Sei sulla pagina 1di 412

Manoscritti italiani

della collezione
berlinese conservati
nella Biblioteca
Jagellonica
di Cracovia
(sec. XVII-XIX)
Publisher: Faculty of Philology, Jagiellonian University of Krakw, 2012

Reviewer: Prof. Lucinda Spera

Design and DTP: Marcin Klag

Printed by:

ISBN 978-83-62705-05-4

Copyright by Jadwiga Miszalska, Roman Sosnowski, Magdalena


Bartkowiak-Lerch, Faculty of Philology Jagiellonian University of Krakw

Wydzia Filologiczny Uniwersytetu Jagielloskiego w Krakowie


ul. Gobia 24, 31-007 Krakw, Poland
info.filg.uj.edu.pl/fibula
Manoscritti italiani
della collezione
berlinese conservati
nella Biblioteca
Jagellonica
di Cracovia
(sec. XVII-XIX)
Jadwiga Miszalska

con la collaborazione di
Roman Sosnowski
e Magdalena Bartkowiak-Lerch

.vj.

CollectioFibulae
founded
and headed
cracovi .mmxij. byPiotrTylus
Le schede sono state preparate da Jadwiga Miszalska (Ital. Fol. 48, Ital.
Fol. 51, Ital. Fol. 52, Ital. Fol. 53, Ital. Fol. 57, Ital. Fol. 135, Ital. Fol. 137, Ital. Fol.
138, Ital. Fol. 143, Ital. Fol. 145, Ital. Fol. 148, Ital. Fol. 162, Ital. Fol. 164, Ital. Fol.
165, Ital. Fol. 166, Ital. Fol. 167, Ital. Fol. 168, Ital. Fol. 169, Ital. Fol. 173, Ital.
Quart. 4, Ital. Quart. 7, Ital. Quart. 9, Ital. Quart. 10, Ital. Quart. 11, Ital. Quart.
12, Ital. Quart. 13, Ital. Quart. 17, Ital. Quart. 22, Ital. Quart. 29, Ital. Quart. 31,
Ital. Quart. 35, Ital. Quart. 43, Ital. Quart. 57, Ital. Quart. 58, Ital. Quart. 59, Ital.
Quart. 60, Ital. Quart. 73, Ital. Quart. 74, Ital. Quart. 75, Ital. Quart. 84, Ital.
Oct. 1, Ital. Oct. 2, Ital. Oct. 3, Ital. Oct. 12), Roman Sosnowski (Ital. Fol. 49, Ital.
Fol. 144, Ital. Fol. 146, Ital. Fol. 147, Ital. Fol. 148, Ital. Fol. 157, Ital. Fol. 163, Ital.
Quart. 1, Ital. Quart. 5, Ital. Quart. 6, Ital. Quart. 18, Ital. Quart. 19, Ital. Quart.
21, Ital. Quart. 23, Ital. Quart. 24, Ital. Quart. 25, Ital. Quart. 28, Ital. Quart. 30,
Ital. Quart. 32, Ital. Quart. 34, Ital. Quart. 36, Ital. Quart. 37, Ital. Quart. 38, Ital.
Quart. 39, Ital. Quart. 40, Ital. Quart. 44, Ital. Quart. 45, Ital. Quart. 46, Ital.
Quart. 53, Ital. Quart. 56, Ital. Quart. 80, Ital. Quart. 83, Ital. Quart. 85, Ital.
Quart. 86, Ital. Oct. 4, Ital. Oct. 5, Ital. Oct. 7, Ital. Oct. 13,) e Magdalena Bar-
tkowiak-Lerch (Ital. Fol. 54, Ital. Quart. 14, Ital. Quart. 41, Ital. Quart. 51, Ital.
Quart. 68; Ital. Quart. 71). Alla raccolta del materiale per le schede di questo
volume hanno partecipato anche Lorenzo de Santis e Dorota Siero. La cor-
rezione e la redazione finale di tutte le schede, dellintroduzione, dellincipi-
tario e degli indici sono di Jadwiga Miszalska.
Sommario

Sigle bibliografiche 7
Introduzione 11
Descrizione dei manoscritti 27
Illustrazioni 313
Incipitario 329
Indice degli autori e delle opere anonime 373
Indice dei copisti e dei possessori 402
Sigle bibliografiche

ADB Allgemeine Deutsche Biographie, 55 voll., Leipzig, 1875-1912.


Briquet C.M. Briquet, Les Filigranes, Dictionnaire historique des
marques du papier ds leur apparition vers 1282 jusquen 1600,
Alphonse Picard et fils Paris-Londre-Leipzig-Amsterdam-
Rome-Madrid-Genve, 1907, voll. 1-4.
Churchill W. A.Churchill, Watermarks in Paper in Holland, France, etc.
In The XVII and XVIII Centuries and Their Interconnection,
Hertzberger, Amsterdam MCMXXXV.
Database of
Bookbindings, BL
Database of Bookbindings, British Library,
http://www.bl.uk/catalogues/bookbindings/
DBI: Dizionario Biografico degli Italiani, Roma, Istituto dellEnci-
clopedia Italiana, 1960-2006.
Devauchelle R. Devauchelle, La reliure en France de ses origines nos jours,
t. I-III, Rousseau-Girard, Paris 1959-1961.
Eineder G. Eineder, The Ancient Paper-mills of the Former Austro-
hungarian Empire and Their Watermarks, Hilversum, Hol-
land, The paper publications Society, MCMLX, Monumenta
Chartae Papyraceae Historiam Illustrantia, a c. di
E. J. Labarre, t. VIII.

7
Heawood E. Heawood, Water Marks Mainly of the 17 th and 18 th Cen-
turies, Hilversum, Holland, The paper publications Society,
MCML, Monumenta Chartae Papyraceae Historiam Illustran-
tia, a c. di E. J. Labarre, t. I.
IMBI Inventari dei manoscritti della Biblioteche dItalia, varie citt
1891-
Kristeller P. O. Kristeller, Iter italicum. A Finding List of Uncatalogued
or Incompletly Catalogued Humanistic Manuscripts of the
Renaissance in Italian and Other Libraries, t. 1-6, Brill, Leiden
1963-1992.
Leopold
von Ranke The Leopold von Ranke manuscript collection of Syracuse Uni-
versity, E. Muir (a c. di), Syracuse University Press, Syracuse,
New York 1983.
Lemm S. Lemm, Kurzes Verzeichnis der romanischen Handschriften,
Weidmannsche Buchhandlung, Berlin 1918.
Macchi F. e L. Macchi, Dizionario illustrato della legatura, Edizioni
Sylvestre Bonnard, Milano 2002.
Marbled
Paper R. J. Wolfe, Marbled Paper, its history, techniques, and pat-
terns, University of Pensylvania Press, Philadelphia 1991.
Mazzatinti G. Mazzatinti, Inventario dei manoscritti italiani delle biblio-
teche di Francia..., t. I-II. Manoscritti italiani della Biblioteca
nazionale di Parigi, Presso I Principali Librai, Roma 1886-1887.
NDB Neue Deutsche Biographie http://www.deutsche-biographie.de
Nostitz The Nostitz papers, Notes on Watermarks Found in the Ger-
man Imperial Archives of the 17 th and 18 th Centuries, and
Essays Showing the Evolution of a Number of Watermarks,
Hilversum, Holland, The paper publications Society, MCMLVI,
Monumenta Chartae Papyraceae Historiam Illustrantia, a c.
di E. J. Labarre, t. V.
Papiery
zdobione Rcznie zdobione papiery introligatorskie. a c. di. J. Tomaszew-
ski, Wystawa 4-19 marca, Biblioteka Jagielloska, Krakw 2002.
Piccard G. Piccard, Wasserzeichen, voll. I-XVII, Verlag W. Kohlhamer,
Stuttgart 1961-1997.

8
Piccard
on-line http://www.piccard-online.de/start.php
RAVS Relazioni degli Ambasciatori Veneti al Senato, a c. di E. Alberi,
Tipografia allinsegna di Clio, Firenze 1839-1863.
Rietstap
on-line J. Rietstap, Armorial Gnral, http://www.blazonsearch.com/
index.php
Sartori C. Sartori, Libretti italiani a stampa dalle origini al 1800.
Catalogo analitico con 16 indici, Bertola & Locatelli, Cuneo
1990-94.
Thesoro
politico 1 Prima parte del Thesoro politico in cui si contengono relationi,
instruttioni, trattati et varii discorsi, pertinenti alla perfetta
della ragion di stato, Girolamo Bordone, Milano 1600.
Thesoro
politico 2 Seconda parte del Thesoro politico in cui si contengono
relationi, instruttioni, trattati et varii discorsi, pertinenti alla
perfetta intelligenza della ragion di stato, Girolamo Bordone,
Milano 16001-1602.
Thesoro
politico 3 Terza parte del Thesoro politico nella quale si contengono
relationi, instruttioni, trattati, e discorsi non meno dotti, e
curiosi, che utili, per conseguire la perfetta cognitione della
ragione di stato. Non prima dati in luce, s. n., Turnoni 1605.
Woodword D. Woodword, Catalogue of Watermarks in Italian Printed
Maps, ca.1540-1600, L. S. Olschki, Firenze 1996.
Zonghi Zonghis Watermarks, Hilversum, Holland, The paper publi-
cations Society, MCMLIII, Monumenta Chartae Papyraceae
Historiam Illustrantia, a c. di E. J. Labarre, t. III.

Biblioteche e archivi:
Ambros. = Biblioteca Ambrosiana, Milano
Angel. = Biblioteca Angelica, Roma
ARSI = Archivum Romanum Societatis Iesu
AS = Archivio di Stato

9
ASV = Archivio Segreto Vaticano
BArchBo = Biblioteca dellArchiginnasio, Bologna
BAV = Biblioteca Apostolica Vaticana
BNF = Biblioteka Nazionale, Firenze
BNN = Biblioteca Nazionale, Napoli
BNP = Biblioteca Nazionale di Francia, Parigi
BNR = Biblioteca Nazionale, Roma
BUBo = Biblioteca Universitaria, Bologna
BUG = Biblioteca Universitaria di Genova
Correr = Biblioteca Museo Correr, Venezia
Cors. = Biblioteca Corsiniana, Roma
Marc. = Biblioteca Marciana, Venezia
NB = sterreichische Nationalbiblithek, Vienna
Riccard. = Biblioteca Riccardiana, Firenze

10
Introduzione

Questo libro costituisce il secondo volume della pubblicazione dedicata ai ma-


noscritti italiani appartenenti al fondo berlinese conservato nella Biblioteca Ja-
gellonica di Cracovia1. Esso, insieme alla prima parte concernente i codici fino al
XVI sec., vuole essere il seguito e la continuazione del volume pubblicato recen-
temente da Piotr Tylus, Manuscrits franais de la collection berlinoise disponibles
la Bibliothque Jagellone de Cracovie (XVIe-XIXe sicle), Krakw 2010, maturato
nellambito dello stesso progetto di ricerca, cio Storia dei manoscritti romanzi
del fondo berlinese conservato nella Biblioteca Jagellonica di Cracovia. Mano-
scritti francesi, italiani, spagnoli, catalani e portoghesi, realizzato dal gruppo
Fibula2 tra il maggio 2008 e laprile 2011 e finanziato dal Meccanismo Finanziario

1 Vorrei ringraziare molte persone che ci hanno aiutato nelle ricerche, coronate con
la pubblicazione di questo libro. Innanzitutto vorrei menzionare il prof. Piotr Tylus,
ideatore e direttore del progetto Fibula. Inoltre la dott.ssa Monika Jaglarz che ha
raccolto informazioni storiche e ha fornito consulenze paleografiche. Il Prof. Ezio
Barbieri ha fugato alcuni nostri dubbi relativi alla scrittura dei codici, infine i biblio-
tecari italiani (a Bologna, Firenze, Milano, Napoli, Padova, Pisa, Ravenna, Roma, Tori-
no, Treviso, Venezia) ci hanno sempre accolti con simpatia e professionalit. Il nostro
ringraziamento va anche ai colleghi del gruppo Fibula, della sezione italiana e di altre
sezioni, con cui abbiamo potuto confrontarci durante la realizzazione del progetto.
2 Ai manoscritti francesi medievali della collezione invece dedicato un volume
edito precedentemente: D. Stutzmann e P. Tylus, Les manuscrits mdivaux

11
SEE a dal Ministero della Ricerca e dellIstruzione Universitaria polacco. Le fina-
lit del progetto erano quelle di descrivere la collezione in modo sistematico e
di conseguenza valorizzarla adeguatamente, il che permetterebbe di restituirla
alla conoscenza degli specialisti impegnati nelle ricerche filologiche, storiche,
nonch di un largo pubblico in Polonia e allestero. Infatti le vicende della col-
lezione della Staatsbibliothek zu Berlin dopo la II guerra mondiale non hanno
facilitato laccesso ai manoscritti di Cracovia, spesse volte completamente igno-
rati o addirittura ritenuti persi (p.es. in Iter Italicum tutti i codici citati sono
segnalati come tali). Speriamo che le ricerche fatte nellambito del progetto e la
pubblicazione dei successivi cataloghi cambieranno la situazione e faciliteran-
no agli studiosi il contatto con la collezione nonch con i singoli testi.
Ai manoscritti italiani sono dedicati due volumi. Il primo volume contiene le
descrizioni dei manoscritti medievali e rinascimentali3. Il presente invece racco-
glie le schede dei manoscritti dal XVII al XIX secolo. La cesura tra i due volumi
stata fissata per la fine del XVI secolo, anzich per la fine del XV, pi conven-
zionale in questi casi. Pur consapevoli di convenzionalit e arbitrariet di qual-
siasi divisione cronologica, siamo convinti che il carattere e la funzione del libro
manoscritto in quanto medium in largo uso cambia in modo vistoso e radicale
proprio con il tramonto del Rinascimento. Infatti tra i manoscritti rinascimenta-
li, soprattutto dellinizio del secolo, troviamo ancora codici che sono profonda-
mente legati allepoca in cui la stampa non esisteva o comunque non era diffusa.
Inoltre, se per il XVI secolo la stampa a ricopiare la composizione del mano-
scritto producendo quasi esclusivamente esemplari o di lusso o almeno di buo-
na qualit, a partire dal XVII secolo questa situazione cambia perch insieme a
una massiccia produzione di libri stampati deteriora notevolmente la loro quali-
t. Cos confezionare manoscritti diventa unattivit diversa rispetto alle epoche
precedenti. Non si tratta pi del principale metodo di pubblicazione di contenuti
perch la stampa occupa tutta la scena. Il manoscritto persiste negli usi familiari
oppure come copia del libro stampato dove esso, per qualche motivo, non pote-
va circolare. Dal pubblico, il manoscritto si rifugia nel privato. Un altro motivo di
questa fuga nel privato riconducibile alle mutate condizioni sociali e politiche
e soprattutto allinasprimento della censura religiosa e politica. Tutti i contenuti

franais et occitans de la Preussische Staatsbibliothek et de la Staatsbibliothek zu


Berlin - Preussischer Kulturbesitz, Wiesbaden 2007.
3 R. Sosnowski, Manoscritti italiani della collezione berlinese conservati nella
Biblioteca Jagellonica di Cracovia. Dal XIII al XVI secolo, Krakw 2012.

12
approvati dalla censura potevano essere stampati e diffusi a costo relativamente
basso, ma le opere che non potevano ottenere il nullaosta dovevano per forza
circolare sotto forma di manoscritti, lontane dalle piazze pubbliche.
Nella disposizione delle schede si rispetta loriginaria divisione in gruppi fatta
a Berlino, descrivendo tutti i manoscritti che nella Biblioteca sono stati inclusi nel
gruppo definito Manuscripta italica. Questo criterio, da una parte include alcuni
codici che contengono frammenti scritti anche in lingue diverse dallitaliano (p.
es. nel manoscritto Ital. Oct. 3 la quantit di proverbi e detti latini e francesi supe-
ra decisamente quella di espressioni italiane, invece la lingua dellItal. Quart. 28
loccitano nonch il tedesco e quella dellItal. Quart. 35 il francese), dallaltra
esclude purtroppo alcuni altri che pur essendo scritti in italiano o racchiudendo
tali frammenti hanno ottenuto originariamente segnature con prefissi diversi da
ital. Lo stesso criterio formale, del resto, adottato nel primo volume.

Datazione e localizzazione
Nel gruppo di manoscritti presentati prevalgono quelli del XVII e del XVIII se-
colo. Alcuni codici contenenti miscellanee di documenti sono annoverati tra
quelli secenteschi anche se tra i singoli manoscritti a volte troviamo quelli da-
tabili al XVI secolo. Inoltre bisogna sottolineare che in mancanza di precisi ri-
scontri la datazione di alcuni manoscritti risulta problematica. Perci abbiamo
a che fare con un gruppo di codici di datazione incerta, nati probabilmente tra
la fine del XVII e linizio del XVIII sec. Questo dovuto da una parte alla diffi-
colt nellapplicazione dei criteri paleografici, dallaltra anche alla mancanza
di strumenti adeguati. Infatti i repertori di filigrane della carta validissimi
nella datazione dei secoli posteriori al XVI, non sono numerosi e mentre
forniscono pi dati al riguardo della carta del Nord Europa4, risultano estre-
mamente lacunosi per quanto riguarda il territorio italiano. Ecco un tentativo
di divisione dei codici a seconda della datazione.

4 P. es. W. A. Churchill, Watermarks in Paper in Holland, France, etc. In The XVII and
XVIII Centuries and Their Interconnection, Hertzberger, Amsterdam MCMXXXV; voll.
V e VIII dei Monumenta Chartae Papyracea Historiam Illustrantia, a c. di E. J. La-
barre: The Nostitz papers, Notes on Watermarks Found in the German Imperial Ar-
chives of the 17 th and 18 th Centuries, and Essays Showing the Evolution of a Number
of Watermarks (MCMLVI) e The Ancient Paper-mills of the Former Austro-hungarian
Empire and Their Watermarks (MCMLX).

13
Manoscritti del XVII secolo
Manoscritto Nome del manoscritto Datazione Area di
provenienza
Ital. Fol. 48 Tommaso Campanella XVI/XVII sec. Italia
Miscellanea di scritti
politici e vari
Ital. Fol. 49 Scritti storici XVI/XVII sec. Italia
Ital. Fol. 53 Andrea Hltzel 1664 Austria (?)
Ital. Fol. 57 Informazioni politiche XVII sec. Italia
Ital. Fol. 144 Antonio Perez XVII sec. Italia
Ital. Fol. 148 Miscellanea di scritti XVII sec. Italia
storici, politici e vari
Ital. Fol. 162 Relazioni politiche XVII sec. Italia (?)
Austria (?)
Germania (?)
Ital. Quart. 1 Giusta statera dei XVII sec. (verso Germania
porporati la met)
Ital. Quart. 4 Pietro dAverara XVII sec. (fine) Italia (?)
Germania (?)
Ital. Quart. 6 Relazioni di diverse morti XVII sec. Italia
Ital. Quart. 7 Giordano Bruno XVII sec. (?)
Ital. Quart. 14 Commissione del doge XVII sec. Italia (Veneto)
Marino Grimano a (inizio)
Francesco Contarini
Ital. Quart. 23 Paolo Sarpi XVII sec. (fine) Italia
Ital. Quart. 31 Tolomeo Barboni XVII sec. Austria
(Vienna ?)
Ital. Quart. 32 Ordini et cerimonie che 1618-1623 Italia (Venezia)
osserva il serenissimo
principe
Ital. Quart. 36 Opinione del padre XVII sec. (fine) Italia
Paolo Servita, consultor
di stato, come debba
governarsi internamen-
te ed esternamente la
repubblica di Venezia
per avere il perpetuo
dominio

14
Ital. Quart. 38 Marcello Alberini XVII sec. Italia
Ital. Quart. 51 Libro antico de nobeli XVII sec. Italia (Venezia)
venetti (seconda met)
Ital. Quart. 53 Squitinio della XVII sec. Italia
libert veneta
Corrispondenza
anonima Detti e
proverbi
Ital. Quart. 56 Giovanni Scala XVII sec. Austria (?)
(prima met)
Ital. Quart. 57 Niccol Minato 1697 Austria
(Vienna)
Ital. Quart. 71 Commissioni del doge 1695-1696 Italia (Veneto)
Silvestro Valerio a
Lorenzo Soranzo e a
Geronimo Venier
Ital. Quart. 73 Giacinto Andrea XVII sec. (?) Italia (?)
Cicognini
Ital. Quart. 86 Raccolta di documenti XVII sec. Italia
diplomatici
Ital. Oct. 1 Ricolta di parlare 1615 (?) Italia (Firenze,
Siena, Venezia)
Ital. Oct. 3 Libro di proverbi 1690 Germania
Ital. Oct. 4 Estratto di segreti 1685-1698 Italia
medicinali
Ital. Oct. 7 Raimondo Montecuccoli XVII sec. Italia (?)

Manoscritti dei secoli XVII/XVIII (datazione insicura o


miscellanee di documenti provenienti dai due secoli):
Manoscritto Nome del manoscritto Datazione Area di
provenienza
Ital. Fol. 54 Annotazione sopra XVII/XVIII sec. Italia (?)
listruzione di Pietro
dAragona
Ital. Fol. 138 Gregorio XV papa XVII/XVIII sec. Italia
Miscellanea di scritti
storici

15
Ital. Fol. 145 Silvio et Ascanio Corona XVII/XVIII sec. Italia
Istoria di Sigismondo,
Conte dArco
Ital. Fol. 157 Relazioni varie XVII/XVIII sec Italia
Ital. Fol. 166 Appunti e postille per XVII/XVIII sec. Italia
Cherubino Ghirardacci (I) (Bologna)
Ital. Fol. 167 Appunti e postille per XVII/XVIII sec. Italia
Cherubino Ghirardacci (II) (Bologna)
Ital. Quart. 9 Bartolomeo Dotti XVII/XVIII sec. Italia
Ital. Quart. 46 Narrazione del successo XVII/XVIII sec. Italia (?)
di un fenomeno seguito
lanno del Nostro
Signore 1650 a presso
lisola di Santorino
Ital. Quart. 84 Raccolta di poesie dei XVII/XVIII sec. Italia (Perugia)
poeti perugini
Manoscritti del XVIII secolo:
Manoscritto Nome del manoscritto Datazione Area di
provenienza
Ital. Fol. 51 Traiano Boccalini XVIII sec. Italia
(prima met)
Ital. Fol. 52 Libro di marmi antichi 1720 Italia (Roma)
Ital. Fol. 137 Zaccaria Valaresso XVIII sec. Italia
Ital. Fol. 143 Differenze tra la Santa XVIII sec. Italia
Sede e le corti estere (seconda met)
Ital. Fol. 146 Corrispondenza di XVIII sec. Italia
Clemente XIV e Pietro
Memo
Ital. Fol. 147 Raccolta di scritti e XVIII sec. (fine) Italia
poesie
Ital. Fol. 163 Discorsi teologici XVIII sec. Italia
e politici intorno a
benefici del Regno di
Napoli
Ital. Fol. 168 Cherubino Ghirardacci 1734 Italia (Bologna)
Ital. Fol. 169 Cherubino Ghirardacci 1734 Italia (Bologna)

16
Ital. Fol. 173 Collectanea 1784-1791 Italia,
ad Historiam Germania
Reformationis ex
Bibliothecis Romanis
Ital. Quart. 5 Pietro Rossi Francesco 1794-1796 Italia (Pisa)
Vacca Berlinghieri
Ital. Quart. 10 Bartolomeo Dotti XVIII sec. Italia
Ital. Quart. 13 Giovanni Pozzobon XVIII sec. Nord Italia
(Schieson) Traduzioni (seconda met) (Treviso)
di testi letterari dal
francese
Ital. Quart. 17 Relazione del 1731/1732 Italia (Cesena?)
funestissimo evento
della Signora Cornelia
Zangheri
Ital. Quart. 18 Vito Niccol Toralli 1772 Italia (Napoli)
Ital. Quart. 22 Gregorio Leti XVIII sec. Italia ?
Ital. Quart. 24 Dispute in serenissimo XVIII sec. (fine) Italia
consiglio (Venezia?)
Ital. Quart. 29 Vita di Sisto V estratta 1746 Italia (Roma)
da Gregorio Leti
Ital. Quart. 34 Patrizio de Rossi XVIII sec. Italia
Raccolta di processi ed
esecuzioni
Ital. Quart. 35 Domenico Michelessi XVIII sec. (fine) Germania (?)
Ital. Quart. 37 Capitoli riguardanti 1788 Italia (Venezia)
gli Ebrei di Venezia del
doge Paolo Renier
Ital. Quart. 41 Commissione del doge 1736 Italia (Veneto)
Alvise Pisani a Paolo
Quirini
Ital. Quart. 58 Il Falcone o sia la XVIII sec. Austria
povert generosa. Opera (met) (Vienna)
Ital. Quart. 59 Pier Antonio 1705 (?) Austria
Bernardoni (Vienna ?)
Ital. Quart. 68 Scritti sulla Congregatio XVIII sec. Italia
veneta S. Lazari mona-
chorum armenorum
s. Antonii abbatis sub
regula S. Benedicti

17
Ital. Quart. 74 Josef Tamar XVIII sec. Italia (?)
(prima met)
Ital. Quart. 75 Abraham Gher di 1754 Italia
Cordova
Ital. Quart. 80 Ritratto della relazione XVIII sec. Italia
della Corte di Roma
Ital. Quart. 83 Commissione del doge 1734 Italia (Venezia)
Carlo Ruzini
Ital. Quart. 85 Johann Matthias von 1751-1752 Italia
der Schulenburg
Ital. Oct. 2 Libretto di sonetti 1760 (?) Germania
appartenenti a Dirceo (Berlino)
Gasparini
Ital. Oct. 12 Giorgio Gabbi 1718 Italia

Manoscritti del XIX secolo:


Manoscritto Nome del manoscritto Datazione Area di
provenienza
Ital. Fol. 135 Codice dArqu 1819 Italia (Padova)
Ital. Fol. 164 Efraimo Lessing XIX sec. Italia
(Alessandro Brasca) (seconda met) (Verona?)
Ital. Fol. 165 Johann Wolfgang XIX sec. Italia
Goethe (Giuseppe Rota) (seconda met) (Verona?)
Ital. Quart. 11 Domenico Tempio XIX sec. (primo Italia
quarto)
Ital. Quart. 12 Domenico Tempio 1812-1830 Italia (Sicilia?)
Ital. Quart. 19 Raccolta di carte 1820-1840 Italia (Venezia)
amministrative
riguardanti Venezia
Ital. Quart. 21 Storia dellIlliria XIX sec. (primi Italia
(Croazia) decenni)
Ital. Quart. 25 Descrizione del Museo 1824 Italia (Milano)
Trivulzio
Ital. Quart. 28 Novl Testament 1848-1852 Irlanda
Ital. Quart. 30 Gaetano Marini XIX sec. Italia
Bartolomeo Borghesi
Ital. Quart. 39 G. Niculy (Limberi) XIX sec. Italia
(secondo quarto)

18
Ital. Quart. 40 G. Niculy (Limberi) XIX sec. Italia
Ital. Quart. 43 Giovan Francesco XIX sec. Italia
Napione (Piemonte ?)
Ital. Quart. 44 Lettere a Karl Ritter 1826 Italia (Roma)
Ippolito Desideri
Ital. Quart. 45 Ippolito Desideri 1826 Italia (Roma)
Ital. Quart. 60 Pietro Bagnoli XIX sec. (inizio) Austria (?),
Germania (?)
Francia (?)
Ital. Oct. 5 Domenico Chelini 1844 Italia (Roma)
Ital. Oct. 13 Ottave enigmatiche XIX sec. Italia

Non si osserva una incisiva differenza numerica tra i manoscritti prove-


nienti dai secoli XVII e XVIII. Insieme coprono quasi l80 % di tutta la colle-
zione, a fronte di una quantit notevolmente pi bassa (il che comprensi-
bile) di quelli ottocenteschi. Per visualizzare le proporzioni della cronologia
dei manoscritti si propone il seguente grafico:

31% 11% 37% 21%


XVII sec XVII/XVIII sec XVIII sec XIX sec

Un altro aspetto rilevante, oltre alla la datazione dei manoscritti, la loro


localizzazione. Rispetto ai secoli precedenti (fino al 1600) cambia la situazio-
ne. Pur trattandosi sempre in prevalenza di codici provenienti dal Nord Ita-
lia (sicuramente pi della met di tutti i manoscritti eseguiti in Italia) e il pi
spesso dal Veneto, osserviamo anche la presenza di codici nati in altre parti
della Penisola. Sono cinque i mss. che vengono sicuramente da Roma, alcuni
sono toscani (Pisa) o umbri (Perugia), ma una novit costituiscono i codici
legati alla Sicilia e alla Campania. La localizzazione dei codici moderni pre-
senta certe difficolt in quanto luso del toscano assunto progressivamente

19
come lingua italiana standard e depurato da tratti dialettali o regionali non
permette a volte di rintracciare il luogo della realizzazione del manoscritto.
Spesso, non incontrando nel testo uninformazione in proposito, possiamo
proporre solo unipotesi in base alla tematica trattata.
Una novit in assoluto rispetto ai secoli remoti la produzione dei manoscrit-
ti in italiano, avvenuta per intero o parzialmente fuori della Penisola. Gli autori di
questi codici erano sia Italiani residenti allestero sia stranieri. Nel primo caso si
tratta p.es. di professori o traduttori italiani, come Dirceo Gasparini, possessore,
copista e forse autore del libretto di poesie compilate o trascritte a Berlino (Ital.
Oct. 2), artisti come il librettista Pietro dAverara (Ital. Quart. 4) o autori di testi
drammatici, residenti a Vienna (Ital. Quart. 57, 58, 59); nel secondo: di politici o
studiosi che compivano le copie di libri, documenti necessari per le proprie man-
sioni o ricerche. Friedrich Mnter, teologo protestante durante il viaggio in Italia
compil excerpta dei documenti riguardanti la riforma protestante, completan-
doli dopo con le copie dei codici di Fulda (Ital. Fol. 173). Johann Joachim von Rus-
sdorf, politico, lasci annotazioni di carattere linguistico legate al proprio viaggio
in Italia, unite a unepitome dellopera di Stevechius (Ital. Oct. 1) e un certo Hame-
ling regal a suo figlio Karl, studente di matematica, una raccolta di proverbi e
motti eseguiti di propria mano (Ital. Oct. 3). La lingua italiana insomma continua
a mostrarsi come lingua internazionale ancora fino al tardo secolo XVIII, soprat-
tutto nel campo della cultura, e in modo particolare in quello del teatro.

Tipologia e tematiche dei codici


Tra i codici della collezione troviamo un cospicuo numero di testi non pub-
blicati o pubblicati tardi nel XIX o addirittura XX secolo. Vi per anche un
certo numero di testi copiati dalla stampa. In questo caso si tratter di opere
di difficile diffusione innanzitutto per motivi di censura, come le pubblica-
zioni di Gregorio Leti (Ital. Quart. 22; Ital. Quart. 29), di Giordano Bruno (Ital.
Quart. 7), di Tommaso Campanella (Ital. Fol. 48; Ital. Fol. 148), o testi letterari
di carattere troppo os, come alcune poesie del poeta siciliano Domenico
Tempio (Ital. Quart. 11 e 12). Non mancano inoltre estratti, compilazioni e
altre forme di riscritture. In alcuni casi il carattere mutevole intrinseco
allopera stessa che guarda allattualit; cos Giusta statera dei porporati
(Ital. Quart. 1) era ad ogni copia aggiornata con nomi e descrizioni di nuovi
cardinali, con la contemporanea eliminazione di quelli non pi in vita. In

20
altri casi si tratta di estratti - come nel manoscritto Ital. Quart. 4, copiato
prob. dalla stampa, dove troviamo unoriginale rielaborazione dei Secreti di
Falloppio - tramandati sotto il nome di un autore sebbene non scritti da lui,
oppure guidati da un principio tematico. Lopera di Marcello Alberini che
originalmente unisce i ricordi privati e pubblici, nel manoscritto Ital. Quart.
38 copiata parzialmente, solo nelle parti che riguardano gli eventi storici.
Evidentemente, questo era linteresse prevalente del copista, che cos ha tra-
sformato il testo da memorie in cronaca.
Il numero notevole di manoscritti della collezione databili soprattutto
al XVII secolo o ai primi anni di quello successivo riguardano appunto
le questioni politiche legate agli stati italiani (in particolare Venezia e, in
secondo luogo, Roma). importante dire che alcuni si trovarono nella bi-
blioteca berlinese prestissimo perch sono annotati nellantico catalogo del
1668 (p.es. certi testi delle miscellanee Ital. Fol. 48 e 49). Pi di una decina
di codici sono legati direttamente a Venezia. Si tratta di diversi documenti
di carattere amministrativo tra cui gli originali delle commissioni dei dogi,
cio raccolte di leggi e statuti regalati dai dogi ai funzionari mandati a go-
vernare i diversi territori o citt sotto il controllo della Repubblica, spesso
eseguiti in una forma molto lussuosa. Un corpus sostanzioso costituiscono
diverse relazioni di ambasciatori, per lo pi veneziani o pontifici, di cui la
maggioranza (ma non tutte) pubblicate in epoca moderna. Nelle miscella-
nee politico-storiche ritroveremo inoltre copie di diversi documenti legati
allamministrazione della Santa Sede e degli stati italiani ed europei: istru-
zioni, memorie, lettere (alcuni trascritti in pi copie). Un gruppo assai visto-
so quello delle descrizioni degli stati italiani ed europei nonch della corte
di Roma spesso in forma abbreviata, probabilmente riassunti delle relazioni
degli ambasciatori, eseguiti su commissione di persone pubbliche o private
con funzione didattico-informativa. Alcune risultano copie o abbreviazioni
dei documenti stampati p.es. nei tre volumi del Thesoro politico pubblicati
nei primi anni del XVII secolo o tra la documentazione riguardante la situa-
zione dei gesuiti in Portogallo, edita a stampa nel 1760. Un altro esempio
interessante costituito dalla relazione di Francesco Marcaldi (Relazione
dello stato della regina di Scozia) contenuta nel codice Ital. Fol. 49. Lautore
(che in questo caso non copi lopera) era un noto compilatore di relazioni
storico-politiche che preparava in diversi esemplari, con dediche differenti,
spedendole a destinatari da cui si aspettava ricompense; in questo modo

21
ogni copia diventava personalizzata, cosa che difficilmente si poteva realizza-
re con le opere a stampa. Una categoria a parte tra la scrittura storico-politica
e quella di finzione sono testi che potrebbero essere ascritti alla cronaca
nera: relazioni di morti violente, processi ed esecuzioni. In generale la quan-
tit e la qualit di testi storico-politici o pseudostorici, provenienti dal secolo
XVII conforme alla concezione di storia come macchinazione dei potenti, vi-
gente in quellepoca. Tra questi documenti senzaltro da notare il codice Ital.
Fol. 53 eseguito da un certo non meglio identificato Andreas Hltzel, forse una
spia austriaca nei territori dominati dallImpero Ottomano negli anni 1663-
1664 durante la IV guerra austriaco-turca per il dominio della Transilvania.
Questo testo, scritto in italiano da uno straniero e a quanto sembra dedicato
alla corte viennese (o forse anche a quella pontificia) costituisce un enigma
sicuramente da studiare.
Un nutrito gruppo di manoscritti sono quelli di carattere prettamente
letterario. La percentuale dei testi letterari cresce a partire dal secolo XVIII.
In alcuni casi si tratta probabilmente delle copie dei testi stampati: p. es. il
dramma di Giacinto Andrea Cicognini (Ital. Quart. 73), il libretto dellora-
torio Le due passioni di Pier Antonio Bernardoni (Ital. Quart. 59) una parte
delle poesie di Bartolomeo Dotti (Ital. Quart. 9) o le traduzioni dei dram-
mi di Lessing e Goethe (Ital. Fol. 164; Ital. Fol. 165). Di solito abbiamo per
a che fare con delle copie create indipendentemente dalla pubblicazione a
stampa, avvenuta forse pi tardi. Questa la situazione del poema di Zac-
caria Valaresso Baiamonte Tiepolo (Ital. Fol. 137), delle Satire di Bartolomeo
Dotti (Ital. Quart. 10) e delle rime di Domenico Tempio (Ital. Quart. 11 e Ital.
Quart. 12). Di notevole interesse sembra il codice Ital. quart, 13 con le poesie
approntate di propria mano da Giovanni Pozzobon per la pubblicazione nel
suo Prognostico Schieson Trevisan e fornite di autentiche formule dellim-
primatur e dellaprobatio. A quanto si sa, pochi sono gli autografi conser-
vati di questo poeta trevigiano. Spicca inoltre la voluminosa antologia, in
prevalenza di poeti perugini, che contiene 448 poesie in gran parte inedite
(Ital. Quart. 84). Una serie interessante costituiscono anche quattro libretti
legati a Vienna: il sopra menzionato oratorio Le due passioni, lintermezzo
di Niccol Minato composto per lonomastico dellimperatore Leopoldo I, Il
Falcone, opera anonima e Numa Pompilio di Pietro Bagnoli (Ital. Quart. 57,
58, 59, 60). Essi costituiscono la testimonianza della vita teatrale nella capi-
tale asburgica, dominata da artisti italiani.

22
Nel caratterizzare le tipologie dei codici sembra lecito accennare anche al
mutato carattere dei manoscritti ottocenteschi. Essi risultano documenti ese-
guiti con ben precise finalit; si tratta per lo pi di scritti eseguiti per/da perso-
ne (spesso straniere) legate alla cultura italiana con degli interessi scientifici o
letterari. Il ms Ital Fol. 135 una trascrizione dellalbum dei visitatori della casa
di Petrarca ad Arqu effettuata da un suo ammiratore e forse anche turista. Ital.
Quart. 25 un manoscritto eseguito su commissione di Gian Giacomo Trivulzio
e Ital. Quart. 28 contiene la trascrizione eseguita dal teologo protestante Johann
Joachim Herzog. Gli scritti di Bartholomeo Borghesi sono stati copiati dal nu-
mismatico Eduard Philippi (Ital. Quart. 30). Gli interessi numismatici hanno
mosso anche il copista degli inediti scritti di Giovan Francesco Napione, forse
ordinati da Bononi Friedlaender, invece gli Ital. Quart. 44 e 45 sono stati eseguiti
su commissione del geografo tedesco Carl Ritter. Gli interessi letterari stanno
alla base della collezione del professor Francesco Valentini, residente a Berlino,
autore di dizionari italo-tedeschi, comprata dalla Knigliche Bibliothek.
La caratteristica generale della collezione berlinese/cracoviana dei manu-
scripta italica provenienti dai secoli XVII, XVIII, XIX, rispetto a quelli pi anti-
chi, che in parte essi costituiscono testimonianza delle relazioni di carattere
culturale tra lItalia e la Mitteleuropa. Ne sono prova lidentit degli autori/
copisti spesso non italiani o italiani residenti allestero; le finalit dellesecu-
zione dei documenti (opere dedicate ai regnanti europei, a volte con intento
panegirico: limperatore Leopoldo I Asburgo dedicatario dellItal. Quart. 58,
Federico III, elettore di Brandeburgo dellItal.Quart. 4, Federico il Grande,
re di Prussia dellItal. Quart. 18 e in modo indiretto dellItal. Oct. 2), motiva-
zioni (studio della cultura italiana) e luogo di esecuzione: p.es. Berlino, Vien-
na. Si calcola infatti che dal numero complessivo di 86 codici, una quindicina
pu essere stata eseguita fuori dallItalia, per lo pi in Prussia o in Austria.
Nella capitale asburgica nacquero tra laltro alcuni testi di carattere teatrale
gi citati sopra, testimoniando dellimportanza del teatro musicale italiano e
della lingua italiana in quanto lingua di cultura, e scritti di carattere politico
(Ital. Quart. 31). Non inoltre da trascurare limportanza del territorio asbur-
gico nella formazione della collezione berlinese, in quanto questa si arricch
notevolmente tramite acquisti e doni delle biblioteche di importanti famiglie
nobiliari dellImpero come quelle di Stahremberg, Wrbna, Windischgrtz5.

5 Precise informazioni biobibliografiche si trovano nelle schede dei singoli codici.

23
Storia della collezione
NellIntroduzione al primo volume si dedicato un po di spazio alla sto-
ria della collezione, alle vicissitudini che hanno portato allarrivo dei codici
a Cracovia e allo stato di conservazione della collezione6; inoltre sar utile
richiamare il volume di A. Rzepka, R. Sosnowski, P. Tylus, The history of the
collection of Romance manuscripts from the former Preussische Staatsbiblio-
thek zu Berlin, kept in Jagiellonian Library in Krakw the overall study7, non-
ch i materiali che si possono trovare sul sito del progetto Fibula: http://
info.filg.uj.edu.pl/fibula/it.

Schede e criteri di trascrizione

Schede
Per la descrizione dei manoscritti moderni non del tutto in conformit alla
tendenza corrente si usato lo stesso schema della scheda adoperata nella
catalogazione dei codici medievali e rinascimentali. Ci permette di solito di
fornire dettagli maggiori sugli aspetti codicologici del manoscritto senza tra-
scurare limportanza della descrizione contenutistica. Lintestazione di ogni
scheda contiene le seguenti informazioni: supporto scrittorio, numero com-
plessivo di carte, dimensioni, data della realizzazione del manoscritto, luogo
della realizzazione e lingua del manoscritto. Tuttavia, la materia scrittoria in-
dicata nellintestazione del manoscritto solo se si tratta di materia diversa dalla
carta (p.es. Ital. Quart. 83). Lo stesso riguarda la lingua. Essa esplicitamente
indicata nellultima posizione nei casi dove non si tratti del solo volgare italiano
(p.es. Ital. Quart. 28). Nel caso dei manoscritti compositi, le cui unit codico-
logiche sono differenziate attraverso luso delle cifre romane, le informazioni
dellintestazione sono indicate per ogni unit codicologica (p.es. Ital. Fol. 48).
Una scheda composta generalmente da due parti; la prima di tipo co-
dicologico e storico e la seconda relativa ai testi contenuti nel manoscritto.
Questa divisione generale cambia leggermente nei manoscritti fattizi dove

6 Cfr. R. Sosnowski, op. cit., p. 23


7 Krakw 2011.

24
le informazioni codicologiche sono divise in due parti: allinizio della sche-
da si trovano notizie comuni per tutte le unit (tipicamente le informazioni
relative alla legatura e alla storia) e, successivamente, i dati specifici di cia-
scuna unit codicologica.
Per quanto riguarda le informazioni codicologiche e storiche, si cer-
cato di rilevare tutti i dati essenziali: stato di conservazione, fascicolazione,
filigrane ove identificabili e databili, foliazione (molte volte stata corretta
durante la schedatura), dimensioni e impostazione dello specchio di scrittu-
ra, numero di righe, tecnica di rigatura, descrizione della legatura con la sua
datazione se possibile. Sono riportati i cartellini dasta, le note e i commenti
antichi che possono condurre ai precedenti possessori dei codici. descritta
anche la decorazione.
Nel caso della collezione berlinese conservata a Cracovia si presenta la
possibilit di ricorrere alla consultazione diretta delle copie digitali dei ma-
noscritti allinterno della Jagielloska Biblioteka Cyfrowa (Biblioteca Digita-
le Jagellonica) allindirizzo: http://jbc.bj.uj.edu.pl/dlibra.

DA NOTARE:
A causa delle dimensioni limitate di questo volume, non sono stati trascritti
tutti gli incipit dei componimenti poetici raccolti nei mss: Ital. Fol. 135, Ital.
Quart. 9, Ital. Quart. 10, Ital. Quart. 10, Ital. Quart. 18, Ital. Quart. 84, Ital. Oct. 13
che ammontano allincirca a un migliaio.
Criteri di trascrizione
Scioglimento delle consuete abbreviazioni paleografiche senza alcuna in-
dicazione. In particolare si scrive mondo, conservare, questo, pericolo e non
mo(n)do, con(ser)vare, q(ue)sto, p(er)icolo.
Separazione delle parole secondo i criteri moderni.
Interventi minimi sulla punteggiatura (divisione in frasi) per rendere
comprensibile il testo.
Accenti gravi e acuti secondo l uso moderno. Introduzione del segno di
apostrofo. Apostrofo usato anche per lelisione. Viene, invece, conservato
luso originale di maiuscole anche se diverso dalluso moderno.
Luso della lettera u e v uniformato secondo luso moderno.
Il segno j, usato in posizione finale di parola trascritto con i, mentre in
altre posizioni stato trascritto come tale.

25
Vengono segnalate le autocorrezioni del copista.
Non si segnalano: a) segni di paragrafo b) segni di fine riga.
Tra parentesi quadre sono presenti le aggiunte fatte per completare le
lettere mancanti, completamento delle abbreviazioni non comuni e com-
menti redazionali.
Qualsiasi trascrizione dei testi interpretativa. Inevitabilmente, pi
volte si tratta di scelte arbitrarie e in controtendenza rispetto alla diffusa
convinzione nel mondo filologico di agire nel maggior rispetto del testo ori-
ginale, incluse le sue caratteristiche grafiche e di interpunzione. Tuttavia,
visto che si tratta di un catalogo, lobiettivo principale era quello di facilitare
le ricerche e per tale scopo si ritenuta utile una certa uniformazione delle
trascrizioni sia interna, sia nei confronti di cataloghi e incipitari pubblica-
ti finora. Inoltre, le interpretazioni non privano i lettori della possibilit di
osservare con i minimi dettagli la veste originale delle opere contenute nei
manoscritti, poich si pu rimandare il lettore alla Jagiellonian Digital Libra-
ry (cfr. supra) che in questo periodo sta allestendo un database contenente
la totalit delle immagini dei manoscritti in una risoluzione che permette la
loro agevole consultazione.

26
Descrizione dei
manoscritti

Ms. Ital. Fol. 48


Tommaso Campanella Miscellanea di scritti politici e vari
II + 250 ff. + III XVI-XVII sec. Italia

Manoscritto in discreto stato. Macchie di umido e dinchiostro Tra i ff. 117 e


118 il tallone di una carta strappata Paginazione antica ad inchiostro, poste-
riore alla stesura dei mss., incompleta, irregolare e in parte erronea; segnate
le pagine iniziali di alcuni testi. Verso la fine continuata a matita e ad inchio-
stro da una mano pi recente Foliazione a matita dellintero codice, recente
Le successive unit testuali del codice segnate dal bibliotecario moderno
con le lettere a, b, c, d, e, f, g, h, i, k, l Testo apiena pagina Scrittura di pi
mani Dimensioni e numero di righe varie in diversi documenti Sottoline-
ature e postille in margine posteriori in tutto il manoscritto, eseguite prob.
da una stessa mano.
Mezza legatura ad angoli del XIX sec. (305 220 mm). Dorso ed angoli
in pelle marrone chiaro. Tre nervi semplici. Piatti in cartone coperti di tela

27
scura, delimitati da filetto triplo, impresso a secco. Dorso arrotondato con
cinque fregi impressi a secco, quattro scomparti. Sul dorso il titolo impresso
a secco in oro Fra Tomaso Campanella Monarchia di Spagna Ms. Ital. e la
segnatura attuale sulletichetta rossa. Contropiatti in carta bianca, carte di
guardia unite al contropiatto. Taglio grezzo.

Il codice costituisce una miscellanea e si compone di due parti. La prima


parte contiene due manoscritti. Il ms. I una copia di Monarchia di Spagna
di T. Campanella, e porta la data 1598, in seguito cancellata. Si tratta per
della data della stesura delloriginale e non di quella della copia. Il ms. II
composto da copie di scritti di carattere storico-politico concernenti Vene-
zia, Firenze e Roma. Eseguite da due copisti, ma sullo stesso tipo di carta,
provengono da uno stesso ambiente e permettono una datazione simile. Le
date del testo stabiliscono il terminus post quem (1605). I sopraccitati do-
cumenti (ff. 1-245) inizialmente costituivano un insieme fornito di un indice
comune, eseguito per pi tardi da una mano diversa (245vo) insieme a una
parziale paginazione. Questa parte del codice rimaneva priva di copertina a
giudicare dai ff. 1ro i 245vo imbruniti. La datazione confermata dal pi anti-
co catalogo dalla biblioteca, Cat. A 465 - Catalogus Manuscriptorum Biblio-
thecae Electoralis Brandenb. Colon. Anno 1668, in cui a f. 50r-v con il n. LXX-
XI sono registrati 4 testi: il ms. I, ed i tre primi testi del ms. II (ff. 1ro-223ro).
Non chiaro perch manchino altri documenti menzionati dallindice del f.
245vo visto che i frammenti recati dai ff. 224-245, eseguiti dalla stessa mano,
sono coevi. I mss. sopraccitati sono entrati nella biblioteca prima del 1668
(manca il numero dingresso). La seconda parte del codice contiene i mss.
aggiunti dopo (III, IV, V), ma mancano informazioni sulle date e circostanze
in cui sono entrati a far parte della collezione della biblioteca. Prob. anches-
si sono di antica provenienza. Essi presentano diverse caratteristiche mate-
riali: formato, carta e scrittura. Riguardano anche diverse tematiche. Il ms.
IV (f. 248) databile al sec. XVI (con molta probabilit 1549). I mss. III i V
(ff. 246ro-247vo; 249ro-250ro) visto il contenuto: eventi e persone menziona-
te, furono eseguiti sul finire del XVII sec., il ms. III contiene la copia di una
relazione anonima della scoperta della tomba dei Nasoni in via Flaminia
avvenuta nel 1674, stampata nel 1719. Il ms. V copia di una lettera esegui-
ta da uno straniero (prob. tedesco) a giudicare dallannotazione copie dun
(sic!) lettre italienne. Menziona personaggi quali Enrico Noris (1631-1704) e

28
Antonio Magliabechi (1633-1714), nonch una recente pubblicazione di Pe-
riegesis di Pausania (Thomas Fritsch, Leipzig 1696) curata da Joachim Khn
(1647-1697). Luogo di esecuzione insicuro. Linsieme del codice rilegato nel
XIX sec. (Cfr. supra). La segnatura attuale Fol.48 sul dorso e a f. Iro; timbri
della Knigliche Bibliothek a ff. 1ro e 250vo.
Lemm, pp. 69-70.

(I) ff. 1ro-116vo 295 200 mm XVII sec. Terminus post quem: 1598

Manoscritto in buono stato. Tracce dumido Fascicoli: 1V10 + 1IV18 + 9V108 +


1IV116 Paginazione coeva fino a f. 3ro Richiami e falsi richiami Testo apiena
pagina, dimensioni: 250 147 mm; 24 righe Margini per impressione Scrit-
tura di una sola mano In margine annotazioni ad inchiostro e sottolineatu-
re nel testo di unaltra mano.

ff. 1ro-116vo. Tommaso Campanella: Discorsi della Monarchia di Spa-


gna. Titolo e testo. >DISCORSI/ Della Monarchia di Spagna Fatti/ da Fra To-
maso Campanella/ nellAnno 1598/ [data cancellata] e dellet sua XXXmo/
Proemio< Caminando da Levante a Ponente la Monarchia universale per mano
de glAssirii, Medii, Persiani, Greci e Romani et per captum Lectoris habe-
ant sua facta libelli a V. S. con questo bascio le mani, pregandoli da N. S.re con la
felicit dellanno, laccrescimento de suoi dovuti e meriti honori >Il Fine< Il te-
sto conservato in numerose copie sia manoscritte che stampate. La biblio-
grafia ne annota 60 testimoni secenteschi, conservati in Italia e in diversi pa-
esi europei (Spagna, Germania, Francia, Inghilterra, Austria, Russia). I codici
presentano due gruppi di varianti. Al primo appartengono le versioni non
contaminate (6 testimoni), al secondo versioni completate e arricchite in di-
verso grado con intrusioni, ricavate da Della ragion di Stato di G. Botero. Si
individuano inoltre i sottogruppi che si caratterizzano per alcuni dettagli: la
presenza della data di stesura dellopera che varia tra il 1598 e il 1600, e nelle
parti finali dati riguardanti le circostanze della sua stesura. LItal. Fol. 48
menzionato dalla letteratura del soggetto in quanto conservato nella biblio-
teca di Berlino (cfr. L. Firpo, Bibliografia degli scritti di Tommaso Campanel-
la, Torino 1940, p. 62, no 33). Appartiene al gruppo di 10 testimoni che recano
in quanto alla data di stesura 1598 che fu trentesimo dellet dellautore e sem-
bra appartenere alla versione completata. Le pi antiche pubblicazioni a

29
stampa, antume, furono quelle tradotte in tedesco (1620, 1623), le successive
pubblicazioni furono latine (due nel 1640, due nel 1641, 1653, 1685, 1686, 1709)
ed inglesi (1654, 1650). La prima edizione delloriginale italiano ebbe luogo
forse nel 1840 perch menzionata nella stampa coeva, ma non conservatasi,
il che induce addirittura a dubitare della sua esistenza. La prima edizione di
cui disponiamo quella in Opere di Tommaso Campanella scelte, ordinate
ed annoverate da A. DAncona, Torino 1854, pp. 77-229, preparata in base al
ms. BNF Magl. CI. VIII. cod. 6, 341-502. Appartiene al gruppo completato da
numerose intrusioni di Botero. La seconda edizione, contemporanea: La
monarchia di Spagna: prima stesura giovanile (a c. di) G. Ernst, Napoli 1989.
Per le notizie riguardanti la storia e la fortuna del testo cfr. (R. De Mattei,
Studi campanelliani, Firenze 1934, pp. 58-81; L. Firpo, Bibliografia..., cit.,
pp. 56-67; L. Firpo, Ricerche campanelliane, Firenze 1947, pp. 190-203).

(II) ff. 117ro-245vo 295 197 mm XVII sec. Terminus post quem: 1605 italia-
no, latino

Manoscritto in discreto stato. Tracce dumido Fascicoli: 1(I-1)117 + 8IV181 +


1I183 + 4IV215 + 1I217 + 1III223 + 1IV231 + 1III237 + 1I239 + 1III245 Paginazione dei fogli
iniziali delle successive unit testuali (233, 365, 433, 445, 461, 469, 473) ese-
guita prob. da chi compil lindice, e di alcune carte interne, parzialmente
erronea fatta da mano diversa (241, 249, 253, 259, 261, 267, 271, 279, 289, 295, 301,
311, 321, 331, 341, 449); nelle parti finali aggiunta paginazione parziale a matita
di una terza mano (475, 477 479, 481, 483, 484) Segnato il numero dei fogli in
singoli documenti (217vo) - 34; (231vo) - 8; (237vo) - 6; (245vo) - 6 Richiami e
falsi richiami Testo apiena pagina, dimensioni: (230-255) (140-160) mm;
16-26 righe Margini piegati Scrittura di una mano tranne ff. 218ro-223ro
In margine annotazioni ad inchiostro e sottolineature nel testo di unaltra
mano. (245vo) indice che contiene i mss. I-II, fatto da una mano diversa Fogli
bianchi: 117, 183vo, 217vo, 223vo, 237vo.

ff. 118ro-183ro. Relazione di Giovanni Delfino. Titolo e testo. >Relatione


di Roma dellIll.mo signor Giovan Delfino Cavagliere et Procuratore ritornato
Ambasciatore per la Ser.ma Signoria di Venetia lanno 1600< Silvestro Aldo-
brandino nei tempi della ribellione di Fiorenza, scacciato di quella citt, se ne
venne qui... e che la Repubblica forse mai pi, se lascia questa occasione,

30
ne incontrer una simile, e tanto sia detto da me con solo fine di servizio della
mia patria. >il fine< Relazione del card. Giovanni Delfino (1545-1622), negli
anni 1594-1598 ambasciatore della Repubblica di Venezia presso la Santa
Sede. Non chiaro se la data 1600 si riferisca alla stesura delloriginale o
della copia perch Delfino aveva compiuto la sua missione diplomatica nel
1598 e la maggioranza dei numerosi testimoni portano questa data. I codici
recanti il testo tra gli altri BNP: it. 685 (cote), 55-124; it. 688 (cote), 159-189;
BNF: Cod. XXVII, Magl. 224, Fondo Capponi, cod. LXXXI, n. 1; cod. LXXXIII, n.
4; cod. II, IV, 458 (Magl. Cl.XXX, n. 208); cod. II, IV, 290 (Magl. Cl. XXV, n. 108);
BAV: Urb. Lat. 836, 451r-509v; Urb. Lat. 1009, 27r-60v; Vat. Lat. 6329, 188r-
216v; Vat. Lat. 7485, 1r-26r; Vat. Lat. 13413, 1r-30r; Vat. Lat. 13414, 1r-86r; Vat.
Lat. 13422, 357r-444r; Vat. Lat. 13436, 1r-102r. Consultati: BNF, II, IV, 458 datato
1604, fasc.11-14, acefalo; Riccard., 1962, 75-92, XVII sec. Testi identici tranne
poche varianti stilistiche. Testo edito in: RAVS, 2.4, 1857, pp. 451-504.
ff. 184ro-217ro. Relazione dello stato del Gran Duca di Toscana. Titolo
e testo. >Relatione del stato, sito, gran/ dezza, forze ricchezza et en/ trata et
spesa del gran/ Duca di Toscana< Il Ser.mo Ferdinando de Medici gran Duca di
Toscana, possiede la maggior e miglior parte di questa provincia, possedendo
ancora un aparte della Romagna Fiorentina... et perci stimato tra gli altri
Prencipi per il danaro, et per il mobile, Dio lo feliciti con tutta la sua prole et [...]
fine fortunato alla gran Duchessa sua consorte. >il fine< Il ms. costituisce una
specie di relazione sul Gran Ducato di Toscana e prob. un riassunto ricavato
dalle relazioni degli ambasciatori. Contiene dati di carattere geografico, am-
ministrativo, economico, militare e politico. Alla fine enumera i pi eminenti
membri del casato dei Medici: papi, cardinali, membri della famiglia ducale.
Un testo simile, ma pi breve cfr. lItal. Fol. 162, 100ro-117vo. Gli inventari di di-
verse biblioteche notano testi affini p.es. Majortna Knihovna Hrabata z No-
stitz in Praga, Ms. a 21 (125g), 50-71; NB, ser. n. 1915, 36r-56r. Consultati: BNF,
II, IV, 458, fasc.15-16; datato 1604, (il testo comincia in modo identico, e in vari
luoghi affine allItal. Fol. 48; lelenco di personaggi pi ampio con aggiunta
di personaggi pi recenti, il che pu testimoniare una datazione posteriore),
Riccard., 1953, 278r-290v, datato 1620 corrisponde all Ital. Fol. 48, ma poi pro-
segue con altri dettagli ivi assenti. Testo in questa forma inedito.
ff. 218ro-223ro. Breve discorso sopra lArsenale di Venezia. Titolo e te-
sto. >Breve discorso et Relation fatta sopra/ lArsenale di Venezia< Nellentra-
re dellArsenale della Ser:ma Sig.ria di Venetia si passa per un Ponte sopra dun

31
Canale... et Massimiliano fratello dellImperatore, et al Duca di Branden-
burcht Ottone lanno 1579 di Genaro. Descrizione dellArsenale di Venezia con
particolari di carattere architettonico e strutturale-organizzativo. Lo stesso
testo cfr. lItal. Fol. 148, 669-691. I codici recanti testi affini p.es.: BNP, Dpar-
tement des Manuscrits, it. 1422 (cote), 385-396; Ambros., cod. P 237 sup. (cfr.
Kristeller, t. 6, p. 47). Testo inedito.
ff. 224ro-231vo. Le cose notabili nel Thesoro di venezia. Testo. >Le cose
notabili che sono nel The-/soro della ser.ma signoria di/ Venetia, et primo< Il
Corno overo Corona del Ser.mo Prencipe, et che con essa sincoronano li Pricipi
di Venetia... che aveva sopra la sua galera, quando fece prigione il figliuo-
lo di Federico Barbarossa su lArmata >il fine< una specie di inventario di
oggetti preziosi conservati nel tesoro del Palazzo Ducale di Venezia e nella
Sala Del Consiglio dei Dieci. La descrizione degli oggetti comprende anche
la loro provenienza e valore. Lo stesso testo cfr. lItal. Fol. 148, 653-668. I mss.
recanti testi affini p.es. Majortna Knihovna Hrabata z Nostitz in Praga, Ms.
a 21 (125g), 98-100; NB, ser. n. 1739, 44r-51r; Biblioteca dellAmbasciata di
Spagna presso la Santa Sede, cod. n. 454, misc. XVII sec. f. 1, (cfr. Anthologica
annua, 1954 (2), p. 627). Testo inedito.
ff. 232ro-237ro. Summarium Capitolorum post obitum Clementis Oc-
tavi. Titolo e testo. >Summarium Capitulorum quae fu-/ erunt iurata per
Cardinales in Con-/ clavi post obitum Clementis/ Papae mense Maii 1605/ et
denique iuranda per/ Ponteficem eligendum< Pacem servare inter Principes
Christianos Auxilium prestare in praesenti bello contra Turcos... in accep-
tatione pilei quilibet Cardinalis teneatur haec capitula iurare. >finis< Reso-
conto del conclave dopo la morte di Clemente VIII. Lo stesso testo cfr. lItal.
Fol. 148, 983-1024. I mss. recanti testi affini, p.es.: NB, ser. n. 1739, 10r-15v;
BNP, Manuscrits de la bibliothque de lArsenal, 8545, 48 Ital. fol. 305; BAV,
cod. Barb. XXXIII. 148, f. 73. Testo inedito.
ff. 238ro-239vo. Sonetto del Petrarca diviso in motti. Testo. >Sonetto
del Petrarca diviso in motti, il quale, postovi linfrascritte imprese, sapplica
alli Prencipi che intervengono nelli presenti mottivi di guerra< Cardinal di
Mantova/ La Sua impresa un scrigno aperto senza danari... ...Morto In que-
sto stato son donna per noi. >il fine< Sonetto del Petrarca Pace non trovo,
secondo usanza secentesca, diviso in versi che costituiscono motti alle im-
prese di alcuni casati aristocratici. Alle singole citazioni dal Petrarca seguo-
no descrizioni delle imprese. Testo inedito.

32
ff. 240ro-245ro. Ragionamento di Cosimo de Medici sopra la Corte di
Roma. Titolo e testo. >Ragionamento di Cosimo de Medici/ gran Duca di To-
scana con il Pren-/ cipe suo figliolo sopra la Corte/ di Roma< Ragionando il
gran Duca di Toscana Cosmo de Medici con il Prencipe suo figliuolo delli stati
del Mondo, et havendo discorso sopra il poter del gran Turco... ...et per do-
veria esser tenuta come una gioia prevista, et come una cosa sacra. >il fine<
Opinione sulla corte pontificia espressa da Cosimo I de Medici, Gran Duca
di Toscana a suo figlio. Una specie di apologia unita a una critica prudente di
carattere morale. In diverse biblioteche si trovano testi affini, p.es.: NB, ser.
n. 1739, 58r-63r; Kongelige Bibliothek di Kopenhagen, GkS 2190; BNP, Manu-
scrits de la bibliothque de lArsenal, Recueil Conrart, t. XXIII, p. 157; British
Museum. Dept. of Manuscripts, Add. 14.099, f 282; BAV, Chigi N.II.54, 60-64v.
Consultati: BNF, Fondo Capponi, cod. XXI, 401-405: Parere del Gran Cosmo
de Medici, Gran duca di Toscana sopra la corte di Roma (XVII sec.) e Ric-
card., 2000, 23-27v (XVII sec.) recano lo stesso testo dellItal. Fol. 48, tuttavia
linterlocutore del Gran Duca non suo figlio, ma lambasciatore di Francia.
Il codice riccardiano uguale al testo dell Ital. Fol. 48 solo fino a f. 25ro. Testo
inedito.

(III) ff. 246ro-247vo 165 105 mm XVII sec. Terminus post quem: 1674

Manoscritto in buono stato Un bifolio Segue la paginazione del documento


precedente fatta ad inchiostro solo sul recto delle carte; 485, 487 Testo apie
na pagina, dimensioni: 150 95 mm; 33 righe Scrittura di una sola mano.

ff. 246ro-247vo. Sepolcro con antiche Pitture trovato nella via fla-
minia. Titolo e testo. >Sepolcro con antiche Pitture/ trovato nella via flaminia
lanno 1674< Nella via Flaminia circa quattro miglia lungi dalla Citt di Roma
in luogo detto vulgarmente le grotte rosse... Questo poco ho notato allim-
provviso et alla prima vista del sepolcro et delle pitture, riserbando il giudizio
et li sensi a pi attenta e matura considerazione. una copia della pi antica
relazione di un autore anonimo (forse Mons. Suares) sulla scoperta in Via
Flaminia, a 4 miglia da Roma, dellantica tomba della famiglia dei Nasoni,
ricca di pitture e iscrizioni. Loriginale si trova nella BAV, Vat. Lat. 9136, 56-58.
Altre copie: Angel., cod. 1678, c. 96; BNF, II, IV 195 (Magl. Cl. VIII, n. 1405). La
relazione diede impulso alla dissertazione di S. Orsato (1617-1678): Discor-

33
so del conte Sertorio Orsato sopra una stanza sepolcrale in cui essa venne
stampata (cfr. S. Orsato, Marmi eruditi ovvero lettere sopra alcune antiche
inscrizioni, Padova 1719, pp. 241-244). Per altre informazioni sulla scoperta
cfr. G. Messineo, La tomba dei Nasoni, Roma 2000. La copia dell Ital. Fol.
48 conforme alla versione stampata del 1719 tranne differenze lessicali ed
ortografiche di minor conto.

(IV) f. 248ro-vo 247 210 mm 1549 italiano, latino

Manoscritto in discreto stato Un foglio Segue la paginazione del docu-


mento precedente fatta ad inchiostro solo sul recto della carta; 489 Testo
apiena pagina, dimensioni: 210 170 mm; numero di righe irregolare, varia
sul recto e sul verso Scrittura di una sola mano eccetto la firma sul recto del
Card. Farnese Annotazioni in margine della stessa mano.

f. 248 ro-vo. Copia di una pollice. Testo. >Copia della pollice data dal del
m. di casa del Papa< Ufficiali dordine di N. S.re darete pane vino et carne...
o

...mi stato pagato et me [...] da humilissimo servo >A. musio< Copia di quattro
documenti (tre in italiano e uno in latino) del 1549 riguardanti la retribu-
zione dellinterprete di tedesco presso la corte pontificia, Andrea Musio. Le
copie prob. eseguite nel momento di rilascio dei documenti. La firma del
card. Farnese forse autentica. Testo inedito.

(V) ff. 249ro-250vo 295 205 mm XVII sec (fine)

Manoscritto in discreto stato. Lembi sciupati Un bifolio Segue la pagina-


zione del documento precedente fatta ad inchiostro solo sul recto delle carte;
491, 493 Testo apiena pagina, dimensioni: 280 185 mm; 29 righe Scrittura di
una sola mano (249ro) in alto ad inchiostro copie (250vo) ad inchiostro copie
dun (!) lettre italienne in ordine verticale Fogli bianchi: 250vo.

ff. 249ro-250ro. Lettera anonima di argomento archeologico. Testo.


>Ill.mo Sig.re e Pa.ne mio Off.mo< Non so se recher a meraviglia V. S. Ill.ma che
doppo un silenzio di tanti anni, io venga ora a romperlo, colloccasione della
stanza in Firenze... come anche alla cara ricordanza del p[...]antico e corte-
se affetto. E con questo mi rassegno. di V. S. Hum.mo,. Copia della lettera di uno

34
straniero (oltremontano, prob. tedesco) a un italiano di Firenze che riguarda
la descrizione di una moneta antica. Il destinatore e il destinatario cono-
scono persone della cerchia di eruditi, letterati e archeologi fiorentini ed
europei. Nella lettera vengono menzionati: Antonio Magliabechi (1633-1714),
erudito, bibliofilo, bibliotecario della Biblioteca Palatina dei Granduchi di
Toscana, Christian Friedrich Bartholdi, diplomatico prussiano (1668-1714),
Enrico Norris, filosofo ed erudito (1631-1704) e la sua opera Annus et Epo-
diae Syro-Macedonum (1689). Si parla anche della pubblicazione in corso
di Periegesis di Pausania redatta da Joachim Khn (Leipzig 1696) e del suo
progetto di pubblicazione di Iouliou Polydeukous Onomastikon en biblioic
deka cio Julii Pollucis Onomasticum graece & latine, realizzata ad Am-
sterdam nel 1706. Khn (1647-1697) era un filologo, ottimo conoscitore del
greco e professore a Strasburgo. Siccome nella lettera si parla di lui al pre-
sente, essa deve essere stata scritta prima del 1697, forse proprio nellanno
della pubblicazione del Pausania. Testo inedito.

Ms. Ital. Fol. 49


Scritti storici
II + 682 + III XVI/XVII sec. Italia italiano, spagnolo

Manoscritto in buono stato. Tracce di umidit; un bifolio inserito (ff. 212-


213) per separare i testi Foliazione moderna, a matita, doppia dal f. 156 Le
successive unit testuali del codice segnate dal bibliotecario moderno con
le lettere a, b, c, d, e, f, g, h, i, k, l, o, p, q Quattro copisti, cambiamenti delle
mani: 78ro (2), 99vo (1), 214ro (3), 265ro (2), 305ro (1), 383r o (4), 386vo (1), 545ro
(4), 607ro (1), 623ro (4), 641 (1).

Legatura settecentesca, in cuoio marrone marmorizzato (300 200 mm).


Il tipo di cuoio marmorizzato dei piatti simile a Macchi, p. 293 - del XVIII
sec. Capitello Cinque nervi semplici, piatti in cartone, contropiatti in car-
ta bianca Sul dorso ornamenti floreali e il titolo MANUSCPRITA ITALICA
impressi in oro Sul piatto doppi filetti stampati in oro Le decorazioni sul
dorso e sul frammento della carta incollata sul contropiatto iniziale riman-
dano allo Stile Impero del secolo XVIII (cfr. ~Devauchelle. II, tav. VII, XXXV)
Tagli spruzzati.

35
Il codice composto di molti testi, scritti da quattro copisti. Le mani si
alternano, spesso allinterno dello stesso testo. Ci permette di datare tutti
i testi allo stesso periodo: prob. inizio del XVII sec. o fine del XVI sec. (cfr.
infra la filigrana delle carte 607ro-614vo). Alcune carte (ff.78-81) non sono
state tagliate accuratamente alla dimensione della legatura. Altre erano
pi piccole e furono ingrandite alle dimensioni della legatura con strisce di
carta accollate in basso (ff. 230-237, 540 e 545-683). Altre ancora (ff. 78-134
e 214-284) portano la foliazione originale. Tutto ci attesta che i testi, pur
scritti in parte dalla stessa mano e sullo stesso tipo di carta, non erano origi-
nariamente legati insieme, sebbene dovessero essere raccolti in un volume
molto presto. Il primo dei testi presenti nel codice registrato nel pi antico
catalogo di manoscritti della biblioteca: Catalogus Manuscriptorum Biblio-
thecae Electoralis Brandenburgensis, 1668 (f. 154v Sub Fenestra C Loculo
1, XLII) - il codice, pertanto si trovava nella biblioteca berlinese gi nel XVII
sec. Lelenco del contenuto fu stilato quando il codice era in possesso della
Knigliche Bibliothek di Berlino: le mani dei copisti sono ottocentesche. Il
secondo complet il lavoro dellaltro: aggiunse i testi che non erano stati
individuati dal primo nel codice. Lelenco completato combacia con la divi-
sione fatta da Lemm (cfr. Lemm, p. 70) e con la divisione dei testi a matita nel
corpo dellopera (tramite le lettere dellalfabeto) Sul contropiatto iniziale il
numero scritto a mano: N:61 (prob. una vecchia segnatura). (2ro) segnatura
attuale. (2ro, 683vo) timbro della Knigliche Bibliothek (IIro) tavola di con-
tenuto del codice scritta da due mani posteriori.
Lemm, p. 70; p. 98.

(I) ff. 2ro-77vo 287 190 mm spagnolo

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1IX2-19 + 1XI41 + 1(XX-4)77 (mancano le ulti-


me 4 carte del fascicolo - il testo non finito) Falsi richiami, non sempre presen-
ti Margini piegati Testo a piena pagina, dimensioni: 230 130 mm; 14-16 righe.

ff. 2ro-77vo. Sancho de Londoo: Discurso sobre la forma de reducir la


disciplina militar al mejor y antiguo estado. Testo. No se deve dudar che la
luenga Paz y poco exercitio del Arte militar ponga el olvido su buena disciplina,
aun que muchos han servito reglas della segun se usava y conveniera usar ensus
tiempos y todas coneverdan en que su principal fundamiento es obedientia, dela

36
qual provede no desemparar lugar ni turbar orden muera el offitial per ello
aunque l no le matasse ni hiriesse. Que... Trattato militare in spagnolo concluso
dallautore nel 1568 e pubblicato solo nel 1589 a Bruxelles. Incompleto per lacu-
ne materiali alla fine (arriva attorno ai tre quarti del testo del trattato). Il profilo
biografico di Sancho de Londoo nonch le informazioni sul trattato si trovano
in E. Garca Hernn. Don Sancho de Londoo. Perfil biogrfico, in Revista de
Historia Moderna. Anales de la Universidad de Alicante 2004 (22), pp. 61-86.

(II) ff. 78ro-134vo 287 195 mm (e minore)

Manoscritto in buono stato. Tracce di lavori di restauro: f. 135 incollato con


tallone Fascicoli: 1IV78-85 + 1VII99 + 2VI123 + 1(VI-1)134 (manca lultima carta del
fascicolo il testo non finito) Visibile foliazione originale, a inchiostro
(nn. 67-123) Falsi richiami, non sempre presenti Margini piegati Testo
a piena pagina, dimensioni: ff. 78ro-99ro (245-255) (150-155) mm; 20-29
righe; ff. 99vo-134vo 265 140 mm; 21-23 righe.

ff. 78ro-134vo. Lorenzo Contarini: Relatione della casa dAustria. Te-


sto. La casa dAustria, discede (sic!) dun piccolo Contado, che si chiama Hab-
spurg, et cos continuamente fin 1273, quando che essendo allhora Rodolfo,
in tempo chera vacata la sedia dellImperio 17 anni continavi per le discordie
de glelettori, havendo parte di loro eletto Imperatore Richardo fratello del Re,
dInghilterra, et il Re Alfonso di Spagna che egli ha in animo concluder la
lega de Germania, ordinar la Camera che... Si tratta di una relazione venezia-
na di Lorenzo Contarini del 1548 fatta al Senato dopo il ritorno dallAustria.
Al centro della narrazione gli eventi bellici del 1547. Pubblicata in RAVS, 1.1,
1839, pp. 369-469 con il titolo Relazione di Lorenzo Contarini ritornato
ambasciatore da Ferdinando, re de Romani. Il testo, mutilo, si arresta bru-
scamente a causa della caduta di fascicoli. Il punto in cui si arresta il testo
corrisponde alla p. 447 delledizione di Alberi in RAVS.

(III) ff. 135ro-154vo 287 190 mm

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1IV135-142 + 1(VII-2)154 (mancano le ul-


time due carte del fascicolo, prob. vuote il testo finisce a f. 153ro) Visibile
foliazione originale, a inchiostro (nn. 67-123) Falsi richiami, non sempre

37
presenti Margini piegati Testo a piena pagina, dimensioni: ff. 135ro-144vo
240 150 mm; 19-25 righe; ff. 145ro-149vo 230 130 mm; 16 righe; ff. 150ro-
153ro 230 130 mm; 16 righe Fogli bianchi: 153vo, 154.

ff. 135ro-154vo. Tre frammenti sulla storia della Spagna. Testo. Potere
di spagnoli, non per mostra effetto contrario a quello che ha mostrato sin
qui nel conservare la pace et concordia verso li Principi suoi vicini per
questa via la successione del Regno de Francia alla Casa reale di Spagna et
pi altrui che laltre ragioni che ho detto nelli altri capitoli secondo si ri-
trova in molti auttori per le historie. In questa unit codicologica risultano
fascicolate insieme diverse relazioni che riguardano la Spagna. Data la loro
frammentariet, poco si pu dire sui loro contenuti e sugli aspetti filologici;
il testo si concentra sui rapporti con lAustria e sul discorso di precedenza
tra la Spagna e la Francia.

(IV) ff. 155ro-211vo 287 190 mm

Manoscritto in buono stato. Tracce di lavori di restauro: f. 211 incollato


con braghetta Fascicoli: 1(XI+1)155-177 (una carta accollata allinizio del fa-
scicolo) + 1X197 + 1(VIII-2)211 (mancano le ultime due carte del fascicolo il
testo non finito) Falsi richiami, non sempre presenti Margini piegati
Testo a piena pagina, dimensioni: 225 (110-140) mm; 16 righe Fogli bian-
chi: 155, 156vo.

ff. 156ro-211vo. Alvise Sanudo: Relazione del Regno di Napoli. Titolo


e testo. >Relation del Regno di Napoli che da conto di quel Regno molto par-
ticolarmente de Auttore incerto< Tra tutti gli essempi delle varie et maravi-
gliose mutationi de stati, et de governi, che alli Istorici ci sono diversamente
appresentate quelli delle stesse et turbolenti revolutioni del Regno di Napoli
parmi che senza conparatione alcuna siano i pi conspiessi et pi stupendi
che si bastino farsi farsi a considerare fino a hoggidi stata formi-
dabile...Testo mutilo. Mancano fascicoli. Si tratta della relazione di Alvise
Sanudo, senatore veneziano del 1579, mai letta al Senato, ma compilata per
uso privato. La stessa relazione nel Manuscript 249 del XVII sec., pp. 95-136
della collezione Leopold von Ranke della Syracuse University (cfr. Leopold
von Ranke, p. 177).

38
(V) ff. 214ro-273vo 287 190 mm

Manoscritto in buono stato. Tracce di lavori di restauro: ff. 230-237 ripa-


rati in basso (ingranditi alla dimensione della legatura) Fascicoli: 4IV214-245
+ 1III251 + 1IV259 + 1(IV-3)264 (manca la prima e le ultime due carte, il testo
continuo) + 1(V-1)273 (manca la prima carta del fascicolo, il testo continuo)
Falsi richiami ff. 214-284: visibile foliazione originale, a inchiostro (nn: 198-
268 non manca nessun numero, ma una carta tra i ff. 259-260 - tagliata)
Margini piegati Testo a piena pagina, dimensioni: ff. 214ro-264vo (215-245)
(110 - 140) mm; 20-22 righe; ff. 265ro-273vo 250 150 mm; 23-25 righe.

ff. 214ro-273vo. Petruccio Ubaldini: Relazione del regno dInghilter-


ra. Testo. (214ro-235vo) >Prima parte: della incoronatione de i Re loro e come
non solo per heredita pervengono alla Corona m anco per voce di popolo< I Re
dInghelterra senza dubbio succedono luno allaltro per heredit venendo ogni
ragione del Regno, quando molti figliuoli regnino del vecchio Re al primogenito,
peroche ancora queste legge si osserva nelle minori heredit fra quei popoli,
ma quando fra le femine si havesse secondo le leggi patrie Questo quello
che io ho voluto dire della citt di Londra, nella quale per non mancano molte
scuole e collegi dove le buone tenere, per la liberativa de i signori si possano udi-
re e molte habitationi se non superbe di architettura almeno largamente com-
mode a i loro habitatori per passando al resto del nostro proposito seguria che
si dica della militia. (236ro-246ro) >Seconda parte: Della Militia del Regno, e sua
giustitia e ordine< Havendo io detto, quando ho conosciuto essere a proposito,
delle leggi e giustitia reggia le commene dInghelterra, passer hora alla militia,
seconda causa delli prospetti reggimenti con ci sia cosa che con quella le leggi
si fanno riguardare e principi da essa sono da i vicini e lontani ...come sono
tutti quelli che una volta siano stati scritto luno allaltro soldo per commodo
della corona dalla quale sono custoditi e giudicati secondo la podest regia e as-
soluta, per passando hora alla terza parte dover dire della Religione non tra-
passer il segno di quello che fra loro medesimi ho veduto. (246vo-261ro) >Terza
parte: Della nova constitutione della Religione del Regno, e della sua origine< Io
havrei parlato inanzi ad ognaltra cosa della Religione come di principio che la
deve essere dogni nostra attentione sio non avessi conosciuta questa parte in
Inghelterra manco stabile, di tutte laltre anzi come quella che da pochi anni in
qua molto travagliata in quel Regno dubito io di non poter cos ben ridire

39
Veggasi adunque da quelli ordini e da quelli animi [...] sentono di quello, debbo-
no nelle parti della catolica fede, quello che si possa sperare di bene. Iddio ottimo
massimo per sua infinita misericordia e per le prece dalcuni pochi gli porghi
pensieri migliori e intelletto salutare.(261vo-266vo) >Quarta parte: Delle entrate
e spese ordinarie della corona< Passando dopo cos fastidioso discorso nel quale
io detto quello che ho veduto a pi espedita narratione dico che la corona avan-
ti che la prendesse i bieni della chiesa haveria dentrata tanto che ordinaria-
mente senza aggravio poteva spendere linfrascritte somme come apresso sono
descritte di gran somma descritta, se bene questo Re avanti la perdita di
Bologna si trovava sullinteresse di m/300 lire et in par 100, et 4 sia fine de i fatti
della borsa del Re! (267ro-273vo) >Quinta parte: Della natura delli Inglesi et loro
costumi<... ...Gli Inglesi in generale sono prodigi dellentrata loro, pasteggiano
spesso e lungamente, et con pompa stando due, tre et quattro hore a tavola, non
tanto sempre mangiando, quanto trattenendo gentilmente le donne, senza le
quali quasi mai si fa banchetto alcuno Hora i nobilissimi del regno sono del
sangue... Testo, mutilo nella parte finale, della relazione dedicata allInghilter-
ra, scritta attorno allanno 1552 da Pietruccio Ubaldini, un italiano che nel XVI
secolo pass diversi anni presso la corte inglese. Egli pubblic anche diver-
se opere a Londra tra cui La vita di Carlo Magno Imperatore Descrittione
del Regno di Scotia et delle Isole sue adiacenti di Petruccio Ubaldini Cittadin
Fiorentino nel 1588. Il testo della relazione sullInghilterra, il cui destinata-
rio sarebbe la Repubblica di Venezia (G. Pellegrini, Un fiorentino alla corte
dInghilterra nel Cinquecento: Petruccio Ubaldini, Torino 1967, p. 48) edito
in G. Pellegrini, cit. pp. 57-152. Come sottolinea il curatore delledizione, della
relazione esistono varie stesure [..] assai diverse luna dallaltra, e che soprat-
tutto offrono testi assai differenti (Ibidem, p. 47). Va osservato che il testo del
nostro manoscritto si discosta notevolmente dal testo delledizione basata sul
manoscritto della Brtitish Library (Cat. ADD. 10, 169).

(VI) ff. 274ro-283vo 287 190 mm

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1V274-283 Falsi richiami Margini piegati


Testo a piena pagina, dimensioni: (245-250) (140-150) mm; 30-34 righe.

ff. 274ro-283vo. Relazioni di Savoia (frammenti). Testo. Scredit il mar-


chesato di Susa: onde fu nominato il marchese dItalia. Li dodici conti di Savo-

40
ia, seguitarono,il primo fu chiamato Amadeo Come la Savoia montuosa
et aspra, cos allincontro il Paese di Piemonte piano et dilettevole in modo
che non meno bello per la veghezza dei siti, che buono et fruttuoso per la
felicit de campi... Si tratta di tre distinte relazioni di cui una acefala, le altre
due mutile. Le due con il titolo sono: (279ro) Relatione di Savoia fatta dall
clarisso M. Francesco Molino lanno 1576 e (283vo) La Terza relatione di Savoia,
di questo Duca, Emanuel Filiberto, et suo figliuolo. Le relazioni descrivono il
ducato di Savoia. Prob. inedito.

(VII) ff. 284ro-304vo 287 190 mm

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1III284-289 + 1(VIII-1)304 (manca la prima


carta del fascicolo, il testo continuo) Falsi richiami, non sempre presenti
Margini piegati Testo a piena pagina, dimensioni: ff. 284ro-287vo 260 (140-
160) mm; 20-22 righe; ff. 288ro-304vo (240-255) (140-160) mm; 30-34 righe.

ff. 284ro-287vo. Relatione alla serenissima republica Venetiana


(frammento). Testo. [?]to assai abbondantemente, io non mi allarger, per
non dar tedio alla M.ta V.ra, m dir solamente che mi stato commesso pi, et
pi volte io ne supplico la Divina Maest, che mi dia gratia, che io possi
spendere la robba et finire la mia vita in utile, et servitio di questo Serenissimo
Dominio. >Il fine< Frammento della parte finale di una relazione. Contiene le
raccomandazioni circa la difesa del Friuli e con le personali richieste dellau-
tore indirizzate al destinatario. Testo prob. inedito.
ff. 288ro-304vo. Bilancio dellentrate et uscite di tutto lo stato
delleccellentissimo Duca dUrbino dellanno MDLXXIX. Testo. >Entrate
dUrbino< Colte ordinarie Castelvechio A 130. Libro di entrate e di uscite
con il dettaglio di alcune spese particolari, il tutto relativo a Urbino nellan-
no 1579, come dichiarato nel titolo. Testo prob. inedito.

(VIII) ff. 305ro-449vo 287 190 mm

Manoscritto in discreto stato: f. 446 strappato in basso Fascicoli: 1V3o5-314 +


1XI336 + 1VII350 + 1IX368 + 1(VIII+4)388 + 2X428 + 1(XI-1)449 Falsi richiami, non sem-
pre presenti Margini piegati Testo a piena pagina, dimensioni: (220-230)
(120-130) mm; 15-16 righe Fogli bianchi: 449vo.

41
ff. 305ro-449vo. Michele Suriano: Relazione di Roma. Titolo e testo.
>Copia della legatione del Clarissimo Michaele Suriano ambasciatore per la
Serenissima Repubblica di Venetia in Roma< Serenissimo principe, dovendo
suriano secondo glordini della serenit vostra dar prima informazione al cla-
rissimo Soranzo della lega, ho racolto per ordine tutto quello che passato dal
principio della trattatione finhora, et lho esposto distinttamente tutte le dif-
ficolt che sono accorse con tutte le risposte mie, et daltri, et tutte le repliche,
et quello che concluso, et quello che non concluso il fine suo disse che
non mancarr mai alla signoria di tutto quello che potesse se bene sua maest
restasse sola con lei nella congregatione dellistesso giorno, fu finalmente ter-
minata il Capitolo delle tratte da poi molte dispense, et molti contrasti et for-
mato il precio de 15 sondi il carro nel Regno de Napoli et di noi sendi la salma
in Sicilia. Relazione di Suriano, mai pronunciata davanti al Senato veneziano
cui era destinata, tuttavia molto presente nelle varie raccolte politico-diplo-
matiche manoscritte. Inedito.

(IX) ff. 450ro-527vo 287 190 mm

Manoscritto in buono stato. Tracce di lavori di restauro: f. 470 strappo


riparato Fascicoli: 1X450-469 + 2(XIV+2)527 Falsi richiami Margini piegati
Testo a piena pagina, dimensioni: (210-225) (120-150) mm; 16 righe.

ff. 450ro-527vo. Discorso di Precedenza fra Francia e Spagna. Titolo e te-


sto. >Discorso sopra la precedenza di Spagna et Franza< Perch il vulgo fa molti
discursi sopra il negotio della precedentia tra Spagna e Franza ho voluto vedere
curiosamente quello che si pu dire e scrivere sopra ci, secondo che si trova
scritto nelle historie. CHE SPAGNA CAPO DELLEUROPA. Molti chhanno scritto,
vogliono che la Spagna sia capo e principio del mondo. Plinio scrivendo di Euro-
pa, dice in questa maniera: in essa sta Spagna che la prima delle terre, et in al-
tro luogo dice tutta la tondezza della terra si vede in tre parte osservassero
lordine dei suoi predecessori per... Contiene uno dei discorsi di precedenza
cio dispute in cui si svolgevano argomentazioni a favore della superiorit di
ciascuna delle potenze europee. Testo mutilo, privo della parte finale (cfr. lo
stesso testo nel manoscritto Ital. Fol. 148, pp. 709-756). La questione, posta in
tali termini, era un argomento molto popolare nel corso del XVII secolo, che
col passare degli anni perse completamente dattualit. Prob. inedito.

42
(X) ff. 528ro-544vo 287 190 mm

Manoscritto in buono stato. Tracce di lavori di restauro: f. 540 riparato in


basso (ingrandito alla dimensione della legatura) Falsi richiami Margini
piegati Testo a piena pagina, dimensioni: 220 (120-150) mm; 16 righe.

ff. 528ro-544vo. Francesco marcaldi: Narrazione dello stato della re-


gina di Scozia. (528ro) Dedica. animo s degno di recevere questo mio humile
picciol dono et io desiderando Di V.S. humilissimo servo Francesco Marcaldi.
(528ro-544vo) Testo. Maria Regina di Scotia figiuola di Giacobo Quinto R del me-
desimo Regno, sette giorni dopo il suo nascimento ...Adunque quando lanimo
del Principe dependa dalla volunt della Regina sua madre grandissima spe-
ranza che lei debba essere liberata et la religione de santa chiesa sia restituita
nella [] perch li Principi de giorno in giorno sono commossi et incitati abbrac-
carli, li qual cos Iddio onnipotente il quale datore de tutte servit et ogni bene
formarsi a gloria sua, e a beneficio grandissimo della Republica [] et commune
utilit la santa chiesa, e cos sua divina Maest si degni di concedergli questa gra-
tia massime in questo Turbolentissimo tempo. Il fine. Testo, acefalo (rimane solo
la parte finale della Dedica), di una relazione sulla Scozia. Autore Francesco
Marcaldi, compilatore di diverse relazioni storico-politiche, il quale le copiava
in un numero consistente di copie e le spediva a diversi destinatari (tuttavia il
testo non copiato da lui). Sulla figura di Marcaldi cfr. B. Richardson, A Scribal
Publisher of Political Information: Francesco Marcaldi, in Italian Studies,
2/2009 (64), pp. 296-313. Le edizioni moderne della relazione di Scozia si trova-
no in Due narrazioni storiche del Regno di Scozia ai tempi della regina Maria
Stuarda scritte da due contemporanei, a c. di P. Ferrato, Firenze 1876 e La pri-
ma storia di Maria Stuarda: da un manoscritto italiano del secolo XVI esistente
nella Biblioteca Nazionale di Parigi, a c. di E. Giglio-Tos, Torino 1907.

(XI) ff. 545ro-606vo 287 190 mm (249 190 mm)

Manoscritto in buono stato. Tracce di lavori di restauro: le carte riparate in


basso (ingrandite alla dimensione della legatura) Fascicoli: ... + 1VI552-563 +
1(IV+1)572 + 2V592 + 1V602 + 1II606 (606vo) in alto, dalla mano del copista, il nu-
mero: 64 Falsi richiami Margini piegati Testo a piena pagina, dimensioni:
(205-210) (120-130) mm; 15-16 righe.

43
ff. 545ro-606vo. Leonardo Quirini: Descrizione dellisola di Candia.
Testo. Havendo io adunque posto in disegno tutte le principal fortezze, ca-
stella, et porti intorno mettendomi sempre, et qui f fine, et alla buona
gratia di VS Eccellentissima molto mi raccomando, Di VS Illustrissima et Ec-
cellentissima, Affettuosissimo Servitore Lonardo Quirini. Relazione parziale
relativa allisola di Creta (Candia) in cui si descrivono la geografia, la storia,
le risorse militari, secondo luso consueto adottato in tali resoconti. Vari ma-
noscritti con diverse versioni della descrizione dellisola e il contenuto stori-
co di tali relazioni sono descritti da E. Falkener, The Antiquities of Candia,
in The Museum of Classical Antiquities. A Journal of Ancient Art 1/1852
(V), pp. 263-305. Edizione della relazione di Quirini in base al manoscrit-
to dellAS Firenze (inserto 34, Filza 370 Strozziana) in G. Casoni, Relazione
dellIsola di Candia scritta da Leonardi Quirini nellanno 1595, Firenze 1897.
Si tratta, tuttavia, di una versione profondamente diversa, soprattutto molto
pi sintetica rispetto al testo contenuto nellItal. Fol. 49.

(XII) ff. 607ro-614vo 287 190 mm (259 190 mm) XVI/XVII sec.

Manoscritto in buono stato. Tracce di lavori di restauro: le carte riparate


in basso (ingrandite alla dimensione della legatura) filigrane: giglio e tre
monti (~Woodword, tav. 97: Italia, seconda met del XVI sec.); due filigrane
vicine rimandano al periodo 1583-1597, Ferrara (~Briquet, II, 7106) e a Stra-
sburg (~ Piccard, XIII, 2, 899) Fascicoli: 1IV607-614 Falsi richiami Testo a
piena pagina, dimensioni: 220 (145-150) mm; 16-17 righe.

ff. 607ro-614vo. Frammento di storia di Carlo V. Testo. continne alla


pala dascagno anco lo stare cominciando subbito doppo il pasto dilettandosi
molto loccasione de adoperar le armi dir come si dice in Galera quan-
do... Frammento della relazione storica su Carlo V. Prob. inedito.

(XIII) ff. 615ro-622vo 287 190 mm (257 190 mm)

Manoscritto conservato in buono stato. Tracce di lavori di restauro: le car-


te riparate in basso (ingrandite alla dimensione della legatura) Fascicoli:
1IV614-622 Falsi richiami Testo a piena pagina, dimensioni: (205-210) (130-
140) mm; 15 righe.

44
ff. 615ro-622vo. Frammento riguardante le entrate di Venezia. Testo.
Sal, et Riviera [] Mog: 207 vale 7692 che il vino a menuto/ Spezza
[?] pretie D 700/ Narrar[...]. Frammento relativo al bilancio di Venezia sono
iscritte sia somme di citt sottoposte al dominio veneziano sia di diverse
categorie professionali. Prob. inedito.

(XIV) ff. 623ro-640vo

Manoscritto in buono stato. Tracce di lavori di restauro: le carte riparate in


basso (ingrandite alla dimensione della legatura) Fascicoli: 1V623-632 + 1IV640
Falsi richiami Margini piegati Testo a piena pagina, dimensioni: (204-210)
(125-130) mm; 15-16 righe.

ff. 623ro-640vo. Marchese del Vasto (Giovanni dAvalos): Relazione,


1592. Testo. (623ro-637ro) Relazione. Essendomi capitata nelle mani una scrit-
tura senza sottoscrittione publicata in Milano, et Cremona per quanto mi
stato riferito per chiarezza delle parole passae tra il signor Principe di Parma,
et me in Francia del tenore che segue et questo mi obbligo mantenere a
qualunque Cavaliere dir il contrario, con li debiti morali et termini da Cava-
lieri. Di Spinosa 27 luglio 1592, loco dell siggillo, il Marchese del Vasto. (637vo-
640vo). Lettera di accompagnamento alla relazione. Vincenzo Gonzaga, Duca
di Mantova. Havendomi riferito il signor Marchese del Vasto mio Cugino, che
nelli ultimi giorni, che egli circa il principio del mese di Giugno passando
et la qualit della Persona, che la facesse con modi, et termini convenienti a
Cavalieri par mio. Di Marmirolo a 23 di Luglio 1592. Prob. inedito.

(XV) ff. 641ro-683vo 287 190 mm (247-257 190 mm)

Manoscritto in buono stato. Tracce di lavori di restauro: le carte riparate


in basso (ingrandite alla dimensione della legatura) Fascicoli: 2X641-680 + 3
Falsi richiami Margini piegati Testo a piena pagina, dimensioni: (190-200)
(120-135) mm; 14-16 righe (643vo, 644ro) note marginali di unaltra mano.

ff. 641ro-683vo. Cause per le quali la Fiandra tumultu et si ribel-


l al Re Cattolico. Con una breve descrittione di costumi ricchezze
forze qualit sito, et modo di governo di essi paesi bassi. 1586. Testo.

45
Dovendosi narrare i tumulti, et motivi suscitati nella Fiandra da veneziani in
qua necessario raccontare quali furono le cagioni, che mossero gli animi de
Principi, Baroni, Signori et popoli di quelle a sollevarsi contra il suo natural
R, al quale per tempi adrieto sono stati cos affettionati, et amorevoli
et havendo narrato di questi facti tutte le predette cose, et esito sin qui mi
parso anco bene porre quivi larbore della Genealogia et successione ne detti
stati di Fiandra come si vedr. Racconto della guerra di Fiandra del 1586.
Testo inedito.

Ms. Ital. Fol. 51


Traiano Boccalini
III + 276 ff. 253 182 mm XVIII sec. (prima met) Italia

Manoscritto in discreto stato. Macchie di umidit Fascicoli: 3VI36 + 1V46


+ 5VI106 + 1(VI-1)117 + 6VI189 + 1V199 + 4VI247 + 1V257 + 1VI269 + 1(IV-1)276 Nume-
razione dei fascicoli ad inchiostro coeva Foliazione ad inchiostro coeva,
sbagliata: ff. 1-80 e 162-276, corretta a matita recentemente Richiami e
falsi richiami Margini piegati Testo a pienapagina, dimensioni: 220 100
mm; 18 righe Scrittura di una sola mano In margine note ad inchiostro e
a matita prob. di mani diverse Poche cancellazioni e sottolineature Fogli
bianchi: 1vo, 276vo.
Legatura rigida in pelle marrone XVII/XVIII sec. (262 190 mm); quat-
tro nervi semplici. Capitelli. Sul dorso cinque scomparti con decorazione
impressa a secco in oro a forma di losanga con motivi fitomorfi in uso nel
XVIII sec. (~Devauchelle, tav. IV, VII) e con fregi negli angoli delimitati da
filetto semplice. Sul dorso letichetta rossa con lattuale segnatura e uneti-
chetta di pelle pi chiara con il titolo impresso a secco in oro Osservationi
sopra Tacito. Manuscript. delimitato da un filetto semplice. Contropiatti in
carta marmorizzata tipo francese persill, curled in uso nei sec. XVII/
XVIII (~Marbled Paper, tav. XXIII, 6; tav. XXIV, XIII, XXVI, 40, 41). Taglio co-
lorato di rosso.

Manoscritto eseguito prob. nei primi lustri del XVIII sec. Datazione
in base alle caratteristiche paleografiche. Luogo desecuzione incerto.
Il primo e lultimo foglio imbruniti suggeriscono che in principio il ma-

46
noscritto non fosse rilegato. Legatura eseguita nel secolo XVIII forse in
Francia visto il tipo della decorazione e della carta usata per i contro-
piatti. Apparteneva a Quintus Icilius cio Charles-Thophile Guischardt
(Karl-Gottlieb Gui[s]chard[t], 1724-1775). Sul contropiatto anteriore Ex Li-
bris Quinti Icilii. Guischardt era aiutante di campo e favorito di Federico il
Grande. Nato a Magdeburgo, proveniva da una famiglia di esuli ugonotti
francesi. Uomo di grande cultura umanistica, sinteressava allarte mili-
tare antica (Cfr. ADB; NDB). Le traduzioni in francese di singole parole
italiane, eseguite a matita rossa, che appaiono in margine, possono esse-
re state fatte di sua mano. Questo significherebbe che Guischardt non fu
esecutore del manoscritto. Le note in margine in italiano forse eseguite
dal primo proprietario. Dopo la morte di Guischardt nel 1780, la biblio-
teca regia compr la sua raccolta di libri (5300 volumi). Il manoscritto
menzionato dallantico Cat. A 326 Catalogue de la bibliotheque de feu Mr
le Colonel Quintus Icilius. (1vo i 276vo) timbri della Knigliche Bibliothek.
(1ro) segnatura attuale: ital.fol.51.
Lemm, p. 71.

ff. 1ro-276vo. Osservationi Politiche Di Traiano Boccalini Romano


Sopra GlAnnali di Cornelio Tacito. Libro Primo. (1ro) Titolo. (2ro-276ro)
Testo. >Introdutione a Comentarii/ Di/ Traiano Boccalini/ Romano/ sopra
gli/ Annali di Cornelio Tacito< Il discorrer quantunque mediocremente intor-
no a qualsivoglia Scrittore, ho creduto sempre che non sia facil cosa ancora a
coloro che per dottrina et esperienza hanno conseguito tanto sapere ...Chi
ben misura il genio del Prencipe con il di lui interesse, non trover molto dif-
ficile indovinare, quali sono i suoi fini, et i disegni, bench mascherati fra gli
enigmi di speciose parole. >Fine del Pmo Libro< Trattato politico, commento
alle opere di Cornelio Tacito, autore: Traiano Boccalini (1556-1613). Testo
pubblicato a stampa in: Commentarii di T. B. Romano sopra Cornelio Ta-
cito, Cosmopoli (Ginevra) 1677 e La bilancia politica di tutte le opere di
Traiano Boccalini parte prima dove si tratta delle Osservazioni Politiche
sopra i sei libri degli Annali di Cornelio Tacito, Castellana 1678 (cfr. DBI,
Traiano Boccalini, s.v.). Manca ledizione critica. Nella sua macrostruttura il
testo del manoscritto concorda con la versione stampata, presenta minime
differenze lessicali e stilistiche perci potrebbe essere stato trascritto dalla
pubblicazione.

47
Ms. Ital. Fol. 52
Libro di marmi antichi
II + 52 ff. + II 316 221 mm 1720 Italia (Roma)

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1(I+1-1)2 + 21I44 + 1II48 + 2I52 Folia-


zione moderna a matita Testo apiena pagina, tavole dipinte: dimensioni:
(285-287) (183-190) mm Nomi di marmi sopra le tavole di una sola mano
(20vo) annotazione con inchiostro: Marmi di Roma, de Varie Sorti Fogli
bianchi: tutti i verso dei fogli.
Legatura rigida in pelle marmorizzata in cattivo stato, seconda met del
XVIII sec. (323 222 mm). Piatti in cartone. Sei nervi semplici. Sul dorso sette
scomparti decorati con motivi fitomorfi impressi in oro. In alto letichetta in
pelle marrone con il titolo impresso in oro: MARMI ANTICHI ROMAN; in basso
letichetta rossa con la segnatura attuale. Contropiatti e carte I, IV in carta mar-
morizzata tipo past, paper, combed (cfr. Digital Collection, University of Wa-
shington, http://content.lib.washington.edu/dpweb/patterns.html). Le carte
II e III con filigrana contenente lettere GR e D&C Blauw (~Heawood, I, 3267,
3267a, 3268: Haga 1747, Amsterdam c. 1769, Inghilterra 1769). Taglio rosso.

Manoscritto eseguito a Roma nel 1720 a giudicare dallannotazione a


f. 1ro/ in Roma delAnno 1720 li 20/ Settembre. Sotto, laggiunta di unaltra
mano: Da Giuseppe Galli Bibiena/ Primo Ingegnere ed Architetto Teatrale di
Sua/ Maesta Cesarea Carlo Sesto Imperadore, eseguita dopo il 1729, lanno in
cui allartista venne conferito il titolo di ingegnere e architetto della corte
asburgica. Quindi lautore del codice pu essere stato lo stesso Galli Bibiena
o comunque esso fu eseguito nella sua bottega. Nel processo di rilegatura
del volume, avvenuto pi tardi, il lembo superiore dei fogli venne legger-
mente tagliato. La legatura fu effettuata prob. nella seconda met del XVIII
sec. a giudicare dalla carta marmorizzata usata per i contropiatti (cfr. sopra)
e le filigrane delle carte di guardie. Le filigrane di questo tipo apparivano
in diverse varianti in Olanda nel sec. XVIII. Nel 1772 il produttore di carta
italiano Valentino Galvani ebbe la licenza di usare il marchio D&C Blauw per
la carta di alta qualit che produceva nelle cartiere di Cordenons sul Viazzol
(Friuli). Comunque le iniziali GR e non VG presenti nella carta usata nel ms.
permettono di ipotizzare anche la sua provenienza olandese. Inizialmente il

48
codice apparteneva al suo autore in seguito pass ad altri proprierari. A f. 1
ro vi una traccia di annotazione cancellata, il che potrebbe suggerire qual-
che traffico poco lecito. In basso ad inchiostro la firma: Moehsen. Infatti uno
dei proprietari del codice fu il noto medico, bibliofilo e numismatico Johann
Karl Wilhelm Moehsen (1722-1795), della cui raccolta la Knigliche Biblio-
thek si arricch nel 1796. Il codice notato appunto nellantico catalogo della
biblioteca, Cat A 356, c. 134, n. 77 in reparto Antiquaria in Folio, come parte
dellacquisto del 1796. La segnatura attuale Ms.ital.Fol.52 sulletichetta rossa
sul dorso e a f. 1ro; timbro della Knigliche Bibliothek a ff. 1vo e 52vo.
Lemm, p. 71.

ff. 1ro-52vo. Libro di marmi antichi (1ro) Titolo. >Libro de Marmi Antichi/
Cavati dalle Fabriche/ Antiche Romane/ in Roma delAnno 1720 li 20/ Settem-
bre. Da Giuseppe Galli Bibiena/ Primo Ingegnere ed Architetto Teatrale di Sua/
Maesta Cesarea Carlo Sesto Imperadore< (2ro-52ro) Campioni di marmi. (2ro)
Marmo Bianco; (3ro) Giallo Antico Breciato; (4ro) Corallino Antico; (5ro)
Bianco e Nero moderno; (6ro) Brecia di Francia; (7ro) Pietra Cotanella;
(8ro) Alabastro Montanaro; (9ro) Sasso Breciato Antico; (10ro) Pidochio-
so Antico; (11ro) Diaspro di Sicilia; (12ro) Lumachella Antica; (13ro) Bianco
e Nero Antico; (14ro) Pietra Ardese; (15ro) Granito Orientale; (16ro) Verde
di Porto Venere; (17ro) Porfido Orientale Rosso; (18ro) Brecia Orata Antica;
(19ro) Verde Antico; (20ro) Broccatello Antico; (21ro) Diaspro Duro Orien-
tale; (22ro) Agata Sardonica Orientale; (23ro) Alabastro Antico Diverso;
(24ro) Bardiglo Venato a Ochy; (25ro) Brecia di Verona; (26ro) Africano;
(27ro) Alabastro Fiorito a Vena Antico; (28ro) Negro di Paragone; (29ro)
Diaspro Verde a Vena; (30ro) Alabastro Antico Agatato; (31ro) Brecia Antica
Diversa; (32ro) Alabastro Agato; Diverso (33ro) Marmo Cipollino; (34ro)
Brecia Castracanara; (35ro) Rosso Antico; (36ro) Serpentino Antico; (37ro)
Alabastro di Ponte mollo; (38ro) Fior di Perzico Antico; (39ro) Giallo di
Verona; (40ro) Verde di Piombino; (41ro) Pietra Ametista; (42ro) Aga-
ta Lattuaria Orientale; (43ro) Porta Santa; (44ro) Apis Lazzaro a Nuvola;
(45ro) Brecia di sete Base Antica Diversa; (46ro) Diaspro Orientale; (47ro)
Alabastro Antico Diverso; (48ro) Alabastro Fiorito; (49ro) Brecia Pavonaza
Antica; (50ro) Castracano Antico; (51ro) Diaspro Fiorito; (52ro) Alabastro
Orientale. Il ms. costituisce una specie di campionario contenente illustra-
zioni con 51 diversi tipi di marmo. Dal frontespizio risulta che lautore era

49
Giuseppe Galli Bibiena (c. 1695-1757), membro della famiglia dei famosi ar-
chitetti, pittori e scenografi. Giuseppe, figlio di Ferdinando acquist la fama
per scenografie teatrali allestite in tutta lEuropa (Italia, Vienna, Stoccolma,
Bayreuth, Dresda e altri). Nel 1727 divenne architetto di corte degli Asburgo.
autore dellopera Architetture e prospettive, (1740-1744) dedicata allim-
peratore Carlo VI. (cfr. DBI Giuseppe Galli Bibiena, s.v , AA.VV., I Galli Bibie-
na: una dinastia di architetti e scenografi, (a c. di) D. Lenzi, Bibbiena 1997).
Testo inedito.

