continua ad alimentare la bolla previdenziale.
Il segreto di Pulcinella che il sistema pensionistico pubblico italiano, basato sul modello previdenziale corporativo
fascista a dierenza degli altri paesi OCSE come ad esempio la Svizzera che hanno il sistema pensionistico pubblico
basato sul modello previdenziale universale.
Quello che pu sembrare un dettaglio di poco conto agli occhi di un normale cittadino invece il fulcro della crisi
politica, economica e sociale dello Stato Italiano da oltre 20 anni ossia la tutela dei privilegi che gli enti previdenziali
garantiscono ai privilegiati delle varie gestioni secondo il principio della discriminazione generazionale esaltato con
il benestare dei sindacati italiani all'approvazione del principio del pro rata con la riforma Dini.
All'avvio di ogni nuova gestione pensionistica basata sul modello corporativo, la politica ha ogni volta rinnovato, nei
confronti dei cittadini, l'illusione di un sistema pensionistico generoso che permetteva la moltiplicazione dei pani e
dei pesci.
4.2. IL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO 129

Il modello italiano ha il difetto congenito di ripetere pi e pi volte e precisamente oltre 60 l'illusione di una nta
crescita economica ponendo a carico della collettivit attraverso il debito pubblico implicito prima ed esplicito poi
dei costi delle promesse pensionistiche quando queste sono divenute insostenibili.
La politica illusionista ha giocato per 70 anni su questo segreto di Pulcinella condando sulla crescita economica
senza limiti.
Il sistema si inceppato quando con la gestione separata INPS i nuovi iscritti dovevano sostenere i costi del-
le altre gestioni pur avendo delle promesse pensionistiche inferiori ponendo le basi per lo sviluppo del conitto
intergenerazionale.

4.2.8 La ne per le nuove generazioni dell'Eldorado pensionistico italiano

Il 2014 ha segnato la ne del sogno pensionistico italiano con il primo segno negativo nel tasso annuo di capitalizza-
zione per la rivalutazione del montante contributivo individuale nozionale.
Signica che il meccanismo di salvaguardia della sostenibilit scale del sistema pensionistico pubblico italiano pro-
metteva la restituzione di un importo inferiore sia in termini nominali ma soprattutto reali inferiore di molti punti
percentuali rispetto ai contributi obbligatori versati.
La politica, con le sue sette riforme previdenziali| a partire dal 1992 voleva portare ad un sistema pensionistico
pubblico secondo il modello previdenziale universale con una transizione lenta ed indolore condando sulla capacit
dell'economia italiana di sopportarne i costi stratosferici.
Il debito pubblico implicito somma dei costi delle pensioni retributive, delle baby pensioni, delle pensioni gonate o
dei vitalizi dei parlamentari stato fatto arrivare al 400% del PIL.
Per pagare tali costi si sono alzate le aliquote contributive pensionistiche di nanziamento| con le quali determinare
l'importo dei contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie e conseguentemente alzando il gettito scale in
rapporto al PIL ai pi alti livelli mondiali.
A questo si sono aggiunti i trasferimenti dalla scalit generale con una drastica riduzione delle spese per investimenti,
istruzione ed il taglio di tutte le spese sociali che non siano destinate alle pensioni.
Quindi si operava una politica di consolidamento scale intervenendo su tutta la spesa corrente primaria ad eccezione
della spesa pensionistica per le prestazioni previdenziali in essere.
Complice la crisi economica la bolla previdenziale contribuiva alla diminuzione del PIL reale del 10% dal picco
del 2007. La riforma delle pensioni Fornero interveniva scaricando il costo della correzione dei conti su speciche
categorie come le donne e gli esodati e contribuendo al blocco del turn-over con l'aumento della disoccupazione
giovanile oltre il 40%.
La tutela, da parte della riforma Fornero delle posizioni previdenziali maturate,[20] continuava la tradizione inaugurata
con la riforma Dini ove il cantiere previdenziale sempre aperto scarica solo sul futuro i costi del passato[21] lasciando
le lobby previdenziali in Italia indenni dal pagare i costi di una politica economica fallimentare.

4.2.9 La responsabilit dei sindacati sulle riforme pensionistiche

Nel campo delle riforme delle pensioni i sindacati in Italia hanno sempre avuto un potere di veto.[22]
Ci avvenuto anche nel caso della riforma Dini ove in una intervista del 2013 Dini ricordava che se fosse stato
introdotto il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita per tutti si sarebbe ribellata tutta
l'Italia.
Ci ha portato al calvario delle continue riforme previdenziali ed al dissesto dei conti pubblici.
Nel 2014 il segretario della UIL Angeletti confermava che il non aver introdotto n dal 1996 il metodo contributivo
pro rata per tutti era stato un errore.[23]

4.2.10 Il governo Renzi e la questione pensioni

La principale azione del governo Renzi si sostanziava nella nomina di Tiziano Treu quale commissario straordinario
dell'INPS.
130 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Le promesse di riequilibrio delle pensioni contributive restavano nel primo anno lettera morta. Ci era dovuto al peso
dei pensionati nel corpo elettorale.

4.2.11 Critiche all'informazione sul sistema pensionistico obbligatorio italiano

1) Critiche all'aermazione L'Italia, come la Svezia, ha adottato il sistema contributivo per il calcolo dei
trattamenti pensionistici

Italia e Svezia sono due paesi modello in tema pensioni. Entrambi gli stati hanno infatti adottato il sistema contri-
butivo per il calcolo dei trattamenti pensionistici.(Riccardo Galli 6/12/2013)[24]
Il sistema pensionistico pubblico ha introdotto il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla cre-
scita solo in forma pro rata| ossia solo per i contributi previdenziali versati dopo il 1/1/2012, a partire dalla Riforma
delle pensioni Fornero. Nel 2012 oltre il 90% delle pensioni erogate erano calcolate con il metodo di calcolo retribu-
tivo. Pertanto la sostenibilit scale del sistema pensionistico pubblico in Italia| non inuenzata nei bilanci correnti
dei prossimi anni per questa introduzione. Gli eetti si vedranno nel medio-lungo periodo.
Con la riforma delle pensioni Fornero, in Italia la transizione tra il sistema DB (metodo di calcolo retributivo) e quello
NCD (metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita avverr in pi di quaranta anni a partire
dal 2012, mentre in Svezia si avr una transizione rapida in 15 anni[25] , pertanto i precedenti metodo di calcolo sono
stati garantiti al 100% alla coorte nata nel 1938 e proporzionalmente a scendere allo 0% alla coorte nata nel 1954 per
la quale il nuovo sistema vale al 100%. I nati nel 1960 si sono visti quindi tagliare i diritti pensionistici maturati.
Sia l'Italia che la Svezia hanno inserito nel proprio sistema pensionistico obbligatorio lo schema NDC. La dierenza
nel fatto che dal 2020 tutte le nuove pensioni svedesi saranno calcolate con tale sistema a dierenza dell'Italia dove
ci avverr per le coorti intorno al 1978 e quindi dal 2044 circa, mentre per le coorti dal 1960 al 1978 la riforma
Dini prevede il metodo pro rata|.
Ma i costi maggiori derivano dalle coorti no al 1952 che no al 2012 sono andate in pensione di anzianit con
trattamenti generosissimi e costosi per la sostenibilit scale del sistema pensionistico pubblico|. Si tratta quindi di
capire l'incidenza di costo delle generazioni dal 1938 al 1952 sul sistema pensionistico obbligatorio italiano e il diverso
costo della transizione tra i vari sistemi in Italia, per il ritardo con cui si realizzer la transizione dal sistema DB al
sistema NDC.
Ma la dierenza sostanziale nella incidenza della spesa pensionistica rispetto al PIL pari nel 2012 al 15,4% in Italia
e all'8,2% in Svezia.

2) Critiche all'aermazione L'Italia ha un sistema pensionistico sostenibile

Il fatto di essere un paese in cui tutti i contributi previdenziali vengono ormai versati nell ambito di un sistema pensio-
nistico sostenibile ci ore peraltro anche un vantaggio nei confronti degli altri paesi della crisi del debito pubblico e
della stessa Germania.(Tito Boeri 5/12/2013)[26]
Secondo questa teoria, con le riforme previdenziali| degli ultimi 5 anni si nalmente dato un assetto sostenibile| del
sistema pensionistico quando, per denizione, un sistema pensionistico senza copertura patrimoniale legato a tutte
le variabili economiche| e demograche| che interessano la popolazione che vi partecipa.
E questo in condizioni normali. L'uscita dalla crisi economica iniziata nel 2007 in Italia non ancora avvenuta nel 2013
ed il recupero del PIL non probabile per forse un decennio e si riesce a denire sostenibile il sistema pensionistico
pubblico italiano.
Senza considerare il bilancio sociale INPS 2012 dove si vede che la copertura della spesa pensionistica con i contributi
obbligatori per le assicurazioni obbligatorie di poco superiore al 60% e lo squilibrio derivante dalla incorporazione
dell'INPDAP che ha portato il primo disavanzo della sua storia nel bilancio 2012 dell'INPS. Tutto ci senza conside-
rare il brusco aumento del rapporto tra la spesa pensionistica ed il PIL a partire dal 2007 a seguito del crollo del PIL
dell'Italia e l'impennata delle aliquote contributive pensionistiche di nanziamento| ben rilevabile dalla serie storica
dei contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie.
Solo nel settembre 2014, a seguito della pubblicazione del rapporto FMI redatto ai sensi dell'art. 4 del trattato, ri-
sultava evidente che la riforma delle pensioni Fornero non aveva aatto arontato i costi derivanti dalle situazioni
passate.[27][28]
4.2. IL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO 131

Nell'ottobre del 2014 un report del Melbourne Mecer Global Pension Index l'Italia era classicata in 25 posizione
su 25 paesi esaminati riguardo alla sostenibilit del suo sistema pensionistico, anche se visto nell'ottica globale del
sistema pensionistico italiano ossia di quello pubblico e di quello privato|.

4.2.12 Associazione di associazioni


Le casse di forma giuridica privata sono associate nell'ADEPP, Associazione degli enti previdenziali privati.

4.2.13 ISTAT Statistiche sul sistema pensionistico pubblico


Serie storiche della spesa pensionistica sul pil anni 1971 2010

ISTAT Serie storiche spesa pensionistica sul PIL anni 1971-2010 tavola 5.4.

I trattamenti pensionistici Anno 2011 - Raccolta di tavole ISTAT

In questa raccolta di tavole statistiche sono indicati i dati relativi ai trattamenti pensionistici in Italia al 31/12/2011.
In evidenzia nel testo gli indici di benecio relativo| per i diversi trattamenti pensionistici.

I trattamenti pensionistici Anno 2010 - Raccolta di tavole ISTAT

In questa raccolta di tavole statistiche sono indicati i dati relativi ai trattamenti pensionistici in Italia al 31/12/2010.
In evidenzia nel testo gli indici di benecio relativo| per i diversi enti (v. pag. 18).

4.2.14 La posizione dei partiti politici italiani sul sistema pensionistico pubblico dopo la
riforma Fornero
Movimento 5 Stelle

Imposta sostitutiva sulle prestazioni previdenziali Il Movimento 5 Stelle proponeva, nel novembre 2014, di
sostituire la normale tassazione delle prestazioni previdenziali, con una imposta sostitutiva progressiva per scaglioni
al ne di ridimensionare le cosiddette pensioni d'oro.[29][30]

Critiche alla proposta Il sistema pensionistico pubblico italiano basato sul modello previdenziale corporativo
fascista che genera un'ampia gamma di sperequazioni nella restituzione dei contributi previdenziali versati per cui
andando ad intervenire sulla tassazione in base agli importi rischia di penalizzare chi ha versato regolarmente senza
colpire eettivamente le situazioni patologiche come ad esempio il caso della pensione gonata.

Emendamenti alla legge di stabilit 2015 Un primo emendamento prevede l'introduzione di un tetto massimo per
le pensioni o i vitalizi erogati da gestioni previdenziali pubbliche in base al sistema retributivo Le pensioni ovvero
i vitalizi erogati da gestioni previdenziali pubbliche in base al sistema retributivo, non possono superare i 5.000
euro netti mensili. Sono fatti salvi soltanto le pensioni e i vitalizi corrisposti in base al sistema contributivo.Qualora
il trattamento sia cumulato con altri trattamenti pensionistici erogati da gestioni previdenziali pubbliche in base al
sistema retributivo, l'ammontare onnicomprensivo non puo' superare gli 8.000 euro netti mensili
Il secondo emendamento prevede Ai soggetti titolari di unico trattamento pensionistico o di pi trattamenti pensio-
nistici la cui somma degli importi percepiti, a prescindere dal requisito anagraco, non superi la soglia di seicento
euro viene comunque corrisposto un rateo integrato nella misura minima di 600 euro per dodici mensilita'"[31]

Critiche alla proposta di aumento della pensione a 600 euro L'aumento proposto dal Movimento Cinque Stelle
si congurava come l'ennesimo aumento della spesa pensionistica in Italia che gi la pi alta del mondo in rapporto
al PIL e che ha gi innescato la spirale della bolla previdenziale.
132 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Infatti il nanziamento di tale aumento di spesa veniva proposto riducendo il bonus degli 80 euro,[32] prima manovra
economica che tentava di riequilibrare il saccheggio legale operato attraverso la spesa pensionistica ai danni dei
lavoratori italiani che avevano gli stipendi pi bassi rispetto ai paesi europei avanzati.
Anche il movimento non si sottraeva alla logica del consenso elettorale nonostante gi nelle precedenti elezioni europee
avesse gi denunciato che il partito dei pensionati era schierato contro di esso. Con questa proposta il movimento
preferiva non schierarsi nel conitto intergenerazionale che si stava accendendo e che avrebbe richiesto politiche di
consolidamento scale ossia di riduzione della spesa pensionistica come richiesto anche dall'FMI nel giugno del 2014.

Forza Italia

Il senatore forzista D'Alia ha aermato in Senato che Forza Italia pronta a usare ogni mezzo per bloccare qualunque
tentativo di ridurre gli importi delle attuali pensioni.[33]
Silvio Berlusconi invece prometteva che nel caso Forza Italia fosse tornata al governo le pensioni minime sarebbero
innalzate a 1.000 euro per 13 mensilit.[34]

Lega Nord

La Lega Nord ha promosso nella primavera del 2014 un referendum per l'abrogazione della Riforma delle pensioni
Fornero.[35]

Partito Democratico

Uscita essibile Il presidente della Commissione Lavoro Cesare Damiano nel 2013 ha presentato una proposta di
legge per l'uscita anticipata dal lavoro.[36]

Critiche alla proposta di uscita essibile I coecienti adottati prevedono penalizzazioni troppo ridotte per
mantenere l'equilibrio attuariale e quindi la proposta l'ennesimo tentativo di furto intergenerazionale con eetti
dirompenti sulla bolla previdenziale.
In Svizzera la proposta di riforma prevedeva la penalizzazione di 3,6 punti percentuali per ogni anno anticipato contro
i 2 massimi previsti dalla proposta Damiano.
Curioso inoltre che la proposta prevede che con l'aumento degli anni di contribuzione la penalizzazione diminuisca,
introducendo l'ennesimo eetto regressivo al sistema pensionistico pubblico, visto che chi va in pensione con 40 anni
di anzianit contributiva gi usufruisce grazie al metodo di calcolo retributivo di altri vantaggi regressivi.
Per tali caratteristiche, tale proposta di legge classicabile tra i tentativi di saccheggio legale.

4.2.15 La posizione dei sindacati italiani sul sistema pensionistico pubblico dopo la ri-
forma Fornero

Il Sindacato pensionati italiano SPI

Il sindacato rivendicava la concessione degli 80 euro gi concessi ai lavoratori dipendenti.[37]

UGL Unione generale del lavoro

Nel novembre 2014 decideva di appoggiare il referendum della Lega Nord.

CGIL Confederazione generale italiana del lavoro

Nel novembre 2014 decideva di appoggiare il referendum della Lega Nord.[38]


4.2. IL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO 133

4.2.16 Note
[1] Claudio Romini, L'Opinione, 15/11/2014, http://www.opinione.it/editoriali/2014/11/15/romiti_editoriale-15-11.aspx#.VGceFCKkNSM.
twitter Titolo mancante per url url (aiuto). URL consultato il 15 novembre 2014.

Fin da quando ho cominciato ad interessarmi di politica, mi sono sempre posto una domanda: se la mano
pubblica si espone eccessivamente dal lato della spesa corrente, come pu farvi fronte nel caso di una molto
prolungata recessione? O taglia la medesima spesa corrente o aumenta i debiti - tertium non datur - lunica
risposta possibile..

[2] sentenza del Consiglio di Stato del 1 ottobre 2014 n. 4882/2014 in Corte dei Conti.

la trasformazione operata dal d.lgs. n. 509 del 1994 ha lasciato immutato il carattere pubblicistico dell'attivit
istituzionale di previdenza ed assistenza svolta dagli enti in esame, che conservano una funzione strettamente
correlata all'interesse pubblico: a tale attivit, e alla connessa rilevanza, che si correlano il potere di ingerenza
e di vigilanza ministeriale e il controllo della Corte dei conti,.

[3] LaVoce.info 03/10/2014, Soprattutto, lui che cos ossessionato dal peso morto del vecchio, dovrebbe liberarsi da una
logica puramente lavoristica nel pensare al welfare. Questa logica stata alla base del welfare come lo conosciamo, e in
Italia ancor pi che altrove: salvo la sanit, pressoch tutte le politiche sociali sono di tipo categoriale e lavoristico, anzich
essere dirette ai cittadini in quanto tali.

[4] Il Sole 24 Ore 03/09/2014, ... il sistema previdenziale che si costruito negli ultimi decenni sia stato, e quindi sia ancora,
caratterizzato da una serie di trattamenti che hanno creato una giungla di condizioni diverse, alcune di vero e proprio
privilegio.

[5] ANSA 02/10/2014, I ragionieri versano un contributo previdenziale del 15% con tendenza a crescere. E, se e quando
andremo in pensione, lo faremo con un assegno di 800 euro. I colleghi che hanno destinato, col sistema retributivo, circa
l8%, laltro anno hanno invece chiuso lattivita con almeno 3.500 euro mensili.

[6] Il Corriere della Sera 21/08/2014, Alberto Brambilla mise a confronto la spesa per le pensioni liquidate con il retributivo
coi versamenti contributivi sottostanti e scopr che in media tutte le categorie beneciavano di alcuni anni di pensione non
coperti da versamenti da un minimo di 8 anni per i dipendenti privati ai 20 di artigiani e commercianti (che allora pagavano
contributi irrisori), passando per i 10 dei dipendenti pubblici

[7] ElencoISTAT, v. ISTAT 2012 Enti nazionali di previdenza e assistenza

[8] D.Lgs.509/1994

[9] BilancioPrevisione2013, p. 59

[10] D.Lgs.103/1996

[11] PrimoRapportoAdEPP2011

[12] SentenzaConsiglioStato28/11/2012

[13] ContoEconomicoAmministrazioniPubbliche2011

[14] SentenzaTAR30034/2010, Ci si deve mettere daccordo una volta per tutte sulla natura dellEnte previdenziale privato
perch non lo si pu far nascere privato perch privo di nanziamenti pubblici, diretti o indiretti, e poi dalla obbligatoriet
della contribuzione e dalla natura solidale di parte di essa, condizioni gi previste alla nascita, riportarlo nellalveo degli
organismi pubblici del legislatore comunitario.

[15] Elenco pubbliche amministrazioni

[16] costituzione, art. 23

[17] WSJ, Italians born in 1970, who are about 43 now, will pay 50% more in taxes as a percentage of their lifetime income than
those born in 1952, according to research from the Bank of Italy and the University of Verona. The research also found
they will receive half the pension benets that Italys 60-somethings are getting or are poised to get.

[18] A24

[19] SistemiGestionePrevidenziali

[20] Le misure per dire addio ai privilegi (e dare giustizia ai giovani) in Il Sussidiario, 18 novembre 2014. URL consultato il 23
novembre 2014.
134 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Secondo quanto stabilito dalla riforma Dini che nel 1995 lavoravano gi da 18 anni vadano in pensione con
il metodo retributivo che garantisce un assegno mensile molto pi ricco e sostanzioso..

[21] Le misure per dire addio ai privilegi (e dare giustizia ai giovani) in Il Sussidiario, 18 novembre 2014. URL consultato il 23
novembre 2014.

Ricordiamo che negli ultimi 30 anni non cambiato solo il metodo di calcolo della pensione ma anche i requi-
siti per averla. In pratica sono aumentati i contributi versati dai lavoratori e contemporaneamente diminuita
la misura delle pensioni: peggio non poteva capitare!..

[22] Roma, marcia anti manovra in Il Corriere della Sera, 12 novembre 1994. URL consultato il 31 ottobre 2014.

Scusi D' Antoni, ma in questo Paese si puo' decidere qualcosa senza l' accordo dei sindacati? Certamente
che si puo' ". Sulle pensioni no, pero' . Su temi come le pensioni, che riguardano milioni di persone che danno
ducia al sindacato, non si puo' decidere senza il nostro accordo..

[23] Le misure per dire addio ai privilegi (e dare giustizia ai giovani) in Il Sussidiario, 18 novembre 2014. URL consultato il 23
novembre 2014.

Un errore il sindacato lo ha fatto sulla riforma pensioni. Avremmo dovuto accettare il contributivo pro rata
per tutti. Ci saremmo risparmiati tanti problemi che sono venuti dopo..

[24] Bliz20131206, Italia e Svezia sono due paesi modello in tema pensioni. Entrambi gli stati hanno infatti adottato il sistema
contributivo per il calcolo dei trattamenti pensionistici. Quel sistema per cui il peso dellassegno della pensione calcolato
sui contributi realmente versati e, a dierenza del sistema retributivo, non sulle ultime buste paga.

[25] InarcassaWorkshop, pag. 13 nati tra 1938-1953 sono inclusi nel nuovo sistema con una proporzione crescente. 100% per i
nati 1954+. Parziale ricalcolo dei diritti pensionistici acquisiti dal 1960. Notevole accelerazione del processo di transizione.

[26] Triskel20131203, Il fatto di essere un paese in cui tutti i contributi previdenziali vengono ormai versati nellambito di un
sistema pensionistico sostenibile ci ore peraltro anche un vantaggio nei confronti degli altri paesi della crisi del debito
pubblico e della stessa Germania. Il fatto che una riduzione dei contributi fa aumentare il disavanzo corrente, ma ridurr
automaticamente quelli futuri per il minor debito implicito associato al pagamento delle pensioni, man mano che queste
andranno a maturazione.

[27] Il Sole 24 Ore 21/09/2014, Se da qui al 2018 le pensioni costeranno altri 30 miliardi in pi, ogni taglio su altri settori verr
vanicato. Ovvio che alla base del costante incremento della spesa pensionistica ci sono nodi strutturali: dall'aumento del
numero di pensionati e pre-pensionati, alla riduzione della forza lavoro e quindi dei contribuiti gli della lunga crisi italiana.
Ma a far gonare quella montagna di miliardi di prestazioni ci sono gli eetti nefasti delle baby-pensioni, delle anzianit,
delle pensioni pubbliche, mediamente pi ricche del 40% rispetto alle pensioni dei dipendenti privati.

[28] FMI Article IV 2014, pag. 29 This reects not only the high share of elderly population but also a high replacement rate
for existing pensioners, who were largely unaected by the recent pension reforms.

[29] Redazione, Pensioni doro, Walter Rizzetto M5S vuole tagliarle e supertassarle. Ma come? in blastingnews, 31/10/2014.
URL consultato il 21 novembre 2014.

Nel nostro sistema tributario sono presenti delle tipologie diverse di imposte sostitutive conformi al detta-
to costituzionale (in particolare in riferimento allArticolo 53, quello impugnato dalla Corte per respingere
i tentativi fatti). In sintesi, dunque, chiediamo al governo di introdurre unimposta sostitutiva con aliquote
progressive.

[30] Redazione, M5s: stangata scale su pensioni doro (50%) e sconto scale a minime (21%) in blastingnews, 8/11/2014.
URL consultato il 21 novembre 2014.

In deroga al comma 1 dellarticolo 11 del DPR n. 917 del 1986, per i redditi di pensione si applica unimposta
sostitutiva determinata applicando al reddito complessivo, al netto degli oneri deducibili indicati nellarticolo
10 del DPR n. 917 del 1986, le seguenti aliquote per scaglioni di reddito:.

[31] Redazione, Pensioni Oggi, 15/11/2014, http://www.pensionioggi.it/notizie/previdenza/riforma-pensioni-il-governo-apre-alle-modifiche-5590


ixzz3J8CnrLsK Titolo mancante per url url (aiuto). URL consultato il 15 novembre 2014.

Tra gli emendamenti segnalati e sui quali si svolger dunque la votazione compaiono anche due proposte
presentate dal M5S che prevedono l'introduzione di un tetto massimo per le pensioni o i vitalizi erogati da
gestioni previdenziali pubbliche in base al sistema retributivo e, dall'altra parte, pensioni minime a 600 euro..

[32] Marinella La Scala, Il Pd boccia laumento delle pensioni minime proposto dai 5 Stelle in Lamezia Live, 18/11/2014. URL
consultato il 20 novembre 2014.
4.2. IL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO 135

Oggi alla Camera iniziata la sessione di bilancio sulla legge di stabilit 2015 e il M5s, con l emendamento
2.11, ha proposto al Governo di ridurre la cifra degli 80 a 40 e utilizzare le risorse avanzate che corri-
spondono esattamente alla cifra necessaria per aumentare le pensioni minime da 485 (un importo ben al di
sotto della soglia di povert) a 600 ..
[33] Claudio Romini, L'Opinione, 15/11/2014, http://www.opinione.it/editoriali/2014/11/15/romiti_editoriale-15-11.aspx#.VGceFCKkNSM.
twitter Titolo mancante per url url (aiuto). URL consultato il 15 novembre 2014.
Ma non basta. Il senatore forzista DAl, secondo un italico liberalismo di pastafrolla, ha recentemente inti-
mato, nel corso di un duro intervento nella Camera alta, allEsecutivo dei miracoli di mettere gi le mani dalle
pensioni, dato che la drammatica congiuntura che sta vivendo il Paese renderebbe obbligatorio un intervento
per salvaguardare la tenuta del sistema. Forza Italia ha tuonato DAl pronta a usare ogni mezzo per
bloccare qualunque tentativo di ridurre gli importi delle attuali pensioni..
[34] redazione, Il Gazzettino, 20/11/2014, http://www.gazzettino.it/ITALIA/POLITICA/berlusconi_elezioni_pensionati_dentista_
gratis/notizie/1022099.shtml Titolo mancante per url url (aiuto). URL consultato il 20 novembre 2014.
Quando torneremo al governo, promette, alzeremo le pensioni minime a 1000 euro..
[35] Claudio Romini, L'Opinione, 15/11/2014, http://www.opinione.it/editoriali/2014/11/15/romiti_editoriale-15-11.aspx#.VGceFCKkNSM.
twitter Titolo mancante per url url (aiuto). URL consultato il 15 novembre 2014.
Peccato che tali importi rappresentino un costo proibitivo per una economia traballante, assorbendo oltre il 17
per cento del Pil. A tutto ci fa da surreale corollario il referendum promosso dal nuovo corso leghista di Matteo
Salvini, con il quale si vorrebbe cancellare la summenzionata riforma Fornero, onde accelerare allegramente
il momento delle redde rationem nanziario..
[36] pensioni oggi, Riforma Pensioni: nel 2015 il Governo riveda let pensionabile in Finanza in Chiaro, 21/11/2014. URL
consultato il 21 novembre 2014.
La proposta di legge prevede che le lavoratrici e lavoratori (pubblici, privati ed autonomi) che hanno raggiunto
i 62 anni di et che abbiano maturato unanzianit contributiva di almeno 35 anni, possono accedere a forme di
pensionamento essibili sempre che limporto dellassegno pensionistico, secondo lordinamento previdenziale
di appartenenza, sia pari ad almeno 1,5 volte limporto dellassegno sociale..
[37] Claudio Romini, L'Opinione, 15/11/2014, http://www.opinione.it/editoriali/2014/11/15/romiti_editoriale-15-11.aspx#.VGceFCKkNSM.
twitter Titolo mancante per url url (aiuto). URL consultato il 15 novembre 2014.
Ovviamente anche dalle parti della sinistra radicale, Cgil e Sel in testa, non si scherza da questo punto di
vista, con un esercito di demagoghi da strapazzo sempre pronti a fare i generosi coi quattrini degli altri, come
la professionista del sindacato Cantone la quale, a giorni alterni, la troviamo in tutte le tiv nazionali a spiegarci
la drammatiche condizioni dei pensionati, senza mai arontare la basilare questioncina della tenuta nanziaria
dellInps..
[38] Claudio Romini, L'Opinione, 15/11/2014, http://www.opinione.it/editoriali/2014/11/15/romiti_editoriale-15-11.aspx#.VGceFCKkNSM.
twitter Titolo mancante per url url (aiuto). URL consultato il 15 novembre 2014.
Ovviamente anche dalle parti della sinistra radicale, Cgil e Sel in testa, non si scherza da questo punto di
vista, con un esercito di demagoghi da strapazzo sempre pronti a fare i generosi coi quattrini degli altri, come
la professionista del sindacato Cantone la quale, a giorni alterni, la troviamo in tutte le tiv nazionali a spiegarci
la drammatiche condizioni dei pensionati, senza mai arontare la basilare questioncina della tenuta nanziaria
dellInps..

4.2.17 Bibliograa
Leggi

Template:Cita legge
Legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di "Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare."
Decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, in materia di "Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma
32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori
di forme obbligatorie di previdenza e assistenza."
Decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, in materia di "Attuazione della delega conferita dall'art. 2, comma
25, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di tutela previdenziale obbligatoria dei soggetti che svolgono
attivita' autonoma di libera professione."
136 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Sentenze

Sentenza Consiglio di Stato 28/11/2012. URL consultato il 20 marzo 2013.

Casse private: la funzione di solidariet del contributo integrativo ed i suoi riessi sulla qualicazione di
organismi di diritto pubblico, SentenzaTAR30034/2010. URL consultato il 20 settembre 2013.

News

Da dove partire per la riforma del welfare in LaVoce.info. URL consultato il 3 ottobre 2014.

Professioni: Cassa Ragionieri, in pensione con 800 euro. Audizione Pagliuca, per colleghi con retributivo circa
3.500 in ANSA. URL consultato il 3 ottobre 2014.

Fabio Pavesi, Il monito del Fmi e l'insostenibile peso delle pensioni in Il Sole 24 Ore. URL consultato il 21
settembre 2014.

Paolo Onofri, La distribuzione dei rischi nel sistema pensionistico italiano in Professione Finanza. URL consul-
tato il 17 settembre 2014.

Gianfranco fabi, Dicile, ma indispensabile, parlare di pensioni in Il Sole 24 Ore. URL consultato il 3 settembre
2014.

Enrico Marro, Quel conitto sotterraneo tra generazioni che ora mette in pericolo il welfare in Il Corriere della
Sera. URL consultato il 21 agosto 2014.

Cesare Damiano, Pensioni, le norme per pubblico e privato in La Repubblica.

Paola Valentini, Pensioni, in Danimarca il sistema pi ecace e sostenibile al mondo in Milano Finanza.

Riccardo Galli, Pensioni, busta arancione ri-sparita. C quanto prenderai, meglio non si sappia in Bliz quoti-
diano.

Tito Boeri, Quel taglio rozzo alle pensioni doro (TITO BOERI). in Triskel182.

(EN) Cristofer Emsdem, Italian Generation Feels Fiscal Squeeze in Wall Street Journal.

Alessandro Tapparini, Wall Street Journal: 40enni italiani schiacciati da sco e welfare in America 24.

Web

ITALY 2014 ARTICLE IV CONSULTATIONSTAFF REPORT; PRESS RELEASE; AND STATEMENT


BY THE EXECUTIVE DIRECTOR FOR ITALY in FMI, FMI Article IV 2014. URL consultato il 18 settembre
2014.

Dal sistema retributivo (DB) al contributivo (NDC). L'esperienza svedese., InarcassaWorkshop2012. URL
consultato il 7 dicembre 2013.

Elenco pubbliche amministrazioni, ElencoISTAT. URL consultato il 6 aprile 2013.

Primo Rapporto AdEPP 2011, PrimoRapportoAdEPP2011.

Inarcassa Bilancio di previsione 2013, BilancioPrevisione2013. URL consultato il 20 marzo 2013.

Conto Economico delle Amministrazioni Pubbliche 2011, ContoEconomicoAmministrazioniPubbliche2011.


URL consultato il 6 aprile 2013.

Sistemi nanziari di gestione dei fondi previdenziali e metodi di calcolo delle prestazioni, SistemiGestione-
Previdenziali. URL consultato il 20 marzo 2013.

