Sei sulla pagina 1di 6

Fanis il Lago della Luna

di
Emanuele Nicolosi

al Tempo in cui il sole e la Luna, erano sposati e uniti come una famiglia
nel tempo in cui,la magia regnava ancora sovrana e incontrastata sul mondo
nel tempo, in cui le razze e creature magiche, ancora popolavano il mondo...al alba della razza
umana...
c'era una terra, detta Terra di Argunis, una terra di laghi, fiumi, montagne e foreste, in cui le razze
e i popoli magici, vivevano tra di loro, in pace e armonia, il cui Re era un Fanes, un abitante dei
laghi di nome Re Aregan e la regina era una Anguana, una abitante dei fiumi, di nome Regina
Nerotis, il regno di Argunis, era alleato del Regno di Nersorim, un regno tra le montagne, popolato
da una razza di Marmotte mutantrope, marmotte da poteri magici, che potevano assumere o forma
umana o forma di marmotta a loro piacimento...
ma la Terra di Argunis, un giorno, sub un invasione da parte di un popolo di Umani, detti il popolo
del vento del Est, che invase le terre di Argunis, per conquistarle e colonizzarle, ebbe inizio una
violenta e devastante guerra tra l'alleanza di Fani, Anguane e Nersorimi, contro il Popolo del vento
del Est, la guerra fu vinta dagli umani senza magia, aiutati da potenti maghi e stregoni umani, che
erano in grado di dominare e imbrigliare la magia dei Fani e delle Anguane e dei Nersorimi.
Dopo la guerra, gli umani conquistarono la Terra di Argunis, i Fani, per volere di Bolnoc, il ReMago del Popolo del Vento del Est, vennero rinchiusi e confinati in un lago dalle acque cristalline
e dalle rive ricoperte da una vegetazione di abeti sempre verdi e dal verde smaltato, un lago dalle
acque profonde, perennemente illuminato di giorno dal Sole e di notte dalla Luna, nelle cui
profondit, vennero confinati di Fanes dagli umani, qui i fanes crearono il loro nuovo regno, fu da
allora, che quel lago, divenne noto come il lago dei Fani, ma Re Bolnoc, attorno al lago, ci mise
per sua volont, delle creature mostruose, esseri generati dalla magia, dalle rocce delle montagne e
dagli alberi delle foreste, assieme ai riflessi e istinti di un lupo e alla potenza e vista di un aquila,
creature dette Barasak, creature in grado solo di volare e camminare, ma non di nuotare, creature
il cui punto debole era l'acqua, i Barasak, vennero incaricati dal re Bolnoc, di sorvegliare sul lago
dei Fani, per impedire che la magia potesse tornare nella terra di Argunis e che il regno dei Fani
potesse mai ritornare in quelle terre...
i Barasak e gli Ogarog, vennero creati dalla magia e poteri magici di Re Bolnoc, come creature da
combattimento, come Armi militari viventi da combattimento, da usare nei campi di battaglia, per
sbaragliare gli eserciti nemici, mettendo assieme l'intelligenza di un umano, l'istinto e corpo di un
lupo, le braccia e forza di un guerriero umano, armature di metallo e armi di metallo, ma anche la
ferocia e aggressivit di un orso ferito, l'istinto cacciatore e abilit da caccia di un animale
predatore, l'infidia di un Serpente e gli occhi di un aquila, per vedere la lontano e anche la forza
muscolare di un aquila di montagna...
gli umani, avevano avuto la meglio sui Fani e le Anguane, perch custodi di un materiale non solo
ignoto e sconosciuto alle razze magiche, ma anche temuto e ripudiato dalle stesse creature magiche,
ovvero, il Metallo, i Fani per questo,chiamavano gli umani Figli del Metallo o Custodi del
Ferro, le creature magiche hanno paura del Metallo, un materiale artificiale, non creato dalla
natura, mentre i Fani facevano uso solo o della magia o di armi di Osso o pietra o Legno, poich

