Sei sulla pagina 1di 1

ANALISI DI CIRCUITI SENZA MEMORIA

Nullore

Trasformatore

Giratore

Modelli Matematici nel dominio del tempo

Condensatore

Induttore

Ind. Mut. Acc. (puntini allineati)

I1 = 0
V1 = n V2
V1 = - r I 2
i(t) = C d/dt (v(t))
v(t) = L d/dt (i(t))
V1 = L1 d/dt I1 + M d/dt I2
V1 = 0
I1 = -1/n I2
V2 = r I1
V2 = L2 d/dt I2 +M d/dt I1
Metodi di Analisi per un circuito
Metodo Base Maglie: scegliere, se possibile, un albero il cui co-albero contenga tutti i generatori di corrente; nel caso in cui non siamo riusciti a comprendere tutti i
generatori nel co-albero, per ogni generatore escluso avremo un'equazione aggiuntiva detta equazione di vincolo.
Metodo Base Nodi: verificare che il circuito sia a Nodi Completi; scegliere un nodo come riferimento a massa ovvero riferimento zero volt; orientare le correnti dei rami
dell'albero verso il nodo a massa; se possibile, includere tutti i generatori di tensione nell'albero; nel caso in cui non siamo riusciti a comprendere tutti i generatori di tensione
nell'albero, per ogni generatore escluso bisogna aggiungere un'equazione di vincolo al sistema risolvente.
Caratterizzazione esterna dei circuiti
Teo. Thevenin
Teo. Norton
Teo. Thevenin Generalizzato
Teo. Norton Generalizzato
A

Rth

Vg

Eth

I*=1 A

Rth

INo

+
B

Ig

E* = 1 v

V1

I1

Rete
2-Porte

I2

V2

Matrice [Y]
B

Eth1

Eth2

INo1
D

[Y]

INo2

Trasformatore

Giratore

V1(s) = n V2(s) V1(s) = - r I2(s)


I1(s) = -1/n I2(s) V2(s) = r I1(s)

Eth1 =VAB (con entrambi i morsetti aperti) INO1 = IAB da A B (a morsetti in corto)
Eth2 =VCD (con entrambi i morsetti aperti) INO2 = ICD da C D (a morsetti in corto)

SISTEMA
V1 = Z11 I1 + Z12 I2
V2 = Z21 I1 + Z22 I2
SISTEMA
I1 = Y11 V1 + Y12 V2
I2 = Y21 V1 + Y22 V2

ANALISI DI CIRCUITI CON MEMORIA


I1(s) = 0
V1(s) = 0

[Z]

Rth = E* / I* = 1 / (- Ig) (gen. disarm.)


INO = IAB (a morsetti cortocircuitati)

Nullore

Rth =VAB / I* =VAB = - Vg (gen. disarm.)


Eth =VAB (a morsetti aperti)
Reti 2-Porte, Matrice [Z], Matrice [Y]
Matrice [Z]

I*

I1

V1

I2

I 1*

V1

I1

I2

Z11 = V1/I1*
Z21 = V2/I1*

V2

V2

Y11 = I1/E1*
Y21 = I2/E1*

I1

V1

V1

I1

I2

V2

I2

I2*

E2*

Z22 = V2/I2*
Z12 = V1/I2*
Y22 = I2/E2*
Y12 = I1/E2*

Modelli Matematici nel dominio di Laplace

Condensatore

Induttore

Ind. Mut. Acc.

I(s) = sCV(s) CV(0)


se V(0) = 0 allora:
V(s) = (1/sC) I(s)
Zc = 1/sC

V(s) = s L I(s) L I(0)


se I(0) = 0 allora:
V(s) = s L I(s)
ZL = s L

V1(s) =
s L1 I1(s) + s M I2(s) L1 I1(0) M I2(0)
V2(s) =
s L2 I2(s) + s M I1(s) L2 I2(0) M I1(0)

Risposta di un circuito e Stabilit


Funzione di rete: F(s) = Vu(s)/Vi(s) (u = uscita, i = ingresso)
Risposta impulsiva: h(t) = L-1[F(s)]
Stabilit asintotica: se tutti i poli di F(s) hanno parte reale negativa Risposta Suddivisibile.
Stabilit semplice: se i poli di F(s) hanno parte reale minore o uguale a zero (nel caso sia uguale a zero i poli devono essere semplici) Risposta Suddivisibile solo se il
sistema passivo e i poli della F(s) a parte reale nulla non coincudono con i poli dell'eccitazione.
Sinusoidi e Fasori
Sinusoide: e(t)=eM cos(t+); = 2f = 2/T
Fasore: E = eM e^( j ) = eM (cos j sin ); se = 0 fasore reale
Vettore Rotante: V = E e^( j t ) = eM e^( j ) e^( j t ) risulta che e(t) = RE{ V }
Metodo derivato da Laplace (per determinare la risposta a regime di un circuito alimentato da una eccitazione sinusoidale)
U = E * F(s = j0) = [eM e^( j )] * F(s = j0), ove 0 = pulsazione di e(t)
Metodo analitico dei Fasori (per determinare la risposta a regime di un circuito alimentato da una eccitazione sinusoidale)

