Sei sulla pagina 1di 650

B

5.

xr.

S
f5:

Digitized by the Internet Archive


in

2011 with funding from


University of Toronto

http://www.archive.org/details/inventariocronolOOnapl

:*-*5!"

'^
LIBRARY

TT

m:

cr

Ili!

DEI

REGISTRI ANGIOINI
CONSERVATI

NELL'ARCHIVIO

DI

STATO IN NAPOLI

NAPOLI
TIPOGRAFIA DI^R. RINALDI E

G.

SELLITTO

Larglietto Forcella, Palazzo Municipale

18 94.

L*'

LIBRARY

ti^roKto

696^ \ Z

,3^6^^

KON

PROSPETTO GENERALE DELL' OPERA


"Sis^iiiiOS?*-

Prefazione, pag.
Elenco de' registri

vii

a lxxxi.

esistenti nel 1284, p. lxxxii a lxxxvi.

PARTE

I.

INVENTARIO CRONOLOGICO-SISTEMATICO
Avvertenze per le tavole.
Registri ang-ioini, p, 1 a 406.
Aggiunzioni e correzioni, p. 407 a 412.
Nuovi volumi de' registri angioini,

p.

PARTE

413 a 426.

IL

DOCUMENTI ED INDICI
Avvertenza.
A.

Documenti

Inventario de' registri del 1568, p. 431 a 457.

Elenco de'

registri

Spogli

sopra

fatti

stampato dal Borrelli nel 1563, p. 458 a 460.


registri angioini da diversi autori, p. 461 a 470.

Repertorii de' registri angioini esistenti in questo Archivio,

Confronto del numero

ordine de' registri esistenti col


476 a 478.
d'

tario del 1568, p.

Quadro generale

de' registri esistenti

che accertano

pertorii,

il

titolo

con

471 a 475.

p.

numero

le citazioni de' voi. e

dell'

inven-

dj)
pag. dei re-

originario del registro, p. 479 a 494.

Elenco de' registri creduti inesistenti, p. 495 e 496.


Elenco de' registri Angioini inesistenti con le citazioni de' voi. e pag. dei
repertorii, che accertano il titolo originario del registro, p. 497 a 409.
Elenco de' nuovi voi. de' registri angioini, p. 500.
B.
Atti di Carlo

1,

p.

Indici

501 a 507.

di

Carlo

II,

p.

508 a 516.

di

Roberto,

p.

517 a 524.

di

Carlo (T Illustre),

di

Giovanna

di Carlo

di

Ladislao,

di

Giovanna

senza data,

Correzioni,

p.

III,

I,

p.
p.
II,

p.

543.

cronologici e sistematici

p.

525 a 529.

530 a 533.
534 a 535.
536 a 538.
p. 539 a 541.
p.

512.

PREFAZIONE

1- Stato dei Registri sotto Carlo I. 2. Ordinamenti della Real Cancelleria,


Sommario.
da Carlo I, e sue modificazioni. 3. Numero dei quaderni o registri di quel tempo
4- Rubriche dei medesimi, che modificandosi il sistema s[)ariscono,si trasformano, o si aggruppano
spiegazione delle medesime. 5. Rubriche principali che restano nei registri successivi e spiegazione delle medesime. 0. Regno di Cailo li. Modificazioni introdotte nelle dieci i-ubriche principali. 7. Rubriche straordinarie, Cai>itoli del Regno. 8- Ruljriche nuove e spiegazioni delle medesime. 9. Regno di Roberto. Registri del re e di Carlo l' Illustre suo vicario. Rubriche straordinarie o miscellanee, e modificazioni alle Rubriche ordinarie. 10. Rubriche nuove e spiegazione
11. Regno di Giovanna I. Continua il sistema precedente. 12. I durazzeschi.
delle medesime.
Innovazioni nel vecchio sistema della Cancelleria Angioina introdotta durante il loro regno.
Confusione di tempi e di materie nei registri di Ladislao. 13. Condizioni matei'iali dei registri e
loro vicende. 14. Luoghi dove stava 1' Archivio fino al secolo XVI. Collocamento del medesimo
15. Compaginazione e rilegatura dei registri fatta nel secolo XVI
e confuin Castel Capuano.
sione ed eri-ori della medesima. Stato e vicende dei registri nel secolo XVll. Studi fatti sui medesimi. Spogli e repertori!. 16. Saccheggio dell' Archivio della Zecca nel 1701- Registri perduti o
distrutti. Studi, spogli e repertorii del secolo XVIIl. 17. Nuova rilegatura dei Registri nella fine
del secolo XVIII. Maggioie confusione e nuovi errori della medesima. Quaderni e fogli lasciati
senza rilegarsi o dimenticati. 18. Il grande Archivio del regno trasferito nell'ex monastero dei
Ss. Severino e Sossio. Nuova numerazione e nuovo catalogo dei registri angioini. Errori del
medesimo. 19- Inventario cronologico e sistematico dei i-egistri, Accertamento e -rettifica dei
titoli erronei. Lavori fatti a tale oggetto e metodo tenuto. Conchiusione.

introdotti

Nel presentare

pubblico ed in ispecialit ai cultori delle


storiche discipline questo lavoro dell' Archivio di Stato in Napoli
sui Registri Angioini in esso conservati, io ho creduto assolutamente inutile far rilevare al lettore la grandissima importanza,
che queste scritture hanno, non solo per la storia dell' antico
reame delle due Sicilie, ma anche per quella di tutta Italia e
degl'altri paesi di occidente e di oriente, che formavano il mondo
civile nei secoli XIII e XIV. Essa cos generalmente nota a
tutti gli studiosi dal secolo XVI in poi, che non vale la pena
spendere alcuna parola sul proposito. Ne d' altra parte ho creduto utile ed opportuno trattare qui preliminarmente della Cancelleria angioina, s in riguardo all' amministrazione generale
dello Stato, e s in riguardo agli ordinamenti speciali di essa o
della regia Camera. Tutto ci, senza parlare di altri, che pi o
meno largamente e in tutto o in parte ne dissero, gi stato non
ha guari dottamente e con sufficiente ampiezza esposto dal signor Paolo Durrieu nel suo studio sui Kegistri Angioini di Napoli. In un campo gi quasi interamente e cos accortamente
mietuto, io, per quanto riguarda il regno di Carlo I, non potrei
che scarsamente spigolare, e per i regni successivi che poco o
al


imllii inutaroiio uell'

VJII

ordinamento politico ed amministrativo del

reame, poco o nnlla potrei aggiungere.


^li limiter quindi a trattare piuttosto di quel che pi da
vicino riguarda l'argomento di questo libro, che e semplicemente
un inventario cronologico e sistematico di quelle scritture cio
della parte materiale dei registri, della formazione e dell' organismo di essi e delle vicende che subirono dal secolo XIII fino
al presente. Esporr quindi gli argomenti delle varie rubriche,
che a ciascun quaderno o registro furono apposte, dal 12(35 al
1434, spiegando la ragione ed il significato di esse, non che la
natura degli atti in esse compresi e le attribuzioni degli ufficii,
cui quelle si riferiscono. Esporr medesimamente lo stato materiale dei detti registri in quell'epoca, le vicende di essi nei secoli
XVI e XVII e la prima rilegatura dei quaderni e registri in volume, facendo rilevare i numerosi e gravi errori incorsi in essa.
Iiicordati poscia i lavori di ogni genere fatti allora e nel secolo
seguente sulla nostra collezione, ed il numero dei volumi, onde
in quel tempo componevasi, ed accennate le perdite subite nel
1701, parler della seconda rilegatura del secolo scorso, che e
quella stessa che tutt' ora si vede e noter la supina negligenza
e la non poca ignoranza, con cui essa fu eseguita; essendosi lasciati tra l'altro sciolti e confusi negli scaffali e senza apporvi
alcuna indicazione, numerosi fogli e quaderni di pergamena che
a quelli appartenevano. Finalmente, tratter dell'ultimo ordinamento e del catalogo fatti verso la met di questo secolo, quando
il grande Archivio trasportavasi nell'ex monastero de' Ss. Severino e Sossio, ove ora trovasi.
Esposte cos le vicende e lo stato attuale dei Registri Angioini, donde apertamente rilevasi la necessit e 1' utilit per i
nostri studi di un inventario cronologico e sistematico degli atti
contenuti nei medesimi, io passo a dar ragione di quel che ora
da noi si e fatto in proposito. E dir della formazione di quattro
nuovi volumi composti con le pergamene trascurate nella fine
dello scorso secolo, del reintegramento di un volume e dell' aggiunta di un altro nella vecchia collezione con libri che erano
stati malamente collocati tra i i^asczco^z Angioini. Tratter poscia
della rettifica fatta dei titoli di 87 registri, che furono erroneamente caratterizzati ed indicati nella rilegatura dello scorso secolo e nel catalogo del 1855. E dir in ultimo del metodo tenuto
nella compilazione dell'inventario con le analoghe tavole illustrative non che della presente pubblicazione del medesimo.
;

secondo clic
pu rilevarsi da un ])rezioso documento dei 21 novembre 1284,
in cui si notano e si descrivono gli atti della cancelleria Angioina
in quel tempo esistenti (') i Registri Angioini si dicevano propriamente Quaterni, Registri, Libri registrorum, ed erano o legati cum
I.

In origine durante

il

regno

di Carlo I d'i\.ngi,

coperta (Doc.

cit. n.

e 'passim)^

cum

tabulis (n. 2(3, (30), o sciolti

inpecie quaternorum^ e queste divise e legate cum cordella (n. 83).


Ordinariamente avevano nella covertura alle volte dalla parte
esterna, coperta exteriori o exterius (nn. 1, 3, 71, 82) e qualche
volta anche nell'interna ex parte interius (n. 75), ed in mancanza
,

prima pagina

nella

interius in

prima pagina

(n. 5),

il

titolo indi-

cante spesso gli ufficiali, cui gli atti erano indirizzati, o l'oggetto
e la natura degli atti medesimi ivi contenuti Q, e sempre il
,

tempo, cio l'indizione, cui essi registri si riferivano Q. Quando il


volume conteneva due o pi. materie, il titolo era doppio e si scriveva a dritta ed a sinistra della prima pagina ex uno vel ex alio
capite (n. 72). Qualclie volta inoltre, il volume non aveva altra
designazione se non l'epoca ed il nome del cancelliere, sotto il
quale era stato compilato il registro, e il tempo o l'atto, da cui
il registro medesimo principiava (^). Cos, per dare alcun esempio delle varie intitolazioni dei volumi in parola, noi abbiamo i
registri o quaterni jitstitiariorum, secretorum ecc., o, uhi continentur
secreti et procuratores^

dixarum

(^)

registri o quaterni extravagantium^

abbiamo pure

il

con

apo-

la relativa indicazione cro-

registro (n. 59) cominciato ai 27

vembre

(li

ecc.; gli uni e gli altri

nologica. Cosi
aprile

ed

Ind. (a. 12G7) e l'altro (n. 29) cominciato ai 30 noXII Ind. (a. 1268); nel quale ultimo la prima lettera

Questo JocomcMito

re Carlo I d'Amji

fu i^ubblicato

t.

per la prima volta dal eh

Del Giudice [Cod. diplomatico


Duruieu [Los Archices An-

nella lrcfazionc) e poi ristampato dal

de Naplcs t. II, p. 11 e ss.), il quale per meglio utilizzai'lo ne distinse con numeri prociascun articolo. Esso una quietanza rilasciata a Ludovico de Monti, capitan gencM-ale
del legno al di qua del Faro, pei" la consegna da costui, giusta gli ordini precedentemente
ricevuti, fatta ai preposti super nj/icio 'jrafti hospiiii nomino Camere in Bari dei registri,

'ji'cincs

grc.'jsivi

che stavano
poriaii'/.a,

lo

Napoli. Noi, adottando la numerazione introdotta dal Durrieu, per la sua imristampiamo in fine di qnesla prefazione, e da esso i-icaviamo quanto ci occorrer

in

notare intorno allo stato dei registri


(')

Qualche volta

il

titolo si

di

Carlo

d'Angi verso

la fine del

suo regno.

legge nella seconda ed anche nella terza pagina (Doc.

cit.

del

1284. nn. 60, G); altre volle esso trovasi duplicato, leggendosi sulla covei'tura e sulla prima pagina, o perch in quella era illegibile (Ivi n. 70) o perch in questa l'oggetto del registro si

ove nella covertura si leggeva: Registrimi


Secretorum Frincipaus Terre Laboris et Aprntii.

volle pi determinare. Cosi nel libro o l'egistro n. 5,

secretorum, nella prima pagina

si

ripete:

Talora pure segnato l'anno di Cristo (nn. 24, 29, 32, 59, 63, 64, 70); spesso il mese
il volume principia (nn.
1, 2, e passim).
(*) Una
due volte il titolo non altro se non l'indicazione della lingua, nella quale il
registro era scritto [Rcgislrum. in Gallico n. 3).
(')

ed

il

giorno, con cui

indirizzata al ^-iustiziere di Terra di Lavoro;

registro princi-

il

settembre 111 Ind. (a. 1274) da Guglieliio de Faruiiivilla (il. ()o) ed altri registri (mi. 47, 52) senza il nome del caneelliere, ma eoininciati in Capua ed a Melfi nella X IV Ind. (a. 1270).
Oltre a ci i (piaderni lianno talvolta in aleuni anni del regno
di Carlo I, una distinzione, che indi a poco sparisce ('), cio de
Curia o de privatis, clic denota ordini super factis Curie, ossia
che interessavano lo Stato, e super factis privatorum, ossia d' in-

])iato al 1"

teresse privato

(").

Finalmente, come

osserva dallo stesso citato documento del


1284 i registri allora si distinguevano in due grandi e principali
categorie, secondo l'ufficio al quale gli atti appartenevano, o presso
il quale erano conservati, e quindi in fronte portavano l'intitolazione di liegistrum Cancellarie o di Eegistrum Camere (^). Per
quanto pu ricavarsi dalle osservazioni fatte sui registri superstiti, nei primi si annotavano tutti gli atti della potest sovrana,
si

che riguardavano privilegi, concessioni, licenze, nomine di uffici


ed ogni altra qualsiasi disposizione, sia de gratia, sia de justitia;
negli altri si registravano quegli atti che importavano interessi
iinanziarii e quindi della competenza dei maestri razionali della
Regia Camera. Quando gli atti avevano una doppia natura, am-

ambedue

ministrativa e finanziaria, allora registravansi in

le

ca-

tegorie.

IL Tutto questo sistema

di

introdotto da

scritturazione,

suo regno, fu in seguito da lui con ordini speciali e contemporaneamente negli ufficii di Cancelleria e
della Camera a grado a grado per la pratica successiva meglio
determinato e particolareggiato. Per lo innanzi sotto gli Svcvi,
secondo che pu arguirsi dall' unico frammento superstite del

Carlo

(')

1270,

che
atti

la

I nei priinordii del

Questa distinzione, secondo osserva


III

il

Durrieu {Op.

cit.

t.

I,

p.

52 e

83)

adottata nel

(CI"- t. II, p. 15 n. 1]. Bisogna per avvertire


pr dir ia resta successivamente come indicazione marginale degli

defiiiitivannente abl)andofiata nel 1270

nota

De Curia,

d'interesse governativo.
(2)

V. appresso tavola 19 a

p.

^1.

Pochi registri nel cit. doi; hanno nel IVontcspizIo l'una o l'altra inlitol.-izione. Cosi il
numero 24 ed il 5S portano ia nota di Re(jistrurii Cancellarie; qualche altro una denominazione equivalente, come le'jif'irnni Cancellarli, o factum in Cancellarla. I numeri 10, 30,
(3]

hanno quella di Registnim Cumere. Uno inolti-c (17) ha il titolo d Refjistrum


Curie, che deve ritene;\si come sinonimo di Cancellerie. Ma non sempre, o per tiascuraggine, o per dimenticanza, o per altra qualsiasi ragione la designazione della categoi'ia t"u
apposta al volume, specialmente se quello apparteneva alla Cancelleria, che formava il maggior
numero. D'altra parte, parecchi volumi dalla forma materiale e dal contenuto si manifestano
60, 07, 78, 84

essere registri

di

Camera, come ha gi

fatto rilevare

nella sua Restituzione dei Registri primitici.

il

Durrieu, che

li

ha

tutti specificati,

xr

Federico II (') per gli anni 1239-1240, gii atti emanati dal potere sovrano erano con ordine cronologico, a misura
annotati in una sola serie di registri della
clic si spedivano
Curia imperiale. Non vi era divisione di rubriclie o di materie,
non duplicit di registri. L'una e l'altra, come ha ben dimostrato
il Durrieu, debbono senza alcun dubbio attribuirsi al fondatore
della dinastia angioina nel nostro rqgno. Ed in vero fin dai primi
anni della sua dominazione nei volumi che appartengono alla
ind. (126G-12G7) ed al cancellerato di Goffredo de Beaumont, e
che o sono ricordati nel doc. del 1284, o tuttora in parte esistono, noi troviamo in prima la distinzione di Kegistri di Cancelleria e di liegistri di Camera, non che degli atti, che riguardano gii afiari esteri; indi troviamo la divisione cronologica dei
quaderni per indizione, che rimane sempre sicura e costante, e,
sebbene tuttora incerta e confusa, e non specificata sempre con
proprii titoli, la partizione degli atti per ufficii o per oggetto incomincia ad introdursi nei vari quaderni.
Bentosto questo sistema si rafferma e si perfeziona, le rubriclie compariscono espressamente e si determinano, e con editti
speciali sono viemaggiormente dichiarate e stabilite le regole e
le forme della cancelleria angioina, che, salvo poche modificazioni in seguito adottate, durarono poco pi, poco meno le stesse,
finche dur la dinastia, o almeno il primo ramo di essa.
Bisogna per avvertire che non sempre fu mantenuta nel
modo sopraespresso la duplice divisione di registri di Cancelleria
e di Camera che abbiamo accennata. Nel 1271 Carlo I con suo
editto partecip al gran cancelliere del Kegno che pr cautela
Curie aveva ordinato doversi tenere tre registri simili di tutte le
lettere regie, dei quali uno doveva avere il camerario, un altro i
maestri razionali, ed un terzo esso cancelliere, eccetto per le
lettere segrete, per le quali doveva farsi un registro a parte (').
Cosi noi troviamo che dapprima nei diplomi originali del 4 febbraio e 3 giugno XII Ind. ed anche dei 3 ottobre XIII Ind.
(a. 1269) non si trova alcuna nota sul rovescio della pergamena;
poscia nel diploma degli otto marzo XIV Ind. (a. 1271), si vede
reo-stro di

('j

noi

Intorno a questo registro

suo

libro:

Heinrich
(-)

Zar

(VII) iird

si

Gtisdilcitc clcr

Konrad IV

pu riscontrare, oltre Huillard-Breholles, il doti. Philippi


Reichskan^lci unter don Ichtcn Staufern Friedrich II.,

27.

MiNiERi, Della domina-.-iono Angioina

p. 8-

Il

doc. leggevasi nel reg. 1271, A,

f.

46'',

ora perduto, e fa nel sec. XVII riassunto dal De Lellis nei suoi Notamenta;
seduti dal Minieri, senza alcuna indicazione di data. ISIa pi'obabilmente l'ordine fu dato circa
il
novembre 1271, perch segue un altro di quel mese, che era trascritto al f. 40.

Mss. gi pos-


sc<i-nata sulhi

pergamena

XII

la registrata della Cancelleria soltanto;

cominciano contem]K)raneamente a com])arire i maestri razionali, e nel diplonui dei 3 giugno Xl\ ind. e dei (3 ottobre
XV Ind. (a. 1271) si trova pure che l'atto e stato Registratum
in cancellavia e liegistratum penes rationales, e finalmente nel diploma del 9 luglio XV Ind. (a. 1272) per la prescrizione sopra
indicata si trova che 1' attc^ nello spedirsi stato liegistratum
pcnes rationales liegistratum penes camerarium liegistratum in
indi

cancellaria

(').

Intorno a questo stesso tempo, o ])oco dopo, tra le altre regole date dal medesimo Carlo I, circa la cancelleria, si prescrive
che le lettere si patenti che chiuse, quante volte importavano
un peso al fisco, dovevano essere annotate in tre registri diversi^
uno tenuto dal cancelliere, un secondo dai maestri razionali, ed un
terzo dal protonotario ("). Se non che di quest'ultima regola per
tutto il regno di Carlo I, non si trova nel fatto applicazione alcuna, o perche il protonotario seguitava, come per lo passato, a
servirsi dei registri del cancelliere, o perch restata vacante per
molti anni, dopo la morte di Roberto di Bari, la carica di proto-

1278

venivano dal cancelliere, o vice cancelliere disimpegnate. Soltanto sotto re Carlo II


questa riforma fu pienamente adottata ed anche, come in appresso dir, vicmaggiormente ampliata.
Un' ultina riforma fu fatta nella cancellaria anuioina da re
Carlo I agli 11 aprile 1280. Essa chiaramente accertata negli
stessi registri in cui, si parla della nova ordinatio registrorum o
de registris introdotta in quel tempo (R. 39, 43). Quale fosse
questo nuovo ordinamento ivi non specificato ne noi dagli
stessi registri abbiam potuto accertarlo. Forse la nova ordinatio
notario, fino al

le attribuzioni di lui

consistette nella uniformit stabilita tra

registri di

Camera

Cancelleria, introducendo stabilmente


in quelli le
stesse partizioni e le medesime rubriche usate in questi; di guisa
che, salvo qualche differenza materiale, essi d'allora in poi in
quelli di

(1)

Jlcm

Archicio (Idia Zecca {Arche) voi.

II.

pcrgam. n 32, 33, 26 - Kvm voi.


quando il doc appartiene

voi. Ili, n. 121110111 voi. IV, n. 182 ecc. Alle volte,

{^)

n.

103-

Camei-a,

(niella della Camera in;! ietto sulla piegatura


quale slava assicurato il sigillo. Ivi t. IV n. 255, t. V n. 315.
Oiiines insuper littcro temi pafentcs qiK.un clause (juo pondus important , rc'jest.renlnr

la registrata della

della

Ili,

alla

pergamena,

Cancelleria nel rovescio e

alla

quorum unum liabeot canceKarius, alimi mKfjistri rationales et reiiqrium


prothonotarius. Winkelmann, Acta imperii inedita-Slatuta o/fidornm (r. Siciliae) p. 74.5.
in tribus rc'jistris,

(3) In due
re.^istri appartenenti alla IV e V ind. (1273-1274) si era fatto un primo tentativo di questa riforma; per gli anni successivi al 1280 poi si trova una sola eccezione nella

Extracagantcs della XII

ind. (1283-1281;. Cf.

Duurieu, Op

eli.

I,

C5.


tutto

il

XIII

resto sono uniformi. Oltre a ci da quel

diamo pure comparire nella

scrittura

Angioina

tempo noi ve-

la ratio officii thc-

sanrariorwn divisa in introitus et exitus; distinzione poscia ritenuta


e continuata nei regni successivi con gli speciali registri che
portarono e portano ancora il titolo ^atio thcsaurariorum. Ed in
fatti

prima del 1280 non s'incontra

la rubrica ratio introitus et

trova appartiene ad atti di epoche posteriori malamente inseriti nei volumi precedenti a quell'anno. (')
III. I quaderni o registri, che sono descritti nel citato documento del 1284 e che probabilmente formavano allora quasi tutta,
o almeno la maggior parte dei registri di Carlo 1, ascendono al
numero di novantuno, alcuni dei quali, come il numero 05 e 77
contenevano pi quaderni o registri, ed altri, come il numero 81,
comprendeva 38 quaderni, parte scritti in francese e parte in latino. Di essi, oltre parecchi frammenti, ce ne restano tuttora
molti, pi o meno completi, i quali, o costituiscono ora i 49 volumi, che vanno sotto il nome di Carlo I, o si trovano malamente
sparsi ed inseriti nei volumi dei sovrani successori (n. 54, 127, 183,
207, 225, 283); tutti conservati in quest'Archivio di Stato (").
Ora da tutto questo superstite materiale noi ben possiamo
alle notizie intorno allo stato dei registridi Carlo I, che di sopra
abbiam riferite, e che sono ricavate soltanto dal documento del
1284, aggiungerne altre non poche ricavate dall' esame degli
stessi registri e quaderni, che ci fan meglio e piii minutamente
comprendere il sistema tenuto nel regno di Carlo I, per la formazione dei medesimi, e ci manifestano pi esattamente le condizioni interne ed esterne, che essi allora avevano.
IV. Ed in prima per quanto riguarda i titoli dei detti quaderni o registri, oltre a quel che abbiamo innanzi accennato, fx
d' uopo notare che essi tra primarii e secondarli sono un centinaio circa, come si potr vedere dalle tavole che seguono, e dall'indice sistematico degli atti di Carlo I che in fine e alligato. Ma
bisogna d'altronde osservare che allora il criterio di una razionale
partizione degli atti non era ancora cliiaramente concepito ed
esattamente applicato, e che quindi si trovano talvolta in quelli
rubriche improprie e superflue di atti estranei, che o non doveexitus, e se

fi)

31,

AQ>,
(-)

qualche volta

Alcuni fi'nmmcnti

queste Rationcs

thcsaurariorum

officii

si

trovano sparsi nei R.

2,

44, 46, 225.

Da

queste

liccstituito in

sagacemente precisate

Paolo Durrieu con grando


diplomatica
criterii giusti e con un intuito miral)ile ha felicein parte 159 volumi di loi^istri primitivi di Carlo I d'Angi.
tutto

reliquie,

doiiiiiia paleografica e

mente

di

si

con

il

eh. signor


vano

i\i

come

si

inserirsi,

XlV

o cloveviino asscLcnarsi a

riibriclie

diverse,

sistema nella teorica e nella pratica


tu me^'lio assodato. Cosi le rubriche sentoitie ('); quatevnus confece poi ([uaiido

dciipmitlonun.

il

cifationcs

(');

(');

littere

muse ad

doiiinum regevi

(^);

rcsponscdos misse ad Curiavi a justiarus de imposiiione col-

littcre

trovano nei primi registri, e constano di pochi logli, sono in seguito, anche durante il regno di Carlo 1, o
assolutamente soppresse perch degli atti simiglianti non si tiene
l)iu conto nei registri, o perch, senza far rubrica a parte, quei
tali r.tti vanno aggregati alle rubriche degli ufficiali, cui incumbeva 1' esecuzione degli atti medesimi. Cosi pure le rubriche: halivo Andcgavie; collectoribus decime in Francia; decano
S. Martini Andcgavcnsis ; p)'^^ocuratorihiis in Francia; regiMrum
Provincie, Forcalquerii, Lombardie, TJmscie, et quariLmdam procuccte

Q,

rationuii

le

quali

si

senescallo

Lombardie

Jcicdibus; vicario TImscie

et

aliis

senescallo Provincie

et aliis of-

idtramontanis personis, che si


e la I indizione cio dal 1269

trovano nei quaderni tra la XIT


al 1273 (') e riguardano affari esteri, in seguito spariscono e gli
atti relativi sono inseriti nella rubrica: extravagantes extra regnum.
Questa rubrica trovasi noi R. 5, f. 168-170, ed 1' unica di tal genere nei Registri AnSono sentenze [instrunicnta sententie) della Magna Curia per alcuni accusati di riIjcllionc, dojio la condanna e morte di Corradino, e furono pubblicate dal cav. Del Giudice
nel Cod. diplom. Ang. t. II, p. 323. Non essendo atti, clic partivano direttamente dal potere
sovi-ano per regola, non avrebbero dovuto far parte dei registri della Cancelleria. Vero
die si trovano altre sentenze nei volumi dello stesso Cai-Io e dei re successori, ma non sono
jMopriamente sentenze, sibbene atti die ordinano l'esecuzione di qualche sentenza della Magna
Curia, e quindi si trovano nelle rubriche dei Giustizieri, dei Secreti, o di altri ufTiciali secondo
che doveva da questi o da quelli eseguirsi, o nelle Estravaganti. Cosi 1' atto pubblicato puro
dallo stesso Del Giudice, (O. c. p. 326) dal R. 4, f. 16, con cui in esecuzione della sentenza
della Magna Curia, si ordina restituirsi a Goiredo de Ansaldo beni confiscatigli, inserito nella
l'Librica Mafjisiri massari i cui era diretto. Cosi pure la sentenza pubblicata dal Galante {Da{')

gioini.

die dell'anno 1295 e si trova nel R. 75(1294, K) f. 290,


j. 388),
parte direttamente dal re, ed inserita nella rubrica Extraca'jantiuni.
di
(^J II quaderno condcninationum, che si rinviene nel R. 10 f- 174, non consta se non

.scrizione delle Sicilie

t.

II,

una sola facciata, essendo il foglio al rovescio intieramente bianco, n continuato altrove;
donde si pu con molta probabilit arguire che la rubrica principiata dovette tosto abbandonarsi. Gli atti sono ordini spediti ai Giustizieri e Maestri Giurati contro alcuni rei
che
,

accusati e citati per delitti commessi,

si

erano

resi

contumaci.

(3) Questi atti erano di due specie, cio cilationes slmplices et de defensa
R. 30 e 77
od erano diretti alle competenti autorit giudiziarie, affinch citassero le parti a comparire
jier alcune cause e specialmente per quelle de spreta defensa, innanzi al Vice Maestro Giu(

Vice Maglstrum Justltlarluni et jitdlccs), o innanzi ai Maestri Razionali {corani Mu'jlstros Ratlonales) secondo la natura della causa.
{*) Sono poche lettere dell'indizione IV e V (1275-1277) scritte per lo pi da
Carlo principe
di Salerno al re per affari di governo (R. 54). Cominciano con l'intitolazione: Sacre Regie
stiziere e Giudici [corani

Malesia ti.
(5) Sono

XV

lettere della
Indizione (1271-1272), e trattano, come spiegato nella stessa
rubrica (R. 20), della subcentlo generalis.
{'')
V. Indice sistematico del registri di Carlo I in v. Extra regnum.

XV

momentanee

Oltre a ci talune rubriche sono accidentali e

perche riguardano officii od obbietti non ordinarli ma occasionali,


e perche contengono atti emanati in certe date speciali circostanze. Tali sono quelle intitolate: Capitaneo regni Sicilie o semplicemente: Capitaneo regni ('), o anche Capjitaneo a porta Roseti {')
e Capitaneo a Pharo ultra in Sicilia ('), \ icario in regno Sicilie {^),
(1)

come

cap'ttaneus regni o regni Sicilie,

Il

si

trova designato nelle sopra accennate ru-

briche, o a l'/uiro citra, conne altre volte dicesi, era un ufficiale

supremo creato

dal re

i;i

alcune circostanze nei domini! continentali del rej^no con atti'ibuzioni militari ed amministrative ed anche giudiziarie, se, come avveniva ordinariamente e come in questo caso, costui
univa pure il grado ed il carico di maestro Giustiziere, o di vice maestro Giustiziere. (V. R. 40
(1280, C) f. 92; R. 39 (1280, B) F. 112; R. 4G (1283, E) f. 63'', e f. 65, non che Sgllabus membr.
r. Ardi. t. I, p- 271). La nomina di Ludovico de iVlonti, che era il capitano generale del regno,
a cui
f.

allude nelle dette rubriche ed anche vice maestro giustiziere trovasi nel R. 45 (1283, A)

si

Questa carica esisteva negli ultimi anni di Federico II, e le attribuzioni di essa furono
dall'imperatore con \a.const. Capitancoruni, tit. De officio capitancorurn et magistri

157'*.

stabilite

justitiarii,

43, che probabilmente Carlo

I,

Non

adott nel suo governo.

bisogna per con-

fondere questo ufficiale col Capitaneus et vicaritcs gcneralis regni, clie ordinariamente era un
personaggio della famiglia reale con poteri pi ampii. Intorno ad essi pu consultarsi il DurRIEU, O.
(-)

nsr/uo

e.

t.

I,

p.

138.

La formola monca nella rubrica; per integrarla bisogna aggiungere come altr^ovo
ad conjinia regni o usqtio ad /lumen Tronti, o anche usque ad terras S. R. E. Con
,

questo titolo il Capitano con le attribuzioni indicate nella nota antecedente, aveva la giurisdizione nelle pr'ovincie continentali del regno, escluse le Calabrie, cio dai confini con lo stato
della Chiesa fino alla Basilicata inclusive, dove a quei tempi ei-a

il castello, oggi comune, di


Cosenza (Calabria citra), limite tra antico regno di Puglia e la Sicilia,
alla quale appartenevano anche le Calabrie.
(^) Si avverta che con
questa r-ubr'ica non si intende gi indicare l'isola di Sicilia, corno
a prima vista parrebbe, ma sibbene le provincie napoletane. Imperocch
diplomi, che in
essa trascrivonsi (R. 46, f. 1619) furono dati da Carlo I nel 1282 nell'a.ssedio di Messina; di
tal che tr'ovandosi il re in Sicilia la regione continentale veniva a stare rispetto a lui, che

Roseto

in

provincia

di

l'

parlava

nell' atto

al

di

l del

Faro. Dicesi quindi

tale occasione

in

stesso senso, che ordinariamente davasi alla formola: a

Pharo

avveniva quasi semfire, ergano dati da Napoli. V. Minieri, Cod.


e*)

Come

dipi.

dal significato stesso del titolo rilevasi questo uffiziale eia

potere sovrano in Sicilia.

rono una

tale carica,

Non avendo

come con grande

fatto

il

a Pharo ultra

citra quando

Durrieu un elenco separato

t.
il

I,

diplomi,

nello

come

p. 74.

rappr-esentante del

di coloro

che occu[ia-

diligenza fece per tutte le altre, ed avendone

il

Minikri

(Itinerario di Carlo I p. 30) trattato alquanto confusamente, noi crediamo far cosa gr-ata agli

nomi di essi, secondo che risultano


cronologicamente
dai registri di Carlo I confr-ontati con l'opera dello stesso Minieiii, Sui grandi Ufficiali del
regno di Sicilia- Nap. 1872. Sono dunque:
1. Filippo de Monteforte {Montfort) marzo 1266, ind. X.-R. 5, f. 166''; R. 3, f. 28''. Nel

studiosi delle cose nosti-e r-iportando

marzo 1267
Cod.

dipi.

fu
I,

nominato Capitano

delle truppe

mandate

in difesa della

Chiesa

Del Giudice,

249.

Fulco de podio Riccardi [de Puy-Richard) marzo 1267 XI ind. R. 2, f. 18 e 22; duduni
vicarius 1 luglio 1267. R. 4, f. 217 Minieri, De grandi Ufficiali p. 21.
3- Guglielmo de biellomonte [Beauniont] prima di marzo 1269. R. 4, f. 27** e 92; fino a 10
giugno Minieri, O. c p. 19.
4. Guglielmo de Modiobladi [Muidebl] dai 18 giugno 1269. R. 4, f. 92; morto in luglio
del detto anno R. 4, f. 122, 128"*- MiNiERr, O. c.\. 96-97.
2.

5.
6.

1270

Guido de Monteforte ai 21 luglio 1269. R. 4, f. 217.


Guglielmo E.\tendai-dus [lEtendard] ai 21 agosto Xg69.-R.
Minieri, O.

c.

p. 225.

4,

f.

49' bis, fino ai 18

agosto


Vicario Sicilie^ e

cessano

cariclic,

siiilli

sebbene in

allatto,

XVI

clic

colla perdita della Sicilia

con diverso nome


successivi. Tali sono pure

altre circostanze

rijctono i)cr altre ragioni nei re<>,ni

si

le

rubriche intitolate: officialium quatermis qui induceve debent de


liandato rcc/is (diquani jjersonani in possessionem alicuius doni (');
rictiialiui cxtvactionis quaternus ('); o de inctio contrahendo e pr
nmtuaioribis ('), le quali, mancata V occasione, spariscono o sono
altrimenti denotate o sotto altra rubrica registrate.

nuove rubriche introdotte


nella VI e VII indizione cio negli anni 1277 a 1279, che s'intitolano non gi, come per 1' addietro, dagli officiali (giustizieri,
]\romentanee inoltre sono pure

secreti,

ed

le

ma

quali le lettere erano indirizzate',

altri), ai

sibbene

Occorrono quindi:

dalle Provincie, che quelli amministravano.

misse in Apidia,... in Aprutio,... in Basilicata ecc. C*); ma


([uesta modifcazione delle vecchie rubriche, riconosciuta forse

littere

poco chiara
oltre

7.

il

e dctermbiata, fu

tempo sopra

Fulco de

P inj-Rldia rd),

18 agosto 1270.

\ xmovo ai

R.

Minmeii,

poscia cripilano a i;uen'a pui-o in Sicilia. R. 11, f. 88; R- 10, f. 63


8 Adamo de IMori'ei-io [Morrinr] ai 2G gennaio 1271. -R. 13, f.
f,

277-209; R. 26,
9.

f.

Herljei'lo de

non dur

indicato.

licr.rdi [de

l'odio

ben tosto abbandonata,

226-231; R.

1,

f.

2G'',

KnveWniM icV Orleans)

r.

143-

140 e

R. 14,

43'';

Minieri, O.

1280, R. 30,
Minieri, Scumio di cod. dipi t. 1,
ai 10 aprile

1'.

c.

11,

l.
f.

dicesi nella rubrica

137; R. 28,

p. 228.

178 a 183; R. 40,

1".

come

88'';

e.

R. 41, f. 9-29; R. 44, f. 128


p. 181.
Roberto conte alrebatcnse [d' Artois) ai 10 agosto XII ind. a. 1284 fu creato vicario
nominalmente, R. 45, f. 168-09 Amari, Vespro Siciliano t. 3, p. 356 ed. Hoepli.
ind. IX, a. 1280 (R. 30,
(') Gli atti appartengono al mese di aprile
161-168) e
in e.secuzione,

f.

f.

40-41;

in Sicilia

.si

l'anno

medesima, della noca ordinalio de reyislris in quel


liguatdo a ci ebbe corta durata. Ordiiiariamenlc

ma il nuovo sistema in
immissione in po.-sesso dei feudi o dei beni feudali facevasi talvolta dal giustiziere, pi fre(luentementc dal secret o dal maestro portulano e procurat.n-e della provincia, ove quei feudi
erano posti
quali davano il possesso e facevano pure asseciirare o sia prestare il giurati-mpo disposta;
r

mento

possesso e
1.

I,

di fedelt e di

di assccnra:!oiii

p. 72, 85,
(-]

omaggio

un

al

nuovo feudatario

quadei-no

vettovaglie dal regno,

in

Esempii d'immissioni

in

prestate nel 1271, 1272 e l2S0 possono trovai'si nel SijUabus niendjr-

195 e 206.
di

un

sol foglio

appartenente all'anno 1272, che

e clie probabilmente fu cominciato per legistrarvi

lai

dai suoi va.ssalli.

ma

che, meglio considei'ata

le

la

licenze

cosa,

non

si

trova nel R. 17,

estranee frumento o altre

di

fu continuato. Gli ordini di

natura i-egolarmentc legislravansi sotto la rubrica: Secretoruni. (Cf. R. 13, f. 5-9, 243 ecc.)
(^)
Queste due rubriche non importano propriamente la medesima co.sa, ma diflerenziano
ci che nella prima
R. 2, 6, 10, 11) gli atti appartenenti all' XI e XII ind. fcbbraio-ot(

robre 1207-1269, alla ind. XIll maizo-giugno 1270 ed alla ind.

XIV

giugno-luglio 1272 trattano

de contrahendo mutuo cura fjnibiiscunique mercatorihus seu personis aliis uinieis vel Jldelibus,
(t
nell'altra (R.13j gli atti che appartengono alla ind. XIII dicembre 1269, sono ordini di rimbor.si
di somme muiuate sponte ac (jratantcr a! re dagli uomini di Aversa e di altri comuni del
regno. Altri atti a questi ultimi simiglianti e che sono del 1282-1283 si ritiuvano sotto la ruluslitiario terre Bari nel R. 2, f. 45-46; il che mi fa congeltui'are che essi
venissero registi'ati sotto la luljrica dei giustizieri.
Ijrica:

C) Gli atti indicati si ti'ovano nel R. 28; nell 7ncZ. sisteni.

degli ulliciali, cui sono diretti.

sono riportati sotto

in

seguito

la rubrica

XVII

Molte rubriche finalmente o sono sottodivisioni

di categorie

pi generali, o indicazioni specifiche delle dignit e degli ufiicii,


cui gli atti si riferiscono o di concessioni e licenze per taluni
obietti, dai quali la rubrica s'intitola, le quali tutte in seguito, o
spariscono e si fondono nelle rubriche Extravagantes infra refjnum e Privilegia^ o in quelle degli ufiici giudiziarii ed amministrativi, da cui gli atti dipendono. Tali sono i titoli: magistris massariis ('); magistris araciaruDi Curie (^); magistris siclariis Q; magistris tarsianatuum ('); capitanei stratarum (^); dohanerii ("); tali soncj
pure gli: armigeri, clerici^ hostiariij milites, vallecti ed i consiliarii
,

e familiares
{')

fattoi-i,

(')

recepti in hospitio regis

milites insigniti militari

magistri niassari (V. Ind. sistematico di Carlo / in v. ) erano quei che, o come
o come fittaiuoli coUivavano od amministravano podei'i o masserie della R. Corte.

Nei capitoli del regno promulgati nel 1282 si trovano alcune disposizioni che li riguardano.
V. Capitala regni Sic, \>. 36 ediz. Ccrvone. Vi erano maestri massar-i di Basilicata ( R. 4.
5, G), di Capitanata e Terra d'Otranto (R. 5, 6), di Calabria (R. 5), di Terra di Bari (R. 4).
Costoro, come ha gi notato il Durrieu (t. I, p. 58), erano ordinariamente fittaiuoli; maestri
massari di Tei'ra di Lavoro, Principato ed Abruzzo, al contrario, erano semplici fattori. Dei
maestri massari sotto il regno di Carlo I fa l'elenco il Minieri {Itinerario p. 28)- Sotto
semplici massari, ed curatoli, o procuratori delle greggi di [>ecore
maestr-i massari erano
e di porci {gregarie), che si tenevano per conto della regia Corte. V. Sgllahus cit. t. I, p. 1G3.
Alcune volte maestri massari si uniscono ai magistri araciarum (R. 49); in (al caso la rubrica
]irende anche il titolo marescallarnni
R. 49. V. tav. corrispondente in not. ). Dei magistri
inarescallarum parla un documento del 1279 nel Sgllahus i. I, p. 184.
(5) Chiamavansi magistri araciarum Curie (R. 3, 49) coloro che tenevano cura delle regie
l'azze- Lo statuto o regolamento dato ai 28 agosto 1275 intorno a quest'industria ed a quei
i

che

trovasi nel R. 22, f. 181, ed stato pubblicato dal Minieri. Sappi, al


magistri araciarum dipendevano dal marescallo.

vi ei-ano destinati

cod. dipi. p. 34.

magistri siclarii (R. 13, 15, 22) o magistri siclae {Sijllabus I, 180) addetti alle zecche
del regno, spesso erano pure distributores noce monete per regnum (R. 22). Nei registri di
{^)

Carlo

trovano specificati

si

10, 22, 40).


(*)

Un

magistri siclarii

elenco di essi fece

Erano costoro

il

Minieri

di

{Itin.

Brindisi'e Barletta e della Sicilia (R. 2,


p,

18).

destinati a sopraintendcre agli arsenali del regno

R. 15, 18).

Dice-

vansi altrimenti prepositi naoigiorum, vasselloruni ac tarsianatuum curie (Sgllahus I, 165)

ed anche statuti super custodia et conscroatione navium (R. 11, f. 45). Nella rubrica che si
trova nel R. 40 si accennano a coloro tra questi, che erano preposti agli arsenali di Principato e di Terra di Lavoro; altri ne nota il Minieri, Itin. p. 23.
capitanei stratarum o capitanei pr custodia stratarum

et passuum {Sgllahus l, bi)


pure
magistri
passuum
o
magistri
custodie passuum {Sgl1,
lahus, I, 186), erano ufficiali regii preposti alla sicurezza delle strade e principalmente in
alcuni luoghi [passi) pi frequentati. Essi quando erano posti nei confini del regno dovevano
impedire che si estraessero da questo animali, e specialmente cavalli da guerra {ad arma),
(5)

o contraturum {Sgllahus

70), detti

cit. capitoli del 1282 trovasi una speciale


r.
Sic. p. 36) che riguarda specialmente
grasciae
{Cupio,
rubrica de custodihus passuum et
quest'ultima attribuzione. Il Minieri nell'O. c. p. 26 fa un elenco dei maestri, capitani e custodi de' passi e delle strade durante il regno di Carlo I. Per l'esercizio di un tale ufficio
magistri passuum avevano gente a cavallo ed a piedi {Sgllahus I, 54)
capitanei stratarum ed
ed impiegati da loro dipendenti, che si dicevano custodes o passagerii ed anche suprastantes

vettovaglie e tutt'altro che serviva alla grascia. Nei

[Sgllahus

70).

una rubrica del R. 15 confuso con magistri siclarii


magistri tarsianatuum, n pi si ripete, non ha bisogno di alcuna spiegazione.
(7) V. Ind. sistematico in vv. Tutti costoro erano impiegati della Casa reale ide hospitio
C')

ed

I,

Quest'ufficio che s'incontra in


(rhif/nlo;

XVIII

notarli cancellane recepii

cum

scrijtorihus

gV inqui-

(');

Curie (); tali sono iii fine le: Uff ere de conductu vel de seciirifafe ('); de defcnsis [*)] mafrivionia ('').
A tntte queste rubriche, le quali poi o spariscono, o si trasformano, o si aggruppano con altre, bisogna da ultimo aggiungerne
una nuova, che e stata da noi formata per induzione, ed la seguente: littere misse iiistifiariis, secretis et aliis dira et idfra Pharum
i'd anche tam. infra quam. extra regnum. Imperocch nei primi anni
del regno di Carlo I dal 12GD al 1274 nella nostra collezione
ossia senza alcuna
s' incontrano quaderni o registri anepigrafi
indicazione di rubrica, e ci non per mancanza dei primi fogli,
ma perch cosi originariamente formati. Difatti nel li. 10 tros forcs

jcfjis).
f.

si

Una

dotta esposizione di lutto questo personale pu riscontrarsi nell'opera del Durrieu,

Nei tempi successivi le nomine


I,
trovano registrate ordinariamente sotto

Icfjia (R.
(')

105,

f.

altri

25 ecc.)-

un quaderno

prende non solo


ed

familiares e dogli altri impiegati di Casa Reale


titoli Extracagantcs (R. 119, f. 69, eco.) o Pr-i-

e\

p. 119.

di soli 3 fogli

gli atti

riguardanti

appartenenti ad un registro
i

di

Camera. La rubrica com-

notai e gli scrivani della Cancelleria,

ma

anche

militi

ricevuti in fam'diares. Gli uni e gli altri porsi trovano pi facilmente nelle rubriche

Extracaguntcs infra rcfjnum e recepii in liospitio regis.


(^) Costoro erano rogii commissari che, indipendentemente

avevano

dai giustizieri,

dalla

regno sopra fatti giueconomici ed amministrativi e sopra gli ufficiali imputati o sospetti di aver mancato
ai proprii doveri ed anche contro private pev.sone accusale di qualche delitto. Le inchieste
orano generali e speciali. (V. Consta, r. Sic. L. I, tit. 33 e 34, e Capii, r. Sic. p. 5G 58). Del
resto pochi atti sul proposito si hanno nel R. 5 trovandosi per lo pi tra gli Extracagantes.
{^) In questa l'ubrica sono lettere de conductu, cio di salvocondotto per un dato tempo,
rilasciate da re Carlo
a varie persone, oi-dinariameule non del regno. Portano la data tra
il
luglio-agosto 12G4 (R. 3) ed ottobre 1269 (R. 2). Le pi'ime furono transuntate dal iMinieri,
Il Regno di Carlo I p. 5, e ricordate dal del Giudice, che pubblica anche interamente quella
data ni Sicnesi [Op. cit. t. L P- 32). Altie portano la data del 1260 (R. 5) ed altre infine quella
del 12T0 e 1271. La formola alcune volte c/c scch/'o conductu in cundo morando et redcundo
(R. 3, f. 92); altre volte la lettera e in forma de assicurutine R. 10, f. 184"*), ed il re concede plenum sccuritatcni tam in personis quam in rebus. Dopo il 1271 non si trova pi una
rubrica speciale, ma gli alti di tal natura sono inseriti per lo pi nelle lettere extravagantes
(!uria l'incarico di fare inchieste (inquisitioncs) nelle varie provincie del

diziarii,

od

in

quelle dirette ai giustizieri.

L'imperatore Federico

con alcune sue leggi inserite nello Constit. regni Siciliae L. I,


rit. 16-18 volle introdurre un rimedio giuridico, onde pi-oteggere il debole contro la violenza dei
potenti. Prescrisse quindi che chi era ingiustamente aggredito nella persona o nei beni da
qualcuno di maggior condizione, cui di fatto non avrebbe jiotuto resistere, poteva con l'invoca[*)

zione del

nome

11

dell'imperatore difendersi, e vietare all'aggressore l'esecuzione del

.suo

malefico

intendimento.Che se costui non ostante una tale protesta persisteva nella sua aggressione, allora
ora tenuto reo del delitto sprete defunse o de condcmpiu defcnsc e quindi punibile con la confisca
del terzo o del quarto dei suoi beni. Quindi nei Rog. si trovano rubriche de defensa (R.8); o do
rontempiu d<fense (R. 25,30, 31 e 32). Questi atti si trovano pure nella rubrica: Citationes [R.77).
(^) Con la e. Honorem, tit- de uxorc non ducenda sine permissione Curiac {Censi, r. Sic.
L. Ili, tit. 33) era vietato ai possessori di feudi quaternati sposarsi o maritare le figlie, sorelle
nipoti senza il beneplacito del re. Le lettere quindi inserite nelle rubriche de matrinxoniis,
) matrimonia contengono licenze per un
tale scopo, e per assegnare o ricevere in dote beni
feudali. In seguito quella costituzione fu in quanto ai matrimonii abrogata con
cap. del 1283
i

(V. Cap. r. Sic. p. 47) richiedendosi lo assenso regio soltanto per l'assegno di beni feudali.


vasi

un quaderno,

XIX

non porta altro titolo se non questo eioe:


Capue XI novemhris XIIII ind. a dominis

clie

Jegistrum inceptitm
duce Burgundie, et archiepiscopo Arelaiensi exercentihus Capitarne
officium; e cos precisamente e riportato nell'elenco del 1284 al
n. 47. Inoltre nel li. 15 trovasi un altro quaderno quasi nella

sua originaria integrit senza altro titolo che: Pro Curia; ed in


tal modo segnato nel detto elenco del 1284 al n. 30. Esaminandosi attentamente questi e tutti gli altri quaderni di simil
Q'enere rilevasi chiaro contenere essi scritture miscellanee ed

non solo ad officiali diversi,


ma anche a private persone ed a comuni o altri enti simiglianti, cosi nel regno al di qua ed al di l del Faro, come
fuori regno ('). Ora non parendoci conveniente lasciare questi
di diversa natura,

atti

indirizzati

quaderni senza alcuna indicazione, e volendo inoltre per vantaggio degli studiosi designare con quanta maggior chiarezza era
possibile il contenuto di essi, ahbiam creduto di adottare il titolo
sopra espresso, prendendolo dall'indirizzo di una lettera ivi compresa ed alquanto ampliandolo. Ne d' altronde abbiam creduto
poter giustamente collocare tali atti sotto la rubrica: Extravagantes^ perch in questa le lettere dirette ai giustizieri ed ai secreti
sono assai scarse, mentre invece nei quaderni, di cui qui trattiamo, questi ufficii predominano a dirittura. Dopo il 1274 questi
quaderni anepigrafi non pi compariscono. Meglio sistemata la
scrittura, gli atti della specie indicata furono pi regolarmente
divise tra le rubriche dei giustizieri, dei secreti e le estravaganti.
V. Le rimanenti rubriche, che comprendono le principali categorie dell' ordinamento civile, amministrativo e giudiziario del
regno di Sicilia sotto gli Angioini, e che, meno poche modificazioni, restano poi anche nei registri dei sovrani successivi, sono
le

seguenti:

Registra o Quaterni lustitiariorum^ o anche Littere misse luI giustizieri


stitiariis etErariis deputatis cum eis o Vice iustitiariis.
1.

introdotti nel regno di Sicilia dai


litici,

Normanni erano

ufficiali

po-

giudiziari ed amministrativi, che stavano a capo di

una

Le

competenze furono determinate nelle costituzioni e nei capitoli del regno (') ed in uno
speciale statuto del 1277 pubblicato dal Minieri Q. Essi nel terdata provincia.

loro attribuzioni e

(1)
(')

XVI,
'I,

V.

tav.

p. 26;

H, p. 3; IV, p. 7; VI, p. 11; IX, p. 15;

XVIII,

p.

29;

XXIX.

p. 42;

Constit. r. Siciliae L.

(3)

Minieri, Saggio di Cod. dipi.

tit.

p.

X,

p.

17; XIII, p. 21 e 22;

39.

iac p. 81.
51-58; Capitala r. Sicilie

(^)

1,

XXXIV,

t.

I,

p.

125.

XV,

p. 25;

XX

provincia loro assegnata rappresentavano il potere


sovrano; e (piindi curavano la pronnil(2,"azione, reseciizione e l'osservanza (Ielle leggi da esso emanate, ricevevano il giuramento
dei nuovi uiciali, vegliavano al mantenimento dell'ordine pubblico, ed a tale oggetto avevano una guardia speciale ed erano
obbligati a lare inchieste {inquisitiones) annuali, passavano a rassegna (inonstra) le milizie assoldate {stipendiarii) (') ed avevano
ritorio

(k'ilii

autorit anche sui castellani ed inservienti (^scrvienfcs) nei castelli

della loro provincia

(^).

Come

ufficiali giudiziarii assistiti

da uno o pi giudici e notai avevano

la giurisdizione civile, in

camerarii o secreti, o in grado di appello da


costoro, e la giurisdizione criminale nei reati che non erano di competenza dei baiuli o dellaMagna Curia, e che importavano pena capitale o corporale. Potevano giudicare dei feudi non quadernati(');
potevano pure, per un capitolo di Roberto, conoscere delle cause
civili riguardanti le chiese, gli ecclesiastici, i pupilli, le vedove
ed altre miserabili persone (^). Come ufficiali amministrativi
essi principalmente curavano la ripartizione, nelle proprie province, della imposta diretta, che dicevasi suhventio generalis^ facendo eligere dai Comuni allora chiamati universit, i rispettivi
taxatores e collectores^ ed incassavano il prodotto della imposta per
versarlo alla regia Camera ('). Esigevano pure tutte quelle multe
e pene pecuniarie dovute per alcuni delitti o contravvenzioni
difetto dei baiuli

commesse,

le

non entravano

quali

e Maestri procuratori o nei

nella

competenza dei Secreti

pr v venti delle bajulazioni di ciascuna

universit Q. Per tutti questi introiti avevano proprii cassieri


(^erarn).

Oltre a tutto ci qualunque operazione occorreva al governo


fare o ordinare nelle provincie del regno tanto nell' ordine civile
e giudiziario, quanto in linea amministrativa, entrasse o pur no
nelle attribuzioni dell' ufficio, essa per

commettevasi.

Ognun vede da

(}

Capitala regni Sic.

(')

Const.

(')

Const. e Capitala

r.

p. 27, 33.

Sicitiae. L.

I,

tit.

15,

ci

21, 10

1'

ordinario ai giustizieri

quanto erano molteplici

Cfr

Syllabns

cit.

t.

I,

p.

gli

181.

15 e 50; Capitala p. 19.

cit.

V. cai'. Quia nulla rejis sanctio nei Cnpit. regni Sic. p. 81.
(^) V. cap. De appretio et modo faciendi in terris et locis regni [Capit. Reg. Sic. p. 100
il conio reso da Tommaso di Caserta
(^) V.
giustiziere di Sicilia ultra /lumen salsum
i;cl 1200. in cui nell'introito mette una partita de procentibus actorum dicti oj/lcii sui oid. da
'juestionibus ordinario iudicio quam extraordinario termino ap. Minieri, Cod. dipi. I, 40;
ed il diploma riportato nel Sgllahus t. II, 1, p. 178 in noi.
diplomi spesso erano diretti:
luslitiariis et crariis depuiatis cani eis. V. Ind.sistem. in v. e Sgllahus cit. II, 1, 119.
{*)


atti, clic

dovevano

prima rubrica

XXI

trascriversi nei registri Angioini sotto questa

(^).

Le

province, com' noto, in tutto il regno, nei primi anni eli


Carlo I erano 11, alle quali poi nel 1273 ne fu aggiunta un'al-

perche l'Abruzzo fu diviso in citra et ultra Jiumen Fiscarie^ e


cos divennero 12 ("). I giustizieri dicevansi anche Ccqntanei;
quindi troviamo anche nei registri di Carlo I, rubriche di lettere
dirette ai Capitani di Abruzzo e di Calabria Q.
I giustizieri, il cui ufficio era temporaneo, in caso di assenza
infermit erano suppliti dai vice giustizieri, che pure dovevano
essere nominati dal governo.
2. legistrum o Quaternus sccretorum, et vicesecretorum, et magistrorum portulanorom ac magistrorum procitratorum; o pure: Setra,

cvetisj vice-secretis,

magistris portulanis, magistris procuratoribus.

1 Secreti, succeduti ai

Camerari dei tempi svevi, erano

ufficiali

che modernamente si dicono indirette, meno alcune, di cui parleremo in


seguito. Essi ordinariamente le prendevano in appalto (/ cahellam) o in affitto {in credentiam vel ad extaleum)^ ed indi ne
subappaltavano o sublocavano i varii rami ad altri, che quindi
dicevansi cahelloti e credenzerii ('). Sotto Carlo I il regno per tal
riguardo si divideva in quattro secretie. Una dicevasi di Principatusj Terre Lahoris et Aprutii, V altra Apidie, la terza Calabrie^
e la quarta Sicilie (').
I magistri procuratores et portulani, ai quali ordinariamente
spettava V esazione di alcune altre tasse, che si dicevano demania, morticia et excadencie(') e dei dritti di porto, erano anche divisi
incaricati delle riscossioni

(')

(^)

di tutte quelle imposte,

L' elenco dei giustizieri di tutte le provincie del

regno sotto Carlo

trovasi in Minieri,

in a[)p. e nel Durrieu. O. c


II, p. ^00 e ss.
Minieri, Saggio di Cod. diplom. t. I, p. 108- Succes.sivameiite nel febbraio del 1275 le due province di Al>ruzzo furono di nuovo riunite in una sola (R. 19, f. 53;
Minieri, li regno di Carlo I d'Angi an. 1275. p. 8-9j; ma poscia furono di nuovo separate

Itinerario di Carlo I
(2)

ai

R. 14.

174

f.

26 aprile del 1284

nuovo

riunite (R.

fi,

{.

f.

R. 40,

f.

119),

comunque verso

la fine

dello stesso

annosi trovino

di

fiO'';.

Nel R. 45 trovasi la rubrica: Cnpitanco et lustitiario Aprutii ultra Jiimen Piscaric


ed anche lustitinrio et Capitando Calabrie, ed inoltre nel R- 40 Capitanoi Aprutii. Gli atti
appartengono all' Ind. XII an. 1283 84. Cf. Litera super iustitia retardata di re Roberto nei
(^)

Capii- Reg. Sic.


(*)

Consl.
in

V. cap.
r.

Sic.

p. 73.

De
L.

officio secretie in Capii, r. Sic. p. 34. Cf. const.


i, tit.

Minieri, Itinerario
("')

C)
[')

G3 verso
p.

sisteni.

Magistri Canicrarii

L'elenco dei secreti e vice secieti sotto Carlo

in

trovasi

19.

Cf. Const. regni Sic. L.

V. Ind.

la fine.

I.

tit.

50, 61, 63.

Sgllabus ncmbranarum etc

t.

l,

p. 259.

in v. Secreti.

Intorno all'ufficio dei procui'atori della Curia e maestri portulani possono consultai'si

la const.

Inter

muUas

!a

const. Si

quando

nelle Const. regni Sic. L.

I, tit-

88

ed

C:(j:>ti.

\\u

por quattro o'randi regioni di loro competenza cio: 1. mafjistri


procicraforcs et povtulani Apulie et ApriLcJ, dal fiume Tronto alla
l)orta di lloseto nel <2,-olfo di Taranto; 2. Principatus et Terre Lahoris; 3. Calabrie; e 4. Sicilie. Essi ncf^Ti ultimi anni di Carlo I
si dissero anche viagistri salis (R. 39, 45, 47), perch soprantendevano anclie allo spaccio del sale, che era dritto di privativa
tiscale, ed uno di quei nuovi (^nova statuta) introdotti da Federico li

(').

questa medesima categoria di ufficii appartenevano i mafiistri araciarum Curie, i magistri massarii ed i tiagistri siclarii, che
abbiam sopra ricordati e che in questi tempi avevano una loro
speciale rubrica. Appartenevano pure^i magistri forestarum et
defensarum (") o magistri foresterii (') o custodes forestarum et nemorum (^); i magistri fundicarii i^) ed i provisores castroriwi Q,
ma senza alcuna particolare intitolazione.
3. Privilegia, concessiones et confirm.ationes o pure et donafiones.
Contenevansi in questa categoria le concessioni fatte dal
potere sovrano di feudi, cose feudali ed altri beni. Oltre a questa
rubrica dei vari registri di Carlo I evvi un registro speciale sulr oggetto intitolato Liher donationum (il. 7). Bisogna per avvertire col Durrieu (') che siccome ordinariamente questi atti registravansi a richiesta delle parti, cos non per tutti si adempiva a
questa formalit. Se non che atti di tal natura possono pure trovarsi nelle due categorie antecedenti sotto il riguardo di ordini
mandati ai giustizieri, o maestri procuratori e portolani per la
presa di possesso dei feudi o beni donati dal re; o pure nella categoria seguente litere extravagantes infra regnum di cui parleremo appresso.
4. (^Litere notariorum judicum aliarumque per sonar um).
Raccogliamo sotto questa categoria, che formiamo dalle indicazioni forniteci dalla nota apposta all' ordinamento dell' ufficio

Regni

L' elenco del maestri procuratori e portulani del


p. 34-35 e 50.
trova in Minieri
Itinerario p. 21 ed i capitoli dei maestri portulani
Suppl. al Cod. Dipi, p 38 del medesimo.
.si

(')

Sijllabus ecc.

regni Sic. p. 20.


(-) V. tavola 28

II p.

1, 86.

Andrea de Isernia

p. 41 alla not.

L'elenco

di

in const.

Regno
dell'

Quanto caeteris

1.

sotto Carlo

anno
I.

t.

7 Const.

questi magistri forcstariui per questi tempi

trovasi in Minieri, Itin. p. 24.


(3)
{*]

(^)
(C)
ij)

Cap. regni Sic.

p.

1278 nel

38.

V. tavola cit. 28 p 41 alla not. 11.


V. cit. tavola 28 nella not. 4.
V. pure cit. tavola 28 alla not. 8. Di costoro trovasi l'eenco
Durrieu, O. c. t I, p. 07.

in

Minieri. Uin.

p. 26.

XXIII

Cancelleria fatto intorno al 1272 (') tutti quegli atti, che


importano nomine eli cariche o offici inferiori, e licenze di esercitare alcune date professioni; dei quali atti non si ha una rubrica generale e complessiva nei registri. Tali sono i titoli, che ivi insieme
congiunti s' incontrano
e che noi qui distinguiamo e raggruppiamo in tre diverse categorie, cio: a) notarii Q, iudices et asses(Iella

Hores

magistri jicraii

('),

(');

b) prothontini

Q,

corniti

Q,

e)

advo-

tempore ap. Minieri, Dei grandi ufficiali del


p. 185. Cf. Winkelmann, Sicil. Kan^leiordn. p. 21.
trovano neirelenco dei registri del 1284 ai nn. 25, 31, 40, 42, 49, 53, 58 e 7G;
(2) Cosi si
e cosi pure nei superstiti R. 12, 25, 54 ecc. Alle volte nell'elenco cit. la rubrica : Jiidicatus
de officio adoocationis n. 42, o Registruni cancellarie continens niagislros jaratos eie.
OJJicluni cancellaric sicut ohllnuit alio

(')

regno di Sicilia,

Qualernus notariorum

Jisicos eie.
(3)

notai, di cui

si jarla in

etc.

queste rubriche, sono tatn do Procincia quani de regno,

come

elenco e nei registri superstiti (R. 10, 401. Una volta in questi la rubrica .
/Vo notariis (R. 5); ma senza diverso significato. Essi dopo di essere stati diligentemente
esaminati e trovati sufficienti ed idonei erano creati per regcni notai in una data citt o terra
si

dice nel

cit.

I, tit. 81). Tra queste nomine per non si cerchino


actorum) perch esse sono registrate sotto le rubiiche: lustlf.iarii, ai quali il re scrive: quod rccipiant noi. N. N. in notariain acturuni (V. p. es. R. 49,
1. .30'') o tra le Extravagantes (V. R. 48, f. 38). Ed a qualcuna di queste rubriche doveva probabilmente a|ipai'tcnei'e quel foglio isolato e senza titolo (f. 194), che sta nel R. 45, al quale
noi per far conoscei'e la natura degli atti che contiene abbiam creduto meglio dare il titolo:

(R. 3, 15, 25; Cf- Const. regni Sicil. L.


fjuelle dei notai d'atti [nolarii

Notarii, iudices et asscssores.


maestri giurati,
e") I giudici ed

il cui officio era annuo, si eleggevano a pubblico suffragio


primi nelle citt e tei're demaniali, secondi nelle feudali,
hidi la nomina doveva essere approvata dal re
Cf. Constit. regni Sicil. L. I, tit. 81, 97;
i

pei'sone idonee e sufficienti;

ti'a

Capit. regni Sic. p. 70) e qualche volta dal giustiziere (Cf- doc. di giugno an. 126G
t.

p. 2, e

I,

Del Giudice, Op.

cit.

t. I,

nomina per ambi

p. 147). Gli atti di

questi

in

Sgllab.

ufficii,

quasi

sempre uniti, si trovano nei R. 12, 15, 25, 54. Si possono pure trovare per giudici, specialmente se assessori (R. 45, f. 194) sotto le rubriche dei giustizieri, ai quali incombeva il carico
(li
convocare
comizi! per le elezioni da farsi, ricevere verbali [decreta] delle elezioni fatte,
e trasmetterli, se occorreva, alla Curia per la conferma. Possono talvolta trovarsi anche tra
e Extraoagantes. Documenti su tal proposito tratti dai R. 3, 8, 14, 16, 17, 20 furono pubi

Del Giudice, Op. cit. t. I, pag. 147 e seg.


maestri giurati, che talvolta si confondono con

dal

Ijlieati
[^)

ma, come

avevano

bajuli,

non erano magistrati giusdi.

bassa giurisdizione criminale nel Comune. Erano


principalmente uffiziali di polizia; e quindi re Roberto li paragona ai curiosi e stationarii del
tempo dei Romani (Cap. Ad quieteni publicam nei Capit. regni Sicil. p. 113). Le loro attri-

centi,

byjuli nel civile,

la

trovano definite nei capitala, che una volta leggevansi nel foglio 89 del Fascicolo 2^
nell'Archivio di Stato, foglio che ora manca, ma che furono pubblicati dal Camera, Op. cit. II,
]).
236, e dal Minieri, Supplcni. al Cod. dipi. p. 43. Roberto fiero col citato capitolo concesse
questo ufficio ai baroni.
buzioni

si

2) erano ufficiali preposti alle navi e costituiti in alcune delle pi-incipali


marittime del i-egno, come Napoli, Salerno, Brindisi ecc. Si nominavano dal re
ii'a quattro nomi proposti dalle universit in seguito a pubblico suffiagio (Capit- del Vice ammiraglio ap. Minieri, Dei grandi Uffii. p. 76). Essi soprastavano ai camiti, naucleri supersalientes, marinarli hogantes ed erano assistiti da un uditore {Sgllabas, 1, 21). L'elenco
dei protontini a tempo di Carlo
trovasi nel Minieri, Itin. p. 25.
(")
Uomini di mare pi'eposti alle ciurme nei navigli. Si eleggevano dai Comuni e si approvavano e nominavano dal re [Syllabus, I, 240). Di essi si trovano gli atti di nomina nei

C)

protontini (R.

citt o tei're

R.

2,

10, 25, 29, 32.

Del Giudice, Op.

cit. p.

284, ha pubblicato quelli che

si

leggono nel R. 20.

XXIV

o medici (). Ordinariamente gli atti comj)resi in queste rubrielie per ciaseun ufiicio o professione, meno
il primo scritto per disteso e con la formola per intero, sono re;i.'istrati con la semplice indicazione del nome della persona, in
cali

ciriirgci, jtiisici

('),

data della concessione.


in questa categoria
5. Extravagantes [littere) infra regnum.
comprendevansi le lettere, che o erano indirizzate ad uffici diversi
da quegli designati nella categoria prima e seconda, o a persone
private, o ai comuni del regno, o che erano fatte in forma di circolare. Gli atti in questa categoria erano scritti senza alcuna
sottodivisione, e soltanto registrati, a misura che si spedivano,
per ordine cronologico in due o pi. quaderni formati contemporaneamente che poi si univano in volumi; in guisa che, come
osserva il Durrieu, talvolta avviene che qualcuno dei quaderni
non interamente trascritto e lascia dei fogli bianchi.
Come si rileva chiaraQ. Extravagcmtes (littere) extra regnum.
mente dal titolo, in questa categoria si comprendevano gli atti
amministrativi, che dovevano avere la loro esecuzione nelle Provincie non appartenenti al regno di Sicilia, e quindi in tutte quelle
regioni, in cui Carlo I regnava, o vi aveva un dritto di protettorato,
o in quei paesi dove aveva qualche interesse a dichiarare o a
decidere. Questa categoria talvolta aveva le sue sottodivisioni
regolate dai vari paesi, ai quali le lettere appartenevano. Si trovano quindi le rubriche: vicario et camerario Urbis; senescallo Provincie; notarii Provincie et Forchalquerii. Piii: Liber extravagantium
primo per totam Italiam; secundo per Franciam et Provinciam.; tertio
in insulis de Corfoj de Albania et Achaya et tota Romania sive in
partibus Orientis. Ancora: Quaternus extravagantium extra regnum
in Francia, comitatibusAndegavie, Provincie et Forchalquerii et etiam
cui favore

sono concessi,

e la

(')

Per

la const.

Adoocatorum

officium {Const. regni Sicil. L. I.tit. 85) nessuno poteva

Magna Curia

se non dopo che


esaminato dai
queste approvazioni dunque si accenna nelle
rubriche dei R. 10 e 15, ed in quello dei R. 19, 25 e 32 ove gli avvocati sono uniti ai chirurgi ed ai medici.

esercitare

1"

avvocheria nel regno presso

la

giudici di quella, era stato approvato dal re.

(2) Federico II con la const. Quia numquam. {Consii- regni Sicil. L. Ili, tit. 46) prescrisse,
che chi voleva esercitare la professione di chirurgo o di medico dovesse, dopo aver studiato
\iev un triennio logica, e per un quinquennio medicina e chirurgia, essere esaminato, ed indi
trovato idoneo ottenerne la licenza dal re. In seguito, comunque non si osservassero piena-

mente

le

dette prescrizioni, pure l'esame e la licenza sovrana erano indispensabili. Nullus,

dice Carlo

in un suo editto del 1217, phisicus seu cirurgicus officia ipsa cxerccat nisi exaCuria nostra litleras super hoc obtineal a Regia Majestatc. (Arduo, di regia
Zecca t. V n. 312). Lettere dunque di tal natura si trovano nei R. 2, 10, 15, 19, 25, 32 con
le proprie rubriche. Altre stanno tra le Extraoagantcs del R. 29, f. 8 19 e sono state pub-

minatus

I,

in

blicate dal DEL Giudice,

t.

I,

p. 234.

XXV

Loibardie; o Regisirum Provincie, Lombardie, Thuscie et

dam procurationum. Bisogna per

quarum-

avvertire che talvolta nelle altre

ed anche nelle littere


exiravagantes infra regnum si trfwano atti che riguardano affari
esteri, o perch in essi si tratta pure d'interessi fiscali, o perche
l'ordine, clic si spedisce, dev'essere eseguito da qualche ufficiale
del regno (').
Questa rubrica, che continua
7. Tkesaurariis [littere misse)
nei regni successivi contiene mandati del re ai tesorieri di caste!
dell' Ovo e ad altri ufficiali per pagamenti da erogarsi dal denaro conservato nella regia tesoreria in soddisfazione di spese
fatte o da farsi nell' interesse dello Stato ('). Trovasi nei 11. 9, 34
con titolo in lingua francese (^), che noi abbiamo volto in latino
adottando la formola dell'elenco del 1284 ('), seguita anche in
appresso. Anche gli atti, durante il regno di Ciirlo I, sono scritti
classi riguardanti

giustizieri o

secreti,

lingua francese.
Gli atti contenuti
8. A'podixarium o Apodixarius-Apodixe
in questa rubrica (V. Indice sistematico in v.) sono scritture di
ragioneria e sono di varie specie. Alcuni sono bilanci e liquidazioni fatte dai maestri razionali dei conti resi alla regia Camera
in

(')

Bisogna puiG

nvvei-tii'c

cho

paesi menzionati nella ruljrica, di cui trattiamo, non sono

occupano. Di alti-i moltissimi nei Registri Angioini


k fa parola, sia per occasione di guerra o per trattati di pace
sia per ambascerie o altre
relazioni di amicizia o di parentela. Essi si rinvengono specialmente sotto questa rubrica, si
durante il regno di Carlo I e si pel tempo dei suoi successori, e furono gi minutamente annotati dal Baffi [InCrod. al Repertorio deyli antichi atti governativi t. I, p. 78) e dal Trincher, {Degli Arcliioii Napoletani, Rela.sione p. 260) comunque per la mancanza delle note
indicative
le notizie non possano essei'e di alcun vantaggio agli studiosi. Pi utili per avventura riescono quelle date dal Minieri, {Genealogia di Carlo I d'Angi p. 53 62 e 140 e .ss.,
ed // regno di Carlo I d'Angi passim] per le moltissime indicazioni dei Registri
dove di
quelle regioni o citt si discorre. Qualche indirizzo inoltre, .sebbene raramente, si pu pure
i

soli, dei quali

le

lettere in essa inserite

si

ricavare dai Repertorii del Vincenti e del Sicola e pi sijesso del Chiarito. Da ultimo giova
notare che parecchi doi-umenti riguardanti la Provenza, la Morea ed altri Stati vicini e l'Un-

gheria furono gi pubblicati da Del Giudice (t. I, p 219), dal Papon, {Histoire de Prooence),
dal BucHON, {Recherches historiques sur la principate... de More t. II. I nocstigations des
nrciices ecc.), e nei Monumenta Hungariac historica, Ada extera t. 3 in 8.
con ordinanza del 27 ottolre 1277 pubblicata in latino dal Minieri, Saggio di
(') Cai-lo
Cod. Dipi, cit., t. I, |i. 151, ed in fi-ancose dal Duiirieu, Notice sur les Registres angecines cn
languofrancaise, p. 1 34, Elude sur les Rcg. etc. o. e 1. 1, p 106, organizz e sistem il servizio
della Tesoreria, che era posta nel castello dell'Ovo. tesorieri erano tre e ad essi esclusivamente
tutti gli ufficiali dovevano fare
versamenti del denaro intioitato per conto pubblico; come
I

mandato di.'l le erogare le somme ivi


argomento , come al solito, esposto accu-

d'altra parte, essi solamente potevano in seguito ad un


depositate. Tutto

il
sistema, clie riguarda un tale
ratamente dal DuRRiEU nell'opera citata, t. I, p. 97.
(3) V. n. 4 nella tavola del R. .34, ove notato il testo di questo titolo in francese.
(*) V. il n. 75 dell'elenco suddetto, ove si legge: In hoc registro sunt littere misse Thcsaurariis Castri Ooi et quihusdam aliis ojjcialibus Curie etc, e si aggiunge in ultimo: in gallico
et in latino scripte. Questo volume ora corrisponde al R. 34. Cf Durrieu, t. II, p. 115.

XXVI

che in quahmque senso amministravano il


pubblico danaro, col relativo decreto o di (juietanza, se il conto
tornava <j,'iusto, o di condanna e di obbliganza al pagamento, se
l'iutroito superava l'esito, dei residui dovuti. (II. 2, 3, 4, G, 10,
2)], o2, )>4, -J7) Nei conti sono re^iistrate le somme introitate e
le spese di qualuiKjue natura fatte per conto dello Stato. Il documento dato in nome del re, e la Ibrmola : Karolus ecc. Tenore
pvescntium^ o Per presens scriptum notiiv facimus universis quod
Altri atti sono semplici dicliiarazioni (apodia:e)^ con cui il
ecc. (')
re riconosce essersi versate o consegnate [assignate) dagli ufficiali
pubblici (giustizieri, secreti, portulani ecc.), o da qualunque altra
persona nella regia Camera, le somme introitate, anticipate, o restituite per ragione del loro ufficio o per incarico avutone, o pure
le cose e gli oggetti comprati per conto del re o dello Stato. In
({uesto caso Vapodixa prende talvolta anche il nome di computus (K.
1 0,29). La ibriiola, (nasi come negli atti precedenti, : Kotumfaciiiis quod N. assignavit o restituit ecc. efacio computo ecc.("). Si noti
pero che le apodixe di tal natura non si trovano pi negli atti di
Altri atti
cancelleria dopo l'istituzione della tesoreria nel 1277.
finalmente speciali alla Casa reale sono certificati d'indennit con
la medesima formola rilasciati dal magister r. mar escalle o dai
graffer de hospitio regis ai dipendenti di quella per cavalli o altri
animali casualmente morti o danneggiati nel servizio del re. (^)
Essi vanno sotto la rubrica: Apodixe officialium hospitii^ (R. 1) o
Quaternus de apodixis officialium assignatis in Camera (IL 22).
In questa rubrica
9. Cedide taxationis generalis subventionis.
(Ini

pubblici

ufciali,

Ecco qualche esempio di questi apodissarii, tratto dal R. 10 f. 190: Karolus etc. Tenore
prcsenliwn notuni facimus quod Matlicus Rufulus de Raccllo rationem postiit in hunc modum
(M

de

portulanatus Apulie corani mapistris rationalibus Introitai


iyitur diligente collatione de eodeni introita ad exilitni supradictiu/i
Predicti magistri rationalcs ctimdem Matheum condcmpnarunt eie. itnde ad

officio secretic et ntagistri

e\o. ExUiis ctc. Facto,

inocntnni est etc.

futurani mcnioriani et tani curie quain predicti Mathei cautclam et rohur perpetuo valiturum
presens scriptum sibi exinde fieri et sigillo majestatis nostre jussimus communiri. Altri esempi
possono trovarsi pubblicati presso il Minieri, Saggio di Codice diplomat. t. 1, pp. 40, 156 e
presso
i"^]

il
DuRRiEU o. e-, t I,
Ecco pure un esempio

p.

109, quelli in latino, questo in francese.

delie formolo usate in questa specie di scritture, tratto dal ci-

N. N. assignavit in camera, nostra de pecunia generalis subccntionis etc.


f. 109: assignavit sercum unum et ancillam unam emjitos ad mandatum. nostrum f. 201: nutuacit
in Camera nostra uncias etc. pr quibus solcendis nomine pignoris mandaoimus assignari cid.
tato

II.

10,

f.

200:

duos potos aureos,

f.

200: assignavit fructuario nostro de cera, centenaria lar.

XV

f.

202

resti-

seu Camere nostre mille libras turonensium. Altrove (R. 13, f. 176) dicesi cosi: Apodixa
Petri Farinelli pr d. Guillelmo de Aqua. Facto computo per me Petrum Farinellum etc
notum facimus quod debentur magi(^) R. 22, f. 220'': Nos magister regie Marescalle
tuit nobis

domini Regis pr quodam palafredo


Bari XIII uncie auri.

stro Petra de Stampis clerico


in (erra

et

duoius roncinis mortuis

XXVII

sono comprese le liste di carico per i vari paesi del Regno della
imposta annuale ed ordinaria che dicevasi collecta o suhventio gcneralis. Essa aveva per base principale la popolazione ('). I maestri
razionali, secondo il numero dei fuochi, stabilivano l'ammontare
della imposta e la ripartivano per ciascuna provincia e per ciascun
comune di essa. Indi tra il decembre ed il gennaio di ciascun
anno spedivasi la cedola, che conteneva la imposta, contemporaneamente a tutti i giustizieri del regno Q, i quali comunicavano
la parcella corrispettiva a ciascuna universit o comune della regione da essi amministrata, e nello stesso tempo imponevano alle
medesime di eleggere sei tassatori e collettori che si dovevano scegliere dai cittadini, due tra quelli che erano de majoribus et ditioinbus, due de mediocribus e due de minoribus seu inferioribus [^). \\
quaderno o processo verbale della elezione eseguita, sottoscritto e
suggellato dal baiulo e dal giudice doveva rimettersi al giustiziero (^). Fatto ci i tassatori nominati, prestato il giuramento di
adempiere coscienziosamente il mandato ricevuto si ponevano all'opera delio apprezzo e di una seconda ripartizione della tassa per

una stima, che

individui ('). L'apprezzo era

faceva delle facolt,


che ciascun cittadino possedeva in burgensatico, si in beni stabili
che mobili, e doveva rinnovarsi ogni anno nel mese di maggio ed
essere compiuto nel mese di agosto Q. Di questa particolare tassazione dovevano farsi quattro quaderni consimili, uno da rimettersi
al giustiziere,

un

altro

si

da ritenersi dai tassatori

e dai collettori,

un

comune o presso un qualche


dal comune stesso ed un quarto

terzo da depositarsi nella chiesa del

probo cittadino scelto a tal effetto


da spedirsi tra un mese e mezzo ai maestri Razionali della Magna
Curia. I collectores finalmente dovevano curare la esazione della
tassa da ciascun individuo, e passare le somme introitate al giustiziere, il quale a sua volta ordinariamente le versava alla Camera o al Tesoro Q.

Le
(')

cedide taxationis gene'rcdis subventionis per le indizioni

Constit. regni Sic. L.

I,

lit.

107.

H Un

esempio della comunicazione della cedala taxationis per Terra d'Otranto fatta
nel 16 giugno 1276 trovasi nel voi. 4 della Regia Zecca ossia Arche n. 281. Il doc. fu indicato
nel Sijllabus,

t.

I,

p.

121.

R. 3 (1269 A)
Extravagantcs.
(3)

Cf.

(*)

Esempii

f')

(")

39 e R. 10,

di atti di tal

abbreviati nel Sgllabus,


(^)

f.

t.

I,

natura

si

f,

lOO^*.

Ordinariamente queste lettere

trovano nei volumi delle Arche per

gli

si

trovano tra

Io

anni 1276 e sono

pp. 114, 115.

Tutto ci i-ilevasi dal cap. Fiscalianifunctionum,it. De appretio nei Capii, regni Sic.p.Ob.
V. cap. In cacndis maji p. 69 ed In singulis cioitatihus p. 77.
Si noli

che

chierici clericalitcr oioentes

erano esenti dalle

collette.

Cap.

r. Sic. p. 43.

XXVIII

(l'JTr,-77),VI(l-J77-7S), VI 1(1278-71)),

IX (1280-81),XIf-X III

trovano confuse con


(incile (lei sovrani successori nei 1^. 207, 273 e 285. Per la sola
indi/. XI (12G8 GD) si trovano alcune cedulc, che potrebbero dirsi
di sni)plemento per sei provincie, cio per Abruzzo, Basilicata,
Principato e Terra r)eneventana. Terra di Lavoro e Contado di
Molise, Terra di Bari, Valle di Orati e Terra Giordana, nei K. 4,
D e 29. Esse sono il risultato del confronto fatto trai quaderni
])articolari della generale sovvenzione con i quaderni dei fuochi (').
Queste erano le cedole della imposta ordinaria annua. Vi
erano poi quelle emesse straordinariamente nei casi contemplati
dalle Costituzioni del regno, e per i tempi di Carlo 1 troviamo la
cedola cjeneralis suhventionis imposta in suhMium expensantm
cantra rehelles Siculos nelle provincie di Principato, Calabria e
Valle di Crati (K. 273).
Inoltre le stesse cedole compilate per la suhventio generalis
servivano anche alla distribuzione della nove denariorum monete
fatta coniare da Carlo I per sostituirsi alla vecchia nei varii comuni del regno; distribuzione, che si risolveva in un'altra imposta
non lieve, e che fu una delle cause della sollevazione di Sicilia.
Esse pure si chiamavano Cedide iaxationis e si trovano per quasi
tutte le Provincie nel li. 29.
Si trova inoltre nel K. 34 una
cedola di residui del denaro che restava a riscuotersi nella VI
e VII ind. (127779) dalla provincia di Val di Crati pel prezzo
monete denariorum ause in sicla Messane. Per questa distribuzione della nuova moneta si procedeva dai comuni alla elezione
dei sindaci a ci deputati (E. 3, fol. 10) invece dei taxatores e collectores che si nominavano per le collette.
10. Ratio officii Thesaurariorum. IntroytusExitus
La formazione di questi Pegistri di conti, fu, a quanto pare, iniziata in
seguito al nuovo ordinamento dato da Carlo 1 alla regia tesoreria
con diploma dei 27 ottobre 1277,' e forse nell'aprile della Vili
ind. (1280), come sopra accennai.
Durante il regno di Carlo I, essi sono pochi, monchi ed incompleti, e sempre legati con atti di altra natura. (V. Indice sistematico in V.). Il titolo si trova nel li. 43 fol. 1 cosi concepito:
(rjiS;>-l

2t'^5j,

(liirautc

il

re<4-iio

di (vario 1 si

(')

Le cedole riguardanti

le

provincie di Terra

di

Lavoio e Valle

bria citeriore furono pubblicate dal Minieri, Saggio ecc.

Una

di

Crati ossia

p. 43 e seg.
Buri, presa dal cit- R. 29,
t.

cedola di tal natura pel 1276 e per Terra di


Forges-Davanzati, Sulla seconda moglie di re Mnnfrcdi, doc. 80,
sbagliata ed un' altra pel 1279 e per la Sicilia ultra Jlamcn salsum presa
Ji. 3, fu pubblicata dall' Amari, Vespro Siciliano, doc- 4.
(2j

blicata dal
;

la

Cala-

I,

ma
dal

fu

pub-

con citazione
l';iscioolo

45,


Ratio

officii

Risonis de

nostrum Guillclmi

Marra

de

Bando

XXIX

elicti nicjri

et

de Parisius Cappellani,

Retri Bodin de Andcgavia The-

saurariorum recjie Camere Castri Ovi de mensihiis etc. (an. 1282).


