Sei sulla pagina 1di 71

1

www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
I l f i ssaggi o medi ant e anc or aggi mec c ani c i
e c hi mi c i : c ampi di appl i c azi one, pr i nc i pi di
f unzi onament o e c r i t er i di sc el t a dei
si st emi di f i ssaggi o
Fabrizio Tofoni
Field Engineer Lazio
Roma, 30 Aprile 2009
2
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Indice
Classificazione dei sistemi di ancoraggio
La corretta scelta di un ancorante
La normativa tecnica
Allegato C: Metodi per la progettazione degli ancoraggi
3
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Applicazioni: Fissaggio di ripetitori per telecomunicazioni
Ancoraggio con resina chimica HIT RE-500
4
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Applicazioni: Fissaggio di carpenteria pesante
Ancoraggio con fiala chimica HIT HVZ
5
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Applicazioni: Ristrutturazioni di solai
Ancoraggio con resina chimica HIT HY-70
6
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Applicazioni: Fissaggio di antenna parabolica
Ancoraggio con resina chimica HIT HY-150
7
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Applicazioni: Fissaggio copertura in legno lamellare
Ancoraggio su calcestruzzo con fiale HVU
8
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Ancoraggio su calcestruzzo per
traliccio di cavi elettrici e per
carichi dinamici
Applicazioni: Fissaggio di tralicci e macchinari pesanti
9
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Applicazioni: fissaggio barriere per viadotto autostradale
10
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Applicazioni: fissaggi in ambito stradale e ferroviario
11
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Applicazioni: ferri di ripresa post-installati
Ancoraggio su
calcestruzzo con
resina HIT
12
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Indice
Classificazione dei sistemi di ancoraggio
La corretta scelta di un ancorante
La normativa tecnica
Allegato C: Metodi per la progettazione degli
ancoraggi
13
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Tenuta per
forma,compressione
nella parte inferiore
Classificazione dei sistemi di ancoraggio
Gettate in
operatirafondi
Ancoranti post installati
Sottosquadro
Tenuta per attrito
Espansione
Tenuta per adesione
lungo tutta la superficie
Chimici Meccanici
14
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Il carico N viene trasmesso al materale base tramite la forza di attrito R.
Affinch ci avvenga necessario esercitare la forza di espansione Fexp
Il carico N viene trasmesso al materale base tramite la forza di attrito R.
Affinch ci avvenga necessario esercitare la forza di espansione Fexp
Classificazione: Funzionamento per attrito
Ancorante a controllo di coppia
(lespansione aumenta col carico)
Ancorante a controllo di
spostamento
(lespansione non aumenta col
carico)
HKD
HSA
Fexp > 3 N
HSL-3
15
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Ancorante a controllo di coppia
(lespansione aumenta col carico)
Classificazione: come si genera la forza di espansione
Coppia
applicata
N
Fexp
R
Fexp
R
Analisi delle tensioni agli
elementi finiti
Fexp > 3 N
16
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Ancorante a controllo di spostamento
(lespansione non aumenta col carico)
Fexp > 3 N
Classificazione: come si genera la forza di espansione
Forza
applicata
N
Fexp
R
Fexp
R
17
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Il carico applicato N viene equilibrato dalle forze
di reazione R prodotte dallincastro creato nel
materiale base
Il carico applicato N viene equilibrato dalle forze
di reazione R prodotte dallincastro creato nel
materiale base
Forma - Incastro
Classificazione: Funzionamento per forma (Sottosquadro)
N
R
R
N R
Linstallazione crea incastro
18
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Classificazione: come si genera lincastro
Ancorante sottosquadro
(funzionamento molto simile ai tirafondi gettati in opera)
Installazione tramite roto-
percussione
19
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Classificazione: come si genera lincastro
Ancorante sottosquadro
(funzionamento molto simile ai tirafondi gettati in opera)
Analisi delle tensioni agli
elementi finiti
N
R
R
Meccanismo di tenuta
per forma nel materiale
base
20
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Classificazione: Funzionamento per forma e attrito
R
N
A
La resistenza dovuta alla azione combinata della componente per
forma (R) e per attrito (A)
Analisi delle tensioni agli
elementi finiti
21
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Il carico applicato N viene trasmesso al materiale
base per mezzo di adesione chimica
Il carico applicato N viene trasmesso al materiale
base per mezzo di adesione chimica
Adesione
Classificazione: Funzionamento per Adesione
Ancorante Chimico: La resistenza dovuta al generarsi delle forze di adesione su
tutta la superficie cilindrica del foro
22
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
N = 0
R

