Sei sulla pagina 1di 15
-—“TEOLO GIA nel PA DAI speqrueee ha Camus doante : 2 W ae CAISTO. Lug: Telesca, INTRODUZIONE GLIAVVERSARIDITERTULLIANO De carne Christ si presenta come una difesa della realta «della integritd della carne di Cristo, messa in pericolo ‘dalPattacco simultaneo di tre diversi ereticl: Marcione, Apellee Valentino. Contro ciascuno di essi Tertulliano ha, scttto delle opere particolar,tuttea nol pervenute tranne ‘quella destinata alla confutazione di Apelle: il De carne Christ, pertanto, offre degli interessanti motivi di con- fronto’con la restante produzione del cartaginese. Per ‘onsentire una migliore comprensione del testo di Tertl- lian riteniamo opportune fornire, sia pure succintamen- ‘c, un riassunto delle dottrine da ui combattute nella pre- senle opera. Marcione li punto di partenza della dottrina di Marcione, secondo la testimonianza di Tertuliano (Adversus Marcionem 12,23), sarebie stato il problema del male e della sua ori- ine. La sua teologia, pertanto, costituirebbe un tentative ‘isoluzione, attraverso 'affermazione di un diteismo che ‘untrappone il Creatore al Dio buono. Il Creatore non & also che il Dio dell’ Antico Testamento,ritenuto da Mar- ‘ione responsabile dl male: in primo Iuogo, infatt,egli & il Demiurgo che ha imprigionato il mondo nella materia salvage; in secondo Ivogo fa mantenuto om, con Ta sua legge meschi nies, nellaschiavitienelia mor- le Lontano dal Creatore, in un mondo spiritual, dieuiit 37 recast ia ornare cionem LV, 7, 1 sgg.). E inconcepibile, per Marcione, che pevole, nella sua coscienza, di non avere una carne ‘fhanu enon ver ingannato nessun guardod gue sto: secondo Marcione, infatt, aveva lasciato intendere,4 bt proventente dal fango second ei Signore ce ve ‘cn ‘tert V,10,9). I Dio di Marcione, dunque, ¢ «uomo» ve tuto dal cielo, che crea in noi una seconds umanitdy nella quale la carne non ha aleun ruolo: il Cristo pone in not immagine del secondo oman, che ci fa seoprire la no- stra vera personalité conoscendo il nuovo Dio. Tertulia- 10 eccedeva,nell'accusare Marcione i aver fatto del Cr. #0 un fantasma assolutamente inconsistente: cert pass del Vangelo, accettati anche da Marcione, sembrano sseluderio (ofr, Lue, 24,39 e De carne Christ V,9, p.371. Lacarne apparente del Cristo di Marcione pud forse ese. fe paragonata, in qualche modo, al corpo glorioso del Ctistorisorto: pud passareattraverso gli ostacol, ma cid ‘on implica che sia impossibiletocearia. La questione ¢di vitaleimportanza per cid che riguarda la Passione di Cri- so: secondo Vaccusa di Tertulliano, infatti, Marcione sorebbe trasformato Ia Passione in una commedia, perch il Cristo non avrebbe potuto realmente soffrire fenza avere una carne reale (ft. De carne Christi V,3, p. 361), B certo, in ogni caso, che Ia diversa visione della Passione di Cristo dipende dal diverso concetto di salvez- ‘adi Marcione: ¢soltanto Yanima a ssere salvata, naa il. otpo,che opera del Creatore., am La dtirina di Marcione sifordava su due arandi opere stiche: il suo Nuovo Testamento ele sue Anitest. Pet Feretico soltanto Vapostolo Paolo era il vero interprete ds Vangelo di Cristo: Pietro e gli altri apostol lo avrt berofrinteso,ritornando alle osservanzegiudaiche. Do- solamortedi Paolo erroreaveva trionfato dappertutto {Vangel che circolavano erano solo grossolane contrat. fasion ele stesse lettered Paolo sarebbero state mati polate, Marcione, dunque, avrebbe cereato di riportare nsegnamento di Paolo alla sua purezzaoriinaria, libe- randolo da tute le deformazionieriscoprendo, cos i ve- to Vangelo di Gesi Cristo. Il Nuovo Testamento di Mar. «lone comprendeva le letter di Paolo, ad eccezione delle leuerea Tito, a Timoteo e agli Ebrel; trai quattro Vanget! Mardione conserv6 sotanto queo di Luea, per ragion! ‘tenon sono del proba: to chiare. Pud avere Tati biimente la tradizione, che faceva di Luca un discepoto di Paolo, oe ee Marcione aveva aggiunto al suo Nuovo Testamen ‘un'opera di eregesi che i suo! discepoli usavano come testo canonico: le Antites!. E impossibile ricostn opera, ma un punto sembra certo: essa doveva consi re, presumibilment, in una serie di opposizioni tra br dell’Antica e del Nuovo Testamento, aitraverso le qu ‘Marcione intendeva dimostrarel'esistenza di due Dei di ferenti, Puno meschino e vendicativo, Valtro esclusi mente buono. Tertlliano fa esplicita menzione di st opera nell'Adversus Marcionem. Leresia di Marcione, nata verso la meti del secondo: colo d.C., si diffuse rapidamente, Nonostante la sua el ‘era Gurdea in Oceidente, nell’ Oriente sopravvisse per coy Apelte ‘Tutto quello che noi sappiamo sulla vita di Apell sili ‘a pochi cenni,ricavabili dal De praescriptione haeretc ‘rum di Tertulliano. Discepolo di Marcionea Roma, Af Ie avrebbe rotto con jl maestro per andare a fondare propria setta ad Alessandria, e sarebbe tornato a Ro ‘lcuni anni pia tard. Non vi é motivo per dubitare che stato diseepolo di Marcione, anche se si differenzia maestro st di un punto fondamentale: Apele, infa ron ammette l'esstenza di due dei, ma & rigorosame ‘monoteista. Sapevs bene che Marcione aveva chia «Signore» e «Dio inferiore» il Creatore di questo moni ‘ma incerpretava questi nomi in un senso differente: indicaveno, per lui, un angelo, creatura det Dio super te, Sarebbe stato proprio un angelo, detto «Angelo I Strep, acreareil mondo in cui viviamo, ispirandos al m dello del mondo superiore del Dio buono. Non vi sare stato, in lui, aleun intento di rivalegsiare con il Dio su Flore, da cul sarebbe stato, al contrario, assistto. 