Ms. Ital. Fol. 53


Andrea Hltzel
II + 130 ff. + II 306 200 mm 1664 Austria (?)

Manoscritto in buono stato. Nei primi e ultimi fogli buchi di tarme Filigra-
ne: corno con lettere GK sotto, (~ Piccard, VIII, 361: Vienna 1662, 1663); lette-
re IHS con la croce (~Eineder, 1429: Vienna 1657, cart. Georg Kgel, Braunau)
Fascicoli: 1VII14 + 6VI86 + 1V96 + 1IV104 + 1III110 + 2V130 Foliazione originale
ad inchiostro che non tiene conto dei quattro primi fogli e arriva a f. 98,
poi continuata a matita da una mano moderna. I primi quattro fogli trattati
come carte di guardia Foliazione a matita recente, corretta Richiami e
falsi richiami Testo apiena pagina, dimensioni: (260-270) (155-162) mm;
27-29 righe Scrittura di una sola mano Decorazioni: semplici spirali ad
inchiostro chiudono unit testuali(2ro, 3vo, 4vo, 53ro, 95vo, 107ro, 107vo, 110ro,
129vo) (1ro) iscrizione poco visibile lungo il lembo destro (97ro, 103ro) note
in margine eseguite dallamanuense Fogli bianchi: 1, 53vo, 56, 110vo, 130.
Legatura piena rigida in pergamena, del XVII sec. (316 210 mm). Piatti
in cartone. Capitelli. Sei nervi semplici incartonati. Sul dorso in alto tracce
del titolo ad inchiostro e lantica segnatura poco visibile. In basso letichetta
rossa con la segnatura attuale. Contropiatti in carta bianca. Buchi di tarme.

Il manoscritto contiene una relazione dei fatti del 1663 e in base al colo-
phon va datata al 1664. (f. 2 ro) fatta per me Andrea Hltzel/ lanno 1664. Lau-
tore (e copista) fu un certo Andrea Hltzel (non identificato). Alla conferma
di tale datazione contribuiscono anche le filigrane della carta. Non si riusciti
a trovare nei repertori carta identica, ma una combinazione di simboli molto

50
affine: corno con lettere GK (forse Georg Kgel) e croce con IHS appare nelle
carte in uso in Austria dopo la met del XVII sec. Questo pu suggerire lAustria
o addirittura Vienna come luogo di esecuzione, tanto pi che il frammento del
testo a f. 129 ro ...Per disporre tutte queste cose pare molto necessario di havere
persone capaci et esperte in Italia tanto da parte di Sua maest Cesarea, come
del Re Cat.[toli]co che vadino velocemente... allude alle relazioni con la corte
viennese e precisamente allimperatore Leopoldo I. Rimane questione aperta,
come mai lautore di cognome tedesco, scrivendo una relazione forse destina-
ta anche alla corte asburgica, lo facesse in italiano. Il manoscritto fu eseguito
in un arco di tempo continuo. La legatura sembra originale. Sul dorso visibile
lantica segnatura: 451 o 457. Il codice non possiede il numero dingresso della
Knigliche Bibliothek, quindi vi era pervenuto prima del 1828. Purtroppo non
ce n traccia neanche negli antichi cataloghi della biblioteca. La segnatura
attuale Ms.ital.Fol.53 sulletichetta rossa sul dorso e a f. 2ro; timbro della Kni-
gliche Bibliothek a ff. 2ro e 129vo.
Lemm, p. 84.

ff. 2ro-130vo. Andrea Hltzel: Relazione di viaggio a Buda, Costanti-


nopoli, Sofia, Ossek, Vivar e narrazione della campagna dellanno 1663
in Ungheria. (2ro) Titolo. RELATIONE/ Che contiene la mossa del Primo Vi-
siere da Constan/ tinopoli, il successo di tutto quello seguito di l per/ il
viaggio sin Vivar Nehesel: parimente l/ assedio e Campo sotto da piaz-
za: varii discorsi del Visre/ I altri Pass glhumori stravaganti di quelli, Diver/
sit di soldatesche di quel paese, Ordine, Paga servitio/ desse, loro entrate,
maniera di combattere etc. Il/ che viene tutto raccontato per i Capitoli senza
per di Data, per esser stato privo del Calendario nostro./ fatta per me Andrea
Hltzel/ lanno 1664. (3ro-4vo) Indice. (5ro-95vo) Testo. >CAPITOLO 1.mo/ Che
tratta di quello io fui domandato dallIsmail Passa di Buda e di l sin Con-
stantinopoli e delle sue promesse me< Prima chio cominci descrivere tutto
quello eseguito app lessercito e Campo Ottomano mentre ivi mi ritrovavo ho
stimato bene dar parte col mio piccolo compendio di quel che fui domandato
dall Ismail Passa Buda doppo il mio errore commesso e di l sin Constan-
tinopoli, comanche far una leggiera mentione delle promesse con le quali me
nutrivano li Turchi... ...Onde mi disse che loro aspettavano per consegnar
con lorationi lanime delli martyri al glorioso Machometo, che con gran al-
legrezza e pompa dAngeli le ricever, e poi consegnar direttamente inan-

51
zi del trono divino, ove goderanno eterna gloria meritata. In tanto fu fatto
laccordo e cos rest la fossa senza esser stata impita. >Finis< (97ro-129vo)
Testo. >Narratione Della Campagna dellanno 1663 in Ungheria< La corte
Imperiale che per le differenze di non si gran momento vertenti nei trattati
dellaggiustamento col Turco o per diverse relationi o spie che shavevano di
col stimo con raggione probabile che egli non si havesse a venire a rottura,
si trovo allimproviso involta in una fierissima guerra... ...Per disporre tutte
queste cose pare molto necessario di havere persone capaci et esperte in Ita-
lia tanto da parte di Sua maest Cesarea, come del Re Catco che vadino dolce-
mente o di concerto scuoprendo le dispositioni di quelli Prencipi, seminando
sospetti contra la Francia et cercando le congiunture da potere introdurre
la pratica, et far laperture secondo ladito che ei trovaranno. Et benche non
si trovassero che uno o duoi di quelli Potentati che volessero entrare nel par-
tito, non converrebbe per ci tralasciare la negotiatione interpositione,
et poi col progresso del tempo sotto il vero nome di Lega difensiva; perche
questo sarebbe un seme et fundamento per andare poi col tempo formando
altre negotiationi di maggior relievo, conforme loccasione cene aprirebbe
la strada. Il manoscritto descrive eventi politici legati alla IV guerra tra
lAustria e la Turchia per il loro predominio in Transilvania, svoltasi negli
anni 1661-1664. Nel 1661 i Turchi invadono la Transilvania e nel 1663 il visir
Acmet Pascia arriva a Belgrado; larmata turca di 150000 soldati conquista
citt ungheresi tra cui Buda ed attacca Neuheusel (Ersekujvar). La prima
parte del testo contiene una relazione di un persona (Andreas Hltzel) che
si reca agli accampamenti turchi, incontra Ismail Pascia, e perfino il Gran
Visir. Fa finta di convertirsi allislam e viaggia per il territorio occupato
dai Turchi: da Buda a Costantinopoli, poi a Burgas e altre citt balcaniche.
La relazione riguarda la situazione in Turchia, azioni militari, e conquiste
della campagna del 1663. A ff. 54ro-95vo si trova una dettagliata descrizione
dellarmata turca: struttura, organizzazione, vestiti, salari, le cifre riguar-
danti il numero dei soldati ecc. Andreas Hltzel sembra essere una spia
austriaca. La seconda parte del ms. (ff. 97ro-129vo) contiene la descrizione
della campagna in Ungheria nel 1663, un confronto tra gli eserciti turchi e
quelli imperiali e lanalisi della situazione politica. Lautore presenta sei
principi-guida per la politica dellImpero Asburgico riguardanti le allean-
ze e latteggiamento nei confronti della Francia. La lingua italiana usata nel
testo presenta certe imperfezioni a conferma della tesi che il suo autore

52
fosse uno straniero. La sua identit per rimane ignota. Il ms. Ital. Fol. 53
era stato consultato da Nicolae Iorga, mentre si trovava ancora a Berlino.
Lo studioso rumeno stamp alcuni frammenti in Acte si fragmente cu pri-
viere la istoria romnilor, I, Bucuret 1895, pp. 251-260 e gli interessavano
soprattutto quelli che riguardano la partecipazione dei soldati moldavi e
valacchi nella guerra senza per nessun commento riguardo al ms. e alla
identit del suo autore, Andreas Hltzel. Testo per intero non edito.

Ms. Ital. Fol. 54


Annotazione sopra listruzione di Pietro dAragona
37 ff. 260 195 mm fine XVII/XVIII sec. Italia (?)

Manoscritto in buono stato. Tracce di lavori di restauro: il secondo e lulti-


mo fascicolo incollati con tallone delle carte dei contropiatti Fascicoli: 1I1-1a
+ 3VI37. Il primo bifolio accollato al f. 2 (carta diversa, aggiunta pi tardi) Fo-
liazione recente a matita Margini piegati Dimensioni: una colonna di testo
245 mm (100-120) mm; 30-32 righe Una sola mano Fogli bianchi: 1, 37.
Legatura in carta marmorizzata (273 200 mm) del XIX sec. (cfr. Gall.
Fol. 155: met XIX sec.). Dorso staccato. Tre nervi piatti. Sul dorso un pezzo
di carta bianca con il titolo scritto a mano: Annotazione sopra listruzione di
Pietro dAragona. Piatti in cartone. Sul piatto iniziale letichetta di pelle rossa
con la segnatura attuale. Contropiatti in carta bianca.

Visti il terminus post quem 12 Xbre 1695 (26ro) data dellascesa al cardi-
nalato di Giuseppe Sacripante, la cui biografia si descrive in seguito nel testo
e le caratteristiche paleografiche, si intende che il manoscritto fu eseguito
tra la fine del XVII e linizio del XVIII sec. Non esistendo suggerimenti che
rimandino ad altri luoghi, si assume che il codice provenga dallItalia. Manca
il numero dingresso, il che significa che il codice entr nel possesso della
Knigliche Bibliothek prima del 1828 anno in cui fu iniziata la registra-
zione degli acquisti. La legatura potrebbe quindi essere stata eseguita nella
Biblioteca di Berlino o comunque in Germania nel XIX sec. (cfr. il tipo di carta
marmorizzata), in quanto non la tipica legatura della biblioteca berlinese.
Il bifolio accollato allinizio del manoscritto (ff. 1-1a) pu essere stato aggiun-
to dal legatore ai tempi dellesecuzione della legatura. A vedere lo stato della

53
prima carta del manoscritto (notevolmente imbrunita e con tracce di fun-
ghi) e dellultima (lo stato non differisce dalle altre carte del manoscritto)
si presume che il testo rimanesse senza legatura, ma cucito insieme ad un
altro manoscritto, forse fino allesecuzione della legatura ottocentesca. (2ro,
36vo) timbro della Knigliche Bibliothek di Berlino. Nel codice non si sono
riscontrate tracce di altri possessori.
Lemm, p.71.

ff. 1aro-36vo. Annotazione sopra Listruzzione mandata da D. Pietro


dAragona Vicere di Napoli, al Marchese dAstorga suo successore.
Testo. >Annotazione sopra listruz[]ne mandata da D. Pietro dArragona
Re di Napoli, al Marchese dAstorga suo Successore< Raccommanda che il
Papa sia Capo della Cristianit e vero Vicario di Christo, che gli heretici
suniscono tutti in quel Punto di rigettare la Potest del Papa. Il Papa ha Au-
torit sopra tutti Vasalli de prencipi quanto alla Giurisdizione Spirituale...
...Genova appartiene al R, disgustando Doria fece ribellarla. con questo
farebbe il Re padrone del Mare Medit. e del Duca di Savoia. Bisogna cacciar
gli Spagn. dItalia, ed acquistar la Catalogna Maj. Min. bisogna trattar bene
gli nuovi sudditi. Testo composto prob. in Italia tra la fine del XVII e linizio
del XVIII sec., di autore incerto. Il documento scritto da un diplomatico,
prob. del Sacro Romano Impero (nomina nostro Re uno che, con la stessa
mano, identificato al margine della pagina come Francesco I, 1708-1765).
Contiene indicazioni date da Pedro Antonio de Aragn (duca di Segobre
e di Cardona, vicer di Napoli negli anni 1666-1671) al suo successore, An-
tonio lvarez Osorio, Marchese di Astorga (che svolse la stessa funzione
negli anni 1672-1675) ambedue nominati da Carlo II di Spagna e IV di Na-
poli. La prima istruzione riguarda il modo di regolarsi nelle relazioni con
il papato, con i vescovi delle chiese di Napoli e con gli ambasciatori degli
altri paesi nel Regno di Napoli. La seconda contiene la caratteristica della
Corte di Roma dal punto di vista dei rappresentanti di varie nazioni (tra
cui molti principati e repubbliche italiane) e le loro simpatie verso gli spa-
gnoli oppure verso i francesi. Si osserva la poca simpatia verso gli spagnoli
alla corte di Roma. Vengono suggeriti i modi in cui bisogna trattare varie
questioni con il papa. Il testo contiene la caratteristica dei cardinali e con-
sigli di comportamento di fronte a loro, come pure istruzioni di compor-
tamento verso tutte le categorie degli ufficiali presenti alla Corte di Roma.

54
Seguono presentazioni di alcuni personaggi importanti e brevi brani de-
dicati a vari avvenimenti e questioni legate alla vita della corte di Roma:
Lesclusiva che danno i R ne Conclavi agli Cardinali essendo Sacchetti sem-
pre escluso della Spagna (32ro-32vo), Le qualit che deve haver un Cardinale
per pervenire al Ponto (32vo-34ro), LEsclusiva che si danno i R ai Cardinali
nel Conclave (34ro-34vo), Il Gioiello trovato nel Gabinetto del Cardinale Ma-
zarino (34vo-36vo). Il testo finisce con istruzioni per il comportamento che
ha come scopo la conquista di molti paesi per conto del Re. Inedito.

Ms. Ital. Fol. 57


Informazioni politiche
I + 506 ff. 272 200 mm XVII sec. (prima met) Italia

Manoscritto in buono stato Filigrane: giglio in cerchio (~Piccard, II, 914:


Mantova, 1580); ancora in cerchio con una stella sopra (~Zonghi, 1599: Fa-
briano, seconda met XVI sec.); scudo met capriolato e met vuoto po-
sato sopra il dorso di un lupo, posto entro cerchio con la corona sopra
(~Zonghi, 1754-1755: Fabriano, fine XVI s.) lo stesso con una stella sopra
(~Zonghi, 1756-1760: Fabriano, fine XVI sec.) Fascicoli: 17V170 + 1III176 +
30V476 + 1II480 + 2V500 + 1III506 Foliazione in inchiostro moderna che parte
da f. I e non tiene conto dei fogli bianchi Foliazione recente a matita Le
cinque unit testuali del ms. segnati a matita con lettere a, b, c, d, e da un
bibliotecario moderno Richiami e falsi richiami Testo a piena pagina,
dimensioni: (195-205) (120-127) mm; 15 righe Margini piegati Scrittura
di una sola mano tranne f. Iro (indice) Decorazione: iniziali ornamentate;
spirali ad inchiostro; ornamenti fitomorfi ad inchiostro Fogli bianchi: 176,
335, 336, 423, 424, 425, 426, 480, 506.
Legatura piena in pergamena, floscia, prob. del XVII sec. (283 215 mm),
in cattivo stato, imbrunita; rattoppata, resti di bindelle. Per la legatura usa-
to un bifolio estratto da un manoscritto databile al XIV/XV sec. prob. di area
tedesca che contiene un testo di carattere religioso con frammenti del Van-
gelo secondo Marco e secondo Matteo. Tre nervi semplici incartonati. Sul
dorso in alto letichetta gialla con il titolo Informazioni politche e la segna-
tura attuale ad inchiostro. Contropiatti e carta di guardia anteriore in carta
bianca. Manca carta di guardia posteriore.

55
Manoscritto composto di cinque testi di carattere politico, copie delle
relazioni riguardanti diversi stati italiani ed europei, eseguito in Italia prob.
nel XVII sec. a giudicare dalle caratteristiche paleografiche, dalle filigrane
e dalla forma della legatura. Gli originali dei testi provengono dal XVI sec.
Terminus post quem: 1597, lultima data che appare nel testo. Ognuna delle
cinque parti costituisce ununit indipendente e sul verso dellultimo foglio
dellunit testuale annotato il numero dei fogli che la compongono. I singoli
testi furono eseguiti in un arco di tempo non lungo perch scritti da una
stessa mano (tranne lindice a f. Iro) e diversi tipi di carta sono mescolati
in tutto il codice. La legatura sembra originale; non porta tracce di antichi
possessori. Il manoscritto fu comprato per la Knigliche Bibliothek nel gen-
naio del 1832 da L. B. [Liber Baron] Carl von Rumohr auf Schenkenberg (cfr.
Archivio della Knigliche Bibliothek, Acta III C 1, vol. 2, c. 267-268). Il numero
dingresso cat acc. Ms. torum 243 a f. Iro. La segnatura attuale ms. ital. Fol. 57 sul
dorso e a f. Iro; timbri della Knigliche Bibliothek a ff. 1ro e 505vo.
Lemm, p. 71.

f. Iro. Indice.
ff. 1ro-176vo. Relazione delle cose dei Cantoni Svizzeri. (1ro) Titolo.
Relatione delle cose de tredici Cantoni de Sviz-/ zeri, Grigio-/ ni,/ Vallesani
et altri di/ quella unione/ Delle Leghe et Paci fatte fra di/ loro et con altri
Poten-/ tati, et/ Della forma che servono li Sigri/ Grigioni nel Regime/ suo et
governo, et/ Del modo di negotiare con/ essi (1vo-3vo) Tavola (4ro-175vo) Testo.
>Del Dominio de Svizzeri, Grisoni Vallesani, et altri di quella unione< Terra de
Svizzeri una Regione posta in Germania, quasi sul dorso del Mondo Li
Capi delli Comuni dellultima, et 3a Lega, otto Capi sono eletti per il detto Sermo
R, di modo che delli sopradetti 33 Comuni li 14 so-ziano di Sua Regia Mt
delle predette tre Leghe Grise, secondo pi volte si visto non potriano cavare
n mandare fuori del Dominio lo pi di 5000 in 6000 Fanti, et stando in casa
non arrivano a m/x. Il testo riguarda lorganizzazione dello stato svizzero;
autore ignoto. La parte contenuta sui ff. 1ro-45ro pubblicata in Thesoro poli-
tico 2, pp. 155-201. Non stata ritrovata ledizione a stampa del testo dei ff.
45vo-176vo che continua la stessa tematica.
ff. 177ro-336vo. Scipione di Castro: Avvertimenti per il Governo del
Regno di Sicilia. (177ro-334vo) Titolo e testo. >Avvertimenti per il Governo/
del Regno di Sicilia/ dati da/ Don Scipione di Castro/ al Sig.r M. Antonio Co-/

56
lonna./ 1572< Il Governo di Sicilia, stato fatale tutti li suoi Governatori
dallanno 1490 fino allanno 1571 perch in breve spatio di tempo si sono tro-
vati molti, in pericolose difficolt... Et havendo io quelle tr nobilissime
virt Fede, Speranza et Carit; usata la prima carissimamente, et havuta
la seconda cortesemente nel cuore, resta che sia in piacere della Sigia Vo-
stra di usare la terza che carita. Il testo fu scritto da Scipione di Castro
(1521-1583), consigliere del vicer spagnolo Marcantonio Colonna. Pubbli-
cato in Thesoro politico 2, pp. 450-483 nonch in epoca contemporanea:
Avvertimenti di Don Scipio Di Castro a Marco Antonio Colonna quando
and vicere di Sicilia (a c. di. A. Saitta) Roma 1950; Palermo 1992. Questa
edizione in base allautografo BAV, cod. Boncompagni D 10, ff. 192ro-238vo;
unaltra copia nello stesso codice a ff. 158ro-191ro. Altra edizione in: Scipio
di Castro (a c. di R. Zapperi), La politica come retorica, Roma 1978, pp.
82-140. Per le informazioni bibliografiche cfr. Nota, ibidem, pp. 32-39. Le
edizioni riportano lo stesso testo. Il testo del ms. Ital. Fol. 57 conforme a
quello delle edizioni stampate fino a 236ro; la continuazione non riguarda
la Sicilia e sembra non aver niente a che fare con lo scritto di Scipione di
Castro. Questa parte del ms. non identificata.
ff. 337ro-426vo. Giovanni Correr: Relazione. (337ro-422vo) Titolo e testo.
>Relatione del Clar.mo Sig.r Giovanni Cor-/ rero ritornato delle sua Legatio-/ ne
di Francia lAnno/ MDLXX< Ho veduto il regno di Francia nel tempo di questa
mia legatione Sermo Principe, Padri, et SS.ri Ecc.mi sotto tre forme differenti tr
loro: vero , non tanto differenti, che luna non fusse presaga, et vera indovina
dellaltra... perche disegnavano far grossi depositi, et lasciarli l, per quello
che havesse potuto succedere, non si assicurando di farli rimettere in Roma,
in Napoli, in Milano, in altre citt principali dItalia, m in Vinetia, come se
volessero inferire in un Porto sicuro, dove un solo Dio conosciuto, un asola
Religione osservata, un sol Principe riverito, una legge commune di tutti, et
dove finalmente senza timore, et spavento ogni uno pu godere il suo quieta-
mente. H havuto per mio Secretario. Relazione di Giovanni Correr presente
in diverse miscellanee manoscritte (p.es. Correr, cod. MS. n. 1245). La prima
pubblicazione in N. Tommaseo, Rlations des Ambassadeurs Vnitiens sur
les affaires de France au XVIeme sicle, t. II, Paris 1888, pp. 104-201. Ripub-
blicato da L. Firpo in Relazioni di Ambasciatori veneti al senato, vol. 5,
Torino 1978, pp. 545-592, con la data del 1569. Firpo completa lo scritto di
Correr di 2-3 pagine non note al Tommaseo. Il ms. Ital. Fol. 57 corrisponde

57
alla versione di Tommaseo tranne minime differenze di carattere lessicale-
stilistico, ma si interrompe e non contiene le due ultime pagine stampate,
nonch frammenti aggiunti dal Firpo.
ff. 427ro-480ro. Marino [Marco] Foscari: Relazione della Repubbli-
ca Fiorentina. (427ro-479ro) Titolo e testo. >Relatione della Republica Fio-
rentina/ del Sig.r Marino Foscari/ Amb.r Veneto:< antico documento (ser.
mo
Prencipe gravissimo, et sapientissimo Consiglio) che quegli che desiderano
esser veri et buoni senatori, si devono sforzare di essere dotati di tr principali
parti Questo adunque quanto mi pare di poter dire alle Si.rie V.re ecc.me
circa il modo che hanno li si.ri fiorentini a ritrovare danari, e qui medesima-
mente parendomi haver discorso assai convenientemente, et sufficientemente
della repubblica di Fiorenza, e dello stato suo e di altri particolari che h giu-
dicati degni dellintelligenza della Serenit Vostra metter fine alla presente
relatione con la sua buona gratia. Relazione dellambasciatore veneto Marco
Foscari riguardante Firenze e presentata al Senato di Venezia nel 1527. Prob.
il nome Marino, invece di Marco, un errore. Esiste un manoscritto con un
simile titolo nella Biblioteca di Karlsruhe: Grossherzoglich Badischen Hof-
und Landesbibliothek, Durlacher und Rastatter Handschriften, D. 27, f. 67
Relatione del Clarissimo m. Marino Foscari ritornato d Ambasciatore di
Vinetia dalla Republica Fiorentina. Mit Entrate del commun und di fuori di
Fiorenza. Testo ripetuto in numerose copie manoscritte. La prima pubbli-
cazione a stampa presenta molti errori e imperfezioni: Discorsi tratti dal-
la relazione del Clarissimo Messer Marco Foscari ambasciatore a Fiorenza
MDXXVII in: Padre Ildefonso di San Luigi (a c. di) Delizie degli eruditi
toscani, XXIII, Firenze 1786, pp. 166-235. Il manoscritto non corrisponde a
questa pubblicazione. Il testo stampato molto pi lungo e le due redazioni
differiscono notevolmente, ma alcuni frammenti sono identici. La seconda
edizione in: RAVS, 2.1, 1839, pp. 7-96. Questa pubblicazione molto pi vicina
al ms. Ital. Fol. 57, anche se pi lunga. La pubblicazione di Alberi in RAVS fu
preparata in base ai mss. BNF: Magl. XXIV, 123 e Magl. XXV, 48 (FN, II, III, 104)
del XVIII sec. Ledizione pi curata quella di A. Segarizzi, Relazioni degli
ambasciatori veneti al senato, vol III, p. I, 3-96, Bari 1916 preparata in base
ai mss. dellAS Venezia ai Frari e della Correr di Venezia. Il testo dellItal. Fol.
57 non completo e corrisponde a questa edizione fino a p. 36 della stampa
tranne piccole varianti lessicali e minimi tagli. La redazione di Segarizzi
ristampata in A. Ventura Relazioni degli ambasciatori veneti al Senato, v. 1,

58
Bari 1980, (cfr. Introduzione, pp. LXXXVIII-XC per la descrizione della tradi-
zione manoscritta e la critica della pubblicazione a stampa).
ff. 481ro-506vo. Trattato di guerra e di pace delle cose di Ferrara.
(481ro-505vo) Testo. >Trattato di guerra, et di pace delle cose/ di Ferrara/ tra
la S.t di N. Sig.re et Don Cesare/ Estense./ fatto li 4 Decembre 1597< Tra tutte le
attioni humane, pare che in niun altra habbia pi luogo la fortuna, et il caso di
quello, che faccia nellessercitio militare... ...Per senza che io venga a dire VS
dicisivamente lesito della guerra, haver scorto lopinion mia la quale lascio,
che sia regolata dal suo giuditio, et nel resto prego che ne conceda quello, che
ragionevolmente si spera. >Li 4 Decembre 1597< Il testo riguarda la situazione
politica creatasi dopo la morte di Alfonso II dEste nel 1597. In mancanza di ere-
di diretti il cugino di Alfonso, Cesare, si proclama duca. Il Papa prende in con-
siderazione un intervento militare. Non stata ritrovata versione stampata n
si avuta possibilit di consultare unaltra versione manoscritta. La notizia su
un manoscritto con un titolo simile si trova nella Bibliothque Rale de Paris,
Saint-Germain 278 [760] (cfr. A. Marsand, I manoscritti italiani delle Regie Bi-
blioteche di Parigi, vol 2, Parigi 1838). La miscellanea BAV, Urb. Lat. 857 a f. 398r
conterrebbe il testo Trattato di guerra e di pace per la Devoluzione del ducato
di Ferrara, testo anonimo datato 4 dicembre 1597 (cfr. M.T. Fattori, Clemente
VIII e il Sacro Collegio 1592-1605, Stuttgart 2004, p. 129). Testo inedito.

Ms. Ital. Fol. 135


Codice dArqu
I + 160 ff. + I 296 213 mm 1819 Italia (Padova) italiano, latino, francese,
tedesco

Manoscritto in ottimo stato Fascicoli: 20IV160 Paginazione a matita co-


eva indipendente per ognuna delle sei unit testuali Foliazione a matita
recente Testo apiena pagina, dimensioni: (210-230) 150 mm; 23-28 righe
Margini e rigatura a matita Scrittura di una sola mano In margine segni
NB e richiami ad altri passi fatti a matita dalla stessa mano Fogli bianchi: 1,
2vo, 14vo, 15-16, 28-32, 35vo, 36-40, 60-64, 66-72, 90vo, 91-160.
Mezza legatura in cuoio ad angoli, originale del XIX sec. (300 220 mm).
Quattro nervi semplici. Piatti in cartone coperti di carta marmorizzata a col-
la di color grigio. Dorso libero, strappato in basso. Nel secondo scomparto

59
del dorso unetichetta di pelle pi scura con due fregi e il titolo impressi a
secco in oro Codice dArqu. Sopra letichetta rossa con lattuale segnatura.
Contropiatti e carte di guardia bianche. Taglio bianco.

Manoscritto eseguito a Padova nel 1819. Datazione in base alla scritta a


matita lasciata dalla mano del copista a f. 90ro: Sabbato, Padova li 31 7 1819. Il
manoscritto una copia dellalbum dei visitatori della casa del Petrarca ad
Arqu e contiene iscrizioni eseguite tra il 1783 e 1810. Le note al margine NB
(nota bene) e la paginazione eseguite dalla stessa persona. Il manoscritto
sembra non finito. Il codice era stato rilegato prob. prima dellatto di scrit-
tura. Il ms. pervenuto nella Knigliche Bibliothek nel 1844, comprato da
un certo Rse, libraio di Berlino (cfr. registri dingresso). Sul primo contro-
piatto il numero dingresso Acc. 2048. La segnatura attuale ital. fol. 135 sul
dorso e a f. 2ro. Timbri della Knigliche Bibliothek a ff. 2vo e 90ro. Mancano
tracce di altri possessori.
Lemm, p. 72.

ff. 2ro-160vo. Codice dArqu (2ro) Frontespizio. Tu che devoto al sacro al-
bergo arrivi/ Ove saggira ancor lombra immortale/ Di chi un d vi depose il
corpo frale/ La patria, il nome, i sensi tuoi qui scrivi/ In Arqu/ Anno MDC-
CLXXXVII/ Dalla morte di Petrarca CCCCXIV. (3ro-90ro) Testo. (3ro-14ro) >Prima
parte< Sonetto/ Cigno, nelle cui rime, e non altronde... ...Della Pace un cultore,
e delle Muse. >1810/ G. J< (17ro-27vo) >Seconda parte< In questo sacro e glorioso
monte... Chi il bello stile in lor cura e lamore >10 settembre 1810/ Fattorini
Procurator Regio in Chioggia< (33ro-35vo) >Terza parte< Visitando in Arqu il
sepolcro di Messer Francesco Petrarca... Il P.M. Cremonese Domenico Acca-
demico di Este giunto in Arqua a dispetto di ostinata pioggia in compagnia di
Bergamo. (41ro-59vo) >Quarta parte< Sonetto/ Questo il nido gentil, ove il Pet-
rarca Et priscum Vati redde, age, redde, decus. >N.N.< (65ro-65vo) >Quinta
parte< Sulla perete della terza stanza, sopra la porta del quarto stanzino
dal tempo non distrutte. (73ro-90ro) >Sesta parte< Prezioso diaspro, agata ed
oro... Te visitai, quasi Cigno venerando. >-1810-/ T. R. Catullo Naturalista<
Il manoscritto contiene le iscrizioni del cosiddetto Album dei visitatori di
Arqu. Le iscrizioni sono state eseguite dalle persone che visitavano la casa
del Petrarca dove situata anche la sua tomba. Il codice si trova ora nella Bib-
lioteca Civica di Padova, segn. C. P. Album 1. Contiene 202 carte di cui le prime

60
110 costituiscono il sopraddetto primo album (primo conservatosi) con le
iscrizioni datate tra il 1788 e 1810 (cfr. A. Balduino Luoghi della memoria:
i fans di Petrarca ad Arqu. in: Periferie del petrarchismo Roma-Padova
2008). La seconda parte contiene iscrizioni dal 1811 al 1819. Ciononostante nei
margini e negli spazi vuoti ora ritroviamo anche iscrizioni degli anni 30 del
XIX sec. Le iscrizioni hanno diverso carattere: semplici firme, frasi, massime,
poesie in forma diversa e diverse sono anche le lingue usate. Il copista non
aveva per in mano lalbum, ma la scelta delle iscrizioni pubblicata a stampa.
Infatti Nicol Zanon, cur e pubblic nel 1810 Il codice dArqu grazie alla
gentilezza di Giustiniano Bernardi, a quellepoca proprietario della casa. Il
libro contiene circa 90 poesie, numerose iscrizioni e firme effettuate tra il
1788 e 1810 nellalbum e sulle pareti della casa con in pi una, datata 1783. Il
ms. Ital. Fol. 135 una trascrizione molto curata del contenuto del libro. Il co-
pista trascrive tutte le poesie e la maggior parte delle iscrizioni, insieme alle
note del curatore del volume, non mantenendo per lordine del libro. Divide
il testo in sei parti, in cui sistema le poesie secondo i motivi, p.es. Petrarca
come cantore, cigno; il paesaggio: le acque e il colle ecc. Ma lautore del ms. fu
prob. anche visitatore della casa del poeta, a giudicare dallannotazione, as-
sente nel libro stampato, del f. 65ro dove spiega Sulla perete della terza stanza,
sopra la porta del quarto stanzino, sotto lo scheletro della gatta leggevi. Il co-
dice quindi pu essere considerato un bel ricordo di qualche turista, ammi-
ratore della poesia del Petrarca o lopera di uno studioso di letteratura che la
compil forse con lintenzione di qualche ulteriore lavoro, visti gli spazi vuoti
lasciati tra singole parti del testo.

Ms. Ital. Fol. 137


Zaccaria Valaresso
I + 95 ff. 305 210 mm XVIII sec. Italia

Manoscritto in buono stato. Macchie di umidit sulle ultime carte Fasci-


coli: 7VI84 + 1(VI-1)95 Paginazione ad inchiostro coeva Foliazionea matita
recente Testo adue colonne, dimensioni: (200-210) 190 mm; 45 righe Le
colonne delimitate tramite la piegatura del foglio Allinizio dei canti titoli
e argomenti in posizione centrale Titoli correnti tranne ff. 4vo-12vo, 56vo
Scrittura di una sola mano Fogli bianchi: 8ro, 68, 91vo.

61
Mezza legatura in cuoio marmorizzato; posteriore alla stesura del ma-
noscritto prob. del XIX sec. (312 218 mm). Cinque nervi semplici. Piatti in
cartone coperti di carta a colla pseudo-marmorizzata. Dorso decorato con
otto filetti orizzontali impressi a secco in oro. Otto scomparti. Nel secon-
do scomparto unetichetta di pelle marrone con il titolo in ordine verticale
Baiamonte Tiepolo delimitato da un fregio, tutto impresso a secco in oro.
Contropiatti in carta bianca. I carta di guardia aggiunta al tallone del contro-
piatto; tagliata la carta di guardia posteriore. Taglio grezzo.

Manoscritto eseguito nel XVIII sec. Siccome il testo del poema Il Fug-
gilozzio ovvero Il Baiamonte Tiepolo di Zaccaria Valaresso (1686-1769) fu
pubblicato postumo, allepoca girava in molte copie manoscritte. La datazio-
ne del ms. risulta incerta. Pu essere stato effettuato prima della pubblica-
zione a stampa (1769), ma pu costituirne una copia (cfr. infra). Come luogo
di esecuzione, tenendo presente la provenienza dellautore e il luogo di pub-
blicazione dei suoi libri, sarebbe da ipotizzare lItalia Settentrionale. Il ms. fu
eseguito da una sola mano tranne il frontespizio sul quale uno dei proprie-
tari (?) aggiunse lo pseudonimo del poeta in quanto membro dellAccademia
dellArcadia: Catuffio Panchiano Bubulco Arcade e linformazione su unaltra
sua opera, il dramma: Rutzvanskad il Giovine, scritta nel 1724: autore della
curiosissima e stravagantissima tragedia ecc. La prima carta imbrunita te-
stimonia che lItal. Fol. 137 era rimasto prima non rilegato. La legatura con
tutta probabilit fu eseguita nel XIX, ma prima dellarrivo alla Knigliche
Bibliothek, in quanto il contropiatto anteriore reca lantica segnatura A 8071.
Il ms. pervenuto nella biblioteca nel 1845 (sul contropiatto anteriore il nu-
mero dingresso Acc. 2333), comprato dal libraio berlinese Rse (cfr. registri
dingresso). Lannotazione del contropiatto che rimanda alle informazioni
sullautore cf. Lombardo, Storia delle lett. Ital.1929, t. 3, p. 365 eseguita prob.
da un bibliotecario. La segnatura attuale sul piatto anteriore Ms.ital.Fol.137 e
a f. Iro ms.ital.Fol.137; (1ro e 95vo) timbri della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 72.

ff. Iro-95vo. Zaccaria Valaresso: IL Fuggilozzio ovvero IL Baiamonte


Tiepolo. (Iro) Titolo. IL Fuggilozzio ovvero [una riga cancellata] IL Baiamon-
te Tiepolo/ Poema/ di S. E. N. H. Zaccaria/ Valaresso/ Patrizio Veneto/ e/
Senator meritissimo/ [di unaltra mano prima del titolo:] Di Catuffio Pan-

62
chiano Bubulco/ Arcade [accanto al nome:] autore della curiosissima e stra-
vagantissima Tagedia (sic!) ecc. (1ro-95vo) Testo. >Baiamonte Tiepolo/ Can-
to Primo/ Argomento< Chiuso il maggior consiglio. Baiamonte/ cui cessa
un gran poter, da in smanie tante... ...E la faccia venir da unaltro mondo.
>Fine< Il manoscritto contiene il primo tomo del poema eroicomico Baja-
monte Tiepolo composto di quindici canti in ottave. Autore: Zaccaria Vala-
resso (1686-1769), accademico dellArcadia con il nome Cattuffio Panchiano
Bubulco. Pubblicazione a stampa postuma: Zaccaria Valaresso, Baiamonte
Tiepolo poema eroicomico di Cattuffio Panchiano Bubulco Arcade, t. 1, Fi-
renze (?) 1769; Baiamonte Tiepolo in Schiavonia poema eroico di Cattuffio
Panchiano Bubulco Arcade, t. 2, Firenze (?) 1770. Il testo dellItal. Fol. 137
non differisce in modo notevole dal testo a stampa. Si notano poche diffe-
renze lessicali. Alla fine dellundicesimo canto il copista mise una specie di
tavola dei personaggi, assente nel volume a stampa. Nelledizione a stampa,
preparata dopo la morte dellautore, leditore dichiara di essersi basato su
uno dei numerosi manoscritti dellopera che giravano allepoca. possibile
che anche lItal. Fol. 137 sia stato eseguito prima della pubblicazione a stam-
pa. Ancor oggi molte di queste copie si trovano in biblioteche e nei cataloghi
di antiquariati e dasta.

Ital. Fol. 138


Gregorio XV papa Miscellanea di scritti storici
I +242 ff. XVII-XVIII sec. Italia

Manoscritto in buono stato. Alcune carte incollate su braghette. Paginazione


antica ad inchiostro, indipendente per alcune parti Foliazione a matita dellin-
tero codice, recente Le successive unit testuali del codice segnate dal biblio-
tecario moderno con le lettere a, b, c, d, e, f, g, h, i Testo apiena pagina Scrittu-
ra di pi mani Dimensioni e numero di righe varie in diversi documenti.
Legatura piena del XIX sec. (295 208 mm). Tre nervi. Piatti in cartone
coperti di carta marmorizzata (stormont; cfr. Papiery zdobione, 16; Marbled
Paper, tav. XXXI: primi decenni del XIX sec.). Dorso liscio. Sul dorso tracce di
unetichetta staccata, di una scritta illeggibile e la segnatura attuale sulleti-
chetta rossa. Contropiatti in carta bianca, carta di guardia unita al contro-
piatto. Taglio grezzo.

63
Il codice composto di cinque unit eseguite da cinque diversi ama-
nuensi. Le unit I e V provengono dalla fine del XVII sec. Datazione in
base ai fatti descritti e alle caratteristiche paleografiche; terminus post
quem: 1672. I testi riguardano i fatti legati alle famiglie aristocratiche di
Firenze, Bologna, Roma. Originali compilati tra lultimo quarto del XVI
sec. e gli ultimi decenni del XVII sec. Copie eseguite su carta con filigrane
diverse, ma spesso affini e recanti le iniziali AF. Il tipo di scrittura per-
mette di identificare i copisti come professionisti di cancelleria. Queste
parti sono state sottoposte a interventi conservatori, prob. prima dellat-
to di rilegare il codice, perch non presenti in altre parti. La parte II com-
prende copie tutte scritte su carta identica di tre scritti concernenti
gli eventi del XV e XVI sec. legati a Firenze e ai Medici, ma le copie sono
relativamente tarde e databili in base alla calligrafia agli anni a cavallo
tra il XVII e il XVIII sec. Anche la parte III riguarda lambiente fiorentino
ed copia di una lettera del 1378. La filigrana della carta reca lo stem-
ma mediceo con il cappello cardinalizio quindi (bench non identificata)
porta verso la cerchia medicea. Questa parte la pi antica e risale a
met del XVII sec. quindi nata forse nellambiente di uno dei cardinali
medicei attivi allepoca: Carlo, Giovan Carlo o Leopoldo. La carta in-
giallita e sciupata e la logorazione del f. 30ro testimonia che il frammento
rimaneva a lungo senza copertina. Il tipo di scrittura ed errori, corretti in
seguito da unaltra mano, suggeriscono che non abbiamo a che fare con
un copista-professionista. La parte IV copia di una lettera porta la
data 1746 e non legata ad altre parti in senso tematico. Lo scritto, notato
dalla bibliografia, girava allepoca in forma di volantino ma la copia fu
eseguita pi tardi, verso la fine del XVIII. Le cinque parti sono state mes-
se insieme e rilegate nei primi decenni del XIX sec., datazione in base alla
carta marmorizzata usata per la legatura (cfr. supra). Siccome non una
legatura della Knigliche Bibliothek, deve essere stata effettuata prima
del 1846, ossia la data dellingresso del codice nella Biblioteca. Il codice
stato comprato allasta di Dresda alla quale si vendeva la collezione dei
libri di Carl Friedrich von Rumohr (1795-1843): cfr. registri dingresso. A
f. Iro il numero dingresso Acc.2419. La segnatura attuale Ital.Fol.138 sul
dorso e a f. 1ro; timbri della Knigliche Bibliothek a ff. 1ro e 242vo.
Lemm, p. 72.

64
(I) ff. 1ro-19 vo 288 203 mm XVII sec. Terminus post quem: 1622

Manoscritto in buono stato buono Fascicoli: 1IV8 + 1(IV+3)19 Paginazione


coeva Richiami e falsi richiami Testo a piena pagina, dimensioni: 200
(115-130) mm; 21 righe Scrittura di una sola mano In margine numeri di
paragrafi Fogli bianchi: 19vo.

ff. 1ro-19ro. Gregorio XV: Avvertimenti politici dati al Cardinale Lo-


dovisio. Titolo e testo. >Avvertimenti politici dati al Cardinale/ Lodovisio da
Gregorio XV< I. Prima dogni altra cosa vi ricordiamo, anzi se lesortazione non
basta instantemente, vi preghiamo che la nostra dottrina politica... ...e meri-
tano di essere con puntelli di limosina sostentati, acci che in debolezza umana
non se ne cadino. Copia del documento indirizzato dal papa Gregorio XV al ni-
pote Ludovico Ludovisi, datato 1622. Infatti Ludovisi ottenne il cappello car-
dinalizio nel 1621 e il Papa mor nel 1623. I manoscritti, con contenuto affine
e diverse varianti del titolo, sono assai numerosi e di solito portano la data
del 1 aprile 1622, p.es. BNP: it. 683 (cote). 1622, 32-47; it. 700 (cote), 166-183; it.
404 (cote), 266-281; BAV: Barb. Lat. 4632; Barb. Lat. 5265; Barb. Lat. 6908, 1-12;
BNF, II, IV, 499; BNR, Ges.120. Consultati: BNF, II, IV e Riccard., 1953, 162r-171r
(copia XVII sec.). In ambedue i codici dopo tre pagine dintroduzione man-
canti nell Ital. Fol. 138 il testo uguale. Testo inedito.

(II) ff. 20ro29vo; 116ro-188vo (282-288) (202-205) mm XVII/XVIII sec.

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1V29; 5V165 + 1(V+2)177 + 1(VI-1)188 Ri-


chiami e falsi richiami Testo apiena pagina, dimensioni: 250 140 mm; 27-
28 righe Margini piegati Scrittura di una sola mano Chiudiriga Fogli
bianchi: 188vo.

ff. 20ro-29vo. Presa e confino di Cosimo di Giovanni di Bicci de Medici.


Titolo e testo. >Presa e/ di/ Cosimo di Giovanni di Bicci de/ Medici./ Cavata da
unIstorietta di quei tempi/ Manuscritta dellAnno 1433, ove si/ narrano le Novit
di quei tempi,/ e le cagioni della carcerazione di/ Cosimo e suo Confino< Allora
che la Citt nostra di Firenze viveva libera, e sotto lImpero de suoi medesimi
Cittadini, mediante la forma di un Governo universale; trovavasi in quello lAnno
1433 in assai buono stato tra gli altri Cittadini di essa, e molto stimata e reputata

65
la Famiglia de Medici... ...Roma Patrem Patriae Ciceronem libera dixit/ Dal
che torno a dire e pi mi confermo nel nostro comun proverbio. Che chi Iddio
vuol aiutare/ non puote mai perire. Il testo racconta lincarcerazione e lesilio
di Cosimo de Medici (1389-1464) noto come Cosimo il Vecchio che ebbe luogo
nel 1433 e fu conseguenza di macchinazioni delle famiglie Strozzi ed Albizzi
contro legemonia politica ed economica di Cosimo. La storia ricavata da un
manoscritto pi antico del 1433 che doveva girare allepoca. Manoscritti con-
sultati, recanti testi simili, ma non identici p.es. BNF, II, IV, 311 (Magl. Cl.XXV, n.
339, fol. 113); Riccard. 1953 (XVII s.). La storia venne descritta anche da G. Caval-
canti (1381-1451) in Istorie fiorentine, Firenze 1838, libro IX, cap. XI. nonch in
Istorie fiorentine di N. Machiavelli. Testo inedito.
ff. 116ro-177vo. Jacopo Buonaparte[?]: Sacco di Roma. Testo. >Sacco di
Roma/ Seguito al tempo di Papa Clemente VII./ de Medici/ lAnno 1527./ De-
scritto puntualmente da veridico Autore/ et antico scrittore di quei tempi,/ con
LOrigine di tal Guerra e rovina,/ e Le Cagioni per le quali Pat Roma,/ il Popolo
Romano et il Pontefice tanto/ e cos crudel Flagello< In tanti diversi et insopor-
tabili accidenti seguiti dal Anno 1499. fino al 1527. con tanta ignominiosa rovina
di tutta Italia, dovrebbero non solo insegnare do provvedersi a Governatori de
Principi, a delle Republiche... ...si partirono verso la Citt di Napoli, andan-
do in diversi posti per avviare a Lutreck, Generale del Re Francesco di Francia
gli acquisti grandi che giornalmente con lEsercito suo Poderoso faceva in Ita-
lia. >Fine< Testo dei ff. 116ro-118ro non identificato. A partire da f. 118ro il testo
corrisponde a quello di Jacopo Buonaparte, Ragguaglio storico sul Sacco di
Roma dellanno 1527, Colonia 1756 (in realt Lucca); altre edizioni: Parigi 1809
(insieme alla traduzione francese), Milano 1844: Capolago 1847; Roma 1892.
Lidentit dellautore non sicura. Secondo il primo editore il testo sarebbe
stato ricavato dalloriginale manoscritto cinquecentesco di J. Buonaparte (m.
1541). Alcuni studiosi affermano per che una specie di riassunto del Sacco
di Roma di Francesco Guicciardini (Parigi 1664; Colonia [Lucca] 1758); altri
credono che fosse Guicciardini ad aver utilizzato il testo di Buonaparte. Secon-
do unaltra ipotesi lautore dellinsieme (4 libri) sarebbe un certo Patrizio de
Rossi Fiorentino (pubbl. Roma 1837). Cfr. il testo di de Rossi nel manoscritto
Ital. Quart. 34. In realt il testo di Buonaparte (1 libro) e di Guicciardini (2 libri)
sono in parte affini a questa pubblicazione. Per informazioni storico-biblio-
grafiche cfr. introduzioni e note alle edizioni sopraccitate. Cfr. anche il testo sul
Sacco di Roma nel manoscritto Ital. Quart. 34.

66
ff. 178ro-188ro. Donato Giannotti: Discorso. Titolo e testo. >Discorso/
Di mes: Donato Giannotti sopra/ il riordinare il Governo di Firenze/ Al mag:co
Gonfaloniere di Giustizia/ Niccolo di Piero Capponi< Manifestissima cosa ,
che tutti quei Governi, che anno i loro Cittadini Partigiani e affezionati, sono
quelli che durano, e non patiscono alterazione... ...che quanto mi occorre
et io a V.S. humilmente mi raccomando, pregandola, che tra tante sue occupa-
tioni, di me alcuna volta si ricordi/ Suo Aff.ssimo Servo:/ Donato Gianotti. Nu-
merosi manoscritti recanti il testo, p.es. BNP: it. 257, 45-54; it. 282, 66-82;
AS Firenze, Miscellanea Medicea, Filza III, scat. 39, n. 25, 86-99; BNF, Fondo
Gino Capponi, cod. CCLXVIII, 737-43. Testo edito a stampa in: Ildefonso di
San Luigi (Benedetto Liborio Frediani) Delizie degli Eruditi Toscani, Firen-
ze 1770-1789, t. XXIII (1786), pp. 115-165; D. Giannotti, Opere, Pisa 1819, t. III,
pp. 27-48; D. Giannotti, Opere politiche e letterarie, Firenze 1850, t. I, pp.
1-15. Il testo dellItal. Fol. 138 non contiene gli errori della prima edizione del
1786 (poco affidabile), ma non privo di sviste e lacune rispetto alle edizioni
posteriori.

(III) ff. 30ro-115vo 288 198 mm met del XVII sec.

Manoscritto in discreto stato. Macchie dinchiostro e di umido Fascicoli:


6VI101 + 1IV109 + 1II113 + 1I115 Il primo foglio incollato al fasc. precedente con
tallone Foliazione coeva ad inchiostro Richiami e falsi richiami Testo api-
ena pagina, dimensioni: 250 155 mm; 28-29 righe Margini parzialmente
eseguiti tramite impressione Scrittura di una sola mano, poco curata Cor-
rezioni ortografiche posteriori Fogli bianchi: 115vo.

ff. 30ro-115ro. Lettera scritta a Gino Capponi Gino Capponi: Cronaca


Neri di Gino Capponi [?] Testo. >Lettera scritta ha Gino Capponi a ...nella
revolu-/ zione di Firenze da Michel di Lando Gonfaloniere/ de Ciompi lanno
1378< Havendo i Sig.ri sino di 18 del mese di Lug.o 1378 sentito come certi capi
della gente minuta intendete tutta gente minuta sottoposta allarte della Lana...
...et con loro seguite in comune et in propriet ritemetevi [?] et con loro vi
consigliate. Alcuni testi riguardanti il cosiddetto Tumulto dei Ciompi, uniti in-
sieme in modo un po caotico. (30ro-36ro, v. 11) si tratta di una lettera anonima,
pubblicata dal padre Ildefonso da san Luigi nel vol. XVII delle Delizie degli
Eruditi Toscani, cit. supra, p. 163 e sgg. nota come Lettera danonimo che si

67
serv di un ignoto codice fiorentino, poi andato perduto. Questa lettera si trova
in molti manoscritti vergati da un copista fiorentino del XVI sec. Antonio di
Orazio da Sangallo. Le copie del Sangallo per alcuni versi presentano lezioni
pi corrotte. Non identico neanche lelenco dei nomi presente nel testo. Di-
versi manoscritti datano la lettera tra il 20 luglio 1378 e il 28 luglio 1378. Nella
ristampa preparata da Gino Scaramella in: Il tumulto dei Ciompi. Cronache e
memorie, Bologna 1934, pp. 137-148 il redattore data la lettera al 23 luglio in
base alle date contenute nel testo. Sostanzialmente si basa sulla edizione di
Ildefonso, ma usufruisce anche dei manoscritti del Sangallo e soprattutto BNF,
Magl. XXV, 22. (36ro-54vo) la cronaca di Gino Capponi, ristampata da G. Scara-
mella (cfr. supra). Il testo dellItal. Fol. 138 acefalo rispetto a quello stampato.
Scaramella mette in dubbio lautorit di Capponi, affermando che il vero auto-
re della cronaca fu Alamanno Aciaiuoli, priore nei mesi del giugno e luglio del
1378. La pubblicazione di Scaramella prende in considerazione 33 manoscritti
delle biblioteche italiane (BAV, BNF, Riccard., Angel.), nonch la pubblicazione
sotto il nome di Capponi in L. A. Muratori, Rerum italicarum scriptores, t.
XVIII, Milano 1731 e in D. M. Manni, Cronichette antiche, Milano 1793, 1844, pp.
297-334. Per notizie storico-bibliografiche cfr. G. Scaramella, cit., Prefazione,
pp. III-XII. (54vo-109vo) il testo intitolato Commentari e memorie di cose seguite
in Italia da lanno 1419 a lanno 1456 scritte da Neri di Gino Capponi che visse in
dd. tempi e si trov in persona a queste imprese, presente in alcuni manoscritti,
p.es. Cors. (Accademia dei Lincei) 44 F4, (cfr. Kristeller, 2, p. 105); BNF, Fon-
do Gino Capponi, cod. XCIII; pubblicato in L. A. Muratori, Rerum Italicarum
Scriptores, cit. supra, pp. 1157-1216. Il testo del ms. corrisponde a quello stam-
pato. (110ro -112vo) la ripetizione di una parte della lettera anonima, copiata
gi prima (ff. 34-36), che si trova a pp. 146-148 delledizione di Scaramella e in
seguito frammento che manca alla cronaca contenuta a ff. 36ro-54vo.

(IV) ff. 189ro-195vo 288 (195-200) mm XVIII sec. Terminus post quem: 1746

Manoscritto in discreto stato Fascicoli: 1(IV-1)195 Testo apiena pagina, di-


mensioni: 257 140 mm; 27-28 righe Margini piegati Scrittura di una sola
mano Fogli bianchi: 195vo.

ff. 189ro-195ro. Gerolamo Curlo [?]: Lettera di un Cittadino Genovese.


Titolo e testo. >Lettera di un/ Cittadino Genovese ad un Suo Corrispondente di

68
Londra.< Fra gli eventi di questa Guerra pi memorabili voi riguarderete certa-
mente quello che occorso in Genova il giorno 10 Corrente... ...ma sopratutto
Ella deve aspettarsi da quella divina Providenza che ha in particolar protezio-
ne la sorte degli Oppressi. Ho Lonore di esser perfettamente./ 15: Xbre 1746. La
lettera, scritta il 15 dicembre, riguarda eventi successi a Genova il 6 dicembre
1746 durante la guerra per la successione austriaca. A Genova scoppi unin-
surrezione contro gli austriaci. Lo scritto commentava dal vivo gli eventi e gi-
rava in quanto volantino pubblicato dalleditore Tarigo o Franchelli (cfr. Libri,
Tipografi, biblioteche ricerche storiche dedicate a Luigi Balsamo, Parma 1997,
t. 1, p. 304, n. 30). Il suo autore sarebbe Gerolamo Curlo (cfr. V. Vitale, Breviario
di Storia di Genova, Genova 1955-56, p. 152). Loriginale della lettera, ma con
la data del 17 dicembre, conservato nella Biblioteca Universitaria di Pavia:
Carte Aldini. Carte diverse, busta 12, n. 18 (cfr. A. Corbellini, Ninfe e pastori
sotto linsegna dello stellino, Pavia 1911, p. 99).

(V) ff. 196ro-242vo 288 (186-197) mm XVII sec. Terminus post quem: 1672

Manoscritto in buono stato. Tracce di interventi conservatori: pezzi di car-


ta incollati sui lembi dei fogli Fascicoli: 1(III-2)199 + 2IV215 + 1II219 + 1IV227 +
1(IV+1)236 + 1III242 Paginazione coeva indipendente per ogni unit testuale
Richiami e falsi richiami Testo a piena pagina, dimensioni: (200-205)
(135-140) mm; 18 righe Scrittura di una sola mano Correzioni eseguite dal-
la stessa mano. (219vo) nota di unaltra mano Abissus abissum invocat Fogli
bianchi: 242vo.

ff. 196ro-199vo. Congiura contro Gino Capponi. Titolo e testo. >Congiura


contro Gino Capponi se:/ guita lanno 1546 [cancellato 4 e corretto con 8]< A
di 17. Giugno 1546 occorse nella nostra citt di Firenze un grandissimo caso, e
questo fu che molto regnava lozio nei Giovani dissoluti... ...il lunedi mattina
a ore 12. furono impiccati alle finestre del Bargello, tutti e due insieme, non
avendo ancora 20. anni. >Fine< Testo riguardante tensioni e conflitti politici
nella Firenze della met del XVI sec. Consultato un testo simile nel codice-
miscellanea del XVIII sec. della BNF (Panciatich. 117, t. I. 533-537). Il ms. nella
sua struttura generale corrisponde a quello dellItal. Fol. 138, ma in fronte-
spizio porta la data il XVIII giugno MDXLVIII, e nel testo il 17 giugno 1548.
Consultati anche testi affini della Biblioteca Moreniana di Firenze: Fondo

69
Moreni 49 (XVIII sec.), Fondo Moreni 191, cc. 13-16. Numerosi altri mss. di
questo contenuto, tra diverse varianti, recano nella maggioranza la data del
17 giugno 1546. Testo inedito.
ff. 200ro-219vo. Morte di Vittoria Carambona. Titolo e testo. >Morte
della Sig.ra Vittoria Carambona,/ e del sig.r Lodovico Orsino< LIll.mo e Reve-
rendissimo Cardinale Montalto cos nominato dalla sua Patria fu lanno 1585.
La morte di papa Gregorio decimo terzo creato sommo pontefice e nominato
Sisto V... Ascanio Sopranio da Chiusi di Toscana, Scipione Lungo Napoleta-
no, Romeo Ferracani da Fiorenza, Zuani Bertan, Franco Quoco, Franco Lisonio
Francese Guattero. la narrazione delle vicende di Vittoria Accaramboni,
sposata con Francesco Peretti, ucciso dalla mano di un cognato, del suo
successivo matrimonio con Paolo Giordano Orsini, assassinato in seguito
dai parenti del Peretti e finalmente della morte della stessa Vittoria uccisa
da Ludovico Orsini, parente di Paolo Giordano. Questa storia di carattere
politico-criminale, svoltasi negli anni ottanta del XVI sec., trov una grande
risonanza e fu raccontata in diverse varianti. I codici recanti la storia con
un titolo leggermente diverso, p.es. BNP: it. 169 (cote), 181-247; it. 171 (cote);
194-259. Consultati: BNF: II, IV 331, (miscellanea del XVII sec.) a ff. 13ro-21vo
testo identico al nostro; II, VI, 118 (fogli non numerati) lo stesso testo con
una continuazione in forma di lettera. Le numerose versioni della vicenda
portarono anche a narrazioni a stampa. Un autore anonimo avrebbe pubbli-
cato a Brescia nel 1586 lopuscoletto Il miserabile e compassionevole caso
della morte dellillustrissima signora Vittoria Accaramboni successo nella
citta di Padova (non ritrovato). Per le notizie storico-bibliografiche riguar-
danti diverse versioni stampate cfr. D. Gnoli, Vittoria Accoramboni: storia
del secolo XVI narrata da Domenico Gnoli e corredata di note e documenti,
Firenze 1870 e G. Brigante Colonna, La nepote di Sisto V. Il dramma di Vitto-
ria Accaramboni (1573-1585), Lecce 2005. Testo in questa forma inedito.
ff. 220ro-242ro. Manifesto della Contessa Diana Zambeccari. Titolo e
testo. >Manifesto della Contessa Diana Zambec-/ cari Bolognese, con la morte
del Cav.re Sam-/ pieri di S. Gio: seguita in Bologna/ il d 6 di Luglio< Nel pre-
sente racconto, che nella semplice sua chiarezza si confessa Figlio della verit
si portano a notizia di chi legge le origini de disgusti antichi e nuovi fra Cava-
liere Gabriello Sampieri et il Conte Anton Gioseffo Zambeccari... ...Nel tem-
po chegli sbatte in San Salvadore egli fece molte cortesie alla moglie. >Fine<
Narrazione di una discordia tra Antonio Zambeccari e Gabriello Sampieri, la

70
quale si concluse con lomicidio di questultimo per mano del suo avversario.
Levento ebbe luogo nel 1671. Ma nel testo appare anche la data del 1672. Ma-
noscritti di contenuto affine: BNF: Panciatich. 195 [173. ix. ii]; Fondo Cappo-
ni, cod. CCCVII, 622-652, cod. CXV. Consultato: BNF, II, VI, 118 (XVII sec), ff. non
numerati, identico al testo dellItal. Fol. 138. Testo inedito.

Ms. Ital. Fol. 143


Differenze tra la Santa Sede e le corti estere
I +248 ff. + I XVIII sec. (seconda met) Italia italiano, latino

Manoscritto in discreto stato. Alcune parti sciupate, strappi ai lembi Folia-


zione antica ad inchiostro, corretta fino a f. 148 Foliazione a matita recente
da f. 149 corregge quella antica, erronea Testo apiena pagina, dimensioni e
numero di righe varie in diversi documenti Scrittura di pi mani Margini
piegati (I ro) Differenze tra La Santa Sede e Le Corti Estere/ Tomo 717. Il titolo
e la foliazione di una stessa mano Il codice contiene due bifoli non legati: ff.
245-246 e ff. 247-248.
Legatura floscia in pergamena del XVIII sec. in cattivo stato (295 215 mm),
dorso staccato. Due bindelle di stoffa. Tre nervi. Sul dorso il titolo ad inchiostro:
Differenze tra la S. Sede e le Corti Estere. Tom. 717. e la scritta visto 1823. Contro-
piatti in carta bianca, carta di guardia unita al contropiatto. Taglio grezzo.

Il codice costituisce una raccolta di copie dei documenti provenienti dagli


anni 1754-1760, la maggior parte pubblicati. Le date presenti nei testi, delle
quali la pi recente 1760, costituiscono terminus post quem. I documenti (di-
versi pro-memoria, istruzioni e lettere) riguardano le relazioni della Santa
Sede con diversi stati europei in gran parte il Portogallo, La Repubblica di
Venezia e la Repubblica di Genova. Le copie sono state eseguite nella secon-
da met del XVIII sec. Tale datazione viene confermata anche da una delle
filigrane: ff. 18, 244 (cfr. infra). Altre filigrane non identificate ma contenenti
motivi affini, il che testimonia la provenienza da uno stesso ambiente. Copie
scritte da pi mani che si ripetono in diverse parti del codice. Alcuni docu-
menti copiati pi volte. Il codice stato prob. rilegato ancora nel XVIII sec. La
scritte sul dorso tomo 717 e visto 1823 costituiscono traccia di appartenenza a
un archivio o una biblioteca non identificata. LItal. Fol. 143 stato comprato

71
per la Knigliche Bibliothek nel 1867 da un certo H. Dressel (cfr. registri din-
gresso). A f. Iro il numero dingresso access. 9699. La segnatura attuale Ms.
ital.Fol.143 a f. 1ro; timbri della Knigliche Bibliothek a ff. Ivo e 243vo.
Lemm, p. 73.

(I) ff.1ro-18vo 309 215 mm

Manoscritto in discreto stato Filigrana: (~Churchill, CCXXVII, 262: Italia, 1747)


Fascicoli: 1IX18 Testo apiena pagina, dimensioni: 203 200 mm; 28-30 righe
Scrittura di una sola mano Manca il titolo Fogli di dimensione pi grande
della legatura, piegati in senso verticale ed orizzontale Fogli bianchi: 18.

ff. 1ro-17vo. Raimondo Cecchetti di Oderzo: Relazione delle controver-


sie tra il clero e il parlamento francese del 1754. Testo. Le turbolenze di
religione e le controversie tra il clero e parlamento di Francia che al mio arrivo in
Parigi trovai gi molto incamminate e che vidi procedere nel mio soggiorno
...Ma hanno una conoscienza di sentimento del Giensenismo del terzo grado, poi-
che vedono, e sentono gli attentati del Parlamento sopra lautorit Ecclesiastica,
e sono portati ad approvarli perche nel Parlamento riconoscono la protezzione
de loro dritti, il Patrocinio della quiete publica, e la loro difesa delloppressione.
Relazione delle questioni insorte tra il clero e il parlamento francese nel 1754.
Autore Raimondo Cecchetti di Oderzo (1703-1769). Il testo allepoca girava in
manoscritto, pubblicato nel XX sec. in Nuova Rivista Storica, 1964 (48), pp.
613-632, a c. di. G. Renucci. La pubblicazione in base a una copia di un testimone
dellepoca, conservato nella biblioteca capitolare di Treviso in seguito distrutto
durante i bombardamenti della citt nel 1944, fu eseguita nel 1893 dal prof. An-
gelo Marchesan. Un altro testimone del XVIII sec. si trova a Venezia: Marc., It.
VI. 313 (6218) Ragguaglio storico delle controversie tra il clero ed il parlamen-
to di Francia nellanno 1754 delllabate Raimondo Zecheti di Uderzo. Il testo
dellItal. Fol. 143 non differisce n dal ms. marciano n dal testo stampato.

(II) ff. 19ro-22vo 270 190 mm Terminus post quem: 1760

Manoscritto in discreto stato Fascicoli: 1II22 Testo auna colonna, dimen-


sioni: 100 (160-165) mm; 17-20 righe Scrittura di due mani Manca il titolo
Fogli bianchi: 19vo, 20vo, 21, 22.

72
ff. 19ro-22ro. Circolare del cardinale Corsini. Testo. 12 luglio 1760 Sen-
tendosi dal Cardinal Corsini, Protettore della Corona del Portogallo che possa
esser giunto alle mani di V. E. un raguaglio sicuro in ci dincontrare con
quello avera V.S. ordinato, che si dichiari rispetto alla Persona dello scrivente.
Circolare del cardinale Andrea Corsini (1735-1795) ai ministri esteri residenti
in Roma. Il cardinale tra molte altre funzioni era membro della commissione
che soppresse la Compagnia di Ges. Lo stesso testo fu copiato due volte da
due mani con piccole modifiche. Stampato in Supplemento alla collezione
dei brevi pontefici, leggi regie e uffizi che sono passati tra le corti di Roma e
di Lisbona, Lugano 1760, che fa parte di Delle cose del Portogallo rapporto
ai P.P. Gesuiti. Raccolta duodecima, Lugano 1760, p. 154.

(III) ff. 23ro-24vo 272 195 mm

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1I24 Testo apiena pagina, dimen-


sioni: 255 (140-150) mm; 27 righe Scrittura di una mano, la stessa della
carta 19ro Fogli bianchi: 24.

ff. 23ro-23vo. Memoria del cardinal Corsini. Testo. >Memoria< Avendo


il commend.r Almada domandata ed ottenuta udienza il Mercoledi 2. del Cor-
rente e nellistesso giorno essendogli stata rivocata, volle secondo i suoi ordini,
subito dichiarare unaperta rottura tra le due Corti... al modo di Rendere
consapevole la Corte di Portogallo della Risoluzione Pontificia con i colori pi
proprii e pi atti a non impedire una riconciliazione cosi credendo che debba
fare ogni buon Ministro e Specialmente un Ministro Ecclesiastico. Memoria
del cardinal Corsini ai ministri esteri. Pubblicato in: Supplemento alla col-
lezione dei brevi pontefici..., cit. supra, p. 154.

(IV) ff. 25ro-28vo 272 192 mm Terminus post quem: 1760

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 2I28 Testo apiena pagina, dimen-


sioni: (255-225) (180-185) mm; 20-22 righe Scrittura di una mano Manca
il titolo Fogli bianchi: 28.

ff. 25ro-27vo. Editti di Francesco dAlmada e Mendoza, Ministro ple-


nipotenziario del Portogallo presso la Santa Sede. Testo. (25ro-25vo)

73
Guidato da quel chiaro Conoscimento che ho dell esemplariss.a divozione che
il Re mio Sig.re professa sempre alla S. Sede Ap.ca ed anno successivo [...] non
solo imitando, ma anco recedendo i Suoi Predecessori dato dalla nostra
solita residenza f.to li 6 Lug.o 1760. (27ro-27vo) >Fran.co dAlmada e Mendoza del
consiglio di Sua Maest Fedelissima e Suo Min. plenipotenziario presso la S.
Sede Ap.ca< Faccio sapere a tutti li Vassalli del Re Nostro Signore, come avendo
S. S.ta colla solita benignit conosciuto, quanto impossibile fosse, che il Sud.o
Min.ro Plenipotenziario contro li positivi Ordini del Re Suo Padrone... ar-
river notizia a tutti li Nazionali Vassalli, ho fatto fare il p.te Editto che per
me sottoscritto sar affisso nel solito luogo dove si trova affisso altro in data
due Luglio./ Dal n.ro Palazzo di Residenza 4 Luglio 1760. (25ro-25vo) Editto di
Francesco dAlmada y Mendoza, ambasciatore del Portogallo presso la Santa
Sede, pubblicato in. Supplemento alla collezione dei brevi pontefici..., cit.
supra, p. 138. (27ro-27vo) Editto di Francesco dAlmada y Mendoza pubblicato,
ibidem, p. 134.

(V) ff. 29ro-32vo 262 185 mm Terminus post quem: 1760

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 2I32 Testo apiena pagina, dimen-


sioni: 235 (135-175) mm; 22-23 righe Scrittura di due mani. La mano dei ff.
31ro-32ro la stessa del ms. IV Fogli bianchi: 32vo.

ff. 29ro-32ro. Memorie del cardinal Corsini e del Ministro dAlmada


e Mendoza. Testo. (29ro-30vo) >Memoria< Avendo il Commendator Almada
domandata, ed ottenuta ludienza per il Mercoledi 2. del corrente, e nello stes-
so g.no essendogli stata rivocata, volle secondo i suoi ordini, subito dichiarare
unaperta rottura... al modo di render consapevole la Corte di Portogallo
della risoluzione Pontificia con i colori pi propri e pi atti a non impedire una
riconciliaz.e cosi credendo che debba fare ogni buon Ministro e specialmente un
Ministro Ecclesiastico. (31ro-32ro) >Fran.co dAlmada e Mendozza del consiglio
di Sua M.t Fedelis.a e Suo Min.ro Plenipotenziario appresso la Sede Apostolica
a li Vassalli< Fo sapere a tutti li Vassalli del Nostro Signore, qualmente avendo
il detto Signore veduto da molto tempo a questa parte con esemplarissima co-
stanza per una serie di fatti decisivi intieramente ostrusi dal Ministro politico
della Curia Romana sar fiso nellOspidale Reg. della Med. Nazione ac-
ciocche li pred. Vassalli in tempo alcuno non possino allegare ignoranza. Dato

74
dal Palazzo della mia Residenza li 2. Luglio 1760./ Fran.co dAlmada e Mendoz-
za/ Fra Antonio Gios. Rodriguez. (29ro-30vo) Memoria del cardinale Corsini
ai ministri esteri. Pubblicato in Supplemento alla collezione dei brevi pon-
tefici..., cit. supra, p. 154. Lo stesso testo si trova anche nel ms. III a f. 23ro-vo;
(31ro-32ro) Memoria del ministro dAlmada. Pubblicato: Ibidem, p. 129.

(VI) ff. 33ro-70vo 268 192 mm Terminus post quem: 1758

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1I34 + 1XVIII70 Testo apiena pagi-


na, dimensioni: (230-240) 140 mm; 20-22 righe Richiami e falsi richiami
Scrittura di una mano In margine numerazione originale di paragrafi
Fogli bianchi: 33.

ff. 33ro-69vo. Deduzione cio uninformazione sommaria sulle azioni


diplomatiche intercorse tra la corte di Roma e la corte del Porto-
gallo. Testo. >Deduzione di fatto e di ragione< Il R Fedelissimo (non solo
imitando, ma superando li Suoi Regii Predecessori) h dato a sua Santit, al
suo Ministro e a tutto il mondo Cristiano le piu dimostrative e concludenti pro-
ve... Concludendosi finalmente mediante questo fatto dimostrativo che il
Riferito Ministero non volle tralasciare di adoperare tutti li modi per rompere
con il suddetto Monarca animato dallo spirito della discordia, le di cui cause
non possano nascondersi con qualunque riflessione che si faccia per quanto si
voglia moderare e si procuri di restringere il discorso. Pubblicato in Supple-
mento alla collezione dei brevi pontefici..., cit. supra, pp. 22-53.

(VII) ff. 71ro-90vo 268 192 mm Terminus post quem: 1760

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1X90 Testo apiena pagina, dimen-


sioni: (230-240) 140 mm; 20-22 righe Richiami e falsi richiami Scrittura
di due mani In margine numerazione originale dei paragrafi.

ff. 71ro-90vo. Documenti riguardanti il conflitto del cardinale Ac-


ciaiuoli, nunzio papale con la corte di Roma. Testo. (71ro-84vo) >Ragua-
glio< Seguito inaspettatamente in Lisbona il di 6 del passato mese di giugno
il matrimonio fra il Serenissimo Infante Don Pietro e la Serenissima Donna
Maria Francesca Principessa del Brasile... fina tanto che il Commend.re

75
dAlmada non fosse partito da Roma, e uscito da tutto lo Stato Ecclesiastico
doppo di che avrebbe dato orechio con tutto il piacere a qualunque discorso
e trattato che si fosse potuto intraprendere col dovuto decoro e dignit Sua
e della Santa Sede. (84vo-90vo) Ill.mo ed Eccel.mo S.re/ La certezza in che il Re
e della Gran parte che Sua Maest Cristianissima prende in tutti i Sacerdoti
di questa Real casa a notizia di tutti i fedeli nazionali Vassalli ho fatto
fare il presente Editto che per me sotto.to sar affisso nel solito luogo dove si
trova affisso laltro= in data dei 2 luglio = dal Nostro Palazzo di residenza = 4
Lug.o 1760. (71ro-84vo) Unanalisi del conflitto tra la corte portoghese e il car-
dinale Filippo Acciauoli (1700-1766), dal 1754 nunzio apostolico in Portogallo
(cacciato nel 1761) nel contesto del matrimonio del principe Pedro con sua
nipote, Maria Francisca, erede al trono del Portogallo e principessa del Bra-
sile, avvenuto il 6 giugno 1760. Relazione preparata prob. per la Santa Sede.
Testo prob. inedito. (84vo-90vo) Quattro documenti segnati con le lettere A,
B, C, D. Sono rispettivamente: una lettera firmata da Luis da Cuhna Manuel;
una lettera al cardinal Acciaiuoli firmata da Luis da Cunha, una memoria di
Francesco dAlmada e Mendoza, presente anche a f. 31ro-32ro (ms. V) e a f.
245ro (ms. XV); unaltra memoria dello stesso autore presente a f. 27ro-27vo
(ms. IV). Documento A non ritrovato a stampa; documenti B-D pubblicati in
Supplemento alla collezione dei brevi pontefici..., cit. supra, rispettivamen-
te a pp. 117, 129, 134.

(VIII) ff. 91ro-178vo 260 185 mm Terminus post quem: 1759 italiano, latino

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1VI102 + 1V112 + 3VI148 + 1IV156 + 1VI168 +


1V178 Il primo bifolio del primo fascicolo rotto, il primo foglio del fascicolo
incollato al fascicolo precedente e lultimo incollatato al fascicolo successivo
Testo apiena pagina, dimensioni: (230-235) (140-145) mm; 21 righe Ri-
chiami e falsi richiami Scrittura di una mano, forse la stessa dei ff. 31ro-32vo
Fogli bianchi: 156vo, 176vo, 177, 178.

ff. 91ro-176vo. Corrispondenza tra la corte del Portogallo e Santa


Sede e diverse pro memoria riguardanti le loro relazioni politiche.
Testo. >A/ Prima pro memoria< Sua Maest Fedelissima ha sentito con dispia-
cere eguale alla somma venerazione, che costantemente professa a Sua Santi-
t, il risultato delludienza, che Francesco dAlmada de Mendozza Suo Ministro

76
Plenipotenziario nella Corte di Roma ebbe da Sua Santit Quibus omni-
bus etiam si pro illorum sufficienti derogatione, de illis, illorumque totis tenori-
bus in praesentibus litteris specialis, specifica et individua mentio, seu graevis
alia forma observanda vel habenda foret tenores huius modi pro expressis ha-
bentes illis alias in suo robore permanfuris ad promissum. effectum dumtaxat
specialiter et expresse derogamus caeterisque contrariis quibuscumque. Tre
pro-memoria segnati con lettere A, B, C indirizzati dal Re del Portogallo, Giu-
seppe I a Francesco dAlmada e Mendoza e tramite lui al Papa Clemente XIII,
datate nel maggio del 1760, pubblicate in Supplemento alla collezione dei
brevi pontefici..., cit. supra, pp. 10-22. Pro-memoria D dal Ministro DAlmada
al cardinale Corsini, pubblicato ibidem, pp. 126-129. Seguono 19 documenti
segnati con numeri I-XIX, che oltre alla corrispondenza tra la Santa Sede e
la corte del Portogallo a cui partecipano il nunzio papale cardinale Accia-
iuoli, il segretario di stato del Portogallo Luiz da Cunha, il ministro plenipo-
tenziario del Re del Portogallo presso la Santa Sede Francesco dAlmada e
Mendoza, i cardinali Cavalchini, Corsini, Torreggiani comprendono i brevi
papali. Pubblicazione, ibidem, pp. 53-117. I frammenti scritti in corsivo nella
pubblicazione a stampa nel ms. sono sottolineati quindi non da escludere
una dipendenza tra questa parte del codice e il testo stampato.

(IX) ff. 179ro-184vo 265 200 mm

Manoscritto in discreto stato. Lembi dei fogli imbruniti Fascicoli: 1III184


Testo apiena pagina, dimensioni: (220-230) 170 mm; 24 righe Richiami e
falsi richiami Scrittura di una mano Fogli bianchi: 183, 184.

ff. 179ro-182vo. Memoria del cardinal Corsini sulla questione del


separatismo Corso. Testo. >Memoria/ Presentata dal Cardinal Orsini alla
Santit del Papa< Avrebbe il R delle due Sicilie voluto che il Card.le Orsini
prima di trasmettere il Foglio lasciato in sua Casa dal Card.le Segretario di
Stato, come esposto alle quattro Proposizioni per la Composizione amichevole
del disturbo accessosi tra la Santa Sede e la Repubblica di Genova... che
sar diretto tutto lavvenire di quest affare non dallartificio scabroso di una
Politica, che trattenga ad intorbidire li movimenti placidi e puri del Cuore di
S.S. ha il R che questi sono quali convengono al Vicari di Gies Cristo, e al ma-
estro della religgione che h per ogetto principale la carit. Testo riguardante

77
il problema del separatismo corso nellambito della repubblica di Genova.
Pubblicato recentemente in: Bernardo Tanucci, Epistolario, vol IX, a c. di
M. G. Maiorini, Roma 1985, p. 583.

(X) ff. 185ro-186vo 270 200 mm Terminus post quem: 1760 latino

Manoscritto in discreto stato. Lembi dei fogli sporgenti, sciupati ed imbru-


niti Fascicoli: 1I186 Testo apiena pagina, dimensioni: (230-250) (180-190)
mm; 27-30 righe Scrittura di una mano.

ff. 185ro-186vo. Lettera riguardante il separatismo Corso. Testo. >San-


ctissime, et Beatissime Pater< Cum gravioribus in dies distineremus, propte-
rea quod in nostro Corsicae regno perturbationes augeri videremus, easque...
...ut Sanctitati Vostrae diuturnos dies, felicesque impartiatur, sacrosque pe-
des deosculantes an Sanctitate Vostra, ut Apostolicam nobis benedictionem
elargiat, enixe postulamus. Datum Genuae XI kal. Julias 1760. Testo riguar-
dante il separatismo corso nellambito della Repubblica di Genova. Pubbli-
cato in Raccolta di quanto stato fin qui pubblicato nelle presenti vertenze
fra la corte di Roma e la repubblica di Genova, intorno alla spedizione dun
visitatore apostolico nel regno di Corsica, Campiloro 1760, pp. 127-139 in la-
tino con la traduzione italiana testo a fronte. La lettera che nella versione
stampata porta certe differenze lessicali e ortografiche intitolata Risposta
del Senato di Genova alla Lettera Ortatoria (sic!) di S. S. [Santa Sede]. Nel
libro si trova anche La Lettera Oratoria del Pontefice a Governatori della
Repubblica di Genova (pp. 114-126) che aveva originato la lettera di risposta
contenuta nel manoscritto.

(XI) ff. 187ro-192vo 270 200 mm

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1III192 Testo apiena pagina, dimen-


sioni: (230-250) (180-190) mm; 27-30 righe Scrittura di una mano Fogli
bianchi: 192vo.

ff. 187ro-192ro. Memoria mandata dalla Corte di Roma Principi per


istruzione della condotta tenuta dalla medesima ne presenti affari
di Corsica. Testo. A tutti manifesta cosa e palese la rivoluzione e lo sconvol-

78
gimento da molti anni seguito nel Regno di Corsica, ma non tutti Sanno che
non ristringendosi questo al solo politico e temporale governo, allo spirituale
ancora... Ma sapr ben Dio difendere la Persona del Suo Ministro e non
troverassi forze alcuno cos empio e sacrilego, che ardisca di stender la mano
contra dellUnto del Signore. Testo riguardante il separatismo corso nellam-
bito della Repubblica di Genova. Pubblicato in Raccolta di quanto stato fin
qui pubblicato... cit. supra, pp. 59-71 con il titolo Memoria. La versione del
manoscritto non differisce dalla stampa se non per dettagli di minor conto,
ma piuttosto non costituisce la copia del testo pubblicato.

(XII) ff. 193ro-232vo 253 190 mm Terminus post quem: 1760

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1XI214 + 1IX232 Testo apiena pagina,


dimensioni: (215-230) (150-160) mm; 19-23 righe Richiami e falsi richiami
Scrittura di una mano Fogli bianchi: 229-232.

ff. 193ro-232vo. Manifesto della Serenissima Repubblica di Genova.


(193ro) Frontespizio. Manifesto della Seren.ma Repubblica di Genova con la
risposta di un Corso/ in Campolaro 1760/ Per Domenico Ascione Impressor
Camerale (194ro-227vo) Testo. Doppo le frequenti rimostranze riportate dalla
Serenm.a Republica di Genova alla S.ta Sede Apostolica sullinfelice situazione
degli affari spirituali della Corsica... Sar poi loro colpa, se non gesteranno
la costernazione ed il terrore nella Liguria, se non gia [...]iranno quel honore
che fa si gonfi e ventosi li Signori di tal Dominio, le conseguente [...] non li ren-
deranno pi moderati, e trattabili pi rispettosi e sommessi alla raggione, ed
alla Chiesa. Testo riguardante il separatismo corso e latteggiamento della
Repubblica di Genova, pubblicato: Manifesto della Serenissima Republica
di Genova con le risposte di un Corso, Campiloro 1760; unito anche al volu-
me Raccolta di quanto stato fin qui pubblicato..., cit. supra, con paginazio-
ne separata, dove si annota che il testo costituisce traduzione dal francese.

(XIII) ff. 233ro-242vo 265 200 mm Terminus post quem: 1758

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1II236 + 3I242 Testo auna colonna (ff.
237ro-vo, 239ro), dimensioni: 255 100 mm; 30 righe; testo a piena pagina (ff.
233ro-236ro, 238ro, 241ro-vo), dimensioni: 255 180 mm; 28 righe Scrittura di

79
due mani, quella dei ff. 233-236 forse la stessa del ms. III Manca il titolo
Fogli bianchi: 240, 242.

ff. 233ro-241vo. Documenti e corrispondenza tra la Santa Sede e la Re-


pubblica di Venezia concernenti il decreto del Senato del 7 settembre
1754. (233ro-236ro) Testo. >1754 7 Settembre in Pregadi/ Tratta da altra simile
autentica esistente nella Filza Lettere dellOffizio e Cancelleria di Torcello/ Alli
Rettori principali, e Capi di Provincia, Proveditori Generali di Mare, e di Dalma-
zia e Capitano dIstria< Resi oramai troppo osservabili li molti e varii abusi in-
sensibilmente introdotti nel dominio nostro dalla sregolata libert de sudditi
di ogni grado... la quantit e qualit delle Pensioni medesme, quali note do-
vrete indirizzare sollecitam.te questo Magistrato sopra Monasteri. (237ro-237vo)
>Sanctissimo et Beatissimo in Christo Patris et Domino Domino Clementi XIII
digna Dei Providentia Sacrosantae Romanae ac Universalis Eclesiae Summo
Pontefice Franciscus Lauredano Dei Grazia Dux Venetianus ad pedum oscula Be-
atorum< Mentre con molta riflessione da noi versavasi sopra lespressione che
nellantipassata settimana lAmbasciatore Nostro Card.le Corer, ci ha rappresen-
tato, uscita dalla Santit Vostra... Sicuri che Ella riguarder sempre nel suo
insigne Pontificato come prediletti suoi Figli e mentre glimploriamo da B.ne V.ra
Apostolica Sua Benedizione con filiale ed ossequiosissimo rispetto ci umiliamo al
bacio del Suo Santissimo Piede./ Datum in N.ro Ducale Palatio die 12 Augusti indi-
tione sesta 1758 N.N. Segr. (238ro) >1758: 12: Agosto in Pregadi/ Alli Rettori Prin-
cipali della J.o F.a Capi della Provincia ed alli Prov.ri Generali del Mar di Dalm.a
et Alb.a ed alla Pod.ta e Cap.o di Capo dIstria< Con la Ducale 17 Luglio decorso si
notifica prima come il senato per atto Suo spontaneo prorogato la sospensione
del decreto Ognuno abbia con esattezza ad attendersi allesecuzione alle
leggi nostre precedenti al d.o Decreto 7: settembre. (239ro) >Copia del Biglietto
del signore Marchese Tanucci in risposta di altro di participazione scrittosi dal
Residente di Venezia in Napoli Palazzo 22 agosto 1758< Postosi del Marchese Ta-
nucci nella sovrana intelligenza di S.M. Siciliana quanto il Residente Veneto h
partecipato sullaccordo ultimamente seguito delle note differenze della ser.ma
Republica colla S. Sede Chi scrive si fa un dovere di ripetere qui al Residente
i Sentimenti di una Stima e considerazione. (241ro-241vo) >Clemens Papa XIII<
Dilecti Filii, Nobiles Viri Salutem et Apostolicam Benedictionem. Fin dalla prima
udienza che demmo al Cavalier Correr Ambasciatore della Vostra Serenit udim-
mo con molto piacere e con ogni sentimento di riconoscenza le tante dimostra-

80
zionidesaltanza che la Republica tutta aveva date che noi intanto rivolti al
Padre de Lumi non lascieremo di raccomandare a Lui limportantissimo Affare,
accioche illumini le V.re Menti, accenda i vostri Cuori a secondare le nostre an-
coratiossime paterne insinuazioni che accompagnano sopra V.ra Serenit e sopra
la nostra dilettissima Patria collApostolica Benedizione, datum Romae. (233ro-
236ro) Decreto del Consiglio dei Pregadi cio del senato di Venezia, emanato il 7
settembre 1754 che sta allorigine della controversia di carattere giurisdiziona-
le tra la Repubblica di Venezia e il Papa. Loriginale si trova nellAS Venezia, una
copia rintracciabile insieme ad altri documenti contenuti in questo ms. nel co-
dice BNF, cod. Palatino. 1107, vol. V, 241-247; pubblicato in: A. M. Bettanini, Be-
nedetto XIV e la Repubblica di Venezia, Milano 1931, Padova 1966. (237ro-237vo)
Lettera indirizzata dal Doge di Venezia, Francesco Loredano al Papa Clemente
XIII, pubblicata in: Vita di Clemente XIII, Pontefice massimo, arricchita di me-
morie storiche, Venezia 1769, pp. 27-28. Piccole differenze lessicali inducono a
dubitare che il ms. sia la copia del testo stampato. (238ro) Ordine emanato dal
Consiglio dei Pregadi il 12 Agosto 1758 alle autorit della Dalmazia, Albania e
Istria. Non ritrovato a stampa. Si trova insieme ad altri documenti contenuti
in questo ms. nel codice BNF, cod. Palat. 1107, vol. V, p. 237; (239ro) Copia di un
biglietto scritto da Bernardo Tanucci (1698-1783), ministro del Re di Napoli al
Residente di Venezia a Napoli. Non ritrovato a stampa. (241ro- 241vo) Lettera di
Clemente XIII alla Repubblica di Venezia datata il 5 agosto 1758, pubblicata in:
Vita di Clemente XIII..., cit. supra, pp. 25-27. Differenze lessicali di minor conto
inducono per a dubitare che il ms. sia la copia del testo stampato.

(XIV) ff. 243ro-244vo 300 206 mm

Manoscritto in discreto stato. Lembi sciupati Fascicoli: 1I244 Testo apiena


pagina, dimensioni: 241 195 mm; 19-23 righe Scrittura di una mano, forse
la stessa del ms. III Fogli bianchi: 244.

ff. 243ro-244vo. Ignazio Mancini: Discorsi fatti a S. M. la Regina, e Re


di Spagna. Testo. >Discorsi fatti a S. M. la Regina, e Re di Spagna da D. Igna-
zio Mancini Avvocato Napoletano, Venerdi Mattina il quale stato riconosciuto
colla Toga Onorarria di Consigliere con solito soldo di 12900 ducati/ S.R.C.M<
Signora dovrebbero pi le nostre lagrime che le nostre lingue umiliare piedi
della M.N.I vivi sentimenti di questo fedelissimo popolo... Noi imploreremo

81
dal Cielo la felicit de vostri Giorni, la conservazione de vostri Regni e ci ram-
menteremo, che dalla regia delle Sicilie passa al Trono delle Spagne Carlo Ama-
bilissimo Nostro Prencipe, Amantissimo Nostro Padre, Clementissimo Nostro R.
Autore del testo Ignazio Maria Mancini, poeta napoletano, librettista, membro
dellAccademia del Caprario di Napoli, con lo pseudonimo Echione Cineriano,
cfr. M. Maylender, L. Rava, Storia delle accademie dItalia, Bologna 1930, p.
144. Testo non ritrovato n a stampa n in altre copie manoscritte.

(XV) ff. 245ro-246vo 270 192 mm XVIII sec. Terminus post quem: 1760

Manoscritto in discreto stato Bifolio non legato Testo in una colonna, di-
mensioni: 255 95 mm; 26-29 righe Scrittura di una mano Manca il titolo
Linizio del testo si trova sul 245vo.

ff. 245ro-246vo. Memorie riguardanti relazioni diplomatiche tra la


Santa sede e la Corte dei Portogallo (frammenti). Testo. (245ro) della
rottura, che si trova pubblicata dal giorno 2 del corrente Luglio, sino a vedere,
se il Santo Padre ricordandosi di un Monarca assassinato nella Sua medesima
Corte... Dal nostro Palazzo di Residenza 4 luglio 1760. (245vo-246vo) >Fran-
cesco dAlmada e Mendozza del Consiglio di Sua Maest Fedelissima e Suo Mi-
nistro Plenipotenziario presso la Sede Apostolica< Fo sapere a tutti li Vassalli
del Nostro Signore, qualmente avendo il detto Signore veduto da molto tempo
a questta parte con esemplarissima costanza per una serie di fatti decisivi
intieramente ostrusi dal Ministro politico della Curia Romana Comanda
Sua Maest Fedelissima che tutti li Suoi Vassalli si presentino nel giorno 3 di
Luglio ad ore 21 dItalia avanti il detto. (245ro) Una brutta copia del frammen-
to de Leditto presente anche nel ms. IV a f. 27ro-27vo e nel ms. VII, a f. 90vo,
pubblicato in: Supplemento alla collezione dei brevi pontefici..., cit. supra,
p. 135. (245vo-246vo) Una brutta copia della Memoria presente anche nel
ms. V a f. 31ro-32ro e nel ms. VII, a f. (87ro-89vo), pubblicato in: ibidem, p. 129.

(XVI) ff. 247ro-248vo 212 15 mm Terminus post quem: 1758

Manoscritto in discreto stato Bifolio non legato Testo a piena pagina, di-
mensioni: 200 140 mm; 28 righe Scrittura di una mano, forse la stessa del
ms. III 248.

82
f. 247ro-vo. Lettera del Papa Clemente XIII alla Repubblica di Vene-
zia. Testo. >Risposta alla Ducale/ Clemens Papa XIII< Dilecti Filii, Nobiles Viri
Salutem et Apostolicam Benedictionem. Quale e quanta sia stata la nostra
consolazione allorch dallAmbasciatore Card.le Pietro Correr ci fu recato lag-
guardevol rincontro alla serenit Vostra et a nostri dilettissimi Figli e
concittadini con pi teneri sensi di paterno amore diamo lApostolica Benediz.
ne/
Datum Romae apud S. Mariam Majorem die 19 Aug.ti 1758. Pontificatus no-
stri anno primo. Lettera del pontefice Clemente XIII, scritta al Senato di Ve-
nezia inerente alla sospensione del decreto del 7 settembre 1754. Pubblicato
in Vita di Clemente XIII..., cit supra, pp. 28-29. Differenze lessicali di minor
conto inducono per a dubitare che il ms. sia la copia del testo stampato.

Ms. Ital. Fol. 144


Antonio Perez
I + 156 ff. + I 330 205 mm XVII sec. Italia

Manoscritto in buono stato. Tracce di umidit; carte leggermente imbruni-


te Fascicolazione irregolare Paginazione originale con linchiostro (17ro-
140vo, nn.1-247); paginazione a matita (3ro-7vo); foliazione recente a matita
(17ro-140vo) Testo a piena pagina, dimensioni: (250-290 mm) (150-170
mm); 26-34 righe; (27ro-vo) testo a due colonne, dimensioni: 290 80 mm;
33-35 righe Una sola mano Alcune cancellazioni e sottolineature Fogli
bianchi: 8vo, 15vo, 155ro.
Legatura (340 210) in carta marmorizzata (~Marbled Paper, tav. XXXI,
102: stormont, seconda met del XIX sec.) Dorso staccato; sul dorso in alto
un pezzo di carta bianca, prob. con il titolo (non visibile) Contropiatti e
guardie in carta bianca.

Manoscritto eseguito prob. nel XVII secolo (terminus post quem 1654);
datazione sulla base delle caratteristiche paleografiche e delle date del-
la pubblicazione delloriginale spagnolo. Prob. si tratta dellautografo
del traduttore. La paginazione originale e la tavola dei contenuti alla fine
dellopera sono di mano del copista (traduttore?). Il codice proviene dal
legato testamentario del prof. Rudolph Kpke (nel registro dingresso al
numero 9741, 13 febbraio 1871). Sul contropiatto anteriore la segnatura: Ms.

83
Ital. Fol. 144, sotto, numero dingresso: 9741. (1ro, 156vo) sigillo della Kni-
gliche Bibliothek di Berlino.
Lemm, p. 73.

ff. 1ro-140vo. Antonio Perez: Relazioni delle prigionie (traduzione


dallo spagnolo). (1ro) Titolo. Istoria cavata dall/originale delle opere e rela-
zioni delle prigionie e persecuzioni dAntonio Perez, che f secretario di Stato
del R Cattolico Filippo II tradotta dello spagnuolo in Italiano/ Illustrat Dum
vexat/ da Giovanni di Tormes/ MDCXLIV/ in Ginevra. (2ro-2vo) Introduzione
del traduttore. Il traduttore al Pubblico. Abbench la gloria di tradurre libri
non sia grande in se stessa, avr sempre il merito dinterprete appresso di
quelli, che non sanno la lingua in cui scritta la presente storia, la di cui tra-
duzione diverr tanto pi lodevole, per essere del legittimo originale, del qua-
le ne furono mandate due copie, luna in Parigi, laltra in Londra... ...In som-
ma lautore ed il soggetto di questistoria un uomo che ad onta di tutti suoi
persecutori stato accolto cortesemente nelle principali Corti dellEuropa.
Dalla Principessa Catterina di Borbon, da suo fratello Enrico IV R di Francia,
dalla Regina Elisabetta dInghilterra, e da essi e dal Papa io V. riconosciuto
per innocentissimo. (3ro-16vo) Lettere dedicatorie. (3ro) Al R Cristianissimo
Enrico Quarto Mio Signore. Sire. Il Pittore che presenta le sue opere agli occhi
di tutto lUniverso non desidera ingannare... (4vo) A nostro Santissimo Padre
ed al Sacro Collegio Antonio Perez Umilissimo servo. Sperando chun giorno
sarebbe stanca lindignazione, soltanto almeno per lasciarmi il sentiero sicu-
ro... (9ro-14ro) Lettera dAntonio Perez tutti, che servir di Prologo della
storia. Avendo inteso che la passione tanto arrabbiata contro di me, che
perseguita anche la mia ombra... ...V abbastanza da vedere per ora in quei
labirinti di relazioni, si mettano in esso, che non sapranno uscirne per lo spa-
vento. (14ro-16vo) Ai curiosi. In spe usque ad hoc. La penna gettata via dalla
mano ai Curiosi. Acciocch non scandalizzino le ultime parole della lettera
che si finisce di leggere, acciocch non si pensi essersi dette caso, acciocch
piaccia al mio padrone... ...(16vo) dei ministri n occupi unaltra parte che
non gli si rappresenti agli occhi della sua coscienza alcuni di (prosegue a
f. 15ro: quei meriti tanto privati...) (15ro-explicit del testo)...di congiurazio-
ni, di cattivit, di vedove, di maritate, di zitelle, di fanciulli, mamanti (sic!),
desclamanti giustizia, dinnocenti, nati ed anche per nascere; messe, e molto
abbondante del secolo presente. (17ro-140vo) Testo. >Istoria delle prigioni, e

84
persecuzioni DAntonio Perez Secretario di Stato del f R Cattolico D. Filippo
II< Per cominciare questa storia con ordine dir chi era Antonio Perez ed i
suoi congiunti, affinch si conosca la persona di cui principalmente si deve
trattare, e della sua fortuna... ...Leggasi in quel pezzo di storia sacrata qual
f la soddisfazione, e sar dun ammirabile beneficio quellesempio al Prin-
cipe che lo consider, ed suoi Regni. (141ro-147vo copie delle lettere di
Antonio Perez a Sua Maest, al suo confessore, ed al Cardinal di Toledo). Te-
sto. (141ro) Sieguono le copie delle lettere delle quali si parlato intorno alle
rappresentazioni fatte da Antonio Perez Sua Maest, al suo confessore, ed
al Cardinal di Toledo doppo i suo arrivo in quel Regno dAragon, prima desser
giunto giustificarsi, e che dal medesimo Perez furono presentate dinnanzi al
Giudicio del Tribunale del Justicia, dove f chiamato dal suo R come parte...
...spesse volte alla sua memoria quelle parole dello Spirito Santo colle quali
chiude questa Lettera. Noli quaerere fieri iudex, nisi valeas virtute irrumpere
iniquitates, ne forte extiemscas faciem Potentis. (148ro-154vo) Tavola dei con-
tenuti. Memoria delle cose principali contenute in questIstoria... (155vo-156vo
- Antonio Perez - Ai curiosi. Testo. Io avevo finito e parlo come se potessero
aver fine i miei travagli in questedizione. Lo stampatore per godere del pri-
vileggio... ...Signori, ecco qui la causa di questo finimento di Libro, e finisco.
Dolce nuova per quelli che mi perseguitano. In Emblema Titii Nostri Poena
Non Causa At meruit Titius funesti vulnera vostri, cuius erat tanto tantum in
amore Scelus. Nil ego peccavi: nisi si peccasse fatendum est; Suspectum nostro
forte fuisse Jovi. Jure, vel immerito nil refert. Jam satis hoc est suspectum nos-
tro nempee fuisse Jovi. Antonio Prez (1540-1611) fu segretario del re Filippo
II di Spagna e figlio di Gonzalo Prez, a sua volta segretario di Carlo I. Le
Relaciones uscirono per la prima volta nel 1598 a Parigi. Nel manoscritto
Ital. Fol. 144 troviamo la traduzione italiana, inedita, fatta sulledizione del-
le Relaciones (Obras y relaciones de Antonio Perez) del 1654 delleditore
Jean de Tournes. Partendo da quel nome Lemm (Lemm, p. 73) erroneamen-
te assegna la traduzione a Giovanni di Tormes. A questo seguono alcune let-
tere in copia indirizzate da Perez al re, al cardinale di Toledo, al confessore
del re Filippo II. Edizione spagnola consultata: Las obras y relaciones de
Antonio Perez, secretario de estado, que fue del Rey de Espaa, Don Pheli-
ppe Secondo, deste nombre Illustrat dum vexat, Ginevra 1676 (edizione di
Samuel de Tournes). Illustrat dum vexat il motto, mutuato da Seneca,
presente sul frontespizio delle Relaciones. Sulle concezioni politiche di

85
Antonio Prez recentemente ha scritto J. Abada, La semblanza poltica de
Antonio Prez, in Revista de historia Jernimo Zurita, 1992 (65-66), pp.
85-96. Nel nostro testo, che una fedele traduzione dallo spagnolo, le carte
15 e 16 sono scambiate, quindi il testo della sezione Ai curiosi (nelloriginale
spagnolo: La pluma arroiada a los curiosos) va ricostruito in maniera se-
guente: f.14, f. 16, f. 15ro. Inoltre, su f. 15ro (fine) troviamo un testo pi lungo
rispetto alledizione spagnola del 1676 (quello spagnolo arriva a selvaggia
specie di animali). Tale testo, nelledizione spagnola del 1676 presente
nel testo della Relazione a p. 4. La Relazione nel codice Fol. 144 (f. 17)
inizia con le parole che nelledizione spagnola troviamo a p. 4. Alla fine della
relazione delle prigioni e delle persecuzioni manca, rispettto alloriginale
spagnolo, lultima frase (f. 140vo corrisponde a p. 215 delledizione del 1676).
Per i testi spagnoli di Prez nella collezione di Berlino cfr. N. Czopek, Works
by Antonio Perez among the manuscripts in the Jagiellonian Library Berlin
Collection in Krakow, in Fibula 1/2010 (4), pp. 13-22 (mss.: Hisp. Quart. 7,
Hisp. Quart. 8, Hisp. Quart. 61).

Ms. Ital. Fol. 145


Silvio et Ascanio Corona Storia di Sigismondo, Conte dArco
I +222 ff. +II 260 193 mm XVII/XVIII sec. Terminus post quem: 1688 Italia

Manoscritto in buono stato. Macchie di umidit Fascicoli: 1VII14 + 4V54 + 1IV62


+ 8V142 + 1IV150 + 4V190 + 1(V+1)201 + 2V221 + 1(II-1)IV Lultimo foglio dellultimo
fascicolo costituisce il contropiatto Foliazione ad inchiostro coeva indipen-
dente per due unit testuali del ms., non copre frontespizi, tavola e fogli bian-
chi Foliazionea matita moderna Richiami e falsi richiami Margini piegati
Testo apiena pagina, dimensioni: 205 130 mm; 21 righe Scrittura di una
sola mano Alcune correzioni e cancellazioni della stessa mano Fogli bian-
chi: 1, 2vo, 4vo, 5, 6, 190vo, 191vo, 222.
Legatura floscia in pergamena, sciupata del XVIII sec. (262 195 mm).
Tre nervi semplici. Dorso strappato in alto, sotto visibile unantica carta con
scrittura musicale. Sul dorso in alto parzialmente conservato il titolo ad in-
chiostro: Silvio A. Cor a principi e la segnatura della Knigliche Bibliothek.
Contropiatti in carta bianca. Taglio grezzo. Carta di guardia anteriore legata
al contropiatto.

