Sei sulla pagina 1di 155

,).%%'5)$!0%2,!


02%6%.:)/.%%3)#52%::!

,).%%'5)$!0%2,!02%6%.:)/.%%3)#52%::!.%),!6/2)&/2%34!,)IN4OSCANA
.%),!6/2)&/2%34!,)IN4OSCANA

WWWSALUTETOSCANAIT
,).%%'5)$!0%2,!
02%6%.:)/.%%3)#52%::!
.%),!6/2)&/2%34!,)IN4OSCANA

)NRICORDODI'IORGIO2ICCI
4ECNICODELLA0REVENZIONE
DELLA53,DI'ROSSETO
CHETANTOIMPEGNOHA
DEDICATOALMIGLIORAMENTO
DELLECONDIZIONIDISICUREZZA
DELSETTOREFORESTALE
IMPAGINATOASLINDD   
) N4OSCANALASUPERFICIEFORESTALEINTERESSAMETDELTERRITORIOREGIONALE
CONFUNZIONALITMOLTEPLICIEGRANDEIMPORTANZAANCHEPERLOCCUPAZIONE
-AQUESTOSETTOREPRODUTTIVO ATTUALMENTEINEVOLUZIONE PRESENTAUNELEVATO
NUMERODIINFORTUNIGRAVIEANCHEMORTALIDICUISISOTTOSTIMAADDIRITTURAIL
FENOMENO

0ERAFFRONTAREINMANIERASISTEMATICAIPROBLEMIDELSETTOREECONTRIBUIREAD
UNSUOSVILUPPOQUALIFICATO IL0IANOSANITARIOREGIONALE INDIVIDUA
LELAVORAZIONIFORESTALIFRALEATTIVITCONPRIORITDIINTERVENTOEDOGGETTODI
SPECIFICOPIANOMIRATO TUTTORAINCORSODISVOLGIMENTO INTITOLATOh4UTELADELLA
SALUTEDEILAVORATORIINSELVICOLTURAv 

)3ERVIZIDI0REVENZIONEDELLEAZIENDESANITARIECIINDICANOLANECESSITDI
PROMUOVEREUNASERIEDIINTERVENTIPERACCRESCEREEDIFFONDERELACULTURADELLA
PREVENZIONEETUTELADELLASALUTENELCOMPARTO

)NQUESTAOTTICASTATOELABORATOLEh,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONEE
SICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANAvRIVOLTOATUTTIGLIOPERATORIDEL
SETTOREEFRUTTODELLACOLLABORAZIONEDELMONDOACCADEMICO DEGLIOPERATORI
DEI3ERVIZIDI0REVENZIONE DEITECNICIDELLE#OMUNIT-ONTANEEDEITECNICI
DEL3ETTORE&ORESTEE0ATRIMONIO!GROFORESTALE $'3VILUPPO%CONOMICO
2EGIONE4OSCANA1UESTOASOTTOLINEARELIMPORTANZADELCOINVOLGIMENTODIPI
PROFESSIONALITPERAFFRONTARELECRITICITSPECIFICHE

5NVIVORINGRAZIAMENTOATUTTICOLOROCHEHANNOCONTRIBUITOALLAREALIZZAZIONEDI
QUESTOVOLUMECONLAUSPICIOCHELEINDICAZIONIINESSOCONTENUTEDIVENTINOUNA
PRASSIOPERATIVAPERTUTTIGLIADDETTI

%NRICO2OSSI
!SSESSORE$IRITTOALLA3ALUTE
2EGIONE4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
IMPAGINATOASLINDD   
, ASUPERFICIEFORESTALEDELLA4OSCANARAPPRESENTAOLTREUNDECIMODIQUELLA
TOTALENAZIONALEERICOPRECIRCAILDELTERRITORIOREGIONALEDAIDATI
DELLULTIMO)NVENTARIO2EGIONALE SIEVIDENZIACHELAMASSIMAPERCENTUALE
DIQUESTASUPERFICIEDIPROPRIETPRIVATACARATTERIZZATADADESTINAZIONE
PREVALENTEMENTEPRODUTTIVAEDIDIMENSIONIRIDOTTEINFERIORIA(A 
.ELLAPPROFONDIMENTOh)MPRESEELAVOROINBOSCOvPRESENTENELLULTIMO2APPORTO
SULLO3TATODELLE&ORESTEIN4OSCANA2!&4 SIRILEVAUNSETTOREPRODUTTIVO
ATTIVO INCRESCITAMAANCORADIDIFFICILEQUANTIFICAZIONENEISUOIELEMENTI
ESSENZIALIMANCAINFATTIUNALBOCOMPLESSIVODELLEDITTEBOSCHIVEEDEGLI
OPERATORIFORESTALICHEPERMETTAUNADEFINIZIONEINTERMININUMERICIETIPOLOGICI
DELCOMPARTO

,ATTIVITDELLOPERATOREFORESTALESICOLLOCAFRAQUELLEPIGRAVOSEEPERICOLOSE
CARATTERIZZATADAUNALTAPERCENTUALEDIINFORTUNIALMOMENTOCOMPUTATI
NELSETTORE!GRICOLTURAESICURAMENTESOTTOSTIMATIDALLEFONTISTATISTICHE
UFFICIALI).!), $ALLATTIVITDEI$IPARTIMENTIDI0REVENZIONEEMERGELA
DIFFICOLTDIATTUAREAZIONIDIFFUSEDIVIGILANZAELANECESSITDIINCREMENTARE
ESISTEMATIZZARELATTIVITDIINFORMAZIONE FORMAZIONEECOMUNICAZIONEPER
INNESCAREERAFFORZAREUNACULTURADELLAPREVENZIONEETUTELADELLASALUTEDEI
LAVORATORI%DPERMIGLIORAREQUESTEESIGENZECHENASCEILPROGETTOREGIONALE
h,INFORMAZIONEPERLAPREVENZIONENEILAVORIFORESTALI PREDISPOSIZIONELINEE
GUIDAvCHESICONCRETIZZATONELLAPUBBLICAZIONEh,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANAv

)LMANUALECONTIENEUNANALISIMETODOLOGICADEIRISCHIPRESENTINELLELAVORAZIONI
FORESTALIEFORNISCESINTETICHEINFORMAZIONISULLEMACCHINEEDATTREZZATURE
PERUNLOROCORRETTOUSOEUTILIPERUNACQUISTOCONSAPEVOLEDIQUESTE,A
PUBBLICAZIONESTATAPREDISPOSTAINCOLLABORAZIONECONIL$IPARTIMENTODI
3CIENZEE4ECNOLOGIE!MBIENTALI&ORESTALIDELLA&ACOLTDI!GRARIADELL5NIVERSIT
DEGLI3TUDIDI&IRENZE IL$IPARTIMENTODI0REVENZIONEDELLA!ZIENDA3ANITARIA
&IRENZE LA#OMUNIT-ONTANA-ONTAGNA&IORENTINA LA#OMUNIT-ONTANA
DEL-UGELLOEDIL3ETTORE&ORESTEE0ATRIMONIO!GROFORESTALEn$'3VILUPPO
%CONOMICOn2EGIONE4OSCANA

,ACHIAREZZAESPOSITIVA LACOMPLETEZZAEPROFESSIONALITDELLATRATTAZIONEDEI
TEMIAFFRONTATI FANNOSICHEILMANUALEPOSSAESSEREDISUPPORTOATUTTIGLI
OPERATORIDELCOMPARTO#IAUGURIAMOCHEPOSSACONTRIBUIREAFARDIVENIRELA
CULTURADELLAPREVENZIONEELATUTELADELLASALUTEDEILAVORATORIUNPATRIMONIODI
TUTTALACOLLETTIVIT



-ARCO-ASI
2ESPONSABILE3ETTORE3ICUREZZAE3ALUTE
SUI,UOGHIDI,AVORO
2EGIONE4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
#REDITI
,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONEESICUREZZANEILAVORIFORESTALI %DITORE
IN4OSCANA #OMPAGNIADELLE&ORESTE
VIA0!RETINO  !REZZO
#OORDINAMENTOEPROGETTAZIONETESTI
WWWCOMPAGNIADELLEFOERESTEIT
-ARCO-ASI
3ETTORE3ICUREZZAE3ALUTESUI,UOGHIDILAVORO $'$IRITTO
'RAFICAEIMPAGINAZIONE
ALLASALUTEE0OLITICHEDI3OLIDARIET 2EGIONE4OSCANA
'IUDITTA"UZZICHELLI #OMPAGNIADELLE&ORESTE
2OBERTO"OLOGNESI
!ZIENDA3ANITARIA&IRENZE5&0)3,,:ONA-UGELLO
#OORDINAMENTOEDITORIALE
0AOLO"ORGHI
-ASSIMO"IDINI #OMPAGNIADELLE&ORESTE
!ZIENDA3ANITARIA&IRENZE5&0)3,,:ONA3UD %ST
-AURO'IANNELLI
&OTO
!ZIENDA3ANITARIA&IRENZE5&0)3,,:ONA3UD %ST
!RCHIVIO $)34!& !RCHIVIO !ZIENDA 3ANITARIA &IRENZE 5&
&RANCO0IEGAI
0)3,,:ONA-UGELLOE!RCHIVIO#OMPAGNIADELLE&ORESTE
$)34!& &ACOLTDI!GRARIA 5NIVERSITDEGLI3TUDIDI&IRENZE
QUALSIASIRIFERIMENTOAMARCHIDIFABBRICADOVUTOSOLTANTO
!LESSANDRO5LIVI
AESIGENZEEDITORIALIEANIENTEALTRO 
!ZIENDA3ANITARIA&IRENZE5&0)3,,:ONA-UGELLO

!UTORI 3TAMPA
(ANNOPARTECIPATOALLAIMPOSTAZIONEEREDAZIONEDELLAVORO ,ITOGRAF%DITOR0' FINITODISTAMPARENELMESEDI&EBBRAIO
2OBERTO"OLOGNESI 
!ZIENDA3ANITARIA&IRENZE5&0)3,,:ONA-UGELLO
0AOLO"ORGHI
!ZIENDA3ANITARIA&IRENZE5&0)3,,:ONA3UD %ST
&ABIO&ABIANO
$)34!& &ACOLTDI!GRARIA 5NIVERSITDEGLI3TUDIDI&IRENZE
-AURO'IANNELLI
!ZIENDA3ANITARIA&IRENZE5&0)3,,:ONA3UD %ST
&RANCO0IEGAI
$)34!& &ACOLTDI!GRARIA 5NIVERSITDEGLI3TUDIDI&IRENZE 3IRINGRAZIAPERIPREZIOSICONSIGLIESUGGERIMENTI
!LESSANDRO5LIVI 0AOLO,ENZUNI )30%3,&IRENZE
!ZIENDA3ANITARIA&IRENZE5&0)3,,:ONA-UGELLO

(ANNOCOLLABORATOALLASTESURAEALLAREVISIONEDELTESTO
"EATRICE "ERNINI !ZIENDA 3ANITARIA &IRENZE 5& 0)3,,
:ONA-UGELLO ,UCIA"ERTUZZI!ZIENDA3ANITARIA&IRENZE5&
0)3,,:ONA3UD %ST2OBERTO"OLOGNESI!ZIENDA3ANITARIA
&IRENZE 5& 0)3,, :ONA -UGELLO 0AOLO "ORGHI !ZIENDA
3ANITARIA&IRENZE5&0)3,,:ONA3UD %ST&ABIO&ABIANO )L -ANUALE STATO PROMOSSO DALLA 2EGIONE 4OSCANA
$)34!& &ACOLTDI!GRARIA 5NIVERSITDEGLI3TUDIDI&IRENZE !SSESSORATOAL$IRITTOALLA3ALUTE NELLAMBITODEL0ROGETTO
0IER ,UIGI &AINA !ZIENDA 3ANITARIA &IRENZE 5& 0)3,, 2EGIONALE h,INFORMAZIONE PER LA PREVENZIONE NEI LAVORI
:ONA-UGELLO 'IOVANNI&ILIANI 3ETTORE&ORESTEE0ATRIMONIO FORESTALI PREDISPOSIZIONEDI,INEE'UIDAv
!GROFORESTALE $'3VILUPPO%CONOMICO 2EGIONE4OSCANA
-AURO'IANNELLI!ZIENDA3ANITARIA&IRENZE5&0)3,,:ONA
3UD %ST 0AOLA 'IOVANNINI !ZIENDA 3ANITARIA &IRENZE 5&
0)3,, :ONA -UGELLO #LAUDIO 'RIFONI !ZIENDA 3ANITARIA
&IRENZE 5& 6)- 'IOVANNI (IPPOLITI $)34!& &ACOLT DI
!GRARIA 5NIVERSIT DEGLI 3TUDI DI &IRENZE $ANIELE .OVELLI
!ZIENDA3ANITARIA&IRENZE5&6)-$ONATELLA0AGNI!ZIENDA
3ANITARIA&IRENZE5&0)3,,:ONA3UD %ST&RANCO0IEGAI
$)34!& &ACOLTDI!GRARIA 5NIVERSITDEGLI3TUDIDI&IRENZE $IPARTIMENTO DI 3CIENZE E 4ECNOLOGIE
!LESSANDRO 5LIVI !ZIENDA 3ANITARIA &IRENZE 5& 0)3,, !MBIENTALI&ORESTALI$)34!&
:ONA-UGELLO!NTONIO6ENTRE#OMUNIT-ONTANA-ONTAGNA
&IORENTINA

IMPAGINATOASLINDD   
)NDICE
0REMESSA  E2ISCHIODAAGENTIBIOTICI
A)NTRODUZIONE E#ONSIDERAZIONIGENERALI
B)LTERRITORIOTOSCANO EA2ISCHIOBIOLOGICO
C'LIOPERATORIDELSETTOREEGLIINFORTUNIIN4OSCANA EA.ORMATIVAINVIGORE
.ORMATIVAINERENTEITAGLIBOSCHIVI  EA0OSSIBILIINTERAZIONICONLORGANISMO
A!SPETTIAUTORIZZATIVI EA!LCUNEMALATTIEINFETTIVEDIMAGGIORE
A4AGLIBOSCHIVILIBERAMENTEESERCITABILI RILEVANZADELSETTOREFORESTALE
A4AGLIBOSCHIVISOGGETTIADICHIARAZIONE EB2ISCHIODAAGENTIBIOTICI
A4AGLIBOSCHIVISOGGETTIADAUTORIZZAZIONE E!TTIACARATTEREPREVENTIVO
A/PERECONNESSEALTAGLIO )DISPOSITIVIDIPROTEZIONEINDIVIDUALE 
AA)NTERVENTILIBERAMENTEESERCITABILI A)NTRODUZIONEENORMATIVAINVIGORE
AB)NTERVENTISOGGETTIADICHIARAZIONE B3CELTADEI$0)
AC)NTERVENTISOGGETTIADAUTORIZZAZIONE C0ROTEZIONEDEILAVORATORI
A #ASTAGNETIDAFRUTTO C0ROTEZIONEDELLATESTA
AA )NTERVENTILIBERAMENTEESERCITABILI C0ROTEZIONEDELLUDITO
AB )NTERVENTISOGGETTIADICHIARAZIONE C0ROTEZIONEDEGLIOCCHIEDELVISO
AC )NTERVENTISOGGETTIADAUTORIZZAZIONE C0ROTEZIONEDELLEVIERESPIRATORIE
B0RINCIPALINORMEGENERALI C0ROTEZIONEDELLEMANI
C%POCADELTAGLIO C0ROTEZIONEDELLEBRACCIAEDELLESPALLE
C0ERIODODELTAGLIONELBOSCOCEDUO C0ROTEZIONEDELLEGAMBE
C)NTERVENTICONSENTITIINQUALSIASIPERIODO C0ROTEZIONEDEIPIEDI
DELLANNO C0ROTEZIONEDELLINTEROCORPO
)LBOSCORISCHIEPREVENZIONE  0RONTOSOCCORSO 
A/ROGRAlAECONDIZIONIDELTERRENO4AVOLE!E" A#ONSIDERAZIONIGENERALI
B#ONDIZIONIATMOSFERICHE4AVOLE#E$ B.ORMATIVAINVIGORE
C&ATTORIBIOTICIVEGETALI4AVOLE%E& C,EMERGENZASANITARIANELSETTOREFORESTALE
D&ATTORIBIOTICIANIMALI4AVOLE' ( ) ,E- )LCANTIEREFORESTALE 
)LLAVORORISCHIEPREVENZIONE  A0REDISPOSIZIONEGENERALEDELCANTIERE
A%SPOSIZIONEARUMORE B,ORGANIZZAZIONEDELLAVORO LINFORMAZIONE LA
A#ONSIDERAZIONIGENERALI FORMAZIONEELADDESTRAMENTO
A.ORMATIVAINVIGORE C)LAVORIDIUTILIZZAZIONEINBOSCO
A0OSSIBILIDANNI 4AGLIODEGLIALBERI4AVOLA
A!TTIACARATTEREPREVENTIVO ,AVORAZIONEDEITRONCHIEOFUSTI4AVOLA
B%SPOSIZIONEAVIBRAZIONI ,AVORAZIONEDILEGNAEODILEGNAME4AVOLA
B#ONSIDERAZIONIGENERALI C$ECESPUGLIAMENTO
B.ORMATIVAINVIGORE 4RATTORE4AVOLA
B0OSSIBILIDANNI #OLLEGAMENTOTRATTOREATTREZZO4AVOLA
B!TTIACARATTEREPREVENTIVO !LBEROCARDANICO4AVOLA
C0ROBLEMIERGONOMICI $ECESPUGLIATORETRATTORECON 4AVOLA
C#ONSIDERAZIONIGENERALI -OTO DECESPUGLIATOREPORTATILE4AVOLA
C.ORMATIVAINVIGORE &ALCETTO FALCE RONCOLA4AVOLA
C0OSSIBILIDANNI C3PALCATURA
C!TTIACARATTEREPREVENTIVO -OTOSEGA4AVOLA
CA!SPETTIORGANIZZATIVI !CCETTA RONCOLA4AVOLA
CB!SPETTIEDUCATIVI C0OTATURA
CC!SPETTILEGATIALLASTRUMENTAZIONE ,AVOROINALTO4AVOLA
IMPIEGATA #ESOIE4AVOLA
D2ISCHIODAAGENTICHIMICI 3EGHETTOOSEGACCIO4AVOLA
D#ONSIDERAZIONIGENERALI 3EGHEAMOTORE4AVOLA
D.ORMATIVAINVIGORE -OTOSEGADAPOTATURA4AVOLA
D0OSSIBILIDANNI C!BBATTIMENTOCONMOTOSEGA
DA!GENTICHIMICIPERICOLOSINELLEATTIVIT -OTOSEGA4AVOLA
FORESTALI 3LITTINOOSCIVOLODIATTERRAMENTO4AVOLA
D!TTIACARATTEREPREVENTIVO ,EVADIATTERRAMENTO4AVOLA

IMPAGINATOASLINDD   
,EVAGIRATRONCHI4AVOLA !,,%'!4/4!6/,%$%)2)3#()
!CCETTAOMAZZAPERCUNEIERONCOLA4AVOLA 2ISCHIGENERICI
:APPINO4AVOLA ! 0ENDENZADELTERRENO
0ARANCHIMANUALI4AVOLA " !CCIDENTALITDELTERRENOEOSTACOLI
#APICHIUSI4AVOLAA # 4EMPERATURA
#ARRUCOLE4AVOLAB $ !GENTIMETEORICI
&UNIDACCIAIO4AVOLAC % !LBERI
C!BBATTIMENTOCONMACCHINEABBATTITRICI & !RBUSTIEROVI
-ACCHINACONTESTAABBATTITRICE4AVOLA ' ,ESIONI FERITE PUNTURE
C3RAMATURAMANUALE ( #ANIDIEPICCOLIMAMMIFERI
C3EZIONATURAMANUALE ) 6IPERE
.ASTROMETRICOAUTOAVVOLGENTE4AVOLA , :ECCHE
C!BBATTIMENTOEALLESTIMENTOCONMACCHINE - )NSETTIAPI VESPE CALABRONI PROCESSIONARIA
ABBATTI ALLESTITRICI 2ISCHILAVORATIVI
C3CORTECCIATURAMANUALE  !LBERI
3CORTECCIATRICIPORTATILI4AVOLA  4RONCHIEOFUSTI
C#ONCENTRAMENTO  ,EGNAEOLEGNAME
CA!STRASCICOCONANIMALI  4RATTORE
!NIMALI4AVOLA A :AVORRE
CB0ERAVVALLAMENTOLIBERO  #OLLEGAMENTOTRATTORE ATTREZZO
CC!STRASCICOCONVERRICELLI  !LBEROCARDANICO
6ERRICELLI4AVOLA  $ECESPUGLIATORETRATTORECON
C%SBOSCO  -OTO DECESPUGLIATOREPORTATILE
CA!VVALLAMENTOOBBLIGATO  3TRUMENTITAGLIENTI
#ANALETTE4AVOLA  -OTOSEGA
CB!SOMACONANIMALI  ,AVOROINALTO
CC!STRASCICOCONANIMALI  #ESOIEMANUALI MECCANICHE PNEUMATICHE
CD!STRASCICOCONTRATTORI IDRAULICHE
CE#ONTRATTOREERIMORCHIOOCONTRATTORE  3EGHEAMOTORE
PORTANTE  3LITTINOOSCIVOLODIATTERRAMENTO
2IMORCHIOTRATTORECON OTRATTOREPORTANTE  ,EVADIATTERRAMENTO
4AVOLA  ,EVAGIRATRONCHI
'RUIDRAULICA4AVOLA  :APPINO
CF!SOMACONTRATTOREDILEGNADAARDERECORTA  0ARANCHIMANUALI
'ABBIETRATTORECON 4AVOLA A#APICHIUSI
CG#ONTELEFERICATIPOGRUACAVO B#ARRUCOLE
'RUACAVO4AVOLA C&UNIDACCIAIO
C,AVORAZIONIALLIMPOSTO  -ACCHINACONTESTAABBATTITRICE
CA3MINUZZATURAOCIPPATURA  .ASTROMETRICOAUTOAVVOLGENTE
3MINUZZATICIOCIPPATRICI4AVOLA  3CORTECCIATRICIPORTATILISUMOTOSEGAO
CB3CORTECCIATURACONMACCHINE DECESPUGLIATORE
SCORTECCIATRICI  !NIMALI
3CORTECCIATRICI4AVOLA  6ERRICELLICONMOTOREINDIPENDENTEECON
CC!LLESTIMENTOCONMACCHINEALLESTITRICI CAPICHIUSI CARRUCOLE FUNIDACCIAIO
CD#ARICODILEGNAELEGNAMESUIMEZZIDI A6ERRICELLISUTRATTOREECONCAPICHIUSI CARRUCOLE
TRASPORTO FUNIDACCIAIO
'LOSSARIO   #ANALETTE
"IBLIOGRAlA   2IMORCHIOTRATTORECON OTRATTOREPORTANTE
 'RUIDRAULICA
 'ABBIETRATTORECON
 'RUACAVOCONCAPICHIUSI CARRUCOLE FUNI
DACCIAIO
 3MINUZZATRICIOCIPPATRICI
 3CORTECCIATRICI

IMPAGINATOASLINDD   
 0REMESSA

A s LABBATTIMENTOELATTERRAMENTODELLEPIANTE
)NTRODUZIONE s LALLESTIMENTODELLESTESSESRAMATURA SEZIO
NATURA EVENTUALE SCORTECCIATURA SUL LETTO DI
,A4OSCANA TRALEREGIONIITALIANE ALPRIMOPO CADUTA 
STOPERESTENSIONEDELLASUPERlCIEOCCUPATADA s ILCONCENTRAMENTODELMATERIALElNOALLEVIEDI
BOSCHIEDALTERZOPOSTO DOPO,IGURIAE4REN ESBOSCO
TINO!LTO!DIGE PERCOEFlCIENTEDIBOSCOSIT s LESBOSCODELMATERIALElNOALLIMPOSTO
,AGESTIONE LACURAELUTILIZZODELLERISORSEAlNI s LE EVENTUALI LAVORAZIONI ALLIMPOSTO E LE MA
PRODUTTIVIDELTERRITORIOOCCUPATODABOSCHISONO NOVRE NECESSARIE AL CARICO DEL MATERIALE SUI
ATTIVITEFFETTUATEDANUMEROSISOGGETTIPUBBLICI MEZZIDITRASPORTO
EPRIVATICHEHANNOCOMPITIDIVARIOGENERECON .ELTESTOSIFAPOIRIFERIMENTOA4AVOLE RIPORTA
lNALITDIVERSE,OSVOLGIMENTODIQUESTEATTIVIT TEIN!LLEGATO NELLEQUALIVENGONORIASSUNTI SIA
ESPONECOMUNQUEGLIADDETTIANUMEROSIRISCHI PERLAMBIENTEDILAVOROILBOSCO SIAPERILMA
CHEPOSSONOESSERELACAUSASIADIINFORTUNISIA TERIALECHEVIENELAVORATOEANCHEPERLEVARIEAT
DIMALATTIEPROFESSIONALI!QUESTOPROPOSITORI TREZZATURECHEVENGONOUTILIZZATE
CORDIAMOCHELATTIVITFORESTALEPRESENTAUNALTO s LACAUSADEIPERICOLI
TASSODIFREQUENZAEGRAVITDEGLIINFORTUNI s QUALIRISCHINEDERIVANO
! CI CONTRIBUISCONO CERTAMENTE LE PARTICOLARI s IPOSSIBILIDANNICHEPOSSONOESSEREPROCURATI
CARATTERISTICHE DEL POSTO DI LAVORO IL BOSCO LA AILAVORATORI
DIFlCOLTADEFFETTUAREINSICUREZZAMOLTEOPERA s GLIINTERVENTIDIPREVENZIONEEPROTEZIONECHE
ZIONI USANDO ATTREZZATURE POTENZIALMENTE PERI DEVONOESSEREADOTTATI
COLOSECHENECESSITANODIGRANDEPROFESSIONALI #IAUGURIAMOCHEQUESTAPUBBLICAZIONEPOSSA
T MAANCHEUNORGANIZZAZIONEDELLAVOROSPES INTERESSAREILAVORATORIIMPEGNATIINTALEATTIVIT
SOFRAMMENTARIAENONPROGRAMMATAADEGUATA IDATORIDILAVORO IRAPPRESENTANTIDEILAVORATORI
MENTERISPETTOALTIPODIATTIVITDAEFFETTUARE PERLASICUREZZA IMEDICICOMPETENTI GLIADDETTI
1UESTOMANUALEDESCRIVEEAPPROFONDISCE AN ALSERVIZIODIPREVENZIONEEPROTEZIONEECOMUN
CHECONLAUSILIODIFOTOEDISEGNI IRISCHIINTRISECI QUETUTTIISOGGETTIINTERESSATIALMIGLIORAMENTO
ALLAMBIENTEBOSCO IRISCHISPECIlCIATTINENTIALLA DELLECONDIZIONIDILAVOROINFUNZIONEDELLATUTELA
EFFETTUAZIONEDIDETERMINATEOPERAZIONILAVORATI DELLASALUTEEDELLASICUREZZADEILAVORATORI
VEEGLIINTERVENTIDIPREVENZIONEEPROTEZIONEDA
ATTUAREPERTUTELARESEMPREPILASALUTEEDILBE B
NESSEREDELLAVORATORE )LTERRITORIOTOSCANO
,EFASILAVORATIVEPRESEINCONSIDERAZIONESONO
ESCLUSIVAMENTEQUELLEATTINENTIALAVORIDIUTILIZ )LTERRITORIOREGIONALE RISPETTOALLECARATTERISTI
ZAZIONEFORESTALE VALEADIRE CHEGEOMORFOLOGICHE SISUDDIVIDEINDIVERSE
s LAPREPARAZIONEDELCANTIEREFORESTALENEICON ZONEBENDISTINTE DISEGUITOBREVEMENTEDE
FRONTIDELLASICUREZZA SCRITTE&IGURA 
sLACCESSO AL CANTIERE CON LEVENTUALE DECE s UNAFASCIADIPIANURACOSTIERACHESEGUEUNA
SPUGLIAMENTO SPALCATURAEPOTATURA LINEA./ 3% PERLOPIRELATIVAMENTESTRETTA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
ELEVATE PROSPICIENTI LA PIANURA CO
STIERAE A.EAD% DALBACINO!RNO
6ALDI#HIANA
s UNA SERIE DI PIANURE INTERNE CHE
COMPRENDONOIL6ALDARNOINFERIO
RE LAPIANADI&IRENZE 0ISTOIA IL
-UGELLO IL 6ALDARNO SUPERIORE IL
#ASENTINO LA6ALDI#HIANAEDIL
TERRITORIOALCONlNETRALE0ROVINCE
DI,UCCA 0ISAE0ISTOIA
s UNAFASCIAMONTUOSACOINCIDENTE
CONL!PPENNINOCHE CONANDA
MENTO./ 3% DELIMITAILTERRITORIO
REGIONALE
s RIVESTONO INOLTRE NOTEVOLE IMPOR
TANZA DAL PUNTO DI VISTA CLIMATI
COEVEGETAZIONALE ANCHEALCUNE
&IGURA #ARTADELLA2EGIONEDELLA4OSCANATRATTADA
ZONEPIRISTRETTEQUALIILMASSIC
 WWWRETETOSCANAITINDEXHTM
CIODELLE!LPI!PUANE LA,UNIGIA
NA L!LTO-UGELLO I-ONTI0ISANI
ILCOMPLESSOVULCANICODEL-ONTE
CONDIGRESSIONIVERSOLINTERNOINPROSSIMITDI !MIATAEL!RCIPELAGOTOSCANO
0ISAE'ROSSETO SPESSOINTERROTTADARILIEVICOL $AQUESTIPOCHIDATIAPPAREEVIDENTECOMEILTER
LINARICHESISPINGONOlNOALLALINEADICOSTA RITORIO REGIONALE SIA ESTREMAMENTE ETEROGENEO
s UNESTESAZONACOLLINARELOCALIZZATANELLAPAR CONCLIMIETIPIVEGETAZIONALIDIVERSI
TECENTRALEDELTERRITORIO CARATTERIZZATADAUNA ,ASUPERlCIETERRITORIALEDELLA4OSCANAAMMONTA
MORFOLOGIA VARIA E ONDULATA 1UESTA ZONA AETTARI DEIQUALIOCCUPATI
DELIMITATA AD/ DAUNACATENADICOLLINEPI DAFORMAZIONIFORESTALI 4ABELLA CONUNCOEFl

$ESTINAZIONEDUSO
2EGIONE4OSCANA
3UPERlCIINETTARIHA #ONSERVATIVO 0ROTETTIVA 0RODUTTIVA 4OTALE
NATURALISTICA
"OSCHI    
"OSCHETTI    
#ASTAGNETIDAFRUTTO    
-ACCHIAMEDITERRANEA    
&ORMAZIONIRIPARIE    
!REEINRINNOVAZIONE    
#ESPUGLIETTI    
!RBUSTETI    
'ARIGADIAMBIENTEMEDITERRANEO    
!REETRANSITORIAMENTEPRIVE
   
DIVEGETAZIONE
!REEDANNEGGIATEDAINQUINAMENTO    
4OTALEGENERALE    

4ABELLA 3UPERlCIE FORESTALE TOTALE DELLA 2EGIONE 4OSCANA RIPARTITA PER CATEGORIE INVENTARIALI E PER DESTINAZIONE DUSO
 HTTPWWWRETETOSCANAITINDEXHTM!!66 )&4 


,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
0ROVINCIA 3UPERlCIEFORESTALEHA REECONIMPORTANTITRADIZIONIAGRICOLE,ARIPARTI
ZIONEDEIBOSCHIVARIACONLEPROVINCEIMAGGIO
'ROSSETO 
RICOEFlCIENTIDIBOSCOSITSITROVANO OVVIAMENTE
&IRENZE  NELLEPROVINCECONMAGGIORIESTENSIONIDITERRITORIO
!REZZO  MONTANOA,UCCAEA-ASSA #ARRARA
3IENA  MENTREIMINIMISITROVANONELLEPROVINCEDI0ISA
 EDI'ROSSETO 
,UCCA  ,)NVENTARIORIPARTISCEIBOSCHISECONDOLASPECIE
0ISA  PREVALENTE VALE A DIRE LA SPECIE CHE ARRIVA AL
-ASSA#ARRARA  DELGRADODICOPERTURASENZACHENESSUNA
ALTRAARRIVIAL,ESPECIEOIGRUPPIDISPECIE
0ISTOIA 
EVIDENZIATE DALL)NVENTARIO COME PREVALENTI ELEN
,IVORNO  CATEINORDINEDISUPERlCIERISULTANORELATIVAMEN
0RATO  TEPOCHE CERRO  CASTAGNO  ROVERELLA 
4OSCANA  FAGGIO  LECCIO  PINIMEDITERRANEI  CARPINO
NERO  ROBINIA  PINONERO  ABETEBIANCOE
DOUGLASIA  CIPRESSOCOMUNEEDELL!RIZONA
4ABELLA 3UDDIVISIONE PER PROVINCIA DELLA SUPERlCIE FORE
)BOSCHIPERCUINONSTATOPOSSIBILEINDICAREUNA
 STALETOSCANA!!66 )&4 
SPECIEPREVALENTEEQUELLIINCUILASPECIEPREVA
LENTERAGGIUNGEVAUNASUPERlCIENONSIGNIlCATIVA
SONOCOMPRESINELLACATEGORIADEIh"OSCHIDIAL
CIENTEDIBOSCOSITPARIACIRCAIL )TALIACIR TRESPECIEOMISTIvCHE COMUNQUE COMPRENDE
CAIL-!& )3!&! )&. !!66 )&4 MENODELDELLASUPERlCIETOTALE
  ,ASUPERlCIEDEIBOSCHIDIALTOFUSTOCOMPRESI
0ERQUANTORIGUARDAILTIPODIPROPRIETRELATIVOALLE IMILAETTARIDEICASTAGNETIDAFRUTTO DICIRCA
SUPERlCIDELBOSCO SICITANOIDATI)34!4WWW MILAETTARI,ASUPERlCIEDEIBOSCHICEDUI
ISTATIT RIFERITIALLANNO DICIRCAMILAETTARI1UESTOOVVIOPERUNA
s0RIVATI 2EGIONEINCUIPREVALGONOSPECIECHEACAUSA
s3TATOE2EGIONE DELCLIMACONSICCITESTIVA ASSUMONOFORMEE
s#OMUNI PORTAMENTINONADATTIALLAPRODUZIONEDIASSORTI
s!LTRI%NTI MENTILEGNOSIDIPREGIO
.ELLA4ABELLA SUDDIVISAPERPROVINCIA RIPORTA )POPOLAMENTICONlSIONOMIAMEDITERRANEA
TALADISTRIBUZIONEDELLASUPERlCIEFORESTALEDELLA SIESTENDONOPERQUASIILDELLASUPERlCIEFO
2EGIONE4OSCANA RESTALE)BOSCHI LEMACCHIEEGLIARBUSTETIDI
3IRIPORTAQUANTOPUBBLICATOSULL)NVENTARIO&ORE SEMPREVERDIGRAVITANOVERSOSUDEINPARTICOLA
STALE4OSCANO!!66 )&4   RENELLEPROVINCEDI0ISA ,IVORNO 'ROSSETOE3IE
h,ASUPERlCIEFORESTALE TUTTAVIA INCLUDECOPERTURE NA,EPINETEMEDITERRANEE INVECE SONOME
CHENONSONOSTRETTAMENTEFORESTALICOMEICESPU GLIODISTRIBUITE SALVOUNACERTAMAGGIORPERCEN
GLIETI LAMACCHIAMEDITERRANEAEALTRECATEGORIE TUALENELLEPROVINCEDI0ISA &IRENZEE,UCCAPRE
.ELLA ACCEZIONE PI RISTRETTA I h"OSCHIv OVVERO VALGONO COMUNQUE LEPINETEDIPINOMARITTIMO
LECOPERTUREFORESTALICONOLTREMDIALTEZZA LA )BOSCHICONPREVALENZADISPECIECADUCIFOGLIERI
SUPERlCIEDIMILAETTARI0ERAVVICINARSIAI CONDUCIBILIALLAFASCIAALTITUDINALESOPRAMEDI
CRITERIDIINVENTARIOCORRENTI BISOGNAAGGIUNGERE TERRANEACOPRONOILDELLASUPERlCIEFORESTA
LEh!REEINRINNOVAZIONEvOVVEROIBOSCHIGIOVANI LEDELLA2EGIONE,ESUPERlCIEFORESTALICONDOMI
CONALTEZZAANCORAINFERIOREAM COSSIARRIVAA NANZADIQUERCECADUCIFOGLIECERROEROVERELLA SI
MILAETTARICHENONSONOLONTANIDALLESUPER TROVANOPEROLTREILNELLEPROVINCEDI'ROSSE
lCIBOSCATETRADIZIONALMENTEINDICATEDALLA3TATI TO 3IENA !REZZOE&IRENZEDIMOSTRANDOUNADI
STICA&ORESTALECURATADALL)34!44ENENDOCONTO STRIBUZIONEMOLTOCORRELATAAGLIAMBIENTICOLLINA
DELLEDIFlCOLTGENERALI QUESTACOINCIDENZADI RI)NVECELESUPERlCIDOMINATEDALCASTAGNO DAL
GIUNAPRIMACONFERMADIATTENDIBILIT CARPINONEROEDALLAROBINIASITROVANOPERIL
#ONQUESTIORDINIDIGRANDEZZA LA4OSCANADIMO CIRCANELLAPROVINCECHESONOINmUENZATEDAIRILIEVI
STRAUNACOPERTURADIBOSCHIEDIVEGETAZIONEAR MAGGIORI-ASSA #ARRARA ,UCCAE0ISTOIAE SU
BUSTIVARELATIVAMENTEELEVATATENENDOCONTOCHE BORDINATAMENTE NELLEPROVINCEDI0RATO &IRENZE
SITRATTADIUNA2EGIONEPREVALENTEMENTECOLLINA ED!REZZOINCUIISISTEMICOLLINARISICOMBINANO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
CONCATENEMONTUOSE s DIPENDENTIPUBBLICI
)BOSCHIDIlSIONOMIAMONTANACOPRONOILRE #OMUNIT-ONTANE 0ROVINCE
STANTECONMILAETTARIDIFUSTAIEECEDUI #OMUNI #&3 54" CIRCA
DIFAGGIO CIRCAMILAETTARIDIBOSCHIDIABETE sPRIVATICOOPERATIVE CONSORZI CIRCA
ODIDOUGLASIAEMILAETTARIDIRIMBOSCHIMEN sPRIVATIIMPRESEBOSCHIVE
TIDIPINONERO,EPROVINCEINCUIQUESTIBOSCHI EDALTRIOPERATORI STIMATICIRCA
SONOPIRAPPRESENTATISONOQUELLEDI&IRENZEED #ONSIDERANDOPERCHESOLTANTOILDEIDI
!REZZOCIODOVEILCONlNEAMMINISTRATIVOVALICA PENDENTI PUBBLICI E SOLTANTO IL  DEI DIPEN
NELVERSANTEPADANOEDOVEALLACATENADELL!P DENTIDICOOPERATIVEECONSORZITAGLIANOILBOSCO
PENNINOSIAFlANCANOLECATENEDEL0RATOMAGNO ECHEINMEDIACONLEUTILIZZAZIONIIN4OSCANASI
E DELL!LPE DI #ATENAIA ) BOSCHI DI ABETI SONO RACCOLGONOCIRCA MILIONIDIMDILEGNOALLANNO
ETTARIRIPARTITIINPARTIUGUALIFRAILNOSTRANO ATTRIBUENDOUNAPRODUTTIVITMEDIAPERINDIVIDUODI
ABETEBIANCOELESOTICOABETEDI$OUGLAS)LFAG CIRCAMALLANNOINABBATTIMENTO ALLESTIMEN
GIOLUNICALATIFOGLIAPERCUISIABBIANOSIGNIlCA TO CONCENTRAMENTOEDESBOSCO OLTREAGLIOPERA
TIVESUPERlCIDIBOSCHIDIALTOFUSTO v TORISUDDETTIRISULTEREBBEUNNUMERONONUFlCIALE
STIMATODICIRCAINDIVIDUI DICHIARATIINALTRE
C ATTIVITOADDIRITTURANONDICHIARATIADALCUNTITOLO)N
'LIOPERATORIDEL QUESTONUMEROMOLTOVAGODICIRCAINDIVI
SETTOREEGLIINFORTUNI DUICHELAVORANOINBOSCO SONODACOMPRENDE
IN4OSCANA RECOLOROCHETAGLIANOLALEGNAPERUSOPERSONALE
QUELLICHEAPPARTENGONOADALTRECATEGORIEDILAVO
.ONSIHANNODATIUFlCIALICERTICHERIGUARDANO RATORI QUELLIISCRITTIADALTRECATEGORIEDIIMPRESECHE
IL NUMERO DI ADDETTI ALLE UTILIZZAZIONI FORESTALI SVOLGONOINPARTEODINTUTTOQUESTAATTIVIT QUELLI
EDILNUMEROETIPOLOGIADIINFORTUNICHESIVE CHELASVOLGONOINNEROECC
RIlCANOINQUESTOSETTORE $ATI ).!), DEL COMPARTO 3ELVICOLTURA CODICI
$AUNOSTUDIOCONDOTTODA0AOLO-ORIEPRESEN !TECOINDICATIINTABELLA RIPORTATINEL2A&4
TATOALLv)NCONTROTECNICOSULLAVOROINBOSCOvTENU DELLA 4OSCANA QUINDI RELATIVI AGLI OPERATORI UFl
TOSIALLAh&ORESTERIADELLA'IUNTA2EGIONALE4OSCA CIALI NONAQUELLISTIMATI DANNOLESEGUENTICIFRE
NAvILOTTOBREDELEDALh2APPORTOSULLO PERQUANTORIGUARDAGLIINFORTUNI4ABELLA 
STATODELLEFORESTEIN4OSCANAv2A&4 PRO 2ISPETTOALTOTALEDEICIRCAOPERATORIFO
GETTOSVILUPPATODA!23)!SUINCARICODELLA'IUN RESTALI STIMATI QUESTI DATI CON OGNI PROBABILIT
TA2EGIONALE4OSCANA CAPITOLOh)MPRESEELAVORO SOTTOSTIMANOILFENOMENOINFORTUNISTICOELECIFRE
INBOSCOvDI0AOLO-ORI #OMPAGNIADELLE&ORESTE DELLATABELLAPOTREBBEROESSEREMOLTIPLICATEPER
!2 RISULTANOISEGUENTIDATI MOLTOORIENTATIVIEDI  EDANCHEDIPI PERAVEREFORSEDEIDATIVICINI
LARGAMASSIMA RELATIVIACOLOROCHEOPERANOINBO ALLAREALT SENZACONTARECHESPESSOMOLTIINFOR
SCOIN4OSCANA#OMPAGNIADELLE&ORESTE /,A" TUNIVENGONODICHIARATIDIPENDENTIDAALTRECAU
WWWSELVICOLTURAITOSSERVATORIOHTM  SEECAPITATIINALTRESITUAZIONI

#ODICI )NVALIDIT )NVALIDIT 3ENZAINDENNIZZOE


$ENUNCE -ORTE
!TECO TEMPORANEA PERMANENTE &RANCHIGIA
!NNO     
!NNO     
! !
!NNO !    
!NNO ! !   
!NNO    

4ABELLA $ATI).!),INERENTIGLIINFORTUNINELSETTOREFORESTALE



 4ITOLARI CONTITOLARIEDIPENDENTIDICIRCAIMPRESECHESITROVANOISCRITTE ALLAVOCEhSELVICOLTURAEUTILIZZAZIONIFORESTA
LIv NEGLIARCHIVIDELLE##)!!

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
.ORMATIVAINERENTE
 ITAGLIBOSCHIVI

1UANTOVERRESPOSTODISEGUITORAPPRESENTA A4AGLIBOSCHIVI
UNABREVESINTESIDELLEPROCEDUREAUTORIZZATI LIBERAMENTEESERCITABILI
VE E DELLE NORME TECNICHE DA RISPETTARE NEL 3ONO LIBERAMENTE ESERCITABILI PURCH NON
LAMBITODEITAGLIBOSCHIVI4ALESINTESI EVIDEN COMPORTINO RIDUZIONE DI SUPERlCIE BOSCATA I
TEMENTE NON SOSTITUISCE LA NORMATIVA VIGEN SEGUENTIINTERVENTI
TE E NON CONTIENE TUTTO QUANTO AMPIAMENTE ILTAGLIODELLEPIANTESECCHE DIVELTEOSTRON
NORMATODALLA,EGGE&ORESTALEDELLA4OSCANA CATE
ESMIEDALSUOREGOLAMENTODIAT ILTAGLIODELCEDUO INBOSCHIDIETSUPERIO
TUAZIONE 2EGOLAMENTO &ORESTALE 2 MA REALTURNOMINIMOANNIPERICEDUIPURIO
VUOLEFORNIREDELLEBREVILINEEGUIDASULLETIPOLO MISTIAPREVALENZADICASTAGNO ROBINIA SALI
GIEDIISTANZECHESIPOSSONOPRESENTARE NON CE ONTANO NOCCIOLOEPIOPPO ANNIPERI
CHSULLEPRINCIPALINORMEDARISPETTARENELSET CEDUIPURIOMISTIAPREVALENZADIFAGGIO 
TOREDEITAGLIBOSCHIVI3IRIMANDAPERTANTOALLA ANNIPERICEDUIPURIOMISTIAPREVALENZADI
NORMATIVASUDDETTAPERUNAPIAPPROFONDITA ALTRESPECIEEPERILFORTETO EINFERIOREA
CONSULTAZIONEINMATERIA ANNI SUSUPERlCIlNOAM EFFETTUA
TONELRISPETTODELLENORMETECNICHESTABILITE
A DAL2EGOLAMENTO&ORESTALEARTT  
!SPETTIAUTORIZZATIVI     E 
ILTAGLIODIAVVIAMENTOALLALTOFUSTONEICEDUI
)TAGLIBOSCHIVIELAREALIZZAZIONEDIINTERVENTIACA SUSUPERlCIlNOAM EFFETTUATONELRI
RICODELLEOPEREADESSICONNESSEPISTE LINEEDI SPETTODELLENORMETECNICHESTABILITEDAL2E
ESBOSCO ECC SONO IN GENERE SOGGETTI A PRE GOLAMENTO&ORESTALEARTT   E
SENTAZIONE ASECONDADEICASI DIISTANZADIAU  
TORIZZAZIONEODICHIARAZIONEALLE0ROVINCIEOALLE IL TAGLIO DI DIRADAMENTO SU SUPERlCI lNO A
#OMUNIT-ONTANE ,ADICHIARAZIONEDIINIZIOAT M EFFETTUATONELRISPETTODELLENORME
TIVIT PRESENTABILESOLOPERALCUNISPECIlCICASI TECNICHESTABILITEDAL2EGOLAMENTO&ORESTA
PERMETTE DOPO  GIORNI DALLA PRESENTAZIONE LEARTT    E 
LESECUZIONE DEGLI INTERVENTI SALVO DIVERSA CO ILTAGLIODEGLIARBUSTINEIBOSCHI PURCHNON
MUNICAZIONE DELLENTE COMPETENTE ,A RICHIESTA SIANODANNEGGIATELEPIANTEARBOREEELALORO
DIAUTORIZZAZIONEINVECESOGGETTAASOPRALLUO RINNOVAZIONE
GOTECNICODAPARTEDELPERSONALEDELLENTECOM )LIMITIDISUPERlCIEM SONOCONSIDE
PETENTECHE ENTROGIORNIDALLAPRESENTAZIONE RATI INAMBITOCOMUNALE PEROGNIPROPRIETE
DELLADOMANDA DEVECOMUNICAREILDINIEGOORILA PERANNOSILVANO3ETTEMBRE !GOSTO 
SCIARELAUTORIZZAZIONESCRITTAALLESECUZIONEDEGLI
INTERVENTISALVIICASIDISOSPENSIONEPREVISTIDAL A4AGLIBOSCHIVI
LALEGGE )NOLTRE IL2EGOLAMENTO&ORESTALEPREVE SOGGETTIADICHIARAZIONE
DEALCUNICASIDISEGUITOMEGLIODElNITI INCUIGLI 3ONOSOGGETTIAPRESENTAZIONEDIDICHIARA
INTERVENTISONOLIBERAMENTEESEGUIBILISENZAPRE ZIONE ALMENOGIORNIPRIMADELLALOROESE
SENTAZIONEDIALCUNAISTANZA CUZIONE E PURCH EFFETTUATI NEL RISPETTO DELLE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
MINIMO PURCHNONVENGATAGLIATOUNNUME
RODIMATRICINESUPERIORIADDIQUELLEPRE
SENTI EPEROGNICEPPAIAVENGARILASCIATOAL
MENOILPOLLONEDIMIGLIORSVILUPPO EALMENO
DUEPOLLONIPERLECEPPAIECONPIDITREPOL
LONI.ONCISONOLIMITAZIONIDIESTENSIONE
TAGLI DI DIRADAMENTO NELLE FUSTAIE COETANEE
&OTO  PURCH DI ET PARI AD ALMENO 
ANNIEADENSITCOLMAESEGUITINELRISPET
TODELLEULTERIORINORMETECNICHESTABILITEDAL
2EGOLAMENTO&ORESTALE 
TAGLIDISFOLLONELLEFUSTAIECOETANEEADENSIT
COLMADIETINFERIOREAANNI PURCHNON
&OTO #EDUOCONCATASTEDILEGNA
VENGAASPORTATOPIDIDELLEPIANTEPRE

SENTIESEGUITINELRISPETTODELLEULTERIORINOR
ME TECNICHE STABILITE DAL 2EGOLAMENTO &O
RESTALE 
NORMETECNICHEPREVISTEDAL2EGOLAMENTO&O TAGLIDIMANUTENZIONE OVVEROTAGLIDELLAVE
RESTALE FATTOSALVOQUANTODETTONELPARAGRAFO GETAZIONEARBUSTIVAEDARBOREANEIBOSCHI
PRECEDENTEEINQUELLOSUCCESSIVO ISEGUENTI DESTINATIALLAREGOLAZIONEDELLOSVILUPPODELLA
INTERVENTI VEGETAZIONEFORESTALEPERILMANTENIMENTOIN
TAGLIODIBOSCHICEDUI&OTO PURIOMISTI EFlCIENZAESICUREZZADIMANUFATTI4ALITAGLI
SEMPLICI CONIFERATI COMPOSTI O INTENSA SONOESEGUITINELLEAREEDIPERTINENZADIELET
MENTE MATRICINATI SU SUPERlCI ACCORPATE TRODOTTIDA A MPERLATOASECON
lNO A HA CON IL RISPETTO DEI TURNI MINIMI DADELTIPO DIALTRERETIDISERVIZIOPUBBLICO
PREVISTI PER LE DIVERSE SPECIE E COMUNQUE MPERLATO DELLAVIABILITPUBBLICAEDALTRI
NONOLTREIANNIDIET FATTOSALVOQUAN MANUFATTIMPERLATO DELLEOPEREESEZIO
TO PREVISTO AL PUNTO SUCCESSIVO 0ER TURNO NI IDRAULICHE RIMANGONO VALIDE LE NORME DI
MINIMOSIINTENDELETMINIMAPERILTAGLIO POLIZIAIDRAULICA 
)LTURNOMINIMOPERILTAGLIODIANNIPERI ATTUAZIONEDITAGLIBOSCHIVIPREVISTIINPIANIDI
CEDUIPURIOMISTIAPREVALENZADICASTAGNO GESTIONEODEITAGLIAPPROVATIDALLE0ROVINCE
ROBINIA SALICE ONTANO NOCCIOLO E PIOPPO ODALLE#OMUNIT-ONTANE
ANNIPERICEDUIPURIOMISTIAPREVALENZA
DIFAGGIO ANNIPERICEDUIPURIOMISTIA A4AGLIBOSCHIVI
PREVALENZADIALTRESPECIEEPERILFORTETO SOGGETTIADAUTORIZZAZIONE
TAGLIO DI CEDUI SEMPLICI PURI E MISTI A PRE 3ONOSOGGETTIAPRESENTAZIONEDIISTANZADI
VALENZA DI CASTAGNO ROBINIA CARPINO NERO AUTORIZZAZIONEEADOTTENIMENTODELLASTESSA
ALMENOIL SUSUPERlCIACCORPATElNO DAPARTEDELLE0ROVINCEODELLE#OMUNIT-ON
AHA DIETCOMPRESATRAUNMINIMODI TANEISEGUENTIINTERVENTI
ANNICASTAGNOEROBINIA OANNICARPINO TAGLIO DI CEDUI PURI O MISTI SEMPLICI CONI
NERO EDUNMASSIMODIANNI FERATI COMPOSTIOINTENSAMENTEMATRICINATI
TAGLIODICEDUITRATTATIASTERZOQUANDOIPOL SUSUPERlCIACCORPATEOLTREIHAElNOAD
LONIDIMAGGIORDIAMETROOPIVECCHI HANNO UNMASSIMODIHA CONILRISPETTODEITURNI
RAGGIUNTOIANNINELFAGGIOEIANNINELLA PREVISTIPERLEDIVERSESPECIE
ALTRESPECIEECOMUNQUENONOLTREIANNI TAGLIODICEDUIPURIEMISTISEMPLICI CONIFE
DIET.ONCISONOLIMITAZIONIDIESTENSIONE RATI COMPOSTIOINTENSAMENTEMATRICINATI E
PRIMODIRADAMENTODEIBOSCHICEDUI PURCH CEDUIASTERZODIETSUPERIOREAANNIE
DIETINFERIOREAANNIEADENSITCOLMA IN INFERIOREOUGUALEAANNI
CUIVENGANOTAGLIATISOLOIPOLLONIDIMINORSVI TAGLIODICEDUIPURIEMISTISEMPLICI CONIFE
LUPPOEPEGGIORECONFORMAZIONEENONVEN RATI COMPOSTIOINTENSAMENTEMATRICINATI E
GAASPORTATOPIDELDEIPOLLONIESISTEN CEDUIASTERZODIETSUPERIOREAANNIE
TI.ONCISONOLIMITAZIONIDIESTENSIONE SOLONEICASIPREVISTIDALLARTDEL2EGOLA
TAGLIDIAVVIAMENTO&OTO ALLALTOFUSTONEI MENTO&ORESTALE 
CEDUICHEABBIANOSUPERATOLETDELTURNO TAGLISUCCESSIVI TAGLIOSALTUARIO DISETANEIZ

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
ZAZIONE TAGLIO DI FUSTAIA SU CEDUO lNO A
HA/LTREHALAUTORIZZAZIONEDEVEESSE
RECORREDATADAUNPROGETTODITAGLIO
TAGLIORASOlNOADUNMASSIMODIHA0ER
SUPERlCI FRA HA E HA NECESSARIO UN
PROGETTODITAGLIOITAGLIRASOSONOSOGGETTI
ADEPOSITOCAUZIONALE 
TAGLI A BUCHE O STRISCE PURCH DI SUPERl
CIEMASSIMAINFERIOREADHACONDEPOSITO
CAUZIONALEOBBLIGATORIO 
ITAGLIINDICATIPRECEDENTEMENTECOMESOG
GETTIADICHIARAZIONEOLIBERAMENTEESERCITA
BILI MADAESEGUIRSISECONDONORMETECNI
&OTO 4AGLIODIAVVIAMENTOALLALTOFUSTO
CHE DIVERSE DA QUELLE PREVISTE DAL 2EGOLA


MENTO&ORESTALE
TAGLIODIPIANTEFUORIFORESTAOVVEROINTERRE
NINONBOSCATIRICADENTINELLEZONEAGRICOLE
APPARTENENTIALLESEGUENTISPECIE SVERSALI
A QUERCE FAGGIO ACERI TIGLI OLMI FRASSINO RIPRISTINO DI TOMBINI E DI ATTRAVERSA
MAGGIORE PINO DOMESTICO CASTAGNO MENTIESISTENTI
CONDIAMETROMAGGIOREDICM  RIMOZIONEDIMATERIALEFRANATODALLESCARPA
B CIPRESSOCOMUNECONDIAMETROMAGGIO TEERISAGOMATURALOCALIZZATADELLESTESSE
REDICM  RINSALDAMENTODELLESCARPATECONGRATICCIA
C TASSOCONDIAMETROMAGGIOREDICM TEOVIMINATE
INTERVENTI DI SOSTITUZIONE DI SPECIE O CON  TAGLIO DELLA VEGETAZIONE ARBUSTIVA POTATU
VERSIONE DELLA FORMA DI GOVERNO COME AD RADELLAVEGETAZIONEARBOREAETAGLIODELLE
ESEMPIODABOSCOCEDUOCOMPOSTOABO PIANTESRADICATEOPERICOLANTI
SCOCEDUOSEMPLICEINTERVENTIAUTORIZZABILI  SOSTITUZIONEDELLAPAVIMENTAZIONEESISTENTE
SOLOINSPECIlCICASIPREVISTIDAL2EGOLAMEN SCAVIDAEFFETTUARSINELLASEDESTRADALEPER
TO&ORESTALE  LAPOSADITUBAZIONI ACONDIZIONECHENON
COMPORTINO MODIlCAZIONI DELLAMPIEZZA
A/PERECONNESSE DELLASEDESTRADALEORISAGOMATURAANDAN
ALTAGLIO TEDELLESCARPATEECHESITRATTICOMUNQUE
,A REALIZZAZIONE O MANUTENZIONE DI OPERE DISCAVIDIDIMENSIONINONSUPERIORIAMDI
CONNESSEALTAGLIOSTRADEEPISTEPERMANEN LARGHEZZAE MDIPROFONDIT
TI PISTETEMPORANEE IMPOSTIECC ASECONDA MANUTENZIONE DEL FONDO E DELLE SCARPA
DEICASI PUESSERELIBERAMENTEESERCITABILEO TE NEISENTIERIENELLEMULATTIERE DESTINATA
SOGGETTAAPRESENTAZIONEDIUNISTANZADIDI ACONSOLIDAREERENDEREAGIBILEILTRACCIATO
CHIARAZIONEOAUTORIZZAZIONECOMUNQUEDA ESISTENTE
SOTTOLINEARECHETALIINTERVENTIPOSSONOESSERE
SOGGETTIANCHEAGLIADEMPIMENTIDERIVANTIDAL AB )NTERVENTI SOGGETTI
LANORMATIVAEDILIZIAEPAESAGGISTICAVIGENTEE ADICHIARAZIONE
DICOMPETENZACOMUNALE 3ONOSOGGETTIAPRESENTAZIONEDIDICHIARA
ZIONE ALMENOGIORNIPRIMADELLALOROESE
AA)NTERVENTILIBERAMEN CUZIONE A CONDIZIONE CHE SIANO EFFETTUATI NEL
TEESERCITABILI RISPETTODELLENORMETECNICHEPREVISTEDAL2E
.ELLEOPERECONNESSEALTAGLIOSTRADE SENTIERI GOLAMENTO&ORESTALE ISEGUENTIINTERVENTIINE
PISTE IMPOSTIECC SONOLIBERAMENTEESER RENTILEOPERECONNESSEALTAGLIO
CITABILI I SEGUENTI INTERVENTI DI MANUTENZIONE REALIZZAZIONE DI NUOVI SENTIERI O MULATTIERE
ORDINARIA VIEDIACCESSOALBOSCODESTINATEALTRANSITO
 LIVELLAMENTODELPIANOVIARIOODELPIAZZALE DIPERSONEAPIEDI ACAVALLOOCONBESTIAME
 RICARICOCONINERTI DASOMA AVENTIUNALARGHEZZAMASSIMADI
 RIPULITURAERISAGOMATURADELLEFOSSETTELATERALI  M SEEFFETTUATAOPERANDOLIMITATIMOVI
 TRACCIAMENTOORIPRISTINODEGLISCIACQUITRA MENTIDITERRASENZALAUSILIODIMEZZIMEC

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
CANICI IMPIEGANDO MATERIALI QUALI LEGNAME
E PIETRE PER IL CONSOLIDAMENTO DEI TRATTI IN
MAGGIORE PENDENZA E PER LA DELIMITAZIONE
DELTRACCIATO SENZAESTIRPAZIONEDIPIANTEO
CEPPAIEARBOREE
INTERVENTIDIMANUTENZIONESTRAORDINARIASOLO
NEISEGUENTICASI
A REALIZZAZIONEDITOMBINIEDIATTRAVERSA
MENTINELLESTRADEEPISTEPERMANENTI A
CONDIZIONECHEGLISCAVISIANOIMMEDIA
TAMENTERICOLMATI
B REALIZZAZIONEDIATTRAVERSAMENTIDAPORRE
INCORRISPONDENZADIIMPLUVIOFOSSETTIA
CONDIZIONECHESIANOPREVISTEADEGUATE &OTO $IRADAMENTOINFUSTAIADICONIFERE
OPEREDISCOLMATURADELLEACQUEDIPIE 
NA QUALIOPEREDICANALIZZAZIONEOSCAR
PATAEDALVEOAPPOSITAMENTECONSOLIDATI
INPIETRAME INMODOCHELEACQUESTES AC )NTERVENTI SOGGETTI
SE POSSANO SCORRERE SENZA DANNO ALLA ADAUTORIZZAZIONE
SEDESTRADALE RIVERSANDOSIAVALLESENZA 3ONO SOGGETTI A PRESENTAZIONE DI SPECIlCA
DETERMINAREFENOMENIDIEROSIONE ISTANZADIAUTORIZZAZIONEISEGUENTIINTERVENTI
C RISAGOMATURA DELLE SCARPATE NELLE STRA INERENTILEOPERECONNESSEALTAGLIO
DEEPISTEPERMANENTI ACONDIZIONECHE  REALIZZAZIONEDISTRADE PISTE&OTO EDIM
NONSIAALLARGATALASEDESTRADALEECHE POSTIPERMANENTI
I LAVORI SIANO DESTINATI AL RINSALDAMENTO  REALIZZAZIONEDISENTIERIEMULATTIERENEICASI
DELLESCARPATESTESSEOALLAREALIZZAZIONE NONSOGGETTIADICHIARAZIONE
DIOPEREPERLAREGIMAZIONEDELLEACQUE  REALIZZAZIONEDIIMPOSTIEPIAZZALITEMPORA
QUALI LA REALIZZAZIONE DI FOSSETTA A LATO NEIPERILDEPOSITODELLEGNAME DICONDOT
DELLASEDESTRADALEEALTREOPERESIMILARI TE DICANALITEMPORANEIEDILINEEDIESBO
D INTERVENTI PER LUTILIZZAZIONE DELLE PISTE SCO CHECOMPORTIUNICAMENTEILTAGLIODELLA
TEMPORANEEDIESBOSCOEDEGLIIMPOSTI VEGETAZIONEESISTENTE QUANDOILTAGLIOACUI
TEMPORANEIESISTENTI CONSISTENTINELTA SONOCOLLEGATISOGGETTOAAUTORIZZAZIONE
GLIO SENZAESTIRPAZIONE DELLAVEGETAZIO  REALIZZAZIONE DI PISTE TEMPORANEE DI ESBO
NEARBUSTIVAEDIQUELLAARBOREAINSEDIA SCODELLALARGHEZZAMASSIMADI MCON
TASISUCCESSIVAMENTEALPRECEDENTETA SCARPATEAMONTEDIALTEZZAINFERIOREAM
GLIOBOSCHIVO AUMENTABILEA MPERPENDENZEDELTER
E REALIZZAZIONE DI MURI DI SOSTEGNO CHE RENOSUPERIORIAL 
NON COMPORTINO SBANCAMENTI MA SOLO  REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI MANUTENZIONE
MOVIMENTISUPERlCIALIDITERRENO PURCH STRAORDINARIA NON SOGGETTI A DICHIARAZIONE
SIAASSICURATOILDRENAGGIODELLEACQUE QUALI
F TRASFORMAZIONE DI STRADE A FONDO NATU A INTERVENTI PER IL RIPRISTINO DI PISTE TEMPO
RALEINSTRADEAFONDOASFALTATOOLASTRICA RANEEDIESBOSCOEDIIMPOSTITEMPORA
TO PURCHLESTRADESTESSESIANODOTATE NEIEFFETTUATITRAMITEMOVIMENTIDITERRENO
DIOPEREPERLARACCOLTAELAREGIMAZIONE ATTUATIPERILLIVELLAMENTODELPIANOVIARIO
DELLEACQUEATTEADEVITAREALTERAZIONIDEL ODELPIAZZALE LARISAGOMATURAPUNTUALE
LALOROCIRCOLAZIONENEITERRENILIMITROlEDEL OANDANTEDELLASCARPATAOLARIMOZIONE
LOROINCANALAMENTONELLASEDESTRADALE DELMATERIALEFRANATODALLASCARPATA
REALIZZAZIONEDIIMPOSTIEPIAZZALITEMPO B TUTTI GLI ALTRI INTERVENTI DI MANUTENZIONE
RANEIPERILDEPOSITODELLEGNAME DICON STRAORDINARIA DIADEGUAMENTOFUNZIONA
DOTTE DI CANALI TEMPORANEI E DI LINEE DI LEEDIALLARGAMENTODELLAVIABILITODEGLI
ESBOSCO CHECOMPORTIUNICAMENTEILTA IMPOSTI NONCOMPRESITRALEOPEREEILA
GLIO DELLA VEGETAZIONE ESISTENTE QUANDO VORILIBERAMENTEESERCITABILIOSOGGETTIA
ILTAGLIOACUISONOCOLLEGATISOGGETTOA DICHIARAZIONE
DICHIARAZIONE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
AB )NTERVENTI SOGGETTI
ADICHIARAZIONE
3ONOSOGGETTIAPRESENTAZIONEDIDICHIA
RAZIONE ALMENOGIORNIPRIMADELLALORO
ESECUZIONE
LASOSTITUZIONEDIPIANTEDICASTAGNODAFRUT
TOMORTEONONPIPRODUTTIVE
ILTAGLIODELLEPIANTEARBOREEDIALTRESPECIE
SPARSEOPRESENTIINPICCOLIGRUPPI QUALORA
LALOROELIMINAZIONENONCOMPROMETTALAS
SETTO IDROGEOLOGICO E OVE NECESSARIO SI
PROVVEDA ALLA MESSA A DIMORA DI PIANTE DI
CASTAGNOINSOSTITUZIONE PURCHSIASEMPRE
&OTO 0ISTAFORESTALEPRINCIPALE CASTAGNETODAFRUTTO
 LESTIRPAZIONEDELLECEPPAIEDELLEPIANTEDA
SOSTITUIRE NEICASIDICUIALLELETTEREA EB
PURCH LE BUCHE SIANO SUBITO COLMATE E SI
A#ASTAGNETIDAFRUTTO PROVVEDAALLASOLLECITAMESSAADIMORADELLE
!I SENSI DELLA NORMATIVA FORESTALE REGIONA PIANTEINSOSTITUZIONE
LE COSTITUISCE CASTAGNETO DA FRUTTO QUALSIASI
AREA DIESTENSIONENONINFERIOREAME AC )NTERVENTI SOGGETTI
DILARGHEZZAMAGGIOREDIM CHEABBIAUNA ADAUTORIZZAZIONE
DENSITNONINFERIOREAPIANTEDICASTAGNO 3ONOSOGGETTIAPRESENTAZIONEDIISTANZADI
DAFRUTTOPERETTARO.ONCOSTITUISCONOCASTA AUTORIZZAZIONEISEGUENTIINTERVENTI
GNETO DA FRUTTO MA FUSTAIE O BOSCHI CEDUI A LAFORMAZIONEDICASTAGNETIDAFRUTTODABO
SECONDADEICASI LEFORMAZIONIPUREOMISTEDI SCHI PURI O MISTI DI CASTAGNO ATTUALMENTE
CASTAGNO PURDERIVANTIDALLABBANDONOCOLTU DESTINATIALLAPRODUZIONELEGNOSAEDALLEFOR
RALEDICASTAGNETIDAFRUTTO CHESIANOSTATEGI MAZIONIDERIVANTIDALLABBANDONODEICASTA
OGGETTO DI TAGLIO BOSCHIVO PER LA PRODUZIONE GNETIDAFRUTTOGIOGGETTODITAGLIOBOSCHIVO
LEGNOSA O DOVE LA VEGETAZIONE ARBOREA FORE PERLAPRODUZIONELEGNOSAODOVELAVEGE
STALEABBIAUNADENSITSUPERIOREAFUSTI TAZIONEARBOREAFORESTALEABBIAUNADENSIT
PERETTARO SUPERIOREAFUSTIOPOLLONIADETTARO
ILTAGLIODEICASTAGNIDAFRUTTONONlNALIZZA
AA )NTERVENTI LIBERA TOALLASOSTITUZIONEDELLEPIANTEMORTEONON
MENTEESERCITABILI PIPRODUTTIVEELARICONVERSIONEALLAPRODU
.EICASTAGNETIDAFRUTTO PURCHSIANODElNIBILI ZIONELEGNOSADEICASTAGNETIDAFRUTTO
COMETALI LIBERAMENTEESERCITABILE
 LA CAPITOZZATURA DELLE PIANTE VECCHIE ED B
ADULTE PER RINVIGORIRNE LA CHIOMA E DELLE 0RINCIPALINORMEGENERALI
PIANTEGIOVANI PERPREPARARLEALLINNESTO
 LESECUZIONEDINNESTI  %SPORRE IN BOSCO IN POSIZIONE VISIBILE E
 LA POTATURA DI PRODUZIONE E DI RINGIOVANI ACCESSIBILE UNCARTELLODICANTIEREDELLEDI
MENTO MENSIONIMINIMEDIXCMCHERIPORTI
 ILTAGLIODEIPOLLONIDICASTAGNOEDELLEPIAN ILTIPODIINTERVENTO LAPROPRIET GLIESTREMI
TEDICASTAGNONONDAFRUTTO DELLISTANZADIDICHIARAZIONEOAUTORIZZAZIO
 LAFORMAZIONEEDILRIPRISTINODIRIPIANISOSTE NE ILNOMEDICHIEFFETTUAILTAGLIO&OTO 
NUTIDAMURIASECCOEDACIGLIONIINERBITI  2ILASCIARE ALMENO  PIANTA AD ETTARO PER
 IL TAGLIO DELLA VEGETAZIONE ARBUSTIVA INVA LACCRESCIMENTO INDElNITO SCEGLIENDOLA
DENTE NONCHLARIPULITURATOTALEDELLASU TRA QUELLE DI DIAMETRO MAGGIORE PRESENTI
PERlCIEDAFOGLIE RICCI RAMIEALTRIMATERIALI NELLAREADELLATAGLIATA
ALLOSCOPODIFACILITARELARACCOLTADELLECA  2ILASCIARE NEI BOSCHI CEDUI ALMENO 
STAGNE MATRICINEADETTARONEICEDUICOMPO
STI DICUIALMENOILCONUNETUGUALE
OSUPERIOREADUETURNIEALMENOMA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
.EIBOSCHICEDUILALEGNATAGLIATADEVEES
SEREASPORTATAOALMENOCONCENTRATANE
GLISPAZIVUOTIENTROGIORNIDALLAlNEDEL
PERIODODITAGLIO.EISUCCESSIVIGIORNI
POSSIBILELESBOSCOACONDIZIONECHEVEN
GAEFFETTUATOCONMEZZICHENONCOMPOR
TINOLOSTRASCICODELLALEGNANELLESUPERlCI
RECENTEMENTEUTILIZZATE
.EIBOSCHICEDUITRATTATIASTERZO NEITAGLIDI
&OTO #ARTELLODIAUTORIZZAZIONEALTAGLIO AVVIAMENTOADALTOFUSTOENEITAGLIDISFOL

LOODIRADAMENTODELLEFUSTAIETRANSITORIE LA
LEGNA TAGLIATA DEVE ESSERE ASPORTATA ENTRO
LANNOSILVANOSUCCESSIVOAQUELLODELTAGLIO
TRICINE AD ETTARO NEI BOSCHI CEDUI TRATTATI ANNOSILVANOSETTEMBRE AGOSTO 
ASTERZO ,ESBOSCODELMATERIALEACCATASTATOLUNGO
2ILASCIARE NEIBOSCHICEDUIDICASTAGNO AL LEPISTEDOVRAVVENIREENTROILSETTEM
MENOMATRICINEDICASTAGNOADETTAROE BRESUCCESSIVOALLACHIUSURADELTAGLIO
TUTTELEEVENTUALIMATRICINEDIQUERCEOFAG ,ARAMAGLIAEGLIALTRIRESIDUIDELTAGLIODE
GIOPRESENTIlNOARAGGIUNGEREILLIMITEMI VONOESSEREALLONTANATIOLASCIATIINBOSCO
NIMOTOTALEDIMATRICINEADETTARO SISTEMANDOLI SECONDO LE REGOLE PREVISTE
 3CEGLIERE LE MATRICINE PRIORITARIAMENTE TRA DALLARTDEL2EGOLAMENTO&ORESTALE
LE PIANTE DI QUERCE PREFERENDO QUELLE DI SEMPREVIETATODEPOSITARE ANCHETEM
FARNIA E ROVERE FAGGIO CASTAGNO O FRA LE PORANEAMENTEEDURANTEILTAGLIO IRESIDUI
PIANTEDELLESPECIEDElNITECOMERARENEI DILAVORAZIONEALLINTERNODELLALVEODIMAS
PUNTISEGUENTI CHESIANODICONFORMAZIO SIMA PIENA DEI CORSI DACQUA DI QUALSIASI
NEESVILUPPOIDONEO NATURA TRANNECHENEICASIDITAGLIESEGUITI
 $EVONOESSERESEMPRERILASCIATELEPIANTE NEGLIALVEIEPERILPERIODOSTRETTAMENTENE
DELLESEGUENTISPECIESPECIESPORADICHE CESSARIO AL CONCENTRAMENTO PER LABBRU
SEHANNOPIDICMDIDIAMETROMISURA CIAMENTOSULPOSTOVIETATOABBANDONA
TOAPETTODUOMO AD MDIALTEZZA E REINBOSCORIlUTIDIQUALSIASINATURA
SESONOPRESENTIINNUMEROINFERIOREA
PIANTEADETTAROPERSINGOLASPECIEACERI C
ALBERODI'IUDA FRASSINOMAGGIORE MAG %POCADELTAGLIO
GIOCIONDOLO MELI SELVATICI PERI SELVATICI
SUGHERA SORBI TIGLI OLMI C 0ERIODO DEL TAGLIO
 $EVONOESSERESEMPRERILASCIATELEPIANTE NELBOSCOCEDUO
DELLE SEGUENTI SPECIE SE SONO PRESENTI IN 3OPRA GLI M SLM  SETTEMBRE 
NUMEROINFERIOREAPIANTEADETTAROPER MAGGIO
SINGOLA SPECIE E INDIPENDENTEMENTE DAL 3OTTOGLIMSLMOTTOBRE APRILE
DIAMETROAGRIFOGLIO TASSO "OSCHIAPREVALENZADIROBINIASETTEMBRE
 .EIBOSCHICEDUILECONIFEREPRESENTINON GIUGNO
SONOCONSIDERATEMATRICINEEDISOGGET
TI ISOLATI DEVONO SEMPRE ESSERE RILASCIA C )NTERVENTI CONSEN
TI A MENO CHE NON SIANO SECCHI GRAVE TITIINQUALSIASIPERIODO
MENTEDEPERIENTIOINCLINATI OPPUREABBIA DELLANNO
NORAGGIUNTOILTURNOPERILTAGLIOOABBIANO 4AGLI RIPULITURE DIRADAMENTIESFOLLINEIBO
ALMENOCMDIDIAMETROINQUESTULTIMO SCHIADALTOFUSTOENELLEFUSTAIETRANSITORIE
CASO SE NE POSSONO TAGLIARE AL MASSIMO 4AGLIODEICEDUIDIFAGGIOTRATTATIASTERZO
PERETTARO  $IRADAMENTINEIBOSCHICEDUI
,ABBRUCIAMENTO DELLA RAMAGLIA IN BO 4AGLIDIAVVIAMENTOADALTOFUSTO
SCOVIETATOTRANNENEICASIAUTORIZZATI 4AGLI DI RICEPPATURA E DI TRAMARRATURA NEI
E NEI CASTAGNETI DA FRUTTO PER LABBRU BOSCHIDANNEGGIATIDAINCENDI
CIAMENTO DEI RESIDUI DELLE POTATURE E 0OTATUREETAGLIDIMANUTENZIONE
DELLERIPULITUREDEGLISTESSI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
 )LBOSCORISCHIEPREVENZIONE

)LLAVOROINBOSCOESPONEGLIADDETTIAMOLTIRI LASALUTEEDELLASICUREZZANELQUALESIDElNI
SCHI ALCUNIDEIQUALIDETERMINATIDACARATTERI SCONOLEPRIORITDINTERVENTOESIINDIVIDUANO
STICHE INTRINSECHE ALLAMBIENTE STESSO )L BO LESITUAZIONICHERICHIEDONOUNIMMEDIATOIN
SCO UN VERO E PROPRIO LUOGO DI LAVORO TERVENTODIPREVENZIONEEDIPROTEZIONEPERGLI
CHE IL LAVORATORE DEVE CONOSCERE PER GESTIRE ELEVATIINDICIDIFREQUENZAEGRAVIT
ALMEGLIOOGNISITUAZIONEDIPERICOLO)NESSO )LDATOREDILAVORODOVRQUINDIAGIRESUGLI
OPPORTUNOPRIVILEGIARELEMISUREDIPREVENZIO IMPIANTI E ATTREZZATURE SUGLI AMBIENTI DI
NE ATTUANDOQUELLEDIPROTEZIONESOLTANTONEI LAVORO SULLORGANIZZAZIONEDELLAVOROTUR
CASIINCUILEPRIMENONSIANOSUFlCIENTIADELI NIFATICOSI SQUADRENUMERICAMENTEINADEGUA
MINAREILRISCHIO TE MONOTONIA ECC PREVEDENDO INTERVEN
5NA VOLTA ANALIZZATE APPROFONDITAMENTE LE TI DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE PER TUT
CAUSECHECONCORRONOALVERIlCARSIDIINFORTU TIISOGGETTIINTERESSATIDALPROCESSOPRE
NIEDIMALATTIEPROFESSIONALIEDIFATTORICHELI VENTIVO MESSO IN ATTO DALLAPPLICAZIONE DEL
DETERMINANO NECESSARIOPREDISPORREILPRO $,GS LAVORATORI RAPPRESENTANTI DEI
GRAMMA AZIENDALE PER IL MIGLIORAMENTO DEL LAVORATORIPERLASICUREZZA DIRIGENTI PREPOSTI 
!NCHE IL LAVORATORE DA PARTE SUA DOVR
CONTRIBUIRETENENDOCOMPORTAMENTIADE
GUATIRISPETTODINORMEEPROCEDURE 
$ISEGUITOSIDESCRIVONOLECARATTERISTICHE PE
CULIARIALLAMBIENTEBOSCO CHEPRESENTANOPE
RICOLIPERCHIVISITROVAEVILAVORA

A
/ROGRAlAE
CONDIZIONIDEL
TERRENO
VEDI4AVOLE!E"

) CANTIERI FORESTALI INVESTONO SOLITAMENTE UNA


PORZIONEDITERRITORIOMOLTOVASTACONCARATTERI
STICHEOROGRAlCHEETEROGENEEDOVUTEALLAPRE
SENZADIFORTIPENDENZE DIDISLIVELLI DIBUCHE
DIOSTACOLINATURALI DICORSIDACQUA&OTO 
.ELLESPLETAMENTO DELLE LAVORAZIONI FORESTALI
PARTICOLAREATTENZIONEDEVEESSERERIVOLTA OL
TRE ALLE CARATTERISTICHE DEL BOSCO ALLA CONFOR
MAZIONEDELTERRENOEDALLECARATTERISTICHEDEL
&OTO 4ERRENOINPENDENZA LAVIABILITFORESTALESTRADEEVIEDIESBOSCO

INMODODASCEGLIEREMACCHINE ATTREZZATUREE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
METODOLOGIEIDONEEALLAVORODACOMPIEREIN CONSEGUENTE SUDORAZIONE UTILE AL RIPRISTINO
QUELDETERMINATOAMBIENTE PERPOTERPIANIl DELLEQUILIBRIOTERMICO3EILSUDORERIMANESUL
CAREEDORGANIZZAREALMEGLIOLEOPERAZIONIE LAPELLE PERCHILTESSUTODEGLIINDUMENTIPRO
LASICUREZZADEGLIADDETTI TETTIVINONHASUFlCIENTECAPACITTRASPIRANTE
,E CARATTERISTICHE OROGRAlCHE E LE DIFl OLTREADAUMENTAREILDISAGIOPUESSERECAU
CILICONDIZIONIDELTERRENO POSSONOCOM SAANCHEDIMALATTIEDARAFFREDDAMENTO)$0)
PROMETTERE LEQUILIBRIO DEGLI OPERATORI E UTILIZZATIDEVONOQUINDIGARANTIRE OLTREALLAPRO
LA STABILIT DELLE MACCHINE IMPIEGATE SIA TEZIONEDAIRISCHIDIINFORTUNIOEDIMALATTIAPRO
DURANTEILLAVOROELEMANOVRECHEDURANTEGLI FESSIONALE UNADEGUATOCOMFORTTERMICO
SPOSTAMENTI CONILRISCHIODICADUTE SCIVOLA 5NALTROPOSSIBILERISCHIOLEGATOALLECONDIZIO
MENTIERIBALTAMENTODEIMEZZICHEPOSSONO NI CLIMATICHE RAPPRESENTATO DAL VERIlCARSI
CAUSAREINFORTUNIAILAVORATORI)TERRENIIMPERVI DI TEMPORALI ACCOMPAGNATI DA FULMINI IN
CONFORTIPENDENZE POSSONOFAVORIREILROTO QUESTICASINECESSARIOSOSPENDEREILAVORIE
LAMENTODEITRONCHIEODEISASSI SMOSSI RIPARARSIINRICOVERIADATTIOVVIAMENTENONSOT
DURANTE LE LAVORAZIONI FORESTALI CON RISCHIO DI TOLACHIOMADELLEPIANTE 
INVESTIMENTODEGLIADDETTICHESITROVANOAVAL ,A CADUTA DI RAMI SPECIE IN PRESENZA DI
LE,ECONDIZIONIATMOSFERICHEAVVERSEGHIAC VENTO NEVEOGHIACCIO COSTITUISCEPERILLA
CIO NEVE E PIOGGIA POSSONO ACCENTUARE LA VORATORE CHE SI MUOVE NEL BOSCO UN RISCHIO
PROBABILITDIACCADIMENTODITALIEVENTI COSTANTE PER IL QUALE NECESSARIO INDOSSARE
) POSSIBILI DANNI DERIVANTI DAI RISCHI SOPRA IN IDONEOCASCODIPROTEZIONE
DICATI POSSONO ESSERE CONTUSIONI DISTORSIO 0ERLERAGIONISUDDETTE QUALORANONSIANODI
NI FRATTURE LESIONIMUSCOLO TENDINEEEFERITEDI SPONIBILIALTRESTRUTTUREEDILCANTIERESITROVIA
VARIOTIPO.EICASIPIGRAVIPUVERIlCARSIAN PIDIKMDALCENTROABITATO$02
CHEILDECESSO ART NECESSARIO CHE SI PREDISPONGANO
,A CADUTA PU AVERE CONSEGUENZE PI GRAVI APPOSITI RICOVERI TEMPORANEI IL PI VICINO
SEILLAVORATORETRASPORTAMACCHINEESMOTO POSSIBILEALLAREAOPERATIVA 
SEGA ATTREZZI ED ARNESI CON LAME NON ADE IMPORTANTE ALIMENTARSI CON CIBI E BEVANDE
GUATAMENTE PROTETTE ES ACCETTA E RONCOLA ADEGUATE ALLA SITUAZIONE CLIMATICA ES GLI ALI
CONAPPOSITEFONDINEOPROTEZIONIQUALICOPRI MENTIAPIELEVATOAPPORTOCALORICOSONOINDI
LAMAECOPRI BARRA CATIPERLINVERNO MENTREQUELLIMAGRI PIFACIL
/LTRE ALLA CAUTELA INDISPENSABILE DURANTE MENTEDIGERIBILI ERICCHIDIACQUASONOINDICATI
LESPLETAMENTODELLAVOROEDEGLISPOSTAMEN PERLESTATE ENONABUSAREDIALCOLICICHE ES
TI NEL BOSCO NECESSARIOCHEGLIOPERATORI SENDO VASODILATATORI FACILITANO LA DISPERSIONE
SIANOINFORMATI FORMATIEDADDESTRATICIR DELCALORECORPOREO
CALESCELTEOPERATIVE LEMACCHINEEDAT
TREZZATUREDAIMPIEGARE LEPROCEDUREDA C
ADOTTAREEI$ISPOSITIVIDI0ROTEZIONE)NDI &ATTORIBIOTICI
VIDUALE$0) DAINDOSSARE VEGETALI
VEDI4AVOLE%ED&
B
#ONDIZIONI ,A PRESENZA DI RAMI BASSI DI ARBUSTI E DI
ATMOSFERICHE VEGETAZIONECONSPINEPUCAUSAREFERITEIN
VEDI4AVOLE#E$ GRADODIFAVORIREILVERIlCARSIDIINFEZIONITRALE
QUALI TEMIBILE ILTETANO
,EATTIVITINBOSCO SVOLGENDOSIDURANTETUTTO $URANTEGLISPOSTAMENTIEDIMOVIMENTIPERIL
LANNO POSSONOESPORREGLIADDETTIACONDIZIO LAVORO RAMI ARBUSTIEROVIPOSSONOFERIREPAR
NICLIMATICHESFAVOREVOLI TIDELICATEDELCORPOPESOCCHI CONCONSE
,E LAVORAZIONI EFFETTUATE NEI PERIODI PI CALDI GUENZEANCHEGRAVI
DELLANNOPOSSONODETERMINARESITUAZIONITER $URANTE LE LAVORAZIONI LA CHIOMA DEGLI AL
MICHETALIDAINDURREGLIOPERATORIANONINDOS BERICHEVENGONOABBATTUTIPUURTAREQUEL
SAREI$0)FORNITIDALDATOREDILAVORO1UALUN LE CIRCOSTANTI CON POSSIBILI ROTTURE DI RAMI
QUESIALACONDIZIONECLIMATICAPRESENTE ILLA CIMALIEPARTIDIFUSTOCHEPOSSONOCADE
VOROFORESTALERICHIEDEUNATTIVITlSICACHEDE REECOLPIREILAVORATORIPROVOCANDOLESIONIDI
TERMINA LAUMENTO DEL CALORE CORPOREO CON VARIAENTIT

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
D BLEMIGRAVIAGLIOCCHIEALLEVIERESPIRATORIE
&ATTORIBIOTICI 'LIANIMALISELVATICICHEPOPOLANOINOSTRIBO
ANIMALI SCHI POSSONO OSPITARE ZECCHE ED ALTRI PA
VEDI4AVOLE' ( ) , E- RASSITI IN GRADO DI TRASMETTERE ALLUOMO MA
LATTIEANCHEGRAVI
,ATTIVITFORESTALESISVOLGEINUNAMBIENTEDI !NCHE I CANIDI E I PICCOLI MAMMIFERI POS
LAVORO APERTO DOVE VIVONO NUMEROSI ANIMA SONOTRASMETTEREALLAVORATOREALCUNEMALATTIE
LI ED ORGANISMI IL CUI CONTATTO PU PROVOCARE QUALI LA RABBIA E LA TULAREMIA MALATTIA CONTA
NELLUOMOINFEZIONI ALLERGIE INTOSSICAZIONIAN GIOSADEIPICCOLIRODITORI 
CHEDIGRAVEENTIT ,EOPERAZIONIFORESTALIINOLTREPOSSONOCAUSARE
.EI PERIODI CALDI DELLANNO POSSONO ESSERE FERITECHERENDONOPOSSIBILELINGRESSODIBAT
PRESENTI VIPERE CHE POSSONO RAPPRESENTARE TERI CON CONSEGUENTI INFEZIONI PER TUTTE RI
UNSERIOPERICOLOPERILLAVORATORE CORDIAMOILTETANOCHE COMENOTO PUAVE
,A PUNTURA PROVOCATA DA API VESPE CA RECONSEGUENZEANCHEMORTALI
LABRONI PU CAUSARE AL LAVORATORE DOLOROSE /LTRE A ISTRUIRE GLI ADDETTI SUL MIGLIOR MODO DI
LESIONI E IN CERTI CASI ANCHE SERI PROBLEMI COMPORTARSIDIFRONTEATALISITUAZIONI OPPORTU
COMELOSHOCKANAlLATTICO NOCHETUTTIILAVORATORISIANOSTATIADEGUATAMEN
)LCONTATTOCONIPELIURTICANTIDIALCUNIINSETTI TEINFORMATISUICORRETTIPROVVEDIMENTISANITARIDI
PARASSITIDISPECIEVEGETALI COMELAPROCES URGENZADAPRENDERSIINCASODINECESSIT
SIONARIADELPINOEDELLAQUERCIA POSSONO 4ALIARGOMENTISONOTRATTATIINMODOPIAMPIO
PROVOCAREFASTIDIOSEIRRITAZIONICUTANEEEPRO NEL#APE 2ISCHIODAAGENTIBIOTICI


,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
IMPAGINATOASLINDD   
)LLAVORO
 RISCHIEPREVENZIONE

A TO CONTO DELLATTENUAZIONE PRODOTTA DAI


%SPOSIZIONEARUMORE $0)UTILIZZATIDALLAVORATOREARTT QUATER
E SEPTIES  
A#ONSIDERAZIONI )N NESSUN CASO LESPOSIZIONE DEL LAVORA
GENERALI TOREPUSUPERARETALEVALORELIMITE
)L SETTORE FORESTALE RISULTA FORTEMENTE INTERES )L$ECRETOSTABILISCEINOLTREDUELIVELLIDIESPO
SATODALFENOMENORUMORE POICHLAMECCA SIZIONE ED"! RISPETTIVAMENTEVALORE
NIZZAZIONE E LINDUSTRIALIZZAZIONE DEI PROCESSI INFERIOREESUPERIOREDIAZIONE CHENONTENGO
PRODUTTIVI NE HANNO AUMENTATO DECISAMENTE NOCONTODELLATTENUAZIONEPRODOTTADAI$0)
LIMPORTANZA .EL CASO IN CUI A CAUSA DELLE CARATTERISTICHE
)NPARTICOLARELEOPERAZIONIDITAGLIOCONUTILIZZO INTRINSECHE DELLATTIVIT LESPOSIZIONE GIORNA
DIMOTOSEGHEAPPAIONOPARTICOLARMENTECHIA LIERAVARISIGNIlCATIVAMENTE POSSIBILESOSTI
MATEINCAUSA TUIRE AIlNIDELLAPPLICAZIONEDEIVALORILIMITEDI
#OSASIINTENDEPERRUMORE ESPOSIZIONE E DEI VALORI DI AZIONE IL LIVELLO DI
/GNI CORPO ELASTICO FATTO VIBRARE PRODUCE ESPOSIZIONEGIORNALIERAALRUMORECONILLIVELLO
DELLEONDEAEREEDICOMPRESSIONEERAREFAZIO DIESPOSIZIONESETTIMANALEACONDIZIONECHE
NE CHE SI PROPAGANO NELLARIA 1UELLI CHE NOI A ILLIVELLODIESPOSIZIONESETTIMANALEALRUMO
CHIAMIAMOSUONIORUMORINONSONOALTROCHE RE COMEDIMOSTRATODAUNCONTROLLOIDONEO
ONDEAEREECHE GENERATEDAUNASORGENTEIN NONECCEDAILVALORELIMITEDIESPOSIZIONEDI
VIBRAZIONE COLPISCONOLORECCHIO D"! 
B SIANOADOTTATELEADEGUATEMISUREPERLARI
A.ORMATIVAINVIGORE DUZIONEALMINIMODEIRISCHIASSOCIATIATALI
)L $,GS RECEPISCE LA $IRETTIVA ATTIVIT
#% INTEGRAIL$,GS CONGLI
ARTICOLICHEVANNODAL BISAL DUODECIES 6ALUTAZIONE DELLESPOSIZIONE ART  QUIN
EDABROGALAPRECEDENTENORMATIVA OVVEROIL QUIES
#APO)6DEL$,GS)L$,GS )LDATOREDILAVORO INOGNICASO DEVEEF
ENTRATOINVIGOREILDICEMBRE FETTUARE LA VALUTAZIONE DEL RUMORE 3E
)L NUOVO $ECRETO DElNISCE IL LIVELLO DI ESPOSI A SEGUITO DI DETTA VALUTAZIONE PU FONDATA
ZIONEGIORNALIERAALRUMORECONLANUOVASIGLA MENTE RITENERE CHE IL VALORE INFERIORE DI AZIO
,%8 H  NED"! PUESSERESUPERATO ILDATOREDI
)L LIMITE DI ESPOSIZIONE GIORNALIERA PARI LAVOROMISURAILIVELLIDIRUMORECUIILAVORATORI
A D"! PRECISANDO CHE NELLAPPLICA SONOESPOSTITALIRISULTATISONORIPORTATINELDO
ZIONE DI DETTO VALORE DEVE ESSERE TENU CUMENTODIVALUTAZIONE


.ELLAPRECEDENTENORMATIVAVENIVAINDICATOCOME,EP$ ESPOSIZIONEALRUMOREPONDERATAGIORNALIERA

.ELLAPRECEDENTENORMATIVANONERAPREVISTOUNLIMITEDIESPOSIZIONE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
LESPOSIZIONEALRUMORE
ADOZIONEDIMISURETECNICHEDICONTENIMEN
TODELRUMORETRASMESSOPERVIAAEREA DEL
RUMORESTRUTTURALE 
OPPORTUNIPROGRAMMIDIMANUTENZIONEDELLE
ATTREZZATUREDILAVORO DELLUOGODILAVOROE
DEISISTEMISULPOSTODILAVORO
RIDUZIONEMEDIANTEUNAMIGLIOREORGANIZZA
ZIONEDELLAVOROATTRAVERSOLALIMITAZIONEDEL
LA DURATA E DELLINTENSIT DELLESPOSIZIONE E
LADOZIONEDIORARIDILAVOROAPPROPRIATI CON
SUFlCIENTIPERIODIDIRIPOSO
3EASEGUITODELLAVALUTAZIONERISULTACHEIVA
LORISUPERIORIDIAZIONESONOSUPERATIILDATORE
DILAVOROELABORAEDAPPLICAUNPROGRAMMADI
MISURETECNICHEEDORGANIZZATIVEVOLTEARIDUR
RELESPOSIZIONEARUMORE
)LUOGHIDILAVORODOVEILAVORATORIPOSSONOES
SEREESPOSTIADUNRUMOREALDISOPRADEIVALORI
&OTO /PERATORECONCUFlE SUPERIORIDIAZIONESONOINDICATIDAAPPOSITISE
 GNALI$ETTEAREESONOINOLTREDELIMITATEELAC
CESSONELIMITATO SETECNICAMENTEPOSSIBILE
EGIUSTIlCATODALRISCHIODIESPOSIZIONE
,A VALUTAZIONE E LA MISURAZIONE SONO PRO .ELLUTILIZZODIEVENTUALILOCALIDIRIPOSOILRUMORE
GRAMMATEEDEFFETTUATEDAPERSONALEADEGUA IVIPRESENTERIDOTTOADUNLIVELLOCOMPATIBILE
TAMENTEQUALIlCATOOBBLIGATORIAMENTEALMENO CONILLOROSCOPOELELOROCONDIZIONIDIUTILIZZO
OGNIQUATTROANNI#OMUNQUELAVALUTAZIONESI
AGGIORNA PERIODICAMENTE IN CASO DI NOTEVO 5SODEI$ISPOSITIVIDI0ROTEZIONE)NDIVI
LIMUTAMENTIOQUANDOLORENDANECESSARIOIL DUALEART SEPTIES
RISULTATODELCONTROLLOSANITARIOEDDOCUMEN 1UALORAIRISCHIDERIVANTIDALRUMORENONPOS
TATANELLEFORMESTABILITEDAL$,GS SONOESSEREEVITATI ILDATOREDILAVORO 
FORNISCEIDONEI$0)PERLUDITO&OTO NEL
-ISUREDIPREVENZIONEEPROTEZIONEART CASO SI SUPERI IL LIMITE INFERIORE DI AZIONE
 SEXIES D"! 
)L DATORE DI LAVORO DEVE ELIMINARE I RISCHI ALLA FA TUTTO IL POSSIBILE PER ASSICURARE CHE GLI
FONTEORIDURLIALMINIMOEINOGNICASOALIVELLI STESSI SIANO INDOSSATI NEL CASO SI SUPERI IL
NONSUPERIORIAIVALORILIMITEDIESPOSIZIONEME LIMITESUPERIOREDIAZIONED"! 
DIANTELESEGUENTIMISURE SCEGLIEI$0)PREVIACONSULTAZIONEDEILAVO
ADOZIONEDIALTRIMETODIDILAVOROCHEIMPLI RATORIODEILORORAPPRESENTANTI
CANOUNAMINOREESPOSIZIONEALRUMORE NE VERIlCA LEFlCACIA AI lNI DEL CONTENI
SCELTADIATTREZZATUREADEGUATECHEEMETTA MENTODELLESPOSIZIONEALDISOTTODELVALORE
NOILMINORRUMOREPOSSIBILE LIMITEDID"! VEDI#APC 0ROTE
PROGETTAZIONEDELLASTRUTTURADEILUOGHIEDEI ZIONEDELLUDITO 
POSTIDILAVORO
ADEGUATA INFORMAZIONE E FORMAZIO -ISUREPERLALIMITAZIONEDELLESPOSIZIO
NE SULLUSO CORRETTO DELLE ATTREZZATU NEART OCTIES
RE DI LAVORO AL FINE DI RIDURRE AL MINIMO )LDATOREDILAVORO NELCASOINCUI NONOSTANTE


.ELLANORMATIVAPRECEDENTESOLTANTOQUANDOILLIVELLODIESPOSIZIONEERASUPERIOREAD"! ILDATOREDILAVORO
s DOTAVADIADATTI$0)ISINGOLILAVORATORI)$0)ERANOCONSIDERATIADEGUATISE CORRETTAMENTEUSATI MANTENEVANOUNLIVELLO
DIESPOSIZIONEINFERIOREOUGUALEAD"! 
s CONSULTAVAILAVORATORIOILORORAPPRESENTANTIPERLASCELTADEI$0)
,USODEI$0)ERAOBBLIGATORIOPERLIVELLIDIESPOSIZIONESUPERIORIAD"!