Segue poscia Introitus etc. e si notano le partite esatte dagli
utHciali che maneggiavano il pubblico denaro, ed anche da altri per altre cagioni. Indi segue Exitus etc. con la specifica delle
partite di spese, spesso accompagnata dai mandati in virt dei
(|uali quelle erano state fatte. Gli atti sono scritti in latino ed in
francese. Da queste scritture possono rilevarsi notizie di ogni
genere riguardanti i costumi di quei tempi, l'economia publica,
le monete ed anche la letteratura e le arti (').
Oltre a questi conti, che riguardavano la publica azienda ve
n' erano altri appartenenti a Casa reale (^ratio grafferiorum de hospitio regis), che si rendevano da quegli ufficiali statuti super officio
graffi, hospitii domini regis (^). Questi portano la rubrica: Pecunia
recep)ta per grafferios e pecunia soluta per grafferios (R. 225).
Ad essa appartengono pure alcuni articoli che si trovano
notati nei registri di Carlo I, senza una rubrica speciale e complessiva, ma che, ragionevolmente, possono prendere quella che
ebbero sotto Carlo II, cio di expense^ e con la quale noi abbiamo
cercato indicarli. Tali sono i titoli cera, coqniiia, hordeum, panectaria, vinum (R. 3, 29) ed altri che, oltre i gi mentovati, sonr
dettati in francese, come V escurie, la fruiterie (V. tav. 32, not. 9).
VI. Procedendo ora pi oltre nella esposizione delle rubriche dei registri Angioni, dobbiamo innanzi tutto notare che la
morte di Carlo I e la successione di Carlo II al trono di Sicilia

non arrec essenziali mutamenti nella costituzione


del reame, ridotto dopo il Vespro siciliano alla sola parte continentale. Se ne eccettui il nuovo tribunale del Amicarlo o della
Corte Vicaria istituita nel 1305, che per altro poco o niente fie di Puglia,

gura nei registri di questo re, e salvo qualche altra accessoria


riforma nella materia tributaria
tutti gli ordinamenti giu-

(') Una sommaria esposizione di notizie di tal genere si trova nel diligente studio: La Ratio
Thesaurarcorum della Cancelleria Angioina pubblicato nell' anno IX deWArchicio storico Naj'oletano da! sotf Archivista Nicola Barone{-) Cf. il documento del 1295 riportalo nel Syllabus t. II, parte l''',p. 162, e Dqrrieu 1. 1, p.l28-

Dell'amministrazione del regno di Sicilia sotto Carlo II d'An.^i e delle riforme da lui
latte, non lia guari tratt specialmetite Leone Cadier nell'opera '.ssrtt sar l'administration da
Royaame de Sicile sous Charles I et Charles il d'Anjou. Parigi 1891; opera certamente pre(3j

ma da non paragonarsi per criterio ed ampiezze di ricerche, per profondit e novit


e per importanza di risultamenti ottenuti all' opera del Durrieu sopra Carlo I. Il
vedute
di
giovane e bravo autore rapito immaturamente da morte, non pot dare l'ultima mano al
suo lavoro che certamente avrebbe in alcuni luoghi corrotto, in altri ampliato ed in altri
gevole,


(llziaiii,

aiiiiiiiiiistrativi

XXX

finaiiziarii,

(3

meno poche

non sostan-

restarono (juali erano precedentemente. E di


vero con i cajyiuU o leggi j)ro bono statu fidelmm, che per ingraziarsi le i)opolazioni delle provincie al di qua del Faro furono ])romulgate o da Carlo 1, dopo il ^'espro nel 1282 ('), o dal
iiglio Carlo li, mentre era Vicario del regno nel 1283 nella
jianura di S. Martino di C^alabria (^) o dai Balli del regno durante la prigionia di esso Carlo II nel 1285, poscia sanzionati
da l^apa Onorio da cui presero il nome (^), o finalmente dallo
stesso re Carlo II, dopo la sua liberazione nel 1289 (^), generalmente parlando, non si fece altro, se non se moderare gli abusi
e gli eccessi dei pubblici funzionarli, mitigare la quantit ed i
rigori nelle esazioni dei tributi, riconoscere alcuni privilegi dei
nioditc'lic,

ziali

feudatarii, favorire la Chiesa e le persone ecclesiastiche, e da

ultimo determinare che le imposte fossero ridotte nello stato, in


cui erano al tempo di re Guglielmo il buono. Le riforme, se pure
ve ne furono, riguardavano l'esercizio della magistratura e dell' amministrazione pubblica, anzicch la magistratura e 1' amministrazione stessa. Il potere sovrano, volendo imitare o emulare
gli Aragonesi di Sicilia proponeva e faceva sanzionare queste
sue nuove leggi nei pubblici Parlamenti.
Stante ci 1' ordinamento ed il sistema della reale Cancelfinalmente completato. Tra
oltre

pregi per del libro del Cadier non da omettersi

Registri Angioini di Carlo

II

ed

il

Cartularium ncapolitanum

di

d'

aver

Marsiglia ed

egli,

altri

gi

amministi-azionc del nostro Reame il Coprimo trovato e ado])erato noli' esporre


Vaticana che contiene il Formidarlum Curie Cai-oli li
rc(jis Sicilie, d'onde ha ricavato parecchie notizie nuove ed importanti sul proposito. V. la
sua opera a p. 159.
titolo Constilutiones aliao factae per dicium donii(') Questi Capitoli si leggono sotto il
nuin Carolum rcrjcni Siciliac super bono statu e con la data dei 10 giugno 1282 nei Capituia Reg. Sicil. p. 25-40.
noti, pel

i'

dice manoscritto della biblioteca

(2)

Anche

questi Capitoli, che nell'ultimo articolo prescrivonDl'osservanza delle Corasii^a^jones

nocellae super reformatione et statu pacifico Regni, e furono promulgate de Consilio praelaBaronuni cicium multorunique proborum (ciroruni) in parlamento Sanctc

torunx, Coniituni,

Martini planitie solemniter celebrato, si leggono nei citati Capii- r. Sic. p. 41-55, col titolo:
Constilutiones illustrissimi domini Caroli II principis Salernitani. Intorno ai medesimi si
vegga il continuatore di Saba Malaspina ap. Gregorio, Dibl. 'Sicul. t. II p. 402. Essi furono
nel parlamento celebrato in N;ipoli da Carlo II dopo la sua liberazione (Cf. doo. del 16 aprile 1295
nel R. 73, f. 196''), e poscia anche da re Roberto nel 1318 [Capii, r. Sic. p. 71 e 85) confermati.
(3) Queste leggi, che dopo la loro pubblicazione ebbero certamente osseivanza per qualche
tempo in seguito non furono riconosciute e se ne contest l'autorit nella giurisprudenza
napoletana. Per tal ragione essi non si leggono nei Capitoli del Regno, ma nel R.\inaldi, An,

nalcs Eccles.

t.

Ili,

blicazione dei Registri di


op.

cit. p.

Regni
(*)

125.

Giannone, Storia Cicile t.


Papa Onorio fatta recentemente

p. 603,

Nei Registri

nel

pontificii

Sicilie.

Capii,

r. Sic. p. 55-71.

essi

poi tano

il

Ili,

p. 461 e

dal sig.

titolo:

Prou

da ultimo nella pubal n. 96. Cf.

Cadier

Constittitio super ordinatiune

XXXI

generale continu a funzionare nello stesso modo come


era stato stabilito da re Carlo I. Le dieci principali rubriche,
che abbiamo notate nel regno precedente, salvo qualche modificazione in alcune di esse, seguitano a figurare anclie in questo;
ne mancano, come ivi, le rubriche temporanee ed occasionali. Se
non che alle une ed alle altre si aggiungono pure talune nuove,
clic o integralmente o con qualche leggiera variazione rimangono
nei regni successivi di Koberto e Giovanna I.
Cosi, cominciando dalle dieci principali, nella rubrica 4"", che
da questo tempo in poi notata col titolo: Quaterniis notariorum^
leria in

judicum

ecc.

ai notavii.,jiidices^ magistri jurati, protontini^ corniti^

(')

advocafij cirurgici e

ca

(')

curiales

Qe

edici, si

aggiungono

iahularii Neapolis

delki citt di Napoli,

conventati

(^),

notarii in littera gre-

che erano notai speciali

ossia

(^),

dottorati in

comprende tutti gli ufficii indicati nel testo o fordiverso cos: Extraouguntiuin judicum, adoocatoruni ecc. (R. 87) o

Qualclie volta la rubrica non

(')

mulata

in

modo alquanto

pub-

do nnndincs, de officio coiniturie, de judicatu in re cioili (R. 102), o De


(R 107, 129), o semplicemente: De officio judicatus, de tahollionatu in Provincia (R. 182) Si noti per che sotto il titolo; de Judicatu in re cicili ncA
R. 102 si trascrive un solo atto del maggio XIV ind. (1301) con cui si nomina Giovanni Osebio
giudice in contractibus vid. et cansis cioilihus di Sorrento f. 42"^, e nel R. 182 un altro atto
(lol 1300, con cui si nomina in Aversa un giudice ad docennium quoad cioiles causas decidendas

De

lo(/itimatione

Ingilioatione, de officio phisice

oc contractus de conoentionibus in ejus presentia celebrandis, f. 29.


(^) Reg
181 f. 55, V. E un solo atto con cui Carlo II nel 18 aprile

XIV

ind. (1301) parte-

cipa Uniocrsis horninibas Cioitutis et instile Corsiensis (jiiccola isola nella Jonia), di aver nominato Htjriacum persianuin di Gallipoli in notariuni pupiicum in greca scriptura tantum.
curiali di Napoli, come quelli di Sorrento e di Amalfi, erano ufficiali jiubblici, clie
(^)
I

avevano

la facolt di stipulare

contratti nella nostra citt e nel .suo territorio con

carattere speciale, e secondo un rito loro proprio. Federico

nem

{Const. reg. Sicil.

per l'avvenire
intelligibili.

g'

1.

I,

t.

LXXXII)

II

con

prescrisse che abolito

la

modo

il

scrivere curialesco

di

istrumciiti in Napoli ed Amalfi dovessero essere fatti in lettere

Ci non ostante prevalse la inveterata costumanza, o

stile

constituzione Consuetudi-

gli

comuni ed

curialeschi segui-

atti

tarono in Napoli a stipularsi, come per lo passato, fino alla seconda met del secolo XIV.
Dei curiali scrisse gi un giudizioso ed erudito trattato il Chiarito col libro: Commento della
Costitu^^ionc da instriun. conficicndis per curiales dell' Imp. Federico II, Napoli 1772. Per

tempi del Ducato Napoletano una speciale dsscrtuzione sull'argomento


II, p. II, p. 112 126)
da notarsi che durante il regno di
t.
Carlo le nomine dei Curiali [de officio notarii quod dicitur curialis) si trovano confuse con
quelle dei notari ordinarli. Cf. R. 10, f. 180, v.
e*) Il tabularlo era una carica nell'ordine dei curiali. L'atto che accenna a quest'ufficio
trovasi nel R. 1(50, f. 205, ed la nomina di Nicola Crucialma che era stato in Curia rcccptus a poter esercitare in Napoli tntt'i (\\ieii\\ (xi c]c ((d ipsius tabulariatus officiuni pertinere

quanto riguarda
trovasi nei

Mon. Neap. Due.

noscuntur
(^) Intorno

al

nel secolo XIII e

Concentus o esame fatto

XIV

si

vicNY, Storia del diritto

veggano

romano

in

pubbli'.-o,

gli statuti dell'

del

Medio-Evo,

con cui

Universit

di

si

otteneva

Bologna

trad. dal Bollati,

t.

I,

grado

il

lib. II, p.

p.

527 e

t.

di

dottore

48 ap. S.\III, p.

25.

nuove che contiene e perch


non conosciuto dall' Origlia [Storia dello studio di Napoli), omesse le formolo, il seguente:
Karoliis Sccuadus etc. lustitiam de Celo crcaoit Altis.'?im(ts ctc Cwn igitur Magistcr lohanncs de Mauro de Xcapoli etc. ab annis teneris etc. in dguletica seu logicali scicntin longo
L'atto riportato

in

questa rubrica, importante per alcune

no-tizic


esame, 7)?Y<//c?*('), ed

XXXII

preposti al p;ovcrno
(ivile e militare di (|ualelie provincia o citt, o al comando di un
dato numero di soldati ('). Si ag-giun^-ono pure, cosi in questo
((nne nei remili successivi e non certo, secondo che pare, correthlic'O

tamente,

gli atti

conenfabiili^uf^ytYi

Icgiihnationum

(*)

nundinarum

(^)

o forii^')^ che

tempore suduiierit et alscrit eie cuni cxaminari prccepimus. Slcrjuc per Cancellar iiim
tnta (lieto Mogislro Johanni eerta ipsius seiantic Icelione f/uani lef/eret Mafjister ipse, legit
t'undcm. Super qua et circa quam exaniinatus exacte tunc cxtilit in secreto. Deinde circa lectioneni ipsarn exuminalione oc disputatione Jinitis Cancellarius ipse ab unoquoque doctorum
in ipsa scicntia sub ndijionc prestiti exinde sacramenti excgit testimonium vcrilatis de ipsius
Magislri luhannis sujjicicntia sigillatim et comparto ex concordi testimonio singulariter omnium euni fare in ipsa loycali scientia comprobalum aptuni quoque ad cathedram et ad apicem
inni

decoralus

( l.

publico iuxta morem


sic in presentia dicti Cancdlarii qui ad Cathedram

doctoi atus) super alia lectione

quam

legit est

exaniinatus

in

codcm modo suffciens est incentus et


et doclrinnm in- ipsa scientia licentiucit eumdem per Magislruni Accursium de Cremona Mafjistruni in Artibus rcgentem actu Neapoli prefato Magistro lohanni libere et cum consuetis
sollempnii benedictionis impensis etc Datum Neapoli anno domini MCCC die XXII I DeceniInd. etc R. 181 f. 0^
bris
quola deiiominazione si notano gli atti, con cui si d licenza di esercitare in
{') Sotto
ft

xml

tsica, in cirurgia,

o in medicinali scientia {R. 12, 50, 91).

Nei capitoli del Gian Contestabile dati ai 23 giugno 1308 Icggesi un articolo, che non
si trova nei caiiitoli [)re(--edfnli, e col quale si prescrive che il Gran Contestabile doveva apComcstubuli, eletti dall' Univeisit del regno prima che venissero coni'erinati con
provare
lettere regie, et de ipsorum approbatione ipsis comestabulis electis sub suo sigillo dare apertus
333'', e 168, f. 176'*. ) H Contestabile di Napoli aveva pui-e giuliteras competentes. (R. 167,
risdizione nel territorio di Pozzuoli. Intorno ad esso vedi Chiarito, op- cit. p. 109 nota 3.
1'
esempio di un atto di tal genere: Karolus secundus etc. Sane Philippi Rogerii
(3) Ecco
et Jacobi Jiliorum Petri clerici de Taurasia nostrorum Jdelium oblata culmini nostro petitio
rontinebat quod ipsos diclus cor uni pater nonduni constitutus in sacris ordinibus yenuit de
(^)

1'.

ad multa sunt hinabiles redditi tamquum macula illegitime naticitutis aspersi


propter quod cum decotionis spiritu celsitudini nostre actentius supplicarunt ut circa repa-

solutis linde

rationem status ipsorum dignarelur benigne nostre procidere clemvntia etc. Nos etc- eosdem
Philippum Rogerium et Jacobum de quorum fide moribus et cirtute laudandu tescinionia serenitas nostra suscepit piene et gratiose restilutionis officia beneficio integrumus et legitimumus
nd onincs octus legitimos et successiones sine iuris iniuria alieni ut ipsi ad legitimatorum conf^ortium pricilegio nostre reintegrativnis adducti et nutalium splendore lustrati ad honores
dignitatis et gratias se liabiles inceniant et capaces etc. Anno domini MCCC die XXIV maii

XIII
()

indictionis. R. lOl,

Ci piace dare

f.

396''.

anche l'esempio

di

un atto con cui

si

concede

la fiera [nundino.e]

a qualche

paese del regno: Karolus secundus etc. Notum fucimus unioersis etc. quod nos ad supplicarionem hominum Castri nostri Summe etc. hominibus ipsis tenore presentium de speciali gratin.
ndulgemus quod in Castro ipso Summe singulis annis cidelicet in festo Sancti Georgi] de
I

mense aprelis durantes per odo dies a die ipsius festi in antea computandos in qiiibiis colentcs
'Onceniant ad entendum par-iter et eendcndum cdebrenlur nundine rerum ceriatium gcncraics
dummodo fiiant absqiie dispendio rei publice ac prejudicio cicinorum. In cuius rei testimonium
'te. Datum neapoli anno domini MCCC die Vili martii XIll indictionis. R. 101
f. 386.
Karolus secundus de. unicersis hominibus Casalis Racle de lustitiariatu Terre Ydronti
Jiddibus suis de. Intercentu supplicationis et intuitu Petri de Marra et Jonathe de luco de
Baralo militunifamiliarium et fideliuni nostrorum doniinorum eiusdeni Casalis Racle ticentiam
faciendi in codem Casali forum rerum cenialium qualibd edomada singulis diebus lune in
quibus colentes conoeniant ad emendimi pariter et oendendum dummodo Jat absque dispendio
reipublice et prejudicio vicinoruni nobis de speciali gratia tenore presentium impurlimnr de.
,

Datum
[^)

neapoli die

XV

aprilis

XIII

Alle volle con uno stesso atto

indictionis. R. 101,

concede privilegio

f.

386.

di fiera e

mercato come nel seguente:

XXXIII

che noi per maggior


comodo degli studiosi abbiamo indicati in due rubriche separate.
Finalmente un titolo: Da preconis officio^ che si trova una volta
isolato, dovrebbe anche, come nel li. 107 a questa rubrica agsarebbero

stati

meglio allogati altrove,

gregarsi (').
Le rubriche 5^ e G"" (^Extravagantes) perdono nei Registri gli aggiunti esplicativi di infra ed extra regnum. Se non che a line di
agevolare le ricerche degli studiosi noi abbiam voluto conservare
neir Inventario la indicazione di extra regnum^ ed aggruppare
sotto essa tutti quelli atti, che riguardano i paesi fuori Regno
nei quali Carlo li aveva dominio, o una ingerenza qualunque, e
che ben d'altronde possono dirsi estravaganti. Sotto una tale indicazione quindi abbiamo notate le seguenti rubriche, che si leggono sparse nei Registri di esso re, cio Apodixarius in Provin,

Capitula facta in comitatibus Provincie


Extravago.ntia comiiatus Andegavie, Provincie

Forchalquerii
et Forchalquerii
Extravagantia officialium. Francia
Litterarurn concessaricm horainihus terrarum comitatus Pedimontis quaternus
Provincie constitutiones
Provincie officialium capitula
Provincie quaternus
Senescallo et officialibus comitatuum Provincie^ Forchalquerii et Pedimontis
de tahellionatu Provincie (').
( V. Ind. sistem. in v.
Extra regnuvi ).
Nella rubrica 7"" (^Thesaurariis)^ che con questo regno mutasi
cia

in:
si

Thesaurariorum qiiaternus,
aggiungono qualche volta

ai

mandati del

gli atti

et

re diretti ai tesorieri

acceptationes

Q, dei quali

etc. quod nos ad supplicationcm hominum Casalis


presentium induhjenius quod in Casale ipso sin;julis annis infesto
Beate oiri/inis Marie de mense septcnibris celebrentiir nundine rerum venalium (jeneralcs et
fiat forum qualibct edomada singulis cidelicet diebus jocis in quibus oolentes conecniant ad
emendum pariter et vendendum dammodo fiat etc. Datuni neapoli etc. anno
die III

Karolus secundus

eie.

notum facimus unioersls

locubant'is eie. eis tenore

MCCC

marta XIII

un

(')

indlcllonis. R. 101,

solo

f.

3S6.

dei 29 marzo 1301, col quale avendo 1' Universit di Giovenazzo


avere scelto per banditore [preco] il maestro Martino in sci-vizio

documento

esposto alla regia Curia

di

dell'Universit stessa e della regia Corte, ed avendo questi supplicato Carlo

elezione

tale

esentarlo dalle pubbliche imposte,

di

La nomina

il

re

vi

adei-isce

(R.

II

di

confermare

107,

f.

230'').

Provenza,
confonde in una stossa rubrica con i regnicoli (Reg. 147, 167j
altre volte, come qui, si notano in una rubrica separata.
alcuni esempi di alti di tal genere:
Scriptum est Thesaurariis etc. Unciani
(3) Ecco
unum in carolenis arijenti sexaijinta quos die VI prescntis mcnsis Februarii solcistis ad mandatuni ex parte nostra orctenus cobis factum Symonetto Cursori Serenissimi Principis Doni.
Re(jis Francie vobis tenore presentium acceptamus et in cestro oolumus rutiocinio computari.
Ddtuni etc. R. 185 f. 237**. Scriptum etc Subscriptas pecunie quanlilates quas in carolenis
argenti sexaginta per unciom conputatis asseritis cos sotcisse etc. vobis tenore presentium
(*}

come

dei notai della

nel i-egno precedente,

che pi volentieri

si

dicono tabellioni, talvolta

si

acceptantes columus
R. 185,

f.

et

mandumus

cas in cestro rutiocinio per R.Curiani computari-

Datum

237'.

etc-

XXXIV

parleremo in appresso, spccialiiieiite quando o i detti inaudati


non esistevano o erano stati dati a voee (oretcnus).
Nulla tnahnente e innovato nelle rimanenti rubrielie ordina8''

rie:

(^Apixllxaviua)'^ 9* (^Ccdule taxationis f/eneralis suhventionis)

Solo nella ]cnultima sono da notare,


oltre (pialelie cedola per i residui dovuti (l. 83, 87), le sottodiN'isioni di alcune tasse imi)oste per speciali circostanze ed in determinate Provincie; come la Cedida gencralis suhventionis imp osile
injustiiiariatibus Principatus et Terre Lahoris pr solidis servientmm
peditum deputandorum ad custodiam terrarum et locorum ducatus
Amaphie (K. 212>)\pro habendis servientibus ad custodiam maritime
in justitiariatibusAprutii, Principatus et TerreLaboris (R.50,51, 52);
pr accurrimeniis dandis transituris in Siciliam contra hostes nelr anno loOO (K. 104, 115); e taxationis fodri (R. 50); e nell'ultima il quaternus rationis super officio qr afferri (E. 230), non che
le pi numerose e pi compiute annotazioni delle spese private
del re e della Corte, che formano un registro a parte intitolato
Liber expensarum (li. 128).
VII. D' altra parte, come nel regno precedente, si trovano
pure in questo alcune rubriche, che debbono riguardarsi come
straordinarie, perch o miscellanee o temporanee ed occasionali.
Tali sono le littere indirizzate: domino Karolo principi Salernitano^
e col titolo pure di: quaternus d. Karoli principis Salernitani (Qavo
Martello a. 1289-1292; l. 50, 52, 58, 59), ed anche: regi Ungarie, principi Salernitano, o col titolo: Begistrum o quaternus d. regis
Ungarie (a. 1292-1293. E. 12, 59, 61, 70, 127, 170), e talvolta
con r aggiunta di Vicario regni o Vicario Sicilie (R. 75, 79). Tal e
pure il quaderno col titolo mandata regia directa d. regi tlngarie
tempore vicariatus sui (R. 77) (') e T altro quaternus regis Une 10" (lliiflo thc.scmrarioriun.y

(')

La commissiono

del vicariato e t'ordinamcnto del consiglio e della cancelleria speciali

ad esso che si trovano in questo Reg. appaitengono al febbraio dell' anno 1295 (V. tav. not. 0;;
ma siccome Carlo Martello era stato vicario del regno col Conte di Artois in principio fin
dal 1289 {SiiHabas t. II, 1, p. 62), cosi e da credersi che questa sia una nuova e pi completa
conimissio dell'antica nomina, necessaria forse dopo che il vicariato nel 1294 per alcun tempo fu
tenuto dal principe di Taranto (R. 73. Cf- SijUabus, t. II, 1, p. 140) aggiungendovi anche l'ordinamento dell'ufficio corrispondente. Ecco le parole con cui Carlo II scrive a suo figlio nel
nominarlo vicario del regno ai 12 febbraio del detto anno: Ne imitar ad alia am preposUc
nostri motuni quani rerum ipsarum celeris cxpeditionis eJJ'eclum retardare Valencia protraJiamtis comitato nobilium et mugnatum de latero nostro Consilio, et cum sunima per nos et
illos in ialihus delibcratione prooiso versus ultramontanas partes decrevimus adeiindum. Et
tolenies etc. rcgimini rjuod est nobis ab eterni regis dispositione commissum etc. de opportuno
deano proludere etc. oos nostrum in eodem regno cicarium duximns statucnduin, 12 febbraio
1295. Le lettere patenti che seguono sono formulate cosi: cum pr tractandis et complendis
ccrlis negotiis etc. oporteat nos ad partes uUranwntanas necessario projcisci nosque CaroUna


garie ac officialiwn

XXXV

omnium tam ApuUe quam Provincie

et alia-

rum privatarum persoiarum

(R. 170). Tali sono inoltre le littere


dirette Calabrie duci (Roberto a. 1296-1308. V. Ind. sistein. in v.),
che talvolta hanno il titolo: quaternus mandatorum missorum duci
Calabrie (K. 64) e quaternus ducis Calabrie (R. 88, 153), o semplicemente Dux Calabrie (R. 99). Tali sono finalmente le rubri:

Principatus Salerni et honoris Montis S. Angeli registrum;


Tarentino principi pure vicario del regno nel 1294 (R. 73); Vicariis ac capitaneis generalibus; e Sicilie inside ac Calabrie justitiaHis, secretis et aliis officialibus (R. 105), che contiene atti riguardanti la spedizione latta nel 1300 contro la Sicilia.

che

Anche come
le

straordinarie

rubriche intitolate:

debbono certamente considerarsi

litere aperte, litere sigillate sigillo

parvo

se-

che tutte appartengono al 1290 (v. Ind,


sistem. in v. Extrav.). In nessun' altra epoca della dominazione
Angioina e della rispettiva Cancelleria si trova adoperata una
tale indicazione tratta dalla forma esterna dei documenti, e non,
come sempre, dal loro contenuto. Le litere aperte, (f. 1 29-132) sono
dirette a varii personaggi ed ufficiali del regno o delle province
soggette a Carlo II, per affari di governo o di Casa reale di qualunque natura fossero ('); il quaternus literarum sigillatarum sigillo
parvo secreto^ (f. 195-208), nel quale si annotano pure le litere
clause ( f 201), contiene missive familiari, che ordinariamente
creto e litere clause (R. 52),

trattano de stata Q.
Tali sono pure il quaternus statutorum super recipiend a pecunia

tam adohamenti baronum et feudatariorum^ quam generalium subventionitm., che si trova nel R. 12, ed appartiene al 1291, e l'altro
quaderno simile super recolligenda et expendenda pecunia^ che pure
appartiene ai 1291, e si trova nel R. 54. Gli atti sono diretti ad
alcuni incaricati della riscossione fiscalis pecunie tam. adohamenti
quam generalis subventionis, e di talune spese e pagamenti da farsi
sulle somme introitate, dandosi le istruzioni necessarie. Ordinariamente le spese riguardano la casa reale. A questi bisogna aggiungere il quaternus inquisitionis tam de comitibuSj quam de baprimo()cniiuni nostrum etc dictl regni nostri Sicilie gencralem vicarluni duxerimus ordinandum,Jl(lelltati cestro precipimus qiuitcnas deoote

parere

et

recercntor intendere dchcatis

al

mede-

simo. L'ordine diretto ComitibuA, baronibus, feudntnriis, magistro iustitiurio, justitiariis, secretis, mag. portidanis et procuraioribus ac magistris salis, procisoribus castrorum, castellanis,
et unicersis per Regnurn Sicilie costitutis. R. 77, f 180sono annotate in sunto, neisuccessivi trascritte integralmente.
lettere sono trascritte integralmente ad e.:cezione delle litere clause misse sitbscriptis
(^)
personis sub sigillo parco secreto (f. 201), che hanno soltanto notali l'indirizzo e Fogge Ito di esso.

capitaneis, et quibuscumqae officialibus

(M

Le
Le

lettere nel

primo

foglio

XXXVI --

quibuscwnque ecc., die, comunque di data


incerta e ])osto tra le scritture di Carlo l' Illustre nel l. 242, pure,
come 1)110 arii:uirsi dal titolo ('), a questi tempi ed ai2,li atti di re
n|)i)artiene. E l'accertamento fatto dei feudi di Terra di
Carlo
Lavoro e ]\[olise posseduti per concessione si di Carlo I, che
dello stesso Carlo II prima e dopo la sua assunzione al trono, non
che di Iioberto conte di Artois mentre era vicario nel rep^no (").
Tale e parimenti il quatcrnus mandatorum directornm. d. Guidoni de Alemania receptori fiscalis pecunie (R. 72) e le recognitiones
Curie pr mutualorihus (R. HO), che riguardano fatti temporanei.
Tale e finalmente la rubrica regni capitida pr hono siatu
fideliuvi, che nei Itcgistri di Carlo II comparisce per la prima
volta, e non pih s'incontra nei Registri sussecutivi. Con essa si
dinotano le leggi, che deliberate prelaiornm, comitum,, haronum
et sapientum Consilio hahito, ed anche midiiplici ip)sorum prelatorum
comitum, haronum et sapientum discussione prehahita Q furono da
re Carlo II promulgate nel generale parlamento, che tenne in
Napoli ai 5 settembre del 1289, dopo che uscito di prigionia venne
nel regno ('). Queste leggi o capitoli, che si comunicano a varie
universit o ufficiali del regno, sono quegli stessi, che cominciano
col proemio: liegina instiiiae^ e si trovano stampati nelle varie
edizioni dei Capitula ed in quella del Cervone dalla p. 55 a 73.
E qui torna opportuno notare che nel nostro regno, dopo la
fondazione della monarchia, le leggi emanate dalla suprema auronihfs ef feudatariis

torit dello Stato si dissero

prima

assisiae dai

Normanni,

e poi

ed in principio anche dagli Angioini (^).


In seguito nel regno di Carlo II esse presero il nome di Capifida,
che in questo senso era antico presso i Franchi, e cosi per qualche tempo l'uno e l'altro nome si us promiscuamente a tal ri-

constituiiones dagli Svevi,

{']

V.

tav. del R. 242 n. 4.

All'alto angioino aggiunto la copia del noto Catalogo dei feudatai-ii del Ducato di
Puglia e Principato di Capua dei tempi Normanni con una aggiunta dei tempi Svevi. Fu publ)licato da!

e dal
(^)
[*)
f.

Horrelli

Del Re

nel

t.

V index Ncap.

Nobilitatis, dal Fimiani nell'opera

in

app.

II

dei Cronisti e scrittori sincroni

al

Da

Sulifcudis

Nap.

Ci dichiarato espressamente dallo stesso re Carlo II nella introduzione dei medesimi.


decreto dei 9 luglio 1289, che convoca questo parlamento, si legge nel R. 50 (1288, C)

Il

80 ed riportato nel Syllabus t. II, 1, p. 51 trascrivendosi dalle A)'clie. Del parlamento


e delle leggi in esso jiromulgate discorre il Giannone, Star eie. L. XX, e. 9 ed altri.

sfe.s.so

tempi Normanni e Svevi, che non fanno al nostro proposito, basta


notare che le leggi Angioine, cosi nei Codici Mss. come nelle stampe fattene portano il titolo:
Constituiiones et statata Domini Rerjis Caroli Icriisalom et Sicilie ret/is; e ohe nello sfesso
modo sono denominate da Carlo I d'Angi nei suoi diplomi (R. 27, f. 19'', 105''. Cf. Miniefii,
Cod. diplom. t. I, p. 130142), e dal figliuolo Carlo II nella conchiusionc dei Capitoli di S. Mar(^)

Senza parlare

dei

tino [Cap. regni Sicilie p. 55).

XXXVII

Ma

a poco a poco prevalendola nuova denominazione,


la parola Capitula si applic presso noi a significare propriamente
ed esclusivamente le leggi promulgate dalla dinastia angioina (^).
Se non clie il vocabolo capitida, oltre l'accennato, ebbe allora

guardo

(').

presso noi anche due altri significati. Cliiamavansi cosi non solo
gli editti o regolamenti parziali, con i quali si determinavano i
dritti ed i doveri di un magistrato o officiale qualunque nel decreto cheli chiamava a quella magistratura od a quell'ufficio, ma
anche il decreto della suprema potest, con cui sanzionavansi le
deliberazioni prese dal consiglio o parlamento municipale intorno
ai dazii imposti nel proprio comune.
Ora dei Capitoli, nel significato di leggi, che furono gi annotati nei Registri Angioini, ecco quelli che a noi riuscito di accertare. Alcuni di Carlo I, che sono sparsi nei cod. mss. e nelle
stampe, riuniti e comunicati a' giustizieri di Abruzzo, di Calabria
e di Sicilia Citra, si leggono senza una rubrica propria nel li. 27,
e secondo un tale contesto, come gi accennai, furono pubblicati dal Minieri Q. Il cap. Regina justitiae di Carlo li, come del
pari gi accennai, con rubrica speciale ed in modo pi o meno
compiuto si trova nei E. Ili, 127, 143, 14G, 147, 154 e 155. Si
trova inoltre nel E. 175 sotto la rubrica: Duci Calabrie^ con questo per dippiu che preceduto dai Capitoli pubblicati in planitie
S. Martini {^). Oltre ai succennati non troviamo nei Eegistri altri
capitoli di tal natura se non quei che sono conosciuti nella storia
giuridica napoletana col nome di lettere arbitrarie^ e che si trovano,
salvo qualche rara eccezione, sotto la rubrica speciale di littere
arbitrales o de arbitrio nei Eegistri di Eoberto, Carlo V Illustre e
Giovanna I. Di esse parleremo a luogo proprio particolarmente.
I capitoli poi nel significato di ordinanza speciale, o d' istruNel codice della Bibl. nazionale (HI. A. 25) insieme co! titolo Conscutioncs ecc. a
trovano: CapHiila rcgis Caroli II edita pr hono sfatti regni, che sono quelli stessi
clic si leggono a p. 55 dell'edizione del Cervone, e al f 27: Capitala edita super reformatione
totius regni Sicilie per doniinuin rcgem Carolimi II, elio sono quelli che si leggono ivi a p. 71.
Oltre a ci Roberto nel 1318
parlando delle leggi dei suoi predecessori ricorda Capitala
varia seu constitutiones che suo avo e suo padre pr tranquillitate status et conmoditate Jdelium Regni, avevano promulgate (V. Cap. r. Sic. p. 85). Cos pure per la Provenza si trovano nei Registri di Carlo II Qonslitiitiones Provincie (R. 71) e Rapitala in conxitatu Provincie et Forchalqaerii (R. 80).
(^) Queste leggi sono state varie volte pubblicate per le stampe, ma assai scorrettamente.
Intorno ai Codici Mss. che se ne conoscono, vedi Capasso, FonfJt della Storia delle procince
(')

f.

22

si

Napoletane dal 5G8 al 15C0, che furono pubblicate neW Archioio Storico Napoletano del 1870.
(3) Saggio di Codice Diplomatico,
t. I, pp. 142-149.
notare che
testo di essi in lutti gli esemplari sopra indicali, salvo alcune
(') Giova
mancanze ed alcune inversioni di rubriche o paragrafi, non presenta n molte, n notevoli
il

varianti dalla slampa.

XXXVIII

zionc (lata a taluni maf^istrati ed ufkiali lu'l decreto di nomina


dei medesimi, si trovano sparsi in tante rubriche singole dei sino-oli ulieii ai (juali a])i)arteno;()no ('). Essi sono pi o meno scarsi
nei l\e<j,istri di Carlo 1, ove si dicono pure consti f idiones g stahitai^)

ed in (pielli di Ivoberto e Giovanna I, ma assai numerosi in questi


di Carlo 11 da poter formare una rubrica complessiva e straordiuacol titolo: Capitida ofjcioriuii (^). Quei Capitoli da ultimo, che sanzionano i dazii comunali, hanno in questo regno e nei successivi
una propria e speciale rubrica capitula seu dacia dei quali parleremo appresso opportunamente esponendo le rubriche ordinarie.
VITI. Nuove rubriche poi della cancelleria di re Carlo II sono
le seguenti, che debbonsi ora esaminare e che continuate nei tempi
^

successivi di Roberto e Giovanna I, debbono considerarsi come


ordinarie della Cancelleria Angioina, e far seguito alle dieci pre-

cedenti gi enumerate. Esse sono


a) 11. Acceptationes, atti con cui il re o la curia dichiarava di
riconoscere ed accettare per proprio conto pagamenti fatti senza
:

mandato

della Curia da

un

qualunque, o altra
persona nell' interesse dello stesso re o del pubblico. Cosi le
somme potevano regolarmente figurare nel rendiconto (^).
speciale

uffiziale

() A questa categoria di atti si potrebbero pure assegnare gli editti o ordinationes (in Francia
ordonnanccs) che riguardano oggetti e casi speciali, come ordinaiio seu siatutum super conciciis, lejige suntuaria promulgata da Carlo li nel 1290 e die con tal titolo trovasi nel R. 52.
si trovano: Constitutiones scrcienlium in sirKjulls castrls rcjni
(^) Nei Registri di Carlo

(R. 4)
statutum aratiarum Curie citra farum [Wi) caslrorum Principacs, terre Laboris
ce Aprutii (Ivi) capitula forestaruni et defensarum (R. 23) justitiarioruni (R. 2
Capitula oj/lciorum, che si trovano nei R. di Carlo II. Capitula ammiratie
(3) Ecco

balistariorum et castrorum prooisoris (R. 153, Ibi] capitanci ducntus Ca(R 168, 184)
labrie (R. 206, Cf. R. 223) - comestabulie (R. 119, 167, 168) - comestabuli R. Sicilie (R. 167] '

imjuisitorum (R. 52j lustitiariorum (R. 52) Mafjistri passuurn

Aprutii (R. 60)


Magne Curie (R. 168) MarescalU R. Sicilie (R. IH) Marcscalli (R. 123,
141, 1-13, 149, Marcscallie Offici (R. 179, 180, 184) - Officialium Procincie (R. 89j paneConiitis Cnnierarii (R. IZ]

R. 122, 123) - Senescalli Procincie R. 112, 127, 139, 141, 143, 168); SenescalU R.
Sicilie (R- 152) Tesaurariorurn missorum in Sicilia (R. 104).
Nei R. poi di Roberto e Carlo l'Illustre si trovano Capitula magistri hospifii [R. Z^5)
ctarie

Magistroruni porlulanorum R. 242 Capitula continentia negotia singula commissa etc.


domino faynaldo Budecte et iudici Angelo de Potentia eie ad partes Calabras accessuris e
Capitula gcneralis capitanei Calabrie, Vallis gratis et terre lordane (R- 223).
(

E
de

(*}

di Giovanna si trovano
magni Comestabuli (R. 337).

finalmente nei R.

officio

La formola

Capitula Alagni Canierarii (R. 341)

dell'atto : assignationcm unciartim.... in nostra

Camera factam,

o assi-

gnalam tenore presentiuni acceplamus ipsamque mandamus in tuo computo acceptari, o pure
per magistros rationales in tuo raiiocinio computari. Tali atti spesso sono trascritti nei quaderni con la rubrica Apodixarius et Acceptationcs; in alcuni casi, come a p. XXXIII abbiam
detto, in quelli dei Tesoi-ieri, ed

una sola volta col semplice titolo Acceptationcs. (R. 131).


notarsi ancora che nel R. 119 si \vo\di W i\io\o: Rccognitiones Curie pr mutuatoribus,
che della stessa natura degli atti summentovati.

Deve

XXXIX

h)12. Cajntaneis (littere misse)^o quaterni capitaneoricm. Sotto


Carlo I, oltre ai capitani nelle provincie di Abruzzo e della Calabria, che in sostanza non sono altri che giustizieri, non si trovano che i capitani di Lucer; ma sotto Carlo II, compariscono
anche i capitani di varie citt del regno, come Napoli, Aquila,
Gaeta, Sorrento, Bari, Monopoli ecc. ('). Erano costoro ufficiali
militari e civili con la giurisdizione criminale (^cuvi mero et mixto
imperio ac gladii potesfate) nel territorio delle citt, cui erano preposti. Per adempimento del loro ufficio avevano un giudice assessore ed un numero proporzionato di soldati a cavallo ed a piedi

armigerorum e servientium peditiim). Tra i capitani si


trova pure spesso lo stratigoto di Salerno (').
e) 13. Capiiula seu dacia o anche solamente dacia. Questa rubrica che alle volte mutasi in quaternus capitulorum et dacioruit
contiene gli atti, con cui il re approvava e sanzionava i dazii e
le gabelle, che le Universit avevano deliberato d' imporsi per
pagare le collette, cui eran tenute e sopperire alle spese del Comune; da durare a beneplacito del re e delle Universit stesse, e
salvi sempre i dritti dello Stato, del Barone di detta Universit e
delle persone ecclesiastiche Q.
(^equituvi

La maggior parte

(')

delle citt, clie

avevano per

nel Chiarito, o. e. p. 16, e nel Minieri Cod. dipi.


(^)

dice

il

questi tempi

Sappi.

II,

caj/ttani, trovasi

notata

p. 38.

rubrica Vicariis et capitaneis geiieralibus oc magistro iustitiario


principe di Taranto, al maestro giustiziero ed altri, che,
re, fungevano le sue veci nel regno, certo per errore si trova un alto che riguarda

Nel R. 79 sotto

regni Sicilie, IVa

come

la

gli alti indirizzati al

capitano di Cotrone, un altro che tratta del baiulo di Aversa, ed un altro finalmente appartenente ad un maciistcr passuum f. 66- Nel 1295 re Carlo II abol il capitano in Bari, e

il

vi

sostitu lo stratigoto

ripristin

il

(Minieri, Cod. dipi.

Suppl.

I,

p.

103).

Ma

dopo qualche tempo

si

capitano.

Ecco un esempio di questa specie di atti: Unioersis presents scripti serieni inspcctufis
etc Vcncrunt ad noslram presentiatn nuper Siginul/us Tancredi Matiheus Gervasiiis ctc.
Sindici ad hoc quod constitit por Uniocrsitateni hominiun terre Escoli constititti et exponcntcs
asseruerunt quod homincs ipsias terre Escoli Jidelcs nostri pr bono communi tendentes ad
melius et statiim eorum olim ex imminentibus variis persepe turbidum perscpe turbatum oportrine
rcparalionis ordinare iudicio ciipientes ad paceni et materiani tollere scandaloram: actento
quod interduni pr munerum et aliorum onerum im positione Jiscaliuni interduni pr distributione et exactione illorum interdum pr cnergentibus inde midtifariam excqucndis qucrelatio,
murntur scisma suspectio et persepe dissidinm, imo inciderint ad factum in populo scandala
(')

periculosa surgebant pi-otide statuerunt

communi concorditer

capitala sioe ut alludanus vocabulo dacia suklistincta

delibcratione habita et consensu

per quo solutiones Jiscalium collectarum et aliorum que succrescunt in terra ipsa vicissitudine sua tan Jiscalium quani prioatorum fimiliter executianis debite agendorum absquo salito singulorum gracamine et onere
supportentur taliter ut audimus exinde ordinato quod panca et modica supctx'rint fiscalia
tei pricata negotia eisdem hominibus emcrgentia et specialiter collecta ^/iscalis pr tempore
imponenda et alia necessaria diete terre que de ipsa supericela pecunia quam dacium /iominant non deducantur ut cxpedit et solcantur. Que quidem prout continetur in quodam publico
instrunento inde Curie ostenso sunt hec. In primis etc. E dopo la enumerazione dei dazii, che
s'impongono, e scritto: Ipsorum ergo honiiauni nobis supplicaiionc subiuncta ut luiiusmodi
,

XI,

^fagiSiro Justtiario velvice viagistro iustitiario etiudicihus


Magne Curie r. Sic. o pure vel eius locuitenenti ed anclie qualclie voltii in sul i)rincipio del regno del quale stiamo trattando
^/) 1

4.

ricariis et capitaneiis generalibus ac magistro iustitiario


!1

nuK'stro oiustiziero era

uno dei

r. Sicilie,

sette grandi uiiiciali del regno,

sue attribuzioni erano prineipnlinente giudiziarie. Egli presedeva la Magna liegia Curia, tribunale supremo, ehc giudieava
in ultimo grado di giurisdizione, tanto in materia eivile e feudale,
quanto in materia penale, seeondo l'ordinamento deiinito dall'imperatore Federico 11 col Codice o liber augustalis del 1231
pubblicato in Melfi e colle costituzioni novelle del 1244 promulgate in Grosseto; ordinamento mantenuto nello stesso modo sotto
gli Angioini (') fino ai primi anni del secolo XIV, allorch Carlo II
istitu la Corte Vicaria, di cui per non si trova rubrica nelle
scritture del suo regno (^). Non mancavano per altro ai maestri
giustizieri i) a chi ne faceva le veci {vice magistri iustitiarii) incarichi di altra natura, come a dire politici ed amministrativi, che
secondo le occorrenze essi alcune volte ricevevano dal re o da
e le

suoi vicarii Q.

IX. Passando ora

al

regno

di

Roberto osserviamo che nella

cancelleria di lui s'incontra questo principalmente di singolare

che

regno, Carlo V Illustre^ non si tronei regni precedenti, unite e miste con

le scritture del vicario del

vano solamente, come


oi-tlinatlonem et statata

vclintus debita Jrmitafe gaudere, ios

eorum

pr consideratione pra-

niissa statata prefata et ordinationam cande.m usquo ad Maiestatis nostre beneplacituin abccptantes ea tira et ciijorcm habere in antca columus debite firmitatis ita quideni quod per ea
iuribus nostre Carie domini diete terre et Ecclcsiaruni personarain iuribus et immunitatibus
nullatenus dcrogetur ita etiam quod eo usquc durent et oaLeunt quo usque Unioersiius ipsu colet

expediro predicto nostro beneplacito semper saho nullo in posteruni ad correctioneni vel ad renocaiioneni illurani assensu cel mandato Curie requirendo aut etiani cxpedando. Et quia hoc in bonwn eoidens publicuni et pricatuni dignoscitur introductum vulunius
quod dicics koiniuibus exinde alicaius derogationis vel cuiuscis nota voluntarie seroitutis seu
et sibi cidebiinr

prciudicium aliquod quomodolibet generctur- In cuias Rei etc. R. Ili, f. 228.


(') Col mciiziutiato capitolo Regina iustilie promulgato nel Parlamento del 1289, Cai-lo II
presciissc che il maestro giustiziere della Magna Curia, in ciascun anno per lo spazio di sci
settimane, dovesse risiedere alternativamente nelle |)i'ovince del Regno, cio nell' Abiuzzo, in
Terra di Lavoro e Principato, in Capitanata e Basilicata, in Terra di Bari e Terra d'Otranto.
(Capii- r. Sic. p. 73). Delle Calabrie non si fu punto menzione. Ma, a quanto pare, una tale
prescrizione non ebbe effetto.
Nella l'ubrica extracagantia del R. 168 al f. 235'' si trova soltanto il decreto della istituzione col titolo Capitala regia de novo addita magno Curie.
(^j Nei Registri di Carlo
manca la rubrica di cui qui parliamo; gli atti per clie ad essa
riferisconsi ordinariamente si possono rinvenire tia gli Extravagantes [V \tev c^\xn\o R. G.
f. 93''; R. 14, f. 23.5; R. 32, f. 247 ecc.) o fra le lettere dirette al Capitaneo o Vicario regni,
che spesso alle attribuzioni politiche ed .amministrative univa anche le giudiziarie (V. R. 41,
["^j

f.

98'' ecc.)

ed anche talvolta

ai giustizieri

(R. 101,

1".

12'')

CI",

sopra

p. 14.

XLI

quelle del re suo padre, e con gli atti che costituivano l'amministrazione generale dello Stato; ma per la larga parte, che quegli

ebbe nel governo, formano una serie di registri a parte dallo stesso
duca di Calabria intitolati. Questi per, sebbene separatamente
catalogati nell' inventario, pure in questa prefazione non possono ragionevolmente disgregarsi da quelli di Roberto, perch
gli uni e gli altri rappresentano un solo e medesimo sistema di
governo.
Or cominciando, secondo il metodo che abbiamo adottato,
r esposizione di tutte queste scritture, ed accennando in prima
alle varie rubriche straordinarie ed occasionali dichiariamo innanzi tutto di non tener conto fra queste delle littere treuge (li. 203),
che sono piuttosto come una sottodivisione delle Extravagantes^
tra le quali trovansi veramente registrate ne dell' instrunentiim
pacis Inter d. regem et commune Venetorum (R. 214), che non deve
,

come rubrica, ma come intitolazione dell'unico atto


che contiene. Notiamo inoltre che nei Registri di Roberto le tante
considerarsi

rubriche, che riguardano

Vicario del regno, o perch gli atti


sono dal Vicario emanati, o perch ad esso diretti, si riducono
solamente a due, cio Carolo duci Calabrie e Vicario regni generali (V. Ind. sistem. in vv.); trovandosi tutto il resto annotato
nei Registri speciali di esso Carlo V Illustre. Notiamo infine che
poche sono le rubriche straordinarie che s' incontrano tanto
nell'una quanto nell'altra serie di Registri. Alcune di esse possono denominarsi piuttosto miscellanee, perch non contengono
una determinata natura e qualit di atti, ma scritture d'indole
diversa e mista. Tale di fatti il quaternus litterarum annorum
diversorum et preteritorum nel R. 205, 212 (Rob.) 221, (Car. ///.).
Tal' pure litterarum quater7ius senz' altra indicazione, che s'incontra nel R. 330 (Rob.) ('), nel R. 215 (Car. ///.) e nel R. 224
1' oggetto della scrittura
( Car. ///. ) ('). Altre rubriche, in cui
il

temporanei ed occasionali, come il


certorum officialium statutorum ad guer-

specificato, riguardano affari

quaternus continens

litteras

contengono la nomina di un tabellione in Provenza,


r incarico ai tesorieri Riccario Stella ed Angelo di Melfi di portarsi in Sicilia col re ad esercitare il loro ufficio, e 1' ordine di armarsi alcune galere.
[^) Gli atti appartengono al 1319-21 e sono diretti Mag. portulano Principatus et terre laLoris, Regenti ciiriam Vicarie, Secretis, ludici appellutionuni
lustitiariis
Magistris regie
Side, Capitaneis uniocrsis ed a varie Universit. Trattano, per dii-e dell'argomento di alcuni, di una inquisizione fatta intorno alle usui'[)azioni di Castellione presso Foggia, della
nomina dei notai presso conti di Ariano e di Squillace ecc. Sono, come ognun vede. Extravagantes, e quindi sotto una tale rubrica
registri nell' Ind. sistem. sono stati denotali.
{')

Gli alti appai'tengono al 1314, e


in provincia

rcui

in quo rcqistrate
{Cixv.

in)

XI, II

Cadhrana . 2o9 (Car. III.) (') ed il quaternus


sunt littere pr destitucndis baronibus nel K. 252

().

Registri di Carlo la rubrica: Terrarniii domim., o pi chiaramente: Uegeshim o qnaternus lictcranua ducalium terrarum Domini {Ai. 1G3, lOG, 1G7, 202),

Assolutamente speciale

e poi nei

che contiene scritture riguardanti il governo o l'amministrazione


dei paesi e luoghi fuori regno e nel regno, soggetti o appartenenti al Duca di Calabria, o come sovrano o come feudatario.
In essa piindi si rinvengono gli atti diretti ai Podest ed altri
ufficiali di Toscana, della Romagna e di altre parti d' Italia, nel
governo delle quali Carlo V Illustre ebbe tanta parte, ed atti disecreti ed altre autorit del ducato di Calaretti ai giustizieri
bria, e delle altre terre del regno che al medesimo appartenevano. Tali sono pure Wquaternus camere terrarum Domini, il quaternus p)rivilegiorum terrarum o commissionum officialium terrarum
Domini et aliorum (R. 202).
A dichiarazione poi delle rubriche ordinarie adoperate nei
regni precedenti, e che sono mantenute anche nei Registri di
Roberto e Carlo suo figlio, giova notare; che nelle nomine dei
notari e dei giudici (rub. 4"") si specificano quelle notariorum
,

numerum

e dei giudici ad contractus


(R. 217, 224, 226)
(R. 259, 281); che alla rubrica apodixarius se ne sostituisce un'altra col titolo: Apodixa quietancie (R. 219, 242), la quale contiene

ultra

la liquidazione dei conti

data dai tesorieri e la liberanza finale

(*);

(*) Appartiene all'anno 1322, ed alla guerra mossa dal duca di Calabria contro la Sicilia non
che alle rajipresaglie che di rimando fece re Federico di Sicilia in Calabria. Gli oi'dini sono
diretti: Pkilippo de Saifjineto oice Magistro lustitiario r. Sic, Decano et contentili mon. Casinensis; HominiLus aio. Areno de proo. Calabra; Hominibus terre Mileti, Burrclli, Cusentie

Episcopo Cassanensi; Capitaneo Mariurani, Tropee, Nicotere ecc.; Baiulis, iudicibus


et unic. homin. Scalee ecc. Gli oidini trattano della custodia e della difesa delle Calabrie.
{2) II quaderno del gennaio 1324, e riguarda
feudatarii, che personale seroitiuni recjic
Curie non prestant et ado/iamentiini per eos dcbituni exkiberc ncgant et adohanientuni ipstinx
diminule cxhibent pr annis IV et V imi. preleritis cio 1320-21 e 1321 22. Vi l'elenco dei
detti feudatarii, ma da avvertirsi che la pergamena in buona parte distrutta(3) Notai
cio che eccedevano il numero di quelli stabiliti dalle Costituzioni in ciascuna
terra del Regno.
(*) Eccone
un esempio: Kar. eie Tenore prcsentis quietancie apodixe etc. notiim facimtts etc. quod olini die eie. in auditorio Rationuni Notarius NN. in T/icsauraria Regia preSentatus nomine et pr parte dom. Riccarii de Stella et Retri de libalo Thesaurarioruni
ecc.;

corani

NN. Mag.

Rat. ad discussionem Rationum dicti

Thesaurario Regie etc. rationeni ipsam etc. posuit ^/naliter in hunc modum (segue il resoconto prima dell'introito e poi dell'esito). Facta ituque diligenti collutione de predicto Introita etc. ad prescriptuni Esittim
rcsliterunt in eadeni Cantera etc. Predicta itaque ratione etc. Jinaliter posila et exaninata
per Mag. Rat. pr parte R. Curie diligenter et relationc inde nobis facta per eos de preinissis omnibus notitiam plenani habentes etc prcfatos dominos iThesaurarios) hercdes etc
ojfficii


--

XLIII

comunque sia stata soppressa l' indicache nella rubrica


zione Extravagantes noi abbiamo anche qui conservata 1' epigrafe Extra regnuniy per aggruppare in essa tutti gli atti diretti:
Vicario Urbis et Eomaniole, Senatoribus etvicesenatoribus Urbis
Officialihus Italie, Thuscie Pedimoniis, Lombardie, Janue, RomaSenescallis, majoribus iudicibus et officialibus Provincie
niole ecc.
Notarii Provincie
Commissionum et aliarum
et Eorcalquerii
Majoribus iudicibus et officialibus Achaye
litterarum Thuscie
(V. Ind. sistem. per Roberto e Carlo Vili, in v. Extra regnum,).
Giova inoltre notare, che nella rubrica 9^" Cedute taxationis,
oltre filla tassa generalis subvcitionis e dei residui di essa, si trova
la ripartizione della tassa imposta nelle province di Capitanata e
PrinQ^ato Ultra pel trasporto di una certa quantit di frumento
dalla Puglia a ^Salerno ( H. 206 Kob.), o di una certa quantit
di farina da Benevento a Napoli (E. 224 ecc. Car. ///.).
Giova in ultimo notare che la Patio thesaurariorum, come
gli altri atti di questo regno, si dividono in: Patio thesaurariorum,
regiorum o quaternus rationis thesaurariorum illustris lerusalem et
Sicilie regis (IL 196, 211), e in Quaternus rationis thesaur. ili. ducis
e

T'"",

Calabrie

(II.

216).

X. Nuove poi ed ordinarie sono

le

seguenti rubriche:

quaternus Commissionum iustitiarioriim,


capitaneorum, et aliorum officialium depeidentiitm ex eis (R. 214 ecc.)
In generale sono atti che contengono nomine di nuovi magistrati
a) 15. Com.missiones o

o ufficiali, ai quali si danno, come al solito, le istruzioni analoghe


pel loro ufficio. Nei registri di Carlo I e II non costituiscono una

rubrica speciale, ma si trovano ordinariamente nelle rubriche di


ciascun magistrato o ufficio. Sotto Carlo II per incomincia a
comparire nel margine dei documenti di tal natura con la postilla

b)

Commlssio

(').

16. Littere arbitrales o

littere

de arbitrio.

Famose sono

nella

nostra storia giuridica le lettere arbitrarie di re Roberto; disposizioni eccezionali e temporanee o revocabili a beneplacito del
re, con le quali si davano ai giustizieri ed ai capitani del regno
facolt straordinarie di procedere in via sommaria, e, senza attenersi alle regole ordinarie del dritto, anche senza accusa e con
liberamus absolcimus et perpetuo quietamus etc Unde ad faturani memoriam etc. diias apodixas consinilcs Jnalis posite rationis quictaticie et libcrationis huiusmodi unani cidelicct ad
cautelain diati domini Riccarii et alterata ad cautelarn dicti Magislri Petri etc. fieri iussimus
pendenti sigillo cominunitas. Data
0)

V.

le

etc.

R. 210,

f.

7 e seg.

tavole del R. 62, noi. 3 e 4, e del R. G9, not.

4.


contro

la tortura

[)iil)rK'i

Xt.IV

ladroni, assassini, omicidi ed altri rei

da punirsi con i)ene S[)eciali ed arbitrarie, o anche


da potersi comporre in danaro ad arbitrio dei magistrati medesimi. Da ci esse furono dette arbitrarie cosi nei registri della
(ancclleria angioina ('), come nei trattati del dritto patrio.
Queste lettere furono propriamente qutittro ("). Se non che il
Pecchia (^Storia della G. Corte^ t. Ili, p. 137) credette che si dovessero in tale categoria annoverare anche alcune altre disposizioni sovrane, che poco pi poco meno, erano della stessa natura,,
e che lo stesso argomento riguardavano Q. E per verit nei registri di Roberto e di Carlo V Illustre, non che degli altri sd^'rani
successori, se ne incontrano parecchie, che sotto 1' anzidetta rubrica furono annotate (^). Ma tra queste non si leggono le lettere
di o-ravi delitti,

Giova avvertire, che queste lettere si trovano jii volte ripotute iti varii legisti'i di
Roberto ed anche di Giovanna I; noi pci dovendo darne notizia nelle note seguenti di questa
Prefazione jcr amore di brevit saremo contenti, quando ci occorre, di citarne un solo.
(') Le quattro lettere arbitrarie, che nello stesso secolo XIV furono dichiarate da Sergio
(')

Donnorso con alcune chiose rimaste inedite (Cf. Giustinmani, Scrltt. legali, I, 280) e nel seXVI da Fabio di Monteleoiie con un commento, stampato in Napoli nel 1500 (Cf. Giustiniani, 0. e. II, 277j e che il Giannone [Op. cit.., L. XXll e. 5) chiam ridicolo, sono le seguenti:
117). La lettera diretta ai Giustizieri e Cajitani del Regno,
1. luris censura (R. 257,

colo

1'.

ed investita e pubblicata nei Cupif. r. Sictl. col titolo de arbitrio concesso ufficialibus p. 91,
con l'erroneo indirizzo magistris rationalis (cf. Giannone, L e.)2. Prooisa juris sanctio (R. 255, f. 206} indirizzata pure ai sopra nominati, e stampata nei
Capii, r. Sicil. a p. 91, col titolo: Quod latroncs disrobuivrcs straiuruni et pirulae omni tempore
torqueri passini
3. Exercere volcntes (R. 255, f. 265). la stessa ohe altrove con un piccolo proemio aggiuntovi in principio, cominc-ia cim le parole ex insinuatione (R. 271). E stampata nei Capit.

titolo de componendo, a p. 0N^c maleficia iuris rigore (R. 275, f. 142).

r. Sicil. col

che con qualche aggiunta


praedecessorem reproba sequendo vestigia processus tuos super excessibus absque dijferentia protrakus ad officii
potestuteni, nece nialcficia ecc. Esso con l'aggiunta: Ne tuorum ti-ovasi nei Registri di Giovanna
(R. 333, f. 286) e nei Capit. r. Sicil. a p. 97 col iioo: de eodeni, cio de non procedendo ex
4.

nel principio, comincia

officio nisi in certis

Ne tuorum

casibus et

come ben

ad

la stessa lettera

in ipso quo fungeris praesidutus officio

tenipus.

il
Giannone, bisogna aggiungere una quinta lettera che
rettamente tra le ai'bilrarie d' indole generale va annovei-ata, e che diversifica dalle quatti'o,
che propriamente come tali sono riconosciute, perch queste riguardano la competenza del
giustizieri, e quella apperticne alla G. Corte della Vicaria, cui si danno ampie e singolari
pi'erogative; donde ebbe il titolo: De praeeminentia
Curiae Vicariue. Essa comincia colle
parole: Si cum sceleratis e comunque fosse stata emanata da Roberto nel 1313, puie non si
trova nei Registri di lui sotto la rubrica che stiamo dichiarando
ma bensi in quelli della
Regina Giovanna I (R. 351, f. 248). Trovasi poi stampata nei Capit. r. Sicil. p. 126.
(^) Queste lettere, che non si trovano nei Registri Angioni sotto la rubrica arbitrale o
di', arbitrio sono le seguenti:
1. Si temporum alternata conditio emanata ai 10 febbraio 132!)
e stampata tra
Capit. r. Sic. p. 96 2. Si comes aut baro di cui non sappiamo la data ,
e che leggesi nei Capii- r. Sic. p. 88 3. lam saepe ad nos, di cui anche s' ignora la data.
Trovasi nei Capit. r. Sic. p. 98 4. Crescit culpa emanata da Carlo X Illustre, pure di data
incerta, che trovasi nei Capii, r. Sic. p. 92.
veggono annotate
{*) Le lettere promulgate da Roberto e da Carlo suo figliuolo, che si

queste

si

avvis

nei loro Registri sotto la rubrica: Littere arbitrales, sono, oltre le quattro principali e quella

XLV

che come tali furono dal Pecchia considerate, e d' altra parte esse
in sostanza non sono se non editti e ordinanze, che dichiarano,
ampliano o modificano gli ordini in quelle quattro principali, che
possono denominarsi di massima, contenuti. Le lettere quindi di
indole generale che conferivano attribuzioni eccezionali non erano
che quattro, di tal che nelle concessioni feudali, che nel secolo
seguente si davano dal re cuni mero et mixto imperio ac gladii potestate, non si fa menzione se non di queste quattro aggiungenGiannone, che cominciarci cara sceleratis, delle quali abbiamo gi discorso, in
tutto 13, comunque, ove si guardi alle parole iniziali, potessero sembrare di un numero maggiore, percli talvolta uria stessa lettera comincia diversamente con qualche periodo diverso
o con un breve proemio aggiuntovi. Esse, contengono propriamente disposizioni speciali che
dicliiarano o applicano le quattro lettere principali e sono le seguenti:
1. Prcdem per dioersus vices. Questa lettera gi emanata da Roberto nel 1308, quando^
ora Vicario del regno, ed indii'izzata al capitano di Aquila, (R. 127, f. b3), fu poscia ripetuta
capitani e giustizieri dei
dallo stesso essendo re nel 1324. (R. 255, f. 267;. diretta a tutti
alcun
tra
r.
Sicil.
a
senza
titolo.
Caplt.
regno, ed inserita e stampata
p. 89,
2. Ut excrcitiuni (R. 255, f. 268). dii-etta ai giustizieri, e trovasi tra
Cupit. r. Slc'd.
regi
in
ierris
non
iiii-isdictionis.
col
possit
Curia
titolo:
Quod
101
a p.
aggiiiiila dal

3.

Diu iam

et

Capit.

r. Sicil.

pluries (R. 255,


p.

96 col titolo:

270), diretta ai

f.

De capiendis

capitani e giustizieri.

stampata

tra

nalefactorihus in altcrius prooincia.

Sicat ad nostrum perccnit audituni (R. 257, f. 121)- L'ordine diretto al capitano di
Melfi, e siccome nonmdli malefici et banniti (scrive il re al detto capitano) de iurisdictiono
tua proptcr eorum contumacias et excessus post conimissa per eos faeinora etc. ad vicinas
4.

ferras et loca confugiunt etc. pr co quod in tetris et locis ipsis iurisdictionem non obtines etc;
e si statuisce quod per viginti miliaria extra civitatcm eandem per insidiatores iuos in iurisditiono iustidarioruni

proxima intrare

cel irrepere valcas.

Questa lettera, come

che seguono, non sono inserite nei Capitoli del regno.


5. Sicut in auditorio nostro etc. (R. 286, f. ISS**). un ordine diretto
al giustiziero di Principato Citra, col quale inteso che nonnnlli malefici

ai

tutte le altre

24 gennaio 1332

etc. ut penas quas


de prooincics in quibus faeinora et dclicta coniniittunt absentant, et
ad proeincias alias etc. se conferunt moraturi; il re ordina che se al giustiziere quando continget hiusnodi facinorosos captos in manibus tuis habcre etc. non obstante quod in tua iurisdictione delieta huiusmodi minime commiserunt nec oriundi existant, procedesse cantra
ipsos mediante iustitia ac si in ipsa prooinciu etc. pren\issa delieta seu faeinora eammisissent usque per totani mensem Augusti proximo futuruni etc. concedimus facultatem.
6. Tua nooiter liabuit expositio
R. 324, f. 218^}. Alle volte con leggiere varianti, co-

merentur

ejjfugiant so

mincia: Sicut nociter. L'ordine del 25 ottobre 1340 diretto al giustiziere e vicario nelle terre
della regina Sancia, in Terra di Lavoro, Contado di Molise, e Principato Citra, col quale il
re, fino al

suo beneplacito, prcsenlium auctoritate (dice) permittimus ut pr quercndis et ca-

earumque territoriis delinquentibus etc. in vicini


decvm per te aut insidiatores tuos irrepere ac
introire valcas eie. eosque ad iurisdictionem tuam reducere pr meritis punicndos.
7. Cupientes homicidas
R. 313, f. 361)- un ordine dei 21 ottobre 1338 al giustiziere
di Principato Ultra
con cui si ordina quatcnus quoscumque etc. hamieidas et disrobatorva
straturum etc. publice diffamatos in tuam iurisdictionem venire et reperiri forte contingat
capere debeas et pr eorum demerito punire non obstante quod de tua iurisdictione nonfuerint
ncc force dcliquerint in eadeni cte. presentibus per tolum mensem oprilis proximo futurum et non ulterius calituris.

piendis

malfattori profugis in dictis terris

iustitiariatus provinciani spacio miliariorum

8. Ad tue pctitionis instantiam


R. 257, f. \\1^). l'ordine ad un giustiziere ut cuni
agendis aliis occupatus etc. amministrationc iustitiariatus ojjicii vacare non possis virum
aliqueni idoneum et legalem loco iui ad idem afficium statuere oaleas eie.
(

9.

Ne apud

te

cause depereant ex defectu procuratoris idow2 (R. 257,

f.

121'*).

Con questa

XI. VI

dosi nei privilco'i la forinola cum qiiatuor Utteris arbih'arns(^),ed esse


soltanto iurono cosi riconoscinte nella scuola giuridica e nel foro
dell' mitico reame. Lo stesso i)0ssiain() dire dei Jicgistr di Gio\aiiiia

1.

In essi non solo

ri])etono le anzidette quattro lettere

si

rinnovano, quando occorre, le altre ])roinulgate da


Ivoberto e da Carlo YJIistre per casi speciali ('), ma anche se ne
emanano delle nuove, che si registrano sotto la medesima rubrica.
Esse, affinch l'argomento abbia una piena e non interrotta trattazione, insieme a quelle, che appartengono al regno di cui ora
ci occupiamo, sono da noi in nota complessivamente enumerate
arbitrarie e

si

e dichiarate

(').

lettera diretta al capitano,

il

re permette che questi posna, proctiratorem et defensoreni statuere

pr tempore ccntilandis.

10. Ut delinijuentiius (R. 275, f. 148) Ordine diretto al cai)itano qaatenus cantra publicos
ilisrobatores stratarum, lalroncs insujncs et allorum gracilini sccleriini insolentes, de quibus
itira lorjutintnr, ad punitionem procedere studcas, eornni appellationibus seu stipjdicationibus
siquidern a tuis sententiis condepnationis eorurn appelluri seu supplicar-i contin'jat uLiquutenas
non adniissis, aniplius tibi pr delinquentium punitione concessa quod bannitos quoslibet etiani
infra bimestris temporis spatiuni per te capere valeas pr merito puniendis etc.
11. Ex raiionubili causa (R. 324, f. 218'*). Con questa lettera si ordina che contra Comiteni Palatinuni super exccssibus atque criminiLus per eos conwiissis ex mero ojjlcifi nullo
accusatore procedat. Come si vede l'ordine riguarda persone e casi sjeciali.
12. Receplatoribus malandrinorum
R. 313, f. 3G2j. una lettera dei 13 maggio 1339
diretta al giustiziere di Principato Cilra con cui o-A\\\di quale nus statini adcersus spcciales
personas tue quidenx iurisdictioni subicctas que de huiusniodi malandrinorum et aliorum reproborum receptationibus arguuntur procedere illasque punire sludeas etc. concedentcs tibi etc.
ut cum cisdem speciatibuspersonis, de huiusniodi reccptatione componere caleas actcntis fucultatibus et condicionibus personurum pr Curie nostre parte, nisi sint comites et barones etc.
cum dicti receptatores ex iis se a committentis talibus abstinebunt etc
13. Ad captionem persccutionem et punitionem (R. 275, f. 142). L'ordine, affinch coniunia
c'juni amminicula non impediscano la carcerazione dei nialfaltoi'i
autorizza il giustiziere,
in coitsis fiscalibus corani to

che contra Franciscum de Adelardo de Monte Corbino militem, quem notatum dijfamatumque
de rcceptatione scctcratorum ciroruni etc. si possa procedere in vigore di quella lettera contra
latrones aliosque malefactores a lui concessa che comim-ia de iuris censura etc.
(') Cf. Repertorio dei Quintcrnioni nell'Archivio di Stato passim.
(-) Le lettc'e arbiti-arie dell' avo e del jodre, che da Giovanna si ripetono sono le seguenti:
1. De Juris censura (R. 333, f. 289). 2. Prooisa Juris sanctio (R. 340, f 85). 3. Exercere coIcnfes (R. 333, f. 291), che appartengono alle quattro principali. 4. Se tuorum (R. 333. f. 286)
5. IH exercitiuni (R. 333, f. 287''). 6. Sicut ad nostrum (R. 333, f. 288). 7. Diu jam et pluries
[R. 333.

f.

288'';. 8-

dcm per diccr^as


(R. 344,

f.

Ne apud

te (R.

cices (R. 334,

f.

333,

f.

292'').

122). 11.

9.

Quod

Ex

insinuatione {R. 52^,

f.

293). 10- Pri-

possit intrare per dicersas Jurisdictiones

206).

Ecco poi le lettere arbitrarie proprie di Giovanna I. 1 De procedendo ex officio; editto


promulgato dalla legiua a 17 settembre 1343 R. 340. f. 87) con cui si modifica un editto
anteriore di Roberto dei 13 luglio 1340. 2. De ratijicalione processus et compositionum; editto
indirizzato al giustiziere di Abruzzo al 1" ottobre 1343 (R. 339, f. 270) e replicato al giustiziere di Otranto (R. 340, f. 88''). 3. Habuit literatorie; lettera senza titolo indirizzata al giustiziere di Abruzzo ai 26 settembre 1343 (R. 340, f SO*)
4. Quod possit idi certis Utteris; lettera
indirizzata til maestro giustiziere ai 17 settembre 1345 (R. 351, f. 248). Tutte queste lettere
non si tro\ano inserite nei Cup. r. Sic 5. Foriitudo bonum signanter ostenditur; questa
lettera senza titolo indirizzata al maestro giustiziere ai 17 ottobre 1345 (R. 351, f. 247) con
i^'j

cui

si

rinnova

la

lettera:

De

Juris censura. V. sopra not.

XLVII

Curiam Vicarie regni.


Il tribunale della gran
Corte della Vicaria istituito da Carlo II nel 1305, con alcuni
Capitoli dati ai 10 novembre 130G e comunicati ai 12 dicembre
1307, ebbe il suo completo ordinamento. L'atto, che porta il titolo
c)

17. Regenti

Capitula regia de novo addita M. Curie^ trovasi nel \\. 1 68, f. 237.
11 capo di questo tribunale, al quale da Carlo II fu preposto
il

Raimondo Berengario,

figlio

allora, in

mancanza

padre e
disse Reggente, nome

del fratello Itoberto, vicario del regno, si


che conserv fino al principio di questo secolo.

del

La

sopradettc

che fu introdotta nella Cancelleria angioina sotto Roberto, alle volte e unita con quella del Maestro Giustiziero ed e
cosi formulata: Magistro lustiiiario et regenti Curiam Vicarie regni
Sicilie^^et iudicibus, ed altre volte ha l'aggiunta: et iudicibus earubrica

rwndem Curiarum

et

aliis

(ofjcialihus)

deijendentihus

ah eisdent

(R. 213, 223).

occorre dire intorno ai Registri di Giovanna I, che


nell'anno 1343 successe all'avo Roberto, non solo perch essi
sono pochi, essendone rimasti per le vicende dei tempi soltanto
venti fj^uattro, che appartengono ai primi dieci anni del lungo
regno della infelice regina, ma anche perch poco o nulla fu innovato o aggiunto nel sistema delle cancellerie dei regni precedenti. Difatti in quei volumi non comparisce alcuna nuova rubrica, e, ad eccezione di quella intitolata Thesaurariis, che manca;
tutte le altre, secondo le condizioni dei tempi, ed i bisogni dell' amministrazione sono in tutto o in parte conservate e ripetute.
E COSI tra esse la rubrica extra Regnum si limita alle sole lettere
dirette Senescallis Provincie et Forchalquerii (R. 334, 335 ecc.) e
Senescallo comitatus nostri Pedimontis et aliariim terra,rum nostra2 doc).
rwn partium Lombardie (R. 355, f. 3
Se non che nell' ultimo Registro, che di questo regno esiste
e che appartiene al 1351, una notevole innovazione alle vecchie
regole della dinastia Angioina comparisce, imperocch incominciano a trascurarsi le distinzioni introdotte e serbate fino a quel

Poco

ci

tempo.
Cos in un sol quaderno si uniscono varie e diverse rubriche, e
troviamo il quaternus commissionum et litterarum de arbitrio, e quel
che pi, riunendo in una quattro rubriche diverse, troviamo un
quaternus tam privilegiorum quam extravagantium justiciariorum
secretorum et aliorum officialium regni {^. 357), comunque nei fogli
che seguono alcune di esse venissero con una suddivisione specificate. ( V. tav. del cit. R. not. 3 ).

La innovazione
(li

Oio\anna

1,

XI. vili

per, forse eccezionale e

diviene poscia normale nel

momentanea

re<,'no

aitem[)l

dei sovrani Dii-

Carlo 111, ma (piasi interamente sotto


Ladislao v (Jiovanna, il sistema della cancelleria fa mntato.
(ili atti sovrani, che per lo addietro erano re<iistrati sotto distinte e speciali categorie, allora furono confusamente ed anche
senza titolo alcuno o con la semplice indicazione di quatermcs^
(11. 3G5) annotati. Cosi alcune rubriche spariscono addirittura,
come quelle dei Secreti e Maestri portolani, dei Tesorieri ecc.;
altre cangiano nome, come 1' apodixarius et acceptafiones^ mutato
in quaternus quietacionum (K. 372), altre finalmente, tutto che di
natura diversa, si compenetrano insieme e formano una sola rubrica: Privilegia et extravagantia (K. 30G), o anche soltantp: Privilegia (R. 370), rubrica che assorbe la maggior parte degli atti
di qualunque natura fossero. Cosi le nomine dei giudici e dei medici si trovano nei Privilegia (R. 361, f. 72); le commissiones na^
extravagantes (R. 363, f. 153); le nundine anche nei Privilegia
(R.363, f. 99); gli atti che riguardano affari esteri alle volte s' incontrano negli extravagantes (R. 361, f. 65); altre volte n^i Privilegia (R. 367, f. 12*^) nei quali si trova perfino V Apodixarius e
le dichiarazioni di debiti, o mutui (R. 363, fF. 161, 372, f. 277*^ ecc.).
Insomma e una confusione grandissima di tutte le 17 rubriche
ordinarie, che abbiamo di sopra dichiarate, e non restano se
non le rubriche: Privilegia e Extravagantes.
iS questa confusione trovasi soltanto nelle rubriche. Anche
la ragione dei tempi e in alcuni Registri, di Ladislao in ispecie,
interamente trascurata. Cos in un solo volume sono senz'ordine
riunite molte indizioni, come nei Registri 364, 366, 369, che
comprendono gli anni dal 1392 fino al 1410 e che noi nelle note
di ciascuna tavola corrispettiva abbiamo con non poca fatica riordinate. Forse ci deve attribuirsi alle tempestose vicende di quei
tempi ed all' assenza del governo dalla capitale di tal che pu
con ragione supporsi che gli atti rilasciati dal sovrano non furono a misura che si spedivano registrati, ma in seguito e quando
si potettero per le migliorate condizioni del regno nei libri di
Cancelleria riportare.
Nelle scritture del regno di Ladislao e di Giovanna troviamo
pure alcune rubriche singolari, delle quali e necessario dare una
(jualche spiegazione. Esse sono: il siihdatwn per presidentes quaternus (R. 372, 374), il litterarum quaternus factarum per locumienentes Camerarii [l. 371), ed il quaternus Camere (R. 372, 374),
razzesclii. In .parte sotto
I


con un

XLIX

pi generico e complessivo. Tutti gli atti contenuti


in queste rubriclie riguardano la finanza dello Stato nel pi ampio significato. Comprendono quindi appalti di secretie, vendite
di dritti fiscali e feudali, liquidazioni di conti, imposizioni di collette e materie simiglianti di competenza della Camera della
Sommaria. Alcuni di essi erano per conseguenza rilasciati e firmati dai presidenti ('), altri dai luogotenenti (^) della Camera,
ordinariamente dopo che la Regina aveva approvato e ratificato
il

titolo

contenuto dei medesimi.

Xin. Passando

ora a parlare dello stato materiale delle scritture giova innanzi tutto notare che i Kegistri Angioini, eccettuati tre soli in carta, dei quali uno appartiene alla Cancelle,

due

ria, e

alla

Camera (^), sono

pergamena

tutti in

(^)

ed in foglio,

loJianna etc. Viris nohilihus Presidentibus Camere nostre Summarie etc. Significainus vobs quoti nooiter urgente nos necessaria habUone pecunie conocriende in satisfacCionem stipendiorun nostrarum arinigeraruin.
gentium miliantium, etc. pr defensione reipublice et nostroruin Jideliwn eie. procidinius pe(1)

Ecco

formola

la

di

un atto firmato dai Presidenti

cuniam ipsum etc ex juribus nostre Curie procurare etc Datata in Castro nostro Ncapoli
die sexto mensis decenibris X indiciionis (1416). Quibus quidem nostris litteris per dictos Prosidentes j'eceptis colentes Presidentes ipsi litteras ipsas exequi diligenter statini receptis ipsis
nostris litteris dictam oenditioncni, locationeni et concessionein per nos factarn de iuribus,
fructibus redditibus et proaentibas dictarum cabcllarum maioris /undici et doliane ac cabelle
boni denarii diete cioitatis nostre Neapolis etc. ratjcavcrunt approbaoerunt et acceptacerunt etc- Tenore presentinrn de certa nostra scicntia etc. ratijicamus, approbamus et acce-

plamus etc. etc. Datura in castro nostro novo Neapolis per dictos Dros nobiles Presidentes
diete Camere nostre Swamarie consiliarios et Jldeles nostros dilectos anno domini 1416 die

VII mensis decembris

indictionis. (R. 374,

f.

138)-

Camera cominciano con laformola:


Tenore presentium notuni fucimus uniisersis ecc. e terminano col Datum Neapoli per eosdem.
viros nobiles locumtenentes dicti magni Camerarii regni nostri Sicilie (R. 371, f. 65-76^.
{^) Questi registri sono: 1. R. 247 bis, che noi abbiamo contrassegnato col titolo originario
(2)

Gli atti compilati e firmati dai luogotenenti della

1322-1323,
1568, che

E
lo

l'abbiamo inserito nella serie dei registri per 1' autorit dell'inventario del
ripoita al n. 284, e del repertorio Terrarum, di Vincenti p. 244, che lo nota col

titolo predetto.

11

sere numerato tra essi, col titolo sul dorso scritto


2.

R. 3G8,

p.

cisamente nel

chiamano
a penna Carolus

reg- trovavasi tra quelle scrittur'e che

II.

fase,

Anche

la

parte

di

questo registro

segnato SO- Sulla antica covertina

di

si

fascicoli,

senza es-

Iltustris 1332 Ind. V.

rinvenuta tra

si

ma

questa prima parte

fascicoli, e presi

legge

il

titolo

Registrum regis Ladislui 1404. Da noi stato riposto tra registri per l'autorit del Borrelli,
che lo nota neW Apparatus historicus t. I, f. 7 Mss. nella Bibl. Nazionale, e ne fa sunti nel
Repertorium universale i- I, p. 256 esistente in questo Archivio senza per segnarlo nell'elenco a stampa. 3. R. 378, Ioanna II 1418. Ccdulare. Questo registro, che contiene
sunti degli atti non solo di Giovanna II, ma anche di Ladislao, non annotato nell'elenco
stampato del Borrelli, n in alcun altro elenco. Probabilmente fu posto tra i registri nel sei

colo passato, e tra essi trovasi segnato nel catalogo 1855.

Spesso nei conti dei tesorieri {Ratio thesaurariorum) s'incontrano gli acquisti di perper uso della regia cancelleria, sia per scrivere le lettere originali, sia per trascriverle
nei Registri. Tralasciando altre citazioni baster notare la seguente: Iceni dicersis venditoribus
{*)

gamena

pr certo numero cartarum de pergamena et incaustro pr scribendis litteris tara curie quam
prioatorum sigillatis predicto sigillo nostro etc. quatcrnis de pergamena pr registrandis litteris ipsis in quaternis registri, videlicct Cancellerie, Conitis Camerarii, Lagothcte et Magistrorum Rationalium. Datum Rone die 1 februarii 1297. (R. 86, f. 173;. Lo stesso si dice

due. Essi generalmente misumedia ccntim. oH e mill. 5 di altezza, e centim. 27 in


la ])C'r^amc'na piep;ata in

(.'sscndo

rano

in

trovandosi nei primi anni di Carlo l i pi piceoli,


cha in ai)presso s' in^Tandiscono fino a rajx^'i uno-ere la massima
;j,randezza nei volumi di conti dei tesorieri [Rado thesaurarium)
ai tempi di lloberto, che misurano in altezza centim. 42 ed in
larg'hezza centim. 30 e mill. 5.
In ori<2:ine,come <2."i rilevammo dal citato documento del 1284,
volumi erano divisi in quaderni (^quaterni) formati da otto, sei,
(juattro, ed anche qualche volta da due soli fo^di, in raji'ione della
maggiore o minore quantit di atti, riguardanti una data rubrica,
che in essi dovevansi trascrivere ('). Pi quaderni formavano i relar<i:liezza,

gistri (Registri^ libri rcgistrorum)

(').

quaderni erano ordinariamente distinti dalle rubriche nel


modo come sopra si dichiarato (') i registri sempre con l' indizione, cui si aggiunge qualche volta l'anno dell' era volgare e
talora anche col nome del sovrano, cui essi appartenevano Q.
Quelli inoltre si veggono spesso controscgnati con numeri romani ('), talvolta, ma raramente, con lettere maiuscole o minuscole (')
e talvolta anche con gli uni e le altre insieme ('). Le
I

un altro simile conto dato nel marzo 1:^.01 (R. 117, f. 28**). Cf. sul proposito pei tempi
I.
Durrieu, o. c. I, 161.
(') Il Durrieu gi ha notato la cuia ehe si aveva di non lasciare fogli bianchi nei quaderno, di lalcli si cercava di restringere le ultime linee di sciitlui'a al rovescio del foglio,
affinch l'atto ivi terminasse, e quando, per caso, ci non ostante restava qualche foglio bianco,
ccrcavasi di annullarlo tagliando la parte non scritta. Questi fogli tagliati per, che sono
ovvii sotto Carlo I, diminuiscono nel regno di Carlo li, e cessano quasi del tutto sotto
rimanenti sovrani Angioini.
() Al piede del f.
136 del R. 143, ed al piede del f. 69 del R. 147 si legge la seguente avvertenza: Ponatur (un documento) in registro K. {Karoli) secundi post quaternnm tcrtium.
(^) In ripruova di quanto sopra diciamo si aggiunga che qualora il documento riguardante
una data rubrica per errore era scritto nei quaderni di altra rubrica, come per esempio,
l'atto di un giustiziere nel quaderno dei secreti, ed anche di un giustiziere di una data provincia in quello di un'altra, in tal caso si aveva cura di cancellare ivi il documento per trascriverlo al luogo proprio, il che si avvertiva nel margine. Gli esempii sono stati da noi
rilevati nelle note alle tavole. Cf. p. e. R. 50, f. 7'* e 8^ R. 03, f. 9!); R. 115, f. 40'*.
(*) Per
tempi di Carlo I, abbiamo allegato qualche esempio in proposilo sopra a p. IX.
Eccone ora altri per tempi successivi. Nel R. 118, f. ISl'* leggesi registrata (una lettera)
in registro XI II incl. e nel R. 199, f. 461- Requiratw tota forma istius prioilegii in anno XII ind.
In quanto poi al nome del sovrano ed agli anni di Cristo si possono riscontrare gli esempii
in

di

Carlo

nella nota
(>)

(3)

della p. seguente.

Gli esempii sono ovvii in tutti

Registri. Qui basta soltanto notare che

numeri sono

ordinariamente segnati in cima del foglio, talvolta per e specialmente ai tempi di Carlo III
in piedi del medesimo.
C') Citiamo qualche esempio. Nel R. 143 al piede del f. 21P scrtta la lettera/ minuscola;
nel R. 168 al piede del f. 40 sono due BB maiuscole. In alcuni registri poi si trovano le lettere
in ordine progressivo in tutti i quaderni. Si possono vederne gli esempii nel R. 250, 257 ecc.
{') Un esempio di questa specie di segnatura pu tra gli altri osseivarsi nel R. 293. (V.
tav. corrispondente a p. 3l8).

lettere si osservano,

o nella parte superiore del foglio retto, o

anche, ma i)ii raramente, nella inferiore ('). D'altra parte anclie


alcuni registri lianno alla sommit, o al piede di alcuni fogli una
numerazione con cifre romane, che per la diversit e grossezza
del carattere non si pu confondere con quella progressiva dei
quaderni, e che indica certamente una partizione diversa Q. Di
essa, talora, oltre agli esempii, che esistono ancora nei registri superstiti e sono qui nella nota 2^ a pie di pagina riportati,
si trova pure menzione in certe note marginali, ove si fa richiamo a questo o a quell 'altro volume con tale numerazione
indicato

Ora

(').

precisamente la ragione di una tale


stato monco ed incompleto di tutta la

(piale fosse

numerazione, noi per lo


scrittura e per la mancanza delle coverture antiche,

In alcuni

()

quaderni appartenenti

regno

al

Curio

e spesso an-

incontrano nel mezzo dei mar-

I, s'

fogli lettere maiuscole di carattere gotico, e di dimensione maggiore del


Secondo il Durrieu O. e. t. I, p. 94-95) esse, perch apposte in quaderni, o registri
di Camera, senza rubi'iche e senza altra divisione erano segni di rinvio a tavole o repertorii indispensabili in scritture di tal genere Ma pare piuttosto clic queste lettere fossero apposte in*
vece talvolta per riunire in alcuni quaderni e classificare in ordine alfaljetico un gi'Uppo di
pi documenti, che si riferivano ad alcune date persone, il cui nome o qualit cominciava con
le medesime iniziali, salvo qualche rara inesattezza forse imputabile alla poca diligenza dello

gini superiori dei

solito.

scrivano (V. R.
(2)

rum

211-213).

f.

numeri grandi

sono

colo,

13,

diete

romane,

cifre

in

talvolte seguiti

MCCLXVIIII. XI li.

seguenti: V.

Regis Kuroli Primi anno scxto (R.

11

f.

da altre note

Ind. (R. 6

1)

VI.

-XII.

104

f.

94)

122

f.

D-

120)

-XVI.

(R. 147

f.

(R. 104

f.

XIIII. (R. 129

f.

/// Ind. (R. 143

35)

-XXI.

(R. 161

f.

244)

f.

99)

XVII

B.

XVIIII.

1)

f.
f.

1)
(

VI

1!)3)

in
IIII.

f.

39]

mdimas

carattere pi picXlll Ind. Rerjno-

MCCLXXV. XIII

Anno domini

Ind. (R. 13 f. 6.5) - Villi. MCCLXXIIII. Ili Ind. (R. 19


Vili Ind. (R. 34 f. 107) - III. R. 57 f. 65) - XII. Totani
168) - XIII. (R. 112
5) -XVI. (R. 133

f.

MCCLXXV li II.

XIIll.

(R.

102

XUI. Visus (R. 116

- XIII.

R. 147

f.

(R.

143

29)

Ind. (R. 168

f.

f-

17]

XVII.
122)

f.

f.

19)

1)

-XVI.

VII. (R.

XIIII. (R.
(R.

143

f.

MCCCV. Ili Ind.


- XVIIU. (R. 16a
6) - VI. (R 207
f.

-XX. (R. 178 m) - Si'jnatus V. (R. 183


107)- VI. Anno domini MCCCXVll Rejnoruni R. anno Vili et Villi. (R. 208
38)VI. MCCCXVll. (R. 208
46) -VII. Anno domini MCCCXVllI Rerjnonim R. anno X
dopo 193).
(R 213
45) - XV (R. 225
17) XVllll (R. 225
364) - Signato XVI (R. 289
130)

-XX.

178

(R.

f.

57)

f.

f.

f.

f.

f.

f.

f.

f.

f.

Bisogna notare che per alcuni registri non si pu affermare che il numero segnato sia
assolutamente indicazione di ordine progressivo, potendo anche denotare
Indizione, perch
esso corrisponde all' Indizione segnata negli atti del foglio, ove il detto numero scritto. Essi
sono i seguenti - XIII (R. 101 f- 39) - IV. (R. 207 f. 225) - 111 (R. 224 f. 53) - UH. (R. 228
f. 84) - V.
(R. 239 ff. 35, 225) - XII (R. 278 ff. 135^, 205''). Questo dubbio confermato dalla
nota apposta al R. 207 f. 146, ove dopo la cifra IllI si aggiunge di caraltei-e pi piccolo Ind.
In ultimo si fa osservare che nel reg. 14 alla sommit ed al piede del f. 204 sono scritte le
1'

aB congiunte,

lettere

forse invece dei predetti

numeri romani.

esempi, ohe tuttora esistono. Nel R. 77 a pie del f. 86 leggesi In rege(3)


stro K. [Karoli) sccundi signaio VI, ecc. Nel R. 98 a piedi del f. 34: in regesto K- secundi
Nel R. 143 a piedi del f. 136: In regestro K. secundi signato
signato
anno Domini 1298.
147
al f. 69: in regestro K- secundi signato XVII facto anno
XVII 1305, IV ind. e nel R.

