Sei sulla pagina 1di 6

C’era una volta un re che aveva un vasto dominio. Era astuto, potente e temuto da

tutti, ma nessuno lo amava. Con il passare

degli anni si fece sempre più serio e rimase

sempre più solo. Il suo volto rifletteva l’amarezza del suo animo ed era imbruttito dalle profonde rughe che lo segnavano

intorno alla bocca e sulla

fronte.

There was once a king of a vast domain. He was shrewd and powerful and feared

by all, but no one loved him. Each year,

as he became more severe, he became

lonelier.

His face reflected the bitterness in his soul. There were deep, ugly lines around his mouth,

in his soul. There were deep, ugly lines around his mouth, and deep, permanent furrows on

and deep, permanent

furrows on his forehead.

But it so happened that in his realm there lived a beautiful girl whom everyone seemed to love. The king wanted to make her his wife, and finally he decided to speak to her of his love. He dressed in his finest robes, but when he looked in the mirror, he saw a cruel, hard face, even when he tried to smile.

Nel suo regno, però, viveva una bellissima giovane, che tutti sembravano amare. Il

re voleva farne la sua sposa,

così finalmente decise di dichiararle il suo amore. Indossò i suoi abiti migliori, ma quando si guardò allo specchio vide un volto che

rimaneva crudele e duro

anche se cercava di sorridere.

Gli venne un’idea. Mandò a chiamare uno dei suoi maghi. “Usa tutta la tua abilità

Gli venne un’idea. Mandò a chiamare uno dei suoi maghi. “Usa tutta la tua abilità per dipingere una

maschera che mi faccia apparire bello, gentile e

attraente. Pagherò qualunque prezzo”.

“Posso farlo”, disse il mago, “ad una sola condizione. Devi mantenere la stessa espressione che dipingerò sulla maschera. Una sola

espressione d’ira e la maschera sarà danneggiata

per sempre e non potrò più rifarla. Devi avere buoni pensieri e fare opere buone. Devi essere gentile e cortese con tutti”.

Then a thought came to him. He sent for his magician. “Use your greatest skill to paint a mask that looks kind and pleasant and handsome. I will pay any price you ask,” said the king.

“This I can do,” said the magician, “on one

condition. You must keep your own face in the same lines that I paint. One angry frown, and the

mask will be ruined forever and I cannot replace it. You must think only kindly thoughts and do kindly deeds. You must be gracious to all men.”

La maschera magica fu completata e

sembrava così naturale che nessuno

poteva notare che non era il vero volto del re. I mesi passarono e il signore fece tutto il possibile per preservarla. La bellissima giovane divenne

sua sposa e tutti i suoi

sudditi rimasero stupiti dai cambiamenti che videro in lui.

So the magic mask was made, and it looked so natural that no one guessed it was not the true face of the king. Months passed, the beautiful lady became his bride, and the king fought hard to keep the

mask from breaking.

His subjects marveled at the miraculous change in him.

As gentleness and thoughtfulness entered the life of this man, he regretted having deceived his beautiful wife with the magic mask. At last he could bear it no longer and he summoned the magician.

he could bear it no longer and he summoned the magician. Aprendo la sua vita alla

Aprendo la sua vita alla

gentilezza e alla cortesia, il

signore scoprì anche l’onestà e si pentì di avere ingannato la sua sposa. Mandò di nuovo a chiamare il mago.

“Toglimi questa maschera di falsità!”, disse. “Non è il mio vero volto!

“Remove this false face of mine!” he cried. “Take it away! This deceiving mask is not my true self!”

“Se la tolgo”, rispose il mago, “non potrò farne un’altra, e tu dovrai tenere lo stesso

volto per sempre.”

“If I do,” said the magician, “I can never make another, and you must wear your own face as long as you live.”

and you must wear your own face as long as you live.” “Better so,” said the

“Better so,” said the

king, “than to deceive

one whose love and trust I have won dishonourably. Take it off, I say, take it off!”

After the magician did as he was commanded, the king turned to see his reflection in his

“Preferisco far così”, replicò il signore, “piuttosto che ingannare la persona dalla quale ho ottenuto slealmente

amore e fiducia. Preferisco

che lei mi disprezzi piuttosto di continuare a trattarla ingiustamente. Toglila, ti dico! Toglila!”

Il mago tolse la maschera e

il signore, con angoscia e

timore, si avvicinò allo specchio. I suoi occhi si illuminarono e un sorriso sbocciò sul suo viso quando si accorse che le rughe d’espressione erano sparite e il

suo volto era identico alla maschera che

aveva portato! Quando ritornò a casa, sua moglie non vide che lo stesso viso che aveva amato.

mirror. Suddenly his eyes brightened

and his lips curved into a radiant smile. The ugly lines were gone. His face was the exact likeness of the mask he had worn so long. When he returned to his beloved wife, she saw only the familiar

features of the man she loved.

Yes, this is only a legend, but it

teaches a truth: A man’s face

portrays what is inside, what he thinks and feels. “As a man thinks in his heart, so is he.”

Certo, questa è solo una leggenda,

ma insegna una grande verità: il

volto di una persona riflette il suo stato d’animo, i suoi pensieri e i suoi sentimenti. “Come [un uomo] pensa nel suo cuore, così egli è”

“Come [un uomo] pensa nel suo cuore, così egli è” Storie per bambini – www.freekidstories.org Art

Storie per bambini

Art and text © The Family International