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
LADOZIONEDELLEMISUREPRESE INDIVIDUIESPOSI $EROGHEART UNDECIES
ZIONISUPERIORIALVALORELIMITED"!  )LDATOREDILAVOROPURICHIEDEREDEROGHEAL
ADOTTA MISURE IMMEDIATE PER RIPORTARE LUSODEI$0)EALRISPETTODELVALORELIMITEDI
LESPOSIZIONEALDISOTTODELVALORILIMITE ESPOSIZIONEQUANDO PERLANATURADELLAVORO
INDIVIDUALECAUSEDELLESPOSIZIONEECCESSIVA LUTILIZZAZIONECOMPLETAEDAPPROPRIATADITALI
MODIlCALEMISUREDIPROTEZIONEEDIPREVEN DISPOSITIVIPOTREBBECOMPORTARERISCHIPERLA
ZIONEPEREVITARECHELASITUAZIONESIRIPETA SALUTEESICUREZZADEILAVORATORIMAGGIORIRI
SPETTOAQUANTOACCADREBBESENZAILLOROUTI
)NFORMAZIONE E FORMAZIONE DEI LAVORA LIZZO
TORIART NONIES ,EDEROGHESONOCONCESSEDALLORGANODIVI
)L DATORE DI LAVORO NEL CASO DI ESPOSIZIONE GILANZATERRITORIALMENTECOMPETENTE!ZIENDA
UGUALEOSUPERIOREALVALORELIMITEINFERIOREDI 3ANITARIA SENTITELEPARTISOCIALI,ORGANODI
AZIONED"! GARANTISCELINFORMAZIONEE VIGILANZAPROVVEDEANCHEADARNECOMUNICA
LAFORMAZIONEDEILAVORATORIINRELAZIONEA ZIONE SPECIlCANDOLERAGIONIELECIRCOSTAN
LANATURADELRISCHIO ZECHEHANNOCONSENTITOLACONCESSIONEDELLA
LE MISURE ADOTTATE PER ELIMINARE O RIDURRE DEROGA AL-INISTERODEL,AVOROEDELLE0OLITI
LESPOSIZIONE CHE3OCIALI
IVALORILIMITEDIESPOSIZIONEEVALORIDIAZIONE ,E DEROGHE SONO RIESAMINATE OGNI QUATTRO
IRISULTATIDELLEVALUTAZIONIEDELLEMISURAZIONI ANNI E SONO ABROGATE NON APPENA LE CIRCO
DELRUMOREEFFETTUATE STANZE CHE LE HANNO GIUSTIlCATE CESSANO DI
LUSOCORRETTODEI$0) SUSSISTERE
LUTILITEIMEZZIIMPIEGATIPERINDIVIDUAREE ,ACONCESSIONEDELLEDEROGHECONDIZIONATA
SEGNALARESINTOMIDIDANNIALLUDITO DALLAINTENSIlCAZIONEDELLASORVEGLIANZASANITA
LE CIRCOSTANZE NELLE QUALI I LAVORATORI HANNO RIAEDALRISPETTODELLECONDIZIONIINDICATENELLE
DIRITTOALLASORVEGLIANZASANITARIAELOBIETTIVO DEROGHESTESSE
DELLASTESSA
LE PROCEDURE DI LAVORO SICURE PER RIDURRE AL A0OSSIBILIDANNI
MINIMOLESPOSIZIONE )LRUMOREUNFENOMENOlSICOCHE SEPARTI
COLARMENTEINTENSOEPROTRATTONELTEMPO PU
3ORVEGLIANZASANITARIAART DECIES INDURREDANNIIRREVERSIBILIALLAPPARATOUDITIVOE
)LDATOREDILAVOROSOTTOPONEALLASORVEGLIANZA DETERMINAREANCHEEFFETTIEXTRA UDITIVI
SANITARIA I LAVORATORI LA CUI ESPOSIZIONE AL RU
MOREECCEDEILVALORESUPERIOREDIESPOSIZIO $!..)$)4)0/5$)4)6/
NED"!  0ERDITADELLUDITODITIPONEUROSENSORIALEPER
,A SORVEGLIANZA SANITARIA ESTESA AI LAVORATORI LEALTEFREQUENZE
ESPOSTIALIVELLISUPERIORIALVALOREINFERIOREDIAZIO
NED"! SULORORICHIESTAOQUALORAILMEDI $!..)$)4)0/%842! 5$)4)6/
COCOMPETENTENECONFERMILOPPORTUNIT $ISTURBIDELLAPPARATOCARDIOVASCOLAREIPER
.ELCASOINCUILASORVEGLIANZASANITARIARILEVIIN TENSIONEARTERIOSA
UNLAVORATORELESISTENZADIANOMALIEIMPUTA $ISTURBI DELLAPPARATO DIGERENTE GASTRITE E
BILIADESPOSIZIONEARUMORE ILMEDICOCOM ULCERAGASTRODUODENALE
PETENTENEINFORMAILDATOREDILAVOROEDILLA $ISTURBIDELLAPPARATOENDOCRINO
VORATORE $ISTURBI DELLAPPARATO NERVOSO PROBLEMI DI
)NQUESTOCASOILDATOREDILAVORO TIPOPSICHICO SOPRATTUTTODELLAREAEMOTIVA
RIESAMINALAVALUTAZIONEDELRISCHIOEFFETTUATA EDELLATTENZIONE
RIESAMINALEMISUREVOLTEAELIMINAREORIDUR
REILRISCHIO A!TTIACARATTERE
TIENE CONTO DEL PARERE DEL MEDICO COMPE PREVENTIVO
TENTENELLATTUAZIONEDELLEMISURENECESSARIE )NTERAZIONIUOMOMACCHINA
PERELIMINAREORIDURREILRISCHIO .ELSETTOREFORESTALE ALCONTRARIODIQUELLOCHE
ADOTTAMISUREAFlNCHSIARIESAMINATOLOSTA SUCCEDE IN CAMPO INDUSTRIALE GLI INTERVEN
TODISALUTEDITUTTIGLIALTRILAVORATORICHEHAN TISULLAFONTEDELRUMORESONOPIDIFlCILMENTE
NOSUBITOUNANALOGAESPOSIZIONE ATTUABILIESPESSOPOCOEFlCACI
)NQUESTOSENSOASSUMEPIENARILEVANZA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
LA SCELTA DELLE MACCHINE NEL MOMEN B
TO DELLACQUISTO A PARIT DI CARATTERISTI %SPOSIZIONEA
CHEDEVEESSEREPRIVILEGIATAQUELLACONILPI VIBRAZIONI
BASSOLIVELLOSONOROEMESSO
LADEGUATEZZANELNORMALEUTILIZZODELLA B#ONSIDERAZIONI
MACCHINA LUTILIZZO IMPROPRIO PU INDURRE GENERALI
UNINUTILEESPOSIZIONEALRISCHIORUMORE )L SETTORE DELLE UTILIZZAZIONI FORESTALI NEGLI ULTI
LACORRETTAMANUTENZIONEPERIODICADEL MIDECENNI HAVISTOLUSOSEMPREPIFREQUEN
LAMACCHINALUSURAAGISCESULLEMACCHINE TEDIMACCHINECONCONSEGUENTEINCREMENTO
RENDENDOLEPIRUMOROSE DELLESPOSIZIONEALLEVIBRAZIONI
#OSASONOLEVIBRAZIONI
)NTERAZIONEUOMOUOMO ,EVIBRAZIONISONOMOTIDITIPOOSCILLATORIOCA
!SSUMEPARTICOLAREIMPORTANZA ALlNEDELLARI RATTERIZZATIDAUNADATAFREQUENZA OVVERONU
DUZIONEDELLESPOSIZIONEALRUMORE LACORRETTA MERODIOSCILLAZIONINELTEMPO EDAUNADATA
GESTIONEDEISEGUENTIASPETTI AMPIEZZA
INFORMAZIONE FORMAZIONE E ADDESTRA )NAMBITOLAVORATIVOSONOSOSTANZIALMENTEDUE
MENTODELPERSONALE LETIPOLOGIEDIVIBRAZIONICUIILAVORATORIRISULTA
SUIRISCHIDERIVANTIDALLESPOSIZIONEARUMORE NOESPOSTI
SULLUSOCORRETTOEADEGUATODELLAMACCHINA sVIBRAZIONITRASMESSEALSISTEMAMANO
ASSEGNATA BRACCIO LA LORO FREQUENZA VA DAI  AI
SULLAMANUTENZIONEORDINARIADELLAMACCHINA (Z CON IL MASSIMO DI PERCEZIONE TRA
SULLA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLA  E (Z ,E VIBRAZIONI DI PI BASSA FRE
MACCHINA QUENZAINTERESSANOILBRACCIOlNOALLASPAL
SULLUSODIMEZZIDIPROTEZIONEINDIVIDUALE LA MANMANOCHELAFREQUENZAAUMENTALA
SULLEPROCEDUREDILAVORO ZONA INTERESSATA SI LIMITA AL GOMITO E POI
PROCEDURE ALLAMANOlNCH SOPRAI(Z NONSIHA
SCELTA DELLE LINEE DI COMPORTAMENTO DA PIALCUNEFFETTO
ADOTTARERELATIVAMENTEALNORMALEUSODELLA s VIBRAZIONI TRASMESSE AL CORPO INTERO
MACCHINA VANNODAA(ZEINTERESSANOSOPRAT
SCELTA DELLE LINEE DI COMPORTAMENTO DA TUTTOLASSEVERTICALECIOQUELLOCHEPAS
ADOTTAREINCASODIGUASTO SAPERILCAPOEDIPIEDI RISPETTOALQUALE
SCELTADEIMEZZIDIPROTEZIONEINDIVIDUALE ILMASSIMODIPERCEZIONEALLEVIBRAZIONICADE
ORGANIZZAZIONE TRAE(Z
RIDUZIONE DEI TEMPI DI ESPOSIZIONE TRAMITE
LINTRODUZIONEDIPAUSEEOLAROTAZIONEDEL B.ORMATIVAINVIGORE
PERSONALE )L$,GS ALLALLEGATO))) DINDICAZIONI
DIMINUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE DELLE RELATIVEALLUTILIZZODIGUANTI SCARPEESTIVALIPER
MACCHINEPERAREADILAVORO LAPROTEZIONECONTROIDANNIDAVIBRAZIONI
DISPOSITIVIDIPROTEZIONEINDIVIDUALE )L $02 IMPONE AI COSTRUTTORI DELLE
.ELSETTOREFORESTALE NELQUALEESISTONODIFl MACCHINEUTENSILIDIDICHIARAREILLIVELLODELLEVI
COLTOBIETTIVENELLABBATTIMENTODELRUMORE BRAZIONIEMESSEDALLEMACCHINESTESSE
GLI OTOPROTETTORI POSSONO RAPPRESENTARE GLI )LQUADROLAVORATIVOITALIANO INMATERIADIESPO
STRUMENTIPREVENTIVIPRIMARI GARANTENDOCO SIZIONE A VIBRAZIONI SI COMUNQUE RECENTE
MUNQUELACORRETTAMANUTENZIONEEDILBUON MENTEARRICCHITODIUNANUOVALEGGECHEDETTA
USODELLEATTREZZATUREVEDI#AP $0)  DISPOSIZIONI SPECIlCHE IN MERITO 3I TRATTA DEL
$,GSDELCONILQUALESTATARE
)NTERAZIONEUOMOAMBIENTE CEPITA LA $IRETTIVA %UROPEA #% CON
4ANTOMAGGIORELADENSITDELBOSCOSUCUI TENENTE PRESCRIZIONI MINIME DI SICUREZZA E DI
SIVAADOPERARE TANTOMAGGIORISARANNOIFE SALUTEPERILAVORATORIESPOSTIAVIBRAZIONIMEC
NOMENIDIRImESSIONECHEACCENTUANOLESPO CANICHE
SIZIONEARUMORE )L$ECRETOPRENDEINCONSIDERAZIONELEVIBRAZIO
NITRASMESSEALSISTEMAMANO BRACCIO DOVUTE
ADUSOMANUALEDISTRUMENTIVIBRANTI EQUELLE
TRASMESSEALCORPOINTERO CHESIGENERANO AD

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA
&OTO 3TRUMENTOPERLAMISURAZIONEDELLEVIBRAZIONIDEL &OTO -ISURAZIONEDELLEVIBRAZIONIDELLAMOTOSEGA
 LAMOTOSEGA 

ESEMPIO NELLAGUIDADIMEZZISEMOVENTI DIVIBRAZIONIAVALORIINFERIORI4ALEVALORELIMITE


)L$ECRETOCONSENTECHE AIlNIDELLAVALUTAZIONE DIMSECPERLEVIBRAZIONITRASMESSEALSI
DEIRISCHI SIANOUTILIZZATEINFORMAZIONIRELATIVEAI STEMAMANOBRACCIOE MSECPERLE
LIVELLIDIVIBRAZIONEREPERIBILIPRESSOBANCHEDATI VIBRAZIONITRASMESSEALCORPOINTERO
DELL)30%3, DEL#.2 DELLEREGIONIODIRETTA )L VALORE DAZIONE GIORNALIERO PARI A
MENTE PRESSO I PRODUTTORI O FORNITORI  QUALORA  MSEC PER IL SISTEMA MANO BRACCIO
NONSIAREPERIBILENESSUNAINFORMAZIONESIRENDE E  MSEC PER IL CORPO INTERO SE SU
NECESSARIALAMISURAZIONE&OTOE  PERATO OBBLIGAILDATOREDILAVOROADAPPLICA
)L $ECRETO INOLTRE STABILISCE IL VALORE LIMITE REUNPROGRAMMADIMISURETECNICHEEORGA
GIORNALIERO ED IL VALORE DAZIONE GIORNA NIZZATIVECHERIDUCANOLESPOSIZIONEALRISCHIO
LIERORIFERITIADUNPERIODODIORELAVORATIVE COMPRENDENTI
PERLEVIBRAZIONIACUISOTTOPOSTOSIAILSISTE sSCELTADIMETODIEDIATTREZZATUREDILAVOROAL
MAMANO BRACCIOSIAILCORPOINTERO)LVALORE TERNATIVIINGRADODIRIDURRELESPOSIZIONE
LIMITE GIORNALIERO QUELLO CHE NON DEVE sFORNITURADIATTREZZATUREACCESSORIECHEATTE
ESSEREMAISUPERATOSECIAVVIENEOB NUINO LESPOSIZIONE SEDILI MANIGLIE GUANTI
BLIGODELDATOREDILAVOROASSUMEREPROVVEDI AMMORTIZZANTIECC 
MENTITECNICO ORGANIZZATIVICHERIPORTINOILIVELLI s PROGRAMMI DI MANUTENZIONE DI STRUMENTI E


0ERQUANTORIGUARDALUTILIZZODELLEBANCHEDATISISEGNALAINPARTICOLARELUTILITASCOPIORIENTATIVIDEIDATICONTENUTINELLA
BANCADATI)30%3,DISPONIBILIINRETENELSITOWWWISPESLITINQUANTOIVALORIDICERTIlCAZIONENONSONOSEMPRECON
TENUTINEICATALOGHIILLUSTRATIVIDEIMACCHINARIAVOLTEESSISONOREPERIBILIUNICAMENTEALLINTERNODELLADOCU
MENTAZIONETECNICADIACCOMPAGNAMENTODELMACCHINARIO UNAVOLTACHEQUESTOSIAACQUISTATO%SSIPERTAN
TORISULTANODIDIFlCILEREPERIMENTOALlNEDIINDIVIDUARELETECNOLOGIEAMINORRISCHIODISPONIBILIINFASEDIVALUTAZIONEDEI
RISCHIODISCELTADELMACCHINARIO SECONDOQUANTOPREVISTODAL$,GS

DOVEROSOSEGNALAREALLUTILIZZATOREDIUNAATTREZZATURAMANUALECHEDEVEATTENTAMENTEVALUTAREIDATIFORNITIDAICO
STRUTTORIINQUANTOSEQUESTIDERIVANODAPROVESTANDARDREGOLATEDANORMETECNICHE)3/ #%. NORMELEGITTIMA
MENTEUTILIZZATE NULLAHANNOPOIACHEVEDERECONLAREALEESPOSIZIONEDEILAVORATORIDURANTELUTILIZZODIQUE
STEAPPARECCHIATURE5NAVERAPREVENZIONEDALLEPATOLOGIEDAVIBRAZIONIPUUNICAMENTEESSEREOTTENUTAEFFETTUANDO
REALIMISURAZIONISULCAMPODELLEVIBRAZIONITRASMESSE NELCASOSPECIlCO ALSISTEMAMANO BRACCIODELLOPERATORE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
ATTREZZATURE &ATTORICHEPOSSONOINmUENZAREMAGGIORMEN
sCORRETTAFORMAZIONEEINFORMAZIONEDEGLIAD TELESPOSIZIONEAVIBRAZIONIEDINCREMENTARNE
DETTISULLUSODIATTREZZATUREVIBRANTI I POTENZIALI EFFETTI DANNOSI SONO LA VELOCIT DI
sPROGETTAZIONEEORGANIZZAZIONEDEILUOGHIDI AVANZAMENTO LATIPOLOGIADELTERRENO LOSTATO
LAVORO DIMANUTENZIONE LATIPOLOGIADISEDILE LAVE
sADEGUAMENTODEGLIORARICONCONGRUIPE TUSTDELMACCHINARIO LEPOSTUREASSUNTEDAL
RIODIDIRIPOSO GUIDATOREDURANTELAGUIDA
s LIMITAZIONE DELLA DURATA E INTENSIT DEL ,ESOLLECITAZIONIMECCANICHECHENEDERIVANO
LESPOSIZIONE INTERESSANO PREVALENTEMENTE LA COLONNA VER
sFORNITURADIINDUMENTICHEPROTEGGANODAL TEBRALE ) PROBLEMI CHE SI POSSONO VERIlCARE
FREDDO E DALLUMIDIT CHE POSSONO AG SONOISEGUENTI
GRAVAREOFAVORIRELINSORGENZADEIDANNI s DISTURBI DELLEQUILIBRIO ASSOCIATI AD
DAVIBRAZIONI UNESPOSIZIONE A VIBRAZIONI DI BASSA FRE
)L $ECRETO SI SOFFERMASULLAFORMAZIONEEIN QUENZA   (Z SONO ALLA BASE DEL COS
FORMAZIONE DEI LAVORATORI CHE DEVONO ESSERE DETTOMALDEITRASPORTI
MESSIACONOSCENZADELLEMISUREDICONTENI sPATOLOGIADITIPOOSTEOARTICOLAREDELRACHI
MENTOADOTTATE DEIVALORIRISCONTRATICONLEMI DE PERLOPIDOVUTAAESPOSIZIONIAVIBRAZIONI
SURAZIONI DEIDANNICHEPOSSONORIPORTARENEL AFREQUENZEMEDIO BASSE (Z CONAZIO
LUSO DI ATTREZZATURE VIBRANTI E DELLOBBLIGO DI NESUTUTTOILCORPO CONSISTENTEINDANNIACA
ESSERESOTTOPOSTIASORVEGLIANZASANITARIA RICODELLACOLONNAVERTEBRALETRATTODORSO LOM
1UESTULTIMA QUANDOILAVORATORISONOESPO BAREELOMBO SACRALE CONPOSSIBILEFORMAZIO
STIALIVELLISUPERIORIAIVALORIDAZIONEOQUANDO NEDIERNIEDISCALIECOINVOLGIMENTODELNERVO
ILMEDICOCOMPETENTEEVIDENZIAUNNESSOTRA SCIATICOODIALTRINERVIPERIFERICI
ESPOSIZIONE E DANNI IDENTIlCABILI DEVE ESSE
REEFFETTUATAPERIODICAMENTE ALMENOUNAVOL $ANNICHECOINVOLGONOPARTIDELCORPO
TALANNO SALVODIVERSADECISIONEMOTIVATADEL 0ATOLOGIA DISTRETTUALE LIMITATA AL SISTEMA
MEDICO COMPETENTE O DISPOSIZIONI IN MERITO MANO BRACCIOCONSEGUENTEADESPOSIZIONEA
DELLORGANODIVIGILANZADELL!53, STRUMENTIVIBRANTIADALTAFREQUENZA (Z
!LLARTVIENESTABILITOCHELOBBLIGODIVA QUALILEMOTOSEGHE)DISTURBISONODITIPO
LUTAZIONE E DI MISURAZIONE SCATTA DAL 
GENNAIO  LOBBLIGO DEL RISPETTO DEL 6ASCOLARE
VALORE LIMITE QUELLO DA NON SUPERARE MAI ,ESEMPIOPITIPICOILCOSIDDETTOFENOMENODI
SELEATTREZZATURESONOSTATEMESSEADISPO 2AYNAUDODELhDITOBIANCOvCHECOLPISCELEDITA
SIZIONEDEILAVORATORIPRIMADELLUGLIOE DELLAMANO3IMANIFESTACONPALLOREEALTERAZIO
NON CONSENTONO NELLE CONDIZIONI DUSO IL RI NICUTANEEACARICODIUNAOPIDITAINRELAZIONE
SPETTODITALEVALORE ENTRAINVIGOREILLU ALLAGRAVITDELQUADRO,ASITUAZIONEINGENERERE
GLIODEL0ERILSETTOREAGRICOLOEFO GREDISCESPONTANEAMENTEEPUPORTARE ALUNGO
RESTALEILLUGLIO ANDARE ALESIONIDELLAPELLEDELLEMANI!LLABASE
)L$,GSABROGALARTDEL$02 SEMBRANOESSERCIPREVALENTEMENTEPICCOLITRAU
RUMORIESCUOTIMENTI ELAVOCEDELLATABELLA MIRIPETUTICHECOLPISCONOEDANNEGGIANOIPICCOLI
ANNESSAALLOSTESSO$02CHEPREVEDELOB VASISANGUIGNIDELLEDITADELLAMANO CONCONSE
BLIGODISORVEGLIANZASANITARIAPERGLIESPOSTIA GUENTERIDOTTOAPPORTODISANGUE
VIBRAZIONINELLUSODIUTENSILIADARIACOMPRES
SAOADASSEmESSIBILE .ERVOSO
,A CAUSA RISIEDEREBBE NEL DANNEGGIAMEN
B0OSSIBILIDANNI TO DEI NERVI PERIFERICI DOVUTO MOLTO PROBABIL
$ANNICHECOINVOLGONOLINTEROCORPO MENTE ANALOGAMENTEAQUANTODESCRITTOSO
)N GENERALE VANNO CONSIDERATI ESPOSTI A VI PRA PER I VASI SANGUIGNI ALLAZIONE DI MICRO
BRAZIONITRASMESSEALCORPOSCUOTIMENTI TUTTI TRAUMIRIPETUTI3IMANIFESTACONSINTOMICHESI
QUEILAVORATORICHEPRESTINOLALOROABITUALEAT ACCENTUANOCONLAGGRAVAMENTODELQUADROE
TIVITALLAGUIDAOCOMUNQUEABORDODITRATTORI CHERIGUARDANO
EALTREMACCHINEAGRICOLEEFORESTALI DIVEICOLI sRIDOTTASENSIBILITTATTILE DOLORIlCA TERMICAE
INDUSTRIALIQUALICAMION CARRELLIELEVATORI AUTO FORMICOLII
GRU MACCHINEMOVIMENTOTERRAECC sRIDOTTADESTREZZAMANUALE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO 3EDILECONAMMORTIZZATOREDITRATTORE &OTO !MMORTIZZATORIPRESENTINELCORPOMACCHINA
  DELLAMOTOSEGA

/SSEO )L SOLO SEDILE AMMORTIZZATO PU ESSERE SUFl


3ONOCAUSATIDAUNESAGERATAUSURADEISEG CIENTEARIDURREEFlCACEMENTELEVIBRAZIONIVER
MENTI OSSEI SOGGETTI AI MICROTRAUMI RIPETUTI TICALITRASMESSEALLOPERATORE VICEVERSAUNSE
DELLEVIBRAZIONI0ERQUELCHERIGUARDAILSETTORE DILENONIDONEOPUAMPLIlCARLE
FORESTALEILMAGGIORINTERESSAMENTOACARICO #ONTROLLARECHEILSEDILESIAINPERFETTOORDINE
DELLARTOSUPERIOREEDELTRATTOPIALTODELLACO CHELASUAIMBOTTITURANONSIADEFORMATAESO
LONNAVERTEBRALERACHIDECERVICALE  STITUIRLOSEDANNEGGIATOOPRESENTASEGNIEVI
DENTIDIUSURA
B!TTIACARATTERE .EL CASO DI MACCHINE PRIVE DI SOSPENSIONI
PREVENTIVO NONBISOGNATRASCURARELASCELTADEIPNEUMA
)NTERAZIONIUOMOMACCHINA TICICHEPOSSONORIDURRELEVIBRAZIONIPROVOCATE
6IBRAZIONITRASMESSEALCORPOINTERO DAPICCOLIOSTACOLIDELTERRENO,AVELOCITDEL
3CEGLIERE LA MACCHINA ADATTA PER IL TIPO VEICOLOSEMPREUNFATTOREAGGRAVANTE SPECIAL
DILAVOROEDITERRENOLASCELTADEVEESSERE MENTEQUANDOSIGUIDASUUNFONDOIRREGOLARE
VOLTA NON SOLO A SODDISFARE CRITERI DI CARATTE
RE ECONOMICO MA ANCHE DI SICUREZZA ANTIN 6IBRAZIONI TRASMESSE AL SISTEMA MANO
FORTUNISTICAE NELLAFATTISPECIE APREVENIREIRI BRACCIO
SCHIDIESPOSIZIONEAVIBRAZIONI-ENTRELEALTRE )MPORTANTE LA SCELTA DELLE MACCHINE NEL
MACCHINEDEVONOESSERECOSTRUITECONFORME MOMENTO DELLACQUISTO QUESTA DEVE ESSERE
MENTEAL$02ATTUAZIONEDELLA$IRET VOLTANONSOLOASODDISFARECRITERIDICARATTEREECO
TIVA-ACCHINE EQUINDIPROVVISTEDIMARCATURA NOMICO MAANCHEDISICUREZZAANTINFORTUNISTICA
#% ITRATTORIAGRICOLISONOSOGGETTIANORMATI E NELLAFATTISPECIE APREVENIREIRISCHIDIESPOSI
VESPECIlCHE ZIONEAVIBRAZIONI,EMACCHINEDEVONOESSERE
,ELEMENTOPRINCIPALECHEFADACOLLEGAMENTO COSTRUITE CONFORMEMENTE AL $02 AT
TRAILCORPOUMANOELAMACCHINAILSEDILEDI TUAZIONEDELLA$IRETTIVA-ACCHINE EQUINDIPROV
GUIDA E RIVESTE QUINDI UN RUOLO FONDAMENTA VISTEDIMARCATURA#%EDIINDICAZIONIRIGUARDANTI
LE PER LA TRASMISSIONE DELLE VIBRAZIONI A TUTTO ILLIVELLODIVIBRAZIONIPRODOTTE
ILCORPO)LSEDILEDEVEESSEREAMMORTIZZATOE )NLINEADIMASSIMASIDEVONOPREFERIREMAC
DOTATODIDISPOSITIVIPERLAREGOLAZIONEIDENTIl CHINEPILEGGEREECOMUNQUEDOTATEDISISTE
CABILIEFACILIDAUSARE CHEPERMETTANOALCON MIDIABBATTIMENTOQUALI
DUCENTEDIREGOLARLODASOLOINBASEALLASUA s SISTEMIDIISOLAMENTOPERLEBASSEFRE
STATURA ALSUOPESOEALSUOCOMFORTDIGUIDA QUENZE MEDIANTE INTERPOSIZIONE DI DISPO
SECONDOLEISTRUZIONIDELCOSTRUTTORE&OTO  SITIVI CHE RIDUCONO IL mUSSO DI ENERGIA CHE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
TRANSITA VERSO LUTILIZZATORE DISACCOPPIA 0ROCEDURE
MENTOTRAMOTOREESTRUTTURADELLAMACCHI sSCELTA DELLE LINEE DI COMPORTAMENTO DA
NA TRA UTENSILE E STRUTTURA DELLA MACCHINA ADOTTARERELATIVAMENTEALNORMALEUSODELLA
TRAIMPUGNATUREESTRUTTURADELLAMACCHINA MACCHINA
QUALIMOLLEMETALLICHEELICOIDALIEABALESTRA sSCELTA DELLE LINEE DI COMPORTAMENTO DA
CUSCINETTIDIARIAESISTEMICOMBINATIMOLLE ADOTTAREINCASODIGUASTO
METALLICHEEGOMMA SITRATTAINOGNICASO sSCELTADEIMEZZIDIPROTEZIONEINDIVIDUALE
DI TECNOLOGIE COSTRUTTIVE CHE VANNO CONSI /RGANIZZAZIONE
DERATEINSEDEDIPROGETTAZIONEMENTRELUTI s RIDUZIONE DEI TEMPI DI ESPOSIZIONE TRAMITE
LIZZATORE lNALE PU SOLAMENTE PRIVILEGIARE LINTRODUZIONEDIPAUSEEOLAROTAZIONEDEL
LACQUISTO DI MACCHINE COSTRUITE SECONDO PERSONALE
QUESTIACCORGIMENTI&OTO  s ALTERNANZA CON LAVORI CHE NON COMPORTANO
s SISTEMIDIASSORBIMENTOPERLEALTEFRE UTILIZZODISTRUMENTIVIBRANTI
QUENZE MEDIANTE LAPPLICAZIONE DI DISPO $ISPOSITIVIDIPROTEZIONEINDIVIDUALE
SITIVI IN MATERIALI SMORZANTI CHE SFRUTTANO IL s PER LE VIBRAZIONI AL SISTEMA MANO BRACCIO
PRINCIPIODELLADISSIPAZIONEGOMMA SUGHE PER QUANTO DETTO SOPRA POSSONO RISULTARE
RO FELTRIDIGOMMAPIUMAESISTEMICOMBI UTILIGUANTIANTIVIBRANTICONCUSCINETTOINMA
NATIGOMMAESUGHERO  TERIALE AMMORTIZZANTE NELLA PARTE PALMARE
5N PRINCIPIO FONDAMENTALE LUTILIZZO INA ,USODEIGUANTIRIDUCELEFFETTOCOMPRESSI
DEGUATO INRELAZIONEALLECARATTERISTICHEDELLA VODELLEMANISULLEIMPUGNATUREELEPROTEG
MACCHINAEDALLAVORODASVOLGERE PUCAU GEDALFREDDO CONTRIBUENDOANCHEINQUE
SARE OLTRE CHE UN AUMENTO DEL RISCHIO INFOR STOMODOARIDURRELIMPATTONEGATIVODELLE
TUNISTICO UNINUTILEESPOSIZIONEAGGIUNTIVA NEL VIBRAZIONIVEDI#AP $0) 
TEMPOENELLINTENSIT ALLEVIBRAZIONI
NECESSARIAUNACORRETTAMANUTENZIONE )NTERAZIONEUOMOAMBIENTE
GIORNALIERAEPERIODICADELLAMACCHINAIL 3IDEVETENEREPRESENTECHECLIMAEVIBRAZIONI
TEMPO E LUSO AGISCONO SUI MEZZI MECCANICI INTERAGISCONOECHESOPRATTUTTOLEBASSETEM
RENDENDOLIMENOSICURIECAUSANDOMAGGIORE PERATUREACCENTUANOINMODOSENSIBILELAZIO
ESPOSIZIONEAVIBRAZIONIERUMORE)MPORTANTE NELESIVADEGLISTRUMENTIVIBRANTI
ILCONTROLLOPERIODICODELLOSTATODICONSERVA BUONA PRASSI COMUNQUE LIMITARE ALLINDI
ZIONE ED EFlCIENZA DEI DISPOSITIVI DI SMORZA SPENSABILELATTIVITLAVORATIVAINCASODIEVENTI
MENTO QUALIMOLLEECUSCINETTIINGOMMAIN CLIMATICISFAVOREVOLI
STALLATIQUESTIINFATTITENDONOADETERIORARSINEL
CORSODELTEMPO PERDENDOLALOROEFlCACIA,A C
MANUTENZIONEDEVEESSEREFATTASEGUENDOLE 0ROBLEMIERGONOMICI
INDICAZIONIRIPORTATENEIMANUALIDIUSOEMA
NUTENZIONEFORNITIDAICOSTRUTTORICOMEPREVISTO C#ONSIDERAZIONI
DALCITATO$02 GENERALI
)LAVORATORIFORESTALISVOLGONOATTIVITMOLTO
)NTERAZIONEUOMOUOMO FATICOSEECOMPLESSEE SPESSO SONOCO
!SSUMEPARTICOLAREIMPORTANZA ALlNEDELLARI STRETTIAMOVIMENTAREMANUALMENTECARICHI
DUZIONE DELLESPOSIZIONE A VIBRAZIONI LA COR DIVARIOPESO DIMENSIONEEDINGOMBRO
RETTAGESTIONEDEISEGUENTIASPETTI )L RISCHIO RISULTA ESSERE PRESENTE NELLE OPERA
)NFORMAZIONE FORMAZIONE E ADDESTRA ZIONI DI ABBATTIMENTO ALLESTIMENTO CONCEN
MENTODELPERSONALE TRAMENTO ESBOSCOELAVORAZIONIALLIMPOSTO
s SUI RISCHI DERIVANTI DALLESPOSIZIONE A STRU 4ALIATTIVIT PERALTRO IMPONGONOSPESSO
MENTIVIBRANTI MANTENIMENTOPROLUNGATODIPOSIZIONIDI
s SULLUSOCORRETTOEADEGUATODELLAMACCHINA LAVOROOBBLIGATEESCORRETTE INRELAZIONEA
ASSEGNATA PRESADISTRUMENTIINCONDIZIONIDISTABILIT
s SULLAMANUTENZIONEORDINARIADELLAMACCHINA PRECARIA DOVUTAPERLOPIATERRENISCONNESSIO
s SULLAMANUTENZIONESTRAORDINARIADELLAMAC COMUNQUENONREGOLARIEOINPENDENZAQUESTE
CHINA INDUCONODIFREQUENTEPROBLEMIDISOVRACCARICO
s SULLUSODIMEZZIDIPROTEZIONEINDIVIDUALE BIO MECCANICO SU ARTICOLAZIONI MUSCOLI TENDINI
s SULLEPROCEDUREDILAVORO DA CUI POSSONO DERIVARE QUADRI PATOLOGICI DEL

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
LAPPARATOLOCOMOTORE
4ALISITUAZIONISONOFONTEDIDISAGIOEDIPOS
SIBILEDANNOSIADITIPOACUTOCHECRONICO
,ORIGINEMULTIFATTORIALE VALEADIRECHELAT
TIVITLAVORATIVANONRAPPRESENTALUNICACAUSA
DELDISTURBO MARISULTAESSEREELEMENTOCON
CAUSALE TALORA SCATENANTE E SI PARLA INFATTI DI
MALATTIECORRELATEALLAVORO
)N%UROPA STUDICOMPIUTIINMERITOEVIDENZIA
NOCHE TRAIPROBLEMIDELLASALUTEPIFREQUEN
TEMENTESEGNALATITRAILAVORATORI CISONOILMAL
DISCHIENAEDIDOLORIMUSCOLARIAGLIARTI
!LTRISTUDIEDIDATIFORNITIDALLEORGANIZZAZIONIDI
VARI PAESI DEPUTATEALCONTROLLODELLEPATOLO
GIEPROFESSIONALI SONOINSINTONIACONQUANTO
SOPRARIPORTATO

C.ORMATIVAINVIGORE
,UNICA NORMATIVA DI RIFERIMENTO IL
$,GS E RIGUARDA SOLTANTO LA MOVI &OTO -OVIMENTAZIONEMANUALEDICARICHICARICODI
MENTAZIONEMANUALEDEICARICHI  LEGNADAARDERE
)NFATTIIL4ITOLO6DEL$ECRETOFARIFERIMENTOALLE
OPERAZIONIDITRASPORTO SOSTEGNODICARICHIDA
PARTEDIUNOOPIOPERATORI COMPRESELEAZIO !LLABASEDEIDANNISUDDETTICISONO
NIDISOLLEVAMENTO DISPOSTAMENTO DISPINTA s LOSCHIACCIAMENTODELDISCOINTERVERTE
DITRAINO BRALE CON DElCIT DI APPORTO NUTRITIVO E
.ELL!LLEGATO6)DEL$ECRETOINQUESTIONEVENGO CONSEGUENTIFENOMENIDEGENERATIVI
NOINOLTREPRESIINCONSIDERAZIONEASPETTIQUALI s LE MICROLESIONI A CARICO DELLE STRUTTU
s LECARATTERISTICHEDELCARICOILCUIPESODEVE RE TENDINEE E LIGAMENTOSE DEL RACHIDE
ESSEREINFERIOREAKGPERIMASCHIEKG LOMBO SACRALE
PERLEFEMMINESOPRAIANNI 
s LOSFORZOlSICORICHIESTO 0OSTUREINCONGRUE
s LECARATTERISTICHEDELLAMBIENTEDILAVORO !NCHELASSUNZIONERIPETUTAEPROTRATTADIPO
s LEESIGENZECONNESSEALLATTIVIT SIZIONISCORRETTE&OTOA B PUDETERMINA
s IFATTORIINDIVIDUALIDIRISCHIO REUNADEGENERAZIONEDELDISCOINTERVERTEBRA
0ERTUTTIIPROBLEMIDIORDINEERGONOMICOLUNI LE ANCHEINQUESTOCASOLEGATAADUNALTERATO
CO RIFERIMENTO NEL $,GS ALLART APPORTONUTRITIZIODOVUTOACOMPRESSIONEPRO
SULLEMISUREGENERALIDITUTELAALLALETTERAFGE LUNGATA
NERICAMENTESIPARLADIhRISPETTODEIPRINCIPIER 4UTTOQUESTOSIMANIFESTACONDOLOREDELLACO
GONOMICINELLACONCEZIONEDEIPOSTIDILAVORO LONNA VERTEBRALE NEL TRATTO LOMBO SACRALE E
DELLEATTREZZATURE NELLADElNIZIONEDIMETODIDI POSSONOESSERECOINVOLTIANCHEILTRATTODORSA
LAVOROEPRODUZIONEv LEECERVICALE SIAPUREINMODOPISFUMATO
4ALI DISTURBI SONO REVERSIBILI PURCH LE CONDI
C0OSSIBILIDANNI ZIONI CHE LI DETERMINANO VENGANO ELIMINATE O
-OVIMENTAZIONEMANUALEDEICARICHI RIDOTTE #OMUNQUE I TEMPI DI RECUPERO SONO
,USODELLAFORZAPERILSOLLEVAMENTOESPOSTA PIUTTOSTOLUNGHI
MENTO DI PESI &OTO  PU CAUSARE DISTUR
BIQUALI 3OVRACCARICO BIO MECCANICO DEGLI
s DOLORIACARICODELLACOLONNAVERTEBRA ARTISUPERIORI
LE SOPRATTUTTODELTRATTOLOMBO SACRALE ,ANECESSITDIEFFETTUAREMOVIMENTIRIPETITIVICON
CONPOSSIBILEIRRADIAZIONEAGLIARTIINFE USODIFORZAELASSUNZIONEDIPOSTURESFAVOREVO
RIORIPERCOMPRESSIONEERNIARIADELNER LIPROLUNGATE COMENELLUTILIZZODELLAMOTOSEGA
VOSCIATICO POSSONODETERMINAREDANNIALLESTRUTTUREARTICO
s LIMITAZIONEFUNZIONALEDELRACHIDE LARIMUSCOLARIETENDINEEDEGLIARTISUPERIORI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO 0OSIZIONEDIABBATTIMENTOCORRETTA &OTO 0OSIZIONEDIABBATTIMENTOSCORRETTA
A B

4ALI AFFEZIONI SONO CARATTERIZZATE NEL LORO COM FORMAZIONE ADDESTRAMENTO EDASPETTILEGATI
PLESSODA ALLASTRUMENTAZIONEDICUISIFAUSO
s AFFATICAMENTO
s IMPACCIO CA!SPETTIORGANIZZATIVI
s DISABILIT )LSOLLEVAMENTODEIPESI
s RIDUZIONEDELLAFORZA .ON SI DEVONO MAI SOLLEVARE MANUALMENTE
s DOLORE PESI MAGGIORI OD UGUALI A KG QUALORA SE
s DISTURBIDELLASENSIBILITTATTILERIDUZIONEEO NEPRESENTILANECESSITLOPERAZIONEDIMOVI
ALTERAZIONIDELLASENSIBILIT FORMICOLII  MENTAZIONEMANUALEDEVEESSEREESEGUITADA
%NTROCERTILIMITITALIDISTURBISONOREVERSIBILISE ALMENO DUE LAVORATORI 5NA SIMILE EVENTUALIT
LECONDIZIONICHELIDETERMINANOVENGONOELI PU PRESENTARSI NELLE FASI DI CONCENTRAMENTO
MINATE O RIDOTTE #OMUNQUE I TEMPI DI RECU EDESBOSCOUNPEZZODILEGNODIUNMETRODI
PEROSONOPIUTTOSTOLUNGHI LUNGHEZZAEDICMDIDIAMETROPUSUPERA
! LUNGO ANDARE POSSONO DETERMINARSI QUA REIKGDIPESO
DRIPATOLOGICIBENDElNITIQUALIARTRITIETENDINI $OVE POSSIBILE OCCORRE INTRODURRE LA MEC
TICONDOLOREALPOLSO ALGOMITO ALLASPALLAE CANIZZAZIONEELAUSILIAZIONEDEIPROCESSILAVO
RIDUZIONEDELLAFUNZIONALIT0ERCOMPRESSIONE RATIVI lSICAMENTE PI FATICOSI EFFETTUANDO AD
DEINERVIPERIFERICILUNGOILLOROTRAGITTOINCANALI ESEMPIO ILMOVIMENTODIGROSSITRONCHIATTRA
ANATOMICIRISTRETTI ACAUSADIFENOMENIINlAM VERSOLUSODITRATTORI GRU VERRICELLI
MATORI SI POSSONO DETERMINARE QUADRI COME
LABENNOTASINDROMEDELTUNNELCARPALE CON ,ADISTANZADEIPUNTIDIMOVIMENTAZIONE
PERDITADIFORZA DOLOREEALTERAZIONEDELLASEN 3I DEVONO PREVEDERE PUNTI DI SPOSTAMENTO
SIBILITDELLAMANO MENODISTANZIATIPOSSIBILESCOMPONENDOITRA
GITTILUNGHIINTRATTIPIBREVI ADESEMPIORICOR
C!TTIACARATTERE RENDOALhPASSAMANOv
PREVENTIVO
'LIINTERVENTIPERLAPREVENZIONEDEIDANNIDA ,ATURNAZIONEDELLATTIVIT
MOVIMENTAZIONEDEICARICHI DAPOSTUREINCON 0ERLAVORIPIDISPENDIOSICHECOMPORTANOAF
GRUE E DA SOVRACCARICO MECCANICO DEGLI ARTI FATICAMENTOMUSCOLARESIDEVEPREVEDELATUR
SUPERIORI POSSONO RIGUARDARE ASPETTI DI TIPO NAZIONE DEGLI OPERATORI NELLAMBITO DELLA ME
ORGANIZZATIVO DITIPOEDUCATIVOINFORMAZIONE DESIMAGIORNATALAVORATIVA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA
,EPAUSEEDITEMPIDIRECUPERODELLEF D
FICIENZAMUSCOLARE 2ISCHIODAAGENTI
0AUSEETEMPIDIRECUPERODEVONOESSEREPRE CHIMICI
VISTINELLAMBITODELLASTESSAGIORNATALAVORATIVA
PERBILANCIAREIPERIODIINCUILOPERATOREFORESTALE D#ONSIDERAZIONI
SVOLGEOPERAZIONIPARTICOLARMENTEFATICOSE GENERALI
.ON NECESSARIAMENTE IL PERIODO DI RECUPERO .EL SETTORE FORESTALE LA MECCANIZZAZIONE E LA
PROPRIAMENTEDETTOIDENTIlCABILECONPAUSE INDUSTRIALIZZAZIONEDEIPROCESSILAVORATIVIHAN
DIRIPOSOASSOLUTO MAPUCORRISPONDEREAD NO AUMENTATO LE POSSIBILIT DI CONTATTO CON
UNATTIVITLAVORATIVAMENOFATICOSA SOSTANZE CHIMICHE PERICOLOSE IN PARTICOLARE
NELLUTILIZZODIMACCHINARICONMOTOREASCOP
CB!SPETTIEDUCATIVI PIOMOTOSEGHE DECESPUGLIATORI TRATTORIECC 
'LIOPERATORIDEVONOESSEREFORMATISU 3ONO SOPRATTUTTO LE FASI DI RIFORNIMENTO E DI
sIRISCHILEGATIALLAMOVIMENTAZIONEDICARICHI MANUTENZIONE DELLE MACCHINE CHE POSSONO
EALLASSUNZIONEDIPOSTUREINCONGRUE ESPORRE I LAVORATORI AD INALAZIONE DI VAPORI DI
sLE PROCEDURE DI LAVORO PI OPPORTUNE DA AT CARBURANTI ED A CONTATTO CON CARBURANTI E OLI
TUARE LUBRIlCANTI MENTRE DURANTE LE FASI DI LAVORO
sLACORRETTAMODALITDIIMPUGNATURAEDIIM LESPOSIZIONEPUESSERECAUSATADAINALAZIO
PIEGODEGLIATTREZZI NEDIFUMIEGASDISCARICO
s IMEZZIEGLIAUSILIDAUTILIZZARE!DESEMPIO )LRISCHIODAAGENTICHIMICINELSETTOREFORESTA
PERMIGLIORARELAPRESADELMATERIALESIPOS LERISULTACOMUNQUECONDIZIONATODALFATTOCHE
SONO IMPIEGARE ZAPPINO E LEVA GIRATRONCHI LESPOSIZIONESPESSOACARATTERESALTUARIOE
PER LIMITARE GLI SFORZI MUSCOLARI NELLA MOVI LEATTIVITVENGONOSVOLTEALLAPERTO CONCON
MENTAZIONE POSSONOESSEREIMPIEGATIVER SEGUENTEEFFETTODISPERSIONEEDILUIZIONE
RICELLIORISINECANALETTE  ,ATTUALENORMATIVAIMPONECOMUNQUEAL
DATOREDILAVOROLAVALUTAZIONEDELRISCHIO
CC !SPETTI LEGATI ALLA CHIMICO ANCHE IN QUESTO SETTORE 2ISULTA
STRUMENTAZIONEIMPIEGATA FONDAMENTALE AI lNI VALUTATIVI LACQUISIZIONE
'LISTRUMENTIDICUISIFAUSONELLEATTI ELESAMEDELLESCHEDEDISICUREZZAQUE
VITFORESTALI STE DEVONO OBBLIGATORIAMENTE ACCOMPAGNA
s DEVONOESSEREPILEGGERIPOSSIBILE RELESOSTANZEEIPREPARATICHIMICICLASSIlCATI
s DEVONOAVERELIMPUGNATURACONlNITUREAN PERICOLOSI0ERIPREPARATICLASSIlCATINONPERI
TISCIVOLO ILCUISCOPOQUELLODIRENDERESAL COLOSI MA CHE CONTENGONO ALMENO UNA SO
DA LA PRESA SENZA NECESSIT DI ESERCITARE STANZAINCONCENTRAZIONEALLINPESOPER
SFORZOECCESSIVO IPREPARATIGASSOSIALLO INVOLUME CHE
s DEVONO ESSERE MANTENUTI IN PIENA EFlCIEN PRESENTIPERICOLIPERLASALUTEOPERLAMBIENTE
ZA INPARTICOLAREGLIORGANIDITAGLIODEVONO OUNASOSTANZAPERLAQUALEESISTONOLIMITIDI
ESSEREBENAFlLATIONDEEVITAREUNUSOSUP ESPOSIZIONECOMUNITARISULPOSTODILAVORO TALI
PLETIVODIFORZA SCHEDEDEVONOESSEREFORNITESURICHIESTADEL
s SECONSISTONOINLEVEDAZIONAMENTO EVEN LUTILIZZATOREPROFESSIONALE$,GS$-
TUALMENTEUTILIZZATEASUPPORTO DEVONOES $,GS 
SEREMANTENUTEINPIENAEFlCIENZAEDESSE
REPOSIZIONATEINMODOTALEDANONINCONTRA D.ORMATIVAINVIGORE
REOSTACOLIALLOROMOVIMENTO )L RISCHIO DA AGENTI CHIMICI NORMA
s DEVONOESSEREBILANCIATI EQUILIBRATIELEIM TO DAL $,GS CHE HA INTEGRATO IL
PUGNATUREDEVONOESSEREDIFACILEACCESSO $,GS
"ISOGNA TENERE IN CONSIDERAZIONE ANCHE ALTRI )L$,GSPRECISACHEPERAGENTICHIMICI
ASPETTIACCESSORI SIINTENDONOhTUTTIGLIELEMENTIOCOMPOSTICHI
sLECONDIZIONIOROGRAlCHEDELTERRENO MICI SIADASOLISIANEILOROMISCUGLI ALLOSTATO
sLECONDIZIONICLIMATICHE NATURALEOOTTENUTI UTILIZZATIOSMALTITI COMPRE
sLABBIGLIAMENTO SOLOSMALTIMENTOCOMERIlUTIMEDIANTEQUAL
SIASI ATTIVIT LAVORATIVA SIANO ESSI PRODOTTI IN

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
TENZIONALMENTEONOESIANOIMMESSIONOSUL PRATTUTTONEGLIAMBIENTICONlNATI PERLELEVATO
MERCATOv RISCHIODIINCENDIOEDIESPLOSIONE
'LIAGENTICHIMICIVENGONOCOMUNQUEDElNITI 0U ESSERE CAUSA DI DANNI PER LA SALUTE POS
PERICOLOSIQUANDOPOSSONOCOMPORTAREUNRI SIEDEINFATTIFORTEPOTEREIRRITANTEPERLACUTE PER
SCHIOPERLASICUREZZAELASALUTEDEILAVORATORI LACONGIUNTIVAOCULAREEPERLEMUCOSERESPIRA
ACAUSADELLELOROPROPRIETCHIMICHE CHIMICO TORIESINTETIZZATONELLESCHEDEDISICUREZZADAL
lSICHEETOSSICOLOGICHEOINRAPPORTOALMODO LERISPETTIVEFRASIDIRISCHIO2 2E2 
DIUTILIZZAZIONE LESPOSIZIONE A CONCENTRAZIONI ELEVATE PU IN
DURRE ANCHE UNAZIONE NARCOTICA SINTETIZZATA
D0OSSIBILIDANNI NELLESCHEDEDISICUREZZADALLAFRASEDIRISCHIO
,AGENTECHIMICOPUINTERAGIRECONLORGANI 2LINALAZIONEDEIVAPORIPUPROVOCARESON
SMOATTRAVERSO NOLENZAEVERTIGINI 
sMECCANISMODIRETTO LASOSTANZAAGISCEIN ,ABENZINA PERLAPRESENZADIBENZENEINCON
QUANTOTALEEPERLOPISULLASEDEDICONTATTO CENTRAZIONESUPERIOREALLO  VIENECLASSIlCA
s MECCANISMO INDIRETTO LA SOSTANZA AGI TACANCEROGENA CISINTETIZZATONELLESCHEDE
SCEATTRAVERSOUNPROCESSODITRASFORMAZIO DISICUREZZACONLAFRASEDIRISCHIO2PU
NE METABOLICA LONTANO DAL PRIMO PUNTO DI PROVOCAREILCANCRO )LBENZENEINESSACONTENU
CONTATTO)NQUESTOCASOPURISULTARETOSSI TOHAUNAPOTENZIALETOSSICITPERILMIDOLLOOS
CONONTANTOILPRODOTTODIPARTENZA MAUN SEO STUDI EPIDEMIOLOGICI HANNO DOCUMENTATO
SUOMETABOLITA UNINCREMENTODEICASIDILEUCEMIANEISOGGETTI
ESPOSTI1UALORALASCHEDADISICUREZZADELCAR
DA !GENTI CHIMICI PERI BURANTEEVIDENZIALPUNTOLAFRASEDIRISCHIO
COLOSINELLEATTIVITFORESTALI 2DOVRESSEREMESSOINATTOQUANTOPREVISTO
/LIMINERALI DAL4ITOLO6))DEL$,GS
,EATTIVITCHEESPONGONOAPOSSIBILICONTATTI .ELSUOIMPIEGOOCCORRECOMUNQUEOSSERVARE
CONOLIMINERALISONOPREVALENTEMENTEOPERA NORME IGIENICO COMPORTAMENTALI NON SI DEVE
ZIONI DI RIFORNIMENTO E DI MANUTENZIONE PER FUMAREOMANGIARECONLEMANISPORCHEOCONI
TANTOACARATTERESALTUARIO GUANTIIMPREGNATIDIBENZINABISOGNALAVARSIAC
%SSISONOUTILIZZATICOMELUBRIlCANTIELUBRORE CURATAMENTECONACQUAESAPONE INPARTICOLA
FRIGERANTIPERATTREZZATUREEMOTORIEINIMPIAN RENELLEZONEPIESPOSTE SENZAUSARESOLVENTIO
TIIDRAULICI0ERQUELCHERIGUARDALAMOTOSEGA ALTRESOSTANZEIRRITANTIOSGRASSANTI
GLIOLIMINERALIVENGONOUTILIZZATINELLAMISCELA
ZIONECONLABENZINAEPERLALUBRIlCAZIONEDEL 'ASOLIO
LACATENATAGLIENTE 6IENE UTILIZZATO COME CARBURANTE PER MOTORI A
)L CONTATTO DEGLI OLI MINERALI CON LA PELLE PU COMBUSTIONEINTERNA NELLAFATTISPECIESOPRATTUT
CAUSAREMANIFESTAZIONIDITIPOIRRITATIVOOALLER TOPERITRATTORIUNAMISCELACOMPLESSAOTTENU
GICOLAZIONEDITIPOIRRITATIVO SEACARICODEGLI TADALLARAFlNAZIONEDIPETROLIO)POSSIBILIDANNI
OCCHI PUESITAREINGRAVILESIONI SONOLEGATIALCONTATTO DOVUTOAIMBRATTAMEN
.ELLESCHEDEDISICUREZZACHEACCOMPAGNA TO CHEPUINDURREDERMATITI CONPOSSIBILESEC
NOIPRODOTTI LECARATTERISTICHESUDDETTESONO CHEZZAESCREPOLATURADELLAPELLE EALLINALAZIONE
SINTETIZZATEDALLEFRASIDIRISCHIO2IRRITANTE DEIPRODOTTIDELLACOMBUSTIONECHEHAAZIONEIR
PERGLIOCCHI 2IRRITANTEPERLEVIERESPIRA RITANTESULLEVIERESPIRATORIE
TORIE 2IRRITANTEPERLAPELLE 2RISCHIO .ELLESCHEDEDISICUREZZACHEACCOMPAGNANO
DIGRAVILESIONIOCULARI E2SENSIBILIZZAZIONE IPRODOTTIINDUSTRIALIEAGRICOLI LECARATTERISTICHE
PERCONTATTOCONLAPELLE  SUDDETTESONOSINTETIZZATEDALLEFRASIDIRISCHIO
2 POSSIBILIT DI EFFETTI IRREVERSIBILI 2
"ENZINA TOSSICOPERGLIORGANISMIACQUATICI PUPROVO
COSTITUITADAUNAMISCELACOMPLESSADIIDRO CAREALUNGOTERMINEEFFETTINEGATIVIPERLAMBIEN
CARBURI FRA CUI IL BENZENE OTTENUTA DA VARIE TEACQUATICO 2NOCIVOPUPROVOCAREDANNI
FRAZIONI PETROLIFERE RAFlNATE VIENE UTILIZZATA AIPOLMONIINCASODIINGESTIONE 
COME CARBURANTE PER MOTORI A COMBUSTIONE #OMUNQUELUSODELGASOLIONELSETTOREFO
INTERNA NELNOSTROCASOSOPRATTUTTOPERLEMO RESTALE VIENE EFFETTUATO ALLAPERTO CON UN
TOSEGHEEPERIDECESPUGLIATORI GRADOELEVATODIDISPERSIONEDEIVAPORI0ER
3ITRATTADIUNAMISCELAMOLTOPERICOLOSA SO ALTRO LESPOSIZIONE RISULTA NON A CARATTERE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
CONTINUATIVOELUSODI$0)APPROPRIATIRIDU INFATTIRIVOLTOESSENZIALMENTEAOPERAZIONICHE
CEILRISCHIO AVVENGONOSULEGNOVERDE CHEHAUNALTOTASSO
)MPORTANTISONOANCHELENORMEIGIENICOSA DIUMIDIT CONMOTOSEGHEACATENACHEPRODU
NITARIEPRECEDENTEMENTECITATE CONO TRUCIOLI DI LEGNO O SEGATURA SCARSAMENTE
INALABILE0ERTANTOSIPURAGIONEVOLMENTEAFFER
'ASDISCARICO MARECHEQUESTORISCHIO INAMBIENTEFORESTALE
)GASDISCARICODEIMOTORIASCOPPIOUTILIZZATIIN APPAREASSAIREMOTO)NALCUNELAVORAZIONIPAR
BOSCOCONTENGONOCOMPOSTITOSSICIEMESSISIA TICOLARIUTILIZZAZIONIPOSTINCENDIOECIPPATURADI
COMEPRODOTTIDICOMBUSTIONECHECOMEGASIN MATERIALESECCO ILAVORATORIPOSSONOANCHEES
COMBUSTIQUALIMONOSSIDODICARBONIO IDROCAR SEREESPOSTIAPOLVERI PERTANTOIMPORTANTEUTI
BURI ALDEIDIEOSSIDIDIAZOTOCHEPOSSONODE LIZZAREGLIADEGUATI$0)PERLEVIERESPIRATORIEFAC
TERMINAREFENOMENIDITIPOIRRITATIVOACARICODEL CIALIlLTRANTI 
LEVIERESPIRATORIEECEFALEA%SSISONOPRESENTI
INQUANTITLEGATEALLACOMPOSIZIONEDELCOMBU D!TTIACARATTERE
STIBILEUTILIZZATOEALLEMODALITDUSODELLAMAC PREVENTIVO
CHINA,ESPOSIZIONERISULTAINmUENZATADALLECON )NTERAZIONIUOMOMACCHINA
DIZIONIMETEOROLOGICHE DALRITMODILAVOROEDAL !NCHEPERLEESPOSIZIONIADAGENTICHIMICIRI
GRADODIMANUTENZIONEDELLEMACCHINE VESTENOTEVOLEIMPORTANZA
3TUDI EFFETTUATI SUL CAMPO HANNO EVIDENZIATO s LA SCELTA DELLE MACCHINE NEL MOMEN
UNESPOSIZIONEDEILAVORATORIABENZENEINFERIORE TODELLACQUISTO)MACCHINARIUSATIDEVO
AILIMITIPREVISTIDAL$,GS,UTILIZZODISI NOCONTENEREILRISCHIOENTROILLIMITEPIBAS
STEMIDIABBATTIMENTOQUALICATALIZZATORI LIMPIE SOPOSSIBILE ATTRAVERSOMECCANISMIDIABBAT
GODIMOTORIABASSAPOTENZAELUSODICARBU TIMENTOADESCATALIZZAZIONEDEGLISCARICHI 
RANTISPECIALIPOSSONORIDURRE ANCHESIGNIlCATIVA GLISCARICHINONDEVONOESSEREORIENTATIVERSO
MENTE LEMISSIONEDEICOMPOSTIINQUESTIONE LOPERATOREMACCHINEDINUOVAACQUISIZIONE
DEVONORISPONDEREALLANORMATIVAINVIGORE
0OLVERIDILEGNODURO s ADEGUATEZZA NEL NORMALE UTILIZZO DELLA
)L$,GS INTEGRATIVODEL$,GS MACCHINA !D ESEMPIO DURANTE IL RIFORNI
INCLUDEALLALLEGATO6)))TRAGLIAGENTICANCEROGENI MENTO OPPORTUNOLIMPIEGODITANICHEDI
LEPOLVERIDILEGNODURO STABILENDONEILLIMITE SICUREZZA&OTOA B PEREVITARELAFUORIU
DIESPOSIZIONEPROFESSIONALEMGM PRECISA SCITADIVAPORIEDILIQUIDI
INOLTRECHEUNELENCODITIPIDILEGNODUROlGURA s CORRETTA MANUTENZIONE PERIODICA DELLA
NELVOLUMEDELLEMONOGRAlE)!2# MACCHINA,USURAAGISCESUIMEZZIMEC
)LLEGNOCOMMERCIALMENTECLASSIlCATOINTENE CANICI DETERIORANDOLI RENDENDO LA MACCHI
RO E DURO )L LEGNO DERIVATO DALLE CONIFERE PER NA OLTRECHEMENOSICURA ANCHEPIINQUI
ESEMPIOILPINOOLABETE DITIPOTENERO ILLE NANTEATTRAVERSOIFENOMENIDIMAGGIORCON
GNODELLEANGIOSPERMEONTANO QUERCIA NOCE SUMOSIADICARBURANTESIADIOLIOLUBRIlCANTE
DUROINREALTQUESTASUDDIVISIONEPUESSE CHEDIEMISSIONIDIGASDISCARICO
REFUORVIANTE POICHALCUNILEGNIDETTIDURISONO
PITENERIDIQUELLIDElNITITENERI PERESEMPIOLA )NTERAZIONEUOMOUOMO
BALSA MENTREALCUNIDETTITENERISONOPIDURIDI !SSUMONO RILEVANTE IMPORTANZA I SEGUENTI
QUELLIDElNITIDURI PERESEMPIOILTASSO)NREALT ASPETTI
QUESTADISTINZIONEDERIVADALLANOMENCLATURAIN )NFORMAZIONE FORMAZIONE E ADDESTRA
GLESECHEDElNISCELECONIFEREhSOFTWOODvELE MENTODELPERSONALE
LATIFOGLIEhHARDWOODv MALATRADUZIONEINLEGNO s SUIRISCHIDERIVANTIDALLESPOSIZIONEADAGENTI
TENEROELEGNODUROUNERROREDIIPERCORRET CHIMICIPERICOLOSI
TISMO VISTO CHE LE DUE PAROLE INGLESI STANNO A s SULLEBUONEPRATICHEDIIGIENEPERSONALE
SIGNIlCARESEMPLICEMENTE ERISPETTIVAMENTE s SULLUSODIMEZZIDIPROTEZIONEINDIVIDUALE
CONIFEREELATIFOGLIEATTRIBUITAALLEPOLVERIDILE 0ROCEDURE
GNOUNAZIONECANCEROGENASULLAPPARATORESPI s SCELTADELLELINEEDICOMPORTAMENTODATE
RATORIO INPARTICOLARESONORITENUTERESPONSABILI NERENELNORMALEUSODELPRODOTTO
DELLINSORGENZADITUMORIDELLEFOSSENASALI s SCELTADELLELINEEDICOMPORTAMENTODATE
,ESPOSIZIONEDEIBOSCAIOLIAPOLVERIDILEGNORI NEREINCASODIEMERGENZA
SULTASCARSAMENTESIGNIlCATIVA ILLAVOROINBOSCO s SCELTADEIMEZZIDIPROTEZIONEINDIVIDUALE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO 4ANICADISICUREZZAPERRIFORNIMENTOINBOSCO &OTO 4ANICADISICUREZZAPERTRASPORTOINAUTO
A B

/RGANIZZAZIONE POSSIBILITDICONTATTOTRAOPERATORIDELSETTORE
s ELIMINAZIONE DEL PRODOTTO PERICOLOSO OVE EALTRIORGANISMIVIVENTISIARILEVANTE
POSSIBILEOINALTERNATIVA $ESCRIVIAMO IN QUESTO CAPITOLO I RISCHI LEGATI
RIDUZIONEDEITEMPIDIESPOSIZIONE ALLAESPOSIZIONEADAGENTIBIOLOGICIEQUELLIDE
OTTIMIZZAZIONEDEITEMPIDILAVORO TERMINATIASEGUITODELCONTATTOCONALTRIORGA
RIPARTIZIONEADEGUATADEGLISPAZIDILAVORO NISMIVIVENTIQUALIINSETTI RETTILIEMAMMIFERI
PAUSE
ROTAZIONEDELPERSONALE EA2ISCHIOBIOLOGICO
DISPOSITIVIDIPROTEZIONEINDIVIDUALE )LRISCHIOBIOLOGICONELSETTOREFORESTALEDITIPO
-ENTRENELLINDUSTRIAIDISPOSITIVIDIPROTEZIONE POTENZIALE OVVERO DETERMINATO DALLA PRE
INDIVIDUALERAPPRESENTANOIPRESIDIDAUTILIZZA SENZAOCCASIONALE MACONCENTRATA DIAGEN
RE SOLO SECONDARIAMENTE AI MEZZI DI PREVEN TI BIOLOGICI BATTERI VIRUS FUNGHI ENDOPARAS
ZIONECOLLETTIVA NELSETTOREFORESTALEPOSSONO SITI CHEPOSSONODETERMINARELINSORGENZADI
RAPPRESENTARELUNICOSTRUMENTOPREVENTIVODI MALATTIENONPERUSODELIBERATODEGLISTESSI
SPONIBILE COMEADESEMPIOSIVERIlCANELLAPRODUZIONE
.ELLEFASIDIRIFORNIMENTO SIADICARBURANTISIA DI VACCINI O NELLA RICERCA MICROBIOLOGICA MA
DI OLI DEVONO ESSERE UTILIZZATI ADEGUATI $0) PERCONTATTIINEVITABILIINOCCASIONEDILAVORO
PERRIDURRELESPOSIZIONE!DESEMPIOPOSSO ,APOTENZIALELESIVITDELRISCHIOCONDIZIONATA
NOESSEREUTILIZZATIGUANTIIN06#PERRIDURREIL DALLAPRESENZAOCARENZADIOPPORTUNEMISURE
CONTATTOCUTANEO PROlLATTICHECOLLETTIVEOINDIVIDUALI
)NTERAZIONEUOMOAMBIENTE
)N QUESTO SENSO PU RISULTARE UTILE RIDURRE LA EA.ORMATIVAINVIGORE
CONCENTRAZIONEDELLEMACCHINEPERLIMITARELA )L TITOLO 6))) DEL $,GS E LE SUE SUC
QUANTITDIINQUINANTI CESSIVE MODIlCHE HANNO MESSO IN EVIDEN
ZALIMPORTANZADELLAPROTEZIONEDEILAVORATORI
E DA AGENTI BIOLOGICI IN PARTICOLARE LALLEGATO )8
2ISCHIODA ALPUNTOCITAESPRESSAMENTELEATTIVITNEL
AGENTIBIOTICI LAGRICOLTURA COME LAVORAZIONI A RISCHIO NELLA
FATTISPECIEDITIPOPOTENZIALE
E#ONSIDERAZIONI ,ALLEGATO8)CONTIENELELENCODEGLIAGENTIBIO
GENERALI LOGICI CHE SONO SUDDIVISI COME INDICATO NEL
,EATTIVITFORESTALIPOSSONOCOMPORTAREUNRI LART DEL $,GS NEI SEGUENTI 
SCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOTICI POICH GRUPPIDIPERICOLOSITCRESCENTE
VENGONOSVOLTEINUNAMBITOINCUILACOMPLES 'RUPPO  hUN AGENTE CHE PRESENTA POCHE
SIT DEGLI EQUILIBRI BIOLOGICI E LA CONSEGUENTE PROBABILIT DI CAUSARE MALATTIE IN SOGGETTI
PRESENZADIECOSISTEMIDIVERSIFANNOSCHELE UMANIv

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA
'RUPPOhUNAGENTECHEPUCAUSAREMA RISPOSTAIMMUNITARIAALLAGENTEBIOLOGICOESA
LATTIEINSOGGETTIUMANIECOSTITUIREUNRISCHIO GERATAEDIVENTAESSASTESSACAUSADELDANNO
PER I LAVORATORI POCO PROBABILE CHE SI PRO " -ECCANISMOTOSSINOGENICO
PAGHINELLACOMUNITSONODINORMADISPONI )MICRORGANISMI INTRODOTTIPERVIARESPIRATORIA
BILIEFlCACIMISUREPROlLATTICHEOTERAPEUTICHEv ALIMENTARE ATTRAVERSOLEFERITEECC PRODUCO
AGENTEPOCOTRASMISSIBILE CONELEVATAPATO NOTOSSINEESOGENEEMESSEhATTIVAMENTEvDAL
GENICIT CIOCAPACITDIINDURREMALATTIA EFl MICRORGANISMOSTESSO EDENDOGENELIBERATE
CACEMENTENEUTRALIZZABILE  A SEGUITO DELLA DISTRUZIONE DELLA MEMBRANA
'RUPPOhUNAGENTECHEPUCAUSAREMA CELLULARE INENTRAMBEICASISONOQUESTESO
LATTIEGRAVIINSOGGETTIUMANIECOSTITUISCEUN STANZEADESPLICARELALOROAZIONESULLORGANI
SERIORISCHIOPERILAVORATORILAGENTEBIOLOGICO SMOOSPITECAUSANDOIDANNI
PUPROPAGARSINELLACOMUNIT MADINORMA
SONO DISPONIBILI EFlCACI MISURE PROlLATTICHE O EA !LCUNE MALATTIE INFETTIVE DI
TERAPEUTICHEvFACILMENTETRASMISSIBILE ELEVATA MAGGIORE RILEVANZA DEL SETTORE FORE
PATOGENICIT FACILMENTENEUTRALIZZABILE  STALE
'RUPPOhUNAGENTECHEPUCAUSAREMA 4ETANOVEDI4AVOLA'
LATTIEGRAVIINSOGGETTIUMANIECOSTITUISCEUN UNAMALATTIAINFETTIVA ACUTAENONCONTAGIO
SERIO RISCHIO PER I LAVORATORI E PU PRESENTA SA DETERMINATA DALLACCIDENTALE PENETRAZIO
REUNELEVATORISCHIODIPROPAGAZIONENELLACO NENELLORGANISMO PERLOPIATTRAVERSOLESIONI
MUNITNONSONODISPONIBILI DINORMA EFlCACI TRAUMATICHEDELLACUTEFERITE ABRASIONI MORSI
MISUREPROlLATTICHEOTERAPEUTICHEvFACILMEN DIANIMALI DEL#LOSTRIDIUMTETANI UNMICRORGA
TETRASMISSIBILE ELEVATAPATOGENICIT SCARSEO NISMOCHEVIVESULTERRENOSOTTOFORMADISPO
NULLELEPOSSIBILITDINEUTRALIZZAZIONE  RA0ENETRATONELLORGANISMO SETROVACONDI
'LI AGENTI DELLELENCO NON CONTEMPLATI NEI ZIONIFAVOREVOLI SIRIPRODUCENELLAFERITAEMET
GRUPPI ESONOAUTOMATICAMENTEINSE TENDO UNA TOSSINA CHE RESPONSABILE DELLA
RITINELGRUPPO MALATTIAQUESTULTIMA SENONPRESAINTEMPO
PUESSEREMORTALE DEICASI 
EA0OSSIBILIINTERAZIONICONLOR ,ESORGENTIDIINFEZIONESONOPERLOPIGLIANI
GANISMO MALI ERBIVORI NELLINTESTINO DEI QUALI IL MICROR
! -ECCANISMOIMMUNITARIO GANISMOSVILUPPAPARTEDELSUOCICLOVITALE)L
ILPRINCIPALEMECCANISMODIFENSIVOMESSOIN PASSAGGIOALLAMBIENTEESTERNOELACONTAMI
ATTODALLORGANISMOCONTROLEINFEZIONIEDBA NAZIONE DEL TERRENO AVVENGONO ATTRAVERSO LE
SATOSULLINTERAZIONETRAILMICRORGANISMOEILSI DEIEZIONIDEGLIANIMALICONTAGIATI
STEMAIMMUNITARIODELSOGGETTOINFETTATOQUE ,A MALATTIA CONSEGUE ALLINTERESSAMENTO DEL
STOVIENESTIMOLATOAPRODURREANTICORPISPECI SISTEMA NERVOSO CENTRALE IL PERIODO DI INCU
lCI CHE AGGREDISCONO LAGENTE INFETTANTE CON BAZIONEFRAIQUATTROEIVENTUNOGIORNI ME
LOBIETTIVODINEUTRALIZZARLO DIAMENTEDIECI
)NPARTICOLARICASIILSISTEMAIMMUNITARIOPUES 1UADROSINTOMATOLOGICO
SEREDEPRESSO INALTREPAROLELINFEZIONEFASCHE )PRIMISINTOMICHEPOSSONOESSERENOTATISONO
LAPRODUZIONEDIANTICORPI ANZICHAUMENTARE LARIGIDITDELLAMANDIBOLAELADIFlCOLTADAPRI
VENGA INIBITA CON RELATIVA CADUTA DELLE DIFESE RELABOCCA
IMMUNITARIEEPROPAGAZIONEDELLINFEZIONE ,A FASE CONCLAMATA COSTITUITA DAI SEGUEN
-ALATTIE PREESISTENTI TUMORI DIABETE INFEZIONI TISINTOMI
VIRALI POSSONO DI PER S DEPRIMERE LA RISPOSTA  CONTRATTURA DOLOROSA DEI MUSCOLI DEPUTATI
IMMUNITARIA E RENDERE I SOGGETTI CHE NE SONO ALLA MASTICAZIONE ESTESA SUCCESSIVAMEN
PORTATORIPISUSCETTIBILIACONTRARREINFEZIONI TEATUTTOILCAPO
4ALORA COMEAVVIENENELLALLERGIA PUDETERMI CONTRATTURADEIMUSCOLIVERTEBRALIEDEGLIARTI
NARSIUNACONDIZIONEDIIPERSENSIBILTOVVEROLA CONASSOCIATARIGIDITDIFFUSA


