Sei sulla pagina 1di 9

Le Olimpiadi di Berlino del 1936 sono un evento cruciale nella storia dello sport.

Assegnate dal Comitato Olimpico Internazionale alla Germania prima dellavvento al potere di Hitler, rappresentano un trionfo per il dittatore nazista che riesce a organizzare uno spettacolo propagandistico di grande effetto.

Le Olimpiadi di Berlino vengono a tutt'oggi ricordate come l'edizione pi controversa del secolo. Adolf Hitler, che dapprima non vede affatto di buon occhio la manifestazione, in un secondo momento si convince che i Giochi possono essere invece uno straordinario strumento di propaganda per magnificare al mondo la superiorit fisica della razza ariana e la grandezza del nazionalsocialismo. Viene cos fatto edificare il monumentale Reichssportfeld, il campo sportivo del Reich, ben 25 maxi-schermi sono installati per tutta la citt e viene introdotto il rituale della fiaccola portata di corsa da Olimpia dai tedofori.

Tutto questo mentre negli Stati Uniti si forma un movimento per il boicottaggio delle Olimpiadi nella Germania nazista, visto con favore dal presidente Roosevelt che pi volte aveva chiesto lo spostamento della sede. Alla fine viene inviato in Germania il conservatore Avery Brundage per una perlustrazione. Brundage, che in seguito paleser simpatie filonaziste e diventer presidente del Comitato Olimpico Internazionale, riporta favorevoli impressioni a Roosevelt, che si convince cos ad inviare i suoi atleti.

Lo schiaffo morale pi grosso alla Germania nazista dato per dal leggendario atleta di colore James Cleveland "Jesse" Owens. Il ventitreenne dell'Alabama, campione nei 100 e 200 metri, nel salto in lungo e nella staffetta sale sul primo gradino del podio per ben quattro volte. Impresa che, da sola, confuta tutte le teorie sulla presunta superiorit della razza ariana. Nonostante questo, non vero - come scrissero molti giornali dell'epoca - che Hitler si rifiut di salutarlo. Il plateale atto di snobismo fu invece rivolto ad altri due afroamericani: Cornelio Cooper Johnson e Dave Albritton, rispettivamente medaglia d'oro e d'argento nel salto in alto. Al momento della premiazione il Cancelliere abbandon lo stadio adducendo impegni governativi.

Abbiamo altri due atleti che hanno fatto la storia dello Sport e sono il giamaicano Usain Bolt e lamericano Carl Lewis.

un atleta giamaicano, specialista nella velocit. l'attuale campione mondiale sulla distanza dei 200 metri piani e della staffetta 4100 metri, discipline di cui detiene, insieme ai 100 metri piani, anche i primati mondiali, stabiliti ai Mondiali di Daegu 2011 (4100 m) e durante i Mondiali di Berlino 2009 (100 m e 200 m). Di tutte le specialit anche campione olimpico. inoltre il detentore del primato mondiale dei 200 metri piani categoria allievi e juniores, rispettivamente con 20"13 e 19"93.

E un ex atleta statunitense, velocista e saltatore; considerato uno dei pi grandi atleti di tutti i tempi. Soprannominato il figlio del vento, ha vinto 10 medaglie olimpiche, delle quali 9 sono d'oro e 1 d'argento, in quattro partecipazioni dal 1984 al 1996. Inoltre ha vinto 8 medaglie d'oro, una d'argento e una di bronzo ai campionati del mondo di atletica leggera, in quattro partecipazioni dal 1983 al 1993.