Sei sulla pagina 1di 23

Tecniche TUINA

01
02
03
04
05
06
07
08
09
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25

TUI Fa
NA Fa
GUN Fa
AN Fa
AN DIAN Fa
MO Fa
ROU Fa
YI ZHI CHAN Fa
CA Fa
NIE Fa
DOU Fa
FEN Fa
ZHEN FA
CUO Fa
BUO Fa
BA SHEN ZHI
QIA FA
PAI Fa
KUOJI Fa
PI Fa
CHUI Fa
TUI QIA QUNG
SAO SAN
NA WU GING
LI SHOU ZHI

................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.
................................................................ Pag.

Pag. 1

02
04
05
06
07
08
09
10
11
12
13
14
15
16
17
18
18
19
20
21
22
23
23
23
23

1. Tui Fa [Spinta]
TUI e il termine cinese che designa la tecnica di massaggio a spinta.
Premete con una forza moderata quando spingete lo strumento prescelto sulla pelle. Riportate
delicatamente la mano al punto di partenza e ripetete quindi il massaggio.
Potete effettuare ii TUI su qualsiasi parte del corpo se scegliete lo strumento appropriato:
il pugno o il gomito sui muscoli; il pollice o l'estremita inferiore della mano sulle
zone piu sensibili, come il viso.
La pressione e la velocita del massaggio dovranno variare a seconda dello stato di salute della
persona trattata e dello stato in cui si trova la parte dolorante. Prestate particolare attenzione
quando operate su zone gonfie.
Il TUI rilassa muscoli e tendini, allevia dolore e spasmi, favorisce la circolazione, rende la pelle
piu elastica ed e efficace contro laffaticamento
La tecnica consiste nell'eseguire una pressione con scivolamento in senso trasversale o
longitudinale.
Tecniche:
- con il polpastrello del pollice (fig. 1.1) [ZHI TUI Fa]
- con il margine radiale del pollice (seconda falange) (fig. 1.2) [ZHI TUI Fa]
- con I'eminenza tenar (fig. 1.3)
- con la base del palmo (eminenze tenar ed ipotenar) (fig. 1.4)
- con il lato ulnare della mano (fig. 1.5)
- con tutto il palmo, con una sola mano o appoggiando una mano sull'altra (fig. 1.6-7)
- con la faccia palmare di pollice ed indice e I'eminenza tenar (fig. 1.8)
- con la superfcie dorsale delle articolazioni interfalangee prossimali delle ultime
- quattro dita (fig. 1.9)
- con la superficie dorsale delle seconde falangi delle ultime quattro dita (fig. 1.10)
- con il gomito (fig. 1.11)
- sulla schiena con due mani [FEN TUI Fa] (fig. 1.12)
- con due mani parallele [BAO TUI Fa]

Fig. 1.1
Fig. 1.2

Pag. 2

Fig. 1.3

Fig. 1.5
Fig. 1.4

Fig. 1.7

Fig. 1.6

Fig. 1.8

Fig. 1.9

Fig. 1.10
Fig. 1.12
Fig. 1.11

Pag. 3

2. NA Fa [Presa]
NA e il termine cinese che designa il massaggio per compressione.
E una tecnica applicable a molte parti del corpo, come gli arti, il collo, le spalle e la schiena.
La mano deve assumere la forma di una pinza; potete usare il pollice insieme allindice o al
medio oppure tutte le dita insieme.
Alternativamente comprimete e rilasciate la presa sul punto energetico o sulia parte del corpo
interessata.
Tenete il polso rilassato e massaggiate a ritmo lento. Durante il trattamento esercitate
gradatamente una pressione piu forte che dovrete progressivamente ridurre.
Lo scopo della tecnica e quello di far penetrare la pressione esercitata con la pressione
all'interno del punto, del muscolo o dellarticolazione prescelta. La pressione puo
essere continua o discontinua cioe alternando compressione e decompressione, ma
mantenendo sempre if contatto con la pelle.
Il NA attenua gli spasmi muscolari e ristabilisce la funzionalita nervosa, sblocca i canali, riduce
laffaticamento e combatte il freddo.
Tecniche:
- Tridigitale
- Tetradigitale
- Pentadigitale

: pollice, indice e medio


: pollice, indice, medio ed anulare
: tutte e cinque le dita (fig. 2 1).