.ELCASOSIASTATOESEGUITOUNCICLOVACCINALEBASALECOMPLETO) ))E)))DOSE ANCHESESONOPASSATIPIDIANNIDAL
LULTIMADOSE SUFlCIENTEUNUNICORICHIAMOPERRIPRISTINARELECONDIZIONIDISOGGETTOVACCINATO
)NCASODIFERITACHESIPRESUPPONEINFETTAOPPORTUNOCOMUNQUERECARSIALPIVICINOPRONTOSOCCORSO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
%NCEFALITEVIRALE4"%
UNA MALATTIA DI ORIGINE VIRALE CHE INTERESSA
INPARTICOLARMODOILSISTEMANERVOSOCENTRA
LEECHEVIENETRASMESSAALLUOMOATTRAVERSOIL
MORSODIUNAZECCAINFETTATANONMOLTOFRE
QUENTENELNOSTRO0AESE SOLOALCUNICASISPO
RADICIIN4RENTINO !LTO!DIGE
&OTO :ECCA
 1UADROSINTOMATOLOGICO
$OPOUNPERIODODIINCUBAZIONE CHEPUDU
RAREDADUEGIORNIAQUATTROSETTIMANEDALLAV
VENUTO CONTAGIO POSSONO PRESENTARSI LE SE
 CONTRATTURADITUTTALAMUSCOLATURARESPIRA GUENTIFASIEVOLUTIVE
TORIAEDINPARTICOLAREDELDIAFRAMMA sPRIMOSTADIOINCUIISINTOMIPASSANOINOS
LAMORTEPUSOPRAGGIUNGEREPERASlSSIA SERVATIOSONOALQUANTOSFUMATIEDASPECI
0REVENZIONE lCI SIMULANDO UN QUADRO SIMIL INmUENZALE
,A VACCINAZIONE ANTITETANICA RISULTA ESSERE LA FEBBRE CEFALEA SENSODIMALESSEREGENERA
PI EFlCACE MISURA DI PREVENZIONE SANITARIA LIZZATO NELDEICASITUTTOSIFERMAQUI
CONTROLINFEZIONETETANICA sSECONDOSTADIOSISVILUPPANELPERCEN
)L $02 LA HA RESA OBBLIGATORIA PER TODEICASIDOPO GIORNIDALMORSODELLA
VARIE CATEGORIE PROFESSIONALI TRA CUI I LAVORA ZECCACONFEBBREALTA MALDITESTA MALDI
TORIFORESTALI GOLA STANCHEZZA E DOLORI MUSCOLARI POI LA
3IRIPORTADISEGUITOILPROTOCOLLODIVACCINAZIO FEBBRE REGREDISCE E IN GENERE NON CI SONO
NEANTITETANICA ULTERIORICONSEGUENZE.EL DIQUESTI
CASIQUINDI DELTOTALE ILQUADROEVOL
0ROTOCOLLODIVACCINAZIONEANTITETANICA VECONSINTOMIACARICODELSISTEMANERVOSO
0RIMADOSE 4EMPO CENTRALE DI GRADO VARIABILE RIGIDIT DEL COL
3ECONDADOSE$OPOUNMINIMODIEUN LO CONVULSIONI INCAPACIT DI SOPPORTARE LA
MASSIMODISETTIMANE LUCE SONNOLENZA NAUSEA VOMITO CEFALEA
DALLAPRIMADOSE INTENSATREMORI 3IHAESITOMORTALENELL
4ERZADOSE$OPOUNMINIMODIEUN DEICASI)LQUADROSIFAPISEVEROCONILPRO
MASSIMODIMESIDALLA GREDIREDELLET
PRIMADOSE 0REVENZIONE
2ICHIAMI/GNIANNICIRCA ,A PROlLASSI SPECIlCA EFFETTUABILE CON UNA
VACCINAZIONE ATTUALMENTE NON REGISTRATA E
-ALATTIETRASMESSEDAZECCHEVEDI4AVOLA, COMMERCIALIZZATAIN)TALIA
,EZECCHESONOINSETTIEMATOFAGI&OTO CHE 0ER LE NORME COMPORTAMENTALI SI RIMANDA AL
CIOSINUTRONODISANGUE EQUINDIDEVONOAT #APE !TTIACARATTEREPREVENTIVO
TACCARE UN OSPITE PER POTER SOPRAVVIVERE 'LI
OSPITIPOSSONOESSEREANIMALIDOMESTICIOSEL -ALATTIADI,YME
VATICI COMPRESO LUOMO 0ER COMPIERE IL SUO UNAINFEZIONETRASMESSADALMORSODIUNAZEC
PASTOLAZECCASIATTACCASALDAMENTEALLAPELLE CAALLUOMO0OSSONOESSEREINFETTATIANCHEANI
DELLOSPITEE DURANTEILPASTOSEINFETTA INIETTA MALISELVATICIODOMESTICI,AGENTEINFETTANTE
ATTRAVERSOILSUOAPPARATOBUCCALEIGERMIDICUI UNASPIROCHETALA"ORRELIA"URGDORFERI
PORTATRICEECHESONORESPONSABILIDELLEVEN .ELLUOMO PROVOCA ALTERAZIONI A CARICO PRIN
TOMORBOSO,AZECCAQUINDIRISULTAESSEREUN CIPALMENTEDIPELLE ARTICOLAZIONI ORGANIINTER
VETTORE CHE AGISCE PREVALENTEMENTE NEL PERIO NIFEGATO RENE CUOREECC SISTEMANERVOSO
DODISUAMAGGIOREDIFFUSIONE OVVERONEIMESI CENTRALE
PICALDIDAAPRILEAOTTOBRE PRIVILEGIANDOCLIMI )NALCUNICASILAMALATTIAPUCRONICIZZARE
MITIEUMIDIEVIVENDOSOPRATTUTTOSULLEFOGLIE NEI 1UADROSINTOMATOLOGICO
PRATIENEIBOSCHI$IFlCILMENTESOPRAVVIVEALDI $OPOUNPERIODODIINCUBAZIONE CHEPUDU
SOPRADEIMSLM RARE DA ALCUNI GIORNI A  SETTIMANE DALLAV
,E PRINCIPALI MALATTIE TRASMESSE DALLE ZECCHE VENUTO CONTAGIO POSSONO PRESENTARSI LE SE
SONOLESEGUENTI GUENTIFASIEVOLUTIVE
sPRIMOSTADIOCARATTERIZZATODA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
ARROSSAMENTO NELLA SEDE DI INOCULAZIONE ATTRAVERSO IL CONTATTO CON LA SALIVA PER EFFET
CHE TENDE AD ESPANDERSI E DIFFONDERSI IN TO DEL LECCAMENTO SU FERITE PROVOCATE DA AL
MODOCIRCOLAREERITEMAMIGRANTE  TRIAGENTI.ELLA2EGIONE4OSCANANONRISULTA
DISTURBIASPECIlCIQUALICEFALEA STANCHEZZA NODALUNGOPERIODODENUNCIATICASIDIQUESTA
DOLORI ARTICOLARI FEBBRICOLA INTERESSAMENTO MALATTIA
LOCALIZZATODILINFONODIDOLENTIEAUMENTATIDI 1UADROSINTOMATOLOGICO
VOLUME $OPOUNPERIODODIINCUBAZIONE CHEPUDU
)LQUADROTENDEAREGREDIRESPONTANEAMENTEEN RAREDAASETTIMANEDALLAVVENUTOCONTA
TROALCUNESETTIMANE TALORAPUPROGREDIREIN GIO POSSONOPRESENTARSILESEGUENTIFASIEVO
sSECONDOSTADIOCARATTERIZZATODA LUTIVE
MANIFESTAZIONI DISSEMINATE CHE COMPAIONO PERIODOPRODROMICODOVEABBIAMOSINTOMI
DOPOUNOOPIMESIDALLAVVENUTOCONTAGIO PREMONITORI QUALI DOLORE DELLA FERITA INSON
INDICEDIDIFFUSIONEDELGERMEINOGNIPARTE NIA MANCANZA DI APPETITO ALTERAZIONI DEL
DELLORGANISMO 1UESTEPOSSONOINTERESSA CARATTERE
REISEGUENTIDISTRETTIPELLECONARROSSAMENTI FASEACUTAINCUILAMALATTIASIMANIFESTACON
MIGRANTIMULTIPLIENODULIDICOLOREROSSO VIO IDROFOBIAPAURADELLACQUA FOTOFOBIAPAURA
LACEODICIRCA CMARTICOLAZIONICONDOLORI DELLALUCE SENSODISOFFOCAMENTO CONTRA
MIGRANTIACARICODIUNAOPIDIESSESISTE ZIONIDOLOROSEDELLAMUSCOLATURARESPIRATORIA
MANERVOSOCENTRALECONDISTURBIDELLACON EDELLALARINGE
CENTRAZIONEEDELLAMEMORIA CEFALEA STAN DECORSOLESITOQUASISEMPREMORTALE
CHEZZA SEGNIDIIRRITAZIONEMENINGEALEFORTE 0REVENZIONE
MAL DI TESTA RIGIDIT DEI MUSCOLI DEL COLLO  .ONESISTENESSUNATERAPIAEFlCACECONTROLA
CUORECONDISTURBIDELRITMODOVUTIAINlAM RABBIA ED IL VACCINO LUNICA ARMA DI DIFESA
MAZIONE DELLA PARETE CARDIACA OCCHIO CON CHEABBIAMOADISPOSIZIONE
INlAMMAZIONEDEIVARICOMPONENTIOCULARI
sTERZOSTADIOCARATTERIZZATODA EB2ISCHIODAAGENTI
UNA CRONICIZZAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI BIOTICI
CHEPOSSONOESSEREPRESENTIINFORMEPI -ORSODIVIPERAVEDI4AVOLA)
SFUMATE ,AVIPERAUNRETTILEVELENOSODITAGLIAPICCO
.ORMECOMPORTAMENTALIINCASODIMOR LACHENORMALMENTENONRAGGIUNGEILMETRODI
SODIZECCA LUNGHEZZA$IPERSNONUNANIMALEAGGRES
,AZECCADEVEESSEREASPORTATAILPRIMAPOS SIVOMATENDEAMORDEREQUANDOSISENTEAT
SIBILE5NAASPORTAZIONETEMPESTIVARIDUCELA TACCATOOVIENECALPESTATO
POSSIBILITDIINFEZIONI ,AGRAVITDELMORSODIPENDEDA
ASPORTARE LA ZECCA CON UNA PINZETTA AVEN TAGLIAESESSODELLANIMALE
DOCURADIAFFERRARLANELPUNTOPIVICINOALLA FORZAUSATANELMORDEREEQUINDIPROFONDIT
CUTE EVITANDODIROMPERLA4IRARELAPINZET DIPENETRAZIONEDEIDENTI
TAESEGUENDOUNALEGGERAROTAZIONE3ELA QUANTITDIVELENOINIETTATA
TESTARIMANECONlCCATANELLACUTEPUALLA SEDEDELMORSO
LUNGADAREDELLEIRRITAZIONILOCALISENONADDI )LMORSOSIPRESENTACONDUEFORIDISTANZIATIFRA
RITTURAINFEZIONIEDQUINDIOPPORTUNORECAR LOROCIRCAUNCENTIMETRO3ELAQUANTITDIVE
SIADUNPRONTOSOCCORSO LENOINIETTATAELEVATA NELPUNTODIINIEZIONE
PULIZIAEDISINFEZIONEACCURATADELLAZONA SISVILUPPAUNAZONADIEDEMABLUASTRA)LVE
0REVENZIONE LENODELLAVIPERASIDIFFONDENELLORGANISMOAT
.ELLAGRANDEMAGGIORANZADEICASILINFEZIONE TRAVERSOLEVIELINFATICHE
CLINICAMENTEINAPPARENTE ADEVOLUZIONEBE ,AMORTALITCONSEGUENTEALMORSODIVIPERA
NIGNA E LA PREVENZIONE BASATA SULLA CONO ESTREMAMENTEBASSA)DATIPIRECENTIPAR
SCENZADELRISCHIOESULLADOZIONEDICOMPOR LANODIMENODIUNMORTOLANNONONOSTANTE
TAMENTIADEGUATI LEPERSONEMORSESIANOPIUTTOSTONUMEROSE
SECONDO I DATI RACCOLTI NEI SOLI TRE CENTRI AN
2ABBIAVEDI4AVOLA( TIVELENI DI 2OMA &IRENZE E -ILANO AD AVERE
1UESTATEMIBILEMALATTIADETERMINATADAUN SUBITOUNATTACCODALPITEMUTODEISERPENTI
VIRUSCHEDAUNANIMALEINFETTOPUESSERETRA NOSTRANISONOSTATEPERSONENEGLIANNI
SMESSOALLUOMOATTRAVERSOILMORSOOANCHE  

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA
q QUANDO SI PREVEDE CHE I SOCCORSI ARRIVINO
CON RITARDO IN CASO DI MORSO AD UN ARTO
BLOCCARELADIFFUSIONEATTRAVERSOLEVIELINFATI
CHEMEDIANTELUSODIBENDAGGIODALLASEDE
DELMORSOALLARADICEDELLARTOCOLPITO
3ICURAMENTE INUTILE SE NON ADDIRITTURA
DANNOSO
q LINCISIONETRAIDUEPUNTIDELMORSOESEGUITA
NELLINTENTO DI FAVORIRE LA FUORIUSCITA DEL VE
LENO!LCONTRARIOLINCISIONEAUMENTALASU
PERlCIEDIASSORBIMENTOEFAVORISCEPOSSIBILI
INFEZIONISECONDARIE
&OTO 0OMPETTATIRA VELENO q SUCCHIARELAFERITACONLABOCCAPERELIMINA
 REPARTEDELVELENO1UESTAPRATICAPOTREBBE
DETERMINARELASSORBIMENTODELVELENOPERLA
PRESENZADIPICCOLELESIONINELCAVOORALE
#ONTROVERSO LUSO DEL SIERO ANTIOlDICO
3EGNIESINTOMI SEBBENEILPREPARATOSIAINGRADODISCONGIU
)LMORSOSOLITAMENTEMOLTODOLOROSOEPROVO RAREIPERICOLIDERIVANTIDALMORSODIVIPERA PU
CAINGENEREARROSSAMENTO CIANOSI GONlOREE RISULTAREPERICOLOSOPERCHCAPACEASUAVOLTA
CRAMPIPIOMENOACUTI$OPOCIRCAMEZZORA DIDETERMINARE INSOGGETTIPREDISPOSTI SHOCK
I SINTOMI SONO CEFALEA VERTIGINI TACHICARDIA ANAlLATTICO
CALO DI PRESSIONE NAUSEA VOMITO DIARREA E .ONACASOL8)EDIZIONEDELLA&ARMACOPEA5F
COLLASSO CARDIOCIRCOLATORIO CHE PU CONDURRE lCIALEDELLA2EPUBBLICA)TALIANA APPROVATACON
ANCHEALLAMORTE3IREGISTRANOANCHESUDORA DECRETODEL-INISTRODELLA3ALUTE
ZIONEFREDDA DOLORIADDOMINALI DISTURBIVISIVI STABILISCE LOBBLIGO DI DETENZIONE DEL VACCINO
DIFlCOLTRESPIRATORIECHEPOSSONOARRIVARE NEI SOLOPERLEFARMACIEDIOSPEDALICONCENTRIAN
CASIPIGRAVI ALLARRESTORESPIRATORIO TIVELENI NELLOTTICA DI UNA LIMITAZIONE DELLUSO
!NCHESEABBASTANZARARAMENTEILMORSODIVI INCONGRUO ES SOMMINISTRAZIONE PER VIA SOT
PERA SENONTRATTATOTEMPESTIVAMENTEEADE TOCUTANEA O MUSCOLARE E AL DI FUORI DI STRUT
GUATAMENTE PUESSEREMORTALE SOPRATTUTTO TURE DEPUTATE CHE NE POSSONO ACCRESCERE LA
SEILVELENOVIENEINIETTATODIRETTAMENTEINUN PERICOLOSIT
VASOSANGUIGNOOALLALTEZZADELCOLLO 0ERALTROCDATENERCONTODELFATTOCHE QUA
.ORMECOMPORTAMENTALIINCASODIMOR LORANECESSARIA LASOMMINISTRAZIONEPU ES
SOVIPERA SERE EFFETTUATA CON EFlCACIA ANCHE DOPO 
q ATTIVAREIMMEDIATAMENTEISOCCORSI  ORE DAL MORSO SALVO CASI ECCEZIONALI CHE
q DISTENDEREILSOGGETTOCOLPITODALMORSOPER SONO COMUNQUE DI ESTREMA RARIT IN CUI LA
EVITAREUNAPIRAPIDADIFFUSIONEDELVELENO SOMMINISTRAZIONE DEVE ESSERE FORZATAMENTE
CONSEGUENTEADUNINCREMENTODELLACIRCO EFFETTUATAINTEMPIBREVI
LAZIONEDELSANGUE
q PERLOSTESSOMOTIVOILSOGGETTOMORSODEVE 0UNTUREDIINSETTIVEDI4AVOLA-
ESSERETRANQUILLIZZATO ,APUNTURADIINSETTIUNAEVENIENZAPARTICO
q DISINFETTARELALESIONE LARMENTEFREQUENTEPERCHIOPERAPREVALENTE
q PUESSEREUTILEPREMERELAFERITAPERLAFUO MENTEALLAPERTO)DANNICHESIVERIlCANOCON
RIUSCITA ALMENOPARZIALE DELVELENOCONLE SISTONO ESSENZIALMENTE IN REAZIONI INlAMMA
MANIOMEDIANTEUNAPOMPETTATIRA VELENO TORIELOCALIANCHEINTENSE SPESSOPRURIGINOSE
&OTO  ANCHE SE LA DIFFUSIONE DI QUESTO ETALORADOLOROSE INALCUNICASIPOSSONODE
AVVIENE PREVALENTEMENTE PER VIA LINFATICA E TERMINAREREAZIONIDITIPOALLERGICODIVARIAEN
NONEMATICA TITCHEPOSSONOSFOCIAREANCHENELLOSHOCK
q NELCASOCHEILMORSOABBIACOLPITOUNARTO ANAlLATTICO
APPLICAREUNLACCIOAMONTEDELLAFERITA )NCASODIPUNTURA
q APPLICARE DEL GHIACCIO SULLA SEDE DEL MOR q SEILPUNGIGLIONERIMANENELLACUTECOLPITABI
SOPERDETERMINAREUNAVASOCOSTRIZIONEUTILE SOGNA AVERE CURA DI ESTRARLO DELICATAMENTE
PERDIMINUIRELADIFFUSIONEDELVELENO MEDIANTEPINZETTEOAGODISINFETTATI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA
q DETERGEREILPUNTOCOLPITOCONAMMONIACAIN CONGIUNTIVAELACRIMAZIONECONGIUNTIVITE 
PICCOLEQUANTITPERCOMBATTERELIRRITAZIONE s )RRITAZIONEDELLEMUCOSEDELLEPRIMEVIERESPI
qDISINFETTARE EVENTUALMENTE CON TINTURA DI RATORIECONTOSSE STARNUTI SECREZIONENASALE
IODIO ESENSAZIONEDICORPOESTRANEOINGOLA
q SEPOSSIBILEAPPLICAREPOMATEANTISTAMINICHE s INTERESSAMENTODELLgAPPARATODIGERENTEPER
OCORTISONICHE INGESTIONE INlAMMAZIONE DELLA MUCOSA
)LCONTATTOCONIPELIURTICANTIDIALCUNIIN DELLABOCCACONECCESSODISALIVAZIONE DIF
SETTIPARASSITIDISPECIEVEGETALI COMELAPRO lCOLTALLADEGLUTIZIONE POSSIBILICRAMPIAD
CESSIONARIADELPINOEDELLAQUERCIA POS DOMINALIPERINTERESSAMENTOINTESTINALE
SONOPROVOCAREFASTIDIOSEIRRITAZIONICUTANEEE 0ERSENSIBILIZZAZIONE
PROBLEMIGRAVIAGLIOCCHIEALLEVIERESPIRATORIE sMANIFESTAZIONICUTANEE ECZEMA
,E PROCESSIONARIE SONO FARFALLE CHE POSSONO sMANIFESTAZIONIOCULARI CONGIUNTIVITE
CAUSAREDANNIDIRETTISIAALPATRIMONIOFORESTA sMANIFESTAZIONI RESPIRATORE DIFlCOLT RESPI
LE MEDIANTE INFESTAZIONE SIA ALLA SALUTE DEL RATORIEPERSPASMOBRONCHIALE
LUOMOEDEGLIANIMALI ATTRAVERSOUNMECCANI sSHOCKANAlLATTICO
SMODITIPOIRRITANTEEOSENSIBILIZZANTE
0OSSIAMODISTINGUERE NELLAREAMEDITERRANEA .OTE COMPORTAMENTALI A CARATTERE
DUE TIPI DI PROCESSIONARIA LA 4HAUMETOPOEA PREVENTIVO
PITYOCAMPA DETTA COMUNEMENTE PROCESSIO s%VITAREILCONTATTODIRETTOCONLELARVE
NARIADELPINO PRESENTENELPERIODOCHEVADA sRIDURRELEPARTICUTANEESCOPERTEUSOPANTA
OTTOBREAGIUGNO ELA4HAUMETOPOEAPROCES LONILUNGHIECAMICIECONMANICHELUNGHEE
SIONEA DETTA COMUNEMENTE PROCESSIONARIA GUANTI PREFERIBILIINDUMENTIUSAEGETTA 
DELLAQUERCIA PRESENTENELPERIODOCHEVADA sNONAVVICINARSIESOSTAREVICINOAPIANTEIN
APRILEAGIUGNO FESTATE
,ELARVEDELLAPROCESSIONARIADELPINOBRUCHI sEVITAREDIDISTRUGGEREINIDIPERNONDIFFONDE
SI SVILUPPANO SU CONIFERE IN GENERE E PINI IN REPELIURTICANTI
PARTICOLARE COSTITUENDO DURANTEILLOROACCRE sINCASODIVERAEPROPRIAINFESTAZIONENONLA
SCIMENTO NIDISEMPREPIGRANDIFORMATIDAl VORARESENONVISTATAUNADISINFESTAZIONE
LAMENTISERICEI lNOAQUELLODElNITIVODISVER EFFETTUATADAPERSONALESPECIALIZZATO LIMITA
NAMENTO 2AGGIUNTA LA MATURIT SCENDONO RECOMUNQUEALLOSTRETTOINDISPENSABILELAT
LUNGOITRONCHIDELLEPIANTEINFESTATEINLUNGHE TIVIT LAVORATIVA CON USO DI INDUMENTI ADE
lLE PER INTERRARSI AD UNA PROFONDIT DI ALCUNI GUATIVEDISOPRA 
CENTIMETRIPERPOITRASFORMARSIPRIMAINCRISALI sMANIPOLAREIVESTITIEVENTUALMENTECONTAMI
DEESUCCESSIVAMENTEINFARFALLA NATICONGUANTIELAVARLIINACQUAATEMPERA
,ELARVEDELLAPROCESSIONARIADELLAQUERCIANA TURASUPERIOREA
SCONODAUOVADISPOSTEMIMETICAMENTESULLA )NCASODIMANIFESTAZIONICUTANEE RESPIRATORIE
CORTECCIADELLAPIANTAINPRIMAVERA3IMUOVO EDOCULARISOSPETTEALLONTANAREILSOGGETTODAL
NOANCHESSEINLUNGHElLEECOSTRUISCONOSUI LAZONADILAVOROERIVOLGERSIALPRESIDIOMEDI
TRONCHIPRINCIPALIDEIRICOVERIPIUTTOSTOVISTOSIA COPIVICINO
FORMADISACCONIDI DACUISUCCESSIVAMENTE
FUORIESCONOGLIINSETTIADULTI E!TTIACARATTERE
PREVENTIVO
)NTERAZIONECONLUOMO 'LISTRUMENTIEGLIINTERVENTIUTILIAIlNIDELLAPRE
,ELARVESIADELLEPROCESSIONARIEDELPINOCHE VENZIONEDELLEPATOLOGIEDERIVANTIDAUNESPO
DELLEPROCESSIONARIEDELLAQUERCIASONODOTATE SIZIONEADAGENTIBIOTICISONOPREVALENTEMENTE
DIPELIURTICANTI QUESTINELPRIMOCASOPOSSONO ACARATTEREORGANIZZATIVOECOMPORTAMENTALE
ANCHEESSERELIBERATINELLAMBIENTEETRASPOR .ORMEORGANIZZATIVE
TATIDALVENTO  INFORMARSISULLATIPOLOGIADIANIMALIEDINSET
.ELLUOMOSIPOSSONOVERIlCAREIDANNISOTTOE TIPRESENTINELTERRITORIOINCUISIANDRALA
LENCATI VORARE
0ERCONTATTODIRETTO  NONLAVORAREMAIDASOLI
s IRRITAZIONE DELLA PELLE CON ARROSSAMENTO E  ESSERE VACCINATI CONTRO IL TETANO E FARE LE
PRURITO VACCINAZIONI CONSIGLIATE L DOVE ESISTONO
s IRRITAZIONE DEGLI OCCHI CON ARROSSAMENTO DELLA EFFETTIVIRISCHIESRABBIAPERMORSIDICANIDI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
EPICCOLIMAMMIFERI   USARE PRODOTTI REPELLENTI CONTRO GLI INSETTI
 INFORMAREEFORMAREGLIOPERATORISULLEPOS NELLEPARTICUTANEESCOPERTE
SIBILIFONTIDIRISCHIO  PRESTAREPARTICOLAREATTENZIONEALPERIODODI
 INFORMARE E FORMARE IN MODO CAPILLARE GLI MASSIMA PRESENZA DI VIPERE DI ZECCHE E
OPERATORISULLETECNICHEDIPRIMOSOCCORSO DIAPI CALABRONI VESPEDALLAPRIMAVERAAL
.ORMECOMPORTAMENTALI LAUTUNNO 
 COPRIRE PERQUANTOPOSSIBILE ILCORPOCON  ALRIENTRODALLAVOROLAVARSIACCURATAMENTE
INDUMENTIPROTETTIVI CONTROLLARE LEVENTUALE PRESENZA DI ZECCHE
ODIALTRIINSETTISULCORPOESUGLIINDUMENTI
CAMBIAREVESTIARIO


,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
)DISPOSITIVI
 DIPROTEZIONEINDIVIDUALE

A DOTTEDASTRUMENTIMECCANICI
)NTRODUZIONE B AZIONILESIVEDILIEVEENTITEFACILMENTERE
ENORMATIVA VERSIBILICAUSATEDAPRODOTTIPERLAPULIZIA
INVIGORE C RISCHIDERIVANTIDALCONTATTOODAURTICON
OGGETTI CALDI CHE NON ESPONGANO AD
,ARTICOLO  DEL $,GS RIPORTA LA SE UNATEMPERATURASUPERIOREAI#
GUENTEDElNIZIONEh3IINTENDEPERDISPOSITIVO D ORDINARI FENOMENI ATMOSFERICI NEL CORSO
DIPROTEZIONEINDIVIDUALE$0) QUALSIASIATTREZ DIATTIVITPROFESSIONALI
ZATURADESTINATAADESSEREINDOSSATAETENUTA E URTI LIEVI E VIBRAZIONI INIDONEI A RAGGIUN
DALLAVORATOREALLOSCOPODIPROTEGGERLOCONTRO GEREORGANIVITALIEDAPROVOCARELESIONI
UNO O PI RISCHI SUSCETTIBILI DI MINACCIARNE LA ACARATTEREPERMANENTE
SICUREZZAOLASALUTEDURANTEILLAVORO NONCH F AZIONELESIVADEIRAGGISOLARI
OGNI COMPLEMENTO O ACCESSORIO DESTINATO A s #ATEGORIA))$0)CHENONRIENTRANONELLEAL
TALESCOPOv TREDUECATEGORIE
,ASCELTADEI$0) NECESSARIATUTELARELASA s#ATEGORIA)))$0)DIPROGETTAZIONECOMPLES
LUTEELASICUREZZADEILAVORATORIDURANTELO SA DESTINATI A SALVAGUARDARE DA RISCHI DI
SVOLGIMENTODELLEATTIVITFORESTALI DEVEES MORTE O DI LESIONI GRAVI E DI CARATTERE PER
SEREEFFETTUATADOPOUNAATTENTAVALUTAZIO MANENTE2IENTRANOESCLUSIVAMENTENELLA)))
NEDEIRISCHIPRESENTIINTALIATTIVIT CATEGORIA
) $0) DEVONO ESSERE IDONEI A PROTEGGERE I A GLIAPPARECCHIDIPROTEZIONERESPIRATORIA
LAVORATORI INRELAZIONEAIRISCHISPECIlCIED lLTRANTICONTROGLIAEROSOLSOLIDI LIQUIDIO
ALLECONDIZIONIESISTENTISUILUOGHIDILAVORO CONTROIGASIRRITANTI PERICOLOSI TOSSICIO
,ASCELTAEFORNITURADEINECESSARIEIDO RADIOTOSSICI
NEI$0)DEVEESSEREFATTADALDATOREDILA B GLI APPARECCHI DI PROTEZIONE ISOLANTI IVI
VORO SENTITO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMPRESI QUELLI DESTINATI ALLA IMMERSIO
DIPREVENZIONEEPROTEZIONE TENENDOAN NESUBACQUEA
CHECONTODELLEESIGENZEERGONOMICHEE C I$0)CHEASSICURANOUNAPROTEZIONELIMI
DISALUTEDEILAVORATORISTESSI TATANELTEMPOCONTROLEAGGRESSIONICHI
)REQUISITIDELLEDIVERSETIPOLOGIEDI$0) COME MICHEECONTROLERADIAZIONIIONIZZANTI
PREVISTODAL$,GS VENGONODICHIARA D I $0) PER ATTIVIT IN AMBIENTI CON CON
TIDALPRODUTTORE ILQUALESTABILISCELACATEGO DIZIONI EQUIVALENTI AD UNA TEMPERATURA
RIA DI APPARTENENZA IN RELAZIONE ALLA CAPACIT DARIANONINFERIOREA# CONOSEN
PROTETTIVA ZARADIAZIONIINFRAROSSE lAMMEOMATE
s #ATEGORIA ) $0) DI PROGETTAZIONE SEMPLICE RIALIINFUSIONE
DESTINATI A SALVAGUARDARE LA PERSONA DA RI E I$0)PERATTIVITINAMBIENTICONCONDI
SCHIDIDANNIlSICIDILIEVEENTIT2IENTRANO ZIONI EQUIVALENTI AD UNA TEMPERATURA
NELLA)CATEGORIAI$0)CHEHANNOLAFUNZIONE DARIANONSUPERIOREA#
DISALVAGUARDAREDA F I$0)DESTINATIASALVAGUARDAREDALLECA
A AZIONI LESIVE CON EFFETTI SUPERlCIALI PRO DUTEDALLALTO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
G I$0)DESTINATIASALVAGUARDAREDAIRISCHI C0ROTEZIONEDELLA
CONNESSI AD ATTIVIT CHE ESPONGANO A TESTA
TENSIONI ELETTRICHE PERICOLOSE O UTILIZZATI ,A PROTEZIONE DEL CAPO DEVE RIPARARE DAI
COMEISOLANTIPERALTETENSIONIELETTRICHE PERICOLIDIOFFESADETERMINATIDALLACADUTA
3UL$0)DEVONOESSERERIPORTATILACATEGORIA I DALLOSCILLAZIONE DAL ROVESCIAMENTO DALLA
PITTOGRAMMI4ABELLA RELATIVIALLATIPOLOGIADI PROIEZIONEDIMATERIALIEDAQUELLIDERIVANTI
RISCHIOELAMARCHIATURA#% DALLALUNGHEZZADEICAPELLI
0ER I $0) DELLA ))) CATEGORIA IL $,GS
ARTCOMMA STABILISCECHEILDATOREDI %LMETTIDIPROTEZIONE
LAVOROPROVVEDAALLADDESTRAMENTODEILA !ISENSIDELLENORME5.)%.h%LMET
VORATORISULLOROCORRETTOUTILIZZO TIDIPROTEZIONENELLINDUSTRIAv GLIELMETTIDIPRO
TEZIONE&OTO SONOCOSTITUITIDAUNGUSCIO
B ESTERNOEDAUNRIVESTIMENTOINTERNOBARDATU
3CELTADEI$0) RA )LRIVESTIMENTOINTERNOFORMATODALLEFASCE
PORTANTI DALLA FASCIA PERIMETRALE DALLA FASCIA
0ER UNA CORRETTA SCELTA DEI $0) DA ADOTTARE POSTERIORE DALLA FASCIA ANTISUDORE E DA UNA
NECESSARIOCONOSCEREEVALUTAREATTENTAMENTE EVENTUALEIMBOTTITURAINTERNA,ELMETTODIPRO
sILTIPODIATTIVITELEFASIDILAVORAZIONE TEZIONEDEVEPOSSEDEREUNELEVATARESISTENZA
sLEMODALITDIESECUZIONEDELLATTIVIT AGLI URTI E ALLA PENETRAZIONE CONFORMEMENTE
sLECARATTERISTICHEDELLEATTREZZATUREUTILIZZATE ALLEPRESCRIZIONIDIPROVACONTENUTENELLANOR
sLAZONADELCORPODAPROTEGGERE MA5.)%.,ADISTANZATRAILCRANIO
sLEMODALITDEGLIINCIDENTIACCADUTIINPRECE E LA PARTE INTERNA DEL GUSCIO D LA DEmESSIO
DENZAELAGRAVITDEIDANNISUBITI NE UTILE PER LESAURIMENTO DELLENERGIA DURTO
,A CONFORMAZIONE DELLELMETTO DEVE DEVIARE
C POSSIBILMENTEINMODOTANGENZIALE GLIOGGET
0ROTEZIONEDEI TICHEVIURTANO,ASUASTRUTTURAINTERNADEVE
LAVORATORI RIPARTIRE I CARICHI CHE GRAVANO SUL CAPO ATTRA
VERSOLELMETTO,AFASCIAANTISUDOREDEVEES
3EGUENDOLELENCORIPORTATONELL!LLEGATO)6AL SERE FORMATA DA MATERIALE BEN TOLLERABILE ALLA
$,GSI$0)SONOPRESIINESAMEINRE PELLEEGARANTIREUNACALZATACONFORTEVOLEDEL
LAZIONEALDISTRETTOANATOMICOINTERESSATO LELMETTO
,AFASCIAPOSTERIOREDEVEPERMETTERE INSIEME
CONLAFASCIAPERIMETRALEREGOLABILE UNABUO
NACALZATADELLELMETTOANCHEINPOSIZIONECHI
2ISCHIO DI TAGLIO DA URTO O NA 'LI ELMETTI DEVONO EVENTUALMENTE ESSERE
IMPATTO ASSICURATIDALCADEREODALVOLARVIAMEDIANTE
UNSOTTOGOLA!SECONDADELLIMPIEGO ESSIDE
VONO GARANTIRE LAERAZIONE LELIMINAZIONE DEL
2ISCHIOMECCANICO
LACQUA LA RImESSIONE LA RESISTENZA AL FUOCO
COSCOMELISOLAMENTOELETTRICO
2ISCHIODITAGLIOCONSEGHE
'LI ELMETTI DEVONO ESSERE CONTRASSEGNATI NEL
ACATENA
SEGUENTEMODO
s INDICAZIONEDELLANORMA5.)%.
2ISCHIOINTEMPERIE s NOMEOMARCHIODELCOSTRUTTORE
s ANNOETRIMESTREDIFABBRICAZIONE
2ISCHIODASCARSAVISIBILIT s TIPODELLELMETTOINDICAZIONEDELCOSTRUTTORE 
s TAGLIAOGAMMADITAGLIEINCM 
2ISCHIO DA IMPIGLIAMENTO s ABBREVIAZIONE DEL MATERIALE DELLA CALOTTA IN
INORGANI CONFORMITALLA)3/0ERESEMPIO
INMOVIMENTO !"3 0# ($0%ECC 
s MARCHIODICONFORMIT#%
!LCUNIPITTOGRAMMIPERTIPOLOGIADIRISCHIO )NOLTREOGNIELMETTODIPROTEZIONEDEVEES
4ABELLA
 SERE ACCOMPAGNATO DELLE SEGUENTI INFOR
MAZIONINELLALINGUADELPAESEINCUIVIENE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
COMMERCIALIZZATO
A NOMEEINDIRIZZODELFABBRICANTE
B ISTRUZIONI O RACCOMANDAZIONI RELATIVE ALLA
REGOLAZIONE MONTAGGIO USO PULIZIA DISIN
FEZIONE MANUTENZIONE CONTROLLO E IMMA
GAZZINAMENTO,ESOSTANZERACCOMANDATE
PERLAPULIZIA LAMANUTENZIONEOLADISINFE
ZIONENONDEVONOCOMPORTAREEFFETTINEGA
TIVISULLELMETTOENONDEVONOAVEREEFFETTI
NEGATIVICONOSCIUTISULLUTILIZZATORE QUANDO
APPLICATE SECONDO LE ISTRUZIONI DEL FABBRI
CANTE &OTO %LMETTODIPROTEZIONE
C I DETTAGLI DEGLI ACCESSORI E PARTI DI RICAMBIO 

APPROPRIATI
D IL SIGNIlCATO DEI REQUISITI FACOLTATIVI POSSEDU
TIDALLELMETTOEINDICAZIONIRELATIVEAILIMITIDI
IMPIEGO DELLELMETTO CORRISPONDENTEMENTE C0ROTEZIONE
AIRISPETTIVIRISCHI DELLUDITO
E LINEE GUIDA RELATIVE ALLA DATA E AL PERIODO DI #RITERIDISCELTA
SCADENZADELLELMETTOEDEISUOICOMPONENTI ,UTILIZZO DEI DISPOSITIVI AURICOLARI CUFlE E IN
F LINEEGUIDARELATIVEADETTAGLIDELTIPODIIMBAL SERTI DEVEESSEREBENVALUTATOINRAPPORTOALLA
LAGGIOADATTOPERILTRASPORTODELLELMETTO EFFETTIVAESPOSIZIONEALRUMORE
.ELLAMBITODELLASCELTADEI$0)DITIPOACUSTI
%LMETTI DI PROTEZIONE PER LAGRICOLTURA CODOBBIAMOPRENDEREINCONSIDERAZIONE
ELAVORIFORESTALI s TIPOLOGIA DI RUMORE A CUI SOTTOPOSTO
'LIELMETTIUTILIZZATINEILAVORIFORESTALISONOGE LADDETTO
NERALMENTEPROVVISTIDICUFlEPERLAPROTEZIONE DITIPOIMPULSIVOOACARATTERECONTINUO
DELLUDITOEDIVISIEREPROTETTIVECONTROLAPROIE LIVELLODIPRESSIONEACUSTICAACUISOT
ZIONEDISCHEGGEEOALTRIMATERIALIDURANTEIL TOPOSTOILLAVORATORENONSIDEVONOUTILIZ
TAGLIODELLEGNAMECONLAMOTOSEGA4ALIAC ZARE$0)SOVRA DIMENSIONATIRISPETTOALLA
CESSORIDEVONOESSEREPREVISTIDALCOSTRUTTORE FONTEDIRISCHIOPERNONIPERPROTEGGERE
DELLELMETTO LOPERATORE 
$URANTELEOPERAZIONICHECOMPORTANOLASALI s CAPACITUDITIVEDELSINGOLOADDETTO
TASUPIANTEPOSSONOESSEREUTILIZZATI INALTER IPERPROTEGGEREUNIPOACUSICOSIGNIlCHE
NATIVAAGLIELMETTI CASCHIPERALPINISTICONFOR REBBERENDERLOhSORDOv
MIALLANORMA5.)%.ESSIGA s TEMPODIESPOSIZIONE
RANTISCONOADEGUATARESISTENZADELLACALOTTAE s TIPOLOGIADEI$0)
TENUTADELCASCOCONTROLOSlLAMENTOEGLIURTI GLIINSERTIAURICOLARISONODAPREFERIREPER
LATERALI)LCASCODIFONDAMENTALEIMPORTANZA ESPOSIZIONI A LIVELLI DI PRESSIONE SONORA
NELLAVOROINQUOTA3VOLGELADUPLICEFUNZIO INFERIOREAD"! LECUFlEPERLIVELLIDI
NE DI PROTEZIONE DEL CAPO DELLOPERATORE SIA PRESSIONESONORASUPERIOREAID"! 
DALLA CADUTA DI OGGETTI DALLALTO CHE DALLIM s RAPPORTOTRA$0)EUTENTEACCETTABILIT 
PATTOCONTROOSTACOLI0OICHNONESISTEUNA CARATTERISTICHEINTERNEDELCONDOTTOUDITIVO
NORMATIVATECNICACHETENGACONTOALLOSTES PROBLEMI IGIENICI CAUSATI DALLUSO DI TALI
SO TEMPO DI ENTRAMBE LE PROTEZIONI SI DEVE DISPOSITIVI
PRESTARE PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA SCELTA DI FORMAZIONEEINFORMAZIONEDELLAVORATORE
QUESTO$0) VALUTANDOCONATTENZIONELECA ALLUSODEI$0)
RATTERISTICHEINDICATEDAIFABBRICANTINELLENOTE )LNUOVO$,GS CHEINTEGRAIL$,GS
INFORMATIVE PONEGRANDEATTENZIONEALLECARATTERISTICHESOG


)NMERITOALPROBLEMADELLIPERPROTEZIONEESUCOMEVALUTAREILLIVELLOACUISOGGETTOUNLAVORATORECHEINDOSSA$0)SIEVI
DENZIACOMEUNDISPOSITIVODIPROTEZIONESIADARITENERSIADEGUATOQUALORARIDUCAILRISCHIOADUNLIVELLOPARIOEQUIVALENTE
AQUELLODERIVANTEDAUNAESPOSIZIONEAD"! ,ATTENUAZIONENONDEVECOMUNQUESPINGERSISOTTOI D"! 

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
!TTENUAZIONE
4IPO #ARATTERISTICHE
DICHIARATA
)NGOMMA PLASTICAMORBIDA POLISTIROLOESPANSO DISPONIBILIIN
)NSERTIMULTIUSO  D"
VARIEMISURE
)NLANA PIUMAFIBREDISILICATIFINEMENTEINTRECCIATEEAGGREGATE
)NSERTIMONOUSO  D"
DALEGANTI
#OSTITUITEDADUECONCHIGLIEDIMATERIALEPLASTICORIGIDO RIVESTITE
NELLOROINTERNODAPOLIURETANOESPANSOEBLOCCATEFRALORODAUN
#UFFIE  D"
ARCHETTOMETALLICOPASSANTESOPRAILVERTICEDELCRANIO SOTTOIL
MENTOODIETROLANUCA

4ABELLA #ARATTERISTICHEDEGLIOTOPROTETTORI


GETTIVEDEILAVORATORI ALLELOROCONDIZIONIDILA PROIETTATIDALLATTREZZATURADURANTELEOPERAZIONI


VORO AIPROBLEMIINERENTILASALUTEELASICUREZZA) DIPULIZIADELSOTTOBOSCOETAGLIODELLEPIANTE)N
$0)DEVONOESSEREADEGUATIALRISCHIODAPREVE ALCUNELAVORAZIONIPARTICOLARIUTILIZZAZIONIPOST
NIREEADATTIALLECONDIZIONIESISTENTISULLUOGODI INCENDIOECIPPATURADIMATERIALESECCO ILAVO
LAVORO NELRISPETTODELLEESIGENZEERGONOMICHE RATORIPOSSONOANCHEESSEREESPOSTIAPOLVERI
E DI SALUTE DEL LAVORATORE SENZA COMPORTARE DI ) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE DEGLI OCCHI DEVONO
PERSUNRISCHIOMAGGIOREOCCORREINOLTRECHEIL SODDISFARE ALCUNI CRITERI CONSENTIRE UN AMPIO
DATOREDILAVOROASSICURIUNAADEGUATAFORMAZIO ANGOLODIVISUALESENZADISTORCERELEIMMAGINI
NECIRCAILLOROUSOCORRETTO)NGENERALELASCEL RESISTEREADURTIEGRAFl EVITAREFENOMENIDIAP
TADEI$0)NONFACILEERICHIEDECONOSCENZE PANNAMENTO DELLE SUPERlCI PROTETTIVE ESSERE
TECNICHEESCIENTIlCHENECESSARIAMENTEIL ANTIRImESSO AVERE UNA BUONA PROTEZIONE LATE
FRUTTO DI UNA COLLABORAZIONE MULTI PROFES RALE UNAMONTATURACONFORTEVOLEEFACILMENTE
SIONALETRAMEDICIETECNICICONILCOINVOL REGOLABILE PERMETTEREUNAGEVOLEPULIZIA
GIMENTODEILAVORATORI)NOLTRE PERORIENTARSIIN ) PROTETTORI DEGLI OCCHI E DEL VISO DEVONO ES
QUESTOCAMPO PUESSEREUTILELACONSULTAZIO SERE PREFERIBILMENTE DELTIPOARETE&OTO
NEDELLE,INEE'UIDA)30%3,PERLAVALUTAZIONE EMARCATI#%INCONFORMITALLANORMA5.)%.
DELRISCHIORUMORENEGLIAMBIENTIDILAVORO !LLE 
GATOh3CELTA$0)UDITIVIv3IRICORDACHEUN 0ERLASCELTADIOCCHIALIPROTETTIVIDEVEESSERE
SEMPLICEPROGRAMMAPERLAPPLICAZIONEDEI FATTORIFERIMENTOALLANORMA5.)%.
METODIDISCELTADEI$0)UDITIVI$I0)5 PU
ESSERESCARICATODALSITO).!),WWWINAILIT ODA C0ROTEZIONEDELLEVIE
QUELLO)30%3,WWWISPESLIT  RESPIRATORIE
)LDATOREDILAVORODOVRVERIlCARELEFlCACIADEI )NDAGINI CONDOTTE SULLESPOSIZIONE DEI LAVO
$0) OVVEROLAREALEATTENUAZIONECOMMISURATA
ALLESPOSIZIONEALRUMORE EALLEMODALITDUSO
,ATTENUAZIONEDEI$0)INCOMMERCIO DICHIARATA
DAICOSTRUTTORI RIPORTATANELLA4ABELLAPERTIPO
LOGIADIOTOPROTETTORI
0ROVEINCAMPOHANNOEVIDENZIATOPERCONTROLE
PERDITEDIATTENUAZIONERIPORTATEIN4ABELLA
)REQUISITIDISICUREZZADEGLIINSERTIAURICOLARIEDEL
LECUFlESONOINDICATIDALLENORME5.)%.
    

C0ROTEZIONEDEGLI
OCCHIEDELVISO
)LVISOEDINMODOPARTICOLAREGLIOCCHIRISULTA &OTO 6ISIERADIPROTEZIONEDEGLIOCCHIEDELVISODITIPO
NO ESPOSTI A SCHEGGE DI LEGNO TERRA E SASSI  ARETE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
4IPO #ARATTERISTICHE 0ERDITADIATTENUAZIONE

)NGOMMASILICONICAOINELASTOMERO
)NSERTIAURICOLARI TERMOPLASTICO AUNAOPImANGECURVE
$AINTRODURRECON 0REFORMATI ESOTTILI DISPONIBILIINVARIEMISUREE  D"
MANIPULITEALLINTERNO RIUTILIZZABILIVANNOLAVATIDOPOOGNI
DELCONDOTTOUDITIVO UTILIZZO
INGENEREDOPOAVER
2EALIZZATIINRESINASULLABASEDELLO
TIRATOVERSOLALTO
0ERSONALIZZATI STAMPOINSILICONEDELCONDOTTOUDITIVO  D"
LASOMMITDEL
DELLUTENTE
PADIGLIONEINMODO
DARADDRIZZAREIL )NLANA PIUMAMICROlBRESINTETICHE
CONDOTTO AVVOLTEINUNlLMDIPOLIETILENE
DISPONIBILIINVARIETAGLIE MONOUSO
VANNOINTRODOTTINELCONDOTTOCONUN
-ALLEABILI  D"
LEGGEROMOVIMENTOAVVITANTE0OSSONO
ESSEREREALIZZATIANCHEINCOTONE PARAFlNA
INQUESTOCASO PRIMADELLINSERIMENTO
DEVONOESSEREMODELLATICONLEMANI
2EALIZZATI CON MATERIALE PLASTICO
ESPANSO SCHIUMA POLIURETANICA
DISPONIBILE IN TAGLIA UNICA O DUE
TAGLIE MONOUSO O UTILIZZABILI PER
%SPANDIBILI  D"
DUE TRE TURNI DI LAVORO PRIMA
DELLINTRODUZIONE VANNO PREMUTI E
FATTIGIRARETRAIPOLPASTRELLIINMODO
DAMINIMIZZAREILDIAMETRO
$ETTIANCHEINSERTISEMIAURICOLARI COSTITUITIDADUEPICCOLI
!RCHETTI
TAMPONIINMATERIALEPLASTICOESPANSOOINGOMMA  D"
SILICONICACOLLEGATITRADILORODAUNARCHETTO
#OSTITUITEDADUECONCHIGLIEDIMATERIALEPLASTICORIGIDO
#UFlE
RIVESTITENELLOROINTERNODAPOLIURETANOESPANSOEBLOCCATE  D"
FRALORODAUNARCHETTO

4ABELLA 0ERDITADIATTENUAZIONEDEGLIOTOPROTETTORIRILEVATACONPROVEINCAMPO


RATORIFORESTALIABENZENE EMESSODURANTELA C0ROTEZIONE


COMBUSTIONEDEICARBURANTIUTILIZZATIPERILFUN DELLEMANI
ZIONAMENTODELLEMOTOSEGHE ESULLEPOLVERIDI )LLAVOROINBOSCORENDENECESSARIOCATEGORICA
LEGNO PRODOTTEDURANTEILTAGLIODELLEPIANTE NON MENTE LUTILIZZO DI GUANTI CONFORMI ALLA NORMA
HANNOEVIDENZIATOLIVELLIDIRISCHIOTALIDARENDE 5.)%.&OTO 
REOBBLIGATORIOLIMPIEGODIDISPOSITIVIDIPROTE #OMEPERGLIALTRIINDUMENTIPROTETTIVIANCHELA
ZIONEDELLEVIERESPIRATORIE)NALCUNELAVORAZIONI SCELTADEIGUANTIDEVERISULTAREDAUNATTENTAVA
PARTICOLARIUTILIZZAZIONIPOSTINCENDIOECIPPATURA LUTAZIONEDEIRISCHI FRAIQUALILEVIBRAZIONIEILTA
DIMATERIALESECCO ILAVORATORIPOSSONOANCHE GLIODASEGHEACATENA
ESSEREESPOSTIAPOLVERI PERTANTOIMPORTANTE .ELCASODELLEVIBRAZIONIESISTONOINCOMMERCIO
UTILIZZAREGLIADEGUATI$0)PERLEVIERESPIRATORIE GUANTICOSIDDETTIhANTIVIBRANTIvCONIQUALISIOT
FACCIALIlLTRANTI  TENGONORISULTATIDIATTENUAZIONEDIFFERENTIASE
CONDADELLATTREZZOVIBRANTEUTILIZZATO0ROVEEF

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
)GUANTIDITIPO!PRESENTANOILGUANTOSINISTRO
A CINQUE DITA CON LA ZONA DI PROTEZIONE SUL
DORSODELLAMANO MENTREPERILGUANTODESTRO
NONRICHIESTALAZONADIPROTEZIONE1UALORA
SIA PRESENTE LA PROTEZIONE ANCHE SUL GUANTO
DESTRO QUESTADEVEAVERELESTESSECARATTERI
STICHEDIQUELLADELGUANTOSINISTRO
.EI GUANTI DI TIPO " LA PROTEZIONE SI ESTENDE
ANCHEALLEDITA ADESCLUSIONEDELPOLLICE
1UELLIDITIPO!CONSENTONOUNAMAGGIOREMA
NEGGEVOLEZZAMENTREILTIPO"OFFREUNAMAG
&OTO 'UANTIDIPROTEZIONECONIRINFORZIPERILLAVOROCON GIOREPROTEZIONE
 LAMOTOSEGA #OME GI RICORDATO IN OGNI CASO LUSO DEI
GUANTI PROTEGGE DAL FREDDO LE MANI DELLOPE
RATORE CONTRIBUENDOANCHEINQUESTOMODOA
FETTUATE IN CAMPO HANNO DIMOSTRATO PER I DE RIDURRELIMPATTONEGATIVODELLEVIBRAZIONI
CESPUGLIATORIVALORIDIATTENUAZIONEDELLACCELE
RAZIONE GLOBALE EQUIVALENTE VARIABILI TRA IL  E C0ROTEZIONEDELLE
IL  GLI STESSI GUANTI PROVATI CON DIVERSI TIPI BRACCIAEDELLESPALLE
DIMOTOSEGHEHANNODATOVALORIDIATTENUAZIO .ELCASODIINTERVENTIDIPOTATURACONMOTOSE
NEDELLACCELERAZIONEGLOBALEEQUIVALENTEVARIA GA PU ESSERE NECESSARIO LIMPIEGO DI GIAC
BILITRAILEIL CHE MUNITE DI PROTEZIONI ANTITAGLIO CONFORMI
0ERLAPROTEZIONEDELRISCHIODITAGLIODASEGHE ALLANORMA5.)%. 
ACATENASONODISPONIBILISULMERCATOGUANTIAN
TITAGLIOCHEDEVONOESSERECONFORMIALLANORMA C0ROTEZIONE
5.) %.   E CONTENERE LO SPECIlCO DELLEGAMBE
PITTOGRAMMA $URANTELUTILIZZODELLAMOTOSEGALAZIONEPRO
$EVONOGARANTIRELAPROTEZIONEDALTAGLIOlNOAD TETTIVADEI$0) SECONDOLANORMA5.)%.
UNADETERMINATAVELOCITDELLACATENA  SIREALIZZASECONDOUNODEISEGUENTI
s CLASSE  VELOCIT MASSIMA DELLA CATENA PRINCIPIFUNZIONALI
MS s SCIVOLAMENTODELLACATENAALMOMENTODEL
s CLASSE  VELOCIT MASSIMA DELLA CATENA CONTATTOLACATENANONTAGLIAILMATERIALE
MS s OSTRUZIONELElBREVENGONOTIRATEDALLACA
s CLASSE  VELOCIT MASSIMA DELLA CATENA TENA NELLINGRANAGGIO DI TRASMISSIONE BLOC
MS CANDONEILMOVIMENTO
s FRENATURA DELLA CATENA LE lBRE OPPONGONO
,A NORMA DElNISCE DUE TIPOLOGIE DI GUANTO UNELEVATARESISTENZAALTAGLIOEASSORBONO
PROTETTIVOILTIPO!EDILTIPO" LENERGIAROTAZIONALE RIDUCENDOPERTANTOLA

-ODELLO! -ODELLO" -ODELLO#

&IGURA 4IPOLOGIEDIMODELLIDIPANTALONICONPROTEZIONEANTITAGLIO



,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA
VELOCITDELLACATENA&OTO 
,A NORMA 5.) %.   DElNENDO LE
CARATTERISTICHEDEGLIINDUMENTIPROTETTIVIPERLE
GAMBE PREVEDETREMODELLIDIPANTALONIANTI
TAGLIO! " #&IGURA CHESIDIFFERENZIANOFRA
LOROPERLAPRESENZADELLElBREPROTETTIVESOLO
SULLAPARTEANTERIOREELATERALEDELGAMBALEO
SULLINTERACIRCONFERENZADELGAMBALESTESSO
!I lNI DELLEFlCACIA PROTETTIVA DI QUESTI INDU
MENTISONOPREVISTETRECLASSIINFUNZIONEDELLA
VELOCITMASSIMADELLACATENA
s CLASSE  VELOCIT MASSIMA DELLA CATENA &OTO 0ANTALONIANTITAGLIOLACERATIDACATENADI
MS  MOTOSEGA
s CLASSE  VELOCIT MASSIMA DELLA CATENA
MS
s CLASSE  VELOCIT MASSIMA DELLA CATENA
MS
!TITOLODIESEMPIOLACATENADIUNAMOTOSE !#ALZATURA "#ALZATURA #3TIVALEAL
GA CONUNAPOTENZADI K7 #6 PU BASSA ALLACAVIGLIA POLPACCIO
ESTENSIONEVARIABILE
RAGGIUNGERE I MS 0ERTANTO DEVE ESSERE CHESIPUADATTAREAL
SCELTOUN$0)DICLASSE PORTATORE

!PARITDICLASSEDIPROTEZIONESIPOTRSCE
GLIERE UNO DEI TRE MODELLI ! " O # TENENDO
PRESENTEANCHELASPETTODELCOMFORT
)MODELLI!E"SONODESTINATIALLUSONELNOR $3TIVALEAL %3TIVALE
GINOCCHIO ALLACOSCIA
MALELAVORODIBOSCAIOLIPROFESSIONISTI2ISPET
TOALMODELLO! PICONFORTEVOLE ILMODELLO"
.OTAILMODELLO%UNOSTIVALEALGINOCCHIOMODELLO$ MUNITODI
HALAPROTEZIONECHESIESTENDEDIMMAN UNMATERIALEIMPERMEABILESOTTILECHEPROLUNGAILTOMAIOECHEPU
ESSERETAGLIATOPERADATTARELOSTIVALEALLAMISURADELPORTATORE
CHESULLAPARTEINTERNADELLAGAMBASINISTRAIN
MODODAPROTEGGEREMEGLIOLARTERIAFEMORALE
)L MODELLO # OFFRE UNA MAGGIORE SUPERlCIE &IGURA -ODELLIDICALZATUREPERLAPROTEZIONEDELPIEDE

PROVVISTADIlBREPROTETTIVEASCAPITODELLALEG
GEREZZAEDELLAINDOSSABILIT)LSUOUTILIZZO
CONSIGLIATONELLEATTIVITPIPERICOLOSE
'LI INDUMENTI DI PROTEZIONE PER GLI UTILIZZATORI
DIMOTOSEGHEDEVONORIPORTAREILRELATIVOPIT TEPOLIMERICHECOMPLETAMENTESTAMPATE 
TOGRAMMA 3ALVO INDICAZIONE DIVERSA LE CALZATURE DEVO
NO SODDISFARE I REQUISITI DI BASE RIPORTATI NEL
C0ROTEZIONEDEIPIEDI LA5.)%.)3/ FRAIQUALITROVIA
,ENORMEATTUALMENTEINVIGOREINDIVIDUANODI MOILPUNTALEDIPROTEZIONECONTROILRISCHIODI
VERSIMODELLIDICALZATUREPERLAPROTEZIONEDEL SCHIACCIAMENTODELLEDITADELPIEDE
PIEDE&IGURA  /GNICALZATURADISICUREZZADEVEESSEREMAR
#ONTRO IL RISCHIO DI TAGLIO DA SEGA A CATENA CHIATACONILPITTOGRAMMASPECIlCOELARELATIVA
PORTATILEDEVONOESSEREUTILIZZATECALZATUREDEI CLASSEDIPROTEZIONE
MODELLI# CONTOMAIADIALTEZZAMAGGIOREDI
MM $ED%COMEDESCRITTINELLA5.)%. C0ROTEZIONE
)3/ CLASSIlCATI)O))DALLANORMA DELLINTEROCORPO
5.)%.)3/ 3ISTEMIDIACCESSOEPOSIZIONAMENTOPER
-ODELLI ILAVORIINQUOTA
#LASSIlCAZIONE)CALZATUREDICUOIOEALTRIMA 1UALORADEBBANOESSEREESEGUITILAVORIINQUO
TERIALI ESCLUSECALZATUREINTERAMENTEDIGOM TAESNELMONTAGGIODIIMPIANTIDIGRUACAVO
MAOMATERIALEPOLIMERICO POSIZIONAMENTODICARRUCOLEDIMONTAGGIOODI
#LASSIlCAZIONE))CALZATUREINTERAMENTEDIGOM RINVIO OCCORREADOTTARESISTEMIIDONEIACON
MACOMPLETAMENTEVULCANIZZATE OINTERAMEN SENTIRE LESECUZIONE IN SICUREZZA DELLE FASI DI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO 2AMPONIPERLASALITASUGLIALBERI &OTO /PERATOREINARRAMPICATACONRAMPONI CINTURAE
  CORDINODIPOSIZIONAMENTO

ACCESSO POSIZIONAMENTOEDUSCITADALLUOGO VIMENTICHELOPERATOREDEVEFARE ECOSCIALIDI


DILAVORO IDONEE PROPORZIONI ,A CINTURA DI POSIZIONA
3I TRATTA GENERALMENTE DI LAVORI ESEGUITI SU MENTO DEVE ESSERE SUFlCIENTEMENTE COMODA
PIANTEDIALTOFUSTO,ASALITAPUAVVENIRE EDIMBOTTITA CONALMENODUEATTACCHILATERALI
s CON LA TECNICA DELLARRAMPICATA MEDIANTE PERILlSSAGGIODELCORDINODIPOSIZIONAMENTO
LUTILIZZODIRAMPONIMETALLICI lSSATIALLALTEZ 1UESTO DEVE AVERE UNA LUNGHEZZA MAX M
ZADELPIEDEEDELLACAVIGLIADELLOPERATORE ADEGUATAALLASTRUTTURADISOSTEGNOINTORNOALLA
&OTO EDIUNAIMBRACATURA&OTO  QUALEDEVEESSEREFATTOPASSARE
s CON LA TECNICA DELLACCESSO CON FUNI TREE $EVEINOLTREESSEREDOTATODIUNDISPOSITIVODI
CLIMBING NELLAQUALESIUTILIZZAGENERALMENTE REGOLAZIONERAPIDADELLALUNGHEZZAPERGARAN
UNAFUNECHEVIENEFATTAPASSAREATTRAVERSO TIRE LARRESTO IN CADUTA LIBERA PER UN TRATTO DI
UNA BIFORCAZIONE DELLA PIANTA E ASSICURATA NON OLTRE  M 0ER IL SUPERAMENTO DELLE BI
ALLAPIANTASTESSA FORCAZIONI DI RAMI O SPOSTAMENTI DA ESEGUIRE
.EL CASO DI ARRAMPICATA CON I RAMPONI DEVE SULLAPIANTAINDISPENSABILELAPRESENZADIUN
ESSERE UTILIZZATA UNA IMBRACATURA ANTICADUTA SECONDOCORDINODIPOSIZIONAMENTO.ELCASO
CONFORMEALLANORMA5.)%.&IGURA SIUTILIZZINOSTRUMENTITAGLIENTIRONCOLA ACCET
 CONINCORPORATALACINTURADIPOSIZIONAMEN TA MOTOSEGAECC ALMENOUNODEIDUECORDINI
TO CONFORMEALLANORMA5.)%.&I DEVEESSEREDELTIPOCONANIMADIACCIAIOCON
GURA $EVEAVEREBRETELLE ADEGUATEAIMO TROILTAGLIOACCIDENTALE

&IGURA )MBRACATURA ANTICADUTA CON CINTURA DI POSIZIO &IGURA #INTURAECORDINODIPOSIZIONAMENTO


 
NAMENTO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
 0RONTO3OCCORSO

A REILSISTEMADIEMERGENZA DESIGNANDO SENON


#ONSIDERAZIONI PROVVEDEDIRETTAMENTEINMERITO UNOOPILAVO
GENERALI RATORI APPOSITAMENTEINCARICATI AIQUALIDEVEGA
RANTIREFORMAZIONESPECIlCA)L$-UNA
)L PROBLEMA DELLEMERGENZA SANITARIA NELLATTIVIT NORMADISTAMPOEUROPEOCHEAFlDAUNRUOLODE
DISELVICOLTURARIVESTEIMPORTANZARILEVANTESIAPER TERMINANTEALDATOREDILAVOROCHE AVVALENDOSI
LAFREQUENZAELAGRAVITDEGLIINFORTUNI LEGATEALLA SEPRESENTE DELMEDICOCOMPETENTE GESTISCEIL
TIPOLOGIAPRODUTTIVA CHEPERLECONDIZIONIDIISO PROPRIOSISTEMADIEMERGENZAAZIENDALERAPPOR
LAMENTOELONTANANZADACENTRIABITATIESTRUTTU TANDOSIALSISTEMADIEMERGENZAPUBBLICO0RON
RESANITARIEDEILUOGHIINCUIVIENESVOLTALATTIVIT TO3OCCORSO/SPEDALIEROE )L$-
/RGANIZZAREUNSISTEMARAZIONALEEDEFlCACEDI DIFATTOMODULALORGANIZZAZIONEAZIENDALERISPET
PRIMOSOCCORSOPERISOGGETTICHESUBISCONOIN TOALLEMERGENZASULLABASEDITRECATEGORIEGRUP
FORTUNIOOPRESENTANOUNMALOREMENTRELAVORA PI! "E# NELLEQUALILEUNITPRODUTTIVEVENGO
NONELBOSCORAPPRESENTAPERTANTOUNESIGENZA NOCLASSIlCATEINBASEAICRITERIINDICATINELLA4A
PRIMARIADALLAQUALENONPOSSIBILEPRESCINDERE BELLA
.ONACASOCHEPARLIAMODIPRIMOSOCCOR ,APPARTENENZAADUNODEITREGRUPPISIRImETTE
SOOVVEROSEMPLICIMANOVRECOMPIUTEDALAVO sSULLADOTAZIONEMINIMADIATTREZZATURECASSETTA
RATORIFORMATI ORIENTATEAMANTENERESOTTOCON DIPRONTOSOCCORSOPERILGRUPPO!E" PAC
TROLLOLEFUNZIONIVITALIDELSOGGETTOINFORTUNATOO CHETTODIMEDICAZIONEPERILGRUPPO# 
COLPITODAMALORE ATTRAVERSOLAUSILIODIMEZZIE s SULLA QUALIT E LA QUANTIT DELLA FORMAZIONE RI
STRUMENTICONTENUTINELLACASSETTAONELPACCHET CHIESTAAGLIADDETTIDESIGNATIALLEMERGENZASA
TODIMEDICAZIONE INATTESADELLARRIVODEIMEZZI NITARIACORSIDIOREPERILGRUPPO! PER
DISOCCORSOOPPORTUNAMENTEALLERTATI)LPRONTO "E# 
SOCCORSONORMALMENTEINTESO INVECE CONSISTE sSULLEMODALITDIRACCORDODATENERSITRAILSISTE
INUNASERIEDIATTICOMPLESSI CONRICORSOASTRU MADIPRONTOSOCCORSOINTERNOEDILSISTEMADI
MENTIEFARMACI ESEGUITIDAPERSONALESPECIALIZ EMERGENZASANITARIAPUBBLICOOBBLIGATORIOPER
ZATOMEDICI INFERMIERI  LEAZIENDEDELGRUPPO! 
s SULLOBBLIGO DI NOTIlCA ALLA !53, TERRITORIAL
B MENTECOMPETENTEDAPARTEDELLEAZIENDEAP
.ORMATIVAINVIGORE PARTENENTIALGRUPPO!
)NPARTICOLARELAZIENDADEVEPREDISPORREUNPRO
)L  FEBBRAIO DEL  ENTRATO IN VIGORE IL TOCOLLO ARTICOLATO PER LA GESTIONE DELLEMERGEN
$- DEL  CHE RAPPRESENTA LO ZASANITARIA ATTRAVERSOUNPRECISOPERCORSOCHE
STRUMENTOOPERATIVOPERLAMESSAINATTODE DEVETENERECONTODEISEGUENTIASPETTI
GLIASPETTITECNICIEORGANIZZATIVIDELSISTEMADI sATTENTAVALUTAZIONEDELPROCESSOLAVORATIVO
EMERGENZAAZIENDALE%SSORECEPISCELART s IDENTIlCAZIONE E STIMA DEI RISCHI SPECIlCI CHE
DEL$,GSCHESTABILIVACHEILDATOREDI NEDERIVANO
LAVORO IN BASE ALLE CARATTERISTICHE DELLAZIENDA sAZIONIEPROCEDUREDAATTUAREPERCONTENERETALI
SENTITOILMEDICOCOMPETENTE DEVEORGANIZZA RISCHI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
sVALUTAZIONEDELRISCHIRESIDUI sTELISTERILIMONOUSO 
sESAMEDELLAPROPRIASTRUTTURAORGANIZZATIVA sPINZETTEDAMEDICAZIONESTERILIMONOUSO 
sCARATTERISTICHEDELLUOGOOVESIOPERA sCONFEZIONERETEELASTICADIMISURAMEDIA 
s DISTANZA E RAGGIUNGIBILIT DEL POTENZIALE IN sCONFEZIONEDICOTONEIDROlLO 
FORTUNATODAPARTEDEIMEZZIDIEMERGENZA s CONFEZIONE DI CEROTTI DI VARIE MISURE PRONTI
sNUMERODEILAVORATORIPOTENZIALMENTEARISCHIO ALLUSO 
sDElNIZIONEDELLEPROCEDUREOPERATIVEPERGLI sROTOLIDICEROTTOALTO CM 
ADDETTIALPRIMOSOCCORSOAZIENDALE sFORBICI 
sATTIVAZIONE DI PIANI DI FORMAZIONE E ADDE sLACCIEMOSTATICI 
STRAMENTO sGHIACCIOPRONTOUSO 
sPROCEDUREDATTIVAZIONEDEL0RONTO3OCCOR sSACCHETTIMONOUSOPERRACCOLTARIlUTISANITARI 
SOESTERNO sTERMOMETRO
sIDENTIlCAZIONEDELLACATEGORIADAPPARTENEN s APPARECCHIO PER LA MISURAZIONE DELLA PRES
ZADELLAZIENDAECOMUNICAZIONE PERQUELLE SIONEARTERIOSA
DELGRUPPO!VEDICRITERIINDICATINELLA4ABEL
LA ALL!53,DAPPARTENENZA #ONTENUTO MINIMO DEL PACCHETTO DI
,EAZIENDEOUNITPRODUTTIVEDI'RUPPO!O MEDICAZIONE COS COME DA ALLEGATO ))
"DEVONODOTARSIDELLACASSETTADIPRONTOSOC $,GS &OTO
CORSO MENTRELEAZIENDEDEL'RUPPO#DEVO sGUANTISTERILIMONOUSOPAIA 
NOAVEREALMENOILPACCHETTODIMEDICAZIONE smACONEDAMLDISOLUZIONECUTANEADIIO
DOPOVIDONEALDIIODIO 
#ONTENUTOMINIMODELLACASSETTADIPRON s mACONE DI SOLUZIONE lSIOLOGICA DA ML
TO SOCCORSO COS COME DA ALLEGATO ) SODIOCLORURO   
$,GS &OTO s COMPRESSE DI GARZE STERILI X IN BUSTE
sGUANTISTERILIMONOUSOPAIA  SINGOLE 
sVISIERAPARASCHIZZI s COMPRESSE DI GARZE STERILI X IN BUSTE
smACONEDALITRODISOLUZIONECUTANEADIIO SINGOLE 
DOPOVIDONEALDIIODIO  sPINZETTEDAMEDICAZIONESTERILIMONOUSO 
smACONIDISOLUZIONElSIOLOGICADAMLSO sCONFEZIONEDICOTONEIDROlLO 
DIOCLORURO    s CONFEZIONE DI CEROTTI DI VARIE MISURE PRONTI
s COMPRESSE DI GARZE STERILI X IN BUSTE ALLUSO 
SINGOLE  sROTOLIDICEROTTOALTO CM 
s COMPRESSE DI GARZE STERILI X IN BUSTE sROTOLODIBENDAORLATADICM 
SINGOLE  sFORBICI 

4IPODIAZIENDAODIUNIT .LAVORATORI
PRODUTTIVA     
)NDICEINFORTUNISTICODINABILIT 'RUPPO# 'RUPPO" 'RUPPO"
PERMANENTEINFERIOREOUGUALEA
)NDICEINFORTUNISTICODINABILIT 'RUPPO# 'RUPPO" 'RUPPO!
PERMANENTESUPERIOREA
!GRICOLTURA 'RUPPO# 'RUPPO" 'RUPPO!


,AVORATORIATEMPOINDETERMINATO3ONOINOLTRECLASSIlCATENEL'RUPPO! PRESCINDENDODALNUMERODEILAVORATORI
sLEAZIENDESOGGETTEADOBBLIGODIDICHIARAZIONEONOTIlCA!RT$,GS 
sLECENTRALITERMOELETTRICHE GLIIMPIANTIEDILABORATORINUCLEARI!RT E$,GS 
sLEAZIENDEESTRATTIVEEDALTREATTIVITMINERARIE$,GS 
sILAVORIINSOTTERRANEO$02 
sLAFABBRICAZIONEDIESPLOSIVI DIPOLVERIEDIMUNIZIONI

4ABELLA #LASSIlCAZIONEDELLEAZIENDEODELLEUNITPRODUTTIVEDAh)PRIMIINDIRIZZIAPPLICATIVIDEL$-N
 COORDINAMENTOTECNICOINTERREGIONALEDELLAPREVENZIONENEILUOGHIDILAVOROvDEL


,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO #ASSETTADIPRONTOSOCCORSO &OTO 0ACCHETTODIMEDICAZIONE
 

sLACCIOEMOSTATICO  TRIURBANIESTRUTTURESANITARIE SIRITIENEOPPOR


sGHIACCIOPRONTOUSO  TUNO CHE QUESTE VENGANO CONSIDERATE COME
sSACCHETTIMONOUSOPERRACCOLTARIlUTISANI SINGOLE UNIT PRODUTTIVE DOTATE QUINDI DELLE
TARI  ATTREZZATURE NECESSARIE ED AL CUI INTERNO SIA
sISTRUZIONISULMODODIUSAREISUDDETTIPRESI SEMPREPRESENTEPERSONALEFORMATOINNUME
DIEPRESTAREIPRIMISOCCORSINELLATTESADEL ROSUFlCIENTE$EVONOESSEREPREDISPOSTIPRO
SERVIZIODEMERGENZA TOCOLLIINTERNICHEDElNISCANOINMODOPUNTUA
4RATTANDOSIDICONTENUTIMINIMIPOSSIBILEINTE LEIRUOLIEICOMPORTAMENTICHECIASCUNLAVORA
GRARLISIADALPUNTODIVISTAQUANTITATIVOCHEQUA TOREDEVETENEREINCASODIEMERGENZASANITA
LITATIVO INBASEALLECARATTERISTICHEDELLAZIENDA RIA,ADElNIZIONEDELLEPROCEDURECOMPORTA
EALLATIPOLOGIADEIRISCHISPECIlCI COINVOLGEN MENTALIELORGANIZZAZIONEDELLEAZIONINECES
DO SEDELCASO ILMEDICOCOMPETENTE SARIE PER ATTUARLE SONO ASPETTI DI IMPORTANZA
1UALORANONSIAPRESENTEILMEDICOCOMPETEN PRIORITARIAPERGARANTIREUNEFlCACEINTERVENTO
TEILDATOREDILAVOROPUAVVALERSIDELLASSISTEN )NCASODINFORTUNIOOPPORTUNOTENEREISE
ZADEL3ERVIZIODI0REVENZIONE)GIENEE3ICUREZ GUENTICOMPORTAMENTI
ZANEI,UOGHIDI,AVORO0)3,, DELL!53, sMANTENERELACALMA
3ELATTIVITVIENESVOLTAINLUOGHIISOLATISIDEVE sESAMINARELINFORTUNATOEVALUTARELANATURAE
PROVVEDEREACHEILAVORATORISIANOFORNITIALME LENTITDELDANNOSUBITO
NODELPACCHETTODIMEDICAZIONEEDIUNMEZ sAVVERTIREILPRECISANDOILLUOGOELECIRCO
ZODICOMUNICAZIONEIDONEOADATTIVAREILPI STANZEDELLEVENTO LECONDIZIONIDELLINFORTU
RAPIDAMENTE POSSIBILE IL SISTEMA DEMERGEN NATO LEINDICAZIONINECESSARIEPERILRAGGIUN
ZAOPPORTUNOCHEINOGNISQUADRADILAVORO GIMENTODELLUOGODELLINCIDENTE
SIAPRESENTEUNNUMEROADEGUATODIADDETTIAL sCONFORTARELINFORTUNATO
PRIMO SOCCORSO AZIENDALE CHE DEVONO ESSERE sINDOSSAREIGUANTIMONOUSO
PROVVISTI OINOGNIMODOAVEREFACILEACCESSO A sPRESTARELEPRIMECURE
TELEFONIlSSI CELLULARI RICETRASMITTENTIEALTRIMEZ sCONTROLLARELEFUNZIONIVITALIDELLINFORTUNATO
ZIOSISTEMIDALLARMEASECONDADELLATIPOLOGIA sPRATICARE EVENTUALMENTE LEMANOVREDITIPO
DI LAVORO DELLA DISTANZA DALLA SEDE DI LAVORO E RIANIMATORIO",3 
DELLADISTANZADALPRONTOSOCCORSOPIVICINO 3IRICORDACHENONSIDEVE
sMETTEREINPERICOLOLAPROPRIAVITA
C sSVOLGEREINTERVENTISUPERIORIALLEPROPRIECA
,EMERGENZASANITARIA PACIT
NELSETTOREFORESTALE sSPOSTARELINFORTUNATOAMENOCHENONVISIA
UNIMMINENTEPERICOLO
%NTRANDONELLOSPECIlCO POICHLEATTIVITFO sTOGLIEREEVENTUALIOGGETTIESTRANEI
RESTALI VENGONO SVOLTE DA SQUADRE COSTITUITE s SOMMINISTRARE LIQUIDI IN PARTICOLARE BEVAN
DAUNNUMERORIDOTTODILAVORATORICHEOPERA DEALCOLICHE
NOSPESSOINAMBIENTEISOLATO LONTANIDACEN sTOCCAREAMANINUDELAFERITA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA
IMPAGINATOASLINDD   
 )LCANTIEREFORESTALE

) CANTIERI FORESTALI OCCUPANO SOLITAMENTE UNA TERMINATOAMBIENTE PERSCEGLIERELEMACCHINE


PORZIONE DI TERRITORIO MOLTO AMPIA CHE PU ELEATTREZZATUREDAIMPIEGAREEPIANIlCAREILLA
AVERECARATTERISTICHEDIFlCILISIADAUNPUNTODI VOROINFUNZIONEDELLASICUREZZADEGLIADDETTI
VISTAOROGRAlCOCHEVEGETAZIONALEESONOSI #ONILSOPRALLUOGODEVONOESSEREVALUTATIISE
TUATISPESSOLONTANODAICENTRIAZIENDALIEODA GUENTIASPETTI
CENTRIABITATI sDISTANZADAICENTRIABITATI
,A CONOSCENZA DEI LUOGHI LORGANIZZAZIONE sCARATTERISTICHEETIPOLOGIADELLEVIEDIACCES
TECNICO OPERATIVA DEL LAVORO LA SCELTA DELLE SOALCANTIEREFORESTALE
MACCHINE E DELLE ATTREZZATURE LA VALUTAZIONE sINTERFERENZACONSTRADEPERCORSEDAPERSONE
DEIRISCHI LINDIVIDUAZIONEELADOZIONEDIPRO EOAUTOVEICOLI
CEDUREDILAVORO LASCELTADEIDISPOSITIVIDIPRO sDISTANZADALPIVICINOPRONTOSOCCORSO
TEZIONE INDIVIDUALE LINFORMAZIONE LA FORMA s EVENTUALE POSSIBILIT DI ATTERRAGGIO DELLELI
ZIONEELADDESTRAMENTODEGLIOPERATORI SONO COTTERODEL
ELEMENTIESSENZIALIPERPIANIlCAREILLAVOROELA s COPERTURA DELLA TELEFONIA CELLULARE O DI ALTRI
SICUREZZADEGLIADDETTI MEZZIDICOMUNICAZIONEALTERNATIVI
!LTRO ELEMENTO FONDAMENTALE PER LA SALUTE E sPRESENZADILINEEELETTRICHEAEREE
LA SICUREZZA DEI LAVORATORI LA DISPONIBILIT DI sVERIlCADELLAPRESENZAOMENODIAREEINTE
ADEGUATE INFRASTRUTTURE COME STRADE E PISTE RESSATEDAATTIVITESCURSIONISTICHE DACAC
FORESTALI MAANCHERICOVERI NECESSARIPERLA CIAEDAPESCA
VORARECONMAGGIORSICUREZZA SEMPLICIT RA sPOSSIBILIINTERFERENZECONLAVORAZIONIAGRICOLE
ZIONALITEDECONOMICIT EOFORESTALISVOLTEDAALTRI
.EI CAPITOLI CHE SEGUONO SONO INDICATI GLI sTIPOLOGIADELLAVORODASVOLGEREDIRADAMEN
ASPETTI FONDAMENTALI RIGUARDANTI LA SICUREZZA TOINFUSTAIA TAGLIODICEDUO TAGLIOlTOSANI
NELLA PREDISPOSIZIONE GENERALE DEL CANTIERE E TARIO TAGLIODIMATURITINFUSTAIAECC 
NEIVARILAVORIDIUTILIZZAZIONEFORESTALE CONIRI sCARATTERISTICHEOROGRAlCHEDELTERRENOPEN
SCHISPECIlCIINSITINELLEVARIELAVORAZIONIENELLE DENZA ACCIDENTALIT PRESENZADICORSIDAC
DIVERSEATTREZZATUREIMPIEGATE QUAECC 
5NA VOLTA EFFETTUATO IL SOPRALLUOGO E STABILITE
A QUELLECHESONOLESCELTETECNICHEELEPROCE
0REDISPOSIZIONE DUREDAADOTTARE ILDATOREDILAVOROOALTRAPER
GENERALEDELCANTIERE SONAESPERTADAQUESTIDELEGATA PROVVEDEA
s SEGNALARE LA PRESENZA DEL CANTIERE FORESTA
0RIMA DI INTRAPRENDERE QUALSIASI TIPO DI LAVO LEAGLIESTRANEITRAMITESEGNALIDIDIVIETO DI
RAZIONEFORESTALECHITAGLIAILBOSCOCHESIAIL PERICOLO ED AVVERTIMENTO $,GS 
PROPRIETARIODELFONDOCHETAGLIADIRETTAMENTE PREDISPOSTI IN PROSSIMIT DEI PASSAGGI UFl
OTERZIDALUIINCARICATI OALTRISOGGETTIPUBBLICI CIALIVIABILITPRINCIPALE VIABILITSECONDARIA
OPRIVATI DEVEESEGUIREUNSOPRALLUOGOCONO ESENTIERIPERESCURSIONISTI EOINPROSSIMI
SCITIVO DELLAREA PER VALUTARE I RISCHI CONNESSI TDIZONEINTERESSATEAPARTICOLARIOPERAZIO
ALLEFUTUREOPERAZIONIDAEFFETTUAREINQUELDE NI COME PER ESEMPIO LAREA DI ARRIVO DEL

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
s INFORMARE FORMARE ED ADDESTRARE IL CAPO
CANTIERE ILCAPOSQUADRAEDILAVORATORISULLE
PROCEDUREDATENEREINCASODIEMERGENZA
sPERLEEVENTUALISITUAZIONIDIEMERGENZAMET
TERE A DISPOSIZIONE I NUMERI UTILI  
ECC OLEMODALITDIATTIVAZIONEDELSISTEMA
DI EMERGENZA CON LINDICAZIONE DELLESATTA
POSIZIONE DEL CANTIERE IN MODO DA ESSERE
RAGGIUNTIAGEVOLMENTEDAISOCCORRITORI
sINFORMAREILAVORATORISULLEVENTUALEPRESENZA
DILINEEELETTRICHEAEREEESULLEPROCEDUREDA
ADOTTAREDURANTEILAVORIDASVOLGEREINPROS
SIMITDELLELINEESTESSE
sEQUIPAGGIARELASQUADRADELLEATTREZZATUREDI
&OTO #ARTELLODIDIVIETODIACCESSOALCANTIEREFORESTALE

PRONTOSOCCORSONECESSARIE
0ERMEGLIOPIANIlCAREILLAVORODEVEESSEREIN
DIVIDUATAOPREDISPOSTAUNAREAAVENTEDIMEN
SIONISUFlCIENTIPERLEMANOVREEDILPARCHEGGIO
DEIMEZZI1UESTEAREESERVONOANCHECOME
LALEGNAAVVALLATATRAMITERISINEINPOLIETILENE ZONEPERLOSCARICOEDILDEPOSITOTEMPORANEO
CANALETTE OLAZONAINTERESSATADALLESBO DIEVENTUALIATTREZZATUREDAIMPIEGARSIDURANTE
SCOTRAMITEGRUACAVO RICORRENDOALLALORO LELAVORAZIONI
DELIMITAZIONEOCHIUSURAQUANDONECESSA ) MEZZI DEVONO ESSERE PARCHEGGIATI IN
RIO TRAMITENASTRIDISEGNALAZIONEFETTUCCIA MODODANONOSTACOLAREILAVORIELEVEN
BIANCO ROSSA OQUANTALTROPOSSASERVIREAD TUALEACCESSOAISOCCORRITORI
INTERDIRELACCESSOEDILPASSAGGIO INMODO !LMENO UN AUTOMEZZO IMPIEGATO PER IL
TALECHEILCANTIERESIABENINDIVIDUABILEDAL TRASPORTODELPERSONALE DEVEESSEREPAR
LESTERNO&OTO  CHEGGIATOINPOSIZIONEPRONTOALLAPARTEN
sSENECESSARIOEPREVISTO INCASODIOSTACO ZAEDIREZIONATOVERSOLAVIAPERRAGGIUNGERE
LOPERILVOLOAEREOTELEFERICHE SEGNALARELA UNPUNTODIINCONTROCONGLIEVENTUALISOCCOR
PRESENZADELCANTIEREAGLIENTICOMPETENTI RITORI O PER RAGGIUNGERE NEL PI BREVE TEMPO
sDOTAREILCANTIEREDELLAPREVISTAENECESSARIA POSSIBILEILPIVICINOPRONTOSOCCORSO
SEGNALETICA CON LE PRESCRIZIONI DI SICUREZZA )N PROSSIMIT DEL CANTIERE DEVE SEMPRE
&OTO  RIMANERE UN MEZZO DI TRASPORTO PER IL
sSEGNALARELAPRESENZADIOSTACOLIEOSITUA PERSONALE
ZIONI DI PERICOLO LUNGO LE STRADE E LE PISTE )NRELAZIONEALLADISTANZADELCANTIEREDAL
FORESTALI DA PERCORRERE CON AUTOVEICOLI EO CENTRO AZIENDALE PU ESSERE NECESSARIO
TRATTORI METTEREADISPOSIZIONEDEILAVORATORIUNA
sREALIZZAREOPEREDIASSESTAMENTOEODICON STRUTTURA ADIBITA A RIFUGIO DOVE I LAVORATORI
SOLIDAMENTOEODIRIPRISTINODELLESTRADEEO POSSONOTROVARERICOVEROQUANDOINDISPEN
DELLEPISTEESISTENTIOVVIAMENTEDOPOAVER SABILESOSPENDEREILAVORIPERESEMPIOINCASO
OTTENUTOLAUTORIZZAZIONEDAGLIENTIPREPOSTI DIMALTEMPO EDURANTELEOREDEIPASTI
QUANDONECESSARIA  !LLINTERNODIQUESTASTRUTTURA UTILEASUPPOR
s DOTARE IL CANTIERE DELLE MACCHINE DELLE AT TAREILAVORATORINELCORSODELLATTIVIT POSSONO
TREZZATURE DELLEINFRASTRUTTUREEDIQUANTAL ESSERE COLLOCATE LE ATTREZZATURE PER IL PRONTO
TROSIANECESSARIOALLADEGUATOSVOLGIMENTO SOCCORSO PERPOTERPRESTARELEPRIMEIMME
DELLELAVORAZIONI DIATECURECASSETTADIPRONTOSOCCORSOOPAC
s DETERMINARE IL NUMERO E REGISTRARE I NOMI CHETTO DI MEDICAZIONE E LE APPARECCHIATURE
NATIVI DEGLI ADDETTI CHE FARANNO PARTE DELLA TELEFONO CELLULARE RICETRASMITTENTE ECC PER
SQUADRADILAVORO4RAESSIDOVRESSEREIN COMUNICARE LE EVENTUALI NECESSIT DI SOCCOR
DIVIDUATOILCAPOSQUADRAEOILCAPOCANTIE SOEOEMERGENZAINCASODITELEFONODEVONO
REO PIINGENERALE DElNIRELORGANIGRAM ESSERELASCIATIAVISTAINUMERITELEFONICIPIUTILI
MA DI CANTIERE E LE RESPONSABILIT DI CHI LO OLTREALCHETUTTIORMAICONOSCONO 
COMPONE 1UESTEATTREZZATUREDIEMERGENZA SEILCANTIE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
#ANTIERITEMPORANEIEMOBILI

