Sei sulla pagina 1di 230

Prof. Ing. Livio Mazzarella, Ing.

Luca Alberto Piter

Prof. Ing. Livio Mazzarella, Ing. Luca Alberto Piter

Efficienza Energetica
attraverso la Diagnosi
e il Servizio Energia negli Edifici
Efficienza
Linee Energetica
Guida
attraverso la Diagnosi
e il Servizio Energia negli Edifici
Linee Guida

2013 ANANKE s.c.


Via Lodi, 27/c - 10152 Torino - tel. 011.2474362 fax 011.2407249
email info@ananke-edizioni.com- www.ananke-edizioni.com
per conto di

AGESI - ASSISTAL - ASSOPETROLI-ASSOENERGIA


Viale F. Restelli, 3 - 20155 Milano
tel. 02.3925200 fax 02.39269016 - www.agesi.it
Prima edizione 2013
La propriet intellettuale dellopera appartiene alle associazioni di categoria Agesi, Assistal
e Assopetroli-Assoenergia. I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale, con qualsiasi mezzo (microfilm, copie fotostatiche
compresi), sono riservati per tutti i Paesi. Nessuna parte di questo libro pu essere riprodotta
con sistemi elettronici, meccanici o altro senza lautorizzazione scritta dellEditore.
Finito di stampare nel mese di settembre 2013. Prodotto interamente realizzato in Italia.

Isbn 978-88-7325-555-0

Indice

Prefazione .............................................................................................................9
Premessa .............................................................................................................11
La questione energetica ..................................................................................... 11
Il percorso per lefficienza energetica . .............................................................. 13
Generalit ........................................................................................................... 15
1.
Definizioni ............................................................................................. 19
2.
Diagnosi energetica degli immobili residenziali...................................... 23

2.1. Definizione di diagnosi energetica................................................. 23

2.2. Differenze con la certificazione energetica.................................... 23

2.3. Panorama legislativo ed obbligatoriet della diagnosi energetica.. 24

2.4. Ambito di intervento...................................................................... 34

2.4.1. Tipologie involucro edilizio................................................. 42

2.4.2. Tipologie impianto termico.................................................. 48

2.5. Requisiti di Qualit......................................................................... 53

2.5.1. Requisiti per la diagnosi....................................................... 53

2.5.2. Requisiti del REDE.............................................................. 57

2.6. Le tipologie di diagnosi (Diagnosi Leggera, Diagnosi Standard,

Diagnosi Dettagliata)...................................................................... 59
3.
Metodologia di diagnosi energetica.......................................................... 65

3.1. Fasi di processo.............................................................................. 65

3.2. Schema di esecuzione..................................................................... 75
4.
Indici di prestazione energetica ed Analisi Multicriterio delle Opportunit

di Risparmio Energetico........................................................................... 95

4.1. Definizione e Calcolo degli Indici di Prestazione Energetica........ 95

4.2. Analisi Multicriterio per la valutazione delle Opportunit di

Risparmio Energetico (ORE)......................................................... 98

4.3. Definizione dei valori di benchmark degli indici......................... 103
5.
Procedura di esecuzione ed azioni da intraprendere............................... 106

5.1. Le azioni sulle tipologie di diagnosi............................................ 106

5.2. Procedura di diagnosi leggera (I livello)...................................... 110

5.2.1. Raccolta dati delledificio e attivit in campo.................... 110

5.2.2. Inquadramento energetico del sistema edificio-impianto.. 115
5


5.2.3. Valutazione potenziale di risparmio energetico ed

economico........................................................................116

5.3. Procedura di diagnosi standard (II livello) e dettagliata

(III livello).................................................................................... 116

5.3.1. Raccolta dati delledificio.................................................. 116

5.3.1.1.Consumi storici...................................................... 116

5.3.1.1.1 Fornitura di gas naturale.................................... 120

5.3.1.1.2 Fornitura di GPL o gasolio................................ 123

5.3.1.1.3 Teleriscaldamento............................................... 125

5.3.1.1.4 Fornitura di energia elettrica............................. 127

5.3.1.2. Caratteristiche dellinvolucro................................ 131

5.3.1.2.1 Diagnosi di II livello........................................... 133

5.3.1.2.2 Diagnosi di III livello.......................................... 135

5.3.1.3 Caratteristiche degli impianti................................. 137

5.3.1.4 Profili di funzionamento........................................ 142

5.3.1.4.1 Diagnosi di II livello........................................... 142

5.3.1.4.2 Diagnosi di III livello.......................................... 142

5.3.2. Costruzione del modello energetico................................... 144

5.3.2.1 Disaggregazione dei consumi reali..................... 144

5.3.2.2 Metodo della firma energetica................................ 146



5.3.2.2.1 Metodo di costruzione della firma energetica

per diagnosi di I livello...................................................... 147



5.3.2.2.2 Metodo di costruzione della firma energetica

per diagnosi di II e III livello............................................. 149



5.3.2.2.3 Applicazioni della firma energetica.................... 151



5.3.2.2.4 Diagnosi di II livello - Dati di input della firma

energetica........................................................................... 155

5.3.2.2.5 Diagnosi di III livello - Dati di input della



firma energetica................................................................. 156

5.3.2.3 Scelta del modello di calcolo................................. 156

5.3.2.3.1 Diagnosi di II livello - Metodo

Quasi-Stazionario Mensile................................................. 166

5.3.2.3.2 Diagnosi di III livello - Metodi dinamici............ 167

5.3.3. Identificazione e valutazione delle ORE............................ 169

5.3.3.1 Valutazione preliminare......................................... 169

5.3.3.2 Identificazione degli scenari di intervento............. 170

5.3.3.3 Valutazione energetica degli scenari...................... 173

5.3.3.4 Valutazione economica degli scenari..................... 174

5.3.3.5 Valutazione ambientale degli scenari..................... 183

5.3.3.6 Scelta degli scenari tramite analisi multicriterio.... 186
6

6.
Progetto di implementazione delle ORE................................................ 189

6.1. Contenuto del progetto preliminare, definitivo ed esecutivo....... 189

6.2. Legislazione tecnica e regolamenti locali di riferimento............. 191

6.2.1. Legislazione Urbanistica: Regolamento Edilizio

Comune di Milano........................................................................ 192

6.2.2. Legislazione antincendio: DPR 151/2011 e D.M. del

12/04/1996 (per impianti di potenza superiore ai 35 kW)........... 194

6.2.3. D.M. 01/12/1975 Norme di sicurezza per apparecchi

contenenti liquidi caldi sotto pressione e specifiche tecniche

applicative (Raccolta R ISPESL edizione 2009).......................... 196

6.3. Pianificazione e gestione della manutenzione.............................. 199

6.3.1. Organizzazione e responsabilit......................................... 199

6.3.2. Definizione del Progetto.................................................... 201

6.4. Procedura di verifica dei risultati conseguiti................................ 217

6.4.1. Introduzione al Protocollo IPMVP (International

Performance Measurement and Verification Protocol)................ 217

6.4.2. La Misurazione dei Risparmi Energetici........................... 219

6.4.3. Panoramica sulle opzioni di M&V..................................... 221

6.4.4. Confini ed obiettivi della misura........................................ 224

6.4.5. Selezione dei Periodi di Misurazione................................ 225

6.4.6. Costi relativi alle opzioni di M&V.................................... 227
Bibliografia....................................................................................................... 229
Appendice A:

Appendice B:
Appendice C:
Appendice D:

Check-lists per le fasi di raccolta dati e attivit


in campo............................................................................. 233
Schede di possibili soluzioni di ORE................................. 341
Analisi economica.............................................................. 479
Contratti Servizio Energia.................................................. 495

Prefazione

prezzi alti dellenergia e la crisi hanno portato lefficienza energetica in primo


piano. Lattenzione da parte delle organizzazioni private e pubbliche cresciuta
costantemente e cos il tentativo di ridurre i consumi energetici, e con essi i costi.
Ma lefficienza energetica materia complessa. Sebbene presenti diverse
opportunit economicamente molto interessanti, richiede uno sforzo iniziale
conoscitivo consistente. Senza una diagnosi energetica, mirata a determinare i
consumi e i sistemi che li determinano allinterno dellorganizzazione, infatti
impossibile individuare gli sprechi, ossia gli ambiti in cui intervenire ottenendo
risultati pressoch a costo zero, e le opzioni di intervento accompagnate da un
investimento.
La ragione sta nel fatto che i flussi di cassa generati dallefficienza energetica
si basano sulla differenza fra i consumi prima e dopo lintervento. I dati di partenza costituiscono dunque quella baseline da cui dipendono i risparmi, e da cui
discendono dunque business plan robusti, ossia scelte accorte di investimento e
possibilit di accedere a contratti a garanzia dei risultati e/o a finanziamenti basati
sul progetto.
Che la diagnosi energetica sia importante lha riconosciuto anche lUnione
europea con la direttiva 2012/27/UE sullefficienza energetica: saranno a breve
obbligatorie le diagnosi energetiche presso le medie e grandi aziende, e gli Stati
membri hanno comunque il compito di creare condizioni favorevoli affinch le
diagnosi si estendano anche alle PMI.
Del resto una buona diagnosi anche necessaria per stabilire la baseline di
riferimento richiesta dai progetti a consuntivo riferiti ai certificati bianchi, il principale schema di incentivazione dellefficienza energetica nel nostro Paese, particolarmente importante per lindustria e i grandi progetti del terziario e della
pubblica amministrazione. Il recente provvedimento del conto termico consente
inoltre di ottenere il rimborso delle spese sostenute per le diagnosi al 100% per
gli enti pubblici: unoccasione da cercare di sfruttare al meglio.
La diagnosi energetica infine la base per ricorrere alle ESCo e allenergy
performance contracting, ossia a servizi energetici con prestazioni garantite e con
finanziamento tramite terzi. Solo una conoscenza precisa dei consumi ex ante pu
infatti consentire di valutare correttamente i flussi di cassa attesi e i potenziali
rischi, la cui gestione richiesta dagli assessment bancari.
9

La guida predisposta da Agesi risponde allesigenza delle aziende di poter fruire nei prossimi anni di diagnosi energetiche adeguate. Essa fornisce delle indicazioni puntuali su come svolgerle e pu essere usata da chi intenda formarsi sul
tema, cos come da chi gi esperto, ma voglia acquisire elementi e strumenti
aggiuntivi. Le linee guida sono basate sul regolamento UNI TR 11428 e si pongono come un manuale per il REDE (referente delle diagnosi), oltre ad anticipare
le richieste di informazione e supporto a questi temi contenute nella direttiva
2012/27/UE.
Le linee guida sono utili anche per le organizzazioni che intendano andare oltre
la diagnosi periodica, dotandosi di un efficace sistema di gestione dellenergia
(norma ISO 50001). Il sistema di gestione dellenergia un valido strumento,
che ha dimostrato a livello nazionale e internazionale di far conseguire alle organizzazioni che se ne dotino dei risultati consistenti in termini di efficientamento
energetico nel corso degli anni.
Consigliamo dunque a tutti gli interessati di fare uso della guida e di cogliere
i frutti dellefficienza energetica, preparandosi ad affrontare il domani con costi
minori, ma anche contribuendo a migliorare il mondo in cui viviamo, riducendo
le emissioni nocive e climalteranti e contribuendo a ridurre la dipendenza energetica del Paese dallestero.

Cesare Boffa,
Dario Di Santo

Federazione Italiana per luso Razionale dellEnergia

10

premessa

La questione energetica

Lenergia un tema di cui molto si discute sia a livello internazionale sia a livel-

lo europeo e nazionale.
I consumi energetici sono in aumento, in particolare quelli di combustibili fossili: a livello internazionale, dal 1980 al 2008 i consumi di energia primaria sono
aumentati di quasi il 70% e a livello europeo del 22%.
La crisi economica del 2008-2012 ha rallentato questo trend di crescita, soprattutto nei Paesi sviluppati, tuttavia le conseguenze degli attuali consumi energetici
sono visibili a livello ambientale (disastri ecologici, emissioni di CO2 e particolato
atmosferico), politico (dipendenza dallimportazione di idrocarburi e incertezza
sulla sicurezza degli approvvigionamenti) ed economico (alti e variabili prezzi
dei combustibili fossili); , quindi, opportuno e ragionevole intervenire per porre
rimedio a queste criticit.
A livello internazionale ormai assodato che lefficienza energetica, grazie
alla quale si agisce direttamente sulla riduzione dei consumi, lo strumento che
consente di ottenere i maggiori risultati in tempi brevi e a costi ridotti; si stima,
infatti, che i futuri obiettivi di riduzione delle emissioni saranno realizzabili per il
50-70% grazie allefficienza energetica.
Nel nostro Paese, in cui l85% della domanda primaria di energia soddisfatto
da fonti fossili, i vantaggi ottenibili da un miglioramento dellefficienza energetica sono ancor pi visibili.
Per intervenire in maniera mirata, laddove il potenziale di miglioramento
maggiore, necessario analizzare i consumi settoriali del nostro Paese: dalla Figura 1 si evince che il settore civile, formato da residenziale e terziario, il maggior responsabile dei consumi nazionali (35%). Si pu aggiungere che, allinterno del settore residenziale, il 70% dei consumi determinato dal riscaldamento
domestico.

11

Figura 1: Impieghi finali di energia per settore (Fonte: ENEA).

Gli edifici nazionali sprecano molta energia (Figura 2): il tasso di efficienza
medio degli edifici privati ad uso residenziale del 54%, infatti a fronte di 37,5
milioni di tep prodotti per il fabbisogno energetico degli edifici stessi, 17,2 milioni sono persi; per il settore pubblico le perdite sono del 50% con 6,5 milioni di tep
dissipati sul 13 milioni di energia primaria forniti. Nellindustria, su 62 milioni di
tep di energia primaria, il 45% perso.

Figura 2: Energia primaria utilizzata nel settore residenziale privato, nel pubblico e
nellindustria: utile e spreco (Fonte: Cremonesi consulenze).

12

La recente Direttiva sullefficienza energetica 2012/27/UE, che potr essere


recepita dagli Stati membri entro giugno 2014, delinea i comportamenti da seguire per raggiungere gli importanti obiettivi di riduzione dei consumi energetici.
Lobiettivo europeo quello di intervenire con una strategia di medio e lungo
periodo sugli edifici esistenti, riqualificandoli dal punto di vista dellinvolucro e
degli impianti, tramite un percorso che inizi dalla diagnosi e progettazione, prosegua con gli interventi di miglioramento dellefficienza energetica e si mantenga
nel tempo tramite la gestione e la manutenzione con contratti a garanzia di risultato. Questo intento si evince chiaramente dai punti elencati:
si privilegia il retrofit sulledificio; necessario investire sulla riqualificazione
dellesistente piuttosto che sul nuovo in particolare perch:
non accettabile uno sviluppo urbano illimitato, soprattutto perch andando
avanti con questa tendenza si aumenta notevolmente il rischio idrogeologico
delle aree urbane del nostro Paese, senza considerare che tale sviluppo elimina costantemente areali naturali fondamentali per le specie animali e vegetali, inoltre limita lo sviluppo di infrastrutture di cui c maggiore bisogno;
la domanda di abitazioni nuove in continua diminuzione e, di conseguenza, il mercato di questo settore in decrescita.
si vuole sviluppare una strategia di medio e lungo termine affinch gli interventi siano eseguiti in maniera organizzata e secondo un piano di riferimento
temporale definito secondo gli obiettivi prefissati;
lesecuzione dellintervento preceduta da una fase di progettazione: in questo
senso la diagnosi energetica (o audit energetico) fondamentale per valutare
nel dettaglio le caratteristiche e i bisogni energetici delledificio, affinch si
opti per le soluzioni tecniche ed economiche pi adeguate per ledificio in
analisi;
si vuole facilitare laccesso al credito per gli interventi di miglioramento
dellefficienza energetica tramite schemi di finanziamento vincenti;
si vuole stimolare la Pubblica Amministrazione a divenire un modello virtuoso, che sia da esempio anche per i privati.

Il percorso per lefficienza energetica


Lo schema proposto da queste Linee Guida in accordo con gli obiettivi della direttiva descritta, poich contiene un modello completo per fare efficienza
energetica; lattenzione centrata sulla diagnosi energetica, necessaria alla scelta
dei pi idonei interventi di retrofit sulledificio. Lintento che tale modello sia
applicato sugli edifici residenziali privati e, di conseguenza, esso corrisponde ad
uno schema utilizzabile anche in altre tipologie di edifici, come quelli del terziario e della Pubblica Amministrazione (social-housing, scuole, uffici e ospedali),
13

in linea con gli obiettivi della 2012/27/UE.


Questo testo delinea il percorso ottimizzato per gli interventi di efficientamento energetico delledificio, ripercorrendo nel dettaglio tutte le relative fasi fondamentali e i ruoli che il Condominio e la Societ di Servizi Energetici (ESCo)
devono avere allinterno di questo processo:
la ESCo esegue:
una valutazione della prestazione energetica delledificio con conseguente
modellizzazione del comportamento delledificio stesso;
unipotesi degli interventi eseguibili sullinvolucro e sugli impianti per il
miglioramento dellefficienza energetica delledificio, tramite le Opportunit di Risparmio Energetico (ORE);
unanalisi energetica delle ipotesi di ORE;
unanalisi economica, tramite indicatori specifici, delle ORE proposte con
relativa valutazione del tempo di ritorno e della fattibilit economica delle
stesse;
unanalisi ambientale delle ORE proposte, per la valutazione della riduzione
degli impatti delledificio sullambiente;
il Condominio/Cliente e la ESCo:
scelgono le ORE e sottoscrivono un Contratto di Servizio Energia con Garanzia di Risultato ed eventuale Finanziamento Tramite Terzi;
la ESCo:
esegue gli interventi di miglioramento dellefficienza energetica del sistema
edificio-impianto;
negli anni successivi allintervento, secondo la durata contrattuale, esegue la
Gestione e Manutenzione del sistema edificio-impianto.
evidente che ogni caso specifico caratterizzato da un differente contesto
per il quale non necessario seguire, in tutti i casi, il percorso ottimizzato in ogni
sua fase.
Queste Linee Guida sono nate nel contesto di un Progetto per lo sviluppo
dellefficienza energetica nel settore residenziale della citt di Milano, il quale
stato concepito e presentato da Agesi in sede di uno dei tavoli di lavoro Expo
indetti dalla Camera di Commercio nel 2011 (Tavolo Energia e Ambiente), al fine
di concretizzare le attese e le proposte del mondo privato in merito allExpo 2015;
il modello chiaramente applicabile a qualunque altra citt e contesto.

14

Generalit

el contesto residenziale odierno, sia a livello di singola unit abitativa che di


condominio, lattenzione per la gestione dellenergia e per la razionalizzazione
dei consumi sta riscontrando una sempre maggiore attenzione presso gli utenti
finali o gli amministratori di queste realt.
Prendere coscienza di quanto si consuma e di quanto si potrebbe potenzialmente risparmiare intervenendo sullesistente uno degli obbiettivi della Certificazione Energetica, primo strumento per lo sviluppo di una consapevolezza sullo
stato dellarte delledificio analizzato. La certificazione energetica , per, soltanto uno spunto per fare comprendere alcuni elementi anche a coloro che non
sono tecnici; una volta acquisita tale conoscenza occorre concretizzare limpegno
a raggiungere un determinato obbiettivo di risparmio. Loperazione non banale,
in quanto non approcciabile da personale non tecnico ed anche in ambito tecnico
non sempre scontato che le soluzioni proposte per lottenimento di un risparmio
energetico siano quelle che meglio ottimizzano il rapporto costi-benefici.
Da qui lesigenza per coloro che gestiscono ed amministrano immobili (e relativi inquilini) di rivolgersi a specifiche strutture organizzative, le E.S.Co. (Energy
Service Company), che, tramite un know-how specifico sulla materia, sono in
grado di condurre le operazioni di efficientamento energetico, massimizzando le
risorse a disposizione e garantendo allutente finale un risultato sia in termini di
risparmio energetico che di messa in sicurezza degli impianti presenti.
In un complesso contesto di opinioni ed esigenze estremamente frammentate
come quello condominiale, lapproccio di tali societ pu soltanto essere basato
sul concetto di profit sharing, ovvero sulla condivisione dei risultati e dei risparmi ottenuti. Sebbene le modalit di impostazione di un contratto di questo
genere siano differenti, questo sempre fondato su un doppio vantaggio: per il
cliente che vede alleggerita la spesa energetica e viene reso il pi possibile autonomo e responsabile dei propri consumi, per la E.S.Co. che ottiene un profitto dai
risparmi economici derivanti dagli investimenti a breve-medio termine in materia
di efficientamento del sistema edificio-impianto.
A questi vantaggi si aggiunge limportante eredit che, in termini di attenzione
alla gestione ed alla manutenzione del sistema edificio-impianto, la E.S.Co. lascia al
termine del contratto: per il cliente non si tratta, dunque, soltanto di mero risparmio
economico nel periodo contrattuale, ma lacquisizione di una consapevolezza sulla
15

propria politica energetica che pu avere riscontri positivi anche a lungo termine.
La E.S.Co il soggetto che pu eseguire nel migliore dei modi e in ogni sua
fase un processo di diagnosi energetica: essa infatti possiede capacit organizzative, diagnostiche, progettuali, gestionali e finanziarie. Tutti questi requisiti,
dettagliatamente esplicati nella UNI CEI 11352, sono indispensabili affinch il
cliente riceva il servizio migliore possibile e siano ottenuti risultati secondo il
massimo potenziale; per garantire che il cliente possa essere certo sulle qualit di
una E.S.Co, il Ministero dello Sviluppo Economico sta procedendo per delineare
le modalit e gli obblighi di certificazione delle E.S.Co, ma attualmente non esistono vincoli normativi in tal senso.
Qui di seguito (Figura 3) vengono riportate le macro-fasi per linstaurazione
di un rapporto tra committenza ed E.S.Co., nel quale si noter immediatamente,
a conferma di quanto appena descritto, come ci sia una connessione tra scelte del
cliente ed attivit della Societ.

Figura 3: Sistema di gestione dellenergia tra E.S.Co. e Committenza.

16

Esigenze/opportunit energetiche: nascita delle esigenze/opportunit energetiche sulledificio in oggetto; ad esempio: esigenza di risparmio energetico/
economico sui consumi; esigenza di ristrutturazione edilizia; opportunit di
riqualificazione energetica delledificio con possibilit di detrazione fiscale ai
fini IRPEF; opportunit di riduzione dei consumi a seguito di modifiche impiantistiche; esigenza di avvalersi di un servizio di gestione e manutenzione
degli impianti; ecc.;
Presa di coscienza: analizzate le esigenze/opportunit energetiche delledificio,
la committenza definisce lindirizzo da intraprendere, ovvero gli obiettivi da
realizzare in funzione delle risorse e dei propri vincoli;
Contatto con la E.S.Co.: il contatto con la E.S.Co. (Energy Service Company)
ha lo scopo preliminare di definire i gli obiettivi ed i termini contrattuali tra le
parti;
Politica di gestione dellenergia: analisi della politica di gestione dellenergia
fino ad ora adottata e definizione della direzione che si intende intraprendere
sulla base delle risorse disponibili, agli obiettivi ed ai vincoli concordati con
committenza;
Pianificazione energetica: definizione delle caratteristiche del comportamento
energetico delledificio, inteso come diagnosi energetica, processo finalizzato
allindividuazione di interventi di miglioramento di prestazioni energetiche;
Implementazione: Applicazione degli interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche individuati, attraverso la redazione di un progetto di attuazione, la pianificazione delle operazioni di gestione e manutenzione nonch le
definizioni delle procedure di misura e verifica dei risultati;
Controllo: monitoraggio, misura e verifica dellefficienza del sistema edificioimpianto, tramite lanalisi delle prestazioni energetiche complessive. Il monitoraggio, opportunamente documentato consiste in un periodico confronto tra
consumi effettivamente registrati e consumi attesi, in modo tale da individuare
eventuali scostamenti significativi ed intervenire tempestivamente mediante
lapplicazione di correzione, azioni correttive e azioni preventive;
Riesame: valutazione del raggiungimento degli obiettivi prefissati durante la fase
di pianificazione, presentazione alla committenza dei risultati ottenuti ed indirizzo allattuazione di una futura politica energetica basata sulla sensibilizzazione dellutenza e sulluso razionale dellenergia.

17

18

Definizioni

Anno termico: lanno che va dal 1 ottobre al 30 settembre dellanno successi-

vo (Delibera Autorit energia elettrica e gas n.40/2004);


Contabilizzazione: sistema di determinazione dei consumi effettivi di calore per
ogni corpo scaldante e/o unit immobiliare ai fini di effettuare il riparto degli
oneri in base al consumo effettivamente registrato. La contabilizzazione pu
essere di due tipologie: diretta o indiretta (norma UNI 10200).
Contabilizzazione diretta: basata sullutilizzo di contatori di calore atti alla
misura dellenergia termica volontariamente prelevata per ogni unit immobiliare; applicabile solitamente agli impianti termici centralizzati a distribuzione orizzontale dotati di termoregolazione.
Contabilizzazione indiretta: consiste nella determinazione dei consumi volontari di energia termica dei singoli utenti basata sullutilizzo dei ripartitori (conformi alla UNI EN 834) o di altri dispositivi (totalizzatori conformi alla UNI
9019 e alla UNI/TR 11388:2010) installati, unitamente ad una valvola termostatica, od altro idoneo attuatore termostatico, su ciascun corpo scaldante. Viene utilizzata solitamente sugli impianti centralizzati a distribuzione verticale.
Contatore: strumento per la misurazione diretta della quantit di combustibile
o energia elettrica consumata dallutente finale. Di propriet della societ di
distribuzione del corrispondente vettore energetico che ne cura linstallazione,
la manutenzione e le letture, tale strumento fornisce quindi il dato di consumo
per la conseguente determinazione delle fatturazioni e dellenergia primaria
attraverso gli opportuni fattori di conversione.
Diagnosi energetica: una procedura sistematica che si propone di definire il
bilancio energetico del sistema edificio-impianto e individuare i possibili risparmi e/o recuperi delle energie disperse; valutare le condizioni di benessere
termoigrometrico necessarie ad individuare appropriate soluzioni di risparmio
energetico; valutarne le opportunit dal punto di vista tecnico-economico ed
ottimizzare le modalit di gestione del sistema edificio-impianto (contratti di
fornitura di energia, modalit di conduzione, ecc.) ai fini di una ridurne i costi;
Edificio: insieme di pi unit abitative servite dal medesimo impianto termico,
comprese le eventuali pertinenze al servizio della funzione delledificio;
Fattore di correzione: grandezza quantificabile che influenza il consumo energetico utilizzata per normalizzare e confrontare in modo omogeneo i consumi
19

(es. superficie lorda, volume riscaldato delledificio, numero di abitazioni o


abitanti, profilo caratteristico di funzionamento, ecc.);
Gradi giorno: la somma, estesa a tutti i giorni di un periodo annuale convenzionale di riscaldamento, delle sole differenze positive giornaliere tra la temperatura dellambiente, fissata convenzionalmente a 20C e la temperatura media
esterna giornaliera di una determinata localit; lunit di misura utilizzata
ilgrado giorno(GG).
In funzione del livello di dettaglio da assumere, i gradi giorno possono essere
desunti da:
Allegato A del DPR 412/1993;
Elaborazione dei dati reperiti dallarchivio dati meteorologici della rete
meteorologica di Arpa Lombardia (http://ita.arpalombardia.it/meteo/dati/
richiesta.asp);
Elaborazione dei dati direttamente rilevati in opera e registrati mediante
data-logger;
Impianto termico: linsieme dei sistemi impiantistici predisposti al soddisfacimento dei servizi di riscaldamento ovvero di climatizzazione invernale, di
raffrescamento ovvero di climatizzazione estiva, di produzione di acqua calda
sanitaria, di eventuale autoproduzione combinata di energia elettrica insieme
con energia termica per il riscaldamento e/o raffrescamento (ovvero climatizzazione invernale e/o estiva) delledificio, ventilazione meccanica con trattamento dellaria;
Opportunit di Risparmio Energetico (ORE): intervento di modifica e/o sostituzione di singole componenti dellinvolucro e/o degli impianti termici
delledificio o alla gestione degli stessi finalizzato al miglioramento delle prestazioni energetiche;
Organizzazione: Gruppo, societ, azienda, impresa, ente o istituzione, ovvero
loro parti o combinazioni, in forma associata o meno, pubblica o privata, che
abbia una propria struttura funzionale e amministrativa con lautorit di controllare il proprio uso e consumo di energia. [UNI CEI EN ISO 50001].
Periodo di riscaldamento: il periodo dellanno nel quale consentito tenere
in funzione gli impianti di riscaldamento; suddiviso in sei fasce (dalla A alla
F) in funzione del clima della localit dove ubicato ledificio (Allegato A
del DPR 412/93); Per la zona climatica E (Comune di Milano) il periodo di
riscaldamento compreso tra il 15 ottobre e il 15 aprile, con un numero di ore
massime per laccensione dellimpianto pari a 14.
Referente della diagnosi (REDE): Esperto responsabile per la realizzazione della diagnosi energetica;
Scenario di intervento: gruppi di ORE combinate riguardanti una o pi sottosistemi delledificio.
20

Sistema di generazione: sistema preposto alla conversione in energia termica di


altre forme di energia (chimica del combustibile, elettrica, ecc.), nella quota
richiesta dal o dai diversi sistemi impiantistici ad esso connessi. Pu essere
costituito da uno o pi generatori termici, anche di diversa tipologia e impieganti vettori energetici diversi, operanti in modo differenziato a seconda delle
logiche di gestione adottate.
Sistema energetico: insieme tecnologico in grado di generare, gestire o controllare una richiesta di energia per il soddisfacimento di condizioni predefinite;
Sistema impiantistico: insieme dei sottosistemi impiantistici predisposti al soddisfacimento di uno dei seguenti servizi: riscaldamento ovvero climatizzazione invernale, raffrescamento ovvero climatizzazione estiva, produzione di acqua calda sanitaria, eventuale autoproduzione combinata di energia elettrica
insieme con energia termica per il riscaldamento e/o raffrescamento (ovvero
climatizzazione invernale e/o estiva) delledificio, ventilazione meccanica con
eventuale parziale trattamento dellaria, facenti capo ad un unico sistema di
generazione di energia termica, anche se funzionalmente o materialmente suddiviso in pi parti.
Unit abitativa (abitazione o unit immobiliari): insieme di pi unit ambientali sistematicamente legate tra loro e nel loro insieme indipendenti tali da
consentire la funzione dellabitare. Linsieme di una o pi unit abitative costituiscono ledificio.
Zona termica: parte delledificio, cio insieme di ambienti a temperatura controllata o climatizzati, per la quale si abbia sufficiente uniformit spaziale nella
temperatura dellaria (ed eventualmente nellumidit) e per la quale si abbia un
unico e comune valore prefissato della grandezza controllata (temperatura e,
eventualmente, umidit di set-point), si abbia la stessa tipologia di occupazione e destinazione duso, e che, per ogni servizio, sia servita da ununica tipologia di sistema impiantistico, ovvero da pi tipologie tra loro complementari,
purch facenti parte dello stesso impianto termico.

21

22

Diagnosi Energetica degli immobili


residenziali

2.1 - Definizione di diagnosi energetica

l D.Lgs. 115/08, ripreso dalla Regione Lombardia DGR VIII 8745 del 22/10/2008
cos come dalla norma UNI CEI/TR 11428 definisce diagnosi energetica una
procedura sistematica volta a:
fornire unadeguata conoscenza del profilo di consumo energetico di un edificio o gruppo di edifici, di unattivit o impianto industriale o di servizi pubblici
o privati;
individuare e quantificare le opportunit di risparmio energetico sotto il profilo
costi-benefici;
riferire in merito ai risultati.
Tale definizione, con riferimento alledificio, pu essere estesa e dettagliata
come segue:
diagnosi energetica una procedura sistematica che si propone di:
definire il bilancio energetico del sistema edificio-impianto e individuare i possibili recuperi delle energie disperse;
valutare le condizioni di benessere termoigrometriche e di sicurezza necessarie
ed individuare appropriate soluzioni di risparmio energetico;
valutarne le opportunit dal punto di vista tecnico-economico ed ottimizzare le
modalit di gestione del sistema edificio-impianto (contratti di fornitura di energia, modalit di conduzione, ecc.) ai fini di una riduzione dei costi di gestione.

2.2 - Differenze con la certificazione energetica


Sebbene in prima analisi la certificazione energetica (lattestato di certificazione
energetica, ACE, stato recentemente sostituito dallattestato di prestazione energetica, APE, con il Decreto legge 63/2013) possa essere considerata simile alla
diagnosi energetica, in quanto offrono entrambe una caratterizzazione energetica
di un sistema edificio/impianto, in realt hanno obbiettivi, condizioni al contorno
e competenze richieste differenti.
La certificazione energetica ha come obiettivo principale quello di rappresentare in forma pi semplice possibile una qualit energetica di un sistema
23

edificio/impianto riferita a condizioni standard normalizzate, in modo da rendere comprensibili anche ai soggetti non tecnici gli indicatori che esprimono tale
qualit energetica. La finalit ultima quella della confrontabilit, ovvero della
definizione di una prestazione energetica rispetto ad una metodologia standardizzata e dellinserimento di questa in una scala di classificazione, in modo da
comprendere se la prestazione energetica delledificio elevata e quindi rappresentante un valore aggiunto per limmobile oppure mediocre, per cui necessita
di interventi di riqualificazione. Solo secondariamente ha la finalit di dare delle
indicazioni di massima sui possibili interventi di risparmio energetico attuabili,
ovvero sul come aumentare la qualit energetica del sistema edificio/impianto
in oggetto: lobbiettivo in questo caso non definire tecnicamente un intervento
di miglioramento, quanto descrivere genericamente una soluzione di risparmio
energetico che possa essere da stimolo ad una eventuale successiva richiesta di
energetica.
La diagnosi energetica si pone lobbiettivo di effettuare unanalisi approfondita e sistematica sulla quantificazione e le modalit di utilizzo dellenergia al fine
di valutare le potenziali soluzioni di risparmio energetico secondo una logica di
miglior rapporto costi-benefici. Si tratta, quindi, di esaminare il comportamento reale del sistema edificio-impianto, analizzando i dati storici di consumo, i
profili di utilizzo specifici, le condizioni climatiche, le tipologie impiantistiche
presenti in modo da costruire un modello energetico delledificio che rispecchi
leffettivo utilizzo dellenergia. La metodologia di calcolo non pu pi quindi
essere standardizzata, ma deve adattarsi alle diverse condizioni al contorno di
ciascun edificio ed al grado di approfondimento che si vuole ottenere. La finalit ultima di una diagnosi energetica la valutazione delle possibili Opportunit
di Risparmio Energetico (ORE), secondo unanalisi non incentrata soltanto sul
risparmio puramente energetico, ma su un insieme di criteri (economici, energetici, ambientali, di immagine) a cui viene dato un peso diverso in relazione alle
esigenze della committenza.

2.3 - Panorama legislativo ed obbligatoriet della diagnosi


energetica
Ai fini di conseguire gli obiettivi di efficienza energetica imposti a livello europea ogni singolo stato membro ha recepito autonomamente a livello nazionale le
direttive europee come ad esempio:
Direttiva 2002/91/CE riguardante lefficienza energetica nelledilizia, recepita
il 19 agosto 2005 dal Decreto Legislativo 192 e successive modificazioni;
Direttiva 2006/32/CE, concernente lefficienza energetica negli usi finali e i
24

servizi energetici, che si inserisce nel quadro delle azioni necessarie per adempiere agli obiettivi del Protocollo di Kyoto; recepita a livello italiano col Decreto Legislativo 30 maggio 2008 n. 115.
Il regime transitorio ai fini dellefficienza energetica impostato dal D. lgs. 192 viene
di fatto abrogato e sostituito il 2 aprile 2009 dal DPR n. 59, mentre per la certificazione
energetica, il 26 giugno 2009, vengono pubblicate a livello nazionale dal MiSE le linee
guida di azione per la certificazione energetica degli edifici. Tali linee guida non sono
recepite dalle regioni che hanno adottato un loro protocollo di certificazione regionale.
La direttiva 2002/91/CE stata abrogata, il 1 febbraio 2012 dalla direttiva
2010/31/CE, che apporta rispetto alla legislazione precedente importanti novit:
promuove il miglioramento della prestazione energetica degli edifici allinterno
dellUnione europea, tenendo conto delle condizioni locali e climatiche esterne,
nonch delle prescrizioni relative al clima degli ambienti interni e allefficacia
sotto il profilo dei costi;
introduce ledificio di riferimento ai fini del calcolo dei requisiti minimi di
prestazione energetica che ogni singolo edifico deve conseguire;
prevede che gli Stati membri promuovano sistemi di misurazione e di controllo
intelligenti e automatizzati;
prevede che, entro il 31 dicembre 2020, tutti gli edifici di nuova costruzione
siano edifici a energia quasi zero (per i nuovi edifici della Pubblica Amministrazione, la scadenza temporale anticipata al 2018).
Il 6 giugno 2013 entrato in vigore il Decreto n. 63 di recepimento a livello
nazionale della Direttiva 2010/31/CE.
La Regione Lombardia, con il d.g.r. n. 2601/2011 e successive modifiche e
integrazioni, ha definito gli obblighi di termoregolazione e contabilizzazione autonoma del calore negli edifici.
La recente Direttiva sullefficienza energetica 2012/27/UE, che potr essere
recepita dagli Stati membri entro giugno 2014, delinea i comportamenti da seguire per raggiungere gli importanti obiettivi di riduzione dei consumi energetici e
alcuni dei suoi contenuti sono elencati di seguito:
mantenuto lobiettivo europeo di riduzione dei consumi energetici del 20%
al 2020;
dal I gennaio 2014, gli Stati membri devono ristrutturare, secondo i requisiti
minimi di prestazione energetica, il 3% della superficie lorda degli edifici pubblici di propriet del governo centrale;
gli Stati membri stabiliscono una strategia a lungo termine per mobilitare investimenti nella ristrutturazione del parco nazionale di edifici residenziali e
commerciali, sia pubblici che privati;
gli Stati membri devono incoraggiare il ricorso a strumenti di finanziamento
25

per promuovere gli obiettivi della presente direttiva.


Per quanto concerne la diagnosi energetica, la legislazione vigente in tema di
contenimento dei consumi energetici contiene, a partire dalle Direttive Europee
fino alle Deliberazioni di ciascuna Regione che abbia legiferato in materia, molteplici riferimenti ad essa.
A livello europeo la Direttiva 2012/27/UE enuncia che gli Stati membri devono promuovere la disponibilit, per tutti i clienti finali, di diagnosi energetiche di
elevata qualit, efficaci in rapporto ai costi.
A livello di legislazione nazionale gi allarticolo 3 bis del D.Lgs. 192/05 Attuazione della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia (integrato e modificato dal D.Lgs. 311/06, dal DPR 59/09 e dal D.Lgs. 28/11), si
richiede alle Regioni e alle Province Autonome di Trento e Bolzano di predisporre un programma di sensibilizzazione e riqualificazione energetica del parco
immobiliare territoriale sviluppando in particolare alcuni aspetti, tra i quali la
realizzazione di diagnosi energetiche a partire dagli edifici presumibilmente a pi
bassa efficienza.
Nello stesso decreto, nellallegato I, comma 3, viene richiesto di allegare alla
relazione tecnica una diagnosi energetica delledificio e dellimpianto, che individui gli interventi di riduzione della spesa energetica, i relativi tempi di ritorno
degli investimenti, i miglioramenti di classe energetica delledificio, motivando
le scelte impiantistiche che si vanno a realizzare, nel caso di nuova installazione
e ristrutturazione di impianti termici o sostituzione di generatori di calore con:
potenze nominali al focolare 100 kW;
impianti termici individuali per i quali la somma delle potenze dei singoli generatori o la potenza nominale dellimpianto termico preesistente risulta essere
100 kW.
Anche nel D.Lgs. 115/08 Attuazione della direttiva 2006/32/CE relativa allefficienza degli usi finali dellenergia e i servizi energetici e abrogazione della direttiva 93/76/CEE vengono toccati vari aspetti concernenti la diagnosi energetica.
Allarticolo 13 viene previsto lobbligo di diagnosi energetiche degli edifici
pubblici o ad uso pubblico, in caso di interventi di ristrutturazione degli impianti
termici o di ristrutturazioni edilizie che riguardino almeno il 15% della superficie
esterna dellinvolucro edilizio che racchiude il volume lordo riscaldato.
Allarticolo 16 prevista lapprovazione con uno o pi decreti del Ministro dello
sviluppo economico, a seguito delladozione di apposita norma tecnica da parte
dellUNI-CEI, di una procedura (di certificazione) per le diagnosi energetiche.
Allarticolo 18 vengono previste una serie di misure che riguardano:
la definizione da parte dellAgenzia nazionale per lefficienza energetica (funzione svolta dallENEA) delle modalit con cui assicurare la disponibilit di
26

sistemi di diagnosi energetica efficaci e di alta qualit destinati a individuare


eventuali misure di miglioramento dellefficienza energetica applicate in modo
indipendente a tutti i consumatori finali, prevedendo accordi volontari con associazioni di soggetti interessati (comma 1);
la predisposizione, da parte dellAgenzia, di altre misure quali i questionari
e programmi informatici disponibili su internet o inviati per posta per i segmenti del mercato aventi costi di transazione pi elevati e per strutture non
complesse, garantendo comunque la disponibilit delle diagnosi energetiche
per i segmenti di mercato in cui esse non sono commercializzate (comma 2).
Sempre nello stesso articolo (comma 3) viene stabilita, in modo contradditorio,
lequivalenza tra certificazione energetica (D.Lgs. 192/05) e diagnosi energetica
rispondente a requisiti indicati, contraddittorio in quanto al comma 1 fa riferimento impiego di procedure di alta qualit, mentre nella definizione della certificazione si fa riferimento a suggerimenti in merito agli interventi pi significativi
ed economicamente convenienti per il miglioramento della predetta prestazione
energetica. Di conseguenza non pu la certificazione energetica essere equivalente alla diagnosi energetica soddisfacente i commi 1 e 2, ma sicuramente di
qualit inferiore; inoltre come gi detto mentre la certificazione fa riferimento a
condizioni standard di utilizzo delledificio, la diagnosi si effettua considerando
le condizioni di esercizio effettive: una per tutte, la certificazione considera gli
impianti attivi 24 ore su 24, la diagnosi considera il loro spegnimento notturno o
attenuazione.
NellAllegato 3 vengono indicate le specifiche tecniche da adottare per le
metodologie di calcolo per lesecuzione delle diagnosi energetiche degli edifici
(Metodologie di calcolo della prestazione energetica degli edifici e degli impianti):
a. UNI/TS 11300 Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 1: Determinazione
del fabbisogno di energia termica delledificio per la climatizzazione estiva ed
invernale;
b. UNI/TS 11300 Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 2-1: determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione
invernale e la produzione di acqua calda sanitaria nel caso di utilizzo dei combustibili fossili;
c. UNI/TS 11300 Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 2-2: determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione
invernale e la produzione di acqua calda sanitaria nel caso di:
1. utilizzo di energie rinnovabili (solare termico, solare fotovoltaico, biomasse);
2. utilizzo di altri sistemi di generazione (cogenerazione, teleriscaldamento,
pompe di calore elettriche e a gas).
27

Le ultime due specifiche tecniche sono in realt state pubblicate, rispettivamente, come UNI/TS 11300-2 Prestazioni energetiche degli edifici, Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria e UNI/TS 11300-4
Prestazioni energetiche degli edifici, Parte 4: Utilizzo di energie rinnovabili e di
altri metodi di generazione per la climatizzazione invernale e per la produzione
di acqua calda sanitaria pubblicata al 10 maggio 2012.
Si ricorda che esiste anche la UNI/TS 11300 Prestazioni energetiche degli edifici - Parte 3: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti
per la climatizzazione estiva. La problematica estiva viene affrontata marginalmente nei decreti di recepimento anche se introdotta con forza dalla Direttiva
2002/91/CE.
Nel DPR 59/09, Regolamento di attuazione dellarticolo 4, comma 1, lettere
a) e b), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, concernente attuazione della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia, viene confermato,
per potenze nominali al focolare 100 kW e in caso di:
nuova installazione di impianti termici,
ristrutturazione integrale di impianti termici,
sostituzioni di generatori di calore,
lobbligo di allegare alla relazione tecnica una diagnosi energetica delledificio
e dellimpianto. In tale diagnosi vanno individuati gli interventi di riduzione della
spesa energetica con i relativi tempi di ritorno degli investimenti, e i possibili
miglioramenti di classe delledificio.
Nel D.M. 26 giugno 2009 Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici, allarticolo 8 dellAllegato A viene riportata la procedura di
certificazione energetica degli edifici che comprende il complesso di operazioni
svolte dai Soggetti certificatori quali:
lesecuzione di una diagnosi, o di una verifica di progetto;
la classificazione delledificio in funzione degli indici di prestazione energetica;
il rilascio dellattestato di certificazione energetica.
La diagnosi (per gli edifici esistenti) o la verifica di progetto (per gli edifici in
realizzazione) viene finalizzata alla determinazione della prestazione energetica
dellimmobile e allindividuazione degli interventi di riqualificazione energetica
che risultano economicamente convenienti e si sviluppa attraverso:
a. il reperimento dei dati dingresso, relativamente alle caratteristiche climatiche
della localit, alle caratteristiche dellutenza, alluso energetico delledificio
e alle specifiche caratteristiche delledificio e degli impianti, avvalendosi, in
primo luogo dellattestato di qualificazione energetica;
b. la determinazione della prestazione energetica mediante applicazione di appro28

priata metodologia, relativamente a tutti gli usi energetici, espressi in base agli
indici di prestazione energetica EP totale e parziali;
c. lindividuazione delle opportunit dintervento per il miglioramento della prestazione energetica in relazione alle soluzioni tecniche proponibili, ai rapporti
costi-benefici e ai tempi di ritorno degli investimenti necessari a realizzarle.
Al comma 3 dello stesso articolo viene specificato che le modalit esecutive della diagnosi energetica possono essere diverse e commisurate al livello di
complessit della metodologia di calcolo (tra quelle indicate nelle linee guida)
utilizzata per la valutazione della prestazione energetica; viene altres aggiunto
che il Soggetto certificatore, nellambito della sua attivit di diagnosi, verifica
o controllo, pu procedere alle ispezioni e al collaudo energetico delle opere,
avvalendosi, ove necessario, di tecniche strumentali. In realt in tale articolato
il termine diagnosi ha una valenza ridotta rispetto a quella indicata nelle presenti
linee guida e nelle relative norme UNI-CEI e EN: ricordiamo che la certificazione
fa riferimento a condizioni di esercizio standardizzate, mente la diagnosi vera e
propria a condizioni di esercizio reali. Di conseguenza il termine diagnosi va qui
letto come analisi energetica in condizioni di esercizio standardizzate.
Il D.Lgs. 31/03/1998 N. 112 (Legge Bassanini) al Capo V con lart. 30 Conferimento di funzioni alle Regioni ha trasferito alle Regioni i compiti previsti
dagli articoli 12, 14 e 30 (Certificazione energetica) della legge 10/91, fatta salva
la funzione dindirizzo allo Stato ai sensi dellarticolo 8 legge 15 marzo 1997, n.
59, (larticolo stato poi abrogato dal D.Lgs. 192/05). Successivamente la legge
costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 Modifiche al titolo V della parte seconda
della Costituzione modifica lart. 117.nel seguente modo La potest legislativa
esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonch dei
vincoli derivanti dallordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali
omissis - La potest regolamentare spetta allo Stato nelle materie di legislazione
esclusiva, salva delega alle Regioni. La potest regolamentare spetta alle Regioni
in ogni altra materia.. Lenergia non indicata tra le materie di legislazione
esclusiva dello stato. Lenergia viene considerata, infatti, materia concorrente
(cio, fatti salvi i principi generali, di materia dello Stato, sono le regioni a dover
disporre i principi attuativi, ... cio legiferare per attuare) solo relativamente a
..., produzione, trasporto e distribuzione nazionale dellenergia, .... Gli usi finali
sono di competenza delle regioni.
Di contro, lo Stato autorizzato, non dallArt. 117 della Costituzione, ma
dallarticolo 16, comma 3 della legge 4 febbraio 2005 n. 11 a legiferare su materie di competenza delle regioni solo in modo transitorio al fine di porre rimedio
alleventuale inerzia dei suddetti enti nel dare attuazione a norme comunitarie,
ad esempio il recepimento delle direttive sullefficienza energetica degli edifici,
materia di competenza delle regioni.
29

Le regioni italiane che hanno recepito alla data del 30 luglio 2012 la direttiva
EU 91/2002 sono solo Valle dAosta, Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Puglia, Sicilia e la provincia autonoma di
Bolzano (10 su 20).
La Regione Lombardia fa dunque parte di quelle Regioni che hanno recepito
autonomamente la Direttiva EU 91/2002 attraverso la Deliberazione VIII/8745,
corrispettiva al D.Lgs. 192/05 in ambito nazionale. Anche nella Deliberazione
sono presenti riferimenti espliciti al concetto di diagnosi energetica: al paragrafo
6.1 si specifica che, nel caso di nuova installazione, ristrutturazione di impianti
termici o sostituzioni di generatori di calore, per installazioni di potenze termiche
utili nominali maggiori o uguali a 100 kW, fatto altres obbligo di produrre oltre
alla relazione tecnica di cui allallegato B, lattestato di certificazione energetica e
una diagnosi energetica delledificio nella quale oltre a quantificare le opportunit
di risparmio energetico sotto il profilo costi benefici dellintervento sullimpianto
termico, si individuino le ulteriori misure utili alla riduzione della spesa energetica, i relativi tempi di ritorno degli investimenti e i possibili miglioramenti di
classe energetica delledificio.
Si specifica, inoltre, che nel caso di edifici costituiti da quattro o pi unit
immobiliari, in cui si optato per linstallazione di impianti termici indipendenti per ciascuna unit immobiliare, anche a decisione autonoma dei singoli,
permane lobbligo di produrre oltre alla relazione tecnica di cui allAllegato B,
lattestato di certificazione energetica di cui allAllegato C. Quando il limite di
100 kW raggiunto o superato dalla somma delle potenze dei singoli generatori di calore da installare nelledificio o dalla potenza nominale dellimpianto
termico preesistente obbligatorio produrre oltre alla relazione tecnica di cui
allAllegato B, lattestato di certificazione energetica e una diagnosi energetica
delledificio.
In Tabella 1 e in Tabella 2 sono visibili la legislazione e le norme di riferimento
citate allinterno del testo (le appendici sono escluse).
Tabella 1: Legislazione di riferimento.
Numero e anno

Titolo

Direttiva 2002/91/CE

Rendimento energetico nelledilizia

Direttiva 2005/32/CE

Istituzione di un quadro per lelaborazione di specifiche


per la progettazione ecocompatibile dei prodotti che consumano energia e recante modifica della direttiva 92/42/
CEE del Consiglio e delle direttive 96/57/CE e 2000/55/
CE del Parlamento europeo e del Consiglio

Direttiva 2006/32/CE

Efficienza energetica negli usi finali e i servizi energetici

Direttiva 2010/31/UE

Prestazione energetica nelledilizia

30

Direttiva 2012/27/UE

Efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/


CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e
2006/32/CE

Legge 10/91

Norme per lattuazione del piano energetico nazionale in


materia di uso razionale dellenergia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia

Legge 15 marzo 1997,


n. 59

Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della Pubblica
Amministrazione e per la semplificazione amministrativa

Legge costituzionale
18 ottobre 2001, n. 3

Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione

Legge 4 febbraio 2005


n. 11

Norme generali sulla partecipazione dellItalia al processo


normativo dellUnione europea e sulle procedure di esecuzione degli obblighi comunitari

D. Lgs. 31/03/1998 N. 112

Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I
della L. 15 marzo 1997, n. 59

D.Lgs. 192/05

Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico in edilizia

D.Lgs. 311/06

Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo


19 agosto 2005, n. 192

D.Lgs. 201/07

Attuazione della direttiva 2005/32/CE relativa allistituzione


di un quadro per lelaborazione di specifiche per la progettazione ecocompatibile dei prodotti che consumano energia

D.Lgs. 115/08

Attuazione della direttiva 2006/32/CE relativa allefficienza degli usi finali dellenergia e i servizi energetici e abrogazione della direttiva 93/76/CEE

D.Lgs. 28/11

Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione


delluso dellenergia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE
e 2003/30/CE

D.L. 63/2013

Disposizioni urgenti per il recepimento della Direttiva


2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del
19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nelledilizia
per la definizione delle procedure dinfrazione avviate dalla Commissione europea, nonch altre disposizioni in materia di coesione sociale

DPR n. 412/93

Regolamento recante norme per la progettazione, linstallazione, lesercizio e la manutenzione degli impianti termici degli edifici ai fini del contenimento dei consumi di
energia, in attuazione dellart. 4, comma 4, della L. 9 gennaio 1991, n. 10

31

DPR 59/09

Regolamento di attuazione dellarticolo 4, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192,
concernente attuazione della direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizia

DPR 151/2011

Regolamento recante semplificazione della disciplina dei


procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi, a norma dellarticolo 49, comma 4-quater, del decreto-legge 31
maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122

DPR 74/2013

Regolamento recante definizione dei criteri generali in


materia di esercizio, conduzione, controllo, manutenzione e ispezione degli impianti termici per la climatizzazione invernale ed estiva degli edifici e per la preparazione
dellacqua calda per usi igienici sanitari, a norma dellarticolo 4, comma 1, lettere a) e c), del decreto legislativo 19
agosto 2005, n. 192

D.M. 1/12/1975

Norme di sicurezza per apparecchi contenenti liquidi caldi sotto pressione

D.M. 16/05/1987 n. 246

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

D.M. 12/04/1996

Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi


per la progettazione, la costruzione e lesercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi

D.M. n. 329/04

Regolamento recante norme per la messa in servizio ed


utilizzazione delle attrezzature a pressione e degli insiemi di cui allarticolo 19 del decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 93

D.M. n. 37/2008

Regolamento concernente lattuazione dellarticolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2
dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attivit di installazione degli impianti allinterno degli edifici

D.M. 26 giugno 2009

Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici

D.M. 26/1/2010

Aggiornamento del decreto 11 marzo 2008 in materia di riqualificazione energetica degli edifici

Deliberazione
VIII/8745/2008

Determinazioni in merito alle disposizioni per lefficienza energetica in edilizia e per la certificazione energetica degli edifici

d.g.r. 2601/2011

Disposizioni per lesercizio, il controllo, la manutenzione


e lispezione degli impianti termici nel territorio regionale

32

Tabella 2: Sintesi delle norme di riferimento.


