Sei sulla pagina 1di 18

Sussidi didattici per il corso di

PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI


Prof. Ing. Francesco Zangh

URBANISTICA - I
AGGIORNAMENTO 02/09/2014
Corso
orso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

Definizioni
L'urbanistica una disciplina che studia il territorio antropizzato (la citt o pi in generale l'insediamento umano)
ed il suo sviluppo( urbs in latino significa citt)
citt). Essa ha come scopo conseguire le migliori condizioni di vita per la
comunit attraverso la progettazione dello spazio urbanizzato e la pianificazione organica delle sue modificazioni.
modificazioni
Pertanto l'urbanistica comprende anche tutti gli aspetti gestionali, di tutela, programmat
programmativi
ivi e normativi dell'assetto
territoriale ed in particolare delle infrastrutture e dell'attivit edificatoria.

URBANISTICA
A = GOVERNO DEL TERRITORIO
CITT = CASA DI UNA COMUNIT (SOCIET
SOCIET)

2
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

BREVE STORIA DELL'URBANISTICA


1) Le prime pianificazioni urbane risalgono a Ippodamo da Mileto, che invent un
sistema stradale a rete pressoch ortogonale, seppur sempre influenzato dalla
morfologia, dove gli edifici si disponevano in isolati di grandezza e forma regolare
con i servizi posti al centro (Agor) e con un preciso ordinamento sociale marcato
nella localizzazione nella citt. A lui viene attribuito lo schema ortogonale, detto
appunto schema ippodameo che caratterizza alcune citt di nuova fondazione
(colonie) del mondo greco tra V e IV secolo a.C., tra cui famoso quello di
Alessandria, di sua derivazione.

2) I Romani svilupparono ulteriormente questo modello, usato inizialmente negli


accampamenti militari, centrandolo su due assi principali, il cardo [N-S] (in latino
cardo significa polo, punto cardinale) e il decumano [E-O], all'intersezione dei quali si
trovava il foro. Cardo e decumano dividevano la citt (o l'accampamento) in quattro
parti chiamate quartier i(1/4): questa parola ha assunto in seguito il significato di
nucleo autonomo all'interno di un agglomerato urbano.

3) Nell'alto medioevo la costruzione delle citt, per


ragioni difensive, si spost su alture con la
conseguente implementazione di nuovi schemi
concentrici o radiali a partire dal castello.

4) Successivamente, soprattutto tra XII e XIV secolo, parallelamente alla


fuoriuscita delle citt dalle antiche mura, sorsero nuovi insediamenti nelle aree
pianeggianti, spesso da bonificare, segnando il ritorno, seppur con varianti locali,
dell'impianto ortogonale.

3
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

5) Le prime idee urbanistiche in et moderna si hanno nel


Rinascimento, in Italia e in particolare a Ferrara, durante il
governo di Ercole I d'Este, con la costruzione dell'Addizione
Erclea (1492) dell'architetto Biagio Rossetti che progetta la prima
pianificazione urbana moderna con ampi viali funzionali per i cittadini
e per i duchi. L'opera, realizzata tra il 1492 e il 1510, e che fu
inizialmente un progetto di rafforzamento militare del nucleo urbano
contro i continui attacchi da parte dei veneziani, triplic le
dimensioni della citt esaltando il prestigio della corte estense e la
mettendola in competizione con le pi importanti corti europee.

6) Nel corso del XIX secolo le grandi citt europee furono oggetto dei
cosiddetti "sventramenti" che ne rivoluzionarono l'aspetto. Furono abbattuti i vecchi quartieri medievali e
sostituiti con imponenti palazzi e ampi viali alberati. I pi notevoli sventramenti furono quelli di Londra (1848-
1865), Parigi (1853-1869), Vienna (1857), Bruxelles (1867-1871).