=

=

0
N 0

0

c
o
n

N

m
a
x
R =
Classificazione: Funzionamento per Adesione
Reazione alle sollecitazioni
23
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Classificazione: Principi di funzionamento a confronto
Ancorante Chimico Ancorante meccanico ad espansione
R
N = 10kN
Fexp = 30 kN
N = 10kN
= 10kN
R
Fexp = 30kN
Forza resistente
concentrata
Forza resistente
distribuita
24
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Ancorante meccanico
Ancorante chimico
Classificazione: Sollecitazioni sul calcestruzzo a confronto
25
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Ancoranti in generale
Classificazione dei sistemi di ancoraggio
La corretta scelta di un ancorante
La normativa tecnica
Allegato C: Metodi per la progettazione degli
ancoraggi
26
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Calcestruzzo
Mattone forato Mattone pieno
Cartongesso
La corretta scelta di un ancorante:
Legno
1. Materiale base
Non fessurato
Fessurato
Altri materiali
27
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
2. La geometria di posa
La corretta scelta di un ancorante:
c
c
s
s
s
2,2
1
2
3
n-1
s
c
2,1
h >1,5 c
Interasse
ancoranti
Distanza
bordi
Spessore
materiale
base
28
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Profondit di posa insufficiente
Spessore materiale di base
insufficiente
2. La geometria di posa
La corretta scelta di un ancorante:
Posa corretta
Ridotta distanza dal
bordo
Ridotto interasse
tra gli ancoraggi
29
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Tassello meccanico HSA-K M16
Tassello chimico HIT HY 150 M16
Trazione:
2150 Kg
Trazione:
1780 Kg
Se linterasse tra i tasselli 10cm la
trazione ammissibile si riduce a:
1500 Kg
Se linterasse tra i tasselli 10cm la trazione
ammissibile si riduce a:
1250 Kg
Se il bordo del cls a 7cm:
Non si consiglia il
fissaggio
Se il bordo del cls a 7cm:
850 Kg
2. La geometria di posa: come influenza gli ancoranti
La corretta scelta di un ancorante:
30
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Tassello chimico HIT HY 150 M16
Trazione :
1780 Kg
Se linterasse tra i tasselli 10cm la
trazione risulta :
1250 Kg
Se il bordo del cls a 7cm :
850 Kg
Tassello chimico HVU M16
Trazione :
2890 Kg
Se linterasse tra i tasselli 10cm la
trazione risulta :
2000 Kg
Se il bordo del cls a 7cm :
1370 Kg
2. La geometria di posa: come influenza gli ancoranti
La corretta scelta di un ancorante:
31
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Applicazioni strutturali F > 5 kN Carico pesante
Installazioni impianti
meccanici
1 kN < F < 5kN Carico medio
Applicazioni leggere F < 1 kN Carico leggero
3. Entit del carico
La corretta scelta di un ancorante:
32
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
SHOCK SISMICO FATICA
Urto, esplosione Terremoti Traffico,vento,onde Esempi
10
-3
<<10
-1
10
-5
<<10
-2
10
-6
<<10
-3
Tasso di
deformazione
1<N<20 10
1
<N<10
4
10
4
<N<10
8
Cicli di carico
Carico impulsivo
Fatica dopo n ridotto
di cicli
Fatica classificazione
DINAMICO
Conosciuto e stabile nel tempo STATICO
4. Tipo di carico
La corretta scelta di un ancorante:
33
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
La resistenza di progetto F
Rd
deve essere maggiore del carico applicato F
Sd
5. Azioni sollecitanti e interazione
La corretta scelta di un ancorante:
34
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Galvanizzato
5-20
(Zincatura)
Galvanizzato a caldo
Sherardizzato
A2 Acciaio
Inox
A4 Acciao
Inox
HCR
C
o
n
d
i
z
i
o
n
i
A
m
b
i
e
n
t
a
l
i
R
a
c
c
o
m
a
n
d
a
t
e
Interni senza
umidit
Esterni solo per
applicazioni
temporanee
Interni con umidit
Esterno, atmosfera
leggermente corrosiva
Esposizione occasionale
alla condensa
Ambienti altamente
corrosivi come tunnel
stradali o in piscine
coperte
Fissaggi interni,
esposti ad elevata
condensazione
Esterni, non esposti
ai cloruri
Bassa Alta
Resistenza alla corrosione
6. Condizioni ambientali (classi di
esposizione secondo EC2)
Fissaggi interni,
esposti ad elevata
condensazione
Esterni, non esposti
ai cloruri
La corretta scelta di un ancorante:
35
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Test in accordo alla curva standard internazionale (ISO834, DIN4102 T.2)
1000C
0
5
10
15
20
25
30
0 30 60 90 120
Tempo esposizione al fuoco (min)
C
a
r
i
c
o