Numero:anno

Titolo

UNI 9910:1991

Terminologia sulla fidatezza e sulla qualit del servizio

UNI EN 834:1997

Ripartitori dei costi di riscaldamento per la determinazione del consumo dei radiatori - Apparecchiature ad alimentazione elettrica

UNI EN ISO 13791:2005

Prestazione termica degli edifici - Calcolo della temperatura interna estiva di un locale in assenza di impianti di climatizzazione - Criteri generali e procedure di validazione

UNI EN ISO 15927-4:2005

Prestazione termoigrometrica degli edifici - Calcolo e presentazione dei dati climatici - Parte 4: Dati orari per la valutazione del fabbisogno annuale di energia per il riscaldamento e il raffrescamento

UNI 8364-2:2007

Impianti di riscaldamento - Parte 2: Conduzione

UNI 8364-3:2007

Impianti di riscaldamento - Parte 3: Controllo e manutenzione

UNI EN 15603:2008

Prestazione energetica degli edifici - Consumo energetico


globale e definizione dei metodi di valutazione energetica

UNI EN 15459:2008

Prestazione energetica degli edifici - Procedura di valutazione economica dei sistemi energetici degli edifici

UNI EN 15265:2008

Prestazione energetica degli edifici - Calcolo del fabbisogno di energia per il riscaldamento e il raffrescamento degli ambienti mediante metodi dinamici - Criteri generali e
procedimenti di validazione

UNI EN ISO 6946:2008

Componenti ed elementi per edilizia - Resistenza termica


e trasmittanza termica - Metodo di calcolo

UNI EN ISO 13790:2008

Prestazione energetica degli edifici - Calcolo del fabbisogno di energia per il riscaldamento e il raffrescamento

UNI 10389-1:2009

Generatori di calore - Analisi dei prodotti della combustione e misurazione in opera del rendimento di combustione - Parte 1: Generatori di calore a combustibile liquido
e/o gassoso

UNI CEI 11352: 2010

Gestione dellenergia - Societ che forniscono servizi energetici (ESCO) - Requisiti generali e lista di controllo per la
verifica dei requisiti

UNI/TR 11388:2010

Sistemi di ripartizione delle spese di climatizzazione invernale utilizzante valvole di corpo scaldante e totalizzatore
dei tempi di inserzione

UNI CEI EN ISO


50001:2011

Sistemi di gestione dellenergia - Requisiti e linee guida


per luso

UNI CEI/TR 11428:2011

Gestione dellenergia - Diagnosi energetiche - Requisiti


generali del servizio di diagnosi energetica

33

UNI TS 11300 Parte 1:


2008

Determinazione del fabbisogno di energia termica delledificio per la climatizzazione estiva ed invernale

UNI TS 11300 Parte 2:


2008

Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei


rendimenti per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria

UNI TS 11300 Parte 3:


2010

Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei


rendimenti per la climatizzazione estiva

UNI TS 11300 Parte 4:


2012

Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per la climatizzazione invernale e perlaproduzione
di acqua calda sanitaria

UNI 9019:2013

Sistemi di contabilizzazione indiretta basati sul totalizzatore


di zona termica e/o unit immobiliare per il calcolo dellenergia termica utile tramite i tempi di inserzione del corpo scaldante compensati dai gradi-giorno dellunit immobiliare

UNI 10200:2013

Impianti termici centralizzati di climatizzazione invernale e produzione di acqua calda sanitaria - Criteri di ripartizione delle spese di climatizzazione invernale ed acqua
calda sanitaria

2.4 - Ambito di intervento


La conoscenza dellambito di intervento permette di stimare a priori la tipologia
del sistema energetico da analizzare e di conseguenza la taratura della diagnosi.
I confini dellambito di intervento oggetto delle presenti linee guida sono identificati in Tabella 3.
Tabella 3: Confini dellambito di intervento
Comune
Zona Climatica (*)
Gradi Giorno (*)
Destinazione duso prevalente in base al tipo di utenza (*)

Milano
E
2404
E.1 (1) abitazioni adibite a residenza con carattere continuativo, quali abitazioni civili e rurali, (**)

(*) vedi DPR n. 412/1993 Regolamento recante norme per la progettazione, linstallazione, lesercizio
e la manutenzione degli impianti termici ai fini del contenimento dei consumi di energia.
(**) in alcuni casi ledificio oggetto di diagnosi potrebbe avere anche pi di una categoria di destinazione
duso, ad esempio negozi commerciali al piano terra (cat. E.5) e residenze ai piani soprastanti (cat.
E.1 (1)), in questo caso il confine dellambito di intervento rappresentato da tutte le unit servite dal
medesimo impianto termico, rientranti quindi anche i negozi commerciali.

34

La destinazione duso oggetto di diagnosi quindi la tipologia residenziale. Nel


territorio di Milano le tipologie edilizie a carattere prevalentemente residenziale
possono essere suddivise in quattro macrocategorie sulla base delle caratteristiche dimensionali e funzionali degli edifici; si veda, a tal proposito, la Tabella 4.
Tabella 4: Suddivisione delle tipologie edilizie prevalentemente residenziali a Milano.
Tipologia edilizia

N. unit
abitative

Note

1. Edificio mono-bifamiliare

1-2

su uno o due piani, di tipo isolato o confinante con altri edifici; tipologie architettoniche prevalenti villetta, a schiera

2. Edificio plurifamiliare
piccolo

3 - 15

solitamente max 5 piani di tipo isolato o


confinante con altri edifici; tipologie architettoniche prevalenti in linea, a corte, a schiera

3. Edificio plurifamiliare
grande

16 - 31

solitamente max 8 piani di tipo isolato o


confinante con altri edifici; tipologie architettoniche prevalenti in linea, a corte, torre

4. Edificio a torre

> 31

Edificio con sviluppo prevalente in altezza, numero piani maggiore di 8, di tipo


isolato; tipologia architettonica a torre

Il Comune di Milano rappresenta un agglomerato urbano intensamente edificato.


Come nella maggior parte delle citt italiane ha visto una tumultuosa crescita delle
unit abitative, specialmente dagli anni del dopoguerra, dallanno 1951 fino al
1971; sviluppo frenatosi negli ultimi decenni, probabilmente a causa della saturazione del territorio e ad uno studio pi attento delle realt ambientali da parte delle
amministrazioni grazie agli strumenti di governo del territorio.
Oggi, non considerando i particolari interventi unitari di riqualificazione/conversione del territorio urbanizzato e lo sviluppo di nuovi insediamenti in zone solitamente periferiche, la maggior parte dellattivit edilizia si concentra su interventi
di manutenzione, ristrutturazione, riqualificazione e riuso del patrimonio edilizio
esistente.
Si nota, dalla Figura 4, che del totale edificato (39.308 edifici), quasi la totalit
stata realizzata prima del 1982 (periodo nel quale trova attuazione la Legge
373/1976 Norme per il contenimento del consumo energetico per usi termici
negli edifici) e prima del 1991 (anno di entrata in vigore della L. n. 10/91),
quindi come gi anticipato il patrimonio edilizio vetusto e lontano dagli standard richiesti dalle ultime legislazioni in materia di risparmio energetico. Un dato
importante da analizzare sarebbe quello relativo al numero di interventi di riqualificazioni energetiche sul patrimonio edilizio di Milano.
35

Figura 4: Edifici ad uso abitativo per epoca di costruzione Comune di Milano


(Fonte: Elaborazione censimento ISTAT 2001).

Figura 5: Edifici ad uso abitativo per tipo di materiale usato per la struttura portante Comune di Milano (Fonte: CensimentoISTAT 2001).

Da Figura 5 si nota una sostanziale parit tra il numero di edifici costruiti in muratura portante ed edifici in calcestruzzo armato. La tipologia costruttiva strettamente correlata allepoca di costruzione dei fabbricati, infatti fino al periodo del
dopoguerra gli edifici sono stati costruiti in muratura portante, dal dopoguerra in
poi la maggior parte delle costruzioni sono state realizzate in calcestruzzo armato. La tipologia costruttiva ha larga incidenza sui ponti termici delledificio, la
trasmittanza termica e linerzia termica dellinvolucro.
36

Figura 6: Edifici ad uso abitativo per numero dei piani fuori terra Comune di Milano
(Fonte: CensimentoISTAT 2001).

Da Figura 6 si evince che la maggior parte degli edifici presenti a Milano ha 4 o


pi piani fuori terra. Questo significa che le tipologie edilizie prevalenti dovrebbero essere a torre, plurifamiliare grande ed in misura inferiore plurifamiliare piccolo.

Figura 7: Abitazioni in edifici ad uso abitativo per epoca di costruzione Comune di Milano
(Fonte: CensimentoISTAT 2001).

37

Figura 8: Suddivisione del numero di abitazioni presenti nelledificio Provincia di Milano (Fonte: CensimentoISTAT 2001).

Landamento delle abitazioni per epoca di costruzione di Figura 7 segue quello


degli edifici di Figura 4; la Figura 8 (dati su base provinciale) da maggior forza
a quanto riscontrato in Figura 6, difatti la suddivisione del numero di abitazioni
presenti nelledificio a vantaggio delle categorie edilizie con molte unit abitative (edificio plurifamiliare piccolo e grande, a torre).

Figura 9: Abitazioni occupate da persone residenti per disponibilit di servizio di riscaldamento Comune di Milano (Fonte: CensimentoISTAT 2001).

38

In Figura 9 si evince che la tipologia prevalente del sistema impiantistico per


il riscaldamento del tipo centralizzato ad uso delle unit abitative delledificio.
Questi dati relazionati con quelli di Figura 6, stanno a significare quindi che la
maggior parte delle tipologie di edifici plurifamiliari e a torre sono servite da un
impianto di riscaldamento centralizzato.

Figura 10: Abitazioni occupate da persone residenti per disponibilit di servizio di acqua
calda sanitaria Comune di Milano (Fonte: CensimentoISTAT 2001).

Un ulteriore dato significativo rilevato in Figura 10; infatti, si nota che la maggior parte delle abitazioni ha la produzione di riscaldamento e acqua calda sanitaria con sottosistemi di generazione differenti. Questo dato messo in relazione
con quelli ricavati in Figura 9 pu evidenziare che le abitazioni con impianto di
riscaldamento centralizzato hanno solitamente una produzione di acqua calda sanitaria indipendente per mezzo di caldaie a combustibile gassoso o scaldabagno
elettrici. Tesi supportata dal fatto che il numero di abitazioni con la produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento dallo stesso sistema di generazione
(142.981) si avvicina al numero di abitazioni con impianto autonomo dellunit
abitativa (101.984) da Figura 9, ovvero in questi casi rientrano le tipologie edilizie mono-bifamigliari e plurifamiliari piccole.
Altri indicatori utili a ricostruire la consistenza energetica del patrimonio edilizio (dati su base regionale), ricavati su elaborazioni da analisi campionarie sono
relativi agli indicatori di forma e composizione delle superfici disperdenti (Tabella 5) e il fabbisogno energetico specifico per unit di superficie per la sola
climatizzazione invernale (Tabella 6).
39

Tabella 5: Indicatori di forma e % di composizione superfici disperdenti del patrimonio


edilizio residenziale lombardo (Fonte:ARPA, Elaborazione di standard di qualit per gli
edifici ad alta qualit energetica,2004) 11
Tipologia
edilizia

N. unit
abitative

Sup.
vetrata

Sup.
opaca

Sup.
tetto
piano

Sup.
tetto
a falda

Sup.
contatto
terreno

Sup.
copertura

S/V1

1-2

6%

46 %

11 %

13 %

24 %

24 %

0,85

3 - 15

8%

45 %

9%

15 %

24 %

24 %

0,70

16 - 31

9%

58 %

8%

10 %

17 %

18 %

0,60

> 31

18 %

60 %

8%

4%

11 %

12 %

0,40

1.
Edificio monobifamiliare
2.
Edificio plurifamiliare piccolo
3.
Edificio plurifamiliare grande
4.
Edificio a torre

Tabella 6: Fabbisogno energetico specifico per la climatizzazione invernale per unit di superficie del patrimonio edilizio residenziale lombardo, espresso in [kWh/m2]
anno (Fonte:ARPA, Elaborazione di standard di qualit per gli edifici ad alta qualit
energetica, 2004).
Tipologia
edilizia

< 1919

1919 1945

1946 1960

1961 1971

1972 1981

1982 1991

1992 2001

Media

249,22

220,87

193,76

178,12

148,49

131,49

124,13

178

206,87

185,16

163,77

151,57

125,88

111,53

105,60

150

188,66

170,64

151,41

139,75

115,46

102,61

97,13

138

151,41

140,54

127,13

119,02

96,43

85,47

81,25

114

199

179

159

147

122

108

102

145

1.
Edificio monobifamiliare
2.
Edificio plurifamiliare piccolo
3.
Edificio plurifamiliare grande
4.
Edificio a torre

Media

Dati ed indicatori di tipo energetico maggiormente consistenti sono desumibili,


per, dal catasto energetico edifici regionale (CEER), il quale gestisce larchiviazione e la consultazione informatizzata degli ACE (Attestato di Certificazione
1 S, espressa in metri quadrati, la superficie che delimita verso lesterno (ovvero verso ambienti
non dotati di impianto di riscaldamento), il volume riscaldato V; V il volume lordo, espresso in
metri cubi, delle parti di edificio riscaldate, definito dalle superfici che lo delimitano.

40

Energetica) redatti dai soggetti certificatori della Regione Lombardia. Difatti, nel
grafico di Figura 11 si pu constatare come il patrimonio edilizio del Comune di
Milano, cos come quello dellintera regione, sia decisamente poco performante
(200,32 kWh/m2anno ) e costituisca un immenso potenziale per azioni di diagnosi e
miglioramento delle prestazioni energetiche. Tale dato confermato anche dalla
Figura 12 in cui si nota che pi della met del patrimonio edilizio attualmente
rilevato ricade in classe G, mentre soltanto il 5,5 % ha prestazioni energetiche
inferiori alla classe C.

Figura 11: Fabbisogno medio di energia primaria per la climatizzazione invernale degli edifici residenziali, espresso in [kWh/m2] anno (Fonte: Elaborazione su dati catasto
energetico CEER, 2012; www.cened.it/ceer).

Figura 12: Suddivisione % per classi energetiche degli edifici residenziali nel Comune
di Milano (Fonte: Elaborazione su dati catasto energetico CEER, 2012; www.cened.it/
ceer).

41

2.4.1 - Tipologie involucro edilizio


La definizione delle tipologie costruttive e dei loro parametri termo-fisici devono
considerare i seguenti fattori:
Il patrimonio edilizio nel territorio di Milano, come nella maggior parte
dellItalia non di recente costruzione, quindi caratterizzato da tipologie di
strutture massive;
I materiali tradizionali che costituiscono i componenti edilizi sono prevalentemente pietre, laterizi (pieni e forati) e giunti di malta; calcestruzzo per le
strutture;
Il periodo di costruzione fondamentale per la definizione del livello di isolamento termico dei componenti edilizi. Si considera la seguente classificazione:
Prima del 1976 non presente materiale isolante termico allinterno delle
strutture;
Tra il 1976 e il 1991 si considera un basso livello di isolamento termico;
Tra il 1991 e il 2005 si considera un medio livello di isolamento termico;
Dopo il 2005 il livello di isolamento termico determinato dalla legislazione nazionale (D.lgs. 192/2005 e 311/2006) attraverso i valori limite di
trasmittanza termica per nuove costruzioni e per ristrutturazioni superiori
ai 1000 m2.
Si propone ora di individuare le caratteristiche principali dei componenti
dellinvolucro edilizio delle tipologie edilizie presenti nel territorio di Milano.
Per ogni categoria di componenti di involucro (parete verticale, serramento esterno vetrato, copertura, solaio verso sottotetto o locale non riscaldato, solaio verso
terreno) si riporta la descrizione sintetica, limmagine del pacchetto costruttivo,
la stima dellepoca di diffusione ed lindicazione di massima della trasmittanza
termica del componente.
Le seguenti tabelle, in caso di difficolt di reperimento di dati riguardo le caratteristiche tecniche di un edificio, possono essere utilizzate per la determinazione
della tipologia di involucro utilizzata in base alla data di costruzione.

42

Tabella 7: Stima delle caratteristiche delle pareti verticali nella tipologia edilizia prevalentemente residenziale di Milano (Fonte: Elaborazione da Gruppo di ricerca TEBE
(2011), Building Tipology Brochure).
Parete verticale
Descrizione

Immagine

Epoca di
diffusione

U [W/
m2K]

Muratura in mattoni pieni


(sp. mattoni 25 cm + intonaco)

1900 - 1950

1,76

Muratura in mattoni pieni


(sp. mattoni 38 cm + intonaco)

1900 - 1950

1,34

Muratura in mattoni pieni


(sp. mattoni 51 cm + intonaco)

1900 - 1950

1,07

Muratura in pietra listata con mattoni


(sp. 38 cm + intonaco)

1900 - 1950

1,55

Muratura in pietra listata con mattoni


(sp. 51 cm + intonaco)

1900 - 1950

1,27

Muratura mattoni e sassi


(sp. 50 cm + intonaco)

1900 - 1950

1,29

Muratura mattoni e sassi


(sp. 60 cm + intonaco)

1900 - 1950

1,13

Muratura in blocchi forati di


calcestruzzo (sp. 30 cm + intonaco)

dopo il 1950

1,22

Muratura a cassa vuota in laterizio


forato (30 cm)

1930 - 1980

1,15

Muratura a cassa vuota in laterizio


forato con basso livello di isolamento
(30 cm)

1976 - 1990

0,78

Muratura a cassa vuota in laterizio


forato con medio livello di isolamento
(30 cm)

1991 - 2005

0,59

dal 2006

0,34

Muratura in mattoni alveolati


(alta resistenza termica), alto livello
di isolamento

43

Tabella 8: Stima delle caratteristiche dei serramenti esterni vetrati nella tipologia
edilizia prevalentemente residenziale di Milano (Fonte: Elaborazione da Gruppo
di ricerca TEBE (2011), Building Tipology Brochure).
Serramento esterno vetrato
Epoca di
diffusione

U
[W/m2K]

Vetro singolo, telaio in legno

fino al 1975

4,9

Vetro singolo, telaio in metallo


senza taglio termico

fino al 1975

5,7

Vetro camera con intercapedine


di aria, telaio in legno

1975 - 2005

2,8

Vetro camera con intercapedine


di aria, telaio in metallo con taglio
termico

1991 - 2005

3,4

Vetro camera con rivestimento


basso-emissivo, intercapedine
daria o altri gas, telaio in legno,
PVC o in metallo a taglio termico

dal 2005

2,4

Descrizione

44

Immagine

Tabella 9: Stima delle caratteristiche delle coperture nella tipologia edilizia


prevalentemente residenziale di Milano (Fonte: Elaborazione da Gruppo di ricerca
TEBE (2011), Building Tipology Brochure).
Copertura
Epoca di
diffusione

U
[W/m2K]

Tetto a falde in laterizio

1930 - 1975

2,20

Tetto a falde con struttura


e tavolato in legno

fino al 1950

1,80

Tetto piano in latero-cemento

1930 - 1975

1,85

Tetto piano in latero-cemento,


basso livello di isolamento

1976 - 1990

1,01

Tetto piano in latero-cemento,


medio livello di isolamento

1991 - 2005

0,70

Tetto piano in latero-cemento,


alto livello di isolamento

dal 2006

0,30

Descrizione

Immagine

45

Tabella 10: Stima delle caratteristiche dei solai verso sottotetti non riscaldati
nella tipologia edilizia prevalentemente residenziale di Milano (Fonte: Elaborazione
da Gruppo di ricerca TEBE (2011), Building Tipology Brochure).
Solaio verso sottotetto non riscaldato
Epoca di
diffusione

U
[W/m2K]

Solaio a profilati in acciaio


e tavelloni in laterizio

1920 - 1945

2,48

Soletta in calcestruzzo armato

fino al 1930

2,66

Solaio in latero-cemento

1930 - 1975

1,65

Solaio in latero-cemento,
basso livello di isolamento

1976 - 1990

0,97

Solaio in latero-cemento,
medio livello di isolamento

1991 - 2005

0,69

dal 2006

0,30

Descrizione

Solaio in latero-cemento,
alto livello di isolamento

46

Immagine

Tabella 11: Stima delle caratteristiche dei solai verso terreno nella tipologia edilizia prevalentemente residenziale di Milano (Fonte: Elaborazione da Gruppo di ricerca TEBE
(2011), Building Tipology Brochure).
Solaio verso terreno
Epoca di
diffusione

U
[W/m2K]

Soletta in calcestruzzo armato

fino al 1930

1,95

Basamento in calcestruzzo
su terreno, basso livello
di isolamento

1976 - 1990

1,24

Basamento in calcestruzzo su
terreno, medio livello di isolamento

1991 - 2005

0,93

Basamento in calcestruzzo
su terreno, alto livello di isolamento

2006

0,33

Solaio in latero-cemento

1930 - 1975

1,30

Solaio in latero-cemento,
basso livello di isolamento

1976 - 1990

0,98

Solaio in latero-cemento,
medio livello di isolamento

1991 - 2005

0,77

dal 2006

0,33

Descrizione

Solaio in latero-cemento,
alto livello di isolamento

Immagine

47

2.4.2 - Tipologie impianto termico


Le tipologie impiantistiche prevalenti nellambito residenziale milanese sono le
seguenti:
A. Impianto termico per il riscaldamento e lacqua calda sanitaria con un unico
sottosistema di generazione centralizzato (es. caldaia a combustibile fossile
liquido o gassoso, pompa di calore ad acqua di falda, ecc.);
B. Impianto termico per il servizio di riscaldamento centralizzato nelledificio
(es. caldaia a combustibile fossile liquido o gassoso, pompa di calore ad acqua di falda, scambiatore di calore da teleriscaldamento, ecc.) e produzione di
acqua calda sanitaria indipendente nelle abitazioni (es. caldaia a combustibile
gassoso o scaldabagno elettrico);
C. Impianto termico per il riscaldamento e lacqua calda sanitaria con un unico
sottosistema di generazione indipendente in ciascuna abitazione (es. caldaia a
combustibile fossile gassoso, ecc.);
D. Impianto termico per il servizio di riscaldamento e per la produzione di acqua
calda sanitaria rispettivamente con due sottosistemi di generazione centralizzati nelledificio (es. caldaia a combustibile fossile liquido o gassoso, pompa
di calore ad acqua di falda, ecc.);
Nei casi in cui si incontrano edifici con epoca recente di costruzione o riqualificati con il miglioramento delle prestazioni energetiche, potrebbero aumentare i
sottosistemi impiantistici a servizio delledificio, quali:
Sistema di produzione dellenergia termica da fonte solare per lintegrazione
del riscaldamento e/o acqua calda sanitaria;
Sistema di produzione dellenergia elettrica da fotovoltaico;
Sistema di ventilazione meccanica con eventuale parziale trattamento dellaria.
Da evidenziare che il raffrescamento degli edifici avviene solitamente con
macchine di tipo split o multisplit indipendenti su ciascuna abitazione.
La relazione tra le tipologie edilizie e le tipologie impiantistiche del Comune
di Milano possono essere riassunta nella tabella sottostante:
Tabella 12: Relazione tra tipologia impiantistica e tipologia edilizia nel territorio di Milano (Fonte: Elaborazione dati da ARPA Lombardia (2004), Elaborazione di Standard di
Qualit per gli Edifici ad Alta Qualit Energetica).
Tipologia edilizia

N. unit abitative

Tipologia impiantistica

1. Edificio mono-bifamiliare

1-2

2. Edificio plurifamiliare piccolo

3 - 15

B, C

3. Edificio plurifamiliare grande

16 - 31

A, B, C

4. Edificio a torre

> 31

A, B, C, D

48

La tipologia impiantistica definita attraverso la combinazione dei vari sottosistemi impiantistici (emissione, distribuzione, accumulo, generazione) e degli
ausiliari elettrici a servizio degli stessi. Per ogni sottosistema fornita una descrizione, lepoca caratteristica di installazione/costruzione e lindicazione del
valore prestazionale di riferimento (rendimento, efficienza, ecc.). Per ciascun tipo
di sottosistema impiantistico viene riferita indicativamente la tipologia edilizia
prevalente.
Tabella 13: Stima della caratteristica del sottosistema di generazione del sistema
di riscaldamento nella tipologia edilizia prevalentemente residenziale di Milano
(Fonte: Elaborazione dati da ARPA Lombardia (2004), Elaborazione di Standard di Qualit per gli Edifici ad Alta Qualit Energetica e Gruppo di ricerca TEBE (2011), Building
Tipology Brochure).
Sistema di riscaldamento
Sottosistema di generazione
Tipo sottosistema
di generazione

Vettore
energetico

Epoca di
installazione

Tipologia
edilizia

Interno/esterno

gas

Tutti

Interno/esterno

gas

Tutti

2, 3, 4

Centrale termica

Gas/gasolio Tutti

1, 2, 3, 4

Caldaia a condensazione
per impianti di
riscaldamento autonomi

Interno/esterno

gas

Dal 1990

1, 2, 3, 4

Caldaia a condensazione
per impianti di
riscaldamento
centralizzati

Centrale termica

gas

Dal 1990

2, 3, 4

Teleriscaldamento

2, 3, 4

Pompa di calore
geotermica

elettricit

Dal 2005

1, 2, 3, 4

caldaia standard,

ubicazione

bruciatore atmosferico,
camino < 10 m
caldaia standard,
bruciatore atmosferico,
per impianti di
riscaldamento autonomi,
camino > 10 m
caldaia standard,
bruciatore ad aria
soffiata

49

Tabella 14: Stima della caratteristica del sottosistema di accumulo del sistema
di riscaldamento nella tipologia edilizia prevalentemente residenziale di Milano
(Fonte: Elaborazione dati da ARPA Lombardia (2004), Elaborazione di Standard
di Qualit per gli Edifici ad Alta Qualit Energetica e Gruppo di ricerca TEBE (2011),
Building Tipology Brochure).
Sistema di riscaldamento
Sottosistema di accumulo
Tipo sottosistema
di accumulo

Epoca di
installazione

Sottosistema di accumulo di
acqua calda per riscaldamento
centralizzato
Sottosistema di accumulo di acqua
calda per riscaldamento autonomo

tutte

Isolamento
Lisolamento
solitamente
caratterizzato
dallepoca di
costruzione

Sottosistema di accumulo di acqua


calda per riscaldamento

Tipologia
edilizia
2, 3, 4

2, 3, 4
1

Tabella 15: Stima della caratteristica del sottosistema di distribuzione del sistema di
riscaldamento nella tipologia edilizia prevalentemente residenziale di Milano (Fonte:
Elaborazione dati da ARPA Lombardia (2004), Elaborazione di Standard di Qualit per
gli Edifici ad Alta Qualit Energetica e Gruppo di ricerca TEBE (2011), Building Tipology Brochure).
Sistema di riscaldamento
Sottosistema di distribuzione
Tipo sottosistema
di distribuzione

Epoca di
installazione

Numero
piani

Tipologia
edilizia

Distribuzione centralizzata
a colonne montanti verticali,
collegamenti orizzontali in
ambienti non riscaldati (es. cantina
o terreno)

Da 2 in su

2, 3, 4

Distribuzione separata per


appartamento

Da 2 in su

2, 3, 4

1-2

1-2

Distribuzione centralizzata
orizzontale in ambienti riscaldati
Distribuzione centralizzata
a colonne montanti verticali,
collegamenti orizzontali in
ambienti non riscaldati (es. cantina
o terreno)

50

tutte

Tabella 16: Stima della caratteristica del sottosistema di emissione del sistema
di riscaldamento nella tipologia edilizia prevalentemente residenziale di Milano
(Fonte: Elaborazione dati da ARPA Lombardia (2004), Elaborazione di Standard
di Qualit per gli Edifici ad Alta Qualit Energetica e Gruppo di ricerca TEBE (2011),
Building Tipology Brochure).
Sistema di riscaldamento
Sottosistema di emissione
Tipo sottosistema
di emissione

Epoca
di installazione

Specifiche tecniche
(rif. UNI/TS 11300-2)

Tipologia
edilizia

Radiatori

Dal 1900 al 1975

Su parete esterna non


isolata

1, 2, 3, 4

Radiatori

Dal 1976

Su parete esterna isolata

1, 2, 3, 4

Pannelli radianti

Dal 1991 al 2005

Annegati carico termico


medio annuo tra i 4
e 10 W/m2

1, 2, 3, 4

Pannelli radianti

Dal 2005

Isolati/annegati carico
termico medio annuo
< 4 W/m2

1, 2, 3, 4

Tabella 17: Stima della caratteristica del sottosistema di generazione del sistema
di produzione acqua calda sanitaria nella tipologia edilizia prevalentemente
residenziale di Milano (Fonte: Elaborazione dati da ARPA Lombardia (2004),
Elaborazione di Standard di Qualit per gli Edifici ad Alta Qualit Energetica
e Gruppo di ricerca TEBE (2011), Building Tipology Brochure).
Sistema produzione di ACS
Sottosistema di generazione
Tipo sottosistema
di generazione

ubicazione

Vettore
energetico

Epoca di
installazione

Tipologia
edilizia

caldaia standard,
bruciatore
atmosferico, camino
> 10 m

Interno/esterno

gas

Tutti

2, 3, 4

caldaia standard,

Centrale
termica

Gas/gasolio

Tutti

2, 3, 4

bruciatore ad aria
soffiata

51

Sistema produzione di ACS


Sottosistema di generazione
Tipo sottosistema
di generazione

ubicazione

Vettore
energetico

Epoca di
installazione

Tipologia
edilizia

Caldaia standard per


impianti
di ACS autonomi
(produzione
combinata

Interno/esterno

gas

Tutti

1, 2, 3, 4

Interno/esterno

gas

Tutti

1, 2, 3, 4

Caldaia a
condensazione per
la produzione ACS

Centrale
termica

gas

Dal 1990

1, 2, 3, 4

caldaia standard a
gas per la produzione
istantanea di ACS,
a camera aperta
con/senza pilota
permanente, a
camera chiusa senza
pilota permanente

esterno

gas

1, 2, 3, 4

Scaldabagno elettrico
ad accumulo

interno

elettricit

Tutti

2, 3, 4

Pompa di calore
geotermica

elettricit

Dal 2005

1, 2, 3, 4

riscaldamento
e ACS,
per appartamento)
bruciatore
atmosferico, camino
< 10 m
Caldaia standard per
impianti
di ACS autonomi
(produzione
combinata
riscaldamento
e ACS,
per appartamento)
bruciatore ad aria
soffiata, camino
< 10 m

52

Tabella 18: Stima della caratteristica del sottosistema di accumulo del sistema
di produzione acqua calda sanitaria nella tipologia edilizia prevalentemente
residenziale di Milano (Fonte: Elaborazione dati da ARPA Lombardia (2004),
Elaborazione di Standard di Qualit per gli Edifici ad Alta Qualit Energetica
e Gruppo di ricerca TEBE (2011), Building Tipology Brochure).
Sistema produzione di ACS
Sottosistema di accumulo
Tipo sottosistema di accumulo
Sottosistema di accumulo di acqua
calda per produzione centralizzata
Sottosistema di accumulo di acqua
calda per abitazione

Epoca
di installazione

tutte

Isolamento
Lisolamento
solitamente
caratterizzato
dallepoca di
costruzione

Tipologia
edilizia
2, 3, 4
2, 3, 4

Tabella 19: Stima della caratteristica del sottosistema di distribuzione del sistema
di produzione acqua calda sanitaria nella tipologia edilizia prevalentemente
residenziale di Milano (Fonte: Elaborazione dati da ARPA Lombardia (2004),
Elaborazione di Standard di Qualit per gli Edifici ad Alta Qualit Energetica
e Gruppo di ricerca TEBE (2011), Building Tipology Brochure).
Sistema produzione di ACS
Sottosistema di distribuzione
Tipo sottosistema di distribuzione

Epoca di
installazione

Distribuzione di ACS centralizzata


Distribuzione di ACS separata per
appartamento

tutte

N. piani

Tipologia
edilizia

Da 2 in su

2, 3, 4

2.5 - Requisiti di Qualit


2.5.1 - Requisiti per la diagnosi
Come definito dal punto 4.1 della norma UNI CEI/TR 11428 La diagnosi energetica intrapresa nellintento di rendere disponibile una descrizione del sistema
energetico (in questo caso, ledificio), definendo i possibili interventi di miglioramento dellefficienza e quantificandone i conseguenti risparmi.
Dallanalisi della definizione sopra riportata si deduce che:
a) Il confine del sistema energetico - definito preliminarmente con il committente
- in funzione delloggetto della diagnosi (organismo, organizzazione, unit
edilizia, insieme tecnologico), in grado di generare, gestire o controllare una
richiesta di energia. Lenergia pu essere importata o esportata dal sistema
53

energetico tramite lausilio di vettori energetici (gas, elettricit).


Nellambito specifico di intervento oggetto della presente linea guida il sistema energetico corrisponde alledificio, cio allinsieme delle unit abitative che
lo costituiscono e allimpianto termico che lo serve. Il confine delledificio, quale
sistema energetico, non coincide con linvolucro edilizio ma comprende tutte le
sue pertinenze in modo tale che, se una parte del suo sistema impiantistico
collocata allesterno dellinvolucro delledificio (ad esempio: caldaia, unit refrigerante), questa sia allinterno del confine delledificio.
Il sistema impiantistico (impianto termico) impiega energia per soddisfare i
seguenti servizi richiesti dalledificio:
Riscaldamento ovvero climatizzazione invernale (se presente ventilazione
con umidificazione controllata);
Raffrescamento ovvero climatizzazione estiva (se presente deumidificazione controllata);
Ventilazione meccanica con eventuale parziale trattamento dellaria (in alternativa alla climatizzazione);
Produzione di acqua calda sanitaria;
Illuminazione;
Altri servizi elettrici, ad esempio: sistemi di movimentazione meccanica,
processi interni (cucina, lavanderia, ecc.)

Figura 13: Schematizzazione delledificio quale sistema energetico nella configurazione


generale riferito allambito di intervento residenziale Milano. Legenda: 1) zona termica
i-esima dellunit edilizia, 2) accumulo termico, 3) energia ausiliaria, 4) sistema di generazione dellenergia termica, 5) vettore energetico energia elettrica, 6) vettore energetico
combustibile fossile o rinnovabile, 7) pannelli fotovoltaici, 8) collettori solari termici, 9)
confine delledificio , 10) dispersioni e guadagni termici dellinvolucro edilizio.

54

b) Gli interventi di miglioramento dellefficienza e i conseguenti risparmi rappresentano lobiettivo principale della diagnosi energetica. Nella linea guida
verranno identificate con lacronimo ORE ovvero Opportunit di Risparmio Energetico. Esse individuano i possibili interventi di riqualificazione da
effettuare sulledificio oggetto di diagnosi. La procedura di definizione delle
ORE specificata in dettaglio nel paragrafo 5.3.3 mentre nellAppendice B:
Schede di possibili soluzioni di ORE vengono riportate delle schede dettagliate
di Opportunit di Risparmio Energetico mettendo in evidenza le caratteristiche
principali, le interazioni, i limiti e i fattori di costo delle stesse.
In quanto procedura sistematica nel conseguimento degli obiettivi preposti, la
diagnosi energetica deve possedere cinque requisiti fondamentali:
Completezza
Definizione del sistema energetico, cio dei confini delledificio, comprendente tutti gli aspetti energetici significativi; utilizzo del processo standardizzato
di esecuzione riportato dettagliatamente nel paragrafo 3.1 della presente linea
guida.
Attendibilit
Acquisizione di dati reali in numero e qualit necessari per lo sviluppo dellinventario energetico; sopralluogo e rilievi strumentali delledificio per la verifica e definizione delle caratteristiche essenziali del sistema; verifica che il
consumo energetico sia coerente con i dati di fatturazione o con quanto rilevato
dalla strumentazione di misura.
Tracciabilit
Utilizzo di una procedura standardizzata di diagnosi energetica riportata nei
diagrammi di flusso nel paragrafo 3.2; identificazione dei consumi energetici del sistema edificio-impianto, documentazione dellorigine dei dati e
delleventuale modalit di elaborazione a supporto dei risultati della diagnosi
includendo le ipotesi di lavoro eventualmente assunte.
Utilit
Identificazione e valutazione nel report di diagnosi degli interventi di miglioramento dellefficienza energetica. Per ogni scenario di intervento sar formulata
la descrizione, lanalisi dei benefici energetici, economici ed ambientali, le
cautele e interazioni con altri interventi, i fattori di costo, i riferimenti tecnici
normativi e legislativi, le misure e verifiche da effettuare a valle dellapplicazione.
Verificabilit
Identificazione degli elementi che consentono al committente la verifica del
55

conseguimento dei miglioramenti di efficienza risultanti dalla applicazione degli interventi proposti.
La diagnosi energetica deve tenere in conto durante lintero processo le esigenze
della committenza. Difatti, un altro requisito che assume un ruolo fondamentale
e percorre trasversalmente il processo di diagnosi rappresentato dalla adattabilit, ovvero dallappropriatezza dei risultati di diagnosi in relazione alle attese,
necessit e limiti indicati dal committente nelle fasi preliminari.
Ladattabilit fondamentale anche sulla scelta delle Opportunit di Risparmio
Energetico e degli scenari di intervento. Infatti, prima dellesecuzione dellanalisi
multicriterio in relazione ai diversi ambiti di intervento si esegue una valutazione
preliminare delle ORE considerando diversi fattori tra i quali: i vincoli imposti
dal committente e le possibili interferenze con legislazione vigente e normative
in materia di sicurezza, ambiente e salute. Tali fattori dovranno poi essere considerati nella redazione del progetto preliminare, definitivo ed esecutivo per gli
interventi di riqualificazione delledificio (paragrafo 6.1).

Figura 14: I requisiti fondamentali della diagnosi energetica.

Lutilizzo dei requisiti sopra descritti non sono cogenti ma rappresentano uno
standard unificato di riferimento per armonizzare le metodologie di diagnosi
energetica e ottenere dei risultati conformi alle aspettative preposte. Le normative di riferimento dalle quali si attinge per lidentificazione dei requisiti
peculiari di diagnosi sono la UNI CEI/TR 11428:2011 Diagnosi energetiche,
la EN 16247-1 Diagnosi Energetiche Parte 1: Requisiti generali e la prEN
56

16247-2 Energy audits: Buildings.


I requisiti sopra elencati andranno sempre applicati ad ogni tipologia di diagnosi (leggera, standard o dettagliata).
2.5.2 - Requisiti del REDE
La norma UNI CEI/TR 11428 definisce che la diagnosi energetica deve essere
eseguita da una persona fisica o giuridica che possiede competenze, capacit e
strumenti commisurati al tipo di diagnosi intrapresa nonch allobiettivo, ambito
di intervento e grado di accuratezza concordati con il committente. Ove tali requisiti non siano presenti possono essere utilizzati dei subfornitori evidenziandone al
committente ruoli e responsabilit.
I tecnici chiamati a svolgere la diagnosi energetica, di seguito denominati
REDE, dovrebbero essere esperti nella progettazione degli edifici e degli impianti ad essi asserviti. Nel caso in cui il tecnico non sia competente in tutti i
campi necessari allesecuzione della diagnosi, dovr operare in collaborazione
con altri tecnici, in modo che il gruppo cos costituito sia in grado di coprire tutti
gli ambiti professionali richiesti.
I requisiti essenziali che deve possedere il tecnico referente della diagnosi,
sono:
Competenza
Il REDE deve dimostrare di aver lesperienza e la capacit commisurata in funzione dellobiettivo, dellambito di intervento e del grado di accuratezza della
diagnosi. Egli non dovrebbe limitarsi a possedere competenze tecniche solamente
sugli aspetti legati allenergia, ma dovrebbe possedere buone conoscenze e capacit anche sulle aree tematiche strettamente correlate al campo dellenergia (ad
esempio: aspetti urbanistici/tecnici/tecnologici delledilizia, aspetti legali, aspetti
manutentivi delledificio, ecc.). Quindi, le conoscenze del REDE devono seguire
un approccio olistico e sistemico sulla base degli obiettivi da raggiungere.
Oltre a conoscere i principi fondanti dellattivit di diagnosi, ovvero il processo, la procedura ed i requisiti ad essa correlati, comprese le normative tecniche cogenti e volontarie del settore energetico; nel caso specifico di intervento,
il REDE deve possedere conoscenze specialistiche su queste aree tecnologiche
delledificio:
Involucro edilizio;
Riscaldamento e climatizzazione invernale;
Raffrescamento e climatizzazione estiva;
Ventilazione meccanica controllata e naturale;
Acqua calda sanitaria;
Illuminazione;
Sistemi di movimentazione meccanica (ascensori, piattaforme);
57

Processi allinterno delledificio residenziale (ad es. cucina, lavanderia, centro elaborazione dati, raffrescamento per esigenze di processo);
Sistemi di supervisione e controllo (building automation systems).
Come sopra riportato, per ottenere un approccio olistico e sistemico della diagnosi, le conoscenze e abilit del REDE dovrebbero ricoprire anche i seguenti
aspetti:
Criteri di benessere da soddisfare allinterno delle unit ambientali delledificio (termoigrometrico, acustico, luminoso, qualit dellaria interna);
Aspetti urbanistici/tecnici/tecnologici delledilizia;
Aspetti legali;
Conoscenze economiche (analisi flussi di cassa, ecc.);
Produzione di energia da fonti rinnovabili;
Progettazione degli interventi sulle diverse aree tecnologiche delledificio
per il miglioramento dellefficienza energetica;
Gestione dellenergia, societ che forniscono servizi energetici;
Manutenzione delledificio;
Sicurezza
Riservatezza
Si devono considerare come riservate e confidenziali tutte le informazioni ottenute o acquisite durante la procedura di diagnosi. Ci non esclude la pubblicazione
dei risultati previo accordo tra le parti.
Obiettivit
Si deve considerare preminente linteresse del committente agendo in maniera
imparziale. Il REDE deve mettere a conoscenza il committente circa eventuali
conflitti di interesse.
Subfornitori
Qualora vengano impiegati subfornitori, questi ultimi devono essere ugualmente
soggetti ai requisiti applicabili del presente rapporto tecnico.
Trasparenza
La diagnosi energetica deve produrre risultati facilmente interpretabili dalla committenza.
Da evidenziare che non presente alcun albo istituzionale dei REDE a differenza degli albi regionali dei certificatori energetici. I requisiti sopra esposti,
per, rappresentano un vincolo fondamentale per la qualit della prestazione professionale di diagnosi energetica.

58

2.6 - Le tipologie di diagnosi


(Diagnosi Leggera, Standard, Dettagliata)
Prima di avviare la procedura operativa di diagnosi energetica necessario aver
ben definito e concordato con il committente durante le fasi preliminari lambito
di intervento, il grado di accuratezza e gli obiettivi della diagnosi. Questi elementi influiscono direttamente sui livelli di attivit necessari per soddisfare le aspettative del committente, ovvero sulla scelta della tipologia di diagnosi da adottare.
Lanalisi del grado di dettaglio dei tre fattori e la loro correlazione porta alla
determinazione di una tra le tre tipologie di diagnosi di seguito descritte. Ovviamente, se il livello di dettaglio richiesto elevato sar necessaria una diagnosi di
terzo livello (diagnosi dettagliata) mentre se il livello di dettaglio molto semplice sar sufficiente una diagnosi di primo livello (diagnosi leggera), nel mezzo
troviamo la diagnosi di secondo livello (diagnosi standard) la quale permette di
ottenere i risultati richiesti con un ottimo equilibrio tra qualit e tempi di diagnosi.

Figura 15: Scelta della tipologia di diagnosi in funzione del livello di dettaglio
dellambito di intervento, grado di accuratezza e obiettivi.

59

Si riportano degli esempi di definizione dei livelli di dettaglio riferiti ai tre


elementi che influiscono sulla scelta della tipologia di diagnosi:
Ambito di intervento
Semplice: diagnosi su edifici con sola destinazione duso residenziale; diagnosi di un unico sistema impiantistico a servizio delledificio (es. riscaldamento);
diagnosi di specifici sottosistemi impiantistici delledificio (es. generatore termico e accumulo, oppure distribuzione ed emissione);
Complesso: diagnosi di tutti i sistemi impiantistici presenti nelledificio;
diagnosi e disaggregazione degli utilizzi finali dellenergia per ogni sistema
impiantistico ed eventualmente per funzioni (energia per il benessere termoigrometrico o per processo); diagnosi su edifici con diverse destinazioni duso
(es. residenziale misto a terziario, ecc.) o complessi con rilevante energia di
processo (es. ospedali, industrie, ecc.).
Grado di accuratezza
Limitato: attivit in campo veloce con check-list degli usi energetici pi rilevanti, stima dei parametri (fattori di aggiustamento) che influenzano i consumi
energetici senza ricorrere allutilizzo di strumentazioni; stima dei possibili miglioramenti delle prestazioni energetiche con semplici fogli di calcolo;
Dettagliato: rilievo di tutti i sistemi impiantistici e apparecchiature con prolungata attivit in campo; utilizzo di strumentazioni per la misura di temperature,
umidit relativa, apparecchiature elettriche; simulazione dinamica delledificio
mediante lausilio di software.
Obiettivi
Indicazioni generali di ORE: valutazione di possibili interventi di ORE sui
sistemi pi energivori presenti nelledificio; stima dei risparmi energetici ed
economici degli interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche; raccomandazioni generali sulla gestione e manutenzione delledificio;
Indicazioni puntuali di ORE: confronto di diversi scenari di intervento di
ORE secondo il metodo dellanalisi multicriterio; calcolo del risparmio energetico ed economico per ogni scenario di intervento sul sistema (ed eventualmente sottosistema) impiantistico; indicazioni specifiche sulla gestione e manutenzione delledificio.
Sulla base della valutazione dei livelli di dettaglio dei tre elementi sopra riportati, ovvero in funzione delle esigenze e delle risorse della committenza, il REDE
valuter la tipologia pi appropriata di diagnosi per il caso specifico.