11m do cosi creato, dunque, non sarebbe malvagio, ma Dud certamente eguagliare la perfezione del mondo su Flore che &servito da modello. L’« Angelo Iilustre», 0 ‘mivrgo, davant allimperfezione del mondo da tui cre fvrebbe provato un senso di «pentimenton: tale pet rento si sarebbe in seguit slidifcato come una materia Gav, mescolata a questo mondo ecausante la sua fon- tantnca da Dio. in un secondo tempo, inves, i pen mnentoaisereobe trasformatoin un sentiment posto, {penimenton propriamente deto,eavrebberempito di ‘SEiDemiurgo il suo mondo, avorendone lritoro ver tollmondo supesiore Sentra che Dio buono, secondo Apel, abbiacrea- tocol ag angel ehe sbtano ll mondo superior, dele atime umane d sesso maschle © femminl (tr Feral. lino, De anima, XXXVL3). Un. angelo pervert, Teatgela del fuoco»,avebbecedotto ie anime lacendee tadere nel mondo ifeioreeimprsionandole nla wcar- pe il pecenom, Non contento di queso, 'cAngao del ftocoy avrebbe imparito loro un insegnamnento mento- thevo élull Dod stale che promalgao la Leage sul Sa L’ Antico Testamento, di conseguenza,¢ per Aplle inleramente fag. I Demiurgo,valea deel «Angelo il sien creatore di questo mondo, di fronte alla ex AMinganno dell anime supple Di superior di reilsuo Cristo a salvareil ono, Aplleritene di pote Sahaguardare ia piena rel della Pasione i Cristo, preservandoto tuttavia dale ngirie della nasa e celia Sone comune wt somite Gash aveva regato la propria cane dal Ne-disgendendo dal mondo superiore alla terra. A questa douringTetullano oppone ta squenteobleione: ei tmondotintegalmentepeecamioso, non forse veroche iBsosianze eset le quali fanno parte del mondo, sono Srualmente peeeinose? Apelle, dungue, non conses- tebe alcunfnltato,rifvtando a Crs na carne innosta (ett, De carne Crist VIL, 9p. 389391 QC postione di Tertullian, tava, sombra essere una sm. Piffeasone dla dotina di Apel, dettata Gafni poe- Mish Attrverg il confronto con alte font, d Ippolito © DOriene, spud supporrs che Apel, in reat, ritensse i ferpod Crt compost di due differen element leso- Statue proprinments spiritual del mondo superire, ecer tesowtnge astral provenient daa sfera piu elevata del rosromondo Valentino Non conosciamo molto della sua vita e della sua evoluzio ne intellettale.Ireneo ci iferisce che venne a Roma sotto ‘pontificato di Igino,svolse la maggior parte della sua at. tivit sotto quello di Pio, visse fino al tempo di Aniceto. Egli él'unico, ra gli eretici combattuti da Tertuliano, ad avere avuto tutta ta sere di discepoli conosciutt per no ‘me, tra cui i pit important! furono Tolomeo e Marco, {quali furono anch’essi capiscuola e insegnarono la loro versione personale della dattsina valentiniana. Il princi pio speculativo del valenfinianesimo invitava a sviluppi {ndipendenti da parte del suoi aderent, in realté noi co nosciamo meglio la dottrina nelle molteplici version ed laborazioni che nellinsegnamento autentico di Valent ‘no stesso, di cu rimasto molto poco nelle trattazioni de Padri delia Chiesa. E possibile, tuttavia,ricostruire, per Jomenos grandi linee suo pensiero.. Dio, il principio unico da cui tutto proviene, non é, se condo Valentino, conoscibile in se stesso: quello che nol possiamo concepire a suo riguardo ¢ la pienezza, o Pler mma, delle sue potenze e dei suoi doni. Queste potenze, chiamate Ere o Eoni, sono rappresentate come delle cop” pie llegoriche emananti le une dalle altre in una gerarchia ecrescente, in maniera tale che l'entita femminile della coppia costitusce semplicemente una qualita della ent ‘maschile. In questo modo il Padre, chiamato «Abisso», unto alla «Riflessione», chiamata anche «Silenzion; da qui procedono, successivamente, wlntelletton e «Veritay, «Discorso» e «Vita», «Loman wChiesan, eee. fino ad un totaled tenta Eoni. Solo «lntelletto» conosce diretta- ‘mente il Padze: gi alii Eon! sono separati da «Limiten Il ‘ito valentiniano, in seguito, narra la caduta ela reden- zione della «Saggezza» del Pleroma. «Saggezzan, il tren tesimo Eone, presa da una appassionata «lntenzionen di conoseere il Padre, s sarebbe senz’altro perduta nella im- rmensit di ques ultimo, se «Limite» non Vavesse fermata ‘escludendo I'«Intenzione» dal Pleroma. L’lntenzione», allora, costituisce una seconda Saggezza, stabllta acl ‘«Luogo intermedion, chiamata comunemente «Acha pay ‘moth. La salvezza di Achamoth si srolge in due momen- til Padre comineia con 'emettere una nuova coppia di oni, Cristo e spirito Santo, Lo Spirito Santo armonizza Punta del Pleroma, mentre Cristo sistende su «Limite come sulla croce, conferendo cosi alla Saggezza esteriore (Achiamoth) una prima formazione, la cosiddetta «for mazione secondo l'essenza. In seguito a questa Acha moth, che fino ad allora non aveva avuto nessuna cono. seqnza del mondo Superiore, prova il timore, la dispera- ‘lane, e ogni sorta di passione. In un secondo tempo i Pleroma tutto intero emette 'Eone Salvatore, chiamato Gest, che guarisce le passioni di Achamoth donandole la, ‘onversione, econferendole la seconda formazione, quel- Ia secondo Ta conoscenza, o Gnosi. I Gest del Vangelo, ron ¢ altro che 'Eone Salvatore che ha deciso di rendersi ‘isbile agli uomini, e che per questo deve assumere una cxne, Qual anata di quesa