Sei sulla pagina 1di 63

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

FACOLTA DI INGEGNERIA
Corso di laurea in Ingegneria Meccanica



Appunti del corso di
Costruzione di Macchine II
Prof. Calogero Cal
e
ing. Roberto Citarella




LEGAMI COSTITUTIVI






Appunti di Costruzione di Macchine
2/63


INDICE

LEGAMI COSTITUTIVI ........................................................................................................ 1
Legami costitutivi...................................................................................................................................... 4
Legge di Hooke generalizzata .............................................................................................................. 4
Simmetrie nel legame costitutivo............................................................................................................. 4
Simmetrie monocline............................................................................................................................ 4
Simmetria ortotropa.............................................................................................................................. 5
Matrici costitutive in termini di costanti ingegneristiche ....................................................................... 8
Restrizioni sulle costanti elastiche..................................................................................................... 11
Materiali isotropi............................................................................................................................. 11
Materiali ortotropi........................................................................................................................... 12
Particolarizzazione del legame dortotropia.......................................................................................... 15
Stato piano di tensione........................................................................................................................ 15
Lamina ortotropa............................................................................................................................. 15
Stato piano di deformazione............................................................................................................... 16
Materiali ortotropi - Trasformazioni Caratteristiche......................................................................... 17
Tensioni ............................................................................................................................................... 17
1. Trasformazione OFF AXIS ON AXIS ................................................................................ 18
2. Trasformazione ON AXIS OFF AXIS ................................................................................ 19
Deformazioni....................................................................................................................................... 21
Relazioni tra tensioni e deformazioni per generiche orientazioni delle direzioni dortrotopia della
lamina....................................................................................................................................................... 23
Determinazione dei parametri tensili dei materiali ortotropi in lamina............................................... 32
Determinazione sperimentale delle caratteristiche elastiche e della resistenza di una lamina di
materiale ortotropo.............................................................................................................................. 34
Criteri di resistenza ................................................................................................................................. 39
Criterio di Massima Tensione............................................................................................................ 39
Criterio di Massima Deformazione.................................................................................................... 40
Criterio di TSAI HILL..................................................................................................................... 42
Criterio di TSAI WU....................................................................................................................... 44
Appunti di Costruzione di Macchine
3/63
Criterio quadratico di TSAI............................................................................................................ 46
Comportamento micromeccanico di una lamina in un composito....................................................... 48
Approccio della meccanica dei materiali alle rigidezze ................................................................... 49
Determinazione di E
1
...................................................................................................................... 49
Determinazione di E
2
...................................................................................................................... 51
Determinazione di
12
..................................................................................................................... 53
Determinazione di G
12
.................................................................................................................... 55
Compositi stratificati............................................................................................................................... 57
Comportamento dei laminati.............................................................................................................. 58
Forze e momenti distribuiti ............................................................................................................ 60

Appunti di Costruzione di Macchine
4/63
LEGAMI COSTITUTIVI
Legge di Hooke generalizzata

La relazione che lega reciprocamente le tensioni presenti in un corpo, per effetto di assegnate
condizioni al contorno, alle relative deformazioni pu essere espressa, nel caso pi generale non
lineare, nel seguente modo:
( ) f

Linearizzando il legame si ottiene la legge di Hooke generalizzata, che esprime la sopra indicata
relazione per materiali anisotropi; esplicitando tale legame in forma matriciale si ha, con notazione
simbolica o con pedici in forma contratta:

{ } [ ] { } C oppure
j ij i
C con 6 ,..., 1 , j i

Sono note dalla teoria dellelasticit le condizioni che consentono il passaggio dalla notazione a
quattro pedici
kl ijkl ij
C ( 3 , 2 , 1 , , , l k j i ) a quella a due pedici. Il numero di costanti di
rigidezza, inizialmente da valutare in 81 3
4
termini, si riduce a dapprima 36 6 6 e
successivamente per la simmetria
ji ij
C C a 21 termini nella trattazione di materiali anisotropi o
anche detti triclini (privi di piani di simmetria materiale).

SIMMETRIE NEL LEGAME COSTITUTIVO
Simmetrie monocline
Lesistenza di simmetrie riduce il numero di costanti di rigidezza e quello dei reciproci termini. Se
il piano 0 z (con z corrispondente al pedice 3) un piano di simmetria, tutte le costanti relative
alla stessa direzione devono essere identiche sia che siano associate al verso positivo ( ) [ ] + z o al
negativo ( ) [ ] z . Pertanto:

Appunti di Costruzione di Macchine
5/63

'

xy
xz
yz
z
y
x

'

1
1
1
1
1
1
1
1
]
1

'

6
5
4
3
2
1
66 36 26 16
55 45
45 44
36 33 23 13
26 23 22 12
16 13 12 11
6
5
4
3
2
1
0 0
0 0 0 0
0 0 0 0
0 0
0 0
0 0

C C C C
C C
C C
C C C C
C C C C
C C C C


le componenti antisimmetriche rispetto al piano 0 z
4
e
5
sono accoppiate con le sole
4
e
5

(anchesse antisimmetriche). Sussiste peraltro la simmetria per cui le costanti differenti tra loro
risultano 13.

Simmetria ortotropa
Un materiale definito ortotropo quando presenta una simmetria rispetto a tre piani mutuamente
ortogonali. Con riferimento alle coordinate 1, 2, 3 (x, y, z) che caratterizzano le normali a tali piani
si ottengono i legami ortotropi contraddistinti da 9 costanti indipendenti. Gli assi di riferimento
sono quelli dellortotropia.



La matrice di rigidezza di un materiale ortotropo si desume dal legame indicato dalla relazione:

Materiale Monoclino
13 costanti indipendenti

Appunti di Costruzione di Macchine
6/63

'

1
1
1
1
1
1
1
1
]
1

'

6
5
4
3
2
1
66
55
44
33 23 13
23 22 12
13 12 11
6
5
4
3
2
1
0 0 0 0 0
0 0 0 0 0
0 0 0 0 0
0 0 0
0 0 0
0 0 0

C
C
C
C C C
C C C
C C C

Simmetria di isotropia trasversale con asse x (o di direzione 1):



( )

'

1
1
1
1
1
1
1
1
]
1

'

6
5
4
3
2
1
55
55
23 22
22 23 12
23 22 12
12 12 11
6
5
4
3
2
1
0 0 0 0 0
0 0 0 0 0
0 0
2
0 0 0
0 0 0
0 0 0
0 0 0

C
C
C C
C C C
C C C
C C C


Se esistono un numero infinito di piani di simmetria materiale allora si parla di materiale isotropo,
con la seguente matrice delle rigidezze:




x
Materiale Trasversalmente
Isotropo
5 costanti indipendenti
Materiale Ortotropo
9 costanti indipendenti
y
z
Appunti di Costruzione di Macchine
7/63
( )
( )
( )

'

1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
]
1

'

6
5
4
3
2
1
12 11
12 11
12 11
11 12 12
12 11 12
12 12 11
6
5
4
3
2
1
2
0 0 0 0 0
0
2
0 0 0 0
0 0
2
0 0 0
0 0 0
0 0 0
0 0 0

C C
C C
C C
C C C
C C C
C C C


Materiale Isotropo
2 costanti indipendenti
Appunti di Costruzione di Macchine
8/63
MATRICI COSTITUTIVE IN TERMINI DI COSTANTI
INGEGNERISTICHE

Le prove di caratterizzazione dei materiali forniscono generalmente le costanti ingegneristiche che,
attraverso la loro definizione pur sempre convenzionale almeno nella simbologia e nella
normalizzazione delle matrici, presentano un intrinseco significato fisico capace di far meglio
intendere i corrispondenti termini delle astratte matrici di rigidezza e cedevolezza.
Le definizioni pi diffuse comportano la scrittura delle matrici costitutive in termini di costanti
ingegneristiche quali moduli elastici E
i
, moduli di elasticit trasversale G
ij
e moduli di contrazione
laterale
ij
. Attenendoci alle definizioni e notazioni di Jones
1
si possono scrivere le matrici
costitutive facendo comparire esplicitamente i moduli elastici e le altre costanti ottenendo il legame:

