Sei sulla pagina 1di 2

Maka hannya haramitta Shingyo

Kan ji zai bo sa

ze dai jin shu

gyo jin hannya ha ra mi ta ji

ze dai myo shu

sho ken go o on kai ku

ze mu jo shu

do issai ku yaku

ze mu to do shu

sha ri shi

no jo issai ku

shiki fu i ku

shin jitsu fu ko

ku fu i shiki shiki

ko setsu hannya ha ra mi ta shu

soku ze ku

soku setzu shu watsu

ku soku ze shiki

gya tei gya tei

ju so gyo shiki

hara gya tei

yaku bu nyo ze

hara so gya tei

sha ri shi

bo ji so wa ka
hannya shin gyo

ze sho ho ku so
fu sho fu metsu
fu ku fu jo
fu zo fu gen
ze ko ku chu
mu shiki mu ju so gyo shiki
mu gen ni bi zesshin ni
mu shiki sho ko mi soku ho
mu gen kai nai shi mu i shiki kai
mu mu myo yaku mu mu myo jin
nai shi mu ro shi
yaku mu ro shi jin
mu ku shu metsu do
mu chi yaku mu toku
i mu sho tokko
bo dai satta
e hannya ha ra mi ta ko
shin mu kei ge
mu kei ge ko
mu u ku fu
on ri issai ten do mu so
ku gyo ne han san ze sho butsu
e hannya ha ra mi ta ko
toku a noku ta ra san myaku
san bo daiko chi hannya ha ra mi ta

Sutra Cuore
Traduzione di Erto Taigo Fumagalli del testo
inglese ufficiale della St Shu

Immerso nella pratica della Perfetta


Sapienza, il Bodhisattva Signore
dintuizione con chiarezza vede la vacuit
dei cinque aggregati e tutti libera dalla
sofferenza.
Shariputra, forma vacuit, vacuit
forma. La forma non differisce dalla
vacuit, la vacuit non differisce dalla
forma.
Sensazione, percezione, volizione e
coscienza, altro non sono che vacuit.
Shariputra, vacuit sono i dharma che n
appaiono n scompaiono; non sono n
puri n impuri, n aumentano n
diminuiscono. Perci, nella vacuit non
c forma, sensazione, percezione,
volizione, coscienza; n occhi, orecchie,
naso, lingua, corpo, mente; non c
forma, suono, odore, gusto, tatto,
pensiero; non c regno della forma, del
suono, dellodore, del gusto, del tatto e
della coscienza del pensiero. Non c n
ignoranza n fine dellignoranza, n
vecchiaia n morte, n fine di vecchiai e
morte; non c sofferenza, n origine n
estinzione della soferrenza, non c Via,
n conoscenza, n realizzazione.
Poich non c nulla da realizzare il
Bodhisattva si affida alla Perfetta
Sapienza che libera la mente dagli
ostacoli, senza temere abbandona
lillusione e entra nel Nirvana.
Tutti I Buddha dei tre tempi si affidano
alla Perfetta Sapienza e giungono al
Supremo Perfetto Risveglio.
La Perfetta Sapienza altro non che il
grande mantra sublime, incomparabile,
supremo luminoso vero mantra che
dissolve la sofferenza:
gya tei gya tei hara gya tei
hara so gya tei bo ji so wa ka