d
i

r
o
t
t
u
r
a

(
k
N
)
HST M 10
HST M 10 Inox
500C
T
e
m
p
e
r
a
t
u
r
a
T

(

C
)
0 30 60 90 120 180
Tempo t (min)
150
7. Resistenza al fuoco
La corretta scelta di un ancorante:
36
7. Resistenza al fuoco: Approval Test Report HSA
La corretta scelta di un ancorante
37
Resistenza in funzione dei minuti di
esposizione al Fuoco
7. Resistenza al fuoco: Approval Test Report HSA
38
7. Resistenza al fuoco: Approval Test Report HIT-RE 500+HAS
La corretta scelta di un ancorante
39
Resistenza in funzione dei
minuti di esposizione al
Fuoco
7. Resistenza al fuoco: Approval Test Report HIT-RE 500+HAS
40
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Materiale base
Influenza della tipologia e consistenza del
substrato
Entit del carico
Influenza derivante dalla tipologia, dallintensit e dalla direzione
Geometria
Influenza derivante dallo spessore del substrato,
dalla distanza dei bordi e dagli interassi
Variazione nel tempo della resistenza
sotto differenti condizioni di carico ed in
particolari condizioni ambientali
Sono fattori che influenzano la scelta e la capacit portante di un ancorante
Condizioni Ambientali
Influenza derivante dal grado di temperatura ed
aggressivit dellambiente di posa
La corretta scelta di un ancorante
Tipo di carico
Certificazioni richieste
Nasce lesigenza di valutarne il
comportamento nel tempo
DURABILITA
41
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Indice
Classificazione dei sistemi di ancoraggio
La corretta scelta di un ancorante
La normativa tecnica
Allegato C: Metodi per la progettazione degli
ancoraggi
42
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
NTC 2008 NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI
D.M. 14 Gennaio 2008
Art. 11.1 - [...] I materiali e prodotti per uso strutturale devono essere:
- identificati univocamente a cura del produttore, secondo le procedure applicabili;
- qualificati sotto la responsabilit del produttore, secondo le procedure applicabili;
- accettati dal Direttore dei lavori mediante acquisizione e verifica della documentazione di
qualificazione, nonch mediante eventuali prove sperimentali di accettazione.
In particolare, per quanto attiene lidentificazione e la qualificazione, possono configurarsi i
seguenti casi:
A) materiali e prodotti per uso strutturale per i quali sia disponibile una norma europea [...];
B) materiali e prodotti per uso strutturale per i quali non sia disponibile una norma armonizzata [...];
C) materiali e prodotti per uso strutturale innovativi o comunque non citati nel presente
capitolo e non ricadenti in una delle tipologie A) o B). In tali casi il produttore potr pervenire alla
Marcatura CE in conformit a Benestare Tecnici Europei (ETA) [...].
Per i materiali e prodotti recanti la Marcatura CE sar onere del Direttore dei Lavori, in fase di
accettazione, accertarsi del possesso della marcatura stessa e richiedere ad ogni fornitore,
per ogni diverso prodotto, il Certificato ovvero Dichiarazione di Conformit alla parte
armonizzata della specifica norma europea ovvero allo specifico Benestare Tecnico Europeo, per
quanto applicabile.
43
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
EOTA - EUROPEAN ORGANIZATION FOR TECHNICAL APPROVALS
DPR 20.04.93 n.246 Regolamento ed attuazione della
direttiva 89/106/CErelativo ai prodotti da costruzione