{ } [ ] { } S
in cui per i materiali ortotropi

[ ]
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
]
1

12
31
23
3 2
23
1
13
3
32
2 1
12
3
31
2
21
1
1
0 0 0 0 0
0
1
0 0 0 0
0 0
1
0 0 0
0 0 0
1
0 0 0
1
0 0 0
1
G
G
G
E E E
E E E
E E E
S





dove
E
1
, E
2
, E
3
sono rispettivamente i moduli di Young nelle direzioni 1, 2, 3

1
R. M. Jones - Mechanics of Composite Materials, Mc Graw-Hill
Appunti di Costruzione di Macchine
9/63

ij
il rapporto di Poisson per dilatazione nella direzione j quando la tensione applicata
nella direzione i, ovvero:
i
j
ij

per
i
e tutte le altre tensioni nulle.
G
23
, G
31
, G
12
sono rispettivamente i moduli di taglio nei piani 2-3, 3-1, 1-2.
Per i materiali isotropi, invece, la matrice [S] si particolarizza in:

[ ]
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
]
1

G
G
G
E E E
E E E
E E E
S
1
0 0 0 0 0
0
1
0 0 0 0
0 0
1
0 0 0
0 0 0
1
0 0 0
1
0 0 0
1
1





Tenendo presente che
33 22 11
S S S ,
13 23 12
S S S ,
( )
( )
E G
S S S S S
+

1 2 1
2
12 11 66 55 44
, nel rispetto della circostanza che le costanti
indipendenti sono solo due. Per il materiale isotropo linversione del legame fornisce la matrice
delle rigidezze, una volta che sia stato posto
( ) ( )

2 1 1 +

E
, nella forma:

[ ]
1
1
1
1
1
1
1
1
]
1

+
+
+

G
G
G
G
G
G
C
0 0 0 0 0
0 0 0 0 0
0 0 0 0 0
0 0 0 2
0 0 0 2
0 0 0 2





Ricordando che per un materiale ortotropo abbiamo 9 costanti indipendenti, poich vale la relazione
ji ij
S S in termini di costanti ingegneristiche risulta
j
ji
i
ij
E E

con 3 , 2 , 1 , j i .
Appunti di Costruzione di Macchine
10/63
La differenza tra
12
e
21
per un materiale ortotropo si pu evincere grazie allausilio delle seguenti
figure, dove sono mostrati due casi di tensione uniassiale applicati ad un elemento quadrato.

2
L
12
L
11

1
L
L


In questo caso le deformazioni sono pari a
1
1
E


1
12
2
E
ed in termini di spostamenti:
1
11
E
L
L



; L
E
L

1
12
12

dove il primo pedice indica la direzione di applicazione del carico.

L
22
L
21

L
L
2
1

In questo secondo caso, invece, le deformazioni sono pari a


2
21
1
E
e
2
2
E

ed
analogamente in termini di spostamenti:
Appunti di Costruzione di Macchine
11/63

2
22
E
L
L



; L
E
L

2
21
21

Ovviamente, se
2 1
E E > risulta
22 11
L L < e indipendentementee dai valori dei moduli di Young a
causa delle relazioni di reciprocit
j
ji
i
ij
E E

con 3 , 2 , 1 , j i si ha:

12 21
L L

Questa relazione una logica generalizzazione della legge di Betti per materiali anisotropi: la
deformazione trasversale la stessa quando la tensione applicata sia nella direzione 1 sia nella
direzione 2.
Poich le matrici di rigidezza e di flessibilit sono mutuamente inverse, per i materiali ortotropi
risulta:
S
S S S
C
2
23 33 22
11

;
S
S S S
C
2
13 11 33
22

;
S
S S S
C
2
12 22 11
33

;
S
S S S S
C
33 12 23 13
12

;

S
S S S S
C
22 13 23 12
13

;
S
S S S S
C
11 23 13 12
23

;
S
S S S S
C
11 23 13 12
23

;

44
44
1
S
C ;
55
55
1
S
C ;
66
66
1
S
C ;

dove
13 23 12
2
12 33
2
13 22
2
23 11 33 22 11
2 S S S S S S S S S S S S S +
Nelle precedenti relazioni, i simboli C e S possono essere intercambiati ovunque per ottenere le
relazioni di conversione.
Restrizioni sulle costanti elastiche
Materiali isotropi

Per i materiali isotropi esistono alcune relazioni tra le costanti elastiche che devono essere
soddisfatte. Ad esempio, dallespressione che definisce il modulo di taglio
( ) +

1 2
E
G , essendo
E e G termini sempre positivi, otteniamo che 1 > .
Appunti di Costruzione di Macchine
12/63
Allo stesso modo, se un corpo isotropo soggetto ad una pressione idrostatica allora la
deformazione volumetrica, data dalla somma dei termini nelle tre direzioni, risulta:
( )
K
p
E
p
z y x


+ +


2 1 3

Il modulo di massa (bulk)
( ) 2 1 3

E
K positivo solo se 0 > E e
2
1
< .
Se il modulo di massa fosse negativo, una pressione idrostatica sarebbe la causa di una espansione
di un cubo di materiale isotropo. Di qui, per evitare che un taglio o un carico idrostatico producano
energia di deformazione negativa o nulla, nei materiali isotropi il rapporto di Poisson ha le seguenti
restrizioni:
2
1
1 < <

Materiali ortotropi

Per i materiali ortotropi le relazioni tra le costanti elastiche sono pi complesse di quelle incontrate
per i materiali isotropi. Il prodotto di una componente di tensione con la sua corrispondente
componente di deformazione rappresenta il lavoro fatto dalla tensione. La somma dei lavori fatti da
tutte le componenti di tensione e la componente di energia devono risultare positive. Questa
condizione fornisce un vincolo termodinamico sui valori delle costanti elastiche pi semplicemente
dimostrabile in relazione ai materiali isotropi. Tale vincolo fu esteso ai materiali ortotropi da
Lempriere, considerando le matrici di rigidezza e cedevolezza sempre definite positive. Questa
condizione matematica pu essere sostituita dalla seguente considerazione fisica: se ad un corpo
applicata solo una tensione normale alla volta, la deformazione corrispondente determinata dagli
elementi diagonali della matrice di cedevolezza. Da qui risulta che questi elementi devono essere
positivi e quindi:

0 , , , , ,
66 55 44 33 22 11
> S S S S S S

o in termini di costanti ingegneristiche

0 , , , , ,
12 31 23 3 2 1
> G G G E E E
Appunti di Costruzione di Macchine
13/63

Analogamente, considerando solo una deformazione normale alla volta, la tensione corrispondente
determinata dagli elementi diagonali della matrice di rigidezza. Da qui risulta che tali elementi
devono risultare positivi e quindi otteniamo:
0 , , , , ,
66 55 44 33 22 11
> C C C C C C

mentre in termini di costanti ingegneristiche, ricavando le componenti di rigidezza invertendo la
matrice di cedevolezza, si ha

( ) ( ) ( ) 0 1 , 1 , 1
21 12 31 13 32 23
> e 0 2 1
13 32 21 21 12 31 13 32 23
>

poich il determinante di una matrice definita positiva deve essere positivo.
Per la positivit delle rigidezze la prima condizione si pu scrivere:

( )2
1
33 22 23
S S S <
( )2
1
33 11 13
S S S <
( )2
1
22 11 12
S S S <

ed usando la condizione di simmetria delle cedevolezze

j
ji
i
ij
E E

con 3 , 2 , 1 , j i

ottenendo

2
1
1
2
21

,
_

<
E
E
;
2
1
2
1
12

,
_

<
E
E

2
1
2
3
32

,
_

<
E
E
;
2
1
3
2
23

,
_

<
E
E

Appunti di Costruzione di Macchine
14/63
2
1
3
1
13

,
_

<
E
E
;
2
1
1
3
31

,
_

<
E
E


Per la seconda condizione (pag. preced.), invece, alla luce di quanto gi scritto otteniamo:
2
1
2
1
1
3 2
13
3
2 2
32
2
1 2
21
13 32 21
<

,
_

,
_

,
_


<
E
E
E
E
E
E



Raggruppando

0 1 1
2
2
1
13 32
2
1
1
2
21
1
3 2
13
3
2 2
32
>
1
1
1
]
1

,
_

,
_


1
]
1

,
_


1
]
1

,
_


E
E
E
E
E
E
E
E


Le precedenti restrizioni sulle costanti ingegneristiche per i materiali ortotropi sono usate per
esaminare i dati sperimentali al fine di verificare la loro consistenza fisica nella struttura del
modello matematico dellelasticit.
