crn? Llano a: ale-e erreste & escluso: & evidente che salvare solo gli vomin spiritual o «pneuma: ‘in, non gli uomini eilici», che sono puramente materia Ti Osgorre precisare, a questo punto, una peculiritd del lantropologia valentiniana. Da Adamo procedono tre ‘azze di uomini: il seme di Adamo non trasmette che I'e ‘mento materiale 0 wilico», da cui nasce Caino; elemento ‘psichicon, che &ricevuto dalla raza di Abele, non pro- viene diretiamente da Adamo ma dal Demiurgo, creatore {el mondo inferiore; i fig di Seth ricevono dal mondo di~ vino un germe spirituale che Ii collega al Dio superiore, mia che ignorano fino alla venuta di Cristo. Alla luce di ‘questa antropologia si comprende il problema della sal- ‘yerza nel mito valentiniano. Gli psichici, figlt di Abele, pon conosceranno anch’essi una salvezza? Sard dunque /losio, in guesto caso, che Ia earne di Gesi sia composta (//non solo di un elemento «pneumatico», ma anche di un “elemento «psichica». 1 Valentiniani non si accordavano 5 su questo punto: secondo la scuola orientale il corpo di // Ciisto comprenderedbe un elemento pneumatico invisibi- Ieeun elemento visible, verosimilmente psichico, al qua- IX tela scuole occidentale aggiunge un secondo elemento chico, perdinvisibile, mescolato ad un germespirituale r 323 trasmesso da Achamoth, Quest elemento pchic sare HEReEig del Creatre,annunclato dall Antico Testa tetto. Comprendiam dungue in che senso Gesd« Cx. memicighing due ese diferent: cio che @spiiuae si snes ioc pschio a chiama Crist, Dicon- ce Ss slit il Cristo pulhico visible che stato sexusnds cee mort sulla crocs. Cercheremimo ivan, area tdiano, una splegaione deuaglata di tut sv Tr pisces ce, secondo suo avversar, aveva sub ARE Game dl Sigaore. C1 non significa uta, che t2iasineas mane senso crtcoo documentaione, Te aiia86 Siaingue chisrament a posone personae di ‘errertho. che vostone i caratere epneumaticon della een into, Getta spircais da quelia dei suoldscepo- Peds preendevano che tale came fosse compost dl Beal Nelinendolaanimatiste Dearne Christ XV wes eSe Lop. 397). A quests elucubrazion leartaginese Rpone uaa obiedione: polcke cristo &dicendenza PeReTS di Noramso edi Adamo, bisogta ammetereo che eens quel antenat era composta Gi spirito, oppure Ue sGretiere hela carne di Cristo non ¢composta ds se Uiendendo da vomini non spiritual er. De care Sher Xx, p 483). erect stuggvano al lemma CeStendo che Maria ra stata, per Cristo, un seme HOST passage, senza che el ne ievesealcunehé CORE Gotore sere, Mara, vergine e made nell stesso CORSE Questa verth parva, Valentinian, cotradat xemPeT fro penser pub cos assumere: come poso- tort Jin, sostenete che Maria € verge perehé not Re Sononluts domo, se ilengono la sua came di natura cata aque hacstrutto nel part, neesariamen aay dal vergin fsa? IL solo modo disfugare Ae Aer raddzione & ello di ammetere chef carne SRE on esendo mater, non ha potuto distor Te ergata materiale. Questa argomentaione nos See one neato di produrrellouoeffetto,in quanto ht erect ealiano a aegare a vergiia n pots di Me indowe ore di non sostenere con sfficiente chiara {Sjcta mareratita cumanthdelincarned Cristo Sezione prima (cpp, -V)esitenza del controitdourinad Marcone, umes Pa dotting di Marcone fonda su una delle Scritture (cap. II). 7 oa Liincarssione nom imposible a Dio, neppure losao indegnadi Lui eappeIII,.V\I0). Seton scond ape. VIN: gine terena dl car saat mere da dor Apa ap Ur —— Sezione tere (capp. XXXII natra um Secon area cpp. XXXII nn dia care = Confutazione dla sola valet cof ‘aleninana occidentale la Piero non ha asunio ance le nate angelic (es ae he natura angelic (xp 2 Contra Valentine: Cesta mon ha avuto una carne Sampo ano ep 3) SRbposta. 2 vase obieion! deg eretci (c XV,3-XVI,5). ‘si =e "Nees dela nscita verginale di Cri ‘XVIL,1-XVIIL,3). finale 4h Geisto Garp = Rigo oben dea ert secondo ua blu quate bane app Av “Tatler prosamache Ges everameae igo gatuomo atraren ta ene &h Nats Cap. 9 steno dela Vergine, profetizztod ssa, see00 ‘onteddaione pe Verein, ma cen chia per tie lca. XXII. To pio Santo ta git promuniato Ia soa condanna contro tuti gli eretici, la quale si manifestera nel’ ultimo giorno, quando essi vedranno Gesi venire in quella carne ‘che hanno rinnegato (cap. XXIV), = Tertulliano dichiara che affrontera il problema della re surrezione in un'altra opera (cap. XV), LUsTRASusion DEL TESTO Riteniamo opportuno dare alcuni sinteticl cenni cirea i ‘rincpali testimoni del testo del De carne Christ. L'ope- & pervenuta attraverso tre testimoni netiamente ca- ratterizeatis 1) A (Agobardinus), Parigi, Biblioteca Nazionale, lat. 1622. Serio nel nono secolo, it manoseritto non contiene che i cap. -X,2. Il resto @'perduto. B un testimone di prim'ordine del testo di Tertulliano: spesso, infatti, ¢ unico manoscrtto a conservare certe abitudinistilistiche proprie dello serittore 2) (Trecensis), Troyes-en-Champagne, Bibliotece Municipale, 523. Scritto nel dodicesimo secolo, @ stato scoperto soltanto nel 1916, Testimone importante per lt parte di testo mancante in’A, nonostante una certa ter ddenza a ‘normalizzare’ il testo nei pasi di difficile com- prensione. '3) Manoscriti del Corpo Cluniacense, che si dividono in due categorie. Alla prima di esse appartengono i se- sguenticodici P (Paterniacensis), Sélestat, Biblioteca Municipale, 88. Scritto nella prima meta dell'undicesimo secolo, fu utili ato dal Rhenanus per la sua editio princeps di Tertuli: mone 152. 