Sei sulla pagina 1di 1

Canile in ProCura saCra Corona uniTa

GIOVED 31 GENNAIO 2013

Alcuni animalisti, dopo aver presidiato il Comune, si sono recati presso il canileRinalda, ma non potendovi accedere

Ecco perch non ci permettavano di entrare. Per non vedere quanto accadeva l dentro

Ma vi sembra un canile quello?


Ieri molti animalisti hanno protestato davanti al Comune di Torchiarolo
di MARIATERESA LANZILLOTTI TORCHIAROLO E tutta colpa vostra. E quanto hanno gridato ieri gli animalisti allindirizzo dei membri dellAmministrazione. Perch il sindaco i cani del canile comunale avrebbe dovuto proteggerli, non affamarli a tal punto da spingerli fino al cannibalismo. Questo non un canile, un lager, pagherete per quello che avete fatto urlano allunisono gli amici degli animali. Ecco perch non volevate farci entrare nel rifugio e cestinavate le nostre richieste di volontari tuona Francesco Serinelli, presidente dellassociazione Mammaierra. Anime innocenti, angeli da proteggere. Per gli animalisti gli animali in generale e i cani del canile Rinalda in particolar modo sono proprio questo. Creature indifese. E i loro amici pelosi, ieri gli animalisti li hanno visti ridotti in brandelli. Ieri gli animalisti hanno le hanno viste le foto dei cani morti. Li hanno visti i video pubblicati da questo giornale circa i cani del Rinalda. Loro li hanno visti quegli animali. Nelle immagini che hanno guardato gli animalisti, alcuni dei cani del rifugio non erano pi nemmeno animali, ma un mucchietto di sangue e ossa. Perch i loro fratelli, esasperati dal canile, li stavano mangiando. Ieri due pagine di giornale hanno aperto gli occhi agli animalisti. Hanno permesso a molti di apprendere quanto si nasconde dietro linsegna bianca e celeste del canile di Tochiarolo. Ad altri hanno dato quella conferma, che in forno al loro cuore non volevano. Ad altri ancora la forza per mettersi in piedi, smettere di avere paura di puntare il dito contro chi di dovere e mettersi dalla parte dei cani. Qui, in questo maledetto canile, che canile non pu essere nemmeno definito - urla la volontaria Marzia Zito -, non c niente di lecito. Ma dove sta il veterinario? E chi si prende cura dei cani se non ci sono le associazioni? Gli animali devono essere accuditi, separati in box a seconda dellet, del carattere, della taglia. Devono essere tenuti al riparo. Non ammassati cuccioli e cani adulti, animali sottomessi e cani mordaci. Io sono una volontaria, opero in un canile e so come funziona e come deve essere organizzato un rifugio. Questo non un canile. I rifugi nella stragrande maggioranza dei casi sono gestiti dalle associazioni animaliste. Perch i volontari, proprio per la gratuit della loro opera, curano gli animali mettendoci il cuore. Loro quei cani li guardano con gli occhi dellanima, fanno in modo che stiano bene sempre. Sia durante la prigionia in canile che dopo, quando viene individuata una famiglia idonea alladozione. Ma quando in canile non ci sono gli animalisti, allora cambia tutto. I cani non sono pi angeli da proteggere. E c qualcuno che le ha provate tutte per riuscire ad entrare in canile per fare volontariato, quelli di Mammatierra. E da mesi che faccio su e gi dal Comune dichiara il presidente Francesco Serinelli cercando di proporre me e i miei associati come volontari, per dare una mano per il bene dei cani. Ma niente. Hanno sempre trovato scuse per tenerci lontani dal canile. Ora capisco perch. Ieri una piccola delegazione degli animalisti stata accolta nella sede del comando della poliza municiplae di Torchiarolo. Le loro dichiarazioni sono state messe agli atti. Ma poi quando, ieri in occasione dellentrata della cronista di Senzacolonne in canile, loro hanno cercato di fare lo stesso, sono stati chiusi fuori dal cancello. Hanno battuto i pugni contro la recinzione, ma niente, non li hanno fatti entrare. Loro hanno urlato e protestato al cospetto del sindaco. Lui dal canto suo ha omaggiato le loro parole definendole cazzate e chiamandoli maleducati.

Un animalista afgge un eloquente striscione sulla recinzione del Municipio di Torchiarolo


Dove stanno le cucce? Ma vi sembra normale che in canile non ci sia mai nessuno se non due operai per qualche ora al mattino?. Perch al Rinalda circa settanta cani sono suddivisi tra box solo in parte coperti da una tettoia, senza cuccia, un minimo riparo, e in aree recintate, nella terra, nel fango. In quel canile gli animali si bagnano quando piove. Stanno sotto al sole quando c. Patiscono il freddo quando inverno. Mangiano, quando ci riescono e quando la fame troppa si avventano luno contro laltro. Si scagliano contro gli operatori. Ma che razza di canile uno in cui vietato laccesso alle associazioni animaliste urla arrabbiata Loretta Massafra -, ma che canile uno in cui i cani gli animalisti non possono nemmeno mettere piede? E un canile che sa di lager.