Appunti di Costruzione di Macchine
15/63










PARTICOLARIZZAZIONE DEL LEGAME
DORTOTROPIA

Stato piano di tensione
Lamina ortotropa
A causa della particolare costituzione strutturale dei materiali per i quali il legame costitutivo
presenta le caratteristiche dellortotropia, conviene ridursi allo studio di un problema piano, con
riferimento alle tensioni relative ad un solido con una dimensione molto ridotta rispetto alle altre
due. Indicando con 1, 2, 3 le direzioni delle simmetrie poniamo che lo stato tensionale sia piano per
avere 0
23 13 3
, per cui scrivendo il legame completo si ha:

'

1
1
1
1
1
1
1
1
]
1

'

12
2
1
66
55
44
33 32 31
23 22 21
13 12 11
12
13
23
3
2
1
0
0
0
0 0 0 0 0
0 0 0 0 0
0 0 0 0 0
0 0 0
0 0 0
0 0 0

S
S
S
S S S
S S S
S S S


Elidendo le identit banali e scrivendo separatamente lequazione
2 32 1 31 3
+ S S si pu
scrivere in forma ridotta:
Appunti di Costruzione di Macchine
16/63

'

1
1
1
]
1

'

12
2
1
66
22 21
12 11
12
2
1
0 0
0
0

S
S S
S S


La relazione si pu invertire ottenendo la matrice delle rigidezze ridotte

'

1
1
1
]
1

'

12
2
1
66
22 21
12 11
12
2
1
0 0
0
0

Q
Q Q
Q Q


Per i coefficienti delle matrici sussistono le relazioni [ ] [ ] Q S
1
nel caso in esame di tensione
piana, per cui risulta
33
3 3
C
C C
C Q
j i
ij ij

essendo in termini di costanti ingegneristiche:



( )
21 12
1
11
1

E
Q ;
( )
12 21
2
22
1

E
Q ;
( ) ( )
21 12
1 21
21 12
2 12
12
1 1

E E
Q ;
12 66
G Q

Stato piano di deformazione

Se si parte dallipotesi di stato piano di deformazione, ipotesi particolarmente attendibile per solidi
indefiniti, secondo una direzione (ad esempio la terza), si impone nel legame tensioni deformazioni
{ } [ ] { } C la condizione 0
23 13 3
, ottenendo il legame ridotto:

'

1
1
1
]
1

'

12
2
1
66
22 21
12 11
12
2
1
0 0
0
0

C
C C
C C


con la relazione
2 32 1 31 3
+ C C .
Linversione del legame comporta [ ] [ ] R C
1
e risulta
33
3 3
S
S S
S R
j i
ij ij

.
Appunti di Costruzione di Macchine
17/63

TABELLA RIASSUNTIVA DEI LEGAMI COSTITUTIVI

3D 2D Tensione Piana 2D Deformazione Piana
RIGIDEZZE C Q C
FLESSIBILITA S S R



Materiali ortotropi - Trasformazioni Caratteristiche
Tensioni

2

1
x
y


(0; 1; 2) assi del materiale
(0; x; y) assi generici

x

1

y

2

xy

12

Appunti di Costruzione di Macchine
18/63
1. Trasformazione OFF AXIS ON AXIS

cos 1
1

xy

xy

12

1
sin 1


1.a) equilibrio lungo x (determinazione di
1
e
12
)

sin cos sin cos
12 1
+
xy x

1.b) equilibrio lungo y (determinazione di
1
e
12
)

cos sin cos sin
12 1
+ +
xy y



risolvendo il sistema 1.a / 1.b ed essendo 1
cos
cos




sin
sin
si ha:




cos sin 2 sin cos
cos cos sin
sin sin cos
2 2
1
+ +

+
+

xy y x
xy y
xy x


( )

2 2
12
sin cos cos sin cos sin
cos sin sin
sin cos cos
+ +

+
+

xy y x
xy y
xy x

Appunti di Costruzione di Macchine
19/63

12

xy

xy

x
1
sin 1
cos 1


1.c) equilibrio lungo x (determinazione di
2
e
12
)

cos sin cos sin
12 2
+ +
xy x

1.d) equilibrio lungo y (determinazione di
2
e
12
)

sin sin
xy y
+ cos cos
12 2


Dalle relazioni 1.c / 1.d si trae:




cos sin 2 sin cos
sin sin cos
cos cos sin
2 2
2
+

xy x y
xy y
xy x


e
12
con espressione identica alla gi sopra determinata.

2. Trasformazione ON AXIS OFF AXIS

2.a) equilibrio lungo x (determinazione di
x
e
xy
)

sin sin
xy x
+
12 1
cos cos
2.b) equilibrio lungo y (determinazione di
x
e
xy
)

cos cos
12 1
+ + sin sin
xy y

2.c) equilibrio lungo x (determinazione di
y
e
xy
)

cos cos
12 2
sin sin
xy x

Appunti di Costruzione di Macchine
20/63
2.d) equilibrio lungo y (determinazione di
y
e
xy
)

sin sin
xy y
+
12 2
cos cos

risolvendo il sistema 2.a / 2.c ed essendo 1
cos
cos




sin
sin
si ha:




cos 2 cos
cos cos
cos
12
2
2
2
1
12 2
12 1
+



sin sin
sin
sin sin
x


( )

2 2
12 2 1
12 2
12 1
sin cos cos sin cos sin
cos sin sin
sin cos cos
+

xy

Dalle relazioni 2.b / 2.d ed essendo 1
cos
cos




sin
sin
si trae:




cos 2 cos
cos
cos cos
12
2
2
2
1
12 2
12 1
+ +

+
+
sin sin
sin sin
sin
y


e
xy
con espressione identica alla gi sopra determinata.

In definitiva:

OFF AXIS ON AXIS
[ ]

'

'

1
1
1
]
1

'

xy
y
x
xy
y
x
T

2 2
2 2
2 2
12
2
1
sin cos cos sin cos sin
cos sin 2 cos sin
cos sin 2 sin cos


ON AXIS OFF AXIS
Appunti di Costruzione di Macchine
21/63
[ ]

'

'

1
1
1
]
1

'

12
2
1
1
12
2
1
2 2
2 2
2 2
cos cos cos
cos 2 cos
cos 2 cos

T
sin sin sin
sin sin
sin sin
xy
y
x



Deformazioni


O
y
x
y
x


O
y
x
y
x



Detto (O, x, y) un sistema di riferimento cartesiano e (O, x, y) il medesimo sistema ruotato di un
angolo intorno ad O, le relazioni tra le ascisse e le ordinate di un generico punto P nei due sistemi
di riferimento sono:
sin cos
'
+ y x x // sin cos
' '
y x x
cos sin
'
+ y x y // cos sin
' '
+ + y x y

cos
'

x
x
; sin
'

y
x
; sin
'

x
y
; cos
'

y
y


Il legame tra deformazioni e spostamenti

x
u
x

;
y
v
y

;
y
u
x
v
xy



Appunti di Costruzione di Macchine
22/63
sin cos
' '
v u u // sin cos
'
+ v u u
cos sin
' '
+ + v u v // cos sin
'
+ v u v

x
y
y
u
x
x
x
u
x

'
'
'
'


essendo

cos
'

x
x
; ( ) sin cos
' '
' '

v u
x x
u
; sin
'

x
y
; ( ) sin cos
' '
' '

v u
y y
u


otteniamo:

cos sin sin cos
' '
2
'
2
'
+
y x y x x


Analogamente
x
y
y
v
x
x
x
v
y

'
'
'
'

cos sin cos sin
' '
2
'
2
'
+ +
y x y x y

y
y
y
u
y
x
x
u
x
y
y
v
x
x
x
v
xy

'
'
'
'
'
'
'
'

