Sei sulla pagina 1di 2

Pag.

184-185-186 Guarire il fegato con il Lavaggio Epatico, Andreas Moritz


Il lavaggio renale
Se la comparsa di calcoli epatici, o altre situazioni simili, ha prodotto sabbia, grasso o
calcoli nei reni o nella vescica (vedi Patologie dellapparato urinario nel Capitolo 1),
potrebbe essere necessario prendere in considerazione un lavaggio renale. I reni sono
organi molto delicati che filtrano il sangue e che si congestionano per vari motivi
(disidratazione, dieta inadeguata, scarsa digestione, stress e stile di vita irregolare). Le
cause principali della congestione dei reni sono i calcoli renali: la maggior parte dei
cristalli/calcoli renali, tuttavia, sono troppo piccoli per essere riconosciuti tramite i
moderni strumenti diagnostici, come i raggi X. Spesso si chiamano calcoli silenti e non
sembrano dare molto fastidio, ma quando si ingrossano possono dare origine a un
considerevole stress negativo e danneggiare i reni e il resto dellorganismo. Al fine di
prevenire i problemi e le patologie renali meglio eliminare questi calcoli prima che
scatenino una crisi. La presenza di sabbia o calcoli a livello renale pu essere
facilmente rilevata tirando la pelle sotto gli occhi verso gli zigomi: ogni gonfiore o
protrusione irregolare, brufoli rossi o bianchi o da una decolorazione cutanea denotano
infatti lesistenza di sabbia renale o calcoli renali.
Se assunte quotidianamente per un periodo di 20-30 giorni, le erbe qui sotto elencate
possono contribuire a dissolvere ed eliminare tutti i tipi di calcoli renali, tra cui i calcoli
da acido urico, quelli da acido ossalico, quelli da fosfato e quelli da amminoacidi. Se
lindividuo presenta unanamnesi di calcoli renali, potrebbe essere necessario ripetere
il lavaggio pi volte a intervalli di sei/otto settimane prima che i reni siano
completamente puliti.
Ingredienti:
Maggiorana (30 g)
Unghia di gatto(30 g)
Radice di consolida maggiore(30g)
Uva ursina (60g)
Radice di Hydrangea (60g)
Semi di finocchio (60g)
Cicoria(60 g)
Eupatoria purpurea (60g)
Radice di Altea (60g)
Verga doro (60g)
Istruzioni:

Prendete 30 g delle prime tre erbe e 60 delle rimanenti, mescolatele e


conservatele in un contenitore a chiusura ermetica; potete metterle nel
frigorifero: Prima di coricarvi mettete 3 cucchiai da tavola colmi della mistura in
due tazze dacqua, copritele e lasciatele coperte tutta la notte. La mattina
seguente portate ad ebollizione il preparato e poi filtratelo.. Se vi siete
dimenticati di mettere a bagno le erbe la sera prima, fate bollire la miscela la
mattina e lasciatela 5-10 minuti in infusione prima di filtrarla.
Bevete qualche sorso alla volta in 6-8 volte nel corso della giornata. Questa
tisana non deve essere assunta tiepida o calda, ma non deve nemmeno essere
messa in frigorifero.. Lasciate passare almeno unora dopo il pasto prima di
assumerla nuovamente.

Ripetete la procedura per 20 giorni. Un eventuale malessere o indolenzimento


nella zona lombare dovuto ai cristalli di sale provenienti dai calcoli renali che
passano attraverso i dotti delluretere dellapparato urinario. Se le urine
presentano un odore pungente e un colorito scuro allinizio o durante il lavaggio,
ci indica un maggiore rilascio delle tossine da parte dei reni. Normalmente,
per, il rilascio graduale e il colore o laspetto delle urine non cambiano molto.
Importante: sostenere i reni durante il lavaggio bevendo quantit
supplementari dacqua (minimo 6-8 bicchieri al giorno), a meno che il colore
delle urine non sia giallo scuro: In questo caso dovete bere di pi.
Durante il lavaggio evitate di consumare prodotti di origine animale, compresi
carne, latticini (ad eccezione del burro), pesce, uova, caff, bevande alcoliche,
bevande gassate, cioccolato e qualsiasi altro cibo o bevanda che contenga
conservanti, dolcificanti artificiali, coloranti, ecc. Oltre a bere questo t renale
ogni giorno, potete anche masticare un pezzetto di scorza di limone biologico
nella parte sinistra della bocca e un pezzetto di carota a destra 30-40 volte
ciascuno: questo stimola le funzioni renali. Assicuratevi che passi almeno
mezzora tra i cicli di masticazione.