< Indice >


4.3. IL SISTEMA PENSIONISTICO PRIVATO 137

4.3 Il sistema pensionistico privato

< Indice >


< 4 - Storia pensionistica italiana > < prec > < succ >
Il sistema pensionistico privato in Italia (detto anche sistema pensionistico complementare italiano) consiste
nell'insieme delle societ private o di enti previdenziali che gestiscono le assicurazioni sociali regolate da leggi di
diritto privato, alle quali i lavoratori aderiscono volontariamente.
Il sistema pensionistico privato rientra nell'assistenza libera come indicato nell'ultimo comma dell'art. 38 della Costituzione,
per permettere ai cittadini italiani nelle situazioni di bisogno di ulteriori possibilit di assistenza sociale.

4.3.1 Caratteristiche

Il sistema pensionistico privato nanziato con i premi assicurativi versati volontariamente dagli aderenti e gestiti
nel rispetto del principio della capitalizzazione integrale con un patrimonio di previdenza ossia con un indice di
patrimonializzazione pari o superiore al 100%. Il sistema pensionistico privato quindi parte del sistema pensionistico
italiano. Gli enti che gestiscono il sistema pensionistico privato mettono a disposizione fondi dedicati, fondi pensione.
Non bisogna confondere le casse di previdenza dei liberi professionisti ai sensi del D.Lgs. 509/1994 e D.Lgs. 103/1996
con la previdenza privata. Gli enti sono con persona giuridica privata ma come attivit istituzionale hanno la gestione
di un sistema pensionistico pubblico ossia previdenza di primo pilastro.
Le stesse sono gestite senza patrimonio di previdenza quindi con un indice di patrimonializzazione in genere intorno
al 20%.

4.3.2 Il ruolo del TFR

In Italia il livello di contribuzione legato al lavoro ai pi alti livelli rispetto ai paesi OCSE sia come aliquota con-
tributiva di nanziamento che come gettito scale in rapporto al PIL. Ci ha contribuito alla esplosione della bolla
previdenziale.
In Italia non si potuto quindi sviluppare il secondo pilastro della previdenza in quanto i costi del sistema pensionistico
pubblico sono elevatissimi rispetto agli altri paesi OCSE e non pensabile uno opting-out di una parte di contribuzione
per nanziare un sistema pensionistico privato obbligatorio.
Si optato quindi per la nascita di un sistema pensionistico privato volontario che rientra nel terzo pilastro della
previdenza.
Le uniche risorse che potevano essere utilizzate visto che le aliquote sono al 33% stato l'utilizzo incentivato del TFR
che con sgravi scali ha portato ad impegnare per la previdenza oltre il 43% del reddito, cifra assurda nel panorama
mondiale.
Il trattamento di ne rapporto pari ad un tredicesimo del salario ovvero il 6,91% di esso.[1]
Gli aderenti al sistema pensionistico privato di terzo pilastro hanno il vantaggio di una capitalizzazione superiore alla
remunerazione del TFR.[2]
Ma il vantaggio era soprattutto di origine scale in quanto i percettori di elevati redditi potevano usufruire sulla quota
aggiuntiva al TFR dell'abbattimento della aliquota scale marginale.
[3]

Quindi, nel mezzo di una crisi economica, politica e sociale, ingenti risorse scali (la raccolta annuale totale era di
circa 5 miliardi nel 2013) venivano destinate dallo Stato italiano attraverso l'elusione scale per investimenti che i
fondi facevano anche all'estero penalizzando le grandi imprese che si vedevano sottratta una fonte di nanziamento a
basso costo come era stata quella del TFR.
Le lobbies dei fondi pensioni erano riuscite a crearsi un mercato protetto interno operando su base corporativa svi-
luppando una politica economica recessiva quando il problema principale dell'Italia era la mancata crescita dal 1990
in avanti.
138 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

4.3.3 Note
[1] Marco Abatecola, Buoni rendimenti grazie a una gestione eciente in Il Sole 24 Ore, 24/11/2014. URL consultato il 26
novembre 2014.

Il Tfr rappresenta la principale fonte di nanziamento della previdenza complementare ed escludendo il 6,91%
della retribuzione versato al Fondo pensione laccantonamento sarebbe assolutamente insuciente ad assicurare
una copertura di secondo pilastro adeguata alle future esigenze previdenziali..

[2] Marco Abatecola, Buoni rendimenti grazie a una gestione eciente in Il Sole 24 Ore, 24/11/2014. URL consultato il 26
novembre 2014.

Dal 1998 ad oggi il rendimento medio dei Fondi pensione stato superiore alla rivalutazione del Tfr.Nel solo
2013 i Fondi pensione negoziali hanno reso il 5,4% a fronte dell1,7% del Tfr..

[3] Deducibilit Fiscale dei Fondi Pensione. URL consultato il 6 ottobre 2014.

v. tabella.

4.3.4 Voci correlate


Pensione
Fondo pensione
Sistema pensionistico italiano
Trattamento di ne rapporto

4.3.5 Collegamenti esterni


Costituzione della Repubblica Italiana
Legge 5 dicembre 2005, n. 252, in materia di "Disciplina delle forme pensionistiche complementari."
Legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di "Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare."
Commissione di vigilanza sui fondi pensione COVIP

< Indice >

4.4 Il modello previdenziale corporativo fascista


< Indice >
< 4 - Storia pensionistica italiana > < prec > < succ >
Il modello previdenziale corporativo fascista indica un insieme di modalit con cui gestito il sistema pensionistico
pubblico in Italia.
Esso stato implementato in epoca fascista in Italia con il Regio Decreto - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 in merito
di Perfezionamento e coordinamento legislativo della previdenza sociale convertito, con modicazioni, dalla legge
6 aprile 1936, n. 1155 e la successiva modica del 1939.[1]
La norma si basa sulla applicazione dei principi XXVI e XXVII della Carta del lavoro del 21 aprile 1927.[2]
Il Codice Civile all' art. 2214 evidenzia l'aspetto corporativo dei fondi previdenziali previsti dalla legge es. INPS o
casse di previdenza dei liberi professionisti.
La normativa vigente nell'ordinamento italiano, anche se con successive modiche, a tutto il 2014, come evidenziato
dal D.Lgs. 564/1996 art.1 e quindi alla base del sistema pensionistico pubblico in Italia.[3]
Il Regio Decreto Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 rappresenta quindi l'unico testo unico in materia di previdenza sociale
in Italia che sia stato mai approvato dall'unit d'Italia. Ci in virt del fatto che istituzionalizzando una moltitudine di
enti previdenziali, giocoforza che per ognuno si sia sviluppata una normativa specica.
4.4. IL MODELLO PREVIDENZIALE CORPORATIVO FASCISTA 139

Il modello previdenziale corporativo fascista, si fonda sulla coesione sociale ristretta a singole comunit o corporazioni,
legate da particolari vincoli di attivit e non alla cittadinanza, distinguendosi dal modello previdenziale universale che
si fonda sulla coesione sociale tra tutti i cittadini di uno Stato.
Il modello si basa essenzialmente sull'implementazione di uno schema pensionistico con formula delle rendite pre-
denita denominato metodo di calcolo retributivo fascista.
Il sistema pensionistico pubblico in Italia ancora nel 2014 continua ad essere basato sul modello previdenziale cor-
porativo fascista e ci stato determinante alla creazione della bolla previdenziale difesa strenuamente dalle lobby
previdenziali.
Il sistema pensionistico pubblico, nelle nazioni del nord Europa, basato sul modello previdenziale universale ed
orientato a sviluppare una maggiore coesione sociale attraverso una pi elevata qualit della sicurezza sociale fornita.
Con tale modello esso risulta meno costoso in quanto la bolla previdenziale ridotta poich il sistema deve assorbire i
costi per il solo rischio economico mentre quelli determinati dal rischio demograco sono distribuiti sul lungo periodo
in quanto non sono legati alla singola corporazione ma all'intera popolazione di uno stato.
Il modello previdenziale corporativo fascista ha le stesse caratteristiche generali del modello previdenziale universale
di seguito elencate:

gestione statale inizialmente attraverso l'Istituto Nazionale Fascista della Previdenza Sociale[4] poi INPS;

nanziamento con l'imposizione scale[5] di scopo ossia con i contributi obbligatori per le assicurazioni obbli-
gatorie[6] integrato con trasferimenti dalla scalit generale;[7]

sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza;[8]

importo delle pensioni determinato con il metodo di calcolo retributivo fascista, sempre appartenente ad uno
schema pensionistico con formula delle rendite predenita ossia secondo le leggi vigenti al momento del
pensionamento.

Il modello previdenziale corporativo fascista si distingue dal modello previdenziale universale per:

fondato sulla coesione sociale ristretta a singole comunit o corporazioni, legate da particolari vincoli di attivit
e non alla cittadinanza.

previdenza fornita al cittadino lavoratore;[9]

organizzazione di gestioni per categorie professionali;[10][11][12]

ridistribuzione dei redditi regressiva e tra categorie ossia a parit di versamenti, trattamento diverso migliore
per impiegati e inferiore per operai;[13]

livello minimo di aiuto ai meno abbienti vista la ridistribuzione regressiva dei redditi.

Il modello previdenziale corporativo fascista risulta quindi storicamente in fase di avvio soprattutto, ma anche di
gestione ordinaria, un classico esempio di spoliazione legale in quanto fonte di palesi iniquit dovute allo squilibrio
tra pensionati ed iscritti e tra le varie corporazioni di lavoratori.[senza fonte][14][15][16]
Il modello stato ampiamente sviluppato in epoca repubblicana con numerose aberrazioni (baby pensioni, pensione
gonata, pensione di anzianit) n quando, per ragioni economiche, non avendo pi la sostenibilit scale dei sistemi
pensionistici obbligatori si legicato nel 1995, con la riforma Dini, per il suo graduale superamento in un arco di
almeno 50 anni.
Una accelerazione si avuta nel 2011, con la riforma delle pensioni Fornero che ha avviato la transizione da comple-
tarsi in ca. 20 anni scaricando il rischio economico, il rischio demograco sulle coorti future di lavoratori.

4.4.1 Caratteristiche del modello previdenziale corporativo fascista


In Italia, il modello previdenziale corporativo stato compiutamente inquadrato con Regio Decreto - Legge 4 ottobre
1935, n. 1827 in merito di Perfezionamento e coordinamento legislativo della previdenza sociale[17] e il regio decreto
14 aprile 1939, n. 636,[18][19] che ne ha ssato i principi cardine.
140 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

1. Gestione della previdenza sociale con un ente pubblico;

2. Gestione della previdenza con il sistema senza copertura patrimoniale;

3. Finanziamento con l'imposizione scale (anche i contributi previdenziali sono tributi);

4. Adabilit della gestione e garanzia delle prestazioni previdenziali da parte dello Stato;

5. Minori costi per cittadini e lavoratori (essendo la previdenza sociale gestita da un ente pubblico che non
persegue ni speculativi e non deve lucrare protti);

6. Prestazioni previdenziali distinte per categoria di lavoratori;[20]

7. Solidariet intragenerazionale ovvero trasferimento di risorse tra generazioni successive, in fase di avvio del
sistema;

8. Ridistribuzione dei redditi regressiva ovvero dai meno abbienti verso i pi abbienti secondo il metodo di calcolo
retributivo fascista;

9. Mancanza di equit.

Le conquiste del modello previdenziale corporativo fascista

Nell'evoluzione storica del diritto della previdenza sociale, il testo unico contenuto nel Regio Decreto - Legge 4 ottobre
1935, n. 1827 in merito di Perfezionamento e coordinamento legislativo della previdenza sociale rappresenta una
pietra miliare ed tutt'ora la base normativa che regge il sistema pensionistico pubblico in Italia. Nel testo, tuttora
vigente negli aspetti fondamentali, si rilevano chiaramente i principi cardine del sistema pensionistico senza copertura
patrimoniale, nanziato con il pagamento delle imposte e destinato a garantire le protezioni delle assicurazioni sociali
per i lavoratori dipendenti che rappresentavano la stragrande maggioranza dei lavoratori.
In Italia quindi il sistema di protezione e sicurezza sociale assume un impianto organico, con il testo intitolato appunto
Perfezionamento e coordinamento legislativo della previdenza sociale.
Si elencano di seguito i punti signicativi del sistema.

Art. 1

4.4.2 Le iniquit del modello previdenziale corporativo


Il sistema di spoliazione legale insito nel modello previdenziale corporativo fascista facilmente vericabile dalla
lettura della norma dove si evincono la semplicit con la quale l'iniquit veniva implementata:

Dal lato delle entrate agli impiegati ed agli operai si applicavano la stessa aliquota contributiva pensionistica di
nanziamento sostanzialmente costante (applicata per scaglioni per il sistema allora vigente delle marche);[21]

Dal lato delle prestazioni viene discriminato l'operaio rispetto all'impiegato e la donna rispetto all'uomo.[22]

L'art. 12 del R.D.L. 636/1939

" L'ammontare della gestione annua determinato:


a ) per gli assicurati impiegati, in ragione del 54 per cento delle prime 1500 lire di contribuzione, del 39 per cento
delle successive 1500 lire e del 24 per cento del rimanente importo dei contributi;
b ) per gli assicurati operai, in ragione del 54 per cento delle prime 700 lire di contribuzione, del 39 per cento delle
successive 700 lire e del 24 per cento del rimanente importo dei contributi;
c ) per le assicurate impiegate, in ragione del 43 per cento delle prime 1500 lire di contribuzione, del 31 per cento
delle successive 1500 lire e del 19 per cento del rimanente importo dei contributi;
d ) per le assicurate operaie, in ragione del 43 per cento delle prime 700 lire di contribuzione, del 31 per cento delle
successive 700 lire e del 19 per cento del rimanente importo dei contributi.
4.4. IL MODELLO PREVIDENZIALE CORPORATIVO FASCISTA 141

La pensione, calcolata secondo le norme di cui al comma precedente, aumentata di un decimo del suo ammontare
per ogni glio a carico del pensionato, di et non superiore ai 15 anni o anche di et superiore purch inabile al lavoro.
Per i pensionati ai quali stata liquidata la pensione come appartenenti alla categoria impiegati, il limite di et dei
gli a carico, per la corresponsione dei decimi supplementari di cui al comma precedente, stabilito a 18 anni.

Il metodo PAYG che ha fatto scuola

Tra le errate convinzioni che circolano sul modello previdenziale corporativo fascista vi quella che poich il calcolo
della pensione di vecchiaia si basava sul conteggio dei contributi versati, che il modello applicasse la gestione a
capitalizzazione o che vigesse una sorta di metodo di calcolo a capitalizzazione.[23] [24]
In realt le modalit di calcolo dell'ammontare annuo della pensione (denito nella norma ammontare della gestione)
un classico metodo PAYG che sempre legato ad un sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza ove i
costi a carico dell'ente previdenziale sono totalmente svincolati dall'ammontare dei contributi versati.
Ci pu avvenire in quanto gli enti previdenziali sono enti pubblici e quindi con la garanzia implicita dello Stato sulla
loro solvibilit.
Il modello previdenziale corporativo fascista in sostanza ha applicato n dall'origine la teoria costituzionale nel diritto
della previdenza sociale in quanto le leggi fondamentali che regolano il sistema pensionistico in Italia, sono per lungo
tempo rimaste quelle anteguerra e le modiche hanno riguardato l'entit delle prestazioni, via via ridotte per ragioni
economiche, ma solo aspetti marginali dell'impostazione nanziaria globale.
Il modello corporativo fascista pu quindi essere tranquillamente letto con i contributi obbligatori per le assicurazioni
obbligatorie come imposte e le prestazioni previdenziali come servizio pubblico gestito dallo Stato.
La previdenza quindi di tipo politico e viene implementata con leggi ad hoc che non hanno nulla a che vedere con
le assicurazioni private e la desueta teoria assicurativa nel diritto della previdenza sociale.
Non vi alcun rapporto di corrispettivo che si possa congurare come un rapporto assicurativo classico dove al premio
corrisponde una prestazione previdenziale.

4.4.3 L'applicazione del modello previdenziale corporativo fascista in epoca repubblicana


Le casse di previdenza dei liberi professionisti

La gestione separata INPS

La gestione separata INPS, istituita nel 1996 l'ultima variante del metodo previdenziale corporativo fascista,
applicato alla spoliazione legale tra corporazioni o categorie di lavoratori.
Fino alla sua istituzione, la ridistribuzione sempre avvenuta all'interno di una stessa categoria di lavoratori.
L'istituzione della gestione separata INPS ha segnato una innovazione utile alla transizione verso il modello previden-
ziale universale in quanto i contributi versati con aliquote sempre pi paragonabili a quelle dei lavoratori dipendenti,
sono immediatamente utilizzati per coprire il decit di altre gestioni.
La novit che mentre in precedenza all'avvio di una nuova gestione i primi pensionati si ritrovavano con le prestazioni
pi generose, nel caso degli iscritti alla gestione separata INPS, gli stessi si ritrovano con le norme pi penalizzanti ossia
con lo schema pensionistico con formula delle rendite predenita pi rigido in quanto si utilizza immediatamente il
metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita, mentre i contributi alimentano il pagamento
delle promesse pensionistiche del passato di altre gestioni quali baby pensioni, pensione gonata, pensioni d'oro,
pensioni con il metodo di calcolo retributivo, tutte all'origine della bolla previdenziale in Italia e tutte difese dalle
varie lobby previdenziali in Italia.

4.4.4 Note
[1] S.Vinci, Il fascismo e la previdenza sociale in Annali della facolt di giurisprudenza di Taranto. URL consultato l'8 ottobre
2014.

In tale ottica si comprende come lattuazione del nuovo modello di organizzazione sociale di stampo
corporativo che mirava a sopprimere le strutture intermedie tra il cittadino e lo Stato riducendo lo spazio ad
142 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

ogni espressione di libero associativismo tese a giusticare il prelievo in chiave impositiva eliminando ogni
aspetto di libera adesione e contribuzione allente al quale era demandato il compito di realizzare la funzione
previdenziale e, dall altro , la trasformazione di questo in ente pubblico..

[2] Carta del lavoro 21 aprile 1927, principi XXVI e XXVII

[3] D.Lgs. 564/1996 art.1, 1. Dal 1 gennaio 1997 il riconoscimento del periodo di cui all'art. 56, n. 2, del regio decreto-legge
4 ottobre 1935, n. 1827, convertito, con modicazioni, dalla legge 6 aprile 1936, n. 1155, e' aumentato nella misura di due
mesi ogni tre anni no al raggiungimento di ventidue mesi, per eventi vericatasi nei rispettivi periodi.

[4] R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 2, art. 1 - L'Istituto nazionale fascista della previdenza sociale ente di diritto pubblico
con personalit giuridica e gestione autonoma.

[5] R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 2, art. 52 - I contributi di assicurazione obbligatoria possono essere riscossi, per i
lavoratori agricoli, anche con le forme e con la procedura privilegiata stabilite per la riscossione delle imposte dirette.

[6] R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 2, art. 47 - Si provvede agli scopi indicati nel capo precedente col contributo dei
datori di lavoro e dei lavoratori. Il datore di lavoro responsabile, per tutte le assicurazioni obbligatorie contemplate dal
presente decreto, del pagamento del contributo, anche per la parte a carico del lavoratore. Qualunque patto in contrario
nullo.

[7] R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 2, art. 59 - Lo Stato contribuisce nelle forme seguenti alle prestazioni delle Assi-
curazioni contemplate nel presente decreto: a) concorre alla costituzione delle pensioni nell'assicurazione obbligatoria per
l'invalidit e per la vecchiaia con una quota di lire 100 all'anno per ogni pensione;

[8] OECD Overcoming vulnerabilities of pension sistems, Figure 7. The size of pension reserve funds

[9] R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 2, art. 37 - Le assicurazioni per l'invalidit e per la vecchiaia, per la tubercolosi e per
la disoccupazione involontaria, salvo le esclusioni stabilite dal presente decreto, sono obbligatorie per le persone di ambo i
sessi e di qualsiasi nazionalit che abbiano compiuta l'et di 15 anni e non superata quella di 65 anni , e che prestino lavoro
retribuito alle dipendenze di altri.

[10] R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 2, art. 3 lett. f) - per determinate categorie di lavoratori per le quali siano stabilite
speciali norme di previdenza;

[11] R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 2, art. 43 Le categorie di lavoratori e di addetti a pubblici servizi, di cui alla lettera f)
dell'art. 3 del presente decreto, sono le seguenti: a) personale addetto ai pubblici servizi di trasporto; b) personale addetto
ai pubblici servizi di telefonia; c) personale dipendente dalle esattorie delle imposte dirette; d) personale delle gestioni delle
imposte di consumo.

[12] R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 2, art. 44 - l'Istituto, quando ne sia legalmente incaricato, provvede alla organizzazione
e gestione di casse o fondi di previdenza per ogni altra categoria di soggetti a regime speciale di previdenza obbligatoria od
organizzata da accordi sindacali o da norme corporative.

[13] Elsa Fornero 2013, nota 5 - This was later cancelled by the Constitutional Court, who considered the solidarity contri-
bution equivalent to an ordinary income tax, ignoring that the dened benet formulae on which those pensions were
calculated implied a very loose connection, at the individual level, between contributions and benets, and thus realized a
regressive redistribution, favoring high income earners. Regrettably, this decision deprived the reform of one of its most
noticeable traits of fairness.

[14] LaVoce.info 03/10/2014, Che il welfare italiano abbia un urgente bisogno di essere riformato indubbio, stante che si tratta
di uno dei sistemi pi frammentati, pi pieni di buchi, pi esposti a manipolazioni e imbrogli tra quelli europei.

[15] ANSA 02/10/2014, I ragionieri versano un contributo previdenziale del 15% con tendenza a crescere. E, se e quando
andremo in pensione, lo faremo con un assegno di 800 euro. I colleghi che hanno destinato, col sistema retributivo, circa
l8%, laltro anno hanno invece chiuso lattivita con almeno 3.500 euro mensili.

[16] Elsa Fornero 2013, nota 5 - This was later cancelled by the Constitutional Court, who considered the solidarity contri-
bution equivalent to an ordinary income tax, ignoring that the dened benet formulae on which those pensions were
calculated implied a very loose connection, at the individual level, between contributions and benets, and thus realized a
regressive redistribution, favoring high income earners. Regrettably, this decision deprived the reform of one of its most
noticeable traits of fairness.

[17] R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827, R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827-Perfezionamento e coordinamento legislativo
della previdenza sociale.

[18] R.D. 14 aprile 1939, n. 636, Sicurezza sociale (assicurazioni obbligatorie) Regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636
(in Gazz. U., 3 maggio, n. 105). -- Modicazioni delle disposizioni sulle assicurazioni obbligatorie per l'invalidit e la
vecchiaia, per la tubercolosi e per la disoccupazione involontaria.
4.4. IL MODELLO PREVIDENZIALE CORPORATIVO FASCISTA 143

[19] R.D. 14 aprile 1939, n. 636 Slex, Sicurezza sociale (assicurazioni obbligatorie) Regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636
(in Gazz. U., 3 maggio, n. 105). -- Modicazioni delle disposizioni sulle assicurazioni obbligatorie per l'invalidit e la
vecchiaia, per la tubercolosi e per la disoccupazione involontaria.

[20] LaVoce.info 03/10/2014, Soprattutto, lui che cos ossessionato dal peso morto del vecchio, dovrebbe liberarsi da una
logica puramente lavoristica nel pensare al welfare. Questa logica stata alla base del welfare come lo conosciamo, e in
Italia ancor pi che altrove: salvo la sanit, pressoch tutte le politiche sociali sono di tipo categoriale e lavoristico, anzich
essere dirette ai cittadini in quanto tali.

[21] R.D. 14 aprile 1939, n. 636, art. 6 e All. 1 Tab. A

[22] R.D. 14 aprile 1939, n. 636, art. 12

[23] Ordinamento Pensionistico, pag. 11 - b) il regime tecnico-assicurativo della capitalizzazione.

[24] Ordinamento Pensionistico, pag. 12 - ... venne riordinata con la legge 4 aprile 1952 n. 218. Con questa legge il sistema
tecnico della capitalizzazione venne di fatto abbandonato.

4.4.5 Bibliograa

Leggi

Regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636 (in Gazz. U., 3 maggio, n. 105). -- Modicazioni delle disposi-
zioni sulle assicurazioni obbligatorie per l'invalidit e la vecchiaia, per la tubercolosi e per la disoccupazione
involontaria.. URL consultato il 26 aprile 2014.

Regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636 (in Gazz. U., 3 maggio, n. 105). -- Modicazioni delle disposi-
zioni sulle assicurazioni obbligatorie per l'invalidit e la vecchiaia, per la tubercolosi e per la disoccupazione
involontaria.. URL consultato il 26 aprile 2014.

Legge 6 aprile 1936, n. 1155 - Conversione in legge, con modicazioni, del regio decreto-legge 4 ottobre 1935,
n. 1827, concernente il perfezionamento e coordinamento legislativo della previdenza sociale. URL consultato il
23 Luglio 2014.

Regio Decreto - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827. URL consultato il 26 aprile 2014.

Regio Decreto - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827. URL consultato il 30 aprile 2014.

Regio Decreto - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827. URL consultato il 30 aprile 2014.

Legge 16 settembre 1996, n. 564, articolo 1, in materia di "Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma
39, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di contribuzione gurativa e di copertura assicurativa per periodi
non coperti da contribuzione."

Web

Carta del lavoro 21 aprile 1927.

OECD Overcoming vulnerabilities of pension sistems.

ISTAT cap. 5 Previdenza e assistenza sociale. URL consultato il 23 Luglio 2014.

Mario Intorcia, LORDINAMENTO PENSIONISTICO. URL consultato il 23 Luglio 2014.

Laura Ziani, Ripartizione, sistema pensionistico a. URL consultato il 5 maggio 2014.

Modelli e regimi di welfare. URL consultato il 20 marzo 2014.


144 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

News

Da dove partire per la riforma del welfare in LaVoce.info. URL consultato il 3 ottobre 2014.
Professioni: Cassa Ragionieri, in pensione con 800 euro. Audizione Pagliuca, per colleghi con retributivo circa
3.500 in ANSA. URL consultato il 3 ottobre 2014.
Il gambero delle pensioni in Corriere della Sera. URL consultato il 3 agosto 2014.
(EN) Reforming labor markets: reections of an economist who (unexpectedly) became the Italian Minister of
Labor in IZA Journal of European Labor Studies 2013. URL consultato il 2 maggio 2014.

< Indice >

4.5 Modello previdenziale universale


< Indice >
< 4 - Storia pensionistica italiana > < prec > < succ >
Il modello previdenziale universale detto anche modello universale di welfare state, quello che dovrebbe essere
alla base del diritto della previdenza sociale e indica un insieme di modalit di gestione di un sistema pensionistico
pubblico basato sul principio della coesione sociale[1] e, in Italia, nel rispetto della teoria costituzionale nel diritto
della previdenza sociale.
Le caratteristiche sono:

gestione statale
previdenza fornita al cittadino;[2]
gestione universale;
nanziamento con l'imposizione scale;
gestione nanziaria senza patrimonio di previdenza;
ridistribuzione dei redditi progressiva;
livello minimo garantito per le esigenze vitali.

Si distingue quindi dal modello previdenziale corporativo fascista, per la gestione universale del welfare e non per
casse previdenziali di categoria, attuando quindi una ridistribuzione dei redditi simile ad una tassazione progressiva,
senza operare distinzione di sesso, censo, categoria di lavoratori.
Un esempio di sistema pensionistico obbligatorio strutturato secondo il modello previdenziale universale quello
attuato dal sistema pensionistico obbligatorio in Svizzera.

4.5.1 Il modello previdenziale universale nell'ordinamento svizzero


Il sistema pensionistico obbligatorio in Svizzera per la parte gestita da enti di diritto pubblico si attiene ai seguenti
principi:

1. Gestione della previdenza sociale con un ente pubblico;


2. Gestione della previdenza con il sistema senza patrimonio di previdenza|;
3. Finanziamento con l'imposizione scale;
4. Prestazioni previdenziali;
5. Solidariet intragenerazionale dai pi abbienti verso i meno abbienti ovvero ridistribuzione dei redditi progres-
siva.

La normativa previdenziale svizzera raccolta principalmente in un testo unico esistente dal 1946.
4.5. MODELLO PREVIDENZIALE UNIVERSALE 145

4.5.2 Il modello previdenziale universale nell'ordinamento statunitense

4.5.3 La sostenibilit del modello previdenziale universale rispetto al modello previden-


ziale corporativo fascista

Il modello previdenziale universale nell'ordinamento svizzero, basato su un unico ente pubblico che implementa
diversi tipi di assicurazioni sociali obbligatorie ssando norme universali a prescindere dal tipo di lavoro dipendente
svolto. Si distingue per questo motivo dal modello previdenziale corporativo fascista applicato in Italia, ove ogni
tipologia di lavoratori o corporazione sviluppa delle sue speciche regole. Essendo in entrambi i casi dei sistemi
pensionistici senza patrimonio di previdenza|, nel secondo caso, gli squilibri economici|, demograci|, sociali sono
pi ricorrenti e ampi essendo legati a singole categorie di lavoratori e non all'intera popolazione di uno Stato.
Nel caso del modello corporativo, tali squilibri sono usati per generare dei trasferimenti consistenti di risorse tra
generazioni, specialmente nella fase di avvio dei sistemi pensionistici, implementando uno schema pensionistico con
formula delle rendite predenita pi generoso mentre nel caso, del modello previdenziale universale, non possibile
implementare schemi troppo sbilanciati in quanto gli squilibri economici e demograci delle categorie a livello dello
Stato si compensano ed attenuano e quindi non c' spazio per la loro implementazione.
In questo modo si migliora la sostenibilit globale del sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza in quanto
legato esclusivamente alla sostenibilit scale dei suoi costi sul bilancio complessivo dello Stato e non sulla sostenibilit
scale legata a singole gestioni.

4.5.4 La lunga transizione del sistema pensionistico obbligatorio italiano verso il modello
previdenziale universale

4.5.5 Note

[1] Il Corriere della Sera 02/10/2014, Listruzione e il lavoro, laccesso al welfare per tutti - infatti - sono elementi chiave sia
per lo sviluppo e la giusta distribuzione dei beni, sia per il raggiungimento della giustizia sociale, sia per appartenere alla
societ e partecipare liberamente e responsabilmente alla vita politica.

[2] LaVoce.info 03/10/2014, Soprattutto, lui che cos ossessionato dal peso morto del vecchio, dovrebbe liberarsi da una
logica puramente lavoristica nel pensare al welfare. Questa logica stata alla base del welfare come lo conosciamo, e in
Italia ancor pi che altrove: salvo la sanit, pressoch tutte le politiche sociali sono di tipo categoriale e lavoristico, anzich
essere dirette ai cittadini in quanto tali.

4.5.6 Bibliograa

Web

Modelli e regimi di welfare. URL consultato il 20 marzo 2014.

La sicurezza sociale in Svizzera. URL consultato il 2 maggio 2014.

News

Da dove partire per la riforma del welfare in LaVoce.info. URL consultato il 3 ottobre 2014.

Il monito del Papa: Lo stato sociale non va smantellato in Il Corriere della Sera. URL consultato il 2 ottobre
2014.

I conti delle pensioni, chi guadagna e chi perde in Libero.it. URL consultato il 30 giugno 2014.

< Indice >


146 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

4.6 La riforma delle pensioni Dini


< Indice >
< 4 - Storia pensionistica italiana > < prec > < succ >
La legge 8 agosto 1995, n. 335[1] ("Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare") detta spesso
riforma delle pensioni Dini, dal nome del presidente del consiglio dei ministri| Lamberto Dini che ne fu il promotore,
una legge ordinaria della Repubblica italiana, fondamento della degenerazione del diritto della previdenza sociale,
che costitu una riforma del sistema pensionistico pubblico in Italia e del sistema pensionistico privato in Italia.
Essa realizz una riforma previdenziale introducendo signicative modicazioni nel quadro della normativa in materia
previdenziale del tempo. Venne approvata dalla maggioranza parlamentare che sosteneva il governo Dini composta da
PDS, PPI, PSI, FdV, Rete, CS, LN, DEM, CCD, CDU e da alcuni fuoriusciti di rifondazione comunista che invece
si opposero alla riforma.Template:Senza fonte

4.6.1 Analisi
Le disposizioni della norma costituirono una riforma economico-sociale radicale; la legge infatti introdusse nuove
condizioni relativamente ai requisiti di anzianit contributiva e di et, oltre allapplicazione del criterio delle decor-
renze prestabilite per il conseguimento del diritto e per lammissione al godimento della pensione di anzianit. Essa
stabiliva le norme di unicazione della pensione di anzianit e della pensione di vecchiaia in un nuovo disegno di
pensione di vecchiaia.
La legge si inseriva in un progetto pi ampio di riordino del sistema pensionistico, iniziato col d.lgs. 30 dicembre
1992, n. 503, che stabil il mantenimento delle modalit di determinazione della pensione di vecchiaia con il metodo
di calcolo retributivo per i lavoratori con almeno 18 anni di anzianit contributiva al 31 dicembre 1995. Venivano
ssati i criteri circa l'alternativa, per i lavoratori in servizio no al 1 gennaio 1996 e in possesso di almeno 15 anni
di anzianit contributiva, di richiedere di essere sottoposti, ai ni dell'ottenimento della liquidit pensionistica, alle
regole del sistema contributivo.
Un principio innovatore della riforma, l'introduzione della rivalutazione dei contributi| con la metodo di calcolo
contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita per la determinazione della pensione di vecchiaia, sistema che
permette un abbattimento degli importi delle pensioni| con il conseguente aumento della stabilit nanziaria degli enti
previdenziali gestiti con il sistema della gestione a ripartizione.