Eccone

gli

Domini

MCCCV

1333; ed
berti

in

Nel R. 289
Nuovi Re-istri voi.

et VI, ecc.

fine nei

anno Domini

M. CCC

al

f.

Ili

XXXV III l.

246: In registro regis Roberti signato


f.

138'':

In signato

XXIII

XVI

anni

Registro Regis Ro-

ciascun volume, non possiamo con sicurezza


(lic-hiarare. Forse con quella indicazione si voleva accennare ad
un ordine di posizione clic quei volumi avevano nell' xVrchivio,
iorsc si voleva desi<2;nare qualclie altra ragione che noi ora ignoriamo. Ad ogni modo certo clic essa manifesta un insieme di
pi quaderni ridotti a volume, si perche il foglio ove notata

che

I.II

(lei

primi

fo^'li di

primo del volume, essendone la pergamena pi


delle altre che seguono maneggiata e logora, e si perch il
motto Deo gratias, che s' incontra nella fine di alcuni fogli (*),
deve certamente indicare il compimento di ciascun registro. Oltre
a ci quante volte il registro o volume, per la quantit maggiore
del materiale che conteneva, doveva avere una seconda parte^
allora, per distinguere questa, alla cifra si aggiungeva, a quanto
pare, una lettera maiuscola dell'alfabeto (^). Se non che una tale

doveva essere

il

distinzione di cifre e di lettere nei registri fu per quel

tempo

as-

solutamente parziale e ristretta soltanto ad alcuni volumi.


I quaderni ed i registri avevano inoltre l'intitolazione dell'ufficio, al quale gli atti, ivi compresi, appartenevano. Dapprima a
tempo di Carlo I, come di sopra osservammo, non s' incontra se
non il Begistrum cancellarle ed il Registrum Camere; poscia da
Carlo Tifino a Giovanna 1, e propriamente dal 1291 al 1352, nella
sommit del primo foglio, quando esiste, di ciascun quaderno si
legge talvolta: Prothonotarius o Logotheta et Prothonotarius^ oppure
Cancellarius^ o Camerarius^ o Magistri lationales; e talvolta uniCancellarius et Prothonotavasi: Camera et MagistriUationales
riusyn un solo titolo Q; donde rilevasi che ciascuno di questi grandi
e principali ufficii del Regno, aveva il proprio archivio speciale,
che per altro formava una sezione del regio archivio ( archivum
Curie), che ora diciamo di Stato. Cos avviene che nei volumi
superstiti si possano ora rinvenire due, tre ed anche quattro copie
simili di uno stesso atto, perch trascritto nei varii registri di quelli
ufficii; cosa da ninno prima di noi avvertita. E non a dire di
quanta utilit per gli studiosi ora sia questa triplicata o quadru-

(>)

R.

11,

f.

tale

motto s'incontra nel R.

ICO-R. 14,
144, f. 282-R.
f.

Ili e

r(r.

-R.

3,

f.

15,

- R. 4,
108 - R. 19,

120
f.

f.

49
f.

R.

104

6,

f.

-R.

58

21,

- R.
f.

9,

f.

274-

374-R. 54,

f.

N. R. Carlo I, f. 17.
234, f. 341 - R. 273, f. 308-e R. 288, f. 293
dopo
parole
/"
Nel
al
f.
34
le
secuncU
signato
anno domini 1298
(^j
R 98
rcf/esto K.
aggiunge: cura hoc sirjno F Nel R 147 (1305, B) a pi del f. 43 leggesi In registro si-

120

si

Un

R.

ijnato

XVII

cuni B-

Noi quindi troviamo qualche volta nel registro del Protonotario una lettera, che dicesi: exlracta de regestro Cuncellarie (R. 132 f. 250'^); e viceversa nel registro del cancelliere
altra lettera cxtracta de regestro Camere (R. 136 f. 27**) o finalmente nel icgistro dei maestri Razionali altra lettera cxtracta de rjuaierno Cancellarie. (R. 163 f. 168''J.
(^)

MII

un documento, che non rare volte si


un volume per la mancanza o perdita dei fogli e

plicata scritturaziouc; poich

trova monco in
quaderni, nei quali continuavasi, o trovasi deleto per le ingiurie
del tempo e la non curanza degli uomini, ora cos pu felicemente

compiersi ed integrarsi. Bisogna per notare clic nei registri di


Giovanna I diminuisce questa molteplice trascrizione di atti, ed
i quaderni non hanno altra intestazione se non Camera o Magisiri Rationales, e talvolta Camera et Magistri Rationales unite, e
che in quelli dei sovrani successivi le dette intestazioni cessano
addirittura.

quaderni legati in volume, erano in origine ordinariamente numerati con cifre romane, e se ora qualche
volta tale numerazione non s' incontra, o non continua regolarmente, ci deve attribuirsi, salvo qualche rara eccezione, al taglia
I fogli dei registri o

subito dai fogli nelle rilegature posteriori, o alla dispersione e

mancanza

numerazione
per cessa addirittura col regno di Carlo III di Durazzo. In
qualche quaderno dei registri di Carlo I inoltre rimangono tuttora attaccati ai fogli i residui di listelli di pergamena, apposti
dei fogli e quaderni intermedii. Questa

per facilitare lo svolgimento dei fogli di esso (').


I quaderni ed i registri erano legati o in tavola (cum tabulis),
o pi spesso con covertura (coperta) di pergamena, pi forte dei
fogli che componevano il volume Q. Esistevano per ai tempi di
Carlo I registri sciolti, cio quaderni (pecie cpiatornorum) divisi e
legati con una cordicina (cum cordella)^ ne mancavano, come sappiamo da testimonianze contemporanee, nei tempi posteriori.
In quanto poi al modo come gli atti erano riportati nei detti
quaderni o registri, bisogna notare che essi erano trascritti nei
fogli o per extensum cio dalla prima all' ultima parola, o sopprimendosene soltanto alcune formole, a scrivendoli in compendio,
o anche semplicemente accennandoli.
Erano scritti per intero gli atti pi solenni e di maggiore importanza, come privilegi, concessioni e simili. In questi casi,
Tanto pu osservarsi in varii fogli del R. 14, come fu notato nelta tavola corrispondente.
[^) In un conto presentato
da Giovanni da Venosa Erario della Corte delia Vicaria ai
M. Razionali, e da questi liquidato ai 10 luglio 1320 si dichiara essersi pagato: dioersis personis pr preiio cerio quantitatis cere rubee cartarum de papiro pr scribendis actis licteris
et atiis necessariis diete Curie, cdiarum cartarum de pergameno pr cooperiendis et ligandi^
quutetnis actorum et aliarum cartarum suctilium de pergameno pr faciendis licteris et cautelis diete Curie iiecessuriis etc... une: quatuordecim far : sedecim gran: noocni et nicd. R. 226,
f. 373'*. Di
tali covei'ture <:i rimangono tuttora duo esemplai'! nei registri n." 133 e 26G, anche
dopo le ripetute rilegature dei volumi fatte nel secoli XVI e XVlll, di cui parleremo hi prosiegno.
(')


l'ordinario

])C'r

s'

I.IV

iucouincia dal trascrivere

il

nome ed

titoli

del

ne faceva le veci, indi il nome della persona, o dell' ente,


cui l'atto era indirizzato, o, se questo era, come dicesi, una circolare si adoperava la formola: Universis prcsentes litteras inspecturis o Universis ecc. ('). Se<j:uiva, dopo un proemio, l'oggetto di
che trattavasi, ed in fine talvolta 1' actum ed il (atum ed ordinariamente solo il clafim; note che designavano la data topica e cronologica, ed erano contrassegnate dai nomi degli ufficiali supremi
della Curia, che dovevano autenticare l'atto sovrano. Erano queo chi faceva le loro veci,
sti il cancelliere, ed il protonotario
ed i maestri razionali, se il documento interessava la finanza.
Qualche volta negli atti di stato, o in altri che si volevano rendere maggiormente solenni, sono inoltre notati alcuni grandi
dignitari! del regno, che vi erano intervenuti. Le date cronologiche erano indicate col giorno, mese, indizione, anni di Cristo e del regno. Talvolta gli atti contenevano trattati e convenzioni che importavano obblighi del re politici o finanziarli, ed
in tal caso prendevano la forma di strumenti, e si cominciava
con una breve invocazione: In nomine Domini. Amen. Nelle corrispondenze con principi eterodossi l' invocazione era pi larga
ed esplicita quasi per affermare la propria credenza, e quindi dicevasi In nomine sanate et individue Trinitatis Patris Filii, et
Spiritiis Sancii. Amen (^). Questi casi per erano abbastanza rari.
Xegli atti appartenenti alla seconda categoria si sopprimeYv

()

di chi

vano nel principio

in tutto o in parte

titoli

del re e del vicario

Karolus, Robertus etc. o Karolus Dei gratia^ Eobertus Dei


gratia etc. e Karolus princeps Salernitanus etc, Robertus primogenitus etc. o si sopprimeva anche il nome cominciandosi a dirittura con la frase Scriptum est N. ecc. ed anche gli anni di recosi

gno nella

fine,

Datum

Data

terminandosi cos con la data topica e con l'indicazione del giorno del mese e dell' indizione.
In ambedue queste categorie di atti dal tempo di Carlo II e
precisamente dal 1303 in poi noi troviamo, invece della sottoscrizione dei supremi ufficiali della Curia, la seguente nota:
in

Camera nostra o

in

Camera regia

C"),

cui ai

Esempii di questa forma di lettere circolari possono trovarsi pubblicate nel Del Giudice, Cod. dipi. t. I, p. 211 ecc. e nel Minieri. SafjQo di cod. dipi. t. I, p. 38 ecc.
(") Cf. Minieri, Saggio di Cod. Dipi. I, 102.
{') Nel
R. 129 a f. 136 abbiamo per la prima volta incontrato questa formola in un doc
(')

dei 1303
{voi.

XV,

quello del

primo doc. originale, che troviamo con questa formola nelle Arche
4011) del 19 marzo 1303. e vi si aggiunj^e /)er ^/esarcrr/os di carattere diverso da
testo. La detta foi-mola si trova pure in un doc. de! febbraio 1303 nel cit. R. 129, f. 164.

CfT^i
n.

pure

il

I,V

tempi di Giovanna I si aggiunge: sub parvo sigillo nostro '). Qualche volta la forinola e scritta nel registro da mano diversa da
quella del notajo o scrivano che registrava 1' atto altre volte
nel luogo ove questa doveva scriversi lasciato in bianco uno
spazio proporzionato alla estensione della formola sopra riportata (); e ci senza dubbio appositamente, affinch V ufficiale
incaricato avesse potuto scrivere ivi ([uelle parole dopo la registrazione dell' atto; il che per trascuraggine o per altra qualunque
circostanza non erasi poi adempiuto. Non ci dato poter affermare con sicurezza quali fossero gli atti, che erano o dovevano
per regola essere in questa guisa contrassegnati sembra per
che per lo piii appartenessero ad affari che interessavano la finanza dello Stato.
Ad ogni modo questa specie di sottoscrizione s' incontra nei
registri fino ai primi anni del regno di Ladislao, quando per lui
governava il regno la madre Margherita; ma poco dopo, la formola, di cui parliamo, sparisce, ed invece contrariamente a quanto
avevano praticato tutti i sovrani precedenti della dinastia angioina, che, salvo qualche rarissima eccezione, non usavano sottoscrivere i loro diplomi Q, la regina Margherita ed il figlio Ladislao incominciano a firmarli di propria mano, come si rileva
dagli atti originali, che ad essi appartengono (') e dai registri me;

{')

R. 335.

(2j

R. 190

in
f.

spazio lasciato
(^)
il

quasi tut

iti

bianco

si

re Roberto in rei

ma

fogli.

per che dopo Tanno 1329 (R. 278


la formola sempre scritta.

110)

f.

non

s'

incontra pi

Io

una sentenza del 1324 riportata nel R. 255 (1324, E) ff. 18-19,
trova nelle Arche voi. 29 n. 2228, ove oltre alla firma del Protonotario il
majorem certitudinoni sottoscrive anche di mano propria, ci basta notare

Senza citare

cui oi'iginaie

Si noti

30'*.

1'

esempio

di

accaduto di

avverlenza di essere stati firmati di mano propria di le Roberto, il primo nel R. 205 (1315 B)
f. 5G'', ove nel margine di una lettera si legge:
Fuit signata anulo Regis (Roberti) et scriptum ntanu propiia elicti domini Regis a tergo ipsius litlere; il secondo trovasi nel R. 244
(1322, F.) f. 53'*, ove un doc. nel quale inserito il privilegio dato a Bartolorameo di Capua nel 20 gennaio 1316 Questo dopo la data ha: In qua lictera post predictani (la data)
scriptum est propizia manu regis eiusdem. Nos Robertus dei gratia Jerusaleni et Sicilie rex
concessimus ed il terzo fiiialmeute sta nel R. 290 (1334-1335, E) f. 16, ove in fine di un diploma si legge: Nos Rex predictus [Ro^jerlo) subscripsimus mmt nos.'ra e nel diploma detto
che il re sottoscriveva manu propria in rei testimonium et certltudineni atque robur.
Datum Rome in Palatio
[^) Eccone qualche esempio, che r-icaviamo dal R. 362, ff. 94 e 96
S. Retri per manus nostri predieti regis Ladislay Anno Domini MCCCCXIII die XII junii
VI ind. ecc. Datum in castro nostro Nooo Neapolis per manus nostri predieti regis Ladislay
ecc. E cosi pui-e la regina Giovanna: Datum in castro nostro novo Neapolis per manus nostri predicte loliainie regine Anno Domini MCCCCXVIIII ecc. (Minieri, Saggio di cod. dipi.
parole: regis Ladislay e lohanne regine nei diplomi originali sono scritte di
II, 65). Le
propria mano del re e della regina. Chi ne fosse vago pu vederne
fac-simili nella tavola 1^ del Repertorio delle pergamene di Gaeta pubblicato nel 1884 da questo Archivio di
i

tre atti sovrani che

ci

rinvenire trascritti nei

reaiistri

Angioini con

Slato.

1'

Cosi, e pi frcqncntemeDte

fk'siiii.

vanna

i.vr

fece indi la regina Gio-

11.

compendio ed indirizzati allo


stesso utHciale, cui eransi spediti i precedenti, e quando riguardavano lo stesso oggetto, allora soltanto nel primo erano notate
(^)aando gli atti erano scritti in

distesamente le date cronologiche, negli altri clic seguivano si


segnava ordinariamente solo l' indizione ed il giorno del mese,
non elle il luogo, ove erano dati, ed abbreviandosi si usavano
Scriptum est eidem justitiario
le formole
secreto o altri, ed in
fine Datum Neapoli vi. jul.
ind. e simili o Item scriptum est, o
pure: Similis facta est
similes facte sunt ecc. o pure: Eodem

die ibidem,

Eodem

die et loco similes facte sunt, o, se l'oggetto

eidem sub eadem forma, o in forma proxima precedenti. Talvolta si sopprime: Scriptum est, e si comincia
era identico: Scriptum
col

nome

est

dell' ufficiale, cui la lettera e indirizzata, cio: Justitia-

rio ecc. Secreto ecc. e simili, o

Eidem justitiario

ecc. Talvolta la

data posta in principio cos V. mensis.


ind,
apud
scriptum est.
o eidem. Quando il documento della stessa data
del precedente, si notava infine semplicemente: Datum ibidem ut
:

supra, o
xS el

Datum

etc, o

Data

ut supra.

margine destro della pergamena

due o tre parole


mento.

1'

scritto per lo pi in

oggetto o la persona, cui

si riferisce

il

docu-

Di quando in quando s'incontrano degli atti cassati, ed in


margine ordinariamente le postille che dichiarano la ragione
della cancellatura. Talvolta perch quell' atto, dovendo essere
registrato in altra categoria, non era stato collocato al luogo pro,

prio (in suo loco, in quaterno suo). Tale altra perch duplicato,

emendato meglio ed in altra forma scritto altrove,


o perch indirizzato ad un altro ufficiale, o perch finalmente l'ori-

o perch stato

ginale era stato lacerato e la disposizione annullata

(').

Finalmente qualche volta, sebbene assai raramente, s' incontrano spazii lasciati in bianco in mezzo delle pagine, ed in margine scritto: Kon scrihaturi^). Probabilmente lo spazio riserbato
alla trascrizione di un documento che doveva ivi registrarsi, ma
che poi per oscitanza o per altra ragione fu omesso.
XIV. Per i tempi primitivi della dinastia Angioina i quaderni
ed i registri, sia della Cancelleria che dei Conti, non erano tutti
riuniti in un solo Archivio, n si trovavano sempre stabilmente
(')
[})

Non citiamo esempii perch ovvii


V. p. e. nel R. 153, f. 5.

in

tutti

legistri.

LVII

noto come, regnando Carlo

ne conservassero nei castelli di Trani, di Bari, di Melfi, nella Torre


di S. Erasmo presso Capua e specialmente nel Castel Capuano,
residenza ordinaria del re prima della edificazione di Castelnuovo ('), e nel castello dell' Ovo (^j. E noto altres come allora il
re, seguendo in ci il costume tenuto intorno a quei tempi anche
in Francia, spesso si facesse condurre appresso nei paesi dove
andava le scritture che potevano occorrergli per la pubblica amnelle stesse localit.

ministrazione, e quindi

si

veggono

I,

se

registri trasportati in sacchi o

da Aversa, da Corneto e da Melfi Q a Napoli, da Nocera


a Trani (^), da Napoli a Sulmona, a Bojano ed a Brindisi ('), da
Lagopesole a Melfi Q e per altri luoglii. Quella parte poi delle
scritture pubbliche, che era presso la Cancelleria in Napoli, per
r ordinario conservavasi in Castel Capuano o nel Castel dell' Ovo Q, ed anche a non molta distanza nella Torre di S. Erasmo

in cofani

Capua

presso

Dopo

(*).

riforma della real tesoreria fatta dal primo Carlo


nel 1277
si die pure opera ad un pii regolare assetto dell' iVrchivio regio. Nel 1280, fatta la nova or dinatio de registrisi fu
disposto che le scritture serbate nella Torre di S. Erasmo si
trasferissero a Napoli, ove anche tutte quelle che si trovavano in
altri luoghi del regno man mano si andarono allora concentrando ("^). Cos l'Archivio si ebbe sede stabile ed unica, essendo
stato insieme alla Zecca ed alla Corte dei maestri Razionali collocato verso la fine del secolo XIII nel palazzo gi di Pietro
la

della

Vigna ed

allora della famiglia Fieschi alla Sellarla.

Di

per poco tempo pass nelle case


dei Vulcano a Porta Petruccia (1325), ora strada Medina, poscia nel 1333 in un palazzo della famiglia di Somma di contro
alla chiesa degli Agostiniani a tale scopo dal re acquistato ('^).

insieme con

{')

V. docc.

citati dal

dice, Cod. dipi.


(2)

gli altri uf[icii

t.

in

Minieri, Braci nothic


p. XII e ss.

sali'

Archioio Angioino

p.

VII e dal

Del Giu-

|)ruf.

R. n. 16 ((1272, E)

f.

118 ap. Minieri Domin. Ang. p. 29.

R. n. 15 11272, C) f. 135; R. n. 22 (1275, A) f. 80; R. n. 98 (1299, B) f. 197.


{*) R. n.
10 (1271, B) f. 49.
(5) R. n. 22 (1275 A) f. 157 - R. n. 48 (1284, B) f. 187 v.
(6) R. n. 37 (1279-1280, A) f. 32.
() R. n. 31 (1278, B) f. 67 v. e 154 v. e R. 1267, A f. 218 v. ap. Minieri, Breci notizie
(3)

{)

R.

(5)

Diploma

cit.

n. 37,

f.

del 27 ottobre 1277 in

gio di Cod. dipi.

p.

VII.

101.

151, e dal

R.

n.

31 (1278 D)

Durrieu, Notice sur

f.

110 pubblicato dal Minieri, 5a^-

Angeo. p. 106.
37 (1279-1280, B) f. 56 - R. n. 33 (1278 79, H) f. 140 ecc.
(") Minieri, Bretii notizie p. Vili, Chiarito, O c. p. 27, che citano registri ora perduti
R. n. 302 (1335-1336, A) f. 58^
(J"j

R.

I,

les Registr.

n.


Cos

fiiialiiciite

I.VIII

in questo palagio, che

chivio regio fu definitivaniente fino al

si

disse della Zecca, l'ar-

1540

stabilito, e prese co-

nuineinente il nome di Archivio della regia Zecca.


D'altra parte non mancano notizie di danni sofferti da questo
archivio durante la dominazione angioina, sia per accidenti naturali, sia per opera degli uomini. Sappiamo infatti che pochi
anni dopo lo stabilimento di esso nel palazzo a S. Agosthio, cio
nel 133(3, alcune camere di quello furono danneggiate dalle acque
piovane cadutevi sopra, le quali distrussero gran parte delle
scritture

dei

registri

in

esse

raccolti.

Sappiamo pure che

medesimo Archivio, che conteneva le scritture


contabilit {summarum rationum) e trovavasi nella casa di Carlo

quella sezione del


di

Camerario del regno, fu saccheggiata e bruciata


dalla plebe sollevatasi nel 1346, per vendicare la morte di Andrea marito della regina Giovanna I. Cos del pari le scritd'Artois, gran

ture speciali della real

Camera che conservavansi

nel Castel del-

Ovo, due anni dopo, nel 1348, dai soldati di Ludovico re


d' Ungheria, venuto in Napoli, per la stessa causa, nello assalto

l'

di quel castello distrutte perirono

Altri danni dovette pure

1'

(').

archivio ricevere nelle seguenti

guerre e rivolture, che travagliarono il regno sotto la nominata


regina Giovanna I sotto Ladislao ed ai tempi di Giovanna IL
Ne solamente, per tali ragioni, 1' archivio fu guasto e menomato,
ma anche per le sottrazioni dei registri di Carlo ITI, Ladislao e
Giovanna II, che, per testimonianza di alcuni nostri scrittori,
verso i principii del secolo
furono trasportati in Sicilia ed
in Aragona, e per le perdite di parecchi altri, che nella peste del
1526 e 1527 furono sperperati e distrutti. (^).
Questo era, per quanto abbiam potuto rilevare dagli stessi
registri, lo stato materiale dei libri della real Cancelleria durante
la dominazione angioina, cio dal 1266 al 1432. Successivamente, e fino a tutto il sec. XV, noi non troviamo n nelle scritture contemporanee, n in altre posteriori notizia alcuna che riguardasse le vicende di questa preziosa raccolta in quel tempo, o
che ci desse qualche accenno a mutazioni per avventura nelle
condizioni materiali di essa introdotte.
XV. Sembra per che verso la met del sec. XVI, un nuovo ed
,

XV

(')

('y

302 (1335-36, A) f. 58 v - R.
Terminio, Apologia elei ire Segyi

R.

cit.

n.

353

p.

14.

(131fi,

e 77;

C)

f.

263 v.-R.

Summonte, O.

n.
c.

356 (1348, A)
t.

1,

p.

f.

148.

124; Bolvito,

Vur. rer. t. IV, p. 139. Secondo quest'ultimo alcuni volumi furono po.scia trovati nelle
bliclie vie e specialmente in quella che va al ponte della Maddalena.

pul)-


essenziale

mutamento

LIX

nella compaginazione delle scritture,di cui

facciamo parola, fosse gi avvenuto. Imperocch dami istrumento


dei 7 settembre del 1568, che riportiamo in appendice, ed in cui
r archivario Agnello Cacciuottolo dichiara di aver ricevuto in
consegna tutti i Registri Angioini dell' Archivio della Regia
Zecca, che singolarmente si descrivono, rilevasi abbastanza chiaramente che in quel tempo tutti gli antichi quaderni, libri o registri erano stati gi cartolati con numerazione araba ed ordinati

modo come si veggono al


sempre il nome del sovrano

e riuniti in volumi, quasi nello stesso

presente, e che portavano per titolo

regnante o del principe, che ne faceva le veci, dai quali gli atti
eransi emanati, ed ordinariamente l'anno e 1' indizione, cui essi
atti e r intero volume appartenevano (^Registrimi Regis Caroli I
stato di ciascun volume,
anni
ind
). Rilevasi inoltre lo
il numero dei fogli che conteneva e le parole con cui cominciava
e terminava. Rilevasi infine che i registri erano allora 436, dei
quali 51 appartenevano al regno di Carlo I, 155 al regno di
Carlo II, 182 al regno di Roberto, 32 a Giovanna I, 3 a Carlo III
di Durazzo, 9 a Ladislao e 4 a Giovanna II ('); e che moltissimi
tra essi sono sbagliati nell' intitolazione, cio ora nel nome del
sovrano, ed ora nell' indizione o nell' anno di Cristo (^).
Secondo il Bolvito (1. e), che scriveva intorno al 1585, la rilegatura dei Registri Angioini sarebbe stata fatta nel 1556, sotto
il viceregnato del Duca d'Alba, ma niente di certo pu affermarsi
in proposito. Se non che pare consentaneo all' ordine naturale
delle cose credere che trasportandosi le scritture dal palagio
(')

Intorno

al

numero

totale dei

volumi notati

in

questo inventario del 1568 bisogna av-

vertire che, senza tener conto di quei nuovi, die furono arbitrariamente formati nel secolo
scorso, e dei quali

si

parler

in

seguito, ora esistono 5 registri, che

mancano

in esso

e sono,

nn. 7 (Libcr donationum), 17, 368 (in carta), 373, 378 (in carta)
ordine attuale,
secondo
Bisogna inoltre avvertire che ora mancano 80 registri che nell'inventario sono notali.
Vi sono registri col titolo rcgis Caroti primogeniti (nn. 20
(^) Eccone qualciie esempio.
ora l6, 53 ora 51 e 55 o.^^a 92 ecc.), o regis Caroli de Calabria (nn. 269 ora 237 e 287 ora
251 ecc.), o anche regis Philippi (n. 88, che ora manca) cio Filippo principe di Taranto viquali invece appartengono a Carlo
cario
e Carlo II. Vi sono registri che hanno Tindiz.
ind. XV invece della XI e simili, senza tener
XII invece della II ind. Ili invece della X
conto dei primi fogli che ora mancano n. 2t ora 18, 30 ora 29 e 49 ora 48, ecc.). Altri registri portano l'anno 1270 mentre nel primo foglio segnato l'anno 1276 (n. 11 ora 9) o i^
1278 mentre nel 2'' f. segnasi il 1266 (n. 30 oi'a 29). Vi sono finalmente volumi che hanno errate tutte le tre indicazioni
come il n. 48 clie segnato: Reyistruni regis Caroli Illustris
ind. VII an. 1284; esso ora manca, ma gli errori sono evidenti. Un errore affatto materiale
nel voi. 318 ora 46, ove notasi: Rcgistrum regis Caroli I 1328 invece di 1283.
La corrispondenza del n. progressivo dato da noi ai volumi segnati nell" inventario del
1'

1568 col

11.

d'ordine, che

registri portano

presentemente, e

le

differenze che per avventura

esistono tra gli


uni e gli altri possono ben rilevarsi dalla tavola che in fine di questo libro a
^
pp. 476-478.


(lolla rc'o-ia

I.X

Zecca, ove prima stavano,

al

Castel Capuano, dove

il

vicer D. Pietro di Toledo circa il 1540 aveva riuniti tutti i Tribunali della citt, fosse sorto il bisogno e V opportunit di sistemarle ed ordinarle. E forse, se vogliamo tener conto della data
proposta dallo stesso Bolvito possiamo anche supporre che
,

l'opera fosse andata a termine nel 1556, quando successe al vicer Toledo il Duca d'Alba.
D'altra parte bisogna avvertire che non tutti i volumi furono
allora rilegati. Nello stesso inventario del 1568 si trova il registro
di Giovanna li del 1417 siie coperta, e dal Terminio, che scri-

veva nel 1581, si distinguono i registri in quelli legati a volume


ed in altri che la muffa aveva consumati o che si trovavano tra
scartacci delle casse ('). Di qualche registro inoltre
trova notizia tenere tuttora l'antica legatura cum tabulis ).

g' infiniti
si

f
Cosi forse avvenne che il Bolvito, invece di calcolare il numero dei registri a 436, lo eleva a 444, assai probabilmente, o
perch gli otto volumi di pi furono compaginati e rilegati dopo
il 1568 e quindi in quella consegna non se ne tenne conto, o anche perche nel farsi l'inventario essi si trovavano depositati in altro
sito e perci furono omessi. A quest'ultima supposizione siamo
condotti da un documento del 1579, quando all' archivario Cacciottolo successe per rinuncia di lui, Giuseppe Grimaldi Q. Da
,

Terminio, O.

c. p. 12. Anche nel secolo successivo il duca delia Guai-dia (p. 85) riche a suoi tempi erano senza covertura cio 1272, 1400, e 1417 ed il Borlelli, Apparatus, ecc. Ms. t. II, f. 33 e t. Ili, f. 216, cita il registro 1343. H ed il R. 1343
sine coperta.
(')

corda

tre registri,

SuMMONTE, O. e. t. Il, p. 384 citando il R. del 1321.


(') Crediamo o])portuno riportare qui il doc che il seguente: Philippus etc.
Magnifica vir regie lidelis dilecte. Havemo visto una relatione fatta per io magnifico et circumspetto Antonio orefece del Consiglio de Sua Maest del tenor seguente videlicet Ulmo et
Eccelmo signoi'e: Per il Procuratore del regio Patrimonio mi ostato presentato memoriale
con regia decietatione del tenor seguente videlicet: Illmo et Ecclmo signore Il Procuratore
del regio Patrimonio fa intendere a V. E. come una delle pi imi)ortante cose per lo decoro
:

grandecza
quale sono

et beneficio del regio servitio e la conservatione del regio archivio dela zecca nel

scripiuie de grandissima importantia et

si bene la Conservatione d' essi


incumendata ad uno archivario quale per ci gode tutte Prerogative che godono li mastri
rationali del tiibunale de la zeccha tutta volta pare ad esso supplicante che detto archivario
non ne tene quello Penziero che rechiede la importantia dela Cosa per ci dotti libri et
scripture non hanno luoeho Particolare per conservarse Come convenera anzi stanno quelli

libii et

sta

Camere dala Parte dove se regge il Sacro Consiglio de Capuana adesso che stato
necessario fabricarse in detta Parte sono andati dispersi in varie parte parendo per ci ad
esso supplicante che convenghi darli luoco oportuno supplica perci V. E. se degni Comanin certe

dare

al magnifico et circumspecto Presidente del detto Sacro Consiglio che faccia recognoscere detto luoeho et refirisca poi al E. V. se vi fosse Comodit per detta conservatione de
libri accio possano poi accomodarsi con ordinarse poi altre cose che proponeria a V. E. esso
Magnificus et circumsupplicante per il .servitio regio circa detto Archivio ut Deus etc.

spectus Presidens

Sacri Regii

Consilij de

supplicatis se

informet et relationem faciat Sue

LXI

esso rileviamo che essendo necessario doversi fare delle nuove fabbriche in certe camere verso la parte, dove si reggeva il Sacro

Regio Consiglio,

conservava l'archivio della Zecca, le dette scritture erano andate disperse in varii luoghi, e che
il maggior numero di esse si trovava presso il consigliere Giovan
Antonio Lanario, per la cjual cosa il nuovo archivario non aveva
potuto riceversi la consegna dell' ufficio con regolare inventario.
e nelle quali si

Provisum per Illmum Dominum Proregem. Neapoli die 17 Martii


per Gioseppe Grimaldo regio Archivario mi e j^tato presentato similmente

excellentie. Salazar Regens.

1579 Russus. Et poi

un altro memoriale con regia decretatione


Gioseppho grimaldo servidore de V. E. li

del tenor seguente videlicet lllmo et

Eccmo

signore

fa intendere come essendo stato per V. E invezecca per renuntia fatta in suo beneficio per il Magnifico Anello cacciuttolo et essendo passati alcuni mesi che ne ha pigliato il Possesso fin e equa
non si fatto inventario delle scripture et registri de detto officio si per che se detenino in

stito del officio del

archivario de

la

casa del lllmo D. Gio: antonio lanaro et con facilit et prestecza non si pu cosi dare expeditione alla giustitia delle parte interessate si ancho per che la Regia Corte dela Zeccha a
chi spetta non ha Procuratore de facte per ci esso supplicante diede memoriale a V. E.

degnasse o provederli de luoco per la consei'va di dette scritture o vero


havesse ordinato ad esso supplicante se le havesse possuto portare a casa sua fu per V. E.
provisto che l'IlLmo Presidente del Consiglio se fuss;e infoi'malo dove se havessero possuto
accomodare dette scripture nel tribunale dela vicaria et informato ne f relatione a V. E.
et per quanto se intende sia Provisto che in uno vacuo de detto tribunale se accomodassero
dove ci bisogna de spesa da circa docati Cento Cinquanta etc. et volendo obbediie come
devo a V. E. ho visto et revisto il tribunale regio della giustitia et per quanto ho possuto
conoscere et considerare ci e uno asti-aco scoperto sopra le camere che dicano de San

supplicandola se

pu intrare del Corritoro per il quale se passa dal Consiglio in


et astraco 1' ho fatto ancho vedere et mesurare dal egregio
considerasse che spesa ci bisognasse per fare in detto luoco
di
dette
conservatorio
scripture il quale secondo V. E. potr vedere per la inet
archivio
r
clusa relatione dice che pu reuscire de longitudine de palmi cinquanta, de latitudine palmi
trentadui et de alteza Palmi dece et otto, et che per fare detto edifitio ce andarla spesa de
ducento ducati in circa, et per che in questo meczo se dia alcuno remedio che le dette scripture non vadano cossi disperse et maltractate in lo deito tiibunale da la parte de la vicaria
sono quattro Camere dove stava il magnifico martos et non ne tenea occupate si non tre se
pot iamo redure in la quarta Camera che con serraise una porta che responda alle tre sturriano
alquante remediate et tanto pi che al pi-esente tutte le quatti-o Camere predette stanno
vacue perche il detto magnifico martos non ci habita et questo referisco a V. E. remectendo
il
tutto a quello che pi li pai'er et li sarra sei'vitio de V. E. servito:' obligmo Antonio Orefice et con la detta relatione venuta
infrascritta altra relatione fatta per Vincenzo de la
seguente
videlicet
lllmo
et Eccmo signore. Havendo recevuto ordinatione
tenor
Monecha del
del signor Presidente del Consiglio che dovesse misurare et scandagliar che spesa potria

Paulo

nel quale astraco se

Camera il quale loco


Vincenzo dela monecha et che
la regia

1'

andare

in fare

1'

arcivo de la regia zeccha

in

lo

l^alaczo dela gran Corte dela vicaria sopra

le Camere che si dice de san Paulo et de pi de che gi-andecza et capacita potria reuscire
dico che de longhecza venera palmi cinquanta et de larghecza palmi trentadui et de altecza
palmi dece et octo cossi come in pianta se mostrara a V. E. Circa la spesa che potria an-

andarriano da ducati ducento in circa et questo il mio giuditio


V.
t cossi fo relatione a
E. Di casa a di 8 di agosto 1579. De V. E. Hurailissimo servitore
Gio: Vincenzo de la; Monecha Et visto per noi il tenore de la preinserta relatione perche
la volunta nostra e che si faccia nel luocho contento in detta relatione lo archivo et Con-

dare a fare detto

edificio

dicimo et ordinamo che de li dinari de li Proventi


pervenerranno in vostro Potere del/iate spendere in
somma de li detti ducati ducento fandosi et eseguendo la

servatorio delle suprascritte scripture


di questa
lo fare

Gran Corte pervenute

de detto luoco insino a

vi

et che
la

LXII

seguito ai memoriali del procuratore


(lei regio patrimonio e dello stesso archivario fu indi determinato
di destinarsi ad archivio un nuovo locale nello stesso Castel
Capuano, e servirsi per un tale scopo delle camere allora occupate dal giudice signor Martos.
Eilcvianio inoltre

Ad

ogni

clic

modo

registri primitivi fu

in

nuova compaginazione dei quaderni e dei


fatta in quel tempo assai trascuratamente e

la

senza alcun criterio da persone del tutto ignare della materia.


Difatti dallo studio dei volumi superstiti e dal confronto dei medesimi con la descrizione, che ne abbiamo nel detto inventario del
15(38, risulta abbastanza chiaramente che, oltre ai numerosi errori nelle intitolazioni, che di sopra accennammo, e che spesso
indicano un anno ed una indizione diversa dall' anno e dall' indizione, che nel volume si trova, allora furono anche malamente
identificate le indizioni segnate negli atti, scambiandosi assai
spesso (') un ciclo con quelli precedenti o sussecutivi, e quindi i
registri furono assegnati a sovrani e ad anni ben diversi da quelli, cui realmente appartenevano. Cos molti volumi furono interpolati da quaderni e da fogli di altri registri Q, e molti furono
formati a dirittura da quaderni di diversi anni e di diverse indizioni, messi insieme disordinatamente e con parecchie interrudetta opera et pagamenti con intervento

dell'i

officiali alli quali

spetta intervenirci che pre-

copia autentii-a della presente et cautela de pagamento con la detta interventione comandaino alla regia Camera dcla Summai-ia che vi li admecta et faccia buoni

sentandosi

pei- voi

rendere de vostri Conti et interim che si farra et sarra finito il ditto luoco comandamo
con questa alli magnifici regeuti et ludici della gran Corte de la vicaria che permec(atio che
le scnpture in dette relationi contente se possano redure et conservare dala parte de dieta

al

gran Coi-te in la quarta Camera del ai)[)artamento dove resideva il magnifico Dottor martos
tempo che era lodece della gran Corte de la vicaria et cossi se debbia exeguire per quanto
si ha cara la gratia de la predetta maiesta la presente resti al presentante Datum neapoli
die 27 mensis novemltris 1579. Don luan de Zunica Vidit Reverterius Regens Vidit Saal

lazar

Regens

ceptore de
il

la

Vidit Salernitanus

vicaria per

lo

Regens

spendere insino

Bustida de Munatones Secretarius

alla

summa

de docati ducento de

li

Al Per-

proventi per

fare de lo supraditto luoco per la conservatione delle scripture del archivo dela zeccha et

che interim se conservino in la quarta camera dove steva il magnifico martos allora lodece
de la vicaria. Collaterale Cnriae Voi. 29 fol. 2.
allegai'e qualche esempio del detto scambio d'indizioni. Nel voi. 59 del(') Vogliamo
l'inventario del 1568, (ora 57) alla ind. V che correva nel 1291-92 si aggiunge quella del ciclo
segut:nle 1.306-1307; nel 205 (ora 178) alle ind. VI e VII, che ricorsero negli anni 1292 1294
SI uniscono quelle del
1307-1309; nel voi. 207 (ora 185) si confondono quattro ind. VII la
prima che ricorse nel 1278-79, la seconda del 1293-94, la terza del 1308-1309, e la quarta del
1323-1324.
(*;

di

cosi in molti alni volumi.

Ecco alcune

delle moltissime interpolazioni, che spesso constano di

quaderni, e siiesso

di

pochi ed anche di 2

anni 1273 1275 sono interpolati


negli atti di questo
atti degli

anno sono

anni 1273-74

si

fogli

fogli

trovano

contenenti

fogli.
atti

Nel

parecchi fogli o

voi. 34 (ora 19, 1274 B) agli atti degli

dal 1288 al 1290; nel voi. 28 (ora 26, 1276, B)

degl'anni 1328 e 1329; nel voi. 21 (ora 18, 1273 A) negli

fogli del

12^8-69 e del 1288-89 e via discorrendo.

LXIII

volume contiene talvolta atti di pi sovrani


e di pi anni, cominciando p. e. da Carlo I e terminando a Roberto ('). 1 soli registri che si trovarono allora non squinternati
e non deteriorati dal tempo e dall' uso conservarono la loro integrit primitiva e si trovano contenere regolarmente solo una o
due indizioni. Ed notevole che fin da quel tempo medesimo
r Ammirato dovette lamentare la confusione che regnava in quei
volumi, e avvertire chi li leggeva di stare attento a non scambiare
le epoche Q.
In questa compaginazione e rilegatura, di cui troviamo la
descrizione nel documento del 1 568, se dovesse credersi allo stesso

zioni. Cos

uno

stesso

Bolvito, che scriveva nel 1585, quel parziale contrassegno della


lettera dell'alfabeto che gi prima solo alcune volte ed in alcuni

ebbe a rendersi generale per tutti


i volumi della collezione; contrassegno, che, secondo lui, non fu
una distinzione del progressivo ordinamento, ma l' indizio del
nome dello scrivano, che aveva avuto cura di compaginare quel
dato volume di tal che la lettera T avrebbe designato un Tullio,

registri o libri erasi adoperato,

un Marco

un Nicol

discorrendo Q. Cosi, quest'altra indicazione sarebbe stata allora aggiunta alle antiche del
sovrano, dell'anno di Cristo e dell' indizione.
Se non che il Bolvito in riguardo a ci, certamente o fu tratto
in inganno da false informazioni, o, come egli stesso dubitava,
cadde in errore per dimenticanza. Imperocch 1' Afeltro Q, nei
suoi Notamenti Mss. e 1' Ammirato ed il Terminio (") nelle opere

la

(')

11, 16,

la

Sono accozzamenti
17, 20, 30, 85,

in

un volume

e via

di sei, sette,

e fino dicci indizioni nei voi. nn. 3, 5,

58, 68, 143, 149, 2l7, 219, 229. 235, 240, 246, 274, 278, 296, 302, 316,

317, 318, 325, 331, 356, 359, 365, 426, 428, 430, 431, 434

Ammirato, O. c t. J, p. 193.
Et fucrunt dice il Bolvito a Regia Camera destinati nonnulli scribae ad id opus
J'aciendum; inter qnos fuit quidam Tullius nomine, qui in voluminibus Reyistroram a se oisis
et ordinatis fecit literam T; alias vero qui oocabatur Marcus fecit literam M, alias autem
Nicolaus fecic literam N; et propterea in dorso scu repertorio praedictorum R-'jistrorum
inspiciuntur praedictae literae T. M. N. O. et multae aliae secundum eorum nomina.
Bolvito, O. c, t. IV. f. 39{*} Dei Notamenti dell' Afoltro parliamo nell'appendice. In essi solo un R.
di Giovanna
I del
1342 troviamo segnato O, ma non sappiamo se il segiio riferibile al f. ohe si cita o al
registro. Ed notevole che I' Ai'eltro (f. 161) fa anche lo sj.oglio di un Rcpei-torio allora esistente di quelle scritture, nel quale
registri, che si allegano, non poi-tano mai il contrassegno delle lettere. Anche nella Genealogia regis Caroli I {Raccolta di Cronache ecc. t, I, p.
I73j, che scrittura del secolo XVI, citasi un registro di Carlo II del 1295, che indicato non
con lettera ma con un segno speciale- Il registro ebbe in seguito l'indicazione Carolus II,
1296, G, ed ora ha il n. 87.
(^)

pj

(5)

16 ecc.
l'

Ammirato, O. c. t. I
Lo stesso Ammirato

Afelti'O

p.

105,

106, 115, 160, 212.

t.

II. p.

64, 212. 213.-Th:rminio, p. 9,

t. II. p. 306, citando il R. 1340-41, avverto che era


con due linee verticali e due orizzontali, che s'intersecano.

scgtiat.. dal-


inesse a stampa,

I.XIV

quali studiarono

registri

Angioini prima del

1585, non indicarono alcun volume con lettera, ma solo col


nome del sovrano, l'anno di Cristo e l'indizione. Glie anzi essi
talvolta, i)er determinare con pi precisione il libro cui accenna \ ano, espressamente dichiarano averlo essi medesimi contrassegnato con una lettera o con un numero o con qualche altra distinzione, affinch si fosse potuto agevolmente rinvenire. A ci
si aggiunge che nel citato inventario del 15G8 i registri, oltre
il nome del sovrano non hanno altra qualsiasi indicazione se non
la cronologica. D'altra parte 1' alfermazione del Bolvito che le
lettere le fossero iniziali degli scrivani incaricati di ordinare quei
dati volumi, una diceria puerile. Basta riflettere che vi sono 117
volumi con la lettera A, e nessuno con le lettere Q, R, V; che
parecchi volumi non hanno lettera, o sono distinti col segno di
croce, e (;he i 12 volumi del 1294 portano progressivamente le
lettere dall' A all' M, per essere pienamente convinto della insussistenza e della vanit di una tale opinione. Verisimilmente,
secondo che a noi pare, il contrassegno delle lettere fu gradualmente e parzialmente introdotto dopo il 1568,0 dagli studiosi o
piuttosto dagli archivisti medesimi (') per distinguere i registri
della stessa indizione, in gu"sa che verso la fine del secolo XVI
quasi tutti i volumi ne fossero forniti, ed il Summonte nella sua
Historia (^), che scriveva dopo il Bolvito, potette con tal contrassegno per lo pi citarli. Cos disposta ed ordinata tutta la collezione dalla prima met del secolo XVII fino ai giorni nostri, i
registri ebbero quest' altra indicazione, ne gli studiosi ebbero
altra guida nelle ricerche, che occorreva fare in quei volumi.
Nel successivo secolo XVII non troviamo essersi fatta alcuna
notevole innovazione nei Registri Angioini. Essi allora, per la
testimonianza del Borrelli e del Toppi Q, sommavano, come nel
1568, a 436. Il BorrelliQ, che ne fece un elenco specificato, distinse
Il
(')
Bolvito, nella sua opera Ms. passim, cita alcuni registri con lettere ed altri senza
questa indicazione, o con una croce o altro segno. Inoltre alle volte il registro notato con
un doppio segno come il reg." 1323, Vili, Ind. indicato con F seti ijr, ed un altro di Carlo
Illustre 1283. XI Ind. con nn asterisco seu N. Altre volte anche la lettera doppia come nel

registro

di

Carlo

II,

1309, eh' segnato

nella Biblioteca Brancacciana non tutti

di

T
i

Cosi

nei due Repertori!, che

registri portano

il

si

segno della lettera

conservano
che spesso

carattere del Tutini, e quindi appostovi postei'iormente.


^J

Noto

registri 1273 e 1278, che

il

Summonte (O.

e.

t.

II,

pp. 277 e 281) cita senza

lettera.
(3)
(*)

lui

in

Borrelli V index ncap. nobil. p. 184


Notiamo qui l'epoca della morte del

e ss.; Toppi,

neir Ajipendice. Egli, per la testimonianza

Napoli

di

peste nel luglio del 1656.

De

orig. triban.

dell"

i-

I,

p-

38

quando abbiam parlato di


Ughelli [Italia sacra t. VII, p. 606), mori

P. Borrelli, sfuggitaci

LXV

volumi appartenevano;
ed i volumi di ciascun sovrano, meno i Durrazzeschi perch pochi,
suddivise in varie serie, secondo forse la varia posizione che quelli
nell'Archivio in quel tempo avevano. Cosi i registri di Carlo I,
sono 55, divisi in otto serie con 1' aggiunta del Quatermcs donationum e del libro Expensarum domus regiae; quelli di Carlo II
153, divisi in trentadue serie; quelli di Roberto 117 in venti
serie quelli di Carlo l' Illustre 62 ed in dodici serie, e finalmente
quelli di Giovanna I 32 in sei serie. I registri di Carlo III sono 3,
quelli di Ladislao 10 e quelli di Giovanna II 4. I volumi inoltre
sono generalmente contradistinti dagli anni di Cristo e da lettere
maiuscole meno tre, che invece della lettera hanno l' indizione,
due che hanno una croce, e due finalmente (1337-1338) che sono
la collezione

secondo

vari sovrani, cui

segnati ancora: sine litteris. L' elenco non manca di errori tipografici e di qualche inesattezza di poco conto ('). singolare per
che alcuni registri, che il Borrelli istesso reassume ed annota nei
vari volumi del suo Apparatus e del Repertorium. universcde, manchino afiatto nel suddetto elenco stampato i^)^ e che per lo contrario altri, che sono in questo manchino in quelli Q. Inoltre
pure notevole che parecchi registri tuttora esistenti sieno stati dal
Borrelli in tutte tre le suddette opere omessi (^). Noi invero non
possiamo render ragione di queste anomalie.
E qui cade in acconcio di rettificare un equivoco. stato affermato da alcuni nostri scrittori che nella rivoluzione di Napoli
del 1647, che prese il nome da Masaniello, i registri iVngioini
fossero stati saccheggiati e distrutti dalla plebe tumultiiante. Ci
non e esatto; l'Archivio della Zecca, che allora conservavasi in
Castel Capuano, non fu in alcuna maniera danneggiato, perch
Masaniello, che vedeva l'arma imperiale sulla porta di quell'edi(')

Tali sono

gli

enoi-i gi notati dal Diin'icu (O,

1299-1300; 1321-1321 invece di 1320 1321

menti

di

1507 invece

e.

di

1290-1300 invece di
1307 e simili; non che
raddoi.[. lat.

1,

13j cio

p.

alcuni registri, che per inavvertenza sono segnati in due serie, V.

un. 164

1306,

1307 C). 185 (1309 B), 190 (1309 G), 314 (1328 C).
noW Apparatus nota cinque l'Cgistri, che non segna nell'elenco stampato,!
(^) Il Horrelli
quali portano
nn. 165 (1306, 1307 D), 202 (1314, A), 208 (1316 B). 246 (1322, D), 368 (1404
in carta bambagina). 11 registi-o poi 283 (1326, DJ, che pure manca nell'elenco stampato non
i

riportato

ucW Apparatus, ma

Repertorium universaleriportano tre registri non sognati neW Apparatus,

nel

(^) Nell'elenco stampato si


e sono quelli
ora segnati co' nn. 220 (1318, E), 264 (1320, C), 367 il404j. Dippi
registri, 28 (1277, F) e
52 (1290, D) dell'elenco st impalo, sono riportati neW Apparatus il primo con l'indicazione
(1290 C).
(1276, 1277 F) ed il secondo con l'altra
stampato,
che
neV
Apparatus e nel Repertorium universale mannell'elenco
{*) Tanto
i

le indicazioni speciali di dieci registri, che ora portano i seguenti nn. 20 e 21 (1274 B),
120 (1301, 1302 XV Ind. B), 186 (1309 1310, B), 213 (1317 C), 217 (1318 D], 262 (1324 E), 309
(1337, 1338 C), 273 (1415), 378 (1418).

cano


tic'io,

I.XVl

volle che esso fosse rispettato dai lazzari, perch opera di

Carlo V,
quio (').

al

quale egli professava singolare devozione ed osse-

Angioini furono assai pi che prima


studiati dai patrii scrittori, e principalmente a scopo d' illustrare
le genealogie delle nobili famiglie, o le memorie municipali delle
varie citt e luoghi delle province napoletane. Cosi abbiamo non
solo le opere stampate del Vincenti (^) del Campanile Filiberto ('), di Ferrante della Marra duca della Guardia (^), del detto
Borrelli Q, del de Pietri Q, del Chioccarelli Q, del Tutini Q, del
de Lellis ('), del Campanile Gius. ("') e dell'Aldimari ("), nelle quali
si trovano continuamente allegati, e spesso anche integralmente
riportati documenti tratti da questa nostra collezione; ma anche
le opere che contengono spogli pi o meno larghi e ricchi della
medesima, e che ora si trovano manoscritte nelle nostre pubbliche
e private biblioteche. E tra queste ultime, sono specialmente da
notarsi i lavori dello stesso P)orrelli, del Griffo ed anche pi del
de Lellis, che nella parte seconda di quest'inventario sono pi
largamente ricordati.
Allora furono pure compilati i repertorii del Vincenti e del
Sicola, preposti in (juel tempo all'Archivio della Zecca, che ora
si conservano in quest'Archivio di Stato, e di cui pure facciamo
In (juesto secolo

registri

cenno

in prosieguo.

XVI. Procedendo pi

oltre

dobbiamo ricordare con dolore

il

gravissimo danno che i nostri Archivi ebbero a soffrire nell'entrare


del secolo XVIII. Nel tumulto suscitato nel 1701 da alcuni nobili, che prese il nome di congiura di Macchia da costui che in
certo modo la capitan, la plebe concitata dai congiurati assali
senza alcun riguardo Castel Capuano, e, messi i carcerati in liDonzelli, Parlcnopc liberata p. 23; Cai'ECELatro, Diario t. I, p. 43.
Vincenti, Istoria della famiglia ('antelnio {\G04}; Teatro dei fir-otonoiarii del Regno
di Napoli; Teatro di grandi ammiragli (1628).
(3) Campanile, Delle Armi occero insegne de Nobili di Napoli (1610); Istoria della famiglia di Sangro (1615).
(')

(')

{*)

Della Marra, Discorso

(^)

Borrelli,

delle famiglie imparentate con la Casa della Marra, [IQH).


neap. nob. (1653).
(6) De Pietri, Cronologia della famiglia Caracciolo {\{}b]\ Istoria della famiglia Gennaro, senza nome di autore (1623), ed Istoria Napol. (1634).

V index

Neap. Antist. Catulogus, (1646) ed


M.s. Giurisdizionali.
Tutini, Istoria della famiglia Blanc (\CAl); Supplemcn'o all' Apologia del Termino
(1643); Dei Seggi di Napoli (1644
Dei sette grandi offici del Regno Parte I (16C6).
De
Lellis, Discorsi delle famiglie nobili (1654-71); Della fannglia Milano (1682).
(9)
C) Chioccarelli,

(8)

(>o)

(")

Campanile Gius. Notizie di nobilt (1671).


Aldimari, Istoria della famiglia Carafa (1691).

LXVII

berta, devast i tribunali che avevano col residenza; quindi,


gettando le scritture ed i registri dalle finestre nella piazza, ne

faceva dei grandi mucchi, ai quali appiccava fuoco ('). Cosi allora, oltre alle scritture Aragonesi ed a quelle della Sommaria e
dell'archivio dei Quinternioni furono con gravissimo danno della
nostra storia miseramente sperperati e distrutti circa 60 registri
Angioini.
Se non che, chetato poscia il tumulto, alcuni benemeriti uomini, che le memorie del tempo ricordano per segnalarle alla gratitudine dei posteri, cercarono, come meglio si poteva, salvare e

scampate dalle fiamme o non


erano state in altra guisa interamente distrutte (^). Giova ripetere
qui i nomi di costoro, i quali furono Andrea Guerrero y Torres,
Nicola de Grossis e Francesco Muscettola. Essi, oltre ai volumi interi che poterono salvare, raccolsero pure i quaderni, i
fogli, ed i brani, che riuscirono a ricuperare, dalle pergamene
sperperate, onde gi componevansi molti registri, che ora mancano nelle serie notate dal Borrelli e cercarono di conservare
ricuperare

le

reliquie, che erano

religiosamente tutte queste preziose reliquie negli scaffali dell'Archivio.

D' altra parte non pochi quaderni e fogli caduti dai registri,
che, a quanto pare, non furono pi legati dopo il 1556, squinternati dal lungo uso di circa due secoli con le ricerche e con gli
studii, che si facevano sui medesimi, per negligenza o per ignoranza non furono riposti al luogo proprio e restavano quindi
staccati e messi da parte. Cosi verso la fine del. secolo XVIII
grossi fasci di pergamene si trovarono ammonticchiati, e per dir
COSI estravaganti, nelle scansie dell' archivio della Zecca.
Anche in questo secolo non mancarono scrittori, che dei
registri Angioini pi o meno largamente e con migliore indirizzo si giovarono nelle loro opere storiche, ne mancarono lavori
archivistici compilati per agevolarne 1' uso e lo studio. E tra
il
quelli giova ricordare principalmente il Marchese Sarno (^)
,

(*)

Maiello

Conjuratio t'nUa

et

De Partlwnopaea conj uvaMacchia, t. I. p- 114.

extincta ecc. (1701); Vico,

itone (1701); Granito, Storia della congiura del principe di

Esistono tuUoi-a inteii volumi della colleSyllabus tncinhranaruni ecc. t. I. p. XI.


zione, che nel margine lulcialc delle pergamene offrono i segni del fuoco appiccatovi. Tale
(^)

per citarne uno, il volume 123. Nel margine di una pergamena tra quelle raccolte nei
volumi dei Nuooi Registri leggcsi Ricuperata a 3 agosto 1719. Appartiene ad un quaderno
del R. 1343, C, che tra quelli allora distrutti.
(3) AI Sarno appartengono le: Critiche annotasioni sopra un istrumento" in pergamena
del secolo XIII (1772) e V Esame di tre pergamene del Capitolo di Potenza (1778), al quale
contribu anche Gennaro Chiarito. In queste opere si fa largo uso dei documenti angioini.
,

LXVIII

Chiarito Ant. ('), il L*erris (") ed il Forges Davauzati Q, e tra


questi il l^epertorio dei monasteri di Onofrio Sicola e quello dei
registri di Carlo I di ]\Iiclielangelo Chiarito con altri incompleti
dei re successori, che tutti si conservano in questo archivio di
Stato. Ne da ultimo vogliamo tacere dei Notamenti Mss. delgi conservati nella biblioteca Volpicella ed ora della
l' Alitto
Societ Napoletana di Storia patria (^), e dello stesso Michelangelo Chiarito, clic in questo Archivio si trovano.
Nella seconda met di questo stesso secolo probabilmente il
lodato Chiarito (Antonio) fece un indice, nel quale i registri sono
,

secondo

sovrani cui appartenevano e secondo 1' ordine


con cui erano disposti negli scaffali dell' Archivio. Essi sommano
a 350, cio 46 di Carlo I, 123 di Carlo II, 87 di Roberto, 50 di
Carlo r Illustre^ 29 di Giovanna I, 3 di Carlo III Durazzo, 9 di
Ladislao e 3 di Giovanna II (^). Dal minor numero dei volumi, che
anche inferiore a quello attuale, e da alcune diversit che l'indice presenta mettendosi a confronto con 1' elenco del Borrelli,
pare che parecchi volumi, essendo allora maltrattati dal continuo
uso e dal tempo, e consumata la legatura, avessero perduto gli
antichi titoli, che dovevano sul dorso dei medesimi trovarsi, e che
altri parecchi si fossero talmente slegati da essere ridotti a cumuli di quaderni e di fogli confusi tra loro, da non doversene tener
conto nel complesso numerico della collezione. Se pur non e' innotati,

ganniamo, pu COSI anche darsi la ragione, per cui il Papon venuto


in Napoli intorno al 1784, per raccogliere documenti perla sua

non esistere
non 293 registri,

storia di Provenza, afferm

allora nell'Archivio della

Zecca

il

che altrimenti sarebbe


inesplicabile. All'erudito francese verisimilmente furono mostrati
i soli volumi, che erano legati ed in buono stato di conservazione;
in Napoli,

se

dovevano essere

da parte, e forse chiusi in casse


e tolti allo studio del pubblico. Dei 293 registri poi notati dal
Papon 46 sono attribuiti a Carlo I, Illa Carlo II, 56 a Robergli altri

riposti

Chiarito Commento sulla costituzione di Federico II. De istrumentis conficiendis


stampalo
dopo la morte dell'autore.
(1772),
(^) Le opere del
Perris sono Allegazioni tra le quali hanno grande importanza una sulla
gabella del Buon danaro della citt di Napoli (1782) e l'altra per le locazioni di Salsola e
S. Giuliano in Puglia (1783). Anch' egli fa molto uso dei documenti angioini.
(^) FoROEs Davanzati, Sulla seconda morjlie di re Manfredi (1791).
{*) Dell'opera ms. dell' Alitto e dei Repertori di Michelangelo Chiarito si fa cenno nella
(')

p.

II

di

questo inventario.

ai fogli 275-278 di un volume monco nel principio di moltissime


carte, eh' intitolato sul dorso: Collectio ex regestis R- Siclae, e conservasi in questo Ar(^)

Quest'Indice trovasi

chivio di Stato.

LXIX

37 a Carlo V Illustre 26 a Giovanna T, 3 a Carlo III Durazzo, 10 a Ladislao e 4 a Giovanna II ().


XVII. Assai probabilmente questo stato cosi deplorevole dei
registri Angioini richiam le cure degli avvocati fiscali pr tempore della R. Camera della Summaria, da cui l'Archivio della
Zecca, come quello di Camera dipendevano. Essi quindi ordinarono che tutta la collezione avesse un migliore assetto e che i volumi venissero tutti interamente rilegati di nuovo.
Il Giustiniani nel 1803 affermava Q essersi ci fatto da pochi
anni, e che allora i registri furono rivestiti con molta spesa di
pelle rossa, come lo sono attualmente. Noi non sappiamo se in
to,

quel tempo era prefetto dell'Archivio l'abbate Cestari, dotto


uomo, che vi presedette fino al 1791,o il giudice Riccardi che vi
fu posto interinamente dopo la morte del Cestari, e che cess di
vivere nel 1794. Comunque sia, certo che si ebbe allora anche
la buona idea di ordinare e legare tutta quella massa di fogli
sciolti, che dal 1701 si era tenuto sino a quel tempo inutilmente

ammassata

negli scaffali dell'Archivio. L'esecuzione per di tutto

lavoro fu certamente affidata o ad un impiegato poco esperto


nella materia o a dirittura ad un ignorante operaio, e quindi fu
fatta troppo superficialmente, e senza la diligenza ed accuratezza, che quelle importanti scritture avrebbero meritato. Cosi ai
vecchi e non pochi errori ed ai guasti commessi nella prima leil

gatura se ne aggiunsero altri e non minori nella seconda.


Giova riassumere qui sommariamente i principali tra essi
potendosi tutti distintamente rilevare dalle tavole rispettive di
ciascun registro, che il lettore potr in seguito riscontrare. Ed
in prima notiamo che non solo alcuni registri furono divisi in
due (^), e molti quaderni e moltissimi fogli di registri esistenti
o perduti furono sparsi ed inseriti in volumi diversi Q, ma anche le pergamene di parecchi, per agguagliarle tra loro, furono
tagliate nel margine superiore o laterale, in guisa che si distrusse
r antica foliazione, e talvolta anche la rubrica dei quaderni e le
note marginali in tutto o in parte e fin qualche linea del te,

(')

il

Papon, Hist. generale de Procence

t.

Ili,

p.

V.

(^) Giustiniani, Di^. geogr, del r. di Napoli, t. VI, p. 365.


il
(3) Questi registri sono 7, cio:
1274 B, ora nn. 20 e 21; il 1278 D, ora nn. 31 e 32;
1291 A, ora nn. 54 o 55 il 1291-1292 A, ora nn. 57 e 58: il 1294 M, ora nn. 70-71 il 1301
;

E, e 1301 S. L. (coi titoli erronei) ora nn. 110 e 114;


(^)

Senza parlare

il

1423, ora nn. 376 e 377.

dei fogli sparpagliati e confusi, che sono assaissimi, e tutti specificati

nelle tavole rispettive dell' inventario, citiamo qui

nei nn. 329 e 330 ed in parte nel n. 331.

solamente

il

registro 1313 e 1314 A, diviso

sto stesso de' clocuinenti

(').

LXX
A tutto

aggiunse la erronea

ci si

ed arbitraria intitolazione di molti registri, a' quali, invece del


primo per vetust cancellato o caduto fu apposto un secondo
,

titolo o duplicato

e ripetuto

Q, o proprio

volume

di altro

sia

esistente sia perduto

Q, o sbagliato in alcuna delle primitive


che quelli
indicazioni; essendosi scambiate spesso le lettere
registri avevano avuto nell'antico ordinamento, e falsati non
rare volte anche gli anni, quando con poca, quando con as,

Ne

questo tutto. Molti titoli furono creati di pianta e senza che avessero riscontro alcuno
di tal che molti volumi con una falsa
nella vecchia legatura
intitolazione vennero ad accrescere la serie dei registri e si sostituirono a quelli, che con i loro veri titoli si trovavano annotati o citati negli antichi elenchi e repertorii, e nei libri dei patrii
scrittori facendo cosi credere che essi fossero stati dal tempo o
sai rilevante

differenza

(').

dalle rivoluzioni distrutti

(').

D' altra parte coi quaderni


che si trovavano slegati, e con

da vecchi registri,
che si poterono raggra-

e fogli caduti
gli altri

nellare dai registri saccheggiati e perduti nel 1701, furono for-

mati alcuni volumi, a' quali si pose un' intitolazione anche nuova
ed arbitraria ("). Finalmente fu allora che a quei volumi, che
contenevano i conti della Tesoreria o le cedole della tassa da
imporsi alle varie provincie del regno, si aggiunsero le epigrafi:
Batto Thesaurariorum e Cedularia ('); indicazioni, che sebbene
(1)

Non occoiTc

{')

Oltre

le

citare esempii peixli

guasti sono ovvii in tutti

un'altra son veri. Cos

uno stesso registro, che perci una volta son falsi ed


nn. 65, 02, 97, 123, 14(5, 180, portano erroneamente un titolo, che

titoli

di

rettamente si ripete nei nn. 66, 91, 98, 122, 147, 185('')
I volumi, che hanno un titolo non proprio di essi
i

nn. 81, 101, 103,

112, 120, 171, 218, 2!'5. Quindi,

ma
il

di alli'i registri esistenti,

1296 A, che porta

titolo

quale invece segnato 1295 1296 A;


l'elenco del Borrelli. Cosi pure il titolo 1299-1300 C; che ha

deve apporsi

registri.

duplicazioni, che furono la conseguenza della divisione di alcuni registri, ad

alcuni volumi furono apposti

cio

il

sono

8,.

n. 81,

che non ha riscontro nelil n.


101, deve apporsi al n. 103,
volumi che hanno
che ora intitolato 1300 B; e cosi per gli altri volumi sopra indicali.
perduti
sono
cio
cinqnof
titoli, che appaitenevano a registri
110, 121, 162,249, 310. FI voK
titoli; 1301 E; 1302 A; 1306 H; 1322114 (1301 S. L.) fa parte del volume 110. Essi portano
registri 1300 D; 1302 H; 1294 D; 1323-1322 B; e 1336 D.
1323 B; 1337 I; ma contengono
notiamo principalmente il n. 12 segnato Ca(*J Tra questi, per la loro maggiore diversit,
rolus illuslris 1271, che, oltre diversi quaderni e fogli, contiene quasi lutto il registro 1292 D;
il n. 19, ciie segnato 1274 B, e contiene il 1290 A; il n. 170 notato 1307-1308 che contiene
ed il n. 283, notato: Rob.
il 1292 A; il n. 216, notato: Car. III. 1318 B, che il 1327 B
al n. 80,

il

titolo,

1331 X, che invece 1326 D.


(^) Sono volumi 80, il cui dettaglio pu vedersi a p. 495; oltre altri 7 di cui parola nella
nota seguente.
(^) Questi sono propriamente i 7 volumi segnati in fine dell'elenco nominativo apposto in
ultimo a p. 493.
C) I volumi che ebbero il titolo Ratio ihesaurarioruni sono 18, cio, i voi. 201, 210, 211,

LXXI

generalmente piuttosto esatte ed

utili

alle ricerche

degli stu-

non essendosi sempre alle medesime aggiunti i titoli,


che i registri avevano precedentemente ('), generarono maggior
confusione ed incertezza. Insomma con la compaginazione e con
la rilegatura della fine del secolo scorso i volumi dei Registri Angioini raggiunsero il colmo del disordine e dell'errore.
XVIII. Cos durarono le cose fin quasi alla met di questo
volgente secolo, quando per opera specialmente del benemerito
comm. Antonio Spinelli di Scalea, che allora sopraintendeva agli
archivii Napoletani dal Governo fu deliberato darsi al Grande
Archivio una sede convenevole e non indegna e per con decreto dei 25 aprile 1835 re Ferdinando II, essendo ministro dell'interno il marchese Nicola Santangelo, ordinava che esso nel
diosi,

pure,

vasto ed antico monastero dei Ss. Severino e Sossio venisse allogato, e cosi in questo edificio, fattivi i debiti adattamenti, fu nel
1845, da Castel Capuano, nella massima parte trasferito.

congiuntura, alla prima e generale designazione de' registri finora esposta, si aggiunse una seconda; e questa fu la
numerazione progressiva di tutti i volumi, segnata in un piccolo
cartello blu attaccato al dorso di ciascuno di essi. Anche intorno
alla stessa epoca, nel rovescio della coperta di ciascun registro
fu apposta una annotazione, in cui si dichiarava lo stato materiale de' volumi medesimi, il numero de' fogli che contenevano,
quelli che allora vi mancavano, e qualche altra avvertenza di simile natura.
Allora per cura del Sopraintendente degli archivi di quel
tempo, a fine di agevolare, come egli stesso dice, le ricerche degli studiosi, e fare che senza molta difficolt si potesse vedere
quali registri fossero periti e quali rimanessero, ed affinch si potessero pure facilmente rinvenire le citazioni che si trovano in
varii autori, fu inoltre stampato un catalogo di tutti i registri Angioini sia esistenti, sia mancanti Q. Il metodo tenuto fu questo.
Nella prima colonna della facciata si segnarono i numeri progressivi novellamente aggiunti in tutt' i volumi esistenti, nelle
altre colonne si notarono l'anno, il nome del sovrano e le lettere,
che si leggono in dorso ai medesimi. Quante volte, fatto il con-

In

tal

216, 225, 229, 230, 231, 250, 262, 269, 279, 283, 284, 287, 290, 301, 310; quelli

sero

il

(')

poi che pre-

titolo di cedularia furono 5, cio, i


Questi volumi nell'elenco del Borrelli hanno soltanto la solita indicazione del Sovrano,

voi. 207, 273, 285, 373, 378.

dell'anno e della lettera.


(')

Granito Ang., Lcrjislusione posUioa degli Archivii del regno, preceduta da un Discorso

intorno agli Archivii Napolitani, Napoli 1855, p. 54.

I.XXII

fronto con 1' elenco del Borrelli, il registro mancava, invece del
numero progressivo, nella prinui colonna furono segnate due vir-

una tale mancanza. Questo catalogo che fu ripetuto con altro metodo nen lielazione fatta dal Trincher, sopraintendente ai medesimi nel 1872 ('); omettendosi i volumi non pi
gole, a dinotare

esistenti, e distinguendosi in serie speciali

volumi contenenti

la

Balio Thcsaurariorum ed i Cedularia, e stato fino al presente la


guida alle ricerche degli archivisti e degli studiosi, ed il criterio,
onde conoscere se un dato registro, gi usufruito o citato da' patrii scrittori,

esista attualmente

oppur no.

che ha fatto un tanto accurato e profondo


studio sui registri angioini, avvert alcune inesattezze cadute per
avventura nel mentovato catalogo per poca attenzione di chi lo
compilava, le quali per altro possono facilmente rilevarsi (^). Ma
oltre a queste trovasi in esso un errore capitale ed assai pi grave,
che non stato avvertito sinora e per verit non poteva avvertirsi, se prima non si fosse fatto un minuzioso e diligente esame
di tutti i volumi della collezione e dei rispettivi titoli, analizzandoli uno per uno, e confrontandoli con i vecchi repertorii. E per
un tale errore sfuggi non solo al grande acume del Durrieu, ma
anche al continuo e lungo studio di quanti dotti od archivisti,
quali che fussero, che ebbero a svolgere in questo secolo i detti
volumi. Dal qual numero non deve escludersi nemmeno il compianto Minieri liiccio, che pure aveva nei mss. del De Lellis, da
eh.

Il

Durrieu

un mezzo sicuro come verificare gli sbagli del catalogo Q. Ne d' altra parte un inganno cosi comune deve recar
lui posseduti,

meraviglia. L' errore stava nella intitolazione dei volumi, della


quale nessuno ha mai sospettato. Ora colui, che nel 1855 compi-

lava

il

catalogo, volendo designare

volumi, che ora

mancano

tenne presente l'elenco nominativo stampato dal Borrelli, e confront i titoli, che in esso leggevansi, con quelli che vedeva impressi nel dorso dei volumi superstiti. Cosi quando un registro
riportato dal Borrelli, non lo trovava segnato con le stesse indicazioni tra quelli che esistevano, naturalmente lo credette perduto, e quindi lo indicava come mancante. Cosi pure il dotto e
Degli Archici Napoletani relazione a S.E. il ministro della pubblica istruzione. '^a.p.S12.
Durrieu, O. c. t. I, p. 14. Oltre 30 volumi, che, meno qualche lievissima differenza,
sono riportati due volte, prima come esistenti e poi come mancanti (V. Catalogo p. 68 e 76)^
(')

(^)

anche

voi. 17, 287, 310, 349, 356 sono in tal modo due volte ripetuti. Alcuni volumi inoltre
sono duplicati con diverso titolo.
(3) Le pruove di quanto qui asseriscesi possono rilevarsi nelle tavole, che seguono, di quei

sto inventario.

LXXIII

che cercava di consultare o trascrivere un documenta


inserito in qualche registro, del quale aveva le indicazioni in
lo studioso,

o scritture dei secoli scorsi

libri

o negli antichi repertorii

ri-

correva al catalogo per conoscere se quel registro ora esistesse


o pur no e quante volte lo trovava virgolato, ragionevolmente
riteneva che quel tale registro si fosse perduto, e non poteva far
altro che lamentarne la mancanza. Cosi 1' errore nacque cosi
infino ad ora durato, e cosi si sarebbe anche per altro tempo
perpetuato, se non si fosse posto mano a questo inventario, che
ora pubblichiamo, e di cui qui dobbiamo render ragione.
Prima per di esporre tutto quello, che in questi ultimi 1 1 anni
;

dobbiamo tacere degli studi, fatti


dal principio di questo secolo fino al 1882 sui registri angioini, e
delle opere pubblicate, in cui i documenti ivi contenuti sono stati
si

praticato sul proposito, non

pi o

meno largamente

usufruttuati, o

anche accennati, o a

di-

senza parlare delle storie municipali e di altre


scritture a tal riguardo meno importanti, noi dobbiamo principalmente ricordare i lavori di Salvatore Fusco (') e di suo figlio Giuseppe Q, di Niccol Vivenzio
e di Michele Amari (^), e specialrittura trascritti.

Annali del Camera Q, il Codice diplomatico Angioiio


del cav. del Giudice Q ed anche pi le molte opere del compianto
Minieri-Riccio, nelle quali sono ampiamente transuntati o riprodotti innumerevoli documenti, che appartengono a tutta la dinastia angioina Q. Ne mancarono gli studi dei dotti stranieri sul

mente

gii

da questo nos'ro benemerito concittadino sui registri


si trova largo cenno nell'opera:
Onori funebri rendati alla memoria di Sahatore e Gioo. Vincenzo Fusco. Napoli 1849 dalla
p. 125 a 209. Essi compresi in parecchi volumi Mss. ora si conservano nella Biblioteca Nazionale di S. Martino.
(')

Degli studii e degli spogli

angioini e sopra ogni

maniera

di

fatti

antiche scritture medioevali

Fusco Gius., Dell' argenteo imbusto di S. Gennaro. Napoli 1861.


Vivenzio Nic, Dell' istoria del r. di Napoli. Napoli I8l6 L' opuscolo Del sercisio
militare dei baroni in tempo di guerra, ove pure son ripoi-tati alcuni documenti Angioini ,
fu gi pubblicato precedentemente nel 1796.
(^) Amari Mich. Un periodo di Storia Siciliana del secolo XIII. Palermo 1842; prima
(^)

(^)

ediz. della notissima storia del


(^)

Vespro, pi volte poscia ristam[>ata.

Camera Matteo, Annali delle due Sicilie. Napoli 1842-1860, 2


Del Giudice. Cod. diplo/n. del r. di Carlo
e 11 d" Angi, Nap.

voi.

1863 69. I due volumi


Documenti inediti riguardanti
cose marinaresche ai tempi di Carlo I d' Angi 1871. La. condanna di Corradino negli Atti
dell' Accad. Pontaniana
Errico di Castiglia negli Atti della R. Accad. di Archeologia; e
La famiglia di re Manfredi wqW Ardi. Stor. Nap.
n Sono 12 opere, di cui ci siamo spesso serviti in questa prefazione- Esse sono
1. Alcuni studi storici intorno a Manfredi e Corradino, l85o
2. Genealogia di Carlo I
d' Angi, 1857
3. Breoi notizie intorno all' Archioio Angioino, 1862
4. Itinerario di Carlo I
d' Angi, 1872; 5. Notamenti di Matteo Spinelli, difesi ed illustrati,
1870, 1874, 1875 6. .4/cuni fatti riguardanti Carlo I d' Angi dal 1252 al 1270. - 1874 7. // regno di Carlo I
C)
pubblicati

arrivano

al

1268.

Ad

essi

bisogna aggiungere

',vn

proposito
ricr

('),

quali furono quelli


,

del Saint-Priest

^>-heresc

(*).

LXXIV
,

per citarne alcuni

Q, del Buchon

E comunque

pubblicazioni

argomento non

e dell'

del de Clicr-

Accademia UnAr-

ufficiali dello stesso

abbiano, pure il Syllahus


membranarum. (^) indirettamente se ne occupa, riportando parecchi
documenti della nostra collezione e pi. accennandone, ed inoltre
dichiarando i detti documenti con i transunti degl' istrumenti delle
arche, che dimostrano le esecuzioni degli ordini sovrani contenuti
in quella. Non parliamo poi della pubblicazione di tutti i registri,
gi proposta e cominciata a prepararsi con la trascrizione di
qualcuno tra essi, perch ben presto fu riconosciuta per parecchie
ragioni ineseguibile.
XTX. Venendo ora a parlare dell' inventario, che pubblichiamo, giova notare che esso fn ideato ed iniziato nel novembre del
1882. Chi scrive queste parole, allorch nel luglio di quello stesso
anno fu nominato sopraintendente degli Archivi napoletani, credette uno dei primi obblighi dell' ufficio, volgere le sue cure alla
sala diplomatica ed alla collezione dei registri angioini, disponendo uno studio nuovo ed accurato sulla parte esterna degli stessi
registri. Occasione prossima inoltre a questo lavoro fu data da un
articolo pubblicato appunto allora in un giornale tedesco Q,
nel quale il prof. Fanta giustamente osservava, che mentre quei
volumi erano stati non poco studiati da napoletani ed italiani,
non meno che da molti stranieri per le importanti notizie che
offrono, non era poi stata fatta alcuna particolareggiata indagine sulla natura dei medesimi e sul modo del loro ordinamento e della loro formazione. Le notizie date e le osservazioni
fatte sul proposito dal Minieri e dal Del Giudice per lo pi riguardarono secondo che il medesimo prof. Fanta affermava,
chivio intorno a tale

si

la storia dell' archivio


d'

anzicch quella dei registri

Angi (continuazione dell'opera precedente. Napoli 1875

minaizione Angioina nel

Reame,

1876.

9>

stessi.

di

Firenze 1875 1881.8. Della dola dominazione Angioina,

Nuovi studi riguardanti

1&7()- 10. Studi storici sopra 84 registri, 1876. 11. Memorie della guerra di Sicilia negli anni
1282, 1284; Napoli 187G 12. Notizie tratte da 62 registri 1869; 13 Saggio di Codice diplomatico e supplemento, 1878, 1882; 14. Genealogia di Carlo II d' Angi, 1882 nell' Arch.
;

Stor. Nap.
i})

15.

Dei grandi

De Cherrier.

ufficiali di re

Carlo

d'

Angi 1872.

Histoire de la tutte dcs Papes et des Empercurs 1859.

Saint Priest, Histoire de la conqueste de Naples par Charles d' Anjou, 1849.
BucHON Recherches histor. sur la principautc ecc. de Moro. Inoestigations des
Archioes 1845.
(')

(2j

historica
Ada cxtera i. 3.
Sgllabus niembranarum ad rcgiae Siclae Archicum pertinentium 1824 1845.
() Die Angiooinischen Rcgister in Archivio di Siato sur Neapel ap. Mitthcilungen ecc.
IV p. 450 462.
(*)

(5)

t.

Monumenta Hungariae

LXXV

vero comunque ambedue i lodati scrittori avessero pi volte notato la confusione che trovasi in quella raccolta, e come gli atti
di un sovrano fossero spesso frammessi con quelli di un altro
confusione lamentata fin dal secolo XVI dall' Ammirato e poi
da altri, e comunque il Del Giudice avesse inoltre in una tabella
specicile indicato alcune vere date dei documenti inseriti nei registri di Carlo I, spesso assai diverse da quelle segnate nel dorso
dei medesimi, pure bisogna convenire che finora non si era fatto
un lavoro che, investigando la genesi di quella scrittura e la
storia e la ragione della confusione, che in essa regna, non che
esaminando foglio per foglio tutt'i volumi di che quella componesi, ci avesse dato un accurato inventario, in cui, dopo essersi
descritto lo stato materiale dei volumi, venisse esposto l'ordine
cronologico dei documenti, ed il sistema tenuto dalUi cancelleria
Angioina nelle varie intitolazioni dei quaderni, da servire come
guida ed indirizzo agli studiosi.
Ora un tale lavoro fu quello che nel novembre del 1882 fu
iniziato. Ed in prima si cominci sotto la mia direzione dal cavaliere Raffaele Batti, capo della Sezione diplomatica e degli atti
di Stato e dal prof, di Paleografia Michele Russi 1' esame e l'inventario degli atti contenuti in quei tre grossi fasci di pergamene
sciolte, ch'erano rinchiuse nei plutei inferiori degli scaffali della
sala diplomatica
e dei quali da molto tempo nessuno avea
mai curato di indagarne la provenienza ed il contenuto. Erano
quaderni, fogli, mezzi fogli, brani e frammenti, tutti staccati, alcuni in buono, altri in mediocre e parecchi in cattivo stato, perch
laceri o macchiati dall'umido od aggrinziti dalle fiamme. Svolgendoli si conobbe tosto che appartenevano ai tempi della dominazione Angioina nel regno, e che assomiglia vansi interamente
ai fogli dei registri di quella cancelleria, che tuttora rimangono.
La forma ed il carattere dei documenti, le postille scritte nei margini, la doppia numerazione romana ed araba, e finalmente il sesto ed il taglio uniforme delle pergamene, lo indicavano chiara,

mente

(').

Accertato ci si ebbe la convinzione che quelle pergamene


erano residui di registri perduti nel tumulto del 1701, o fogli
mancanti dei registri che tuttora esistono, e che caduti dal volume in cui si trovavano, per trascuraggine o per altra ragione
non erano stati ivi rimessi.
,

(')

Cf.

Capasso, Nuoci collimi di Registri Angioini. Nota ueW Archicio Storico Napoli-

tano del 1886.

LXXVI

Si pass poscia alla compilazione deirinvcntario ed all'esame

minuzioso ed accurato deilicg'istri, che allora erano ridotti a 377,


essendosi pochi anni innanzi nel 1877 perduto, senza potersene
comprendere il modo, il volume 319 (1339-1340, B). In questo
frattempo il prof. lussi manc ai vivi di colera, di tal che io dovetti destinare a coadiutore del cav. Batti nel proseguimento dell'opera il solerte ed intelligente giovanetto, allora alunno, Biagio
Cantera.
Intanto dallo studio e dall' esame che facevasi, si venne in
chiaro che nella collezione esistevano alcuni volumi, che erano
un'accozzaglia di atti diversi, fatta espressamente e non per equivoco d'indizioni malamente ai varii loro anni appropriate. Questi
volumi, che ascendono a 1, nella numerazione fatta verso la met
di questo secolo furono segnati coi numeri 181, 182, 183, 328,
332, 355, 370, ed hanno anche impressa sul dorso un'altra pi
antica indicazione cio: Karoliis II A] Karolus IIB] Karohis II C]
Bohertiis A; Robertus E; lohanna /A; Ladislaus 1409.
Oltre a ci, analizzandosi gli atti contenuti nei volumi segnati
sul dorso lohertus B, lohertus C e Robertus D, si trov che i fogli
erano ivi in tale disordine, da rendere necessaria una novella numerazione progressiva di essi, per poterne indicare nelle rispettive tavole gli anni, la nomenclatura degli atti ed altre particolarit. Per lo sconvolgimento de' fogli incontravansi inoltre continue interruzioni ne' documenti, sia in principio sia in fine di
pagina; e per fu uopo fermarsi lungamente nello studio dei
medesimi per rinvenirne, se fosse stato possibile, 1' attacco nei
fogli precedenti o seguenti.
Durando il cav. Batti in siffatto penoso lavoro (eseguito gi
da lui con egual diligenza in tutt' i precedenti volumi), ebbe agio
di riconoscere che la maggior parte de' fogli sparpagliati nei detti
voi. Robertus B^ Robertus C, ed una porzione ancora di quelli contenuti nel Robertus D, si collegavano tra loro tanto, da far supporre che primitivamente costituissero un solo registro. Soddisfatto di tale fortunata indagine, e ritenuti evidentemente arbitrarli ed erronei i titoli dei predetti tre volumi, ricerc ne' repertori!
della cancelleria angioina se del registro, che sembrava gi ricomposto, vi fossero sunti. Ed in fatti, con la guida degli anni
notati ne' documenti originali, pot rinvenire nel repertorio IV
del Vincenti dal foglio 325 a 368 tutta la rassegna degli atti
compresi nei volumi in parola: il titolo per del registro ivi de,

LXXVII

1313^ 1314 A, che dichiarato mancante nel


atalogo del 1855, ed anche dal Minieri (').
Animato da questa preziosa scoverta il cav. Batti intraprese
pure r esame di tutti gli altri fogli non ancora definiti, ed esistenti
nel voi. Rohertus D: e con lo stesso metodo seguito precedentemente, e tenendo presenti ancora le mancanze de' fogli, gi notate
per i registri, per i quali si era compiuto V ordinamento, riusc a
ricomporli tutti; e nelle speciali tavole saranno indicati con precisione quali sono i fogli, che vanno a reintegrarsi con i rispettivi
registri. Gli anni intanto 1331 e 1332, onde era segnato il maggior
numero dei documenti, furono la guida per rinvenire nel detto repertorio IV del Vincenti dal foglio 889 a893 i sunti degli atti, che
corrisj^ondevano con i fogli controversi questi per formavano
parte di un altro registro, il cui titolo non era Rohertus Z), ma
Robertus 1331-1332 B.
Tanto bast per far nascere un ragionevole dubbio sulla veigiiato era Robertus

racit di tutti gli altri

titoli.

Eicominci egli allora da capo ed insieme col Cantera una minuziosa e generale verifica sopra tutt' i registri, che stata di non
lieve e breve fatica per le difficolt incontrate. Ne' repertorii del
diiarito sono soltanto i sunti de' registri di Carlo I, ed in quelli
cie vanno sotto il nome di Sicola sono omessi moltissimi registri
de' sovrani angioini successori. Fu uopo quindi supplire tale vuoto
con i repertorii del Borrelli, del Griffo e con quelli compilati per
le famiglie e per le terre. Questi ultimi per essendo fatti per ordine
alfabetico, e non presentando progressivamente le citazioni dei
titoli dei registri, riescono poco agevoli nelle indagini, che si istituiscono, per accertarsi se vi sieno oppur no que' registri, de' quali
si vuole dimostrare la qualit ed identit. Il perch fu mestieri
farne lo spoglio, notando in appositi quaderni cronologicamente
tutt' i titoli de' registri citati per metterli a riscontro, e giovarsene
secondo il bisogno.
Con le pruove certe di queste citazioni, delle quali non pu
dubitarsi, perch scritte prima che fosse avvenuta verso la fine
del passato secolo la confusione de' titoli, con quelle tratte da'
manoscritti del de Lellis, riprodotti in piccola parte in diverse
opere del Minieri Riccio, con i lavori del Chioccarelli e con
1 autorit ancora, dove occorre, di alcuni antichi e noti autori,
che trattando delle famiglie nobili hanno citati documenti an,

()

nese e

Legislazione positiva degli archicii p. 67; Minieri Le Cancellerie Angioina, AragoSpagnuole dell' Archicio di Stato di Nap. p. 11.

LXXVIII

filialmente col confronto dell' inventario del 1568, si


potette venire in chiaro; che 87 registri angioini portano presen<rioini,

erronei ed arbitrarli

che essi ebbero questa falsa


intitolazione nella rilegatura della fine del secolo scorso; che per
eftetto di una tale falsa intitolazione, essendo scomparsi dalla serie molti volumi annotati nei precedenti elenchi e repertorii, e
citati dai patrii scrittori, si credette che essi ora mancassero; e
finalmente, che, restituiti ai medesimi i loro titoli antichi e genuini, questi volumi designati come mancanti, invece realmente
esistono e ricompariscono nuovamente, sostituendosi a quelli
che erano fiilsamente intitolati.
Verificati cosi ed accertati i titoli di tutti i registri (') si pot
procedere con pii sicurezza alla formazione dell' inventario, che
naturalmente dovette ricominciarsi da capo. Il metodo tenuto nel
lavoro per maggior chiarezza e per maggior comodo degli studiosi
sar pi innanzi esposto in alcune avvertenze generali, che precederanno il detto inventario. Per ora mi baster accennare che
prima di tutto si cercato di constatare lo stato materiale di ciascun registro, notando il numero dei fogli, i fogli guasti, in cui lo
scritto per la pergamena pi o meno rosa, lacera o deleta in parte

temente

titoli

non pu leggersi, i fogli bianchi, i fogli monchi o interrotti, in cui


il documento che precede non attacca con quello che segue
i
fogli in cui i documenti sono cassati con le postille in margine,
che danno le ragioni delle cassature, e finalmente tutte le in,

testazioni dei quaderni.