)L$,GSDELAGOSTOCONCERNELEPRESCRI
ZIONIMINIMEPERLATUTELADELLASALUTEEPERLASICUREZZA
DEILAVORATORIIMPIEGATINEICANTIERITEMPORANEIEMOBILI
)NPARTICOLARELARTLETTA DElNISCECANTIERETEMPORA
NEOOMOBILEQUALUNQUELUOGOINCUISIEFFETTUANOILAVORI
EDILIODIGENIOCIVILETRAIQUALILEOPEREDIBONIlCA DISI
STEMAZIONEFORESTALEEDISTERRO
)L -INISTERO DEL ,AVORO E DELLA 0REVIDENZA 3OCIALE HA
CON LEMANAZIONE DI DUE #IRCOLARI SUCCESSIVAMENTE
CHIARITOLAMBITODELLALEGGESTABILENDO CONLANDEL
 CHEhLELAVORAZIONIINDIVIDUATENELLALLEGATO)
RIENTRANONELCAMPODIAPPLICAZIONEDELDECRETOSOLONEL
LAIPOTESICHESISVOLGANOALLINTERNODIUNCANTIEREEDILEO
DIGENIOCIVILEOVVEROCOMPORTINOLAVORIDITALGENEREv
,A#IRCOLARENDELMARZOINMERITOALLALLEGA
TO) ATTIVITDISISTEMAZIONEFORESTALE SPECIlCACHEh!I
lNIDELLINDIVIDUAZIONEDELLEATTIVITFORESTALIRIENTRANTINEL
CAMPODIAPPLICAZIONEDELDECRETOLEGISLATIVON
&OTO #ARTELLOCONLEPRESCRIZIONIDISICUREZZA VACHIARITOCHETALIATTIVITSONOSOLOQUELLEASSIMILABILIA
 OPERAZIONIPROPRIEDEICANTIERIEDILIODIGENIOCIVILEQUA
LIPERESEMPIOLACOSTRUZIONEDIMANUFATTIPERLASISTE
MAZIONEDICORSIDACQUA LAPULIZIADIALVEI LAPERTURADI
STRADE ECCv
RESIALLONTANAANCHEDAQUESTOhPICCOLOvCEN 1UINDIILCANTIEREFORESTALEALLESTITOPERLEOPERAZIONIDI
TRO AZIENDALE DECENTRATO E QUALORA LE LAVORA ABBATTIMENTO ALLESTIMENTOEDESBOSCONONRIENTRANELLA
ZIONISISVOLGANOINLONTANANZADAIMEZZICON DElNIZIONEDICANTIERETEMPORANEOOMOBILEAISENSIDEL
$,GS
IQUALISTATARAGGIUNTALAREADILAVORO DEVO
2IMANEINTESOCHESONOFATTESALVELEDISPOSIZIONICONTE
NO OVVIAMENTE ESSERE PORTATE AL SEGUITO DAI NUTENEL$,GSESUCCESSIVEMODIlCHEEDINTE
LAVORATORI GRAZIONIELALEGISLAZIONEVIGENTEINMATERIADIPREVENZIO
NEINFORTUNIEDIIGIENEDELLAVORO
B
,ORGANIZZAZIONEDEL
LAVORO LINFORMAZIONE
LAFORMAZIONE RIVESTEUNRUOLOFONDAMENTALEPERUNACORRET
ELADDESTRAMENTO TAGESTIONEDEGLIINTERVENTIDIPREVENZIONE IN
FATTI NECESSARIO CHE IL DATORE DI LAVORO PRE
4UTTIILAVORICHESONOEFFETTUATINELLEAREEBO DISPONGA TUTTE LE MISURE OPPORTUNE VOLTE AD
SCHIVE SONO DIFlCILI COMPLESSI E FATICOSI IN INTEGRAREINMODOCOERENTELECONDIZIONITECNI
QUANTO RICONDUCIBILI AD ATTIVIT CHE VENGONO CHE PRODUTTIVEEDORGANIZZATIVEDELLAZIENDA
INmUENZATEDAUNAMOLTEPLICITDIVARIABILINON NONCHLINmUENZADEIFATTORIDELLAMBIENTENEL
RISCONTRABILIINALTRIAMBITILAVORATIVI QUALESIOPERA
.ELLE UTILIZZAZIONI FORESTALI COME DEL RESTO IN ,E COMPONENTI CHE CONCORRONO AD UNA EFl
OGNI ALTRO SETTORE LAVORATIVO LORGANIZZAZIONE CACE ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO IN AMBITO FO
DELLAVOROFONDAMENTALESIAAIlNIPRODUTTIVI RESTALESONO
CHEPERLARIDUZIONEDEGLIINFORTUNIEDELLEMA sLACONOSCENZADELLAMBIENTENELQUALESIAN
LATTIEPROFESSIONALI DRADOPERARE
!TTRAVERSO UNA ADEGUATA ORGANIZZAZIONE E s LINDIVIDUAZIONE DI TECNICHE DI LAVORO ADE
PIANIlCAZIONEDELLAVOROSIHAUNMIGLIORESFRUT GUATE
TAMENTODEIFATTORIDELLAPRODUZIONE UNARIDU sLASCELTAELUSODIMACCHINEEDATTREZZATURE
ZIONEDEITEMPIMORTI UNAOTTIMALEREINTEGRA IDONEEALLAVORODASVOLGERE
ZIONEDEICAPITALIINVESTITI UNLAVOROMENOUSU sLADOZIONEDIPROCEDUREOPERATIVE
RANTEEDAFFATICANTEEDUNAMAGGIORECONSA s LA SCELTA E LUSO DI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE
PEVOLEZZADEIRISCHIAIQUALISIESPOSTI INDIVIDUALI
.EL$,GSLORGANIZZAZIONEDELLAVORO s LINFORMAZIONE LA FORMAZIONE E LADDESTRA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
MENTODEGLIOPERATORI FONDAMENTALE ALDILDELLADElNIZIONEDEISIN
,INTERAZIONETRAIFATTORISOPRAELENCATIFON GOLIPROVVEDIMENTIATTUATISULPIANOPREVENTIVO
DAMENTALEPERGESTIRECORRETTAMENTEGLIINTER IDENTIlCARELASICUREZZANEILUOGHIDILAVORONON
VENTIDIPREVENZIONEEPROTEZIONEDEIRISCHIIN COMEUNPROCESSOFRAMMENTATO MACOMEUN
AMBITOLAVORATIVO PROGETTOINTEGRATOCHETIENECONTODITUTTELE
3ECONDO QUESTA IMPOSTAZIONE IL LAVORO DEVE ESPERIENZE ACQUISITE NEL CORSO DEL TEMPO E
ESSERECONSIDERATOCOMEUNPROCESSOCOSTI DELLINNOVAZIONETECNOLOGICA
TUITODAISEGUENTIELEMENTI $I FONDAMENTALE IMPORTANZA RISULTA QUINDI LA
sLUOMO INFORMAZIONE LA FORMAZIONE LADDESTRAMEN
sLAMBIENTENELQUALEINTERAGISCE TO LACONSULTAZIONEELAPARTECIPAZIONEDEILA
sLEMACCHINEELEATTREZZATUREIMPIEGATEPER VORATORI ANCHEATTRAVERSOILORORAPPRESENTATI
SVOLGERELELAVORAZIONI 2,3 CIRCAGLIASPETTIRIGUARDANTILASICUREZ
sLEMODALITELEPROCEDURECHEREGOLANOTALI ZAELASALUTESULLUOGODILAVOROINMODOTALE
INTERAZIONI CHELESCELTETECNICHEEPROCEDURALISIANOCO
,AGESTIONEDEIRISCHISIESTRINSECACONLANALISI NOSCIUTEECONDIVISEDATUTTIILAVORATORI
ELEVENTUALEELIMINAZIONEDELLECONDIZIONICHE
ALLINTERNODIQUESTOSISTEMA OSTACOLANOLECOR C
RETTEINTERAZIONICHEREGOLANOILRAPPORTOUOMO )LAVORIDIUTILIZZAZIONE
UOMO UOMOAMBIENTEEUOMOMACCHINA POI INBOSCO
CHPROPRIOLAPERSONA ILLAVORATORE ILFULCRO
DITUTTELESCELTETECNICOOPERATIVEEDQUINDI 2IENTRANONORMALMENTENELTERMINEDIUTILIZZA
DIFONDAMENTALEIMPORTANZA OLTRECHEADESSE ZIONI FORESTALI I LAVORI DI ABBATTIMENTO ALLESTI
RERESOOBBLIGATORIODAL$,GS CHEGLI MENTOSRAMATURA SEZIONATURAODEPEZZATURA
OPERATORIRICEVANOUNAADEGUATAINFORMAZIONE SCORTECCIATURA CONCENTRAMENTO ESBOSCODEL
FORMAZIONEEDADDESTRAMENTOCIRCA MATERIALE LEGNOSO E LE LAVORAZIONI ALLIMPOSTO
sIRISCHICONNESSIALLEATTIVITFORESTALIEDIPOS QUALI LA CIPPATURA LA SCORTECCIATURA IL CARICO
SIBILIDANNI SUIMEZZIDITRASPORTO!QUESTESONOCONNES
sLESCELTETECNICHE SI UNA SERIE DI ALTRI INTERVENTI ACCESSORI QUALI
sLIMPIEGODELLEMACCHINEEDELLEATTREZZATURE PERESEMPIO ILDECESPUGLIAMENTO LASPALCA
sIRISCHIRELATIVIALLASPECIlCAMANSIONESVOLTA TURA LAPOTATURAECC
ESLUSODELLAMOTOSEGA  0ERABBATTIMENTOSIINTENDELARECISIONEDE
sLEPROCEDUREDAADOTTARE GLIALBERIALPIEDEEDILLOROATTERRAMENTO,A
sLIMPIEGODIIDONEI$0) SRAMATURACONSISTENELTAGLIODEIRAMIEDEL
sLAGESTIONEDELLEEMERGENZE CIMALE SPESSO ANCHE NELLALLESTIMENTO DELLA
)N RELAZIONE ALLAMBIENTE OVE VERRANNO SVOLTE RAMAGLIA CIONELLASUASEZIONATURAINASSORTI
LELAVORAZIONIEDUNAVOLTASTABILITEQUELLECHE MENTIUTILIZZABILI#ONLASEZIONATURADEPEZ
SARANNOLESCELTETECNICHEELEPROCEDUREDA ZATURA ILFUSTOVIENESUDDIVISOINASSORTIMEN
ADOTTARE PERUNAOTTIMALEORGANIZZAZIONEDEL TI COMMERCIABILI DI DIMENSIONI DETERMINATE
LAVORO DOVRANNOESSEREIDENTIlCATIGLIOPERA 0ERSCORTECCIATURASIINTENDELASPORTAZIONE
TORICONCOMPETENZESPECIlCHECHEANDRANNO TOTALE O PARZIALE DELLA CORTECCIA #ON IL CON
ACOMPORRELASQUADRADILAVORO TRAIQUALIDO CENTRAMENTO I SINGOLI PEZZI VENGONO PORTATI
VRANNOESSEREINDIVIDUATIILCAPOSQUADRAEOIL DALLETTODICADUTAALLEVIEDIESBOSCO ODIRET
CAPOCANTIEREEDILAVORATORIADDETTIACOMPITI TAMENTEALLESTRADE TRASCINANDOLIOFACENDO
SPECIALIESGESTIONEDELLEEMERGENZE  LI SCIVOLARE SUL TERRENO DEL BOSCO ,ESBOSCO
)NSEGUITOALLAVALUTAZIONEDEIRISCHI ALLASCEL AVVIENE LUNGO PERCORSI APPOSITAMENTE ATTREZ
TADELLEMACCHINEEDATTREZZATUREDAIMPIEGA ZATI LEVIEDIESBOSCO DISOLITOCONPIPEZZI
REDURANTELEOPERAZIONIEDINRELAZIONEALLAP RIUNITIINCARICHI ELALEGNAODILLEGNAMEVENGO
PLICAZIONEDELLEPROCEDUREDILAVOROINDIVIDUA NOPORTATIlNOADUNPIAZZALEDIDEPOSITODETTO
TE NECESSARIOCHEVENGAMESSAINATTOUNA hIMPOSTOv PUNTODICARICODIAUTOTRENI AUTO
VERIlCA CONTINUA DELLE SCELTE TECNICOOPERATI CARRIOANCHESOLODITRATTORIERIMORCHI SITUATO
VE TESAACORREGGEREEOMIGLIORAREILPROCES SUUNASTRADACAMIONABILEOTRATTORABILE
SOPREVENTIVOEQUINDIEDELEVAREGLISTANDARD !PRESCINDEREDALLEVARIEATTREZZATUREEDAIDI
DISICUREZZA VERSISISTEMIDILAVOROCHEANALIZZEREMOINSE
$A UN PUNTO DI VISTA METODOLOGICO QUINDI GUITO NELLEUTILIZZAZIONISILAVORANO INBOSCOO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
ALROTOLAMENTODITRONCHIEODISASSIMESSI
INMOVIMENTODALMATERIALE
ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI
SPOSTAMENTOMANUALEDIMATERIALE 
)RISCHICHEDERIVANODALLALAVORAZIONEDILEGNA
EOLEGNAMESONODOVUTIVEDI4AVOLA 
sNELCONCENTRAMENTO
ALLOSPOSTAMENTOIMPREVISTOEREPENTINODI
LEGNAEODILEGNAME
AFRUSTATEDIRAMI
ALROTOLAMENTODILEGNAEODILEGNAMEEO
DISASSIMESSIINMOVIMENTODALMATERIALE
ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI
SPOSTAMENTOMANUALEDIMATERIALE 
sNELLESBOSCO
ALLAPROIEZIONEDILEGNA
ALLACADUTADILEGNAODILEGNAME
ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI
&OTO 4ERRENOCONLEGNADAARDERE SEZIONATA
SPOSTAMENTOMANUALEDIMATERIALE 
 ECONCENTRATA
C$ECESPUGLIAMENTO
#ONSISTENELLELIMINAZIONE TRAMITETAGLIOOTRI
AGLIIMPOSTI ALBERI FUSTIEPARTIDIQUESTICHE TURAZIONE DELLAVEGETAZIONEERBACEAOCESPU
MESSIINMOVIMENTOORESIINSTABILI DIVENGONO GLIOSAINDESIDERATAEODEIRESIDUIDELLEEVEN
FONTEDIPERICOLO&OTO  TUALIPRECEDENTIUTILIZZAZIONI
) RISCHI CHE DERIVANO DAL TAGLIO DEGLI ALBERI 6IENEFATTONEGLIIMPIANTIDIARBORICOLTURADALE
SONODOVUTIVEDI4AVOLA  GNO PRIMADEILAVORIDIRIMBOSCHIMENTO LUNGO
sNELLATTERRAMENTO STRADEECC PERLIBERAREILTERRENODALLAVEGE
ALLACADUTAEOPROIEZIONEDIRAMI DICIMALI TAZIONECONSIDERATAINFESTANTEEOPERICOLOSA
ODIPARTIDIFUSTO AIlNIDEGLIINCENDIOPERQUALSIASIALTROMOTIVO
ALLA CADUTA O SPOSTAMENTO IMPREVISTO EO ROVI FELCI GINESTRE SCOPE RAMAGLIAECC 
INCONTROLLATODELLALBERO 0UESSEREFATTO NORMALMENTE CONDECESPU
ALROTOLAMENTODITRONCHIEODISASSIMESSI GLIATORIPORTATIDATRATTORE PICONVENIENTIPER
INMOVIMENTODALLEPIANTEATTERRATE GRANDI SUPERlCI O CON MOTO DECESPUGLIATORI
ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI PORTATILI PER LAVORAZIONI LOCALIZZATE MENO FRE
SPOSTAMENTO MANUALE DI FUSTI DI PICCOLE QUENTEMENTE PERCH FATICOSO CON ATTREZZI
DIMENSIONI  MANUALICOMEFALCIORONCOLE INRELAZIONEALLA
)RISCHICHEDERIVANODALLALAVORAZIONEDEITRON CONSISTENZADELMATERIALEDATAGLIARE
CHIEOFUSTISONODOVUTIVEDI4AVOLA 
sNELLASRAMATURA 4RATTOREVEDI4AVOLA
FRUSTATEDIRAMI ,IMPIEGO DEI TRATTORI OPPORTUNO SU TERRENI
ALLOSPOSTAMENTOIMPREVISTOEREPENTINODI PIANEGGIANTI O POCO INCLINATI DELLA ) E )) CLAS
TRONCHIEOFUSTI SE DI PENDENZA lNO A CIRCA IL  POS
ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI SIBILE SULLA ))) CLASSE lNO A CIRCA IL  MA
SPOSTAMENTOMANUALEDIMATERIALE  ESTREMAMENTE PERICOLOSO ED INOPPORTUNO
sNELLASEZIONATURA SENONIMPOSSIBILE SUPENDENZESUPERIORIAL
ALLOSPOSTAMENTOIMPREVISTOEREPENTINODI  SULLEQUALIPUOPERAREUTILMENTESOLTAN
TRONCHIEOFUSTI TOLUOMOCONATTREZZIMANUALI)TRATTORIDE
ALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI VONO MUOVERSI SEMPRE LUNGO LE LINEE DI
SPOSTAMENTOMANUALEDIMATERIALE  MASSIMA PENDENZA A RITTOCHINO MAI DI
sNELCONCENTRAMENTO TRAVERSOADESSAPERILRISCHIODIRIBALTA
ALLOSPOSTAMENTOIMPREVISTOEREPENTINODI MENTO&OTO 
TRONCHIEOFUSTI ) TIPI DI TRATTORE IMPIEGATI NEL LAVORO DI DECE
AFRUSTATEDIRAMI SPUGLIAMENTOSONOESSENZIALMENTE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO 4RATTORERIBALTATO &OTO 0ITTOGRAMMADIPRESCRIZIONEPERLALETTURADELLI
  BRETTOISTRUZIONI

sTRATTORICINGOLATI ALSOLITOINORMALITRATTORIDI DELLAVORO LAVANZAMENTOFUORIPISTADELTRATTO


TIPO AGRICOLO MOLTO STABILI BARICENTRO BAS RE DEVE ESSERE LENTO E DEVE AVVENIRE COME
SO SPOSTATOINAVANTI DOTATIDIGRANDEADE DETTO PRIMA LUNGO LE LINEE DI MASSIMA PEN
RENZADATADAICINGOLIEDIGRANDEMANOVRA DENZA)LRISCHIODIRIBALTAMENTOSIPUVERIlCA
BILITSONOPURTROPPODIFlCILIDASPOSTAREDA REANCHEPERPERDITEDICONTROLLODELMEZ
UN POSTO DI LAVORO ALLALTRO SIA PER LA LORO ZODAPARTEDELCONDUCENTEOPERROTTURE
SCARSA VELOCIT CHE PER IL FATTO CHE LA LORO EGUASTIMECCANICI,OPERATOREDEVEES
CIRCOLAZIONESUSTRADEPUBBLICHEPRATICA SERESEMPREPRONTOADARRESTAREILMOVI
MENTEVIETATA6ENGONOIMPIEGATIINPARTICO MENTODELLAMACCHINAINCASODINECESSI
LARESUTERRENIINCLINATIORIPIDI))E)))CLASSEDI T DIPERICOLOEDIMOVIMENTIINCONTROLLATI
PENDENZA DOVELIMPIEGODITRATTORIARUOTE DELMEZZO
MOLTODIFlCILEEPERICOLOSO 3ULLA MACCHINA IN MOVIMENTO OLTRE AL
sTRATTORIAGRICOLIADOPPIATRAZIONEDT SONO TRATTORISTA NONPUESSERETRASPORTATOAL
QUELLI PI USATI ANCHE SE NON I PI ADATTI CUNOAMENOCHEILMEZZONONSIAOMOLOGATO
NEILAVORIFORESTALIINGENEREITRATTORIAGRICOLI EPREDISPOSTOATALESCOPO
ASEMPLICETRAZIONENONVENGONOQUASIMAI 4RATTANDOSIDIMACCHINAMOSSADAUNMOTORE
IMPIEGATI  3ONO MENO AGILI DEI CINGOLATI E ENDOTERMICO ILLAVOROCOMPORTATUTTIIRISCHIA
MENOSTABILI0ERQUESTIMOTIVIILLOROIMPIE CICONNESSI
GODEVEESSERELIMITATOATERRENIFACILI sPOSSIBILITDICONTATTOCONSUPERlCICALDE
sMINIARTICOLATIPICCOLITRATTORIARTICOLATI HANNO MARMITTA MOTOREECC 
IL BARICENTRO MOLTO BASSO E DATO IL TIPO DI sIMPIEGODILIQUIDIINlAMMABILI
STERZATURA PER ARTICOLAZIONE DEL TELAIO UNA sCONTATTOCONSOSTANZEIRRITANTIEONOCIVE
ELEVATAMANEGGEVOLEZZA sINALAZIONEDIVAPORIEDIGASTOSSICI
0RIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE DELLA MACCHI ,OPERATOREDEVEPRESTAREPARTICOLAREATTENZIO
NA OPPORTUNO LEGGERE ATTENTAMENTE LE NE A SALIRE E SCENDERE DALLA MACCHINA A
ISTRUZIONI DUSO PREDISPOSTE DAL COSTRUT CAUSADELRISCHIODISCIVOLAREEDICADERE
TORE &OTO  CHE OBBLIGATORIAMENTE LA DE &OTO 0ERTANTOILTRATTOREDEVEESSEREDO
VONOACCOMPAGNARE E PRIMADIINIZIAREQUAL TATODISCALETTEOPEDANECONSUPERlCIANTISCI
SIASILAVORO LOPERATOREDEVEACCERTARSICHELA VOLO DIADEGUATEDIMENSIONI EDICORRIMANOO
MACCHINAEDISUOIDISPOSITIVIDISICUREZZASIA MANIGLIE PERCH LOPERATORE VI SI POSSA AFFER
NOINTEGRIEFUNZIONANTI RAREQUESTIDEVEINOLTREINDOSSARECALZATUREDI
$ATOCHEILTRATTOREDEVEPERCORRERETUTTALASU SICUREZZAANTISCIVOLO
PERlCIEDALAVORARE ILTRATTORISTADEVEPRESTARE 3IA NEL TRATTORE CHE NELLACCOPPIAMENTO TRAT
PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA CONFORMAZIONE DEL TORE DECESPUGLIATORE BISOGNAFAREPARTICOLARE
TERRENO PENDENZA ACCIDENTALIT IRREGOLARIT ATTENZIONE AGLI ORGANI MECCANICI IN MOVI
ECC PEREVITARECHEILTRATTORESITROVIINCON MENTOEDITRASMISSIONEDIMOTOCHEDEVONO
DIZIONIPRECARIEEPERICOLOSECONILRISCHIODI ESSEREPROTETTICONADEGUATISCHERMI APPLICATI
RIBALTAMENTOODIIMPENNAMENTO0ERQUE ERIMOSSIPERLAMANUTENZIONE DOVEPREVISTO
STIMOTIVI OLTRECHEPERALTRILEGATIALLAQUALIT SOLTANTOAMOTORESPENTO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO 3CALINOANTISCIVOLOEMANIGLIADIAPPIGLIO &OTO #APPUCCIODIPROTEZIONEDELLALBEROSCANALATO
 

)LTRATTOREDEVEAVERELAPROTEZIONEDELLALBE DI MUOVERE MANUALMENTE DEI CARICHI IN


ROSCANALATOPRESADIPOTENZA PDPO MODOPARTICOLARESEPESANTIFORATURADIUNA
PTO ALQUALESICOLLEGALALBEROCARDANICO RUOTA CILRISCHIOPERLOPERATOREDICOM
,ALBEROSCANALATODELLAPDPDELTRATTO PIERESFORZIELEVATIEDIRIMANERECOINVOLTO
RE QUANDONONUTILIZZATO DEVEESSERECO NELLACADUTAACCIDENTALEDICARICHI
PERTOCONILSUOCAPPUCCIODIPROTEZIONE
&OTO  #OLLEGAMENTOTRATTORE AT
$URANTEILLAVOROLAMACCHINADEVEAVERETUT TREZZOVEDI4AVOLA
TELEPROTEZIONIPREVISTEDALCOSTRUTTORE 'LI ATTREZZI SONO COLLEGATI AL TRATTORE CON LAT
,AVORANDOSUMACCHINEPRIVEDISOSPENSIONI TACCOATREPUNTI PORTATIOTRAINATIDURANTEGLI
ELASTICHECHESIMUOVONOSUSUPERlCIIRREGOLA SPOSTAMENTI E PORTATI O TRAINATI DURANTE IL LA
RI LOPERATORESOGGETTOAVIBRAZIONIATUTTO VORO 0ERTANTO SI DEVE PRESTARE PARTICOLARE
ILCORPOCHEPOSSONOPORTARENELTEMPOALLIN ATTENZIONE NEL COLLEGAMENTO DELLATTREZ
SORGENZADIMALATTIEPROFESSIONALIPERTANTO ZOALTRATTORECHE PEREVITAREDIRIMANERE
IMPORTANTELASCELTADIMACCHINECONCABINEE SCHIACCIATIODIFARESFORZIECCESSIVI DEVE
SEDILIOMOLOGATI ESSEREFATTOCONESTREMACAUTELA CONLAMAC
OPPORTUNOCHEILTRATTORESIADOTATODICABINA CHINAINPIANO CONATTENTOCOORDINAMENTOFRA
CHIUSA3EILTRATTOREHASOLTANTOILTELAIODIPRO TRATTORISTAEDEVENTUALEAIUTANTEATERRA PREDI
TEZIONE NECESSARIO CHE IL TRATTORISTA INDOS LIGENDOISISTEMIADATTACCORAPIDO
SII$0)ADEGUATIALLAVORODASVOLGERECASCO
CUFlEPERILRUMORE MASCHERE OCCHIALIPERLA !LBEROCARDANICOVEDI4AVOLA
POLVEREECC  'LI ATTREZZI AZIONATI DALLA PRESA DI POTENZA
,AMANUTENZIONEDELTRATTOREDEVEESSERE PDP DEITRATTORITRAMITEUNALBEROADOP
FATTASEGUENDOQUANTOPREVISTONELLIBRET PIOGIUNTOCARDANICOPRESENTANOIL RISCHIO
TO DI ISTRUZIONI PREDISPOSTO DAL COSTRUT DIIMPIGLIAMENTOETRASCINAMENTODAPAR
TORE IL MOTORE DELLA MACCHINA DEVE ESSERE TEDEGLIORGANIINROTAZIONE&OTO 0ERTANTO
SPENTO E BISOGNA PRESTARE PARTICOLARE ATTEN ILTRATTOREEDILDECESPUGLIATOREDEVONOAVERELA
ZIONEASISTEMARELAMACCHINAINPOSIZIONESI PROTEZIONEDELLALBEROSCANALATOALQUALECOL
CURAPERNONESSERECOINVOLTIINMOVIMENTIIN LEGATOLALBEROCARDANICO
CONTROLLATIEDIMPROVVISIDELLASTESSA ,ALBERO CARDANICO DEVE ESSERE SEMPRE
.EL CASO SIA NECESSARIO LIMPIEGO DI ZAVOR MONTATONELMODOCORRETTOECONLASUA
RE &OTO  VEDI 4AVOLA A ED IN OGNI CASO PROTEZIONEDOTATADELLECATENELLEDIRITEN

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO 4RATTORECONZAVORREANTERIORI &OTO 0ITTOGRAMMARELATIVOALPERICOLODI
  IMPIGLIAMENTOETRASCINAMENTO

ZIONE&OTOAEB  DEIROBUSTITRINCIASTOCCHIAIQUALI ALPOSTODELLE


,A MANUTENZIONE DELLALBERO CARDANICO LAME VENGONOMONTATI SPEZZONIDICATENA
DEVEESSEREFATTASEGUENDOQUANTOPREVI )DECESPUGLIATORIAMARTELLI ADASSEORIZZONTA
STONELLIBRETTODIUSOEMANUTENZIONEPRE LE DERIVANO DAI TRINCIASARMENTI CON AL POSTO
DISPOSTODALCOSTRUTTOREILMOTOREDELLAMAC DEI COLTELLI MARTELLI CHE POSSONO RUOTARE PER
CHINA DEVE ESSERE SPENTO E BISOGNA PRESTARE INTORNOALLOROPERNO
PARTICOLAREATTENZIONEASISTEMARELAMACCHINAIN )DECESPUGLIATORIACATENESONOIDONEIPERVE
POSIZIONESICURAPERNONESSERECOINVOLTIINMOVI GETAZIONEhINPIEDIv CONDIAMETROMASSIMODI
MENTIINCONTROLLATIEDIMPROVVISI CIRCACMQUELLIAMARTELLILAVORANOMEGLIOSU
,OPERATOREDEVEINDOSSAREABITIADERENTIPRIVIDI MATERIALEhSDRAIATOvEPOSSONOLAVORAREMATE
PARTISVOLAZZANTICHEPOSSANOIMPIGLIARSINEGLIOR RIALEDIMAGGIORIDIMENSIONI
GANIINMOVIMENTO)LCOLLEGAMENTODELLALBE )LLAVORODIDECESPUGLIAMENTOPERICOLOSO PER
ROCARDANICODEVEESSEREFATTOCONILMOTO CHGLIORGANILAVORANTI NONOSTANTESIANODOTA
REDELTRATTORESPENTOECONLACHIAVEDIAV TIDIPROTEZIONI POSSONOPROIETTARESCHEGGE
VIAMENTOESTRATTADALQUADROCOMANDO DILEGNOEPIETREINTUTTELEDIREZIONI
)LTRATTORISTADEVEESSEREPROTETTODALRISCHIODI
$ECESPUGLIATORETRATTORECON PROIEZIONEDISCHEGGE CHEPOSSONORIMBALZA
VEDI4AVOLA REANCHEALLINTERNODELPOSTODIGUIDA UTILIZ
)LPRINCIPALEVANTAGGIODIQUESTIATTREZZICHENON ZANDOCABINECHIUSEOAPPOSITISCHERMIPRO
SOLTANTORECIDONOLAVEGETAZIONEINFESTANTE MA TETTIVI.ELRAGGIOMINIMODIMDALLAMAC
ANCHELATRITURANO LASCIANDONEIRESIDUIUNIFORME CHINANONSIDEVETROVAREALCUNODURANTEILLA
MENTESPARSISULTERRENOEDEVITANDOCOSILLAVORO VORO PERCH LE SCHEGGE VENGONO PROIETTATE
DIAMMASSARLAEDIBRUCIARLA)NOLTREROVI SCOPE ANCHEAQUESTEDISTANZE
EGINESTRE STRAPPATEDALLECATENEODAIMARTELLI 3IA NEL TRATTORE CHE NELLACCOPPIAMENTO TRAT
DEIDECESPUGLIATORI RISCOPPIANOMENOVIGOROSA TORE DECESPUGLIATORE BISOGNAFAREPARTICOLARE
MENTEDIQUELLERECISEDAATTREZZITAGLIENTI ATTENZIONE AGLI ORGANI MECCANICI IN MOVI
.ELNOSTRO0AESEVENGONOIMPIEGATIDUETIPIDI MENTOEDITRASMISSIONEDIMOTOCHEDEVONO
DECESPUGLIATORI ESSEREPROTETTICONADEGUATISCHERMI APPLICATI
sADASSEVERTICALE ACATENE ERIMOSSIPERLAMANUTENZIONE DOVEPREVISTO
sADASSEORIZZONTALE AMARTELLI&OTO  SOLTANTOAMACCHINASPENTA
) DECESPUGLIATORI A CATENE NON SONO ALTRO CHE 3ONO AZIONATI DALLA PRESA DI POTENZA PDP

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO !LBEROCARDANICONONPROTETTO &OTO !LBEROCARDANICOPROTETTO
A B

DEITRATTORITRAMITEUNALBEROADOPPIOGIUNTO SERESPENTOEBISOGNAPRESTAREPARTICOLAREAT
CARDANICO TENZIONEASISTEMARELAMACCHINAINPOSIZIONE
$URANTEILLAVOROOBBLIGATORIOLUSODELLECIN SICURA PER NON ESSERE COINVOLTI IN MOVIMENTI
TUREDISICUREZZA INCONTROLLATIEDIMPROVVISI
,A MANUTENZIONE DEL DECESPUGLIATORE
SOSTITUZIONEDICOLTELLI MARTELLIECC DEVEES -OTO DECESPUGLIATOREPORTATILE
SEREFATTASEGUENDOQUANTOPREVISTONEL VEDI4AVOLA
LIBRETTO DI ISTRUZIONI PREDISPOSTO DAL CO )MOTO DECESPUGLIATORIPORTATILI&OTO SONO
STRUTTOREILMOTOREDELLAMACCHINADEVEES FORMATI DA UN MOTORE A DUE TEMPI COLLEGATO

&OTO &OTO
$ECESPUGLIATORESUTRATTORE -OTODECESPUGLIATOREPORTATILEDURANTEILLAVORO
 


,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
CON UN TUBO ASTA ATTRAVERSO IL QUALE PASSA MACCHINASPENTAESEGUENDOTUTTELEIN
LALBERO DI TRASMISSIONE CON LA TESTA OPERATRI DICAZIONIRIPORTATENELLIBRETTODIISTRUZIONI
CE1UESTAFORMATADAVARIORGANITAGLIENTIlLI DALCOSTRUTTORE
INPLASTICA PERERBATENERACOLTELLIADUE TREO $ATO CHE GLI ORGANI LAVORANTI SONO SPESSO
QUATTROPUNTE IDONEIPERRECIDEREVEGETAZIONE TAGLIENTI DURANTE LA LORO MANUTENZIONE AFl
ERBACEAEPICCOLIARBUSTI lNOA CMDIDIA LATURA OSOSTITUZIONEESSIDEVONOESSEREMA
METROLAMAADISCOSEGACIRCOLARE CONLAQUALE NEGGIATICONIGUANTIECONATTENZIONEPERNON
SIPOSSONOTAGLIAREANCHEFUSTIlNOAD CM PROCURARSIFERITE
DIDIAMETRO,ATTREZZOVIENEPORTATOAPPESOA BUONANORMATRASPORTARESUVEICOLODE
TRACOLLACONUNIMBRACOOCONSPALLACCIAZAI CESPUGLIATORI CHE ABBIANO IL SERBATOIO
NOCONQUESTOSISTEMAILSUOIMPIEGORELATI CARBURANTE PRIVO DI MISCELA AL lNE DI EVI
VAMENTEMENOFATICOSO TARE ESALAZIONI NOCIVE NELLABITACOLO E PERICOLI
0RIMADELLAMESSAINFUNZIONEDELLAMACCHINA DINCENDIO3IRICORDACHE PERILTRASPORTODI
OPPORTUNOLEGGEREATTENTAMENTELEISTRUZIO SOSTANZECOMBUSTIBILI LALEGGEPREVEDECHE
NI DUSO PREDISPOSTE DAL COSTRUTTORE CHE SIANOUTILIZZATEAPPOSITETANICHEINMETALLO
OBBLIGATORIAMENTE LA DEVONO ACCOMPAGNARE $URANTE I TRASFERIMENTI OBBLIGATORIO AI
E PRIMADIINIZIAREQUALSIASILAVORO LOPERATORE lNIDELLASICUREZZA COPRIREILDISPOSITIVODI
DEVEACCERTARSICHELAMACCHINAEDISUOIDISPO TAGLIOCONILSUOINVOLUCRODIPROTEZIONE
SITIVIDISICUREZZASIANOINTEGRIEFUNZIONANTI
)L LAVORO DI DECESPUGLIAMENTO PERICOLOSO &ALCETTO FALCE RONCOLA
PERCHGLIORGANILAVORANTIPROIETTANOSCHEG VEDI4AVOLA
GE DI LEGNO E PIETRE IN TUTTE LE DIREZIONI )NCONDIZIONIPARTICOLARI DOVENONPOSSIBILE
E NONOSTANTELAMACCHINASIADOTATADITUTTE LIMPIEGODEGLIALTRIMEZZI ILDECESPUGLIAMENTO
LEPROTEZIONIPREVISTEDALCOSTRUTTORE ILLAVORO LOCALIZZATOPUESSEREFATTOANCHECONLUSODI
VA SVOLTO ISOLATAMENTE TENENDO UNA DISTANZA ATTREZZI MANUALI COME FALCETTI FALCI E RONCOLE
DISICUREZZADAALTRIOPERATORIDINONMENODI DIVARIEDIMENSIONIEFORME DIPENDENTEMENTE
MPEREVITAREDIESSERECOLPITIDALMATERIALE DALLAVOROCHEDEVEESSEREFATTOEDALTIPODI
PROIETTATOODALLORGANODITAGLIO VEGETAZIONECHEDEVEESSERETAGLIATAFALCETTI
INDISPENSABILELUSODIVISIERADIPROTEZIONEE EFALCIPERLAVEGETAZIONEACONSISTENZAERBA
ODIOCCHIALIPOICH DURANTEILLAVORO VENGONO CEA RONCOLAPERLAVEGETAZIONEACONSISTENZA
PROIETTATESCHEGGEDILEGNOESASSOLINIINTUTTE LEGNOSA 
LEDIREZIONIE PERRIMBALZO ANCHEINFACCIA 1UESTOLAVOROONEROSOEPOCOGRADITO SIAIN
INDISPENSABILELUSODIOTOPROTETTORIACAUSA TERMINIDIFATICACHEDICOSTIINOLTREGLIARBUSTI
DELLELEVATORUMOREPROVOCATODALMOTORE RECISICONATTREZZOTAGLIENTE RISCOPPIANORAPI
4RATTANDOSIDIMACCHINAMOSSADAUNMOTORE DAMENTE
ENDOTERMICO ILLAVOROCOMPORTATUTTIIRISCHIA ,IMPIEGO DI QUESTI ATTREZZI PU COMPORTARE
CICONNESSI INADEGUATEPOSTURE
sPOSSIBILITDICONTATTOCONSUPERlCICALDE 1UANDOSIUTILIZZANOSTRUMENTITAGLIENTICON
MARMITTA MOTOREECC  UNA SOLA MANO PERICOLOSO UTILIZZARE LALTRA
sIMPIEGODILIQUIDIINlAMMABILI MANOPERSOSTENEREOPERTENEREFERMOCICHE
sCONTATTOCONSOSTANZEIRRITANTIEONOCIVE SISTATAGLIANDOPERCHCILRISCHIODICOLPIRLA
sINALAZIONEDIVAPORIEDIGASTOSSICI $ATO CHE LORGANO LAVORANTE TAGLIENTE DU
$URANTELUSOILLAVORATOREESPOSTOAVIBRA RANTELASUAMANUTENZIONEAFlLATURA EIMPIE
ZIONI AL SISTEMA MANO BRACCIO E A RISCHI DE GO ESSODEVEESSEREMANEGGIATOCONIGUANTI
RIVANTI DALLADOZIONE DI PROLUNGATE POSTURE ECONATTENZIONEPERNONPROCURARSIFERITE
SCORRETTE NELLE SCARPATE E NEI TERRENI IN FORTE $URANTE I TRASFERIMENTI E QUANDO NON
PENDENZA  SONOIMPIEGATIOBBLIGATORIO AIlNIDELLASI
'LIORGANIMECCANICIINMOVIMENTODEVONO CUREZZA COPRIRE LE PARTI TAGLIENTI CON UN
ESSEREPROTETTICONADEGUATISCHERMI APPLICATI INVOLUCRODIPROTEZIONE
ERIMOSSIPERLAMANUTENZIONE DOVEPREVISTO
SOLTANTOAMOTORESPENTO C3PALCATURA
,AMANUTENZIONEDELMOTO DECESPUGLIA ,ASPALCATURAUNAPOTATURA NEGLIIMPIANTIDI
TOREELASOSTITUZIONEDELLAPPARATODITA CONIFERE CHECONSISTENELTAGLIODEIRAMIBAS
GLIO DEVONO ESSERE ESEGUITI SOLTANTO A SIPALCHI lNOACIRCAMDATERRA CHEOSTA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
COLANOLACCESSODEGLIOPERATORIALBOSCOPER ESOTTOILCONTROLLODIUNADULTOESPERTOVEDI,I
LESECUZIONE DEI LAVORI NECESSARI MARTELLATA NEE'UIDA)30%3, ,AMOTOSEGASTATAPRO
DIRADAMENTOECC  GETTATAPERESSEREUTILIZZATADAUNSOLOOPERA
$ATOCHEUNOPERAZIONEDELICATAILRAMOVA TORE ED QUINDI INDISPENSABILE TENERE LONTA
TAGLIATORASENTEILFUSTOMASENZADANNEGGIARE NOALTREPERSONE#HILAVORACONLAMOTOSEGA
ILCERCINEEILFUSTODELLALBERO VIENEFATTACON DEVEESSERENELPIENODELLESUECONDIZIONIPSI
GLIATTREZZIPISEMPLICIPERESSEREPRECISINEL CO lSICHE.ONUSARELAMACCHINADOPOAVER
LAVOROENONFARDANNI ASSUNTOALCOOL MEDICINEOALTRESOSTANZECHE
3I PU UTILIZZARE LA MOTOSEGA LACCETTA O LA PREGIUDICANOLAPRONTEZZADEIRImESSI
RONCOLA 3IIMPIEGANOMOTOSEGHELEGGERECILINDRATAIN
FERIORE AI CM PERCH IN QUESTO TIPO DI LA
-OTOSEGAVEDI4AVOLA VORO NONSIPUAPPOGGIAREMAILAMACCHINAAL
,AMOTOSEGAUNADELLEMACCHINEPIPERICO FUSTOPERNONDANNEGGIARLO QUINDILAMOTOSEGA
LOSECHESIPOSSONOTROVARENELCONTESTOAGRI DEVEESSERESOSTENUTASEMPREDALLEBRACCIA
COLOEFORESTALE)LCOMPORTAMENTODELLOPERA ,AMOTOSEGADEVEESSEREMESSAINMOTO
TOREDEVEATTENERSIADUNASCRUPOLOSAPRUDEN SEGUENDOLEINDICAZIONIPREVISTEDALCOSTRUTTO
ZA IN QUANTO NON POSSIBILE ELIMINARE TUTTI I REERIPORTATENELMANUALEDIUSOEMANUTEN
PERICOLIDERIVANTIDALSUOUSO ZIONE.ELLAMESSAINMOTOLAMOTOSEGADEVE
NECESSARIOPROIBIRELUSODELLAMOTOSEGADA ESSEREINOGNICASOBLOCCATAAGENDOSULLE
PARTEDIOPERATORINONADEGUATAMENTEADDE DUEIMPUGNATUREINMODODAEVITARNEOSCIL
STRATICOMUNQUEINDISPENSABILE PRIMADEL LAZIONIPERICOLOSECONGRAVIRISCHIPERLINCOLU
LAMESSAINFUNZIONEDELLAMACCHINA LEGGE MITDELLOPERATORE&OTOAEB 
RE ATTENTAMENTE LE ISTRUZIONI DUSO PRE $URANTEILLAVOROCONILMOTOREINMOTO LOPE
DISPOSTEDALCOSTRUTTORE CHEOBBLIGATORIA RATORENONDEVEMAITENERELAMOTOSEGA
MENTELADEVONOACCOMPAGNARE E PRIMADI PER LA SOLA IMPUGNATURA POSTERIORE POI
INIZIARE QUALSIASI LAVORO LOPERATORE DEVE AC CH LA MANO DESTRA ISTINTIVAMENTE POTREB
CERTARSICHELAMACCHINAEDISUOIDISPOSITIVIDI BEAZIONARELACCELERATOREEQUINDIMETTEREIN
SICUREZZASIANOINTEGRIEFUNZIONANTI MOVIMENTO LA CATENA TAGLIENTE SENZA AVERE IL
,INOSSERVANZA DELLE AVVERTENZE DI SICUREZZA CONTROLLODELLAMACCHINA)NQUESTESITUAZIONI
PUCOMPORTAREPERICOLIMORTALI QUINDINECESSARIOSTRINGERESALDAMENTEEN
,USODELLEMOTOSEGHEVIETATOAIMINORENNI TRAMBELEIMPUGNATURE
TOLLERATOPERIGIOVANISOPRAIANNIADDESTRATI $URANTEGLISPOSTAMENTIAMOTOREACCESO

&OTO #ORRETTAMESSAINMOTOATERRADELLAMOTOSEGA &OTO #ORRETTAMESSAINMOTOINPIEDIDELLAMOTOSEGA


A B


,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO %RRATOTRASPORTODELLAMOTOSEGA &OTO #ORRETTOTRASPORTODELLAMOTOSEGACONCOPRIBARRA
A B

LOPERATORE DEVE TENERE LA MOTOSEGA PER TA ESPOSIZIONE A LIVELLI DI RUMORE SUPERIORI AD
LIMPUGNATURAANTERIORESTANDOBENATTEN D"! GIORNALIERI 0ER EVITARE DUNQUE DANNI
TOADAZIONARE PRIMADIMUOVERSI ILFRENO PERMANENTIALLUDITOINDISPENSABILECHELOPE
CATENAPEREVITAREINVOLONTARIEACCELERAZIONI RATOREUSIINSERTIAURICOLARIOCUFlE/LTREACI
$URANTEGLISPOSTAMENTIAMOTORESPENTONON OPPORTUNO ALTERNARE IL LAVORO CON LA MOTOSEGA
SI DEVE PORTARE LA MOTOSEGA hA SPALLAv CONALTRIMENORUMOROSIESUSODELLACCETTA 
&OTOA COMESPESSOCAPITA ALlNEDIEVI ,E VIBRAZIONI SONO PROVOCATE DAL MOVIMEN
TAREILCONTATTOACCIDENTALECONIDENTITAGLIENTI TOALTERNATIVODELPISTONE DAIDENTIDELLACATE
OCONPERDITEDIOLIOECARBURANTE.EGLISPO NACHESCALPELLANOILLEGNOEDALLESPANSIONE
STAMENTI LUNGHI SI RICORDA INOLTRE DI UTILIZZARE DEIGASDISCARICONELLAMARMITTAESSESITRA
LAPPOSITOCOPRIBARRA&OTOB  SMETTONOALLEMANIDELLOPERATOREATTRAVERSOLE
IMPORTANTE PER EVITARE LINALAZIONE DI PRO IMPUGNATURE5NAPROLUNGATAESPOSIZIONEALLE
DOTTI NOCIVI DELLA COMBUSTIONE CHE IL MOTO VIBRAZIONIPUDETERMINAREDISTURBICIRCOLATORI
REDELLAMOTOSEGASIACARBURATOINMANIE PREVALENTEMENTELOCALIZZATIALLEMANIFENOME
RACORRETTAECHEVENGAFATTAUNAREGOLARE NO DELLA DITA BIANCHE E PROBLEMI OSTEO ARTI
MANUTENZIONE COLARI0EROVVIAREAQUESTIINCONVENIENTISIDE
0ERRIDURRELAFUMOSITDEIGASDISCARICO OL VONOIMPIEGAREMOTOSEGHECONIMPUGNATURE
TRE AD UNA CORRETTA CARBURAZIONE OPPORTU ANTIVIBRANTIMONTATESUSUPPORTIELASTICIERIVE
NOTENERELAPERCENTUALEDIOLIONELLAMISCELALA STITEDIMATERIALESPECIlCO DEVEESSEREEFFET
PIBASSAPOSSIBILEODANCHEMENO UTI TUATAUNACORRETTAMANUTENZIONEALLAMACCHI
LIZZANDO OLI SPECIlCI PER MOTORI DI MOTO NA DEVEESSEREESEGUITAUNACORRETTAAFlLATU
SEGAADUETEMPI)NlNE PERRIDURREIRISCHI RADELLACATENAESIDEVEALTERNAREILLAVOROCON
DERIVANTIDALLINALAZIONEDEIGASDELLACOMBU LAMOTOSEGACONALTRILAVORICHENONESPONGA
STIONE SONODISPONIBILISULMERCATOCARBURANTI NOAQUESTORISCHIO,AVALUTAZIONEDELRISCHIO
SPECIALICHEPOSSONOLIMITARE ANCHESIGNIlCA DA VIBRAZIONI PU METTERE IN EVIDENZA LA NE
TIVAMENTE LEMISSIONEDICOMPOSTIDANNOSI CESSITDIUTILIZZAREGUANTIANTIVIBRANTI
3EMPREPERRISPONDEREALLEESIGENZEDIPROTE ,ACATENATAGLIENTECOSTITUISCELAPRINCIPALE
ZIONE DELLAMBIENTE OGGI SONO DISPONIBILI SUL FONTEDIRISCHIONELLAVOROCONLAMOTOSEGA)L
MERCATO PER LA LUBRIlCAZIONE DELLA BARRA OLI CONTATTOACCIDENTALEDELLACATENACONILCORPO
LUBRIlCANTI DI ORIGINE VEGETALE BIODEGRADABILI DELLOPERATOREPUPROVOCAREIMPORTANTIFERITE
NONINQUINANTI DATAGLIOCHEPOSSONORISULTAREANCHEMORTA
,USO PROLUNGATO DELLA MOTOSEGA COMPOR LI 0ARTICOLARMENTE PERICOLOSO PER LOPERATORE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
DIRAMI ETENENDOLAMOTOSEGANONDAVANTIAL
CORPOMALATERALMENTEADESTRAINMODOCHE
SESIDOVESSEVERIlCAREILRIMBALZO LAMOTOSE
GARUOTALATERALMENTEALLOPERATOREENONCON
TROILSUOCORPO
4RATTANDOSIDIMACCHINAMOSSADAUNMOTORE
ENDOTERMICO ILLAVOROCOMPORTATUTTIIRISCHIA
CICONNESSI
s POSSIBILITDICONTATTOCONSUPERlCICAL
DEMARMITTA MOTOREECC 
s IMPIEGODILIQUIDIINlAMMABILI
s CONTATTOCONSOSTANZEIRRITANTIEONOCIVE
s INALAZIONEDIVAPORIEDIGASTOSSICI
0ER IL RIFORNIMENTO DEVONO ESSERE IMPIEGATE
TANICHEOMOLOGATEDOTATEDIBOCCHETTONIAN
TITRABOCCOPEREVITAREVERSAMENTIEFUORIUSCITE
DICARBURANTE
$URANTE LA MANUTENZIONE AFlLATURA O SOSTITUZIO
&OTO 3PALCATURA
NEDELLACATENATAGLIENTESIDEVONOINDOSSAREI
 GUANTIPERNONPROCURARSIFERITE
,AMANUTENZIONEDELLAMOTOSEGADEVEESSE
REFATTASEGUENDOQUANTOPREVISTONELLIBRET
ILFENOMENODELRIMBALZOKICK BACK DELLA TODIISTRUZIONIPREDISPOSTODALCOSTRUTTORE
MOTOSEGA1UESTOSIVERIlCAQUANDOLACATE $URANTEILTRASPORTOSUVEICOLOOBBLIGATO
NA NELLAZONADELLAMETSUPERIOREDELLAPUNTA RIO AIlNIDELLASICUREZZA COPRIREILDISPOSITIVO
DELLABARRA TOCCAINAVVERTITAMENTEILLEGNOIN DITAGLIOCONILSUOINVOLUCRODIPROTEZIONE
PIENAACCELERAZIONE,EFFETTORISULTANTEUNA BUONA NORMA INOLTRE TRASPORTARE SU VEI
VELOCEROTAZIONEDELLAMOTOSEGAINTORNOALLIM COLOMOTOSEGHECHEABBIANOILSERBATOIO
PUGNATURAANTERIORECONUNAVIOLENTAPROIEZIO CARBURANTEVUOTO ALlNEDIEVITAREESALAZIO
NEDELLABARRAEDELLACATENATAGLIENTECONTRO NI NOCIVE NELLABITACOLO E PERICOLI DINCENDIO
LOPERATORE3IPURIDURREQUESTOPERICOLOLA 3IRICORDACHE PERILTRASPORTODISOSTANZE
VORANDOSOLAMENTECONLACATENABENTENSIO COMBUSTIBILI LALEGGEPREVEDECHESIANOUTI
NATAEAFlLATA CONLIMITATOREDIPROFONDITNON LIZZATEAPPOSITETANICHEOMOLOGATE
ECCESSIVAMENTEBASSOEUTILIZZANDOUNACATE
NAhDISICUREZZAvABASSORIMBALZO%SSENZIALE !CCETTA RONCOLAVEDI4AVOLA
LACORRETTAPOSIZIONEDELLAMANOSINISTRA OPPORTUNOCHEILLAVOROPROCEDAGIRANDOIN
CONILPOLLICEACHIUDERELAPRESASULLIM TORNOALLAPIANTADASPALCAREINSENSOANTIORA
PUGNATURAANTERIORE RIOODORARIODESTRIEMANCINI INMODOCHEIL
)NRELAZIONEALTIPODIMOTOSEGA OCAMBIANDOIL CORPODELLOPERATORESITROVISEMPRENELLAZONA
ROCCHETTODENTATODITRASCINAMENTODELLACATENA GILAVORATAEQUINDIPRIVADIRAMI
TAGLIENTE SIPOSSONOAVEREDIVERSEVELOCITDEL ,ACCETTADEVEESSERETENUTACONLEDUEMANI
LASTESSA!TALPROPOSITOSIRICORDACHEESISTONO ED ANCHE IN QUESTO CASO BISOGNA CERCARE DI
TUTEANTITAGLIO$0) CONRESISTENZEALTAGLIODIVER TENERLANONDAVANTIALCORPO MALATERALEADE
SEEPERTANTONELLASCELTADIQUESTI$0)SIDEVETE STRA O A SINISTRA A SECONDA SE SI DESTRI O
NERECONTODELLAVELOCITDELLACATENATAGLIENTE MANCINI INMODOCHE SESIPERDEILCONTROLLO
)LCORPODELLAMOTOSEGANONDEVEMAISU DELLATTREZZO PIDIFlCILECOLPIRSILEGAMBE
PERARELALTEZZADELLESPALLEDELLOPERATO $ATO CHE LA RONCOLA TENUTA CON UNA SOLA
REPERCH OLTREALLAFATICA AUMENTALADIFlCOLT MANO LATTREZZOLAVORAGILATERALMENTEALCOR
DICONTROLLODELLAMACCHINAINCASODIRIMBAL PODELLOPERATOREEDQUINDIMENOPROBABILE
ZO&OTO  ILRISCHIODICOLPIRSIALTRONCO
OPPORTUNOCHEILLAVOROPROCEDAGIRANDOIN 1UANDO SI UTILIZZANO STRUMENTI TAGLIENTI CON
TORNOALLAPIANTADASPALCAREINSENSOANTIORA UNA SOLA MANO PERICOLOSO UTILIZZARE LALTRA
RIO INMODOCHEILCORPODELLOPERATORESITROVI MANOPERSOSTENEREOPERTENEREFERMOCICHE
SEMPRENELLAZONAGILAVORATAEQUINDIPRIVA SISTATAGLIANDOPERCHCILRISCHIODICOLPIRLA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO !CCETTACONPROTEZIONEDELTAGLIENTE &OTO
&ORBICIDAPOTATURA
 

$ATO CHE LORGANO LAVORANTE TAGLIENTE DU CESSARIAACOMPIEREILLAVORONELMODOMIGLIO


RANTELASUAMANUTENZIONEAFlLATURA EIMPIE REEPISICUROPOSSIBILE
GO ESSODEVEESSEREMANEGGIATOCONIGUANTI 0ERSALIRESULLEPIANTESIFARICORSO NORMALMEN
ECONATTENZIONEPERNONPROCURARSIFERITE TE A SCALE TECNICHE DI SALITA CON FUNI TREE
$URANTEILTRASPORTOSUVEICOLOEQUANDO CLIMBING OTECNICHEDISALITACONRAMPONI
NONVIENEIMPIEGATAOBBLIGATORIO AIlNI .ELCASOINCUISILAVORICONCESTELLIOCONPIAT
DELLASICUREZZA COPRIRELALAMATAGLIENTE TAFORMEMOBILIOCCORREFAREESTREMAATTENZIO
CONUNINVOLUCRODIPROTEZIONE&OTO  NE A NON ENTRARE IN CONTATTO O DANNEGGIARE
LINEE ELETTRICHE VEDI #APC !BBATTI
C0OTATURA MENTOCONMOTOSEGA 
#ONSISTENELTAGLIODIRAMI INALBERIINPIEDI PER
MOTIVITECNOLOGICI STRUTTURALIOSANITARILEGNAME #ESOIE MANUALI MECCANICHE PNEUMATI
DI MIGLIORE QUALIT PARTICOLARE CONFORMAZIONE CHE IDRAULICHE VEDI4AVOLA
DELLACHIOMA RAMIROTTI SECCHIOMALATIECC  3ONO SIMILI ALLE COMUNI FORBICI DA POTATURA
6IENE FATTA NORMALMENTE IN IMPIANTI DI ARBO &OTO CONLAMEDIVARIAFORMAETIPOLOGIAA
RICOLTURA DA LEGNO ED IN CASTAGNETI DA FRUTTO DUELAME UNALAMACONBATTENTEEADUELAME
OLTRECHEINALBERATURESTRADALI PARCHI GIARDINI PASSANTI EDIDIVERSOFUNZIONAMENTOMANUA
ECC LAVORI CHE IN QUESTO MANUALE NON VEN LE MECCANICO PNEUMATICO IDRAULICO DOTATE
GONOTRATTATI/LTREAGLIATTREZZIUTILIZZATIPERLA ONODIPROLUNGHEADASTATELESCOPICADIPEN
SPALCATURA VENGONOIMPIEGATEANCHEALTRETIPO DENTEMENTEDALLALTEZZAALLAQUALESIDEVEPOTA
LOGIE DI ATTREZZI DIPENDENTEMENTE DAL DIAME RE3IPOSSONOTAGLIARERAMIDIPOCHICENTIMETRI
TRODEIRAMIEDALLALTEZZADIPOTATURACESOIE DI DIDIAMETRO CMSEILFUNZIONAMENTOMA
VARIAFOGGIAEAZIONAMENTO SEGHETTIESEGACCI NUALE MASSIMO  CM SE IL FUNZIONAMENTO
SEGHEALTERNATIVEEACATENAAZIONATEIDRAULICA MECCANICO PNEUMATICOOIDRAULICO lNOADAL
MENTEDAUNMOTORE MOTOSEGHEDAPOTATURA TEZZEDI MSESIIMPIEGANOPROLUNGHECON
!LCUNIDIQUESTIATTREZZIPOSSONOESSEREDOTATIDI ASTATELESCOPICA CIRCAMCONSCALE
PROLUNGHEODIASTETELESCOPICHE 3E IL FUNZIONAMENTO PNEUMATICO O IDRAULICO
,OPERAZIONECOMPORTARISCHILEGATIALLACADUTA QUESTO PU AVVENIRE CON MOTORE AUTONOMO O
DEIRAMIOALCOINVOLGIMENTODELLOPERATOREDAL TRAMITELAPDPEALBEROCARDANICODATRATTORE
MOVIMENTOINCONTROLLATOOIMPREVISTODELRAMO 0RIMA DELLA MESSA IN FUNZIONE DELLA MACCHINA
CHESTATAGLIANDONECESSARIOCHEILPERSONA OPPORTUNO LEGGERE ATTENTAMENTE LE ISTRU
LESIAADEGUATAMENTEADDESTRATOECHEVENGA ZIONIDUSOPREDISPOSTEDALCOSTRUTTORE CHE
NOTENUTELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA OBBLIGATORIAMENTELADEVONOACCOMPAGNARE E
PRIMADIINIZIAREQUALSIASILAVORO LOPERATOREDEVE
,AVOROINALTOVEDI4AVOLA ACCERTARSICHELAMACCHINAEDISUOIDISPOSITIVIDI
)LLAVOROINALTOSEMPREPERICOLOSOECOM SICUREZZASIANOINTEGRIEFUNZIONANTI
PORTA IL RISCHIO DI CADUTE PERTANTO INDI 4RATTANDOSIDIMACCHINAMOSSADAUNMOTORE
SPENSABILE CHE CHI ESEGUE QUESTI LAVORI SIA ENDOTERMICO ILLAVOROCOMPORTATUTTIIRISCHIA
PERSONALEESPERTO ADEGUATAMENTEPREPARATO CICONNESSI
EDOTATODITUTTALATTREZZATURADISICUREZZANE sPOSSIBILITDICONTATTOCONSUPERlCICALDE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO &OTO 0OTATORETELESCOPICOACATENATAGLIENTE
3EGACCIOOSEGHETTOPERPOTATURA
  TIPOMOTOSEGA

MARMITTA MOTOREECC  0RIMADELLAMESSAINFUNZIONEDELLAMACCHINA


sIMPIEGODILIQUIDIINlAMMABILI OPPORTUNOLEGGEREATTENTAMENTELEISTRUZIO
sCONTATTOCONSOSTANZEIRRITANTIEONOCIVE NI DUSO PREDISPOSTE DAL COSTRUTTORE CHE
sINALAZIONEDIVAPORIEDIGASTOSSICI OBBLIGATORIAMENTE LA DEVONO ACCOMPAGNARE
$URANTE LA MANUTENZIONE AFlL ATURA O SOSTI E PRIMADIINIZIAREQUALSIASILAVORO LOPERATORE
TUZIONE DEI TAGLIENTI SI DEVONO INDOSSARE I DEVEACCERTARSICHELAMACCHINAEDISUOIDISPO
GUANTIPERNONPROCURARSIFERITE SITIVIDISICUREZZASIANOINTEGRIEFUNZIONANTI
$URANTE IL TRASPORTO SU VEICOLO E QUAN 4RATTANDOSIDIMACCHINAMOSSADAUNMOTORE
DONONVIENEIMPIEGATAOBBLIGATORIO AI ENDOTERMICO ILLAVOROCOMPORTATUTTIIRISCHIA
lNIDELLASICUREZZA COPRIRELELAMETAGLIENTI CICONNESSI
CONUNINVOLUCRODIPROTEZIONE sPOSSIBILITDICONTATTOCONSUPERlCICALDE
,A MANUTENZIONE DELLE CESOIE DEVE ES MARMITTA MOTOREECC 
SERE FATTA SEGUENDO QUANTO PREVISTO NEL sIMPIEGODILIQUIDIINlAMMABILI
LIBRETTO DI ISTRUZIONI PREDISPOSTO DAL CO sCONTATTOCONSOSTANZEIRRITANTIEONOCIVE
STRUTTOREE SESONOAZIONATEDAUNMOTORE sINALAZIONEDIVAPORIEDIGASTOSSICI
QUESTODEVEESSERESPENTO 0OSSONOAVEREUNASTATELESCOPICALUNGAlNO
ACIRCA MPERILTAGLIODIRAMICONDIAMETRI
3EGHETTOOSEGACCIOVEDI4AVOLA lNOACIRCACM
3ONO COSTITUITI DA UNA LAMA DENTATA CON IM $URANTELAMANUTENZIONEAFlLATURA OSOSTITU
PUGNATURAPERTAGLIARECONUNASOLAMANOEA ZIONEDEGLIORGANITAGLIENTISIDEVONOINDOSSA
MOVIMENTOALTERNATO&OTO 0OSSONOAVE REIGUANTIPERNONPROCURARSIFERITE
REUNASTATELESCOPICALUNGAlNOACIRCAM $URANTE IL TRASPORTO SU VEICOLO E QUANDO
3ONOINDICATIPERTAGLIARERAMIlNOADUNMAS NON VIENE IMPIEGATA OBBLIGATORIO AI lNI
SIMODICIRCACMDIDIAMETRO DELLA SICUREZZA COPRIRE LA LAMA TAGLIENTE
$URANTELAMANUTENZIONEAFlLATURA SIDEVONO CONUNINVOLUCRODIPROTEZIONE
INDOSSAREIGUANTIPERNONPROCURARSIFERITE ,AMANUTENZIONEDELLASEGAAMOTOREDEVE
$URANTEILTRASPORTOSUVEICOLOEQUANDONON ESSEREFATTASEGUENDOQUANTOPREVISTONEL
VENGONO IMPIEGATI OBBLIGATORIO AI lNI DELLA LIBRETTODIISTRUZIONIPREDISPOSTODALCOSTRUT
SICUREZZA COPRIRELALAMATAGLIENTECONUNIN TORECONILMOTOREDELLAMACCHINASPENTO
VOLUCRODIPROTEZIONE
-OTOSEGADAPOTATURA
3EGHEAMOTOREVEDI4AVOLA VEDI4AVOLA
3ONOCOSTITUITEDAUNALAMADENTATACOMEIL ,E MOTOSEGHE DA POTATURA SONO MACCHINE
SEGHETTO OPPUREDAUNACATENATAGLIENTECHE LEGGERE PROGETTATE APPOSITAMENTE CARATTE
SCORRESUUNAPICCOLABARRADIGUIDATIPOMO RIZZATEESSENZIALMENTEDAAVEREUNASTRUTTURA
TOSEGA ED IL MOVIMENTO ALTERNATO O LA ROTA COMPATTAECONLIMPUGNATURADELLAMANODE
ZIONEDELLACATENATAGLIENTEAVVENGONOAFUN STRACHERISALESULCORPOMOTOREPERCONSENTIR
ZIONAMENTOMECCANICOOIDRAULICOTRAMITEUN NEUNBILANCIAMENTOTALEDAPOTERLAIMPUGNARE
MOTOREINDIPENDENTE&OTO  EDAZIONARECONUNAMANOSOLTANTO&OTO 

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO -OTOSEGADAPOTATURA


3ONOADATTEATAGLIAREIRAMIDELLEDIMENSIONI
MAGGIORI CMDIDIAMETROEDANCHEPI
E SEPOSTIINALTOSULLEPIANTE SIPUFARRICORSO
NORMALMENTE ASCALEOTECNICHEDISALITACON
FUNITREE CLIMBING OCONRAMPONI
,IMPIEGODIMOTOSEGHECHEPOSSONOESSE
REUTILIZZATECONUNAMANOSOLTANTOPIPE
RICOLOSODELLIMPIEGODELLENORMALIMOTOSE
GHEEDEVEESSEREPERTANTORISERVATOAPER
SONALEADDESTRATO ESPERTOESPECIALIZZATO
INQUESTOPARTICOLAREMETODODILAVORO

C !BBATTIMENTO CON


MOTOSEGA &IGURA 3TUDIODELLAPIANTA
!LLABBATTIMENTOSIPROCEDEMEDIANTELARECI 
SIONEDELFUSTOALLABASE OPERAZIONECHEOR
MAIVIENEFATTAQUASIESCLUSIVAMENTECONMO
TOSEGA EVENTUALMENTECONATTREZZATURECOM
PLEMENTARI VIDUARELADIREZIONEDICADUTANATURALEELE
,ATTREZZATURA NECESSARIA AL LAVORO DEVE ES ZONEDITENSIONEECOMPRESSIONEDELLEGNO
SERE SISTEMATA VICINO ALLA PIANTA DA ABBATTE ALLABASEDELFUSTO
RE MA NON DEVE OSTACOLARE I MOVIMENTI DEL s INDIVIDUAREEVENTUALIRAMISECCHIOSPEZZATI
LOPERATORE CHEPOTREBBEROCADEREALMOMENTODELLAT
0RIMADIINIZIARELABBATTIMENTOSIPROCEDEAD TERRAMENTO ESELACHIOMALIBERAOINTREC
UNANALISI DELLA PIANTA DA ABBATTERE PER CIATACONALTREPIANTEVICINE
VALUTARE AL MEGLIO IL PROCEDIMENTO DI LA s CAPIRELOSTATODISALUTEDELLAPIANTAPERADOT
VORODASEGUIRE GLIATTREZZINECESSARIEDIPI TARE PARTICOLARI PRECAUZIONI NELLABBATTIMENTO
IDONEICOMPORTAMENTIDISICUREZZADAATTUARE MARCIUMI FERITE CORPI FRUTTIFERI DI FUNGHI PRO
&IGURA  NUNCIATESCAMPANATUREBASALI COLATEDIRESINA
,ANALISIDELLAPIANTADAABBATTERESERVEPER FORMICHEECCSONOINDIZIDIGUASTOINTERNO 
s INDIVIDUARE LA SPECIE LEGNO TENERO O LEGNO s ESAMINARELANDAMENTODELLAlBRATURA NEL
DURO SEAlBRACORTAOLUNGA  LASEZIONEDOVEILFUSTOVIENETAGLIATO PERLA
s STIMARNELALTEZZAPERINDIVIDUARELAMIGLIORE VALUTAZIONEDELLACERNIERA
DIREZIONE DI ATTERRAMENTO EVITANDO DANNI E s INDIVIDUARELAPRESENZADIOSTACOLIODICON
PERDETERMINARELEZONECIRCOSTANTIVIETATEE DIZIONI DEL TERRENO CHE POTREBBERO CAUSA
DIPERICOLOPERLEPERSONE REPERICOLOSIMOVIMENTIESCIVOLAMENTIDEL
s STIMARNEILDIAMETROPERSCEGLIERELATECNICA LALBERO DURANTE LATTERRAMENTO ED IMPREVI
DILAVOROELEATTREZZATUREPIADATTE STIMOVIMENTIDIALTRIMATERIALITRONCHI SASSI
s VALUTARE LEVENTUALE INCLINAZIONE DEL FUSTO URTATINELLACADUTA
E LA CONFORMAZIONE DELLA CHIOMA PER INDI 0OISISCEGLIELADIREZIONEDIATTERRAMENTONEL

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&IGURA :ONAVIETATAEDIPERICOLO


LA QUALE PI OPPORTUNO INDIRIZZARE LALBERO DIINSIDENZADELLACHIOMASOTTOLACHIOMADEL


QUESTAPUNONCOINCIDERECONLADIREZIONEDI LAPIANTA EDALSETTORECIRCOLAREAPERTOA
CADUTANATURALE!LCUNECONDIZIONIPARTICOLARI DESTRAEASINISTRARISPETTOALLADIREZIONEDIAT
COMEANCHELACOMODITELASICUREZZANELLA TERRAMENTOEPROFONDOALMENODUEVOLTELAL
VORODIALLESTIMENTO POSSONOSPINGEREOCO TEZZASTIMATADELLAPIANTA)NQUESTAZONANON
STRINGERE A SCEGLIERE UNA DIREZIONE DI CADUTA DEVETROVARSIALCUNO CONESCLUSIONEDELODE
DIVERSADAQUELLANATURALEEDINQUESTICASI GLI ADDETTI AL TAGLIO ,A ZONA DI PERICOLO COR
NECESSARIORICORREREATECNICHEDIABBATTIMEN RISPONDE AL RESTANTE SETTORE DEL CERCHIO CON
TOPARTICOLARI RAGGIO UGUALE AD ALMENO DUE VOLTE LALTEZZA
0ROPRIOPERLAVORARENELLAPOSIZIONEPIERETTA STIMATADELLAPIANTAADESTRAEDASINI
POSSIBILE EQUINDIPICOMODA LATTERRAMENTO STRADELLADIREZIONEOPPOSTAAQUELLADIATTER
DELLEPIANTENELLEFUSTAIEDOVREBBEESSEREINDI RAMENTO !LLINTERNODIQUESTAZONAPOSSONO
RIZZATOVERSOMONTEEADESTRAPERCHLOPERA TROVARSIALTRIOPERATORICHEDEVONOPERINTER
TOREPOSSAAVERE NELLASRAMATURA ILFUSTOPI ROMPERE LA LORO ATTIVIT E STARE AD OSSERVARE
VICINOEAVALLEDELCORPO INMODODALIMITARE CONATTENZIONELEVOLVERSIDELLAVORO lNOACHE
EVENTUALICOINVOLGIMENTINELCASODIMOVIMENTI LAPIANTANONATTERRATA PERPOTERSIMETTEREIN
DELFUSTOSTESSO3EMPRENELLEFUSTAIEILLAVORO SALVOINCASODINECESSIT.ELCASODIPIANTE
DIABBATTIMENTO NEITERRENIINPENDENZA DEVE CONMARCIUMEALLABASEOPIEGATEDALLAPARTE
PROCEDEREDAVALLEVERSOMONTE ENONVICE OPPOSTAAQUELLAINDIVIDUATAPERLATTERRAMEN
VERSA PERLIMITAREILRISCHIODIFARSIROTOLAREAD TO LAZONAVIETATASIESTENDEATUTTOILCERCHIO
DOSSOPEZZIGILAVORATI CONCENTROALPIEDEDELLAPIANTADAABBATTERE
3CELTALADIREZIONEDIATTERRAMENTO LOPERATORE ERAGGIOALMENODOPPIORISPETTOALLASUAALTEZ
INDIVIDUAEVENTUALIVIEDIFUGADAUTILIZZARE ZASTIMATA
INCASODINECESSITPERALLONTANARSICON )LFATTOCHELAZONAVIETATAEQUELLADIPERICO
RAPIDIT DALLA ZONA DI LAVORO QUESTE NOR LOSONORAPPRESENTATEDAUNCERCHIOCONRAG
MALMENTEDUEEDACIRCAADESTRAEASI GIOUGUALEADALMENODUEVOLTELALTEZZADELLA
NISTRADELLADIREZIONEOPPOSTAAQUELLADIATTER PIANTACHEDEVEESSEREABBATTUTADOVUTOAL
RAMENTO DEVONO ESSERE LIBERATE DA OSTACOLI FATTOCHESIALALTEZZADELLAPIANTACHEILRAGGIO
EDAVEGETAZIONEPERCONSENTIRNEUNAVELOCE DELCERCHIOSONOMISURESTIMATEENONRILEVATE
PERCORRIBILIT EDANCHEPERCHLAPIANTA DURANTEILSUOAT
3CELTA LA DIREZIONE DI CADUTA SGOMBERATO IL TERRAMENTO PU COINVOLGERE ALTRE PIANTE AU
CAMPO DI LAVORO INTORNO AL PIEDE DELLALBERO MENTANDOILRAGGIODIAZIONEDELLACADUTA
PER POTER OPERARE IN SICUREZZA TAGLIATI EVEN )N OGNI CASO PER LA DETERMINAZIONE DELLE DI
TUALICONTRAFFORTIDELFUSTOSOPRATTUTTOSUALBERI STANZEDISICUREZZA SIRIMANDAANCHEAQUAN
DIGRANDIDIMENSIONI SIPROCEDECONLINDIVI TOINDICATONEIMANUALIDIUSOEMANUTENZIONE
DUARELAZONAVIETATAEQUELLADIPERICOLO DEICOSTRUTTORIDIMOTOSEGHE
&IGURA ,AZONAVIETATACORRISPONDEALLAREA )LLAVORODEVEESSEREORGANIZZATOINMODOTALE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
EQUINDIQUANDOLAPIANTAGIDECISAMENTE
ED INEQUIVOCABILMENTE INCLINATA NELLA DIREZIO
NEDIATTERRAMENTO)LTAGLIODIABBATTIMEN
TODEVEESSERETENUTOPIALTODELLABASE
DELLATACCADIDIREZIONEANCHEPERUNALTRO
MOTIVODISICUREZZAPERCHLOSCALINO FRALA
BASE DELLA TACCA DI DIREZIONE ED IL TAGLIO
DI ABBATTIMENTO LIMITA LA POSSIBILIT CHE
LALBERO DURANTE LATTERRAMENTO SCIVOLI
INDIETROSULLACEPPAIACONGRAVERISCHIOPER
LOPERATORE&OTO 
0RIMADIINIZIAREILTAGLIODIABBATTIMENTOLOPE
&OTO 4AGLIODIABBATTIMENTONORMALETACCADIDIREZIO RATORE DEVE CONTROLLARE CHE NELLA ZONA

NEECERNIERA VIETATANONCISIANESSUNOEDEVEGRIDARE
UN FORTE SEGNALE DI ATTENZIONE ACCERTAN
DOSICHESIASTATOCOMPRESODAGLIEVENTUALI
DA NON CREARE INTERFERENZE TRA I LAVORATORI ED OPERATORICHESITROVINONELLAZONADIPERICOLO
IN PARTICOLARE DEVE ESSERE MANTENUTA TRA GLI INMODOCHEPOSSANOINTERROMPEREILLOROLAVO
OPERATORIADDETTIALTAGLIO UNADISTANZADISI ROESTAREINALLERTA
CUREZZA DETERMINATA DA UNA VALUTAZIONE PRE !SECONDADELLESITUAZIONIDIAMETROEDALTEZ
VENTIVADELLECARATTERISTICHEDELTERRENOEDELLA ZADELLAPIANTA PENDENZADELTERRENO DENSIT
VEGETAZIONE 'LI ADDETTI ALLABBATTIMENTO DE DELSOPRASSUOLO PENDENZADELLAPIANTAEDI
VONO SEGUIRE UNA LINEA DI TAGLIO PRECEDENTE REZIONEDIATTERRAMENTOECC SIRICORREATEC
MENTE CONCORDATA ED INOLTRE DEVONO EVITARE NICHEDIABBATTIMENTOEDATTERRAMENTODIVER
DILAVORAREAVALLEOAMONTELUNODALLALTROIN SECHEPREVEDONOANCHELIMPIEGODIDIVERSE
MODODAPREVENIREIRISCHICHEPOTREBBECOM ATTREZZATUREZAPPINO SCIVOLODIATTERRAMENTO
PORTAREILROTOLAMENTODIUNAPIANTAABBATTUTA LEVADIATTERRAMENTO LEVAGIRATRONCHI CUNEIDA
DITRONCHIEODIPIETRE INlGGERECONUNAMAZZAOCONILDORSODIUNA
0ERDAREALLAPIANTALADIREZIONEDIATTERRAMEN ACCETTA PARANCOMANUALECONFUNEDACCIAIO
TOPRESCELTA DEVONOESSERESEMPREFATTI ALLA CARRUCOLAECAPICHIUSI
BASEDELLAPIANTAEPIINBASSOPOSSIBILE UN 3EILBARICENTRODELLAPIANTACADEALDIFUORIDEL
TAGLIO O TACCA DI DIREZIONE ED UN TAGLIO DI LASUABASE SEQUINDISONOPRESENTIZONENEL
ABBATTIMENTO&RAIDUEDEVERIMANERESEM LEQUALIILFUSTORISULTAESSEREINTENSIONEEDIN
PREUNAPARTEDILEGNOINTEGRAENONTAGLIATA COMPRESSIONE LOPERATORE DEVE INIZIARE IL
LACERNIERA CHESERVEAGUIDARELAPIANTANEL TAGLIODIABBATTIMENTODALLAPARTEINCOM
LATTERRAMENTO)LFONDODELLATACCADIDIREZIONE PRESSIONEETERMINARLONELLAZONAINTEN
DEVE ESSERE ESATTAMENTE PERPENDICOLARE ALLA SIONEINMODOCHE SESISBAGLIATOQUALCOSA
DIREZIONE DI CADUTA PRESCELTA PERCH NELLAT LAPIANTACADADALLAPARTEOPPOSTAENONVERSO
TERRAMENTOLALBERORUOTAINTORNOALLACERNIERA LOPERATORECHEINOGNICASO QUANDOSTAPER
DELIMITATADALLATACCADIDIREZIONEEDALTAGLIO TERMINAREILTAGLIODIABBATTIMENTO DEVETRO
DIABBATTIMENTO3ELACERNIERAVIENEINDEBO VARSISEMPRENELLAPOSIZIONEDADOVEPU
LITA TROPPO SE VIENE TAGLIATA O SE SI STRAPPA ALLONTANARSICONMAGGIOREFACILIT
QUANDO LA PIANTA ANCORA NON DECISAMEN 4ERMINATOILTAGLIODIABBATTIMENTO MEN
TEINCLINATAEDINDIRIZZATANELLADIREZIONEDIAT TRELAPIANTACADE LOPERATOREDEVEALLON
TERRAMENTO LAPIANTALIBERADIANDAREDOVE TANARSIDIALCUNIMETRI PERCORRENDOLEVIE
VUOLE SEGUENDO LA SUA DIREZIONE NATURALE DI DI FUGA PER RIDURRE AL MINIMO IL PERICOLO
CADUTA ESIVAINCONTROASITUAZIONIESTREMA DIESSERECOLPITODAMOVIMENTIIMPREVISTI
MENTE PERICOLOSE )L TAGLIO DI ABBATTIMEN DELFUSTOEDARAMICHECADONO
TODEVEESSEREFATTOPIINALTODELLABASE 3E LA PIANTA NELLATTERRAMENTO RIMANE IM
DELLATACCADIDIREZIONEPERCHLACERNIE PIGLIATAODAPPOGGIATAADALTRENONDEVEES
RAPOSSAmETTERSI ACCOMPAGNANDOEGUI SERE LASCIATA IN UNA POSIZIONE COS PERICOLO
DANDOLAPIANTANELLADIREZIONEDIATTERRA SA $EVE ESSERE ATTERRATA COMPLETAMEN
MENTO SCELTA ROMPENDOSI SOLTANTO QUANDO TENELPIBREVETEMPOPOSSIBILEAIUTANDO
SICHIUSALAPERTURADELLATACCADIDIREZIONE SI A SECONDA DELLE SUE DIMENSIONI CON UNO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
 ,INEEELETTRICHEISOLATEDEVEESSEREATTEN
TAMENTE VALUTATA LA DIREZIONE E LO SPAZIO
DI CADUTA DELLA PIANTA E DEI RAMI CHE PO
TREBBEROURTAREEOTRANCIARELALINEADETER
MINANDOUNASITUAZIONEDIPERICOLOPERGLI
OPERATORI
.ELCASOCHELALINEA NONISOLATAOISOLATA
VENISSETRANCIATA ACAUSADIUNERROREDE
GLIOPERATORIOPERALTRECAUSE DEVEESSE
RE INTERDETTO LACCESSO ALLA ZONA PERICOLO
SAATUTTIILAVORATORIE NELPIBREVETEMPO
POSSIBILE DEVEESSERESEGNALATOLINCONVE
NIENTEALL%NTEDISTRIBUTOREPERGLIINTERVENTI
DELCASO0ERQUESTOMOTIVOOCCORRETENE
READISPOSIZIONEINCANTIEREINUMERITELEFO
NICIPERLESEGNALAZIONIDURGENZA

