Sei sulla pagina 1di 48

Ueber die

Florentinifcher Wehrmacht
im Jahre der

Schlacht von Montaperti


(1260)
von

Francis Smith
in Delbrck-Festschrift, Gesammelte Aufftze, Professor Hans Delbrck zu seinem sechzigsten Geburtstage (11. November 1908) dargebracht von Freunden und Schlern, Berlin, Verlag von Georg Stilke, 1908, pp. 115-153

Pacino di Buonaguida http://www.worldofdante.org/media/images/more/full/Montaperti.jpg (wikimedia commons)

Battaglia di Montaperti 1260

codice di Gianni di Ventura (Biblioteca Comunale, Siena)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


4 settembre 1260 Data Luogo Montaperti (Castelnuovo Berardenga, SI) vittoria dei ghibellini senesi e dei loro alleati Esito Schieramenti Siena (Ghibellini) Pisa (Ghibellini) Regno di Sicilia (Svevi) Alleati toscani (ghibellini) Firenze (Guelfi) Lega Lombarda (guelfi) (guelfi)

Arezzo (La parte Guelfa) Lucca Orvieto (guelfi) Alleati toscani (guelfi) Comandanti Provenzano Salvani Farinata degli Uberti Effettivi 1.800 cavalieri e 18.000 fanti Perdite 600 morti e 400 feriti Giordano d'Agliano Iacopino Rangoni da Modena

3.000 cavalieri e 30.000 fanti 10.000 morti e 15.000 prigionieri

La battaglia di Montaperti fu combattuta a Montaperti, pochi chilometri a sud-est di Siena, il 4 settembre 1260, tra le truppe guelfe capeggiate da Firenze e quelle ghibelline capeggiate da Siena. La vittoria dei senesi e dei loro alleati segn, per un breve periodo, il dominio della fazione ghibellina sulla Toscana, con ripercussioni anche sui precari equilibri del resto d'Italia. Antefatti Dopo l'anno 1000, le citt di Firenze e di Siena erano cresciute grazie alle attivit mercantili e commerciali. I banchieri e i mercanti delle due citt attraversavano l'Europa arricchendosi. Firenze era facilitata dalla via d'acqua dell'Arno, Siena dalla sua posizione lungo la via Francigena, percorsa dai numerosi pellegrini diretti a Roma e dai traffici che dalla citt eterna si dirigevano verso il cuore del Sacro Romano Impero. Era lo sviluppo dell'era mercantile. Ovviamente, gli interessi delle due citt erano da tempo in conflitto, sia per questioni economiche che di pura egemonia sul territorio. Nella prima met del XIII secolo, i confini fiorentini si spingevano a sud fino a pochi chilometri da Siena. La rivalit economica si traduceva in una rivalit politica. A Firenze avevano la supremazia i guelfi, che sostenevano la supremazia del Papa, mentre a Siena il partito predominante era quello ghibellino, alleato dell'Imperatore, in questo periodo il re di Sicilia Manfredi di Svevia, figlio naturale di Federico II. Nel 1251 i senesi si erano legati ai guelfi di Firenze in un patto di reciproca assistenza. Nella guerra del 1255, Siena aveva avuto la peggio e aveva dovuto sottoscrivere un impegno a non ospitare alcun esiliato dalle citt di Firenze, Montepulciano e Montalcino. Il casus belli fu l'accoglienza data nel 1258 da Siena ai ghibellini di Firenze, esiliati dopo una tentata rivolta contro i guelfi al potere. A questo esilio era seguito l'assassinio di Tesauro Beccaria, abate di Vallombrosa, accusato di complottare con i ghibellini allo scopo di farli rientrare a Firenze. All'inizio della nuova guerra, il teatro delle operazioni fu soprattutto la Maremma dove i guelfi riuscirono a fomentare rivolte dei comuni di Grosseto, Montiano, Montemassi. Quest'ultimo sar nei secoli teatro di operazioni militari senesi, ricordate nel famoso affresco del Palazzo Pubblico, "Guidoriccio da Fogliano all'assedio di Montemassi" (l'assedio fu dovuto ad una nuova rivolta contro Siena nel 1328). Nel 1259 Siena ottenne l'appoggio di re Manfredi, che forn alcuni squadroni di cavalieri tedeschi comandati dal vicario regio il conte Giordano d'Agliano, suo stesso cugino. L'offerta fu di cento cavalieri, e stava per essere ritenuta non adeguata dagli ambasciatori senesi. Ma questi, su consiglio di Farinata degli Uberti, accettarono. L'idea era che, una volta che le bandiere di re Manfredi fossero state coinvolte nello scontro, questi sarebbe stato costretto a inviare ulteriori rinforzi. Nei primi mesi del 1260 le truppe tedesche piegarono la resistenza dei comuni maremmani. Questo suscit la reazione della lega guelfa, guidata da Firenze, che, nonostante i richiami alla prudenza di alcuni membri importanti come Cece Gherardini (che fu uno dei dodici capitani dell'esercito a Montaperti), fece muovere un esercito di circa trentacinquemila uomini a difesa dei comuni riconquistati dai ghibellini senesi.