4.6.2 Contenuto
Tale riforma introduceva, per i sistemi pensionistici senza patrimonio di previdenza| (detto anche pay-as-you-go), un
nuovo schema pensionistico con formula delle rendite predenita per la determinazione della pensione di vecchiaia,
il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita.
Infatti, secondo la norma:

chi nel 1996 (A.G.O.) aveva pi di 18 anni di anzianit contributiva, calcolava la pensione di vecchiaia solo
con il metodo di calcolo retributivo;
chi nel 1996 (A.G.O.) aveva meno di 18 anni di anzianit contributiva, calcolava la pensione di vecchiaia con
il metodo pro-rata|, dal 1996;
chi ha iniziato a lavorare dopo il 1996 (A.G.O.), calcola la pensione di vecchiaia solo con il metodo di calcolo
contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita.

Si introduceva quindi un sistema che prevede nel calcolo della pensione di vecchiaia un tasso di rendimento appa-
rente distinto per coorte|, istituzionalizzando una delle prime forme di tradimento intergenerazionale. La riforma
interveniva sia sul sistema pensionistico pubblico in Italia ossia dei sistemi pensionistici obbligatori senza patrimonio
di previdenza| gestiti da enti previdenziali sia nella regolazione della previdenza complementare|.
La distorsione pi evidente di tale norma data dalle dierenti indennit di pensione che saranno conteggiate sulla
base dei medesimi contributi previdenziali versati dai lavoratori dipendenti, autonomi o liberi professionisti, sino
all'emanazione della riforma delle pensioni Fornero.
4.6. LA RIFORMA DELLE PENSIONI DINI 147

Infatti per i meno fortunati (anzianit contributiva al 1996 minore di 18 anni) gli stessi contributi saranno sem-
plicemente restituiti senza maturare alcun interesse reale con l'applicazione del metodo di calcolo contributivo a
capitalizzazione simulata sulla crescita, mentre per i fortunati (anzianit contributiva al 1996 maggiore di 18 anni) i
contributi previdenziali verranno restituiti in modo maggiorato, importi che possono anche essere multipli di quanto
versato (metodo di calcolo retributivo).[2]
Quindi no alla approvazione della riforma delle pensioni Fornero, l'unico eetto della riforma Dini stato quello
di diminuire la crescita del debito previdenziale latente senza eetti signicativi sulla sostenibilit scale dei sistemi
pensionistici obbligatori.[3]
Infatti la spesa pensionistica in Italia, anche dopo la riforma Dini ha continuato a crescere ad un ritmo troppo elevato
rispetto alla sostenibilit scale del paese, determinando la necessit di riforme previdenziali| in successione. Gli
articoli dal quattro in poi della legge Dini aggiornano il D.L. 21 aprile 1993, n. 124 che regolamenta il secondo
pilastro della previdenza| ovvero i fondi pensione|.

Art. 1 Comma 1

Al comma 1, la legge aerma che riformer il sistema previdenziale allo scopo di garantire la tutela delle situazioni
di bisogno contemplate nell'art. 38 della Costituzione| come segue:

Denendo i criteri di calcolo dei trattamenti pensionistici correlandoli alla contribuzione;


Denendo le condizioni di accesso alle prestazioni secondo nuovi principi di essibilit;
Armonizzando gli ordinamenti pensionistici nel rispetto della pluralit degli organismi assicurativi;
Agevolando le forme pensionistiche complementari allo scopo di consentire livelli aggiuntivi di copertura
prevenzione;
Stabilizzando la spesa pensionistica nel rapporto con il prodotto interno lordo;
Sviluppo del sistema previdenziale medesimo.

Art. 1 comma 2

Le disposizioni della presente legge costituiscono principi fondamentali di riforma economico-sociale della Repub-
blica. Le successive leggi della Repubblica non possono introdurre eccezioni o deroghe alla presente legge se non
mediante espresse modicazioni delle sue disposizioni. Sono previste eccezioni procedurali per la Valle d'Aosta.

Art. 1 comma 16

Al ne di contribuire al nanziamento delle generose pensioni ereditate dalle pregresse promesse pensionistiche, si
opta per l'eliminazione della pensione minima per la categoria dei bamboccioni ossia coloro che avranno la pensione
calcolata interamente con il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata.

Art. 1 Comma 44

L'art. 1 Comma 44 istituisce il nucleo di valutazione della spesa previdenziale poi eliminato a seguito dell'accorpamento
in INPS dell'INPDAP raggiungendo cos oltre il 95% delle posizioni previdenziali dei lavoratori attivi e pensionati.

4.6.3 Note
[1] L.335/1995

[2] MF20130906, Un intervento che non tocca chi andato in pensione, ma interviene su quei lavoratori ancora in attivit ai
quali si applica ancora il retributivo. Si tratta di quelle persone che al 1 gennaio 1996 avevano accumulato pi di 18 anni
di contributi, ovvero a chi ha iniziato a lavorare e versare contributi prima del 1978. Lavoratori che attualmente hanno pi
di 50 anni. Chi invece nel gennaio 1996 aveva meno di 18 anni di contributi ha la pensione calcolata no a quella data con
il retributivo e poi passa al contributivo.
148 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

[3] MF20130906, Il problema di equit tra generazioni si pone perch oggi quasi il 90% delle pensioni pagate dallo Stato
calcolato con il generoso metodo retributivo che si basa sulla media degli ultimi anni di stipendio (in genere dieci), a
prescindere dai contributi eettivamente versati durante la vita del lavoratore.

4.6.4 Voci correlate

Assicurazione generale obbligatoria

Contributi previdenziali

Fondo pensione

Governo Dini

Lamberto Dini

Nucleo di valutazione della spesa previdenziale

Riforma delle pensioni Fornero

4.6.5 Altri progetti

Riforma delle pensioni Dini su Wikisource

Art. 1 comma 2 della riforma Dini su wikisource

4.6.6 Collegamenti esterni

Legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di "Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare."

Decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, in materia di "Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma
32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori
di forme obbligatorie di previdenza e assistenza."

Alberto Brambilla, Pensioni, la tentazione dei tagli I no della Consulta e i conti sbagliati in Il Corriere della
Sera. URL consultato il 20 agosto 2014.

Laura Cavestri, Fornero: le Casse non hanno sostenibilit a 50 anni in Il sole 24 ore. URL consultato il 29 marzo
2013.

Pensioni: Fornero, non pensabile siano pi lunghe della vita lavorativa in ASCA. URL consultato il 3 aprile 2013.

Previdenza, regali da restituire in MilanoFinanza. URL consultato il 6 settembre 2013.

Un ritocco alla Dini pu cambiare la legge Fornero in Il Sussidiario.net. URL consultato il 6 settembre 2013.

Template:PDF Testo della legge 8 agosto 1995, n. 335 recante norme sulla Riforma del sistema pensionistico
obbligatorio e complementare

Cos in bella vista da diventare invisibili - Lesclusione del lavoro professionale autonomo dalle politiche di
Welfare tra crisi e riforme mancate, di Dario Ban. PaginaUno, numero 17, aprile - maggio 2010.

< Indice >


4.7. LA RIFORMA MONTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO PUBBLICO 149

4.7 La riforma Monti del sistema pensionistico pubblico


< Indice >
< 4 - Storia pensionistica italiana > < prec > < succ >
Per riforma Monti del sistema pensionistico pubblico italiano si intendono una successione di norme emanate
durante il governo Monti, a partire dal decreto Salva Italia no alla modica di alcuni commi della Costituzione che
hanno determinato l'avvio nanziario del modello previdenziale universale in Italia e l'uscita denitiva, anche se in
tempi lunghissimi, dal modello previdenziale corporativo fascista.

4.7.1 Contesto storico

Per capire il contesto storico pu farsi riferimento a quanto descritto nella riforma delle pensioni Fornero. Nell'incontro
tra Monti e la Merkel del 24 novembre 2011, ove venivano delineate le linee guida degli impegni che il governo Monti
intendeva attuare, la Merkel si espresse cos: Il presidente Monti - ha detto Merkel - ci ha illustrato i provvedimenti
che l'Italia ha in programma ed molto impressionante vedere le misure anche strutturali che il governo intenzio-
nato ad adottare. Le norme del governo Monti viste nel loro insieme descrivono la portata delle riforme strutturali
implementate durante il governo Monti.

4.7.2 La riforma Monti del sistema pensionistico pubblico

Per comprendere la portata del cambiamento del sistema pensionistico pubblico operato dal governo Monti bisogna
individuare tutte le norme che in modo coordinato hanno inciso nella gestione della previdenza sociale in Italia:

1. Incorporazione dell'INPDAP e dell'ENPALS;[1]

2. Riforma delle pensioni Fornero;[2]

3. Individuazione del perimetro della pubblica amministrazione per l'equilibrio dei bilanci e la sostenibilit del
debito pubblico secondo art. 97 della Costituzione Italiana| entrato in vigore nel 2014;

4. Pareggio di bilancio in Costituzione.[3]

4.7.3 L'avvio del sistema pensionistico pubblico secondo il modello previdenziale univer-
sale

Con l'implementazione di tutte le suddette norme il governo Monti in circa 5 mesi trasforma denitivamente la
gestione nanziaria del sistema pensionistico pubblico legandolo denitivamente al bilancio dello Stato.
La riforma delle pensioni Fornero da inne l'avvio alla convergenza di tutti i trattamenti avviando il metodo di
calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita nel metodo misto. Signica l'abbandono del modello
previdenziale corporativo fascista ed il passaggio al modello previdenziale universale.

4.7.4 L'illusione della stabilit del sistema pensionistico pubblico italiano dopo la riforma
Monti

La severa riforma Monti veniva vista da molti osservatori politici, dalla stessa Fornero, dall'opinione pubblica come
il punto di arrivo della raggiunta sostenibilit scale del sistema pensionistico pubblico italiano.
Tutti i sistemi pensionistici volgarmente detti a ripartizione ovvero sistemi pensionistici senza patrimonio di previ-
denza, si basano sulle entrate scali correnti per il pagamento delle pensioni correnti. Non esiste un patrimonio di
previdenza accantonato per pagare le obbligazioni degli enti previdenziali.
La riforma Fornero aveva agito soprattutto tagliando il numero delle nuove pensioni (400.000) e con il blocco della
perequazione per due anni.
Al termine dei due anni il governo Letta aveva eettuato un ulteriore intervento di blocco della perequazione.
150 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Ci nonostante aumentava lo squilibrio tra le entrate contributive e la spesa pensionistica del 2013 aggravata dalla
mancata crescita del PIL reale.
Si rendeva quindi evidente che senza la ristrutturazione del debito pubblico implicito legato al debito pensionistico
latente non si poteva trovare un punto di equilibrio nanziario del sistema.
Questo si pu fare solo intervenendo sulle pensioni in essere, riducendole adeguatamente.
Ci nonostante, ancora nel 2014 alcuni osservatori non si rendevano conto della insucienza della riforma Fornero.[4]

4.7.5 Note
[1] D.L.201/2011 art.21

[2] D.L.201/2011 art.24

[3] L.Cost.1/2012

[4] La Stampa 20/08/2014, Il Governo Monti fu obbligato proprio due anni fa dagli errori della politica a un intervento severo
per mettere in sicurezza il sistema previdenziale.

4.7.6 Bibliograa
Leggi

Costituzione della Repubblica Italiana

Legge costituzionale 20 aprile 2012, n. 1, in materia di "Introduzione del principio del pareggio di bilancio nella
Carta costituzionale."

Decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, articolo 21, in materia di "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equita'
e il consolidamento dei conti pubblici."

Decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, articolo 24, in materia di "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equita'
e il consolidamento dei conti pubblici."

News

l'ansia per il futuro dei gli a paralizzare il ceto medio in La Stampa. URL consultato il 20 agosto 2014.

Merkel: impressionata da riforme italiane. Monti: faremo i compiti a casa in Il Sole 24 Ore. URL consultato il
24 giugno 2014.

Web

Giusy Ascani, RILEVANZE ATTUARIALI E FINANZIARIE NELLA RIFORMA DELLE PENSIONI


MONTI-FORNERO. URL consultato il 25 giugno 2014.

< Indice >

4.8 La riforma delle pensioni Fornero


< Indice >
< 4 - Storia pensionistica italiana > < prec > < succ >
La riforma delle pensioni Fornero una legge di diritto della previdenza sociale dello Stato Italiano, che prende il
nome dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Elsa Fornero che insieme ad altre norme implementate durante
il governo Monti attu la riforma Monti del sistema pensionistico pubblico italiano.
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 151

La riforma Fornero consistette nell'attuazione di un default dei sistemi pensionistici pubblici per ridurre la spesa
pubblica legata alle prestazioni pensionistiche in un momento di crisi nanziaria in quanto, nel sistema pensionistico
pubblico, detto anche previdenza di primo pilastro, le pensioni si pagano con i tributi.
una legge di diritto pubblico di modica dei rapporti giuridici tra i soggetti di diritto, previsti dall'art. 38 della
Costituzione Italiana ossia tra i cittadini lavoratori nella condizione di bisogno e gli enti previdenziali in qualit di
pubbliche amministrazioni istituite per la gestione dei sistemi pensionistici pubblici obbligatori.
quindi una riforma previdenziale del sistema pensionistico pubblico e delle assicurazioni sociali obbligatorie.
stata emanata ai sensi dell'art. 24 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201 (detto "decreto salva Italia") - convertito
successivamente in legge 22 dicembre 2011 n. 214.
La riforma stata votata dalla coalizione di partiti che sostenevano il governo Monti, composta da PD, PDL, Unione
di Centro e Futuro e Libert per l'Italia e altre liste minori.
La riforma solo un tassello della riforma Monti del sistema pensionistico pubblico e per essere analizzata deve essere
inquadrata nell'ambito delle leggi coordinate e delle riforme costituzionali collegate avendo come riferimento la teoria
costituzionale nel diritto della previdenza sociale.
La riforma del sistema pensionistico pubblico si rese necessaria in un momento di grave crisi nanziaria dello Stato
italiano in quanto, come in tutti i paesi OCSE, lo schema pensionistico adottato dagli enti previdenziali quello del
sistema pensionistico a redistribuzione dei tributi e senza patrimonio di previdenza a copertura del debito pensionistico
latente e pertanto, per garantire la sostenibilit scale dei sistemi pensionistici pubblici si interveniva sia diminuendo
i costi correnti dello Stato con una modica delle norme per il conseguimento e la determinazione delle prestazioni
previdenziali, sia agendo sull'imposizione scale aumentando le aliquote dei contributi previdenziali.
Poich in Italia il sistema pensionistico pubblico organizzato secondo il modello previdenziale corporativo fascista,
la riforma ha quindi interessato gli iscritti a tutti gli enti previdenziali, ossia a tutti i fondi gestiti dall'INPS e alle casse
di previdenza dei liberi professionisti di cui al D.Lgs. 509/1994 e D.Lgs. 103/1996 ed ha avvito la transizione verso
il modello previdenziale universale da completarsi in un cinquantennio e ponendo ne, ma solo per la quota di contri-
buzione a partire dal 2012 al principio della discriminazione generazionale salvaguardando invece le discriminazioni
pregresse con la tutela del furto intergenerazionale presente nelle leggi previgenti.
La riforma stata redatta in 20 giorni essendo il governo Monti iniziato il 16 novembre 2011.
Il testo di legge della riforma delle pensioni Fornero

4.8.1 Contesto storico

La riforma del sistema pensionistico pubblico obbligatorio viene realizzata in un momento di grave crisi nanziaria
dello Stato Italiano culminata nell'estate del 2011 con la crisi di credibilit sulla sostenibilit del debito pubblico
quando si ebbe l'impennata dei tassi di interesse con un dierenziale rispetto ai titoli tedeschi di oltre 550 punti base.
La risposta del governo Monti con la riforma del sistema pensionistico pubblico comport una signicativa correzione
della spesa pensionistica pubblica e delle entrate nel bilancio statale. In quel momento, furono a rischio il pagamento
degli stipendi e delle pensioni, mentre le pubbliche amministrazioni arrivarono a non pagare i fornitori per un importo
stimato in 70 miliardi di euro nel 2011,[1] aumentati a 100 miliardi di euro nel 2014 (tempo medio di pagamento
delle fatture 165 gg.). Il sistema pensionistico pubblico un sistema pensionistico a redistribuzione dei tributi e senza
patrimonio di previdenza a copertura del debito pensionistico latente (unfunded), ossia delle obbligazioni derivanti
dalle prestazioni previdenziali promesse pertanto deve essere mantenuto l'equilibrio nanziario del bilancio dello Stato
su cui grava la spesa pensionistica corrente.
La concomitanza di una crisi che si trascinava dal 2007 con una caduta del PIL e l'aumento della pressione scale
apparente non erano sucienti a compensare l'aumento dell'incidenza della spesa pensionistica sul PIL in base alle
norme previgenti (Riforma Dini e s.m.) e quindi alle promesse pensionistiche fatte dalla politica. Inoltre il siste-
ma pensionistico pubblico, per mezzo delle pensioni di anzianit, ha svolto per lungo tempo anche la funzione di
ammortizzatore sociale per le aziende in crisi.
La riforma delle pensioni Fornero ha eliminato la pensione di anzianit e introdotto la pensione anticipata. Il governo
italiano decise quindi di intervenire sulla spesa pensionistica sia nel breve che nel lungo periodo aggiornando la legge
speciale sulle assicurazioni sociali obbligatorie visto che il sistema pensionistico pubblico in Italia adotta uno schema
pensionistico con formula della rendita predenita.
Essendo il sistema pensionistico pubblico nanziato con l'imposizione scale comprendente i contributi obbligatori
152 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

per le assicurazioni obbligatorie e i trasferimenti dello Stato, ed essendo il sistema pensionistico senza patrimonio
di previdenza, in un periodo di grave crisi nanziarie dello Stato Italiano, la riforma delle pensioni Fornero operava
una correzione dei conti pubblici sia nel breve periodo che nel lungo periodo con una riforma strutturale del sistema
pensionistico pubblico. Interventi che dal lato delle entrate hanno previsto anche l'aumento delle aliquote contributive
pensionistiche di nanziamento con conseguente aumento del cuneo scale o per meglio dire dell'aliquota scale
eettiva per le categorie interessate di commercianti, artigiani e agricoltori.
Interventi che dal lato delle uscite hanno previsto la riduzione dell'importo delle nuove pensioni con l'introduzione per
tutti a partire dal 2012 del metodo di calcolo misto o metodo di calcolo pro-rata per la pensione di vecchiaia ossia il
calcolo della quota di pensione per i contributi versati dal 2012 con il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione
simulata sulla crescita. Altri interventi per ridurre le uscite hanno riguardato l'aumento dell'et per il pensionamento
di vecchiaia con l'aumento immediato per le donne da 61 anni (2011) a 66 anni e 6 mesi (2018)[2] e per gli uomini
da 66 anni (2011) a 66 anni e sei mesi (2018).
Ci ha determinato un numero elevato di esodati, ossia di lavoratori prossimi all'et di conseguimento della pensione di
vecchiaia, espulsi dalle aziende in crisi che non hanno potuto accedere al pensionamento in base ad accordi tra le parti
sociali, secondo le leggi previgenti alla riforma Fornero. Ma in quella situazione di crisi economica, lo Stato Italiano
non aveva le risorse economiche per far assorbire al sistema pensionistico pubblico i costi di queste ristrutturazioni,
e ancora nel 2013 venivano fatte leggi ad hoc per riassorbire tali gruppi.
Nel 2013, l'ISTAT ha rilevato che il rapporto tra le spesa pensionistica pubblica ed il PIL era comunque aumentato
nel 2012, al 17,28[3] dal 16,85% nel 2011 a sua volta aumentato di circa due punti percentuali rispetto al periodo del
2007 ove era al 15,03%, livello che la Riforma Fornero si preggeva di stabilizzare.[4]
Nel rapporto annuale 2013 dell'INPS, si rilevava che il rapporto tra la spesa pensionistica ed il PIL a ne 2013 era al
16,2%, ma senza la riforma sarebbe stato al 18%.
Ci metteva in dubbio le precedenti stime sulla reale correzione della spesa pensionistica che in tal caso non sarebbe
stata di 80 miliardi di euro in dieci anni ma addirittura 30 l'anno. Se si considera che si avuto un taglio di 400.000
nuove pensioni, pari a 8-10 miliardi, cui aggiungere il blocco della perequazione che per due anni si stima avere
un impatto di altri 10 miliardi. Con gli altri interventi extra Fornero sul blocco della perequazione, ecco che si pu
ipotizzare nel 2014 una correzione pari a quasi due punti di PIL.
Correzione purtroppo ancora insuciente a far ripartire la crescita visto che il tasso annuo di capitalizzazione per la
rivalutazione del montante contributivo individuale nozionale, rispetto ad una previsione della riforma Dini di crescita
in quattro anni di circa 6 punti (1,5% all'anno), scontava in realt una diminuzione di 4 punti portando la rivalutazione
del montante 10 punti in meno rispetto al target auspicato dalla legge ponendo seri dubbi sulla sostenibilit della spesa
pensionistica.

I numeri della crisi economica all'origine della riforma pensionistica

Debito pubblico implicito


Debito pubblico
Crisi del debito italiano

La bolla previdenziale in Italia

La crisi economica descritta portava ancora di pi all'ampliamento della bolla previdenziale in Italia.
La riforma delle pensioni Fornero per alcuni aspetti tendeva a ridurre i fattori negativi, mentre per altri aspetti tendeva
ad esasperarli.

4.8.2 Quadro normativo di riferimento


La normativa che riforma il sistema pensionistico pubblico italiano, che si basa sul modello previdenziale corporativo
fascista si inserisce in un corpus legislativo abnorme frutto di 70 anni di attivit legislativa ed in assenza di un testo
unico del tipo di quello esistente in Svizzera dal 1946.
L'esigenza di addivenire ad un testo unico della materia gi stata normata con la L. 4 aprile 1952 art. 37 ove si
specicava al p.to 2 " raccogliere in un unico testo le disposizioni che regolano la materia.[5]
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 153

Invero, il precedente intervento di coordinamento in materia di previdenza sociale, risaliva, in Italia, al R.D.L. 04-10-
1935, n. 1827 (convertito) in merito di Perfezionamento e coordinamento legislativo della previdenza sociale.[6]
Elemento distintivo della riforma che comporta risparmi nel periodo 2012-2021 per circa 80 miliardi di euro quello
di essere contenuta in un unico articolo di legge, ancorch contenente oltre 30 punti riconducibili ai classici articoli
di legge. D'altra parte, anche la precedente riforma Dini (anch'essa emanata da un governo tecnico) era compresa
in tre articoli di legge contenenti oltre 100 punti.
Le leggi pi importanti degli ultimi venti anni, a partire dalle leggi nanziarie, vengono molte volte scritte in un unico
articolo di centinaia e centinaia di commi.
Ci evidenziava la concomitanza alla crisi economica, di una crisi politico-istituzionale con un parlamento incapace
di discutere ed approfondire i contenuti delle leggi, anche quelle pi importanti, considerato che l'approvazione della
legge di conversione, avveniva con il solito voto di ducia.[7]

Il testo di legge della riforma delle pensioni Fornero su Wikisource

Il testo di legge della riforma delle pensioni Fornero su Normattiva

4.8.3 L'avvio della transizione dal modello previdenziale corporativo fascista al modello
previdenziale universale

L'introduzione a tutti i cittadini del metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita per i
contributi previdenziali versati dal primo gennaio 2012, introduce per la prima volta in Italia l'equit di trattamento,
anche se solo per i contributi versati dal 2012, tra tutti i cittadini, con l'eccezione delle casse di previdenza dei liberi
professionisti che mantengono delle specicit, rispetto al precedente metodo di calcolo retributivo che presentava
tra le varie gestioni forti dierenze tra le categorie di lavoratori. Anche se da un punto di vista pratico, la transizione
al modello previdenziale universale, come previsto dalla riforma Fornero avr una durata di molti decenni, da un
punto di vista socio-politico, si tratta per l'Italia di iniziare l'abbandono del modello previdenziale corporativo fascista
che ha segnato oltre mezzo secolo di storia della previdenza sociale. Fino ad ora infatti era stato introdotto per i
lavoratori che si erano iscritti all'INPS dopo il 1 gennaio 1996, senza pregiudicare le modalit di pensionamento per
chi ci andava ancora nel 2012,[8] creando una evidente disparit di trattamento tra i cittadini che versavano gli stessi
contributi al quale lo Stato garantiva tassi di rendimento apparente molto diversi, ponendo le basi per la nascita del
conitto intergenerazionale.

Il trasferimento del rischio economico dallo Stato al lavoratore

Un altro importante passaggio avvenuto con la riforma e conseguente all'avvio del metodo di calcolo contributivo a
capitalizzazione simulata sulla crescita anche se nel metodo di calcolo misto, quello del trasferimento del rischio
economico dallo Stato al lavoratore pensionato.
L'applicazione del tasso annuo di capitalizzazione per la rivalutazione del montante contributivo individuale contiene
infatti in se tale innovazione che gi per il 2012 ed il 2013 signica svalutazione reale dei contributi obbligatori per
qualche punto percentuale.
Ci non avveniva con il precedente metodo di calcolo retributivo ove la pensione svincolata dall'andamento dell'economia
reale, ma legato esclusivamente al tasso di sostituzione.
Ci signica che l'adeguatezza della prestazione pensionistica non pi valutata dal rapporto con l'ultimo stipendio
ma solo dall'assegno sociale garantito per tutti i cittadini, che siano lavoratori o che non lo siano.

Il passaggio dal conitto intergenerazionale freddo al conitto intergenerazionale caldo

La riforma introduce elementi di universalit, aancati ad una impostazione di equit attuariale delle prestazioni
previdenziali maturate dal 1 gennaio 2012. La denizione di regole ritenute universalmente eque dal punto di vista
attuariale, che comunque sarebbero entrate a regime nel lungo periodo[9] del sistema pensionistico pubblico, poneva in
evidenza la disparit di trattamento tra le pensioni in essere o quelle prossime di essere liquidate,[10] ma che comunque
sarebbero state pagate per almeno un ventennio, rispetto alle prestazioni attese dai nuovi entrati nel mondo del lavoro
con le regole della riforma Dini.
154 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Per la prima volta, la politica, rinunciava a fare promesse pensionistiche sicuramente insostenibili, ma al contempo
evidenziava l'estrema onerosit di quelle che non rinunciava di voler mantenere come esplicitato nel c. 3 della riforma.
La riforma apriva quindi per la prima volta la strada alla rivendicazione da parte delle giovani generazioni, di rivedere
quelli che venivano erroneamente chiamati diritti acquisiti pur non essendo assolutamente previsti da nessuna norma
di legge. Gi nel 2014 alcune regioni iniziavano a ridimensionare i vitalizi dei consiglieri regionali aprendo la strada a
ulteriori richieste di ricalcolo delle baby pensioni, delle pensioni d'oro, ed in genere delle pensioni determinate con il
metodo di calcolo retributivo. Il conitto intergenerazionale passava dalla contrapposizione fredda a quella calda.

4.8.4 I punti salienti della riforma in sintesi

Assicurazione sociale obbligatoria per la vecchiaia

Il primo eetto della Riforma delle pensioni Fornero quello di far entrare denitivamente in vigore a 17 anni dalla
sua introduzione con la riforma Dini, il calcolo della pensione di vecchiaia con il metodo di calcolo contributivo a
capitalizzazione simulata sulla crescita, in forma pro-rata|. Quindi dal 1/1/2012 si ha:

Introduzione, dal 1/1/2012, del passaggio del metodo di calcolo della quota di pensione di vecchiaia per i
contributi versati da tale data, al modello contributivo a capitalizzazione simulata per i fondi che usavano
ancora il calcolo retributivo (v. comma 2);

chi nel 1996 (Assicurazione generale obbligatoria) aveva pi di 18 anni di contributi versati, calcola la
pensione di vecchiaia solo con il metodo di calcolo retributivo per i contributi versati no al 2011 e con il
metodo di calcolo contributivo per i contributi versati dal 1/1/2012 (passa cio al pro-rata dal 1/1/2012).
Quindi no al 31/12/2011 la maggioranza degli italiani hanno la pensione calcolata con il metodo di
calcolo retributivo;
chi nel 1996 (A.G.O.) aveva meno di 18 anni di contributi versati, calcola la pensione di vecchiaia con il
metodo pro-rata, dal 1996. Questa categoria inizier ad andare in pensione dopo il 2020 circa;[11]
chi ha iniziato a lavorare dopo il 1996 (A.G.O.), calcola la pensione di vecchiaia solo con il metodo
di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita. Questa categoria inizier ad andare in
pensione dopo il 2035 ma durante la propria vita lavorativa avr nanziato con il versamento dei contributi
previdenziali e con il suo cuneo scale tutte le pensioni calcolate correntemente con il metodo retributivo
in considerazione che il sistema pensionistico pubblico in Italia nanziato con il sistema di gestione a
ripartizione;

Introduzione, dal 1/1/2012, della pensione di vecchiaia con le nuove regole (commi seguenti) e della pensione
anticipata, che prima non esisteva. Fine della pensione di vecchiaia e anzianit con le vecchie regole (v. comma
3).

In conclusione, no alla riforma Fornero, e per molti anni ancora, la sostenibilit scale del sistema pensionistico
italiano sar condizionata da generose prestazioni previste dalla normativa vigente nonostante la riforma Dini.[12]

La stabilizzazione dei conti pubblici nel medio lungo periodo

Cos come la Riforma Dini ha introdotto il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita nel
1995, per alcune categorie di lavoratori, iniziando la correzione della crescita del debito pensionistico latente, ma non
essendo ancora entrato a regime non ha avuto alcun eetto sulla sostenibilit scale degli enti previdenziali. La riforma
delle pensioni Fornero, ha posto ne alla crescita del debito pensionistico latente con l'estensione a tutti i lavoratori,
siano essi dipendenti o autonomi o liberi professionisti, del metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata
sulla crescita per l'anzianit contributiva maturata a partire dal 1/1/2012 (v. c. 2 art. 24). Ci dovuto al fatto che a
dierenza del metodo di calcolo retributivo che restituiva una riserva matematica maggiore rispetto a quanto versato
dal singolo iscritto essendo tale metodo svincolato dai contributi, ma legato al reddito, il metodo di calcolo contributivo
tende a restituire quanto versato e quindi tende a non ingenerare negli iscritti esagerate aspettative pensionistiche o
a credere ad insostenibili promesse pensionistiche. Quindi in futuro, le manovre economiche che dovranno eseguire
gli enti previdenziali, a meno di squilibri economici o demograci, saranno dovuti tendenzialmente allo smaltimento
del debito pensionistico latente pregresso.[13]
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 155

Le tendenze di medio-lungo periodo del sistema pensionistico e socio-sanitario-Rapporto n.13

In particolare, la riforma sfrutta l'allungamento dell'et per il pensionamento di vecchiaia quale elemento fondamen-
tale per la riduzione dei costi sia ssando a 67 anni l'et pensionabile dal 2021 sia con l'adeguamento della stessa alla
speranza di vita con cadenza biennale dal 2019.[14]
156 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

L'OCSE prevede con tale normativa che nel 2060 l'et pensionabile in Italia sar tra le pi elevate arrivando a 69
anni.[15]
Un altro intervento signicativo nella realizzazione della stabilizzazione della spesa pensionistica nel lungo periodo
quello dell'adeguamento prima triennale poi biennale a partire dal 2019 dei coecienti di trasformazione in rendita
previsti dal metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita.