-OTOSEGAVEDI4AVOLA
&OTO !TTERRAMENTODIUNAPIANTAAPPOGGIATACONLAIU 3I POSSONO CLASSIlCARE LE MOTOSEGHE IN LEG
 TODIUNALEVAGIRATRONCHI GERE MEDIEEPESANTI DIPENDENTEMENTEDAL
LE LORO CARATTERISTICHE TECNICHE E DAL LORO IM
PIEGO ,E MOTOSEGHE LEGGERE NORMALMENTE
ZAPPINO CONUNALEVAGIRATRONCHI&OTO O HANNOUNACILINDRATAlNOAICM QUELLEME
CONUNPARANCOMANUALE.ONDEVEINOGNI DIE DA  A CM QUELLE PESANTI DA  A
CASOESSEREABBATTUTOLALBERODIAPPOG CM %SISTONO POI MOTOSEGHE SUPERPE
GIOPERCHSIANDREBBEALAVORARENELLAZONA SANTI OLTREICMDICILINDRATA ILCUIUSONEI
DICADUTADIQUELLOIMPIGLIATOCHEPOTREBBELI NOSTRIBOSCHIINCONSUETO
BERARSIIMPROVVISAMENTEECADEREALSUOLO #ONLACILINDRATA NORMALMENTE AUMENTAANCHE
)L LAVORO DI ABBATTIMENTO DEVE ESSERE SO ILPESODELLAMACCHINAEDQUINDIOPPORTUNO
SPESONELCASODITEMPORALEOFORTEVENTO UTILIZZARELEDIVERSETIPOLOGIEDIMOTOSEGA
4ERMINATOLATTERRAMENTODELLAPIANTA PERMO INFUNZIONEDELLAVORODASVOLGERE
TIVIDISICUREZZADEVEESSERETAGLIATOILhPET 3I USANO MOTOSEGHE LEGGERE PER SFOLLI PRIMI
TINEvDIlBREDILEGNOCONLEPUNTERIVOLTEVERSO DIRADAMENTI E PER LAVORI DI SRAMATURA IN SO
LALTOCHEEVENTUALMENTERIMANESULLACEPPAIA PRASSUOLIDICONIFEREMOTOSEGHEMEDIEPER
INCORRISPONDENZADELLACERNIERA DIRADAMENTI IN SOPRASSUOLI DI LATIFOGLIE A LE
GNODURO ABBATTIMENTODICEDUI SRAMATURADI
,AVORI IN PRESENZA DI LINEE LATIFOGLIE A LEGNO DURO E RAMI GROSSI ABBATTI
ELETTRICHEAEREE MENTO DI CONIFERE ADULTE MOTOSEGHE PESAN
 ,INEE ELETTRICHE NON ISOLATE PRIMA DI ESE TIPERLABBATTIMENTOELASEZIONATURADIALBERI
GUIRE I LAVORI IL CAPO CANTIERE IL PREPOSTO GRANDI SPECIALMENTESEALEGNODURO,EMO
O LO STESSO MOTOSEGHISTA DEVE ACCERTARE TOSEGHE SUPERPESANTI VENGONO IMPIEGATE IN
CHE SIA RISPETTATA LA DISTANZA DI SICUREZZA PAESITROPICALIPERLABBATTIMENTOELASEZIONA
DIMDALLALINEAINTUTTELEIPOTESIOPERATI TURADIALBERIMOLTOGRANDICONLEGNODURO
VE/CCORREVALUTAREATTENTAMENTELALTEZZA 0ERLEINDICAZIONIINERENTILENORMEDIIGIENEE
DELLA PIANTA IL DIAMETRO DELLA CHIOMA E LA SICUREZZANELLUSODELLAMOTOSEGASIRIMANDAA
DIREZIONE DI CADUTA POICH NESSUNA PARTE QUANTOGIRIPORTATOAL#APC 0OTATURA
DELLAPIANTAPOSSAINTERFERIRECONLADISTAN 3IINDICANODISEGUITOALCUNENORMECOMPORTA
ZADISICUREZZADIM.EICASIINCUIILRI MENTALIRELATIVEALLAVORODIABBATTIMENTO
SPETTO DELLA DISTANZA DI SICUREZZA NON SIA OPPORTUNO CHE DURANTE LE AZIONI DI TAGLIO
GARANTITO DEVONO ESSERE SOSPESI I LAVORI QUANDO POSSIBILE LOPERATORE TENGA IL COR
ED OCCORRE RICHIEDERE ALL%NTE DISTRIBUTORE PODELLAMOTOSEGAAPPOGGIATOALLEGNOO
LA DISATTIVAZIONE DELLA LINEA AEREA PER TUT I RAMPONI ANTERIORI INlSSI NEL LEGNO &OTO
TOILTEMPONECESSARIOALLESECUZIONEDELLE  #OSFACENDO PARTEDELLEVIBRAZIONISISCA
OPERAZIONI RICANOSULTRONCOEVIENERIDOTTALAFATICADATO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
MENTOCHESERVEPERATTERRAREAGILMENTEALBERI
DI PICCOLE DIMENSIONI NEI DIRADAMENTI DI SO
PRASSUOLIDENSIPOSTIINTERRENIPIANEGGIANTIO
CONPOCAPENDENZA&OTO UNATTREZZO
INMATERIALEPLASTICOALLINTERNODELQUALESIFA
SCIVOLARE IL CALCIO DELLALBERO CON UN TAGLIO DI
ABBATTIMENTOINCLINATO4IRANDOLOSLITTINOCON
ALSUOINTERNO LABASEDELLALBERO QUESTOVIE
NE ATTERRATO NELLA DIREZIONE OPPOSTA .EI TER
RENIINCLINATILOSLITTINOVIENETIRATOVERSOVALLE
1UESTO SCIVOLO PU ESSERE IMPIEGATO PER AL
BERICONDIAMETROlNOACMDIAMETRO
MASSIMO ALLA SEZIONE DI TAGLIO DI CM
ESUTERRENICONPENDENZAlNOACIRCAIL
/LTREQUESTAPENDENZAILSUOIMPIEGODI
VENTA PERICOLOSO PERCH LALBERO TAGLIATO E
FATTOCADEREALLINTERNODELLOSLITTINO SCIVOLAVE
LOCEMENTEVERSOVALLECONILRISCHIODICOINVOL
&OTO 4AGLIODISEZIONATURACONLAMOTOSEGA GERENELLACADUTAANCHELOPERATORECHEVILA
 APPOGGIATAAIRAMPONI VORAVICINO
.EITERRENIPIANEGGIANTI UTILIZZANDOLOSCIVOLO
DIATTERRAMENTO SIDEVEPRESTAREATTENZIONE
CHEILPESODELLAMOTOSEGANONVIENETUTTOSO ANONFAREESAGERATISFORZIDITRAZIONEEA
STENUTODALLEBRACCIADELLOPERATORE NONASSUMEREPOSTURESCORRETTE&OTO 
$URANTE IL LAVORO BISOGNA TENERE POSTURE
ADATTEPEREVITARERIPERCUSSIONISULLEARTICOLA ,EVADIATTERRAMENTOVEDI4AVOLA
ZIONI E SULLAPPARATO MUSCOLO SCHELETRICO ,A UNALEVA DIDIVERSALUNGHEZZADIPENDENTE
SCHIENA DEVE STARE DIRITTA E PER FAR QUESTO SI MENTEDALLEDIMENSIONIDEGLIALBERISUIQUALISI
DEVELAVORAREINGINOCCHIATICOMODOANCHE DEVEINTERVENIRE DOTATADIUNIMPUGNATURAAD
PERCHSIAPPOGGIANOLEBRACCIASULLECOSCE O UN ESTREMO E DI UN PIEDE ALLALTRO CHE VIENE
mETTENDOUNPLEGAMBE IMPIEGATAPERLATTERRAMENTODIPIANTEDIPIC
COLE E MEDIE DIMENSIONI lNO A  CM DI
3LITTINO O SCIVOLO DI ATTERRA DIAMETRO NEI DIRADAMENTI DI SOPRASSUOLI GIO
MENTOVEDI4AVOLA VANIEADULTI)LPIEDEVIENEINSERITONELTAGLIODI
,OSLITTINOOSCIVOLODIATTERRAMENTOUNOSTRU ABBATTIMENTO ESEGUITOINQUESTOCASOCONUNA

&OTO 5TILIZZODELLOSLITTINO



,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO
#ORRETTOIMPIEGODELLALEVADIATTERRAMENTO


TECNICA PARTICOLARE !FFERRANDO LIMPUGNATURA NERESCHIACCIATISOTTOILFUSTOCHESISTAGIRAN


DOPO AVER COMPLETATO IL TAGLIO DI ABBATTIMENTO DO&OTO 
EDELIMITATOLACERNIERA SIDEVESOLLEVARELALEVA
VERSOLALTOINMODODAAPRIREILTAGLIODIABBATTI !CCETTAOMAZZAPERCUNEIE
MENTOEFARRUOTARELAPIANTAINTORNOALLACERNIERA RONCOLAVEDI4AVOLA
VERSOLADIREZIONEDATADALLATACCA 0ERINlGGEREICUNEINELTAGLIODIABBATTIMENTO
.ELLIMPIEGO DELLA LEVA DI ATTERRAMENTO C DA SI BATTONO CON IL DORSO DI UNACCETTA OPPURE
PRESTARE ATTENZIONE A NON FARE ESAGERA CONUNAMAZZADABOSCAIOLO PIPESANTEE
TISFORZIEADADOTTARELEADEGUATEPOSTURE QUINDI DOTATADIMAGGIORENERGIACINETICA
SOLLEVANDO LA LEVA VERSO LALTO ASSUMENDO PO
STURECHENONCOMPORTINOECCESSIVOCARICOSULLA
COLONNAVERTEBRALE

,EVAGIRATRONCHIVEDI4AVOLA
UNA LEVA DI DIVERSA LUNGHEZZA DIPENDENTE
MENTEDALLEDIMENSIONIDEGLIALBERIODEITRONCHI
SUIQUALISIDEVEINTERVENIRE ADUNESTREMITDEL
LAQUALESITROVAUNGANCIOPERFARPRESASULLE
GNO,ASTESSALEVADIATTERRAMENTOPUESSERE
DOTATADIUNGANCIOPERIMPIEGARLASIADALEVADI
ATTERRAMENTOSIADALEVAGIRATRONCHI.ELCASOIN
CUIUNAPIANTARIMANGAAPPOGGIATAADUNALTRA
DOPOAVERAPPLICATOILGANCIOALLABASEDELFUSTO
LALEVAGIRATRONCHISERVEPERFARRUOTARELAPIANTA
IMPIGLIATADISTRICANDONELACHIOMA
.ELLIMPIEGO DELLA LEVA GIRATRONCHI C DA PRE
STAREATTENZIONEANONFAREESAGERATISFORZI
EADADOTTARELEADEGUATEPOSTURE SOLLEVAN
DOLA VERSO LALTO O SPINGENDOLA ASSUMENDO
POSTURECHENONCOMPORTINOECCESSIVOCARI
COSULLACOLONNAVERTEBRALE!LTRAREGOLAFON
DAMENTALE PER LA SICUREZZA DELLOPERATORE
QUELLADIAGIRESULLALEVASPINGENDOENON &OTO #ORRETTAPOSIZIONENELLUTILIZZODELLALEVA
 GIRATRONCHI
TIRANDOVERSODIS PERNONRISCHIAREDIRIMA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO )MPIEGO DELLO ZAPPINO PER LATTERRAMENTO DI UN &OTO 0ARANCOMANUALEEISUOIACCESSORI
 ALBERORIMASTOIMPIGLIATO 

)CUNEIINLEGNO INPLASTICAOINALLUMINIO SIIN CONATTENZIONEPERNONPROCURARSIFERITE


SERISCONONELTAGLIODIABBATTIMENTOINNUMERO $URANTEILTRASPORTOINAUTOEQUANDONON
CRESCENTE NORMALMENTEDAUNOATRE DIPEN VIENE IMPIEGATA OBBLIGATORIO AI lNI DELLA
DENTEMENTEDALLEDIMENSIONIDELLAPIANTAEDAL SICUREZZA COPRIRELALAMATAGLIENTECONUN
MINORE O MAGGIORE SBILANCIAMENTO DEL SUO INVOLUCRODIPROTEZIONE
BARICENTROVERSOLADIREZIONEDIATTERRAMENTO
3IINSERISCONODALLAPARTEOPPOSTADELLATACCA :APPINOVEDI4AVOLA
DIDIREZIONE ILPIPOSSIBILELONTANODAICARDI COSTITUITODAUNLUNGOMANICOCIRCA M
NIDELLACERNIERA PEREVITARECHEQUESTAVENGA NORMALMENTEDILEGNO ALLESTREMITDELQUALE
STRAPPATA INMODODAAVEREILPILUNGOBRAC INSERITOAPRESSIONELOCCHIODIUNCORTOGAN
CIODILEVAPERINCLINARELALBERO)CUNEIVANNO CIO CM MOLTOAPERTOEAPPUNTITOES
BATTUTICONCOLPIDECISIDISTRIBUITI INSUCCESSIO SENZIALMENTEUNALEVACHESERVEPERSPOSTARE
NEALTERNATA SUIDIVERSICUNEIIMPIEGATISENZA ORUOTAREFUSTIOTRONCHI
SPOSTARSIDALLAPOSIZIONEDALLAQUALESIBATTE .ELLIMPIEGODELLOZAPPINOCDAFAREATTEN
!LZANDOLATESTAADOGNICOLPO SIOSSERVANO ZIONEANONCOMPIEREESAGERATISFORZIEA
I MOVIMENTI DELLA PIANTA COME QUESTA REAGI NONASSUMEREPOSTUREINADEGUATECHECOM
SCEALLINSERIMENTODEICUNEI1UANDOCISIAC PORTINO ECCESSIVO CARICO SULLA COLONNA VERTE
CORGECHELAPIANTACOMINCIAAMUOVERSILEN BRALE&OTO 
TAMENTEPERCONTOSUO RUOTANDOINTORNOALLA
CERNIERA NELLA DIREZIONE DI ATTERRAMENTO CI SI 0ARANCHIMANUALICONCAPICHIU
ALLONTANAINPOSIZIONEDISICUREZZA SI CARRUCOLEEFUNIDACCIAIO
.ELLEFASIDIPREPARAZIONEALLABBATTIMENTOPU 1UANDOSIDEVEABBATTEREUNAPIANTACHEPEN
ESSEREIMPIEGATALARONCOLAPERILTAGLIODIAR DEDECISAMENTENELLADIREZIONEOPPOSTAAQUEL
BUSTI O CESPUGLI CHE SI TROVANO IN PROSSIMI LADIATTERRAMENTOPRESCELTAODINALTRESITUAZIONI
T DELLA BASE DEL TRONCO PER LA REALIZZAZIONE DIPARTICOLAREPERICOLOPERLATTERRAMENTO SIPU
DELLEVIEDIFUGAEPERILTAGLIODIRAMIBASSIIN RICORREREALLIMPIEGODIUNPARANCOMANUALE
MODODAPOTERPOIOPERARECONLAMOTOSEGA ,ATTREZZATURA NECESSARIA COSTITUITA DA UN
PIAGEVOLMENTEEDINSICUREZZA PARANCO CON LA SUA DOTAZIONE ESSENZIALE DI
,IMPIEGODIQUESTIATTREZZIRICHIEDELASSUNZIO SERIE LEVA DI AZIONAMENTO E FUNE DACCIAIO
NEEDILMANTENIMENTODIADEGUATEPOSTURE CONGANCIO DAUNACARRUCOLADIRINVIO DADUE
1UANDO SI UTILIZZANO STRUMENTI TAGLIEN CAPICHIUSITUBOLAREOFASCIA PERLANCORAGGIO
TICONUNASOLAMANOPERICOLOSOUTILIZZARE DELPARANCOEDELLACARRUCOLA&OTO EVEN
LALTRAMANOPERSOSTENEREOPERTENEREFER TUALMENTEDAUNUNCINOPERAFFERRAREINALTOLA
MOCICHESISTATAGLIANDOPERCHCILRI PIANTAEDALQUALEVIENElSSATALAFUNEE PER
SCHIODICOLPIRSELA LEGARE LA PIANTA IN ALTO O PER AGGANCIARLA DA
$ATOCHELORGANOLAVORANTETAGLIENTE DU UNASCALA DARAMPONIEIMBRACHIODAUNLUN
RANTE LA SUA MANUTENZIONE AFlLATURA E IMPIE GAPERTICAPERPOSIZIONARELUNCINO&OTO 
GO ESSODEVEESSEREMANEGGIATOCONIGUANTIE ,APIANTADEVEESSERELEGATAOAGGANCIA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
.ELLIMPIEGO DEL PARANCO C DA FARE ATTEN
ZIONE A NON COMPIERE ESAGERATI SFORZI E
A NON ASSUMERE POSTURE INADEGUATE CHE
COMPORTINO ECCESSIVO CARICO SULLA COLONNA
VERTEBRALE
#ONIPARANCHIVENGONOIMPIEGATEUNASERIEDI
ATTREZZATURE COMPLEMENTARI FUNI CAPICHIUSI
CARRUCOLE CHE VENGONO UTILIZZATE ANCHE CON
ALTRE ATTREZZATURE VERRICELLI TELEFERICHE E CHE
DESCRIVEREMODISEGUITO

0ARANCHIMANUALIVEDI4AVOLA
&OTO 5NCINO PER AFFERRARE LA PIANTA DA ATTERRARE CON 3ONO COSTITUITI ESSENZIALMENTE DA UNA COP
 ILPARANCO PIADIGANASCECHESTRINGONO ALTERNATIVAMEN
TE UNA SPECIlCA FUNE DACCIAIO DOTATA DI UN
GANCIOALLASUAESTREMIT)LMOVIMENTOALTER
TAPIINALTOPOSSIBILEPOSSIBILMENTEADAL NATIVODIAPERTURAECHIUSURADELLEGANASCEE
MENODELLASUAALTEZZA EPERFARQUESTO LO SPOSTAMENTO DELLA FUNE ALLINTERNO AVVIENE
SIPURICORREREADUNUNCINO ALQUALESIlSSA ATTRAVERSO UNA LEVA TELESCOPICA CHE AGISCE
LESTREMITDELLAFUNEPROVVISTADIGANCIO&OTO SU DI UN SISTEMA DI LEVERAGGI 1UESTI PARAN
 )NSITUAZIONIDOVEOCCORREUNAMAGGIORE CHISONODOTATIANCHEDIRETROMARCIACHE CON
SICUREZZASULCONTROLLODELLADIREZIONEDIATTER ISOLITIMOVIMENTIALTERNATIVI SERVEADALLENTARE
RAMENTOINPROSSIMITDILINEETELEFONICHE ABI LAFUNEGRADATAMENTE0ERAPRIRELEGANASCEE
TAZIONIECC SIDEVELEGARELAFUNEALFUSTOCON FARSCORRERELIBERAMENTELAFUNEALLOROINTERNO
LAIUTODIUNASCALAODIIDONEAATTREZZATURAPER PRESENTEUNAPOSIZIONEDIFOLLE
SALIRESULLAPIANTA3IINDIVIDUAUNANCORAG ,AFORZADITRAZIONE ASECONDADEIMODELLI VA
GIO PIOMENONELLADIREZIONEDIATTERRA RIADALLECIRCA TA TEDILPESOCORRISPON
MENTO DOVEAGGANCIARECONILCAPOCHIU DENTEDELLATTREZZOSENZAFUNEPUVARIAREDAI
SOLACARRUCOLAERINVIARELAFUNEPERNON CIRCAKGAIKG1UALCHEMODELLOPOSSIEDE
TIRARSIADDOSSOLAPIANTATIRANDOLAINTIRO DUEVELOCITDITRAZIONE
DIRETTO 3I lSSA IL PARANCO MANUALE LATERAL 0RIMADELLAMESSAINFUNZIONEDELLAMACCHINA
MENTEALLADIREZIONEDIATTERRAMENTOEPOSSI OPPORTUNOLEGGEREATTENTAMENTELEISTRU
BILMENTE NON LONTANO DALLA BASE DELLA PIANTA ZIONI DUSO PREDISPOSTE DAL COSTRUTTO
CHESIDEVEABBATTERE ESIMETTEINTENSIONE RE CHEOBBLIGATORIAMENTELADEVONOACCOM
LAFUNE3EGUENDOQUESTOPROCEDIMENTOSIRI PAGNARE E PRIMA DI INIZIARE QUALSIASI LAVORO
DUCONO NOTEVOLMENTE I RISCHI PER LOPERATORE LOPERATORE DEVE ACCERTARSI CHE LA MACCHINA
ANCHESEQUESTOLAVORAALLINTERNODIUNAZONA ED I SUOI DISPOSITIVI DI SICUREZZA SIANO INTEGRI
PERICOLOSA EFUNZIONANTI
3IEFFETTUAILTAGLIODELLATACCADIDIREZIONE CHE 0ER LA MANUTENZIONE OCCORRE SEGUIRE AT
DEVEESSERETENUTAMOLTOAPERTADATOCHELA TENTAMENTE QUANTO RIPORTATO NEL LIBRET
PIANTA DEVE COMPIERE UN ANGOLO PI GRANDE TODIUSOEMANUTENZIONEFORNITODALCO
PRIMADIESSEREBENINDIRIZZATANELLADIREZIONE STRUTTORE CURANDONE LA PULIZIA DELLINTERNO
DIATTERRAMENTOSIESEGUEILTAGLIODIABBATTI VERIlCANDO LO STATO DI USURA DEI VARI COMPO
MENTOINMODODAINDIVIDUARELACERNIERANECES NENTIELUBRIlCANDOPERIODICAMENTEGLIORGANI
SARIAERICHIESTADALLASITUAZIONE APPENAPOSSI INMOVIMENTO
BILESIINSERISCEUNCUNEOPERMAGGIORSICUREZZA 3ONO INOLTRE DOTATI DI UNA SICUREZZA CONTRO I
E COMPLETATOILTAGLIODIABBATTIMENTOEDINDI SOVRASFORZIPOSIZIONATANELCOLLEGAMENTOTRALA
VIDUATALAADEGUATACERNIERA SITOGLIELAMOTO LEVA DI AVANZAMENTO ED IL SISTEMA INTERNO DI
SEGADALTAGLIO LASISPENGEESIVAADAZIONARE LEVERAGGI%SSACONSISTEINUNAOPISPINEDI
ILPARANCOlNOACHELAPIANTA SUFlCIENTEMENTE ROTTURA REALIZZATEINMETALLOCONRESISTENZAIN
SBILANCIATANELLADIREZIONEDIATTERRAMENTO NON FERIOREAQUELLODELCOLLEGAMENTO CHEVENGO
COMINCIAACADERE!QUESTOPUNTOLOPERATORE NOTRANCIATEDALLAZIONAMENTODELLALEVAQUAN
SIALLONTANAANCHEDALPARANCOPEREVITARE DOSISUPERALAFORZADITRAZIONEMASSIMACON
POSSIBILIBRUSCHICONTRACCOLPISULLAFUNE SENTITA 0ER LA SOSTITUZIONE DELLE SPINE DI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO #APOSCHIUSOTUBOLARECONCARRUCOLADIRINVIO &OTO #APOCHIUSOAFASCIACONCARRUCOLADIRINVIO
 

ROTTURADEVONOESSEREIMPIEGATESOLTANTO #ARRUCOLEVEDI4AVOLAB
QUELLEINDICATEDALCOSTRUTTORELUSODISPI ,ECARRUCOLESONOIMPIEGATEPERRINVIAREFUNI
NEDIVERSEOIMPROVVISATECHIODI PEZZIDIFERRO OPPORTUNO CHE PRESENTINO ALCUNE CARATTE
ECC NONSOLOVIETATOMAPOTREBBECOMPRO RISTICHE FUNZIONALI QUALI LA PROTEZIONE DELLE
METTERELASICUREZZADEGLIOPERATORI mANGE CONTRO LA FUORIUSCITA ACCIDENTALE DEL
LA FUNE LA POSSIBILIT DI ESSERE APRIBILI PER IL
#APICHIUSIVEDI4AVOLAA POSIZIONAMENTO DELLA FUNE UNA CHIUSURA DI
) CAPICHIUSI TUBOLARI FASCE E SPEZZONI DI FUNE SICUREZZACHENONPERMETTALAPERTURAACCI
CONASOLEALLEESTREMIT SONOIMPIEGATIPERLAN DENTALE&OTO 
CORAGGIODIPARANCHI DICARRUCOLEEDALTRO3ONO 0RIMADELLAMESSAINFUNZIONEDELLACARRUCOLA
FABBRICATI IN lBRE SINTETICHE O POSSONO ESSERE OPPORTUNOLEGGEREATTENTAMENTELEISTRU
COSTITUITIDASPEZZONIDIFUNIDACCIAIO&OTO  ZIONI DUSO PREDISPOSTE DAL COSTRUTTO
1UESTE ATTREZZATURE DEVONO ESSERE IM RE CHEOBBLIGATORIAMENTELADEVONOACCOM
PIEGATE MANTENUTE CONSERVATEEMESSE PAGNARE E PRIMA DI INIZIARE QUALSIASI LAVORO
FUORI SERVIZIO SEGUENDO QUANTO PREVISTO LOPERATORE DEVE ACCERTARSI CHE LA CARRUCOLA
NELLIBRETTODIUSOEMANUTENZIONE FORNI ED I SUOI DISPOSITIVI DI SICUREZZA SIANO INTEGRI
TODALCOSTRUTTORE EFUNZIONANTI
0RIMADELLOROIMPIEGOCOMUNQUECONSIGLIA ,E CARRUCOLE DEVONO ESSERE IMPIEGATE
BILE PROCEDERE AD UN CONTROLLO PER VERIlCARNE TENENDO PRESENTI LE LORO PORTATE LENTIT
LINTEGRIT DELLOSFORZOALQUALESARANNOSOTTOPOSTE
,ECARATTERISTICHEDEICAPICHIUSISONOGENERAL LEDIMENSIONIDELLEFUNIELANGOLOCHEQUESTE
MENTEIDENTIlCABILIATTRAVERSOSIMBOLOGIEECO ULTIMEFORMERANNOSULLESTESSE,AGOLADEL
LORI MADEVONOCOMUNQUEAVEREUNATARGHET LA RUOTA DEVE CONTENERE ADEGUATAMENTE
TACONINDICATELECARATTERISTICHEDIPORTA LAFUNESEGUENDOQUANTOPREVISTODALLIBRETTO
TAINRELAZIONEALLOROUTILIZZO1UALORANONSIA DI USO E MANUTENZIONE 5N ERRATO ACCOPPIA
PI POSSIBILE IDENTIlCARE LA PORTATA DEL CAPO MENTODIMENSIONALEFRACARRUCOLAEFUNEPU
CHIUSO QUESTODEVEESSEREMESSOFUORISERVI DETERMINAREDEFORMAZIONIPERMANENTIERAPIDA
ZIOQUALSIASISIAILSUOSTATODICONSERVAZIONE USURADIQUESTULTIMA
)CAPICHIUSIDEVONOESSEREDIMENSIONAN ,E CARRUCOLE DEVONO RIPORTARE IMPRESSA
TI SULLO SFORZO MASSIMO PREVISTO ED AC INMANIERACHIARALAPORTATADIESERCIZIO
COPPIATI AD ALTRE ATTREZZATURE CARRUCOLE ,E CARRUCOLE DEVONO ESSERE DIMENSIO
PARANCHIECC TENENDOBENPRESENTILERI NANTE SULLO SFORZO MASSIMO PREVISTO ED
SPETTIVEPORTATEEMODALITDIIMPIEGO ACCOPPIATE AD ALTRE ATTREZZATURE CAPI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
CHIUSI FUNIECC TENENDOBENPRESENTILE E.MMEKGMM DI
RISPETTIVEPORTATEEMODALITDIIMPIEGO SEZIONE -AGGIORE LA RESISTENZA A TRAZIONE
DELLACCIAIODELlLO MINORELASUAmESSIBILIT
&UNIDACCIAIOVEDI4AVOLAC ELASUACAPACITDISOPPORTARERIPETUTESOLLE
,EFUNIDACCIAIOPIFREQUENTEMENTEUTILIZZATE CITAZIONIAmESSIONE
NELSETTOREFORESTALESONOQUELLECHESIDESCRI &UNI FORMATE DA lLI DI DIAMETRO ELEVATO HAN
VONOBREVEMENTEDISEGUITO NOUNARESISTENZAALLUSURAALLOSTRISCIAMENTO
,EFUNISONOFORMATEDAPIlLIDIACCIAIOAVVOL MAGGIOREDIQUELLEFORMATEDAlLIPISOTTILILE
TIFRALOROINVARIMODI FUNIFORMATEDAlLISOTTILISONOPImESSIBILIED
s FUNISPIROIDALI FORMATEDAUNOOPISTRATIDI HANNOMAGGIORERESISTENZAARIPETUTESOLLECI
lLIAVVOLTIINTORNOADUNlLOCENTRALE TAZIONIAmESSIONEALLAFATICA 
s FUNIATREFOLIfoRMATEDAUNNUCLEOCENTRALE 3EILSENSODIAVVOLGIMENTODEITREFOLINELLAFUNE
NORMALMENTEINCANAPAIMPREGNATADIGRAS UGUALEAQUELLODEIlLINELTREFOLOLEFUNISONO
SO ATTORNO AL QUALE SI AVVOLGONO  O PI DETTEADAVVOLGIMENTOPARALLELO SEINVECE
FUNI SPIROIDALI DETTE IN QUESTO CASO hTREFO OPPOSTOSIHANNOLEFUNIADAVVOLGIMENTO
LIv FRACUI CROCIATO&UNIPARALLELEHANNOUNAMAGGIORE
FUNIATREFOLINORMALISONOFORMATEDA RESISTENZAALLUSURAESONOPImESSIBILIDIFUNI
TREFOLICOMPOSTIDAlLIDIUGUALEDIAMETRO CROCIATE MATENDONOAGIRARESULOROSTESSE
FUNI3EALECHEHANNOIlLIESTERNIDEITRE A SVOLGERSI SOTTO CARICO SE UNA ESTREMIT
FOLIDIDIAMETROMAGGIOREDIQUELLIINTERNI LIBERA ACAUSADELLETENSIONIINTERNECHESIFOR
FUNI7ARRINGTONCHEHANNO NELLOSTRATO MANOQUANDOIlLIVENGONOAVVOLTIAFORMARELA
ESTERNODEITREFOLI lLIDIDIAMETRODIVERSO FUNE0ERRIDURREQUESTOFENOMENO PRIMADEL
FUNI 7ARRINGTON 3EALE CHE HANNO LA LA CORDATURA DELLA FORMAZIONE DELLA FUNE I lLI
PARTE INTERNA DEI TREFOLI CON FORMAZIONE ED I TREFOLI VENGONO PREFORMATI FACENDO AS
7ARRINGTONELOSTRATOESTERNODEIlLICON SUMERELOROLAFORMAADELICACHEPOIAVRANNO
FORMAZIONE3EALE NELLAFUNE#ONQUESTOPROCEDIMENTOSIRIDU
FUNI&ILLERCHEHANNOINSERITIFRAIVARISTRA CONOLETENSIONIINTERNEDELLAFUNE SIMIGLIORA
TIDIlLIALTRIlLI DETTIRIEMPITIVI DIDIAMETRO LASUARESISTENZAAFATICAELASIRENDEPISTA
MOLTOPICCOLO BILEEMANEGGEVOLE
6ENGONOIMPIEGATEINCAMPOFORESTALEANCHE ,ANIMADELLEFUNINORMALMENTETESSILEINCA
ALTREDUEFORMAZIONIPARTICOLARI NAPA IMBEVUTA DI GRASSO $URANTE IL LAVORO
s FUNI%RCOLE COSTITUITEDAUNAPARTECENTRALE QUANDOLAFUNESOTTOPOSTAATRAZIONE LANI
SPIROIDALEEDAUNOSTRATOESTERNODITREFOLI MAVIENESCHIACCIATAEDILGRASSOCHEFUORIE
VENGONOUSATEPREVALENTEMENTECOMEPOR SCEVAALUBRIlCAREIlLI RIDUCENDOGLIATTRITIIN
TANTIDITELEFERICHEAVENDODEICARICHIDIROT TERNI DELLA FUNE ED IMPEDENDO LINGRESSO DI
TURA APARITDIALTRECARATTERISTICHE SUPERIO UMIDITELACONSEGUENTEFORMAZIONE ALLIN
RIAITIPIDIFUNEPRECEDENTI TERNO DIRUGGINE UNADELLEPRINCIPALICAU
s FUNI COMPATTATE E MARTELLATE COSTITUITE SEDELLORODETERIORAMENTO
DAlLIASEZIONESAGOMATAANZICHCIRCOLARE ,E FUNI PI USATE IN CAMPO FORESTALE SONO IN
!VENDO UNA SEZIONE METALLICA MAGGIORE A ACCIAIOLUCIDOEDHANNONORMALMENTELANIMA
PARITDIALTRECARATTERISTICHE HANNODEICA INCANAPA&UNICONANIMADIACCIAIOSIUSANO
RICHIDIROTTURASUPERIORIVENGONOIMPIEGATE NEIPARANCHIMANUALIEPERRIDURRELALOROUSU
SIACOMEPORTANTICHECOMETRAENTIINMODO RAQUANDOESSESONOSOTTOPOSTEAFORTIEFRE
PARTICOLARENELLESTAZIONIMOTRICIMOBILI QUENTIPRESSIONIDISCHIACCIAMENTO COMEAV
,ECARATTERISTICHEDELLEFUNIDIACCIAIORESISTEN VIENEPESUTAMBURICONNUCLEOANIMA PIC
ZA ALLA TRAZIONE AI VARI TIPI DI USURA mESSIBILI COLODIVERRICELLI
T DIPENDONO APARITDIDIAMETRODELLAFUNE 1UANDO SI UTILIZZANO FUNI DACCIAIO SI DEVE
DALLECARATTERISTICHEDELLACCIAIOIMPIEGATO DAL PRESTAREPARTICOLAREATTENZIONEALLOROMA
DIAMETRODEIlLI DALNUMERODEIlLI DALTIPODI NEGGIOESTREMAMENTEPERICOLOSOINDOSSA
AVVOLGIMENTODEIlLINELTREFOLOEDALTIPODIAV REANELLI PERCHPOTREBBEROESSEREAGGANCIATI
VOLGIMENTODEITREFOLINELLAFUNE DAlLIROTTIDELLAFUNE0EREVENTUALIlLIROTTILEFUNI
3ECONDOLECARATTERISTICHEDELLACCIAIOELASUA DEVONOESSEREMANEGGIATECONGUANTIADELE
LAVORAZIONE SIOTTENGONODEIlLICHEPRESENTA VATARESISTENZAMECCANICA$0)CAT)) 
NORESISTENZEATRAZIONECOMPRESEALSOLITOFRA ,E FUNI DI NORMA VENGONO SVOLTE MA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
3ESIAVVOLGONOFUNISUTAMBURICONANIMADI
DIAMETRO TROPPO PICCOLO O SE SI FANNO SCOR
RERE SOTTOTENSIONE INTORNOACARRUCOLEDIRI
DOTTEDIMENSIONI LEFUNISUBISCONODELLEDE
FORMAZIONI #I COMPORTA UNA RAPIDA USURA
DELLAFUNE0EREVITAREQUESTIINCONVENIENTI IN
ASSENZADIINDICAZIONIFORNITEDALCOSTRUTTORE
SULLABASEDELLESPERIENZAACQUISITASIDANNOI
SEGUENTISUGGERIMENTI
sITAMBURIDIARGANIEVERRICELLIDEVONOAVERE
UNDIAMETRODELLANIMAONUCLEO NONINFE
RIOREAVOLTEILDIAMETRODELlLOELEMEN
TAREDELLAFUNE
sILDIAMETRODICARRUCOLESULLEQUALILEFUNIFOR
MANOANGOLIPARIOINFERIORIADEVEES
SEREALMENOUGUALEAVOLTEILDIAMETRO
DELlLOELEMENTAREDELLAFUNE
sILDIAMETRODICARRUCOLESULLEQUALILEFUNIFOR
MANOANGOLISUPERIORIADEVEESSEREAL
MENOUGUALEAVOLTEILDIAMETRODELlLO
ELEMENTAREDELLAFUNE
&OTO -ACCHINACONTESTAABBATTITRICEHARVESTER s IL COEFlCIENTE DI SICUREZZA ADOTTATO PER LE

FUNIIMPIEGATENELCAMPOFORESTALEVARIAFRA
  E   DIPENDENTEMENTE DAL GRADO DI
USURADELLAFUNEEDALSUOIMPIEGO
NUALMENTEFACENDOATTENZIONEACHENON
SI FORMINO ASOLE O CAPPOLE LE QUALI SE LA C!BBATTIMENTOCON
FUNE VIENE MESSA IN TENSIONE NE POSSONO MACCHINEABBATTITRICI
PROVOCAREDEFORMAZIONIPERMANENTIEROTTURE ,ABBATTIMENTODEGLIALBERIPUESSEREANCHE
.ELCASOINCUISIRIAVVOLGANOLEFUNIMA FATTO CON MACCHINE ABBATTITRICI FELLER FELLER
NUALMENTEVANNOASSECONDATELELORONA BUNCHER FELLER SKIDDER O ABBATTITRICI ALLESTI
TURALITENSIONI TRICIHARVESTER 1UESTEAFFERRANOLEPIANTE LE
,EFUNIDEVONOESSEREDIMENSIONANTESUL RECIDONOALLABASECONUNACESOIAIDRAULICA
LOSFORZOMASSIMOPREVISTOEDACCOPPIA CONUNASEGAADISCOO PIFREQUENTEMEN
TEADALTREATTREZZATURECAPICHIUSI CARRU TE CONUNASEGAACATENAMOSSADAUNMO
COLEECC TENENDOBENPRESENTILERISPET TOREIDRAULICOELEDEPOSITANOORDINATAMENTE
TIVEPORTATEEMODALITDIIMPIEGO NEL LUOGO DESIDERATO ANCHE TRASPORTANDOLE
,EFUNIDACCIAIO ALMOMENTODELLACQUI ADALCUNEDECINEDIMETRIDIDISTANZASONO
STO DEVONOESSEREACCOMPAGNATEDAUN EQUIPAGGIATECONDISPOSITIVIPERORIENTARELA
CERTIlCATO RILASCIATO DAL FABBRICANTE CHE DIREZIONEDICADUTADELLALBERO
RIPORTILECARATTERISTICHESOSTANZIALIEDINPARTI ,INTERVENTODELLOPERATORESILIMITAAGUIDA
COLARMODOILCARICODIROTTURAMINIMOGARANTI RELAMACCHINAEADAZIONAREIVARIMECCA
TOEDILDIAMETRONOMINALEDELlLOELEMENTARE NISMICONDISTRIBUTORIIDRAULICI OLTRECHEAD
,E FUNI DEVONO ESSERE SOTTOPOSTE AD INTERVENIRE MANUALMENTE QUANDO SERVE LA
ESAME PERIODICO E MESSE FUORI SERVIZIO MANUTENZIONE
QUANDOILNUMERODIlLIROTTIPERUNITDI
LUNGHEZZASIASUPERIOREAQUANTOINDICA -ACCHINA CON TESTA ABBATTI
TONELLANORMATIVASPECIlCA TRICE6EDI4AVOLA
.ELLO SCEGLIERE IL DIAMETRO E CON ESSO LA RESI ,EMACCHINEABBATTITRICISONOCOSTITUITEDAUN
STENZA DELLEFUNI SIDEVETENERECONTODELCOEF VEICOLOSEMOVENTEATRAZIONEINTEGRALEGOM
lCIENTEDISICUREZZA CIODELRAPPORTOMINI MATO O CINGOLATO FRONTALMENTE AL QUALE AN
MOCHECIDEVEESSEREFRAILCARICODIROTTURADELLA CHEALLESTREMITDIUNBRACCIOBRANDEGGIABILE
FUNEELOSFORZOMASSIMOALQUALESIPREVEDECHE SITROVALATESTAABBATTITRICEAZIONATAIDRAULICA
LAFUNEPOSSAESSEREASSOGGETTATA MENTE&OTO )LVEICOLOPUESSERECOSTRUI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
TO APPOSITAMENTE PER QUESTO IMPIEGO OPPU MACCHINASIDEVEPRESTAREPARTICOLAREAT
REPUESSERECOSTITUITODALLAPARTEMOTRI TENZIONEPEREVITARESCHIACCIAMENTIOIN
CEDIUNAMACCHINAMOVIMENTOTERRA PUR VESTIMENTI0ERTANTOILCOLLEGAMENTODEVEES
CHPERQUESTANESIAPREVISTOANCHETALE SEREFATTOCONESTREMACAUTELA CONLAMACCHI
IMPIEGO NA IN PIANO E CON ATTENTO COORDINAMENTO FRA
1UESTEMACCHINE COMEITRATTORI DEVONO OPERATOREEDEVENTUALEAIUTANTEATERRA
MUOVERSISEMPRELUNGOLELINEEDIMASSI ,AVORANDOSUMACCHINEPRIVEDISOSPENSIONI
MAPENDENZA MAIDITRAVERSOADESSAPER ELASTICHECHESIMUOVONOSUSUPERlCIIRREGOLA
ILRISCHIODIRIBALTAMENTO RI LOPERATORESOGGETTOAVIBRAZIONIATUTTO
4RATTANDOSIDIMEZZIARUOTEOCINGOLATIPRIN ILCORPOICUIEFFETTISONODESCRITTINELCAPITOLO
CIPALMENTEMACCHINECHESIMUOVONOINBO SPECIlCOVEDI#APB %SPOSIZIONEAVI
SCOSUPISTEPRINCIPALIESECONDARIE ANCHESE BRAZIONI IMPORTANTELASCELTADIMACCHINE
HANNOMAGGIORESTABILITPERCHSPECIALIZZATI CONCABINEESEDILIOMOLOGATI
LARGHIEPESANTI PRESENTANOGLISTESSIPROBLEMI ,A MANUTENZIONE DELLA MACCHINA DEVE
DEITRATTORIIMPIEGATINEILAVORIINBOSCO)NSI ESSERE FATTA SEGUENDO QUANTO PREVISTO
TUAZIONIPARTICOLARICQUINDIDAFARATTENZIONE NEL LIBRETTO DI ISTRUZIONI PREDISPOSTO DAL
ALRISCHIODIRIBALTAMENTOPERTANTODEVONO COSTRUTTOREILMOTOREDEVEESSERESPENTOE
ESSEREDOTATIDISTRUTTUREDIPROTEZIONECONTRO BISOGNA PRESTARE PARTICOLARE ATTENZIONE A SI
DIESSOEDANCHECONTROQUELLODICADUTADAL STEMARE LA MACCHINA IN POSIZIONE SICURA PER
LALTODELMATERIALEMOVIMENTATOGLIALBERI  NONESSERECOINVOLTIINMOVIMENTIINCONTROLLATI
0RIMADELLAMESSAINFUNZIONEDELLAMACCHINA EDIMPROVVISI
OPPORTUNOLEGGEREATTENTAMENTELEISTRU $URANTE IL LAVORO OBBLIGATORIO LUSO DELLE
ZIONI DUSO PREDISPOSTE DAL COSTRUTTO CINTUREDISICUREZZA
RE CHEOBBLIGATORIAMENTELADEVONOACCOM )N RELAZIONE ALLA VALUTAZIONE DEL RUMORE NEL
PAGNARE E PRIMA DI INIZIARE QUALSIASI LAVORO CASOINCUIQUESTOSUPERIILIMITIPREVISTIDALLA
LOPERATORE DEVE ACCERTARSI CHE LA MACCHINA NORMATIVAINVIGORE LOPERATOREDEVEINDOSSA
ED I SUOI DISPOSITIVI DI SICUREZZA SIANO INTEGRI REGLIADEGUATI$0)
EFUNZIONANTI
3ULLA MACCHINA IN MOVIMENTO OLTRE AL C3RAMATURAMANUALE
LOPERATORE NON PU ESSERE TRASPORTATO ,A SRAMATURA CONSISTE NEL TAGLIARE DAL FUSTO
ALCUNOAMENOCHEILMEZZONONSIAOMOLO ABBATTUTO IRAMIEDILCIMALECHE NORMALMEN
GATOEPREDISPOSTOATALESCOPO TE NON HANNO INTERESSE COMMERCIALE 6IENE
4RATTANDOSIDIMACCHINAMOSSADAUNMOTORE ESEGUITA CON ACCETTA NEL CASO DI ALBERI CON
ENDOTERMICO ILLAVOROCOMPORTATUTTIIRISCHIA RAMI PICCOLI O A LEGNO TENERO PI FREQUENTE
CICONNESSI MENTE CON UNA MOTOSEGA DI TIPO LEGGERO O
sPOSSIBILITDICONTATTOCONSUPERlCICALDE MEDIO SPECIALMENTENELCASODIRAMIGROSSIO
MARMITTA MOTOREECC  DISPECIEALEGNODURO
sIMPIEGODILIQUIDIINlAMMABILI UNADELLEFASIDELLAVOROINBOSCOAMAGGIOR
sCONTATTOCONSOSTANZEIRRITANTIEONOCIVE RISCHIODIINFORTUNIEDIMALATTIEPROFESSIONALI
sINALAZIONEDIVAPORIEDIGASTOSSICI %SSAVIENEFATTANORMALMENTESULLETTODICA
,OPERATORE DEVE PRESTARE PARTICOLARE ATTEN DUTA AVOLTE INTUTTOOINPARTE ANCHEDOPO
ZIONE A SALIRE E SCENDERE DALLA MACCHINA LESBOSCO
ACAUSADELRISCHIODISCIVOLAREEDICADE 1UANDOSILAVORASUALBERICONRAMILUNGHIE
RE0ERTANTOLAMACCHINADEVEESSEREDOTATA GRANDIESUTERRENIDIFlCILI PUCAPITARECHELA
DISCALETTEOPEDANECONSUPERlCIANTISCIVOLO SRAMATURAARASOLEGNOCONLAMOTOSEGASIA
DIADEGUATEDIMENSIONI EDICORRIMANOOMA PRECEDUTADAUNASRAMATURASOMMARIA EVEN
NIGLIEPERCHLOPERATOREVISIPOSSAAFFERRARE TUALMENTECONACCETTA CHEPERMETTEALLOPE
QUESTIDEVEINOLTREINDOSSARECALZATUREDISICU RAIOCONMOTOSEGADILAVORAREPICELERMENTE
REZZAANTISCIVOLO ECONMAGGIORPRECISIONEEDIVEDERMEGLIOIL
$URANTE IL LAVORO LA MACCHINA DEVE AVERE FUSTOPERDECIDEREDOVEESEGUIRESUCCESSIVA
TUTTELEPROTEZIONIPREVISTEDALCOSTRUTTORE MENTEITAGLIDISEZIONATURA
ENESSUNOPERATOREATERRADEVETROVARSI .ELLUTILIZZAZIONE DEI CEDUI NEI TAGLI DI AVVIA
NELCAMPODIAZIONEDELLAMACCHINA MENTO E NEI PRIMI DIRADAMENTI IN SOPRASSUOLI
.EL COLLEGARE LA TESTA ABBATTITRICE ALLA TRANSITORI INTERVENTI DAI QUALI SI RICAVA ESSEN

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO %RRATA IMPUGNATURA CON POLLICE APERTO DELLA &OTO #ORRETTA IMPUGNATURA CON POLLICE CHIUSO DELLA
 MANIGLIAANTERIOREDELLAMOTOSEGA  MANIGLIAANTERIOREDELLAMOTOSEGA

ZIALMENTELEGNADAARDERE SIPUIMPIEGARELA EVENTUALICOINVOLGIMENTINELCASODIMOVIMEN


RONCOLAPERLASRAMATURAELASEZIONATURADEI TIDELFUSTO
RAMIEDEIFUSTIPIPICCOLI .ELLE LATIFOGLIE DI GRANDI DIMENSIONI LA TECNI
1UANDOSISRAMACONLACCETTACONVIENECHE CA DI SRAMATURA CONSISTE NEL PROCEDERE DAL
LATTREZZOSIABENAFlLATOENONMOLTOPESANTE LESTERNODELLACHIOMAVERSOILCENTRO VERSOIL
   KG PERNONAFFATICARSITROPPOEDES FUSTO FACENDOATTENZIONEINMODOPARTICOLARE
SEREVELOCINELLAVORO/LTREADIMPUGNARESAL CHEILTAGLIODIQUALCHERAMO SULQUALELAPIAN
DAMENTEILMANICOEADAVEREUNASTABILEPOSI TA APPOGGIA NON PROVOCHI LA ROTAZIONE DELLA
ZIONEDELCORPO PEREVITAREPERICOLOSISCIVOLA CHIOMAEDELFUSTOCONILRISCHIODICOINVOLGE
MENTI IMPORTANTELAVORAREINMODOTALECHE RELOPERATORE
NONCISIAILRISCHIODICOLPIRSILEGAMBE IN .EL TAGLIO DEI RAMI PI GRANDI FARE ATTENZIO
DIRIZZANDOICOLPIDIACCETTASULFUSTODALLAPAR NEADINCIDEREPERPRIMALAPARTECOMPRESSA
TEOPPOSTAADOVELOPERATOREHALEGAMBE COMPLETANDOILTAGLIODALLAPARTETESA PEREVI
1UANDO SI IMPIEGA LA MOTOSEGA QUESTA TARECHELABARRARIMANGASCHIACCIATAECHELA
DEVEESSEREIMPUGNATASALDAMENTE&OTO CATENASIBLOCCHI
 IMPUGNARELAMANIGLIAANTERIORECON )NOGNICASOLOPERATORE SUTERRENIINCLINATI
IL POLLICE CHIUSO &OTO  SI DEVE FARE AT SIPONEINMODODASRAMAREINPOSIZIONE
TENZIONEANONTOCCAREDIPUNTARAMINASCO SICURA A MONTE DEL FUSTO PER NON ESSE
STIRISCHIODIRIMBALZO KICK BACK SIDEVE RE COINVOLTO DA MOVIMENTI IMPREVISTI DEL
CERCARE QUANDO POSSIBILE DI APPOGGIARSI AL TRONCOCHEPIFACILESISPOSTIVERSOVALLE
TRONCOCHESISTASRAMANDOEDIAPPOGGIARVI
ANCHE IL CORPO DELLA MOTOSEGA PER SCA C3EZIONATURAMANUALE
RICARVIILPESOERIDURRELATRASMISSIONEDI #ONLASEZIONATURA ODEPEZZATURA ILFUSTOVIE
VIBRAZIONIAMANIEBRACCIA &OTO ESE NESUDDIVISOINASSORTIMENTICONCARATTERISTICHE
GUENDOILTAGLIODEIRAMIDALLALTOINBASSOODA IDONEE PER LA COMMERCIALIZZAZIONE ED I SUC
DESTRAASINISTRA EVICEVERSA USANDOLAMO CESSIVI IMPIEGHI 6IENE EFFETTUATA PREVALENTE
TOSEGA COME UNA LEVA CON FULCRO NEL PUN MENTESULLETTODICADUTAUTILIZZANDOLASTESSA
TODIAPPOGGIOCONILFUSTO3IDEVECERCAREDI MOTOSEGACHESTATAIMPIEGATAPERLABBATTI
EVITAREPOSTURESCORRETTE TENENDOILBUSTO MENTOEDEVENTUALMENTEPERLASRAMATURA
ERETTOEDEVENTUALMENTEmETTENDOLEGAMBEE .ELLUTILIZZAZIONE DEI CEDUI NEI TAGLI DI AVVIA
NONLASCHIENAPERABBASSARSI MENTO E NEI PRIMI DIRADAMENTI IN SOPRASSUOLI
0ROPRIOPERLAVORARENELLAPOSIZIONEPIERETTA TRANSITORI INTERVENTI DAI QUALI SI RICAVA ESSEN
POSSIBILE EQUINDIPICOMODA LATTERRAMENTO ZIALMENTELEGNADAARDERE SIIMPIEGAGENERAL
DELLEPIANTENELLEFUSTAIEDOVREBBEESSEREINDI MENTELARONCOLAPERLASRAMATURAELASEZIO
RIZZATOVERSOMONTEEADESTRAPERCHLOPERA NATURADEIRAMIEDEIFUSTIPIPICCOLI
TOREPOSSAAVERE NELLASRAMATURA ILFUSTOPI ,ATECNICAGENERALEDISEZIONATURAQUELLADI
VICINOALCORPOEAVALLE INMODODALIMITARE INCIDEREPRIMALAPARTEDIFUSTONELLAQUALELEl

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO 3RAMATURACONMOTOSEGAAPPOGGIATA &OTO 3EZIONATURADELTRONCOCONMOTOSEGA
 

BRE SONO SOTTOPOSTE A COMPRESSIONE E POI DI SPOSIZIONELOZAPPINOOLALEVAGIRATRONCHINEL


COMPLETAREILTAGLIODISEZIONATURADALLAPARTEIN CASOINCUILABARRARIMANGABLOCCATAOPERFAR
CUILElBRESONOSOTTOPOSTEATRAZIONEPEREVITA RUOTAREILTRONCOPERCOMPLETAREILLAVORO
RESCOSCIATURENELLEGNAME QUALORASIEFFETTUIIL
TAGLIOSOLTANTODALLAPARTETESA EPEREVITARECHE .ASTROMETRICOAUTOAVVOLGENTE
LACATENATAGLIENTEELABARRARIMANGANOBLOCCA 6EDI4AVOLA
TENELTAGLIO NELCASOSIEFFETTUIPERINTERODALLA UNNASTROMETRICODIDIVERSALUNGHEZZA
PARTESOGGETTAACOMPRESSIONE&OTO   M DOTATOADUNESTREMITDIUNUNCINO
!NCHEPERLASEZIONATURAVALGONOGLISTESSIAC MOBILEElSSATOALLALTRAESTREMITADUNTAM
CORGIMENTIINDICATIPERLASRAMATURA BURO AZIONATO DA UNA MOLLA A SPIRALE CHE NE
sAPPOGGIAREILPIPOSSIBILELAMOTOSEGA CONSENTEILRAPIDORIAVVOLGIMENTO
ALTRONCOPERSCARICARVIILPESOERIDUR 3ERVE ALLOPERATORE CHE LAVORA DA SOLO PER
RE LA TRASMISSIONE DI VIBRAZIONI A MANI MISURARECONSEMPLICITERAPIDITLALUNGHEZ
EBRACCIA ZA DEGLI ASSORTIMENTI CHE DEVONO ESSERE SE
s NEI TERRENI IN PENDENZA POSIZIONARSI A ZIONATI&OTO 
MONTEDELFUSTODASEZIONAREEDINOGNI )LNASTROMETRICOAUTOAVVOLGENTETENUTOAP
CASOSCEGLIEREPOSIZIONIDILAVOROSICU PESOALLACINTURADEIPANTALONI,OPERATOREIN
REPERNONESSERECOINVOLTIINMOVIMEN lGGELUNCINODELNASTRONELLESTERNODELLATE
TIPERICOLOSIDELTRONCO STATA DEL TRONCO CHE DEVE ESSERE SEZIONATO
s LA MOTOSEGA DEVE ESSERE IMPUGNATA VISISPOSTAACCANTOPERESEMPIOEFFETTUAN
SALDAMENTE IMPUGNARE LA MANIGLIA SI DOLASRAMATURA CONTROLLAAQUALELUNGHEZZA
NISTRACONILPOLLICECHIUSO SIDEVEFARE DISTANZADALLATESTATA SITROVAE INDIVIDUATA
ATTENZIONEANONENTRAREDIPUNTANELLEGNO QUELLARICHIESTA SEGNAILTRONCOINCORRISPON
EADENTRAREINTAGLIGIINIZIATICONCAUTELA DENZADELTAGLIODISEZIONATURACHEDEVEES
PEREVITAREOLIMITAREFENOMENIDIRIMBALZO SEREFATTO#ONUNLEGGEROSTRAPPOALNASTROSI
KICK BACK  LIBERALESTREMITCONLUNCINOERAPIDAMENTE
INDISPENSABILEAVEREADISPOSIZIONELACCETTA VIENERIAVVOLTODALLAMOLLASULTAMBURO
EDALMENOUNCUNEO DAINSERIREPERSICUREZ 1UESTOMOVIMENTORAPIDODIRIAVVOLGIMENTODEL
ZAINTAGLIDISEZIONATURAGRANDI EDAVEREADI NASTRO DEVE ESSERE CONTROLLATO CON UNA MANO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
PERTANTO AIlNIDELPRESENTELAVORO LEPOSSIA
MOCONSIDERAREEQUIVALENTI
,INTERVENTODELLOPERATORESILIMITAAGUIDA
RELAMACCHINAEADAZIONAREIVARIMECCA
NISMICONDISTRIBUTORIIDRAULICI OLTRECHEAD
INTERVENIRE MANUALMENTE QUANDO SERVE LA
MANUTENZIONE
0ER QUANTO RIGUARDA GLI ASPETTI LEGATI ALLUSO
INSICUREZZADIQUESTEMACCHINESIRIMANDAAL
#APC !BBATTIMENTOCONMACCHINE
ABBATTITRICI

C3CORTECCIATURA
MANUALE
,A SCORTECCIATURA CONSISTE NELLASPORTAZIONE
TOTALEOPARZIALEDELLACORTECCIA
,ASCORTECCIATURAINBOSCO SULLETTODICADU
TA PU ESSERE FATTA CON ATTREZZI TAGLIENTI
ACCETTAEVARITIPIDISCORTECCINO OPPURECON
SCORTECCIATRICIMECCANICHEPORTATILI

&OTO
5SODELNASTROMETRICOAUTOAVVOLGENTE 3CORTECCIATRICIPORTATILISUMOTO

SEGAODECESPUGLIATORE VEDI4AVOLA
3ONOCOSTITUITEDAUNATESTAFRESANTEDIVARIA
FATTURAMOSSADAMOTORIDIMOTOSEGA&OTO 
3ONOFATICOSEDAUSAREESONOCONVENIENTI RI
PERCH PERICOLOSO DATO CHE LUNCINO PU SPETTOAGLIATTREZZIMANUALI SOLTANTOQUANDOIL
MUOVERSI VELOCEMENTE CON IL NASTRO CHE LEGNAMENONINSUCCHIOALDIFUORIDELLASTA
FRUSTAINTUTTELEDIREZIONI CONILRISCHIODI GIONEVEGETATIVA $ELLOSTESSOTIPO ESISTEUNA
COLPIREOCCHI VOLTOEDALTRIPARTIDELCORPO TESTASCORTECCIATRICECHEPUESSEREMONTATA
ALLESTREMITDELLASTADIDECESPUGLIATORIPORTA
C!BBATTIMENTOEAL TILISPALLEGGIATIAZAINO CHEHADATODEIBUO
LESTIMENTO CON MACCHINE NIRISULTATIPERLAMINOREFATICACHEDEVECOM
ABBATTI ALLESTITRICI PIERELOPERATOREPERILSUOIMPIEGOINDICATA
%SISTONO DELLE MACCHINE ABBATTITRICI ALLESTITRI PER LA SCORTECCIATURA DI LEGNAME NON IN SUC
CIHARVESTER EDELLEMACCHINEALLESTITRICIPRO CHIO&OTO 1UESTESCORTECCIATRICIPORTATILI
CESSOR DEL TUTTO PARAGONABILI ALLE ABBATTITRI CHEPOSSONOESSEREIMPIEGATESULLETTODICA
CIPOICHCAMBIASOLTANTOLATESTALAVORANTE DUTA HANNOLOSVANTAGGIODINONAVEREELEVATE
%SSESONOFORMATEDAUNVEICOLOSEMOVENTE PRODUTTIVIT MAILVANTAGGIODIPOTERSCORTEC
ATRAZIONEINTEGRALE ARUOTEOCINGOLATO FRON CIAREILLEGNAMEPRIMADELCONCENTRAMENTOE
TALMENTE AL QUALE ALLESTREMIT DI UN BRAC DELLESBOSCOEDILVANTAGGIODILASCIAREINBO
CIO BRANDEGGIABILE MONTATA LATTREZZATURA SCOLACORTECCIAlNEMENTESMINUZZATA
PER LABBATTIMENTO E LALLESTIMENTO SRAMATU 0ER QUANTO RIGUARDA GLI ASPETTI LEGATI ALLUSO
RA E SEZIONATURA DEGLI ALBERI 1UESTA AFFERRA INSICUREZZADIQUESTEMACCHINESIRIMANDAAI
LEPIANTE LERECIDEALLABASECONUNASEGAA #APC $ECESPUGLIAMENTOEC
CATENA MOSSA DA UN MOTORE IDRAULICO LE IN !BBATTIMENTOCONMOTOSEGA
CLINANELLADIREZIONEDIATTERRAMENTO LESRAMA
TIRANDOLECONTRODEICOLTELLISTRETTIINTORNOALFU C#ONCENTRAMENTO
STO LESEZIONAALLELUNGHEZZEVOLUTEEDEPO 0ERCONCENTRAMENTOSIINTENDELAMOVIMENTA
SITAITOPPIORDINATAMENTENELLUOGODESIDERA ZIONEDELMATERIALEDALLETTODICADUTAALLEVIE
TO ANCHESUDDIVIDENDOLIPERASSORTIMENTO,E DIESBOSCOPISTE RISINE LINEEDITELEFERICA O
MACCHINECHESVOLGONOSOLTANTOLALLESTIMEN DIRETTAMENTE ALLE STRADE .EL CONCENTRAMEN
TOSRAMATURAESEZIONATURA PROCESSOR DIAL TOOGNIPEZZOSEGUE ALMENOINPARTE UNSUO
BERIGIABBATTUTISONOMOLTOSIMILIAQUESTEE PROPRIOPERCORSO ORIENTATOSECONDOLELINEE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO 4ESTASCORTECCIATRICEAPPLICATAALLASTA
 DIUNMOTODECESPUGLIATOREPORTATILE

DIMASSIMAPENDENZA NONPARTICOLARMENTE
PREPARATO SULTERRENONATURALEDELBOSCO
SCIVOLANDOPERGRAVITOVENENDOTIRATOASTRA
SCICO,EDISTANZENORMALIDICONCENTRAMENTO
&OTO
SONODELLORDINEDELLEDECINEDIMETRI #ONCENTRAMENTOASTRASCICOCONANIMALI


CA!STRASCICO
CONANIMALI
#ONSISTE NELLO STRASCICO DIRETTO DEL MATERIALE !NIMALIVEDI4AVOLA
PERMEZZODIANIMALI SINGOLICAVALLI RAZZEDA )RISCHIDELLAVOROSONODIRETTAMENTECOLLEGATIALLA
LAVORO EOMULI OINCOPPIAVACCHE RAZZEDA GESTIONEDEGLIANIMALIEDALLAPOSSIBILITDISUBIRE
LAVORO 3IEFFETTUASUDISTANZEALMASSIMODEL CALCI MORSI SCHIACCIAMENTIECOLPIINGENE
LORDINE DEI CENTO METRI PREFERIBILMENTE IN DI RE OLTRECHEALLAMOVIMENTAZIONEDELMATERIA
SCESA SULLA PRIMA E SECONDA CLASSE DI PEN LECONPOSSIBILIMOVIMENTIIMPREVISTI URTIE
DENZA   IN SALITA lNO SU PENDENZE AL SFORZIECCESSIVI
MASSIMODEL&OTO #ONOGNIANIMA #IPUESSEREANCHEILRISCHIODICONTRARREMA
LE OCONOGNICOPPIADIANIMALI LAVORANORMAL LATTIETRASMESSEDAPARASSITIDEGLIANIMALI
MENTEUNUOMOPERMOTIVIDISICUREZZAPER .EL CONCENTRAMENTO A STRASCICO CON ANIMA
TANTOOPPORTUNOIMPIEGARE PERLOSTESSOLAVO LILATTREZZOCHESOLITAMENTEVIENEUSATODAGLI
RO PIPERSONECONPIANIMALIOPICOPPIEDI OPERAILOZAPPINO
ANIMALIINMODODANONOPERAREDASOLI
)L LEGNAME VIENE AGGANCIATO PER MEZZO DI CB0ERAVVALLAMENTO
CATENE AD UNA TRAVERSA COLLOCATA DIETRO AL LIBERO
LANIMALE EASUAVOLTACOLLEGATAALPETTORA #ONSISTE NEL FAR SCIVOLARE IL LEGNAME SUL TERRE
LE DELLA BESTIA .EL CASO SI IMPIEGHINO ANI NODELBOSCOSFRUTTANDOLAFORZADIGRAVIT&OTO
MALICHELAVORANOINCOPPIAISINGOLITRONCHI   .EL CASO DELLA LEGNA DA ARDERE LAVVALLA
SONOCOLLEGATIALGIOGOCHEACCOPPIAGLIANI MENTOAVVIENEPERLANCIODEIPEZZ
MALIINMODOCHELETESTEDEITRONCHI DURANTE ,O SCIVOLAMENTO DEL MATERIALE FACILITATO O
LOSTRASCICO RISULTINOLEGGERMENTESOLLEVATE MENODALLOSTATOEDALLECARATTERISTICHEDELTER
COSACHERIDUCELARESISTENZAALLAVANZAMEN RENOASCIUTTO BAGNATO GELATO SCIOLTO ACCI
TODELLEGNAME DENTATO ECC E DALLO STATO DEL LEGNAME CON
0ER IL CONCENTRAMENTO DI LEGNAME LEGGE O SENZA CORTECCIA ASCIUTTO O BAGNATO ECC 
RODIPICCOLEEMEDIEDIMENSIONIOPPORTU PIDIFlCOLTOSOSEILLEGNAMEHAFORMAIRRE
NORICORREREADANIMALICHELAVORANOSINGOLI GOLARE LATIFOGLIE SE STATO SRAMATO MALE E
MENTRE PER LEGNAME DI MAGGIORI DIMENSIO SENONSONOSTATEALLESTITELECORONESMUSSI
NI MEGLIO IMPIEGARE ANIMALI CHE LAVORANO DIESTREMIT 
INCOPPIA )NPRATICAPOSSIBILEAVVALLAREILLEGNAMESCOR

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO #ONCENTRAMENTO PER AVVALLAMENTO LIBERO CON &OTO #ONCENTRAMENTOASTRASCICOCONVERRICELLO
 
LUSODELLOZAPPINO

TECCIATOSULTERRENONATURALEAPARTIREDAL DIPERSONEOPPORTUNO OLTRECHEASEGNALA


DIPENDENZA PURCHILTERRENOSIAUNIFORMEE RE IL PERICOLO CON CARTELLI NASTRI O QUANTALTRO
NONACCIDENTATO LAVORANDOATERRENOBAGNA VEDI #APA 0REDISPOSIZIONE GENERA
TO!PARTIREDAPENDENZEDELPOSSIBILE LEDELCANTIERE CHEUNAPERSONARIMANGADI
AVVALLARELEGNAMECONCORTECCIAANCHESUTER SORVEGLIANZA
RENOASCIUTTO/LTRELOPPORTUNOAVVAL !IlNIDELLASICUREZZADATENEREINMAS
LAREILLEGNAMECONCORTECCIA ESCLUSIVAMENTE SIMACONSIDERAZIONELORGANIZZAZIONEDEL
SUTERRENOASCIUTTOESOLTANTOPERBREVITRATTI LAVORO LACOMUNICAZIONI ANCHESOLOAVOCE
PEREVITARECHERAGGIUNGAVELOCITTROPPOELE TRA GLI OPERAI LINDIVIDUAZIONE ED IL CONTROLLO
VATE E LIMITARE I DANNI CHE AD ESSA POSSONO DELLEZONEDIPERICOLOLUNGOLEQUALISCIVOLAIL
CONSEGUIRE)NFATTIITRONCHIAVVALLATI UNAVOLTA LEGNAME
IN MOVIMENTO NON POSSONO PI ESSERE CON
TROLLATI ED FACILE CHE VADANO AD URTARE CON CC!STRASCICO
VIOLENZA CONTRO ALBERI CHE DEVONO RESTARE IN CONVERRICELLI
PIEDI DANNEGGIANDOLI O CHE DANNEGGINO S ,OSTRASCICOCONVERRICELLO DETTOANCHESTRA
STESSI URTANDO ALTRI TRONCHI MASSI O SPUNTONI SCICOINDIRETTOPERCHLAMACCHINASTAFERMA
DIROCCIA CONSISTE NEL TRASCINARE IL LEGNAME MEDIANTE
.ELLAVVALLAMENTO GLI OPERAI LAVORANO NORMAL UNA FUNE DI ACCIAIO DI UN VERRICELLO SUL TERRE
MENTESINGOLI CONLEGNAMEDIPICCOLEDIMEN NODELBOSCO LUNGOLELINEEDIMASSIMAPEN
SIONISTANGAMEELEGNA INCOPPIACONLEGNA DENZA&OTO 3IEFFETTUASUDISTANZEMAS
MEDIMEDIEDIMENSIONI ALMASSIMOINTREO SIMEDICIRCAMINSALITA MINPIANOE
QUATTROCONLEGNAMEDIGRANDIDIMENSIONI MINLEGGERADISCESACONCENTRANDOINDI
)TRONCHIVENGONOMESSIINMOVIMENTOFACEN SCESALOPERATOREDEVETIRARELAFUNEINSALITAE
DO USO DELLO ZAPPINO I PEZZI DI LEGNA DA AR LA FUNE DACCIAIO PESANTE  ,E SUDDETTE DI
DERE VENGONO NORMALMENTESOLLEVATI SPESSO STANZEMASSIMEDICONCENTRAMENTOSIRIDUCO
AIUTANDOSI CON LA RONCOLA PER AGGANCIARLI ED NO DIPENDENTEMENTE DALLE CARATTERISTICHE DEI
ALZARLIDATERRA ELANCIATIVERSOILBASSO VERRICELLIEDALLADISPONIBILITDIFUNE DALLADEN
,AVVALLAMENTOUNSISTEMADICONCENTRAMEN SITDELSOPRASSUOLO DALPROlLOEDALLACCIDEN
TOPRATICATOINMONTAGNA3EVIENEEFFETTUATO TALITDELTERRENO
SUBREVIDISTANZE DELLORDINEDIQUALCHEDECI 0ER IL CONCENTRAMENTO A STRASCICO VENGONO
NADIMETRI UNSISTEMADILAVORORAZIONALE IMPIEGATINORMALMENTEVERRICELLI AUNOODUE
)RISCHISONOCONNESSIALLAPOSSIBILITDIES TAMBURI MONTATI SU TRATTORE RARAMENTE VEN
SERE INVESTITI O COMUNQUE RICEVERE COL GONOUSATIANCHEVERRICELLILEGGERIINDIPENDEN
PIDAITRONCHIMOVIMENTATI OLTREALLAEVEN TI PORTATILIOSUTELAIOASLITTA MOSSIDAMOTORI
TUALIT DI COMPIERE SFORZI ECCESSIVI 3E SI LA ASCOPPIOADUEOQUATTROTEMPI
VORA IN PI PERSONE QUINDI NECESSARIO CHE 0RIMADELLAMESSAINFUNZIONEDELLAMACCHINA
TUTTIOPERINOALLASTESSAQUOTAOPPORTUNO OPPORTUNOLEGGEREATTENTAMENTELEISTRU
CHEILPERCORSODEITRONCHISIASEMPRECONTROL ZIONI DUSO PREDISPOSTE DAL COSTRUTTORE
LATO A VISTA 3E SI CONCENTRA AD UNA PISTA O CHEOBBLIGATORIAMENTELADEVONOACCOMPAGNA
STRADA DOVE VI SIA LA POSSIBILIT DI PASSAGGIO RE E PRIMADIINIZIAREQUALSIASILAVORO LOPERATO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
) TRONCHI VENGONO RIUNITI IN FASCI E AGGANCIATI
PERMEZZODICATENE PERFAREQUESTOCISIAIUTA
CONLOZAPPINO SIAPERSPOSTARLICHEPERSOLLE
VARLIQUANTOBASTAPERPASSARCISOTTOLACATENA
DIAGGANCIO
)LPERCORSODEITRONCHIDEVEESSERESEGUITOA
VISTA DALLADDETTO AL CARICO SU BREVI DISTANZE
ANCHE SOLO DALLADDETTO AL VERRICELLO CHE SE
GNALI TEMPESTIVAMENTE EVENTUALI OSTACOLI OD
IMPUNTAMENTI DEL CARICO )N QUESTE CONDIZIO
NI IL TIRO DEVE ESSERE IMMEDIATAMENTE INTER
ROTTO ,OPERATORE CHE SEGUE IL CARICO LO
DEVE FARE DA POSIZIONE DI SICUREZZA DAL
LAQUALESIAIMPOSSIBILEESSERECOLPITOSIA
DASCIVOLAMENTIIMPREVISTIDELCARICO CHE
SIACCIDENTALMENTESCIOLTO SIADAMO
VIMENTI IMPREVISTI DEI TRONCHI CHE SE SI
IMPUNTANO POSSONO ANCHE SBANDIERARE
LATERALMENTE O ADDIRITTURA RIBALTARSI NEL
LADIREZIONEDELVERRICELLO&OTO 3ENON
POSSIBILELACOMUNICAZIONEAVISTACONLAD
&OTO $ETTAGLIODIUNGANCIOSCORREVOLEOCHOCKER DETTOALVERRICELLODEVEESSERESTABILITOUNCOL
 LEGAMENTOPERMEZZODIRADIO)NOGNICASOI
SEGNALIDICOMANDOVANNOPREVENTIVAMENTEE
CHIARAMENTECONCORDATITRAGLIOPERATORI
1UALORASIIMPIEGHINOVERRICELLIDOTATIDIRADIO
REDEVEACCERTARSICHELAMACCHINAEDISUOIDI COMANDO SI RACCOMANDA LA MASSIMA ATTEN
SPOSITIVIDISICUREZZASIANOINTEGRIEFUNZIONANTI ZIONE AFlNCH LACCOPPIAMENTO TRATTORE VERRI
)LCONCENTRAMENTOCONVERRICELLILUNICOPOS CELLOOFFRAUNAIDONEASTABILITALLAMACCHINA
SIBILEINSALITAESPESSOILPIOPPORTUNOANCHE 1UANDO SI IMPIEGANO VERRICELLI AZIONATI DALLA
INPIANOEDINLEGGERADISCESACOLLEGATOCON PDPDIUNTRATTORESIDEVETENERECONTOAN
LESBOSCOASTRASCICODIRETTOILSISTEMADILA CHEDELLAPOTENZARICHIESTAPERILFUNZIONAMEN
VOROPISEMPLICEEPIECONOMICO.ELCASODI TODELVERRICELLOINMODOTALEDASCEGLIEREUNA
VIABILITINSUFlCIENTE EQUINDIDILUNGHEDISTANZE MACCHINAIDONEA
DICONCENTRAMENTO NONSONODASOTTOVALUTARE POSSIBILE RICORRERE ALLIMPIEGO DI CARRUCOLE
IDANNICHEPOSSONOESSEREARRECATIAGLIALBERI ANCHEAUTOSGANCIANTI PERRINVIARELAFUNEDEL
CHERESTANOINPIEDI CONSISTENTIINSCORTECCIATU VERRICELLOEAGGIRAREOSTACOLIOSOLTANTOPERDE
REALLABASEDELFUSTOEALLERADICISUPERlCIALI VIARE IL PERCORSO DI STRASCICO IN QUESTO CASO
.EL CONCENTRAMENTO CON VERRICELLI LA SQUADRA SIDEVEFAREATTENZIONEANONTROVARSIALLIN
FORMATADAOPERATORIINCONDIZIONIFACILI DA TERNODIQUELLOCHECHIAMATOhLANGOLO
 ECCEZIONALMENTEDA SEILPERCORSODICON DELLAMORTEv LANGOLOCHIUSOFORMATODAI
CENTRAMENTO LUNGO EO ACCIDENTATO O SE DUE RAMI DI FUNE RINVIATI SULLA CARRUCOLA
CONLEGNAMEDIPICCOLEDIMENSIONI SIDEVONO &IGURA 
RADUNAREPIPEZZIPERFORMAREILCARICO )L DIMENSIONAMENTO E LACCOPPIAMENTO
)LLAVOROCONSISTENELLOSVOLGERELAFUNEDELVER DELLE CARRUCOLE DEI CAPICHIUSI DI ANCO
RICELLOlNOARAGGIUNGEREITRONCHI AGGANCIARLI RAGGIO COMEDELLECATENEDICOLLEGAMEN
ALLAFUNESTESSAPERMEZZODICATENEEGANCI TO DEI TRONCHI E DEI CHOCKER DEVE ESSE
SCORREVOLITIPOCHOCKER &OTO ETRASCINARLI REFATTOTENENDOBENPRESENTILERISPETTIVE
lNOALVERRICELLO PORTATEEBASANDOSISULLAFORZAMASSIMA
.ELLAFASEDIAVVOLGIMENTODELLAFUNESULTAM DITRAZIONEDELVERRICELLO
BURODELVERRICELLOBISOGNAEVITAREDIACCOMPA 1UANDO SI UTILIZZANO FUNI DACCIAIO SI DEVE
GNARLAOGUIDARLADIRETTAMENTECONLEMANIPER PRESTARE PARTICOLARE ATTENZIONE AL LORO
ILRISCHIODIIMPIGLIAMENTI CONPOSSIBILIINCI MANEGGIOESTREMAMENTEPERICOLOSOINDOS
DENTIANCHEGRAVI SARE ANELLI PERCH POTREBBERO ESSERE AGGAN

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO 6ERRICELLOLEGGEROINDIPENDENTE


LOPERATORE DEVE ADOTTARE MISURE ORGANIZ


ZATIVEETECNICHEPERNONCOMPIEREESA
GERATISFORZIENONASSUMEREPOSTUREIN
CONGRUE
4RATTANDOSIDIMACCHINAMOSSADAUNMOTORE
&IGURA !NGOLOhDELLAMORTEv ENDOTERMICO ILLAVOROCOMPORTATUTTIIRISCHIA

CICONNESSI
sPOSSIBILITDICONTATTOCONSUPERlCICALDE
MARMITTA MOTOREECC 
sIMPIEGODILIQUIDIINlAMMABILI
sCONTATTOCONSOSTANZEIRRITANTIEONOCIVE
CIATIDAlLIROTTIDELLAFUNE0EREVENTUALIlLIROTTI sINALAZIONEDIVAPORIEDIGASTOSSICI
LE FUNI DEVONO ESSERE MANEGGIATE CON GUAN
TIADELEVATARESISTENZAMECCANICA$0)CAT))  6ERRICELLIMONTATISUTRATTORE
VEDI4AVOLAA 
6ERRICELLIVEDI4AVOLAEA 3ONOPIRAPIDIDAMETTEREINPOSTAZIONEENON
6ERRICELLILEGGERIINDIPENDENTIVEDI4AVOLA  RICHIEDONOANCORAGGIPARTICOLARI0OSSONOES
6ANNOANCORATIADUNALBERO&OTO ELAFUNE SERECOLLEGATIALSOLLEVATOREIDRAULICODELTRATTO
VIENEGENERALMENTERINVIATASUUNACARRUCOLA RE&OTO ODESSEREMONTATIlSSIALRETROTRE
lSSATAADUNALTROALBEROSONOPICOMPLICATI NO&OTO 1UELLIlSSIPRENDONOILMOVIMEN
DAMETTEREINPOSTAZIONEESONOSPESSOTROP TODIRETTAMENTEDALLAPDPDELTRATTOREMENTRE
PO POCO POTENTI E TROPPO LENTI SI IMPIEGANO QUELLICOLLEGATIALLATTACCOATREPUNTIPRENDONO
SOLTANTOINCASIPARTICOLARI INPOSTINONACCES ILMOVIMENTODALLAPDPDELTRATTORETRAMITEUN
SIBILIATRATTORI ALBEROADOPPIOGIUNTOCARDANICO)NQUESTUL
3ONOATTREZZATUREPESANTIE SENONDOTATEDI TIMO CASO C IL RISCHIO DI IMPIGLIAMENTO E
SISTEMI CHE FACILITINO LA LORO MOVIMENTAZIONE TRASCINAMENTODAPARTEDEGLIORGANIINRO

&OTO 6ERRICELLO PORTATO E APPLICATO SULLATTACCO A  &OTO 6ERRICELLOMONTATOlSSO


 PUNTIDELTRATTORE 


,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
TAZIONEPERTANTOGLIORGANIDITRASMISSIONEDEL SERE FATTA SEGUENDO QUANTO PREVISTO NEL
MOTODEVONOESSEREADEGUATAMENTEPROTETTI LIBRETTODIUSOEMANUTENZIONEPREDISPO
,ALBEROSCANALATODELLAPDPDELTRATTO STODALCOSTRUTTOREILMOTOREDELLAMACCHINA
RE QUANDONONUTILIZZATO DEVEESSERECO DEVEESSERESPENTOEBISOGNAPRESTAREPARTI
PERTOCONILSUOCAPPUCCIODIPROTEZIONE COLARE ATTENZIONE A SISTEMARE LA MACCHINA IN
,OPERATOREDEVEINDOSSAREABITIADERENTIPRIVI POSIZIONE SICURA PER NON ESSERE COINVOLTI IN
DIPARTISVOLAZZANTICHEPOSSANOIMPIGLIARSINE MOVIMENTIINCONTROLLATIEDIMPROVVISI
GLIORGANIINMOVIMENTO)LCOLLEGAMENTODELLAL ,EFUNISOLITAMENTEIMPIEGATENEIVERRICELLI CHE
BEROCARDANICODEVEESSEREFATTOCONILMOTO PRESENTANO AL SOLITO DIAMETRI DELLANIMA DEL
REDELTRATTORESPENTOECONLACHIAVEDIAVVIA TAMBURO RIDOTTI SONO FUNI A TREFOLI IN ACCIAIO
MENTOESTRATTADALQUADROCOMANDO LUCIDO CON RESISTENZA A TRAZIONE DA  A
.ELCASODEIVERRICELLIPORTATISULLATTACCOATRE .MMDAAKGMM CONRE
PUNTI SI DEVE PRESTARE PARTICOLARE ATTEN SISTENZEMAGGIORISONOTROPPORIGIDE AVVOLGI
ZIONE NELLAGGANCIO CHE DEVE ESSERE FATTO MENTOPOSSIBILMENTEPARALLELO CONFORMAZIO
CONESTREMACAUTELA CONLAMACCHINAINPIA NE3EALEO7ARRINGTON 3EALEA O
NO CON ATTENTO COORDINAMENTO FRA TRATTORISTA lLI ANIMA IN ACCIAIO PER MEGLIO RESISTERE AGLI
EDEVENTUALEAIUTANTEATERRA PREDILIGENDOISI SCHIACCIAMENTI ED ALLE DEFORMAZIONI ,E FUNI
STEMIADATTACCORAPIDO DEVONO ESSERE DIMENSIONATE SULLA FORZA
)VERRICELLISONOCOSTITUITIDAUNASTRUTTURAME MASSIMADITRAZIONEDELVERRICELLOINAC
TALLICACHERACCHIUDEILTAMBUROCONLAFUNE GLI CORDOCONQUANTOINDICATODALCOSTRUTTO
ORGANI DI TRASMISSIONE E DI COMANDO OLTRE A REEDINOGNICASOIMPIEGANDOUNCOEFlCIEN
SUPPORTARELOSCUDOINFERIOREEDEVENTUALIPRO TEDISICUREZZADIALMENO CARICODIROTTU
TEZIONIPERILTRATTORE)COMANDIDIAZIONAMEN RAMINIMOGARANTITONONMENODI VOLTELA
TOPOSSONOESSEREDITIPOMECCANICO OELET FORZA DI TRAZIONE MASSIMA A TAMBURO VUOTO
TROIDRAULICO QUESTULTIMO PU ESSERE AZIONA DELVERRICELLO .ORMA)3/ E)3/
TOTRAMITETELECOMANDOORADIOCOMANDO0U &$)3 
ESSEREPRESENTEUNMECCANISMODICOMANDO ,A FUNE DEL VERRICELLO DEVE ESSERE CON
DI TIPO hAD UOMO PRESENTEv CHE IN CASO NE TROLLATAPERIODICAMENTEPERVERIlCARNELO
VENGA INTERROTTO LAZIONAMENTO CONTEMPO STATODIUSURAEPERPROCEDEREALLASUASO
RANEAMENTE ARRESTI AUTOMATICAMENTE IL TIRO E STITUZIONEOALLELIMINAZIONEDELLEPARTETERMI
FRENILAFUNEDAUNOSVOLGIMENTOINCONTROLLATO NALEPISOGGETTAADETERIORAMENTO&OTO 
/PERANONORMALMENTEINTIRODIRETTO VENENDO
ANCORATIALTERRENOMEDIANTELOSCUDODELVER C%SBOSCO
RICELLO MA POSSIBILE RICORRERE ALLIMPIEGO DI 1UESTAOPERAZIONEAVVIENELUNGOPERCORSIAP
CARRUCOLE ANCHE AUTOSGANCIANTI PER RINVIARE POSITAMENTEATTREZZATILEVIEDIESBOSCO AT
LAFUNEDELVERRICELLOEAGGIRAREOSTACOLIOSOL TRAVERSOIQUALIILMATERIALERIUNITOINCARICHIVIE
TANTOPERDEVIAREILPERCORSODISTRASCICO NEPORTATOlNOADUNPIAZZALEDIDEPOSITO
,A MANUTENZIONE DEL VERRICELLO DEVE ES LIMPOSTO&OTO PUNTODICARICODIAUTO

&OTO
&UNEDANNEGGIATA



,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
CA!VVALLAMENTO
OBBLIGATO
0ERESBOSCAREILLEGNAMEAVVALLANDOLOSUDI
STANZERILEVANTI MAGGIORIDIM LOSICON
CENTRASUAPPOSITIPERCORSILUNGOIQUALIQUESTO
LAVORO AGEVOLATO DA PENDENZE PI REGOLARI
DALLASSENZADIOSTACOLIEDAACCORGIMENTIATTIA
FACILITAREILMOVIMENTODEITRONCHI1UESTIPER
CORSIPOSSONOESSERENATURALIIMPLUVI VALLE
COLE CANALONI &OTO OARTIlCIALITEMPORA
&OTO 0IAZZALEDIDEPOSITOOIMPOSTO NEICHIAMATIRISINE&OTO FORMATIDAMEZZI

TUBIDILAMIERADI MDILUNGHEZZAODIPOLIE
TILENEDI MDILUNGHEZZA COLLEGATIFRALOROED
ANCORATIALTERRENO
.ELCASODIPERCORSINATURALI VALGONOLECON
TRENI AUTOCARRIOANCHESOLTANTODITRATTORIERI SIDERAZIONICHESONOGISTATEFATTEAPROPOSI
MORCHI LOCALIZZATOLUNGOUNASTRADACAMIONA TODELCONCENTRAMENTOPERAVVALLAMENTOVEDI
BILEOTRATTORABILE #APCB 
.ELLESBOSCO PI PEZZI IL CARICO SEGUONO LO
STESSO PERCORSO OPPORTUNAMENTE PREPARATO #ANALETTEVEDI4AVOLA
LAVIAOLINEADIESBOSCO1UESTAPUESSE .ELCASODIPERCORSIARTIlCIALITEMPORANEI LERI
REPERMANENTEPISTADISTRASCICO LINEADIAV SINEAPPUNTO POSSONOESSERE
VALLAMENTO NATURALE O TEMPORANEA LINEA DI INLAMIERAMENOUTILIZZATE FORMATEDASPEZ
GRUACAVO RISINAARTIlCIALEINCANALETTEDIPO ZONI CANALETTE AFORMADIMEZZOTUBOCON
LIETILENE ,EDISTANZEDIESBOSCOSONONORMAL SEZIONEPOLIGONALE&OTO EDIAMETRODI
MENTE DELLORDINE DELLE CENTINAIA DI METRI DI CIRCACM LUNGHI M COLLEGATIFRALORO
STANZESUPERIORIALCHILOMETROSONOINDICIDEL USATIPERLEGNADAARDEREESIMILIASSORTIMEN
LINADEGUATEZZA DELLA RETE VIABILE PRINCIPALE TICORTIDIPICCOLODIAMETRO1UESTECANALETTE
CIODELLARETEDISTRADE INLAMIERAHANNOUNPREZZODACQUISTORELATI