7 eon 'M (Montepessulanus), Montpellier, Facolta di medicina, H 534, Scritto anch'esso nell'undicesimo secolo, ma pis tardodiP. ‘Alla seconda categoria appartengono i codici P (lorentinus Magliabechianus), Firenze, Biblioteca Ne zionale, Convent soppressi 1,110. Seritto a Pforzheim nel 1496 da due franceseani, ‘presenta un testo alquanto scadente, perinumerosi egravi error presenti X (Luxemburgensis), Lussemburgo, Biblioteca Naziona le 75. Scrtto alla fine del quindicesimo secolo presenta, alla pati di F, un testoalquanto scadente, UEALTRE oPERE DITERTULLIANO. Daremo alcunirapidi ed incomplet cenniariguardo della vasta produzione letteraria di Tertulliano, dividendo le ‘operein base alle loro caratteristiche dicontenuto, Serittiapotogetici 1. Aipagan(Ad ntiones) Sisto, probabinenter nei 197 libri 1 primo dimostra Vingiustiia della pasccasione contro eisian, secondo eitieaseveramentlareligin ne pagana, ullizzndo come fonte| Rerum dvinrate he nd Era Varcone 2 La tesimoninca delaia (De testinoio an Tearattere apologetic di quest‘opera& certo: Pautoe si stuia dl raccogtee a testinonianes dal! anima nom pen Yerta dalleeacaionen, per dimostrate Vesiscnta di Dioe sot attrbet la vida nell elds ela isompenea 9 ieastigo dopo a mort, Con la celebreespresions cnsne naturater christianaTeruliang indica iconoscierts tonic del Creiors, the dntadrtamente Sal contemplazione del mondo o dallesperienca, ches me alesta nee exclamation! quotidane cep smn Chey Diot», «Come Dio wiolen, «Mi raccomando'a Dion Ei seaso Comune, nave, ch ciinsegnaesstcnea df a Ex. ste supreme’ Questo ‘eto € datable, probabiinente vesoil 97 304 Seaputa (Ad Scopulam) Sittata dh un corageioeo appl rivoto a Scapa, pro- console d°Aftica,ferocepersecutore dei eratan per dual Tertullian vvendica pina liber di coscensa cc flione: «un dro del! uomo, un pees delist tata che clscino posa adorare secondo Te props ea ono nem ne von (cp 2) 1a non Sono oe ne ne 10 € onorano |’imperatore, ma sanno aol Bo tonincer verre mpungmente dro ang. Te Dan, dung monte Seaplane combate conto Basics non ashe smeared ae ie presente alata sito, au eee nel 212, In quant rla dell’eclisse totale di ete, nl 2, n quanto bar Gustteans comedian seenocellacoller vin of. Contra Giudei (Adversus Iudacos). ear Lostalonedques tatat, secondo gant Ten eno ie unas ena run a roselito giudeo. Nei primi otto capit ot Ro doyschel'AnicoTesemento ha pes ala ‘Ria davies ana merrtaonespetuae Le Sl 1, neve masta ee profes il Nea ono aerate Ges Crt, Per prim to capt lana eb ee iat, come ome Dale Brn ee ie EtenGaltocheup oto sato dali da a6 arsus Marcionem di Tertulliano, operato di mar Sapiatore oh ntendera,probabliment, com tame Serittpolemici corurm). ‘ed tne re una volta per semprela controversa tt ra Feta al eer con Prgoment cco dl pe ‘Sha pecminarment perio pra da ne ela formance proceso la quai provera iat Sine sect tia srt: senda Teale Ertl nou possono farerioro ala Seiturn, priat fon appartene lor. Nessunoy ld fuori quel chee a ho stati costituiti da Cristo, deve essere ammesso come redicatore del Vangelo; cid che ali apostoli hanno nace {ghato, inoltre, non pud essere provato in altro mode che dalle Chiese che gli apostoli hanno Tondato. La compos! tione del trattato siaggira, probabilmente, intorno allen: 110200. 2. Contro Marcione (Adversus Marcionem), sti gran lunga il pit esteso di tuti gli scrité di Tertulia- 0, comprendendo cinque libri. Il primo confuta il ditel, {mo di Marcione, dimostrandolo incompatibile con la no. sone stessa di Dio. I! Creatore del mondo si identifica, {fttaue, con i! Dio buono, come. dimostrato nel scone libro. 1 terzo esamina la‘cristologia di Marcione, dime, strando che il Cristo venuto sulla terra é il Salvatore aa, ‘unciato dai profeti ed inviato dal Creatore. I quarto el uinto libro crticano il Nuovo Testamento di Marclone dimostrando che non vié contraddizione tra Pnticn ei Quovo Testamento. Tertulliano ha uiilizzato, per questo {attato, il Dialogo con Trifone di Giustino, tAdversus ‘Haereses di eneo ele Antitesi di Marcione. B stata wlio 4ata, probabilmente, anche un'opera perduta di Tesfilo G Antiochia contro Marcione. 1! trattato di Tertullian {into alla sua forma attuale attraverso due successivi {acimenti, come l'autore stesso ci fa sapere. E stato con Pesto, con ogni probabilta, negli anni 207-212, 2. Contro Ermogene (Adversus Hermogener), Ermogene, gnostico di Cartagine, considerava la materia ‘ia sera: Ia considerava uguale, in questo senso, a Bide ammetteva due dai, Tertuliano confuta Bemovene Giendendo ta dottrina cristiana della creazione, dacs Hando che la nozione stessa di Dio elimina Tipotes! aletemita detia materia. E probabile che Tettullions {Bhie conosciuto e uilizzato un'opera contro Ermosenc E Teofilo ai Antiochia. La composizione del tratiata ‘embra di poco posterioreall'anno 200, 4 Controi Valentiniani (Adversus Valentinianos), ‘Sirate di una esposizione satiiea della dttrina valenti- sian, dipendente in gran parte dal primo libro della. Wow’ Haereses di Irenco. Sono peré utilzzati anche Gi ‘o, Milziade e Procio, che Tertulliano stesso mensions operas presenta come il primo abbozzo a un ben pid vastoafirtco che Tertullanohaintensoned delncare Sul betes (De baptism). Bonopera di fondamentale importanca pera storia del- Tnlturgia, ed eV anico eattatodedeato ad un sacramento Scritopriena del Conelo i Nicen Q25 &C.), Tertuliano hasenoil De bapismo pr combaitere la seta del cost dest Catnit, che solevavano coat i sacramento ble: on asa ronal: ome au ui nmesione tel aqua purifiare anima? Icaragineseisponde con Una commosia exltazionedelPacqua, elemento sempre pretente nel grand gest saved Dio, sulaqualelo Sp fto ei Dio st ibrave fin dala crearone Il trattato com. prende una dettagliata dserisione del to del battsimo, £1 uampla anals del test bli! i eu questo sae ‘mento ea preiguato. Sono inolie ascusprobl ‘all necesit cel batesimo per ia sevezz, i dito d Sonferito, la vast del battestmo degli ee, bates tno dei bambini al quale Tertuliano st dchira, perso. Talmente, contrast, La data di composzione ¢ compre $8, verosnlente, ail 1981200. 