La stabilizzazione dei conti pubblici nei bilanci correnti

Il blocco della perequazione per gli anni 2012-2013, previsto al comma 25, insieme all'innalzamento dell'et pensio-
nabile, previsto al comma 6, hanno determinato un risparmio della spesa previdenziale e quindi un riequilibrio del
bilancio dello Stato.[16]
stato inoltre introdotto al comma 21 un contributo di solidariet con l'intento di penalizzare le prestazioni pensio-
nistiche corrisposte con il metodo di calcolo retributivo.
Un importante contributo nella diminuzione della spesa pensionistica deriva dalla diminuzione del numero di pensioni
erogate nel 2012 nonostante l'aumento dell'importo medio delle stesse.[17]
Ci dipende dalla denitiva eliminazione della pensione di anzianit e dalla introduzione della pensione anticipata che
innalzando i requisiti anagraci ha drasticamente diminuito le uscite anticipate. Altri stringenti requisiti anagraci
introdotti sono l'innalzamento a 66 anni dell'et per il pensionamento di vecchiaia con aumento di un anno per i
lavoratori e di 6 anni per le lavoratrici allineandole alla media dei paesi OCSE.

La sostenibilit scale dei sistemi pensionistici obbligatori

Lo scopo della riforma Fornero era la stabilizzazione della spesa pensionistica in rapporto al PIL. Tale risultato
dovrebbe essere valutato nell'ipotesi di crescita o almeno in presenza di un PIL stabile. Ci non si vericato nel
2012 e nel 2013 in quanto l'Italia ha avuto un decremento del PIL. Nella legge di stabilit 2014 ci sono stati ulteriori
interventi di blocco della perequazione automatica delle pensioni.

L'esplosione del fenomeno degli esodati

Il repentino innalzamento dell'et pensionabile, soprattutto per le lavoratrici, l'eliminazione della pensione di anzianit
e l'introduzione della nuova pensione anticipata ha determinato la moltiplicazione del fenomeno degli esodati ossia
di quei lavoratori, vicini al raggiungimento dei requisiti per avere la pensione che sono stati espulsi dal mondo del
lavoro con accordi che prevedevano l'accompagnamento alla pensione. Ma una volta esaurito il rapporto di lavoro, la
modica dei requisiti per ottenere le auspicate prestazioni previdenziali pensionistiche, ha lasciato questi lavoratori
senza reddito.
Secondo Ichino, non corretto inserire tra gli esodati chi ha perso il lavoro e non avrebbe comunque raggiunto
i requisiti pensionistici. In tal caso si parla di disoccupati, magari ultracinquantenni che nella dicile congiuntura
hanno poche probabilit di rientrare nel mondo del lavoro.
Mentre nel primo periodo successivo alla riforma si additato il fenomeno ad un errore dei tecnici, si comincia a
manifestare anche l'opinione che, nell'ottica generale della legge di operare una brusca correzione dei conti pubbli-
ci, si sia deliberatamente colpita una platea relativamente ristretta ma che consentiva consistenti riduzioni di spesa
pubblica.[18][19]
In questo modo i politici che avevano votato la riforma, addossavano quindi la responsabilit del fenomeno degli
esodati al governo tecnico nonostante il loro voto favorevole alla riforma, mentre in realt riuscivano ad eettuare
la correzione dei conti pubblici senza colpire una vasta platea di potenziali elettori, ma concentrando il sacricio in
modo insostenibile su un consistente, ma sempre limitato, gruppo di lavoratori.
Come tutte le altre pensioni del sistema pensionistico pubblico, anche quelle degli esodati sono infatti pagate con le
imposte e n quando non venivano reperite le opportune coperture nanziarie scali, in aggiunta a quelle gi previste
dalla riforma Fornero, tali lavoratori privi di stipendio e pensione costituivano di fatto i risparmi pi signicativi sui
bilanci correnti dello Stato.[20]
D'altra parte non si comprende come si possa pensare che degli specici e complessi commi della legge quali il
comma 14 e il comma 15 dell'art. 24 della legge Salva Italia siano il frutto di un errore di esperti di previdenza,
ma non una volont specica del Parlamento Italiano. Che poi, innanzi ai numeri del problema, stato costretto ad
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 157

approvare diversi provvedimenti di salvaguardia che attualmente hanno consentito il ripristino delle vecchie regole di
pensionamento in favore di poco pi di 160mila lavoratori (cd. salvaguardati).[21]

Gli insegnanti a quota 96

Un aspetto ampiamente dibattuto stato il cosiddetto errore della riforma Fornero riguardo agli insegnanti che
erano vicini alla pensione di anzianit in quanto con la precedente legge, maturando i requisiti per accedere alla quota
96 sarebbero potuti andare in pensione, ad esempio con 61 + 35 anni di anzianit contributiva a partire dal settembre
2012, cosa che non hanno potuto fare in quanto la norma entrata in vigore il 1/1/2012.[22]
La nuova norma allunga quindi la permanenza al lavoro no a 67 anni. Adducendo l'errore alla legge, Cesare Damiano
proponeva un emendamento alla nuova legge di riforma della Pubblica Amministrazione, ma tale norma veniva can-
cellata dal Governo Renzi per mancanza di coperture nanziarie in quanto anzich 4.000[23] insegnanti la ragioneria
generale stimava l'uscita di 9.000 insegnanti.
Secondo Tito Boeri non vi era alcun errore nella legge Fornero in quanto nel settore privato, molti lavoratori avevano
subito le stesse ingiustizie degli insegnanti incappati nella nuova normativa, non ultime le lavoratrici che si sono viste
innalzare l'et di pensionamento di vecchiaia da 60 a 66 anni.[24]

La stabilizzazione del modello previdenziale corporativo fascista

Una delle eredit pi pesanti del sistema pensionistico pubblico in Italia deriva dalla implementazione nel periodo
repubblicano del modello previdenziale corporativo fascista, che ha preso forma nella istituzione di numerose casse
previdenziali dei liberi professionisti in aggiunta a quelle di diverse categorie di lavoratori dipendenti.
Nel tempo, le casse dei lavoratori dipendenti, sono via via conuite in INPS, in virt della scarsa sostenibilit scale
del modello previdenziale corporativo, arrivando a creare, con l'incorporazione della cassa dei dipendenti pubblici
INPDAP, un ente che dal punto di vista nanziario gestisce tutta la previdenza pubblica con il modello previdenziale
universale.
Mentre quindi pi del 90% dei lavoratori in Italia stato accorpato in una unica gestione, per i liberi professionisti,
a partire dal 2007, si iniziata una operazione di trasparenza con l'allungamento del limite di sostenibilit da 15,
a 30 anni no a 50 con il comma 24 della riforma Fornero in termini di saldo previdenziale, che ha avuto l'eetto
evidenziare il conitto intergenerazionale insito nei sistemi pensionistici senza copertura patrimoniale in fase di avvio.
Ci in quanto per molte casse ha comportato l'obbligo di passare alla determinazione della pensione di vecchiaia
con il metodo di calcolo misto ossia con una parte di anzianit contributiva conteggiata con il metodo di calcolo
contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita.
Se l'intenzione era quella di voler porre ne alla spoliazione legale a vantaggio di alcune lite, gli eetti erano quelli
di evidenziare il sistema senza trovare soluzioni eque se non nel lunghissimo periodo, ma dicilmente realizzabili
per l'enorme trasferimento di risorse che si veniva a istituire tra generazioni.[25]
Mentre la Fornero rivendicava di aver portato equit tra generazioni, se ci poteva essere vero all'interno delle casse
gestite con il modello previdenziale universale ovvero l'INPS, sistema che gi aveva elevato le aliquote contributieve
vicino al livello di equilibrio e scontava i costi delle promesse pensionistiche del passato, nel caso di alcune casse di
previdenza dei liberi professionisti che secondo il D.Lgs. 509/1994 non devono utilizzare trasferimenti dalla scalit
generale, si evidenziavano insormontabili ostacoli delle stesse alla corresponsione di prestazioni previdenziali che
rispettassero livelli minimi di adeguatezza.
Mentre quindi le casse dei lavoratori dipendenti, anch'esse gestite senza copertura patrimoniale, venivano fatte con-
uire in un unico ente proprio in virt dell'assenza di patrimonio, in situazioni di decit di cassa, per i liberi pro-
fessionisti, l'obbligo di accumulare patrimoni su sistemi pensionistici obbligatori con metodi di calcolo PAYG aveva
l'eetto di creare lo strumento per gestire per un lungo periodo di tempo il trasferimento di risorse tra generazioni.
La scelta di patrimonializzare casse gestite con i criteri dei sistemi pensionistici senza copertura patrimoniale era una
eredit dei governi di centro-sinistra che avevano istituzionalizzato il modello con la legge Treu del D.Lgs. 103/1996,
successivamente confermata nel 2007.
158 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

L'Italia aumenta il decit pubblico per giocare in borsa con le imposte

L'eetto pi paradossale evidenziato in modo eclatante dalla riforma delle pensioni Fornero riguardante le casse di
previdenza dei liberi professionisti, collegato ad importanti riforme costituzionali e ad altre leggi concomitanti stata
di evidenziare un paradosso dei sistemi pensionistici obbligatori gestiti a ripartizione senza patrimonio di previdenza
ma con una elevata patrimonializzazione.
L'art. 24 c. 24 del decreto Salva Italia imponeva di vericare il limite di sostenibilit a 50 anni con il parametro del
saldo previdenziale sempre positivo, quindi senza l'utilizzo del patrimonio.
Ad una generale sollevazione di tutte le casse di previdenza, si interveniva con una circolare che prevedeva l'utilizzo
del patrimonio con un rendimento reale dell'1%.
Ma la stessa circolare considerava il costo del debito pubblico reale al 3%. L'eetto quello che lo Stato Italiano,
nella sua legge istituzionalizza una gestione delle imposte raccolte da una pubblica amministrazione che prevede una
perdita del 2%, nel caso di gestione secondo il buon padre di famiglia.
Si evidenziava quindi la totale antieconomicit di questo tipo di previdenza, infatti il patrimonio ha senso per esigenze
di cassa e di stabilit nel breve periodo, mentre nel caso di uno Stato con un debito pubblico come nel caso italiano,
far gestire a delle pubbliche amministrazioni un patrimonio complessivo di oltre 61 miliardi di euro nel 2014, quando
lo stesso Stato si deve rivolgere al mercato per nanziare il suo debito per centinaia di miliardi di euro ogni anno,
rappresentava una situazione inspiegabile se non fosse legata al solito schema della spoliazione legale.
Tale schema, nato nel centro sinistra, sviluppato nel centro sinistra, trovava uno dei pi strenui difensori in Cesare
Damiano.

4.8.5 I risparmi della manovra economica

Come ogni riforma previdenziale dei sistemi previdenziali con gestione a ripartizione, la variazione delle norme
serve per mantenere l'equilibrio tra le entrate scali che nanziano il sistema pensionistico e le uscite costituite dalle
prestazioni previdenziali ed assistenziali. La riforma delle pensioni Fornero, previsto che porter ad una correzione
dei conti per 20 miliardi di euro.[26]
Secondo le previsioni del legislatore l'aumento dell'et di pensionamento di vecchiaia avrebbe generato i seguenti
risparmi rispetto al PIL: 0,2% (2012); 1,4% (2020); 0,9% (2030); 0,2% (2040).[27]

4.8.6 Analisi della riforma delle pensioni Fornero

La tutela politica delle promesse pensionistiche

La scelta politica fondamentale della riforma delle pensioni Fornero, quindi di tutti i partiti che hanno votato la
legge, ha riguardato la tutela delle promesse pensionistiche per chi entro il 31 dicembre 2011 raggiungeva i requisiti
per conseguire la pensione di vecchiaia ( v. art. 24 c. 3 Salva Italia). Tale scelta signica quindi che i costi delle
promesse pensionistiche derivanti dalla normativa vigente, che prevedeva pensioni di vecchiaia determinate con il
metodo di calcolo retributivo che restituiva di pi delle imposte pagate (contributi previdenziali) e quindi un debito
previdenziale latente, lasciava indenni i lavoratori che avevano maturato i requisiti entro il 31 dicembre 2011,[28]
accollando i costi della riforma sia agli esodati, sia alle lavoratrici che vedevano innalzata l'et per il pensionamento
di vecchiaia di 5 anni in un colpo, e solo parzialmente ai pensionati intervenendo sulla perequazione delle prestazioni
pensionistiche esistenti. Tale tutela particolarmente evidente nell'introduzione del metodo di calcolo contributivo a
capitalizzazione simulata sulla crescita nelle casse di previdenza dei liberi professionisti, ove gli squilibri demograci
dell'ultimo ventennio erano particolarmente favorevole per le pensioni in essere e quelle prossime. Ci determinava
per le categorie dei liberi professionisti, soggetti ad un cuneo scale pi elevato rispetto ai lavoratori dipendenti
pensioni future con tassi di sostituzione che non arrivano a garantire neanche la pensione minima INPS.

Errate valutazioni della riforma degli organismi internazionali, degli esperti e della Fornero

Le prime valutazioni dopo un anno della riforma, sia degli organismi internazionali (OCSE, Commissione Europea)
erano che la riforma aveva reso sostenibile il sistema pensionistico pubblico italiano, ignorando o sottovalutando
completamente i costi derivanti dalle scellerate scelte pensionistiche precedenti[29] (pensioni baby, pensioni di an-
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 159

zianit, pensioni d'oro, vitalizi dei parlamentari, pensioni retributive, casse di previdenza dei liberi professionisti
D.Lgs.509/1994[30][31] (1)|.
Anche la redattrice della riforma Elsa Fornero rivendicava tale risultato nel dicembre del 2013 salvo essere smentita
immediatamente dagli interventi sulla perequazione previsti nella legge di stabilit 2014.
Pertanto tale riforma veniva presto giudicata come insuciente.[32]
La spesa pensionistica in rapporto al PIL era quindi nel 2013 arrivata al 17,28%.[33]
In denitiva, la valutazione della sostenibilit di un sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza, deve avere
come condizione necessaria, per la verica della sostenibilit, un metodo PAYG equamente calibrato, ed quello che
ha fatto la riforma Fornero, ma a tale condizione non assolutamente suciente in quanto debbono naturalmente
essere rispettate le ipotesi di sviluppo demograco della popolazione coinvolta, sia dal lato dei percettori che dal lato
dei nanziatori del sistema e soprattutto la crescita economica attesa deve essere rispettata.
Nel caso del sistema italiano, la crescita attesa, scontata nelle previsioni e nel metodo PAYG era dell'1,5% reale, cosa
ben distante dal vericarsi negli anni successivi alla riforma.
Questa evoluzione confermava che la sostenibilit scale del sistema pensionistico pubblico basato sul modello pre-
videnziale corporativo fascista, non va analizzata nei confronti della singola gestione pensionistica o del singolo ente
previdenziale, bens nei confronti dell'intero bilancio dello Stato, come si preggeva giustamente la riforma Fornero.
Da cui discende che l'eccessiva concentrazione di una quota elevata di PIL per la spesa pensionistica, creando elevato
cuneo scale, conitto intergenerazionale, stagnazione no anche alla deazione, la cosiddetta bolla previdenziale,
creava un pericoloso avvitamento dell'economia nazionale, su se stessa.
Tra gli organismi, la Banca D'Italia, in audizione alla Camera ancora nel giugno 2014, segnalava le errate stime sulla
sostenibilit del sistema pensionistico della Commissione europea.[34]
Un report nell'ottobre 2014 circa il confronto dei sistemi pensionistici nel mondo, classicava la sostenibilit del
sistema italiano al venticinquesimo posto su venticinque nazioni esaminate.
In una lettera alla Commissione Europea, il 21 novembre 2014, il Ministro dell'economia e delle nanze Pier Carlo
Padoan deniva il sistema pensionistico italiano come uno dei pi solidi grazie alle passate riforme.[35]

Stabilizzazione della sostenibilit scale della spesa pensionistica

Come tutte le riforme previdenziali di sistemi pensionistici senza copertura patrimoniale, la riforma voleva garan-
tire nel medio periodo la stabilizzazione della spesa pensionistica in rapporto al PIL. Nonostante alcuni interventi
strutturali quali: a) l'entrata in vigore del metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita; b)
l'innalzamento dell'et per il conseguimento della pensione di vecchiaia molto brusco per le donne lavoratrici; c) gli
aumenti delle aliquote contributive pensionistiche di nanziamento; gli interventi sulla perequazione avevano solo
carattere temporaneo (2012-13), senza che essa venisse eettivamente legata all'andamento del PIL, conseguente-
mente continuava la corsa della spesa pensionistica in rapporto al PIL, complice anche la caduta di questo ultimo nel
2013. Infatti, i regali concessi dal metodo di calcolo retributivo sia alle pensioni correnti che alle nuove pensioni, non
riuscivano ad essere compensate dai pesanti interventi. Permaneva il forte squilibrio tra le entrate contributive e la
spesa pensionistica da cui il costante ricorso al nanziamento con la scalit generale.

Adeguatezza delle prestazioni pensionistiche

Una critica riguarda la scarsa adeguatezza delle prestazioni previdenziali pensionistiche per i redditi bassi in quanto
non prevista una gradualit del tasso di sostituzione che eettui una redistribuzione intragenerazionale tra i lavoratori,
come avviene in tutti gli altri sistemi pensionistici obbligatori degli altri paesi OCSE.

Prospettive oltre la riforma

La riforma cambiava strutturalmente il sistema pensionistico pubblico rendendolo pi sostenibile per la parte succes-
siva al 2012, ma interveniva in modo insuciente su quanto maturato e vigente. Non potendosi in futuro intervenire
con ulteriori strette scali, per la elevata pressione scale e l'elevato cuneo scale, si andava a delineare un ambito ben
denito ove vi sono ulteriori ampi margini per intervenire nella stabilizzazione della spesa pensionistica ossia sulle
160 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

aspettative pensionistiche e sulle quote di pensioni calcolate con il metodo retributivo ove si andava ad intervenire
con la legge di stabilit 2014 con un contributo di solidariet.

I sindacati italiani e la Conndustria per la riduzione del cuneo scale

I conti dello Stato a ne 2012 mostravano il forte squilibrio tra le entrate contributive e la spesa pensionistica che
necessitava di un forte apporto dalla scalit generale. I sindacati e la Conndustria ritenevano che il cuneo scale
dovesse essere ridotto per migliorare l'occupazione, trasferendo quindi una ulteriore quota dei costi della previdenza
sociale dai lavoratori attivi al bilancio dello Stato centrale ovvero alla collettivit.

4.8.7 L'assunzione di responsabilit inesistenti sul caso esodati


Il ministro Fornero in pi occasioni si assunto la responsabilit sul caso degli esodati aermando che stato un errore
della riforma, la valutazione in 50.000 del numero dei tutelati quando gli stessi superavano i 150.000 e la mancanza
di coperture nanziarie ha lasciato per alcuni anni dei lavoratori senza stipendio e senza pensione.
In Italia l'opinione pubblica non ha alcuna dimestichezza con i termini reali del sistema pensionistico pubblico in Italia
e perno la grande stampa dionde notizie inconsistenti sul patrimonio dell'INPS quando il sistema pensionistico
senza patrimonio di previdenza.
Va rilevato che il sistema pensionistico pubblico italiano analizzato tramite un apposito software che permette le
simulazioni degli impatti delle modiche legislative sulla spesa pensionistica.
La riforma delle pensioni Fornero stata una brusca riduzione della spesa a breve, che ha permesso di ridurre di oltre
400.000 pensioni negli anni 2013, oltre ad altri interventi sulla perequazione.
Quindi il ministro Fornero doveva trovare il modo di ridurre drasticamente la spesa visto che solo le entrate correnti
possono permettere il pagamento delle pensioni e ci in un momento in cui il PIL solo in un anno era caduto di oltre
il 5%; risultato ottenuto con l'eliminazione della pensione di anzianit, l'allungamento dell'et di pensionamento per
le lavoratrici di 5 anni e di un anno per i lavoratori.
A questo punto, si iniziava ad evidenziarsi che nel 2012, non esistevano i margini nanziari, nel bilancio dello Stato,
per tutelare gli esodati che non sono altro che ulteriori pensioni di anzianit eliminate totalmente dalla riforma per le
opposte ragioni.
Quindi in un momento drammatico con la nazione sull'orlo del default, il ministro si addossava delle responsabilit
che non aveva.
La ministro Fornero poteva avere quindi dissimulato l'errore, che per un esperto quale sarebbe stato enorme, per
governare l'opinione pubblica in un momento di passaggio epocale del sistema pensionistico pubblico dove i partiti
politici, i sindacati e la stampa sono largamente irresponsabili nel preparare i cittadini nella conoscenza della realt.
Tanto per fare un esempio di quanto accadeva due anni dopo la riforma, nel 2014 il tasso annuo di rivalutazone del
montante contributivo individuale nozionale diventava negativo per pochi decimali.
La stampa, l'INPS, i politici, ingannavano ancora una volta l'opinione pubblica sulla svalutazione di un capitale no-
zionale promettendo la sterilizzazione del parametro e l'azzeramento dell'eetto svalutazione delle pensioni[36] quando
la realt era che la svalutazione reale degli ultimi 3 anni era di oltre 5 punti percentuali e con la mancata rivalutazione
prevista della riforma Dini si arrivava al 16%, a dimostrazione della drammaticit dei conti pubblici.

4.8.8 Il paradosso della rappresentanza sindacale dei lavoratori e dei pensionati dopo la
Riforma Fornero
L'avvio con la riforma Fornero del modello previdenziale universale con lo schema NDC e le prime simulazioni dei
tassi di sostituzione con le nuove regole, unito al fatto che le pensioni si pagano con le imposte, hanno evidenziato la
disparit di trattamento con i pensionati attuali, graticati dal metodo di calcolo retributivo ponendo il problema della
sostenibilit del sistema pensionistico senza copertura patrimoniale attuale, in contrapposizione con l'adeguatezza
della prestazione pensionistica dei futuri pensionati nonch il problema della competitivit e crescita dell'economia
con situazioni di elevato cuneo scale.
Intervenivano quindi nel dibattito politico il sindacato dei pensionati ed il sindacato dei lavoratori, magari anche come
sigle federate ad un unico sindacato generale es. CGIL. Si evidenziava a quel punto, grazie al principio dell'equit
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 161

attuariale introdotto nella erogazione delle future pensioni, il paradosso che lo stesso sindacato costretto a difendere
interessi contrapposti tra lavoratori e pensionati.[37]
Infatti la richiesta di aumento delle pensioni o di diminuzione della tassazione[38][39] (e quindi la necessit alzare la
quota di imposte ad esse destinate) andava in conitto con la richiesta dei lavoratori attivi di diminuzione del cuneo
scale o di aumento degli stipendi pubblici (che richiedono una tassazione aggiuntiva).[40] Oppure la richiesta di
anticipazione dell'et pensionabile (con necessit di ulteriori imposte) si scontrava con il blocco della perequazione
(per risparmiare sulla spesa pensionistica).[41]
In realt i sindacati venivano criticati dal non aver ostacolato l'approvazione della riforma Fornero, quando invece,
ben consapevoli del meccanismo di nanziamento e gestione dei sistemi pensionistici obbligatori, dovevano fare
buon viso a cattivo gioco derivante dall'allegra gestione del metodo di calcolo retributivo attuato secondo il modello
previdenziale corporativo fascista, del quale erano parte attiva con innite sigle sindacali di categoria, ed ingoiare il
boccone amaro per non scontentare la platea dei pensionati altrimenti costretti a vedersi diminuite le prestazioni d'un
colpo anzich con manovre ripetute su pi anni pur di evitare il default dello Stato Italiano.
La riforma scaricava i costi del riequilibrio dei conti i larga misura sui lavoratori attivi che si vedevano proporre
una politica ventennale di rientro sia del debito pubblico arrivato nel 2014 al 133% in rapporto al PIL sia del debito
previdenziale latente o debito pubblico implicito subendo l'esplosione della pressione scale legale e per le imprese
l'aumento del total tax rate deteriorando quindi la crisi economica in atto dal 2007 e ponendo le basi per l'esplosione
del conitto intergenerazionale.

4.8.9 Le proposte di riforma della riforma delle pensioni Fornero

Molte sono le proposte di riforma che si sono succedute pi per motivi propagandistici elettorali che di eettiva
volont di correggere i nuovi meccanismi introdotti.

Abolizione per referendum da parte della Lega Nord

La Lega Nord lanciava nella primavera del 2014 una campagna referendaria che tra i quesiti proponeva l'abolizione
della Riforma Fornero. Nel caso di vittoria del referendum, si avrebbe il ritorno della normativa precedente. Il testo del
quesito referendario: Volete Voi che sia abrogato: il decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, recante Disposizioni urgenti
per la crescita, l'equit e il consolidamento dei conti pubblici, convertito in legge, con modicazioni, dall'articolo 1,
comma 1, della legge 22 dicembre 2011, n. 214, nel testo risultante per eetto di modicazioni e integrazioni successive,
limitatamente all'articolo 24?. Dal 29 maggio 2014 anche Forza Italia aderiva alla raccolta di rme, per far ritornare
in vigore la precedente riforma previdenziale del 2011 del governo Berlusconi IV.[42]

Critiche alla riforma Fornero da parte dei promotori del referendum Le principali critiche alla riforma
riguardavano:

aumento della disoccupazione giovanile per il blocco del turn-over;

allungamento dell'et lavorativa per le lavoratrici;

fenomeno degli esodati lasciando senza stipendio o pensione decine di migliaia di lavoratori;

politica del rigore in fase di recessione con amplicazione della stessa;

Critiche al quesito referendario

L'articolo 24 del decreto Salva Italia, che comprende tutta la riforma delle pensioni Fornero, contempla anche la
variazione delle aliquote contributive (v. es. comma 22) e poich i contributi previdenziali sono tributi ossia, a
seconda dei casi, imposte dirette o indirette, risulterebbe, il quesito, in contrasto con l'art. 75 della Costituzione
Italiana che vieta i referendum su norme tributarie.[43][44]

Ci ancora pi evidente se la norma viene letta nell'ambito della teoria costituzionale nel diritto della previdenza
sociale.
162 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Il fatto che venga riesumata la pensione di anzianit, fa pensare ad una scelta elettorale con voto di scambio,
in quanto tale istituto aermato soprattutto nelle regioni del nord Italia, aree in cui la Lega Nord pi
radicata.[45][46]

Situazione in caso di approvazione del quesito referendario Nel caso in cui il referendum venisse svolto e
venisse approvato, con l'abolizione della riforma si avrebbe:

ritorno ad una disciplina pi favorevole per le lavoratrici autonome per quanto riguarda l'et di pensionamento
(per le dipendenti del settore pubblico, l'innalzamento a 65 anni di et era gi in vigore);

ritorno al metodo di calcolo retributivo per i lavoratori che avevano pi di 18 anni di anzianit contributiva al
1/1/1996;

eliminazione del contributo di solidariet per i pensionati delle categorie particolarmente agevolate da presta-
zioni generose calcolate interamente con il metodo retributivo;

riduzione degli aumenti delle aliquote contributive per artigiani, commercianti ed agricoltori, con riduzione
delle future prestazioni previdenziali attese con il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata
sulla crescita;

ritorno alla procedura di infrazione per la discriminazione uomo donna sull'et di pensionamento di vecchiaia
per le lavoratrici private;

ripristino delle pensioni di anzianit.

Considerato che secondo la Ragioneria Generale dello Stato i risparmi attesi per la riforma Fornero, nel periodo
2012-2021, erano di 80 miliardi di euro, l'abolizione della riforma richieder almeno una manovra stimata in circa
mezzo punto di PIL per i prossimi anni. Quindi il ripristino delle tutele previste dal previgente modello previdenziale
corporativo originario del periodo fascista, oltre ai costi economici, avr ulteriori costi sociali dovuti al mancato avvio
del modello previdenziale universale, con l'ovvia estensione del conitto intergenerazionale.

Curiosit in merito alla posizione della Lega Nord Nel caso del sistema pensionistico italiano che sconta gli
squilibri derivanti da un cosiddetto peccato originale ossia il fatto di essere basato sul modello previdenziale corpora-
tivo fascista che scarica gli squilibri intrinseci e la comune insostenibilit delle singole casse corporative sul bilancio
dello Stato, nel momento in cui la riforma delle pensioni Fornero avvia la transizione verso il modello previdenziale
universale del genere vigente in Svizzera da 70 anni, ebbene, nel caso del sistema pensionistico italiano la Lega Nord
che guarda alla Svizzera come modello di organizzazione dello Stato, preferisce l'Italia e il ripristino della tradizione
della pensione di anzianit, a prescindere dai costi.

Posizione di alcuni soggetti politici

In una manifestazione sindacale dei dipendenti pubblici il leader della CGIL Susanna Camusso dichiarava
Nel momento in cui la Corte costituzionale ammettesse il referendum, sicuramente lo appoggeremmo, perch
determinerebbe per il governo, il tempo entro il quale abolire una legge ingiusta.[47]

Il sindacato Unione Generale del Lavoro il 13 novembre 2014 annunciava di appoggiare il referendum della
Lega.[48]

Aumento delle pensioni minime a 800 da parte di Forza Italia

In occasione delle elezioni per il parlamento europeo del 2014, Berlusconi, leader di Forza Italia, prometteva, in caso
di vittoria delle elezioni politiche, di aumentare le pensioni minime a 800, riducendo le spese di acquisto di beni
intermedi delle amministrazioni statali.
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 163

Critiche alla proposta In questo modo, si proponeva di aumentare l'incidenza della spesa pensionistica sul PIL
gi tra le pi alte al mondo e di 4 punti superiore a quella della Germania aggravando quindi la sostenibilit scale
dei sistemi pensionistici obbligatori, ed andando quindi in direzione opposta a quanto previsto dalla Riforma Fornero,
votata dal PDL poi trasformato in Forza Italia.
La proposta confermava la linea politica del leader Berlusconi tenuta negli ultimi 10 anni con continui cambi di
direzione che aveva gi portato il paese sull'orlo del default, al quale era scampato appunto con la riforma Fornero.
Inoltre poich le pensioni si pagano con le imposte, la proposta avrebbe determinato necessariamente un aumento della
tassazione, cosa sempre detestata da Forza Italia, oppure un aumento del decit o un taglio di altre spese pubbliche,
ma in campo pensionistico Forza Italia si sempre opposta a tale politica.

Abolizione delle pensioni d'oro da parte di Fratelli d'Italia

Il partito Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale ha presentato un disegno di legge per abolire le pensioni d'oro.[49] Il
testo prevede il cumulo di tutte le pensioni, comprese quelle integrative e complementari, un tetto di 5.000 euro lordi
(circa 3.300 euro netti), nonch il loro ricalcolo secondo il sistema contributivo per la verica della dierenza qualora
siano state liquidate con il sistema retributivo.

Critiche alla proposta Si sono levate critiche al fatto che si prevede di cumulare la pensione derivante dal siste-
ma pensionistico pubblico con gestione senza copertura patrimoniale da parte di pubbliche amministrazioni o enti
previdenziali e generalmente calcolata con il generoso metodo di calcolo retributivo e quindi causa dei problemi di so-
stenibilit scale dei sistemi pensionistici obbligatori con la pensione complementare che deriva dall'accantonamento
volontario in fondi complementari| fully funded ossia totalmente capitalizzati, di una quota di reddito aggiuntiva
sotto forma di premio assicurativo e restituite secondo calcoli di equit attuariale del montante individuale matura-
to, rispetto ai contributi previdenziali che sono un'imposta, facendo insorgere il dubbio che la proposta abbia solo
valenza propagandistica-elettorale. Con tale metodologia, si andrebbero a ridurre le pensioni retributive di chi ha
scelto di accantonare una quota aggiuntiva di reddito rispetto a chi usufruisce solamente della pensione pubblica.
Inoltre la quota di 5.000 mensili riguarda una platea di pensionati abbastanza ridotta e tale da non incidere in modo
signicativo sugli squilibri nanziari che caratterizzano il sistema pensionistico pubblico italiano.

Flessibilit in uscita e risoluzione del problema degli esodati da parte di Cesare Damiano del PD

Per risolvere il problema degli esodati, il deputato Cesare Damiano del PD ha elaborato una proposta sulla essibilit
in uscita prevedendo quindi il pensionamento anticipato.[50]
Nel maggio del 2014 non era ancora arrivata all'esame della Camera.