60

Si definiscono i tre livelli di diagnosi:


I Livello: Diagnosi leggera
La diagnosi leggera o per ispezione visiva una visita al sito oggetto di diagnosi
con lo scopo di ispezionare visivamente ciascuno dei sistemi e/o sottosistemi
energetici. Tipicamente include una valutazione dei dati di consumo energetico allo scopo di analizzare le quantit e i profili degli usi di energia, cos come
fornisce dei confronti con valori medi o benckmark di riferimento. sicuramente la diagnosi meno costosa e pi veloce, ma pu comunque fornire una stima
del potenziale di risparmio energetico ed economico grazie allindicazione delle
Opportunit di Risparmio Energetico (ORE) a basso costo di investimento (es.
miglioramento delle procedure di gestione e manutenzione) e una lista qualitativa
degli scenari di intervento. La diagnosi di primo livello anche unopportunit
per raccogliere informazioni utili ad una successiva pi dettagliata diagnosi (II o
III livello), se il potenziale di risparmio preliminare appare garantire il raggiungimento di obbiettivi pi ampi per giustificare unattivit di diagnosi pi accurata
e quindi pi costosa.
II Livello: Diagnosi standard
La diagnosi standard si propone di quantificare gli impieghi e le perdite di energia
tramite una revisione e analisi degli apparati, dei sistemi e delle loro caratteristiche operazionali. Questa analisi pu includere anche alcune misure sul posto e
verifiche prestazionali per quantificare limpiego di energia e lefficienza energetica dei vari sistemi. Per analizzare le efficienze e calcolare il fabbisogno energetico e il risparmio economico legato a miglioramenti e modifiche di ogni sottosistema, si impiegano strumenti di calcolo ingegneristici standard (cio usuali).
La diagnosi energetica standard include, quindi, lanalisi economica e lanalisi
multicriterio degli scenari di risparmio energetico raccomandati. Questo tipo di
diagnosi solitamente il pi raccomandato perch garantisce un buon equilibrio
tra qualit dei risultati e costi.
III Livello: Diagnosi dettagliata
Il terzo livello di diagnosi include unanalisi pi dettagliata degli impieghi di
energia, specializzata per funzione e/o destinazione duso, e una pi completa
valutazione dei profili duso dellenergia. Ci realizzato attraverso limpiego di
programmi di calcolo di simulazione dinamica delledificio considerato.
Loperatore deve, ad esempio, eseguire delle simulazioni del sistema edificioimpianto che tengano in considerazione la variabilit del clima e tutte le altre
variabili legate alle modalit duso delledificio per prevedere i fabbisogni e gli
usi di energia almeno per tutta la durata di un anno. Il suo obbiettivo quello
di creare una base di riferimento (baseline) per il successivo confronto che sia
consistente con gli effettivi consumi del sistema. Quando tale base stata co61

struita, si possono adottare scenari di intervento che modificano parti del sistema/sottosistema impiantistico per migliorare lefficienza energetica, ed effettuate
le nuove simulazioni nelle nuove configurazioni ottenute, misurarne gli effetti
confrontando i risultati con la baseline stessa. Questo metodo tiene anche conto
delle interazioni tra i diversi sottosistemi, il che aiuta a prevenire la sovrastima
dei risparmi. A causa del tempo necessario per la raccolta dei dati necessari per
descrivere dettagliatamente ogni apparato, e per lapprontamento di un modello
sufficientemente accurato per la simulazione dinamica, tale approccio rappresenta il livello pi costoso della diagnosi energetica, ma pu essere giustificato da
unelevata complessit delledificio in esame, non altrimenti trattabile in modo
corretto con i livelli precedenti.
Tabella 20: Sommario delle tipologie di diagnosi. (*) i tempi indicati per ciascuna tipologia sono puramente indicativi perch sono influenzati dalla disponibilit di dati,
necessit di campagne di misurazioni e condizioni al contorno di ciascun caso specifico;
tali situazioni sono definite azioni critiche, per un maggiore approfondimento di esse
si rimanda allesempio di cronoprogramma operativo di processo in Figura 18
TIPOLOGIA

CARATTERISTICHE

RISULTATI

I livello: Leggera

Visita al sito oggetto di


diagnosi con lo scopo di
ispezionare visivamente
ciascuno dei sistemi e/o
sottosistemi energetici

Stima del potenziale di


risparmio energetico ed
economico grazie allindicazione delle ORE a basso costo di investimento e
lista qualitativa degli scenari di intervento . Indicazioni per una successiva
analisi di II o III livello

II livello: Standard

Analisi energetica dei sistemi impiantistici con


modelli di calcolo in regime stazionario. Piccole misurazioni

Indicazione delle ORE e


degli scenari di intervento
da applicare sulledificio
tramite analisi energetica,
economica e multicriterio

Poche
settimane

Analisi energetica dei sistemi impiantistici con


modelli di calcolo in regime dinamico. Misurazioni dettagliate sui componenti

Valutazione del consumo


di energia primaria suddiviso per funzione duso,
vettore energetico e profili duso. Indicazione accurata delle ORE e degli
scenari di intervento da
applicare sulledificio tramite analisi energetica,
economica e multicriterio,
interazione tra essi

Settimane
o mesi

III livello:
Dettagliata

62

TEMPI (*)

Pochi
giorni

Per la corretta esecuzione di ogni tipologia di diagnosi importante assumere


un processo ed una procedura logica standardizzata. Infatti, le diagnosi sopra
descritte seguiranno il medesimo processo descritto nel paragrafo 3.1, in questo
modo viene standardizzato lapproccio a vantaggio di un maggior controllo delle
operazioni e di una maggiore qualit di esecuzione, soddisfacendo quindi il requisito della tracciabilit (vedi paragrafo 2.5.1).
Le tipologie di diagnosi, per, saranno caratterizzate da un diverso grado di
complessit operativa, che conseguir in una diversa modalit esecutiva nelle attivit di raccolta dati, attivit in campo e verifica strumentale, metodologia di calcolo e analisi, realizzazione report. Nel paragrafo 5.1 verranno quindi suggerite le
azioni da compiere nelle diverse fasi di processo in funzione di ciascuna tipologia
di diagnosi, facendo presente per che i confini tra le tre tipologie di diagnosi non
sono rigidi ma si possono adattare in funzione di ogni singolo caso specifico.

63

64

Metodologia di diagnosi energetica

3.1 - Fasi di processo

e tre tipologie di diagnosi descritte nel paragrafo 2.6 dovranno seguire le fasi
di processo di seguito riportate. Lutilizzo di tale processo di diagnosi energetica, estrapolato dal punto 5 della norma prEN16247-2 e successivamente
integrato, permette al REDE di impostare una metodologia operativa standardizzata a vantaggio di una maggiore verifica e un maggiore controllo delle operazioni da intraprendere dentro le fasi e di una maggiore qualit operativa di
esecuzione.

65

Figura 16: Rappresentazione delle fasi di processo di diagnosi (a sinistra) e le relative


finalit e caratteristiche (a destra).

Di seguito vengono analizzate e descritte le finalit e le caratteristiche delle


fasi operative di diagnosi energetica:
A. Contatti preliminari
Questa fase preliminare assume un ruolo fondamentale per la definizione delle
linee di sviluppo dellintero servizio di diagnosi. Infatti, il REDE in questa fase
deve definire con il committente le esigenze e le risorse a disposizione, lambito
di intervento, il grado di accuratezza e gli obiettivi della diagnosi. Su questi elementi, infatti, si baser la scelta della tipologia di diagnosi, quindi la progettazione della prestazione e tutte le attivit che ne derivano.
La definizione dellambito di intervento riguarda essenzialmente:
la tipologia di edificio (o parte di esso) oggetto di diagnosi;
la tipologia dei sistemi impiantistici presenti;
presenza o meno di sistemi energetici particolari o specifiche esigenze di processo.
La definizione del grado di accuratezza da concordare impatto da:
tempistiche di diagnosi;
livello di dettaglio per le operazioni di rilievo e attivit in campo;
richieste e/o esigenze di misurazioni;
tipologia di modellazione di calcolo;
livello di definizione delle Opportunit di Risparmio Energetico e degli scenari
di intervento;
competenze specifiche del REDE.
La definizione degli obiettivi supporta le finalit specifiche della diagnosi sulla
base di:
riduzione dei consumi e dei costi energetici;
riduzione dellimpatto ambientale;
miglioramento delle condizioni di benessere termoigrometrico interne alledificio;
66

adeguamento delledificio a disposizioni legislative cogenti o a requisiti volontari.


Verranno poi esposte le informazioni preliminari sulle operazioni da effettuare
per la diagnosi, i programmi strategici, i sistemi di gestione dellenergia delledificio e i vincoli relativi a potenziali misure di risparmio energetico.
Verr, inoltre, definito il referente delledificio e le figure da coinvolgere durante tutte le fasi e presentata una bozza tipo del rapporto finale da consegnare al
termine della diagnosi.
Tabella 21: Esempio di figure coinvolte a supporto della diagnosi energetica.
Il simbolo rappresenta il coinvolgimento diretto, ! rappresenta il coinvolgimento
in funzione della tipologia di diagosi.
Fornitura di
dati nella fase
di raccolta

Partecipazione
agli incontri

Partecipazione
nella fase
di attivit in
campo

Amministratore

Responsabile
di gestione/
manutenzione
dellimpianto
termico

Figura

Beneficiario
della
diagnosi

Proprietari delle
unit immobiliari

Affittuari

B. Incontro preliminare
Lincontro preliminare ha lo scopo di ragguagliare le parti interessate in merito alla tipologia di diagnosi da adottare per il soddisfacimento delle esigenze e
il raggiungimento degli obiettivi, e la definizione delle modalit esecutive sulla
base delle considerazioni valutate nella fase precedente. Si definisce, quindi, con
la committenza:
quando e in quali orari si effettuano i rilievi sul campo;
le figure coinvolte;
leventuale attrezzatura, apparecchiatura o strumentazione necessaria per i rilievi;
modalit di accesso in aree tecnologiche con limitata accessibilit (es. centrali
termiche, locale quadri elettrici, sottostazioni ecc.);
valutazione dei rischi connessi alle attivit da realizzare sul campo ed eventuale presentazione della documentazione ai fini del D. Lgs. n. 81/2008 (es.
67

POS2,12ricezione DUVRI313dal committente).


Inoltre, si richiedono alla committenza i primi dati sulledificio utili per una prima conoscenza delloggetto di diagnosi e ad una pi agevole impostazione della
fase di raccolta dati ed analisi:
dati generali delledificio (ubicazione, anno di costruzione, superficie lorda,
destinazione duso, ecc.);
condizioni interne di temperatura, umidit relativa, illuminazione naturale ed
artificiale;
indicazione del numero di persone occupanti ledificio;
considerazioni particolari sul sistema edificio-impianto oggetto di diagnosi;
adozione di campagne per la sensibilizzazione degli occupanti ai fini del risparmio energetico.
Si realizza e si consegna al committente, infine, il progetto di diagnosi energetica che dovrebbe essere composto da un cronoprogramma operativo (sottoforma di diagramma di Gantt), il quale composto da un asse orizzontale per la
rappresentazione dellarco temporale della diagnosi suddiviso in base alle fasi di
processo rappresentate lungo lasse verticale, corredato da una relazione tecnica
descrittiva delle attivit da svolgere.
C. Raccolta dati
Il REDE deve raccogliere con il committente le informazioni al fine di acquisire i
dati necessari per una comprensione preliminare del sistema edificio-impianto. Si
richiedono, quindi, i dati storici relativi ai consumi energetici, fattori di aggiustamento, misurazioni di interesse correlate, conduzione e manutenzione (O&M); i
documenti di progetto, di funzionamento e di mantenimento; i contratti di fornitura energia ed i relativi costi correnti o prezzi e costi di riferimento da usare per
garantire la riservatezza commerciale; altri dati economici rilevanti.
Seconda finalit di questa fase lesecuzione di revisione dei dati ed unanalisi
preliminare delledificio per stabilire le principali modalit operative e soprattutto una lista specifica di domande e di punti da analizzare nella successiva fase
di attivit in campo. Una buona esecuzione di questa fase permette un evidente
risparmio di tempo nelle operazioni da effettuare nella successiva fase di attivit
in campo.
Tra i dati storici sui consumi energetici troviamo:
energia da fatturazione richiesta, prodotta e/o esportata;
2 POS acronimo di Piano Operativo di Sicurezza il documento che un datore di lavoro deve
redigere prima di iniziare le attivit operative in un cantiere esterno;
3 DUVRI acronimo di Documento unico per la valutazione dei rischi da interferenze un documento obbligatorio in materia di sicurezza del lavoro (art. 26 D. Lgs. n. 81/2008)

68

consumo energetico da letture e/o contatori;


eventuali misurazioni rilevanti effettuate.
Tra i fattori correttivi troviamo:
gradi giorno del periodo di riscaldamento/raffrescamento;
destinazione duso;
numero di persone occupanti ledificio;
superficie lorda e netta, volume lordo, volume riscaldato, ecc;
i profili di funzionamento dei sistemi/sottosistemi impiantistici.
Tra i documenti di progetto, di funzionamento e di manutenzione sono considerati:
planimetria architettonica delledificio, prospetti, sezioni, dettagli esecutivi di
involucro;
as-built impiantistici, relazione ex articolo 28 della Legge 10, schemi funzionali impianti meccanici e elettrici, Attestato di Certificazione Energetica;
dati e schede tecniche dei sistemi e/o sottosistemi impiantistici;
altri dati rilevanti o particolari in funzione della tipologia;
se presenti, le schede tecniche delle apparecchiature con evidenziati i carichi
interni, ecc..
Inoltre, si raccolgono i documenti e le informazioni delle ristrutturazioni, cambiamenti o riqualificazioni significative avvenute negli ultimi anni (correlando
quindi, nella fase di analisi gli interventi con i relativi i consumi storici):
riqualificazione dellinvolucro edilizio;
riqualificazione dei sistemi impiantistici;
installazione di sistemi per la produzione da Fonti Energetiche Rinnovabili
(FER);
mutamenti destinazioni duso degli ambienti interni.
D. Attivit in campo
Lobiettivo della fase di attivit in campo lispezione delledificio in funzione
degli obiettivi di diagnosi e la risposta ai punti significativi riportati dalla fase di
raccolta dati. In generale, il REDE deve:
valutare gli aspetti energetici significativi;
identificare le modalit operative (temperature set-point, umidit relativa,
ecc.), i comportamenti degli utenti e la loro influenza/controllo sui consumi
energetici, lefficienza energetica e sul benessere;
valutare le prestazioni energetiche e operative dei sistemi e sottosistemi impiantistici;
elencare le aree ed i processi che necessitano di ulteriori dati quantitativi a
supporto della successiva analisi;
generare raccomandazioni per la riduzione dei consumi energetici.
69

Il REDE deve assicurarsi che misure e rilievi siano effettuati in maniera affidabile e in condizioni che sono rappresentative delle ordinarie condizioni di esercizio
e, ove significativo, in condizioni ambientali corrette (la prescrizione precedente
non esclude lesecuzione di rilievi al di fuori degli orari lavorativi, nei periodi di
inattivit o quando non previsto alcun carico climatico). Occorre informare tempestivamente il committente su ogni difficolt incontrata nellattivit in campo.
Come definito e concordato nella fase B, il REDE deve ottemperare a tutti i
regolamenti vigenti in materia di salute, sicurezza e protezione dellambiente. Il
committente deve predisporre laccesso libero ed in sicurezza a tutti gli impianti
che devono essere ispezionati; deve essere presente la figura nominata per lassistenza durante lattivit in situ (queste persone devono avere le competenze, le
capacit e lautorit necessarie a svolgere eventuali interventi su processi ed apparecchiature, qualora richiesto) e deve consentire laccesso eventuale a disegni,
manuali ed altra documentazione tecnica significativa degli impianti oggetto di
diagnosi.
E. Analisi
Il REDE deve esaminare in dettaglio linsieme dei dati e delle informazioni raccolte al fine di individuare le Opportunit di Risparmio Energetico ed i relativi
scenari di intervento per il miglioramento dellefficienza energetica delledificio
in funzione dellambito di intervento e degli obiettivi delledificio. Solitamente,
lanalisi consiste nel ricavare i seguenti principali elementi:
un bilancio ed un diagramma dei flussi energetici suddivisi per servizio e per
modalit di approvvigionamento, diagramma temporale della domanda di
energia;
relazioni fra i consumi ed i fattori che ne influenzano le variazioni;
indicatori di prestazione energetica da fatturazione, da modello e di benchmark e confronto tra essi;
evidenza di qualsiasi cambiamento delle prestazioni occorso nel tempo;
individuazione delle ORE e degli scenari di intervento, confronto multicriterio
dei potenziali risparmi in termini di consumi energetici e costi, compatibili con
gli obiettivi e la tipologia di diagnosi;
possibili interazioni fra azioni multiple di Opportunit di Risparmio Energetico.
Nei casi in cui lobiettivo, lambito di intervento e il grado di accuratezza concordati con il committente, lo rendono opportuno e significativo (es. potenzialit
di risparmio elevate su uno specifico sottosistema impiantistico che richiede un
livello accurato di diagnosi), il REDE deve valutare leventuale necessit di integrare il lavoro con analisi pi approfondite aumentando il livello di dettaglio
della diagnosi su tutto ledificio (o parte di esso).
70

F. Report
Il report ha la finalit di spiegare tecnicamente al committente le condizioni energetiche esistenti del sistema edificio-impianto (involucro, impianti termici, illuminazione) e i possibili interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche
(ORE e scenari di intervento) in funzione degli obiettivi di diagnosi. Una buona
comunicazione alle figure che operano/vivono nelledificio permette di aumentare la probabilit di ridurre i consumi energetici. Difatti, il report potrebbe avere
diverse sezioni in funzione delle figure chiave delledificio (amministratore, societ servizio energia, abitanti, ecc.), nelle quali si andranno a individuare delle
specifiche raccomandazioni. In generale, il REDE deve compilare il report tenendo costantemente in considerazione che:
il rapporto di diagnosi abbia - oltre ad unestesa parte tecnica - una parte informativa di facile interpretazione da parte della committenza;
siano riportati i riassunti dei rilievi eseguiti durante lo svolgimento della diagnosi, commentando la qualit e coerenza dei dati, la ratio delle misure eseguite e
come contribuiscano allanalisi; siano indicati se i risultati sono basati su calcoli,
simulazioni o stime; sia riassunto il procedimento di analisi, specificando ogni
ipotesi; siano indicati i limiti di accuratezza della stima dei risparmi e dei costi
di realizzazione degli interventi riportati nelle raccomandazioni; siano ordinati
gli interventi raccomandati in base allanalisi multicriterio con i pesi concordati;
Contenuto del rapporto
Il rapporto della diagnosi energetica deve contenere:
Documento informativo di sintesi:
lista delle raccomandazioni, Opportunit di Risparmio Energetico e scenari
di intervento con la stima della loro fattibilit; programma di attuazione delle
raccomandazioni proposte.
Ambito di intervento:
informazioni generali sul committente e sulla metodologia di diagnosi; informazioni sulle condizioni al contorno quali ubicazione delledificio, destinazione duso delledificio; descrizione del sistema edificio-impianto oggetto di
diagnosi, norme tecniche e legislazione pertinenti, personale impiegato.
Sezione tecnica di diagnosi energetica:
descrizione della diagnosi; scopo e livello di dettaglio, tempi di esecuzione e
limiti di indagine; informazioni sulla raccolta dati; strumentazione di misura;
indicazione di quali dati siano stati utilizzati (e quali sono frutto di misure e
quali di stime); elenco dei fattori correttivi e dei dati di riferimento utilizzati,
compresi costi e tariffe; elenco delle unit di misura e dei fattori di conversione; analisi dei consumi energetici; criteri per lordinamento delle raccomandazioni per la riduzione dei consumi energetici.
71

Scelta degli scenari di intervento di Opportunit di Risparmio Energetico:


raccomandazioni per il miglioramento dellefficienza energetica: determinazione degli scenari di intervento delle Opportunit di Risparmio Energetico
proposte; raccomandazioni, piano e programma di implementazione; ipotesi
assunte durante il calcolo dei risparmi energetici e loro impatto sullaccuratezza delle raccomandazioni; analisi economica appropriata, potenziali interazioni fra le raccomandazioni proposte.
Sezione implementazione:
proposta di un piano di misure e verifiche per accertare il corretto funzionamento ed i risparmi energetici conseguiti dopo la realizzazione delle ORE
sulledificio.
Conclusioni.
Allegati.
G. Incontro finale
Alla conclusione della diagnosi si esegue un incontro finale per la consegna del
report e la presentazione dei risultati di diagnosi per agevolare il processo decisionale del committente. Si risponderanno alle eventuali richieste di chiarimento
ed eventualmente si programmano degli interventi di ORE individuati nel report.
La necessit di un supplemento di indagine deve essere discussa durante la riunione finale.
Al termine del processo di diagnosi, in funzione dei risultati della stessa e delle
esigenze della committenza e individuata la soluzione pi rispondente alle esigenze della stessa, presente la fase di Implementazione delle ORE, ossia la
realizzazione concreta degli interventi proposti.
Tale fase non viene inserita allinterno del processo di diagnosi ma strettamente correlata ad esso perch la traduzione operativa dei risultati derivanti dalla fase di analisi per il miglioramento delle prestazioni energetiche delledificio.
Individuati gli interventi maggiormente rispondenti alle esigenze e alle priorit
della committenza e nel momento in cui la stessa mette a disposizione i fondi, ha
inizio limplementazione delle ORE prescelte.
Limplementazione ha la finalit di produrre le seguenti attivit:
Redazione del progetto definitivo ed esecutivo per la realizzazione degli interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche delledificio.
Esecuzione degli interventi sulla base del progetto esecutivo.
Pianificazione e gestione delle operazioni di gestione e manutenzione (O&M).
Pianificazione delle procedure di misura e verifica (M&V) per la validazione
delle ORE applicate.
72

Il REDE, in questo caso, pu fungere direttamente da progettista, oppure pu


collaborare con il/i progettista/i incaricato/i per lesecuzione delle attivit sopra
riportate, oppure potrebbe non essere consultato, questo perch il report di diagnosi potrebbe gi garantire le precise indicazioni degli interventi da attuare per
il miglioramento delle prestazioni energetiche.
Il successo dellimplementazione delle Opportunit di Risparmio Energetico
quindi il risultato del coordinamento tra la committenza, il REDE, il progettista
e limpresa, sia durante lintera durata della diagnosi che nella fase di implementazione stessa.
Nel Capitolo 6 verr descritta nel dettaglio la fase di Implementazione delle ORE.

Figura 17: Relazione tra diagnosi energetica e implementazione delle ORE e relative
finalit.

Le fasi di processo della diagnosi energetica sono progressive e dipendenti in


maniera consequenziale. Le tempistiche delle fasi e le azioni elementari allinterno di esse dovranno essere definite in un cronoprogramma operativo incluso
allinterno del progetto di diagnosi (vedi paragrafo 3.2).
Nella figura seguente viene rappresentato un cronoprogramma operativo tipo a puro
scopo illustrativo. I tempi delle diverse fasi e le eventuali sovrapposizioni tra essi devono essere considerati in funzione del caso specifico oggetto di diagnosi. Da tenere
in considerazione durante la stesura del cronoprogramma operativo, che durante la
procedura di diagnosi potranno nascere circostanze non dipendenti direttamente dal
REDE che causano rallentamenti o impedimenti del corretto avanzamento delle fasi.
Le azioni critiche riguardano essenzialmente le fasi C e D, ovvero quelle fasi dove si
ha un contatto diretto con la committenza per la raccolta del materiale utile alla diagnosi e dove si eseguono le misurazioni e rilievi in campo soggetti a numerose variabili in
funzione della tipologia di dati da acquisire per la fase di analisi. Nel cronoprogramma
vengono individuate inoltre le azioni relative ad incontri diretti con la committenza e la
produzione di specifici elaborati tecnici utili allavanzamento delle fasi.
73

Figura 18: Esempio di cronoprogramma operativo di Gantt per la diagnosi energetica.

74

3.2 - Schema di esecuzione


Lo schema di esecuzione della diagnosi energetica rappresenta la procedura logica ottimizzata per il raggiungimento degli obiettivi fissati nelle fasi preliminari.
Si individuano, quindi, i diagrammi di flusso delle seguenti fasi di processo:
Fase A, B: contatti e incontri preliminari
Fase C: raccolta dati
Fase D: attivit in campo
Fase E: analisi
I diagrammi di flusso sono suddivisi in funzione del livello di dettaglio di
diagnosi, infatti viene rappresentato in Figura 19 lo schema di esecuzione per la
diagnosi leggera (I livello); mentre in Figura 20 (fasi A, B, C, D) e in Figura 22
(fase E) quello relativo alla diagnosi standard e dettagliata (II e III livello).
Da ricordare che uno degli obiettivi della diagnosi di I livello lindividuazione preliminare del comportamento energetico delledificio per valutare la necessit di eseguire successivamente diagnosi pi dettagliate (II o III livello) per
la determinazione degli interventi per il miglioramento delle prestazioni energetiche delledificio. Di conseguenza, le diagnosi di II o III livello possono essere
eseguite successivamente alla diagnosi di I livello.
Nella procedura vengono quindi individuate le azioni logiche da compiere per
la realizzazione della diagnosi; i diagrammi di flusso sono composti dalle azioni
di inizio/fine (blocco rettangolo con spigoli arrotondati), dalle azioni elementari (blocco rettangolo), dai dati di input/output (blocco parallelogramma), dalle
forme condizionali (blocco rombo) e dalle interazioni con i risultati derivanti da
altre fasi di processo (blocco trapezio).
Si riporta ora il diagramma di flusso della diagnosi leggera (I livello), riferito
alle fasi A (contatti preliminari), B (incontro preliminare), C (raccolta dati), D
(attivit in campo) ed E (analisi).

75

Figura 19: Diagramma di flusso della fase A (contatti preliminari), B (incontro preliminare), C (raccolta dati), D (attivit in campo) ed E (analisi) per diagnosi di I livello.

76

Si riportano le definizioni operative dei blocchi del diagramma di flusso di Figura 19:
1. Definizione tipologia di diagnosi

Rappresenta unazione fondamentale per una corretta riuscita del miglioramento


delle prestazioni energetiche delledificio. Sulla base degli obiettivi, grado di accuratezza, ambito di intervento, esigenze e risorse della committenza si definisce
il livello di dettaglio della diagnosi energetica da utilizzare (Leggera, Standard o
Dettagliata);
2. Definizione confine delledificio

unazione eseguita in parallelo con la definizione della tipologia di diagnosi; si


circoscrive in accordo con la committenza, il confine delledificio) che delimita la
zona oggetto di diagnosi e di conseguenza le possibili soluzioni di miglioramento
delle prestazioni energetiche;
3. Progetto di diagnosi energetica

A seguito delle due azioni precedenti, ovvero al termine delle fasi preliminari di
processo, si realizza il progetto di diagnosi energetica per esaminare le attivit da
svolgere lungo lintero processo. Il REDE, se necessario, deve formare la struttura e le gerarchie del team che realizzer le operazioni di diagnosi sulledificio.
4. Raccolta dati delledificio

Vengono richiesti e raccolti i dati storici delledificio, quali:


Energia da fatturazione richiesta, prodotta e/o esportata;
Consumo energetico da letture e/o contatori;
e i fattori di correzione:
Gradi giorno del periodo di riscaldamento;
Gradi giorno riscaldamento da DPR 412/93 (recentemente modificato ed integrato dal DPR 74/2013), coi quali si esegue la normalizzazione dei consumi
reali, chiaramente dipendenti dai Gradi giorno reali del periodo di riscaldamento;
Destinazione duso;
Numero di persone occupanti ledificio;
Superficie lorda e netta, volume lordo, volume riscaldato, ecc;
5. Ispezione delledificio

Valutare gli aspetti energetici e stimare le opportunit di miglioramento delle


prestazioni mediante unispezione delle caratteristiche edilizie ed impiantistiche
delledificio. possibile utilizzare come ausilio le schede di check-list di raccolta
dati in campo corredate da rilievi fotografici e misurazioni;
6. Revisione dei dati raccolti

Sulla base dei dati precedentemente raccolti, si esegue una catalogazione e riordino di tutte le informazioni acquisite al fine di organizzare e verificare la quantit
di dati per il corretto proseguimento delle attivit di diagnosi. Si utilizza, quindi,
77

un documento di check-list per la verifica e archiviazione di tutti i dati raccolti del


sistema edificio-impianto.
7. Ipotesi di massima sul comportamento energetico delledificio

Si stima il comportamento energetico delledificio attraverso la creazione di


modello delledificio sulla base dei dati rilevati in situ, grazie allesperienza del
REDE, a valori tabellati o di benchmark;
8. Indice di prestazione energetica da fatturazione o contabilizzazione

Identificazione e calcolo di un indice di prestazione energetica effettivo sulla base


della raccolta delle bollette o delle contabilit parametrizzate rispetto allunit di
superficie o di volume; esempio per il settore residenziale [kWh/m2 anno] oppure
[kWh/m3 anno];
9. Indice di prestazione energetica validato?

Si valida lindice di prestazione energetica da fatturazione o contabilizzazione facendo un confronto qualitativo con lipotesi di massima del comportamento energetico delledificio rilevato dal REDE. Se lindice corretto significa che
validato e si prosegue lanalisi col passo successivo; altrimenti, si ritorna al passo
6 e si verificano i dati acquisiti e/o linserimento dei dati nel modello di calcolo;
10. Indice di prestazione energetica obiettivo

Individuazione dellindice di prestazione energetica obiettivo (o valore di benchmark); esso serve per il confronto con lindice di prestazione energetica del modello energetico validato ed determinato in funzione del mandato impartito al
REDE: pu essere la media di settore, un frattile414di un campione statistico di
edifici del territorio, un riferimento di legge o lattuale consumo ridotto di una
certa percentuale;
11. Indici confrontabili?

Se i valori espressi dagli indicatori di prestazione energetica da fatturazione o


contabilizzazione sono gi comparabili con gli indici di prestazione energetica
obiettivo, la diagnosi pu considerarsi conclusa in quanto ledificio non necessita
degli interventi per il raggiungimento dellobiettivo stesso; altrimenti dovranno
essere individuati gli interventi per allineare la prestazione energetica delledificio al benchmark.
12. Valutazione potenziale del risparmio energetico ed economico

La valutazione finalizzata nellottica di stimare il potenziale di risparmio energetico ed economico grazie allindicazione delle Opportunit di Risparmio Energetico (ORE) a basso costo di investimento (es. miglioramento delle procedure di
gestione e manutenzione) facilmente implementabili e una lista qualitativa degli
4 Vedi paragrafo 4.3

78

scenari di intervento delle ORE con una prima indicazione dei costi di investimento (es. scenario: coibentazione involucro + sostituzione generatore obsoleto
con pompa di calore, ecc.)
13. Scelta del livello di dettaglio di diagnosi

Sulla base dei risultati della diagnosi leggera di I livello si sceglie la successiva
diagnosi da effettuare sulledificio al fine di analizzare nel dettaglio le caratteristiche del sistema edificio-impianto e le valutazioni energetiche, economiche ed
ambientali e relative implicazioni tecniche degli interventi proposti;
14. Termine della diagnosi senza formulazione dellofferta

Elaborazione finale del report (fase F) e incontro finale con la committenza (fase
G) senza formulazione dellofferta constatata la non necessit;
15. Formulazione offerta di diagnosi

Elaborazione finale del report (fase F) e incontro finale con la committenza (fase
G) con formulazione dellofferta constatata levidente necessit di diagnosi pi
dettagliate;
16. Implementazione delle ORE

Eventuale implementazione delle ORE a basso costo di investimento indicate dal


REDE, le quali non richiedono n una dettagliata valutazione economica, n la
redazione del progetto definitivo ed esecutivo degli interventi.
Si riporta ora di seguito il diagramma di flusso della diagnosi standard e dettagliata (II e III livello), riferito alle fasi A (contatti preliminari), B (incontri preliminari), C (raccolta dati) e D (attivit in campo) con la definizione di tutti i blocchi
allinterno di esso.

79

Figura 20: Diagramma di flusso della fase C (raccolta dati) e D (attivit in campo)
per diagnosi di II e III livello.

80

Si riportano le definizioni operative dei blocchi del diagramma di flusso di Figura 20:
1. Definizione tipologia di diagnosi

Rappresenta unazione fondamentale per una corretta riuscita del miglioramento


delle prestazioni energetiche delledificio. Sulla base degli obiettivi, grado di accuratezza, ambito di intervento, esigenze e risorse della committenza si definisce il
livello di dettaglio della diagnosi energetica da utilizzare (standard o dettagliata);
2. Definizione confine delledificio

unazione eseguita in parallelo con la definizione della tipologia di diagnosi; si


circoscrive in accordo con la committenza, il confine delledificio) che delimita la
zona oggetto di diagnosi e di conseguenza le possibili soluzioni di miglioramento
delle prestazioni energetiche;
3. Progetto di diagnosi energetica

A seguito delle due azioni precedenti, ovvero al termine delle fasi preliminari di
processo, si realizza il progetto di diagnosi energetica composto almeno da un
cronoprogramma operativo (vedi Figura 18) e corredato da una relazione tecnica
descrittiva delle attivit da svolgere lungo lintero processo. Il REDE, inoltre,
se necessario deve formare la struttura e le gerarchie del team che realizzer le
operazioni di diagnosi sulledificio.
4. Raccolta dati delledificio

Vengono richiesti e raccolti i dati storici delledificio, quali:


energia da fatturazione richiesta, prodotta e/o esportata;
consumo energetico da letture e/o contatori;
eventuali misurazioni rilevanti effettuate.
e i fattori di correzione:
gradi giorno del periodo di riscaldamento e raffrescamento5;15
Gradi giorno riscaldamento da DPR 412/93, coi quali si esegue la normalizzazione dei consumi reali, chiaramente dipendenti dai Gradi giorno reali del
periodo di riscaldamento;
destinazione duso;
numero di persone occupanti ledificio;
superficie lorda e netta, volume lordo, volume riscaldato, ecc;
i profili di funzionamento dei sistemi/sottosistemi impiantistici.
I dati raccolti verranno ordinati poi in funzione del vettore energetico, degli usi
finali ed eventualmente delle zone dellunit edilizia. Nel paragrafo 5.2 viene
definita nel dettaglio lazione specifica di raccolta dati.
5 Alla data di pubblicazione della presente Linea Guida in fase di pubblicazione la norma UNI
10349- 3 Riscaldamento e raffrescamento degli edifici. Differenze di temperatura cumulate (gradi giorno ed altri indici sintetici)

81

In Tabella 22 visibile un esempio di scheda per la raccolta di dati storici sulledificio.


Tabella 22: Esempio di scheda per la raccolta dei dati storici relativa al calcolo del consumo di gas naturale fatturato, energetico e la spesa economica sul mese.
DIAGNOSI DI I LIVELLO

Data ___________________________________
Edificio _________________________________
Tecnico rilevatore ________________________
Supporto al rilievo ________________________

Dati storici
Combustibile gas naturale

Si riportano le letture delle bollette dei diversi vettori energetici delledificio riferite possibilmente ai tre precedenti anni dalla
diagnosi energetica

Dati di intestazione fattura


Societ di fornitura
Indirizzo di fornitura
Punto di riconsegna (PDR)
Classe del contatore
Tipologia di contratto e opzione tariffaria

Anno Termico____________

Mese

Rif.to

Consumo

Fattore

Consumo

fatturazione

combust.

fatturato

[m3 ]

[-]

[Sm3 ]

Potere
calorifico

Energia

superiore
3

[GJ/Sm ]

[GJ]

[kWh]

Spesa

Prezzo

economica

fornitura

[]

[/Sm ]

Ottobre
Novembre
Dicembre
Gennaio
Febbraio
Marzo
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Totale

5. Raccolta documenti di progetto, di funzionamento, di manutenzione

Viene richiesta al committente tutta la documentazione tecnica disponibile dello


stato di fatto del sistema edificio-impianto, quale:
planimetria architettonica delledificio, prospetti, sezioni, dettagli esecutivi di
involucro;
as-built impiantistici, relazione ex articolo 28 della Legge 10, schemi funzionali impianti meccanici e elettrici, Attestato di Certificazione Energetica;
dati e schede tecniche dei sistemi e/o sottosistemi impiantistici;
altri dati rilevanti o particolari in funzione della tipologia;
82

se presenti, le schede tecniche delle apparecchiature con evidenziati i carichi


interni, ecc..
Inoltre, si dovranno raccogliere i documenti relativi ad eventuali certificazioni,
diagnosi energetiche o riqualificazioni energetiche effettuate nel passato.
6. Valutazione contratti di fornitura energia

Sulla base dei contratti attualmente in essere tra le societ di fornitura energia
ed il committente si determinano i costi unitari correnti (per unit di energia o
manodopera).
7. Revisione dei dati raccolti

Sulla base dei dati precedentemente raccolti, si esegue una catalogazione e riordino di tutte le informazioni acquisite al fine di organizzare e verificare la quantit
di dati per il corretto proseguimento delle attivit di diagnosi. Si utilizza, quindi,
un documento di check-list (Tabella 23) per la verifica e archiviazione di tutti i
dati raccolti del sistema edificio-impianto.
8. Dati sufficienti per lanalisi?

Verifica se gli elementi acquisiti sono sufficienti per permettere il passaggio alle
fasi successive: attivit in campo e analisi delledificio; se i dati sono sufficienti
si prosegue al passo successivo; altrimenti, necessaria unintegrazione dei dati
ritornando alle azioni 4, 5, 6 di raccolta dati;
9. Analisi preliminare delledificio

Effettuare unanalisi energetica preliminare stabilendo i fattori correttivi pi rilevanti, gli indicatori energetici essenziali, la distribuzione dei consumi energetici in
funzione degli utilizzi e le prime indicazioni del potenziale di risparmio energetico.
Tabella 23: Esempio di sommario dei dati storici dei consumi acquisiti, maggiori informazioni in appendice A
Data ___________________________________
Edificio _________________________________
Tecnico rilevatore ________________________
Supporto al rilievo ________________________

DATI STORICI
Sommario
Si riporta il sommario dei dati storici e i fattori di aggiustamento

Anno Termico___________
Vettore
energetico

Utilizzo annuale
(gg/365)

Consumo
energetico
annuale

Unit di misura

Fattore di

Consumo di

Spesa

conversione in

energia primaria

economica

energia primaria

[kWh]

annuale []

Gas naturale
GPL o gasolio
Elettricit
Altro_________
Totale

83

10. Termine della raccolta dati

Conclusione delle attivit di raccolta dati ed esecuzione preliminare della pianificazione delle operazioni di misura e rilievo della successiva fase di attivit in campo
sulla base delle informazioni raccolte; comunicazione formale alla committenza.
Preparazione dei seguenti elaborati per lattivit in campo:
Disegno schematico della planimetria delledificio e delle piante dei vari piani
in diverse copie per il rilievo delle caratteristiche (principali zone termiche,
centrali termiche, sistemi e sottosistemi impiantistici, apparecchiature, illuminazione, ecc.);
Annotazione delle aree di particolare interesse e domande da effettuare al committente/figura responsabile/occupanti riguardo al funzionamento, gestione e
manutenzione delledificio.

Figura 21: Esempio di disegno schematico delledificio per la fase di attivit in campo.

11. Inizio attivit in campo

Conferma dal committente dei seguenti fattori gi determinati nella fase B:


84

predisposizione dellaccesso libero ed in sicurezza di tutti gli impianti oggetto


di ispezionati;
nomina del referente per lattivit in situ (queste persone devono avere la competenza e lautorit necessarie a svolgere eventuali interventi su processi ed
apparecchiature qualora richiesto);
permesso allaccesso libero a disegni, manuali ed altra documentazione tecnica significativa degli impianti;
Preparazione delle schede di check-list di ausilio per le attivit in situ (vedi
appendice A) e verifica della disponibilit e corretto funzionamento della strumentazione necessaria per lattivit in campo, quale ad esempio indicativo:
Tabella 24: Indicazione di massima della strumentazione da utilizzare per lattivit in
campo.
MISURAZIONI

STRUMENTI

Generali

Notebook, torcia, fotocamera

Temperatura e Umidit

Termometri e igrometri digitali, Data Loggers

Livello di illuminazione

Luxmetro

Orientamento

Bussola o tramite utilizzo di mappe digitali

Distanze, Aree, Volumi, Spessori

Metro, calibro, distanziometro laser, spessivetro

Tensione, Corrente, Potenza elettrica

Multimetro digitale , Data-logger, pinza amperometrica

Ostacoli, angoli, inclinazioni

Carta Solare, inclinometro

Trasmittanze e resistenze termiche

AbacoTermoflussimetro, Endoscopio a fibre ottiche

Ponti termici, dispersioni termiche

Termocamera

Portate, Flusso di fluidi

Flussimetro

Efficienza degli impianti

Analizzatore di fumi/ utilizzo dei sistemi BMS6

Portata e Velocit dellaria

Tubo di pitot, Anemometro a filo caldo

16

12. Misure e rilievi sulledificio

Valutare gli aspetti energetici del sistema tramite la compilazione delle schede di
check-list di raccolta dati in campo (Tabella 25), realizzazione fotografie, misure
e rilievi sulledificio; Verificare la documentazione acquisita con lo stato attuale
e utilizzarla per annotare gli elementi dei sistemi e sottosistemi impiantistici;
annotare se occorre richiedere ulteriori dati dalla committenza.
6 BMS (Building Management System) un sistema informatico per la gestione e il controllo
integrato dei servizi tecnologici delledificio, quali impianti meccanici, illuminazione, sicurezza
accessi, rilevazione incendi, ecc...

85

Tabella 25: Esempio di scheda di check-list per la fase di attivit in campo,


maggiori informazioni in appendice B.

Data ___________________________________
Edificio _________________________________
Tecnico rilevatore ________________________
Supporto al rilievo ________________________

IMPIANTO TERMICO
Informazioni generali
Generalit
Servizi forniti dallimpianto

Riscaldamento

Acqua calda sanitaria Altro

Tipo di distribuzione

Radiatori

Pannelli radianti

Termoconvettori

Altro

Tipo di combustibile

Gasolio

Metano

Biodiesel

Altro

Fluido termovettore

Acqua calda

Acqua surriscaldata

Aria

Altro

Consistenza impianto
N. Generatori di calore

Divisione a zone circuiti

Tipo di funzionamento

Elettropompe

Se si, indicare n zone


di

Altro

circolazione
Orario

di

No

Serie

N. Scambiatori di calore
N.

Si

Parallelo

funzionamento

Temperatura locale caldaia

impianto

Misuratore di portata
Contabilizzazione
consumi

dei

Misuratore di kWh
Livello serbatoio
Altro____________________

13. Identificare le modalit operative e di funzionamento

Valutare ed eventualmente stimare la presenza ed il comportamento degli utenti,


la loro influenza sui consumi energetici, le operazioni di gestione e manutenzione
sugli impianti; a supporto di tale azione possibile richiedere unintervista alla
committenza (o figura responsabile) in grado di valutare tutti questi aspetti di
difficile rilevamento, ma che comportano forti impatti sui consumi energetici.
14. Necessit ulteriori dati quantitativi?

Verificare la necessit di ulteriori dati delledificio in funzione delle valutazioni


preliminari di risparmio energetico; se necessari dati cartacei forniti dalla com86

mittenza si torna al punto 7. Revisione dei dati raccolti, oppure se necessari dati
da rilievo diretto si torna al punto 11. Inizio attivit in campo; se non necessari
ulteriori dati si prosegue allazione successiva;
15. Termine attivit in campo

Conclusione delle attivit di raccolta dati ed esecuzione preliminare della pianificazione delle operazioni di analisi sulla base delle informazioni raccolte dalle fasi
C e D; comunicazione formale alla committenza.
Da notare che le fasi C e D possono avvenire anche in parallelo a seconda delle
condizioni al contorno della diagnosi energetica. La procedura dettagliata sar
identificata con il diagramma di Gantt (punto 3).
Si riporta ora il diagramma di flusso della diagnosi standard e dettagliata (II e III livello) riferito alla fase E (analisi) con la definizione di tutti i blocchi allinterno di esso.

87

Figura 22: Diagramma di flusso della fase E (analisi) per diagnosi di II e III livello.

88

1. Raccolta delle bollette

Input da fase C: raccolta dei dati relativi alle bollette o contabilit di fornitura
energetica e ricostruzione dei consumi effettivi di elettricit e combustibili.
2. Raccolta dei fattori di correzione

Input da fase C e D: identificazione e raccolta delle grandezze quantitative che


influenzano il consumo energetico utilizzate per normalizzare e confrontare in
modo omogeneo i consumi, esempio: condizioni climatiche, condizioni ambientali, grandezze correlate con il comportamento e attivit degli utenti.
3. Calcolo indice di prestazione energetica da fatturazione o
contabilizzazione

Identificazione e calcolo di un indice di prestazione energetica effettivo sulla base della


raccolta delle bollette o delle contabilit parametrizzate rispetto allunit di volume o di
superficie; esempio per il settore residenziale [kWh/m2 anno] oppure [kWh/m3 anno].
4. Definizione dei dati delledificio (Fase C, D)

Definizione e riordino dei dati raccolti (Fase C) e rilevati (Fase D) necessari per
la costruzione del modello energetico.
5. Costruzione del modello energetico

Elaborazioni degli elementi e delle informazioni raccolte per la realizzazione del


modello di simulazione delledificio in funzione del livello di diagnosi; esempio:
modello quasi-stazionario mensile per la diagnosi standard di II livello oppure
modello dinamico per la diagnosi dettagliata di III livello.
6. Calcolo dellindice di prestazione energetica da modello

Calcolo di un indice di prestazione energetica operativo derivante dal modello


energetico, normalizzato rispetto allunit di volume o di superficie.
7. Indici confrontabili?

Confronto tra lindice di prestazione energetica da fatturazione e da modello.


Se gli indici tendono a convergere significa che il modello di calcolo validato
sulla base dei valori effettivi e si prosegue lanalisi col passo successivo; altrimenti, si ritorna al passo 5 e si affiner il modello energetico individuando le
cause della mancata convergenza. La convergenza tra gli indici pu considerarsi
raggiunta per scostamenti percentuali tra gli indici ritenuti accettabili in funzione
del settore dintervento e dello stato delledificio.
8. Indice di prestazione energetica obiettivo

Individuazione dellindice di prestazione energetica obiettivo; il valore di benchmark serve per il confronto con lindice di prestazione energetica del modello energetico validato ed determinato in funzione del mandato impartito al REDE: pu
essere la media di settore, un frattile di un campione statistico di edifici del territorio, un riferimento di legge o lattuale consumo ridotto di una certa percentuale.
89

9. Indici confrontabili?

Se i valori espressi dagli indicatori di prestazione energetica da modello sono


gi comparabili con gli indici di prestazione energetica obiettivo, la diagnosi pu
considerarsi conclusa in quanto ledificio non necessita degli interventi per il
raggiungimento dellobiettivo stesso; altrimenti dovranno essere individuati gli
interventi per allineare la prestazione energetica delledificio al benchmark.
10. Individuazione delle Opportunit di Risparmio Energetico i-esime

In base ai risultati evidenziati dal modello energetico si ipotizza un insieme di


Opportunit di Risparmio Energetico adottabili, escludendo in via preliminare gli
interventi che presentano le seguenti criticit:
Richiesta specifica del cliente di non considerare determinate aree delledificio
come possibile oggetto di ristrutturazione.
Risparmio energetico previsto di modesta entit.
ORE relative ad un tipo di impianto o modo di utilizzazione non rilevante per
ledificio in esame.
Costi o tempi di ritorno palesemente eccessivi.
Evidente infattibilit tecnica e/o legislativa.
Le ORE adottabili devono essere successivamente valutate secondo diversi
livelli prestazionali k-esimi, legati alla tipologia di tecnologia scelta ed alla legislazione vigente. Si possono, ad esempio, definire e valutare in funzione di:
rispetto della legislazione vigente (livello 0);
accesso agli incentivi economici, come le detrazioni fiscali (livello 1);
installazione della migliore tecnologia disponibile (livello 2).
11. Definizione degli scenari di intervento j-esimi

Si definiscono degli scenari di intervento costituiti da una singola ORE o da combinazioni di ORE partendo dal presupposto che le ORE non sempre possono
essere valutate in maniera completamente slegata dalle condizioni al contorno
nelle quali si pongono.
In molti casi si pone, inoltre, il problema di valutare strategie alternative di
attuazione delle ORE. Si pu creare, quindi, uno scenario j-esimo inteso come
combinazione di i-esime ORE valutata per i k-esimi livelli prestazionali descritti
nel punto precedente.
Eq. 1

Dove:
i= 1m, rappresentano linsieme delle ORE selezionate;
k= 1n, rappresentano i livelli prestazionali presi in considerazione per la iesima ORE;
j= 1p, rappresenta i possibili scenari di intervento.
90

Ad esempio:
in un dato edificio si ipotizzano tre Opportunit di Risparmio Energetico adottabili, la ORE1 e ORE2 possono essere applicate secondo tre diversi livelli prestazionali, mentre la ORE3 pu essere applicata secondo un solo livello prestazionale (livello k=0). Si ottiene la matrice in Tabella 26:
Tabella 26: Esempio di
prestazionali di applicazione

matrice

delle

ORE

relative

ai

possibili

livelli

OREi=1,2,3

Livellok=0,1,2
Livellok=0

Livellok=1

Livellok=2

ORE1

ORE1,0

ORE1,1

ORE1,2

ORE2

ORE2,0

ORE2,1

ORE2,2

ORE3

ORE3,0

Ottenuta la matrice, si definiscono ora i possibili scenari di intervento j-esimi,


ottenuti dalla composizione delle OREi,k della matrice:

scenario1= ore1,0+ ore2,1+ ore3,0

OREi=1,2,3

Livellok=0,1,2
Livellok=1

Livellok=2

ORE1

ORE1,0

ORE1,1

ORE1,2

ORE2

ORE2,0

ORE2,1

ORE2,2

ORE3

ORE3,0

scenario2= ore1,1+ ore2,1+ ore3,0

Livellok=0,1,2

OREi=1,2,3

Livellok=0

Livellok=0

Livellok=1

Livellok=2

ORE1

ORE1,0

ORE1,1

ORE1,2

ORE2

ORE2,0

ORE2,1

ORE2,2

ORE3

ORE3,0

91

scenario3= ore1,2+ ore2,2

OREi=1,2,3

Livellok=0,1,2

Livellok=0

Livellok=1

Livellok=2

ORE1

ORE1,0

ORE1,1

ORE1,2

ORE2

ORE2,0

ORE2,1

ORE2,2

ORE3

ORE3,0

scenario4= ore3,0

OREi=1,2,3

Livellok=0,1,2
Livellok=0

Livellok=1

Livellok=2

ORE1

ORE1,0

ORE1,1

ORE1,2

ORE2

ORE2,0

ORE2,1

ORE2,2

ORE3

ORE3,0

12. Inserimento degli scenari di intervento j-esimi nel modello energetico e


calcolo del risparmio

Inserimento degli scenari nel modello energetico gi realizzato e vengono calcolati i risparmi espressi secondo gli indici precedentemente determinati.
13. Vincolo energetico rispettato?

Si determina quali scenari sono conformi al vincolo energetico, ovvero allindice


di prestazione energetica obiettivo; se conformi si passa alla fase successiva ovvero alla valutazione economica; altrimenti, si torna al punto 11 cercando di definire
nuovi scenari compatibili con i vincoli energetici.
14. Valutazione economica degli scenari di intervento j-esimi

Costruzione del modello finanziario per la valutazione economica degli scenari di


intervento idonei dal punto di vista energetico secondo gli indicatori economici
selezionati.
15. Indice di prestazione economico

Individuazione dellindice di prestazione economica obiettivo, il valore serve per


il confronto con gli indicatori economici degli scenari di intervento analizzati;
92

16. Vincolo economico rispettato?

Si determina quali scenari sono conformi al vincolo economico, ovvero allindice


di prestazione economica obiettivo; se conformi si passa allanalisi multicriterio;
altrimenti, si torna al punto 11 cercando di definire nuovi scenari compatibili con
i vincoli energetici ed economici;
17. Analisi multicriterio degli scenari di intervento

Si determina il peso degli indicatori energetici, economici ed eventualmente


ambientali e di immagine per la scelta degli scenari da adottare. Il processo avviene tramite una normalizzazione degli indicatori.
18. Priorit degli interventi

I risultati dellanalisi multicriterio e le esigenze della committenza determinano


una graduatoria che costituisce la scala di priorit per lattuazione degli scenari
ipotizzati.
19. Termine della diagnosi

Elaborazione del report (fase F) e incontro finale con la committenza (fase G).
20. Progetto di implementazione delle ORE

Questa azione, esterna dal processo di diagnosi ma strettamente correlata con


esso, la traduzione operativa dei risultati derivanti dal processo di diagnosi energetica. Ovvero, vengono applicati gli scenari di intervento di miglioramento delle
prestazioni energetiche delledificio in funzione delle priorit definite (punto 18).
In funzione delle ORE da applicare e delle condizioni al contorno, il progetto
di implementazione pu consistere in:
Redazione del progetto preliminare, definitivo ed esecutivo per la realizzazione degli interventi di miglioramento delle prestazioni energetiche delledificio.
Pianificazione e gestione delle operazioni di gestione e manutenzione (O&M).
Pianificazione delle procedure di misura e verifica (M&V) per la validazione
delle ORE applicate.