86
Manoscritto eseguito dopo il 1688, forse alla fine del XVII o allinizio del
XVIII sec. Datazione in base allultima data apparsa nel testo. Composto di
due unit testuali con due foliazioni indipendenti, ma eseguite sullo stesso
tipo di carta, da una stessa mano, prob. nello stesso arco di tempo. Le due
parti inizialmente non costituivano un unico volume e rimanevano senza le-
gatura perch le carte iniziali e finali (1ro, 190vo, 191ro) risultano leggermente
sciupate e imbrunite. Il manoscritto entr in possesso della Knigliche Bi-
bliothek nel febbraio 1872. Il numero dingresso Acc. 9765 (Ivo). Timbri della
Knigliche Bibliothek a ff. 2vo, 221vo. Mancano tracce di antichi proprietari e
informazioni sulla provenienza. (Iro) la scritta A-Kopie... (il resto illeggibile).
Sul dorso in basso M.S.ital.Fol.145.
Lemm, p. 73

ff. 1ro-190vo. Silvio e Ascanio Corona: La verit svelata a principi o


vero Successi diversi tragici et amorosi occorsi in Napoli dallanno
1442 sin allanno 1688. (1ro) Titolo. (3ro-4ro) Indice. >Tavola/ De Personaggi
nominati in d.a opera< (7ro-190ro) Testo. >DAlfonzo Primo R di Napoli/ Succ.o
I< Alfonzo Primo R di Napoli fu Prencipe, come tutti noto cos glorioso...
et essendosi in Napoli fatta una Pasquinata a tutti Regii ministri fue a d.o
Caracciolo come appropriato il molto satirico. Praetius sanguinis est. >Finis<
Raccolta di 37 testi di carattere narrativo di tematica storico-romanzesca ri-
guardanti amori di personaggi storici appartenenti principalmente alla so-
ciet napoletana. La raccolta girava in diverse varianti a partire dalla secon-
da met del XVII sec. fino alla fine del XVIII sec. che a seconda dellanno di
stesura raccontavano dei fatti racchiusi tra date diverse a partire dallanno
1442/3 fino allanno 1720. I titoli delle varianti si differenziano, ma si asso-
migliano. Il testo attribuito a certi Silvio e Ascanio Corona, prob. pseudo-
nimo, in realt le successive storie aggiunte alla raccolta furono scritte da
diverse persone. Il numero delle storie oscilla tra 30 e 60, ma in alcune rac-
colte supera due centinaia. Il corpus principale costituito da 36-37 storie,
il che per sommi capi corrisponde al contenuto dellItal. Fol. 145. Le varianti
pi vicine al nostro ms. per il contenuto e la forma del titolo sono sette-
centesche: 1/ BNR, Ms. 415 contenente 36 storie dellItal. Fol. 145, (manca
Paolo Poderico). 2/ BAV, Ms. Ottob. 2715, contenente 36 storie dellItal. Fol.
145, (manca Paolo Poderico) con in pi 7 altri racconti. 3/ BNN, Ms. X.A.33
contenente 36 storie dellItal. Fol. 145 tra cui Paolo Poderico (manca invece

87
Proseguimento dellIstoria di Bona Sforza) e con una storia diversa in pi.
(cfr. A. Borzelli, Successi Tragici et Amorosi di Silvio et Ascanio Corona,
Napoli 1908: studio bibliografico e ristampa di alcuni frammenti; DBI, Silvio
e Ascanio Corona, s.v.).
ff. 191ro-221vo. Istoria di Sigismondo Conte dArco. (191ro) Titolo. (192ro-
221vo) Testo. >D.O.M.< Giace nella sommit di Rua, notiss.o Monte deuganea,
chiuso fra densi alberi, un solitario albergo de penitenti eremiti Non
pronuncio il dolente eremita questultime parole, senza lagrime e preso dalla
confusione dessersi cos abbandonato alla sua non anco vinta passione, con
un profondo inchino senzaltro attendere si part lasciando neglinimi gene-
rosi di chi aveva udito la pietosa istoria, una tenera compassione de suoi casi,
ed uningenua maraviglia della costanza e del suo portato amore. >Laus Deo<
Autore incerto. Testo pubblicato a stampa con il nome di Firmiano Pochi-
ni (c. 1630-1710): Novella degli amori del Conte Sigismondo dArco con la
principessa Claudia dInsbruch, Nicopoli 1708. In una delle edizioni pi for-
tunate: Gli amori innocenti di Sigismondo conte dArco con la principessa
Claudia Felice dInspruck, Firenze 1765, menzionato come traduttore Lo-
renzo Magalotti (1637-1712), in altre ristampe citato invece come autore,
ma lattribuzione a lui piuttosto da escludersi. (Cfr. DBI, Lorenzo Magalotti,
s.v.; A. N. Mancini, Il romanzo nel Seicento. Saggio di bibliografia, Studi
secenteschi, 1971 (XII), p. 471)

Ms. Ital. Fol. 146


Corrispondenza di Clemente XIV e Pietro Memo
II + 272 ff. + I 300 205 mm XVIII sec. Italia italiano, latino, francese

Manoscritto in buono stato. Lettere legate insieme alle carte bianche; f. 68


strappato; ff. 215 e 216 incollati insieme Paginazione discontinua con lin-
chiostro; foliazione recente a matita Lettere di diverse dimensioni Diver-
se mani Su alcune lettere iscrizioni aggiuntive di altre mani Decorazioni
iniziali; (2ro) titolo parzialmente in lettere capitali, rosso e nero, incorniciato
da ornamento con motivi floreali, in alto il cappello papale (azzurro con tre
corone doro, su due chiavi decussate), in basso larma del papa Clemen-
te XIV (sullo sfondo blu, sulla fascia doro con tre stelle doro in alto due
mani incrociate sotto la croce doro, in basso tre monti doro); (f. 81) stampa

88
(261 192 mm) raffigurante il papa Clemente XIV, recante la scritta: Clement
XIVe, Laurent Ganganelli n en 1705, Nomm Cardinal en.1759, Elu Pape le 19
May1769; sotto, a mano, cifre: 22362.
Legatura papale romana (315 220 mm) del XVIII sec. (cfr. Macchi, p.
350), stemmata; sul piatto anteriore lo stemma del papa Clemente XIV (sor-
montato dalla tiara papale), sul piatto posteriore lo stemma di Pietro Memo
(sei pere), stemmi incorniciati da decorazioni con motivi floreali. Piatti in
cuoio bordeaux, decorazioni stampate in oro. Sui contropiatti incollata stof-
fa verde, le carte di guardia in carta marmorizzata (~Devauchelle, II, tav. III:
marbre escargot, XVIII sec.). Cinque nervi semplici. Tagli dorati.

Raccolta preparata dal patrizio veneziano Pietro Memo verso la fine del
sec. XVIII (Venezia), terminus post quem della preparazione della raccolta:
(261ro) Marzo 1790. Successivamente nella collezione di A. A. Renouard (ca-
talogo: A.A. Renouard, Catalogue dune prcieuse collection de livres, ma-
nuscrits, autographes, dessins et gravures composant la bibliothque de feu
M. Antoine-Augustin Renouard, Paris, 1854, p. 373, al numero 3658). Dopo la
vendita della biblioteca di Renouard (1854) passata nella collezione di Huil-
lard, venduta alla Biblioteca di Berlino attraverso lantiquario di Francoforte
Joseph Baer (cfr. a Ivo il numero nel registro di ingressi: Acc.10,548, riferito
allacquisto fatto in data 18 gennaio 1878). (Ivo) a matita: M400; nito/; sotto,
cancellato: 79 (17/18.H. 36) Vertedeckel), al centro uniscrizione cancellata,
in alto incollato un pezzo di carta bianca con lex-libris della biblioteca A.A.
Renouard stampato in rosso, sotto, due pezzi di carta bianca con la descri-
zione del codice (estratti dal catalogo: E. Huillard, Catalogue des livres ra-
res et prcieux manuscrits, et imprimes, composant la bibliothque de feu
M.E. Huillard, Paris, 1870, pp. 164-165), (IIvo) incollata una pagina a stampa
bianca e nera con limmagine di un angelo sopra la tomba con in mano la
falce della morte rotta, sulla tomba licrizione: SAECULA VINCET, sotto lim-
magine: J.H.Bille Sculp. Queverdo. e liscrizione: Permansura tibi quae sacrat
marmora Virtus, Tempus edax, Clemens, sternere falce nequit. lAbb Pave.
(1ro, 1b, 1c) incollati due fogli di carta azzurra (120 135 mm e 135 105 mm)
con informazioni in francese sul papa Clemente XIV, inserito un frammento
di carta bianca (1c) con, a stampa, la descrizione in francese di una lettera
del papa a Pietro Memo (del 17 febbraio 1759) estratto di un catalogo (Cha-
ravay e Baudry, Catalogue dune trs belle collection de lettres autographes

89
et manuscrits la plupart relatifs lhistoire dont la vente aura lieu le 10 d-
cembre 1855, et jours suivants, Paris, 1855, p. 18) al numero 219. Sullo stesso
foglietto iscrizioni in francese a matita informazioni riguardanti la vendita
della lettera nel 1862. (IIIro) a matita: M Be. (2ro) attuale segnatura.
Lemm p. 73.

ff. 3ro-272vo Corrispondenza raccolta da Pietro Memo (lettere del


papa Clemente XIV). La corrispondenza tra Clemente XIV (Lorenzo Ganga-
nelli) e Pietro Memo (soprattutto le lettere dirette a Pietro Memo) costitui-
sce il nucleo centrale di questa raccolta di lettere. A parte questo, la raccolta
contiene diverse lettere provenienti da altri scriventi dirette a Memo e altre
ancora, non legate al personaggio. La corrispondenza di Ganganelli stata
pubblicata per via dei contenuti storici, teologici e filosofici (edizione: L.A.
Caraccioli, Lettere del pontefice Clemente XIV Ganganelli, Londra, 1815, 2
voll.), tuttavia nei volumi a stampa non ci sono lettere dalla nostra raccolta,
preparata dallo stesso Memo. Nellordine come sono disposte nella raccolta
le lettere sono:
(3ro) Dalla porteria delli XII. Appostoli 15 Ag. 1757 ore 201 [?], AllAba-
te Costantino Ruggieri;
(6ro) AllAbate Costantino Ruggieri;
(8ro) Dalla Camera Charitatis 30 Ag. 1758, AllAbate Costantino Rug-
gieri;
(11ro) Santissimi Appostoli 20 Settembre 1758, AllAbate Costantino
Ruggieri;
(13ro) Santissimi Appostoli 14 Settembre 1758, AllAbate Costantino
Ruggieri;
(15ro) Santissimi Appostoli 27 Settembre 1758, AllAbate Costantino
Ruggieri. Firmato: Fra Lorenzo [Ganganelli];
(16ro) Santissimi Appostoli 28 Novembre, AllAbate Costantino Rug-
gieri. Firmato: Fra Lorenzo Ganganelli;
(19ro-20ro) [copia] Lettera di Pietro Memo a Lorenzo Ganganelli. Fir-
mato: Pietro Memo;
(21ro) [originale] Lettera di Fra Lorenzo Ganganelli a Pietro Memo.
Luogo e data: Roma, 27 Gennaio 1759, firmato: Umilissimo Obbligatissimo
e Riverendissimo Servitore F. Lorenzo Ganganelli;
(25ro) [originale] Lettera di Fra Lorenzo Ganganelli a Pietro Memo.

90
Luogo e data: Roma, 26 Giugno 1759, firmato: Umilissimo Obbligatissimo e
Riverendissimo Servo Fr Lorenzo Ganganelli;
(28ro) [originale] Lettera del card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo (Venezia). Roma, 13 Ottobre 1759, firmato: M.H.S. Pietro Memo.
Due mani. Lettera scritta dal segretario; postilla e firma del card. Lorenzo
Ganganelli.
(32ro) Lettera del card. Lorenzo Ganganelli allAbbate Costantino
Ruggieri. Luogo e data: Roma, 17 Settembre 1760, firmato: Fra Lorenzo
Card. Ganganelli;
(35ro) Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pietro Memo.
Luogo e data: Roma, primo Novembre 1760, firmato: Fra Lorenzo Card.
Ganganelli;
(37ro-38vo) Lettera del card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Abbate Co-
stantino Ruggieri. Luogo e data: Roma, 8 Novembre 1760, firmato: Fra
Lorenzo Card. Ganganelli;
(40ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, primo Gennaro 1761, firmato: Fra Loren-
zo Card. Ganganelli. Due mani. Lettera scritta dal segretario, firmata da
Lorenzo Ganganelli;
(43ro) [originale] Lettera di Fra Lorenzo Ganganelli. Luogo e data:
Roma, 4 Luglio 1761, firmato: Fr Lorenzo Card. Ganganelli;
(46r) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pietro
Memo. Luogo e data: Roma, 19 Settembre 1761, firmato: Fr Lorenzo Card.
Ganganelli. Due mani: lettera scritta dal segretario e firmata dal Lorenzo
Ganganelli.
(49ro) [originale] Lettera di Lorenzo Ganganelli. Luogo e data: Roma,
5 Dicembre 1761, firmato: Fr Lorenzo Card. Ganganelli. Due mani. Lettera
scritta dal segretario con la firma di Lorenzo Ganganelli;
(52ro) [originale] Lettera di Lorenzo Ganganelli. Luogo e data: Roma,
16 del 1762, firmato: Fr Lorenzo Card. Ganganelli;
(55ro) [originale] Lettera di Lorenzo Ganganelli. Luogo e data: Roma,
9 Maggio 1762, firmato: Fr Lorenzo Card. Ganganelli;
(58ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 7 Agosto 1762, firmato: Fra Lorenzo Card.
Ganganelli;
(61ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pietro

91
Memo. Luogo e data: Roma, 13 Novembre 1762, firmato: Fra Lorenzo Card.
Ganganelli;
(64ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 25 del 1763, firmato: Fra Lorenzo Card.
Ganganelli. Due mani: lettera scritta dal segretario con la firma di Loren-
zo Ganganelli;
(67ro-67vo) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig.
Pietro Memo. Roma, 23 Aprile 1763, firmato: Fra Lorenzo Card. Ganganel-
li. Due mani: lettera scritta dal segretario con la firma di Lorenzo Gan-
ganelli;
(70ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 7 Maggio 1763, firmato: Fra Lorenzo Card.
Ganganelli. Due mani: lettera scritta dal segretario con la firma di Loren-
zo Ganganelli;
(73ro-74vo) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig.
Pietro Memo. Luogo e data: Roma, 14 Maggio 1763, firmato: Fra Lorenzo
Card. Ganganelli;
(76ro-77vo) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli a Sua
eccellenza il Sig.r Pietro Memo. Luogo e data: Roma, 14 Maggio 1763,
firmato: Fra Lorenzo Card. Ganganelli.
(77vo) nome del destinatario e tracce di ceralacca;
(79ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli. Luogo e data:
Roma, primo Novembre 1763, firmato: Fra Lorenzo Card. Ganganelli;
(83ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 24 Dicembre 1763, firmato: Fra Lorenzo
Card. Ganganelli. Due mani: lettera scritta dal segretario, firma di Loren-
zo Ganganelli;
(86ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 10 Marzo 1764, firmato: Fra Lorenzo
Card. Ganganelli. Due mani: lettera scritta dal segretario, firma di Loren-
zo Ganganelli;
(89ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 4 Agosto 1764, firmato: Fra Lorenzo Card.
Ganganelli;
(92ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, ottobre 1764, firmato: Fra Lorenzo Card.

92
Ganganelli. Due mani: lettera scritta dal segretario, postilla e firma di
Lorenzo Ganganelli;
(95ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 2 Novembre 1765, firmato: Fra Lorenzo
Card. Ganganelli;
(98ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 23 Novembre 1765, firmato: Fra Lorenzo
Card. Ganganelli;
(101r) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 14 Ottobre 1765, firmato: Fra Lorenzo
Card. Ganganelli;
(104ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 16 Agosto 1766, firmato: Fra Lorenzo
Card. Ganganelli. Due mani: lettera scritta dal segretario con la firma di
Lorenzo Ganganelli;
(107ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 24 Dicembre 1766, firmato: Fra Lorenzo
Card. Ganganelli. Due mani: lettera scritta dal segretario con postilla e
firma di Lorenzo Ganganelli;
(110ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 21 Marzo 1767, firmato: Fra Lorenzo Card.
Ganganelli. Due mani: lettera scritta dal segretario con firma di Lorenzo
Ganganelli;
(113ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 24 Dicembre 1767, firmato: Fra Lorenzo
Card. Ganganelli. Due mani: lettera scritta dal segretario con postilla e
firma di Lorenzo Ganganelli;
(116ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 12 Novembre 1768, firmato: Fra Lorenzo
Card. Ganganelli. Due mani: lettera scritta dal segretario con firma di Lo-
renzo Ganganelli;
(119ro) [originale] Lettera del Card. Lorenzo Ganganelli al Sig. Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 24 Dicembre 1768, firmato: Fra Lorenzo
Card. Ganganelli. Due mani: lettera scritta dal segretario con firma di Lo-
renzo Ganganelli;
(121vo-122ro) [copia] Lettera di Pietro Memo a Lorenzo Ganganelli in

93
occasione dellelezione papale. Luogo e data: Venezia, 24 Maggio 1769,
firmato: Pietro Memo;
(123ro) [originale] Lettera di Marcantonio Erizzo a Clemente XIV.
Luogo e data: Roma, 27 Maggio 1769, firmato: Marcantonio Erizzo;
(125ro-125vo) [originale] Lettera di Marcantonio Erizzo a Clemente
XIV. Luogo e data: Roma, 17 Giugno 1769, firmato: Marcantonio Erizzo;
(128ro) [copia] Lettera del Sig. Andrea Tron Cav. Data: 28 Luglio 1769;
(130vo-132ro) [copia] Lettera di Lorenzo Ganganelli (in latino e in ita-
liano). Luogo e data: Roma, primo Luglio 1769, firmato: Benedetto Stae;
(133ro-133vo) [copia] Lettera di Pietro Memo a Clemente XIV. Luogo e
data: Venezia, San Luca, 2 Dicembre 1769, firmato: Pietro Memo;
(134ro) [originale] Lettera di Marcantonio Erizzo a Pietro Memo.
Luogo e data: Roma, 13 Gennaio 1769, firmato: Marcantonio Erizzo;
(137ro) [originale] Lettera del P. Giuseppe Maria Parisi a Pietro
Memo. Luogo e data: Roma, 24 Dicembre 1769, firmato: Fra Giuseppe Ma-
ria Parisi;
(140ro) [originale] Lettera del P. Giuseppe Maria Parisi. Luogo e data:
Roma, 20 Gennaio 1770, firmato: Ma. Parisi;
(142vo-143ro) [copia] Lettera di Pietro Memo a Clemente XIV. Luogo e
data: Venezia, S. Luca, 19 Maggio 1770, firmato: Pietro Memo;
(144ro) [originale] Lettera di Marcantonio Erizzo a Pietro Memo.
Luogo e data: Roma, 2 Giugno 1770, firmato: Marcantonio Erizzo;
(147ro-147vo) [originale] Lettera di Tomaso Pizzoni . Luogo e data:
Roma, 4 Agosto 1770, firmato: Tomaso Rizzoni;
(149vo-150vo) [copia] Lettera di Pietro Memo a Clemente XIV. Luogo e
data: Venezia, S. Luca, primo Dicembre 1770, firmato: Pietro Memo;
(151ro) [originale] Lettera di Marcantonio Erizzo. Luogo e data: Roma,
15 Dicembre 1770, firmato: Marcantonio Erizzo;
(156ro) [originale] Lettera di Marcantonio Erizzo al Segretario
di Stato. Luogo e data: Roma, 22 Dicembre 1770, firmato: Marcantonio
Erizzo;
(158ro-158vo) Lettera di S. Emin.za L. Pallavicino Segretario di Stato
a Pietro Memo. Luogo e data: Roma, 22 Dicembre 1770, firmato: Card.
Pietro Memo;
(160ro) [originale] Lettera di Marcantonio Erizzo. Luogo e data:
Roma, 1 Giugno 1771, firmato: Marcantonio Erizzo;

94
(162vo-163ro) [copia] Lettera di Pietro Memo a Clemente XIV. Luogo e
data: Venezia, S. Luca, 4 Maggio 1771, firmato: Pietro Memo;
(164ro) Lettera del segretario di Ambasciata Francesco Alberti.
Luogo e data: Roma, 17 Agosto 1771, firmato: Franco Alberti;
(166ro-166vo) Lettera del Card. Pallavicino, Segretario di Stato. Luo-
go e data: Roma, 17 Agosto 1771, firmato: L. Card. Pallavicini;
(172ro) Lettera dellAmbasciatore Veneto Alvise Tiepolo a Pietro
Memo. Luogo e data: Roma, 31 Agosto 1771, firmato: Alvise Tiepolo;
(174vo-175ro) [copia] Lettera di Pietro Memo a Clemente XIV. Luogo e
data: Venezia, San Lucca, 14 Dicembre 1771, firmato: Pietro Memo;
(176ro) Lettera dellAmbasciatore Veneto Alvise Tiepolo a Pietro
Memo. Luogo e data: Roma, 21 Dicembre 1771, firmato: Alvise Tiepolo;
(178vo-179ro) [copia] Lettera di Clemente XIV a Pietro Memo [in lati-
no]. Luogo e data: Roma, 6 Gennaio 1772;
(180ro) [originale] Lettera di Alvise Tiepolo a Pietro Memo. Luogo e
data: Roma, 25 Gennaio 1772, firmato: Alvise Tiepolo;
(183ro) [originale] Lettera del Segretario di Stato Pallavicino a Pie-
tro Memo. Luogo e data: Roma, 18 Gennaio 1772, firmato: Lazzaro Card.
Pallavicini;
(185vo-186ro) [copia] Lettera di Pietro Memo a Clemente XIV. Luogo e
data: Venezia, 7 Maggio 1772, firmato: Pietro Memo;
(187ro) [originale] Lettera di Alvise Tiepolo. Luogo e data: Roma, 16
Maggio 1772, firmato: Alvise Tiepolo;
(189vo-190vo) [copia] Lettera di Clemente XIV a Pietro Memo [in lati-
no]. Luogo e data: Roma, 30 Maggio 1772;
(191ro) [originale] Lettera di Alvise Tiepolo. Luogo e data: Roma, 13 Giu-
gno 1772, firmato: Alvise Tiepolo;
(195vo-196ro) [copia] Lettera di Pietro Memo a Clemente XIV. Luogo e
data: Venezia, S. Lucca, 5 Dicembre 1772, firmato: Pietro Memo;
(197ro-197vo) Lettera del Card. Pallavicino al Procuratore Pietro
Memo. Luogo e data: Roma, 12 Dicembre 1772, firmato: L. Card. Palla-
vicini;
(199ro) [originale] Lettera di Alvise Tiepolo a Pietro Memo. Luogo e
data: Roma, 12 Dicembre 1772, firmato: Alvise Tiepolo;
(201vo-202vo) [copia] Lettera di Pietro Memo a Clemente XIV. Luogo e
data: Venezia, S. Lucca, 8 Maggio 1773, firmato: Pietro Memo;

95
(203ro) [originale] Lettera di Alvise Tiepolo a Pietro Memo. luogo e
data: Roma, 5 Giugno 1773, firmato: Alvise Tiepolo;
(205ro) Biglietto del Card. Pallavicino allAmbasciatore di Venezia.
Luogo e data: Roma [le stanze del Quirinale], giugno 1773;
(208vo-209vo) [copia] Lettera di Clemente XIV Pietro Memo [in latino]
Luogo e data: Roma, 30 Maggio 1772;
(210ro-210vo) [copia] Lettera di Pietro Memo a Clemente XIV. Luogo e
data: Venezia, S. Luca, 11 Dicembre 1773, firmato: Pietro Memo;
(211ro) [originale] Lettera di Alvise Tiepolo a Pietro Memo. Luogo e
data: Roma, 18 Dicembre 1773, firmato: Alvise Tiepolo;
(215ro) [originale] Lettera di Alvise Tiepolo a Pietro Memo. Luogo e
data: Roma, 15 Gennaio 1774, firmato: Alvise Tiepolo;
(217vo-218ro) [copia] Lettera di Clemente XIV a Pietro Memo [in lati-
no]. Luogo e data: Roma, 8 Gennaio 1774;
(218vo-219ro) [copia] Lettera di Pietro Memo a Clemente XIV. Luogo e
data: Venezia, S. Luca, 14 Maggio 1774, firmato: Pietro Memo;
(222ro) [originale] Lettera di Alvise Tiepolo a Pietro Memo. Luogo e
data: Roma, 21 Maggio 1774, firmato: Alvise Tiepolo;
(224ro) [originale] Lettera di Alvise Tiepolo a Pietro Memo. Luogo e
data: Roma, 28 Maggio 1774, firmato: Alvise Tiepolo;
(226vo-227vo) [copia] Lettera di Clemente XIV a Pietro Memo [in lati-
no]. Luogo e data: Roma, 28 Maggio 1774;
(228ro) Epitaffio a Clemente XIV di Pietro Memo. Data: 1774;
(229ro) [originale] Lettera di Alvise Tiepolo a Pietro Memo. Luogo e
data: Roma, 1774, firmato: Alvise Tiepolo;
(232ro-238ro) Indice delle lettere;
(239ro) Lettera del card. Stopponi allArcivescovo di Corf. Luogo e
data: Palestina, 16 Agosto 1765;
(241ro) Lettera del card. Domenico Orsini allarcivescovo di Corf.
Luogo e data: Roma, 5 Ottobre 1765;
(244ro) Lettera del card. Domenico Orsini allarcivescovo di Corf.
Luogo e data: Roma, 29 Marzo 1766;
(246ro) Lettera del card. Rezzonico allarcivescovo di Corf Mon-
sig. Da Ponte. Luogo e data: Roma, 16 Novembre 1765;
(248ro) Lettera del card. Cande/Conte allarcivescovo di Corf.
Luogo e data: Roma, 2 Aprile 1766;

96
(250ro) Lettera del card. Baghese al Sig. D. Giuseppe Can.co Rivalta.
Luogo e data: Ferrara, primo Giugno 1778;
(251ro-251vo) Lettera del card. Cande allarcivescovo di Corf. Luogo
e data: Bagnaia, 6 Giugno 1765;
(254ro-254vo) Lettera del cardinal Colonna Branciforte [in france-
se]. Luogo e data: Bologna, 19 Agosto 1771;
(256ro-257vo) Lettera di Stefano Borgia a suo fratello, arcivescovo
di Corf. Luogo e data: Roma, 13 Maggio 1772;
(258r-259v) Lettera del Card. Castolio a suo fratello, arcivescovo
di Corf. Luogo e data: Roma, 20 Ottobre 1766;
(261ro) Lettera del Cardinal V. Borgia al card. Giacomo Nani. Luogo
e data: Roma, 25 Marzo 1790. Firmato: V. Cardinal Borgia;
(263ro-266vo) Receuil de lettres sur les Miracles oprs par lin-
tercession du Pape Clemens XIV defte Mmoire [in francese]. Data: 19
Juillet 1777 (263ro) 30 Juillet 1777 (266vo);
(267ro) Lettera del Cardinal AM. Querini. Luogo e data: Brescia, 10
Marzo 1748. Firmato: AM Card. Querini;
(268ro) Lettera del Cardinal AM. Querini. Luogo e data: Brescia, 7 del
1748. Firmato: AM Card. Querini;
Aggiunta al manoscritto:
ff. 2 218 142 mm (271ro-272vo) Nota sulla raccolta delle lettere [in
tedesco] data: 4.Ag.77. Firmato: Pfund.

Ms. Ital. Fol. 147


Raccolta di scritti e poesie
I + 134 pp. + I 330 205 mm XVIII sec. (verso la fine) Italia italiano, sici-
liano, napoletano

Manoscritto in cattivo stato. Macchie, carte scurite, strappi o buchi, pp.63-


64 tagliata una parte della carta Fascicoli: 1(XVII+2)p72 + 1VIIIp104 + 1Ip108 +
1(IX-5)p134; inserito un bifolio (pp. 23-26); mancano due carte tra le pp. 110
e 111 (paginazione discontinua) e tre alla fine dellultimo fascicolo (prob.
vuote il testo finisce sulla p. 136) Paginazione originale; da p. 111 unaltra
paginazione, recente, a matita (p. 1) a matita lettera A (p. 24) a matita let-
tera B segnalazione moderna del testo Margini piegati Testi in diverse

97
disposizioni: a piena pagina, in una, due o tre colonne diverse dimensioni
(massimo: 290 180 mm) Una sola mano Chiudiriga (qualche volta); testo
sottolineato. Pagine bianche: 23, 64.
Legatura del XIX sec. (305 210 mm), prob. realizzata nella Knigliche
Bibliothek. Piatti in cartone coperti di carta marmorizzata. Dorso staccato.
Sul dorso in alto un pezzo di carta bianca con il titolo a inchiostro: Idea del
romano conclaue etc.

Codice databile alla fine del XVIII secolo (terminus post quem: anno 1793
cfr. p. 129), realizzato in Italia. Primo proprietario prob. fu un non meglio
identificato Raffaele Cipolla (cfr. p. 134). A pp. 133-134 troviamo diversi conti
della spesa quotidiana che non hanno a che vedere con il contenuto del ma-
noscritto. Nella seconda met del XIX secolo il codice si trovava nella colle-
zione di Camillo Minieri Riccio, erudito, archivista, autore di molti repertori
storici (DBI, Camillo Minieri Riccio, s.v.) cfr. il catalogo di vendita dei suoi
manoscritti del 1868 al numero 264, p. 227. La segnatura a p. 132: I: 39. 79 for-
se della sua biblioteca. La Knigliche Bibliothek acquist lItal. Fol.147 nel
1875 dal libraio napoletano Dura. Sul contropiatto iniziale a mano la segna-
tura: Manuscripta Italica, in fol. No 147. (Iro) un rettangolo di carta incollato,
con un testo a stampa contenente la descrizione del codice. (1ro) in alto, a in-
chiostro: Access. N. 10329 e il timbro della Knigliche Bibliothek di Berlino.
Lemm, p. 73; Catalogo di mss. della biblioteca di Camillo Minieri Riccio,
vol. 2, Napoli 1868,p. 227.

pp. 1-23. Discorso del conclave. (p. 1) Titolo. Discorso dun idea gene-
rale del Romano Conclave in elezione del nuovo Sommo Pontefice tradotto
dallidioma francese fedelmente nellitaliano. (pp. 1-20) Testo. Lelezione del
sommo Pontefice Romano, lo pi importante affare, che in tutta la cristianit
si tratta: Poich si studia di dare un degno successore S. Pietro; Un Uicario
a Ges Cristo; Un Lampo alla di lui Chiesa ...di questa cattedrale avendogli
reso obedienza, e baciatogli il piede, Sua Santit gli d la benedizione gene-
rale, e per alcune sere si ardono fuochi di gioja per tutta la citt./ Fine. (pp.
20-23) Aggiunte. In tempo del Pontificato di Celestino II nellanni di Cristo 1143
principiano le profezie sopra gli futuri Papi, scritte sotto il nome di S. Mala-
chia... ...N.N.N. Hoc igne estinto post in duces pugnabit exercitus Ecclesiae
faciem diaboli, qui est Antichristus adiuvat iam iam dubia aurietur resurgent

98
mortui, morientur vivi, et iterum resurgent. Testo in prosa dedicato allo svol-
gersi del conclave, ai suoi meccanismi e ai possibili vincitori. Inedito. Prob.
tradotto dal francese. In fondo le aggiunte: la profezia con lelenco dei papi
gi eletti e quelli da eleggere (segnalati come N.N.N).
pp. 24-27. Setaccio de Cardinali fatto nella morte di Benedetto XIV
Lambertini. (p. 24) Titolo. Il setaccio de cardinali fatto nella morte di Bene-
detto XIV Lambertini (Fatto dal Carl Passionej). (pp. 24-27) Testo. Se volete fare
un Papa/ Che non sia cucuzza, rapa,/ Ma di mente acuto, e fino/ Fate Delci il
fiorentino/ Ma sovvengavi che questo/ Senza dirvi tutto il resto,/ Dal paese
proveniente,/ Di quellultimo Clemente,/ Che con danno, e con ingiuria... ...T
che appieno scorgi, e vedi/ Per Pastore noi concedi,/ Che per quanto si f
prova/ Fino ador qui non si trova. Componimento in versi di carattere sati-
rico in cui vengono derisi i cardinali. Tra gli altri i cardinali DElci, Guadagni,
Borghese, Sacripante, Mosca, Tempi, Spinelli, Oddi, Bardi, Corsini, Passionei,
Cavalchini, Lante, Galli, e Tamburini ecc. Inedito. Lo stesso componimento si
trova nel manoscritto 441 della Biblioteca Universitaria pavese.
p. 27. Dopo la malatia di Benedetto XIV Lambertini. Testo. Credo in
Dio Padre Onnipotente, e nel Vicario di Cristo Papa Benedetto XIV nato in Bo-
logna di casa Lambertini, pat sotto Ponzio Pilato, f spedito dal medico Lau-
renti, e quasi morto, e sepellito, dopo tre giorni risuscit da morte, si fece la
barba, e ringrazi Dio Padre onnipotente. Credo la ristabilita salute del Papa,
la fabbrica del Conclave, il trasporto de Carcerati, la speranza dellImpressarii,
la disperaz.ne de Cardinali, la vita eterna Amen. Brevissimo componimento
scherzoso che prende come modello il testo del Credo. Trascritto completa-
mente nel Catalogo di... Minieri Riccio, cit., p. 228.
pp. 28-37. In occasione di farsi il nuovo Pontefice S. Pietro fa lo
scrutinio di tutti i Cardinali. Testo. Gira Pietro pel Conclave/ Col triregno,
e colle chiave/ Per donarle un figlio pio/ N lo trova a f di Dio... ...Dunque
t Maestro amato/ Trova un figlio atto e illibato/ E che sia di cuor ben degno/
Delle chiavi, e del Triregno. Rassegna satirica dei cardinali che potrebbero
aspirare alla sedia pontificia. Viene satireggiato tutto il collegio cardinalizio,
tra gli altri Orsini, Bufalini, Torregiani, Lepri, Spinola, Corsini ecc. Inedito.
Citato per esteso nel Catalogo di... Minieri Riccio, cit.,p. 228.
pp. 38-39. Esortazione alli Nepoti del gi defonto Pontefice Cle-
mente XIII fargli il deposito. Testo. Giacch piacque al sommo dio/ di le-
vare il vostro zio/ Da quellaltra oscura valle/ Col suo peso s le spalle... ...Col

99
gran nome del Gobetto/ E qui giace quel Clemente/ Che parlar f tanta gente.
Satira al defunto papa ed a suoi nipoti scritta in settima rima. Inedito.
pp. 40-42. Nella morte di Clemente XIV Lorenzo Ganganelli. Testo.
>Roma al Re Cattolico supplica< A voi Sire potente/ Roma si f presente/ E
supplica con pianto/ Il zelo vostro santo... ...E gi che a far vendetta/ Contro
linfame setta/ Cominciasti Signore/ Rendi lopra compita e acquista onore.
Poesia in sesta rima in cui si piange la morte del papa Clemente XIV, forte-
mente antigesuitica. Inedito.
pp. 43-63. Rime varie. Testo. >Sonetti in tempo della morte di Clemente XIV,
Lorenzo Ganganelli./ Il papa parla Roma< Regnai nel tempo pi tremendo, e
rio...; Clemente primo f martirizzato...; >Alli Gesuiti festeggianti per la morte
di Clemente XIV, Lorenzo Ganganelli< Clemente morto, ver: forse sperate...;
>Padre Buontempi che si difende da Satirici< Ingegni mordacissimi e perversi...;
>LAnima di Clemente XIV alla porta di Paradiso< Sonetto. Giunge Clemente alla
gran porta e picchia...; >Rimprovero di Capanna Nipote di Clemente XIV< Violi-
no gi mio travaglio, or mio sostegno...; >Smanie del Padre Buontempi< Vorrei
morir: Viver vorrei: La vita...; >Memoriale dato dalla Bischi a Sig.ri Cardinali
Capi dOrdine< Vittoria Bischi suddita e oratrice...; Se morire ancor egli Ambron
dovr...; Ritorn come nacque una villana...; >Rendimento de Conti del Sig. Bischi
di scudi novecentomila< Cinquantamila scudi per viaggi...; Calc di Piero il pro-
fanato soglio...; >In tempo dai disturbi coi Francesi in xmbre 1792< Mentre atten-
de lItalia il turbin fiero...; >Sogno< Amico un sogno ascolta...; >Per larrivo che
faranno i Cardinali Francesi in conclave< Voi che con tanti sfarzi, e tante spese...;
>Sullurna sepulcrale di Clemente XIV< Qui giace Passaggier mira e tatterra...;
Sbarazzate da Roma e andate via...; >Dialogo fr Pasquino e Marforio< Il Papa
si far? Certo che s...; >Il Diavol che parla Gesuiti< Morto Clemente, allempia
societ...; Mussi senza cappel gira pel molo...; >Pallante disceso allinferno, ne
vien discacciato da Plutone< Pal.e: Apri Pluto: Pl: Chi sei? P. Io son Pallante...;
>Alla famosa statua di Mos fatta dallinsigne Michelangelo Bonaruoti< Donde
lidea del gran sembiante avesti...; Son salvo amici ladri, io la tortura...; >S quel-
le parole=Domine non sum dignus< Un dio nelle mie stanze? ah non son degno...;
>DellAbbate Pietro Metastasio in atto di prendere il Santissimo Viatico< Toffro
il proprio figlio...; >Il General de Pauli al R di Francia per il Popolo di Corsica<
Al Cristianissimo/ Regnante invitto... Sonetti e componimenti vari che trattano
della morte del papa Clemente XIV, dei gesuiti, dellarrivo dei Cardinali fran-
cesi in conclave, del papa Benedetto XIV ecc. Inediti. Alcuni nel manoscritto 63

100
della Biblioteca Comunale di Forl, cfr. IMBI, vol. 1, 1890, p. 61. Cinquantamila
scudi per viaggi nel ms. Cors. 2538, f. 78r. (cfr. Carboni F, Incipitario della lirica
italiana dei secoli XV-XX, vol. 8, Citt del Vaticano 1992, p. 104. Altri presenti in
varie raccolte manoscritte.
pp. 60-63. Rime religiose prese dal libro di G. Rastrelli Il calvario.
Testo. Piet ti prenda, sommo mio Fattore...; Al Tronco onde pendea vittima il
figlio...; Allor che armato unAngelo (sic!)... Componimenti desunti da Il cal-
vario di G. Rastrelli, Napoli 1777. Miserere pubblicato a pp. 88-89, Stabat
mater, pp. 262-263, Allor che armato... a pp. 265-268. Autore: Giovanni Ra-
nieri Rastrelli.
pp. 65-70. In tempo della Reggenza dopo il 1758. Cantata, componimen-
to drammatico. (p. 65) Didascalia. Parte sola/ Sala Reale destinata per tenerci
la Reggenza, adornata di damaschi vecchi, con galloni falsi... (pp. 65-70) Testo.
Jacci e Tanucci:/ Tanucci: E non siam tutti ancora?/ Esser dovriam tutti or-
mai giunti./ Iacci: Quanto aspettar si fan questi birboni?/ La sinfonia noi qui
dobbiam sonare... ...Come sono barbari/ Questi compagni/ Deh fulminateli/
Caro Signor. Una satira che bersaglia i componenti della Reggenza del giova-
ne Ferdinando IV di Borbone, re di Napoli. Inedito.
pp. 70-72. Partenope al suo R. Testo. Figlio monarca e Padre/ Ascolta
in breve istante/ Supplice, e delirante/ Tua madre vien da te... ...Oh Tribunal
d onore/ In mano dun Pastore/ Ridotto lagrimar. Componimento poetico.
Inedito.
pp. 73-74. Lamentazioni duna monaca disperata, accomodate al De
profundis. Testo. Dunque andar carcerata io son costretta... ...La luce sol di
tormentoso fuoco./ Luceat eis. Poesia in terza rima. Inedita.
pp. 75-89. In tempo della Carestia nel 1764. Partenope a piedi del
Re Cattolico. Testo. Tutto vidde chi scrisse, e pianse, e taque... ...che j figli
miej mhanno trafitto. Componimento in ottava rima composto di 50 strofe.
Inedito.
pp. 89-95. Napoli piangendo nel 1764. Testo. Il quarto lustro appena/
Compiuto avea che un giovanil pensiero... ...Per Carlo, e il figlio e per Fragian-
ni morto. Inedito.
pp. 95-97. Le sventure di Napoli nel 1764. Testo. Napoli non sei t, che ti
vantasti... ...O fior delle citt, come languisce. Inedito.
pp. 97-99. La bocca della verit nel 1764. Testo. Avevo in ver al Confes-
sor promesso... ...Ma temo assai, che nol perdoni Iddio. Inedito.

101
pp. 100-104. Sonetti. Testo. >Alle disaventure di Napoli< Del moribondo
accanto il morto giace...; >La Pazzetta dellanno 1764< (Napoli). La Reggenza,
or che si sente...; >In lode del Cavalier Minutolo eletto della citt, e Commi-
sario delle farine< T Cavalier Minutolo da Napoli...; >Risposta data dal f
Mse Fraggianni Prefetto dellAnnona della Citt di Napoli< Chi dal Regno ove
son, mi chiama e quale...; >In lode del Sig. Cavalier Minutolo...< Anima rea pi
negra del carbone...; >LAnima di Massaniello parla al Popolo di Napoli< Birbi
miei paesani a che pensate?...; La Capo c li piedi haggio perduto...; >In lode
dellEcc.mo Sig.r D. Antonio Spinelli...< P ff nalietto de bona ntenzione...;
>Distinta notizia data da un Palermitano...< Fami; Pani; Farina; Caristia...;
>In lode del Cavalier Minutolo...< Tu Cavalier Minutolo da Napoli... Sonetti
in dialetto napoletano, in dialetto siciliano e altri ancora che raccontano la
carestia e lepidemia del 1764. Alcuni citati per esteso nel Catalogo... Minieri
Riccio, cit. supra,pp. 227-236.
pp. 105-108. Sonetti. Testo. Si March bemmenuto a Voscellenza...; Si Mar-
ch c salute Frisco Frisco...; Si March, quantu acconcia, e quant cara...;
Gran bene si Marche nuje te volimmo...; >Alla poetessa Morelli, che sincoron
nellArcadia di Roma.< Plaudite lascive...; Apre glocchi lEuropa e gi ripren-
de...; Si March si la Spagna v le cunte... Sonetti in dialetto napoletano contro
il Marchese de Gregorio e, a p. 107, un distico ed un sonetto dedicati alla
poetessa Morelli. Inediti.
pp. 109-130. Rime varie. Testo. >Confiteor nel tempo che Ottero era Se-
gretario di Stato, e Guerra< Confiteor Ferdinandi Regi Potenti...; >Anacreon-
tica per la sorprendente, e non mai abbastanza lodata mascherata del divoto
viaggio del Gran Signore alla Mecca...< In cos ameni giorni...; Tribunale stace
arrevotato...; >Atto di Fede< Che sei Creator di tutto, e Padre e figlio...; >Atto
di Carit< Amo Signore in Te quel Dio possente...; >Atto di Pentimento< Senza
freno, Signor, senza consiglio...; >Atto di Speranza< Peccai, Signore, e del pec-
cato mio...; Chiunque sei chai dottener vaghezza...; Passagier che qui giungi,
o mai la briglia...; Ditemi presa Praga? Signor s...; Madama il viver vostro
assai penante...; Lu sule nun spuntaie, nun lucetti...; A me f da chio na-
qui odio lamore...; Sposa sonio damor, ma senza amore...; Era Betulia un d
mesta, ed afflitta...; Conte fui vil; Mi vinse il tuo furore...; Dopo tante Gentil
sevizie, e tante...; Vieni immago fedel del genitore...; Santissimo Pastor zelan-
te, e pio...; Quando rest Clemente papa estinto...; >Chi non risica non roseca/
A Sua Maest lo RR de le ddoje Sicilie...< Ammaffara Cat; Scevola zitto...;

102
>Dopo il successo di Palermo che and Vicer Stigliano.< Giovi affacciatu allu
finistruni...; >Alla statua di Palermo...< Vivu ad onuri du Vecchiu Palermu...;
Limpostor di Moscovia in Roma and...; Giunto a Cesare innanzi umil deponi...;
Lo Turco attenne a consurt Musticche...; >Versi alli francesi...< Galli vinceste:
Il Trono gi distrutto...; >Lapide sepulcrale di Besvil in Roma xbre 1792< Qui
giace un folle Cittadin francese...; Che cosa Amore! Amore un genio, aib...;
>Sistema attuale delle cose del Mondo nel 1788< Vile il Turco, oggid sopporta
tutto...; >AllImperatore Giuseppe II...< Ferma Cesare il passo; estremi lidi...;
Ebbiva lo Rre nuosto Ferdinanno...; >Nel Riaprirsi la R.le Chiesa della Trinit
Maggiore/ Fatto da D. Donato dAjello< O voi che aperto rivedete il Tempio...;
Salis partito! E qual perversa stella...; Giovi din Celu guardannu la Terra...;
Varca, Lunardi, Carteddu, Palluni... >Indovinelli< Di diverse nazioni in ampia
Reggia...; Era da dur cordin stato strozzato...; De mira ingrato sopra un fragil
legno...; Io non son Creator ne Creatura...; Son tutto coda, e di color brunetto...;
Prima chio fussi ugel ero serpente...; Porto la pelle appena, e mi f dato...;
Finch vado nascendo allor sono viva...; Son partorito e nasco senza vita...; Ci
s quattm, quattrn, e quattru...; >Per il viaggio di Sua Santit in Vienna Pio
VI< Ego vobis Romae propitius ero./ Giunto il gran Pio alla Flaminia Porta...;
>Il Gigante diruppato...< Clementissimo R molti e moltanni...; >Nella morte
di Carlo III...< Nel partirsi da noi linvitto Re...; >Nella morte di Luigi XVI...<
Dove Luigi? ad incontrar la morte...; Quanno uno nasce Ciuccio sempe Ciuc-
cio...; Gallo: Roma ti aspetta e il reo disegno...; >Besville che intima la guerra
a Roma...< Il libero senato a te minvia...; A che minacci il successor di Piero...;
>Quanno vennero le navi Francesi a 16 decembre 1792< Chiste che mbruoglie
s, ca sti Francise...; >Nella morte del Re di Francia Luigi XVI< Il Mondo inorri-
d si scosse Averno...; >Nella morte di Besvil in Roma. Altro epitafio< In questo
sepolcral gelido avello... Raccolta di componimenti in versi (italiano, napole-
tano, siciliano) su argomenti vari: politici, religiosi, sociali. Per lo pi inediti.
Comprende anche alcuni indovinelli in ottava rima. Alcuni sonetti registrati
in IMBI, vol. 49, 1931 e vol. 64, 1937. Alcuni citati per esteso nel Catalogo di ...
Minieri Riccio, cit.,pp. 227-236.
pp. 131-132. Nelle guerre dei Francesi dal 1790 circa al 1797. Testo. >I
Popoli alladorato loro sovrano. Sonetto< Caro Padre, e sovran, del tuo gran
core...; >Capitolo contro i francesi< Che mannaggia li muorte di Franza
...Ca fra nuje non volime stusanza/ Che mannaggia li muorte di Franza.
Testo inedito.

103
p. 132. Frammento di un testo di carattere politico. Testo. La con-
cordia della Sovranit coi sudditi. Quanto giusto, ed espedientissimo sia che
secrissimamente si puniscano tutti coloro, che con inganni, trappole, ed im-
posture, e sopra tutto collaccostata o alterata riferenda degli umiliati ricorsi
invece di giustizia fan riportare orrorosa ingiustizia dai Sovrani stessi. Testo
inedito.

Ms. Ital. Fol. 148


Miscellanea di scritti storici, politici e vari
II + 2312 pp 285 200 mm (tranne pp. 983-1024, dim.: 245 157 e pp. 1773-1948,
dim.: 195 125 mm) XVII sec. Italia

Manoscritto in buono stato. Alcuni fogli incollati sulla braghetta Pagi-


nazione a inchiostro nero continua per tutta la miscellanea, di due mani
(cambiamento della mano dalla p. 764); dalla p. 1651 la paginazione recente
a matita corregge quella originale Le successive unit testuali del codice
segnate dal bibliotecario moderno con le lettere dellalfabeto: a, b, c, d, e, f, g,
h, i, k, l, m, n, o, p, q, r, s, t, u, v, w, x, y, z, aa, ab, ac, ad, ae, af, ag, ah, ai, ak, al, am,
an, ao, ap, aq Testo apiena pagina Scrittura di diverse mani Dimensioni
e numero di righe varie in diversi documenti (IIro-vo) Lindice effettuato da
due mani, posteriore alla stesura dei documenti, completato in seguito; le
stesse mani hanno eseguito la paginazione ad inchiostro.
Legatura rigida con alette (di 15 mm) in cartone dipinta di verde scuro,
sotto, tracce di un antico testo musicale (274 180 mm). Prob. del XVIII sec.
Quattro nervi. Dorso staccato con strappi. Dentro visibili frammenti di perga-
mena antica con un testo latino. Sul dorso il titolo, a inchiostro nero: Raccolta
di trattati storici e il numero 392. Taglio regolare spruzzato di rosso e blu.

Miscellanea di copie di diversi scritti di natura prevalentemente storico-po-


litica, eseguite nel XVII. Datazione in base alla filigrana (cfr. infra). Le date pre-
senti nel testo riguardano fatti dagli ultimi decenni del XV sec. agli anni 20 del
XVII sec. e costituiscono il terminus post quem. Il codice rilegato pi tardi, prob.
nel XVIII sec. (terminus ante quem 1804). Nellatto di rilegare, alcuni mss. pre-
cedentemente di varie dimensioni tagliati insieme ai frammenti di testo o note
marginali. I mss. ordinati secondo la chiave tematica; documenti scritti dagli

104
stessi copisti appaiono in diverse parti del codice. La legatura porta tracce dei
successivi proprietari. Sul contropiatto anteriore, la scritta moderna a matita:
79/ L wo, nonch un rettangolo di carta bianca con lexlibris della Bibliothek des
Oberlandesgerichtsraths Hecht, sotto, a matita il numero: 45-. Lexlibris testimo-
nia la presenza del codice, dopo la realizzazione della legatura, nella biblioteca
di Ernst Georg Hecht (17751840), giurista e collezionista di libri (cfr. lidentico
exlibris nel manoscritto Bav. 5033 della Staatliche Bibliothek Regensburg. (Iro)
a inchiostro: Pf. Holzmann Gtting Nov.19.1804. L a/n. Questa scritta costituisce
la traccia di un proprietario precedente, un non meglio identificato Pfarrer (?)
Holzmann di Gttingen (?). Il codice fu comprato per la Knigliche Bibliothek
dalla libreria antiquaria di Otto Weigel di Lipsia nel 1880 (cfr. registri dingres-
so). Tracce di appartenenza alla Knigliche Bibliothek: sul contropiatto anterio-
re la segnatura Ms. ital. Fol. 148; (IIro) il numero dingresso: acc.10,944.
Lemm, p. 74.

(I) pp. 1-32

Manoscritto in buono stato; carte leggermente scurite, macchie Fascicoli:


2IVp32 Paginazione a inchiostro Falsi richiami Margini piegati Testo a
piena pagina, dimensioni: 220 120 mm; 16 righe Una sola mano.

pp. 1-32. Trattato del governo de Prencipi al serenissimo Don Co-


smo secondo de Medici. Titolo e testo. >Trattato del governo de Prencipi
al serenissimo Don Cosmo secondo de Medici gran duca di Toscana< Dopo il
gloriosissimo passaggio del serenissimo Ferdinando suo padre da questa vita
allaltra del suo buon governo in Cielo gli ne venga dal medesimo deter-
na et immortal gloria resa una ricca ricompensa. Copia di una istruzione di
governo, a quanto sembra, data al giovane Gran Duca di Toscana, Cosimo II
dei Medici (1521-1620) dopo la morte di suo padre, Ferdinando I. Autore non
identificato. Testo non ritrovato, prob. inedito.

(II) pp. 33-152

Manoscritto in buono stato; carte leggermente scurite, macchie; tagliato


per la legatura (le note marginali del copista tagliate) Fascicoli: 1Xp33-72
+ 1XXp152 Paginazione a inchiostro Falsi richiami Testo a piena pagina,

105
dimensioni: (220-230) (120-130) mm; 19 righe Margini esterni piegati
Una sola mano Note marginali del copista Pagine bianche numerate a
matita: 152.

pp. 33-72. Relazione riguardante organizzazione degli stati. Titolo


e testo. >Chi vuole bene intendere lo stato di qualche principe bisogna farsi
informare prima< La quantit del suo paese quante miglia contiene in lon-
ghezza et in circonferenza, quanti regni et republiche Le fattezze sue cioe
la dispositione et constitutione del corpo i quali sono spesse volte segnalate
apparenze della inchinatione gagliardezza et vivacit dellanimo. >Finis< Una
specie di descrizione teorica dellorganizzazione dello stato in senso ammi-
nistrativo, militare ed economico. Testo non identificato. Prob. inedito.
pp. 73-151. Relazione di tutti i Principi e Repubbliche che battono
moneta in Italia. Titolo e testo. >Relationi compendiose de tutti li Prencipi et
Republiche, che battono moneta in Italia con una descrittione de tutti li prin-
cipali Baroni et Sig.ri che godono stato, et sotto qual Principe< La nobilissima
Provincia dItalia divisa hoggi di [?] undeci prencipati, quali hanno il mero
et misto imperio de sudditti principi doveranno costoro seguire laparte,
che sara seguitada loro patroni. Relazione di carattere politico-economico
sui diversi stati italiani. Manoscritto affine, datato al 1626 in possesso di Pie-
tro Antonio Crevenna nel 1776 (cfr. Catalogue raisonn de la collection de
livres de M. Pierre Antoine Crevenna, ngotiant Amsterdam, cinquime
volume, 1776, p. 57). Testo prob. inedito.

(III) pp. 153-196

Manoscritto in buono stato. Macchie Fascicoli: 2IVp184 +1IIIp196 Paginazione


a inchiostro Falsi richiami Testo a piena pagina, dimensioni: 210 120 mm;
16 righe Margini piegati Una sola mano.

pp. 153-196. Relatione delle Alpi. Titolo e testo. >Relatione delle Alpi,
che dividono Italia dalla Germania, et dalla Francia, con li passi, per dove pos-
sono condursi esserciti< Dovendo descrivere li passi dellAlpi, che partono Ita-
lia dallAlmagna, et dalla Francia per esser quelle quasi sempre coperte di
neve: Alpes sic apellatae sunt a perpetuo nivium candore, quia perpetuis fere
nivibus albescunt riferisce Celio Calcagnino. Prob. il testo corrisponde a quel-

106
lo stampato Breve descritione delle Alpi che dividono Italia dalla Germania
e dalla Francia, con i passi per dove possono condursi eserciti di Giovanni
Giacomo Conturbio milanese, dedicata allillustrissimo sig. Don Gonzala di
Olivera, governatore della cavalleria Milano 1620. (cfr. C. A. Combi, Saggio
di bibliografia istriana, Capodistria 1864, p. 7). Testo stampato non consulta-
to, presente nella Biblioteca Alessandrina di Roma, Coll.XIV. f3.10 14 .

(IV) pp. 197-198

Manoscritto in discreto stato. Piccoli buchi Un foglio incollato sulla bra-


ghetta Paginazione a inchiostro Testo a piena pagina, dimensioni: 255 175
mm; 39 righe Una sola mano.

pp. 197-198. Oratione fatta dallAmbasciator Veneto al Re di Fran-


cia. Titolo e testo. >Oratione fatta dallIllustrissimo Signor Ambasciator Ve-
neto al Re di Francia Lodovico XIII per l interesse della Valtellina occupata
da Spagnuoli< Grande la gloria, o Re potentiss.mo et invictiss.mo che in et
...Non vedr il mondo mai la Ven. rep. se non amico se non divoto a questa
Christiana Corona./ Ho detto. Manoscritto prob. affine: Biblioteca Imperiale
di Vienna (dal fondo Foscarini), Cod. CII, N. 6582 (cfr. Archivio Storico Ita-
liano 1843, (t. V), p. 426). Testo inedito.

(V) pp. 199-652; 693-708

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite, macchie; un piccolo


strappo su pp. 317-318 Fascicoli: 1IVp214 + 1(VIII-1)p244 + 1Ip248 + 5VIp392 + 1Vp412 +
10VIp652 + 4Ip693-700(fogli sciolti incollati insieme) + 1IIp708 Paginazione a inchio-
stro (a matita: 412, 518, 548, 652, 708) Richiami e, in alcuni testi, falsi richia-
mi Testo a piena pagina, dimensioni: 230 145 mm; 23-25 righe Margini
piegati Una sola mano Decorazioni: alcune chiudiriga a inchiostro Pagine
bianche numerate a matita: 412, 518, 548, 652, 708.

pp. 199-211. Discorso Breve et utile scritto da un Gentilhuomo Ita-


liano. Titolo e testo. >Discorso Breve et utile scritto da un Gentilhuomo Ita-
liano et cattolico a benefitio, salute et conservatione de tutti li stati dell Ita-
lia< Siate prudenti come serpenti et simplici come colombi. Se lItalia volesse

107
come pi considerare diligentemente che li honorano per vituperarti e li
premiano per comprarti [...] alla libidine et alla superbia loro. Testo anonimo
di un autore veneziano del 1591. La data esplicitata su due copie conservate
nella BAV: cod. 5655 (ex. LX, 31), 239-241 e cod. 5237 (ex LVIII, 6), 215-221. Il
testo un pamphlet sulla dipendenza del re di Spagna dai gesuiti. Si tro-
va anche nellARSI, Ven. 105, I, 203ro-228ro. Stampato allepoca, ma gi allora
difficilmente reperibile (cfr. M. Sangalli, Cultura, politica e religione nella
Repubblica di Venezia tra Cinque e Seicento: Gesuiti e Somaschi Venezia,
Venezia 1999, p. 256; M. Sciarrini, La Italia natione: il sentimento nazionale
italiano in et moderna, Milano 2004, p. 110). In seguito ristampato in: Traia-
no Boccalini, Cetra dItalia. Supplimento de Ragguagli [s.n. s.l. s.d.]; e in: G.
Rua, Letteratura civile italiana del Seicento, Roma-Milano 1910, pp. 1-14.
pp. 212-240. Risposta alle calumnie date al cattolico. Titolo e testo.
>Risposta alle calumnie date al cattolico< Cosi essaudisca Iddio ogni mio priego,
come muovendomi a rispondere al discorso... Non voglio per che altri creda,
che io sia come ho dimostrato essere lautor del discorso ostinato sostenere
la mia opinione, et perci mi rimetto al parere de buoni et giudiziosi. Risposta
polemica al testo contenuto nel testo precedente. Non ritrovato a stampa.
pp. 241-411. Christoforo Canale: Relatione. Titolo e testo. >Relatione
del Signor Christoforo Canale, delle cose del Mare< Quello chio ho visto per
esperienza in diversi tempi Ser.mo Prencipe Ill.mo et Ecc.mo Padri et Sig.ri Oss.mi
mi ha fatto conoscer certo se non ringiovenirsi nelle cose che concerne-
rano il benefitio della Ser.ta [] la buona gratia della quale riverentemente mi
raccomando. >Il fine:< Relazione preparata nel 1557 per il senato di Venezia
da Cristoforo Canale (1510-1562), autore del trattato Delle milizie marittime
libri quattro, Venezia 1569. Molti manoscritti affini: p.es. Marc., It.VII.548,
BNP: it. 1251 (cote), Saint-Germain Harlay 226 (ancienne cote), Bibl. de lArse-
nal 8589 (numro_de_notice); 58 Ital (cote_indtermine_a). Testo inedito.
pp. 413-504. Il Contenuto d una Relatione di Venetia. Titolo e testo. >Il
Contenuto d una Relatione di Venetia< Venetia sola tra le citt dItalia hoggi
nominata Vergine per non haver mai provato giogo di sevit per livelli fitti
[?] salarii de Rettori et altre spese d 7298/ Summa d 59752. Prob. un riassunto
della relazione scrittta dal cardinale Alberto Bolognetti, nunzio apostolico a
Venezia negli anni 1578-1781. La sua relazione pubblicata in: A. Stella, A. Bolo-
gnetti, Chiesa e Stato nelle relazioni dei nunzi pontifici a Venezia: richerche sul
giurisdizionalismo veneziano dal XVI al XVIII secolo, Citt del Vaticano 1964.

108
pp. 505-517. Giulio Savorgnano: Discorso sopra la fortezza di Pal-
ma. Titolo e testo. >Discorso sopra la fortezza di Palma dellIll.mo Sig.r Gulio
Savorgnano, lanno 1594< Ser.mo Principe,/ Mosso da quel fin solo, al quale in-
dirizzati tutti i pensieri et loperationi mie del servitio della Serenita Vostra
senza haver punto di riguardo ad altro mio interesse Dalla Giudeca alli
21 di Giugno 1594/ Della Serenit Vostra/ Humiliss.o et devotiss.o/ Servitore/
Giulio Savorgnano. Relazione di Giulio Savorgnano (1516-1595) sulla fortezza
di Palma (Polmanova nella provincia del Friuli) di cui fu progettista. Testi
affini si trovano nella Biblioteca Arcivescovile di Udine, misc. XVII sec. (cfr. C.
Scalon, La biblioteca Arcivescovile di Udine Padova 1979) e nella biblioteca
Correr di Venezia: cod. Cicogna 270 N; Ms. VI, 566; cod. Cicogna 3249/4 con
la data 1594. Testo inedito.
pp. 519-540. Paolo Tiepolo, Andrea Badoaro: Due Arenghe fatte in
Senato. Titolo e testo. >Due Arenghe fatte in Senato, luna di Paolo Tiepolo, et
laltra di Andrea Badoaro sopra la pace che si doueva fare con Turchi del 1573<
Paolo Tiepolo Senatore di molta prudenza et versato lungamente nel Governo
della Rep.ca: benche allhora non fosse nel ordine de i Savii et il negotio vi
mostrava poterci condurre a maggior sicurt et che sar da nostro Sig.re Dio
inspirata per conservatione della repuublica nostra. >Fine< Stampato in Hi-
storia Vinetiana della guerra di Cipro di Paolo Paruta che fa parte del tomo
II della Historia vinetiana, scritta negli anni 1570-72; ed. princeps, Venezia
1605, altre edizioni: 1645, 1703, 1718. Nelledizione del 1703 il frammento si
trova a pp. 85-89; nelledizione del 1827, a pp. 169-183.
pp. 541-651. Le cause della pace tra la Republica Veneziana e il
Turco. Titolo e testo. (541-547) >Le cause perch la Republica Venetiana
ha conclusa la pace col Signor Turco< Tre sono le cagioni, per la quali si
pu fare giuditio che la Repub.ca Venetiana abbia conclusa pace col Turco,
tutte tre di gravissima consideratione perch senza dubbio si sarebbe
impedita vero lhaverebbeno fatta con danno loro maggiore. In Venetia
alli 4 Ottobre 1573. (549-647) >Discorso ragionevole della Republica Venetia-
na circa la pace col Turco< Non meraviglia che della maggior parte delle
genti in Italia si dia si per vien dato biasmo alli SS.ri Venetiani per la pace
che hanno fatto che insieme con esse perdere la libert A le loro vite
proprie. (648-651) >Giustification di Signori Venetiani per la pace fatta col
Turco< Il biasimo alli Signori Venetiani per la pace che hanno fatto procede
che hanno goduta una pace di 40 anni, mentre che gli altri prencipi Italiani e

109
non Italiani et allimprevisto sarebbeno prese come [ ] senza colpo di
Spada, perche non vi era provisione vettovaghe alcuna. Testi riguardanti
le controversie legate alla pace conclusa tra la Serenissima e i lImpero
Ottomano. (541547) Un discorso intorno alla pace conclusa tra la Repub-
blica di Venezia e lImpero Ottomano; molti mss. dai titoli affini, p.es. BNP:
Ragioni onde i veneziani fecero pace coi turchi, Mazarin 50 (ancienne
cote); Regius 10076 (ancienne cote), 362-377; Hof- und Landesbibliothek
in Karsluhe, ms. D. 163, f. 442. (cfr. A. Holder, Die Durlacher und Rastat-
ter Handschriftenitalien, Karlsruhe 1895, p. 61). (549647) testo dellanno
1573 di incerto autore, forse di Nicol da Ponte, doge di Venezia (1578-1585)
come suggerisce E. Alberi in RAVS 2.3, 1846 a p. 145, annotando che le copie
del testo erano presenti allepoca in molte librerie. Consultato un mano-
scritto affine: BNF, Fondo G. Capponi, cod. XXI, 118r-182v. Il testo identico
fino alla p. 639 dellItal. Fol. 148. (648651) testo affine, p.es.: BNP: it. 307
(cote), Suppl. fr. 1087 (ancienne cote). Testi prob. inediti.
pp. 693-698. Discorso del Marchese Malespini. Titolo e testo. >Discor-
so del Marchese Malespini< Discorrendosi tr Cavallieri delli dispareri che
sono tr S. S.ta et la Serenissima Repub.ca di Venetia alcuni sono dopinione che
indubitamente sia per accendersi una gran guerra, m io fermamente credo
che le cose senza guerra si accomoderano... ...Lodo per che si stia armato
per stabilire le cose con riputatione et cos il papa al Ragionevole pi facilmen-
te condescender vedendo la Cappa imbracciata. Trattato dedicato allanalisi
dei rapporti tra il papato e la Repubblica di Venezia. Inedito.
pp. 699-707. Capitoli delle Confederazioni tr la Repubblica di
Venezia e tre Leghe dei Grisoni. Titolo e testo. >Capitoli delle Confede-
rationi tr la Ser.ma Repub.ca di Venetia et lEcc.se tr Leghe de S. S.ri Grisoni,
quali cap.li per decreto della gran Dieta ultimamente congregata in Coria
(sic!) il p.o di Luglio 1603 debbano essere mandate sopra lhonorate commu-
nit per lenari[?] la loro volont et resolutione< Che ambe le Republiche in
tutte le cose conservino buona amicizia... ...seguite alla quale non sintendi-
no per questa confederatione fare alcuna pregiudizio. Trattato che stabiliva
lalleanza tra la Repubblica di Venezia e i Grigioni nel 1603. Testo conser-
vato in vari manoscritti in Francia e in Italia (cfr. Inventaire sommaire
des documents relatifs lhistoire de Suisse conservs dans les archives et
bibliothques de Paris,p. 424 e P. B. Daru, Histoire de la Rpublique de
Venise, t. V, p. 289). Inedito.

110
(VI) pp. 653-692

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite, macchie Filigrane:


balestra in cerchio con trifoglio sopra e tre monti (~Picc. Online, 123860: Man-
tova 1628) Fascicoli: 1IVp668 + 1IIIp682 + 1(III-1)p692 Paginazione a inchiostro Fal-
si richiami Testo a piena pagina, dimensioni: 220 125 mm; 16 righe Margini
piegati Una sola mano Pagine bianche numerate a matita: 692.

pp. 653-668. Relatione delle cose notabili, che sono nel tesoro di
Santo Marco. Titolo e testo. >Relatione delle cose notabili, che sono nel te-
soro di Santo Marco, et anco delle cose notabili, che sono nelle quattro sale del
Consiglio de Dieci in Venetia< Et prima il Corno, overo Corona del Serenissimo
Prencipe, et che con essa sincoronano tutti li Pricipi di Venetia... che aveva
sopra la sua galera, quando fece prigionier il figliuolo di Federico Barbarossa
Imperatore sopra lArmata, et questo quanto si trova di notabile nelle sudette
sale >il fine< Una specie di inventario di oggetti preziosi conservati nel tesoro
del Palazzo Ducale di Venezia e nella Sala Del Consiglio dei Dieci. La descrizio-
ne degli oggetti comprende anche la loro provenienza e valore. Lo stesso testo
cfr. lItal. Fol. 48, ff. 224ro-231vo. I mss. recanti testi affini, p.es. Majortna Kniho-
vna Hrabata z Nostitz in Praga, Ms. a 21 (125g), 98-100; NB, ser. n. 1739, 44ro-
51ro; Biblioteca dellAmbasciata di Spagna presso la Santa Sede, cod. n. 454,
misc. XVII sec. f. 1, (cfr. Anthologica annua, 1954 (2), p. 627). Testo inedito.
pp. 669-691. Relatione dellArsenale di Venetia. Titolo e testo. >Re-
latione dellArsenale della serenissima signoria di Venetia< Nellentrare
dellArsenale di Venetia si passa per un ponte sopra dun Canale, per il quale
le navi dellArsenale li conducono al Canal grande... et Massimiliano fratel-
lo dellImperatore, et al Duca di Bransvich Ottone Henrico nellanno 1579 del
mese di Genaro. >Il fine< Descrizione dellArsenale di Venezia con particolari
di carattere architettonico e strutturale-organizzativo. Lo stesso testo cfr.
lItal. Fol. 48, 218ro-223ro. I codici recanti testi affini p.es.: BNP, it. 1422 (cote),
385-396; Ambros., cod. P 237 sup. (cfr. Kristeller, t. 6, p. 47). Testo inedito.

(VII) pp. 709-756.

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite; testo tagliato per la


legatura Fascicoli: 1(VII-7)p720 + 1VIp744 + 1(IV-2)p756 Paginazione a inchiostro

111
Falsi richiami Testo a piena pagina 265 115 mm; 29-30 righe Una sola
mano Pagine bianche numerate a matita: 709b, 756.

pp. 709-756. Discorso di Precedenza fra Francia e Spagna (709) Tito-


lo. (709c) [frammento di un altro testo cancellato]. (710-755) Testo. >DISCOR-
SO DI PRECEDENZA FRA Francia e Spagna< PERCHE IL VOLGO FA MOLTI DI-
SCORSI SOpra il negotio della precedenza tra Spagna et Francia, ho voluto
vedere curiosamente... ...per questa via ancora perviene la successione del
Regno di Francia alla Cosa Reale di Spagna, ragione pi antica, che... Contiene
uno dei discorsi di precedenza (forse di Giacomo Aloisio?) cio dispute in
cui si svolgevano argomentazioni a favore della superiorit di ciascuna delle
potenze europee. Testo mutilo, privo della parte finale (cfr. lo stesso testo
nel manoscritto Ital. Fol. 49, 450ro-527ro). La questione, posta in tali termini,
era un argomento molto popolare nel corso del XVII secolo, che col passar
degli anni perse completamente dattualit. Testo non ritrovato a stampa;
diverso da quello contenuto in G. Leti, Lambasciata di Romolo a Romani,
Bruxelles 1671, p. 556.

(VIII) pp. 757-762

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite Fascicoli: 1(II-1)p762


Paginazione a inchiostro nero Testo a piena pagina, dimensioni: 220 120
mm; 25-27 righe Una sola mano Pagine bianche numerate a matita: 762.

pp. 757-761. Lettera dei gesuiti al re e alle autorit delluniversit


parigina. Titolo e testo. >Humilissima Remonstranza a Sua Maesta Christia-
nissima fatta nel suo conseglio da padri Giesuiti IN PARIGI M.DC.XXVI< Poscia-
che per li reiterati discorsi del Signor Rettor della Vostra Universit di Parigi, e
per tanti libelli infamatorii che si gridano, e vendono per le strade ogni giorno,
si persuade il Popolo; Che la nostra dottrina sii differente dalla Comune della
Chiesa, e specialmente, che insegni ad attentare contra la Sacra persona de R...
...per Privilegio quella concesso da Vostri Predecessori, e informato dalla Vo-
str Maest, sono comesse queste cause contro ogni sorte di persone: e li suppli-
canti pregheranno Dio per la Vostra Prosperit. Copia di una lettera apologeti-
ca (datata 1626) dei gesuiti contenente le informazioni circa lordine gesuitico
e le assicurazioni di lealt verso la corona francese. Testo prob. inedito.

112
(IX) pp. 763-830

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite Fascicoli: 1IVp778 +


1Vp798 + 2IVp830 Paginazione a inchiostro nero Falsi richiami Testo a piena
pagina, dimensioni: 220 120 mm; 15 righe Una sola mano.

pp. 763-830. Francesco Marcaldi [?]: Relatione della Signoria di Ge-


nova. Titolo e testo. >Relatione del stato, governo, sito, grandezza, richezza et
entrata della Signoria di Genova< Il governo di Genova, come si sa, di Repu-
blica cosi ben stabilito, che difficilmente potrebbe mutare conditione a
tenere perpetua et continua memoria di glorificare il santo giorno di questa re-
solutione. >Il Fine< Relazione riguardante lo stato di Genova, la sua descrizio-
ne geografica, economica ed organizzativa. Un tipo di documento di partico-
lare frequenza in diverse miscellanee dellepoca di carattere politico-storico,
di solito riassunti e compendi di diverse relazioni degli ambasciatori, il pi
spesso veneziani o pontifici. Un testo di carattere simile si trova nellItal. Fol.
162, 144ro-146vo. Consultato un ms. affine nella Biblioteca Moreniana: Fon-
do Moreni 180, datato nel 1589, Ragguaglio delle cose di Genova scritto da
Francesco Marcaldi. Il testo dellItal. Fol. 148 fino a p. 789 corrisponde al testo
moreniano (27ro). In seguito il ms. moreniano si limita solo allenumerazione
delle pi importanti famiglie genovesi, mentre lItal. Fol. 148 evidentemente
posteriore, sviluppa ulteriormente il tema, aggiungendo altri dati. Marcaldi
tra il 1571-1597 trascrisse 9 relazioni sugli stati europei ed italiani in parte
basate sulle relazioni degli ambasciatori, conservati in un centinaio di copie
(cfr. B. Richardson, A Scribal Publisher of Political Information: Francesco
Marcaldi, Italian Studies, 2/2009 (64) , pp. 296-313). Testo inedito.

(X) pp. 831-962

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite Fascicoli: 1VIp854 +


3IVp902 + 2Vp944 + 1(V-2)p962 Paginazione a inchiostro Falsi richiami Testo a
piena pagina; diverse dimensioni massimo: 215 120 mm; 16 righe Margini
piegati Una sola mano Chiudiriga.

pp. 831-962. Tommaso Contarini: Relazione della Germania. Titolo e


testo. >Relatione di Germania dellIll.mo Tomaso Contarini ritornato dalla Ma-

113
est dellImperatore< Stati e qualit Loro/ Li Regni, et stati dellImperatore
non sono sicuri dalli nemici, perch non hanno fortezze fondate per Arte, ne
siti forti per natura, che li guardino... ...buona deliberatione non vi si trasfe-
rire. Et questo quanto mi occore di dire intorno alle cose della Germania alle
quali faccio fine. >Il FINE< Racconto delle vicende politiche della Germania
relativo allanno 1596, eseguito da un ambasciatore veneziano in Germania,
Tommaso Contarini. Pubblicato in RAVS, 1.6, 1862.

(XI) pp. 963-982

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente imbrunite Fascicoli: 1Vp982


Paginazione a inchiostro Testo a piena pagina; diverse dimensioni mas-
simo: 245 135 mm; 32-36 righe Margini piegati Una sola mano Pagine
bianche: 982.

pp. 963-981. Vera Narratione delle operazioni delle donne. Titolo


e testo. >VERA NARRATIONE DELLE OPERAtioni Delle Donne Descripta dun
incerto Authore< Deh, siate contento Signor Alessandro non mi indurre in co-
tal raggionamento che alla et mia poco convenevole entrare in cos fatto
discorso... ...come era il desiderio vostro, mie sensero insieme con il mio poeta
cos dicendo:/ N che poco io vi dia da imputar sono/ che quanto io posso
dare, tutto vi dono. >Il fine< Una satira contro le donne che nel 1586 diede
inizio al dibattito padovano sulle donne (con i due trattati del 1588: Difesa
delle donne e Vera difesa alla narratione delle operationi delle donne). Il
nome Onofrio Filarco, con cui viene spesso citato il trattato, lo pseudonimo
di un ignoto autore padovano. (Cfr. V. Cox, Womens writings in Italy, 1400-
1650, Baltimore 2008, p. 172 e 345). Nel testo vengono attaccati i presunti
difetti delle donne in generale e delle signore padovane in particolar modo.
Testo inedito, creduto perso (cfr. ibidem, p. 345). Sul dibattito si veda la testi-
monianza di G. Marchesi, La polemica sul sesso femminile nei secoli XVI e
XVII, Giornale Storico della Lettaratura Italiana 1895 (XXV), pp. 362-369.

(XII) pp. 983-1024

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite Fascicoli: 1VIIIp1014 +


1(III-1)p1024 Foliazione originale, a inchiostro (nn. 1-20 tranne foglio del tito-

114
lo); paginazione posteriore ad inchiostro Testo a piena pagina, dimensioni:
(205-210) (130-135) mm; 27-29 righe Una sola mano Pagine bianche: 984,
990, 1024.

pp. 983-989. Summaria capitulorum post obitum Clementis VIII.


(983) Titolo. (985-989) Testo. >Summaria capitulorum quae fuerunt iurata
per Cardinales in conclavi post obitum Clementis 8 Papae, 8. Maj.1605 et de-
nique iuranda per Ponteficem eligendum< 1. Pacem servare inter Principes
Christianos Auxilium praestare in praesenti bello contra Turcos... 27. In
acceptatione Pilei quilibet Cardinalis teneatur in haec capitula Jurare. Reso-
conto del conclave dopo la morte di Clemente VIII. Lo stesso testo cfr. lItal.
Fol. 48, 232ro-237ro. I mss. recanti testi affini p.es. NB, ser. n. 1739, 10r-15v;
BNP, Bibliothque de lArsenal, 8545, 48 Ital. fol. 305; BAV, cod. Barb. XXXIII.
148. f. 73. Testo inedito.
pp. 991-1023. Corte di Roma. Titolo e testo. >Del Palazzo del Papa e de
suoi servitori< Il Papa dal principio di Novembre per infino al d di S. Petro
sempre habita il Palazzo di S. Petro, e poi a quel giorno si parte e va ad ha-
bitar nel palazzo di monte Cavallo... ...che perci si conchiude chi in Roma
difficile vivere senza far sapere i fatti suoi. >fin< Breve testo in cui, oltre alle
abitudini del papa e della sua corte, viene illustrato di che cosa si occupano
le varie istituzioni e i vari funzionari romani (Tribunale, Datario, Camera
Apostolica, Senato, Sacra Rota, Governatore ecc.). Testo inedito.

(XIII) pp. 1025-1154

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite, strappi su pp. 1143-


44 Fascicoli: 6p1144 + 1(III-1)p1154 Paginazione a inchiostro Falsi richiami
Testo a piena pagina, dimensioni: 205 115 mm; 15 righe Margini piegati
Una sola mano.

pp. 1025-1154. Bernardo Navagero: Relazione di Roma (1558). Titolo e


testo. >Relatione di tutto lo stato, et governo temporale, spirituale del Papa<
Ho imparato serenissimo Principe nelle legationi, nelle quali per molti anni
piacciuto a vostro [sic!] Serenit servirsi di me che lofficio dellAmbasciatore
diviso in tre parti... ...Et fin qui credo haver supplito allobligo, che havevo
di rifferire del Pontefice, et delle cose dependenti da lui. >Il Fine< Relazione

115
del veneziano Bernardo Navagero della sua ambasceria a Roma (ai tempi di
Paolo IV). Contenuta in vari manoscritti conservati in diverse biblioteche, fu
stampata per la prima volta nel 1649 a Parigi nel libro De la preminence
des nos Roys etc. par M. Aubery (cfr. RAVS, 3, 1858, p. 367). Pubblicata suc-
cessivamente in RAVS, 3, pp. 365-416, ivi anche una breve nota biografica di
Navagero. Tuttavia, dopo linizio uguale, il testo della relazione mostra note-
voli differenze con il testo pubblicato (la parte finale non coincide).

(XIV) pp. 1155-1448

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite Fascicoli: 3Vp1214 +


1IVp1230 + 4Vp1310 + 1IVp1326 + 1VIp1350 + 1VIp1374 + 2Vp1414 + 1IVp1430 + 1(V-1)p1448 Pagi-
nazione a inchiostro Falsi richiami Testo a piena pagina: 200 110 mm; 15
righe Margini piegati Una sola mano.

pp. 1155-1448. Celio Secondo Curione: Pasquino in estasi. Titolo e te-


sto. >Pasquino in estasi. Ragionamento di Marforio et di Pasquino< Mar. Che
ci di nuovo Pasquino mio, tu mi pari tutto allegro. Pasq. Cos chi vien dal
Paradiso; non sai tu come Moise divenne tutto risplendente... ...Pasq. Va in
pace; cos far, ricordati di essere da qui inanzi sincero, e christiano. Dialo-
go di carattere satirico in cui Pasquino descrive il proprio viaggio nel cielo
dei papi. Roma e il papato sono rappresentati in maniera altamente critica.
Del dialogo esiste anche la versione latina (Pasquili extatici...) sebbene non
sia del tutto chiaro il rapporto tra le versioni (C. Cant, Gli eretici dItalia.
Discorsi storici di Cesare Cant, Torino 1866, vol. 2, p. 220 ipotizzava che
il dialogo fosse scritto originariamente in italiano). Una recente rassegna
bibliografica di questo testo e di altre opere di Curione si trova nella Banca
Dati del Cinquecento, preparata da Chiara Lastraioli (http://www.nuovori-
nascimento.org/cinquecento/curione.pdf). Testo prob. inedito.

(XV) pp. 1449-1520

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite, macchie Fascicoli:


1IVp1464 + 1Vp1484 +1(II+1)p1494 + 1IVp1512 +1IIp1520 Paginazione a inchiostro Falsi ri-
chiami Testo a piena pagina, dimensioni: (215-220) 120 mm; 16 righe Margini
piegati Una sola mano Pagine bianche numerate ad inchiostro: 1496, 1520.

116
pp. 1449-1465. Ragionamento del Duca dAlva. Titolo e testo. >Ragiona-
mento del signor Duca dAlva alla santit di nostro Signore< Beatissimo Padre
tengo per fermo, che listesso spirito santo, che ha eletta la Santit Vostra al
sublime grado del Vice Dio la vita de Suoi Sudditi et il sangue proprio
contra che presume di turbar li progressi ecclesiastici et offender la dignit
Sua. >Il fine< Discorso che prepara Antonio Alvarez de Toledo, Duca dAlva,
vicer di Napoli per Filippo IV di Spagna dal 1622 al 1629, fatto prob. al Papa
Gregorio XV, (m. 1623) intorno alla situazione creatasi in Europa in conse-
guenza della guerra per la Valtellina e il trattato di Lindau (1622). Testo prob.
inedito.
pp. 1467-1495. Avertimenti fatti da un Cavalier Castigliano al Signor
Duca dAlva. Titolo e testo. >Avertimenti fatti da un Cavaglier Castigliano al
Signor Duca dAlva nuovo ViceR di Napoli sopra il ragionamento fatto con
la Santit di Nostro signore intorno alli novi motivi dItalia< Eccellentissimo
Signore essendo capitato alle mani mie il ragionamento fatto da Vostra lec-
cellenza alla Santit di Nostro Signore nel transito Suo per Roma et in
fronte al suo nemico, h passato le notti su la terra dura, et come unaltro
inviato Cesareo Christianissimo espostosi allarchibuggiate et cannonate, et
altri pericoli di guerra. >Il fine< Testo di un autore anonimo, riguardante il
discorso intorno alla situazione politica degli Stati italiani presentato dal
Vicer di Napoli al Papa (cfr. supra). Poich intitolato al nuovo vicer, fu
steso prob. nel 1622, cio lanno della nomina del duca dAlva. Un ms. affine:
BNP, It. 1115 (cote). Testo prob. inedito.
pp. 1497-1519. Discorso con che autorit possa intromettersi il Papa
nellelezione del Re di Francia. Titolo e testo. >Discorso con che autto-
rit possa intromettersi il Papa nellelettion del R di Francia< Per sapere,
che auttorita habbia il Papa dintromettersi nelleletione del R di Francia,
si pu prociedere per via di determinatione gi fatta, per investigation di
ragione... in quello di Francia ilo quale senza Re legittimo, senza unione
de popoli, senza commodit di successore capace del luogo, pieno di calamita
temporali, e spirituali, non pu essere aiutato, non sollevato da altri, che dal-
la pia, et santa sopra intendenza del vicario di Christo. >Il fine< Un discorso
anonimo riguardante il diritto del Papa ad influenzare decisioni politiche
per lelezione del Re di Francia. Si pu supporre malgrado la mancanza di
indizi diretti che si tratti del periodo del Regno di Luigi XIII e specialmente
quello della reggenza durante let minore del re. Testo prob. inedito.

117
(XVI) pp. 1521-1650

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite, macchie Fascicoli:


1(VII-1)p1546 + 1VIp1570 + 1(VI-5)p1584 + 2VIp1632 + 1(V-1)p1650 Paginazione a inchio-
stro Richiami Testo a piena pagina: (205-220) 135 mm; 17-18 righe Mar-
gini piegati Una sola mano Pagine bianche: 1522, 1586, 1634, 1650.

pp. 1521-1584. Emiliano Manolesso: Relatione di Ferrara. (1521) Ti-


tolo. (1523-1584) Testo. >Relatione di Ferrara del/ Sig.re Emiliano Manoleso
fat=/ ta nel Ser.mo Conseglio di/ Venetia lAnno/ 1576< Ser.mo Principe et Ecc.
mi
Si.ri Havendo io humilissimo et devotissimo Ser.re di V.ra Ser.t et delle Sig.
rie
V.re Ecc.me, tenuto principale desiderio di mostrarmi buono et fedele Ser.
re
suo ovunque mi si rappresentasse loccasione... ...Priego Dio N. S. che
conservi, et prosperi per molti anni V.ra Ser.ta e V. S. Ec.me et con humilit, et
reverenza me linchino Suoi piedi. Nel testo si parla delle qualit del duca
di Ferrara, della storia del ducato, dei possedimenti ferraresi e dellunio-
ne con Venezia. Testo presente in numerosi manoscritti. Un lungo elenco,
comunque incompleto, in P. Daru, Histoire de la rpublique de Venise,
t. VII, Paris 1821, pp. 578-579. Edizione in RAVS, 2.2, 1841, p. 399. Lo stesso
Alberi per avvisa che quella di Manolesso non una relazione dellam-
basciatore veneto.
pp. 1585-1632. Le cose seguite della Morte del Duca Alfonso di
Ferrara. (1585) Titolo. (1587-1632) Testo. >Raccolta di tutte le cose segui-
te della Morte del Duca Alfonso di Ferrara, final possesso preso dalla sede
Apostolica di essa Citt< Non maraviglia che cessati i movimenti delle cose
di Ferrara, i quali per loccasione, et per gli apparecchi, dimostravano dover
riuscire oghi[?] d maggiori, non cessino insieme i Discorsi sopra tal materia,
concio sia cosa che gli ingegni... ...et utile al campo quanto pi spatioso, et
pi grande, per lo contrario avvenire potrebbe, se mai (che Dio non voglia)
seminata fosse zizania. >Il fine< Informazioni storiche sulle vicende ferra-
resi susseguite alla morte del duca Alfonso II dEste quando, approfittando
della debolezza dellerede designato, papa Clemente VIII conquist Ferra-
ra. Testo prob. inedito.
pp. 1633-1649. Alcune cose particolari della morte del Duca di Fer-
rara. (1633) Titolo. (1635-1649) Testo. >Illust.mo Signor mio oss.mo< Gran motti
si vanno preparando {se Dio non le provede} nel bel paese chApenin parte

118
il Mare circonda, e lAlpi... ...Principi consolati V. S. h sentito le ragioni de
Signori Menanti, Reddite ergo quae sunt Caesaris, Caesari, et quae sunt Dei,
Deo. Racconto sulla situazione politica di Ferrara dopo la morte del duca
Alfonso II dEste che vede i vani tentativi di Don Cesare (Cesare dEste) di
succedere al cugino nel governo di Ferrara e del ducato. Ferrara, in quanto
feudo pontificio, and a Clemente VIII mentre Cesare dEste si stabil a Mo-
dena diventata capitale del ducato. Testo prob. inedito.

(XVII) pp.1651-1694

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite, tagliate alla dimen-


sione della legatura Fascicoli: 1VIp1680 + 1Vp1694 Paginazione a inchiostro;
corretta recentemente a matita Falsi richiami Testo a piena pagina, di-
mensioni: 260 (125-135) mm; 26-27 righe Margini piegati Una sola mano
Pagine bianche: 1694.

pp.1651-1693. Giovanni Francesco Lottini: Discorso sopra lazioni


del conclave Titolo e testo. >Attoni (sic!) del Conclave del Cattino. (sic!)<
Io posso testificare come di cose vedute con gli occhi che lelettione del papa
procede da Deo solamente percioche io mi sono introvato in molti conclavi
et ho conosciuto chiaramente per loccasioni che ho havuto da saper... ...del
papa che capo et fondamento della Chiesa Christiana. Vuole che venga fatta
alcuna volta fuori di ogni oppositione et in quel modo che piace a lui. Testo
in cui vengono spiegati i meccanismi del conclave, ma viene posto laccento
sullispirazione divina che, secondo lautore, governa la scelta del pontefice
da parte dei cardinali. Pubblicato in Thesoro politico 1, pp. 482-502.

(XVIII) pp. 1695-1772; 1949-1958

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite; tagliate per la le-


gatura Fascicoli: 1(III-1)p1704 + 1VIp1728 + 1(VI-1)p1750 + 1Ip1754 + 1(V-1)p1772 + 1(III-1)
p1949-1958
Paginazione a inchiostro corretta recentemente a matita Testo a
piena pagina: massimo: (230-245) 140 mm; 28-31 righe Margini piegati
Una sola mano Note marginali del copista p. 1738 vuota, ma non altera la
continuit del testo Decorazioni: chiudiriga a pp. 1703, 1727, 1772 Pagine
bianche: 1704, 1728, 1738, 1958.

119
pp. 1695-1703. Relazione del conclave del 1572. Titolo e testo. >CON-
CLAVE NEL QUALE FU ORCATO (sic!) PAPA GREGORIO DECIMO TERZO< Vi
promessi laltro gio. di narrarvi il modo col quale prima per volont di Dio...
...Et questo quanto le posso dire del particolare di questo conclave et state
sano. Di Roma li 24 di maggio l anno 1572. Relazione del conclave del 1572.
Edizione in G. Leti, Conclavi dei pontefici romani, vol. 1, Colonia 1691 (pre-
sente anche nelle edizioni precedenti). pp. 335-344. La versione del mano-
scritto, rispetto alledizione di Leti, pi ampia (nella redazione di Leti
tagliato linizio e la fine).
pp. 1705-1727. Relazione del primo conclave del 1590. Titolo e testo.
>CONCLAVE DELLA SEDE VACANTE DI PAPA SISTO QUINTO NEL QUALE FU
CREATO PAPA URBANO VIIo lANNO 1590. 15 SETTEMBO. (sic!)< Papa Sisto
Quinto di felice memoria dopo essere stato alcuni pochi giorni amalato di fe-
bre, senza per volersene giamai mettere in letto... ...piaccia al Signore Dio
concedergli vita, perch possa eseguire quanto spera della sua bont. Raccon-
to del primo conclave del 1590. Testo diverso rispetto alla relazione stampa-
ta da Leti, (Conclavi..., cit, pp. 380-403), non ritrovato a stampa.
pp. 1729-1753. Relazione del secondo conclave del 1590. Titolo e testo.
>Conclave della sede vacante di papa Urbano VIIo nel quale fu creato papa Gre-
gorio XIIIIo lanno 1590. alli 4 Decembre< Entrarono in conclave alli 8 di ottobre
53 cardinali alli quali sopravvenne Austria onde alla esclusione erano necessarii
18 alla inclusione 36... ...che fu quasi portato in Capella et indi eletto col nome di
gregorio xiii che Dio per sua misericordia lo conservi lungamente sopra la terra,
acci possa mostrarsi i dolci frutti della bont et santit sua che cos sia. >Il fine<
Racconto del secondo conclave del 1590. Testo diverso rispetto alla relazione
stampata da Leti, Conclavi..., cit., vol. 1, 403-514, non ritrovato a stampa.
pp. 1755-1772. Morte di Innocenzo IX e preparativi per il conclave
del 1592. Titolo e testo. >DISCORSO DELLA MORTE DI INNOCENTIO IX ET
INSTRUTTIONE DEL NUOVO CONCLAVE< Linaspettata morte di N. S. PAPA In-
nocentio nono ha partorito come lei deve sapere la sede vacante et dato a me
occasione come lei deve sapere di sodis fatiare (sic!) al debito mio... ...con che
fine me le raccomendo et pregole dal Signore Iddio felicit. Di Roma li 4 Gen.
1592. Di V.S.M.M >H.mo Compatriotta< Racconto della morte e dei preparativi
per il conclave del 1592 quando fu eletto papa Clemente VIII. Testo diverso
rispetto alla relazione stampata da Leti, Conclavi..., cit, vol. 1, pp. 1-26, non
ritrovato a stampa.

120
pp. 1949-1957. Relazione del secondo conclave del 1605. Titolo e testo.
>BREVE NARRATIONE DEL CONCLAVE NEL QUALE FU CREATO PAPA PAU-
LO QUINTO LANNO 1605< LUNED CHE FA IL NONO GIORNO DELLINGRESSO
DELL Conclave et il 13 del corrente mese di maggio fu assonto al pontificato
circa le due hore di notte con mirabile consenso, et approbatione universale
il Card. Borchese chiamato poi Paulo Quinto di 53 anni non compiti... ...et fu
portato con molto giubilo dal popolo, essendo Papa Romano, che ha due fra-
telli, et molti parenti, da quali si spera ottimo governo et beneficio pubblico,
piaccia alla Divina bont di conservar lungamente la Sua Santit per bene
della Christianit. >Il fine< Racconto del secondo conclave del 1605. Testo
diverso rispetto alla relazione stampata da Leti, Conclavi..., cit., vol.1, pp.
108-157, non ritrovato a stampa.

(XIX) pp. 1773-1948

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 11IVp1948 Paginazione a inchiostro


Falsi richiami Testo a piena pagina; dimensione: 155 (100-105) mm; 15
righe Una sola mano.

pp. 1773-1948. Relazione del conclave del papa Leone XI. Titolo e testo.
>Conclave nella morte di Clemente Ottavo, dove fu creato Papa il Cardinal di
Fiorenza, detto poi Leone Undecimo< Era il Cardinal Aldobrandino uscito di
Roma ne glultimi giorni di genaro dellanno 1605 con assai speciosi titoli di
rivedere, et ordinare lo Stato Ecclesiastico... ...Cos concieda la divina miseri-
cordia a Leone Undecimo anni lunghi, et felici, ne permetta che dalla malva-
git de Ministri, e dalla forza dellistessa dominatione resti mai interrotta, e
contaminata la grandezza de la purit dei suoi heroici pensieri. >Il fine< Re-
lazione del conclave del 1605. Edizione in G. Leti, cit, vol. 2, (presente anche
nelle edizioni precedenti). pp. 26-107.

(XX) pp. 1959-2008

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 2IVp1959-1990 + 1(IV+1)p2008 Paginazione


a inchiostro, corretta recentemente a matita Falsi richiami Testo a piena
pagina, dimensioni: 220 120 mm; 16 righe Margini piegati Una sola mano
Pagine bianche: 2008.

121
pp. 1959-2007. Relazione del conlave del papa Urbano VIII. Titolo e te-
sto. >Conclave nella morte di Gregorio decimo quinto nel quale fu creato Papa
il Cardinal Barberino detto poi Urbano Ottavo< La fortuna in ogni tempo in
Roma fa gran mostra di se, ma nelloccasione della sede vacante opera mira-
coli oltre lopinione de glhuomini... ...come egli degno dessere nipote di
tanto Pastore, cos havemo noi da pregar Iddio, che mantenghi esso con tutta
questa eccellentissima Casa in perpetua felicit. Nel testo si racconta lo svol-
gimento del secondo conclave del 1623 dopo la morte di Gregorio XV. Testo
diverso rispetto alla relazione stampata da G. Leti, cit., vol. 2, pp. 202-308.

(XXI) pp. 2009-2312

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite, strappi su pp. 2095-


6, 2139-40, 2187-90 Fascicoli: 2Vp2048 + 1IVp2064 + 1IIp2072 + 1IVp2088 + 2Vp2128 +
1(II-2)p2132 + 8Vp2292 + 1(VI-2)p2312 Paginazione a inchiostro, corretta recente-
mente a matita Falsi richiami Testo a piena pagina; diverse dimensioni
massimo: 220 (110-120) mm; 16 righe Margini piegati Una sola mano
Maniculae e sottolineature, chiudiriga.

pp. 2009-2132. Tommaso Campanella: Aphorismi overo Preceti


Politici. Titolo e testo. >Aphorismi overo Preceti Politici di Fra Tomaso
Campanella Dominicano< 1. Niuno domina a se solo, et pena un solo ad
unaltro signoreggia. Il dominio adunque richiede unit di molti insieme,
che si dice communit che non sono eletti secondo le leggi ad informar
il popolo, del quale rimedio tardi savidero i Grigioni et Svizzeri. >Il FINE<
L. Firpo annota 29 manoscritti (cfr. Bibliografia degli scritti di Tommaso
Campanella, Torino 1940, pp. 80-81) tra cui lItal. Fol. 148 localizzato nella
Knigliche Bibliothek. Quattro edizioni a stampa: (1854) in: Opere di T.
Campanella, a c. di. A. DAncona, Torino, vol. II, pp. 5-39 in base ai mss.:
BNP: Ital. 705 (ex Suppl. 666) e Ital. 1326 (ex Bouhier 61); BNF, Cod. Magl.
Cl. VIII, cod. 6, 519-37; (1911) La citt del sole e Aforismi politici di T. Cam-
panella, riprende la I ed. prendendo in considerazione anche BNN, cod.
XII. E. 53, 47-96; (1935) C. Alvaro (a c. di), Le pi belle pagine di Tommaso
Campanella, Milano, pp. 107-12 (ristampa di 19 aforismi della I ed.). Lul-
tima edizione in Cento libri per mille anni. Tommaso Campanella a c. Di
G. Ernst, Roma 1999, 807-841; 995-1007.

122
pp. 2133-2312. Tommaso Campanella: Del senso delle cose e della ma-
gia. Libro IV. Titolo e testo. >Della Magia in comune, et sue divisioni di fra To-
maso Campanella Dominicano. Cap. Primo< Magi sappellavano glantichi savii
delloriente in particolare Persiani che investigavano le cose occulte di Dio e della
natura... questa infinita scienza m chi mira li simboli tutti intende il tutto. >Il
fine< Il ms. contiene il Libro Quarto del trattato Del senso delle cose e della ma-
gia, privo dellultimo capitoletto Epilogo del senso delluniverso. La bibliogra-
fia tradizionale annota 11 manoscritti (cfr. L. Firpo, Bibliografia..., cit., pp., 69-71)
tra cui lItal. Fol. 148, localizzato nella Knigliche Bibliothek. La versione latina
ebbe ledizione a stampa ancora antuma. Versione italiana pubblicata in epoca
contemporanea. Edizione critica a c. di A. Bruers: T. Campanella, Del senso delle
cose e della magia, Bari 1925 in base ai mss: BNF, Magl., Cl. VIII, cod. 6, 23-315;
BNN, Ms. I. D. 54 (il pi antico conservatosi); Biblioteca Casanatense, Ms. 1588
(olim XX.V.28), 1-337; BAV, Barb. Lat. 4323 (olim XLVIII, 91) e inoltre alcuni conser-
vatisi nelle biblioteche fuori dallItalia. Testo ripubblicato in Cento libri..., cit.,
pp. 411-562. La pi recente edizione in parte basata su di un manoscritto molto
valido e nuovamente ritrovato nella Biblioteca Civica di Cosenza, Ms. 27857 del
1700: T. Campanella, Del senso delle cose e della Magia a. c. di W. Lupi, Soveria
Mannelli 2003. Nesuno degli editori prese in considerazione lItal. Fol. 148.

Ital. Fol. 157


Relazioni varie
III + 113 ff. + I 280 200 mm XVII/XVIII sec. Italia italiano, latino

Manoscritto in cattivo stato. Macchie, tracce di umidit, funghi, piccoli bu-


chi; il primo e lultimo fascicolo incollati con braghetta Il primo fascicolo
di guardia: 1IIII Foliazione a inchiostro (dalla mano che ha preparato lindice
a f. IIIro-vo); unaltra foliazione, moderna, eseguita pi tardi a matita, da f. 57;
(100ro-113vo) paginazione originale (i numeri da 363-385, non in ordine) Le
successive unit testuali del codice segnate dal bibliotecario moderno con le
lettere dellalfabeto: a, b, c, d, e, f, g, h, i, j Richami.
Legatura in cuoio marrone marmorizzato del XVIII sec. (287 205 mm) in
cattivo stato. Cinque nervi. Sul dorso tracce di ornamenti floreali stampati,
poco visibili. Sul piatto iniziale unetichetta rossa con la segnatura della K-
nigliche Bibliothek: Ms. ital. Fol. 157.

123
La datazione ai secoli XVII/XVIII sulla base delle caratteristiche pale-
ografiche e sulla base delle date contenute nei testi (lultima data citata
lanno 1695 cfr. 22vo). Il manoscritto si trovava in possesso dello storico
tedesco Wilhelm Johann Albert von Tettau (1804-1890) cfr. lappunto sul
contropiatto anteriore: W. v Tettau. Il testo arrivato nella Knigliche Bi-
bliothek nel 1885 attraverso la libreria Glogau di Lipsia (cfr. a f. 3ro) il numero
dingresso: acc.11,367; a ff. 1ro, 113vo timbro della Knigliche Bibliothek e la
segnatura attuale sul contropiatto anteriore. (IIIro-vo) elenco del contenuto
del codice (mano moderna). Altre scritte: (31vo) Tariffa, (63vo) S.O.
Lemm, p. 76.

ff. IIIro-Vo. Indice dei testi contenuti nel volume.

(I) ff. 1ro-13vo

Fascicoli: + 1II4 + 1(V-1)13 (manca lultima carta del fascicolo, prob. vuota)
Foliazione a inchiostro Falsi richiami Testo a piena pagina, dimensioni:
(1ro-4vo) 210 (140-150) mm; 16-18 righe; (5ro-13ro) (22-23) (15-16) mm;
17-21 righe Scrittura di una mano Fogli bianchi: 13vo.

ff. 1ro-4vo. Rinuncia del cardinale dEste al cappello cardinalizio. Ti-


tolo e testo. >Rinunzia fatta dal signor cardinale dEste Duca di Modena del suo
cappello cardinalizio a papa Innocenzo XII li 2 marzo 1695< il luned mattina sud-
detto HS tenne concistoro segreto al Quirinale in cui dal signor cardinale Gian-
son furono proposte alcune Chiese di Francia i signori cardinali si dolsero
con detti prelati procuratori di haver perso un s fido principe e grato compagno.
Il Cardinale dEste dovendo assumere il governo del ducato fece la rinuncia,
accettata, davanti al papa Innocenzo XII. Pubblicato nella rivista Nuova anto-
logia. Rivista di lettere, scienze ed arti 1927, pp. 365-368 a c. di C. Quaranta.
ff. 5ro-13ro. Relazione del matrimonio di Carlo di Brandenburgo.
Titolo e testo. >Relazioni del matrimonio seguito tra il serenissimo principe
Carlo di Brandeburgo e madama di Salmur a d 24 maggio 1695< Haveva il
Principe carlo di Brandeburgo determinato di banchettare alla venaria Reale
nel preaccennato giorno il Principe di Assia Kasel e le ascritte dame signore
contesse di Salmur Mi parso bene di darne al lettore questa breve infor-
mazione acci ne resti sincerato. Carlo di Brandenburgo-Schwedt (1673-1695)

124
conobbe la marchesa Caterina Salmour alla corte dei Savoia e la spos in
segreto nel maggio del 1695 nonostante lopposizione della propria famiglia
e del Duca di Savoia. La relazione riguarda questo evento osteggiato anche
per ragioni politiche e religiose (Carlo di Brandenburgo era protestante
mentre la sposa era cattolica). Per le stesse ragioni (nella speranza di acqui-
sire proseliti tra i protestanti) il matrimonio fu accolto positivamente dalla
curia romana che sosteneva la richiesta di Carlo di dichiararne la validit. La
relazione contenuta nel manoscritto risulta inedita.