Critiche alla proposta La Fornero criticava i cambiamenti proposti in quanto i costi non avrebbero copertura
nanziaria.[51]
Infatti, essendo il sistema pensionistico senza copertura patrimoniale ed essendo gestito per cassa con le entrate tribu-
tarie, qualsiasi meccanismo che anticipi l'et per il pensionamento di vecchiaia, deve trovare comunque le coperture
nanziarie.
In realt la proposta di legge, indicava all'art. 1 c. 2 Alla quota calcolata con il sistema retributivo si applica la
diminuzione o la maggiorazione di cui alla tabella A allegata alla presente legge, in relazione all'et di pensionamento
eettivo e agli anni di contributi versati, al ne di conseguire l'invarianza dei costi tra i due sistemi. In realt i
coecienti previsti dalla nuova norma erano sviluppati nell'ipotesi assurda di una vita media dopo il pensionamento
superiore ad altri 100 anni.
Le proposte di Cesare Damiano, on. del PD, presidente della Commissione Lavoro al Senato, si conguravano quindi
come l'ennesima proposta propagandistica per cercare di dimostrare di non essere responsabile del problema degli
esodati, nonostante egli stesso avesse votato la riforma Fornero.
Qualora tale proposta potesse addivenire ad una approvazione, essa si congura come l'ennesimo meccanismo della
spoliazione legale in quanto oltre a prevedere costi aggiuntivi per lo Stato, valutati in 40 miliardi di euro per il periodo
dal 2014 al 2025, i coecienti proposti sono redistributivi della ricchezza in senso regressivo.
164 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Le proposte delle RSU sindacali

Le proposte ci sono:[52]
1) l'introduzione dell'accesso volontario alla pensione con 60 anni di et o 40 anni di contributi senza penalizzazioni;
2) la messa a punto di criteri di calcolo che consentano la salvaguardia del potere d'acquisto delle pensioni attuali e
future;[53]
3) il superamento delle sperequazioni ai danni delle donne (non si tiene conto n del lavoro di cura che svolgono a
casa n delle discontinue carriere lavorative)

Critiche alle proposte delle RSU sindacali 1) Essendo il sistema pensionistico senza copertura patrimoniale, chi
ha pagato anche per 40 o pi anni, non ha un suo patrimonio accumulato in un conto, ma pu avere la pensione se gli
enti previdenziali hanno abbastanza fondi dalle entrate scali correnti ad essi destinati dallo Stato e che comprendono
i contributi previdenziali integrati da altri trasferimenti dalla scalit generale. In Italia, la spesa pensionistica per
pensioni IVS in rapporto al PIL la pi alta tra i paesi OCSE, nel 2014 di 4 punti di PIL superiore alla Germania e
per mantenere tale squilibrio vengono gi tagliati altri servizi pubblici nel campo del welfare. La sostenibilit scale
del sistema pensionistico pubblico italiano gi compromessa dalla mancata crescita dell'economia italiana rispetto
alle altre economie concorrenti, sia per le inecienze della spesa pubblica che degrada la qualit della spesa stessa, sia,
nel caso della spesa pensionistica, da azzardate promesse pensionistiche ereditate dal passato come le baby pensioni, le
pensioni di anzianit o le pensioni con il metodo di calcolo retributivo che restituiscono, rispetto ai sistemi pensionistici
obbligatori di altri paesi, tassi di sostituzione pi elevati, senza considerare i casi di vera e propria spoliazione legale
come nel caso dei pensionati INPGI. In denitiva, i costi delle promesse pensionistiche del passato, ricadono sui
lavoratori attivi di oggi, anche se hanno lavorato molti pi anni rispetto agli attuali pensionati. Una soluzione potrebbe
essere la riduzione delle prestazioni previdenziali in essere, anche per attenuare il conitto intergenerazionale, ma i
sindacati dei pensionati si oppongono a tale scenario rivendicando dei diritti acquisiti che nel campo previdenziale
non esistono.
2) Il potere d'acquisto delle pensioni attuali e future, nei sistemi pensionistici senza copertura patrimoniale, pu essere
garantito solo dalla crescita del PIL. Se le risorse prodotte da una economia sono dissipate dalla macchina dello Stato
attraverso una spesa pubblica di scarsa qualit, si distruggono le risorse e si creano i presupposti per una decrescita.
Non esistono quindi formule magiche che possono permettere la salvaguardia del potere d'acquisto delle pensioni
attuali e future se non un'economia sana, che investe sui giovani i quali sono i produttori delle risorse da destinare ai
pensionati correnti.
3) Le penalizzazioni subite dalle donne con la Riforma delle pensioni Fornero, rientrano nella necessit di contenere
la spesa pensionistica gi alta in rapporto al PIL per evitare il default dello Stato Italiano.

Abolizione delle pensioni d'oro da parte del Movimento Cinque Stelle

In un post del 13 febbraio 2013 nel blog di Beppe Grillo intitolato Tagliare si pu, volare si pu" si proponeva il
limite di 5.000 lordi sulle pensioni.

Critiche alla proposta Dal punto di vista dell'entit complessiva del taglio di spesa, l'impatto sui conti del bilancio
dello Stato Italiano erano poco signicativi. Tuttavia un contributo dovuto ed irrinunciabile visti i concetti di equit
intergenerazionale illustrati e le dicolta dello stato nel reperire le risorse necessarie.

Flessibilit in uscita da parte del Ministro del Lavoro Poletti

Dal giugno 2014 venivano fatti diversi annunci del ministro nella predisposizione di una normativa che favorisse la
essibilit in uscita dal lavoro.

Abolizione della Gestione Separata Inps da parte della CGIL

Al Congresso Nazionale CGIL la segretaria Camusso proponeva la abolizione della Gestione Separata INPS e portare
tutti sotto lo stesso tetto, utilizzando tutti i contributi per pagare tutte le pensioni.[54]
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 165

Critiche alla proposta Gi ora i contributi della Gestione Separata INPS sono utilizzati dall'INPS per pagare le
pensioni delle gestioni in decit, mentre il calcolo della pensione, per gli iscritti alla Gestione Separata, gi avviene con
il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita. La riforma Fornero del lavoro ha inoltre
previsto il graduale innalzamento delle aliquote contributive pensionistiche di nanziamento per allinearle a quelle
dei lavoratori dipendenti.

Introduzione di elementi di essibilit secondo l'on. Sacconi

L'on. Maurizio Sacconi ritiene che la riforma Fornero vada riformata introducendo elementi di essibilit e agevo-
lando quando pi lausso di risparmio al sistema previdenziale obbligatorio.[55]

Critiche alla proposta Il sistema pensionistico pubblico italiano, ha la gestione nanziaria tipica dei sistemi pen-
sionistici senza copertura patrimoniale, pertanto le pensioni derivanti dalle assicurazioni obbligatorie gestite da enti
pubblici, sono pagate con le imposte.
Il nanziamento avviene attraverso i contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie e nel caso di disavanzo,
con i trasferimenti dalla scalit generale.
Non si comprende quindi come un risparmio possa essere fatto auire e conuire nel bilancio di enti pubblici.

Riforma richiesta dalle RSU contro la riforma Fornero

A ne 2013, inizi 2014 si creato un movimento delle RSU che in forma unitaria sollecitavano da parte delle
rappresentanze nazionali dei sindacati, il rigetto della riforma Fornero, facendo queste richieste:[56]

salvaguardia del potere d'acquisto delle pensioni;


essibilit in uscita;
accesso volontario alla pensione con 60 anni di et o con 40 anni di contributi senza penalizzazioni. Con una
riduzione dei 40 anni di contributi per i lavori usuranti;
garanzia di una pensione dignitosa per i giovani, i precari, migranti;
va superata l'attuale giungla dei fondi integrativi;
deve essere realizzata la separazione tra assistenza, previdenza e politiche rivolte al mercato del lavoro.

Nell'appello si specica inoltre che le risorse devono essere ricercate nei grandi patrimoni nanziari ed immobiliari ed
in una eettiva tassazione dei redditi come prevede l'art. 53 della Costituzione e nella parit di contributi e prestazioni
di tutte le categorie sociali.

La riduzione dell'et pensionabile per i magistrati e i primari

All'interno della riforma della Pubblica Amministrazione nel luglio 2014 venivano inseriti degli emendamenti per
permettere la fuoriuscita di circa 400 magistrati e dei primari che attualmente possono rimanere in servizio no a 72
anni, ssando il limite di 68 anni ma tali emendamenti venivano stralciati per mancanza di copertura nanziaria.

4.8.10 Il fallimento dei tentativi di annullare la riforma Fornero


Nel 2014 erano diversi i tentativi parlamentari di aprire le porte ad interventi di deroga alle nuove regole introdotte
per conseguire la pensione.[57]
Tutti i tentativi si scontravano con la mancanza di coperture scali certe per pagare gli aumenti di spesa pensionistica.
Ci rendeva inequivocabile che le pensioni si pagano con le imposte raccolte attraverso il bilancio dello Stato e con il
vincolo di non superare con il decit il 3% del PIL, si assottigliavano per la classe politica, i margini di manovra.
Questi tentativi avevano l'eetto di evidenziare la validit della riforma Fornero, pur nei suoi limiti, ossia di essere
riuscita a ridurre l'aumento di spesa pensionistica di quasi due punti di PIL (30 miliardi di euro), quando nei due anni
166 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

successivi, chi voleva correggere i presunti errori, non riusciva ancora a nanziare con il bilancio dello Stato, poche
decine o centinaia di milioni di euro di spesa aggiuntiva.
Ci era dovuto all'elevatissima spesa pensionistica in Italia dovuta agli assurdi regali ad alcune categorie di pensionati
lasciati pressoch indenni dalla riforma Fornero, situazioni facilmente individuabili del sistema pensionistico pubblico
in Italia.
La politica non riusciva ancora a vedere, nel 2014, che l'Italia spendeva per le pensioni di vecchiaia 5 punti percentuali
di PIL in pi rispetto alla Germania e che, per recuperare almeno due punti di gap, si sarebbero dovute ridurre le
prestazioni complessivamente di pi del 10%.[58]
I tagli lineari al bilancio dello Stato, invece avevano riguardato negli anni della crisi tutti i settori di spesa con esclusione
della spesa pensionistica, serbatoio illimitato di voti cui attingere in vista delle imminenti scadenze elettorali.

4.8.11 L'Italia dopo la riforma delle pensioni Fornero

L'illusione della sostenibilit del sistema pensionistico pubblico italiano raggiungibile con una riforma

Dopo due anni di annunci di vari esponenti politici, organismi internazionali, giornalisti, la riforma Fornero, vista
nell'ottica allargata della riforma Monti del sistema pensionistico pubblico ha nalmente aperto gli occhi su quella che
l'illusione di poter raggiungere la sostenibilit del sistema pensionistico pubblico in modo indenito, con una riforma
previdenziale.[59] Infatti con la manovra di bilancio del 2014 sono stati subito attuati altri blocchi della perequazione
delle pensioni e sono stati fatti nel corso del 2013 e inizio 2014 altre salvaguardie degli esodati.
Nonostante ci, con i risultati del bilancio consuntivo 2013 dell'INPS, che ormai raccoglie il 95% della spesa pensio-
nistica in Italia sono emersi da parametri indiscutibili: crescita dei contributi raccolti 0,9%,[60] crescita della spesa
pensionistica 2,1%,[61] copertura della spesa pensionistica con i contributi raccolti 78%,[62] variazione PIL 2013
2,9%, rapporto debito/PIL 2013 132,6%.
Tutto ci con la riforma che dal lato delle entrate ha portato ad un aumento dell'aliquota contributiva pensionistica di
nanziamento e dal lato delle uscite ha determinato un drastico crollo del numero di nuove pensioni con eetti ancora
insucienti per l'equilibrio dei conti.
Ci senza considerare che la sostenibilit di un sistema pensionistico pubblico va visto anche dalla parte dei lavoratori
attivi che invece negli ultimi quattro anni hanno visto diminuire il tasso annuo di capitalizzazione per la rivalutazione
del montante contributivo individuale no ad accumulare una perdita maggiore del 9% rispetto a quanto previsto nello
scenario macroeconomico di base della riforma Dini che prevede una crescita annua dell'1,5%.
Un sistema pensionistico pubblico che ha solo stabilizzato la spesa pensionistica al 16,3% del PIL nel 2013 ossia 5
punti di PIL in pi rispetto alla Germania,[63] che ha un debito pubblico implicito legato ai soli pensionati del 50%
superiore a quello della Germania (v. materiali del convegno rel. Mauro Mar ) che ha una popolazione pi grande ed
un PIL per abitante superiore, non pu dirsi sostenibile quando i risultati economici dello Stato italiano sono quelli
innanzi detti.
La riforma delle pensioni Fornero, togliendo di mezzo l'ipocrisia del metodo di calcolo retributivo a partire dal
1/1/2012, aveva il merito di evidenziare che la spesa pi alta del mondo in rapporto al PIL di un paese quale l'Italia
tutta da ascriversi alle promesse pensionistiche della politica fatte negli ultimi decenni a partire dalla riforma pre-
videnziale Brodolini del 1969, promesse che si sono materializzate in baby pensioni, pensioni di anzianit, pensioni
gonate, vitalizi dei parlamentari e pensioni di vecchiaia con il metodo di calcolo retributivo.
Queste promesse venivano intaccate minimamente con il blocco della perequazione e dal blocco delle uscite che non
aveva eetti signicativi nella riduzione della spesa pensionistica in Italia se non quello di evitarne l'esplosione al 18%
del PIL.[64]
Con la riforma si andava delineando che per ritornare a livelli di spesa pensionistica realmente sostenibili dall'economia
Italiana, ormai in retromarcia da 6 anni,[65] non rimaneva che intervenire sulle pensioni gi in essere,[66] quale ultimo
tentativo per evitare il default dello Stato Italiano[67] e l'esplosione del conitto intergenerazionale.[68]
In denitiva la riforma Fornero pur con l'enorme impatto nanziario non riusciva a stabilizzare la spesa pensionistica
in Italia e a riavviare la crescita economica[69] come previsto nello scenario macroeconomico di base per la valutazione
della sostenibilit scale del sistema pensionistico pubblico.
Veniva smentita dai fatti l'aermazione della Fornero circa la sostenibilit del riformato sistema pensionistico pub-
blico, come aermato anche dalle principali organizzazioni economiche internazionali.
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 167

Evoluzione degli indici macroeconomici

Il mercato del lavoro

Il superamento giuridico del mito dei diritti acquisiti

Bisogna sgomberare il campo da un equivoco di fondo. Non esistono nel diritto della previdenza sociale la tutela
costituzionale dei diritti acquisiti.
Esiste la tutela, da parte dello Stato con la giurisdizione, dell'applicazione di leggi dello Stato in materia di diritto
della previdenza sociale.
Quindi, quando una sentenza di una corte tutela dei diritti relativi ad aspettative pensionistiche o a promesse pensio-
nistiche non lo fa perch scritto nella Costituzione, bens perch vi sono norme di legge in tal senso.[70]
Per questo motivo non si parla di diritti acquisiti in senso stretto, ma di cosiddetti diritti acquisiti.[71]
Lo scontro quindi a livello politico e all'origine del conitto intergenerazionale esploso con la crisi economica del
2007.
Consiste nel far pagare la crisi acuita da un sistema pensionistico troppo generoso per le pregresse promesse pen-
sionistiche della politica con una doppia penalizzazione sia in termini di reddito diminuito o di lavoro perso per le
politiche di precarizzazione dei contratti di lavoro non ultimo il decreto Poletti no ad arrivare con la disoccupazione
giovanile ad oltre il 40% nonch al taglio di servizi pubblici lasciando ancora aumentare il debito pubblico.
La spesa corrente serviva per mantenere pensioni medie che erano arrivate a superare lo stipendio medio (l'INPGI
nel 2014 erogava pensioni al 104% di tasso di sostituzione).
Il sistema pensionistico pubblico, erogando pensioni politiche pagate con la scalit generale o di scopo, il campo
dei partiti per esercitare le loro politiche di redistribuzione dei redditi.
La riduzione delle prestazioni pensionistiche in essere, in uno scenario di sostenibilit scale del sistema pensionistico
pubblico universale, si basa solo nel mutamento della volont politica in quanto non esiste un problema di aermazione
della sovranit legislativa di imporre la propria volont politica nel ridurre le prestazioni previdenziali erroneamente
chiamati diritti acquisiti facendo credere che gli stessi dipendano invece da principi costituzionali tutelati da sentenze
della Corte Costituzionale.[72][73]

I due fronti dello scontro sui cosiddetti diritti acquisiti Tentativi si sono succeduti con l'introduzione da parte
del governo Berlusconi III, confermato dal governo Monti del contributo di solidariet a carico delle prestazioni
previdenziali superiori ai 90.000, cassati dalla Corte Costituzionale come se fosse una tassa discriminatoria su un
reddito dierito, alimentando quindi la mitologia dei diritti acquisiti.[74]
Stentava ad aermarsi giuridicamente il concetto di pensione come servizio pubblico pagata con le imposte e quindi
non di tassare un reddito dierito ma di ridurre un servizio pubblico per renderlo sostenibile economicamente visto
l'avvitarsi del PIL su se stesso.[75]
L'ultimo tentativo di introdurre un contributo di solidariet, da parte del governo Letta, ancora vigente nell'agosto
2014.

I diritti acquisiti nell'ordinamento generale Il comma 1 e il comma 2 della riforma Dini esplicitano chiaramente
che le regole ssate sono inderogabili per la normativa attuativa del sistema pensionistico pubblico in Italia.
Il comma 12 dell'art. 3 ssa il principio del pro-rata come modalit da applicare nel caso di necessit da parte di
casse di cui al D.Lgs. 509/1994, di modicare le norme per il calcolo delle pensioni ("i provvedimenti necessari
per la salvaguardia dell'equilibrio nanziario di lungo termine, avendo presente il principio del pro rata in relazione
alle anzianita' gia' maturate rispetto alla introduzione delle modiche derivanti dai provvedimenti suddetti e comunque
tenuto conto dei criteri di gradualita' e di equita' fra generazioni.).[76]
Ci signica che il metodo di calcolo misto, per essere derogato non ha bisogno di modiche costituzionali, bens di
modiche della riforma Dini.
Tale scelta politica non si voluta fare, ma anzi, la tutela delle aspettative pensionistiche stata esplicitamente
confermata nella riforma Fornero.
168 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

L'art. 24 comma 3 aermava esplicitamente che le nuove norme avrebbero avuto eetto per i nuovi pensionati dal
1/1/2012.
Chi si fosse pensionato entro il 31/12/2011 avrebbe usufruito delle regole pre-vigenti la riforma Fornero.
Ci evidenziava ancora una volta la natura distinta del rapporto giuridico di prestazione previdenziale rispetto al
rapporto giuridico di contribuzione obbligatoria.[77]
Un metodo PAYG che dipende dalla legge speciale vigente, cambia l'importo delle prestazioni previdenziali cos come
cambia la legge intervenendo anche sulle aspettative pensionistiche anche se apparentemente non sembra.
Non bisogna lasciarsi ingannare dal fatto che con il metodo di calcolo misto sia salvaguardato quanto maturato in
quanto la quota calcolata con il metodo di calcolo retributivo deve essere valutata in termini di riserva matematica
che dipende dall'et per il pensionamento di vecchiaia e quindi dalla vita media residua.
Quindi la tutela dei diritta acquisiti si riferisce esclusivamente alle pensioni in essere e non alle aspettative pensioni-
stiche maturate.
Questo il nocciolo del conitto intergenerazionale nel campo del sistema pensionistico pubblico.

La piccola breccia aperta dalla riforma Fornero Un tentativo di riportare ad equit i costi delle promesse
pensionistiche pregresse stato compiuto nella riforma, ma visti gli squilibri macroscopici preesistenti, largamente
insuciente.
Se si analizza infatti il debito pubblico implicito dovuto a tali promesse, si scopre che rispetto a paesi come la
Germania, lo squilibrio nell'ordine del 100% del PIL.
Ora, o con il blocco della perequazione per qualche anno o penalizzazioni di qualche punto percentuale per le gestioni
che nel passato sono state pi generose, tale recupero si pu stimare nell'ordine di una decina di punti di PIL, quindi
senza eetti pratici nel riequilibrio dei conti pubblici ove si stimava per il solo 2014 l'aumento del debito pubblico di
6 punti di PIL.

La forma giuridica per modicare le prestazioni previdenziali in essere Gli interventi sul blocco della pere-
quazione ed i contributi di solidariet, essendo estemporanei risolvono momentaneamente la situazione nanziaria
rischiando di aggravare le sperequazioni tra gli appartenenti alle diverse gestioni pensionistiche.
Si faceva strada l'ipotesi che l'intervento dovesse avvenire ricalcolando la quota di pensione determinata con il metodo
di calcolo retributivo, con il metodo contributivo e sulla dierenza applicare un contributo.
Dal punto di vista normativo, per essere ecace, tale contributo dovrebbe essere inserito come un aggiornamento
della legge speciale che regola l'assicurazione sociale obbligatoria, facendo riferimento quindi all'articolo art. 1886
del Codice Civile, non prima di aver appositamente modicato la riforma Dini sull'applicazione del metodo di calcolo
misto.
Quindi, come aermato dalla Fornero, non si dovrebbe trattare di una tassazione, ma di un ridimensionamento del
servizio pubblico prestazioni previdenziali.
Bisognerebbe inoltre vericare che il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita sia
eettivamente pi equo del metodo di calcolo retributivo.

I principi non derogabili della riforma Dini e il caso D.Lgs. 509/1994 Pertanto, le casse di cui al D.Lgs.
509/1994 che hanno avuto lunghi periodi in cui l'aumento degli iscritti compensava ampiamente le promesse pen-
sionistiche, non sono intervenute a correggere il sistema di gestione no a trovarsi in situazioni vicine al dissesto
economico nonostante le stesse fossero state trasformate dal governo Ciampi, primo governo tecnico della seconda
repubblica proprio per trovare in autonomia una soluzione ai gravi squilibri che le minavano.
Non cambiando la normativa di riferimento della legge 335/1995, le delibere attuate da alcune casse venivano quindi
annullate dalla Corte Costituzionale.
Le casse nivano quindi per la seconda volta sotto la scure di un governo tecnico quando nel 2011 il governo Monti
le inseriva nel decreto Salva Italia e precisamente l'art. 24 comma 24 della riforma delle pensioni Fornero imponeva
un nuovo limite di sostenibilit a 50 anni.
Grazie alla perpetuazione del modello previdenziale corporativo fascista si obbligavano le casse ad implementare
il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita in forma pro-rata scaricando gli enormi
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 169

debiti previdenziali latenti sul debito pubblico implicito prima e ponendo una serie ipoteca sul decit futuro dello
Stato Italiano.
La soluzione di tagliare le pregresse promesse pensionistiche meglio classicabili come spoliazione legale, sarebbe
dovuta passare da una modica della riforma Dini che le elite dei professionisti dicilmente avrebbero consentito.

4.8.12 Gli scenari possibili dopo la riforma Fornero

Gli scenari che si prospettano dopo la riforma Fornero, sia che l'Italia esca dalla crisi sia che la crisi economica
si accentui no al default dello Stato Italiano, sono a senso unico in quanto i regali pensionistici del passato hanno
raggiunto comunque un livello non pi tollerabile dall'economia. Anche in altre nazioni, il taglio lineare delle pensioni
ossia della spesa pensionistica pubblica usato per tentare il riequilibrio del bilancio dello Stato.[78]
Ma come nel caso della riforma Fornero i partiti politici che hanno sempre lo sguardo rivolto alle prossime elezioni
non possono avere la volont di risolvere una problematica che ha le radici in 70 e pi anni di storia corporativa. Ci
ancora pi dicile se l'opinione pubblica viene sollecitata senza spiegare la drammaticit degli squilibri nanziari
come l'enorme debito pubblico implicito.[79]
Si dovevano quindi creare le premesse o per un altro governo tecnico[80] o per un intervento imposto dall'esterno con
una forma di commissariamento della guida economica dello Stato Italiano.[81]

Il default previdenziale per le pensioni in essere

Una soluzione si sostanziava nell'ennesima riforma previdenziale che consisteva questa volta in un default del sistema
pensionistico pubblico(default previdenziale) avente per oggetto la sola riduzione del debito pubblico implicito legato
alle pensioni in essere (dal 200% al 300% del PIL senza considerare i lavoratori attivi), ancora calcolate con il metodo
di calcolo retributivo per la maggioranza dei pensionati,[82] per riportarlo almeno ai livelli pi vicini a quello degli
altri paesi simili all'Italia.
Dalla massa principale del debito pubblico implicito si sarebbe dovuto evidenziare, per ragioni di equit, la quota
derivante dalle baby pensioni, pensioni di anzianit, pensioni gonate, vitalizi dei parlamentari, legge Mosca, pensioni
d'annata e mille altri artici legislativi[83] tutti legati al modello economico della spoliazione legale e di assalto alla
diligenza.

Proposte per attuare il default previdenziale

Il Sole 24 Ore proponeva nell'agosto 2014 un taglio della spesa corrente di 100 miliardi di euro che se eettuato
linearmente tra tutte le voci del bilancio dello stato italiano avrebbe comportato una diminuzione di 40 miliardi
di euro di spesa pensionistica.[84]

Ricalcolo delle pensioni erogate con il metodo di calcolo retributivo o con il metodo di calcolo misto, con il
metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita[85][86]

Gutgel proponeva un contributo di solidariet per le pensioni in essere del 10% ed il blocco della perequazione
se al di sopra dei 3.500 .[87] Un contributo di solidariet per gli anni 2014-2016, approvato con la Finanziaria
2014, era gi vigente con un taglio del 6-12% sugli importi superiori a 6.936 euro lordi al mese (90.168 euro
allanno).

Bobba Luigi sottosegretario al lavoro vedeva il taglio per le pensioni da 2000.[88]

Prestito pensionistico per le pensioni anticipate.[89][90]

Perequazione con nuove regole.[91]

Le posizioni politiche sulle proposte di riforma


170 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

L'accorpamento in INPS delle casse di cui al D.Lgs. 509/1994 e D.Lgs. 103/1996

La riforma Fornero avviava il metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita per l'universalit
dei lavoratori, ma le gestioni pensionistiche restavano ancora una moltitudine anche se per il 95% dei lavoratori ormai
accorpate in INPS.
Restavano fuori le casse di cui al D.Lgs. 509/1994 e le casse di cui al D.Lgs. 103/1996.
Nel panorama internazionale si menzionava il sistema pensionistico pubblico in Italia al pari di quello della Svezia
ignorando invece l'aspetto saliente del sistema svedese: l'unicit dell'ente gestore quando in Italia permanevano ancora
una quarantina di gestioni.
Per le casse del D.Lgs. 103/1996 si potevano rilevare elevati costi di gestione dovuti alle ristrette platee di iscritti; gi
nel campo della previdenza complementare i numerosi fondi avevano avuto un forte consolidamento in poche grandi
gestioni che comunque nel panorama internazionale restavano fondi di piccole dimensioni sui mercati nanziari.
Quelli gestiti da pubbliche amministrazioni ai sensi del D.Lgs. 103/1996 erano quindi solo dei poltronici dai costi
insostenibili se non fossero stati posti a carico della scalit generale, come avviene con i contributi obbligatori per
le assicurazioni obbligatorie.

L'accelerazione della transizione al sistema pensionistico universale

Un altro spazio di riforma previdenziale rimasto era quello riguardante per le nuove pensioni, la quota di pensione
calcolata con il metodo di calcolo retributivo.[92]
I costi della transizione decennale senza interventi ricadono interamente nell'aumento del debito pubblico esplicito.
In eetti questa era una delle scelte politiche principali della riforma Fornero ossia la salvaguardia di tutte le promesse
pensionistiche fatte no al 31/12/2011.
Questa scelta era anche obbligata dalla normativa vigente proveniente dalla riforma Dini, legge fondamentale dello
Stato in materia previdenziale che prevedeva appunto il metodo di calcolo misto.
Quindi l'eventuale rivisitazione del metodo di calcolo misto per le pensioni attuali e future, dovrebbe avere come punto
di partenza la modica della riforma delle pensioni Dini, sempre che non si voglia andare incontro alla bocciatura
certa della Corte Costituzionale.
La scelta denitiva di un metodo di calcolo unico e quindi universale per tutti i pensionati vecchi e nuovi allineerebbe
l'Italia ai paesi che hanno il modello previdenziale universale sia dal lato della gestione nanziaria che delle prestazioni
previdenziali e non solo dal lato della gestione nanziaria come avviene ora con il modello previdenziale corporativo
fascista.

4.8.13 La ne della classe dirigente casta schiava dei propri privilegi

Uno degli eetti positivi dell'introduzione del metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita
per tutti a partire dal 1/1/2012, stato l'evidenziarsi tra le molteplici gestioni previdenziali del sistema pensionistico
pubblico in Italia di quelle particolarmente generose e i costi ormai insostenibili per lo Stato di tali regali, al cospetto
di un paese sempre pi in bilico verso la miseria e con la prospettiva del commissariamento da parte della troika
all'avvicinarsi del default.
Partendo a ritroso da quella che dovrebbe essere l'ultima voce di un sistema economico, ossia il pagamento delle
pensioni, appurato che queste da sole assorbivano pi del 40% dell'intera pressione scale, tra le pi alte dei paesi
OCSE, era facile l'evidenziarsi di tutte le altre lobby corporative fasciste posizionate ai vari livelli dello Stato.[93]
Il sistema della spoliazione legale legato alla spesa pensionistica in Italia, era evidentemente attuato i tutti gli altri
campi della spesa pubblica con gli ovvi risultati depressivi sull'economia globale del paese anche se gli economisti
erano ancora alla ricerca della ricetta magica per uscire dalla crisi.
Ma tutte le componenti rappresentative della societ erano ancora parte attiva del sistema della spoliazione legale
(sindacati, rappresentanze padronali, partiti politici,[94][95] imprenditori, sistema bancario, informazione) per poter
proporre l'azzeramento del sistema lobbistico corporativo istituzionalizzato nel paese da 90 anni.
Alcuni esempi delle battaglie politiche in corso ancora nell'agosto del 2014:
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 171

la battaglia di Cesare Damiano per 4.000 insegnanti penalizzati dell'accesso alla pensione di anzianit a fronte
di 400.000 pensionati in meno per eetto della riforma Fornero;

la tutela dei diritti acquisiti legati alle pensioni d'oro|, ma anche alle pensioni gonate di Giampaolo Galli a
fronte della contemporanea aermazione della pericolosit del default dello Stato italiano;

la battaglia per estendere il bonus degli 80" anche ai pensionati;

la tutela dell'autonomia delle casse di previdenza dei liberi professionisti di cui al D.Lgs. 509/1994 di Pier
Carlo Padoan a fronte di investimenti in borsa senza controlli ecaci e la gestione di casse demogracamente
squilibrate solo per mantenere i privilegi delle coorti anziane (es. l'INPGI per la gestione di cui al D.Lgs.
509/1994 ancora nel 2014 aveva tassi di sostituzione al 104% e non rispettava pi il limite di sostenibilit
previsto dalla legge, ma il commissariamento non veniva invocato da nessuno dei molteplici organi di controllo).

l'abolizione dell'art. 18 dello Statuto dei Lavoratori chiesta da Angelino Alfano, come se gli imprenditori stra-
nieri non investono per gli operai italiani comunisti che non possono licenziare anzich per il costo del lavoro
e la pressione scale legale necessaria a mantenere il sistema della spoliazione legale.

4.8.14 Le posizioni dei partiti politici sul sistema pensionistico pubblico dopo la Riforma
Fornero
Partito Democratico

Yoram Gutgeld, deputato del PD, proponeva il dimezzamento o azzeramento delladeguamento allinazione per le
pensioni che superano dalle tre alle sette volte quella minima e non sono ancorate ai contributi versati.
Tale proposta comporterebbe un taglio del debito pensionistico latente per le pensioni, legato per solo alla dinamica
dell'inazione, proprio nel momento in cui l'Italia entrava, dopo 50 anni, in deazione.[96]
Il premier Matteo Renzi valutava a ne settembre 2014 la possibilit di inserire il 50% del TFR in busta paga,
aumentando la stessa del 3,5%, ponendosi il problema della liquidit delle piccole e medie imprese.[97]

Forza Italia

Movimento Cinque Stelle

A ne settembre 2014 era in preparazione una proposta di legge per aumentare la pensione minima ed introdurre il
reddito di cittadinanza.
Ma la riforma delle pensioni Dini ha eliminato la pensione minima per i nuovi pensionati.

Nuovo Centrodestra

Scelta Civica

4.8.15 Note
[1] Elsa Fornero 2013, even pensions and civil service salaries were at risk. Central and local administrations were already
unable to pay suppliers, whose claims exceeded 70 billion Euros.

[2] Angelo Marano, Carlo Mazzaferro, Marcello Morciano, Le criticit della riforma pensionistica Monti-Fornero in Universit
Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector, giugno 2012. URL consultato il 21
ottobre 2014.

pag.2.

[3] pim.it 3/4/2014, ... per un valore pari al 17,28% del prodotto interno lordo (PIL)

[4] Bliz20131115, Cos tante eccezioni che, delloltre mezzo punto percentuale di Pil che si doveva risparmiare se ne persa
traccia, 16.3% costava la spesa previdenziale, e 16.3 coster.
172 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

[5] L.218/1952, raccogliere in un unico testo le disposizioni che regolano la materia

[6] R.D. - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827 2, Perfezionamento e coordinamento legislativo della previdenza sociale

[7] Il Sole 24 Ore 16/12/2011, Il Governo Monti ha incassato il via libera della Camera al decreto legge salva-Italia con 402
s, 75 no e 22 astenuti. Stamani il governo aveva ottenuto la ducia con 495 s, 88 no e 4 astenuti.