Fissa gli Enti Nazionali cui affidata la
partecipazione ai lavori dellEOTA (European
Organization for Technical Approvals)
EOTA: organizzazione che
predispone le Guide Tecniche
(ETAG) per il rilascio del
Benestare Tecnico Europeo
per prodotti innovativi per le
costruzioni
Il marchio CE pu essere concesso ai prodotti
conformi al Benestare Tecnico Europeo
44
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Una guida ETAG un documento preparato
da e per gli Organismi di Approvazione
CHE COS UNA LINEA GUIDA ETAG
Stabilisce criteri per la valutazione di caratteristiche/requisiti di un
prodotto o di una famiglia di prodotti (Benestare Tecnici Europei)
Contiene:
elenco Documenti Interpretativi applicabili
requisiti specifici dei prodotti nellambito del significato dei Requisiti Essenziali
procedure di prova
metodi di valutazione ed interpretazione dei risultati di prova
procedure di Attestazione di Conformit
periodo di validit dellapprovazione
45
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Riepilogando
NTC 14/01/2008: Affidano al Direttore Lavori lonere di verificare il
possesso del marchio CE nei prodotti e materiali per uso strutturale.
Il marchio CE pu essere concesso ai prodotti conformi al
Benestare Tecnico Europeo (ETA)
Le ETA vengono rilasciate da organismi accreditati seguendo le
indicazioni previste dalle Linee Guide ETAG
Le ETAG vengono redatte da un organismo internazionale (EOTA)
composto da Enti Nazionali che rappresentano i diversi Stati Membri
ETAG 001 (1997): Ancoranti metallici per applicazioni su calcestruzzo
46
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
LE LINEE GUIDA ETAG 001:
ANCORANTI METALLICI PER IL CALCESTRUZZO
Parte 1: Ancoranti in generale (Anchors in general)
Parte 2: Ancoranti ad espansione a controllo di coppia
(Torque-controlled expansion anchors)
Parte 3: Ancoranti sottosquadro (Undercut anchors)
Parte 4: Ancoranti ad espansione a controllo di spostamento
(Deformation-controlled expansion anchors)
Parte 5: Ancoranti chimici (Bonded anchors)
Parte 6: Ancoranti in applicazioni multiple per impieghi non strutturali
(Anchors for multiple use for non-structural applications)
Allegato A: Procedure di prova (Details of tests)
Allegato B: Prove relative alle condizioni di servizio ammissibili
(Tests for admissible service conditions - Detailed information)
Allegato C: Metodi per la progettazione degli ancoraggi
(Design methods for anchorages)
47
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Indice
Classificazione dei sistemi di ancoraggio
La corretta scelta di un ancorante
La normativa tecnica
Allegato C: Metodi per la progettazione degli ancoraggi
48
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
VERIFICA DEI MECCANISMI DI COLLASSO
Inizio
Trazione
Acciaio
Calcestruzzo
C
o
n
o

c
a
l
c
e
s
t
r
.

e
s
t
r
a
z
.
S
p
l
i
t
t
i
n
g
Trovare le minima
resistenza di progetto
Taglio
Acciaio Calcestruzzo
T
a
g
l
i
o

p
u
r
o
F
l
e
s
s
i
o
n
e
C
o
l
l
a
s
s
o

d
e
l

b
o
r
d
o
p
r
y
-
o
u
t
Trovare la minima
resistenza di progetto

Azione
combinata
49
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Carico (o Azione)
Valore di progetto
del carico agente:
F k d
S S =
S
k
- sollecitazione caratteristica

F
- coefficiente di sicurezza
parziale per i carichi
Resistenza
Valore di progetto
della resistenza:
R
R
d
k
M
=