ignoravano sia l'esistenza stessa del metallo che i metodi di lavorazione del metallo...
si narra, che quando il Popolo del vento del Est, conquist le terre di Argunis, sulla cima di una
collina molto alta e ripida, venne costruito un villaggio fortificato, difeso da una palizzata,fatta di
grossi tronchi d'albero, duri e spessi, che facevano da Mura difensive del villaggio, nel villaggio,
vennero costruite numerose fornaci per la lavorazione del metallo e il villaggio, venne popolato dai
Fabbri di quel popolo invasori, si narra che in quel tempo, nelle terre degli umani, i Fabbri e i
Maghi, andavano d'accordo, il Fabbro era visto come una specie di mago, la Metallurgia, era
reputato una forma di magia o un potere pari alla magia, per questo, il Re-Mago Bolnoc, dette
Signore dei Fabbri o Re dei guerrieri di metallo, fece circondare la sua corte, dei migliori fabbri
del Popolo del vento del Est, ma anche dei migliori maghi, creando una citt-fortezza, che si
riconosceva da lontano, per via della grossa coltre di fumo, da cui si alzava, generata dalle fonderie
delle fornaci e dalla continua e costante, lavorazione di armi e scudi di metallo, il villaggio-fortezza
venne chiamato dai popoli locali il villaggio dei Fabbri o il villaggio delle Fornaci o il
villaggio degli uomini di metallo, un luogo oscuro e tenebroso, dove si narra che le nubi scure di
fuliggine e carbone e legna ardente delle fornaci, avessero reso quel luogo, talmente buio e oscuro,
che sembrava fosse piombata una buia e oscura notte perenne su quel villaggio fortificato...
tutti avevano paura di quel villaggio, tutti avevano paura degli Uomini dalla pelle di ferro, come
venivano chiamati sia l'esercito invasore dalle terre del vento del Est e sia gli abitanti del villaggio
delle Fornaci, poich, le rudimentali e primitive armature di quel esercito, furono scambiate dai
popoli locali, per una Pelle o una Pelliccia di Metallo, che si indossavano i guerrieri di quel
popolo invasore, per combattere i loro nemici nei campi di battaglia, molti, credevano o reputavano
che il metallo fosse una sostanza magica o dotata di poteri magici, o confondevano l'armatura
metallica, con la pelle del guerriero, credendo che siano un tutt'uno o una sola o unica cosa...
nei fiumi, vivono le Anguane, nelle foreste, invece,vivono i Silvani una razza di creature legate agli
alberi e alle piante, che sono divenuti abili minatori e custodi delle ricchezze del sottosuolo,come
gioielli e diamanti...
Monti Dolomiti, 2000 A.C.
In un villaggio di pastori e cacciatori nel cuore di una foresta di montagna, vive Esurim, un ragazzo
di un villaggio di cacciatori nella foresta, che vive con un padre cacciatore e una madre guaritrice,
esperta conoscitrice di erbe e piante medicinali,Esurim mentre e in una battuta di caccia nella
foresta, trova una ragazza misteriosa, dalla pelle azzurro chiara e gli occhi blu e i capelli argentatiazzurri, che sta curando e aiutando un cerbiatto colpito dalla freccia di un cacciatore, la ragazza
inizia a curare e confortare il cerbiatto triste e ferito, che viene curato dalla magia della misteriosa
ragazza, che inizia a cantare una dolce canzone in una strana e misteriosa lingua, per consolare il
cerbiatto triste e ferito, poi, la ragazza, toglie la freccia dal cerbiatto, ne guarisce la ferita e lo lascia
andare via, salutando il cerbiatto sorridendo...
ma la ragazza, si ritrova circondata da dei Barasak, che hanno scoperto la ragazza, minacciando di
aggredirla, ma Esurim, con una freccia dal suo arco, colpisce un alveare pieno di api, che fa cadere
a terra, scatenando uno sciame di api, contro i Basarak, che feriti e colpiti dalle punture d'ape,
vengono distratti, permettendo alla ragazza di scappare, protetta da Esurim...
riparati in una radura nel bosco, la ragazza, che si rivela essere una Fanes, rimane stupefatta e
sbalordita a vedere Esurim, poich la ragazza non ha mai visto un essere umano prima d'ora...
la ragazza, che si chiama Larin, dice che i fanes parlano una loro lingua, la Lingua Fani, ma che
molti Fanes, divenuti invisibili e spiando gli umani, imparando ogni cosa su di loro, abbiano
appreso e imparato la Lingua umana, riuscendo a parlarla correttamente e a comprendere la