L'esercito guelfo si accamp alle porte di Siena, nei pressi di Santa Petronilla, nella zona nord vicina alla Porta Camollia, attuando un assedio il 18 maggio. I cavalieri tedeschi e quelli senesi attaccarono l'accampamento nello stesso giorno e le operazioni si protrassero fino al 20 maggio. I cronisti delle due parti descrivono in modo diametralmente opposto l'esito dei combattimenti, a seconda dello schieramento per cui parteggiavano. In ogni modo, il 20 maggio i guelfi interruppero l'assedio e, mentre una parte prosegu il cammino verso la Maremma, gran parte dell'esercito fece ritorno a Firenze. Durante le operazioni del 18 maggio, alcuni cavalieri tedeschi furono feriti, ma l'attacco ebbe l'effetto di far togliere il campo ai Fiorentini. Questo spinse re Manfredi ad inviare in luglio ulteriori e pi consistenti aiuti a Siena, nel numero di ottocento cavalieri. Altri aiuti arrivarono da Pisa e dagli altri ghibellini toscani. Questo diede ulteriore respiro ai senesi, che riconquistarono Montepulciano e Montalcino, stazione strategica a sud, sulla via Francigena. La battaglia La lega guelfa comprendeva, oltre a Firenze, Bologna, Prato, Lucca, Orvieto, Perugia, San Gimignano, San Miniato, Volterra e Colle Val d'Elsa. Il suo esercito si mosse di nuovo verso Siena, con la giustificazione della necessit di riconquistare Montepulciano e Montalcino. Per quanto consigliati altrimenti da Tegghiaio Aldobrandi degli Adimari, i comandanti fecero passare l'esercito alle porte di Siena, anche perch desiderosi di rivalsa dopo la scaramuccia di maggio, e si accamparono nelle vicinanze del fiume Arbia, a Montaperti, il 2 settembre 1260. In tale giorno, gli ambasciatori guelfi consegnarono un ultimatum al Consiglio dei Ventiquattro, il governo di Siena, che fu respinto, seppure con qualche incertezza di una parte favorevole alla trattativa. Per meglio motivare i cavalieri tedeschi, fu deliberato di corrispondergli una doppia paga grazie ai fondi forniti da Salimbene de' Salimbeni. Le cronache indicano in trentamila fanti e tremila cavalieri le forze della lega guelfa. Le forze ghibelline ammontavano a ventimila unit, composte da ottomila fanti senesi, tremila pisani e duemila fanti di re Manfredi. A loro, si aggiungevano i fuorusciti fiorentini, gli ascianesi, i ternani, i santafioresi, i bonizzesi - nonostante in quel momento Poggiobonizio (la futura "Poggibonsi") fosse occupato dai fiorentini - e i cavalieri tedeschi. Nello stesso giorno, la citt, in solenne processione guidata da Buonaguida Lucari, fu dedicata alla Madonna in cambio della sua protezione durante la battaglia. A quel tempo, nella Cattedrale di Siena era conservata sull'altare maggiore la Madonna dagli Occhi Grossi, attualmente esposta presso il Museo dell'Opera del Duomo a Siena. Il 3 settembre l'esercito senese-ghibellino guidato da Provenzano Salvani usc da Porta Pispini, diretto al Poggio delle Ropole (l'odierno paese di Taverne d'Arbia), in prossimit dell'accampamento guelfo, che si era spostato nel frattempo sul Poggio delle Cortine, da dove poteva controllare i movimenti dei ghibellini. Una leggenda narra che i senesi fecero sfilare il proprio esercito per tre volte davanti all'esercito guelfo, cambiando ogni volta i vestiti con i colori dei Terzi di Siena, cercando di far credere che le proprie forze fossero tre volte pi numerose di quanto lo fossero in realt. La mattina del 4 settembre l'esercito ghibellino, superato il fiume Arbia, si prepar alla battaglia. Era formato da quattro divisioni, che si posizionarono sul campo di battaglia cos da tentare una manovra d'accerchiamento. La prima divisione, guidata dal conte d'Arras, doveva attaccare i guelfi alle spalle al grido d'invocazione di San Giorgio. La seconda, guidata dal conte Giordano d'Agliano, e la terza, guidata da Aldobrandino Aldobrandeschi da Santa Fiora, dovevano impegnare frontalmente l'esercito guelfo, nonostante il sole contrario e la pendenza del terreno. La quarta, comandata da Niccol da