[ ]

2 2
' '
' '
sin cos
2
cos sin cos sin
2
+ +
y x
y x
xy


2
1

2 1
12
(x)

x

x
2

1

xy
y

y
2
1

2 1
12
(-x)

x

x
2

1

xy
y

y

[T] [S
ij
] [T]
-1

Appunti di Costruzione di Macchine
23/63

TRASFORMAZIONE 1 TENSIONI / DEFORMAZIONI
DETERMINAZIONE DELLA MATRICE DELLE CEDEVOLEZZE [S]


2
1

2
1

12
(-x)

x

x
2

1

xy
y

y
2
1

2
1

12
(x)

x

x
2

1

xy
y

y

[T] [Q
ij
] [T]
-1


TRASFORMAZIONE 2 DEFORMAZIONI / TENSIONI
DETERMINAZIONE DELLA MATRICE DELLE RIGIDEZZE [Q]


RELAZIONI TRA TENSIONI E DEFORMAZIONI PER
GENERICHE ORIENTAZIONI DELLE DIREZIONI
DORTROTOPIA DELLA LAMINA

In quanto precede si determinata la matrice che consente lespressione delle tensioni e delle
deformazioni secondo direzioni generiche in relazione a quelle principali dortotropia della lamina.
Assumiamo ora
[ ]

'

'

xy
y
x
T

12
2
1
; [ ]

'

'

2
2
12
2
1
xy
y
x
T



in cui [T] desumibile dalle considerazioni prima svolte ed pari a:
Appunti di Costruzione di Macchine
24/63
[ ]
1
1
1
]
1




2 2
2 2
2 2
cos cos cos
cos 2 cos
cos 2 cos
sin sin sin
sin sin
sin sin
T

Introducendo la matrice di Reuter
1
1
1
]
1

2 0 0
0 1 0
0 0 1
] [R
si pu opportunamente riportare la scrittura delle deformazioni alle seguenti relazioni
[ ]

'

'

2
12
2
1
12
2
1

R ; [ ]

'

'

2
xy
y
x
xy
y
x
R



Pertanto possiamo procedere alle operazioni di trasformazione partendo dal legame descritto con
riferimento agli assi dortotropia in termini di matrice delle rigidezze
[ ]

'

'

12
2
1
12
2
1

Q
[ ] [ ] [ ]

'

'

'


12
2
1
1
12
2
1
1

Q T T
xy
y
x


proseguendo in successione si ottiene
[ ] [ ] [ ] [ ] [ ] [ ] [ ] [ ] [ ] [ ] [ ] [ ] [ ] [ ]

'

'

'

'



xy
y
x
xy
y
x
R T R Q T T R Q T R Q T Q T

1 1 1
12
2
1
1
12
2
1
1
2
2

essendo [ ] [ ] [ ] [ ]
1
R T R T
T
in definitiva si pu scrivere
Appunti di Costruzione di Macchine
25/63
[ ] [ ] [ ]

'

'


xy
y
x
T
xy
y
x
T Q T

1

in cui la matrice [ ] [ ] [ ] [ ]
T
T Q T Q


1
la matrice ridotta trasformata delle rigidezze.
A conti fatti i coefficienti di rigidezza sono i seguenti:

( )
4
22
2 2
66 12
4
11 11
cos 2 2 cos sin Q sin Q Q Q Q + + +
( ) ( )
4 4
12
2 2
66 22 11 12
cos cos 4 + + + sin Q sin Q Q Q Q
( )
4
22
2 2
66 12
4
11 22
cos cos 2 2 + + + Q sin Q Q sin Q Q
( ) ( )
3
66 22 12
3
66 12 11 16
cos 2 cos 2 + + sin Q Q Q sin Q Q Q Q
( ) ( ) cos 2 cos 2
3
66 22 12
3
66 12 11 26
+ + sin Q Q Q sin Q Q Q Q
( ) ( )
4 4
66
2 2
66 12 22 11 66
cos cos 2 2 + + + sin Q sin Q Q Q Q Q

Poich sono presenti tutti e nove i termini di rigidezza, il legame appare come anisotropo pur
nascondendo il fondamentale comportamento ortotropo (lamina generalmente ortotropa). Questo
perch i nove termini dipendono da sole quattro costanti materiali indipendenti Q
11
, Q
22
, Q
12
, Q
66
.
Lopportuno orientamento del riferimento della lamina riporta alle caratteristiche visibilmente
ortotrope oltre a facilitare notevolmente le sperimentazioni atte a definirne le propriet meccaniche.
In maniera analoga si pu procedere per individuare il legame inverso a partire da

[ ]

'

'

12
2
1
12
2
1

S
In successione
[ ] [ ] [ ]

'

'

'


12
2
1
1
12
2
1
1
12
2
1
2

S R R

Appunti di Costruzione di Macchine
26/63
[ ] [ ] [ ] [ ]

'

'

'


12
2
1
1 1
12
2
1
1
2
2

S R T T
xy
y
x


[ ] [ ] [ ] [ ] [ ]

'

'

'


12
2
1
1 1
2

S R T R R
xy
y
x
xy
y
x


Trasformando le tensioni si ha

[ ] [ ] [ ] [ ] [ ]

'

'


xy
y
x
xy
y
x
T S R T R

1 1


Infine, posto [ ] [ ] [ ] [ ]
1 1
R T R T
T
ed introducendo la matrice di flessibilit ridotta trasformata
[ ] [ ] [ ] [ ] T S T S
T
si pu scrivere:
[ ]

'

'

xy
y
x
xy
y
x
S



I termini della matrice di flessibilit risultano essere i seguenti:

( )
4
22
2 2
66 12
4
11
11 cos 2 cos sin S sin S S S S + + +
( ) ( )
4 4
12
2 2
66 22 11
12 cos cos + + + sin S sin S S S S
( )
4
22
2 2
66 12
4
11
22 cos cos 2 + + + S sin S S sin S S
( ) ( ) cos 2 2 cos 2 2
3
66 12 22
3
66 12 11
16 sin S S S sin S S S S
( ) ( )
3
66 12 22
3
66 12 11
26 cos 2 2 cos 2 2 sin S S S sin S S S S
Appunti di Costruzione di Macchine
27/63
( ) ( )
4 4
66
2 2
66 12 22 11
66 cos cos 4 2 2 2 + + + sin S sin S S S S S

Come si accennato prima, la presenza di tensioni Q
12
e Q
26
ovvero S
12
e S
26
fa apparire le matrici
in tutto simili a quelle dei materiali anisotropi. In questo caso, ritornando a scrivere in termini di
costanti ingegneristiche i coefficienti ad esempio della matrice di flessibilit, si ha in anisotropia:

1
11
1
E
S ;
2
21
1
12
12
E E
S

;
2
22
1
E
S ;
12
66
1
G
S ;
12
12 , 1
1
1 , 12
16
G E
S

;
12
12 , 2
2
2 , 12
26
G E
S



Le costanti
ij,i
e
i,ij
sono state introdotte da LEKHNITSKI e si definiscono nel modo seguente:

ij
i
ij i


,
Coefficiente di mutua influenza di prima specie che caratterizza le
deformazioni normali in direzione i per effetto di scorrimento unitario nel
piano i, j con
ij
e tutte le rimanenti tensioni nulle.

i
ij
i ji


,
Coefficiente di mutua influenza di seconda specie che caratterizza lo
scorrimento nel piano i, j per effetto di tensione normale in direzione i

i
con tutte le rimanenti tensioni nulle.