93

94

Indici di prestazione energetica


ed Analisi Multicriterio delle Opportunit
di Risparmio Energetico

4.1 - Definizione e Calcolo degli Indici di Prestazione


Energetica

Si indica con il termine indice di prestazione energetica un parametro numerico

che, in funzione della tipologia specifica di sistema analizzato, dia una rappresentazione sintetica del fabbisogno di energia o di energia primaria o di potenza. Nellattivit progettuale e di certificazione, per rappresentare la prestazione
globale del sistema edificio, sono stati impiegati nel tempo indici diversi, normalizzati rispetto al metro quadro di superficie utile o al metro cubo di volume
climatizzato, che si possono riassumere nellelencazione di Tabella 27:
Tabella 27: Indici di prestazione energetica per il sistema edificio-impianto
Indice

Descrizione

Unit di Misura

EPT

Consumo specifico storico di energia primaria per usi termici

EE

Consumo specifico storico di energia elettrica

EPH

Indice di prestazione energetica per il riscaldamento

[kWh / m2]a o [kWh / m3]a

EPC

Indice di prestazione energetica per il raffrescamento

[kWh / m2]a o [kWh / m3]a

EPW

Indice di prestazione energetica per la produzione di ACS

[kWh / m2]a o [kWh / m3]a

EPL

Indice di prestazione energetica per lilluminazione

[kWh / m2]a o [kWh / m3]a

ETH

Indice di prestazione termica per il riscaldamento

[kWht / m2]a o [kWht / m3]a

ETC

Indice di prestazione termica per il raffrescamento

[kWht / m2]a o [kWht / m3]a

ETW

Indice di prestazione termica per la produzione di ACS

[kWht / m2]a o [kWht / m3]a

[kWh / m2]a o [kWh / m3]a


[kWhe / m2]a o [kWhe / m3]a

La scelta di normalizzare gli indici rispetto allunit di superficie piuttosto, che


rispetto allunit di volume dipende soprattutto dalla destinazione duso delledificio: poich loggetto del presente documento la diagnosi energetica di edifici
residenziali, si sceglie di utilizzare i metri quadrati come riferimento, in modo da
essere coerenti con la definizione degli indici definiti dalla procedura di certificazione energetica.
95

Tra gli indici sopraindicati distinguiamo tre tipologie:


1. Indici di prestazione energetica riferiti ai consumi storici (in grigio chiaro)
2. Indici di prestazione energetica riferiti allenergia primaria per i diversi usi
finali (in grigio intermedio)
3. Indici di prestazione energetica riferiti allenergia netta per i diversi usi finali
(in grigio scuro)
1. Indici di prestazione energetica riferiti ai consumi storici:
Eq. 2
Eq. 2
Eq. 2
Eq. 2

Eq. 3

Eq. 3
Eq.
3
Eq. 3

2. Indici di prestazione energetica riferiti allenergia primaria per i diversi usi


finali
Eq. 4
Eq. 4
Eq. 4Eq. 5

Eq. 5

Eq. 6
Eq. 5

Eq. 6

Eq. 7
Eq. 6
Eq. 7

Eq. 7

Eq.finali
8
3. Indici di prestazione energetica riferiti allenergia utile per i diversi usi
Eq. 8Eq. 8

Eq. 9

Eq.
8
Eq. 9
Eq. 9

Eq. 10

Eq.10
9
Eq.
Eq. 10

Eq. 10

96

Tabella 28: Indici di prestazione energetica per il generico impianto.


Indice

Descrizione

Efficienza di produzione

Rendimento di distribuzione

Rendimento di emissione

Rendimento di regolazione

acc

Rendimento di accumulo

gH

Efficienza globale media stagionale per il riscaldamento o climatizzazione invernale

gHW

Efficienza globale media stagionale per la produzione di ACS

gHn

Efficienza globale media stagionale stimata e corretta (contabilizzazione)

Come si visto gli indicatori energetici possono essere calcolati sia attraverso
una misura al contatore del fabbisogno di combustibile, di energia elettrica o,
qualora sia possibile, di energia termica utile, sia attraverso una stima secondo un
modello di calcolo adeguato. Il processo di diagnosi energetica ha come obiettivo
proprio quello di estrapolare indici di prestazione energetica operativi, a partire
da un modello di calcolo, che siano coerenti con gli indici di prestazione energetica effettivi, ovvero estrapolati da misure dirette. In particolare tale approccio
essenziale per poter stimare lincremento di prestazione ottenibile a seguito
dellapplicazione di misure di risparmio energetico e quindi per quantificare tale
risparmio, in quanto permette di effettuare simulazioni a partire da un modello
energetico validato dalla realt dei consumi. Lelaborazione di un determinato
modello energetico, come si visto nei capitoli precedenti, dipende dal livello di
complessit che si sceglie di adottare nella fase preliminare di diagnosi. Occorre
distinguere, quindi, tra i vari livelli di analisi, infatti:
se si tratta di una diagnosi energetica standard: il calcolo del fabbisogno
energetico delledificio per riscaldamento o climatizzazione invernale e per
raffrescamento o climatizzazione estiva avviene tramite strumenti standard in
regime stazionario (norme UNI-EN-ISO) con la modellazione delle caratteristiche delledificio, degli impianti e dei profili di occupazione e gestione reali;
se si tratta di una diagnosi energetica dettagliata: il calcolo delle stesse quantit viene fatto con strumenti avanzati in regime dinamico (simulazione del
funzionamento reale delledificio e degli impianti reali durante tutto un
anno possibilmente su base oraria).
97

4.2 - Analisi Multicriterio per la valutazione delle


Opportunit di Risparmio Energetico (ORE)
Lanalisi multicriterio per la valutazione delle Opportunit di Risparmio Energetico rappresenta la fase chiave per centrare lo scopo della diagnosi energetica:
aumentare lefficienza energetica delledificio in funzione delle esigenze della
committenza. Lanalisi multicriterio si effettua nelle fasi finali della fase di processo di analisi (vedi paragrafi 3.1 e 3.2).
Lindividuazione delle ORE, quindi, si esegue in funzione degli indici di prestazione energetica obiettivo da raggiungere, in funzione delle richieste della
committenza ovvero in funzione dei seguenti obiettivi:
Energetico
Ambientale
Economico
Immagine
Per ogni progetto, quindi, andranno identificati di comune accordo con la committenza gli obiettivi e andranno posti in relazione tra di essi per la scelta degli
interventi da effettuare. Esistono diverse tipologie di valutazioni da effettuare in
funzione del tipo di obiettivo:
Valutazione energetica
Per la valutazione energetica occorre individuare lindicatore energetico su cui
operare per la valutazione del risparmio. Gli indicatori sono descritti dettagliatamente nel paragrafo precedente.
In ogni caso occorre fissare lo scenario di riferimento (baseline), rispetto al
quale si misura il risparmio energetico, e gli scenari alternativi conseguenti alle
diverse ipotesi di intervento intese come combinazioni di ORE. Per quantificare i
risparmi energetici indotti dallapplicazione degli scenari si utilizzer un modello
energetico coerente con il livello di dettaglio concordato. Si rimanda al Capitolo
5 per una completa definizione delle modalit esecutive con cui si effettua la
valutazione.
Valutazione ambientale
Per la valutazione ambientale, nota lenergia primaria richiesta dalle varie soluzioni, si pu utilizzare la matrice dei coefficienti di emissione di Tabella 29, che
riporta la quantit dei principali gas inquinanti e particolato atmosferico per unit
di energia di fonte energetica impiegata, o limitarsi alla sola CO2 come ad esempio riportato nellappendice E della norma UNI EN 15603.

98

Tabella 29: Principali gas inquinanti per unit di energia primaria in funzione del tipo
di vettore energetico.
En.
elettrica

Gas
naturale

CO2

450,06

204,55

CO

nd

0,003

NOx

0,761

0,095

SO2

0,605

polveri
PM 10

Fonte:




Pellet

Gasolio

Olio
com bustibile

GPL

262,91

259,63

228,61

g/kWh

27,000

3,999

0,006

0,013

0,137

g/kWh

0,972

1,205

0,185

0,420

0,238

g/kWh

0,005

0,072

0,035

0,149

0,365

0,002

g/kWh

0,027

0,001

nd

nd

0,001

0,021

nd

g/kWh

0,020

0,001

0,360

0,568

0,001

0,017

0,013

g/kWh

Legna

Gas naturale, gasolio, olio combustibile: generatori con potenza compresa tra 75 e 200
kW, Regione Lombardia, Regione Piemonte (2005).
GPL: combustione del GPL, U.S. EPA (2008).
Pellet: stufe domestiche, U.S. EPA (1996).
Legna: generatori residenziali di potenza < 50 MW, inventario INEMAR 2010.
Energia elettrica: ENEL, rapporto ambientale 2012;
GSE, mix energetico complementare 2011.
Regione Lombardia, inventario delle emissioni 2010.

Sono da segnalare alcuni aspetti di questa tabella di riferimento:


i dati di polveri e PM10 riferiti a gasolio e gas naturale sono indicativi poich,
come esplicato nello studio di Regione Lombardia e Regione Piemonte, il valore reale inferiore al limite di rilevabilit dello strumento;
non presente la voce teleriscaldamento a causa della molteplicit di combustibili utilizzati per questo scopo, che rende molto variabili i valori dei fattori di emissione dei diversi gas e sostanze inquinanti.
, quindi, in ogni caso buona pratica disporre di propri dati di emissioni specifiche, ma in caso contrario pu essere utilizzata tale tabella.
In una diagnosi energetica di I livello pu essere sufficiente limitarsi ad unanalisi ambientale basata solo sulle emissioni di CO2, mentre in unanalisi di II o III
livello necessario considerare anche gli altri gas inquinanti.
in ogni caso necessario considerare che nella valutazione dellimpatto ambientale non tutte le soluzioni sono equivalenti a pari inquinanti prodotti per unit
di energia resa. Infatti com intuitivo c una profonda differenza tra soluzioni
che prevedono emissioni locali e soluzioni che prevedono emissioni concentrate
in centrali dislocate lontano dallinsediamento abitativo.

Valutazione economica
La verifica della convenienza economica della realizzazione dellefficienza ener99

getica del tipo trattato in questa linea guida segue le regole generali delleconomia di investimento di cui sono noti in particolare i costi di realizzazione e
risparmi economici annuali ottenibili. Il tema generale della valutazione degli
investimenti, in particolare nel caso dinterventi di efficienza energetica, ampio
ed discusso in modo pi vasto allinterno del paragrafo 5.3.3.4 Valutazione
economica degli scenari e dellappendice C sui metodi di analisi economica; si
richiamano qui solo in sintesi alcuni concetti utili per lanalisi economica che pu
essere condotta secondo metodologia descritta nei paragrafi seguenti.
In valutazioni economiche dinterventi di miglioramento dellefficienza energetica sono tipicamente utilizzati indici economici, utili per la valutazione della
convenienza economica di un intervento.
Una realistica indicazione della fattibilit di un intervento pu essere data,
in particolare, dal Costo dellEnergia Risparmiata [c/kWh] (di seguito semplicemente CER) il quale fornisce in maniera chiara e precisa qual lesborso
finanziario che il consumatore deve sostenere per ogni unit di energia risparmiata; sulla base di questo dato, si pu valutare la convenienza nelleffettuare
un determinato intervento, poich se il costo da sostenere per risparmiare 1 kWh
di energia maggiore del costo del combustibile per la produzione dello stesso
kWh, il progetto non sar giudicato fattibile.
Il CER indica il costo da sostenere per ottenere ununit di energia risparmiata.
Esso definito dal rapporto tra la somma dei costi che il consumatore finale deve
effettivamente sostenere per la realizzazione di un intervento e i risparmi energetici che ne derivano.
n

CER

R C S
i 0
n

R
i 1

E risp i

100

Eq. 11

Dove:
C
S
Erisp
Rd

costi sostenuti nellanno i-esimo


sovvenzioni ottenute nellanno i-esimo
energia risparmiata nellanno i-esimo
tasso di attualizzazione

Nellanalisi economica degli interventi di efficienza energetica sulledificio Agesi, associazione che rappresenta le ESCo (Energy Service Company), ha ritenuto
opportuno applicare alcune integrazioni e semplificazioni allindice economico
CER:
100

non prendere in considerazione il tasso di attualizzazione;


applicare alcune semplificazioni al calcolo dei costi.
In particolare, il tasso di attualizzazione, composto da tre valori:
tasso dinflazione;
tasso di variazione del prezzo dei combustibili;
tasso dinteresse di mercato.
Il tasso di variazione del prezzo dei combustibili, che incide in maniera preponderante nella valutazione dei costi di difficile determinazione, con la possibile
conseguenza di sovrastimare o sottostimare gli effetti economici di un intervento;
perci si ritiene opportuno un confronto a valori costanti.
Pertanto, lequazione di riferimento del CER semplificato da Agesi (nominato
di seguito CERA) in questo genere di analisi, la seguente:
n

CER A

C S
i 0

E
i 1

100

Eq. 12

risp,i

Nello sviluppare questa formula, onde evitare possibili duplicazioni dei benefici, non si prendono in considerazione n i costi energetici precedenti n quelli
successivi allintervento e pertanto i costi corrispondono al solo investimento
iniziale (C0).
Nel caso in cui i costi di gestione e manutenzione in fase post-intervento siano
superiori a quelli in fase ante-intervento, la differenza tra i due sommata ai costi
dinvestimento iniziale.
I costi dinvestimento iniziale possono variare a seconda delle modalit di
pagamento degli stessi, per cui, in caso di pagamento dilazionato, si dovranno
considerare gli oneri finanziari e, parimenti, detto valore dovr tenere conto delle eventuali sovvenzioni (Si) derivanti dalla fruizione di incentivi e/o detrazioni
fiscali, quali ad esempio le attuali detrazioni del 65% per interventi di efficientamento energetico o il Conto Termico.
I benefici energetici corrispondono allenergia risparmiata annualmente (Erisp,i) calcolata come sommatoria nellarco di tempo relativo alla vita utile
dellimpianto/i installato/i.
Minore il valore del CERA e pi conveniente risulta lintervento; il CERA
diminuisce al diminuire dei costi che devono essere sostenuti per lintervento e
allaumentare del risparmio realizzato grazie ad esso.
Il CERA ricavato confrontato con un CERA obiettivo, rispetto al quale deve
101

essere inferiore, affinch un progetto sia considerabile conveniente dal punto di


vista economico; il CERA obiettivo corrisponde al prezzo specifico del combustibile (espresso in c/kWh) utilizzato nella situazione ante-intervento.
Il CER e il CERA considerano solamente la differenza tra i consumi energetici
prima e dopo lintervento; nella realt, qualora ci si trovi anche di fronte ad un
cambio di combustibile, il beneficio economico realizzato dopo lintervento
in parte dovuto alla differenza di costi tra i combustibili utilizzati prima e dopo
lintervento, beneficio economicamente significativo e di cui si deve senzaltro
tener conto nella valutazione economica dellintervento. Pertanto stato ritenuto
opportuno affiancare, allindicatore economico CERA, un altro indicatore semplice ed esplicativo, in grado di considerare in maniera esaustiva tutti i benefici
economici derivanti da un intervento di efficientamento energetico delledificio:
il rapporto benefici/costi (B/C), espresso in valore assoluto.
Esso il rapporto tra flussi di benefici e di costi (compreso linvestimento iniziale) considerati in un arco di tempo n e attualizzati per mezzo del tasso di sconto
Rd, ossia tra il valore attuale dei benefici dellinvestimento e il valore attuale dei
costi; esso si ricava dalla seguente formula:
n

B R
i 0
n

d (i ) i

C R
i 0

Eq. 13

d (i ) i

Dove:
Ci
Bi
Rd

costi sostenuti nellanno i-esimo


benefici ottenuti nellanno i-esimo
tasso di attualizzazione

Il rapporto B/C deve avere un valore maggiore di 1, affinch un progetto sia considerabile conveniente.
Poich sia i costi sia i benefici dipendono dalla fluttuazione dei prezzi dei combustibili, la quale difficile da stimare in un arco di tempo lungo, incrementare
entrambe queste incognite (costi e benefici) tramite il tasso di attualizzazione pu
portare ad una sovrastima o sottostima degli effetti economici dellintervento.
Agesi, quindi, ha ritenuto opportuno apportare, analogamente al CERA, una
semplificazione allindicatore B/C (nominato di seguito B/CA), la cui equazione
di riferimento, quindi, la seguente:

102

B / CA

B
i 0
n

C
i 0

Eq. 14
i

I benefici (Bi) corrispondono ai risparmi economici realizzati annualmente sia


grazie al miglioramento tecnico raggiunto per mezzo dellintervento sia grazie ad
una possibile variazione del prezzo in caso di passaggio ad un combustibile pi
economico.
Analogamente a quanto esplicato nella descrizione dellindice CERA, anche
in questa equazione i costi corrispondono allinvestimento iniziale (C0) e prudenzialmente non si prendono in considerazione n i costi energetici successivi
allintervento n quelli antecedenti allintervento onde evitare una possibile duplicazione dei benefici e mantenere lanalisi nella maniera pi obiettiva possibile;
sono considerati i costi di gestione e manutenzione aggiuntivi nel caso in cui essi
siano superiori dopo lintervento.
I costi dinvestimento iniziale saranno adeguatamente corretti in casi di pagamento dilazionato o di accesso a forme di sovvenzione.
Valutazione dellimmagine
La valutazione dellimmagine dellintervento riveste un carattere di singolarit e
soggettivit in funzione della richiesta specifica da parte della committenza.
Il cliente, in alcuni casi, per ragioni di comunicazione o di pubblicit, pu privilegiare alcune tipologie dintervento (ad esempio lutilizzo di fonti energetiche
rinnovabili) sulla base dellimmagine che deriva dallesecuzione di tali tipologie
dintervento.
La scelta di alcuni interventi per questioni dimmagine non sempre corrisponde
alla soluzione tecnicamente ed economicamente migliore, tuttavia se limmagine
lobiettivo preponderante della committenza, tali interventi saranno privilegiati.

4.3 - Definizione dei valori di benchmark degli indici


Indipendentemente dalla tipologia dellindicatore di efficienza energetica adottato per la quantificazione dei risparmi energetici, fondamentale, proprio per
la loro corretta quantificazione, definire dei valori di riferimento con cui confrontarsi. Tali valori, indicati in inglese con il termine benchmark, possono avere
modalit di definizione di tipo qualitativo o quantitativo a seconda del dettaglio
richiesto per la valutazione del miglioramento delle prestazioni energetiche. Il
103

benchmark rappresenta quindi un valore dellindicatore energetico a cui tendere


attraverso gli interventi di ORE.
I valori obiettivo possono essere stabiliti in diversi modi:
Tramite unanalisi statistica dei dati di consumo energetico relativi a un grande
numero di edifici residenziali con medesime caratteristiche tipologiche edilizie
e impiantistiche; il primo quartile della distribuzione potrebbe rappresentare
un realistico valore obiettivo;

Figura 23: Esempio di curva gaussiana relativa alla distribuzione dei consumi energetici
di edifici residenziali; M indica la percentuale di edifici con consumo energetico medio,
H indica la percentuale di edifici con consumo energetico elevato, L indica la percentuale
di edifici con consumo energetico basso, infine T rappresenta un ipotetico valore obiettivo
per lo specifico caso.

Sulla base di una valutazione qualitativa conforme allo stato dellarte della
progettazione energeticamente corretta, ad esempio: stima dellindice di prestazione energetica di un edificio modello avente coibentazione dellinvolucro
esterno, infissi con telaio in PVC e vetro camera basso emissivo, generatore
di calore a condensazione, valvole termostatiche sulle unit immobiliari, ecc.;
Sulla base della suddivisione in classi energetiche determinate dal D.Lgs. n.
192/2005 e s.m.i., ovvero dei valori limite dellindice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale e dei valori limite di indice di prestazione
dellinvolucro per lestivo (Articolo 4 del DPR n. 59/09); valori cogenti nei casi
di intervento previsti dallarticolo 3, commi 1 e 2 del D.Lgs. n. 192/2005 e s.m.i.;

104

Tabella 30: Valori limite dellindice di prestazione energetica per climatizzazione invernale
Epi espressi in [kWh/m2] secondo D.Lgs. 192:2005 e smi, in funzione del rapporto S/V.717

Tabella 31: Valore limite indice di prestazione energetica per il raffrescamento estivo
dellinvolucro edilizio Epe,invol espresso in [kWh/m2 anno], pari al rapporto tra il fabbisogno annuo di energia termica per il raffrescamento delledificio, calcolata tenendo
conto della temperatura di progetto estiva secondo la norma UNI/TS 11300 - 1, e la superficie utile delledificio residenziale (art. 4, comma 3 DPR 59/09).

Sulla base dei valori limite dellindice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale, della trasmittanza termica dei componenti dellinvolucro
richiesti dal D.M. 26 gennaio 2010 per lottenimento delle detrazioni fiscali del
55% (attuali detrazioni del 65%).
Tabella 32: Valori limite dellindice di prestazione energetica per climatizzazione invernale Epi espressi in [kWh/m2] secondo D.M. 26 gennaio 2010 per lottenimento delle
detrazioni fiscali previste per la riqualificazione energetica delledificio.

7 Vedi nota a pi di pagina n. 1

105

I quattro metodi possono essere applicati congiuntamente per stabilire il valore di


riferimento corrispondente al caso analizzato e alle esigenze di diagnosi.
Stabilito, quindi, il valore baseline delledificio nella fase iniziale dellanalisi
energetica si pu evidenziare il suo posizionamento in termini relativi e assoluti
in funzione del benchmark di riferimento. Questo permette una corretta valutazione delle ORE e degli scenari di intervento da effettuare sul sistema edificioimpianto.

106

Procedura di esecuzione
ed azioni da intraprendere

5.1 - Le azioni sulle tipologie di diagnosi

tre livelli di diagnosi sono caratterizzati da una modalit esecutiva differente


in funzione del grado di dettaglio richiesto. Questo comporta lesecuzione di differenti operazioni, lutilizzo di diverse strumentazioni e metodologie di calcolo.
Nel paragrafo 5.2 verranno, quindi, descritte le azioni da intraprendere nella
diagnosi leggera di I livello (fasi del processo di Figura 19); mentre nel paragrafo
5.3 verranno riportate le azioni riferite alla diagnosi standard di II livello e dettagliata di III livello, mettendo in risalto le differenze e le peculiarit delle operazioni da compiere in funzione degli obiettivi dei due diversi livelli di dettaglio
(fasi del processo di Figura 20 e Figura 22).
Di seguito in Tabella 33 vengono rappresentate le caratteristiche delle azioni
dei tre livelli di diagnosi in riferimento alle fasi principali della diagnosi energetica: raccolta dati, attivit in campo, analisi e report.

107

Tabella 33: Caratteristiche delle azioni di diagnosi energetica;Legenda simbologia:


(-) = azione non richiesta; () = azione facoltativa; () = azione necessaria
Fase
di processo

Operazione

Dati generali

Consumi storici
delledificio

Elemento

C.
Raccolta dati

Categoria dest. duso edificio (secondo


DPR n.412/93)

Anno di costruzione ed eventuali


ristrutturazioni

Storico dei consumi su base annuale


(ultimi 3 anni) da fatturazione

Storico dei consumi su base mensile


(ultimi 3 anni) da fatturazione

Letture e/o misurazioni sui contatori o


porzioni delledificio

GG riscaldamento/raffrescamento
da dati meteorologici (ARPA o stazioni
meteorologiche)

GG riscaldamento/raffrescamento da
misurazioni dirette in situ

Destinazione duso

Numero di persone occupanti ledificio


(importante per luso di ACS)

Superfici e volumetrie delledificio

Profili di funzionamento dei sistemi/


sottosistemi impiantistici

Piante, prospetti, sezioni delledificio da


archivio Comune e/o catasto

Progetto esecutivo architettonico e


impiantistico delledificio (se reperibile)

Relazioni ex art. 28 della Legge 10/91 o


Legge 373/76 (se presenti)

As-built impiantistici (se presenti)

Inquadramento planimetrico

Reperimento
documenti
di progetto,
funzionamento,
di manutenzione

Valutazione
contratti di
fornitura energia

108

II livello
III livello
(Standard) (Dettagliata)

Ubicazione

GG riscaldamento da DPR 412/93

Fattori
di correzione

I livello
(leggera)

Attestato di Certificazione Energetica e


report di diagnosi (se gi presenti)

Dati e schede tecniche dei sistemi e/o


sottosistemi impiantistici

Dati e schede tecniche di


apparecchiature di processo

Dati sulle operazioni di conduzione e


manutenzione degli impianti

Valutazione dei costi correnti e dei


servizi coperti

Fase
di processo

Operazione

Zone termiche

Caratteristiche
dellinvolucro

D.
Attivit in
campo

Elemento

I livello
(leggera)

II livello
III livello
(Standard) (Dettagliata)

Rilievo geometrico

Analisi fotografica

Misura temperatura dellaria

Misura umidit relativa dellaria

Temperatura superficiale

Temperatura radiante

Velocit dellaria

Livello di illuminamento

Rilievo caratteristiche geometriche e del


contorno

Rilievo stato di conservazione

Rilievo visivo componenti opachi

Rilievo strumentale invasivo componenti


opachi (foratura parete)

Rilievo strumentale non invasivo


componenti opachi (termoflussimetro,
termografia e indagine sonica)

Rilievo visivo componenti trasparenti

Analisi visiva di ponti termici (muffe ecc.)

Analisi strumentale (termografia) di ponti


termici

Tipologia e schema impianto termico

Sistema di climatizzazione/riscaldamento
invernale

Sistema di climatizzazione/
raffrescamento estivo

Sistema di produzione ACS

Sistema di produzione energia da FER

Sistema di ventilazione meccanica


controllata

Illuminazione

Altri servizi (apparecchiature processo,


ecc)

Rilievo profili di occupazione

Rilievo profili di funzionamento sistemi/


sottosistemi impiantistici

Analisi del
comfort

Questionari

Valutazione
preliminare degli
interventi

Check-up energetico: sommario dei dati


energetici reperiti sul campo

Caratteristiche
degli impianti

Profili di
funzionamento

109

Fase
di processo

Operazione

Elemento
Disaggregazione dei consumi reali
Metodo della firma energetica semplice

Costruzione
del modello
energetico

E.
Analisi

II livello
III livello
(Standard) (Dettagliata)

Metodo della firma energetica dettagliata

Inquadramento preliminare del


fabbisogno di energia primaria con
lausilio di fogli di calcolo

Calcolo del fabbisogno di energia


primaria in regime quasi-stazionario
mensile

Calcolo del fabbisogno di energia


primaria in regime dinamico

Valutazione preliminare

Identificazione degli scenari di intervento

Identificazione e Valutazione energetica degli scenari (I


valutazione delle livello)
ORE (il dettaglio Valutazione energetica degli scenari (II
dipende dal
e III livello)
livello scelto)
Valutazione economica degli scenari
Scelta degli scenari tramite analisi
multicriterio

F.
Report

I livello
(leggera)

Report sintetico comprensivo di


documento informativo e tecnico:
descrizione dello stato di fatto del
sistema edificio-impianto, individuazione
delle carenze energetiche,
individuazione dei possibili scenari di
intervento delle ORE e pianificazione di
diagnosi pi dettagliata
Report esteso comprensivo di
documento informativo e tecnico:
descrizione dello stato di fatto del
sistema edificio-impianto, modalit
e risultati dellanalisi, individuazione
degli scenari di intervento delle ORE e
pianificazione di implementazione

5.2 - Procedura di diagnosi leggera (I livello)


5.2.1 - Raccolta dati delledificio e attivit in campo
La raccolta dati nella diagnosi leggera (I livello) una fase operativa fondamentale e allo stesso tempo critica perch consiste nel reperire delle informazioni
mirate, in un arco temporale breve, per lindividuazione delle prestazioni energetiche globali delledificio. Obiettivo della raccolta dati quindi la definizione
delle caratteristiche tipologiche e geometriche delledificio, la valutazione dei
dati di consumo energetico dei vettori energetici (solitamente energia elettrica e
110

gas naturale) e lispezione visiva dei componenti costituenti linvolucro edilizio


che determinano la superficie disperdente delledificio e i sistemi e/o sottosistemi
impiantistici. Lo scopo sar poi quello di analizzare i consumi energetici relativi
e assoluti annuali per il confronto con valori medi o benchmark di riferimento.
I dati si possono suddividere in quattro categorie:
1. Dati generali
2. Consumi storici
3. Caratteristiche dellinvolucro
4. Caratteristiche degli impianti
Per quanto riguarda i dati generali verranno raccolti e/o rilevati per mezzo di
ispezione visiva e interviste quegli elementi necessari per la comprensione delle
caratteristiche tipologiche, funzionali e geometriche del fabbricato, utili inoltre
alla determinazione dei fattori di correzione per generare gli indicatori di riferimento delledificio (superficie lorda riscaldata, volume lordo riscaldato, numero
di unit abitative, ecc.), vedi appendice A, scheda 1.1 diagnosi di I livello.
I consumi storici sono deducibili dallacquisizione e lo studio dei dati di contabilizzazione termica (diretta o indiretta, cos come definite dalla UNI 10200)
eventualmente presente o dallacquisizione e lo studio delle fatturazioni sui pagamenti relativi alle forniture elettriche e dei combustibili. In questultimo caso si
raccolgono quindi le fatturazioni delledificio o delle unit abitative appartenenti
ad esso relative agli ultimi tre anni e si stabiliscono i consumi e le spese energetiche annuali delledificio relativamente ad ogni vettore energetico presente, vedi
appendice A, scheda 2.4 diagnosi di I livello.
I dati relativi ai consumi di energia elettrica da rilevare in fattura sono i dati generali (intestazione fattura, societ di fornitura, punto di dispacciamento (POD),
potenza installata e tipologia di contratto), i dati di potenza reale, i dati di consumo (non suddiviso per fasce) e di spesa economica.
I dati relativi ai consumi di gas naturale da rilevare sono i dati generali (intestazione fattura, societ di fornitura, punto di riconsegna (PDR), classe del contatore, tipologia di contratto, coefficiente correttivo dei consumi, potere calorifico
inferiore del combustibile), i dati di consumo annuali e la spesa economica. Si
ricorda che i consumi reali vanno calcolati in base alle sole letture vere presenti
in fattura. La societ di distribuzione del combustibile obbligata ad effettuare fisicamente (tramite il personale tecnico) un numero di letture del contatore annuo
commisurato in base alla classe di consumo del contatore (circa due allanno per
piccoli contatori, fino ad una mensile per quelli medio-grandi).
I dati relativi al consumo di combustibile GPL o gasolio sono i dati generali
(intestazione fattura, societ di fornitura, volume del serbatoio, livello del serbatoio al momento della ricarica, potere calorifico inferiore del combustibile ),
i dati di consumo annuali e la spesa economica. In questo caso, per valutare il
111

consumo annuale occorre prendere nota delle ricariche effettuate durante lanno
e dei livelli del serbatoio.

Figura 24: Esempio di grafico elaborato dallanalisi dei consumi storici del gas naturale
per la diagnosi di I livello.

Le caratteristiche dellinvolucro verranno rilevate per mezzo di ispezione visiva


e interviste per la determinazione delle principali caratteristiche dei componenti
opachi e trasparenti dellinvolucro edilizio; tra le quali la valutazione della tipologia costruttiva, lo stato conservativo dei componenti, la necessit di manutenzioni ordinarie o straordinarie, i materiali di finitura e lo spessore per i componenti
opachi, la tipologia di serramento (caratteristiche vetro, telaio), la tipologia di
schermature per i componenti trasparenti e la presenza visiva di ponti termici
desunta visivamente in considerazione della tipologia costruttiva e dallet di realizzazione, ecc. La determinazione di tali caratteristiche permette in seguito la
stima delle principali caratteristiche termofisiche dei componenti di involucro.
Nel caso fossero presenti si possono desumere e successivamente validare con
lispezione in sito, i dati dellinvolucro edilizio dalla documentazione di progetto
e di verifica (relazioni ex art. 28 Legge 10, Attestato di Certificazione Energetica), vedi appendice A, scheda 3.1 e 3.2 diagnosi di I livello.
In caso di difficolt di reperimento di tali dati, essendo questa analisi eseguita
ad un livello leggero, si possono utilizzare i dati relativi alle tipologie e propriet
degli involucri, relazionati al periodo di costruzione; queste informazioni sono
presenti nelle tabelle al paragrafo 2.4.1.
112

Tabella 34: Riepilogo dei dati dellinvolucro da rilevare per la diagnosi di I livello;
(*) dati che non compaiono nellACE, da richiedere direttamente al certificatore energetico
Tipo di Dato

Dati generali

Caratteristiche
geometriche

Pareti opache
e coperture

Serramenti

Ponti termici

Dati rilevati

Fonti
documentali

Strumenti
a supporto

Ubicazione

Google Maps

Destinazione duso

Catasto

Anno di costruzione/
riqualificazione

Rif. pratiche
edili (archivio
Comune)

Mappa generale del


complesso

Rif. pratiche edili ,


catasto

Analisi visiva,
Google Earth

Propriet
geometriche

Relazione
ex.Lg.10

Distanziometro,
metro

Tipologia costruttiva e
propriet termofisiche

Relazione
ex.Lg.10
ACE(*)

Analisi visiva, abachi,


raccomandazioni CTI

Tipologia vetro

Relazione
ex.Lg.10
ACE(*)

Analisi visiva,
spessimetro per
vetro

Tipologia di telaio

Relazione
ex.Lg.10
ACE(*)

Analisi visiva

Presenza di sistemi
di oscuramento

Analisi visiva

Presenza di ponti
termici strutturali o
dovuti alla scorretta
messa in opera degli
elementi costruttivi

Analisi visiva

Le caratteristiche degli impianti verranno rilevate per mezzo di ispezione visiva e raccolta dei dati utili ai fini della determinazione della tipologia e modalit
di funzionamento dei diversi sistemi e sottosistemi impiantistici presenti nelledificio, dello stato e delle operazioni manutentive, vedi appendice A, scheda 4.1 e
4.2 diagnosi di I livello.

113

Tabella 35: Elenco dei principali elementi degli impianti da rilevare per la diagnosi
energetica di I livello.
Sottosistema
di impianto

Generazione
riscaldamento/
ACS

Accumulo
riscaldamento/
ACS

Dati rilevati

Fonti
documentali

Strumenti a
supporto

Tipologia e potenza di
generazione

Relazione
ex.Lg.10
ACE

Analisi visiva,
interviste

Configurazione di sistemi
misti e multipli

Progetto
impiantistico,
ACE

Analisi visiva

Tipo di combustibile

Progetto
impiantistico,
ACE

Analisi visiva,
interviste

Stima della potenza


ausiliari elettrici

Progetto
impiantistico,
ACE

Analisi visiva

Dimensioni,
coibentazione,
dislocazione (ambiente
riscaldato/non riscaldato)

Progetto
impiantistico,
ACE

Analisi visiva

Temperatura di accumulo

Analisi visiva

Distribuzione
riscaldamento/
ACS

Tipologia di distribuzione,
dislocazione, tipo fluido
termovettore

Progetto
impiantistico,
ACE

Analisi visiva

Regolazione
riscaldamento

Tipologia di sistema di
regolazione in ambiente
(climatica, di zona, per
singolo ambiente o una
combinazione di queste)

Progetto
impiantistico,
ACE

Analisi visiva,
interviste

Emissione
riscaldamento

Tipologia dei terminali

Progetto
impiantistico,
ACE

Analisi visiva,
interviste

Fonti
energetiche
rinnovabili

Presenza e caratteristiche
generali di sottosistemi
per la produzione da fonti
energetiche rinnovabili

ACE

Analisi visiva,
interviste

Illuminazione

Tipologia, presenza di
corpi illuminanti e gestione

114

Analisi visiva

importante che il sopralluogo avvenga in presenza dellutenza, dellamministratore e del responsabile di impianto per permettere di effettuare le relative interviste.
Si consiglia di assicurarsi che ci sia la possibilit di accedere a tutti i locali significativi e che quindi vi siano le chiavi di ogni locale o le autorizzazioni dovute (nel
caso di edifici pubblici). Inoltre importante anche il reperimento dei documenti,
qualora disponibili, che descrivano le caratteristiche e le prestazioni dei sistemi
impiantistici in modo da poter verificare a posteriori leffettiva corrispondenza con
quanto rilevato in sito. In particolare si pu richiedere la seguente documentazione:
As-built e/o progetti esecutivi
ex art 28 Legge 10/91 (attuale DGR 8/8745 allegato B) e tutte le modifiche ed
integrazioni
libretto di centrale
Attestato di Certificazione Energetica
5.2.2. - Inquadramento energetico del sistema edificioimpianto
La fase del processo di analisi si pu suddividere nellinquadramento energetico
del sistema edificio-impianto e nella successiva valutazione potenziale di risparmio energetico ed economico. Linquadramento consiste nella determinazione
del consumo e della spesa energetica annuale specifica e assoluta suddivisa per
vettore energetico. Tramite lausilio di fogli di calcolo pu essere quindi rappresentata una tabella nella quale sono riportati i valori assoluti dei consumi annuali
dei vettori energetici e un relativo grafico a torta rappresentante i valori percentuali dei vettori. Qualora necessario, possibile effettuare lanalisi dei profili di
consumo energetico sugli anni presi come riferimento dalla raccolta dati.

Figura 25: Esempio di ripartizione dei consumi per vettore energetico.

115

Viene poi appurato che i consumi energetici storici siano in linea con le caratteristiche delledificio analizzato, ovvero che non ci siano discrepanze di comportamento tra quanto analizzato visivamente e quanto calcolato da fatturazione.
Quindi, si validano gli indici di prestazione energetica da fatturazione sulla
base dellesperienza del REDE e dei valori di riferimento caratteristici. Se cos
non fosse, ci potrebbe essere un errore della lettura dei consumi storici, quindi
occorre una riverifica degli stessi.
5.2.3 - Valutazione potenziale di risparmio energetico
ed economico
Gli indici di energia primaria desunti dai dati di fatturazione vengono ora confrontati con gli indici di prestazione energetica obiettivo o benchmark (media di
settore, un frattile di un campione statistico di edifici del territorio, un riferimento
di legge o lattuale consumo ridotto di una certa percentuale).
La valutazione finalizzata nellottica di stimare il potenziale di risparmio
energetico ed economico grazie allindicazione delle Opportunit di Risparmio
Energetico (ORE) a basso costo di investimento (es. miglioramento delle procedure di gestione e manutenzione) facilmente implementabili e una lista qualitativa degli scenari di intervento delle ORE con una prima indicazione dei costi
di investimento (es. scenario: coibentazione involucro + sostituzione generatore
obsoleto con pompa di calore, ecc.).
La valutazione degli interventi per il miglioramento delle prestazioni energetiche hanno, inoltre, il compito di comprendere la necessit o meno di eseguire
una diagnosi pi dettagliata (II o III livello) sullintero edificio o su uno specifico componente del sistema edificio-impianto. Quindi, la valutazione permette al
REDE la formalizzazione di unofferta pi precisa al committente in termini di
tempo e risorse per le successive prestazioni professionali.

5.3. - Procedura di diagnosi standard (II livello)


e dettagliata (III livello)
5.3.1 - Raccolta dati delledificio
5.3.1.1 - Consumi storici
Per effettuare una diagnosi energetica, sia che si tratti di secondo che di terzo livello, fondamentale comprendere il comportamento del sistema edificio-impianto
al variare delle condizioni al contorno e costruire un modello energetico che simuli
in maniera consistente tale comportamento: in particolare in questo sotto-paragrafo studiata la raccolta dei dati per lindividuazione degli input energetici della
zona/edificio soggetto a diagnosi e quindi del profilo caratteristico di assorbimento
116

energetico. Tali ingressi possono riguardare differenti vettori energetici, i pi comuni dei quali sono il gas naturale (metano) e lenergia elettrica.
Tali consumi energetici sono deducibili o dallacquisizione e lo studio dei dati
di contabilizzazione termica (diretta o indiretta, cos come definiti dalla UNI
10200) eventualmente presente o dallacquisizione e relativo studio delle fatturazioni sui pagamenti relativi alle forniture di combustibili ed elettriche. Questultimo deve essere molto accurato e deve tenere in considerazione molti fattori, in
particolare:
la condivisione di un unico punto di fornitura per numerosi edifici o destinazioni duso ai sensi del DRP 412 diverse;
lutilizzo differenziato di un combustibile per servizi diversi (riscaldamento,
ACS);
i profili di utilizzo delledificio servito;
i dati climatici caratteristici del periodo analizzato;
la variabilit dellintervello temporale a cui si riferisce la fatturazione.
Una volta determinati i consumi energetici reali possibile utilizzarli per effettuare una calibrazione dei profili di utilizzo dellimpianto termico ed elettrico
e delledificio in generale da parte dellutenza. Inoltre, sar altrettanto importante confrontare i dati di consumo reale con i risultati delle simulazioni termiche
delledificio per validare il modello di calcolo e tutte le ipotesi adottate, e per
stimare in modo preciso la bont degli interventi di riqualificazione energetica
proposti e il loro tempo di ritorno economico.
La verifica dei consumi normalizzati con i risultati dei consumi derivanti dalla
diagnosi energetica permette al REDE di avere una prima indicazione sullattendibilit dei dati rilevati e/o ipotizzati relativamente al sistema edificio-impianto,
che pu portare alla validazione del procedimento od alla revisione della procedura per lacquisizione dei dati.
Per valutare il profilo di consumo di combustibile e/o di assorbimento di energia elettrica occorre associare le spese energetiche della zona soggetta a diagnosi
alla fatturazione disponibile (relativa ad un certo vettore energetico). Non sempre
si ha una corrispondenza tra le zone soggette a diagnosi e i contatori, e di conseguenza le fatturazioni a cui queste fanno riferimento; si espongono quindi dei casi
esemplificativi che testimoniano tale potenziale discordanza. Compito del REDE
sar quello di individuare larchitettura del sistema di approvvigionamento dei
vettori energetici relativa alle zone oggetto di diagnosi. Si annota inoltre che una
o pi zone compongono ledificio.

117

Figura 26: Esempio A; ad ogni zona i-esima soggetta a diagnosi corrisponde un contatore n-esimo.

Figura 27: Esempio B; ad uno stesso contatore fanno riferimento diverse zone che possono soggette (zone i-esime) o non soggette (zone k-esime) a diagnosi.

Figura 28: Esempio C; Il contatore 1 serve direttamente la zona i-esima soggetta a diagnosi, mentre il contatore 2 serve il sottosistema di generazione dellenergia termica (ad
esempio: pompa di calore); gli utilizzi finali dellenergia termica prodotta dal generatore
riguardano, per, sia la zona i-esima soggetta diagnosi che la zona k-esima non soggetta
a diagnosi.

118

La ripartizione delle spese viene comunemente effettuata in base:


1. Alle quote millesimali, ovvero in base alla superficie calpestabile delle varie
zone servite dallo stesso contatore;
2. Al sistema di contabilizzazione termica diretto o indiretto (con riferimento a
quanto specificato nella UNI 10200);
3. Ad altri sistemi di contabilizzazione termica che rispettino la UNI/TR
11388:2010 e la UNI 9019.
quindi importante conoscere e aver verificato in situ quali terminali e quali
apparecchiature sono alimentate da un certo contatore, ma anche comprendere ed
avere verificato in situ quali locali sono alimentati da quelle stesse apparecchiature e terminali e conoscere le caratteristiche (superficie calpestabile o altro) delle
zone non soggette a diagnosi, ma comunque servite dal medesimo contatore.
Per quanto riguarda il monitoraggio delle spese di energia termica, lindividuazione dei consumi reali di combustibile in un certo periodo di tempo pi
complicata rispetto al caso elettrico. In particolare si riportano qui delle possibili schede compilative suddivise per tipologia di combustibile (gas naturale, gas
di petrolio liquefatto o GPL, gasolio), per lacquisizione e la raccolta dei dati
connessi alla fatturazione dellenergia elettrica assorbita e prodotta dalla zona
soggetta a diagnosi.
Si ricorda per la fornitura di gas naturale che, a differenza dellenergia elettrica, i consumi reali vanno calcolati in base alle sole letture effettive debitamente
corrette (non utilizzare le letture presunte) presenti in fattura. Non ancora diffusa la telelettura dei contatori di gas naturale, come invece si ha quasi dappertutto
per quelli dellenergia elettrica. La societ di distribuzione del combustibile
obbligata ad effettuare fisicamente (tramite il personale tecnico) un numero di
letture del contatore annuo commisurato in base alla classe di consumo del contatore (circa due allanno per piccoli contatori, fino ad una mensile per quelli
medio-grandi). Quindi non tutti i consumi presenti in fattura sono reali, ma anzi
spesso sono stimati e quindi fuorvianti rispetto allo scopo diagnostico.
Inoltre, per tener conto della variazione del volume del combustibile in base
alla temperatura e alla pressione atmosferica del sito, la quantit di combustibile
dato dalla differenza tra due letture (vere o stimate che siano) viene moltiplicato
per un coefficiente di conversione (C), stabilito dallAutorit per lEnergia Elettrica e il Gas. Questo avviene a meno che il contatore non abbia un dispositivo
correttore al suo interno (elemento visibile in fattura).

119

Figura 29: Esempio di dati presenti in fattura.

Si sottolinea invece che per la fornitura di GPL o di gasolio in serbatoi di stoccaggio molto difficile stabilire un fabbisogno mensile di combustibile corretto:
di solito, infatti, la fornitura di combustibile avviene in modo discontinuo. Occorre quindi prendere nota del livello di riempimento del serbatoio prima di ogni
ricarica, e dellentit della ricarica stessa, nonch dellintervallo di tempo tra una
ricarica ed unaltra, si rimanda al paragrafo 5.3.1.1.2. Tale quantit di combustibile assorbito dalla zona soggetta a diagnosi va poi diviso per i giorni del periodo
di riferimento. In base alla frequenza delle ricariche si avranno dati pi o meno
precisi.
5.3.1.1.1 - Fornitura di gas naturale
Dati di tipo generale

Edifici o parti di edificio (zone) serviti dal contatore;


Presenza di contabilizzatori di tipo diretto a valle del contatore di rete;
Eventuali sostituzioni o interventi sul contatore, con relativa data dintervento.
Si consiglia di segnare sulla planimetria delledificio lubicazione esatta del contatore.
Dati deducibili dalla fatturazione

Dati dintestazione fattura;


Societ di fornitura;
Indirizzo di fornitura;
Punto di riconsegna (PDR);
Classe del contatore;
Tipologia di contratto e opzione tariffaria;
Valore del coefficiente di conversione (C);
Potere calorifico superiore convenzionale del combustibile espresso in GJ/Sm3;

120

Consumo, espresso in Sm3 (8);18


Prezzi di fornitura del combustibile;
Spesa economica.
Al fine di creare un andamento dei consumi andranno analizzate le fatturazioni
almeno degli ultimi tre anni solari.
Per ricavare il dato di consumo mensile di gas naturale si pu utilizzare la
seguente formula:
[Sm3] Eq. 15

dove:
ECH4,m,mese

il consumo energetico reale (fatturato) di gas naturale sul mese


di riferimento, in [Sm3];
L CH4,m,1 lultima lettura effettiva disponibile del contatore effettuata nel
giorno t1, espressa in [m3 di gas naturale];
L CH4,m,2 la lettura effettiva disponibile precedente alla L CH4,m,1, effettuata
nel giorno t2, espressa in [m3 di gas naturale];
(t1 - t2) rappresenta il periodo di riferimento, in giorni, sul quale si hanno
consumi effettivi; normalizzato sui 30 giorni mensili considerato
che le letture potrebbero non essere regolari sul mese;
C rappresenta il coefficiente di conversione dei consumi per
riportare il metro cubo misurato dal contatore in condizioni
standard espresse in Sm3. Tale coefficiente definito per ogni
localit secondo precisi criteri necessario poich il volume di
una medesima quantit di gas, e quindi il medesimo contenuto
di energia, dipende dalla pressione e dalla temperatura a cui tale
quantit viene consegnata (http://www.autorita.energia.it).

8 Lautorit dellEnergia Eletttrica e del Gas (AEEG) ha stabilito con la delibera ARG/GAS 159/08
e smi, che dal 1 luglio 2009, la fatturazione dei consumi avr come unit di misura lo Standard
metro cubo (Sm3) esprime la quantit di gas contenuta in un metro cubo a condizioni standard di
temperatura (15 C) e pressione (1,01325 bar, ovvero a pressione atmosferica)

121

Determinati i consumi energetici reali mensili si pu ora costruire il riepilogo


sullanno termico.
Tabella 36: Esempio di riepilogo dei consumi di gas naturale sullanno termico in relazione alla spesa economica e al prezzo di fornitura.
Anno termico
20xx/20yy

Ott

Consumo
combustibile
[m3]

Fattore di
conversione
[C]

Consumo
fatturato
[Sm3]

B=AxC

Potere
calorifico
Superiore
[GJ/Sm3]

Energia [GJ]

Nov

Dic

Gen

Feb

Mar

Apr

Mag

Giu

Lug

Ago

Set

Totale

E=DxB

Energia
[kWh]
[1 GJ =
277,78 kWh]
Spesa
economica
[]
Prezzo
fornitura
[ / Sm3]

G=F/B

Nota alla Tabella 36:

Controllare il valore del potere calorifico superiore, questultimo potrebbe variare durante lanno termico a partire dal mese di gennaio;
per fatturazioni non mensili, la spesa economica mensile suddivisa percentualmente in base ai valori di consumo energetico mensile ricavati;
con prezzo di fornitura sintende soltanto la quota variabile del servizio di
acquisto e vendita. Sono escluse le imposte, i corrispettivi per i servizi di rete,
la quota fissa del servizio vendita e le addizionali, che potranno essere considerate, a discrezione del REDE, nella valutazione economica degli interventi
di efficientamento.

122

Figura 30: Esempio di grafico elaborato dallanalisi dei consumi storici del gas naturale
per la diagnosi di II e III livello.

5.3.1.1.2 - Fornitura di GPL o gasolio


Dati di tipo generale

Edifici o parti di edificio (zone) serviti dal contatore;


Presenza di contabilizzatori di tipo diretto a valle del contatore di rete;
Eventuali sostituzioni o interventi sul contatore, con relativa data dintervento.
Si consiglia di segnare sulla planimetria delledificio lubicazione esatta del contatore.
Dati deducibili in situ:

Volume del serbatoio;


Misura livello serbatoio ad inizio stagione;
Livello di riempimento al momento della ricarica;
Misura livello serbatoio fine stagione.

Dati deducibili dalla fatturazione:

Dati di intestazione fattura;


Societ di fornitura;
Indirizzo di fornitura;
Potere calorifico inferiore convenzionale del combustibile;
Consumo, espresso in litri;
123

Prezzi di fornitura del combustibile;


Spesa economica
Al fine di creare un andamento dei consumi andranno analizzate le fatturazioni
almeno degli ultimi tre anni solari.
Per ricavare il dato di consumo mensile di combustibile si pu utilizzare la
seguente formula:
in [litri] Eq. 16

Dove:
Efuel,g,mese il consumo energetico reale (fatturato) di GPL o gasolio sul mese di
riferimento, espresso in [litri];
Lfuel,g,1 lultimo valore disponibile del livello di riempimento del serbatoio nel
giorno t1,
Lfuel,g,2 il valore disponibile precedente a Lv,p,1, e precedente alla ricarica
effettuata nel giorno t2;
Vcarica
la quantit di combustibile ricaricato al momento t2 (che rappresenta
il giorno di ricarica);
(t1 - t2) rappresenta il periodo di riferimento, in giorni, sul quale si hanno
consumi effettivi; normalizzato sui 30 giorni mensili, considerato che le
letture potrebbero non essere regolari sul mese.
Tabella 37: Esempio di riepilogo dei consumi di GPL o gasolio sullanno termico in relazione alla spesa economica e al prezzo di fornitura
Anno termico
20xx/20yy
Consumo
fatturato [l]
Potere
calorifico
Superiore
[GJ/kg]
Energia [GJ]
Energia [kWh]
[1 GJ = 277,78
kWh]

124

Ott

Nov

Dic

Gen Feb

Mar

Apr Mag

Giu

Lug Ago

Set

Totale

Spesa
economica []
Prezzo
fornitura [ /l]

Nota alla Tabella 37:

per fatturazioni non mensili, la spesa economica mensile suddivisa percentualmente in base ai valori di consumo energetico mensile ricavati;
con prezzo di fornitura sintende soltanto la quota variabile del servizio di
acquisto e vendita. Sono escluse le imposte ed ogni altro corrispettivo addizionale.
5.3.1.1.3 - Teleriscaldamento
Nel caso di scambio da rete di teleriscaldamento non vi una fornitura diretta di
combustibile, ma andranno analizzate le fatturazioni dellente fornitore di calore
in relazione alle convenzioni e tariffe stipulate.
Dati di tipo generale

Edifici o parti di edificio (zone) serviti dal contabilizzatore di calore della sottocentrale di scambio.
Dati deducibili dalla fatturazione

Dati dintestazione fattura;


Societ di fornitura;
Indirizzo di fornitura;
Costante di misura;
Consumo, espresso in kWh;
Prezzi dellenergia consumata per singolo kWh.

125

Figura 31 Esempio di dati presenti in fattura.