6. L’antiscorpionico (Scorpiace). sit una diese dl marti conto a rots agonal al scotpon. Esl sostenevano om @nearo in gut Dio ron pe deserae Spurgimento di sangue mano: Terultano replica taro, incaso di nsessit iventa sn dovere, elo df misc come ins nuova nascta, come un vero e propia Battesimo di sangue, I trattato fu serio, probabilmente Ghrantelaperseevione di Scapa, forse nel213 "La resurretione dela carne (De resurecione cara) U tratato consist in na fesa dela dottina erstana Sula resurtesone, contro pagan, Sadducel ed ve Gran parte celropere dedicataalesame de pass bi GaPAntco © Nuovo Testamento stestant in resure Hone 8. Conto Prassea (Adversus Praxean, . Una dele pt important opere di Tertlino, i pit im pottante conrbuto della tologa di inguaiatina ala Aottrina della ‘Trinit, prima de! Conclio dt Nice, ht ae sb unran ur dle se emule. rasen arene Hoconte cal scive Terallna, Wenifened bate UTialo: secondo tule Pasre mages Geren eeiy Verne, el nacque dae ea stfseel naccesc soma, fa Gest Cts (ap. Terenas hela rlacione eaten Padre Fighonee ee {ao alla und i Dio, perctena non Reon ea dives masvanaine Ante pase fmicaenteinerito nla Hiandcone eae ttlaPerosonottenonperla qualita mace Perla sostanen ma para fomna now ne ene Pet appt, Son tuna solasonan eee ttt eatuna sola prensa, poche non’ shes foes Na‘ ela an del oo faa oo it, vegono dsgna oto nomi dike ye. Spit Santon ap. 35 Tertllane springer aca no che usa iva cone vocabolo een ae Compost, pobabimente near 2Delinina Deane In questo trattato Tertulliano non persegue lo ‘scopo di tha espossone inte, ma ole eoe eat anee soarine erate, Dopo a pefurione (cape an seas Parte de opera cere lequiafonsapena ee bi sate delfanina Cupp. 493) rena ee fe conta Pstne che anon ana soc tt, ee a uso nl tempo Traea fea ivi, diy sa forma eases one tata Daresuda origin deanna capp Soh Sena Ferliane Panima ei orp asivano alge eens teamente gi dningue seme del ea mult ‘ania, ed nsegnn ce ate dla genres Vitro sere unto, corpo el an ane ts, dungue, nega la ceisone drcta aaa Soh site da pate Dio. Latersa pane Gang a hal dessin dlraina ds ene heat sp fino na Ade fino ala reureione tant, fel hmmo icine nn ac. fos nda ulead Tertliane& uae Pua mia del medio Soran Rieu a trattato Dellant- ali Stoii, la corporeita dell'anima. L’opera é databile tra 1210 ei 213. Seritsullaclsipina, le moralee aces 1, Aimartr (Ad martyr) iat un de prime ope Teullnn Indie atom gruppo di crs cheatendevano in carcere arin pr vor confessato la fede Ik esrta el ine tage als fermess, Il marti, et Terullan, ¢ un eeSsalmentoy nil esian porta tion: «Voi Slate pe affoniare un bel combattimento, dove abiro 27M wor Sprto Santo i vos allenatoe; i pre. dno, un cvona ctetna di exsza angele, ln citainan- ‘2adeicieli, ja gloria che non avra mai fine» (cap. 3) Gitspetacol De specaculi. Bane condanna assluta di uti lochi del cro, deo Fado cdalranfteatr, ei tut icombattiment dale Sa Gsalaton. Comprénde due part, una storie (app. LEP e ate morale (cap. 630). Nella prima parte ‘arliano simone che ut spetacol pe oro ilue, pera lor storia, pri lore nomi, non sono at Sea orm di dolatia, Nella seconda parte, invece, cimo- Sra hea spetcol ecando Ia passat dlc: oforinanomorament,e sono quid incompati Tonia profescione dela fede exstiana. La pi probable Setaadicomposiione anno 197. ‘abbgoment dele donne De caltuerinaun) LLoperacomprende due Ibe, che in grigine costiavano Teemu dein: De haditu malebrie Dect femina- Fumi secondo dt de seth non completamente {d'peimo, ma rprende io stew argorento in manera pi compte Terlian ci donne tine 8 ngere le lusinge della moda de! pagan, ea vsti mo {Dement corpo, eal afferma, & oper dl Creator, i now électoalfrarne aspeito con cosmetic, Rif, agifcherebbe disprezmare quello che Dio ht rete, cedendo 6) pote! sagiungere avalos di me eee onto broil Decl femfnarun apparel Bao Tha moderato cel primo. 