Esplicitando il legame costitutivo, utilizzando la solita convenzione circa la normalizzazione, si ha:

'

1
1
1
1
1
1
1
]
1

'

12
2
1
12 2
2 , 12
1
1 , 12
12
12 , 2
2 1
12
12
12 , 1
2
21
1
12
2
1
1
1
1

G E E
G E E
G E E


Appunti di Costruzione di Macchine
28/63
Ulteriori costanti in anisotropia sono state introdotte da CHENTSOV e sono definite come:

kl ij,

Coefficiente di Chentsov che caratterizza lo scorrimento nel piano i, j dovuto


alla tensione di recisione nel piano k, l in presenza di
kl
con tutte le
rimanenti tensioni nulle.

La seguente definizione e le condizioni di simmetria consentono di scrivere:

kl
ij
kl ij


, per
kl
e
0 ,

ij
ij kl
kl
kl ij
G G
, ,



Pertanto le matrici di ortotropia generale e di anisotropia in cui esplicitamente compaiono le
costanti introdotte sono desumibili dalle tabelle seguenti:


1

2

12

1

1
1
E

2
21
E


12
12 , 1
G

2

1
12
E


2
1
E

12
12 , 2
G

12

1
1 , 12
E


2
2 , 12
E


12
1
G



Appunti di Costruzione di Macchine
29/63

1

2

3

23

13

12

1

1
1
E

2
21
E


3
31
E


23
23 , 1
G


13
13 , 1
G


12
12 , 1
G

2

1
12
E


2
1
E

3
23
E


23
23 , 2
G


13
13 , 2
G


12
12 , 2
G

3

1
13
E


2
32
E


3
1
E

23
23 , 3
G


13
13 , 3
G


12
12 , 3
G

23

1
1 , 23
E


2
2 , 23
E


3
3 , 23
E


23
1
G

13
13 , 23
G


12
12 , 23
G

13

1
1 , 13
E


2
2 , 13
E


3
3 , 13
E


23
23 , 13
G


13
1
G

12
12 , 13
G

12

1
1 , 12
E


2
2 , 12
E


3
3 , 12
E


23
23 , 12
G


13
13 , 12
G


12
1
G


Inoltre, servendosi delle relazioni di trasformazione a pag. 25 (?) possibile ricavare le costanti
ingegneristiche apparenti in termini di moduli elastici e coefficienti di Poisson e Lekhnitski per una
lamina ortotropa sollecitata in generiche direzioni x, y.

4
2
2 2
1
12
12
4
1
sin
1
cos sin 2
1
cos
1 1
+

,
_

+
E E G E E
x

( )
1
]
1

,
_

+ +

2 2
12 2 1
4 4
1
12
cos sin
1 1 1
cos sin
G E E E
E
x xy

4
2
2 2
1
12
12
4
1
cos
1
cos sin
1
sin
1 1
+

,
_

+
E E G E E
y

Appunti di Costruzione di Macchine
30/63
( )

4 4
12
2 2
12 1
12
2 1
cos sin
1
cos sin
1
4
2 2
2
1
+ +

,
_

+ +
G G E E E G
xy

1
]
1

,
_

,
_

cos sin
1
2
2
cos sin
1
2
2
3
12 1
12
2
3
12 1
12
1
,
G E E G E E
E
x x xy
1
]
1

,
_

,
_

3
12 1
12
2
3
12 1
12
1
,
cos sin
1
2
2
cos sin
1
2
2
G E E G E E
E
y y xy

In figura possiamo vedere landamento dei moduli normalizzati per il materiale composito
glass/epoxy. La normalizzazione viene fatta per permettere una conveniente comparazione della
maggior parte dei moduli in una singola figura.



Appunti di Costruzione di Macchine
31/63


Appunti di Costruzione di Macchine
32/63
DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI TENSILI DEI
MATERIALI ORTOTROPI IN LAMINA

La caratterizzazione dei materiali ortotropi risulta pi laboriosa di quella relativa ai materiali
isotropi, in quanto risulta maggiore il numero di costanti di elasticit e caratteristiche di resistenza
da determinare e dei quali verificare oltretutto la compatibilit in relazione alle simmetrie ed alla
definizione positiva della matrice costitutiva.
Le notazioni correnti prevedono luso della seguente simbologia per indicare le tensioni limite
sopportabili dai materiali in oggetto:

X
t
resistenza longitudinale a trazione
X
c
resistenza longitudinale a compressione
Y
t
resistenza trasversale a trazione
Y
c
resistenza trasversale a compressione
S resistenza alla recisione

Queste resistenze devono essere definite nelle direzioni materiali principali.

S
Y
X
2
1


Il valore massimo della tensione di recisione sopportabile dal materiale risulta lo stesso sia che si
abbia taglio positivo che negativo nelle direzioni principali di materiale.




cos sin
sin
cos
12
2
2
2
1



x
x
x
Appunti di Costruzione di Macchine
33/63
TAGLIO
+
2
1

TAGLIO
-
2
1



Questa circostanza evidenziata dalla precedente figura in cui si vede che le tensioni principali a
45 di trazione e compressione, uguali tra loro se indotte da un taglio nelle direzioni di materiale,
provocano una sollecitazione nel caso di taglio positivo speculare rispetto a quella relativa al taglio
negativo.
La situazione risulta invece differente nel caso di taglio applicato in direzioni non principali, come
evidenziato in figura seguente per il caso di angolazione di 45:

Appunti di Costruzione di Macchine
34/63

TAGLIO
+
2
1

TAGLIO
-
2
1


Se il comportamento a trazione e compressione del materiale risulta differente, diverso sar anche il
comportamento sotto taglio positivo e negativo applicato in direzioni non principali di materiale.

Determinazione sperimentale delle caratteristiche elastiche e della
resistenza di una lamina di materiale ortotropo

Le caratteristiche elastiche che vanno determinate attraverso prove meccaniche sono costituite dai
moduli elastici E
1
ed E
2
, dai coefficienti di contrazione laterale
12
e
21
e dal modulo di elasticit
trasversale G
12
. Di questi parametri solo quattro sono indipendenti per le propriet di simmetria.

Caratteristiche elastiche:
Appunti di Costruzione di Macchine
35/63

E
1
; E
2
;
1
2
12

'

nulle
tensioni
rimanenti

1
;
2
1
21

'

nulle
tensioni
rimanenti

2
; G
12

Il campo preso in considerazione quello lineare fino allinsorgere di fenomeni di plasticizzazione.
I sistemi di carico monoassiale nei provini isotropi sono pi semplici da realizzare, mentre in quelli
anisotropi presentano difficolt per laccoppiamento che pu riscontrarsi ottenendo effetti
indesiderati. Infatti, pu verificarsi che tensioni normali inducano tagli, ovvero inflessioni e che
tagli inducono tensioni normali.


2
P
P
1
A
P
X
ult

A
P

1

1
2
12


1
1
1

E tg

ult1

1


Consideriamo, ora, solo una fetta di questo elemento:
Appunti di Costruzione di Macchine
36/63

P P 2
1


A
P
Y
ult

A
P

1

2

2
1
21


2
2
2

E tg

ult2

2


Si osservi che deve verificarsi la relazione di simmetria
2
21
1
12
E E

e che il mancato verificarsi della
suddetta condizione indica errore di chiusura, ovvero comportamento non lineare dei materiali.
Servendosi delle relazioni che esprimono le costanti ingegneristiche in funzione dellorientazione, si
pu procedere ad una prova su lamina tagliata a 45 rispetto alle direzioni principali.

Appunti di Costruzione di Macchine
37/63
45
1
y
2
x
P
P

x
x
x
E tg

x


Particolarizzando con 45 , la relazione che esprime il modulo elastico in direzione x :

,
_

+ +
2 12 1
12
1
1 1
2
1
4
1 1
E G E E E
x

(vedi pag. 28??)