La costante di misura varia in funzione di ci che misura il contatore/contabilizzatore: se riferito al riscaldamento, si in presenza solitamente di un contabilizzatore
di calore allo scambiatore di sottocentrale che misura lenergia in MWh, mentre la
fatturazione avviene in kWh, per cui la costante di misura sar pari a 1.000 (1
MWh = 1000 kWh). Per quanto riguarda la suddivisione dei consumi allinterno del
singolo condominio si procede ad una determinazione per millesimi oppure attraverso degli ulteriori contabilizzatori di calore allingresso di ciascuna unit immobiliare.
Tabella 38: Esempio di riepilogo dei consumi di teleriscaldamento sullanno termico in
relazione alla spesa economica e al prezzo di fornitura.
Anno termico
20xx/20yy

Ott

Energia al contabilizzatore
[MWh]

Costante di
misura
[kWh / MWh]

Energia
fatturata [kWh]
Prezzo
fornitura
energia [ /
kWh]
Spesa
economica []

126

AxB=C

CxD

Nov

Dic

Gen Feb

Mar

Apr Mag

Giu

Lug Ago

Set

Tot

Nel caso in cui il teleriscaldamento serva anche le utenze per lacqua calda sanitaria, le utenze sono dotate di singoli contatori divisionali privati che misurano un
consumo di acqua in m3, poi convertito in energia termica usando la costante di
misura, in questo caso pari convenzionalmente ad un valore che pu oscillare tra
40 e 50 (es. 1m3 = 46,5 kWh) e, comunque, fissato contrattualmente.
Tabella 39: Esempio di riepilogo dei consumi per acqua calda sanitaria sullanno termico in relazione alla spesa economica e al prezzo di fornitura.
Anno termico
20xx/20yy

Ott

Energia al
contabilizzatore
[m3 ACS]

Costante di
misura
[kWh / m3]

Energia
fatturata [kWh]
Prezzo
fornitura
energia [ /
kWh]
Spesa
economica []

Nov

Dic

Gen Feb

Mar

Apr Mag

Giu

Lug Ago

Set

Tot

AxB=C

CxD

Nel caso di acqua calda sanitaria occorre comunque verificare larchitettura


dellimpianto: caso diffuso linstallazione di un boiler termoelettrico che utilizza il calore da teleriscaldamento nella stagione invernale, mentre usufruisce della
resistenza elettrica interna nella stagione estiva.
Altro aspetto importante, in fase di raccolta dei dati di fatturazione e di valutazione degli scenari economici, la verifica delle condizioni contrattuali che
il condominio o la singola utenza ha con la societ fornitrice del servizio. Pu
trattarsi di una tariffa forfettaria omnicomprensiva (in /MWh) oppure una tariffa
composta da una quota fissa legata alla potenza termica richiesta (/MW) ed una
quota variabile, inferiore a quella forfettaria (in /MWh).
5.3.1.1.4 - Fornitura di energia elettrica
Per quanto riguarda la fatturazione dellenergia elettrica si riportano di seguito
delle possibili schede compilative per lacquisizione e la raccolta dei dati connessi alla fatturazione dellenergia elettrica assorbita e prodotta dalla zona soggetta
a diagnosi.
Si ricorda che quando, successivamente, si riporta la dicitura consumo ener127

gia attiva reale, questa si riferisce ai consumi rilevati dalla societ di distribuzione dellenergia elettrica (ad esempio: Enel Distribuzione, ecc.); spesso, infatti,
i consumi riportati nella fattura per il mese fatturato non sono reali a causa del
mancato utilizzo di contatori elettronici con letture automatiche. Occorre quindi
servirsi dello storico riportato su ogni fattura, relativo ai mesi precedenti per ricostruirsi i consumi reali mensili.
Dati di tipo generale

Edifici o parti di edificio serviti dal contatore; presenza di multimetri o contatori a defalco a valle del contatore di rete;
Eventuali sostituzioni o interventi sul contatore, con relativa data dintervento.
Si consiglia di segnare sulla planimetria delledificio lubicazione esatta del contatore.
Dati deducibili dalla fatturazione

Dati di intestazione fattura;


Societ di fornitura;
Indirizzo di fornitura;
Punto di dispacciamento (POD);
Potenza installata;
Tipologia di contratto e opzione tariffaria;
Consumi di energia elettrica attiva9,19espressi in kWh;
Prezzi di fornitura del combustibile;
Spesa economica.

Al fine di creare un andamento dei consumi andranno analizzate le fatturazioni almeno degli ultimi tre anni solari. Da notare che il prezzo dellenergia elettrica, sulla base del contratto di fornitura pu distinguersi inmonorario, biorario o multiorario. Il prezzo dettomonorarioquando lo stesso in tutte le ore
del giorno; biorario quando varia sulla base di due differenti fasce orarie (F1
e F2+F3), multiorario quando varia per ognuna delle tre fasce orarie (F1, F2,
F3).Le fasce sono cos suddivise:
F1: dal luned al venerd dalle ore 8:00 alle ore 19:00;
F2: dal luned al venerd dalle ore 7:00 alle ore 8:00 e dalle ore 19:00 alle ore
23:00. Il sabato dalle ore 7:00 alle ore 23:00;
F3: Dal luned al sabato dalle ore 24:00 alle 7:00 e dalle ore 23:00 alle ore
24:00. Domenica e festivi.
I contatori elettronici rilevano direttamente i consumi effettivi riportando in fat9 lenergia elettrica reale, ovvero lenergia che viene trasformata in lavoro e calore dai dispositivi elettrici

128

turazione le due letture (Lel,1 e Lel,2) nel periodo di riferimento e il consumo di


energia attiva reale (Eel,mese):
Eq. 17
Eq. 17

Nel caso in cui lutenza non sia ancora provvista di contatore elettronico, potrebbero essere presenti in fatturazione delle letture stimate, in tal caso occorre
normalizzare i consumi di energia attiva reale sulle mensilit intercorrenti tra le
due letture (Lel,1 e Lel,2) nel periodo compreso tra t1 e t2.
in [kWh] Eq. 18
in [kWh] Eq. 18

Tabella 40: Esempio di riepilogo dei consumi di energia elettrica attiva in relazione alla
spesa economica e al prezzo di fornitura di unutenza bioraria relativo allanno termico.
Anno termico
20xx/20yy

Ott

Nov

Dic

Gen Feb

Mar

Apr Mag

Giu

Lug Ago

Set

Totale

Spesa
economica []
Consumo
energia reale
attiva F1 [kWh]
Consumo
energia reale
attiva F2 [kWh]
Consumo
energia reale
attiva F3 [kWh]
Consumo
energia reale
attiva totale
[kWh]
Prezzo di
fornitura F1
[/kWh]
Prezzo di
fornitura F2
[/kWh]
Prezzo di
fornitura F3
[/kWh]

129

Nota alla Tabella 40:

per fatturazioni non mensili, la spesa economica mensile viene suddivisa percentualmente in base ai valori di consumo energetico mensile;
con prezzo di fornitura si intende soltanto la quota variabile del servizio di
acquisto e vendita. Sono quindi escluse le imposte, i corrispettivi per il dispacciamento, per luso della rete, e il servizio di misura ed ogni altra voce;
nel caso dellanalisi dei consumi storici del condominio, in funzione della
suddivisione dei contatori, importante suddividere un riepilogo dei consumi
elettrici destinati alle parti condominiali ed un riepilogo destinato alle unit
immobiliari (singole o multiple in funzione del dettaglio di analisi.

Figura 32: Esempio di grafico elaborato dallanalisi dei consumi storici di energia elettrica per la diagnosi di II e III livello.

Da notare che ai fini dellanalisi dei dati raccolti, nel caso di utenze con potenza
disponibile di almeno 16,5 kW, da tenere in considerazione anche il fattore di
potenza (cos ). Il fattore di potenza un valore compreso tra 0 e 1 in funzione
dellenergia attiva e reattiva10.20
Eq. 19

Dove:
Ea lenergia attiva;
Er lenergia reattiva.
10 Lenergia reattiva quella quota di energia che invece di essere consumata immediatamente
dallutilizzatore viene immagazzinata per poche frazioni di secondo e rilasciata nella rete elettrica. Questa energia non viene commercializzata. tollerata una quantit massima di prelievo,
oltre la quale scatta una sanzione. Lunit di misura il [varh] (Volt Ampere reattiva ora).

130

Lenergia reattiva verr quindi rilevata per mezzo del contatore elettronico. Se il
valore di cos 1 significa che limpianto non assorbe energia reattiva, ovvero
rappresenta la condizione ideale. Se viceversa, cos assume un valore tendente
a 0 significa che lutilizzatore assorbe molta pi energia reattiva rispetto a quella
attiva; sar quindi necessario effettuare un intervento correttivo sullimpianto per
equilibrare il prelievo.
Il prelievo di energia reattiva tollerato fino a che lutilizzatore ha un fattore
di potenza (cos ) maggiore di 0,9, che corrisponde ad un prelievo di energia
reattiva pari alla met dellenergia attiva. Al di sotto di questo valore scatta la penale, che commisurata alla quantit di energia reattiva prelevata oltre la soglia
massima consentita. Occorre inoltre tenere presente che se il prelievo di energia
reattiva superiore al 75% dellenergia attiva, lentit della penale aumenta. In
casi limite, la societ che effettua il servizio di distribuzione pu obbligare il
cliente finale ad adeguare limpianto.
La penale calcolata applicando i criteri e le tariffe stabilite dallAutorit per
lenergia elettrica e gas (AEEG).
Nel caso di presenza di impianto di produzione dellenergia elettrica (fotovoltaico) si potr valutare il guadagno economico ottenuto dalla cessione di energia in rete (incentivo conto energia) e dallautoconsumo (riduzione della spesa
economica in fatturazione). Inoltre, si potr rilevare lenergia elettrica prodotta
(solitamente il cliente finale dotato di un sistema di monitoraggio dellimpianto
fotovoltaico) che messa in relazione sia con lesigenza di consumo elettrico sul
giorno o su determinati periodi che con le tariffe del contratto di fornitura, consente di valutare quando conveniente concentrare i carichi elettrici nel periodo
di riferimento.
5.3.1.2 - Caratteristiche dellinvolucro
La definizione delle caratteristiche dellinvolucro edilizio , insieme alla determinazione delle condizioni climatiche esterne ed a quelle del benessere termoigrometrico interne, lattivit fondamentale per determinare il fabbisogno di energia
termica utile per il riscaldamento ed il raffrescamento. Poich nelledilizia residenziale le chiusure opache influenzano largamente i flussi energetici tra interno
ed esterno, necessario dotare il REDE di un metodo di acquisizione dei dati
standard che riduca il pi possibile le prevedibili imprecisioni e dia risultati pi
certi possibili.

131

Tabella 41: Riepilogo dei dati dellinvolucro da rilevare per la diagnosi di II e III livello;
(*) dati che non compaiono nellACE, da richiedere direttamente al certificatore energetico.
Tipo di Dato

Dati rilevati

Fonti
documentali

Strumenti a supporto

Ubicazione
Dati generali

Caratteristiche
geometriche

Componenti
opachi

Componenti
trasparenti

Destinazione
duso
Anno di
costruzione/
riqualificazione

Rif. pratiche edili


(archivio Comune)

Mappa generale
del complesso

Rif. pratiche edili,


catasto

Analisi visiva, Google


Earth

Planimetrie e
prospetti edificio

Progetti depositati
(se aggiornati)

Rilievi fotografici, appunti,


metro

Presenza di
ostacoli
(per il calcolo
ombreggiamenti)

Rilievi fotografici, appunti,


metro

Propriet
geometriche

Relazione
ex.Lg.10

Tipologia
costruttiva
e propriet
termofisiche

Per diagnosi di II liv. vedi Figura 33 e Tabella 42

Distanziometro, metro

Per diagnosi di III liv. vedi Figura 34 e Tabella 43

Tipologia e
temperatura zone
confinanti

Rif. pratiche edili


(archivio Comune,
verificare se
aggiornato)

Termometro

Geometria dei
serramenti

Relazione
ex.Lg.10

Distanziometro, metro

Tipologia vetro

Relazione
ex.Lg.10
ACE(*)

Analisi visiva, spessimetro


per vetro

Tipologia di telaio

Relazione
ex.Lg.10
ACE(*)

Analisi visiva

Presenza
di sistemi di
oscuramento

132

Catasto

Analisi visiva

Tipo di Dato

Dati rilevati

Ponti termici

Presenza di ponti
termici strutturali
o dovuti alla
scorretta messa
in opera degli
elementi costruttivi

Fonti
documentali

Strumenti a supporto

Analisi visiva; eventuale


termografia a raggi
infrarossi (ove richiesto)

5.3.1.2.1 - Diagnosi di II livello


Lacquisizione dei dati per la diagnosi energetica di secondo livello di un edificio
esistente pu comportare alcune difficolt quali la non reperibilit del progetto cartaceo e la non corrispondenza di questo con il costruito; in sostanza non conoscendo la stratigrafia delle strutture opache necessario intraprendere una procedura
decisamente standardizzata: dalla ricostruzione storica delledificio dal punto
di vista edilizio, allipotesi di tecnologia costruttiva relativa al periodo storico di
riferimento ed agli spessori dei componenti rilevati, fino alleventuale conferma
tramite strumenti di misura in opera. Prima di intraprendere, quindi, una campagna
di rilevamento delle caratteristiche geometriche e prestazionali dellinvolucro di un
edificio occorre dapprima analizzare la storia delledificio stesso, cercando di ricostruire la sequenza degli interventi che questo ha subito nel corso degli anni, dalla
prima costruzione fino ai giorni nostri. Tale processo risulta utile per due motivi:
la possibilit di associare determinate tecnologie costruttive a ciascun periodo
storico, per cui posso sviluppare determinate aspettative gi prima delle indagini sul campo ed utilizzare eventualmente le analisi strumentali come verifica
alle ipotesi formulate in sede preliminare;
lopportunit di verificare la corrispondenza tra progetti depositati e stato di
fatto reale delledificio, in modo da comprendere dove concentrare lattivit
di rilievo per correggere le difformit.
Le attivit ispettive da intraprendere possono differenziarsi, anche allinterno di uno
stesso livello di analisi, a seconda del grado di dettaglio scelto in fase preliminare:
occorre scegliere metodi di valutazione che siano coerenti con il modello energetico
che si intende costruire ed esaminare i seguenti fattori che bisogna tenere in considerazione prima di intraprendere unattivit di analisi e rilievo di un involucro edilizio:
la disponibilit dellidonea strumentazione;
i costi legati al tipo di analisi scelta;
i tempi legati al tipo di analisi scelta;
i soggetti interessati nella procedura di valutazione;
laffidabilit dei risultati in relazione alla tipologia di diagnosi.
133

Viene di seguito riportato in Tabella 42 un prospetto che esemplifica questi


concetti in relazione ai metodi di valutazione dellinvolucro opaco. I risultati
di tali analisi costituiranno linput per il calcolo della trasmittanza termica
secondo la norma UNI EN ISO 6946, attraverso limpostazione di un calcolo
che associ alle stratigrafie rilevate od ipotizzate i corrispettivi valori di conducibilit termica.
Tabella 42: Analisi dei metodi di valutazione dellinvolucro edilizio per la diagnosi di II livello.
METODO DI
VALUTAZIONE

COSTO

TEMPI
NECESSARI

SOGGETTI
INTERESSATI

AFFIDABILITA

Analogia
costruttiva

Abaco strutture
murarie
dellappendice
B norma UNITS 11300/1;
raccomandazioni
CTI; altre fonti
storiche

Basso

Ridotti

Proprietario

Molto bassa

Dati progettuali

Reperimento dei
dati tramite
materiale cartaceo
del progetto
relativi a:
Progetto;
Relazione L.
373/76;
Relazione ex art.
28 Legge 10/91;
oppure da
Attestato di
Certificazione
Energetica

Basso

Mediamente
lunghi

Proprietario e
Uff. Tecnico
Comunale

Bassa

Ridotti

Proprietario,
inquilino e
Proprietari/
inquilini
adiacenti

Buona

Foratura parete

DESCRIZIONE
SOMMARIA

a. Carotaggio

Basso

Il metodo di valutazione per analogia costruttiva permette quindi di stimare la


trasmittanza termica del componente riconducendo ledificio oggetto di diagnosi
ad una determinata tipologia edilizia di cui si conoscono le stratigrafie; le caratteristiche delle tipologie edilizie sono individuate nellabaco strutture murarie
dellappendice B norma UNI-TS 11300/1, nelle raccomandazioni CTI ed in altre
fonti storiche documentali.
Il metodo di valutazione da dati progettuali permette di ricavare direttamente
la trasmittanza termica dagli elaborati di progetto (Progetto, relazione L. 373/76,
relazione ex art. 28 Legge 10/91) o di verifica (Attestato di Certificazione Energe134

tica); in tal caso occorre comunque valutare sulla base dellesperienza del REDE
la rispondenza dei valori reperiti.
Il metodo di valutazione mediante foratura parete con la tecnica del carotaggio consiste nellesecuzione di un foro di qualche centimetro di diametro per stabilire direttamente il tipo di materiale e spessore dei vari strati del componente di
involucro; in questo caso occorre fare attenzione nella scelta del punto di foratura
significativo che rappresenti la tipologia dellinvolucro, inoltre, lesperienza del
REDE gioca un ruolo fondamentale nel valutare le caratteristiche termofisiche
dei materiali. Stabilita la stratigrafia della parete la trasmittanza viene calcolata in
accordo con la norma UNI EN ISO 6946.

Figura 33: Procedura logica per il calcolo della trasmittanza termica per la diagnosi di
II livello.

5.3.1.2.2 - Diagnosi di III livello


Il rilievo delle caratteristiche dellinvolucro nella procedura di diagnosi dettagliata pu essere condotto con i metodi aggiuntivi di Tabella 43.

135

Tabella 43: Analisi dei metodi di valutazione dellinvolucro edilizio per la diagnosi di III
livello
METODO DI
VALUTAZIONE

STRUMENTI
NECESSARI

COSTO

TEMPI
NECESSARI

SOGGETTI
INTERESSATI

AFFIDABILITA

Analogia
costruttiva

Abaco strutture
murarie
dellappendice
B norma UNITS 11300/1;
raccomandazioni
CTI; altre fonti
storiche

Basso

Ridotti

Proprietario

Molto bassa

Dati progettuali

Reperimento dei
dati tramite
materiale
cartaceo del
progetto relativi a:
Progetto;
Relazione L.
373/76;
Relazione ex art.
28 Legge 10/91

Basso

Mediamente
lunghi

Proprietario e
Uff. Tecnico
Comunale

Bassa

Ridotti

Proprietario,
inquilino e
Proprietari/
inquilini
adiacenti

Buona

Media

Ottima

a. Carotaggio

Basso

b. Endoscopio

Molto
elevato

Ridotti

Proprietario,
inquilino e
Proprietari/
inquilini
adiacenti

Termoflussimetro
acquisitore dati e
termocoppie

Medio

Mediamente
lunghi

Inquilino

Foratura parete

Misura in
opera,
ai sensi ISO
9869

Il metodo di valutazione mediante foratura parete con la tecnica dellendoscopio


consiste nellesecuzione di un foro pi piccolo rispetto al carotaggio (solamente 1012 mm di diametro) per stabilire con una sonda il tipo di materiale e spessore dei
vari strati del componente di involucro; come nel caso del carotaggio, occorre fare
attenzione nella scelta del punto di foratura significativo che rappresenti la tipologia
dellinvolucro, inoltre, potrebbe risultare di difficile determinazione il materiale visionato. Anche in questo caso lesperienza del REDE gioca un ruolo fondamentale
nel valutare le caratteristiche termofisiche dei materiali. Stabilita la stratigrafia della
parete la trasmittanza viene calcolata in accordo con la norma UNI EN ISO 6946.
136

Il metodo di valutazione tramite misurazione in opera (ai sensi della norma


ISO 9869) mediante lutilizzo del termoflussimetro, ovvero dalla misurazione
del flusso termico nel componente e delle temperature su entrambe le superfici
dellelemento stesso. La strumentazione costituita da un circuito termoelettrico
inserito in uno strato sottile di isolante (solitamente spesso 3 mm, diametro 100
mm), due sonde di temperatura su ambo i lati della parete e un sistema di acquisizione dati (data logger). La trasmittanza termica esprime un valore in regime
stazionario, questo comporta un periodo di misura che si aggira dai 3 ai 20 giorni
in relazione allinerzia termica della parete; successivamente, si calcolano i valori
medi delle tre variabili per ricavare il valore della trasmittanza termica. Come per
tutte le misurazioni in opera bisogner porre attenzione al punto in cui si esegue
lanalisi. Per localizzarlo potrebbe essere utile lausilio di una termocamera per
valutare se la direzione del flusso di calore si avvicina alle condizioni ideali (flusso unidirezionale) e non vi la presenza di ponti termici.
I risultati ottenibili con lutilizzo di un termo flussimetro sono solitamente buoni, e i dati riportati nella bibliografia collocano il valore degli errori tra l1% e il
15%, con un valore medio dell8%.

Figura 34: Procedura logica per il calcolo della trasmittanza termica per la diagnosi di
III livello.

5.3.1.3 - Caratteristiche degli impianti


I dati impiantistici da rilevare per la diagnosi di II e di III livello non sono differenziabili, difatti le due tipologie di diagnosi richiedono un accurato reperimento
137

dei dati individuati in appendice A. Lunica differenza pu risultare dalla metodologia di misurazione, ovvero lausilio di sistemi di monitoraggio sugli impianti
che richiedano delle tempistiche di medio/lungo termine per la raccolta dati sono
solitamente utilizzate (solo se strettamente necessario) in diagnosi dettagliate di
III livello.
Il rilievo delle caratteristiche degli impianti una procedura che prevede la
raccolta dei dati tecnici relativi ai singoli sottosistemi che li compongono. Loperazione preliminare da svolgere il reperimento dei documenti, qualora disponibili, che descrivano le caratteristiche e le prestazioni degli impianti. In particolare
si pu usufruire dei seguenti documenti:
progetto esecutivo impianti meccanici (ove presente);
eventuale piano di manutenzione;
relazione tecnica di cui allex art. 28 legge 10/91 (attuale DGR 8/8745 allegato
B) e tutte le modifiche ed integrazioni;
libretto di centrale;
eventuale Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) Si ricorda che le centrali
termiche ricadono tra le attivit soggette alle visite e ai controlli di prevenzione
incendi secondo le prescrizioni dellallegato I del DPR 151/2011 (aggiornamento del precedente Decreto Ministeriale 16 febbraio 1982).
In particolare sarebbe opportuno, oltre alla relazione tecnica, lacquisizione delle
tavole di progetto (layout di impianto e terminali per locale). inoltre indispensabile reperire il libretto di centrale aggiornato.
Bisogna, poi, tenere in considerazione che alcuni dati non sono deducibili dalle
relazioni e dai dati progettuali o vi si discostano in modo considerevole. Quindi
fondamentale reperire il maggior numero di informazioni e col maggior dettaglio
possibile, attraverso uno o pi sopralluoghi.
Il sopralluogo ha due funzioni principali:
verificare e completare tutte le schede precedentemente compilate a partire dai
dati di progetto, e prendere nota di tutte le discordanze;
effettuare delle prove, delle verifiche e delle misurazioni in campo che gi
erano emerse come necessarie dallanalisi dei dati di progetto.
preferibile che il primo sopralluogo avvenga in presenza dellutenza (con la
quale poi si svolger lintervista) e dellamministratore o del responsabile di impianto (gestore e manutentore se previsto). Si consiglia di assicurarsi che ci sia la
possibilit di accedere a tutti i locali significativi e che quindi vi siano le chiavi di
ogni locale o le autorizzazioni dovute (nel caso di edifici pubblici).
I sopralluoghi integrativi successivi (spesso non si riesce a completare il reperimento dati in una volta sola) possono essere effettuati anche senza la presenza
dellutenza.

138

Per quanto riguarda le prove da effettuare per la verifica che i dati reali siano
concordi con quanto inserito a partire dai dati di progetto, occorre verificare i parametri operativi reali associati a ciascun sottosistema: misurazioni a campione o
rilievi per la determinazione delle temperature di set-point a livello di accumulo
termico o la determinazione della portata di fluido termovettore sul primario sono
alcuni esempi di parametri utili allimpostazione della diagnosi. Il REDE, anche
in questo caso, deve valutare il grado di dettaglio ed il numero stesso di misurazioni, in funzione delle risorse impiegate in un determinato progetto.
Tabella 44: Elenco dei principali elementi da rilevare per lanalisi energetica degli impianti negli edifici residenziali (per un maggior approfondimento dei dati richiesti si veda
appendice A).
Sottosistema
di impianto

Tipologia
impianto termico

Generazione a
combustione
(riscaldamento/
ACS)

Dati rilevati

Fonti documentali

Strumenti a
supporto

Struttura dellimpianto
termico

Progetto
impiantistico

Analisi visiva,
interviste

Configurazione di
sistemi misti e multipli

Progetto
impiantistico

Analisi visiva,
interviste

Tipi di combustibili
utilizzati

Progetto
impiantistico

Analisi visiva,
interviste

Potenza ausiliari elettrici

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

Tipologia
(condensazione,
modulante, ecc.)

Progetto
impiantistico, ACE

Analisi visiva

Potenza utile a carico


nominale

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

Potenza al focolare
a carico nominale,
potenza a carico
parziale, potenza
minima

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

Potenza ausiliari elettrici

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

139

Sottosistema
di impianto
Generazione a
pompa di calore
(riscaldamento/
ACS)

Dati rilevati

Fonti documentali

Strumenti a
supporto

Tipologia pompa di
calore

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

Temperature sorgenti
fredda e calda

Progetto
impiantistico

Misurazioni in
opera

COP (o GUE) nominale


e a carichi parziali

Progetto
impiantistico

Misurazioni in
opera o adozione
sistemi BMS11

Potenza ausiliari elettrici

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

Riscaldamento
diretto12

Potenza termica/
elettrica nominale

Schede tecniche

Analisi visiva

Accumulo
riscaldamento/
ACS

Dimensioni,
coibentazione,
dislocazione (ambiente
riscaldato/non
riscaldato)

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

Temperatura di
accumulo

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

Tipologia di
distribuzione,
dislocazione, tipo
fluido termovettore,
trasmittanza termica
lineare

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

Temperatura di mandata Progetto


impiantistico

Analisi visiva

Potenza ausiliari elettrici

Analisi visiva

Distribuzione
riscaldamento

Progetto
impiantistico

11
12

11 Vedi nota 6.
12 Si intendono dei dispositivi posizionati allinterno dellambiente climatizzato, i quali grazie ad
un bruciatore interno o ad una resistenza elettrica producono ed emettono energia termica allinterno della stessa macchina (esempio: strisce radianti, termoconvettori con bruciatore interno,
stufe, ecc).

140

Sottosistema
di impianto

Dati rilevati

Fonti documentali

Strumenti a
supporto

Distribuzione
ACS

Tipologia di
distribuzione,
dislocazione, tipo
fluido termovettore,
trasmittanza termica
lineare

Regolazione
riscaldamento

Progetto
Tipologia di sistema di
regolazione in ambiente impiantistico, ACE
(climatica, di zona, per
singolo ambiente o una
combinazione di queste)

Analisi visiva,
interviste

Tipo di regolatore (ON/


OFF, proporzionale,
ecc.)

Progetto
impiantistico

Analisi visiva,
interviste

Tipologia dei terminali

Progetto
impiantistico, ACE

Analisi visiva,
interviste

Potenza ausiliari elettrici

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

Fonti energetiche
rinnovabili

Presenza e
caratteristiche generali
di sottosistemi per la
produzione da fonti
energetiche rinnovabili

Progetto
impiantistico, ACE

Analisi visiva,
interviste

Impianto di
ventilazione
meccanica
controllata

Tipologia (centralizzato/
autonomo e semplice
flusso/doppio flusso)

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

Tipo di funzionamento
(per climatizzazione
invernale/estiva, per
sola ventilazione, ecc.)

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

Potenza ausiliari elettrici

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

Potenza nominale
e numero di unit
installate

Schede tecniche

Analisi visiva

Emissione
riscaldamento

Raffrescamento
ad espansione
diretta
Illuminazione

Progetto
impiantistico

Analisi visiva

Modalit di utilizzo

Interviste

Tipologia, presenza
di corpi illuminanti e
gestione

Analisi visiva

141

5.3.1.4 - Profili di funzionamento


5.3.1.4.1 - Diagnosi di II livello
Per completare la raccolta dinformazioni relative alledificio, occorre conoscere
come viene vissuto dagli utenti, in termini di occupazione, di attivit che vi sono
svolte, di abitudini quotidiane. Tutte queste informazioni sono fondamentali per
un calcolo energetico veritiero e il pi possibile concorde con leffettiva spesa
energetica che gli utenti sostengono.
Il reperimento di tali informazioni pu, per, costituire un notevole dispendio
in termini di risorse temporali. Compito del REDE in una diagnosi di secondo
livello quello di comprendere se i profili standardizzati di funzionamento degli
impianti associati alla destinazione residenziale, cos come proposti ad esempio
dalla metodologia CENED, possono essere calzanti rispetto alla realt o se, viceversa, creano difformit troppo elevate tra il modello energetico impostato ed i
valori desumibili da fatturazione.
A titolo di esempio si faccia riferimento al reperimento dei dati di occupazione
e regolazione delle zone confinanti (climatizzate e non climatizzate) per stabilire il coefficiente correttivo utilizzato nel calcolo delle dispersioni in alternativa
allutilizzo dei coefficienti correttivi proposti da UNI/TS 11300:1 in modo da
poter individuare possibili fonti di errore della simulazione rispetto al caso reale.
Anche a livello di sottosistema impiantistico di generazione occorre valutare quali siano i profili di funzionamento dellimpianto, su base stagionale e, se
lanalisi lo richiede, su base mensile e giornaliera. Lobbiettivo poter comprendere il comportamento del sistema edificio-impianto al variare delle condizioni
climatiche e di carico: tale analisi risulta propedeutica, inoltre, allapplicazione
del cosiddetto metodo della firma energetica, attraverso il quale possibile creare una correlazione tra potenza termica richiesta e condizioni climatiche esterne
finalizzata ad un giudizio sul dimensionamento dellimpianto ed alla redazione di
un input per la costruzione del modello energetico.
5.3.1.4.2 - Diagnosi di III livello
Un maggior grado di dettaglio per lanalisi dei profili di funzionamento possono
essere svolte mediante interviste dirette agli utenti e/o tramite il monitoraggio del
funzionamento dei sistemi impiantistici.
Il momento dellintervista alla persona di riferimento giunge alla fine del percorso preventivo di acquisizione dati e si concentra su tutti gli aspetti legati alla
presenza delle persone allinterno delledificio. Questi dati, uniti a quelli ricavabili dai progetti, rappresenteranno gli input per la simulazione termica della
zona soggetta ad una diagnosi. Si suggerisce di richiedere informazioni tecniche
sullinvolucro o sugli impianti allutenza soltanto se non presente alcun progetto e se non possibile effettuare alcuna prova per determinarli.
142

importante che in tale intervista vi sia una bozza precisa di domande, affinch
il conduttore non divaghi e fornisca informazioni che non sono utili alla diagnosi.
Anche a livello di sottosistema impiantistico di generazione occorre valutare quali siano i profili di funzionamento dellimpianto, sia su base giornaliera
che stagionale. Lobbiettivo poter comprendere il comportamento del sistema
edificio-impianto al variare delle condizioni climatiche e di carico, secondo una
scala temporale (ad es. oraria) conforme al grado di dettaglio del modello energetico: come si visto nei paragrafi precedenti spetta al REDE lorganizzazione
della campagna di monitoraggio, in funzione delle risorse a propria disposizione
ed alla complessit delledificio in oggetto.

Figura 35: Esempio di profilo orario di occupazione riferito ai giorni feriali e festivi.

Tabella 45: Esempio di check-list per il rilievo dei profili di funzionamento dellimpianto
di riscaldamento.
Conduzione impianti

Orario accensione
impianto riscaldamento

Temperatura set-point [C]


impianto riscaldamento

luned
marted
mercoled

domenica

143

Tabella 46: Esempio di check-list per il rilievo dei profili occupazionali.


Caratteristiche
zone confinanti

Occupazione della zona


confinante

Temperatura di set-point
[C] termostato della zona
confinante

luned
marted
mercoled

domenica

5.3.2 - Costruzione del modello energetico


Come si potuto dedurre dal Capitolo 3, necessario impostare parallelamente
due tipologie di analisi del sistema edificio-impianto: da una parte occorre
raccogliere dati riguardanti il consumo reale di combustibile e cercare, ove
possibile e/o necessario, di disaggregare tale consumo tramite metodologie
di correlazione con dati del contesto esistente (condizioni climatiche, profili di
utilizzo), dallaltra impostare un modello di calcolo energetico che sia consistente
e coerente con le indicazioni ricavate dai consumi storici.

5.3.2.1 - Disaggregazione dei consumi reali


Nel contesto della diagnosi energetica di II e III livello, la disaggregazione il
processo di suddivisione del consumo effettivo di un sistema edificio-impianto
nei suoi componenti. Il livello di dettaglio e accuratezza della disaggregazione
dipende principalmente dalle dimensioni e complessit delledificio, dalla disponibilit di dati e dal budget della diagnosi energetica.
Le principali finalit della disaggregazione sono:
Identificare le principali fonti di consumo dellenergia e le aree pi promettenti
in termini di attuabilit degli interventi e di potenziale di risparmio energetico;
Consentire una verifica incrociata dei risultati forniti dai modelli di calcolo
energetico.
Questa fase della diagnosi energetica pu essere omessa quando ledificio piccolo oppure quando dotato di impianti semplici e di costruzione standard; spesso lesperienza di diagnosi consente unimmediata identificazione delle aree da
esaminare in dettaglio, senza dover ricorrere ad una vera e propria disaggregazione quantitativa.
144

Le procedure di disaggregazione fanno uso di tecniche quali lanalisi di regressione su dati sperimentali, oppure semplici misure in campo. Il procedimento
interattivo: i risultati sperimentali servono, infatti, per una verifica e taratura dei
modelli di calcolo ed i risultati della disaggregazione effettuata allo stadio iniziale della diagnosi possono essere riveduti e corretti sulla base dei risultati ottenuti
nelle fasi successive di approfondimento.

Figura 36: Esempio di disaggregazione del consumo di combustibile gas naturale


sullanno solare; si nota che la componente variabile in funzione dei maggiori carichi
dovuti al riscaldamento delledificio nel periodo invernale, solitamente il carico base in
relazione alla produzione di acqua calda sanitaria e agli usi domestici.

145

Figura 37: Esempio di disaggregazione dei consumi di energia elettrica sullanno solare;
si nota che la componente variabile in funzione del periodo estivo, ovvero sui maggiori
carichi dovuti alla climatizzazione estiva delledificio, il carico base solitamente dovuto
allilluminazione artificiale e agli usi delle apparecchiature domestiche.

Nellambito di una diagnosi, particolarmente nella fase di disaggregazione, risulta spesso istruttivo partire da unanalisi dei dati storici di consumo. Lanalisi
dei dati storici mira ad individuare correlazioni quantitative tra consumi e dati
facilmente determinabili come i parametri meteorologici e le caratteristiche dimensionali e di utilizzazione delledificio.
5.3.2.2 - Metodo della firma energetica
La firma energetica degli edifici un metodo di valutazione e di monitoraggio,
nel quale i consumi energetici vengono correlati con le variabili climatiche. La
valutazione riferita ad un edificio singolo, ed alle sue peculiari caratteristiche
geometriche, termofisiche, alla localit e alleffettivo utilizzo. La firma energetica la rappresentazione grafica, tramite una retta, di un consumo energetico
(riscaldamento, raffrescamento, acqua calda sanitaria, ecc.) in funzione di un parametro esterno (in genere temperatura esterna), ed utilizzata per confrontare
i valori calcolati ed i consumi, o per necessit di un monitoraggio dei consumi.
Il metodo viene introdotto nellallegato B della norma UNI EN 15603 Energy
performance of buildings Overall energy use and definition of energy ratings.
146

I dati utili per definire la firma energetica possono differire in maniera sostanziale, in relazione allapproccio ed al grado di profondit di diagnosi scelto.
Ovviamente il grado di precisione dei dati determina una maggiore o minore
aderenza della firma energetica al contesto reale, ma anche un impiego di tempo
e risorse pi ingenti. Nei paragrafi seguenti vengono meglio esplicitati i dati di
input richiesti per la costruzione della firma energetica, in funzione del grado di
dettaglio scelto. In generale basti sapere che si tratta di dati di consumo, ricavati
dalla lettura delle bollette di metano o GPL, e climatici, anche questi ricavabili
con differenti modalit di raccolta (dati storici o rilevati con misurazioni, che
offrono un grado maggiore di precisione). La temperatura interna dei locali viene
assunta come costante nel tempo (20 C).
Di seguito sono proposti due differenti metodi per ottenere la firma energetica:
il primo, pi semplice, consente di costruire rapidamente la firma energetica ma
chiaramente ha un grado di precisione inferiore e per le sue caratteristiche adatto ad una diagnosi energetica di I livello; il secondo, pi complesso, ha bisogno
di pi dati di input, a cui corrisponde un risultato pi preciso e attendibile e per
questo adatto per diagnosi di II e III livello.
5.3.2.2.1 - Metodo di costruzione della firma energetica per diagnosi di I livello
Per costruire la firma energetica secondo questo metodo sufficiente reperire i
seguenti dati:
La potenza media della stagione termica espressa in kW (PM). Si ricava a partire dallenergia consumata durante la stagione termica in analisi (Econs(kWh));
essa pu essere precedentemente espressa in litri (L) per i combustibili liquidi,
metri cubi (mc) per i combustibili gassosi, chilogrammi (kg) per i combustibili
solidi. In questo caso, il dato deve essere trasformato in kWh tramite il potere
calorifico (kWh/L o kWh/mc o kWh/kg) del combustibile consumato;

Econs( kWh) Econs( L o mc o kg ) pccomb


Econs( kWh) Econs( L o mc o kg ) pccomb

Eq. 20
Eq. 20

ad esempio: 186.060 (L) * 10,65 (kWh/L) = 1.944.947 kWh


Da questo dato di energia consumata in kWh (Econs), dai giorni di fornitura del
combustibile (ggf) e dalle ore di funzionamento giornaliero della caldaia (hf) si
ricava la potenza media espressa in kW (PM), secondo la seguente formula:

PM Econs / gg f h f
PM Econs / gg f h f

Eq. 21
Eq. 21

ad esempio: 1.944.947 / (183*14) = 759 kW


La temperatura media di stagione (TM):
147

PM Econs / gg f h f

Eq. 21

Se ricavata da misurazioni orarie, essa deriver dalla somma di tutte le


misurazioni orarie effettuate durante il periodo di fornitura del combustibile
divisa per il numero di ore di misurazione.
Se non si hanno le misurazioni dirette, la temperatura ricavabile dai Gradi
Giorno (GG) (calcolati nel periodo di fornitura del combustibile) e dai giorni di fornitura del combustibile (ggf) tramite la seguente formula:

TM 20 gg f GG / gg f

Eq. 22

ad esempio: (20*183 2.199)/183 = 7,98 C

In Tabella 47 visibile limpostazione della raccolta dati per la costruzione della


firma energetica semplice; i dati della terza colonna sono presi da un caso di studio reale e sono ricavati secondo le formule esplicate precedentemente.
Tabella 47: Esempio di raccolta dati per la firma energetica semplice.
gradi giorno GG

GG

ore funzionamento h f

giorni funzionamento gg f

gg

183

T media stagione T M

7,98

energia annua consumata E cons(kWh)

kWh 1.944.947

potenza media stagionale P M

kW

2.199
14

759

Dopo il reperimento dei dati, necessario costruire la retta della firma energetica:
su un grafico, le cui ascisse corrispondono alla temperature media esterna e le cui
ordinate corrispondono alla potenza media del generatore, sar necessario avere
un minimo di 2 punti per ottenere cos una retta.
Poich la temperatura interna delle abitazioni deve essere di 20 C, teoricamente la caldaia dovrebbe smettere di funzionare quando la temperatura esterna
pari a tale valore; in realt, il contributo degli apporti gratuiti fa s che la potenza
richiesta dalledificio si annulli ben prima che la temperatura media esterna raggiunga i 20 C. E interessante notare, attraverso rilevamenti fatti in pi edifici,
che la temperatura alla quale la potenza si annulla oscilla in un campo assai ristretto (tipicamente compreso fra i 16 e i 18 C) e perci si pu assumere che, ad
una temperatura esterna di 17 C, il generatore interrompa il suo funzionamento.
Sulla base di questa affermazione si fissa il primo punto sul grafico (cerchio continuo), ossia 17 C e 0 kW.
Il secondo punto (cerchio tratteggiato) fissato grazie ai dati ricavati secondo
148

lo schema in Tabella 47: si utilizzeranno la temperatura media di stagione (TM) e


la potenza media (PM).
Ottenuta la retta, si pu osservare il variare della potenza richiesta al variare
della temperatura esterna; in Figura 38 visibile la firma energetica di un reale
caso di studio:

Figura 38: Esempio di firma energetica calcolata col metodo semplice.

5.3.2.2.2 - Metodo di costruzione della firma energetica per diagnosi di II e III


livello
Per la costruzione delle firma energetica con la metodologia dettagliata, necessario reperire gli stessi dati elencati precedentemente, utilizzando le stesse
equazione esplicate.
In questo caso, tuttavia, anzich avere valori medi relativi allintera stagione
termica, si hanno sottoperiodi di durata inferiore, a ciascuno dei quali corrisponde
un punto sul grafico.
In Tabella 48 visibile limpostazione della raccolta dati per la costruzione
della firma energetica con metodologia dettagliata.

149

Tabella 48: Esempio di raccolta dati per la firma energetica dettagliata.


stagione

periodi

15/10/2008 24/10/2008 21/11/2008 20/12/2009 29/01/2009 18/02/2009 18/03/2009


2008/2009
23/10/2008 20/11/2008 19/12/2008 28/01/2009 17/02/2009 17/03/2009 15/04/2009
gradi giorno

GG

32,40

222,10

444,7

708,8

293,2

316,1

181,5

ore funzionam ento

14,00

14,00

14,00

14,00

14,00

14,00

14,00

giorni funzionam ento

gg

9,00

28,00

29

40

20

28

29

T m edia periodo

16,40

12,07

4,67

2,28

5,34

8,71

13,74

19.644,00

37212

57334

27627

25942

15817

energia consum ata

2.484,00

energia consum ata

kWh

25.966,08

potenza m edia

kW

206,08

205.345,28 388.989,44 599.331,41 288.794,24 271.180,37 165.340,37


523,84

958,10

1.070,23

1.031,41

691,79

407,24

I punti sul grafico Temperatura- Potenza del generatore saranno, in questo caso,
pi di due e dovranno essere interpolati. In Figura 39 visibile la firma energetica
cos calcolata.

Figura 39: Esempio di firma energetica calcolata col metodo dettagliato.

Se limpianto fornisce anche acqua calda sanitaria, la firma energetica si modifica


e diventa simile a quella riportata in Figura 40.

150

Figura 40: Firma energetica di un impianto per il riscaldamento + a.c.s.

Al ramo invernale si aggiunge quello estivo, rappresentato dai punti alla destra
della temperatura esterna di spegnimento dellimpianto (tipicamente 17 C), che
interpolati rappresentano una retta con pendenza molto bassa.
ovvio che per avere una corretta modellizzazione della sola componente
ACS, presente quindi quando il generatore attivo solo per questo scopo (mesi
caldi), necessario possedere dati di temperature esterne (C) o di Gradi Giorno
per tutti i mesi dellanno solare.
5.3.2.2.3 - Applicazioni della firma energetica
Le applicazione della firma energetica sono molteplici (in relazione allobiettivo
di queste Linee Guida, si ritiene che il primo dei seguenti punti sia quello maggiormente importante):
1. Nel caso di riqualificazioni edilizie si pu utilizzare il metodo per evidenziare il
risparmio dovuto a misure di incremento dellefficienza energetica (variazioni
di pendenza e di intercetta verticale ed orizzontale a seguito degli interventi).
In Figura 41 visibile la variazione di pendenza della firma energetica in
seguito ad un intervento di sostituzione della caldaia: al diminuire della
temperatura esterna, laumento del fabbisogno energetico meno marcato.

151

Figura 41: Confronto tra firma energetica ante-intervento e post-intervento (metodo semplice).

Un analogo confronto pu essere effettuato calcolando le due firme energetiche


con il metodo dettagliato (Figura 42).

Figura 42: Confronto tra firma energetica ante-intervento e post-intervento (metodo dettagliato).

2. Si pu ottenere la stima del fabbisogno energetico senza aspettare la fine della


stagione di riscaldamento. In questo caso la retta della firma energetica deve
essere estesa fino allintersezione con lasse delle ordinate, come in Figura 43.
152

Figura 43: Punti della firma energetica fondamentali per il calcolo del fabbisogno termico.

Dove:
0
la potenza corrispondente a e = 0 C = 0;
b
la potenza di base, ossia la minima potenza richiesta
indipendentemente dalla temperatura esterna (dovuta quindi dalle
perdite di calore del sistema o la potenza necessaria alla produzione di
acqua calda sanitaria);
L
la temperatura esterna limite per il riscaldamento;
La pendenza della retta H si ricava dalla relazione (0 - b) / (L 0)
La formula per il calcolo del fabbisogno energetico stagionale si ricava per
mezzo di alcuni passaggi algebrici ed la seguente:

Eq. 23

dove:
e la temperatura media esterna;
t

la durata della stagione di riscaldamento.

3. La firma energetica consente di verificare il corretto dimensionamento del ge153

neratore con estrema semplicit e rapidit: basta estendere la retta fino alla
temperatura di progetto desiderata e si otterr la potenza massima richiesta al
generatore, che potr essere confrontata con la potenza di progetto.
4. Oltre alla firma energetica reale delledificio, che ne fotografa lo stato di efficienza energetica, si pu anche costruire la firma energetica di progetto (quindi
le caratteristiche di consumo prevedibili) sulla base del modello di calcolo
impostato, scelto in funzione del grado di profondit dellanalisi: per la definizione delle caratteristiche dei dati di input e per le caratteristiche dei modelli
di calcolo si faccia riferimento ai paragrafi seguenti. Si possono, dunque, confrontare la firma energetica di progetto e quella reale.
Possono risultare differenze nella pendenza, nella forma (pi o meno spigolosa) e nei punti di intersezione con lasse delle ordinate.
Se la differenza fra firma energetica di progetto e firma energetica reale sostanziale, lecito pensare che i calcoli non siano stati eseguiti del tutto correttamente o che quanto installato non corrisponda a quanto riportato in progetto.
Abbiamo visto sinora che la costruzione della firma energetica richiede, come
condizione minima, un lavoro modesto (alcune letture del contatore del metano e la disponibilit delle temperature medie esterne). Confrontandola con la
firma energetica di progetto (ricavabile dai dati di progetto) si vede immediatamente se il consumo reale corrisponde a quanto calcolato e lentit e le cause
delleventuale errore.
5. I punti che costituiscono la firma energetica dovrebbero essere il pi possibile
adiacenti alla retta; possibile, grazie al posizionamento dei punti di rilevamento, stabilire una prima diagnosi e identificare alcune disfunzioni dellimpianto di riscaldamento ed orientare la ricerca delle possibili soluzioni.
I fattori che influenzano la firma energetica e che, di conseguenza, possono
generare discostamento dei punti dalla retta di tendenza sono principalmente
quattro:
lirraggiamento;
la ventosit;
gli apporti gratuiti interni;
la regolazione dellimpianto di riscaldamento.
In Figura 44 visibile il confronto tra una firma energetica in cui non sono
visibili disfunzioni del sistema edificio-impianto e uno in cui, a causa di un
discostamento dei punti dalla retta tra i 10 C e i 15 C, possibile dedurre una disfunzione o condizioni meteorologiche particolari in quel range di
temperature.

154

Figura 44: Confronto tra firme energetiche per la valutazione delle disfunzioni del sistema edificio-impianto.