7) L'urbanistica in Italia conosce il primo esempio di Piano Regolatore nel 1884, con l'opera dell'ingegner Cesare
Beruto che compil per la citt di Milano il piano d'espansione oltre i Bastioni Spagnoli.
L'urbanistica diviene una disciplina riconosciuta ufficialmente negli anni trenta con il Razionalismo italiano e le
nuove citt di fondazione ad opera del regime fascista, alcune anche di alto livello urbanistico ed architettonico,
come Portolago e Sabaudia.

Il dopoguerra in Italia contraddistinto dal boom edilizio, che con le sue aberrazioni e la speculazione edilizia,
gener, anche se in ritardo e insufficientemente, la cultura della salvaguardia dei centri storici e del territorio, con
lo sviluppo di una legislazione di tutela. Infatti bisogna aspettare la legge n183 del 18 maggio 1989 "Norme per il
riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo". per avere una legge che tuteli l'ambiente.

4
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

I "padri" dell'urbanistica moderna possono essere considerati:


il Barone Georges-Eugne Haussmann, che ha trasformato la citt di
Parigi nel 1853 per volont di Napoleone III (vedi "sventramento"). 

Ludwig Ditter von Frster che a Vienna nel


1857 traccia il primo "ring" ossia un'ampia arteria alberata
che cinge l'intero nucleo medioevale (costituendosi come
l'elemento fondante della struttura della citt)

Ildefonso Cerd che nel 1867 con il libro Teoria generale


dell'urbanizzazione ha posato le fondamenta della disciplina attraverso il
primo manuale d'urbanistica e il piano generale di Barcellona.
Secondo Cerd l'innovazione della citt stava nella concentrazione delle vie
e degli isolati. Questi ultimi di forma ottagonale per facilitare la circolazione
erano attraversati da ampie strade e costituiti in parte da giardini che
permettevano una buona ventilazione e l'esposizione al sole.

5
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

Excursus normativo
1865 - LEGGE N 2359 "Legge sull'esproprio"
introduce l'obbligo del Piano Regolatore Edilizie per i Comuni con pi di 10000 abitanti;
introduce l'obbligo per i privati a cedere, a fronte di un indennizzo, i terreni di loro propriet necessari per la
realizzazione delle strade pubbliche.
1942 - LEGGE N 1150
tutto il territorio nazionale soggetto a pianificazione urbanistica e su tutto il territorio dello Stato viene
regolamentata lattivit edilizia (prima si faceva solo nei centri urbani);
obbligatoria la licenza edilizia (art. 31), subordinata allesistenza o alla previsione del Comune o
allimpegno del privato ad attuare le opere di urbanizzazione primaria;
si attribuisce al Sindaco la vigilanza sullattivit edilizia;
la pianificazione di livello locale si suddivide in due fasi:
- una fase previsionale, attraverso il Piano Regolatore Generale
- una fase attuativa, attraverso i Piani Particolareggiati ;
Lespropriazione pu avvenire per realizzare insediamenti residenziali e industriali o altre opere di competenza
dei Comuni, delle Province, delle Regioni, dello Stato, di Enti pubblici.

1967 - LEGGE N 765 (LEGGE PONTE)


I contenuti della legge diventano esecutivi pienamente con due Decreti del Ministero dei LL.PP:
D.M. n 1404 del 01.04.68 Distanze minime a protezione del nastro stradale da osservare nella edificazione
fuori del perimetro dei centri abitati
D.M. n 1444 del 02.04.68 Limiti inderogabili di densit edilizia, di altezza, di distanza tra fabbricati

6
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

Introduce modifiche sostanziali alla legge urbanistica del 42 e nasce dallesigenza di porre un freno allespansione
caotica delle citt, allabusivismo edilizio, alla speculazione fondiaria, alla distruzione del paesaggio. Vengono
introdotte le zone territoriali omogenee , cio le zone in cui viene diviso un territorio comunale, nell'ambito
della cosiddetta zonizzazione. Per tali zone vengono stabili gli standard ovvero le quantit minime di suolo da
destinare a questi scopi, in aggiunta alle aree per le sedi viarie.

