Sei sulla pagina 1di 70

Edward de Bono. Il pensiero laterale. traduzione di MARIO CARELLI. Biblioteca Universale Rizzoli. (C) 1967 Edward de Bono (C) 1969,1981 RCS Rizzoli Libri S.p.A., Milano (C) 1994 R.C.S. Libri & Grandi Opere S.p.A., Milano. ISBN 88-17-13402-3. Titolo originale dell’opera: THE USE OF LATERAL THINKING.

PREMESSA.

Come mai certe persone mostrano di possedere una mente sempre fervida di idee nuove, mentre altre, che pur non sono meno intelligenti delle prime, si rivelano del tutto negate a tale attività creativa?

Da Aristotele in poi, la logica viene esaltata come l’unico strumento in grado di trar buon frutto dall’intelletto.

Ciononostante, l’imprevedibilità stessa delle idee nuove sta ad indicare che esse non sono necessariamente il risultato di ragionamenti logici.

Si avverte da qualche parte l’esistenza di un diverso procedimento intellettivo, facile a riconoscere soprattutto quando riesce a formulare quel tipo di risposte semplici che appaiono ovvie soltanto dopo la loro formulazione; il presente volume si propone di esaminare questo procedimento, di mostrare come esso differisca radicalmente dal metodo logico e sia, spesso, più di questo, fecondo di idee nuove.

Per comodità, abbiamo coniato l’espressione pensiero verticale per indicare il metodo logico, e l’espressione pensiero laterale, per l’altro metodo.

Se si potesse risalire il corso dei pensieri fino alla loro prima sorgente, si arriverebbe a classificarli tutti in termini di impulsi della rete nervosa cerebrale.

Oggi si sa ancora relativamente poco sui particolari del funzionamento del cervello; è tuttavia possibile avere una visione generale della sua organizzazione.

Come, per valutare l’efficienza dell’impianto elettrico di un edificio, non è necessario procedere a un esame particolareggiato della disposizione dei fili e del funzionamento degli interruttori, così è possibile arrivare a una certa comprensione del meccanismo intellettivo attraverso un esame delle manifestazioni esteriori del pensiero che rechi testimonianza degli schemi mentali di partenza.

Un’analisi di questo genere dovrebbe occuparsi, per esempio, degli effetti della complessa interazione tra controlli mentali retroattivi negativi e positivi.

Un’organizzazione mentale così concepita può tuttavia costituire soltanto un modello di comodo per l’elaborazione del concetto di pensiero laterale.

Anche in questo caso, l’utilità del pensiero laterale non dipende minimamente dalla validità del modello.

Chi è veramente abile nell’uso del pensiero laterale non ha bisogno di un modello, pur supposto valido, più

di quanto un autista, per guidare bene, abbia bisogno di nozioni di ingegneria meccanica.

Nessuno del resto potrebbe sostenere che il retto uso del metodo logico dipende da una completa comprensione del funzionamento del cervello.

Le nozioni raccolte in questo volume sono perciò basate sulla semplice osservazione e su una conoscenza, sia pur limitata, dell’organizzazione funzionale della mente.

Vengono usati termini comuni come “pensiero”, “idea”, e “percezione”, in quanto si crede che siano i più adatti a questo contesto.

Il pensiero laterale non è una nuova formula magica ma semplicemente un diverso e più creativo modo di servirsi dell’intelletto.

La matematica moderna ne fa un buon impiego, lo psichedelismo ne abusa.

La matematica moderna ne costituisce anzi un esempio particolarmente calzante.

Scartati i rigidi schemi entro cui in passato si presentava la materia, la nuova matematica fa in modo che l’allievo le si accosti con scelte deliberate, dandogli, in misura maggiore, il gusto dell’acquisizione personale.

Questo metodo, incoraggiando attivamente l’allievo a considerare un problema da molti e diversi punti di vista e a rendersi conto della molteplicità delle vie che possono portare alla soluzione giusta, favorisce un miglioramento assai più rilevante della duttilità intellettuale dell’allievo.

Col tempo questi principi, che stanno tutti alla base del pensiero laterale; potranno permeare altri campi d’insegnamento.

Alla fine di questo libro, qualche lettore potrà concludere di aver appena intravisto il pensiero laterale ma di esserne stato, a tratti, affascinato; e potranno essere ricordati i casi in cui il suo impiego ha portato a brillanti successi.

Anche se, nelle pagine che seguono, si consigliano alcune tecniche che possono venir deliberatamente impiegate per sfuggire alle forche caudine della logica, sarebbe impossibile scrivere un vero e proprio testo di insegnamento sul pensiero laterale.

Qui ci si limita a spiegare che cosa esso è e come procede, e inoltre a invogliare i lettori a sviluppare la loro capacità di farne uso.

