Sei sulla pagina 1di 11

Il Cibo Killer

ovvero

quelle amicizie che

il tuo stomaco (in fondo in fondo) non vorrebbe mai stringere

"Che il Cibo sia la Tua medicina,

e che la Medicina sia il Tuo cibo..."


Ippocrate di Coo (vissuto tra il 460 a.C e il 377 a.C.)

Il sangue dovrebbe ricevere dal tubo digerente acqua, aminoacidi, acidi

grassi, glicerina, monosaccaridi, minerali e vitamine e non dei veleni. Purtroppo le nostre abitudini alimentari creano invece dei veleni che intossicano il sangue e tutto l'organismo. Perch? Perch il cattivo accostamento degli alimenti nello stesso pasto genera fenomeni di fermentazione e putrefazione.

(Dr. Herbert M. Shelton)

Questa guida non ha nessuna intenzione ne pretesa di sostituirsi a cure mediche o psicologiche, stato concepito con l' intenzione di fornire informazioni e ad aiutare nella loro comprensione. Se hai bisogno di un aiuto serio questo libro non ti potr mai essere utile perch hai necessit di persone qualificate. Consulta il tuo medico prima di modificare drasticamente qualsiasi tua abituale alimentare.

Digestione delle proteine


La digestione delle proteine inizia nello stomaco, a differenza degli amidi. Le proteine richiedono un ambiente acido per la digestione cos, dopo l' ingestione, l' acido cloridrico secreto in modo da attivare la pepsina. Per chiarire, quasi tutti gli alimenti contengono alcune proteine, ma, quando si parla di alimenti ricchi di proteine, ci si riferisce alle proteine concentrate come noci e semi, formaggi, cibi carnei, uova, ecc... ed alimenti prevalentemente a carattere proteico. Come precedentemente visto, acido cloridrico e pepsina (acido e succhi gastrici altri) sono secreti per le fasi iniziali della digestione delle proteine nello stomaco, e di altri enzimi, come la tripsina, per poi continuare la digestione nell'intestino tenue in un ambiente leggermente pi alcalino. Prima che il corpo possa usare le proteine, essi devono essere ridotti ai minimi termini, infatti come per gli zuccheri complessi, l' organismo deve abbattere le proteine complesse.

Combinazioni Alimentari

Unione di Acidi con Amidi e di Proteine con Amidi (carboidrati)

Cibi prevalentemente amidacei (cereali e derivati, patate, zucche, castagne) uniti a cibi proteici (formaggio e latticini, uova, carne) o cibi acidi (frutta acida, aceto, pomodori).

Puoi dire (tranquilla in questo momento ti sembra paradossale e una presa in giro, ma andando pi avanti nella lettura capirai il motivo per il quale SE rinunci a questi abbinamenti il tuo stomaco ne giover)

arrivederci ai tutti questi piatti: lasagne, panini vari (con salumi e formaggi e cotolette), e il tradizionale pollo (o bistecca) con le patate al forno (o fritte).

Il perch? L' abbiamo gi scoperto ma scendiamo ancora pi in profondit...

Gli amidi (pane, pasta, riso, patate e cereali vari) sono degli zuccheri complessi che in seguito ad una buona digestione vengono scissi in zuccheri pi semplici, chiamati disaccaridi e dopo un'ulteriore digestione in monosaccaridi che sono ottime sostanze nutritive.

In alternativa, in seguito ad una cattiva digestione danno origine ad una fermentazione che li rende inutilizzabili per l'organismo oltre che potenzialmente tossici.

Quando mangi la patata (amido) la sua digestione inizia nella bocca, ad opera della amilasi salivare (ptialina) che si attiva solamente in un ambiente neutro o lievemente acido (ph= 7-6,9).

Se l acidit maggiore la ptialina viene inattivata.

Quando mastichi questa patata lazione della ptialina inizia nella bocca e continua nello stomaco, che non secerne enzimi specifici per la digestione degli amidi.

Quando mangi solo patate o alimenti che con essa vengono digeriti perfettamente (ad es. verdure) questo ambiente digestivo l ottimale per la digestione corretta.