&OTO !VVALLAMENTOOBBLIGATOINPERCORSONATURALE &OTO !VVALLAMENTOOBBLIGATOINPERCORSOARTIlCIALE


  RISINE


,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO #ANALETTEINMETALLO &OTO #ANALETTEINPOLIETILENE
 

VAMENTEBASSO MAUNELEVATOPESO AME LITAMAANCHE SEPOSSIBILE TIRANDOLEINDISCE


TROLINEARE ILDIFETTODIARRUGGINIRSI COSACHE SADAUNASTRADASOPRASTANTE)NCASIPARTICO
AUMENTANOTEVOLMENTELATTRITOECONESSOLE LARI SU TERRENI RIPIDI PU ESSERE CONVENIENTE
PENDENZENECESSARIEALFUNZIONAMENTO EDI TIRARLEINSALITA AGRUPPIDI  CONUNVERRI
DEFORMARSISESUBISCONOURTI CELLOLEGGEROINDIPENDENTEECONLATTREZZA
IN POLIETILENE AD ALTA DENSIT 0%!$  SONO TURA COMPLEMENTARE NECESSARIA CAPICHIUSI
ADATTEPERLESBOSCODILEGNADAARDERE DI CARRUCOLE FUNIDACCIAIO ,ASPAZIATURAPI
ASSORTIMENTI CORTI DI PICCOLO DIAMETRO MA OPPORTUNAFRALERISINEVADAMNELCASODI
ANCHEDILEGNAMEDIMEDIEDIMENSIONI PUR TAGLIFORTI CONMOLTOMATERIALECOMENELLENOR
CHCONFORMAREGOLARE SUDISTANZEMASSI MALIUTILIZZAZIONIDICEDUO AMNELCASODI
MEDICIRCAM&OTO  TAGLIDEBOLI,ACOMPOSIZIONEDELLASQUADRAVA
,A PENDENZA MINIMA PER POTER AVVALLARE IN DAOPERATORIPERLINEECORTEECONILMATERIALE
QUESTERISINEDEL LEPENDENZEOTTIMA GICONCENTRATO AOPERATORISESIDEVECON
LIDEL LINEECORTEERETTILINEEPOSSONO CENTRARECONTEMPORANEAMENTEALLESBOSCOO
ARRIVAREAL3ELAPENDENZADELTERRENO SENECESSARIOSORVEGLIARELALINEAELOSCARI
SUPERIORE A TALI VALORI LE LINEE VENGONO MON COINCASODILINEELUNGHEQUESTOLAVOROPU
TATE TRASVERSALMENTE ALLA PENDENZA MASSIMA ESSEREMOLTORISCHIOSOPERLENERGIAACQUISITA
PERCHILMATERIALEACQUISTEREBBETROPPAVELO DALMATERIALECHE SURISINERIPIDEMONTATESU
CITELEVENTUALEFUORIUSCITADELMATERIALEPO PENDENZESUPERIORIAQUELLEINDICATE RAGGIUN
TREBBECAUSARETROPPIDANNIALBOSCOERISULTARE GE VELOCIT DELLORDINE DI  MS 0ROPRIO
PERICOLOSOPERGLIOPERATORI1UESTERISINESONO PERQUESTONONBISOGNASTAREVICINOALLALI
FORMATEDAUNASERIEDICANALETTEASEZIONESE NEA A VALLE DEL PUNTO DI CARICO IN MODO
MICIRCOLARECONDIAMETRODI  CM LUN PARTICOLARENELLAZONADELLOSCARICO PERIL
GHEZZADIOM DIPENDENTEMENTEDALDIA RISCHIODIESSERECOLPITIDAPEZZICHEPOS
METRO PESIDICIRCA KG,ESINGOLECANA SONO RIMBALZARE IN DIREZIONI IMPREVISTE
LETTESONOCOLLEGATEFRALORODAAGGANCISPECIA &IGURA 
LIELARISINADEVEESSERESALDAMENTEANCORATA
MEDIANTECORDINIADALBERI CEPPAIEORADICI
.ORMALMENTE SI USANO CANALETTE DA CM
PER TAGLI DI AVVIAMENTO DI CEDUI E PRIMI DIRA
DAMENTIINFUSTAIECANALETTEDACM LEPI
USATE PERNORMALIUTILIZZAZIONIDICEDUICANA
LETTE DA CM PER LEGNAME ANCHE DI MEDIE x
DIMENSIONI RICAVATO DA SECONDI DIRADAMENTI
INFUSTAIE

,E LINEE VANNO TRACCIATE CON CLISIMETRO DATO
CHELINTERVALLODIPENDENZANELQUALEPOSSO
NOESSEREMONTATECONRISULTATISODDISFACENTI
RISTRETTO!LTRASPORTOINLINEADELLECANALETTE &IGURA :ONEDIPERICOLONELLAVVALLAMENTOCONRISINE

SIPROCEDEPORTANDOLEAMANOOASPALLAINSA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
3ESIESBOSCAADUNAPISTAOSTRADADOVEVI
SIALAPOSSIBILITDIPASSAGGIODIPERSONEOP
PORTUNO OLTRE CHE SEGNALARE IL PERICOLO CON
CARTELLI NASTRIOQUANTALTRO CHEUNAPERSONA
RIMANGADISORVEGLIANZAVEDI#APA 0RE
DISPOSIZIONEGENERALEDELCANTIERE 

CB!SOMACONANIMALI
VEDI4AVOLA
6IENEIMPIEGATOPERLESBOSCODILEGNADAAR
&OTO %SBOSCOASOMACONANIMALI DERE E SIMILI ASSORTIMENTI LUNGHI NORMALMEN

TE   M&OTO 0ERMOTIVIDISICUREZZA
CONSIGLIABILENONANDAREINBOSCODASOLIE
PERTANTOVIENEEFFETTUATODADUEOPICONDU
,EGNAELEGNAMEDEVONOESSEREBENSRAMATI CENTICON MULIOCAVALLICIASCUNOUNSI
E SEZIONATI PRIMA DELLAVVALLAMENTO LEGNAME STEMADIESBOSCOIDONEOSUTERRENIDELLA) ))E
LUNGO ANCHESEDIFORMAREGOLARE PUESSERE ))) CLASSE DI PENDENZA     
AVVALLATOSOLTANTOSULINEEMOLTOCORTEEDIRIT  DOVE GLI ANIMALI NORMALMENTE SI MUO
TEPERCHESCEFACILMENTEDALLARISINA,ELUN VONOINDIAGONALEINLEGGERADISCESAODANCHE
GHEZZEPIOPPORTUNESONO MPERLALEGNA IN LEGGERA SALITA SU DISTANZE NORMALI DI 
DILATIFOGLIEE MPERLECONIFEREUNSISTE M MASSIMEDELLORDINEDELCHILOMETRO
MADIESBOSCOSEMPLICE CHERICHIEDESOLTAN ADATTOSOPRATTUTTOPERTAGLIDIDEBOLEINTENSIT
TOUNPODIESPERIENZAEDACCURATEZZANELLA COMELECONVERSIONIDICEDUI)NTAGLIDIFORTE
SCELTADELLELINEEENELLOROMONTAGGIO,ECA INTENSIT COMELENORMALIUTILIZZAZIONIDICEDUI
NALETTEHANNOUNCOSTODIACQUISTOELEVATO A SU TERRENI NON MOLTO RIPIDI E ACCIDENTATI NON
METRODILUNGHEZZA MACOSTIDIMANUTENZIONE PUCONCORREREECONOMICAMENTECONLESBO
QUASIINESISTENTIELUNGADURATA SCOCONTRATTORICONGABBIEOCONRIMORCHI O
0ERESBOSCARE AVVALLANDOINRISINE NECES CONLAVVALLAMENTOINRISINEDIPOLIETILENE
SARIOAVEREADISPOSIZIONE OLTREALLECANALETTE $ATOCHELALEGNAVIENECARICATAMANUALMENTE
EDAIGANCIPERUNIRLE SUGLIANIMALI OLTREAIRISCHILEGATIALLALOROGE
s SPAGHIECORDEPERANCORARLEALTERRENO STIONECISONOANCHEQUELLIDERIVANTIDALLAMO
s RONCOLAEOACCETTAPERTOGLIEREEVENTUALI VIMENTAZIONEMANUALEDEICARICHI
RAMINONTAGLIATINELLASRAMATURA PERRECIDE .ELLESBOSCO A SOMA CON ANIMALI LUNICO AT
RESPAGHIECORDEEPERPREPARAREPICCHETTI TREZZOCHEGLIOPERATORIUSANOLARONCOLA
OSOSTEGNIINLEGNO
s PICCONE PER PICCOLI MOVIMENTI DI TERRA E DI CC ! STRASCICO CON
SASSIPERREGOLARIZZAREILPERCORSO ANIMALIVEDI4AVOLA
s ZAPPINO NEL CASO DI ESBOSCO DI ASSORTI .ONALTROCHEILPROLUNGAMENTODELCON
MENTILUNGHI CENTRAMENTOlNOALLIMPOSTOODALLASTRADA
.ELLAVOROCONCANALETTEIPRINCIPALIRISCHISPE SEGUENDOPERCORSIPIOMENOBENEATTREZZA
CIlCIPOSSONOESSEREDISTINTIPERFASEDILAVORO TI0ERRIDURRELARESISTENZAALLAVANZAMENTODEL
$URANTE IL MONTAGGIO O SMONTAGGIO DELLE CARICO E PER RIDURRE LE SOLLECITAZIONI TRASMES
LINEE SEAGLIANIMALIDAGLIURTIDELLETESTEDEITRONCHI
s URTI COLPI SCHIACCIAMENTI IN PARTICOLARE A CONTROOSTACOLIDELTERRENOSASSIERADICISPOR
MANI DITAEGAMBEDAMOVIMENTIINCONTROL GENTI VENGONO A VOLTE IMPIEGATI RUDIMENTALI
LATIDELLECANALETTEODEIGANCI SCIVOLI SLITTEOTREGGE SUIQUALIVENGONOLEGATE
s SFORZI ECCESSIVI NELLA MOVIMENTAZIONE DELLE LETESTEDEITRONCHI MENTRELECODESEGUONO
CANALETTE A STRASCICO ,IMPIEGO DI QUESTI MEZZI RENDE
s TAGLICONGLISTRUMENTITAGLIENTI IL LAVORO MENO FATICOSO PER GLI ANIMALI E PER
$URANTELESBOSCO METTE DI ESBOSCARE ANCHE LEGNAME DI MAG
s SFORZI ECCESSIVI NELLA MOVIMENTAZIONE DELLA GIORIDIMENSIONI ODIFORMARECARICHIMAGGIORI
LEGNAOLEGNAME MANONAUMENTALAPRODUTTIVITNELLESBOSCOA
s COLPIDAPEZZIINCORSACHEFUORIESCANODAL CAUSADEIMAGGIORITEMPINECESSARIPERLEGARE
LARISINA EPERSCIOGLIEREICARICHI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO )MPENNAMENTO DEL TRATTORE DURANTE LESBOSCO A &OTO 4RATTORE CON VERRICELLO CARRELLATO PER ESBOSCO A
 
STRASCICO SEMISTRASCICO

$ATOCHELALEGNAVIENELEGATAODAGGANCIATA ASTRASCICOCONMAGGIOREDIFlCOLT.ELLESBO
DIETROANIMALI OLTREAIRISCHILEGATIALLALOROGE SCOASTRASCICOLASQUADRAFORMATANORMAL
STIONECISONOANCHEQUELLIDERIVANTIDALLAMO MENTEDAUOMINIILTRATTORISTACONUNAIUTAN
VIMENTAZIONEMANUALEDEICARICHI TE$ATOCHEDURANTELESBOSCOVEROEPROPRIO
.ELLESBOSCO A STRASCICO CON ANIMALI LUNICO LAVORA SOLTANTO IL TRATTORISTA SOPRATTUTTO NEL
ATTREZZOCHEGLIOPERATORIUSANOLOZAPPINO CASODILUNGHIPERCORSI LAIUTANTEPUSVOLGE
REALTREMANSIONIQUALIEFFETTUAREUNPRE CON
CD!STRASCICO CENTRAMENTODIPREPARAZIONEDEICARICHIOCOL
CONTRATTORI LABORAREALCARICODIUNSECONDOTRATTORE
.ELLESBOSCOASTRASCICOCONTRATTORISIHANOR 4UTTIITRATTORI COMPRESIICINGOLATI PERNONAR
MALMENTEILCOLLEGAMENTODELLEFASIDICONCEN RECARE DANNI AL BOSCO DEVONO CIRCOLARE SOL
TRAMENTOASTRASCICOCONVERRICELLOSTRASCICO TANTO LUNGO PERCORSI OPPORTUNAMENTE PREDI
INDIRETTO EDIESBOSCOSTRASCICODIRETTO TIRAN SPOSTILESTRADEELEPISTE0ERCILAPOSSIBILIT
DOILLEGNAMECONLAFUNEDELVERRICELLO SENE DI IMPIEGARE I TRATTORI NELLESBOSCO A STRASCI
CESSARIOAGGANCIATO TUTTOOINPARTE ADUNA CO CHEILSISTEMADIESBOSCOPISEMPLICE
BARRADITRAINO)LCONCENTRAMENTOPUESSERE E NORMALMENTE IL PI ECONOMICO DIPENDE IN
FATTOANCHESEPARATAMENTE PERAVVALLAMENTO PRIMOLUOGODALLADISPONIBILITDIUNAADEGUA
OASTRASCICOCONANIMALI TARETEDISTRADEEPISTEPERMANENTIEDIPISTE
$URANTELESBOSCOLETESTEDEITRONCHIPOSSO TEMPORANEEDIESBOSCO
NOTOCCAREINTERRAO MEGLIO ESSERESOLLEVA )TIPIPICOMUNIDITRATTOREIMPIEGATINELLESBO
TE DA TERRA COSA CHE RIDUCE LA RESISTENZA AL SCOASTRASCICOSONO
LAVANZAMENTO OPPOSTA DAL CARICO IN QUESTO sTRATTORIAGRICOLIADOPPIATRAZIONEDT SONO
CASOILTRATTORESOLLECITATOALLIMPENNAMENTO QUELLIPIUSATIANCHESENONIPIADATTIAI
&OTO 3ELETESTEDEITRONCHIAPPOGGIANO LAVORIFORESTALIINGENERE3ONOMENOAGILISIA
SUDIUNSUPPORTOINPROSSIMITDELRETROTRENO DEICINGOLATICHEDEITRATTORIARTICOLATISPECIA
DELTRATTOREOSONOCOLLEGATECONUNVERRICELLO LIZZATIESONOMENOSTABILI0ERQUESTIMOTI
CARRELLATO INMODODANONSOLLECITAREILTRATTO VIILLOROIMPIEGODEVEESSERELIMITATOATER
REALLIMPENNAMENTO SIPARLADISEMISTRASCICO RENIEPERCORSIFACILI ABOSCHIDOTATIDIUNA
&OTO  BUONARETEDIPISTE EDALLESBOSCOINDISCE
3IESBOSCANOBENEASTRASCICOTRONCHIDRITTIE SAOINPIANOTIRANDOINSALITASONOPERICO
SE IL PERCORSO DI ESBOSCO LO CONSENTE POS LOSI PERCH SI IMPENNANO FACILMENTE AVEN
SONO ESSERE TRASCINATI TRONCHI ANCHE MOLTO DOUNADISTRIBUZIONEDELPESOPOCOFAVORE
LUNGHI SE IL MATERIALE DI LUNGHEZZA INFERIO VOLESULLASSEANTERIOREESUQUELLO
REAMSPESSONONSIRIESCEAFORMARECARI POSTERIORE  PER AUMENTARE LA STABILIT DELLA
CHICOMPLETI TALIDASFRUTTARELEPOTENZIALITDEL MACCHINA POSSONO ESSERE APPLICATE ANTE
TRATTORE POICHTENDONOADISPORSIAVENTAGLIO RIORMENTEDELLEZAVORRE
DANNEGGIANDO FACILMENTE AL PIEDE ALBERI PO sMINIARTICOLATIPICCOLITRATTORIARTICOLATI QUEL
STIALATODELLAPISTA&USTIDIFORMAIRREGOLARE LI ADATTI AL CONCENTRAMENTO ED ALLESBOSCO
COMEGRANPARTEDELLELATIFOGLIE SIESBOSCANO SONOITIPIPIPESANTI,ADISTRIBUZIONEDEI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO %SBOSCOASTRASCICOCONMINIARTICOLATO &OTO %SBOSCOASTRASCICOCONSKIDDER
 

PESI FAVOREVOLE CIRCA  SULLASSALE AN TICAMENTE VIETATA ) CINGOLI SCONVOLGONO IL
TERIORE ED  SU QUELLO POSTERIORE  IL BARI TERRENOINMODOAPPARENTEMENTEDANNOSO
CENTROMOLTOBASSO GRAZIEALLAPARTICOLARE SPECIALMENTENEIPUNTIDOVESTERZANO POI
STRUTTURADELMEZZOSNODOAPOLSO ASSALE CHLINCISIONESOLTANTOSUPERlCIALE%QUI
ANTERIORElSSO LARTICOLAZIONEDELTELAIOPER PAGGIATICONUNVERRICELLOICINGOLATIVENGO
METTERAGGIDISTERZATAMOLTOPICCOLIEDUNA NOIMPIEGATINELCONCENTRAMENTOASTRASCI
ELEVATAMANEGGEVOLEZZADELMEZZO1UESTI COINDIRETTOENELLESBOSCOASTRASCICODIRET
TRATTORI SEOPPORTUNAMENTEZAVORRATI SONO TOSOLTANTOSUBREVIDISTANZE INPARTICOLARE
IPIADATTIPERLESBOSCODILEGNAMEDIPIC SU TERRENI INCLINATI O RIPIDI )) E ))) CLASSE DI
COLEEMEDIEDIMENSIONI&OTO ESSENDO PENDENZA DOVE LIMPIEGO DI TRATTORI A RUO
AGILI MANEGGEVOLI STABILIEDIRIDOTTEDIMEN TE IMPOSSIBILE O MOLTO DIFlCILE 3I RICORRE
SIONI LARGHEZZA MAX    M POSSONO PERCIAICINGOLATI NELLESBOSCOASTRASCICO
TRANSITARESUPISTESTRETTEEADDIRITTURANEGLI SOLTANTOQUANDOLIMPIEGODITRATTORIARUOTE
INTERlLARI DI SOPRASSUOLI DI ORIGINE ARTIlCIALE NONPOSSIBILE
$ATOILLOROPESORIDOTTOELERUOTENONMOL s TRATTORI ARTICOLATI SKIDDER  SONO MACCHINE
TO GRANDI NON SONO IN GRADO DI ESERCITARE SPECIALIZZATE COSTRUITE APPOSITAMENTE PER
SFORZIDITRAZIONERILEVANTIEDICONSEGUENZA LESBOSCO A STRASCICO &OTO   'RAZIE A
NONSONOADATTIALLOSTRASCICODILEGNAMEDI QUATTROGRANDIRUOTEMOTRICIISODIAMETRICHE
GRANDIDIMENSIONI AL PESO RILEVANTE lNO AL DOPPIO DI TRATTRICI
s TRATTORI CINGOLATI AL SOLITO DI TIPO AGRICOLO ) AGRICOLEDIUGUALEPOTENZA GRAVANTEPREVA
LORO PREGI CONSISTONO NELLA GRANDE STABILIT LENTEMENTE SULLASSE ANTERIORE QUESTI TRAT
BARICENTRO BASSO SPOSTATO IN AVANTI NEL TORIPOSSONOESERCITAREGRANDISFORZIDITRA
LELEVATAFORZADITRAZIONEGRAZIEALLAGRANDE ZIONE LARTICOLAZIONE DEL TELAIO D LORO UNA
ADERENZA DEI CINGOLI E NELLA GRANDE MANO GRANDE MANEGGEVOLEZZA ED UNA MAGGIORE
VRABILIT,ABASSAVELOCITRENDEPERPOCO CAPACITDISUPERAREPUNTIDOVELERUOTESLIT
CONVENIENTE IL LORO IMPIEGO SU DISTANZE DI TANO1UESTITRATTORISONOPERLARGHI INGE
ESBOSCO SUPERIORI AI  M ED INOLTRE NERE DA   A  M COSA NECESSARIA PER
SIHANNODIFlCOLTDISPOSTAMENTODAUNPO GARANTIRE LORO UNA SUFlCIENTE STABILIT %SSI
STODILAVOROALLALTROANCHEPERILFATTOCHELA SONOEQUIPAGGIATICONUNVERRICELLOAOA
LOROCIRCOLAZIONESUSTRADEPUBBLICHEPRA TAMBURI3UITIPIMAGGIORIVENGONOSPES

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO %SBOSCOCONTRATTORECONRIMORCHIO &OTO %SBOSCOCONTRANSPORTER
 

SO MONTATE OLTRE AL VERRICELLO DELLE PINZE DELTRATTOREGLIAIUTANTICONCENTRANO!LLIMPO


COMANDATE IDRAULICAMENTE CHE PERMETTO STOLALEGNAVIENESCARICATATRAMITERIBALTAMENTO
NOALTRATTORISTADIRACCOGLIEREILCARICOSENZA DELPIANODICARICODELMEZZOEDACCATASTATA SE
SMONTAREDALMEZZO ACONDIZIONENATURAL NECESSARIO INUNSECONDOTEMPO
MENTECHEILTRATTOREPOSSAARRIVARElNOSUL 0ERLESBOSCOEDILTRASPORTODILEGNAMEDIME
LETTODICADUTA!NTERIORMENTEMONTANOUNA DIEEGRANDIDIMENSIONIVENGONOIMPIEGATITRAT
LAMACHESERVEESSENZIALMENTEPERACCATA TORICONRIMORCHIOETRATTORIARTICOLATIPORTANTI
STAREILLEGNAMEAGLIIMPOSTI3IRIPETECHEI FORWARDER &OTO INQUESTOCASOEQUIPAG
TRATTORIARTICOLATISONOIMEZZIPIIDONEIPERIL GIATIDIGRUIDRAULICA SUPISTEESUSTRADETRAT
CONCENTRAMENTOELESBOSCODILEGNAMEDI TORABILITROPPOSTRETTEPERAUTOCARRI
MEDIEEGRANDIDIMENSIONIAILIMITITECNICISI 3EMBRAUNODEISISTEMIDIESBOSCOPICONVE
AGGIUNGONOQUELLIECONOMICIESSENDOQUE NIENTIPERLEUTILIZZAZIONIDICEDUIEPERIPRIMIDI
STEMACCHINEMOLTOCOSTOSE RADAMENTIINFUSTAIEDILATIFOGLIE SUDISTANZESU
3IA I TRATTORI AGRICOLI DT CHE I MINIARTICOLA PERIORIALCHILOMETRO lNOACHELAPENDENZADEL
TISONOMEZZICOSTRUITIPERILLAVOROINAGRICOL TERRENOELADISPONIBILITDISTRADETRATTORABILIOPI
TURASONOQUINDIMEZZIIDONEIAMUOVERSIED STEAFONDOBUONOCONSENTONODIRICORRERVI0ER
OPERARESUTERRENIMENOIMPERVIEDACCIDENTA LEGNAMEDIMEDIEEGRANDIDIMENSIONITOPPIDA
TIDIQUELLIFORESTALI0ERILLAVOROINBOSCOQUESTI SEGA FUSTI EPERASSORTIMENTILUNGHIMEPI
MEZZIDEVONOESSEREEQUIPAGGIATICONZAVORRE COMEPALERIAGROSSA STANGAMEETRAVATURA CON
ECONUNASERIEDIROBUSTEPROTEZIONI CHEFUN VIENEINVECERICORREREALLOSTRASCICO AMENOCHE
GONOESSESTESSEDAZAVORRA NONSITRATTIDITRASPORTOVEROEPROPRIO SUSTRADA
ESUDISTANZESUPERIORIA KM
CE#ONTRATTOREERIMOR
CHIOOCONTRATTOREPORTANTE
3IIMPIEGANOPERQUESTOLAVOROTRATTRICIAGRI
COLE DT E RIMORCHI &OTO   A VOLTE VEN
GONOIMPIEGATIDEITRANSPORTER PICCOLITRATTORI
PORTANTIMUNITIDIUNCASSONEOPIANODICARICO
CONRUOTEMOTRICIUGUALI PICCOLEPERCHDE
VONOSTARESOTTOALCASSONE&OTO 6ENGO
NOESBOSCATIOTRASPORTATIAGLIIMPOSTIASSOR
TIMENTI DI PICCOLE DIMENSIONI CON LUNGHEZZA
DIOM COMELEGNADAARDERE DACARTIE
RAOSIMILI PREVENTIVAMENTECONCENTRATIAPISTE
PRINCIPALIOSECONDARIEBUONE AFONDOREGOLA
RE OASTRADETRATTORABILI,ALEGNAVIENENOR
MALMENTECARICATAAMANODA OPERATORI &OTO &ORWARDER

TRATTORISTACON AIUTANTI DURANTEILVIAGGIO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
$EVEESSEREGARANTITAINOGNICASOLASTABILITDEL
CARICO CHE COMUNQUE SUI PERCORSI FORESTA
LI NONDEVEESSERELEGATOPEREVITARECHE IN
CASODIRIBALTAMENTODELRIMORCHIO QUESTONON
TRASCINICONSANCHELAMOTRICE
VIETATOINOGNICASOILTRASPORTODIPERSONE
SULRIMORCHIO
,AVORANDOCONMATERIALEDIMEDIEEGRANDIDI
MENSIONI SEMPRE UTILE AVERE A DISPOSIZIONE
LOZAPPINO

'RUIDRAULICAVEDI4AVOLA
&OTO 4RATTORECONRIMORCHIODOTATODIGRUIDRAULICA 0ER LEGNAME DI MEDIE E GRANDI DIMENSIONI
 INDISPENSABILECHEILRIMORCHIOSIAEQUIPAGGIA
TOCONUNAGRUIDRAULICACARICATOREIDRAULICO
PERILCARICODELMATERIALEANCHELALEGNADA
2IMORCHIO TRATTORE CON O ARDERE PU ESSERE CARICATA CON GRU IDRAULICA
TRATTOREPORTANTEVEDI4AVOLA SEPREVENTIVAMENTESTATAAMMASSATAORDI
3I IMPIEGANO RIMORCHI MONOASSE A RUOTE NATAMENTELUNGOLEPISTE
MOTRICIRM PERMATERIALEDIPICCOLEDIMENSIO /LTRECHESULRIMORCHIO LAGRUIDRAULICAPUES
NICHEVIENECARICATOAMANO)RIMORCHIDEVONO SEREPOSIZIONATASULLAMOTRICEAUTOCARRO TRATTO
ESSEREARUOTEMOTRICIPERMOTIVIDISICUREZZAPER RE OPPURESUDIUNAPIATTAFORMAINDIPENDENTE
CH CARICHI POSSONO ARRIVARE A PESARE PI DEL SEMOVENTEGRANCHIO GOMMATAOCINGOLATA
DOPPIODELTRATTORECHELITRAINA3EMPREPERMO 'RUIDRAULICHEPERLEGNAELEGNAMESONOEQUI
TIVIDISICUREZZADEVONOESSEREEQUIPAGGIATICON PAGGIATECONPINZADALEGNAME&OTO 
UN EFlCIENTE SISTEMA DI FRENATURA ADEGUATO $URANTELIMPIEGODELLAGRUIDRAULICAGLISTABI
ALLAPORTATADELRIMORCHIO LIZZATORI OVE PREVISTI DAL COSTRUTTORE DEVONO
.ELCASODIMATERIALEDIPICCOLEDIMENSIONI LEGNA ESSEREPOSTIINOPERAINMODODAGARANTIRELA
DAARDERE SEMPREUTILEAVEREADISPOSIZIONELA STABILITDELMEZZO
RONCOLAPERTAGLIAREQUALCHERAMOTRASCURATONEL ,AGRUIDRAULICAUNAPPARECCHIODISOL
LALLESTIMENTO LEVAMENTO E DEVE SE DI PORTATA SUPERIORE
$ATOCHESULRIMORCHIOILCARICOELASISTEMA AIKG 
ZIONEDELMATERIALENORMALMENTEVENGONOFATTIA
MANO ESISTEILPROBLEMADELLAMOVIMENTAZIONE
MANUALE DEI CARICHI E DELLADOZIONE DI PO
STUREINCONGRUE
$URANTELAFASEDICARICO QUALORAUNOPERATORE
DOVESSE SALIRE SUL RIMORCHIO PER LA SISTEMAZIO
NEDELMATERIALE LAMACCHINANONDEVEESSERE
INMOVIMENTOELOPERAZIONEDEVEESSERESVOLTA
CONESTREMACAUTELADATOCHELALEGNANONCO
STITUISCEUNSALDOAPPOGGIOPERIPIEDIECILRI
SCHIODISCIVOLAMENTOEDICADUTA
3IDEVERICORDAREINOLTRECHENONPOSSIBILE
OPERAREADALTEZZESUPERIORIAIMDATERRASE
NONADEGUATAMENTEPROTETTIESENONSIADISP
ONIBILEUNADEGUATOSISTEMADIACCESSO
0ERMATERIALEDIMEDIEEGRANDIDIMENSIONI CHE
NONPOSSIBILEMOVIMENTAREAMANO VENGONO
IMPIEGATIRIMORCHIPIGRANDIEROBUSTI SPES
SOADOPPIOASSALEOSCILLANTE SEMIRIMORCHI
PERTRATTORIPORTANTI RIGIDIOBALESTRATI OPPURE
&OTO 'RUIDRAULICAABRACCIOARTICOLATO
TRATTORIARTICOLATIPORTANTIFORWARDER EQUIPAGGIA

TICONGRUIDRAULICAPERILCARICO&OTO 

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
ZIONIDEICEDUIODAITAGLIDICONVERSIONE SI
SVILUPPATOINALTERNATIVAALPIDIFFUSOESBOSCO
CONTRATTOREEQUIPAGGIATODIRIMORCHIO
'ENERALMENTEVENGONOUTILIZZATINORMALITRATTO
RIAGRICOLIGOMMATIADOPPIATRAZIONEDT CHE
PORTANO SULSOLLEVATOREIDRAULICOPOSTERIOREE
SULLAPARTEANTERIORE DEICONTENITORI GABBIE
ALLINTERNODEIQUALIVIENECARICATAMANUALMEN
TELALEGNADAARDEREINPOSIZIONEPARALLELAAL
LASSELONGITUDINALEDELTRATTORE&OTO 
&OTO %SBOSCOCONTRATTOREALLESTITOCONGABBIEPERLA )L SISTEMA NECESSITA DI PISTE PER LESBOSCO

LEGNACORTA PERMANENTIOTEMPORANEE PERCORRIBILIDAITRAT
TORI !TTRAVERSO QUESTA VIABILIT FORESTALE SE
CONDARIA LALEGNADAARDEREVIENEPORTATAlNO
sSEANTECEDENTEALESSEREDOTATA AGLIIMPOSTI
DILIBRETTODIOMOLOGAZIONERILASCIATODAL ,ASCELTADELTRATTOREDAIMPIEGAREPERQUESTO
L)30%3, LAVORO VINCOLATA ALLA DISPONIBILIT DEI MEZZI
sSESUCCESSIVAALESSEREMUNITA DELLIMPRESA O DELLENTE CHE EFFETTUA IL LAVORO
DI DICHIARAZIONE DI CONFORMIT #% ES MA DOVENDOACQUISTAREUNMEZZODADESTI
SEREACCOMPAGNATAOBBLIGATORIAMENTE NARE ALLESBOSCO CON LE GABBIE DOVREBBERO
DALRELATIVOMANUALEDIUSOEMANUTEN ESSEREFATTELESEGUENTICONSIDERAZIONI
ZIONE E ESSERE COMUNICATA ALL)30%3, sPERILPARTICOLARETIPODILAVOROCONTEMPORA
LAPRIMAATTIVAZIONE NEOTRASPORTODIUNCARICOANTERIOREEDIUNO
sINENTRAMBIICASIESSEREVERIlCATAAN POSTERIORE LASTRUTTURAPORTANTEDELTRATTORE
NUALMENTEDAPARTEDELLE!ZIENDE53, SOTTOPOSTAADELEVATESOLLECITAZIONIAmES
COMPETENTIPERTERRITORIO SIONEEATORSIONEEQUINDISONOPIINDICATI
)N CASO DI VENDITA EO TRASFERIMENTO DI ITRATTORICONILTELAIOPORTANTECHENONQUEL
QUESTIAPPARECCHIINPROVINCEDIVERSENE LICONILCORPOCENTRALEBASAMENTOMOTORE
DEVE ESSERE DATA SEGNALAZIONE AGLI %NTI SCATOLADITRASMISSIONEECC AUTOPORTANTE
COMPETENTIPERLEVERIlCHE sILPESODELLAGABBIAPOSTERIOREGRAVASULSOL
)LPOSTODIMANOVRADELLAGRUIDRAULICADEVEES LEVATOREIDRAULICOCHEDEVEESSEREADEGUATO
SERERAGGIUNGIBILEINMODOSICUROE SEPOSI ALLOSFORZORICHIESTO
ZIONATOINALTO PROVVISTODIADEGUATISISTEMIDI sPERBUONAPARTEDELLAVOROILTRATTORESIMUO
TRATTENUTA INOLTREDEVONOESSEREPRESENTIIDI VE SU PISTE SECONDARIE SEMPLICI VARCHI NEL
SPOSITIVICONTROLAZIONAMENTOACCIDENTALEDEI SOPRASSUOLO A FONDO NATURALE IN AMBIENTI
COMANDIEBENEVIDENZIATELEINDICAZIONIDELLE CONNUMEROSIOSTACOLIINGRADODIDANNEG
MANOVREEDELLEPORTATE GIARELEPARTIESTERNEDELLAMACCHINA)LMEZ
$URANTE LE OPERAZIONI DI CARICO NESSUNO ZODEVEESSEREQUINDIDOTATODIIDONEOEQUI
DEVE STAZIONARE SOTTO I CARICHI SOLLEVATI PAGGIAMENTODIPROTEZIONE INGRADODICON
3PESSOPURTROPPOSIUTILIZZANOQUESTEATTREZZA TENEREERIDURREIDANNIALLESTRUTTUREEDAGLI
TUREINPRESENZADIALTRIOPERATORI PERESEMPIO IMPIANTI0OICHNORMALMENTEIMEZZIIMPIE
PERSISTEMARELALEGNADAARDERESULCASSONEDEL GATISONODITIPOAGRICOLOENONFORESTALE IL
VEICOLO!QUESTOPUNTOILLAVORODIVENTAESTRE TRATTOREDOVREBBEESSEREEQUIPAGGIATOCON
MAMENTEPERICOLOSOSIAPERCHSITROVANOPER UNALLESTIMENTOSPECIlCOCOSTITUITODA
SONENELRAGGIODIAZIONEDELLAGRU SOTTOAI sUNACARENATURAVENTRALESAGOMATA
CARICHISOLLEVATI SIAPERCHGLIAIUTANTISTANNO sPNEUMATICIFORESTALI
INPOSIZIONIPERICOLOSEEPOCOSTABILIINALTO sCERCHIRUOTERINFORZATIEPROTEZIONEDEL
SULCARICOCHESISTAFACENDO1UESTESITUAZIONI LAVALVOLA
DILAVORODEVONOASSOLUTAMENTEESSEREEVITATE sUNAPROTEZIONEDELLACABINACONTELAIO
ERETEDACCIAIO
CF ! SOMA CON TRAT sUNA PROTEZIONE DELLA CALANDRA ANCHE
TOREDILEGNADAARDERECORTA QUESTACONTELAIOERETEDACCIAIO
1UESTOSISTEMADILAVORO PERLESBOSCODELLA sUNAPROTEZIONEDELLAMARMITTA
LEGNADAARDERERICAVATADALLENORMALIUTILIZZA sUNAPROTEZIONEDELLEFANALERIE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
DELLEDUEGABBIEPARTICOLARMENTEIMPORTANTE
PER IL LAVORO ,A GABBIA POSTERIORE APPLICA
TAALLATTACCOATREPUNTI SOSTITUENDOILPUNTO
NETERZOPUNTO CONUNMARTINETTOIDRAULICOA
DOPPIAAZIONE1UESTOCONSENTEDIABBASSARE
LAGABBIAlNOATERRACONILSOLLEVATOREPERFACI
LITAREILCARICODELLALEGNANELLAGABBIA)NOLTREIL
TERZOPUNTOIDRAULICOSERVEARUOTARELAGABBIA
RISPETTO ALLESTREMIT DEI TIRANTI E AD INCLINARLA
AVANTIOINDIETRO SIAPERAGEVOLAREILCARICOE
&OTO 0ARTICOLAREDIUNAGABBIAPERLESBOSCOASOMA LOSCARICO SIAPERTENERLAINPOSIZIONETALEDA

DILEGNADAARDERE NONPERDERELALEGNADURANTEILVIAGGIOCARICO
NECESSARIOCHELALLESTITOREINDICHIILPESOELE
DIMENSIONIPERCHPOSSAESSEREVERIlCATOCHE
NONSISUPERILAMASSACOMPLESSIVAELINGOM
4ALE ALLESTIMENTO SE RIENTRA NEI LIMITI DI PESO BROPREVISTIPERILTRATTORE
AMMESSIDALLAMACCHINA NONNECESSITANDI 0ERILLAVOROSERVONOATTREZZIDATAGLIORONCOLA
OMOLOGAZIONENDIMARCHIO#%NECESSA PERTOGLIEREEVENTUALIRAMIDIMENTICATINELLALLE
RIOPERCHELALLESTITORENEINDICHIILPESOPER STIMENTODELMATERIALE
CH POSSA ESSERE CONTROLLATO CHE CON LALLE ,ASQUADRADILAVOROOTTIMALEDOVREBBEESSERE
STIMENTO NONSISUPERILAMASSACOMPLESSIVA COSTITUITADAOPERATORIILTRATTORISTAELAIUTAN
MASSIMAPREVISTADALLAMACCHINA TE )L TRATTORISTA OLTRE A GUIDARE IL MEZZO COL
) TRATTORI CHE LAVORANO CON LE GABBIE DEVONO LABORACONLAIUTANTEACARICARELALEGNANELLE
AVEREPNEUMATICIIDONEISIAPERQUANTORIGUAR GABBIEEGESTISCELEMANOVREALLOSCARICODEL
DALAPORTATA CHEPERQUANTORIGUARDALARE MATERIALE,AIUTANTERIMANEINBOSCOAPREPA
SISTENZA ALLA FORATURA NUMERO E TIPO DI TELE RAREILCARICOSUCCESSIVO
O INDICE DI CARICO IN MODO PARTICOLARE NEL .ELCASODIESBOSCODILEGNAGICONCENTRATA
LE ZONE DOVE SONO PRESENTI SPECIE INSIDIO ALLEVIEDIESBOSCO PERMASSIMIZZARELAPRO
SECOMEQUELLEDELLAMACCHIAMEDITERRANEA DUTTIVIT E ORGANIZZARE AL MEGLIO IL LAVORO SA
ERICA CORBEZZOLO  REBBERONECESSARIDUETRATTORI AMBEDUEEQUI
PAGGIATICONLEGABBIE CONDUETRATTORISTICHE
'ABBIETRATTORECON VEDI4AVOLA SIALTERNANOALPUNTODICARICODOVEUNSOLOAIU
,EDIMENSIONIDEICONTENITORI LEhGABBIEv VA TANTEPROVVEDEACOLLABORAREALTERNATIVAMENTE
RIANO IN DIPENDENZA DELLA CAPACIT DEI SOLLE CONIDUETRATTORISTIALCARICODELLEGABBIE
VATORIIDRAULICI DELLASTRUTTURADELTRATTOREEDEI .EL LAVORO DI ESBOSCO A SOMA CON TRATTORE I
PNEUMATICI PRINCIPALIRISCHISPECIlCIPOSSONOESSERERICON
,AGABBIAPOSTERIOREILCONTENITOREPRINCIPA DUCIBILI A QUELLI LEGATI AL LAVORO CON TRATTORE
LECHECONSENTEDIEFFETTUARECARICHINOTEVOLI ED A QUELLI LEGATI ALLA MOVIMENTAZIONE MA
PARINORMALMENTEA   MSTMETROSTERO NUALEDEICARICHI
UNITDIMISURADELLALEGNADAARDERECORRI ,ESBOSCOASOMAUNALTERNATIVAALLESBOSCO
SPONDENTEADUNVOLUMEDIMALLINTERNODEL CONTRATTOREERIMORCHIO DALQUALESIDIFFEREN
QUALECISONOLEGNAESPAZIVUOTINORMALMEN ZIAPERLESEGUENTICARATTERISTICHE
TE MST DI LEGNA DA ARDERE PESA CIRCA   s IL TRATTORE PORTANDO LE GABBIE SOLLEVATE DA
 Q CHESUPERCORSIINSALITAPOSSONOPRO TERRA ED AVENDO UN INGOMBRO MINORE HA
VOCAREPERICOLOSIIMPENNAMENTI UNAMANEGGEVOLEZZASUPERIOREEDICONSE
,AGABBIAFRONTALE OLTREADAUMENTARELACA GUENZA PI VELOCE NELLE MANOVRE E NEGLI
PACITDICARICOTOTALE HAPROPRIOLAFUNZIONEDI SPOSTAMENTI
ZAVORRASTABILIZZATRICECONTROLIMPENNAMENTO s SULLE PISTE INDIVIDUATE NELLE TAGLIATE IL SOLO
&OTO   ,E SUE DIMENSIONI DEVONO ESSERE TRATTOREHAMIGLIORIPOSSIBILITDICIRCOLAZIONE
TALIDANONOSTACOLARELAVISIBILITDELTRATTORI PIMANEGGEVOLEEHARUOTEPIGRANDIRI
STAELASUACAPACITNORMALMENTECOMPRE SPETTOAQUELLEDELRIMORCHIOCOSPUMUO
SATRA E MST PARIACIRCAILDELLA VERSI A RITTOCHINO SULLE PISTE SECONDARIE
GABBIAPOSTERIORE ABBASTANZAAGILMENTEANCHESUTERRENIDELLA
)LPOSIZIONAMENTOEDILCOLLEGAMENTOALTRATTORE SECONDACLASSEDIPENDENZA  

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO #AVALLETTODITELEFERICA


OFORESTALEECHENONATTRAVERSANOSTRADEA
TRAFlCOLIBERO
3ONO DEGLI IMPIANTI PER IL SOLO TRASPORTO DI
MATERIALE&OTO CONASSOLUTAESCLUSIO
NEDELTRASPORTODIPERSONE
3ONODOTATEDIUNAFUNEPORTANTElSSATAALLE
ESTREMIT NON CONTRAPPESATA MONTATA SU
UNA O PI CAMPATE E SE NECESSARIO TENU
TASOLLEVATADATERRAMEDIANTESTAFFEAPPESE
&OTO #ARRELLODITELEFERICAPERESBOSCOVIACAVO

A CAVALLETTI &OTO   ,A FUNE PORTANTE PU
ESSERETESACONLETAGLIEARGANOASLITTA GRU
ACAVOTRADIZIONALI OPPUREAMOTORETRAMI
TEUNTAMBUROMONTATOSULLARGANOSTAZIONI
sILCARICODELLALEGNANELLEGABBIEMENOFA MOTRICIMOBILI 
TICOSO CHE SUL PIANALE DEL RIMORCHIO POI 3ULLA FUNE PORTANTE SCORRE UN CARRELLO COM
CHQUESTEPOSSONOESSEREABBASSATElNO PLESSO CHE SI PU BLOCCARE SULLA PORTANTE E
ATERRA CARICAREOSCARICARELUNGOTUTTALALINEA0RO
s LA SQUADRA DI LAVORO COSTITUITA DA UN NU PRIO PER QUESTA CARATTERISTICA LE GRU A CAVO
MEROMINOREDIOPERATORISECONILRIMORCHIO SONO DEI MEZZI DI ESBOSCO VERI E PROPRI
OCCORREUNASQUADRACOSTITUITANORMALMEN E POICHINPARTElNOACIRCAMAILATIDELLA
TEDAOUOMINI COMPRESOILTRATTORISTA LINEA POSSONOAGGANCIAREILLEGNAMESULLETTO
CONLEGABBIESONOSUFlCIENTIOUOMINI DI CADUTA E TRASCINARLO SOTTO AL CARRELLO POS
COMPRESO SEMPRE IL TRATTORISTA A SECONDA SONOESSERECONSIDERATEANCHEDEIMEZZIDI
CHE LA LEGNA SIA GI STATA CONCENTRATA OP CONCENTRAMENTO
PURESIAANCORASPARSASULLASUPERlCIEDEL )LCARRELLOSCORRESULLAFUNEPORTANTE SCENDEN
LATAGLIATA DO PER GRAVIT ED TIRATO E FRENATO DA UNA
s LAQUANTITDILEGNATRASPORTATACONLEGAB FUNE TRAENTE CHE SI AVVOLGE SUL TAMBURO DI
BIE   MST CIRCALAMETDIQUELLA UNARGANO
TRASPORTATA CON I RIMORCHI    MST )LCARRELLOSCENDEOSALEVERSOILPUNTODICARICO
MA PER LE CONSIDERAZIONI FATTE IN PRECE 1UI GIUNTO SI ARRESTA E ALLENTANDO LA TRAENTE
DENZA IL NUMERO DI VIAGGI DI ESBOSCO QUESTAlLAATTRAVERSOILCARRELLOECALAATERRAIL
SOPRATTUTTOSULLEBREVIDISTANZE CIRCAIL GANCIODICARICO!QUESTOVIENECOLLEGATOILCA
DOPPIO RICOCHE TIRANDOLATRAENTE VIENEPRIMATRASCI
NATOSOTTOLAPORTANTECONCENTRAMENTO EPOI
CG#ONTELEFERICATIPO ISSATOEBLOCCATOALCARRELLO$OPODICHILCAR
GRUACAVO RELLOSISBLOCCAESALEOSCENDELUNGOLAPOR
,E TELEFERICHE TIPO hGRU A CAVOv hO PESCANTIv TANTElNOALPUNTODISCARICO DOVE CONANALO
SONO ESSENZIALMENTE TELEFERICHE BIFUNI MON GAMANOVRA ILCARICOVIENECALATOATERRA
TATETEMPORANEAMENTESONOIMPIANTIPROV ,E GRU A CAVO SONO DUNQUE DEI MEZZI DI
VISORIALDISOTTODEIQUALIVITERRENOAGRICOLO ESBOSCOCHELAVORANOSULINEEDIESBOSCO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO !RGANOASLITTA


TEMPORANEE CHEDEVONOESSEREMONTATE
IN OCCASIONE DI OGNI SINGOLO ESBOSCO
PERCINECESSARIOCHESULLAREASERVITADALLALI
NEA LARGAALSOLITODAAM SITROVIUN
QUANTITATIVODILEGNAMESUFlCIENTEACOPRIRELE
SPESEDIMONTAGGIOESMONTAGGIODELLIMPIAN
TO DI CONSEGUENZA QUESTI MEZZI NON SONO &OTO 'RUACAVOCONSTAZIONEMOTRICEMOBILE
ADATTIALLESBOSCODITAGLIDEBOLI  ALLESTITASUAUTOCARRO
#ON LE TELEFERICHE IL LEGNAME VIENE TRASPORTA
TO SOSPESO AD UNA FUNE SVINCOLATO DALLA SU
PERlCIE DEL TERRENO LE CUI CARATTERISTICHE SIA PLICI lNOA GIORNIPERLINEELUNGHEEDIFlCILI
PERMANENTIPENDENZA ACCIDENTALIT CHETEM PERRENDEREECONOMICOILLOROIMPIEGO
PORANEEUMIDIT PRESENZADINEVE NONINmUI NECESSARIO ORIENTATIVAMENTE CHECONOGNI
SCONOINMISURARILEVANTESULLAVORO MENTRECONDI LINEASIESBOSCHIDA A MDILEGNA
ZIONANOPIOMENOPESANTEMENTEGLIALTRISISTEMI MEPERMETRODILUNGHEZZADELLALINEA
DIESBOSCOAVVALLAMENTO STRASCICO -UOVENDOSI 0ERCONTENEREITEMPIDIMONTAGGIODELLELINEE
SOSPESOADUNAFUNE ILLEGNAMENONVIENEDAN E RENDERE ECONOMICO LIMPIEGO DI QUESTE AT
NEGGIATO NONSIHANNODANNIALTERRENONPRATICA TREZZATUREANCHEPERQUANTITDILEGNAMEMI
MENTEALSOPRASSUOLO,APOSSIBILITDIIMPIEGARE NORI SONO STATE SVILUPPATE DELLE GRU A CAVO
LETELEFERICHEPERCONDIZIONATADALPROlLODELLA CONSTAZIONEMOTRICEMOBILE&OTO CIO
LINEA DALLADISPOSIZIONEDELLESTRADE OLTRECHEDAL ARGANIMONTATISUTRATTORI RIMORCHIOAU
LADISPONIBILITDITELEFERISTI OPERATORIESPERTILACUI TOCARRI DOTATI OLTRE CHE DEL TAMBURO PER LA
FORMAZIONELUNGAEDIFlCILE FUNETRAENTE DIUNTAMBUROPERLAFUNEPOR
TANTEMOSSOAMOTORE CONILQUALELAPOR
'RU A CAVO CON CAPICHIUSI TANTEPUESSERETESARAPIDAMENTE EDIUNRIT
CARRUCOLE FUNIDACCIAIO TO DI ESTREMIT ALTO PI O MENO  M
VEDI4AVOLA SUL QUALE VENGONO RINVIATE LE FUNI #ON CI
%SISTONO GRU A CAVO DI TIPO TRADIZIONALE POSSIBILERIDURREITEMPIDIMONTAGGIOAPOCHE
CONARGANOSUTELAIOASLITTA&OTO LEG ORE NEICASIPIFACILIEPERLINEECORTE A 
GERE MEDIEEPESANTI ADATTEPERLESBOSCODI GIORNINEICASIPICOMPLESSI'RUACAVOCON
LEGNAMEDIPICCOLE MEDIEEGRANDIDIMENSIO STAZIONE MOTRICE MOBILE VENGONO IMPIEGA
NI %SSE VENGONO IMPIEGATE NORMALMENTE TE PREVALENTEMENTE PER LESBOSCO IN SA
PER LESBOSCO IN SALITA SU DISTANZE SUPE LITA POICHNECESSARIAUNASTRADAAMONTE
RIORIAQUELLEDELLOSTRASCICOCONVERRICELLI SUDISTANZEDAAMEPERQUANTITATI
M ElNOADKMEPI.ELLESBOSCO VIMINIMIDIMATERIALEDELLORDINEDI M
INDISCESAVENGONOIMPIEGATESUDISTANZE %SISTONOANCHESTAZIONIMOTRICIMOBILICONUN
SUPERIORIAI MElNOA   KM TERZO TAMBURO PER UNA FUNE DI RICHIAMO CHE
0OICHITEMPIDIMONTAGGIOESMONTAGGIO POSSONO ESBOSCARE A PRESCINDERE DALLA PEN
DELLELINEESONOELEVATIDA GIORNIDIUNA DENZAECONLASTAZIONEMOTRICEAVALLE
SQUADRADI UOMINIPERLINEEBREVIESEM #ONLEGRUACAVOVENGONOIMPIEGATITIPIDI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO #ARRELLOATAGLIA &OTO #ARRELLOSEMIAUTOMATICO
 

CARRELLIATAGLIA SEMIAUTOMATICIEDAUTOMATICI TACHEINDISCESA!IPUNTIDICARICOESCARICO


)CARRELLIATAGLIA&OTO SONOFORMATIDAUN SI BLOCCANO AGGANCIANDOSI A BLOCCHI DI LINEA
SEMPLICETELAIOCONDUECARRUCOLE ODUECOP lSSATI SULLA PORTANTE STESSA CONTEMPORANEA
PIEDICARRUCOLE CHEAPPOGGIANOSULLAPORTAN MENTEVIENESBLOCCATOILMECCANISMOCHElS
TE SOTTOALLEQUALISITROVALACARRUCOLADIRINVIO SAILGANCIODICARICOALCARRELLO)BLOCCHIPOS
ATTRAVERSOLAQUALESCORRELATRAENTE)LGANCIO SONOESSEREALOROVOLTASBLOCCATIERIBLOCCA
DICARICOlSSATOALLATAGLIADISOLLEVAMEN TIDATERRAPERMEZZODIFUNIOCATENEESPO
TO3IARRESTANOSULLAPORTANTESEMPLICEMENTE STATILUNGOLAPORTANTECONLAIUTODELCARRELLO
APPOGGIANDOSI AD UN RUDIMENTALE BLOCCO DI ,APORTATADIQUESTICARRELLIVARIANORMALMENTE
LINEA1UESTICARRELLIPOSSONOESSEREIMPIE TRA E TPRESENTANODIFlCOLTCONLINEE
GATISOLTANTOPERLESBOSCOINSALITA SULI MOLTOALTEOLTREIMDATERRA POICHLEFUNIO
NEERIPIDECONPENDENZAOLTREIL OALME CATENEDICOMANDODEIBLOCCHIPOSSONOINTRAL
NOOLTREIL PURCHDECORRENTILUNGOLELINEE CIARELISSAGGIODEICARICHI
DIMASSIMAPENDENZAPERCHILPESODELCARICO 3OPRATTUTTOINQUESTOCASO CIOPERLINEEALTE
NONFASALIRELATAGLIAEDILLEGNAMEVIENEESBO SIPREFERISCONOICARRELLIAUTOMATICI&OTO
SCATOINPRATICAASTRASCICO CONLETESTEPIO CHEINCORPORANOILMECCANISMODIBLOCCAGGIO
MENO SOLLEVATE 3ONO DEI CARRELLI MOLTO SEM ALLAPORTANTENELCARRELLOSTESSOELAVORANOPER
PLICIEDECONOMICICHEVENGONOIMPIEGATICON CISENZABLOCCHIDILINEA)CARRELLIAUTOMATICI
IMPIANTILEGGERICONLINEECORTEERIPIDE DECOR HANNOILVANTAGGIODIPOTERCAMBIAREILPUNTODI
RENTILUNGOLAPENDENZAMASSIMADELTERRENO CARICOEQUELLODISCARICO APIACIMENTOSENZA
) CARRELLI SEMIAUTOMATICI ORMAI OBSOLETI DOVERPRIMASPOSTAREIBLOCCHIDILINEA,ALORO
&OTO SONOUSATISIANELLESBOSCOINSALI PORTATAVADAAT)LOROSVANTAGGI RISPET
TOAICARRELLISEMIAUTOMATICI CONSISTONOESSEN
ZIALMENTENELPREZZODIACQUISTO CHEALLIN
CIRCAILDOPPIO ENELLALOROMAGGIORECOMPLES
SITEDICONSEGUENZANELLAMAGGIOREONEROSI
TEDIFlCOLTDIESEGUIRELERIPARAZIONI)CARRELLI
AUTOMATICISONOORMAIIPIDIFFUSIEDIMPIEGA
TINEESISTONO TRAGLIALTRI ALCUNITIPIPARTICOLA
RIMOTORIZZATI&OTO CONUNARGANOINTERNO
PER LA FUNE DI ISSAGGIO DEL CARICO MOTORIZZATI
AUTOTRASLANTI CHE NON NECESSITANO DELLA FUNE
TRAENTEMASOLTANTODELLAPORTANTESULLAQUALESI
MUOVONOPERATTRITODIALCUNEPULEGGEMOSSE
DAUNMOTOREINTERNOCHEAZIONAANCHELARGA
NOPERLAFUNEDISOLLEVAMENTO
,EFUNICHEVENGONOIMPIEGATEVARIANOASE
&OTO #ARRELLOAUTOMATICO CONDADELTIPODIGRUACAVOLEGGERO MEDIO

PESANTE LAPORTANTECONDAAMM

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
NE MOTRICE MOBILE DOVRANNO ESSERE COSTRUI
TERISPETTANDOIREQUISITIESSENZIALIDISICUREZ
ZA2%33 DELLOSTESSO$02EQUINDI
MUNITEDELLENECESSARIEDOCUMENTAZIONIPRE
VISTEMANUALEDIISTRUZIONEEDICHIARAZIONEDI
CONFORMIT  )N OGNI CASO SI RICHIAMA LATTEN
ZIONECHECHIUNQUEASSEMBLAPICOMPONENTI
ARGANO CARRELLO FUNEPORTANTE ALlNEDIREALIZ
ZAREUNIMPIANTO INQUESTOCASODIGRUACAVO
DITIPOTRADIZIONALE ASSUME ATERMINIDILEG
GE LOSTATUSDIFABBRICANTEEPERTANTONEDERI
VANOGLIOBBLIGHIPREVISTIDAL$02
&OTO #ARRELLOMOTORIZZATO 5TILIRIFERIMENTICOSTRUTTIVISONOCOSTITUITISIADAL
 $02 4ITOLO 6 #APO ) E )) SIA DALLA
,EGGE0ROVINCIALEDELLA0ROVINCIA!UTONOMADI
"OLZANONDELEDAL$ECRETODEL
LATRAENTEHANORMALMENTEDEL 0RESIDENTE DELLA 0ROVINCIA !UTONOMA DI "OL
DELLAPORTANTE MAQUESTOVIENEPIOPPORTU ZANONDEL2EGOLAMENTOALLA
NAMENTESCELTOINFUNZIONEDELLAFORZADITRAZIO LEGGE0ROVINCIALE ALLEGATO$ 
NEMASSIMADELLARGANO )N PARTICOLARE SI RICORDA LOBBLIGO IMPO
0RIMADELLAMESSAINFUNZIONEDELLAMACCHINA STO DAL SECONDO COMMA DELLART DEL
OPPORTUNOLEGGEREATTENTAMENTELEISTRU $02CHEPREVEDELEVERIlCHETRIME
ZIONI DUSO PREDISPOSTE DAL COSTRUTTO STRALIDELLEFUNIDISOLLEVAMENTO
RE CHE OBBLIGATORIAMENTE LA DEVONO ACCOM 5TILIINDICAZIONIPERLIMPIEGOELESERCIZIODELLE
PAGNARE E PRIMA DI INIZIARE QUALSIASI LAVORO GRUACAVOSONO
LOPERATORE DEVE ACCERTARSI CHE LA MACCHINA -ONTAGGIOESMONTAGGIODEGLIIMPIANTI
ED I SUOI DISPOSITIVI DI SICUREZZA SIANO INTEGRI )LMONTAGGIOELOSMONTAGGIODEGLIIMPIAN
EFUNZIONANTI TIVANNOEFFETTUATICONPERSONALEADEGUATA
0OICH DI TELEFERICHE TIPO GRU A CAVO NE ESI MENTEPREPARATO SOTTOLAGUIDADIUNTECNI
STONO DI VARIE TIPOLOGIE E DIMENSIONI PORTATE CORESPONSABILE$EVONOESSERENOTIIPARA
DAL SOLLEVATORE IDRAULICO DEL TRATTORE ED AZIO METRINECESSARIPERILMONTAGGIOELESERCI
NATE DALLA PRESA DI POTENZA TRAMITE UN ALBE ZIO INPARTICOLARE COMEMINIMO
RO CARDANICO DOTATE DI MOTORE AUTONOMO sLATENSIONEDAAPPLICAREALMONTAGGIO
PORTATESURIMORCHIESUPIANALIDIAUTOCARRO 4SCAR CHENORMALMENTECOMPRESA
NELLAVORODIESBOSCOCONQUESTEATTREZZATURE FRA  E  DELLA TENSIONE MASSIMA
I PRINCIPALI RISCHI SPECIlCI POSSONO ESSERE RI AMMISSIBILE4MAX CHEASUAVOLTA
CONDUCIBILIAQUELLILEGATIALLAVOROCONTRATTORE DATADA#2S#ARICODI2OTTURAMINI
COMPRESOLACCOPPIAMENTOMACCHINATRATTO MOGARANTITOCOEFlCIENTEDISICUREZZA
REELALBEROCARDANICO AQUELLICONMACCHINE ESSENDOS,ENTITDI4SCARDIPENDE
MOSSEDAMOTORIENDOTERMICI AQUELLIDELLA DALLECARATTERISTICHEDELLALINEA
VOROINALTO AQUELLILEGATIALLAMOVIMENTAZIO sILPESODELCARICOMASSIMOPREVISTO CHE
NEMANUALEDEICARICHI ALMANEGGIODELLEFUNI NORMALMENTE DEVE ESSERE COMPRE
DACCIAIO ALLIMPIEGODICARRUCOLE CAPICHIUSI SOTRAEDELVALOREDI4MAX)L
PARANCHIMANUALI PESODELCARICOMASSIMODIPENDEDAL
)L DIMENSIONAMENTO E LACCOPPIAMENTO LECARATTERISTICHEDELLALINEA
DELLE CARRUCOLE DEI CAPICHIUSI DI ANCO 0ERQUESTEOPERAZIONIDEVONOESSEREDISPO
RAGGIO COMEDELLECATENEDICOLLEGAMEN NIBILIATTREZZIADEGUATIALLENECESSIT)NPAR
TO DEI TRONCHI E DEI CHOCKER DEVE ESSE TICOLAREDEVEESSEREPOSSIBILEMISURARE
REFATTOTENENDOBENPRESENTILERISPETTIVE TRAMITEUNAPPOSITOSTRUMENTO LATEN
PORTATEEBASANDOSISULLAFORZAMASSIMA SIONECHEVIENEDATAALLAFUNEPORTANTE
DITRAZIONEESERCITATASULLEFUNI ALMONTAGGIO!LLOSMONTAGGIOVIETATOIL
)NDUBBIAMENTE IN RELAZIONE ALLA DElNIZIONE TAGLIOOLOSGANCIODIFUNIINTENSIONE
DIhMACCHINAvDICUIAL$02 LEhGRU )L PERSONALE ADDETTO AL MONTAGGIO ALLO
A CAVOv ED IN PARTICOLARE QUELLE CON STAZIO SMONTAGGIO E AL FUNZIONAMENTO DEGLI IM

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
PIANTIOBBLIGATOAPORTARELABBIGLIAMENTO MATOSULLECARRUCOLEDAFUNIINTENSIONEOIN
EI$0)PREVISTI MOVIMENTO
)NOCCASIONEDELMONTAGGIOEODELLOSMON s VIETATO SOSTARE SUI SOSTEGNI DELLA FUNE
TAGGIODELLELINEEDEVONOESSERESOTTOPOSTE PORTANTE NONCHSULLETORRETTEDIGRUACAVO
ACONTROLLOLAFUNEPORTANTEELEFUNIDICON ASTAZIONEMOTRICEMOBILE
TROVENTATURA DEL RITTO DI ESTREMIT PRESENTI sASSOLUTAMENTEVIETATOTOCCAREOGUIDARE
SULLEGRUACAVOASTAZIONEMOTRICEMOBILE CONLEMANIFUNIINMOVIMENTO
%SERCIZIO sVIETATOEFFETTUARELAVORIDIMANUTENZIONE
)LPERSONALEADDETTOALLESERCIZIODEVEESSE ORIPARAZIONEALLIMPIANTO
READEGUATAMENTEADDESTRATO s VIETATO SOSTARE SOTTO LA FUNE PORTANTE
0ER OGNI IMPIANTO DEVE ESSERE INDIVIDUATO QUANDOILCARICOINMOVIMENTO
UNRESPONSABILEDELLESERCIZIO D 3I DEVE IMMEDIATAMENTE SOSPENDERE IL
$URANTELESERCIZIODEVONOESSERERISPETTATE LAVORO QUANDO
LENORMECOMPORTAMENTALISOTTORIPORTATE sVIENEDATOILSEGNALEDIARRESTO
A !MONTAGGIOEFFETTUATO PRIMADIINIZIAREIL sSIINTERROMPEPERQUALSIASICAUSALACO
TRASPORTONORMALE DEVONOESSEREEFFETTUA MUNICAZIONETRALARGANISTAEILPERSONA
TI ALCUNI VIAGGI DI PROVA A VELOCIT RIDOTTA LEADDETTOALCARICOEOALLOSCARICO
INIZIALMENTEACARRELLOSCARICOOCONCARICO s SI AVVERTONO SOLLECITAZIONI O SFORZI ANO
RIDOTTO POICONILCARICOMASSIMOPREVISTO MALINELFUNZIONAMENTODELLIMPIANTO
$URANTE QUESTI VIAGGI DI PROVA DEVONO ES sCUNTEMPORALEINAVVICINAMENTOVERSO
SERE CONTROLLATI IL CORRETTO FUNZIONAMENTO E LALINEAINQUESTOCASOTUTTOILPERSONA
LASICURAINSTALLAZIONEDELLIMPIANTO NONCH LESIDEVEALLONTANAREDALLIMPIANTOPERIL
TUTTIISUOICOMPONENTIINPARTICOLARE RISCHIODIFOLGORAZIONE
sCHEILCARRELLOPASSIAGEVOLMENTELESTAFFE sSIPRESENTANOCONDIZIONIMETEOROLOGICHE
sGLIANCORAGGIDELLAFUNEPORTANTE AVVERSEFORTEVENTO 
sGLIEVENTUALICAVALLETTI RITTIDIESTREMITELE s SI MANIFESTANO DIFETTI DI FUNZIONAMENTO
LOROFUNIDICONTROVENTATURA DELLIMPIANTO
)NOLTREDEVONOESSEREAPPLICATICARTELLIESE sSIRISCONTRANODANNEGGIAMENTIALLEFUNIO
GNALI DI PERICOLO IN CORRISPONDENZA DI STRA AISOSTEGNIDELLAPORTANTE
DE PISTEESENTIERICHEATTRAVERSANOOSONO E $URANTE TUTTO IL PERIODO DI ESERCIZIO DEL
PROSSIMIALLAZONAINTERESSATADALLIMPIANTO LIMPIANTODALLAlNEDELMONTAGGIOALLINIZIO
)L RESPONSABILE DELLESERCIZIO HA LOBBLIGO DI DELLOSMONTAGGIO DEVONOESSEREEFFETTUATE
AMMONIRE IL PERSONALE NON SPECIlCAMENTE LESEGUENTIVERIlCHE
ADDETTOALFUNZIONAMENTODELLAGRUACAVOPER DOPOINTERRUZIONIDIPIGIORNIDELLAVO
FAR S CHE NON SOSTI SOTTO ALLA FUNE PORTANTE RO ECOMUNQUESETTIMANALMENTE DEVO
DURANTEILFUNZIONAMENTODELLIMPIANTO NOESSERECONTROLLATI
B )L LAVORO PU ESSERE INIZIATO SOLAMENTE sGLIANCORAGGIDELLAFUNEPORTANTE
QUANDO sICAVALLETTIELELOROCONTROVENTATURE
sSTATAREALIZZATAUNASICURACOMUNICA s IL PIAZZAMENTO DELLARGANO E LE SUE
ZIONETRAIVARIPUNTIDILAVORO3UBREVI CONTROVENTATUREOANCORAGGI
DISTANZE LA COMUNICAZIONE SI PU CON sLECARRUCOLEDIRINVIODELLAFUNETRAENTE
CRETIZZAREINUNASERIEDISEGNALIAVISTA ELELOROSOSPENSIONI
PREVENTIVAMENTECONCORDATI sLOSTATODELLAFUNETRAENTE
sLADDETTOALLARGANOACONOSCENZADEL  PERIODICAMENTE MA ALMENO UNA VOL
LAFORZAMASSIMADITRAZIONEDELLARGANO TAALGIORNO
A TAMBURO VUOTO DELLENTIT DEL CARICO sLOSTATODELLAFUNETRAENTEINPROSSIMI
MASSIMOPREVISTOEDELCARICODIROTTURA TDELGANCIODICARICO
DELLATRAENTE 3EUNADELLEFUNIINMOVIMENTOTRAENTEO
s LADDETTO AL CARICO A CONOSCENZA DEL DIRICHIAMO SIABBASSADURANTEILLAVORO
CARICOMASSIMOPREVISTO CONILRISCHIODIPRENDEREOCOLPIRECHIUNQUESI
C $URANTEILFUNZIONAMENTODELLIMPIANTO TROVIAPASSAREDAL LAZONAPERICOLOSAINTE
sFATTODIVIETOALLADDETTOALLARGANODIAL RESSATA DEVE ESSERE ADEGUATAMENTE SE
LONTANARSIDALSUOPOSTODILAVORO GNALATAEDINTERDETTAALTRANSITO
sVIETATOSOSTAREALLINTERNODELLANGOLOFOR 3E UNA DELLE FUNI PORTANTE DI RICHIAMO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
TIDILAVORAZIONERIDUCENDOLIINSCAGLIEDILEGNO
DIPICCOLEDIMENSIONI1UESTESCAGLIE OCIPS
OPARTICELLE VENGONOIMPIEGATEPERILRISCALDA
MENTO PER LA COMBUSTIONE IN ALTIFORNI IN SO
STITUZIONEDELCARBONEDILEGNA PERLINDUSTRIA
DEIPANNELLI PERLECARTIERE PERLESTRAZIONEDI
SOSTANZEECC
,ASMINUZZATURAVIENENORMALMENTEESEGUITA
INSTABILIMENTIINDUSTRIALI MAPOICHLAMANIPO
LAZIONEEDILTRASPOSTODIMATERIALEDIPICCOLE
DIMENSIONICOMEPICCOLIFUSTIINTERIRICAVATIDA
PRIMI DIRADAMENTI IN FUSTAIE E RAMAGLIA SONO
MOLTO ONEROSI SI PU RICORRERE ALLA CIPPATURA
AGLIIMPOSTIDIQUESTOMATERIALE CHEPOIPU
ESSERE PI AGEVOLMENTE MANIPOLATO IL CARICO
&OTO #IPPATRICEADISCO SU AUTOCARRO O RIMORCHIO PU AVVENIRE CON

TEMPORANEAMENTEALLACIPPATURA ETRASPORTA
TO#ONCIPOSSIBILEPORTAREAIMPIEGOINDU
STRIALEMATERIALEALTRIMENTIPRIVODIVALORE
TRAENTE DI CONTROVENTATURA SI TROVA AD #ERTITIPIDISMINUZZATRICESONOINGRADODICIP
UNALTEZZASUPERIOREOUGUALEAMDAL PAREFUSTIINTERI CONTUTTALACHIOMA)NQUESTO
TERRENOOMSULLACQUA LAFUNECOSTITUI CASO LA CIPPATURA SOSTITUISCE SIA LA SRAMATU
SCEUNOSTACOLO EQUINDIUNPERICOLO PER RACHELASEZIONATURA PERMETTENDODIRIDURREI
LASICUREZZADELVOLOAEREOPERTANTODEVE TEMPIEDICOSTIDELLALLESTIMENTO
ESSERE OPPORTUNAMENTE SEGNALATA E CO
MUNICATALASUAPRESENZAAGLIENTICOMPE 3MINUZZATRICIOCIPPATRICIVEDI
TENTI%.!# 2EGOLAMENTOPERLACOSTRUZIONE 4AVOLA
ELESERCIZIODEGLIAEROPORTI$,GSN %SISTONOCIPPATRICIMOBILIADISCO ATAMBURO
.UOVO#ODICEDELLA.AVIGAZIONE!EREA  AVITONE
,ECIPPATRICIADISCO&OTO SONOFORMA
C ,AVORAZIONI AL TEDAUNPESANTEDISCODACCIAIO DI MDI
LIMPOSTO DIAMETRO CHE MONTA RADIALMENTE IN FERITOIE
!LLIMPOSTO PUNTOTERMINALEDELLEUTILIZZAZIONI DAACOLTELLIILDISCOGIRAA GIRIAL
PERLARACCOLTADILEGNAELEGNAME AVVENGO MINUTO,ALEGNA CONDIAMETROMASSIMOPARI
NOANCORADELLEOPERAZIONICOLLEGATEALLAVORO AD DIQUELLODELDISCO VIENESPINTADI
INBOSCO TESTACONTROQUESTOCONUNANGOLODICIRCA
/LTREADALCUNEFASIDELLEQUALISIGIPARLA MEDIANTERULLIDIALIMENTAZIONEMOSSIDAMOTORI
TOINPRECEDENZA COMELASEZIONATURAEDAN IDRAULICI.ELLECIPPATRICIPIPICCOLEPERLEGNA
CHELASRAMATURACONMOTOSEGAOPPURELALLE lNOACIRCACMDIDIAMETRO LALEGNAVIENE
STIMENTOCONMACCHINE CHEPERMOTIVIPARTI NORMALMENTEIMBOCCATAAMANOLECIPPATRICI
COLARIPOSSONONONAVVENIREINBOSCO CENE MAGGIORIVENGONOALIMENTATECONGRUIDRAULI
POSSONOESSEREALTRECHENONSONOEFFETTUATE CHE CHESCARICANOLALEGNASUNASTRIOCATENE
SULLETTODICADUTAPERMOTIVILEGATIALLAMECCA TRASPORTATRICIOLAIMBOCCANODIRETTAMENTENEI
NIZZAZIONE DELLE STESSE COME LA CIPPATURA O RULLI2OBUSTEALETTE MONTATESULDISCODALLATO
SMINUZZATURAELASCORTECCIATURA OLTREALLULTI OPPOSTOAQUELLODALQUALESPORGONOICOLTELLI
MAOPERAZIONEDICARICODELMATERIALESUIMEZ ESPELLONOICIPS ATTRAVERSOUNASPECIEDICAMI
ZI DI TRASPORTO COME AUTOARTICOLATI AUTOTRENI NOACOLLODOCA SOFlANDOLIINALTOERENDENDO
AUTOCARRI OD ANCHE SEMPLICI RIMORCHI AGRICOLI COS POSSIBILE IL CONTEMPORANEO CARICAMENTO
OFORESTALI DELCIPPATOSULMEZZODITRASPORTO
,ECIPPATRICIATAMBURO&OTO SONOFOR
CA3MINUZZATURAO MATEDAUNTAMBURODI   MDIDIAMETRO
CIPPATURA CON ASSE ORIZZONTALE SULLA CUI PERIFERIA SONO
,ASMINUZZATURAOCIPPATURACONSISTENELTRITU MONTATI OPICOLTELLI)LTRONCO ILCUIDIAME
RARERAMAGLIA FUSTIDIPICCOLODIAMETROOSCAR TROMASSIMOPUARRIVAREACIRCADELDIA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO #IPPATRICEATAMBURO &OTO
#IPPATRICEAVITONE
 

METRODELTAMBURO VIENEALIMENTATOPERPEN 4RATTANDOSI DI MACCHINE MOSSE DA UN MOTORE


DICOLARMENTE AL TAMBURO $I CONSEGUENZA LA ENDOTERMICO IL LAVORO COMPORTA TUTTI I RISCHI A
DIREZIONE DEL TAGLIO DEI CIPS NON COSTANTE CICONNESSI
MAVADAQUASIPERPENDICOLAREAQUASIPARAL s POSSIBILITDICONTATTOCONSUPERFICICALDE
LELAALLADIREZIONEASSIALEDELLEGNOICIPSOTTE MARMITTA MOTOREECC 
NUTISONOPERCIMENOAPPREZZATIPERLAFAB s IMPIEGODILIQUIDIINFIAMMABILI
BRICAZIONE DI PANNELLI PER PASTA LEGNO E PER s CONTATTOCONSOSTANZEIRRITANTIEONOCIVE
CELLULOSA s INALAZIONEDIVAPORIEDIGASTOSSICI
,ECIPPATRICIAVITONE &OTO HANNOLOR 3IA NELLE CIPPATRICI CON MOTORE AUTONOMO CHE
GANOCHESMINUZZAILLEGNOAFORMADITOZZA IN QUELLE AZIONATE DA TRATTORE C IL RISCHIO DI
VITECONICA CONlLETTOAFlLATO,ECIPPATRICIA IMPIGLIAMENTO E TRASCINAMENTO DA PARTE
TAMBUROEADISCOPOSSONOESSEREIMPIEGATE DEGLIORGANIINROTAZIONEPERTANTOGLIORGANI
SIAPERLAVORARELEGNOTONDOSIASCARTIDISEGATI DI TRASMISSIONE DEL MOTO DEVONO ESSERE ADE
MENTRELECIPPATRICIAVITONEPOSSONOLAVORARE GUATAMENTEPROTETTI,ALBEROSCANALATODELLA
QUASIESCLUSIVAMENTEFUSTI!LTRACARATTERISTICA PDP DEL TRATTORE QUANDO NON UTILIZZATO
DIQUESTEMACCHINECHEESSESONOAUTOALI DEVEESSERECOPERTOCONILSUOCAPPUCCIO
MENTANTIMENTRELEALTRECIPPATRICINECESSITA DIPROTEZIONE,OPERATOREDEVEINDOSSAREABITI
NO DI RULLI DI ALIMENTAZIONE MOTORIZZATI ALME ADERENTI PRIVI DI PARTI SVOLAZZANTI CHE POSSANO
NOUNO QUESTENESONOPRIVE POICHILFUSTO IMPIGLIARSI NEGLI ORGANI IN MOVIMENTO )L
UNA VOLTA AFFERRATO DAL lLETTO TAGLIENTE DEL VI COLLEGAMENTO DELLALBERO CARDANICO DEVE ES
TONE VIENETIRATONELLAMACCHINAETAGLIATOIN SERE FATTO CON IL MOTORE DEL TRATTORE SPENTO E
MODO CONTINUO 1UESTE CIPPATRICI SONO PAR CONLACHIAVEDIAVVIAMENTOESTRATTADALQUADRO
TICOLARMENTE ADATTE PER OTTENERE CIPS GRANDI COMANDO
LUNGHIlNOACM PERCOMBUSTIONE .ELCASODIMACCHINEPORTATESULLATTACCOATRE
4UTTIITIPIDICIPPATRICESUDDETTIPOSSONOESSE PUNTISIDEVE PRESTAREPARTICOLAREATTENZIO
REMOSSIDAUNMOTOREINDIPENDENTENORMAL NE NELLAGGANCIO CHE DEVE ESSERE FATTO CON
MENTEQUELLIPIGRANDI OPPUREESSEREAZIONATI ESTREMACAUTELA CONLAMACCHINAINPIANO CON
DALMOTOREDIUNTRATTORE TRAMITELASUAPRESA ATTENTO COORDINAMENTO FRA TRATTORISTA ED EVEN
DIPOTENZAEDUNALBEROCARDANICO TUALEAIUTANTEATERRA PREDILIGENDOISISTEMIAD
0RIMA DELLA MESSAINFUNZIONEDELLAMACCHINA ATTACCORAPIDO
OPPORTUNO LEGGERE ATTENTAMENTE LE ISTRU $URANTEILLAVOROLAMACCHINADEVEAVERETUT
ZIONIDUSOPREDISPOSTEDALCOSTRUTTORE CHE TELEPROTEZIONIPREVISTEDALCOSTRUTTORE
OBBLIGATORIAMENTELADEVONOACCOMPAGNARE E .ELLEMACCHINEPIPICCOLE DOVEILMATERIALE
PRIMADIINIZIAREQUALSIASILAVORO LOPERATOREDEVE VIENEIMBOCCATOMANUALMENTE CILRISCHIO
ACCERTARSICHELAMACCHINAEDISUOIDISPOSITIVIDI DI COMPIERE SFORZI ELEVATI E DI RIMANE
SICUREZZASIANOINTEGRIEFUNZIONANTI RE COLPITI DA FRUSTATE DI FUSTI EO DI RAMI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
QUANDOQUESTIVENGONOPRESIDAIRULLIDIALI MENTALUSURADELLELAMEESISPORCANOISEGA
MENTAZIONE TISCIAVERIEREFILICONCORTECCIANONPOSSONO
.ELLEMACCHINEPIGRANDI ALIMENTATECONGRU ESSEREUTILIZZATIDAFABBRICHEDICELLULOSAEDI
IDRAULICA BISOGNAFARATTENZIONEAICARICHISO PASTALEGNO
SPESI ED AI MOVIMENTI DELLA GRU RESTANDO 1UANDO GLI ALBERI SONO FUORI SUCCHIO AL DI
FUORIDALLAZONADILAVORODELLASTESSA FUORI DELLA STAGIONE VEGETATIVA NON CI SONO
3ESULLAMACCHINASITROVALACABINADICOMAN PROBLEMI PER IL DETERIORAMENTO DEL LEGNO
DO LOPERATORE DEVE PRESTARE PARTICOLARE AT DA PARTE DI FUNGHI ED INSETTI .ELLA STAGIONE
TENZIONEASALIREESCENDEREDALLACABINAPERIL VEGETATIVAINVECEBISOGNASCORTECCIAREILLE
RISCHIODISCIVOLAREEDICADERE,OPERATORE GNAMEPRIMAPOSSIBILE OVVIAMENTEQUELLODI
PU ANCHE ESSERE SOGGETTO A QUELLE MALATTIE MAGGIORVALORE
PROFESSIONALI LEGATE ALLE VIBRAZIONI A TUTTO ,IDEALESAREBBESCORTECCIARESULLETTODICA
IL CORPO PERTANTO IMPORTANTE LA SCELTA DI DUTA ANCHE PERCH COS FACENDO SI LASCE
MACCHINE CON SEDILI OMOLOGATI CONTRO QUE REBBERO IN BOSCO LA GRAN PARTE DELLE SOSTAN
STORISCHIO ZE MINERALI ASSORBITE DAGLI ALBERI E CONTENUTE
NECESSARIOCHELACABINASIACHIUSAEDINSO ESSENZIALMENTE NELLA CORTECCIA MA QUESTO
NORIZZATAPERCHILLAVOROMOLTORUMOROSOED COMPORTACOSTITROPPOELEVATIDATALADIFFICOLT
IN OGNI CASO DEVE ESSERE FATTA LA VALUTAZIONE DIMECCANIZZAREQUESTAOPERAZIONE,ALTERNA
PERLESPOSIZIONEALRUMORE TIVAQUELLADISCORTECCIAREALLIMPOSTOOPPURE
5NALTRORISCHIOLEGATOALLAVOROQUELLODELLA NELLE INDUSTRIE DI PRIMA LAVORAZIONE COSA PI
POLVERECHEPUESSEREPRODOTTAINDETERMINA COMUNEMENTEFATTA
TECONDIZIONILEGNOSECCOOBRUCIATO PERTANTO .ORMALMENTESISCORTECCIAILLEGNAMEDICONI
IMPORTANTEUTILIZZAREGLIADEGUATI$0)OCCHI FERE AL SOLITO NON SI SCORTECCIA IL LEGNAME DI
VIERESPIRATORIE  LATIFOGLIEESCLUSOILCASTAGNO PERCHILFUSTO DI
,A MANUTENZIONE ALLA MACCHINA DEVE FORMAMENOREGOLARE COMPORTAMAGGIORIDIFFI
ESSERE FATTA SEGUENDO QUANTO PREVISTO COLTPERQUESTAOPERAZIONE
NEL LIBRETTO DI ISTRUZIONI PREDISPOSTO DAL )MPIEGANDOAGLIIMPOSTISCORTECCIATRICIMOBILI
COSTRUTTORE IL MOTORE DELLA MACCHINA DEVE s ILLEGNAMEDEVEESSEREESBOSCATOCONCOR
ESSERE SPENTO E BISOGNA PRESTARE PARTICOLARE TECCIA
ATTENZIONEASISTEMARELAMACCHINAINPOSIZIO s GLIIMPOSTIDEVONOESSERESUFFICIENTEMENTE
NESICURAPERNONESSERECOINVOLTIINMOVIMENTI CAPIENTI ALMENO M COSA NON FACILE
INCONTROLLATIEDIMPROVVISI INMONTAGNA OPPURESIDEVEESBOSCARECON
.ELLAFFILATURADEICOLTELLIBISOGNAPRESTAREPAR CONTINUITILLEGNAMECONCORTECCIAEASPOR
TICOLARE ATTENZIONE UTILIZZANDO GLI ADEGUATI TARE QUELLO SCORTECCIATO CON CONSEGUENTE
$0) PERCH SI HA A CHE FARE CON STRUMENTI FORMAZIONEDIUNACATENADILAVORAZIONE
TAGLIENTI s LAMOVIMENTAZIONEDELLEGNAME INALIMEN
.EL CASO SIA NECESSARIO MUOVERE MANUAL TAZIONE E SCARICO DELLA MACCHINA SCORTEC
MENTE DEI CARICHI IN MODO PARTICOLARE SE CIATRICE RISULTA COMPLESSA PER LORGANIZZA
PESANTI FORATURA DI UNA RUOTA C IL RISCHIO ZIONEDIUOMINIEMEZZI
PERLOPERATOREDICOMPIERESFORZIELEVATI
EDIRIMANERECOINVOLTONELLACADUTAACCI 3CORTECCIATRICIVEDI4AVOLA
DENTALEDICARICHI %SISTONOSCORTECCIATRICIMOBILIACOLTELLI ATESTA
FRESANTEEAROTORE
CB3CORTECCIATURACON ,E SCORTECCIATRICI A COLTELLI &OTO  SONO
MACCHINESCORTECCIATRICI FORMATE DA UN DISCO DAL QUALE SPORGONO LEG
,APRESENZADICORTECCIASUITRONCHIABBATTUTI GERMENTE    COLTELLI MONTATI IN POSIZIONE
PORTAADUNALUNGASERIEDIINCONVENIENTIDU RADIALE)LTRONCHETTOOPALOCONCORTECCIAVIENE
RANTELASTAGIONEVEGETATIVAFACILITALATTACCODI FATTOAVANZARECONMOVIMENTOASPIRALEDAUNA
INSETTIE ALUNGOANDAREANCHEDIFUNGHINELLA SPECIEDIVITESENZAFINEFISSATAALLASSEDELDISCO
MOVIMENTAZIONEDELMATERIALECONCENTRAMEN EVIENEPREMUTOCONTROQUESTOCONUNALEVALE
TO ED ESBOSCO AUMENTA LATTRITO FRA TRONCHI E LAMEASPORTANOLACORTECCIATAGLIANDOLA1UESTE
TERRENO E COSTITUISCE UN INGOMBRO MAGGIORE MACCHINE MOBILIAZIONATEDATRATTORE VENGONO
NONSOLTANTOINVOLUMEMAANCHEINPESOIN IMPIEGATE PER MATERIALE DI PICCOLE DIMENSIONI
SEGHERIA LAVORANDOTRONCHICONCORTECCIA AU DIAMETRO MASSIMO DI  CM LIMITATO DAL

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA
&OTO 3CORTECCIATRICEACOLTELLI &OTO 3CORTECCIATRICEATESTAFRESANTE
 

DIAMETRO DEL DISCO SOPRATTUTTO PER TONDELLI MARMITTA MOTOREECC 


DACARTIERA PERTONDELLIDAPASTA LEGNO PER s IMPIEGODILIQUIDIINFIAMMABILI
PALERIA s CONTATTOCONSOSTANZEIRRITANTIEONOCIVE
,ESCORTECCIATRICIATESTAFRESANTE&OTO s INALAZIONEDIVAPORIEDIGASTOSSICI
HANNOLORGANOLAVORANTEFORMATODAUNCILINDRO 3IANELLESCORTECCIATRICICONMOTOREAUTONOMO
LEGGERMENTE CONVESSO CHE PORTA COSTOLATURE CHEINQUELLEAZIONATEDATRATTORECILRISCHIO
IL TRONCO VIENE FATTO AVANZARE CON MOVIMENTO DIIMPIGLIAMENTOETRASCINAMENTODAPARTE
ASPIRALE SOTTOOSOPRAAQUESTOCILINDRO CHE DEGLIORGANIINROTAZIONEPERTANTOGLIORGANI
ASPORTA LA CORTECCIA FRESANDOLA 1UESTE MAC DI TRASMISSIONE DEL MOTO DEVONO ESSERE ADE
CHINEPOSSONOSCORTECCIARETRONCHIDIDIAMETRO GUATAMENTEPROTETTI,ALBEROSCANALATODELLA
MOLTOGRANDE DIFORMAIRREGOLAREEPOSSONOAN PDP DEL TRATTORE QUANDO NON UTILIZZATO
CHEASPORTAREMOZZICONIDIRAMOECONTRAFFORTI DEVEESSERECOPERTOCONILSUOCAPPUCCIO
,ESCORTECCIATRICIAROTORESONOFORMATEDA DIPROTEZIONE,OPERATOREDEVEINDOSSAREABITI
UN GRANDE ANELLO IL ROTORE CHE PORTA INTERNA ADERENTI PRIVI DI PARTI SVOLAZZANTI CHE POSSANO
MENTE INPOSIZIONERADIALE  COLTELLISAGOMA IMPIGLIARSI NEGLI ORGANI IN MOVIMENTO )L
TI INCERNIERATIELASTICAMENTE)TRONCHIVENGONO COLLEGAMENTO DELLALBERO CARDANICO DEVE ES
FATTIPASSAREALLINTERNODELROTORE CHE RUOTANDO SERE FATTO CON IL MOTORE DEL TRATTORE SPENTO E
VELOCEMENTE ASPORTACONICOLTELLILACORTECCIA CONLACHIAVEDIAVVIAMENTOESTRATTADALQUADRO
INSPIRALI)LDIAMETRODELTRONCODASCORTECCIARE COMANDO
RIGOROSAMENTELIMITATODALLAPERTURADELROTORE .ELCASODIMACCHINEPORTATESULLATTACCOATRE
0ERCI AGLI IMPOSTI POSSONO ESSERE IMPIEGA PUNTISIDEVEPRESTAREPARTICOLAREATTENZIO
TE SOLTANTO LE MACCHINE PI PICCOLE FACILMENTE NE NELLAGGANCIO CHE DEVE ESSERE FATTO CON
TRASPORTABILI PER MATERIALE DI PICCOLE E MEDIE ESTREMACAUTELA CONLAMACCHINAINPIANO CON
DIMENSIONIFINOACIRCA CM  ATTENTO COORDINAMENTO FRA TRATTORISTA ED EVEN
,E SCORTECCIATRICI SUDDETTE POSSONO AVERE UN TUALEAIUTANTEATERRA PREDILIGENDOISISTEMIAD
MOTORE INDIPENDENTE NORMALMENTE QUELLE PI ATTACCORAPIDO
GRANDI OPPUREESSEREAZIONATEDALMOTOREDIUN $URANTEILLAVOROLAMACCHINADEVEAVERETUT
TRATTORE TRAMITELASUAPRESADIPOTENZAEDUN TELEPROTEZIONIPREVISTEDALCOSTRUTTORE
ALBEROCARDANICO .ELLE MACCHINE PI PICCOLE DOVE IL MATERIALE
0RIMADELLAMESSAINFUNZIONEDELLAMACCHINA VIENEIMBOCCATOMANUALMENTE CILRISCHIODI
OPPORTUNOLEGGEREATTENTAMENTELEISTRUZIO COMPIERESFORZIELEVATIEDIRIMANERECOLPITI
NI DUSO PREDISPOSTE DAL COSTRUTTORE CHE DABRUSCHIMOVIMENTIDEIFUSTIQUANDOQUE
OBBLIGATORIAMENTE LA DEVONO ACCOMPAGNARE STIVENGONOPRESIDAIRULLIDIALIMENTAZIONE
E PRIMADIINIZIAREQUALSIASILAVORO LOPERATORE .ELLEMACCHINEPIGRANDI ALIMENTATECONGRU
DEVEACCERTARSICHELAMACCHINAEDISUOIDISPO IDRAULICA BISOGNAFARATTENZIONEAICARICHISO
SITIVIDISICUREZZASIANOINTEGRIEFUNZIONANTI SPESI ED AI MOVIMENTI DELLA GRU RESTANDO
4RATTANDOSI DI MACCHINE MOSSE DA UN MOTORE FUORIDALLAZONADILAVORODELLASTESSA
ENDOTERMICO IL LAVORO COMPORTA TUTTI I RISCHI A 3E SULLA MACCHINA SI TROVA LA CABINA DI CO
CICONNESSI MANDO LOPERATOREDEVEPRESTAREPARTICOLARE
s POSSIBILITDICONTATTOCONSUPERFICICALDE ATTENZIONEASALIREESCENDEREDALLACABINAPER

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
&OTO #ARICODILEGNAMESURIMORCHIOCONGRU &OTO #ARICODILEGNASURIMORCHIOCONGRUIDRAULICAE
 
IDRAULICA PERICOLOSASISTEMAZIONEMANUALE

IL RISCHIO DI SCIVOLARE E DI CADERE ,OPE &OTO DEVEESSERECARICATOSUIMEZZIDI


RATORE PU ANCHE ESSERE SOGGETTO A QUELLE TRASPORTO PER GIUNGERE ALLUTILIZZATORE FINALE O
MALATTIEPROFESSIONALILEGATEALLEVIBRAZIONIA ALLEINDUSTRIEDIPRIMATRASFORMAZIONE
TUTTOILCORPOPERTANTOIMPORTANTELASCEL )LCARICOVIENENORMALMENTEEFFETTUATOCONCA
TA DI MACCHINE CON SEDILI OMOLOGATI CONTRO RICATOREIDRAULICO SIAPERMATERIALEDIPICCO
QUESTORISCHIO LECHEDIGRANDIDIMENSIONICOMUNEMENTE
NECESSARIOCHELACABINASIACHIUSAEDIN LASISTEMAZIONEDIQUELLODIPICCOLEDIMEN
SONORIZZATAPERCHILLAVOROMOLTORUMOROSO SIONI LA LEGNA DA ARDERE VIENE EFFETTUATO
EDINOGNICASODEVEESSEREFATTALAVALUTAZIO A MANO SUI MEZZI DI TRASPORTO &OTO  
NEPERLESPOSIZIONEALRUMORE 1UESTO LAVORO ESTREMAMENTE PERICOLO
,AMANUTENZIONEALLAMACCHINADEVEES SO PERCH LA LEGNA NON COSTITUISCE UN SAL
SEREFATTASEGUENDOQUANTOPREVISTONEL DOAPPOGGIOPERIPIEDIECILRISCHIODI
LIBRETTO DI ISTRUZIONI PREDISPOSTO DAL CO SCIVOLAREEDICADEREATERRA ILPROBLEMA
STRUTTOREILMOTOREDELLAMACCHINADEVEES DELLAMOVIMENTAZIONEMANUALEDEICARI
SERESPENTOEBISOGNAPRESTAREPARTICOLAREAT CHIEDILRISCHIODITROVARSISOTTOILRAGGIO
TENZIONEASISTEMARELAMACCHINAINPOSIZIONE DI AZIONE DELLA GRU CON LA POSSIBILIT DI
SICURA PER NON ESSERE COINVOLTI IN MOVIMENTI VENIRECOLPITIDALCARICOINMOVIMENTOE
INCONTROLLATIEDIMPROVVISI DAPEZZICHEPOSSONOCADEREACCIDEN
.ELLAFFILATURADEICOLTELLIBISOGNAPRESTAREPAR TALMENTEDALLALTO
TICOLARE ATTENZIONE UTILIZZANDO GLI ADEGUATI 3I DEVE RICORDARE CHE NON POSSIBILE
$0) PERCHSIHAACHEFARECONSTRUMENTI OPERARE AD ALTEZZE SUPERIORI AI M DA
TAGLIENTI TERRASENONADEGUATAMENTEPROTETTIESE
.EL CASO SIA NECESSARIO MUOVERE MANUAL NONSIADISPONIBILEUNADEGUATOSISTEMA
MENTEDEICARICHI INMODOPARTICOLARESEPE DIACCESSO
SANTI CILRISCHIOPERLOPERATOREDICOM ) CARICATORI IDRAULICI UTILIZZATI PI FREQUENTE
PIERESFORZIELEVATIEDIRIMANERECOINVOLTO MENTE AGLI IMPOSTI POSSONO ESSERE DI QUELLI
NELLACADUTAACCIDENTALEDICARICHI POSIZIONATI SULLATTACCO A TRE PUNTI DI TRATTORI
ED AZIONATI DALLA PDP TRAMITE UN ALBE
CC !LLESTIMENTO CON ROCARDANICO DIQUELLIPOSIZIONATISUDIUNA
MACCHINEALLESTITRICI PIATTAFORMA INDIPENDENTE SEMOVENTE GRAN
3ITRATTADELLASTESSAOPERAZIONEGIDESCRITTA CHIO GOMMATA O CINGOLATA OPPURE POSSONO
INBOSCOVEDI#APC !BBATTIMENTOE TROVARSI DIRETTAMENTE SUI MEZZI DI TRASPORTO
ALLESTIMENTO CON MACCHINE ABBATTI ALLE VEDI#APCE 'RUIDRAULICA 
STITRICI CHEPUESSEREEFFETTUATAANCHEAGLI .EL CASO DI MATERIALE DI PICCOLE DIMENSIONI
IMPOSTI LEGNADAARDERE SEMPREUTILEAVEREADISPO
SIZIONE LA RONCOLA PER TAGLIARE QUALCHE RAMO
CD#ARICODILEGNAELE TRASCURATONELLALLESTIMENTO
GNAMESUIMEZZIDITRASPORTO ,AVORANDOCONMATERIALEDIMEDIEEGRANDIDI
!GLIIMPOSTIILMATERIALEESBOSCATO LEGNADA MENSIONISEMPREUTILEAVEREADISPOSIZIONE
ARDERE E LEGNAME DI PI GRANDI DIMENSIONI LOZAPPINO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
',/33!2)/
%")",)/'2!&)!