Bigozzi, era posta a guardia del carroccio senese. Un'altra delle leggende relative alla battaglia ricorda la figura del cavaliere tedesco Gualtieri d'Astimbergh, il quale, avendo il privilegio di attaccare per primo, dopo essersi avvicinato lentamente ai nemici, caric lancia in resta il capitano dei lucchesi, che fu trapassato da parte a parte. Dopo aver recuperato la lancia, uccise altri due cavalieri e poi, persa l'arma, si fece largo tra i nemici con la spada. Nelle prime fasi della battaglia, non solo i fanti guelfi ressero ai primi attacchi dei ghibellini, ma contrattaccarono a loro volta. Questo spinse la quarta divisione di Niccol da Bigozzi a contravvenire agli ordini e intervenire lasciando la difesa del carroccio senese. Dopo alterne fasi della battaglia, verso il pomeriggio part un contrattacco dei ghibellino-senesi. in questa fase che si verific l'episodio di Bocca degli Abati. Questi, seppure al fianco dei guelfi fiorentini a causa di complicati interessi e alleanze, era in realt di parte ghibellina e, alla vista del contrattacco senese, si avvicin al portastendardo fiorentino Jacopo de' Pazzi e gli tranci di netto la mano che reggeva l'insegna. Secondo Marietta de Ricci, invece, Bocca degli Abati avrebbe tradito in quanto semplicemente geloso dell'amore tra Cecilia, figlia di Cece Gherardini, e Jacopo. Ad ogni modo, l'episodio caus un notevole sconcerto tra le file guelfe.Oltre al tradimento di Bocca degli Abati, in questa fase dalle file ghibelline si alz l'invocazione a San Giorgio, segnale per la prima divisione, quella del conte d'Arras, che attacc i fiorentini alle spalle. Il conte stesso uccise il comandante generale dei fiorentini Iacopino Rangoni da Modena, episodio che cagion l'inizio della rotta dei guelfo-fiorentini. I ghibellini si lanciarono all'inseguimento e iniziarono "lo strazio e 'l grande scempio che fece l'Arbia colorata in rosso" (Dante, Divina Commedia, Inferno, Canto X, 85) durato fino all'arrivo della notte. Si calcola che le perdite siano ammontate a diecimila morti e quindicimila prigionieri in campo guelfo, di cui 2500 e 1500 fiorentini, a fronte di 600 morti e 400 feriti in campo ghibellino. Solo al calare della notte i comandanti ghibellini diedero l'ordine di salvare la vita di chi si fosse arreso, uccidendo comunque tutti i fiorentini che fossero stati catturati. Questi ultimi, uditi i comandi della parte avversa, cancellarono dai vestiti i segni di riconoscimento e si mescolarono ai loro alleati per aver salva la vita. Ancora una leggenda racconta della vivandiera Usilia che, da sola, avrebbe catturato 36 fiorentini, salvando loro allo stesso tempo la vita. Il sacco al campo guelfo permise ai ghibellini di catturare quasi diciottomila animali tra cavalli, buoi e animali da soma. Le bandiere e gli stendardi dei fiorentini furono presi e lo stesso gonfalone di Firenze fu attaccato alla coda di un asino e trascinato nella polvere. Lo strazio e 'l grande scempio che fece l'Arbia colorata in rosso, tal orazion fa far nel nostro tempio. (Inferno X, 85) Dopo la battaglia Il 13 settembre del 1260 i guelfi fiorentini abbandonarono la loro citt e si rifugiarono a Bologna e a Lucca, considerando di non potersi pi trattenere a Firenze per paura delle rappresaglie dei ghibellini. A Lucca si rifugiarono anche i guelfi delle altre citt partecipanti alla lega sconfitta. I senesi avanzarono in territorio fiorentino, conquistandone alcuni castelli. I ghibellini fiorentini fuoriusciti rientrarono nella citt dell'Arno il 27 settembre 1260 e si insediarono al governo della citt. A tutti i cittadini fu fatta giurare fedelt al re Manfredi. Le torri e le abitazioni dei fiorentini di parte guelfa furono rase al suolo, cos come era stato fatto contro i ghibellini nel 1258. Alla fine dello stesso mese fu convocata a Empoli una dieta delle citt e dei signori della Toscana di parte ghibellina per discutere come rafforzare il ghibellinismo toscano e consolidare nella regione l'autorit del re. Ad Empoli, i