In apposite tavole poi si sono indicate: 1 le date di tutti gli


atti compresi in ciascun volume, cio l'anno, che, come noto,
era allora ordinariamente designato dall'indizione, ed il mese in
cui quelle furono emesse; 2 i titoli o rubriche dei quaderni sotto
cui gli atti erano stati nella Cancelleria Angioina registrati, distinguendo con carattere corsivo quei titoli, che mancano nella
scrittura per difetto de' primi fogli ne' quaderni, e che da noi per
analogia sono stati suppliti; non che il nome, quando occorre,
dell'ufficio, in cui gli atti furono registrati; 3 l'indicazione del
foglio nel quale i documenti accennati si leggono.
A ciascuna tavola seguono le note, nelle quali si dichiarano,
o si aggiungono tutti quei particolari, che possano servire a
(')

AfTincIi

titolo di

di tali

senza ricorrere

all'

inventario

si

potesse anche materialmente rilevare

quel volume, che nel secolo scorso fu erroneamente intitolato,

volumi

la

vera intitolazione nella parte inferiore lasciando

e mettendo cosi a riscontro l'una e l'altra.

1'

si

il

vero

apposto nel dorso

erronea nella superiore^

LXXIX

constatare un fatto, o che danno un indicazione qualunque utile


sul proposito.
Io non mi fermer qui a far rilevare 1' u.tilit di queste indicazioni, sia di data, sia di materia, per lo studio dei registri

Angioini. Per quanto riguarda la cronologia, la cosa chiara


di per se in quanto poi alle rubriche dei quaderni, esse certamente possono agevolare assai le ricerche degli studiosi. Difatti
chi ha interesse di conoscere, per esempio, qualche documento
riguardante le relazioni del regno con gli altri Stati d' Europa
in an dato periodo, pu addirittura consultare i registri extravagantium extra regnun, e, se per caso riflettono la Provenza o
la Francia, i registri che da quei paesi prendono la loro intitolazione. Chi d' altra parte desidera rinvenire qualche documento
riguardante una data citt, o una data provincia del regno pu
ricercare i registri del Giustiziere o del Segreto di quella provincia, e COSI via discorrendo per altre materie.
Ma quello che principalmente risulta di una capitale importanza ed utilit si e la integrazione dei documenti acefali o
monchi, di cui si d indicazione nelle medesime note. Assai
spesso per colpa di chi s nella prima che nella seconda volta
curava la rilegatura dei volumi, il principio o la fine di un atto
fu posto in altra parte dello stesso volume, e pi spesso in altro
volume appartenente a sovrano e ad anni diversi. Ora tutti questi
attacchi sono stati diligentemente e, non senza grave e ripetuta
fatica, indicati. Cosi si sono potute integrare parecchie migliaia
;

documenti con grandissimo vantaggio dei nostri studii.


Questo in generale stato il metodo che si e tenuto nel lungo
e penoso lavoro fatto su tutti i 378 volumi, di cui ora si compone la collezione dei registri Angioini. E diciamo 378, sebbene^
come gi sopra accennammo, essa allorch il lavoro fu cominciato fosse ridotta a volumi 377, perch il registro perduto e
stato per noi sostituito da un altro volume, che si segnato col
n. 347 bis. Esso e 1' esemplare in carta di un registro rinvenuto
di

che si addimandano Fascicoli.


Cos l'intera collezione ha raggiunto di nuovo il numero di 378
volumi. Oltre a ci al voi. 368 (1404, Laclislaus)^ mutilo ed anche in carta, e che contiene i fogli dal 191 al 359, abbiamo aggiunto un altro volume, che comprende i fogli dal 124 al 178
ed abbiamo contrasegnato questo con la indicazione di Parte /,
e quello con la indicazione di Parte IL II volume supplito era
anche posto tra i Fascicoli^ e, come il n. 247 bis, era legato alla

fra le scritture della stessa epoca,

LXXX

impressa sul dorso, che avevano


celleria

Lo

ma

senza 1' epigrafe


volumi appartenenti alla Can-

stessa ^uisa dei Kegistri in pelle rossa

(')

('^).

metodo poi

tenuto per

quattro volumi dei


nuovi registri, salvo che in essi, come quelli che sono stati da
noi formati dalle pergamene sciolte e dimenticate nei plutei della
sala diplomatica 1' ordine cronologico con lungo studio quasi
in tutti accertato, anche materialmente si rinviene. E quindi le
pergamene, restaurate con grandissima cura, sono distribuite e
disposte ordinatamente in quattro volumi. In uno, che comprende
stesso

si

sono raccolti gli atti di Carlo I, in un altro, che ne


ha 204, quelli di Carlo II, in un terzo, composto di fogli 138,
quelli di KoLerto, e finalmente quelli di Giovanna I, con pochi
di Carlo Durazzo, Ladislao e Giovanna II oltre alcuni di data
dubbia ed incerta, nel quarto che in tutto contiene 111 fogli.
Nelle note inoltre con 1' aiuto dei repertorii e di altri opportuni
criterii si e indicato il registro, al quale ciascun quaderno o foglio, nei detti volumi raccolto, si appartiene.
Questo e stato il metodo tenuto nella compilazione di questo
inventario, che si comprende nella parte prima dell' opera. Nella
parte seconda poi si sono voluti riunire: 1 gli elenchi che furono
adoperati per confronto, e per rettifica, come l' inventario ufficiale
del 1568, e gli elenchi dei registri fatti dal Borrelli nel secolo
XVII; le notizie degli spogli e dei repertorii, che furono fatti dai
patrii scrittori o dagli archivisti dal secolo XVI al XVIII per
uso di studio, o per comodit dell'ufficio; 2" gl'indici cronologici
e sistematici degli atti contenuti nella collezione per 1' epoca e
per l'argomento, o rubrica dei medesimi, secondo il periodo di
regno di ciascun sovrano della dinastia Angioina.
Conchiudendo ora non mi resta che, dando a ciascuno quel
che gli spetta, dichiarare che tutto il lavoro, durato indefessafogli 80, si

(') Fra i Fascicoli si trovano anche alcuni altri volumi cos legati, che dimostrano essersi
verso la fine del secolo scorso pensato pure alla rilegatura di queste scritture, e che per le
vicende del tempo o ald'a ragione ora a noi ignota il proposito fu abbandonato.
(^j II volume, che da noi stato unito al n. 368 dei Registri, nel primo foglio ha il titolo:

R- Rcgis Ladislai signatum 1404 e pi sotto: Fase. 90- pure da notare che la collocazione
di esso tra
Registri (V. taFascicoli avvenne dopo
tempi del Borrelli, che lo cit tra
vola al n. 3G8) e prima del Sicola clie fece
sunti degli atti in esso contenuti nel Repertorio dei Fascicoli conservato nell'Archivio che ha il titolo seguente: Repertoriuni fasciculoruni existcntiuni in Archicio M. R. C. Siclae Neap. labore et propriis expensis U. J. D.
Sigismundi Sicola ejusdenx R. Archioii Archioarii de novo compositum cum indice familiarum
in principio ac tcrrarum in fine ecc. sub anno domini 1686. Il titolo si legge in principio
dell'indice, che precede il repertorio.
i

LXXXI

niente per pi di 11 anni con l'aiuto di d. Biagio Cantera, ora

diplomatica ('), e dovuto alla rara costanza alla


operosit, ed alla grandissima perizia archivistica del cav. Raffaele Batti. Le lodi, che io dovrei a buon dritto tributare a questo
solerte ed intelligente paleografo sarebbero certamente non adeguate al suo merito, e d' altronde superflue. Il lettore che avr
occasione di svolgere e consultare quest' inventario pei suoi studi,
rilevando l' importanza e la utilit dell' opera e considerando la
fatica e la costanza occorse per compierla, gliene dar senza alcun dubbio meritamente continue e maggiori.
uffiziale della sala

Napoli Luglio 1894.

Bartolommeo Capasso

Questo foglietto era gi licenziato per la stampa, quando il Cantera vinto dal fiero ed
inesorabile malore, che da pi tempo lo minacciava, stato immatui-amente rapito alla famiglia, ai nostri studii
ed alia stima ed affetto di quanti lo conobbero. L'egregio giovane
non ha disgraziatamente potuto vedere la pubblicazione di questa opera nella quale aveva
con grandissimo interesse per circa dieci anni collaborato. Ed era questo uno dei rimpianti
della sua vita che si estingueva e forse non l'ultimo. Ci non pertanto giusto che egli abbia
la parte di lode, che per ci gli spetta, ed il cav. Batti, che con tanta lealt ha voluto che
pi volte in questa prefazione si facesse onorata menzione della cooperazione del Cantera
desidera ora che sulla bara recentemente aperta se ne
nel ponderoso ed utilissimo lavoro
ripeta il ricordo con lode. Ed io ben volentieri lo fo, e raccomando alla gratitudine ed alla
(')

commendazione di tutti gli studiosi


giovine modesto ed operoso.

delle storiche discipline

il

nome

e la

memoria

di

questo

D. Biagio Cantera, Sacerdote, che Dio ha chiamato a s ieri l'altro, 3 luglio 1894, era
appena venticinquenne. Egli pubblicato per le stampe parecchi importanti lavori di storia
Napoletana ed ecclesiastica, nei quali spesso ha fatto uso dei Registri Angioini.
/e

}'l

Elenco de' registri e quaderni esistenti nel 1284,


che si legg-e nel registro n. 48 della Cancelleria angioina.
(N.B.

Si aggiunto all'elenco dei registri

il

n. progressivo, che

per poterlo citare pi agevolmente

De

non

esiste nell'originale

mittendis registris.

Scriptum est eidem (Lodoyco de Montibus) Capitaneo (Regni) etc. Cura registra
omnia tara de tempore nostro quam Karoli primogeniti nostri velimus in Curia nostra
habere, tanquam pr nostris servitiis oportuna, fidelitati tue firmiter et distriate precipimus quatenus, statim receptis presentibus, registra ipsa omnia, lam in Castro Ovi
quam Castro Novo de Neapoli, et in quocumque alio loco de eis esse credis in terra
predicta queri facias, et ipsis ad manus luas receptis ea incontinenti cum animalibus
conducendis per te ad Curiam nostram mittas. Datum Brundusii, die Vili octobris XIII
indictionis (1284)
Reg. Ang. n. 48 (1284 B) f. 187''.

Responsales de registris.
Scriptum est eidem Capitaneo, etc. Noverit devotio tua quod Hugo, clericus, fidelis
nosier, nuncius tuus
ad Curiam nostram accedens
die vicesimo primo mensis novembris lerciedecime indictionis apud Barum assignavit in Camera nostra penes nos
statuia, magistro Ade de Dussiaco, clerico, et Johann! Barbe, cambellano et familiaribus nostris siatuiis super officio grafii llospitii nostri
nomine ipsius Camere recipientibus, que inventa fuerunt per te, iuxia mandatum nostrum tibi proxime directum,
in Archivo Curie nostre, de tempore nostro registra inferius designata, ac etiam libros registrorum infrascriptos de tempore Karoli, primogeniti nostri, principis Salernitani et Honoris Montis Sancti Angeli domini, tunc nostri in loto regno Sicilie vicarii
generalis, in quodam sacco, signo tuo signato, et quosdam alios quaternos registrorum de tempore ipsius principis, quos Albericus de Verberiis, clericus, tibi in Castro
Ovi assignavit, sicut Nostre Celsitudini tuis litteris intimasti. Videlicet:
1. Librum unum intitulatum in coperta exteriori
Qaatemus Secretar ara, Magistrorum Portulanorum factas ah XI die aprllls Vili indictionis in antea, quo nova
or dinatio facta fait in Curia.
2. Item quaternum alium intitulatum in prima pagina et non in coperta exteriori:
Quaternus noci Vicarii Sicilie, ordinatus ab XI aprilis Vili ind.
3. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori
Regislrum in gallico scri,

ptum

in

anno VII

ind.

4. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori


Eeg. Jasticiariorum anni
septime ind.
5. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori
Eeg. Secretorum; et interius in prima pagina: Secretorum Principaius, Terre Laboris et Aprutii, sexte ind.
6. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori
Reg. Extravagantium anni
septime ind.
7. liem librum alium intitulatum in prima pagina interius: Vicario Sicilie; c\i'\us
prima littera data est: apud Lacumpensulem, secundo septembris Vili ind.
8. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori
Reg. Justiciariorum anni
:

Vili

ind.

9. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori


Qaa/ernus ^us^ictartortim,
factus ah XI aprilis Vili ind. in antea, cjuo noca ordinatio facta fait.
10. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori
i?e^. Secreio/*am et Magistrorum Portulanorum ac Procuratorum anni Vili ind.
11. Item librum aliutu intitulatum in coperta exteriori: Reg. Secretorum et Magistrorum Portulanorum anni Vili ind.
12. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori: Reg. Francie et Provincie.
13. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori: Reg. Extravagantium anni
none ind.
:

LXXXIV

14. Itcni librum unum iutitulatuui in coperta exteriori


Reg. Secrelorum et Procuratoruni anni VII ind.
lo. Itein libruin alium iniitulaium in coperta exteriori: Qualemus Justiciariorum
anni VI ind.
IG. Iieni librum alium iniitulatum in coperta exteriori: lite conlinentur Apodixe
et mandata arcJiidiaconi, facta per eum anlequam iret in Franciam.
17. Itcm librum ulium iiitiiulatum in coperta exteriori: lieg. Curie XIII ind'
18. Jtem librum alium intitulatum in coperta exteriori ^eo. /us^tcariorum anni
:

XIII

ind.

XI

U^. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori: Reg. Camere anni
li ind.
~0. Iiem librum alium intitulatum in prima pagina: Reg. inceptum Neapoli mense
j'ulii XIII ind. domino Philippe de Constantinopoli et Archiepiscopo Arelalense exercentibus ojjficium Cupitanie in regno Sicilie citra. Farum.
21. Utin librum alium intitulatum in prima pagina: Justiciario Terre Laboris et
Comitatus Moliaii; cuius prima litiera data est:
januarii XIII ind.
22. Item librum alium intitulatum in prima pagina: Quaternus Apodixarum ; cuius
primogeniti imperatoria Constantinopoli
prima Apodixa est domini Philippi
et predicli archiepiscopi, data XII jutii XIII ind.
23. Item librum alium intitulatum in prima pagina: Justiciariorum et Erariorum
Aprutii: cuius prima littera est sub data: primo aprilis XIII ind24. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori: Reg. Cancellarle. Justitiariorum, tam de curia quam de pricatis, anno Domini
prime indiclio-

XVIII

MCCLXXII

factum sub magistru Symone de

I-'arisius, regni Sicilie Cancellarlo.


Item librum alium intitulatum in coperta exteriori: Extravaganies intra regnum et extra. Item Apodixarius Matrimonia, Judices Notarii regni et Provincie,
Medici, Adcocati, et Mag\stri Jurali; anni II ind.
26. Item librum alium cum tabulis intitulatum
Reg. domini!, de Acciaco, DeXI
anni
ind.
cani Meldensis.
27. Item librum alium intitulatum in prima pagina: Quaternus Justitiariorum de
pricatis; cuius prima littera data est: XIII nocembris II ind.
28. Item librum aliiun intitulatum in prima pagina: Quaternus Exlracaganum
infra regnum ; cuius prima littera data est: XVIII nocembris II ind.
29. Iiem librum alium intitulatum in prima pagina
Reg. magistri Goffridi de
Bellomonte, Bagocensis, regni Sicilie C ancellarii, incipiens anno Domini MCCLXVIII,
XII ind. in fasto Beati Andree Apostoli regni domini Regis anno quarto ; cuius
prima littera e^t Justitiario Terre Laboris, sub data XII decembris XII ind.
30. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori i?e^. Camere, anni prime

nis,

25.

ind.

anno Domini

MCCLXX.

Quaternus Extraoagan31. Iiem librum alium intitulatum in coperta exteriori


iium infra regnum et extra regnum. Judicum, Notariorum regni ei Procincie, necnon
Pricilegiorum, Apodixarum, Medicorum, Matrimoniorum, Vicariorum, et Receptorum in Nospitio domini regis, anno prime ind.
32. Item librum alium intitulatum similiter in coperta
Reg. Secretorum
tam
de curia quam de pricatis, factum Neapoli anno Domini MCCLXXII, die lune XVII
octobris prime ind. quo die dominus Archiepiscopus [sic] Panormiianus recepii sigillum, regium et incepit sigillare, eo quod Cancellarius patiebatur. Item continetur
ibidem aliud registrum factum per eundem archidyaconuin, anno Domini MCCXXXIII,
die martis XIIII martii prime ind. apud Turrim Sancii Erasmo, eunte domino cancellarlo in Apuliam, quo die recepii sigillum et incepit sigillare.
33. Item libruu alium intitulatum in (^).
34
in quo continetur statutum castrorum Apulie.
35. Item
de curia anni II indie.
36. Item librum alium cuius titulus coperte erat inlegibilis, set prima littera.
in obsidione Lucerle XVII II iunii XII indie.
37. Item librum alium intitulatum similiter in coperta
Quaternus Justiciariorum
tam de curia quam de pricatis. Reg. factum tempore capitante domini Karoli, quando
dominus rex stetit Rome, anno
indie.
38. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori
Quaternus Extraoagan:

XV

(') Il documento interrotto perch


la pergamena alla sommit del
macerata dall'acqua; e mancano circa 10 versi di scrittura.

f.

189 mutila e

LXXXV

iium tam de curia quam de pricatis et eliam Apodixarum. Reg- faclum tempore
indie.
camtanie domni Karoli, quando stetit dominus rex Rome, anno
Regiatrum
intitulatum
Secretorum.
Quaternus
factum tem39. Item librum aliurn
Karoli,
quando
dominus
rex
stetit Rome, anno
indie.
domini
capitanie
pore
intitulatum
in
Secretorum
II
similiter
coperta:
ind.
Extraalium
librum
Item
40.
pr
personis.
quam
privatis
Item
secretorum
regnum
infra
Liber
extra
vaqantes tam
Item
Privilegia.
Poriulanorum.
Matrimonia
et
Item
Judices
et
noet Maqistrorum
Magistri
Apodixarius.
JuratiItem
et
Provincie
tarii regni et
41. Item librum alium intiiulatum similiter in coperta Quaternus Justiciariorum

XV

XV

...

de privatis.

/-.

42. Item librum alium intitulatum: Reg. Cancellane. Extravagantes infra regnum^
tam de caria quam de privatis. Item est hic quaternus Apodixarii. Item est hic quaternus Matrimonii. Item est hic quaternus notariorum tam de Provincia quam de regno.

Item de officio Judicacus. hem de officio Adoocationis, Medicis, Cyrurgis et Comitis.


Item quaternus Privilegiorum concessorum et confrmationum. Item quaternus Clericorum, Mililum, Vailetorum et aliorum de Hospitio domini regis. Item Extravagantia
extra regnum.
v,
43. Item librum alium intitulatum similiter in coperta Reg. XIII ind. ; de Extracaqantibus infra regnum et extra, et Secretorum et Justiciariorum.
44. Item librum alium intitulatum: Reg. Cancellarie: Quaternus Justisticiariorum

....

de curia

et

privatis

XV [ind.].

Reg. Justiciariorum de curia.


45. Item librum alium intitulatum interius
intitulatum
in
exterius
coperta
Reg. Cancellarie.
alium
46. Item librum
:

Qua-

ternus Secretorum tam de curia quam de privatis et vice Secretorum. Item Magistris
Procuratoribus et. Portulanis. Item Magistris Massariis. Item Siclariis, Distributoribus noce monete, et Magistris Tarsienaluum.
47. Item librum alium sme titulo in coperta, set in prima pagina intitulatur: Re-

gistrum inceptum Capue

XI

novembris

XIIII

ind.,

dominis duce Burgundie

et

Ar-

chiepiscopo Arelatense exercentibus capitante officium.


48. Iiem librum alium sine titulo similiter m coperta, set in prima pagina intiJusticiario et erario l'erre Laboris et Comilatus Molisii, Capitinate. Quatulatur
ternus omnium Justiciariorum factus tempore quo dominus rexfuit in partibus Tunisii,
:

anno XIIII

ind.
49. Item librum alium intitulatum in coperta: Liber

Extravagantium, primo per


Provinciam;
tertio
Franciam
et
in insulis de Corfo, de
per
secundo
totam Ytaliam,
in
sive
partibus
Orientis.
Romania,
Itera Judices, Notarti
tota
Albania et Achaya et
Jurati.
Magistri
Item
Matrimonia, Apodixe et
tam de regno quam de Provincia, et
Privilegia prime ind.
50. Item librum alium intitulatum similiter in coperta: Secretorum de curia,

Ma-

gistrorum Procuratorum et Magistrorum Syclariorum XIIII yind.].


Justitiariorum de privatis perso51. Item librum alium intitulatum in coperta
:

XIIII

nis,

[ind.].

Item librum alium sine titulo in coperta, set in prima pagina intitulatur: Registrum inceptum Melfe, primo septembris XIIII ind. dominis Philippo de Constanregno Sicilie
tinopoli et Archiepiscopo Arelatensi exercentibus capitanie officium
52.

citra

Farum.

Incipiens a VI augusti
Item librum alium intitulatum similiter in coperta
pr
Extravagantes
privatis
personis, Dohaneriis,
ind.
totam
per
ind. usque
Notariis
Matrlmoniis
et
Magistris
et
de
Massariis regni.
Fundicariis et Portulanis;
Reg.
ind.
factum per Archidyaconuni
54. liem librum alium intitulatum:
Panormitanum, de Extravagantibus tam infra regnum quam extra.
55. Item librum alium intitulatum in coperta: Reg. Secretorum de privatis perind.
sonis, incipiens a VII augusti XIIII usque per totam
Reg. Justiciariorum
56. Item librum alium intitulatum similiter in coperta
anni II ind.
57. Item librum alium sine titulo in coperta, set in prima pagina intitulatur: Justiciario Aprutii, anni XI ind.
58. Item librum alium intitulatum in coperta: Reg. Cancellarie, continens Magistros iuratos, Judices, Advocatos, Fisicos et Notarios publicos, creatos in anno
et V ind. Item Apodixas et litteras de assensu Matrimonii eorumdem annorum. Item
Extravagantes anni V ind. tantum. Factum tam sub capitania domini Roberti comitis
Atrebatensis quam domini Principis Salernitani.
53.

XIIII

XV

XV

XV

UH

LXXXVI

59. Item registrum aliud sine titulo in coperta, set in prima pagina intitulatur :
JReg. factum in Cancellarla excellentissimi domini regis Sicilie, tempore domini Gofind.
fredi de Bellomonte, Cancellarii Bajocensis, sub anno Domini
VII aprilis penes Grecjusdem domini regis anno secundo, quod inceptum fuit

MCCLXVII, X

XX

gorium de Piperno.
GO. Item registrum aliud sine titulo in coperta, cura tabulis, set in secunda pagina
ind. tempore domini Goffridi de
intitulatur. Reg. Camere factum II novembris

Bellomonte.
G, Item librum alium sine

coperta, set in ter lia pagina intitulatur: Reg.


ind. XXIIII octobris, tempore domini Goffridi de Beltitulo in

Cancellarle, factum anno


lomonte.
62. Item librum alium intitulatum

in coperta: Quatemus ubi continentur Maglstrl


Portulanl et Procuratores.
63. Item librum unum intitulatum in prima pagina: In nomine Domini, Incipit
Reg. factum sub magistro Guillelmo de Farumvilla, decano Sancii Felrl Virorum
Aurelianenslum, regni Sicilie vice Cancellarlo, In anno Domini MCQLXXIIII, Inceptum primo septembrls III Ind- Quatemus Justiciarll Aprutll ultra flumen Plskarle,
ubi continentur littere directe eidem iusticiario super factis curie et privatorum. Cuius

coperte titulus inlegibilis erat.


64. Item librum unum intitulatum in prima pagina, quia titulus coperte est inle-

In nomine Domini: incipit Reg. factum sub magistro Guillelmo de Farumvilla, decano Sancii Petrl Virorum Aurellanenslum, regni Sicilie vice Cancellarlo
In anno Domini MCCLXXIIII Inceptum primo septembrls III Ind. Quatemus Extravagantlum Infra regnum ubi continentur littere misse privatis personis infra regnum
gibilis

existentibus pr curia et privatis.


Reg. anni III Ind. in quo conti65. Item librum unum intitulatum in coperta
nentur quaterni singulorum Secretorum tam de curia quam etiam pr privatis. Item
quaterni Magistrorum Procuraiorum et Portulanorum tam de curia quam pr privatis.
Reg. dlolsum per omnes Jusllcla66. Item librum unum intitulatum in coperta
:

rlos regni semotlm,


dato Archidiaconl.
67. Item librum

et

Inceptum

XXVII novembris

III Ind. opud Freclnam, de man-

unum intitulatum in coperta: Reg. Camere anni IIII


ptum apud Lacumpessulem, primo septembrls ejusdem ind

mi
tibi

68. Iiem
ind.

unum

librum

intitulatum

in

coperta;

Ind. ince-

Quaternus Justiciariorum anni

De quorum quaternorum seu regisirorum assignatione ad


mittimus litteras responsales.
Datura Bari, die XXI novembris XIII ind. (1284). Reg. Ang.

tui

n.

caulelam presentes

48

cit. ff. ISS

a 189.

(Responsales de registris) (').


69. Item librum unum cuius coperte titulus est inlegibilis, intitulatum tamen in
prima pagina: Extravagantes Infra regnum, anni IV Ind. facle) per maglstrum
Guillelmum de Farumvtlla, preposltum Sancii Amati Duacensls regni Sicilie elee
mense septembrls quarte Ind.
cancellarlum, anno Domini
70. Iiem librum unum cuius coperte titulus est inlegibilis, intitulatum tamen in
prima pagina Reg. Extravagantlum tam Infra quam extra regnum, factum per venerabllem vlrum maglstrum Guillelmum de Farumvilla preposltum ecclesie Sancii
Amati Duacensls regnorum Jherasalem et Sicilie vice cancellarlum anno Domini
MCCLXXVII, VI Ind. regnante domino rege Karolo, rege Jherusalem anno primo
,

MCCLXXV,

et Sicilie

anno XIII.

XI

auunum intitulatum in
ab
gusti XIIII
ind. Privilegia et Apodlxarlus.
72. Item librum unum sine titulo in coperta: in prima tamen pagina ex uno capite
intitulatur: Littere clause reglstrorum et allque alle aperte Secretorum; et ex alio
capite in prima pagina intitulatum: Privilegia Instrumenta et Apodixe.
73. Item librum unum intitulatum in coperta
Reg. ubi continentur Secreti et
71. Item librum

XV

Magistrl Portulanl
74. Item librum
et

et

Procuratores anni

unum

Extravagantlum IIII
{')

intitulatum

in

Ind. tantum, facta

VI

Ind.

co[)erta

Questo documento manca del principio perch


Il titolo si supplito per analogia.
).

p. Lxxxiii

Reg. Secretorum anni IIII

et

tam sub capitanla domini Roberti Comitls


scritto al rovescio dal

f.

l89, (V. not. 1,

LXXXVII

quam domini Principis, vicariorum regni a Faro citra usque ad


finia terrarum Sancle Romane Ecclesie75. Item librurn unum intitulatum. in coperta ex parte interiori /n ^oc reg.
Atrehatensis

intere misse Tesaurariis

Castri Ooi

et

quibusdam

consunt

Apodixe
curie de pecunia accepta per
curie

aliis officialibus

etiam ipsorum thesaurariorum et aliorum officialium.


eosdem et expensa, in gallico et in latino scripte.
76. Item librum unum intitulatum in coperta: Reg. Extravagantium tam infra quam
extra regnum anni V ind. uhi continentur Privilegia Apodixe, Matrimonia, littere
de contemptu defense, Phisici, Judices, Magistri Jurati, Notarii, Adoocati et recepii
.,

in Hospitio regis.
77. Item librum

ind.

unum

Quatemus Jasticiariorum anni

intitulatum in coperta:

Amen.

78. Item librum unum intitulatum in coperta


Reg. Camere inceptum aput Viind.
trallam, mense septembris
79. Item librum unum intitulatum in prima pagina Extraoagantes infra regnum,
:

anni

XI

ind.
80. Item librum

unum intitulatum in coperta Quatemus Jasticiariorum factus


IIII ind. sub sigillo capitanie domini Roberti Comitis Atrebatensis, regni
Sicilie Capitanei et vicarii generalis.
81. Et quaternos registroruin in gallico et latino
numero triginta octo simul
infra

annum

ligatos

cum quadam

Et registra que fuerunt de tempore Principis


Videlicet.
82. Librum

regnum,

cordella.

unum

per te in uno sacco transmissa.

intitulatum in coperta exterius: Registra Extracagantia infra

Magistrorum Araciarum, Massariarum et Marescallarum, anni XII ind.


Registrum. Item pecias decem et octo quaternorum divisas, ligatas cum quadam
et

83.
cordella, in quibus continentur littere directe diversis iusticiariis regni.
84. Item librum unum intitulatum in coperta exterius
Reg. Camere factum in
anno XII ind. de officio vicarie domini Principis. Secrelorum et Extravagantium.
85. Item quaternum unum intitulatum in coperta exterius: Reg. Justiciariorum
anni XII ind.
86. Item quaternum alium intitulatum similiter in coperta exterius Reg. Secrelorum, Magistrorum Procuratorum et Magistrorum Massariorum anni XII ind.
87. Item quaternum unum intitulatum in coperta exterius: Reg. Extravagantium
anni XII ind.
88. Item quaternum unum intitulatum similiter in coperta exterius: Reg. anni
ind. Justiciariis regni, sub vicariata domini Principis. Magistrorum Ralionalium.
89. Item librum unum intitulatum in coperta exterius: Magistri Portulani et
Procuralores et Magistri Massarii regni, anni
ind. sub vicariata domini Principis.
90. Item quaternum unum similiter iniiiulatum in coperta exterius: i?e^. arant
ind. Extracagantes, sub vicariata domini Principis.
91. Item librum alium intitulatum in coperta exteriori: i?e^. Justiciariorum anni
none ind.
De quorum quaternorum seu registrorum assignatione presentes tibi mittimus nostras litteras responsales.
Datum Bari, die XXI novembris XIII ind. (1284). Reg. Ang. n. 48 cit. f. 189''.
:

XI

XI

X/

PARTE

I.

INVENTARIO CRONOLOGICO - SISTEMATICO

AVVERTENZE PER LE TAVOLE


Ciascun volume della Cancelleria angioina designato col titolo e col
numero, che vi si trovavano apposti nel dorso. Segue la tavola nella quale
possono distinguersi ti'C parti, cio le osservazioni preliminari, il corpo della
tavola, le note.

Nelle osservazioni preliminari

si

la cifra totale dei fogli contenuti nel

espone

lo stato

voi.,

fogli

presente del registro

mancanti o

eccedenza,

in

fogli bianchi, tra


numerazione progressiva che vi apposta,
quali si sono compresi anche quelli con uno o due versi scritti, i fogli con
scrittura guasta, con documenti cassati e incompleti, oppuie con una data cronica non compresa nelle indizioni, che formano la prima colonna del corpo
della tavola, affinch per questi ultimi documenti si abbia subito conoscenza
di essere estranei alle indizioni predette. Inoltre poich nel primo foglio degli
atti, dall'anno 1290 al 1352, leggesi alla sommit del margine interno il dicastero, al quale gli atti appartengono, esso si scritto con la nomenclatura
propria del tempo, eh' o Prothonotartus, o CancelLarius, o Camerarus o

secondo

la

Magistri Rationales.
Il corpo della tavola distinto in quattro sezioni.
Nella prima sezione sono segnate le indizioni e gii anni a' quali si riferiscono gli atti contenuti nel volume. Le indizioni sono disposte cronologicamente, e non disordinate, come realmente si trovano ne' registri.
Nella seconda sezione sono notati
mesi iniziali e finali degli atti appartenenti a' rispettivi titoli di scrittura; ma da avvertire che mesi non sempre
ne' quaderni procedono progressivamente, e non di rado hanno delle interi

l'uzioni pi o
\

meno

Per

Thesaur ari orimi)


o V esito
documenti
ed

conti dei Tesorieri {Ratio

tempo in cui fu fatto V introito


quando hanno una indizione non compresa

mesi indicano

allegati,

notevoli.

il

fra quelle riportate nella

tavola, sono citati nelle ossei'vazioni preliminari, per determinare gli atti estra-

vaganti alla tavola medesima; e quando hanno un' indizione compresa bens
nella tavola, ma diversa da quella segnata nel quaderno di cui fanno parte,
sono indicati nelle note sottoposte alla tavola stessa. In alcuni registri di re

Ladislao

gii atti

sommit

del

trovandosi molto confusi nello indizioni stato necessario


liresentarne in nota 1' ordinamento in uno specchietto per ordine cronologico.
La terza sezione porta l'intitolazione antica degli atti, come scritta alla

primo

foglio del

quaderno;

ma

essa talvolta non esatta, spe-

ciolmeiito

in

rapporto alla qualit degli

atti,

o degli

ofTlciali al quali

sono

di-

Per esempio nel quaderno intitolato Dacia trascritta talvolta un apocUxa rjuietancie (voi. 322 fol. 280''j. Quando V intitolazione ripetuta in altri quaderni con qualche variazione, si ritenuta quella che pi
largamente dinota gli atti; e quando il titolo manca, per inesistenza del primo
foglio del quaderno, si supplito per analogia, secondo la nomenclatura adottata nella liegia cancelleria per gli atti simili. Degli atti senza titolo si d
spiegazione nelle note. Ai titoli lustitiaric Secreti, Extrauagantes si sono
gli

retti

ordini.

l'

subordinate

le

rubriche

quantunque dai

aiTni.

Gli atti di re Robei'to e di Carlo V illustre

suo

messi sul dorso dei volumi appariscano trovarsi


del tutto distinti in separati quaderni, pure spesso si trovano riuniti. Di questa
mescolanza si fatta avvertenza nello tavole, aggiungendo dopo la intitolafiglio,

zione dei quaderni

le

titoli

Ro) e

iniziali

Car ; ma quando in uno stesso quaderno


non potendosi le avvertenze restringere

sono scritti atti di Roberto e di Cai-lo,


nel breve spazio della terza colonna della tavola, se ne fa parola nelle note.
Cane Cam Mag. Rat. indicano
da avvertire ancora che le iniziali Prot
quaderni; ed esse sono di grande utilit
dicasteri ai quali appartengono
per rinvenire gli stessi documenti ripetuti, specialmente quando se ne trovino

mancanti o guasti nei quaderni di quel dicastero in cui si fa la ricerca. Di


moltissimi documenti mutili o con scrittura guasta si sono indicati in nota
duplicati. Le sci-itturc dei conti dei tesoi-iei-i [Ratio Thesauriorum) e delle cei

dole di tassa {Cedale taxationis) trovansi spesso interrotte e confuso, e per

sono citati in parentesi


fogli in cui sono contenute.
puntini, che talvolta s' incontrano in una o in tutte le predette tre seindicano non essere negli atti segnata la indizione, mesi, il titolo della

reintegrarle
I

zioni,

si

scrittura.

La quarta

volume ne' quali sono contenuti gli atti; ed ordinando progressivamente questi numerisi potr riconoscere la disposizione in cui al pi-esente si trova la scrittura. Le note subordinate
ai numeri predetti danno le citazioni dei fogli nei quali cominciano o terminano
documenti interrotti.
N.B. oltre alle osservazioni preliminari ed alle note, che si riferiscono
a ciascuna tavola, sono da tenersi presenti le aggiunzioni e le correzioni riportate dalla p. 407-412 ed in fine deir opera.
sezione porta

numeri

de' fogli del

Voi.
buono

// registro in

1-176: mancano
Sono bianchi i ff.

ff.

17'',

doc

INDIZIONI

168 fogli, segnati con numerazione araba da


46-53, 127, 170: sono duplicati i ff. 113, 173 {'].

19K 20\ 93\ OK

ff.

a' ff. 9*, 14'',

24'',

XII-XIV

giugno-luglio
)

Ai ^p*

r^r

Ill-V

(1274-1277)

ottobre-agosto

26'',

27\

30'\

3P, 38\

39'',

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

(1268-1271)
*
*
Vy W
^

25'\

72'', 154''. {^]

128", 160''.

MESI

(anni)

1268. A.

J.

stato, e contiene

Trovansi documenti cassati

Sono monchi

- CAROLUS

carattere corsivo indica

Apodixe

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

offlcialium

hosptii.

De

dei foga

32-34

equis mortuis et restitutis.


i

'

III-V

gennaio-luglio

De familiaribus

settembre-giugno

lustitiario

35-37

receptis.

(1274-1277)

Terre Laboris

Comi-

4-12

Capitanate.
Secreto Principatus et Terre Labo-

16-17
21-22

et

tatus Molisii.

(1276-1277)

id.

-id.

id.

-id.

lust.

ris et Aprutii.
id.

-id.

Secr. Apulie.

id.

-id.

Apodixariuro.

id.

-luglio

lustitiario Aprutii.

id.

-id.

Littere extravagantes.

dicembre-maggio
id.

-luglio

marzo-maggio
maggio-giugno

23-24
38-43
1-3
26-31

Principatus et Terre Beneventane.

lustitiario

13
14-15
18

lust. Basilicate.

lust. Vallis gratis.

lust. Calabrie.

id.

-id.

Magistri portulani et procuratores.

id.

-agosto

lustitiario Sicilie citra

fumen

sal-

19
25
20

sum.
VI

gennaio-luglio

lust.

Terre Bari.

169-176

(1277-1278)

id.

-agosto

febbraio-marzo

Littere misse in Principatu.


Litt.

misse procuratoribus

et portu-

95-102
130-135

136-143

lanis Apulie.
id.

-id.

Litt.misseSecretisApuIiemagistris

id.

-agosto

Litt. scripte lustitiario Aprutii.

port. et proc.

(^)
(^)

44-62

'

INDIZIONI
(ANNI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(Il

VI

misse

id.

-id.

Litt.

id.

-id.

Rasilicatus

marzo-id.

La num.

Litt.

antica in cifre

petuta. Nel secolo

XVII

il

titoli

dei logli

suppliti per analogia)

Littore missc lust. Terre Laboris et


Comitatus Molisii et Secreto.

febbraio-agosto

(1277-1278)

(')

carattere corsivo indica

Indicazione

romane

si

misse

Capitanate.

103-117
118-129
144-168

(sic).

Apulia.

in

liova spesso disordinata, interrotta, e talvolta

registro constava di

170 (V. MiNMERi: Brevi notisic intorno

lust.

G3-94

ff.

all' Archicio

mancavano

180, o fin d'allora

An;jioino in \uf>oli

p. 17).

ff.

ri-

46-53,

127 esisteva

11 f.

a tempo del Chiarito, che nel Repertorio I f. 63' fa il sunto di un documento, che vi si leggeva.
I IT.
178-180, che mancavano, ora sono collocati nel 1" voi. dei Nuovi Reg. Ang. ff. 44-46.
II Sicola nel Rep. I f. 19, nota il seguente sunto di un doc, che allora e.sisteva al f. 177

ad intercesPapac- Il doc, come si arguisce dall'op. cit.


del Minieri (p. 17), fu omesso dal De Lellis nei suoi Notamenti Mss.
messe al margine dei doc. cassati, notiamo: f. lA^ Vacai quia facta in
(2) Tra le postille,
prout
alia forma
infcrius contincturt 25'' Vacai quia restituta fuit in Camera et laniata
38^ Vacai quia non fuii sigillata.
f. 27" Vacant quia cancellurius noluit sigillare
f.
ordini
sono
ad
olficiali
in
Sicilia.
diretti
anche
Gli
P)
[*) Si scrive anche ad altri officiali di Abruzzo, Principato e Terra di Lavoro.
del registro: Anconitanis cicibus

rcsfituuntur vassella arrestata in porta Baroli

sioneni SS. mi in Christo Patris domini Micolai

Voi. 2

CAROLUS
per

1268. 0.

I.

danni sofferti dalla umidit e dall'acqua. {^]


Si compone di ff. 12S, segnati con num. araba da 1-135: mancano iff. 49, 73. 77-70,
114, 115, 117: doppio il f. 133. ^^
Il registro in cattivo stato

Sono bianchi

La

6\ 15K 19", 2l'', 22'', 24\ 46", 70\ 72\ 74'' 80", 86'' 103''
pi o meno guasta, o mancante nei ff. 6-8, 23, 26, 27, 36-41,

iff.

scrittura e

60, 61, 81. 84-86, 89, 96 98, 102,

Trocansi doc. cassati

ai ff.

8'',

118, 126,

12'',

13,

109'',

119.

44, 48-58,

128.

16, 17", 18",

20\

21", 25,

97'',

87'',

98'',

101", 107".'^]

Sono monchi
105", 106''.

doc.

a' ff.

28",

39'',

116, 120'', 121",

107'',

INDIZIONI

14'',

(Il

XV

122\

127'',

46'',

48''.

59",

69'',

75'',

95",

98^

128.

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

40", 42, 45'',

carattere corsivo indica

luglio

titoli suppliti

Indicazione

per analogia)

(')

dei fogli

130-131

(1256 1257)

Apodi jcariuni.

82-86

(1266 1267)

XI

marzo-luglio

Secreto

agosto

Uiiicersis lastitiariis et secretis.

Sicilie.

18

(1267 1268)

'le)

INDIZIONI
(

Xl-XII

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

anni)

Indicazione
j
r,
dei ioga
*

(Il

febbraio-ottobre

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

Littere de conductu.

-id.

De mutuo

7-10
21
11-12

(1267-1269)
id.

contrahendo.

20

.0^

25^^
-id.

id.

marzo-settembre
id.
-dicembre
XII

Pri vilegia instrumenta et littere uni-

13-15

versales cum extravagantibus.


Secreto Apulie.
Vicario Sicilie.

16-17

Apodixarium.

(1268-1269)

XII-XIII

luglio-novembre

22
59

.,,

80-81

^ >

4-5

Exitus,

(1268-1270)

XIII
(1269-1270)

ottobre-novembre Concessiones
rum.

89-90

et capitulalustitiario-

Apodixarium.

XIV

ottobre- aprile

lustitiariis

secretis

36-39
75
et

aliis

51-58
60-61
99-102
110-113

citra

i.

(1270-1271)

XV

forum

(**)

novembrc-dicem.

lustitiario Terre Bari.

dicembre-febbr.

Extravagantes infra regnum.

105

(1271-1272)

26-27
87-88

104

maggio-giugno

lustitiario Vallis gratis. Proprivatis.


lust. Principatus.

43-44
106-107

marzo

lustitiariis Secretis et aliis citra fa-

48-50

febbraio

rum.

(1272-1273)

aprile-agosto

70-74

Phisici,cirurgici, notarli provincie,

Gomiti et protliontini.

Apodixarium.
II

aprile-agosto

Matrimonia.

novembre-genn.

Littere

gennaio-giugno

lustitiariis citra /farum.

ottobre-novembre

lust. Pr ine. et

gennaio-marzo

Apodixarius.

febbraio-marzo

Extravagantes infra regnum.

123-127
23-24

(1273-1274)

III

ad lustitiarium Capitanate.

97-98

(1274-1275)

IV
(1275-1276)

V
(1276-1277)

et

Terre Ben. Terre Lab.

28-35
62-69
133-135
95-96

Aprutii.

47
76


INDIZIONI
(ANM)

VI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
(Il

carattere corsi\o indica

titoli

Indicazione
dei

suppliti per analogia)

settembre

lusiitiariis Apratiet TerreLaboris.

id.

Maf/i stris procuratoribus Apulie.

Apodixarium.

3
2
120

Extrcwafjatites infra regnum.

129

(1277-1278,

Vili

inai'zo-aprile

foirli

(1270-1280)

IX

Ratio

Exitus.

40-41

f^)

(1280-1281)

settembre-giugno

132

lustitiario

(1281-1282)

Ratio

Exitus.

91-94

('")

118

XI

42

Ratio. (")

(1282-1283)

45-46

lustitiario Terre Bari.

103

Siclarii Brundusii.

n
V

116

Apodixarium.

128

Apodixarium

121-122

(1291-1292)

XII

(1298-1299)

Ratio

Exitus.

108-109

(1321-1322)

(1)

Il

voi. un'

paginato,

accozzaglia di

nel sec.

XVI, o

atti di

varia natura appartenenti ad anni diversi, cosi com-

ne' primi anni del

XVll.

Cf- Tutini: Seggi di

Napoli

(1644) p. 172.

Ebbe qualche interpolazione nell' ultima legatura della fine del passato secolo, imperocch
non si trovano transuntati nei Rcpertorii del Sicola e del Chiarito.
XVII il registro con() La num. romana si trova in pochi fogli interrotta. Nel secolo
stava di ff. 145, e vi mancavano fin d'allora
IT. 49, 73, 77, 79, 117 (Minieri: Op. eie. p. 17).

fogli 130-131

Alla fine del passato secolo terminava col

f.

143. (V.

Chiarito: Repert.

I.

f.

109).

ff.

136, 137

esistevano ancora nel 1834. (V. Giordano: Memorie storiche di Fratta Maggiore p. 287-294.)
I doc. che leggevansi nei ff.
114, 115 e 136-145, gi transuntati da De Lellis, sono pubblicati
dal Minieri (Op. cit- p. 18.)

Tra le postille non sempre messe


Nihil factum fuit f 87** Scripta in alio
(')

inferius in alia

forma

f.

107^

margine

documenti cassati notiamo: fol. 13'*.


loco quia fuit mutata f. 97'' Vacant quia scripta
al

de'

F racla fuit.

{*) In questi
due ff. sono trascritti gli istrumenti della convenzione passata tra Carlo
Conte di Provenza e Guigone Delfino di Vienna ai 17 e 18 luglio 1257. Essi furono gi pubblicati
da Del Giudice, Cod. Dipi. t. I. Ajp. p. LXI. In ultimo leggesi un privilegio di consigliere
e familiare conceduto a Matteo Vescovo di Riez (Regium) in Francia senza alcuna data
che il Minieri {Alcuni fatti di Carlo I p. 4) attribuisce alle stesso anno. Ma poich Matteo
de Puppio) fu vescovo di quella sede dal novembre del 1273 al giugno 1288 Gams: Serica
,

diploma ha la sola intitolazione: Karolus etc. come nei doc. del


regno in quel tempo, bisogna credere che la nomina del vescovo di Riez dovette esser notata
in qualche registro di Carlo I, ove pure, per ragione a noi ignota, si trascrissero, sia dagli
originali, sia da altro fonte gli istrumenti del 1257. G' indicati ff. poi o caduti da altro volume,
furono nella fine del secolo scorso, quando i registri si
superstiti di un volume perduto
rilegarono, inseriti malamente in questo, segnato 1268. O.
epp. eccl. un'io, p. 610), ed

il

(:)

11

f.

VJ^ continua al

f.

6=^.

()

11

f.

25''

continua al

f.

20^

(')

Il

f.

legato a rovescio, e l'atto comincia al

documento

al

Oltre

(^)

81 del

f.

mese

di

f.

59^ e seguita incompleto al

f.

59''.

Giustizieri e Secreti, gli ordini sono diretti a diversi altri ufficiali, cio

a'

Il

maggio.

magi-

stris massariis, proolsoribus castrorum, cabellotis, siclariis, side Brundusii, magistris fore-

starum, dohaneris

et

fundicariis, e qualche altro.

p) Atti in lingua francese.


(")

ai

ff.

Al principio del f. 91 si legge: Pecunia assignata pr siala auri in Neapoli. Inoltre


un diploma di marzo Villi ind. (1281) ed al f. 118 trascritto lo slesso diploma

91 e 92

in lingua francese.

Nel conto presentato sono inseriti due diplomi, uno di agosto VI ind. monco del prinmarzo anche della stessa indizione.
i^") Il doc. contiene un elenco di beni rustici, e manca del principio e della fine, in guisa
che non si pu determinare l'anno, il mese e la rubrica cui apparteneva.
(")

cipio, e l'altro di

Voi. 3
Il registro parte in

CAROLUS

mediocre

1269. A.

I.

parte in cattivo stato, perch consumato o macchiato

da 1-150:

dalle acque. Consta di ff. 149 segnali con num. araba


di altri otto ff.: mancano i ff. 17, 82-89. [^)

Sono bianchi

La

scrittura

18\ 135''.
pi o meno guasta o mancante nel
ff.

infine

un quaderno

16'',

10, 50, 51, 53-61, 103-112, 115,

ff.

122-126, 130, 150.

Trovansi doc cassati


65'',

72'',

81",

Sono monchi

doc

INDIZIONI
(anni

91'',

ai ff.

7^

9",

32,"

93, 97", 107", 122, 123'', 124",


ai ff.

13\

20",

35'',

40'',

41",

58^

39'',

129",

50'',

4P, 43\

134'',

142'',

61", 62", 137,

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(Il

Vili

13\ 24\ 3l\

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

44", 57, 64",

144". f)
138''.

Indicazione
dei fogli

luglio-agosto

Littere de condudii.

p-ennaio-febbraio

Extravarjantes. C)

marzo-agosto

Privilegia.

settembre-febbr

Secreti Principatus, Terre Laboris


et Aprulii.

113-116...

Magistris massariis et mag. aratia-

117-120

(3)

(1264-1265)

XII

l-8dopol50

(1268-1269)

XIII-I

1-8

(1269-1273)

(1272 1273)

id.

-id.

rum.

121-126^^

INDIZIONI
i

IndicazioiiL1

(Il

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

ANNI;

caraltero corsivo indica

titoli

settembre-agosto

Extravagantes infra rcgnum.

ottobre-luglio

Apodixarius. ()
Vicario et Camerario Urbis.
lustitiario Terre Laboris et Comita-

-agosto

id.

'

28-49
51-00 66-102
127-134
130-149
135-136
20-27

(1272-1273)

novembrc-dicem.

/*

dei togli

suppliti per analogia)

tus Molisii.

a rile-maggio

lustitiario Sicilie ulti-a

-id.

id.

150
18
19

Cera.
Notarli regni creati per regem.

-febbr.

id.

llumen

sal-

sum.
id.

-giugno

lustitiario Aprutii.

id.

-luglio

Extravagantes extra regnum.

La num. romana

op. cit-

p. 24).

esiste in pochi

sunti dei

dell'opera suddetta.

fi".

ff.

50
61-65
103-112
137-138
15-16

Matrimonia.

maggio-agosto
(')

10-12
13-14

ff.

82-89,

interrotta. Nel sec.

fatti

gi dal

De

46, 136-138, che si dicono

Lellis,

XVII mancava
sono

il f.

17 (Minieri:

stati j^ubblicati

mancare, riportandosene

in

p. 14-28

sunto

doc.

esistono ora nel registro.

nell'opera medesima,

Non sempre trovansi le postille al margine de" doc. cassati; e tra le altre notiamo:
39'* Deregistrata quia non redempta. f. 81"
Deregistrata quia fracta reddita.
f.
Cassate quia lacerate et in alia forma rcscripte fuerunt. i. 91** Cassate quia rescripte sani
in extracagantibus extra regnum.
f. 97^* Deregistrata quia iterum refecta et correpta.
(^)

f.

31'^

f.

144^

Cassata quia alibi scripta.


primo doc. la nomina de' fratelli Brancaleone a Vicari! e Capitani in Abruzzo,
altri, eccetto una promessa di pagamento, sono lettere di salvocondotto.
l'8 in fine del volume appartengono al voi. seguente, qui malamente posti nella
(<) I ff.
(3)

gli

Il

fine del secolo scorso:


(')

Il

f.

mancano

lU^ continua

sunti di questi

ff.

nel Repertorio del Chiarito.

121''.

Al f.l43 si legge: Die martis XI III mar tii prime Indictionis apud turrim Sancii herasmi
dominus Archidiaconus Panormitanus recepit sigillum regium et eodem die incepit sigillare
eunte Cancellar io in Apuliam.
(6)

[')

Sono

acquisti di cera per conto della

Voi. 4
Il registro parte in

Camera

CAROLUS

mediocre

regia-

I.

1269. B.

parte in cattivo stato per

danni delle acque. Si

compone

di ff. 211, segnati con num. araba, da 9-227: sono duplicati i ff. 49, 88,
115, 124: mancano iff. 54, 62, 77, 83, 98. 99, 133, 142, 173, 176, 221, 226; al f. 12

annessa una striscia di pergamena contenente V aggiunta fatta al terzo documento,

trascritto nel f.

Sono bianchi

ff.

medesimo ('j
15\ 43", 70^

73'\

74",

97\ 158^

159^, 163^,

W,

197\ 199\

201'', 203''

La

scrittura pi o

meno guasta

mancante nei

ff. 9,

16,

23-33 35, 40-44,

51, ^55,

104-141, 167, 180-182, 194, 196, 202, 203, 218-227.

Trovansi doc. cassati ai

ff.

10^, 13'', 14", 15", 16",

18'',

52", 60,

62'',

64'',

67, 68,


69'',

72K

81",

100\ 101", 103",

113",

158", 165'', 174'\ 175", 179", 208'',

Sono monchi
217'',

doc

nei ff.

34'', 55'',

63\

115'',

217'",

122\ 132",

117'',

218.

134'',

135", 140'',

(2)

102'', 167'', 184'\

189", 193, 201", 209'', 210'',

223".

INDIZIONI
(anni)

XI

(Il

marzo-maggio

(1267-1268)

XI-XII

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

caraUore corsivo indica i

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

Nomina militum quos rex

militari

dei fogli

177"

cingulo insignivit.
aprile-ottobre

Littere de matrimoniis.

175

giugno-ottobre

Apodixarius.

174

settembre-agosto

Extravagantes. f)

(1267-1269)

XII

9 0)

(1268-1269)

-id.

id.

ottobre-marzo

Collectoribus decime in Francia,


lustitiario

(^)

172
37
39

Terre Ydronti.

Terre Bari.

id.

-giugno

Just,

id.

-id.

lust.honorisMontisS. Angeli

17-19

(^)

et

Ca-

pitanate.
id.

-id.

20-21
23-33
43-49
56-57
80-95
167
169-171
201-203
96-97

Secretis Terre Laboris, Principatus


et Aprutii.

34-35
38

102
168
179-181

184
189-190
192
200
id.

-id.

lustitiario Aprutii.

id.

-agosto

Apodixarius.

novembre-febbr.

dicembre

lustitiario Vallis gratis.


lustitiariis
secretis et aliis citra
,

farum.

C)

40
185
204-206
216

dicembre-giugno

Privilegia.

gennaio-marzo
id.

-aprile

lustitiario Capitanate.
lustitiario

id.

-maggio

lust. Basilicate,

febbraio-maggio

60-61
68-70
218-219

lustitiario Terre Laboris et Comitatus Molisii.

10-15

103
193
63-64
36
65-67
58-59
100-101

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

ili

(1208-1200)

titoli

suppliti per analogia)

id.

-agosto

Terre Bari.
Vicario Regni Sicilie.
lustitiario Principatus et Terre Beneventane.
Secreto Apulie.
Secreto
Magistro massario Basilicate et

id.

-id.

Secreto Sicilie et vicesecreto.

id.

-id.

Secretis Calabrie.

marzo-aprile

XII

carattere corsivo indica

Indicazione

lust.

-maggio

i(l.

aprile-giugno

maggio-giugno
giugno

Terre Bari.

luglio

Apodixarius.

XII-XIII

giugno-settembre

(1208-1270)

id.

-id.

id.

-id.

Extravagantes. (^**)
Secreto Ai)ulie et vicesccreto.
Secr, Principatus, Terre Laboris

dei logli

198
199
51-53
182-183
222
16 hs
^'^
220
178
217
159-166
41-42
104-141
143-150

et

151-1.58

Aprutii et vicesecretis.

Extravagantes.

settembre-die.

XIII

73
79''

(1209-1270)

ottobre-novembre Pro

novembre

XIV

Secretis Principatus ,
ris, et Aprutii. ('')

Terre Labc^-

Terre Laboris et Erario


Comitatus Molisii. De Curia.

giugno

lustitiario

dicembre-giugno

lustitiario

cum

(1270-1271)

giugno-luglio

XV

71-72

iustitiariis.

lust.

Terre Ydronti et Erario


eo morante.

Terre Bari

et Erario.

74''-79'

211-212
50

207-209
213-215
186-188

dicembre-gennaio Extravagantes.

191

(1271-1272)

II

gennaio-febbraio

Quaternus extravagantium extra


regnum.

maggio-agosto

Secreto

giugno

lustitiario Terre Laboris.

aprile-maggio

Extravagantes.

210

194-197

Sicilie.

(1273-1274)

Ili

55

(1274- 1275)

Xll

223-224

(1283-1284)

(1)

La num. romana

(MmiERi: Op.

cit.

p. 28).

gonsi a pag. 231 e 232

si

trova in molti

dell'

ff.

I fi".

54, 77, 142,

sunti dei pochi atti scritti nei

op.

0'.

mancavano

133 e 220

fin dal

ora mancanti

(')

Le
f.

Al

postille

13*

f.

leg-

cit.

non sempre sono messe al margine dei documenti cassati:


Mutatuni est et rescriptum. f 14^ Rescriptum est alibi- f.
rescripta.i. GS'' Dupplicata fuit per errorcni.
giamo:

XVII

secolo

171 la rubrica: Liitere in extravagantibus.

tra le altre leg04''

Deleta

est et

{*)

precedenti

ff.

volume

fine del

ili

(^)

Fra

come gi notammo

1-8,

(pag. 6 nota 4),

si

trovano per errore legati

3.

gli ordini scritti collectoribus

decime

in recjno

Francie sono pochi

atti

spediti

ad

regno.

ulliciali nel

Al f. 19 leggesi in uno spazio lasciato bianco, e dopo un segno a penna dinotante un


animale: Anno LXVIII in festo beati Anclroe apostoli dorninus Ioannes reddidit sigilluin domino G. Cancellario qui illiid tenuit usijae ad sccundum dieni ianuarii proxime sequutum in
quo die idem dorninus Johannes ab eodcm Cancellario illud reaccepit apud Fagiani
diminuta per collationcm
C) Vi sono inserite tre cedole de focularibus que inoeniuntur
de focularibus i^ec le
quaternos
ad
subventionis
particularibus
generalis
quaternis
factam de
(6)

terre delle provincie di Terra di

Lavoro e Contado

Molise (f.
206'' si trova
di

Valle Grati e Terra


Statutum castrvrum Prin-

185), di

lo
Giordana (f. 204) e di Terra di Bari (f. 205). Al f.
uratiarum
Curie citra farura.
Statutum
cipatus, Terre Laboris et Aprutii, ed al f. 216 lo
Il f. 206'' continua al f. 216'\ come e accertato pure dalla numerazione romana.
(**)

()

Il

('0)

f.

continua

16''

Al

f.

107 e seg.

Al

f.

74''

al
si

220".

f.

scrive al Procuratore o Magistro morttciorum et excadentiarum

Curie.
(')

sono

le

Costitutiones sercientium in singulis castris regni.

5~CAR0LUS

Voi.

1269. C.

I.

mediocre stato, ed in pi della met danneggiato dalle acque nella


parte superiore. Si compone di ff. 243 segnati con i num. romani II-CCXLVJI:
mancano i ff. XXIIJI, C'/, CXIIII, CC: dopo il f.
segue un f. senza

// registro in

CLXXY

numero.
lY.B. Nella colonna della indicazione dei
cifra araba in vece della romana. (')

Sono bianchi
172'',

La

ff.

175'' e
f.

23\ Sl\ 58K


dopo,

scrittura pi o

179'',

64'',

181'',

meno guasta

ff.

83\

193'',

153\ 155",
monco il doc al

INDIZIONI

108'',
199'',

134'',

138'',

167'',

171'',

201", 202'', 203'' 204'', 205''.

nei ff. 2-17, 21-37, 101-150, 246,247.


90", 118", 121", 125'\, 126'\ 136'', 138"-,

208", 226, 227'\ 230'', 238''.

{^)

f. 162".

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

settembre-marzo
id.

112'',

segnata la

mancante

MESI

(anni)

XIII

99'',

ai ff. 28'', 35"", SS^


161'', 165'', 180'', 184'', 187", 207'',

140'\

(1269-1270)

la strettezza dello spazio

198'',

Trovansi doc. cassati

per

-id.

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

Sententie.
Privilegia.

Terre Bari

dicembre-aprile

lustitiario

gennaio-marzo

lust. et erario

et eius erario.

Principatus et Terre

Indicazione
dei fogli

168-171
176-181
59-84
33-40

Beneventane.
id.

-id.

Just, et erario Aprutii.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust. Basilicate,

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust. Calabrie.

Capitanate
Angeli.
S.

et

honoris Montis

Terre Ydronti.
Vallisgrate et Terre Jordane.

41-48
49-58
o 5-90
91-99

100-108
109-112

in

INDIZIONI
'ANM

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(lirarnttero corsivo indica

titoli

suppliti per analogia]

Secreto Terre Laboris Principatus

geiinaio-mar/0

XIII

Indicazione

id.

-id.

et Aprutii.
Secr. Apulie.
Secr. Calabrie.
Secr. Sicilie.

id.

-id.

Littei-e

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

Apodixarium.
Pro notariis.
Vicario et Camerario alme urbis

id.

-id.

Senescallo Provincie Vicario in


Thuscia et procuratoribus in
Francia et quibuslibet aliis extra
rep:num.
Magistro massario Basilicate.

id.

-id.

Mag. mass. Capitinate.

id.

-id.

id.

-id.

Littere extravagantes.

id.

-aprile

lustitiario Terre
tus Molisii.

(12f)f>-1270)

id.

-id.

id.

-id.

115-134

135-154
155-1G2
1G3-1G7
172

de sccuritate.

Inquisitoribus Curie in Terra La-

dei fogli

173-175^'^

182
183-190

192-193
194-198
201

boris.

Laboris etComita-

flumen

febbraio

lust, Sicilie citra et ultra

id.

salsum.
Magistro massario Calabrie

id.
id.

-marzo

iNIagistro

id.

-id.

Inquisitoribus in Capitinata.
Inquis. Aprutii.

marzo

113
199
204
205

Inquisitoribus in Calabria.
Inquis. in Basilicata.

id.

206-247
2-32

massario Terre Ydronti.

191

202
203

ff. tengono pure la num. araba da 2-71, mancando il num. 39, ed


ff. corrispondenti
I
rom. C e CHI sono stati erroneamente cifrati 104 e lOfi. I ff. 24, 101, 114, 200, segnati
con num. romani, mancavano fin dal sec. XVII (Minieri, op. cit. p. 32). I sunti dei doc. del f. 1
leggonsi a p. 32 e 33 dell' op. cit. II Sicola li annot sommariamente [Rep. I f. 53-56).
(')

a' n.

(')

Non

leggono

si

le postille al

Voi. 6

margine dei doc.

CAROLUS

registro in mediocre stato. Si

//

1-270:

mancano

duplicati

.Sono bianchi
229''.

77, 81,

ff.

47, 258.

ff.
l

ff.

12'',

compone

cassati.

I.

di ff.

1269. D.
258 segnati con num. araba da

141, 142, 148, 149, 151-154, 170, 181, 228, 233: sono

()

23'',

31'',

62'',

158'',

lOl'',

168",

169'',

186'', 200'', 204'',

207'',

232'', 234'', 270''.

La

scrittura pi o meno guasta o mancante al ff. 1, 9-11, 59-61, 65-67, 255, 266
Trovansl doc. cassati ai ff. 7'', 8", 17", 21'', 43", 44'', 58", 72, 73\ 78", 82'', 85,
87, 118", 122", 128^ 139'', 165'', 171'', 178", 182'', 183, 188", 2J5'', 218", 256'',

258", 260", 263".

Sono monchi

doc. al ff.

24'',

42'',

50",

54'',

67", 78", lOf, 270".


INDIZIONI

XII-XIII

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

dicembre-marzo

11

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

1-8

Privilegia et concessiones.

15-23

(1268-1270)

XIII
(1269-1270)

settembre
id.

Secreto Apulie

Apodixarium.
Magistro massarioCapitinate.
Mag. mass. Basilicate.
Mag. mass. Terre Ydronti.
Secreto Calabrie.

id.

-die.
-id.

id.

-id.

id.

-genn.

259-261
155
205
206-207

et vicesecreto.

-ottobre

id.

Secr. Sicilie et vice secreto.


liistitiario Calabrie.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.
De matrimonio contrahendo.
-maggio Secretis Principatus Terre Laboris

id.

id.

-giugno

lustitiario et erario Vallis Gratis et

id.

-agosto

Terre lordane.
Extravagantes.

(*)

-id.

marzo
id.

id.

lustitiariis Secretis et aliis


fra quarti extra regnum.

-luglio

aprile-luglio

Apodixarius.

lust.

Camerario^urbis.

-agosto

Magistris massariis.

-id.

lustitiario Sicilie ultra

et

flmnen

sal-

Andegavensi et Guillclmo
Decano saiicti Martini Andega-

Ballivo

185-186
226
268
150
234

(^)

Senescallo Provincie et
cialibus in Provincia.

aliis offi-

Clerici militcs armigeri familiares


et consiliarii domini regis Sicilie.

25-30
32-42
101
184

255
266

et citra.

vensis.

scttembre-nov.

270
193-200
209-216

Curia.

id.

sum

XIV

De

Vicario

-agosto

9-14

Terre Laboris et Comitatus

-id.

ma^5gio-giugno

229

id.

id.

in-

lustitiario et erario Aprutii.

Molisi.

id.

tam

224
262-265
182-183

(c)

De mutuo contrahendo.
-giugno

256-258
217-219
223
31 ^-^
50-58
67-100
102-147
171-174
176-177

id.

208
253-254
267
201-204
220-222
269
175
235-252(^)

et Aprutii.

(1270-1271)

dei fogli

178-180

225
150-158

19
X/v ^^

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

ili

XIV

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione
dei logli

suppliti per analogia)

Quaternus omnium lustitiariorum


l'actus tempore quodomiiiusRcx

sGltcmbre-nov.

(1270-1271)

159-164

partibusTimisiiannoXIIII

fuit in

indictionis- lustitiario Terre La-

Comitatus Molisii. (^")


Quaternus omnium secretorum l'actus etc. ut supra
De Curia
Secreto Terre Laboris, Sicilie,
Apulie et Calabrie.
lustitiario Vallis gratis et Terre lordane.
bori.s et

-id.

id.

novembre-giugno

XIII

<^

(1284-1285)

dicembre

Just,

id.

Secreto

XIII

luglio-agosto

227
230-233
59-GC

Terre Taboris et Comi{Cameraet Mcujlstri

lustitiariis

(1314-1315)

43-49

tatus Molisii
Rationales).

La num. romana

(')

187-192

Terre Ydronti.
et magistro procuratori Basilicate et Terre Bari.
Extravagantes infra regnum.

-genn.

id.

1G5-169

trova

si

in

quasi tutti

mancavano

148, 149, 170, 181, 228, 233

dal

fin

ff.

disordinata ed interrotta.

sec XVII

(V.

Minieri, op.

ff.

cit. p. 33).

77, 141, 142,


I

ff.

151-154

non esistevano a' tempi del Chiarito [Rcp. P f. 345''), ed i sunti dei documenti ivi contenuti
si trovano molto diffusi nel Repertorio I del Sicola ff. 57-143. I sunti del f. 81 sono notati al
f. 88 del Rcp. suddetto ed a p. 33 e 34 della cit. op. del Minieri.
le postille non sempre messe al margine dei doc cassati notiamo le seguenti:
(^) Tra
f. 73" Annullata f. ISS'"* Vacat quia ref. 43** Cassata quia, hic scripta est per errorem

scripte fuerunt in

11

(*)

Il

continua

al

lacerate et scriptum fuit pr

eodem magistris

f.

223 legato a rovescio, e perci gli atti cominciano al


si

legge

f.

De

f.

223''.

f.

31'\

il

f.

54'' al

f.

176" ed

il

f.

265'' al

doc. scritto a rovescio e raschiato.


182 in testa della scrittura segnata la lettera L, e gli atti
(") Al f.
il

nome comincia con la lettera


comunque questa non

cui

la iniziale

Al

f.

14 inserita la

(*)

Al

f.

234

(^)

Questo

P)

si

aggiunge

titolo

Alla sommit della

curia.

continua al

24''

f.

Srjclariis Brundusii.

235^

249''

pergamena
(5)

et

f.

il

(3)

Camera

nomina

De

suddetta. Nel

f.

seguente

gli atti

Al

67"'

un

f.

177".

si

riferiscono a persone

f.

riguardano persone con

sommit della pergamena.


Giustiziere della Terra di Bari.

sia scritta sulla

del

curia.

scritto ancora nel

f.

155 con l'aggiunta: factus

cum dominus Rex

fuit

in partibus Tunisii.

Ne' ff. seguenti leggonsi anche titoli: lustitiario Sicilie citra et ultra Jlumen salsum
Calabrie Just. Terre Ydronti lust. Terre BariIust. Basilicate lust. Capitanata.

('")

lust.

Voi.

7-LIBER DONATIONUM CAROLI

I.

1269

Questo registro, di un formato alquanto pi piccolo degli altri, in buono stato. Comprende ff. 85 segnati con num. araba da 4-107: mancano i ff. 9-11, 13-15, 17-25,
28-31; il f. 7 si trova dopo il f. 4: il f. 8 dopo 41: sono per met i ff. 44, 65, 83,
84, 95.

(ij

Sono bianchi

ff.

S7\ 44\

6'',

Si trovano molte note

iS

66", 83'', 84'\

65'',

lOOK

05'>,

mesi ed indizioni:/. 34"' marzo,/. 103^^ maggio I ind.


[1273 /. 34"' nov. e die./ 101'' marzo,/. 36" maggio,//. 5'' e 35'' giugno II ind.
[1274 /. 35" sett./f 87'', 10/' aprile III ind. [1275)/. 27" ott. IV ind. [1275
/. 101'' giugno, /. 100" luglio V ind. [1277]/. 102" marzo e maggio/. 34" aprile
de' seguenti

VI ind. [1278-/.
VIII

ind.

Sono monchi

102"

selt.

/. 87'' agosto

ind. [1278-1279]

/.

102' /ehhraio

ind. [1281].

doc. ai ff. 32", 64".

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

XII-XIIl

IX

[1280]/. 102" luglio

VII

dicembre-genn.

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

dei fogli

85-92

In lustitiariatu Aprutii.

(1268-1270)

XII-XV

-marzo

id.

In lust. Principatus et

(1268-1272)

XII-I

Terre Bene-

93-107

ventane.
Inlust. Terre Laboris
Molisii.

-id.

id.

(1268- 1273)

et

Comitatus

4-84

(') La num. romana non si trova nei ff. Al f. 2, che ora manca, leggevasi il seguente titolo
riportato dal Sicola nel Rcp. I f. 37: Quaternus de Principatibus Comitihus, Honoribus Baronils /eudis et Burgensaticis concesss de nooo per Illustrem Regem Caroluni. Rcgem Sicilie

ab anno Domini 1269 in antea post victoriarn habitain de Coradino et sequacibus eius assisis
Marra de Barolo, Magistrum Rationalcni eiusdem Domini
Regis, in valore quo valuerunt Terre concesse. I sunti dei doc. nei ff. mancanti trovansi nel
seu assectatis per loczolinum de

MiNiERi Op. cit. p. 106-112, e pi brevemente nel suddetto Rep. del Sicola p. 37-48. All'estremit inferiore della pergamena nel retto si trova di tratto in tratto un numero romano, che
indica la progressione dei quaderni, ed un altro quella dei fogli del quaderno stesso; in fine dei

quaderni un richiamo pel

seguente. Ai

6P, 64'', 74, 85''-92'', 103^ 104, 107 le


esame di questo registro stato fatto dal
eh. signor Durrieu nel voi. P degli tudes sur les Registres du roi Charles I (p. 144 e segu.)
ed in un opuscolo speciale: tudes pur la dynastie Angemne de Naples. I. Le Liber donaf.

note sono in francese.

Un

tionum Caroli Primi.

Roma

5'\ 6",

ff.

dotto ed assai accurato

1886 in

Voi. 8

8".

- CAROLUS.

1270. B.

salvo alcuni ff. dopo la met ed infine, in buono siato.


segnati con num. araba da 1-181: duplicato il / 183. (^)

Il registro,

Sono bianchi

La

ff.

19'',

scrittura pi o

49'',

77",

128'',

124'',

meno guasta o mancante

Trovansi doc. cassati ai

Sono monchi

62'',

ff.

doc. ai ff.

18'',

43'',

32',

83'',

64".

140'',

151.

nei ff.

(2)

173'',

Comprende ff. 182

175'',

125-150, 181.

f*

14
INDIZIONI
,

A N

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
II

sGttembi'C-mai'zo

VJII

carattoro corsivo itdica

titoli

indicazione

suppliti per analogia)

dei logli

1-3

Sccrotis Principatus et Terre Labo-

(1270-1280)

ris et Ai)rutii.

32-35

Magistris procuratoribus et portu-

-id.

id.

lanis Calabrie.
id.

-aprile
-luglio

id.

-'agosto

Secreto Apulie.
Magistri procuratores et portulani
Apulie et Ajrutii.
Secreto Calabrie.

id.

-id.

Magistris procuratoribus et portu-

id.

lanis Sicilie.

{^)

Secretis Sicilie.

id.

Magistris procuratoribus et portulanis Principatus et Terre La-

marzo-maggio

boris.
lustitiario, Basilicate.

id.

-agosto

lust. Capiitinate,

id.

-id.

Just.

Terre Bari,
Quaternus lustitiariatus Aprutii no-

aprile-agosto

viter ordinatus aXIaprilis,


Turrim S. Herasmi,
id.

IX

-id.

id.

-id.

id.

-id.

settembre-magg.

(1280-1281)

20-31
139-146
8
125-128
36-43
147-150
9-11

ottobre-agosto
id.

4-7

129-132
12-19
133-138
99-104
89-98
105-118
50-62

apud

lustitiario

Terre Laboris.
Principatus.
lust.
lust. Terre Ydronti.

63-77
78-88
119-124

174-175
152-159
160-173

id.

-agosto

id.

-id.

Magistris portulanis Calabrie.


Mag. port. Principatus.
Mandata regia directa procuratori-

id.

-id.

Mag, portulanis

bus Apulie

et Aprutii.

et procuratoribus

176-181

Sicilie.

XII

api'ile-giugno

(1283-1284)

(')

l.a

(2)

Le

maggio-giugno

num. romana si trova in poclii


postille messe al margine dei doc cassali sono

Al

49

fi'.

alibi in loco debito


e)

44-48

Secreto Apulie.
De oticio Secretie Portulanie et
procurationis et magistratus salis Terre Bari.

f.

11''

f.

32" Scripte sunt infcrius

un doc.

di

febbraio

IX

f.

ind. (1281).

le seguenti:

f.

18''

Vacai quia

64" Posila est in loco suo.

esi

15

Voi. 9
// registro, che

pu

dirsi in

- CAROLUS
buono

stato,

ha

1270. C.

I.

nel principio molti ff. e nel resto

pochi

danneggiati dalle acque. Contiene ff. 274 segnati con num. araba da 1-274: mancano
sono duplicati i ff. 05, 140. (')
i
ff. 153, 271:

bianco

La

scrittura pi o

il

178''.

f.

meno guasta

Trovansi doc. cassati ai


149'',

ff.

10,

mancante aff. 1-83,


14'',

24",

54''

127'',

136-140, 150-152, 155, 163.

69", 74", 78", 86'' 9l'\ 147",

60'', 62'',

159", 174", 193'', 227", 228'', 229'', 230", 241'', 245", 251".

[^)

doc. a' ff. 17", 28", 52", 67'', 83'', 104'', 121", 128'', 129", 155", 156",
161", 164, 184'', 185", 231", 237", 239'', 243", 251'', 253, 272''.

Sono monchi

INDIZIONI
(anni)

XIV

(Il

ottobre-febbraio

XV
IV

carattere corsivo indica

Indicazione

suppliti per analogia)

titoli

lustitiariis, Secret is et aliis citra

farum.

(1270-1271)

(1271-1272)

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

dicembre-genn.
febbraio

lustitiario Capitinate.
Just. Basilicate et Erario.

id.

Extravagantes extra regnum.

sette mbre-dicem.

lustitiariis Sicilie ultra

flumen

sal-

dei fogli

223-230
237-238
251
161
111
156
137-140

sum.

(1275-1276)

-giugno

id.

novembre-dicem.
dicembre-agosto
gennaio-aprile
id.

-maggio

febbraio-agosto

lust. Sicilie citra

iumen salsum.

162

lustitiario Basilicate.

92-98''

Apodixarius.

De matrimoniis.

(^)

Extravagantes infra regnum.

(s)

lustitiariis.

marzo-id.

140bis.i4i

.3.

212-214^^
104
33-67
76-83
84-91
105-110
112-136
231-236
242-250

Secretis.

68-75 (^

V
(1276-1277)

settembre-genn.
id.

id.

id.

-marzo
-id.

-aprile

Secretis.

Extravagantes infra regnum.

lustitiario Terre Bari.

ottobre-marzo

lustitiariis.

marzo-agosto

Apodixarius.

aprile

lustitiario Sicilie citra

-id.

sum
agosto

98M03

Apodixarius.

famen sal-

1-16
22-32
166-207

(8)

215-222
254-269
241
157-160
164-165
240
252
270
273-274
272

Vicario Sicilie.

^ >

253


INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

carattere corsivo indica

(Il

\1

1()

giugno-agosto

Thesauraris.

dicciiibi'C-gciiii.

Vicario Sicilie.

titoli

Indicazione
dei logli

suppliti per analogia)

208-211

()

(1277-1276)

X
(1281 1282:

lustiliario

163

Vallis Gratis

ci

Terre

lordane.

IV

dicembre -agosto

Exti'avarjanciain

agosto

Extravagantes.

ll2!1012r)l)

239
Comitatus Pro-

142-149

vincie.

La num. romana

s'

numerazione, che comincia

150-155

ff. interrotta. Dal f. 180 a 274 si legge una seconda


termina a 264. Di questa numerazione non si tiene conto

incontra in molli
col n. 170 e

nelle citazioni dei fogli.

Tra le postille messe quasi sempre al margine dei doc cassati, notiamo le seguenti:
f. IP. Vacai hic.l. G2''. Vacat quia melius scripta est inferius. f. 69". Vacai quia superius
est intcr cxtracagantcs- f. 74''. Vacat quia duplicata est. f. 86**. Vacat gaia posita est
supra. f. 147*. Cassata et in alia forma facia registrata in registro VII indictionis.
f. 14!)''. Cassata emendata et superius registrata. l. 159". V acai quia inferius in alia forma
scripta est cidem lustitiario super hoc nani lohannucius de pando posuit fideiussores hic in
(')

Curia.
continua a 212.

93''

(3)

Il

{*)

Al margine del

(5)

Al

(6)

Il

f.

C)

Il

(8)

Il

(^)

Il

continua al f. 1".
continua a 201".
quaderno non ha titolo;

f.

42''

f.

scritto:

f.

24''

f.

184''

(sic) les

Hic

incepit sigillari sub

f.

leitres

et

buono

resto in
i

Sono bianchi

Jf.

La

189'',

ff.

197''

n.
,

201.

(2)

54",

pergamene

Contiene

I.

nella parie superiore consumate dall'acqua,

197 segnati con num. araba da 1-203: sono

jf.

mancano

ff.

20, 161-164, 175-178.

62, 88'\ 145'', 157'' ed

61'',

arabo,

ma

col n.

1271. B.

il

(')

seguente, di cui esiste una met,

romano CCXLI,

166'',

172'',

173'', 174'', 181'',

198''.

Trocansi doc. cassati


53,

le

stato.

55'',

scrittura pi o

52'',

scritture sono in francese e della stessa natura di quelle

CAROLUS

115, 143. 171:

non segnato con


188",

le

de hors an francois.

registro in principio ha

duplicati

aprilis.

XVIII mariii.

donde si preso il titolo segnato nel testo. Ivi si legge: Ce


qui soni ancoies a mestre Guillaume Boucel et aus autres tresoriers et aus

Voi. 10

il

///

et titulo principis

83 del voi. 34,

autres ojficiaus de lotz

Jl

nomine

continua a 17".

75''

contenute nel
sunt

legge: Carolus sub titulo principis

104'' si

f.

65",

o mancante nei ff. 1-33, 48"


12", 13'', 15'', 18'', 22'', 24", 27", 39'', 46", 48, 49", 50",

meno guasta
ai

ff

68'',

69. 70",

78'',

80", 84", 88", 107",

114'',

115",

122\ 130,

17
INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

titoli

suppliti per analogia)

Privilegia concessiones et confir-

XIII-XIV marzo-agosto

dei fogli

167-172

mationes.

(1269-1271)

XIV

carattorc corsivo indica

Indicazione

agosto-luglio

De matrimoniis.

novembre-dicem.

lustitiariis,

Secretis et aliis citra

1-33

Secreto Principatus Terre Laboris

34-46

farum.

(1270-1271)

-luglio

id.

165-166

(3)

et Aprutii et

id.

-id.

vicesecretis eiusdem Provincie.


Secr. Sicilie vicesecretis et vicario

id.

-agosto

Extravagantes. De Curia.

id.

-id.

De

Sicilie.

notariis Regni et provincie et


de securitate et de advocatis. (^)

dicembre-luglio

XIV-XV

146-160

199-203
47-55

-id.

Apodixarium,

id.

-agosto

Secreto Apulie et vicesecretis eius-

id.

-idr

dem Provincie,
Secr. et vicesecretis Calabrie.

id.

-luglio

id.

-id.

dicembre-settem.

(1270-1272)

198
89-145
179-185

Vicario et Camerario Urbis Senescallo Provincie et Guillelmo decano S. Martini Andegavensis


et omnibus extra regnum. (^)

id.

giugno

63-88

56-61

Apodixarius. (^)
De mutuo contrahendo.
Quaternus condempnationum.

188-197
173

Clerici consiliarii vallecti familiares et hostiarii domini regis et

186-187

174

regine.

La num. romana da I-CCCXII

(1)

trovasi interrotta.

Il f.

che riassume questo registro abbastanza largamente [Rep. I


(2)
f.

22*

Tra

le postille

Vacai quia

Camera

messe quasi sempre

bis scripta

resignavit.

f.

i-

65*.

al

margine

20

mancava

f.

173-227).

ai

tempi del Sicola,

notiamo le seguenti:
W^'^ Deregistrata quia eam in

dei doc. cassati

Scripta in suo loco

i.

201* Registrata in quaterna suo.

P leggesi: Registrum inceptum Capue XI novembris XI III indictionis a dominis


(3) Al f.
duce Burgundie et Archiepiscopo Arelatensi exercentibus Capitarne officium.
seguenti si aggiungono le rubriche: De comitis et
il titolo gi indicato, nei ff.
(^) Oltre
prothontinis: De medicis et cirurgicis.
Tra i ff. 146-150 sono notati ancora i seguenti titoli Ballivo Andegavie, Vicario Tuscic
(5)
:

ultramontanis personis.
() I ff. 188, 189 contengono un solo documento scritto verticalmente in un foglio di pergamena piegato per met, e cosi legato nel volume-

et aliis

7ir^

buono staio. Contiene


ultimo un f. senza numero: i Jf. 4,

Il registro in

Sono bianchi

Lo

scritto

ff.

guasto a

Trocansi doc cassati

INDIZIONI

17'',

15'',

1"

ff.

21'',

15.

25'',

100; la

num. araba va da

21 non sono
39'',

36\

13.

43'',

interi,

1-99, trovasi in

(i)

96''.

48'',

39", 57'', 98".

[^]

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI,

Indicazione
1

Il

carnitcre corsivo indica

titoli

id,

-agosto

id.

-id.

lust. Calabrie.

id.
-agosto
a irile-giugno
id.

-id.

id.

-luglio

id.

-id.

id.

-id.

Secretis Principatus Terre Laboris et Aprutii.


Secreto Apulie.
Secr. Calabrie.
Secr. Sicilie.

id.

-id.

Extravagantes.

marzo-agosto
a rile-agosto

maggio-agosto

lustitiario Sicilie ultra

flumen

l'^

1-4

lustitiai'io et

(1269-1270)

dei logli

suppliti per analogia)

Erario Capitinate et
honoi'is Montis Sancii Angeli ac
capitaneo Lucerle. (3)
lust. et Eiario Terre Bari.
lust. et Erario Basilicate.
De mutuo contrahendo.
Magistris massariis.
Just, et Erario Terre Ydronti.

marzo-luglio

XIll

jf.

1271. C.

T.

100''.

5'',

ai ff.

CAROLUS

Voi. 11

4'',

18

5-10
11-15
97-98
99-100
lG-17
18-21
26-32

35-39
40-43
44-48
49-96
22-25

sal-

sum.
Secreto Principatus et Terre Beneventane.

giugno-luglio

(*)

La num. romana va da
Non leggonsi le postille

(')

(>)

questo titolo ed a

Voi.

VII-CVIII interrotta.
al

margine dei doc.

tutti gli altri,

cassati.

che seguono, aggiunto: de Curia.

12--CAR0LUS ILLUSTRIS.
pu

// registro, eccetto alcuni ff. laceri o macerati,


ff.

de'

La

dirsi In

1271.
buono

231 segnati con num. araba compresi due piccoli brani con
quali non si tiene conto nella seguente tavola. {^)
,

Sono bianchi

ff.

84'',

scrittura pi o

36,

108K 115'', 144'', 161'',


meno guasta o mancante

41, 45, 48-50, 61-64,

Trovansi documenti cassati

196'',

nei ff.

1,

213\

Contiene

numeri 7

221'',

223''.

3, 4, 6-9, 12-22, 29, 32, 35,

ai ff. 26'',

30'',

31",

169", 177",

125", 127",

100'\

102",

181'',

198", 203'', 208'', 211", 215",

111'',

123'',

(2;

Sono monchi
62'',

183'',

stato.

78-83, 85, 87, 115-117, 137-230.

138", 140", 152'', 155'', 160", 165,


216''.

33-34

nei ff. 2", 6", 9", 32", 35", 36'', 39'', 40", 45'',
65", 67'', 93", 102'', 103\ 106'', 109", 112'', 115", 150'', 207''.
i

doc.

52'',

54'',

60^,

N. B. Nei

ff.

104-116, 118-136, 152-231 contenuto

INDIZIONI

(Il

gennaio

-ottobre

il

reg. 1292.

D.

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

IV-V

19

carattere corsivo indica

titoli

(3)

Indicazione

suppliti per analogia)

dei fogli

Magistri lurati et ludices.

37-38

Extravagantes infra regnum.

33-34
44
41-42
30-32

(1275-1277)

XII
(1283- 1284)

III

settembre
id.
id.

-nov.

ottobre

-marzo

Magistri massari!
Extravagantes extra regnum. 0)
lustitiariis Terre Ydronti, Terre
Bari.

29

luglio

Apodixarius.

settembre

Secretis magistris portulanis et procuratoribus Apulie,

(1289-1290)

IV
(1290-1291)

id.

-aprile

Secr.Principatus Terre Laboris


Comitatus Molisii et Aprutii.

id.

-magg.

id.

-id.

Apodixarius { Cancellar ius). (')


liegistrumNotariorumpuplicorum,
Praticorum et Advocatorum.

ottobre

-genn.

lustitiario Capitinate {Magistri Ra-

et

V
(1291-1292)

-magg.

aprile

-luglio

VI

Quaternus statutorum.
Registrum Principatus.

settembre-giugno lustitiario Capitinate {Mag. Rat.)


id.
-luglio
lust. Terre Ydronti {Mag. Rat.)
-agosto

lust,

Aprutii {Mag. Rat.)

id,

-id.

lust.

ottobre

-id.

lust.

Terre Bari {Mag. Rat.)


Principatus {Mag. Rat.)

novembre-id.

lust.

id.

3-4
45-46
93-102
7-24 C)
25-27

47
137-144
5
145-149
151

tonales).

gennaio

103 ()

aprile

Terre Laboris et Comitatus


Molisii {Mag. Rat.)
Registrum domini regis Ungarie.

settembre

Quaternus

novembre-die.

Apodixarius.

febbraio

Extravagantes infra regnum.

197-206
219-221
224-231
129-136
152-171
172-196
207-218
222-223
104-116
118-128
150

117

lustitiarii Basilicate.

(9)

(1292-1293)

VII

35-36

(1293-1294)

Vili

28

(1294-1295)

ottobre

(1306-1307)

Vili
(1309-1310)

settembre

-nov.