Zona A
CENTRO STORICO Comprende le parti di territorio aventi agglomerati urbani di carattere storico, artistico e di
particolare pregio ambientale o da porzioni di essi, comprese le aree circostanti, che possono considerarsi parte
integrante degli agglomerati stessi.
Zona B
CENTRO STORICO NON COMPRESO IN ZONA A  Comprende le parti di territorio totalmente o parzialmente
edificate, diverse dalle zone di tipo A.

Zona C
DI ESPANSIONE  Comprende le parti di territorio destinate alla costruzione di nuovi complessi insediativi.

Zona D
INDUSTRIALE  Comprende le parti di territorio predestinate all'insediamento di impianti industriali.
Zona E
AGRICOLA  Comprende le parti di territorio destinate ad uso agricolo (escluse le parti dove, con gli insediamenti,
diventino zone di tipo C).
Zona F
SERVIZI Comprende le parti di territorio destinate ad attrezzature e impianti di interesse generale.

7
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

8
Corso
orso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

9
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

1977 - LEGGE 10 (LEGGE BUCALOSSI) Norme per la edificabilit dei suoli

Introduce la disciplina della Concessione edilizia (provvedimento a titolo oneroso) in sostituzione della Licenza
edilizia: "Ogni attivit comportante trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio comunale partecipa agli oneri
ad essa relativi e la esecuzione delle opere subordinata a concessione da parte del sindaco
N.B
In seguito alla legge n. 127/97 (Bassanini bis) il potere di rilasciare autorizzazioni e concessioni passato dalla figura del Sindaco a
quella dei funzionari comunali con qualifica dirigenziale (Dirigente del settore Edilizia o Urbanistica).

Con lintroduzione della Concessione edilizia si vuole conciliare linteresse collettivo con il diritto del privato a
costruire: mentre la L. n. 1150/42 subordinava il diritto a costruire al solo rispetto della normativa urbanistico-
edilizia, ora il titolare della Concessione si assume anche i costi per dotare il nuovo edificio delle necessarie
infrastrutture.

OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA: OPERE DI URBANIZZAZIONE SECONDARIA:


1. strade residenziali 1. asili nido e scuole materne;
2. spazi di sosta o di parcheggio; 2. scuole dellobbligo;
3. fognature; 3. mercati di quartiere; d) delegazioni comunali;
4. rete idrica; 4. chiese e altri edifici per servizi religiosi;
5. rete di distribuzione dellenergia elettrica e del 5. impianti sportivi di quartiere;
gas; 6. centri sociali e attrezzature culturali e sanitarie;
6. rete di pubblica illuminazione; 7. aree verdi di quartiere.
7. spazi di verde attrezzato.

10
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

1978 - LEGGE 457 Norme per l'edilizia residenziale


Si affronta in maniera organica il problema del recupero edilizio. Allart. 31 si definiscono le Categorie di
intervento sul patrimonio edilizio esistente (manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e
risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia, ristrutturazione urbanistica).

2000 - L.R. n20 [EMILIA ROMAGNA]


"Disciplina generale sulla tutela e l'uso del territorio" [EMILIA ROMAGNA]
Una delle innovazioni introdotte dalla legge regionale 20/2000 risponde alla scelta di articolare il piano in diversi
strumenti di pianificazione, separando gli aspetti strutturali di tutela validi a tempo indeterminato e le scelte
strategiche di mediolungo termine dalle previsioni operative ed attuative pi flessibili e dagli aspetti regolamentari.
Il vecchio Piano Regolatore Generale (PRG), pur rimanendo immutato nei contenuti, viene dunque sostituito da uno
strumento urbanistico diviso i tre parti, che approfondiremo nel paragrafo successivo:
 Piano Strutturale Comunale (PSC):
individuazione degli ambiti, dei vincoli ambientali, dei vincoli storici e delle principali infrastrutture