rappresentanti di Siena e Pisa sostennero la distruzione di Firenze, alla quale si oppose il ghibellino fiorentino Farinata degli Uberti, salvandola da ulteriori distruzioni. Dopo Montaperti, il 18 novembre, papa Alessandro IV scomunic tutti i sostenitori di re Manfredi in Toscana. Se da una parte la scomunica, in realt, rafforz il partito ghibellino, che il 28 marzo 1261 si strinse in alleanza contro i guelfi toscani, a lungo termine fu presa a pretesto dai capi guelfi d'Italia e da molti stranieri per non pagare i debiti contratti con i mercanti e i banchieri senesi, con serie conseguenze sull'economia della citt. Il 25 maggio 1261, papa Alessandro IV mor. Questo fatto sembr decretare la definitiva vittoria del partito ghibellino su quello guelfo. In realt, nel giro di pochi anni, la fazione guelfa riprese il potere in Toscana e gi nel 1269 Siena sub una grave sconfitta da parte di Firenze nella Battaglia di Colle, durante la quale trov la morte lo stesso comandante senese Provenzano Salvani. L'aver anzitempo vaticinato la vittoria ghibellina port grande celebrit, tra i contemporanei, all'astronomo Guido Bonatti, che lavorava all'epoca tra le due citt toscane. Rievocazioni e commemorazioni contemporanee Ogni anno per ricordare la storica Battaglia il Comitato Monteaperti Passato e Presente organizza nella notte del 4 settembre la Fiaccolata al Cippo di Monteaperti. La Fiaccolata parte dall'Acqua Borra e costeggia il torrente Malena, affluente dell'Arbia, percorrendo il campo della Battaglia fino a raggiungere la Piramide commemorativa che sorge, adornata da secolari cipressi, alla sommit del colle gi da epoca romantica in luogo dell'antico castello dell'XI secolo di propriet della famiglia dei Berardenghi[1]. Nella settimana precedente la Fiaccolata, il Comitato organizza la "Festa Monteaperti Passato e Presente" a Casetta[2]. Il 4 settembre 1960, in occasione del settimo centenario della battaglia, fu disputato a Siena un Palio straordinario, vinto dalla Civetta con Giuseppe Gentili detto Ciancone su Uberta de Mores[3]. Il 4 e il 5 settembre 2010, nell'occasione del 750 anniversario della battaglia, in collaborazione con il comitato della festa, l'associazione Montaperti MMC, ha coordinato la rievocazione dello scontro, con la partecipazione di numerosi gruppi italiani di rievocazioni medievali[1]. Il 3 e il 4 settembre 2011, l'Associazione Montaperti MMC, ha riproposto per il secondo anno la rievocazione della battaglia, sulle rive del fiume Arbia (localit strada di camposodo-Arbia) in uno dei siti forse pi credibili dello scontro. Bibliografia La battaglia di Montaperti: memoria storica di Cesare Paoli - 1869 La battaglia di Montaperti: i misteri dei luoghi svelati dalla tradizione orale di Rolando Forzoni, Asciano. 1991 Il Chianti e la battaglia di Montaperti a cura del Centro di studi chiantigiani - 1992 Storie Fiorentine , di Franco Cardini, Ed. Loggia de' Lanzi, Firenze, 1994, ISBN 88-8105-006-4 La battaglia di Pievasciata e lo scempio di Montaperti di Carlo Bellugi - 2004 Montaperti. La battaglia del 1260 tra Firenze e Siena e il castello ritrovato di Alberto Colli - 2005, ISBN 88-7542-065-3 Alla ricerca di Montaperti. Mito, fonti documentarie e storiografia, Siena 2009 Ad hoc ut exercitus sit magnus et honorabilis pro Comuni. Lesercito senese alla battaglia di Montaperti, di Giovanni Mazzini, in Alla ricerca di Montaperti. Mito, fonti documentarie e storiografia, Siena 2009 Note [modifica] 1. ^ a b Fiaccolata per il 750 anniversario della Battaglia di Montaperti in Francigena Librari. URL consultato in data 06-042011. 2. ^ Festa Montaperti passato e presente in Circolo ARCI Casetta. URL consultato in data 06-04-2011. 3. ^ Palio del 04/09/1960 in Archivio del Palio di Siena. URL consultato in data 06-04-2011. Altri progetti [modifica] Commons contiene file multimediali su Battaglia di Montaperti Collegamenti esterni [modifica] Presentazione in Flash dei movimenti degli eserciti Ricostruzione della Battaglia con notizie storiche