Da questa espressione si pu trarre il modulo di elasticit trasversale una volta noti gli altri
parametri:

,
_

2 1
12
1
12
1
2
1 4
1
E E E E
G
x



Grande influenza hanno gli effetti distorsivi e di bordo; il rischio di errore che, qualora si operi su
provini non molto lunghi, essi siano significativi e anzich operare con la relazione
x x x
E si
cada nellaltra
x x
Q
11
essendo pure 0
xy y
e la sola 0
x
.

Appunti di Costruzione di Macchine
38/63


Per ottenere la validit della
x x x
E bisogna operare su provini con elevato rapporto
lunghezza / larghezza e non provocare effetti distorsivi.
Per ricavare il modulo trasversale G12 si pu pensare ad una prova condotta su un provino
cilindrico in parete sottile per il quale si pu anche trarre il valore limite della sollecitazione di
recisione come evidenziato in figura.

ult
S
12

t r
M
A
M
t t
2
12
2 2

12
12
12

xy

xy


Il tubo realizzato con pochi strati equiorientati in quadratura con le direzioni assiali e
circonferenziali, con i bordi rinforzati. Le relazioni che si utilizzano sono quelle relative alla
torsione dei cilindri in parete sottile.
Appunti di Costruzione di Macchine
39/63
CRITERI DI RESISTENZA
Criterio di Massima Tensione
Le tensioni nelle direzioni materiali principali devono essere inferiori alle rispettive resistenze,
altrimenti si verifica la rottura:

S
Y
X
t
t
<
<
<
12
2
1

nel caso di trazione



c
c
y
x
>
>
2
1

nel caso di compressione



E possibile trovare le trasformazioni che forniscono le espressioni delle tensioni nelle direzioni
materiali principali
x
A
x
A


che in forma compatta diventano:

{ } [ ] { }
y x
T
, 2 , 1



Dallaccoppiamento delle precedenti relazioni, la massima tensione uniassiale
x
la pi piccola
delle seguenti:
Appunti di Costruzione di Macchine
40/63

2
cos
t
x
X
< ;

2
sin
t
x
Y
< ;

cos sin
<
S
x
e

cos sin

>
S
x




Criterio di Massima Deformazione
La teoria della massima deformazione del tutto analoga a quella della massima tensione: in questo
caso, le limitazioni sono imposte alle deformazioni. Specificatamente, il materiale si trova in
condizioni di rottura se una o pi delle disuguaglianze di seguito riportate non sono soddisfatte.

S
Y
X
t
t
<
<
<
12
2
1
tensione

c
c
y
x

>
>
2
1
compressione

I termini X
t
e x
c
rappresentano la massima deformazione normale a tensione e compressione lungo
la direzione 1, i termini Y
t
e y
c
rappresentano la massima deformazione normale a tensione e
compressione lungo la direzione 2, mentre S

il massimo scorrimento nel piano 1, 2.


Appunti di Costruzione di Macchine
41/63
Dalle relazioni tensione / deformazione

( )
( )
12
12
12
1 21 2
2
2
2 12 1
1
1
1
1
G
E
E





sostituendo i termini delle tensioni principali ottenute dalle seguenti trasformazioni




cos sin
sin
cos
12
2
2
2
1



x
x
x


si ottengono le espressioni delle deformazioni:

( )
t x
X
E

<
2
12
2
1
1
sin cos
1

( )
2
21
2
2
2
cos sin
1

x
E

cos sin
1
12
12

x
G


1
E
X
X
t

;
2
E
Y
Y
t

;
12
G
S
S

2
12
2
sin cos
<
t
x
X
;

2
21
2
cos sin
<
t
x
Y
;

cos sin
<
S
x


Appunti di Costruzione di Macchine
42/63


Criterio di TSAI HI LL

La relazione di TSAI HILL (criterio di snervamento per materiali anisotropi), nella sua forma
estesa, si pu scrivere:

( ) ( ) ( )
1 2 2 2
2 2 2
2
12
2
13
2
23
3 2 3 1 2 1
2
3
2
2
2
1
+ + +
+ + + + + +


N M L
F G H G F H F H G


dove F, G, H, L, M, N sono i parametri di resistenza a rottura di Hill.
E possibile particolarizzare la suddetta relazione:
1. se agisse solo
12
avremmo:

1 2
2
12
N che al limite diventa
2
1
2
S
N

2. se agisse solo
1
avremmo:

( ) 1
2
1
+ H G che al limite diventa ( )
2
1
X
H G +
Appunti di Costruzione di Macchine
43/63

3. se agisse solo
2
avremmo:

( ) 1
2
2
+ H F che al limite diventa ( )
2
1
Y
H F +

4. se agisse solo
3
avremmo:

( ) 1
2
3
+ G F che al limite diventa ( )
2
1
Z
G F +

Otteniamo cos il sistema di equazioni:

( )
2
1
X
H G +
( )
2
1
Y
H F +
( )
2
1
Z
G F +

Combinando opportunamente le tre equazioni possibile separare i termini in F, G, H:
2 2 2
1 1 1
2
X Z Y
F +
2 2 2
1 1 1
2
Y Z X
G +
2 2 2
1 1 1
2
Z Y X
H +

Con Z Y e per
1
,
2
, 0
12
la relazione di TSAI HILL, alla luce delle precedenti espressioni,
diventa:
1
2
2
12
2
2
2
2
2 1
2
2
1
+ +

S Y X X



Infine, dalle seguenti note espressioni
Appunti di Costruzione di Macchine
44/63

2
1
cos
x
;
2
2
sin
x
; cos sin
12

x

otteniamo
2
4
2 2
2 2 2
4
2
sin
cos sin
1 1 cos 1
Y X S X
x

,
_

+



Per un materiale isotropo risulta valido il criterio di TSAI HILL a causa della sua invarianza
rispetto allangolo (cosa che non si verifica nel criterio di massima tensione):
S Y X 3 X
x
<

Criterio di TSAI WU

In forma tensionale la superficie di crisi viene espressa da TSAI WU come:

1 +
j i ij i i
F F con 6 ,..., 1 , j i nel caso generale
dove F
i
e F
ij
sono rispettivamente i tensori resistenza del secondo e quarto ordine.
Particolarizzando lespressione di TSAI WU nel caso di una lamina ortotropa sottoposta ad uno
stato piano di tensione, otteniamo:
Appunti di Costruzione di Macchine
45/63

1 2
2 1 12
2
6 66
2
2 22
2
1 11 6 6 2 2 1 1
+ + + + + + F F F F F F F

dove
12 6
e F
12
un coefficiente che tiene conto dellinterazione tra le tensioni nelle due
diverse direzioni.
Seguendo il procedimento gi visto in precedenza si possono determinare i coefficienti F
i
e F
ij

In direzione 1 abbiamo
1
2
11 1
+
t t
X F X F nel caso di trazione
1
2
11 1
+
c c
x F x F nel caso di compressione

Dal sistema di due equazioni in due incognite otteniamo facilmente le espressioni dei coefficienti:

c t
x X
F
1 1
1
+ ;
c t
x X
F


1
11


Similmente, in direzione 2 abbiamo

1
2
22 2
+
t t
Y F Y F nel caso di trazione
1
2
22 2
+
c c
y F y F nel caso di compressione

e quindi le espressioni dei coefficienti sono:
c t
y Y
F
1 1
2
+ ;
c t
y Y
F


1
22


Poich la resistenza al taglio indipendente dal segno dello stesso si ha:
0
6
F ;
2
66
1
S
F

Il termine F
12
non pu essere determinato sulla base di prove monoassiali, ma bisogna riferirsi
necessariamente a prove biassiali.
Appunti di Costruzione di Macchine
46/63
Ponendosi quindi in condizioni tali che si abbia
2 1
e
6
0, lequazione di partenza si
particolarizza in questo caso come:
( ) ( ) 1 2
2
12 22 11 2 1
+ + + + F F F F F

Sostituendo i valori gi ottenuti per F
1
, F
2
, F
11
, F
22
si ottiene:
1
]
1

,
_

,
_

+ + +
2
2 12
1 1 1 1 1 1
1
2
1

c t c t c t c t
y Y x X y Y x X
F

Tests su boron epoxy
Pipes e Cole eseguirono molte prove sperimentali sul materiale boron / epoxy riscontrando un buon
accordo tra la teoria tensoriale di TSAI WU ed i dati sperimentali trovati.