[8] Il Sole 24 Ore 28/07/2014, La riforma contributiva, in vigore dal 1 gennaio 1996, si concesse tempi di attuazione molto
lunghi, esentando i lavoratori senior, con anzianit contributive di almeno 18 anni. Ci spiega perch la componente
contributiva della spesa tuttora trascurabile.

[9] Elsa Fornero 2013, a signicant re-balancing, in favor of the young, of generational relationships .... Generational fairness
... Taking the long view, ....

[10] Elsa Fornero 2013, Indeed the reform came after twenty years of pensions restructuring that, for political reasons, had made
the young pay a high price to the advantage of current and elderly generations, in terms of a frustratingly slow transition
towards the new regime.

[11] Sbilanciamoci20131206, ... sia perch iniziano ad andare in pensione sempre pi lavoratori che nel 1995 avevano meno di
18 anni di contributi, e che perci si ritrovano, a dierenza di quelli andati in pensione nora, gi con pi di met della loro
pensione calcolata con il sistema contributivo.

[12] S2420120803, Il pensionato in causa spiega ha versato 102.396 euro di contributo soggettivo e, considerando anche
quello integrativo, ha versato in tutto 175.018 euro di contributi, attualizzati al 2006. Finora ha riscosso 339.962 euro di
pensione, il doppio di quanto ha versato. In base alla sua speranza di vita riscuoter altri 963.967 euro per un totale di
1.303.929 euro: ossia 7,45 volte i contributi versati

[13] MilanoFinanza20130823, ... resta comunque il conto da pagare per tutti gli anni di ritardo nel dire addio al generoso
metodo retributivo. Oggi il 90% delle pensioni che vengono erogate calcolata con il metodo retributivo, ma secondo le
stime dellInps queste saranno ancora il 66% del totale nel 2025 e il 36% nel 2035.

[14] MF20131209, Con la riforma previdenziale varata a inizio 2012 dall'ex ministro Fornero l'Italia, come aerma l'Ocse, sar
uno dei Paesi che mander pi tardi in pensione i suoi lavoratori.

[15] OCSE20131126Italia, I paesi con l'et pensionistica pi elevata tra i paesi OCSE sono Danimarca e Italia

[16] Panorama20130607, La colpa non soltanto della Riforma Fornero ma anche di altri analoghi provvedimenti adottati
in precedenza, negli anni '90 e dal 2000 in poi. Si tratta di misure che, in certi periodi, hanno interrotto o attenuato la
rivalutazione automatica degli assegni Inps, che avviene ogni anno in base al tasso di inazione (la cosiddetta perequazione).

[17] MilanoFinanza20131205, La riforma Fornero in vigore dal 2012, che ha allungato l'et di pensionamento introducendo
il metodo di calcolo contributivo per tutti, inizia a mostrare i primi eetti sui conti pubblici. Secondo i dati del bilancio
sociale Inps del 2012 in totale nell'ambito previdenziale si registrano 629.774 nuovi trattamenti, considerando anche le
nuove pensioni ex Inpdap ed ex Enpals (conuite nell'Inps a inizio 2012), con un calo complessivo del 7,4% rispetto al
2011.

[18] Libero 15/01/2014, Se poi ci si mettono anche i ministri (come madame Fornero), che dimentica qualche centinaio di
migliaia di lavoratori nel limbo degli esodati, la frittata bella e fatta. Dimenticanza o furbizia da esperta di conti, visto che
il bilancio Italia portato allesame di Bruxelles ha ricevuto il consenso di Ue e Bce solo perch taroccato da una variabile che
oggi viene valutata in 11 miliardi, ovvero il costo della dimenticanza degli esodati. Se la riforma ne avesse eettivamente
tenuto conto n a Bruxelles, n a Francoforte ci avrebbero tenuto a galla ma imposto misure modello Grecia.

[19] L'Unit 18/09/2012, Voglio per ricostruire la vicenda - ha precisato - dobbiamo salvaguardare le persone che sono uscite.
Domanda: quante sono? Risposta: 50mila. Mettiamo 65mila per essere pi larghi. E poi troviamo che gli accordi sono tanti,
registrati e non registrati. Quando il Governo ha visto che la situazione era questa, un problema che secondo me poteva
essere gestibile diventato un problema che stato sommerso da un'onda esagerata

[20] INPS report maggio 2014

[21] PensioniOggi, PensioniOggi.it 2/5/2014 ....In totale, quindi, sino ad oggi stata prevista una salvaguardia in favore di
162.130 persone.

[22] L'Espresso 05/08/2014, Almeno 4mila maestri che si erano trovati tagliati fuori dal traguardo-riposo (e dentro la prova di
resistenza Fornero) per un disguido di calcolo: l'anno solare e l'anno scolastico non coincidevano. Cos, coi loro 60 o 61
anni e almeno 35 inverni di contributi alle spalle, erano stati riutati dall'Inps per un guaio di mesi. E costretti a tornare in
classe.
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 173

[23] Giornalettismo 07/08/2014, La Ragioneria dello Stato ha bloccato il prepensionamento per gli insegnanti di Quota 96e
la ne delle penalizzazioni per chi va in pensione anticipata pur con 42 anni di contributivi, anche gurativi, come da testo
approvato dalla Camera dei Deputati. Il governo ha stralciato questi emendamenti dal decreto che stato convertito al
Senato con il voto di ducia prima di tornare a Montecitorio per il voto denitivo.

[24] http://www.cesaredamiano.org/ 06/08/2014

[25] Il Tempo 11/09/2014

[26] Teleborsa, La riforma del sistema previdenziale varata dal Governo Monti far risparmiare allo Stato 2,76 miliardi di euro
quest'anno e no a 22 miliardi di euro entro il 2020.

[27] Angelo Marano, Carlo Mazzaferro, Marcello Morciano, Le criticit della riforma pensionistica Monti-Fornero in Universit
Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector, giugno 2012. URL consultato il 21
ottobre 2014.

pag.2.

[28] FMI Article IV 2014, This reects not only the high share of elderly population but also a high replacement rate for existing
pensioners, who were largely unaected by the recent pension reforms.

[29] Corriere della Sera 13/05/2014, Potrebbe essere necessario intaccare parte dello stock delle pensioni in essere e di quelle
in via di maturazione?

[30] DirittoeGiustizia20130308, In Cassa Forense, come noto, il debito latente non inferiore a 25 miliardi di euro a fronte
di un patrimonio di 5 miliardi di euro e quindi...

[31] PrimoRapportoAdEPP2011, La legge n. 290/1990 aumenta i coecienti di calcolo delle pensioni, nonostante le previsioni
non favorevoli del Bilancio Tecnico dellepoca.

[32] Il Sole 16/01/2014, ... ha strigliato l'Italia e il suo sistema politico cui manca coraggio nell'arontare il debito pubblico.
E ha fatto riforme scarse a confronto dei sacrici degli altri paesi in dicolt.

[33] pim.it 3/4/2014, ... per un valore pari al 17,28% del prodotto interno lordo (PIL)

[34] Camera 11/06/2014, Nelle stime della Commissione europea, la spesa pensionistica in rapporto al PIL attesa a diminuire
di 0,9 punti percentuali da qui al 2060, contro un aumento medio di 1,9 punti nell'eurozona e di 2,6 in Germania.

[35] Pier Carlo Padoan, 21/11/2014, http://www.mef.gov.it/documenti-allegati/2014/20141121170738309.pdf. URL consul-


tato il 21 novembre 2014.

... long term sustainability of the pension sistem, which is already one of the most solid thanks to the past
reform.. Parametro titolo vuoto o mancante (aiuto)

[36] Vitaliano D'Angerio, Inps: stop alla svalutazione dei contributi in Il Sole 24 Ore. URL consultato il 12 novembre 2014.

Azzerare l'eetto svalutazione delle pensioni causato dall'andamento negativo del Pil..

[37] Il Messaggero 20/08/2014, C' da augurarsi che sia una bubbola agostana. Un nuovo blocco biennale dei salari nella #PA
sarebbe inaccettabile, scrive su Twitter la Cgil, bocciando le ipotesi di una nuova proroga per altri due anni del blocco
degli stipendi degli statali. -o- il momento di lasciare in pace i pensionati, che hanno perso il 30% delpotere d'acquisto
negli ultimi 15 anni, grazie alle manovre dei vari governi, aggiunge il segretario generale Spi Cgil

[38] Spi-Cgil 26/05/2014

[39] Rassegna.it 03/09/2014

[40] Ansa 03/09/2014, Statali, stop contratti anche nel 2015. Madia: non ci sono le risorse

[41] Rassegna.it 26/05/2014

[42] SINPA marzo 2012, In questo documento analizzeremo cosa prevedeva il nostro sistema pensionistico no alla riforma
Sacconi del 2011 e, di seguito, quali sono state le principali modiche apportate dalla riforma Fornero - Monti.

[43] Stradeonline.it 26/6/2014, L'articolo 75 della Costituzione prevede infatti che non possano tenersi referendum, tra l'altro,
sulle leggi tributarie e di bilancio. La cosiddetta riforma Fornero non era contenuta stricto sensu in una legge di
bilancio, ma in un provvedimento - il cosiddetto decreto Salva-Italia - che realizzava, anche per eetto delle disposizioni
in materia previdenziale, una manovra correttiva dei conti pubblici, sostanzialmente recepita, quanto agli eetti contabili,
nella legge di bilancio.
174 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

[44] IPE magazine luglio 2014, On the other hand, political parties like Lega Nord which won 6.2% of votes at the European
elections would like to repeal the Fornero reform. Lega Nord has started collecting signatures to launch a referendum,
although this will probably be deemed unconstitutional because it would concern scal issues.

[45] Italia Oggi 25/07/2014, Abolire la legge Fornero realizzerebbe un solo obiettivo che quello poi a cui aspirano i padani":
ripristinare l'istituto dell'anzianit ...

[46] Libero.it 29/07/2014, Sul fronte invece delle pensioni di anzianit a far da padrone Biella con un assegno medio di 1390
euro. Dietro Ferrara con 1300 euro e a seguire Vercelli, Novara, Cuneo, Ravenna, Cremona, Lecco, Varese e Mantova.

[47] Guido del Duca, PolisBlog, 8 novembre 2014, http://www.polisblog.it/post/271178/cgil-in-piazza-a-roma-camusso-si-al-referendum-della-leg


Titolo mancante per url url (aiuto). URL consultato il 09/11/2014.

"Nel momento in cui la Corte costituzionale ammettesse il referendum,sicuramente lo appoggeremmo, perch


determinerebbe per il governo il tempo entro il quale abolire una legge ingiusta".

[48] Pensioni, Capone: Sosterremo referendum Lega , 13 novembre 2014. URL consultato il 14/11/2014.

Sosterremo il referendum promosso dalla Lega per abrogare la Legge Fornero sulle pensioni. Cos il segre-
tario generale dellUgl, Paolo Capone, al termine dellincontro di oggi con il capogruppo alla Camera della Lega
Nord, On. Massimiliano Fedriga, a cui ha partecipato anche il responsabile organizzativo dellUgl, Giancarlo
Favoccia..

[49] [[Il conitto pensionistico/Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale#Revoca delle pensioni d.27oro|]]

[50] Proposta di legge n.857 30/4/2013

[51] Blasting News 2/4/2014, Per la Fornero dunque chi intende abolire la sua legge dovr poi spiegare agli italiani come
nanzierebbe i risparmi di spesa da esse derivanti gi contabilizzati nei conti pubblici, ed inoltre ha il dovere di spiegare
in particolare ai giovani perch si deve cancellare una riforma delle pensioni che ha alleggerito il loro debito pensionistico.

[52] Il Tirreno 18/5/2014, Fra le proposte ci sono: 1) l'introduzione dell'accesso volontario alla pensione con 60 anni di et o
40 anni di contributi senza penalizzazioni; 2) la messa a punto di criteri di calcolo che consentano la salvaguardia del
potere d'acquisto delle pensioni attuali e future; 3) il superamento delle sperequazioni ai danni delle donne (non si tiene
conto n del lavoro di cura che svolgono a casa n delle discontinue carriere lavorative).

[53] Il Fatto Quotidiano 6/5/2014, La questione del meccanismo di rivalutazione, inoltre, particolarmente delicata perch,
nel sistema contributivo per tutti, in vigore con la legge Fornero, il calcolo di quanto cresce nel tempo lammontare dei
contributi versati risulta decisivo. Il coeciente agganciato alla crescita del Pil ma, sostiene Camusso, in questo modo,
con la crisi, noi siamo a 9 punti percentuali. Rivedere quel coeciente sar una battaglia durissima perch grazie a quel
numerino si sono redatte le previsioni della spesa pensionistica per i prossimi trenta-quaranta anni.

[54] Il Fatto Quotidiano 6/5/2014, La proposta della Cgil di portare tutti sotto lo stesso tetto e di utilizzare tutti i contributi
per pagare tutte le pensioni, ripristinando il criterio solidaristico originario della previdenza pubblica. Una proposta che non
dispiace al responsabile economico del Pd, Federico Taddei, seduto in prima la ad ascoltare la relazione, che la giudica
coerente con le proposte nora elaborate dal partito democratico.

[55] Maurizio Sacconi 27/6/2014, La legge Fornero va riformata, evidente, introducendo elementi di essibilit e agevolando
quando pi lausso di risparmio al sistema previdenziale obbligatorio. C un problema pi generale che riguarda tutte le
persone in et avanzata per le quali a certe condizioni occorre rendere pi essibile il regime previdenziale prodotto dalla
legge Fornero che ha sbagliato nel non prevedere la possibilit di una fase di transizione.

[56] ProgettoLavoro 17/07/2014

[57] Il Corriere della Sera 11/08/2014, Rientrate le proposte di revisione della riforma Monti-Fornero.

[58] Il Corriere della Sera 20/08/2014, Gurarda il graco sul prelievo sulle pensioni

[59] IPE 10/07/2014, Panellists at the MEFOP conference, which focused on the sustainability of the pension system and its
role within the economy, warned that demographic and economic forces in Italy were making the old grow older and richer,
while young people struggled to nd economic stability and faced the prospect of not having a public pension.

[60] Quotidiano.net 08/07/2014, Al netto del trasferimento dal bilancio dello Stato, le sole entrate contributive rappresentano
il 67% del totale, pari a 209.995 milioni di euro (208.076 nel 2012: +0,9%)

[61] Quotidiano.net 08/07/2014, La principale voce di uscita rappresentata dalla spesa per le pensioni: 266.887 mln di euro
(261.487 mln nel 2012 con un incremento del 2,1%).
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 175

[62] Leoni Blog 09/07/2014, Se andiamo a vedere le diverse fonti di entrata rispetto alle poste di spesa, al netto dei trasferimenti
dal bilancio dello Stato i contributi raccolti nel 2013 dallINPS sono pari a 209,9 miliardi euro (153 dai privati, 55 dal settore
pubblico, 1 dai lavoratori dello spettacolo), mentre la spesa diretta in pensioni pari a 266,8 miliardi.

[63] L'Opinione 15/07/2014, un Paese che non cresce (le stime per il 2014 si stanno attestando in uno striminzito + 0,2 per cento,
contro il + 0,8 per cento previsto dal Governo), aetto da una progressiva perdita di competitivit, non possa permettersi
di spendere in pensioni qualcosa come 5 punti di Pil in pi rispetto alla tanto demonizzata Germania.

[64] Leoni Blog 09/07/2014, Nel 2013 la spesa previdenziale stata pari al 16,3% del PIl e sarebbe andata al 18%, senza riforma
Fornero.

[65] Il Sole 24 Ore 14/07/2014, Il tasso di disoccupazione raddoppiato salendo al 12,2% e i depositi in banca sono saliti anche
come scelta di risparmio. Ma la crisi non ha colpito tutti i territori nello stesso modo: alcune province pi di altre hanno
soerto, registrando nel 2013 vistosi arretramenti rispetto al 2007.

[66] Panorama 11/08/2014, La prima un taglio agli assegni superiori ai 3 mila euro mensili, ricalcolando lintera vita lavorativa
in funzione dei contributi eettivamente versati per chi andato in quiescenza con il sistema retributivo (misura che si
espone subito a una eccezione di costituzionalit).

[67] Il Sole 24 Ore 09/08/2014, Non pu perch non crescere signica distruggere imprese e benessere, moltiplicare i disoc-
cupati, rendere insostenibile il debito, violare i patti europei, avviarsi al commissariamento uciale Ue, visto che l'uscita
dall'euro sarebbe un disastro ancora maggiore dei mali da curare. Che non sono incurabili.

[68] IPE 10/07/2014, They said Italy should think about comprehensive welfare reform to avoid intergenerational conict,
which would include further changes in the rst pillar system and stimulate growth in the second pillar.

[69] La Repubblica 26/09/2014, Peraltro lo studio del MEF che nel 2013 giunge a tali conclusioni si basa su una crescita del
PIL reale dell'1,5% annuo che forse un po' troppo ottimistica

[70] Sentenza Cassazione sez. Lavoro Civile n. 17892 del 1/4/2014, pag. 9 E' una norma a carattere innovativo che, in particolare,
sostituisce il principio del pro-rata ...

[71] Formiche.net 23/08/2014, A saper scrutare in ligrana il dibattito sul contributo di solidariet sulle pensioni retributive
mediante il loro ricalcolo col metodo contributivo, non si trovano solo esigenze di fare cassa, ma i prodromi di un conitto
intergenerazionale, in quanto le nuove generazioni non sono pi disponibili a sobbarcarsi in conseguenza del sistema di
nanziamento a ripartizione (le pensioni in vigore sono pagate attraverso i contributi riscossi, in contemporaneit, dagli
attivi) oneri consistenti sui loro magri redditi per sostenere trattamenti erogati agli attuali pensionati - che loro, al
momento della quiescenza, non riusciranno neppure ad immaginare. una battaglia questa che si combatte sulla linea
Maginot dei cosiddetti diritti acquisiti. Un fronte destinato prima o poi ad essere aggirato e a cadere.

[72] Formiche.net 23/08/2014, A saper scrutare in ligrana il dibattito sul contributo di solidariet sulle pensioni retributive
mediante il loro ricalcolo col metodo contributivo, non si trovano solo esigenze di fare cassa, ma i prodromi di un conitto
intergenerazionale, in quanto le nuove generazioni non sono pi disponibili a sobbarcarsi in conseguenza del sistema di
nanziamento a ripartizione (le pensioni in vigore sono pagate attraverso i contributi riscossi, in contemporaneit, dagli
attivi) oneri consistenti sui loro magri redditi per sostenere trattamenti erogati agli attuali pensionati - che loro, al
momento della quiescenza, non riusciranno neppure ad immaginare. una battaglia questa che si combatte sulla linea
Maginot dei cosiddetti diritti acquisiti. Un fronte destinato prima o poi ad essere aggirato e a cadere.

[73] Panorama 11/08/2014, La prima un taglio agli assegni superiori ai 3 mila euro mensili, ricalcolando lintera vita lavorativa
in funzione dei contributi eettivamente versati per chi andato in quiescenza con il sistema retributivo (misura che si
espone subito a una eccezione di costituzionalit). ... Arrivano poi la riduzione delle pensioni di reversibilit (si ipotizza
una sola a persona) e labolizione dei baby pensionamenti.

[74] Il Foglio 21/08/2014, La mitologia del diritto acquisito

[75] HungtonPost 19/08/2014, Fornero:"Qui non si tratta di tassare, ma di prendere una eccedenza

[76] Il Sole 24 Ore 13/08/2014, Le Casse dei professionisti non possono tagliare le pensioni attese senza rispettare il principio
del pro rata, ovvero senza considerare quanto maturato no a quel momento. Lo ha stabilito la Cassazione con la sentenza
17892/2014 depositata ieri

[77] Il Foglio 19/08/2014, O forse perch ancora fresca la sentenza 116/2013 con cui la Corte Costituzionale ha cancellato
il contributo di solidariet sulle pensioni doro introdotto nellestate 2011 dal governo Berlusconi e poi confermato dal
governo Monti? Sta di fatto che oggi anche gli incomprimibili non possono dirsi del tutto sereni.

[78] InSerbia 14/08/2014, Serbia: Government to reduce pensions by 20 percent


176 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

[79] Il Corriere della Sera 18/08/2014, Gutgeld un ex manager di punta della societ di consulenza McKinsey ed naturale
quindi che nella sua formazione economico-culturale prevalga unimpostazione di tipo illuministico, sorprende caso mai
che Renzi, attentissimo al consenso popolare, la faccia propria. -o- Se invece alla ne a dominare la comunicazione dovesse
essere ancora una volta la parola tasse saremmo punto e a capo.

[80] Linkiesta 14/08/2014, Quando c' da prendere provvedimenti impopolari, che avrebbero un costo elevato in termini di
consenso o che, quantomeno renderebbero palese quanto scadente stata la qualit di chi ha governato in precedenza,
perch non cedere, temporaneamente, la sovranit a un tecnico, che faccia il lavoro sporco e assolva al ruolo di parafulmine
nei confronti della rabbia popolare?

[81] Linkiesta 14/08/2014, Esaurito il potenziale del tecnico parafulmine lo stadio successivo quello del vincolo esterno: la
tua politica economica non credibile? La soluzione prendere in prestito la credibilit da chi se l' costituita nel tempo
ed entrare in un club come quello dell'euro. All'inizio magari pu anche funzionare [7], per poi i nodi vengono al pettine
e ci presentano il conto[8].

[82] Il Manifesto 11/08/2014, Cir cola impe tuo sa mente lipotesi di un nuovo inter vento sulle pen sioni. Non una riforma che
toc chi per lennesima volta quelle future, per: l la spu gna gi stata striz zata sino allultima goc cia. Piut to sto quelle
gi ero gate, con si de rate troppo esose per ch misu rate con lobsoleto sistema retri bu tivo invece che con tri bu tivo. In
sol doni, un taglio delle pen sioni troppo alte, incluse natu ral mente quelle di rever si bi lit a par tire dai 3mila euro
lordi.

[83] Treccani Assestamenti della riforma pensionistica e dintorni, a) La dichiarata incostituzionalit della improvvida mano-
vra realizzata nel 2011 a pi riprese con il contributo di perequazione lascia intatte le conseguenze di un passato, oramai
decisamente superato quanto a capacit genetica di nuovi diritti, che ancora si proietta negativamente nella prospettiva ge-
nerazionale propria del sistema pensionistico, grazie alla proiezione temporale di non pochi trattamenti ancora correlati alle
ultime retribuzioni, e frequentemente, secondo criteri spesso variamente squilibranti, che, proprio per la loro variegatezza,
non sono facilmente suscettibili delladozione di unica soluzione eettivamente correttiva a ni perequativi.

[84] Hungton Post 19/08/2014, Siamo il primo bancomat d'Europa nella previdenza. Abbiamo una quota spesa pensionistica
di circa 50 miliardi non coperta da contributi versati.

[85] Il Sole 24 Ore 19/08/2014, In alternativa si potrebbe pensare a una stretta pi generalizzata sui trattamenti gi in corso di
erogazione e calcolati secondo il metodo retributivo o misto.

[86] Firenze Post 19/08/2014, L`Inps ha gi elaborato un modello per ricalcolare l`importo con il metodo contributivo per
i pensionati del settore privato, mentre qualche problema potrebbe sorgere per quelli del pubblico impiego, nel quale i
contributi nel passato non venivano sostanzialmente versati.

[87] La Stampa 18/08/2014, Lipotesi Gutgeld: taglio del 10% e blocco della rivalutazione sopra 3.500 euro

[88] Libero Quotidiano 18/08/2014, Ma adesso, sempre dal ministero del Lavoro, arriva una doccia fredda per milioni di
pensionati: la soglia potrebbe abbassarsi no a 2 mila euro.

[89] Il Sole 24 Ore 19/08/2014, prestito pensionistico sulla falsariga della proposta Giovannini

[90] Firenze Post 19/08/2014, A questi lavoratori dovrebbe essere concesso, dopo i due anni di indennit di disoccupazione, un
assegno di circa 750 euro al mese per il periodo necessario a maturare i requisiti per la pensione di vecchiaia. Una volta
in pensione il lavoratore restituirebbe a rate quello che di fatto un anticipo della pensione. Insomma una sorta di prestito
previdenziale.

[91] Firenze Post 19/08/2014, allo studio il rareddamento dei meccanismi di adeguamento automatico delle pensioni al costo
della vita, che potrebbe diventare rilevante una volta che l`inazione dovesse ritornare sul target europeo del 2 per cento.

[92] Il Corriere della Sera 21/08/2014, Pensioni con il metodo retributivo: 2015 86,9%; 2025 65,8%; 2035 36,3%

[93] Il Corriere della Sera 12/08/2014, LIce assorbir dunque 19 dipendenti a tempo indeterminato di Buonitalia che furono
assunti a chiamata diretta! Invece noi, che lunica chiamata diretta labbiamo avuta per presentarci al concorso, durato quasi
due anni, con 17 mila partecipanti, una prova preselettiva, due scritte, una orale, allIce non abbiamo ancora messo piede.
Ma al loro anco quei giovani non hanno nessuna lobby. Solo il viceministro allo Sviluppo, Carlo Calenda, che quei 19
scandalosi passaggi allIce si riuta di autorizzarli.)

[94] AGI 18/08/2014, Il segretario Salvini ha fatto poi sapere a Bossi di non poter pi garantirgli i 400 mila euro, ma solo
200mila. Ma cio' che avrebbe mandato su tutte le furie il fondatore del movimento sarebbe stato l'annuncio pubblico che il
10 ottobre, prima udienza contro i familiari del Senatur, la Lega si sarebbe costituita parte lesa.

[95] Il Messaggero 12/08/2014, Netti mi arrivano 6.800 euro. Ma tenga conto che non ci pagano pi il permesso della ztl, non
ci sono altri soldi per la segreteria, se mi sposto nel Lazio lo faccio con la mia macchina a mie spese.Cangemi, 6.800 euro
al mese.Prima ne guadagnavano 12 mila.)
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 177

[96] Formiche 11/09/2014

[97] Il Sole 24 Ore 28/09/2014, Potremmo mettere il Tfr mensilmente in busta paga, ha dichiarato il premier, complicato
ma, se trovassimo il modo di dare liquidit alle piccole e medie imprese

4.8.16 Voci correlate


Assicurazione sociale obbligatoria
Baby pensioni
Capitalizzazione simulata sulla crescita
Contributi previdenziali
Default dei sistemi pensionistici pubblici
Elsa Fornero
Fondo pensione
Gestione a ripartizione
Metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita
Riforma Dini
Riforma previdenziale
Sistema pensionistico pubblico

4.8.17 Altri progetti


Il testo commentato della Riforma delle pensioni Fornero su wikibooks

4.8.18 Collegamenti esterni


Libri

Autori vari, La previdenza sociale, 3/11/2014, Wikipedia

Leggi

Decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, articolo 24, in materia di "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equita'
e il consolidamento dei conti pubblici."
Decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, articolo 12, in materia di "Misure urgenti in materia di stabilizzazione
nanziaria e di competitivita' economica."
Legge 4 aprile 1952, n. 218, articolo 37, in materia di "Riordinamento delle pensioni dell'assicurazione obbli-
gatoria per l'invalidita', la vecchiaia e i superstiti."
Regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636 (in Gazz. U., 3 maggio, n. 105). -- Modicazioni delle disposi-
zioni sulle assicurazioni obbligatorie per l'invalidit e la vecchiaia, per la tubercolosi e per la disoccupazione
involontaria.. URL consultato il 26 aprile 2014.
Regio decreto-legge 14 aprile 1939, n. 636 (in Gazz. U., 3 maggio, n. 105). -- Modicazioni delle disposi-
zioni sulle assicurazioni obbligatorie per l'invalidit e la vecchiaia, per la tubercolosi e per la disoccupazione
involontaria.. URL consultato il 26 aprile 2014.
Regio Decreto - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827. URL consultato il 26 aprile 2014.
Regio Decreto - Legge 4 ottobre 1935, n. 1827. URL consultato il 30 aprile 2014.
178 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

News

da agosto 2014

Redazione, PENSIONI: M5S RILANCIA PROPONENDO LAUMENTO DELLA PENSIONE MINIMA


in Eemeride. URL consultato il 29 settembre 2014.

Raaele Zenti, Legge di Stabilit 2015: cosa succede se Renzi ci mette in busta paga met TFR? in Advise
Only. URL consultato il 29 settembre 2014.

Nicoletta Cottone, Renzi: cancelliamo i contratti precari. E rilancia il Tfr in busta paga in Il Sole 24 Ore. URL
consultato il 29 settembre 2014.

Alessandro De Nicola, Il tab delle pensioni in La Repubblica. URL consultato il 26 settembre 2014.

Ecco il nuovo programma economico di Renzi. Parla Gutgeld in Formiche. URL consultato il 13 settembre 2014.

Pensioni dei professionisti a rischio. Fate ricorso contro la Cassazione in Il Tempo. URL consultato l'11
settembre 2014.

Statali, stop contratti anche nel 2015. Madia: non ci sono le risorse in Ansa. URL consultato il 3 settembre 2014.

Pensioni: Spi Cgil, Renzi mantenga promessa 80 euro in Rassegna. URL consultato il 3 settembre 2014.

Giuliano Cazzola, Pensioni, ecco lo scontro fra generazioni che si cela nel dibattito fra Poletti, Delrio e Renzi
in Formiche.net. URL consultato il 26 agosto 2014.

Flavio Bini, Pensioni, le mille voci del governo sul contributo di solidariet in HungtonPost. URL consultato
il 21 agosto 2014.

Enrico Marro, Quel conitto sotterraneo tra generazioni che ora mette in pericolo il welfare in Il Corriere della
Sera. URL consultato il 21 agosto 2014.

Oscar Giannino, Pensioni, la santa alleanza contro i giovani in Linkiesta. URL consultato il 21 agosto 2014.

La mitologia del diritto acquisito in Il Foglio. URL consultato il 21 agosto 2014.

Statali, la Cgil avverte il governo: No al blocco dei salari. Pensioni, pronti alla mobilitazione in Il Messaggero.
URL consultato il 20 agosto 2014.

CHOMSKY: LA DEMOCRAZIA IN ITALIA E' FINITA in Cadoinpiedi. URL consultato il 20 agosto 2014.

Alberto Brambilla, Pensioni, la tentazione dei tagli I no della Consulta e i conti sbagliati in Il Corriere della
Sera. URL consultato il 20 agosto 2014.

Taglio pensioni d'oro, coro di no. Renzi: Prima la riforma della giustizia in La Repubblica. URL consultato il
19 agosto 2014.

Riforma pensioni, tris di interventi sul tavolo del Governo in Il Sole 24 Ore. URL consultato il 19 agosto 2014.

Yoram Gutgeld, consigliere economico di Matteo Renzi: Se fossi ministro, privatizzazioni subito e tagli alle
pensioni in Hungton Post. URL consultato il 19 agosto 2014.

Paolo Padoin, PENSIONI, GLI ASSEGNI DI MAGISTRATI E PROFESSORI NEL MIRINO DEL GO-
VERNO RENZI in Firenze Post. URL consultato il 19 agosto 2014.

Francesco Galietti, Le forbici sui diritti acquisiti? Cosa spinge (e cosa frena) il Rottamatore in Il Foglio. URL
consultato il 19 agosto 2014.

Lite Bossi-Salvini, duello in tribunale: il segretario, c....te in AGI. URL consultato il 18 agosto 2014.

(EN) Serbia: Government to reduce pensions by 20 percent in InSerbia. URL consultato il 18 agosto 2014.

Dario Di Vico, Lasciate in pace il ceto medio in Il Corriere della Sera. URL consultato il 18 agosto 2014.

Massimo Famularo, Sulla sovranit nazionale col culo degli altri in Linkiesta. URL consultato il 18 agosto 2014.
4.8. LA RIFORMA DELLE PENSIONI FORNERO 179

Sforbiciata alle pensioni doro. Tornano nel mirino le retributive in La Stampa. URL consultato il 18 agosto 2014.

Governo, il sottosegretario al Lavoro Bobba: Intervento su pensioni superiori a 2000 euro in Libero Quoti-
diano. URL consultato il 18 agosto 2014.

Enrico Marro, Poletti e lart. 18: Non serve abolirlo basta il contratto di inserimento in Il Corriere della Sera.
URL consultato il 17 agosto 2014.

Maria Carla De Cesari, Casse, la Cassazione salva i diritti acquisiti: tagli solo per il futuro in Il Sole 24 Ore.
URL consultato il 13 agosto 2014.

Dichiarazione di voto di Giampaolo Galli esame congiunto del Rendiconto dello Stato per lesercizio nanzia-
rio 2013 e delle disposizioni per lassestamento per lanno nanziario 2014 in Giampaolo Galli. URL consultato
il 12 agosto 2014.