Farinata degli Uberti


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ed el mi disse: Volgiti! che fai? Vedi l Farinata che s dritto da la cintola in s tutto l vedrai (Dante Alighieri - Divina Commedia, Inferno, Canto X, versi 31-33)

Manente degli Uberti, meglio noto come Farinata degli Uberti per via dei suoi capelli biondo platino (Firenze, ... 11 novembre 1264), figlio di Jacopo degli Uberti, fu un nobile ghibellino, ovvero sostenitore dell'impero, appartenente a una tra le famiglie fiorentine pi antiche e importanti, citato da Dante nel VI canto dell'Inferno tra gli uomini degni del tempo passato (verso 79-84), ovvero i fiorentini cha ben far puoser li ngegni e nel canto X tra gli eretici. Farinata visse a Firenze all'inizio del XIII secolo, una delle epoche pi difficili per la citt toscana, tormentata da discordie interne tra guelfi, i sostenitori papali, e ghibellini, di cui Farinata faceva parte. Su questo sfondo di divisioni politiche, vi era lo scontro molto feroce per il governo della citt fiorentina, e che vide alternarsi le due fazioni al potere con reciproche violenze. Dal 1239, Farinata a capo della consorteria di parte ghibellina, svolgendo un ruolo importantissimo nella cacciata dei guelfi avvenuta pochi anni dopo, nel 1248. Gli Uberti, come parte dell'lite ghibellina, furono poi esiliati quando al potere tornarono gli esponenti delle famiglie di appartenenza guelfa. Anche dopo morti dovettero subire un'ulteriore vendetta da parte della fazione rivale dei guelfi: infatti nel 1283, 19 anni dopo la sua morte, i corpi di Farinata e sua