OSS: il metodo applicabile solo se la risposta suddivisibile; bisogna prima verificare le condizioni di suddivisibilit.
0 = pulsazione dell'eccitazione; sostituire ad ogni induttore L ZL = j0L; sostituire ad ogni condensatore C ZC = 1/(j0C).
quando si calcola la risposta permanente bisogna applicare i normali metodi risolutivi, ma impiegare le impedenze in j0 e i fasori delle sinusoidi.

il risultato un fasore da riconvertire in una sinusoide tramite la formula di conversione.


Potenze in regime sinusoidale (bisogna passare al circuito fittizio e sostituire i componenti con la stessa modalit del metodo analitico dei fasori)
v(t) = VMcos(0t + V) V = VM e^( j V ) V* = VM e^( - j V )
i(t) = IMcos(0t + I) I = IM e^( j I ) I* = IM e^( - j I )
Potenza Istantanea: P(t) = v(t) i(t) = RE{V I*} + VM IM cos(20t + V + I)
Potenza Attiva: PA = RE{V I*} = RE{VM e^( j V ) IM e^( - j I ) } = VM IM cos() (OSS: = V I , e cos() detto fattore di potenza)
Potenza Reattiva: PR = IM{V I*} = VM IM sin() = Veff ieff sin()
[VAR] = Volt-Ampere Reattvi
Potenza Complessa: PC = V I* |PC| = |V| |I*| = VM IM = Veff ieff
(OSS: PC = PA + j PR)
Potenza Apparente: Pa = VM IM = Veff ieff = |PC|
[VA] = Volt-Ampere
Valori delle potenze per i vari elementi circuitali
Resistore
Induttore
Condensatore
Trasformatore
Giratore
|V| = R |I| ( =0cos()=1)
VM = R IM Veff = R ieff
PA = Pa = Veff ieff = R (ieff)2
PR = 0
PC = PA

V = j0L I|V| = 0L |I|


VM = 0L IM Veff = 0L ieff
V=I /2=/2sin()=1
PR = Pa = Veff ieff = VM IM =
= 0L (IM)2
PA = 0; PC = j PR

V = I/(j0C)|V| = |I|/(0C) Non assorbe potenza


VM = IM /(0C)Veff = ieff /(0C)
I=V+/2= -/2sin = -1
PR = Pa = - Veff ieff = - VM IM =
= - 0C (VM)2
PA = 0; PC = j PR

PC = V1 I1* + V2 I2* =
= - r I2 I1* + r I1 I2* =
= 2 j IM { r I1 I2*} =
= j IM {r I1 I2*}
PA = 0
PR = IM {r I1 I2*}

Bilancio Energetico (Propriet di conservazione delle potenze)


Conservazione Potenza Complessa: Ng (PCgi) = NR (PCRi) + NL (PCLi) + NC (PCCi) + NG (PCGi) [g=generatori, R=resistenze, L=induttori, C=condensatori, G=giratori]
Conservazione Potenza Reattiva: Ng (PRgi) - NG (PRGi) = 20 [ NL (Li) NC (Ci) ] (OSS: Li = L (IM)2, Ci = C (VM)2 ; energie immagazzinate medie)
Conservazione Potenza Attiva: Ng (PAgi) = NR (PARi)
Per i grafici
e^-t/ circuito RC serie = RC; circuito RL serie = L/R; I segnali raggiungono un valore costante dopo circa 5 volte .
Varie
Trasformate di Laplace
Antitrasformate di Laplace
Formule di conversione
L[u-1(t)] = 1/s
L[u0(t)] = 1
L[sin(t)] = /(s2 + 2)
L[cos(t)] = s/(s2 + 2)
L[e^-s0t] = 1/(s + s0)
L[tn e^-s0t u-1(t)] = n!/(s + s0)n+1

L-1[1/s] = u-1(t)
L-1[1] = u0(t)
L-1[/(s2 + 2)] = sin(t)
L-1[s/(s2 + 2)] = cos(t)
L-1[1/(s + s0)] = e^-s0t
L-1[1/(s + s0)n] = (1/(n-1)!) tn-1 e^-s0t u-1(t)
L-1[1/sn] = (1/(n-1)!) tn-1 u-1(t) = u-n(t)
L-1[sn] = un(t)

ajb = sqrt(a2 + b2) e^j arctg(b/a) {OSS: se a>0 arctg(b/a), se a<0 arctg(b/a + )}
Bcos(x + arctgA) = (B/sqrt(A2+1))cosx (AB/sqrt(A2+1))sinx
Acosx Bsinx = sqrt(A2 + B2) cos(x + arctg(B/A))
Asin(t) = Acos(t -/2)