5.3.2.2.4 - Diagnosi di II livello - Dati di input della firma energetica


Dallanalisi della costruzione della firma energetica si potuto constatare come si
tratti sostanzialmente di creare una correlazione tra il comportamento del sistema
edificio-impianto, tradotto solitamente in potenza termica erogata dal generatore
di calore, ed una variabile climatica che abbiamo visto essere quasi sempre la
temperatura esterna. La variazione dei due parametri deve essere ovviamente monitorata: per questa operazione di raccolta dati le risorse impiegate, sia in termini
di tempo che di strumentazioni utilizzate, possono differenziarsi a seconda della
profondit di analisi e del livello di diagnosi associato.
In una diagnosi di secondo livello si opter, dunque, per un approccio che
si basi su dati velocemente ricavabili od estrapolabili con semplici procedure.
Particolare attenzione deve essere posta alla scelta della frequenza delle letture:
se quotidiane possono essere troppo influenzate da fenomeni transitori e non fornire un comportamento veritiero, se mensili possono fornire in alcuni casi scarse
indicazioni operative, in quanto i punti ricavati possono essere eccessivamente
allineati e non sottolineare eventuali criticit in termini di conduzione dellimpianto.
Per la determinazione della potenza erogata, si potr procedere per via indiretta a partire da dati di monitoraggio del contatore del combustibile utilizzato
secondo un intervallo temporale pi o meno stretto, oppure addirittura attraverso
i consumi desunti dalla lettura delle bollette mensili. Per la temperatura esterna
si potranno, invece, utilizzare dati legati a rilevamenti in continuo della pi vicina centralina ARPA (scaricabile dal relativo sito istituzionale) e ricavare il dato
medio di temperatura coerente con lintervallo temporale di rilevamento scelto
oppure, in via pi semplificata, da dati climatici medi mensili qualora la costruzione della firma energetica sia basata su una valutazione di confronto con dati
mensili da fatturazione.
In ogni caso sar compito del REDE comprendere quale sia il pi appropriato
grado di dettaglio sia a livello di intervalli temporali di monitoraggio che di qualit
dei dati raccolti, in modo che sia coerente con le altre fasi della diagnosi energetica.
155

5.3.2.2.5 - Diagnosi di III livello - Dati di input della firma energetica


Nel caso di analisi dettagliata di terzo livello i presupposti di definizione della firma energetica cambiano sostanzialmente, poich per essere coerente con il grado
di dettaglio utilizzato nelle altre fasi di diagnosi necessario che la qualit dei
dati in input sia dettagliata e ben ponderata.
Sar necessario, ad esempio, valutare con attenzione la durata del periodo di
monitoraggio dei parametri, passando eventualmente da rilevazioni a spot a
vere e proprie campagne di rilevazione in continuo (come specificato nel paragrafo precedente, porre attenzione allincidenza dei fenomeni transitori). Anche
per quanto riguarda i dati di input occorre valutare la possibilit di installare un
sistema di monitoraggio on site, specifico per le apparecchiature analizzate e
per il contesto climatico proprio delledificio (tenendo conto, dunque, delle variabili legate al microclima locale). Per quanto riguarda i generatori di calore potrebbe essere utile installare un data logger per la raccolta del dato di potenza termica
erogata, a partire dalla centralina della caldaia stessa o attraverso linstallazione
di opportuni misuratori di portata e di temperatura. In alternativa, mantenendo
il controllo sul consumo di gas cos come nella diagnosi di II livello, possibile
effettuare una campagna di monitoraggio sul contatore specifico, attraverso linstallazione di un misuratore di portata dedicato oppure attraverso unannotazione
con frequenza significativa dei dati riportati sul contatore.
5.3.2.3 - Scelta del modello di calcolo
In questo e nei paragrafi successivi saranno proposte delle metodologie per la
modellizzazione del comportamento energetico del sistema edificio-impianto che
fanno riferimento a normative UNI. doveroso sottolineare che la metodologia
di firma energetica esposta nei precedenti paragrafi pu essere sufficiente per
analizzare ledificio da un punto di vista energetico, tuttavia esistono modelli differenti, talvolta pi dettagliati e complessi come quelli dei successivi paragrafi,
che il REDE pu scegliere di adottare.
Uno di questi , ad esempio, il modello DOCET (scaricabile gratuitamente dal
sito www.docet.itc.cnr.it) elaborato dal CNR e dallENEA, che ha ottenuto lattestato di conformit da parte del CTI alle metodologie di calcolo definite dalle
norme UNI TS 11300.
Come visto nei paragrafi precedenti, le normative vigenti rimandano, anche
per la diagnosi energetica, alle serie UNI/TS 11300; queste, come noto, definiscono le modalit per lapplicazione nazionale della UNI EN ISO 13790:2008,
con riferimento al metodo mensile per il calcolo dei fabbisogni di energia termica
per riscaldamento, ma non precludono, ritenendolo anzi in alcuni casi preferibile,
lutilizzo di metodi di simulazione pi dettagliati, che permettano di tener conto
156

in maniera adeguata dei fenomeni dinamici, purch tali metodi siano validati in
conformit alla UNI EN 15265:2008 Prestazione energetica degli edifici - Calcolo del fabbisogno di energia per il riscaldamento e il raffrescamento degli ambienti mediante metodi dinamici - Criteri generali e procedimenti di validazione.
La UNI EN ISO 13790 propone tre diverse tipologie di modelli di calcolo:
di queste vengono prese in considerazione i metodi quasi-stazionario mensile
e dinamico dettagliato (di questultimo la normativa traccia solo le propriet
generali), dei quali viene fornita una descrizione sommaria nei paragrafi seguenti.
Ovviamente le risorse di tempo e di qualificazione del REDE associate a ciascuna tipologia di analisi possono variare molto: nellambito di unanalisi standard preferibile adottare un modello di calcolo quasi stazionario mensile,
agendo particolarmente sui parametri che simulano le componenti dinamiche del
sistema, che si discosteranno dai valori standardizzati proposti, ad esempio, dalla
metodologia CENED qualora lattivit sul campo abbia evidenziato peculiarit
del sistema edificio-impianto oggetto di analisi.
Di seguito viene riportato lapproccio con cui la metodologia CENED si pone
per la definizione del sistema edificio-impianto, considerando i vari utilizzi
dellenergia in funzione dei servizi richiesti:
Riscaldamento ovvero climatizzazione invernale (se presente ventilazione
con umidificazione controllata);
Raffrescamento ovvero climatizzazione estiva (se presente deumidificazione controllata);
Ventilazione meccanica controllata con eventuale parziale trattamento
dellaria (in assenza di climatizzazione);
Produzione di acqua calda sanitaria;
Illuminazione;
Altri servizi elettrici (sistemi di movimentazione meccanica, processi interni (cucina, lavanderia, ecc.), piccola forza motrice.
Il fabbisogno di energia primaria di un edificio residenziale che fruisca dei servizi
sopra riportati, dato quindi dalla seguente relazione:

Eq. 24

157

dove:
EP
Eel,del
Eel,exp

Efuel,del,i
QT,H,exp

QT,C,exp

Eel,sol
Eth,sol
Ewind
Efuel,ren,j

fp,el,del
fp,el,exp
fp,fuel,del,i

fp,TH,exp
fp,TC,exp

158

il fabbisogno annuale di energia primaria [kWh];


lenergia elettrica complessivamente fornita alledificio per i servizi
richiesti [kWh];
lenergia elettrica eventualmente ceduta alla rete elettrica
nazionale, qualora vi sia autoproduzione eccedente il fabbisogno
[kWh];
lenergia complessivamente fornita alledificio dalli-esimo vettore
energetico non elettrico (gas, olio combustibile, ecc.) [kWh];
lenergia termica eventualmente ceduta ad una rete di
teleriscaldamento esterna alledificio, qualora vi sia autoproduzione
eccedente il fabbisogno [kWh];
lenergia termica eventualmente ceduta ad una rete di
teleraffreddamento esterna alledificio, qualora vi sia autoproduzione
eccedente il fabbisogno [kWh];
lenergia solare complessivamente utilizzata per lautoproduzione
elettrica tramite pannelli fotovoltaici [kWh];
lenergia solare complessivamente utilizzata per lautoproduzione
termica tramite collettori solari [kWh];
lenergia eolica complessivamente utilizzata per lautoproduzione
elettrica tramite generatori eolici [kWh];
lenergia complessivamente fornita alledificio dal j-esimo vettore
energetico non elettrico rinnovabile (biomasse, RSU, biogas, ecc.)
[kWh];
il fattore di conversione in energia primaria dellenergia elettrica
fornita alledificio;
il fattore di conversione in energia primaria dellenergia elettrica
esportata dalledificio;
il fattore di conversione in energia primaria dellenergia da
combustibile fossile fornita alledificio dalli-esimo vettore energetico
non elettrico;
il fattore di conversione in energia primaria dellenergia termica
esportata alla rete di teleriscaldamento dalledificio;
il fattore di conversione in energia primaria dellenergia termica
esportata alla rete di teleraffreddamento dalledificio;

fp,el,sol
fp,th,sol
fp,el,wind
fp,fuel,ren,j

il fattore di conversione in energia primaria dellenergia solare


impiegata per lautoproduzione tramite panelli fotovoltaici;
il fattore di conversione in energia primaria dellenergia solare
impiegata per lautoproduzione tramite collettori solari termici;
il fattore di conversione in energia primaria dellenergia eolica
impiegata per lautoproduzione tramite generatori eolici;
il fattore di conversione in energia primaria dellenergia da
combustibile rinnovabile fornita alledificio dal j-esimo vettore
energetico non elettrico;
lindice del mese.

Nella tabella sono riportati i fattori di conversione in energia primaria dei principali vettori energetici da applicare ai fini del calcolo del fabbisogno di energia
primaria.
Tabella 49: Fattori di conversione in energia primaria dei vettori energetici (Fonte: CENED, Allegato tecnico - Decreto Regione Lombardia n. 5796).
Fattori di conversione in energia primaria

fp

Combustibili fossili (metano, gasolio, carbone, GPL)

Energia elettrica

2,18

Fonti rinnovabili:
- legna, biomasse, RSU
- eolico, solare termico e fotovoltaico

0,5
0

Teleriscaldamento:
- con caldaie
- altri sistemi di generazione

1,2*
**

Teleraffreddamento:
- con refrigeratori industriali
- combinato con teleriscaldamento (rigenerazione)
- refrigeratori + free-cooling
- free-cooling (impiego di acqua di lago/fiume)
- calore di scarto di processo + frigoriferi assorbimento

0,5
0,4
0,3
0,1
0,05

* da utilizzarsi in assenza di dato dichiarato dal fornitore


** utilizzare il dato dichiarato dal fornitore

Per la determinazione del fabbisogno energetico, necessario suddividere limpianto in sistemi e sottosistemi impiantistici. Per ogni sottosistema, identificato
159

con il pedice y, appartenente al sistema impiantistico x-esimo, vale, in generale,


il seguente bilancio energetico:
Eq. 25

dove:
Qx,y,in
Wx,y
Qx,y,out
Qx,y,L

lenergia termica in ingresso al generico sottosistema y-esimo [kWh];


il fabbisogno di energia elettrica degli ausiliari del generico sottosistema
y-esimo [kWh];
lenergia termica richiesta al generico sottosistema y-esimo [kWh];
lenergia termica dispersa complessivamente dal generico sottosistema
y-esimo [kWh].

Figura 45: Schema del bilancio energetico del y-esimo sottosistema impiantistico.

Lenergia elettrica degli ausiliari viene totalmente convertita in energia termica,


una quota parte potr essere recuperata dal sistema involucro, mentre laltra quota parte non sar recuperabile. Anche in questo caso si fa riferimento alla procedura CENED e al pacchetto di norme CEN-EPBD.
Viene riportata ora la schematizzazione pi generale del sistema edificio-impianto di un edificio prevalentemente residenziale nel territorio di Milano con la
finalit aiutare il REDE nel riportare in maniera completa tutti i sistemi e relativi
sottosistemi impiantistici nel modello di calcolo che si adotter. Da sottolineare
che in uno schema di impianto non necessariamente presente un solo blocco per
tipologia di sottosistema. Ad esempio la rete di distribuzione di un impianto di
riscaldamento centralizzato per un condominio non pu essere rappresentata da un
unico blocco, infatti pu essere rappresentata con un blocco DH,iper ogni singola
abitazione i-esima collegata ad un unico blocco di distribuzione DH rappresentativo della colonna montante e del tratto che si collega con la centrale termica.
160

Figura 46: Schematizzazione delledificio nella configurazione generale riferito allambito di intervento residenziale Milano.

Si riportano ora le definizioni dei termini riportati in Figura 46. I sottosistemi


impiantistici sono:
GH

il sottosistema di generazione dellenergia termica;

GC

il sottosistema di generazione dellenergia frigorifera;

GEW

il sottosistema di generazione dellenergia elettrica da fonte eolica;

GHS

il sottosistema di generazione dellenergia termica da fonte solare;

GES

il sottosistema di generazione dellenergia elettrica da fotovoltaico;

GEW

il sottosistema di generazione dellenergia elettrica da fonte eolica;

161

il sottosistema di accumulo termico;

il sottosistema di distribuzione tramite fluido termovettore;

il sottosistema distribuzione aria di ventilazione;

il sottosistema di emissione/erogazione/controllo;

il sottosistema recuperatore termico/entalpico con o senza


preriscaldamento dellaria di ventilazione;

il sottosistema batterie di scambio termico;

il sistema involucro della zona termica.

I vettori energetici forniti alledificio sono i seguenti:


Efuel,del

lenergia complessivamente fornita alledificio dal generico vettore


energetico non elettrico non rinnovabile (gas, olio combustibile,
teleriscaldamento, ecc.) [kWh];

Efuel,ren

lenergia complessivamente fornita al sistema edificio-impianto dal


vettore energetico non elettrico rinnovabile (biomasse, RSU, biogas,
ecc.) [kWh];
lenergia elettrica complessivamente fornita al sistema edificioimpianto per i servizi richiesti [kWh];

Eel,del
Eel,exp

lenergia elettrica eventualmente ceduta alla rete elettrica nazionale,


qualora vi sia autoproduzione eccedente il fabbisogno [kWh];

Eel,sol

lenergia solare complessivamente utilizzata per lautoproduzione


elettrica tramite pannelli fotovoltaici [kWh];

Eth,sol

lenergia solare complessivamente utilizzata per lautoproduzione


termica tramite collettori solari termici [kWh];

Ewind

lenergia eolica complessivamente utilizzata per lautoproduzione


elettrica tramite generatori eolici [kWh];

QT,H,exp

lenergia termica eventualmente ceduta ad una rete di


teleriscaldamento esterna alledificio, qualora vi sia autoproduzione
eccedente il fabbisogno, [kWh];

I valori di energia forniti direttamente ai sottosistemi di generazioni e prodotti


dagli stessi, sono i seguenti:
EH,el,g,in

162

lenergia elettrica eventualmente fornita al sottosistema di generazione


Centrale Termica - per azionare pompe di calore a compressione o

altro apparato che converta energia elettrica in energia termica per il


riscaldamento di un fluido termovettore [kWh];
EC,el,g,in

lenergia elettrica eventualmente fornita al sottosistema di generazione


Centrale Frigorifera - per azionare gruppi frigoriferi a compressione
o altro apparato che converta energia elettrica in energia termica per il
raffreddamento di un fluido termovettore [kWh];

ES,el,g,in

lenergia elettrica eventualmente fornita al sottosistema di generazione


Centrale Vapore - per azionare pompe di calore a compressione o
altro apparato che converta energia elettrica in energia termica per il
riscaldamento di un fluido termovettore [kWh];

Eel,g,out

lenergia elettrica eventualmente prodotta dal sottosistema di


generazione Centrale Termica per il riscaldamento di un fluido
termovettore qualora impieghi un cogeneratore termo-elettrico [kWh];

Eel,ges,out lenergia elettrica eventualmente prodotta dal sottosistema di


generazione solare fotovoltaico [kWh];
Eel,gew,out lenergia elettrica eventualmente prodotta dal sottosistema di
generazione eolico [kWh];
EH,f,g,in

lenergia eventualmente fornita al sottosistema di generazione


Centrale Termica - dal generico vettore energetico non rinnovabile non
elettrico (gas, olio combustibile, teleriscaldamento, ecc.) per alimentare
caldaie o altri apparati che convertano tale vettore in energia termica
per il riscaldamento di un fluido termovettore [kWh];

EC,f,g,in

lenergia eventualmente fornita al sottosistema di generazione


Centrale Frigorifera dal generico vettore energetico non rinnovabile
non elettrico (gas, olio combustibile, teleriscaldamento, ecc.) per
alimentare frigoriferi ad assorbimento o altri apparati che convertano
tale vettore in energia termica per il raffreddamento di un fluido
termovettore [kWh];

EH,rf,g,in

lenergia eventualmente fornita al sottosistema di generazione


Centrale Termica - dal generico vettore energetico rinnovabile
non elettrico (biomasse, RSU, biogas, ecc.) per alimentare caldaie
o altri apparati che convertano tale vettore in energia termica per il
riscaldamento di un fluido termovettore [kWh];

EC,rf,g,in

lenergia eventualmente fornita al sottosistema di generazione


Centrale Frigorifera dal generico vettore energetico rinnovabile non
elettrico (biomasse, RSU, biogas, ecc.) per alimentare frigoriferi ad
assorbimento o altri apparati che convertano tale vettore in energia
termica per il raffreddamento di un fluido termovettore [kWh];

163

Lenergia prodotta dai sottosistemi di generazione, sono:


Qx,y,out

lenergia termica in uscita dal generico sottosistema y-esimo


dellimpianto x-esimo [kWh];

QH,g,out

lenergia termica complessivamente prodotta tramite il riscaldamento


di un fluido termovettore dal sottosistema di generazione Centrale
Termica - normalmente asservita al riscaldamento ambientale [kWh];

QHS,g,out

lenergia termica complessivamente prodotta tramite il riscaldamento


di un fluido termovettore dal sottosistema di generazione solare [kWh];

QC,g,out
lenergia termica complessivamente prodotta tramite il
raffreddamento di un fluido termovettore dal sottosistema di generazione
Centrale Frigorifera - normalmente asservita al raffrescamento
ambientale [kWh];
QH,s,in

lenergia termica fornita dal sottosistema di generazione al resto


dellimpianto asservito al riscaldamento ambientale (H) in [kWh];

QW,s,in

lenergia termica fornita dal sottosistema di generazione al resto


dellimpianto asservito alla produzione acqua calda sanitaria (W) in
[kWh];

QV,d,in

lenergia termica eventualmente fornita dal generatore Centrale


Termica - al resto dellimpianto asservito per la ventilazione meccanica
controllata [kWh];

Lenergia elettrica degli ausiliari per i sottosistemi impiantistici, sono:


Wx,y

lenergia elettrica assorbita dagli ausiliari del sottosistema y-esimo


dellimpianto x-esimo [kWh];

WH,in

lenergia elettrica complessivamente assorbita dagli ausiliari


dellimpianto di riscaldamento ambientale [kWh];

WC,in

lenergia elettrica complessivamente assorbita dagli ausiliari


dellimpianto di raffrescamento e deumidificazione ambientale [kWh];

WV,in

lenergia elettrica complessivamente assorbita dagli ausiliari


dellimpianto di ventilazione [kWh];

WGS,in

lenergia elettrica complessivamente assorbita dagli ausiliari del


sottosistema di generazione dellenergia termica da fonte solare [kWh];

Le perdite relative ad ogni sottosistema sono:


Qx,y,ls

164

la perdita termica di processo, cio lenergia termica dispersa dal


sottosistema y-esimo al netto della quota relativa alla dispersione

termica degli ausiliari, legata alla modalit di trasferimento dellenergia


termica dallingresso alluscita del sottosistema considerato, [kWh];
Qx,y,Aux,nrvd la quota dispersa dellenergia elettrica degli ausiliari verso lambiente
esterno al sottosistema y-esimo [kWh];
Le richieste di energia utile ai sistemi impiantistici sono definite:
Q*NH,s

il fabbisogno di energia termica per il solo riscaldamento sensibile,


al netto delle eventuali perdite recuperate dai sottosistemi impiantistici,
corretto, cio calcolato considerando leffettivo carico dovuto alla
ventilazione e infiltrazione sulla zona [kWh];

QDHW

il fabbisogno di energia termica per la produzione di acqua calda


sanitaria [kWh];

Q*NC,s

il fabbisogno di energia termica per il solo raffrescamento sensibile,


al netto delle eventuali perdite recuperate dai sottosistemi impiantistici,
corretto, cio calcolato considerando leffettivo carico dovuto alla
ventilazione e infiltrazione sulla zona [kWh];

QV,s

il fabbisogno di energia termica sensibile dellaria di ventilazione


meccanica alle condizioni di immissione desiderate nel quale ne fanno
parte il Q*NH,s e il Q*NC,s [kWh];

QV,l

il fabbisogno di energia termica latente dellaria di ventilazione


meccanica alle condizioni di immissione desiderate, nel quale ne fanno
parte il QNH,l (fabbisogno di energia termica per il solo riscaldamento
latente) ed eventualmente il QNC,l (fabbisogno di energia termica per il
solo raffrescamento latente) se presente sistemi per la climatizzazione
estiva [kWh];

QZ,L,T

lenergia termica scambiata per trasmissione dalla zona termica


attraverso il suo involucro con lambiente circostante, [kWh];

QZ,L,V

lenergia termica scambiata per ventilazione controllata


meccanicamente dalla zona termica con lambiente circostante o, in
assenza di impianto di ventilazione, dispersa [kWh];

QZ,G

lenergia termica guadagnata dalla zona termica per apporti solari


e interni dovuti a persone, illuminazione artificiale, apparecchiature
elettromedicali e non [kWh];

QZ,RL

lenergia termica guadagnata dalla zona termica per eventuale


recupero parziale delle dispersioni termiche dei sottosistemi
impiantistici [kWh];

EL,el,in

il fabbisogno annuale di energia elettrica per la sola illuminazione


fissa [kWh];

165

EES,el,in

il fabbisogno annuale di energia elettrica per i servizi elettrici generali


per lidoneo funzionamento delledificio [kWh];

5.3.2.3.1 - Diagnosi di II livello - Metodo Quasi-Stazionario Mensile


Nei paragrafi precedenti si accennato allutilizzo di un metodo quasi stazionario mensile per lanalisi di secondo livello. La scelta, peraltro molto generica
in quanto anche nelladozione di uno stesso metodo possono sussistere gradi di
complessit estremamente differenziati, vuole sottolineare come tale tipologia
di impostazione ben si adatti ad unanalisi standard (II livello), poich giusto
compromesso tra la relativa semplicit degli algoritmi in regime stazionario, su
base mensile, e la complessit della risposta del sistema edificio-impianto ad una
variazione istantanea delle condizioni climatiche esterne o di richiesta da parte
dellutenza. Di seguito viene riportata una descrizione sommaria delle principali
caratteristiche di tale metodo.
Dati meteorologici richiesti:
temperatura media mensile esterna del sito;
irradianza solare totale media mensile sul piano orizzontale;
irradianza solare totale media mensile per ciascun orientamento.
Laccumulo di energia nelle masse del sistema conteggiato attraverso il fattore
di utilizzo dei guadagni interni, funzione della massa del sistema e del rapporto
tra apporti termici totali e scambi termici totali. Il valore del fattore di utilizzo si
basa su studi di sensibilit condotti su un numero rappresentativo di simulazioni
dettagliate; da notare che il fattore di utilizzo dei guadagni interni definito
indipendentemente dal tipo di impianto e il suo calcolo si basa sullipotesi di
controllo ideale della temperatura ed infinita flessibilit del sistema: un sistema di
riscaldamento ad alta inerzia ed un sistema di controllo imperfetto possono cambiare i risultati in maniera significativa (UNI EN ISO 13790:2008, cap. 12.2.1.1,
Nota 2).
Gli effetti della variazione del punto di set-point, quando ritenuti significativi,
vengono conteggiati usando come riferimento la temperatura media nel periodo di calcolo impostata sul termostato se il periodo minimo di attenuazione
maggiore di cinque volte la costante di tempo dellambiente climatizzato; se il
periodo minimo di attenuazione invece inferiore a tale valore, il fabbisogno
energetico viene corretto con un fattore moltiplicativo, detto fattore di riduzione per utilizzo intermittente del riscaldamento/raffrescamento. Per modalit di
utilizzo che la norma definisce complicate, come quelle in cui sono presenti
picchi di potenza per raggiungere velocemente le condizioni di regime (boost
mode), non viene specificata una metodologia di calcolo affidabile. Gli altri carichi dipendenti dal tempo e dalla temperatura esterna (ad esempio la ventilazione)
sono valutati usando i valori medi mensili della temperatura e leffettivo tempo
di funzionamento dei dispositivi quando possibile, altrimenti si ricorre a tabelle
166

con valori calcolati su base statistica.


Si utilizzano valori dei fattori di schermatura rispetto allirradianza media
mensile; questi valori sono tabellati e dedotti da considerazioni di carattere statistico o tramite simulazioni numeriche condotte su un elevato numero di casi. Il
metodo produce risultati di consumo medio mensile.
5.3.2.3.2 - Diagnosi di III livello - Metodi dinamici
Il REDE pu considerare significativo, nellimpostazione di una diagnosi energetica di terzo livello, avvalersi di strumenti di simulazione sofisticati, modelli
che cercano di simulare in maniera pi dettagliata i fenomeni dinamici coinvolti
nella determinazione del carico termico a cui soggetta la zona; tali fenomeni
diventano rilevanti quando i carichi che maggiormente influenzano landamento
della temperatura interna variano notevolmente nellarco della giornata: il caso
dellirraggiamento solare durante il periodo estivo o dei carichi interni fortemente
variabili nel tempo presenti in alcune tipologie di edificio del settore terziario.
La norma UNI EN ISO 13791:2005 fornisce un esempio di algoritmo per limplementazione di un modello dinamico; altri modelli sono stati sviluppati da Enti
Pubblici o Privati (esempi: DOE2, EnergyPlus, TRNSYS, Odesse). Nel descrivere come sono trattati gli aspetti dinamici del sistema zona-impianto si far riferimento ai programmi pi diffusi.
I dati meteorologici vengono richiesti con passo orario e di solito coinvolgono:
Temperatura esterna;
Umidit relativa;
Radiazione diretta normale;
Radiazione diffusa su piano orizzontale;
Indice di nuvolosit;
Velocit del vento;
Direzione del vento;
In mancanza di rilievi locali certificati delle grandezze interessate, alcuni programmi hanno dei database con i dati meteorologici delle principali localit elaborati statisticamente, in maniera da formare quello che viene chiamato anno
tipico meteorologico della localit (TMY, Typical Meteorological Year). Indicazioni per costruire lanno tipico meteorologico a partire da dati orari pluriennali
si trovano nella normativa UNI EN ISO 15927-4:2005 Prestazione termoigrometrica degli edifici - Calcolo e presentazione dei dati climatici - Parte 4: Dati
orari per la valutazione del fabbisogno annuale di energia per il riscaldamento e
il raffrescamento.
Per alcune regioni Italiane recenti rilevazioni di dati ed elaborazioni sono stata
eseguite per conto del Comitato Termotecnico Italiano e rese disponibili in rete;
dati per tutte le regioni ma risalenti a rilievi compiuti negli anni che vanno dal
167

1951 al 1970 sono disponibili sotto il nome Insieme Dati Climatici Giovanni
De Giorgio, sul sito del Department of Energy del governo statunitense, nella
sezione dati climatici per il programma di calcolo Energy Plus.
Se sono disponibili rilievi meteorologici in situ, ottenuti con strumenti e metodologie certificati, possibile usare tali dati per validare il modello dinamico
rispetto ai consumi reali; per le stime dei consumi standard ed eventuali proposte
di intervento sar invece necessario utilizzare i dati trattati secondo la normativa
precedentemente citata.
Nella simulazione del comportamento delle masse, i metodi dinamici implementano algoritmi per la soluzione diretta delle equazioni differenziali che governano la conduzione attraverso le pareti. In questa maniera, rispetto alle metodologie precedentemente descritte, sono ridotte le semplificazioni di carattere fisico
e migliora la sensibilit dei risultati rispetto alle propriet inerziali della struttura.
La simulazione dinamica, determinando un andamento orario realistico del
profilo di carico termico interno alla zona, consente di accoppiare in maniera
pi corretta limpianto allinvolucro, simulando sistemi di controllo ed elementi
impiantistici la cui efficienza varia a seconda del tempo, delle condizioni esterne,
del fattore di carico; a questo proposito c da osservare che la dinamica di un
impianto pu avere dei tempi caratteristici sensibilmente inferiori a quelli della
zona, e di questo si deve tener conto per determinare il passo della simulazione.
I fattori di ombreggiamento dei sistemi di schermatura vengono calcolati ora
per ora; inoltre alcuni programmi consentono anche di tener conto degli ostacoli
esterni.
La geometria della zona un dato di input del calcolo, dunque si pu tener
conto degli scambi radiativi tra pareti opache e trasparenti tramite i rispettivi fattori di vista. Ci consente di calcolare accuratamente le temperature dei singoli
elementi costruttivi e dunque di valutare in maniera pi precisa le condizioni di
benessere locali e le dispersioni verso lesterno.
Come gi detto, le norme vigenti richiedono che un modello di calcolo dinamico venga validato secondo la normativa UNI EN 15265. Tale norma si propone
di validare i risultati mensili dei calcoli rispetto a dodici casi test derivanti dalle
combinazioni seguenti:
riscaldamento/raffrescamento intermittente/continuo;
pareti leggere/pesanti;
guadagni interni elevati/bassi;
tetto pesante/leggero;
I test non coinvolgono gli scambi termici verso il terreno e verso zone adiacenti
e non trattano la dinamica degli impianti asserviti alla zona, inclusi i sistemi di
regolazione.
Nellambito della diagnosi energetica necessario introdurre un altro criterio di
168

validazione del modello: infatti, come mostra il diagramma di flusso di diagnosi


energetica proposto al capitolo 1, un punto cruciale per la verifica del modello
energetico e del bilancio energetico che ne consegue la corrispondenza tra:
risultati ottenuti dalla simulazione in termini di consumo di energia;
dati di consumo effettivo ottenuti con lanalisi delle fatture.
Una volta ottenuta una buona stima del modello di occupazione, i problemi nel
raggiungimento di questo obiettivo possono sorgere dalle limitazioni dei modelli
di calcolo adottati; il principale limite dei modelli semplificati, mensile ed orario,
sta nel modo in cui vengono conteggiate le propriet inerziali delle strutture. In
particolare, nellMQSM stata rilevata una scarsa sensibilit alla capacit termica. Si fa inoltre notare che la mancanza di un profilo orario delle variabili fa s che
le propriet dipendenti da valori puntuali delle variabili (in alcuni casi anche in
maniera non lineare, come per lefficienza di una pompa di calore, il rendimento
dei sistemi di pompaggio, i fattori di schermatura, ecc.) possano essere valutate
solo con lutilizzo di coefficienti di correlazione, introducendo ulteriori errori. In
una simulazione dinamica dettagliata queste limitazioni vengono meno, a fronte
di un maggior costo nella raccolta dei dati.
5.3.3 - Identificazione e valutazione delle ORE
Per una corretta valutazione delle Opportunit di Risparmio Energetico, obiettivo
della diagnosi energetica, occorre costruire i diversi possibili scenari dintervento
e calcolare il conseguente potenziale di risparmio attraverso lanalisi tecnicoeconomica.
In particolare occorre:
costruire la baseline;
valutare gli indici di prestazione energetica per la baseline;
definire le ORE ritenute potenzialmente interessanti ed i possibili scenari di
intervento;
valutare gli stessi indici della baseline per ogni scenario considerato;
effettuare lanalisi energetica per ogni scenario;
effettuare lanalisi economica per ogni scenario;
scegliere la soluzione ottimale tramite analisi multi-criterio.
5.3.3.1 - Valutazione preliminare
La prima fase, una volta definita la baseline del sistema edificio-impianto in
oggetto e determinati i relativi indici di prestazione energetica, consiste in una
valutazione preliminare delle possibili ORE adottabili, a partire da un elenco
completo delle diverse Opportunit, cos come definito in Appendice. Non tutte
le ORE richiedono, infatti, lo stesso grado di approfondimento; interi gruppi di
169

ORE possono talvolta essere eliminati senza ulteriori analisi sulla base delle seguenti considerazioni:
Richiesta specifica del cliente di non considerare determinate aree delledificio
come possibile oggetto di ristrutturazione.
Risparmio energetico previsto di modesta entit.
ORE relative ad un tipo di impianto o modo di utilizzazione non rilevante per
ledificio in esame.
Costi o tempi di ritorno palesemente eccessivi.
Unulteriore selezione delle ORE pu essere effettuata sulla base di informazioni
facilmente accessibili, quali i progetti delledificio/impianto reperiti in fase di
raccolta-dati o la storia passata delledificio (epoca degli interventi manutentivi
gi attuati).
5.3.3.2 - Identificazione degli scenari di intervento
Una volta effettuata unanalisi preliminare delle possibili ORE adottabili, si procede ad un maggiore grado di approfondimento delle soluzioni di intervento.
Nellanalizzare una singola ORE bene tenere a mente che la ristrutturazione
di un edificio esistente spesso comporta lapplicazione di gruppi di ORE combinate, riguardanti una singola area di intervento oppure aree diverse. Generalmente leffetto combinato di pi ORE non semplicemente uguale alla somma
degli effetti delle singole ORE: si verificano, in altre parole, delle interazioni che
possono influire sia positivamente che negativamente sul beneficio complessivo
ottenibile.
Ad esempio, un aumento di isolamento termico riduce il fabbisogno di energia
per riscaldamento, ma al tempo stesso riduce anche lentit assoluta del risparmio
ottenibile, ad esempio, intervenendo sullefficienza del generatore.
Occorre, quindi, partire dal presupposto che nessuna ORE pu essere valutata
in maniera completamente slegata dalle condizioni al contorno nelle quali si
pone e che, nella quasi totalit dei casi, non vengono adottati singoli provvedimenti, ma gruppi di ORE afferenti alla stessa categoria di intervento.
Risulta spesso conveniente raggruppare ORE complementari in pacchetti di interventi, oppure scenari, la cui efficacia dimostrata dallesperienza. Esempi di
pacchetti di interventi integrati sono lincremento dellisolamento delle pareti opache e il miglioramento della tenuta delle finestre, oppure gli interventi tesi ad aumentare lefficienza della caldaia ed il miglioramento del sistema di regolazione.
Si creano, dunque, degli scenari di intervento ad impatto differenziato e applicazione progressiva relativi ad es. a:
gestione degli impianti meccanici, elettrici e delledificio;
sostituzione/modifica di componenti degli impianti meccanici;
sostituzione/modifica di componenti degli impianti elettrici;
170

sostituzione/modifica elementi tecnici costituenti linvolucro edilizio;


e si crea una matrice degli scenari, che diventa la base per lanalisi energetica e
economica.
opportuno osservare che, in generale, gli interventi integrati di riqualificazione energetica delledificio portano ai migliori risultati, sia da un punto di
vista tecnico, sia da un punto di vista dei risparmi economici realizzabili dopo
lammortamento dellinvestimento iniziale. Con un intervento di tipo integrato, si
agisce sia sugli impianti termici ed elettrici, sia sullinvolucro, affinch la prestazione energetica complessiva delledificio raggiunga un livello di miglioramento
maggiore rispetto a quello raggiungibile tramite singoli interventi o sugli impianti o sullinvolucro.
Per mezzo di interventi integrati, i proprietari delledificio, qualora volessero
autocertificarsi per mezzo della certificazione LEED, otterrebbero molti crediti e
un conseguente alto livello di certificazione, grazie al quale ledificio godrebbe di
un ragionevole incremento del suo valore economico.
Si consideri, ad esempio, un reale intervento di sostituzione della caldaia, che
consente ad uno stabile di passare dalla classe energetica G alla C (Figura 47).
Come si pu vedere in figura, se a questo intervento impiantistico se ne sommassero altri che agiscono sullinvolucro, si potrebbe raggiungere la classe energetica A.

Figura 47: Miglioramento di classe energetica ottenibile tramite interventi integrati.

Non semplice intervenire sulledificio in maniera integrata e per comprendere


171

questo concetto sufficiente osservare lo schema indicativo presente in Figura


48, in cui le possibilit dintervento (fortemente semplificate) sul sistema termico
e relativi sottosistemi, sul sistema elettrico e sul sistema involucro sono molteplici e lesecuzione contemporanea di alcuni di questi possibili interventi rende
fondamentale unapprofondita fase di diagnosi e una successiva di progettazione,
basate sui bisogni e le esigenze della committenza.

Figura 48: Esempi indicativi dintervento sui sistemi e sottosistemi delledificio.

172

In molti casi si pone il problema di valutare strategie alternative di attuazione


delle ORE. Nellambito di una sostituzione di un componente del sistema edificio-impianto occorre valutare diversi scenari, legati alla tipologia di tecnologia
scelta ed alla legislazione vigente. Si possono, ad esempio, definire e valutare in
funzione di:
rispetto della legislazione vigente (livello 0);
accesso agli incentivi economici, come le detrazioni fiscali (livello 1);
installazione della migliore tecnologia disponibile (livello 2).
Tali livelli non sono vincolanti, sia per quanto riguarda il numero che la definizione, e possono essere determinati in funzione delle ORE analizzate e degli
obbiettivi da raggiungere nellanalisi: ovviamente maggiore sar il numero di
livelli riferiti a ciascuna ORE di uno scenario, maggiore sar la complessit della
matrice degli scenari stessi.
Un altro aspetto da valutare nella definizione di possibili scenari di intervento
lo stato della manutenzione e la programmazione della medesima. Durante la
vita di un edificio si rendono spesso necessari lavori di manutenzione straordinaria: accoppiare a tali lavori interventi di risanamento energetico pu essere un
modo efficace per giustificare lonere delle ORE pi impegnative. Ad esempio,
spesso difficile giustificare un intervento di isolamento termico di una copertura
quando questo richieda la rimozione del rivestimento della copertura medesima;
al contrario, se in occasione del rifacimento della copertura si provvede ad installare uno strato coibente, si ottiene un sicuro risparmio energetico con una spesa
aggiuntiva modesta rispetto al costo base di rifacimento della copertura.
5.3.3.3. - Valutazione energetica degli scenari
Una volta determinati i potenziali scenari di intervento si procede allinserimento
di questi allinterno del modello energetico precedentemente costruito con cui si
era definita la baseline di consumo. Lapplicazione di ogni combinazione di
ORE comporta dei risparmi energetici: occorre, in questa fase, quantificarne lefficacia e comprendere quali degli scenari ipotizzati siano compatibili con le attese
di risparmio energetico concordate con il committente. Si pongono, quindi, dei
vincoli prestazionali di carattere energetico, in modo da effettuare unulteriore
selezione: ovviamente la severit con cui viene effettuata la scelta dipende, oltre
che dalle condizioni contrattuali, anche dalla tipologia di scenari che si stanno
valutando.
In questa fase si caratterizza, dunque, il risultato di risparmio che ogni scenario
in grado di realizzare: occorre effettuare la corretta scelta degli indicatori e dei
confini di analisi (intero sistema, singolo sottosistema) da utilizzare in tale fase in
funzione della tipologia di scenario che si sta analizzando. Ad esempio, lunico
modo per effettuare valutazioni che consentano la confrontabilit tra tecnologie
173

che utilizzano vettori energetici diversi ovviamente lutilizzo di indicatori di


energia primaria individuati nel paragrafo 4.1 Definizione e Calcolo degli Indici
di Prestazione Energetica.
Lanalisi degli scenari dal punto di vista energetico risulta fondamentale anche come dato di input per la successiva valutazione di carattere economico
che, pur essendo il criterio solitamente predominante su ogni altro aspetto, necessita di dati energetici attendibili in modo da quantificare in maniera consistente i benefici.
5.3.3.4 - Valutazione economica degli scenari
Dopo aver effettuato la simulazione dei possibili scenari di intervento allinterno
del modello energetico, aver quantificato i relativi risparmi indotti ed aver eventualmente escluso le opzioni non compatibili con gli obiettivi di contenimento
dei consumi prefissati insieme alla committenza, si procede ad una valutazione di
carattere economico.
In questo paragrafo saranno fornite le nozioni fondamentali per la corretta esecuzione della valutazione economica degli scenari, tuttavia una trattazione pi
esaustiva contenuta in Appendice C.
Un intervento per lefficienza considerato economicamente conveniente per
un utente se comporta una riduzione dei costi, a parit di servizi finali richiesti,
cio se i risparmi economici che derivano dai minori consumi sono maggiori
degli investimenti sostenuti. Per affermare tale convenienza si ricorre allanalisi
economica che si esplica attraverso il calcolo di opportuni indicatori economici
di significato e valenza differente.
La normativa di riferimento, la UNI EN 15459 fornisce due metodi di analisi
economica basati fondamentalmente sulla valutazione dei costi da sostenere per
un intervento; unanalisi di questo genere pu fornire risultati parziali, difficili da
interpretare, per cui preferibile considerare anche i benefici di un determinato
intervento, procedendo attraverso unanalisi dei flussi di cassa o utilizzando idonei indici economici.
Lobiettivo della valutazione economica , quindi, quello di quantificare quali tra gli scenari hanno un rapporto costi/benefici pi favorevole e, a seconda
del livello di dettaglio della diagnosi, sono utilizzati gli opportuni indicatori che
definiscono la qualit di un investimento. Come nella valutazione energetica,
possibile fissare dei vincoli rispetto a tali indicatori (ad esempio legati ai tempi
di ritorno dellinvestimento o inerenti ad una soglia di costo globale), in modo
da escludere gli scenari non compatibili con limiti contrattuali o di disponibilit
finanziaria.
Lindice economico CER (Costo dellEnergia Risparmiata, espresso in c/
kWh) fornisce risultati interessanti riguardo alla fattibilit economica di un inter174

vento, soprattutto se affiancato da altri indicatori come il rapporto B/C (rapporto


benefici/costi, espresso in valore assoluto).
Anche il FCC (Flusso di Cassa Cumulato, espresso in ), ricavabile tramite
lanalisi dei flussi di cassa annuali, un utile indicatore della fattibilit economica
di un intervento.
Per il calcolo di questi indici economici, fondamentale reperire i seguenti dati:

DATI ENERGETICI
Energia primaria consumata prima dellintervento; preferibile avere
questo dato in litri (L) nel caso di combustibili liquidi o in metri cubi (mc)
nel caso di combustibili gassosi, poich da essi si potranno ricavare i
kWh consumati, per mezzo del potere calorifico dei diversi combustibili.
In caso di consumo di energia elettrica o di fornitura energetica tramite
teleriscaldamento, il dato sar reperibile direttamente in kWh.
Energia primaria consumata dopo lintervento; anche in questo caso
vale ci che stato espresso al punto precedente.

DATI METEOROLOGICI
Gradi giorno della stagione termica considerata per il consumo
energetico ante-intervento, rilevati alla stazione meteorologica pi
prossima alledificio considerato.
Gradi giorno della stagione termica considerata per il consumo
energetico post-intervento, rilevati alla stazione meteorologica pi
prossima alledificio considerato.
Media dei gradi giorno degli ultimi dieci anni precedenti lintervento, per
la normalizzazione dei consumi.

DATI ECONOMICI
Prezzo specifico del combustibile (o dei combustibili) riferiti alla stagione
termica considerata per i consumi post-intervento.
Prezzo specifico del combustibile utilizzato in fase ante-intervento;
anche per esso si considera il suo costo nella fase post-, affinch il
raffronto tra la spesa energetica precedente e successiva sia corretto
(maggiori dettagli saranno forniti in appendice).

175

Costi dinvestimento iniziale riferiti ai diversi sistemi impiantistici e sottoimpiantistici installati durante lintervento e costi riferiti agli interventi
sullinvolucro.
Se linvestimento iniziale finanziato, necessario considerare gli
oneri finanziari legati a tale finanziamento.
Se lintervento beneficia di sovvenzioni, necessario considerare
lentit delle stesse per modificare il valore dellinvestimento iniziale.
Eventuali spese aggiuntive di operazione e manutenzione.
Durata del contratto di gestione energetica post-intervento.

Dopo il reperimento dei dati necessari allanalisi, si pu procedere col calcolo


degli indicatori economici.
Il CERA o Costo dellEnergia Risparmiata(Agesi) [c/kWh], fornisce in maniera nchiara e precisa qual lesborso finanziario che il consumatore deve sostenere
per ogni
C unit
S i di energia risparmiata.
i E
0 definito dal rapporto tra la somma dei costi che il consumatore finale deve
100
CER A n
sostenere per lintervento e il risparmio energetico atteso alla fine della vita utile
Erisp,i
dellimpianto/i
installato/i (si ricorda che lEq. 26 utilizzata per il calcolo del
i 1
Eq. 26
energetico delledifico il risultato di inCERA su interventi di efficientamento
tegrazioni e semplificazioni applicate da Agesi allequazione del CER originale).

CER A

C S
i 0

E
i 1

dove:
C
S
Erisp,i

100

Eq. 26

risp,i

costi sostenuti per lintervento nellanno i-esimo


sovvenzioni ottenute nellanno i-esimo
energia risparmiata nellanno i-esimo grazie allintervento

Nello sviluppare questa formula, onde evitare possibili duplicazioni dei benefici, non si prendono in considerazione n i costi energetici precedenti n quelli
successivi allintervento e pertanto i costi corrispondono al solo investimento
176

iniziale (C0).
Nel caso in cui i costi di gestione e manutenzione in fase post-intervento siano
superiori a quelli in fase ante-intervento, la differenza tra i due (CG&M) sommata ai costi dinvestimento iniziale:
n

C
i 0
n

C0 CG &M

Eq. 27

C0 CG &M

Eq. 27

in 0 venga
Nel caso in cui lintervento
pagato in maniera dilazionata, allinvestimento
n
Eq.Eq.
2727(I), in modo da ottenere
Ci C C

0C0gli

C
GC&GM&finanziari
oneri
iniziale netto (C0,n) si aggiungeranno
i
M
i 0 i 0
linvestimento iniziale finanziato
C0,n (CI0,f): C0, f Eq. 28

C0, n I C0, f

Eq. 28

2828
C0C
I C , f 0, fEq.Eq.
, n 0
, n I 0C

Il costo effettivo (Ceff) nellanno i-esimo sar quindi ottenuto dalla somma del codifferenza tra i costi di gestione
sto dinvestimento iniziale
finanziato
Ceff .(i )
C0, f (C
CO0,f&),Mdella
( i ) S ( i ) Eq. 29
e manutenzione (tra fase post-intervento e fase ante-intervento) nellanno i-esimo
(CG&M(i)) e dei sussidi nellanno i-esimo (S(i)).

Ceff .(i ) C0, f CO&M (i ) S (i )

Eq. 29

2929
CeffC.(effi ) .(i ) C
0C
COC&OM&(iM) (i ) S(iS) (i )Eq.Eq.
, f 0
,f

Si consideri, ad esempio, un intervento di sostituzione di una caldaia a gasolio


con una caldaia a condensazione a metano in un condominio milanese dal volume
lordo riscaldato di 40.556 mc e un fabbisogno annuo di energia primaria per la
climatizzazione invernale di 3.026.254 kWh/anno in fase ante-intervento.
Il CERA calcolato al quindicesimo anno dallinstallazione dellimpianto, corrispondente alla vita utile dellimpianto stesso, risultato pari a 3,4 c/kWh.
Questo dato deve essereCER
necessariamente
con un CERA obiettivo
Eq. 30
Aob pcomb.rif confrontato
(CERAob): esso corrisponde al prezzo di combustibile utilizzato in fase ante-intervento (pcomb.rif.):

CER Aob pcomb.rif

Eq. 30

CER Aob
pcomb.rif Eq.Eq.
3030
CER
Aob pcomb
.rif
Nellesempio considerato, il CERA obiettivo era pari a 11,2 c/kWh, corrispon177

denti al prezzo specifico del combustibile utilizzato ante-intervento (gasolio) e,


poich il CERA relativo a questo intervento risultato pari a 3,4 c/kWh, lintervento da considerare fattibile dal punto di vista economico.
Il CER e il CERA considerano solamente la differenza tra i consumi energetici
prima e dopo lintervento; nella realt, qualora ci si trovi anche di fronte ad un
cambio di combustibile, il beneficio economico realizzato dopo lintervento
in parte dovuto alla differenza di costi tra i combustibili utilizzati prima e dopo
lintervento, beneficio economicamente significativo e di cui si deve senzaltro
tener conto nella valutazione economica dellintervento. Pertanto stato ritenuto
opportuno affiancare, allindicatore economico CER, un altro indicatore semplice
ed esplicativo, in grado di considerare in maniera esaustiva tutti i benefici economici derivanti da un intervento di efficientamento energetico delledificio: il
rapporto benefici/costi (B/C), espresso in valore assoluto.
Esso il rapporto tra flussi di benefici e di costi considerati in un arco di tempo n.
Per gli stessi motivi esplicati nella trattazione del CER, rispetto allequazione
del B/C originale, Agesi ha ritenuto opportuno non considerare il tasso di attualizzazione e prudenzialmente, per il calcolo dei costi, non prendere in considerazione n i costi energetici successivi allintervento n quelli antecedenti
allintervento (a meno di differenze positive nei costi di gestione e manutenzione
(CG&M) tra la fase post-intervento e quella ante-intervento, che in tal caso devono essere comprese tra i costi), bens solamente quelli relativi allinvestimento
iniziale (C0), adeguatamente integrati tramite gli oneri finanziari e i sussidi, se
presenti, per ottenere il costo effettivo (Ceff).
I benefici (Bi) consistono nella differenza tra la spesa energetica ante-intervento e quella post-intervento; questa differenza suddivisibile in una componete puramente tecnica consistente nel miglioramento tecnico realizzato grazie
allintervento ed in una componente economica (non sempre presente), legata ai
benefici realizzati grazie al passaggio ad un combustibile pi economico. Nella
trattazione del successivo indicatore economico questo concetto sar spiegato pi
nel dettaglio.
Il rapporto B/C sar quindi di seguito indicato con B/CA e ricavato tramite la
seguente equazione:
n

CA

B
i 0
n

C
i 0

dove:
178

Eq. 31
i

Ci
Bi

costi sostenuti nellanno i-esimo


benefici ottenuti nellanno i-esimo

Il rapporto B/CA deve avere un valore maggiore di 1, affinch un progetto sia


considerabile conveniente.
Il rapporto B/CA pu essere calcolato per ogni anno del tempo di vita utile
dellimpianto; si possono ottenere importanti informazioni sulla fattibilit economica di un investimento calcolando tale indice a due scadenze:
lultimo anno del periodo contrattuale;
il tempo di vita utile dellimpianto.
Il rapporto B/CA, inoltre, pu essere scomposto nella componente tecnica ed in
quella legata al cambio di combustibile; infatti esso pu essere calcolato utilizzando i benefici totali (B/CA), utilizzando solo i benefici derivanti dal miglioramento tecnico (Btec/C) o utilizzando solo quelli derivanti dallutilizzo di un combustibile pi economico in fase post-intervento (Bp.comb/C).
Nellesempio gi considerato per lindicatore CERA, stato calcolato il rapporto B/CA alle due scadenze e secondo le scomposizioni esplicate.
Al quinto anno, corrispondente al termine del periodo contrattuale, il rapporto
B/CA pari a 1,96, validando la fattibilit economica dellinvestimento; nellesempio analizzato nella sola componente tecnica stato ottenuto un risultato pari a
0,77, quindi inferiore a 1, ma la componente legata al cambio di combustibile gi
al quinto anno risultata positiva, essendo il Bp.comb/C pari a 1,2.
Nonostante questo esempio analizzato tramite il B/CA gi al quinto anno sia giudicabile fattibile da un punto di vista economico, ci sono casi in cui in un arco di tempo
cos ristretto lanalisi economica pu fornire risultati negativi; necessario, quindi,
analizzare i singoli casi anche e soprattutto sul tempo di vita utile dellimpianto.
Al quindicesimo anno, pari cio al tempo di vita utile dellimpianto, tutti e tre
i rapporti calcolati forniscono risultati molto positivi, confermando la validit
dellinvestimento:
B/CA = 8,57
Btec/C = 3,34
Bp.comb/C = 5,23
In Tabella 50 sono visibili i risultati relativi allesempio analizzato tramite il
rapporto benefici/costi.

179

Tabella 50: rapporto benefici/costi applicato allanalisi di un intervento sulledificio.


Btec

Bp.comb.

246.053

385.206

631.260

-321.544

anni
5

B/CA
B/Ctec
B/Cp.comb.

1,96
0,77
1,20

ok
ko
ok

Btec
738.160

Bp.comb.
1.155.618

B
1.893.779

C
-221.047

anni
15

B/CA
B/Ctec
B/Cp.comb.

8,57
3,34
5,23

ok
ok
ok

Un ulteriore approfondimento sulla verifica della fattibilit economica di un intervento sulledificio pu essere effettuato tramite lanalisi dei Flussi di Cassa
Cumulati (FCC) espressi in euro ().
Il flusso di cassa cumulato ricavato dai flussi di cassa annuali, ossia entrate
ed uscite, che si generano successivamente allesecuzione di uno o pi interventi
per il miglioramento dellefficienza energetica delledificio.
Il flusso di cassa cumulato allanno n corrisponde alla differenza tra i flussi
positivi e quelli negativi e si esprime tramite la seguente formula:

FCC n Bi Ci Rd i
i 0

Eq. 32

Dove:
Ci
Bi
Rd

costi sostenuti nellanno i-esimo


benefici ottenuti nellanno i-esimo
tasso di attualizzazione

Il flusso di cassa attualizzato cumulato al periodo temporale di riferimento (n),


corrisponde al Valore Attualizzato Netto (VAN, espresso in euro, )
Cos come nel caso del CER e del rapporto B/C e per gli stessi motivi precedentemente citati, Agesi ha ritenuto opportuno semplificare la formula di calcolo del FCC, omettendo il tasso di attualizzazione; tale indice, quindi, nominato
FCCA, si esprime tramite la seguente equazione:
180

FCC A Bi Ci
i 0

Eq. 33

FCC A Bi Ci

Eq. 33

i 0

Come nel caso dei costi per il calcolo del CERA e del rapporto B/CA, gli unici costi
da considerare sono quelli dinvestimento iniziale (a meno di differenze positive
nei costi di operazione e manutenzione tra la fase post-intervento e quella anteintervento, che in questo esempio non sussistono); nel caso in cui linvestimento
iniziale sia finanziato si devono considerare gli oneri finanziari applicati a tale costo
che ovviamente sar superiore, mentre se lintervento beneficia di sussidi, il valore
di C0 sar ridotto della quota di tali sussidi e si otterr cos il costo effettivo (Ceff.).
I benefici sono formati da una componente tecnica, legata al miglioramento
tecnico realizzato con lintervento e da una componente puramente economica,
legata al passaggio ad un combustibile pi economico:
n

B
n

i 0

Btec (i ) B p.comb.(i )

Eq. 34

Eq. 34
B B B
B
Benefici tecnici realizzati
i-esimo:
derivano dalla differenza
Eq. 34
B
B B nellanno
tra la spesa per il consumo energetico sostenuta ante intervento (C ) e la
tec(i)

n
i 0

i 0

tec ( i )

p .comb.(i )

tec ( i )

p .comb.(i )

en.rif

spesa energetica che si sosterrebbe eseguendo lintervento ma continuando ad


utilizzare il combustibile usato ante-intervento (Cen.att.comb.ri.) (maggiori dettagli
sono contenuti in Appendice
Btec CC).
en.rif Cen.att.comb.rif Eq. 35

Btec Cen.rif Cen.att.comb.rif


Btec Cen.rif Cen.att.comb.rif

Eq. 35
Eq. 35

Bp.comb(i) Benefici derivanti dalla variazione di prezzo del combustibile (variazione legata ad un cambio di combustibile, non variazione legata allandamento dei prezzi dei combustibili) realizzati nellanno i-esimo: questi benefici
sussistono solamente in quegli interventi in cui vi sia sostituzione di combustibile tra limpianto ante-intervento e quello post-intervento. Si ricavano dalla
differenza tra la spesa
che si sosterrebbe eseguendo lintervento ma
B penergetica
.comb Cen.att.comb.rif . Cen.att. Eq. 36
continuando ad utilizzare il combustibile usato ante-intervento (Cop.att.comb.rif.) e
la spesa energetica nella fase post intervento (Cop.att.).