moglie Adaleta subirono a Firenze un processo pubblico per l'accusa (postuma) di eresia. Per l'occasione i loro resti mortali, sepolti all'epoca nella chiesa fiorentina di Santa Reparata, vennero riesumati per la celebrazione del processo, conclusosi poi con la condanna. Quindi tutti i beni lasciati in eredit da Farinata vennero confiscati agli eredi. La fondatezza dell'accusa d'eresia non certa ancora oggi: l'accusa mossa alla fazione ghibellina di Firenze, per la quale vennero considerati eretici Farinata e sua moglie, in realt riguardava la contestazione della supremazia religiosa della Chiesa. Ma la fazione cui Farinata apparteneva ne contestava solamente l'ingerenza politica, reclamando una suddivisione tra potere spirituale e potere temporale. La confusione venne probabilmente aumentata dalla propaganda della fazione guelfa di Firenze, pronta a sfruttare a proprio vantaggio l'accusa d'eresia. Tuttavia alcuni studiosi sostengono che Farinata fosse vicino all'eresia catara. Gli Uberti, comunque, vennero esclusi da qualsiasi amnistia e l'odio dei guelfi fiorentini si focalizz su di loro.Infatti nel canto X dell'Inferno, Farinata collocato tra gli eretici epicurei che l'anima col corpo morta fanno (v.15), ovvero non credono nell'immortalit dell'anima. Tra lui e Dante, avversario politico, si svolge un colloquio al cui centro ricadono i temi della lotta politica e della famiglia (in particolare quello delle colpe dei padri che ricadono sui figli: un tema caro al poeta, che avrebbe potuto far revocare l'esilio ai figli maschi se avesse voluto far ritorno, umiliandosi e chiedendo perdono a Firenze). Dopo un alternarsi di battute cariche di tensione, Farinata pronuncia una profezia sull'esilio di Dante in cui facile leggere l'amarezza del poeta, gi esule da qualche anno: Ma non cinquanta volte fia raccesa la faccia della donna che qui regge, (la Luna) che tu saprai quanto quell'arte (il ritorno in patria) pesa. (Dante Alighieri - Divina Commedia, Inferno, Canto X, versi 79-81) A Farinata degli Uberti, personaggio importante del suo tempo, Dante rese un grande omaggio, rendendolo una delle figure indimenticabili del suo Inferno e tratteggiandone una figura imponente e fiera, quasi omerica nel contrastare le avversit ("com'avesse l'inferno a gran dispitto"), tanto che la sua guida Virgilio lo esorta a non usare con lui parole volgari ma nobili ("conte"). Altre immagini Bibliografia Vittorio Sermonti, Inferno, Rizzoli 2001. Umberto Bosco e Giovanni Reggio, La Divina Commedia - Inferno, Le Monnier 1988.

Statua di Farinata, loggiato degli Uffizi - Farinata degli Uberti nella serie di uomini illustri di Andrea del Castagno

La piramide commemorativa Vignaccia76 2007 wikimedia commons

Se tu non vieni a crescer la vendetta di Montaperti perch mi moleste? Inferno XXXII,80-81 Vignaccia76 2007 wikimedia commons

Battaglia di Montaperti
http://www.youtube.com/watch?v=8Ox8oRbZuVc&feature=related
Caricato da persicoeugenio in data 25/set/2011

http://www.youtube.com/watch?v=B7NVFS2e98k Caricato da 05031979flyer in data 04/set/2011