(II) ff. 14ro-23vo Terminus post quem: 1695

Fascicoli: 1V14-23 Falsi richiami Testo a piena pagina, dimensioni: 250 180
mm; 25-27 righe Scrittura di due mani; (15ro) cambio di mano Fogli bian-
chi: 14vo, 23.

f. 14ro. Titolo. Matrimonii del Re, Cardinali, e Prencipi et altre persone ec-
clesiastiche concessi per dispensa da diversi Pontefici Romani. Titolo generale
della raccolta che segue.
ff. 15ro-22vo. La comune conclusione dei teologi. Titolo e testo. >La co-
mune conclusione de teologi che il sommo Pontefice Romano possi dispensare
un Vescovo Sacerdote al matrimonio e vita secolare lasciando la vita religiosa
e il vescovato: vien confermata et autenticata da molti e varii casi et esempi
e particolarmente dalli sottoscritti< Colomano vescovo di Varadino nel regno
dUngaria con dispensa Ponificia rinunciato il Vescovato prese moglie la Regi-
na del defonto Vladislao suo zio Al presente anno 1695 con la Dispensa del
sommo Pontefice Innocenzo xii. Il serenissimo Duca di Parma prese per moglie
la Neomburgh gi moglie del defonto fratto come si sa. Testo dedicato alle
dispense concesse ai sacerdoti per il ritorno alla vita secolare. Cita diversi
esempi quando i sacerdoti (vescovi, cardinali) tornarono alla vita secolare
per tutalere gli interessi dinastici. Inedito.

(III) ff. 24ro-31vo

Fascicoli: 1IV24-31 Foliazione a inchiostro bruno Testo a piena pagina, di-


mensioni: (235-245) (130-175) mm; 26-33 righe Scrittura di una sola mano
Fogli bianchi: 30vo-31ro.

125
ff. 24ro-30ro. Dispensationum matrimonialium per officium minoris
gratia expendientis. Testo latino relativo alle dispense per contrarre i ma-
trimoni.

(IV) ff. 32ro-71vo

Fascicoli: 5IV32-71 Falsi richiami Testo a piena pagina, dimensioni: (32ro-


62ro) (245-255) 190 mm; 24-27 righe; (64ro-70vo) (235-245) 190, 24-25
righe Scrittura di una sola mano Fogli bianchi: 62vo-63vo, 71.

ff. 32ro-62ro. Pratica di procedere nelle cause di SantUffizio. Titolo e


testo. >Prattica per procedere nelle cause del santo officio< Le cause del Santo
Offizio o sono dheresia o di sospezione dessa. I delinquenti o siano heretici o
siano sospetti si considerano in due modi, il primo come prevenuti in giudizio
da indizii sufficienti il secondo come sponte comparenti Questo male per-
ch per poter esercitare la loro libidine con le loro figlie spirituali senza trovar
resistenza li danno a credere che gli atti e fatti carnali non sono peccati, ma atti
meritori di mortificazione. Istruzioni circa le usanze e i procedimenti dei tri-
bunali pontifici. Si compone dei seguenti capitoli: (32ro) cap. 1. (33ro) cap. 2 de
i sponte comparenti heretici; (33vo) cap. 3 de i fautori de glheretici; (36vo) cap.
4 de i sponte comparenti sospetti dheresia; (37vo) cap. 5 de i sospetti dheresia
prevenuti; (38vo) cap. 6 de i poligami; (40ro) cap. 7 de i sollecitanti in confes-
sione; (41ro) cap. 8 de i sortileghi; (45ro) cap. 9 de i bestemmiatori; (46ro) cap.
10 de retentori de libri proibiti; (47vo) cap. 11 di quelli che mangiano carne in
giorni proibiti; (48ro) cap. 12 dello sparlare delle scomuniche; (48vo) cap. 13 de i
scomunicati; (49vo) cap. 14 de celebranti messa e amministranti il sacramento
della penetenza; (49vo) cap. 15 di quelli che saccusano e presentano da s nel
santUffizio ma sono prevenuti; (50ro) cap. 16 di quelli che negano la trinit la
divinit di Cristo la sua concezione...; (50ro) cap. 17 di quelli che incorrono nella
costituzione di Pio V; (50vo) cap. 18 di quelli che incorrono nella lotta di Paolo V;
(51vo) cap. 19 di quelli che contravengono alle costituzioni pontificie; (53ro) cap.
20 delli giudei et altri infeschi alli delitti che spettano al santUffizio; (56vo) cap.
21 de testimoni falsi; (57ro) cap. 22 de confronti; (57ro) cap. 23 della tortura;
(58ro) cap. 24 degli avertimenti generali; (60ro) cap. 25 delle monache. Il testo
sembra attribuito al domenicano Desiderio Scaglia; cfr. J. Tedeschi, Il giudice
e leretico. Studi sullinquisizione romana, Milano 1991, pp. 137-152. Inedito.

126
ff. 64ro-70vo. Instructio pro formandis processibus in causis strigum,
sortilegiorum et maleficiorum. Titolo e testo. >Instructio pro formandis
processibus in causis strigum, sortilegiorum et maleficiorum< Experientia re-
rum magistra aperte docti gravissimos quotidie ...Io N. suddetto ho abiura-
to giurato promesso, e mi sono obbligato esse sopra e per fede della verit di
mia propria mano ho sottoscritta la presente cedola di mia abiurazione quale
di parola in parola dettatura dellinfrascritto interprete ho ricetato in Roma
nel Palazzo del SantUffizio Per i contenuti e le informazioni bibliografiche
dellistruzione cfr. H. CH. Lea, Materials towards the history of witchcraft,
1890, pp. 950-951. Listruzione fu stampata, con le annotazioni di Carena, alla
fine del suo Tractatus de officio sanctissimae Inquisitionis, et modo pro-
cedendi in causis fidei, nelledizione lionese (Lyon 1669, pp. 487-501). Nelle
edizioni cremonesi (1636 e 1641) era assente.

(V) ff. 72ro-99vo Terminus post quem: 1636

Fascicoli: 1V72-81 + 1IV89 + 2I93 + 1III99 (ff. 92-99) foliazione a inchiostro; unal-
tra foliazione, moderna, eseguita pi tardi a matita Testo a piena pagina,
dimensioni: 265 190 mm; 33-40 righe. Scrittura di una sola mano Fogli
bianchi: 99vo.

ff. 72ro-91vo Regesto di famiglie legate a Roma e ai suoi Pontefici. Te-


sto. Gli scrittori non si concordano nellorigine di questa tantillustre et antica
famiglia e fu perci da Sua Maest Cesarea dellImperator Leopoldo pmo
dichiarato Prencipe del Sacro Romano Imperio. In concreto, nel regesto sono
descritte le seguenti famiglie: (72ro) della famiglia Orsini; (73ro) della fami-
glia Colonna; (74vo) della famiglia Savelli; (75vo) della famiglia Conti; (76vo)
della famiglia Pierleoni e Frangipani; (77ro) della famiglia Cesarini; (77vo)
della famiglia Ceri; (78ro) della famiglia Anguillara; (78vo) della famiglia
Gaietana; (79ro) della famiglia Matthei; (79vo) della famiglia Sforza; (80ro)
Famiglie alzate da Pontefici e fatte Romane; della famiglia Farnese; (81ro)
della famiglia Bonchi; (81vo) della famiglia Boncompagni; (83ro) della fami-
glia Peretta; (84ro) della famiglia Aldobrandini; (85ro) della famiglia Borge-
se; (86ro) della famiglia Ludovisi; (86vo) della famiglia Barberini; (87ro) della
famiglia Panfili; (88ro) della famiglia Chigi; (89vo) della famiglia Rospigliosi;
(90vo) della famiglia Altieri; (91ro) della famiglia Odescalchi. Inedito.

127
ff. 92ro-93vo. Relazione della morte del marchese Monaldeschi. Titolo
e testo. >Relazione della morte del marchese Monaldeschi seguita in Fontena-
blo di Comisione della Regina di Svezia< Io suppongo che sarr gi pervenuto
a notizia delle signorie vostre il caso atroce e deplorabile seguito in persona
del nostro compatriota Gio. Rinaldo Monaldeschi e perch so quanto le signorie
vostre discorano giudiziosamente delle cose del mondo e delle azioni umane
Questo il vero fatto che suppongo averanno le signorie vostre inteso da
diverse parti e che merita da nostri Poeti nuovo lamento della Regina di Svezia.
Il testo si trova anche nel BUBo. Ms. 208 in folio, paginato, composto di 1734
pagine numerate, intitolato Raccolta di diverse morti con vari avvenimenti,
databile al XVII secolo. Tranne piccole varianti il testo identico a quello del
manoscritto bolognese (cfr. IMBI, XVII, 1909, p. 32). Inedito.
ff. 94ro-99ro. Relazione della morte di Giacinto Centini. Titolo e te-
sto. >Relazione dellabiuratione e morte del signor Giacinto Centini nipote del
signor cardinale de Ascoli et altri che volevano dar morte a nostro signore
Papa Urbano 8o< Sabbato a matina alli 21 daprile 1636 nella chiesa della Mi-
nerva fu fatta lultima congregazione del Santuffizio sopra le cose del signor
Giacinto Centini nepote del signor cardinale dAscoli e degli altri interessati
come fecero nelle altre precedenti congregazioni dei cardinali hoggi per
sua misericordia pregano quella bont infinita per ogni sua consolazione con
domandarli humilmente perdono caramente labbraccio gionvamente con li
nstri figli per li quali non cessaro mai di pregare Iddio, che li conceda per sua
piet miglior vita e morte del loro misero Padre. Di corte Savella 23 aprile
1635. Racconto di una congiura ordita da Giacinto Centini, nipote del Car-
dinale dAscoli, ai danni del papa, Urbano VIII. Giacinto, stando al racconto
e a quanto stabilito dallInquisizione, era ossessionato dallidea di far pro-
muovere lo zio alla sedia apostolica e per far ci si leg a dei monaci che
praticavano la magia nera. La vicenda divenne di pubblico dominio e cos i
presunti congiurati furono processati e condannati. Il testo, inedito, si trova
anche a pp. 157-174 del BUBo. Ms. 208 (cfr. supra). Cfr. anche lItal. Quart. 34 e
lItal. Quart. 6, ff. 59ro -74ro.

(VI) ff. 100ro-113vo Terminus post quem: 30 aprile 1671

Fascicoli: 3I105 + 2II113 Paginazione originale Foliazione a inchiostro;


unaltra foliazione, moderna, eseguita pi tardi a matita Falsi richiami

128
Testo a piena pagina, dimensioni: (215-230) (135-160) mm; 20-36 righe
Scrittura di una sola mano.

ff. 100ro-101vo. Sentenza di Francesco Frangipani. Titolo e testo. >Sen-


tenza di Francesco Frangipani decretata nel Conseglio di stato di Vienna li
25 aprile 1671< Sopra il Negozio dellInquisizione e dal processo criminale
concluso, terminato, e conforme allordine collazionato, e ventilato dordine
preciso di SMC contro il suo ereditario Vassallo Francesco rangipani in punto
di Ribellione, e di pervellione... ...La difesa del processo che ridotto ormai
alla conclusione, e condizionato ordinatamente, rimase cos dal giudice dele-
gato da SM deputato in questa causa conosciuta e decisa la sentenza e poscia
da SM per non interrompere il corso della giustizia risolva e decretato che il
Francesco Frangipane Grazia. Il testo si trova anche nel BUBo. Ms. 208 (cfr.
supra), inoltre assieme alla relazione sulla morte di Nadasti e di Serini
presente nel manoscritto 136 della Libreria Giordani di Pesaro (cfr. IMBI,
XLII, 1929, p. 129). Inedito.
ff. 102ro-103vo. Relazione della morte di Francesco Nadasti. Titolo e
testo. >Relazione della morte del conte Francesco Nadasti, Conte Pietro Serini,
e Marchese Francesco Frangipani seguita sotto li 30 aprile 1671< Essendosi gio-
ved mattina nel medesimo tempo cio verso le 13 hore bench in diversi luoghi
fatti morire Nadasti in Vienna, ed in Neistat Serini, e Frangipani, non ostante
che del primo de due si fosse sperato, che qualche grazia della vita dovesse
vedersi La risoluzione stata commendata universalmente da tutti, e
tanto pi quanto che gli eccessi non potessero esser maggiori, ed i modi, de
quali trattavano di esseguirne de gli altri non potevano darsi n pi orrendi n
pi esecrandi n pi barbari massime contro Dio, contro le Religioni, e contro
Principi tanto giusti tanto Pii, e ripieni infine di somma bont, e clemenzia.
La relazione, assieme alla relazione sulla morte di Frangipani e di Serini,
presente nel manoscritto 136 della Libreria Giordani di Pesaro (cfr. IMBI,
XLII, 1929, p. 129). Inedito.
ff. 104ro-109vo. Sentenza del Nadasti. Titolo e testo. >Sentenza del Nada-
sti decretata nel Conseglio di stato di Vienna li 25 aprile 1671< Sopra il Processo
Criminale, e nego. dellinquisizioni ventilatesi dordine preciso di SMC contro
Francesco Nadasti in punto di ribellione, e di perevellione, e di errore commes-
so contro il suo naturale Prencipe il cadavere stette esposto in un cortile
della suddetta casa una mezzora, e poi fu levato, e cos resta terminata la tra-

129
gedia ungara, bench si discorra che il Nadasti abbia scritto a Cesare con . Il
testo (qui mutilo) si trova anche nel BUBo. Ms. 208 (cfr. supra). Inedito.
ff. 110ro-113vo. Sentenza di Pietro Serini. Titolo e testo. >Sentenza di Pie-
tro Serini decretata nel Consiglio di stato in Vienna li 25 aprile 1671< Sopra
linquisizione, e dal Processo criminale, concluso, terminato, e conforme allor-
dine collationato, e ventilato dordine preciso di Sua maesta Cesarea contro
il Loro ereditario vassallo Pietro Serini in punto di ribellione, e di perevellio-
ne Grazia del taglio della mano. S.M.C. sua mera clemenza limitata la
prefata sentenza che solamente gli sia troncata la testa, allincontro il taglio
della mano condonato 30 aprile 1671. Il testo della sentenza di Serini (Pietro
di Zrin) si trova anche nel manoscritto 136 della Libreria Giordani di Pesaro
(cfr. IMBI, XLII, 1929, p. 129). Inedito.

Ms. Ital. Fol. 162


Relazioni politiche
III + 190 ff. + III 260 192 mm XVII sec. Italia (?), Austria (?), Germania (?)
italiano, francese, latino

Manoscritto in buono stato Filigrane: tra le altre, laquila con due teste
e corona sopra, con la lettera K sullo scudo in mezzo e due lettere H ai lati
(~Eineder, VIII, 1856, 1858 (senza lettere H): Kempten, Germania merid. e
Langenlois, Austria settentr. XVII sec.) Fascicoli: 1VI12 + 1IV20 + 2VI44 + 1V54
+ 1VI66 + 1V76 + 1VI88 + 1V98 + 2VII126 + 2IV142 + 1V152 +1IV160 + 1VI172 + 1IV180 + 1V190
Foliazione moderna a matita, completata recentemente Le unit testuali
segnate a matita con lettere a, b, c, d, e, f, g, h, i dal bibliotecario moderno
Richiami e falsi richiami Testo a piena pagina, dimensioni: (205-225)
(120-140) mm; 25-34 righe Scrittura di due mani (1ro-40vo e 55ro-93vo di una
mano; il resto di unaltra) Note in margine ad inchiostro delle mani del
testo Fogli bianchi: 44vo, 45, 52vo, 53ro-55vo, 118, 121, 123, 124vo, 125, 127, 143,
148-149, 153vo-159vo, 168vo, 169, 182ro-187vo, 188ro-190vo.
Legatura originale, piena in pergamena, prob. del XVII sec. (260 200
mm) in cattivo stato, buchi di tarme. Capitelli. Piatti in cartone. Piatto an-
teriore sciupato; dentro visibile carta con un testo in tedesco. Tre nervi
incartonati. Dorso diviso in scomparti da fregi impressi a secco. Sul dorso
in mezzo il titolo ad inchiostro: Relatione fatta dal Moro Polit[?], unantica

130
segnatura e la segnatura attuale sulletichetta rossa. Contropiatti e carte di
guardia in carta bianca con le stesse filigrane del corpo del testo.

Il manoscritto contiene copie di relazioni e descrizioni degli stati italia-


ni ed europei i cui originali sono databili agli anni 20 e 30 del XVII sec. Vi-
ste le caratteristiche paleografiche e la carta usata (cfr. supra), le copie sono
anchesse databili al XVII sec. Terminus post quem: 1635-37: date presenti ne-
gli alberi genealogici dei casati ducali. La filigrana con laquila bicapite e la
carta con il testo tedesco usata per la legatura potrebbero suggerire come luo-
go di esecuzione (o almeno legatura) un paese germanofono, prob. lImpero
degli Asburgo, anche se i testi, riguardanti soprattutto lItalia posssono essere
stati copiati in biblioteche o archivi italiani. La legatura originale, coeva alla
stesura del manoscritto che, malgrado due mani usate, costituisce ununit
piuttosto compatta. A f. I ro tracce di antichi possessori: citazione dal Pastor
Fido di G. B. Guarnini: Altri tempi altre cure nonch la firma Giacomo Gugliel-
mo Barone di Windischgrtz e una scritta poco visibile WA36, forse unantica
segnatura. La famiglia dei Windischgrtz ebbe radici in Baviera, ma in seguito
ambientatasi in Stiria, prese una posizione importante tra i casati aristocra-
stici dellImpero Asburgico. Se il menzionato Giacomo Guglielmo corrisponde
a Jacob Wilhelm, morto a Lipsia nel 1642, la datazione potrebbe essere ancora
pi precisa e lanno della sua morte potrebbe costituire terminus ante quem
della stesura del codice. La scrittura del codice molto curata con elementi di
decorazioni, alcune iniziali ornamentate, testimonia lesecuzione da parte di
copisti professionisti e potrebbe essere stata compilata su commissione del
barone Windischgrtz, il primo possessore. La Knigliche Bibliothek compr
il manoscritto nel 1889 (a f. Iro il numero dingresso acc.1889.56) insieme ad
altri volumi (Ital. Quart. 57; Ital. Quart. 56; Ital. Quart. 53) dalla Biblioteca del
Conte Starhemberg auf Riedegg, a partire dal 1887 in Efferding (cfr. registri
dingresso). Sul dorso lantica segnatura degli Starhemberg I 60. La segnatura
attuale ms.ital.Fol.162 sul dorso e a f. Iro; timbri della Knigliche Bibliothek a
ff. 1ro e 181vo.
Lemm, pp. 76-77.

ff. 1ro-40vo. Relatione di Spagna fatta da Leonardo Moro. Titolo e te-


sto. >RELATIONE/ DI/ SPAGNA/ Fatta dal Clarissimo Leonardo Moro Ambe
Veneto presso il R Cattolico/ lanno 1629< Tra tutte le cose, che portano bene-

131
ficio al Governo di Stato, quelle sono giudicate le pi utili, che dimostrano le
qualit de i Regni e provincie possedute da altri principi... sapendo benissi-
mo che niun nemico sar cos potente e volonteroso dinvadere gli stati di una
Maest con frutto considerabile senza lappoggio di Vostra serenit. E questo
quanto mi occorre dire delle cose di Spagna. Le miscellanee manoscritte con-
tenenti questo testo sono numerose; p.es.: BNP: it. 142 (cote), suppl. fr. 263
(ancienne cote); it. 640 (cote), supl. fr. 1771 (ancienne cote); Bthune, hist.
ml. (ancienne cote), Requis 100065 (ancienne cote); NB, Cod. 5932; Correr,
cod. P. D. 510b, British Library, cod. Stove 96; molte copie in AS Venezia. I sin-
goli manoscritti recano anche le date 1627 o 1628. Testo inedito. Non appare
nella edizione di N. Barozzi, G. Berchet, Relazioni degli stati europei lette al
senato dagli ambasciatori veneti, Venezia 1856 perch ritenuto dai redattori
un falso. Perci non ristampato neanche da L. Firpo, Relazioni degli amba-
sciatori veneti, Torino 1978.
ff. 41ro-44ro. Relazioni degli Stati italiani. Testo. (41ro-42ro) >DellIsola e
Regno di Sicilia< La Sicilia divisa dalla Calabria per il Foro di Messina, stretto
di quattro Miglia di larghezza, bagnato dal Tirrenio, Adriatico e Jonio, celebre
per le qualit della terra, del R e della fortuna... Le straordinarie vanno
sotto titolo di donativo e savvicinano ad un milione, cava poi delli Dogani, delli
tratti, e del sale sopra un mezzo milione. (42vo-44ro) >Del Governo di Napoli<
Napoli studio publico e Capo di Provincie, e la pi popolata di tutta Italia, poi-
che ascendono lAbitatori al numero di m/600... havendo il Feudatario una
partcolar conditione introdotta da Urbano 4o di non poter essere Imperadore,
per il che fu dhuopo Carlo Vo dimpetrarne la dispensa. Relazioni e descrizioni
riguardanti gli stati italiani, forse costituiscono riassunti compilati in base alle
relazioni degli ambasciatori veneti. Non si sono trovate versioni manoscritte
identiche a queste. In questa forma gli scritti in questione risultano inediti.
ff. 46ro-52ro. Francesco Guicciardini: Istoria (frammento). Testo. >Nota
di quello/ che non si ritrova nellIstoria di M. Fran-/ cesco Guicciardini che per
qualche buon/ rispetto non si lascio mettere alla stampa/ Al Libro terzo 127/
Parla di Papa Alessandro Sesto< Impatiente oltre a questo, + chegli avesse pi
parte di lui nellamore di Madonna Lucretia, sorella comune, incitato dalla
libidine e dallambitione Italia piena darmi, e di tumulti, e divenuta pi
che mai in tempo alcuno, a tutti i Principi, odiosa la Tirranide Sacerdotale *
Ma mentre che con ambitione regnante grandissima. Un frammento attribui-
to a Francesco Guicciardini che non entr nella versione stampata della sua

132
Storia dItalia. Lo stesso testo, ma privo di qualche verso finale, in versione
meno curata, con annotazioni in margine che nellItal. Fol. 162 sono integrate
nel testo, si trova nel BNF, II, IV, 572 (fine XVI sec.).
ff. 55ro-99ro. Relazione della Corte di Roma. Testo. >RELATIONE/ Della
Corte di Roma di tutti li suoi/ Tribunali, officii, loro valore e ren-/ dita, Congre-
gat.ni, delli ss.ri Card.li e/ quello che da loro si deve osservare/ ne i Concistori,
Cappelle, e Con-/ gregat.ni e il modo, che devono/ tenere li Card.li nuovi, nel/
pigliar il cappello< Del Sommo Pontefice./ Il Sommo Pontefice ha per suoi Colla-
terali settanta Cardinali distinti in tre ordini, cio sei Vescovi, cinquanta Preti e
14 Diaconi se bene si pu credere, chil Soggetto destinato cosi alto grado
sia per esser promosso al Cardinalato alla prima creatione, e questo sar un
confidentissimo della casa Barberina, e soggetto chi haver havuto totalmen-
te lessere del suo favore. Manoscritti con simile contenuto molto numerosi;
una copia assai abbreviata del testo di Gregorio Leti, Relatione della corte di
Roma, ed. princeps 1635 e molte edizioni successive. La versione dellItal. Fol.
162 ne costituisce una specie di riassunto, alcune parti tagliate, di altre alterata
la successione. Gli ultimi 5 fogli (94vo-99ro) non corrispondono al testo di Leti;
il copista informa: UN ALTRO AUTORE DELLO STAto Pontificio. Prob. inedito.
ff. 100ro-153ro. Relazioni di Stati Italiani ed Europei. Testo. (100ro-117vo)
>Relatione dello Stato del/ Gran Duca di/ Toscana< Possiede il Gran Duca la
maggior e miglior parte di questa Provincia, con una parte della Romagna,
detta Romagna Fiorentina... Quanto alla moneta coniata e allEranio have-
va intorno a 16 Milioni doro, ma una gran parte stato mandato in Germania,
tal che si crede che non arrivi a 12 Milioni computatione il Tesoro del duca di
Urbino, ch stato dato in dote alla Principessa unica Erede al Gran Duca suo
Marito. [albero genealogico dei duchi di Toscana]. (119ro-119vo) >Del Duca di
Mantova< Mantova Citt di sito e di grandantichit signoreggiata dalla casa
Gonzaga alla quale sottoposto col Mantovano, ancora il Monferrato
feudatario di Cesare, ma con ogni sovranit. Mantova, Casale e Alba, sono le
sue citt principali. [albero genealogico dei duchi di Mantova]; (120ro-120vo)
>Del Duca di Savoia< gran Potentato in Italia, per esser Padrone de Monti,
che le servono per Mura... con haver ritenute nella pace di Ratisbona nel
1530. Alcuni Castelli posseduti sempre da i Gonzaghi. [albero genealogico dei
duchi di Savoia]; (122ro-122vo) >Del Ducato di Milano< La Citt di Milano una
delle maggiori, delle pi populate e pi ricche dItalia, fu col suo stato Membro
dellImperio... Milano fa intorno m/140 Anime. Si pu cavar dallo stato m/60

133
soldati; feudo Imperiale.[albero genealogico dei duchi di Milano]; (124ro)
>Del Duca di Modena< Francesco da Este, che al presente regna, ha sottol suo
Dominio Modena e Reggio Pu armare m/30 soldati, buona gente discipli-
nata e devota al suo principe.; (126ro-126vo) >Del Duca di Parma< Dopo il Gran
Duca di Toscana, e l Potentato di Savoia, non Principe in Italia che possega
maggiore stato di quello di Parma... Facendo ogni sforzo puo metter insieme
m/35 soldati: Feudatario della Chiesa. [albero genealogico dei duchi di Par-
ma]; (128ro-142vo) >Della Republica di Venetia< Venetia Capo della Provincia
detta il Ducato che comprende... di rinnovare quei sensi ne cuori immersi
nelle delizie, che sono i principii delle operationi virtuose, e lanima dogni go-
verno; (144ro-146vo) >Del Governo di Genova< Genova Capo di Liguria, citt e
porto, posta nel Lido del Mare Tirreno... il quale, se non fosse stata corotta
la fede dellAldighiera havverebbe domata Republica dato Genova quel sacco
ch pena col pensiero si potrebbe stimare; (147ro-147vo) >Di Lucca< Lucca Re-
publica, la forma del Governo Aristocratica: La Citt divisa in tre terzi La
citt fa m/30 anime, i Nobili sono facoltosi, trafficano nelle sete, hanno manie-
re cortese, ma non senza quellambitione, che nasce dalla libert. (150ro-153ro)
>Della Corte/ dell/ Imperatore/ Relatione dun Ambasciadore/ Veneto< Il Prin-
cipale Officio della Corte di Ces. Maest il Maggiordomo Vogliono che
Vienna faccia tr la Citt, ed i Borghi m/1000 Anime. Ma io credo non passino
m/70. Sono relazioni e descrizioni riguardanti gli stati italiani e lImpero Au-
striaco, la loro organizzazione, istituzioni, finanze, nonch alberi genealogici
dei casati ducali che giungono pi o meno alla met degli anni 30 del XVII sec.
Le descrizioni sono molto sintetiche e forse costituiscono riassunti compilati
in base alle relazioni degli ambasciatori veneti. Hanno un carattere generico
e molto schematico. Forse estratti compilati su commissione del primo pos-
sessore interessato a tale tematica. Non si sono trovate versioni manoscritte
identiche a queste. In questa forma gli scritti in questione risultano inediti.
ff. 160ro-168ro. Henri de Rohan: De linterest des Princes et Estats de
la Chrestiente. Testo. >CHAP. I/ DE LINTEREST DES PRINCES ET/ Estats
de la Christiennte./ Hic Tr fait compos. A.o 1634< Les Princes commandent
aux Peuples; Et lInterest commande aux Princes Voila le vray Interest
dAngleterre, qui estant bien suivi, establira dans la Chrestient une troisiesme
puissance. Testo indirizzato al cardinale Richelieu da Henri de Rohan, De
linterest des Princes et Estats de la Chrestiente. Molte copie manoscritte.
Edizione a stampa, Parigi 1639-1641.

134
ff. 170ro-181vo. Constitutio Reipublicae Confederati Belgii. Testo.
>Constitutio Reipublicae Confede-/ rati Belgii/ Urbium Regimen< Quatuor
Membra constituunt Rempublicam Belgii Confederati, Politia, Justitia, Bellica
administratio, Religio ut et totidem a singulis qui recens immatriculan-
tur ex-igunt. >Finis< Relazione riguardante lorganizzazzione dello stato del-
la Repubblica Belga. Un manoscritto simile si trova nella Biblioteca Regia di
Copenhagen, fondo Christian Reitzer, ms. GKS 620. Testo inedito.

Ms. Ital. Fol. 163


Discorsi teologici e politici intorno a benefici del Regno di Napoli
I + 66 ff. + I 330 215 mm XVIII sec. Italia

Manoscritto in buono stato. Il primo e lultimo fascicolo incollati con bra-


ghetta; la prima e lultima carta rattoppate con carta. Fascicoli: 1XXIV48 + 1I50
+ 1VIII66 Foliazione moderna a matita Richiamo (48vo) Testo a piena pagi-
na, dimensioni: 285 (160-170) mm; 33-37 righe Scrittura di una sola mano;
note marginali eseguite dal copista (25ro) Maniculae; sottolineature.
Mezza legatura ad angoli del XIX secolo (335 215 mm), con il super ex-
libris della Knigliche Bibliothek; dorso e angoli in similpelle, piatti in carto-
ne coperti di carta marmorizzata. Sul dorso decorazioni e il titolo stampati
in oro: Jl Regno di Napoli.

Datazione in base alle caratteristiche paleografiche e al contenuto del


testo (a f. 66vo troviamo la data: 1708). Il codice prob. a lungo rimase senza
legatura (prima e ultima carta notevolmente danneggiate) forse la sua pri-
ma legatura fu quella attuale, eseguita alla Knigliche Bibliothek di Berlino.
Manoscritto proveniente dalla collezione della famiglia Starhemberg (Rie-
degg e in seguito di Efferding), acquistata nel 1889 dalla Konigliche Biblio-
thek (1ro) numero dingresso acc. 1889.150. Vari segni di appartenenza del
codice alla Knigliche Bibliothek: a f. 1ro e sul piatto anteriore la segnatura
attuale Ms. ital. fol. 163; (1ro, 66vo) timbro della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 77.

ff. 1ro-66vo. Discorsi teologici e politici intorno a Benefici del Regno di


Napoli. (1ro) Introduzione. Sono cos evidenti le ragioni de Napolitani de esclu-

135
dere i stranieri de loro benefici, e cos giusti lordini dati, e privileggi concessi da
S.M.C.C. sopra questa materia che non ammettono disputa ...Et ultimo esa-
mineremo se il Pontefice per la potest piena e sovrana, che dicono tenere, nella
materia Beneficiale possa investire i benefici alli stranieri, et in particolare alli
chierici Romani col colore che servono la Chiesa Universale. (1vo-27vo) Discorso
I. Si dimostra istoricamente lorigine, e progresso de Benefici, come sia variata la
disciplina ecclesiastica sopra questo affare appresso tutte le Nazioni del Cristiane-
simo Siamo dunque costretti a dimostrare in questi nostri seguenti discorsi
la gran Ragione, e giustizia che assiste quel Regno di non ammettere gli stra-
nieri ne suoi benefici. (27vo-38ro) Discorso II. Si dimostra che necessariamente
si debbiano investire alli Nazionali del Regno i benefici ad esecutione dellesseri
...E con ci credo aver sodisfatto alloppositioni che si potrebbero fare contra
questo nostro secondo discorso dallavversari. (38ro-49vo) Discorso III. Si tratta
dellabusi scandali, pregiudizi e dissordini introdotti nel Regno di Napoli per es-
sersi ne tempi passati investiti i benefici alli stranieri mentre da tutto ci
che si detto ognuno che non ha la mente offuscata con fallacie, e sofismi potr
conoscere di qual parte sia la verit. (50ro-66vo) Discorso IV. Nel quale si esamina
se il Pontefice per la potest piena, e sovrana, che dicono tenere nella materia
beneficiale, possa investire i benefici alli stranieri non solo mantener fermi
i suoi editti dellanno 1708, et i privileggi concessi su questo particolare, ma delu-
dendo larti della Romana Corte, e de Ministri di quella render quel Regno dello
stato meschino nel quale giaciuto ad un piu lieto, e felice fine. I quattro discorsi
costituiscono una trattazione sulla materia beneficiaria, allinterno del Regno di
Napoli, cio riguardante i benefici ecclesiastici (quali le prebende, i vescovadi,
i curati, le commende) attivi nel Regno. Il testo resta adespoto e non sembra
identificabile con i trattati analoghi reperibili nei cataloghi dei testi a stampa. La
scrittura occupa i tre quarti della pagina in modo da lasciare libera, per annota-
zioni e citazioni, la fascia sinistra di ciascuna carta. Prob. inedito.

Ms. Ital. Fol. 164


Efraimo Lessing (Alessandro Brasca)
I +62 ff. +I 308 209 mm XIX sec. (seconda met) Italia (Verona ?)

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 2IV16 + 1VI28 + 2V48 + 1II52 + 1V62 Fo-
liazionea matita moderna Segnature dei fascicoli a matita posteriori alla

136
stesura del manoscritto Testo apiena pagina, dimensioni: 265 120 mm;
33 righe Margini a matita Scrittura di una sola mano Fogli bianchi: 11vo,
12-16, 38, 52, 62.
Mezza legatura rigida del XIX sec. (318 221 mm), eseguita nella Bibliote-
ca Universitaria di Berlino. Dorso in tela zigrinata (similpelle). Piatti in car-
tone coperti di carta marmorizzata (~Papiery zdobione, 38; Marbled Paper,
tav. XXI, 7). Tre nervi semplici. Sul dorso il titolo a caratteri dorati: LESSING,
Emilia Galotti in senso verticale e lantica segnatura della Biblioteca Univer-
sitaria. Contropiatti in carta bianca. Taglio irregolare. Sul piatto anteriore su-
per ex-libris della Biblioteca Universitaria di Federico Guglielmo di Berlino
EXBIBL. UNIVERS. FR. GUIL. BEROLIN e letichetta rossa recante la segnatura
della Knigliche Bibliothek.

Manoscritto eseguito nella seconda met del XIX sec. Luogo di esecuzio-
ne prob. lItalia, forse Verona dove il testo fu pubblicato nel 1855. La carta
rigata di tipo industriale non aiuta a localizzare il ms. Cfr. anche lItal. Fol.
165, traduzione di un dramma di Goethe pubblicato anchesso a Verona nel
1855 copiata da una stessa mano e recante gli stessi tratti materiali. Non
un copione scenico. La legatura stata eseguita in biblioteca. Ff. 1ro e 62vo
imbruniti suggeriscono che in principio il manoscritto non fosse rilegato. Il
manoscritto apparteneva inizialmente alla Biblioteca Universitaria il che
testimoniato dal super ex-libris, dal timbro della biblioteca Ex. Biblioth. Uni-
versitatis Frider. Guil. Berolin. (1ro) e dalla segnatura sul dorso ms. 344. L8
maggio del 1893 il manoscritto stato iscritto nellinventario della Knigli-
che Bibliothek conforme allaccordo della stessa con la Biblioteca Universita-
ria. (1ro) timbro: Abgegeben von der BERLINER UNIVERSITTSBIBLIOTHEK. Il
contropiatto anteriore reca il numero dingresso acc. 1893.169; il piatto ante-
riore e (Iro) segnatura della Knigliche Bibliothek (Ms. ital.fol.164.) .
Lemm, p. 77

ff. 1ro-61vo. Alessandro Brasca: Emilia Galotti. Dramma in cinque atti


di Efraimo Lessing. (traduzione) (1ro) Titolo. Personaggi. (1vo-61vo) Testo.
>Atto Primo. Scena Ia< (Gabinetto del Principe)/ (Il principe allo scrittoio gre-
mito di lettere e di carte, che va scorrendo)/ Princ. Reclami, sempre reclami!
Suppliche, nullaltro che suppliche!... ...No, il tuo sangue non deve mischiarsi
con questo... No, nasconditi per sempre!... va, ti dico... ...Dio! Dio!!... Non basta

137
alla sciagura di tanti, che i principi siano uomini: Fin demonii hanno a ma-
scherarsi da loro amici. >Fine< Traduzione italiana del dramma in cinque
atti di Efraim Lessing, Emilia Galotti. Autore della traduzione Alessandro
Brasca. Testo stampato: Emilia Galotti, trad. Alessandro Brasca, Verona-
Milano 1855. Testo del manoscritto conforme alledizione stampata, prob.
copiato da essa.

Ms. Ital. Fol. 165


Johann Wolfgang Goethe (Giuseppe Rota)
I +114 ff. +I 310 209 mm XIX sec. (seconda met) Italia (Verona ?)

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 4V40 + 1VI52 + 2V72 + 1III78 + 1V88 + 1III94
+ 2V114 Foliazione a matita moderna Numerazione dei fascicoli a matita
posteriore alla stesura del manoscritto Testo apiena pagina, dimensioni:
(270-282) (105-145) mm; 31-33 righe Margini a matita Scrittura di una sola
mano Fogli bianchi: 50-52, 76vo, 77,78, 91vo, 92-94, 114vo.
Mezza legatura rigida del XIX sec. (320 218 mm), eseguita nella Biblio-
teca Universitaria di Berlino. Dorso in tela zigrinata (similpelle). Piatti in
cartone coperti di carta marmorizzata (~Papiery zdobione, 38; Marbled
Paper, tav. XXI, 7). Tre nervi semplici. Sul dorso il titolo a caratteri dorati:
LESSING, Emilia Galotti e lantica segnatura della Biblioteca Universitaria.
Contropiatti in carta bianca. Taglio irregolare. Sul piatto anteriore super
ex-libris della Biblioteca Universitaria di Federico Guglielmo di Berlino EX-
BIBL. UNIVERS. FR. GUIL. BEROLIN e letichetta rossa recante la segnatura
della Knigliche Bibliothek.

Manoscritto eseguito nella seconda met del XIX sec. Luogo di esecuzione
prob. lItalia, forse Verona, dove il testo fu pubblicato a puntate in Gazzetta
Ufficiale nel 1855. La carta rigata di tipo industriale non aiuta a localizzare
il ms. Cfr. anche lItal. Fol. 164, traduzione di un dramma di Lessing pubbli-
cato anchesso a Verona nel 1855 copiata da una stessa mano e recante gli
stessi tratti materiali. Non un copione scenico. La legatura stata eseguita
in biblioteca. Il manoscritto apparteneva inizialmente alla Biblioteca Uni-
versitaria, il che testimoniato dal super ex-libris, dal timbro della biblio-
teca Ex. Biblioth. Universitatis Frider. Guil. Berolin. (1ro) e dalla segnatura sul

138
dorso sulletichetta bianca MS./340 e sul contropiatto anteriore. L8 maggio
del 1893 il manoscritto stato iscritto nellinventario della Knigliche Biblio-
thek conforme allaccordo della stessa con la Biblioteca Universitaria. (1ro)
timbro: Abgegeben von der BERLINER UNIVERSITTSBIBLIOTHEK. Il contro-
piatto anteriore reca il numero dingresso (acc. 1893.165); il piatto anteriore
e (Iro) la segnatura della Knigliche Bibliothek (Ms. ital.fol.165.).
Lemm, p. 77

ff. 1ro-114ro. Giuseppe Rota: Gtz di Berlighinga Dalla Mano di Ferro


di Volfgango Goethe. (traduzione) (1ro-vo) Titolo. Personaggi. (1vo-114ro)
Testo. >Atto Primo< Schwarzenberg in Franconia/ Osteria/ Meslero e Sivoro
(ad un desco); due Lancie (presso al fuoco), Oste/ Sivero:/ Gianni, un altro
bicchiere dacquavite... Larsa/ Guai/ alla posterit che non ti intenda!
>Fine dellAtto Quinto e Ultimo< Traduzione italiana del dramma di Goethe
Gtz von Berlighingen, eseguita da Giuseppe Rota (1822-1865), composi-
tore, ballerino e coreografo. Il testo non reca il nome del traduttore, ma
la stessa versione con lannotazione prima traduzione italiana in versi
fu stampata a puntate in Gazzetta Uffiziale, Verona 1855, nellappendi-
ce letteraria ai numeri: 189-200; 218-226; 231-32; 226-28; 240-42; 257-59. Il
testo del manoscritto identico a quello della rivista. Sono state copiate
anche le note del traduttore che non appaiono nella pubblicazione in volu-
me: Teatro scelto di Volfgango Goethe recato in versi italiani da Giuseppe
Rota, Milano 1860, t. 1, p. 113.

Ms. Ital. Fol. 166


Appunti e postille per Cherubino Ghirardacci (I)
I +2 ff. +I 285 205 mm XVII/XVIII sec. Italia (Bologna)

Il manoscritto unito al volume stampato: Della historia di Bologna del rev.


Pad. Cherubino Ghiradacci Bolognese dell ordine Eremitano di S. Agostino
Nella quale con diligente fedelt, et autorit cos dautori gravi, et antichi,
come per confronto di scritture pubbliche, e private si esplicano le grandezze,
i consigli, le guerre, le paci, et i fatti egregi de suoi cittadini di nuovo corretta
da molti errori in Bologna, Presso gli heredi di Giovanni Rossi. M.DC.V con li-
cenza de Superiori Ad istanza di Simon Parlasca

139
Manoscritto in buono stato. Sulle ultime carte tracce di funghi. Consta di
due fogli, forse precedentemente carte di guardia del volume stampato Testo
apiena pagina, dimensioni irregolari; numero di righe variabile Scrittura di
due mani; la prima mano: f. 1ro e 2vo nonch postille sul frontespizio e in margi-
ni del testo stampato; la seconda mano: 1vo. Le mani uguali al ms. Ital. Fol. 167.
Mezza legatura rigida prob. inizio del XIX sec. (295 210 mm), in cat-
tivo stato, lembi strappati, dorso sciupato in alto. Dorso in cuoio. Piatti in
cartone coperti di carta marmorizzata (~Papiery zdobione, 47). Tre nervi
semplici. Sul dorso sei fregi traversali impressi a secco in oro. Nel secondo
scomparto unetichetta di pelle pi scura recante il titolo: GHIRARDACC. HI-
STORIA DI BOLOGNA impresso a secco in oro. Nel sesto scomparto la scritta
P. I impressa a secco in oro. Taglio spruzzato di rosso. La legatura uguale a
quelle degli Ital. Fol. 167, Ital. Fol. 168, Ital. Fol. 169.

Il manoscritto, eseguito a Bologna, fa parte della serie insieme ai mss. Ital.


Fol. 167, Ital. Fol. 168 e Ital. Fol. 169; tutti rilegati nello stesso modo. Consta di due
carte legate a un volume a stampa, nonch di note e postille sul testo stampa-
to. Terminus post quem 1657 perch gli appunti furono eseguiti dalle stesse due
mani dellItal. Fol. 167 cio il secondo tomo della Historia, pubblicato nel 1657.
Uno degli autori/copisti forn completamenti di carattere storico, laltro anno-
t che il libro era postillato. Sul frontespizio la nota riguardante lautore delle
postille o il copista: con molte correzioni di Gio[vanni]Nicol Alindoti copista
delle tre postille sopra la presente Historia quale si trova presso il F.C. [?] Carlo
trasmessoli da S. Pietro. Appunti sul testo stampato furono eseguiti prima del-
la legatura. Mancano tracce di proprietari anteriori alla Knigliche Bibliothek.
Il manoscritto fu acquistato dalla Knigliche Bibliothek insieme agli altri mss.
della serie nel 1894 da un certo Manozzi di Roma, con grande probabilit si
tratta di Vincenzo Manozzi, noto libraio romano. Fu trasferito dal Reparto Li-
bri al Reparto Manoscritti il 4 ottobre 1894. (Iro) il numero 1894.4179, il numero
dingresso acc. ms. 1894.246. e la segnatura attuale Ms. ital.fol.166.; sulla terza e
sullultima pagina del testo stampato timbri della biblioteca.
Lemm, s. 77.

ff. 1ro-2vo. Appunti e postille per Cherubino Ghirardacci: Della his-


toria di Bologna parte prima. [Appunti che accompagnano libro a stam-
pa]. >Bombaci nominati nella Presente Historia< *1279. BOMBACI della Parte

140
Imperiale Ghibellina... Ranuccio/ 1200/ Casa Ghiti. Il manoscritto consta
di appunti e postille che accompagnano ledizione a stampa dellopera: Che-
rubino Ghirardacci (1524-1598) Della historia di Bologna parte prima, Bolo-
gna 1605. Lautore o il copista delle postille fu prob. un certo Giovanni Nicol
Alindoti. Altre edizioni dellopera: Bologna 1596 e la ristampa anastatica: Bo-
logna 1973, 2005. La continuazione dellopera si trova nei mss. Ital. Fol. 167;
Ital. Fol. 168; Ital. Fol. 169.

Ms. Ital. Fol. 167


Appunti e postille per Cherubino Ghirardacci (II)
1 f. 285 205 mm XVII/XVIII sec. Italia (Bologna)

Il manoscritto unito al volume stampato: Della historia di Bologna parte se-


conda del rev. P. M. Cherubino Ghiradacci Bolognese dellordine Eremitano di
S. Agostino data in luce dal R. P. M. Aurelio Agostino Solimani dellistesso Ordi-
ne, e Patria, Dottore Colleg. Di Sacra Theolog. mentre predicava in S. Petronio
lanno 1654 Con indice copiosissimo di quanto in essa si contiene in Bologna
M.DC.LVII per Giacomo Monti. con licenza de Superiori

Manoscritto in discreto stato. Tracce di insetti Consta di un foglio Testo


apiena pagina, dimensioni: 275 175 mm; 35 righe Scrittura di due mani;
la prima mano: f. 1; la seconda mano: appunti sul testo stampato. Le mani
uguali al ms. Ital. Fol. 166.
Mezza legatura rigida prob. inizio del XIX sec., (295 210 mm) in cattivo
stato, lembi strappati, dorso sciupato in alto. Dorso in cuoio. Piatti in cartone
coperti di carta marmorizzata (~Papiery zdobione, 47). Tre nervi semplici.
Sul dorso sei fregi traversali impressi a secco in oro. Nel primo scompar-
to letichetta rossa recante lattuale segnatura. Nel secondo scomparto
unetichetta di pelle pi scura recante il titolo: GHIRARDACCI HISTORIA DI
BOLOGNA impresso a secco in oro. Nel sesto scomparto la scritta P. II im-
pressa a secco in oro. Taglio spruzzato di rosso. La legatura uguale a quelle
degli Ital. Fol. 166, Ital. Fol. 168, Ital. Fol. 169.

Il manoscritto, eseguito a Bologna, fa parte della serie insieme ai mss.


Ital. Fol. 166, Ital. Fol. 168 e Ital. Fol. 169; tutti rilegati nello stesso modo. Con-

141
sta di una carta legata a un volume a stampa, nonch di note e postille sul
testo stampato. Terminus post quem 1657, cio la data della pubblicazione del
volume a cui unito. Note e glosse eseguite dalle stesse mani del ms. Ital. Fol.
166. Gli appunti sul testo stampato furono eseguiti prima della legatura. Man-
cano tracce di proprietari anteriori alla Knigliche Bibliothek. Il manoscritto
fu acquistato dalla Knigliche Bibliothek insieme agli altri mss. della serie nel
1894 da un certo Manozzi di Roma, con grande probabilit si tratta di Vincen-
zo Manozzi, noto libraio romano. Fu trasferito dal Reparto Libri al Reparto
Manoscritti il 4 ottobre 1894. (Iro) il numero dingresso 1894.4179 e la segna-
tura attuale Ms.ital.fol.167 (la stessa della etichetta sul dorso); sulla prima e
sullultima pagina del testo stampato i timbri della Knigliche Bibliothek.
Lemm, s. 77.

f. 1vo. Appunti e postille per Cherubino Ghirardacci: Della historia di


Bologna parte seconda. Appunti che accompagnano libro a stampa. >Bom-
baci nominati nella presente Historia< *1329. GIOVANNI degli Antiani che prove-
dono ad una carestia... vedi nellArchivio Lib. Reformationi in asse segnata D.
Carte. Il manoscritto consta di appunti e postille che accompagnano ledizio-
ne a stampa dellopera: Cherubino Ghirardacci (1524-1598), Della historia di
Bologna parte seconda, Bologna 1657. Linizio dellopera si trova nel ms. Ital.
Fol. 166 e la continuazione nei mss. Ital. Fol. 168, Ital. Fol. 169. Altre edizioni
dellopera: Bologna 1669; ristampa anastatica: Bologna 1973, 2005.

Ms. Ital. Fol. 168


Cherubino Ghirardacci
I +764 ff. +I 319 213 mm 1734 Italia (Bologna)

Manoscritto in buono stato. Pochi strappi ai bordi dei fogli; tracce di insetti
sui contropiatti Segni di intervento conservatore: alcune carte rattoppate sui
lembi Fascicoli: 1VIII15 + altri fascicoli non distinguibili Foliazione ad inchio-
stro originale da f. 2 a f. 764 (1-763) Richiami e falsi richiami Testo apiena
pagina, dimensioni: 260 110 mm; 21-30 righe Margini piegati Scrittura prob.
di una sola mano Alcune lacune nel testo (lasciati spazi bianchi) In margine
date e argomenti, annotazioni della stessa mano Fogli bianchi: il verso del
frontespizio, non numerato; tra ff. 14 e 15 un foglio non numerato.

142
Mezza legatura rigida, prob. inizio del XIX sec., (320 220 mm) in cat-
tivo stato, lembi strappati, dorso sciupato in alto. Dorso in cuoio. Piatti in
cartone coperti di carta marmorizzata (cfr. Papiery zdobione, 47). Tre nervi
semplici. Sul dorso nove fregi traversali impressi a secco in oro. Nel primo
scomparto letichetta rossa recante lattuale segnatura. Nel secondo scom-
parto unetichetta di pelle pi scura recante il titolo: GHIRARDACCI HISTO-
RIA DI BOLOGNA e nel settimo scomparto la scritta P. III impressi a secco
in oro. Contropiatti in carta bianca. Taglio spruzzato di rosso. La legatura
uguale a quelle degli Ital. Fol. 166, Ital. Fol. 167, Ital. Fol. 169.

Manoscritto eseguito a Bologna; insieme al ms. Ital. Fol. 169 costituisce la


continuazione dei mss. Ital. Fol. 166, Ital. Fol. 167. Datazione in base alla data
presente sul frontespizio: ISTORIA/ DI BOLOGNA/ DEL/ R. PADRE MAESTRO/
CHERUBINO GHIRARDAZZI/ BOLOGNESE/ DellOrdine Eremitano di S. Agosti-
no/ PARTE TERZA/ MANOSCRITTA,/ ed estratta dalla Libraria del/ Convento/
di S. Giacomo Maggiore di Bologna/ LANNO/ MDCCXXXIV il quale vale anche
per il ms. Ital. Fol. 169. Manoscritto copiato da un testo pi antico conservato
a quellepoca nel convento di S. Giacomo di Bologna. Bench comprenda par-
ti finali del volume stampato del 1657, non una sua copia perch differisce
in vari punti. La terza parte dellopera di Ghirardacci trov nel XVIII sec. gravi
ostacoli alla pubblicazione. Perci in varie biblioteche pubbliche e private
troviamo ora numerose copie manoscritte del testo, in prevalenza effettuate
dopo il 1732. Con tutta probabilit il possessore dei due volumi a stampa ac-
quist la copia manoscritta della terza parte della Historia, fornendo a tutti
i volumi una legatura uguale. Mancano tracce di proprietari antecedenti alla
Knigliche Bibliothek. Il manoscritto fu acquistato dalla Knigliche Biblio-
thek insieme agli altri mss. della serie nel 1894 da un certo Manozzi di Roma,
con grande probabilit si tratta di Vincenzo Manozzi, noto libraio romano.
Ma non si sa da quale collezione provenisse; p. es. se ne conservava una copia
ancora nel 1862 nella Biblioteca del conte Balzarino Litta-Biumi, la cui colle-
zione and dispersa e venduta (cfr. G. Branca, Bibliografia storica di ogni
nazione, Milano 1862, p. 172). Fu trasferito dal Reparto Libri al Reparto Mano-
scritti il 4 ottobre 1894. (Iro) il numero dingresso 1894.4179. Sul dorso e sul Iro
la segnatura attuale: Ms.ital.fol.168.; sul recto del frontespizio (non numerato)
e a f. 263vo timbri della biblioteca: Ex Biblioth. Regia Berolinensi.
Cfr. Lemm, p. 77.

143
ff. 1ro-763vo. Cherubino Ghirardacci: Istoria di Bologna, Parte
Terza, vol.1. (1ro) Frontespizio. >ISTORIA/ DI BOLOGNA/ DEL/ R. PADRE
MAESTRO/ CHERUBINO GHIRARDAZZI/ BOLOGNESE/ DellOrdine Eremi-
tano di S. Agostino/ PARTE TERZA/ MANOSCRITTA,/ ed estratta dalla Li-
braria del/ Convento/ di S. Giacomo Maggiore di Bologna/ LANNO/ MDC-
CXXXIV< (2ro-763vo) Testo. Al Dominio della citt. Ma per sopportavano
tutto ci Li primi della citt per mantenersi nello stato Loro... Jeronimo
Ranucci torn poi a Bologna alli 30. Di giugno del 1471; ma il Governatore
non torn pi a Bologna come si dir nel seguente anno; Et cos si giunse
allanno 1471. Il ms. comprende frammenti finali, riguardanti gli anni
1393-1424, della II parte della Storia di Bologna di Ghirardacci, pub-
blicata nel 1657 (pp. 469-648 del volume stampato; ff. 2ro-212ro del ms.) e
continua fino allanno 1470 con frammenti iniziali della parte III rimasta
in manoscritto, (ff. 212vo-763vo). Nel riportare le vicende racchiuse tra il
1393 e il 1424 il copista non adoper per la versione stampata, ma una
variante manoscritta che comprendeva anche i fatti posteriori al 1424
racchiusi nella III parte. La pubblicazione della terza parte dellopera di
Ghirardacci incontr molti ostacoli. Liniziativa intrapresa poco dopo la
pubblicazione della II parte e venuta a compimento nel 1757 venne bloc-
cata dalla famiglia Bentivoglio per un frammento annotato sotto la data
del 1438 che suggeriva come uno dei membri della famiglia, il celebre
Annibale, non fosse figlio leggittimo di Antongaleazzo Bentivoglio. Tutta
la titratura delledizione venne distrutta tranne lunico esemplare che
ora si trova nella Biblioteca dellArchiginnasio di Bologna. La situazione
creatasi intorno alla pubblicazione del volume provoc molto interesse
e favor la circolazione del testo manoscritto. Ora ci troviamo davanti a
un numero assai cospicuo di copie, la maggior parte nate dopo il 1732 e
trovatesi sia in biblioteche pubbliche che collezioni private. In genere
si tratta di tre gruppi di manoscritti. Il gruppo A contiene la narrazione
dallanno 1393 allanno 1424, che gi figurava nel volume a stampa, ma
nella redazione diversa, pi vicina allautografo di Ghirardacci conser-
vatosi nella BUBo che non allultima redazione stampata, e continua la
storia fino allanno 1508/1509. Il gruppo B comprende i testimoni che ri-
assumono la parte 1393-1424 aggiungendo principalmente i fatti che non
figurano nella versione stampata e in seguito sono conformi al gruppo A.
Il gruppo C racchiude i mss. recanti solamente la narrazione degli anni

144
1425-1508/9. (cfr. A. Sorbelli Prefazione a Della historia di Bologna
parte terza, Lucca 1758, ristampa anast., Bologna 1932, pp. III-CLXIII).
LItal. Fol. 168 insieme allItal. Fol. 169 appartiene al gruppo A. LItal. Fol.
168 stato confrontato con il ms. autografo di Ghirardacci: BUBo Ms.
2000 nonch con il ms. BArchBo, Ms. B. 1183. Il ms. Ital. Fol. 168 gene-
ralmente concorde al MS. 2000. Le differenze consistono nellaver intro-
dotto nel testo frammenti e glosse presenti nellautografo in margine
ed aggiunte dallautore nel corso della preparazione per la stampa. Ma
lItal. Fol. 168 non ha avuto per come fonte diretta il MS. 2000 perch
differisce in alcuni dettagli: si nota il diverso ordine di alcuni frammenti,
la mancanza nel MS. 2000 di certi frammenti dellItal. Fol. 168, presenti
poi nella versione stampata, ma si verifica anche la situazione contraria.
In ogni caso si tratta di differenze minime. Anche la lezione Ms. B. 1183
corrisponde con poche differenze allItal. Fol. 168. Nei punti per in cui i
due mss. differiscono, lItal. Fol. 168 ricalca la versione dellautografo MS.
2000, invece Ms. B. 1183 presenta errori e sviste. Sia lautografo del Ghi-
rardacci che il ms. Fol. 168 si differenziano leggermente dalla redazione
della III parte presentata nel volume stampato. Il testo dei ff. 212vo-763vo
dell Ital. Fol. 168, tranne poche varianti, corrisponde ai frammenti inizi-
ali della parte terza stampata (pp. 1-235 ed. 1758; pp. 3206, ed. 1932). Nei
codici Ital. Fol. 168 e MS. 2000 appare la frase finale riguardante fatti del
1471 assente nella stampa: Jeronimo Ranucci torn poi a Bologna alli 30.
Di giugno del 1471; ma il Governatore non torn pi a Bologna come si dir
nel seguente anno; Et cos si giunse allanno 1471. Lintera edizione del
1758 fu basata sui manoscritti autografi che allepoca si trovavano nel
convento S. Giacomo di Bologna: MS. 2000 nelle parti iniziali e MS. 1975
in quelle finali. Un altro manoscritto che potrebbe essere imparentato
con lItal. Fol. 168, quello designato dal Sorbelli come presente nell AS
Bologna, esempl. nella sala di studio. Purtroppo il manoscritto an-
dato disperso e lultima sua traccia risulta linformazione fornita dallo
studioso nella sua Prefazione. Pubblicazioni a stampa: Ch. Ghirardac-
ci (1524-1598) Della historia di Bologna parte seconda, Bologna 1657,
1669; ristampa anastatica: Forni, Bologna 1973, 2005; Della historia di
Bologna parte terza, Lucca 1758 [Rerum Italicarum scriptores, t. 33], ri-
stampa anastatica con prefazione critica di A. Sorbelli, Citt di Castelli
1915-1932; Bologna 1932.

145
Ms. Ital. Fol. 169
Cherubino Ghirardacci
+504 ff. +I 310 213 mm 1734 Italia (Bologna)

Manoscritto in buono stato. Pochi strappi ai lembi dei fogli; tracce di in-
setti sui contropiatti Fascicoli non distinguibili Foliazione ad inchiostro
originale da f. 1 a f. 504 (764-1267). Da f. 1175 a f. 1251 foliazione sbagliata,
corretta recentemente a matita. Continuazione della foliazione del ms.
Ital. Fol. 168 Richiami e falsi richiami Testo apiena pagina, dimensioni:
250 110 mm; 19-23 righe Margini piegati Scrittura di una sola mano
Alcune lacune nel testo (lasciati spazi bianchi) In margine date e argo-
menti, annotazioni della stessa mano Fogli bianchi: 1267vo.
Mezza legatura rigida prob. inizio del XIX sec., (320 220 mm) in cat-
tivo stato, lembi strappati, dorso sciupato in alto. Dorso in cuoio. Piatti
in cartone coperti di carta marmorizzata (cfr. Papiery zdobione, 47). Tre
nervi semplici. Sul dorso nove fregi traversali impressi a secco in oro. Nel
primo scomparto letichetta rossa recante lattuale segnatura. Nel secon-
do scomparto letichetta di pelle pi scura recante il titolo: GHIRARDACCI
HISTORIA DI BOLOGNA e nel settimo scomparto la scritta P. III impressi
a secco in oro. Contropiatti in carta bianca. Taglio spruzzato di rosso. La
legatura uguale a quelle degli Ital. Fol. 166, Ital. Fol. 167, Ital. Fol. 168.

Manoscritto eseguito a Bologna; insieme al ms. Ital. Fol.168 di cui co-


stituisce la continuazione ed entra nella serie con i mss. Ital. Fol. 166, Ital.
Fol. 167. Non possiede il frontespizio. La datazione in base alla data pre-
sente sul frontespizio del ms. Ital. Fol. 168: ISTORIA/ DI BOLOGNA/ DEL/
R. PADRE MAESTRO/ CHERUBINO GHIRARDAZZI/ BOLOGNESE/ DellOrdi-
ne Eremitano di S. Agostino/ PARTE TERZA/ MANOSCRITTA,/ ed estratta
dalla Libraria del/ Convento/ di S. Giacomo Maggiore di Bologna/ LAN-
NO/ MDCCXXXIV. Manoscritto copiato da un testo pi antico conservato a
quellepoca nel convento di S. Giacomo di Bologna. Per le vicende del vo-
lume cfr. supra la descrizione dellItal. Fol. 168. La scritta del contropiatto
posteriore: 4 vol. 2 stamp/ 2. mss. .../81- pu riguardare lacquisto. Il ms. fu
trasferito dal Reparto Libri al Reparto Manoscritti il 4 ottobre 1894. (Iro)
il numero dingresso 1894.4179. Sul dorso e a f. Iro la segnatura attuale Ms.

146
ital.fol.169; (764ro, 1267vo) timbri della Knigliche Bibliothek: Ex Biblioth.
Regia Berolinensi.
Lemm, p. 77.

ff. 764ro-1262ro. Cherubino Ghirardacci: Istoria di Bologna, Parte


Terza, Vol. 2. Testo. >1471< Giunto allanno 1471, come nel precedente volume
dicemo, essendosi partito Gio Batt.a Savelli Governatore, furono creati li Sig.ri
Anziani, Gonfaloniere di Giustizia, et del Popolo, et li Massari delle Arti secon-
do il consueto della citt... ...In poi dal Pontefice chiamato a Roma il Legato,
et si part, essendo molto poco amato dal popolo di Bologna per la sua ingorda
avarizia che laveva indotto a cavare molti danari dalli Loro cittadini sotto
colore di volergli im-piegare nella Fabrica della Casa de Mares-cotti, et rimase
allora Governatore di Bologna Angelo Vescovo di Tivoli. LItal. Fol. 169 com-
prende il testo che narra la storia di Bologna tra gli anni 1471 e 1508 ed la
continuazione dellItal. Fol. 168. Nella sua macrostruttura conforme al testo
dell'edizione a stampa del 1758 (pp. 235-440) e a quella del 1932 (pp. 206-
393). Per la storia della pubblicazione della III parte e la descrizione delle
famiglie dei mss. conservatisi cfr. supra lItal. Fol. 168. LItal. Fol. 169 insieme
allital. appartiene al gruppo A. LItal. Fol. 169 corrisponde quasi fedelmente
al MS. 1975 della BUBo, autografo del XVI sec., tranne minime differenze.
I frammenti che nel MS. 1975 si trovano in margine, nellItal. Fol. 169 sono
incorporati nel testo con molta cura. LItal. Fol. 169 finisce nellanno 1508.
Nel MS. 1975 la storia viene continuata, ma in margine c unannotazione a
matita Fine (198vo) che delimita la parte originale del Ghirardacci. Infatti la
parte che segue una copia della Cronica Viggianorum (del Viggiani o Viz-
zani). Il Ms. B 1184 della BArchBo corrisponde per sommi capi allautografo e
allItal. Fol. 169, ma presenta numerosi errori di scrittura e finisce con lanno
1501. Un altro manoscritto che potrebbe essere imparentato con lItal. Fol.
169, fu quello designato dal Sorbelli come presente nellAS Bologna, esempl.
nella sala di studio (cfr. supra lItal. Fol. 168). Lintera edizione del 1758 fu
basata sui manoscritti autografi: MS. 2000 nelle parti iniziali e MS. 1975 in
quelle finali che allora si trovavano nel convento S. Giacomo di Bologna ed
essa nelle relative parti corrisponde per sommi capi sia allItal. Fol. 169 sia
al MS. 1975 tranne poche differenze nelle parti finali: lItal. Fol. 169 continua
la narrazione oltre lelenco di nomi (f. 1259) il quale in una forma pi am-
pia conclude invece la stampa del 1758. Lelenco dellItal. Fol. 169 nella sua

147
sostanza corrisponde alla variante del Ms. 1975 non riproducendo i nomi
ivi cancellati che invece figurano nelledizione a stampa. La pubblicazione
moderna del 1932 basata sostanzialmente sulledizione del 1758, completa le
parti finali continuando le vicende del 1508 e aggiungendo il 1509. Il ms. Ital.
Fol. 169 nella parte del 1508 corrisponde pienamente alla versione stampata
del 1932, aggiungendo inoltre su ff. 1266ro-1267ro alcuni fatti dello stesso anno
riguardanti le azioni del legato papale. Non continua invece per lanno 1509
quanto accade nelledizione novecentesca. Il copista evidentemente non
conosceva la versione stampata del 1758 il che da una parte comprensibile,
date le vicende della pubblicazione, ma potrebbe anche confermare lipotesi
che il manoscritto fosse effettuato prima delledizione, e la data 1734 che ap-
pare sul frontespizio dellItal. Fol. 168 credibile. Linizio dellopera si trova
nei mss. Ital. Fol. 166, Ital. Fol. 167 e Ital. Fol. 168. Per le pubblicazioni a stam-
pa cfr. lItal. Fol. 168.

Ms. Ital. Fol. 173


Collectanea ad Historiam Reformationis ex Bibliothecis
Romanis
I + 74 ff. + I (200-292) (165-200) mm 1784-1791 Italia, Germania italiano,
tedesco, latino

Manoscritto in buono stato. Segni di infiltrazione dacqua e di funghi Fi-


ligrane: diversi tipi di carta tra cui: stella in cerchio con croce sopra, (~He-
awood, 515, 3874:1761-63) Fascicoli: 2I4 + 3II16 + 2I20 + 2II28 + 1I30 + 1V40 + 1III46 +
1(I+1)49 + 3(II+1)62 + 1I64 + 1II68 + 1I70 + 1II74 Paginazione originale ad inchiostro
fino al f. 19ro, erronea (scambiati i fascicoli nellatto di rilegare) Foliazio-
ne recente a matita Testo apiena pagina, dimensioni: (185-270) (115-155)
mm; 25-44 righe Margini piegati Scrittura di due mani. Tutto eseguito dal-
la mano dellautore tranne ff. 32ro-39vo e f Iro (Indice) Note marginali ad
inchiostro dellamanuense e di altre mani Fogli bianchi: 2, 20, 31, 41,48. Nel
codice cartellino sciolto di una libreria di Lipsia: Buchhandlung Gustav Fock/
G.m.b.H./ Leipzig/ Schlossgasse 7-9, I.
Legatura piena, rigida, del XVIII/XIX sec. (310 215 mm) in cattivo stato.
Tre nervi semplici. Piatti in cartone coperti di carta marmorizzata (cfr. Pa-
piery zdobione, 36). Sul piatto anteriore in alto a sinistra letichetta beige

148
con la scritta in inchiostro: Collectanea/ ad/ Historiam Reforma-/ tionis/ ex/
Bobliothecis Romanis e sopra il numero a matita: 24356; in basso a sinistra
un piccolo cartellino rotondo recante il numero: 462. Contropiatti e carte
di guardia in carta bianca. Filigrana: alveare circondato da ghirlanda con
la scritta C&I Honig sotto, contromarca: tre strisce con lettere C&IH sotto,
(~alveare, Churchill, CLV, 179: 1683-1902). Sul contropiatto anteriore antiche
segnature e numeri dinventario Ex Bibl. Bright/ 14260/ &/ 21847/ B41.600/
24356/ 14260/ &/ 21847. Taglio grezzo.

Codice eseguito verso la fine del XVIII sec. Contiene appunti: copie in-
tere ed excerpta di diversi documenti in italiano o in latino forniti di com-
menti in tedesco. La tematica riguarda la Riforma Protestante e la reazione
istituzionale della Chiesa Cattolica, tra cui il Concilio di Trento. Documenti
databili dai primi decenni del XVI sec. agli inizi del XVII sec. Lautore del
manoscritto fu Friedrich Mnter (1761-1830) sacerdote protestante danese
di origine tedesca, teologo, filologo, archeologo, storico e massone, vesco-
vo di Zealand e professore allUniversit di Copenhagen (cfr. Augustinia-
na: tidjschrift voor de studie van Sint Augustinus en de Augustijnenorde,
Lovanii 1961). Lautore adoper per la sua esecuzione tra laltro la collezione
della biblioteca Svajer, bibliofilo veneziano, dorigine tedesca (f. 51ro: Ex bibl.
Dom. Amadeo Svayer) e delle biblioteche romane (Biblioteca Collegium Ro-
manum, Bibliotheca Columnensis, Biblioteca Corsiniana), nonch quella di
Fulda. Con tutta probabilit la maggior parte del codice nacque negli anni
1784-86 (1784 linizio del viaggio dellautore in Italia; a f. 19 vo appare la
data 1786), e la parte copiata a Fulda pu essere stata eseguita dopo o prima
perch lautore nel 1784 ottenne alluniversit di Fulda il grado di dottore in
filosofia. La biblioteca di Svajer venne dispersa dopo la sua morte nel 1791,
il che potrebbe costituire terminus ante quem della parte eseguita in Italia.
Linsieme fu scritto da Mnter tranne due frammenti copiati da una seconda
mano (cfr. supra). In margine appaiono annotazioni di altre mani. A ff. 22ro,
24ro, 24vo, 28ro le parti cifrate sono state sviluppate da unaltra persona. La
legatura eseguita pi tardi cambiato lordine dei primi tre fascicoli uni-
sce gli abbozzi di Mnter, eseguiti su carta di diverse dimensioni. Il tipo di
carta marmorizzata dei piatti permette la datazione tra la fine del XVIII e
linizio del XIX sec. La filigrana della carta di guardia (cfr. supra) potrebbe
indicare la cartiera olandese attiva fin dal sec. XVII. Le iniziali forse alludono

149
alla Cornelis&Jan Honig, attiva dal 1675 al 1902, oppure alla Cornelis&Jacob
Honig, attiva negli anni 1683-1853. Una datazione precisa quindi non pos-
sibile. Il codice porta tracce di alcuni proprietari. Sul contropiatto anterio-
re la scritta Ex Bibl.Bright indica lappartenenza allantiquario Benjamin
Heywood Bright (1787-1843). La biblioteca di Bright fu venduta allasta il 3
marzo 1845, ma alcuni libri erano gi stati venduti prima nel 1844, tra lal-
tro a Thomas Phillipps (1792-1872). Il codice infatti si trov nella biblioteca
di Phillipps, segnato col n.o 14260 (cfr. Catalogus librorum manuscriptorum
Biblioteca D. Thomae Philipps, AD 1837, p. 270). In seguito fu comprato per la
Knigliche Bibliothek nellaprile del 1911 allasta di Sotheby, Wilkinson and
Hodge a Londra tramite lantiquario di Lipsia, Otto Harrassowitz (cfr. regi-
stri dingresso e le annotazioni a f. Iro). La segnatura attuale Ital.Fol.173 a f.
Iro; timbri della Knigliche Bibliothek a ff. Iro, 1ro e 48vo e 74vo.
Lemm, p. 77.

ff. Iro-74vo. Collectanea ad Historiam Reformationis ex Biblio-


thecis Romanis. (Iro) Indice. 1. Excerpta e mss. Collegii Romani de annis
1503-1526. 2. Excerpta ex actis Generalatus Aegidii Viterbiensis Eremit. S. Au-
gustini. 1507-1518. 3. Excerpta ex literis Hieronimi Aleandri ad Cardinalem
Mediceum Wormatiae Scriptis 1521. 4. Correspondance de Mornay Duplessys
avec Jean Diodati touchant lintroduction de la reforme Venise. 5. Exc. ex
mandato Gregori XV ad Episc. Montis Flasconis: de Paulo Sarpio. 6. Istruzio-
ne sopra le cose di Germania, secondo che N.S. pareria, che S.M.C. lavesse
da governare portata in Ispagna per il Montepulciano. 1531. 7. Excerpta ex
literis Cardinalis Campegii et Hieron. Aleandri Archiepisc. Brudusini de an-
nis 1531. 1532. 8. Exc. e schedis Antonii Cardinalis Seripandi. 9. Exc. minora e
Bibl. Fuldensi ad hist. reformat. 10. Lettere diverse e negociato in proposito
del S. Concilio Tridentino. 11. Notitia libri rarissimi Ms. Antonii Milledonne
istoria del Concil. di Trento. 12. Lettera del Re Henrico II di Francia ai Stati
di Germania. 13. Exc. ex Instructione Episcopo Aversano ad Ferdinandum II
Imp. misso, data. 14. Epistola Hieronimi Vidae ad legatos Concilii Tridentini
contra colloquium Vormatiense/1545. 15. Epistolae Friderici R. Bohemiae ad
Regem Hungariae. 16. Notitia variorum S.S.Officiorum. 17. Exc. ex Instruc-
tione Pauli III nomina data Episcopo Montispolitiani, 1539 in aulam Cae-
saream/ mittendo 18. Exc. ex relatione Nuncii anonymi de aula Rudolphi
Imperatoris. (1ro74vo) Testo.

150
ff. 1ro-19vo. Excerpta dai diversi documenti eccelsiastici conservati
nella Biblioteca del Collegio Romano. Testo (1ro-1vo) >Auszge aus den
Handschriften der Colegii Romanii/ Band, der die Zeiten von 1503-1526 ent-
hlt<; (3ro-4ro) >Auszge aus den Actis generalatus Aegidii Viterbiensis mir
von P. Generalvikar der Augustiner zu Rom, aus den Actis [?] des Ordens mit-
getheilt<; (5ro-19vo) >Auszge aus den Nunciatur Berichten Hieronymi Alean-
dri Erzbischofs von Brindisi, und Nuncii am Reichstage zu Worms. 1521. Aus
den Handschriften der Bibliothek des Colegii Romani< Estratti e appunti dai
documenti degli anni 1503-1526 conservati nella biblioteca del Collegium
Romanum, riguardanti la Riforma: (1ro-1vo) una citazione da G. M. Giberti
concernente Erasmo, (cfr. A. Prosperi, Tra evangelismo e controriforma G.
M. Giberti (1495-1545), Roma 1969); (3ro-4ro) Excerpta da Egidio da Viterbo
(1469-1532), pubbl. Regestae Generalatus I, Roma 1988; Registrum Genera-
latus II, Roma 1984 (cfr. D. G. Kawerau, Aus den Actis generalatus Aegidii Vi-
terbiensis, in Zeitschrift fur Kirchengeschichte 1911 [32]); (5ro 19vo) Estrat-
ti dalle lettere di Girolamo Aleandro (1480-1542) al card. Giovanni dei Medici
legati agli eventi di Vormazia, cio lazione intrapresa da Aleandro contro
Lutero. (pubbl. P. Balan, Monumenta reformationis lutheranae ex tabulariis
secretoribus S. Sedis 1521-1525, Ratisbonae 1884). cfr. anche Zeitschrift fr
Kirchengeschichte 1911 (32).
ff. 22ro-29vo. Documenti legati ai movimenti riformatori in Venezia.
Testo. (22ro-28vo) >A Mr Diodati Pasteur et Professeur en lglise de lUniver-
sit de Geneve< Monsieur, jai receu vos depeches du 12 et 19 du pass, et fait
destribuer le tout ou il appartenoit. Nous travaillons maintenant a faire reus-
sir; (29ro-29vo) >Auszug aus der Instruction Pabst Gregor XV an Monign. Bi-
schof von Montefiaskone, Nunzius bey der Republik Venedig fra Paolo Sarpi
betreffend< (22ro-28vo) Copie delle lettere indirizzate da Mornay Duplessys
al pastore ginevrino, il pi conosciuto tra i traduttori della Bibbia in italiano,
Jean Diodati (1576-1649), circa la questione dellintroduzione della Riforma
a Venezia, datate dal 1609 al 1620. Le 12 lettere a Diodati, sono parzialmente
cifrate. Alla fine vi la cifra con la chiave. Segue la copia di due dichiarazio-
ni di Giovanni Antonio Controlini e di Jacobus Perizonius (1651-1715), data-
te 1708, sullautenticit delle lettere copiate dallautografo, a quellepoca in
possesso del professore di teologia allUniversit di Leida, Salomon van Til
(1643-1715). Domenico Passionei (1682-1761), bibliofilo italiano, durante il suo
lungo soggiorno nel Nord dEuropa in quanto nunzio apostolico raccolse con

151
laiuto del suo segretario Controlini una ricca collezione di manoscritti, tra
cui la copia delle lettere in questione. Nel 1762 la Biblioteca Angelica di Roma
si arricch di un fondo di 40 000 volumi e di una considerevole collezione di
manoscritti, tra cui la copia eseguita da Passionei che ora fa parte del cod.
1313, ff. 52-87 e consta di 21 lettere di Mornay Duplessys, tra cui 9 pubblicate
nel XIX sec. Sul f. 53 si trova la cifra adoperata nelle lettere e due dichiara-
zioni di autenticit (cfr. supra). Le caratteristiche del cod. 1313 e lItal. Fol. 173
provano che il codice dellAngelica, presente nella biblioteca dal 1762, costi-
tu la base della copia di Mnter. Tra le altre copie delle lettere che si sono
conservate: NB, cod. 6189 e Biblioteca di Sorbona, ms. 368, ms. 370, solo il
codice dellAngelica similmente allItal. Fol. 173 conserva le parti cifrate delle
lettere. LItal. Fol. 173 trascrive 12 lettere intere o in cospicui frammenti e d
notizia di altre due. Le lettere pubblicate nel XIX sec. sono: I (Memoires et
correspondances de Duplessis-Mornay (...) ed. complte, a c. di Fontenelle
e Auguis, Paris 1824-25, t. X, pp. 525-526); VII (ivi, t. XI, pp. 434-436); X - frag.
(Bulletin de la Societ de lHistoire du Protestentisme Franais, 1882 (31),
pp. 351-352); XII (Fontenelle-Auguis, t. X, pp. 558-559); XIII (ivi, pp. 423-424);
XV (ivi, pp. 508-509). Tutte le lettere dellItal. Fol. 173, anche quelle inedite,
sono state pubblicate recentemente in base al cod. 1313 da: B. Conconi, Le
pape des Hugonots Rome. Sur quelques fragments indits de la corre-
spondance de Philippe Duplessis-Mornay retrouvs la Bibliothque An-
gelica, in: Bulletin de la Socit de lHistoire du Protestantisme Franais
2008 (154), p. I, Jenvier-Fevrier-Mars; p. II, Octobre-Novembre. Per le notizie
storico-bibliografiche riguardanti questa problematica cfr. ibidem. (29ro-
29vo) Istruzione del papa Gregorio XV al vescovo di Montefiascono. Istruzio-
ni di Clemente XIII a diversi nunzi, vescovi ecc. raccolte anche nel BNF, cod.
II, II 291 (misc. del XVIII sec. con carte non numerate). Pubblicato: Istru-
zione al vescovo di Montefiascone per la Nunziatura di Venezia data a d 1
giugno 1621 in Archivio storico italiano n. serie, 1/1858 (t. VIII), pp 13-35.
ff. 32ro-40vo. Istruzioni e informazioni. Testo. (32ro-37ro) >Istruzione
sopra le cose di Germania, secondo che N.S. pareria, che S.M.C. lavesse da
governare portata in Spagna per il Montepulciano/ MDXXXI<; (37ro-40vo) >In-
formatione del Rev. Vescovo Delfino data a M.g.r Caraffa sopra lultimo con-
vento di Patavia et di Francfordia fatto nel 53. Dieta dAugusta fatta nel 55. et
ultimo colloquio di Wormatia< (32ro-37ro) Copia de LIstruzione del 1539 del
papa Paolo III data a Giovanni Ricci, cardinale di Montepulciano, mandato

152
allImperatore per consigliarlo a fare quanto era stato risoluto nella dieta
di Francoforte con i protestanti, BAV, cod. 6950, f. 70 e sgg.; pubblicato in
Monumenta Vaticana Histioriam Ecclesiasticam Saeculi XVI illustrantiam,
Friburgo 1861, p. 246. (37ro-40vo) Testo del vescovo di Lesina, Zaccaria Dol-
fin (Delfino), nunzio apostolico in Germania e diplomatico, prob. inedito.
Consultati i mss.: BNF, Fondo Capponi 274, 177-188 (XVII sec.), BNF, II. II. 380
(Magl. XXX.232), 316ro-329vo (XVI/XVII sec.), Marc., It. VI. 310 (6150), 51-64. I
brani dei codici consultati sono pi ampi; prob. lItal. Fol. 173 ne contiene
solo una parte. Altri codici contenenti questo brano: BNF, Fondo Capponi,
cod. 23, ff 356-360; cod. 25, ff. 87-108; le istruzioni del vescovo Delfino si tro-
vano anche nella Cors. cod. 467.
ff. 42ro-46vo. Excerpta dalle lettere del cardinale Campeggi e
dellArcivescovo Aleandri. Testo. >Auszug aus den briefen des Kardinals
Campegius, Legatum in Deuschland, und des Erzbischofs von Brindisi Hie-
ronimus Aleander in den Jahren 1531 und 1532 Aus der Bibliothek des Colegii
Romani< Estratti dalla corrispondenza degli anni 1531-1532 tra il cardinale
Lorenzo Campeggi[o] (1472-1539), diplomatico pontificio, nominato nel 1517
cardinale-protettore del Sacro Impero Romano, e il cardinale Girolamo
Aleandro (1480-1542), dal 1520 legato papale in Germania. Corrispondenza
pubblicata in G. Mller, Legation Lorenzo Campeggios 1530-1531 und Nun-
ziatur Girolamo Aleandros 1531, Rom, Tbingen 1963.
f. 47ro-47vo. Ex schedis Antonii Cardinalis Seripandi. Testo. >Copia di
lettera et Instruttione del Duca dOrleans per il Lantgravis< Copia di una let-
tera del cardinale Antonio Seripando al Duca dOrlans; consultato un ms.
affine: BNF, II. II. 380 (Magl. XXX.232), 720ro-722vo (XVI/ XVII sec.) corrispon-
de allItal. Fol. 173. Testo inedito.
ff. 49ro-50vo. Excerpta dal manoscriitto della Biblioteca Vescovile
di Fulda. Testo. (49ro-vo) >Aus der Ms. der Bischof. Bibliothek zu Fuld/ Brief
von Luther an den Stadtrath in Sam[m]elburg in Fulda< (49vo-50vo) >Excerpte
aus einen Theil des Catalogi der Fuldener Ms. wie mir herr Prof. Borhm [Bo-
ehm?] mitgeteilt hat< Estratti dai manoscritti della Biblioteca Vescovile di
Fulda in latino e in tedesco. Non identificati.
ff. 51ro-62vo. Lettere diverse e negotiato in proposito del S. Concilio
di Trento concernenti a tutti li Principi e Potentati del Mondo. Testo.
(51ro-51vo) >1. Lettera del re di Spagna al Marchese di Pescara in C. d. T. []<;
(52ro-53ro) >Epistola Ferdinandi I ad Pium P.P.IV. Sanctissime et Beatissime

153
Pater<; (53ro-61ro) >Brieffe vom Cardinal Simoneta am Cardinal Borromeo<;
(61vo-62vo) >Antonii Milledonne historia del Concilio di Trento< Ms. rarissi-
mum de quo cons. Foscar. De Litter.Venet. Pag. 350. Testo italiano e latino
infarcito di commenti in tedesco. Copie delle lettere degli anni 1561-64 ri-
guardanti il Concilio di Trento: lettera del re di Spagna Filippo II al marchese
di Pescara Ferdinando dAvalos; lettera dellimperatore Ferdinando I al papa
Paolo IV; lettere indirizzate al cardinale Borromeo dai legati del Concilio, tra
laltro cardinali: Simonetta, Seripando e Morone. Tutti i frammenti ricavati dal
codice di Svajer del XVII sec. (ora Marc. It.V.16 n. 6668), copiato da uno pi an-
tico apud Petrum Gradonicum Venetiis. Il codice di Svajer di una sola mano, ol-
tre alle lettere scambiate tra il card. Carlo Borromeo e i legati, comprende altri
documenti relativi al Concilio, nonch la corrispondenza degli anni 1555-556
di Luigi Lippomano, nunzio apostolico in Polonia, con gerarchi polacchi. (61vo-
62vo) Sunti e citazioni in italiano commentati in tedesco, ricavati da Antonio
Milledonne (1522-1588), Historia del Concilio di Trento, libri II. Consultato il
codice gi di Svajer ora Marc. It.V.5 n. 5853 (XVIII sec). Inoltre nella Marciana
conservata unaltra copia del trattato It.V.4 (5852) della stessa provenien-
za, anchesso del XVIII. Non sappiamo di quale dei due codici si fosse servito
Mnter per i suoi studi. Del trattato stato pubblicato il II libro in traduzione
francese A. Baschet, Journal du concile de Trente redig par un secretaire v-
nitien prsent aux sessions de 1562 a 1563. Paris, 1870. Estratti di questa parte
(51ro-62vo) dai manoscritti conservati nella biblioteca di Amadeo Svajer (m.
1791), nel 1794 pervenuti nella Biblioteca Marciana di Venezia.
ff. 63ro-70vo. Istruzioni, lettere, riguardanti la Riforma. Testo. (63ro-
64vo) >Lettera scritta alli Stati di Germania/ henrico per Gratia di Dio R di
Francia<; (65ro-66ro) >Auszug aus der Instruttione a Mr. Vescovo di Aversa
(Caraffa) Nuntio destinato alla Maesta Cesarea di Ferdinando II< Rom. d. 12
Aug. 1621; (66ro) >Auszug aus der Instrution fr Ms. Verospi Auditore di Rota,
Nuncio Straordinario am Hofe Ferdinand des zweiten< Rom. d. 13 Jan. 1622;
(66vo-68vo) >Auszug de Relatione fatta dal Marchese di Bednar [?] in Venezia
nel Ritorno che ha fatto al Re Cattolico Suo Signore< Ex Bibl. Ecc. Mi Principis
Chisii Romae; (69ro-70vo) >Epistola h. D. Hieronymi Vidae Albae episcopi ad
legatos Concilii Tridentini sub die 14 aprilis 1545 contra colloquium Vorma-
tiense/ ex Bibliotheca Columnensi< Copie di istruzioni e lettere riguardanti
la Riforma del XVI e del XVII sec. eseguite nelle biblioteche di Roma: Biblio-
theca Columnensis (dei Colonna), Biblioteca Corsiniana, Biblioteca Chigia-

154
na. (63ro- 64vo) Lettera scritta agli stati di Germania dal re di Francia nel
1552 presente in diversi codici: Consultato: BNF, II. II. 380 (Magl. XXX.232),
298r-722v; (65ro - 66ro) Testo affine: Cors. cod. 473 f. 293; (65ro - 66ro) Sunto
di istruzione per Girolamo Verospi (1500-1652), auditore della Sacra Rota,
numerose copie in diverse biblioteche. Tra laltro istruzioni di Clemente XIII
a diversi nunzi, vescovi ecc. raccolte anche nel ms. BNF, II. II. 291 (misc. del
XVIII, con carte non numerate); (66vo-68vo) Copia di una relazione fatta al
re di Spagna, non identificata, copiata nella Biblioteca Chigiana; (69ro-70vo)
Lettera di Marco Girolamo Vida (1485-1566) contro il colloquio di Vormazia,
scritta ai legati nel 1545. Presente anche in altri codici. Consultato: BNF, Fon-
do Capponi cod. 46, 234ro-241ro. Testi inediti.
ff. 71ro-74vo. Lettere e relazioni ai monarchi europei. Testo. (71ro-73vo)
>Briefe K. Friedrich von Bhmen a den Knig von Ungarn< Briefe sind ex Co-
dice Corsinie DCCXIII; (74ro) >Nachrichten von den [...] di S.torum Officiorum
in den [...]< 1 Oct 1555; (74ro) >Aus einer Instruction di Paul 3 dem bischof von
Molitepulciano [...] der 1539 zu Kaiser Karl V sollte, wegen der Religion< (74vo)
>Cod. 677 Relation eines ungenanntem Nuncius von Kaiser Rudolfs Hofe<
Frammenti di lettere e relazioni indirizzate ai monarchi europei: di Federi-
co V (1596-1632), re di Boemia, elettore del Palatinato, al re dUngheria, Fer-
dinando II dAsburgo (1578-1637); istruzione del papa Paolo III (1468-1549)
al vescovo di Montepulciano, coinvolgente limperatore Carlo V (1500-1558),
relazione di un nunzio anonimo dalla corte dellImperatore Rodolfo (1576-
1629) Testi trascritti dai codici Cors. cod.713 e cod. 677. Inediti.

Ms. Ital. Quart. 1


Giusta statera dei porporati
V + 366 ff. + V 185 155 mm XVII sec. (verso la met) Germania

Manoscritto in buono stato Filigrane: scudo araldico di Mansfeld (Nostitz,


269: Germania, Cln an der Spree, Berlino 1649); scudo araldico della Sasso-
nia due spade incrociate (~Nostitz, 347: Germania, Parchwitz 1649) Fa-
scicoli: 1IV8 + 1(IV1)15 + 2IV31 + 1III37 + 40IV357 + 1(IV +1)366; f. 12 e successivo
incollati insieme e trattati come uno solo Paginazione originale da f. 48 a f.
50 sostituita alla foliazione originale che arriva a f. 47, ad inchiostro folia-
zione recente a matita che continua quella originale Falsi richiami (anche

155
sul recto delle carte) in inchiostro Rigatura in inchiostro diluito per deli-
mitare i margini Testo a piena pagina, dimensioni: (122-118 mm) (170-165
mm); 20-32 righe Una sola mano Fogli bianchi: 50vo-366vo.
Legatura originale (cfr. infra) in pergamena rigida (195 165 mm) in cat-
tivo stato. Tre nervi; capitelli. Sul dorso in alto titolo in inchiostro: Statera
de/ Porporati :/:/ Falsi Cardinali. Buchi di tarli. A causa del cattivo stato
della legatura visibile la parte interiore del dorso sulla quale si scorge la
scrittura gotica tedesca (nome della citt?: Trebbin?).

Il manoscritto va datato intorno alla met del XVII secolo. Siccome com-
prende biografie di cardinali defunti prima del 1649 ed era usuale espungere
dal testo della Statera gli appunti circa i cardinali morti, si pu supporre
che la data del ms. sia da stabilire tra il 1646 (data della prima redazione
del testo) e il 1649. Tale ipotesi confermata dalle filigrane datate in Nostitz
allanno 1649. Lanalisi della legatura dove, nella parte interna si vedono le
scritte in tedesco e della carta, con le filigrane tedesche, indicano che il ma-
noscritto fu eseguito in Germania. Visto che su 366 carte del manoscritto solo
le prime 50 contengono il testo, il manoscritto prima fu legato e poi copiato;
foliazione e paginazione originale arrivano solo al foglio 50. Il codice, esegui-
to in Germania, copia di unopera scritta a Roma e nota in tutta lEuropa,
compresa la parte protestante. Non deve quindi sorprendere lesecuzione
della copia in Germania come, inconfondibilmente, mostrano le filigrane e
le scritte sulla parte interna della legatura. Sul contropiatto con linchiostro:
N164, a matita: 204, forse segnature della biblioteca del principe Ernst Bogu-
slaw von Croy cui potrebbe esser appartenuto il manoscritto. Vari segni di
appartenenza del codice alla Knigliche Bibliothek: (1ro) segnatura attuale
ms.ital.quart.1; (1ro, 50vo) timbro della Knigliche Bibliothek; etichetta rossa
con lattuale segnatura: Ms. ital. Quart:. 1.
Lemm, p. 78.

ff. 1ro-50ro. Giusta statera de porporati. (1ro) Dedica. Serenissimo Prin-


cipe Molte sono state linstanze fattemi non solo da forestieri, ma da Cittadini
medesimi che prendendo la penna dovessi delineare... ...fine con ogni umilt
minchino. di Roma. (1vo-50ro) Testo. Per principio di questo nostro discorso
necessario scrivere premieramente quante sorti di promotioni... ...56. Giulio
Cardinal Roma milanese di nobile famiglia. Il testo una copia di unopera

156
scritta a Roma e nota in tutta lEuropa, compresa la parte protestante. Si
tratta dellelenco dei cardinali di allora, corredato da notizie sulla loro vita
pubblica e privata, spesso compromettenti. Costantini (http://www.qua-
derni.net/WebFazione/g3.htm) nota che si tratta della pi nota - anche se
non la pi qualificata - rassegna secentesca del Sacro Collegio. Il notevole
interesse che suscit al suo apparire e per molti anni ancora testimoniato
dalle varie versioni che si succedettero nellarco di meno di un decennio,
e dal considerevole numero di copie manoscritte e a stampa oggi esistenti
nelle biblioteche. La Statera gi nei propositi faziosa, rivolta contro i Bar-
berini, la fazione francese, e contro la Francia. Si nota il carattere aneddotico
dellopera, con il gusto del grottesco e dellosceno. Lopera non poteva essere
pubblicata in Italia; fu invece pubblicata ad Amsterdam in italiano nel 1650
e tradotta in varie lingue. Lautore del testo sconosciuto, tuttavia si decide
di seguire il suggerimento di Costantini (http://www.quaderni.net/WebFa-
zione/g3.htm) che identifica lautore con Troiano Maffei. Laltra attribuzione
considerata da Costantini Gregorio Leti. Il testo del codice Ital. Quart. 1
presenta molte affinit con dei codici pi antichi (AS Roma, SV 32; ASV, Pio
3, Fondo Pio; BNP, it. 807). In AS Roma, SV 32, ASV, Pio 3, BUG, C.I.3 e in BNP,
it. 807 c la biografia di Valenay ma non quella del Principe Casimiro; si
tratterebbe dunque delle redazioni pi antiche, databili tra il 13 e il 28 mag-
gio 1646 (Costantini, http://www.quaderni.net/WebFazione/g2.htm, nota
4). Sono numerosi i punti in comune per quanto riguarda il contenuto: a)
presenza della biografia di Gio. Domenico Spinola (a f. 25ro dellItal. Quart.1;
a f. 44ro del BNP, it. 807), b) presenza di Valenay (sebbene sotto forma di un
solo accenno, senza il testo della biografia completo, a f. 49vo del nostro) c)
assenza della biografia di Giovanni Casimiro Vasa. Il testo del nostro pi
vicino a BNP, it. 807 come testimoniano numerose varianti testuali comuni
a BNP, it. 807 e al nostro Ital. Quart. 1. Tuttavia il testo contenuto nel codice
Ital. Quart. 1 non completo. Comincia ad essere abbreviato a partire dalla
biografia di Giulio Mazzarini. Nella successiva, di MarcAntonio Bragadino,
labbreviazione della biografia molto pi evidente. Successivamente le
biografie vengono via via pi accorciate fino a quando, a partire da quella
di Fausto Poli (fino a Giulio Roma) sono solo accennate e non completate.
Il testo della Statera a c. di Cladio Costantini, pubblicato on-line: http://
www.quaderni.net/ WebFazione/ga.htm. Riproduce ledizione a stampa di
Amsterdam (confrontata con numerosi manoscritti). Inoltre vengono inte-

157
grate le biografie dei cardinali assenti nella stampa del 1650, ma circolanti in
diverse copie manoscritte. Il confronto dellimpostazione generale dellopera,
incluse le biografie dei cardinali presenti e assenti, nonch lo studio di alcune
varianti testuali, permette di classificare la copia del testo contenuta nellItal.
Quart. 1 come molto vicina a BNP, it. 807 sebbene a momenti incompleta.

Ms. Ital. Quart. 4


Pietro dAverara
I + 26 ff. + I 225 170 mm XVII sec. (fine) Italia (?), Germania (?) italiano,
francese

Manoscritto in discreto stato. Macchie di umidit Fascicoli: 2I3 + 3IVII Il


primo foglio del primo fasc. e lultimo foglio dellultimo fasc. trattati come
carte di guardia. Foliazionea matita posteriore alla stesura del ms. Richia-
mi e falsi richiami Testo apiena pagina, dimensioni: 200 90 mm; 28-29 ri-
ghe Margini ad inchiostro Scrittura di una sola mano Allinizio del testo e
ai margini destri delle successive scene: argomenti e spiegazioni in francese
della stessa mano Fogli bianchi: 1vo, 2vo, 26vo.
Legatura originale, rigida, piena, tipo astuccio, del XVIII sec. (232 180
mm); in cattivo stato. Piatti in cartone coperti di pelle, decorati a secco,
delimitati da un filetto. Al centro dei piatti super ex-libris impresso a sec-
co in oro: aquila con la corona, spada nella destra e scettro nella zampa
sinistra. In alto a sinistra letichetta rossa con lattuale segnatura. Dorso
liscio molto sciupato con un fregio verticale impresso a secco in oro. Con-
tropiatti in carta marmorizzata (~Marbled Paper, tav. XXVI, 40: german
combed and turkish, swirled, 1730-1780). Fascicoli attaccati alla copertina
con cordoncino verde.

La datazione del manoscritto gli ultimi anni del XVII sec. pu es-
sere proposta in base alla dedica a Federico III Hohenzollern (1657-1713),
elettore di Brandeburgo. (1ro) Ad Celsissimum et Serenissimum/ Electorem
Brand[enburgiae]/ Disticon/ Mars Federice tuus postquam totum occupat or-
bem/ Impavidus Patris littore ludat Amor/ Hum.mus et Obsequ.mus servus/ De
Averari. Infatti nel 1701 Federico divenne gi re di Prussia. In tal caso non
da escludere che il testo sia autografo. Il testo italiano accompagnato da

158
argomenti in francese. Ci potrebbe suggerire che fu eseguito fuori Italia,
alla corte dellelettore oppure a Torino, citt in cui il francese era in uso e
dove dimor lautore del libretto, che a quellepoca lavorava principalmen-
te nelle citt del Nord Italia e aveva labitudine di dedicare le sue opere ai
membri di famiglie regnanti. Il testo forse fu regalato a Federico perch fin
dallinizio sembra essere appartenuto alla biblioteca della corte prussiana.
Ne testimonianza il super-exlibris della copertina con lo stemma reale e la
mancanza del numero dingresso. Non per nominato dallantico catalogo
Cat. A. 466 Catalogus Manuscriptorum Bibliothecae Regiae Berolinensis
dellinizio del XVIII sec. Se invece il ms. una copia del testo originale, pu
essere stato eseguito intorno alla met del XVIII sec., vista la datazione della
legatura. Il primo e lultimo foglio imbruniti suggeriscono per che inizial-
mente ne rimaneva privo. Il manoscritto non porta altre tracce dei proprie-
tari. (f. 1ro) e sul piatto anteriore la segnatura attuale Ms. ital.quart.4; (1vo)
timbro della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 78.

ff. 1ro-26vo. Pietro dAverara: Cloco, dramma per musica. (1ro) Dedica a
Federico, Elettore di Brandenburgia (cfr. supra) (2ro) Titolo >Cloco/ Drama
comico/ divertimento per musica< (3ro-3vo) Argomento e attori (in francese)
Argument. Cliton, riche paysan avoit resolu de donner Fillis, sa fille en maria-
ge a Cloco... Alice. Nourice de Fillis. (4ro-26ro) Testo. >Atto primo/ Scena
p.a/ Clitone.Filli/ Clit. Vieni o figlia, a chi parlo? ...Lid: Fill: 2: Gioisci mio
core/ mio Bene si godi/ che lieto lieta io godr/ il Nume dAmore/ La destra
mannodi/ Se lalma leg. >Fine< Libretto in tre atti. Argomenti e attori in
francese. Testo del dramma in italiano. Una tipica opera comica che prende
come tema peripezie amorose. Un ricco contadino desidera far sposare sua
figlia Fillis a Cloco, erede di grandi beni. Ma la ragazza preferisce Lidio, fra-
tello minore di Cloco che non eredita niente. Lidio riesce ad ottenere Fillis
e invece Cloco che ama solo le ricchezze, rimane senza fidanzata e senza
eredit. Il testo firmato da Pietro dAverara di Bergamo, librettista attivo
tra gli anni 80 del XVII sec. e gli anni 20 del XVIII, il quale prob. scrisse
una quarantina di libretti, ma scarse sono le notizie sulla sua biografia. Una
ventina i libretti conservati a stampa, pubblicati tra il 1684 e il 1724. Collabo-
rava con diversi compositori: G. M. Buini, A. F. Martinengo, F. Ballarotti, C. F.
Pollaroli, P. Magni e F. Gasparini. Il testo non notato da nessun repertorio;

159
prob. inedito (cfr. Sartori; DBI, Pietro Averara, s.v.). I commenti in francese
che accompagnano il testo possono suggerire un progetto di messa in scena
dello spettacolo.

Ms. Ital. Quart. 5


Pietro Rossi Francesco Vacca Berlinghieri
II+22 ff. + I 238 185 mm 1794-1796 Italia (Pisa)

Manoscritto in discreto stato; evidenti tracce duso; nella parte bassa delle
carte tracce di infiltrazioni dacqua; presenza di funghi Fascicoli: 1IX18 + 1II22;
il secondo fascicolo non legato Foliazione moderna a matita (1ro-18vo)
Testo a una colonna, la seconda colonna lasciata per annotazioni (qualche
volta riempita), dimensioni: 227 95 mm (19ro-22vo) Testo a piena pagina,
dimensioni: 223 163 mm Scrittura di una mano Fogli bianchi 15vo-18vo.
Mezza legatura ad angoli, originale (240 190 mm); dorso e angoli in
pelle, piatti coperti di carta marmorizzata; due carte di guardia anteriori di
provenienza tedesca.

Il trattatello datato 1795-1796. La firma del proprietario Baron von


Block (1764-1823) e la relativa data indicano il terminus ante quem (IIvo
nome del proprietario Baron von Block e la data 1796). La citazione a f. 2r
(1794) e la pubblicazione del secondo testo (1795), il terminus post quem.
A f. 19ro una mano diversa ha identificato ledizione da cui proviene il se-
condo testo: Prefazione pag. 15 e sul margine sinistro: Idee di Fisio/ logia
Medica/ presentate ai/ Suoi Scolari da/ Francesco Vacca/ Berlinghieri/ S.S.
nellUniversit/ di Pisa/ Pisa per Ranieri Prosperi 1795. Viste le date, prob. il
manoscritto fu esemplato per Baron von Block (forse proprio da lui stesso),
noto studioso e entomologo. A f. IIro la scritta: 150, numero di catalogo o
segnatura precedente prob. della collezione di von Block. Successivamente,
prima del 1828, il manoscritto pass alla Knigliche Bibliothek. La legatura
fu eseguita in Germania o da von Block o dalla biblioteca (cfr. la provenienza
delle carte di guardia). Gli altri elementi presenti (letichetta rossa con la
segnatura Ms. ital. Quart:.5; 1vo, 22vo: timbro della Knigliche Bibliothek; (1ro)
segnatura ital.quart. 5.
Lemm, p. 78.

160
ff. 1ro-18vo. Pietro Rossi: Osservazioni di Pietro Rossi sulle larve
degli insetti che abitano nei fiori del Cardo spinosissimo. (1ro) Ti-
tolo. Osservazioni/ di P. R./ Sulle larve degli Insetti che abitano/ nei fiori
del Cardo spinosissimo. (2ro-18vo) Testo. Amico Celebre, e Pregiatismo/ Ade-
rendo al vostro desiderio, eccovi in breve le osservazioni che accaduto di
poter fare, in ricercando delle larve del Curculione antiodontalgico a me
richieste incessantemente da molti... ...Laltro concerne la nobil donna Sig.
Elena Tonini, alla quale toccai un dente guasto dolentissimo poche ore dopo
essermi medicate le dita non con sole quattordici larve ma con molte pi,
giacch in quel tempo mi occupava nellesame di questo insetto, ed ebbi il
dispiacere dintendere che invece di averla liberata dal dolore, si era esa-
cerbato a segno daverla costretta poco dopo a farselo estrarre. Io sono.
Trattatello sotto forma di lettera dedicato ad argomento di carattere me-
dico. Composto dal professore di Storia naturale dellUniversit di Pisa,
parla delle propriet delle larve che abitano i fiori di una pianta. Vengono
in particolare esaminate le propriet di carattere antidolorifico, in par-
ticolare contro il mal di denti di cui scriveva Ranieri Gerbi nel 1794 (R.
Gerbi, Storia naturale di un nuovo insetto, Pisa, 1794). Queste propriet
analgesiche vengono smentite da Rossi. Inedito. Non contenuto in P. Ros-
si, Osservazioni insettologiche, in: Memorie di matematica e fisica della
Societ italiana, t. IV, Verona, 1788.
19ro-22vo. Francesco Vacca Berlinghieri: Idee di fisiologia medica
(frammento della prefazione). (19ro-22vo) Testo. Dopo queste verit da me
tante volte scritte, e pubblicate, solamente gli stupidi, e gli invidiosi potran-
no spacciare che io scredito la medicina, e che non ci credo... ...Se mai i
miei detrattori volessero in me tanta credulit, sappiano che non gli posso
compiacere, perch lorganizzazione del mio cervello non porta tanto in l.
Torniamo a me. Frammento proveniente da F. Vacca Berlinghieri, Idee di
fisiologia medica, Pisa 1795, pp. XV-XX. Il testo, come il precedente, riguar-
da la smentita delle presunte propriet antidolorifiche dellinsetto chia-
mato da Gerbi curculio antiodontalgico (R. Gerbi, Storia naturale di un
nuovo insetto, Pisa, 1794). Serve per corroborare le affermazioni espresse
nel primo testo.