Lingua umana, come la chiamano i Fanes.


i Fanes, usano il loro linguaggio, la Lingua Fani, come una lingua magica, poich e una delle poche
lingue, che permette di esaudire formule magiche e incantesimi, le cui magie possono avvenire, solo
se dette in Lingua Fani o in lingue delle razze magiche come la Lingua Silvava o la Lingua
Anguana...
Esurim, scopre sbalordito, che la ragazza, sa volare,arrampicarsi su ogni albero, parlare agli animali
e usare molti tipi di magia...
la Ragazza, ha ottenuto la capacit di diventare invisibile ai Barasak, capacit che hanno ottenuto
molti Fanes, permettendogli di aggirarsi per i boschi e le foreste limitrofi, spiando e guardando di
nascosto, gli esseri umani, dei villaggi dei cacciatori e degli abitanti delle palafitte...
una notte, la ragazza Fani, porta Esurim, rendendolo invisibile tramite una polvere magica, al lago
della Luna, violando il divieto del re dei Fanes, di portare esseri umani nel lago della Luna, un
territorio proibito dagli esseri umani...
il Re-Mago Bolnoc, viene a sapere, da delle spie Ogarok, nascoste nella vegetazione della foresta,
giunte a fare rapporto a Re Bolnoc, che un umano si innamorato di una Fanes...
un oracolo, rivela a Bolnoc, che se un umano si innamorer di una Fani, allora, i Fanes potranno
uscire dal loro lago e restaurare il loro antico regno e dare il via a un epoca di pace tra umani e Fani,
cosa a cui il Re Mago Bolnoc si oppone, cos, per dare la caccia al ragazzo, decide di evocare da
delle schegge di metallo di spade e scudi e dalle gocce del sangue di un lupo, delle creature
mostruose antropomorfe, dette Ogarog, creature dalla pelliccia dai peli metallici e con i denti di
un lupo e la forza di un guerriero umano, gli Ogarog sono usati come guerrieri d'elite del re mago,
per cercare Esurim e uccidere la ragazza...
i Fani, sono esteriormente, simili agli esseri umani, ma hanno una pelle liscia e umida, il cui colore
varia dal grigio, al azzurro, al argento, hanno capelli lunghi, occhi blu, i Fani hanno denti fatti di
canini e fauci e hanno artigli, sono molto agili e scattanti, possono volare e correre pi veloci di un
essere umano, la Pelle dei Fanes viene chiamata Pelle di Luna,poich i Fanes sono creature
spesso notturne, che preferiscono la notte al giorno e hanno la pelle illuminata, non dal sole, come
la maggioranza degli esseri viventi, ma dalla luce della Luna...
quando il Re dei Fanes, scopre che Larin, la principessa Fani, si innamorata di un umano, il Re
Fanes, infuriato, prova a uccidere Esurim, ma la principessa Fanes, sua figlia, si oppone,
affermando di essersi innamorato del ragazzo umano, il Re allora decide di dare la mano di sua
figlia a Esurim , ma a una condizione: che Esurim possa liberare lago della Luna e il suo popolo
dalla prigionia in cui sono stati relegati e condannati, per farlo, il ragazzo, assieme alla principessa,
partono dal lago della Luna, raggiungendo la Montagna delle Marmotte, dove e custodita una
spada magica, forgiata dal popolo delle Marmotte, la Spada di Resian, una spada magica, in
grado di uccidere e annientare le creature magiche evocate dal Re-Mago...
Esurim e la principessa Fanes, giungono alla montagna delle Marmotte, ma qui, alla grande tana
della regina Marmotta, incontrano la Regina delle Marmotte, che sfida il ragazzo, in un duello
contro il pi forte e potente dei guerrieri del Popolo delle Marmotte, il ragazzo,nel duello,
combatte e sconfigge il Guerriero Marmotta, la principessa Fanes, durante il duello, viene tenuta
sotto controllo dai guerrieri marmotta, per impedire che possa usare i suoi poteri magici, per aiutare
il ragazzo nel duello contro il guerriero marmotta...
ma un esercito di Ogarog e di Basarak, che hanno seguito Esurim e Larin, la principessa Fanes,
attaccano il regno del popolo delle marmotte, attaccando a sorpresa la Grande tana della regina