Fig. 2.1

Pag. 4

3. GUN Fa [Rotolamento]
GUN in cinese designa la tecnica di massaggio con cui si agisce sui muscoli del corpo.
Utilizzare il GUN Fa per rilassare i muscoli ed i tendini, per ridurre gli spasmi muscolari, il dolore
e laffaticamento, per rinforzare le ossa, sciogliere le articolazioni e favorire la circolazione
La tecnica consiste nellesecuzione di movimenti di rotazione della mano o dellavambraccio
sfruttando la pronosupinazione del polso o del gomito.
Tecniche:
- con il dorso della mano aperta (fig. 3.1)
- con il dorso della mano chiusa a pugno (fig. 3.2)
- con il lato ulnare del palmo della mano aperta (taglio) (fig. 3.3)
- con il lato ulnare dellavambraccio (fig. 3.4)

Fig. 3.1

Fig. 3.3

Fig. 3.2

Fig. 3.4

Pag. 5

4. AN Fa [Pressione]
AN e il termine cinese che indica la pressione esercitata su un punto di agopuntura (premere
con un dito o una nocca), o su una parte del corpo (sulle parti muscolari del corpo, quali torace,
addome, schiena e natiche, utilizzare il palmo o il gomito).
L'intensita della pressione deve essere adattata alla costituzione anatomica della regione da
trattare e puo essere applicata:
- pulsante, dapprima leggera e poi sempre piu forte (senza eseguire movimenti bruschi e
senza che il paziente avverta un dolore mal tollerabile);
- continua, esercitando una pressione moderata ma costante e, cioe applicata per un tempo
definito;
- discontinua, cioe esercitata facendo movimenti ritmici ed elastici.
Attenzione a non lesionare la pelle premendo troppo forte.
Utilizzate l'AN per aprire i canali, per eliminare i blocchi di qi-sangue e per alleviare il dolore.
Tecniche:
- solo con il polpastrello del pollice (fig. 4.1)
- con il polpastrello del medio aiutato dall'indice (fig. 4.2)
- con il polpastrello dellindice aiutato dal medio (fig. 4.3)
- con il polpastrello dellindice, medio ed anulare allineati (fig. 4.4)
- con l'articolazione interfalangea prossimale del medio tenendo la mano chiusa a pugno ed
il medio sporgente (fig. 4.5)
- con il gomito (fig. 4.6)
- con il palmo della mano (una mano sola o le due mani sovrapposte) (fig. 4.7/8)

Fig. 4.1

Fig. 4.2

Fig. 4.3

Fig. 4.4

Pag. 6

Fig. 4.6

Fig. 4.5

Fig. 4.8

Fig. 4.7

5. AN DIAN Fa [Pressione su un punto]


In questa tecnica la pressione (maggiore rispetto ad AN Fa) viene esercitata con la punta del
dito (unghia corta!) su di un preciso punto del corpo.
Tecniche:
- con la punta del dito medio, in completa estensione e stretto tra pollice ed indice (fig. 5.1)
- la punta del dito indice, in completa estensione (fig. 5.2)
- con con la punta del dito pollice, leggermente piegato

Fig. 5.2

Fig. 5.1
Pag. 7

6. MO Fa [Sfregamento]
MO e il termine cinese usato per indicare lo sfregamento. Appoggiate le dita o il palmo della
mano sul punto energetico interessato o sulla zona da trattare e sfregate la pelle con movimenti
circolari.
Utilizzate il MO per regolarizzare il flusso qi-sangue, per ridurre il gonfiore o il dolore, per
rinforzare la milza, lo stomaco e gli altri visceri (st veda a p. 9) e per rendere la pelle piu
elastica. Con il MO massaggiate la schiena, I'addome, le piante dei piedi e il contorno occhi.
La tecnica consiste nell'esecuzione di movimenti circolari leggeri, dolci, uniformi e lenti,
generalmente in senso orario. Potete applicare la tecnica MO su una determinata parte del
corpo compiendo piccoli sfregamenti circolari o movimenti piu ampi per il trattamento di una
zona piu estesa. In ogni caso, la pressione dovra essere costante e uniforme, in modo da
stimolare lo strato sottocutaneo.
Tecniche:
1) con il polpastrello di una o piu dita (fig. 6.1)
2) con le eminenze tenar ed ipotenar (fig. 6.2)
3) con tutto il palmo della mano, comprese le dita (fig. 6.3)

Fig. 6.2
Fig. 6.1

Pag. 8

Fig. 6.3

7. ROU Fa [Impastamento]
ROU in cinese indica la tecnica di massaggio rotatorio, secondo cui bisogna esercitare una
pressione circolare forte, uniforme e costante.
Mentre nella frizione si sfiora la pelle, con l'impastamento si esercita una pressione moderata
ma sempre con un movimento lento e dolce.
Per massaggiare su un punto energetico o sulla zona interessata usate un dito, il palmo o la
parte inferiore dela mano, I'eminenza tenar (il lato del pollice), un pollice oppure il gomito.
Il massaggio rotatorio deve essere eseguito prima in senso orario e poi antiorario.
Il ROU viene spesso usato in associazione con la tecnica AN, ovvero la pressione.
Esercitate una pressione sempre maggiore e riducetela poi gradualmente.
Utilizzare la tecnica ROU per ridurre il gonfiore, alleviare il dolore, facilitare la digestione e
regolarizzare il flusso qi-sangue.
Tecniche:
1) con il polpastrello di una o piu dita (fig. 7.1a\b)
2) con le eminenze tenar ed ipotenar (fig. 7.2)
3) con tutto il palmo della mano, comprese le dita (fig. 7.3)