4. Laprethera (De oration. Utraitalo, compost verso i 198-20, @inivzamto ai ca- tecumen. Dopo una pemessa nella quale metic nilcso Ja superorth della pregheracristana rapes 2 quel dill’ Antico Testamentoy pasts a esaminate i Per no: ster, di ei cositusce i pli anico comment che cia Dervenuto. Lopera contiene inolire una serfe of interes fant inieazionipratihe eiea le modal dla prepicns Clospirto ce deve animarla.Seitaperlpopoloceiiae ton generale, non per una cerchiaroete, ques "opera & preciosa non tano er I profenia dela viione coos flea, quanto per la manieraaltamente suggestive con ‘Sprimeisenso cristiano dela vite. 8. Lepatiena (De patent, iesoperayrislene gl ai 200203, ¢ una dserato- ae del ristiano ideale. La pazenca afferma Tertullano, hala sa origine ei suo modello nel Ceatoe, che faa? fete su sole sui sustesoptingius. Cristo ne dh un Stele ancora prande conta sua via, cone nue so ferenze ela sua more, La perienza precede segue 4, che non pud esistre sea ile; Pimpasiensa, acon teat, la madre di tuted pesca, Tetulano esata correndo anche ad eserpitrattidala Bibb, vataga¢ ltbleze del psoas cristina, S. Cipriano he ga Bente attinto a quest opera per la composiione dl soo Debono patientiae, a ms c 6. Lapenitenza (Depaenitentia) Itrattato& grandisima importanza pela storia del sa- Grant del penitent de netamene no par laprima tratt della pentenza acu deve sttopast op candtato al battesimoy I seconds si ieisce a tna te conda pentenza che Dio, nella sua miseicordi, ha col lao nel estiboio perch pra acolo che busses ma ua ota soa, perch gil seconda volte» (ap. 9. La second peitenea, dic Tertliano parla inquest et to, quella che precede la riconiliaioneeclstascs per ateneria il pecatore deve sottopors ala confesione pe bie, © compere att di mortificavione, Sombra cera she Teliano, nel De poenitenta, tat del scolurone dale copesra Loner databile al 03 1.A sua moglie(Aduxorem). ; ‘Comagua tat 2001206, opera const die libs nl comPeutore dala mogle dei conse da seguirein caso qpatdovanea, Nel primo libro le raccomanda di restare aoererpoiche non vit nessna buona ragione che posst Weiott din ristana acontrarre un secondo matrimonio BeEoohdo iro, inveee, Pautorediscute il easo in ct fur opie non sone arimanere sola dope ast Sea ctas questa pots, la prega dl promettere che 5 rer cn eoatano. [ matrinon ta fedel ed infedel cost sean ee penicolo pela fede, ead ess Tertullian con- trappone la felicea ddue sposicristiank *Prone lacone alg castla (De exhortatione casttai). ee eiaerate ed un amico di Tertullian, rims cree 2 Serttore iprendendo in esame 'argomento Yule ieoonde nome, To invita a non rsposars. Rspeto dina uxorem Vattegglamento di Testulliano appar ne enim el atimoni, moto neat: en arias Mine matrimonio come un vizio Teitimo, esaltando Sin ih la continenca, Molto inceta a da Hone doer che ciate i212 ‘)Lamonogarmia (De monogamia). haps bnllanteeaggresiva opera Tertllano sul pro- Ficnn del matrimonio e delle seconde nozze, L'autort Beem Sema sotto il pieno influsso delle idee montan- fe, come testimonia Vesplicito riferimento alla «Nuova Profezian di Montano. Tertulliano sostiene una tesi che, aire, rappresentail gusto mez20traglcocessi de sabi the dutanototaimenteil matrimonio, e quel Beret che permettono di leevero pt volte ct de cate jin Te seconde nozze cite, alla streaut “ne toe difende a sua dottrina invocando 'ao- se aa paracito, del Antico Testamento, dl Vangeloe roe tee i Paolo. I trattato sale, con tutta proba tia, 210. Tolrteio dele verginl(De virgins velands, seco Testi ecessari ce fe erin ortin Secondo tural natura ele buone mantece concord vee edo. Mat soprattutto fo Spirit Santo, no ne Trtalliano, che el spinge a comprendere tale ne cessit, sulla quae i cristiani non presentavanoidentita di Yedute: il compito del Paraclito,infat, ¢ di operare un Continuo miglioramento dei costumi allinerno. della Chiesa. Il tattato sembra essere stato composto prima ein 11. La corona (De corona). Ala morte di Settimfo Severo, nel 211, j uot fg elarg- rono una somma didenarosllesercto. Almomento dela Aisibucione | soldati si awicinarono corona i alloro, tranne uno Solo, che motivo il suo rifiuto dichiarandos} ctstiano: per questo motivo fu procesato e condannato Tenullano esata il suo coriportamento, difendendolo dalle critche avangace anche da parte del cristien: ad un fedele€ probito, secondo lui, portare la coronemilta Derché la guerra edi servizio militare ono incompatii fonla fede. I cristiano conosee un solo givramento, quel- lopronunciato al momento del battesiao, eum solo servi- zi, quello di Cristo, suo te. La data di composizione fettopera®, probabiimente i211. la, be ite nal etic (De fuga perc lecto ad un cristiano salvasi con la fuge durante una yersectrione? Secondo Tertlliano la fuga ¢ in conteast Goa volonta di Dio, eheintende meter alla prova ci Sinipermettendo la perseevione. Lo scito& datato al an 1B.L'idolatria (De idatotaria) Quest pera prende I problematic det De corona, ma ‘pera limit di questo argomento preciso s propone di liberate il eristiano da ogni vineola che lo Tega allidola- tia. Un gran numero di professions, dungue, sono cons erate da Teruliano incompatbli con la’ professione dela fede, e tra queste anche insegnamento, perce Ia ‘eteature pagan é piena di Todi agl idol. Qual fick delo Stato pud oceupare un ristiano? Secondo Tertllia- 4 nessuno, perché sarebbe inevitabile il compromesso ‘oat idlatia-Loperasembra risalice al 211 H.lldigiuno (De eiunio adversuspsychicos) Terliano, ormai aderente al montenismo, indirizza uso seritto contro i cattolci, chiamati con disprezzo «epsichiein, valea dire dotaisoltanto dell’anima, m dello Spirio, L'argomento della controversia il To seritore difende la prassi montanista, assai pi rigida della cattolica. Partendo dall’Antico e dal Nuovo Testa- ‘mento dimostra la necessit del digiuno e suoi Frutti spi- rituali, rovesciando contro gli avversari volgarissime ac cused lasciviaeingordieia 15. La pudicicia De pudicitia), Questo trattato costitusce una energica polemica contro Ja disciplina penitenziale della