161
Ms. Ital. Quart. 6
Relazioni di diverse morti
I +104 ff. + I 198 136 mm XVII sec. Italia

Manoscritto in discreto stato Filigrana: ancora (~Heawood 5-8: Italia, XVII


104
sec.) Fascicoli: 13IV Foliazione originale con linchiostro Falsi richiami
Testo a piena pagina, dimensioni: (172-180) (115-125) mm; 14 righe Scrittu-
ra di una sola mano Cancellazioni e correzioni Fogli bianchi: 104vo.
Legatura floscia di cartone bianco, originale(XVII secolo; 207145mm);
tre nervi semplici. Sul dorso letichetta gialla con il titolo del primo testo: Mor-
te/ di Troilo/ Sauelli/ etc.; in basso, letichetta rossa con lattuale segnatura; in
alto, un numero illeggibile ad inchiostro, forse una segnatura precedente.

Manoscritto del XVII sec. secondo le indicazioni provenienti dalla nota


di possesso (anno 1700). Sicuramente posteriore ai fatti narrati nel secondo
testo (anno 1635). I testi primo e terzo (del resto diffusi nei manoscritti di
quellepoca) si trovano anche nel manoscritto Ital. Quart. 34. Nel caso del
nostro ms., con certezza si pu dire che nellanno 1700 apparteneva a un
membro della famiglia nobiliare tedesca von Galen (nota di possesso a Iro
Roma lA[nn]o 1700 M Galen). Sebbene, sempre secondo la nota, il von Galen
in questione si trovasse allora a Roma, si pu ipotizzare che fu il tramite
attraverso il quale il manoscritto arriv a Berlino prima dellanno 1828. (1ro,
104vo) timbri della Knigliche Bibliothek; (1ro) segnatura attuale ms. ital.
quart. 6..
Lemm, p. 78.

ff. 1ro-58vo. Giuseppe Biondi: Morte di Troilo Savelli. (1ro) Titolo. Mor-
te di Troilo Savelli decapitato in Roma nel Castel S. Angelo alli 18 aprile 1592 ad
hora 12 successa ne primi anni di Clemente VIIIo. (1ro-58vo) Testo. Lo scrivere
Vite e Morti altrui, se sono piene di accidenti nuovi fanno communamente i
lettori ammirare, se dolorose, compatire, se fortunati, desiderare, s strani te-
mere... ...honorando con un buono e santo fine tutta la trapassata vita il gior-
no stesso apunto, che il suo Signor Padre (esso non era ancora nato) era da
questa vita mancato, che f alli 18 Aprile lanno 1574. Il testo si trova anche a
pp. 9-67 del manoscritto BUBo, ms. 208, in folio, paginato, composto da 1734

162
pagine numerate, intitolato Raccolta di diverse morti con vari avvenimen-
ti, databile al XVII secolo. Tranne piccole varianti il testo dellItal. Quart. 6
identico a quello del manoscritto bolognese. Il testo circolava a Roma per
molti anni, prob. non stato mai pubblicato in italiano. Anche alla BNP (Sup-
pl. Fr., n. 2853) esiste una sua trascrizione. stato tradotto in francese col
titolo Discours pitoyable de la mort du seigneur Trole Savelle, decapit
Rome en lge de dix huict ans ed ebbe varie edizioni (quattro a Parigi: due
nel 1596 e le altre nel 1600 e nel 1613, una a Douay nel 1599 ed una a Tournon
nel 1602). I gesuiti di Vilnius hanno stampato questo opuscolo in polacco nel
1646. (DBI, Giuseppe Biondi, s.v.).
ff. 59ro -74ro. Relazione della morte di Giacinto Centini. (59ro) Titolo.
Relatione della Abiuratione e Morte del Signor Giacinto Centini nipote del Si-
gnor Cardinale dAscoli et Altri che volevano dar morte a Nostro Signor Papa.
(59ro-74vo) Testo. Sabato mattina alli 21 di Aprile 1636 nella Chiesa della Mi-
nerva f fatta lultima Congreg.ne del S. Offitio sopra le cose del Signor Giacinto
Centini nepote del S. Cardinale dAscoli e delli altri interessati nel particola-
re di haver voluto far morrire Nostro Signore Papa Urbano 8o... ...fece anco
chiaramente conoscere occultare quelli misfatti che se non da altri in ultimo
dalla propria conscienza sono palesati. Racconto di una congiura ordita da
Giacinto Centini, nipote del Cardinale dAscoli, ai danni del papa Urbano VIII.
Giacinto, stando al racconto e a quanto stabilito dallInquisizione, era osses-
sionato dallidea di far promuovere lo zio alla sedia apostolica e per far ci
si leg a dei monaci che praticavano la magia nera. La vicenda divenne di
pubblico dominio e cos i presunti congiurati furono processati e condanna-
ti. Il testo, inedito, si trova anche a pp. 157-174 del BUBo, ms. 208 (cit. supra).
Tranne piccole varianti il testo dellItal. Quart. 6 identico a quello del ma-
noscritto bolognese. Cfr. anche lItal. Fol. 157, ff. 94ro-99ro.
ff. 74ro-75vo. Lettera scritta da Giacinto Centini al Cardinal dAsco-
li, suo zio. (74ro) Titolo. Lettera di esso Giacinto scritta al Signore Cardinale
suo zio. (74ro-75vo) Testo. Il giusto rigore della giustizia non deve essere im-
pedito da alcuno anzi ogni Christiano obbligato di essere ministro per casti-
gare i Rei. Io dunque come reo, e Machinatore alla vita del Santissimo Padre
non sono degno di piet anzi... ...in questo mio ultimo fine e Passo, ricorro
per la santa Benedizione. Dalle carceri di Corte Savelli 23 Aprile 1635. Giacinto
Centini. Il testo che racconta il processo di Giacinto Centini accompagnato
dalla lettera indirizzata allo zio, il cardinal dAscoli. Il testo, inedito, si trova

163
anche a pp. 175-177 del BUBo, ms. 208 (cit. supra). Tranne piccole varianti il
testo dellItal. Quart. 6 identico a quello del manoscritto bolognese. Cfr. lo
stesso testo nel manoscritto Ital. Quart. 34.
ff. 75vo-76vo. Lettera di Giacinto Centini alla sua consorte. (75vo)
Titolo. Lettera del med. scritta alla sua signora Consorte. (75vo-76vo) Testo.
Un mal principio un pessimo fine aspetta. Lenormit de miei falli commessi
con il mio sangue d me sparso di tanti innocenti mhanno ridotto al meritato
fine... ...cessar mai di pregar Dio che li conceda per sua Piet miglior Vita e
morte del loro misero Padre Di corte Savella 28 Aprile 1635. Giacinto Centini.
Il testo che racconta il processo di Giacinto Centini accompagnato anche
dalla lettera indirizzata alla moglie. Il testo, inedito, si trova anche a pp. 177-
178 del BUBo, ms. 208 (cit. supra). Tranne piccole varianti il testo dellItal.
Quart. 6 identico a quello del manoscritto bolognese. Cfr. lo stesso testo nel
manoscritto Ital. Quart. 34.
ff. 77ro-104ro. Morte di Giacomo e Beatrice Cenci e della loro ma-
trigna, Lucrezia. (77ro) Titolo. Morte di Giacomo e Beatrice Cenci fratelli,
e di Lucretia loro matrigna patricidi in Roma alli 11 settembre 1599 di saba-
to. (77ro-104ro) Testo. La nefandissima Vita che h sempre tenuta Francesco
Cenci Romano sinch vissuto h causato non solo la propria perdizione
m la total ruina di molti stranieri e di casa sua... ...Hieri che f alli 14 la
Compagnia di S.Marcello con occasione della festa di Santa Croce sua festi-
vit per privilegio liber di prigione il Signore Bernardo Cenci con obligo di
pagare 25 mila scudi alla Santissima Trinit di Pontesisto. Il testo, inedito,
si trova anche a pp. 81-111 del BUBo, ms. 208 (cit. supra). Si differenzia per
certe caratteristiche grafiche e linguistiche, ma la versione tramandata
sostanzialmente uguale. Differenze pi sostanziali ci sono, invece, se para-
gonato con il codice Ital. Quart. 34. La relazione sul delitto e sulla morte dei
Cenci rimase manoscritta anche a causa di una censura imposta dalla curia
romana (cfr. C. Dalbono, Storia di Beatrice Cenci e de suoi tempi, Napoli
1864, pp. 425-426). Il processo dest vivo interesse sia in Italia che alleste-
ro, tanto da veder nascere relazioni e successivamente opere letterarie
dedicate alle tristi vicende dei Cenci. Dalbono (Ibidem, p. 425) cita una
breve relazione latina il cui autore doveva essere o un cardinale o il prete
che assisteva i Cenci. Prob. il testo contenuto nel presente manoscritto e in
altri numerosi codici, che tramandano la tragica storia di Beatrice Cenci,
la traduzione di quella relazione latina.

164
Ms. Ital. Quart. 7
Giordano Bruno
ff. II + 148 + II 204 167 mm XVII sec. (?)

Manoscritto in buono stato. Tracce di funghi Fascicoli: 18IV144 + 1II148 Pagi-


nazione originale dei ff. 17ro-148ro (nn. 1-263) Foliazione a matita recente
In alto titolo corrente originale, a partire da f. 17 in basso segnatura originale
dei bifoli: Ai, Aij, A3, A4R2 Richiami e falsi richiami Testo apiena pagina,
dimensioni: 190 135 mm; 24-25 righe Margini piegati Scrittura di una sola
mano Fogli bianchi: 148vo.
Legatura ad angoli del XVIII sec. (210 170) mm. Piatti in cartone coper-
ti di carta spruzzata (~Papiery zdobione, tav. 36: kibitzpapier, XVIII sec.).
Cinque nervi semplici. Dorso e angoli in cuoio marrone. Capitelli. Sul dorso
decorazioni con motivi fitomorfi impressi in oro, divise da filetti semplici.
In alto, su di unetichetta di pelle marrone il titolo impresso in oro: Spaccio
della bestia trionfante de Giordano Bruno. In mss. In basso la segnatura at-
tuale sulletichetta rossa. Contropiatti in carta decorata con motivi fitomorfi
(~Papiery zdobione, tav. 48: seconda met del XVIII sec.; Marbled Paper, tav.
X, 1-3: Germania, XVIII sec.). Carte di guardia bianche con filigrana: Dirk & Co.
Blauw (~Churchill, p. 13: Olanda, XVIII/XIX sec.).

Manoscritto eseguito nel XVII sec. Datazione in base alle caratteristi-


che paleografiche. Terminus post quem 1584, data della pubblicazione
dellopera. Luogo di esecuzione incerto. Lopera fu pubblicata a Londra ed
ebbe la sua diffusione in Europa e il codice non presenta caratteristiche
che permettano una localizzazione precisa oltre la filigrana della carta
di guardia e dei contropiatti. La prima e lultima carta imbruniti testi-
moniano che il ms. inizialmente non era rilegato. Legatura del XVIII sec.
eseguita prob. in Nord Europa, a giudicare dal tipo della carta usata (cfr.
supra). Su ambedue i contropiatti lexlibris con la dicitura Ex bibliothe-
ca Federici Iacobi. Il ms. appartenne al famoso filosofo tedesco Friedrich
Heinrich Jacobi (1743-1819) che non fu per il primo proprietario del co-
dice. Di proprietari anteriori non ci sono tracce. Nel 1820 la Knigliche Bi-
bliothek compr una parte della biblioteca del Jacobi tra cui lItal. Quart.
7; (cfr. lantico catalogo Cat 557, 13). Invece il catalogo dei libri di Jacobi

165
(Cat. A. 407) non annota tra opere di G. Bruno il ms. in questione. La se-
gnatura attuale Ms.ital.Quart.7 sulletichetta rossa del dorso e a f. Ivo Ms.
Ms.Ital.Q.to.7.; timbro della Knigliche Bibliothek a f. 1vo.
Lemm, p. 78.

ff. 1ro-148vo. Giordano Bruno: Spaccio della bestia trionfante. (1ro)


Titolo. >SPACCIO DELLA BE-STIA TRION-/ fante proposto da Giove/ effet-
tuato dal Conseglo, Re/ velato da Mercurio, recitato da So/ phia, udito da
Saulino, Regi/ strato dal Nolano. Diviso/ in tre dialoghi sub/divisi in tre
parti./ Consegnato al molto illustre/ edeeccellente Cavaliero, Sig./ Philip-
po Sidneo/ Stampato in Parig/ MDLXXXIIII< (2ro-147ro) Testo. >EPISTOLA
ESPLICATORIA SCRITTA al molto illustre et eccellente cavalliero Signor Phi-
lippo Sidneo dal Nolano< Cieco chi non vede il sole, stolto chi nol conosce,
ingrato chi nol ringratia... ...SAU. Horatio, me ne v alla mia cena. SOP.
Et io mi ritiro alle notturne contemplationi. >FINE< (147vo-148ro) Errata.
Il ms. una copia delledizione a stampa, Giordano Bruno, Spaccio della
bestia trionfante, Parigi (in realt Londra) 1584, curata dallo stesso Bru-
no. La copia corrisponde alledizione a stampa tranne poche varianti di
natura lessicale o ortografica e riporta anche le sue caratteristiche mate-
riali. il primo dei dialoghi morali, (un esemplare delleditio princeps
conservato nella BNN). Altre edizioni, tutte basate sulla pubblicazione a
stampa antica, cominciano nel XIX sec. a partire da quella di A. Wagner
Opere italiane de G. Bruno, Lipsia 1830. Particolarmente valida quella
in G. Bruno Dialoghi italiani, Dialoghi metafisici e Dialoghi morali, a c. di
G. Aquilecchia con note di G. Gentile nella collana Classici di Filosofia,
Firenze 1958. filologicamente pi corretta, prendendo in considerazione
tutti gli esemplari superstiti delle prime edizioni bruniane e correggendo
i pi vistosi errori. Limpostazione di questa edizione viene anche ripresa
dalledizione a c. di A. Negri, Milano 1970 con la Nota bibliografica, pp.
23-25. Le edizioni pi recenti sono: a. c. di M. Ciliberto, Milano 1985, 1994;
a c. di R. Sturlese, Napoli [1994]; a c. di E. Canone, Milano 2000. Per la bi-
bliografia dettagliata delle opere bruniane cfr. Bibliografia di opere di G.
Bruno e degli scritti ad esso attinenti, a c. di L. Firpo, II ed. Firenze 1958
e M. E. Severini, Bibliografia di Giordano Bruno 1951-2000, Roma 2002
nonch DBI, Giordano Bruno, s. v.

166
Ms. Ital. Quart. 9
Bartolomeo Dotti
I + 76 ff. + I 199 145 mm XVII/XVIII sec. Italia

Manoscritto in discreto stato. Macchie Fascicoli: 2XII48 + 1VIII64 + 1(VI)76


Foliazione a matita moderna Numerazione di tutti i componimenti fatta
nel margine sinistro da una mano diversa dal testo e posteriore alla stesura
del ms. Il numero complessivo di sonetti scritto dalla stessa mano a f.1ro,
accanto al titolo Testo a piena pagina, dimensioni: (150-170) (100-110)
mm; 30-33 righe Scrittura di una sola mano, poco curata, cancellazioni Su
ogni pagina due sonetti divisi da una linea orizzontale ad inchiostro tranne
ff.73vo-75ro dove sta unode (62 vo) incollato un pezzetto di carta con due
terzine del sonetto di sopra, correzione della stessa mano.
Legatura piena, semirigida, originale (201 148 mm). Piatti in cartone
coperti di pergamena, delimitati da un filetto impresso a secco. Cinque nervi
semplici. Sul dorso sei scomparti divisi dalle nervature e filetti orizzonta-
li impressi a secco in oro. Nel secondo scomparto su unetichetta di pelle
marrone il titolo impresso a secco in oro: Rime. Dotti. Contropiatti bianchi.
Carte di guardia legate ai contropiatti. Sul contropiatto anteriore lexlibris di
Filippo Domenico Beraudo, conte di Pralormo. Taglio irregolare.

Il manoscritto contiene sonetti di Bartolomeo Dotti (1651-1713) la cui uni-


ca pubblicazione avvenne nel 1689, il che costituirebbe terminus post quem
dellesecuzione del ms., se fosse stato copiato dalla versione stampata. Questo
non si pu constatare con certezza perch il ms. non corrisponde pienamente
alla pubblicazione a stampa. Le caratteristiche paleografiche nonch il tipo
della legatura permettono comunque la datazione tra la fine del XVII e linizio
del XVIII sec. Nel XVIII sec. lItal. Quart. 9 appartenne allaristocratico piemon-
tese, politico e noto bibliofilo Filippo Domenico Beraudo (1678-1758), primo
ministro del governo del Regno di Sardegna dal 1749. Lex-libris con larme del
Beraudo e una scritta che enumera i suoi incarichi reca la data 1734, lanno in
cui Beraudo fu nominato presidente del regio consolato, ma non si sa se il ms.
si fosse trovato nella raccolta prima o dopo questa data. Sullex-libris lantica
segnatura scritta ad inchiostro N. 498 e laltra 2847, cancellata. Sul dorso lanti-
ca segnatura 3, ripetuta ad inchiostro sul contropiatto anteriore. Visibili anche

167
altre tracce di antichi proprietari: la segnatura ad inchiostro XLII.A./V sul piat-
to anteriore e numeri sul contropiatto posteriore: N. 34; B308; alcuni cancella-
ti: N. 49; 324. Il ms. fu iscritto ai registri dingresso della Knigliche Bibliothek
nel novembre del 1830 (f. 1ro: numero dingresso Cat.Acc.219), comprato da
Francesco Valentini, regio professore di lingua e letteratura italiana a Berli-
no (cfr. il frontespizio del Gran dizionario grammatico-pratico italiano-tede-
sco e tedesco italiano, Lipsia MLDCCCXXXI), autore di manuali in tedesco di
lingua italiana, dizionari italo-tedeschi e libri sul teatro italiano, pubblicati in
Germania negli anni venti e trenta del XIX sec. e ripubblicati anche nel periodo
successivo. Lattuale segnatura: (1ro) ms. ital.quart.9. e sul dorso: parzialmente
cancellata; a ff. 1ro, 76vo timbri della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 78.

ff. 1vo-76vo. Bartolomeo dotti: Rime. (1ro) Titolo. >Delle/ Rime del Sig.r
Cavalier/ Dotti/ Sonetti. 295< (1vo-76vo) Testo. Dedicatione a S. E. il Sig.r Ger.mo
Cornaro Cavalier, Proc.re di S. Marco, Proveditor general da Mar con autorit
di Capitan Generale/ Sacrifico al mio Nume albori sacri/ Della mia sconcia
Dea... ...Famoso io morir ne le tue Infamie,/ Infame tu vivrai ne la mia Fama.
Raccolta di poesie (294 sonetti e 1 ode) di Bartolomeo Dotti (1651-1713). Non
si pu escludere che il manoscritto sia una parziale trascrizione delledizio-
ne a stampa, vista la dedica al primo sonetto che in modo quasi fedele ricalca
il titolo del volume stampato con il cognome del dedicatario, nonch il fatto
che tutti i componimenti del ms. appaiono anche nelledizione a stampa. Il
copista non trascrisse per tutte le poesie, omettendo soprattutto quelle di
carattere schiettamente erotico. Mancano anche alcuni sonetti doccasione.
In alcuni punti la collocazione dei singoli sonetti non corrisponde a quella
del volume. Il volume pubblicato a stampa: Delle rime di Bartolomeo Dotti i
Sonetti consacrati a Sua Eccellenza il Signor Girolamo Cornaro cavalier, pro-
curatore di S. Marco, proveditor generale da Mar con autorit di capitan ge-
nerale Venezia 1689, contiene in tutto 445 sonetti nella prima parte e nella
seconda unode di Dotti e alcuni componimenti in prevalenza di altri autori
con risposte del Dotti. un libro raro, il che favor unampia circolazione di
copie manoscritte. Il numero di manoscritti contenenti le rime di Dotti am-
monta a circa 170. (cfr. V. Boggione, Poi che tutto corre al nulla: le Rime di
Bartolomeo Dotti, Torino 1997. pp. 303-316: Nota bibliografica). Tra i mss.
citati da V. Boggione non viene menzionato lItal. Quart. 9.

168
Ms. Ital. Quart. 10
Bartolomeo Dotti
I + 199 ff. 215 (160-150) mm XVIII sec. Italia

Manoscritto in discreto stato La filigrana dei primi 10 fasc. contiene la


scritta BERGAMO (~Eineder, 1140-1144: XVIII sec.) Fascicoli: 11VI132 + 2XI176
+ 1(XII-1)199 Lultima carta dellultimo fascicolo costituisce il contropiat-
to Foliazione a matita recente Numerazione dei primi sei e del deci-
mo fasc. Richiami e falsi richiami Testo apiena pagina, dimensioni: (ff.
1-112ro) 180 (95-100) mm; 20 righe; (ff. 112vo-198vo) 190 (75-80) mm;
22-29 righe Scrittura di due mani: 1. (ff. 1-112ro), 2. (ff. 112vo-198) Fogli
bianchi: 199.
Legatura piena, del XIX sec. (225 168 mm). Piatti in cartone coperti di
carta marmorizzata color marrone. Al centro del piatto il super ex-libris del-
la Knigliche Bibliothek. Tre nervi semplici. Sul dorso liscio letichetta gial-
lina con il titolo ad inchiostro: Satire di Dotti. Contropiatti in carta bianca.
Carta di guardia legata al contropiatto. Taglio grezzo.

Il ms. contiene le satire di Bartolomeo Dotti (1651-1713), in parte pubbli-


cate postume solo nel 1757. Il contenuto non corrisponde a quella edizione,
quindi non una sua trascrizione. La datazione potrebbe basarsi soprat-
tutto sul tipo di carta usata. Una filigrana simile, ma non identica si ritrova
nelle carte del XVIII sec. (cfr. supra). La scritta BERGAMO, presente nella
filigrana indica come luogo desecuzione, se non la Lombardia, comunque
lItalia Settentrionale. La datazione e localizzazione sono difficili da pre-
cisare in quanto tra la fine del XVII e linizio del XVIII sec. giravano molte
versioni manoscritte delle poesie di Dotti e, a volte, solo a lui attribuite.
Il carattere polemico e scandalizzante della sua opera fece s che le sue
satire furono pubblicate soltanto postume nel XVIII e nel XIX sec. e le odi
addirittura nel XX sec. Il manoscritto fu eseguito da due mani diverse su
due tipi di carta, ma venne conservata la continuit: la mano cambia dopo
il titolo della poesia a f. 112vo, nellultimo fascicolo del primo tipo di carta.
Il ms. prob. aveva avuto unaltra legatura prima di quella moderna perch
la prima e lultima carta non sono imbrunite. pervenuto nella Knigliche
Bibliothek nel 1830 (f. 1ro: numero dingresso Cat. Acc. 220). Fu comprato

169
con altri manoscritti contenenti opere di letteratura italiana (Ital. Quart.
9; Ital. Quart. 12) da Francesco Valentini, cfr. lItal. Quart. 9. Lattuale se-
gnatura: ms. ital.quart.10. a f. 1ro e sul dorso; a ff. 1ro, 198vo timbri della
Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 78.

ff. 1ro-199vo. Bartolomeo Dotti: Satire. (1ro-198vo) Testo. >Alla Sig.ra


N.N. che aveva ricercato il K.r Dotti di consiglio in proposito di maritarsi/
Satira<A me chieder se dobbiate/ maritarvi? che dir? Che per ridere
da matta/ Basta sol guardarlo in ciera. una raccolta di poesie di Bartolo-
meo Dotti (1651-1713). Contiene 31 satire e 8 sonetti. La maggior parte dei
componimenti (32) furono pubblicati nelle edizioni: Satire, 2 voll., Gine-
vra (in realt Parigi), 1757, e Satire, 2 voll., Amsterdam (in realt Venezia)
1790, ristampa delledizione precedente; 2 satire si trovano nelledizione:
Satire inedite, 2 voll., Ginevra (in realt Parigi) 1797. Il ms. non costituisce
trascrizione di nessuna delle edizioni ed stato eseguito prima della pub-
blicazione a stampa. Nelle edizioni a stampa sopraccitate non si trovano 4
sonetti del ms. che risultano di attribuzione sbagliata. Infatti i sonetti: (f.
109vo) Pazzo poeta...; (f. 110vo) >Risposta al cavalier Dotti< Gazza (Razza)
che lordi...; (f. 111ro) >Risposta al cavalier Dotti< Anco a Treviso...; (f. 108vo)
>Per il Kavalier Dotti< In orrida prigion... non sono del Dotti. Nel ms. So-
netti e satire con sue risposte del Kr Bartolomeo Dotti della Correr, segn.
Archivio Morosini-Grimani 60 vengono attribuiti: i primi due a Pietro Pasi-
ni, il terzo a un certo prete Grotto e il quarto sembra comunque attribuito
a Dotti. Lautorit di Dotti venne negata da E. Filippini, cfr. Una miscella-
nea poetica del secolo XVIII contenente molte satire di Bartolomeo Dotti,
in Rassegna bibliografica della letteratura italiana 11-12/1906, (t. 14), pp.
326-339. I sopraccitati sonetti si trovano per in diverse copie manoscritte
delle satire con attribuzione dottiana (cfr. p.es. il ms. Ambros. Trotti 438).
Le edzioni moderne delle poesie di Dotti sono solo parziali, si limitano a
scelte in diversi tipi di antologie, o riproducono pubblicazioni precedenti,
tranne quella preparata da V. Boggione Odi e altre rime inedite, Brescia
1997, contenente opere finora inedite. Esiste una grande quantit di copie
manoscritte delle opere del Dotti. Tra circa 170 manoscritti esistenti Bog-
gione non annovera lItal. Quart. 10. (cfr. V. Boggione, Poi che tutto corre
al nulla..., cit,, pp. 303-316)

170
Ms. Ital. Quart. 11
Domenico Tempio
I + 310 ff. + I 200 145 mm XIX sec. (primo quarto) Italia italiano,
siciliano

Legatura piena, rigida della biblioteca, del XIX sec. (207 160 mm). Tre ner-
vi semplici. Piatti in cartone coperti di carta marmorizzata. Sul piatto ante-
riore il super ex-libris della Knigliche Bibliothek impresso in oro. Sul dorso
in alto unetichetta di carta con il titolo ad inchiostro: Poesie/ di/ Duminicu
Tempiu/ da/ Catania/ I. Contropiatti e carte di guardia in carta bianca.
Manoscritto eseguito tra il 1811 e 1830. Terminus post quem lultima
data presente nel testo; terminus ante quem liscrizione al registro della
Knigliche Bibliothek. Il codice contiene poesie del poeta catanese Dome-
nico Tempio, ma come luogo di esecuzione si potrebbe suggire il Nord Ita-
lia, vista la carta usata nel codice, anche se questo non ne costituisce una
prova decisiva. Le filigrane (cfr. infra) infatti rimandano alla cartiera della
famiglia Gigliotti, attiva fin dal XVIII sec. nei pressi di Genova. Anche la
carta con filigrana Polleri era prodotta nellItalia Settentrionale (Lombar-
dia). Il codice, composto di due parti, fu eseguito da due mani diverse, ma
in un arco di tempo breve, su uno stesso tipo di carta. La seconda parte
fu aggiunta dopo (non segnalata nellindice a f. 1), rimaneva per un po
di tempo senza copertina a giudicare dai ff. 301ro, 310vo imbruniti, tutti i
fogli piegati in due, ed pi sciupata della prima parte. Le parti sono state
unite prob. nellatto di rilegare, avvenuto gi nella biblioteca. La legatura
eseguita nella prima met del XIX sec. simile a quelle dei mss. Ital. Quart.
10; Ital. Quart. 12; Ital. Quart. 13. Tutti questi codici nonch lItal. Quart. 9
sono arrivati nella Knigliche Bibliothek nel 1830, comprati da Francesco
Valentini (cfr. supra lItal. Quart. 9). LItal. Quart. 11 e lItal. Quart. 12 con-
tenenti ambedue i mss. i versi di Domenico Tempio e scritti dalla stessa
mano, provengono forse da una stessa fonte, il f. 1ro in basso reca la scritta
Bertuccio des, forse si tratta di un compilatore del codice o il suo possesso-
re, non identiificato. A. f. 1ro il numero dingresso Catalog. acc.221. Lattuale
segnatura: ms. ital.quart.11. a f. 1ro; a ff. 1ro, 310vo timbri della Knigliche
Bibliothek.
Lemm, p. 78

171
(I) ff. 1ro-300vo

Manoscritto in buono stato Filigrane: contenenti motivo del sole e scrit-


te POLERI, NICCOLO, DEFERRARI; GHIGLIOTTI; GHIGLIOTO (~Eneider, 1673:
Lombardia 1788; ~Churchill, 383: Genova 1750) Fascicoli: 1(III+1)7 + 7II35 +
1III41 + 8II73 + 1IV81 + 26II185 + 1I187 + 3II199 + 1(I+1)202 + 3II214 + 1I216 + 7II244 + 1IV252 +
1II256 + 1I258 + 2VI282 + 1(VI-1)293 + 1(III+1)300 Paginazione originale ad inchiostro
Foliazione a matita recente Testo apiena pagina, dimensioni: (160-197)
(70-130) mm; 29-34 righe Margini piegati Scrittura di una sola mano, cu-
rata. Poche cancellazioni In margine poche annotazioni della stessa mano
(1ro) in basso scritta: Bertuccio des Decorazioni: semplici spirali ad inchio-
stro (1ro, 12ro, 20vo, 55ro, 56ro, 97ro, 102vo, 105ro, 110vo, 114ro, 190vo, 182vo, 198ro,
202ro, 214ro, 230ro) Fogli bianchi: 1vo, 3vo, 35vo, 55vo, 74vo, 97vo, 105vo, 106vo,
114vo, 120vo, 141vo, 195vo, 206vo, 210vo, 214vo, 216, 225vo, 230vo, 231vo, 232, 239vo.

ff. 1ro-300vo. Poesii di Duminicu Tempiu da Catania. Tomu primu. Te-


sto. (2ro-3ro) Indice. (4ro-11vo) Lettere. >Lettera Del Canonico Gio. Agostino
de Cosmi a Francesco Sovano< Mio Sig.r D.n Franacesco/ Da due vostre gen-
tilissime lettere restavo prevenuto... ...Palermo 24 Giugno del 1800/ Ill.mo
Francesco Sovano/ Catania/ Vostro Oblig.mo Serv.e ed amico Gio. Agostino de
Cosmi; >Altra del medesimo< Venerabilis.mo Sig.r D.n Francesco, Sono restato
in dietro dun obligazione a cui dovea sodisfar prima doggi... Riveritissi-
mo Sig.r D.n Francesco, rimango dichiarandomi qual sono per sempre/ Paler-
mo 12. Agosto del 1800/ Vostro Oblig.o Serv.e ed amico di cuore/ Gio. Agosino
de Cosmi; >Altra del medesimo a Domenico Tempio<Allamatissimo Domeni-
co Tempio/ Gio. Agostino de Cosmi saluta, Voglio scrivere alla Romana cio
senza la pompa delle frasi moderne... Amami almeno quanto io ti amo.
Alli sette della Calenda di Settembre; >Altra di D.n Rosario Scuderi e Quat-
trocchi a Francesco Sovano< Amico Carissimo, Non ebbi il comodo di rispon-
derti la scorsa settimana... che il mio nome passerebbe immancabilmente
ad unacerta posterit etc.../ Il tuo/ Rosario Scuderi Quattrocchi; >Altra di de
Cosmi a Francesco Sovano< Mio veneratis.mo Sig.r D.n Francesco, Riscontro la
vostra pregiatissima lettera del 24... ...i riverisco di cuore, e di cuore mi ri-
peto/ Palermo 3. Marzo 1801/ V.ro Serv.e ed Amico, che vi venera ed ama/ Gio:
Agostino de Cosmi.; >Altra del medesimo< Sig.r D.n Fran.co mio Riv.mo,/ Il vo-
stro piego segnato a 29 giugno mi fu reso tre giorni or sono... Addio di

172
cuore, mio amatissimo sig.r D.n rancesco, credetemi semopre qual sono./ Pa-
lermo 28 Luglio 1801./ Il vostro Serv.e ed Amico, che vi ama/ Gio: Agostino de
Cosmi; >Altra del Medesimo< Mio Gentilis.o Sig.r Dn Francesco, Immaginava
bene che il nostro Tempio conservasse un ramo dellantica vena... Addio,
sono sempre di cuore/ Palo 12 Feb. 1808/ Il vostro obblig.mo servo ed amico/ P.
Agostino de Cosmi. (12ro-97ro) Drammi. >LA SCERRA DI LI NUMI<Esc.[ula-
piu]: Re di li lampi e trona/ Gran Giovi varvasapiu/ Difenni dEsculapiu/
Loppressa verit...; >LU CUNTRASTU MAURU< Gio[vi]: Chi pesta vaccarpau?
Ogni momentu,/ O Dei, autra non sentu; >LA PACI DI MARCUNI< Rig[uri]:
Tu di pupu, o tu si Diu/ Di giustizia e di riguri?...; >AMURI VENDICATU/
dramma/ in Lodi di lu poeta Merraffinu/ in occasioni di li felici soi nozzi<
Fusinu dun vastu ed anticu dammasu. In vicinanza un strepitusu murmuriu
dacqui...; >LACEDDI< ARGUMENTU/ D.n Antoniu Mancinu ex-cappucinu
spariu di Catania gnuranti e poveru ; (98ro-300vo) Poesie varie. >LABBUN-
NANZA< Nellura ca li sonnu a li murtali...; >In occasione dessiri lAuturi sta-
tu chiamatu pri fari una cantata< Dun estru accisu furiusu e baldu...; >ODI
SAFFICA< Gi tirrimoti, strepiti e ruini...; >LA FILOSOFIA< Quannu in soghiu
cc la fantasia...; >LA NATURA< Chiddu chi reggi lu Parnassu e Diu...; >LA
GUGLIREIDI, CANTU I< Li fimmini, li masculi, lamuri...; >Lu Tempu< Sciddi-
ca e scurri, e non ha liggi e fidi...; >Lu Tempurali< Eranu in celu catasti, cata-
sti...; >Supra lIgnuranza< O fu sonnu, o visioni...; >Ditirammu Primu< Quan-
nu valia lu vinu...; >Ditirammu Secundu< Era la notti e gi faceva scuru...;
>Pri li Canonici di la Cullegiata. Sonettu I< Camaleonti tuttu nomu e sonu...;
>Sonettu II< Nomu di vanit senza profittu...; >Sonettu III< Nipitedda! Dinari
non cci nn...; >Sonettu IV< Culovria chi la peddi ha culurita...; >Li dui cori<
Mama tenera e costanti...; >Tirsi a Nici< Non mi voi? Chi taju fattu...; >LEst<
Uh, chi caudu! Uh chi nuttata...; >A Nici< Dui palummeddi amici...; >A Fillidi<
Cara Filli, lu miu geniu...; >A Fillidi< Quali incantu a lu to latu...; >A Nici< In
chi di lalma mia...; >A D.n Rusariu< Iu non pozzu,o D.n Rusariu...; >LU DELI-
RIU< Si taggranciu, amatu Numi...; >Ad un SS. Crucifissu< Ntra nna sala
ndorata e a ricchizza...; >LI VASUNI< Jorna sunu a mia da vui...; >LI GIUDIZJ
TMIRARJ< Quantunqui lomu avissi uneccellenti... >LARANCIU E LU SAR-
MENTU< Ntra lu stissu urticeddu e ntra lu stissu; >LA FACCI TOSTA< Cui di
la facci tosta va cuntrariu...; >LA LIBRARIA< Giovi ed Apollu un gnornu...;
>Per un superbu orvu dun occhiu. Sonettu< Comu a nui dui occhi avia...;
>Supra lignoranza. Sonetto< Mentri oziusu pasculava...; >Pri la controver-

173
sia di la Muzzetta. Sonettu< Sci attirrati cc livuri...; >Sonettu< Non ti desi lu
Celu indarnu o a casu...; >Pri la morti di Mons.r Vintimighia. Sonettu< Bruti
vui, chi pri vui non conusciti...; >Sonettu< Marretta un picciriddu di la ma...;
>Lu Retturi Marretta ad alcuni seminaristi. Sonettu< Va iti fora di lu Simina-
riu...; >A D.n Giusippi Garanu pri certi favi e non favi. Sonetto< Aspetta, as-
petta e aspittannu mi fai...; >Supra un Scifu di petra, chi fu trovatu in Aci< Ti
fici scifu ritruvari...; >Proposta di D.n Giuseppi Leonardi< Miciu, tu mi sai diri
pirch mai...; >Risposta di lAuturi< Peppi, pinseri ti nni pighi assai...; >Can-
zuna ccu la cuda< Eccu un Lumbardu supra la Lumbarda...; >Lu Paturnisi a
Catania per avirsi sdiruppatu lu molu in un temporali< Luttu, duluri, baddi
di pistolu...; >Risposta di lAutori< Lu Molu si sburdiu, rifarsi p...; >Pri lu
trasportu di la Statua di Cereri< In tutta sta Citt/ sentilu e sturdi...; >So-
nettu< Anima fridda, Testa ca si senti...; >Pri la morti di D.n Giuseppi Miruni.
Sonettu< Geniu immortali e comu nni lassasti...; >LAforismu dIppocrati< Ip-
pocrati suleva spissu diri...; >Sonettu magistrali< Su venuti li jorna bacca-
nali...; >CICALATA 1803< Mentri chin lu cirveddu allammicava...; >A Monsi-
gnur Deodati, Pri la promozioni di lultimi tri Canonici< Quannu Dominiddiu
da laltru seggiu...; >Ad una Signurina< Pri la morti dun cunighiu...; >A nna
fighia di Scarparu< Scarparotta, ca di peni...; >La Brunetta< Non si bianca,
si brunetta...; >A Nino< Via, parramu a cori apertu...; >LA MALDICENZA
SCONFITTA A S.E. SIG. BARUNI D. PAULU PERRAMUTU CAPITANU GIUSTI-
ZIERI DI CATANIA PRI LANNO 1807, 1808< Iu cantu e Vui bisogna chi suffri-
ti...; >LA GIRASA< Grandimprisi, o miu Signuri Li mei Augurj e li mei
Voti. >FINI< Il manoscritto contiene le opere poetiche: drammi e versi del
poeta catanese Domenico Tempio (1750-1821). La prima edizione delle rime
del Tempio ebbe luogo relativamente tardi: Operi di Duminicu Tempiu
catanisi, t. I-III, Catania 1814-1815. Ledizione successiva fu postuma, Poe-
sie di Domenico Tempio, t. 1-4, Catania 1874. La pubblicazione di Tempio
trovava difficolt per il carattere satirico, spesso erotico e non di rado ad-
dirittura pornografico della sue opere. Il ms. Ital. Quart. 11 non una copia
delledizione del 1815 e non ha legami diretti con questa pubblicazione in
quanto comprende soltanto alcuni testi ivi racchiusi (precisamente 6 let-
tere scritte dallamico e ammiratore di Tempio, il canonico Agostino de
Cosmi e 21 componimenti). 41 componimenti del ms. furono pubblicati nel
1874 (alcuni ripetevano ledizione precedente), ma alcuni testi risultano
inediti. Si tratta di una delle lettere introduttive: quella di Don Rosario

174
Scuderi e Quattrocchi a Francesco Sovano e di una quindicina di poesie
soprattutto di carattere occasionale. Sono: >LACEDDI<; >In occasione des-
siri lAuturi statu chiamatu pri fari una cantata< Dun estru accisu furiusu e
baldu...; >Li giudizj Tmirarj< Quantunqui lomu avissi uneccellenti...; >La
facci tosta< Cui di la facci tosta va cuntrariu...; >Per un superbu orvu dun
occhiu. Sonettu< Comu a nui dui occhi avia...; >Supra lignoranza. Sonetto<
Mentri oziusu pasculava...; >Sonettu< Marretta un picciriddu di la ma...;
>Supra un Scifu di petra, chi fu trovatu in Aci< Ti fici scifu ritruvari...; >Pro-
posta di D.n Giuseppi Leonardi< Miciu, tu mi sai diri pirch mai...; >Risposta di
lAuturi< Peppi, pinseri ti nni pighi assai...; >Lu Paturnisi a Catania per avirsi
sdiruppatu lu molu in un temporali< Luttu, duluri, baddi di pistolu...; >Ris-
posta di lAutori< Lu Molu si sburdiu, rifarsi p...; >Sonettu magistrali< Su
venuti li jorna baccanali...; >Cicalata 1803< Mentri chin lu cirveddu allam-
micava...; >A Nino< Via, parramu a cori apertu... Un componimento si tro-
vato nelledizione: Domenico Tempio, Poesie scelte siciliane, Catania
1907. Generalmente, le edizioni relativamente numerose (pi di una deci-
na) che appaiono nel XX sec., sono ristampe dei versi gi pubblicati con
poche novit e mettono spesso in rilievo la parte erotica dellopera del
Tempio. Nella Biblioteca Civica di Catania si trova invece una ricca colle-
zione di manoscritti anche autografi, recanti le opere tempiane, tra cui
quelli contenenti miscellanee di poesie come Civ. Mss. B. 305; Civ. Mss. D.
301; U. R. Mss. E. 29. Testo parzialmente inedito.

(II) ff. 301ro-310vo

Manoscritto in discreto stato Filigrane: contenenti motivo del sole e scritte


POLERI, NICCOLO, (~Eneider 1673: Lombardia 1788) Fascicoli: 1V310 Pagina-
zione moderna a matita, segnata solo sui recto dei fogli, che continua quella
della parte I Foliazione a matita recente Testo in una colonna, dimensioni:
195 70 mm; 18-34 righe Margini piegati Scrittura di una sola mano, di-
versa dalla parte I Fogli bianchi: 301vo, 310vo.

ff. 301ro-310ro. Domenico Tempio: Odi a Baccu. Testo. >In occasione di la


carestia di vinu di chistanno< Da li maligni Fluidi... ...Mi lassa e si nni va. Lode
pubblicata sia nella prima edizione del 1815 sia in quella seconda del 1874.

175
Ms. Ital. Quart. 12
Domenico Tempio
I + 60 ff. 213 150 mm 1812-1830 Italia (Sicilia ?) italiano, siciliano

Manoscritto in discreto stato. Tracce di intervento conservatore: le pri-


me carte incollate sulla braghetta Fascicoli: 1IV8 + 4II24 + 1(II+1)29 + 6II53 +
1(II+1)58 + 1I60 Paginazione a inchiostro coeva a partire da 7ro Foliazione a
matita moderna Testo apiena pagina, dimensioni: 180 120 mm; 24 righe
Scrittura di due mani (1. mano a f. 2ro, brutta copia di annotazioni in italiano;
2. mano il resto del testo in siciliano) Fogli bianchi: 2vo, 3vo, 5ro, 60vo.
Legatura della biblioteca di Berlino, piena, rigida del XIX sec. (210 153
mm). Tre nervi semplici. Piatti in cartone coperti di carta marmorizzata co-
lor marrone. Al centro del piatto anteriore il super ex-libris della Konigliche
Bibliothek impresso a secco in oro. Sul dorso letichetta giallina con il titolo
Saggio per li teatri e la segnatura moderna, scritte ad inchiostro. Contropiat-
ti in carta bianca.

Datazione: terminus post quem 1812, data segnata nel testo; termi-
nus ante quem 1830, anno dellacquisizione da parte della Konigliche
Bibliothek. Localizzazione: Italia. Il ms. scritto da due mani: f. 2ro un
commento a unode in italiano a cui segue il testo del dramma in siciliano.
Anche se il commento di f. 2ro non legato al resto del ms. ed scritto da
unaltra mano, il foglio non stato aggiunto dopo e costituisce parte in-
tegrale del primo fascicolo. Il ms. pervenuto alla Konigliche Bibliothek,
insieme ad alcuni altri testi di letteratura italiana nel 1830 (2ro, numero
dingresso Cat. Acc. 218), comprato da Valentini, insegnante di italiano (cfr.
lItal. Quart. 9). Non escluso che lautore di qualcuno dei mss. e il primo
possessore fosse Valentini. La legatura eseguita nella biblioteca. A f. 1ro e
sul dorso la segnatura attuale ms. ital.quart.12; (1vo, 60vo) timbri della
Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 78

ff. 2ro-60ro. Domenico tempio: Lu Jaci in pretisa. (1ro) Titolo. >Saggio


per li teatri< (2ro) Testo. Nellode sopra lignoranza tutte le ricchezze
dellImpero Romano (3ro) Frontespizio. >LU JACI IN PRETISA< Dramma per

176
Musica/ Da rappresentarsi Figuratu nellu Pianu/ di Jaci nelloccorenza di
festeggiari la/ vittoria ottenuta contra di Catania/ Dedicata/ A lu distin-
tu meritu di S. E. Sig.ra/ D.a Jumenta Falba/ Marchisa Garifu ec. ec. Nobili
Dama/ Jacitana/ Sutto la cura e direzioni di li Magnifici/ Signuri/ D.n Lauru
Metallinu B.ni di la Risughia/ D.n Bosu Costanzu Cavaleri di lAnticoghia/
D.n Quatrupedanziu Mureddu/ M.ru Billoniu Tistardu/ Deputati/ Musica di
D.n Arraghiu di Maju Mastru di/ Cappella di Jaci/ Pogia di lAbbati Testa
dIncunia/ Inventuri di li Sceni D.n Venniru Cacaspicchia/ Stampatu a Bed-
duvirdi nelli Torchi di/ lu Maniscalcu Reali MDCCCXII. (4ro) Dedica. >A lu
Meritu Distintissimu/ di la Signura/ D.a Jumenta Falba Marchisa Garifu ec.
Nobili Dama Jacitana< Madama, Lu Jacitanu talentu non putia scar-tarivi
un pezzu chi majusculu di lu Jaci in pretisa... mentri nui vi la cantamu,
e sunamu sutta la fauda di lu vostru patrociniu. >Li Deputati< (5vo) Perso-
naggi (6ro-6vo) Testo della prima scena cancellato. (7ro) Titolo. >Lu Jaci
in pretisa/ 1812< (8ro-60ro) Testo. >Parti prima/ Scena I< Orti di lOlimpu
sparsi damena virdura spissu interutta da qualchi Burgiu di Fenu e da vari
ed ineguali munzedda di grassura... Cci dia novu alimentu/ Lu pubblicu
cuncentu/ Chiamannuvi tutturi/ Lu nostru amuri = e lIdolu,/ Glora di sta
Cit. >Lu Fini< Dramma per musica Lu Jaci in pretisa di Domenico Tem-
pio (1750-1821). Costituisce una satira sulla discordia tra le citt di Acireale
e Catania, legata a una nuova divisione amministrativa della provincia. Il
nostro ms. nonch le pubblicazioni posteriori suggeriscono che la comme-
dia fosse stata pubblicata a stampa nel 1812: Bedduvirdi nelli Torchi di/ lu
Maniscalcu Reali MDCCCXII. Questo significherebbe che il testo costituisce
una copia di questa pubblicazione. Le edizioni successive sono posteriori
al 1830, in: Poesie di Domenico Tempio, t. 1, Catania 1874, p. 65; D. Tempio,
Poesie siciliane, Catania 1926, p. 28. Tutte e due le edizioni segnano come
luogo della pubblicazione del 1812 Ferrara. Non si riuscito per a rintrac-
ciare questa edizione e le bibliografie accessibili non la confermano. Si
pu quindi trattare di una mistificazione letteraria. Nella Biblioteca Civica
di Catania si trovano parecchi esemplari, anche autografi di brutte copie
e di frammenti del dramma, tra cui il ms. Civ. Mss. D. 303, scritto da pi
mani che contiene il testo completo con un frontespizio identico allItal.
Quart. 12 e che indica come luogo di edizione Bedduvirdi (Valverde lo-
calit nella provincia di Catania). Per le notizie sullautore cfr. anche DBI,
Domenico Tempio, s.v.

177
Ms. Ital. Quart. 13
Giovanni Pozzobon (Schieson) Traduzioni di testi letterari
dal francese
I + 75 ff. 205 145 mm (tranne ff. 13-16: 163 103 mm; ff. 30-31: 295 195 mm)
XVIII sec. (seconda met) Nord Italia (Treviso)

Legatura piena, rigida della biblioteca, del XIX sec. (210 155 mm). Tre
nervi semplici. Piatti in cartone coperti di carta marmorizzata. Sul piatto
anteriore il super ex-libris della Knigliche Bibliothek impresso in oro. Sul
dorso in alto unetichetta di carta con il titolo ad inchiostro: La Mola. Etc.
Contropiatti e carte di guardia in carta bianca.

Codice eseguito nella seconda met del XVIII sec., composto di due par-
ti scritte su due tipi di carta, da mani diverse e divergenti nella tematica. La
prima parte che contiene le poesie di Giovanni Pozzobon detto El Schieson
(1713-1785) e componimenti a lui dedicati, fu compilata negli anni 1752-55
a Treviso. Datazione e localizzazione sono possibili grazie alle formule
dellimprimatur e dellapprobatio (8ro, 11vo, 24ro, 28vo, 29ro, 31ro, 41vo). A
quellepoca Pozzobon lavorava nella tipografia di Bergami, dove dal 1744
pubblicava una specie di almanacco El Schieson Trevisan, Prognostico.
Prob. i testi del manoscritto erano preparati per la pubblicazione nellal-
manacco. La seconda parte del ms. stata eseguita verso la fine del XVIII
terminus post quem1777 perch menziona, effettuata in quellanno, la
pubblicazione a Yvardon delle Opere di De la Harpe. Contiene le brutte
copie di frammenti dei diversi testi letterari, prove di traduzioni di Ovidio,
traduzioni di testi francesi, commenti. Anche questi testi possono essere
stati composti nellambiente della tipografia di Bergami. La carta con la
filigrana che rappresenta unaquila bicapite con le iniziali AM potrebbe
indicare la cartiera fondata nel 1783 da Andrea Maffizzoli a Toscolano.
possibile che le due parti siano state unite solo nellatto di rilegare. La
legatura eseguita nella prima met del XIX sec. simile a quelle dei mss.
Ital. Quart. 10; Ital. Quart. 12; Ital. Quart. 11. Tutti questi codici nonch lItal.
Quart. 9 arrivarono nella Knigliche Bibliothek nel 1830, comprati da Fran-
cesco Valentini (cfr.: lItal. Quart. 9). Il ms. Ital. Quart. 13 segnato nel re-
gistro dingresso con il numero dingresso 216 che per non appare nel

178
codice. Lattuale segnatura: ms. ital.quart.13. a f. 1ro e sul dorso; a ff. 1vo,
310vo timbro della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p.78-79.

(I) ff. 1ro-41vo 1752-1755 Treviso dialetto trevigiano italiano

Manoscritto in discreto stato Fascicoli: 1IV8 + 2II16 + 1IV24 + 1(II+3)31 + 1V41


Foliazione a matita moderna (2ro-7vo) Falsi richiami Testo apiena pagina
o a una colonna, dimensioni varie: (150-280) (100-115) mm; 19-45 righe
Scrittura di una mano tranne ff. 26ro-27vo (13ro-16vo) incollato un opuscolo
stampato in ottavo (8ro, 11vo, 24ro, 28vo, 29ro, 31ro, 41vo) formule dellappro-
batio e dellimprimatur Fogli bianchi: 8vo, 12, 24vo, 29vo, 31vo.

ff. 1ro-41vo. Giovanni Pozzobon detto El Schieson: Poesie. Testo. (1ro-


8r ) >La MOLA< Cos Siora Cattina che me par... di dir mai le fenisse (9ro-
o

11vo) >Risposta del Schieson al Famoso Barbiero Pattachin< Dai e ridai...


chi g manc giudizio de nudi. (13ro-16vo) Testo stampato, Verona MDCCLIV
>Lettera affettuosa e caritatevole scritta al Schieson< Carissimo amigo/ Schie-
son mi da Poeta... O che la carit ve sar fatta.>IL FINE< (17ro-21vo) >Ris-
posta del Schieson alla lettera dellAmigo Poeta Veronese/ Avviso< Sta lettera
che qua ...e assicureve che ve g dellamar (22ro-24ro) >Altra Risposta di
N.N. alla Lettera di Veronese/ Avviso del Schieson< Tanto fa compassion ...
giunta quella ei venir di volo. (25ro-27vo) >Risposta della Veronese al Schie-
son. Avviso del Schieson< Letta se sta risposta ... de veder el Schieson in sti
contorni. (28 ro) >Chiusa del Schieson< La chiusa questa qua... si no, bon-
disioria a casa stago. (28vo) >Altro avviso del Schieso< Dalla famosa stampa
da Vicenza ...E per man come va sto sior toremo. (29ro) >Sonetto< Grilletta,
ha troppi grilli... Dimostra che hai bisogno di salute. (30ro-31ro) >Allo Schie-
sone di Treviso, Amico Chibaniso di Venezia/ Capitolo< DAdria felice
come imparaste voi lepido e quieto. (32ro-41vo) >La MOROSA SAVIA/ Dialogo
dello Schieson/ Avviso< Se tutte le morose ho ditto quanto basta. Schiao
patron. >Il Fine< Poesie di Giovanni Pozzobon detto El Schieson (1713-1785),
poeta, redattore di un almanacco ed editore. Visse e pubblic a Treviso. Dal
1744 cominci a pubblicare Prognostico Schieson Trevisan (cfr. G. Trento,
Notizie intorno alla vita e alle opere di G. P., Treviso 1785; A. Marchesan,
Un celebre popolano di Treviso, in Nuovo Archivio Veneto, 1906 (XII);

179
G. V. Omodeo Zorini, El gran Schieson del vernacolo stile ver esemplar,
s. l. 1984). Molti dei suoi testi, nonch quelli a lui dedicati o indirizzati, gi-
ravano in stampe volanti. I testi dellItal. Quart. 13 erano preparati per la
pubblicazione a Treviso dalleditore Bergami negli anni 1752-55, il che risulta
dalle formule dellimprimatur ed approbatio firmate dalle relative autorit.
Prob. furono pubblicati nel Prognostico. Il confronto con il ms. 644 della
Biblioteca Comunale di Treviso che contiene un campione della scrittura del
poeta, permette di avanzare lipotesi che tutti i testi ad eccezione di quelli
dei ff. 13ro-16vo (testo stampato, Verona MDCCLIV) e dei ff. 26ro-27vo, siano
autografi del Pozzobon. Nelle biblioteche di Treviso si sono conservate po-
che sue pubblicazioni antume e praticamente quasi non esistono numeri
del suo Prognostico, forse da ritrovare tra i materiali dellAS Treviso, le cui
raccolte risultano catalogate in una minima parte. Le opere dello scrittore
trevigiano furono pubblicate postume: Opere di Giovanni Pozzobon, Pa-
dova s.d. (prob. 1787), t. 1-5. (1. tomo pubblicato anche a Treviso nel 1787);
Poesie edite ed inedite di Gio. Pozzobon, Treviso 1832, t. 1-8. Nelledizione
del 1787 sono stati pubblicati tutti i testi dellItal. Quart. 13: nel t. 3 La mola
e La morosa savia; nel t. 5 altri componimenti. Il confronto del ms. con le
edizioni a stampa permette di notare poche differenze di carattere redazio-
nale; i componimenti portano alcune cancellazioni e correzioni. Le edizioni
seguono a volte la versione cancellata a volte quella corretta. Inoltre si nota-
no minime differenze lessicali e la mancanza, nel manoscritto, di qualche
verso o strofa.

(II) ff. 42ro-69vo Terminus post quem: 1777 italiano francese

Manoscritto in discreto stato Filigrane: stemma (corona aquila bicapite)


iniziali MA Fascicoli: 1(XI-2+1)62 + 1(VII-1)75. Lultima carta dellultimo fasc.
costituisce il contropiatto Foliazione a matita moderna Richiami e falsi
richiami Testo apiena pagina o a una colonna, dimensioni: 180 (110-120)
mm; 17-25 righe Scrittura di due mani (1. mano: ff. 42, 65-69; 2. mano: ff. 43-
64) Fogli bianchi: 64vo, 65vo, 68vo, 70-75.

ff. 42ro-69vo. Vari testi letterari tradotti in italiano. Testo. (42ro-


42v ) Prove di penna, annotazioni (43ro-46vo) Si crede che Ovidio sia stato il
o

ritrovatore... Assoupit nos douleurs, et pardonne aux faiblesses. (46vo-49vo)

180
>Annibale a Flaminio< Trionfa, e vedi alfine, o de Tiranni/ Ministro... ...Che
i tuoi delitti, e dAnnibale i voti. (50ro-57ro) >Servilia a Bruto dopo la morte a
Cesare/ (questa Eroide riport il premio poetico nellAccademia di Marseglia
lanno 1767)< Cesare, o Bruto pi non vive, e omai... Che pi di me sii sven-
turato un giorno. (57ro) >Lettera del Traduttore al Sig.r Ab. G.B.G< Amico, Luso
che volete fare dai piccoli squarci... ...la grande barriera del pregiudizio. >Ad-
dio< (58ro-64ro) >Lettera a Palmira/ (premessa ad un trattato di filosofia)/
recata dal francese< O voi, alla quale propongo dunirmi un giorno... Con-
vien sempre finire col seguir la natura e colladorare Palmira. (65ro) (1) ci av-
venne nella guerra farsalica... ...se gli fosse stato figliuolo. (66ro) Ornatissimo
sig. Conte/ Per darsi un saggio di quel dovere... ...decorata in cos fausta occa-
sione. Il ms. comprende nella maggioranza frammenti di traduzioni italiane
dal francese. (43ro-46vo) Traduzione italiana del saggio Hroides di J.-F. de
la Harpe; (46vo-49vo) traduzione della poesia di Annibal Flaminus di J.-F.
de la Harpe; (50ro-57ro) traduzione della poesia Serville Brutus aprs la
mort de Csar di J.-F. de la Harpe; (57ro) lettera del traduttore alleditore;
(58ro-64ro) traduzione dal francese di un trattato filosofico non identificato;
(65ro) note al testo dei ff. 50ro-57 ro; (66ro) brutta copia di una lettera del tra-
duttore a un mecenate o dedicatario dei testi precedenti; (66vo-69vo) prove
poetiche, annotazioni. Autore delle traduzioni non identificato. Testi ricavati
dalle opere di de la Harpe, tra laltro frammenti di Hrodes nouvelles, pr-
cdes dun essai sur l hroide en gnral (1759) in Oeuvres de la Harpe,
Tome second, Paris 1778. Alcune opere del de La Harpe vennero tradotte
e pubblicate in Italia, ma non sono stati ritrovati i testi dellItal. Quart. 13.
Prob. inediti.

Ms. Ital. Quart. 14


Commissione del doge Marino Grimano a Francesco
Contarini
Membranaceo I + 226 ff. + I 225 160 mm XVII sec. (inizio) Italia (Veneto)

Manoscritto in discreto stato. Alcune carte parzialmente imbrunite. Tracce


di lavori di restauro: ff. 128, 175 buchi rattoppati con carta velina Fasci-
coli: 1V9 + 1V19 + 1(V-2)27 + 1(V-1)36 + 4V76 + 1(V-1)85 + 13V215 + 1V+1)226. Mancano
cinque fogli: 1 tra i ff. 8 e 9, 2 tra i ff.19 e 20, 1 tra i ff. 35 e 36, 1 tra i ff. 83 e 84.

181
Mancano uno o pi fascicoli dopo il f. 205 (il testo non finito) Foliazione
originale con linchiostro (ff. 1-205). A partire da f. 9 unaltra foliazione, mo-
derna, a matita (doppia su ff. 206-226) Richiami verticali alla fine di ogni
fascicolo Rigatura a inchiostro dorato Testo a piena pagina, dimensioni:
170 (115-130) mm; 23-24 righe Due mani. Seconda mano da f. 206ro, a f.
216ro torna la prima (1ro) rubrica in oro in scrittura capitale, con iniziali e
decorazioni con motivi floreali. Iniziali semplici Fogli bianchi: 226vo.
Legatura originale (235 170 mm). Piatti in legno coperti di velluto. Capitel-
lo. Quattro nervi semplici. Sui piatti tracce di fissaggio di unarma, di altre de-
corazioni e di quattro fibbie. Sul contropiatto iniziale a inchiostro: F. e su quello
finale, a inchiostro: I 20 (forse della stessa mano uniniziale del proprietario e
una segnatura precedente, cifre prob. dellinizio del XVII sec.). Tagli dorati.

Il codice fu eseguito allinizio del XVII sec. a Venezia. Ci si desume


dalle date che appaiono nel testo (f. 200vo: 17 agosto 1601) e dalla data di
morte (1605) del doge Grimani che commission il ms. Il secondo copi-
sta aggiunse altri documenti, del periodo coevo. Il codice un prodotto di
lusso destinato a un nobile che fu il suo primo proprietario, Francesco
Contarini (doge di Venezia negli anni 1623-1624) mandato a Vicenza come
capitano della citt. Se le scritte sui contropiatti sono tracce dei proprie-
tari precedenti, si pu assumere che il codice pass abbastanza presto in
una collezione privata (forse gi nel XVII sec.). La Knigliche Bibliothek di
Berlino compr il codice nel 1835 dal libraio berlinese Fincke. (1ro) a mano,
numero dingresso: Cat. acc. 754 e la segnatura attuale. (1ro, 266vo) timbro
della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 79.

1ro-226ro. Commissioni del doge Marino Grimani a Francesco Conta-


rini (1ro-205ro) Testo: >NOS MARINUS GRIMANO DEI GRATIA DUX VENETIA-
RUM ETC. COMMETTEMO< a te nob[il] Ho[mo] >FRANCESCO CONTARINI<
diletto cittadino, et fidel nostro, che in nome del Sigr nostro ms. >GIESU CRI-
STO< vadi et sii de nostro ordine >CAPITANIO< della Citt nostra di >VICEN-
ZA< per mesi sedeci, et tanto pi quanto il tuo successore differir a venir de
li, havendo buona, et diligente sollecitudine per la custodia, et conservatione
di detta Citt, si come della bont, et prudenza tua pienamente si confidamo...
...et il notar sentente di conficationi, siano in obligo di tenir in libro a par-

182
te nota particolare dallun canto della denuntia, et dallaltro della sententia,
che fosse fatta, la qual debbano notar fedelmente, sotto pena pecuniaria, et
corporale ad arbitrio deli Avogadori di commun. (206ro-215vo) Titolo e testo.
>Parti prese in diversi tempi In materia della fabricha delle Nove prigioni<
Parti prese in diversi tempi In materia della fabricha delle Nove prigioni...
...or contato in Camera fiscale delluso a luozo por Scuzo or ancho il con-
to cha dalli Cancellieri li sar mandato. Sarano obligati tutti li Rettori dello
Conshello et Camerlengi. (216ro-226ro) Repertorium. Raccolta di documenti
ducali scritti su commissione del doge Marino Grimani a Venezia allinizio
del XVII sec. e destinati a Francesco Contarini. Raccoglie leggi degli anni
1447 (f. 22 ro) 1601 (f. 200 vo). Il doge, con lemissione della raccolta, manda
Francesco Contarini a Vicenza in qualit di capitano della citt. La raccolta
divisa in 260 capitoletti. Il secondo frammento completa il contenuto della
raccolta. Coevo (la data che appare nei capitoletti lanno 1589), diviso in
4 capitoletti dedicati alle questioni giuridiche: pene pecuniarie da pagare
da parte dei condannati, costruzione delle prigioni. Non finito: sul f. 215vo
si trova un richiamo a fine pagina, dopodich inizia lelenco del contenuto
del manoscritto (il quale, a sua volta, non prende in considerazione la parte
nei ff. 206ro-215vo). Testo inedito.

Ms. Ital. Quart. 17


Relazione del funestissimo evento della Signora Cornelia
Zangheri
I + 5 ff. + I 238 184 mm XVIII sec. (1731/1732?) Italia (Cesena?)

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1(II+1)5 Il primo foglio incollato


Foliazione moderna a matita fino a f. 4, completata recentemente Testo
apiena pagina, dimensioni: (225-230) (146-1650) mm; 25-28 righe Margini
piegati Scrittura di una mano Fogli bianchi: 5.
Legatura rigida del XIX sec. (245 193 mm), eseguita nella Knigli-
che Bibliothek di Berlino. Piatti in cartone coperti di carta marmorizzata a
colla (~Papiery zdobione, 47). Sul piatto anteriore il super ex-libris della
Biblioteca, in basso letichetta rossa con la segnatura attuale. Sul dorso eti-
chetta di carta gialla con il titolo: Relazione del funest. evento della Sig:ra Co:a
Cornelia Pangheri (sic!) ne Bandi 1731. Contropiatti in carta bianca.

183
Il manoscritto riguarda un fatto avvenuto il 20 marzo 1731 a Cesena e
siccome in seguito si usa lespressione la sera delli 19. Marzo passato (1ro) si
pu ipotizzare che il testo fu eseguito non molto tempo dopo, nello stesso
1731 o allinizio dellanno successivo. Il codice prob. fin dallinizio era rilegato
perch la prima e lultima carta non sono imbrunite. Legatura attuale effet-
tuata nella Knigliche Bibliothek. Nellatto di rilagare, i lembi dei fogli sono
stati tagliati. Il codice non possiede tracce di antichi possessori n numero
dingresso. Nellantico catalogo della biblioteca Cat 557, 13 (Handschriften-
kataloge der Kniglichen Biliothek und Preussischen Statsbibliothek Berlin.
Dienstkatalog 8: Codices manuscripti italici, Mss. Ital.) venne annotato come
provieniente aus der Rudolphischen Bibliothec ci dalla biblioteca di Karl
Asmund Rudolphi (1771-1832), biologo e medico, professore dellUniversit
di Berlino e membro di molte associazioni scientifiche. La sua biblioteca fu
comprata dalla Knigliche Biliothek nel 1833. Ma nel catalogo Cat. A. 416 Bi-
bliotheca Caroli Asmundi Rudolphi (1833) il codice in questione non risulta.
Sul piatto anteriore e a f. 1ro la segnatura attuale Ms. Ital. Quart. 17; a ff. 1ro e
4vo timbri della Knigliche Biliothek.
Lemm, p. 79.

ff. 1ro-4vo. Relazione del funestissimo evento della Signora Corne-


lia Zangheri. Titolo e testo. >Relazione del funestissimo evento della Sig:ra
Co:a Cornelia Zangheri ne Bandi occorso li 20. Marzo 1731 in Cesena< Tra
gli altri effetti pi mirabili, che ci fa alle volte vedere la natura, non credo,
siasi inteso il pi strano mai del funesto caso de Cesena, interno al quale
veggo, come si desidera in quelle parti di sapere per nostro mezzo quel che
io mi creda Eccovi quanto io ho saputo dire di cos strano accidente, e
in materia cos scabrosa. La vostra bella mente, alla quale dovettero tanti
beni e la vostra casa Patria prima che spinto da maggior fine con eroica
franchezza mi risolveste dabbandonarla, potr pensare assai meglio, se vi
piacer di rivolgere per qualche ora a questo argument lapplicazione. >Fine
della funesta Relazione< la descrizione della morte misteriosa della Con-
tessa Cornelia Zangheri, nonna del papa Pio VI, che avvenne il 20 mar-
zo 1731. Allautore interessano gli aspetti scientifici e medici dellevento.
Riflette sulle diverse cause possibili, tra cui il colpo di fulmine o lauto-
combustione. Il carattere del testo lascia supporre che il suo autore fosse
una persona che si interessasse di medicina o biologia, al corrente delle

184
opinioni degli scienziati dellepoca (p.es. Antonio Vallisneri). Il caso della
morte descritta fece molto clamore allepoca e fece nascere molti testi sul-
la questione (cfr. P. Cortesi, Misteri e segreti dellEmilia Romagna: il volto
pi nascosto e autentico della regione, tra personaggi ed eventi storici che
sanno di leggenda, enigmi archeologici, tesori nascosti, profezie, alchimia
e occultismo, Roma 2005; M. Mercuriali, M. Balestra Viandanti notturni:
tre luoghi e tre misteri di una Cesena arcana, Cesena 2009). Il pi noto
testo dellepoca che descrisse questo evento fu quello di G. Bianchini, Pa-
rere sopra la cagione della morte della signora Cornelia Zangari e Bandi,
Verona 1731, 1733, Roma 1743, 1758, ma lItal. Quart. 17 non presenta punti
comuni con esso. Testo inedito.

Ms. Ital. Quart. 18


Vito Niccol Toralli
I + 191 ff. 235 190 mm (f. 1ro: 370 535 mm) 1772 Italia (Napoli)

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1(III-1)2-6 + 2(II-1) 11 + 1II16 + 1(III-1)21 +


6II45 + 1(III-1)50 + 6II74 + 1(II-1)77 + 2(I-1+1) 81 + 1I83 + 9II119 + 2(III-1) 129 + 1III135 +
1II139 + 1(II-1+1)143 + 2II151 + 1(II-1+1)155 + 1(I-1+1)157 + 2II161 + 1(III-1)170 + 1II174 + 1(IV-
1)181 + 1I183 + 2II191; lultima carta dellultimo fascicolo incollata sul contropiatto
finale; il testo completo Foliazione recente a matita Falsi richiami Testo
a piena pagina, dimensioni: (205-215) (140-155) mm; 18-21 righe Scrittura
di tre mani che si avvicendano Fogli bianchi: 1vo, 10ro, 21vo, 135vo, 154vo, 175vo,
189vo-190vo Decorazioni: (1ro) carta 370 535 mm con un disegno di Willem
Foruyn (paesaggista olandese del XVIII sec.), della citt di Napoli sovrastata
dallacquila prussiana. Sotto il disegno, la firma e il titolo del disegno. (10vo)
disegno a piena pagina dello stesso autore, bianco e nero, raffigurante due
gentiluomini in una stanza, uno dei quali Federico I Hohenzollern, re di
Prussia (porta una medaglia con il motto: SUUM CUIQUE) e laltro, prob., suo
figlio, Federico II.
Legatura originale (250 195 mm) coperta di carta marmorizzata (~Mar-
bled Paper, tav. XXIV, 1-18: marbre escargot, XVIII sec.). Sul dorso incollato un
rettangolo di carta bianca con il titolo: Toralli, Rime e Prose, in basso un altro
rettangolo di pelle rossa con la segnatura della Knigliche Bibliothek. Sui
piatti buchi di fissaggio laterale delle bindelle.

185
Il codice fu eseguito sotto la diretta supervisione dellautore, Vito Nic-
col Toralli, pressoch sconosciuto (firma dellautore a 6vo e a 183vo). Lal-
lestimento dellesemplare fin nel 1772 (183vo: Napoli, 6 del 1772). Il mano-
scritto era destinato al re di Prussia, Federico II il Grande, che regnava negli
anni 1740-1786. Scritto da tre copisti e firmato dallautore del componimento
(mano diversa da quelle dei copisti), doveva sicuramente essere un dono
prezioso. Infatti, scritto con grande cura e corredato di note critiche a pi
di pagina nonch di due disegni del noto paesaggista settecentesco olan-
dese, Willem Fortuyn (1721-1788), pittore e incisore attivo per lo pi in Ita-
lia nellultimo quarantennio del Settecento (i primi cenni della sua attivit
in Italia risalgono allanno 1767). Non vi sono comunque tracce dirette che
possano confermare la ricezione del manoscritto da parte del re Federico
II solo indirettamente ne parla il catalogo Handschriftenkataloge der K-
niglichen Biliothek und Preussischen Statsbibliothek Berlin. Dienstkatalog
8: Codices manuscripti italici (Mss. Ital.), n. 13. Prob. il re o la sua cancelleria
regalarono il codice alla biblioteca. (Iro) a inchiostro la segnatura: ms. ital.
Quart. 18. e, sotto, il nome dellautore: Vito Niccol Toralli. (2ro, 189vo) timbro
della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 79.

ff. 2ro-189ro. Vito Niccol Toralli: Rime e prose panegiriche in onore


di Federico II Re di Prussia. (2ro-6vo) Dedica. >S. R. M.< Signore/ Sin dalla
tenera et, e da che la prima volta ne miei orecchi rison il nome del Suo
Gloriosissimo Regal Padre la Vostra imploro Sovrana Clemenza in pro-
teggerci, ed il lembo divotamente bacio di Vostre Sacratissime Vesti. >Di V. S.
R. M./ Napoli 6 del 1772/ Umil.mo Servo/ Vito niccol Toralli< (7ro-9vo) Compo-
nimenti introduttivi. >Ritratto di se stesso agli amici/ Sonetto I< Tra lincude,
lardor, lacqua e l martello Ego autem constitutus sum Rex ab eo super
Sion montem sanctum eius, praedicans praeceptum eius. (11ro-183vo) Sonetti
panegirici. Luman idee pi vaste il Tuo comprende/ Senno, valor, sapienza.
Ecco che a paro/ DAquila il Nome Tuo volando accolto Preghino Dio per
me nel punto estremo della morte mia. >Amen. Napoli 6 del 1772< (184ro-189ro)
Epilogo. Comech lopera terminata avessi sin dal d 6 Gennaro, tuttavia non
avendo potuto rimetterla a S. M. Pruss. per motivo delle due premesse figure
pi volte fatte da diversa mano, e non mai riuscite giusta il mio disegno
Di tal razza poco pi poco meno, sono coloro ondoggid linfelice repubblica

186
e chiesa dipende. >L.D.E< Una raccolta di sonetti commentati con intenti pa-
negirici, dedicata al re Federico II (chiamato nel testo Federico III). Lautore,
Vito Niccol Toralli, scrittore pressoch sconosciuto, mand in dono la sua
opera come egli stesso annuncia a f. 184ro. Si compone di una dedica, di una
parte introduttiva (7ro-9vo: 4 sonetti e il panagirico in latino), del panegirico
vero e proprio (con 120 sonetti numerati pi Presepe del Santo Natale, il
tutto con i commenti in prosa dellautore) e del sonetto finale (184vo) con il
commento. Inedito.

Ms. Ital. Quart. 19


Raccolta di carte amministrative riguardanti Venezia
18 ff. 1820-1840 Italia (Venezia) italiano, tedesco

Custodia protettiva (XIX secolo), coperta di carta marmorizzata (~Marbled


Paper, tav. XXXII, 112: schrottel); (298212 mm). Sul dorso letichetta car-
tacea con il titolo: Varia de administr./ regni Lombardo-Veneti./ Saec. XIX e
letichetta di pelle rossa con lattuale segnatura. I documenti sono numerati;
la numerazione non corrisponde alla foliazione attuale.

I documenti, che riguardano il periodo 1820-1840 (con la maggior parte


concentrata negli anni trenta), furono scritti a Venezia come dimostrano le
filigrane della carta. Da Venezia partirono per Berlino su richiesta del Pro-
fessor Friedrich von Raumer (1781-1873), professore di storia allUniversit di
Berlino, che ne aveva bisogno per i suoi studi (cfr. le note a 10vo e 13vo). Nel
1842 (30 luglio 1842) furono acquisiti dalla Knigliche Bibliothek a seguito del
dono di Raumer (1842). Annotazioni apposte sui documenti: (10vo) la segna-
tura attuale ms.ital.quart.19; (10vo) annotazione in francese: A Monsieur le Pro-
fesseur/ de Raumer/ Berlin/ 67 Kochstrasse; (13ro) Annotazione a matita co-
lorata, di mano posteriore: a/n.b. anno del Cholera/ b/n.b. anno della venuta/
in italia dellimperatore; (13vo) annotazione circa il destinatario della carta (de
Raumer); (15vo) in orizzontale: Superficie piana/ Popolazione/ Rendita lorda e
netta dei terreni/ Contribuzione fondiaria/ del/ Governo del Litorale Austriaco/
desunta dai Registri Catastrali/ da/ Pietro Cuniali/ fu Inspettore della Sezione
econo-/ mica del Catastro/ attuale./ Segretario generale del Lloyd/ Austriaco.
Lemm, p. 79.

187
(I) f. 1ro-1vo 483353 mm 1820-1840

Manoscritto in buono stato Foglio singolo Foliazione moderna a matita


Testo in tabella (inchiostro); dim. 470345 mm Una sola mano.

f. 1ro. Quadro rappresentante la forza e Competenza in denaro e


Montura dellI.R. corpo di artiglieria Marina. Tabella in cui vengono
rappresentate le retribuzioni degli ufficiali del corpo dartiglieria marina al
servizio dellimperatore dAustria. La tabella corredata di alcune spiega-
zioni. (1vo) Titolo abbreviato del documento. Corpo dartiglieria marina. Dati
di questa tabella utilizzati da F. von Raumer, Italy and Italians, London 1840
e Italien, Beitrge zur Kenntnis dieses landes, Leipzig 1840, pp. 94-96.

(II) ff. 2ro-5vo 320217 mm 1839

Manoscritto in buono stato Filigrana: tre cappelli (~Zonghi, VIII, 715:Ve-


nezia 1835) Due bifoli Foliazione moderna a matita Testo in tabella (in-
chiostro); dim. (250-318) (210-213) mm Una sola mano Fogli bianchi: 2ro,
4ro-5vo.

ff. 2vo-3vo. Quadro della forza e competenza dellI.R. battaglione


dInfanteria Marina. Tabella in cui vengono riportati il numero e le retri-
buzioni degli ufficiali del corpo di fanteria di Venezia al servizio dellimpera-
tore, dellanno 1839. Il testo composto da due tabelle (2vo e 3vo), la seconda
che inizia dalla frase: Tutti glIndividui dal Sergente in gi... Dati di questa
tabella utilizzati da F. von Raumer, cit., pp. 94-96.

(III) f. 6ro-6vo 285221mm 1839

Manoscritto in buono stato Foglio singolo Foliazione moderna a matita


Testo in tabella (inchiostro); dim. 258 216 mm Una sola mano.

f. 6ro. Prospetto della forza accordata dellAmmiragliato ed Uffi-


ciali del corpo della Marina e rispettive loro competenze. Tabella in
cui vengono riportate le retribuzioni degli ufficiali dellammiragliato vene-
ziano al servizio dellimperatore dAustria, dellanno 1839. (6vo) Titolo ab-

188
breviato del documento. Ufficiali di Marina, e numero della truppa imbarca-
ta. Dati di questa tabella utilizzati da F. von Raumer, cit., pp. 94-96.

(IV) f. 7ro-7vo 356240 mm 1839

Manoscritto in buono stato Foglio singolo Foliazione moderna a matita


Testo in stile tabellare; dim. 340 230 mm Una sola mano.

f. 7ro. Bastimenti in armo che compongono le seguenti Divisioni.


Elenco delle navi veneziane al al servizio dellimperatore dAustria dellanno
1839. (7vo) Titolo abbreviato del documento. Bastimenti armati. F. von Rau-
mer, cit., pp. 94-96.

(V) f. 8ro-8vo 376324 mm 1820-1840

Manoscritto in buono stato Foglio singolo Foliazione moderna a matita


Testo in tabella (inchiostro): 360320 mm Una sola mano.

f. 8ro. Stato numerico dimostrante il Pesonale Meccanico Organiz-


zato e Sopranumerario addetto allI.R. Direzioni dellArsenale Marit-
timo nonch allUfficio Fabbriche. Elenco per tipologia di persone impie-
gate nellarsenale addette alla costruzione delle navi. (8vo) Titolo abbreviato
del documento: Arsenale. Dati di questa tabella utilizzati da F. von Raumer,
cit., pp. 94-96.

(VI) f. 9ro-9vo 496368 mm 1839

Manoscritto in buono stato Foglio singolo Foliazione moderna a mati-


ta Testo in tabella (inchiostro); la prima tabella verticale, sotto le spiega-
zioni in testo continuo, la seconda tabella in orizzontale, dimensioni: (278-
366)(235-245) mm Una sola mano.

9ro. Quadro della forza e competenza dellImp Reg Corpo Marinari.


Tabella in cui vengono riportati il numero e le retribuzioni degli ufficiali del
corpo dei marinai di Venezia al servizio dellimperatore. Il testo composto
da due tabelle separate (entrambe su 9ro), la seconda che inizia dalla frase:

189
Tutti glIndividui meno i piloti... (9vo) Titolo abbreviato del documento: Cor-
po Marinaj. Dati di questa tabella utilizzati da F. von Raumer, cit., pp. 94-96.

(VII) f. 10ro-10vo 475337 mm 1834

Manoscritto in buono stato Foglio singolo Foliazione moderna a matita


Testo in tabella (inchiostro), dimensioni: 316 302 mm Una sola mano. La
datazione (1834) deriva dalle ricerche di von Raumer (cfr. il suo Italy and
the Italians, pp. 72-73).

10ro. Cenni sul Preventivo della Citt di Venezia. Bilancio preventivo


di Venezia, diviso in attivit e in passivit. Nel bilancio sono riportate le en-
trate e le uscite previste. Carta bianca: 10vo. Documento pubblicato (tradu-
zione in inglese) nel F. von Raumer, Italy, cit., p. 73.

(VIII) f. 11ro-11vo 654475 mm 1820-1840.

Manoscritto in discreto stato. Strappo sul lato sinistro; resti di ceralacca Fo-
glio singolo Foliazione moderna a matita Testo in tabella (inchiostro); sotto la
tabella spiegazioni relative a essa, dimensioni: 520 413 mm Una sola mano.

11ro. Cenni statistici sugli Istituti di Pubblica Beneficienza. Tabella


in cui sono riportati i dati delle spese della citt di Venezia per la pubblica
beneficienza. Dati di questa tabella utilizzati da F. von Raumer, Italy, cit.,
pp. 86-89.

(IX) f. 12ro-12vo 345227 mm 1838-1840 italiano e tedesco

Manoscritto in buono stato. Strappo sul lato sinistro Foglio singolo Folia-
zione moderna a matita Testo in stile tabellare, cifre a destra, dimensioni:
280 212 mm Una sola mano Foglio bianco: 12vo.

12ro. Entrate e spese di beneficenza dellanno 1838. Il documento


completa i dati di quello precedente. Parte del documento in tedesco.

190
(X) f. 13ro-13vo 475260 mm 1839

Manoscritto in buono stato Foglio singolo Foliazione moderna a matita


Testo in tabelle (matita), dimensioni: 470 249 mm Una sola mano.

13ro. Prospetto dei navigli entrati nel Porto di Venezia o da esso


sortiti negli anni Camerali 1836, 1837, 1838. (13ro) Testo. Documento in cui
si trova il riassunto, suddiviso per periodo e per bandiera, delle entrate e
delle uscite delle navi dal porto veneziano.

(XI) f. 14ro-15vo 475365 mm 1820-1840

Manoscritto in buono stato Bifolio Testo in tabella (inchiostro) Foliazio-


ne moderna a matita Una sola mano.

14ro-15ro. Rendite catastali e imposte fondiarie. (14ro) Tabella. Pro-


porzione fra la rendita netta catastrale e lattuale imposta fondiaria. (14vo)
Tabella. Nuova ripartizione della imposta fondiaria secondo la rendita cata-
strale. (15ro) Risultati finali della misurazione, e dellestimo catastrale. Tabelle
e note contenenti i dati relativi alla rendita catastale e alle relative imposte
nello stato veneziano. Come attesta la scritta a 15vo, il documento redatto
da Pietro Cuniali.

(XII) f. 16ro-16vo 344223 mm 1820-1840 tedesco

Manoscritto in buono stato Foglio singolo Foliazione moderna a matita


Testo in tabella, dimensioni: 279 220 mm Una sola mano.

16ro. Catasto veneto. Finales Resultat der Catastral Vermessung und Ge-
stzung im Kstenlande (trad.: Risultato finale della misurazione e dellim-
posizione catastale nelle regioni costiere). Documento tedesco relativo alle
misurazioni catastali dello stato veneziano.

191
(XIII) f. 17ro-18vo 362226 mm 1839 tedesco

Manoscritto in buono stato Foglio singolo Foliazione moderna a matita


Testo a piena pagina, dimensioni: (323-332) (193-217) mm Una sola mano.
Datato 1839 perch gli ultimi dati riguardano lanno 1838.

17ro-18vo. Dazi veneziani. Documento in tedesco che parla dei vari dazi
praticati a Venezia.

Ms. Ital. Quart. 21


Storia dellIlliria (Croazia)
I+176 ff.+I 220 160 mm XIX sec. Terminus post quem: 1816 Italia

Manoscritto in discreto stato; dorso staccato Fascicoli: 22IV176 Filigrana: tre


mezzelune con la contromarca V.F.C. (le mezzelune sono uno dei motivi tipici
dellindustria cartaria veneziana) Paginazione originale, con errori; foliazio-
ne recente a matita Testo a piena pagina, presente solo su pagine pari (ver-
so), dimensioni: (148-161) (104-122) mm;17-21 righe Una solo mano Fogli
bianchi: recto di tutte le carte (ad eccezione di 17ro), 59vo, 173ro-176vo.
Mezza legatura ad angoli del XIX secolo (225 165 mm). Dorso in cuo-
io marrone chiaro, coperto di semplice carta marmorizzata. Quattro nervi
semplici. Sul dorso letichetta in cuoio marrone scuro con il titolo dorato:
ILLIRICO/ MISCELLE.

Datazione: (164vo) linformazione circa linclusione di Carniola nel Re-


gno Illirico il 3 agosto 1816 permette di stabilire la data della realizzazione
del manoscritto tra il 1816 e la data dellarrivo nella Knigliche Bibliothek
(1844). Cfr. (1ro) Acc. 2039 a cui corrisponde lnformazione nel registro cir-
ca lacquisto dal libraio berlinese Rse. Dedica a Francesco Andrea Kovac-
sich, capitano del porto di Buccari, amico dellautore. (1ro) attuale segnatura
ms.ital.quart.21.; (1ro, 172vo) timbro della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 79.

ff. 1vo-172vo. Storia dellIlliria. Testo. Pregiatissimo Amico! Francesco


Andrea Kovacsich in Buccari. Il vivissimo innatomi sentimento di gratitudi-

192
ne che tuttor minonda il seno nel sovvenirmi della gentilezza, benivoglienza,
amicizia, sincerit, e cordialit, di cui, con tanta generosit, mavete colma-
to colla vostra tanto pregevole naturalezza ...quando tutti gli altri popoli
conspirarono insieme per una empiet superba a fabbricare la torre di Babe-
le; ella sembra per indicarlo con sufficiente chiarezza, quando esaminar si
vogliano con esatezza le circostanze, e i contesti. Testo inedito dedicato alle
vicende storiche dellIlliria (Croazia). Prob. sul recto di ogni carta lasciato
lo spazio per la versione croata (illirica). A f. 11vo lautore accenna allim-
postazione bilingue (illirico-italiano) del testo: Vi misi a canto a bella posta
la versione italiana... Lautore, secondo le sue parole, fu tra il 1802 e il 1803
auditore del reggimento Ogulini (3vo). Ricorda la citt di Fuccine (ora Fuine
in Croazia, in ital. Fusine) e la scuola nautica di Fiume. Dedica lopera a Fran-
cesco Andrea Kovacsich, capitano del porto di Buccari, suo amico. Dopo un
paio di osservazioni inziali sui nomi illirici (croati) Tianich, Orebich, Me-
danich segue il racconto della storia universale, con particolare attenzione
posta alla storia illirica (cio croata secondo luso di questa parola diffuso
nellOttocento). La mise en page e le numerose correzioni fanno supporre
che il testo sia lautografo dellautore.

Ms. Ital. Quart. 22


Gregorio Leti
I + 460 ff. + I 196 135 mm XVIII sec. Italia (?)

Manoscritto in buono stato. Sugli ultimi fogli macchie di umido Fascicoli:


1VII14 + 2VI38 + 1IV46 + 1VI58 + 1X78 + 3VI114 + 2V134 + 1II138 + 13VI294 + 4VIII358 + 1V368
+ 7VI452 + 1IV460 Foliazionead inchiostro coeva alla stesura del manoscritto
(1-14) comincia da f. 2. Paginazione a matita moderna sbagliata, a partire
di f. 15vo, corretta recentemente Richiami e falsi richiami Testo apiena
pagina, dimensioni: 170 110 mm; 20-21 righe Scrittura di tre mani (1. mano:
ff.1-14; 125-138; 223-460; 2. mano: ff. 15-124; 3. mano: ff. 139-222) A f. 1ro incipit
decorato. Alcune sottolineature Fogli bianchi: 1, 456-460 .
Legatura originale piena in pelle marrone, rigida del XVIII sec. (204 150
mm). Cinque nervi semplici. Piatti in cartone. Dorso arrotondato; sei scom-
parti delimitati da filetti con decorazioni impresse a secco in oro: losanga
centrale con motivi fitomorfi angolari. Nel secondo scomparto unetichetta

193
di pelle pi scura con il titolo impresso a secco in oro Vita di Sisto Quint. Sul
dorso letichetta rossa con la segnatura attuale. Contropiatti in carta mar-
morizzata (Marbled Paper, tav. XXIII, 12: dutch curled, prima met del XVIII
sec.). Taglio spruzzato di rosso.

Manoscritto eseguito prob. in Italia nel XVIII sec. Terminus post quem:
1669, cio la data della pubblicazione della biografia del papa scritta da Gre-
gorio Leti di cui il manoscritto una copia abbreviata. Con questa premessa,
vista la carta marmorizzata utilizzata per la legatura, il codice si pu datare
alla prima met del XVIII. Il testo di Leti ebbe alcune pubblicazioni a stampa
tra la fine del XVII e linizio del XVIII sec. e girava anche in copie manoscritte.
LItal. Quart. 22 fu eseguito da tre copisti, ma in modo continuo prob. in un
breve arco di tempo. La prima mano appare sia sui primi che sugli ultimi
fogli. La legatura originale o eseguita non molto dopo la stesura del ms. in
quanto mancano segni caratteristici per i manoscritti rimasti a lungo senza
legatura. La carta marmorizzata e il tipo di legatura possono suggerire la
Francia come luogo di rilegatura, ma non costituiscono indizio risolutivo. Il
ms. pervenuto alla Knigliche Bibliothek nel 1846 (numero dingresso 2357
a f. Ivo) comprato dal libraio Baer di Francoforte (cfr. registri dingresso). Il
manoscritto non porta tracce di altri proprietari. A f. 2ro e sul dorso la segna-
tura attuale ms. ital.quart.22; (2ro, 455vo) timbri della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p.79.

ff. 2ro-455vo. Gregorio Leti: Vita di Sisto V. Testo. Papa Sisto Quinto nac-
que nella Provincia della Marca, cio nel castello chiamato le Grotte, luogo che
fa 800 anime incirca posto nel territ.o di Monte Alto Agostino Casani Mi-
lanese/ Francesco Maria del Monte/ Carlo di Lorena/ Guido Pepoli Bolognese.
>Finis coronat opus< Il ms. contiene una copia della biografia del papa Sisto
V, scritta dal protestante italiano Gregorio Leti (1630-1701). Il libro come altre
opere dellautore fu messo allIndice dei libri proibiti. Il testo dellItal. Quart.
22 una versione abbreviata delloriginale e corrisponde per sommi capi
alla prima edizione del 1669 (Gloritio Gree, Losanna). Le edizioni successive
(1686, 1698, 1701, 1721, 1852, cfr. F. Barcia, Bibliografia delle opere di G. L., Mi-
lano 1981; N. Krivatsy, Bibliography of the works of G. L., New Castle 1982,
DBI Gregorio Leti. s.v.) sono pi ampie e comprendono molte descrizioni ed
analisi riguardanti lorganizzazione dello Stato Pontificio e il funzionamento

194
del Papato. La copia non conserva la divisione originale in 3 tomi e il copista
esegue numerosi tagli. Mancano p.es. le prime 6 pagine della versione stam-
pata che costituiscono una specie di introduzione e trattano dellistituzione
della Chiesa in modo generale. Il manoscritto ricalca ledizione del 1669 a
partire dalla p. 10 del testo stampato, tranne differenze di carattere lessicale
e stilistico. Malgrado una corrispondenza generale tra il testo stampato e
quello manoscritto che continua fino alle parti finali, il ms., per tagli ope-
rati dal copista, risulta comunque pi breve di un terzo del libro stampato.
Cfr. lItal. Quart. 29 che contiene unaltra copia abbreviata dellopera di Leti,
ancor pi ristretta del ms. in questione, datata al 1746. I due codici testimo-
niano la fortuna della biografia letiana di Sisto V che, visti gli ostacoli da
parte della censura ecclesiastica, girava in diverse copie manoscritte.

Ms. Ital. Quart. 23


Paolo Sarpi
II + 157 ff. + II 250185 mm XVII sec. (fine) Italia

Manoscritto in buono stato Filigrane: ancora, (~Piccard, VI, V, 424: Roma,


1662) Fascicoli: 9VI108 + 1V118 + 3VI154 + 1(II-1)157 Foliazione moderna a matita
cancellata; foliazione recente a matita Falsi richiami Testo a piena pagina,
dimensioni: 225 (125-140) mm; 21 righe Una sola mano (38ro-47vo, 51ro-
52ro) alcuni commenti marginali fatti dalla mano del copista riguardanti il
contenuto dellopera.
Legatura originale del XVII sec. (260190 mm); coperta di carta marmo-
rizzata (~Marbled Paper, tav. IX, 2: XVII e XVIII sec.). Cinque nervi semplici.
Dorso di cuoio marrone, con decorazioni impresse in oro. Un pezzo di carta
bianca incollato sul dorso in alto, con il numero scritto a inchiostro:/22 (vec-
chia segnatura). Due pezzi di pelle incollati sul dorso: sul primo, bordeaux,
il titolo stampato in oro: HISTORIA DI FRA PAOLO, sul secondo, rosso, la se-
gnatura attuale. Tagli spruzzati.

Le filigrane presenti nelle carte del manoscritto indicano la provenien-


za italiana (forse Roma) e permettono di datare il manoscritto per la fine
del XVII secolo. Tale datazione e localizzazione sono compatibili con le ca-
ratteristiche paleografiche e della lingua. Nel XVIII sec. il codice si trovava

195
nella collezione di Johann Andreas Kauchlitz Colizzi (1740-1808), musicista e
compositore alla corte olandese (autore, tra laltro, della Dissertatio philo-
sophica de sono pubblicata nel 1774); cfr. (1vo) timbro: Ex Bibliotheca J. A. K.
Colizzi. Il numero presente sul dorso della legatura:/22 , prob., la segnatura
di quella collezione. Il numero dingresso su 1ro: Access. 3069, indica che la
Knigliche Bibliothek acquist il manoscritto nel 1847 allasta di Schweleer
(Scheurleer) dell Aia. (1ro) segnatura: ms. ital. quart. 23. (1vo, 157vo) timbro
della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 79.

ff. 1ro-157vo. Paolo Sarpi: Trattato delle materie beneficiarie. (1ro)


Titolo. HISTORIA DI FRA PAOLO. (2ro-157vo) Testo. Essendo raffreddato il fer-
vore antico della Carit Christiana, che non solo moveva li Principi, e Privati
donare alle Chiese copiosissime ricchezze temporali, m ancora induceva i
Ministri ecclesiastici dispensare santamente lentrate loro in usi Pii
Dottrina anco si introdotto in Roma, che se alcuno si haver usurpato in-
debitamte qualche Benefitio, vero aver in altro modo rubbato alla Chiesa
si accorda con la Camera Apca di darne lei una parte, e poter tenere il rima-
nente con buona conscienza, e fatto laccordo e pagato quanto si convenuto,
ognuno dice, che del rimanente sia assoluto, e lo possi lecitamte tenere, come
suo, per il ch il Papa come si detto Padrone, Amministratore. Trattato
di Paolo Sarpi, composto prob. negli anni 1608-1610, in cui viene discussa la
materia dei benefici ecclesiastici. Sarpi sostenitore convinto dellautono-
mia del potere temporale (nel caso specifico, della Repubblica di Venezia)
rispetto al potere ecclesiastico rappresentato dalla curia romana. Il trattato
dedicato allamministrazione dei beni nella chiesa primitiva, alle origini
dei benefici, al loro ruolo nella storia, alle ingerenze dei principi, ai rapporti
tra il potere ecclesiastico e il potere degli stati, infine alle disposizioni in ma-
teria di benefici ecclesiastici redatte dal Concilio di Trento. Il trattato ebbe
parecchie traduzioni tra cui una latina, due francesi (di Amelot de la Hous-
saye e di Maria de Marsy) e tre inglesi (di Denton, di Hayes e di Jenkins),
cfr. Nota di Giovanni Gambarin alledizione degli scritti giurisdizionalitici
di Paolo Sarpi, p. 311. Edizione: P. Sarpi, Scritti giurisdizionalistici, a c. di
G. Gambarin, Bari 1958, pp. 11-117 si basa sul manoscritto conservato nellAS
Venezia, Miscellanea Codici 838. Elenco delle edizioni precedenti e derivanti
prob. da esemplari diversi in: ibidem, pp. 308-310.

196
Ms. Ital. Quart. 24
Dispute in serenissimo consiglio
I+320 ff.+I 240191 mm XVIII sec. (fine) Italia (Venezia?)

Manoscritto in buono stato Filigrana: Corno nello scudo D&C BLAUW VG


(~Zonghi, 1508: Venezia 1791) Fascicoli: 12VI144+1(VI-1)155+13VI311+ 1(IV+1)320
Foliazione originale con linchiostro separata per due testi; foliazione re-
cente a matita Richiami Rigatura con linchiostro Testo a piena pagina,
dimensioni: 206128 mm; 27 righe Una sola mano Rubriche Appunti ru-
bricati a margine della stessa mano; ghirigori Numerosi fogli bianchi: 6vo,
140vo, 159vo, 175vo-179vo, 218vo, 223vo, 237vo, 242vo, 257vo, 260vo, 261vo, 279vo,
284vo, 286vo, 288vo, 291ro-vo, 296vo, 298vo, 306ro-vo, 310vo, 312vo, 316ro-320vo.
Legatura coeva (247 197 mm) in pergamena rigida. Capitelli. Sul dorso,
in alto, la scritta con linchiostro: DISPUTE/ IN/ Sermo Magr/ Consiglio. Sot-
to, tracce di unetichetta strappata. In basso, letichetta di pelle rossa con la
segnatura attuale.

Lesecuzione (incluse le caratteristiche linguistiche del testo), oltre allar-


gomento, indica la provenienza veneziana. Il conte tienne Mjan (1766-1846),
dalla cui collezione il manoscritto arriv a Berlino (cfr. la nota di possesso a
2ro), si trovava in Italia allinizio del XIX sec. (1805-1813) come segretario del
vicer Eugne de Beauharnais. Inoltre la cura desecuzione da una parte e la
presenza di una legatura non tipica della collezione Mjan farebbe suppor-
re che si tratti di una copia ufficiale del testo delle attivit del Mazor (Mag-
gior) Consiglio di Venezia e quindi databile agli anni 1780-1781 (note a f. 2ro e f.
313ro), eventualmente poco dopo. Il manoscritto faceva parte della biblioteca
del conte prima del 1819, come testimonia lesplicito riferimento al nostro ma-
noscritto in P. Daru, Histoire de la rpublique de Venise, t. VI, 1819, p. 541: Il
existe un autre recueil sur le meme affaire dans la belle bibliothque de M. le
comte Mejean Paris. Il est intitul: Dispute in sermo maggior consiglio nate
dalli 5 decembre 1779 fino alli 12 maggio 1780, e succesiva elezione de cinque
correttori e parti poste d i medesimi con suoi fondamenti. Dopo la morte del
conte lintera collezione, contenente anche delle preziose aldine, fu comprata
nel 1847 dal Re Federico Guglielmo IV di Prussia (cfr. anche Gall. Oct. 19).
Lemm, p. 79.

197
ff. 2ro-315vo. Dispute in serenissimo consiglio. (2ro) Titolo. Dispute
Sermo Mr Consiglio nate dalli 5 Octobre 1779 fino alli 12 Maggio 1780, e suc-
cessiva elezione de Cinque Correttori, e Parti poste dai medesimi con suoi
fondamenti. Venetia 1780 (3ro-5ro). Rubrica di tutte le Dispute contenute
nel presente Ms. (5vo-6ro) Lista dei principali avvenimenti. (7ro-174ro) Te-
sto. >Disputa ossia leccitamento del N.H.S Carlo Contarini fu di Domenico
in cui dimanda i voti non sinceri perch si regolino i viveri, il costume, ed il
Ministero< Serenissimi, Supremo, Mazor Consegio. Allultimo dei cittadini,
al men fornido de studii, de lumi, de cognizion, e de Scienza, massime pra-
tica de governar non convegnirave certamente presentarse... ...pubblicata
si debba eseguire costantissimamente contro li contrafacenti nelle cose pre-
dette. (174vo-175ro) Risultati dellelezione dei correttori. (180ro) Titolo del-
la seconda parte. Parti della Correzione 1780 Parte e prese nel Serenissimo
Mr Cons.o. (181ro-315vo) Testo della seconda parte. Correttori [...] Luffizio
importante damministrare la commutativa Giustizia... ...in pieno modo
i sentimenti costanti della nostra considerazione, ed affetto. (315vo) E del
presente sia data copia al Magistrato de Riffmi [Magistrato dei Riformato-
ri] dello Studio di Padova per lume. Il 5 dicembre 1779 Carlo Contarini fece
un discorso in cui cerc di descrivere la situazione interna di Venezia. Nel
discorso lament la decadenza del commercio, il carovita, la diminuzione
delle entrate fiscali, la concorrenza sleale dei prodotti artigianali di altri
stati, limpossibilit di Venezia di competere sui mercati internazionali,
lo spopolamento della capitale, i problemi di governo. Il discorso non era
altro che un tentativo di riforma promosso da Contarini e da Pisani. A
quella prima disputa seguirono altri interventi e discussioni nel Maggior
Consiglio veneziano ad opera di Giovanni Bragadin, di Pisani, di Foscari,
di Emo, di Barbarigo, di Valaresso, di Morosini e del doge Renier. La vicen-
da prosegu con la nomina dei cinque Correttori, incaricati di presentare
proposte di riforme, tra cui il Contarini. Tuttavia la sua elezione fu annul-
lata con laccusa di brogli. Successivamente sia Contarini che Pisani, di
fatto spiritus movens di quel tentativo della riforma che partiva dai ceti
impoveriti della nobilt, furono imprigionati. Il testo inedito. Esistono
altre relazioni delle stesse vicende, non pubblicate: 1/ Memorie della
correzione 1780 scritte da Piero Franceschi segretario della medesima,
presente nella Biblioteca Querini Stampalia, ms. cl. IV, cod. 432 (cfr. DBI,
Carlo Contarini, s.v.) e tra i codici di von Ranke, Manuscript 73 (Leopold

198
von Ranke, p. 75.); 2/ Memorie storiche della correzione 1780 raccolte
in XXIV lettere familiari che cominciano 5 dicembre 1779 e terminano 19
maggio 1781 scritte dal N.H. Giovan Mattio Balbi de Nicol nella Biblioteca
Querini Stampalia, ms. cl. IV, cod. 433; 3/ Arringhi recitati nel serenissimo
maggior consiglio, parti e altro concernente la correzione, copia in Archi-
ves du Ministre des Affaires trangres, Venise 28 (cfr. catalogo on-line:
http://www.diplomatie.gouv.fr/fr/IMG/pdf/md-venise-1-48.pdf); e una
raccolta di discorsi fatta da Marco Barbaro (cfr. B. Gamba, Serie di scritti
impressi in dialetto veneziano, Venezia 1832, p. 159) pubblicata nel 1797:
M. Barbaro, Istoria delle questioni promosse da un eccitamento del n.h.s.
Carlo Contarini., con le arringhe tutte fatte nel Maggior Consiglio lanno
1780, Venezia 1797. La stessa raccolta presente nel Manuscript 48 della
collezione von Ranke (E. Muir, cit., p. 49).

Ms. Ital. Quart. 25


Descrizione del Museo Trivulzio
I+10ff.+I 190 150 mm 1824 Italia (Milano) italiano, francese

Legatura (196 157 mm) coperta di carta marmorizzata marrone, dorso


nero. Sul piatto anteriore il super exlibris della Knigliche Bibliothek e, in
caratteri dorati, il titolo: Museo Trivulzio.

Manoscritto eseguito nel 1824 su commissione di Gian Giacomo Trivul-


zio, spedito in Francia, accompagnato dalla lettera in francese, scritta dal-
lo stesso Trivulzio (14.10.1824). Nella lettera menzionato il bibliotecario
olandese della Biblioteca Nazionale parigina, Joseph van Praet che nel 1824
pubblic lopera Catalogue des livres imprims sur vlin, qui se trouvent
dans des bibliothques tant publiques que particulires per cui prob. aveva
bisogno di informazioni da Trivulzio. Sul piatto anteriore in alto letichetta
di pelle rossa con la segnatura attuale: Ms. ital. Quart. 25. Sul contropiatto
anteriore con linchiostro il numero dingresso: 3318, iscritto: 5 ottobre 1849,
proveniente dallasta parigina (de Bull ?) attraverso Franck. (1ro, 3ro, 10vo)
timbro della Knigliche Bibliothek (2vo) unannotazione a matita: 33/8/ PJ.
(3ro) segnatura attuale: Ms. ital. 4o no. 25.
Lemm, p. 79.