Fig. 7.2
Fig. 7.1a

Fig. 7.1b

Fig. 7.3

Pag. 9

8. YI ZHI CHAN Fa [Meditazione con un dito]


Tale tecnica consiste in una serie di vibrazioni, cioe una successione di pressioni e
decompressioni senza mai perdere il contatto con la pelle, eseguite abbastanza velocemente.
Tecniche:
- con il polpastrello del pollice sostenuto dall'indice (fig. 8.1)
- con il polpastrello del medio rinforzato dall'indice (fig. 8.2)

Fig. 8.1

Fig. 8.2

Pag. 10

9. CA Fa [Strofinamento]
Questa tecnica viene eseguita effettuando dei movimenti di strofinamento dall'avanti
verso l'indietro e viceversa.
Tecniche:
- con la faccia palmare delle dita (fig. 9.1)
- con il lato ulnare della mano (taglio) (fig. 9.2)
- con l'intero palmo della mano
- con entrambi i palmi dele mani, a dita intrecciate

Fig. 9.1

Fig. 9.2

Pag. 11

10. NIE Fa [Pinzettamento]


Questa tecnica si effettua sfruttando il movimento di opposizione del police nei confronti delle
altre dita; si scieglie di usare due o piu dita in base ale dimensioni della zona da trattare. I
polpastrelli afferrano i tessuti e poi esercitano una trazione verso l'esterno, quindi si allarga la
pinza formata dalle dita, senza perdere il contatto can la pelle, e si va avanti.
Quando la manovra viene eseguita ripetutamente prende il nome di SHENFA.
Una variante, con tutte e cinque le dita, consiste, una volta raggiunto il limite massimo di
trazione, nel flettere i polsi in modo che la faccia dorsale della terza falange prenda contatto con
la pelle.
Un'altra variante, detta tecnica di torsione, consiste nell'afferrare la pelle con i polpastrelli di
pollice ed indice disposti a pinza, sollevare i tessuti e tirarli in senso trasversale, effettuando un
movimento di torsione; quindi si apre bruscamente la pinza lasciando i tessuti.
Tecniche:
- con pollice ed indice
- con pollice, indice e medio
- con tutte e cinque le dita (fig. 10.1)

Fig. 10.1

Pag. 12

11. DOU Fa [Scuotimento]


Con il termine cinese DOU si fa riferimento a quella tecnica che consiste nello scuotere le
braccia o le gambe di chi e sottoposto al trattamento.
Invitate la persona a rilassare l'arto sul quale dovete operare.
Tenetelo ben stretto e scuotetelo come se fosse una corda.
Il movimento deve comunque essere contenuto: l'arto va semplicemente spostato in alto e in
basso, senza subire alcuna torsione. La velocita puo gradualmente aumentare, ma non deve
diventare eccessiva.
La tecnica DOU e solitamente applicata insieme con lo YAO(*).
Il DOU distende i muscoli e i tendini, favorisce il movimento delle articolazioni ed e utile contro
l'affaticamento .

* YAO Fa [Rotazione Passiva Articolare] Consiste nellesecuzione di movimenti passivi di


rotazione articolare (spalla, collo, anca, polso) lenta.
Pag. 13

12. FEN Fa [Divisione]


Consiste in un movimento di pressione e stiramento eseguito andando dalla linea mediana del
corpo o dell'arto verso i lati.
Utilizzare per disperdere.
Tecniche:
- con il polpastrello dei due pollici (fig. 12.1)
- can il margine radiale dei pollici e delle eminenze tenar (fig. 12.2)
- con le eminenze tenar ed ipotenar di entrambe le mani
- con i palmi delle mani (comprese le dita)
- con i palmi delle mani incrociate

Fig. 12.1

Fig. 12.2

Pag. 14

13. ZHEN Fa [Vibrazione]


Il massaggio vibratorio in cinese viene chiamato ZHEN. Esercitate una pressione forte sulla
parte del corpo interessata usando la punta delle dita oppure uno o entrambi i palmi ed eseguite
movimenti vibratori veloci e continui. La pressione deve essere energica perche si possa
penetrare negli strati profondi dell'epidermide.
Utilizzate lo ZHEN per rilassare i muscoli e alleviare spasmi e dolori. Questa tecnica e efficace
anche contro l'affaticamento.