Chiesa cattolica africa E preso i mira, in paricolare,l'edietum peremptorium din vescovo di cui non sicitail nome, il quale afferma di rinettere | peccati di adulterio e fornicazione a chi fard ‘ebita penitenza. Di quale vescovo si tratta? Molti hanno freduto. di poterlo identificare con il papa Callisto (217-222), ma & pid probabile che possa trattarsi del ve scovo di Cartagine, Agrippino. ll De pudictia sostiene, rispetto al De paenitentia, wna tesiesattamente opposta, ‘come Tertulliano stesso ammette apertamente: per la pri ‘ma volta,'nella storia della disciplina penitenziale, sono citatii tre peccai capital di idolatra, di fornicazione edi ‘omicidio, considera dallo scrttore come non remissibi La Chiesa, secondo Tertulliano, non hail poteredi petdo- rare peceati cosl gravi commessi dopo il battesimo: solo Divo pud farlo, eintercessione stesa dei martiri ine 16. 1/pallio (De pallio). Tertlliano serisse questo crattato in propria difesa, a lorché fu etiticato per aver sostituito, nell’ abbigliamento uotidiano, il mantello, o pallium, alla toga. Lo sertiore replica ai suoiconcitadini che a toga fu introdotta dai Ro- ‘mani dopo la vittoria su Cartagine, erappresenta il simbo- To della sconfitta e della rvina, I palo, invece, era ports to un tempo da persone di ogni rango: esso,inoltre, Tin: segna dei fllosofi, dei retori, dei poeti. I! cambiamento G'abito, nel caso di Tertulliano, cappresenta anche la sot ‘onversione al eistianesimo. Molto divisi sono i pareic- a la datazione dellopera: una ipotesi parla del 193 come Geil'anno pit probabile, ma &alquanto verosimile "pte che vorrebbel'opers composta negli anni 209-211. Degli seri perdu dt Fertulianociniiame ac ‘toli: Sull’estasi, scritto in gr De: un Depara. ; e20, espe fidellum,Depara dis, Adversusapelicas, Devens onnae, Dated 4nicum phitosophum, Dé Aaron vestiou’ De‘care et ‘ima, Deana submission, De superationesoce Giupizi cRITICI Dopo la morte di Tertulliano un velo di silenzio si stende sulla sua persona ela sua opera, Cid non significa che cis fosse dimenticati di lui: strata, al contrario, di un silen- tio imbarazzato. Non era possibile ignorare vin autore dela sua forza e della sua profondita, ma sembrava per coloso nominario esplicitamente, poiché egli aveva con tluso [a sua vita in aperta rottura con la Chiesa. Valga, er tutti, Isempio di Cipriano: pur utilizeando ampia. mente, nei suoi seriti, le opere di Tertlliano, evita accu~ ‘atamente di nominatlo. Il primo ad infrangere questo singolaresilenzio sara Lattanaio, nel quarto secolo, nomi tando Tertulliano nelle Divinge institutiones 51,23. 1 tudizi pronunciat! dai Padri del quarto e quinto secolo su Tertulliano oscillano costantemente tra 'ammirazione peril suo ingegno e il rimpianto per la conelusione eteto= ossa della sua opera. Riportiamo alcuni brani di Tleio, Girolamo, Agostino, Vincenzo di Lerino, lio di Poitiers (IV sec.). Dal Commento al Vangelo 4 Matteo, 5,1: «Cipriano, vomo di santa memoria cha liverato dalla necessta di soffermarei sul mistero della beeghiera, Auche Tertulliano, tuttavia, fa serit in pro- posto un libro molto utile, ma "errore in eui poi &caduto utolto crediblita anche ai suo seit ortodessin, L’ope- ‘aacui Tlario allude €il De oratione. Girolamo costituisce, nella Chiesa antica, i pid impor- ‘ante testimone di Tertulliano, al quale lo legava una aff ‘id intellettuale espirituale. Nel De virsilustribus, cap. ee sofele segues notte ud Traian, pe ‘piste copa name come pmo ded sito- atin ta dopo Vittoree Apollon, Bnav dll Af care prectaments dl Cartage, filo dun eantuione froconslare Dingegno penetant efocoso, Tertuliae Boon sopatt stag imperator Severo e Caracal Ie Sere mote ope, ce qui alasclamo perch noe ‘Saal To'ho conoweluto un decry un ceo Paolo di ‘Concordia, ets deta i qualedeeva di ayer Incon- {rato Rote, quand’ era sicorsplovanioimo, seg ‘i ta bento Cprian, ormalvechssimo. E quests ‘Recontva che Cipio era soto on lsciar pase ‘meno un sor, sence fore lettre Tec Rovanal spew i dcev: Dama il maestro, inca Ioan Teulon. Quest upretein seo le Chiesa fa ‘eso | quarantany pol, pee avila pt le ingle Isnclatel dal eo ella Chiesa romana, cade nlee- ‘St Mortansta in mol ibriegh fammenzione della nuora ‘esi Sere in parucolare conto fa Chiesa |volumise uenle-Le dicta, Le perseoaione, I dilun, La mo- regu aisle som sn et race Jee conc Apollon. Sidi ce sia visto fin ata dost ete che abi aves pubblico aleune oper «ee Sgl perder, Eevident, in esa tetimoniana islam, a prcoecupzion eagionar, in uae ‘Rode Texulano,nvocando dle atenuat pet ise ‘Rperaone dalla Chie. Non ¢afftto provato nels, Se Terutane one sncodate: dale su opere non sina ‘Savatealcuna prova sere In un paso della Fpole TSae2 Glam formulas Tertllano un sudo pi omplese estumato,accomunandao ad alte seoiee ‘Sasa: ee-tengo ches deta tava leggere Org Sc eseop di cudone cos eam Tesallan e Nova ‘Rinobioe Apolinareed custo ecclesia Tan seme, In modo fle da sexe cl che in lro Si El buona ed evitare i contraro, secondo le are Uaepowalo Pols che sie Beaming to, conse ches buonon unio glu eseisvamente De $SSGe pate Cirlamo, a rova in Adversus Hebi ‘um 20 aD Tertllano dio sotto che non era nue x0 goto, conta, non ama fae es fulano, ¢ quando fo nominaespictamente 06 snes snout poem, come el Debora mans che neppureiCatatrig Monanni)e| Novant fnemmeno Tertulliano, loro elo sostenitore, tr catnio sentry tao