Aprutii
Prothonotarius).

lustitiariis

Extravagantia.

(^"j

Logotheta

et

48-51 (")

(*")

52

{'^)


INDIZIONI
(anni)

(Il

caraltcre corsivo indica

'1321-1322)

tiis

VI

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

lustitiarioTerreLaboris et Comita-

-gemi,

Ottobre

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

20

43 C=)
53-64
65-77 Cj

Moiisii. 0*)

novembre-febbr.

Iiist.Pi-incipatusultracitraqueScrras Montorii.

ottobre

Extravagantia {Prot.)

febbraio

Ratio

dicembre -marzo

Extravarjantes infra regnum.

settembre-nov.

Vicariatus

febbraio

Prioilegia.

(1322-1323)

Introitus Exitas.

39-40 Cj

('")

(1326 1327)

XI

78-84

(1327-1328)

XII

Extravagantia.

85-92

('')

(1328 1329)

XIV

(13r0-1301)
(')

Questo

voi.

composto

di

quaderni appartenenti a diversi registri

La num. aiaba essendo interrotta stato necessario


progressiva.
La num. romana si trova in pochi fogli.
(2) Trovansi quasi sempre le postille al margine dei doc. cassati.
porta, arbitrario.

ed

di

(3)

V. Rep.

il

titolo,

che

farne una nuova

pp. 47, 48- Fani. d'Aquino, p. 96. L'elenco del 1855 [Leg- pos. cit. p. 57)

cit.

Minieri (Le Cane. ecc. pp- 11, 15) segnano mancante i. reg. 1292 D, il quale si compone
di fi. 110 segnati con num. araba interrotta 1-141. Di questo legistro diamo lo specchietto delia
num. antica in confronto della nuova chiusa in parentesi: 1-3 [104-lOG) 5-6 [115-116) 6-7
[107-108) 18-21 {109-112) 23-24 [113-114) 31-49 [118-136) 50-99 (152-203) 102-104 [204-206)

ed

il

115 [207) 118-128 [208-218) 129-130 (222-223) 131-133 [219-221) 134-141 [224-231).
[*) 1 ff. 41-42 sono legati sottosopra.
del voi. Il dei Nuovi Registri. V. il duplicato del doc. nel
(5j li f. 29'' continua al f.
reg. n. 51 (1289 1290 A) ff. 192-195.
103'' continua al f. 32^ del reg. n. 182 [Karolus II B).
(6) Il f.

(")

brani dei

Registri

ora
al

f.

ff.

ff.

7, 8 si attacr*ano col resto dei

2 bis

ff.

nel voi.

stessi esistenti

ff.

II

dei

Nuovi

17-22 coi numeri antichi 184-189 appartengono al reg. 1290 C, che

manca (Borrelli, Rep. I,


8" principia
C*) Il doc al f.

p.

7).

al

f.

2'*

bis del II voi. dei

Nuoci

Registri.

Il

f.

22'*

continua

64* del reg. n. 127 (1302 X).


(^)

al reg.

Il

117 legato a rovescio, e

f.

n. 170 (1307-1308)

f.

1.

pjer ci

il

V. Inv. del 1.568

f.

continua

117'*

al

f.

117".

Esso appartiene

n. 62.

48-51 appartengono al reg. n. 165 (1306-1307 U) ff.23,24,29,30. V. iile/)./// pp. 658,659.


f. 49"* continua al 1". 189" del voi. III dei Nuoci Registri. Il doc. al f. 50" ha il suo

{">) 1 ff.

(") Il

principio nel

192'* del

detto voi.

II

52 appartiene al reg.
contenuti nel suddetto f. 52, e gli

n.

(12)

Il

f.

f.

dei

Nuoci Reg.

186 (1309 B)

f.

1.

V. Inv. del 1568

n.

216.

Gli atti

che seguono nella tavola fino alla XII ind. (1328-1329)


sono spediti in nome di Carlo, vicario del regno, figlio di re Roberto.
(13) Il f. 52'' continua al f. 2" del reg. cit. n. 186.
I ff. .53-77 appar(") Il f. 43 si attacca col brano esistente nel reg. n. 238(1.321) f. 8.
tengono al detto reg. n. 238 il'. 11-14, 20-23, 33, 34, 39, 40, 127, 128, 130-140. V. Borrelli,
altri

.Rep. I p. 236. // p. 614.


(15) Il f. 55** continua al

f.

53".

Il

f.

62'*

continua al

Il

('7)

('*)

Il

(W)

Al

ff.
f.

f.

48" del voi.

Ili

89"*

un doc.di agosto

X ind.(1.327j,cd

ai ff.85",87'*

Nuovi Registri.
Nuoci Registri.

dei

f. 67" ha il suo principio nel f.


del detto voi. Ili dei
39-40 appartengono al reg. n. 262 (1320 A) ff. 2-7.
39'* continua al f. 65" del citato voi. IH dei Nuoci Registri.

doc. al

(')

f.

53'*

due docdi agosto XI

ind. (1328).

Voi. 13
buono

Il registro in

stato, salvo

con nurn. araba da 1-270, dopo


52, 147, 148:

il

f.

137

esiste

- 21 CAROLUS

1272. A.

I.

in principio e nella fine. Contiene ff. 267


la quale unf senza n. e lacero: mancano i f. 51,

pochi

ff.

per met, ed

il

239 per una sola 5" parte.

/.

Sono bianchi i ff. S\ 22\ 23, 48", 49\ 50", 77", 91", 101",
f. dopo 270.
La scrittura pi o meno guasta o mancante nei ff. 1, 5"', 47,

(*)

107", 137", 231", 239"

48, 108, 109, 158"-160,

165", 167", 170", 210", 215", 243", 244, 258-261, 267, f. dopo 270.
Trovansi documenti cassati ai ff'. 13", 19", 26", 39", 40", 41", 53", 59", 68, 70", 81",
84", 88", 89", 110", 112", 113", 115", 126", 127", 136", 139", 149", 154", 181", 211",

216, 217, 218, 219", 220", 224", 225, 234", 239", 245", 246", 254", 257",
265", 266", 267", 268''. [^)

Sono monchi

doc. ai ff. 4", 47", 176", 181", 185", 205", 213", 225", 249", 262".

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

XIl-XV

Indicazione

carattere corsivo indica

Apodixe.

titoli

suppliti per analogia)

ottobre-dicembre

(1269-1270)

XIV

Terre Laboris

lustitiario

dei fogli

176-179
214-215

(3)

(1268-1272)

XIII

264",

et

Comi-

71-74

tatus Molisii.

dicembre

Pro mutuatoribus.

marzo

Extravagantes.

seltembre-nov.

Senescallo Provincie Ballivo Andegavie et magistro Guillelmo


decano Sancii Martini Andega-

(1270-1271)

vensis.
id.

-id.

ottobre-luglio

47-48
108-109

{*)

(5)

Extravagantes facte cum dominus


rex fuit in partibus Tunisii. (e)

53-64

lustitiariis Secretis et aliis infra et

181-185
263
266
35-44

extra regnum.
.

id.

Pro privatis perEstravagantes De Curia.

id.

lustitiario terre Bari.


lust. Terre Laboris et

novembre-genn.

Extravagantes
sonis.

-marzo
dicembre-giugno
-luglio

49-50

(')

Molisii,

Comitatus

(8)

Erario Principatus et Terre

id.

-id.

lust. et

id.

-id.

lust, Terre

31-34
92-97
65-70
75-85
122-129

Beneventane.
Calabrie et Erario secum
moranti.
lust, et Erario Sicilie citra et ultra
fumen salsum.

gennaio-giugno

Secretis Calabrie,

febbraio-luglio

lustitiario et

id.

-id.

-agosto
giugno-luglio
id.
-agosto
id.

Erario Basilicate.

lust. Aprutii.

lust. Capitinate.
lust. Terre Ydronti.

Erario Vallis Gratis et Terre lordane.

lust. et

138-142

102-104
143-152
172-175
86
98-101
130-137
87-91
105-107
118-121


INDIZIONI

XIV-XV

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

(Il

agosto-settembre

(1270-1272)

id.

22

-id.

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

Magistris portulanis et procuratoribus a Porta Roseti usque ad tlu-

men Tronti.
Secretis Principatus, Terre Laboris
et Aprutii et magistris procuratoribus
De Curia.
Secreto Apulie.

Indicazione
dei fogli

19-22

27-30

id.

-id.

Siclarii.

id.

-id.

Secreto Calabrie.
De Curia.
Sccr. Sicilie
Magistris procuratoribus Principatus et Terre Laboris.
Magislro portulano et procuratori
Calabrie.

id.

-dicembre
-gennaio

id.

-id.

XV

settembre-genn.
-agosto

id.

Secreto Calabrie

Secr. Principatus Terre Laboris et


Aprutii De privatis et Curia (").

gennaio

lustitiario

Erario Principatus et Terre

id.

-febbraio

lust. et

id.

-id.

lustitiario Aprutii.

-id.

Beneventane De

privatis.

{^^)

Terre Laboris et Comitatus


Molisii et Erario
De privatis.
Extravagantes infra regnum.

lust.

luglio-agosto

Secretis Calabrie tam de privatis


quam de Curia.
lustitiarioPrincipatus et Terre Ben.
lust. Sicilie ultra flumen salsum.

ottobre-dicembre

Secreto Principatus et Terre Bari.

dicembre-genn.

lustitiariis

febbraio-marzo

Secretis Apulie.

febbraio-giugno

maggio-giugno

180
9-11

12-17

18

5-8

186-189
209-213(10)

(^)

ottobre-marzo

gennaio-maggio

XIII

De Curia.

Justitiariis Secretis et aliis citra et

ultra farum.

id.

1-4

24-26

id.

id.

(1271-1272)

-novembre

216-224
234
264-265
267-268
242-249
258-262
240

226 ni.
241^ ^
225
227-231
269-271
232-233

190-204
207-208
250-257

205-206
235-239
171

(1284-1285)

XIV

Secretis et aliis citra

110-117

farum.

(1285-1286)

153-154
161-164
45-46
155-159"
165-168

marzo-aprile
id.
-giugno

Terre Ydronti.
Extravagantes.
Secretis Princip atUS et Terre La-

id.

-id.

Sec. Aprutii.

159M60

id.

-id.

Sec. Calabrie.

169
170

id.

-aprile

lustitiario

boris.

~
{')
(2)

23

La num. romana trovasi in molti ff. interrotta.


Fra le postille non sempre messe al margine de'

doc. cassati notansi le seguenti:

f.

19*

Cassata quia conimisse fuerunt intere Secreto Apulie i. 112* Vacat quia restituta et laniata
fuit i. 225* Deregistrata quia fracta reddita et resignata.
(3) Negli atti si trovano anche computi.
tempo del registro e non corri11 titolo Extraoagantes e di carattere posteriore al
[*)
sponde alla natura degli atti, spediti nella maggior parte a' Giustizieri e Secreti.
(^) Si aggiunge al titolo: Quaternusfactus eo tempore quo dominus RoxfuitinpartibusTunisii.
64'' un doc. di agosto XIII ind. (1270).
(6) Al f.
39*^
un doc. di marzo XII ind. (1269).
(7) Al f.
Incipit registrum factum, per Robertum Nicolaum de Provncia et
(8) Al f. 65 leggesi
cancellarie
sub magistro G. de Bellomonte regni Sicilie cancellarlo post
clericos
Gerardum
septuagesimo inceptum Trapani
reditum domini rcgis de partibus Tunisii anno domini
,

MCC

XXII

die mensis novembris

XIII I

indictionis.

una cedola de focularibus que inueniuntur diminuta per collationem


factam de quaternis particularibus generalis suboeniionis ad quaternos de focularibus per la
Provincia di Principato e Terra Beneventana, ed al f. 189 i capitoli de' dazii per la Terra di
Otranto. Alla sommit del f. 213 segnata la lettera O ed al f. 216 la lettera V, e gli atti
(')

Si

trova

al

186

f.

riguardano persone il cui nome o qualit comincia dalla stessa lettera O e V. Ne' sotto notati
ff. poi le lettere non sono in testa della pergamena, e gli atti sono registrati secondo le iniziali

che seguono;
(10)

Il

f.

f.

234;

ff.

continua

268"*

209-212 e 267-268;
al

ff.

217-218 e 264-265;

ff.

219-222;

ff.

223-224.

209*.

f.

In nomine domini. Registrum istud inceptum est sub


Magistro Simone de Parisius regni Sicilie Cancellarlo anno domini MCCLXXII mense fcindictionis quo die idem Cancellarius recepit sigillum regium.
bruarii quintodecimo eiusdem
(11)

Al

(12)

Il

(13)

Al

f.

242 dopo

il

titolo scritto:

XV

f.

f.

continua a 241*.

226''

227 dopo

il

titolo

aggiunto:

Voi. 14

De

privatis; ed al

CAROLUS

f.

269;

De Curia.

1272. B.

I.

233 segnati con num. araba da 14-310


dopo la quale un f. senza numero: mancano l ff. 15-31, 34-43, 51-13, 120-134. (i)
Sono bianchi i ff. 14\ 3l\ 48\ 50^ DO, 136'', 137\ 140\ 190\ 194'', 203'', 213''.
La scrittura pi o meno guasta o mancante nelff. 14, 32, 75-81, 107-143, 147-162,
Il registro

in

mediocre

stato.

Contiene

ff.

164, 171, 204, 205, 305, 310 e f. dopo.


Trovansl documenti cassati al ff. 55^ 44'',
155", 165", 191", 210", 224", 251".

Sono monchi

doc. al ff.

INDIZIONI

XII-XIIl

XIV-XV
(1270-1272)

199'',

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

giugno-agosto

lustitiario honoris

luglio

agosto

et Capitinate.
lust. Vallis Gratis et
lustitiariis.

id.

lustitiario Terre Bari.

luglio-settembre
agosto -settembre

Just.

agosto-novembre
id,
-gennaio

Just.

Terre Ydronti

lust.

Principatus

-id.

135,

150",

200''.

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

(1268-1269)

(1268-1270)

106'',

49, 87'', 93", 97'', 99^",

(')

MESI

(anni)

XII

33'',

48'',

Montis S. Angeli
Terre lordane.

Indicazione
dei fogli

33
49-50

14
44
45-48

Terre Ydronti.

32

lust. Basilicate.

de Curia.

de

Curia.

103-106
74-80


INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

(Il

XIV-XV

(1272-1273)

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

Indicazione

de

Curia.
Just. Basilicate
de Curia.
lust. Terre Bari
de Curia.
Just. Vallis Gratis et Terre lordane de Curia.
lust. Calabrie
de Curia.

81-90
91-94
95-102
107-108

Extravagantes infra regnum.

141-171
137-140
112-136

ottobre-aprile
id.
-agosto

Vicario

luglio

Extravagantia extra regnum.

-id.

109-111

(3)

Sicilie.

Terre Bari.

lustitiario

id.

-nov.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

Aprutii citra llumcn Piscarie.


lust. Terre Laboris.
lust. Principatus.
lust. Capitinate.

id.

-id.

lust. Basilicate.

id.

-id.

lust.

-id.

lust. Calabrie.

id.

dei fogli

suppliti per analogia)

titoli

settembre-ottobre

II

(1273-1274)

carnttero corsivoindica

lustitiario Capitinate

agosto-gennaio

(1270-1272J

24

196
172-178
183-185
186-190
191-194
195
197-199
201-202

lust.

Terre Ydronti.

id.

-novembre

lust. Aprutii ultra

Gratis etTerre lordane.


fiumen Piscarie.

179-182

id.

-id.

lust. Sicilie citra tlumen salsum.


Extravagantes infra regnum
de

204-311

ottobre

lust. Vallis

200
203

novembre-agosto

Curia.
(')

Al

74 e seguenti segnata pure la num. romana da XXIII a

f.

una seconda num. da


interrotte.

ff.

ed

al

74, 95, 103, 109, ne' quali

riore tengono aderente

una piccola

per distinguere ed aprire

Tra

XXXVI,

f.

sono

lista di

quaderni

titoli de'

liste

al

f.

172 e seg.

CXXXII,

tutte

diversi quaderni, all'estremit infe-

pergamena con

stessi. Simili

non sempre messe

LXX,

una terza num. da

204 e seg.

laccetti sporgenti,

esistevano ne'

ff.

che servivano

81, 91 e 107.

margine dei doc. cassati notiamo: f. 135'' Dere165*


et
rada
i.
Fracta fuit quia non requisita.
gistrata quia non recollecta
f
(3) Al f. 148 leggesi: Die martis XIII I martii prime Indictionis apud Capuam anno domni MCCLXXIII dominus Archiopiscopus Panormitanus recepii sigillum regium et eodem
(2)

le postille

al

die incepit sigillare.

Voi. 15
Il registro in

buono

I.

1272. C.

parecchi ff. infine, macerati dalle acque nella parte


236 segnati con num. araba da 1-243: mancano i /. 102-105,
/. 136, 139, si trova legato per traverso un pezzo di per-

stato, salvo

Contiene ff.
147, 148, 157: dopo i

inferiore.

CAROLUS

gamena scritto, e dopo i ff. 183 e 188 un pezzo di carta pure scritto. [^)
Sono bianchi i ff. 22^ 29'', 39\ 67\ SO'', 84'', 89'', 100'', 101", 189'', 215'', 22l\
229'', 235''.

La

scrittura pi o

meno guasta

o mancante ne' ff. l'\ 3",

210-214, 216-220, 222-230, 232-234, 236, 231, 240.


Trovansi documenti cassati ai ff. l'>, 9^ 24'', 3l'', 37'',
87'',

90, 92", 95", 97", 107",

202'', 216'', 224'',

Sono monchi

111'',

112'',

226\ 227", 230", 234".

117''

85*^,

43'',

198, 201, 202, 206-207,

45",

69'', 73'', 75'',

118", 165", 167", 177'', 188'',

(j

doc. nei ff. 109'', 115", 186'', 197'', 227''.

85*.
191'',

25
INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

(1272-1273)

id.

-febbr.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-marzo

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

id.

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

Notarii Provincie.
Siclarii distributores dohanerii et
magistri Tarsiauatuum.
Magistri iurati
Apodixai'ius.
Secreto Apulie.
Secr. Calabrie.
Secr. Sicilie.
Procuratoribus et portulanis.

settemb re-genn.

Extravagantes extra regnum per


totam Ytaliam.
Extravagantes extra regnum in
Provincia et Francia et partibus

dei

i'oyli

100
53-54
91-99
236-243
6-22
23-29
30-39
40-52
55-67

68-80

Liltramontanis.

Extravagantes extra regnum

in

81-84

-id.

partibus orientis in insula.


ludices medici et notarii infra re-

85-90

id.

-id.

Matrimonia.

id.

-maggio

lustitiariis Secretts et aliis citra et

gnum.

ultra farum.

(^)

106-108
109-114
116-235

ottobre
febbraio-marzo

Advocati.
Secreto Principatus.

101"^

agosto

Extravagantes.

115

1-5

(1291-1292)

V a LVII, e

dopo molti ff. di nuovo da I a CLXXXXII interil f. 136 una cedola originale, che fu trascritta
in quel foglio medesimo, e la carta dopo il f. 183 un' altra cedola parimente ivi trascritta.
cassati notiamo, f. 73** Dere(2) Tra le postille messe quasi sempre al margine dei doc.
gistrate et rupte f. 111**. Vacai quia registrata est ubi registrantur alio de Castellanis.
165". Lacerate fuerunt littore quia procisio et ordinatio ista recocatafuitf. 224^. Vacai
f.
quia alte facte fuerunt in Cancellarla et inde sigillate super isto negotio.
(1)

rotta.

(3)

La

nuni.

romana

La pergamena

i".

si

trova da

legata per traverso dopo

109 leggesi in testa della

pergamena Pro Curia. Ne'

ff.

165-235 gli

atti

sono

di-

per ordine alfabetico dalla lettera A ad S, che sono segnate progressivamente alla sommit della pergamena, e corrispondono alle iniziali de' nomi o della qualit delle persone, cui
si riferiscono
La distinzione dei mesi per ciascuna delle lettere la seguente: A f. 165-166
sett. a marzo B f. 167-170 sett. a mag. C f 171-186 sett. a mag. D f. 187 gen. ad aprile
E f. 188-189 ott. ad aprile - G f. 190-197 sett. ad aprile - H f 198-200 sett. a magg. - I f.
201-208 sett. ad aprile - K f. 209 ott. a dee. - L f. 210 sett. ad aprile.
f.
211-215 sett.
a maggio N f. 216-220 sett. a maggio O f 221 dee. a febbraio P f. 222-225 sett. ad
aprile
R f. 226 229 sett. ad aprile- - S f. 230 235 sett. a maggio. Al f. 173 si legge il titolo:
stinti

Castellanis.

Voi. 16

CAROLUS

Il registro, eccetto pochi, fogli, in

segnati con num. araba

da 1-245:

1272. E.

Comprende ff. 237 di diverso sesto


duplicato il f. 128: mancano l ff. 2, 28, 115,

buono

1.

siato.

199-204. "]

Sono bianchi

ff.

46",

48'',

78\

83'',

178",

190'',

192", 224''.

>- 26

La

scrlllura pi o

mancante

tie'

47, 145, 153, 154, 161, 168,

ff.

191, 106, 205-207, 217, 222, 223.

173f>,

Oltre

meno guasta

indizioni

le

sottonotate al f. 229" sono due doc. di ottobre e decembre, a' ff.


V/II ind. (13241325, ed al f. 159'' uno di agosto XII

228" due di marzo

227'' e

ind. [1344].

Trocansi documenti cassati


136", 141", 160".

Sono monchi
198'',

206'',

ai ff.

nei ff. 38",

208", 210",

con la iniziale

INDIZIONI

XIV

40'',

03'',

66K

94", 97", 98", 111", 130'',

39\

92", 113'',

114'',

116", 133'>, 134",

135\ 136",

217'', 220''.

Regno

Kob.

figlio di Roberto, sono designati con

TITOLI DEI QUADERNI


;il

febbraio-marzo

carattere corsivo indica

XV

marzo-giugno

(1271-1272]

a 3riIe-maggio

titoli

lustitiariis Secretis

farum.

(1270-1271)

le

iniziali

quelli di Roberto.

MESI

(ANNI)

25",

C-:

doc

Gli atti di Carlo, vicario del

Car.

l'', 5'',

Indicazione

suppliti por analogia)

et

aliis

atra

dei fogli

98-105

(^)

Apodixarius.
Secreto Calabrie.

43-46
1

(<)

id.

-id.

lustitiario Aprutii.

id.

-id.

Just. Basilicate.

id.

-id.

Just. Capitinate.

id.

-id.

lust.Vallis Gratis et Terre lordane.

id.

-giugno

id.

-id.

Extravagantes-de Curia.
Extravagantes de privatis.

id.

-id.

lustitiario Principatus et

id.

-id.

id.

-id.

neventane.
Just. Terre Bari.
Just. Terre Ydronti.

id.

-id.

lust.

Terre Be-

Calabrie.

47-48
55-58
59-63
79-80
3-27
29-42
49-54
64-71
72-78
81-83

settembre

novembre

Registrum lustitiariorum.
Extravagantes infra regnum.

106-113

(1276 1277j

novembre-die.

Extravagantes.

163-173

maggio-agosto

Extravagantes.

92-97

agosto

Registrum Principatus.

novembre-aprile

Reg. Principatus.

182-189

agosto-settembre

Universis lustitiariis {Prothonota-

137-144

III

84-91

(1289-1290)

IV
(1290-1291)

114

(1291-1292)

VI
(1292-1293)

VIII-IX
(1294-1296)

IX

rius).

ottobre

Extravagantes. {Camerarius).

luglio-agosto

Magistro

174-181

(1295-1296)

IV
(1305-1306)

lustitiario.

221

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

carattere corsivo indica

titoli

suppliti

Indicazione

per analogia)

dei fogli

118-125
219-220

febbraio-aprile

Extravagantes.
Apodixarius.

maggio-giugno

lustitiario

giugno

Extravagantes infra regnum.

giugno

lustitiario Aprutii ultra

(1306-1307)

VII

27

Calabrie

et aliis citra

205

farum.

(1308-1309)

VIII
(1309-1310)

scarie.

IX

fiumen Pi-

225-22G

218

Car. (Mag. Raiionales).

agosto

Apodixarius.

208-209

marzo

Magistro

197-198

(1310-1311)

et

vice-magistro lustitia-

rio regni Sicilie.

XV

ottobre-marzo

(1316-1317)

Terre Laboris

lustitiario

tatusMolisii.
et

Comi-

et

193-19G

Rob. {Cancellarius

Prothonotarius.)

Terre Bari. Rob.

206-207

febbraio-id.

lust.

settembre

Extravagantes infra regnum. Car.

llG-117

Ratio. Introitus. Exitus. Rob,

227-245

(1321-1322)

IX
)

(1325-1326)

'

>

XI-XIl

(1327-1329)

aprile

lustitiario Pi-incipatus ultra citra-

(1326-1327)

que Serras Montorii. Rob.


ottobre
marzo-luglio

XII
(1328-1329)

luglio-agosto

(13321333)

settembre-nov.

XIII
(1344-1345)

Apodixarius. Rob.( Cam. A/r/.i?a^.)


lustitiario Calabrie et secreto. Yioh.

210-217
222-223

Senescallo Comitatuum Provincie


et Eorcalquerii. Rob.
ludices notarli. Rob.

224

Quaternus Capitaneorum.
Rat.)

191-192

{Mag.

157-1G2

id.

-genn,

lustitiariis

quam

145-154

id.

-febbr.

ultra fiumen Piscarie.


Quaternus commissionum. {Cam.)

155-156

Aprutii

tam

citra

uovcmbre-magg.

Quaternus Cirurgie notariorum puplicorum et magistrorum iuratorum et ludicum ad contractus.

novembre

Extravagantes infra regnum.

(1381-1382)

Vili

190

120-132

133-1360

(1384-1385)

(1)

ff.

della

pergamena

fino al n. 83

sono

di sesto pi piccolo.

La num. romana

ne'

ff.

si

trova interrotta.
(2)

Al margine de' documenti cassali sono messe quasi sempre

le p()3tille, tra le quali no-

28

quatcrno Secreti Apulie f. b^ Vacai quia restiti


full et resignata in curia et renocala- f. 25" Cassata quia rescripta est in seguenti facie
f. 40'' Vocat quia resignavit et scriptum estjiro eodein negotio Gualtcrio de Collepetro i. {
Cassata emendata in quaterna alio registrata.
(3) Al f. 98 scritto: Registrum domini Karoli primogeniti et heredis illustris regis Sicil
Leggoiisi successivamente in capo de' ff., le lettere P, Q, R, per le iniziali de' nomi de
persone, cui si i-ifciiscono gli atti, non corrispondono alle lettere suddette.
(*) In testa del f- leggesi: Secretis tam de Curia quam de pricatis. Al titolo Secreto (
labrie aggiunto et Sicilie, ma gli ordini sono spediti solo al Secreto di Calabria.
() Il f. 134' continua al f. 133 ed il f. 136'' a 135.
tiamo

le

seguenti:

Rescripta

l''

f.

est in

CAROLUS

Voi. 17

I.

1272.

XV

Ind.

Contiene ff. 64 segni


con num. araba 1-95: mancano iff. 56, 62, 64-71, 74-94: del f. 40 esiste Ui

due fogli verso

Il registro, eccetto

4" parte.

buono

staio.

(^)

-Sono bianchi'

La

la fine, in

ff.

19^,'40'\ 48^.

meno guasta

mancante ne' ff. l"', 72, 73.


le indizioni soitonotate al
un doc. di marzo XIII ind. [1270], al
f.
uno di giugno XIV ind. [1271,, ed al f. 16" due di sett. I ind. [1272).
Trocansi doc. cassati ai ff. 24'', 32", 33", 34", 55^ 57^ 44'', 49", 50''. r)
scrittura pi o

Oltre

25''

monco

il

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

(Il

XV

f. ^

doc. nel f. 31"-

INDIZIONI

gennaio-agosto
fcbbraio-id.

id.

-id.

id.

-id.

carattere corsivo indica

titoli

suppliti

per analogia)

Privilegia concessiones et confir-

mationes.
Vicario et Camerario Urbis, Vicario Tuscie Senescallo Lombardie
Ballivo Andegavensi, Senescallo
Provincie et aliis extraRegnum.
De matrimoniis.

(1271-1272)

(^)

marzo-agosto

Apodixarium.
Extravagantes infra regnum.

giugno-agosto

Quaternus extractionis victualium.

La num. romana

trovasi in quasi tutti

ff.

Iiidicazion

dei fogli

20-40
55
50
57-63
95

17-19
41-48
1-16
51-54
72-73

49

disordinata ed interrotta.

margine dei doc. cassati notiamo: f. 24'' De


gistratum est quia fractum retractalum seu recocaium f. 34 Deregistratum quia fraclum
incisum redditum f. 49 Fracta fuit et mutata.
(2)

Tra

le postille

e)

Il

30''

f.

messe quasi sempre

continua

al

f.

55.

al

18 CAROLUS

Voi.

registro in buono stato-

//

29

Verso

la fine

1273. A.

I.

sono pochi fogli macerati nel margine in-

feriore e laterale senza che ne sia danneggiato lo scritto. Contiene ff. 274 segnati
con num. araba 1-276: sono duplicati i ff. 72, 73, 81, 166, 182: triplicato ilf. 172:

mancano i ff. 13, 21, 79, 148, 140. 174-177. (i)


Sono bianchi i ff. 2\ 8\ 12'>, 139'', 172'', 263'', 271'', 274''.
La scrittura pi o meno guasta o mancante neiff. 6'', 8",
16r\ 221, 224, 242'\ 266'', 276.

9", 55, 59'',

indizioni sottonotate al f. 146'' un doc. di settembre


Trocansi documenti cassati ai ff. 14", 24", 26", 32'\ 33\ 34\

Oltre

le

58",

60'',

-66",

135''. 138'',
192'',

73'',

140,

146'', 161'',

102'',

164,

doc. neiff. 03",

INDIZIONI
ANNI

93'',

106", 117",

165'',

166, 171'',

119''.

172\

49'',

57",

120", 124, 125", 129''. 131",


179". 181", 182", 183", 184",
(")

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

42'',

140", 221'', 228", 233', 241", 249", 251'', 274".

MESI

XII

79'',

ind. [1271).

40'',

193", 204", 212". 220'', 229", 236''. 245'', 251'', 268'', 270''.

Sono monchi

89'',

XV

133, 160"',

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

dei fogli

8-12

giugno-luglio

Extravagantes.

settembre-magg.

Magistris procuratoribus et portu-

(3)

(1268-1269)

II

(1273-1274)

ianis.

ottobre-agosto

lustitiariis, Secretis et aliis citra et

ultra farum.

novembre-aprile

Matrimonia.

id.

-luglio

lustitiario Aprutii ultra flumen.

id.

-id.

Quaternus

id.

-id.

Curia.
Secreto Apulie
de Curia.

id.

-id.

Secr. Apulie

id.

-agosto

Extravagantes infra regnum

extravagantium

regnum de

infra

de

privatis.

de

privatis.

id.

-id.

Magistris portulanis et procuratoribus pr Curia.

1-^

U)
152-155*^ ^

121-128
140
144-147
167-173
230
233-234 (5)
241-250
252-269
272-273
275-276
270
160-166
195-212
43-50
136-139
51-58
85-86
6-7 (6)
22-25
27-42
180-194
218-221
224-227
67-84
141-142

150
156-159

INDIZIONI
1

.N

30

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

Indicazione
1*1'
1

(Il

carattere corsivo indica

titoli

novembre-agosto

Secreto Principatus Terre Laboris


et Aj^rulii de i)rivatis.

id.

-id.

Secr. Sicilie.

id.

-id.

Privilegia.

dicembre

-id.

Extravagantes extra regnum

II

(1273-1274)

dei logli

suppliti per analogia)

59-06

87-90
143
111-120
14-20

de

26

privatis. C)
id.

ri

privatis.

129-135

gennaio-marzo

151
228-229
271
222-223

Apodixarius.

-agosto

id.

bus de

Secretis Sicilie Principatus Terre


Laboris et Aprutii
de Curia,
Secr. Calabrie.

-id.

id.

91-110

Magistris portulanis et procurato-

-id.

Extravagantes extra regnum

marzo-aprile

de

Curia.
-luglio

id.

II

(1288-1289)

Just. Basilicate.

luglio-agosto

Quaternus litterarum de defensa


inceptus VI iulii II ind.

agosto

lustitiario Vallis Gratis.

gennaio-giugno
agosto

Just. Principatus.

0)

La num. romana
Le

(^)

Al

trova

si

235-240
251
178-179

Terre Laboris.

maggio-luglio

(2)

gistris

lustitiario

274
231-232
213-217

Extravagantium.
in molti fogli.

sempre sono messe al margine dei doc. cassati.


titolo Extravagantes trovasi aggiunto in caratteri poco

postille quasi

f. 8 dopo il
Tarsianatus Principatus

continua

al

et

Ma-

P.

(*)

Il

f.

B*

(5)

Il

f.

2iS^ continua

(C)

Il

f.

G legato a rovescio, e perci

f.

al

leggibili:

Terre LaboriS'

f.

272", ed

il

continua nel retto del

f.
il

249'' al

f.

144".

quinto documento che resta interrotto nel retto

f- seguente
leggono anche ordini spediti: lustitiario Capitinatc: Magistro lurato Lidi: Unicersis hominibus Cagete: Magistris Side Brundusii: Distributoribus Basilicate: Vicario Sicilie: Straticoto Messane: Unicersis tani amicis quam Jidelibus etc

del

f.

7"'.

C) Si

Voi. 19
ha

1274.

l.

150-168, 178, 185-195:

Sono bianchi

La

primi fogli assai maltrattati, nel resto in buono siato. Comprende


170 segnati con num. araba da 1-197: mancano i ff. 63, 133, 134, 147, 148,

Jl registro
ff.

- CAROLUS

i JjT.

4'',

scrittura pi o

il

11'',

f. 4 non intero.

58^ 52^

meno guasta

109'',

(')

115'',

117'',

118'',

119'',

o mancante nei ff. 1-21, 39'^,

179'',

70'',

180'',

197''.

79-81, 84, 86,

87, 94, lOlf, 122, 130", 135".

Trocansi documenti cassati nei

ff.

65", 69", 71", 104", 113", 136",

Sono monchi

doc.

12"",

13'',

W,

149K 197".

15'',

26", 27", 29",

()

nei ff. 35", 47, 48'', 57'', 85", 116", 135",

158''.

31'',

32'',

49",

INDIZIONI

XV

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

31

(Il

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti por analogia)

gennaio-febbraio

Extravarjantes infra regnum.

agosto

Secreto Principatus

settembre-nov.

Extravagantes infra regnum.

id.

lustitiario

dei fogli

145-146

(1271-1272)

li

de

privatis.

119

(1273-1274)

III

(3)

(1274-1275)

-id.

Terre Laboris

tatus Molisii.

-agosto

id.

-id,

id.

-id.

ottobre-marzo

Comi-

Quaternus lustitiarii Aprutii ultra


flumen Piscarie ubi continentur

eidem

directe

littere

id.

et

(5)

92-93
110-1130)
122-139
149-158
10
12-19
22-33
35-36
39-59

(7)

lustitiario

super factis Curie et privatorum. C)


Quaternus pliisicorum, cirurgicorum, advocatornm.
Omnes recepti de hospitio domini
regis.
lustitiario Aprutii citra flumen Piscarie
pr factis privatarum

182-184
196-197
60-66

personarum.
id.

-agosto

lust.

flumen salsum
Curie et etiam privacitra

Sicilie

pr factis
torum.
id.

-id.

Just. Sicilie ultra

factis Curie et

novembre-id.
dicenribre -id.

gennaio-marzo
id.

II-III

agosto

flumen salsum pr
etiam privatorum.

Littere ad lustitiarium Principatus,


lustitiario Calabrie.

Magistri Siclarii Brundusii.


lustitiarius

-id

lust. Vallis Gratis.

giugno

-id,

Apodixarius.

agosto-ottobre

67
72-77
82-84
5-9
68-71
78-81
20-21

Extravagantium.

()

(9)

140-144(^)

180

(1288-1290)

III

1-4

120

Terre Bari,

marzo

94-101
114
121
102-109

settembre

Principatus ultra serras


Montorii.

lustitiario

(1289-1290)

id.

-marzo

Secretis.
lustitiario

id.

-aprile

Extravagantes.

id.

-magg.

lustitiario

id.

85-87
115-118

....
Terre Laboris

tatus Molisii.

11

88-91
169-179
181
et

Comi-

34
37-38

-32-

(') La num. romana si trova in molti IT. interrotta. Il titolo 1274. B, che leggesi nel dorso
questo volume, ripetuto senza variazione nei due seguenti coi num. 20 e 21; ed il Miniori [Le Cancellarle anjioiiia, aragonese e spagnuola dell' Archioio di Stato di Napoli [i. 8)

di

forse per

ragione credette che

tal

tutti e tre

voi

formassero un solo registro.

repertori

del Sicola {Rep. II p. 271-337) e del Chiarito {Rep. Ili p. 48-98) contengono i sunti di un solo
registro intitolato 1274. 13, e citano progressivamente i IT. che ora sono ne" voi. 20 e 21. Del
voi. li) solo pochi IT. appartengono al voi. 21, gli altri componevano il registro 1290 A. In

Guardia [Delle famiglie forestiere imparentate con quelle della Marra


p. 26, 51, 52 e 401 ecc.) riporta alcuni documenti tratti dal Registro 1290. A, che dice posposto
perch dell anno /i?74; e questi documenti sono nel voi. 19-1274. B. Di pi il Sicola (/?e/). .Y
f. 41) fa
sunti del registro 1290. A, che corrispondono ai documenti contenuti nel voi. 19-1274. B.
da aggiungere che nell' inventario uHoiale del 1568 delle scritture della R. Zecca (R.
Camera della Sommaria Dioersorum col. 28 f. 98) annotato un solo registro del 1274 che
comincia e termina con alcune parole, che esaltamente si l'iscontrano nel voi. 21, nel quale
fatti

Duca

il

della

allora era incluso l'attuale voi. 20; ed annotato parimenti


1290, di fogli 197, che comincia con le parole Littere

Cam duobus

(ivi

f.

99)

un altro registro del

ad lustitiarium Principatus e termina

equis die.XIIII. L'atlua-Q registro 19-1274. B, presenta la numerazione di

e comincia e termina con

197,

if.

parole sopra riferite.

le

Nella legatura fatta alla fine del sec. scorso, il registro 1290. A, prese il titolo 1274. B,
avuta considerazione della data degli atti. Nell'elenco del 1855 (Belmonte, Leg. positiva degli
Archicii p. 56) si not come mancante.
(^)

est

Tra

le

messe

postille

informa istarum

laniata

cum uno

136''

f.

de'

Secreto Principatus

doc

i.

cassati notiamo;
14"

Deregistrata quia refecta de nooo

Vacai quia

f.

f.

13"

V acant

rcstituta fuit

quia scriptum

Camera

et

197" Deregistrata quia scripta est

alio.

Alla sommit del

(')

margine

al

f-

122

si

gistro Guillelmo de Farumcilla


lario- In anno domini

In nomine domini

legge:

decano

incipit r e gistrum

factum sub ma-

S. Pctri ciroruni aureliani regni Sicilie cicecancel-

inceptum primo septembris tertie indici. Indi segue:


Quaternus Extravagantium infra regnum ubi continentur littere misse prioatis personis infra
regnum cxtracaganiibus pr curia.

MCCLXXIIII

{*)

Il

f.

(^)

Al
Al

C)

Il

(8)

(5)

US"" continua al

f.

30 dopo

f.

39 prima

f.
ff.

il

f.

139".

titolo

aggiunto pr privatis personis.


In nomine domini eie. come nella precedente nota

del titolo scritto:

p).

53 legato a rovescio.
72-76 segnati co' n. romani

CCLX-CCLXVll (mancando

f.

CCLXIII

e CCLXIIII)

al f. 379, segnato pure col n. CCLIX, del registro 21.


68-71 con la num. romana CCXLUII-CCXLVU sono continuazione del

fanno seguito
C)

ff.

CCXLllI

n.

(^o)

Il

f.

f.

371 col

del registro 21.

140 cucito a rovescio.

Voi. 20

// registro in

buono

stato.

CAROLUS

I.

1274. B.

Contiene 50 fogli segnati con

num araba da

45-108,

sono duplicati i ff. 50, 81: mancano i ff. 60-65, 98-107 (')
B. De' ff 45 e 108 che hanno pochi versi scritti e sono come una interna
periura del registro, non si tiene conto nella seguente tabella-

A^.

Sono bianchi

ff.

45, 71^, 108^.

La

scrittura guasta nel f. 108.


Trocansi documenti cassati ai
ff.

Sono monchi

doc. nel ff.

66"',

74'',

108',

86'',

91''.

[^)

co-^

33
INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

titoli

suppliti per analogia)

Quaternus Extravagantium extra

maggio-agosto

Il-V

carattere corsivo indica

Indicazione

regnum

Comitatibus
Provincie
Andegavie
et Forchalquerii ac etiam Lombardie, (3)
Registrum Provincie. Lombardie,
Tuscie et quarumdam procurationum.

(1273-1277)

giugno-gennaio

dei fogli

46-71

in Fi-ancia

72-97

Questo volume era contenuto nel seguente, che ha la stessa intitolazione i274. B, e
che mancante de' ff. 45-108. Il Sicola [Rop. cit. II p. 271-337) ed il Chiarito [Rep. cit. Ili
p. 48-98) non fanno distinzione di questi due volumi co' n. 20 e 21, ma li riportano riuniti in un
solo. La num. romana va da I-LV, mancano i ff. X"VI-XXI e XXXV. Al f. 45** sono scritti
lOB'^, ne' quali si nominano fra l'altro
pochi versi di nessuna importanza, altri versi sono al
gli abati di Real Valle e di S. Maria della Vittoria. De' ff. mancanti trovansi i sunti con qualche interruzione ne' Repertorii del Sicola (Rcp. cit.) e del Chiarito [Rcp. cit-).
f. Di'* Deregistrata
quia fracta
(^) Tra
le postille messe a' documenti cassati notiamo
(')

1".

fuit

scripta alia.

et

XV

iulii
un documento in lingua francese. Al f. 69** leggesi Die ioois
V indictionis apucl Lacumpensilem inceptum sigillari sub sigillo novo, seguenti die veneris fracium fuit vetus.
(3)

Al

f.

67'*

Voi. 21 --

CAROLUS

1274. B.

I.

solo V ultimo quaderno malandato. Contiene ff. 309


araba 1-379: sono duplicati i ff. 172,214, 221, 290, 350: mancano

Il registro in buono siato

segnati con num.

30, 31, 45-108, 114, 118, 260, 341, 351-355.

Sono bianchi

La

ff.

44\
meno guasta

13^,

scrittura pi o

125'',

136'',

176'',

[')

29i\

n' ff. 372-376. 379''.


109'', 113'', 116", 131",

15'',

159, 163'\ 167'', 178'\ 179"", 183'', 189", 190",

318",

244\

254'',

doc

INDIZIONI

(1272-1273)

ottobre-luglio

id.

137", 139", 141",

205", 212",

214'',

215",

287", 290", 299'', 304", 307", 308'', 317,

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

id.

193\

197'',

nei ff. 149"', 175''.

MESI

(ANNI)

269'', 271'', 285'',

360", 364'', 370", 372".

359'',

Sono monchi

256",

363^

mancante

Trooansi documenti cassati aiff.9",


229'',

312'',

-agosto
-id.

aprile-giugno

carattere corsivo indica

Secreto

Sicilie,

titoli

suppliti per analogia)

f)

Secretis Principatus Terre Laboris


et Aprutii.
Secreto Apulic. 0)
Magistris Portulanis et aliis Officialibus.

Indicazione
dei fogli

27-36
1-13
14-26
37-44


INDIZIONI
(anni

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
(Il

novembre5-aprilc

II

34

carattoro corsivo indica

titoli

dane

de

Calabrie

dei fogli

suppliti por analogia)

lustitiario Vallis Gratis et

(1273-1274)

Indicazione

privatis.

Terre lor-

177-180

(s)

pr privatis.

id.

-agosto

Just.

id.

-id.

lust. Priiicipatus.

id.

-id.

Just. Capilinate.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

Just.

dicembre

-id.

Just. Sicilie

109-113
12G-136
137-144
151-164
165-176
115-117

Terre Bari.
Terre Ydronti.

citraflumen pr

pri-

vatis.
id.

-id.

lust. Basilicate.

luglio

-id.

Just.

145-150
119-125

de privatis.

lustitiario Calabrie

settembre,-febbr.

III

Terre Laboris

pr factis Curie
etiam privatorum.
lust. Vallis Gratis et Terre lordane
pr factis Curie et etiam privatorum.
Just. Principatus et Terre Beneventane pr factis Curie et etiam privatorum.
Just. Capitinate pr factis privatarum personarum et etiam Curie.
lust. Basilicate pr factis Curie et
privatorum.
Just. Terre Bari pr factis Curie et
privatorum.
lust. Terre Ydronti pr factis Curie
et etiam privatorum.
lust. Terre Laboris.

372-379(j

et

(1274-1275)

-marzo

id.

-agosto

'

id.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

febbraio

-id.

364-371(7)

211-260

261-294

295-312
313-338

339-363

La num. romana va da 1-CCLVIIII interrotta e alcune volte ripetuta. I


mancano in questo volume sono legati neil' antecedente, ed a' tempi del Sieda
(')

181-210

fi".

45-108 che

{i?e/). cit-)

volume con gli altri fogli contenuti in questo voi. 21.


(^) Le postille sono scritte quasi sempre al margine de' doc. cassati, e tra le altre notiamo
le seguenti: f. Ib^ Vacai quia registrata fuit in registro Camere L 183'* Disregistrata quia
restituta in Camera et fracta - i. 205* Disregistrata quia in alia form.a facta.
del Chiarito [Rep.

(3)
{*)

domini

Al
Al

f.

f.

cit.)

formavano un

27* si legge:
15* scritto:

solo

Factum Leonis de panda de

XII II

officio secretie Sicilie.

Die martis
Capuam anno
archidiaconus panormitanus recepit sigillum regium et codem
martii prime indictionis apud

MCCLXXIII. Dominus

die incepit sigillare.

Al f. 180 segnato pure col n. CVII, fanno seguito ff. CVIII, CVIIII e CX esistenti nel
nuovo di Carlo I f. 7-9- (V. B- Capasso: Nuoci voi- dei registri angioini p. 29).
19 segnati coi num. romani CCLX-CCLXVII fanno seguito
(6) I ff. 72-76, 82-83 del voi.
al f. 379 arabo, CCLVIIII romano di questo volume Cf. p. 32 (nota 8), ove si detto mancare
i ff. coi num. romani CCLXIII, CCLXIllI, e si avrebbe dovuto aggiungere che essi si trovano
nei ff. coi numeri arabi 82 83.
C) I ff. 68-71, 78-81 del voi. 19 segnati coi num. romani CCXLIIII-CCLI fanno seguito al
f. 371 arabo, CCXLIII romano di questo volume. Cf- p- 32 (nota 9) ove avrebbero dovuto essere notati anche i ff. CCXLVllI-CCLI, segnati coi numeri arabi 78-81.
(5)

voi.

35

Voi. 22

CAROLUS

I.

1275. A.

ff.

buono stato ad eccezione di pochi ff. in principio ed in fine Contiene


229 segnati con num. araba 1-230: sono duplicati i f. 46, 56, 219, mancano i

g.

161, 184, 199, 221.

Il registro in

Sono bianchi

La

ff.

56'',

scrittura pi o

(i)

95'',

104''.

meno guasta

o mancante nei ff. 1-7,

20'',

181, 183.

indizioni sottonotaie al f. 105'^ un doc di agosto III ind. (1275).


Trovansi documenti cassati ai ff. 1", 12\ 50'', 54", 59", 63'', 71", 73\ 74'', 76", 87",

Oltre

le

94'',

103",

108'',

120", 122", 125'', 145", 147". 150'', 177", 189, 192", 193'', 197^,

202'', 204, 219", 222''.

Sono monchi

doc. ai ff.

INDIZIONI

IV

112'',

113".

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(1275-1276)

(")

(Il

settemb re-nov.

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

Indicazione
dei ioga

214-215
109-112

Secreto Apulie.

id.

-febbr.

lustitiario Calabrie.

id.

-aprile

lust. Basilicate.

id.

-giugno

Magistris Siclariis Side Brundusii et distributoribus eorum per

200
80-82
85-86

198
216-218

regnum.
id.

-luglio

lustitiarius Capitanate.

id.

-id.

lustitiario Vallis

Gratis et Terre

68-79
205-206
105-108

lordane.
id.

-agosto

lust, Aprutii.

id.

-id.

lust.

Terre Laboris'

Molisi!.
id.

-id.

lust.

et

Comitatus

(3)

Principatus et Terre Beneven-

tane.
id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

ottobre- agosto

Terre Bari.

Terre Ydronti.
Quaternus de apodixis officialium
assignatis in Camera de equis
mortuis et restitutis et de illis qui
recepti sunt de hospicio.
Secreto Principatus Terre Laboris

1-30
207-210
31-56 (i.
185-192^ ^
57-67
193-197
83-84
87-95
201-204
96-104
219bi-230

211-213

et Aprutii.

novembre-dicem.

Magistro portulano et procuratori

219

in Apulia.

maggio--agosto

Extravagantes infra regnum. f)

La num. romana si trova in molti fogli.


Tra
le postille messe al margine dei doc. cassati notiamo:
p)

113-183

(^)

est in registro,

presentata

est inferius

f.

f. US** Vacai quia duplicata


147* Dcregistrata quia r csig nata fuit per eumdem

36

Vacai quia canccllarius laniavit litteras quo restitute fuerunt {. lOS** Vacai
non
sigillata fuit sigillo rcjio et postmoduni laniata
quia restiiuta et
f. 204'' Vacant quia
non fuerunt cidem lustitiario assiynate et fuerunt restitute in Camera f. 219* Vacant quia
posile infra inter apodixas in alia forma.
(^) Al f.
185 il titolo e Lictcre directe ad lustitiarium Terre Lahoris.
{*) Il f. 45'' continua al 40'' bis, ed il f. 46'' P al f. 47''
Al f. 140 sono quattro impronte di monete. Al f. 181'' lo Statutum Araciarum.
nxiliteni

189''

f.

i^-)

CAROLUS

Voi. 23

1275. B.

I.

buono stato solo in principio ed in fine la pergamena


nel margine inferiore macerata dall'acqua, con danno spesso anche dello scritto.
Contiene ff. 141 segnati con num. romana da I-CL: mancano i f. LXI, LXIV,
CXXXI V, CXLI-CXL VI.
N. B. Nelle citazioni seguenti de ff. si adopera la cifra araba corrispondente alla
romana. /)
Jl registro in generale in

Sono bianchi

La

^30'', 133''.
ffscrittura pi, o meno guasta o
i

Trocansi cassati

documenti a

ff.

S9^
93\ 96",
il
monco
doc. nel f. 140''

88'',

16"',

7,

113\

106'',

91'',

mancante

nei ff.

23'',

1-34. 125"', 129', 135''-150.

44, 45",

50\

51, 52'',

65\

66'', 67'^,

[^)

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(11

IV

settcmbre-dicem.

(1275-1276)

id.

-agosto

id.

-id.

ottobre-maggio

carattere corsivo indica

si

(2)

Tra

messe quasi sempre

(3)

135-150
1-126
131-133
127-130

pochi fogli.

margine dei doc.

44**

De-

segue: (anni) quarte indictionis facte per magistrum Guillelmum de

Fa-

rondila prcposituni S- Amati Duacensis regni Sicilie vicecancellarium anno millesimo


LXXV, mense septembris.

CC

postille,

le

registrata quia non debuerunt hic scribi


(3)

dei fogli

suppliti per analogia)

Privilegia concessiones et donationes.

La num. araba

in

titoli

Quaternus apodixarum.
Extravagantes infra regnum.
Quaternus matrimoniorum.

(')

trova

Indicazione

Dopo

il

titolo

al
f.

91''

Deregistrata

cassati,
et

notiamo:

f.

lacerata fuit.

Voi. 24

S7

CAROLUS

1275. C.

I.

Jl registro in buono siato. Contiene ff. 55 segnati con num. araba da 1-54:
duplicato: la num. romana va da ILVJ, manca il f. XXVIII.

bianco

meno guasta

Trocansi documenti cassati

monco

il

f.

23

27''

il

f.
scrittura pi o

La

il

doc. nel /.

INDIZIONI

ai ff.

mancante

l\

7,

(i)

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

IV

nei ff. 1-3.


26'', 33", 42.

12"",

26''.

MESI

(anni)

8"",

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

Magistri procuratores et magistri


portulani regni tam citra quam

settembre-dicem.

(1275-1276)

31-54

ultra farum.
-giugno Secretis Principatus, Terre Laboris

id.

1-16

et Aprutii C).
id.

Secretus Calabrie.
-agosto Secr, Apulie.

id.

-id.

Tra

(')

guente:

f.

le postille,

Secr, Sicilie.

messe quasi sempre

Dcregistraia quia resgnata

33'"*

24-27
17-23
28-30

-luglio

id.

margine

al

fvada

et

dei

et in

documenti

cassati,

notiamo

la se-

alia forma innovata.

Quaternus secrclorum et magistrorum procu{^) Prima del titolo: Secretis ecc. si legge:
ratorum factus per magistrum Guillelmum de Faronoilla prepositum ecclesie sancti Amati
Duacensis regni Sicilie vicecancellarium anno Domini A/ CC^ LXXV mense septembris primo
eiusdem quarte indictionis regnante domino Karolo rege Sicilie feliciter anno undecimo.

Voi. 25

CAROLUS

1276. A.

primi ff. ed in parte anche gli ultimi sono


abbastanza danneggiati. Contiene ff. 194 segnati con num. romana, la quale essendo
distrutta nei primi ff. apparisce da XXVII-CCXI: in fine sono due ff. senza n.:

// registro in mediocre

mancano

ff.

stato

per

LXXVIII LXXVIIII CXVII-CXXV C XXX VII CLIIII


,

CLXXXI-CLXXXIIII, CLXXXVII, CLXXXVIII:

i primi tre fogli e V ultimo


sono dimezzati verticalmente: del f.
esiste una quarta parte, del f. CCVI
una met, de' ff. CCVIII, OC Villi una terza parte.

CLXXX

N. B. Nelle
romana. [^)
Sono bianchi

citazioni seguenti de' ff. si

adopera

la cifra

araba corrispondente alla

20P, 204\ 209''.


La scrittura pi o meno guasta o mancante nei ff. 1-55 63'^,
95'', 96"', 101, 102", 13l\ 145-187, 191, 196, 211 ed i due
ff.
i

ff.

180'',

Oltre

le

indizioni sottonotate al /. 166"'

monco

il

doc. nel f. 137''.

77",

y^]

Si'',

90,

seguenti.

un doc. di seti. VI ind. [1277].


7^ 52", 45", 74", 76", 77'', 93'',

Trocansi documenti cassati ai ff. 1, 3",


104'', 137'', 191", 192", 196" e V ultimo foglio,

75'^,

94'', 95'*,

38
INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

id.

-id.

id.

-id.

1-174
189-196

Privilegia,

Matrimonia.
Extravagantes extra regnum.
Littore de contemptu defense.

{*)

La numerazione araba s trova per lo pi nei primi fogli.


Tra le postille messe al margine de' documenti cassati notiamo

la

marzo-agosto

201''-209

178-180
197-200
210-211

Clerici, milites et vallecti recepti in


hospitio regis.

dicembre-id.
gennaio-febbraio

(*)

dei fogli

suppliti per analogia)

Corniti, notarli regni, advocati, phisici, et cirurgici, iudices, magistri iurati.

-agosto

id.

titoli

Indicazione

Extravagantes infra regnum. f)


Apodixarius.

settembre-agosto

ottobre-luglio

(')

carattere corsivo indica

(Il

(1276 1277J

185-196
212-213
175-177

seguente:

74*

f.

quaterno extra regnum.


Capitala sercanda per Raoneni de Caulis custodcm parci et defense
Murronis sicut iuxla statutum curie per magistros et forestarios defensarum et forestarum
Curie servari cnnsuecerunt et dehent sunt hec videlicet. Al f. 110 sono alcune impronte di monete.
si legge
(*) Al f. 176
Die iorAs
iulii V indictionis dominus cancellarius incepit si-

Vacai quia scripta


(3)

Al

82

f.

est in

legge

si

XV

gillare sigillo novo, et seguenti die veneris


si

legge

al

f.

fraduni fuit

sigillum vctus. Analoga osservazione

del voi. 20. (V. p. 33 nota 3}

69''

Voi. 26
Il registro in alcuni

(CAROLUS

quaderni

buono stato

in

1276. B.

I.)

CXCVJ,

ff.

270: dopo

/.

il

N. B. Nella
Sono bianchi

La

ff.

ed interrotta: sono duscritto

sopra un pezzo

(^]

numeri romani

citazione dei ff. coi

romana JJ-CCX, araba

II segue un documento

di pergamena, situata per traverso nei fogli.

per

in altri in mediocre o cattivo

l'infiltrazione delle acque. Contiene ff. 333 segnati con num.


da 211-332, alla quale aggiunta la romana disordinata

plicati

{')

adoperata la cifra araba.

117\ 217K

scrittura pi o

meno guasta

mancante

ne' ff. 85''-l3l,

133-139, 226, 248, 250,

253-322.

Trovansi documenti cassati


66", 74",

65'',

77'',

78'',

a' ff.

lOl'',

7'',

106\

r,

12'',

118'',

17^,

23\

doc. nei ff.

INDIZIONI

carattere corsivo indica

titoli

suppliti

per analogia)

settembre-agosto

Secretus Principatus et Terre La-

id.

boris et Aprutii
Secr. Apulie.

-id.

60\

[')

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

(12761277;

59",

128''.

MESI

(ANNI)

85'',

55'',

130, 131, 133, 134", 137'', 152", 157'',

159", 161", 168, 17 0\ 193", 218'', 219", 248'', 309''.

Sono monchi

28", 31", 45",

Indicazione
dei fogli

2-11

{*)

12-27

39
INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(II

id.

-id.

id.

-id.

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

Secretus Calabrie.
Secr. Sicilie.
Magistri procuratores et magistri
portulani regni tam citra quam

settembre-agosto

(1276-1277)

28-31
32-37
38-85

ultra farum.

VI

settembre-agosto

(1277-1278)

lust.

-id.

id.

(s)

Comitatus

86-117
118-150

Principatus et Terre Beneven-

151-166

lustitiarius Aprutii.

Terre Laboris

et

Molisii.
id.

lust.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

tane.
lust. Capitinate.
lust. Basilicate.
lust. Terre Bari.

marzo-luglio

Vicario

settembre-marzo

Vili
(1279-1280)

-id.

id.

Extravagantes infra regnum.

226-231
232-326

Quaternus litterarum directarum

327-332

settembre-ottobre

XII

167-195
196-217
218-225

Sicilie.

lustitiariis Calabrie, Vallis Gratis

(1328-1329)

etTerre lordane et aliis officialibus terrarum domini, (e)

(')

Nel dorso del volume manca

da noi
(2)

quali

Il

pezzo
fa

si

(2)

parentesi Carolus

in

Tra

di

f.

sigillo

si

aggiunto

il

f.

2 contiene un doc. relativo

ai

mercanti

di Siena, dei

3^*.

documenti cancellati leggonsi queste: f. 9** Deregistrate et lacerate


registrate sub sigillo novo f. 12" Lacerate fuerunt quia fade fuerunt

le postille de'

inferius rescripte sunt et

cum

Sovrano, e quindi

I.

pergamena dopo

parola nel

la solita indicazione del

paroo.

Al principio del f. 2* scritto: Rogistrum ubi continentur Secreti et Magistri Procuet Portulani anni quinte indictionis factum sub magistro Guillelmo de Faronoilla
preposito Ecclcsiao Sancii Amati Duacensis regni Sicilie oicecancellario anno domini
MCCLXXVI die primo septembris quinte indictionis Regnante domino rcge Karolo Sicilie
rege etc. anno duodecimo.
Al f. 10" si legge: Die ioois
lulii V indictionis apud Lacumpensilem dominus Cancellarius incepit sigillare sigillo noco et seguenti die veneris fractum fuit
sigillum vetus. Analoga osservazione si legge al f. 69*^ del voi. 20 (V. p. 33 nota 3) ed al f. 176''
(*)

ratores

del voi. 25. (V. p. 38 nota

XV

4).

Al principio del f. 86" scritto: Registrum lustitiariorum regni anni sexte indictionis
factum per cenerabilem virum magistrum Guillelmum de Farumvilla prepositum Ecclesie
Sancii Amati duacensis Regnorum lerusalem et Sicilie vicecancellarium.
(^)

{^)

Il

titolo al fol. 332, e gli atti

sono spediti

in

nome

di

Carlo, figlio di re Roberto.


Voi. 27
// registro in

buono

J-CLXXJ: mancano

CAROLUS
Contiene

stato.
i

40

ff.

ff.

1276 1277. A.

I.

167 segnati con numerazione romana da

XXII, LXXIIII, CXXXl, CLV.

[')

N. B. Nella citazione dei ff. adoperata la cifra araba corrispondente alla romana.
Sono bianchi i ff. 26^, 58\ lOOK
La scrittura pi o meno guasta o mancante nei ff. 1, 2, 95. 171.
Trovansi documenti cassati a ff. i4, 25'', 38\ 59, 66", 93'' lOP, 105", 126", 145". (*)

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

carattere corsivo indica

titoli

suppliti

per analogia)

lustitiario VallisGratiset Terre lor-

settembre-luglio

Indicazione
dei fogli

156-163

dane.

(1276-1277)
id.

-agosto

lust. Aprutii.

id.

-id.

lust.

(3)

Terre Laboris

et

Comitatus

1-26
27-58

Molisii.

(1)

Nei

ff.

id.

-id.

id.

-id.

Principatus.
lust, Capitinate.

id.

-id.

lust. Basilicate.

Terre Bari.
Terre Ydronti.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust.

ottobre

-id.

lust. Calabrie.

50-171

Notiamo

si

59-72
73-93
94-109
110-131
132-154
164-171

lust.

trova pure la num. araba.

seguenti postille messe al margine de' documenti cassati: f. 25'' Deregistrate et laniate fuerunt de mandato domini
et rescripte sunt infra
f. 66* Deregistratc
f. 93^ Vacai quia supra in prima
sub novo sigillo et date apud lacumpensilem XII augusti
{^)

le

lictera corecta est sub

eadem data.

Al principio del f. P scritto: Registrum lustitiariorum regni tam citra quam, ultra
farum anni V indictionis factum sub magistro Guillelmo de Faronoilla proposito ecclesie
Sancti Amati Duacensis regni Sicilie oicecancellario anno domini MCCLXXVI die I septembris V indictionis Regnante domino Karolo rege Sicilie etc anno duodecimo feliciter amen.
Titolo analogo riportato al f. 86* del voi. 26 (V. p. 39 nota 5).
(')

Voi. 28
// registro trovasi in

buono

- CAROLUS

stato.

I.

1277. F.

Contiene ff. 310 segnati con num. araba da 1-310:

manca il f. 102; duplicato il f. 98 (^).


Sono bianchi i ff. 116'', 126'', 257\ 266''.
La scrittura pi o meno guasta o mancante

nei ff.

1,

113, 115-128, 242, 278,

292-310.
ai ff. 4", 11'', 12", 17", 31'', 40", 41", 46, 48", 52", 57",
71", 81", 85", 87", 93", 105", 204", 220", 223", 23l". f]

Trovansi documenti cassati


66", 67", 69", 76,

Sono monchi

doc. nei ff. 223", 231", 238", 279".

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

VI
(1277-1278)

settembre-luglio
-agosto
id.
id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

carattere corsivo indica

Secreto

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

31-34

Sicilie,

Secr. Priiicipatus Terre Laboris et


Aprutii. (^)
Secr. Apulie.
Secr. Calabrie,
Magistri procuratores et portolani.

id.

-luglio

Terre Bari.
Littore misse extra regnum.

id.

-agosto

In Aprutio.

id,

-id.

Terra Laboris.

id.

-id.

id.

-id.

Principatus.
Capitinata.

id.

-id.

id.

-id.

lustitiario Basilicate.
In Apulia. C)

id.

-id.

In Calabria.

id.

-id.

id.

-id.

Terre Ydronti. (")


Vicario Sicilie.
Exti'avagantes-in regnum.
Magistro portulano et procuratoli
Apulie et Aprutii.
Extravagantes.

settembre-magg.

VII
(1278-1279)

41

1-11

12-25
26-30
35-116

224-231
306-310
117-126
127-150
151-166
167-184
185-199
200-215
232-233
236-237
239-243

lustitiario

{*)

(^)

(^)

(^)

238
267-276
244-266
277-298
216-223
234-235

C)

lustitiario

aprile-maggio
giugno-luglio

agosto
(^)

La numerazione romana

(^)

Tra

299-305

si trova da I-CCVIII interrotta.


non sempre messe al margine dei documenti cassati, notiamo: f 220''
Deregistrata et correcta fiat ut infra scriptum est.
(3) Nel principio del f. 1 leggesi: Registrum Sccretorum regni factum per
venerabilcni
cirum magistrum Guillelmum de Farumvilla Prepositum ecclesie Sancii Amati Duacensis Rcgnorunx nostrorum lerusalem et Sicilie vicecancellarium anno mensibus et diebus subscriptis.
(^) Gli atti sono indirizzati: lustitiario Fundicariis Magistris portulanis et procurato-

le postille,

ribtis ecc.
(5)

Gli atti sono spediti: lustitiario Secreto ecc.

(6)

Gli atti sono spediti: lustitiario Secreto ecc.

sono spediti: lustitiario Magistro massario ecc.


(8) Gli ordini non sono diretti solamente ai Giustizieri, ma anche magistris forestarum
defcnsarum Prooisori castrorum ludicibus ecc.
(9) Gli ordini sono spediti: Secreto Magistro portulano et procuratori Magistro salis
P) Gli atti

et

Procisori Castrorum

Dohanerio

Trani ecc.
Secreto Magistro portulano

procuratori Magistro araciarum Curie Procisori Castrorum lustitiario Calabrie, Vallis Gratis et Terre lordane ecc.
(^'^}

Gli ordini sono spediti:

Anche qui gli ordini sono diretti pure ad


Tarenti Provisori castrorum ecc.
(*i)

et

altri officiali:

Custodibus foreste

et

nemorum

42

Voi. 29
// registro

mediocre stato. Contiene

in

mancano i ff. 76,


pergamena scritto,
Sono bianchi i ff 2''
,

La

S0\

83'',

dopo

3'',

5'',

ff.

1278. A.

I.

259 segnati con num. araba da 2-266:


f. 119 legato per traverso un pezzo di

dopo il
221 uno di caria anche

77, 90-92,

scrittura pi o

78,

CAROLIJS

111:

il
f.
6", 41'', 43'', 52'',

meno guasta

mancante

scritto.

63, 74",

62'',

nei ff.

.4'',

82'',

()

132''

20, 30, 31, 40, 49-51,

73'',

95, 96, 101'', 102, 112, Ile'', 119, 121, 128, 129, 131-133, 137, 145,

154, 237, 239-243, 245-266.

152'',

ai ff. 18, 20'', 2P, 22'', 25", 29'', 37, 39", 47'', 55'', 56",
61'', 62", 65'', 66. 68, 69", 72", 73'', 78", 79, 80, 83'', 84", 85, 86",

Trocansi documenti cassati


57'',

58", 60,

87\ 93,

94, 96,

97'',

129-137, 145", 152",

Sono monchi

101", 103, 104", 106'', 107", 108", 112",

98, 99",
153'',

154, 158'', 248".

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

agosto

titoli

suppliti per analogia)

sunt notarii cancellarie recepti


cum scriptoribus anno Xlll indictionis et milites recepti in familiaresannoXIVindictionisetalii.

Isti

1
'

(1267-1268)

XIII-XV

carattere corsivo indica

ottobre-novembre Titulus tideiussorum. (3)


id.
-id.
Littere universis extra regnum.
novembre-aprile
Extravagantes. (*)
febbraio-id.
Gomiti creati tempore domini G.
de Bellomonte.

XI

indicazione
1*1*
I

(Il

(2)

doc. nei ff. 156", 171'', 244'', 245".

INDIZIONI

(12661267)

113\ 123",

novembre-ma^?^.

(1269-1272)

XII
(1268-1269)

Ceduladefocularibusqueinveniundiminuta etc. Terre Bari (f. 41)


Principatus et Terre Beneventane (42-43) -Vallis Gratis et Terre
lordane (44)
Aprutii (51-52)
Terre Laboris et Comitatus Mo-

dei togli

2-3

4
7-19
5-6 {-)

114-116

41-44
51-54

lisii (53-54)

XII-XV

Basilicate

(54). ()

giugno-agosto

ApocUxavius.

luglio-agosto

lustitiariis Secretis et aliis tam* in-

(')

(1268-1272)

XIII-XV
(1269-1272)

fra quain extra regnum.

id.

-id.

Panectaria, vinum, coquina, hor-

deum,

XV
(1271-1272)

settembre-ottobre

()

cera.

(")

Littere responsales misse ad Cu-

riam a

lustitiariis

collecte.

117-128
138-150
154-155
20-40
45-50
55-73
78-113
151-153
129-137

de impositione

74''-75

43
INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

IV

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

Cedula taxationis facto

giugno

Indicazione

in

Curia

dei fogli

251-266

mense iunii llll indictionis apud


Neapolim de distributione nove

(1275-1276)

denai'iorum moneteSicleBrundudistribuendo in subscriptis ter-

sii

lustitiariatuum infrascripto-

ris

rum pr anno futureV indictionis


videlicet

lustitiariatu

in

Terre

Basilicate

Terre Ydronti(253''-254)
253)
Principatus (255-256) Calabrie
(256''-257) Vallis Gratis et Terre
lordane (257''-258) Aprutii (259263) Terre Laboris (263''-265)
Bari

Sicilie
Sicilie

(252''-

(ff.251-252)

citraflumen salsum(266)
ultra flumen salsum (266'').

luglio-agosto

lustitiariis.

156-171

settembre-marzo

lustitiriis.

172-250

(12761277)

La numerazione romana si trova


La pergamena legata per traverso dopo
(1)

foglio anzidetto, e la carta

dopo

f.

il

in quasi tutti

spesso disordinata ed interrotta.


ad una quietanza, trascritta nel
221 contiene un ordine per un conto da darsi: vi noil

f.

119

si

ff.

riferisce

minato Giovanni Brittaldi, panettiere del regno di Francia e Contestabile del regno di Sicilia.
le postille non sempre messe al margine dei doc. cassati notiamo: f. 29** Ista
(2) Tra
luter non fuit sigillata sicut fuit hic registrata set in forma consueta pr eisdeni hebrcis
et quantitatc f. 58* Vacant quia restitutc et lacerate fuerunt in Camera quia de tota quantitate que solvenda erat per procuratoros Francie et senescallos Provincie scriptum est tantum
eidem Senese allo.
(^) Al f. 2, oltre al titolo gi notato, scritto: Anno domini millesimo ducentesimo LX^o
sexto in vigilia Sancii Andree apostoli in palatio Neapolis (seguono diversi nomi) constituerunt se Jldeiussores pr plagio pr domino Berardo dicto gouoion milite quondam castellano
Rocce de Archis promictentes fide prestila corporali et sub pena V unciarum auri se reddituros et integre soluturos omnia que iuste probata fuerunt si que probare contingerit dictum
dominum Berardum quamdiu dictum castrum tenuit ecc. Il rest del foglio bianco. Nel f. 3
scritto soltanto: Registrum cancellarle factum anno decime Indictionis XXI III octobris
tempore domini G. de Bellomonte.
{*) Al f. 8" si legge una nota della XII indizione nei seguenti termini: Iteni renovata est
ista intera quia amissa sub datum in obsidione Lucerle XXII lulii XII ind. (1269) Regni
nostri anno quinto.
(5)

Il

6'^

f.

continua

al

f.

5'.

Dopo le parole Cedula de focularibus que inveniuntur diminuta, si legge: per collationem factam de quaternis particularibus generalis subventionis ad quaternos de focularibus
pr quibus subscripte terre et loca tcnentur ad rationeni de augustali uno pr quolibet foculari
pr primo et secando mense ecc. anni XII indictionis.
C)

(^)

A'

(8)

Alia sommit della

ff.

117-122 oltre

betiche, e gli atti per

rispondono quasi sempre


B.

f.

le

quietanze

XIV

di tratto in tratto sono notate le seguenti lettere alfamesi ed indizioni sono diretti a persone, le cui iniziali cor-

alle stesse lettere:

ad agosto

trovano anche computi.

pergamena

sottoscritti

55-65, luglio XIII ad agosto

settembre

si

XV-F.

XV-C.
f.

A.
f.

f.

20-23, luglio ind. XIII ad agosto ind.

66-69,

novembre XIV a

78-82, agosto XIII ad agosto

luglio

XV_G.

ff.

XV-D.

f.

XV_
25-26,

83, 95 102, agosto

44

XV -I. ff. 93 94, 103-112, luglio XllI ad


nuovi
registri
angioini
precisamente il f. col numero arabo
agosto XV. Il f. Gdel
111, elio manca in questo registro. (V. Capasso, O. c. p. 29).
Xlll ad agosto

XV-II.

fl'

84 02, agosto XIII ad agosto

1 voi. de"

()

Al

f.

136 sono

atti

per compra di orzo, ed

sono duplicati
i

ff.

122

Sono bianchi

La

ff.

ff.

1^.

sialo.

126 seguono due


i

1278.

I.

Contiene ff. 235 segnati con num. araba da 1-240:


50, 94, 96, 105, 126, 127, 201: mancano iff.92, 226-239: dopo

mediocre
i

137 per cera.

f.

CAROLUS

Voi. 30 -IL registro in

al

sema num.

ff.

[^j.

53'\ 122^ bis, 146^ 192\

15K 42\

meno guasta

mancante nei

216K 218^ 220\ 221.

20, 22, 24-29, 52, 85,


110-118, 120-132, 141-151, 176-178, 191, 198-201, 205-212, 215-218, 222-225, 240.
Oltre le indizioni sottonotate al f. 137^ un doc. di giugno della VI ind. [1278).
scrittura pi o

ff.

1-18,

Trovunsi documenti cassati ai ff. 52, 62\ 66", 67", 79\ 86". p).
Sono monchi i doc. nei ff. 24", 38", 106", 109", 140\ 149\ 168'>

176\20l\ 203\

222", 240".

INDIZIONI
(anni)

XIII
(1269-1270)

VII

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
(Il

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

gennaio
aprile-maggio

Secreto Apruti.
SenescalloProvincie et
libus in Provincia.

agosto

Extravagantes.

settembre-agosto

Magistri procuratores et portulani.

aliis officia-

VIII
(1279-1280)

Secretis Principatus Terre Laboris


et Aprutii.

id.

-id.

id.

-id.

Extravagantes infra regnum.

id.

-id.

De contempla

id.

-id.

id.

-id.

ottobre
luglio

-id.

Secreto Calabrie.
Secr. Sicilie.
Secr. Apulie.
Privilegia.

settembre-febbr.
id.

-aprile

id.
-giugno
ottobre-gennaio
id.

-marzo

defense.

1-8

30-37
54-61 .3.
69-85 ^ >
93-105
9-15
16-29
38-45
106
46-50
107-108
51-53
86-91
62-68

141-146
155-160
177

Privilegia,

lust. Principatus.
lust.

boris.

197
202

109

lustitiario Aprutii.

Terre Laboris.
Secreto Principatus

dei fogli

222-225

(1278-1279)

'

Indicazione

et

Terre La-

148-150C)
147
195 (^)
201 bis

INDIZIONI
(anni

45
TITOLI DEI QUADERNI

MESI

carattere corsivo indica

(Il

novembre-genn.

Vili
(1279-1280)

titoli

151-1540

dicembre -genn.

Apodixarius.

febbraio-aprile

Extravagantes infra regnum,


Extravagantes extra regnum.

marzo

-id.

id.

-agosto

dei fogli

suppliti per analogia)

lustitiario Terre Bari.


Matrimonia.

-febbr.

id.

Indicazione

204
240
205-214
196
215-220
198-201

Magistri procuratores et portulani


Calabrie,
Quaternus officialiumqui inducere
debent de mandato regio aliquam

aprile

203

personam

in possessionem alicuius doni vel concessionis facte a


domino rege ab XI aprilisVlIl indictionis in anteaquo nova ordi-

id.

-maggio

id.

-agosto

id.

-id.

id.

-id.

natio facta fuit apud turrim Capue.


lustitiario Calabrie.
lust. Vallis Gratis. (Cancellaria)
Quaternus novusVicarii Sicilie ordinatus XI aprilis Vili ind.
lustitiario Sicilie citra flumen sal-

161-168
169-176
178-183,7.
190-194*^ ^

184-189

sum.

IX

Ratio. Exitus.

110-140

(*)

(1280-1281)

(2)

La nunfi. romana esiste


Non sempre si trovano

(3)

Il

f.

S"*

(^)

Il

f.

ISOi*

(^)

Il

f.

195 legato a rovescio

(M

continua

al

contnua

f.

al

in pochi

ff.

disordinata ed interrotta.

postille al

le

margine

documenti cassati.

de'

54.
148'''.

f.

da tergo della pergamena continua


f. 195 continua nel f. 20P bis.

e perci lo scritto

nel retto. L'ultimo doc. contenuto nel retto del predetto

15P.
193^

(6)

Il

f.

154'

continua

al

f.

(7)

Il

f.

180'*

continua

al

f.

(*)

Atti in francese, nei quali, oltre le indizioni

seguenti indizioni. VII (1278-1279)


VIII (12791280) f. 134" settembre,
febbraio,

f.

129 aprile,

f.

130'

Voi. 31

ff.

120',

araba da 1-168: sono duplicati

IX sopra
f.

CAROLUS
i

buono

stato.

ff. 67, 141:

I.

132'
ff.

indicate,

marzo,

trovano doc. delle

si

ff.

110'\ 136'

125, 133 gennaio,

ff.

giugno-

135, 136

1278. D.

Contiene

mancano

ff.

146 segnati con num.

iff. 52-63, 68, 71-73, 80-85,

(').

Sono bianchi

La

VI

gennaio,

ff. 122% 139 novembre,


maggio, f. 119 giugno.

Il registro, eccetto alcuni fogli, in

156, 157.

138"

ff.

27\ 91''.
meno guasta

10'',

scrittura pi o

o mancante nei ff. 5, 11, 12, 44, 75, 78, 86-99, 133.
Trooansi documenti cassati ai ff. 4", 18'',
124", 136'',
48", 50", 10&', 107'',
137\ 150", 160", 164", 165", 166. [^).

W,

Sono doc. monchi

nei ff. 5",

6",

19", 20", 30", 35", 74".

IW,

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

(Il

46

carattere corsivo indica

titoli supjliti

Indicazione
dei fogli

per analogia)

febbraio-mai'zo

lustitiariis.

9-10

settembrc-diccm.

Liltere de contemptu dcfenso.


lustitiario Terre Ydroiiti et Vice

74

(127G-1277)

VI
(1277-1278)

-aprile

id.

2-43/3^
92-99 ^^

lustitiario

-agosto

id.

3-8

lust. Calabrie.

,i

11-12^^
13-20
22-27

Terre Bari.

id.

-id.

Iiist.

id.

-id.

Extravagantes

in

regnum. f)

21

44-70
76-77

79

()

86-91
100-168
1-2

febbraio-luglio

Privilegia.

marzo-maggio

Matrimonia.

75.,

78^^

Questo volume continua nel seguente. La num. romana si trova in pochi ff. interrotta.
al margine de' documenti cassati trovansi le postille.
(3) 11 f. 29"^ continua al f. 33, ed il f. 43'' al f. 30.
{*) 11 f. 7'' continua al f. 302 del voi. seguente 32
(^) Al f. 77 la continuazione di una cedola, il cui titolo riportato nel voi. seguente.
(V. p. 47 nota 5). Ai ft. 116, 122'', 124 126 sono doc in francese.
(*) Il f. 21 legato a rovescio, e per ci lo scritto comincia nel f. 21'' e continua nel retto
100. - Il
del f. stesso. L'ultimo doc. del f. 21 continua al f. 79.
Il f. 51'' continua al f.
f. 70 ha il suo principio al f. 337'' del voi. 32. - Il f. 70'' continua al f. 44.- Il f. 76'' continua al f. 331 del voi. 32.
Il f. 77 ha il suo cominciamento al f. 338 del voi. seguente 32.
Il f. Ili ha il suo principio al f. 321'' del voi. 32. - Il f. 168'' continua al f. 177 del voi. 32.
{})

(^)

Non sempre

(7)

Il

f.

continua

78''

al

f.

75.

Voi. 32

- CAROLUS

// Registro, saloo dicersl fogli verso la fine-, in


gnati, con num. araba 169-376: sono duplicati i

buono

ff.

242, 286-293, 301, 367.

Sono bianchi
373'',

La

ff.

299'',

302'',

303'', 307'',

327'',

scrittura pi o

meno guasta

ff.

276, 312, 324: mancano

328\ 354",

mancante nei

169'', 177'',

199 seff. 231,

360'',

361,

363\

372'',

Sono monchi

doc. nei ff. 243", 303", 304''

ff.

236, 300, 302. 310,

311'',

328,

182, 187", 190'', 191", 196", 199", 213'',

240", 241", 244", 294'', 322", 335", 337",


374", 375", 376". i^)

Contiene

374''.

232'',

stato.

[']

332, 338, 350-355, 362-376.


Trocansl documenti cassati ai ff.

1278. D.

I.

354'',

321'',

356", 369", 371", 372", 373<*,

322", 356.

47
INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

dei fogli

312bi-319

ottobre-novembre

Extravagantes.

settembre-nov.

Quaternus Provincie et Forchalquerii Lombardie Tuscie et quarumdam Procurationum.

(12761277)

VI
(1277 1278)

-aprile

id.

lustitiario

Vallis

Tene

Gratis et

312

339-346

lordane.
-luglio

Apodixarium. 0)

id.

-agosto

Recepti de hospitio regis.

id.

-id.

Extravagantes infra regnum.

id.

(<)

(^j

294-299
356
308
363
169-293
320-321(6)

id.

-id.

id.

-id.

Notarli Provincie et Forchalquerii.


Phisici et cirurgici, comiti, advocati,

medici.

id.

-id.

Matrimonia,

id.

-id.

lustitiario Sicilie ultra

flumen

ottobre-agosto

sum.
Extravagantes extra regnum.

id.

lustitiario Sicilie citra

-id.

gennaio-giugno

sum.
Apodixe.

(^)

marzo-agosto

Expense.

()

flumen

sal-

331-338
305
306-307
302
309-311
347-349

300
304
328
sal-

325-327.,,

329-330^
350-353

'

366

agosto

Littere de contemptu defense.


lustitiario Calabrie.

febbraio-aprile

Ratio. Exitus.

luglio

lustitiario Basilicate.

aprile-luglio

Vili

354''-355

364-365
368-376
322-324
302(1)

357-360

i}'^)

(1279 1280)

VII

303

(1293-1294)

(1)

Questo voi. continuazione del precedente. La num. romana

si

trova in pochi

ff.

in-

terrotta.
(2)

Non sempre

trovansi

(3)

Al

quietanza in francese ed interrotta.

f.

356*^ la

le postille al

margine

dei doc. cassati.

Le nomine riguardano: Vallectos, Familiares, Milites, Panectarios, Seroienes BaliTalliatores Camere regie, Custodes registrorum domini
starios Equites, Adiutores coquine
[*)

regis, Forrerios, Clericos

et

phisicos domini regis, Clcricos coquine, Marescalle regie et Ca-

pelle regie, Consiliarios, Cirurgicos de hospitio regio, Stan::ionarios de hospitio regis. Portarios, Scutiferos, ludices

ad rubricandum, Inquisitorcs

in

Magna

Curia die sabbati, Hele-

mosinarios, Milites Baneratos.

Al f. 243** gli ultimi due doc. sono scritti sottosopra. Al f. 256'' sono due impronte di
monete. Al f. 338* una cedola col seguente titolo: Cedula continens residua omnia assignata
de quaternis domini Fulconis de Rocca Folia olim lustitiario Calabrie in portione rationis
(5)

48

sue, qui in Archoio Curie conscroantur Cani de

commissa per
Il

()

177'

f.

lia

tempore

officii sai

suo comiiiciameiito

il

al

f.

del voi. 31

1G8''

31.- il r. 331" ha il suo principio al f. 76'' del voi. 31.- 11


31.- Il f- 338'' continua al f. 77 del voi. 31.
() 11 f. 321) 6 legato a rovescio, ed il documento da tergo

del voi.
voi.

retto, e
(8)

1"

ultimo doc. del

Sono

in

atti

quam precessoruni saorum

ad recolligcnduni domino Bernardo de Siczario.

Citriani

329" continua al

f.

f.

ilf. 321'*

337''

fol.

della

continua

continua

al

f.

UP

al 70" dei

pergamena continua

nel

3:i0''.

Al piede del

lingua francese.

f.

353'' si

legge

Hec carta

incanta fuit

incisa in castro Saloatoris.

francese

Cj Atti in lingua

Al

Nel margine superiore di alcuni fogli


(f. 372); Lo cin (f. 373); La quisine
(f. 374); Lescuric (f. 375); La fruiterie (f. 376). Al piede del f. 372" si legge: Prescns quaternus
inccnfus est in castro salcaioris ad mare cuoi incisione istarum duarum cartaruni et aliaruni
infra allirjatanun liuic quaterna ut infcrius continetur.

sono

scritti gli

e)

Il

articoli di

302"

f.

lia

il

spese

364

f.

atti in

La panectcric

fatte, cio:

suo principio

al

7''

f.

latino.

del voi 31.

(") Atti in lingua francese.

Voi. 33
Jl registro in

buono

CAROLUS

stato, eccetto

I.

1278-1279. H.

fogli, verso la fine

242 segnati con num. romana da Ila CCLVIJ; mancano

tiene ff.

CLIIII-CLVII, ce XXI, CCXLII-CCXLVIIII:


N. B. Nella indicazione

Sono bianchi

La

ed alcuni in principio. Con-

ff.

3[)\

de' ff.

104'',

ff-

XL, CV,

duplicalo ilf. Lll.

(i)

segnata la cifra araba invece della romana.

189'',

241'', 267''.

mancante neiff. 2-6, 70, 176'', 193", 207\ 209''-267.


Oltre le indizioni sottonotate ai ff. 41"' e sono quattro doc. di agosto VI ind. [1278],
ed al f. 241"' uno di settembre Vili ind. [1279] cassato.
Trovansi documenti cassati a ff. 102'', 109", 124", 197", 241". (^j
Il documento monco nel f 2".

meno guasta

scrittura pi o

INDIZIONI

(li

VII
(1278-1279)

settembre-luglio
-agosto
id.

suppliti

Terre Laboris.

Just. Aprutii,

Principatus.

-id.

Just,

Just. Capitinate.

id.

-id.

Just. Basilicate.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

Just.

id.

-id.

Just. Vallis Gratis,

giugno

-id.

Just. Calabrie.

La num. araba
f.

titoli

-id.

Tra

102''

lustitiario

id.

(2)

le

carattere corsivo indica

id.

(^)

Scriptum

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

guenti:

Terre Bari.
Terre Ydronti.

per analogia)

Indicazione
dei fogli

41-73
2-39
74-104
106-137
138-153
158-189
190-220
222-241
250-267

si trova da 2-249, in molti ff. interrotta.


non sempre messe al margine de' documenti cassati, notiamo
Posita fuit supra lustitiario Terre Laboris et scripta est per errorem;

postille

est in

Registro Vili ind. melius.

le sef.

241"

49

34--CAROLUS

Voi.

78-82.

ff.

Sono bianchi

La

(1)

30^, 97'', 10j!\ 124'\ 175'', 203'', 215'', 233'', 237''.


ff.
scrittura pi o meno guasta o mancante nei ff. 1-29, 39-82, 105, 106, 114'', 165,

167'',

168, 175-183,

188\ 189'\ 196-198, 204-223, 228-237.

Trovansi documenti cassati ai


Il

1279. A.

I.

232 segnati con num. araba da 1-237: man-

Jl registro in cattivo stato. Contiene ff.

cano

documento

INDIZIONI

monco

nel f.

ff.

16'',

32'',

36",

35.

97'',

160'',

237''.

177"-,

(2)

71''

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

33'',

Indicazione
J

(Il

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

XV-I

(3)
\

J?

1 '

dei fogli

30"

(1271-1273)

maggio-agosto

(1272-1273)

infra

settembre-ottobre

II

(1273-1274)

VI
(1277-1278)

VII
(1278-1279)

Vili
(1279-1280)

lustitiariis

lustitiariis

infra

Secretis et alits

Secretis et alits

quam

tam

31-38

Apodixarium.(^)

settembre-marzo

lustitiario Vallis Gratis,

Thesauj^ariis et aliis.

lust.