R
k
- resistenza caratteristica

M
- coefficiente di sicurezza
parziale per la resistenza
S R
d d

VERIFICA: COEFFICIENTI DI SICUREZZA PARZIALI


50
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Trazione
Acciaio
Calcestruzzo
C
o
n
o

c
a
l
c
e
s
t
r
.

e
s
t
r
a
z
.
S
p
l
i
t
t
i
n
g
Trovare le minima
resistenza di progetto
1) VERIFICA A TRAZIONE
51
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Rottura conica del calcestruzzo
Rottura per sfilamento
VERIFICA: AZIONE ASSIALE RESISTENTE
52
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Rottura lato acciaio dellancorante
Rottura per splitting
VERIFICA: AZIONE ASSIALE RESISTENTE
53
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
VERIFICA: CRISI LATO ACCIAIO
uk S s , Rk
f A N =
Resistenza caratteristica per rottura lato acciaio:
A
S
= area della sezione sollecitata
f
uk
= resistenza ultima caratteristica dellacciaio
N
Resistenza a trazione
di progetto dellacciaio:
N
N
Rd s
Rk s
Ms
,
,
=


Ms
= coefficiente parziale di
sicurezza relativo al tipo
di acciaio
54
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Taglio
Acciaio Calcestruzzo
T
a
g
l
i
o

p
u
r
o
F
l
e
s
s
i
o
n
e
C
o
l
l
a
s
s
o

d
e
l

b
o
r
d
o
p
r
y
-
o
u
t
Trovare la minima
resistenza di progetto
2) VERIFICA A TAGLIO
55
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Rottura lato acciaio dellancorante,
taglio con flessione
Rottura lato acciaio
dellancorante
VERIFICA: AZIONE RESISTENTE A TAGLIO
56
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Rottura del bordo di
calcestruzzo
Rottura per Pryout del calcestruzzo
VERIFICA: AZIONE RESISTENTE A TAGLIO
57
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
VERIFICA AD AZIONE COMBINATA TAGLIO-TRAZIONE

N
V
F
N
Sd
N
Rd
V
Sd
V
Rd
0 1
0 1
.
V
V
.
N
N
Rd
Sd
Rd
Sd

1,
0,
0, 12
2
2
2 ,

2 . 1 +

Rd
V
Sd
V
Rd
N
Sd
N
,
,
0 1
10
= 2.0 per il collasso dellacciaio
= 1.5 per tutti gli altri tipi di collasso

1 +


Rd
V
Sd
V
Rd
N
Sd
N
58
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
CONCLUSIONE
Metodo CCD
Distinzione dei diversi
modi di rottura e loro
analisi separata
Applicazione di coefficienti di
sicurezza parziale funzione
del modo di rottura in esame
Efficiente progetto degli ancoraggi
59
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
PECULIARIETA DEGLI ANCORANTI CHIMICI
TR 029:
-Il metodo di progettazione considera
profondit di infissione variabili da 4
fino a 20 ;
-Verifica per cedimento combinato di
pull-out e rottura conica;
-Rappresenta il pi avanzato stato
dellarte attuale.
60
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
h
ef
Profondit di infissione
standard
ETAG 001, Annex C
h
ef
h
ef
h
ef
Profondit di infissione
variabile
EOTA TR 029
61
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Cedimento
lato acciaio
Rottura conica
del calcestruzzo
Cedimento combinato di
pull-out e rottura conica
Resistenza alla trazione modalit di cedimento
I
n
f
i
s
s
i
o
n
e

v
a
r
i
a
b
i
l
e
N
N N
62
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Esempi o di c al c ol o
Fabrizio Tofoni
Field Engineer Lazio
Roma, 30 Aprile 2009
63
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Il metodo di progettazione secondo il Manuale di
Tecnologia del Fissaggio
Nel manuale di tecnologia del fissaggio presente il metodo Hilti CC che
una versione semplificata dellETAG Annesso C, ed stato studiato in modo
da conservare il pi possibile del metodo precedentemente illustrato.
64
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Metodi a confronto
65
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
Esempi o di c al c ol o
66
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
67
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
68
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
69
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
70
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.
71
www.hilti.it
Seminario Universit di Tor Vergata, 30.04.2009
Hilti. Passione. Performance.