Pag. 15

14. CUO Fa [Torsione]


Il termine cinese CUO indica la manipolazione per torsione, che si puo eseguire sulle braccia e
sulle gambe. Tenete l'arto fermo fra i palmi e muovete le mani avanti e indietro con cadenza
ritmica e alterna, come nellatto di torcere una corda. Aumentate progressivamente la velocita
di esecuzione del Cuo durante il massaggio e riducetela poi in modo graduale.
Il CUO sblocca i canali e regolarizza il flusso di qi-sangue. E rilassante e combatte
l'affaticamento.

Pag. 16

15. BUO Fa [Pizzicamento del tendine]


Si utilizza un solo dito, lindice o il pollice, che deve agire su un tendine afferrandolo, tenendolo
e poi lasciandolo come se fosse una corda della chitarra (fig. 15.1).

Fig. 15.1

Pag. 17

16. BA SHEN ZHI


Si effettua con lindice ed il medio flessi (fig. 16.1): sulle dita.
Tale tecnica deve essere leggera e delicata.

Fig. 16.1

17. QIA Fa [Pressione con lunghia]

Pag. 18

18. PAI Fa [Percussione]


PAI e il termine cinese che individua la tecnica di picchiettamento.
Questa tecnica consiste nel percuotere i tessuti con varie parti della mano.
Utilizzate il palmo, il dorso
della mano o la punta delle dita per picchiettare la parte da trattare. Tenete il polso rilassato ed
eseguite un massaggio delicato, uniforme, elastico e ritmico. Il PAl e una manipolazione piu
leggera rispetto al Kou (si veda alla pagina accanto), al quale viene spesso affiancato.
Impiegate questa tecnica verso la fine della seduta.
Il PAI rilassa i muscoli, riduce le infiammazioni, migliora il flusso qi-sangue ed espelle il vento e
il freddo.
Tecniche:
- con la superficie-palmare della mano utilizzando le eminenze tenar ed ipotenar
- con la superficie palmare della mano utilizzando le dita leggermente allargate
- con l'intera superficie palmare della mano (tenar, ipotenar e dita) (fig. 18.1)
- con la superficie dorsale della mano utilizzando il dorso e le nocche
- con la superficie dorsale della mano utilizzando le dita
- con l'intera superficie dorsale della mano (dorso, nocche e dita) (fig. 18.1).

Fig. 18.1

Pag. 19

19. KUO (KOU ?) Fa [Percussione con il pugno]


(KUO) Con questa tecnica si percuote la zona da trattare con il pugno chiuso ma non serrato.
KOU in cinese indica la manipolazione con percussione. Fate il pugno senza stringerlo
completamente e con la parte piatta delle dita (e non con le nocche) percuotete il punto o la
zona richiesta. Potete anche usare la punta delle dita.
Tenete i polsi rilassati e sciolti, eseguite movimenti ritmici ed elastici. Il KOU puo essere
praticato sulle gambe, sulle spalle e sulla schiena.
Ricorrete alla tecnica KOU per migliorare il flusso qi-sangue, per rilassare i muscoli e per
combattere la fatica.
Tecniche:
- con le eminenze tenar ed ipotenar e la superficie dorsale della seconda falange delle ultime
quattro dita (fig. 19.1)
- con la superficie dorsale della prima falange delle ultime quattro dita (fig. 19.2)

Fig. 19.2

Fig. 19.1

Pag. 20

20. PI Fa [Percussione con il taglio della mano]


1) con il taglio di una mano (fig. 20.1)
2) con il taglio di entrambe le mani separate
3) con il taglio di entrambe le mani unite (fig. 20.2)
Nelle tecniche 1) e. 2) si colpisce la zona da trattare utilizzando il taglio della mano (lato ulnare
della mano e del quinto dito) con le dita estese e leggermente aperte.
Nella tecnica 3) le dita sono estese ed intrecciate.

Fig. 20.1

Fig. 20.2

Pag. 21

21. CHUI Fa [Martellamento]

Pag. 22

22. TUI QIA QUNG [Ponte Arco]


Con il pollice da SJ17 (dietro il lobo dellorecchio)
verso ST12, mentre le altre 4 dita appoggiano sulla
clavicola a 4 cun dallo sterno.

23. SAO SAN [Pulire]


Si utilizza su canale GB (sulla parte parietale della
testa), si effettua utilizzando i polpastrelli delle 5
dita.

24. NA WU GING [Prendere i 5 canali]


Si pone una mano sulla fronte del paziente per
stabilizzare la testa. Con le dita dellaltra mano si
massaggia partendo dallattaccatura dei capelli fino
ad arrivare con 3 dita alla base della nuca sotto
lattaccatura dei capelli.

25. LI SHOU ZHI [Contare i soldi]


Utilizzato per le dita delle mani e dei piedi.

Pag. 23