Terre Laboris.
Principatus.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust. Capitinate.

id.

-id.

lust. Basilicate.

id.

-id.

iust.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

Iust. Calabrie.

id.

-id.

Iust. Sicilie citra

83-94
95-106

{*)

settembre-marzo
-giugno
id.

id.

7-29

extra regnum.

novembre-giugno Thesaurariis et aliis.


Apodixarium. (^)
marzo-agosto

-aprile

tam

quam extra regnum.

71-77
39-70

(f)

(s)

Terre Bari.
Terre Ydronti.

dicembre-marzo

Iust. Aprutii.

settembre

Ratio

flumen salsum.

Introitus.

Exitus.

216-223
115-137
138-149
150-175
176-189
190-203
204-215
224-233
234-237
107-114
1-6

(1326-1327)

(M

La numerazione romana esiste in


Non sempre si trovano le postille

moltissimi fogli interrotta e ripetuta.

documenti cassati.
(3) Sono notizie di spese fatte da settembre XV ind. a luglio I ind.
e*) Atti in lingua francese che portano il seguente titolo: Ce sunt les leitres qui soni anvoies a mestre Guillaume Bouccl et aus autrcs tresoriei s et aus autres officiaus de Lots et de
hors an francois.
(')

ai

documenti sono in latino, negli altri ff. in francese- Nel f. 95 si


legge: Apodixa domini Luce vicemagistri Justitiarii et Rogeril de Marra de pecunia curie
recepta per eos et expensa ut inferius continetur; nel f. 98: Ceste lapodisse au tresoriers dou
(5)

Ai

ff.

95*, 102-104*

50

(le Icuf do leur antrcc ci de Icur issuc jtisrjue par tout le mois di' feurier; nel f. 102:
Apodixa thesaurarioruni castri Oci de pecunia Curie reccpta per cos et expensa sicut in-

chatei

ferius continctur.
C) Atti in francese.

Atti in francese.

Cedala rcsiduoruin pecunie rcstantis ad


monete denariorum case in Sicla Messane infra annos VI et scptinie Indictionum proximo preteritaC)

Al

f.

222''

una cedola

col

seguente

titolo:

recolliijenduni in subscriptis terris et locis lustitiariatus Vallis Gratis de pretio

rum

et

distribute in prooincia ipsa ecc.

Voi. 35 Il registro in buono stato.


il /. 32- ,^]

Sono bianchi
La scrittura

ff.

Contiene

TITOLI DEI QUADERNI

(Il

settembre-luglio
-agosto
id.

vili

id.

-id.

id.

-id.

ottobre-agosto
id.

-id.

id.

-id.

La num. romana

si

carattere corsivo indica

CAROLUS

La

scrittura

monco

il

ff

76'',

doc. al f.

dei fogli

43-44
1-7
8-27

38-42
28-31
33-37
45-52

1279-1280. A.
la

parte superiore delle pergamene.


[^j

82'\
tutti

fogli.

16''.

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

(Il

Vili

macerata

mancante nella parie superiore di

INDIZIONI

(1279-1280)

I.

85 segnati con num. araba da 1-85.

ff.

suppliti per analogia)

Secreto Calabrie.
Magisti'o portulano Principatus.
Mag. port. Apulie.
Quateinus .secreti Apulie.
Magistro portulano Calabrie.
Magistris portulaiiis Sicilie.
Secreto Sicilie.

Il registro in cattivo stato trovandosi

Sono bianchi

titoli

Indicazione

trova da I-LVI interrotta.

Voi. 36

Contiene

51 segnati con num. araba da 1-52: manca

42^. 52''.

MESI

(1279- 1280)

(')

ff.

1279. B.

I.

guasta nel f. 33.

INDIZIONI
(anni

CAROLUS

settembre-agosto

carattere corsivo indica

titoli

lustitiario Aprutii.

id.

-id.

lust. Basilicate,

id.

-id.

lust. Capitinate.

id.

-id.

Just.

Terre Ydronti.

suppliti per analogia)

Indicazione
dei fogli

1-11

17-32
33-53
62-G9

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(11

dicembre-luglio
-agosto
id.

lust.

lust.

marzo-luglio

(')

La num. romana non

Voi. 37

ff.

La

ff.

108-110.

flumen salsum.

Calabrie.

70-73
83-85
12-16
54-61
77-82
74-76

trova nei fogli.

CAROLUS

I.

1279-1280. B.

stato

meno guasta

settembre-marzo

Vili

-agosto

id.

La num. romana va da I-CXXIII


Ne'

// registro in
il

f.

scrittura

buono

stato.

dei fogli

111-120
1-107

interrotta.

trovano documenti

Voi. 38

Indicazione

Apodixe. C)
Extravagantes.

(^)

112''-118 si

1-39, 69-78, 116-120,

carattere corsivo indica ititeli suppliti per analogia)

(')

ff.

nei ff.

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

(1279-1280)

mancante

MESI

(anni)

La

Terre Laboris.
Terre Bari.

dei fogli

il

INDIZIONI

plicato

per analogia)

(1)

f. 107^.
scrittura pi o

bianco

suppliti

per le pergamene marcite nella parte inferiore esterna.


118 segnati con num. araba da 1-120: duplicato il f. 85: mancano

// registro in caitico

Contiene

lust.

si

titoli

flumen salsum.

lust. Sicilie citra

-id.

id.

lust. Sicilie ultra

-id.

id.

carattere corsivo indica

Indicazione

lust. Vallis Gratis.

ottobre-agosto

vili
(1279-1280)

51

in

francese.

CAROLUS
Contiene

ff.

1280. A.

I.

95 segnati con num. araba da 1-97:

mancano i ff. 22-24. (^)


pi o meno guasta o mancante

du-

91:

Oltre la indizione sottonotata, al f. 96"'


monco il doc. al fai. 21^.

un

nei ff. 82'', 85", 86^, 87"'.


doc. di settembre
ind. [1281].

INDIZIONI
(anni)

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
(Il

IX

settembre-agosto

carattere corsivo indica

Extravagantia.

(1280-1281)

ottobre-marzo

Secretis Apulie.

titoli

(-)

suppliti per analogia)

Indicazione
dei fogli

1-26.3.

29-97 ^
27-28


(')

La num- romana va da

52

I-CII interrotta.

20 Icggcsi nel margine supeiiore della pergamena: Mandata regia cxtracagantia


dirccta Vicario Sicilie Dopo un solo diploma notata nel f. suddetto la rubrica: Extraoagantia infra regnum; e nel f- 40: Extra regnum.
3Gi> a 45", il f. SS** a 69, il f. 621* a 67 ed il f. 68'' a 63.
(3) Il f. 321 continua a 39. il f.
{*)

Al

f.

Voi. 39 --

CAROLUS

1280. B.

I.

per diversi fogli guasti dalle acque. Contiene


segnati con num. araba da 1-239: sono duplicati i ff. 90, 200: mancano i
128, 129 152-159. {')

Il registro in mediocre stato

Sono

La

bianchi

scrittura

127\ 165'', 181.


pi o meno guasta o mancante
ff.

vili

ff.

28,

(Il

settembre-agosto

(1279-1280)

aprile-maggio

neiff. 1, 12-13, 101-130, 183, 185-208,

168''..

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

230

6'',

212-213 217-223, 235-239.


Trocansi documenti cassati ai ff. 127'^,
Sono monchi i doc. nei ff. 4'', 239''.

INDIZIONI

ff.

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

Quaternus privilegiorum donorum


et concessionum factorum per
dominum regem ab imdecimo
die meiisis aprilis in antea quo
nova ordinatio l'acta fuit, f )
Quaternus matrimoniorum factus
ab XI aprilis Vili indictionis quo
nova ordinatio registrorum facta

Indicazione
dei fogli

23-27

fuit.

Citationes per vicemagistrum iustitiarium et iudices.


Citationes per magistros rationales

id.

-agosto

id.

-id.

id.

-id.

Quaternus continens

-id.

ctas magistris massariis regni


Sicilie ab XI aprilis Vili indictionis in antea quo facta fuit nova
ordinatio registrorum.
Registrum extravagantium de novo inceptum die XI aprilis Vili
indictionis apud Turrim Sancti
Erasmi prope Capuam quo facta
fuit nova ordinatio de registris.

7-9

10-11

factas.

id.

settembre-agosto

litteras dire-

Extravagantes infra regnum.

(1282-1283)

29-127

1-4

186-239

(1281-1282)

XI

12-21

settembre-dicem.
id.

-id.

Extravagantes infra regnum.


Secreto magistro portulano et procuratori ac magistro totius salis
Apulie.

130-151
166-173

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

{Il

XI

53

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

settembre-genn.

Secreto magistro portulano et procuratori ac magistro totius salis


Principatus Terre Laboris et A-

id.

Magistro portulano et procuratori

(1282-1283)

dei fogli

160-165

prutii.
-id.

Calabrie.

XII

ottobre-novembre
dicembre-genn,

Matrimonia.
Capitaneo regni.

settembre-nov.

Quaternus commissionum

rum

(1328-1329)

(')

(2)

182
183-185

Voi. 40
Il registro in

et

et alia-

5-6

litterarum Tuscie partium.

La num. romana si vede in molti ff. interrotta.


Comunque si dica nel titolo che il quaderno principia

cumenti di data anteriore.


(3) Al f. 178 i! titolo Secretis

174-180

(^)

dal di 11 aprile, pure vi sono do-

Magistris portulanis Calabrie.

CAROLUS

I.

1280. C.

mediocre staio con alcuni

gnati con num. araba da


59-64, 109, 110, 113. (i)

ff. macerati dalV acqua. Contiene/. Ili se1-122: duplicato il f. 43: mancano i ff. 19, 49, 50,

Sono bianchi i ff. 8^ 45\ 57^ 58'\ 96K 99, 101, 102\ 103, 104\ 106\ 107^, 112\
115K 118'\ 122K
La scrittura pi o meno guasta o mancante nei ff. 1-4, 6, 7, 20, 24-31, 45, 46, 52,
75, 89, 98-122.

Oltre

indizioni sottonotate al f. 119 un


Trovansi doc. cassati ai ff. 5^ 4*, 7^ 90''.
le

Sono monchi

documenti nei

INDIZIONI

ff.

25'^,

(Il

IX

ind.

Vili 1280

43^.

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

41'',

documento di giugno
^^l

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

settembre-aprile

Extravagantes

febbraio

Notarii Provincie etforchalquerii. {*)

(^)

Indicazione
dei fogli

1-4

(1265-1266)

IX

XI-XV

54-55

580

(1265-1266)
/

marzo-agosto

(1267-1272)

X
(1266-1267)

novembre

Siclariis Sicilie et Baroli.

id.

Magistris Tarsianatus Principatus


et Terre Laboris. {^)

id.

-marzo

Extravagantes.

o
8
6-7

10

f.


INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

(Il

novembre-marzo

(12G()-1267)

54

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

gennaio-giugno

Notarli.
Isti sunt recepti tempore
G. de Bellomonte. (")

giugno-agosto

Secreto Calabrie.

settembre-dicem.

lustitiario

dei fogli

G-

9^

domini

56-57

(1273- 1274)

IX
(1280-1281)

Terre Laboris.

id.

-id.

Ratio Introitus,

id.

-magg.

lust. Sicilie citra

id.

-agosto

lust. Aprutii.

id.

-id.

Extravagantes infra

Exitus.

11-18
98-122
32-39
20-31

()

Humen salsum.
et

extra re-

gnum.

giugno

Ratio
Introitus
Vicario Sicilie.

giugno-luglio

(*)

La num. romana segnata in qualciie foglio.


Non sempre trovansi le postille al margine dei

(3)

Sono per

(')

lo pi

condotto Nomine
ordine di

nomine

la

65-96^
97

(")

40-41

doc. cassati.

procuratori per trattare confederazioni

di consiglieri e familiari del re

Papa Clemente per


primo

di

42-53.10,

Mutui contratti con

Lettore di salvo-

cittadini

romani

di

conquista del regno.

gli altri contengono soltanto i nomi


trascritto nella sua integrit
con la solita formola: Similes facto sunt pr
Di tratto in tratto
intercalala
la
formola
Hic
y-cr/istrum,

mutatur
alludendosi a' speciali registri, ne' quali dovevano essere trascritte quelle nomine. Al f. 54** la nomina del notaio Ugone Fabbro per
errore porta la data del 7 marzo II ind., invece della XII.
(5) Il f. 56'' continua al f. 58".
[*)

Il

atto

de' notari e la data

C)

La pergamena (agliata
Le nomine riguardano:

lascia leggere soltanto in parte

il

titolo.

(")
Milites, Eschansionarios, Valectos, Panectarios, Ar/nigeros,
Marescallos, Consiliarios, Hostiarios, Clericos Biiticlarios, Seroientes.
(8)

Atti in lingua francese.

Al

f.

82" sono impresse tre

Il

f.

hZ^ continua

(o)

al

f.

marche per

90", ed

il

f.

cavalli.

SO'*

al

53".

f.

(") Atti in lingua francese.

Voi.

41~-CAR0LUS

I.

1281. A.

Il registro, eccetto alcuni fogli in principio guasti dall'acqua, trovasi in buono stato.

Contiene

ff.

16, 40-47.

La

134 segnati con num. araba 1-142:

scrittura pi o

Oltre

meno guasta

mancante

indizioni sottonotate ai
1",
ff.
agosto VII! ind. (1280).
le

9^

monco

il

doc

nel

nei ff.

30'',

Trocansi doc. cassati ai ff 8P, 118", 137".

duplicato ilf. 81:

mancano

ff.

,1]

1-3, 9-15. 22, 25, 35,

31 sono trascritti

sette

36.

documenti di

(*)

27'^.

55
INDIZIONI

IX

(2)

carattere corsivo indica

(Il

settembrc-magg.

(1280-1281)

(')

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

suppliti per analogia)

Magistris rnassariis regni.

-luglio

Extravagantes infra regnum.

id.

-agosto

Vicario

trovano

si

titoli

id.

La num. romana

Non

si

le

trova

IL registro in

buono

in quasi tutti

margine

postille al

Voi. 42

Sicilie.

dei

ff.

Indicazione
dei fogli

1-8

30-142
9-29

disordinata ed interrotta.

documenti

- CAROLUS

cassati.

1281. B.

I.

pochi fogli in principio guasti dalle acque. Contiene

stato, salvo

127 segnati con num. araba da 1-126: duplicato il f 63. (')


Sono bianchi i ff. 23' 63'.
La scrittura pi o meno guasta o mancante nei ff. 2-9, 18-23, 32-43, 96.
Oltre le indizioni sottonotate alf. 96'^ un documento di agosto Vili ind. [1280).
Trovansi doc. cassati ai ff, 26"', 75'''. (^)
ff.

monco

il

doc. al f.

INDIZIONI

38^'

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

(Il

IX

settembre-agosto

(1280-1281)

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

lustitiario Principatus.

id.

-id.

lust. Capitinate.

id.

-id.

lust. Basilicate.

id.

-id.

Just.

id.

-id.

lust.

Terre Bari.
Terre Ydronti.

id.

-id.

lust. Calabrie,

id.

-marzo

Just. Vallis Gratis.

dicembre-agosto

Terre Laboris.

lust.

Indicazione
dei fogli

24-38
39-63
63bis-76(3^

77-950
96-111

119 .5.
126 ^^
112-118
120-125
1

10-23

gennaio-giugno
(i)

La num. romana

(3)

Trovansi sempre
Il f. eS* continua

(^)

I!

f.

(')

Il

fol.

(2)

85'^

si

continua al
continua

119''

trova

in tutti

le postille al
al

f.

7P.

f.

94", ed

al

f.

2-9

Just. Api'utii.

126=V

ff.

margine
il

f.

93^

disordinata ed interrotta.
dei doc. cassati.

al

f.

95>'.

"

56

- CAROLUS

Voi. 43

Il registro in buono sialo nel principio,

ma

1282. A.

I.

assai mallrallato nel margine supe-

riore ed inferiore verso la fine. Contiene ff. 197 segnati con


mancano i ff. 157, 158: duplicato il f. 126. (2)

Sono bianchi

ff.

5^ 7^

scrittura pi o

Oltre

89'\

95^

92'',

114\

103'\ 110'',

127'', 152'', 159, 164'',

165,

187, 189, 191, 193'', 194, 195.

179,

La

num. araba da 1-198:

meno guasta

mancante nei

indizioni sotlonotale si trovano

le

93'', 192'' aprile,


ff.
ff.

93", 192^

doc

152-198.

ff.

delle seguenti indizioni

maggio-VII

147''

[1278-1279] f.

VI

[1277-1278]

gennaio,/.

182''

marzo, ff. 139", 176'', 177" giugno f. 176" luglio


Vili [1279-1280] ff. 149",
170" novembre, f. 169" marzo, f. 175" aprile,
148", 173'', 177'' giugno,/. 175''
ff.
IX [1280-1281] /. 188" gennaio, ff. 95', 140'', 151", 186", 197" marzo.
agosto
139''
maggio.
/.
,

Lo

scritto cassato al /. 97''.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

marzo-maggio

carattere corsivo indica

Ratio

(1281-1282)

suppliti per analogia}

titoli

thesaiirarorum

offici

troitus

Indicazione

100-111).

(f.

Exitus

In-

(f.

dei fogli

100-198

112-

193).

XI

settembre-dicem.

Ratio

(1282-1283)

In-

thesaurariorum
1-16). Exitus (17-99).

offici!

troitus

(f.

1-99

(^)

(>) Questo registro, oltre il titolo del Sovrano, l'anno e la lettera, dovrebbe portare la nomenclatura i?a^to Thesaurariorum, come si trova in altri registri posteriori della stessa natura

e qualit.
(^)

La num. romana non


Al

3*

si

trova nei

ff.

menzione di ordine scritto in vulgari gallico sub utroque sigillo. Oltre


i
doc. delle indizioni VI-IX sopra notati si trovano
seguenti doc. della ind. X (1281-1282)
f. bZ^ marzo, f. 58 aprile, f. 74'' maggio, ff. 30% 31, 36% 78% 81% 82% 86% 88* giugno, ff. 20
luglio, li. 18% 24% 28% 33% 55% 75'' agosto.
(')

f.

si

fa

Voi. 44
registro ha

//

CAROLUS

verso V ultimo parecchi

ff.

I.

distrutti

1282. B.
nel

margine esterno.

193 segnati con numerazione araba da 2-206: mancano i ff. 26, 27, 70,
124, 132, 140-143, 183: Bei ff. 66 e 115 esiste una quarta parte (').

ff.

Sono bianchi
199'',

La

ff.

13'',

2l'>

66\ 76\

203\
pi o meno guasta

106'>,

123\ 129\ 133\ 139,

166''.

Contiene
71,

170'',

107,

174'',

200, 201,

scrittura

128, 130, 131, 134-206.

mancante nei

ff. 1,

12-18, 38", 44-51, 94", 117.

57

indizioni sottonotate, si trovano documenti delle seguenti indizioni: VI [1277181''


1278] f. 202'' aprile,/. 202'' maggio VII {1278-1279] ff. 193", 197" marzo,/.

Oltre

le

giugno, /. 181" luglio


Trovansi doc. cassati ai

Sono monchi

IX
ff.

[1280-1281] /. 163'' ottobre, /. 193'' marzo,


108", 109, 204'' [^).

doc. nei ff. 10'\

INDIZIONI

22\

11'',

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

gennaio-febbraio

Secreto Principatus Terre Laboris


et Aprutii
de privatis.

108-109(3)

maggio

Ratio. Exitus.

130-131

(1272-1273)

Vili

23", 94", 101", 108".

{*)

(1279-1280)

id.

flumen salsum.
-maggio Extravagantes extra regnum.
lustitiario Terre Laboris et Comi-id.

id.

-giugno

lust, Principatus.

36-43

-id.

lust. Capitinate.

28-35,,.

id.

-id.

lust. Basilicate,

id.

-id.

lust.

Terre Bari.

id.

-id.

lust.

Terre Ydronti.

-id.

lust. Aprutii.

lustitiario Sicilie citra

settembre-aprile

(1281-1282)

id.

110-116(5)

22-23
44-51

tatus Molisii.
id.

52-66^^
67-76
77-85
95-98
86-94 .p.
99-100*^^

id.

117-127
128

ottobre-dicembre

Vicario

novembre-agosto

Extravagantes infra regnum.

Sicilie.

Vallis Gratis et Terre

id.

-id.

lustitiario

giugno

-id.

lordane.
Ratio. Introitus. Exitus. f)

{-)

La num. romana
Sempre trovansi

(3)

Il

(^)

Atti in lingua francese.

(5)

Il

(G)

Il

Q)

Il

f.

93'

(8)

Il

f.

g"

(5)

Atti in francese, nei quali, oltre le indizioni VI, VII e

(^)

atti della

f.

f.
f.

109''

in molti

continua

al

continua

al

continua

al

f.

f.

f.

f.

101-106

129
133-206

margine

dei

doc

cassati.

108".

f.

\\\^ continua al
35'^

/8\
^ ^

interrotta.

ff.

le postille al

contnua al

2-21
24-25

116^

60^ ed

il

f.

h^^ a

28^

100.
19,

ed

il

f.

18''

al

f.

24.

Vili indizione (1279-1280) pe' seguenti mesi:

f.

IX sopra

\1%^ febbraio,

f.

s trovano
marzo, f. 182''

indicate,
177'*


CAROLUS
r>R

Voi. 45

I.

1283. A.

Jl registro, salco pochi fogli, in buono staio. Contiene ff. 189 segnati con num. araba
da 1-195: mancano i ff. IL 49, 55, 106, 107, 171, 189: duplicato il f. 45: dei
ff.

4 e 141 esiste una

4"'

parte, del f. 156 una met (i).


147", 170<', 186\ 187K 195'\

Sono bianchi i ff 4\ 2lK UlK


La scrittura pi o meno guasta
70, 71, 74, 75:

l'rocansi

doc

Sono monchi

mancante neiff.

18-22, 34, 45, 47-48, 51, 52,

1,

152, 153. 158, 164, 165, 191-194.

cassati ai ff. 4", 70", 109'', 153'', (2).


doc. nei ff, 22'', 66", 134'', 150'', 151'\.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

XII

;II

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

Ydr oriti.

aprile-giugno

lustitiario Terre

settembrc-dicem.

Capitane et lustitiario Aprutii ultra flumen Piscarie.


lustitiario Vallis Gratis et Terre

dei logli

22-23

(1268-12G9)

XII
(1283-1284)

id.

-aprile

6-8
1-4

lordane.
id.

-agosto

Extravagantes infra regnum.

(3)

32-33
56-149^4
151-1.57

dicembre-giugno
id.

-luglio

febbraio-maggio
aprile-giugno

Prepositisportuum,litorum et maritiinarum Apulie (5).


Extravagantes extra regnum.

maggio-agosto

Secreto Terre Laboris et Comitatus

giugno

Molisii.
lustitiario

id.

Notarti iudices

Terre Laboris.
et assessores.

Terre Ydronti.
Terre Bari.

lustitiario

id.

luglio
-agosto

luglio

-id.

Just. Calabrie.

id.

-id.

id.

-id.

Capitaneo Calabrie.
SeeretoMagistro portulano etprocuratori ac magistro salis Apulie. ()

id.

XII-XIII

Terre Laboris,
Magistris massariis regni.

lustitiario

gennaio-dicembre

Just.

lustitiario Capitinate.

166-170
173
14-20
180-185
105
28-31
130-131

150
186-188
191-193
10
194
21
34
39
5

172
190

40-48

54

(1283-1285)

Just,

Principatus Citra. C)

id.

-id.

Just.

Terre Bari.

id.

-id.

Secretis Magistris Portulanis Mag.

9
35-38
174-177

id.

-novembre

Procuratoribus et Mag. salis Apulie,Basilicate et Terre Ydronti.


lustitiario Terre Ydronti. f)

24-27

id.

-dicembre

lust. Basilicate.

50-.53

id.

-id.

id.

-id.

id.

-gennaio

Extravagantes.
Secreto Calabrie.
Secr. Terre Laboris.

agosto-ottobre

158-165
178-179
12-13

(*)

La num. romana

(2)

Trovansi

e in diversi

postille ai

le

interrotta.

ff.

margine

59

dei doc. cassati.

Al f. 122'' un doc scritto sottosopra. Al f. 132 il quaderno comincia con una lunga
dimostrazione [apodixis] sulla liquidazione di un conto.
116", il f. 151'' al f. 140" ed il f. 173"* al f. ISS".
(^) Il f. 113'' continua al f.
(^) Il titolo copiato dal sesto documento, che Icggesi al f. 30".
(')

C')

Questo

titolo

stato sostituito all'altro: Secreto, magistro portulano et procuratori

Terre Ydronti, Terre Laboris


risponde agli

atti,

che sono

et Basilicate,

che leggesi in testa del foglio, e che non cor-

ivi trascritti.

C) Il primo ordine spedito al Giustiziere di Principato citra, gli altri, della stessa natura, sono inviati ai diversi Giustizieri del regno, con la solita {ovmo\o.: Simlles facte sunt etc.
{^) Al f. 25** i doc. sono scritti sottosopra.

Voi. 46

CAROLUS

1283. E.

I.

mediocre stato per alcuni fogli in parte danneggiati dalle acque.


Contiene ff. 211 segnati con num. araba da 1-217: mancano i ff. 5-7, 41, 114, 158,
211: duplicato il f. 198: del f. 185 esiste una 4"' parte (^).

// registro in

Sono bianchi

La

scrittura

S^ 40^ 45^ 68^ 90*. 149'', 150'\ 151'',


pi o meno guasta o mancante nei ff. 32, 35'',
ff.

185,

217K

44, 59. 68, 111"', 115-149,

187-195, 203-217.
Oltre

le

X [1281-1282)/. 187^
maggio - ff. 142'', 146'',

indizioni sottonotate si trovano documenti della indizione

febbraio f.
148'\ 163, 191\

180''

marzo,

ff.

194", 205''

177'',

186'' aprile

giugno -ff. 161\

-/.

187''

171",

167'',

182% 188" agosto.

Trovansi doc. cassati ai ff. 20'\ 26", 63", 91", 110'' ('j.
Sono monchi i doc. nei ff. 3", 32'', 52", 58'', 59'', 89''.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

vili

carattere corsivo indica

titoli

Ratio

Exitus{^).

Ratio

Exitus

Indicazione

suppliti per analogia)

131-133
196-202

(1279-1280)

IX

ottobre-dicembre

(1280-1281)

XI

dei fogli

115-120

{*).

^f

settembre-nov.

(1282-1283)

Capitaneo a pharo ultra

in

regno

14-19

Sicilie.
id.

-die.

id.

-id.

ottobre

-id.

dicembre

Magistri massarii regni.


lustitiarioVallis Gratis et Terre lordane.
lust. Calabrie.

35
44-45
32-34

Secretis et magistris portulanis Ca-

36
43

labrie
id.

-agosto

id.

-agosto

1
/5.
^ ^

0.

Secr. magistro portulano et procuratori Apulie.

Extravagantes infra

regnum.

3-9
28-31 C)

42
37-40
48-51 (9)
53-113

INDIZIONI
l

caialterc corsivo iiulica

(II

XI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

ANNI)

60

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

Secreto magistro ])ortulaiio et j^rocuratori ac magistro salisPriuci-

l'ebbraio-giLii^no

(1?82-1283)

10-13

|)atus et Terre Laboris,


Capitaneo a j^orta Roseti.

Ratio

Introitus Exiius (m).

20-25
4G-47
52
121-130
134-195
203-214

sett, -dicembre

Ratio

Exitus (").

215-217

agosto -die.

Secreto Aprutii.

agosto

Vicariatus

aprilc-id.

lustitiario Aprutii.
Just. Principatas citra.

luglio-agosto
-id.

id.

XII
(1283-1284)

XII-XIII

(1283-1285)

XI

26-27

{^^).

(1327-1328)

(M

La num. romana

in molti

ff.

Il

Sicola ha fatto

sunti di questo volume, notandolo

con l'indicazione 1288 E vel C [Rcp. 3 f. 1-3). V. nota 1 del


(2) Sempre trovansi le postille al margine dei documenti

due

(3)

Atti in francese.

{*)

Atti in francese.

di

settembre

(5)

Il

(^)

Al

f.

f.

35''

32

Al

cassati.

115^ un doc. di gennaio Vili ind. (1280); ed ai

116 e 118''

ff.

(1280).

continua
si

f.

voi. 50-

legge

al
il

f.

44*.

titolo lustitiario

Calabrie

et

lustitiario Basilicate,

ma

gli atti

sono

spediti soltanto al Giustiziere di Calabria.


II

f.

romano XXXVIIII

XL

faceva seguito

del voi. 48, nel quale simile

continua

(8)

II

f.

4''

(9)

Il

f.

38" continua al

al

ff.
f.

Sono porzioni

('')

Atti in francese.

(}^)

Gli atti sono indirizzati Capitaneis, Regenti

manca

il

3.

f.
scrittura pi o

f.

14 segnato col

num. antico

quaderno.

111.

Atti in francese.

mediocre

titolo del

il

Q-^)

Il registro in

al

42".

inserito al

Voi. 47

La

romano

43 segnato col num.

di diversi
f.

217'*

conti. L'introito contenuto nei

un doc.

mese

Curiam

- CAROLJS

stato. Contiene
ff.

del

I.

di

ff.

150-159.

gennaio.

Vicarie, mercatoribus et aliis.

1284. A.

99 segnati con numer. araba da 1-100:

[^].

meno guasta

Trooansi documenti cassati ai


ff.
74\ 75", 82% S5^ 88, 93" (^j.

mancante nei ff. 1"-, 4^, 7^, 40'\ 95^, 96^-99.


19\ 28\ 29\ 3l\ 48^ 49^ 53\ 70 7^ 75

61

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

carattere corsivo indica

(Il

settembre-marzo

XII

lustitiario

titoli

Indicazione
dei togli

suppliti per analogia)

18-23

Terre Bari.

(1283-1284)

-aprile

id.

-maggio Capitaneo regni

id.

1-2
4-7

Sicilie.

Secreti magistri portulani etprocuratores ac magistri salis Principatus Terre Laboris et Aprutii.

-id.

-giugno

id.

8-17
38-45
48-55
58-65
80-87

Secreti magistriportulani et procuratores ac magistri salis Apulie.

id.

Secr.

mag.

port. et proc. ac

28-37
66-79
88-96
24-27
46-47
56-57
97-100

mag.

salis Calabrie.

La num. romana va da I-CXXXIIII interrotta.


(^) Tra le postille messe sempre al margine dei doc.
reoocata de mandato domini principis.
(')

- CAROLUS

Voi. 48
Il registro in
e con

mediocre

cassati leggesi al

7P

Cassata quia

1284. B.

I.

stato. Contiene ff. 184, segnati

num. araba da 23-201, alla quale

f.

con num. romana

daVIJ-XXIJ,

aggiunta la romana interrotta: mancano

ff. 27, 35, 36, 67, 123-130: duplicato il f. 46.


N. B. Nella citazione dei jf. coi n. romani adoperata la cifra araba.
bianco il f. 191^.
i

La

scrittura pi o

131, 132,

167'',

meno guasta

168",

169'',

Trovansi documenti cassati a


143'',

doc. ne' ff.

INDIZIONI

10^',

34'',

mancante

ne' ff. 38-40^, 41^, 42^^, 68,

(Il

69, 106,

175''-201.

5r\

52^,

64'',

70'',

71", 82'',

99'',

121'',

138",

[').

169".

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

XI

ff.

50'',

145", 165'', 182", 185"

144'',

Sono monchi

173'',

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

Terre Ydronti.

settembre-die.

lustitiario

id.

-id.

Extravagantes infra regnum.

id.

-gemi.

lustitiario Capitinate.

id.

-id.

Secreto magistro portulano et procuratori ac magistro salis Principatus Terre Laboris et Aprutii.
Magistro portulano et procuratori
Calabrie (').

Indi(;azione
dei fogli

9-10

(1282-1283)

ottobre

-die.

18-25
28-34
7-8

15-17

26
11-14

INDIZIONI

(Il

XII

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

G2

cnrattcro corsivo indica

titoli suiipliti

Iiulicazione

dei logli

por nnalogia)

regnum

ottobre-maggio

Exti-avagantes intra

settembre-ottobre

Extracarjantes infra regnum.


Capitaneo rcqjii (^j,
Extracarjantes extra regnum.

37-186

(^).

{')

(12831284)

XIII
(1284-1285)

(^)

id.

-die.

id.

-id.

Sempre sono messe


43 del

fol.

(2)

11

(')

Al

(<)

Il

f.
f.

165''

1721"

voi.

le postille al

46 fa seguito

margine

al

f.

192-199
187-191
200-201

de' doc. cassati.

14 di questo voi. (Cf. p. 60 nota

7).

un doc. ca.ssato scritto sottosopra.

continua

al

177".

f.

('")
Ai f. 188 e 189 sono due elenchi de' registri angioini, mandati a re Carlo I in Bari.
Questi elenchi furono [)ubblicati prima dal cav. del Giudice (Codice diplomatico del regno di
Carlo I e li d'Angi ioni. 1 p. XXXVII-XLIIIj, ed indi dal sig. Paolo Durricu (Elude sur

Ics registres

du Roi Charles I tome

secoiid p. 11-20),

quale con molta bravura

il

si

gio-

vato di essi nella ricostituzione de' primitivi registri.

Voi. 49
Il registro in

mancano

ff.

quarta parte

Sono bianchi

La

buono

stato.

1284. C.

I.

366 segnati con numer. araba da 1-368:


duplicato il f. 147: dei ff. 96, 127, 254, esiste una

Contiene

171, 266, 267;

ff.

(i).

ff.

96\

127'',

134'',

170'', 254''.

168'',

scrittura guasta nel /. i*.

Trocansi documenti cassati


162'',

CAROLUS

ai ff.

6,

9\

12", 23",

43'', 49'', 52'',

79",

85'',

89",

90^

172", 181", 190", 218", 225'', 244", 271", 276'', 277'' 282", 284'', 299", 329"

monco

il

doc. nel f. 299".

INDIZIONI

XII

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(1283-1284)

(').

(Il

settembre-marzo

ciirattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

Extravagantes infra regnum

id.

-aprile

Secretis Calabrie.

id.

-magg.

lustitiario Calabrie.

Indicazione
dei fogli

268-355
229-230
237-242

{^).

1-4

92-96

Universis magistris massariis et


ratiarum regni. C*)

id.

-id.

id.

-giugno lustitiario Capitinate.

id.

-id.

lust. Basilicate.

id.

-id.

lust.

Terre Ydronti.

a-

356-368(5)

21-28
143-149
169-170
37-42
68-75
161-168
51-53
55-59
128-134

63
INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

(Il

carattere corsivo indica

settembre-giugno Secrctis Apulie

XII

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

(^).

(1283-1284)

Secr. Principatus Terre Laboris et


Aprutii.

-id.

id.

novembre-aprile

lustitiario Aprutii.

id.

novembre-giugno

lust.Vallis Gratis et Terre lordane.


lust. Terre Laboris et Comitatus
Molisii.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust. Principatus.

-id.

Terre Bari.

Capitaneo a porta Roseti.


Secreto Aprucii.
Capitanei Aprutii.
Secretus novus Capitinate.

febbraio

aprile-maggio
id.
-giugno

maggio

172-210
243-252
254
211-228
231-236
255-263
13-20
102-109
118-119
84-91
5-12
76-83
150-156
29-36
60-67
97-101
135-142
43-50
110-117
157-160

54
264-265
120-127
253

La num. romana procede da XV-CLXXXXII poi ricomincia da I-LXXXXVIII


da H-CLXXXXVIIII interrotta.
(^) Trovansi sempre le postille al margine dei doc. cassati.
()

indi

dei fogli

(3)

Ai

ff.

[*)

Al

f.

290, 342-348

(5)

Il

f.

365'*

Il

f.

53'

(7)

Al

f.

finali

ed

quitanze sopra liquidazioni di conti.


f. 366* un doc. in francese.

Marescallarum. Al
continua al f. 368^

360

(6)

trovano

si

il

titolo

continua

al

55.

f.

191 leggesi: Secrctis magistro portidano et procuratori ac magistro totius salis

Apulie-

Voi. 50

- CAROL JS

Il registro in
ff.

IL 1288. E.

buono stalo, eccetto diversi


ff. guasti
410 segnati con num. araba da 1-446: mancano

in parte dall' acqua. Contiene

i
ff. 33, 98, 99, 139, 144, 145,
151, 169, 183, 216, 217, 263, 288, 319, 375, 423: sono duplicati i
ff. 308, 384: il

239

triplicato:

dimezzato verticalmente: dei ff. 205, 422 esiste una


met: la numerazione dal
f. 102 passa al/. 127 senza interruzione dello scritto (2).

/.

Sono bianchi

il

f.

i
ff. 43'\ 44\ 82\ 84'', 138K 14l\ 143\ 149\ 175K 185", 186'' 192''
194", 196", 205", 213", 215", 236", 247", 256", 269", 284", 287", 334",
348", 349"'
379", 391\ 393", 405", 408", 409", 417", 422".
La scrittura pi o meno guasta mancante neiff. 1, 2, 218". 220', 351-374,
424-446.

Trnvansl doc. cassati a


15h'\

JJT.

220''

un", 207",

274", 275", 297",

308''.

7K 8\

222'',
321'',

400", 406". 419, 422", 443"

Sono monchi

23'i'>,

342'',

14'\

3GK 48\

75,

87\

100'>,

237'\ 239", 243", 246'', 251''

353'',

367",

365",

374",

382",

129", 130",
253'',

265",

383", 386",

{^].

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

11

224,

12^

doc. nei ff. 48", 281", 352", 353", 366".

INDIZIONI

(1288-1289)

9",

64

:ll

giugno-luglio
-agosto
id.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

Indicazione

carattere corsivo indica

titoli sujipliti

per analogia)

logli

142-143

Secreto Aprutii,

Extravagantium.

(lei

1-61

{*)

Capitanate et honoris
Montis S. Angeli ac Luceric Saracenorum Capitaneo.
lust. Terre Laboris.
lust. Principatus citra serrasMonlustitiario

(5)

91-100
140-141
152-168
62-66

67-73
77-78

torii.

id.

-id.

id,

-id.

id.

-id.

Aprutii citra flumen Piscarie,


Secretis magistris portulanis et
procuratoribus Apulie,
Secreto Pi'incipatus et Terre Lalust,

boris.

luglio -id.

lustitiario Basilicate.

Principatus ultra serras Mon-

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust. Vallis Gratis

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

Terre Ydronti.
Apodixarius. f )

id.

-id.

Quaternus privilegiorum seu dona-

torii.

etTerre lordane.

Terre Bari.

85-90
101-131

132-138
248-256
74
75-76
285-287
79
80-82
282-284
83-84
146-149
278-281
218-221"

tionum.
II-III

febbraio-agosto

Privilegia seu donationes. f)

agosto

Extravagantia.

206-213

(1288-1290)

ni

-id.

150

settembre

lustitiario Aprutii ultra

id.

scarie.
lust. Basilicate,
lust. Terre Bari.

(1289-1290)

id.

id.

lust.

flumen Pi-

Terre Ydronti,

id.

-ottobre

lust. Capitinate.

id.

-giugno

Secreto Aprutii,

id.

-agosto

lustitiario Terre Laboris et


tatus Molisii, ()

id.

-id.

Extravagantium.

C)

Comi-

170-171

190
193-194
195-196
191-192
267-269
197-199
351-353
172-175
289-312
176-189
261-266
394-396


INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

(1289-1290)

200-205
239''--247

354-368
214-215
390-393
424-446

id.

-id.

Apodixarium.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

Privilegia seu donationes et concessiones.


Secretis Mafjistris portulanis etprocuratoribus Apulie.
Domino Karolo principi Salernitano,
lustitiario Principatus.
De notariis pup icis advocatis et

ottob re-aprile
-luglio
id.

dei fogli

suppliti per analogia)

Secretis Magistris portulanis et


procLiratoribus Terre Laboris.

settembre-agosto

III

65

(")

22l"-239bis

257-260
369-374
270-277
376-384
335-342
343-350

praticis.

-agosto

id.

lustitiario Aprutii.

313-334

C'-)

Senescallo Provincie et Forchal-

g Ligi lo-id.

384'^is-389

querii.
id.

Extravagantium

-id.

Comitatus Pro-

vincie et Forchalquerii.
(')

Questo

voi. per errore e

contrassegnato con la lettera E.

Il

titolo

409
397-408
410-422

deve essere 1288. C.

(BoRRKLLi, Rcpertorium unwersale familiaruin

et terraruni t. I pp. 4, 102, 109, 124, 170, 211,


della Guardia, op. cit. p. 70, 148, 188
Duca
ecc.
371
pp. 86, 273,
sulla Costituzione di Federico II, p. 71 ecc.). Neil' elenco del 1855 (Ic-

267, 316, 329, 422-t.

II

Chiarito, Comento
gisl. posit. degli ArclGii

p. 56)

questo registro notato con

le

lettere

(E) e forse ci av-

venne per essere .sciitto nel margine interno del primo foglio: 1288 C, e pi sotto: 1288 E.
Nel repertorio III regis Caroli II pp. 1-3 citato il registro col titolo 1288. E, cui aggiunto tei
di altro carattere, e nel rep. Familiae particulares p. 119 il detto registro 1288. E.
ma sunti non corrispondono a' documenti che sono nel voi. ora in esame. Avendo per
cercata di trovare il registro, al quale i sunti hanno i-elazione, ci siamo accertati essere quello
segnato col n" 46 Carolus I 1283. E.
(2) La num. romana va da II CCLXXVIIII, e nuovamente da II-CLXXXIIII interrotta.
(') Quasi sempre trovansi le postille al margine de' doc cassati.

un doc. in francese. Ai f. 28^ 39^ 41", 42*, 43'', si trovano cinque cedole
seguente titolo: Cedula taxationis fodri ntittendi edomada qualibct ad felicem nostrum
(^)

col

Al

20^

f.

cxercituni de subscriptis terris et locis. Al


(-)
(f')

Il

54''

f.

Al

f.

continua al

278'''

f.

53'\ ed

il

f.

f.

lOO''

157''

al

sono due doc.


f.

Apodixarius e aggiunto: a die

al titolo

scritti sottosopra.

164>'.

XVIII

Julii in antea.

Al f.
un doc. in francese.
Al f. 206" un doc. in francese.
(9) Al f. 172" un doc. di agosto II ind. (1289)
(if)
Al f. 180 si legge Capitula super officiis secrotio magistratus procurationis et portulanatus ac salis Aprucii. Ai if. 182", 184'' e 185'' sono tre doc. di agosto II ind. (1289). Al
218'''

C)

(^)

f.

(!')

un doc. scritto sottosopra e raschiato.


Al f. 214" un doc. di agosto II ind. (1289)

(2)

Al

185'*

vientibus

una cedola taxationis lustitiariaius Aprucii pr habendis ad presens


ad custodiam inaritinie ipsarum partium deputandis pr nicnsibus tribus.
f.

325''

scr-

I''

66

CAROLUS

Voi. 51

II.

1289-1290. A.(0

ad eccezione dei primi ed ultimi ff., in buono siato. Consta di ff. 202
segnati con num. araba da 1-202: i ff. 200 e 202 sono per errore segnati co'num. 100
e 102
Sono bianchi i ff. S9\ 108'', IIO'', 103\ 166'', 169'', 171'', 174'' 200''.
La scrittura pi o meno guasta o mancante nei ff. 1-10, 51-54, 57-02, 194-107,
// registro,

{^'].

200-202.

Trocansi documenti cassati


158", 161", 180" [3].

J quaderni portano

INDIZIONI

(1289-1290)

36",

44",

50'',

112'',

114", 123", 131'',

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

settembre
-agosto

id.

carattere corsivo indica

lustitiariis

ottobre-genn.
-luglio

id.

-agosto

id.

-id.

titoli

suppliti per analogia)

(*).

Secreti Principatus Terre Laboris


et

id.

43'',

146",

l'indicazione: Magistri Rationales.

MESI

(ANNI)

III

a' ff.

De

Comitatus Molisii.

Notariis puplicis.

Secreto Aprulii.
Secr. Apulie.
Apodixarius.

novembre-agosto

lustitiario Aprutii.

dicembre-luglio

lust.

-agosto
id.
gennaio-id.
marzo-id.

Extravagantes.
Registrum Principatus Salerni.

Terre Laboris. f )

lustitiario Principatus. f)

Indicazione
dei fogli

117-119
90-97
109-116
201-202
104-108
98-103
175-200
128-135
160-163
120-127
136-143
152-159
1-89
172-174
144-151
167-ir39

luglio-id.
id.

-id.

lust.

Terre Bari.

lust. Capitinate.

164-166
170-171

Nel repertorio X. ex registris omissis p. 39 si cita questo registro senza l' indicazione
della lettera, e nel supplemento ad rcpcrtoriani Caroli 1 et li, si nota con la lettera A.
nei fogli.
(2) La num. romana non si trova
(3) Tra le postille quasi sempre messe al margine dei doc cassati notiamo la seguente al
36*.
f.
Cassola quia commlssa est Secreto Principatus et Terre Laboris.
C) Al f. 117 dopo il titolo scritto: sub parco sigillo.
{^) Al f. 142'' una cedola col seguente titolo Ceduta taxationis subscrlptaruni terrarum lustitiariotus terre Laboris anni iertie I ndictionis pr habcndis ad presens seroientibus
ad custodiam maritime deputandis monsibus iribus exclusis de taxatione presenti terris nia-

Comitatu fundoruni cuni ipsaiuni terraruin Unioersitates et ipso Comes diete custodie immorentar.
147** e una cedola per la provincia di Principato, dello stesso tenore di quella
(^) Al f.
ritinie et

riportata nella nota precedente.

Voi. 52

67

CAROLUS
Contiene

Il registro in mediocre stato.

1290. D.

IT.

217 segnati con num. araba da 2-226:

ff.

sono duplicati i ff. 170, 208, 220: mancano iff. 7,


200, 202: dei ff. 72, 109, esiste una quarta parte.

Sono bianchi

La

ff.

19,

62'',

72'\ 105'', 109'',

meno guasta

scrittura pi o

8,

63, 88, 08, 99, 124, 143, 144,

(']

117'',

111,

122,

199'', 201'',

210'>-

o mancante nei ff. 2", 10-18, 48-57, 76-83, 85, 97,

102, 104, 118, 119, 133, 226'">is.


6". 23'', 28,

Trovansi documenti cassati ai


141'',

146'',

Sono monchi

153",
i

156'',

ff.
158'', 167'',

doc. nei ff.

6'',

172\

37'',

10'',

39", 69",

174'',

84'',

177'',

184'',

100", 104'',

93'',

89",

74'',

115'',

181", 194''.

128'',

133^,

137",

i^j

134'',

153".

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

XII

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

giugno-luglio

Extravagantes infra regnum.

giugno-luglio

Extravagantium.

31

{^)

(1283-1284)

II

216-226

(1288-1289)

II-III
(1288-1290)

luglio-settembre

III

settembrc-magg.

(1289-1290)

112-114

Apodixarium.
i.

-aprile

id.

lustitiario

84-87

Terre Ydronti.

Secretis Magistris portulanis et


procuratori bus Apulie (Magistri
Rationales).

116
134-135
9-27
28-30
32-39
48-58
59-62

id.

-luglio

id.

-id.

Extravagantium.
lustitiario Terre Bari(ik/<2^.i?a^.)(^),

id.

-agosto

Just. Basilicate

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lustitiario Principatus citra serras

{Mag. Rat.),

(s)

Principatus ultra serras Mon-

torii.

Montorii.
id.

-id.

lust.

64-72

(e)

Terre Laboris

et

Comitatus

Molisii

73-75
97-101*
208b's-215

id.

-maggio

id.

-giugno

Capitula Inquisitorum per Curiam


statutorum.
Apodixarius in Provincia.
Extravagantium Comitatus Pro-

id.

-luglio

lustitiario Capitinate.

ottobre

10l''-103
105-107^()

136-140
141-194

vincie et Andegavie. f )

novembre-diccm.
-magg.
id.

Domino Karolo

principi

40-47

n
Salerni-

tano.

gennaio-agosto

marzo

Quaternus litterarum sigillatarum


sigillo parvo secreto. (^^)
Capitula lustitiariorum per Curiam
statutorum.

id.

-luglio

('-)

Litterc aperte. C^)

110
89-96

133
195-208
103i'-104

107M09
129-132

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

anni}

Il

(128!J-1290)

giugno-luglio

XIII

carattere corsivo indica

Indicazione
dei fogli

suppliti por analogia)

titoli

Privilegia.
luslitiai'io Aprutii (Mag. Rat.). C^)
Secretis Magistris portulanis et
procuraloribus regni Sicilie.

aprile-iiiag^no
niafi-gio-giiigno

IH

6R

aprile

Extravagantes.

settcnbrc-luglio

Secretis Apulie.

agosto

Secretis et Magistris portulanis et


procuraloribus Aprutii (Cancellar ius).

2-C)

7G-83

123

115

(1299-1300)

ITI

(''')

(1304-1305)

La num. romana si trova in pochissimi


Al margine de' doc cassali trovansi le

(')
(2)

118-121
125-128
117

fogli.

postille.

legge Corninissio domini Ansateli (de Lavandaria).


37"^
cominciamento di una cedola col titolo
Ceduta continens taxallonem
il

f.
{*)
generalis siibocntionis imposite pr presenti anno tertie indictionis in terris et locis subscriptis
Justitiariatus terre Bari pr defensione regni cantra incasores et turbatores ipsius regni.
Leggesi al f. 48^ una cedola di tassa per il Giustizierato di Basilicata col titolo analogo
ij')
(^)

Al
Al

31"

f.

si

a quello gi riportato nella precedente nota.


(C)
Ai f. G6 una cedola di tassa per il Giustizierato di Principato col

titolo simile

a quello

una cedola

di tassa

trascritto nella nota 4.


(")

Al

97 la Ordinatio seu statutum super concioiis, ed al

f.

Terra

pel Giustizierato di

nota

di

Lavoro, col

titolo

f.

211*''

analogo a quello indicato nel

voi. 51 (V.

p.

GG

5.)
(^)

(9)

Il

Ai

(1")

Al

continua

105='

f.

174^

142",

ff.

110"

f.

si

al

183'*

legge:

f.

10G-\

sono tre doc.

Hec

in francese.

sunt capitala super quibus debcnt inquirere dominus Episcopus

iudex Antonius de Fogia statuti et ordinati inquisitores et dioisores ienimentorum terrarum demanii ecclesiarum et baroniarum in
lustiariatu Capitinate. Simili capitoli furono dati per i Giustizierati di Basilicata e Princi-

Monopolitunus

pato

(f.

(^')

et

no'').

Si legge al

XXV III
(12)

et

dominus Gui.zardus de ponsingiaco

Il

f.

201''':

lictere clause misse subscriptis personis sub sigillo

parvo secreto

mensis januarii in antea.

documento

monco

al

f.

104**;

ma

ai ff.

107''

109 se ne trova

il

duplicato, nel

quale all'ultimo verso del f. 108" si legge la continuazione del documento interrotto nelle parole tertium sub sigillo vestro etc
(i-')

(1^)

Al
Al

f.

129''

f.

76''

un doc. in francese.
una cedola di tassa pel

Giustizierato di Abruzzo col titolo analogo a quello

gi riportato nel precedente voi. 51 (V. p. 66 nota 5).


(^^) Leggonsi al f. US""* i Capitula officiorum Secretie portulanatus

Voi. 53
Il registro, eccetto pochi fogli
1 287:

araba da
esiste una met

(').

mancano

CAROLUS
in

ff.

buono

stato.

II.

procurationis ac salis.

1291.
285 segnati con num.
duplicato il f. 137: del f. 26

Contiene

250, 280, 281:

et

ff.

Sono bianchi
251'',

La

254'',

26'',

ff.
255'',

69

82'\ 137'' bis, 142'', 169'', 225'', 23l'>, 235'', 244'', 246'', 249'',

259'', 217'', 286''.

scrittura pi a

meno guasta

Trovansi doc. cassati ai

ff.

l'',

4'',

mancante nei

13\

ff.

35\

29'',

66-61

202''

83\ 84\ 88\

66", 69"',

36'',

256-212.

102^, 101\ 109", 115'\ 119", 128'', 136", 131'', 144"', 151", 151",

211", 220"

206'',

Sono monchi
In

tutti

188", 203",

(3).

doc. nei ff. 223'', 282".


quaderni dello VI a VII alla quantit del
i

terno leggesi Camerarius, ed in quelli della

INDIZIONI

primo foglio

nel

(Il

margine

in-

Vili Rex Ungarie Camerarius.

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

XIV

158'',

lOl'',

carattere corsivo indica

marzo

Extravagantes.

settembre-marzo

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

1-2

(1285-128G)

VI
(1292-1293)

VII

id.

-agosto

lustitiario Basilicate,
lust. Terre Laboris.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust.

dicembre

-id.

lust,

febbraio

-id.

lust.

settembre-marzo

99-106
27-82
83-98
107-123
124-137
3-26
138-142

Principatus.
Capitinate.
Terre Bari.
Aprutii,
Terre Ydronti.

Extravagantes,

143-225

('*)

(1293-1294)

giugno

VIII
(1294-1295)

id.

-luglio

luglio
id.

Apodixarius.
Secreto Principatus.
Guillelmo Extandardo {RegniSici

He

(')

Il

Mar escallo).

-agosto

lustitiario

id.

-id,

lust. Aprutii,

id,

-id.

lust.

Terre Bari.

id.

-id.

lust. Capitinate.

id,

-id.

lust. Basilicate,

id.

-id,

lust, Princi])alus,

id,

-id.

lust.

id,

-id.

lust. Vallis Gratis,

id.

-id.

Secretis Apulie.

id.

-id,

Terre Ydronti.

id.

-id.

Extravagantes.
Vicario Principatus.

id.

-id.

Inquisitori bus.

titolo di

287
226-230
232-235
236-240
241-244
245-246
247-251
252-254
255
260-261
202-282
283
284-286

'

Terre Laboris.

id,

ad antiquos
Vindex ecc. a. e.

ricus

231
256-257
258-259

(:')

questo registro erroneo. Dev'essere 1294 L. (Borrelli, Apparatus histocronolotjos illustrandos, ms. nella Biblioteca nazionale

t.

pp. 299, 463

p. 21 Griffo, Repertorium familiarum illustriiim et noblium cicitatis et


Regni Neapolis sumptus ab Archioo ecc. antequam fuisset expllatum in tumulto prcncipis Macchiae pp. 22, 110 Repertorio Familiae particulares p. 931. Giustiniani, ',irjonarjo (/cograjico del Regno di Napoli t. I p. 123 nota 3).
Ai tempi del Chiarito [Comento ecc. o. e. p. 11, 12, ecc.) era segnato 1291 <. Neil" elenco
del 1855 (Lcgisl. pos. cit. p. 57) il registro 1294. L notato mancante.

(^)

La num. romana manca nei fogli.


Sempre si trovano le postille al margine

C)

Al

(2)

f.

dei

documenti cassati,
a primo die mensis nooembris predicte

170" scritto: Subscripte liUereface sun

XII

70

Indictionis quo nobilis vir Guillclmiis de Ponciuco miles ccpit cicecancellarie officiiun

cxcrccrc.
(')
un ordine per pagarsi gli assegni al notaio Nicola Pascasio di Capua deputato ad
facicnJa registra pr parte airi nobilis lohannis de Monte/arte Squillacii et Montis caccosi
comiiis ac Regni Sicilie Camerarii.

Voi.

b'4

CAROLUS

Il registro in caltico stato.

cano

Contiene ff. 286 segnati con nam. araba da 2-295, man


ff. 50, 51, 63, 204. Dopo il f. 32 seguono i

33-43: sono duplicati

ff. 6,

IL 1291. A.^^

nuovamente i ff. coi n. 50, 51


annesso un pezzo di pergamena situata per traverso ().

ff. coi n. 46-51, ed indi 44-45, e poi

Sono bianchi

La

ff'.

24^,

scrittura pi o

67'',

ecc.

al /.

250

120.

meno guasta

mancante

nei ff. 2, 3,

7-14, 27-31,

50-80, 92,

116-294.
indizioni sottonotate al f. 63'' un doc. di decembre II ind. [1273].
Trocansi doc. cassati ai ff. 53", 55, 71", 72^", 116", 147'', 153\ 163'', 178'', 197^

Oltre

le

19<J",

204'', 208'',

Sono monchi

IV-V
(1275-1277)

XII

(Il

gennaio

[^).

52'',

62'',

115'',

Ol'',

275'', 287''.

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

IV

247''

doc. nei ff. 24", 25",

INDIZIONI

(1275- 127G)

213\ 245^

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

dei fogli

id.

-marzo

Secreti.

id.

-api'ile

lustitiarii.

58-63
50-57
G8-115

gennaio-gennaio

Magistri iurati et iudices.

32-40

lebbraio-nov.

Littore misse ad

giugno

Secreto

settembre-genn.

luslitiario Aprutii citra

Extravagantes.

dominuin regem.

G3^'^-G7

(1283-1284)

li

(1288-1289)

III

(lumen

Pi-

scarie.

settembre-agosto

Extravagantia.

(1289-1290)

IV

5-31

settembre-die.

(1290-1291)

{Magistri

288-295

Quaternus statutorum super recol-

240-247

lustitiario

Principatus

Rationales).
id.

gennaio

id.

-febbraio

id.

-giugno

-agosto
dicembre-luglio
id.

{^)

ligenda et expendenda fiscali pecunia in Apulia Aprutio Terra


Laboris et Principatu.
lustitiario Aprutii {Mag. Rat.). (')
Extravagantia. f)

Apodixe.
Secreto Principatus Terre Laboris
et Aprutii. {Mag. Rat.)

27G-287
121-239
248-255
116-119
256-275

Questo

(')

ed

voi. 54,

cancellerie ecc.

o.

p.

e-

10)

71

seguenti 55 e 56 portano
dice che

stesso titolo 1291, A.

Io

Minieri {Le

Il

suddettf tre volunni erano uniti in un solo in epoca an-

teriore alla loro presente legatura. Dall'esame fattone risulta che

vUn solo registro {Rep. III. refjis Caroli II. pp.


avea il titolo 1291, 1292 B (V. nota 1 del voi.

9-97), e

che

il

54 e 55 costituivano

voi.

56 era da essi separato ed

voi.

56).

si trova in pochi ff. 11 pezzo di pergamena dopo


ff. 250 e 252 condocumenti di settembre-novembre IV ind. (1290) Il f. I di questo registro si trova
nel voi. 328 (ora f. 7). V. Rep. eie. p- 9 e l'Inventario del 1568 n. 58. Per citare progressivamente fogli senza cassare l'antica numerazione, se ne aggiunta una nuova dopo il f. 32,
numeri antichi e disoi-dinati dei ff. 44 51
indi seguo
la quale va da 33-40
e comprende

La num. romana

(^)

tiene sunti di

numero arabo 50 duplicato.


Quasi sempre trovansi le postille

l'antico

margine dei doc. cassati.


(*) Al
una cedola continens taxationem 'jencralis sabccntionts pr presenti anno IV
indictionis imposite et taxato in subscriptis terris et locis lustitiariatus Principalus pr dc(3)

al

f. 291'''

fensione recjni cantra incasores et tuvhutores ipsius regni.


{^) Al f. 280'', 283" sono due cedole per l'Abruzzo ultra e citra col titolo gi riportato nella
nota precedente.
Al f. 141'' si trovano Capitala et -tatnta super regimine regni, a quanto pare inediti.
(^)
i

Ai

216", 224" sono due liquidazioni di conti o quietanze [apodixe).

ff.

^^-^CAROLUS IL

Voi.
Le pergamene

di questo registro sono guaste dalle

429L A.C)
acque

distrutte

nella parte

esterna. Contiene ff. 133. La num. araba disordinata e perci si ri/atta da 1-133.
da notare che al f. 15 si trova il num. antico arabo 206, che fa seguito alla

num. del precedente volume.


Sono bianchi

ff.

5^

27'',

Trovansi documenti cassati ai


Sono monchi i doc. nei ff. 7*,

INDIZIONI

(^)

57''.

ff.

2",

11'',

42", 43", 45",

41'',

51'',

58'',

88'',

60'',

01", 104''.

03'',

carattere corsivo indica i

titoli

e).

06''.

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

XIII

14'',

MESI

(ANNI)

ir,

Indicazione

suppliti per analogia)

dei fogli

giugno-luglio

Privilegia.

36-41

febbraio-marzo

Secreti.

42-49
70-75
62-69
88-133
23-31 .5^

(1284-1285)

XIV
(1285-1286)

id,

-aprile

lustitiario Capitinate.
lust.

id,

-maggio

id.

-giugno

Terre Bari.
Extravagantia.

id.

-agosto

lustitiario Basilicate

{*).

34-35^^
marzo-aprile
id.

Secretus Apulie.

-maggio

lustiario principatus.

Secreto principatus
ris et Aprucii.
Extravagantes.

luglio-agosto

IV

80-87
32-33

aprile-agosto

Terre Labo76-79
1-22
50-61

(1290-1291)
(1)

Il

titolo stato supplito

volume 1291 A. (V. nota

da

noi.

Nel dorso

del

volume

e scritto a

mano: Carlo 11-2

del voi. 54.)

La num. romana non

si trova nei fogli.


Quasi sempre trovansi le postille al margine dei doc. cassati, tra le quali notiamo
seguente al f. 42". Vacai quia renovata est Baiulis Adrie tani prcsentibus quam futuris.
(^) Al f. 34" dopo il primo doc. si legge il titolo: lustitiario et capitaneo Basilicata,
(^)

(^)

(5)

Il

f.

35''

continua

al

f.

28".

la

'/'^

Voi. 56

buono

Il registro in

num. araba

Sono bianchi

La

1-2!)J:
i

ff.

CAROLUS

1291. A.

II.

(')

ad eccezione di pochi fogli. Contiene 281 ff. segnati con


mancano i ff. 3, 30, 74, 79, 84, 05, 06, 00, 184, 185 ().
sialo,

178'',

174'',

scrittura pi o

170", 188'',

meno guasta

243''

242\

mancante ne

ff.

285''.

1,

110

143-164

172'',

178

180-183, 200, 201.


Oltre

le

un doc di settembre Vili

indizioni sotto notale, al f. 201''

ind. [1204]

per

errore scritta VII.

Trovansi doc. cassati a


122", 123',

Sono monchi

ff.

11",

18'',

37",

45'',

47'', 40'', 50'', 67'', 77'', 114'',

124", 136", 139", 141'', 148'', 150'', 160", 162. 163'', 176', 213.
2'', 74'', 83''
100'.
doc. a

INDIZIONI

(^J.

ff.

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

Indica/ione
l'i"
dei lugli

(Il

20'', 34'',

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

settembre-maggio Extravagantia.

1-118

(1291-1292)

VI

settembre-agosto

Secreto Principatus et Terre La-

(1292-1293)
id.

-id.

id.

-id.

Secr. Apulie.
Secr. Aprucii.

.(1293-1294)

les).

maggio-luglio
id.

-agosto

id.

-id.

id.

-id.

luglio

-id.

147-174
175-183

(')

Secretis A\m\e {Magisi l'i Rationa-

marzo-agosto

VII

110-14G

boris.

248-291

(^)

IustitiarioTerreYdronti(Mar/.i?a/).
Secretis Principatus et Terre Laboris {Mar]. Rat.) (")
lustitiarioVallis Gratis seuCalabrie
{Mafj. Rat.)
Secreto Aprutii {Marj. Rat.)
lustitiario Terre Bari {Mag, Rat.)

189-200
218-247

201-208
209-217
186-188

(>) Il titolo erroneo. Dev' essere 1201-1292. B. (Borrelli, Rep. I pp. 337, 44311 p. 285
Reperloriuni III rcrjis Caroli II p. 99)- L' elenco del 1855 {Lcgisl. posi. eie. p. 56) ed il Mi.

nieri {Le Cancellerie ecc. a. e. p. 11),

segnano

il

leg. 1291-1292

B mancante.

(V. la nota

del voi. 54).


(^)

La num. romana

(^)

si

trova dal

doc. cassati non hanno

f.

sempre

187 arabo in poi disordinata ed interrotta.


le

postille nel

margine interno

del foglio.

di agosto V indizione (1292).


Apulie
scritto a die primo maii in antea: per al f- 261'' tro(^) Dopo il titolo Secretis
vasi un docunnento di marzo precedente. Al f. 256'' il titolo : Secretis magistris portulanis
{*)

et

Al

f.

175 sono quattro doc.

procuratoribus Apulie.
(6) Al f. 225'' un doc.

portulanis

et

di aprile

VI

ind.

(1293).

Al

f.

226*''

procuratoribus ac magistris salis Principatus

et

il

titolo e:

Secretis magisiris

Terre Laboris.

73

Voi.

57--CAROLUS

Il registro in buono stato.

cano

11, 18, 19,

ff.

74,

1291. 1292. A.

II.

146 segnati con num. araba da 1-154: man87, 88, 100: dopo il f. 62 segue un f. sema

Contiene
78, 79,

ff.

num. il f. 01 mutilato in buona parte (').


Sono bianchi i ff. 17'', 25'', 09'', 102", 154''.
La scrittura pi o meno guasta o mancante
Olire la indizione sottonotata al f.
Trovansi doc. cassati ai ff. 2", 24"',

6''

143

126", 142",

Sono monchi

INDIZIONI

73'',

65'',

69'',

71", 73'',

75,

IH,

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

\^

IV

113'',

124'',

80".

MESI

(anni)

un

(2).

doc. nei ff. 10",

60'',

nei ff. 70'' 91.


doc. di luglio
ind. [1291].

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

Extravaganlium Comitatus Pro-

settembre-nov.

(1291-1292)

1-8

81-88
10

vincie, f)

-agosto

id.

Extravagantium.

(^)

13-80.,.

89-90^

99
id.

id.

Terre Laboris

-id.

lustitiario

-id.

tatus Molisii. f)
lust. Basilicate.

settembre-ottobre

et

Comi-

91-98
101-146
147-154

Extravagantium.
12 ()

(1306-1307)

Questo voi. continua nel seguente. {Ina. del 1568 ji. 59


Borrell, Rep. 1
MiNiERi, Le Cane. e. p. 10 nota 2). La num- romana si trova in pochi fogli.
(^) Trovansi le postille al margine dei doc. cassati.
(3) Al f.
un doc. in francese.
(') Al f. 13** un doc. in francese.
(^)

p.

441

u'"*

al

f.

(5)

Il

(6)

Al

II

56''

f.
f.
f.

continua al

90'*

91" nel
9"

ha

il

f.

99'''.

margine interno
suo principio

al

si
f.

legge: Magistri Rationalcs.


55''

del registro

N. 161 (1306 F); ed

il

f.

12'

continua

del predetto reg. 161.

Voi. 58

CAROLUS

II.

1291. 1292. A.

168 segnati con num. araba da 154-316: mancono i ff. 286, 294: dopo il f. 162 seguono due ff. senza num., dopo il f. 218 un
f. senza num., dopo il f. 251 due ff. senza num., dopo ilf. 261 unf. senza num.,
e dopo il f. 265 un f. senza num. ^').

Il registro in

.Sono bianchi

buono

ff.

stato. Contiene ff.

187'',

239'', 240''.

10

74

La

scrittura pi o

meno guasta

mancante nei

jf.

117

215, 216,

316''.

Trovanti doc cassati aiff. 156", 167", 175", 176'', 188", 189, lOl'', 197\ 200", 201",
202", 206", 215'\ 216", 217\ 218'', 226", 2i7", 261" bis, 266", 277", f-).

monco

doc. nel /. 293''.

il

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

ANNI)

(Il

\'

settcnibr e-agosto

(1291-1292)

carattere corsivo indica

1G9-187
188-203
204-224
225-240

lust. Capitinate.

id.

-id.

lust.

id.

-id.
-id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

dei fogli

suppliti per analogia)

1,54-1G2

-id.

id.

titoli

lustitiario Basilicate. {Magistri Rationales).

id.

id.

Indicazione

Principatus,
lust. TciTC Bari.
lust. Terre Ydronti. (Mag. Rai).
lust. Aprutii.
Registrum Principatus Salerni et
iionoris Montis. S. Angeli.
Quaternus Domini Caroli Principis
Salernitani. (^)
Extravagancium Comitatus Pro-

241-201^'^

2G2-276
277-293

297-304

vincie.

ottobre-gennaio

Scnescallo Comitatus Provincie et

295-296

forchalquerii.

giugno-agosto

Apodixarius Camere.
Extravagancium.

luglio

lustitiario Capitinate. (Ca/jierarms).

-aprile

id.

MI

311-316
305-310

{*)

I62'^i*-1G8

(1293-1294]

(')

non

si
(-)
(3)

al

f.

Questo

nota

1 del voi.

57

p. 73).

La num. romana

fogli.

Quasi senapre sono le postille al margine dei doc. cassati.


Ai ff. 288, 295, 297 nel margine interno si legge:/?. Camere de pecunia.

293'' si
[*)

voi. fa seguito al precedente. (V. la

trova nei

Al

f.

trova intero nel voi. 59 (1291-1292 C)


311

al

margine interno

Voi. 59

legge:

Il

doc.

monco

94.''

R- Camere.

CAROLUS

IL 1291. 1292. C.

stato. Contiene ff. 272 segnati con num-. romana I-XC: araba
alla quale aggiunta anche la romana fino a
in alcune parti disor-

Il registro in

91 296,

si

f.

buono

CCC

XX

Mancano i ff.
VI, LI 126, 127, 187, 188, 193, 198, 199,
205-207, 217, 218, 233, 266, 270, 276, 277, 281-285: il f. 186 per met.
N. B. Nella citazione de' primi 90 ff. co' num. romani si adopera da noi la cifra araba.
dinata ed interrotta.

bianco

La

il

186''.

f.
scrittura guasta o

Trovansi doc. cassati a


194", 203",

mancante
ff.

24'',

243\ 254", 256".

in
30'>,

[^]

pi parti dei
40'\

ff.

1, 296.

41", 47", 75", 79", 98", 128". 132", 171",

75

Sono monchi i doc. ai ff. 2\ 27'\ 52", 204\ 21G'\ 2(ju\ 269'', 271''.
Jn tutti i quaderni alla sommit del margine interno del 1'^ foglio leggesi. R. Cancellarle, ad eccezione del /. 166 oce leggesi. R. Camere.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

carattere corsivo indica

titoli

suppliti por analoga)

Principi

ottobre

-agosto

Regi Ungarie

id.

-id.

Apodixarius.
Senescallo Provincie et

(1291-1292)

Indicazione
dei fogli

Salerni-

59-144

forchal-

155-162
163-191

tano. C)

novembre -id.

querii.
id.

-id.

dicembre

-id.

id.

-id.

(^)

Extravagantium. (*)
Quaternus privilegiorum donationum et concessionum.
Quaternus lustitiariorum, Magistri

192-296
1-58
145-154

lustitiarii,Secretorum,magistrorum portulanorum et procurato-

rum acmagistrorum salisetaliorum officialium regni.


Le postille sono messe sempre al margine de' doc. cassati.
quaderni portano il titolo Regi Ungarie. altri Principi Salernitano: riguarAlcuni
C)
titoli la stessa persona si sono riuniti.
dando ambedue
(^)

(^)

Nel

f.

186'' al

pergamena

rovescio della

si

legge: Reperta est sic incisa.

Al margine esterno del f. 264** leggesi: Notarioruni, ed


mine di notai. Al f. 294" sono due doc. in francese.
{*)

Voi. 60

CAROLUS
prima met

II.

infatti si

trovano diverse no-

1292. C.

pergamena
nella parte esterna. Contiene ff. 312 segnati con num. araba da 1-317: la num. dei
fogli per errore da 43 passa a 45 e da 220 a 230, senza interruzione dello scritto:
sono duplicati i ff. 19, 163, 178: il f 258 quadruplicato: manca ilf. 85: del f. 188
esiste un brano, e del f. 266 una 4"' parte. (')
Sono bianchi i ff. 187\ 259", 266'', 288'', 300", 302'', 305'', 307"'.
La scrittura pi o meno guasta o mancante ne' ff. 1-178.
Jl registro in cattivo stato, e nella

Trocansi doc. cassati


84",

86'', 03'', 103'',

ai ff.

7'',

15'',

In

tutti

25'', 28'',

31", 33",

ter,

leggesi: Camerari us.

36", 42", 52", 76",


176'',

83'',

179". 206'', 238'',

262", 263", 269", 285, 299", 301", 312''

doc. nei ff. 189", 217'', 219", 257",


quaderni dello VII indizione alla sommit del
i

34'',

105", 106'', 109'', 122'', 128", 144'', 165",

242", 251", 256'', 257", 258", 258''


-Sono monchi

dello stesso trovasi marcita la

.^j.

296''.
1'^

foglio, nel margine interno


INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

carattere corsivo indica

(Il

VI

76

titoli

settembre-agosto

Extravagantes. f )

settembre-febbi'.

lustitiai'io

id.

-id.

id.

-id.

lust. Basilicate.
lust, Capitiiiate.

id.

-id.

lust.

id.

-agosto

lust.

id.

-id.

id.

-id.

lust. Aprutii. C)
lust. Priiicipatus,

Indicazione
dei togli

suppliti per analogia)

1-175

(1292-1293)

VII
(1293-1294)

romana non

(')

La

{-J

Non sempre sono

(^)

Al

f.

{*)

Ai

ff.

nuni.

106'' si

VII

monco
monco al

doc.

Il

('')

Il

doc.

(^)

Il

f.

(")

Il

doc.

249''

al

monco

al

f.

buono

il

f.

doc

cassali.

stato.

ff.

mancano

106'',

108",

ff.

110",

si

cepit vice-

ni.les

pu leggere intero nel

voi.

a primo

70 (1294

M)

185".

f.

voi.

66 (1294 C)

80".

f.

ff.

ff.

II.

I)

f.

42''.

1292-1293. A.

211 segnati con num. araba da 1-219: sono


Si,

5'.),

60, 101, 162, 182, 186, IVO, 202,

(').

125",

191'',

meno guasta

Trocansi doc. cassati ai


105'',

189"

intero nel voi. 69 (1294

Contiene

segnato 113
31'',

f.

CAROLUS

al

pu leggei'e intero nel

si

219''.

mancante nei ff. 1, 18, 218-219.


f. 108'^, un doc. di agosto V ind.

Oltre la indizione sottonotata al

217"

dei

trova nel detto voi. 70

296'' esiste

103

scrittura pi o

103'',

2G7-296

254".

f.

102, 110:

Sono bianchi

La

220-2G6()
(')

Togli.

margine

monco

doc.

257"

al

ff.

\\

217'' si

f.

ibi.

continua

// registro in

214:

Terre Ydronti.
Tei-re Laboris (')

Indictionis quo nobilis rAr Guillelmns do poncinco

Voi. 61

duplicati

303-305
306-312
313-317
17G-219

CupUnla magistvi passuuni Aprutii.

legge:

cancellerie ojjlcium cxercere147".

297-30,2

181", 259'', 289", 300'', 307'', 315'' leggesi: Suhscriptc littere fucte sunt

die rncnsis Noocmbris

r.

trova nei

si

postille al

le

Terre Bari.

7",

12'',

131",

13",

137'',

27'',

143'',

38'',

166'',

45",

168",

49'',

51",

173'',

[1292).

53'',

191",

81", 102'',

198",

211",

(2;.

Sono monchi

doc. nei ff.

INDIZIONI

58'',

61", 201'', 215".

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(il

VI

carattere corsivo indica

titoli

suppliti por analogia)

id.

-id.

Quaternus privilegiorum seu concessionum.


Regi Ungarie.

id.

-id.

Magistro

id.

-id.

Senescallo Provincie.

id.

-id.

Extravagantium.

settembre-agosto

(1292-1293)

lustitiario, lustitiariis ceterisque officialibus regni Sici-

Indicazione
dei fogli

1-53

54-106
107-132

lie C).

ottobre-luglio

Apodixarius.

133-143
144-216
217-219


Trovansi

(3j

Ai

ff.

e 122"

IM'''

si

aggiunge Secretis, ed

CAROLUS
Contiene

Il registro in ottimo stato.

duplicati

ff.

23, 45, 49, 86, 111, 116:

ff.

Sono bianchi

ff.

45'',

scrittura pi o

125'',

86'',

3'>,

ff.

VI

9",

13'',

(-)
if.

19'\ 39",

1,

40'',

149'',
42'',

154''.

43\

51'',

87",

(Il

settembre-nov.

89'',

94",

("].

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

lustitiario Vallis Gratis et

dei fogli

Terre

154

lordane.
id.

-agosto

Just. Teri-e

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust. Basilicate.

La num. romana non

si

Laboris.
Aprutii (^).
Capitinate.
Terre Bari {*}.
Terre Ydronti.
Principatus.

1-55
56-86
<S7-102

103-115
116-125
126-141
142-152

trova nei fogli.

Quasi sempre sono le postille al margine dei doc. cassati; tra le stesse notiamo quella
131": Cassata et orlginalis lacerata.
Al f. 67" si legge: Coinniissio noci Capitanei et Jusliiiarii Aprutii.
Al f. 112'* leggesi: Commissio nool lustitiarii Terre Bari.

Zd"^,

(3)
[*)

nei ff.

TITOLI DEI QUADERNI

(1292-1293)

a'

127" Secrctis magistris portulanis.

IL 1292-1293. B,

mancante

MESI

(anni)

f.

162 segnati con num. araba 1-155: sono


il
f. 107 triplicato: manca il f. 153 ['^).

107", 111\ 112", 113", 127", 131", 145"

INDIZIONI

al

155.

meno guasta

Trovansi doc. cassati ai

(')

La num. romana va da I-CCLXXVIII interrotta.


le postille al margine dei dee cassati.

(2)

Voi. 62

La

77

Voi. 63

CAROLUS

IL 1293 1294. A.

Il registro in buono'stato, eccetto gli ultimi fogli. Contiene


ff. 350 segnati con num.
araba da 3-262: duplicato il f. 151: mancano i ff. 20, 21, 29, 63, 64, 142, 149,

150, 170, 199,

Sono bianchi

La

238

ff.

(').

201'', 202'',

scrittura pi o

255''.

meno guasta o mancante

nei ff. 3, 227'', 231'', 240'', 241, 242,

246-262.
Olire la indizione sottonotala al f. 5" un doc. di agosto
Trovansi doc. cassati ai ff. 4", 6*, 16'', 24'', 28, 48", 82",
224'',

246"

Sono monchi

f-).
i

doc. nei

ff'.

19'',

28'',

148'',

262''.

VI

ind. [1293].

136\ 159\

163", 183",

INDIZIONI

[U carattere corsivo indica

scltcrnbrc-agosto

VII

dicembre

(12fi3-1294;

La

(j

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

-id.

romana non

iium.

si

Kxti'avagantia
Apodixarius.

trova nei

fi.

Il

f.

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

dei fogli

3-243
244-2G2

f).

2G3 nel voi.

dei

II

Nuoci Registri ora

46. [Inccntario del 1~)G8 n. 71).

f.

(')

Le

('^)

Al

torno

sono messe al margine dei documenti cassati.


dopo il titolo Extracagantia, si legge regni Sicilie. Al f. IDI-'' nel margine inDe notnriatu puplico. Al f. IG" e un doc in francese, ed al f. SO** un altro.

postille
f.

3",

sci'itto

Voi. 64

78

CAROLUS

1294. A.

li.

(')

254 segnati con num. araba 1-255: man121, 217, 218, 245: sono duplicali i jf. 34, 57, 215, 255 [''].

Il registro in caliloo stato. Contiene ff.

cano

Sono

La

79,

jj.

bianchi

ff.

3'\ 50'' ,

255^

bis.

meno guasta

o mancante nei ff. 1-8, 14-16, 28'', 45-53, 68-71,


101, 107, 116, 126-132, 146. 147, 156-171, 193-204, 248-255.
Trocansi doc. cassati ai ff. 27'', 37\ 76'', 100", 118", 139", 159", 202'' [^).

scrittura pi o

monco

il

doc. al f. 201"

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

Il

Vili

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

settembre-genn.

Apodixarius. (Camerarius).

novembre-agosto

lustitiario

dicembre

Secreto Apulie.

{*)

dei fogli

1-13

(1294-1295)

IX
{12f5-1296)

Terre Laboris

et

Comi-

tatus Molisii. (Prothonotarius).


id.

id.

Extravagantia {Prot.

-agosto

Rationales).
Just. Principatus (Prot. -Cam.) f)

gennaio-giugno
id.

Magistri

-luglio

-agosto

Just. Basilicate (Prot.)

Just. Capitinale (Prot.)

febbraio-id.

Quatcrnus mandatorum missorum


duci Calabrie. (Cam.)

marzo-maggio

Senescallo Prooincie.

14-80.,.
89-90^''
88()
185-200.,.

205-253^

87
91-153
171-178
154-170
179-184
254-255
201-204

Questo registro non trova riscontro nell'elenco stampato del Borrelli: (Vindex ecc. l. e)
autore ne fa i sunti {Rep. I pp. Ili, 130, 449. - II pp. 108, 386, 394, 604), e
nota nella serie 4'' di Caiio 2 (V. Apparatus historicus eie. mss. nella Biblioteca Nazio0)

Per
lo

nale

lo stesso

t.

{^)

(*)
f.

p.

1).
si

trova in pochi

fogli.

Quasi sempre sono le postille al margine dei doc. cassati.


1 si possono leggere interi nel voi. 67 (1294 E) f. 55
I due documenti incompleti nel f.
73'*. Gli altri dal f. 4-13 sono trascritti nel predetto voi. ff. 55''-62, 71.
80*.
(^} Il f. 80 legato a rovescio, e perci lo scritto comincia nel f- 80'* e continua al f.

(^)

La num. romana

-voce)

II

f.

88 legato a rovescio, ed

(')

Il

f.

212''

continua

reg. 84 (1206 D).

detto reg.
()

f.

Il registro in
i

al

11B lia

f.

ff.

Sono bianchi

La

buono

slato.

116, 218:

f. 105 segue un

il

continua

88'*

f.

US' del reg. 76 (1295 B).

f.

continua

Voi. 65

duplicati

del

al

214".

f.

f.

Il

Il

231" ha

f.
il

al

88''.

f.

222'' continua al
suo principio al

210^ del

f.

102''

f.

ff.

suo principio

il

Contiene

mancano

183'',

ff.

a" ff. 16'',

/)

71, 117, 161-164, 206, 224, 225:

per la terza parte

esiste

f.
255'', 256'', 258''.

mancante

del registro 81 (1296 A).

1294. C.

II.

255

il

30''

f.

281 segnati con num. araba 1-288: sono


64,

ff.

102'',

189'',

meno guasta

Oltre la indizione sotlonotata

al

CAROLUS

senza numero:

f.

70'>,

scrittura pi o

2l'\

41'',

ne' ff.

sono

1,

3,

4,

tre doc. di

dopo

[^).

281-283. 287-288.

agosto

VII

ind. [1294).

Infine delle cedole sotto indicate scritto di essersene fatta la rinnovazione


indizione (1296) ed agosto
ind. (1298).
mesi di settembre

21'',

69",

79", SO'', 106'', 175'', 207'\ 222", 234'', 248'',

Sono monchi i doc. a ff. 205'', 207", 223K


In tuta quaderni alla sommit del primo foglio

INDIZIONI

nel

margine interno

^e^^est.- Cancellarla.

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(Il

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione
dei

suppliti per analogia)

Cedula continens taxationem ge-

settembre

Vili

nei

XI

Trocansi doc cassati aff. S^


250'', 287" (3).

(ANNI

del

76.

monco

doc.

Il

Il

al

226''

doc

il

focili

57-70

neralissubventionisimpositepro
presenti anno octave indictionis

(1294-1295)

in subscriptis terris et locis lustitiariatus Terre Laboris et Comi-

tatus Molisii (f- 57-59")


ultra tiumen Piscarie

Aprutii

(65)

(65''-66)

(SOi^-ei)

Aprutii citra (62-63) Terre Bari

_ Terre Ydronti
Basilicate (66''-67)_Pi.incipatus
(67'>-69)_ Capitanate (69''-70) pr

defensione regni.

Extravagantium

-luglio

id.

1-56
7^-119

(^),

126-183
193-254
259-288
120-125

novembre-cfiucno

Apodixarius.

aprile

Quaternus ludicum medicorum


puplicorum notariorum.

(=)

184-192('')

(1)

443.

II

Il
ff.

titolo di

106,

id.

255-258

et

questo registro erroneo. Dev'essere 1294 H. (Borrelli, Rcp.

384 Repertorio Familiae particulares

p.

369 Della Marra.,

ff

o. c. p.

147, 175,

108 ecc.

MiNiERi, Studii sopra 84 rcj. ang. p. 117). Michelangelo Chiarito nel 1759 fece il repertorio di
questo registro, e lo not col titolo 1294
Antonio Chiarito nel 1772 [Coni. ecc. p.9, 14, 28 ecc
cita questo registro anche col titolo 1294 C. Nell'elenco del 1855 [Legislaz. pos. cit. p. 57) il

voi. 1294

segnato

mancante:

il

Minieri (Le Cancellerie ecc.

e.

p,

11)

lo

dice perduto.


(*)

(ora

La mun. romana

(^)

Non sempre

(*)

Nel

112

f-

irovansi

et alionini,

francese,

il

(^)
(')

ed

doc.

monco

al

207",

f.

le postille al

al

al
si

289-298 sono nel voi. 183 Karolus II,

margine

doc

de'

cassati.

aggiunto: nicdlcovani, iiuUcum, adoocd/orum, no-

142 cicc rnagistro lusiitiario. Ai

f.

iV.

204", 221*' sodo due doc. in

pu leggere intero nel reg. 73 (1294-12P5 A) f.


f. 205'', si
trova intero noi reg. 75 (12941295 K) f. 323''; e cosi puie

138''.
1'

Il

altro

completo nel detto reg. 75 f. 351''.


Nel r. 184 al titolo Apodixariits si aggiunge et acccptationiun.
187'' continua a 190".
11 f.
223'' esiste

Voi. G6
Il registro in

duplicati

jff.

Sono bianchi

La

IV.

n. 79.

titolo Extr(i.va<j(intia

al

tarioruin

doc. monco
monco al f

trova in pochi fogli.

si

V. Incent. del 1568

:W-lii, 50-57).

tT.

80

mediocre

stato.

175, 1S4:
39'',

ff.

scrittura pi o

CAROLUS
Contiene

<5o5 segnati

ff.

7G'',

i
ff. 96,
137'', 150'',

meno guasta

243",

151'',

CO

con nani, araba 1-355: sono

242. 282, 343

mancano
95'',

1294.

II.

(j.

300''.

nei ff. 1, 2, 14, 15, 42', 153'', 158-165,


1S8-195, 204-238, 244, 257, 260-268, 275''-281, 287, 299, 342", 355''.
o

mancante

Trocansi doc. cassali

ai ff. 12", 17", 67", 74", 76", lOl'', 103'', 109'': 119", 133",
203", 217", 223'', 246", 250", 271", 288'', 301", 303'', 327", 354'', 355" [^}.

167'', 170'',

In

tutti

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Pro-

thonotarius.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNIJ

(Il

VII
(1293-1294)

ma ggio-agosto

lustitiai'io

id.

-id.

lust. Principatus.

id.

-id.

lust. Aprucii.

id.

-id.

lust. Capitinate.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust. Basilicate.

id.

-id.

Just.

Just.

dei fogli

suppliti per analogia)

Terre Laboris

1-34

{*).

3.5-55

50-80
81-104
105-125
126-137
138-151
152-157

Terre Bari.
Terre Ydronti.

Yordane

et

Terre Ydronti.

-id.

lust. Basilicate.

id.

-giugno

lust.

id.

-id.

lust. Aprucii.

id.

titoli

Calabrie, Terre
Vallis Gratis.

settembre-map^^io

Vili
(1294-1295)

carattere corsivo indica

Indicazione

Terre Laboris

334-342
344-355
158-219
244-281
220-243
283-309
310-333

(^).

Principatus.

id.

-luglio

lust.

id.

-id.

lust. Capitinate.

id.

-id.

lust.

Terre Bari.

Questo registro non notato nell'elenco stampato del BorrcUi [Vindcx ecc. l. e):
per
autore ne fa i sunti [Rop. I pp. 475, 47811 p. 391, G03), e io nota nella serie 4''
di Carlo 2. (V. Apparatus historicus etc mss. nella Biblioteca nazionale t. I p. 1).
(2) La num. romana non si trova nei ff: Il f. 356 appartenente a questo registro nel voi- 183
(})

lo stesso

Karolus II. C (oi-a f. 30). Il f. 358 nel voi.


(^) Sono scritte le postille al margine

11

dei

Nuoci

Rerjistri

dei doc- cassati:

(f.

50) {Incent. del

notiamo quella

al

f.

1.''j68 n. 74).

07^.

Cassata

et originalis lacerata.
{*)

In quasi tutti

(^)

Al

f.

