Sei sulla pagina 1di 1

Estratto da Pocket Manual Terapia 2016 - www.pocketmanualterapia.

com
Seguici su www.facebook.com/PMTerapiabartoccioni o Twitter: Terapia Bartoccioni

26. DISTACCO DI RETINA


Per approfondire Kang, BMJ 336, 1235; 2008;
Miopia, interventi di cataratta, et e traumi rappresentano le cause predisponenti
pi frequenti (Kang, BMJ 336, 1235; 2008). Solo lintervento rapido pu evitare
un danno visivo permanente (Kang, BMJ 336, 1235; 2008), durante il trasporto
tenere la testa del paziente in modo che la parte di retina distaccata cada per
gravit verso la retina stessa (Riordan, Current Med. Diag. Treat. 2005). Lintervento di retinopessi consiste nel chiudere, con il crio o con il laser, il foro
(Damico, NEJM 359, 2346; 2008). Altre tecniche chirurgiche sono: la vitrectomia, la retinopessi pneumatica e il cerchiaggio sclerale (Damico, NEJM 359,
2346; 2008). L80% richiede un intervento e il 15% due. Senza trattamento il
distacco diviene totale in 6 mesi. Nel 25% dei casi bilaterale. Nel post operatorio vanno evitati viaggi aerei e nausea, mal di testa e dolore; vanno iniziati
farmaci come cortisonici, antibiotici, cicloplegici e ipotensivi oculari (Kang,
BMJ 336, 1235; 2008).
Laderenza vitreomaculare: a causa dei normali processi legati allinvecchiamento il gel vitreale comincia a liquefarsi e pu iniziare a separarsi dalla
retina. Se il corpo vitreo si distacca dalla maggior parte della retina ma non dalla
macula, si pu verificare trazione vitreomaculare con possibile distorsione delle
retina, edema maculare e formazione di fori maculari (The Med. Letter 1422;
2013). Il trattamento standard per la patologia progressiva la vitrectomia
chirurgica o iniezioni vitreali di Ocriplasmina (The Med. Letter 1422; 2013).