199
(I) ff. 1ro-2vo 185119 mm

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1I2 Foliazione recente a matita Te-


sto a piena pagina, dimensioni: 146112 mm Scrittura di una mano Fogli
bianchi: 1vo-2vo.

f. 1ro. Lettera di Gian Giacomo Trivulzio. (1ro) Testo. Jai le plaisir de


vous envoyer la note des mes velins... ...Je suis, avec la plus sincere amiti vo-
tre tres affectione [?]/ J. J. Trivulzio. Lettera di Gian Giacomo Trivulzio (1774-
1831) scritta in francese, datata 14.10.1824, circa la spedizione della Breve
descrizione del Museo Trivulzio.

(II) ff. 3ro-10vo 19015cm


10
Manoscritto in buono stato Fascicoli:1IV Foliazione recente a matita
Margini a matita Testo a piena pagina, dimensioni: 14095mm; 28 righe
Scrittura di una sola mano.

ff. 3ro-10vo. Breve descrizione del Museo Trivulzio. (3ro) Titolo. Breve
Descrizione/ del Museo Trivulzio. (3ro-10vo) Testo. Gli oggetti ond arricchito
il Museo Trivulzio possono dividersi in tre gran Classi, cio di Medaglie, Anti-
chit, e Libri... ...della cui estrema rarit pu vedersi il De Rossi negli Anna-
les Hebraeo-Thypographici Seculi XV. pag. 99 e seg. Testo inedito contenente
la descrizione del Museo Trivulzio (fatto su commissione di Gian Giacomo
Trivulzio). Incompleto. Manca la parte centrale, dedicata alla descrizione
della collezione libraria, iniziata a f. 8ro. Originariamente doveva proseguire
anche oltre il foglio 10, su fogli successivi, attualmente mancanti, con la de-
scrizione di opere stampate su pergamena. I fascicoli mancanti sono stati
prob. utilizzati come una delle fonti per il libro di J. Van Praet, Catalogue
des livres imprims sur vlin, qui se trouvent dans des bibliothques tant
publiques que particulires, Paris, 1824-1828. Il testo allo stato attuale con-
tiene le descrizioni generali delle sezioni del Museo dedicate alle medaglie
e alle antichit.

200
Ms. Ital. Quart. 28
Novl Testament
I + 404 ff. + I 215 175 mm XIX sec. (1848-1852) Irlanda occitano (valdese),
tedesco

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 202II404 Paginazione a inchiostro


Foliazione recente a matita Titolo corrente; in basso riferimenti al libro e
al capitolo Testo a piena pagina, dimensioni: (160-170)(115-120) mm; 19-21
righe; (ff. 13ro-404ro) (180-195)110 mm; 25-28 righe Due mani; il primo
copista: 3ro-4ro e 13ro-404ro Herzog; il secondo: 5ro-12vo Note marginali,
cancellazioni, correzioni Fogli bianchi: 1, 281.
Mezza legatura in similpelle del XIX sec. (223 180 mm). Quattro falsi
nervi. Dorso staccato. Sui piatti e sul dorso doppi filetti stampati a secco. Sul
dorso, in alto, il titolo stampato in oro: Abschrift d. romanisch-waldensischen
Neuen Testamentes nach dem Dublinerkodex.

Datazione: 1848-1852, ossia tra la pubblicazione a stampa di una parte del


codice di Dublino e lingresso dellItal. Quart. 28 nella Knigliche Bibliothek.
La copia del codice di Dublino fu eseguita da Johann Jakob Herzog (1805-1882),
teologo protestante, professore di storia ecclesiastica. Inoltre, come sappiamo
dalla premessa di Herzog, sono di sua mano le note marginali che segnalano
errori e lacune del codice di Dublino. Sul contropiatto iniziale, a matita, il nu-
mero dingresso: 3710 che rimanda al registro in cui troviamo linformazione
che il codice proviene direttamente da Herzog (1852). (2ro) segnatura della
Knigliche Bibliothek: Ms. ital. quart. 28.; in basso, a matita: (vgl. libr. impr. c.
notis mss. Oct.71.). (2vo, 404vo) timbro della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 79.

ff. 3ro-4ro. Johann Jakob Herzog: Premessa alla trascrizione. Una


breve descrizione del codice dublinese da cui stata fatta la trascrizione
con le informazioni bibliografiche e qualche osservazione sulla lingua del
codice (in tedesco).
ff. 5ro-404ro. Novl Testament. Testo. (5ro-57vo) Vangelo secondo Mat-
teo. Incipit evangelium matheum primo capitillo. Liber generacionis Jesu
Christi filii david filii abraam. Mas abraam engenre ysaac. Mas Ysaac engenre

201
jacob... ...la cunfomacion de fegle. Explicit evangelium secundum Matheum.
(58ro-94ro) Vangelo secondo Marco. Marc evvangelista apostol de Dio, e filh de
sant Peyre al batisme... ...e cunfermant la parolla, seguent las ensegnas. Ex-
plicit evangelium secundum Marcum. (95ro-162ro) Vangelo secondo Luca. Car
acerta moti sefforceron ordenar la recointancza... ...E eran sota via al temple
laudant e beneiczent Dio. Explicit Evangelium secundum Lucam. (163ro-280vo)
Lettere di San Paolo apostolo. Epistola ad Romanos. Prologus. Li Roman son
aquilh li qual creseron de li Judio e de las gent li qual... ...La gracia de Dio
sia cum tuit vos. Amen. (282ro-347vo) Atti degli apostoli. Acta apostolorum.
Prologus. Luc antioquient de la nacion dIsriel la lautor del qual es dicta en
lavangeli, noble en lart... ...las cosas que son del Segnor Y. X. cum totafiancza
sencza deffendament. (348ro-373vo) Lettere cattoliche. Prologus in ep. canoni-
cas. Incipit prologus epistolarum canonicarum. Nos legen, que grant persegue-
sion fo faita en la gleisa... ...lo nostre segnor devant tuit li segle e ara in tuit li
sogle. Amen. (374ro-404ro) Apocalisse di Giovanni. Apocalypsis. Prologus. Tuit
aquilh que volren vivre bonament in Y.X., suffriren perseguecion... ...gracia del
nostre segnor Y.X. sia cum tuit vos. Amen./ Deo gracia 1522. Si tratta di una in-
troduzione di Herzog e di una trascrizione del codice di Dublino contenente
il Nuovo Testamento dei valdesi. Il codice dublinese datato 1522, ma dalle
analisi di Herzog risulta che si tratta di una trascrizione di un testo molto pi
antico. Il testo contenuto nel codice Ital. Quart. 28 una fedele trascrizione
filologica, che doveva servire a Herzog (1805-1882) per i suoi studi di teologia
e di storia della religione. In quanto trascrizione effettuata da uno studioso
esperto, il testo rispecchia perfettamente i caratteri delloriginale. Il testo
inedito, stata pubblicata solo la parte del manoscritto originale (dublinese)
che contiene il Vangelo secondo Giovanni, volutamente omessa dal copista
dellItal. Quart.28 in quanto gi edita. Il manoscritto citato nel libro di J.J.
Herzog, Die romanischen Waldenser: ihre vorreformatorischen Zustnde
und Lehren, ihre Reformation im 16. Jahrhundert und die Rckwirkungen
derselben, Halle 1853, p. 57. Ledizione del Vangelo secondo Giovanni (non
trascritto nellItal. Quart. 28): W. S. Gilly, The Romaunt Version of the Gospel
according to St. John, from MSS. preserved in Trinity College, Dublin, and in
the Bibliothque du Roi, Paris. With an introductory history of the version of
the New Testament, anciently in use among the old Waldenses, and remarks
on the texts of the Dublin, Paris, Grenoble, Zurich and Lyons MSS. of that
version, 1848. La descrizione del contenuto del manoscritto del 1522 alla

202
p. XXXI e sgg. delledizione di Gilly e in J. H. Todd, The Waldensian manu-
scripts preserved in the Library of Trinity College, Dublin, Dublin 1865, pp.
1-7. Il manoscritto prima si trovava in possesso dellarcivescovo di Usher e
in alcuni cataloghi era segnalato come italiano (Cod. Dubl. 609, Hiberniae
749 in Catalogi Librorum Manuscriptorum Angliae et Hiberniae in unum
collecti). Nel catalogo della Biblioteca Trinity College di Dublino (Abbott)
la descrizione la seguente: 258 membr. (8x6), s. XVI/ Waldensian Bible./
New Testament, with Proverbs, Ecclesiastes, Canticles, Wisdom, and Eccle-
siasticus, in the Waldensian dialect. A.D. 1522. Il testo scritto in una lingua
mista spesso denominata valdese in quanto lingua in cui venivano scritti i
testi dei valdesi e, da un punto di vista linguistico, classificabile come occita-
no provenzale alpino (vivaro-alpino).

Ms. Ital. Quart. 29


Vita di Sisto V estratta da Gregorio Leti
II + 200 ff. + II 190 (125-130) mm 1746 Italia (Roma)

Manoscritto in discreto stato. Sugli ultimi fogli macchie di umido Fascicoli:


1(VIII-1)15 + 6VIII95 + 1IV103 + 5VIII183 + 1VI195 + 1(II+1)200 Manca il primo f. del
primo fasc. (frontespizio) Numerazione dei fascicoli Foliazione a matita
moderna recente Richiami e falsi richiami Testo apiena pagina, dimensio-
ni: 170 100 mm; 18-21 righe Margini per impressione Scrittura di una sola
mano Alcune sottolineature Fogli bianchi: 103vo, 104vo, 197vo, 198-200.

Legatura piena del XVIII sec. (195 133 mm). Piatti in cartone coperti di
pergamena, sciupati. Quattro nervi semplici. Il dorso rattoppato dalla parte
interna con un frammento di carta stampata. Sul dorso letichetta rossa con
la segnatura attuale. Mancano i contropiatti. Sulla parte interna del piatto
anteriore il numero 103 cancellato. Taglio spruzzato di rosso.

Manoscritto eseguito a Roma nel 1746. Datazione in base al frontespizio


della seconda parte dove si legge Vita/ di Sisto V./ Tomo. II./ Estratta dalla/
Libraria/ Vaticana/ Lanno 1746. Costituisce quindi la copia di un testo ma-
noscritto o stampato conservato nella Biblioteca Vaticana. La data riguarda
presumibilmente anche la prima parte il cui frontespizio non si conserva-

203
to. Legatura originale in cattivo stato. Dorso rattoppato con un frammento
della carta che reca un testo latino stampato a caratteri databili alla seconda
met del XVIII sec. Il f. 200 imbrunito suggerisce che il codice rimaneva per
un certo periodo senza copertina. Il codice fu acquistato da un soggetto non
identificabile nel 1827 a Roma. A f. Ivo la scritta: comprato a Roma Vendita
del 18 apr[ile] 1827[1829?]/ per 80 baj[occhi]. Accanto lannotazione: proibito.
Infatti lopera di Leti di cui il codice costituisce una copia, si trovava sullIn-
dice dei libri proibiti. Questo fu prob. il motivo per cui il frontespizio venne
strappato. Nel codice ritrovato un foglietto volante con una nota ad inchio-
stro: Vetrani al Pincio/ N.o 35. La filigrana della carta uguale a quella del
primo fascicolo. Il foglietto pu costituire un frammento del primo foglio
strappato dal codice. La nota riguarda prob. un libraio o un antiquario del
quartiere Pincio di Roma. Fu acquistato forse per la biblioteca dei fratelli
Christian e Clemens Brentano in quanto perviene alla Konigliche Bibliothek
nel 1853 tramite lasta organizzata a Colonia dal libraio J.M. Heberle alla qua-
le si vendeva il lascito dei Brentano. (cfr. registri dingresso). (Ivo) il numero
dingresso 3821. A f. 1ro e sul dorso la segnatura attuale Ms. ital.quart.29; (1ro,
197vo) timbri della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 80.

ff. 1ro-197ro. Vita di Sisto V estratta da Gregorio Leti. (1ro-103ro) Tomo I.


Testo. >Vita di Sisto V/ Tomo Pmo< Nacque Sisto V nella Marca cio nel Castello
detto Le Grotte, luogo cha fa 800 anime in circa posto nel territorio di Montalto...
Agli Ambasciatori Giapponesi non solo fece dare un luogo onorevole tra li
altri, ma di pi li onor con farsi tenere la stada nello scavalcare. >Fine del Pmo
Tomo< (104ro) Tomo II. Frontespizio. >Vita/ Di Sisto V./ Tomo. II./ Estratta dal-
la/ Libraria/ Vaticana/ LAnno 1746< (105ro-197ro) Testo. >Vita di Sisto Quinto/
Secondo Tomo< Aveva intenzione Sisto V di riconoscere i suoi nepoti, e sorella
e dargli qualche sollievo... Agostino Casani Milanese/ Francesco Maria del
Monte/ Carlo di Lorena/ Guido Pepoli di Bologna. >Il Fine del Secondo/ Tomo<
Il ms. contiene una versione notevolmente abbreviata della biografia del papa
Sisto V, scritta dal protestante italiano, Gregorio Leti (1630-1701). Per le notizie
bibliografiche cfr. supra lItal. Quart. 22. Il testo corrisponde per sommi capi
alla prima edizione del 1669 (Gloritio Gree, Losanna). La copia non conserva la
divisione originale in tre tomi, ma composta di due parti. Viste le moltissime
omissioni fatte dal copista, malgrado una corrispondenza generale per quan-

204
to riguarda limpostazione del testo stampato e il suo andamento, lItal. Quart.
29 diventa una specie di estratto del testo di Leti e ne costituisce circa il 30 %.
Cfr. anche lItal. Quart. 22 che contiene unaltra copia abbreviata dellopera di
Leti, ma pi ampia del ms. in questione. I due codici testimoniano la fortuna
della biografia letiana di Sisto V che, visti gli ostacoli da parte della censura
ecclesiastica, circolava in diverse copie manoscritte.

Ms. Ital. Quart. 30


Gaetano Marini Bartolomeo Borghesi
I+145 ff. +I 270215 mm XIX sec. Italia

Legatura del XIX secolo (278 225 mm), coperta di tela nera. Piatti in car-
tone. Tre nervi.

Manoscritto ottocentesco. La sua compilazione descritta nella nota a


(Ir ) Abschrift von vier unungedruckten epigraphischen Aufstzen/ des Grafen
o

Bartolomeo Borghesi./ Aus dem Nachlass des Dr. Eduard Philippi./ 1, Figuline
raccolte ed illustrate da Msgr. G. Marini, aumentate dal Sign. Conte Borghesi./
(abgeschrieben von Dr. Ed. Philippi.)/ 2, Dichiarazione duna lapide Gruteria-
na per cui si/ determina il tempo della prefettura urbana/ di Pasifilo e let
di Palladio Rutilio Tauro./ 3, Frammento di fasti sacerdotali./ 4, Intorno a due
iscrizioni esistenti a Fuligno. Legatura prob. fatta su commissione di Philippi, il
quale ha raccolto i testi e in parte, li ha trascritti. Eduard Philippi, numismati-
co, nipote di Julius Friedlaender, era interessato alle questioni numismatiche
ed epigrafiche anche su ispirazione di Friedlaender e di Mommsen che a sua
volta aveva diretto interesse per le iscrizioni studiate da Bartolomeo Borghe-
si (1781-1860), numismatico ed epigrafista italiano, autore dellopera Nuovi
Frammenti dei Fasti Consolari Capitolini (18181820) ideatore del Corpus
Inscriptionum Latinarum, poi effettivamente realizzato dallAccademia di
Berlino sotto la direzione di Mommsen. La trascrizione delle opere allepoca
ancora inedite di Borghesi da parte di Philippi pass a Friedlaender e, succes-
sivamente, come dono di questultimo alla Knigliche Bibliothek (1853). Cfr.
il numero dingresso Knigliche Bibliothek (3856.) sul contropiatto anteriore.
(Ivo, 86vo, 90ro, 121vo, 123ro, 144vo) timbro della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 80.

205
(I) ff.1ro-89vo 269195 mm XIX sec.

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1V10 + 6VI82 + 1(III +1)89; f. 89 aggiunto


per dividere i testi del manoscritto Foliazionemoderna a matita; indicazione
a matita del testo con la lettera a fatta dal bibliotecario Falsi richiami Margini
piegati Testo a piena pagina, dimensioni: 95 269 mm; 52-56 righe Testo di
mano di Philippi; note in margine della stessa mano Fogli bianchi: 87ro-89vo.

ff. 1ro-89vo. Gaetano Marini: Figuline. (1ro) Titolo. Figuline raccolte ed


illustrate da Msgr. G. Marini, augmentate dal Sig. Cte Borghesi. (1ro-85vo) Te-
sto. Classe prima./ 1./ In Arsculi al primo castello dellaqua Marzia:/ AUGUST...
...192./ VEIENTANORM bis/ Mus. Burb. v. Mommsen. cf. 53. (86ro-86vo) Indice
analitico. Trascrizione fatta da Eduard Philippi dellopera inedita di Gaeta-
no Marini (1742-1815, archivista della Vaticana) che Borghesi (Bartolomeo
Borghesi, 1781-1859, studioso di antichit romane, membro dellAccademia
di Berlino) utilizzava nelle sue ricerche. Nel caso del ms. Ital. Quart. 30 si
tratta della copia effettuata dalla trascrizione ampliata da Borghesi. Molte
delle iscrizioni citate da Borghesi nei suoi articoli, poi raccolte in Oeuvres
compltes de Bartolomeo Borghesi, Parigi 1862-1897.

(II) ff. 90ro 145vo mm 269 211mm XIX sec.

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 15I119 + 1(I+1)122 + 6I134 + 1(I+1)137 + 1III143


+ 1I145; carte 122 e 137 aggiunte per dividere i testi del manoscritto Pagina-
zione anteriore a matita posta ogni quattro pagine dalla carta 123ro; segnala-
zione di testi con le lettere: b, c e d Foliazionemoderna a matita Margine
esteriore piegato Testo a piena pagina, dimensioni: (145-155) 269 mm;
27-35 righe Testo di due mani diverse (123ro e unannotazione in alto di
foglio 138ro di una mano, la stessa che nella parte a cio di Philippi e il resto
di unaltra mano) Fogli bianchi: 122, 137, 145.

ff. 90ro-121vo. Bartolomeo Borghesi: Dichiarazione di una lapide Gru-


teriana. Titolo e testo. >Dichiarazione duna lapida (sic!) Gruteriana per cui
si determina il tempo della Prefettura urbana di Pasifilo, e let di Palladio/ Ru-
tilio Tauro/ del Conte Bartolommeo Borghesi/ accademico straniero< Allorch,
molti anni sono, o sapientissimi Accademici, mi condussi a visitare codesta bel-

206
la Metropoli, il Barone Vernazza di chiara memoria, vostro Segretario a quel
tempo... ...che riconosce lamico di Pasifilo nel Console Tauro, limitandomi a
far riflettere ai critici che in lui si avverano il nome, let, lozio e la ragione per
iscrivere non che alcune altre edizioni richieste in quanto autore di agricoltu-
ra. Testo della conferenza letta da Borghesi allAccademia di Torino nel 1834,
successivamente pubblicata nelle Memorie dellAccademia di Torino 1835 (t.
XXXVIII), pp. 1-57. Edizione di riferimento: Oeuvres..., cit, vol. 1, pp. 463-516.
ff. 123ro-136vo. Bartolomeo Borghesi: Frammento di Fasti sacerdotali.
Titolo e testo. >Frammento di Fasti sacerdotali illustrato da Bartolomeo Borghesi
cet.< FELICI AVG . . . . . . D. CAELIO/ IIII NON MAI IN AEDE DIVI... ...dal
che ne consegue che ladozione di questo principe non ha da essere se non che di
pochissimi giorni anteriore alla sua cooptazione. Articolo di Borghesi dedicato
ai Fasti sacerdotali, pubblicato per la prima volta in Memorie dellInstituto di
corrispondenza archeologico di Roma, Roma 1832, vol. I, pp. 255-325. Il testo
nellItal. Quart. 30 la copia effettuata a partire dalle carte di Borghesi. Edizio-
ne di riferimento: Oeuvres..., cit., vol. 1, pp. 389-460. Rispetto alledizione nelle
Oeuvres il manoscritto manca del paragrafo introduttivo (Fino dal 1824 usc
di sotterra...) e non completo, mancando dellultima parte. Il testo del mano-
scritto arriva alla pagina 438 delledizione del 1864 (Oeuvres, cit., p. 438).
ff. 138ro-144vo. Bartolomeo Borghesi: Intorno a due iscrizioni esistenti
a Fuligno. Titolo e testo. >Intorno a due iscrizioni esistenti a Fuligno< THATE-
RIO NEPOTI/ ATINATI PROBO/ PUBLICIO MATENIANO/ COS PONTIF TRIUM-
PHALIB... ...perch giovano a determinare let del nostro ignoto, il quale dietro
le orme Capitone da una delle segreterie pass anchegli al comando dei vigili.
Articolo in cui Borghesi illustra il significato di due iscrizioni trovate a Foligno.
Edizione di riferimento: Intorno a due iscrizioni esistenti a Fuligno, Annali
dellInstituto di corrispondenza archeologico 1846 (XVIII), pp. 312-350.

Ms. Ital. Quart. 31


Tolomeo Barboni
II + 86 ff. + IV 180 145 mm XVII sec. Austria (Vienna?)

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1VI11 + 9IV83 + 1II85 Il primo fasc.


contiene f. 1a e f. 1; Lultimo fasc.: f. 84 accollato al fasc. precedente. Due ulti-
mi fogli fungono, accollati, da contropiatto posteriore Filigrane: (~Nostitz,

207
604: Vienna 1654; 605: Schlackenwert in Boemia 1651; carte di guardia 563:
Vienna, 1650) Foliazione a matita moderna A partire da f. 18 richiami e falsi
richiami Testo apiena pagina, dimensioni: (150-160) 135 mm; 20-25 righe
Scrittura di una sola mano Fogli bianchi: 1, 1avo, 85vo.
Legatura piena, prob. del XVII sec. (185 145 mm). Piatti in legno co-
perti di pelle marrone. Decorati con un filetto pi scuro, impresso a secco.
Quattro nervi semplici. Capitelli. Il dorso decorato con filetto. Sul dorso tre
etichette di carta bianca: in alto e in basso antiche segnature e lattuale se-
gnatura sulletichetta rossa; al centro il titolo ad inchiostro: Il Diogene del
Minati Colloquio Politico Ms. Contropiatti in carta bianca. Carta di guardia
anteriore legata al contropiatto. Taglio dorato. Chiusura a doppia cerniera
(contrograffe danneggiate).

Datazione e luogo di esecuzione in base al tipo di carta usata e alla data


sul frontespizio 1673 che costituisce terminus post quem. Le filigrane, sebbe-
ne non identificate, presentano caratteristiche proprie di alcuni tipi di carta
prodotti nella seconda met del XVII sec. sul teritorio dellimpero Asburgi-
co, anche a Vienna (cfr. supra). Visto il carattere del testo: un tipo di trattato
sullarte diplomatica con nette allusioni al governo di Leopoldo I, possiamo
ipotizzare Vienna come luogo di esecuzione. La data del frontespizio non
riguarda il momento della stesura della copia, ma della nascita dellopera.
Infatti la stessa data si trova su altri manoscritti riportanti questo testo. La
data del ms. conservato a Vienna nel Allgemaines Verwaltungsarchiv, Fami-
lienarchiv, Harrach, Handschrift 468 viene accompagnata con la nota more
veneto il che significherebbe anteriore al 1o marzo 1674. La collocazione del
ms. Ital. Quart. 31 non dovrebbe essere molto posteriore a questa data, vista
lattualit e la fortuna del testo in quel periodo. Legatura eseguita non molto
dopo la stesura del manoscritto (le carte: prima e ultima leggermente pi
scure delle altre). Il manoscritto porta tracce di antichi proprietari. Sul dorso
antiche segnature: 828.Ms. e 137. Per la provenienza del codice cfr. atti dellAr-
chivio della Knigliche Bibliothek (Acta III C1, vol. VI, 122-128); comprato per
la Knigliche Bibliothek nel 1855 dallantiquario di Praga, Alexander Storch,
ma proveniente aus Grfl. S. Wrbnaschen Bibliotek. I conti von Wrbna, era un
casato aristocratico di provenienza slesiana, con un ramo ceco i cui membri
nei sec. XVII e XVIII svolgevano importanti funzioni nellimpero asburgico.
Ci conferma la circolazione del codice nellImpero degli Asburgo. Sul con-

208
tropiatto anteriore il numero dingresso 4018. Lattuale segnatura: Ms. ital.
quart.31 sul dorso e sul contropiatto anteriore; a ff. 1avo, 85vo timbri della
Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 80.

ff. 1aro-85ro. Tolomeo Barboni: Il Diogene del Minati Meditato, 1673.


(1aro) Titolo. (2ro-85ro) Testo. >IL DIOGENE DEL MINATI meditato overo Col-
loquio Politico sopra il presente Go-verno della Corte Cesarea, tr il Nunzio
Apostolico e lAmbasciatore di Venezia< Nun.o: Coteste sono cerimonie Sig.r
Amb.re, egli venero del male, e non doveva incomodarsi Amb.: Questo
complimento devo fario, perch mio stato il profitto, essendomi instrutto
di molte importantissime massime di stato. Oh la tavola. Laviamoci. Nun.:
Andiamo pure. >Fine del Diogene Meditato< un dialogo fittizio di un nun-
zio apostolico con un ambasciatore veneto, esempio di trattato riguardante
larte diplomatica. Contiene allusioni e critiche rivolte al governo dellimpe-
ratore Leopoldo I. Testo inedito. Lautore un certo abate Tolomeo Barboni,
personaggio non identificato. Altre copie del testo: Vienna, Allgemaines Ver-
waltungsarchiv, Familiemarchiv Harrach, Handschrift 468; (cfr. H. Seifert,
Kaiser Leoplod I im Spiegel seiner Hofoper, in: P. Bhar, H. Schneider, Der
Frst und sein Volk: Herrscherlob und Herrscherkritik in den habsburgi-
schen Lndern der frhen Neuzeit: Kolloquium an der Universitt des Saar-
landes (13.-15. Juni 2002), Rhrig 2004, p. 99). Biblioteca Regia di Monaco
di Baviera, Ital. 368, ex. Biblioteca Palatina (cfr. Catalogus codicum manu
scriptorum bibliothec regi Monacensis, t. VII, Monachii 1858).

Ms. Ital. Quart. 32


Ordini et ceremonie che osserva il serenissimo principe
Membranaceo II+50+III 215145 mm 1618-1623 Italia (Venezia)

Manoscritto in discreto stato. Macchie; il piatto finale parzialmente stac-


cato Fascicoli: 1VI12 + 1VIII28 + 1(VI-1)39 + 1(VI-1)50; mancano carte tra la 31 e
32 e tra la 42 e 43 Foliazione recente, a matita Rigatura per impressione
Testo a piena pagina, dimensioni: 160 (105-110) mm; 26-29 righe (primo
copista) e (120-170)(115-133) mm; 13-23 righe (secondo copista) Due mani
Fogli bianchi: 1ro-3ro, 38ro-50vo. Decorazioni: cornici rosse (192 125 mm)

209
sulle pagine con il testo; (3vo) disegno su tutta la pagina - decorazioni con
motivi floreali, al centro larma di Antonio Priuli sotto il cappello del doge;
sopra larma il leone di San Marco. (4ro) Rubrica iniziale in lettere capitali
doro; rubriche, iniziali semplici rosse; iniziali campite (cornice nera e lette-
re rosse con decorazioni floreali).
Legatura in cuoio marrone alle armi del doge Priuli, originale, del XVII
sec. (223 152 mm). Sette nervi semplici. Capitello. Piatti in legno coperti
di pelle, con decorazioni floreali impresse in oro, in doppia cornice, con al
centro larma sullo sfondo blu. Buchi per bindelle. Sul dorso decorazioni con
motivi floreali impressi in oro. Tagli dorati.

Lo stemma (troncato: nel 1o di rosso pieno; nel 2o dazzurro, a tre pali


doro) di Antonio Priuli: doge negli anni 1618-1623. La tipologia del libro,
un prodotto di lusso, senza dubbio originale, permette di datarlo per que-
gli anni e indicare Venezia come luogo di esecuzione del manoscritto. Ci
suffragato dalle caratteristiche paleografiche (compatibili con linizio del
XVII sec.) e con le date allinterno del testo (23 marzo 1618). Lingresso del
manoscritto nella Knigliche Bibliothek avvenne nel 1856. Nel registro come
provenienza indicato il Dr. Gerstaecker; prob. si tratta di Karl Eduard Adolf
Gerstaecker, zoologo tedesco (1828-1895), legato a lungo allUniversit di
Berlino. Non chiaro come il manoscritto veneziano potesse essersi trovato
in suo possesso. (1ro) a inchiostro: 785 (vecchia segnatura). (3ro) a matita,
una nota del bibliotecario: Ein Bild und fol. 1-34. Sul contropiatto iniziale, a
inchiostro, il numero dingresso: (4724). (3ro) la segnatura della Knigliche
Bibliothek: Ms.4o. no. 32. (3ro, 37vo) timbro della Knigliche Bibliothek di Ber-
lino.
Lemm, p. 80.

ff. 4ro-37ro. Ordini et ceremonie che osserva il serenissimo principe


(doge di Venezia). Testo. >Ordini, et Cerimonie, che osserva il Ser.mo Princi-
pe./ GENNARO< Il Primo giorno di Gennaro S. Serenit con la Ser.ma Sig.ria cio
sei Consiglieri, tre Capi di Quaranta, tre Avogadori, tre Capi di X due Censori, et
prima appresso S. Serenit caminano glIllmi Sigri Oratori. et Cancellier grande
avanti il Principe, et poi seguono tutti li Deputati adaccompagnar S. Serenit.
XX. di Pregadi, et XX di Zonta. Il Principe veste manto di veluto, et sottana di
raso tutti li altri di seda sentra in Chiesa di San Marco per la Porta di Piazza,

210
et esce per listessa... ...Item Alli Sudetti Cav.r Scalco Scudieri sonno n.o 18 siano
acressiutti soldi quatro al giorno per cadauno per companatico del publico
dinaro, o lire li soldi otto channo havuto sino al presente Iusta la Parte del
Magior Cons.o 23 marzo 1618 __________Lire 212:12:12/ Item Lire mille secondo la
parte del Mag.r Cons.o11 Agosto 1550[?]_________Lire 1000/ Lire 6304 denari soldi
31[?]. Libro di cerimoniale del doge Antonio Priuli (doge 1618-1623). Contie-
ne la descrizione minuziosa delle cerimonie della corte ducale. Nella prima
parte, in ordine cronologico, il testo contiene lelenco delle varie cerimonie
cui presiede il doge con il relativo cerimoniale, cio linformazione circa gli
ufficiali coinvolti, i luoghi e il tipo di vestiario da adottare. Seguono lelen-
co delle feste di palazzo (26ro-27ro), regalia che il doge deve riscuotere, i
patronati e gli obblighi che ha verso altri, le spese e gli stipendi da pagare a
corte (35vo-36ro), altre entrate che deve riscuotere. Testo inedito.

Ms. Ital. Quart. 34


Patrizio de Rossi Raccolta di processi ed esecuzioni
I+316ff. 270 196 mm XVIII sec. Italia

Manoscritto in discreto stato. Macchie, infiltrazioni dacqua Fascico-


li:1(II+1)5+1IV13+1IV21+1(IV-1)28 +1IV36+1II40+1IV48+1I50+1IV58+1II62+1(IV-
1)69 +1II73 + 37III285 + 1(III+4)305 + 1(V-1+2)316 Filigrana: uccello sul trimonte
cerchiato con le lettere FM (~Heawood 161, 162, 165-166, 168: Italia, XVII-XVIII
sec.), nellultimo fascicolo stella sormontata da una croce (~Heawood 3874:
Italia XVIII sec.) Vecchia paginazione da f. 5 a f. 263, separata per ogni parte
(4 parti) della prima opera (Sacco di Roma) Foliazione precedente relativa
alla seconda parte del manoscritto (testi diversi) f. 264-310; foliazione mo-
derna a matita dellintero manoscritto Falsi richiami Rigaturacon linchio-
stro Margini rifatti a matita Testo a piena pagina, dimensioni: (235-245)
(148-159) mm; 26-37 righe Presenza di due mani diverse (prima mano fino
a 176ro e a partire da 202ro; seconda mano: 176vo-201vo). Fogli bianchi: 3-4,
86vo, 163vo, 287vo-288ro, 311-316.
Legatura originale in pergamena del XVIII sec. (275205 mm). Piatti in
cartone. Tre nervi semplici. Sul dorso in alto il titolo: Del sacco/ di Roma,
in basso letichetta di pelle rossa con la segnatura attuale. Tagli spruzzati
di rosso.

211
In base alle filigrane (cfr. supra) e alle caratteristiche paleografiche il
testo pu essere collocato nel XVIII secolo. Terminus post quem lanno
1737 data del processo del conte Trivelli descritto nel codice. Arrivato nel-
la Knigliche Bibliothek nel 1872; nel registro dingresso manca linforma-
zione circa la provenienza. Sul contropiatto anteriore il numero dingresso:
Acc.9768 e una scritta cancellata (illeggibile) con linchiostro. (1ro) lattuale
segnatura: MS. Ital. Quarto 34. (1ro) pagina del titolo: Del/ Sacco di Roma/ in
quattro/ Parte. (1vo, 310vo) timbro della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 80.

ff. 1ro-263vo Patrizio de Rossi: Del sacco di Roma. (2ro-vo) Indice. (5ro-
86r ) Testo della prima parte. >Del sacco di Roma, Parte prima< Fin dalla
o

mia adolescenza vago di ricercare i fatti de miei progenitori ritrovai tra lan-
tiche scritture della mia Casa una quantit di memorie delle cose successe
nel sacco di Roma notate di pugno di Francesco de Rossi mio bisavolo il quale
fino dallanno 1519 essendo morto il Cardinale Luigi suo fratello, da Firenze
si era portato in Roma ad essere spettatore... ...si spinse verso i confini della
Chiesa, e cos rest in un subbito estinta la speranza di Pace, di Tregua, driz-
zandosi le cose manifesta guerra, e cos ebbe fine lanno 1526. >Fine della/
prima parte< (87ro-163ro). Testo della seconda parte. >Del sacco di Roma/
Parte seconda. In cui si tratta della guerra tra il vicer di Napoli, et il Papa, e
la concordia fra essi seguita. La passata di Borbone in Toscana./ Il tradimen-
to fatto da vicer, et altri Ministri imperiali al Papa [...]< Entr lanno 1527
con grandissime provisioni dArmi per mare... ...Onde Napoleone tornato
indietro e con grosso Bottino, in cambio di remuneratione ne ricev trava-
glio, come vedremo a suo Luogo, nella seguente. >Fine della/ Seconda Parte<
(164ro-213vo) Testo della terza parte. >Del Sacco di Roma./ Parte terza/ Nella
quale si discorre di alcuni avvenimenti occorsi in tempo che glImperiali ten-
nero occupata Roma ed altre cose occorse dopo il Sacco< Se la Temperanza,
e la Giustizia non fossero Virtt cotanto necessarie al........... [lacuna nel testo
segnalata dai puntini] vivere della vita civile. Io mi persuaderei, che lavari-
tia lAmbitione, e laltri Vitii, che la perturbano dovessero essere altrettanto
fuggiti... ...et il Ducha di Ferrara non parendo Clemente tempo oportuno
di fare al duca aperta guerra . >Fine della 3. Parte< (214ro-263vo) Testo della
quarta parte. >Del Sacco di Roma Parte quarta/ Nella quale si tratta linfelice
fine della Guerra Fiorentina e come Alessandro de Medici divenisse Prencipe

212
della sua Republica Landata di Clemente VII in/ Francia./ Del suo ritorno
Roma, della sua morte, e de suoi Nipoti./ Partenza del Papa/ da Bologna a
Roma, e di Cesare per Germania< Premeva Sua Santit limpresa di Firenze
sopra ogni altra cosa... ...non si contentava davere il Principato della Re-
publica Fiorentina quasi che mancando il titolo mancasse la potenza. Onde
di Leggieri cacciato Franco, M. a del suo stato, Leone col consenso di tutto il
Collegio. Il Sacco di Roma di Patrizio de' Rossi una delle opere storiche
dedicate alle tragiche vicende delle guerre in Italia nel XVI secolo che cul-
minarono con la distruzione e il saccheggio di Roma nel 1527 da parte dei
lanzichenecchi dellimperatore Carlo V. Nellintroduzione lautore dichiara
di aver trovato il racconto del sacco di Roma tra le carte del bisnonno. Le-
opold von Ranke (nel volume VI della sua Deutsche Geschichte im Zeital-
ter der Reformation, cfr. C. Milanesi, Il sacco di Roma del MDXXVII: narra-
zioni di contemporanei, Firenze 1867, p. XL) prova che tale dichiarazione
un espediente letterario e si tratta di unopera apocrifa, compilata a partire
dalle Storie di Francesco Guicciardini, Ragguaglio di Jacopo Buonaparte
e Storia del sacco di Luigi Guicciardini. Ledizione del testo di De Rossi
del 1837, in quattro parti (due volumi) con il titolo di: Memorie storiche dei
principali avvenimenti politici dItalia seguiti durante il pontificato di Cle-
mente VII, opera di Patrizio de Rossi, fiorentino, Roma 1837. La versione
tramandata dal codice Ital. Quart.34 differisce in alcuni punti dalledizione.
Mentre le prime due parti coincidono, allinizio della parte III nelledizione
manca una parte presente nel manoscritto berlinese. Ledizione inizia da:
Abbiamo veduto nella seconda parte.. a p. 5 (che corrisponde al capitolo: Se
sia nelle citt necessario luso delle armi) del manoscritto. Nel nostro, prima
abbiamo una disquisizione di carattere politico-morale a ff. 164ro-166ro (Gli
estremi sono la rovina delle Monarchie e dei Regni, Di Roma moderna e dei suoi
abusi). Solo una parte di questa disquisizione presente nelledizione, cio
nel capitolo Se sia nelle citt necessario luso delle armi, del resto molto di-
verso rispetto alla versione tramandata dal manoscritto. Il racconto storico
riprende a f. 166ro con le seguenti parole (a p. 7 delledizione): Ma tempo di
tornare ad Orvieto, ove Clemente non otiosamente passava i giorni; Imperci
che premendo Lotrech grandemente chegli si di-[f. 66vo] chiarasse contro
Cesare in favore della lega... Tra la terza e la quarta parte la divisione diver-
sa. Il manoscritto presenta la fine della terza parte dove nella stampa con-
tinua ancora (p. 134 delledizione). La quarta parte riprende subito (p. 135

213
delledizione) e prosegue con i capitoli della terza e poi della quarta parte
nelledizione. Nelledizione la divisione tra la terza e la quarta parte corri-
sponde a f. 229vo (Cesare in Augusta fa eleggere il fratello Re de Romani). La
quarta parte nel manoscritto risulta incompleta. Il manoscritto finisce con
le parole che si trovano a p. 89 del quarto volume delledizione. Manca tutto
il testo corrispondente, racchiuso tra p.89 e p.169 delledizione.
ff.264ro-vo. Indice dei testi successivi. Relazione della Morte del Cardi-
nale Caraffa - Duca di Paliano, suo fratello... Indice dei testi trascritti succes-
sivamente. Tuttavia, tra i testi elencati (Relazione della morte del Cardinale
Caraffa; Dialogo tr Gasperino e Lattanzio Barigelli sopra la Morte del Cardi-
nale Caraffa; Lettera del Duca di Paliano scritta al Figliolo prima di morire;
Relazione della morte di Giacomo e Beatrice Cenci, e Lucrezia Petronia Cenci
Loro Matrigna; Relazione della Giustizia fatta di Onofrio Santacroce lanno
1610; Effetti della Maledizione Paterna nella morte de Figli del Marchese de
Massimi seguita nel tempo di Clemento VIII; Relazione della Morte e delitto
commesso da Giacomo Centini; Lettera scritta dal medesimo Giacinto Centini
al Cardinale suo Zio dAscoli; Lettera del Medesimo alla sua Moglie; Ristretto
del Processo e sentenza contro Michele Molinos; Donna uccisa ritrovata nel
Tevere; Omicidio seguito in casa di Monsignore Omodei), sono presenti solo i
testi fino al processo di Centini (comprese le due lettere). Gli altri testi non
ci sono, al loro posto a f. 302vo Della Morte del Conte Errigo Trivelli, con le 15
poesie dello stesso Trivelli composte in carcere.

ff. 265ro-267vo. Relazione della morte dei Caraffa. Titolo e testo. >Re-
lazione della morte del Cardinale Caraffa, Duca di Paliano, Sua fratello, conte
di Alisse e di D. Leonardo Cardines fatti morire da Pio IV nellanno 1562 alli
6 di marzo< LAnno 1562 - il primo di Marzo fu fatto concistoro per le cose
de Caraffi e dur dalle ore 13 fino ad una ora di notte nel qual tempo si lesse
solamente la sostanza del Processo, e Sua Santit sentenzi in cedola il caso
loro... ...li f data seppoltura e questo fu il fine della loro vita. Esempio me-
morabbile da ammirarsi che chi unque sia, in futuro in simili maneggi e di
caminare vie dirette, acci non incontri in simili castighi. Testo presente in
altri manoscritti prevalentemente sei o settecenteschi contenenti le varie
relazioni degli avvenimenti italiani (p.es. nel ms. it. 1322 della BNP, ancienne
cote, Saint-Germain Gesvres 108, ff. 132-170). Pubblicato in Thesoro politico
3, pp. 282-287 finisce con questo fu il fine delle loro vite.

214
ff. 268ro-276vo. Dialogo tra Gasperino e Lattanzio Barigelli sopra
la Morte del Cardinale Caraffa. Titolo e testo. >Dialogo tra Gasperino,
e Lattanzio Barigelli/ sopra la Morte del Cardinale Caraffa, Suo fratello/ e
cognato e D. Cardines, segiuta (sic!)/ il Mercordi notte li 25 Marzo 1562< Latta.
Intendo, che a te toccasse ieri sera le funzioni di questi Signori Caraffa e per-
ch ne sono da molti ricercato, sicch desidero, come appunto seguisse il fatto,
onde ti prego confirmarmelo... ...gli ricordavano e in un subbito rivolto
quello che teneva il Crocifisso, disse aiutatemi, e non mi abbandonate e cosi
posto il collo sotto la Mannaia dicendo con il Confortatore Iesus si mihi Iesus,
Gies abbi misericordia di m, termin la sua vita... Testo inedito, presente in
altri manoscritti prevalentemente sei o settecenteschi contenenti le varie
relazioni degli avvenimenti italiani (p.es. nel manoscritto it. 1322 della BNP,
ancienne cote, Saint-Germain Gesvres 108, ff. 171-182).
ff. 276vo-278ro. Lettera del Duca di Paliano scritta al Figliolo prima
di morire. Titolo e testo. >Lettera del Duca di Paliano scritta al Figliolo pri-
ma di morire< Iddio glorioso vi doni la sua grazia e quelle sante e vere bene-
dizioni che la Sacra Maest suol dare Suoi eletti. Sia sempre lodato il nome
di Gies Cristo Signor Nostro. Queste, credo, saranno le ultime lettere, parole,
ricordi che vi potr dare in questa vita... ...Lultimo giorno di questa Fallace
vita che sono li 5 del mese di Marzo alle ore cinque di notte nelle Carceri di
Torre di Nona 1562. Il testo si trova anche a pp. 5-7 del manoscritto 208 della
BUBo, in folio, paginato, composto di 1734 pagine numerate, intitolato Rac-
colta di diverse morti con vari avvenimenti, databile al XVII secolo. Tranne
piccole varianti il testo dellItal. Quart. 34 identico a quello del manoscritto
bolognese. Pubblicato in Thesoro politico 3, pp. 288-291 in una versione che
differisce in molti punti dal nostro ms.
ff. 278ro-289ro. Relazione della morte Beatrice Cenci. Titolo e testo.
>Relazione della morte di Giacomo, e Beatrice/ Cenci e Fratelli e Lucrezia Pe-
tronia Cenci/ Loro Matregnia Parricidi e uccisori di/ Fran.co Cenci seguita in
Roma gli/ 11. Settembre< La nefandissima vita che h sempre tenuta Franco
Cenci Romano sin che a vissuto; A causato non solo la propria perdizione, ma
la totale rovina della famiglia, come ancora di molti estranej e di Casa sua par-
ticolarmente... ...Il di 14 la Compagnia del Sanmo Crocifisso in S. Marcello con
loccasione della Festa della Croce sua festivit per privileggio libber di pri-
gione il Signore Bernardo Cenci con obbligo di pagare nel termine di un Anno
Venticinquemila Scudi alla Santissima Trinit de Pellegrini e Convalescienti.

215
Lo stesso testo in versione leggermente diversa si trova nellItal. Quart.6. Il
testo si trova anche a pp. 81-111 del ms. BUBo, 208 cit. supra. Il testo del nostro
si differenzia in pi punti dal ms. bolognese sia per caratteristiche grafiche e
linguistiche che per divergenze testuali. La relazione sul delitto e sulla morte
dei Cenci rimase manoscritta anche a causa di una censura imposta dalla cu-
ria romana (cfr. C. Dalbono, Storia di Beatrice Cenci e de suoi tempi, Napoli,
1864, pp. 425-426). Il processo dest vivo interesse sia in Italia che allestero,
tanto da veder nascere relazioni e successivamente opere letterarie dedicate
alle tristi vicende dei Cenci. Dalbono (Ibidem, p. 425) cita una breve relazio-
ne latina il cui autore doveva essere o un cardinale o il prete che assisteva i
Cenci. Nel ms 3 della BUBo, ff. 121ro-132vo, c una relazione intitolata Morte di
Giacomo, Beatrice fratelli de Cenci e di Lucrezia Petronilla Matrigna Parricidi
seguita in Roma nel sabbato degl11 settembre 1599. Il testo contiene allinizio
un breve proemio che manca sia nella versione dellItal. Quart.6 che dellItal.
Quart.34. Fogli bianchi: 287vo-288ro non corrispondono a nessuna lacuna nel
testo in quanto si tratta di carte rimaste attaccate durante la scrittura. Il testo
da f. 287ro continua semplicemente a f. 288vo.
ff. 289ro-291ro. Relazione della Giustizia fatta di Onofrio Santacro-
ce lanno 1610. Titolo e testo. >Relazione della Giustizia fatta di Onofrio/ San-
tacroce lanno 1610 al quale fu/ tagliata la Testa per avere acconsentito/ al
Matricidio di Pauolo suo Fratello/ in Persona della Signora Costanza/ San-
tacroce seguita nel/ Pontificato di Clemente VIII< La Giustizia di Dio seppure
tarda, mai lascia di punire il delinquente, Quindi avvenne che Pauolo Santa-
croce come si crede pi volte richiesta la Signora Costanza sua Madre di costi-
tuirlo erede delle sue facolt... ...Pigli pertanto ognuno essempio da questo
Cavagliere a rispettare li Suoi maggiori, acci non incorra in quella pena, che
merita una tale ingratitudine. Testo non pubblicato, presente anche nel ms.
208 della BUBo, cit. supra.
ff. 291ro-295ro. Effetti della Maledizione Paterna nella morte de Fi-
gli del Marchese de Massimi. Titolo e testo. >Effetti della Maledizione Pater-
na nella morte de Figli del Marchese de Massimi seguita nel tempo di Clemento
VIII< Risplendeva tr le pi nobili famiglie di Roma la casa di Massimi... ...H
stimato bene scrivere questi successi per insegnamento della Posterit quanto si
deve temere la Maledizione Paterna. Il testo, inedito, si trova anche a pp. 69-80
del ms 208 della BUBo, cit. supra. Il testo si differenzia per certe caratteristi-
che grafiche e linguistiche, con alcune varianti testuali di minor conto.

216
ff. 295ro-301vo. Relazione della Morte e delitto commesso da Giacin-
to Centini. Titolo e testo. >Relazione della morte e del delitto commesso da
Giacinto Centini Nipote del Sig. Cardinale dAscoli di questo cognome e com-
plice per fare morire il Pontefice Urbano VIII. Seguita li 23 Aprile 1635 sotto il
medesimo Pontificato< Fr Diego Guocolone Palermitano de minori Eremi-
tani ricoveratosi molti anni sono in Spagna fuggitivo dallIsola di Sicilia per
diverse sceleraggine, e misfatti commessi, e quivi inquisito e messo imprigione,
e processato dal Santofizio... ...Cos morirono giustamente quei tali, che con
mani sacrileghe procurano di la morte a quello il quale sostenendo in Terra le
veci di colui, che mor per la redenzione dellUomo, porta seco pi dognaltra
persona lArmatura Celeste, e la difesa del Cielo. Racconto di una congiura
ordita da Giacinto Centini (cfr. Ital. Quart. 6) Il testo simile, inedito, si trova
anche a pp. 157-174 del ms. 208 della BUBo, cit. supra. Il testo sostanzial-
mente diverso, a partire dallincipit, per il diverso dettaglio del racconto, per
luso di parole diverse per descrivere gli stessi avvenimenti. Inoltre, il testo
del ms. bolognese finisce con le parole: in ultimo dalla propria conscienza
sono palesati mancando dellultima frase del nostro.
ff. 301vo-302ro. Lettera scritta da Giacinto Centini al Cardinale
dAscoli suo zio. Titolo e testo. >Lettera scritta da Giacinto Centini al Cardi-
nal dAscoli, suo zio< Il Giusto rigore della Giustizia non deve essere impedito,
anzi ogni cristiano obbligato ad essere ministro in castigare li rei. Io dun-
que come reo machinatore della vita... ...e della mia cara consorte e misera
Famiglia, che nella mia partenza per la mia morte con tutto il cuore racco-
mando Vostra Eccellenza a chi in questo ultimo mio passo ricorro per la s.
Benedizione./ Dalle carceri di corte Savella in Roma li 23 Aprile 1635. Il testo
che racconta il processo di Giacinto Centini accompagnato dalla lettera
indirizzata allo zio, cardinal dAscoli (cfr. il ms. Ital. Quart. 6). Il testo, inedito,
si trova anche a pp. 175-176 del ms. 208 della BUBo, cit. supra. Il testo dellItal.
Quart.34 nei contenuti uguale al manoscritto bolognese, differisce da que-
sto per varianti testuali di minor conto.
ff. 302ro-vo. Lettera di Giacinto Centini alla sua Consorte. Titolo e
testo. >Lettera del medesimo alla consorte< Un mal principio un pessimo fine
aspetta. Lenormit de miei delitti commessi con il sangue da me sparso di
tanti innocenti mi anno giustamente condotto al meritato fine... ...nostri cari
figli per i quali non cesser di pregar il Signore che conceda loro per sua piet
miglior vita, e morte del Loro misero Padre. Il testo (intitolato: Altra copia

217
di lettera del medesimo scritta alla sua Signora Consorte) si trova anche
a pp. 177-178 del ms. 208 della BUBo, cit. supra. Il testo dellItal. Quart.34
nei contenuti uguale al ms. bolognese, differisce da questo per alcune
varianti. Cfr. lincipit del ms. bolognese: Un mal principio, un pessimo fine
aspetta. Lenormit dei miei fatti commessi con il mio sangue da me spar-
so di tanti innocenti mhanno ridotto al meritato fine. Cfr. lo stesso testo
nellItal. Quart.6.
ff. 302vo-305ro. Della morte del conte Trivelli. Titolo e testo. >Della
Morte del Conte Errigo Trivelli Napolitano seguita li 23 Febbraro 1737 sulla
Piazza di Ponte S. Angelo< Si port in Roma il Signore Conte Errigo Trivelli
visse di religione indiferente per trovare Onorevole impiego che non ebbe mai
la sorte di essere in veruna corte ammesso ne per segretario, e ne anche per
Gentilomo... ...lo assistese sin allultimo momento dove lo accompagn sin
sopra il Palco dove fin di vivere lo sfortunato conte Trivelli. Relazione della
morte del Conte Enrico Trivelli (1709-1737) originario di Vasto, condannato
per i suoi scritti, ritenuti denigratori e ribelli. Inedito.
ff. 305ro-310vo. Ode di Enrico Trivelli. Titolo e testo. >Composizione/ Del
Signor Abbate Conte Errigo Trivelli Decapitato il di 23 di Febraro 1737 nella
Piazza del Ponte S.Angelo, doppo avere ricevuta la nova della Morte< (305ro-
310vo) Affinch pubblicamente rimanga notizia di quei sentimenti con i quali
io Conte Errigo Trivelli [...] Sommo Padre, e Pastor Clemente, in cui/ salz
Natura, e le prove estreme... ...Componi e ondella preso a sdegno il suolo/
Dispieghi gia s quelle stelle il volo. Un componimento poetico di 15 stanze
scritto da Enrico Trivelli in carcere, dopo che gli fu comunicata la notizia del-
la sua condanna. Testo preceduto dallintroduzione di Trivelli. Cfr. lo stesso
testo nel BNP, it. 174. Inedito.

Ms. Ital. Quart. 35


Domenico Michelessi
I + 89 ff. + II 280 195 mm XVIII sec. (fine) Germania (?) francese, latino

Manoscritto in buono stato La struttura dei fascicoli impossibile da sta-


bilire. Tra f. 1 e f. 2 tre fogli strappati Filigrana: 2 tipi di stemma con lette-
re PABN. (~Eineder, 1666: Nord Italia, Trieste 1770) Foliazionemoderna a
matita Richiami e falsi richiami Testo apiena pagina, dimensioni: 235

218
(170-175) mm; 25-30 righe. Rigatura a matita Scrittura di una sola mano
Correzioni e cancellazioni Fogli bianchi: 1, 89vo.
Legatura originale, rigida, piena, del XVIII sec. (285 205 mm). Piatti in
cartone coperti di pelle marrone chiaro, decorati con una cornice di due fi-
letti doppi impressi a secco in oro e semplici motivi floreali. In alto a sinistra
letichetta rossa con lattuale segnatura. Sul dorso sette false nervature. Gli
scomparti del dorso decorati con motivi floreali impressi a secco in oro. In
alto impresso il titolo VIE/ DU C./ ALGA/ ROTTI/ M.S. Contropiatti in carta
marmorizzata (~Marbled Paper, tav. XXIV, 22: turkish pattern, seconda met
del XVIII sec.). Carte di guardia I e III marmorizzate, incollate a carte bian-
che, carta II bianca.

Datazione: terminus post quem il 1770 cio lanno in cui viene pubbli-
cato il testo italiano delle Memorie intorno alla vita e agli scritti del conte
Francesco Algarotti ad opera di Domenico Michelessi. Con questa premes-
sa, vista la carta marmorizzata utilizzata per la legatura (fine XVIII secolo), il
manoscritto pu essere datato tra 1770 e 1800. Per quanto riguarda il luogo di
realizzazione, non esistono certezze; i luoghi probabili sono (visto il disegno
della carta marmorizzata e la lingua del manoscritto) Francia o Germania.
Leventuale provenienza francese oltre alla lingua e alla carta marmorizzata
(indizio non risolutivo) rinforzata dallo stile della legatura largamente
utilizzato nelle legature francesi del XVIII secolo (cfr. Database of Bookbin-
dings, BL). Visto, tuttavia, che si tratta di una legatura relativamente poco
elaborata, anche questo indizio non pu essere risolutivo. Inoltre la filigra-
na della carta potrebbe indicare anche lItalia settentrionale. Il manoscritto
pervenuto nella Knigliche Bibliothek nel 1872, ma la provenienza non
menzionata nei registri dingresso. (Ivo) il numero dingresso Acc 9766. La
segnatura attuale sul piatto anteriore: Ms. ital.Quart.35; a f. 2ro MS. Ital.Quar-
to.35 e a ff. 2vo e 89vo timbri della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 80.

ff. 2ro-89ro. Domenico Michelessi: Mmoires Concernant la Vie et les


Ecrits du Comte Franois Algarotti (traduzione dallitaliano). Titolo e
testo. >Mmoires Concernant la Vie et les Ecrits du Comte Franois Algarotti<
Nous sommes si naturellement ports imiter les exemples que nous avons
sous les yeux, que cest ordinairement ce qui regle notre conduite, et qui dci-

219
de presque toujours du bon ou du mauvais usage que nous faisons de la vie...
...Olli ynchas, Romaeque canunt praeconia reges,/ aptius ex illo Mars sibi
legit opus./ Sed quid ego haec retuli. Magno palcuit Friderico/ hoc unum longi
carminis instar erat. Traduzione francese della biografia di Francesco Alga-
rotti (1712-1764) di D. Michelessi, Memorie intorno alla vita ed agli scritti del
conte Francesco Algarotti, Venezia, 1770. Per le notizie su Algarotti cfr. DBI,
Francesco Algarotti, s.v. Esiste una traduzione francese pubblicata a stam-
pa: Mmoires concernant la vie et les crits du comte Franois Algarotti,
trad. Giovanni Francesco Salvemini de Castillon (1708-1791), Berlin 1772. Il
confronto del testo Ital. Quart. 35 con loriginale e la traduzione di Castillon
prova che si tratta di unaltra versione francese del testo italiano. La tradu-
zione fedele e mantiene lintegrit del testo di partenza insieme allode
latina anonima in lode di Algarotti che conclude sia il testo italiano che la
traduzione francese a stampa. Autore della traduzione non identificato. Non
si rintracciata unaltra copia del testo. Testo prob. inedito.

Ms. Ital. Quart. 36


Opinione del Padre Paolo Servita, consultor di stato,
come debba governarsi internamente ed esternamente la
repubblica di Venezia per avere il perpetuo dominio
I + 36 ff. 220 155 mm XVII sec. (fine) Italia

Manoscritto in buono stato. Piccole macchie, fogli 25 e 26 incollati insieme


in alto Filigrana (ff.17-18) giglio (~Heawood, 1636: Roma, 1693) Fascicoli:
1(VI-1)11 + 1VI23 + 1(VI+1)36 Foliazione originale a inchiostro rosso Margini
piegati Testo a piena pagina, dimensioni: 205145 mm; 28-29 righe Falsi
richiami Scritto con linchiostro rosso, una sola mano Decorazioni: iniziali
semplici del colore del testo; (11vo, 36vo) chiudiriga; (14vo, 21ro, 26vo, 31vo) fi-
nalini in rosso; (1ro, 12ro, 15ro) iniziali semplici decorate. Alcune parole (nomi
di persone, di stati, nomi geografici ecc.) evidenizati attraverso luso dellin-
chiostro nero sopra quello rosso.
Legatura originale in pergamena floscia del XVII sec. (225 160 mm). De-
corata con doppi filetti in oro con motivi floreali negli angoli, sul dorso tracce
di doppi filetti in oro. Tracce di unetichetta. Sui contropiatti incollata carta
dorata con motivi decorativi floreali. Tagli dorati. Capitello giallo e azzurro.

220
Datazione in base alla filigrana: fine del XVII sec. Manoscritto eseguito in
Italia, senza evidenti tracce dialettali, presenti solo il raddoppiamento di al-
cune consonanti intervocaliche: datta, doppo, pocco ecc. e qualche inconsueto
scempiamento delle doppie, forse dovuto allipercorrettismo. Tracce di uneti-
chetta sulla legatura (piatto anteriore); rari appunti posteriori senza la possi-
bilit di determinarne lautore; mancano tracce esplicite di possessori tranne
la Knigliche Bibliothek: (Ivo) a mano il numero dingresso: Acc.9822 mano-
scritto acquisito da Stett in Breslau (Wrocaw) 17 luglio 1873. (1ro) la segnatura:
Ms. Ital. Quarto 36. (1ro, 36vo) timbro della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 80.

ff. 1ro-36vo. Opinione del Padre Paolo Servita. Titolo e testo. >Opinio-
ne del Padre Fr Paolo Servita Consultor di Stato datta alli SS. Inquisitori di
Stato, in qual modo debba governarsi La Republica Veneta internamente et
esternamente per aver perpetuo Dominio; con la qual si ponderano li interessi
tutti de Prencipi, da lui descritta per Publica commissione lanno 1615< Scrivo
per patto dobbedienza, senza considerazione alla mia pocca abilit, perche la
prima consideratione della mia mente deve essere dobbedire al mio Prencipe,
al quale tutto devo et h tutto dedicato me stesso... ...E con questo augurio,
che venne dal cielo, e che porse un animo divotissimo, penso di avere adempiti
li comandi di V.V.E.E. se non a misura del mio debito, almeno a proportion del
mio pocco talento. >Finis< Trattato falsamente attribuito a Paolo Sarpi, come
dimostrato da A. Bianchi-Giovini nella sua Biografia di fr Paolo Sarpi, te-
ologo e consultore di stato della Repubblica Veneta, vol. II, Basilea 1847, p.
479. Bianchi-Giovini afferma che si tratta di unopera apocrifa, forse di mano
di un certo Canale, usata per screditare il nome di Sarpi. La prima stam-
pa di questo scritto machiavellico, il cui autore consiglia, per governare, di
usare frode, ipocrisia, paura ecc. usc nel 1681 con il titolo: Opinione del Pa-
dre Paolo Servita, consultor di stato, come debba governarsi internamente
ed esternamente la repubblica di Venezia per avere il perpetuo dominio.
Successivamente ristampata anche come Memoria presentata al Senato
e Ricordi al principe e Senato veneto, fu anche tradotta in francese. Cfr.
A Bianchi-Giovini, cit. supra, pp. 479-480. Per la prima edizione, cfr. supra.
Nelledizione del 1685 cambia il titolo: Opinione falsamente ascritta a Padre
Paolo Servita.... Rispetto alledizione, il nostro testimone contiene diverse
differenze di minor rilievo.

221
Ms. Ital. Quart. 37
Capitoli riguardanti gli Ebrei di Venezia del doge Paolo Renier
Membranaceo I+52+I 225 165 mm 1788 Italia (Venezia)

Manoscritto in discreto stato. Alcune carte con strappi, due (28, 31) con un
piccolo buco; tracce di lavori di restauro Fascicoli: + 1I52 Foliazione mo-
derna a matita Falsi richiami Rigatura a inchiostro Testo a piena pagina,
dimensioni: (165-170) (110-125) mm; 19 righe Scrittura di due mani (Piero
Alberti e, dal 7ro, Valentin Marini) Fogli bianchi: 52 Annotazione di mano
diversa su f. 51vo
Legatura originale in cuoio marmorizzato (230 170 mm), sul piatto
iniziale e finale decorazioni stampate in oro: filetti con motivi floreali e, al
centro, una decorazione floreale con il frutto del melograno. Cinque nervi
semplici. Sul dorso decorazioni floreali impresse in oro. Contropiatti e guar-
die in carta marmorizzata (~Devauchelle, III, tav. III: XVIII sec.). Tagli dipinti
di rosso.

Il manoscritto databile attraverso i colophon: (6vo) Dat. in Nro Dli Palo


Die V Junij Ind. VI MDCCLXXXVIII Piero Alberti Segrio e (51vo) 5 Giug[n]o MDC-
CLXXXVIII Valentin Marini N. Dl. Il codice rimase a Venezia almeno fino al
1857 quando fu acquistato da un certo Heinschneider (cfr. f. Ivo a matita:
Gekauft in Venedig 1857 Heinschneider). La Knigliche Bibliothek compr il
codice negli anni 1873-1875 (cfr. il numero dingresso: Acc.10.091 di fronte al
quale non c la nota corrispondente nel registro). (1ro) la segnatura: Ms. Ital.
Quarto 37. (1ro, 51vo) timbro della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 80.

ff. 1ro-51vo. Capitoli riguardanti gli Ebrei di Venezia. (1ro-6vo) Intro-


duzione. >Paulus Rainerius Dei Gratia Dux Venetiarum< Universi set singulis
Magistratibus hujus Urbis Nostrae Venetiarum, eorumque Ministris praesen-
tibus et futuris ad quos heae nostrae pervenerint et earum executio spectat...
...ed uscito per lume e rispettiva esecuzione. (7ro-51vo) Testo. >Capitoli ri-
guardanti gli Ebrei di Venezia< Che tutti gli Ebrei dogni ordine che vorran-
no domicilliare per il corso dun venturo Decennio in Venezia, debbano essere
eguali nelle leggi di Disciplina e de annuali Aggravi e sintendano tutti equali

222
membri dellnuovo (sic!) unito rifformato Corpo dellUniversit di Venezia...
...eccettuati quei soli casi di assoluto Benefizio di Popolo suggeriti ex Offitio da
Competenti Magistrati, le Informazioni dei quali, e scritture relative avranno
ad esser rimesse a questa Conferenza per esser lette entrambi esse scritture, ed
esibite in sola separata Bal[51vo]lotazione con la pluralit de Voti del Senato.
Si tratta di disposizioni relative alla permanenza a Venezia degli ebrei, ema-
nate dal doge Paolo Renier. In larga misura sono conferme delle disposizioni
precedentemente in vigore. Iniziano con lintroduzione scritta di pugno del
segretario Piero Alberti. Egli spiega le basi giuridiche e alcuni suoi aspetti.
La parte centrale, cio i capitoli veri e propri, contiene 96 articoli che devo-
no essere in vigore per i successivi 10 anni (dal 1788 al 1798) le disposizioni
sono state copiate dai documenti del Senato veneziano da Valentin Marini
(5 giugno 1788). Le disposizioni precedenti (del 1777), pressoch identiche
nei contenuti, furono stampate nel 1777 (consultate presso la Biblioteca Uni-
versitaria di Padova, busta 510, n 10). Nella stampa i capitoli sono 94 contro
i 96 del manoscritto (il primo capitolo nella stampa non numerato, alcuni
capitoli, p.es. 63 sono differenti, altri soppressi, altri ancora aggiunti). Pu
essere altrettanto ipotizzata lesistenza della stampa delle disposizioni del
1788 che, tuttavia, non siamo riusciti a reperire. Uno studio bibliografico es-
senziale sulla legislazione veneziana riguardante gli ebrei si trova in A. Val-
secchi, Bibliografia analitica della legislazione della Repubblica di Venezia,
in Archivio Veneto 1873 (t. VI), parte I, pp. 267-273.

Ms. Ital. Quart. 38


Marcello Alberini
II+46 ff. 253188 mm XVII sec. Italia

Manoscritto in buono stato. Carte leggermente scurite; tracce di funghi


Fascicoli: 7IV46; ultime due carte dellultimo fascicolo incollate come contro-
guardie posteriori Foliazione moderna, a matita Falsi richiami Margini
piegati Testo a piena pagina, dimensioni: 205 (110-120) mm; 24 righe
Elegante scrittura corsiva di una sola mano.
Legatura ad angoli (260 185 mm) coperta di carta marmorizzata (~Mar-
bled Paper, tav. XXVII, 52: motivo italiano, fine XVIII sec.), dorso e angoli in
pergamena. Sotto, visibile unaltra legatura, in pergamena rigida, sul dorso

223
della quale il titolo, a inchiostro nero, poco visibile: Sacco di Roma Ic. Il tito-
lo anche stampato sul dorso in orizzontale. Tre nervi semplici. Capitello.
Tagli verdi.

In base alle caratteristiche paleografiche databile al XVII secolo. Scritto


in Italia (prob. nel Meridione come si desume da alcuni tratti linguistici),
rimase l fino allacquisto da parte della Knigliche Bibliothek nel 1875 (dalla
libreria Dura di Napoli, cfr. il numero nel registro dingresso a Iro: Acc.Cat.
N. 10,330). Sul contropiatto, le informazioni del bibliotecario tedesco che ri-
port i repertori italiani in cui il testo di Alberini era stato menzionato. Sul
piatto iniziale, in alto, un rettangolo di pelle rossa con la segnatura della K-
nigliche Bibliothek: Ms. ital. Quart. 38. Sul contropiatto iniziale, a inchiostro,
la segnatura della Knigliche Bibliothek: Ms. ital. 4o 38. (1vo) timbro della
Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 80.

ff. 1ro-46vo. Marcello Alberini: Sacco di Roma. (1ro) Titolo e Introdu-


zione. SACCO DI ROMA SCRITTO DA MARCELLO ALBERINI/ In questo libro si
descriveranno, et annoteranno per m Marcello Alberino alcune cose publiche,
che perveniranno alla notitia mia, secondo i tempi, nelli quali succederanno,
incominciando da questo di primo di Gennaro 1547 riducendoci per prima
per pi mia e deglaltri recordatione la memoria di molte cose occorse per il
passato, et in altri miei libri da m fedelmente descritti. Qual presente libro
acci habbia dhavere appresso i posteri, certa, et indubitata fede, oltre che
sarr scritto tutto dal principio sino al fine sarr anche sottoscritto di mia pro-
pria mano in questo di primo di Gennaro 1547./ E cosi , et in fede del vero Io
Marcello Alberino mano propria. (2ro-46vo) Testo. S ne cuori dellhuomini si
generasse coss il desiderio di farsi eterni i nomi, come hanno glanimi eterni, et
immortali, credo certo, che essi sarebbero assai migliori, quali natti dalla cupi-
dit dellhavere, et del regnare, mi pare che non solo siano gi stati, m siano
anco ogni d peggiori... ...et havendo conceduto per gratia che si liberassero
XXI homicidi prigioni com solito, cio tre alli conservatori XIII alli Caporioni,
et di pi un altro al Priore, et a Trastevere come Camerlengo secondo si dice
della festa, uno alla Compagnia del Salvatore in Sancta Sanctorum, uno alla
Compagnia del Confalone per la M., et uno alla Compagnia de Macellari per
li Stizzi. >Finis< Lopera di Alberini stata pubblicata solo tardi (XIX secolo)

224
nelledizione curata da D. Orano, ora ristampata con lintroduzione di P. Fa-
renga e la paginazione originale delledizione Orano. Ledizione Orano pre-
sente anche nel web nella trascrizione di Danilo Romei: http://www.nuovo-
rinascimento.org/n-rinasc/testi/pdf/sacco/alberini.pdf. Il testo di Alberini
nasce come un progetto di libro di famiglia in cui annotare le vicende private,
ma la portata storica degli eventi vissuti dalla famiglia lo fa trasformare in un
libro a met strada tra i ricordi privati e unopera storica. Tuttavia, Alberini
non vuole usurparsi il ruolo di uno storico vero e proprio (cfr. P. Farengo, In-
troduzione, in: M. Alberini, Sacco di Roma, Roma 1997, p. XVII). Il testo del
codice Ital. Quart.38 un testimone molto particolare dei Ricordi di Albe-
rini in quanto deliberatamente espunge tutte le informazioni che riguardano
la vita privata della famiglia concentrandosi sugli eventi politici. Questope-
razione di reimpostazione appare evidente sin dalle prime righe della Intro-
duzione che risulta profondamente mutata: lItal. Quart.38: In questo libro si
descriveranno, et annoteranno per m Marcello Alberino alcune cose publiche,
che perveniranno alla notitia mia, secondo i tempi...; edizione di Orano: In
questo libro se descriveranno per me, Marcello Alberino, annotarannosi tute
le cose et occorrentie cos pubbliche, che a notitia mia perveneranno, come
mie private, secondo i tempi... Successivamente tutti i paragrafi contenenti
le annotazioni private di Alberini vengono semplicemente omessi, compresi
gli ultimi paragrafi, per lo pi dedicati alle sue faccende private. Ital. Fol. 38
finisce infatti con le parole: et uno alla Compagnia de Macellari per li Stizzi
che nelledizione Orano sono a pagina 446 (seguono altre pagine, ledizione
finisce a p. 462). Il titolo, quindi, Sacco di Roma e non Ricordi, giustifica-
to in quanto il codice contiene solo una parte dellopera di Marcello Alberini,
quella dedicata proprio al sacco di Roma.

Ital. Quart. 39
G. Niculy (Limberi)
209 284 mm XIX sec. (secondo quarto) Italia italiano e altre lingue 3
volumi

Manoscritto in buono stato. Le prime due carte (numerate I e II) con-


servate a met; taglio nella parte bassa Paginazione originale Testo
a piena pagina, dimensioni: (193-197) (234-244) mm; 24-25 righe Una

225
sola mano (la stessa mano del manoscritto Ital. Quart. 40) Elementi
decorativi: numerosi disegni di iscrizioni trovate durante il viaggio, in
greco, arabo, latino; sui margini rimandi alla parte dellopera intitolata
Confutazioni; note divise dal testo principale attraverso la linea oriz-
zontale eseguita con linchiostro. Pp. 509-520 contengono i disegni delle
monete, dei bassorilievi e delle statue (alcuni a colori). A p. 966 una car-
tina a colori (antica Cartagine). Pezzetti di carta volanti con gli appunti
(testi delle iscrizioni).

Il manoscritto pu essere datato per il secondo quarto del XIX secolo,


prob. per la fine degli anni trenta. La legatura originale fu eseguita a Livorno
e la sua realizzazione da mettere in relazione con il soggiorno di Niculy,
autore del testo, a Livorno nellanno 1838. Sono presenti i timbri del vecchio
proprietario: J. Scaparone/ Pharmacien/ Constantine (volume II), impren-
ditore a Costantina, in Algeria. Notizie storiche su di lui scarseggiano, ma
dal Bulletin des lois de lEmpire franais, XI serie, partie supplmentaire,
tome XXVIII, (p. 1084) sappiamo che nel dicembre del 1866 era azionista di
una societ fondata dal governo francese per realizzare opere pubbliche in
Algeria. Il numero dingresso (acc. 10,925; primo volume IIro, secondo volu-
me p. 321, terzo volume Iro) indica che il volume trov la sua strada verso
la Knigliche Bibliothek attorno al 1879, donato dallAccademia Reale delle
Scienze di Berlino.
Lemm, 80.

volume 1 (parte prima)


322 pp.

Struttura dei fascicoli impossibile da stabilire Errore di paginazione a


pagina 175 (due volte ripetuta la pagina 175 sul recto e sul verso) Sul con-
tropiatto anteriore il cartellino incollato con il testo in arabo, anteriore al
manoscritto. (IIro) scritta in arabo e in italiano con il titolo dellopera in-
completo.
Mezza legatura ad angoli originale del XIX sec. (220 297 mm) in discre-
to stato. Dorso ed angoli in pelle marrone. Piatti in cartone, coperti di carta
marmorizzata (~Marbled Paper, tav. XXX: stormont). Cinque nervi semplici.
Dorso decorato con dei semplici motivi dorati e il numero del volume: 1.

226
volume 2 (parte seconda)
306 pp.

Fascicoli: 1(V-2)p334 + 7Vp474 + 1IVp490 + 6Vp610 + 1(V-2)p626; la prima carta del pri-
mo fascicolo funge da carta di guardia incollata (non numerata); lultima
carta (p. 627) incollata come la guardia del contropiatto posteriore Pagi-
nazione originale che continua la paginazione del primo volume Sul piatto
anteriore unetichetta ottagonale con il disegno di navi, armi e corona e con
la scritta al centro: G. Niculi./ Tomo II. Sotto il disegno, a caratteri in corpo
minore, la scritta: Da Gius Moniglia dietro al Duomo di Livorno. A p. 321 la
scritta: Continuazione del 1. Tomo.
Mezza legatura ad angoli originale del XIX secolo, (220 297 mm) in di-
screto stato. Dorso e angoli in pergamena. Piatti in cartone coperti di carta
marmorizzata, quattro nervi semplici. Sul dorso la scritta con linchiostro:
Itinerario/ della/ Grecia/ Limberis/ II.

volume 3 (parte terza)


340 pp.

Fascicoli: 1(VI-4)p641 + 16Vp961 + 1(V-7)p967; la prima carta libera del primo fa-
scicolo numerata con I; le ultime 12 carte strappate (sono visibili i loro resti)
per cui lopera risulta incompleta Paginazione originale che continua la
paginazione del secondo volume.
Mezza legatura ad angoli del XIX sec. (220297 mm) in discreto stato.
Dorso ed angoli in pelle marrone. Piatti in cartone coperti di carta marmo-
rizzata (~Marbled Paper, tav. XXX: stormont). Quattro nervi semplici. Sul
dorso la scritta a caratteri dorati: ITINERARIO/ 3/ G. NICULY.

pp. 1-967. G. Niculy (detto Limberi): Itinerario dellAfrica Setten-


trionale, della Grecia e dellItalia. (IIro) Titolo. ITINERARIO DI. (p. 1)
Testo. >Libro 1./ Capitolo 1./ Prima partenza da Tunis./ Partenza da Tunis.
Rilascio a Corone. Arrivo a Calamata. Descrizione< Mimbarcai nella Bada
di Tunis chiamata dallItaliani Goletta... ...Quanti paesi stranieri non ho
corso! ed in quanti pericoli non mi sono messo [?] fuggire il [...]. G. Niculy
(detto Limberi) era originario di Tunisi (cfr. lItal. Quart.40). Ha pubblica-
to a Livorno, nel 1838, Documenti sulla la storia del regno di Tunis e altre

227
opere storiche e geografiche relative allAfrica del Nord. Inoltre, autore
del testo contenuto nel manoscritto Ital. Quart.40. Lopera un dettagliato
diario del viaggio compiuto dallautore, contenente notizie geografiche e
storiche sui territori in cui si svolge il viaggio. Vengono descritti i monu-
menti, annotate le iscrizioni, raccontate le usanze dei popoli che vivevano
nei territori visitati (Africa Settentrionale, Grecia e Italia). Il primo volume
racconta i viaggi dal 1831 al 1834. Il secondo volume inizia dal Capitolo 10
(terzo libro) e racconta i viaggi dal 1834 al 1837. Preziosa la parte dedicata
allAfrica Settentrionale. Il terzo volume inizia dalle annotazioni al primo
e al secondo volume (con numerosi disegni, anche a colori, figure e scritte
copiate), segue il capitolo 18 (quinto libro) e il racconto dei viaggi dal 1837
(Italia) al 1838. Il testo alla fine incompiuto. Nel volume secondo dalla
pagina 621 alla pagina 627, inglobato nel testo principale, trascritto il Di-
tirambo in morte di Napoleone di George Byron. Inedito.

Ms. Ital. Quart. 40


G. Niculy (Limberi)
283 ff. 300 202 mm XIX sec. Italia italiano e altre lingue

Manoscritto in discreto stato Fascicoli: 1IV5+ 1VI17+ 1IV25+ 1VI37+ 1IV45+


1VI57 + 1IV65 + 1VI77 + 1IV85 + 1VI97 + 1IV105 + 1V115 + 1IV123 + 1VI135 + 1(IV-2)141 +
1VI153 + 1IV161 + 1VI173 + 1IV181 + 1VI193 + 1IV201 + 1VI213 + 1V221 + 1VI233 + 1IV241 +
1VI253+ 1IV261+ 1(VI-4)269+ 1IV277+ 1(IV-2)283 Paginazione originale, ricomin-
cia dallinizio per ogni parte dellopera (Introduzione, Dizionario, Anno-
tazioni) Foliazione moderna a matita Nelle varie parti del testo cambia
limpostazione; nellintroduzione testo a piena pagina, dimensioni: (266-
274) (174-182) mm; 34-35 righe; nel dizionario testo a due colonne, di-
mensioni: (265-275) (80-105) mm; 35-37 righe; nelle annotazioni testo
a piena pagina, dimensioni: (268-280) (184-191) mm; 38 righe; nel sup-
plemento testo a due colonne, dimensioni come nel dizionario Una sola
mano; la stessa del manoscritto Ital. Quart. 39 (Niculy?) Fogli bianchi:
1vo, 137vo, 231vo, 243vo-279vo.
Legatura originale del XIX sec. (303 210 mm). Quattro nervi semplici, in
cattivo stato. Una parte delle carte (da f. 278) e il piatto posteriore staccati dal
resto. Dorso in pergamena bianca. Piatti in cartone coperti di carta marmoriz-

228
zata (~Marbled Paper, tav. XXXIII, 127: 1830-1850). Sul dorso la scritta: Dizio/
geografico/ di Tunis; in basso letichetta rossa con lattuale segnatura.

Manoscritto della stessa mano dellItal. Quart. 39, con una legatura
molto simile (soprattutto al volume 2) e con i numeri dingresso consecu-
tivi. Ci permette di collegare i due manoscritti e ipotizzare simile data-
zione e localizzazione. La prova che la legatura fu eseguita in Italia arriva
dallo strappo sul piatto posteriore che fa intravvedere la carta stampata
in italiano usata per la legatura. Arrivo nella Knigliche Bibliothek nello
stesso anno (1879) e dalla stessa fonte (Accademia Reale delle Scienze
di Berlino) dellItal. Quart. 39. (97ro,137vo, 163vo, 242vo) timbri del vecchio
proprietario: J. Scaparone/ Pharmacien/ Constantine. Anche questo par-
ticolare lega le sorti dei due manoscritti. Sul contropiatto anteriore la
segnatura attuale: Ms. ital. Quart. 40. Sul contropiatto posteriore diverse
annotazioni; a matita: in alto una nota illeggibile, sotto il calcolo delle
pagine del manoscritto: 274/ 259/ 29/ Pag 562, con linchiostro: al centro
la citazione dalle Metamorfosi di Ovidio (Libro IV, 657-662). (1ro) numero
dingresso: acc. 10,926.
Lemm, p. 80.

ff. 1ro-282vo. G. Niculy (detto Limberi): Dizionario geografico com-


parato del Regno di Tunis. (1ro) Prologo. Molti e varii sono gli autori, in
diverse nazioni, che hanno scritto Geografia... ...nello sfigurare i nomi del-
le citt di questo regno, talmente, chio stesso indigeno Tunesino, ho avuto
pena a capire quei pochi incorporati in detto Dizionario. (2ro-137vo) Intro-
duzione. >Chaque peuple son tour a brill sur la terre!< Voltaire [scritto in
inchiostro nero sopra un nome precedente in inchiostro rosso]/ Lodierno
Regno di Tunis corrisponde allafrica propri degli antichi (A)...-41. Zygaena.
(138 ro) Titolo. (138ro-231vo) Testo del Dizionario. AAMA...-ZUAUA [...] Fine
del Dizionario comparato del Regno di Tunis. (232ro-243ro) Annotazioni.
Annotazioni al [...]/ Introduzione Pagina 3. Lettera A Linea 2. P. Mela Cap
VII... ...Pag. 29 in Int.^ ^nota(1) Lettera H. Linea. 29. (280ro-282vo) Supplemen-
to. Supplimento./ [...] AU/ AULGIA...-PECUNIA PUSUERUNI/ LDDD. Per G.
Niculy cfr. la descrizione del manoscritto Ital. Quart. 39. Il Dizionario (Ital.
Quart. 40) unopera di carattere enciclopedico, prob. mai pubblicata, de-
dicata ai territori dellAfrica Settentrionale. Contiene notizie di carattere

229
geografico, storico, economico su citt, monumenti, popolazioni e cultura
del regno di Tunisi. Consta di cinque parti (Prologo, Introduzione, Dizio-
nario, Annotazioni e Supplemento. cfr. supra). Nel Prologo spiega le sue
motivazioni, cio linadeguata rappresentazione delle notizie sul Regno di
Tunisi e i numerosi errori contenuti nelle opere geografiche da lui consul-
tate, nella Introduzione traccia la storia geografico-politica delle terre
dellAfrica del Nord. La parte centrale, il Dizionario, contiene le voci en-
ciclopediche dedicate alla geografia con i nomi in italiano e in arabo. La
quarta parte, cio le Annotazioni, contiene le note di chiarimento poste
dallautore, mentre nel Supplemento (la quinta parte) sono contenute le
aggiunte al testo principale del Dizionario.

Ms. Ital. Quart. 41


Commissione del doge Alvise Pisani a Paolo Quirini
Membranaceo I + 182 ff. + I 225 160 mm 1736 Italia (Veneto)

Manoscritto in discreto stato. Alcune carte (iniziali) distrutte ai margini


Fascicoli: 2V20 + 1IV28 + 1V38 + 1IV46 + 1V56 + 1IV64 + 1V74 + 1IV82 + 1V92 + 1IV100 + 1V110
+ 1IV118 + 1V128 + 1IV136 + 1V146 + 1IV154 + 2V174 + 1IV182 Foliazione moderna a ma-
tita Richiami Rigatura con linchiostro Testo a piena pagina, dimensioni:
155 (110-115 mm); 18 righe Una sola mano (177ro) colophon del copista:
Dato In Nostro Ducali Palatio Die XXIX Decembris Indictione XIVa (corretto
in: XV) MDCCXXXVI Gasparo Acerbi Segretario alle Voci (1ro) rubrica in oro
in scrittura capitale Fogli bianchi: 178-182.
Mezza legatura della Knigliche Bibliothek (232 172 mm), della se-
conda met del XIX sec. Dorso in pelle marrone; piatti in carta marmo-
rizzata (~Marbled Paper, tav. XXI, 5). Capitello. Tagli dorati. Nel centro
del piatto iniziale il super ex-libris della Knigliche Bibliothek di Berlino.
Sul dorso filetti impressi in oro. In alto un pezzo di pelle nera con il titolo
stampato in oro: Bestallung eines Podesta von Bergamo durch den Dogen
v. Venedig Aloys Pisani, sotto la data impressa in oro: 1736. Sul contropiat-
to anteriore, a mano, la segnatura attuale. (Iro) a inchiostro: Gekauft von
Frau Wiener im Berlin, im Februar 1882. (1ro) a mano, il numero dingresso:
acc. 11,121 (1vo) timbro della Knigliche Bibliothek di Berlino. Sul contro-
piatto finale, timbro: B.

230
Il colophon a f. 177ro indica come data lanno 1736 e come luogo di rea-
lizzazione del manoscritto Venezia e ldentit del copista: Gasparo Acerbi,
segretario. Dallo stato di conservazione delle carte iniziali del codice, molto
distrutte ai margini, con la carta iniziale e finale pi imbrunite rispetto alle
altre, risulta che il manoscritto sia rimasto senza legatura per lungo tempo.
Il primo possessore fu sicuramente Paolo Quirini destinatario del testo. La
Knigliche Bibliothek compr il codice il 28 febbraio 1882 dalla non meglio
identificata signora Wiener residente allepoca a Berlino, in Neue Schnhau-
serstrasse 1a (annotazione a f. Iro).
Lemm, p. 80.

1ro-178ro. Commissione del doge Alvise Pisani a Paolo Quirini. Testo.


>ALOYSIUS PISANI DEI GRATIA DUX VENETIARUM ETC< Commettemo Te
Nobil Homo POLO QVERINI DEM. ZUANNE PROCURATOR. diletto cittadin e
fedel nostro che in nome del Signor Nostro Gies Christo vadi et sii de nostro
mandato Podest a Bergamo per mesi sedeci e tanto pi quanto il successor
tuo differir venirvi il qual Loco e Distretto e gli Habitanti reggerai e gover-
nerai ...Non mancherai pure di dar la debita osservanza tutte quelle al-
tre parti che troverai reggistrate in questa tua Cancellaria. Iurasti honorem
et profficuum Dominii Nostri, eundo stando ac redeundo. Datoe In Nostro
Ducali Palatio Die XXIX Decembris Indictione XIVa (corretto in: XV) MDC-
CXXXVI Gasparo Acerbi Segretario alle Voci. Raccolta di documenti scritti
su commissione del doge Alvise Pisani nel 1736 a Venezia. Il documento
diviso in 153 capitoletti. Il doge, con lemissione della raccolta, manda Pa-
olo Quirini a Bergamo in qualit di podest. Le commissioni riguardano le
questioni commerciali, giuridiche (istruzioni per avvocati nelle cause cri-
minali, il modo di trattare i banditi); regolamenti riguardanti il pagamento
dei dazi e contributi; il modo di trattare i debitori; le confische dei beni; le
propriet del dominio; lubbidienza dovuta alle autorit del dominio; que-
stioni finanziarie relative allattivit della cancelleria; il comportamento
del podest allinizio del suo incarico e al ritorno a Venezia; questioni mi-
litari; pene contro le persone che commettono vari tipi di delitti e crimini;
limiti imposti al podest durante lo svolgimento della sua carica e diritti e
privilegi a lui concessi. Testo inedito.

231
Ms. Ital. Quart. 43
Giovan Francesco Napione
62 ff. 255 202 mm XIX sec. (prima met) Italia (Piemonte?)

Manoscritto in buono stato Carta industriale sottile con le filigrane: scritta


Avondo, cifra 38, lettere CF Fascicoli: 1IX18 + 1(V+1)29 + 1I31 + 1II35 + 1I37 + 1III43 +
1I45 + 1II49 + 1I51 + 1(II+1)56 + 1III62 Tra i fascicoli, ognuno dei quali corrisponde
a ununit testuale, incollati bifoli di separazione Alcune carte incollate sul
tallone Paginazione ad inchiostro coeva, separata per ognuna delle sei uni-
t testuali Foliazionea matita recente Testo apiena pagina, dimensioni:
(220-230) (150-160) mm; ultimo fasc. 240 180 mm; 27-34 righe Margini
a matita e tramite piegatura Tracce di rigatura a matita Scrittura di due
mani: ff. 2-54; ff. 58-61 Annotazioni marginali dei copisti e inoltre a ff. 3ro,
20ro , 32ro, 38ro, 47ro, 52ro, 59ro di una terza mano: Del conte Gian Francesco
Napione a f. 3ro: 1792 Cancellazioni e sottolineature a f. 43vo incollata linci-
sione di una moneta Fogli bianchi: 1vo, 2vo, 16vo, 17-19, 29vo, 30-31, 35vo, 36-37,
44-45, 46vo, 49vo, 50-51, 55-57, 58vo, 61vo, 62.
Legatura piena rigida in cartone grigio, originale, del XIX sec. (255 220
mm). Due nervi piatti. Dorso liscio sciupato. Lungo il dorso il titolo a inchio-
stro: NAPIONE. Sette dissertazioni numismatiche manoscritto. Contropiatti in
carta bianca. Sul contropiatto anteriore lex-libris di Bononi Friedlaender;
su quello posteriore lex-libris di Julius Friedlaender.

Manoscritto eseguito in Italia (Piemonte?) nella prima met del XIX sec.
Terminus post quem: 1823, la data della presentazione allAccademia Reale
di uno dei testi del ms. Datazione e localizzazione anche in base alla filigra-
na. La scritta Avondo rimanda alla cartiera di Serravalle (Piemonte) fondata
dai fratelli Avondo nel 1787 e attiva nel XIX sec. Il ms. contiene testi del conte
Gian Francesco Napione (m. 1830), storico e letterato di Torino. Il codice co-
stituisce una copia di scritti del conte, eseguita da due copisti. Apparteneva
a Bononi Friedlaender, numismatico berlinese di origine ebrea (1773-1858),
da quanto risulta dal suo exlibris accollato sul contropiatto anteriore, e in
seguito pass a suo figlio minore Julius Friedlaender (1813-1884). Il contro-
piatto anteriore reca il suo ex-libris con la massima ANIMUM REGE e gli ini-
ziali JF. Nel 1854 Julius Friedlaender divenne direttore del Mnzkabinett di

232
Berlino. Dopo la sua morte il ms. passa, come suo lascito, alla Knigliche
Bibliothek. A f. 1ro la scritta: Erworben aus dem Nachlass des Directors des K.
Mnzcabinets Dr. Julius Friedlaender in Mai 1884. La provenienza annotata
anche nel catalogo della biblioteca: Acc. Cat. der Drucke No. 260.867. Il nu-
mero 260867 appare infatti sul contropiatto anteriore. Non chiaro se il ms.
avesse avuto un altro proprietario prima dei Friedlaender, il che potrebbe
risultare dalle annotazioni marginali in italiano aggiunte dopo la stesura del
manoscritto, oppure fosse commissionato da loro, p.es. durante i viaggi di
Julius in Italia negli anni 1838,1839, 1844-47. La segnatura attuale sul contro-
piatto anteriore Ms.ital.Quart.43; timbri della Knigliche Bibliothek a ff. 1ro
3vo e 61vo.
Lemm, p. 81.

ff. 1ro-61vo. Giovan Francesco Napione: Di alcune monete dei reali di


Savoia (2ro) Titolo. (3ro-61ro) Testo. (3ro-15vo) >Descrizione di alcune monete
de reali Principi di Savoia ed altre che si rassegnano a S. M./Filippo di Sa-
voja Principe dAcaja< Da una parte nel campo... ...sin dai secoli pi rimoti
dai progenitori degli augusti nostri monarchi. (20ro-29ro) >Memorie su di al-
cune monete della Reale Casa< Esaminatesi da me le varie monete... ...dal
Duca Ludovico recata come Medaglia dal Baliani. (32ro-35ro) >Monete doro
del Duca Emanuele Filiberto e del Duca Carlo Emanuele Primo trasmesse da
Roma< Da una parte sendo ovale... Moneta simile in tutto alla esistente nel
Regio Gabinetto. (38ro-43vo) >Notizie della zecca di Desana e di una rara mo-
neta coniata in essa (Letta allAccademia Prle delle scienze nelladunanza del
10 luglio 1823)< Il regale della Zecca... ...(non sembra terminata la memoria).
[sotto accollato disegno di una moneta con un sottotitolo di unaltra mano:]
Disegno della moneta di Dezana esistente nel Gabinetto numismatico di Mi-
lano (46ro-49ro) >Osservazioni sulla dissertazione della moneta Secusina del
Barone Giuseppe Vernazza< Concede il Signor Barone... ...che dimostra che i
gentiluomini. [sotto annotazione di unaltra mano:] N.B. Queste affermazio-
ni non sono compiute, ed anzi paiono piuttosto note e ricordi preparati per
stendere poi una memoria pi in esteso ed ordinato. (52ro-54vo) >Annotazioni
al Discorso del cavalier di S. Quintino, intorno alla zecca ed alle monete degli
antichi marchesi della Toscana< pag. 31.32 Aleramo oltre alla picciola contea...
...di battere monte, quando non affatto indipendenti. (58ro-61ro) >Memorie
della zecca dei conti di cocconato/Memorie della zecca dei conti di Cocconato

233
comunicatomi dallAbate Radicati Elemosiniere de S. M. (V. Lunig. Codice Di-
plomatico se reca alcuni di questi contratti, od antichi Diplomi)< Moneta doro
esistente preso... ...forse ebbe in vista il Botero la convenzione soprascritta
del 1598. (59ro) [disegno di una moneta]. Il ms. contiene scritti di tematica
numismatica del conte Gian Francesco Napione (1748-1830), storico e let-
terato, grande erudito legato alla corte savoiarda. Napione pubblic molte
opere di storia, economia, politica e letteratura. Tradusse anche autori latini
(cfr. L. Martini, Vita del conte Gian-Francesco Napione, Torino, 1836; DBI
Francesco Napione s.v.). I testi, inediti, alcuni non finiti, costituiscono una
copia con commenti dei copisti e di una terza persona.

Ms. Ital. Quart. 44


Lettera a Karl Ritter Ippolito Desideri
6 ff. 1826 Italia (Roma)

Legatura in cartone (283 210 mm), coperta di carta marmorizzata mar-


rone, del XIX sec., eseguita nella Knigliche Bibliothek di Berlino negli anni
1884-1885 (cfr. il super ex-libris al centro della coperta iniziale). Tre nervi. Sul
dorso unetichetta bianca con la scritta: Desiderj, Descr. di/ Cascimir. 1737.

Data (1826) e luogo (Roma) sono esplicitamente citati nel manoscritto


la lettera a Ritter che porta la data 1826 e lannotazione a 3ro Handschrift
der Bibliothek des Jesuitenhauses in Rom. Il manoscritto (la seconda unit co-
dicologica) fu eseguito su ordinazione di Karl Ritter, noto geografo tedesco.
Ci risulta sia dalla lettera indirizzata a Ritter (prima unit codicologica)
sia dagli appunti di Ritter presenti nella descrizione del Kashmir. Per quan-
to riguarda la realizzazione del manoscritto va notato che si tratta di una
fedele trascrizione del testo pi antico (del XVIII secolo), il cui autore era
Ippolito Desideri. Il testo da cui proviene la trascrizione era conservato nel
convento dei gesuiti a Roma come attesta la nota in tedesco a 3ro. Non dif-
ficile immaginare il motivo per cui Ritter ordin la trascrizione; lavorando
sulla sua grande opera geografica aveva bisogno di notizie circa le varie par-
ti del mondo che andava descrivendo. Dopo la morte di Ritter, la sua biblio-
teca fu acquistata dalla Knigliche Bibliothek attraverso lintermediazione
del libraio T. O. Weigel di Lipsia cfr. (Iro) annotazione: Aus dem im Januar

234
1867 erworbenen Nachlass Karl Ritters; (3ro) numero dingresso: acc. 9362. Sul
piatto anteriore in alto letichetta di pelle rossa con la segnatura attuale: Ms.
ital. Quart. 44. Sul contropiatto anteriore la scritta con linchiostro recante
lattuale segnatura: Ms. ital. Quart. 44. Sul contropiatto posteriore lettera B
(timbro) in basso a sinistra. Appunti a margine con linchiostro rosso, in te-
desco, alcune parole del testo sottolineate di colore rosso, di mano di Karl
Ritter (cfr. la lettera di Ritter del 1833 nella corrispondenza a Varnhagen, con-
servata attualmente nella Biblioteca Jagellonica, V214). (1ro) timbro rotondo
della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 81.

(I) ff. 1ro-2vo 192123 mm tedesco

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1I2 Foliazione recente a matita Te-


sto a piena pagina, dimensioni: 172115mm Una mano.

ff. 1ro-2vo. Lettera a Karl Ritter datata 1826. Lettera in tedesco indi-
rizzata a Karl Ritter riguardante la trascrizione dei frammenti delle Notizie
istoriche del Thibet del padre Ippolito Desideri (1684-1733), gesuita.

(II) ff. 3ro-6ro 277205 mm italiano

Manoscritto in buono stato; talloni; fogli piegati al formato della lettera


Fascicoli: 2I6 Foliazione recente a matita Testo a pagina piena, dimensioni:
255148mm Una mano, la stessa del manoscritto Ital. Quart. 45.

ff. 3ro-6ro. Ippolito Desideri: Notizie istoriche del Thibet (frammen-


to: Descrizione di Cascimir). Titolo e testo. >Descrizione di Cascimir estratto
dalle Notizie istoriche del/ Thibet, scritte da P. Ippolito Desiderj della Compa-
gnia di Ges< La citt di Cascimir posta in una grand e molto amena campa-
gna tuttallintorno circondata da altissime montagne; immensamente popo-
lata di genti, parte di Setta maomettana e parte gentili... ...La sera arrivammo
alla prima popolazione del primo e piccolo Thibet, che posta dallaltra banda
dellistesso monte Contl. Il manoscritto la trascrizione ottocentesca di un
frammento del codice contenente lopera di Ippolito Desideri (1684-1733). Il
frammento trascritto molto breve e descrive la citt di Kashmir e la parten-

235
za da l. Il testo da cui proviene la trascrizione era conservato nel convento dei
gesuiti a Roma, come attesta la nota in tedesco a f. 3ro (attualmente si trova
nellARSI). Sulla base del luogo di conservazione e del titolo (Notizie istori-
che del Thibet nel titolo a f. 3ro) pu essere identificato con il manoscritto
della Relazione che negli studi su Desideri viene definito come A (C. Wes-
sels, Early Jesuit travellers in Central Asia 1603-1721, Hague 1924, p. 275; E.G.
Bargiacchi, Ippolito Desideri S.J. Opere e bibliografia, Roma 2007, p. 3) e si
trova nellarchivio con la segnatura Goa 71 (non consultato). Altri manoscritti
della relazione (ARSI, Goa 72, ARSI, Goa 73 e Ms. 270 della BNF, Fondo Rossi
Cassigoli) descritti in E.G. Bargiacchi, cit., pp. 1-4. Edizione del testo della rela-
zione in italiano: L. Petech (a c. di), I missionari italiani nel Tibet e nel Nepal,
Roma 1952-1956 (voll. V, VI, VII). Traduzione inglese: F. De Filippi, An Account
of Tibet: The Travels of Ippolito Desideri of Pistoia, S.J. 1712-1727 (introduzio-
ne di C. Wessels), London 1932. La trascrizione era destinata a Karl Ritter, noto
geografo tedesco (cfr. la lettera a Karl Ritter ff. 1ro-2vo) che se ne serviva per
le sue ricerche. Il testo del manoscritto di Desideri richiamato da Ritter nel
suo Asien, vol. II, p. 434. LItal. Quart. 44, in quanto descriptus da Goa 71, non
rilevante per la tradizione testuale della Relazione di Desideri. A margine
del testo note esplicative dalla mano di K. Ritter.

Ms. Ital. Quart. 45


Ippolito Desideri
I + 12 ff. + I 270 193 mm 1826 Roma

Manoscritto in buono stato Fascicoli:6I12 Foliazione moderna a matita


Testo a piena pagina, dimensioni: (255-260) (140-145) mm Una mano, la
stessa del manoscritto Ital. Quart. 44 (II).
Legatura in cartone (274 200 mm), coperta di carta marmorizzata mar-
rone, del XIX secolo, eseguita nella biblioteca Regia di Berlino negli anni
1884-1885 (cfr. il super ex-libris al centro della coperta iniziale). Tre nervi.
Sul piatto anteriore, dorso e piatto posteriore unetichetta bianca con la
scritta: Desiderj.

Per la datazione e la storia del manoscritto cfr. lItal. Quart.44. (Iro) an-
notazione: Abschrift aus dem Reisewerk des P. Ippolito Desiderj; vgl. Ms. ital.

236
4o. 44 e sotto: Aus dem im Januar 1867 erworbenen Nachlass Karl Ritters. (1ro)
numero dingresso: acc. 9362 lo stesso del ms. Ital. Quart. 44. (1ro) timbro
della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 81.

ff. 1ro-12vo. Ippolito Desideri: Notizie istoriche del Thibet (frammento:


Partenza da Goa). Titolo e testo. >Partenza da Goa e viaggio sin alla citt di/
Delly, capitale dellimperio del Mogol< Da Goa a 16. di novembre del 1713 andai
a Pangim, donde a 19 del medesimo mese partii su la Capitana di una grossa
flotta... ...alla citt di Lhas, capitale del terzo, e massimo Thibet, termine di
si lungo viaggio, e luogo dame stabilito e prefissomi per incominciar la mission
della fede cattolica in quel Regno. Per le notizie su Desideri, sullorigine del-
la trascrizione e sulle edizioni del testo si vedano le informazioni contenute
nella descrizione del manoscritto Ital. Quart. 44 (II). La trascrizione era desti-
nata a Karl Ritter, noto geografo tedesco (cfr. la lettera a Karl Ritter nellItal.
Quart.44) che se ne serviva per le sue ricerche. LItal. Quart.45, in quanto de-
scriptus da Goa 71, non rilevante per la tradizione testuale della relazione.

Ms. Ital. Quart. 46


Narrazione del successo di un fenomeno seguito lanno del
Nostro Signore 1650 a presso lisola di Santorino
I +11 ff. + I 212 153 mm XVII/XVIII sec. Italia (?)

Manoscritto in discreto stato; macchie Fascicoli: 1(VI-1)11; tra f. 7 e f. 8 man-


ca una carta Foliazione moderna a matita Falsi richiami Margini a matita
Testo a piena pagina, dimensioni: (189-196) (126-135) mm; 28-31 righe
Una sola mano Correzioni e cancellazioni Fogli bianchi: 11vo.
Legaturain cartone, coperta di carta marmorizzata marrone, del 1885,
eseguita nella biblioteca Knigliche Bibliothek (217158 mm). Tre nervi. Sul
piatto anteriore il super-exlibris della Knigliche Bibliothek. Dorso nero.
Sul dorso una larga etichetta bianca con la scritta: Fenomeno seguito presso
Santorino.

Gli unici spunti utili per datare il ms. derivano dallanalisi delle caratte-
ristiche paleografiche che fanno pensare alla fine del XVII secolo o allinizio

237
del XVIII secolo. Non ci sono altre indicazioni e lidentificazione di queste in-
formazioni essenziali resa ancora pi difficile dalla mancanza di dati sulla
provenienza del manoscritto; cfr. (Iro) appunto del bibliotecario: Unbekan-
nter Herkunft. Gebunden 1885. (1ro) timbro della Knigliche Bibliothek. (11ro)
appunti e scarabocchi (prove di penna). (2ro) in alto la segnatura attuale:
MS. Ital. Quarto 46.
Lemm, p. 81.

ff. 1ro-10vo. Narrazione del successo di un fenomeno seguito lanno


del Nostro Signore 1650 a presso lisola di Santorino. (1ro) Titolo. Nar-
razione del successo di un fenomeno seguito lanno del Nostro Signore 1650 a
presso lisola di Santorino, traslatata fedelmente dal idioma greco composta
in rima da un certo Costatino Signore Primate di detta isola testimonio ocu-
lare. (1ro-8vo) Testo. >Preambolo o sia preliminare dellautore< Fra il gran
mucchio di tanti mali di cui era oppressa lisola nostra di Santorino vale a
dire che fr li pi formidabili terrori delle imminenti guerre e fr li piu in-
soffribili pesi delle gravi e continue imposizioni... ...Passato finalmente al
quanto di tempo li abitanti dellisola anzi li primi signori del paese andaro-
no in persona colle barche per indagare caso mai compariva qualche nuovo
scoglio dentr la profondit di esso mare ed in fatti scoprendolo tutti piangen-
ti per allegria ringraziavano IDDIO. (9ro-10vo) Indice dellopera. Indice/ in cui
per maggior chiarezza del/ Lettore si contengono tutte le cose/ memorabili
del fenomeno distinto per ogni numero come/ nelli fogli di avanti. Testo ine-
dito. Nel testo trodotto dal greco vengono descritti gli avvenimenti legati
allazione eruttiva del vulcano di Santorini nellanno 1650 d.C. Il tutto ebbe
inizio il 14 settembre 1650 con forti terremoti, prosegu con piccole eruzioni,
soprattutto di densi fumi e cess lanno seguente con il ritorno alla calma.
La descrizione delleruzione del vulcano fu fatta da un testimone oculare,
un certo Costantino (f. 1ro), non meglio identificato. Secondo lautore della
traduzione il testo originale greco (non identificato) era un poema in rima
(f.1ro). Lesistenza di tale poema confermata in F. Fouqu, Santorini and
its eruptions, Baltimore 1998, p. 13. Lo stesso Fouqu parla di un racconto
anonimo in italiano che possiamo con molta probabilit identificare con il
nostro testo, sebbene Foqu non fornisca altri particolari. Rimane ignoto
anche lautore della traduzione dal greco; si pu solo ipotizzare che doves-
se trattarsi di un naturalista italiano, interessato allargomento.