Si nota una certa insensibilit al variare di F
12
(anche con rapporto 1:10). Viene riscontrato un
migliore accordo con i risultati sperimentali rispetto a TSAI HILL che si riflette sul fatto che la
teoria fa riferimento a stati tensionali multiassiali.

Criterio quadratico di TSAI

1 2
2 1 12
2
12 66
2
2 22
2
1 11 2 2 1 1
+ + + + + F F F F F F

Appunti di Costruzione di Macchine
47/63

'

<

>

0
0
0
2
22 11
12
F F F
Iperbole
parallele Rette
Ellisse


Normalizzando i coefficienti e le variabili
22 11
12 *
12
F F
F
F

;
11
1 *
1
F
F
F ;
22
2 *
2
F
F
F
1 11
F x ;
2 22
F y ;
12 66
F z
possibile scrivere
1 2
*
2
*
1
2 2 *
12
2
+ + + + + y F x F z y y x F x

Il discriminante e le relative condizioni diventano

'

<

>

0
0
0
1
2
*
12
F
Iperbole
parallele Rette
Ellisse


ed in particolare

1 1
*
12
< < F Ellisse
1
*
12
t F Rette parallele
1
*
12
< F ; 1
*
12
> F Iperbole

2
1
*
12
F Hencky
Calcolo intercette sugli assi x, y:
1 11
F x ;
2 22
F y

Ponendo 0 y si ha con 0 z (piano di taglio nullo) abbiamo
0 1
*
1
2
+ x F x
e risolvendo in x risulta
Appunti di Costruzione di Macchine
48/63
1
4 2
2
*
1
*
1
+ t
F F
x
Le due soluzioni sono
c
t
x
X
x
1
;
t
c
X
x
x
2


Intersecando analogamente con 0 x e ricordando 0 z si ha
c
t
y
Y
y
1
;
t
c
Y
y
y
2



COMPORTAMENTO MICROMECCANICO DI UNA
LAMINA IN UN COMPOSITO

Lanalisi del legame costitutivo stata svolta ritenendo il materiale omogeneo e compendiando gli
effetti dei componenti sulle propriet apparenti mediate nei coefficienti delle matrici dei moduli di
rigidezza o di cedevolezza (macromeccanica della lamina).
Lo studio del comportamento micromeccanico prende in considerazione i singoli componenti e
ricostruisce, attraverso le loro propriet, la risposta dellinsieme.
I modi con cui si affronta usualmente il problema sono fondamentalmente quelli della meccanica
dei materiali, ovvero quelli della teoria dellelasticit; essi si possono classificare secondo lo
schema riportato.

Meccanica dei
materiali
Soluzioni limite Soluzioni Esatte Soluzioni approssimate

Upper band
Lower band
Energia potenziale
Energia complementare


In ogni caso, con riferimento ai componenti o allinsieme, le ipotesi sono le seguenti:
Appunti di Costruzione di Macchine
49/63
LAMINA: macroscopicamente omogenea, linearmente elastica, macroscopicamente ortotropa,
senza pretensioni.

FIBRE: omogenee, isotrope, linearmente elastiche, disposte regolarmente ed allineate.

MATRICE: omogenea, isotropa e linearmente elastica.

Approccio della meccanica dei materiali alle rigidezze

Caratteristica dellapproccio della meccanica dei materiali lutilizzo di assunzioni semplificate
riguardo il comportamento meccanico di un materiale composito.
Lassunzione pi importante consiste nel considerare le deformazioni nella direzione delle fibre di
un composito fibroso unidirezionale uguali a quelle della matrice nella stessa direzione. Poich le
deformazioni nelle direzioni delle fibre sono le stesse per fibre e matrice, risulta evidente che la
sezione piana normale alla direzione 1 resta piana anche dopo lapplicazione delle sollecitazioni.

Determinazione di E
1

Il primo modulo da determinare quello nella direzione 1, ovvero nella direzione delle fibre.

MATRICE

1

1
L L
2
1
FIBRE


Dalla figura abbiamo
L
L

1

Appunti di Costruzione di Macchine
50/63
dove
1
la deformazione applicata sia per le fibre sia per la matrice costituente il composito, come
derivato dallassunzione che ad elementi elastici in parallelo corrispondono deformazioni uguali. Se
i costituenti del materiale hanno un comportamento elastico, le tensioni sono

1

f f
E
1

m m
E

Il carico risultante :

m m f f
A A A P +
1


In apparenza risulta
1 1 1
E per cui

1 1 1 1
+
m m f f
A E A E A E

da cui si ricava il modulo elastico nella direzione delle fibre

A
A
E
A
A
E E
m
m
f
f
+
1


Definendo i rapporti volumetrici

A L
A L
V
f
f

e
A L
A L
V
m
m



si ha

m m f f
V E V E E +
1


che costituisce la legge delle misture per i moduli elastici ed il cui andamento in funzione della
frazione di volume di fibre lineare ed rappresentato in figura.

Appunti di Costruzione di Macchine
51/63

E
m
E
f
1 0
V
f
E
1


Determinazione di E
2

Il modulo di Young apparente E
2
quello nella direzione trasversale alle fibre. Nellapproccio della
meccanica dei materiali gli elementi elastici in serie hanno cimenti uguali.

L
f
L
m2
L
m1
MATRICE

2
W
W
2
1
FIBRE


Appunti di Costruzione di Macchine
52/63
f
f
E
2


m
m
E
2



Potendo scrivere la dimensione W come

W V W V L L L W
f m f m m
+ + +
2 1


Lallungamento risulta

m m f f
W V W V W W +
2


sostituendo le relazioni suscritte

m
m
f
f
E
V
E
V
2 2
2

+

per cui moltiplicando ambo i membri per E
2


2 2 2 2 2

,
_

+ E
E
V
E
V
E
m
m
f
f

Infine, si ha

f m m f
m f
E V E V
E E
E
+

2


oppure

f
m
f m
m
E
E
V V
E
E
+

1
2

Appunti di Costruzione di Macchine
53/63
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
0 0,2 0,4 0,6 0,8 1
Vf
E2/Em


Determinazione di
12

Si procede alla determinazione del coefficiente maggiore di Poisson con un approccio simile a
quello usato per lanalisi di E
1
.

W/2
MATRICE

1
W/2
W
2
1
FIBRE


Il coefficiente maggiore di Poisson definito come:

1
2
12


Appunti di Costruzione di Macchine
54/63
considerando lo stato di tensione
1
e tutte le altre sollecitazioni nulle.
La deformazione trasversale W

1 12 2
W W W

ma anche pari a
f m
W W W +

Successivamente utilizzando la solita approssimazione

1

m m m
V W W
1

f f f
V W W

Sostituendo nella precedente relazione otteniamo

f f m m
V V +
12


che rappresenta la legge delle misture per il rapporto maggiore di Poisson.


m


f

1
0
V f

12

Appunti di Costruzione di Macchine
55/63
Determinazione di G
12


W
m
/2

W
f
MATRICE


W
m
/2
W
2
1
FIBRE


W
m
/2

W
f
MATRICE


W
m
/2
W
2
1
FIBRE

La determinazione del modulo di taglio di una lamina G
12
condotta assumendo uguali le tensioni
di taglio sulle fibre e sulla matrice. Di qui, considerando
12
e 0
2 1
, risulta:

12
G



e con lassunzione base

m
m
G


f
f
G



La deformazione totale di taglio definita da

Appunti di Costruzione di Macchine
56/63
W

e utilizzando la solita approssimazione

m m m
V W W
f f f
V W W

otteniamo

f
f
m
m
f f m m
V W
G
V W
G
V W V W W
G
W + +

12


e semplificando

f m m f
f m
G V G V
G G
G
+

12


0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
0 0,2 0,4 0,6 0,8 1
V
f
G
1
2
/
G
m
Gf/Gm=10
Gf/Gm=100
Gf/Gm=1


Appunti di Costruzione di Macchine
57/63
COMPOSITI STRATIFICATI

Un laminato costituito da due o pi lamine incollate insieme, con lo scopo di realizzare un
elemento strutturale il cui comportamento sia assimilabile a quello di un materiale integro
(unico).Le direzioni principali delle lamine sono orientate per produrre un elemento strutturale
capace di resistere a carichi applicati in diverse direzioni. La rigidezza dei compositi stratificati
deriva dalle propriet delle lamine costituenti.
I laminati in generale e quelli simmetrici in particolare vengono individuati attraverso un codice che
indica ordinatamente le orientazioni delle singole lamine a partire dalla prima, quella
corrispondente al pi basso valore della coordinata z (vedi figura) nella direzione dello spessore
(normale alla superficie della lamina). Se t lo spessore complessivo dello stratificato, il valore pi
basso corrisponde a
2
t
z per cui si osserva che il piano 0 z costituisce il piano medio.