Se invece il tuo men composto anche di pollo o bistecca allora la situazione si complica un bel po. Perch la digestione delle proteine (carni, uova, pesce, latticini) inizia invece nello stomaco, che secerne questo enzima che si chiama proteolitico (pepsinogeno), e che viene attivato dallacido cloridrico (secreto anche questo dalla mucosa dello stomaco) che lo trasforma in pepsina.

La digestione delle proteine, quindi, diversamente dagli amidi necessita di un ambiente acido per sciogliere bene il cibo, tanto pi acido quanto pi la proteina concentrata.

Se sono presenti contemporaneamente nello stomaco amidi e proteine, lo stomaco raggiunge rapidamente una acidit che inattiva la ptialina (mentre si attiva la pepsina per la digestione della carne), arrestando la digestione degli amidi.

A sua volta la massa degli amidi frener la secrezione di acido cloridrico, in modo da rendere meno rapida l' inattivazione della ptialina e tender ad assorbire parte della pepsina e dello stesso acido cloridrico al suo

interno per un fenomeno fisico passivo di inibizione: come conseguenza la digestione delle proteine sar rallentata ed incompleta.

Lo stomaco quindi reagisce cos: riversa, in un secondo tempo, succo gastrico fortemente acido per completare la digestione delle proteine. Questa reazione che non sufficiente ad eliminare le conseguenze della cattiva associazione, alla base della acidit di stomaco che provoca senso di bruciore e malessere.

Gli altri tratti dellapparato digerente (pancreas, milza) provano ad ovviare a questo casino con l amilasi pancreatica e con gli enzimi proteolitici secreti dal duodeno e dal pancreas, ma nemmeno questo a volte avviene in modo del tutto soddisfacente. Capisci perfettamente, come detto prima, che tutto questo stress digestivo si ripercuote inevitabilmente sul tuo umore: stanchezza, sonnolenza, irritabilit, tensione, agitazione, malumore, arrabbiature. Siccome il processo digestivo non per niente avvenuto nel suo modo ottimale, allora come conseguenza si innescano a carico degli amidi e delle proteine dei processi digestivi anomali: fermentazione e putrefazione. La fermentazione degli amidi nello stomaco e nellintestino porta alla formazione di acido acetico, alcool etilico, anidride carbonica con conseguente iperacidit e gonfiori addominali.

La putrefazione delle proteine nellintestino porta allo sviluppo di sostanze tossiche come leucomaine e ptomaine (sostanze presenti nei cadaveri in putrefazione) e fenolo, indolo, scatolo e idrogeno solforato. Questi veleni saranno in parte assorbiti e dovranno essere inattivati dallorganismo ed eliminati attraverso i reni, o altre vie di eliminazione, sottoponendo le funzioni depurative ad un eccesso di lavoro. Se queste funzioni non hanno energia sufficiente, si instaura allora uno stato di tossiemia generalizzato. Spesso si obietta che la natura combina amidi e proteine, e allora qual' la verit? Quando un alimento che una combinazione naturale di proteine e amidi (come ad esempio alcuni cereali), il corpo in grado di modificare i suoi succhi gastrici e la tempistica delle loro secrezioni in modo tale che la digestione va avanti con un buon grado di efficienza. Infatti c' una differenza marcata e importante tra mangiare un alimento che una combinazione naturale di proteine e amidi e mangiare due cibi diversi, una proteina e l' altra amidacea.

Come bisogna comportarsi allora?

Gli amidi sono altamente compatibili con la verdura. Quindi un bel piatto di pasta lo puoi condire con olio, aglio, peperoncino (oppure con pepe nero e cipolla soffritta), altrimenti con verdure

grigliate: peperoni e zucchine.

Anche le patate ad esempio, (meglio se bollite perch sono alcalinizzanti per il tuo sangue) mangiate insieme a verdure a foglia verde sono l ideale, in alternativa qualche verdura cruda va bene tutto ovviamente condito con solo olio (no aceto o limone perch creano acidit, come del resto se abbinati alle carni o pesce)

E poi questo singolo suggerimento, come gi detto, ti aiuta a digerire perfettamente gli amidi: mastica ogni boccone per almeno 40 volte. E siccome difficile farlo fin da subito perch un abitudine poco osservata, mentre stai masticando puoi posare la forchetta di fianco al piatto...