238
Ms. Ital. Quart. 51
Libro antico de nobeli venetti
II + 87 ff. + II 275 205 mm XVII sec. (seconda met) Italia (Venezia)

Manoscritto in buono stato. Tracce di umidit; f. 22 strappato in basso


Fascicoli: 1(III+2)8 + 1VII22 + 1VIII38 + 1IX56 + 1VIII72 + 1(VIII-1)87 (manca una
carta dopo il f. 87) Rigatura verticale a matita Testo a piena pagina,
dimensioni: (2ro-7ro) 245 (160-170) mm; 28-32 righe; (9ro-81ro) (220-
270) 155 mm; 25-36 righe; (82vo-83ro) (240-250) (140-170) mm; 32-34
righe; (83vo-85ro) 230 175 mm; 27-28 righe; (81vo-82ro) due colonne
di testo di larghezza 75-80 mm; 35-40 righe; (85vo-87ro) 3 colonne di
testo, dimensioni: 270 60 mm; 52-57 righe Scrittura di una sola mano
Nel manoscritto armi a colori (blu, verde, rosso, giallo, nero, viola,
bronzo, bianco), alcune non finite (1vo) arma a piena pagina (su carta
incollata), a colori: oro, argento, blu e nero e la scritta in alto: virtute
coequales (9ro-80ro) armi delle famiglie nobili venete Fogli bianchi:
7vo, 8vo, 87vo.
Legatura in pergamena rigida del XVIII/XIX sec. (280 215 mm). Cinque
nervi semplici. Sul dorso un pezzo di pelle marrone con il titolo impresso in
oro: Famigle (sic!) venete. Sul piatto iniziale letichetta rossa con la segna-
tura attuale. Contropiatti in carta marmorizzata tipo Stormont (~Marbled
Paper, tav. XXIX, 81: Inghilterra 1805-1825; Germania 1810-1825).

Manoscritto, a vedere tematica e caratteristiche linguistiche, eseguito


con tutta probabilit a Venezia. Risale al XVII sec.; terminus post quem: 1659
lultima data che appare nellelenco dei procuratori della citt di Venezia
(87ro). Lelenco completato da unaltra mano (8ro, 81vo-82ro); a f. 83ro ag-
giunta di una terza mano. La Knigliche Bibliothek compr il codice il 27
dicembre 1889 dalla famiglia Brose (cfr. registri dingresso). Mancano tracce
di altri proprietari. (IIro) la segnatura attuale e, sotto, a matita, il numero:
1104. (1ro) il numero dingresso: acc.1889.328., e sotto, da unaltra mano: Libro
Antico de Nobeli Venetti. (2ro) numero: 97. (1ro, 2ro, 89vo) timbro della Kni-
gliche Bibliothek .
Lemm, p. 81; M. Bartkowiak-Lerch, Venetian books of heraldry in the
Berlin collection at the Jagellonian Library, in Fibula 2/2009 (3), pp. 7-20.

239
ff. 1ro-83ro. Famiglie di Venezia (9ro-80vo) Testo: >ANAFESTO no1< Ana-
festo detto anassatti questi venero dalle contrae cio da Eracliana de tal fa-
miglia fo il primo Doxe, el qual fu fatto pur in Eraclia appelata Cit nova el
qual nomeva Paulucio anafesto la qual casada ces in lui, e portava la conera
scritta Arma et fu fatto doze del 697... ...Madonna Anna si tiene con una sua
figliola la qual port bone sustanzie, et morta la madre vene nel moneste-
rio de santa Catarina de sacco in Venezia. Raccolta delle armi delle famiglie
veneziane con brevi descrizioni relative alle famiglie. Si compone delle se-
guenti parti: ff. 2ro-7ro: indice dei casati e delle armi, ff. 9ro-80vo: elenco delle
famiglie con armi disegnate; f. 81ro: Prime 24 fameglie; f. 81vo: Notta delle
30 Casade fatte al tempo de et come li Reggia/ Aggiunta 1646; f. 82ro: altro
elenco; f. 82vo: altri elenchi; f. 83ro: altre famiglie. I contenuti descritti in M.
Bartkowiak-Lerch, Venetian books of heraldry in the Berlin collection at
the Jagellonian Library, in Fibula 2/2009 (3), pp. 7-20. Inedito.
ff. 83vo-85ro. Lettera del doge Pietro Gradenigo a Zorzi Dolfin, 27
giugno 1310 Testo. Coppia de una lettera scritta ms Zorzi Dolfin del anno
1310 adi 27 zugno esendo Raillo[?] a Costantinopoli da ms Piero Grado Dose
dandogli conto del sucesso de Bagramontte Thiepollo... ...qual giera consape-
vole le oltre quello brano vergognate molte cose dalle sue in particolar quella
de bagramonte havendola fatta becaria qual e quella da rialto. La lettera, in
volgare di area veneta, un resoconto particolareggiato della congiura del
1310. Lautore della lettera, il doge Gradenigo, che ovviamente visse in prima
persona gli eventi di cui narra, e la stretta vicinanza della scrittura della
lettera (27 giugno) agli eventi narrati (15 giugno), fanno s che la narrazione
si concentri con una certa insistenza sui particolari delle azioni tattiche di
Baiamonte Tiepolo e delle sorti di Marco Quirini. Sulla congiura si veda: G.
Gracco, Venezia nel Medioevo: un altro mondo, in Storia dItalia, diretta
da G. Galasso, VII.I: Comuni e signorie nellItalia nordorientale e centra-
le: Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Torino, 1987, pp. 116-120 e G. Gracco,
Societ e stato nel Medioevo veneziano (secoli XII-XIV), Firenze, 1967, pp.
364-373. Inedito.
ff. 85vo-87ro. Procuratori di Venezia dalle Origini al 1659 Testo. Notta
di tutti li procuratori di Venetia quali pi ne furono del 811 sotto il Dose ms
Zuane Badoer con titolo de sopra le velme, isole, e paladi... ...Alvise Paolo
Consiglio Grande g 20500 Filippo Bo[...] 9 octubre g 20500. Si tratta di una ma-
gistratura cittadina, la pi importante carica vitalizia dopo quella del doge. I

240
procuratori si occupavano della fabbrica e dellamministrazione della Basi-
lica di S. Marco (perci detti: procuratori di San Marco). Avevano alloggio in
piazza S. Marco presso le procurate, che da loro presero il nome. La carica
fu istituita nel IX sec. ed sopravvissuta alla caduta della Repubblica nel
1797. Sullargomento si vedano almeno: R. C. Mueller, The procurators of
San Marco in the Thirteenth and Fourteenth centuries: a study of the office
as a financial and trust institution, in Studi veneziani 1971 (13), pp. 105-
220; M. D. Chambers, B. Pullan, Venice: a documentary history (1450-1630),
Oxford-Cambridge 1992, pp. 51-52. Inedito.

Ms. Ital. Quart. 53


Squitinio della libert veneta Corrispondenza anonima
Detti e proverbi
I+160 ff.+I XVII sec. Italia

Legaturadi seta rossa del XVII sec. (201155 mm). Due nervi semplici. Sul
piatto anteriore e posteriore una decorazione alle armi del conte Starhem-
berg (cfr. la descrizione in Rietstap, s.v.). Sul dorso in basso letichetta bianca
con la vecchia segnatura della collezione Starhemberg: I./ 188. Resti delle
bindelle. Tagli dorati (riguarda la seconda unit codicologica).

Il primo possessore fu Erasmus der Jngere, Graf von Starhemberg (1595-


1664) le cui armi troviamo sulla legatura (cfr. anche lexlibris a Iro: Ex libris
Erasmi Iunioris Comitis ac Baronis de Starhemberg). Erasmus Starhemberg
era uno studioso, membro della Palmenordens, societ basata sul modello
dellAccademia della Crusca, con il soprannome di Nussbaum arbero di
noce (cfr. Biographisches Lexikon des Kaisertums. sterreich, vol. 37, p.
170). Sul dorso la vecchia segnatura della biblioteca della famiglia Starhem-
berg; il codice rimase nella collezione di famiglia (Frstlich Starhemberg-
sche Bibliothek, in Austria) fino al suo acquisto e incorporazione nella K-
nigliche Bibliothek nel 1889 cfr. (Iro) attuale segnatura: Ms. ital. quart. 53. e
il numero dingresso: acc. 1889. 172. Nelle singole unit codicologiche non ci
sono tracce dirette riconducibili a Erasmus Starhemberg, ma la tematica e la
datazione permettono di collegare il loro acquisto ai soggiorni dello stesso
conte in Italia. Altri elementi legati invece alla permanenza nella Knigliche

241
Bibliothek: letichetta di cuoio rosso con lattuale segnatura sul piatto ante-
riore; (1vo, 159vo) timbro della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 81.

(I) ff. 1ro-39ro 200 142 mm XVII sec. (prima met). Terminus post quem: 1619

Manoscritto in discreto stato. Fascicoli: 5IV40 Foliazionemoderna a matita


Falsi richiami Testo a piena pagina, dimensioni: (173-177) (113-120) mm;
31 righe Una sola mano; annotazioni a margine della stessa mano. Fogli
bianchi: 1vo, 39vo-40vo. Decorazioni: (1ro) pagina di titolo incorniciata.

ff. 1ro-39ro. Marcus Velserus =Markus Welser(?): Squitinio della


libert veneta. (1ro) Titolo. SCUTRINIO/ SEU/ SQUITINIO/ DELLA LIBER-
T/ VENETA/ Nel quale sadducono anche le ra-/ gioni dellImperio Roma-
no/ Sopra la/ CITTA E SIGNORIA DI/ VENETIA. (2ro-39ro) Testo. Chi asserisce
Venetia esser nata libera, et essersi sempre mantenuta tale senza alcuna di-
scontinuatione, conviene dichiari se intende solo parlar di coloro, che hanno
governato per il passato, e governano hoggidi, e se sestende indifferentemte a
tutti li Cittadini di Venetia ...E se i Veneziani si mettono la mano al petto
non vorranno negare che non per non riconoscere la superiorit, hoggidi non
permetterebbono che per cora[?] simprimesse Matthias Imperator nelle loro
Monete. Nellanno 1619. (Il Vicer di Napoli Duca dOssuna invi 20. Galeoni per
il Golfo di Venetia per interrompere la prescritte che pretendono li Venetiani
tenere in di Mari. Per Venetia vedasi M. Mantua de Viris Illustribus, che st
nel 2o tomo degli Trattati fol. 163). >Laus Deo, et B.M. Virgini< Lattribuzione
dellopera non certa in quanto si tratta di un trattato anonimo, di grande
diffusione nellEuropa del Seicento. Tra gli autori il nome pi probabile
quello di Welser (di questa opinione Placcio citato in G. Melzi, Dizionario
di opere anonime e pseudonime di scrittori italiani come che sia aven-
ti relazione allitalia, Milano, 1859, III, p. 93) sebbene ci sia una tradizione
che lega lopera allambasciatore spagnolo a Venezia, Alfonso de la Cueva-
Benavides, marchese di Bedmar (di questa opinione sono Mazzuchielli e
Grisellini citati in Melzi, cit.), ma circolavano anche altri nomi: Albizzi, Gual-
do, Pignoria, Peireschio, Pinelli, Scioppio, Helian. Questo pamphlet antive-
neziano fu stampato per la prima volta nel 1612 (due diverse edizioni) in
un luogo sconosciuto, con la falsa indicazione di Mirandola (cfr. M. Parenti,

242
Dizionario dei luoghi di stampa: falsi, inventati o supposti in opere di autori
e traduttori italiani. Con unappendice sulla data e un saggio sui falsi luoghi
italiani usati allestero, o in Italia, da autori stranieri, Firenze, 1951, p. 143).
Nel trattato viene demolito il mito della originaria indipendenza della citt
di Venezia. Lautore conosceva le opere degli storici di Venezia (Paruta, Con-
tarini) e, con ogni probabilit, conosceva il modo di fare politica a Venezia
(cfr. J.G. Sperling, Convents and the body politic in late Renaissance Venice,
Chicago 2000, p. 109). Edizioni: 1612 (2), 1619. Nel 1681 pubblicato a Colonia
con il testo ritradotto dal francese, come leggiamo nellintroduzione. Edi-
zione francese (Examen de la libert originaire de Venise) del 1677 a Rati-
sbona. Altri manoscritti della stessa opera: New York, Columbia University,
Rare Book and Manuscript Library Plimpton Add. MS. 10, cc. 1-56; Riccard.
404, ff. 139ro-197vo.

(II) ff. 41ro -159vo 200 150 mm Terminus post quem: 1627

Manoscritto in buono stato; unit tagliata per stare nella legatura attuale
Fascicoli: 5XII160 Foliazionemoderna a matita Falsi richiami Testo a piena
pagina, dimensioni: (193-197) (113-124) mm; 16-21 righe Una sola mano;
correzioni a margine della stessa mano Fogli bianchi: 160.

ff. 41ro-159ro. Corrispondenza anonima. Testo. Sig.re mio osservantissi-


mo. Il debito che ho di scrivere a V.S. mi muove ad infastidire V.S. con questa
mia lettera, e a darle conto, che fra dieci giorni io mi partir di qui per cost,
acci se ella vuole che avanti la mia partenza io La serva qui in alcuna cosa
possa darmene avviso ...che pure mi d gi la buona nuova, di aver co-
minciato ad adoprarsi per me, e la buona speranza che sia per finirsj col mio
contento, mentre raccomandando e me nella sua gratiosa protettione le bacio
le mani. Lettere di un italiano a uno straniero e le sue risposte. Chi scrive
italiano, chi risponde uno straniero (cfr. 53ro e 53vo), forse tedesco perch
parla di Allemagna (cfr. 46vo). La corrispondenza priva di elementi che
possano far identificare i personaggi. Sembra quasi una raccolta di modelli
di lettere, senonch lanalisi attenta rivela che si tratta di lettere reali da cui
sono stati espunti i nomi. Leliminazione degli elementi identificativi doveva
prob. (nellintenzione di chi trascrisse le lettere) farne un manuale di scrit-
tura in italiano sui generis. La presenza del manoscritto nella collezione di

243
Erasmus der Jngere, Graf von Starhemberg (1595-1664) conferma tale pos-
sibile destinazione. Erasmus fece diversi viaggi in Italia, coltivava parecchie
amicizie italiane e senza dubbio conosceva e studiava litaliano.
159ro-159vo. Detti e proverbi. Testo. Al cielo non piacque mai chi altrui
disprezza ...Contra tesbinz[?] il non val diffesa humana./ Petrarca. Della
stessa mano di chi ha scritto le lettere viene una mini-raccolta di detti e pro-
verbi da utilizzare nelle lettere. Lultimo detto, proveniente dal Canzoniere,
dovrebbe essere ncontra l ciel non val difesa humana.

Ms. Ital. Quart. 56


Giovanni Scala
230 ff. 245 190 mm XVII sec. (prima met) Austria (?) italiano, tedesco

Manoscritto in cattivo stato. Lembi di carta deformati; macchie Fascicoli:


55II221 + 1V230+contropiatto posteriore; lultima carta dellultimo fascicolo forma il con-
tropiatto posteriore Foliazione moderna; carta di guardia anteriore foliata
come 1 Testo del commento scritto a piena pagina, dimensioni: 22516 mm;
massimo 39 righe; non tutte le pagine interamente scritte Una sola mano (te-
sto italiano) Il titolo (1 ro: Johannis Schale Vestung Abriss) e i commenti sotto
alcune stampe in tedesco (ff. 3, 7, 11, 15, 19, 23, 27, 31, 35, 39, 43, 47, 51, 59, 63, 67,
71, 75, 79, 83, 87, 91, 95, 99, 103, 107, 111, 115, 163). Illustrazioni: 115 incisioni stam-
pate, 50 paia di tavole numerate (manca il paio 51); 5 paia di cui tre (52, 53, 54)
numerate a mano e due non numerate. Seguono 5 singole incisioni con disegni
prospettici (56-60), numerate a mano. Fogli bianchi: tutti i verso tranne 21vo,
25vo; recto e verso: 205, 209, 213, 216, 217, 220-221, 227-230.
Mezza legatura semirigida del XVII sec. (250190 mm), dorso coper-
to di pergamena antica recuperata da un manoscritto con il testo latino
(scrittura gothica textualis), iniziali rubricate. Frammenti del testo p.es.:
Hec hostia domine, quaesumus, emundet nostra delicta indicano che si trat-
tava di un missale. Nel secondo scomparto del dorso lantica collocazione
S22. Nel quarto scomparto unaltra collocazione su una etichetta giallina
(della collezione Starhemberg) I. 131 (cfr. lo stesso tipo di etichetta sui mss.
Hisp. Fol. 25, Ital. Oct. 7, Gall. Quart. 113, Gall. Oct. 29). La segnatura attuale
sulletichetta rossa. Tracce di una antica chiusura, conservato un legaccio
di cuoio. Tre nervi semplici.

244
La datazione del manoscritto pu essere ricondotta alla prima met del
XVII secolo visto lexlibris con la data 1652. Per quanto riguarda la localizza-
zione non ci sono certezze. Sicuramente il testo tedesco stato scritto in Au-
stria (sempre lex libris rivela che il ms. si trovava nel 1652 nel castello Rie
degg, vicino a Linz). Rimane aperta la questione se la realizzazione del ms.
avvenne in Italia o in Austria sebbene il tipo di filigrana (giglio con la coro-
na) faccia propendere per lAustria. Il primo o uno dei primi possessori fu il
Conte Heinrich Wilhelm Starhemberg (1593-1675), cugino di Erasmus Starh-
meberg (cfr. lItal. Quart. 53). Il conte in giovent viaggi in Italia, Francia,
Inghilterra, Scozia. Il suo soggiorno in Italia ebbe luogo durante la guerra tra
Venezia e Austria (1613-1617) (cfr. Biographisches Lexikon des Kaisertums.
sterreich, vol. 37, p. 181). Forse da l prese forte interesse per larte bellica,
tanto che la sua biblioteca era fornita di volumi su fortificazioni in diverse
lingue. Lexlibris del conte del 1652 a f. 1ro: Ex libr.[is] Illustr.[issimi] D.[omini]
D.[omini] Hen.[rici] Gul.[ielmi] Com.[itis] Staremberg. Ridegg 1652 non
prob. lontano dalla realizzazione del manoscritto, avvenuta forse su ordi-
ne dello stesso conte, visti i suoi forti interessi nel campo. Le varie segna-
ture, una pi antica (S22) e una posteriore (I.131) forse anche: N[umerus]
96 sul piatto anteriore confermano la permanenza del codice nella colle-
zione della famiglia Starhemberg. Assieme allintera collezione dei principi
Starhemberg, il manoscritto pass alla Knigliche Bibliothek nel 1889 (cfr.
il numero dingresso: acc. 1889.118). Il codice era strettamente legato allItal.
Quart.55, perduto durante la guerra, in cui era contenuto un commento alle
stampe del codice Ital. Quart.56. Elementi attestanti lappartenenza alla K-
nigliche Bibliothek: (1ro) in alto ad inchiostro la collocazione Ms. Ital. Quart.
56. (2 vo, 226 vo) timbro della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 82.

ff. 2ro-226ro. Giovanni Scala: Delle fortificazioni. (3vo) Sottoscrizio-


ne del disegno in tedesco. (2ro-226ro) Disegni e testo. (4ro) Disegno primo|
Venendo alla dichiarazione del primo disegno da saper che prima sin-
tender che la misura... ...(212ro-fine del testo) delli lati ma lordine del
costituire la loro lunghezza si passi 200 passi dalluno allaltro angolo della
figura. 115 incisioni stampate di cui 105 di dimensioni: 157 111 mm e 5 di
dimensioni: 160160 mm. 50 paia di tavole numerate: piatti e sguardie di
frammenti di fortificazioni. 5 paia: piatti e sguardie di fortificazioni intere

245
di cui tre (52, 53, 54) numerate a mano e due non numerate. Seguono 5
singole incisioni con disegni prospettici (vista duccello): 56-60 numerate
a mano. Alcune descrizioni e la firma Joannes Scala Math. Inventor fan-
no parte delle incisioni. Incisioni 1-50 con due pagine di commento; 52-54
ognuna con una sola pagina di commento. Il resto senza commento. Le
tavole incise sono ricavate dal libro di Giovanni Scala, Delle fortificazioni
matematiche, Roma 1596; (seconda edizione: Delle fortificazioni di Gio-
vanni Scala Mathematico, nuovamente ristampate con aggiunta di diverse
piante e fortezze, Roma 1627) e completate con un commento manoscrit-
to. Erano collegate con il ms. Ital. Quart.55 (perduto durante la seconda
guerra mondiale), sempre di Giovanni Scala, dedicato allo stesso argomen-
to. Edizione di riferimento delle tavole (senza il commento): Delle fortifi-
cazioni..., cit., Roma 1627.

Ms. Ital. Quart. 57


Nicol Minato
39 ff. + I 231 171 mm 1697 Austria (Vienna)

Manoscritto in ottimo stato Fascicoli: 1(V-1)9 + 3V39 La prima carta del pri-
mo fasc. costituisce il contropiatto anteriore; la seconda carta del primo fasc.
costituisce la c. di guardia anteriore Paginazione a inchiostro coeva da f.
3ro a f. 38 vo Foliazione a matita moderna sbagliata, corretta recentemente
Richiami e falsi richiami Testo apiena pagina, dimensioni: 160 115 mm;
18 righe Scrittura di una sola mano, molto curata Decorazioni fitomorfe in
inchiostro nero a ff. 2ro , 3 ro, 4ro-vo, 9ro, 16ro-vo, 26ro, 30ro-vo, 35ro-vo, 37vo, 38vo,
Fogli bianchi: 1, 2vo, 38.
Legatura originale, rigida in pergamena del 1697 (235 175 mm); tre nervi
semplici. Piatti decorati a secco, delimitati dalla cornice di fregio orientaleg-
giante (con arabeschi) e angolari eseguiti con la rotella. Al centro del piatto
anteriore il super ex-libris: cameo con ritratto dellimperatore Leopoldo I.
Sopra il titolo ACCADEMIE./ DELLE DAME./ 1697. In alto a sinistra letichetta
rossa con lattuale segnatura. Al centro del piatto posteriore il super ex-libris:
laquila bicapite degli Asburgo. Sul dorso il titolo impresso a secco: ACCADE-
MIE DELLE DAME 1697. In basso letichetta di carta con lantica segnatura.
Contropiatti in carta bianca.

246
Manoscritto eseguito nel 1697 (datazione in base alla data sulla coperti-
na) alla corte di Leopoldo I Asburgo a Vienna per la celebrazione dellono-
mastico dellimperatore. Inizialmente apparteneva alla biblioteca di corte,
il che testimoniato dal super ex-libris con il ritratto dellimperatore e con
lo stemma degli Asburgo. Sul dorso lantica segnatura I.169; sul piatto ante-
riore in basso a matita il numero 169, cancellato e ripetuto accanto costitu-
iscono tracce dellappartenenza alla famiglia Starhemberg legata a Vienna
e alla corte degli Asburgo: cio alla biblioteca di Riedegg e in seguito di Ef-
ferding. Nel 1889 la Konigliche Bibliothek acquist una parte della raccolta
degli Stahremberg. (1ro) numero dingresso acc. 1889.154. Vari segni di ap-
partenenza del codice alla Knigliche Bibliothek: a f. 1ro e sul piatto anterio-
re la segnatura attuale Ms. ital.quart.57; (2ro, 38vo) timbro della Knigliche
Bibliothek.
Lemm, p. 82.

ff. 1ro-39vo. Nicol Minato: Intermezzo di musica in una Accademia


di Dame (2ro) Frontespizio. >Intermezzo/ di musica/ In una Accademia/
di Dame/ problema/ se sia pi giovevole/ la Fortuna, o il Merito/ Cantano
quattro Dame/ sotto nome di/ Confidenza. Speranza. Avvertenza. Prudenza<
(3ro-38vo) Testo. (3ro-4ro) Poesia. Una volta si decida/ Questo dubbio si impor-
tante... ...Chl Merto stesso vuole aver Fortuna. (4vo-8vo) Prosa. Se sia pi
giovevole/ Fortuna o Merito... ...tutti questi onori gode ai nostri d il Merito
poich lo vedo incoronato nel Gran Leopoldo./ Contessa di Ringsmaul/ Dama
di Corte della Maest dell/ Imperatrice. (9ro-16ro) Prosa. Nel gloriosissimo
giorno/ di S. Leopoldo/ Nome dellAugustissimo Impre... non vi disponete per
dispetto su le Ruote della Fortuna. Sigra Contessa di Traun, Moglie/ del Mare-
sciallo del Paese altre/ volte Dama di Corte. (16vo-26ro) Prosa. Sacre Cesaree
Reali Maest/ Potrebbe la Fortuna tacciarmi... ...di quel GrandImperatore,
in cui il sublime ed incomparabil Merito ha gi abbattuti e superati i maligni
sforzi della Fortuna./ La Contessa Tchernin/ Moglie del Vice Cancelliere di/
Bohemia altre volte dama di Corte. (26ro-29vo) Prosa. Se sia pi giovevole/ la
Fortuna o il Merito/ Discorso Accademico... ...Sonetto in cui termina il lungo
stridore della mia tediosa Cicala. (30ro-30vo) Sonetto/ Amico, mira ben que-
sta figura... ...Ho detto per ubbidire. Della Sigra Contessa di Mollart/ Dama
di Corte della Maest/ dellImperatrice. (30vo-35ro) Prosa. Decisione fatta
pr/ del Merito... ...Serenissima Archiduchessa/ Elisabetta. (35vo-37vo) Dia-

247
logo in rime. APPLAUSO MUSICALE... ...Nulla temer, nulla stimar Fortuna.
(38ro-38vo) Sonetto. Alla Sacra, e Real Maest/ del Re dei Romani... ...Della
pi debole delle Dame Accademiche. Intermezzo. Testo misto di prosa e di
versi. Autore: Nicol Minato (1627-1698), dal 1669 poeta alla corte di Vienna.
Musica: Antonio Draghi (1634-1700) (cfr. G. Pestelli, Il melodramma italiano
allestero fino alla met del settecento in: A. Basso, Musica in scena: Sto-
ria dello spettacolo, t. 3, Torino 1996, p. 27). La partitura conservata nella
Biblioteca Palatina di Vienna, coll. A.N. 49. A. 63, parte 1 e 2 (Cfr. n. 16316 in
Tabulae codicum manu scriptorum praeter graecos et orientales in biblio-
theca palatina Vindobonensi Asservatorum, vol. IX, codicum musicorum
pars I, Vindobonae MCCCXCVII). Costituisce una disputa accademica in for-
ma letteraria, inframmezzata con le parti cantate, su quello che conta di pi
nella vita: Fortuna o Merito. Il testo fu composto a Vienna nel 1697 e dedicato
allimperatore Leopoldo I in occasione del suo onomastico (cfr a f. 9ro la de-
dica: Nel gloriosissimo giorno di/ S. Leopoldo/ Nome dellAugusissimo Imp.re/
Leopoldo). Le esecutrici dello spettacolo furono le dame di corte dellImpe-
ratrice sotto i nomi di Confidenza, Speranza, Avvertenza, Prudenza: la Con-
tessa di Ringsmaul; la Contessa di Traun, moglie del Maresciallo del Paese;
la Contessa Tchernin, moglie del vice cancelliere di Bohemia; la Contessa di
Mollart. nominata anche la figlia dellimperatore, lArciduchessa Elisabet-
ta. Una delle poesie dedicata al figlio Giuseppe, successore dellimperatore
Leopoldo. Testo prob. inedito.

Ms. Ital. Quart. 58


Il Falcone o sia la povert generosa. Opera
I + 56 ff. + I (211-214) (172-175) mm XVIII s. (met) Austria (Vienna)

Manoscritto in buono stato Filigrana: marca - stemma con una testa in


mitra; contromarca - iniziali LH (=Eineder, VIII, 320: Vienna 1750) Fascico-
li: 1X20 + 2IX56 Foliazione a matita posteriore alla stesura del manoscritto
Testo apiena pagina, dimensioni: 192 (160-165 mm); 23-28 righe Scrittura
di una sola mano, poche correzioni; (2 ro) nomi di attori aggiunti da mano
diversa Fogli bianchi: 2vo, 17vo, 18-20; 21vo, 36-38, 39vo, 56vo.
Legatura coeva (XVIII sec.), rigida, in carta decorata a mosaico con mo-
tivi floreali stampati in rosso e dorato (~Devauchelle, II, tav. XI) (217 180

248
mm); due nervi semplici. Piatti in cartone. Sul piatto anteriore in alto a sini-
stra letichetta rossa con la segnatura moderna. In basso in posizione cen-
trale su unetichetta di carta bianca ad inchiostro una segnatura antica e il
titolo No: __ 8./ Il falcone sia/ la Povert generosa/ opera nonch numero
a matita: 3[2?]30, poco visibile. Dorso liscio, sciupato; in alto unetichetta di
carta bianca vuota, in basso su unetichetta di carta una segnatura antica ad
inchiostro. Contropiatti in carta bianca. Sul contropiatto anteriore in alto
il numero ad inchiostro 79609; al centro su un quadretto di carta lex-libris
della biblioteca universitaria di Berlino: KNIGLICHE UNIVERSITAETS BI-
BLIOTHEK ZU BERLIN/ KAISER-WILHELM-STIFTUNG./ VERMCHTNISS DES
K. SCHS. REG.-RATHS/ DR JUR. C. G. WENZEL 1882 con il numero dingresso
della Knigliche Bibliothek.

Manoscritto eseguito intorno alla met del XVIII sec. a Vienna. Datazio-
ne in base alla filigrana della carta (cfr. supra). Una carta identica si tro-
va nellArchivio di Corte di Vienna datata 1750, proveniente dalla cartiera
di Lorenz Hberl, attivo a Garsten, nella regione di Steyr nellAlta Austria
negli anni 1729-1750. Datazione possibile anche in base ai nomi degli attori,
persone legate alla vita politica e culturale di Vienna negli anni 40 e 50 del
secolo. Sono: Mme de Monte Santo; le Comte Coloredo; Doria (?); Mme de
Stahremberg; le Comte de Bruil (?); le c. de Poal; le petit Comte de Castelbar-
co. Alcuni sono stati identificati: Maria Gabriella Colloredo di Stahremberg
(1707-1797), moglie del conte Rodolfo di Colloredo (1706-1788), vicecancel-
liere dellImpero, promotrice di un salone letterario a Vienna; Francesco
Desvalls, marchese Del Poal, spagnolo residente a Vienna in contatti stretti
con la corte degli Asburgo, amico della contessa Marianna dAlthann, grande
amica di Metastasio. Forse il piccolo conte Castelabarco figlio del conte Ce-
sare Castelbarco Albani che intorno allanno 1749 spos Francesca, figlia del
conte Antonio Simonetta, (Cfr. Lettere di P. Metastasio). La segnatura del
piatto anteriore No 8 pu costituire la traccia di uno dei proprietari, forse il
dott. Wenzel. Lo stesso tipo di segnatura si osserva infatti nel ms. Ital. Quart.
59, anchesso appartenente al lascito di Wenzel. Il manoscritto passato nel
1882 alla biblioteca universitaria di Berlino, la cui segnatura visibile sul
dorso: 312 e i timbri a ff. 1ro, 2ro, in quanto lascito del dott. in legge C. G. Wen-
zel (cfr. lex-libris supra). L8 maggio del 1893 il manoscritto stato iscritto
nellinventario della Knigliche Bibliothek conforme allaccordo della stessa

249
con la Biblioteca Universitaria. (1ro, 2ro) timbro: Abgegeben von der BERLI-
NER UNIVERSITTSBIBLIOTHEK. Il contropiatto anteriore reca il numero
dingresso acc. 1893.137 e il numero 79609. La segnatura della Knigliche Bi-
bliothek sul piatto anteriore: Ms. ital.Quart.58 e a f. Iro: Ms. ital.qu. 58.
Lemm, p. 82.

ff. 1ro-56vo. Il Falcone o sia La Povert Generosa. (1vo) Titolo. (2ro) At-
tori. (3ro-56ro) Testo. >Atto Primo/ Scena Prima< Valle amena con capanna di
Pastori da un lato con qualch Albero isolato e dallaltro un Bosco, e nell (sic!)
Prospetto un Colle... ...Qui mi obbligo ad esser grata, qui giunse a rendermi
amante La Povert Generosa. >Fine< Libretto dopera in tre atti con strut-
tura atipica, recitativo in prosa, poche arie. Motivo ricavato dalla novella di
Boccaccio Il falcone (Dec., V, 9). Il ms. non notato dai repertori di libretti
a stampa (cfr. Sartori). Il testo fu creato prob. per uno spettacolo privato
della corte viennese o di un salotto letterario (forse quello della contessa di
Stahremberg), in quanto nellelenco degli attori sono enumerati personaggi
della politica e della cultura legati allambiente cortese di Vienna della met
del XVIII sec. Esso costituisce un rifacimento italiano della pice francese
Le faucon, ou Les oyes de Bocace composta nel 1725 da Louis Franois de
Lisle de la Drvetire, pubblicata a stampa Chez Jean Pierre van Ghelen,
imprimeur de la cour de sa Majest Imperiale & Royale nel 1731 e nel 1752.
Il dramma di de Lisle fu scritto per la compagnia di Luigi Riccoboni, che
nel 1716 dopo un tentativo fallito di riforma della commedia italiana arri-
v a Parigi per far risuscitare la Comdie Italienne allHtel de Bourgogne.
I personaggi del testo francese portano nomi diversi da quelli del libretto
italiano, ma la lettura di ambedue i testi non lascia dubbi riguardo alla loro
parentela; il manoscritto viennese racconta la stessa storia della comme-
dia francese differendo nella struttura e in alcune scene (per un confronto
dettagliato dei testi cfr. J. Miszalska, Vienna-Berlino-Cracovia; sui libretti
viennesi tra i manoscritti italiani del fondo berlinese della Biblioteca Ja-
gellonica, Seicento & Settecento 2012, in corso di stampa). Le relazioni del
codice con la Francia potrebbero essere confermate anche dal tipo di legatu-
ra e dalle didascalie scritte in francese, ma comunque la prova non defini-
tiva, in quanto il modo di rilegare di tipo francese si praticava anche in altre
parti dEuropa e il francese era vastamente in uso nelle cerchie culturali di
Vienna. Testo prob. inedito.

250
Ms. Ital. Quart. 59
Pier Antonio Bernardoni
I + 13 ff. + I 203 155 mm XVIII s., (1705 ?) Austria, (Vienna ?)

Manoscritto in ottimo stato Fascicoli: 1(VI+1)13 Foliazione a matita moder-


na Richiami e falsi richiami Testo apiena pagina, dimensioni: 180 (130-
135) mm;19-23 righe Scrittura di una sola mano Fogli bianchi: 1vo,13vo.
Mezza legatura rigida della prima met del XVIII sec. (206 160 mm).
Dorso in pergamena. Piatti in cartone coperti di carta marmorizzata a colla
(~Papiery zdobione 36; Marbled Paper, tav. IX, 13). Tre nervi semplici. Sul
dorso il titolo scritto ad inchiostro in senso verticale Le due Passioni una
di Cristo nel corpo e la prima cifra di unantica segnatura 8. In basso uneti-
chetta gialla recante lantica segnatura. Sul piatto anteriore in alto a sinistra
sulletichetta rossa la segnatura attuale. In basso in posizione centrale su
unetichetta di carta bianca ad inchiostro unaltra segnatura antica, il titolo
No: P.3./ le duo Passioni una di/ Christo nel Corpo e un numero a matita 329
poco visibile. Contropiatti in carta bianca. Sul contropiatto anteriore in alto
lantica segnatura a matita. Al centro su un quadretto di carta lex-libris del-
la biblioteca universitaria di Berlino: KNIGLICHE UNIVERSITAETS BIBLIO-
THEK ZU BERLIN/ KAISER-WILHELM-STIFTUNG./ VERMCHTNISS DES K.
SCHS. REG.-RATHS/ DR JUR. C. G. WENZEL 1882 con il numero ad inchiostro
83656, sotto il numero dingresso della Knigliche Bibliothek. Taglio spruz-
zato di rosso.

Manoscritto eseguito nella prima met del XVIII, terminus post


quem: 1705 ossia la data sul frontespizio. La segnatura del piatto ante-
riore No 3 pu costituire la traccia di uno dei proprietari, forse il dott.
Wenzel. Lo stesso tipo si segnatura si osserva infatti nel ms. Ital. Quart.
58, anchesso appartenente al lascito di Wenzel. Il manoscritto pas-
sato nel 1882 alla biblioteca universitaria di Berlino, la cui segnatura
visibile sul dorso e sul contropiatto anteriore: 201, in quanto lascito del
dott. in legge C. G. Wenzel (cfr. supra). Altre tracce dellappartenenza
sono timbri della biblioteca universitaria (1ro i 1vo). L8 maggio del 1893
il manoscritto stato iscritto nellinventario della Knigliche Biblio-
thek conforme allaccordo della stessa con la Biblioteca Universitaria.

251
(1ro, 1vo) timbro: Abgegeben von der BERLINER UNIVERSITTSBIBLIO-
THEK. Il contropiatto anteriore reca il numero dingresso acc. 1893.137.
La segnatura della Knigliche Bibliothek sul piatto anteriore: Ms. ital.
Quart.59 e a f. Iro: Ms. ital.qu. 59.
Lemm, p. 82.

ff. 1ro-13vo. Pier Antonio Bernardoni: Le due passioni, oratorio (1ro)


Titolo. >Le due Passioni./ Una di Christo nel Corpo,/ Laltra della Vergine Ma-
dre nellAnima./ Rappresentazione Sacra/ Al Santiss:mo Sepolcro/ Nella Cesa-
rea Cappella/ Della S: C: R: M:/ Dell Imperatore/ LEOPOLDO P:mo/ La sera del
Venerdi Santo/ Dell anno 1705< (2ro-3ro) Argomento. sentimento di moltis-
simi Santi Padri... a profittare dei Meriti della di Lui Santissima Passione.
(3vo) Personaggi. (4ro-13ro) Testo. M.V: Ahim; Chi mi soccorre? Oh Dio son
morta!... ...Lacerbo aspro dolor/ di sue ferite. >Fine< Libretto dellorato-
rio Le due passioni. Una di Christo nel corpo, laltra della Vergine Madre
nellAnima, Lautore del testo Pier Antonio Bernardoni (? - 1714), negli anni
1701-1710 poeta alla corte di Vienna; compositore: MarcAntonio Ziani (1653-
1715). La prima esecuzione ebbe luogo a Vienna nella cappella palatina degli
Asburgo al Venerd Santo del 1705. La struttura del libretto tipica del pe-
riodo precedente alla riforma di A. Zeno e P. Metastasio: manca la divisione
in due parti, modello metrico di arie variabile, poche arie da capo. Il testo
fu pubblicato a Vienna nel 1705. Il manoscritto corrisponde al testo stam-
pato del 1705. Si nota una variante di tipo lessicale: (5vo) consola invece di
conforta. Altre edizioni del libretto: in P. A. Bernardoni Poemi drammatici,
voll.1-3; Bologna 1706, p. I. pp. 297-311; Dramaturgia di Lione Allacci accre-
sciuta e continuata fino allanno 1755, Venezia 1755, pp. 296-311.

Ms. Ital. Quart. 60


Pietro Bagnoli
I + 30 ff. + I 245 186 mm XIX sec. (inizio) Austria (?), Germania (?), Fran-
cia (?)

Manoscritto in discreto stato Fascicoli: 1VIII16 + 1VII30 Foliazione a matita


moderna Testo apiena pagina, dimensioni: 220 95 mm; 30-35 righe Mar-
gini piegati Scrittura di una sola mano. Cancellazioni e correzioni. (8 vo)

252
nota del copista: N.B. Questo foglio bianco rimasto per innavertenza; laonde
il recitativo siegue nel foglio susseguente Fogli bianchi: 1 vo, 17vo, 29vo, 30.
Legatura floscia in carta, coeva (248 193 mm). Legatura provvisoria,
molto sciupata, cucita ai fascicoli con uno spago; dorso e lembi strappati. Sul
piatto anteriore in alto a sinistra la segnatura moderna sulletichetta rossa e
sopra su un quadretto di carta il numero ad inchiostro: 26. In basso lantica
segnatura. Al centro il numero dingresso della Konigliche Bibliothek e il ti-
tolo a matita Numa Pompilio.

Luogo di esecuzione del manoscritto incerto. Siccome lopera venne


messa in scena sicuramente a Vienna e a Parigi, e il libretto ebbe pubbli-
cazione a stampa a Vienna e a Monaco di Baviera, il ms. pu essere stato
eseguito in Austria, Germania oppure in Francia. Datazione: il primo de-
cennio del XIX sec. suggerita dalla presenza dei testi a stampa e dalle ese-
cuzioni del dramma tra gli anni 1800-1810. Il testo non ha caratteristiche di
un copione scenico. Conservate le tracce dei proprietari antecedenti alla
Konigliche Bibliothek. Lantica segnatura mscr 26 (piatto anteriore, Ivo) di
un proprietario non identificato. La segnatura MS. 315 sul piatto anteriore,
timbri della biblioteca (1ro, 1vo) testimoniano lappartenenza alla Koenigl.
Universitaets-Bibliothek zu Berlin. L8 maggio del 1893 il manoscritto, in-
sieme ad alcuni altri (Ital. Quart. 58; Ital. Quart. 59; Ital. Fol. 164; Ital. Fol.
165), tutti componimenti drammatici, stato iscritto nellinventario della
Knigliche Bibliothek conforme allaccordo della stessa con la Biblioteca
Universitaria. Il piatto anteriore reca il numero dingresso acc. 1893.140.
(1ro) il numero 79497. La segnatura della Knigliche Bibliothek sul piatto
anteriore: Ms. ital.Quart.60 e a f. Iro: Ms. ital.qu. 60.
Lemm, p. 82.

ff. 1ro-29ro. Pietro Bagnoli: Numa Pompilio. Dramma in musica in due


atti. (1ro) Titolo. (2ro) Argomento. >Argomento< Lelezione di Numa Pom-
pilio al trono di Roma... Questi e varii altri Episodi formano il Soggetto
del presente Dramma. (2vo) Personaggi. (3ro-29ro) Testo. >Atto Primo/ Scena
Prima< Campagna amena sparsa dalberi antichi./ In lontananza alcune col-
linette piacevoli e verdeggianti... ...Viva Numa e della pace/ Goda il Tebro i
d sicuri/ E nei secoli futuri/ Sia dEsempio ad ogni Re!/ (Tutti partono) >Fine
del secondo Atto< Libretto dopera in due atti in versi. una delle versioni

253
del libretto di Numa Pompilio. Testo: Pietro Bagnoli (1767-1847); Musica:
Ferdinando Paer (1771-1839). La prima: Vienna 1800, esecuzione privata. La
prima versione del libretto fu pubblicata a Vienna nel 1802: Numa Pompi-
lio, dramma per musica. Le partiture manoscritte si trovano ora a Vienna
nella collezione di manoscritti musicali della biblioteca NB (p.es. coll.:
KT. 317. Mus; Mus. Hs. 9980. Mus; Mus. Hs. 9979. Mus). In seguito Paer mo-
dific lopera, preparando lesecuzione per Napoleone, il che port anche
alle modifiche del libretto: Numa Pompilio Dramma eroico-pastorale en
2 actes Lesecuzione ebbe luogo il 12 gennaio del 1809 a Parigi al Thtre
des Tuileries. La partitura in parte stampata, in parte manoscritta si tro-
va nella BNP, coll. RichelieuMusiquemagasin, D-17988. La pubblicazione
successsiva avvenne nel 1810. unedizione testo a fronte italiano-tedesco:
Numa Pompilio, dramma eroico-pastorale in quattro atti, Mnchen. Tra
le versioni dei libretti del 1802 e del 1810 corrono alcune differenze testua-
li. Il libretto del 1802 pi lungo e diviso in 2 atti; quello del 1810, bench
diviso in 4 atti, risulta pi breve. Il testo del ms. Ital. Quart. 60, in 2 atti, non
ricalca fedelmente nessuna delle versioni stampate, ma risulta pi vicino
alla versione del 1810.

Ms. Ital. Quart. 68


Scritti sulla Congregatio veneta S. Lazari monachorum
armenorum S. Antonii abbatis sub regula S. Benedicti
I + 327 ff. + II XVIII sec. Italia italiano, latino

Manoscritto in discreto stato. Alcune carte imbrunite, alcune con tracce di


umidit o con funghi Ff. 36-89 imbruniti e parzialmente distrutti Ff. 1-35
con il testo a stampa, gli altri manoscritti eseguiti da diverse mani Fogli
bianchi: 35, 55vo, 62vo, 64vo, 68vo, 69vo, 76vo, 77vo, 81-82, 106, 107, 127-131, 160-
163, 174vo, 175, 208avo, 208bro, 209-211, 212vo, 213, 214vo, 249vo, 252, 325.
Legatura della seconda met del XIX sec. (310 210 mm), in cattivo stato
(staccata dal manoscritto). Bindelle da tre lati. Tre nervi . Piatti e contropiat-
ti in carta pseudo-marmorizzata (~Marbled Paper, Tav. XXI, 5 e 6: Francia,
met XIX sec. e Germania, fine XIX sec.) (1ro) la segnatura attuale e il numero
dingresso: acc. ms. 1893. 303. (1vo, 323vo, 324vo) timbro della Knigliche Bi-
bliothek di Berlino.

254
Nella maggior parte dei testi del codice sono presenti date del XVIII sec.
Appaiono anche personaggi che aiutano a stabilire il terminus post quem,
come il Papa Clemente XIII (1693-1769) a f. 36ro oppure Alessandro VIII (pon-
tefice negli anni 1689-1691) a f. 270vo. La parte stampata porta inoltre la data
della stampa: In Roma, MDCCXVIII (15ro). Il codice nella forma presente una
raccolta di documenti legati dal punto di vista tematico, a volte copiati dalla
stessa mano, e tutti provenienti dal XVIII sec. I documenti dovevano prove-
nire quindi dallo stesso ambiente e prob. costituivano una raccolta gi nel
XVIII sec. le diverse unit recano commenti di una stessa mano, di epoca
coeva. I documenti non furono comunque scritti per formare un insieme;
alcuni di essi rimanevano senza legatura per un certo periodo (p.es.il ms.
XIII a ff. 252-257). Anche le dimensioni dei rispettivi ms. sono diverse. Non
abbiamo tracce dei possessori prima della Knigliche Bibliothek di Berlino.
Il 21 settembre 1893 il codice fu acquistato da Francesco Casella di Napoli,
residente in Piazza Municipio 81. La legatura, eseguita verso la fine del XIX
sec., fu sicuramente fatta nella Knigliche Bibliothek di Berlino.
Lemm, p. 82.

ff. 1ro-324vo. Raccolta di scritti relativi alla Congregazione Mechi-


tarista. Gran parte dei testi del manoscritto, di cui infra, concerne la Con-
gregazione Veneta dei Monaci di S. Lazzaro: accuse avanzate contro Mechitar
(fondatore della congregazione) e argomenti addotti in sua difesa; versioni
della regola della congregazione e correzioni apportate da parte dei membri
della Sacra Congregazione di Propaganda Fide; infine, riflessioni sulla utilit
di tradurre la Sacra Scrittura nelle lingue volgari e una versione del Vangelo
secondo Giovanni tradotta in italiano (forse contemporaneamente alla tra-
duzione in armeno). A parte il testo a stampa non si sono verificate edizioni
degli altri testi. Recentemente uscito il volume dedicato alla storia dellor-
dine: A. Peratoner (a c. di), DallArarat a San Lazzaro, Venezia 2006. La rac-
colta miscellanea si compone delle seguenti unit con i relativi testi:

(I) ff. 1ro-35vo 265 190 mm

Fascicoli: 1(III-1)5 + 5III35. Manca la prima carta Foliazione doppia: originale,


a stampa (nn.3-70) e moderna, a matita (nn.1-35) (1ro-14vo) numerazione dei
paragrafi al margine e riferimenti marginali al testo dei ff. 15ro-34vo (15ro-

255
34vo) numerazione marginale dei capitoletti e, a lettere, dei paragrafi Falsi
richiami Testo a piena pagina, dimensioni: 215 155 mm; 36-43 righe (1ro)
iniziale figurata in bianco e nero (1vo, 14vo) disegno a fine pagina con motivi
floreali (15ro) disegno a fine pagina con angeli e motivi floreali, titolo stam-
pato in maiuscoletto Testo a stampa Fogli bianchi: 35.

ff. 1ro-34vo. Sommario degli attestati (testo a stampa). (1ro-14vo) Intro-


duzione >Eminentissimi, e Reverendissimi Signori< indubitato, che siccome
le Opere pie sono tanto pi perfette, quanto pi si conformano a quelle di Ges
Cristo nostro Capo, e Signore; cos le Croci, e persecuzioni sono la pietra di para-
gone per distinguere i veri Operai Evangelici... ...figlia ubbidiente della Santa
Sede Romana, a cui fu sempre, e sar per essere divotissima. (15ro) Titolo >Som-
mario degli attestati presentato nellanno MDCCXVIII. Agli Emi, e Rmi Prenci-
pi i Sig.ri Cardinali della Sagra Congregatione de propaganda fide da i Monaci
Armeni di S. Antonio Abate fondati in Modone, e Residenti in Venezia In Roma,
MDCCXVIII< (16ro-34vo) Testo: >Sommario Attestato Primo< Ego infrascriptus
Sacerdos Societatis Jesu fidem facio, Mekitar Armenum Religiosum; et Diaco-
num Petri Filium Sebastenum Catholicae Fidei... ...che pi volte li ha proibi-
to dinviare in queste Parti i suoi Monaci con carattere di Missionari &c. Pera
di Costantinopoli li 20. Maggio 1717. Di V. S. Molto Reverenda Affezionatissimo
Servo nel Signore Galani Arcivescovo dAncira Vicario Patriarcale. Raccolta di
documenti riguardanti lattivit della Congregazione dei Monaci Armeni di S.
Antonio Abate fondati a Modone e residenti a Venezia. Documento a stam-
pa diretto ai cardinali della Sacra Congregazione per difendersi dalle accuse
mosse contro la congregazione: della ribellione contro la Sacra Congregazio-
ne e di professare dottrina poco sana. Composto di pi parti: lintroduzione
contiene la storia della fondazione della congregazione dei Monaci Armeni,
la descrizione dei frutti portati dalla congregazione alla fede cattolica, delle
calunnie opposte contro la congregazione, delle accuse fatte in particolare
contro il padre Giorgio; e 26 attestati in difesa contro tutte le accuse.

(II) ff. 36ro-77vo 305 225 (e minore) latino

Fascicoli: 1X55 + 1IV77 (dopo il f. 62 inserito un altro fascicolo 1VII76) Foliazio-


ne moderna a matita Alcuni falsi richiami (36ro-36vo) testo a piena pagina,
dimensioni: 160 280 mm; 35 righe; (37ro-77ro) testo in una colonna, dimen-

256
sioni: 105 285 mm; 38-41 righe Una sola mano Osservazioni marginali e
aggiunte del copista nella prima colonna Fogli bianchi: 35, 5vo, 62vo, 64vo,
68vo, 69vo, 76vo, 77vo.

ff. 36ro-76ro. Constitutiones Monachorum Armenorum S. Antonii Ab-


batis Congregationis Venetae S. Lazari sub Regula S. Benedicti Abba-
tis. Testo. >Praeludium< Qua de causa, et occasione costituita sit Congregatio
Veneta S. Lazari Monachorum armenorum S. Antonii Abbatis sub Regula S.
Benedicti. Mechitar Petrus Sebastae in Armenia catholicis, piisque parentibus
natus... ...quibus verbis Apopolus penitus interdicit, cuilibet Membro unius
corporis sive Phisici sive Moralis alienorum acrum et officiorum usurpatio-
nem. Costituzioni della Congregazione Veneta dei Monaci Armeni di S. Anto-
nio Abate sub regula S. Benedicti Abbatis. La prima parte presenta la regola:
Sub Regula S. Benedicti Abbatis (in XXIII capitoli), la seconda contiene rego-
lazioni aggiuntive: Additiones ad Regulam et Constitutiones (in XIII capitoli).
Sulla carta 77ro elenco del contenuto. Prob. inedito.

(III) ff. 78ro-89vo 295 213 mm italiano, latino

Fascicoli: 1II81 + 1IV89 Foliazione moderna a matita (78ro-80ro) falsi richia-


mi (83ro-89ro) titolo corrente in basso Rubriche (78ro-80vo) Testo a piena
pagina, dimensioni: (240 - 255) 200 mm; 31-33 righe; (83ro-89vo) Testo in
due colonne, dimensioni: 260 90 mm (ciascuna), 36-38 righe Una sola
mano Fogli bianchi: 81ro-82vo.

ff. 78ro-89vo. Osservazioni sopra le Costituzioni dei Monaci armeni


di S. Antonii Abbatis. (78ro-80vo) Introduzione. In pronta esecuzione del be-
nigno permesso impartitoci dallE.E.V.V. di togliere, et aggiongere rispettiva-
mente quello si credesse nelle gi rilasciateci Constituzioni... ...abbiamo cre-
duto dassoggettare per stabilimento della Disciplina Regolare, dipendendo
per altro dalle mature Loro Deliberazioni. quas Deus (83ro-89vo) Testo. Cum
Regula Monachorum S. Antonii Abbatis quae a Monachis &. In Constitutiones
Praefatio. 1. Cum Monachi S. Antonii Abbatis Armeni incertam Regulam pro-
fiterentur nullisque Constitutionibus regularibus viverent... ...De Protectore
Ordinis. Ut autem nostra Religio & Cohortatio ad Monachos, & Constitutionum
finis. Itaque salutaribus, ac. &&& Osservazioni sulle Costituzioni dei Mona-

257
ci Armeni. Commenti alle regole in latino, introduzione alle osservazioni in
italiano. Scritte prob. dallabate della congregazione alla Sacra Congregazio-
ne, in risposta al permesso impartitogli di apportare correzioni alle Costi-
tuzioni ottenute, in conformit al rito praticato dalla congregazione. Scritto
verso la fine del Settecento (cfr. il f. 80vo, dove si parla del padre Anteply
Giorgio Bagdad Anteply, monaco armeno, fu lettore di lingua armena presso
il Collegio di Propaganda Fide a Roma nel 1791). Inedito.

(IV) ff. 90ro-103vo 272 196 mm

Fascicoli: 1VII103 Foliazione moderna a matita Falsi richiami Testo a piena


pagina, dimensioni: (230-250) (150-160) mm; 21-22 righe Una sola mano
(103vo) dalla mano del copista: Ponenza DellI[llustrissi]mo Signor Cardinal
Galli e sotto: Armeni.

ff. 90ro-103vo. Monaci di S. Lazaro. (90ro-102vo) Testo: Monaci di S. Laza-


ro Nellanno 1702 da Michitar Pietro nella Citt di Modone in Morea fu fondato
un Monastero sotto il titolo, Monaci di S. Antonio Abbate... ...Se in alcuni
punti debbano chiedersi quelle spiegazioni, che si creduto doversi chiedere?
Lettera dei Monaci Armeni, prob. alla Sacra Congregazione de Propaganda
Fide. Analizza la regola dei Monaci Armeni dopo ladozione della regola di
San Benedetto. Lanalisi consiste nel paragone di vari frammenti della regola
con le Costituzioni di S. Lazaro, alla luce della loro realizzazione nella vita
quotidiana del monastero. Si mettono in evidenza alcuni punti dubbi da ri-
solvere, in seguito vengono presentate proposte di riforma della regola. Si
chiede in risposta la decisione riguardo a tutti i punti presentati nellanalisi.
Inedito.

(V) ff. 104ro-107vo 270 195 mm latino

Fascicoli: 1II107 Foliazione moderna a matita Testo a piena pagina, dimen-


sioni: 225 170 mm; 27 righe Una sola mano Fogli bianchi: 106, 107.

ff. 104ro-105vo. Correzioni e osservazioni alle Constitutiones. Testo.


Pag.2. lin.1. Vivendi genus Canobitarum a Christo et Apostolis institutum rec-
te censet Cassianus Collac. 116. Cap.5... ...Abbatis Generalis nomen cum suis

258
Assissentibus hic inducitur. Elenco per punti di correzioni della regola dei
Monaci Armeni in riferimento alla regola di San Benedetto. Inedito.

(VI) ff. 108ro-163vo 270 197 mm latino

Fascicoli: 1I109 + 1VI121 + 1V131 + 2VI155 + 1IV163 Foliazione moderna a matita


Falsi richiami Testo a una colonna, dimensioni: (230-245) (110-120) mm;
26-28 righe Una sola mano Fogli bianchi: 127-131, 160-163.

ff. 108ro-159vo. Constitutiones Monachorum Armenorum S. Antonii


Abbatis Congregationis Venetae S. Lazari sub Regula S. Benedicti Ab-
batis (108ro-109ro) Elenco del contenuto. (110ro-159vo) Testo. Cap. 1 De voto
Pauperitatis Castitatis, Obedientiae, et Fidei praedicandae apud Infideles
usque ad sanguinis effusionem. Monachos nostrae Congregationis religiosa
professio quatuor votis adstringit, nimirum Pauperitatis, Castitatis, Obedien-
tiae, et Praedicationis Fidei apud Infideles usque ad sanguinis effusionem...
...Et si pecunias titulo elemosynae perceperint, nihil sibi approprient, totu-
mque Monasterii nomine recipiant, atque custodiant, ei fideliter raesignan-
dum. Versione della regola della Congregazione Veneta dei Monaci Armeni
di S. Antonio Abate sub regula S. Benedicti Abbatis, in latino, costituita da
quattro parti (disposizione diversa da quella delle Costituzioni contenute
nelle carte 36ro-76ro). Inedito.

(VII) ff. 164ro-175vo 267 198 mm

Fascicoli: 1VI175 Foliazione moderna a matita Falsi richiami Testo a una


colonna, dimensioni: 240 120 mm; 25 righe Una sola mano Note margina-
li di unaltra mano (dello stesso periodo) Fogli bianchi: 175.

ff. 164ro-175vo. Regole de Monaci Costi. Testo. In nome di Dio benigno,


e misericordioso Questa Regola stata raccolta da Monsigr Patriarca Gloria
in excelsis Deo, Domini est salus, salva Deus. A gloria di Dio. Monsigr Giovanni
Patriarca nonagesimo quarto ha colla grazia di Dio raccolto da tre esemplari
antichi, osservati dalle Sante Comunit Eremitiche un Libro concernente li Riti
della Sede di S. Marco a tempo dellumile servo Giovanni, come dice egli nella
copia trascritta colle proprie mani... ...Queste Regole devono leg[g]ersi tre

259
volte lanno alla Tavola, che rinfrescano la memoria de Monaci, come anche si
devono leggere in ogni caso di bisogno. Regole dei Monaci Costi, divise in 26
canoni. Sul f. 164ro si trova una nota del periodo coevo in cui leggiamo che
le Regole dei Monaci Costi contenute nel manoscritto sono una traduzione
dallarabo del padre Dionigio Haggiar da un codice del monsignor Asseman-
ni. Quelle regole furono incluse dal monsignor Antonio, arcivescovo di Girge
(Giuge) nella regola dei monaci Costi. Inedito.

(VIII) ff. 176ro-205vo 267 198 mm

Fascicoli: 2VI199 + 1III205 Foliazione moderna a matita Falsi richiami Testo


a una colonna, dimensioni: 250 (110-120) mm; 27 righe Una sola mano (la
stessa dei testi VI, X, XII).

ff. 176ro-205vo. Regole dei Monaci Costi. Testo. In nome di Dio Benigno, e
misericordioso Questa Regola stata raccolta da Monsignor Patriarca Gloria in
excelsis Deo, Domini est salus, salva Deus. A gloria di Dio. Monsignor Giovanni
Patriarca nonagesimo quarto ha colla grazia di Dio raccolto da tre esemplari
antichi, osservati dalle Sante Comunit Eremitiche un libro concernente li Riti
della Sede di S. Marco a tempo dellumile servo Giovanni come dice egli nella co-
pia trascritta colle proprie mani, che supplisce allo smarrito esemplare... ...Et
quidem si magistris suis generis nobilitate antecellant, par est ut apud se dicant:
Si parentibus nostris carnalibus parem servitutem, et remunerationem expen-
dere pro meritis erga nos nequimus, quomodo spiritualibus parentibus id pra-
estare poterimus? Le Regole sono una seconda versione del testo precedente
(anche questa divisa in 26 canoni), scritta dalla mano che ha fatto le note alla
prima versione. La prima versione finisce con un frammento che in questa
si trova sul f. 204ro la seconda stata completata dai frammenti estratti dal
Concilio Niceno menzionato al margine del f. 164ro. Inedito.

(IX) ff. 206ro-211vo 277 198 mm Terminus post quem: 1753

Fascicoli: 1III211. Dopo il f. 208 inserito un bifolio 1I208b di dim. 272 98 mm


Foliazione moderna a matita Testo a una colonna, dimensioni: (ff. 206ro-
208vo) 230 (105-125) mm; 25 righe; (ff. 208aro-208bvo) 265 100 mm;
33-34 righe Note marginali Fogli bianchi: 208avo, 208bro, 209-211.

260
ff. 206ro-207vo. Osservazioni sopra le Constitutiones Monachorum e
Regole dei Monaci Costi. Testo. Cap.2 Lufficio. Chi sono i Superiori, de quali
qui si parla?... ...Ora soli cose non dovrebbero omettersi, quando si pensasse
dare a queste Costituzioni lapprovazione apostolica. In hac salvo etc. Le os-
servazioni si concentrano sulle procedure riguardanti il funzionamento del
monastero, ad es. lelezione di vari tipi di ufficiali allinterno del monastero,
la durata della carica, il ricevimento dei novizi, ecc. Il cardinale richiede di
precisare in vari punti la regola, fa cenno alle ripetizioni, propone di comple-
tare i paragrafi. Riguardo alle costituzioni richiede di completare le questioni
legate al digiuno, al silenzio, al numero delle ore di sonno, ecc. Inedito.
ff. 208ro-208vo. Completamento delle osservazioni di Tamburini. Testo.
>Le osservazioni fatte dallEmo Tamburini sopra le presenti Regole, e Costitu-
zioni de Monaci Costi< Sono santissime, e prudentissime: onde meritano, che vi
si faccia tutta lattenzione. Alle medesime alcune altre poche ardisco di aggiun-
gere, sottoponendole al giudizio della S.C., e sono le seguenti... ...Si domanda,
a qual Monastero? Se del proprio Ordine: ov? Se di altro ordine: come si pu
obbligare un religioso a vivere ne Chiostri alieni? Il testo completa le osserva-
zioni del cardinale Tamburini circa la regola e le costituzioni. Tra le altre cose
suggerisce che sia inopportuno permettere ai monaci, inesperti in medicina,
di curare i malati e ritiene irrealizzabile la pena dellesilio prevista per i mo-
naci che alzino la mano contro lAbate. Inedito.
ff. 208aro-208bvo. Commento alle osservazioni sulle regole. Testo. 1.
LAbbate presso gli egrezzi non perpetuo: ma amovibile ad arbitrio del Pa-
triarca col consenso delli Monaci... ...22. Non possono i Monachi ordinari in
sacris e Sacerdoti senza il consenso del Patriarca, da qualche altr[]. i Monaci
son dipendenti dal Patriarca. Breve testo a carattere di commento riferito ai
due frammenti precedenti, diviso in 22 punti. Sembra rispondere a tutte le
osservazioni e proporre le modifiche conformi ad esse. Inedito.

(X) ff. 212ro-245vo 272 198 mm (ff. 212-213) e 265 196 mm (ff. 214-245)

Fascicoli: 1I213 + 2VI237 + 1IV245 Foliazione moderna a matita Falsi richiami Due mani:
(212ro) 1. mano; testo a piena pagina, dimensioni: 240 165 mm; 26 righe; (214ro- 245vo)
2. mano, la stessa delle unit VI, VIII, XII; testo a una colonna, dimensioni: (245-250)
(100-120) mm; 24-26 righe Correzioni e note marginali del copista e di unaltra mano
(la stessa delle carte 208aro-208bvo) Cancellature Fogli bianchi: 212vo, 213, 214vo.

261
ff. 212ro-245vo. Regole e Costituzioni de Monaci Costi ed Abissini
dellOrdine di S. Antonio Abbate. (212ro) Introduzione. Si presentano di
nuovo sotto gli occhi dellEmza Vra le Regole e Costituzioni de Monaci Co-
sti Abissini dellOrdine di S. Antonio Abbate, le quali sono state corrette, anzi
rifatte a tenore di quanto fu suggerito e notato dallEmza S. e dalla ch. m.
del cardinal Tamburrini... ...affinch vi sia un Ordine loro conveniente, dove
possano essere ricevuti, se ritornano alla Chiesa, non mutando Istituto, ma
mutando solo gli errori, e le prattiche cattive con la fede delle Verit rivelate,
e collosservanza delle prattiche Ecclesiastiche approvate dalla Chiesa. Che
quanto s. (214ro) Titolo. >Regole e Costituzioni de Monaci Costi ed Abissini
dellOrdine di S. Antonio Abbate (le quali sono state) formate secondo il De-
creto della S. Congregazione (emanato) sotto li 22 Agosto 1733 Per il Monaste-
ro di S. Stefano volgarmente detto de Mori in Roma e per gli altri Monasteri,
che potranno in appresso fondarsi in Oriente sotto il medesimo titolo, e delle
medesime Nazioni< (215ro-245vo) Testo. Introduzione Listituto delle Comunit
Eremitiche deve la sua origine al disgusto, al disprezzo, allorrore del Mondo,
che Dio infuse ne suoi pi fedeli servi, come furono Macario, Antonio, Pacomio
ed altri, che sotto la loro guida si posero ad abitare i deserti... ...per rinfre-
scarne la memoria de Monaci, come anche si devono leggere in pubblico per
ognaltro caso di bisogno, e in privato da ciascheduno per sua particolare di-
vozione e profitto. Versione delle Regole dei Monaci Costi elaborate (corrette
e rifatte) per i Monaci Costi Abissini dellOrdine di S. Antonio Abate secondo
i suggerimenti del cardinale Tamburini. Il testo diviso in 16 capitoli e 8
canoni. Inedito.

(XI) ff. 246ro-249vo 272 196 mm

Fascicoli: 1II249 Foliazione moderna a matita Falsi richiami Margini pie-


gati Testo a piena pagina, dimensioni: (230-240) (170-180) mm; 26 righe
Una sola mano Fogli bianchi: 249vo.

ff. 246ro-249ro. Osservazioni sullIstituto dei Cherici Regolari Scalzi.


Testo. Le opposizioni principali, che possono farsi allIstituto de Cherici Rego-
lari Scalzi, si possono ridurre a tre lasprezza di penitenza incompatibile tanto
con lo studio necessario, quanto colla vita attiva e laboriosa di Missionario...
...si potrebbe approvar lIstituto, a cui anche restano caratteri particolari 1

262
di promuovere la divozione della Passione 2 di far le Missioni. Osservazioni
riguardanti la disciplina troppo dura dei monaci scalzi, la quale non permet-
te loro di condurre la vita attiva di missionari. Si accusano troppi digiuni e
discipline, poco sonno e in generale scarsezze nellapprovvigionamento. Si
paragona la situazione dei Chierici Scalzi a quella degli altri monaci: Certo-
sini, Camadolesi, Teresiani. Si fa rimando a due Memoriali dei detti religiosi
e alle loro Costituzioni presentate alla Santa Sede. Inedito.

(XII) ff. 250ro-251vo 276 200 mm

Fascicoli: 1I251 Foliazione moderna a matita Falsi richiami Testo a piena


pagina, dimensioni: (245-250) (180-190) mm; 24-26 righe Una sola mano
(la stessa delle unit codicologiche VI, VIII, X).

ff. 250ro-251vo. Memoria. Testo. Il Sagro Concilio di Trento nella IV Regola


dellIndice aveva rimesso allarbitrio e giudizio de Vescovi ed Inquisitori il per-
mettere la ritenzione e Lettura della Sagra Biblia tradotta da Autori Cattolici
in lingua volgare... ...conciliando in tale maniera i vari decreti, che tra loro
sembravano contrari e ripugnanti, attese le condizioni aggiunte al nuovo de-
creto. Memoria delle deliberazioni del Concilio di Trento, del papa Clemente
VIII, Alessandro VII e Benedetto XIV riguardo alla possibilit di tradurre la
Bibbia nelle lingue volgari. Si osserva che Benedetto XIV ammise la tradu-
zione della Sacra Scrittura a condizione che fosse approvata da parte della
Santa Sede. Inedito.

(XIII) ff. 252ro-259vo 276 200 mm Terminus post quem: 11 settembre 1657

Fascicoli: f. 252 incollato come carta di guardia con braghetta sul f. 259 + 1I254
+ 1(III-1)259 Manca la prima carta dellultimo fasc. (tra i ff. 254 e 255), la quale
poteva, per, inizialmente servire da carta di guardia iniziale (frontespizio),
siccome il testo continuo Foliazione moderna a matita Falsi richiami
Testo a una colonna, dimensioni: (255-260) (100-115) mm; 26 righe; (255ro)
testo a piena pagina, dimensioni: 255 190 mm; 26 righe Una sola mano
Correzioni e note marginali del copista e di unaltra mano (tra cui la stessa
mano che fece le annotazioni nel X. Le stesse due mani si ripetono nel XVII)
Cancellature Fogli bianchi: 252rovo.

263
ff. 253ro-259ro. Alcune brevi riflessioni sopra la versione della S.
Scrittura in lingua volgare, e lutilit, e convenienza, che se ne faccia
una traduzione di essa. Testo. Non vi Cristiano, che non creda e confessi
essere la Sacra Scrittura stata inspirata a Sacri Scrittori dallo Spirito San-
to, che ad Essi immediatamente la dett per nostra, e comune Instruzione...
...ma anzi a sollecitarne una pronta Edizione Romana se si desiderassero
altri motivi Ideologici, non mancano questi, e ad un semplice cenno si disten-
derebbero. Saggio in difesa dellidea della traduzione della Sacra Scrittura
in lingue volgari. Fino al sec. XVI non venivano vietate le traduzioni, solo
con lavvento del luteranismo e del calvinismo alcune traduzioni vennero
proibite al Concilio di Trento (non tutte, ma quelle che vennero considerate
eretiche e infedeli, in generale quelle che non ottennero laccettazione da
parte del vescovo o dellinquisitore IV. regola dellIndice del Concilio di
Trento). Si propose di permettere la traduzione della Sacra Scrittura sotto
controllo della Santa Sede, eseguita da teologi cattolici in base alla Vulgata,
con i commenti dei Santi Padri e di dotti autori cattolici. Tale risoluzione fu
confermata durante il pontificato di Clemente VIII, Alessandro VII e Bene-
detto XIV. Si nota che il divieto di possedere e leggere le traduzioni in lingue
volgari fu osservato prima di tutto in Italia e in Spagna, molto meno in Fran-
cia. Viste le traduzioni francesi, tedesche, orientali in circolazione, e in man-
canza delle versioni spagnola e italiana, si propaga lidea di eseguire anche
una versione romana. I commenti aggiunti da unaltra mano (del periodo
coevo) commentano e riassumono quanto scritto nel saggio. Inedito.

(XIV) ff. 260ro-277vo 270 200 mm

Fascicoli: 1VI271 + 1III277 Foliazione moderna a matita Falsi richiami Testo


a una colonna, dimensioni: 255 (100-115) mm; 24 righe Una sola mano (la
stessa che nel XV) Correzioni e note marginali di una mano diversa.

ff. 260ro-277ro. Se si debba tradurre in Volgare gli Evangeli di Ges


Cristo, e qualche altra parte della S. Scrittura. Testo. La questione che
scrivo dalla vostra lettera essere di presente agitata in Roma, cio se si debba
permettere la lettura de Santi Evangeli, e di qualche altra parte della Santa
Scrittura in lingua Italiana, ovvero se si debbano proibire tutte le traduzioni
gi fatte, e vietare, che se ne facciano in avvenire... ...Tutte queste riflessioni

264
amerei, che fossero fatte prima di venire alla risoluzione della questione pro-
posta in principio, se si debba tradurre in volgare gli Evangeli di Ges Cristo,
e qualche altra parte della Santa Scrittura. [dalla mano del commentatore:]
Una settimana, che io abbia oziosa, vi scriver pi a dilungo, e con maggiori
fondamenti, e autorit, e risponder a ogni minima obiezione E resto. Saggio,
composto di 14 parti, in difesa dellidea della traduzione della Sacra Scrittura
in lingue volgari. Si ricorda la traduzione delle Epistole e dei Vangeli fatta
da Remigio Fiorentino dellOrdine dei Domenicani, stampata e citata nelle
messe. Si ricordano altre traduzioni, come quella del padre Isacco Berryuer
della Compagnia di Ges una parafrasi della Sacra Scrittura, criticata per
infedelt alla fonte. Si ricorda inoltre che la lettura della Bibbia fu raccoman-
data da tutti i santi padri, a partire da San Girolamo. Si osserva che esistono
gi molte versioni linguistiche della Bibbia, mentre manca sempre quella
italiana, come se gli italiani fossero gli unici a mal intendere la Bibbia du-
rante la lettura. Si ricorda che la Vulgata stessa traduzione dalle lingue
originali. Inoltre, secondo lautore, le eresie non nacquero nelle menti delle
persone che leggevano la Bibbia nelle lingue volgari, ma in quelle di coloro
che conoscevano le lingue originali in cui fu scritta. Si dice che i contrari alle
traduzioni della Bibbia non sono studiosi della materia e lo stesso Concilio
di Trento non neg il valore delle traduzioni nelle lingue volgari. In seguito,
lautore critica gli argomenti addotti dagli oppositori alla traduzione della
Sacra Scrittura in italiano. I commenti fatti da unaltra mano (di periodo co-
evo) completano il testo del saggio. Inedito.

(XV) ff. 278ro-279vo 280 200 mm

Fascicoli: 1I279 Foliazione moderna a matita (278vo) falso richiamo Testo


a una colonna, dimensioni: (255-270) 105 mm; 31 righe Una sola mano (la
stessa che nel XIV).

ff. 278ro-279ro. Difesa della traduzione della Santa Scrittura. Testo.


Costoro, che mostrano dessere cotanto ardenti, e zelanti della salute dellani-
me, sicuro hanno un terribile timore dun pericolo remotissimo, e lontano, in
maniera tale, che al solo pensiero di esso si inorridiscono... ...Questa sola re-
flessione dovrebbe fare aprire gli occhi a chi dee giudicare di queste cose, e far
conoscere i falsi da veri profeti accennatici da Ges Cristo, e da S. Paolo, e que-

265
sti, e quei predicanti, che dicono bonum malum, et malum bonum ricoprendosi
col mantello di Campioni della fede. Unaltra breve riflessione in difesa della
traduzione della Sacra Scrittura. Inedito.

(XVI) ff. 280ro-321vo 280 200 mm e minori: i ff. 280-303 tagliati a dim. 281
191 mm

Fascicoli: 2VI303 + 1V313 + 1IV321 Foliazione moderna a matita Falsi richiami


Due mani (alternativamente. La seconda mano la stessa dei testi XIV e XV.).
Cambiamenti della mano: 286vo, 290ro, 307ro, 315vo, 316vo, 320vo Testo a una
colonna: il primo copista, dimensioni: 260 140 mm; 34-39 righe; il secondo
copista, dimensioni: 250 120 mm; 24-26 righe Note marginali e correzioni
dei copisti e di unaltra mano.

ff. 280ro-321vo. Il Santo Evangelio di Ges Cristo secondo San Giovan-


ni. Testo. Capitolo pmo 1. Nel principio era il Verbo, e il Verbo era con Dio, e il
Verbo era Dio. 2. Egli era nel principio con Dio. 3. Tutte le cose sono state fatte
per mezzo suo, e senza Lui non stato fatto niente di quello ch stato fatto...
...che n anche nel Mondo stesso potrebbero capire i libri che farebbe di me-
stieri lo scriverne. Ad maiorem Dei gloriam. Traduzione italiana del Vangelo
secondo Giovanni. Versione completa. Inedito.

(XVII) ff. 322ro-323vo 270 195 mm

Fascicoli: 1I323 Foliazione moderna a matita Falsi richiami Testo a due


colonne, dimensioni: ciascuna di (240-250) (100-110) mm; 34-39 righe Una
sola mano Frammenti di testo trascritti da unaltra mano (nella prima co-
lonna) Cancellature Correzioni e note marginali del copista e di unaltra
mano (nella prima colonna la stessa mano che fece annotazioni nel X. Le
stesse due mani si ripetono nel XIII).

ff. 322ro-323vo. Nota su un libro francese di storia. Testo. I.M.I. Il li-


bro Francese che ha per titolo: Riflessioni di un Militare sopra lutilit della
Religione per la Condotta delle armate, e il Governo de Popoli indirizzato al
Governo, allo Stato Militare... ...che ardiscono attentare alla Persona Sacra
del Re; le turbolenze di uno Stato punto non linquietano, e vedono con indif-

266
ferenza, e qualche volta anche con piacere spargersi dei Nota riguardante
un libro storico (Riflessioni di un Militare sopra lutilit della Religione per
la Condotta delle armate, e il Governo de Popoli indirizzato al Governo, allo
Stato Militare, ed alla Magistratura da M. di M *****, stampato a Londra nel
1759 da Giovanni Nurse) in cui si accusano gli ecclesiastici di abusi e di non
usare la ragione nelle pratiche religiose. Con note e correzioni fatte dalla
stessa mano che le fece nelle carte 253ro-259ro. Inedito.

(XVIII) ff. 324ro-325vo 200 140 mm

Fascicoli: 1I325 Foliazione moderna a matita Testo a piena pagina, dimen-


sioni: (175-185) 130 mm; 20 righe Una sola mano (la stessa delle unit IX, e
delle aggiunte nel X, XIII Fogli bianchi: 325.

ff. 324ro-324vo. Sistema dellautore. Testo. >Sistema< La Religione non


guidata dalla ragione occasione e causa de danni publici 1. nel Principato,
2. nella Militia, 3. nella Magistratura... ...La salute dello Stato, la sicurezza
del Trono, la felicit de Popoli nella sola filosofia guida della Religione. Cosa
intende per Religione, e cosa per uso, o abuso della stessa. Analisi del sistema
dellautore del libro commentato nel testo precedente, scritta dalla mano
che fece commenti in quello.

Ms. Ital. Quart. 71


Commissioni del doge Silvestro Valerio a Lorenzo Soranzo e
a Geronimo Venier
Membranaceo II + 12 ff. + II 207 155 mm 1695-1696 Italia (Veneto)

Manoscritto in discreto stato. Le carte di guardia distrutte da tarli (buchi)


Fascicoli: 1VI12 Foliazione moderna a matita Rigatura con linchiostro (160-
165) (120-25) mm Testo a piena pagina, dimensioni: (175-185) 130 mm; 20
righe Una sola mano (1ro) rubrica in oro in scrittura capitale con elementi
decorativi floreali Fogli bianchi: 10ro-12vo.
Legatura originale della fine del XVII sec. (210 157 mm), in pergamena
floscia. Nei piatti quattro buchi per bindelle. Sul piatto anteriore disegno
in cornice a piena pagina raffigurante il leone di San Marco con un libro

267
chiuso in mano colori: oro, rosso, marrone, nero. Sul piatto posteriore
disegno in cornice a piena pagina raffigurante unarma coronata di una fa-
miglia nobile: in alto aquila bicapite nera sullo sfondo dorato, sotto campo
quadripartito: 1 e 4 torre nera sul rosso, 2 e 3 spaccato di rosso con le-
one linguato doro e sotto trinciato doro e blu. Nel centro dellinquadrato
lo stemma dazzurro con tre gigli doro posti in bando. Colori del disegno:
oro, blu, rosso, nero, verde, giallo. Sui contropiatti incollate carte dorate.
Le sguardie in carta marmorizzata. Tagli dorati.

Datazione: 1695-1696. una tipica raccolta di documenti dogali che


venivano emessi in occasione della commissione di una carica da parte
del doge a un funzionario. Il terminus post quem che troviamo nel ma-
noscritto il 31 dicembre 1695 (5vo). Daltra parte, il testo doveva essere
scritto prima del viaggio di Lorenzo Soranzo e Girolamo Venier (a cui i
documenti sono dedicati) in Inghilterra. Sappiamo che partirono da Ve-
nezia il 1o febbraio 1696 per arrivare a Londra l11 aprile dello stesso anno
(cfr. A relation, or rather A true account of the island of England; with
sundry particulars of the customs. of these people, and of the royal reve-
nues under King Henry the Seventh, about the year 1500, translated from
the Italian, with notes, by Charlotte Augusta Sneyd, London 1847, p. XVII).
Non abbiamo tracce dei possessori del codice. Prob. esso apparteneva
inizialmente ai destinatari del documento - Lorenzo Soranzo e a Gero-
nimo Venier, eletti come ambasciatori straordinari del doge presso il re
dInghilterra Guglielmo dOrange. Tuttavia lo stemma presente sul piatto
finale che contiene elementi dellarma della casa Soranzo (trinciato doro
e dazzurro), non si pu collegare in maniera risolutiva n a Soranzo n a
Venier. La Biblioteca Regia di Berlino compr il codice il 19 settembre 1895
da Ernesto Aurelii, libraio di Roma. Il codice possiede due numeri din-
gresso provenienti dallo stesso anno: si trovava inizialmente nel repar-
to stampe, dal quale fu trasmesso al reparto manoscritti. (Ivo) il numero
dingresso: acc. ms. 1895. 95. (IIro) la segnatura attuale, sotto, a matita, un
altro numero dingresso: 1895.3752 (numero dingresso del reparto stam-
pe), e sotto, a inchiostro nero (mano moderna): COMMISSIONI DEL DOGE
SILVESTRO VALIER. (4ro, 5ro, 6vo, 8ro) firme di unaltra mano (dello stesso
periodo): Gio Giac Corniani Seg.
Lemm, p. 83.

268
1ro-9vo. Commissioni del doge Silvestro Valier a Lorenzo Soranzo e Gi-
rolamo Venier. Testo. >SILVESTER VALERIO DEI GRATIA DUX VENETIARUM
ETC;< In vero testimonio della stima della Repca nostra verso la persona del Sermo
R Guglielmo della Gran Bretagna, e dellaffetto sincero, che habbiamo sempre
conservato suoi benemeriti Progenitori, e per coltivare la buona corrisponden-
za con la Corona dIngilterra... ...E ha chiamato in Coll. il Segretario alle Voci
e Le sia incaricata da S.[] la pontual essecutione de si necessaria risoluta []
intentione. Raccolta di documenti scritti su commissione del doge Silvestro
Valier, con cui si mandano due ambasciatori straordinari: Lorenzo Soranzo e
Girolamo Venier alla corte del re Guglielmo III dInghilterra. Si richiamano alle
leggi che vanno dal 1651 (f. 8vo). Il testo diviso in sei parti (capitoletti). Nella
prima si danno consigli agli ambasciatori per quanto riguarda il loro viaggio in
Inghilterra, ludienza presso il re e quello che devono riferire da parte del doge
in occasione della sua assunzione al trono dInghilterra. Le istruzioni riguarda-
no anche il comportamento consigliato nei confronti dei cortigiani della corte
dInghilterra. Unattenzione particolare rivolta ai buoni contatti con i Paesi
Bassi. Si stabiliscono fondi e retribuzioni destinati a ciascuno degli ambascia-
tori e alle persone che devono accompagnarli (come il segretario del Senato,
il cappellano o linterprete). Nella seconda parte si danno ordini per lelezione
del segretario del Consiglio che accompagni gli ambasciatori nel loro viaggio
in Inghilterra. La terza istruzione contiene le indicazioni di comportamento
verso la principessa di Danimarca. La quarta e la quinta parlano delle prepa-
razioni degli ambasciatori al viaggio in Inghilterra. La sesta regola riguarda il
modo di presentare il resoconto della missione diplomatica al segretario alle
voci dopo il ritorno (i tempi e i modi in cui devono farlo). Testo inedito.

Ms. Ital. Quart. 73


Giacinto Andrea Cicognini
I + 67 ff. 228 160 mm XVII (?) Italia (?)

Manoscritto in cattivo stato. Macchie di umidit. Segno di intervento con-


servatore: f. 65 incollato con braghetto Fascicoli: 8IV64 + 1(I+1)67 Foliazione
ad inchiostro erronea a partire da f. 56; corretta recentemente Richiami e
falsi richiami Testo apiena pagina, dimensioni: 190 135 mm; 20-23 righe
Scrittura di due mani (ff. 1-56; ff. 57-67) Fogli bianchi: 67vo.

269
Legatura semirigida, coeva (230 170 mm), molto sciupata. Piatti e dorso
strappati dalla parte bassa. Piatti in cartone coperti di pergamena. Sul piatto
anteriore in alto la segnatura moderna sulletichetta rossa. Sul piatto po-
steriore in alto a destra il numero a matita 175. Contropiatti in carta bianca.
Carta di guardia unita al contropiatto. Sul contropiatto posteriore in alto il
numero ad inchiostro 185. cancellato, e a matita: 50. In basso il numero ad
inchiostro 20526. Taglio grezzo.

Manoscritto eseguito prob. nel XVII sec. come copia di una pubblicazione
a stampa. Tale datazione viene suggerita dalla fortuna dellopera di Cico-
gnini nel XVII sec., decisamente tramontata nel secolo successivo. Il ms. era
inizialmente senza copertina, il che provano i ff. 1ro e 67vo, imbruniti. La le-
gatura molto sciupata testimonia un uso molto intenso, forse come copione
scenico. Testo scritto su uno stesso tipo di carta da una mano fino al f. 56 e
dopo ripreso sulla stessa carta da unaaltra mano, prob. in un arco di tem-
po breve. Anche il titolo e lautore (Iro,1ro) annotati dalla seconda mano. Sui
piatti e sui contropiatti i numeri (cfr. supra) che possono costituire tracce di
proprietari prima della Konigliche Bibliothek. Il ms. fu acquistato dalla Ko-
nigliche Bibliothek nel 1900. (Iro) il numero dingresso: acc. ms. 1900.252. La
segnatura della Knigliche Bibliothek sul piatto anteriore: Ms. ital.Quart.73 e
a f. Iro: Ms. ital.qu. 73. Provenienza: un insegnante di Amburgo, Ad. Hornung
(cfr. registri dingresso).
Lemm, p. 83.

ff. 1ro-67ro. Giacinto Andrea Cicognini: Don Gastone (1ro-5vo)Titolo e


prologo. >Opera del G. Cicognoni Prologo< Amore, Vulcano/ Am: Due volte
apparve in Oriente il Sole... Mor: Mortale atrocit/ Spirer, crucier./ Am:
Arcier di crudelt/ ferir, vincer. (6ro-67ro) Testo. >Atto primo< Scena pri-
ma/ Scappino con un cane in guinzaglio. Quattro cacciatori di Don Gastone/
Cacc. Scap. Cantano: Dalla caccia deglAllori... e nel tempio del Eternit a
perpetua memoria si conservi, sammiri. >Fine dellopera< Opera di Giacin-
to Andrea Cicognini (1606-1650), Don Gastone overo la pi costante delle
maritate, Roma, Angelo Bernab dal Verme 1658. Ebbe molte edizioni an-
che negli stessi anni da parte di diversi editori. Altre edizioni, 1658 con titoli
cambiati: Don Gastone di Moncada Venezia, Nicolo Pezzana; Il Gran tra-
dimento contro la pi costante delle maritate, Perugia, Sebastiano Zecchi-

270
ni. Pubblicazioni successive: Venezia, Pezzana 1661; Napoli, Passaro, 1680;
Bologna, Gioseffo Longhi 1682, nonch alcune non datate: Milano, Gio. Pie-
tro Cardi & Gioseffo Marelli (1658-1662?); Bologna, Longhi (1685?); Bologna,
Erede di Domenico Barbieri (1661-1687?). (cfr. Drammaturgia di Lione Allac-
ci: accresciuta e continuata fino allanno MDCCLV, Venezia 1755, pp. 387, 867;
Sartori, t. II, p. 391; S. Franchi , Drammaturgia romana, Repertorio bibliogra-
fico cronologico dei testi drammatici pubblicati a Roma e nel Lazio. Secolo
XVII, Roma 1988.). Il ms. Ital. Quart.73 potrebbe essere copia di unedizio-
ne a stampa. stato confrontato con alcune edizioni: affine alla versione
del Barnab del 1658 e al Moneta del 1664 tranne poche differenze lessica-
li, manca per lepilogo-duetto Amore/Himeneo, presente nelle versioni a
stampa; assai differisce invece dalledizione di Gioseffo Longhi del 1682, in
cui manca il prologo e lensamble iniziale e in cui la divisione in scene un
po diversa. Anche la versione: Don Gastone di Moncada Bologna, Longhi
(1685?) priva di prologo quindi le edizioni del Longhi non possono essere
state il modello della copia.

Ms. Ital. Quart. 74


Josef Tamar
I + 36 ff. + I 195 145 mm XVIII sec. (prima met) Italia (?)

Manoscritto in buono stato. Macchie di umidit. Segni di intervento con-


servatore: ff. 16 incollato con braghetto Filigrane: marca la scritta ALLA
BALESTRA (?) con ornamenti, un cerchio con trifoglio; contromarca poco
distinguibile Fascicoli: 4IV32 + 1II36 Foliazione a matita moderna fatta re-
centemente Richiami e falsi richiami Testo apiena pagina, dimensioni: 170
115 mm; 21 righe Margini e rigatura effettuati con uno stilo Scrittura di
una mano Fogli bianchi: 1, 2vo.
Legatura della Knigliche Bibliothek, inizio XX sec. Mezza legatura rigida
ad angoli (200 155 mm). Dorso e angoli in tela zigrinata color cioccolato.
Piatti in cartone coperti di carta marmorizzata (tourniquet german mar-
ble, ~Papiery zdobione 37, 38, 42, Marbled Paper, tav. XIII, 11-12: XIX-XX sec.).
Sul dorso in basso la segnatura moderna sulletichetta rossa. Sul piatto an-
teriore al centro il super ex-libris della Konigliche Bibliothek. Contropiatti in
carta bianca. Carte di guardia unite al contropiatto. Taglio grezzo.

271
Manoscritto eseguito forse in Italia, vista la scritta italiana ALLA BALE-
STRA nella filigrana della carta purtroppo non identificata. Le caratteristi-
che paleografiche possono suggerire i primi lustri del XVIII sec. Testo ri-
masto a lungo senza copertina, il che testimoniano ff. 1 ro e 36 vo imbruniti,
rilegato solo allinizio del XX sec. Comprato dalla Konigliche Bibliothek nel
1903 insieme al ms. Ital. Quart. 75 riguardante anche la tematica giudaica ed
iscritto nellinventario l11 maggio; (1ro) il numero dingresso: acc. ms. 1903.6.
Provenienza: antiquariato di J. Kauffmann di Frankfurt a/M [cat. N. 46 1903
no 168]. (1ro) incollato un frammento di catalogo stampato dellantiquariato
contenente la descrizione del ms. con correzioni fatte a matita. La segnatura
moderna sul dorso Ms. ital.Quart.74 e a f. Iro in alto ad inchiostro Ms. ital.qu.
74. Mancano tracce di antichi proprietari.
Lemm, p. 83.

ff. 2ro-35vo. Josef Tamar: Il Mesia non venuto e che ha da venire (2ro)
Titolo. (3ro-35vo) Testo. >Il Mesia non venuto e che ha da venire composto da
Josef Tamar, Cristiano fatto Ebreo, gi (chiamato) Padre e Sacerdote dellor-
dine di S.to Fran.co conventuale chiamato il Pad.e Michiel fratello di Irapene< O
del umano saper sorte infelice, Per voler luomo troppo saper, viene ignorante,
e la scienza che gi si perse tra fiori, ora convien cercarla fr spine... ...Il tut-
to f e far con lajuto del mio Dio dIsrael, e con laiuto del suo santo nome,
e pregate Dio tutti che ci vediamo in Paradiso. >Finis< Trattato teologico
di Josef Tamar (prob. pseudonimo). Dal testo risulta che lautore era stato
sacerdote, monaco francescano di nome Michele, convertitosi al giudaismo
(3ro). Nel suo discorso cerca di dimostrare gli errori e il falso del cristiane-
simo, condanna tra laltro luso delle immagini dei santi e il loro culto che
chiama idolatria. Critica Aristotele, soprattutto in ci che stato adottato
dal cristianesimo. Richiama i profeti dellAntico Testamento. Afferma che
Israele aspetta ancora il suo Messia. Il trattato costituisce un documento
delle numerose conversioni al giudaismo che ebbero luogo nel XVII sec.
Testo non pubblicato. Non sono state ritrovate informazioni riguardanti il
testo e il suo autore.

272
Ms. Ital. Quart. 75
Abraham Gher di Cordova
I + 100 ff. 250 183 mm 1754 Italia

Manoscritto in discreto stato. Macchie di umidit e tracce di insetti Filigra-


ne: tre mezzalune crescenti, lettere SS o PA con trifoglio, (~Heawood, 866-
868: Venezia, 1696). Fascicoli: 1VI12 + 1(VI-1)23 + 2V43 + 1VI55 + 1V65 + 1(VII-2)77
+ 1(VII-1)90 + 1(VI-1)100. Lultimo foglio del fascicolo costituisce il contropiatto
Paginazione ad inchiostro coeva a partire da f. 3ro Foliazione a matita mo-
derna fatta recentemente Richiami e falsi richiami Testo apiena pagina,
dimensioni: 225 150 mm; 30-32 righe Margini per incisione Su alcuni fogli
rigatura con lapis non legata allesecuzione del manoscritto Scrittura di una
mano Fogli bianchi: 1, 2vo, 93vo, 97-100.
Legatura originale, piena, semirigida del XVIII sec. (262 195 mm).
Piatti in cartone coperti di carta grigia semplice. Dorso liscio. In basso
letichetta rossa con la moderna collocazione. Tre nervi semplici di pelle,
visibili dalla parte esterna dei piatti. Sul piatto posteriore alcuni calcoli
ad inchiostro. Sul primo contropiatto al centro ad inchiostro la moderna
segnatura. Carta di guardia anteriore non legata al contropiatto; manca la
carta di guardia posteriore.

Manoscritto eseguito in Italia, prob. a Venezia. La localizzazione in base


alla filigrana (cfr. supra). Il colofono (2ro) Copiato da altro simile per me/Dr.
Josef Samuel Penso/ M. F. [?] nel mese dagosto/ 1754 permette una datazio-
ne precisa e pu confermare anche lipotesi riguardante la localizzazione.
Penso infatti anche se non si identificato il copista un cognome ebreo
tipico degli Ebrei iberici, ma presente anche nel Veneto. La tematica poteva
essere attuale per la numerosa comunit ebrea della Venezia settecentesca.
La legatura semplice fu eseguita dopo la stesura del manoscritto i cui fogli
nellatto di rilegare furono tagliati in alto senza che fosse rispettata linte-
grit della paginazione originale. Sul piatto anteriore calcoli ad inchiostro,
tracce di un antico proprietario. Comprato dalla Konigliche Bibliothek nel
1903 insieme al ms. Ital. Quart. 75 riguardante anche la tematica giudaica,
ma iscritto allinventario l11 marzo del 1904; (1ro) il numero dingresso: acc.
1903.191. La provenienza: antiquariato di J. Kauffmann di Frankfurt a/M [cat.

273
N. 46 1903] (cfr. registri dingresso della Knigliche Bibliothek). La segnatura
sul dorso: Ms. ital.Quart.75 e sul contropiatto anteriore: ital.qu. 75. (2ro, 3ro,
95ro) timbri della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 83.

ff. 2ro-95ro. Abraham Gher de Cordova: Fortezza dellHebraismo e


Confusione dellEstraneo. (2ro) Titolo e colofono. (3ro-4ro) Dedica: >A miei
amati fratelli, figlioli della benedetta famiglia del Vndo Padre Jacob< Leggendo
io nelli miei teneri anni, che ben fortunato lhuomo nel quale di brava licenza
ricavar intendimento, per esser tal sua mercatura miglior che largento et
oro... Abraam Gher de Cordova (4vo-93ro) Testo. >Fortezza dellEbraismo
e Confusione dellEstraneo/ Cap. Primo/ Del profitto della speculatione del-
le arti che si ricercano/ per essa< Il savio prencipe Salomon esperimentando
dellumanit del mondo. Dite, che determin tornarsene alla speculation della
veridica sapienza... uno essendo lui uno et il pronome uno conosciuto per
tutta la terra che dei nelli (...) giorni honore vitae e Gloria. >Amen< (94ro-95ro)
Indice. >Tavola< Cap.li 1. Del profito della speculation delle Arti... 53. Rispo-
sta del Exp.mo a due Confusion e risposta desse ____ 174. Traduzione italiana
del trattato teologico-polemico di Abraham Gher Fortaleza del Judaismo
y confuscion del estrao. la copia di un altro manoscritto, eseguita da
Josef Samuel Penso nel 1754 (f. 2ro: colofono). Abraham Gher (Guer) de Cor-
dova, era noto anche come Abraham Peregrino, ossia Abraham Cordovero
(vero cognome: Loreno Escudero, ?-1683), comico, poeta, musicista di Sivi-
glia convertitosi al giudaismo, (cfr. http://www.jewishencyclopedia.com; I.
Adler, Musical Life and Traditions of the Portuguese Jewish Community of
Amsterdam in the XVIIIth Century, Jerusalem 1974). Loriginale del trattato
fu pubblicato senza luogo e data di edizione e girava in copie manoscritte.
Originariamente il testo era composto di due parti che comprendevano 23
e 30 capitoli. Nelle copie pi recenti si osserva una struttura unitaria di 53
capitoli. (Cfr. L. Wolf, Jews in the Canary Islands, London 1920 e sgg, pp.
XXXVI-XXXVII, 203.) Anche la traduzione italiana racchiusa nell Ital. Quart.
75 presenta tale forma. Lautore della traduzione ignoto. Di una copia della
versione italiana in proprio possesso informa G. B. De Rossi, (cfr. Della vana
aspettazione degli Ebrei del loro Re Messia, Parma 1773). Informazione ri-
petuta poi in G. B. De Rossi, Dizionario storico degli ebrei e delle loro ope-
re, Parma 1802, dove si menziona anche la traduzione in ebraico di Marco

274
(Mordecai) Luzzatto, (cfr. anche la versione tedesca del suddetto dizionario:
G. B. De Rossi-Hamberger, Historisches Wrterbuch der Jd. Schriftsteller,
Leipzig 1839, p. 259). Ulteriori informazioni (cfr. G. B. De Rossi, Bibliotheca
Judaica Antichristiana, Parmae 1800, pp. 5-6). Testo non pubblicato.

Ms. Ital. Quart. 80


Ritratto della relazione della Corte di Roma
I + 82 ff. + I 208 145 mm XVIII sec. Italia

Manoscritto in buono stato. Carte tagliate nellatto della legatura; il primo e


lultimo fascicolo cuciti con il tallone delle carte di guardia Fascicoli: 1VI11 +
1V21 + 5VI81 Foliazione moderna a matita; allinizio di ogni fascicolo, in alto,
numerazione dei fascicoli originale: , ,, (parzialmente visibili) Testo a
piena pagina, dimensioni: 190 (115-120) mm; 29-32 righe Una sola mano
Fogli bianchi: 1rovo, 80ro-81vo Sottolineature e commenti marginali del copi-
sta nel corpo del testo.
Mezza legatura ad angoli della Biblioteca del XX sec. (217 150 mm) co-
perta di carta marmorizzata (~Marbled Paper, tav. XXI, 8: gustav marmor,
fine XIX sec.). Sul piatto il super ex-libris della Knigliche Bibliothek. Dorso
staccato. Tagli dipinti di rosso.

La datazione in base alla formula finale (79vo) con la data e il nome: Finis.
Roma, d.20 Jan. 1700. Joh. Baptista Nicolosi che traccia il terminus post quem
(1700) e alle caratteristiche paleografiche. Il Nicolosi in questione Giovan
Battista, illustre cittadino veneziano, cancelliere nel 1713. Non si tratta tutta-
via del testo scritto di pugno del Nicolosi (il manoscritto stato confrontato
con la lettera scritta da Nicolosi, conservata nellArchivio dellantico regime,
2.1.1-92 della Biblioteca Civica A. Mai di Bergamo). La Knigliche Bibliothek
acquis il codice dalla Bibliothek des Grafen Grtz - Wrisberg nel 1907 (nu-
mero dingresso: acc.ms.1906.311.). Elementi che testimoniano la presenza a
Berlino: la segnatura a Iro e 1ro, timbri a 1ro, 1aro, 79vo.
Lemm, p. 83.

ff. 1ro-79ro. Giovan Battista Nicolosi[?]: Ritratto della relazione


della corte di Roma. Testo. Sotto il nome di Corte di Roma intendiamo

275
la Prima sede cio il Sommo Pontefice overo il Papa con tutti suoi Mini-
stri, destinati al Governo universale e Particolare dello Stato Ecclesiastico
Successivamente a questo si f poi in giorno eletto ad arbitrio del
Pontefice la Cappella, e lAtto della Coronazione, e dopo lAtto dandare con
Cavalcata solenne da S. Pietro prendese il possesso alla Basilica di S. Gio-
vanni in Laterano Del proprio Vescovato. Sebene questi dui atti possono
chiamarsi Ceremoniali consistendo nel primo dellElezione lesser Papa,
e Vicario di Christo Nostro Signore. >FINIS Roma di 20 Ian. 1700 Joh.
Baptista Nicolosi< Il testo si divide in) (3vo) Degli Officii, e Ministri del-
la Corte in generale. (4vo) Del PAPA, e del Sacro Collegjo de CARDINALI.
(6vo) Del CONCISTORO. (10vo) Degli OFFICII che sono nel Palazzo Aposto-
lico Delli Maestri di Cerimonie. (11vo) Del Sacrista. (12ro) Del Maestro del
Sacro Palazzo. (12vo) Della Famiglia del Seruitio Attuale del Papa. (15vo)
La Secretaria di Stato. (16vo) Secretaria de Brevi. (19vo) Del Secretario de
Memori. (22ro) Dellordine Militare, e degli Ufficiali dele Milizie del Papa.
(25ro) Delle Cappelle Papali. (28ro) Degli Ufficii che si essercitano salda-
mente da Cardinali. (28vo) Cardinal Vicario. (29vo) Cardinal Sommo Pe-
nitenziere. (31vo) Cardinal Vice Cancelliere. (32vo) Cardinal Camerlengo.
(34vo) Cardinali Arcipreti e loro Basiliche. (36vo) Altri Officii proprii de
Cardinali. (37vo) Delle Congregazioni. (38ro) Delle Congregazioni ordina-
rie in particolare. (42vo) DellEssame de Vescovi. (46ro) Delle Congregazio-
ne del S. Officio, di Propaganda fide, de Riti, e dellIndice. (53ro) Degli Officii
appartenenti Prelati. (54ro) DellAuditore della Camera. (56vo) Mons.re
Governatore di Roma. (58ro) Del Campidoglio. (59vo) Della Signatura di
Grazia, e di Giustizia. (61ro) Della Rota Romana. (63vo). Del Tribunale della
Camera. (65ro) De luoghi de Monti. (70ro) Del Monte della Piet. (71vo)
Del Banco di Santo Spirito. (73ro) Della Sede Vacante e del Conclave. Si
tratta di una breve trattazione delle principali istituzioni politiche e am-
ministrative dello Stato della Chiesa, nei limiti della corte insediata nella
citt di Roma, redatta da un veneziano, grande cancelliere di Venezia,
nel 1713. I repertori bibliografici non danno notizia di un tale trattato e si
tratta prob. di un testo inedito. Per quanto riguarda i volumi dedicati alla
descrizione della corte romana vale la pena di citare il noto volume di G.
Leti, Relatione della Corte di Roma (varie edizioni).