marmotta, in tutta la grande tana, si scatena inizialmente il panico e il caos, i guerrieri marmotta
prendono le armi e provano a reagire e a combattere contro le creature mostruose, ma gli Ogarog e i
Basarak, si rivelano pi forti e potenti dei guerrieri-Marmotta, che finiscono sbaragliati e massacrati
uno ad uno dalle creature mostruose, i guerrieri-marmotta non sono in grado di combattere contro il
Metallo, sostanza di cui sono fatti gli Ogarog e i Basarak, sia perch il metallo e temuto dal Popolo
delle marmotte come una sostanza demoniaca, sia perch le armi dei guerrieri-marmotta sono
solamente di Osso, Legno duro, Cristallo levigato e Pietra, che sono deboli e inefficaci contro il
metallo...
Esurim, per difendere il popolo delle Marmotte, riesce a imposessarsi della Spada di Resian e a
usarla per combattere gli Ogarog e i Basarak, riuscendo a sconfiggerli e sbaragliarli e a salvare il
regno del popolo delle Marmotte, la regina-Marmotta, decide di dare in dono a Esurim, come
ringraziamento per aver salvato il regno dalle creature mostruose, la spada di Resian...
Esurim e Larin, ringraziano la regina-marmotta e partono in direzione del Lago della Luna, ma
attraversando la foresta, Esurim scopre che il suo villaggio e stato distrutto e saccheggiato dai
soldati di Bolnoc, che hanno iniziato a setacciare, distruggere e saccheggiare ogni villaggi nelle
foreste montane, per cercare il prescelto della profezia e ucciderlo, per impedire il Risveglio dei
Fani e la loro liberazione dalla prigionia nel lago...
Esurim, scoprendo il suo villaggio distrutto e in fiamme e la popolazione sterminata, inizia a
piangere disperato, ma viene consolato da Larin, che promette che loro due, resteranno sempre
uniti, anche nel amore, cos, Esurim e Larin, raggiungono la riva del lago della Luna, ma si
ritrovano circondati dagli Ogarog e dai Basarak, mandati dal Re Bolnoc, per uccidere sia lui che
Larin, per impedire l'avverarsi della profezia, le creature mostruose, aggrediscono Esurim, che si
difende, cercando allo stesso tempo, di proteggere Larin, ma un arciere del re Esurim, nascosto
nella vegetazione, che cerca di colpire Larin, scocca una freccia, ma Esurim,scoprendo in tempo la
freccia, si lancia su Larin, facendosi colpire dalla freccia, che gli trafigge il cuore, Esurim e Larin,
cadono entrambe nel lago, Larin si porta dietro il corpo di Esurim, riuscendo a fuggire dai Basarak e
dagli Ogarog, che non possono immergersi nelle acque del lago, baciando fortemente Esurim sulle
labbra, poich sono creature vulnerabili al acqua...
Esurim, nel fondale del lago della Luna, piange disperata, vedendo il ragazzo morto, implorando al
ragazzo di non morire, allora, Larin per salvare la vita di Esurim, si taglia la mano con la lama della
Spada magica e si causa una fuoriuscita di sangue, che con la magia, fa riversare dentro il corpo di
Esurim, Larin, per salvare la vita di Esurim, fa passare il suo sangue nelle vene di Esurim, la
ragazza, riesce allo stesso tempo, a staccare la freccia, piantata nel cuore di Esurim, grazie a questo,
le ferite di Esurim, si rimarginano, Esurim, si riprende, facendo passare il suo sangue, nelle vene di
Larin, da cui entrano tramite il taglio nella mano di Larin, cos, Esurim e Larin, si ritrovano, l'uno
con il sangue del altro, ritrovandosi uniti nel sangue...
Esurim, avendo del sangue di Fanes nelle sue vene, ottiene gli stessi poteri magici dei Fanes, poteri
che Larin, ha fatto trasmettere a Esurim.
Cos, Esurim, assieme a Larin, giungono al palazzo del re dei Fanes, dove Larin dice a suo padre,
che oramai, lei e Esurim, sono uniti nel sangue, hanno lo stesso e unico sangue, che con la Spada
di Resian nelle mani di Esurim, la profezia deve oramai avverarsi, cos, il re dei Fanes, raccoglie un
esercito di Fani guerrieri e i Fanes, guidati da Esurim e Larin, escono dal lago della Luna,
diffondendosi per le foreste limitrofi, scontrandosi contro gli Ogarok e i Basarak, che finiscono
facilmente, sconfitti e sbaragliati dai Fani,che per uscire dal lago, non hanno pi bisogno di
diventare invisibili o di nascondersi nella vegetazione della foresta...
al villaggio-fortificato, dotato di grandi fornaci per la lavorazione dei metalli, dove risiede Re
Bolnoc, giunge la notizia della liberazione dei Fanes dal lago della Luna, cosa che manda in
preoccupazione e agitazione il Re-Mago, che ordina di schierare e dispiegare il suo esercito, sia di