103"''

titoli di

questa VII indizione

un doc cassato

di

agosto

"VII

si

aggiunge: a rfje/)rtmo

ind. (1294).

niarf' in

antca.

81

Voi. 67

CAROLUS

IL 1294. E.

Contiene ff. 304 segnati con num. araba da 1-304: la


num. da 214 in poi mancava e si proseguila in occasione dell'ordinamento attuale:

IL registro in catlivo sialo.

e dopo
76 segue un f. senza num. del quale esiste soltanto un brano
il
f. 284 si trova un altro piccolo brano. (')
Sono bianchi i ff. 76 bis, 122\ 123'\ 197'', 272'', 300''.
La scrittura guasta in tutti i fogli per essere questi molto consumati nella parte

dopo

il

f.

esterna.

Trooansi doc. cassati ai


202'', 205'', 210'',

INDIZIONI

83', 08", 104'',

211", 240'\

240'',

(')

(Il

100",

titoli

suppliti por analogia)

id.

-marzo

Apodixarius. (Prothonotarius).

id.

-giugno

Privilegia. (Prot.)
lustitiario Aprutii. (Camerarius.)

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-luglio

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

Il registro in

manca

il

f. 279:

una piccola parte. [^)


Sono bianchi i ff. 117\
scrittura pi o

stato.

141'',

dei fogli

77-80
55-7G'^'^

lust.

1-54
81-123
249-272

lust.

273-284^'^

Terre Bari {Cam.)


Terre Ydronti. {Cam.)
lust. Basilicate. {Cam.)
lust. Terre Laboris (Cam.)
lust. Principatus. (Cam.)
lust. Capitanate. {Cam.)
lust. Vallis Gratis et Terre lordane. (Cam.)

dei

68 CAROLUS

mediocre

200\20r\

Indicazione

Quaternus notariorum, fsicorum et


advocatorum.

settemb 'G-ge nn.

Voi.

La

128'', 133'',

[^]

carattere corsivo indica

La num. roniana non si trova nei ff.


Non sempre sono le postille al margine

indi 1-289:

107\ 123",

TITOLI DEI QUADERNI

(1294-1295)

(^)

266''.

MESI

(anni)

Vili

ff.

Contiene

dopo

il

f.

doc

285-300
124-197
198-220
221-248
301-304

cassati.

li.

1294. F.

297 segnati con num. araba 15-22, ed


108 segue un/, senza num.: delf. 141 esiste
ff.

230'', 278'', 289''.

meno guasta

mancante nei

ff.

15-20,

265-270, 277, 278, 281, 285-289.


Trovansi doc. cassati ai
38'', 4P, 46", 73", 97", 113',
ff.
Sono monchi i doc. nei ff. 272'', 280".

1",

122'',

188-236, 249-252,
127", 129.

11

^j

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

;\NM)

(Il

onrattcro corsivo indica

titoli

Indicazione

Rationaliam).

MiKjistroi'Luii

(1293 1294

dei fogli

suppliti per analogia)

Extravagantium. {Protmnotarii

ottobre-agosto

VII

82

1-45
54-130

(')

142-272(^j

280
Sccrctis Apiilic. (Prot.)
INIagistro lustitiario et cius Locumtenciiti a primo madii. (Prot.)
Quaternus de advocatis ludicibus
et notariis puplicis a die primo
mcnsis madii in antea. (Mag.
Rat.)
Quat. apodixarii a primo mensis
madii. (Mag. Rat.)

inagg-io-giup,iio

XII

id.

-agosto

id.

-id.

luglio

-id.

Extravagantium. {Cancellarle)

settembre

40-53
131-141

283-280

273-278
281-282

15-22

(^)

(1298- 1299)

(')
("^)

(^)

La num. romana si
Sempre li'ovansi lo
Nei

un

trovasi

142'',

ff.

margine dei doc.

postille al

150" ecc.

aggiunge

si

doc. di ottobre, ed al

leggere nel reg. 69 (1294


f.

trova dopo la met del voi. da

I)

f.

144"

260'', e quello

f.

di aprile.

monco

al

poi interrotta.

in

cassati.

a primo madii

al titolo

due doc.

CCLXX

f.

doc monco

11

280"

in antca, per al

si

al

156''

f.

272'' si

f.

pu

pu leggere nel detto rcg. 69

252".
al

166".

Il

(^)

Questi fogli appartengono

807).

(p.

continua

162''

{*)

n del

f.

repertorii che

f.

vanno

95 (1298, 1299),

al voi.

sotto

il

nome

come

di Sicola

Repertorio del Griffo

rilevasi dal

non riportano

sunti n del voi. 68,

voi. 95.

Voi. 69

Il registro in

buono

255: dopo

f. 96 segue

il

Contiene

staio.

in principio senza

un foglio

CAROLUS
num.:

un

/.

II.

1294.

I.

272 segnati con num. araba da 1-271, pi

ff.

duplicato il/. 210:

senza num.: dopo

il

f.

mancano

iff. 156, 245,

208 seguono due ff.

col

246,

num.

207, 208. (M

Sono bianchi

La

ff.

24'',

scrittura pi o

28'',

meno guasta

Trooansi doc. cassati ai


02,

110\ 128%

00'',

235'', 244'',

monco

il

145''.

ff.

132^^,

256", 267.

[^)

doc, nel f. 128".

mancante

23'', 26'',

155'',

27'',

162'',

nei ff. I,

28",

51'',

53,

1,

63',

60\

67, 271

61",

167", 188", 190'', 207'',

69\
210%

72'',

76\ 83\

212'',

213",

INDIZIONI

VII

titoli

Justitiario Aprutii.

id.

-id.

Just.

id.

-id.

lust, Princi patos.

id.

-id.

lust, Capitinate.

id.

-id.

lust, Teri'e Bari,

id.

-id.

lust.

id,

-agosto

(')

La num. romana non

(2)

Le

(3)

Ai

trova nei

si

sono messe sempre

(^)

33-42
43-49
50-54
55-59

(*)

(s)

G0-271(''j

IO

fogli.

margine

al

dei doc. cassati,

9^, 29^, 44'*, 53", 57**, 93'*, leggesi: Subscripe littore

Novembris VII Ind. quo

*
I

1-2
13-24

Insiitian'o Terre Laboris et Comitatus Molisu (Carolus lUustrs.)

goinaio-marzo

1'

25-32

Just, Basilicate.

Terre Laboris.

dei logli

suppliti per analogia)

Terre Ydronti.
Extravagantia. (Camerarius.)

(1321-1322)

ff.

settcmbr'C-dicem.
id.
-febbraio

postille

Indica/ione
J

caralLere corsivo indica

(Il

(1293 1294)

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

83

nobilis vir Guillelmus de

Fondaco

facto sun a primo mcnsis

miles, cepit vice cancellario

offi-

cium exercere.
{*)

Al

f.

45**

(S)

Al

f.

270'''

(G)

C^)

Il

f.

Wb^

Questo

f.

Commissio novi

leggesi:

trovansi

continua

lustitiarii Capitinate.

capitoli del Senescallo.

al

f.

167, ed

il

F.

247'' al

legato sottosopra ed a rovescio, per ci

nel retto con interruzione. Si legge intero nel reg.

Voi. 70

// registro in
il

La

buono

ff.

33'',

scrittura pi o

- CAROLUS

siato. Contiene ff.

f. 217: duplicato

Sono bianchi

244.

f.

il

f. 201:

42'',

dopo

il

num. 23G

II.

doc. dal verso del


(1321 B)

186"-

245 segnati con num. araba da 1-244: manca


il

f.

7G segue un f. senza num.

mancante nei

uno di settembre VIJJ ind.

184", 237", 238",

monco

il

ff.

5",

24P, 244\

doc. nel f. 242".

424.

(^)

213''.

meno guasta

Trovansi doc. cassati ai

continua

1294.

ff.

1,

2, 239.

Oltre la indizione sottonotata al f. 101" un doc. di agosto


f.

f.

f.

6^
(')

VI

ind.

[1293] ed

al

[1294].

9", 34'', 60'', 80'', 102",

137", 139'', 140", 174'',

84
INDIZIONI
^

ANN

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

;11

VJI

iMagisti-o

-aj)i'ilo

id.

coisivo irnlica

liloli

suppliti pomniilogia)

Quatcrnus I?egis Uiigaric.

soltcnljrc-fcbbr.

(12!):J-12i'l)

c-arnt(cri'

Iiirlicazionc

lustitiario

secrctis

fcigli

7r)-99

lustitiariis

cctcrisquc

dei

101-134

ollicialibus

Regni.

novembre -agosto

Quatcrnus privilcgiorum conecs-

1-74

marzo-id.

sionuin et conlii-malionum.
Magistro lusticiario vcl cius Vicemgerenti. ( Cancellar iiis.)

125-138

-id.

id.

Questo

139-1 80

187-213
214-244
100

id.

-id.

lustitiario Princii)atus.

id.

-id.

Quaternus lusticiarii
Extravaganics.

agosto

(')

Quatcrnus lusticiarii Terre Laboris


et Comilatus Molisii.
Apriitii.

La num. romana va

continua nel seguente. (V. Ino. del 1568 num. 83).

voi.

da XVllI.CCLXVII intci-oUa.
(-)

Sempre

trovan.si le pcstillc al

Voi. 71
Il registro in

sono duplicati

Sono bianda

La

buono
i

ff.

ff.

bis,

379^

Contiene

ff.

ff.

198 segnati con num.

araba da 245-440:

373''.

250",

mancante nei

262%

264'',

ff.

341, 440^.

267\ 269", 270", 329", 336", 349",

(2)

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

VII

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

dei fogli

settembre-agosto

Quaternus Senescalli provincie

et

333-368

marzo-luglio

Quat. secretorum Apulie {Cancel-

409-440

(1203-1294)

forchalquerii.
lar ius.)

IL 1294. M.

(')

meno guasta

Trovansi doc. cassati ai

dei doc. cassati.

- CAROLUS

267, 388.

2G7^

scrittura pi o

sialo.

margine

id.

-agosto

id.

-id.

(^)

(^)

Quat. lusticiarii Capitinate.


Quat. lust. Terre Bari.

a in le-id.

lusticiario Basilicate, f)

id.

-id.

Quaternus lusticiarii Terre Ydronti.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

Quat. lust. et secreti Vallis Gratis


seu Calabrie.
Quat. secretorum Terre Laboris et
Principatus.
Quat, sccr, Aprutii.

245-2G7
284-307
2G8-283
308-319
320-332
369-400()

401-408

(')

Questo

voi. fa parte del. precedente.

CCLXVIII-CCCCLXVII

(V. Ino. del 1568 n. 83). La num. romana va da

interrotta.

sono messe quasi sempre

(-)

Le

[^)

Al

f.

302" sono

()

Al

f.

417''

f.

280'' si legge:

postille

il

85

le

margine

al

dei doc. cassati.

Constitutiones Proolncie.

Apulie Sccretis mafjisiris portulanis

titolo e:

et

procuratorlbus ac

inarji-

siris salis.
[')

Al

{')

Il

f.

372'

continua

CapUula data hcnrico do mari lusUtiario


al

f.

72--CAR0LUS

Voi.

Basilicate.

374'\

1294. A.C

II.

142 segnati con num. araba da 2-269:


mancano i ff. 4-31, 40-55, 70. 76, 77, 88, 95-99, 109, 110, 133-140, 142, 143,
147-161, 103, 164, 174-180, 183, 184, 203-209, 229-236, 238-253, 255-260: dopo
^ ff- ^^ 6 ^^ seguono due
ff. senza num. (2)

// registro in

Sono bianchi

La

mediocre stato. Contiene

ff.

scrittura pi

57'',

100'', 218'',

meno guasta

Trovansl doc. cassati al


194'',

195'',

Sono monchi

196", 198'',
l

2,

262\

67", 75, 90"',

264".

settembre-die.

(1293-1294)

92'',

('j

39'', 04'',

115'\ 120", 131", 145", 146", 237'', 261".

carattere corsivo indica

-febb.

id.

-agosto

id.

-id.

titoli

suppliti per analogia)

Quaternusmandatorumdirectorum
domini Guidoni de Alemannia
Receptori
merarius).

id.

id.

-agosto

'

dei foL^h

89-93

pecunie. {Ca-

liscalis

Registrum Principatus. (^)


Apodixarius. (Cam.)
QuaternussecretorumApulie(Cam.
Prothonoiarius.)

novembre-febb.

Indicazione
^

(Il

VII

78-80,84-87, 141,237, 269.


105", 123", 131", 172", 173'', 193'',
72'',

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

annm)

219.

mancante neiff. 67bls,

doc. neiff. 2", 32",

INDIZIONI
{

ff.

ff.

Notava, phisici, curialesNeapolis{^).


lustitiario Terre Laboris. {Magi-

73-87
94-114
1G2-202
228-254
58-59
GO-72

stroruin Ratioiialium .)
id.

-id.

Secreto Principatus
ris. {Cam.) (")

gennaio-febbraio

Secreti s.

marzo-giugno

Magistro

et

Terre Labo-

lustitiario seu

Vice magi-

119-132(7)

262-269
261
220-227

strolustitiai'io et ludicibus. (Ca/.)

2-3

maggio-agosto

Privilegia.

id.

Secreto Apriitii. {Cam. Prot.){^)

-id.

141-146..
210-211*^"^

id.

IX
(1295-1296)

-id.

Secr. Calabrie. {Cam.)

212-218
32-39(1^)

giugno-luglio
luglio-agosto

Extravagantes.

lustitiario Basilicate.

56-57

giugno

Apodixarius.

115-118

{^^)

(^-)

86

erroneo. Dev' essere 1294 G. (V. Borrelli, ApparaUis historicus ecc. m.s.
nella biblioteca Nazionale t. I f 99). (Repertorio: FamiUac purticolarcs. p. 581). Neil' elenco
del 1855 [Lcfjisl. posit. cil. p. 57) il registro 1294 G notato mancante.
titolo

{)

Il

(')

La num. rom.

(')

Quasi sempre sono

(*)

Al

Ai

VII

prediate

recepii sigillum sub sua custodia detincre.

e 104" leggesi: Subscripte liltcre facte sunt

58''

fi".

margine dei doc cassati.


a die primo nooemlris VII indictionis Quo dominiis

postille al

le

titolo leggesi:

il

Fondaco

de

Guillclniiis
(5)

Ti^ dopo

f.

trova in qualche foglio.

si

indictionis quo

nobilis vir Guillelmus de

a primo die mensis Nooembris

Fondaco

miles cepit vicecancellarie

ojjiciuni exerccre.
(*^)

il

f.

monchi

doc.

primo

ed

392'

al

f.

(')

Il

f.

119''

{")

Il

doc.

principio e termine del

al

secondo

il

continua

monco

al

f.

146" nel detto reg. 71


Il

(^)

(IO)

doc.

si

legge intero nel detto reg. 71

f.

f.

146''

continua al

monchi

ai

32", 39''

ff.

si

al

L'ultimo

140".

f.

trovano compiuti nel reg. 63(1293, 1294 A)

f.

34''

C')

Il

f.

115" contiene in principio la fine del doc. interrotto al


si

continua

al

Jl registro in

duplicati

f.

legge intero nel predetto registro

Voi. 73

Sono

monco

quello

ff.

buono
116

f.

167", 183".

37".

Il

brani.

407'', e

404".

(")

(1296 E), e

La

393''.

146" resta interrotto.

f.
I

f.

122".

f.

145"

f.

al

trovano interi nel rag- 71 (1294 M)

si

14G legato a rovescio e per ci l'atto dal

f,

doc. del

al

120

f.

CAROLUS

f.

309'' del reg.

num. 85

280".

f.

II.

1294. 12915. A.

Contiene ff. 257 segnati con num. araba da 1-257: sono


mancano i ff. 30 31: dei ff. 154-164 esistono piccoli

stato.

121

(^)

bianchi

ff.

165'',

scrittura pi o

257''

mancante nei ff. 1, 3, 6, 10, 69 72".


/. 4" un doc. di luglio VII ind. [1294).

meno guasta

Oltre la indizione sottonotata al

Trooansi doc. cassati ai ff. l'>, 14'', 15", 72\ 89\ 169", 283''. ^^)
Sono monchi i doc. nei ff. 29'', 32".
In tutti i quaderni alla sommit del 1^ foglio nel margine interno leggesi: CamtBrarius.

INDIZIONI
(anni)

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
(Il

Vili

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

settembre-luglio

Extravagantes. f)

gennaio

lusficiario Principatus.

lei.
-aprile
febbraio-luglio

Regi Ungarie Vicario Regni.

1-164
181-226
233-257
165
227-232
166-180

(1294-1295)

(M
(*)
(3)

Principi Tarentino.

La num. romana va da XXXIIII-CCCI interrotta.


Non sempre trovansi le postille al margine dei doc. cassati.
Il doc. monco al f. 29'' si legge intero nel reg. 65 (1294 ) f. 49\ Al

f.

257" leggesi:

87

Capitala officii comitis Camcraril Regni Sicilie prooisa et ordinata per dominum Regem cum
suo Consilio de mense lunii octave Indictionis aput Anagniam in personam scilicet viri nobilis
lohannis de Monte/arte Squillacii et Montis Caoeosi comitis.
Il

{^)

continua

62''

f.

al

65.

f.

Voi. 74 -Il registro in


esiste

stato.

Contiene

scrittura

1294. 129b'. B.

li.

88 segnati con num. araba da 1-88:

ff.

la 5" parte: dei ff. 43, e

per

Sono bianchi

La

buono

CAROLUS

44 restano piccoli brani.

tutti

(^)

nei ff. T\ 38'', 83-87.


doc. di luglio VII ind- [1294].

quaderni alla sommit

25

25'', 35'', 36", 88''.


ff. 24^
pi o meno guasta o mancante

Oltre la indizione sottonotata al f. 14" un


Trooansi doc. cassati ai ff. l\ 2", 22", 48'', 67",

In

ilf.

del 1

75".

74'',

(^j

foglio nel margine interno leggesl: Protho-

notarius.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

settembre-giugno

Vili

carattere corsivo indica

id.

-id.

id.

-luglio

La num. romana non

(2)

Le

(^)

Il

postille trovansi al

Il registro in
i

coi

ff.

et

Sono bianchi

si

trova nei

margine

tutti

202'',
i

1-25

buono

numeri
i

ff.

si

doc

stato.

Contiene

ripetuti

22'',

107'>,

e 225.

115'',

II.

ff.

mancano

224

cassati.

attacca col

75- CAROLUS

ff. Ili, 344, 352:

26-36
37-88

158'',

f.

47 del voi.

strorum Rationalium.

dei

Nuooi

registri.

i')

366 segnati con num. araba da 1-363: sono


seguono
ff. 108, 269: dopo i ff. 224, 225

{)

159".

209", 221'', 236'', 239'', 266".

quaderni alla sommit del

II

1294. 1295. K.

scrittura pi o meno guasta o mancante nel


ff. 1,
Trooansi doc. cassati ai ff. 8'', 21", 26'', 34", 39'', 50",

In

dei fogli

ff.

dei

La

199'',

Terre La-

Secr. Aprutii.
Secr. Apulie. (^)

43 nella sua parte mutilata

Voi.

due

suppliti per analogia)

boris.

(')

duplicati

titoli

Secreto Principatus

(1294 1295)

f.

Indicazione

8, 65'',
71'',

66", 279, 363.

89",

105''.

114", 146",

(')

foglio nel margine interno leggesi:

Magi-

8S

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

(Il

\'II

raraltcrc corsivo indica

luglio-agosto

Extravagantium.

scttcmbrc-fobb.

Secreto Calabrie.

dei fogli

suppliti per analogia)

titoli

Indicazione

171-178

(12')3 12!)4)

Vili
(12M-1295)

id.

-llL'lligio

Extravagantium.

id.

-giugno

lustitiario Basilicate.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

Sccretis Principatus et Terre La-

id.

-luglio

lustitiario Principatus.

100-170
170-303
23-37
80-00
04-115

(*)
'

Terre Ydronti.

boris.

(')

titolo

11

-id.

Just,

-id.

lust. Vallis

id.

-id.

Secretis A])ulic.
lustitiario Capitinate.

dev'essere 1294

390. Repertorio della famicjlia d'

DELLA Marra,

Terre Bari.

id.

id.

novembre- giugno

si

trova da

Sono

scritte le postille al

Al

298" un

(5)

Il

127'^

f.

doc

continua

di

al

f.

Voi. 76
Il registro in

sono duplicati

La

pp. 82, 21G, 201,

209,445-11

Repertorio: Fani. pari.

il

registro 1294

LXL-CCCCLXXXI

t.

107,

\>\^.

p.
I

000

p.

314).

notato mancante.

interrotta.

130.

CAROLUS

IL 1295. B.

mediocre stato. Contiene ff. 343 segnali con num. araba da 20-358:
i

ff.

25, 27, 97, 132, 189:

segue un f. senza num.


f. 358'\
scrittura pi o

bianco

38-55

margine dei doc- cassati.


maggio VII ind. (1294).

(^)
(<)

f.

110-105(^j

327 ecc. de Lellis, Discorsi delle famiglie nobili 1654

o. c. p. 199,

La num. romana

pp. 13, 22, ecc.

Neil' elenco del 1855 {Lefjisl. posit. cit. p. 57)


(2)

56-70
01-03

Gratis ctTerre lordane.

(Bourelli, Rep.

Aquino

1_90

mancano

ff.

101, 269, dopo

il

/.

313

(')

il

meno guasta

mancante nei

1,

ff.

27 34, 74-81, 97

bis,

132,

164-170, 193, 357, 358.

Trocansi doc. cassati ai ff. 129", 215'', 221", 263",


Sono monchi i doc. nei ff. 97'', 98", 99", 316''.

INDIZIONI
(anni)

(Il

IX

dicembre-agosto

carattere corsivo indica

33l'>.

titoli

(2)

Indicazione

suppliti per analogia)

seu donationes. {MarjiCanicrai'ius


Rationalcs
Prothonoiarius.)
Cancellarius

Pi'ivilcgia
siri

febbraio-id.

303'>,

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(12951290)

270'',

ExU-ix\ii<f^au[Cii.{Mar/.Rat.-Prot.)C)

dei fogli

1-101

102-358^)

La num. romana

(')
ff.

in pochissinni

2-7 nel voi. 183 [Karolus

registri

58)

ed

Trovansi

(2)
(')

fol.

Al

f.

le

103''

ff.

C)
f.

fol.

postille al

un doc.

115" ha

il

ff.

41-46):

f.

il

Il

margine

de'

doc

scritto sotto sopra.


f.

f.

f.

trova nel voi. 332 [Rohertus

91-95).

(ff.

(f.

53):

il

13 nel voi.

f.

Y.Rep. Ili

cit-

II

de'

52):

f.

{Suooi

pp. 103,104.

cassati.

Al

f.

262" un' altra per

suo principio al

si

8 nel voi. 332

14-18 nel detto voi. 183

zierato di Abruzzo Ultra, ed al


Il

ff.

89

172"
il

una cedola

di tassa

per

il

Giusti-

Giustizicrato di Abruzzo Cifra.

212'^ del reg.

64 (1294. A) ed

il f.

102''

continua al

231" del detto registro.

Voi. 77

Il registro in

CAROLUS

mediocre stato. Contiene

ff.

1295. D.

II.

244 segnati con num. araba da 1-247:

mancano i ff. 46, 183, 105. {')


Sono bianchi i f. 68'', 77'', 90'', 103'', 135'', 137'', 194'', 237''.
La scrittura pi o meno guasta o mancante nei ff. 1, 43-49, 64-66,

72, 73, 75, 79,


80, 86-94, 138", 169, 170, 178-182, 109-216, 218-221, 223-228, 235-242, 245-247.

indizioni sottonotate ai ff. HO"', 144'', sono due doc. di agosto VII ind. [1294].
Trovansi doc. cassati ai ff. 4", 78'', 80", 114'', 139'', 184'', 188'\ 196, 233". (^)

Oltre

le

Sono monchi

doc. ai ff. 4",

INDIZIONI

vili

Vili

74",

75'',

90", 169, 238'', 243", 245.

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(1279-1280)

66'',

(Il

carattere corsivo indica

Matrimonia.

settembre-die.

lustitiario

id.
id.

titoli

suppliti per analogia)

Citationes simplices et defensa.

settembre-ottobre
febbraio

(1294 1295)

Indicazione

Aprutii
Rationaliiun). (^)

247
244

{Magistrorum

Magistro lustitiario. {*)


-giugno lustitiario Terre Laboris.
-id.

{Mag.

218-221(5)

223-237
239-242

'

-luglio

Vnw\\egiov\xm.{CamerariusMag.

1-66

Rat.)
id.

-id.

'

238
243
245-246
199-216

Rat.)

id.

dei fogli

68-75(^)

Extravagantium.

(Cam.

102-103
78-101

Man.

Rat.)

104-168O
170-179
198
217

222

\.

febbraio-giugno

Mandata regia

directa

domino

Ungarie tempore Vicariatus

IX

giugno-agosto
agosto

regi

180-197(^")

sui()

Apodixarius et acceptationes.
Privilegia. (Cam.)

169
67
76-77

(1295-1296)

12

90

disordinata ed interrotta.
La num. romana si trova spesso ne'
postille
al
margine
le
de' doc. cassati.
sono
(') Quasi sempre
238''
si legge intero nel reg. 74 (1294, 1295, B)
(3) Il doc. monco al f.
243''' si trova compiuto nel reg. 162 (1306 H) f. 216f.
al
doc monco
f'f.

(')

{*)

due doc. monchi

(S)

Il

continua

201'^

f.

a'

ff.

al

e 245''

245-''

f.

173''

si

f.

29'',

legi^ono interi ne! reg. 79(1205 F)

del reg. 127,(1302 X).

Il

f.

206''

continua

64''

fi".

al

l'altro

f.

e 65''.
165 del

predetto reg. 127. Il doc. al f. 209* ha il suo principio al f. 164'' del citato reg. 127
come
risulta dal duplicato esistente nel reg. n. 66 (1294 C) f. 192".
monco al f. 74" si trova nel reg. 67 (1294 E) f. 4l'', e l' ultima parte
(0) Il principio del doc.
75''
si
legge nel predetto reg. 67 f. 42''.
del doc. monco al f.
C) Il f. 71'' continua al f. 102".
,

C) Il
198'' al

f.

continua

125''

f.

f.

121" ed

il

f.

al

f.

128",

217'' al

f.

f.

il

168'' al

f.

183* del reg. 127 sopra menzionato

il

126".

Al f. 180 nel margine interno leggesi: Commissio domini Re'jis Ungarie de vicariai
Patentes quod obcdiatur Regi Ungarie De ordinatione Consilii Cancellerie et Curie
Regni
domini Regis Ungarie De ordinatione Magistrorum Rationaliam Magne Curie et totius
ratiocinii. Al f. 190 si leggono altri titoli per lo stesso oggetto. Il titolo al f. 188 e: Regi Ungarie Vicario Regni.
(^)

(>o)

Il

f.

continua

180''

al

f.

Voi. 78

190" ed

bianco

87

ff.

f.

184'' al

CAROLUS

Il regiatro in oltlmo sialo.

duplicali

il

Contiene

130, 158:

manca

ff.
il

f.

189".

1295. E.

II.

284 segnali con num. araba da 9-290: sono

f. 62.

(']

48''.

il

f.
scrittura guasta nei ff. 138'', 139.
Trovansi documenti cassati ai ff. 203'', 216'', 233'', 243'\

La

Sono monchi

doc. nei ff.

INDIZIONI

252'', 271", 281''.

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

agosto-settembre

lusticiarii. {Cainerarius), f)

id.

Extravagantia. {Cam.)

(1294 1296J

IX

-id.

settembre-ottobre

(1295-1296;

(2)

101".

MESI

(anni)

Vill-IX

57'',

247\

{^)

Universis lusticiariis (Prothonotarius

Cam.)

{^)

Indicazione
dei fogli

134-141
219-224
226-228
80-90
148-162
9-16
25-48
56-79
91-94
127-133
142-147

225

229-2650
id.

-dicembre

Extravagancia. (Cam.)

{-)

17-24
49-55
95-126
163-218
266-290

romana non si trova nei fogli.


82-89. (V. Ino. del 1508 n. 00).
ti'ovan.si le postille al margine
(2) Sempre
{')

ff.

(^)

La

iium.

Al

210

f.

il

01
ff.

18 sono

legali

[Kurolus II C)

dei doc. cassati.

e luslUiario Terre Laboris, ed al

titolo

nel voi. 183

221 lusliliario Capilinaie;

f.

ma

ordini sono diretti a diversi giustizieri.

gli

(*)

Al

f.

(')

Al

f.

()

al

f.

Il

148 dopo

229
232''

f.

il

titolo :

continua

con un segno

242''

C) Al

40" e

f.

Exlracu'jantcs aggiunto: sub cajntania domine Regine.


lusticiario Terre Laboris cu aliis luslitiariis.

titolo

il

al

di

un doc.

235'\ ed

f.

Contiene

manca

Sono bianchi

La

il
i

250''

agosto Vili ind.

di

ff.

f. 40.

ff.

43'',

scrittura pi o

al

252^ L'ultimo doc.

f.

tutti

f.

241" continua

ff.

1295. F.

II.

sono

cjuasti dalle

acque nella parte su-

101 segnali con num. araba da I-IGO: sono duplicati

ff.

127,

^';

78'',

160''.

115'',

meno guasta

mancante

nei ff.

60-65, 70-04, 116-123, 130-137, 146-160.


Trocansi documenti cassati ai ff. 21", 49", 51", 65",

In

al

(1205).

CAROLUS

mediocre stato: gli ultimi

// verjistro in

131:

f.

croce.

Voi. 79

periore.

il

1,

66'',

2,

82\

18,

19, 22, 23,

108'', 127'' bis,

33-30,

132\

[^)

quaderni olla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Can-

cellarle.

INDIZIONI
(anni)

vili

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
(Il

scltcnibro-lLigiio

(1204-1205)

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

Vicai-iis et capitaneis gcneralibu.s


ac magistro lustitiario regni Si-

Indicazione
dei fogli

03-78

cilie.

Secretorum Apulie.
Socretis Principatus et Terre La-

QuatcriiLis

i.l.

-id.

i(l.

-agosto

110-100
79-103

boris.
-id.

id.

noveinbrc-id.

Secr. Aprutii.
Privilcgioruin, donalionum et con-

104-115
1-43

firiiiatioiium.

l'cbbraio

-id.

Domino

regi

Ungai'ie vicario Si-

41-02
\

cilie.

(')

La num. romana va da XXV-XGVllII

(')

doc. cassati

Voi.

hanno

al

mai-gino

le

interrotta.

postille.

80- CAROLUS

II.

1295. 1296. A.'

291 segnali con num. aralia da 1-303:


duplicalo il /. 268: mancano i ff\ 40, 66-68, 177, 205. 207, 217, 227, 228. 238,
250, 297: il f. 1 dimezzato ccrlicalmenle: il f. 193 esiste per la 5" parte: il
lacerato
f. 240 in gran parte mutilato: dopo il/. 271 esiste un/. sen:a numero,

Il registro in

verticalmente.

mediocre stato. Contiene

("

ff.

Sono hiancd
291'',

La

iff. ?~*, GS^,

291'',

109\ 3I6'\

224''

237'', 210, 217'', 259'', 270'',

271

bis,

29(]''.

meno

scrittura pi a

51, 05,

W3\

92

f/uasta o

mancante

nei ff.

1-3,

16,

7,

18,

20, 29-30,

45,

70-74, 91, 92, 110, 118-124, 141-140, 185-188, 202' 242-240, 249, 278 285.
,

292, 293, 295.

Trocansi documenti cassati ai Jf 9'', 19", 20", 27'*, 33", 47", 70', 105\ 122\
190", l'JO'', 197", 202' 225'', 250'', 285", 300'', Wl". (^)

172'',

Sono monchi

doc

INDIZIONI

7l'>,

225", 271''.

10l'>,

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

XIV

nei ff. 2l'', 22'', 25'',

Indicazione
1

(Il

carattere corsivo indica

suppliti per analogia)

titoli

dei fogli

91-92

agosto

Ejctravarjantes

dicembre

lastitiario Basilicate.

settembre

Secreto A})ulic. (Prot/tonoiarius.)


MagisiroExtravagantcs, (Prot.
rum Raiionaliuin
Cancella-

(1285-1280)

IX

2250

()

(1295-1296)

X
(129G-1297)

-febbraio

id.

rius)

{')

206
15

22-230
28
03-203
208-215
292-293

id.

-luglio

CameraPn\\QQa. {Cane. Prot. Cain.)C)

id.

-id.

Apodixarius.

id.

-agosto

Quaternus iudicum advocatorum


medicorum notariorum et fori.
{Cam.
Mag. Rat.)

294-295

Vicemagistri

298-303

id.

-id.

Duci Calabrie. {Cane.


vius

Prot.)

Prot.)

{Cane.

Cam.

('")

ottobre-gennaio
-luglio

id.

lustitiarii

et ludices

]\Iagne Curie. {Prot.)


Senescallo Provincie. Pro?'. -Ma^.
(

Rat.){'')

novembre-febb.

Seeretis Prineipatus et Terre La-

id.

-id.

dicembre
gennaio

-id.

lustitiario Aprucii. {Prot.)


lust. Terre Laboris. {Prot.)

241-2560
1-14
16-21
24-27
29-74
24-27
258-271
286-291

229-239
257
296
218-223

boris.

Secreto Calabrie(i^. i?a^.Pro^.)

settembre-aprile

(1326-1327)
(1)

Il

titolo

75-90

dev'essere 1296 A. (Borrelli, Rcp. 1 pp. 133, 218, 449. II pp. 109, 2SS.Reper.
p. G5
Chioccauelli, Noiitia Ecclesiaruni et Bcneficiorum Regiorum

ex rcg.
Bh^
Griffo, Rcp.
omissis

IustitiarioCapitinate.(Cam, Afa/7.
Rat.)

278-285
272-277
204
216
224
226

cit.

p. 217).


(*)

La num. romana

(^)

Quasi sempre trovansi

(<)

Il

doc.

("')

Il

f.

(0)

Il

doc.

C)

Il

f.

(8)

Il

doc. al

monco

225''

al

23''

al

continua
f.

al

22''

f.

al

f.

248" ha

doc. monchi al

f.

margine dei doc.

cassati.

legge intero nel reg. 81 (1296 A)


113=' del reg. n. 85 (1296 E).
si

esiste intero noi reg. 88 (1297 A)

come

22'\
il

fogli.

postille al

le

225'''

f.

continua

monco

trova in molti

si

93

f.

f.

211''.

9T^.

risulta dal duplicato esistente nel detto reg. 88

suo principio

al

f.

210''

ff.

95-96.

del reg. 127 (1302 X).

trovano interi nel reg. 88 f. 14'' e f. 6^.


Il doc monco al f.
pu leggere intero nel detto reg. n. 88 f. 49*.
(!') Al f. 257" loggesi: Capitala facta in Comitatihus Provincie et Forchalquerii per Regiam
Maiestatem in anno
indictionis de mense lidio. Il doc. interrotto. La continuazione si
trova al f. 423" del reg. n. 225 (1319), ed al f. 296'^ di questo regisiro.
(3)

21''

71'' si

271'' si

("^)

Voi. 81

mediocre

IL registro in

duplicali

Sono bianchi

La

sialo.

76,

scrittura pi o

1296. A.

II.

Contiene ff. 225 segnati con nani, araba da 1-221: sono

102, 140, 141.


166'' 216''
126",
ff.

ff.
i

- CAROLUS
{^)
,

220'>.

meno guasta

o mancante nei ff.


Trovansi documenti cassati ai ff. 6'', 19'', 30'', 46",
149'', 175", 211", 212''. (^j

In

tutti

30, 93-103, 190, 221.

2, 29,

49'', 56'',

71", 103", 113'', 142",

quaderni nel primo foglio al margine interno leggesi: Camerarius.

INDIZIONI
(anni

1,

IX
(1295-1296)

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
(Il

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

iiovembre-dic.

lustitiai'io Vallis Gratis.

id.

-id.

Qualernus notariorum.

id.

-agosto

lustitiario Aprutii.

id.

-id.

Just. Principatus.

('')

Indicazione
dei fogli

217-219
220-221
57-94
200-202
29-30(=)

Capitinate.

id.

-id.

liist.

id.

-id.

Just. Basilicate.

id.

-id.

Just.

Terre Ydronti.

gennaio

-id.

lust.

Terre Laboris.

id.

-id.

Just.

Terre Bari.

(")

95-118
203-206
119-143
207-210
186-199
211-213
171-185
214-216
1-28
31-56^ >
144-170

II titolo erroneo. Dev'essere 1295 1296 V. (Borrelli, Rep. I p. 112 - II, pp.lOO, 387.
Griffo Rep. cit. p. 217 Della. Marra, o. c. p. 248, 249). Il Minieri [Le Cancellerie ecc. o. e.
p. 8), lo segna col titolo erroneo 1296 A.
[^) La num. romana non si trova nei fogli.

(*)

Quasi scm|irc trovansi

(*)

Si trovano

(^]

Il

continua

Su'*

f.

anche nomine

nel reg. n. 82 (129G B)


()

11

C)

Al

f.

al

ISO** si

f.

duplicati

i Jjf.

Sono bianchi

La

23\

scrittura pi o

tutti

come

risulta dal duplicato esistente

23'

f.

Contiene

mancano

meno guasta
cas.^ati ai ff.

ff.

Giustizieralo di Rari.

IL 1296. B.

270 segnati con

ff. 168, 190: dei ff.

138'',

114'',

Si'',

il

CAROLUS

stato.

104, 100:

Trovansi documenti

In

avvocati.

trova una cedola di tassa per

buono

ff.

di

IIG" del reg- CI (1294 A),

f.

Voi. 82

Il registro in

medici e

dei doc. cassati.

SG.

H^ continua al

f.

di

margine

postille al

lo

1)4

157'',

3', 30'',

187'',

72'

81

da 1-270: sono

187 esiste una met.

(')

200''.

mancante nei ff

l'',

nuni. araba

7 3,

143'',

G', 7', 8,
189'',

215''.

17, 23', 24.


[^]

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Ma-

gistrorum llationalium.

INDIZIONI
(ANNI)

IX

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
(Il

titoli

suppliti per analogia)

Secreto Aprucii,

gennai-liigiio

(1205 129G)

carattere corsivo indica

Terre Laboris.

id.

-agosto

id.

-id;

lust. Priiicipalus.

id.

-id.

lust, Capitinate.

id.

-id.

Just. Basilicate.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

Secreto Priucipatus et Terre La-

lustitiario

Terre Bari.
Terre Ydronli.

Indicazione
dei fogli

202-206
18-8lCj
82-122
123-145
14G-157
158-182
188-201
207-226

boris.

IX-X

id.

-id.

Secr. Apulie.

aprile

-id.

lustitiario Aprutii.

agosto-febbraio

lust.

Terre Bari.

(1295-1297)

(-)

La num. romana non


Non sempre trovansi

(3)

II

0)

f.

G4'^

continua

al

f.

si

trova nei

fogli.

le

postille al

margine

61".

dei doc. cassati.

227-270
1-17

183-187

95

CAROLUS

Voi. 83

mediocre stato per essere distrutti dalle acque molti forili. Contiene

Il registro in

290 segnali con num. araba da 1-287, dopo

ff.

mutilo nella parte superiore: dopo


e perci

La

mancanti dei numeri.

Trovansi documenti cassati ai

INDIZIONI

il

num.

f. 8 sono 52 fogli consumali nella parte esterna,

o mancante nei ff. 1-78, 90-100. 10,5,

28", 106',

ff.

184", 268''

182'',

284",

IGO''',

286''.

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

quale segue un f. senza

il

(^)

meno guasta

scrittura pi o

(II

JX

1296. C.

II.

carattere corsivo indica

titoli

suppliti

bis.

Indicazione
dei fogli

per analogia)

Extravagantes. (Cainerarius.)

gennaio-agosto

287

(^)

1-287C')

(1295-1290)

nunnci

(') I

arabi dopo

132 passavano a 143. Questa antica numerazione

il f.

in poi, alterandosi

progressivamente da 133

pp. 8, 56, 82, 110, 147, ecc.) citano

Rep.

citano

si

apparisce nei
(-)

(3)

f.

Al

et

f.

59*

ff.

138 e 277

p.

338 del detto

La num. romana non

per

di tassa

la

cassati.

provincia di Terra

di

Lavoro e Principato;

al

una cedola continens quantitatem pecunie debita ah hominibus subscriptarum terra-

locorum I ustitiariatus Aprucil citra Jlumen piscaric de residuo generalis suboentionis

Al

f.

XII

109" sono due

n. 84 (1296 D)

f.

Il

f.

indictionis (1283-1284) etc.

doc
G**

Il registro in
i

ff.

sottosopra,

scritti

continua

al

f.

secondo continua

il

come

3";

al

f.

108'',

ed scritto

risulta dal duplicato esistente nel reg.

160".

Voi. 84

CAROLUS

1296. D.

II.

mediocre siato. Contiene ff. 302 segnati con num. araba da 1-306: man-

243, 244, 301: dopo

il

117 segue anf.

sono molto mutilati nella parte inferiore.

La

ai

trova rifatta

sunti fatti dal Borrelli [Rcp. I

secondo l'antica num.; e cosi a

margine dei doc

le postille al

una cedola

parimenti sottosopra.

cano

si

fogli.

anni proximo preterite


{*)

fogli

antichi.

148 e 28G che ora corrispondono

ff.

Sempre trovansi

123^

rum

numeri

scrittura pi o

134''-! 42, 225",

meno guasta

mancante

Trovansi doc. cassati ai

ff.

122''

1", 29", 57'',

num. 118

119:

ff.

302-306

(')

nei ff.

238-240", 242", 254-257, 259,

Oltre la indizione sottonotata al f.

coi

266'',

1,

110121,

125,

126,

130",

3O0'-3O6.

un doc. di aprile VII Ind. [1294].


67",

73\

171", 185", 186", 187'', 194", 274'', 287'', 288''.

{^]

79'\ 81", 89",

125", 134", 147",


INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
ili

IX

00

novembre-agosto

carattere corsivo indica

titoli

Extravagaiitimn.

dei togli

suppliti per analogia)

Caincrarius.

l-30G(^j

Magistroruin

Protlonoiarius.

(1295-129GJ

Indicazione

Rationalium.) f)
La num. romana non si trova noi fogli.
Quasi sempre sono le postille al margine dei doc. cassali.
Al f. 12G'' un doc. scritto sotto sopra. Al f. 201" e una cedola

(')

(')
(')

Terra

di

doc. al

Il

(')

continua

al

34''

f.

37-'.

f.

Il

continua dopo

doc. al

Voi.
Il registro in

cano

ff.

jf.

19'',

il

lia

primo doc.
il

.suo

del

35" con un segno di croce.

f.

principio al

CAROLUS

sialo.

142'',

Contiene

II.

f.

222'* del rcg. n.

Il

f.

35'*

64 (1294 A).

1296. E.

ff.

146'', 264'', 276'', 287'', 292'', 295'',

meno guasta

mancante nei

ff.

te

al

31l'',

242'',

316''.

258, 259, 293,

sono cinque doc. di settembre

135''

312'',

1-4, 24, 25, 32, 43-46, 48, 49,

114-129, 143-146, 170, 171, 173-175, 205, 221,


319, 320.

indizioni sottonoia

le

210"

no,

294, 309'',
Oltre

815

mediocre

scrittura pi o

90, 91,

f.

317 segnati con num. araba 1-322: man238. 239, 2G0, 290, 308: del/. 311 esiste una met. (')

Sono bianchi

La

di tassa pel Giuslizicralo

Lavoro e Principato.

di

ed al f.
uno di ottobre I ind. [1302).
Trocansi doc. cassati ai ff. Il'', 47'', 93'', 104", 116",

ind. [1296

143''

241".

145", 160'', 212",

122'',

235^

^')

Sono monchi

INDIZIONI

151'',

(Il

novembre -agosto

170", 237'', 257'', 264", 309'', 312",

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

IX

doc. ai ff: 145",

carattere corsivo indica

tiloli

lustitiario Aprutii.

Indicazione

suppliti per analogia)

{Camerarius

Prothonotarins)

(1295-1296)
-id.

id.

dicembre
id.

-agosto

gennaio-maggio
id.

-agosto

id.

-id.

febbraio-luglio

Just.

Terre Bari. {Prot.) f)

lust. Basilicate.

Secreto

-agosto

{Prot.

Magi-

T\s{ Cam. Prot.)


k\odL'\xdiT\\xs.{Proth.Mag.Rat.

Secreto
Rat.)

P)

Calabrie. {Prot.
{'')

dei fogli

1-17
20-75
7G-101(')

sirorum Rationalium) {^)


lustitiario Terre Ydronti. {Prot.)
Quaternus notariorum puplicorum
advocatorum cirurgicorum et fisicorum. {Cam.)
Secreto principatus et Terre Labo-

Cam.)
id.

Apulie.

317'', 318''.

Mag.

113(-^)

145-1990
102-109
130-142

205-244
245-322("^j

110
200-204


INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

97

carattere corsivo indica

(Il

IX

marzo-aprile

Extravarjantia.

(1295-1296)

aprile-luglio

Magistro

titoli

dei fogli

suppliti per analogia)

111-112
114-129

magistro lusti-

vice

et

Indicazione

tiario.

settembre-ottobre Secretis magistris portulanis et procuratoribus Apulie.

II

(1303-1304)

IX

novembre

143-144

lustitiario Apruti.

18-19

(1310-1311)

(2)

La nnm. romana si trova in


Non sempre sono le postille

(3)

Al

{})

81''

f.

C)

Il

(5)

La

(^)

Il

doc.

C)

Il

f.

(8)

Il

doc.

(9)

Nel

f.

332", ed
(1)

Il f.

Il

monco

al

monco
257

f.

f.

al titolo

f.

Al

237'' si

Apodixarius

f.

349''.

La

315" ha

il

110

Il registro in

bianco

La

il

il

In

tutti

si

cit.

aggiunge

doc monco

al

f.

f.

f.

buono

stato.

al

259", e

et

al

f.

225'' del

reg. 80 (1295-1296 A).


254^.

f.

reg. 82

f.

223".

acceptationes.

f.

il

primo

doc. monchi

al

309'' nel reg.

f.

342",

il

72 (1294 A)

legge intero nel

ai

f.

258", e

si

legge intero nel medesimo registro 87

si

127 (1302 X),

come

cit.

ff.

257'',

secondo al

f.

179'' del reg.

115".

reg. 87

.340.

f.
f.

348".

risulta dal duplicato

354''.

titolo : lustitiario et

Secreto Calabrie.

CAROLUS
Contiene

ff.

IL 1296. F.

173 segnati con num. araba 1-173.

pi a meno guasta o mancante nei

(i)

ff.

62''',

130'',

131^^

151,

152,

173.

Trovansi doc. cassati


139''.

al

171^

f.

scrittura

172'',

fine del

suo principio nel

Voi. 86

trova intero nel

314" continua con interruzione

f.

trova

182^

f.

esistente nel detto reg. n. 87


(11)

f. 113'' si

pu leggere intero nel reg. 82 (1296 B)

continua con interruzione

256''

al

possono leggere interi nel reg. 87 (1296 G),

terzo al

il

al

monco

151'' si

f.

cassati.

8P.

f.

177" continua al

f.

doc. al

Il

al

margine dei doc.

al

tassa pel Giustizierato di Terra di Bari.

di

continuazione del doc.

309'', 317'', si
f.

una cedola

continua

78''

pochi fogli.

ai ff.

1"",

41", 64'',

67'',

81'',

99", 104", 125, 128, 134'', 136",

n
i

quaderni della

indizione [1296-1297] alla

sommit

del

primo foglio

margine interno leggesi: Cancellarius.


13

nel

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

ili

XV

98

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

dei fogli

IGUMYO

marzo

(12')6-I2r)7)

XI

febbraio-ffiuano

171
172*

(1207-1208;

IX

("')

luglio

170''

(1280-1281)

Extravagaiilium.
Apodixarius.

scUembre-agosto

(1200-1207)

noveinbrc-febb.

1-164
105-108
172''-174

{^)

La num. romana non

(-)

Sono sempre

si

trova nei

margine

postille al

le

fogli.

dei

doc

cassati.

gi pubblicato dal Minieri, Saggio di


(5) Istrumento dotale 3i Biancafiore Brancaleone
Codice Diplomatico t. I p. 34 n. XXVI.
(^) Istrumenti relativi alla dote di Biancafiore Brancaleone.
(5) Ordine per la presa di possesso del casale di Pietransiera in Abruzzo, concesso ad An,

drea Brancaleone.

Voi. 87

CAROLUS

1296. G.

II.

ad eccezione di pochi ff. in principio ed in fine, in buono stato. Con348 segnati con num. araba 1-365: sono duplicati i ff. 46, 214, 283: mancano iff. 11, 17-32: del f. 1 resta un brano: il f. 2 in parte mutilato nella parte
superiore: gli ultimi due fogli sono anche mutilati: dopo il f. 271 esiste un piccolo brano di pergamena in parte scritta: la num. dal /. 343 passa al/. 347 senza

Il registro,
tiene ff.

interruzione dello scritto.

Sono bianchi

La

ff.

10'',

4'',

scrittura pi o

(')

14'',

meno guasta

Oltre la indizione sottonotata al

Trocansi documenti cassati ai


207", 222'', 247'', 270''.

monco

il

INDIZIONI
ANN-l,

15", 16", 312'', 318'',

(1295-1296;

322K

mancante nei ff. 1-13, 48",


/. 322" un doc. di settembre

ff.

3'',

222'',

364, 365.

indizione [1296).

6", 69", 77, 107'', 133", 140'', 177", 201'', 203'',

[]

doc. al /. 306".

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
(Il

IX

319",

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogi.i)

settembre-Juglio
-agosto
id.

Apodixarium

febbraio

Extravagantium iudicum advocatorum medicorumet notariorum.

-id.

et acceptationes.

Exti-avaganliuin,

(3)

Indicazione
dei fogli

323-365
1-79

88-322
80-87


(')
il

f.

99

La num. romana progressiva non si trova ne'


doc relativi alla custodia
si collega con

27'*,

fogli.
di

Il

brano

di

pergamena, legato dopo

Sessa, riportati nel foglio predetto.

Quasi sempre trovansi le postille al margine dei doc cassati.


imposite olim per cnriam
(^) Al f. 13G'' una ceduta taxationis generalis suboentionis
locis lustitiariatus Terre
terris
et
suhscriptis
Indictlonis
in
et ctiam pi^o anno presenti none
173''
una cedola continens quanlitaleni pecunie debitam
Laboris et Principatus ecc. Al f.
Curie ab hominibus subscriptarum terrarum et locorum lustitiariatus Aprutii citra /lumen
Piscarie de residuo generalis suboentionis anni proximo preteriti XII indictionis ecc. Dal
f.
215-218 ed al f. 257 un quaderno dove sono notati i nomi e cognomi prothontinorum
comitorum, nauclerioruni supersalienlum marenariorum et pcrsonarura aliarum in arte niaris
(2)

expertarum
doc.

monco

Gaeta e Castellammare
pu leggere intero nel reg. 83 (1296 C) f. 273''.

delle citt di Sorrento, Amalfi, Salerno,


al

306"

f.

si

Voi. 88

CAROLUS

Jl registro in cattivo stato.

duplicati

Sono bianchi

La

ff.
L

61, 174, 255:

ff.

Il

IL 1297. A.

Contiene ff. 285 segnati con num. araba 1-283: sono

manca

il

meno guasta

seggono
ff.
283''.
265'', 270'',

f. 62:

161^, 200'>, 230'', 238'\

scrittura pi o

di Stabia-

1-4

mancante nel ff.

1-4,

dopo

ff. 5, 6.

(i)

21-46, 48-51, 55, 106, 107,

220-222, 231-234, 236", 268-269, 271-283.


sottonotata al f. 20]'' un doc. di agosto IX ind. [1206].
Trovansi doc. cassati ai ff. 14", 16", 30", 40", 158'', 226'', 236". [)

Olire

la

indizione

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

settembre

(1206-1297)

carattere corsivo indica

lustitiario

titoli

suppliti per analogia)

Terre Ydronti. {Protho-

Indicazione
dei fogli

187-190

notarius)
id.

-nov.

lust. Aprutii. (Prt.)

172-182

id.

-id.

lust. Capitinate. (Prot.)

18.3-186

id.

-die.

lust.

id.

-id.

lust. Principatus. (Prot.)

id.

-gennaio

Terre Laboris. (Prot.)

id.

Apodixarius. (Magistrorian Rationalium).


-febbraio Privilegia. {Prot.Mag. Rat.)

id.

-id.

Exir[ivagantsi{P'ot.-Mag.Bat.}{'^)

id.

-id.

id.

-id.

Secreto Principatus et Terre Laboris. (Prot.Mag. Rat.)


Secr. Apulie. (Prot.Mag. Rat.)

id.

-id.

Quaternus Ducis Calabrie. (Mag.

ottobre-gennaio
id.

-id.

id.

-febbraio

Rat.)
Senescallo Provincie et Forchalquerii. (Mag. Rat.)
Secreto Aprutii. (Mag. Rat.)
Magistro lustitiario vel eius Locumtenenti. (Mag. Rat.)

21-44
45-48
164-171
49-51
1-20 .3
52-72 ^ ^
79-163

207-238
191-198
253-266
199-206
271-283
239-245
73-78

267-270
246-252


(')

La num. romana

{*)

Sempre sono messe

(3)

Il

{*)

Al

f.

237

titolo

al

f.

dei doc. cassati.

che situato dopo

perch sebbene

margine

f.

il

4.

Exlracagantia aggiunto anni

come

pure esso della X,

7"

164-234 interrotta.

il.

le postille al

6^ continua al

f.

cazione erronea
ind

trova nei

si

100

Voi. 89

al

237*'

f.

X et

XI

il

Sono bianchi

La

risulta dal duplicato esistente nel reg. 86 (1296 F)

CAROL JS

ff.

mancano

9\

scrittura e pi o

20,
'

132:

f.

22'', 23'',

10'',

14'',

21^

meno guasta

26'',

39, 45''-47* 59", 61, 02,

32\

64\

103''.

num. araba 1-158:

du-

(']

63\

42'',

mancante

f.

XI

1297. 1298. X.

II.

27-29, 71, 72.

Jf.

indi-

un doc. segnato con la data di febbraio

Il 7-egistro in cattivo stato. Contiene Jf. 154 segnati con

plicato

Questa

Indiclionis:-

70'',

158''.

nei ff. 1-3, 5-7, 9, 11, 12, 15,

66", 67", 80, 82, 84,

16'',

94-97,

85'',

87,

XII

ind. [1298].

91'',

19,

100-102, 104, 106-109, 113", 134-137, 140-158.

Oltre la indizione sottonotata al f. 158" un doc. di settembre

Trocansi documenti cassati ai

ff.

118, 120", 127", 133'', 142'',

INDIZIONI

5", 50'', 67",

149''.

(Il

XI

92\ 96,

103'',

106", 113'',

(^j

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

Indicazione
dei fogli

settembre-agosto

Quaternus lustitiarii Terre Laboris et Comitatus Moiisii.

1-10

id.

-id.

lustitiarii Capitinate.

id.

-id.

Quaternus capitanei

22-26
33-42

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

ottobre

-id.

novembre-id.

Quat. Secreti Apulie.


Quat. Secr. Principatus et Terre
Laboris.
Quat. Secr. Aprutii.
Senescallo Provincie. (0
Quaternus lustitiarii Principatus.
Quat. lust. Terre Bari.

id.

lustitiario Basilicate.

(1297-1298)

Aprutii.

-id.

(2)
(^)

Al

f.

39''

C) Al

f.

102"''

un doc.
sono

et

lustitiarii

(^)

La num. romana va da LXXVII-CCXLV.


Sempre si trovano le postille al margine dei

(>)

90'',

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

89'',

doc. cassati.

scritto sottosopra.

capitoli Officialium Prooincie.

LIBRARY

43-64
65-70
73-77
78-158
11-14
15-21
30-32


Voi. 90

101

CAROLUS

1298. A.

II.

buono

Il registro, eccetto pochi fogli in principio ed infine, in

segnati con num. araba 1-35S: sono duplicati

Sono bianchi

39'',

ff.

25l'\

Contiene

ff.

361

(*)

334^

meno guasta

'La scrittura pi o

stato.

jj. 114, 156, 301.

mancante neiff. 1-4, 284. 306, 335, 340'', 358.


un doc. di settembre XIII ind. [1299)

Oltre la indizione sottonotata al f.


cassato, ed un altro al f. 334^''.

291''

Trotansi documenti cassati ai

17'\ 18", 22'', 82'', 84'', 138", 139", 155", 156",

'158'',

In

tutti

gistri

192'',
i

221", 225",

ff.
248'', 264'',

315''.

284'',

(^i

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Ma-

Raiionales.
-

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

dei logli

XII

Quaternus

settembre-aprile
-agosto
id.

(1298-1290)

lustitiarii

Terre Bari.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

Quat.
Quat,
Quat.
Quat.
Quat.

ottobre

-id.

lustitiario Aprutii ultra

Just. Aprutii citra flurnen.


lust.

Terre Laboris.

lust.

Principatus,

{^}

Just. Basilicate.
Just. Capitinate.

flumen Pi-

335-358
40-78
79-188
189-251
252-291
292-334
1-39

scarie.

(!)

La num. romana non

si

trova nei

fogli.

Quasi sempre sono messe le postille al margine dei doc. cassati.


Ne' ff. 214''-217 il quaternus contcnens terras sitas in territoriis Litcre, Graniani,
Schifati, et phcudi supra Nuceriani spectantcs ad pheudum domini lacobi de Bursono quod a
(^)

(3)

Regia Curia

tenet ecc.

Voi. 91
// registro in

duplicati

Sono

bianchi

61, 280:

IL 1298. B.

293 segnati con num. araba 1-289: sono


263 seguono dueff. senza numero. (\1

stato. Contiene ff.

dopo

ff. 143 e
241'', 246'', 249'', 261'',
ff.

ff.
i

mediocre

CAROLUS
i

268''.

La

scrittura pi o m,eno guasta o mancante neiff. 1-8, 11-13, 16-21, 111'', 112", 114",
193-200, 209-223, 225'>-228, 230, 231, 233, 236, 238, 239, 242-248, 250", 258'>-260,
283-289.

indizioni sottonotate al f. 63'' un doc. di agosto IX ind. [1296].


Trovansi documenti cassati ai ff. 2'', 20'', 46, 67'', 70'', 76", 84", 85", 95", 96",

Oltre

le

100",
223".

112'',

122'',

124", 126", 127'', 131,

139'',

142,

173'',

174'',

175'',

99'',

194", 205",

(2i

monco il doc. nel f. 46".


Alla sommit del primo foglio

di alcuni quaderni del

gine interno leggesi: Cancellarius.

ramo Extravagantium

nel

mar-


INDIZIONI
(ANNI

102
TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(Il

XI

carattere corsivo indica

titoli

rum tam

in lisica

i(l.

-apposto

notariorum.
Extravagantiuin.

gennaio

-icl.

Apodixai-ius.

dei logli

suppliti per analogia)

Quaternus advoca'toruni

scltciiibre-a])rile

(1207-1208)

Indicazione

quam

282-289

pratico-

cirurgia

et

XV-I

marzo-gennaio

1-241(S
242-249
254-281
250-253

(^)

Apodixarius.

(ia()M303j

(')

La num. romana non

()

Quasi sempre sono messe

(3)

Al

138''

1".

un dee.

si

trova nei

fogli.

margine

le postille al

scritto sottosopra. Al

i.

dei doc. cassali.

dopo

140''

primo documento

il

soni Ics armatcures Ics rjuels messire Eraurt de Courtesa doit fere

mundemcnt deu
(<)

Il

al

IL rer/istro in

buono

slato.

dimezzato cerficalmenle.
bianco

La
Al

il

f.

32''

il

82''

f.

Contiene

fere a naples au coin-

al

77-''.

f.

1298. B.

li.

i^)

45 segnati con num. araba 1-45:

ff.

il

jf

[')

meno guasta

mancante

un documento cassato con

INDIZIONI

nei

Jrf.

1,

2, G.

la postilla.

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

III-IV

Ce

45''.

scrittura pi o
/.

81", ed

f.

92-CAROLJS

Voi.

legge:

Rorj prirnierament. Segue un breve elenco delle armi.

continua

76''

f.

si

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

gennaio-aprile

Registrum Principatus Salerni.

1-G

aprile-agosto

Reg. Princip. Sai. {Magistri Ratio-

7-lG

(1269-1291)

IV
(1290-1291)

nales)

settembre-agosto

(1291-1292)

(')

Il

Caroli li

sopra 62

tis

titolo
p.

erroneo. Dev'essere 12C0

MiNiERi,

dei

Grandi

(Borrelli, Rep.

Uffi::iali del

Regno

17-45

et

cit.

p.

442.

He/). III

il

Minieri (Le Cancellerie ecc.

La num. romana non

si

trova nei

o.

Regis

di Sicilia p. 132 nota 22, Studii

ley. pp. 123, 129, 140, 158). Nell'elenco del 1855 {Lcgisl. posit. cit. p. 56)

segnalo mancante:
(')

honoris menSancti Angeli. {Marj. Rat.)

Reg. Princip. Sai.

pp. 11, 12 e 15), lo nota

il

reg. 1290

pure mancante.

fogli.

Voi. 93

buono

// registro in

f. 122.

La

103

CAROLUS

1298. C.

II.

197 segnati con num. araba 1-198: manca

siato. Contiene ff.

(')

scrittura pi o

meno guasta

o mancante nei ff.

49'',

190'',

Oltre la indizione sottonotata al f. 125" un doc. di agosto

Trovansi doc. cassati ai


198''.

il

ff.

21", 54"-, 83'\

198'*.

XI

ind. [1298).

99", llO'', 119", 167", 174", 176'',

85'',

(2)

monco

In

tutti

il

doc. al f. 121''.

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Can-

ccllarius.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

(Il

XII

carattere corsivo indica

men
-agosto

Just.

Terre Laboris.

La num. romana va da CLXXII-CCCLXX.

(2)

Sempre

(3)

Il

<1299 A)

le postille al

doc. cassato al
f.

Ile"*

f.

suppliti per analogia)

margine dei doc.

continua

al

123-198
1-121

cassati.

119^ incompleto:

f.

(^;

si

legge intero nel reg.

n.

td

214^

Voi. 94

CAROLUS

II.

1298. D.

Il registro in buono stato, eccetto diversi fogli in fine.

num. araba 1-257: sono duplicati

Sono bianchi

La

dei fogli

Piscarie.

(')

trovansi

titoli

lustitiario Aprutii ultra et citra fiu-

settembre-luglio

(1298-1299)

id.

Indicazione

ff.

47'',

scrittura pi o

148'',

152'',

meno guasta

Oltre la indizione sottonotata ai

ff.

184'',

ff.

27, 76.

Contiene

ff.

259 segnati con

(i)

191", 247'', 249.

mancante

nei ff.

247", 248'',

192''

212''-218, 220'*-257

sono due doc. di settembre

XIII

ind. [1299).

Trovansi doc. cassati ai


203", 204", 225".

In

tutti

ff.

16",

24'',

42'',

50'',

52'', 68'',

79", 142'', 171'', 177'*, 191'',

(^j

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Can-

cellarius.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

carattere corsivo indica

(Il

seltcmbrc-dicem.

XII

104

Indicazione

suppliti per analogia)

titoli

Secreto Aprutii et magistris

(12! 18 1299)

dei fogli

\)ov-

250-257
9-47
48-112
129-152
153-184

tulanis.
id.

-agosto

Iiistitiario Rasilicate.

id.

-id.

id.

-id.

id,

-id.

Principatus. (^)
Sencscalliis Provincie.
Secreto Principatus et Terre Lalusl.

boris.
Soci'.

-id.

id.

novcmbrc-id.
-id.
giugno
(1)

{*)

Apulie.

185-248
113-128

()

Secreto Calabrie.
Terre Ydronti,

lustitiario et
lust.

La num. romana va da CCCCCIl-CCCCCCCLXXIIII


Non sempre si trovano le note al mai-jjine dei doc.

1-8

interrotta.
cassati.

Ne' IT. 73''-76 il quaternus contincns tcrras sltas in territoriis Litere, Graniani, Schifati, et pheudi supra Nuceriam spcctantes ad phcudum domini lacobi de Bursono quod a
Regia Curia tcnat ecc. (V. p. 101 nota 3 del voi. 90).
(*) Al f. 191'* sono due doc. scritti sottosopra e cassati. Al f. 205" il titolo e: Secreto ma(3)

ijistro

portulano

et

procuratori Apulie.

CAROLUS

Voi. 95
buono

1298. 1299.

II.

1^)

170 segnati con num. araba 23-192. [^)


La scrittura pi o meno guasta o mancante nei jf. 29'', 30, 35'^, 36, 58, 85, 192^*.
Oltre la indizione sottonotata al /. 29"' un doc. di agosto XI ind. [1298).
Trovansi doc cassati ai ff. 86^ 100'\ 116K 149", 163", 177". [^]
In tutti i quaderni alla sommit del primo foglio nel m.argine interno leggesi: CanJl registro in

stato.

Contiene

ff.

cellarius.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

(Il

XII

carattere corsivo indica

Extravagantium,

settembre-febbr.

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

dei fogli

23-192

{*)

(1298-1299)

essere 1298-1299 D. (Borrelli Rep. II p. 566. Griffo, Rep. cit. pp. 218,
Rep. fani. part. pp. 293, 299.
Della Marra o. e. pp. 17, 248, 420 ecc). Nell'elenco del 1855 {Lcgisi. posit. cit. p. 59) il reg. 1298-1299 D notato mancante: il Minieri
(1)

807,

titolo dev'

Il

893-

(Le Cancellerie ecc. oi^)

ff.

e.

p.

11) lo

La num. romana manca

59-64 (Cai'asso,

Nota

nei

segna

Registri

t.

65-72 (Capasso, o.

ff.

Sempre trovansi

{*)

Al

f.

173'' e

tf.

sui nuovi Voi. dei Reg.

Rep.

le

c.

813
Ang.

cit. p. 807):

ed

si

p.
i

trovano nel voi.


37 nota
ff.

margine

.sottoso[)ra.

5):

ff.

II

dei nuovi Registri

15-22 sono nel prin-

193-200 nel detto voi.

e.)

postille al

un doc. scritto

mancante.

pui'e

fogli.

cipio del voi. 68, 1294 V, (Griffo,

(3)

dei doc. cassati.

II

dei nuooi

96.~-CAROLUS

Voi.

// registro

in

mediocre slato.

duplicato

il

f.

106.

Sono bianchi

La

scrittura pi o

207-200, 212\ 243

Contiene

ff.

II.

1299. A.

200 segnati con num. araba 1-280:

285"'.

meno guasta
252''',

mancante

263'',

257'',

nei ff. 167'', 108"', 180, 100"', 102, 104,

272-277, 270, 283, 286-280.

Trovansi documenti cassati ai ff. 35", 52\ 68", 00', 05", 07",
168", 180", 236'', 268''.

Sono monchi
In

tutti

104'', 106'', 111",

147",

(2)

283",

doc. nei ff

(')

112\

Jf.

105

287''.

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Can-

cellarius.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

carattere corsivo indica

(Il

settembre-agosto

XII
(1298-1299)

-id.

gennaio

-id.

suppliti per analogia)

dei togli

227-242

nundinarum

et

Apodixarius.
Extravagantia.

giugno-settenabre

XII-XIII

titoli

Quaternus iudicum advocatorum


et notariorum publicorum legitimator-Lim

id.

Indicazione

243-289(3)

1-219

(^)

Extravagantia.

220-226

(1298-1300)

(>)

La num. romana progressiva non

(2)

Tra

le postille,

messe sempre

al

Cassata de mandato domini logothete


(3)

Il

("*)

Al

f.

f.

282''

continua

115'* si

al

f.

si

trova nei

margine dei doc.

284% ed

il

f.

283'' al

legge: Quaternus continens

Magistruin Saduccum de Adria

Magne

cassati,

notiamo

f.

et

al

f-

236'':

pecuniam assignatam de camera regia per


et

familiarem

Illustris

Regie Curie Rationalem

Notarlo Nicolao de Alixano Notarlo Curie

et

Regis Aragonum

hospicii Regis Graf-

Nonnagno de
in officio

Neiicastro Se-

racionum fcrendam

solcendam personis armorum subscriptis exstentibus in partihus


transituris in Siciliani sub Capiania domini Bertrandi Artus Regioranx balistariorum

per eos ad partes Calabrie


ipsis

seguente,

288.

feriunx domino Egidio de fullusio Cambeltano Regio magistro


creto Calabrie

la

lacerata.

et originalis

dominnm Gonsahuni Garsie militem Consiliariun


et

fogli.

Magistri

et

etc.

14

lOG

CAROLUS

Voi. 97.

1299.

II.

r>.i')

buono slato, eccetto alcuni fogli in principio ed in fine. Contiene


410 segnati con num. araba 1-415: sono duplicati i ff. 267, 325: mancano i
119, 383: dopo il f. 250 segue un f. sema num. [^]

IL registro in
ff.
ff.

Sono bianchi

La

scrittura

J. 123\ 375'', 382''.


pi o meno guasta o mancante

nei ff. 1-3,

75'', lOO'',

140, 308", 412, 415.

indizioni sottonotate, al f. 23'' sono due doc. di agosto XII ind. [1200) ed
al f. 45'* altri due.
Trocansi documenti cassati ai ff. f', G", 10" 45", 49'\ 67'\ 75, 70'', 113'', 139'', 154'\

Oltre

le

190", 208", 217", 252'', 254", 279", 295", 297", 303", 305", 312'', 324", 359",

162'',

361", 303", 378'', 379", 381, 382". f)


monco il doc. nel f. 35"

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

-agosto

id.

titoli

dei logli

suppliti per analogia)

Apodixarius. (Cancellarius)
Extravagantia. (Canc.Magistro-

sGttembrc-nov.

XIII
(1299-1300)

carattere corsivo indica

Indicazione

riun Ratioiialium)

86-93
1-85
94-382(5

('')

392-399

XIV

Extravagantia. {Mag. Rat.)

ottobre-dicembre

384-391
400-415

(1300-1301)

(1)11 titolo

Rcp.

cit. pp.

dev'essere 1299-1300 B(BoRRELLi, Rop.I

219,

p^i.

336-Chioccarelli, Notitia Ecclesiaruin

L'elenco del lb55 {Legisl. posit.

cit.

p. 59)

ed

il

127,341. /i pp.292,405,605-Griffo,
et

Bcncficlorum regiorum

Minieri [Le

Cane

p.

11)

rass.

f.

109).

notano mancante

questo registro.

(^)

La num. romana
Sempre trovatisi

(<)

Il

(2)

doc.

monco

al

e nei

35-''

Il

f.

continua

254>'

al

Al

f.

duplicati

La

dei doc. cassati.


f.

12'*.

382" sono due doc. di settembre


il

f.

271'' al

- CAROLUS

f.

Al

XIV

f.

75''

un doc.

ind. (1300) cassati.

278".

IL 1299. C.

mediocre slato. Contiene ff. 216 segnati con num. araba 1-244: sono

ff. 17,

scrittura pi, o

166-173, 233.

f.

248% ed

Voi. 98.

Il registro in

margine

legge intero nel rog. 100 (1299)

si

scritto sottosopra e raschiato.


[-)

384-415.

postille al

le
f.

ff.

180.

()

meno guasta

mancante

nei ff.

9-17,

22,

27,

41

96-100,

Olire

indizioni sottonolale ai

le

Trovansi doc. cassati

23"- e 41"'

ff.

1\

a' ff.

107

2C>\

li'',

XI ind.

sono due doc. di agosto

50\

121",

1()G\

[120H].

100", 176'', 179'',

IGS'',

216". f)

ISS''.

Sono monchi

doc. ne ff.

INDIZIONI

23\

SO", 235'', 236'', 237, 238", 241".

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

XII

settembre-agosto

carattere corsivo indica

Extravagantia,

titoli sujiiiliti

Indicazione
dei togli

per niialogia)

1-232

(^)

(1298 1299]

235-23G(^)

Senescallo Prooincie.
Prioilegia. {^)

luglio

-agosto

id.

('')

2410

Extraoagantes.

luglio

XIII

238-240
242-244
237

233-234

(1299-1300)

(')

La num. romana

(^)

Al margine de' doc. cassati sono aggiunte sempre

(^)

Nel quaderno, contenente

gli altri

trova solo nel

si

ff.

sccundi signato

Al

4.

anno domini

Il

(')

()

Il

25'^

f.

doc.

doc.

continua

Il

f.

45", ed

postille.

margine interno CanccUarius:

scritto in carattere angioino:

cuin hoc signo F.

Il

In registro K(aroli)

doc.

il

f.

243'^ al

f.

al

150'*,

15 P.

f.

89*

si

31.

237

monco

al

f.

241, riguardante gli statuti di S. Nicola di Bari,

fui.

monco

180'\

f.

trovano interi nel reg.

si

in tutti

213-215 un quaderno col titolo simile a quello

al

241'*

f.

f.

34*

le

monchi

reg. 99 (1299 D.)


(^)

al

f.

ff.

MCCXCVIIl

legge intero nel reg. 95 (1298 1299)


(*)

34-41, scritto al

leggesi Maglslri Rationalcs. Ne

gi riportato nel voi. 96 nota

241.

f.

n.

94 (1298 D)

ff.

si

legge intero nel

71''.

continua

al

f.

108" del reg. 183 [Karolus II C.)

~ CAROLUS

Voi. 99

// registro in b'uono stato, eccetto

araba 1-272: sono duplicati

ff:

IL 1299. D.

V ultimo foglio. Contiene ff. 271 segnati con num.


103,

114, 118, 158:

mancano

iff. SI, 96, 97, 126,

170. Ci

Sono bianchi

La

iff.

73\

scrittura pi o

125'',

218'', 240''.

meno guasta

Trovansi documenti cassati ai

monco

In

tutti

il

doc

ff.

mancante nei

18'', 20'', 28'',

ff.

7l'',

272.

70", 73', 98",

100\ 171, 203\ 220".

nel f. 272'\

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Can-

cellarius.

INDIZIONI

108
TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

carattere corsivo indica

(Il

XI-XII

agosto-l'cbbraio

lustitiario

scttembrc-mafig.

Magistro

titoli

Indicazione
dei logli

suppliti por analogia)

Terre Ydronti.

219-230

(12fJ7-12i.9)

XII

98-118

lustitiario et ludicibus
Curie.
Privilegia. C)
Dux Calabrie.
lustitiario Capitinate.
lust. Terre Bari.
lust. Aprutii citra et ultra (lumen
Piscarie. {*)

Magne

(1298-1209)
id.

-agosto

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

agosto

Apodixarius. f)

settembre-agosto

XIII

1-80
82-95
127-109
171-218
119-125

231-272

(1299-1300)

La num. romana va da XXIV-CLV e da CCCLXXVIIII-CCCCLXXXXIIl


Sempre trovanti le postille al margine dei doc. cassati.

(1)
[^)

(^)

Al
Ai

(')

Il

(3)

45''

f.

124''

ff.

un doc.
e

doc. mutilo al

di agosto

XI

sono due doc.

125''
f.

272'' si

ind.
di

(1298).

settembre XIII ind.

(1299).

legge intero nel rcg. 101 (12991300 C)

Voi. 100.

interrotta.

CAROLIJS

f.

320''.

1299. n

II.

buono stalo, eccello l'ultimo foglio. Contiene ff. 179 segnati con num.
araba 1-174: sono duplicati i Jf. 52, 70, 91, 1G3: dopo il f. 8 segue un f. col

Il registro in

num. 7 duplicato.

La

[^

meno guasta

scrittura pi o

mancante nei

ff.

7 dopo

174''.
f. 8,

il

Trovansi documenti cassati ai ff. 22'\ 44^ 61'', 71", 125'', 157'\ 1G5''. [^)
In tutti i quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Magistri Rationales.

INDIZIONI

(Il

Rcp.

Il

cit.

notato

titolo

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

Prioilegia.

dev'essere 1299-1300

1-1 74(^)

(^)

(Borrelli, Rep. I

p.

pp. Ili, 807). Nell'elenco del 1855 [Legislas. poslt.

127.

II

dopo

pp. 290, 400

cit. p. 59)

il

il f.

Griffo,

registro 1299-1300

mancante.

(^)

La num. romana va da XCVI-CCLXXXI e da LXXXVIII-XCV


Sempre trovansi le postille al margine dei doc. cassati.

[*)

Il

f.

12''

()

Il

f.

7 dopo

(2)

dei fogli

suppliti per analogia)

Extravagantia.

settembre-aprile
aprile-maggio

XIII
(1299-1300)

(1)

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

continua
il

f.

al

f.

interrotta.

15".

8 porta

al

piede

l'

indicazione del reg. 1299-1300 D, che nel voi. n.

105 col titolo erroneo 1300 X, e che comincia dal

f.

8.

CAROLUS

Voi. 101.
Il registro in

duplicati

ff.

mediocre siato.
00,

109

II.

Contieni', ff.

2G1: mancano

115,

ff.

1299. 1300. C.

i'

384 segnati con num. araba 1-413: sono


77, 151-150, 167-lGO,

183,

100,

193,

un brano di f. senza num.: dopo il f. col n. 166


seguono i ff. coi n. 176, 178, 179, 178, un f. senza n. ed indi 179; la cartolazione
poi retrocede a 170, e seguita progressicamente: il f. 259 dimezzato. \^\
Sono bianchi i ff. 69'', 72\ 9l'', 178'', 179'', 209'', 300'', 30l\ 327, 328, 337'' 413''.
La scrittura pi o meno guasta o mancante neiff. 1, 9, 13, 35, 39. 62 bis, 63, 92,
161-166, 178-179. 170 dopo 179, 200, 225'', 220\ 234-241, 259-261, 265-267, 280,
201-220, 262, 32G: dopo

f. 62

il

281, 315, 316, 320-322, 329, 348, 349, 351-355, 358, 365-369, 407.
Oltre le indizioni sottonotate al /. 199"- un documento di luglio VII ind. [1294] ed
al f.

uno di agosto

XII

ind. [1299].

146'', 292\ 297\ 364'', 397", 400". (^j


Trovansi doc cassati ai ff.
Sono monchi i doc. neiff. 37\ 54'\ 180'', 316'', 317", 318'', 319, 322", 323\ 329",
51'',

347'',

356",

38lK

INDIZIONI

XIII

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

settembre-luglio

(1299-1300)

Indicazione

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

Marpistro et vice magistro lustitiario, generalibus regni vicariis et


aliis. (^)

id.

-agosto

Privilegia, {Magistri Rationales

(^)

dei logli

358-359
368-369
376-381
1-91

.e.

180 ^^
id.

-id.

Extravagantia. {Mag, Rat.)

92-99

C^)

115i^--150
e

id.

-id.

Apodixarius. [Mag. Rat.)

161-179(8)

181-301
370-375
409-412
315-329
338-347
356-357

(^)

382-383(10)

id.

-id.

A-

392-394
399
384-391
395-398
400-408
413
348-355
360-367
302-306

Secreti et magistri portulani Apru-

100-115
160
307-314

{Mag. Rat.)
Apodixarius. {Mag. Rat.)

330-337

Quaternus notariorum publicorum


advocatorum iudicum legitimacionum nundinarum et phisicorum. (Cancellarius)

dicembre-luglio

Senescallo Provincie, {Canc.){^^)

aprile-agosto

Secreto
prutii,

XIV

settembre-ottobre

magistris portulanis
(Cane.)

et

Extravagantia, {Mag. Rat.)

(1300-1301)
id.

-marzo

tii.

dicembre-luglio

- no
dev'essere 1200 C. (Borrelli, Rep. I pp. 83, 170, 4r)2. II pp. 0, 112,
BoRREi-Li, V index p. 08}. L'cloiico del 1855 {Lcjisl. posit. cit. p. 59] ed il Minieri [Cane.
segnano inaiioaiito il registro 1299
titolo

Il

(1)

308-

p. 11)

La num. romana
Sempre trovatisi
Il doc. monco al

(-J
(')

{*)
(')

duo. mollilo al

Il

nel predetto rcg.


1

doc.
(')

Al
II

f.

f.

117".
C)

f.

si

si

al

al

margine

al

doc

dei

cassati.

legge intero nel veg. 105 (1300 X) f.


trova nel detto i-eg. 105 f. 17, e quello

180\

f.

1-';

al

monco

al

f.

40''

al

di

settembre
371=';

f.

280^

f.

310'' si

XIV
il

il

doc

309'' al

termine
(")

Il

f.
f.

(f.

f.

Il

doc- al

continua

Il registro in

f.

289";

nel

medesimo

f.

54'''

esisto

ff. 33,

f.

il

f.

il

f.

208'' al

287';

il

f.

273';

f.

288''

al

f.

f.

203";

242'';

f.

272'* al

il

il

f.

il

251''';

f.

374'' al

1'

317" contiene

reg. 97

11

si

325''

f.

continua
;

si

f.

88'':

doc.

il

monco

10='

riattacca al

f.

316" di questo reg

continua

f.

320";

al

f.

al

al

al

Il A),
legge du-

del reg. 181 [Karolu;^

il

f.

383' al

si

f.

cit.

reg. 99

f.

ed

302",

20" del reg. n. 127 (1302 X), ed ha

legge intero nel

350^

f.

il

il

suo

255".

353".

sfato.

57, 85, 00,


esiste

messo dopo

40'''.

f.

102-CAROLUS

mediocre

num: del f. 253


Sono bianchi i ff.

La

323''

f.

al

Voi.

duplicati

241".

322" di questo registro


SSO**

al

347, e resta interrotio; esiste intero nel reg. 97 (1209 B)

interrotto e

19'')

legge intero nel reg. 99 (1200 D)

318'' ti'ovasi

citato 99

32.5".

f.

al

resta ivi

rcg.

nel

monco

iud. (1300).

285'' al

f.

al

G''

I'.

legge compiuto nel detto reg. 97 f. 00''.


(>) Il f. 315'' continua al f. 324". Il f. 321'' continua

plicato

74'.

47' con un sogno di ricliiamo

f.

203'' al

f.

il

al

35-\ ed

f.

f.

al

f.

30''

f.

il

il

274'' al

f.

il

fi'P,

f.

doc. che comincia al

doc.

il

si

28'"'.

f-

monco

doc.

lo stes.so

f.

27

f.

la fine del

87":

f.

37-'

HO'' continua

al

Il

.381''

301" un doc.

f.
f.

273''

jiostille

I".

continua

38''

f.

il

()
il

33''

f.

11

(")

in diver.si fogli.
lo

1300. A.

II.

267 segnati con num. araba 1-261: sono


128: manca il f. 32: dopo ilf. 07 segue unf. senza

Contiene

ff.

una quarta parte,

/j

8l\ 86'', 87'', 253''


meno guasta a mancante

57'",

scrittura pi o

2^, 33,

30, 65-72, 102, 103,


194-200", 203'' -208. 210, 211-213, 247, 253", 255'' -263.
Oltre la indizione sottonotata al f. 6', un doc. di aprile ed un altro di maggio

nei ff.

1,

XV

XV ind.

ind. [1302]; al f. 7'' uno di aprile e due di maggio della predetta


Trocansi doc cassali ai ff. S^ 39'' 118", 140\ S'', 189", 225", 244'',
Sono monchi i doc. nei ff. 1", 104'', 105", 210''.
,

INDIZIO?^
(ANN'I

IX

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
'II

carattere corsivo indica

tildi suppliti

dicembre

lasiltiavio Aprutii f).

settembrc-fcbbr.

lustlliario

per analogia)

245\

[1302).

246''.

[^j

Indicazione
dei fogli

210

(1295- 12C6)

XIV
(1300-1301)

Aprutii ultra citraque


fiume n Piscarie. (Magistri Ra-

194-209
211-222(^)

tionales)
id.

-id.

Just.

Terre Bari. {Marj. Rat.)

223-238

INDIZIONI

Ili

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

XIV

settembre-giugno

carattere corsivo indica

lust.

titoli

Indicazione
dei fo^li

suppliti per analogia)

Terre Laboris, {Marj. Rat.

110-140

Canccllariiis)

(13C0 1301J
id.

-id.

lust. Capitinato. (Mar/. Rat.)

id.

-agosto

Privilegia. {Mag. Rat.)

105-193
1-40 ,.

(")

43-109^'^

(Mag.

239-253

ottobi-e-diceinbre

Just, Priiici|)atus citi'a et ultra ser-

251-261
141-15G

-agosto

ras Montorii. (Mar/. Rat.)


De lerjitimatione, de nundinis, de
officio comitarie, de iudicatu in

lustitiario

-id.

id.

Terre Ydronti.

Rat.)

.<

id.

Rat.)

Fust. Calabr-ie. (Mari.

-id.

id.

41-42

re civili.

[Logothcta

lustitiario Basilicale.

apr ile-giugno

157-104

et

Prothoiiotarius)

La num. romana

(^)

Quasi sempre trovansi

(3)

Il

doc.

(^)

Il

f.

monco

(3)

Il

doc.

(*')

Il

f.

3^

Il

1''

f. 4'*

al

in molti fogli.

al

continua

continua

del predetto reg. 129.

al

al
Il

Sono bianchi

La

scrittura

ff.
i

ff.

si

il

h'^

come

del reg. n. 109 (1301 D),

202-\

f.

che

risulta dal duplicato

2G''.

trova intero nel reg. 129 (1302-1303 B)

225'^ del reg.

9%

f.

f.

14''

al

104 (1300 C), e


f.

continua al

109.
f.

11

si

103-CAROLUS

f.

il

li.

2''.

pu leggere intero nel

doc. al

03, ed

f.

f.

ha

15

TS"*

al

f.

il

cit.

reg. 129

suo principio

al

f.

2''

80.

1300. B.

i'

Contiene ff. 376 segnati con nani araba 2-381: sono


27, 38, 109, 204, 349: mancano i ff. 230, 231, 366-373. ['}

buono
6,

f.

f.

Voi.

duplicali

f.

f.

cassati.

legge intero nel reg. n. 81 (1296 A)

281'''

f.

118 (1801)

n.

monco

Il registro in

al

margine dei doc.

postille al

le

210'' si

f.

continua

214'*

trova nel reg.

si

f.

(1)

slato.

9l\ 183\

184'',

295'\

pi o meno guasta o mancante nei

ff. 2,

5'',

IW,

69,

265'^,

320"^,

353, 381''
Oltre la indizione sottonotata, al f.

un altro doc.

al f.

sono due doc. di agosto

ff.

18", 48", 80'', 93",

109'',

182'',

183", 197", 200", 234", 240", 296'', 298",

354".

^^)

tutti

XII

ind. [1299) ed

78''.

Trovansi doc. cassati ai

In

77''

110', 120'', 160'', 161'', 168'',

313'',

321",

32.3",

325\

345",

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Can-

cellarius.

INDIZIONI
ANN

112

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
(Il

,1

seltcmbrc-marzo

XIII

carattere corsivo indica

lustitiai'io

titoli

Indicazione

tam

Pi'inc'ipatus

id.

-agosto

lust.

id.

-id.

lust.

335-381

citra

qiiaui ultra .sorras JMontorii.

(12y'J13U0}

dei fogli

suppliti por analogia)

{*)

Terre Laboris.
Aprutii

2-91

quain

citra

talli

92-184

ul-

tra lluinoii.
id.

-id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust. Basilicate.

(2)

La num. i-omana

dei nuovi Registri

reg. 181

cit.

181

(f.

38):

89-90):

(ff.

il

Sempre

(^)

Al

trovansi

Al

f.

le

399-404 nel detto reg. 181

al

f.

un

339"'

alti-o

un doc. notato con

298"*

17):

(f.

(ff.

117.

n.

la

ff.

366-373

Karolus II
23-28):

(ff.
ff.

// pp. 115, 291

trovano nel

9-15):

(ff.

ed

fi'.

voi.

390-398 nel

II

dei nuooi reg.

ff.

411-412 nel menzionato voi.

o.

Capasso,

p.

II

405 nel medesimo reg.

f.

il

si

407-408 nel detto voi.

37-38)

margine dei doc.

postille al

due doc. sono segnati con

338''

fogli.

382 389 nel reg. 181

V. Ino. del 1568

91-92).

(ff.

invece della XIII, ed


(5)

ff.

il.

trova nei

si

409-410 nel reg. 331 Robcrtus

ff.

(^)

progi-cssiva non

40G nel nominato reg. 181

f.

dei nuoci reg.

f.

29-37):

(ff.

I p. 455.

549).

80-87):

(IT.

(')

C (Borrelli, Rep.

cn-onco. Dov'essere 1299-1300

Griffo, Rcp. cU. pp. 421,

185-229
232-204
205-295
290-331

TciTC Bari.
Terre Ydronti.

id.

titolo e

Il

lust. Capitinate.

lust.

id.

(')

-id.

II

37 nota 6.

cassati.

data di settembre XII indizione, forse per errore

anche

di

settembre ind. XII.

data

di

settembre XII ind. invece della XIII, forse

la

per errore.