 Piano Operativo Comunale (POC):


individuazione delle aree soggette a PUA (Piani Urbanistici Attuativi) e interessate da opere pubbliche

 Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE):


individuazione delle aree ad intervento diretto sia nel territorio urbano sia nel territorio rurale

11
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

2001 - D.P.R. - N380 (Testo Unico per lEdilizia)

Si introduce il PERMESSO DI COSTRUIRE (PDP) che sostituisce la concessione


edilizia, e viene regolamentata la D.I.A (Denuncia di Inizio Attivit), per gli interventi
di manutenzione, risanamento, ristrutturazione, recupero, ecc. Con la Legge
n1223/1989 la D.I.A. stata sostituita dalla S.C.I.A. (Segnalazione certificata di
inizio Attivit). la differenza principale sta nel fatto che, mentre con la D.I.A., per
dare inizio alle opere, era necessario aspettare 30 giorni necessari per il silenzio-
assenso, con la S.C.I.A. i lavori possono cominciare subito dopo aver consegnato al
Comune tutta la documentazione richiesta.

Con il Testo unico nasce lo SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA (S.U.E.).


E istituito presso le amministrazioni comunali con lo scopo di semplificare e snellire i procedimenti
amministrativi. Opera attraverso adempimenti di ricezione e rilascio di atti, nonch
adempimenti di istruttoria e verifica delle pratiche edilizie. Lo sportello unico ritira le richieste di
pareri/assensi redatte dai privati e le inoltra ali Enti/Uffici che si devono esprimere, per quanto di
loro competenza.
Quindi il privato non deve pi richiedere autonomamente i vari pareri e allegarli al progetto da
presentare.

12
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

13
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

LA PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO


Lordinamento italiano ha introdotto strumenti operativi per la pianificazione urbanistica con lapprovazione della
legge 17 agosto 1942, n.1150 (vedi dispenza "Urbanistica I).
Nel 1972, con listituzione delle Regioni vennero ad esse trasferite le competenze in materia di edilizia, urbanistica
e territorio, pertanto oggi ci troviamo con (quasi) 21 leggi urbanistiche regionali ed ognuna stabilisce una
nomenclatura differente degli strumenti urbanistici.

A LIVELLO TERRITORIALE:

Piano Territoriale di Coordinamento (PTC)


La legge n1150/42 ha introdotto i P.T.C. che regolano l'assetto generale del territorio. Si tratta di uno strumento
che interessa territori vasti e risulta il piano pi ampio e complesso. Le Regioni e le Province pianificano per quanto
di competenza pertanto possiamo avere i:

 Piani Territoriali regionali (PTR);


 Piani Territoriali di Coordinamento Provinciale (PTCP).

Alle Regioni viene attribuita competenza legislativa in materia di Nuove leggi urbanistiche pertanto ogni legge
regionale stabilisce i suoi documenti di piano. In Emilia-Romagna, la disciplina urbanistica che regolamenta la
pianificazione del territorio data dalla legge 24 marzo 2000, n. 20.

Piani Territoriali Paesistici (PTP)


I PTP contengono le prescrizioni per lo sviluppo armonico di zone oggetto di tutela per i valori paesistici e
ambientali. Gi previsti dalla legge 29 giugno 1939, n. 1497 sulla protezione delle bellezze naturali, i PTP sono stati
poi riproposti dalla legge 8 settembre 1985, n. 431 (legge Galasso). Attualmente la tutela ambientale, prima di
competenza delle Sovrintendenze statali, spetta alle Regioni.