Umani, che di creature mostruose, a difesa del villaggio-fortezza, chiamato da tutti Villaggio dei
signori delle fornaci, villaggio dominato dal Re Bolnoc e dai Signori del Metallo...
i Fanes, hanno radunato a se, un esercito di creature magiche: Silvani e Anguane e anche degli
umani dei popoli e trib di Camunir e di Euganas e di Reisan, ovvero, i Popoli delle montagne, i
popoli nativi delle terre di Argunis e Nesorim, scacciati e relegati nelle montagne, dal Popolo del
vento del Est, un alleanza di popoli e razze sia magiche, che di umani, che hanno creato un esercito
comune, guidati da Esurim, oramai divenuto il nuovo principe del Regno dei Fanes e la principessa
Larin, che dopo aver creato un grande esercito, circondano e assediano il Villaggio dei signori del
Metallo, dando il via a una grande battaglia, che contrappone gli eserciti magici, agli eserciti dei
Guerrieri di Metallo, i soldati del Re Bolnoc e un esercito di Ogarog e Basarak, ha inizio una
grande battaglia, che devasta l'intero villaggio dei signori del Metallo, i soldati di Re-Bolnoc, per
tenere testa agli eserciti magici, sono dotati di un nuovo tipo di metallo, forgiato da poco, pi
potente del Rame e del Bronzo, ovvero, il Ferro...
nella battaglia finale, Esurim, giunge armato della sua spada magica, nel palazzo di legno, di Re
Bolnoc, dove ha inizio il duello finale tra Esurim e Re Bolnoc, nel duello, il Re bolnoc ha
inizialmente la meglio, essendo dotato del arma pi tecnologicamente avanzata in mano a Re
Bolnoc, una spada forgiata con un metallo raro, ricavabile solo in fornaci dove manca l'aria,
realizzata da una cerchia ristretta di abili fabbri specializzati, ovvero, il Ferro Sfuggente (che
sarebbe l'Alluminio), un metallo duro e resistente, ma allo stesso tempo elastico e flessibile, che
resiste a tutti i tipi di spade, riuscendo anche a resistere alla spada magica di Esurim...
cos, Esurim, finisce ferito dalla spada di Re Bolnoc, che convinto di avere la vittoria in pugno,
mette un piede sulla schiena di Esurim, ferito gravemente, avvertendolo che il tempo della natura e
delle forze primordiali e oramai giunto al termine, che il tempo della natura, deve dare spazio al
tempo del Metallo, ovvero, al epoca del uomo, del dominio antropico sulla natura e sul mondo
intero, poich, con il metallo e la lavorazione dei metalli, l'uomo potr dominare e soggiogare la
natura, la razza umana, potr diventare una razza suprema e dominante, diventano la stessa razza
dominatrice della natura, sbaragliando ogni essere vivente, osi sfidare l'egemonia degli esseri
umani, avvertendolo, che quel epoca, non pu essere fermata e contrastata, che l'avvento della