IMPAGINATOASLINDD   
IMPAGINATOASLINDD   
'LOSSARIO

!BBATTI ALLESTITRICE (ARVESTER -ACCHINA CHE ORIGINE PROTEICA CHE SE INALATA POLLINI ACARI
SVOLGELEOPERAZIONIDIABBATTIMENTOEALLESTIMEN DELLAPOLVEREECC INGERITAPARTICOLARIALIMEN
TO ABBATTE ATTERRA SRAMA SEZIONA E IN ALCUNI TI INIETTATAVELENODIINSETTI VIPEREECC OPER
CASI ACCATASTA MISURA REGISTRAILLEGNAMELAVO CONTATTO POLVERI E METALLI IN GRADO DI PRO
RATO  DURREALLERGIA
!BBATTIMENTO /PERAZIONEDURANTELAQUALELOPE !LLERGIA !LTERATAREATTIVITDELLORGANISMOCONRI
RATOREESEGUELEFASIDILAVOROVOLTEALLATTERRAMEN SPOSTAESAGERATANEICONFRONTIDIVARIESOSTANZE
TODIUNALBERO#ONSISTENORMALMENTENELLARECI COMPRESEQUELLEABITUALMENTEINNOCUE
SIONEDELFUSTOALLACEPPAIA ECCEZIONALMENTENELLO !LLESTIMENTO /PERAZIONE COMPRENDENTE LE FASI
SRADICAMENTODELLALBERO NECESSARIE SRAMATURA SEZIONATURA STRISCIATURA
!BBATTITRICE &ELLER -ACCHINA SEMOVENTE CHE OSCORTECCIATURAE INALCUNICASI ACCATASTAMEN
CONUNATTREZZOTAGLIENTE EFFETTUALOPERAZIONEDI TO PER RICAVARE DALLALBERO ABBATTUTO LASSORTI
ABBATTIMENTO MENTOLEGNOSORICHIESTO
!CCATASTAMENTO $ISPOSIZIONEDILEGNAOLEGNAME !LLESTITRICE0ROCESSOR -ACCHINACHESVOLGEPI
INMUCCHIDIFORMAPIOMENOREGOLAREINATTESA FASI DELLOPERAZIONE DI ALLESTIMENTO SRAMA E SE
DELLASUCCESSIVAMOVIMENTAZIONE)NALCUNICASI ZIONAPIANTEGIABBATTUTEEACCATASTAITOPPILA
UNAFASEDELLOPERAZIONEDIALLESTIMENTO VORATI
!CCETTA O 3CURE !TTREZZO COSTITUITO DA UNA TE !NCORAGGIO $ISPOSITIVOATTOAlSSARESALDAMEN
STADIACCIAIO CONUNOODUEBORDITAGLIENTI INlLA TEALSUOLO INVARIOMODO FUNI ATTREZZI MACCHINE
TAINUNMANICO UTILIZZATAPERILTAGLIODEGLIALBERI 0UESSEREARTIlCIALEESPLINTODICALCESTRUZZO
PERLALLESTIMENTODEITRONCHIEPERLALAVORAZIONE ONATURALENORMALMENTEPIANTEINPIEDIVIVE CEP
DELLEGNO PAIE ROCCE 
!CCIDENTALIT DEL TERRENO 0RESENZA SUL TERRE !NTICORPO 3OSTANZE PROTEICHE IMMUNOGLOBULI
NODIOSTACOLIGROSSISASSI MASSI BUCHE SALTIDI NE CHEVENGONOPRODOTTEDALSISTEMAIMMUNITARIO
ROCCIA FOSSI ECC TALIDARENDEREDIFlCILEILTRAN COMERISPOSTAALLAPENETRAZIONEDIUNASOSTANZA
SITOAGLIUOMINI LACIRCOLAZIONEDEIMEZZI LAVVALLA ESTRANEA ALLORGANISMO ANTIGENE E CONTRO QUEL
MENTOELOSTRASCICODELLEGNAME LASOSTANZA
!GENTE $AAGIRESOSTANZACHIMICAlSICAOBIOLO !NTIGENE 3OSTANZAESTRANEAALLORGANISMO PERLO
GICACHEHAUNAZIONESULLORGANISMOECHENEPRO PIDIORIGINEPROTEICA CHE PENETRATANELLORGANI
VOCAUNAREAZIONE SMO INDUCEUNARISPOSTAIMMUNITARIA
!LBEROCARDANICOODOPPIOGIUNTOCARDANICO /RGA !PPARATO VEDI 3ISTEMA #OMPLESSO DI ORGANI
NOMECCANICO UTILIZZATOPERLACCOPPIAMENTOPER ADIBITIADUNASTESSAFUNZIONE)NMEDICINASIFARI
MANENTE DELLE ESTREMIT DI DUE ALBERI CHE PER FERIMENTOALLAPPARATOVASCOLARECUORE VENE AR
METTELATRASMISSIONEDIUNMOTOROTATORIOOMO TERIEECC PERTUTTIQUEITESSUTIEDORGANIDEPUTATI
CINETICODALLUNOALLALTRO0ARTICOLARMENTEINDICATO ALFUNZIONAMENTODELLACIRCOLAZIONEDELSANGUE AL
PERLACCOPPIAMENTOTRADUEALBERICONCORRENTIIN LAPPARTORESPIRATORIOPOLMONI BRONCHIECC PER
UNPUNTO ANCHENELCASODIVARIAZIONEDELLANGOLO LARESPIRAZIONE ALLAPPARTODIGERENTEBOCCA ESO
TRAGLIASSIDURANTEILMOVIMENTO FAGO STOMACO INTESTINO FEGATOECC PERLADIGE
!LLERGENE 3OSTANZA ANTIGENE PER LO PI DI STIONE ALLAPPARATO ENDOCRINO TIROIDE GHIANDOLE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
SURRENALI IPOlSI ECC PERLINSIEMEDELLEGHIANDO "ASTO 3PECIEDISELLACONOSSATURAINLEGNOADE
LECHEPRODUCONOGLIORMONI ALLAPPARATOOSISTE GUATAMENTEIMBOTTITACHESIPONESULDORSODEGLI
MANERVOSONERVI CERVELLO MIDOLLOSPINALEECC ANIMALI DA SOMA PER CONSENTIRE IL TRASPORTO DEI
PER LINSIEME DELLE STRUTTURE DEPUTATE AL CONTROL CARICHI
LODELLEFUNZIONIVOLONTARIEEAUTONOMEDELLORGANI "IOLOGIA 3CIENZA CHE TRATTA TUTTE LE MANIFESTA
SMO ALLAPPARATOLOCOMOTOREPERLESTRUTTUREOS ZIONIDIVITA
SEE ARTICOLARIEMUSCOLARICHECONSENTONOGLISPO "IOLOGICO #ICHERIFERISCE GENERICAMENTE ALLA
STAMENTIDELLINDIVIDUO BIOLOGIA
!PPARATOBUCCALE "OCCA "IOMECCANICA "RANCA DELLA SCIENZA CHE STUDIA
!PRIPISTA -ACCHINA MOVIMENTO TERRA COSTITUITA LAPPLICAZIONE DELLA MECCANICA ALLA BIOLOGIA E ALLA
DA UN TRATTORE CINGOLATO CHE MONTA FRONTALMENTE MEDICINA
UNALAMAAPRIPISTA$ANONCONFONDERECONhRUSPAv "IOMECCANICO #ICHERIGUARDALABIOMECCANICA
!RGANISTA /PERAIO SPECIALIZZATO MANOVRATORE DI "IOTICO #ICHESIRIFERISCE NELLAMBITODEGLISTU
ARGANI DIINBIOLOGIA ALLERELAZIONIESISTENTITRALEFORMEDI
!RGANO -ACCHINAPERILSOLLEVAMENTOOLATRAZIO VITAELAMBIENTEECOLOGIAEBIOGEOGRAlA 
NEDICORPICOSTITUITADAUNOOPITAMBURI AZIONATI "LOCCO DI LINEA $ISPOSITIVO PER IL BLOCCAGGIO DI
DAUNMOTOREEDOTATIDIFRENI SUIQUALISIAVVOLGO CARRELLI SEMIAUTOMATICI O A TAGLIA SULLA FUNE POR
NORISPETTIVAMENTEUNAOPIFUNITRAENTE PORTAN TANTEDIGRUACAVO
TE AUSILIARIE DIRICHIAMO .ORMALMENTECOSTITUI "OCCADIESBOSCO $ISPOSITIVO ACARRUCOLEORULLI
SCELASTAZIONEMOTRICEDIUNAGRUACAVO DEIVERRICELLICHEPERMETTEDIIMPIEGAREUNAFUNE
!RTICOLAZIONE 3TRUTTURACHECONSENTELACONNES DITRAINO SENZACHEQUESTASUBISCADANNI INDIRE
SIONEFRADUEOPICORPIOSSEIECHEPERMETTEIL ZIONIDIVERSEDAQUELLAPERPENDICOLAREALLASSEDEL
MOVIMENTODEGLISTESSIINMODOCOORDINATO TAMBURO
!RTO "RACCIOOGAMBA "RACA 6EDI#APOCHIUSO
!RTRITE )NlAMMAZIONEDELLEARTICOLAZIONI #ALCIO 4ERMINE FORESTALE CHE INDICA LA BASE DEL
!SlSSIA $IFlCOLT O ARRESTO DEL RESPIRO PER FUSTODIUNALBEROOLESTREMITDIDIAMETROMAG
OSTACOLOMECCANICOANNEGAMENTO STRANGO GIOREDIUNTOPPO
LAMENTO COMPRESSIONE DELLA PARETE TORACICA #AMPATA 4RATTO DI FUNE PORTANTE COMPRESO TRA
ECC PER PARALISI DEI MUSCOLI RESPIRATORI PER DUESOSTEGNISUCCESSIVIDELLALINEA0ERSOSTEGNI
INALAZIONEDIGASIRRESPIRABILI SI INTENDONO I CAVALLETTI I RITTI DI ESTREMIT E GLI
!SSORTIMENTO $ENOMINAZIONECONLAQUALESIINDI ANCORAGGI
CANOSINTETICAMENTELECARATTERISTICHEDIFORMA DI #ANALETTA .ELLESBOSCO PER AVVALLAMENTO UN
DIMENSIONEEDILAVORAZIONEDEIFUSTILEGNOSI ODEL SEGMENTO DI RISINA IN POLIETILENE O METALLO .EL
LELOROPARTI CHELIRENDONOATTIALLACOMMERCIALIZ LAVIABILITFORESTALE UNPICCOLOCANALEINLEGNO
ZAZIONEEOIMPIEGOPERDETERMINATIUSIOSUCCES ACCIAIOOCALCESTRUZZOCHEVIENEALLESTITOTRASVER
SIVE LAVORAZIONI LEGNA DA ARDERE TOPPI DA SEGA SALMENTEALLASSESTRADALEPERRACCOGLIERELACQUA
TONDELLIDACELLULOSA STANGAMEECC  DISCORRIMENTOSUPERlCIALEECONVOGLIARLAFUORIDAL
!TTACCOATREPUNTI $ISPOSITIVOUNIlCATOPERLAT PIANOSTRADALE
TACCODIATTREZZIEMACCHINEOPERATRICIALTRATTORE #ANCEROGENO 4UTTOCICHEPUPROVOCAREILCANCRO
COLLEGATOALDISPOSITIVODISOLLEVAMENTOSOLLEVA #ANCRO !PPELLATIVOCONCUISIDElNISCEGENERICA
TOREIDRAULICO EDINSIEMECOSTITUISCONOLACCOPPIA MENTEUNTUMOREMALIGNO
MENTOPORTANTE #APOCHIUSOO"RACAO&ASCIAO4UBOLARE $ISPOSI
!TTERRAMENTO &ASE DELLOPERAZIONE DI ABBATTI TIVODICOLLEGAMENTO INlBRESINTETICHEOSPEZZONE
MENTODURANTELAQUALELALBERO RECISOALLABASE DIFUNEDACCIAIOCONASOLEALLEESTREMITOPPURE
CADEOVIENEFATTOCADEREATERRAIMPIEGANDOAT CHIUSOADANELLO IDONEOPERSOSTENEREOANCORA
TREZZICOMECUNEI LEVADIATTERRAMENTO GIRATRON REATTREZZATURE
CHI ZAPPINO PARANCOMANUALE #ARDINIDELLACERNIERA %STREMITDELLACERNIERA
!VVALLAMENTO 3ISTEMA DI CONCENTRAMENTO O DI CORRISPONDENTIALLAZONADIALBURNODELFUSTO CHE
ESBOSCOCONCUIILLEGNAME MOSSOMANUALMENTE DEVONOESSERETAGLIATE INALCUNICASI NELLOPERA
VIENEFATTOSCIVOLARESULTERRENOOLUNGOAPPOSITI ZIONEDIABBATTIMENTODEGLIALBERI
CONDOTTI SFRUTTANDOLAFORZADIGRAVIT #ARICATOREIDRAULICO 6EDI'RUIDRAULICA
"ARRA3PRANGADIGUIDA %LEMENTODELLAMOTOSE #ARRELLODIGRUACAVO #OMPONENTEDELLEGRUA
GACHESOSTIENEEGUIDALACATENATAGLIENTE$ETER CAVO CHESCORRESULLAFUNEPORTANTEPERMEZZODI
MINALADIREZIONEDITAGLIO CARRUCOLE ACUIVENGONOSOSPESIICARICHI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA
#ARRUCOLADIMONTAGGIO #ARRUCOLAIMPIEGATAPER ESPLICITAMENTECONIPROPRISEGNIESINTOMI
ILMONTAGGIODIIMPIANTIDIGRUACAVOEPERSOSTE #LISIMETRO 3TRUMENTOPERMISURAREDIRETTAMENTE
NERE DURANTELESERCIZIO LAFUNEPORTANTE LEFUNI ANGOLIDIELEVAZIONEODIDEPRESSIONEOLATANGENTE
DIANCORAGGIOELECONTROVENTATURE.ONSOTTOPO DITALIANGOLIRISPETTOALLORIZZONTE CHECORRISPONDE
STAAVELOCITELEVATEDELLEFUNI ALLAPENDENZAESPRESSAIN
#ARRUCOLADIRINVIO #ARRUCOLASULLAQUALESCORRO #OEFlCIENTESTERICO 2APPRESENTAILRAPPORTOFRA
NOESUBISCONODEVIAZIONILEFUNITRAENTE DIRICHIA ILVOLUMEREALEDELLEGNODIUNACATASTAEDILSUO
MO AUSILIARIE 0U ESSERE SOTTOPOSTA A VELOCIT VOLUMESTERICOAPPARENTE 
ELEVATEDELLEFUNI #OLLASSO 4ERMINEESTREMAMENTEGENERICOATTRI
#ASCO #OPRICAPOINMATERIALEPLASTICOOINLEGA BUITOADUNAGRANDEVARIETDISITUAZIONI)LCOLLAS
LEGGERA ATTOAPROTEGGEREILCAPODALLACADUTADI SOCIRCOLATORIOOINSUFlCIENZACIRCOLATORIA LIM
OGGETTIODAURTIACCIDENTALI PROVVISOEDACUTOVENIRMENODELLAFUNZIONECIRCO
#ATENATAGLIENTE %LEMENTODITAGLIODELLAMOTO LATORIA CONCADUTADELLAPRESSIONEEDIMINUZIONE
SEGASOSTENUTAEGUIDATADALLABARRA DELLAMASSADISANGUECIRCOLANTE
#AVALLETTODIGRUACAVO 3TRUTTURAATTAATENE #OLONNAVERTEBRALE 3PINADORSALE
RESOLLEVATADATERRALAFUNEPORTANTEPERMEZZODI #ONCENTRAMENTO /PERAZIONE DELLAMOVIMENTAZIO
UNASTAFFA#ONSENTEILPASSAGGIODELCARRELLO NEDILEGNAOLEGNAME CONLAQUALELALBERO ILFUSTO
#AVOASTROZZOO#ORDOLO 3PEZZONEDICAVODIAC OISINGOLITOPPIVENGONOPORTATIDALLETTODICADUTA
CIAIOODICATENA CHEVIENEPASSATOATTORNOALCAL ALLEVIEDIESBOSCOODIRETTAMENTEALLESTRADE
CIODIUNOOPITRONCHIOALBERI DOTATODIDISPOSI #ONDUCENTE /PERAIO ADDETTO ALLA GUIDA DI QUA
TIVODIATTACCOPERASSICURARLIALLAFUNEPERLOSTRA DRUPEDI
SCICO ILTRAINOOILSOLLEVAMENTO #ONGIUNTIVA -UCOSACHERIVESTELASUPERlCIEDEL
#AVOORALE "OCCA LOCCHIOEINTERNADELLEPALPEBRE
#EFALEA -ALDITESTA #ONTAGIO 4RASMISSIONEDIUNAMALATTIA
#EPPAIA 0ARTEBASALEDIUNOOPIFUSTI DALLAQUA #ONTAMINAZIONE )NFEZIONE DA GERMI PATOGENI DA
LEINIZIANOLERADICICHEDELLACEPPAIAFANNOPARTE VIRUSODAQUALSIASIALTROMATERIALECONTAGIANTE
CHE IN GENERE RIMANE NEL TERRENO DOPO LABBATTI #ONTRACCOLPO+ICKBACK .ELLUSODELLAMOTOSE
MENTO GAUNMOVIMENTOINCONTROLLATOIMPROVVISOEAC
#ERNIERA 0ARTEDELFUSTOLASCIATAINTATTA DURAN CIDENTALE VERSOLALTOOALLINDIETRODELLABARRACHE
TE LABBATTIMENTO FRA LA TACCA DI DIREZIONE ED IL PUACCADEREQUANDOLAPUNTADELLABARRAVIENEA
TAGLIODIABBATTIMENTOSERVEAGUIDARELACADUTA CONTATTOCONUNCORPOTRONCO RAMOOCEPPO O
DELLAPIANTA QUANDOILLEGNOSTRINGELACATENADURANTEILTAGLIO
#ESOIE !TTREZZO SIMILEALLEFORBICI IMPIEGATOPER #ONTRAFFORTE 3PORGENZALEGNOSADELLAPARTEBA
LABBATTIMENTO PERLASEZIONATURAEPERLAPOTATU SALEDELFUSTOCHESISVILUPPAALLACONNESSIONEFRA
RA!SECONDADELLEMODALITDIAZIONAMENTO POS QUESTOEDUNAGROSSARADICELATERALE
SONOESSEREDITIPOMECCANICO IDRAULICOOPNEU #ONTRATTILIT 0ROPRIETSPECIlCAEVITALECHEPOS
MATICO SIEDONOLElBREMUSCOLARIDIRIDURRELEPROPRIEDI
#HOKER 6EDI'ANCIOSCORREVOLE MENSIONIACCORCIANDOSI
#IANOSI #OLORAZIONEBLUASTRADELLAPELLE #ONTRATTURA #ONTRAZIONEPROLUNGATAEINVOLONTA
#IMALEO6ETTA 0ARTEALLESTREMITPIALTADEIFU RIADIUNOOPIFASCIMUSCOLARI
STIARBOREI #ONTROVENTATURA 6EDI&UNEDIANCORAGGIO
#IMATURA O 3VETTATURA 3OTTOFASE DELLA SRAMATURA #ONTUSIONE ,ESIONEPROVOCATADAUNTRAUMADI
CHEINDICAILTAGLIODELCIMALE OVETTA DIUNALBERO RETTOCHENONINGRADODICAUSAREUNAFERITA
#INGOLATO 6EDI4RATTORECINGOLATO #ONVULSIONI #ONTRAZIONI INVOLONTARIE ED ISTANTA
#IPPATO ,EGNORIDOTTOINSCAGLIEOCIPS NEECHECOINVOLGONOUNOOPIGRUPPIMUSCOLARIO
#IPPATRICE 6EDI3MINUZZATRICE GENERALIZZATEATUTTOILCORPO
#IPPATURA 6EDI3MINUZZATURA #ORDOLO 6EDI#AVOASTROZZO
#IPS 6EDI3CAGLIEDILEGNO #RONICO &ENOMENOMALATTIA ADANDAMENTOPRO
#LINICA 3TUDIODELLOSTATODISALUTEDELPAZIENTE LUNGATOCONSCARSATENDENZAALLAGUARIGIONE
ATTRAVERSOILRILIEVODEISEGNIEDEISINTOMIDAESSO #UFlA $ISPOSITIVO DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DEL
MANIFESTATI LUDITOCONTROLECCESSIVARUMOROSIT
#LINICAMENTE 1UANDOLAVALUTAZIONEDELLOSTATODI #UNEO !TTREZZOINLEGNO PLASTICAOALLUMINIO CON
SALUTEOMALATTIABASATASUDATICLINICICLINICA DUE FACCE A DEBOLE CONVERGENZA CHE SI ADOPERA
MENTE INAPPARENTE LA MALATTIA NON SI MANIFESTA PER COADIUVARE LATTERRAMENTO DI UN ALBERO NEL

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
LOPERAZIONEDIABBATTIMENTOE INALCUNICASI PER %SBOSCO /PERAZIONE DELLAMOVIMENTAZIONEDILE
TENERE APERTO IL TAGLIO NELLA FASE DI SEZIONATURA GNAOLEGNAME CONLAQUALEALBERI FUSTIOTOPPI
#UNEI IN ACCIAIO VENGONO IMPIEGATI PER SPACCARE RIUNITIINCARICHI VENGONOPORTATIlNOADUNIMPO
LALEGNA STOSEGUENDOVIEDIESBOSCO
#UTANEO #ICHERIGUARDALAPELLE %SCAVATORE -ACCHINAMOVIMENTOTERRADESTINATA
#UTE 0ELLE ALLOSCAVO COSTITUITADAUNBASAMENTO ARUOTEO
$ECESPUGLIAMENTO 4AGLIOETRITURAZIONEDELLAVE ACINGOLI SULQUALEMONTATAUNATORRETTAGIREVO
GETAZIONECESPUGLIOSA LEATTORNOADUNASSEPERPENDICOLARERISPETTOALLA
$ECESPUGLIATORE -ACCHINAPORTATILE EATTREZZO BASEDIAPPOGGIO COMPRENDENTEILPOSTODIMANO
PORTATO E AZIONATO DA TRATTORI PER DECESPUGLIA VRA ILMOTOREEDILBRACCIOARTICOLATOCONBENNAA
MENTO CUCCHIAIO,AVANZAMENTODELLAMACCHINA LAROTA
$EPEZZATURA 6EDI3EZIONATURA ZIONEDELLATORRETTA LAZIONAMENTODELBRACCIOAR
$ERMATITE )NlAMMAZIONEDELLAPELLE TICOLATOEDELLABENNAACUCCHIAIOAVVENGONOCON
$IABETE -ALATTIAMETABOLICACARATTERIZZATADALI TRASMISSIONIIDROSTATICHE
VELLIELEVATIDIGLUCOSIOTIPODIZUCCHERO PRINCIPALE %SCAVATORE AD APPOGGI ARTICOLATI O 2AGNO %SCA
FONTEDIENERGIAPERLORGANISMO NELSANGUE VATORELACUIBASEDIAPPOGGIODOTATADIQUATTRO
$IAFRAMMA -USCOLOCHESIFRAPPONEFRALACAVIT BRACCIDAPPOGGIOINDIPENDENTI AZIONABILICONMAR
TORACICAEQUELLAADDOMINALEFONDAMENTALENEL TINETTIIDRAULICISIAINSENSOORIZZONTALECHEVERTICA
LARESPIRAZIONE LE DUEDEIQUALIDOTATIDIRUOTEFOLLIOMOTORIZZATE
$IREZIONEDICADUTA $IREZIONENELLAQUALEVIENEIN %SOGENO %VENTO ESTERNO ALLORGANISMO CHE AGI
DIRIZZATOLATTERRAMENTODELLALBERONELLOPERAZIONE SCESUDIESSO
DIABBATTIMENTO %SOTOSSINA 4OSSINAESCRETAOELIMINATADAUNMI
$ISABILIT 2IDUZIONELIEVEOMODERATADELLACAPA CRORGANISMONELMEZZOCIRCOSTANTE
CITMANUALEEOPSICOLOGICA &LLBOY 6EDI3LITTINO
$ISCOINTERVERTEBRALE 3TRUTTURAAFORMADIDISCO &ARMACO 3OSTANZA CHE PER LE SUE CARATTERISTI
INTERPOSTATRADUEVERTEBRE CHEDIORIGINECHIMICAElSICA HAPROPRIETTERA
$ISINFETTANTE 3OSTANZA INGENERELIQUIDA CHEDI PEUTICHE
SINFETTA &ARMACOLOGIA 3CIENZACHESTUDIALESOSTANZECHE
$ISINFETTARE !GIREPERLIBERARELACUTE IVESTITI LE HANNO LE PROPRIET TERAPEUTICHE ED I LORO EFFETTI
PARETIDEILOCALIECCDAMICRORGANISMIPOTENZIAL SULLORGANISMO
MENTEDANNOSI &ARMACOPEA #LASSIlCAZIONECHEREGISTRAIPREPA
$OPPIOGIUNTOCARDANICO 6EDI!LBEROCARDANICO RATIELOROPRINCIPIATTIVIUTILIZZATIINCAMPOMEDICO
%DEMA 2ACCOLTALIQUIDADOVUTAAINlLTRAZIONESIE EFARMACOLOGICO
ROSADEITESSUTI &ASCIA 6EDI#APOCHIUSO
%MATICO &ARIFERIMENTOALSANGUE &ELLER 6EDI!BBATTITRICE
%MATOFAGOINSETTO )NSETTOCHESINUTREDISANGUE &ERITA ,ESIONE DETERMINATA DA UNA CAUSA MEC
%NDOGENO %VENTOINTERNOALLORGANISMO CANICAINGRADODIINTERROMPERELACONTINUITDEL
%NDOTOSSINA 4OSSINA PRODOTTAIN UN MICRORGANI LACUTE
SMOELIBERATAALLAMORTEDELLOSTESSO &INIMENTI #OMPLESSO DEI COLLEGAMENTI E DEI DI
%PIDEMIOLOGIA ,ETTERALMENTESTUDIODELLEEPIDE SPOSITIVIINCUOIO CORDAEMETALLOCHEVENGONOAP
MIELASCIENZADIORIGINEMEDICOIGIENISTICOCHE PLICATIAGLIANIMALIDATIRO DASELLAEDACARICO
STUDIAINCIDENZAEFREQUENZADELLECAUSEDELLEMA &LOGOSI )NlAMMAZIONE
LATTIEEDILOROMECCANISMIDIDIFFUSIONE &ORWARDER 6EDI4RATTOREARTICOLATOPORTANTE
%PIDEMIOLOGICO 2IFERITOASTUDIDIEPIDEMIOLOGIA &OSSENASALI #AVITDELNASO
%RGONOMIA $ISCIPLINACHECOINVOLGEMOLTICAMPI &RENO CATENA $ISPOSITIVO MONTATO SULLE MOTO
SCIENTIlCIINGEGNERIA MEDICINA ARCHITETTURA PSI SEGHE PERFERMAREOBLOCCAREILMOVIMENTODELLA
COLOGIAECC CHESTUDIASPECIlCAMENTEIRAPPOR CATENA ATTIVATOMANUALMENTEOAUTOMATICAMENTE
TIESISTENTIFRALUOMO ILLAVOROELEMACCHINE ALLA QUANDOINTERVIENEUNCONTRACCOLPO
RICERCADELLADATTAMENTOTRALEESIGENZEPSICOlSI &UNEATREFOLIDACCIAIO &UNECOSTITUITADAUNNU
CHEDELLAVORATOREELEESIGENZEDELLAPRODUZIONE CLEOCENTRALEDETTOANIMA NORMALMENTEFORMATO
%RNIA -ASSACIRCOSCRITTAFORMATADAUNORGANOO DACANAPAIMPREGNATADIGRASSOODAlLIDIACCIAIO
UNAPARTEDORGANOFUORIUSCITADALLASUASEDENA INTORNOALQUALESONOAVVOLTESEIOPI FUNISPIROI
TURALEERNIADISCALEFUORIUSCITADIPARTEDIUNDI DALI DETTEINQUESTOCASOTREFOLI
SCOINTERVERTEBRALEDALLASUASEDE &UNEAUSILIARIA .ELLEGRUACAVOUNAFUNEDAC

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
CIAIOIMPIEGATAPERILMONTAGGIODELLALINEAOPER 'RUACAVO 4ELEFERICAFORMATADAUNAFUNEPOR
AZIONARECOMANDIPOSTISULCARRELLO TANTESULLAQUALECORREUNCARRELLOTIRATOOFRE
&UNEDIANCORAGGIOEO#ONTROVENTATURA .ELLEGRU NATODAUNAFUNETRAENTEEDEVENTUALMENTEDA
ACAVOUNAFUNE NORMALMENTEDACCIAIO IMPIE UNAFUNEDIRICHIAMOEOAUSILIARIAAZIONATAE
GATAPERSOSTENEREOTRATTENERELARGANO IRITTIDI DAUNARGANOODAUNVERRICELLO)LCARRELLOPU
ESTREMIT ICAVALLETTIEGLIEVENTUALIALBERIUTILIZZATI RECUPERARE CARICHI IN QUALSIASI PUNTO SOTTO
PERLALOROREALIZZAZIONE STANTELALINEAEDANCHEADUNACERTADISTANZA
&UNEDILEGATURA .ELLEGRUACAVOUNOSPEZZO LATERALE,IMPIANTOPUESSEREACAMPATAUNI
NEDIFUNE NORMALMENTEDIACCIAIO IMPIEGATOPER CA NELCASOINCUINONSIANOPRESENTICAVALLETTI
LEGAREFRALOROPARTIDIRITTIDIESTREMITODICA INTERMEDI OAPICAMPATE
VALLETTI 'RU A CAVO CON STAZIONE MOTRICE MOBILE 'RU A
&UNEDIRICHIAMOO3ECONDATRAENTE .ELLEGRUA CAVO FORMATA DA UN ARGANO CON DUE O PI TAM
CAVOUNAFUNEDACCIAIO AZIONATADAUNARGANO BURI CHE CONTENGONO ED AZIONANO LA TRAENTE E LA
CHEHALAFUNZIONEDITIRARE FRENAREETRATTENEREIL PORTANTE OLTREADEVENTUALIALTREFUNI#OMPRENDE
CARRELLODALLADIREZIONEOPPOSTAAQUELLADELLAPRI INOLTRE UNA TORRETTA FUNGE DA RITTO DI ESTREMIT
MATRAENTELASUALUNGHEZZAQUINDINORMALMEN SULLASOMMITDELLAQUALEVENGONORINVIATELEFUNI
TEPARIOSUPERIOREALDOPPIODIQUELLADELLAPRIMA 0UESSEREPORTATAOTRAINATADATRATTORE OPPURE
TRAENTE MONTATASUTRATTOREPORTANTEOSUAUTOCARRO
&UNEDISOLLEVAMENTO .ELLEGRUACAVOUNAFUNE 'RUACAVOCONSTAZIONEMOTRICESEMIlSSA 6EDI
DI ACCIAIO AZIONATA DA UN ARGANO POSTO NORMAL 'RUACAVOTRADIZIONALE
MENTEALLINTERNODELCARRELLO CHEHALAFUNZIONEDI 'RUACAVOTRADIZIONALEO'RUACAVOCONSTAZIONE
TIRAREILCARICOSOTTOLALINEA DIISSARLOALCARREL MOTRICESEMIlSSA 'RUACAVONELLAQUALELARGANO
LONELLAFASEDICARICOEDIABBASSARLOATERRAALLO PERLALEFUNEIMONTATOSUUNTELAIOASLITTAPRI
SCARICO)NGRANPARTEDEICARRELLILASUAFUNZIONE VODITAMBUROPERLAFUNEPORTANTE)LTELAIOASLITTA
ASSOLTADALLAFUNETRAENTE PUAUTODISLOCARSIPERTRASCINAMENTOMEDIANTEIL
&UNEPORTANTEO0ORTANTE .ELLEGRUACAVOLA PROPRIOARGANO
FUNEDACCIAIOIDONEAASOSTENEREILCARRELLOCHESI 'RUIDRAULICAO#ARICATOREIDRAULICO !TTREZZATURA
MUOVESUDIESSA IMPIEGATAPERILCARICODILEGNA LEGNAMEODIAL
&UNESPIROIDALE &UNEFORMATADAUNOOPISTRATI TROMATERIALE COSTITUITADAUNBRACCIOARTICOLATO
DIlLIDIACCIAIOAVVOLTIINTORNOADUNlLOCENTRALE MOSSOIDRAULICAMENTE TERMINANTECONUNAPINZA
&UNETRAENTEO4RAENTE &UNEDIACCIAIO AZIONATA /LTRE CHE SUL RIMORCHIO PU ESSERE POSIZIONATA
DAUNARGANOODAUNVERRICELLO CHETIRAOFRENA SULLA MOTRICE AUTOCARRO TRATTORE OPPURE SU DI
ILCARRELLO.ELLEGRUACAVOPUANCHESVOLGERELA UNA PIATTAFORMA INDIPENDENTE SEMOVENTE GRAN
FUNZIONEDIFUNEDISOLLEVAMENTO CHIO GOMMATAOCINGOLATA0UESSEREEQUIPAG
&USTO 0ARTEDELLALBEROALDISOPRADELLIVELLODEL GIATACONVERRICELLO
SUOLOCHESOSTIENELACHIOMA (ARVESTER 6EDI!BBATTI ALLESTITRICE
'ABBIA #ONTENITOREDIACCIAIO PORTATODATRATTORI )DROFOBIA 2EPULSIONEPERLACQUA
AGRICOLIADOPPIATRAZIONEFRONTALMENTEESULSOL )GIENE 3CIENZADIORIGINEMEDICACHESTUDIAILMI
LEVATOREIDRAULICOPOSTERIORE IDONEOACONTENERE GLIORAMENTO DELLA QUALIT DELLA VITA E DELLO STATO
LEGNADAARDEREPEREFFETTUARELESBOSCOASOMA DISALUTE
CONTRATTORE )GIENEAMBIENTALE "RANCADELLIGIENECHESTUDIALA
'ANCIODICARICO 'ANCIOALQUALEVIENECOLLEGATO QUALITDELLOSTATODISALUTEINRELAZIONEALLAMBIEN
UNCARICO TEDIVITAEDILAVORO
'ANCIOSCORREVOLE#HOKER %LEMENTO DI ACCIAIO )MMUNOCOMPETENTESISTEMA 3ISTEMADICELLULE
SAGOMATO SCORREVOLESULLAFUNEPERILCONCENTRA EORGANIDEPUTATIALLARISPOSTAIMMUNITARIADELLOR
MENTO ESULCAVOASTROZZOPERSTRINGEREILCARI GANISMOCONTROSOSTANZEADESSOESTRANEEAGI
CO ALQUALESIlSSAAGEVOLMENTELALTRAESTREMIT SCEMEDIANTELAPRODUZIONEDIANTICORPI
DELCAVOASTROZZO )MMUNOLOGIA 3CIENZAMEDICACHESTUDIALECAPA
'ASTRITE -ALATTIA INlAMMATORIA CHE COLPISCE LA CITDELLORGANISMOUMANODIREAGIREALLAAGGRES
MUCOSACHERIVESTELAPARETEINTERNADELLOSTOMACO SIONEDEIMICRORGANISMOPATOGENIMEDIANTEILSI
'IRATRONCHI !TTREZZOMANUALEPERGIRAREITRON STEMAIMMUNITARIO
CHICOSTITUITODAUNROBUSTOMANICOEDAUNGAN )MPENNAMENTO LONGITUDINALE DEL TRATTORE 0RO
CIOMETALLICORICURVO BLEMA DELLA STABILIT LONGITUDINALE DEI TRATTORI 3I
'OMMATO 6EDI4RATTOREARUOTE VERIlCANELLESBOSCOASTRASCICOPERLARESISTENZA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA
ALLAVANZAMENTOOPPOSTADALCARICOQUANDO ANNUL ,ESIONE !LTERAZIONEACARICODITESSUTI ORGANIE
LATOSIILPESOCHEGRAVASULLASSEANTERIORE ILTRAT APPARATIDOVUTAADUNACAUSAESTERNA
TORERUOTAATTORNOALLASSEPOSTERIORE SOLLEVANDO ,ETTODICADUTA 0UNTOINCUIUNALBEROCADUTOO
SIANTERIORMENTEDATERRA STATOABBATTUTO
)MPOSTO 3UPERlCIELIBERA ADIACENTEADUNASTRA ,EUCEMIA 4UMOREMALIGNOCHECOLPISCEILMIDOL
DA CAMIONABILEO TRATTORABILE EPERCORRIBILEDAGLI LOOSSEOECHEDETERMINAALTERAZIONINELNUMEROE
AUTOMEZZI NELLAQUALEVIENEPORTATOILLEGNAMECON NELLESTRUTTURADEIGLOBULIBIANCHIDELSANGUE
LESBOSCOEDOVEPOSSIBILEEFFETTUAREILCARICOSUI ,EUCOCITI #ELLULEDELLASERIEBIANCAGLOBULIBIAN
VEICOLIDESTINATIALTRASPORTO CHI DELSANGUE
)NABILIT #ONDIZIONEINCUILECAPACITMANUALIE ,EVADIATTERRAMENTO !TTREZZOMANUALECOSTITUI
PSICOLOGICHESONOFORTEMENTERIDOTTEOABOLITE TO DA UNA PARTICOLARE LEVA CHE SERVE PER AIUTARE
)NALARE -OVIMENTO RESPIRATORIO CON IL QUALE SI LOPERATORENELLATTERRAMENTODIPIANTEDIPICCOLEE
INTRODUCE ARIA GAS VAPORI O POLVERI NELLE VIE RE MEDIEDIMENSIONI3OSTITUISCEICUNEI
SPIRATORIE ,IGAMENTO 6EDI,EGAMENTO
)NCUBAZIONE 4EMPOCHEINTERCORRETRAILCONTAGIO ,IGAMENTOSO #ICHECONCERNEILEGAMENTI
EIPRIMISINTOMIDELLAMALATTIA ,INEADITELEFERICA 4RACCIATO SULTERRENOOSU
)NFETTIVO #ICHERIGUARDALINFEZIONE CARTATOPOGRAlCA CHEINDIVIDUAUNIMPIANTODITE
)NFEZIONE #ONSISTENELLAPENETRAZIONEEMOLTIPLI LEFERICA
CAZIONEDIUNMICROBOVIRUS BATTERIOECC INUN ,INFONODO /RGANOCHEPRODUCECELLULEDELSISTE
UOMO UNANIMALEOUNAPIANTALAPREMESSADI MAIMMUNITARIOLINFOCITIEPLASMACELLULE 
UNAMALATTIAINFETTIVASTATODIMALATTIAINDOTTODA ,IVELLATRICE -ACCHINAMOVIMENTOTERRAAUTOMO
GERMI TRICE A  O  ASSI OSCILLANTI INDIPENDENTEMENTE
)NlAMMAZIONE 0ROCESSO DI REAZIONE DEI TESSU CONLAMACENTRALEORIENTABILEINTUTTIISENSI CHE
TI DELLORGANISMO AD AGENTI PATOGENI DI QUALSIASI SERVEPERLIVELLAMENTODISUPERlCISTRADEEPISTE
NATURA CARATTERIZZATODADOLORE CALORE ARROSSA INTERRA PERSCAVODIFOSSIECC
MENTO GONlOREDELLAPARTELESAERIDUZIONEDELLE -ACCHINA MOVIMENTO TERRA 0ESANTE MACCHINA
SUEFUNZIONI DA CANTIERE APRIPISTA PALA CARICATRICE CINGOLATA
)NFORTUNIO %VENTODANNOSODIORIGINETRAUMATICA E GOMMATA ESCAVATORE RUSPA LIVELLATRICE SPE
VIOLENTA CHEPUDETERMINAREINABILITTEMPORA CIALIZZATA PER LO SCAVO O LO SPOSTAMENTO DI MA
NEAODElNITIVA TERIALE
)NFORTUNIOSULLAVORO )NFORTUNIOCHESIREALIZZANEL -ALATTIA 1UALSIASIALTERAZIONEDELLENORMALICON
LUOGODILAVOROEINOCCASIONEDILAVORO DIZIONIDELLORGANISMO CAPACEDIRIDURRE MODIlCA
)NSERTOAURICOLARE $ISPOSITIVODIPROTEZIONEINDI RENEGATIVAMENTEOPERSINOELIMINARELEFUNZIONALI
VIDUALEDELLUDITOCONTROLECCESSIVARUMOROSIT TNORMALIDELCORPO,OSTATODIMALATTIAPUES
)NTERAZIONE !ZIONIDIVERSECHESIINmUENZANORE SEREDOVUTOAMOLTECAUSEDIVERSEESSEPOSSONO
CIPROCAMENTE ESSEREINTERNEODESTERNEALLORGANISMO
)PERTENSIONEARTERIOSA !UMENTODELLAPRESSIONE -ALATTIAPROFESSIONALE !LTERAZIONEDELLOSTATODI
SANGUIGNA SALUTEORIGINATADACAUSEINERENTIUNAATTIVITLA
+ICKBACK 6EDI#ONTRACCOLPO VORATIVA
,ACEROCONTUSO 4IPODIFERITADELLACUTEINCUICOE -ENINGEALE &ENOMENOCHEINTERESSALEMENINGI
SISTONOLACERAZIONEECONTUSIONE -ENINGI -EMBRANESIEROSECHERIVESTONOLEVA
,AMA APRIPISTA !TTREZZATURA PER MOVIMENTI DI RIEPARTIDELSISTEMANERVOSOCENTRALE
TERRASUBREVIDISTANZE PERSPIANAREESGOMBE -ETABOLISMO 4RASFORMAZIONEDELLESOSTANZEALLIN
RAREILTERRENODAOSTACOLI COSTITUITADAUNALAMA TERNODELLORGANISMOMETABOLICOCICHERIGUARDA
MONTATAANTERIORMENTEAUNTRATTOREGENERALMEN ILMETABOLISMOMETABOLITASOSTANZACHEHASUBI
TEACINGOLI DITIPOAGRICOLOODACANTIEREMACCHI TOTRASFORMAZIONEATTRAVERSOILMETABOLISMO
NAMOVIMENTOTERRA  -ETROSTEROMST 5NITDIVOLUMEAPPARENTECOR
,ARINGE 0RIMO TRATTO DELLAPPARATO RESPIRATORIO RISPONDENTEADUNACATASTADILEGNADELLEDIMEN
CHECONSENTEILPASSAGGIODELLARIAVERSOEDAIPOL SIONIDIXXM COMPRENDENTEQUINDILEGNA
MONIELAPRODUZIONEDEISUONIINESSAHANNOSEDE ESPAZIVUOTI
LECORDEVOCALI -IALGIA $OLOREMUSCOLARE
,EGAMENTO )SPESSIMENTOAFORMADICORDAONA -ICRORGANISMO /RGANISMO VIVENTE AVENTE DI
STROCOSTITUITODATESSUTOCONNETTIVOCHEHAFUNZIONE MENSIONITALIDANONPOTERESSEREVISTOADOCCHIO
DICONGIUNZIONE SOSTEGNO RINFORZOESUPPORTO NUDO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
-IDOLLOOSSEO 3TRUTTURAINTERNADELLEOSSADALLA DALLAPERIFERIAALCENTRODOLORIlCI TERMICI TATTILI
QUALE VENGONO PRODOTTE ALCUNE CELLULE SANGUIGNE VISIVI UDITIVIECC 
GLOBULIROSSIEPIASTRINE  .ERVOSCIATICO .ERVOPERIFERICOCHEDALLAREGIONE
-IDOLLOSPINALE 0ARTEDELSISTEMANERVOSOCEN LOMBAREDELLACOLONNAVERTEBRALESIPORTAALLEDUE
TRALECONTENUTANELLACOLONNAVERTEBRALE GAMBE,ASUAIRRITAZIONE ACAUSADIARTROSIDELLA
-IELOTOSSICO 4OSSICOPERILMIDOLLOOSSEO COLONNAVERTEBRALEODIERNIADISCALELOMBAREODI
-ISUREPROlLATTICHE 6EDI0ROlLASSI ALTREPATOLOGIE DETERMINALASCIATICAOSCIATALGIA
-ISURETERAPEUTICHE 6EDI4ERAPIA .EUROLOGIA 2AMODELLAMEDICINACHESTUDIAILSI
-ORSETTONE !TTREZZO IDONEO PER COLLEGARE CAR STEMANERVOSOELESUEPATOLOGIE
RUCOLE TAGLIEOTIRANTIALLAFUNEPORTANTEDIGRUA .EUROLOGICO 4UTTO CI CHE RIFERITO AL SISTEMA
CAVO NERVOSOCENTRALE PERIFERICOESENSORIALE 
-OTOSEGA 3EGAACATENA AZIONATAPERLOPIDA .EUROSENSORIALE 4UTTOCICHERIGUARDAILSISTEMA
UNMOTOREASCOPPIOADUETEMPI IMPIEGATANEILA NERVOSOSENSORIALE DEPUTATOALLAPERCEZIONEEALLA
VORIAGRICOLIEFORESTALIPERLABBATTIMENTO LASRA MODULAZIONEDEGLISTIMOLIESTERNI
MATURAELASEZIONATURADEIFUSTIEDEIRAMI /RGANISMO )NSIEMEDIORGANI APPARATIEFUNZIONI
-OTOSEGHISTA /PERAIOSPECIALIZZATONELLUSODEL UMANE ANIMALIEVEGETALICHENASCE SINUTRE CRE
LEMOTOSEGHE SCE SIRIPRODUCEEINlNEMUORE
-OTOTRIVELLAPORTATILE 6EDI4RIVELLA /STEOARTICOLARE 2IFERITOALLESTRUTTUREOSSEEELE
-OVIMENTAZIONE 4ERMINEGENERICOPERINDICARE RELATIVEARTICOLAZIONIDELLOSCHELETRO
NELLOROINSIEME LEOPERAZIONIDICONCENTRAMENTO /TOPROTETTORI $ISPOSITIVIDEPUTATIALLAPROTEZIONE
ESBOSCOETRASPORTODILEGNAELEGNAME DELLUDITODAIDANNIDARUMORE
-UCO 0RODOTTODISECREZIONEDELLAMUCOSA 0ALACARICATRICEPALAMECCANICA -ACCHINAMOVI
-UCOSA -EMBRANAEPITELIALECHERIVESTELAPARE MENTOTERRAADATTAADEFFETTUAREILPRELIEVOESOLLE
TEDEGLIORGANICAVIDELLORGANISMO VAMENTODIMATERIALETERRENO SCIOLTOSIAPERCA
-USCOLATURAINVOLONTARIA LAMUSCOLATURADEIVI RICARLOSUMEZZIDITRASPORTOCHEPERTRASPORTARLO
SCERIINTESTINO STOMACO PARETIVASALIECCESCLU SU BREVI DISTANZE COSTITUITA DA UN TRATTORE A
SOILCUORE FORMATADAlBRELISCE SOGGETTEAL RUOTEOACINGOLI CUICOLLEGATAFRONTALMENTEUNA
CONTROLLODELSISTEMANERVOSOVEGETATIVO BENNA A CUCCHIAIO SOLLEVABILE TRAMITE DUE BRACCI
-USCOLATURA VOLONTARIA LA MUSCOLATURA CHE LATERALI ARTICOLATI )L COMANDO DEGLI SPOSTAMENTI
CONSENTE I MOVIMENTI VOLONTARI QUALI CAMMINARE DEIBRACCIEDELLINCLINAZIONEDELLABENNASEMPRE
CORRERE SOLLEVARE UTILIZZARE UN ATTREZZO ECC DITIPOIDRAULICO
FORMATADAlBRESTRIATE SOGGETTEALCONTROLLODEL 0ALAMECCANICA 6EDI0ALACARICATRICE
SISTEMANERVOSOVOLONTARIO 0ANTALONI DI PROTEZIONE ANTITAGLIO )NDUMENTO DI
-USCOLO )NSIEMEDIlBREMUSCOLARICHECOSTI PROTEZIONE ANTITAGLIO DEGLI ARTI INFERIORI DURANTE
TUISCONO UNA STRUTTURA AUTONOMA PER FORMA E LUSODELLAMOTOSEGA
FUNZIONI 0ARANCO !PPARECCHIOPERESERCITARESFORZIDITRA
-USCOLOLISCIO -USCOLOINVOLONTARIOCOSTITUITODA ZIONEPERMEZZODIFUNI
lBROCELLULENONSTRIATE LISCE 0ARANCOATAGLIE 6EDI4AGLIE
-USCOLO STRIATO -USCOLO VOLONTARIO O DEL CUO 0ATOGENESI -ECCANISMO CON CUI SI GENERA UNA
REMIOCARDICO COSTITUTODAlBREASTRIATURATRA MALATTIA
SVERSALE 0ATOGENICIT #APACITDIALCUNIMICRORGANISMIDI
.ARCOTICO 3OSTANZACHIMICAINGRADODIDETERMI DETERMINAREMALATTIA
NAREASSOPIMENTO SONNO 0ATOGENICIT 0OTEREDICAUSAREMALATTIE
.ASTROMETRICOAUTOAVVOLGENTE UNNASTROME 0ATOGENO 3OSTANZA O MICRORGANISMO CHE INDU
TRICODIDIVERSALUNGHEZZA  M DOTATO CEMALATTIA
ADUNESTREMITDIUNUNCINOMOBILEElSSATOAL 0ATOGNOMONICO 4IPICOSPECIlCO DELLAMALATTIA
LALTRA ESTREMIT AD UN TAMBURO AZIONATO DA UNA 0ATOLOGIA ,ETTERALMENTESTUDIODELLECAUSEEDEL
MOLLAASPIRALECHENECONSENTEILRAPIDORIAVVOLGI LEVOLUZIONEDIUNMALATTIAVIENEUTILIZZATOCOMESI
MENTOIMPIEGATO SOPRATTUTTONELLALLESTIMENTO NONIMODIMALATTIA
PER LA MISURAZIONE DELLE LUNGHEZZE DEGLI ASSORTI 0ATOLOGICO $A PATOLOGIA MALATO ANORMALE AL
MENTILEGNOSI TERATO
.ERVIPERIFERICI #OMPONENTIDELSISTEMANERVO 0ENDENZA )NCAMPOFORESTALESIINTENDELINCLINA
SO PERIFERICO ATTRAVERSO I QUALI VENGONO CONDOTTI ZIONE DELLA SUPERlCIE DEL TERRENO DI UN TRACCIA
IMPULSINERVOSIDALCENTROALLAPERIFERIAMOTORI O TO DIUNPERCORSO RISPETTOALPIANOORIZZONTALE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
ESPRESSANORMALMENTEINPERCENTUALE ECORRI NOUNAPATOLOGIA
SPONDEALLATANGENTEDELLANGOLODIINCLINAZIONE 2ACHIDE #OLONNAVERTEBRALE
0ERICOLO 0OSSIBILITDISUBIREUNDANNOINPRESEN 2AGNO 6EDI%SCAVATOREADAPPOGGIARTICOLATI
ZA DI DETERMINATE CIRCOSTANZESITUAZIONI O COM 2AMAGLIA )NSIEMEDEIRAMIEDELCIMALECHERISUL
PLESSODICIRCOSTANZECHEPOSSONODETERMINAREUN TADALLASRAMATURADIUNOOPIALBERI
DANNOPIOMENOGRAVE 2AMPONE 4ELAIODIACCIAIOCONOPUNTECHE
0ERIODOPRODROMICO 0ERIODO DURANTE IL QUALE SI VIENElSSATOAGLISCARPONIPERARRAMPICARSISUGLI
MANIFESTANOIPRODROMIVEDI0RODROMI  ALBERI!NCHETELAIODIACCIAIOCONOPUNTECHE
0INZAPERTRONCHI 0INZAAZIONATAALSOLITOIDRAULI VIENElSSATOAGLISCARPONIPERFARPRESASULLEGNO
CAMENTE POSTAALLESTREMITDIUNAGRUIDRAULICAO E POTER CAMMINARE SOPRA I TRONCHI SENZA SCIVO
MONTATAPOSTERIORMENTESULSOLLEVATOREIDRAULICO LARE SOPRATTUTTO CON LEGNO BAGNATO O GHIACCIATO
DEITRATTORI CHESERVEPERLARACCOLTAOILCARICODI ESNELLACCATASTAMENTO 
LEGNAOLEGNAME 2IBALTAMENTOTRASVERSALEOLONGITUDINALEDELTRAT
0ISTA FORESTALE 6IA DI ESBOSCO COSTITUITA DA UN TORE 0ROBLEMADELLASTABILITDEITRATTORI1UEL
PERCORSOAFONDONATURALEOPARZIALMENTEMIGLIORA LOTRASVERSALESIVERIlCAQUANDOLAFORZAPESODEL
TO USATAPREVALENTEMENTEPERLESBOSCOASTRASCI TRATTORE IMMAGINATACONCENTRATANELSUOBARICEN
COOPERLACIRCOLAZIONEDITRATTORICONRIMORCHIO TRO NONSITROVAPIAMONTEDELPUNTODICONTATTO
0ORTANTE 6EDI&UNEPORTANTE COLTERRENODELCINGOLOODELLERUOTEPOSTEAVALLE
0OSTURA !TTEGGIAMENTO DEL CORPO UMANO DOVU 1UELLOLONGITUDINALESIPUVERIlCAREINCONSEGUEN
TAALLACONTRAZIONEDEIMUSCOLICHEAGISCONOCONTRO ZADELLIMPENNAMENTO
GRAVITPIGENERICAMENTE LAPOSIZIONEASSUNTADAL 2IMORCHIO 6EICOLO A RUOTE TRAINATO PER IL TRA
CORPONELLESPLETAMENTODELLEATTIVITLAVORATIVE SPORTODIMATERIALE)NCAMPOFORESTALE ESSENZIAL
0OSTURALE $APOSTURARIGUARDACICHEINRELA MENTEPERMOTIVIDISICUREZZA SIIMPIEGANODINOR
ZIONEALLAPOSIZIONEDELCORPONELLOSPAZIO ODIPAR MARIMORCHIARUOTEMOTRICIRM 
TIDIESSORISPETTOALRESTO 2ISCHIO 0ROBABILIT CHE INTERVENGANO EVENTI NE
0OTATURA 4AGLIODIRAMIPRATICATORASENTEALFUSTO GATIVIEDANNOSIINPRESENZADIDETERMINATECIRCO
DIALBERIINPIEDI STANZESITUAZIONI
0RESA DI POTENZAPDP $ISPOSITIVO ATTO A DE 2ISINA 6IADIESBOSCOCOSTITUITADAUNCONDOTTOO
RIVARE DAL MOTORE DEL TRATTORE MEDIANTE UNIDO CANALE REALIZZATOCONMATERIALEVARIOTERRA PIE
NEATRASMISSIONE LAPOTENZAPERAZIONAREMACCHI TRAME LEGNAME METALLO POLIETILENE LUNGOILQUA
NEOPERATRICIEATTREZZATURETRAINATEOPORTATEDAL LEILLEGNAMESCORREDALBOSCOALLASTRADASFRUTTAN
TRATTORE STESSO 6IENE DETTA SPESSO MA IMPRO DOLAFORZADIGRAVIT
PRIAMENTE PRESADIFORZA 2ITTODIESTREMIT 3TRUTTURAATTAASOSTENERELA
0REVENIRE )MPEDIRECHEQUALCOSADIDANNOSOAV FUNEPORTANTETRAMITEUNACARRUCOLADIMONTAGGIO
VENGA .ONCONSENTEILPASSAGGIODELCARRELLO
0REVENTIVO #HEPREVIENEOSERVEAPREVENIRE 2ITTOCHINO )N COLLINA E MONTAGNA DIREZIONE SE
0REVENZIONE !TTUAZIONEDIPROVVEDIMENTIEAZIONI CONDOLELINEEDIMASSIMAPENDENZA
ATTIAEVITARECHELEVENTODANNOSOSIVERIlCHI 2OCCHETTODITRASCINAMENTO 0IGNONECHETRASCI
0ROCESSOR 6EDI!LLESTITRICE NALACATENATAGLIENTE DELLAMOTOSEGAPRENDENDO
0RODROMI 3EGNI CHE AVVISANO DELLARRIVO DI UNA ILMOTODALMOTOREDELLASTESSAATTRAVERSOLAFRI
MALATTIA ZIONECENTRIFUGA0UESSEREDENTATOOMUNITODI
0ROlLASSI !ZIONIMIRATEALLAPREVENZIONEDELLOSVI lANCHIADANELLO SUIQUALIAPPOGGIANOLEMAGLIE
LUPPODELLEMALATTIE LATERALIEIDENTITAGLIENTIDELLACATENA
0RURIGINOSO %VENTOCHECAUSAPRURITO 2ONCOLA !TTREZZOCOSTITUITODAUNALAMAADUNCA
0RURIGO 0RURITO TAGLIENTE LUNGO IL BORDO INTERNO DELLANSA DOTATA
0SICHE #OMPLESSO DELLE FUNZIONI PSICOLOGICHE E ALLESTREMITDIUNAIMPUGNATURAINLEGNOOINDI
MENTALICHESTANNOALLORIGINEDELCOMPORTAMENTO SCHETTIDICUOIOSOVRAPPOSTI UTILIZZATOSPECIALMEN
0SICHIATRIA "RANCADELLAMEDICINACHESTUDIALE TENELLUTILIZZAZIONEDEIBOSCHICEDUIPERSRAMAREO
ALTERAZIONIDELLAMENTE LEPREVIENEELECURA PERSEZIONARELEGNADIPICCOLODIAMETRO
0SICHICO 4UTTOQUELLOCHEATTIENEALLAMENTEEAL 2USPA -ACCHINAMOVIMENTOTERRAIDONEAADESE
CONSEGUENTECOMPORTAMENTO GUIRELOSCAVO ILTRASPORTOEDILSUCCESSIVOSCARI
0SICOLOGIA 3CIENZA CHE STUDIA IL COMPORTAMEN COEOSPARGIMENTODIMATERIALESCIOLTO)NGENERE
TOUMANO TRAINATADATRATTOREOSEMOVENTE COSTITUITAES
1UADROCLINICO 3EGNIESINTOMICHECARATTERIZZA SENZIALMENTEDAUNCASSONEORIENTABILE AVENTEIL

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
BORDOANTERIOREAPERTOETAGLIENTE CHECONSENTE QUALE UN NERVO DELLA MANO IL NERVO MEDIANO
DITAGLIAREILTERRENO DICARICARLO TRASPORTARLOSU COMPRESSO E IRRITATO NELLATTRAVERSAMENTO DI UN
DISTANZEANCHESUPERIORIALCHILOMETROEDISCARI CANALEANATOMICODELPOLSOCHIAMATOTUNNELCAR
CARLO$ANONCONFONDERSICONhAPRIPISTAv PALEILQUADROCHENEDERIVACARATTERIZZATODA
3ALUTE #ONDIZIONEDIBENESSERElSICO PSICHICOE PERDITADELLAFORZAEDOLOREALLAMANOINTERESSATA
SOCIALECHEDERIVADALBUONFUNZIONAMENTODITUTTI EASSOTTIGLIAMENTODELLAMUSCOLATURA
GLIORGANIEAPPARATIDELLORGANISMO 3INDROMEDI2AYNAUD 1UADROCLINICO DETTOANCHE
3CAGLIEDILEGNO#IPS 0ARTICELLEDILEGNODIDIVER DELhDITOBIANCOv CHECOLPISCELEDITADELLAMANO
SEDIMENSIONIOTTENUTECONMACCHINESMINUZZATRICI 3I MANIFESTA CON PALLORE E ALTERAZIONI CUTANEE A
3CARPA 0ARTEDELLASTAFFACHEALLOGGIALAFUNEPOR CARICODIUNAOPIDITAINRELAZIONEALLAGRAVITDEL
TANTE QUADRO3IBASA INGENERE SUUNINTENSAVASOCO
3CARPONI DI SICUREZZA 3CARPONI CON SUOLA AN STRIZIONE CAUSATA DA ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI EO
TISCIVOLOACARRARMATO PUNTALECONRINFORZOANTI ALLEBASSETEMPERATURE
SCHIACCIAMENTOEANTITAGLIOE EVENTUALMENTE CON 3INTOMO -ANIFESTAZIONEEVIDENTECHECARATTERIZ
PROTEZIONEMETACARPALE ZAUNAMALATTIA
3CHELETRO #OMPLESSODIOSSAECARTILAGINICHECO 3ISTEMA )NMEDICINASIGNIlCAUNINSIEMEDIELE
STITUISCONOLAPPARATODISOSTEGNODELLORGANISMO MENTICOORDINATIFRALOROINMODODAFORMAREUN
3CORTECCIATRICE -ACCHINACHEEFFETTUAILLAVORODI COMPLESSOORGANICOVEDI!PPARATO 
SCORTECCIATURA 3KIDDER 6EDI4RATTOREARTICOLATO
3CORTECCIATURA &ASEDELLALLESTIMENTOCHECONSI 3LITTA O 4REGGIA "ASSA PIATTAFORMA MONTATA IN
STENELLASPORTAZIONEDELLACORTECCIADIUNFUSTOLE GENERESUPATTINIDILEGNO NORMALMENTETRAINATA
GNOSO DA ANIMALI PER LESBOSCO O IL TRASPORTO DI LEGNA
3CORZATOIO !TTREZZO PER SCORTECCIARE MANUAL OLEGNAME)LLEGNAMEPUESSERVICOMPLETAMEN
MENTE TE CARICATO SOPRA OPPURE PU ESSERE SOSTENUTA
3CUDODELVERRICELLO 'ROSSALAMIERADIPROTEZIO SOLTANTO UNESTREMIT DEI TRONCHI MENTRE LALTRA
NEDEGLIORGANIDELVERRICELLO LACUIPARTEINFERIO ESTREMITSCIVOLASULTERRENO
RE DETTAVOMERE SERVEPERLANCORAGGIO DURANTE 3LITTINO&LLBOY !TTREZZOPERAGEVOLARELATTER
LOSTRASCICOINDIRETTO EPERACCATASTAREILLEGNA RAMENTODEGLIALBERINEIDIRADAMENTIDIGIOVANISO
MEALLIMPOSTO PRASSUOLIDENSIDICONIFERE
3CURE 6EDI!CCETTA 3MINUZZATRICE#IPPATRICE -ACCHINAPERRIDURRE
3ECONDATRAENTE 6EDI&UNEDIRICHIAMO ILLEGNOINSCAGLIEOCIPS0ULAVORAREALBERIINTERI
3EMISTRASCICO 3ISTEMADIESBOSCOCONILQUALEIL PARTIDIESSIOSCARTILEGNOSI
LEGNAMEVIENETRASCINATOCONICALCIAPPOGGIATISO 3MINUZZATURA #IPPATURA 0ROCESSO DI RIDUZIO
PRAADUNVEICOLO2IDUCELIMPENNAMENTODELVEI NEDELMATERIALELEGNOSOINSCAGLIEOCIPSTRAMITE
COLOTRAINANTE UNAZIONEMECCANICA
3ENSORIALE 6EDI3ENSORIO 3OLLEVATOREIDRAULICO $ISPOSITIVODISOLLEVAMENTO
3ENSORIO -ECCANISMICHEREGOLANOVARICOMPO AD AZIONAMENTO IDRAULICO DI ATTREZZI E MACCHINE
NENTIDELSISTEMANERVOSOSENSORIALEDEPUTATOALLA OPERATRICIPOSTOSUITRATTORICOLLEGATOALLATTAC
RACCOLTA E ALLA MODULAZIONE DEGLI STIMOLI ESTERNI COATREPUNTIEDINSIEMECOSTITUISCONOILSISTEMA
AMBIENTALI  DIACCOPPIAMENTOPORTANTE
3EZIONATURAO$EPEZZATURA &ASEDELLALLESTIMENTO 3OLVENTE 3OSTANZA IN CUI SI SCIOLGONO ALTRE SO
CHECONSISTENELLASUDDIVISIONETAGLIO DELFUSTODI STANZE
UNALBEROABBATTUTOINDIVERSIELEMENTITOPPI DI 3OLVENTE ORGANICO 3OSTANZE CHIMICHE IN CUI SI
LUNGHEZZA CONFORME AGLI ASSORTIMENTI CHE SE NE SCIOLGONOSOSTANZEGRASSE
VOGLIONORICAVARE 3OMA #ARICODIUNANIMALEDATRASPORTOADORSO
3HOCK #ONDIZIONEPATOLOGICAINCUISIDETERMINA 0ERANALOGIAVIENEINDICATOANCHEILCARICODELTRAT
UN IMPROVVISO ABBASSAMENTO DELLE FUNZIONI VITALI TOREEQUIPAGGIATOCONLEGABBIE
DELLORGANISMODOVUTOAUNDISTURBOCIRCOLATORIODI 3ORVEGLIANZA SANITARIA #ONTROLLO MEDICO A CUI
VARIAORIGINE VENGONOSOTTOPOSTIINDIVIDUI NELCASOSPECIlCOLA
3HOCK ANAlLATTICO 'RAVE CONDIZIONE PATOLOGICA VORATORI CHESVOLGONOATTIVITCHEPOSSONOARRE
DOVUTA AD ABBASSAMENTO DELLE FUNZIONI VITALI PER CAREDANNOALLASALUTE
UNDISTURBOCIRCOLATORIOORIGINATODACONTATTOCON 3OVRACCARICO #ARICOECCESSIVO
SOSTANZEOMATERIALIPERLEQUALISIALLERGICI 3PORA &ORMADIVITALATENTECHECERTIMICRORGANI
3INDROME DEL TUNNEL CARPALE #ONDIZIONE PER LA SMIASSUMONOINCONDIZIONIAMBIENTALISFAVOREVOLI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
TEMPERATURA UMIDITECC !LVARIAREDELLECON RODICARRUCOLE
DIZIONI IN QUESTIONE ESSI RIACQUISTANO CAPACIT DI 4AGLIO 3EPARAZIONE DI UN CORPO IN PARTI 6IENE
RIPRODUZIONEEDIINFEZIONE ADOPERATOPERINDICARELARECISIONEDIUNAPIANTA
3PRANGADIGUIDA 6EDI"ARRA DIPARTIDIESSAODEISUOIRAMIEDESTESOAQUEL
3RAMATRICE -ACCHINACHEESEGUEILLAVORODISRA LOPERAZIONECONLAQUALESIABBATTEEDUTILIZZAPAR
MATURATAGLIANDOIRAMIDELFUSTO ZIALMENTEOTOTALMENTEUNSOPRASSUOLOBOSCHIVO
3RAMATURA &ASEDELLALLESTIMENTODURANTELAQUA 4AGLIO DI ABBATTIMENTO 4AGLIO ESEGUITO IN GENE
LEVENGONOTAGLIATIIRAMIDALLALBERO NORMALMENTE REPERPENDICOLARMENTEALFUSTODALLAPARTEOPPO
DOPOCHESTATOABBATTUTO STAALLATACCADIDIREZIONE OCOMUNQUEDELLADIRE
3TAFFA !TTREZZOPERSOSTENERELAFUNEPORTANTEE ZIONEDICADUTA ECHEDELIMITAPOSTERIORMENTELA
CHECONSENTEILPASSAGGIODELCARRELLO CERNIERA
3TELLADIRINVIO $ISPOSITIVOPERDIMINUIRELATTRITO 4AMBURO 0ARTEDIVERRICELLOEDIARGANOSULLAQUA
DELLACATENATAGLIENTESULLAPUNTADELLABARRADELLE LESIAVVOLGEUNAFUNE%COSTITUITODAUNCILINDRO
MOTOSEGHECOSTITUITODAUNROCCHETTOASTELLA CENTRALEANIMA DELIMITATODAmANGE
SUUNCUSCINETTOARULLI 4ELEFERICA 4ERMINEGENERICOPERINDICAREUNIM
3TRADA FORESTALE 6IA PERMANENTE COSTITUITA DA PIANTODITRASPORTOINCUIILLEGNAMESIMUOVESO
UNPERCORSOAFONDOARTIlCIALEOCOMUNQUEMIGLIO SPESOADUNAFUNEPORTANTETESAFRADUEPUNTI
RATO IMPIEGATAPREVALENTEMENTEPERILTRASPORTO 4ELEFERISTA /PERAIO SPECIALIZZATO NEL LAVORO CON
DIUOMINI ATTREZZATURE LEGNAELEGNAME LETELEFERICHE
3TRASCICO 3ISTEMADICONCENTRAMENTOODIESBO 4ENDICATENA .ELLAMOTOSEGA UNDISPOSITIVOCHE
SCOCONILQUALEILLEGNAMEVIENETRASCINATOSULTER AGISCE SULLA BARRA IN MODO DA POTER REGOLARE LA
RENO.ELLESBOSCOASTRASCICOILMEZZOTRAINANTE TENSIONEDELLACATENA
SOLLECITATOALLIMPENNAMENTO 4ENDINE %STREMITlBROSO CONNETTIVALEDIUNMU
3TRASCICO DIRETTO #ONDIZIONE OPERATIVA IN CUI IL SCOLOCHELOlSSAALLOSCHELETRO
CARICOSIMUOVEASSIEMEALMEZZODITRAINOTRAT 4ENDINEO #HERIGUARDAILTENDINE
TOREEVERRICELLO  4ENDINITE )NlAMMAZIONEDELTENDINE
3TRASCICOINDIRETTO #ONDIZIONEOPERATIVAINCUIIL 4ERAPIA #URA TRATTAMENTO DI MALATTIE E FERITE
TRATTOREEOILVERRICELLOSTAFERMOEILCARICOVIE METODOUSATOPERLALOROGUARIGIONEEPERRIDUR
NETRASCINATOVERSOESSOPERMEZZODELLAFUNEDEL NEEDELIMINARNEISINTOMI,ATERAPIACOMPRENDE
VERRICELLO MISUREATTEARIPORTAREUNOSTATOPATOLOGICOAUNO
3TRISCIATURA &ASE DELLALLESTIMENTO CHE CONSI STATOSANOORENDERESOPPORTABILELAMANIFESTAZIO
STE NELLA SCORTECCIATURA PARZIALE DI UN FUSTO CON NEDISINTOMIDISAGEVOLI
LASPORTAZIONEDIDUE TREOQUATTROSTRISCEDICOR 4OPPO 0EZZODITRONCODALBEROALLESTITONELLALUN
TECCIAOPPOSTE GHEZZAVOLUTA
3VETTATURA 6EDI#IMATURA 4OSSICIT #APACITDIESERCITAREEFFETTOTOSSICO
4ACCADIDIREZIONE !PERTURATRIANGOLAREFATTAALLA 4OSSICO 3OSTANZACHEPUAVEREUNEFFETTONOCIVO
BASEDIUNALBEROPERDIRIGERNELACADUTADURANTE SUUNORGANOOSULORGANISMO
LAFASEDIABBATTIMENTO$ELIMITAANTERIORMENTELA 4OSSICOLOGIA "RANCADELLAFARMACOLOGIACHESTU
CERNIERA DIALANATURA ILMECCANISMODIAZIONEEGLIEFFETTI
4ACHICARDIA !UMENTODELRITMOCARDIACORISPETTO DISOSTANZETOSSICHEEOVELENOSEALlNEDIEVITARE
AIVALORIABITUALIDIUNINDIVIDUO OLIMITAREIDANNICHEESSEPOSSONOCAUSARE
4AGLIADISOLLEVAMENTO #ARRUCOLAMOBILEIMPIEGA 4OSSICOLOGICO #ONCERNETUTTOQUELLOCHERIGUARDA
TAPERILSOLLEVAMENTOEILTRASPORTODICARICHICON LATOSSICOLOGIA
CERTITIPIDICARRELLODIGRUACAVO 4OSSINA 3OSTANZADIORIGINEPROTEICAPRODOTTADA
4AGLIEO0ARANCOATAGLIE 0ARANCOINCUILAMOL UNMICROBORESPONSABILEDEIDANNICHEESSOCAU
TIPLICAZIONEDELLAFORZAOTTENUTACONUNADOPPIA SA,ETOSSINEAGISCONOCONMECCANISMIDIVERSI
SERIEDICARRUCOLE UNASERIEPORTATADAUNBOZZEL I PRINCIPALI SONO QUELLO NEUROTOSSICO LA TOSSINA
LOMOBILEELALTRADAUNOlSSOTAGLIAMOBILEETA DANNEGGIA IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFE
GLIAlSSA SUCUI RINVIATA ALTERNATIVAMENTE LA RICO EMOTOSSICO LA TOSSINA DANNEGGIA LE CELLU
FUNE,AFORZAMOTRICEAPPLICATAALCAPOLIBERO LE DEL SANGUE CITOTOSSICO LA TOSSINA DANNEGGIA
DELLAFUNELALTROCAPOlSSATOADUNODEIDUE LECELLULE 
BOZZELLI MANUALMENTEOCONUNARGANO,AFOR 4RACCIATO $ISEGNOGEOMETRICODIUNAPISTA STRA
ZAMOTRICEDAAPPLICARETANTOMINORE RISPETTO DAOLINEADITELEFERICACONLECARATTERISTICHEPLA
ALLAFORZAPRODOTTA QUANTOMAGGIOREILNUME NIMETRICHEEDALTIMETRICHE MAANCHETRACCIASUL

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
TERRENODELLAPISTA STRADADACOSTRUIREOLINEADI SPESSOITUMORISIPRESENTANOCOMEMASSARILE
TELEFERICA VANTENELLASEDEDIORIGINE!LLALOROBASECLAC
4RAENTE 6EDI&UNETRAENTE QUISIZIONEDAPARTEDIALCUNECELLULEDELLACAPACIT
4RANSPORTER 6EDI4RATTOREPORTANTE DIRIPRODURSIINMODOPIOMENOVELOCE INMODO
4RASPORTO /PERAZIONE DELLA MOVIMENTAZIONE DI PIOMENOSCOORDINATOCOINVOLGENDO INMODOPI
LEGNAELEGNAME CONLAQUALEILMATERIALELEGNOSO OMENOACCENTUATO ORGANI APPARATIEFUNZIONIlNO
VIENE PORTATODALLIMPOSTOALLEINDUSTRIEDIPRIMA ALLINTEROORGANISMO
TRASFORMAZIONESEGUENDOLAVIABILITPRINCIPALE 5LCERA ,ESIONEDICONTINUODELLACUTEEDELLEMU
4RATTOREARUOTEO'OMMATO 4RATTORECHESIMUO COSECHETENDEACRONICIZZARE
VESURUOTEPNEUMATICHEENELQUALELASTERZATU 5LCERA DUODENALE ,ESIONE DELLA PARETE INTERNA
RAPUESSEREEFFETTUATAPERROTAZIONEDELLERUOTE MUCOSA DELDUODENOTRATTOINIZIALEDELLINTESTINO 
ANTERIORIOANTERIORIEPOSTERIORI RISPETTOALLASSE 5LCERAGASTRICA 5LCERADELLAPARETEINTERNAMU
VERTICALE TRATTORE STERZANTE O PER ROTAZIONE SUL COSA DELLOSTOMACO
PIANOORIZZONTALEDELSEMITELAIOANTERIORERISPETTO 5TILIZZAZIONIFORESTALI ,AVORIDITAGLIO ALLESTIMEN
ALSEMITELAIOPOSTERIORETRATTOREARTICOLATO  TO ESBOSCO TRASPORTODELLEGNAMEELAVORICON
4RATTOREARTICOLATO3KIDDER 4RATTORE A QUATTRO NESSISPESSOSINONIMODILAVORIFORESTALI 
RUOTE MOTRICI ISODIAMETRICHE SPECIALIZZATO PER 6ACCINAZIONE 0RATICATESAALCONFERIMENTODIIM
LESBOSCOASTRASCICO)LTELAIOCOSTITUITODADUE MUNITADUNSOGGETTOATTRAVERSOLINOCULAZIONEDI
UNITCOLLEGATETRALORODAUNAARTICOLAZIONEILSE VACCINOCONTROUNAMALATTIACAUSATADAUNDETER
MITELAIOANTERIOREPORTAILMOTOREEILPOSTODIGUI MINATOMICRORGANISMO
DA QUELLOPOSTERIOREPORTAILVERRICELLO 6ACCINO 0REPARATO CONTENENTE MATERIALE COSTI
4RATTORE ARTICOLATO PORTANTE O &ORWARDER 4RAT TUITODAMICRORGANISMIOPARTIDIESSI OPPORTUNA
TOREARTICOLATOCHEHA SULSEMITELAIOPOSTERIORE MENTE TRATTATO IN MODO DA PERDERE LE PROPRIET
UNPIANALEDICARICO GENERALMENTEMUNITODIGRU INFETTIVEMANONQUELLEDIANTIGENE PERESSEREUTI
IDRAULICA LIZZATONELCONFERIMENTODIIMMUNITATTIVAALSOG
4RATTORE CINGOLATO O #INGOLATO 4RATTORE CHE SI GETTOCUIVIENESOMMINISTRATO,EPROPRIETDIAN
MUOVESUCINGOLIENELQUALELASTERZATURAAFlDA TIGENECONSISTONONELLASTIMOLAZIONE NELSOGGETTO
TAALLADIFFERENZADIVELOCITFRAIDUECINGOLI RICEVENTE DELLA PRODUZIONE DI ANTICORPI NEUTRALIZ
4RATTORE MINIARTICOLATO 4RATTORE A RUOTE ISODIA ZANTI IL MICRORGANISMO STESSO 5NECCEZIONE IL
METRICHEARTICOLATODIPICCOLAPOTENZA CONPOSTO VACCINOPERLEPATITE" OTTENUTOARTIlCIALMENTEDAL
DIGUIDASULSEMITELAIOPOSTERIORE LIEVITODIBIRRA
4RATTOREOTRATTRICE -ACCHINAAUTOMOTRICEDESTI 6ASCOLARE 4UTTOCICHEINERENTEIVASISANGUI
NATAALTRAINOEDALLAZIONAMENTODIATTREZZI GNIARTERIE VENEECAPILLARI DEPUTATIALLACIRCOLA
4RATTORE PORTANTE CON PIANALE DI CARICO O 4RAN ZIONEDELSANGUE
SPORTER 4RATTORECHEHASULPONTEPOSTERIOREUN 6ASOSANGUIGNO 3TRUTTURADEPUTATAALLACONDU
CASSONE O PIANALE DI CARICO 0U ASSUMERE AN ZIONEDELSANGUE
CHECONlGURAZIONIDIVERSEDAQUELLEDELTRATTOREA 6ASOCOSTRIZIONE 2ESTRINGIMENTODEIVASISANGUIGNI
QUATTRORUOTEMOTRICI 6ASODILATAZIONE $ILATAZIONEDEIVASISANGUIGNI
4RATTORISTA /PERAIO SPECIALIZZATO NELLA GUIDA DI 6ERRICELLO -ACCHINAOPERATRICECOSTITUITADAUN
TRATTORI TELAIODOTATODIUNOODUETAMBURISULQUALEOSUI
4RATTRICE 6EDI4RATTORE QUALISIAVVOLGEOSIAVVOLGONOUNAFUNEODUEFUNI
4RAUMA ,ESIONEPRODOTTADAUNAGENTEESTERNO PORTATAOSEMIPORTATADAUNTRATTOREEMOSSA
INMODOVIOLENTO DALLAPRESADIPOTENZA OPPUREDOTATADIUNMO
4REFOLO %LEMENTOCOSTRUTTIVODELLEFUNIDACCIAIO TOREAUTONOMO6IENEIMPIEGATAPERILCONCENTRA
COSTITUITO DA UN INSIEME DI lLI ELEMENTARI AVVOL MENTOASTRASCICO
TIFRALORO 6ETTA 6EDI#IMALE
4RIVELLAO-OTOTRIVELLAPORTATILE !TTREZZOIMPIEGA 6ETTORE /SPITEINTERMEDIOCHETRASMETTEUNINFE
TOPERAPRIREBUCHINELTERRENOPERRECINZIONI PER ZIONEDOPOEVOLUZIONENELPROPRIOORGANISMODEL
PIANTAGIONI FORESTALI E COLTIVAZIONI INDUSTRIALI 0U LAGENTECHELAPRODUCE
ESSEREDIMODESTEDIMENSIONIEAZIONATADAMOTO 6IADIESBOSCO 0ERCORSOAPPOSITAMENTEATTREZ
REAUTONOMOMOTOTRIVELLAPORTATILE OPPUREPORTA ZATOPISTATRATTORABILE RISINA LINEADIAVVALLAMEN
TADATRATTOREEAZIONATADALLAPRESADIPOTENZA TO LINEADIGRUACAVO LUNGOILQUALEILLEGNAMEVIENE
4UBOLARE 6EDI#APOCHIUSO ESBOSCATOlNOADUNIMPOSTO
4UMORE ,ETTERALMENTE hTUMEFAZIONEv DATO CHE 6IABILITFORESTALE )NSIEMEDELLEVIEFORESTALI3I