104-CAROLUS

Voi.

mediocre stato, ed

Il registro in

in

il

f. 199 segue

ed

il

La

f.

ff.

n-

201.

meno guasta

25, 32, 35, 94, 13l''-139,


289'',

216: mancano

ff.

200, 202, 213,

quali
ff-, dei

il

primo

segnato col

Sono monchi

ff.

doc. nei ff,

n.

110,

215'',

279K

mancante

nei ff. 1,

dopo

il

f.

16, 17"-, 22, 24,

218. 219, 222, 225, 226, 228, 233-262,

297''.

Trovansi doc. cassati ai

294

(^)

217, 220, 221, 274'',

scrittura pi a

il

ff.

16 segne un /. senza num. dimezzato verticalmente: dopo

un f. senza num. indi due

secondo col

Sono bianchi

il

1300. C.

parte danneggiato dalle acque- Contiene

segnali con num. araba 1-297: duplicato

265-267, 273: dopo

II.

44,
21'',

98'',

124'',

152'',

222".

162'',

180", 197", 203'', 283''.

(^j

272'',

113
INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

XIV

carattere corsivo indica

dei logli

suppliti per analogia)

titoli

Indicazione

agosto

Extravagantia.

settembre -nov.

Senescallo Prooincie.

211-212

(12&5128G)

XIII

216-216*^'^

229-232

(12994300)

XIV

settembre -ottobre Privilegia.


-agosto Extravagantia. ( Cancellarius
id.
Mar/istri RationalesLoQotheta
et Prothonotarius) (^)
Duci Calabrie (Log.etProt.Mag.
-id.
id.

22.5-226(3)

(1300 1301)

Rat Cane.)

1-210
215(-^)

227-228
214
218-219

()

222-224(7)
id.

-id.

Senescallo Provincie. (Marj. Rat.)

id.

-id.

Quaternus advocatorum notariorum publicoram legitimationum

233-258
280-297

nundinarum phisicorum. (Ca/ic.)


Quaternus capitulorum et daciorum. {Maq. Rat. Cane.). {^)

febbraio-lijglio

()

La num. romana

detto reg. 181

Registri

(f.

118).

(f.

45):

Sono segnate

(3)

Il

52-55):

ff .

15G8

le postille al

margine
il

legge intero nel reg. 129 (1302-1303 B)


(<)

Al

f.

122.

('')

Il

()

Il

Il

doc.

monco

primo doc.

al

al

Al

monco

f.

82''

f.

doc. mutilati ai

doc.

1-8):

il

313 nel voi.

II

ff .

ff.

si

trovano

f.

310 nel

Nuooi

ed

il

l'*

del reg. n. 102 (1300 A), e

f.

dei

dei doc. cassati.

suo principio nel


f.

f.

un doc.

94

f.

124*^ si

di

agosto XllI ind.

in Siciliani

Al

cantra hostcs

f.

83 con

una

44*'

f.

(1300).

trova intero nel reg. n. 115 (1301)

continua nel

cum
f.

f.

222

f.

conxite

108

Mar-

163''.

linea di richiamo.

legge intero nel

si

un doc.

Al

218, 219' esistono interi nel reg. 106 (1300-1301 A)

e senza data al

si

3.

una cedola pr accurrinientis dandis transituris

44):

rcg. 181

298-301

I ff.

29 leggesi: Capitala Thesaurarioruni missoruni in Siciliani.

scritto sottosopra e cassato.

sici ecc.

(f.

cit.

n. 121.

225 mutilato in parte ha

f.

ed interrotta

302-309 nel

ff.

311 nel nominato reg. 181

f.

il

Ino. del

[^)

esiste in molti fogli disordinata

Karolus II

nel Reg. 181

259-262
268-279
263-264

cit.

reg. n. 106

f.

ff.

120'',

121,

113, con la

indicazione del giorno 22 settembre.


C)

doc. al

Il

f.

223 ha

il

suo principio

dal duplicato esistente nel reg.


(^)

C)

Al
Al

f.

f.

259
263

il

si

titolo :

il

106

f.

f.

224'' del reg. n.

127 (1302 X),

come

f.

risulta

119.

Capitala Regni.

ad regiam coUationem, e segue lo


Mensurc pannorwn de lana in pcciis,

legge: Infrascriptc ecclesie spectant

elenco delle chiese. Al

e segue

cit.

al

264'' in testa del

f.

scritto:

relativo elenco.

15

Jl registro in

CAROLUS

buono

Conlieneff. 185 segnali con num. araba S-lOO:

parie mutilalo.

La

sialo.

162'',

In

58'',

jj. 24'', 57'',

meno guasta

mancante neijf.

18'',

O'',

Jf.

al

21, 48, 128'', 137'', 138"

16''-18.

10'',

07", 108",

121'',

IIO'',

130'',

14G'',

(ANNI)

margine interno leggesi: Cancellarius.

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
(II

sGttcmbre-marzo

XIII

buona

177", 170''. p)

INDIZIONI

(1299-1300)

in

178''.

84'',

quaderni nel primo foglio

manca

100-103.

180'',

187'',

176",

tutti

0)

221: del/. 178 esiste una 5" parte: ilf. 103

Trocansi documenti cassati ai


161'',

IL 1300. X.

[^)

scrittura pi o

148'',

Voi. 105.

ilf. J'il: ilf. 121 segnato

Sono bianchi

114

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione
dei logli

suppliti per analogia)

id.

-luglio

Secretis Aprucii.
Duci Calabrie.

id.

-agosto

Privilegia.

id.

-id.

Magistro lustitiario vel eius locum-

id.

-id.

179-193
59-66
8-58
67-84

tenenti.
id.

-id.

id.

-id.

Secreto Calabrie et lustitiario.


Secr. Principatus et Terre Laboris.
Secr. Apulie et magistris portu-

ottobre

-id.

lustitiariis Secretis et aliis oficia-

85-106
109-135
136-178

lanis.

107-108

libus insule Sicilie ac Calabrie.

0)

titolo

Il

erroneo. Dev'essere 1299-1300 D. (Bohrelli, Rop. II pp. 114, 291, 402, 605.

Ai tempi del Chiarito [Coni.

Rep. Ili Regis Caroli II pp. 155-162).

1299-1300 D. L'elenco del 1855 {Lcgisl. pos.

mancante
(^)

il

atlaccato al rovescio del


183 Karolus II

130''.

ff.

-Il

f.

f.

18 nel registro IBI Karolus II

110112): ed
109 del reg.

il

t.

2 appartenente a questo registro.

il

f.

(^)

Tra

Cassata

est

il

trova nei fogli.

slcr.

f.

60) ed

p.

Minieri (Cerne

il

p.

titolo

era

11) notano

predetto registro 1299-1300 D.

La num. romana progressiva non

cit.

124)

p.

le

postille

messe

al

cit.

f.

si

Del
:

ff.

7 nel reg. 100 1299 (dopo

il

resta solo un brano

f.

3 5
f.

si

S).

trovano nel reg.

Y. Reper. Mona-

183 porta al piede la nota: 1299-1300 D; probabilmente

margine

dei

doc

cassati

do mandalo Magislrorum Ralionalium.

notiamo

la

seguente

al

f.

ISO**


Voi. 106

Il registro in

CAROLUS
i

ff.

255 segnati

50-52, 111, 150-150, 238-245, 270, 271:

ff.

n.
f. 14 segue un diploma originale inserito per traverso e segnato col

Sono

La

1300. 1301. A.

II.

buono stato ad eccezione dei primi fogli. Contiene

con num. araba 1-270: mancano


il

115

bianchi

meno guasta

mancante

Oltre l'indizione sottonotata al f.

37''

Trooansi documenti cassati ai

28'',

Intatti

231'', 2U''.
i

15.

(')

15", 122'\

ff.

scrittura pi o

204",

dopo

ff.

105"',

nei ff. 1-8, 02,

un doc di giugno XIII

40\

57",

114\

ind. [1300],

1G3\

123'',

270".

104", 201'',

103'',

(2j

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Can-

cellarius.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

XIV

id.

-agosto

Privilegia.

id.

-id.

Magistro

id.

-id.

lustitiario

La num. romana non

col n. 15, contiene


(2)

Trovansi

(3)

Al

le

si

margine

Voi. 107.
Il registro in

duplicati

La

ff. 81, 00,

Sono bianchi

mediocre

iff.

48\

scrittura pi o

Oltre

le

In

tutti

La pergamena

di

Contiene
il

ff.

{^)

inserita per traverso, segnata

103\

f.

II.

162''.

1301. B.

il

f.

223

mutilato verticalmente

216'', 222'', 228'', 240'',

mancante nei

ff.

4",

284''.
i

17'',

23'',

26", 46'\

{^]

308'', 300''.

74'',

XII

ind. [1200].

0&', 08", 107", 240'',

(2)

quaderni alla sommit

Logothcta

5'',

273\

223-226, 233, 300.

indizioni sottonotate al f. 121" un doc. di febbraio


ff.

112-123
1-111
123-147
148-269

311 segnati con num. araba 1-300: sono

f. 267:

164", 166'',

meno guasta

272-279

Giovanni Capuchardo.

doc. scritto al

2''

223: manca

Trovansi documenti cassati ai


271'',

Terre Laboris.

CAROLUS

stato.

56'', 03'',

ultra citraque

dei fogli

dei doc. cassati.

163^ ripetuta la fine del

f.

suppliti per analogia)

lustitiario.

trova nei fogli.

una concessione a favore


postille al

titoli

(lumen Piscarie.
Duci Calabrie.

-luglio

id.

lustitiarils Aprutii

settembre-ottobre

(1300-1301)

(')

carattere corsivo indica

(Il

Indicazione

et Prothonotarius,

del

primo foglio

nel

margine interno leggesi:

ad eccezione del f. 233 ove

scritto: Cancellarius.

no
INDIZIONI
V

AN

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(Il

XIV

Do

-id.

id.

titoli

de

dei fogli

123-1 3 >!

le^itiinatione, de nundinis,

ollicio precoiiis,

suppliti per analogia)

lii;li(iai-io Ba.<^ilicate.

inarzo-liiftlio

(1300-1301)

caralterc corsivo imlica

Indicazione

de

229-232

oticio fisice,

id.

-id.

id.

-ajiosto

id.

-id.

de notariis puplicis ultra nunielum, de comestabilia.


Scnescallo Provincie.
lustitiario Terre Laboris. (^)
lust. Aprucii citra et ultra llumen

id.

-id.

Just.

250-257
1-59
GO-97

Piscarie.

id.

-id.

id.

-i<l.

id.

-id.

id.

-id.

Principatus citra et ultra serras Montarii.


lust. Terre Bari.
lust. Capitinate.
lust. Terre Ydronti. (*)
lust. Calabrie et Vallis Gratis et
secretis.

Magistro lustitiario vel eiusLocum-

-id.

id.

tenenti.
id.

Secretis Principatus et Terre La-

-id.

98-122

139-166
167-193
194-216
217-222
309
223-228
241-249
258-266

boris.

XIV-XV

id.

-id.

id.

-id.

gi gno-setlcmbre

Secr. Aprutii.
Secr. Apulie.

268-276
277-308

Apodixarius.

233-240

(1300-1302)

(')

La num. romana

(2)

Si trovano

le

(3)

Al

legge: Rerjistruni Prollionotaru Regni Sicilie incepluni infra annuni


si legge ai fT. 98" e 123'*.

t" si

f.

indictionis eie.
[*)

Al

margine dei doc.

un doc.

Il registro in
il

mediocre

f. 199:

in parte mutilato.

Sono bianchi

XIV

scritto sottosopra.

Voi. 108

duplicato

cassati.

Simile- nota

208''

f.

esiste in pochi fogli.

postille al

CAROLUS

stalo.

mancano

1301. C.

296 segnati con num. araba 1299:


156-159: dopo il/. 243 segue un f. sema n.

Contiene
ff. 79,

II.

ff.

(^)

274'', 275''.
ff. 20l'\
La scrittura pi o meno guasta o mancante nei ff. 9*, 80-82, SS*, 89", 96", 103'^,
104", 112-117, 121, 124, 142, 189, 196. 199, 199 bis, 243 e /. seguente, 247, 251",
i

254", 257, 262, 265-267, 269, 271, 273, 276-299.

XIV

Oltre la indizione sottonotata al f. i* un doc. di agosto


Trovansi documenti cassati ai ff. 6'', 16'', 25\ 42", 123\ 167'',
261'',

In

tutti

262", 263'', 285".


i

ind. [1301).

190",

230",

258",

/=)

quaderni alla som.mit del primo foglio nel margine interno leggesi: Ma-

sislrorum Raiionalium.

INDIZIONI

117
TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

XV

settembre-giugno

(1301-1302)

-agosto

id.

carallcrc corsivo indica

lustitiario
lust.

titoli

Indicazione
dei

suppliti per analogia)

Terre Ydronti.

l'obli

276-299

quam

principatus tam citra

1-78

ultra.
lust.

-id.

id.

quam

Aprutii tam citra

80-159('j

ultra

flumen Piscarie.

(1)

La

Registri
(^)
(S)

id.

-id.

Just. Basilicate.

160-201
246-247
202-242

id.

-id.

lust. Capitinate.

id.

-id.

lust.

243-245
248-275

iium.

f.

esiste nei fogli.

1568

137-144. (/no. del

ff.

Trovansi
Il

romana non

118'*

continua

al

f.

il

f.

181: dopo

Sono bianchi

La

buono

ff.

il

123",

124'', 218'',

meno guasta

Trovansi documenti cassati

tutti

296'',

trovano nel

o. c.

p.

37 nota 11

voi.

II

dei

Nuovi

dei doc. ca.ssati.

CAROLUS

Oltre la indizione sottonotata al f.

In

Capasso,

Contiene 321

siato.

119'',

227\

.si

300-307

IT.

ff.

1301. D.

manca

[^]

321''.

mancante

72''

II.

segnati con num. araba 1-321:

f. 102 segue un f. senza n.

scrittura pi o

157", 203'',

128

113'''.

Voi. 109

Il registro in

n.

margine

postille al

le

Terre Bari.

nei jj. 20"-,

38''

un doc. di settembre

41, 102bis, 268-273.

XV ind.

[1301] cassato.

ai ff. 44", 69'', 72'', 94", 100", 102'' bis, 110", 129", 137",

312", 314",

315''.

[^)

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Magistri

Rationales.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

XIV

settembre-agosto

carattere corsivo indica

titoli

suppliti per analogia)

principatus tam citra


ultra serras Montorii. f)

lustitiariis

quam

(1300-1301)

id.

-id.

lust. Basilicate.

dicembre

-id.

lust.

id.

-id.

Just.

id.

-id.

lust.

Terre Laboris^
Terre Ydi'onti.
Aprutii citra et ultra flumen

Indicazione
dei fogli

81-132

105-218
1-80

250-278
279-321 (^j

piscarie.

Terre Bari.

gennaio

-id.

Just.

marzo

-id.

lust. Capitinate.

219-249
133-104

(')

La num. romana non

(')

Sempre

(^)

\\

{*)

li

trovansi

doc. al

doc

e un

102'' bis

r.

281" ha

f.

esiste nei fogli.

margine

postille al

le

il

suo principio

cano

ff.

brani di

bianco

La

non numerati.

rcg. 102 (1300 A),

come

risulla dal

1301. E.

II.

i')

S9 segnati con num. araba 27-615: man-

ff.

dopo ti/. 72 sono due piccoli

(*)

f. 599''.

scrittura pi o

tutti

211'' del

20''.

f.

Contiene

staio.

meno guasta

Trovansi documenti cassati

In

f.

55, 57, 59, CO, 04, 76, 106 591, 600-007:

ff.

il

al

- CAROLUS

Voi. 110.
buono

documenti cassali.

dei

scritto sottosopra e cassato.

duplicato esistente noi ic-. n. 118 (1301)

Il registro in

118

mancante

43",

41'',

ai ff.

nei ff. 42'',

61'',

71, 015'*.

70,

68", 72",

62'',

98'',

lOl''.

[^]

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Can-

cellarius.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

XIV

settembre-aprile

dei fogli

suppliti per analogia)

titoli

58

lustitiariis principatus ultraetcitra

(1300-1301)

serras Montarii.

63-105(^;

27-56

marzo-agosto

lust. Basilicate.

marzo-giugno

Secretis principatus et Terre La-

(1302-1303)

VI

carattere corsivo indica

Indicazione

608-615

boris.

giugno-agosto

Senescallis provincie
querie. {^)

marzo

Extravagantes.

592-599

forchal-

et

61-62(6)

(1307-1308)

(1)

ricus

Il

erroneo. Dev'essere 1300 D. (Borrelli, Rep. II

titolo

mss. nella Biblioteca Nazionale

cit.

Neil" elenco del

1855 [Legisl. posit.

p.

II

t.

60)

il

571

p.

404

III p.

registro 1300

p.UQ

Apparatus

Griffo, Rep.

notato

mancante.

{Sludi sopra 84 rcg. pp. 100, 101, 103, 105 ecc.), riporta alcuni sunti di doc. citando

titolo 1301

110;

n.

ma
ma

documenti

citati

non

si

trovano

in

II

181

(ff.

(f.

42):

(f.

106):

ff.

59-02 nel

il

ff.

voi. 114 nota

21, 43):
f.

8 nel

11 17

Ij:

ff.

3-6 nel voi.

medesimo

II

ff.

II

dei

reg. 181

Nuod Registri

200 261 nel voi.

II

dei

Nuoci Registri

dei

nel precitato reg. 181

voi.

cit.

(f.

41):

(ff.

(ff.

il

f.

100-101):

il

Nuooi Registri

f.

ff.

(ff.

Minieri

Il

reg. col

il

(ff.

Karo-

registro 181

nel

102-105):

10 nel detto voi.

39, 46-51):

cit. p. 421).

questo volume, che non 1301 E,

come abbiamo detto,


1300 D. Il vero registro 1301 E manca.
(^) La num. romana non esiste nei fogli. 1 ff. 1
2 si trovano
lus

htsio'

Il

il

f.

del

7 nel

cit.

reg.

Nuooi Registri

18 nello stesso reg. 181

(f.

40):

106-258 nel voi. 114, 1301 S. L. (V.


113, 117j.

V.

ino. del

1568

n.

122.


(3)

Sempre

{*)

Il

(5)

(fi)

Questi

64, che

f.

ha

eS'"*

suo principio nel

il

non appartengono

ff.

trovano nel voi.


Il

monco

doc.

II

buono

// registro in

nel

61" ha

f.

284, 286:

legato

Nuooi

dei

Rer/istri.

dopo

mancano
il

XVI

f.

213-222.

CAROLUS

--'

195'' del

f.

voi.

dei

II

Nuooi

Rc^jistri.

1301. F.

II.

romana I-XXXVII,

51, 52, 303, 310, 311, 330-386: il/.

ff.

dopo

59, 60, G3,

194-197: s'ignora per in qual registro erano

suo principio nel

il

ff.

il

il

f.

50 segue un

239 per errore

f.

f. col n.

dopo

il

XXV per errore

romano

LUI:

ff.

394 seguono 10

f.

302,

ff.

coi

(i)

B. Nella citazione dei

Sono bianchi

ff.

collegano coi

si

aggiunta spesso la romana interrotta: sono duplicati

304-309 sono legati dopo

A^.

II

Contiene ff. 345 segnati con nani

stato.

araba 38-394, alla quale

n.

del voi.

lUl''

presente registro. Essi

al

Nuooi Rcj.

dei

Voi. Ili

ff.

f.

cassali.

592-615 appartengono al reg. 126 (1302, F). V. Borrelli, Rcp. II pp. 427, 428.

ff.

contenuti.

doc

trovansi le postille al margine dei

doc. del

si

119

44",

ff.

romani

coi n.

ff.

50\

46",

si

adopera

64^ 67\ 227",

araba.

la cifra

24l\ 245\ 269",

237",

23l'>,

278^, 326".

La

scrittura pi o

meno guasta

mancante nei ff.

1,

5, 81", 195,

222^

in fine del

volume.
Oltre

indizioni sottonotate al f. 67" un doc. di agosto

le

Trooansi doc. cassati ai

monco

In

tutti

il

ff.

106",

133\ 151", 154", 156",

XIII

165''

ind. [1300].

214", 216", 307K p)

doc. nel f. 309''.

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Lo-

gotheta et Proihonotarius, ad eccezione dell'ultimo quaderno

[f.

213 dopo 394] ove

leggesi: Magistrorum Rationalium.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

XIV
(1300-1381)

carattere corsivo indica

titoli

(1301-1302)

(1)

ff.

suppliti per analogia)

febbraio-agosto
marzo-id.

Extravagantium.

aprile-luglio

Capitula seu dacia Regni

id.

Apodixarius.

-id.

{*).

237i>

Apodixarius.

-agosto

Privilegia. C)

330-337 (mancando 335)

ex omissis pp. 74, 79.

(3)

i^

settembre-dicem.
id.

dei fogli

1-67
68-227
213 dopo
394-222
228-236
238-239
240-245

Privilegia.

giugno

XV

Indicazione

Ino.

del

si

trovano nel voi.

1568

n. 131).

387-394
246-329

(e)

II

dei

Nuovi Registri

ff.

128-134. {Rep.


(')

Esistono

(')

Al

sottosopra.
(<)

Al

(^)

Al

()

11

08" sono

f.

387 394 appartengono

ff.

2" doc. al

un doc.

Sono bianchi

La

buono

Contiene

ff.

stato.

mancano

In

266", 296'', 327".

tutti

n. 133).

140''.

f.

-Al

f.

309

II.

1301. G.')

385 segnati con num. araba 1-38G:

du-

^^j

355''.

meno guasta

Trovansi documenti cassati ai

ff.

348, 360.

ff.

327'\ 33l'\

scrittura pi o

253\

1568

ind. (1300).

CAROLUS

IL'O:

f.

rcg. n. 115. 1301 [Ino. del

legge intero nel reg. IIG (1301)

si

Voi. 112.
Il registro in
il

al

scritto

rcg. n. 112 (1301 G).

al

25P incompleto

f.

XIV

ottobre

di

plicato

394 appartengono

f.

un doc. cassato

ISl"

f.

legge: Fideiussio domini lohannis do Bosco.

237'' si

f.

il

Capitala Regni.

titolo :

il

cassati.

Cdpilula Marescalli Regni Sicilie.

213-222 dopo

IT.

232

1"

margine dei doc.

postille al

le

120

mancante nei

ff.

1-8,

11,

17

12,

61, 193'.

85", 140'', 159'', 208'', 209", 217'', 222'', 228". 244'',

ff.

i3^

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Lo-

goiheta et Prothonoiarius.

INDIZIONI
(anni)

(11

XV

settembre-aprile
-agosto
id.

(1301-1302)

-id.

id.

474, Ali.
(2)

titolo

Il

-II

387-394):

(ff.

74-79):

ivi

(f.

il

f.

ff.

(ff.

1568

Al

(')

Il

()

Il

f.

270'*

f.

395-402 nel reg. 181 Karolus II

(*)

148'' al

510). (V.

p.

3S7-394

Quasi sempre sono

II

dei

n.

1-3.32(5)

Nuooi Registri

{{t.

pure

80-87):

147-148):

I pp. 85, 149, 319, 344,

voi. 120

nota

ff.

il f.

403-408 nel detto reg. 181

411

ivi

(f.

204):

ed

il f.

412

13Q.

le postille al

margine

dei doc. cassati.

al

12-^

f.

dopo

il

doc,

il

f.

118'' al

f.

120*.

il

f.

136' al

139".

347''

1).

trovano nel reg. Ili 1301

si

'

un doc. scritto sottosopra.

continua

Il

cit.

3G3-370

B (Borrelli Rep.
ff.

(3)

f.

Rep.

esiste nei fogli.

409-410 nel voi.

dei logli

suppliti per analogia)

Duci Calabrie.

149). V. Ino. del

f.

titoli

3.33.352.6,

pp. 149, 608.-GriiFFO,

ff.

371-386^
353-352

erroneo. Dev'essere 1301-1302

La num. romana non

(ff.

carattere corsivo indica

Indicazione

Magistro lustitiario.
Exlravagantium. {*)
Senescallo Provincie.

-id.

id.

(!)

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

continua

al

f.

344*, e contiene

capitala Scncscalli Provincie.

f.

143''

ed

113-CAROLIJS

Voi.

Contiene

// registro in haorto stalo.

/. 77:

il

Sono bianchi

La

ff.

115'',

ff.

1301.

11.

parie.

I.

con num. araba 1-360: manca

-959 segnati
(>)

268\ 274"

267'',

IIO'',

345'',

315'',

352''.

scrittura guasta nel f. 266''

Trooansi dvcumenii cassate ai


264",

263'',

249'',

In

3''

110 esiste per la

f.

121

tutti

280'', 282'',

32", 35", 68",

U'',

ff.

283', 332''.

7l'',

126",

154'',

184'',

191'',

(^j

quaderni alla sommit del primo f. nel margine interno leggesi: Logolhela

et Prothoriotarius.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

XV

settembre -agosto

(1301-1302)

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

Terre Laboris. f )
Principatus tam citra

1-70

lustitiario

id.

-id.

lust.

id.

-id.

dei fogli

quam

80-145

ultra,
id.

-id.

id.

-id.

Aprutii tam citra


Just. Capitinate.
Just. Terre Bari.

id.

-id.

Just. Basilicate,

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust.

lust,

quam

146-211
212-245
246-276

ultra.

277-318('j

Terre Ydronti.
et

secretis Calabrie

Vallis

319-346
347-360

Gratis et Terre Jordane.

(')

La num. roniana va da

(')

Quasi sempre trovansi

(^)

Al

(')

Il

f.

S**

continua

al

Voi. 114.
Il registro in

plicato

il

La

CCCCLXXIII

le postille al

buono

f.

ff.

stalo.

130'',

scrittura pi o

f.

107''

monco

In

tutti

il
i

dei

documenti
f.

15'*

cassati.

due.

297^'.

il

174'',

Contiene
f. 203.
201'',

meno guasta

ff.

IL 1301. S. L.

153 segnali con nani, araba 106-258,

du-

(^)

202".

mancante

Oltre l'indizione sottonotata al f. 178"' e

Al

interrotta.

margine

-CAROLUS

237 : manca

Sono bianchi

un documento scritto sottosopra, ed al

303''

f.

CV

un documento cassato con

nei

ff'.

256-258.

un doc. di luglio XI/I md.

{1300).

postilla.

doc. al f. 258''.

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Cat-

cellarius.

16

199

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

Il

XIV

id.

-id.

id.

-id.

id.

-id.

titoli

suppliti per analogia)

lustitiario et secreto Calabrie.

scttcmbrc-af^osto

(1300 1301)

carattere corsivo indica

Indicazione

Senescallo Provincie.
Secretis et portulanis Principatus
et Terre Laboris.
Secr. et magistris portulanis A-

dei fogli

131-146
147-174
175-202

204-258

pulie.

quam
(')

11

titolo 1301.

[')

mancano

La num. romana non

plicati

ff.

buono

siato.

175, 176, 178.

Contiene

ff.

titolo

dev'essere 1301

Sempre

il

f.

II.

1301.10

211 segnali con num. araba 5-212: sono du-

120'',

143'',

carattere corsivo indica

174'' ,

198.

(^j

Indicazione

suppliti per analogia)

titoli

Extravagaiitia. {Magistrorum
tionalium) {*)

(Borrelli Rep. I pp.

Minieri

{Cane

p. 11)

La num. romana va da CLV-CCCLXVI

Ili (1301 F) legati dopo


(^)

il

118).

TITOLI DEI QUADERNI

gennaio-luglio

[Legisl. pos. cit. p. 60) ed


(2)

40'',

(Il

XIV

p.

(2)

(1300-1301)

Il

Jf.

MESI

(anni)

(J)

108-258 (V. nota 2 del voi. 110

IT.

la

trova nei fogli.

Trooansi documenti cassati ai

INDIZIONI

Dev'essere 1300 D. Questo volume

115-CAROLIJS

Voi.
Il registro in

si

106-130

citra

ultra serras.

S. L. {sino liltcva) aibitraiio.

parte del voi. 110, uve

tam

lustitiario Principatus

-id.

ai>iile

394. {Ino. del

10,

Il p.

segnano mancante

interrotta.

1568

450.

n.

if.

il

Ra-

404).

dei fogli

5-212

L'elenco del 1855

detto registro 1301 H.

213 222

si

trovano nel voi.

133).

trovansi le postille al margine dei doc. cassati.

una cedola continens nomina et cognomina nec non quantitates pecunie


datas pr accurrimentis et etiam dandas pr accurrimentis et gagiis subscripti temporis tam
infrascriptis de Calabria transituris in Siciliam cantra hostes cum cornile Marsici eie (V.
()

Al

f.

144"

voi. 104 nota 4 p. 113).

- GAROLUS

Voi. 116.
mediocre

Il registro in

cano

il

47

f.

ff. 171,

Contiene ff. 291 segnati con num. arala 7-300: man-

stalo.

250, 255, 256: dopo

ff. 51,

scrittura pi o

39''-41, 44, 46,

il

2 segue un piccolo avanzo di f. senza

f.

253",

n.:

254''.

meno guasta

mancante

nei ff.

XIV

uno di agosto

35"'

doc. nei ff.

INDIZIONI

21",

20'',

33'',

(Il

XV

269, 299, 300.

230'>,

di ottobre, al 78"'

uno di febbraio

193'' , 204'',

222",

267\

273'',

carattere corsivo indica

Senescallo

settembre-luglio

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

257
264

(Magistro-

provincie.

rum Rationalium)

(1301-1302)

294".

264", 265", 269''.

35'',

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

121, 134'', 135, 162, 163,

ind. [1300-1301).

Trovansi doc. cassati aiff. 39", 127", 133\

Sono monchi

229'',

un doc.

Olire la indizione soltonotata al f. 96"'

10, 22-29, 31, 32, 34",

11, 18,

47, 65''-68, 98-105, 109, 110, 112, 113,

167-169, 171-175, 183-205, 208-215, 224, 225,

ed al f.

1301. H

II.

mutilato alquanto nella parte inferiore. ^]

Sono bianchi

La

123

{*)

266-269...

-agosto

id.

{Cancellarius

Privilegia.

271-282^
289-291
294-300

Mag.

7-1750

Rat.) C)
id.

Terre Laboris. yMag.

lustitiario

-id.

176-254

Rat.)

Extravagantes.

-id.

id.

258-263
265

270
283-288
292-293
(1)

et

II

tot.

(^)

ff.

Il

titolo dev'

119-124. (V. Capasso, 0.

(^)

Tra

35":

f.

anni

postille,

ind.

Il f.

269*^

IT.

(^)

f.

e.

p.

p.

149 Reper. Suppl. ad Rep. Caroli

554 7?e/). fam. d'Aquino

37 nota

1568

n.

8)

-I

ff.
ff.

16

si

trovano nel

termine

si

voi.

II

dei

Nuovi Reg.

301-303, 305, 306 sono nel detto voi.

margine

al

dei doc. cassati,

et scripte sunl in

II

dei

legge

al

f.

264'*: si

notiamo

la

seguente

quaterna Registri privilegioruin

comincia con un documento, che resta interrotto


il

p. 5).

132).

messe quasi sempre

ca la continuazione, e solo
G)

p.

Cassata quia scripta per errorern

XIV

C)

(Borrelli, Rep- II

esiste nei fogli.

150-154. {Inv. del

ff.

le

Reper, far. par.

La num. romana non

Nuovi Reg.

al

essere 1301

al

piede della pagina, man-

trova intero nel reg. 112 (1301

337-339.
Il

335^

f.

290'*

continua

al

f.

269",

come

risulta dal duplicato esistente nel cit. reg. 112


()

Al

Liiccrin.
al

Capitala ininuinUaturn facta per cioilatem S. Mario

iloc monelli ai

39''

il".

20''

al

continua

8''

f.

Il

leggono

33'' si

20,

f.

al

IO*

f.

il

f.

interi,

primo

il

18: dopo

f.

mezzati.

al

oliin

oocatani

ed

secondo

153''

f.

il

il

f.

IG''),

ed

il

G4''

H. 1301.

21''

f.

il

al

al

{),

f.

il

38^

C.

'

222 segnati con num. araba 1-222: manca

36 segue un f. sema n

f.

lOO''),

f.

al

202-222 sono verticalmente di-

ff.

[-]

Sono bianchi
145'',

-CAROLIJS

Jl registro in catlioo stato. Contiene ff.


il

(duplicato

41''

(duplicalo nel reg. 106, 13001301

35='

f.

al

Voi. 117.

La

152''.

f.

{-)

f.

trovansi

3'.)"

f.

124

;.9^

ff.

54^

e/, seguente,

57, 56

4G'',

5r>\

80\

106'',

86^, 97^, 98,

149.

scrittura pi o

123, 124, 129,

meno guasta

mancante nei ff. 1-26. 47-53,

130, 132-136, 138, 139, 146, 160", 161'', 178'''191, 202-222.

Oltre l'indizione sottonotata, al f. 122''

giugno

Trovami

XV

un doc. di decembre, ed

doc

INDIZIONI

53'',

nei ff.

54",

146'',

167,

222\

7l''

uno di

(')

186", 189''.

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(li

XIV

al f.

ind. [1301-1302].

doc. cassati ai ff. 2', 136'', 143', 158'', 160'',

Sono monchi

71'\ 90, 91, 115-120,

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione
dei logli

suppliti per analogia)

47-52
147-148

Extravaqantes.

settembre-Ottobre

(1300-1301)

Secretis principatus et Terre Labo-

-luglio

id.

ris.

id.

-agosto

Magistro lustitiario Regni


{Mag. Rat.)

id.

-id.

Secretis et magistris portulanis Aprutii.

Secr. et
Bai.)

-id.

id.

150-159.4
162-176'-

(Alar/fstroruin Rationalium).

1-26

Sicilie,

131-145

( CancellariusMag.JRat.)
mag. port. Apulie. (Mag.

146
160-161

177-2220
ottobre

(')

Il

titolo

erroneo. Dev'essere 1300

Rep. cU. pp. 219,


(')

gistri

110):

il

f.

(Borrelli, Rep. I pp. 10, 56. Il

28-46
53-130(7)

p.

403-Griffo,

.549).

La num. romana
(f.

Apodixarius. (Mag. Rat.


Cane
Logotheta et Prothonotarius) (e)

-id.

228

esiste in diversi fogli.

ivi

(2)

Trovansi

(*)

Il

f.

176''

continua

(5)

Il

f.

185''

continua

99):

(f.

al

230, 232 ivi

ff.

margine

le postille al
al

f.

f.

f.

(ff.

224

si

trova nel voi.

Ili, 112):

II

dei

Nuoo Re-

V. ino. del 1568 n. 120.

dei doc. cassali.

del reg. 127 (1302 X).

2.37^

\m\

Il

ff.

203, 211, 213, lagli:ti vorli>^almpnto por mota,

.-^i

con-

giungono con

met

loro

l'alli'a

125

esistente nei fogli col a. attuale 107-109 del

Il del Nuovi

tol.

Registri.
()

secondo

il

C)

monchi

doc.

Il

al

53''

ff.

buono

Jl registro in

bianco

La

f. 108:

il
il

leggono interi

54* si

suo principio

il

questo registro,

in

il

al

primo

al

f.

8P

ed

Contiene

siato.

79

f.

ff.

1301. T

II.

208 segnati con num. araba 1-207 :

mancante di una quinta parte.

du-

(^)

128''.

f.

scrittura alquanto guasta nel f. 207''.

XIII ind.

Oltre V indizione sottonotata al f. 131'' un doc. di agosto

Trocansi documenti cassati

Sono monchi
In

il

del predetto reg. 127.

19'^

f.

118-CAROLUS

Voi.

plicato

dQ'^.

f.

55* ha

f.

ai

tutti

doc. nei ff.

ai ff. 2l'\ 00'',

88'',

108", 131, 143''.

[^]

97".

96'',

l'',

70'',

[1300] cassaio.

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Can-

cellarius.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

XIV
(1300-1301)

carattere corsivo indica

titoli

lust. Capitinate. (*]

id.

-id.

lust.

Terre Bari,

ottobre

-id.

lust.

Aprutii

lustitiario

erroneo. Dev'essere 1300

titolo

li

pp. 24, 421.

Chioccarelli,

posit. cit. p. 60)

tam

citra

(-)

La num. romana non

notato

esiste nei fogli. Alla

p.

(^)
(*)

ff.

114-116 {V. ino. del

Sempre sono

le

In fine del

84''

intero al
176''

t.

82''.

ed

f.

secondo

f.

la

seguente postilla
(^)

Il

il

postille al

al

doc monco

n.

184)

al

f.

ai

96'',

178". Al

f.

p.

404

Griffo,

f.

1''

si

i?e/). cit.

Neil' elenco del 1855 [Legisl.

I ff.

210-212 sono nel voi.

II

a 207

dei

Nuoci

dei doc. cassati.

93^

si

109'' si

di

un documento, che

leggono interi nel reg. 107 (1301 B),

si
il

trova

primo

trova un doc. non trascritto interamente con

margine: Resiituta ante registrationem.

al

1-71

ultra

123).

margine

ff.

quam

numerazione araba progressiva da

sono trascritti sottosopra cinque versi

doc. monchi

al

1568

176-207
72-128
129-175

mancante.

e aggiunta un' altra da 280-487 cancellata in molte parti

Registri

dei fogli

(^)

E (Borrelli, Rep, li

Ant. Neap. Eccl. Catal.

predetto reg. 1300

il

suppliti per analogia)

Terre Ydronti.

settembre-luglio
id.
-agosto

flumen piscarie.
(^)

Indicazione

trova intero nel reg. n. 102 (1300 A)

f.

200^

126

IIO.-CAROLUS

Voi.

buono

// registro in

duplicati

bianco

La

il

1302. A.

Contiene ff. S05 segnati con num.

stato.

322

169, 240, 277, 290,

ff.

1301.

II.

manca

f. 185.

il

araba 2-392: sono

[')

387K

f.

scrittura pi o

meno guasta

mancante nei

Oltre la indizione sottonotata al f. 382"

la

jj.

fine di

2-10, 241"

392.

un doc. di agosto

XIV ind.

[1301]

cassato.

Trovansi documenti cassati ai

32",

10'',

ff.

78'',

79\

125",

80'',

128",

151", 166", 259", 264", 267", 270'', 272", 307", 312'', 333", 335'',

377", 382".

360'',

monco

In

tutti

14l'',

343\

344'',

145",

349",

[^]

doc. nel f. 382"

il

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Can-

cellarius.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

XV

settembre-luglio

carallere corsivo indica

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

380
382-392
362-379

Apodixarius. C)

(1301-1302)

Quaternus notariorum publicorum


advocatorum Cirurgicorum fsi-

-agosto

id.

corum Nundinarum

et legitima-

tionum.
ottobre
aprile

La num. romana non

(2)

Sempre

(^)

Al

XIV

117 (1301)

f.

96.

Al

f.

186

()

esiste nei fogli.

postille al

le

margine

documenti

dei

cassati.

382* la fine di un doc. cassato con la postilla: Cassata quia completa est in

f.

apodixario

2-361
381

{*)

lustitiario Principatus.

(')

trovansi

Extravagantium.

-id.

indictionis ubi expleri debuti.

titolo

al

Extracaganies

si

Il

duplicato dell' intero

aggiunge

Capitula pcriinentia ad officium Coniestabolie. Al

Voi.

120.

- CAROLUS

et

si

legge nel reg.

Recognitioncs Curie- AI
240''

f.

doc

sono tre doc.

f.

ff.

IL 1301. 1302. C.

0)

Contiene ff. 215 segnali con num. araba 1-223: sono


185, 217: mancano i ff. 20-23, 26-28, 46, 47, 137, 140, 141, 162,

163, 180, 198: dopo

Sono bianchi

sono

scritti sottosopra.

// registro in cattivo stato.

duplicati

216**

ff.

19'',

il

f.

48,

116 seguono

62\

113'',

sei ff.

114",

non numerati.

136K 169",

(^)

170'', 175", 177".

La

meno guasta

scrittura pi o

mancante nei

49-80, ff. sei non numerati dopo

127

il

l"',

ff.

8'',

6'',

24-25,

17"-,

4345,

182''-187,
f. 116, 123-130, 143-146, 152, 153,

189, 199'', 205.

Oltre la indizione sottonotata al f. 130" un doc. d'agosto I ind. [1303).

Trovansi documenti cassati ai

Sono monchi

doc

INDIZIONI

1"

ff.

nei ff: 37'', 116''.

6', 56'',

117",

(Il

XV

(^)

188''.

179''

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

81", 215", 223''

63'',

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

Exiravagantes.

settemb re-nov.

164-165.,,

(1301-1302)

id.

-maggio Capitula seu dsic\a(MagistrL RatoLogotheta et Prothononales

id.

-luglio

Magistro lustitiario Regni


{Mag. Rat.)

id.

-agosto

Secretis et magistris portulanis Aprutii {Cane Log. et Pvot.) {^)

id.

-id.

Secr. mag. port. et procuratoribus


Priiicipatus et Terre Laboris,
{Cane.
Mag.
Log. et Prot.
Rat.) C)
Secr. et lustitiario Calabrie Vallis
Gratis et Terre Yordane. {Mag.
Rat.)
Secr. magistris portulanis et procuratoribus Apulie. {Mag. Rat.
Log. et prot.
Cane.) ("^)

tarcus Cancellavius.)

-id.

id.

-id.

id.

-id.

Sicilie.

Quaternus notariorum puplicorum


fisicorum cirurgicorum nundinarum advocatorum prothontino-

rum Comestabulorum
ottobre

-id.

maggio- luglio

(M

II

titolo

ind. necessaria per distinguere questo

(')

('j

[*]

1301-1302

La num. romana
Sempre trovansi
11 doc. monco al

Il

[^)

Al

doc monco
f.

in presenti

12''

in

al

p.

et Legiti-

1)

(Borrelli, Apparaus historcus

clt. p.

464).

La

caratteristica della

dall'altro n. 112, che originariamente

ed ora notato col

titolo

erroneo 1301 G.

esiste in pochi fogli.


le

postille al

margine

f.

165" ha

suo principio

f.

f.

il

dei doc. cassati.


al

f.

252^ del reg. 127 (1302 X):

si

legge

10'*.

ITO** si

legge intero

margine del secondo doc.

quaterno

volume

(V. p. 120 voi. 112 nota

intero nel reg- 112 (1301 G)


(5)

ind.

834 Griffo, Rcp.

XV

titolo

73-74
79-96
115-148 (u)
189-204

160-161

Ms. nella biblioteca Nazionale

il

49-62(9)

Senescallo Provincie.

ctc.

avea

1-25
71-72
75-78
111-114
29-45 ()
63-70
97-110

205-212

XV

149-159

mationum. {Mag. Rat.)


Duci Calabrie generali Vicario.
{Mag. Rat.)

incompleto. Dev' essere 1301-1302


t.

213-223^
166-188

(")

id.

dei fogli

cum poni debeat

si

al

f.

ISS''.

legge: Presons lictera per errorcni posila est

in Registro

Secretorum Apulie.

C)

38 e 39 sono legati sotlosopra.

ir.

trova con tiualchc laguna anche

al

()

Il

Al

49''

f.

al

(0)

(!')

Il

253''

f.

al

si

del
si

IIG''

f.

continua

142''

f.

al

monco

doc.

Il

al

duplicati

bianco

La

mediocre

il

13, 56:

jf.

1".

107'

si

legge intero

si

al

f.

44'*.

legge intero nel reg. 113 (1301


reg.

cit.

127;

trova intero

353".

legge intero nel detto

si

al

f.

I)

f.

Il

doc.

reg.

al

113

54"

f.

359''.

f.

136'.

ll.V.

f.

- CAROLUS

Voi. 121.

Il registro in

irascrilto iuteiameiite al

secondo documento mutilo nella parie inferiore ed inteirotlo: continua

il

suo principio

il

non

doc.

Il

(55''-

l".

41", e

I'.

254" del predetto reg. 127;

f.

Ila

continua

-13''

r.

al

128

Contiene

stato.

dopo

il

1302. A.

li.

348 segnati con num. araba 1-315: sono

ff.

312 segue un f. senza numero,

f.

(')

(^j

/. 345''.

scrittura pi o

meno guasta

mancante

ai Jf.

1,

6", 50, 83-88, 07-104, 117,

2,

118, 123-146, 163-170, 238", 241", 242, 245-254, 260''-264, 266, 267, 277, 270-285,

304. 305, 330-341, 344'', 345".


Oltre la indizione sottonotata al f. 13"
doc. di agosto, ed al f. 20"
f.

Idi''

300'',

335''.

327'',

INDIZIONI

ai ff.

16\

88'',

ind.

[1302). Al

107", 110'', 111", 133", 257, 266'', 270'',

02'',

'(")

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

settembre-agosto

XV

due

ind. [1303).

MESI

(anni)

di agosto, al f. 10 sono altri

un altro doc. anche di agosto

un doc. di settembre II

Trocansi doc. cassati

un doc.

carattere corsivo indica

lustitiario

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

titoli

Terre Laboris

et

Comi-

1-205 (^)

tatus Molisii, {Magistri Rationales


Logotheta et Prothono-

(1302-1303)

tarius)

(')

Ili

Il

cit.

nieri (Le

titolo

p. Ili

erroneo. Dev'essere 1302

Rep.

L'elenco del ISb^

Cane.

p.

11)

Fani. pari.

La num. romana non

(^)

Sempre

{*)

11

registro,

il

trovansi

168''

primo

f.

al

200-:345

il

(Borrelli Rep.

pp. 57, 220.

II

p. 4'i4

{Leyisl. pos. cit. p. 61)

ed

Rep.
il

Mi-

detto registro 1302 H.

esiste nei fogli.

le postille al

continua
al

p. 278).

notano mancante

(^)

f.

Principatus tam citra quam


ultra serrasMoiitorii(Ma^./?a<;.-Log. et Prol.)

lust.

-id.

id.

f.

16P ed

margine

170^ ed
il

il

secondo

f.

al

dei doc. cassati.

169'' al
f.

160".

f.

167":

V.

duplicati

in

questo slesso

122 CAROLUS

Voi.
mediocre

// registro in

duplicati
il

il

numero.

f. senza

meno guasta

Trovansi documenti cassati ai

il

doc

302, 303: dopo

ff.

(')

o mancante nei ff. 1-41, 64, 65, 71, 266.


110'',

ff.

168", 174'', 209'',

322'',

301'',

339",

336'',

nel f. 322''.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

carattere cor&ivo indica

(Il

les

La numerazione araba non


pergamena

al

dei fogli

suppliti per analogia)

titoli

Indicazione

Extra vagantia. {Magistri Rationa-

settembre-agosto

(1302-1303)

strutta la

mancano

monco

(1)

360 segnati con num. araba 1-362: sono

ff.

362''.

f.

scrittura pi o

351".

Contiene

staio.

1302. C.

II.

131, 177, 212, 270, 277, 341, 346:

ff. 8,

202 segue un

f.

bianco

La

120

si

Cancellarius)

al

f.

60,

per essere

di-

si

rifatta.

La

citazioni dei fogli

le

(^)

{^)

trova sempre progressiva fino

margine esterno: ad accertare

1-36:2

num. romana manca.


(^)

guente

Tra
al

f.

le

messe quasi sempre

postille

al

margine dei documenti

cassati

notiamo

la se-

Cassatur quia ipsus literas originales Curie resignavit laccratas quia re-

301'^:

misit debitum ipsuni Curie etc


(3)

Al

f.

ISG''

sono

Cassata quia scripta


(^)

f.

Il

f.

351''

Capitala panectarie

in alia facie,

continua

al

126",

f.

si

doc. al

Il

legge intero

come

al

322''

f.

cassato e monco, con la nota:

324''.

f.

risulta dal duplicato esistente nel reg. 123 (1302 C)

120''.

Voi. 123.

CAROLUS

1302. C.

II.

C)

registro in mediocre stato, con parecchi fogli in parte distrutti. Contiene ff. 408.

//

La num. araba comparisce


primi 15 fogli,

e gli ultimi

407: mancano

ff.

alla

sommit dei

due: sono duplicati

384 fino alV ultimo: dopo

Sono bianchi

La

ff.

il

f.

ff.

82, 86,

358'',

382'',

meno guasta

390'',

col

130, 168, 182, 192,


i

4-29 sono con-

ff.

e laterale esterna; e cosi

163 seguono due fogli

nella parte inferiore.

357'',

scrittura pi o

da 16-407. Sono sema numero

225-234: dei primi 3 fogli esistono brani;

sumati dal fuoco nella estremit superiore

313 sono mutilati

ff.

num. 162

pure
163:

ff.

ff.

da

312,

(^)

398'',

403, 404".

mancante nei

ff.

1-29, 128, 312, 313, 359-409.


17


Olire la indizione sottonotata al f.

Trocansi doc. cassati ai


286",

In

tutti

360".

353'',

321'',

25",

ff.

130

lO'J''

07", 101",

72'',

IX

un doc. di gennaio

ind. {J2UC)) cassato.

20l\2()5",218'>,222\2il\

lOO'',

(^j

quaderni alla sommit del primo fo'jHo nel margine interno leggesi: Can-

ccllarius.

INDIZIONI
(anni)

(Il

1302- 1303)

-id.

id.

car.Tttcre corsivo indica

titoli

lii(lii;;iziniio

dei

suppliti per analogia)

Extravagantia. (')
QuaternusNotariorumpublicoi'uni,

settembre-agosto

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

lo;^li

350-374

Advocatorum, Fisicoruni, Cirur-

gennaio

gicorum,Nundinarum,LcgitiinatiouLun, Comestabulorum.
Apodixarius.

-luglio

Capitala et dacia.

febbraio

(>)

II

Il

erroneo. Devesscrc 1302-1303

titolo e

(Borrelli, Rcp. I

pp. 151, 428). L'elenco del 1855 {Lcgisl. posit. cit. p. 61) ed

notano mancante

La num. romana non

esiste nei fogli.

(3)

Non sempre

le

[^)

Al

(S)

Il

trovansi

149^ sono
95''

f.

il

postille al

margine dei doc.


f.

181''

- CAROLUS

II.

Capitala panectaric, ed

continua

al

f.

Minieri (Le Cane. ecc.

brano:

ff.

50, 53, 81: mancano

f. 337-341 sono pi o

al

Capitala

La

p.

11)

ff.

28'',

scrittura pi o

officii

Marescalli.

1302. D.

meno

ff.

num. araba 1-381: sono

82, 130, 369, 370: del

170'',

373'',

meno guasta

f.

1 esiste

mutilati nella parte superiore: dopo

segue un f. senza numero, mutilato nella parte superiore.

Sono bianchi

484-

cassali.

registro in buono stato. Contiene ff. 381 segnati con

duplicati

131, 262 bis,

98"\

Voi. 124

Il

p]).

registro 1302-1303 A.

il

(2)

f.

375-398
402-409
399-401

il

f.

un
345

(')

380''.

mancante

nei ff. 1, 2, 4-16, 19", 30, 35, 48, 49,

52-58, 91-98, 121-129, 135, 231", 337-341, f. dopo 345, 381''.


Oltre la indizione sottonotata al f. 205'' un doc. di agosto

Trooansi doc. cassati ai

ff.

O'',

35'',

40'',

92",

181", 203'', 226", 2.38, 277", 351", 361", 374".

101'',
(^)

104'',

XV

ind. [1302].

123", 133'', 173'', 176'',


INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

131

(Il

carattere corsivo indica

titoli

suppliti

Indicazione
dei fogli

per analogia)

settembre-agosto

lustitiario Capitinate. f)

id.

lust.

1-28
135-142
29-121

(13021303)

Basilicate. (Mar/isiri Rationales Logotheta et Prothonota-

-id.

rius).

(1)

La

(-)

Tra

(^)

Il

319^

ind.,

postille

140).

n.

320-'':

J'uit

f.

320"

del

Il

continua

132''

f.

un brano,

1",

al

f.

cassati,

notiamo

la

seguente

al

execucioni mandata.
si

attacca col

2 e 3" doc.

segnata per errore invece della

[*)

margine dei doc

al

155 del voi.

f.

del

f.

f.

l"*

1'''

si

si

432'''

I,

come

II

dei

Nuoci Registri

(V. inv.

trovano nel reg. 126(1302 F)

leggono nel detto

doc): da notare che nel brano del

(2

1U7-381

duplicati del 1", 2" e 3" doc. del

122-134^4
143-1 Tir
171-llJO

esiste nei fogli.

messe quasi sempre

duplicati

e 2 doc.) e

(P

lust,

1, di cui esiste

f.

1568

del

lust.

-id.

Cassata quia non

104'':

f.

-id.

id.

romana non

Terre Bari, {Mafj. Rat.)

Terre Ydroiiti. {Mari. Rat.)


Aprutii citra et ultra. {Mag.
Rat.
Log. et Prot.)

id.

rium.
le

Just.

-id.

id.

f.

1"

un doc.

voi.
di

126

ff.

settembre

ff.

319''

XV

risulta dal duplicato gi indicato.

del reg. n. 126 (1302 F).

V.

il

duplicato esistente al

f.

3651^

del citalo reg. 120-

Voi. 125

// registro in
'

jdicati

bianco

La

ff.

il

f.

buono

stato.

114, 251:

CAROLUS

II.

1302. E.

Contiene ff. 255 segnati con num. araba 1-254: sono du-

manca

il

f.

13.

[')

170''.

meno guasta

scrittura pi o

mancante

Oltre la indizione sottonotata, ai


31" e
ff.
e V altro di agosto
ind. [1301].

70''

nei ff. 21, 22, 24-27, 30, 39, 82, 216".

sono due documenti

uno di giugno

XIV

Trovansi doc. cassati


226", 246", 252".

monco

In

tutti

il

doc

ai ff. 2", 19", 72'', 84", 98", 100", 102'', 112'',

123\ 170", 204",

[^)

al f.

17''.

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggcsi: C;ui-

ceilarius.

INDIZIONI
,

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

ANNI

(Il cjiJitttM'o

XV

corsivo indica

titoli

Terre

-id.

lustitiario

id.

-id.

lust.

-id.

(lumen Piscario.
Duci Calabi-ie.

novembre -id.
(')

La num. romana

(-)

Quasi sempre U'ovansi

(^)

Al

f.

24''

116 (1301)

f.

85.

dei logli

suppliti per analoj,'in)

tam

Aprutii

TO-Sf)

S()-174

Labori.s.

id.

ottobre

Indicazione

IMagistro lustiliai-io Regni Sicilie.

settembre-agosto

(13U1-13U2;

132

citra

quam

175-254

ultra

00-09
1-59

l-'rivilegia.

esiste alla

sommit

le postille al

dei

da XXV-CCCVIII.

ff.

margine

un doc. scritto sottosoj^a.

Il

dei doc. cassati.

monco

doc.

CAROLUS

Voi. 126 --

II.

al

17'' si

f.

trova intero nel reg.

1302. F.

registro in huono staio, salco pochi fogli in principio. Contiene ff. 598 segnati

//

con nani, araba 1-581: sono duplicati

seguono dieci

il

dopo

il

205

f.

Sono bianchi

La

ff.

ff.

coi n.

171-180: dopo

un' altro

204, 210, .305, 567, 573: dopo ilf. 180

ff.

200

f.

un

senza

f.

il

(*).

meno guasta

mancante

nei ff. 1-5,

7,

9,

64, 278'', 371,

Oltre la indizione sottonotata aiff. 144'' e 230^ sono due doc. di agosto

Trocansi documenti cassati ai


139'',

ff.

4", 5", 13', IS'', 27", 33''

145", 155", 180'' [prima del/. 171

288'', 290'', 310", 354'', 364'', 373,

monco

In

tutti

il
i

40'\ 125'', 308'', 474'', 540'', 566''.

scrittura pi o

138'',

numero arabo

382",

bis,)

171''

bis,

36'',

XV ind.

52",

56'',

W3", 235",

514

[1302].

62'\ 121",

274'', 278'',

412'', 418'', 444'', 455'', 507'', 515'',

564".

[^)

doc. al /. 15".

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Can-

cellarius.

INDIZIONI
(anni

(1.302-1303)

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
Il

settembre-marzo

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

567'''s-581

Senescallo Provincie.

id.

-agosto

Privilegia.

id.

-id.

id.

-id.

1-120.,.

(')

id.

-id.

Duci Calabrie.
Magistro lustitiario.
lustitiario Terre Laboris.

id.

-id.

lust.

id.

-id.

lust. Capitinate.

id.

id.

lust.

Aprutii

flumen

dei fogli

tam

citra
Pi.scarie.

Terre Bari.

125 ^^
121-124
("'j

quam

ultra

126-141
142-222
223-318

319-35G
357-398, e,
432-435^ ^

133
INDIZIONI
(anni

(2)
(3)

id.

-id.

id.

-id.

Principatus citra et ultra. ("}


Secreto et lustitiario Calabrie, Vallis Gratis et Terre Yordane.

64-71):

(11.

103):

il

619

f.

doc.

(^)

Il

(^)

Al

monco

9**

f.

al

al

di

plicato nel reg. 121 (1302 A)

f.

(G)

f.

Il

432" ha

esistente al
(")

Al

f.

plicato nel

un

si

mero

e bianco:

Sono bianchi
156'',

La

162'', 216'',

110, 1301 E:

n.

600-607

618 nel reg. ISZ Karo-

f.

il

ff.

si

legge intero

al

con un segno

cassati.

12''.

f.

richiamo, ed

di

il

f.

Il''

al

f.

IO'"*.

XV

ind.

132''

del reg. 124 (1302 D), co-ne risulta dal duplicato

XV

ind. notata

segnata per errore invece della

I.

V.

du-

il

9^

mancano

dopo

ff.

margine dei doc.

al

f.

127.-CAR0LUS

75:

f.

592-599 nel reg.

ff.

608-615 nel predetto reg. 110:

settembre

Il registro in callioo stalo.


il

88-97):

582-591

ff.

27'\

per errore invece della

I.

V.

du-

il

206'''.

f.

Voi.

duplicato

(ff.

doc. di settembre

reg. 121

cit.

questo registro.

365'' di

475''

f.

a CCCCVII (num. aralja 1-380) interrotta.-

suo principio

il

544-5G7

102) V. Ino. del 15G8 n. :?42-Borrelli, Rcp. II pp. 427 428.

12''

f.

un doc.

142'*

f.

ff.

(f.

15"

47.5-543

lust.

le postille al

f.

continua

ivi

Quasi sempre sono


Il

399-423
424-431
43G-474

lust. Basilicate.

nel detto reg. 181

dei to"li

suppliti per analogia)

-id.

trovano nel reg. 181 Karolus II

(f.

titoli

id.

La num. romana va da

Indicazione

Terre Ydronti,

lustitiario

sGtfcmbro-a,i?os(o

lus II,

carattere corsivo indica

(Il

(1302-1303)

(!)

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

il

Contiene
i

ff.

IL 1302. X.

248 segnati con


dopo

67, 220, 249:

ff.

il

f.

nani,

()

araba 10-258

64 segue un f. senza nu-

unf. senza num. mancante della parte superiore.

f. 121

41, 55'% 57,

59\

61'',

f.

dopo 64, 96\

97'',

98\

lOl'',

(^)

126\

236, 238''.

scrittura pi o

meno guasta

mancante nelff. 21, 22, 24-28, 34, 35, 52-56, 58,

59, 64, 75 bis, 76, 87, 98-100, 102-104, 107-118,

121

e f. seguente, 124,

127, 157-178,

184-187, 200-203, 215, 221-224, 233-235, 241, 248, 253-258.


Oltre

le

indizioni sottonotate al /.

/. 215" uno di settembre

Trovansi doc. cassati ai

Sono monchi

ff.

doc. nei ff.

XIII
54'',
22'',

45''

un doc. di agosto II

ind.

[1299].

64'',

123'',

28", 52",

124"',

75'',

ind.

1289

139", 205", 228'', 229".

81'',

],

ed

al

{^]

96", 97", 104", 105", 106'', 107'',

119", 122, 124", 130'', 139", 164'', 181", 200", 206'', 247''.

134

INDIZIONI

\NM

Vili

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
(Il

carattere corsivo indica

titoli

sctteinbi'C-diccm.

lustitiario Aprutii.

scttcmbrc- nov.

lustitiario

Indicazione

suppliti per analogia)

dei fogli

127-128

(127! (-1280)

XII
(1283-1281)

XIII
;

IV

Comi-

1.51-154

Extravaganles infra regnuin.

131-150

dicembre

Secreto maqistris portulanis et procuratoribus ac iia(jistris salis


Terre Bari. (')

155-15G

settembre

lustitiario Aprutii ultra

id.

lust.

(128f)-12!)0)

(12fi0-1291)

et

(licombi'c-l 'ebbi'.

1284- 1285)

III

Terre Laboris

tatus Molisi i.

Ilumen Pi-

42-43

scarie.
id.

-nov.

id.

-magg.

Aprutii citra flumen Piscaric.


Secret is mar/i stris portulanis elprocuratoribus Apidie.
Secr. rnafjistro procuratori et poriulano ac rnafjistro salis Aprutii.

45
46
52-55

G2-G3

settembre-ottobre Extravaganles.
novembre-agosto Apodixarius.

G6^^
77-80

maggio-luglio
giugno-agosto

65

lustitiario Basilicate.
Just.

Terre Laboris. {Magistri Ra-

68-75

ti onales)

luglio

VI

-id.

Secreto Terre Laboris. {Mag.Rat.)

81-820

agosto

Extravaganles infra regnwn.

157-1G2

maggio-luglio
agosto

lustitiario Principatus.

111-118
180

(1292-1203)

VII
(1203-1294)

Secretis

niagistris

portulanis

et

procuratoribus Apuli e.
VII!

settembre-luglio

lustitiario

Terre Laboris.

1G3-I70,7x
173-178'^

(1204 1295)

marzo-maggio

Karolo primogenito regi Ungarie (*)

171-172
11)7-108

aprile

IX
(1295- l2rG)

-id.

Extravaganles

ottobre

lustitiariis.

gennaio-febbraio

Secreto Apulie.

rebbraio-aprilc

Extravaganles {Mag. Rat.)

maggio

Apodixarius.
Magistro lustitiario.
lustitiario Terre Laboris (Cainera-

giugno
id.

rius.)
id.

X
(121

G 1207)

('').

-agosto

i^ettembre-febbr.

181-183C")

130
184-191
1U2-19G
190
179 (")
200-201

206

(^^).

lust. Basilicate (ProtJionotarius).

Duci Calabrie.

202-205
207-210(")

135
INDIZIONI
(anni

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

;II

caraltorc corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

XII

apnlc-maggio

(t2!)8-120f))

giugno-agosto
agosto

Apodixarius (Mar/. Rat.).


Marjistro lustitiario.
Extravarjantes infra regnura.

XIV

settcmbrc-febbr.

Duci Calabrie.

(1300-1301)

dicembre-giugno

Extravagantia (Ma^j. Rat.)

agosto

Apodixarius {Marj. Rat.)

dei

focili

217-219
211-214
215-21G
221-224(^^)

i^'")

(^^)

22.5-2.32

230-240
19-20 .,
241-247'-

Senescallo Provincie.
SecretoPrincipatus et TerreLaboris

id.
id.

XV
(1301-1302)

settembre-ottobre

-marzo

id.

Extravar/anfes infra rerjnum.


lustitiariis et secreti s Calabrie Val-

Gratis et Terre Yordane.


Marjistro lustitiario.
Secreto marjistro portulano ac procuratori Apulie. r")

233-235
237-238('')

248-252
253-254(/')

lis

luglio-agosto
id.

(1302-1303)

li

(1303-1304)

III

-id.

settembre
maggio-agosto

Extravaqantes infra regnum.


Secreto Magistro portulano et pro-

255-256
257-258

agosto

curatori Aprutii.
Marjistro lustitiario. (")
lustitiario Capiti nate.
Just. Terre Laboris. (")

10-15
16 .21
23-24^ ^
21-22
25-27
28-29

ottobre-marzo
agosto

Privilegia.
Secretis Apulie.

32-39 ('")
40(")

settembre-agosto

Secretis Aprutii.

luglio

-id.

id.

-id.

44

60-61'

(1304-1305)

dicembre-marzo

Duci Calabrie.

febbraio

Apodixarius.

-id.

47
30-31

95

id.

-id.

Capitula regni pr bono statu edita.


Extravagantes infra regnum.
Senescallo Provincie.

id.

-id.

Magistro lustitiario.

gmgiio
luglio-agosto

IV

(^*)

luglio

Extravagantes infra regnum.

settembre

Capitaneis.

ottobre-giugno
diccmbrc-febbr

Apodixarius.

luglio-agosto

Privilegia.

settembre

Privilegia.

17-18
48-51
56
58-59

r-'
(')

C)

75bis.76(3i)

(1305-1306)

83-88

(1306-1307)

VI
(1307-1308)

VII
(1308 1309)

id.

-marzo

(^^)

lustitiariis Aprutii.

Apodixarius.

(^'^)

96-97
91-94 f')
89-90

123 C")
98
10,3-104(''"')

107-110

~
INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

136

Il

corsivo iridicn

ciiiiittero

titoli

Indicazione
dei

suppliti |)or an;ilogi;il

novembre-giugno Duci Calahrie. C)

VII

giugno

110-121'''^

('^)

-id,

marzo-apiile

A'III

124-126

Sc/iescallo Provincie et aliis.


lustitiario Terre Lahoris et Coinitatus Molisii. i;^^)

l'ebbrnio-agosto

(1307-1308)

Ibjili

1)9-102

Mafjistro lustitiario.

121)

{130!)- 1310)

Apodi jxirius.

105-lOG

122

(")

(')

405

Griffo, Rcp.

mancante

Tra

('')

Il

si

trovano nei

cembre
al

trova

si

11

doc. al

f.

61 ha

f.

82'''

II

doc. al

(")

Il

f.

trova nei

notalo

fogli.

margine

al

suo principio nel

il

ha

continua

164''

ed

206''
(8)

AI

(^)

Il

notiamo

dei doc. cassali

la

seguente:

quelli

22''

f.

questo registro

in

del reg. n. 12 (1271).

Il

f.

al

f.

66''

di-

155'*.

continua

monco

doc.

Il

doc

(11)

II

f.

al

al

f.

al

f.

183"

275''

doc. ai K- IGS" e

201'' del

f.

181'''

lia

continua

del reg. 54 (1291 A).

menzionato reg.

f.

f.

168'' del citato

duplicato

il

giugno IX ind.

si

trova nel reg-

al

f.

248''

Il

f.

224''

continua

al

f.

223" del reg. 104 (1300 C),

f.

119".

(!)

Il f.

loro j)rincii)io,

il

primo

f.

168"''.

1'.

il

doc. segnato con la data

sono

22.5"

doc monco
19''

al

continua

323'' del reg.

n.

f.

al

247'' si
f.

legge intero nel reg.

55" del citato leg. 117.

101 (1299-1300 C).

Il

f.

2.37"

ha

(!')

Il

f.

253''

continua

suo principio

esistente nel reg. 113 (1301


il

53-54, ove e notata

come

risulta dal duplicato esistente

capitoli del Senescallo.

("*)

registro n. 120; V.

ff.

del reg. n. 80 (1295 1296 A).

legge intero nel reg. n. 99 (1299 D)


il

64 (1294 A)

n.

(1296).

continua

Il

il

si

reg. n. 77.

315" del reg. n. 85 (1296 E), ove

210''

(16)

hanno

legge intero nel citato reg. 77

suo principio al

il

al

si

f.

Al

risulta dal duplicato che

n. 77.

Il

C^)

come

173'"'

ind. (1296).

nel reg. 106 (1300-1301 A)

f.

192'''.

f.

f.

209" del reg. n. 77 (1295 D),

f.

doc. monco, ed

la data del 6

(i-i)

al

179''

maggio IX

()

suo principio nel

il

172" un doc. in francese.

f.

Il

secondo

il

{!<>)

(12)

si

si

duplicato del secondo documento contenuto

il

()

f.

nel

61)

p.

230-231 del reg. n. 6 (1269 D), ove sotto la stessa data del di 11

ff.

trova nel reg. 66 (1294 C)

di

c'U.

116,

77".

f.

al

posit.

pi>.

dal contenuto dei documenti e dal confronto di essi con

titolo si rilevato

(*)

(5)

[Lcgisi.

128-11

10,

messe quasi sempre

le postille

I pp.

Cassatimi quia revocatuni per regeni.

123'':

che

219). Nell'elenco del 1855

p.

La num. romana raramente

C-)

f.

cit.

detto registro 1303

il

C (Borrelli, Rcp.

erroneo. Dev'essere 1303

titolo

Il

al
I)

f.

al

f.

f.

Il

duplicato che

si

Il

20''

doc.

continua

117 (1301)

monco
al

f.

al

f.

f.

121'',

20" ha

il

suo principio

322" del predetto reg. 101, e

255".
176'' del cit.

54" del reg

f. 359''.

f.

Il

n.

n.

doc. al

reg. n. 117.

120 (1301-1302 B),


f.

254" ha

il

come

risulta dal duplicato

suo principio nel

trova nel menzionato reg. 113

f.

353".

f.

49''

del detto

137

P) Il secondo doc. mutilo al f. 257** si legge intero nel cit. reg. 120 f. 133^: i due doc.
nel brano del f. 257" bis sono nel detto reg. 120 f. 135* (2 doc.) e f. 135'' (1 doc): ed

brano predetto esistono nel medesimo reg- 120,

tie doc. al rovescio del


al

135^ (2" e 3" doc) ed

f.

(2')

11

doc. al

plicato che
(22)

Il

f.

trova

si

al

al

secondo

139"

al

f.

21'',

f.

(P

il

suo principio nel

2P

f.

(-3)

Il

doc monco

(24)

Il

doc. al

f.

32" ha

il

(25)

Il

doc

f.

40" ha

il

terzo

il

suo principio nel


suo principio

253" del menzionato reg. n. 131. V.

al

126''
(26)

Il

al

continua

44''

f.

mentovato
(27)

f.

Il

al

291'' del reg. n. 149


(28)

146

ff.

Il

172-175, ove

(2-^)

Il

continua
(30)
f.

240'',
(31)

doc. al
al

il

Il

al

48" ha

mutili ai

doc.

al

f.

75"

IT.

Il

doc monco

(33)

Il

f.

come

(35)

continua

40''

primo

il

come

doc

Il

al

60" ha

f.

risulta dal duplicato che

il

suo principio nel

146.

n.

doc. al

Il

si

attacca

al

f.

201".

giugno.

di

reg. n. 143 (13041305 F).

200'' del

f.

al

duplicato esistente nel detto reg.

il

mese

del

135".

f.

95"

194''

f.

si

11

I'.

51''

59"

si

possono leggere

ha

bis

al

123''

doc monchi

ai

primo

f.

del reg. 141 (1305 B). V.

183''

97" esiste intero nel reg. 167 (1307 A)

f.

al

222" del reg. n. 170 (1307-1308),

f.

al

ff.

nel citato registro 144

83".

suo principio nel

il

il

il

duplicato

258^

f.

continua

f.

interi,

f.

f.

428-430

ff.

come

risulta dal duplicato

che

75".

6" del reg. n.

104" e 107"

178 (13081309 C).

possono leggere interi nel reg

si

n.

179 (1308-1309)

272" e 276".
(36)

Il

cumento,

104''

f.

il

continua

al

f.

103", ed

(3')

Il

(13081309 B)

f.

(3^)

Nel

f.

di re

e cassato al

102''

al

f.

f.

108"; in questi

f.

273''.

124"

si

legge intero,

110''

f.

Il

menzionato reg. 179

f.

119"

si

f.

contenuto

ff.

continua

al

f.

un do-

107",

come

277''.

ma

anche cassato, nel reg.

trova intero nel citato reg. 177

contenuta la partecipazione data

Roberto avvenuta

un atto monco
mese di marzo 1278
(4")

103'' al

n.

177

108''.

doc monco

Il

nazione

monco

doc.

(38)

f.

il

cui duplicato esiste nel detto reg. 179

risulta dal duplicato, che si trova nel

del

Il f.

risulta dal duplicato esistente nel detto reg. n. 146

suo principio

il

58'' e

ff.

continua

94''

f.

245'' del citato reg. n. 131.

267" del citato reg. 146. V.

f.

trova nel reg. n. 169 (1307)


Il

com-

218".

f.

duplicali esistenti nel reg. 134 (1304 B),

257''.

f.

secondo nel reg. n. 145 (1305 A)

(32)

(3<)

f.

doc. notato con la data del

nel reg. 154 (1305-1306 C)

si

22'' esiste

f.

il

201" del predetto registro 143.

f.

doc

f.

e mutilo al

doc),

138'' (1

f.

doc

tre

bS^ del reg. n. 131 (1303 D).

249" del predetto reg.

f.

il305 D),

il

al

f.

125" del reg. 14G (1305 B),

f.

al

continua

18''

f.

doc monco

al

duplicato esistente nel reg. n. 140 (1304, 1305 B)

il

continua

31''

f.

V.

146.

du-

119''.

f.

trova nel reg. n. 144 (1304, 1305 X)


reg.

il

139" (2 doc.)

f.

primo

il

28" esiste intero nel detto reg. n. 126

f.

1".

secondo

il

140" (2" doc).

f.

f.

il

139'':

al

al

ed

1303 B). V.

n. 129 (1302

legge intero nel reg. 126 (1302 F)

si

doc.) ed

piuto nel ripetuto reg. 126 al

al

354'' del reg.

trovano interi nel detto reg. 126

si

al

f.

309" del detto reg. 129.

f.

doc. mutilo al

anche mutili

terzo al

f.

secondo

il

(P doc).

136'^

il

ha

24-''

primo ed

il

in

Avignone a

a'

f.

199''.

Giustizieri del

regno della incoro-

3 agosto 1309.

del principio e della fine, e

si

cita nel

corpo del

doc un istrumento

18

138

Voi.

CAROLUS

128.

pochi

rcijislru e in ottimo stalo eccetto

li

1-117: e duplicato

il

f. 385:

dopo

il

Liber Expensarum.

11.

Contiene

Jf.

Jj/'.

419 segnati con num. araba

215 segue un/, sema numero: dopo

f.

segue una piccola caria scritta, legata a traverso, ed un altra carta

381 383.

ff.

bianco

La

il

si

il/.

120

trova tra

[')

/. 207''.

scrittura pi o

meno guasta

mancante

nei Jf. 18", 80", 145",/.

dopo 215, 216,

229", 203, 320, 382", 417.


7'rovansi

doc

cassali ai ff.

INDIZIONI

00"

l(j'',

(*).

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

(Il

VII(^)

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione
dei logli

suppliti per analogia;

luglio

Expense.

215'^-'-220

settembre

Expense.

208-215

settembre-agosto

Expense.

221-417

settembre-agosto

Expense.

1-207

(1293- 1294)

XI
(1297-1298)

XV
(1301-1302)

(1302-1303)

(^)

tizie di
(^)

La num. romana non


spese: quella dopo

Sempre

trovansi

le

si
f.

il

trova nei fogli.

La carta

dopo

inserita

il

f.

120 contiene no-

381 un ordine diletto a Gualliejo de Ponte Senescallo.

postille al

margine dei doc.

cassati.

Le sopraddette indizioni sono secondo l'ordinamento fatto di questo registro dal eh. Giuseppe M.^ Fusco {SuW argenteo imbusto di S- Gennaro 1861 p. 219-229): le indizioni V e X, li(3)

portate a

p.

219 della citata opera, debbono essere invece Vii ed XI, perch queste e non

quelle corrispondano agli anni 1294 e 1297.

Voi. 129.

ff. 5,

Cf.

CAROLUS

Il registro in mediocre slato.

duplicati

Contiene

ff.

pure Durrieu, Etudes

li.

ff.

353 segnati con num

p.

136 nota

1.

araba 1-357

sono

235: mancano iff\ 86, 87, 112, 113, 180, 181, 187, 188: dopo il/. 4
il

35-41 sono per met macerati dall' umido:

margine esterno

t.

1302. 1303. B.

segue un/, senza numero in buona parte consumalo:


superiore:

etc.

laterale:

dopo

il/.

214 segue

un/

il

mancante della parte

107

consumato nel

senza numero, mancante della

parie superiore e laterale esterna: del /. 290 esiste una quinta parte.

(^)

Sono bianchi

La

179\

Ul'',

ff.

132\

74-79, 84, 85, 91-94, 107,

274\ 283,

322\ 342\

290'',

282'',

meno guasta

scrittura pi o

139

352''.

mancante nei ff. 1-5

210-215",

201'',

236, 237", 245,

234",

228'',

35-57, 66-70"^,

bis, 7-24, 29,

258,

284, 310'', 313, 31,5-317, 320'', 321", 325-327, 331'', 333-336, 338, 340,

341, 343, 345 357.

Trovansi doc cassati aiff. 45",

Sono monchi

INDIZIONI
(

ti", 84",

doc. nei ff.

336",

324'',

carattere corsivo indica

titoli

'^

342''.

356\

351'',

TITOLI DEI QUADERNI


(Il

XIV

347'',

123'',

MESI

anni)

199\ 230", 278", 292",

147",

118'',

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

settembre-ottobre

Privilegia. {MayistH Rationales).

settembre-aprile

De Legitimatioue, de Nundinis, de

2-3(3)

(1300 1301)

XV
(1301-1302)

185-186

Advocatis, de Notariis puplicis,


de Prothontinis.
Privilegia (Logotheta et Prothonotarius
Mag. Rat.) (^)

settembre-agosto

(1302-1303)

4-83

.,.

88-10/
id.

-id.

id.

-id.

108-141
176-181
323-338

Secretis magistris portulanis et proCLiratoribus Principatus et Terre Laboris {Log. et Prot.Mag.


Rat.
Cancellarius). (e)
Secr. mag. port, et proc. Apulie.

(Mag. Rat.

Cane.

Log.

142-175
182-184

et

Prt.) C)

189-213(j

215-247
249-290
id.

Secr. mag. port. ac proc. Aprutii. 214ef.dopo.


248("')
(Log. et Prot.
Maq. Rat.
291-322
Cane.)
339-357
84-85
Dacia.

-id.

febbraio-luglio

(')

La num. romana

(^)

Quasi sempre trovansi

(3)

Il

f.

(*)

Il

doc.

due doc.
si

legge:
('')

V.

il

continua

monco

di luglio

al

XV

esiste in qualche foglio.

margine

postille al

le

dei doc. cassati.

15 del reg. 102 (1300 A).

al

f.

f.

11

legge intero

si

indiz. (1302).

Al

f.

al

9 di questo registro.

f.

95 in fine di

un doc. non

Remanct incompleta quia portata fuit antequam rcgistrareiur

Il

f.

15^ continua al

20 (V.

f.

duplicato nel reg. 126 1302


doc.

(")

II

(^)

Al

(8)

Il

f.

(^)

Il

doc.

f.

monco

283 sono
150''

f.

al

123'' si

f.

9):

il

trova intero

f.

continua

al

f.

153. V.

347'' si

il

al

f.

al

f.

di

Ai

il

f.

interamente

tota in aliquo regestro.

questo registro):

29: ed

19'\ 36'' .sono

fT.

trascritto

24'' al

il

f.

f.

19'' al

f.

22

14.

125.

questo registro.

298.

348'' al

f.

351 di questo registro:

si

legge intero

f.

267' di

f.

24 del reg. 127 (1302 X) e

il

f.

al

legge intero

352,

f.

2l''

8''

duplicato al

f.

Il

f.

f.

capitoli riguardanti gli ufficii dei maestri portolani e procuratori.

continua

monco

248''

al

duplicato al

il

al

(10)
f.

2''

al

f.

309 di questo registro.

il

f.

poi 354'' al

Voi. 130.

- CAROLUS

registro in buono stato. Contiene ff.

Il

calo

Manco

La

mancano

f. 184:

il

il

140

263 segnati con num araba 0-274:

ijf. 20, 22, 68-7], 260:

meno guasta

mancante

Oltre la indizione sottonotata al /. 234" un

Trovansi documenti cassati ai

In

tutti

il

dupli-

f. 13 mutilato oerticalmente. ?]

274^

f.

scrittura pi o

263".

1303. A.

TI.

ff.

62''

60'',

nei ff. 6,

doc

65'',

13,

11,

di agosto

O0'\ 92'\

14,

ind.

105",

80''.

41'',

[1303].

139'',

160'',

173",

()

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Cari-

cellarius.

INDIZIONI

{Il

1303-13041

-id.

i(l.

carattere corsivo

iriiiica

Exti'avagantia.

sollenihro-ago?ito

li
;

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(ANNI)

titoli

Indicazione
dei fogli

suppliti per analogia)

0-233(3)

(3)

Quaternus Notariorum puplicorum, Fisicorurn, Cirurgicorum,


Legilimationum, Advocatorum,
Nundinarum, Prothontinorum
(bmestabulorum.

234-251

Apodixarius.

252-274

-i(l.

i(l.

{)

La

romana progressiva manca.

nunn.

con la guida del Rep. Ili


(2)

Sempre

(3)

Il

qistri

(f.

{*)

Il

trovansi

brano

del

f.

13

le

cit.

33''

f.

duplicati

postille al

margine

18 stata accertata

dei doc. cassati.

collega col resto del foglio, esistente

si

f.

nel

voi.

Il

dei

Nuoci Re-

continua a 36".

ff.

mediocre

CAROLUS

stato.

Contiene

ff.

1303. D.

li.

297 segnati con num. araba 1-288: sono

manca

31, 118, 122. 168, 250, 268, 276, 280:

147 seguono due

ff.

senza num. dei quali

il

primo

il

f. 106:

dopo

iff.

78,

mancante della parte supe-

(^j

Sono bianchi

f.

fino al

159).

Il registro in

La

num. araba

pp. 183 185.

Voi. 131

riore,

La

ff.

Ili'',

scrittura pi o

dopo

287-288.

113'',

f.

dopo 147

meno guasta

(2),

149'',

mancante nei

157'',

ff.

244'',

1, 5,

45''

250, 261'', 268.


,

51, 57,

78, 112", 142, 144, 146, 147", 172", 189", 217, 220, 232'>-234, 236'',

60"-,

250

76,
bis,

Olire

141

un doc. di gennaio I

indizioni sottonoiale al f. 69"'

le

Trovansi doc. cassati al

ff.

18'',

228\ 258", 278'\

148", 152,

Sono monchi

30K

288''.

45'\ 62'\

.3.9^

68\

H2'>,

ind.

103\

'

J303).

JJ8'',

134\ 137",

.h

doc. nei ff. 55", 74", 200''. 280''.

INDIZIONI

TITOLI DEI QUADERNI

MESI

(anni)

(Il

agosto

II

carattere corsivo indica

titoli

Indicazione

suppliti per analogia)

dei

fo>;li

Extravagantes.

286

settembre-maggio Duci Calabrie (Maf/istrorum Rationalium.)


-luglio
id.
Extra vaganti a (Cancellarius.)

277-278

(1288-1289)

II

(1303-1304)

Cane.)

id.

-agosto

Privilegia. (Mag. Rat.

id.

-id.

Magistro lustitiario (Cane. Mag.


Rat.
Logotheta et Prothonota-

id.

-id.

lustitiario

C)

107-108
112-140

1-830
84-105
109-111

rus).

Terre Ydronti.

Maq.

168-188

Rat.)
id.

id.

Yordane

-id.

lust.Vallis Gratis et Terre

id.

ac Secreto Calabrie. {Mag. Rat.)


Secretismagistris portulanisetprocuratoribusApulie.(A/a/7./?a?^.)(")

202-21

60

217
220 ()
229-2.36

id.

id.

Secr. mag. port. et proc. Aprutii


{Mag. Rat.)

245-249
253
255-260
218-219
239-240..,

251-252^

Secr. mag. port. et proc. Principatus et Terre Laboris. ( Mag. Rat.


Log. et Prot. )

id.

id.

254
261
221-228
237-238
241-244.X0,
250bisl

id.

Apodixarius. {Cane.)

-id.

novembre-aprile
gennaio -marzo

Senescallo Provincie. {Cane.)


lustitiario Principatuscitra et ultra.
Acceptationes.

268bis.973

id.

-id.

-agosto

lustitiario Capitinate.

1.50-157

id.

-id.

189-201

marzo

-id.

aprile

-id.

Aprutii tam citra quam ultra.


lust. Terre Laboris.
Notarli puplici
Nundine et Pro,

262-267
274-276
279-285
148-149

id.

lust.

141-147('^;

287-288

thontini.

maggio

-id.

lustitiario Terre Bari.

{Mag. Rat.

158-167

Cane.).
(1)

La num. romana

(^)

Al

(3)

Trovansi

f.

esiste slannente nel

147* bis leggesi:


le

f.

col n.

R&^o^Arum officialium

postille al

margine dei doc.

et

arabo 286.

alioram, annorum li

cassati.

et

IH

Indictionum.

monchi

doc.

(*)

(8)

Il

461

f.

ai

coniiiiua al

reg. n. 127 1302

X. {V.

f|uosto registro; e cosi


nutilo al

ed

(6)

Il

(")

il

f.

216''

come

Il

f.

al

230''

il

f.

al

Il

250

f.

142''

f.

Il

continua

al

bis legato

La

f.

doc. al

f.

253 ha

In

tutti

al

f.

82,

il

80,

f.

33''),

f.

f.

58''

f.

il

77'' al

il

f.

al

G2''

f.

46 ed

134 (1304 B)

n.

32 del

f.

al

f.

78 di

il

f.

78'' bis

73.

f.

primo

il

al

f.

227

20'',

144,

f.

il

143''

Conliene

sialo.

ff:

316'',

ff.

154'',

77'',

meno guasta

241", 288'',

n.

al

al

f.

n.

127

f.

il

249''

al

del citato reg. n. 127.

40''

al

f.

250,

come

il

1'.

145'' al

f.

147,

come

201''.

f.

1303. 1304. B.

II.

358 segnati con num. araba 1-359: manca

351".

209", 308", 331'', 358".

212'',

156'',

10", 23', 42'',

34l'',

continua

e cosi pure

136 (1304 D)

mancante nei

250''

f.

212.

f.

MG

f.

- CAROLIJS

68'',

doc. dal

il

menzionato reg. 137

legge nel reg.

ff.

40 del detto reg.

suo principio

il

a rovescio, e perci

si

buono

f.

252.

f.

Trovansi documenti cassati ai


191'',

73'' al

f.

245'' al

il

che

scrittura pi o

178'',

il

246,

f.

f.

in

54''

f.

il

trovano interi noi citato reg. 137,

200'' si

al

Voi. 132.

a f. 155. (')
Sono bianchi i

79,

f.

continua

risulta dal duplicato,

// registro

81.

f.

68.

62',

ff.

211.

f.

risulta dal duplicato esistente nel


(>;

al

15)

240.

f.

ul

('")

71'' al

f.

il

220 e

continua

240''

f.

52''

f.

137 (1304

n.

risulta dal duplicato che si trova nel reg.

Il

Il

il

leggono interi nel reg.

si

duplicato esistente nel citato reg. 137

235 di questo regi.slro.


()

53,

f.

pure

continua

doc. mutili al

secondo

()

I'.

59,

f.

55 e 74"

IT.

142

ff.

57'',

1,

27, 345.

73\

107'',

133'',

150'',

176'',

(^j

quaderni alla sommit del primo foglio nel margine interno leggesi: Lo-

gotheia, et Proihonotarius.

INDIZIONI
(ANNI)

II

(1303-1304)

TITOLI DEI QUADERNI

MESI
(Il

settembre -magg.
id.

-luglio

carattere corsivo indica

lustitiario

titoli

ludicazione

suppliti per analogia)

Terre Ydronti.

lust.et Secretis CalabrieVallis

Gra-

Terre Yordane.
Terre Laboris.

dei Cogli

332-347
348-359

tis et

id.

-agosto

lust.

(s)

1-77
78-156

Principatus tam citra rjuam

157-212

tam citra quam ultra.

id.

-id.

lust. Aprutii

id.

-id.

lust.

id.

-id.

Just. Capitinate.

id.

-id.

lust. Basilicate.

id.

-id.

lust.

ultra,

La num. romana progressiva manca.

(2)

Quasi sempre trovansi

postille al

(^)

Terre Bari.

(')

le

(^j

margine

dei doc. cassali.

213-252
253-294
295-331

143

(')

Al

f.

133*'

un doc. cassato scritto sottosopra.

{*)

Al

f.

168"

si

legge in margine di un doc: Extracia de Regesro

Magislrorum Rado-

naliurn.
(5)

Al

f.

ne** un doc. cassato scritto sottosopra.

(6)

Al

f.

250'' si

legge in margine di un doc: Extracta de Regestro Cancellurie-

Voi.
// registro in

buono

Contiene

siato.

1-297: avvertendosi che

romani,

CAROLUS

133 --

corrispondenza: sono duplicati

N. B. I fogli segnati con

1304. A.

298 segnati con nani

araba

CXXXIII CLXXVJ III portano

ff.

ambedue

che negli altri fogli

ff.

li.

la sola

CXXXVI,

110,

ff.

soltanto

numerazioni spesso non canno