B p.comb Cen.att.comb.rif . Cen.att.


B p.comb Cen.att.comb.rif . Cen.att.

Eq. 36

Eq. 36

181

In Tabella 51 visibile lesito dellanalisi dei flussi di cassa relativa allesempio


descritto. Come si pu vedere, il flusso di cassa a fine vita utile dellimpianto
positivo, pari a 1.672.731 euro; sulla base di questo esito possibile giudicare
lintervento fattibile dal punto di vista economico.
Tabella 51 Analisi economica tramite flussi di cassa.

Eseguendo lanalisi economica tramite flussi di cassa, si pu ricavare anche il


tempo di ritorno dellinvestimento, che in questo caso corrisponde al terzo anno,
cio quando i flussi di cassa diventano positivi (Tabella 51); in Figura 49 visibile la rappresentazione grafica dei flussi di cassa cumulati relativi allesempio
considerato.

182

Figura 49: Rappresentazione grafica dellanalisi tramite flussi di cassa cumulati.

Una guida pratica sulle modalit con cui eseguire unanalisi economica tramite
CERA , rapporto B/CA e FCCA contenuta in Appendice C.
5.3.3.5 - Valutazione ambientale degli scenari
Nei paragrafi precedenti sono state descritte le due principali valutazioni, energetica ed economica, che influenzano la scelta degli scenari di intervento. Bisogna,
per, considerare, come esistano altri elementi che possono pesare nella scelta
della soluzione ottimale: possono essere quelli relativi allimpatto ambientale,
allimpiego di certe fonti rinnovabili, ecc.. Sicuramente merita un breve approfondimento lanalisi ambientale, in quanto pu imporre vincoli od aggiungere un
ulteriore criterio di confronto tra le varie combinazioni di ORE.
Lanalisi ambientale ha lo scopo di valutare le diverse tipologie dintervento in
modo tale da verificare le emissioni di ciascuna nei diversi comparti ambientali
(in questo caso si considera il comparto atmosferico) e scegliere quella che, di
conseguenza, genera i minori impatti sulla societ e sullambiente naturale.
Nellanalisi ambientale si confrontano i diversi scenari di intervento e la baseline per la definizione delle emissioni in atmosfera dei gas inquinanti. Si definisce
il fabbisogno di energia primaria, in funzione del vettore energetico (elettrico, da
combustibili fossili (gas naturale o derivati del petrolio) o da biomasse); si moltiplica il valore con le quantit di gas emessi per unit di energia generata (Tabella
29, al paragrafo 4.2); si ottiene, quindi, la quantit emessa di ciascun gas, in chilogrammi per i diversi vettori energetici:
Gasx (kg) = consumox (MWh) * emissione specificax (kg/MWh)

Eq. 37

183

Si riporta una valutazione della produzione degli inquinanti gassosi correlata ai


fabbisogni di energia primaria relativi alla baseline e ad uno scenario dintervento per un caso di sostituzione della caldaia in ambito residenziale (lo stesso
utilizzato come esempio nellanalisi economica): questo intervento prevedeva la
sostituzione della caldaia a gasolio con una caldaia a condensazione a metano.
doveroso sottolineare che, nonostante lesempio mostri un solo scenario
dintervento, lanalisi pu essere condotta su diversi scenari: in questo caso sar
privilegiato il progetto che determina emissioni di gas in atmosfera inferiori.
Tabella 52: Esempio di analisi ambientale relativa agli scenari di intervento.

Nellesempio si vede chiaramente che lintervento proposto consente di risparmiare


438,37 MWh a livello annuale e, grazie a tale miglioramento tecnico e al cambio di
combustibile, si realizza un miglioramento nelle emissioni di tutti i gas considerati.
Nella diagnosi energetica leggera si possono considerare solamente le differenze in termini di emissioni di CO2; per una precisa valutazione delle emissioni
di CO2, la UNI EN 15603, allallegato E, fornisce la quantit di CO2 prodotta per
ogni unit di energia (kg/MWh) generata da molte tipologie di fonti e, quindi,
saranno scelti gli impianti che causano la minore produzione di questo gas.
In diagnosi energetiche di tipo standard e dettagliato, invece, lanalisi ambientale
verter su pi gas inquinanti; in particolare, se lintervento viene svolto allinterno di
una citt e laspetto ambientale viene considerato, saranno da preferire soluzioni impiantistiche che comportino emissioni di NOx e SOx inferiori, poich questi composti
chimici concorrono alla formazione del particolato atmosferico secondario, causando la formazione del 40% del PM2.5 totale. Questa scelta giustificata dal problema
184

della presenza di particolato atmosferico per diversi giorni dellanno oltre i limiti di
legge, comune a molti grandi centri abitati, tra cui si ritrova anche Milano, che per la
localizzazione geografica e gli alti livelli di emissioni in atmosfera, tra le citt con
le maggiori concentrazioni di particolato atmosferico; in inverno, in particolare, le
condizioni meteorologiche e le emissioni delle caldaie domestiche che si aggiungono alle emissioni delle automobili, portano a pericolose concentrazioni di PM.
Quindi, oltre allanalisi dei composti chimici che determinano la formazione del particolato atmosferico secondario, pu essere condotta unanalisi delle
quantit di particolato atmosferico emesso dalle diverse soluzioni impiantistiche,
in modo da considerare anche quello di origine primaria; per questo motivo in
tabella riportata la valutazione delle polveri e del PM10. Eventualmente,
per maggiore precisione, si possono considerare separatamente il PM10 e il PM2.5.
Le emissioni specifiche di particolato atmosferico (g/kWh), diversificate per
fonte energetica, sono molto variabili anche allinterno della stessa tipologia di
fonte, a causa di differenze nella composizione dello stesso combustibile e soprattutto di differenze negli impianti di produzione di energia (miscela combustibile/aria, presenza di filtri di vario genere ecc.); per questo tipo di analisi quindi
opportuno utilizzare valori specifici per i diversi casi.
In ogni caso si deve sempre tenere conto che importante la localizzazione
degli impianti, perch a parit di inquinanti emessi ci saranno impatti diversificati
nel caso di produzione di energia locale o per mezzo di centrali dislocate lontano
dai centri abitati.
Si pu anche valutare il beneficio sociale che deriva dallapplicazione di uno
scenario dintervento; per fare ci si valuta il miglioramento annuale nelle emissioni di CO2 in tonnellate (t/anno) e, grazie al prezzo specifico della CO2 (valutato
in /t), si ottiene il beneficio sociale a livello annuale (/anno):
ben. sociale (/anno) = CO2 (t/anno) * prezzo spec. CO2 (/t) Eq. 38

In Tabella 53 visibile il calcolo del beneficio sociale annuale e del beneficio


sociale calcolato nel tempo di vita utile dellimpianto (15 anni), relativi allo stesso esempio precedente.
Tabella 53: Esempio di calcolo del beneficio sociale di un intervento sulledificio.

185

Nellanalisi si pu anche inserire la quantit di energia prodotta da fonti rinnovabili


(Tabella 52), anche se per il calcolo delle emissioni di gas sono sufficienti i dati di
consumo elettrico o di combustibile e le emissioni specifiche di ciascuna fonte.
utile valutare la producibilit da fonti rinnovabili di un progetto in relazione alla producibilit totale, in modo da poter optare per progetti con la maggiore percentuale
di energia prodotta da fonti rinnovabili, nel caso in cui questo sia uno degli obiettivi.
5.3.3.6 - Scelta degli scenari tramite analisi multicriterio
Si quindi visto come le possibili tipologie di analisi su un intervento di miglioramento delle prestazioni energetiche siano molteplici: per avere uno strumento
razionale nella definizione di un unico obiettivo finale e nella soluzione di un
problema che coinvolge valutazioni molto diverse, si pu ricorrere allanalisi
multicriterio. Tale metodica di analisi si applica, infatti, quando esistono obiettivi
diversi con conseguenti differenti investimenti per ogni potenziale soluzione.
Nellanalisi multicriterio ad ogni obiettivo corrisponde:
un indicatore di riferimento;
un criterio di valutazione/confronto;
un eventuale criterio di normalizzazione.
Per la scelta tra le varie alternative possibili, occorre fissare, per ogni obbiettivo:
i vincoli (per le valutazioni energetiche ed economiche si visto nei paragrafi
precedenti in che termini);
il peso relativo;
un criterio unificatore dei precedenti.
In Tabella 54 riportato un esempio di analisi multicriterio, riferita a quattro
differenti opzioni valutate su due obbiettivi (risparmio energetico e convenienza
economica) considerati paritetici. Com stato precedentemente esplicato, allinterno dellanalisi multicriterio possono esse inseriti pi parametri di valutazione
corrispondenti ai diversi obiettivi; in molti casi, differentemente dallesempio in
Tabella 54, agli obiettivi energetico ed economico sinseriscono anche gli obiettivi ambientale e dimmagine.
In questo caso sono stati presi come indicatori di riferimento il tempo di ritorno dellinvestimento (obiettivo economico) e il fabbisogno di energia primaria
(obiettivo energetico).
Dopo la scelta degli indicatori, lanalisi multicriterio si sviluppa secondo le
seguenti fasi:
scelta dei vincoli rispetto agli indicatori scelti (in questo esempio: tempo di
ritorno minore di 10 anni e fabbisogni inferiori a 100.000 kWh).
Esclusione dei casi che non rispettano i vincoli posti.
Definizione di un criterio di normalizzazione degli stessi cosicch risultino
variare tra 0 e 1 (1 valore ottimo).
186

Il valore normalizzato del tempo di ritorno dellinvestimento stato ottenuto


dalla formula in figura min[TRi]/TRi, ossia dal rapporto tra il valore del tempo
di ritorno minimo tra le alternative presenti (pari a 8 anni) e il valore del tempo
di ritorno dellalternativa in analisi (ad es.: nellalternativa 3, il valore di 0,89
ottenuto dal rapporto tra 8 e 9).
Il valore normalizzato del fabbisogno di energia primaria stato ottenuto dalla
formula in figura (100.000 - kWhi) / 100.000; 100.000 sono i kWh corrispondenti al fabbisogno di energia primaria massimo accettabile e kWhi il fabbisogno di energia primaria dellalternativa in analisi (ad es.: nellalternativa 3, il
valore di 0,69 ottenuto da (100.000 - 31.017) / 100.000).
Definizione del peso relativo dei due indicatori normalizzati (in questo caso
0,5 per entrambi).
Calcolo dellindice unificato, come media pesata dei due indici (in questo caso
hanno entrambi lo stesso peso poich stato assegnato loro un paritetico peso
di 0,5).
Determinazione della soluzione ottima secondo il valore pi alto dellindice
unificato (in questo caso lalternativa 3); come si pu vedere in figura, lalternativa 4 aveva ottenuto il punteggio pi alto di tutti, tuttavia stata esclusa a
causa del non rispetto del vincolo economico, poich aveva un tempo di ritorno superiore ai 10 anni.
Tabella 54: Esempio di analisi multicriterio.

187

188

Progetto di implementazione delle ORE

a procedura operativa di diagnosi energetica eseguita secondo quanto concordato tra il REDE e la committenza; in particolare il grado di accuratezza e gli
obiettivi della diagnosi sono gli elementi che, una volta definiti, guidano le scelte
delloperatore.
Il risultato del processo di diagnosi energetica corrisponde ad uno o pi pacchetti di ORE, i quali saranno i pi idonei tra tutte le scelte possibili, poich esito
di un procedimento eseguito sulla base di precise esigenze della committenza.
Le ORE cos definite, devono essere progettate e valorizzate prima di essere
eseguite; ha inizio, quindi, la fase di progettazione degli interventi.

6.1 - Contenuto del progetto preliminare, definitivo


ed esecutivo
Una volta terminata la diagnosi energetica sul sistema edificio-impianto, secondo
le modalit descritte nel capitolo precedente, occorre progettare a livello tecnico
le soluzioni scelte, tenendo conto che sono molteplici le condizioni al contorno
che possono influenzare il costo di unopera e la sua stessa fattibilit tecnica.
La legislazione nazionale impone il rispetto di requisiti e procedure minime
per la progettazione e linstallazione di impianti allinterno di edifici attraverso il
D.M. n. 37/2008. Nel Decreto vengono specificati i passaggi attraverso i quali si
arriva al collaudo dellopera impiantistica, a partire dalla redazione del progetto.
Il D.M. n. 37/08 riporta che i progetti degli impianti sono elaborati secondo la regola dellarte. I progetti elaborati in conformit alla vigente normativa
e alle indicazioni delle guide e alle norme dellUNI, del CEI o di altri Enti di
normalizzazione appartenenti agli Stati membri dellUnione Europea o che sono
parti contraenti dellaccordo sullo spazio economico europeo, si considerano
redatti secondo la regola dellarte.
I progetti devono contenere almeno (secondo Art. 5, comma 4, D.M. n. 37/08):
gli schemi dellimpianto e i disegni planimetrici;
una relazione tecnica sulla consistenza e sulla tipologia dellinstallazione,
della trasformazione o dellampliamento dellimpianto stesso, con particolare
riguardo alla tipologia e alle caratteristiche dei materiali e componenti da uti189

lizzare e alle misure di prevenzione e di sicurezza da adottare.


Se limpianto a base di progetto variato in corso dopera, il progetto presentato integrato con la necessaria documentazione tecnica attestante le varianti,
alle quali, oltre che al progetto, linstallatore tenuto a fare riferimento nella
dichiarazione di conformit (Art. 5, Comma 5).
La progettazione, nella pratica professionale, si sviluppa su tre livelli di dettaglio:
progettazione preliminare (eseguibile al termine di una DE leggera, senza ulteriori fasi di progettazione);
progettazione definitiva (da eseguire al termine di una DE standard o dettagliata);
progettazione esecutiva (da eseguire al termine di una DE standard o dettagliata).
Il progetto preliminare deve contenere almeno:
1. relazione preliminare riguardante lo studio di fattibilit;
2. schemi dellimpianto;
3. relazione tecnica preliminare, contenente il dimensionamento di massima dei
componenti dellimpianto;
4. determinazione sommaria dei costi dellintervento.
Il progetto definitivo viene redatto sulla base di quanto contenuto nel progetto
preliminare, il quale deve almeno contenere:
1. relazione tecnica descrittiva degli impianti;
2. schemi funzionali di distribuzione delle reti;
3. ubicazione delle centrali;
4. planimetrie;
5. relazioni tecniche di dimensionamento;
6. computo metrico estimativo;
7. elaborati grafici di maggiore dettaglio.
Il progetto esecutivo viene redatto sulla base di quanto contenuto nel progetto
definitivo, il quale deve almeno contenere:
1. relazione tecnica descrittiva dellintervento;
2. gli schemi dellimpianto e i disegni planimetrici esecutivi, comprensivi
dellanalisi delle interferenze con le altre componenti delledificio;
3. computo metrico estimativo definitivo;
4. elenco prezzi;
5. capitolato tecnico delle opere da realizzare.

190

6.2. - Legislazione tecnica e regolamenti locali di riferimento


La progettazione di uno o pi interventi di riqualificazione energetica, sia che
riguardino limpianto che linvolucro delledificio, deve tenere in considerazione
le specifiche condizioni al contorno che ciascuna realizzazione comporta. Tali
condizioni possono essere di natura esclusivamente tecnica (legislazione in materia impiantistica, energetica), ma possono anche riguardare anche altri ambiti
coinvolti in un processo di ristrutturazione: ladempimento alla normativa urbanistica e al Codice Civile, losservanza della legislazione inerente alla Prevenzione Incendi, il rispetto del regolamento di igiene comunale e del regolamento di
condominio.
Tabella 55: Informazioni reperibili dalla legislazione e regolamenti locali.
Regolamento e disposizioni

Stato/Ente

Informazioni contenute

Regolamento Edilizio (Deliberazione


reg. n. 81/99 esecutiva dal 7 agosto
1999)

Comune
di Milano

Requisiti tecnici degli


interventi di trasformazione
edilizia negli ambiti del
territorio comunale

Regolamento locale digiene (Titolo III - Comune


Deliberazione 113/95 esecutiva dal 23 di Milano
maggio 1995)

Requisiti igienici, qualit


dellaria, illuminotecnici,
termici

DPR 412/93, in attuazione dellart.


4, comma 4, della legge 9 gennaio
1991, n. 10 e successive modifiche ed
integrazioni

Italia

il regolamento recante
norme per la progettazione,
linstallazione, lesercizio
e la manutenzione degli
impianti termici degli edifici
ai fini del contenimento dei
consumi di energia

Decreto Legislativo 19 agosto 2005


n. 192 e successive modifiche ed
integrazioni (attuazione della direttiva
2002/91/CE, relativa al rendimento
energetico nelledilizia)

Italia

Requisiti tecnici degli


interventi di riqualificazione
del sistema edificio-impianto

D.G.R. VIII 8745 e s.m.i.:


Disposizioni in materia di efficienza e
risparmio energetico (in aggiunta alle
disposizioni a livello nazionale)

Regione
Lombardia

Requisiti tecnici degli


interventi di riqualificazione
del sistema edificio-impianto

191

D.M. del 12/04/1996 Approvazione


Italia
della regola tecnica di prevenzione
incendi per la progettazione, la
costruzione e lesercizio degli
impianti termici alimentati da
combustibili gassosi e DPR 151/2011
Regolamento recante semplificazione
della disciplina dei procedimenti relativi
alla prevenzione degli incendi

Requisiti tecnici e
amministrativi delle attivit
di prevenzione incendi per
le centrali termiche

D.M. n 246 del 16/05/1987 Norme di


sicurezza antincendio per gli edifici di
civile abitazione

Italia

Norme di sicurezza
antincendio per gli edifici di
civile abitazione

D.M. 01/12/1975 Norme di sicurezza


per apparecchi contenenti liquidi caldi
sotto pressione e specifiche tecniche
applicative (Raccolta R ISPESL
edizione 2009)

Italia

Regolamentazione tecnica
degli impianti centrali di
riscaldamento utilizzanti
acqua calda sotto pressione
con potenza nominale > 35
kW

A seguito, si riportano alcuni estratti e considerazioni in merito ad alcuni regolamenti e disposizioni sopra riportati.
6.2.1 - Legislazione Urbanistica: Regolamento Edilizio
Comune di Milano
Si riportano alcuni estratti del Regolamento Edilizio del Comune di Milano (Deliberazione reg. n. 81/99 esecutiva dal 7 agosto 1999) che possono essere oggetto
di implicazione nel caso di interventi di riqualificazione energetica:

Art.10: esclusione dal calcolo della superficie lorda di pavimento

2.5. le superfici relative ai volumi tecnici, cio ai vani ed agli spazi strettamente
necessari a contenere le apparecchiature principali ed accessorie degli impianti
tecnici al servizio dei fabbricati (impianti idrici, termici, di condizionamento dellaria,
di sollevamento, elettrici, telefonici, per le telecomunicazioni, fognari, di raccolta
e sgombero immondizie, ecc.), comprese le superfici dei vani di passaggio delle
canalizzazioni calcolate in corrispondenza dei piani abitabili o agibili, le superfici
degli spazi di accesso, cappotti termici, pareti ventilate e tutti gli accorgimenti per
il risparmio energetico delledificio;

Art.28: Edificazione sul confine

In deroga alle previsioni del precedente Art. 27. 1 ammessa ledificazione in


fregio al confine di spazi privati nei casi di: 1.9. cabine per impianti tecnologici e
similari, purch non venga compromesso lambiente circostante e ostacolata la

192

visibilit dei conducenti dei veicoli e dei pedoni;


Art.34: altezza minima dei locali

I ribassamenti necessari alla realizzazione di impianti di climatizzazione e


cablaggio non si computano ai fini del calcolo dellaltezza media di un locale
purch le relative controsoffittature non occupino, in pianta, una superficie
superiore ad 1/3 del locale, fermo restando quanto previsto dal comma 3 (altezza
minima 2,10 m);

Art. 47. Ambienti con impianti di combustione

In ogni ambiente in cui sia previsto un impianto di combustione a fiamma libera


che utilizza laria dellambiente stesso come comburente, lingresso dellaria deve
essere permanentemente assicurato secondo le modalit previste dalle norme
vigenti;

Art. 54. Cavedi tecnici o passi duomo

1. I cavedi tecnici o passi duomo sono preordinati al passaggio dei condotti


tecnici verticali dellimpiantistica del manufatto edilizio.
2. Nessun locale pu affacciarsi sui medesimi.
3. Essi devono contenere strutture fisse di collegamento verticale e piani
grigliati per garantire laccesso agevole e sicuro al personale tecnico.
4. I cavedi tecnici possono essere adiacenti e aperti sui cavedi di aeroilluminazione, a condizione che non ne riducano la superficie minima in
pianta; inoltre, devono essere dotati di tiraggio naturale o meccanico dal
piede delledificio al colmo del tetto;

Art. 63. Manutenzione ordinaria

Sono di manutenzione ordinaria gli interventi che riguardano: le opere necessarie


a mantenere in efficienza e ad adeguare gli impianti tecnologici esistenti o ad
adeguarli alle normali esigenze di esercizio (comma 3.8); le costruzioni poste
sopra o sotto il livello di campagna, senza presenza di persone e manodopera atte
a proteggere apparecchiature ed impianti (comma 5.1); basamenti, incastellature
di sostegno e apparecchiature allaperto per la modifica ed il miglioramento
di impianti esistenti (comma 5.6); le opere interne ed esterne necessarie a
mantenere in efficienza e ad adeguare gli impianti tecnologici esistenti o ad
adeguarli alle normali esigenze di esercizio (comma 5.9);

Art. 64. Manutenzione straordinaria

193

Sono interventi di manutenzione straordinaria quelli riguardanti linserimento di


nuovi impianti tecnologici quando richiedano la realizzazione di volumi tecnici e
degli ascensori; tali impianti devono di regola essere inseriti allinterno delledificio;
quando ci non sia possibile possono essere realizzati con soluzioni progettuali
organiche rispetto allintero edificio;

Art. 65. Restauro e risanamento conservativo

Gli interventi di risanamento conservativo possono consistere anche nelle parziali


demolizioni e ricostruzioni dellesistente, anche con traslazione di superficie lorda
di pavimento, se finalizzate esclusivamente alleliminazione di superfetazioni,
al risanamento igienico, al miglioramento dei rapporti aero-illuminanti e
alladeguamento degli impianti tecnologici.

Art. 79. Autorizzazione edilizia

Sono soggetti ad autorizzazione edilizia gli interventi per: e) impianti tecnologici


che comportino formazione di nuovi volumi

Art. 82. Denuncia di inizio attivit

Ferma restando la necessit di produrre, congiuntamente alla denuncia di inizio


attivit, le autorizzazioni previste dalle leggi n. 431/85, n. 183/89 e n. 394/91,
gli interessati possono avviare, dopo venti giorni dalla presentazione di detta
denuncia, lesecuzione di interventi per:
f)

Impianti tecnologici al servizio di edifici o attrezzature esistenti e


realizzazione di volumi tecnici che si rendano indispensabili, sulla base
di nuove disposizioni, a seguito della revisione o installazione di impianti
tecnologici;

Art. 102. (Difformit nellesecuzione: variazioni compatibili)

Costituiscono - seppur non preventivamente assentite - variazioni compatibili


col progetto inizialmente approvato, i seguenti interventi: variazioni progettuali
comportanti incremento dellentit delle cubature dei volumi tecnici e degli
impianti tecnologici.

6.2.2 - Legislazione antincendio: DPR 151/2011 e D.M. del


12/04/1996 (per impianti di potenza superiore ai 35 kW)
Dal punto di vista della legislazione antincendio occorre sottolineare come laggiornamento legislativo imposto dal DPR 151/11 denominato Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione
194

degli incendi abbia modificato sostanzialmente liter amministrativo nel caso di


installazione di nuovo impianto per la produzione di calore >116 kW (Attivit
n.74), alleggerendo in maniera sostanziale la procedura burocratica di presentazione della domanda e le logiche di controllo da parte dei VV.F.. Se con il precedente decreto era obbligatorio il rilascio del Certificato di Prevenzione Incendi
(C.P.I.) da parte dei VV.F. in ogni caso di potenza installata, con il DPR 151 si
passa, nel campo di potenze installate comprese tra 116 e 350 kW, ad una semplice autocertificazione tramite SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attivit) da
presentare al Comando dei VV.F. e da rinnovare ogni 5 anni.
Tabella 56: schema riassuntivo obblighi amministrativi DPR151/11.
Fascia di potenza
installata

Cat. Principali obblighi


amministrativi

Controlli

116 kW < Ptot < 350 kW

Presentazione SCIA

A campione

350 kW < Ptot < 700 kW

Presentazione SCIA con


progetto

A campione

Ptot > 700 kW

Presentazione SCIA con


progetto allegato e necessit
di rilascio del C.P.I.

Obbligatorio
entro 60 gg.

Resta inteso che, in caso di impianto esistente provvisto di C.P.I., questo verr
allegato alla domanda di rinnovo della SCIA. Resta inteso che il DPR 151/11 si
riferisce alla procedura amministrativa, mentre per quanto riguarda i riferimenti
legislativi tecnici da rispettare si fa ancora riferimento al D.M. 12/04/1996 di cui
si riportano alcuni estratti essenziali ai fini della progettazione impiantistica:

Art. 6. - Disposizioni per gli impianti esistenti

1. Agli impianti esistenti alla data di emanazione del presente decreto e di portata
termica superiore a 116 kW, purch approvati e autorizzati dai competenti organi
del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, in base alla previgente normativa, non
richiesto alcun adeguamento, anche nel caso di aumento di portata termica,
purch non superiore al 20% di quella gi approvata od autorizzata e purch
realizzata una sola volta.
2. Agli impianti esistenti alla data di emanazione del presente decreto e di portata
termica non superiore a 116 kW, purch realizzati in conformit alla previgente
normativa, non richiesto alcun adeguamento, anche nel caso di aumento
di portata termica, purch non superiore al 20% di quella esistente e purch
realizzata una sola volta e tale da non comportare il superamento della portata
termica oltre i 116 kW.

195

3. In ogni caso successivi aumenti della portata termica realizzati negli impianti di
cui ai precedenti commi, richiedono ladeguamento alle disposizioni del presente
decreto. (Si rimanda al testo del decreto per le disposizioni tecniche in caso di
necessit di adeguamento: documentazione tecnica a corredo del progetto e
modalit di collaudo).

Per quanto riguarda il rispetto della Legislazione legata alla Prevenzione Incendi, occorre distinguere, il caso in cui si abbia una sostituzione con aumento di
potenzialit superiore od inferiore al 20%. Nel primo caso viene prescritta la
realizzazione o ladeguamento della centrale termica conformemente al D.M. del
12/04/1996, mentre nel secondo caso non richiesta alcuna azione di aggiornamento purch sia gi presente, qualora necessario, un Certificato di Prevenzione
Incendi (C.P.I.) in corso di validit.
6.2.3 - D.M. 01/12/1975 Norme di sicurezza per apparecchi
contenenti liquidi caldi sotto pressione e specifiche
tecniche applicative (Raccolta R ISPESL edizione 2009)
Altra documentazione da produrre nel caso di installazione di impianti di riscaldamento utilizzanti acqua calda sotto pressione con temperatura non superiore a
110C, e potenza nominale massima complessiva dei focolari superiore ai 35 kW,
ai sensi del D.M. dell1/12/75 e s.m.i. e delle specificazioni tecniche applicative
ai sensi dellart. 26 del decreto medesimo (ISPESL Raccolta R edizione 2009)
riguarda la denuncia allISPESL di impianto termico, attraverso lespletazione di
specifica pratica.
La denuncia riguarda gli impianti termici nuovi o da modificare e deve essere
antecedente ai lavori. Le modifiche riguardano i dispositivi di protezione del generatore, ovvero la sostituzione o la modifica del generatore con aumento della
potenzialit o variazione (aumento) della pressione di targa, che si traduce nella
produzione dei seguenti documenti:
Modello RD, firmato dallinstallatore: ubicazione, caratteristiche generali, caratteristiche tecniche dellimpianto e destinazione dei locali riscaldati;
Modello RR / RR1, firmato dal progettista: il progetto e la relazione tecnica
con allegato il disegno dellimpianto, eventualmente completati con specifica
relazione aggiuntiva;
Schema impianto allegato al modello RR: allegato tecnico con rappresentato
lo schema di centrale e tutte le componenti per garantire la sicurezza dellimpianto:
valvola di sicurezza, qualificata e tarata ISPESL;
valvola di intercettazione combustibile (V.I.C.), qualificata e tarata ISPESL;
valvola di scarico termico, qualificata e tarata ISPESL;
196

termostato di regolazione a norma ISPESL;


termostato di sicurezza a norma ISPESL;
pressostato di sicurezza a norma ISPESL;
serbatoi a pressione, omologati ISPESL;
vasi di espansione chiusi a membrana, omologati ISPESL, con illustrazione
delle modalit di calcolo per il dimensionamento dei vasi di espansione;
Dati complementari richiesti dallAppendice VI alla raccolta R del D.M.: dichiarazione congiunta di Progettista, Direttore dei Lavori ed Installatore attestante il rispetto delle caratteristiche tecniche e prescrizioni di sicurezza contenute nel documento stesso.
Per impianti di potenzialit complessiva maggiore di 116 kW deve essere previsto, inoltre, il libretto matricolare ISPESL sostituibile, in caso di nuove apparecchiature, dalla dichiarazione di conformit CE rilasciata dal Fabbricante.
A seguito dellesito favorevole dellesame progetto, deve essere presentata
richiesta per leffettuazione della prima verifica di omologazione sullimpianto
(All.7 del D.M.). In ogni caso, per tutte le attrezzature ed insiemi a pressione,
lutilizzatore deve presentare, allatto della messa in servizio, allISPESL e alla
ASL competenti per territorio, una dichiarazione di messa in servizio redatta ai
sensi dellart. 6 del D.M. 329/2004 (All.9 del D.M.).
Infine, in seguito allesecuzione dei lavori, un importante documento la Dichiarazione di conformit, richiamata nel D.M. 37/08. Nellart.7 si specifica, infatti, che
al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalla normativa
vigente, comprese quelle di funzionalit dellimpianto, limpresa installatrice rilascia al committente la dichiarazione di conformit degli impianti realizzati nel
rispetto delle norme di cui allarticolo 6. Di tale dichiarazione, resa sulla base del
modello di cui allallegato I, fanno parte integrante la relazione contenente la tipologia dei materiali impiegati, nonch il progetto di cui allarticolo 5.
Si riporta in Tabella 57 il sommario degli obblighi tecnici a corredo dellimpianto termico in funzione della potenza termica complessiva.

Tabella 57: Obblighi tecnici a corredo dellimpianto termico in funzione della potenza
termica complessiva.

35 kW Pf
116 kW

metano

GPL

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
denuncia impianto
allISPESL

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
denuncia impianto
allISPESL
c.p.i. relativo al
serbatoio

combustibile
liquido

combustibile
solido

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
denuncia impianto
allISPESL

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
denuncia impianto
allISPESL

197

116 kW Pf
232 kW

232 kW Pf
350 kW

Pf > 350 kW

combustibile
liquido

combustibile
solido

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
libretto matricolare
ISPESL
c.p.i. relativo alla
centrale termica
patentino manutentore impianti
termici
c.p.i. relativo al
serbatoio

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
libretto matricolare
ISPESL
c.p.i. relativo alla
centrale termica
patentino manutentore impianti
termici

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
libretto matricolare
ISPESL
c.p.i. relativo alla
centrale termica
patentino manutentore impianti
termici

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
libretto matricolare
ISPESL
patentino manutentore impianti
termici
c.p.i. relativo alla
centrale termica

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
libretto matricolare
ISPESL
patentino manutentore impianti
termici
c.p.i. relativo alla
centrale termica
c.p.i. relativo al
serbatoio

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
libretto matricolare
ISPESL
patentino manutentore impianti
termici
c.p.i. relativo alla
centrale termica

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
libretto matricolare
ISPESL
patentino manutentore impianti
termici
c.p.i. relativo alla
centrale termica

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
libretto matricolare
ISPESL
c.p.i. relativo alla
centrale termica
patentino manutentore impianti
termici

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
libretto matricolare
ISPESL
c.p.i. relativo alla
centrale termica
c.p.i. relativo al
serbatoio
patentino manutentore impianti
termici

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
libretto matricolare
ISPESL
c.p.i. relativo alla
centrale termica
patentino manutentore impianti
termici

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
libretto matricolare
ISPESL
c.p.i. relativo alla
centrale termica
patentino manutentore impianti
termici

nomina terzo responsabile in possesso di certificazione di qualit

nomina terzo responsabile in possesso di certificazione di qualit

metano

GPL

dichiarazione di
conformit*
libretto di centrale
rapporti di controllo tecnico
libretto matricolare
ISPESL
patentino manutentore impianti
termici
c.p.i. relativo alla
centrale termica

nomina terzo responsabile in possesso di certificazione di qualit

198

nomina terzo responsabile in possesso di certificazione di qualit

6.3 - Pianificazione e gestione della manutenzione


La Norma UNI 9910 definisce la manutenzione come la combinazione di tutte
le azioni, tecniche e amministrative, incluse le azioni di supervisione, volte a
mantenere o a riportare unentit in uno stato in cui possa eseguire la funzione
richiesta.
Si veda bene allora lo scopo della manutenzione: ridurre la velocit con la
quale il bene si deteriora; prolungarne la vita operativa; raccogliere informazioni
su difetti o cause di deterioramento per eliminarli o prevenirli.
Fino a che punto valga la pena di mantenere un bene piuttosto che sostituirlo,
oggetto di considerazioni specialistiche che coinvolgono il suo costo del ciclo di
vita e che dovranno essere prese in considerazione in fase di scelta delle ORE.
Poich lo scopo della manutenzione conservare o riportare unentit ad una
condizione di lavoro accettabile, molta attenzione dovr essere data alla definizione di condizione accettabile per un dato sistema. Infatti, gli oggetti soffrono
necessariamente di un progressivo deterioramento delle loro caratteristiche durante la loro vita operativa. Ad un certo punto, questo conduce ad una avaria,
cio ad una deviazione dai requisiti specificati che necessita di essere corretta
perch si rientri nei limiti dellaccettabilit.
Unavaria non corretta pu condurre ad un guasto, cio alla cessazione della
funzione. Vale losservazione che, mentre ogni guasto unavaria, non vale il
viceversa. Il guasto rappresenta un evento, mentre lavaria uno stato.
La manutenzione ha a che fare sia con le avarie che con i guasti: in un caso
una manutenzione preventiva; nel secondo caso, una manutenzione correttiva.
Il limite tra i due tipi chiaro, ed il limite di accettabilit di cui si diceva pi
sopra.
Nei paragrafi seguenti verranno prese in considerazione le modalit organizzative e gli aspetti legislativi legati alla manutenzione, nonch le principali operazioni da svolgere sui sottosistemi impiantistici pi sensibili in un edificio
residenziale.
6.3.1 - Organizzazione e responsabilit
Le societ che operano in campo manutentivo impiantistico possono inserirsi come semplici manutentori (rispondendo soltanto ai requisiti richiesti dalla
L.46/90 e dal D.M.37/08) contrattualizzati dallAmministrazione condominiale
o come terzi responsabili nel momento in cui un privato, un amministratore,
unazienda o comunque il proprietario dellimpianto termico dellimmobile residenziale non se la sente di prendersi le responsabilit relativamente al proprio
impianto. Al terzo responsabile sono affidate la manutenzione e la conduzione
della centrale termica e, nel caso di cattiva conduzione, la legislazione vigente
199

prevede sia sanzioni civili sia penali, in base alla tipologia dellinosservanza delle
prescrizioni di legge.
Il terzo responsabile un soggetto che deve essere in possesso di determinate capacit tecniche, economiche e organizzative (ad esempio nel caso di impianti
di potenza uguale o superiore a 350 KW il terzo responsabile deve possedere
la certificazione di qualit a norma ISO 9001). E unico per quel che riguarda
lesercizio, la manutenzione ordinaria e quella straordinaria di un impianto: non
possibile, infatti, attribuire queste tre differenti funzioni a soggetti diversi.
Dal punto di vista normativo, occorre considerare come Regione Lombardia abbia legiferato in merito agli aspetti manutentivi degli impianti termici, in quanto
considerati anchessi come rientranti nel campo delle materie oggetto della clausola
di cedevolezza: ciascun Ente locale ha poi recepito le direttive regionali attraverso
listituzione di appositi Uffici e Procedure per lespletamento delle apposite pratiche.
Il Comune di Milano, recependo il D.D.U.O. 6104 del 18/06/09 della Regione Lombardia, impone inoltre che per impianti di potenza nominale al focolare
inferiore a 35 kW i manutentori sono tenuti a trasmettere, con cadenza biennale,
lapposita dichiarazione conforme al rapporto di controllo e avvenuta manutenzione redatto secondo il modello di cui allallegato G del D.D.U.O. 6104 del
18/06/09 della Regione Lombardia.
Per impianti di potenza nominale al focolare, invece, superiore o uguale a 35
kW il terzo responsabile o, ove questo manchi, lamministratore di condominio
tenuto alla trasmissione dellapposita dichiarazione conforme al rapporto di controllo e avvenuta manutenzione redatto secondo il modello di cui allallegato F
del D.D.U.O. 6104 del 18/06/09 della Regione Lombardia, sempre con cadenza
biennale. In presenza di impianti asserviti a edifici in cui non presente la figura
dellamministratore di condominio o terzo responsabile, il manutentore tenuto
alla trasmissione della dichiarazione di avvenuta manutenzione per conto del responsabile o dei responsabili dellimpianto.
A partire dall1 gennaio 2008 obbligatorio linvio informatizzato sul CURIT
(Catasto Unico Regionale Impianti Termici) di tutte le comunicazioni inerenti
alle attivit sugli impianti termici (dichiarazioni di avvenuta manutenzione, nomina revoca del nominativo del terzo responsabile, ecc.) da parte dei soggetti responsabili della trasmissione direttamente o tramite i Centri Assistenza Impianti
Termici (CAIT) con i quali Regione Lombardia ha formalizzato una convenzione
il 12 dicembre 2007.
Le dichiarazioni di avvenuta manutenzione in formato cartaceo (distinta, allegato F/G, versamento) devono essere inviate, tramite posta, da parte dei soggetti
responsabili della trasmissione (successivamente al caricamento informatizzato
sul CURIT) anche presso il Comune di Milano - Settore Politiche Ambientali Ufficio Impianti Termici.
200

Tabella 58: Esempio di operazioni da effettuare da parte del responsabile dellimpianto


termico.
RESPONSABILITA DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE IMPIANTI
1

Osservare il periodo annuale di esercizio impianti


(Zona climatica E: 15 ottobre 15 aprile);

Rispettare le ore max. di funzionamento previste da legge


(Zona E: max 14 ore);

Mantenere la temperatura ambiente entro i limiti consentiti (Tmedia = 20C);

Far eseguire la manutenzione obbligatoria dellimpianto;

Custodire il LIBRETTO DI IMPIANTO/DI CENTRALE dove sono indicati i nomi


del responsabile e del manutentore, le caratteristiche tecniche dellimpianto e gli
interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria

Rendere disponibile la volumetria riscaldata ed i consumi del combustibile


(solo per il riscaldamento)

Il decreto n.6104, richiamato precedentemente come riferimento adottato dal


Comune di Milano nei propri regolamenti, stato sostituito dal Decreto n.6260
del 13/07/2012: loperazione viene resa necessaria per adeguarsi al D.G.R. IX
2601/2011, ma non modifica sostanzialmente il contenuto del precedente documento. Allinterno del Decreto n.6260 vengono riportate le disposizioni tecnicooperative per lesercizio, la manutenzione, il controllo e ispezione degli impianti
termici e per la gestione del relativo catasto, fornendo precise indicazioni su:
schede identificative degli impianti;
redazione di rapporti di controllo tecnico;
comunicazioni di carattere amministrativo riguardanti le responsabilit
dellimpianto;
modalit di registrazione impianto al catasto energetico;
modalit di registrazione delle imprese manutentrici.
Le indicazioni contenute nei paragrafi seguenti hanno carattere puramente informativo e devono, quindi, essere obbligatoriamente integrate con le disposizioni tecniche, ma soprattutto amministrative contenute nel suddetto Decreto.
6.3.2 - Definizione del Progetto
La possibilit e facilit di manutenzione di unapparecchiatura o di un impianto
deve essere prevista fin dal momento della progettazione di unORE.
Lattivit intellettuale che comunemente viene definita progettazione deve
includere considerazioni e decisioni basilari riguardanti la possibilit di intervenire su macchine e impianti con facilit e in sicurezza, ma non solo: in fase di
progettazione dellORE occorrer scegliere, tra le opzioni tecnicamente valide, le
201

soluzioni impiantistiche e i componenti pi affidabili, quelli che intrinsecamente


hanno bisogno di minore manutenzione, con attenzione rivolta allidentificazione
dei componenti, alla visibilit, allaccessibilit, allergonomia, alla documentazione completa. Tale attenzione che deve essere inquadrata nel cosiddetto ciclo
di vita utile del sistema.
Qui di seguito sono riportate le descrizioni sintetiche delle principali procedure
di manutenzione che coinvolgono gli impianti comunemente presenti allinterno
di edifici a destinazione residenziale.
Si riportano a livello indicativo e non esaustivo le prescrizioni di massima e le
procedure da effettuarsi; caso per caso queste dovranno essere adattate alle realt
impiantistiche.
Manutenzione generale
La manutenzione deve essere effettuata come prescritto dal costruttore/installatore seguendo le istruzioni contenute nel libretto/manuale di manutenzione, che
accompagna il singolo componente e limpianto, che deve essere conservato da
parte del proprietario e consegnato al manutentore/gestore.
Le istruzioni contenute nel libretto di centrale devono essere almeno quelle
previste nel paragrafo Manutenzione ordinaria e ad esse conformi.
Nel caso in cui i libretti/manuali di manutenzione non esistano o siano stati
smarriti si prescrive di seguire queste regole minime di manutenzione, adattate
caso per caso, come sopra detto.

Generatore di calore
Manutenzione ordinaria

La manutenzione ordinaria dei generatori di calore comporta essenzialmente la


pulizia dei passaggi del fumo.
Nei generatori alimentati da bruciatori azionati da motori elettrici e/o dotati
di accensione elettrica le operazioni di pulizia devono essere eseguite dopo
aver aperto linterruttore generale e aver protetto e, se necessario, smontato il
bruciatore.
Aperti il o i portelli, si procede alla pulizia del focolare e dei passaggi del fumo
con mezzi meccanici o chimici fino ad eliminare perfettamente incrostazioni e
fuliggini eventualmente presenti.
Si richiudono il o i portelli e se questi sono del tipo con camera di combustione
pressurizzata occorre assicurarsi della tenuta delle guarnizioni provvedendo, se
del caso, alla loro sostituzione.
Nelle caldaie a gas dotate di batteria alettata, occorre pulire accuratamente tra
le alette cos da non ostacolare il passaggio dei prodotti della combustione.
202

Le operazioni di cui sopra devono essere eseguite durante il periodo di esercizio, qualora si rendessero necessarie in seguito a un controllo da effettuarsi con
una periodicit di massima quindicinale per i generatori a combustibile liquido
e semestrale per quelli a combustibile gassoso ed in ogni altro caso allorch la
temperatura dei fumi, alluscita del generatore, aumentata di:
80 C per potenza del focolare fino a 100 kW
60 C per potenza del focolare oltre 100 fino a 250 kW
40 C per potenza del focolare oltre 250 kW
rispetto alla temperatura dei fumi allatto del collaudo, o a quella indicata dal
costruttore, o a quella rilevata con generatore di calore pulito o nuovo.
La pulizia a fondo deve essere comunque eseguita allorch si prevede un periodo di inattivit di durata maggiore di un mese e in questo caso occorre controllare
i risultati a distanza di circa 10 giorni in quanto sovente si rende necessaria una
seconda pulizia.
Controllo della combustione

Allinizio ed almeno una seconda volta durante lesercizio stagionale, occorre


eseguire un controllo della combustione atto ad accertare che il rendimento del
generatore non sia inferiore a quello prescritto dalle disposizioni in vigore.
Fanghi e incrostazioni

Qualora in un generatore ad acqua calda o surriscaldata, o a vapore siano presenti fanghi od incrostazioni, (ci che si deduce di regola da un aumento della
temperatura dei fumi rispetto a quella a passaggi del fumo perfettamente puliti),
occorre provvedere alla loro eliminazione mediante un lavaggio chimico eseguito
da personale specializzato.
Per leliminazione dei soli fanghi si procede mediante lo spurgo dalle apposite
aperture, qualora il generatore ne sia provvisto.
Focolari a combustibili solidi

Nei focolari a combustibili solidi con caricamento manuale occorre mantenere la


griglia sgombra da scorie, ci che impone la pulizia del campo di griglia almeno
due volte al giorno ed in ogni caso al momento in cui si attenua la combustione per
il periodo notturno; occorre altres allontanare le ceneri e le scorie dal ceneraio.
Almeno una volta allanno occorre un controllo generale dei barrotti e delle
traverse provvedendo alla sostituzione degli elementi fusi o deformati. Si controller altres lo stato dellaltare provvedendo, se del caso, al suo ripristino.
Nei focolari meccanici necessario lubrificare i perni quando e come prescritto dal costruttore e controllare almeno ogni sei mesi di esercizio il funzionamento
meccanico dellapparecchio, liberato dal combustibile, assicurandosi che non si
verifichino attriti anormali per guasti, deformazioni o presenza di residui vari.
203

Regolazione automatica centrale termica

Con frequenza trimestrale necessario verificare il regolare funzionamento del


sistema di regolazione in cascata delle caldaie, controllando la tenuta delle valvole di regolazione, il fissaggio e la pulizia esterna delle sonde, i collegamenti
elettrici e lintegrit dei relativi conduttori.
Verificare i segnali delle sonde mediante strumento campione e controllare la
taratura del sistema.
Periodicamente, secondo necessit, lubrificare e ingrassare le parti in movimento, pulire esternamente le valvole ed effettuare leventuale riverniciatura.
Verificare lassenza di trafilamenti attraverso gli organi di tenuta; verificare la
presenza di trafilamento dallotturatore ed eventualmente eliminarlo.
Pulire internamente gli organi di regolazione e di contatti elettrici.
Quadro elettrico centrale termica

Controllo visivo delle apparecchiature di potenza ed ausiliarie, mediante apertura dei portelli di protezione, verificando lefficienza dei blocchi porta e chiusure porte.
Sostituzione lampade bruciate.
Soffiatura con aria compressa di tutte le apparecchiature elettriche di potenza
ed ausiliarie.
Controllo delle parti fisse e mobili degli interruttori, teleruttori e verifica del
funzionamento.
Verifica e serraggio bulloneria e morsetteria del quadro e delle apparecchiature
di utilizzazione.
Verifica della chiusura dei morsetti e rilievo di eventuali segni di riscaldamento.
Verifica del funzionamento degli interruttori e/o differenziali alle tarature termiche indicate.
Controllo degli assorbimenti elettrici.
Verifica della tensione con alimentazione inserita.
Controllo delle connessioni di terra al quadro elettrico.
Linea alimentazione gas metano

Le componenti installate in genere sulle linee di alimentazione dei combustibili


devono essere regolarmente controllate allo scopo di garantire un buon funzionamento del bruciatore; occorre pertanto verificare:
Lassenza di perdite di gas nellintero tratto di tubazione
La tenuta della valvola di intercettazione a comando manuale
La tenuta del giunto antivibrante interposto sulla tubazione
La pulizia del filtro
Il corretto funzionamento del regolatore-stabilizzatore di pressione, attraverso
i manometri indicatori
204

La tenuta della valvola di intercettazione del combustibile ed il funzionamento


dellelemento sensibile di temperatura per il comando della valvola
Per la manutenzione degli organi interni del regolatore e della valvola di intercettazione, avvalersi delle specifiche indicazioni fornite dal costruttore.
Apparecchiatura controllo combustione

Il sistema gestisce il monitoraggio delle caldaie, visualizzando tutti i parametri


utili per il controllo della combustione e per la gestione dellimpianto, allo scopo
di mantenere un ottimo rendimento.
In linea generale necessario verificare periodicamente la taratura della componentistica utilizzata (sensori, trasmettitori, ecc.) confrontando che i parametri visualizzati dal sistema siano rispondenti a quelli rilevati attraverso alcuni strumenti
campione. Nel caso di sensibili scostamenti opportuno chiedere lintervento del
fornitore del sistema allo scopo di effettuare una ritaratura dei componenti.
Occorre verificare che:
la scansione della visualizzazione avvenga secondo il ciclo temporizzato programmato
la stampante funzioni regolarmente e secondo la cadenza programmata
le funzioni di videata e di stampa con comando manuale funzionino regolarmente
la risposta della soglia di allarme di minima e di massima dei diversi parametri
sia conforme ai dati impostati, verificando quanto evidenziato sul display e
stampato automaticamente
le unit di analisi (CO, NOx, SO2), dove previste, funzionino regolarmente,
controllando la pulizia del sensore, levacuazione della condensa ed il corretto
funzionamento della pompa a membrana di aspirazione e di quella di smaltimento condensa.

Serbatoio per Combustibile Liquido


Pulizia interna

La pulizia interna dei serbatoi e lasportazione dei fondami deve essere effettuata: - ogni 3 anni per serbatoi contenenti oli combustibili; ogni 6 anni per serbatoi
contenenti oli da gas (gasoli).
Per serbatoi contenenti gasolio loperazione consiste nellaspirazione, effettuata mediante una pompa munita di tubazione flessibile che peschi sul fondo e
previa apertura del passo duomo, delle impurit che si sono raccolte sul fondo.
La pulizia da ritenersi conclusa quando, rabbocchi successivi, dalla pompa
viene scaricato gasolio puro.
Per serbatoi contenenti olio combustibile loperazione pu procedere come so205

pra indicato, se i fondami hanno sufficiente fluidit. Se questi si presentano molto


consistenti, devono essere rimossi manualmente da un operatore, oppure si deve
ricorrere a particolari sostanze solventi detergenti.
Gli operatori devono entrare allinterno del serbatoio devono adottare idonee
misure di sicurezza atte a salvaguardare la propria incolumit: ventilazione preventiva del serbatoio; immissione continua dallesterno di aria di rinnovo; munirsi di respiratore collegato con lesterno; legarsi con cintura di sicurezza collegata
ad una corda portata allesterno e saldamente tenuta da altro operatore.
Ispezione del serbatoio

Asportati i fondami, si procede ad un accurato esame dello stato delle pareti interne e, se necessario, se ne deve ripristinare lefficienza. Per i serbatoi interrati
contenenti oli da gas (gasoli), deve essere effettuata anche la prova di tenuta stagna, per verificare che non si verifichino perdite di combustibile.
Controllo ed eliminazione dellacqua

Almeno una volta allanno e dopo ogni singolo rifornimento e/o quando si presenti la necessit si deve procedere al controllo delleventuale presenza di acqua
di sedimentazione.
Leventuale acqua di sedimentazione deve essere asportata attraverso lapposita valvola di spurgo e, in sua mancanza, mediante aspirazione con tubazione
zavorrata.
Superficie esterna dei serbatoi fuori terra

Annualmente si deve provvedere allispezione delle pareti esterne dei serbatoi


metallici ubicati fuori terra e, se necessario, ripristinare il manto protettivo di
vernice.
In caso di alterazione del manto protettivo della vernice si deve:
lavare con solvente la superficie del serbatoio;
raschiare con spazzole di ferro e tele abrasive ogni traccia di ruggine;
stendere due mani a senso incrociato di vernice antiruggine (per garantire
ununiforme copertura consigliabile usare vernici antiruggine di differente
colore) prima della tinta di finitura.
Controllo degli accessori del serbatoio

Almeno annualmente provvedere alle seguenti operazioni:


controllo e, se del caso, sostituzione della guarnizione di tenuta del passo duomo;
controllo e pulizia del filtro di fondo;
controllo delleventuale valvola di fondo:
controllo della reticella rompi fiamma del tubo di sfiato;
controllo del limitatore di riempimento della tubazione di carico;
controllo dello stato e della tenuta delleventuale serpentino di preriscaldamen206

to (solo per oli combustibili);


controllo della tenuta delle tubazioni di alimentazione del bruciatore e di ritorno;
controllo dellefficienza della valvola automatica di intercettazione e della valvola a chiusura rapida;
controllo dellefficienza delleventuale indicatore di livello;
controllo dellermeticit allacqua del pozzetto del passo duomo e del suo
drenaggio;
controllo della tenuta dei vari attacchi sul coperchio del passo duomo;
controllo dellefficienza della messa a terra.
Certificazione

Leffettuazione delle suddette operazioni di manutenzione deve essere attestata in


un certificato rilasciato dalloperatore che vi ha provveduto.
Tale attestato deve essere conservato dallutente per un periodo non minore di
5 anni, allegato al libretto di centrale assieme alle altre certificazioni.