276
Ms. Ital. Quart. 83
Commissione del doge Carlo Ruzini
Membranaceo I+187 ff.+I 225 165 mm 1734 Italia (Venezia)

Manoscritto indiscretostato;macchieFascicoli: 1I1+2V21+1IV29+ 2V49+1IV


57
+1V67+1IV75+1V85+ 1IV93+1V103+1IV111+1V121+1IV129+ 1V139 + 1IV147+ 4V187 Fo-
liazione moderna a matita (fino a f. 184) Richiami Rigatura con linchiostro
dorato Testo a piena pagina, dimensioni; 165 105 mm; 17 righe Scrittura di
una sola mano, corsivo settecentesco di Gasparo Acerbi, segretario alle Voci
della Repubblica di Venezia (cfr. infra) Fogli bianchi: 184vo-187vo Decorazioni:
immagine rappresentante la Madonna con Ges e, ai loro piedi, San Girolamo
nellatto di penitenza (con una pietra in mano) e Girolamo Bolani con il mantel-
lo rosso addosso; la prima pagina scritta con linchiostro dorato; la prima carta
dipinta incollata alla legatura.
Legatura di pregio (235 175 mm), conservata in unapposita custodia (280
210 mm), con i piatti in legno decorato riccamente dargento. Contropiatto in
carta marmorizzata del XVIII sec. (~Marbled Paper, tav. XXV, 33: dutch pattern).
Due fermagli (uno non pi presente). Sul piatto anteriore rappresentazione in
bassorilievo della Giustizia (con la spada nella destra e la bilancia nella sini-
stra), sul piatto posteriore il leone di San Marco, sul libro tenuto negli artigli del
leone la scritta: PAX/ TIBI/ MAR/CE/ EVAN/GELIS/TA MEVS. Dorso in velluto
rosso. Il filo con bolla (placca) di Carlo Ruzini (recto): CAROLUS RUZINI DEI
GRA. DUX VENETIAR. ET C. (verso): immagine del doge con San Marco: CARO-
LUS RUZINI DUX SM.VENET. Fogli di guardia cartacei. Tagli dorati, nella doratu-
ra visibili disegni geometrici.

Manoscritto eseguito nel 1734 su ordinazione del doge di Venezia Carlo di


Marco Ruzzini (1653-1735) per essere consegnato a Girolamo Bolani cui fu affida-
ta la missione a Padova (cfr. 184ro). Scritto da Gasparo Acerbi a f. 184ro il suo co-
lophon: Die xxx Aprilij Ind.xiia A.D. CCXXXIV/ Gasparo Acerbi/ Segrio alle Voci. Sia il
testo che la decorazione del manoscritto (iconografia della legatura e della carta
dipinta) indicano con chiarezza il committente e il primo possessore. Mancano
tracce che possano rivelare le sorti del manoscritto fino allarrivo alla sezione
dei manoscritti della Preussische Staatsbibliothek nel 1925. Sono invece presenti
annotazioni gi effettuate nella biblioteca regia: (I ro) annotazioni a matita: in

277
alto ORW, al centro L301; (2ro) in alto, a matita: I 1926 6927. (Iro, 2ro, 184ro) timbro
della Preussische Staatsbibliothek zu Berlin. (2ro) in basso con linchiostro, nu-
mero dingresso: acc. ms. 1925. 175 e la segnatura attuale Ms.Ital.qrt.83.

ff. 2ro-184ro. Mandato conferito al podest di Padova Girolamo Bolani


dal doge Carlo Ruzini. (2ro-184ro) Testo. >CAROLUS RUZINI DEI GRATIA DUX
VENETIARUM ETC< Commettemo a Te Nobil Homo >GIROLAMO BOLANI FU DI
S. FRAN:CO:< dilecto cittadin e fedel nostro che in nome del Signor nostro Gies
Christo vadi e sii de nostro mandato Podest a Padova per mesi sedeci e tanto
pi quanto il successor tuo differir venirvi, il qual Loco e Distretto, e gli Habitanti
reggerai e governerai ad honor del nostro Dominio ...Non mancherai pure di
dar la debita osservanza tutte quelle altre parti che troverai reggte in qta tua
Cancellaria. Iurasti honorem et proficuum Dominii Nostri eundo stando et redeu-
ndo. Datum In Nostro Ducali Palatio Die xxx Aprilis Indictio xiia M.D.C.C.X.XXI.V.
Testo inedito. Contiene gli ordini e le raccomandazioni date dal doge Carlo Ruzi-
ni al podest Girolamo Bolani per il suo incarico padovano, nonch la selezione
dei decreti del Maggior Consiglio e delle deliberazioni del Consiglio dei Dieci. Il
doge raccomanda a Bolani di amministrare la citt secondo gli statuti cittadini
(purch non rivolte contro lo stato veneziano), se dovessero mancare statuti
et ordeni, secondo le consuetudini e, in mancanza di esse, secondo la propria
coscienza. Seguono raccomandazioni particolari circa le varie questioni ammi-
nistrative di vita cittadina. I decreti e le deliberazioni partono dalla data del 4
luglio 1361 e arrivano al 12 gennaio 1733 more veneto, cio al gennaio del 1734.
Carlo Ruzini fu doge dal 2 giugno 1732 al gennaio 1735 cfr. Vincenzo Lazari, No-
tizia delle opere darte e dantichit nella raccolta Correr di Venezia, Venezia
1859, p. 88. Girolamo Bolani fu rettore veneziano a Padova nel 1734 cfr. A. Taglia-
ferri, Relazioni dei rettori veneti in terraferma, Milano 1973, p. LI.

Ms. Ital. Quart. 84


Raccolta di poesie dei poeti perugini
I + 237 ff. + I 260 190 mm XVII/XVIII sec. Italia (Perugia)

Manoscritto in discreto stato. Macchie, inchiostro profondamente penetrato


nella carta Filigrana: tra le altre stella (~Heawood, 3880: seconda met del
XVII sec.) Struttura dei fascicoli impossibile da stabilire Paginazione mo-

278
derna a matita da f. 212 a f. 228 Foliazionerecente a matita Numerazione dei
componimenti con linchiostro da f. 2 a f. 228 erronea Testo apiena pagina,
dimensioni: (180-245) (95-135) mm; 15-27 righe. Da f. 230ro a f. 237ro (indice)
240 165 mm; 32-34 righe Scrittura di due mani: 1. mano fino a f. 228vo; 2. mano
ff. 230ro - 237ro. (229ro) illustrazione a stampa (incisione) incollata: Lodovico
Orsini, San Giovanni e Santa Maria col Bambino Fogli bianchi: 1, 229vo, 237vo.
Mezza legatura in pelle del XIX/XX sec. (270 205 mm). Piatti in cartone
coperti di carta marmorizzata (~Marbled Paper, tav. XX, 3: Germania, met
XIX sec.) Dorso liscio. Sul dorso, in basso, letichetta rossa con la segnatura
attuale. Capitelli. Contropiatti e carte di guardia in carta bianca con la filigra-
na contenente la scritta ETRURIA ITALY, prob. fine del XIX sec.

La datazione del manoscritto, basata sulla filigrana e sugli aspetti paleo-


grafici nonch sul contenuto, riconduce alla fine del XVII o allinizio del XVIII
sec. Il codice fu esguito prob. a Perugia visto il suo contenuto. Si tratta di po-
esie di letterati, anche occasionali, in maggioranza perugini vissuti nel XVII
sec., ma alcuni attivi ancora nei primi anni del XVIII sec. Molti furono legati
alla perugina Accademia degli Insensati (1561-1707), alcuni furono membri
dellAccademia dellArcadia fondata nel 1690 a Roma. Trattandosi di un co-
dice con dei contenuti locali, perugini, sarebbe da escludere una estesa e
prolungata circolazione di tale raccolta. Una parte dei componimenti non
fu pubblicata, ma trascritta prob. dai manoscritti. Ci permette, con molta
probabilit, di identificare il copista come una persona legata allambiente
perugino. La raccolta delle poesie fu eseguita da un solo amanuense, ma lin-
dice nellultimo fascicolo fu aggiunto in seguito da unaltra persona. Ff. 1ro e
229 vo imbruniti testimoniano di una temporanea circolazione senza lindice
e senza copertina. La legatura attuale non originale ed databile al XIX
sec. o addirittura agli inizi del XX sec. La carta usata per i contropiatti e le
carte di guardia con la scritta ETRURIA ITALY indicano come luogo di pro-
venienza lItalia, forse LUmbria o la Toscana. Questo tipo di filigrana appare
nelle stampe e incisioni di produzione italiana degli anni 70. e 80. del XIX
sec., ma anche in quella americana dei primi anni 20 del XX sec. (informa-
zioni ricavate dalle aste di antiquariato on-line). Il manoscritto fu comprato
dalla Preussische Staatsbibliothek nel 1926 (1ro: il numero dingresso: Acc.
ms.1926.75) dallantiquario berlinese Waldemar Poseck (cfr. registri dingres-
so). Mancano tracce di altri proprietari. Lattuale segnatura: (1ro) Ms. Ital.qrt.

279
84., il dorso: Ms. ital.Quart.84; a ff. 1ro, 2ro, 237ro timbri della Preussische
Staatsbibliothek.

ff. 2ro-337ro. Raccolta di poesie di autori perugini. (2ro-228vo) Testo.


>LAutore al Sig.r Angelo Guidarelli, in occasione, che il medesimo linterrog
dellet sua< Quindici lustri son: fan fede il Mento, el Crin... ...LHuom, quando
nasce, precipizio cade;/ Sia Re, Sia Vil, sia Stolto, Saggio, Forte,/ Cia-
scun per la sua Tomba ha mille Strade,/ Del Sig.r Barnardino Tenti. (229ro)
Incisione. (230ro-237ro) Indice. LAutore al Sig.r Angelo Guidarelli... Pericolo
dellhumana [cancellato] humana vita____441. una raccolta di 448 poesie,
di cui 446 sonetti e 2 canzoni. Alla fine della raccolta incollata una incisione
che rappresenta S. Maria con S. Giovanni di Dio che tiene in braccio Ges
Bambino nudo, circondati dagli angeli. Le poesie furono scritte da autori
prevalentemente secenteschi o del periodo a cavallo tra il XVII e il XVIII sec.,
legati a Perugia. Molti furono membri della perugina Accademia degli In-
sensati (1561-1707), alcuni facevano parte anche dellAccademia dellArcadia.
Oltre ai perugini appaiono testi di poeti noti e non legati a Perugia come G.
B. Marino. Linsieme dellantologia non stato pubblicato in questa forma.
Una quarantina di testi sono stati pubblicati in diverse antologie o in librici-
ni e volantini di carattere occasionale (Cfr. Capricci poetici di diversi auto-
ri ascritti allAugustissima Accademia degli Insensati raccolti da Francesco
degli Oddi, Perugia 1698; Rime di Francesco Beccuti detto il Coppetta ed
altri poeti perugini scelte da Giacinto Vincioli, Perugia 1720; Rime di Le-
andro Signorelli ed altri poeti perugini scelte da Giacinto Vincioli, Foligno
1729; Opere scelte di Giovan Battista Marino e dei Marinisti (a c. di) G. Get-
to, Torino 1976, t. II). 240 poesie sono firmate dagli autori: Achillini Claudio
(1574-1640); Allegro Insensato; Ansidei Gioseffo (Acc. Insensato, Acc. Arca-
de - Corisco Malateo C, 1642-1707); Azzolini Lorenzo (1583-1632); Baffi Baffo,
(Acc. Instabile Insensato, m. 1644); Baffi Lucullo, (Acc. Insensato, m. 1634);
Baldeschi Scipione (Acc. Insensato); Ballottoli Gasparo (Acc. Insensato, m.
1666); Ba(e)rnabei Pietro Giacomo (Acc Insensato); Battisti Carlo (Acc. In-
sensato); Belmonti Belmonte (Acc. Insensato); Benni Lodovico, (Acc. Insen-
sato); Bori(e)a Giorgio; Calidoni Francesco Maria, (Acc. Insensato, m. 1677);
Capra Francesco Maria (Acc. Insensato); Catalani Pietro; Corgna (Cornia)
Fabio della (Acc. Insensato); (H)Erco(u)lani Luca Antonio (Acc. Insensato);
Figreni Luigi; Galli Antonio Giacomo (Acc. Insensato); Giubilei Pietro (Acc.

280
Arcade Egone Cerausio); Graziani Giacomo; Lazzarini Gio. Battista (Acc. In-
sensato); Lengeuglia Giovanni Agostino (1608-1669); Luna della Carlo (Acc.
Insensato, m. 1672); Mancini Troilo (Acc. Insensato, m. 1671); Mazzei Decio
(Acc. Insensato); Manzini Domenico; Marcheselli Carlo (Acc. Insensato, Acc.
Arcade Corisbo Catarsio); Marescalchi senator (Francesco?, Acc. Arcade
Za(e)ffirio Mirapolitano); Marino Giovan Battista (1569-1625); Martinelli
Francesco (Acc. Insensato, m. 1630); Martinelli Girolamo (Acc. Insensato);
Meniconi Cesare (Acc. Insensato); Miliati Francesco padre; Melosi(o) Fran-
cesco (1609-1970); Montemellini Niccol (Acc. Insensato, Acc. Arcade Aterno
Trionio, 1643-1723); Montesperelli Diomede (Acc. Insensato, m. 1674); Mon-
signani Fabrizio Antonio (Acc. Arcade - Lauso Diofanio); Morando Bernardo
(Acc. Arcade - Ramindo Telamonio, 1589-1656); Narducci Anton Maria (Acc.
Insensato); Nomi Federico (Acc. Insensato, 1633-1705); Oddi Alessandro de-
gli (Acc. Insensato); Oddi Angelo degli (Acc. Insensato); Olivieri Carlo (Acc.
Insensato, m. dopo 1729); Ongaro Antonio (c. 1560 - c. 1600); (H)Onofri Fran-
cesco (Acc. Insensato); Platoni Ottaviano (Smemorato, m. 1590); Putti Fran-
cesco (Acc. Insensato); Ricci Costanzo (Acc. Insensato, 1609-1670); Rossetti
Valeriano (Acc. Insensato); Santinelli Francesco Maria; Sciri Francesco (Acc.
Insensato); Severini Giovan Angelo; Simbeni Antonio; Sorbello Tancredi,
(Acc. Insensato); Staffa dalla Scipione (Acc. Insensato); Stampa(i) Hermes
Conte (Acc. Insensato, 1615-1647); Te[i]nti Bernardino; Toni Francesco; Ugo-
lini Carlo; Valeriani Annibale (Acc. Insensato); Vanni Paolo (Acc. Insensato);
Vuetti (Uvetti) Carlo; Vuetti (Uvetti) Horatio (Acc. Insensato). Inoltre 208
componimenti non sono firmati o definiti in quanto di autori incerti. La mag-
gioranza dei testi non furono pubblicati e giravano prob. in copie manoscrit-
te (non rintracciate in biblioteche perugine). Non sarebbe da escludere lesi-
stenza di una parte di materiale nelle raccolte di singoli autori di accesso
molto difficile o nellAS Perugia. Nelle opere a stampa non stato ritrovato
il sonetto firmato col nome di Marino. Lattribuzione incerta. Per le infor-
mazioni sui poeti perugini e sugli accademici cfr. Gli Arcadi dal 1690 al 1800.
Onomasticon, Roma 1977; E. Bonazzi, Le Accademie letterarie a Perugia,
Foligno 1915; DBI; G. Ermini, Storia dellUniversit di Perugia, Firenze 1971;
L. Iacobilli, Bibliotheca umbriae sive De Scriptoribus provincie Umbriae
alphabetico ordine digesta, Foligno 1658; Indice Biografico degli Italiani,
Monaco 2002; G. M. Mazzucchelli, Gli scrittori dItalia, Brescia 1753-63; A.
Oldoini, Athenaeum Augustum in quo Perusinorum scripta publice expon-

281
tur, Perusiae, 1678; P. Pizzoni, I medici umbri lettori presso lUniversit di
Perugia, in: Bollettino della Deputazione di Storia Patria per lUmbria
1950 (48); G.B. Vermiglioli, Biografia degli scrittori Perugini, Perugia 1829;
G. Vincioli, Memorie istorico-critiche di Perugia a ritratti di 24 uomini illu-
stri in Arme e di 24 cardinali della medesima citt, Foligno 1730.

Ms. Ital. Quart. 85


Johann Matthias von der Schulenburg
199 ff. + I 301 217 mm (carte aggiunte con illustrazioni - 355 785 mm)
1751-1752 Italia

Manoscritto indiscretostato;macchie Fascicoli: 1I2 + 1(II-1)5+1(IV+1)14+1IV22


+ 1(IV+11)41 + 1(IV+5)54 + 1IV62 + 1(IV+3)73 + 1(IV+1)82 + 1(IV+4)94 + 9IV166 +
1(IV+1)175 +1IV183 + 1III189 + 1V199 Foliazione moderna a matita Paginazione
originale, coerente, ma senza tenere conto dei disegni, inizio a 7ro Rigatura
a matita Testo a piena pagina, dimensioni: (235-240) (150-155) mm Una
mano sola Falsi richiami, stelline nel testo per segnalare le parti nuove
Fogli bianchi: 5vo-6vo, 198vo-199vo Illustrazioni su carte aggiunte: ff. 8, 25-30,
34-36, 38, 41, 45-47, 50-51, 65-66, 69, 81, 84, 86-87, 89, 169.
Legatura originale del XVIII secolo (310 220 mm), in pergamena. Cinque
nervi. Sul dorso, in alto, letichetta di cuoio marrone con le decorazioni dora-
te recante la scritta: TABELLA LIBRO MARESC. Sotto, resti di unetichetta.

Datazione: 1751-1752. Nel 1751 (terminus post quem) Ferro (cfr. infra) era
ancora colonnello mentre nel ms. menzionato con il grado di sergente
maggiore di battaglia, grado generalizio veneziano. 1751 la data di quando
Alvise Emo (1717-1790) diventa per la prima volta savio di Terraferma alla
scrittura (una specie di segretario alla guerra) a Venezia. Sul finire del 1752
(terminus ante quem), come si evince dal DBI (s.v.), fece ristampare, per
ordine del Senato, Esercizio militare e regola universale dellinfanteria
della Serenissima Repubblica di Venezia, cio lopera contenuta nel nostro
manoscritto. Il nostro codice si configura quindi come manoscritto che fu
utilizzato per la ristampa del 1752. Committente del manoscritto fu Alvise
Emo, nobile veneziano, allepoca savio di Terraferma alla scrittura e, indi-
rettamente, il Senato veneziano, mentre chi ha supervisionato lesecuzio-

282
ne materiale era un alto ufficiale dellesercito veneziano, Francesco Ferro.
Le indicazioni successive (1vo appunto di uno dei proprietari: Ricevuto in
Venezia 1821/ doppo il mio ritorno dEgitto/ Minutoli) portano al generale Jo-
hann Heinrich Minutoli (1772-1846), luogotenente generale del Re di Prussia,
noto viaggiatore e collezionista darte, soprattutto di antichit egizie. Prob.
con Johann Heinrich il manoscritto pass in Germania, dove rimase nelle
mani della famiglia von Minutoli fino allacquisto da parte della Preussische
Staatsbibliothek nel 1929 (1 aprile 1929, dalla contessa Pfeil di Friedersdorf
oggi Biedrzychowice; la contessa Anna von Minutoli-Pfeil era figlia di Ale-
xander e nipote di Johann Heinrich); cfr. (2ro) in basso il numero dingresso
acc.ms.1929.1 e sotto la segnatura attuale Ms. Ital.qu.85; (2ro, 8vo, 76ro, 131ro,
169vo, 198ro) timbro della Preussische Staatsbibliothek zu Berlin.

ff. 2ro-198ro. Johann Matthias von der Schulenburg: Esercizio milita-


re e regola universale dellinfanteria della Serenissima Repubblica
di Venezia. (2ro) Titolo. >ESERCIZIO MILITARE/ E Regola Universale dellIn-
fanteria/ DELLA SERENISSIMA/ REPUBBLICA DI VENEZIA/ Suggerito da S.E.
Felt Marescial/ MATTHIAS GIO:/ CO: DI SCHULEMBOURGH/ GENERALE IN
CAPITE/ E/ Nuovamente regolato ed accresciuto dal Sergente Maggior di
Battaglia/ FRANCESCO FERRO NOB. TREVIGIANO/ Per ordine dellIllustris-
simo et Eccellentissimo Signor/ ALVISE EMO/ SAVIO DI TERRA FERMA ALLA
SCRITTURA< (3ro-5ro) Indice. Indice. carte/ Parata di un Reggimento dInfan-
teria, suo ordine, e divisione... ...Le carte e li capitoli segnati con le stellete
dimostrano le opperazioni da me agiunte. (7ro-198ro) Testo. >Parata dun Reg-
gimento/ dInfanteria suo Ordine e Divisione./ Capitolo Primo< Consistendo
un Reggimento dInfanteria della serenissima Repubblica in dieci Compagnie
(non compresa quella de Granatieri, quale si forma con sei uomini per Compa-
gnia del Reggimento) sul piede di 500, e pi uomini luna in tempo di Guerra,
e di 50, a 60 in tempo di Pace e se succedesse al contrario lo doveran-
no immediate raddrizzare ponendo alla parte opposta pi numero di gente
per addrizzarlo, e dallaltra un solo uomo, che lo accompagni, oltre laggiuto
(sic!), che si deve usare del Pi di Porco, e manoella. >Il Fine< Il manoscrit-
to contiene le ordinanze del Maresciallo Schulenburg relative allorganiz-
zazione della fanteria nella Repubblica di Venezia. Contiene informazioni
sullorganizzazione dellesercito, sui gradi, sulle esercitazioni da fare, sui do-
veri dei singoli componenti dellesercito, sulle armi in loro possesso e sulla

283
tattica militare dellesercito veneziano. Lopera fu stampata pi volte (1724,
1735, 1752). Lautore della versione contenuta nel nostro manoscritto Fran-
cesco Ferro, autonominatosi nel titolo, assente nella titolazione delle edi-
zioni a stampa. Si tratta del manoscritto utilizzato per ledizione del 1752, in
cui Ferro introdusse alcune modifiche. Esse sono segnalate nel manoscritto
attraverso lasterisco come afferma lo stesso Ferro (f. 5ro) Le carte e li capi-
toli segnati con le stellete dimostrano le opperazioni da me agiunte. Edizione
del testo: Esercizio militare, e regola universale dellinfanteria della sere-
nissima Repubblica di Venezia, Venezia 1752 (editore Pinelli). Informazioni
sul trattato in Raffaele Barcone, Matthias Johann von der Schulenburg: un
principe gurriero, in F. Vecchiato, A. Gargano (a c. di), Matthias e Werner
von der Schulenburg. La dimensione europea di due aristocratici tedeschi,
Udine 2006, pp. 74-75.

Ms. Ital. Quart. 86


Raccolta di documenti diplomatici
I + 669 ff. + I XVII sec. Italia

Legatura posteriore in cartone verdognolo, piatti in cartone. Dorso stacca-


to. Tracce di una grossa etichetta staccata. Sul dorso della legatura, in alto,
letichetta: A304 (vecchia segnatura o etichetta dasta), in basso letichetta
di pelle rossa recante la segnatura attuale. Legatura realizzata per il conte
Schulenburg-Klosterroda (cfr. infra).

Nelle singole unit codicologiche non ci sono indicazioni circa la storia


dellinsieme del manoscritto n delle singole parti. La datazione pu essere
fatta sulla base del contenuto dei testi (cfr. infra). Sul contropiatto anteriore
in alto, con linchiostro una vecchia segnatura: Ae 15, a matita la segnatura
attuale e varie altre annotazioni a matita. Al centro del contropiatto anterio-
re si trova lexlibris alle armi del conte Schulenburg-Klosterroda Friedrich
Albert Graf von der Schulenburg-Klosterroda, 1772-1853, ministro del re. Sul
contropiatto posteriore unannotazione a matita invertita: U.b.20. (Iro, 1ro)
numero dingresso: acc. ms. 1933.22 che testimonia lacquisto dalla Libreria
Grellius di Berlino, iscritto nel registro al numero 1933.22 (13 maggio 1933).
Mancano i timbri della Preussische Staatsbibliothek zu Berlin, evidente-

284
mente dimenticati (alcuni manoscritti acquisiti pi tardi p.es. Ital. Oct. 14
portano tali timbri).

(I) ff. 1ro-88vo 269 198 mm XVII sec.

Manoscritto in discreto stato; macchie Fascicoli impossibili da stabilire


Foliazione moderna a matita Falsi richiami Margini piegati Testo a piena
pagina, dimensioni: (206-215) (124-132) mm; 17 righe Due mani diverse
Scrittura di due mani Fogli bianchi: 1vo, 72vo, 73vo, 87vo-88vo.

ff. 1ro-72ro. Instruttione al monsignorvescovo di avversa destinato


nuntio da Nostro Signore alla maest cesarea di Ferdinando secondo
Imperatore. (1ro) Titolo. Instruttione/ a VS. Mons.rVesc./ di AVVERSA desti-
nato/ NUNTIO/ da N. Sre alla M.t Cesarea di/ Ferdinando Secondo/ IMPE-
RATORE. (2ro-72ro) Testo. Se la Germania ritenesse quei sensi di vera Piet,
e religione de quali anticamente era piena, e si rendesse, anzi ossequiosa che
ripugnante alla Sede Apostolica... ...Se ne vada dunque felice con la Bene-
dictione di Sua Santit seguitata dal continuo dalla mia affettione Romana.
Documento contenente le istruzioni dettagliate destinate al nunzio presso
la corte dellImperatore, il cardinale Carlo Caraffa (1584-1644). Un ampio ri-
assunto dellistruzione si trova in DBI, alla voce Carlo Caraffa (di G. Lutz).
La stessa istruzione si trova nella collezione dei manoscritti della famiglia
Strozzi nella Folger Shakespeare Library con la segnatura W.b.132 (cfr. Gui-
de to manuscripts of the Strozzi Family, ca. 16th - 17th century, http://shake-
speare.folger.edu/other/html/dfostrozzi.html#N2039). La nostra istruzione
si trova al numero 6, ff. 87a-146a. Edizione (con lindicazione dei manoscritti,
assente il nostro): Klaus Jaitner (a c. di), Die Hauptinstruktionen Gregors
XV fr die Nuntien und Gesandten an den europischen Frstenhfen 1621-
1623 I-II, Tbingen 1997, pp. 602-642 (testo da p. 603 a p. 642).
ff. 73ro-87ro. Minuta Instrutione per Monsignor Giesualdo arcivesco-
vo di Bari destinato Nuntio alla Maest dellImperatore lAnno 1617.
(73ro) Titolo. Minuta Instruttione/ Per/ Mons. Giesualdo Arciv.o di Bari destina-
to Nuntio alla/ Maest/ dellImperatore lAnno/ 1617. (74ro-87ro) Testo. Ha No-
stro Signore havuto tal saggio del valore, virt, e prudenza, et fede di V. S. nella
Nuntiatura di Fiandra, che dovendo per morte di Monsignor Visconti Nuntio
Apostolico appresso la Maest Cesarea provedere di successore ha la Santit

285
Sua eletto la persona di V. S. quel carico... ...Vada V. S. con la Benedictione,
con la quale Nostro Signore la conservi, et li doni sempre prosperit di successi
di Roma. Istruzione fornita a Ascanio Gesualdo, arcivescovo di Bari, destinato
nunzio presso la corte dellImperatore che nel 1617 si trovava a Praga. Edi-
zione in F. Brancucci, Listruzione ad Ascanio Gesualdo nunzio in Praga. (24.
VI.1617), In memoriam Josefa Macka (1922-1991), Praga, 1996, pp. 259-275.

(II) ff. 89ro-96vo 266 195 mm XVII sec.

Manoscritto in discreto stato; macchie Fascicoli impossibili da stabilire Fal-


si richiami Testo a piena pagina, dimensioni: (186-192) (125-132) mm;17 righe
Foliazione moderna a matita Scrittura di una mano Fogli bianchi: 89vo.

ff. 89ro-96vo. Modo di impadronirsi di Venezia senza intelligenza della


Citta del Capitan Giacomo Piero. (89ro) Titolo. Modo di impadronirsi/ di Ve-
nezia/ senza intelligenza della Citta/ del Capitan Giacomo Piero (90ro-96vo) Te-
sto. La citt di Venetia non nel mare Adriatico, come molti Autori scrivono, m in
alcune Lagune, nelle quali secondo il flusso, e reflusso lacqua cala, et hora cresce,
e tal volta cala tanto, che si vede la terra... ...potriano mettere mille millecin-
quecento moschettieri quali in tempo di notte potriano sbarcare, et impadronirsi
della Piazza, et Arsenale, et ancora delli due Castelli, e Porto di malamocco, et in
tal caso si dovranno imbarcare huomini pratichi di Venetia. Una descrizione, di
carattere militare, delle modalit da seguire nel volere conquistare Venezia.
Vengono fornite informazioni di tipo topografico (dove sono i punti chiave del-
la citt, da quale parte attaccare ecc.) e di tipo militare (quante navi e quanti
soldati sono necessari, dove devono essere disposti). Nella descrizione della
collezione della biblioteca di Brienne, nel volume 10 intitolato Relations ita-
liennes, pour servir lhistoire de 1597 1626, era presente Copia della scrit-
tura che il capitano Giacomo Pietro envia al duca dOssona accompagnata dal
testo Modo di impadronirsi di Venezia (P. Daru, Histoire de la rpublique de
Venise, t. VIII, Paris, 1821, p. 245), ora non rintracciata. Inedito.

(III) ff. 97ro-112vo 263 196 mm XVII sec.

Manoscritto in discreto stato; macchie Fascicoli: 1VIII112 Foliazione mo-


derna a matita Falsi richiami Margini piegati Testo a piena pagina, di-

286
mensioni: (216-226) (154-172) mm; 26 righe Scrittura di una mano Fogli
bianchi: 112vo.

ff. 97ro-112ro. Relazione dellambasceria di Roma di N. Giustiniano. Ti-


tolo e testo. >Relatione/ fatta da N. Giustiniano tornato dalla/ sua Ambascia-
ria di Roma< La citt di Roma soggetta di ricevere varii aspetti conf.e la varie-
t delle massime del Dominante, e di quel Lapal ministro, ch a Lui subordinato
assiste, come secondo motore al Governo. Onde di Lei non potendosi formar
ritratto durabile per esser troppo sottoposta alle mutationi, solo studiar di
dipingerla, quale nel cadente anno ci apparisce... ...servirLa al pari delli Suoi
innumerabili meriti, et adeguatamente al grado, chella maestosamente sostie-
ne. Una breve descrizione di Roma dal punto di vista soprattutto politico, con
particolare attenzione posta sulla vita della corte papale. Inedito.

(IV) ff. 113ro-214vo (261-271) (195-197) mm Terminus post quem 1627

Manoscritto in discreto stato; macchie; carte 213 e 214 con strappi Fascioli
impossibili da stabilire Falsi richiami Testo a piena pagina, dimensioni:
(187-235) (108-172) mm; 17 righe Scrittura di diverse mani. Fogli bianchi:
113vo, 214vo La pagina del titolo decorata con un disegno.

ff. 113ro-214ro. Relazione di Spagna di Leonardo Moro (1627). (113ro)


Titolo. RELATIONE/ DI/ SPAGNA FATTA DALL ECCELLENT.MO/ S.R LEONAR-
DO MORO/ AMBASCIATORE/ DELLA REPUBLICA DI VENETIA/ APPRESSO
LA MAEST CATT.CA/ LANNO 1627. (114ro-214ro) Testo. >SERMO PNPE< Tra
tutte le cose che portano beneficio al governo di stato quelle sono giudicate
le pi utili che dimostrano le qualit de Regni e Provincie possedute da altri
Prencipi... ...sapendo benissimo che niun nemico sar cos potente e vo-
lenteroso di invadere gli stati di Sua Maest con frutto considerabile senza
lappoggio di Sua serenit. E questo quanto mi occore dire delle cose di
Spagna. Testo inedito. Nelle Relazioni degli stati europei lette al Senato
dagli ambasciatori veneti a c. di N. Barozzi e G. Berchet, Venezia 1856, p.
598 si dichiara che il testo di tale relazione, seppur tradito da vari testi-
moni non stato mai letto pubblicamente nel Senato (Moro era morto nel
1626) e come tale non viene incluso nella pubblicazione. probabile che lo
scritto sia unopera apocrifa.

287
(V) ff. 215ro-432vo (261-271) (195-197) mm Terminus post quem 1647

Manoscritto in discreto stato; macchie; carte 213 e 214 con strappi Fascioli
impossibili da stabilire Filigrana: stella (~Heawood, 3883: Roma, 1646)
Falsi richiami Testo a piena pagina, dimensioni: (187-235) (108-172) mm;
17 righe Foliazione moderna a matita Scrittura di cinque mani Fogli bian-
chi: 215vo, 220ro-vo, 292ro-vo, 293vo, 330ro-vo, 331vo, 407vo- 408vo, 409vo.

ff. 215ro-291vo. Michele Suriano: Relazione di Filippo II Re di Spagna


letta in Senato da Michele Suriano nel 1559. (215ro) Titolo. Relatione/
mo re
dei Regni di Spagna/ fatta dal Clariss. M./ Michele Suriano/ Ambasciat. /
al Re Cattolico. (216ro-291vo) Testo. >Relatione Del Clarissimo M. Michele Su-
riano ritornato Ambasciatore dal Serenissimo Re Catholico di tutto il stato
di Spagna lanno< opinione universale e provata con lesperienza che a vo-
ler governare saviamente e sicuramente un stato... ...i ministri e dependenti
si Sua Maest, e non dare mai occasione a sua Maest, ne a loro di dolersi.
Relazione pi volte pubblicata e analizzata. Le edizioni: RAVS, 1.3, 1853, pp.
331-390 (dal manoscritto Capponi, cod. V); P. Mazio (a c. di), in Saggiatore,
Giornale romano di Storia e belle Arti 1/1846 (t. V). Analisi storica con la
citazione di frammenti nella traduzione francese in M. Gachard, Relations
des Ambassadeurs vnitiens sur Charles V et Philippe II, Bruxelles 1855, pp.
94-134. Ivi anche informazioni su diversi testimoni della relazione. Michele
Suriano, amabasciatore molto attivo nella diplomazia veneta, in Spagna fu
successore di Federico Badoer. Torn appena furono stabiliti i preliminari
della pace di Castel Cambrese (RAVS, cit. supra, p. 332).
ff. 293ro-329vo. Fulgenzio Micanzio: Istruzione ai Principi della manie-
ra con la quale si governano i Padri Gesuiti fatta da persona religiosa
e totalmente spassionata. (293ro) Titolo. DESCRITTIONE/ Per Instruttione
a Principi/ della Maniera con la quale si governano/ Li Padri Giesuiti fatta da
persona Religiosa e/ totalmente spassionata. (294ro-329vo) Testo. Che la Reli-
gione de Padri Gesuiti per opera dello Spirito Santo piantata fusse nella vigna
di Christo, quali arbore che che produr doveva lantidoto contro il veleno del-
le heresie, e tali fiori dopere Christiane, e religiose... ...che vilissimo fango,
mesibisco farlo con Charit, e con tutte quelle forze, che pi piacer al Signo-
re di concedermi. Il testo godette di una discreta fama nel Settecento come
confermano la stampa, la traduzione in inglese, francese, tedesco, catalano

288
e i testimoni manoscritti in diverse biblioteche (22 tra lItalia e la Francia se-
condo R. De Mattei, LIstruzione contro i Gesuiti e il Campanella, in Gior-
nale critico della filosofia italiana, 1934 (XV), p. 62). Una breve descrizione
dei testimoni (senza il nostro) sempre in De Mattei, pp. 66-67. Edizione: testo
pubblicato da Peter Landolfo et Bonatto Minghino, lanno 1617 con il titolo:
Instruttione a Prencipi della maniera con la quale si governano li Padri Gie-
suiti, fatta da persona Religiosa, et totalmente spassionata. Il testo presente
nella nostra raccolta rispecchia il contenuto e la disposizione della stampa. Si
tratta, tuttavia, prob. di una copia indipendente e non derivata dalla stampa,
ci confortato dalla presenza di varianti testuali. Lautore del testo con ogni
probabilit, come dimostra De Mattei, il biografo di Sarpi, il padre servita Ful-
genzio Micanzio (1570-1654), cfr. R. De Mattei, cit., pp. 59- 68.
ff. 331ro-364vo. Risposta alla descrittione contro li Padri Gesuiti.
(331ro) Titolo. RISPOSTA/ Alla Descrittione/ Contro Li Padri Gesuiti. (332ro-
364vo) Testo. Chiunque sia stato colui, che ha scritte quelle mentite, intitolan-
dole instruttione de Principi, s arrogato troppo, volendosi fare lInstrutto-
re... ...Padri Gesuiti linsufficienza mia: In magnis rebus nam voluisse sat est.
Quanto basti lode di Dio e bene di la Chiesa. Confutazione delle accuse formu-
late nellistruzione precedente nei confronti dei gesuiti, prob. per mano di
un monaco di questordine. Lo stesso testo si trova in almeno sei manoscritti
(cfr. la rassegna di R. De Mattei, cit. supra, pp. 64-65) tra cui nel ms. della BNP,
it. 1301, ff. 35-66.
ff. 365ro-407ro. Lettera del Re di Spagna al Conte dOgnatte Vicer
di Napoli. Titolo e testo. >LETTERA Di confidenza scritta in/ cifra dal Re di
Spagna al/ Conte dOgnatte Vicer/ di Napoli< Illustrissimo Conte dOgnatte
nostro vice R e Capitano Generale del Regno di Napoli la Santit fece li giorni
dietro dal suo Nuntio in nome suo, e di tutti i Prencipi di Europa passar con
noi vive doglianze de vigori da voi pratticati contro de Popoli nostri... ...ac-
coglietevi i forastieri, che senza dubbio saranno voi, et al Regno di maggior
sicurezza, perch vi giuriamo che il perder voi ci sarebbe cosi grave come la
perdita del Regno stesso./ Madrid./ Il[?] Rey. Nella lettera viene tracciato il
quadro dei rapporti tra gli stati italiani e la Spagna nel XVII secolo. Come
dimostra A. Reumont in Archivio Storico Italiano n. serie, 1863 (XVII), pp.
140-147 la lettera apocrifa. Lo stesso Reumont ne d unedizione parziale.
Ne esistono almeno altre due copie: BNP, Cod. lat. 12547, p. 355 e sgg. e a Mo-
naco di Baviera, Mnchner Stadtbibliothek, Cod. ital. 341, cfr. L. Freiherr von

289
Pastor, The history of the popes from the close of the middle ages, London,
1940, vol. XXX, p. 87.
ff. 409ro-433vo. Informazione sulla corte di Roma per il conte di Ca-
stro. (409ro) Titolo. INSTRUTTIONE/ data Al Sig. Conte di Castro/ Ambasc.re in
Roma del modo/ come/ si deve Governare/ Vra Ecca. (410ro-433vo) Testo. Vostra
Ecca in questa Corte h da trattare diversi negotii con diverse persone, e cos nel
modo, che megli (sic!) sapr discorrer di essa, e di loro quel che per esperienza
de tanti Anni h visto, et ancorche la prudenza di Vra Ecca sopravanzi tutti ser-
vir per memoria... ...Del Conclave, et Eletione del Papa, non parlo perch una
nuova creatione de Cardli et morte de altri rendono tutti li discorsi vani, et cos
buoni sono quelli di sedia Vacante. Istruzioni destinate a Francisco de Castro,
duca di Taurisano, conte di Castro (maggio 1579-settembre 1637) nominato,
dal re spagnolo Filippo III, ambasciatore presso la corte romana nel 1609 (29
aprile 1609). Non si tratta di istruzioni ufficiali del Re, bens del testo pi infor-
male (informazione aggiuntiva di mano prob. del suo predecessore) che nella
versione spagnola porta la data del 31 maggio 1609. Viene descritta la compo-
sizione della corte, il suo carattere, i rapporti tra i rappresentanti della Francia
e della Spagna, le difficolt nel comprendere i veri interessi politici del papato,
le frequentazioni auspicate e quelle da evitare, nonch le regole di prudenza
da adottare nei rapporti di corte. Si sottolinea anche la specificit della corte
papale rispetto ad altre corti. Edizione del testo spagnolo: S. Giordano (a c. di),
Istruzioni di Filippo III ai suoi ambasciatori a Roma 1598-1621, Pubblicazioni
degli Archivi di Stato. Fonti XLV, Roma 2006, pp. 191-201. Il testo italiano par-
ziale si trova nel manoscritto BAV, Barb. Lat. 5308, f. 80ro-87vo.

(VI) ff. 433ro 448vo 265 194 mm XVII sec.

Manoscritto in discreto stato; macchie Foliazione moderna a matita Fa-


scioli impossibili da stabilire Falsi richiami Margini piegati Testo a piena
pagina, dimensioni: (238-247) (159-176) mm; 34-36 righe Scrittura di una
mano Fogli bianchi: 433.

ff. 434ro-448vo. Rassegna del collegio cardinalizio in vista del


conclave dopo la morte di Innocenzo X. Testo. Sign.re mio/ Non era se
non cosa da stupire la riflessione che V.S. mi avvis farsi dapertutto, come
di quanti, cherano tornati dallanno santo passato nhavere portato mini-

290
ma relatione da formarne giuditio per il futuro Conclave... ...quippe fama
spe veneratione potius omnes destinabantur Imperio, quamquam futurum
Principem fortuna in occulto tenebat. Et caetera Et caetera. Una lettera in
cui viene fatta la rassegna del collegio cardinalizio. Da datare dopo il 1649-
1650 (anno santo proclamato dal papa), ma con Innocenzo X ancora in
vita (ante 1655), fornisce caratteristiche dei cardinali. significativo che
manchino i ritratti dei cardinali nominati tali negli ultimi concistori del
papa Innocenzo X. Prob. inedito.

(VII) ff. 449ro-596vo 270 198 mm Terminus post quem 1623 (anno di elezio-
ne del papa Urbano VIII)

Manoscritto in discreto stato; macchie Fascioli impossibili da stabilire


Foliazione moderna a matita Falsi richiami Margini piegati Testo a piena
pagina, dimensioni: (214-223) (105-116 cm) 17 righe Scrittura di una mano
Fogli bianchi: 449vo, 596vo.

ff. 449ro-596ro. Conclave fatto Per la Sede Vacante di Papa Urbano VIII.
(449ro) Titolo. CONCLAVE/ fatto Per la Sede Vacante/ di Papa Urbano VIII./ nel
quale fu eletto/ Pontefice il Card. Gio Batta/ Pamfilio d.o INNOCEN.O X. (450ro-
596ro) Testo. Signor Mio/ Non mi domanda poco, chi mi richiede, come fate voi, le
notitie delle cose non toccate, mal spiegate da chi han fin qui preteso pubblicar
al mondo glaffari dellultimo Conclave. Manc del certo i scrittori poco, mal
informati la cognitione di quegli avvenimenti... ...che farebbero serpeggiare
troppe pampini su le pi solide machine di si grave affare e sono degne dessere
travinti [?] per molti rispetti. Nel testo raccontato lo svolgimento del concla-
ve che port allelezione di Innocenzio X nel 1644. Lo stesso testo si trova nel
codice della British Library BL8420, ff. 167-259 con il titolo Conclave fatto per
la sede vacante di Papa Urbano VIII nel quale fu creato Pontefice il Cardinale
Giovanni Battista Panfilio romano detto Innocentio X. Rispetto al manoscritto
in questione, il testo del nostro contiene una carta in pi; lexplicit del testo
nel ms. BL8420 solo il netto delle cose pi rilevanti che corrisponde allini-
zio della carta 595ro del nostro. Questo racconto si trova anche nella vecchia
edizione di Gregorio Leti, Conclavi de pontefici romani, Colonia 1691, pp.
356-499 (e anche nelledizione 1667). Con un inizio diverso, anche in essa il
racconto arriva alle parole solo il netto delle cose pi rilevanti.

291
(VIII)ff. 597ro-612vo 270 198 mm XVII sec.

Manoscritto in discreto stato; macchie Fascioli impossibili da stabilire Folia-


zione moderna a matita Falsi richiami Testo a piena pagina, dimensioni: (187-
199) (122-135) mm; 17 righe Scrittura di una mano Fogli bianchi: 597vo, 612vo.

ff. 597ro-611vo. Istruzioni a Ludovico Orsini, ambasciatore presso la


corte spagnola. (597ro) Titolo. Instruttione/ per negotii nella Corte di Spa-
gna/ Al S. Ludovico Orsino/ a Sua maest Cesarea/ dal Sig. Duca di Bracciano.
(598ro-611vo) Testo. Perch si conduchino a buon fine tutte le cose, che si trat-
tano in ogni corte, bisogna che vi concorrino tre particolari ...come perch
servendo lontano dalli stati proprii, non potr cos facilmente prevalersi del-
le sue facolt. La quale pu servire anco per avertimenti molto utile ad ogni
agente di Principe che habbia da negotiare in quella in altra corte. Testo
dellistruzione data allambasciatore toscano (fine anni 60, inizio anni 70
del XVI secolo) mandato da Paolo Giordano Orsini, duca di Bracciano, pres-
so la corte spagnola. Lo stesso testo si trova almeno in altri due codici: nel
codice parigino 748 (testo XXI), cfr. A. Marsand, I manoscritti italiani della
biblioteca regia di Parigi, vol. 2, Parigi 1838, p. 65 e nel codice della Hunting-
ton Library, HM 1316, ff. 1ro-9vo (fine XVI sec.). Prob. inedito.

(IX) ff. 613ro-668vo 270 198 mm Terminus post quem 1624

Manoscritto in discreto stato; macchie Fascioli impossibili da stabilire


Foliazione moderna a matita Falsi richiami Margine esterno tramite pie-
gatura Testo a piena pagina, dimensioni: (183-189) (122-129) mm; 17 righe
Scrittura di una mano Fogli bianchi: 613vo.

ff. 613ro-668vo. Istruzione al nunzio a Colonia Pier Luigi Carafa


(1624). (613ro) Titolo. INSTRUTTIONE/ a Mons.re Caraffa/ NUNTIO IN CO-
LONIA/ Lanno 1624. (614ro-668vo) Testo. La temerit de Rebbelli di Dio et
dellImperio, che alcuni anni sono cominci metter sotto sopra la Germania
con atrocissime guerre, diede materia Cattolici dopporsi alle soprastanti
rovine... ...Sua Beatudine laccompagna con la sua beneditte, et io pregandole
felicissimo viaggio me li offero (sic!) di cuore. Di Roma li 26 di Giugno 1624.
Istruzioni del papa destinate a Pier Luigi Carafa (1581-1655), nunzio a Colo-

292
nia dal 1624 al 1634 (cfr. DBI, Carafa Pier Luigi, s.v.). Lo stesso testo si trova
tra i codici della famiglia Strozzi nella Folger Shakespeare Library con la
segnatura W.b.132. Prob. inedito.
f. IIro. Elenco dei testi contenuti nel volume. Un elenco stilato prob.
nel momento della realizzazione della legatura

Ms. Ital. Oct.1


Ricolta di parlare
I + 218 ff. 155 98 mm XVII sec. (1615?) Italia (Firenze, Siena, Venezia)
italiano, francese, latino, spagnolo, tedesco

Manoscritto in discreto stato. Tracce dumidit Fascicoli: 1(V-1)9 + 2V29 +


1(IV+2)39 + 4IV72 +1V81 + 7IV137 + 1(IV+1)146 + 8IV202 + 1VI214+ 1(IV-4)218 4 ultimi
fogli incollati insieme costituiscono il contropiatto. (f. 93) un taglio piegato
con funzione di segno Foliazione a matita recente Testo apiena pagina,
dimensioni: 140 75 mm; 14-25 righe Margini piegati Scrittura di una sola
mano Fogli bianchi: 13vo, 15, 18vo, 22 vo, 23-25, 28-29, 89, 96-97, 105vo, 113, 132-
137, 143-146, 215-217.
Legatura originale, floscia in pergamena con falde, del XVII sec. (152
105 mm), sciupata. Tre nervi semplici visibili sui piatti. Contropiatti in carta
bianca. Taglio blu.

Manoscritto eseguito allinizio del XVII sec., almeno in parte in Italia. Con-
sta di tre parti scritte da una stessa mano, ma in periodi diversi perch cambia
la carta e linchiostro. La prime due (ff. 1-63; ff. 64-146) eseguite su un diverso
tipo di carta, dal punto di vista testologico sono di carattere affine; compren-
dono note di tipo linguistico, espressioni, idiomi, traduzioni dal francese in
italiano, frammenti e citazioni da opere italiane, pubblicate a cavallo tra il XVI
e il XVII sec. Vi appaiono in margine date e luoghi: la prima data (f. 64ro) 5 junii
1615 Fiorenza, lultima (f. 114ro) 20 julii 1615. Sono segnati luoghi come Firenze,
Siena, Venezia e altri. La terza parte (ff. 147-218) costituisce un tipo di estratto
dellopera De particulis linguae latinae di Godescalcus Stewechius, pubbli-
cata a Colonia negli anni 1580, 1598, 1617. Lautore dellestratto Johann Joa-
chim von Rusdorff, 1589-1640, (f. 147ro, epitome studio et diligentia Joannis Jo-
achimi Rusdorff scripta) e non da escludere che sia autore/copista di tutto

293
il codice. Rusdorff, diplomatico legato alla corte inglese e anche al Palatinato
del Reno studi a Heidelberg legge, storia e lingue. Negli anni 1613-1616 viaggi
in Europa e forse la prime due parti sono frutto di questi viaggi. Legatura in
pergamena prob. originale. Sul primo contropiatto unantica segnatura: 7: 10.
Lo stesso tipo di segnatura appare nei mss. Gall. Oct. 11, Gall. Oct. 4, Gall. Quart.
18, e quindi essi fecero parte di una stessa raccolta. Nel Gall. Quart. 18 appare
una dedica, confermata da annotazioni nei cataloghi che esso apparteneva a
Ernst Ludwig, duca di Volgast, ma non ci sono prove del fatto che anche altri
mss. sopraccitati fossero di propriet sua o dei suoi eredi. Infatti una parte
della Biblioteca del Duca, passata in propriet di Boguslav von Croy entrata
nella biblioteca prussiana nel 1684, ma nel catalogo relativo non c traccia
di altri mss. Nel ms. Gall Quart. 4 c invece unallusione a Maximilian Gans
Pullitz che potrebbe costituire un indizio. Non si sono per trovate confer-
me di nessuna delle ipotesi in quanto il ms. Ital. Oct. 1 come altri mss. citati
non reca il numero dingresso che possa informare sulla loro provenienza. Ci
prova soltanto che sono pervenuti nella Knigliche Bibliothek prima del 1828,
ma purtroppo non figurano in nessuno dei cataloghi antichi della biblioteca.
Segni di appartenenza del codice alla Knigliche Bibliothek: letichetta rossa
con la segnatura attuale sul dorso Ms.ital.oct.1 e il timbro della Knigliche Bi-
bliothek a f. 1ro.
Lemm, p. 84.

ff. 1ro-142vo. Ricolta di parlare (espressioni, frammenti, citazioni). Testo.


(1r -9vo) >Ricolta di parlare< A tutte le cose che possono affanno recare sono ito
o

pensando et immaginando... ...La fronte degli inamorati la piazza dove spas-


se grani lor sacretti. (10ro-13ro) >Parole damore< Il dolore dellinfelice amante
mai non cessa... Anima sconsolata, non ti sgomentare: etc. Catald. All. Act.
III. sc. 3; (14ro-14vo) >De donne femine< Le donne son lornamento del mon-
do... ...ma le bocche e la F. son sorelle. (16ro-19ro) >Accarezzamenti< Ristoro dei
miei sensi, et alimento della anima mia... E poi e malsecura quella porta che
sempre sta aperta. (20vo-22ro) >Parole di cortesia< Questi meriti e queste virt
sono state quelle catene che mi legarono in dolce et volontaria servit... ...a non
lasciare in me nascere desiderio di cosa del mondo, se non di quelle ch voi me
farete intendere di giorno in giorno piacervi che si facciano o che io desiderio ne
habbia. Lettere amorose. l. 1. v. 14. (26ro-27vo) >Bellezza< Quandio volgo gli oc-
chi alla piu divina che humana faccia... ...La smisurata bellezza vostra,lagratia

294
soprahumana,gli occhi divini, la mano delicatissima. Et insomma i raggi ardi-
tissimi, i quali escono da voi tutta, Lett. Amorose (30ro-39vo) >Cumulo de belle
sentenze< Alla perfettione de gli amori che essi son pari; Bembo.1.1. Lett. Amor...
...Amor de putana et vin de fiasco/ La mattina buon e la sera guasto. (40ro-
46ro) >Dal commentario de Andrea Cabini fiorentino della origine de Turchi<
Questo Tamerlane nacque in Parthia... ...et diventati come gli altri cittadini si
riducano alli medesimi esercitii che gli altri del paese./ Fin. (46vo-47vo) Et per
et che la vecchiezza, per gli consigli reverenza... ...La gola, il sonno e lotio-
se piume hanno del mondo ogni virt sbandita. (48ro-50ro) >Dalla vita del S.
Scanderberg< Scandenberg come prendente rispose che lhumana potentia non
pu resister alla volonta divina... ma sempre nitriendo con lacrime grosse
tanto sand consumando, zhe alla fine ca-dette inferoce, ne mai piu si lev in
piedi. (50ro-53vo) >De i libri tre delle cose de Turchi< I Ragusi meritano invero
grandissima laude, che essendo posti in uno sito aspero et stretto sopramodo, si
habbiano aperta la via di ogno commoditate con la sola virtu et industria loro...
... di quel modo considerate che si devono far le cose de populi, et de Principi
lontani. In principio lib.1. (54ro-61vo) >Ricolta di parlare in lingua Italiana< Mille
sospiri piu cocenti che fuoco gittava... ...La liberalit la pi viva vert che
possi aver un Principe per farsi prestogrande et immortale. (61vo-63vo) Giovio
de cose de Turchi... ...serv la promessa ne tocc le cose sacre del tempio di
Giovanni, il che forse non avrebbono fatto i nostri soldati. Tutto di Giovio in gli
commentarii delle cose di Turchi. (64ro-81vo) >Exercitationes linguae italicae<
Espuiser leau en un crible... Chi stima fare abuso del favore de i signori, ben
tosto spezzato cade a basso della ruota.>Fine< (82ro-88vo) >Fiori raccolti della
civil conversatione del stefano Guazzo< IL giudizio e simile ad uno bersaglio,
verso il quale tutti dirizzano volontieri la saetta, ma pochi gli saccostano...
Il liscio non pu dHecuba far Helena, 174.6. (90ro-95vo) >Dell Pastor fido di Gua-
rini< Chi ben comincia ha la met de lopra... ...Quello vero gioire/ che nasce
da virt dopo il soffrire.>Fine< (98ro-105ro) >Da Petrarcha< Che quanto piace al
mondo breve sogno... ...Fin che vha ricondotti in poca polve. etc. (106ro-112vo)
>Ricolta< Cuor contento manto su le spalle... ...La gloria non si va senza fati-
ca. (114ro-131vo) >Voces et Phrases< Chamor per sua natura il fa restio e caval...
...Va tentoni. taston./ affaciarsi a la finestra. (138ro-142vo) >Dallitinerario di
Andrea Scoto< Trento: Ladice riviera: Palazzo sontuoso. Ponte fuor la porta S.
Lorenzo, magnifico, passi 146... Fiorenza circa 5 miglia. Il cortile nel palazzo
del duca. La fontana. Il palazo De Pitti. La colonna appresso la S. Trinit, nella

295
sua sommit posta la Giustitia. Tempio di S. Maria Del fiore. S. Maria novella.
Questa parte contiene modi di dire, espressioni idiomatiche, frasi fatte, co-
piati per apprendimento linguistico. Alcuni detti sono tradotti dal francese
in italiano. Citazioni di frammenti di opere letterarie italiane con spiegazioni
fatte in italiano, francese, spagnolo e tedesco. Lautore potrebbe essere una
persona in viaggio per lItalia. Frammenti copiati dalle seguenti opere: Andrea
Cambini: Commentario della origine de Turchi et imperio delli Ottomani,
Firenze 1529; Paolo Giovio, Commentario de le cose de Turchi, Roma 1531;
Andrea Cambini, Paolo Giovio. Commentario delle cose de Turchi con la vita
e gli fatti di Scanderberg, Venezia 1541; Stefano Guazzo, Civil Conversazione,
Venezia 1574; Giambattista Guarini, Pastor Fido, Venezia/Ferrara 1590; Fran-
cesco Scotto (Franciscus Schottus, Franz Schott, 1548-1622), Itinerari Italiae,
Antwerpia 1600, tradotto in italiano e completato da Andrea Scoto (Andre-
as Schott, 1552-1629): Nuovo itinerario overo la Nuova (1610), Vicenza 1615;
Francesco Petrarca, Canzoniere, Trionfi (XIV s.) ed. princeps Venezia 1470;
Pietro Bembo, Lettere amorose; Cataldo (?) un dramma non identificato.
Testo inedito.
ff. 147ro-214vo. Epitome da Godescalcus Stevechius: De particulis
linguae latinae. Testo. >Godescalci stevvechii Husdani librorum de particu-
lis linguae Latinae epitome. Studio et diligentia Joannis Joachimi Rusdorff
scripta< Adeo, Dum, id est, usque, adeo, tam diu, donec. Plautus... ...quod re-
liquum est/ de reliquo/ quod superest/superest. Unepitome di Godescalcus
Stevechius (1551-186), De particulis linguae latinae, Coloniae 1580, 1598,
1617. Testo inedito. Lautore dellepitome Johann Joachim von Rusdorff,
1589-1640 (cfr. supra). Per le notizie su Rusdorff cfr. F. Krner, Johann von
Rusdorf, Halle 1876; L. Husser, Die Geschichte der rheinischen Pfalz, Hei-
delberg 1856, t. 2.

Ms. Ital. Oct. 2


Libretto di sonetti appartenente a Dirceo Gasparini
21 ff. 165 100 mm 1760 (?) Germania (Berlino) italiano, francese

Manoscritto in discreto stato. Macchie Fascicoli: 1(IV-6)1+2IV17+ 1(IV-3)21 Il


primo foglio del primo fasc. e lultimo foglio dellultimo fasc. costituiscono
i contropiatti Tagliati i primi sei fogli, un foglio tra f. 17 e f. 18 e due ultimi

296
Foliazione a matita recente Testo apiena pagina, dimensioni: (140-150) 95
mm; 20-23 righe Scrittura di una sola mano A ff. 17vo, 18ro testo in ordine
verticale. Il testo continua sul contropiatto posteriore Fogli bianchi: 1vo, 8vo,
9-16, 17ro, 18vo, 19-20, 21ro.
Mezza legatura in pelle del XVIII sec. (169 104 mm), sciupata. Quattro
nervi semplici. Piatti in legno coperti di carta marrone. Sul piatto anteriore
al centro incollata letichetta cartacea con il titolo: Libretto/ De/ Sonetti/ ap-
partenente/ / Dirceo F. G./ Anno 1760. Dorso strappato.

Secondo quanto dice il frontespizio (1ro) Libretto/ de/ Sonetti/ Apparte-


nente/ / Dirceo Gasparini/ Berlino/ a di 29 Febrajo/ Anno 1760. il ms. sarebbe
stato effettuato a Berlino nel 1760 e sarebbe stato propriet di Dirceo Fabbrini
Gasparini, insegnante ditaliano e traduttore a Berlino. Mentre la localizzazio-
ne del ms. sembra alquanto credibile, c una certa incoerenza cronologica
perch il libretto contiene componimenti poetici riguardanti i fatti del marzo
del 1763, la quale data dovrebbe essere ritenuta terminus post quem, quindi
non pu essere stato steso per intero nel 1760. La maggior parte delle poesie,
di carattere politico, riguardano personaggi e fatti avvenuti negli anni 40 e 50
del XVIII sec, soprattutto la battaglia di Rossbach (1757) e la guerra dei sette
anni (1755-1762). La legatura sembra originale: letichetta sul piatto anteriore
effettuata dalla stessa mano del ms. Il testo pervenuto nella Knigliche Bi-
bliothek nel 1848 (sul contropiatto anteriore il numero dingresso 3289) come
donazione di Mertersius (cfr. registri dingresso).
Lemm, p. 84.

ff. 1ro-21vo. Libretto di Sonetti Appartenente Dirceo Gasparini. (1ro)


Titolo. >Libretto/ de/ Sonetti,/ Appartenente/ / Dirceo Gasparini./ Berlino/ a
di 29 Febrajo/ Anno 1760< (2ro-21 vo) Testo. (2r-4vo) >In lode del R di Prussia/
Sonetto< Sei tu Monarcha invitto, a cui comparte... Un portento di Gloria,
di Virtudi; >In lode del R di Prussia/ Sonetto< Il Capo alz dallurna in cui Se-
polto... ...Lo strinse al fin, bacciollo in fronte; >In lode del R di Prussia/ Sonet-
to< Pria con Minerva, che fr dotte carte... Cadr in Francia, ed in Vienna,
e forse in Roma; >Sopra il Motto/ Avec tout le Cour Inciso sulle sciabole duno
Squadrone De Corrazzieri dellinvitta Brigata di Cond Clermont/ Madrigale<
Gallici, S qualora... ...Che per Armi non , ma per Donzelle; >Per un Regimen-
to dInglesi, che porta nelle Sue Bandiere dipinte tre ascie, stemma del Colonello

297
che fu destinato passare il Reno./ Sonetto< O Destre invitte a Sostener elette...
LAnglia nel Petto, Federico al Cuore; >Sopra il Motto/ Sans Quartier/ Che
Si leggeva ne Barrettoni di un Battaglione di Grenatieri Francesi della Terribile
Truppa della Casa del R, quando si diede la Battaglia al Fiume Sala, detta di
Rosbach./ Madrigale< Senza accordar Quartiere... ...Chi volea contrastar Sen-
za Quartiere. (4vo-7ro) >Il Malizioso consiglio che da il R di Francia alla porta
Ottomana contro la Regina dOngaria/ Sonetto< Sultan, tempo in cui del gran
Barrato... ...Sultano non temer ricorri Marte; >Risposta alla Porta Ottoma-
na al R di Francia/ Sonetto< Ud le tue istanze il Gran Sultano... Paventa
almen di dIdio la man Sdegnata; >Memoriale della Regina dOngaria al Trono
di dIdio./ Sonetto< Giusto Dio del Ciel come soffrire... E dun Spergiuro R
farne Vendetta; >LInviato di Francia insino-va[?] il contratto di pace alla Regi-
na dOngaria: nome del R Suo Padrone./ Sonetto< Ongara donna Real il mio
Sovrano... ...Di garantirti il regno dOngaria; >Luigi XV. R di Francia, ricerca
al Cardinal di Fleuri lo Stato presente della Guerra, Della Germania./ Sonetto<
Che nuove abbiamo Monsignor Fleuri?... Facciamo la pace:/ chi ci crede-
r; >Confessione del Generale Montemar< Conf- Gen./ Sonetto/ Gen: Avanti te
prostato ogni mio errore... ...Conf: Sei perduto. Perch Milano caso riservato.
(7vo-8ro) >Per lo inumano proditorio assasinamento seguito in Verona La notte
de 7 maggio 1763 dellEgregio et Nobil Giovane Conte Girolamo Cipolla, portato
morto con sette ferite nel Capo Sopra una publica Strada/ Sonetto< Mi sento
oim da Nudo acciar ferito... ...a Lui che mi ferr Madre perdona; >Sopra il
detto assassinamento/ Sonetto< Barbara man di qual piu reo dissegno...
Ne nel tuo capo altrui fiamme ei piove. (17vo-18ro) E se niega talor grazia, o
mercede... ...O negar finge, nel negar concede; >Sonetto/ di Vincenzo da Fi-
licaja< Qual madre i figli con pietoso affetto... E tutti ascolta, e porge a tutti
aita. (21vo) >Sur la bataille de Rosbach en Supe [?]<Carles de Rouen/ Prince de
Soubise... ...Perd en Vous tout Son appuy. [Contropiatto] Vous qui du jurt...
Quil se raccomande aux Dieux. Annotazione: Questi sonetti e versi furono
fatti allorch il R di Prussia, batt il Principe di Soubis Rosbach in Sassonia
presso di Lipsia. I versi (2ro-4vo) e (21vo) riguardano i fatti legati alla guerra dei
sette anni (1755-1762), la terza in cui lAustria combatteva per il recupero della
Slesia, e precisamente, la battaglia di Rossbach (5 novembre 1757) tra leser-
cito di Federico II di Prussia e le forze alleate di Francia e del Reich. Federico
risult vincitore e le poesie hanno un carattere encomiastico. Le poesie: (4vo-
7ro) riguardano altri temi, in prevalenza politici, la situazione in Europa, la

298
guerra per la successione polacca. Appaiono personaggi dei sovrani come la
regina dOngaria cio limperatrice Maria Teresa, Luigi XV, politici come il
ministro francese, cardinale Fleury (m. 1743), il generale de Albornoz, il duca
di Montemar, capo dellarmata spagnola (m. 1747). Inoltre (7vo-8ro) trattano
dellassassinio del conte Girolamo Cipolla ad opera del suo rivale, il conte
Battista Nogarola, avvenuto a Verona il 7 marzo (e non maggio come sta scrit-
to nel ms.) del 1763. I componimenti (17vo-18ro) sono frammenti del sonetto di
Vicenzo da Filicaia (1642-1707); (21vo) poesia in francese di un autore ignoto, a
giudicare dagli errori di ortografia forse scritta non da un madre lingua fran-
cese. Oltre al sonetto di Filicaia non si sono identificati altri componimenti.
Forse autore o traduttore dei testi fu Dirceo Fabbrini Gasparini, proprieta-
rio del libretto come risulta dal frontespizio. I documenti lo menzionano nel
1783 come insegnante alla Knigliche Realschule auf der Friedrichstadt in
via Kochstrasse e come traduttore noto a Berlino (cfr. R. Unfer Lukoschik,
Italienerinnen und Italiener am Hofe Friedrichs II, 1740-1786, Berlin 2008, p.
243; E. Allard, Friedrich der Grosse in der literatur Frankreis, in Beitraege
zu Geschichte der romanischen Sprachen und Literatur 7, Halle 1913, pp. XIII,
106). Non per chiaro se il libretto davvero appartenesse a Gasparini e se
sia lautografo perch si scorge una certa incoerenza di carattere cronologi-
co. Infatti le poesie dei ff. 7vo-8ro furono scritte dopo il 7 maggio 1763, quindi
tutto il libretto non pu essere stato trascritto nel 1760, come suggerisce f. 1
ro. Pu darsi per che sia stato completato dopo questa data. Tranne la poesia
del Filicaia, gli altri testi risultano inediti.

Ms. Ital. Oct. 3


Libro di proverbi
ff. 260 163 101 mm 1690 Germania italiano e altre lingue

Manoscritto in cattivo stato. Macchie, strappi Filigrane: foolscap, frequen-


te in diverse varianti alla fine del XVII secolo in Nord Europa (cfr. Heawood,
Foolscap) Fascicoli:1(II+1)5 + 1I7 + 1(VIII+1)24 + 3VIII72 + 4VI120 + 1VIII136 + 2VI160
+1VIII176 + 1VI188 + 1VIII204 + 1(VIII-1)219 + 2VIII251 + 1(IV+1)260 Paginazione origi-
nale da f. 9ro Foliazione recente a matita Le varie sezioni (centurie) se-
gnate con lettere dellalfabeto Falsi richiami in maniera irregolare Testo a
piena pagina, dimensioni: (140-149) (81-88) mm; 19-29 righe Scrittura di

299
una mano Appunti di diverse mani Maniculae, segni per richiamare lat-
tenzione, costituiscono evidenti tracce di uso intenso (6ro-7vo) illustrazioni
Fogli bianchi: 1vo, 2, 3, 4, 5, 8ro.
Legatura piena, rigida in pergamena, originale o coeva del XVII/XVIII
sec. (173 105) mm. Piatti in cartone. Tre nervi. Capitelli. Borchie e resti di
bindelle. Sul dorso in alto la scritta, appena leggibile: TOMUS, in basso leti-
chetta rossa con la segnatura attuale. Contropiatti in carta marmorizzata
(Marbled Paper, tav. XXV, 35: dutch pattern, curled, Germania e Nord Euro-
pa, XVII/XVIII sec.). Sul contropiatto anteriore un cartellino a stampa della
Biblioteca Regia, con lo stemma prussiano: DONO/ FRIDERICI WILHELMI
IV./ REGIS AUGUSTISSIMI/ D.V. NOV. MDCCCL./ EX BIBLIOTHECA B.M./ KAR.
HARTW. GREGORII/ DE MEUSEBACH. Taglio spruzzato di rosso.

Visto che si tratta di una raccolta personale di proverbi e quindi di


unopera unica nel suo genere, il ms. , con ogni probabilit, autografo del
padre di Karl Hemeling. Ci permette di accettare la data dichiarata nel te-
sto come data effettiva della realizzazione del manoscritto: anno 1690 (cfr. il
disegno 8vo). La nazionalit di Hemeling e la provenienza della carta (cfr. la
descrizione della filigrana) e della carta marmorizzata (cfr. supra) indicano
che il manoscritto fu realizzato in Germania. Lannotazione a f. 8vo informa
che Karl Hemeling, studente di filosofia e matematica, ricevette il libretto da
suo padre nel 1721: Hunc Librum dono accepi a Patre meo charissimo 1721. Ca-
rolus Hemeling Stud. Phil. & Math. Non chiaro perch il titolo della raccolta
sia italiano Proverbii e detti italiani, francesi, spanioli, latini e tedeschi cavati
da diversi autori (9ro), mentre il testo in gran parte latino e il francese su-
pera per quantit di espressioni litaliano. Le glosse ai margini sono state
fatte da diverse mani, forse dal figlio o altri proprietari. La legatura coeva
sul dorso possiede tracce di unantica segnatura. A f. 1ro numeri no71 nonch
Z. 8149 anchessi prob. antiche segnature. Il manoscritto apparteneva alla
biblioteca di Karl Hartwig Gregor von Meusebach (1781-1847), studioso di
letteratura e bibliofilo. La sua biblioteca fu comprata dal governo prussiano
nel 1849 e donata nel 1850 alla Knigliche Bibliothek. Lo testimonia sul con-
tropiatto anteriore lex-libris della biblioteca con linformazione sul dono
(cfr. supra). La segnatura attuale Ms.Ital.Oct.3 (1ro) e sul dorso. Timbri della
Knigliche Bibliothek (6ro, 8ro, 260ro).
Lemm, p. 84.

300
ff. 1ro-260vo. Libro di proverbi. (1ro) Massima: Levieux Drapeau fait hon-
neur au Capitaine. (6ro-7vo) 24 imprese (sei a ogni pagina) cio illustrazio-
ni di carattere allegorico di forma tonda accompagnate da massime. (8vo)
Illustrazione. (9ro-259vo) Testo. >Proverbi e detti italiani, francesi, spanioli,
latini & tedeschi cavati da diversi autori< CENTURIA I/ Perez ep. 38/ La Len-
gua hizos perder muchos favores... Servium Tullium imprudentiae arguit,
ut qui quo Regiam dignitatem Populo redderet gratiorem eius propria autho-
ritate tantum ademit >Soli Deo Gloria< (260ro-vo) Una glossa in francese e
prove di penna in latino. Il ms. contiene proverbi, sentenze, massime e modi
di dire in italiano, francese, spagnolo, latino e tedesco. Costituisce una spe-
cie di glossario con 3200 voci divise in 32 centurie. Nelle prime 5 centurie la
numerazione continua da 1 a 500. Nella prima centuria mancano i numeri
61-69. La carta mancante stata collocata dopo le 5 centurie. In ognuna delle
successive 17 centurie la numerazione indipendente. Di alcune massime si
forniscono gli autori. A volte il nome dellautore di mano del copista, in altri
casi risulta aggiunto dopo. Tra gli autori troviamo scrittori antichi (Aristo-
tele. Ovidio, Plinio, Seneca, Plauto, Terenzio), medievali (Alberto Magno, S.
Bernardo), umanisti (Petrarca, E. S. Piccolomini), cinquecenteschi (Erasmo,
Ariosto, Guicciardini, Julien de Medrano) e anche quelli del XVII sec. alcuni
famosi, altri un po meno (Anton Francesco Doni, Traiano Boccalini, Johannes
Andreas Piccartus, Corneille, Molier, John Owen). Non possibile enumerare
tutti gli autori e le opere a cui si allude perch lautore usa dei richiami molto
laconici, spesso sigle. I richiami non riguardano tutte le massime. Le lingue si
mescolano ed difficile individuare una chiave per capire lordine del testo.
Alcune frasi sono citate pi volte; in tal caso in margine appaiono richiami a
pagine precedenti. Testo dedicato ad uso privato, inedito.

Ital. Oct. 4
Estratto dei segreti medicinali
II+85 ff. 133 95 mm XVII sec. (1685-1698) Italia

Manoscritto in discreto stato. Sui contropiatti e su alcune carte tracce di


tarli Fascicoli: 1(IV +1)9 + 1(IV+1)18 + 4IV50 + 1(IV+4)62 + 1(VI+1)75+ 1V85 Pagi-
nazione originale del testo 1-114 Foliazione a matita moderna a partire da
f. 59, con correzioni recenti Tracce di rigatura per impressione e margini

301
piegati Testo apiena pagina, dimensioni: 110 70 mm; 20 righe Una sola
mano (Ivo) incollato un foglietto (120 69 mm) con delle annotazioni ad
inchiostro fatte da mano diversa Fogli bianchi: 1vo, 59vo, 82ro-85vo Accenni
di decorazione: frontespizio e stelline dopo il titolo di ogni libro; stelline
anche in altri punti.
Legatura coeva semirigida in cattivo stato (142 102 mm); piatti coperti
di pergamena; due nervi semplici. Sul dorso ad inchiostro due strisce oriz-
zontali tra cui il titolo e la data Falopia/ Secreti/ 1685/ Manuscri/ ptum.

Le date (1685 e 1698) della copia cio della realizzazione del manoscrit-
to sono esplicitate nel frontespizio-titolo (cfr. infra) e nellindice. Si tratta
di una copia eseguita dallautore di questo estratto operata sulla stampa di
Secreti diversi et miracolosi attribuito a Gabriele Falloppio. A conferma,
si pu citare lannotazione, molto personale e chiaramente proveniente
dallautore, posta alla fine del testo principale a f. 58vo: Questi tutti sopra
detti Segreti sono cavati da Falopia perci se ce qualcheduno, che gusti sa-
per tutti i suoi segreti non essendo qui intieri prenda il (sic!) suoi volumi nei
quali vedra distintamente, et moltissimi altri secreti rari, e belli, et se ce dal-
tri che li basta questo Libretto li assicuro, che qui la miglior parte di essi si
ritiene intanto. Valete. [firma illeggibile]. Il manoscritto fu acquistato dalla
Knigliche Bibliothek (Acc. 9963 sul contropiatto) nel 1872, ma nel registro
mancano dati relativi alla provenienza. (1vo, 81vo) timbri della Knigliche
Bibliothek. (1ro) a inchiostro la segnatura: Ms. Ital. Oct. 4.
Lemm, p. 84.

ff. 1ro-81vo. Estratto dei segreti medicinali. (1ro) Titolo. Estratto dei
Secreti pi facili pubblicati da Falopia con la tavola in fine per maggiore
facilit di chi si vuole servire. Si divide in quattro libri; e nel primo si tratta
dei secreti medicinali, nel secondo dei secreti di vino et acqa, nel 3o dei secreti
dAlchimia et altri e nel 4o dei secreti di molte cose belle curiose e rare INA/
Copto in Ragrio[?] lanno 1685. (2ro-11vo) Primo libro. >LIBRO PRIMO NEL qua-
le si contengono varj Segreti di far diversi Medicamenti< I. A far il Balsamo
Artificiato. Recipe Succo di Porri, succo di menta et mettilo... ...alcune volte
sole venir male alla verga senza occasione togli seme di ruta, et bruscala et
metti su. Fine del Primo Libro. (11vo18ro) Secondo libro. >LIBRO SECONDO
NEL quale si contengono vari secreti di vini et acque< A far il vino turbido

302
chiaro... ...dormentar uno quanto tu voi ma ci bisogna bona discretione.
Fine del Secondo Libro. (18vo52vo) >LIBRO TERZO NEL quale si contengono
secreti dalchimia, et altri diversi< Purificatione delArgento vivo... ...questo
sangue fresco con buona acqua di vita, e falla distillare allambico et sar
pi fina ale narat[] (parola illeggibile). Fine del Terzo Libro. (53ro-58vo)
Quarto libro. >LIBRO QUARTO NEL quale si contengono secreti di molte et
curiose cose< A scacciare ogni reo animale dalla tua casa... ...con questo
arco potrai segare che ferro tu vuoi. Fine del Quarto Libro. Questi tutti so-
pra detti Segreti sono cavati da Falopia perci se c qualcheduno, che gusti
saper tutti i suoi segreti non essendo qui intieri prenda il (sic!) suoi volumi
nei quali vedra distintamente, et moltissimi altri secreti rari, e belli, et se ce
daltri che li basta questo Libretto li assicuro, che qui la miglior parte di essi
si ritiene intanto. Valete. [firma illeggibile]. (59ro) Titolo dellindice anali-
tico. Indice copioso DI Tutti li SECRETI che si contengono in questo Libretto
[...] (60ro-81vo) Indice. >A< Abortir fare. fo. 19: S. 46:... Si tratta di una versio-
ne inedita del testo che costituisce un originale estratto dalledizione dei
Secreti di Falloppio (tramandati sotto il suo nome sebbene non scritti da
lui). Le ricette risultano notevolmente semplificate rispetto alla versione a
stampa (consultate edizioni del 1620 e del 1640). Le differenze riguardano
sia la macrostruttura (divisione in 4 libri e non in 3 come nelle opere a
stampa) che la microstruttura dellopera (notevole semplificazione del-
le ricette; eliminazione sistematica della parte introduttiva e descrittiva,
attenzione posta sugli ingredienti da utilizzare nella preparazione, con-
servazione solo parziale della ricetta originale). Le edizioni a stampa del
testo dei Secreti erano numerosi a partire dal 1563 (1565, 1570, 1578, 1580 a
Torino, 1585, 1597, 1620, 1640, 1650, 1664, 1687). Tra queste: Secreti diversi,
et miracolosi; ne quali si mostra la via facile di risanare tutte le infirmita
del corpo humano; et etiandio sinsegna il modo di fare molte altre cose,
che a ciascuno sono veramente necessarie. Raccolti dallEccel.mo Gabriel
Falloppia; et da varie persone esperimentati, Venezia 1563; Secreti di-
versi et miracolosi racolti dal Falopia, et approbati da altri Medici di gran
fama. Novamente ristampati, et ricorretti a commun beneficio di ciascuno.
Distinti in tre libri, Venezia 1640.

303
Ms. Ital. Oct. 5
Domenico Chelini
II + 4 ff. + I 214 134 mm 1844 Italia (Roma)

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1IV4 Foliazione moderna a matita


Testo a piena pagina, dimensioni: 192 120 mm; 24-29 righe Scrittura di una
mano Fogli bianchi: 4vo Presenza di calcoli ed equazioni.
Mezza legatura ad angoli, in tela zigrinata, eseguita nella biblioteca Regia
di Berlino (cfr. il super exlibris sul piatto anteriore). Piatti coperti di carta
marmorizzata (~Marbled Paper, tav. XXI, 6: carta tedesca, fine XIX sec.). Sul
piatto anteriore in alto letichetta di cuoio rosso con la segnatura attuale;
attorno alletichetta segni di unetichetta precedente, strappata.

Manoscritto di mano dellautore (cfr. la dedica a Jacobi nellesemplare


del Saggio di geometria analitica conservato nella biblioteca della Harvard
University - volume Math 8508.38) come completamento della sua opera
Saggio di geometria analitica. Scritto nel 1844 a Roma (cfr. 4ro: Roma 20
febbraio 1844./ D. Chellini d.S.P). Secondo la nota del bibliotecario a IIro (Ma-
nuscript von/ Dom. Chelini/ Lag in dem von Dirichlet stammenden Exemplar
von Chelinis Geometria analitica), il manoscritto proviene dalla copia a stam-
pa del Saggio di geometria analitica di propriet di Johann Dirichlet. (IIro)
attuale segnatura: Ms.ital.oct.5, numero dingresso: (acc.1891. 121) (1ro, 4vo)
timbro rotondo della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 84.

ff. 1ro-4ro. Domenico Chelini: Osservazione sullequazione cubica.


(1r ) Titolo. Osservazione sullequazione cubica per la quale si determinano
o

gli assi principali nelle superficie di secondordine allorch queste sono ri-
portate ad assi obliquangoli. (1ro-4ro) Testo. Lequazione di secondo grado...
...*C.S.Jacobi, Crelle t. II. p. 232 Roma, Roma 20 febbraio 1844. D. Chellini d.S.P. Il
testo costituisce unaggiunta manoscritta al Saggio di geometria analitica,
fatta dallautore in un secondo momento. Il testo fu preparato dallautore
in pi copie e spedito ad alcuni studiosi. Oltre al manoscritto berlinese che
proviene dalla copia dellopera a stampa del Saggio che era in possesso di
Dirichlet (Johann Peter Lejeune Dirichlet, 1805-1859, matematico, professo-

304
re di matematica a Breslavia, Berlino, Gottinga), esiste la stessa aggiunta in
unaltra copia del Saggio, una volta di propriet di Carl Gustav Jakob Jacobi,
attualmente conservata nella biblioteca della Harvard University. Lautore
del testo, Domenico Chelini (1802-1878), fu illustre matematico, professore
di matematica del Collegio Nazareno di Roma (1831-1851), successivamente
di meccanica e idraulica allUniversit di Bologna. Tornato a Roma nel 1867,
mor il 16 novembre 1878. Testo pubblicato in Giornale Arcadico 1844 (t.
XCVIII), pp. 129-136. Elenco delle pubblicazioni scientifiche di Chelini in: L.
Cremona, E. Beltrami (a c. di), In memoriam Dominici Chelini. Collectanea
mathematica, Milano 1881.

Ms. Ital. Oct. 7


Raimondo Montecuccoli
I + 69 ff. + I 145 100 mm XVII sec. Italia (?)

Manoscritto in cattivo stato. Carte scurite, scrittura sbiadita, buchi di tarme.


Carta di guardia iniziale parzialmente staccata, f. 63 con un taglio Fascicoli:
7IV56 + 1III62 + 1(IV-1)69 Filigrane: fiore con la scritta ALAROSA (~Churchill,
523: Italia 1700), cerchio incoronato con la scritta BERGAMO Foliazione mo-
derna a matita (doppia nei ff. 2-34) Allinizio di ogni fascicolo, in alto, il
numero del fascicolo a inchiostro, eseguito dal copista (il primo inizia sulla
seconda carta del fascicolo) Testo a piena pagina, dimensioni: 12885 mm;
18 righe Scrittura di una sola mano Fogli bianchi: 1vo, 69ro-vo.
Legatura in pergamena rigida del XVIII sec. (150 105 mm). Tre nervi
semplici. Sul dorso, in basso, un rettangolo di carta bianca con la segnatura,
a stampa: I. 173 . Tagli dorati.

Datazione in base alle caratteristiche paleografiche: XVII secolo. Le fili-


grane della carta indicherebbero la realizzazione del manoscritto in Italia
(cfr. supra) sebbene non si possa escludere lAustria (sia lautore Monte-
cuccoli che i possessori del manoscritto gli Starhemberg vivevano in
Austria). Manoscritto proveniente dalla collezione degli Starhemberg (la
segnatura della loro biblioteca presente sul dorso; numero dingresso a Iro
- acc.1889.158. - che rimanda allacquisto della collezione) che ne erano prob.
i primi possessori. Nel 1889, assieme ad altri manoscritti e libri a stampa (tra

305
cui, per la parte italiana: Ital. Fol. 163, Ital. Quart. 53, Ital. Quart. 56, Ital. Quart.
57) il manoscritto pass a Berlino. La presenza nella Knigliche Bibliothek
testimoniata da numerose tracce. Sul piatto iniziale, in alto, un rettangolo di
pelle rossa con la segnatura della Knigliche Bibliothek: Ms. ital. Oct. 7. (1ro)
in alto, a inchiostro, la segnatura della Knigliche Bibliothek: Ms. ital. oct. 7.
(2ro, 68vo) timbro della Knigliche Bibliothek.
Lemm, p. 84.

ff. 1ro-68vo. Raimondo Montecuccoli: Tavole militari. (1ro) Titolo. Com-


pendio DellAzione Bellica che si f in Campagna Fortezze del Prencipe Reimondo
Montecucoli. (2ro-68vo) Testo. DellAttione bellica, che si fa in (Campagna For-
tezze) Generalit. Implorare lajuto di Dio. Consultare con periti e fedeli. Osser-
vare (Segretezza Celerit Risoluzione Dispositione) Commetter le cose chi ha
volont, et habilit deseguirle. Non perder le congiunture Haver notitia esatta
Del (Paese, Nemico quanto e quale possa venir fronte, proprie forze e soccorsi
che ponno)... ...comune divisore cio 5 saranno 15/20 e queste novamente divise
per 5 daranno di tutto dun medesimo valore 3175 da ridursi 3175/10000 ridot-
te. Subdivise per 5 si riducono a 625/2000 . Novamente per 5 vengono 175/400.
Novamente per 5 75/80. Novamente per 5 fanno 5/16. La fascicolazione del ms.
erronea. Ecco lo schema con il contenuto delle carte identificato sulla base
delledizione di riferimento: 3vo-6ro: [Tavola V]; 6ro-8ro: [Tavola VI]; 8ro-12vo:
[Tavola VII]; 12vo-20vo: [Tavola VIII]; 20vo-26vo: [Tavola IX]; 26vo-32vo: [Tavola
X]; 32vo-34ro: [Tavola XI]; 34ro-37vo: [Tavole XII (manca il paragrafo le propor-
zioni) e XIII, e altro testo]; 38ro-40vo: [Tavola XIV]; 40vo-47vo: [Tavola XV e al-
tro testo]; 48ro-54ro: [Tavola XVII]; 54ro-55vo: [Tavola XV; Osservazioni]; 55vo-
57vo: [Tavola XIX]; 58ro-62ro [Tavola XVIII; manca parte del primo paragrafo];
62ro-63vo: [Tavola XX]; 64ro-65vo: [Tavola I; si arresta alla Radice quadra];
66vo-67vo: [Tavola XVI]; 68ro: [Tavola I; Reduttione Delle frattioni ordinarie
nelle decimali]. Il testo si legge in Tavole militari, in Le opere di Raimondo
Montecuccoli, edizione critica a c. di R. Luraghi, vol. 2, Roma 1988, pp. 127-197.
Per inquadrare brevemente lautore e il suo ruolo nelle corti europee del XVII
secolo sono da vedere: P. Rocchi, in Letteratura italiana. Gli autori. Dizionario
bio-bibliografico e Indici, s. v., Torino 1991; Atti del convegno di studi su Rai-
mondo Montecuccoli nel terzo centenario della battaglia sulla Raab (Pavullo
nel Frignano-Modena, settembre 1964), Modena 1965; C. Campori, Raimondo
Montecuccoli: la sua famiglia e i suoi tempi, Firenze 1876.

306
Ms. Ital. Oct. 12
Giorgio Gabbi
24 ff. 176 135 mm 1718 Italia

Manoscritto in buono stato Fascicoli: 1XII24 La filigrana contiene la scritta


BERGAMO (~Heawood, 1867: Bologna 1695) Paginazione originale ad in-
chiostro da f. 3ro Foliazionea matita recente Falsi richiami Testo apiena
pagina, dimensioni: 170 120 mm; 22 righe Rigatura a punta secca tranne f.
2ro Scrittura di una sola mano 1ro: Colophon: Cesare Magnani scrisse lanno
1718 Fogli bianchi: 1vo, 2vo, 24vo.
Legatura in cartone grigio, floscia, molto semplice (175 135 mm), dif-
ficilmente databile, ma eseguita dopo la stesura del manoscritto perch si
scorge un eccessivo taglio dei fogli da parte destra rispetto alla giustificazio-
ne della scrittura. Forse del XVIII o addirittura linizio del XIX sec. Sul piatto
anteriore la scritta ad inchiostro Libro Da Conservarsi e unannotazione a
matita poco leggibile Jh 1936 IV

Manoscritto secondo quanto dice il colophon: Cesare Magnani scrisse


lanno 1718, eseguito nel 1718. Non si identificato il copista. La carta con la
filigrana che contiene la scritta Bergamo, nonch il fatto che il testo una
trascrizione del libro pubblicato a Parma, indicano come luogo di esecu-
zione lItalia del Nord o addirittura la citt di Parma. In alto a f. 1ro la trac-
cia di un antico proprietario: di me Antonio Cabrietti e sul piatto anteriore
lannotazione Da Conservarsi. Si tratta prob. del conte Antonio Cabrietti,
vissuto nel XVIII sec. il cui nome appare in diversi documenti della fami-
glia.: AS Reggio Emilia, Carte private diverse, Carte Cabrietti 1555-1888,
busta II, Carte relative a Antonio Cabrietti (1725-1730) (cfr. http://www.
archivi.beniculturali.it/ASRE/pdf/carte_private_diverse.pdf). Il codice
quindi rimaneva nella propriet della famiglia Cabrietti, che era legata
alle citt di Reggio e di Parma, e perci conservava la vita di San Prospe-
ro, santo patrono di Reggio. Codice pervenuto nella Preussische Staatsbi-
bliothek nel 1928, comprato dallantiquario David Salomon di Berlino
(cfr. registri dingresso). A f. 1ro il numero dingresso - acc.ms.1928.13. A f.
1ro la segnatura attuale Ms. Ital.oct.12; (1ro, 24vo) timbri della Preussische
Staatsbibliothek.

307
ff. 1ro-24ro. Giorgio Gabbi: Vita et miracoli et morte di s. Prospero
(1r ) Titolo. VITA ET/ miracoli et morte del Prottet.e/ Prinicipale nella Citt
o

di Reg.o/ di Lombardia; e vescovo/ S. PROSPEro/ composta da alcuni divoti/


Reggiani, & dedicata Nostro/ Signor/ GIESU CRISTO/ alla B.V. & alli Ss. Tu-
tellari di/ REGGIO/ In Parma, per Mario Vigna 1654, Con licenza de Superiori
(2ro) Sonetto. >Sonetto di F. Santo Beretta della religione dellOrdine terzo
di S. Francesco, studente di Teolg. in Parma< DallArciero Divin fosti ferito...
...E da noi per te fugga il mal lontano. (3ro-24ro) Testo composto di 3 capitoli
e 12 miracoli. >Capitolo P.mo della vita di S. Prospero< In Lemonscies citt
dellAquitania, nobile et famosa Provincia della Francia, trasse i suoi illustri
et felici natali S. Prospero da Parenti altrettanto nobili, quanto Ricchi...
...Ma questo inondando in certi sassi inciamp insieme con quello precipito-
samente, cadendo niuna cosa come se fossero state di Bronzo, con la terra di
alta piume coperta, pur un tantino ruppe guast, si che per stabilit della
fede di lui et corroboramento della nostra fragilit et maggior gloria di Dio,
et del Santo due cose seguirono, che parvero superare, in fatti superarono le
forze della natura. la vita di San Prospero, vissuto nel V secolo, vescovo di
Reggio. Si sa poco della sua biografia, ma il suo culto sempre molto vivo.
Sembra che lautore scambi la figura del vescovo con quella di S. Prospe-
ro di Aquitania, monaco laico e teologo, noto come difensore della purit
della dottrina contro il Pelagianismo. Lautore del testo fu Giorgio Gabbi,
compilatore di altre vite di santi, pubblicate dallo stesso editore (cfr. G. A.
Melzi, G. Zardetti, Dizionario di opere anonime e pseudonime di scrittori
italiani, Milano 1859, t. 3, pp. 254, 257; G. Tiraboschi, Biblioteca modenese
o notizie della vita e delle opere degli scrittori natii degli stati del Sere-
nissimo Signor Duca di Modena, Modena 1784, t. VI, p. 121). La vita di S.
Prospero fu pubblicata a Parma da Mario Vigna nel 1645. Il ms. Ital. Oct. 12
una trascrizione dellopera a stampa, ma non intera. Si interrompe dopo
il XII miracolo, il che corrisponde alla p. 37 del libro stampato che procede
fino a 67 pagine, riportando ancora i miracoli XIII-XXXII, cap. V e VI nonch
la formula dellimprimatur.

308
Ital. Oct. 13
Ottave enigmatiche
I+24 ff.+I 153 105 mm XIX sec. (prima met, 1803?) Italia

Manoscritto in cattivo stato. Macchie, strappi. Fascicoli: 1XII24 Paginazione


originale che inizia a f. 2ro e arriva a f. 18vo Foliazione recente a matita Te-
sto a piena pagina, dimensioni: 145 (75-79) mm; 27 righe; da f. 19vo testo in
due colonne, dimensioni: 145 45 mm; 43-49 righe Scrittura di una mano;
diventa vistosamente meno curata da f. 4ro e successivamente da f. 18vo
Appunti a margine Carte bianche: 1vo.
Legatura in cartone del XIX sec. (160 110 mm), coperta di carta mar-
morizzata (~Marbled Paper, tav. XX, 1: papier crois, XIX sec.); sei nervi. Sul
piatto, in alto letichetta di pelle rossa con la segnatura attuale: Ms. ital. Oct.
13; sul contropiatto anteriore ex libris a stampa: EX/ BIBLIOTHECA/ BIBL.
HEBR./ ORIEN./ ALOY. CIPELLI.

Datazione del manoscritto in base alle informazioni contenute nel testo:


prima met del XIX sec., lanno 1803 oppure dopo (cfr. la data su 1ro). Posses-
sore del manoscritto (come testimoniato dallex-libris): Luigi Cipelli (1804-
1869), fu canonico parmense, conoscitore di lingue orientali e professore di
lingue orientali allUniversit di Parma. Per lidentificazione dellex-libris
cfr. J. Gelli, 3500 ex libris italiani, Milano 1908 e E. Bragaglia, Gli ex libris
italiani dalle origini alla fine dellOttocento, vol. III, n. 1943 (datato 1850 cir-
ca), Milano 1993. Nel 1927 la Preussische Bibliothek acquist il manoscritto
dallantiquario berlinese Louis Lamm (1ro: acc. ms. 1927. 167); iscrizione al
registro dingresso avvenuta il 31 marzo 1928. (1ro, 24vo) timbro della Preus-
sische Staatsbibliothek e (1ro) lattuale segnatura: Ms. Ital. Oct. 13.

ff. 1ro-3vo. Ottave enigmatiche. (1ro) Titolo. Ottave/ Enigmatiche o siano/


Indovinelli/ Onesti Curiosi ed anche Virtuosi di Francesco Asino Improvisato-
re/ Piacenza 1803. (2ro-3vo) Testo. Indovinelli in versi. Anchio fra suolo alato
ognora errando/ V per laria veloce e non ho piume...; Allor che mapro il
sen perdervi il core/ Barbari verso me correte a stuolo...; Anchio son reo di
qualche Fallo vero/ Ma pure il fallo mio non peccato...; Ardito senza brando
e quasi ignudo/ Quante volte fugai larmate schiere...; Bench figlio del mare

309
riposo in terra/ Talor sto in aria e torno in terra e in mare...; Bench sian colpe
altrui le colpe mie/ Nacqui per fatal sorte imprigionato...; Bruno ho il sem-
biante eppure amo il candore/ Stabilisco i pensieri e son fugace...; Bench sen-
za diadema e senza Regno/ Anchio per vivo Regina in terra...; Bench grande
in Valor servo per gioco/ E son lAtlante e il distruttor de regni...; Ci che vive
quaggi reggo a governo/ Per tutto io sono, in providenza abondo...Conloco
[?] da lontan e da vicino/ Ne vedo da vicin ne da lontano...; Col labro suo delle
mie glorie adorno/ Qualio misii (sic!) la fama a voi racconti... Limpostazione
del ms. fa pensare a una riproduzione dellopera a stampa, piuttosto che a
un autografo o a una copia dal manoscritto. Tuttavia, la presunta stampa
non risulta in nessuno dei repertori bibliografici consultati. Il nome dellau-
tore, Francesco Asino, senza dubbio uno pseudonimo. I componimenti (12
indovinelli) sono principalmente rielaborazioni dellopera del bolognese
Giovanni Battista Taroni (ps. Giovanna Statira Bottini) Cento nodi da scio-
gliere pubblicata nel 1718. Il primo indovinello (con il primo verso modifi-
cato), inoltre, fu pubblicato il 5 Dicembre 1849 nel giornale Il vero amico del
popolo. In genere le ottave di Taroni furono molto sfruttate da altri autori
di indovinelli. Su Taroni cfr. anche M. de Filippis, The Literary Riddle in Italy
in the Eighteenth Century, Berkeley and Los Angeles 1967.
ff. 4ro-9ro. Giuseppe dIppolito Pozzi: Capitolo V delle Rime piacevoli.
Titolo e testo. >Contro le campane. Capitolo< Se non avessi massime cristiane/
E a dir male sacquistasse Indulgenza... ...E a pro de Vostri Iddio vi scampi/
Da campane che sonino da festa. Edizione: Giuseppe dIppolito Pozzi, Rime
piacevoli, Londra (i.e. Venezia?, Bologna?) 1790, pp. 40-50.
ff. 9ro-10vo. Giuseppe dIppolito Pozzi: Canzonetta (Contro le donne).
Titolo e testo. >Contro le Donne. Canzonetta< A che invan vaffaticate/ Miei
dottori, e miei Poeti... ...Seguitate lantico uso/ Di trattar conocchia e fuso.
Edizione: Andrea Rubbi (a c. di), Anacreontici e burleschi del secolo XVIII,
Venezia 1791, pp. 251-255.
ff. 11ro-13ro. Giuseppe dIppolito Pozzi: Se qui fosse quel cotale. Titolo
e testo. >Difesa delle Donne. Canzonetta< Se qui fosse quel cotale/ Che inso-
lente ha proferita... ...Far limposta penitenza/ Per mio sgravio di coscien-
za. Edizione: Poesie di Giuseppe dIppolito Pozzi con un ristretto della sua
vita, Bologna 1764, pp. 188-192.
ff. 13ro-14ro. Giuseppe dIppolito Pozzi: Bertoldo, Bertoldino e Caca-
senno, IV canto (Apologo). Titolo e testo. >Apologo< Nel tempo che le bestie

310
erano eguali/ Agli uomini nel fare i fatti suoi... ...Perdona o Re, daver udito
parmi/ Che ei verralla a pigliar a forza darmi. Frammento (8 ottave) del IV
canto del poema eroicomico Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno, opera col-
lettiva il cui quarto canto fu composto proprio da Pozzi (Bologna 1697-1752)
(cfr. DBI, Pozzi, s.v.). Edizione consultata: Andrea Rubbi (a c. di) Parnaso
italiano: Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno, t. I, Venezia 1791, pp. 60-71.
ff. 14ro -17ro. Canzone. Testo. Una signora di affettuoso genio democrati-
co... ...cos han fatta. Per il manoscritto contenente Una signora di affettuoso
genio democratico cfr. IMBI, vol. 64, 1937, p. 44. Testo della canzone prob.
inedito.
ff. 17ro-18vo. Colloquio di Luigi XVI. Titolo e testo. >Colloquio di Luigi
XVI/ colla sua Re Famiglia la sera/ innanzi della sua morte< Frena le amare
lacrime/ Consorte mia infelice... ...Io chiudo i cuori esanimi/ Alla tua orribil
scena. Prob. inedito, il testo in rima racconta i pensieri e i sentimenti del re
francese Luigi XVI, appena prima della sua morte al patibolo.
ff. 19vo- 24vo. Arie e canzoni composte per le musiche di Johann Adolf
Hasse. Testo. Deh, se piacer mi vuoi... ...sempre in fulmine vieni. Selezione
di componimenti provenienti da vari melodrammi, uniti dal personaggio
del musicista Johann Adolf Hasse (1699-1783) (cfr. R.D. Schmidt-Hensel, La
musica del Signor Hasse detto il Sassone..., Teil 2. Werk-, Quellen- und Auf-
fhrungsverzeichnis, Gttingen 2009). Tra le arie ci sono vari componimen-
ti, da La clemenza di Tito di Pietro Metastasio p.es.: Deh, se piacer mi vuoi...,
Io sento che in petto..., Opprimete i contumaci..., Parto, ma tu, ben mio..., Quan-
do sar quel d..., Sia lontano ogni cimento..., Almen, se non possio..., ma anche
componimenti da melodrammi di Apostolo Zeno p.es. Sar bella e vezzosa...
(Caio Fabricio, Roma 1732/Dresda 1734), Non deggio amarti... (Lucio Papi-
rio 1742).

311
Illustrazioni
314 Ms. Ital. Fol. 48, f. 1ro
Ms. Ital. Fol. 52, f. 8ro 315
316 Ms. Ital. Fol. 57, f. 1ro
Ms. Ital. Fol. 168, frontespizio 317
318 Ms. Ital. Quart. 11, f. 1ro
Ms. Ital. Quart. 13, f. 24ro 319
320
Ms. Ital. Quart. 18, f. 1ro 321
322 Ms. Ital. Quart. 43, contropiatto
Ms. Ital. Quart. 56, f. 7ro 323
324 Ms. Ital. Quart. 57, legatura
Ms. Ital. Quart. 57, f. 2ro 325
326 Ms. Ital. Quart. 83, legatura
Ms. Ital. Oct. 3, f. 7vo 327
328 Ms. Ital. Oct. 3, f. 8vo
Incipitario

12 luglio 1760 Sentendosi dal Cardinal Corsini, Protettore della Corona del
Portogallo che possa esser giunto alle mani di V. E. un raguaglio...
Ital. Fol. 143 (19ro)
1279. Bombaci della Parte Imperiale Ghibellina...
Ital. Fol. 166 (1ro)
1329. Giovanni degli Antiani che provedono ad una carestia...
Ital. Fol. 167 (1vo)
A che invan vaffaticate / Miei dottori, e miei Poeti...
Ital. Oct. 13 (9ro)
A che minacci il successor di Piero...
Ital. Fol. 147 (129)
A di 17. Giugno 1546 occorse nella nostra citt di Firenze un grandissimo caso,
e questo fu che molto regnava lozio nei Giovani dissoluti...
Ital. Fol. 138 (196ro)
A far il Balsamo Artificiato. Recipe Succo di Porri, succo di menta et mettilo...
Ital. Oct. 4 (2ro)
A far il vino turbido chiaro...
Ital. Oct. 4 (11vo)
A me chieder se dobbiate / maritarvi? che dir?
Ital. Quart. 10 (1ro)

329
A me f da chio naqui odio lamore...
Ital. Fol. 147 (115)
A nostro Santissimo Padre ed al Sacro Collegio Antonio Perez Umilissimo
servo. Sperando chun giorno sarebbe stanca lindignazione...
Ital. Fol. 144 (4vo)
A scacciare ogni reo animale dalla tua casa...
Ital. Oct. 4 (53ro)
a tutte le cose che possono affanno recare sono ito pensando et immaginando...
Ital. Oct. 1 (1ro)
A tutti manifesta cosa e palese la rivoluzione e lo sconvolgimento da molti
anni seguito nel Regno di Corsica...
Ital. Fol. 143 (187ro)
A voi Sire potente / Roma si f presente...
Ital. Fol. 147 (40)
Acta apostolorum. Prologus. Luc antioquient de la nacion dIsriel la lautor del
qual es dicta en lavangeli, noble en lart...
Ital. Quart. 28 (282ro)
Adeo, Dum, id est, usque, adeo, tam diu, donec. Plautus...
Ital. Oct. 1 (147ro)
Affinch pubblicamente rimanga notizia di quei sentimenti con i quali io Conte
Errigo Trivelli...
Ital. Quart. 34 (305ro)
Al Cristianissimo / Regnante invitto...
Ital. Fol. 147 (56)
Al Dominio della citt. Ma per sopportavano tutto ci Li primi della citt per
mantenersi nello stato Loro...
Ital. Fol. 168 (2ro)
Al R Cristianissimo Enrico Quarto Mio Signore. Sire. Il Pittore che presenta le
sue opere agli occhi di tutto lUniverso non desidera ingannare...
Ital. Fol. 144 (3ro)
Al Tronco onde pendea vittima il figlio...
Ital. Fol. 147 (61)
Aleramo oltre alla picciola contea...
Ital. Quart. 43 (52ro)
Alfonzo Primo R di Napoli fu Prencipe, come tutti noto cos glorioso...
Ital. Fol. 145 (1ro)

330

Ms. Ital. Quart. 83, legatura


Allamatissimo Domenico Tempio, Gio. Agostino de Cosmi saluta, Voglio
scrivere alla Romana cio senza la pompa delle frasi moderne...
Ital. Quart. 11 (6vo)
Alla perfettione de gli amori che essi son pari; Bembo.1.1. Lett. Amor...
Ital. Oct. 1 (30ro)
Allor che armato unAngelo...
Ital. Fol. 147 (62)
Allor che mapro il sen perdervi il core / Barbari verso me correte a stuolo...
Ital. Oct. 13 (2ro)
Allora che la Citt nostra di Firenze viveva libera, e sotto lImpero de suoi
medesimi Cittadini, mediante la forma di un Governo universale...
Ital. Fol. 138 (20ro)
Allorch, molti anni sono, o sapientissimi Accademici, mi condussi a visitare
codesta bella Metropoli, il Barone Vernazza di chiara memoria...
Ital. Quart. 30 (90ro)
Amico Carissimo, Non ebbi il comodo di risponderti la scorsa settimana...
Ital. Quart. 11 (7