Intervento nella discussione delle mozioni sulle pensioni doro 08/01/2014 in Giampaolo Galli. URL con-
sultato il 12 agosto 2014.

Le pensioni tornano a ballare in Il Manifesto. URL consultato il 12 agosto 2014.

Il potere delle lobby che ottengono anche i commi ad personam in Il Corriere della Sera. URL consultato il 12
agosto 2014.

Cangemi: con 5.200 euro al mese un consigliere regionale non campa in Il Messaggero. URL consultato il 12
agosto 2014.

Il suicidio collettivo che l'Italia non pu permettersi in Il Sole 24 Ore. URL consultato l'11 agosto 2014.

Mettere mano alle pensioni per la manovra d'autunno in Panorama. URL consultato l'11 agosto 2014.

Et e calcoli: guida alla pensione in Il Corriere della Sera. URL consultato l'11 agosto 2014.

Pensioni, la rabbia degli insegnanti Docenti in cattedra no a 67 anni in L'Espresso. URL consultato il 5 agosto
2014.

Lassalto miope alla riforma Fornero in Giornalettismo. URL consultato il 9 agosto 2014.

Pensioni, conti salvi ma redditi a rischio: risparmi no a 25 miliardi, dubbi sulla sostenibilit sociale in Il
Messaggero. URL consultato il 3 agosto 2014.

Antecedenti agosto 2014

Un sistema difettoso in Il Sole 24 Ore. URL consultato il 29 luglio 2014.

Pensioni, la classica degli assegni: citt per citt, ecco dove si prende di pi in Libero.it. URL consultato il 29
luglio 2014.

Giuliano Cazzola in Brunetta al traino della lega: abolire la legge Fornero realizzerebbe le aspirazioni dei padani
di ripristinare le PENSIONI DI ANZIANITA, Italia Oggi 25 luglio 2014 in Libero.it. URL consultato il 28 luglio
2014.

Rossella Cadeo, Sette anni vissuti pericolosamente: ecco dove la crisi ha colpito di pi, provincia per provincia
in Il Sole 24 Ore. URL consultato il 18 luglio 2014.

(EN) CARLO SVALUTO MOREOLO, Italian government to 'help' pension funds invest in domestic economy
in IPE. URL consultato il 17 luglio 2014.

Raaele Marmo, Rapporto Inps: il morso della crisi sociale e la stretta delle riforme in Quotidiano.net. URL
consultato il 17 luglio 2014.

Spesa pubblica e riforme inesistenti in L'Opinione. URL consultato il 17 luglio 2014.

RSU CONTRO FORNERO: un movimento dal basso per il diritto alla pensione in Progetto Lavoro. URL
consultato il 17 luglio 2014.
180 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

(EN) Maria Teresa Cometto, Italy: Revolution, not evolution in Investiments & Pensions Europe. URL consultato
il 14 luglio 2014.

SFASCISMO PREVIDENZIALE. IL REFERENDUM DELLA LEGA INCOSTITUZIONALE. PECCA-


TO, AIUTEREBBE A FARE CHIAREZZA in Stradeonline.it. URL consultato il 27 giugno 2014.

In piazza per mandare in pensione la riforma Fornero in Il Tirreno. URL consultato il 13 giugno 2014.

Pensioni, Camusso: Abolire gestione separata e rivedere coecienti in Il Fatto Quotidiano. URL consultato il
5 giugno 2014.

(EN) Reforming labor markets: reections of an economist who (unexpectedly) became the Italian Minister of
Labor in IZA Journal of European Labor Studies 2013. URL consultato il 2 maggio 2014.

SPI-CGIL A PADOAN, GOVERNO SAREBBE STATO PI CREDIBILE CON BONUS A PENSIONATI


in Spi-Cgil comunicati stampa. URL consultato il 26 maggio 2014.

Poligraci in sciopero: il governo non ci ascolta in Rassegna.it. URL consultato il 26 maggio 2014.

Ricchezza nelle mani dei pi anziani. Evitare la guerra tra generazioni. in Corriere della Sera. URL consultato il
19 maggio 2014.

Pensioni doro e di latta: la fotograa ISTAT in pmi.it. URL consultato il 6 aprile 2014.

Fornero a Bersani: Errore su esodati, non con riforma in L'Unit. URL consultato il 13 febbraio 2014.

Barroso striglia l'Italia: scarse riforme e poco coraggio nell'arontare il debito pubblico in Il Sole 24 Ore. URL
consultato il 16 gennaio 2014.

La Camera approva il decreto salva-Italia. Monti: la posta in gioco erano i risparmi degli italiani. Non sono
disperato in Il Sole 24 Ore. URL consultato il 4 giugno 2014.

Antonio Castro, Pensioni, c' un altro buco da 10 miliardi in Libero Quotidiano. URL consultato il 15 gennaio
2014.

Vincenzo Galasso, Chi paga per la riforma delle pensioni in La Voce.info. URL consultato il 31 dicembre 2013.

Paola Valentini, Pensioni, in Danimarca il sistema pi ecace e sostenibile al mondo in Milano Finanza.

Povere pensioni in Sbilanciamoci. URL consultato il 6 dicembre 2013.

Inps, frena il numero di pensioni in MilanoFinanza. URL consultato il 5 dicembre 2013.

Fornero sfondata da pensioni a 60 anni. E fuoco che brucia sotto i conti Inps in Bliz quotidiano. URL consultato
il 16 novembre 2013.

Pensioni: Fornero, grazie alla riforma risparmi per 22 miliardi entro il 2020 in Teleborsa. URL consultato il 19
aprile 2013.

Risparmi per 80 miliardi dalla riforma Fornero in Corriere della Sera. URL consultato il 13 giugno 2013.

Andrea Telara, Pensioni, le vere vittime della riforna Fornero in Panorama. URL consultato il 22 agosto 2013.

Previdenza, i divora-pensione in MilanoFinanza. URL consultato il 23 agosto 2013.

La Cassa ragionieri prova l'attacco in Il sole 24 ore. URL consultato il 26 marzo 2013.

Pensioni, il riepilogo dei salvaguardati in Pensioni Oggi. URL consultato il 2 maggio 2014.

Sentenze

Sentenza Cassazione sez. Lavoro Civile n. 17892 del 1/4/2014. URL consultato l'11 settembre 2014.
4.9. TRANSIZIONE AL METODO DI CALCOLO CONTRIBUTIVO 181

Web

Seduta n. 24 di Mercoled 11 giugno 2014 in Camera dei Deputati. URL consultato il 1 ottobre 2014.

ITALY 2014 ARTICLE IV CONSULTATIONSTAFF REPORT; PRESS RELEASE; AND STATEMENT


BY THE EXECUTIVE DIRECTOR FOR ITALY in FMI. URL consultato il 18 settembre 2014.

Pasquale Sandulli, Assestamenti della riforma pensionistica e dintorni. URL consultato il 28 agosto 2014.

Pietro Garibaldi, Lavoro: conitto generazionale. URL consultato il 28 agosto 2014.

PENSIONI: LA CONTRORIFORMA DEI NON ESODATI. URL consultato il 12 agosto 2014.

Pensioni, le norme per pubblico e privato. URL consultato il 9 agosto 2014.

Inps: crollo pensioni liquidate per eetto Fornero. URL consultato il 17 luglio 2014.

Oscar Giannino, PENSIONI, RIMEDI NON ORTODOSSI A 4 GUAI: TROPPA SPESA SUL PIL, IL DE-
FICIT INPS, PENSIONATI POVERI, GIOVANI SENZA FUTURO. URL consultato il 17 luglio 2014.

Maurizio Sacconi, Pensioni: Legge Fornero va riformata. URL consultato il 27 giugno 2014.

Giusy Ascani, RILEVANZE ATTUARIALI E FINANZIARIE NELLA RIFORMA DELLE PENSIONI


MONTI-FORNERO. URL consultato il 25 giugno 2014.

CAMERA DEI DEPUTATI N. 857 PROPOSTA DI LEGGE 30 aprile 2013. URL consultato il 17 giugno 2014.

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO. URL


consultato il 29 maggio 2014.

Inps, report salvaguardie al 6 maggio 2014. URL consultato il 22 maggio 2014.

Pensions at a Glance 2013: OECD and G20 indicators Italia. URL consultato il 9 dicembre 2013.

Primo Rapporto AdEPP 2011.

Analisi macroprudenziale e stress testing dellultimo bilancio tecnico: alla ricerca della stabilit nanziaria in
DirittoeGiustizia. URL consultato il 4 aprile 2013.

< Indice >

4.9 Transizione al metodo di calcolo contributivo


< Indice >
< 4 - Storia pensionistica italiana > < prec > < succ >
Per transizione al metodo di calcolo contributivo nel sistema pensionistico pubblico italiano a redistribuzione
dei tributi e senza patrimonio di previdenza si considera il periodo in cui risulta vigente anche in modo parziale
l'erogazione delle pensioni determinate con il metodo di calcolo retributivo.
Nel 1996 a seguito dell'approvazione della riforma delle pensioni Dini stato introdotto nel sistema pensionistico pub-
blico il metodo di calcolo contributivo per alcuni segmenti di cittadini nel rispetto del principio della segmentazione
del diritto alla prestazione previdenziale.
In particolare il metodo di calcolo contributivo stato introdotto:

in forma completa per i lavoratori che hanno iniziato a lavorare dal primo gennaio 1996 e che andranno in
pensione a partire, a seguito delle successive riforme dopo almento 42 anni ossia nel 2038-2040;

in forma parziale secondo il metodo di calcolo misto per i lavoratori che nel 1996 avevano no a 18 anni di
anzianit contributiva e che sarebbero andati in pensione dal 2020-2022 con la pensione calcolata con il metodo
di calcolo retributivo per la quota massima di 18 anni nel 2022 a decrescere no al 2038-2040;
182 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

in forma nulla per i lavoratori che nel 1996 avevano pi di 18 anni di contribuzione e no alla riforma delle pen-
sioni Fornero avevano la pensione calcolata completamente con il metodo di calcolo retributivo, poi diventato
misto dal 2012.

Nel 2015 quindi il 95% delle pensioni in pagamento erano calcolate con il metodo di calcolo retributivo.
Per almeno circa 20 anni queste pensioni saranno in pagamento e con esse le nuove pensioni che saranno calcolate
per una quota superiore al 50% con il metodo di calcolo retributivo.
In base alla situazione descritta la transizione dal metodo di calcolo retributivo al metodo di calcolo contributivo non
sar avvenuta prima della ne del pagamento dell'ultima pensione con una quota basata sul metodo retributivo no a
circa il 2060.

4.9.1 I costi della transizione

< Indice >

4.10 Bolla previdenziale


< Indice >
< 4 - Storia pensionistica italiana > < prec > < succ >
Si denisce bolla previdenziale[1][2] o bolla pensionistica, il risultato della degenerazione del diritto della previdenza
sociale ovvero in un sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza la dierenza tra il debito pensionistico
latente e il patrimonio preda, in assenza di un patrimonio di previdenza. Coincide con la somma per tutti gli iscritti
ad un sistema pensionistico pubblico del furto intergenerazionale relativo a ciascuno, pensionato o lavoratore attivo.
Nel caso di assenza totale del patrimonio dell'ente previdenziale gestore del sistema pensionistico, la bolla previden-
ziale coincide con il debito pensionistico latente. La bolla previdenziale si forma all'avvio dei sistemi pensionistici
senza patrimonio di previdenza sia nel caso del modello previdenziale universale sia nel caso del modello previdenziale
corporativo fascista.
La bolla previdenziale si forma sia con la creazione articiale di un elevato debito pubblico implicito ovvero di un
elevato debito pensionistico latente al quale non corrispondono versamenti di contributi obbligatori per le assicurazioni
obbligatorie nel rispetto dell'equilibrio nanziario attuariale, sia con l'utilizzo dei fondi versati per la previdenza per
altre spese correnti.
La bolla previdenziale quindi una costruzione ttizia della politica, attaverso il diritto della previdenza sociale, per
giusticare legalmente un elevato livello di spesa corrente primaria[3] per le pensioni, visto che nei sistemi pensionistici
pubblici (primo pilastro della previdenza) le pensioni si pagano con le imposte come chiarito nella teoria costituzionale
nel diritto della previdenza sociale.
In un sistema pensionistico privato fully funded, l'indice di patrimonializzazione deve essere del 100% o superiore.
Il patrimonio di previdenza ha la funzione di trasferire il proprio risparmio previdenziale attuale nel futuro, quando
verr utilizzato per i bisogni del pensionato.
In un sistema pensionistico pubblico con indice di patrimonializzazione nullo o lontano dal 100%, il trasferimento
di risparmio tra generazioni, nello stesso tempo e non nel futuro ed avviene con l'imposizione della tassazione da
parte dello Stato. Pi le generazioni che si trasferiscono la ricchezza non sono in equilibrio demograco o economico,
come ad esempio nella fase di avvio di un sistema pensionistico con il modello previdenziale corporativo fascista pi
si ha una amplicazione della bolla previdenziale.
Caratteristica fondamentale per la creazione della bolla previdenziale che chi paga le promesse pensionistica| attuali,
lo fa nella convinzione che un domani tali vantaggi saranno assicurati anche a lui, anche se ci smentito dalla docu-
mentazione uciale. Il sistema si basa quindi su una asimmetria informativa dovuta all'utilizzo di un gergo nanziario
non comprensibile agli utenti e sulle aermazioni rassicuranti degli esperti (politici, sindacati, professori universitari,
commissioni parlamentari) sulla sostenibilit del sistema pensionistico in realt insostenibile per denizione.[4]
Nel caso in cui si manifesta l'evidenza della disparit di trattamento tra le generazioni o dovuta a diversi livelli di
tassazione o a diversi livelli delle prestazioni previdenziali, si pu compromettere la sostenibilit sociale dei sistemi
pensionistici pubblici in quanto gli stessi si basano sulla coesione sociale.
4.10. BOLLA PREVIDENZIALE 183

Nel momento in cui la bolla previdenziale crea la crisi del sistema economico, si vericano i seguenti eetti:

1. trasferimento di risorse tra generazioni| con sistemi di spoliazione legale in casi particolari amplicati dal
patrimonio preda;

2. aumento dell'aliquota contributiva pensionistica di nanziamento;

3. riduzione del reddito disponibile dei lavoratori associato a forme di lavoro essibile e contratti basati sul
tradimento intergenerazionale;

4. riduzione delle promesse pensionistiche|;

5. decrescita o crescita ridotta dell'economia;

6. crollo dei consumi;

7. aumento del cuneo scale sul lavoro ossia dell'aliquota scale eettiva sul lavoro;

8. aumento della disoccupazione;

9. diminuzione del monte dei salari sul PIL;

10. aumento del rapporto tra debito pensionistico latente e spesa pensionistica;

11. aumento del rapporto tra la spesa pensionistica ed il PIL;

12. diminuzione del monte dei contributi previdenziali raccolti dagli enti previdenziali;

13. aumento dei disavanzi di gestione degli enti previdenziali;

14. spirale di aumento del debito pubblico per la spesa pensionistica| corrente;[5]

15. aumento della tassazione per il pagamento degli interessi sul debito pubblico;

16. ulteriore crollo dei consumi conseguente al consolidamento scale;

17. diminuzione degli investimenti pubblici in infrastrutture;[6]

18. deazione;

19. tasso annuo di capitalizzazione per la rivalutazione del montante contributivo individuale nozionale negativo;

20. Crollo dei versamenti volontari ai w:fondi pensione;

21. Decremento demograco;

22. Diminuzione dei salari;

23. Esplosione dell'indice di benecio relativo;

24. Per alcune categorie le pensioni medie superano i redditi medi es. INPGI ha tasso di sostituzione del 104%;

25. conitto pensionistico;[7]

26. ne della sostenibilit sociale dei sistemi pensionistici pubblici.

La bolla previdenziale pu crearsi anche con i fondi pensione se gli incentivi scali per creare un reale risparmio
previdenziale, valutati nell'ottica globale del sistema previdenziale e del sistema economico, sono tali da causare gli
stessi eetti.
L'uscita da una bolla previdenziale pu avvenire o con politiche di consolidamento scale[8] abbinate al politiche di
qualit della spesa pubblica che stimolino gli investimenti e la crescita economica|,[9] o con la sua esplosione e quindi
con il default di uno Stato.
184 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

4.10.1 Come nasce la bolla previdenziale

In fase di avvio di un sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza, possibile garantire le prestazioni pre-
videnziali anche in assenza di versamenti dei contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie in quanto non vi
la necessit di un patrimonio di previdenza.
Le promessa pensionistica che nasce dallo schema pensionistico con formula delle rendite predenita determina la
formazione di un debito pensionistico latente ovvero di un debito pubblico implicito.
Nei sistemi che utilizzano il modello previdenziale corporativo fascista tale schema si moltiplica tante volte quante
sono le corporazioni che implementano un sistema pensionistico proprio.
A ci si aggiungono le distorsioni, true, inganni inseriti nel singolo sistema pensionistico[10] nel rispetto della teoria
della spoliazione legale.
Gli eetti sull'economia si manifestano quando per pagare le promesse pensionistiche al momento della maturazione
dei requisiti, si aumenta in modo insostenibile il cuneo scale e si aumentano i trasferimenti dalla scalit generale
al livello tale da alterare la crescita economica per la riduzione marcata degli investimenti.
Poich la sostenibilit sociale dei sistemi pensionistici pubblici ha nella crescita un parametro fondamentale, si innesca
un circolo vizioso di stagnazione o decrescita che porta alla loro insostenibilit.

La previdenza complementare e la bolla previdenziale

Pu sembrare che non vi sia alcun collegamento tra la previdenza complementare, basata sul principio della capita-
lizzazione integrale rispetto ai sistemi pensionistici obbligatori che creano la bolla previdenziale.
Lo sviluppo del sistema pensionistico complementare va invece visto nell'ottica globale del sistema economico.
Nel caso italiano la previdenza complementare infatti contribuisce ad amplicare gli eetti della bolla previdenziale.

4.10.2 Come si riduce o elimina la bolla previdenziale

La soluzione pi traumatica ma risolutiva il default dello Stato e l'azzeramento di tutte le promesse pensionistiche
con la ripartenza di un nuovo sistema pensionistico obbligatorio.
Il caso limite nel senso che da un punto di vista economico, il semplice default previdenziale senza il default dello
Stato sempre possibile in quanto in base alla teoria costituzionale nel diritto della previdenza sociale non vi sono
diritti costituzionali che tutelano le generose promesse pensionistiche.
Tali promesse sono tutelate per scelta politica in quanto l'elettorato legato a tali aspettative rappresenta un'ampia
percentuale della popolazione e pertanto i politici sono restii a penalizzarli.
Il debito pubblico implicito che misura l'entit della bolla previdenziale non sottoscritto dallo Stato come nel caso del
debito pubblico esplicito, ma la sua cancellazione, da un punto di vista delle garanzie dello Stato, ne mette comunque
in discussione la sua adabilit.
La soluzione quindi se la crescita economica non riesce a riavviare un circolo virtuoso, non pu essere che il default
dei sistemi pensionistici obbligatori.

La nazionalizzazione dei fondi pensione

Alcuni paesi europei hanno optato per la nazionalizzazione dei fondi pensione al ne di consolidare, con il loro
patrimonio di previdenza, il debito pubblico.

4.10.3 La bolla previdenziale in Italia

Le origini storiche

La bolla previdenziale in Italia ha origine nel sistema pensionistico frammentato tra decine di gestioni nanziarie.[11]
4.10. BOLLA PREVIDENZIALE 185

Nella fase di avvio dei sistemi, essendo il rapporto pensionati iscritti favorevole, con basse aliquote contributive pen-
sionistiche di nanziamento, si riesce a garantire la sostenibilit del sistema, garantendo anche un tasso di rendimento
apparente elevato.
Ci si sostanzia anche con l'abbassamento dell'et per il pensionamento di vecchiaia, utilizzo del metodo di calcolo
retributivo con alti coecienti di rendimento e calcolo del reddito medio di pensionamento solo sugli ultimi redditi.
In questo modo si riesce a restituire pensioni che hanno un valore attuariale multiplo del montante contributivo
individuale.

Un esempio pratico

Per comprendere come si forma una bolla previdenziale, pu essere utile l'esempio di Inarcassa che gestisce un
sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza aggravato dal patrimonio preda secondo il modello previdenziale
corporativo fascista.
Nel 2008 e nel 2012 sono state approvate due riforme previdenziali e l'analisi fatta dalla Corte dei Conti fa compren-
dere come si sviluppata e a chi si accollano i costi.

Prima della riforma del 2008 Bisogna avere innanzi tutto presente che gli iscritti ad Inarcassa dal 1990 al 2010
sono praticamente quadruplicati, da ca. 40.000 a ca. 160.000.
L'aliquota contributiva pensionistica di equilibrio previdenziale, secondo la relazione della Corte dei Conti del 2008,
sarebbe passata dal 5% del 2007 al 30% del 2045 circa.[12]
Signica che il costo del servizio in base allo stesso schema pensionistico con formula delle rendite predenita sarebbe
aumentato di sei volte al momento della stabilizzazione demograca della cassa, visto che il rapporto tra pensionati
ed iscritti sarebbe passato da 1/8 a 1/1 .[13]
Ma l'aliquota contributiva pensionistica eettiva veniva mantenuta al 13% ca.
Quindi la Corte dei Conti evidenziava che chi ha pagato il 13% del reddito (mediamente) riceve una prestazione che
vale il 30% (mediamente) poi vi sono in realt casistiche speciche tra i vari iscritti per cui alcuni sono penalizzati
rispetto a tale media ma altri sono ancora di pi avvantaggiati. Da notare che il 30% viziato da parametri dello
scenario macroeconomico su cui sviluppato il bilancio tecnico attuariale assolutamente fantasiosi.
La dierenza rappresenta la bolla previdenziale che viene caricata sulle generazioni successive attraverso il debito
pensionistico latente.
Normative antecedenti al 2003 dovevano essere ancora pi generose visto che il limite di sostenibilit non superava
i 10 anni (con la riforma Fornero il limite di almeno 50).[14]

La riforma del 2008 La riforma del 2008, entrata in vigore nel 2010, una riforma solo sul lato delle entrate,
(v. pto. 2) quindi si aumenta l'aliquota contributiva pensionistica eettiva dal 13% ca. al 18% ca. caricando i costi
della bolla previdenziale sulle nuove generazioni, alle quali comunque non si disdegna di mantenere le insostenibili
promesse pensionistiche ed infatti non cambia la aliquota contributiva pensionistica di equilibrio previdenziale anche
se il graco 3 nella relazione della Corte dei Conti palesemente contraatto in confronto ai dati del 2008.[15]
Nella elaborazione del bilancio tecnico 2010, in base a uno scenario macroeconomico pi stringente, si evidenzia in
modo pi eclatante l'entit della bolla previdenziale; l'aliquota contributiva pensionistica di equilibrio previdenziale
arriva al 44,2% "no a raggiungere nel 2059 un livello di due volte superiore a quanto attualmente richiesto agli iscritti
alla Cassa."[16][17] tendenzialmente destinato a crescere esponenzialmente.[18]
La bolla si manifestava in tutta la sua evidenza quando con la crisi economica la pensione media superava il reddito
medio degli iscritti.
Ci era dovuto anche all'aumento di iscritti deniti come falsa partita Iva (v. pto. 3).

La riforma del 2012 La riforma del 2012, stata fatta sul taglio delle promesse pensionistiche, l'aliquota contribu-
tiva pensionistica eettiva si mantiene al 20% ca. mentre l'aliquota contributiva pensionistica di equilibrio previden-
ziale cresce dall'8% del 2012 al 18,91% del 2061, senza superare l'aliquota eettiva ma diminuendo dal precedente
42% (v. p.to 4).
186 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

La previsione sconta una crescita del 3,5% del monte dei redditi quando lo stesso in termini reali negli ultimi 5 anni
diminuito.
La Corte dei Conti segnala che Il nuovo Bilancio Tecnico 2011, inviato ai Ministeri Vigilanti il 13/9/2012, ha
evidenziato una situazione di equilibrio strutturale dei conti nanziari di lungo periodo di Inarcassa, conseguente
alladozione della riforma in senso contributivo; i risultati, di conseguenza, si dierenziano in modo signicativo da
quelli del precedente Bilancio Tecnico 2009, in particolare con riferimento alla (minore) spesa per prestazioni. Il
19 novembre 2012, i Ministeri vigilanti hanno approvato la riforma contributiva di Inarcassa. La riforma segna il
passaggio, a partire dal 1 gennaio 2013, dal metodo di calcolo retributivo della pensione a quello contributivo in base
pro-rata che si dierenzia in diversi aspetti da quello denito dalla legge 335/1995, riservando, inoltre, spazio agli
interventi per la solidariet e lequit tra le generazioni. "
Quindi si pu aermare che la bolla previdenziale sar riassorbita secondo quanto schematizzato nel bilancio tecnico
2011.

Lo sviluppo della bolla previdenziale

Dopo la fase di avvio del sistema, per garantire le promesse pensionistiche, in una prima fase si ha l'aumento delle
aliquote contributive previdenziali di nanziamento per garantire l'aliquota di equilibrio del sistema pensionistico.
Quando l'aliquota raggiunge un elevato livello, si inizia ad attingere alla scalit generale per coprire i disavanzi di
gestione degli enti previdenziali.
Per fare ci o si aumenta la tassazione sia con le imposte dirette che indirette o si ricorre all'indebitamento dello Stato.
Si ha quindi anche l'aumento del debito pubblico per la spesa corrente per le pensioni.

La scelta politica di difesa della bolla previdenziale

Secondo la teoria costituzionale nel diritto della previdenza sociale le prestazioni previdenziali sono un servizio
pubblico.
Non esiste un rapporto sinallagmatico tra contributi previdenziali e pensioni.
Storicamente risulta che molte prestazioni previdenziali sono assolutamente generose.
Ci nonostante le riforme previdenziali hanno sempre teso a tutelare le promesse pensionistiche insite nel sistema
pensionistico.[19]
Questo in quanto ci sono delle lobby previdenziali in Italia che hanno assunto un forte potere di ricatto politico
elettorale nei confronti dei partiti politici.
La riforma Dini ha inserito nei principi della Repubblica il tradimento intergenerazionale e il furto intergenerazionale
quali principi per garantire le aspettative pensionistiche alle pensioni in essere.
La giurisdizione ha confermato tale scelta politica.

L'aggravarsi della bolla previdenziale con l'avvio della previdenza complementare

Il caso italiano emblematico di come la previdenza complementare contribuisca ad aggravare gli eetti negativi
della bolla previdenziale.
La tassazione in Italia gi ai pi alti livelli dei paesi OCSE con la pressione scale legale ampiamente sopra il 50%
e l'aliquota contributiva pensionistica di nanziamento di molti punti superiore a quelle degli altri paesi.
Ci signica che il 33% del reddito tassato dallo Stato con i contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie
per nanziare il sistema pensionistico obbligatorio.
Il sistema pensionistico complementare, in fase di avvio stato incentivato scalmente dallo Stato e continua ad
esserlo.
I costi di tali interventi sono ben evidenziati nella Tabella 1 p.to 20 della riforma delle pensioni Dini.
In particolare si incentivato il trasferimento del trattamento di ne rapporto che ha un peso pari a circa il 7,4% del
reddito che, sommato agli incentivi, supera una quota dell'11%.
4.10. BOLLA PREVIDENZIALE 187

Quindi in Italia la quota di reddito destinata alla previdenza supera il 44% con tutte le conseguenze sulla riduzione
dei consumi, aumento della disoccupazione e problemi di crescita.[20]
Bisogna inoltre evidenziare che i lavoratori che trasferiscono il TFR sono quelli che hanno un reddito disponibi-
le elevato, per via degli incentivi scali che agiscono come una tassazione regressiva nel rispetto della teoria della
spoliazione legale.[21]
Quindi un paese con una bolla previdenziale incentiva l'accantonamento di ulteriori quote di reddito soprattutto ai
pi abbienti, togliendo ulteriori entrate scali in una situazione di elevato debito pubblico e decit.
[22]

A questo si aggiunge la tassazione nale delle rendite da previdenza integrativa che con una imposta sostitutiva del
15% che diminuisce dello 0,3% per ogni anno di permanenza nei fondi oltre il quindicesimo no ad un tasso minimo
del 9%. Tale tassazione favorevole rispetto al TFR in azienda.
Considerato che con il 33% di aliquota contributiva si ha un tasso di sostituzione adeguato, l'ulteriore quota dovrebbe
servire in caso di rischio demograco| o rischio economico|.
Ma se ci si vericasse, ne risentirebbero anche gli investimenti, mobiliari o immobiliari e se per cautelarsi si investe
in mercati esteri, si penalizza comunque la crescita.
Il sistema pensionistico complementare ha senso come diversicazione dei rischi in un sistema equilibrato di aliquote
altrimenti contribuisce ad aggravare gli squilibri macroeconomici.
Su 100 miliardi di euro di patrimonio di previdenza accantonato, lo Stato ha rinunciato ad incassare subito circa un
terzo di imposte, indebitandosi quindi per lo stesso importo sul quale paga gli interessi sul debito pubblico agli stessi
fondi pensione che ne detengono per un 50% circa del patrimonio.
Con tutti gli aumenti di costo dovuti alle varie commissioni per gestire un risparmio previdenziale che oggi pari al
5,6% ca. del PIL a fronte di un debito pubblico implicito, solo per le pensioni in essere di oltre il 300% del PIL.

I tentativi di rareddare la bolla previdenziale

Le riforme previdenziali a partire dalla riforma Amato ha iniziato a ridurre le prestazioni pensionistiche per i futuri
pensionati e a rareddare la rivalutazione delle pensioni in essere passando da indici basati sulla crescita dei salari ad
indici legati all'inazione.

I numeri della bolla previdenziale in Italia

Secondo Tito Boeri (2010) Un giovane che entri oggi nel mercato del lavoro vede gravare su di s 80 mila euro
di debito pubblico e 250 mila euro di debito pensionistico. I primi 330 mila euro che pagher allo Stato serviranno
soltanto a fare pari con il buco lasciato da una generazione che ha avuto il posto sso e la pensione a 50-55 anni.[23]
Il debito pensionistico latente passato dal 150% del PIL nel 1960 al 400% del PIL nei primi anni 1990.[24]
L'esplosione della spesa pensionistica rilevata dall'ISTAT nella serie storica dalla quale risulta che il decit previdenziale[25]
cumulato dal 1991, senza gli interessi di ca. 900 miliardi, praticamente con gli interessi supera il 50% del debito
pubblico esplicito italiano del 2014.
Tavola 5.2 - Principali indicatori relativi agli enti di previdenza - Anni 1921-2008 (valori in euro)

Gli eetti della riforma delle pensioni Fornero

La crisi economica in Italia iniziata nel 2007 portava ancora di pi all'ampliamento della bolla previdenziale in Italia.
La riforma delle pensioni Fornero per alcuni aspetti tendeva a ridurre i fattori negativi, mentre per altri aspetti tendeva
ad esasperarli.

La sostenibilit del debito pubblico: esplicito, implicito, a breve e medio termine


188 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Gli organismi internazionale

Nel settembre 2014 l'FMI segnalava l'eccessiva onerosit del sistema pensionistico pubblico e consigliava di ridurre
la spesa pensionistica.[26]

4.10.4 Il superamento della bolla previdenziale in Italia


Il superamento degli squilibri economici nanziari determinati dalla bolla previdenziale sono particolarmente pro-
blematici in Italia in quanto si tratta di fare riforme strutturali che non sono state fatte per venti anni, a partire dalla
riforma Amato e dalla riforma delle pensioni Dini.
La riforma delle pensioni Fornero era un mezzo passo in avanti sul lato delle spese per le prestazioni che dovevano
maturare, salvo alcune forti penalizzazioni a ristrette categorie di pensionati quali le donne gi prossime alla pensione
e gli esodati.
Il documento di economia e nanza del 2014 con le previsioni di spesa no al 2018 metteva in evidenza lo squilibrio
della spesa per le pensioni rispetto a tutte le altre voci del bilancio dello Stato.[27]
La riforma Fornero avviava la transizione al modello previdenziale universale lasciando intatte le 21 casse di previ-
denza di cui al D.Lgs. 509/1994, senza toccare le baby pensioni il vitalizio del parlamentare o la pensione gonata.
Il primo passaggio doveva quindi essere la transizione rapida al modello previdenziale universale con rimodulazione
delle prestazioni previdenziali basate su insostenibili regali dello Stato.

4.10.5 Dierenze tra la bolla previdenziale e lo schema Ponzi

4.10.6 Note
[1] LaVoce.info 30/09/2014, Sgonare la bolla di un risparmio previdenziale (o quasi), per trasferirlo, anche per aiutare la
crescita, sui redditi e sui consumi, la debolezza dei quali alla radice dellattuale crisi un obiettivo importante.

