Sei sulla pagina 1di 1

6

GIOVED 31 GENNAIO 2013

Canile in ProCura

Si muovonoI sopravvissuti,Mammatierra,Lepa e Legambiente

Rabbia, denunce e indagini: il caso del canile Rinalda sbarca in Procura


La notitia criminis del comandante della Municipale
di MARIATERESA LANZILLOTTI TORCHIAROLO Da queste colonne alle stanze della legge. Dopo la pubblicazione della denuncia veicolata da questo giornale circa le condizioni del canile Rinalda, il comandante della polizia municipale, Lorenzo Renna invia una notizia di reato alla Procura. E iniziano a piovere le denunce delle associazioni animaliste. Lincidente diplomatico scoppia ieri mattina. Senzacolonne pubblica il servizio-denuncia circa le pessime condizioni igienico-sanitarie del canile comunale di Torchiarolo. I lettori apprendono degli animali ridotti alla fame, costretti a vivere in box e aree recintate fatiscenti, cani affamati e stremati a tal punto da arrivare a cibarsi dei propri compagni di Il sindaco di Torchiarolo ha incontrato ieri alcuni animalisti cella. I cani del rifugio Rinalda sono anche le autorit locali si sono to le dovute indagini per accertacostretti al cannibalismo. mosse. re la reale situazione della strutI circa settanta cani custoSubito dopo aver letto gli tura. diti nella struttura vengoarticoli pubblicati da questo La Municipale inizia gli accertano nutriti con circa giornale relativi al canile di menti. Il comandante Renna si diciotto, venti chili totali Torchiarolo dichiara di croccantini al giorno. Lorenzo Renna, coman- reca presso il canile Rinalda. Spettano pi o meno dante dei vigili urbani del Visiona la struttura e gli animali. duecento grammi di posto ho avvia- Alcuni veterinari dellAsl di mangime per box e area Brindisi hanno visitato gli anirecintata. In ogni sezione del canile possono esserci dai due agli otto cani. Il cibo uguale per tutti, cuccioli, animali adulti, anziani e malati. Non esiste un reparto degenza, nursery. I cani stanno tutti insieme. In box o in aree recintate senza alcun riparo. Solo piccole tettoie. Apprendendo la notizia, la gente insorta. Aspri i commenti suscitati dagli articoli pubblicati da questa testata. Ma Francesco Serinelli di Mammatierra ni adeguamenti spiega il comandate della polizia municipale di Torchiarolo. Ma circa la natura delle modifiche che dovrebbero essere apportate al Rinalda non v notizia. Renna mantiene il massimo riserbo. La Magistratura deve apprendere quanto documentato attraverso le vie ufficiali non per mezzo dei giornali sentenzia Renna. E ufficiale. La Municipale di Torchiarolo ha avviato le indagini sul caso del canile Rinalda. Parte la raccolta di tutte le informazioni utili sullo stato del rifugio. Dopo aver fatto le prime mosse investigative, il comandante della polizia municipale si rivolge alla Procura della Repubblica di Brindisi. Quanto accertato grazie alla prima battuta delle indagini spiega il comandante Renna lho trasmesso tramite idonea informativa allautorit giudiziaria. Il magistrato di turno assegnato al caso Marco DAgostino. Il canile di Torchiarolo in un fascicolo sulla scrivania del pubblico ministero. Ma il comandante dei vigili urbani del paese del rifugio Rinalda non lunico a rivolgersi allAutorit giudiziaria per far luce sulla vicenda balzata agli onori della cronaca solo ieri. Il dirigente della polizia municipale indaga. Gli animalisti si scagliano contro la dirigenza del canile: il Comune di Torchiarolo. Piovono le prime denuncie per maltrattamento di animali. Le prime associazioni animaliste a rivolgersi alla Magistratura sono I Sopravvissuti onlus la cui presidente Antonella Solomita, Mammatierra il cui presidente Francesco Serinelli e Lepa con a capo Franca Losito. E nel tardo pomeriggio anche Legambiente ha deciso di fare la sua mossa con un esposto alla Procura affinch si possano avviare indagini sullaccertamento dei fatti, onde valutare eventuali ipotesi di reato, spiegano gli ambientalisti in una nota e aggiungono di ritenere che sia necessario un urgente sopralluogo della struttura.

mali e ne hanno certificato il buono stato di salute afferma Lorenzo Renna. I cani starebbero bene, ma nel primo certificato vengono fatti alcuni appunti alla dirigenza della struttura. E stato messo nero su bianco che devono essere eseguiti alcu-