oso deine tpn: Fur gine se spo eared Tein grass sted ppons, dl cet, dmostradiconcnsrehend oe ‘operedi Tertulliano, tracuiil De anima, ae alissmo fegegn, che purtcoppo non i primo di tue | nos Uno ti setttorin. (Commonitorium, Naanno 496 Deeretum seta Teralan cone oat sent 48 condanna essi contin ‘cere ames Ge St condan \uarono ad essere. ‘rasmess Su Tellin, ne, cade dl nuovo f leg Fa trande figura che lo ha letto e amy ilzzato Sige Eni uncclolalsocimphnenewitzae it tt seco). Ben poche tequmoniane a cto del melee ad gus on quella di Pascasio Radberto,teologo di eta carling tenella sua Vita Adholordicta i De pudicita, definen- Gp Tertulliano «molto facondon. Bisogna_attendere ‘Umanesimo perche le tenebre i diradino definitivamenr ter nel 1321, 4 Baila, ¢ pubblicata la prima edizione ‘Sampa di Tertuliano, cura dell umanista Beato Rens SEMMia E soprattutto Bratmo, il «Principe» deal umat BE che dimostra di avere una profonda e meditata cono- SEGA dll opeta di Terellano: sono frequents ne SSel ceri, iferiment split al eartagnese, sempre {Improntati ad una grid serenita ed equilbrio, con w iusto rconoscimento dlla sua grandez2a ma anche de iol imiti, Erasmo dimostra di aver lest Tertullino pe reo Uhoora dela edizione del 1321, ditetamente soi ma a ath Riportiamo un suo giudizo su Tertuliano, che Porta riprendere quello di Vincenzo di Lerino: «Quell the Origene fu per Ored,.. questo fo fu Tertulliano pet Gh Aftsant Era un wom versato in ogni genere di dis Sian di ingegno perspeace, dl giudizio sicuro, ma pt Pare dele vereinita condannd erroneamente le secon: {de notsen. Gi trove in Brasmi Opera Onna, edizione Leyden, vol. V32C.) ‘Dopo Erasmo prosegue Ia diffusionec lo studio dele pect Tertulliano. Il padre della sienza moderna, Gtx ‘dimostta dl avero conosciutoe stimato. Nee Inaus litera Cristina di Lorena, in difesa del sistemaco pernicano, eta un passo del’ Adversus Marcionem a0: ‘feano della sua test circa il rapporto tra rvelacione nat «Nol definiamo che Dios de se ot conoiete Brofondamente con Vinsegnamento. La natura ce loft Eonoscere con le se opere, Pinsegnamento con Ia pred Sazlonen. (Adversus Marcioner, 118.2.) [Nelsecolo XVII Bossuet, i ealebre predators cone cork Tertliano «tna forza di ragionamento che A Ubvertssements aux Protestants, avert, XCV.)S Webbe possibile fornire, qui, un panorama completed ‘dis modern’ contemporanelsu Tertlliano: clini 3a remo i eencarn lun, dow pi cent ed eminen- tistudiosi del cartaginese, ® P. Monceaux: «Tertuliano & una delle glovi della hese ane grand itr cian > fia latinay, (siotre lneratre de l'Afrique chrdienne, nein de Afrique chréienne, A, D'Alés:«Tutta la tradizione latina riete le sue for- nulee attingeal suo penser. Quest"vomo,cheesercto fal so tempo una influenza profonda,.. suovamente Sivenuto per nol une dei pis important teitimoni della fe- eanteas. (La théologiede Tertulien, p. 498.) HH. Koch: all padre dein teolosinoccidentaley IRE,V,A,1, col. 839), * 4.€,Fredoulle:«Tertliano si roa, nel mondo lat soatansolazioneesttadi ve mental, ches afron- omer sie dover cure prin ate {tana nts, Epll a questo iguardo, un estimone pr ‘iegtoy:Cerulon et le conversion de Ya culture ant ep) Suparticolar aspett del suo pensero fiacoficae eolo- co L.Moingt, Théologietrinitore de Tertullien, vol. L1V, ais 1969, Braun, Deus Christianorum, Recherches sur le voca- Oulare doctrinal de Tertullen, Paris 1962, 1977" R,Cantalamessa, La crstologia di Tertllano, Fribowre 136, W Bender, Die Lehre ber den Heilgen Geis el Tet lan, Miche 1961 K. Adam, Der Kirchenbesriff Tertulians, Paderbor ban G-Esser, Die Seelenlehre Tetulins, Paderborn 1893, D. Michteliges, Fol, Eriture ef Tradition, ou les «Pra ‘ziptionesy chez Tertullien, Pais 196. lien, Sacramentu chez Tertullien, Pars 1970. RD Sider, Ancient Rherorikqnd the Ar af Tertulian, Oxford 1971 M.Spanneui, Tertullien et les premiers moralistes afr cans, Paris 1968, Rambaux, Tereullien face awe morales des trois pre: slosietes, Paris 1979. BIBLIOGRAFIA, Della vastissima bbliografiatertullianea riportiamo so tanto leu tol essenzial Sud complesivsuTetuliano (Ch, Guigneber, Tetulien. Etude sur ses sentiments Forde emprer det soc cite Pus 9 ‘Dlts,Latofogte de Tertulin, Pais Sp. Barnes Teulon, A Htoricaland Literary Study Gxforsi97 Se Rtedoulle, Tertulien etl conversion de acute antique, Pais 972 Suds ting etoile H. Hoppe, Syntax und Sil des Tertllon, Leip 1908, E_Lsted, Zur Sprache Tertullans, Lund 1920 Gi. Mohmlann, Observations sur la langue ele style de Terulien, Btude sur te Tatin des Cheetiens, It, Roma 195, pp 235-246. ‘Su Tertuliano eit Montanismo Pde Labrie, La crise montanist, Pris 1913, pp, 294% K. Bagplotio Le diaspora catajrigia: Tertullano ee ‘Nuova Profecian, Roma 1924 ‘Perlinflusso di Tertulliano sul seritior posterior ‘A. Harnack, Ober Tertullian in der Literatur der ater ‘Rirche, Sitzingsberichte der Preussichen Akademie dt Sate Bein). 554 eee mtn in iitlaer Hermes 039%, 26 BP Maal, Linfluso di Tertuliano su Gialamas: Sper matrimonio fe seconde nose, Augustinians Se 979). pp. 415-4. Susu opere particotari AP. Waltzing, Pour ude de Tertulien, Introduction & Papotogéigue, Moses Belge (1921), pp. 7-28 G. Pasquali, Perla storia det texto dell’Apologetico di Tetlano, Studi Htalian i Filologia Classica, 71929), ws A Velco, Larivelazione ee sue font nel wDe praescrip- tne haereticorum» di Tertuliano, Roma 1938 us