nuova era e inevitabile e irreversibile ed ineluttabile nel cammino della storia, la razza umana,
ottenendo il Potere della lavorazione dei metalli, ha ottenuto un potere pari alla magia, un potere
pi grande di ogni magia o potere magico, poteri che in quel mondo, nascono o derivano dalla
natura o dalle forze ancestrali e primordiali della natura ...
sciocco di un mezzo sangue! Non puoi fermare l'ascesa del Metallo! Tu potrai distruggere queste
fornaci nel mio villaggio... ma in ogni zona e angolo del mondo, nasceranno sempre nuove fornaci,
da cui saranno forgiati, nuove forme di metallo e armi sempre pi forti e potenti! L'ascesa dei
metalli sta oramai gi avvenendo in ogni zona del mondo conosciuto! Tu non la puoi fermare!
Nessuno pu fermarla! Nulla pu ostacolarla o intralciarla! Nemmeno le magie o le creature
magiche! Sciocco! Tu non capisci? La magia e destinata a scomparire! Prima o poi gli umani non
avranno pi bisogno della magia! La razza umana avr poteri talmente maestosi e immensi, da
eclissare qualunque Dio o qualunque creatura magica di queste terre! Rassegnati, stolto ragazzo, il
vostro tempo e al tramonto! Ma sta giungendo l'alba della nostra era, della nostra epoca! Del Era
del Metallo! Del Era dei guerrieri dalla pelle di ferro! Del epoca di grandi e potenti Re a capo di
immense e titaniche citt dalle alte mura! Che nulla pu contrastare...
ma nei discorsi di Re Bolnoc, Esurim ci crede ben poco, per, quando Re Bolnoc sta per dare il
colpo di grazia su Esurim con la sua spada, Bolnoc viene trafitto da una lancia, impugnata da Larin,
che uccide re Bolnoc, Larin guarisce la ferita di Esurim, con la sua magia...
dopo la caduta e distruzione del villaggio, le fornaci per la lavorazione dei metalli, vengono
distrutte, poich, ritenute dai popoli umani e magici di quelle terre, prodotti oscuri e demoniaci,
come prodotti malefici e corruttori, ispiratori delle guerre e della sete di potere e della distruzione,
un potere troppo grande e immenso, un potere pericoloso, che deve essere dominato, che se finisce

fuori controlla, causa solo morte e distruzione...


nel lago della Luna, Esurim e Larin, si sposano, diventando sia marito e moglie, che i nuovi re e
regina rispettivamente, del Lago della Luna e del Regno di Fanaris, un unione di Regno dei Fanes
e delle terre di Argunis e Nesorim, dove le trib umane e le razze magiche, imparano a convivere in
pace e armonia...
dal Unione amorosa e carnale tra Esurim e Larin, nascono figli e figlie mezzosangue, mezzi umano
e mezzi Fanes, che sono i capostipiti di una razza ibrida, met umani e met creature magiche,
destinata a unire e far vivere in pace, le terre di Argunis.

FINE