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
SUDDIVIDEINUNARETEPRINCIPALE ODISTRADEFORE CONOARIADALLESTERNOAIPOLMONIEVICEVERSA
STALI EDINUNARETESECONDARIA ODIVIEDIESBO 6ISIERA 0ROTEZIONEDELVISO EDEGLIOCCHIINPAR
SCO TICOLARE CONTRO RAMETTI TRUCIOLI O SCHEGGE CHE
6IEEMATICHE 2ETEDIVASIDOVESCORREILSANGUE POSSONOVENIREPROIETTATIDURANTELUSODELLAMO
6IELINFATICHE 3ISTEMADIVASIDELLAPPARATOLINFATI TOSEGA
CONEIQUALISCORRELALINFALIQUIDOCIRCOLANTECOSTI :APPINO !TTREZZOMANUALEUSATOPERLOSPOSTA
TUITODAUNAPARTEPLASMATICAECELLULELINFOCITI  MENTODITRONCHI COSTITUITODAUNLUNGOEROBUSTO
6IERESPIRATORIE )NSIEMEDISTRUTTURECHECONDU MANICOINLEGNOCONINCIMAUNFERRORICURVO


,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
"IBLIOGRAlA

!!66 2UMOREEVIBRAZIONI VALUTA !!66  ,INEE GUIDA PER LINDIVIDUA


ZIONE PREVENZIONE E BONIFICA IN AMBIENTE ZIONEDEGLIINDUMENTIDIPROTEZIONECONTRO
DILAVORO !TTIDEL#ONVEGNOD"!TENUTOSIA IRISCHIMECCANICINELLUSODIMOTOSEGHEA
-ODENAIL OTTOBRE CATENAPORTATILI $IPARTIMENTO4ECNOLOGIEDI3I
CUREZZA)30%3, 2OMA
!!66  2ISCHI E PROTEZIONE NELLA
FILIERA LEGNO !TTI DEL CONVEGNO ORGANIZZATO DA !!66  4RATTRICE AGRICOLA A RUO
5.)&5NIONE.AZIONALEDEGLI)STITUTIDI2ICERCHE TE %.!-! %NTE .AZIONALE -ECCANIZZAZIONE
&ORESTALI $)3!&2) 5NIVERSIT DELLA 4USCIA !GRICOLA 2OMA
)2,#ONSIGLIO.AZIONALEDELLE2ICERCHE 2EGIONE
0IEMONTE A $RUOGNO #OMUNIT -ONTANA 6ALLE !!66 ,INEEGUIDAPERLAVALUTAZIO
6IGEZZO6" IL OTTOBRE!'2!%DITRICE NEDELRISCHIODAVIBRAZIONINEGLIAMBIENTI
2OMA DILAVORO $IPARTIMENTO)GIENEDEL,AVORO)30%
3, 2OMA
!!66 ,INEEGUIDA$,GS
VALUTAZIONEDEIRISCHIEPROGRAMMADIMI !!66  -ANUALE INFORMATIVO ,A
GLIORAMENTOAZIENDALEINSELVICOLTURA %DI -ALATTIADI,YME %DIZIONI)30%3, 2OMA
ZIONI2EGIONE4OSCANA &IRENZE
!!66  2EQUISITI DI SICUREZZA DEI
!!66 ,)NVENTARIO&ORESTALE)&4  TRATTORIAGRICOLIEFORESTALIINRELAZIONEAGLI
"OSCHIEMACCHIEDI4OSCANA 2EGIONE4O ADEMPIMENTIPREVISTIALPUNTOALLEGATO
SCANAn'IUNTA2EGIONALE&IRENZE 86DEL$,GSN $IPARTIMENTO4EC
NOLOGIEDI3ICUREZZA)30%3, 2OMA
!!66 ,AVALUTAZIONEDEIRISCHIELA
TUTELADELLASICUREZZANEICANTIERIFORESTALI !!66 3ICUREZZAEDANTINFORTUNISTI
2EGIONE DEL 6ENETO 'IUNTA 2EGIONALE $IREZIONE CANEICANTIERIFORESTALIEDIMANUTENZIONE
2EGIONALE PER LE &ORESTE E L%CONOMIA -ONTANA DEL VERDE URBANO VALUTAZIONE DEI RISCHI
%DIZIONI0APERGRAF 0IAZZOLASUL"RENTA0$  5.)&5NIONE.AZIONALEDEGLI)STITUTIDI2ICERCHE
&ORESTALI $!& $IPARTIMENTO DI 4ECNOLOGIE
!!66 3ICUREZZAE3ALUTENEI,UO )NGEGNERIAE3CIENZEDELL!MBIENTEEDELLE&ORESTE
GHI DI ,AVORO ,INEE GUIDA PER LAPPLICA 5NIVERSIT DEGLI 3TUDI DELLA 4USCIA !&/2
ZIONE DEL $,GS  %DIZIONI 2EGIONE !ZIENDA&ORESTALEDELLA2EGIONE#ALABRIA !CURA
4OSCANA &IRENZE DI3ANZIO"ALDINI !LESSANDRO#IO 2ODOLFO0ICCHIO
!'2!%DITRICE 2OMA
!!66  $0)  0ROTEZIONE DA
RUMOREEVIBRAZIONI !TTIDEL#ONVEGNOTENUTO !!66  ,AVORO IN FORESTA E SALUTE
SINELLAMBITODEL3ALONEDELL)GIENEESICUREZZA !TTI DEL #ONVEGNO TENUTOSI A 4RENTO IL  MAG
IN AMBIENTE DI LAVORO -ODENA   3ETTEMBRE GIO0ROVINCIA!UTONOMADI4RENTO 3ERVIZIO
 &ORESTE

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
!!66  -OTOSEGHE A CATENA POR SITICOSTRUTTIVIPREVISTIDALLALEGGEAPRILE
TATILI %.!-! %NTE.AZIONALE-ECCANIZZAZIONE  NARTARTCOMUNITA
!GRICOLA 2OMA RIA $IPARTIMENTO4ECNOLOGIEDISICUREZZA
)30%3, 2OMA
!!66 ,INEEGUIDAPERLESECUZIONE
DI LAVORI TEMPORANEI IN QUOTA CON LIMPIE !!66 2A&42APPORTOSULLOSTATODEL
GODISISTEMIDIACCESSOEPOSIZIONAMENTO LE&ORESTEIN4OSCANA !23)!)N3HERWOODN
MEDIANTEFUNI $IPARTIMENTO4ECNOLOGIEDI3ICU  SUPPLEMENTON
REZZA)30%3, 2OMA
!MBROSI, &O6 4RATTATODI-EDICI
!!66 -EDICINADEL,AVOROIN!ZIEN NADEL,AVORO %DIZIONI54%4 4ORINO
DA %DIZIONI$OSSIER!MBIENTEN -ILANO
"ELLINA, -ORO' -ANUALEDIPRIMO
!!66  ,A SINDROME DA VIBRAZIONI SOCCORSOINAZIENDA %DIZIONI$OSSIER!MBIEN
MANO BRACCIO 6IBRAZIONI MECCANICHE NEI TE . -ILANO
LUOGHI DI LAVORO STATO DELLA NORMATIVA
)30%3, 2OMA "OVENZI - ET AL  ,INEE GUIDA PER LA
PREVENZIONE DEI DISTURBI E DELLE PATOLOGIE
!!66 6ERRICELLIFORESTALI %.!-! DA ESPOSIZIONE A VIBRAZIONI MECCANICHE
%NTE.AZIONALE-ECCANIZZAZIONE!GRICOLA 2OMA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO %DIZIONI 4IPOGRAFIA
0RIME 0AVIA
!!66  ,INEE GUIDA PER LA SCELTA
LUSOELAMANUTENZIONEDIDISPOSITIVIDIPRO "OVENZI-ETAL 3INDROMEDAVIBRA
TEZIONEINDIVIDUALECONTROLECADUTEDALLAL ZIONI MANO BRACCIO E PATOLOGIE DEGLI ARTI
TO3ISTEMIDIARRESTOCADUTA $IPARTIMENTO SUPERIORICORRELATEALLAVOROFORESTALE ,A
4ECNOLOGIEDI3ICUREZZA)30%3, 2OMA -EDICINADEL,AVORO VOLN

!!66 )NFEZIONIOCCUPAZIONALITRA #ANDURA &  4ECNOLOGIA INDUSTRIALE


SMESSEDAZECCHEINAGRICOLTURAQUADRO %DIZIONI#/-%4 0AVIA
NORMATIVOITALIANO PREVENZIONE IMMUNO
PROFILASSI 0REVENZIONE/GGI%DIZIONI)30%3, #ASULA$ETAL -EDICINADEL,AVORO
2OMA %DIZIONI-ONDUZZI "OLOGNA

!!66  6IBRAZIONI 6ALUTAZIONE E #AVALLI2 -ENEGUS' ,AVORARESICURI


PREVENZIONE DEL RISCHIO DA VIBRAZIONI NEL PERMIGLIORARELAMBIENTE,INEEGUIDAPER
QUADRONORMATIVOATTUALEEINQUELLOINDI LESECUZIONEDELLEUTILIZZAZIONIFORESTALI 2E
VENIRE !TTIDELCONVEGNO)30%3, 2EGIONE%MILIA GIONE DEL 6ENETO $IREZIONE &ORESTE ED %CONOMIA
2OMAGNA53,-ODENA -ONTANA-ESTRE6% 

!!66  !DEGUAMENTO DEI TRATTORI #HIAPPINO ' 4OMASINI -  -EDICINA E
AGRICOLIOFORESTALIAIREQUISITIMINIMIDISI IGIENE DEL LAVORO %DIZIONI ,IBRERIA 3CIENTIFICA
CUREZZA PER LUSO DELLE ATTREZZATURE DI LA #ORTINA -ILANO
VOROPREVISTIALPUNTOALLEGATO86DEL
$,GSN,ISTALLAZIONEDEISISTE #HIARIMENTO)30%3,  !PPA
MIDIRITENZIONEDELCONDUCENTE $IPARTIMEN RECCHIDISOLLEVAMENTONELSETTOREAGRICOLO
TO4ECNOLOGIEDI3ICUREZZA)30%3, 2OMA FORESTALE

!!66  0RIMI INDIRIZZI APPLICATIVI #OLOMBINI$ /CCHIPINTI% 'RIECO! ,A


$-  N  DOCUMENTO VALUTAZIONEELAGESTIONEDELRISCHIODAMO
PRELIMINARE #OORDINAMENTO4ECNICO)NTERREGIO VIMENTIESFORZIRIPETUTIDEGLIARTISUPERIORI
NALE0REVENZIONE,UOGHIDI,AVORO %DIZIONI&RANCO!NGELI -ILANO

!!66  ,INEE GUIDA PER LADEGUA #OVATTA ! 6ASSALLINI ' $EBOLI 2 
MENTODELLEATTREZZATUREDILAVOROAIREQUI 0RODUZIONE DOCUMENTALE TECNICA SULLA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
PROBLEMATICA DELLE VIBRAZIONI CONNESSA AL -ARCHI% 0ASQUINELLI0 0IEGAI& 2ISCHI
LUSODELLEMACCHINEAGRICOLE %.!-! %NTE ED INTERVENTI DI PREVENZIONE NELLE UTILIZ
.AZIONALE-ECCANIZZAZIONE!GRICOLA 2OMA ZAZIONI FORESTALI 3HERWOOD N  #ASA %D
#OMPAGNIADELLE&ORESTE !REZZO
$!URIA /  -ANUALE DI 0RIMO SOC
CORSO %DUCAZIONE SANITARIA %DIZIONI 54%4 -ENONI/ 2ICCI-' -OVIMENTAZIO
4ORINO NE MANUALE DEI CARICHI VALUTAZIONE DEL
RISCHIO SORVEGLIANZASANITARIAESTRATEGIE
%.!# 2EGOLAMENTO PER LA COSTRU PREVENTIVE ,A-EDICINADEL,AVORO VOLN
ZIONEELESERCIZIODEGLIAEROPORTI %DIZIONE
#APITOLO -ORI0 )NCONTROTECNICOSULLAVOROIN
BOSCO h&ORESTERIADELLA'IUNTA2EGIONALE4OSCANAv
&ABIANO& )NDICAZIONIPERLAREDAZIO  OTTOBRE DEL  #OMPAGNIA DELLE &ORESTE
NEDELPIANODELLASICUREZZANEILAVORIFORE /,A"WWWSELVICOLTURAITOSSERVATORIOHTM
STALI 3HERWOODN#ASA%D#OMPAGNIADELLE
&ORESTE!REZZO .ATALETTI 0 ,UNGHI ! 0IERONI ! -ARCHETTI %
 $ISPOSITIVIDIPROTEZIONEINDIVIDUALI
&ABIANO& -ARCHI% 0ASQUINELLI0 0IEGAI& 2ICCI DELLEMANIDISPONIBILITCOMMERCIALE CER
' 6ALUTAZIONEDEIRISCHIEPROGRAM TIlCAZIONE EFlCACIA !TTI DEGLI INCONTRI D"!
MADIMIGLIORAMENTOAZIENDALEINSELVICOL 6IBRAZIONI-ODENA OTTOBRE
TURA %DIZIONI2EGIONE4OSCANA&IRENZE
.ERI& 0IEGAI& ,AMOTOSEGACARAT
&ABIANO& 0IEGAI& ,INEEGUIDAPERLA TERISTICHETECNICHE USOEMANUTENZIONE
SICUREZZANEILAVORIINBOSCO 3HERWOOD N #ASA%DITRICE#OMPAGNIADELLE&ORESTE !REZZO
#ASA%D#OMPAGNIADELLE&ORESTE !REZZO
.ERI& 0IEGAI& ,AMOTOSEGATECNI
&ACCINI! #ATALETTI0 'URIN2 ,ACO CHEDIABBATTIMENTOEALLESTIMENTO #ASA
LONNA VERTEBRALE IN PERICOLO 6IBRAZIONI %DITRICE#OMPAGNIADELLE&ORESTE !REZZO
MECCANICHENEILUOGHIDILAVOROSTATODEL
LA NORMATIVA $IPARTIMENTO )GIENE DEL ,AVORO 0OZZO $ 6ERONES 3 'OTTARDI 3 
)30%3, 2OMA 4ECNICHE DI ABBATTIMENTO E ALLESTIMENTO
0ROVINCIA!UTONOMADI4RENTO 3ERVIZIO&ORESTE
'HERARDIETAL !TTI#ONVEGNO2ISCH 5FlCIO%CONOMIA&ORESTALE
-ODENA
2OHMERT 7 ,ANDAU +  -ETODO PER
'OBBATO& 4RATTATODIMEDICINADEL LANALISI DELLERGONOMIA DEI POSTI DI LAVORO
LAVORO %DIZIONI#ALDERINI "OLOGNA %DIZIONI&RANCO!NGELI -ILANO

(IPPOLITI '  !PPUNTI DI MECCANIZZA 2OVERSI 0& -ARZIALI , -ARIANELLI , 
ZIONE FORESTALE #OLLANA 5NIVERSITARIA 3TUDIO ,APROCESSIONARIADELPINO %DIZIONI!23)!
%DITORIALE&IORENTINO&IRENZE 2EGIONE4OSCANA

(IPPOLITI' 0IEGAI& 4ECNICHEESISTE 2OVERSI0& -ARZIALI, -ARIANELLI, 6ETRALLA'


MIDILAVOROPERLARACCOLTADELLEGNO #ASA 'UIDOTTI !  ,A PROCESSIONARIA DELLA
%D#OMPAGNIADELLE&ORESTE!REZZO QUERCIAUNPROBLEMAECOLOGICODAGESTIRE
%DIZIONI!23)! 2EGIONE4OSCANA
)34!4 !NNUARIODISTATISTICAFORE
STALE )STITUTO#ENTRALEDI3TATISTICA2OMA 2UBINO ' & 0ETTINATI ,  %LEMENTI DI
-EDICINADEL,AVORO %DIZIONI-INERVA-EDICA
-!& )3!&! )NVENTARIO&ORESTALE.A 2OMA
ZIONALE)&. -INISTERO!GRICOLTURAE&ORESTE
)STITUTO3PERIMENTALEPERL!SSESTAMENTO&ORESTA 3ANTONOCITO" 0IROZZI- #ATARINOZZI!
LEEPERL!LPICOLTURA4RENTO ,INEEGUIDAPERLUSOINSICUREZZADELLEMO
TOSEGHEPORTATILIPERPOTATURA $IPARTIMENTO

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
4ECNOLOGIEDI3ICUREZZA)30%3, 2OMA $,GSNDEL 0ROTEZIONEDELLA
SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DA
3ARTORELLI%ETAL 4RATTATODI-EDICI AGENTICHIMICIDURANTEILLAVORO
NADEL,AVORO %DIZIONI0ICCIN 0ADOVA
$02NDEL 6ACCINAZIONEANTITE
3ARTORELLI%ETAL -ANUALEDI-EDICI TANICAOBBLIGATORIA
NADEL,AVORO %DIZIONI0ICCIN 0ADOVA
$02NDEL .ORMEPERLA
3ITO 2EGIONE 4OSCANA HTTPWWWRETETOSCANA PREVENZIONEDEGLIINFORTUNISULLAVORO
ITINDEXHTM)NVENTARIO&ORESTALEDELLA4OSCANA
,2NDEL ,EGGE&ORESTALE
3ITO)30%3,HTTPWWWISPESLIT DELLA4OSCANA

3ITO).!),HTTPWWWINAILIT $0'2N2DEL 2EGOLAMEN


TO&ORESTALEDELLA4OSCANA
3ITO)34!4HTTPWWWISTATIT
$,GSNDEL 2AVVICINAMEN
4AMAO0 0ERA! 0APALEO" )NFEZIO TODELLELEGISLAZIONIDEGLI3TATIMEMBRIRE
NI OCCUPAZIONALI TRASMESSE DA :ECCHE IN LATIVEAIDISPOSITIVIDIPROTEZIONEINDIVIDUALE
AGRICOLTURA QUADRO NORMATIVO ITALIANO $0) 
PREVENZIONE IMMUNOPROlLASSI 0REVENZIONE
/GGI%DIZIONI)30%3, 2OMA $,GSNDEL !TTUAZIONEDEL
LEDIRETTIVE#%% #%%E
4OMESANI. -EDICINADELLAVORO %DI #%RELATIVEAIDISPOSITIVIDIPROTE
ZIONI.)3 .5/6!)4!,)!3#)%.4)&)#! &IRENZE ZIONEINDIVIDUALE

:ANNOL &  $ISPOSITIVI DI PROTEZIO $,GSNDEL 0ROTEZIONEDEI


NE INDIVIDUALE I GUANTI -EETING 3CUOLA DI LAVORATORICONTROIRISCHIDERIVANTIDAESPO
3PECIALIZZAZIONEIN-EDICINADEL,AVORO5NIVERSIT SIZIONE AD AGENTI CHIMICI lSICI E BIOLOGICI
DEGLI3TUDIDI"RESCIA DURANTEILLAVORO

02).#)0!,)2)&%2)-%.4),%')3,!4)6) ,EGGE N  DEL  $ISPOSIZIONI


PER LADEMPIMENTO DI OBBLIGHI DERIVANTI
$-ARTEART 4RASPORTO DALLAPPARTENENZA DELL)TALIA ALLE #OMUNIT
SUSTRADADICARBURANTIINPICCOLEQUANTIT EUROPEE,EGGECOMUNITARIA!RT
TANICHE  -ODIlCHE AL DECRETO LEGISLATIVO  SET
TEMBRE  N IN MATERIA DI SI
$,GS N  DEL  0RESCRIZIONI CUREZZADEILAVORATORI INESECUZIONEDELLA
MINIME DI SICUREZZA E DI SALUTE RELATIVE SENTENZADELLA#ORTEDIGIUSTIZIADELLE#O
ALLESPOSIZIONEDEILAVORATORIAIRISCHIDERI MUNITEUROPEEDELAPRILE NELLA
VANTIDAVIBRAZIONIMECCANICHE CAUSA# 

$,GSNDEL 2EQUISITIMINI $- N  DEL  2EGOLAMENTO


MIDISICUREZZAESALUTEPERLUSODIATTREZ RECANTE DISPOSIZIONI SUL PRONTO SOCCORSO
ZATUREDILAVORODAPARTEDEILAVORATORI AZIENDALE IN ATTUAZIONE DELLART COM
MA DEL$ECRETO,EGISLATIVOSETTEM
$,GS N  DEL  0RESCRIZIONI BRE  N E SUCCESSIVE MODIlCA
MINIME DI SICUREZZA E DI SALUTE RELATIVE ZIONI
ALLESPOSIZIONEDEILAVORATORIAIRISCHIDERI
VANTIDAGLIAGENTIlSICIRUMORE  $,GSNDEL !TTUAZIONEDEL
LA$IRETTIVA#%%NCONCERNENTELE
$,GSNDEL -IGLIORAMENTO PRESCRIZIONI MINIME DI SICUREZZA E DI SA
DELLASICUREZZAEDELLASALUTEDEILAVORATORI LUTEDAATTUARENEICANTIERITEMPORANEIE
DURANTEILLAVORO MOBILI

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
$02 N  DEL  2EGOLAMENTO 02).#)0!,)./2-%$)2)&%2)-%.4/
PER LATTUAZIONE DELLE $IRETTIVE 
#%% #%% #%% E 5.)%. %LMETTIDIPROTEZIONEPERLIN
#%%CONCERNENTIILRIAVVICINAMEN DUSTRIA
TODELLELEGISLAZIONIDEGLI3TATIMEMBRIRELA
TIVEALLEMACCHINE $IRETTIVAMACCHINE  5.)%.)3/ -ATERIEPLASTICHE 6OCA
BOLARIO
$02NDEL .ORMEGENE
RALIPERLIGIENEDELLAVORO 5.)%. !TTREZZATUREPERALPINISMO
#ASCHIPERALPINISTI 2EQUISITIDISICUREZZAEME
$,GSNDEL !TTUAZIONEDELLE TODIDIPROVA
DIRETTIVE#%E#% CHE
MODIlCANO LA DIRETTIVA #%% IN 5.) %.  #OPRICAPO ANTIURTO PER LIN
MATERIADIPROTEZIONEDEILAVORATORICONTRO DUSTRIA
IRISCHIDERIVANTIDAESPOSIZIONEADAGENTI
CANCEROGENIOMUTAGENIDURANTEILLAVORO 5.)%.)3/  !CUSTICA 0ROTETTO
RIAURICOLARI 3TIMADEILIVELLIDIPRESSIONESONORA
$,GS N  DEL  !TTUAZIONE PONDERATI ! QUANDO I PROTETTORI AURICOLARI SONO
DELLA $IRETTIVA #%% CONCERNENTE INDOSSATI
LE PRESCRIZIONI MINIME PER LA SEGNALETICA
DISICUREZZAEODISALUTESULLUOGODILA 5.)%.  0ROTETTORIDELLUDITO 2EQUI
VORO SITIGENERALI 0ARTE#UFlE

,EGGE 0ROVINCIALE DELLA 0ROVINCIA !UTONOMA DI 5.)%.  0ROTETTORIDELLUDITO 2EQUI
"OLZANONDEL $ISCIPLINADELLE SITIGENERALI 0ARTE)NSERTI
TELEFERICHEINSERVIZIOPRIVATOADIBITEALTRA
SPORTODIPERSONEOCOSE 5.) %.   0ROTETTORI DELLUDITO 2E
QUISITI GENERALI 0ARTE  #UFlE MONTATE SU UN
$ECRETO DEL 0RESIDENTE DELLA 0ROVINCIA !UTONOMA ELMETTODIPROTEZIONEPERLINDUSTRIA
DI"OLZANONDEL 2EGOLAMENTO
ALLA LEGGE PROVINCIALE  FEBBRAIO  5.)%. 0ROTETTORIDEGLIOCCHIEDEL
N CONCERNENTEh$ISCIPLINADELLETELEFERI VISO ARETE PERUSOINDUSTRIALEENONINDUSTRIALE
CHEINSERVIZIOPRIVATOADIBITEALTRASPORTO PERLAPROTEZIONECONTROIRISCHIMECCANICIE OCON
DIPERSONEECOSEv TROILCALORE

$,GSNDEL !TTUAZIONEDELLE 5.) %.  0ROTEZIONE PERSONALE DEGLI


DIRETTIVE #% E #% OCCHI 3PECIlCHE
RELATIVE ALLA CLASSIlCAZIONE ALLIMBALLAGGIO
EALLETICHETTATURADEIPREPARATIPERICOLOSI 5.) %.  'UANTI DI PROTEZIONE CONTRO
RISCHIMECCANICI
$,GSNDEL !TTUAZIONEDELLA
DIRETTIVA#%%CONCERNENTECLASSI 5.)%.  )NDUMENTIDIPROTEZIONEPER
lCAZIONE IMBALLAGGIOEDETICHETTATURADEL UTILIZZATORI DI SEGHE A CATENA PORTATILI 2EQUISITI
LESOSTANZEPERICOLOSE PERPROTETTORIDELLEGAMBE

$- 2ECEPIMENTODELLADIRET 5.)%.  )NDUMENTIDIPROTEZIONEPER


TIVA#%RIGUARDANTELEMODALIT UTILIZZATORI DI SEGHE A CATENA PORTATILI 2EQUISITI
DELLAINFORMAZIONESUSOSTANZEEPREPARATI PERGUANTIDIPROTEZIONEPERUTILIZZAZIONEDISEGHE
PERICOLOSIIMMESSIINCOMMERCIO ACATENA

$,GSNDEL .UOVO #ODICE 5.)%.  )NDUMENTIDIPROTEZIONEPER


DELLA.AVIGAZIONE!EREA UTILIZZATORI DI SEGHE A CATENA PORTATILI 2EQUISITI
PERGHETTEDIPROTEZIONEPERUTILIZZAZIONEDISEGHE
ACATENA

,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
5.) %.   )NDUMENTI DI PROTEZIONE 5.)%.  #ALZATUREDISICUREZZAPER
PERUTILIZZATORIDISEGHEACATENAPORTATILI 2EQUISI USO PROFESSIONALE 3PECIlCHE SUPPLEMENTARI
TIPERPROTETTORIPERLAPARTESUPERIOREDELCORPO .ORMARITIRATA MAVALIDAPERLECALZATUREFABBRI
CATEINPRECEDENZA
5.)%.)3/ $ISPOSITIVIDIPROTEZIO
NEINDIVIDUALE -ETODIDIPROVAPERCALZATURE 5.) %.  $ISPOSITIVI DI PROTEZIONE IN
5.)%.)3/ $ISPOSITIVIDIPROTEZIO DIVIDUALE PER IL POSIZIONAMENTO SUL LAVORO E LA
NEINDIVIDUALE #ALZATUREDISICUREZZA PREVENZIONEDELLECADUTEDALLALTO #INTUREDIPO
SIZIONAMENTOSULLAVOROEDITRATTENUTAECORDINIDI
5.)%. ! 2EQUISITIEMETO POSIZIONAMENTOSULLAVORO
DIDIPROVAPERCALZATUREDISICUREZZA CALZATUREDI
PROTEZIONEECALZATUREDALAVOROPERUSOPROFESSIO 5.) %.  $ISPOSITIVI DI PROTEZIONE IN
NALE .ORMA RITIRATA MA VALIDA PER LE CALZATURE DIVIDUALE CONTRO LE CADUTE DALLALTO )MBRACATURE
FABBRICATEINPRECEDENZA PERILCORPO

5.)%.  #ALZATUREDISICUREZZA CAL 5.)%. 4RATTRICIEMACCHINEAGRI


ZATUREDIPROTEZIONEECALZATUREDALAVOROPERUSO COLEEFORESTALI !LBERICARDANICIDITRASMISSIONE
PROFESSIONALE 2EQUISITISUPPLEMENTARIEMETODIDI DALLAPRESADIPOTENZAPDP ELOROPROTEZIONI
PROVA.ORMARITIRATA MAVALIDAPERLECALZATURE 3ICUREZZA
FABBRICATEINPRECEDENZA
)3/ % 4RACTORSANDMACHINERYFOR
5.) %.  ! 3PECIlCHE PER AGRICULTUREANDFORESTRY 4ECHNICALMEANSFOREN
CALZATUREDISICUREZZAPERUSOPROFESSIONALE.OR SURINGSAFETY 0ART&ORESTRYWINCHES
MARITIRATA MAVALIDAPERLECALZATUREFABBRICATE
INPRECEDENZA )3/&$)3% -ACHINERYFORFORESTRY
7INCHES $IMENSIONS PERFORMANCEANDSAFETY


,INEEGUIDAPERLAPREVENZIONE
ESICUREZZANEILAVORIFORESTALIIN4OSCANA

IMPAGINATOASLINDD   
!,,%'!4/
4!6/,%$%)2)3#()
2)3#()'%.%2)#)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

!\0ENDENZADELTERRENO
0ENDENZADEL #ADUTE SCIVOLAMEN #ONTUSIONI DISTORSIONI -ACCHINEEATTREZZATUREIDONEE
TERRENO TI PERDITADICONTROLLO FRATTURE LESIONIMUSCO -ANUTENZIONEDELLEMACCHINEEATTREZZATURE
DEIMEZZI LO TENDINEE FERITE LESIO !DEGUATAINFORMAZIONEEFORMAZIONE
NIANCHEGRAVIAGLIORGA !DEGUATAVIABILITFORESTALE
NIINTERNI #ALZATUREDISICUREZZA

2OTOLAMENTODITRON #ONTUSIONI FRATTURE FERITE !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO


CHIEOSASSI LESIONITRAUMATICHEANCHE !DEGUATAINFORMAZIONEEFORMAZIONE
GRAVIATUTTOILCORPO #ALZATUREDISICUREZZA CASCO

,!.%6%),'()!##)/%,!0)/'')!!5-%.4!./,!02/"!"),)4%,!'2!6)4$%,$!../

"\!CCIDENTALITDELTERRENOEOSTACOLI
!CCIDENTALIT #ADUTE SCIVOLAMENTI #ONTUSIONI DISTORSIONI -ACCHINEEATTREZZATUREIDONEE
EDOSTACOLI PERDITADICONTROLLODEI FRATTURE LESIONIMUSCOLO -ANUTENZIONEDELLEMACCHINEEATTREZZATURE
MEZZI TENDINEE FERITE LESIONI !DEGUATAINFORMAZIONEEFORMAZIONE
ANCHEGRAVIAGLIORGANI !DEGUATAVIABILITFORESTALE
INTERNI #ALZATUREDISICUREZZA

,!.%6%),'()!##)/%,!0)/'')!!5-%.4!./,!02/"!"),)4%,!'2!6)4$%,$!../

#\4EMPERATURA
4EMPERATURA "ASSETEMPERATURE $ISAGIO MALATTIEDA 0REDISPOSIZIONEDIRICOVERITEMPORANEI
RAFFREDDAMENTO MAGGIORE !SSUNZIONEDICIBIEBEVANDEADEGUATE
SENSIBILITALLEVIBRAZIONI !DEGUATAINFORMAZIONEEFORMAZIONE
PROVOCATEDAMACCHINE 'UANTI INDUMENTIPROTETTIVI
PORTATILI
!LTETEMPERATURE $ISAGIO DISIDRATAZIONE 0REDISPOSIZIONEDIRICOVERITEMPORANEI
STRESSTERMICO !SSUNZIONEDICIBIEBEVANDEADEGUATE
!DEGUATAINFORMAZIONEEFORMAZIONE
)NDUMENTIALTAMENTETRASPIRANTI

$\!GENTIMETEORICI
!GENTI 0IOGGIA NEVECADUTA $ISAGIO CONTUSIONI FRAT 0REDISPOSIZIONEDIRICOVERITEMPORANEI
METEORICI DIRAMI UMIDIT TURE FERITE LESIONIANCHE !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVOROE
GRAVIAGLIORGANIINTER SEOPPORTUNO SOSPENDEREILLAVORO
NI MALATTIEDARAFFREDDA !DEGUATAINFORMAZIONEEFORMAZIONE
MENTO 'UANTI CASCO INDUMENTIPROTETTIVI

6ENTOCADUTADIRAMI #ONTUSIONI FRATTURE FERI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVOROE


TE LESIONIANCHEGRAVIAGLI SEOPPORTUNO SOSPENDEREILLAVORO
ORGANIINTERNI MALATTIEDA !DEGUATAINFORMAZIONEEFORMAZIONE
RAFFREDDAMENTO 'UANTI CASCO INDUMENTIPROTETTIVI
&ULMINIROTTURADIRAMI 5STIONI FOLGORAZIONE
5STIONI FOLGORAZIONE 0REDISPOSIZIONEDIRICOVERITEMPORANEI
CIMALIECC CONTUSIONI FRATTURE FERITE
CONTUSIONI FRATTURE FERITE 3OSPENDEREILLAVORO
LESIONIANCHEGRAVIAGLIOR !DEGUATAINFORMAZIONEEFORMAZIONE
GANIINTERNI #ASCO

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#()'%.%2)#)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

%\!LBERI
!LBERI #ADUTADIRAMI CIMALI #ONTUSIONI FRATTURE !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
PARTIDIFUSTO FERITE LESIONIANCHEGRAVI !DEGUATAINFORMAZIONEEFORMAZIONE
AGLIORGANIINTERNI #ASCO
5RTI FRUSTATE BUCATURE #ONTUSIONIOLESIONIIN !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
VARIEPARTIDELCORPO 6ACCINAZIONEANTITETANICA
OCCHI INFEZIONI !DEGUATAINFORMAZIONEEFORMAZIONE
#ASCO GUANTI OCCHIALI INDUMENTIPROTETTIVI

&\!RBUSTIEROVI
!RBUSTIEROVI 5RTI FRUSTATE BUCATURE #ONTUSIONIOLESIONIIN !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
VARIEPARTIDELCORPO 6ACCINAZIONEANTITETANICA
OCCHI INFEZIONI !DEGUATAINFORMAZIONEEFORMAZIONE
'UANTI OCCHIALI INDUMENTIPROTETTIVI

'\,ESIONI FERITE PUNTURE


,ESIONI FERITE )NFEZIONEDA 4ETANO )STRUZIONISULCOMPORTAMENTODATENERE
PUNTURE #LOSTRIDIUMTETANI 6ACCINAZIONEANTITETANICA

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#()'%.%2)#)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

(\#ANIDIEPICCOLIMAMMIFERI
#ANIDICANI -ORSO 4RASMISSIONEDIMALATTIE )NFORMAZIONESULLEPOSSIBILIPATOLOGIECHE
VOLPI EPICCOLI RABBIA TULAREMIA TETANO POSSONOESSERETRASMESSENELLAZONAINCUI
MAMMIFERI SIOPERA
)STRUZIONISULCOMPORTAMENTODATENERE
6ACCINAZIONENELLEAREEARISCHIO
0ARASSITI 4RASMISSIONEDIMALATTIE )NFORMAZIONESULLEPOSSIBILIPATOLOGIECHE
POSSONOESSERETRASMESSE
)STRUZIONISULCOMPORTAMENTODATENERE
%VENTUALIVACCINAZIONI

)\6IPERE
6IPERE -ORSO !VVELENAMENTO )NFORMAZIONESUICORRETTIPROVVEDIMENTI
SANITARIDIURGENZA
4RASFERIMENTOINOSPEDALE
,!02%3%.:!$)!.)-!,),%'!4!30%33/!02%#)3%#/.$):)/.)34!')/.!,) #,)-!4)#(%/!-")%.4!,)

,\:ECCHE
:ECCHE 0UNTURA 4RASMISSIONEDIMALATTIE .ELLEAREEARISCHIOPOSSIBILELA
MORBODI,YME 4"% VACCINAZIONECONTROLA4"%
)MPIEGODIREPELLENTISPECIlCI
)NFORMAZIONESULLASINTOMATOLOGIASPECIlCA
PERUNADIAGNOSIPRECOCEDELLEPATOLOGIE

,!02%3%.:!$)!.)-!,),%'!4!30%33/!02%#)3%#/.$):)/.)34!')/.!,) #,)-!4)#(%/!-")%.4!,)

-\)NSETTIAPI VESPE CALABRONI PROCESSIONARIA


)NSETTIAPI 0UNTURA 2EAZIONELOCALE SHOCK )NFORMAZIONESUICORRETTIPROVVEDIMENTI
VESPE ANAlLATTICO SANITARIDIURGENZA
CALABRONIECC 4RASFERIMENTOINOSPEDALE
0ROCESSIONARIA 0ELIURTICANTI )RRITAZIONICUTANEE AGLI )STRUZIONISULCOMPORTAMENTODATENERE
DIPINOE OCCHIEALLEVIE 4RASFERIMENTOINOSPEDALE
QUERCIA RESPIRATORIE
,!02%3%.:!$)!.)-!,),%'!4!30%33/!02%#)3%#/.$):)/.)34!')/.!,) #,)-!4)#(%/!-")%.4!,)

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\!LBERI
!LBERI #ADUTAEOPROIEZIONE #ONTUSIONI FERITE LESIONI -ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
DIRAMI DICIMALIODI TRAUMATICHEANCHEGRAVI DISICUREZZA
PARTIDIFUSTO !DOTTARELEADEGUATETECNICHEDILAVORO
#ASCO GUANTI CALZATUREDISICUREZZA
#ADUTAOSPOSTAMEN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE -ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
TOIMPREVISTOEO SCHIACCIAMENTI LESIONIAN DISICUREZZA
INCONTROLLATODELLALBERO CHEGRAVIAGLIORGANIINTERNI !DOTTARELEADEGUATETECNICHEDILAVORO
#ASCO GUANTI CALZATUREDISICUREZZA
2OTOLAMENTODITRONCHI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE
#ONTUSIONI FRATTURE FERITE -ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
-ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
EOSASSI SCHIACCIAMENTI LESIONI
SCHIACCIAMENTI LESIONI DISICUREZZA
ANCHEGRAVIAGLIORGANI
ANCHEGRAVIAGLIORGANI !DOTTARELEADEGUATETECNICHEDILAVORO
INTERNI #ASCO CALZATUREDISICUREZZA
-OVIMENTAZIONE ,ESIONIMUSCOLARISTRAPPI
,ESIONIMUSCOLARISTRAPPI !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
MANUALEDEICARICHI CONTRATTURE STIRAMENTI 'INNASTICACOMPENSATIVA
DOLORIDORSO LOMBARI 'UANTI CALZATUREDISICUREZZA

\4RONCHIEOFUSTI
4RONCHIEO &RUSTATEDIRAMI #ONTUSIONI FERITE -ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
FUSTI DISICUREZZA
!DOTTARELEADEGUATETECNICHEDILAVORO
#ASCO GUANTI
2OTOLAMENTODI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE -ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
TRONCHIEOSASSI SCHIACCIAMENTI LESIONI DISICUREZZA
ANCHEGRAVIAGLIORGANI !DOTTARELEADEGUATETECNICHEDILAVORO
INTERNI #ASCO CALZATUREDISICUREZZA
3POSTAMENTO
3POSTAMENTO #ONTUSIONI FRATTURE FERITE
#ONTUSIONI FRATTURE FERITE -ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
-ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
IMPREVISTOEREPENTINO SCHIACCIAMENTI LESIONI
SCHIACCIAMENTI LESIONI DISICUREZZA
ANCHEGRAVIAGLIORGANI
ANCHEGRAVIAGLIORGANI !DOTTARELEADEGUATETECNICHEDILAVORO
INTERNI #ASCO GUANTI CALZATUREDISICUREZZA
-OVIMENTAZIONE ,ESIONIMUSCOLARISTRAPPI
,ESIONIMUSCOLARISTRAPPI !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
MANUALEDEICARICHI CONTRATTURE STIRAMENTI 'INNASTICACOMPENSATIVA
DOLORIDORSO LOMBARI 'UANTI CALZATUREDISICUREZZA

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\,EGNAEOLEGNAME
,EGNAEO #ADUTAEOPROIEZIONE #ONTUSIONI FRATTURE -ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
LEGNAME FERITE SCHIACCIAMENTI DISICUREZZA
LESIONIANCHEGRAVIAGLI !DOTTARELEADEGUATETECNICHEDILAVORO
ORGANIINTERNI #ASCO GUANTI CALZATUREDISICUREZZA
&RUSTATEDIRAMI #ONTUSIONI FERITE -ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
DISICUREZZA
!DOTTARELEADEGUATETECNICHEDILAVORO
#ASCO GUANTI
-OVIMENTAZIONE ,ESIONIMUSCOLARI
,ESIONIMUSCOLARI !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
MANUALEDEICARICHI STRAPPI CONTRATTURE 'INNASTICACOMPENSATIVA
STIRAMENTI DOLORIDORSO 'UANTI CALZATUREDISICUREZZA
LOMBARI
2OTOLAMENTODILEGNA #ONTUSIONI FRATTURE -ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
-ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
EODILEGNAMEEO
EODILEGNAMEEO FERITE SCHIACCIAMENTI
FERITE SCHIACCIAMENTI DISICUREZZA
SASSI LESIONIANCHEGRAVIAGLI !DOTTARELEADEGUATETECNICHEDILAVORO
ORGANIINTERNI #ASCO CALZATUREDISICUREZZA
3POSTAMENTO
3POSTAMENTO #ONTUSIONI FERITE -ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
-ANTENERELEADEGUATEPOSIZIONIEDISTANZE
IMPREVISTOEREPENTINO SCHIACCIAMENTI LESIONI
SCHIACCIAMENTI LESIONI DISICUREZZA
TRAUMATICHEANCHEGRAVI !DOTTARELEADEGUATETECNICHEDILAVORO
#ASCO GUANTI CALZATUREDISICUREZZA

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\4RATTORE
4RATTORE 'ASDISCARICO )RRITAZIONIDELLE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
VIERESPIRATORIEE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
INTOSSICAZIONIACUTEE -ANTENIMENTODELMOTOREACCESOALLAPERTO
CRONICHE
,IQUIDIINlAMMABILI 5STIONIANCHEGRAVIPIO .ONFUMARE
CARBURANTI OLII MENOESTESE .ONUSARElAMMELIBERE
)MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
-OVIMENTI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
INCONTROLLATI PERDITE
INCONTROLLATI PERDITE SCHIACCIAMENTI LESIONI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
DICONTROLLODEL ANCHEGRAVIAGLIORGANI
ANCHEGRAVIAGLIORGANI #ALZATUREDISICUREZZA CASCO
MEZZORIBALTAMENTO
MEZZORIBALTAMENTO INTERNI
IMPENNAMENTO
ROTTURE
/RGANIMECCANICI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
INMOVIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
VENTOLA CINGHIEDI
VENTOLA CINGHIEDI 3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
TRASMISSIONE ORGANI 'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
ROTANTIECC
2UMORE $ISAGIO IPOACUSIA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
#ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
3CELTADICABINEIDONEE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONE
ESTRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
/TOPROTETTORI
3CIVOLAMENTIDURANTE #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINECONSCALETTEDIADEGUATE
LASALITAELADISCESA DIMENSIONI GRADINIANTISCIVOLO ADEGUATE
MANIGLIEEOCORRIMANO
#ALZATUREDISICUREZZA
3OSTANZEIRRITANTIEO )RRITAZIONICUTANEE ALLERGIE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
3OSTANZEIRRITANTIEO
NOCIVECARBURANTI OLII 'UANTI
3UPERlCICALDE 5STIONI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
RADIATORE MARMITTA
RADIATORE MARMITTA 0ROTEZIONEDELLEPARTICALDE
MOTORE 'UANTI
6APORITOSSICI
6APORITOSSICI )RRITAZIONEDELLE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
CARBURANTI VIERESPIRATORIEE 2IFORNIMENTIINLUOGHIAPERTI
INTOSSICAZIONIACUTEE
CRONICHE
6IBRAZIONIATUTTOIL
6IBRAZIONIATUTTOIL $ISAGIO DISTURBIALLA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
CORPO COLONNAVERTEBRALE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
3CELTADICABINEEODISEDILIIDONEI
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONE
ESTRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

A\:AVORRE
:AVORRE 3OLLEVAMENTOMANUALE 3CHIACCIAMENTI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
EPOSSIBILECADUTADI CONTRATTUREOSTRAPPI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CARICHI MUSCOLARIDAECCESSIVO #ALZATUREDISICUREZZA GUANTI
SFORZO

\#OLLEGAMENTOTRATTORE ATTREZZO
#OLLEGAMENTO #OLLEGAMENTO 3CHIACCIAMENTI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
TRATTORE ATTREZZO CONTRATTUREOSTRAPPI #OORDINAMENTOFRATRATTORISTAEAIUTANTE
MUSCOLARIDAECCESSIVO 0REDILIGERESISTEMIADATTACCORAPIDO
SFORZO !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
'UANTI
-OVIMENTIINCONTROLLATI #ONTUSIONI FRATTURE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
FERITE SCHIACCIAMENTI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
LESIONIANCHEGRAVIAGLI #ALZATUREDISICUREZZA CASCO
ORGANIINTERNI
3OLLEVAMENTOMANUALE 3CHIACCIAMENTI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
EPOSSIBILECADUTADI
EPOSSIBILECADUTADI CONTRATTUREOSTRAPPI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CARICHI MUSCOLARIDAECCESSIVO #ALZATUREDISICUREZZA GUANTI
SFORZO

\!LBEROCARDANICO
!LBERO )MPIGLIAMENTOE &RATTURE FERITE LESIONI 0ROTEZIONIALLAPRESADIPOTENZADELTRATTOREE
CARDANICO TRASCINAMENTO ANCHEMORTALIDA ALLALBEROSCANALATODELLATTREZZO
STRITOLAMENTO 0ROTEZIONIALLALBEROCARDANICO
!TTACCOCONMACCHINASPENTA
!BBIGLIAMENTOADERENTE GUANTI

\$ECESPUGLIATORETRATTORECON
$ECESPUGLIATORE -OVIMENTIINCONTROLLATI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
!TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
#ALZATUREDISICUREZZA CASCO
/RGANIMECCANICIIN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
MOVIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
0ROIEZIONEDISCHEGGE #ONTUSIONI FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
.ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
-ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
#ASCO OCCHIALIEOVISIERA

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\-OTO DECESPUGLIATOREPORTATILE
-OTO ,AMETAGLIENTI #ONTUSIONI TAGLI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVOROE
DECESPUGLIATORE DIMANUTENZIONE
0ROTEZIONEDEITAGLIENTIDURANTEGLISPOSTAMENTI
'UANTI
'ASDISCARICO )RRITAZIONIDELLE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
VIERESPIRATORIEE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
INTOSSICAZIONIACUTEE -ANTENIMENTODELMOTOREACCESOALLAPERTO
CRONICHE -ISCELACONOLIAPPOSITI
,IQUIDIINlAMMABILI 5STIONIANCHEGRAVIPIO .ONFUMARE
CARBURANTI OLII MENOESTESE .ONUSARElAMMELIBERE
)MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
/RGANIMECCANICIIN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
MOVIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
0OSTURESCORRETTE $OLORIMUSCOLARIE !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
ARTICOLARI 'INNASTICACOMPENSATIVA
0ROIEZIONEDISCHEGGE #ONTUSIONI FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
.ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
-ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
#ASCO OCCHIALIEOVISIERA ABBIGLIAMENTOIDONEO
2UMORE $ISAGIO IPOACUSIA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
#ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONE
ESTRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
/TOPROTETTORI
3OSTANZEIRRITANTIEO )RRITAZIONICUTANEE ALLERGIE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
NOCIVECARBURANTI OLII 'UANTI
3UPERlCICALDE 5STIONI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
MARMITTA MOTORE 0ROTEZIONEDELLEPARTICALDE
'UANTI
6APORITOSSICI )RRITAZIONEDELLE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
CARBURANTI VIERESPIRATORIEE 2IFORNIMENTIINLUOGHIAPERTI
INTOSSICAZIONIACUTEE
CRONICHE
6IBRAZIONIAMANIE $ISAGIO SINDROMEDI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
BRACCIA 2AYNAUD DISTURBINEURO #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
SENSITIVI DISTURBIOSTEO 2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONE
ARTICOLARI ESTRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
!TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
'UANTI

\3TRUMENTITAGLIENTI
3TRUMENTI ,AMETAGLIENTI #ONTUSIONI TAGLI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVOROE
TAGLIENTI DIMANUTENZIONE
0ROTEZIONEDEITAGLIENTIDURANTEGLISPOSTAMENTI
'UANTI
0OSTURESCORRETTE $OLORIMUSCOLARIEARTICOLARI !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
'INNASTICACOMPENSATIVA

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\-OTOSEGA
-OTOSEGA #ATENATAGLIENTE #ONTUSIONI TAGLI 0ROTEZIONEDELLABARRADURANTEGLI
SPOSTAMENTI
)DONEIINDUMENTIANTITAGLIO
'UANTI
'ASDISCARICO )RRITAZIONIDELLE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
VIERESPIRATORIEE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
INTOSSICAZIONIACUTEE -ANTENIMENTODELMOTOREACCESOALLAPERTO
CRONICHE -ISCELACONOLIAPPOSITI
,IQUIDIINlAMMABILI 5STIONIANCHEGRAVIPIO .ONFUMARE
CARBURANTI OLII MENOESTESE .ONUSARElAMMELIBERE
)MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
/RGANIMECCANICIIN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
MOVIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
0OSTURESCORRETTE $OLORIMUSCOLARIE !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
ARTICOLARI 'INNASTICACOMPENSATIVA
0ROIEZIONEDISCHEGGE &ERITEAGLIOCCHI 6ISIERAEOOCCHIALIDIPROTEZIONE
-OVIMENTI &ERITEANCHEMOLTOGRAVI )MPUGNARECORRETTAMENTELAMOTOSEGA
INCONTROLLATI PERDITA #ORRETTAMANUTENZIONEDELLASTESSA
DICONTROLLORIMBALZO
KICKBACK ROTTURE
2UMORE $ISAGIO IPOACUSIA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
#ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEES
TRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
/TOPROTETTORI
3OSTANZEIRRITANTIEO )RRITAZIONICUTANEE ALLERGIE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
NOCIVECARBURANTI OLII 'UANTI

3UPERlCICALDE 5STIONI 3CELTADIMACCHINEIDONEE


MARMITTA MOTORE 0ROTEZIONEDELLEPARTICALDE
'UANTI
6APORITOSSICI )RRITAZIONEDELLE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
CARBURANTI VIERESPIRATORIEE 2IFORNIMENTIINLUOGHIAPERTI
INTOSSICAZIONIACUTEE
CRONICHE
6IBRAZIONIAMANIE $ISAGIO SINDROMEDI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
BRACCIA 2AYNAUD DISTURBINEURO #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
SENSITIVI DISTURBIOSTEO 2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEES
ARTICOLARI TRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
!TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
'UANTI

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\,AVOROINALTO
,AVOROINALTO #ADUTADALLALTO #ONTUSIONI FRATTURE FERITE !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
SCHIACCIAMENTI LESIONI !SSICURASICONAPPOSITIIMBRACHIANTICADUTA
ANCHEGRAVIAGLIORGANI #ASCO
INTERNI
#ADUTADIRAMI CIMALI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONSOSTARESOTTOALLAZONADILAVORO
PARTIDIFUSTO OGGETTI SCHIACCIAMENTI LESIONI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
DALLALTO ANCHEGRAVIAGLIORGANI #ASCO CALZATUREDISICUREZZA
INTERNI

\#ESOIEMANUALI MECCANICHE PNEUMATICHE IDRAULICHE


#ESOIE ,AMETAGLIENTI 4AGLI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVOROE
DIMANUTENZIONE
0ROTEZIONEDEITAGLIENTIDURANTEGLI
SPOSTAMENTI
'UANTI
#ADUTADIRAMI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONSOSTARESOTTOALLAZONADILAVORO
DALLALTO SCHIACCIAMENTIANCHE -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
GRAVI #ASCO CALZATUREDISICUREZZA

-OTORE 'ASDISCARICO )RRITAZIONIDELLEVIE 3CELTADIMACCHINEIDONEE


RESPIRATORIEEINTOSSICAZIONI #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
ACUTEECRONICHE -ANTENIMENTODELMOTOREACCESOALLAPERTO
-ISCELACONOLIIAPPOSITI
,IQUIDIINlAMMABILI 5STIONIANCHEGRAVIPIO .ONFUMARE
CARBURANTI OLII MENOESTESE .ONUSARElAMMELIBERE
)MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
/RGANIMECCANICIIN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
MOVIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
2UMORE $ISAGIO IPOACUSIA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
#ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEES
TRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
/TOPROTETTORI
3OSTANZEIRRITANTIEO )RRITAZIONICUTANEE ALLERGIE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
NOCIVECARBURANTI OLII 'UANTI
3UPERlCICALDE 5STIONI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
MARMITTA MOTORE 0ROTEZIONEDELLEPARTICALDE
'UANTI
6APORITOSSICI )RRITAZIONEDELLEVIE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
CARBURANTI RESPIRATORIEEINTOSSICAZIONI 2IFORNIMENTIINLUOGHIAPERTI
ACUTEECRONICHE

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\3EGHEAMOTORE
3EGAAMOTORE ,AMETAGLIENTI 4AGLI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVOROE
DIMANUTENZIONE
0ROTEZIONEDEITAGLIENTIDURANTEGLI
SPOSTAMENTI
'UANTI
#ADUTADIRAMI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONSOSTARESOTTOALLAZONADILAVORO
DALLALTO SCHIACCIAMENTIANCHE -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
GRAVI #ASCO CALZATUREDISICUREZZA
-OTORE 'ASDISCARICO )RRITAZIONIDELLE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
VIERESPIRATORIEE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
INTOSSICAZIONIACUTEE -ANTENIMENTODELMOTOREACCESOALLAPERTO
CRONICHE -ISCELACONOLIIAPPOSITI
,IQUIDIINlAMMABILI 5STIONIANCHEGRAVIPIO .ONFUMARE
CARBURANTI OLII MENOESTESE .ONUSARElAMMELIBERE
)MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
/RGANIMECCANICIIN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
MOVIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
2UMORE $ISAGIO IPOACUSIA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
#ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEES
TRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
/TOPROTETTORI
3OSTANZEIRRITANTIEO )RRITAZIONICUTANEE ALLERGIE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
NOCIVECARBURANTI OLII 'UANTI
3UPERlCICALDE 5STIONI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
MARMITTA MOTORE 0ROTEZIONEDELLEPARTICALDE
'UANTI
6APORITOSSICI )RRITAZIONEDELLE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
CARBURANTI VIERESPIRATORIEE 2IFORNIMENTIINLUOGHIAPERTI
INTOSSICAZIONIACUTEE
CRONICHE
6IBRAZIONIAMANIE $ISAGIO SINDROMEDI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
BRACCIA 2AYNAUD DISTURBINEURO #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
SENSITIVI DISTURBIOSTEO 2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEES
ARTICOLARI TRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
!TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
'UANTI

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\3LITTINOOSCIVOLODIATTERRAMENTO
3LITTINOO 0OSTURESCORRETTE $OLORIMUSCOLARIEARTICOLARI !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
SCIVOLODI 'INNASTICACOMPENSATIVA
ATTERRAMENTO 'UANTI
#OINVOLGIMENTONEI &ERITE SCHIACCIAMENTI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
MOVIMENTI #ALZATUREDISICUREZZA

\,EVADIATTERRAMENTO
,EVADI 0OSTURESCORRETTE $OLORIMUSCOLARIEARTICOLARI !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
ATTERRAMENTO 'INNASTICACOMPENSATIVA
'UANTI

\,EVAGIRATRONCHI
,EVA 0OSTURESCORRETTE $OLORIMUSCOLARIEARTICOLARI !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
GIRATRONCHI 'INNASTICACOMPENSATIVA
'UANTI
#OINVOLGIMENTONEI &ERITE SCHIACCIAMENTI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
MOVIMENTI #ALZATUREDISICUREZZA

\:APPINO
:APPINO 0OSTURESCORRETTE $OLORIMUSCOLARIEARTICOLARI !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
'INNASTICACOMPENSATIVA
'UANTI
#OINVOLGIMENTONEI &ERITE SCHIACCIAMENTI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
MOVIMENTI #ALZATUREDISICUREZZA

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\0ARANCHIMANUALI
0ARANCO 0OSTURESCORRETTE $OLORIMUSCOLARIEARTICOLARI !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
MANUALE 'INNASTICACOMPENSATIVA

3OLLEVAMENTO 3CHIACCIAMENTI 3CELTADIATTREZZATUREIDONEE


MANUALEEPOSSIBILE CONTRATTUREOSTRAPPI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CADUTADICARICHI MUSCOLARIDAECCESSIVO #ALZATUREDISICUREZZA GUANTI
SFORZO
-OVIMENTI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE
#ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIATTREZZATUREIDONEE
INCONTROLLATI PERDITADI ANCHEGRAVI
INCONTROLLATI PERDITADI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CONTROLLO ROTTURE 3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
)DONEOACCOPPIAMENTOCONGLIALTRI
COMPONENTI
#ALZATUREDISICUREZZA CASCO GUANTI

A\#APICHIUSI
#APICHIUSI $ANNEGGIAMENTIE #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIATTREZZATUREIDONEE
ROTTURE ANCHEGRAVI 3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
-ESSAFUORISERVIZIOQUANDOPREVISTO
)DONEOACCOPPIAMENTOCONGLIALTRI
COMPONENTI
'UANTI

B\#ARRUCOLE
#ARRUCOLE $ANNEGGIAMENTIE #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIATTREZZATUREIDONEE
ROTTURE ANCHEGRAVI 3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
-ESSAFUORISERVIZIOQUANDOPREVISTO
)DONEOACCOPPIAMENTOCONGLIALTRI
COMPONENTI
'UANTI

C\&UNIDACCIAIO
&UNIDACCIAIO $ANNEGGIAMENTIE "UCATURE LACERAZIONI FERITE 3CELTADIFUNIIDONEE
ROTTURE ANCHEGRAVI #ORRETTAMANIPOLAZIONE
#ONTROLLIPERIODICI
-ESSAFUORISERVIZIOQUANDOPREVISTO
%VITAREGLIANGOLIDELLEFUNI
'UANTI
)MPIGLIAMENTOE #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONINDOSSAREANELLI
TRASCINAMENTO SCHIACCIAMENTIANCHEGRAVI !BBIGLIAMENTOADERENTE GUANTI
%LEVATAALTEZZAPIDI 5RTODIVELIVOLICONI #ORRETTASEGNALAZIONEPERUNADEGUATA
MDATERRAO CONSEGUENTIDANNI VISIBILIT
MDALLACQUA #OMUNICARNELAPRESENZAAGLI%NTI
COMPETENTI

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\-ACCHINACONTESTAABBATTITRICE
4ESTA ,AMETAGLIENTI #ONTUSIONI TAGLI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVOROE
ABBATTITRICE DIMANUTENZIONE
'UANTI
/RGANIMECCANICIIN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
MOVIMENTOBRACCI .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
IDRAULICI CESOIAO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
CATENATAGLIENTE 3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
#ADUTADICARICHI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONSOSTARENELRAGGIODIAZIONEDELLA
SOSPESI SCHIACCIAMENTI LESIONI MACCHINA
ANCHEGRAVIAGLIORGANI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
INTERNI #ASCO CALZATUREDISICUREZZA
-ACCHINA 'ASDISCARICO )RRITAZIONIDELLE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
VIERESPIRATORIEE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
INTOSSICAZIONIACUTEE -ANTENIMENTODELMOTOREACCESOALLAPERTO
CRONICHE
,IQUIDIINlAMMABILI 5STIONIANCHEGRAVIPIO .ONFUMARE
CARBURANTI OLII MENOESTESE .ONUSARElAMMELIBERE
)MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
-OVIMENTI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
INCONTROLLATI PERDITE SCHIACCIAMENTI LESIONI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
DICONTROLLODEL ANCHEGRAVIAGLIORGANI #ALZATUREDISICUREZZA CASCO
MEZZORIBALTAMENTO INTERNI
IMPENNAMENTO
ROTTURE
/RGANIMECCANICIIN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
MOVIMENTOVENTOLA #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
CINGHIEDITRASMISSIO 3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
NE ORGANIROTANTIECC 'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
2UMORE $ISAGIO IPOACUSIA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
#ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
3CELTADICABINEIDONEE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONE
ESTRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
/TOPROTETTORI
3CIVOLAMENTIDURANTE #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINECONSCALETTEDIADEGUATE
LASALITAELADISCESA DIMENSIONI GRADINIANTISCIVOLO ADEGUATE
MANIGLIEEOCORRIMANO
#ALZATUREDISICUREZZA
3OSTANZEIRRITANTIEO )RRITAZIONICUTANEE ALLERGIE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
NOCIVECARBURANTI OLII 'UANTI
3UPERlCICALDE 5STIONI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
RADIATORE MARMITTA 0ROTEZIONEDELLEPARTICALDE
MOTORE 'UANTI
6APORITOSSICI
6APORITOSSICI )RRITAZIONEDELLE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
CARBURANTI VIERESPIRATORIEE 2IFORNIMENTIINLUOGHIAPERTI
INTOSSICAZIONIACUTEE
CRONICHE
6IBRAZIONIATUTTOIL
6IBRAZIONIATUTTOIL $ISAGIO DISTURBIALLA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
CORPO COLONNAVERTEBRALE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
3CELTADICABINEEODISEDILIIDONEI
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONE
ESTRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\.ASTROMETRICOAUTOAVVOLGENTE
.ASTROMETRICO -OVIMENTO ,ESIONIOCCHI VOLTO !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
AUTOAVVOLGENTE INCONTROLLATO 6ISIERAEOOCCHIALI GUANTI

\3CORTECCIATRICIPORTATILISUMOTOSEGAODECESPUGLIATORE
3CORTECCIATICI ,AMETAGLIENTI #ONTUSIONI TAGLI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
PORTATILI EDIMANUTENZIONE
0ROTEZIONEDEITAGLIENTIDURANTEGLISPOSTAMENTI
'UANTI
/RGANIMECCANICIIN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
MOVIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
0ROIEZIONEDISCHEGGE &ERITEALVISOEAGLIOCCHI 6ISIERAEOOCCHIALIDIPROTEZIONE

0OSTURESCORRETTE $OLORIMUSCOLARIE !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE


ARTICOLARI 'INNASTICACOMPENSATIVA
-OVIMENTI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
INCONTROLLATI PERDITEDI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CONTROLLO ROTTURE #ASCO GUANTI
-OTORE 'ASDISCARICO )RRITAZIONIDELLE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
VIERESPIRATORIEE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
INTOSSICAZIONIACUTEE -ANTENIMENTODELMOTOREACCESOALLAPERTO
CRONICHE -ISCELACONOLIIAPPOSITI
,IQUIDIINlAMMABILI 5STIONIANCHEGRAVIPIO .ONFUMARE
CARBURANTI OLII MENOESTESE .ONUSARElAMMELIBERE
)MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
/RGANIMECCANICIIN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
MOVIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
2UMORE $ISAGIO IPOACUSIA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
#ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEES
TRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
/TOPROTETTORI
3OSTANZEIRRITANTIEO )RRITAZIONICUTANEE ALLERGIE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
NOCIVECARBURANTI OLII 'UANTI
3UPERlCICALDE 5STIONI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
MARMITTA MOTORE 0ROTEZIONEDELLEPARTICALDE
'UANTI
6APORITOSSICI )RRITAZIONEDELLE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
CARBURANTI VIERESPIRATORIEE 2IFORNIMENTIINLUOGHIAPERTI
INTOSSICAZIONIACUTEE
CRONICHE
6IBRAZIONIAMANIE $ISAGIO SINDROMEDI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
BRACCIA 2AYNAUD DISTURBINEURO #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
SENSITIVI DISTURBIOSTEO 2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEES
ARTICOLARI TRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
!TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
'UANTI

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\!NIMALI
!NIMALI #ALCI MORSI #ONTUSIONI FERITE FRATTURE #ONOSCENZADELCOMPORTAMENTODEGLIANIMALI
SCHIACCIAMENTIECOLPI LESIONIANCHEGRAVIAGLI 'UANTI CALZATUREDISICUREZZA
ORGANIINTERNI TRASMISSIONE %VENTUALIVACCINAZIONI
DIMALATTIE
0OSTURESCORRETTE $OLORIMUSCOLARIE !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
ARTICOLARI 'INNASTICACOMPENSATIVA
0ARASSITI 4RASMISSIONEDIMALATTIE )NFORMAZIONESULLEPOSSIBILIPATOLOGIECHE
)NFORMAZIONESULLEPOSSIBILIPATOLOGIECHE
POSSONOESSERETRASMESSE
)STRUZIONISULCOMPORTAMENTODATENERE

\6ERRICELLICONMOTOREINDIPENDENTEECAPICHIUSI CARRUCOLE FUNIDACCIAIO


6ERRICELLO 3OLLEVAMENTO 3CHIACCIAMENTI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
MANUALEEPOSSIBILE CONTRATTUREOSTRAPPI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CADUTADICARICHI MUSCOLARIDAECCESSIVO #ALZATUREDISICUREZZA GUANTI
SFORZO
0OSTURESCORRETTE $OLORIMUSCOLARIE !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
ARTICOLARI 'INNASTICACOMPENSATIVA
/RGANIMECCANICIIN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
MOVIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
-OVIMENTI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
INCONTROLLATI PERDITEDI SCHIACCIAMENTI LESIONI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CONTROLLODELMEZZO ANCHEGRAVIAGLIORGANI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
ROTTURE INTERNI #ALZATUREDISICUREZZA CASCO
-OTORE 'ASDISCARICO )RRITAZIONIDELLEVIE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
RESPIRATORIEEINTOSSICAZIONI #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
ACUTEECRONICHE -ANTENIMENTODELMOTOREACCESOALLAPERTO
-ISCELACONOLIIAPPOSITI
,IQUIDIINlAMMABILI 5STIONIANCHEGRAVIPIO .ONFUMARE
CARBURANTI OLII MENOESTESE .ONUSARElAMMELIBERE
)MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
/RGANIMECCANICIIN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
MOVIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
2UMORE $ISAGIO IPOACUSIA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
#ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEESTRA
MITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
/TOPROTETTORI
3OSTANZEIRRITANTIEO )RRITAZIONICUTANEE ALLERGIE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
NOCIVECARBURANTI OLII 'UANTI
3UPERlCICALDE 5STIONI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
MARMITTA MOTORE 0ROTEZIONEDELLEPARTICALDE
'UANTI

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

SEGUE\6ERRICELLICONMOTOREINDIPENDENTEECAPICHIUSI CARRUCOLE FUNIDACCIAIO


-OTORE 6APORITOSSICI )RRITAZIONEDELLEVIE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
CARBURANTI RESPIRATORIEEINTOSSICAZIONI 2IFORNIMENTIINLUOGHIAPERTI
ACUTEECRONICHE
6IBRAZIONIAMANIE $ISAGIO SINDROMEDI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
BRACCIA 2AYNAUD DISTURBINEURO #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
SENSITIVI DISTURBIOSTEO 2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEESTRA
ARTICOLARI MITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
!TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
'UANTI
A\6ERRICELLISUTRATTOREECONCAPICHIUSI CARRUCOLE FUNIDACCIAIO
6ERRICELLI /RGANIMECCANICIIN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
MOVIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
-OVIMENTI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE
#ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
INCONTROLLATI PERDITEDI
INCONTROLLATI PERDITEDI SCHIACCIAMENTI LESIONI
SCHIACCIAMENTI LESIONI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CONTROLLODELMEZZO
CONTROLLODELMEZZO ANCHEGRAVIAGLIORGANI
ANCHEGRAVIAGLIORGANI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
ROTTURE INTERNI #ALZATUREDISICUREZZA CASCO

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\#ANALETTE
#ANALETTE 3OLLEVAMENTO 3CHIACCIAMENTI 5TILIZZAREIDONEIDISPOSITIVIDIMOVIMENTAZIONE
MANUALEEPOSSIBILE CONTRATTUREOSTRAPPI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CADUTADICARICHI MUSCOLARIDAECCESSIVO #ALZATUREDISICUREZZA GUANTI
SFORZO
-OVIMENTI &ERITE LESIONI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
INCONTROLLATI SCHIACCIAMENTI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
#ALZATUREDISICUREZZA GUANTI
0OSTURESCORRETTE $OLORIMUSCOLARIEARTICOLARI !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
'INNASTICACOMPENSATIVA
0ROIEZIONEDI
0ROIEZIONEDI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE
#ONTUSIONI FRATTURE FERITE !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
MATERIALE LESIONIANCHEGRAVIAGLI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
ORGANIINTERNI #ALZATUREDISICUREZZA CASCO

\2IMORCHIOTRATTORECON OTRATTOREPORTANTE
2IMORCHIO -OVIMENTI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
INCONTROLLATI PERDITEDI SCHIACCIAMENTI LESIONI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CONTROLLODELMEZZO ANCHEGRAVIAGLIORGANI #ALZATUREDISICUREZZA CASCO
ROTTURE INTERNI
#ADUTADIMATERIALE #ONTUSIONI FRATTURE FERITE !SSICURARSIDELLASTABILITDELCARICO
DALLALTO -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
#ASCO CALZATUREDISICUREZZA
3CIVOLAMENTOE #ONTUSIONI LESIONI FERITE .ONSALIRESULRIMORCHIOCARICO
CADUTADALLALTO ANCHEGRAVI #ALZATUREDISICUREZZA

\'RUIDRAULICA
'RUIDRAULICA #ADUTADICARICHI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONPASSAREOSOSTARENELRAGGIODIAZIONE
SOSPESI SCHIACCIAMENTI LESIONI DELLAGRU
ANCHEGRAVIAGLIORGANI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
INTERNI #ASCO CALZATUREDISICUREZZA
-OVIMENTI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
INCONTROLLATI PERDITEDI SCHIACCIAMENTI LESIONI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CONTROLLODELMEZZO ANCHEGRAVIAGLIORGANI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
ROTTURE INTERNI #ALZATUREDISICUREZZA CASCO
3CIVOLAMENTIDURANTE #ONTUSIONI LESIONI FERITE 3CELTADIMACCHINECONSCALETTEDIADEGUATE
LASALITAELADISCESA DIMENSIONI CONGRADINIANTISCIVOLOECON
DIMENSIONI CONGRADINIANTISCIVOLOECON
ADEGUATEMANIGLIEEOCORRIMANO
#ALZATUREDISICUREZZA

\'ABBIETRATTORECON
'ABBIE -OVIMENTI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
INCONTROLLATI PERDITEDI SCHIACCIAMENTI LESIONI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CONTROLLODELMEZZO ANCHEGRAVIAGLIORGANI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
ROTTURE INTERNI #ALZATUREDISICUREZZA CASCO

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\'RUACAVOCONCAPICHIUSI CARRUCOLE FUNIDACCIAIO


!RGANO 3OLLEVAMENTO 3CHIACCIAMENTI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
MANUALEEPOSSIBILE CONTRATTUREOSTRAPPI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CADUTADICARICHI MUSCOLARIDAECCESSIVO #ALZATUREDISICUREZZA GUANTI
SFORZO
0OSTURESCORRETTE $OLORIMUSCOLARIE !DOTTARELEADEGUATEPOSTURE
ARTICOLARI 'INNASTICACOMPENSATIVA
/RGANIMECCANICIIN #ONTUSIONI FRATTURE FERITE
#ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
MOVIMENTO SCHIACCIAMENTI LESIONI
SCHIACCIAMENTI LESIONI #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
ANCHEGRAVIAGLIORGANI
ANCHEGRAVIAGLIORGANI 3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
INTERNI 'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
-OVIMENTI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
INCONTROLLATI PERDITEDI SCHIACCIAMENTI LESIONI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CONTROLLODELMEZZO ANCHEGRAVIAGLIORGANI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
ROTTURE INTERNI #ALZATUREDISICUREZZA CASCO
3CIVOLAMENTIDURANTE #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINECONSCALETTEDIADEGUATE
LASALITAELADISCESA DIMENSIONI GRADINIANTISCIVOLO ADEGUATE
DIMENSIONI GRADINIANTISCIVOLO ADEGUATE
MANIGLIEEOCORRIMANO
#ALZATUREDISICUREZZA
#ADUTADICARICHI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE
#ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONSOSTARENELRAGGIODIAZIONE
.ONSOSTARENELRAGGIODIAZIONE
SOSPESI SCHIACCIAMENTI LESIONI
SCHIACCIAMENTI LESIONI DELLATTREZZATURA
ANCHEGRAVIAGLIORGANI
ANCHEGRAVIAGLIORGANI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
INTERNI #ASCO CALZATUREDISICUREZZA
-OTORE 'ASDISCARICO )RRITAZIONIDELLE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
VIERESPIRATORIEE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
INTOSSICAZIONIACUTEE -ANTENIMENTODELMOTOREACCESOALLAPERTO
CRONICHE
,IQUIDIINlAMMABILI 5STIONIANCHEGRAVIPIO .ONFUMARE
CARBURANTI OLII MENOESTESE .ONUSARElAMMELIBERE
)MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
/RGANIMECCANICI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
INMOVIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
VENTOLA CINGHIEDI 3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
TRASMISSIONE ORGANI 'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
ROTANTIECC
2UMORE $ISAGIO IPOACUSIA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
#ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEES
TRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO
/TOPROTETTORI
3OSTANZEIRRITANTIEO )RRITAZIONICUTANEE ALLERGIE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
NOCIVECARBURANTI OLII 'UANTI
3UPERlCICALDE 5STIONI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
MARMITTA MOTORE 0ROTEZIONEDELLEPARTICALDE
'UANTI
6APORITOSSICI )RRITAZIONEDELLE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
CARBURANTI VIERESPIRATORIEE 2IFORNIMENTIINLUOGHIAPERTI
INTOSSICAZIONIACUTEE
CRONICHE
6IBRAZIONIATUTTOIL $ISAGIO DISTURBIALLA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
CORPO COLONNAVERTEBRALE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEES
TRAMITELORGANIZZAZIONEDELLAVORO

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

SEGUE\'RUACAVOCONCAPICHIUSI CARRUCOLE FUNIDACCIAIO


#AVALLETTI RITTI #ADUTADALLALTO #ONTUSIONI FRATTURE FERITE !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
DIESTREMIT SCHIACCIAMENTI LESIONI !SSICURASICONAPPOSITIIMBRACHIANTICADUTA
ANCHEGRAVIAGLIORGANI #ASCO
INTERNI
3OLLEVAMENTO 3CHIACCIAMENTI 3CELTADIATTREZZATUREIDONEE
MANUALEEPOSSIBILE CONTRATTUREOSTRAPPI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
CADUTADICARICHI MUSCOLARIDAECCESSIVO #ALZATUREDISICUREZZA GUANTI
SFORZO
#ADUTADALLALTODI
#ADUTADALLALTODI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE
#ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONSOSTAREOPASSARESOTTOICARICHISOSPESI
OGGETTIEODICARICHI SCHIACCIAMENTI LESIONI
SCHIACCIAMENTI LESIONI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
SOSPESI ANCHEGRAVIAGLIORGANI
ANCHEGRAVIAGLIORGANI #ASCO CALZATUREDISICUREZZA
INTERNI

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO
\3MINUZZATRICIOCIPPATRICI
3MINUZZATICIO ,AMETAGLIENTI #ONTUSIONI TAGLI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVOROE
CIPPATRICI DIMANUTENZIONE
.ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
'UANTI
/RGANIMECCANICIINMO #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
VIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
0ROIEZIONEDISCHEGGE &ERITEALVISOEAGLIOCCHI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
6ISIERAEOOCCHIALIDIPROTEZIONE
-OVIMENTIINCONTROLLATI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
PERDITEDICONTROLLODELLA LESIONIANCHEGRAVIAGLIORGANI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
MACCHINA ROTTURE INTERNI #ASCO GUANTI
#ADUTADICARICHISOSPE #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONSOSTARENELRAGGIODIAZIONEDELLATTREZZATURA
SI MOVIMENTIINCONTROLLA SCHIACCIAMENTI LESIONIANCHE -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
TIDELMATERIALE GRAVIAGLIORGANIINTERNI #ASCO CALZATUREDISICUREZZA GUANTI
)MPIGLIAMENTOETRASCI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONIDELLEPARTIMOBILI
NAMENTO SCHIACCIAMENTIANCHEGRAVI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
!BBIGLIAMENTOADERENTE GUANTI
0OLVERE )RRITAZIONEAGLIOCCHIEALLEVIE -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
RESPIRATORIE /CCHIALI FACCIALIlLTRANTI
-ACCHINA 'ASDISCARICO )RRITAZIONIDELLEVIERESPIRATO 3CELTADIMACCHINEIDONEE
RIEEINTOSSICAZIONIACUTEE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
CRONICHE -ANTENIMENTODELMOTOREACCESOALLAPERTO
,IQUIDIINlAMMABILICAR 5STIONIANCHEGRAVIPIO .ONFUMARE
BURANTI OLII MENOESTESE .ONUSARElAMMELIBERE
)MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
-OVIMENTIINCONTROLLATI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
PERDITEDICONTROLLODEL SCHIACCIAMENTI LESIONIANCHE !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
MEZZO ROTTURE GRAVIAGLIORGANIINTERNI #ALZATUREDISICUREZZA CASCO
/RGANIMECCANICIINMO #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
VIMENTOVENTOLA CINGHIE #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
DITRASMISSIONE ORGANI 3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
ROTANTIECC 'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
2UMORE $ISAGIO IPOACUSIA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
#ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
3CELTADICABINEIDONEE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEESTRAMITE
LORGANIZZAZIONEDELLAVORO
/TOPROTETTORI
3CIVOLAMENTIDURANTELA #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINECONSCALETTEDIADEGUATE
SALITAELADISCESA DIMENSIONI GRADINIANTISCIVOLO ADEGUATE
MANIGLIEEOCORRIMANO
#ALZATUREDISICUREZZA
3OSTANZEIRRITANTIEONO )RRITAZIONICUTANEE ALLERGIE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
CIVECARBURANTI OLII 'UANTI
3UPERlCICALDEMARMITTA 5STIONI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
MOTORE 0ROTEZIONEDELLEPARTICALDE
'UANTI
6APORITOSSICICARBURANTI )RRITAZIONEDELLEVIERESPIRA )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
TORIEEINTOSSICAZIONIACUTEE 2IFORNIMENTIINLUOGHIAPERTI
CRONICHE
6IBRAZIONIATUTTOILCORPO $ISAGIO DISTURBIALLACOLONNA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
VERTEBRALE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
3CELTADICABINEEODISEDILIIDONEI
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEESTRAMITE
LORGANIZZAZIONEDELLAVORO

4AVOLEDEIRISCHI
2)3#(),!6/2!4)6)

0ERICOLO
DETERMINATODA 2ISCHIO 0OSSIBILEDANNO )NTERVENTO

\3CORTECCIATRICI
3MINUZZATICIO ,AMETAGLIENTI #ONTUSIONI TAGLI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVOROE
CIPPATRICI DIMANUTENZIONE
.ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
'UANTI
/RGANIMECCANICIINMO #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
VIMENTO #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
0ROIEZIONEDISCHEGGE &ERITEALVISOEAGLIOCCHI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
6ISIERAEOOCCHIALIDIPROTEZIONE
-OVIMENTIINCONTROLLATI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
PERDITEDICONTROLLODELLA LESIONIANCHEGRAVIAGLIORGANI !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
MACCHINA ROTTURE INTERNI #ASCO GUANTI
#ADUTADICARICHISOSPE #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONSOSTARENELRAGGIODIAZIONEDELLATTREZZATURA
SI MOVIMENTIINCONTROLLA SCHIACCIAMENTI LESIONIANCHE -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
TIDELMATERIALE GRAVIAGLIORGANIINTERNI #ASCO CALZATUREDISICUREZZA GUANTI
)MPIGLIAMENTOETRASCI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONIDELLEPARTIMOBILI
NAMENTO SCHIACCIAMENTIANCHEGRAVI -ANTENERELEADEGUATEDISTANZEDISICUREZZA
3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
!BBIGLIAMENTOADERENTE GUANTI
-ACCHINA 'ASDISCARICO )RRITAZIONIDELLEVIERESPIRATO 3CELTADIMACCHINEIDONEE
RIEEINTOSSICAZIONIACUTEE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
CRONICHE -ANTENIMENTODELMOTOREACCESOALLAPERTO
,IQUIDIINlAMMABILICAR 5STIONIANCHEGRAVIPIO .ONFUMARE
BURANTI OLII MENOESTESE .ONUSARElAMMELIBERE
)MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
-OVIMENTIINCONTROLLATI #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINEIDONEE
PERDITEDICONTROLLODEL SCHIACCIAMENTI LESIONIANCHE !TTUAZIONEDICORRETTEPROCEDUREDILAVORO
MEZZO ROTTURE GRAVIAGLIORGANIINTERNI #ALZATUREDISICUREZZA CASCO
/RGANIMECCANICIINMO #ONTUSIONI FRATTURE FERITE .ONRIMUOVERELEPROTEZIONI
VIMENTOVENTOLA CINGHIE #ORRETTAMANUTENZIONECONMACCHINASPENTA
DITRASMISSIONE ORGANI 3EGUIRELEISTRUZIONIDUSOEMANUTENZIONE
ROTANTIECC 'UANTI ABBIGLIAMENTOADERENTE
2UMORE $ISAGIO IPOACUSIA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
#ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
3CELTADICABINEIDONEE
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEESTRAMITE
LORGANIZZAZIONEDELLAVORO
/TOPROTETTORI
3CIVOLAMENTIDURANTELA #ONTUSIONI FRATTURE FERITE 3CELTADIMACCHINECONSCALETTEDIADEGUATE
SALITAELADISCESA DIMENSIONI GRADINIANTISCIVOLO ADEGUATE
MANIGLIEEOCORRIMANO
#ALZATUREDISICUREZZA
3OSTANZEIRRITANTIEONO )RRITAZIONICUTANEE ALLERGIE )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
CIVECARBURANTI OLII 'UANTI
3UPERlCICALDEMARMITTA 5STIONI 3CELTADIMACCHINEIDONEE
MOTORE 0ROTEZIONEDELLEPARTICALDE
'UANTI
6APORITOSSICICARBURANTI )RRITAZIONEDELLEVIERESPIRA )MPIEGODITANICHEDISICUREZZA
TORIEEINTOSSICAZIONIACUTEE 2IFORNIMENTIINLUOGHIAPERTI
CRONICHE
6IBRAZIONIATUTTOILCORPO $ISAGIO DISTURBIALLACOLONNA 3CELTADIMACCHINEIDONEE
VERTEBRALE #ORRETTAMANUTENZIONEDELLESTESSE
3CELTADICABINEEODISEDILIIDONEI
2IDUZIONEDELTEMPODIESPOSIZIONEESTRAMITE
LORGANIZZAZIONEDELLAVORO

4AVOLEDEIRISCHI
,).%%'5)$!0%2,!
02%6%.:)/.%%3)#52%::!

,).%%'5)$!0%2,!02%6%.:)/.%%3)#52%::!.%),!6/2)&/2%34!,)IN4OSCANA
.%),!6/2)&/2%34!,)IN4OSCANA

WWWSALUTETOSCANAIT