[2] Michele Tronconi, Tfr in busta paga, un siluro alla previdenza integrativa in intermediachannel, 07/10/2014. URL consultato
il 7 ottobre 2014.

VERO CHE ESISTE UNA BOLLA PREVIDENZIALE? ... No, se ci si riferisce al secondo pilastro; s,
se ci si riferisce al primo. ... Per contro, sul versante pubblico, la bolla esiste ed data dal fatto che i diritti
acquisiti dai pensionati e pensionandi superino di oltre il 25 per cento quello delle contribuzioni di chi lavora
e lavorer nellimmediato futuro, ....

[3] Claudio Romini, L'Opinione, 15/11/2014, http://www.opinione.it/editoriali/2014/11/15/romiti_editoriale-15-11.aspx#.VGceFCKkNSM.


twitter Titolo mancante per url url (aiuto). URL consultato il 15 novembre 2014.

Fin da quando ho cominciato ad interessarmi di politica, mi sono sempre posto una domanda: se la mano
pubblica si espone eccessivamente dal lato della spesa corrente, come pu farvi fronte nel caso di una molto
prolungata recessione?.

[4] B2Corporate 02/10/2014, Il mondo della nanza straordinariamente chiuso e autoreferenziale, caratterizzato da svantaggi
informativi per i risparmiatori. Gli operatori istituzionali utilizzano un linguaggio gergale e complicato e prodotti nanziari
complessi, spesso allo scopo di nascondere i costi.

[5] Vito Lops, Il Pil non cresce pi ma il debito s. LItalia in una spirale da incubo. Che far Renzi? in Il Sole 24 Ore,
14/11/2014. URL consultato il 14 novembre 2014.

L'Europa potrebbe dirci no, cara Italia, cos non ci siamo, stai deviando troppo dal percorso di rientro dal
debito pubblico, correggi la rotta e insisti nel consolidamento scale..

[6] (EN) Lawrence Summers, Why public investment really is a free lunch. URL consultato il 7 ottobre 2014.

[7] Francesco Pacico, Se i gli non pagano la pensione ai padri? in Il Garantista, 06/11/2014. URL consultato il 6 novembre
2014.

Il problema che qui si stanno mettendo le basi per un conitto intergenerazionale, che va evitato..

[8] Claudio Romini, L'Opinione, 15/11/2014, http://www.opinione.it/editoriali/2014/11/15/romiti_editoriale-15-11.aspx#.VGceFCKkNSM.


twitter Titolo mancante per url url (aiuto). URL consultato il 15 novembre 2014.
4.10. BOLLA PREVIDENZIALE 189

se la mano pubblica si espone eccessivamente dal lato della spesa corrente, come pu farvi fronte nel caso di
una molto prolungata recessione? O taglia la medesima spesa corrente o aumenta i debiti - tertium non datur
- lunica risposta possibile..

[9] G20, Renzi: Austerit non basta, servono investimenti e riforme in Adnkronos, 15/11/2014. URL consultato il 15
novembre 2014.

"I grandi paesi del mondo condividono idea di fondo: austerit non basta, servono investimenti e riforme..

[10] LaVoce.info 03/10/2014, Che il welfare italiano abbia un urgente bisogno di essere riformato indubbio, stante che si tratta
di uno dei sistemi pi frammentati, pi pieni di buchi, pi esposti a manipolazioni e imbrogli tra quelli europei.

[11] LaVoce.info 03/10/2014, Che il welfare italiano abbia un urgente bisogno di essere riformato indubbio, stante che si tratta
di uno dei sistemi pi frammentati, pi pieni di buchi, pi esposti a manipolazioni e imbrogli tra quelli europei.

[12] Inarcassa Relazione della Corte dei Conti 2006-2008, p.48 tab. 45

[13] Inarcassa Relazione della Corte dei Conti 2006-2008, p.50 tab. 47

[14] Inarcassa Relazione della Corte dei Conti 2006-2008, p.46 tab. 43

[15] Inarcassa Relazione della Corte dei Conti Esercizio 2009, p.44 graco 3

[16] Inarcassa Relazione della Corte dei Conti Esercizio 2010, p.46

[17] Inarcassa Relazione della Corte dei Conti Esercizio 2010, p.46 tab. 41

[18] Inarcassa Relazione della Corte dei Conti Esercizio 2010, p.47 graco 3

[19] Mauro Mar, Tutte le verit sui sistemi pensionistici in Il Sole 24 Ore, 24/10/2013. URL consultato l'11 ottobre 2014.

Perci, l'opportunit di ulteriori aggiustamenti si restringe dato il potere elettorale crescente dei pensionati..

[20] LaVoce.info 30/09/2014, Al 33 per cento di aliquota per la previdenza obbligatoria si aggiungono altri 11-13 punti circa per
chi ha la previdenza integrativa, portando il contributo complessivo destinato alle pensioni attorno al 45 per cento (di molto
superiore a quello esistente in tutta Europa): un livello che rischia di essere incomprensibile in un paese con drammatici
problemi di crescita e occupazione.

[21] Pensione Integrativa Deducibilit Fiscale dei Fondi Pensione, Ogni anno possibile portare in deduzione dal proprio reddito
imponibile i contributi versati a favore della Previdenza Complementare no ad un massimo, per anno, di 5.164,57 Euro

[22] Pensione Integrativa Deducibilit Fiscale dei Fondi Pensione, v. tabella

[23] http://www.libertiamo.it/2010/10/27/inps-e-bolla-pensionistica-una-battuta-ci-seppellira/, Inps e bolla pensionistica. Una


battuta ci seppellir in libertiamo, 27/10/2010.

Un giovane che entri oggi nel mercato del lavoro vede gravare su di s 80 mila euro di debito pubblico e
250 mila euro di debito pensionistico. I primi 330 mila euro che pagher allo Stato serviranno soltanto a fare
pari con il buco lasciato da una generazione che ha avuto il posto sso e la pensione a 50-55 anni.. accesso
richiede url (aiuto)

[24] Giancarlo Morcaldo, Pensioni, necessit di una riforma. URL consultato il 31 agosto 2014.

pag. 12 - Il debito pensionistico, cio lammontare delle riserve che sarebbe stato necessario accumulare
in un regime di capitalizzazione per far fronte agli impegni presi, per eetto della progressiva estensione del
sistema e dei continui miglioramenti apportati alla normativa cresceva rapidamente, passando da una volta e
mezzo il prodotto interno lordo annuo nel 1960 a poco meno di quattro volte nei primi anni novanta..

[25] Previdenza e assistenza sociale in ISTAT, 2010. URL consultato l'8 ottobre 2014.

v. Cap. 5 tab. 5.2. Colonna a) Decit previdenziale.

[26] Quinanza, FMI di nuovo all'assalto delle pensioni italiane: Troppo alte, tagliatele in Quinanza. URL consultato l'11
ottobre 2014.

Tuttavia il FMI si mostra scettico sui reali beneci della spending review se non saranno toccate almeno le
pensioni, la cui spesa la pi alta in Europa e che rappresenta il 30% del totale in Italia..

[27] Mitt Dolcino, In assenza di unuscita dalleuro il taglio delle pensioni medie la misura necessaria per pensare di superare
la crisi: il nuovo fascismo alle porte, ecco [[:Template:Sic]], 21/11/2014. URL consultato il 21 novembre 2014.
190 CAPITOLO 4. IV - STORIA PENSIONISTICA ITALIANA

Dunque, da ne economista e buon oratore il nostro economista di sinistra port la platea al punto nodale ossia
le pensioni: ogni medio conoscitore della materia sa che senza un taglio delle pensioni non se ne esce, conti
della serva oggi lo Stato spende circa 800 miliardi di euro annui e di questi circa 400 sono pensioni/prestazioni
sociali e sanit, a cui bisogna aggiungere 85 mld circa di interessi sul debito incomprimibili su base euro ed
europea (non su base lira ipotetica). Dunque su pensioni e sanit che bisogna incidere.. Wikilink compreso
nell'URL del titolo (aiuto)

4.10.7 Bibliograa
Libri

Autori vari, La previdenza sociale, 2014, Wikipedia

News

Intervista a Serena Torielli: Advise Only, l'investor social network in B2Corporate. URL consultato il 7 ottobre
2014.

Da dove partire per la riforma del welfare in LaVoce.info. URL consultato il 3 ottobre 2014.

Stefano Patriarca, Tfr in busta paga? in LaVoce.info. URL consultato il 3 ottobre 2014.

Stefano Patriarca, Tfr in busta paga? in Il Fatto Quotidiano. URL consultato il 5 ottobre 2014.

Web

Deducibilit Fiscale dei Fondi Pensione. URL consultato il 6 ottobre 2014.

Michael Spence, Un ottimo aare per lEuropa. URL consultato il 20 settembre 2014.

Michael Spence, Le pensioni Italiane sono al sicuro ?. URL consultato il 20 settembre 2014.

(EN) Jagadeesh Gokhale, Measuring the Unfunded Obligations of European Countries. URL consultato il 20
settembre 2014.

Giancarlo Morcaldo, Pensioni, necessit di una riforma. URL consultato il 31 agosto 2014.

Implicit Pension Debt: Issues, Measurement and Scope in International Perspective. URL consultato il 17 luglio
2014.

Quel taglio rozzo alle pensioni doro (TITO BOERI).. URL consultato il 5 dicembre 2013.

Honorable State?. URL consultato il 22 dicembre 2013.

Riassunto Diritto della previdenza sociale, Persiani. URL consultato il 7 ottobre 2013.

Anche il contributo previdenziale un tributo. URL consultato il 5 dicembre 2013.

Inarcassa Relazione della Corte dei Conti Esercizio 2012. URL consultato il 5 ottobre 2014.

Relazione della Corte dei Conti Esercizio 2011

Sistemi nanziari di gestione dei fondi previdenziali e metodi di calcolo delle prestazioni. URL consultato il 20
marzo 2013.

Inarcassa Relazione della Corte dei Conti Esercizio 2010. URL consultato il 5 ottobre 2014.

Inarcassa Relazione della Corte dei Conti Esercizio 2009. URL consultato il 5 ottobre 2014.

Inarcassa Relazione della Corte dei Conti 2006-2008. URL consultato il 5 ottobre 2014.
4.10. BOLLA PREVIDENZIALE 191

Relazione della Corte dei Conti 2006-2008 Errata corrige

Bilanci tecnici attuariali|: 2011, BilancioTecnico2011. URL consultato il 12 aprile 2014., 2009, BilancioTec-
nico2009. URL consultato il 20 marzo 2013., 2006. URL consultato il 20 marzo 2013.

4 - Storia pensionistica italiana


< Indice >
Capitolo 5

V - Il glossario del conitto

5.1 Glossario del conitto


< Indice >
< prec > < succ >
Parte V: Glossario del conitto

1. La promessa pensionistica

2. Le aspettative pensionistiche

3. Il furto generazionale

4. Principio di disuguaglianza

5. Il principio della discriminazione generazionale

6. Il principio della discriminazione occupazionale

7. Il principio della discriminazione tributaria

8. Il principio della discriminazione monetaria

9. Rischio di spoliazione legale

10. Il tradimento generazionale

11. Il conitto intergenerazionale

Presentazione

Per discutere di un argomento con altre persone c' ovviamente bisogno di un lessico condiviso. Se prendiamo
l'esempio del calcio, per discutere di una partita l'uso di fuorigioco o cross o difesa a zona avviene in modo naturale
sia che il termine derivi dai regolamenti o da una consuetudine ampiamente aermata nel tempo.
Non la stessa cosa nel caso del conitto pensionistico ove le leggi non specicano cosa pu denirsi furto genera-
zionale o la consuetudine non ha ben denito compiutamente la tecnica della spoliazione legale al pari della difesa a
zona.
Per spiegare comunque il conitto pensionistico bisogna arontare dei concetti avendo alla base alcune denizioni
che comprendono situazioni complesse.
Per tale motivo stato necessariamente adottato un glossario specico indispensabile per arontare in modo com-
prensibile la tematica del conitto pensionistico.
< Indice >

192
5.2. LA PROMESSA PENSIONISTICA 193

5.2 La promessa pensionistica


< Indice >
< 5 - Glossario del conitto > < prec > < succ >
La promessa pensionistica[1][2][3] o "pensione promessa", nell'ordinamento italiano, ovvero nel campo della previdenza
di primo pilastro gestita dagli enti privatizzati ai sensi della L. 509/1995, la pensione di vecchiaia che possibile
determinare con le regole vigenti del sistema pensionistico sviluppate nel lungo periodo, ma prive della adeguata
copertura nanziaria in quanto conteggiata in un periodo temporale superiore a quello in cui garantita la stabilit
della gestione nanziaria dell'ente gestore di forme di previdenza obbligatorie.
Correntemente si usa il termine di promesse pensionistiche in contesti in cui si a conoscenza a priori che l'ente
non potr corrisponderle con le correnti regole di gestione ovvero su scenari economici di impossibile realizzazione.

5.2.1 Applicazione
Nel campo della Previdenza di primo pilastro, le regole vigenti permettono di ipotizzare la pensione promessa, una
obbligazione futura che al momento della corresponsione si deve confrontare con la sostenibilit nanziaria dell'ente.
La gestione a ripartizione si basa sulla analisi di bilanci tecnici che ipotizzano degli scenari relativi alla demograa
degli iscritti, allo sviluppo economico delle collettivit iscritte e dell'economia in generale. Nel caso in cui non si
avverano tali ipotesi, le previsioni pensionistiche relative agli iscritti possono non avverarsi. La promessa pensionistica
molto spesso collegata alla redistribuzione intragenerazionale o alla redistribuzione intergenerazionale o alla tutela
dei diritti acquisiti ovvero al trasferimento di risorse tra generazioni, da non confondere con la solidariet in senso
comune in quanto il trasferimento avviene tra generazioni pi povere o gruppi meno ricchi nei confronti di gruppi
pi ricchi che hanno il governo degli enti. Nel caso in cui sia a rischio la sostenibilit nanziaria dell'ente, si operano
delle riforme previdenziali[4] o manovre economiche che cambiando le regole, ristabiliscono l'equilibrio nanziario
dell'ente e rendono la pensione promessa una promessa non mantenuta. In alcuni casi, la riforma previdenziale, scarica
il costo delle promesse pensionistiche sulle generazioni future con l'aumento delle aliquote contributive. Il caso pi
signicativo l'estinzione della professione o il forte ridimensionamento degli iscritti per cui vengono a mancare i
nanziatori dell'ente pubblico avente autonomia gestionale. Si distingue dalle prestazioni previdenziali che sono frutto
di contratti tra privati e sono delle obbligazioni di diritto.

5.2.2 Note
[1] BilancioPrevisione2013, p. 9 Quanto alladeguatezza delle prestazioni, il passaggio al metodo contributivo determiner, a
vantaggio della sostenibilit nanziaria di lungo periodo, una revisione al ribasso delle promesse pensionistiche future,
soprattutto per le generazioni pi giovani.

[2] RiformaPrevidenziale, p. 3 Le generazioni in et lavorativa ricevono dal sistema promesse pensionistiche.

[3] Economist, When politicians promise too much to creditors and pensioners, who ends up footing the bill?

[4] ASCA20121008, L'obiettivo quello di alleggerire l'onere sulle generazioni giovani e sulle generazioni future di promesse
pensionistiche poco lungimiranti fatte in passato dalla politica, che ha dimostrato di avere scarsa conoscenza del meccanismo
delle pensioni.

5.2.3 Bibliograa
Leggi

Decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, in materia di "Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma
32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori
di forme obbligatorie di previdenza e assistenza."

News

Laura Cavestri, Fornero: le Casse non hanno sostenibilit a 50 anni in Il sole 24 ore. URL consultato il 29 marzo
2013.
194 CAPITOLO 5. V - IL GLOSSARIO DEL CONFLITTO

Pensioni: Fornero, non pensabile siano pi lunghe della vita lavorativa in ASCA. URL consultato il 3 aprile 2013.

(EN) Who pays the bill? in The Economist. URL consultato il 30 agosto 2013.

Web

Inarcassa Bilancio di previsione 2013. URL consultato il 20 marzo 2013.

La riforma dei sistemi previdenziali. Il dibattito teorico e politico. URL consultato il 20 giugno 2013.

< Indice >

5.3 Le aspettative pensionistiche


< Indice >
< 5 - Glossario del conitto > < prec > < succ >
Le aspettative pensionistiche, nel campo della previdenza di primo pilastro con sistema di gestione a ripartizione,
sono i trattamenti pensionistici attesi da un iscritto in base alla normativa vigente. Esse fanno ipotizzare le caratte-
ristiche di un trattamento di quiescenza il quale comunque non rappresenta un diritto quesito| no al momento del
conseguimento di tutti i requisiti richiesti.

5.3.1 Applicazione
Le aspettative pensionistiche, nel diritto previdenziale rappresentano i possibili trattamenti pensionistici erogabili
dall'ente in un futuro, in base alla legislazione vigente. Nel caso delle casse di previdenza trasformate ai sensi del
D.Lgs. 509/1994 o istituite ai sensi del D.Lgs. 103/1996, le aspettative sono legate alla pensione di vecchiaia deter-
minata con il metodo di calcolo retributivo, particolarmente favorevoli per l'iscritto, ma al contempo molto onerose
per la collettivit. Con l'estensione delle veriche della sostenibilit| degli enti sulla base di bilanci tecnici| a 50 anni
come richiesto dalla riforma delle pensioni Fornero, nasce il problema di no a quale punto si possano ridurre tali
aspettative modicando in senso peggiorativo, per l'iscritto, le regole vigenti (ad esempio con l'applicazione pro rata|
del metodo di calcolo contributivo a capitalizzazione simulata sulla crescita).

5.3.2 La riduzione retroattiva della aspettative pensionistiche


La modica dell'art. 3 c. 12 della riforma delle pensioni Dini che nel campo del sistema pensionistico pubblico in Italia
una legge fondamentale della Repubblica Italiana che ha rango superiore alle altre leggi, ha portato alla denitiva
eliminazione retroattiva delle aspettative pensionistiche per gli iscritti alle casse di cui al D.Lgs. 509/1994[1]

5.3.3 Evoluzione normativa art. 3 c. 12 L. 335/1995


Vigente dal 13/8/1995 al 31/12/2006

12. Nel rispetto dei principi di autonomia aermati dal decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, relativo agli enti
previdenziali privatizzati, allo scopo di assicurare l'equilibrio di bilancio in attuazione di quanto previsto dall'articolo
2, comma 2, del predetto decreto legislativo, la stabilit delle rispettive gestioni da ricondursi ad un arco tempo-
rale non inferiore a 15 anni. In esito alle risultanza e in attuazione di quanto disposto dall'articolo 2, comma 2,
del predetto decreto, sono adottati dagli enti medesimi provvedimenti di variazione delle aliquote contributive,
di riparametrazione dei coecienti di rendimento o di ogni altro criterio di determinazione del trattamen-
to pensionistico nel rispetto del principio del pro rata in relazione alle anzianit gi maturate rispetto alla
introduzione delle modiche derivanti dai provvedimenti suddetti. Nei regimi pensionistici gestiti dai predetti
enti, il periodo di riferimento per la determinazione della base pensionabile denito, ove inferiore, secondo i criteri
ssati all'articolo 1, comma 17, per gli enti che gestiscono forme di previdenza sostitutive e al medesimo articolo
1, comma 18, per gli altri enti. Ai ni dell'accesso ai pensionamenti anticipati di anzianit, trovano applicazione le
5.3. LE ASPETTATIVE PENSIONISTICHE 195

disposizioni di cui all'articolo 1, commi 25 e 26, per gli enti che gestiscono forme di previdenza sostitutive, e al
medesimo articolo 1, comma 28, per gli altri enti. Gli enti possono optare per l'adozione del sistema contributivo
denito ai sensi della presente legge.

Vigente dal 1/1/2007 al 16/7/2011

12. Nel rispetto dei principi di autonomia aermati dal decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e dal decreto
legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, e con esclusione delle forme di previdenza sostitutive dell'assicurazione generale
obbligatoria, allo scopo di assicurare l'equilibrio di bilancio in attuazione di quanto previsto dall'articolo 2, comma
2, del suddetto decreto legislativo n. 509 del 1994, la stabilit delle gestioni previdenziali di cui ai predetti decreti
legislativi da ricondursi ad un arco temporale non inferiore ai trenta anni. Il bilancio tecnico di cui al predetto
articolo 2, comma 2, redatto secondo criteri determinati con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza
sociale di concerto con il Ministro dell'economia e delle nanze, sentite le associazioni e le fondazioni interessate,
sulla base delle indicazioni elaborate dal Consiglio nazionale degli attuari nonch dal Nucleo di valutazione della spesa
previdenziale. In esito alle risultanze e in attuazione di quanto disposto dal suddetto articolo 2, comma 2, sono adottati
dagli enti medesimi, i provvedimenti necessari per la salvaguardia dell'equilibrio nanziario di lungo termine,
avendo presente il principio del pro rata in relazione alle anzianit gi maturate rispetto alla introduzione
delle modiche derivanti dai provvedimenti suddetti e comunque tenuto conto dei criteri di gradualit e di
equit fra generazioni. Qualora le esigenze di riequilibrio non vengano arontate, dopo aver sentito l'ente interessato
e la valutazione del Nucleo di valutazione della spesa previdenziale, possono essere adottate le misure di cui all'articolo
2, comma 4, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509. Nei regimi pensionistici gestiti dai predetti enti, il periodo
di riferimento per la determinazione della base pensionabile denito, ove inferiore, secondo i criteri ssati all'articolo
1, comma 17, per gli enti che gestiscono forme di previdenza sostitutive e al medesimo articolo 1, comma 18, per
gli altri enti. Ai ni dell'accesso ai pensionamenti anticipati di anzianit, trovano applicazione le disposizioni di cui
all'articolo 1, commi 25 e 26, per gli enti che gestiscono forme di previdenza sostitutive, e al medesimo articolo 1,
comma 28, per gli altri enti. Gli enti possono optare per l'adozione del sistema contributivo denito ai sensi della
presente legge.

vigente dal 17/7/2011

12. Nel rispetto dei principi di autonomia aermati dal decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e dal decreto
legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, e con esclusione delle forme di previdenza sostitutive dell'assicurazione generale
obbligatoria, allo scopo di assicurare l'equilibrio di bilancio in attuazione di quanto previsto dall'articolo 2, comma
2, del suddetto decreto legislativo n. 509 del 1994, la stabilit delle gestioni previdenziali di cui ai predetti decreti
legislativi da ricondursi ad un arco temporale non inferiore ai trenta anni. Il bilancio tecnico di cui al predetto articolo
2, comma 2, redatto secondo criteri determinati con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale di
concerto con il Ministro dell'economia e delle nanze, sentite le associazioni e le fondazioni interessate, sulla base delle
indicazioni elaborate dal Consiglio nazionale degli attuari nonch dal COVIP|. In esito alle risultanze e in attuazione
di quanto disposto dal suddetto articolo 2, comma 2, sono adottati dagli enti medesimi, i provvedimenti necessari per
la salvaguardia dell'equilibrio nanziario di lungo termine, avendo presente il principio del pro rata in relazione alle
anzianit gi maturate rispetto alla introduzione delle modiche derivanti dai provvedimenti suddetti e comunque
tenuto conto dei criteri di gradualit e di equit fra generazioni. Qualora le esigenze di riequilibrio non vengano
arontate, dopo aver sentito l'ente interessato e la valutazione del COVIP, possono essere adottate le misure di cui
all'articolo 2, comma 4, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509. Nei regimi pensionistici gestiti dai predetti
enti, il periodo di riferimento per la determinazione della base pensionabile denito, ove inferiore, secondo i criteri
ssati all'articolo 1, comma 17, per gli enti che gestiscono forme di previdenza sostitutive e al medesimo articolo
1, comma 18, per gli altri enti. Ai ni dell'accesso ai pensionamenti anticipati di anzianit, trovano applicazione le
disposizioni di cui all'articolo 1, commi 25 e 26, per gli enti che gestiscono forme di previdenza sostitutive, e al
medesimo articolo 1, comma 28, per gli altri enti. Gli enti possono optare per l'adozione del sistema contributivo
denito ai sensi della presente legge.

5.3.4 Note
[1] Sentenza Corte di Cassazione n. 24221 del 13/11/2014. URL consultato il 13 novembre 2014.

Ci non vuol dire che ci sia un diritto quesito alla pensione calcolata secondo un pi favorevole criterio
previgente - tra quelli in vigore al momento del versamento della contribuzione - rispetto a quello vigente al
momento del collocamento in quiescenza..
196 CAPITOLO 5. V - IL GLOSSARIO DEL CONFLITTO

5.3.5 Bibliograa
Leggi

Legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di "Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare."

News

Laura Cavestri, Fornero: le Casse non hanno sostenibilit a 50 anni in Il sole 24 ore. URL consultato il 29 marzo
2013.

Pensioni: Fornero, non pensabile siano pi lunghe della vita lavorativa in ASCA. URL consultato il 3 aprile 2013.
Se il Pil crolla le pensioni calano a picco in La Repubblica. URL consultato il 12 aprile 2013.

Web

Norme previdenziali, diritti quesiti e aspettative, CassaForense2006. URL consultato il 20 aprile 2013.

Sistemi nanziari di gestione dei fondi previdenziali e metodi di calcolo delle prestazioni, SistemiGestione-
Previdenziali. URL consultato il 20 marzo 2013.
EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE PENSIONISTICA DI BASE, MinisteroLavoroL335/1995. URL
consultato il 4 aprile 2013.

Carlo A. Bollino, Elementi di economia politica, 4 ed., Morlacchi Editore, 2008, ISBN 88-89422-38-6.

< Indice >

5.4 Il furto generazionale


< Indice >
< 5 - Glossario del conitto > < prec > < succ >
Il furto generazionale, un caso di saccheggio legale applicato nel campo dei sistemi pensionistici senza patrimonio
di previdenza con schema pensionistico con formula delle rendite predenita e consiste nell'insieme di regole e leggi
che favoriscono oltre misura una generazione o coorte a discapito delle successive che devono subire i disavanzi della
spesa corrente primaria per le pensioni attraverso l'accollo del debito pubblico e del debito pubblico implicito.
Il furto intergenerazionale quando diventa causa dell'esplosione della bolla previdenziale diventa una causa scatenante
di un possibile conitto intergenerazionale che altrimenti non avrebbe ragione di esistere.
Alcune degenerazioni del sistema pensionistico pubblico in Italia che determinano il furto intergenerazionale sono: la
baby pensione, la pensione gonata, il vitalizio del parlamentare.

5.4.1 Il furto generazionale nella Costituzione Italiana


L'art. 3| della Costituzione Italiana, stabilisce il principio di uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge, ma non
l'uguaglianza della legge nei confronti del cittadino.
Le discriminazioni sono vietate per il sesso, la razza, la lingua, le opinioni politiche, ma nulla si dice riguardo all'et,
pertanto stato possibile introdurre nella riforma Dini che una legge fondamentale della Repubblica Italiana, il
principio della discriminazione generazionale.
Anche la Corte Costituzionale si pronunciata pi volte in tal senso ribadendo sempre la legittimit del principio del
pro rata applicato, secondo la legge 335/1995 per gruppi di lavoratori.
La Corte ha inoltre rigettato anche i tentativi simbolici della politica di riequilibrare i sistemi previdenziali dichiarando
incostituzionale il contributo di solidariet in quanto assimilato ad una tassazione che non pu essere discriminatoria,
se applicata a gruppi potenzialmente o eettivamente favoriti da normative basate sul furto intergenerazionale.
5.4. IL FURTO GENERAZIONALE 197

Tale posizione pu essere anche annoverata tra gli esempi di giurisdizione domestica se non proprio creativa|.

5.4.2 Le iniquit del sistema pensionistico pubblico italiano

In fase di avvio di un sistema pensionistico pubblico basato sul sistema pensionistico senza patrimonio di previdenza
con schema pensionistico con formula delle rendite predenita normale caricare le prime generazioni di aliquote
contributive pensionistiche di nanziamento pi basse e fare promesse pensionistiche pi alte di quanto possibile se
si vuole mantenere l'equilibrio attuariale delle prestazioni tra generazioni.
Le aliquote dei contributi obbligatori per le assicurazioni obbligatorie erano pi bassi negli anni '70 ed '80 rispetto
ad oggi, ma le prestazioni pensionistiche erano e sono pi alte di quelle conseguibili oggi con il metodo di calcolo
contributivo.[1]

5.4.3 Note

[1] Le misure per dire addio ai privilegi (e dare giustizia ai giovani) in Il Sussidiario, 18 novembre 2014. URL consultato il 23
novembre 2014.

Sa quanti contributi bisogna versare in 35 anni per avere una pensione di 90.000? Oltre 1.800.000 (3,5
miliardi delle vecchie lire). ... Ora di un sistema pensionistico equo si dovrebbe poter aermare che tutti i
pensionati ... maturano la pensione con lo stesso sforzo contributivo. .... verosimile che negli anni '70 ci
fossero lavoratori con una retribuzione di 300 milioni di vecchie lire? No, chiaro!.

5.4.4 Bibliograa

Mattia Persiani, Diritto della previdenza sociale, 19 ed., Padova, CEDAM, 2012, ISBN 978-88-13-33206-8.

Web

Senza pensioni, Senza pensioni. URL consultato il 30 dicembre 2013.

Riassunto Diritto della previdenza sociale, Persiani, AppuntiPersiani. URL consultato il 7 ottobre 2013.

Anche il contributo previdenziale un tributo, diritto.it. URL consultato il 5 dicembre 2013.

GUIDA PRATICA al PAGAMENTO delle IMPOSTE, Agenzia delle Entrate. URL consultato il 28 dicembre
2013.

News

Marco Leonardi, Articolo 18, perch non si pu cambiare solo per i nuovi assunti in Europa. URL consultato il
23 settembre 2014.

Ocse, precari a rischio poverta' Avranno pensioni da fame in Agi.it. URL consultato il 26 novembre 2013.

Web

Quel taglio rozzo alle pensioni doro (TITO BOERI)., Boeri20131205. URL consultato il 5 dicembre 2013.

< Indice >


198 CAPITOLO 5. V - IL GLOSSARIO DEL CONFLITTO

5.5 Principio di disuguaglianza

5 - Glossario del conitto


Per principio di disuguaglianza, nell'ordinamento italiano ed in particolare nel diritto della previdenza sociale
consiste nella possibilit di trattare in modo diverso da parte dello Stato i propri cittadini.
Ci avviene nel sistema pensionistico pubblico in Italia con la segmentazione del diritto a prestazione sociale grazie
alla applicazione di norme che tutelano in modo dierenziato i cittadini italiani o erogano prestazioni previdenziali
dierenziate in base alla data di nascita o alla et anagraca o a dierenziazioni corporative occupazionali.
Il principio di disuguaglianza alla base delle leggi che regolano la spoliazione legale.

5.5.1 Il principio di disuguaglianza nella Costituzione Italiana

L'art. 3 della Costituzione Italiana, stabilisce il principio di uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge, ma non
l'uguaglianza della legge nei confronti del cittadino.
Nel modello della segmentazione sociale legale alla base della legislazione vigente, le leggi sono applicate in mo-
do segmentato per cui, quando tale segmentazione usata in forma di spoliazione legale, si attua il principio di
disuguaglianza.
L'ordinamento italiano quindi pieno di leggi che applicano il principio di diseguaglianza.
Tali leggi, n quando non vengono sottoposte al controllo di legittimit costituzionale restano quindi in vigore
dispiegando per anni gli eetti nella societ di tale norme.
La Costituzione Italiana, a dierenza da quella inglese, una Costituzione rigida.
Il controllo di legittimit costituzionale alla base di uno Stato di diritto nel caso di Costituzione rigida.
Nel caso degli Stati Uniti d'America la prima sentenza di giudizio costituzionale ha aermato, non soltanto che il
potere giudiziario statunitense avesse il dovere di non applicare le leggi del Parlamento se da loro ritenute contrarie
alla Costituzione, ma anche che tutti i poteri dello Stato, tra cui anche legislativo ed esecutivo, erano egualmente
subordinati alla Costituzione
Il controllo pu essere preventivo o successivo.
Esistono quindi delle limitazioni fondamentali nell'accesso al controllo di legittimit costituzionale ossia solo nel caso
di giudizio quando un giudice deve decidere se applicare o meno una legge.
Ci sono casi in cui il ricorso al giudizio dinanzi alla corte costituzionale, pur entro certi limiti, aperto a tutti i
cittadini: il caso della Germania e dell'Austria, nonch del recurso de amparo ('di rifugio'), presente in Spagna e in
alcuni ordinamenti latinoamericani.
Si vede quindi una dierenza fondamentale ossia una legge incostituzionale pu essere di vantaggio a colui che la
vede applicata, es. una