Scambiatori di calore

La manutenzione degli scambiatori di calore viene effettuata per evitare uneccessiva riduzione dello scambio termico dovuto a incrostazioni calcaree ed agli
accumuli di fanghi.
La frequenza delle operazioni di pulizia dipende dalla qualit e quantit di
acqua circolante.
Si procede alla messa fuori servizio dello scambiatore escludendo i circuiti primari e secondari attraverso le valvole di intercettazione, allo scopo di intervenire
sui fasci tubieri ed effettuare una disincrostazione meccanica, eliminando altres
eventuali fanghiglie presenti.
Quando non possibile lo smontaggio o la disincrostazione meccanica per
mancanza di spazio, occorre procedere alla pulizia mediante lavaggio chimico,
facendo circolare con unapposita elettropompa una soluzione allinterno dello
scambiatore.
Il lavaggio si effettua allacciando agli attacchi predisposti sulla mandata e sul
ritorno del fascio tubiero le tubazioni provenienti dal gruppo di addolcimento;
Nel serbatoio di detto gruppo viene immessa la soluzione decalcificante, opportunamente diluita secondo le istruzioni del fornitore.
Si procede in questo modo sostituendo la soluzione fino a che questa non raggiunga il colore previsto, avendo la certezza di aver pulito a sufficienza il fascio
tubiero. La soluzione di lavaggio risultante prima di essere scaricata in fogna
dovr essere caratterizzata mediante analisi al fine di verificarne la compatibilit
o con i limiti contenuti nellautorizzazione allo scarico rilasciata al proprietario
dello scarico stesso o in mancanza di questa, in conformit ai limiti della tabella
207

3 Allegato 5 parte terza del 152/06 per lo scarico in fogna.


Nel caso di parametri non compatibili con la tabella di riferimento, la soluzione di lavaggio dovr o subire trattamento se possibile o essere gestita come rifiuto
speciale.
opportuno un lavaggio con acqua corrente per una decina di minuti, prima
del reinserimento dello scambiatore nel circuito, allo scopo di pulire le superfici
interessate dal lavaggio chimico.
Gli scambiatori a piastre di costruzione a pacco richiedono la seguente manutenzione periodica:
Lubrificazione dei tiranti filettati che racchiudono il pacco in modo che in caso
di necessit i bulloni possono essere facilmente svitati.
Controllo del serraggio dei tiranti con apposita chiave dinamometrica tarata
secondo le istruzioni del costruttore a seguito variazioni di pressione e di
temperatura a cui il pacco sottoposto.
Lubrificazione delle barre guida superiori ed inferiori in modo da consentire un
facile sfilaggio delle piastre in caso di necessit.
Pulizia dello scambiatore con smontaggio dello stesso, apertura e successiva
richiusura:
scostare le piastre luna dallaltra contrassegnandole in caso di sfilaggio;
pulire entrambi i lati delle piastre con detergenti indicati dal costruttore e
spazzole morbide;
risciacquare con abbondante acqua corrente;
riassemblare lo scambiatore.

Condizionatori daria

Tutte le operazioni e le scadenze suggerite vanno integrate secondo il tipo di


macchina e basandosi sul manuale di manutenzione fornito dal costruttore/installatore della stessa.
Tutte le operazioni previste con macchina in moto dovranno essere fatte dopo
funzionamento di almeno 15 minuti a piena potenza.
Le temperature lungo il circuito frigorifero possono essere misurate in alcuni
casi direttamente, in altri per mezzo dei valori della pressione convertiti nelle
temperature di saturazione dei fluidi.
E necessario ricordarsi di disconnettere lalimentazione dellenergia elettrica
prima di intervenire alla manutenzione di una macchina. Labitudine a volte fa
dimenticare questa precauzione.
Split, Multisplit, VRV e a pompa di calore
Unit Interne
Pulizia filtri aria o sostituzione
208

Estrarre i filtri dal loro alloggiamento e sbatterli dalla polvere accumulata poi
soffiarli controcorrente con un aspirapolvere o se adatti lavarli con acqua e
detergente infine sciacquarli con acqua. Pu essere utile una serie di filtri puliti
di ricambio per ridurre i disagi agli utenti. I filtri rigenerati serviranno a questo
scopo successivamente.
Nota: non rimettere in funzione lapparecchiatura con filtri bagnati e non lasciare che gli apparecchi funzionino senza filtri.
Pulizia generale macchina
Con laspirapolvere asportare da tutti i vani accessibili eventuali residui di
polvere o lanugine presenti.
Controllo drenaggio acqua condensa
Verificare che il foro scarico acqua dalla bacinella sotto lo scambiatore alettato
e la linea di drenaggio scarichino liberamente versandovi un poco dacqua.
Pulizia bacinella raccolta condensa
Pulire la vasca raccogli condensa dei sedimenti con pennello a setole lunghe
e con aspirapolvere. Spruzzare prodotto pulente-sanificante in vasca raccogli
condensa, lasciare agire e sciacquare con acqua.
Gestione bacinella raccolta condensa
Inserire in vasca raccolta condensa tavoletta contenente agente batteriostatico a ampio spettro che previene la formazione di alghe, mucillagini e limo
mantenendo puliti gli scarichi, evitando la formazione di occlusioni ed odori
fastidiosi.
Controllo regolazioni e funzionamento controlli
Comparare lintervento del termostato con lindicazione di un termometro ambiente. Agire su tutti i comandi sullunit e/o sul telecomando e controllare le
azioni conseguenti.
Funzionamento programmatore
Impostare la funzione a tempi ravvicinati (minuti) e verificarne lintervento.
Reimpostare il programma originale.
Pulizia scambiatore alettato
Controllo visivo dello stato. Pulirlo da polvere e lanugine cos da facilitarne
lo scambio di calore con pennello a setole lunghe e aspirapolvere. Spruzzare
sul pacco alettato un prodotto pulente/sanificante, attendere lazione di scioglimento del particolato e risciacquare con acqua.
Controllo differenza temperatura ingressouscita aria
Con lunit in funzionamento da 15 minuti a piena potenza verificare che la
differenza fra laria allingresso e alla mandata del condizionatore sia superiore a 12C. Differenze inferiori denunciano un cattivo funzionamento e necessit di intervento del servizio assistenza del costruttore.
Cuscinetti motoventilatore
209

Verificare le vibrazioni del motoventilatore e i suoi fissaggi meccanici. Lubrificare se richiesto i cuscinetti con olio fluido.
Unit esterne

Controllo visivo e pulizia generale


Controllare esternamente, aprire il pannello superiore e guardare lo stato e la
pulizia interne (basamento di fondo, ventilatore, griglie, viterie ecc.) e provvedere di conseguenza. Ritoccare con fondo e vernice per esterni le zone che
presentano corrosioni.
Stato e pulizia scambiatore alettato
Pulire a mezzo un pennello a setole lunghe fra le alette e getto daria o aspirapolvere. In presenza di formazioni resistenti spruzzare con un detergente
emolliente e sciacquare. Raddrizzare le alette acciaccate con appositi pettini
forniti dal costruttore o da negozi di accessori di aeraulica.
Serraggio morsetti, connessioni, collegamenti elettrici
Ispezionare linterno del quadro elettrico, soffiare con aria la polvere ,verificare
le connessioni elettriche interne ed esterne, serrare i morsetti specie di potenza
e i cablaggi elettronici.
Verifica manotermometrica evaporazione, condensazione ecc.
Se possibile a mezzo degli attacchi a spillo connettere i manometri, con scale
termometriche del fluido in uso, alla mandata (alta pressione) e allevaporatore
(bassa pressione) e con lausilio del termometro a contatto verificare che siano:
T condensazione - T aria esterna <15C
T condensazione - T liquido usc.condens. (sottoraffreddamento) > 5C
T aria interna - T evaporazione. < 20C
T mandata - T condensazione.( surriscaldamento mandata) < 40C
T aria esterna - T evaporazione.(pompa di calore) < 7C
T condensazione -T aria interna (pompa di calore) < 15C
Verifica tenuta circuito frigorifero
Mediante cercafughe elettronico seguire le tubazioni del circuito frigorifero insistendo maggiormente sulle giunzioni e i componenti in particolare quelli vicini
al compressore maggiormente soggetti a vibrazioni. Non sono ammesse perdite.
Controllo con apparecchio elettronico specifico software macchina
Se disponibile dal costruttore eseguire ciclo di controllo di tutte le funzioni e
sequenze del software secondo le istruzioni specifiche.

Circuiti idraulici
Tubazioni per reti esterne di acqua e gas

Il controllo della tenuta delle tubazioni deve essere eseguito sullintero tratto di
tubazioni a vista; in modo particolare si dovranno esaminare i tratti in corrispon210

denza di raccordi speciali tra spezzoni di tubo, tra questi e organi di linea interposti nelle distribuzioni, tra i tratti terminali di allaccio alle diverse apparecchiature
che utilizzano i fluidi convogliati dalle tubazioni.
Nelle distribuzioni di tubi che contengono acqua o altri liquidi in generale,
occorre effettuare una verifica visiva allo scopo di constatare che:
La tenuta delle congiunzioni a flangia e filettate non presenti perdite e/o gocciolamenti.
Lo stato degli eventuali dilatatori e di giunti elastici sia idoneo al regolare
funzionamento di esercizio previsto nel progetto, effettuando, se necessario, la
sostituzione delle parti deteriorate.
I sostegni e gli eventuali punti fissi assicurino stabilit al sistema tubi e non
presentino cedimenti o deformazioni.
Non sussistono inflessioni nelle tubazioni, sia per eventuali dilatazioni termiche
non controllate o per distanza eccessiva fra i punti di appoggio e/o sostegno.
Gli isolamenti termici non siano deteriorati o presentino gocciolamenti dovuti
a fenomeni di condensazione (tubazioni percorse da fluidi freddi).
Oltre a quanto sopra specificato, negli impianti contenenti gas necessario verificare la tenuta delle congiunzioni utilizzando lampade cerca fughe o liquidi
particolari da versare sopra i giunti.
Se necessario dovranno essere ripristinate tutte le verniciature previste a protezione delle tubazioni, degli staffaggi e degli isolamenti termici.
Valvolame

La verifica di tutto il valvolame, sia di linea che sulle utenze, consiste nel manovrare periodicamente tutti gli organi di intercettazione e di regolazione, allo
scopo di evitare che questi si possano bloccare e non rispondere alla funzione
prevista.
Lapertura e la chiusura devono essere eseguite senza alcuna forzatura nelle
posizioni di aperto e chiuso, meglio manovrando lotturatore con rotazione finale
di una frazione di giro in senso contrario.
Alcuni rubinetti a maschio abbisognano di lubrificazione e cos pure la filettatura esterna di alcune valvole e saracinesche. Loperazione deve essere eseguita
impiegando soltanto i lubrificanti prescritti dal costruttore, nella misura e con le
modalit da esso indicate.
E importante controllare durante la manutenzione lassenza di perdite di fluido in corrispondenza delle flange e dello stelo degli otturatori.
Se dopo chiusura e apertura compare un trasudamento sulla parte inferiore del
dado o del premistoppa, si deve regolare il serraggio con una chiave opportuna.
Quando, dopo ripetute regolazioni, il premistoppa raggiunge il fine corsa
occorre sostituire la baderna in esso contenuta. A tale scopo si deve intercettare la
211

valvola e allentare gradatamente il premistoppa fino a scaricare tutta la pressione, a


questo punto possibile estrarre la baderna, che costituisce la guarnizione dello stelo,
e sostituirla. Si procede poi al rimontaggio del premistoppa ed alla sua registrazione.
Nel caso in cui si verifichi il passaggio del fluido a otturatore chiuso, occorre
azionare nei due sensi lotturatore per eliminare eventuali corpi estranei. Nel caso
in cui la trafilatura continui, occorre smontare lorgano interessato provvedendo
alla sua pulizia o, se occorre, alla sua sostituzione.
Valvole di sicurezza

Verificare che la pressione di lavoro dellimpianto sia almeno del 5% inferiore


alla pressione di richiusura della valvola di sicurezza, per assicurare un minimo
margine per il corretto riposizionamento della sede e la relativa tenuta.
Qualora si verificasse una lieve perdita per depositi tra sede e otturatore, pulire
le superfici azionando la leva di sollevamento e provocare lo scarico della valvola.
Se linconveniente non viene eliminato significa che probabilmente lotturatore e la sede sono danneggiati; le riparazioni devono essere eseguite presso il
fornitore della valvola.
buona norma azionare di tanto in tanto la valvola di sicurezza a mezzo della
leva di azionamento manuale, allo scopo di evitare laccumulo di depositi che
potrebbero pregiudicare un corretto funzionamento.
La frequenza con cui necessario intervenire nei controlli dipende in gran
parte dalle condizioni operative e dal tipo di applicazione; maggior frequenza ed
attenzione richiesta per valvole che intervengono spesso, essendo sottoposte ad
una maggiore usura negli organi di otturazione.
Riduttori di pressione per acqua, vapore, aria compressa

necessario verificare attraverso i manometri a monte ed a valle, il regolare funzionamento del gruppo secondo i parametri di progetto.
Verificare le valvole di intercettazione a monte ed a valle del riduttore, il separatore di linea della condensa ed il relativo scaricatore a galleggiante, il regolare
funzionamento della valvola di sicurezza e della valvola di intercettazione della
presa di impulso, il grado di intasamento del filtro.
Si raccomanda di smontare la valvola una volta ogni 12 18 mesi per una revisione completa, sostituendo o rimettendo a nuovo le parti principali:
Sede ed otturatore principale
Gruppo camera e valvola pilota
Filtro valvola principale
Membrane principali
Membrane valvola pilota
Sulla base delle indicazioni fornite dal Fornitore, necessario verificare la molla
di controllo e la molla della valvola principale. Per la pulizia del filtro occorre
212

intercettare la valvola di riduzione ed azzerare la pressione. La stessa operazione


deve essere effettuata per sostituire le membrane della valvola pilota, intercettando anche lalimentazione dellaria di azionamento, azzerando anche in questo
caso la pressione:
sostituire o pulire le membrane principali;
controllare e/o sostituire lotturatore principale e della sede;
controllare e/o sostituire la valvola a solenoide, togliendo lalimentazione della
corrente elettrica; eventuale sostituzione della bobina.
Elettropompe

Prima di accedere allelettropompa per la manutenzione si deve sezionarla


dallimpianto elettrico, agendo sul sezionatore di linea o fusibili o teleruttori di
quadro, e dallimpianto idraulico, agendo sulle valvole di intercettazione.
Essenzialmente la manutenzione rivolta al controllo degli organi di tenuta ed
alla verifica dellassenza di vibrazioni.
Le pompe con tenuta meccanica, non devono avere perdite dacqua; in caso
contrario occorre provvedere alla sostituzione dellanello di tenuta. Piccole perdite in fase di avviamento sono comunque da considerarsi normalmente accettabili.
Le pompe con tenuta a baderna devono avere una leggera fuoriuscita di fluido
costante in modo da effettuare unazione lubrificante e raffreddante; la regolazione della tensione dei premistoppa non deve essere eccessiva in quanto si potrebbe
verificare un surriscaldamento dellalbero di trasmissione con conseguente rigatura della sede di scorrimento in corrispondenza della tenuta.
Quando, dopo ripetute regolazioni, il premistoppa raggiunge il fine corsa occorre sostituire la baderna in esso contenuta. A tale scopo si deve allentare gradatamente il premistoppa fino a scaricare tutta la pressione e successivamente
estrarre lorgano di tenuta dellalbero, provvedendo alla sua sostituzione ed alla
nuova registrazione.
Periodicamente occorre controllare che:
il corpo pompa e le flange di accoppiamento non presentino alcuna perdita;
la girante della pompa ruoti liberamente; la pompa non funzioni a secco; laria
sia spurgata; il senso di rotazione sia corretto;
il funzionamento della pompa sia silenzioso e senza vibrazioni; in caso di anomalie
occorre sostituire i cuscinetti a sfere al fine di rientrare nei limiti di tollerabilit;
i manometri sullaspirazione e sul premente riportino le pressioni previste in
base alla prevalenza di progetto;
lassorbimento del motore elettrico sia conforme al valore di progetto.
Pompe a rotore bagnato

Queste pompe ermetiche e raffreddate ad acqua non necessitano di particolari


manutenzioni funzionali.
213

Controllo quadri e apparecchiature elettriche

Verificare ogni tre mesi lo stato dei quadri elettrici, pulizia, serraggio morsetti,
contatti teleruttori e rel. Cos pure allinizio di stagione verificare che i collegamenti siano regolarmente posizionati e ben fermi.
Revisione generale interna

Ogni anno di effettivo funzionamento occorre provvedere alla completa revisione


delle parti interne. Si smonter la pompa, controllando lo stato della girante e
provvedendo alla pulizia e lubrificazione dei cuscinetti, che devono essere sostituiti se si notano segni di rumorosit e vibrazioni. Nelleseguire il lavoro seguire
le istruzioni del costruttore.
Le seguenti operazioni vanno fatte per le pompe aperte:
Allineamento giunto accoppiamento
Verificare e mettere a punto, se del caso, lallineamento del giunto di accoppiamento utilizzando righello e comparatore secondo i dati del costruttore. Spinotti, bussole e quantaltro siano in condizioni di usura dubbia si sostituiscano.
Controllo tenuta sullalbero di comando
Le tenute e i premistoppa devono essere sostituite quando si notano perdite
consistenti. Piccole perdite sono da considerarsi normali. Il premistoppa non
deve essere serrato eccessivamente.
Lubrificazione cuscinetti
Se i cuscinetti sono del tipo da lubrificare o a valvola grasso, eseguire loperazione ogni tre mesi o secondo istruzioni del costruttore .
Controllo gioco assiale
Controllare (a giunto sciolto) il gioco assiale del rotore spostandolo nei due
sensi. Esso deve essere minimo in modo da impedire assolutamente che la
girante possa venire in contatto con il corpo pompa.
Controllo prevalenza
Dopo ogni revisione e nel caso di anomalie nella circolazione, verificare la
pressione allaspirazione e alla mandata della pompa, mediante i rispettivi manometri, la portata e la loro conformit ai dati specificati nel progetto.
Gruppo riempimento automatico impianto

Verificare periodicamente attraverso i manometri che il gruppo lavori con i parametri di progetto; in genere la taratura avviene ad una pressione non inferiore a
quella che si ottiene sommando alla pressione idrostatica 0,3 bar. Il meccanismo
interno regola automaticamente la pressione chiudendo lalimentazione al raggiungimento del valore impostato.
consigliabile chiudere il rubinetto di intercettazione ad avvenuto riempimento, riaprendolo quando si render necessario un reintegro di acqua.
Verificare lo stato della membrana e la sede di tenuta.
214

Verificare e pulire periodicamente il filtro allingresso del gruppo di riempimento, estraendo la relativa cartuccia in modo di effettuare anche la pulizia
interna, eliminando eventuali depositi di calcare che ne potrebbero provocare
malfunzionamenti.
Controllare la funzionalit della valvola di ritegno incorporata nel gruppo.
Dopo lo smontaggio buona norma ritarare lapparecchio.
Vasi di espansione chiusi

buona norma controllare mensilmente se ci sono perdite nellimpianto, effettuando una verifica visiva e annotando i valori dei manometri di riferimento.
Con la stessa frequenza necessario verificare il regolare funzionamento della
valvola di sicurezza a protezione del sistema vaso impianto (vedere descrizione
valvolame) ed il sistema di riempimento automatico impianto (vedere descrizione
gruppo riempimento automatico impianto).

Periodicamente, almeno ogni sei mesi, necessario verificare il diaframma di


separazione aria fluido, allo scopo di controllarne la regolare tenuta.
anche opportuno controllare a caldo la pressione di funzionamento dellimpianto ed a freddo la pressione di precarica del vaso di espansione, verificando i
dati dei manometri di riferimento, accertandosi che gli stessi funzionino regolarmente. Ove necessario ripristinare le verniciature.
Vasi di espansione aperti

buona norma controllare mensilmente se ci sono perdite nellimpianto, effettuando una verifica visiva e annotando i valori dei manometri di riferimento.
Con la stessa frequenza necessario verificare il regolare funzionamento del
sistema di riempimento automatico impianto valvola a galleggiante e della
capacit di scarico del troppo pieno.
Periodicamente opportuno controllare a caldo la pressione di funzionamento
dellimpianto ed a freddo la pressione idrostatica dello stesso, verificando i dati
dei manometri di riferimento, accertandosi che gli stessi funzionino regolarmente. Ove necessario ripristinare le verniciature.
Autoclavi e preautoclavi
Bollitori e Autoclavi

Periodicamente occorre effettuare le seguenti operazioni:


Controllo ed eventuale sostituzione delle guarnizioni di tenuta
Controllo delle valvole di sicurezza, con azionamento manuale; la pressione
di taratura della valvola non deve superare la pressione massima di esercizio
del bollitore
Controllo delle condizioni del fascio tubiero, con smontaggio dello stesso, lavaggio con prodotti suggeriti dal Costruttore e successivo rimontaggio
215

Controllo allinterno dei serbatoi di eventuali corrosioni e ripristini adeguati


delle superfici
Pulizia dei serbatoi con asportazione di eventuali incrostazioni
Controllo resistenza elettrica, con pulizia o eventuale sostituzione
Verifica, attraverso le apposite apparecchiature, della protezione catodica contro
la corrosione, con leventuale sostituzione degli elementi di protezione installati
Verifica della messa a terra contro le correnti vaganti e/o di guasto
Gruppi di pressurizzazione per impianti idrosanitari

Essenzialmente devono essere effettuati i seguenti controlli:


Controllo della corretta pressione dellimpianto
Verifica del livello dellacqua e dellaria nel serbatoio
Controllo di eventuali perdite di acqua e/o aria dalle tubazioni e dalle apparecchiature
Prima di effettuare le operazioni di manutenzione, occorre escludere tutte le apparecchiature dallimpianto elettrico, agendo sui sezionatori di linea, fusibili,
teleruttori da quadro, e dallimpianto idraulico, agendo sulle valvole di intercettazione fluidi.
Essenzialmente la manutenzione rivolta al controllo degli organi di tenuta,
alla verifica dellassenza di vibrazioni ed al corretto funzionamento dei dispositivi di controllo e sicurezza.
Periodicamente occorre controllare:
Elettropompe

Le pompe con tenuta meccanica, non devono avere perdite dacqua; in caso contrario occorre provvedere alla sostituzione dellanello di tenuta. Piccole perdite
in fase di avviamento sono comunque da considerarsi normalmente accettabili.
Le pompe con tenuta a baderna devono avere una leggera fuoriuscita di fluido
costante in modo da effettuare unazione lubrificante e raffreddante; la regolazione della tensione dei premistoppa non deve essere eccessiva in quanto si potrebbe
verificare un surriscaldamento dellalbero di trasmissione con conseguente rigatura della sede di scorrimento in corrispondenza della tenuta.
Quando, dopo ripetute regolazioni, il premistoppa raggiunge il fine corsa occorre sostituire la baderna in esso contenuta. A tale scopo si deve allentare gradatamente il premistoppa fino a scaricare tutta la pressione e successivamente
estrarre lorgano di tenuta dellalbero, provvedendo alla sua sostituzione ed alla
nuova registrazione.
Occorre verificare che:
il corpo pompa e le flange di accoppiamento non presentino alcuna perdita
la girante della pompa ruoti liberamente; la pompa non funzioni a secco; laria
sia spurgata; il senso di rotazione sia corretto.
216

il funzionamento della pompa sia silenzioso e senza vibrazioni; in caso di anomalie occorre sostituire i cuscinetti a sfere al fine di rientrare nei limiti di tollerabilit.
i manometri sullaspirazione e sul premente riportino le pressioni previste in
base alla prevalenza di progetto
lassorbimento del motore elettrico sia conforme al valore di progetto
Elettrocompressori aria:

verifica livello olio motore


verifica intervento organi di sicurezza e regolazione (pressostati, valvola di
sicurezza ecc.)
pulizia filtro aria
verifica eventuali perdite
Verifiche apparecchiature elettriche con:

controllo dello stato dei contattori


controllo dellintegrit dei conduttori e del loro isolamento
controllo serraggio morsetti
controllo del funzionamento e della corretta taratura di tutti gli apparecchi di
protezione, con la variazione del valore di taratura
controllo funzionamento apparecchi indicatori e lampade spia
controllo messa a terra di tutte le masse metalliche e di tutti gli apparecchi
elettrici.

6.4 - Procedura di verifica dei risultati conseguiti


6.4.1 - Introduzione al Protocollo IPMVP (International
Performance Measurement and Verification Protocol)
Una volta applicata una o pi Opportunit di Risparmio Energetico si pone il problema di verificare quantitativamente gli effetti degli interventi di miglioramento
dellefficienza delledificio considerato. La fase di Misura e Verifica dei risultati
conseguiti si configura forse come la pi importante dellintero processo descritto
nel presente documento, in quanto rappresenta la validazione delle ipotesi, dei
calcoli, delle fasi operative descritte nei precedenti paragrafi.
Nel caso in cui una societ di servizi energetici (ESCo) stipuli un Contratto
Servizio Energia a garanzia di risultato, sufficiente lutilizzo di semplici strumenti di monitoraggio degli interventi nel tempo come la firma energetica, che
consentono alla societ di verificare che il sistema edificio-impianto rispetti i
risultati attesi e garantiti al cliente. In casi di questo genere il consumatore finale
garantito contrattualmente, per cui il monitoraggio utile principalmente alla
217

societ che funge da garante dei risultati tecnici ed economici; quindi, in caso di
mancato rispetto dei risultati attesi, la ESCo si fa carico di tale mancanza.
Se il consumatore finale, dopo lesecuzione di un intervento, desidera stipulare
un semplice contratto di manutenzione, lutilizzo di metodi standardizzati come
il Protocollo IPMVP pu effettivamente garantire maggiormente il consumatore
finale sulla buona riuscita dellintervento stesso.
In Italia ad oggi, 2013, non esiste un Protocollo riconosciuto di calcolo del risparmio ottenibile da interventi di efficienza energetica e neppure una consolidata
metodologia di verifica delle prestazioni delle varie apparecchiature che vengono
installate nelle strutture edilizie ed industriali: si comprende come tale mancanza
penalizzi pesantemente le possibilit di investimento, poich i committenti non
hanno garanzie prestazionali sui loro investimenti energetici n unindicazione
attendibile dei risparmi ottenibili. I finanziamenti per lefficienza energetica sono
strettamente legati alla redditivit e questa a sua volta dipende dal risparmio economico ottenibile.
LOrganizzazione EVO (Efficiency Valuation Organization) gestisce il Protocollo Internazionale di Misure & Verifiche IPMVP con lo scopo di favorire ed
aumentare gli investimenti in progetti nel campo dellefficienza energetica, della
gestione della domanda, delle fonti rinnovabile e degli usi efficienti dellacqua in
tutto il mondo.
AICARR, in collaborazione con i Responsabili internazionali di IPMVP, sta
provvedendo alla redazione di Linee Guida di Misura e Verifica che recepiscano
le direttive di tale Protocollo Internazionale, in modo da fornire a clienti, E.S.Co.,
finanziatori ed ogni altro soggetto coinvolto in investimenti legati al risparmio
energetico una terminologia e metodi di valutazione comuni, ma differenziati
per complessit e costo, per la valutazione dei progetti di miglioramento delle
prestazioni energetiche.
Lutilizzo di un protocollo validato pu facilitare la stipula di contratti tra
clienti ed E.S.Co. basati sulle prestazioni effettive. Quando i pagamenti finanziari
sono basati su risparmi dimostrati di energia, il protocollo IPMVP in grado di
assicurare che il calcolo stato eseguito secondo una prassi corretta. Un Rapporto
di Risparmio basato sulle procedure indicate nel Protocollo assicura il cliente,
lutilizzatore di energia, la compagnia elettrica o del gas ad accettare le prestazioni indicate nel rapporto e, di conseguenza, le compagnie di servizio energetico
(E.S.Co.) le cui fatture sono accompagnate da Rapporti di Risparmio basato su
IPMVP possono incontrare meno difficolt nellincassare.
Di seguito vengono descritti i caratteri salienti del Protocollo, in modo da far
comprendere lapproccio metodologico che IPMVP adotta in merito alla tematica
della Misura e Verifica: per una pi completa trattazione si faccia riferimento alle
Linee Guida AICARR, attualmente in corso di redazione.
218

6.4.2 - La Misurazione dei Risparmi Energetici


Misura e Verifica (M&V) il procedimento che consiste nellutilizzo di misurazioni per determinare con affidabilit i reali risparmi generati in una singola
struttura da un programma di gestione energetica (energy management).
I risparmi non possono essere direttamente misurati, poich rappresentano lassenza di utilizzo di una o pi risorse. I risparmi possono quindi essere determinati
comparando il consumo misurato prima e dopo limplementazione di unazione
di miglioramento dellefficienza energetica, attuando le opportune correzioni legate al cambiamento delle condizioni al contorno fra i due periodi.

Figura 50: Esempio di andamento del consumo energetico nel tempo.

In Figura 50 riportato un esempio di processo di determinazione dei risparmi:


la figura mostra landamento in funzione del tempo del consumo energetico di
una caldaia industriale prima e dopo lapplicazione della misura di miglioramento dellefficienza energetica che prevede il recupero del calore sullo scarico dei
fumi. Circa in corrispondenza dellinstallazione della misura di miglioramento
dellefficienza energetica la produzione dellimpianto stata incrementata.
Per documentare in modo adeguato limpatto della misura di miglioramento dellefficienza energetica va separato il suo effetto sui consumi energetici da
quello dovuto allincremento della produzione. Allo scopo di determinare la relazione presente fra il consumo energetico e la produzione stato studiato landa219

mento del consumo energetico di riferimento (baseline) antecedente allinstallazione della misura di miglioramento dellefficienza energetica. Successivamente
allinstallazione di tale misura, la relazione presente nel periodo di riferimento
stata utilizzata per stimare quanta energia limpianto avrebbe utilizzato ogni mese
se non fosse stata installata la misura di miglioramento dellefficienza (questa
nuova relazione viene chiamata andamento corretto del consumo nel periodo
di riferimento). Il risparmio, o il consumo energetico evitato, la differenza
tra landamento corretto del consumo nel periodo di riferimento e lenergia che
stata realmente misurata durante il periodo di prova.
Senza le correzioni per lincremento di produzione, la differenza fra il consumo del periodo di riferimento (baseline) e quello del periodo di prova sarebbe
stata molto inferiore, sottostimando quindi leffetto del recuperatore di calore.
E necessario distinguere gli effetti sul consumo energetico dovuti a misure
di miglioramento dellefficienza energetica dagli effetti dovuti ad altri cambiamenti contemporanei che influenzano il consumo di energia da parte di sistemi.
Il confronto tra il consumo o la domanda ante e post intervento deve essere fatto
secondo lequazione seguente:
Risparmi = (Consumo o domanda del periodo di riferimento Consumo o
domanda del periodo di prova) Correzioni
Il termine correzioni utilizzato in questa equazione generale per riportare il
consumo o la domanda dei periodi di prova e di riferimento alle stesse condizioni
al contorno. Il termine correzioni quello che permette di differenziare un corretto report di risparmi da un semplice confronto di costi o consumi prima e dopo
limplementazione della misura di miglioramento dellefficienza energetica. Il
semplice confronto di costi delle risorse consumate senza lapplicazione di correzioni evidenzia soltanto i cambiamenti di costo e non in grado di fornire informazioni relative alla reale efficacia di un progetto di riqualificazione energetica.
Per quantificare in modo adeguato i risparmi, le correzioni devono tenere conto
delle differenti condizioni al contorno presenti nel periodo di riferimento rispetto
a quelle presenti nel periodo di prova. Esistono due tipologie di correzioni:
Correzioni legate alla routine legate ad ogni fattore in grado di influenzare
i consumi, che ci si aspetta vari secondo la routine durante il periodo di prova,
come le condizioni climatiche o il volume della produzione. Per definire la
metodologia di correzione possono essere utilizzate varie tecniche, cos come
specificate nella Linea Guida AICARR M&V.
Correzioni non legate alla routine legate ad ogni fattore in grado di influenzare i consumi, che non ci si aspetta vari abitualmente, come la dimensione
delledificio, la struttura e le modalit di funzionamento delle apparecchiature,
220

il numero di turni di produzione settimanali o la tipologia di occupanti. Questi


fattori costanti devono essere monitorati durante tutto il periodo di prova in
modo da evidenziarne eventuali variazioni. Vedere la Linea Guida AICARR
M&V per un approfondimento sulle correzioni non legate alla routine.
6.4.3 - Panoramica sulle opzioni di M&V
IPMVP propone quattro opzioni per la determinazione dei risparmi (A, B, C e
D). La scelta tra queste opzioni dipende da numerose considerazioni, inclusa la
localizzazione dei confini della misura.
Se ci si vuole occupare soltanto della prestazione legata alla sola misura di miglioramento dellefficienza energetica, consigliabile la scelta di opzioni di valutazione dei risparmi energetici in interventi misurabili singolarmente (opzioni A,
B o D). Se invece si deciso di determinare i risparmi a livello di intero edificio
consigliabile la scelta delle opzioni C o D.
La Tabella 59 riassume i principi su cui si basano le quattro opzioni.
Tabella 59: Principi su cui si basano le quattro opzioni di M&V.
Opzione IPMVP
A. Interventi misurabili
singolarmente: misurazione di
parametri chiave
I risparmi vengono determinati
attraverso la misurazione in
campo di parametri chiave
della prestazione, in grado di
definire il consumo energetico
del/dei sistema/i influenzato/i
dallintervento di miglioramento
dellefficienza energetica e/o il
successo del progetto.
La frequenza di misurazione spazia
dal breve periodo al continuo, in
funzione delle variazioni attese dei
parametri misurati e della durata
del periodo di prova.
I parametri che non vengono
misurati in campo, vengono stimati.
Tali stime possono basarsi su
dati storici, specifiche tecniche
dei produttori o formulazioni
deterministiche.
E richiesta la documentazione
della fonte o la giustificazione dei
parametri stimati. Verosimilmente
lerrore nel calcolo dei risparmi
dipende dalle stime pi che dalla
valutazione delle misurazioni.

Metodologia di calcolo
dei risparmi

Applicazioni tipiche

Calcolo deterministico del


consumo energetico del
periodo di riferimento e del
periodo di prova sulla base
di:
misurazione di breve periodo
o in continuo di parametri
chiave nel funzionamento;
valori stimati.
Correzioni legate alla routine
e non legate alla routine
come richiesto

Intervento di miglioramento
dellefficienza energetica
nellilluminazione artificiale
dove la potenza assorbita
il parametro chiave della
prestazione che viene
misurato periodicamente.
Le ore di funzionamento
vengono stimate sulla base
degli orari di occupazione
delledificio e delle attivit
degli occupanti.

221

Opzione IPMVP

Metodologia di calcolo
dei risparmi

Applicazioni tipiche

B. Interventi misurabili
singolarmente: misurazione di
tutti i parametri
I risparmi vengono determinati
attraverso la misurazione in campo
del consumo energetico del
sistema influenzato dalla misura
di miglioramento dellefficienza
energetica.
La frequenza di misurazione spazia
dal breve periodo al continuo, in
funzione alle variazioni attese nei
risparmi e alla durata del periodo
di prova.

Misurazioni di breve
periodo o in continuo del
consumo energetico del
periodo di riferimento e del
periodo di prova, e/o calcoli
deterministici che utilizzano
i dati misurati di parametri
costitutivi del consumo
energetico.
Correzioni legate alla routine
e non legate alla routine
come richiesto

Applicazione
nellazionamento a velocit
variabile e controllo di un
motore per la regolazione
delle pompe.
Misurazione della potenza
elettrica attraverso uno
strumento di misurazione
dei kW installato
sullalimentazione elettrica
del motore, che effettua
una lettura della potenza
ogni minuto. Misurazione
di una settimana in
continuo durante il periodo
di riferimento in modo da
verificare landamento
costante del carico ed
individuarne il valore.
Misurazione durante tutto
il periodo di prova in modo
da individuare le variazioni
nellutilizzo della potenza.

C. Intero edificio
I risparmi vengono determinati
misurando il consumo energetico
a livello di intero edificio o
sottosistema impiantistico. Sono
previste misurazioni in continuo
del consumo energetico dellintero
edificio durante tutto il periodo di
prova.

Analisi dei dati misurati


(anche da contatori dei
fornitori) relativi allintero
edificio per il periodo di
riferimento e il periodo di
prova.
Correzioni legate alla routine
come richiesto dallutilizzo
di tecniche quali la semplice
comparazione o lanalisi di
regressione.
Correzioni non legate alla
routine come richiesto.

Programma di gestione
dellenergia riguardante
pi sistemi in un edificio.
Misurazione dei combustibili
e dellenergia elettrica
attraverso i contatori dei
fornitori per i dodici mesi
del periodo di riferimento e
durante tutto il periodo di
prova.

222

Opzione IPMVP
D. Simulazione calibrata
I risparmi vengono determinati
attraverso la simulazione dei
consumi energetici dellintero
edificio o di un suo sottosistema.
E dimostrato che le simulazioni
sono in grado di modellare in modo
adeguato la prestazione energetica
reale misurata nelledificio.
Questa opzione abitualmente
richiede abilit rilevanti nel campo
della simulazione calibrata.

Metodologia di calcolo
dei risparmi
Simulazione del consumo
energetico, calibrate con
dati orari o mensili da
contabilizzazione. (Possono
essere utilizzati strumenti di
misurazione del consumo
energetico finale per affinare
i dati di input).

Applicazioni tipiche
Programma di gestione
dellenergia riguardante pi
sistemi in un edificio ma
in cui non sono presenti
sistemi di misurazione
durante il periodo di
riferimento.
Le misurazioni del consumo
energetico, successive
allinstallazione di strumenti
di misurazione dei
combustibili e dellenergia
elettrica, vengono utilizzate
per calibrare la simulazione.
Il consumo energetico
del periodo di riferimento,
determinato attraverso la
simulazione calibrata, viene
comparato con il consumo
energetico del periodo di
prova simulato.

223

In Figura 51 visibile la procedura semplificata per la scelta dellopzione di M&V.

Figura 51: Procedura semplificata di scelta dellOpzione di M&V.

6.4.4 - Confini ed obiettivi della misura


I risparmi possono essere determinati per lintero edificio o semplicemente per
una sua porzione, in funzione dagli obiettivi finali dellattivit.
Se lobiettivo dellattivit il supporto nella gestione delle sole apparecchiature influenzate dalle misure di miglioramento dellefficienza energetica, i confini della misura devono essere disegnati intorno a tali apparecchiature. A questo punto possono essere quantificate tutte le domande significative di energia
delle apparecchiature allinterno di tali confini. Questo approccio solitamente
224

viene usato nelle opzioni di valutazione dei risparmi energetici in interventi


misurabili singolarmente (Opzioni A e B).
Se lobiettivo dellattivit il supporto alla gestione della prestazione energetica dellintero edificio, i dati provenienti dagli strumenti di misura relativi
allapprovvigionamento energetico dellintero edificio possono essere utilizzati per la valutazione della prestazione e dei risparmi. In questo caso i confini della misura devono essere studiati in modo da contenere lintero edificio
(Opzione C).
Se i dati del periodo di riferimento o del periodo di prova risultano inattendibili
o non sono disponibili, i dati energetici derivanti da un modello di simulazione
calibrata possono essere utilizzati al posto dei dati mancanti, e questo pu valere sia per una porzione che per lintero edificio (opzione D).
6.4.5 - Selezione dei Periodi di Misurazione
Deve essere prestata molta attenzione nella scelta dellintervallo di tempo da usare come periodo di riferimento e come periodo di prova. Il periodo di riferimento
deve essere stabilito in modo da:
essere rappresentativo di tutte le modalit di funzionamento presenti nelledificio. Tale periodo deve estendersi in modo da coprire un intero ciclo di funzionamento, dallutilizzo massimo di energia al minimo;
essere il pi possibile rappresentativo di tutte le condizioni di operativit
presenti in un normale ciclo di funzionamento. Ad esempio, nel caso in cui
venga scelto un intero anno come periodo di riferimento, se i dati di un mese
di tale anno non sono presenti, devono essere utilizzati i dati di uno stesso
mese riferiti ad un altro anno al fine di garantire che i dati del periodo di
riferimento non sottostimino le condizioni presenti nel mese in cui mancano
i dati;
includere soltanto quegli intervalli temporali in cui sono noti gli elementi stazionari e variabili che influenzano il consumo energetico delledificio. Lestensione del periodo di riferimento a periodi antecedenti per includere pi cicli di
funzionamento richiede la medesima conoscenza del comportamento dei fattori che influenzano il consumo energetico durante tutto il periodo di riferimento
esteso al fine di identificare in modo opportuno le correzioni legate alla routine
e non legate alla routine per il periodo post intervento;
coincidere con il periodo immediatamente precedente allimpegno ad effettuare lintervento di miglioramento dellefficienza energetica. Periodi maggiormente antecedenti potrebbero non riflettere le condizioni presenti appena
prima della realizzazione dellintervento e potrebbero quindi fornire un riferimento (baseline) non adatto per misurare gli effetti della sola misura di miglioramento dellefficienza energetica.
225

La pianificazione della misura di miglioramento dellefficienza energetica pu


richiedere lo studio di un intervallo di tempo pi lungo di quello scelto per il periodo di riferimento. Lanalisi di intervalli temporali pi lunghi pu aiutare il pianificatore dellazione nella comprensione della prestazione energetica delledificio e nella determinazione di quale sia al momento la lunghezza del ciclo di
funzionamento.
Periodo di Prova (Reporting Period)

La lunghezza del periodo di prova pu essere definite su richiesta dellutente


finale a cui sono destinati i report dellattivit di M&V. Il periodo di prova dovrebbe comunque comprendere almeno un intero ciclo normale di funzionamento
dellapparecchiatura o delledificio, allo scopo di permettere una completa caratterizzazione dellefficacia dei risparmi in tutte le normali modalit di funzionamento.
Alcuni progetti possono smettere di analizzare i risparmi dopo un determinato
periodo di test, la cui durata pu variare tra una lettura istantanea fino a uno o
due anni.
La lunghezza di ogni periodo di prova deve essere determinata tenendo conto
delle dovute considerazioni legate alla durata di vita utile della misura di miglioramento dellefficienza energetica e alla probabilit di diminuzione nel tempo
delliniziale risparmio ottenuto.
Indipendentemente dalla lunghezza del periodo di prova, gli strumenti di misurazione possono comunque esser lasciati in campo al fine di fornire agli addetti al
funzionamento feedback in tempo reale relativamente al corretto funzionamento.
Se viene ridotta la frequenza di misurazione dei risparmi dopo una prova iniziale della prestazione, possono essere intensificate altre attivit di monitoraggio
nellottica di garantire che i risparmi permangano.
Periodi di misurazione consecutivi (On/Off Test)

Quando una misura di miglioramento dellefficienza energetica pu essere facilmente attivata e disattivata, i periodi di riferimento e prova possono essere scelti
in modo da essere consecutivi. Una modifica nelle logiche di controllo un esempio di misura di miglioramento dellefficienza energetica che pu spesso essere
attivata e disattivata senza influenzare loperativit delledificio.
Questo tipo di on/off test richiede la misurazione dei consumi energetici con
la misura di miglioramento dellefficienza energetica attiva e poi subito dopo
la stessa misurazione con la misura di miglioramento dellefficienza energetica
disattivata in modo da ritornare alle condizioni ante-intervento (di riferimento).
La differenza di consumo energetico tra i due periodi di misurazione consecutivi
226

corrisponde ai risparmi creati dalla misura di miglioramento dellefficienza energetica.


Questa tecnica pu essere applicata sia per le opzioni di misurazione di singoli
interventi che per le opzioni di misurazione dei risparmi a livello di intero edificio.
6.4.6 - Costi relativi alle opzioni di M&V
I costi legati alla M&V devono essere appropriati alla quantit di risparmi energetici attesi, alla lunghezza del tempo di ritorno dellinvestimento per le ORE
analizzate ed alle aspettative dei clienti legate al dettaglio, alla frequenza e durata
del processo di reporting. E importante valutare i costi legati alla M&V anche
in funzione degli ulteriori risparmi che una campagna di monitoraggio dettagliata pu generare, in quanto pu permettere di effettuare regolazioni e correzioni
gestionali in grado di ottimizzare ulteriormente ledificio. Il processo di M&V
non , quindi, da intendere soltanto come validazione delle ipotesi fatte in fase di
diagnosi, ma anche come occasione per aumentare la consapevolezza dellandamento dei flussi energetici.
Quantificare i costi per determinare i risparmi energetici dipende da diversi
fattori, quali:
lopzione di IPMVP selezionata;
il numero di ORE coinvolte nellanalisi ed il grado di interazione tra di esse;
il numero di flussi energetici entranti ed uscenti al singolo sottosistema delledificio nelle opzioni A, B, D;
il livello di dettaglio con il quale si determina la baseline per la determinazione
dei risparmi energetici;
il numero e la complessit degli strumenti di misurazione con riferimento alla
progettazione, installazione, manutenzione, calibrazione, lettura, rimozione
degli stessi;
quantit di dati necessaria per ottenere un campione significativo;
competenze ingegneristiche per effettuare le stime utilizzate nelle Opzioni A
oppure D;
numero e complessit di variabili indipendenti da inserire nel modello di calcolo energetico;
durata del periodo di monitoraggio;
requisiti di tolleranza di errore;
requisiti dei report che documentino i risparmi energetici;
esperienza e qualifiche professionali del personale responsabile della campagna di Misura e Verifica.
Di solito lOpzione A, poich si basa anche su delle stime, comporta minori punti
di misurazione e, dunque, minori costi, anche se possibile che i costi legati
227

allispezione ed alle stime dei parametri possano essere comunque alti. Ovviamente lOpzione B, a fronte di una maggiore precisione, ha solitamente costi pi
alti. Poich le Opzioni A e B richiedono spesso linstallazione di nuova strumentazione per il controllo del singolo componente, il costo di manutenzione e gestione di tali strumenti potrebbe rendere pi conveniente ladozione dellOpzione
C, in particolare per lunghi periodi di monitoraggio. Quando vengono adottate
contemporaneamente pi ORE, pu essere pi conveniente in termini di rapporto
costi-benefici monitorare il comportamento globale delledificio, e quindi adottare le opzioni C o D, piuttosto che isolare le singole ORE ed applicare le opzioni A
o B. Per quanto riguarda lopzione D, ovviamente bisogna verificare che il grado
di dettaglio per la realizzazione del modello energetico sia conforme allobiettivo
che si vuole raggiungere (cos come visto nei paragrafi precedenti), in modo da
non fare lievitare i costi.

228

Bibliografia
AA.VV. (2002), The Federal Buildings Initiative: Audit Standards Guidelines,
Office of Energy Efficiency Federal Buildings Initiative (Canada).
AA.VV. (2004), Linee guida sulla manutenzione degli impianti di climatizzazione,
Ed. AICARR.
AA.VV. (2008), Atti del convegno AICARR Riduzione dei fabbisogni, recupero
di efficienza e fonti rinnovabili per il risparmio energetico nel settore
residenziale Padova, 5 giugno 2008, Ed. AICARR.
AA.VV. (2009), Manuale dausilio alla progettazione termotecnica - Miniguida
AICARR, Ed. AICARR.
AA.VV. (2011), Building Tipology Brochure Italy, Politecnico di Torino,
Dipartimento di Energetica, Gruppo di ricerca TEBE.
AA.VV. (2011), Definizione di una metodologia per laudit energetico negli edifici
ad uso residenziale e terziario, Report Ricerca Sistema Elettrico ENEA.
AA.VV. (2011), Procedures for commercial buildings energy audit, Ed. ASHRAE.
AA.VV. (2012), Protocollo internazionale di misure & verifiche IPMVP, Ed.
AICARR.
ARPA Lombardia (2004), Elaborazione di Standard di Qualit per gli Edifici ad
Alta Qualit Energetica, a cura di L.Piter Punti Energia.
ASHRAE Handbook HVAC Application (2007), Chapter 35: Energy use and
management.
V. Dabove (2008), La diagnosi energetica e le principali tipologie di intervento
negli edifici, Atti del convegno Tavola Rotonda sul tema: Riqualificazione
energetica e risparmio energetico Genova, 2008.
R. Daniel (2009), Audit degli edifici esistenti: problematiche e metodologie
operative, tesi di laurea, Dipartimento di Energia Politecnico di Milano ALDAR S.r.l. Engineering.
C. Gorse, D. Highfield (2002), Refurbishment and Upgrading of Buildings, Ed.
Spoon Press.
P. Isolani (2008), Il risparmio energetico negli edifici condominiali, Ed. Editall.
F. Kreith, D. Yogi Goswami (2008), Energy Management and conservation
handbook, Ed. CRC Press.
E. Lucchi (2012), Diagnosi energetica strumentale degli edifici, Ed. Dario
Flaccovio Editore.
229

M. Masoero, G. Fracastoro (1989), Manuale dellEnergy Auditing, PFE, Progetto


Finalizzato Energia.
L. Mazzarella (2010), Diagnosi energetica (Energy Audit): aspetti generali
- criteri e procedure di valutazione, Atti del convegno AICARR Diagnosi
energetica degli edifici esistenti: aspetti relativi a involucro edilizio e impianti,
valutazioni tecnico-economiche del 25/03/2010.
R. Paolini (2009), Valutazione in opera della termotrasmittanza di componenti
edilizi opachi, Dispense del Corso di Patologia e Diagnostica Edilizia Prof.
E.De Angelis.
Peter F. Smith (2002), Eco-Refurbishment: A guide to saving and producing
energy in the home, Ed. Elsevier.
L. Socal (2012), La diagnosi e la certificazione energetica degli edifici, Ed.
Edilclima.
D. Thorpe (2010), Sustainable Home Refurbishment, Ed. Frank Jackson.
A. Thumann, W.J. Younger (2008), Handbook of Energy Audits Seventh Edition,
Ed. CRC Press.
D. Wulfinghoff (1999), Energy Efficiency Manual, Ed. Energy Institute Press.

230