14
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

A LIVELLO LOCALE:
Il Piano Regolatore Generale (PRG)
Il PRG lo strumento fondamentale della disciplina urbanistica: determina la futura configurazione del territorio
comunale e stabilisce le direttive e i vincoli necessari per attuarla, tenendo conto dellambiente e delle esigenze
della popolazione. In Emilia Romagna gli atti di pianificazione che costituiscono PRG sono denominati:

Piano Strutturale Comunale (PSC)


comprende tutto il territorio comunale
delinea le scelte strategiche di assetto e sviluppo
tutela l'integrit fisica ed ambientale e l'identit culturale

sistema delle tutele e valorizzazioni ambientali


suddivisione del territorio in ambiti secondo obiettivi sociali, ambientali,
morfologici e relativo dimensionamento
validit a tempo indeterminato

Piano Operativo Comunale (POC)

individua e disciplina gli interventi di tutela, valorizzazione, organizzazione e


trasformazione del territorio da realizzare nell'arco di 5 anni
predisposto in conformit al PSC

15
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE)

Rappresenta la parte normativa della pianificazione e prevede come costruire.


disciplina generale delle tipologie, delle modalit attuative degli interventi di
trasformazione, delle destinazioni d'uso (ex norme di attuazione)
norme attinenti l'attivit di costruzione, trasformazione e conservazione delle
opere edilizie, comprese le norme igieniche, la disciplina degli elementi
architettonici, urbanistici, degli spazi verdi che caratterizzano l'ambiente urbano
(ex Regolamento Edilizio)

I Piani Urbanistici Attuativi (PUA) che attuano le prescrizioni degli strumenti generali sono:
 Piani particolareggiati Esecutivi (PPE)
Il PPE utilizzato per mostrare ci che pu essere costruito su un determinato terreno. Deve dare indicazioni circa la rete
stradale, i dati altimetrici principali, le masse e le altezze lungo le principali strade o piazze, gli spazi riservati a un utilizzo
pubblico, gli edifici destinati alla demolizione e quelli destinati al restauro, la suddivisione degli isolati in lotti fabbricabili, gli
elenchi catastali delle propriet da espropriare e da vincolare.

 Piani Esecutivi Convenzionati (PEC)


Il PEC la versione aggiornata del Piano di Lottizzazione Convenzionato: si differenzia dal PPE per il fatto che non ha il
potere di espropriare gli immobili necessari per le sistemazioni urbanistiche in esso previste.

 Piani di zona per l'Edilizia Economica e Popolare (PEEP)


Istituiti dalla legge 18 aprile 1962, n. 167, i PEEP assicurano ai Comuni la disponibilit di aree per interventi di edilizia
abitativa a basso costo, la cui estensione non pu essere inferiore al 40% n superiore al 70% di quella necessaria a
soddisfare il fabbisogno complessivo di edilizia abitativa di un decennio.

16
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

 Piani per gli Insediamenti produttivi (PIP)


Il PIP ha lo scopo di organizzare nuovi insediamenti produttivi e delimitarne il territorio interessato, ristrutturare quelli gi
esistenti, organizzare la viabilit, programmare i tempi di attuazione del Piano e prevedere la spesa occorrente. La loro
formazione spetta al Comune, con precedente autorizzazione della Regione.

 Piani di Recupero (PdR)


Il PdR disciplina gli interventi di mantenimento, di restauro e di ristrutturazione urbanistica necessari al recupero dei
fabbricati, dei complessi edilizi, degli isolati e delle aree compresi nelle zone di recupero, ossia quelle parti della citt dove
sono segnalate situazioni di degrado edilizio e urbanistico. Pu essere attuato dai singoli proprietari, dalle cooperative
edilizie e dai Comuni.

17
Corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zangh

Fonti

Amerio, Brusasco, Ognibene,Alasia, Pugno - Progettazione Costruzioni Impianti - SEI


E.Salzano - Fondamenti di urbanistica:dispense e schemi delle lezioni
http://urbanistica.comune.modena.it
M.Forlivesi - Materiale didattico
http://www.websavona.it/arte/rinascimento/Ferrara_Palazzo_Schifanoia.asp
http://it.wikipedia.org
http://www.legambiente.emiliaromagna.it/

18