0
0
z = 0
2
t
z
2
t
z +
O
z
30
45
45
45
90
90
90
45
45
45
30
0
0


Ad esempio, la scrittura relativa ad un laminato come quello rappresentato in figura
convenzionalmente:

[ ]
s 2 3 2
90 / 45 / 30 / 0
avendosi, per un laminato simmetrico ( ) ( ) z z e ( ) ( ) z Q z Q
ij ij
.
Appunti di Costruzione di Macchine
58/63

Comportamento dei laminati

Una volta studiato il comportamento delle singole lamine con le loro caratteristiche elastiche
variabili con lorientazione scritte in termini di matrici di elasticit (di rigidezza o di flessibilit) si
presenta in quanto segue la teoria che, sotto ben precise ipotesi di base, esprime il comportamento
complessivo di strati sovrapposti di lamine.



Le relazioni, valide per il generico strato k, tra deformazioni e tensioni sono state gi ottenute in
precedenza e sono esprimibili come:

{ } [ ] { }
k k k
Q

Lipotesi di base, Kirchhoff per i laminati e Kirchhoff Love per i gusci, di linearit dello
spostamento (le sezioni rimangono piane). In tal modo gli spostamenti possono essere espressi dalle
relazioni:
x
w
z u u


0
0

Appunti di Costruzione di Macchine
59/63
y
w
z v v


0
0


Nellipotesi di piccoli spostamenti, le deformazioni risultano:

'

'

y
u
x
v
y
v
x
u
xy
y
x



sono le sole che rimangono sulla base dellipotesi di Kirchhoff Love, che implica
0
2

yz zx
.
Derivando gli spostamenti corrispondenti alle relazioni scritte si hanno le deformazioni

2
0
2
0
x
w
z
x
u
x


2
0
2
0
y
w
z
y
v
y


y x
w
z
y
u
x
v
xy

0
2
0 0
2

che, introducendo le curvature della superficie media

2
0
2
x
w
k
x

;
2
0
2
y
w
k
y

;
y x
w
k
xy


0
2
2

possono essere espresse in forma di vettori

'

'

'

xy
y
x
xy
y
x
xy
y
x
k
k
k
z
0
0
0


Appunti di Costruzione di Macchine
60/63
Poich per ogni lamina la matrice [ ] Q pu risultare diversa, se non altro per la differente
orientazione, si hanno le tensioni relative al generico strato k:

k
xy
y
x
xy
y
x
k
k
k
k
k
z
Q Q Q
Q Q Q
Q Q Q

,
_

'

'

1
1
1
]
1

'

0
0
0
66 62 61
26 22 21
16 12 11
12
2
1



Forze e momenti distribuiti

z
N
yx

N
xy

Nx
N
y

y
x


Si definiscono le forze risultanti dalle condizioni di equilibrio delle forze e dei momenti per il
laminato

dz N
t
t
x x

2
2
; dz N
t
t
y y

2
2
; dz z M
t
t
x x

2
2
;
dz N
t
t
xy xy

2
2
; dz z M
t
t
xy xy

2
2
; dz z M
t
t
y y

2
2


in cui N
ij
e M
ij
sono forze e momenti per unit di lunghezza. Nella successiva figura viene
evidenziato che il generico strato k-esimo evolve tra le ascisse z
k-1
e z
k
.

Appunti di Costruzione di Macchine
61/63


Pertanto, per ottenere le condizioni di equilibrio relative al laminato, si sommano i contributi di tutti
gli N strati presenti per cui si ha per le forze

'

'

'

N
k
z
z
k
xy
y
x
t
t
xy
y
x
xy
y
x
dz dz
N
N
N
k
k
1
2
2
1



e per i momenti

'

'

'

N
k
z
z
k
xy
y
x
t
t
xy
y
x
xy
x
y
dz z dz z
M
M
M
k
k
1
2
2
1



Considerando che, a meno di effetti dovuti a variazioni di temperatura lungo lo spessore della
lamina, i termini di rigidezza risultano costanti per ognuna di esse si possono portare fuori dal segno
dintegrazione.
Sostituendo alle tensioni le loro espressioni tratte dal legame costitutivo si pu scrivere:

,
_

'

'

1
1
1
]
1

'


N
k
z
z
xy
y
x z
z
xy
y
x
k
xy
y
x
dz z
k
k
k
dz
Q Q Q
Q Q Q
Q Q Q
N
N
N
k
k
k
k
1 0
0
0
66 62 61
26 22 21
16 12 11
1 1

,
_

'

'

1
1
1
]
1

'


N
k
z
z
xy
y
x z
z
xy
y
x
k
xy
x
y
dz z
k
k
k
dz z
Q Q Q
Q Q Q
Q Q Q
M
M
M
k
k
k
k
1
2
0
0
0
66 62 61
26 22 21
16 12 11
1 1


Indicando rispettivamente con

[ ] ( )
1
1


k k
k
N
k
ij ij
z z Q A rigidezza estensionale
Appunti di Costruzione di Macchine
62/63
[ ] ( )
2
1
2
1
2
1


k k
k
N
k
ij ij
z z Q B rigidezza daccoppiamento
[ ] ( )
3
1
3
1
3
1


k k
k
N
k
ij ij
z z Q D rigidezza flessionale

in termini delle matrici [A], [B] e [D] si pu unificare la scrittura nella forma

'

1
]
1

'

k D B
B A
M
N


ovvero, in forma estesa, con conseguente significato dei termini A, B, D nellaltra:

'

1
1
1
1
1
1
1
1
]
1

'

xy
y
x
xy
y
x
xy
x
y
xy
y
x
k
k
k
D D D B B B
D D D B B B
D D D B B B
B B B A A A
B B B A A A
B B B A A A
M
M
M
N
N
N

66 26 16 66 26 16
26 22 12 26 22 12
16 12 11 16 12 11
66 26 16 66 26 16
26 22 12 26 22 12
16 12 11 16 12 11


Nella relazione compaiono le matrici introdotte precedentemente rappresentanti rispettivamente:

[A] la rigidezza nel piano o rigidezza estensionale
[D] la rigidezza flessionale
[B] la rigidezza daccoppiamento

Con riferimento alla figura seguente un utile esercizio quello di scrivere i termini dellintegrazione
in z facendo comparire il generico spessore
1

k k k
z z t e la posizione del piano medio di
ciascuno strato
2
1
+

k k
k
z z
z .
Appunti di Costruzione di Macchine
63/63


Per le ordinate al quadrato si pu scrivere

( ) ( )
( )
k
k
k k
k k k k
z t
z z
z z z z
+



2
2
2
1
1
2
1
2


Si pu dimostrare, infine, che vale la decomposizione

( )
( )
( ) ( )
12 12 4 3
3
2
3
1
2
1
1
3
1
3
k
k
k
k k k k
k k
k k
t
z t
z z z z
z z
z z
+

+
+