CAPITOLO PRIMO

Molti anni fa, ai tempi in cui un debitore insolvente poteva essere gettato in prigione, un mercante di Londra si trovò, per sua sfortuna, ad avere un grosso debito con un usuraio.

L’usuraio, che era vecchio e brutto, si invaghì della bella e giovanissima figlia del mercante, e propose un affare.

Disse che avrebbe condonato il debito se avesse avuto in cambio la ragazza.

Il mercante e sua figlia rimasero inorriditi della proposta.

Perciò l’astuto usuraio propose di lasciar decidere alla Provvidenza.

Disse che avrebbe messo in una borsa vuota due sassolini, uno bianco e uno nero, e che poi la fanciulla avrebbe dovuto estrarne uno.

Se fosse uscito il sassolino nero, sarebbe diventata sua moglie e il debito di suo padre sarebbe stato condonato.

Se la fanciulla invece avesse estratto quello bianco, sarebbe rimasta con suo padre e anche in tal caso il debito sarebbe stato rimesso.

Ma se si fosse rifiutata di procedere all’estrazione, suo padre sarebbe stato gettato in prigione e lei sarebbe morta di stenti.

Il mercante, benché con riluttanza, finì coll’acconsentire.

In quel momento si trovavano su un vialetto di ghiaia del giardino del mercante e l’usuraio si chinò a raccogliere i due sassolini.

Mentre egli li sceglieva, gli occhi della fanciulla, resi ancor più acuti dal terrore, notarono che egli prendeva e metteva nella borsa due sassolini neri.

Poi l’usuraio invitò la fanciulla a estrarre il sassolino che doveva decidere la sua sorte e quella di suo padre.

Immaginate ora di trovarvi nel vialetto del giardino del mercante.

Che cosa fareste nei panni della sfortunata fanciulla? E, se doveste consigliarla, che cosa le suggerireste? Quale tipo di ragionamento seguireste?

Se riteneste che un rigoroso esame logico potesse risolvere il problema – ammesso che esista davvero una soluzione – ricorrereste al pensiero verticale.

L’altro tipo di pensiero è infatti quello laterale.

Chi si servisse del pensiero verticale non potrebbe però essere di grande aiuto a una ragazza che si trovasse in simili frangenti.

Il suo modo di analizzare la situazione la metterebbe in llm(e tregonnecibilità Ti~ r~ si preoccupano del fatto che la ragazza debba estrarre un sassolino.

1 In questo contesto, coloro che si affidano, per qualsiasi tipo di ricerche, esclusivamente al procedimento logico, negando ogni validità a quello laterale. [N.d.T.]

I lateralisti a si occupano invece del sassolino bianco che manca.

I primi affrontano la situazione dal punto di vista più razionale e quindi procedono alla sua risoluzione con circospetta logicità.

I secondi preferiscono esaminare tutti i possibili punti di partenza invece di accettare il più invitante e di impostare su di esso la loro indagine.

Ebbene: la ragazza dell’aneddoto introdusse la mano nella borsa ed estrasse un sassolino, ma senza neppur guardarlo se lo lasciò sfuggire di mano facendolo cadere sugli altri sassolini del vialetto, fra i quali si confuse.

“- Oh, che sbadata! - esclamò. - Ma non vi preoccupate: se guardate nella borsa potrete immediatamente dedurre, dal colore del sassolino rimasto, il colore dell’altro.”

Naturalmente, poiché quello rimasto era nero, si dovette presumere che ella avesse estratto il sassolino bianco, dato che l’usuraio non osò ammettere la propria disonestà.

In tal modo, servendosi del pensiero laterale, la ragazza riuscì a risolvere assai vantaggiosamente per sé

una situazione che sembrava senza scampo.

La ragazza, in realtà, si salvò in un modo molto più brillante di quanto non le sarebbe riuscito se l’usuraio fosse stato onesto e avesse messo nella borsa un sassolino bianco e uno nero, perché in tal caso avrebbe avuto solo il cinquanta per cento delle probabilità in suo favore.

Il trucco che escogitò le offrì invece la sicurezza di rimanere col padre e di ottenergli la remissione del debito.

2 Espressione di comodo per indicare coloro che, pur non disconoscendo la funzione essenziale del pensiero logico, pensano che il pensiero laterale sia l’unica fonte di idee nuove. [N.d.T.]

Il metodo verticale è sempre stato ritenuto l’unico degno di considerazione.

Nella sua forma più compiuta, ossia come logica, esso costituisce il tanto decantato ideale a cui ogni mente è esortata a tendere con tutte le sue forze, a prescindere dall’insufficienza dei risultati.

I calcolatori ne rappresentano forse il modello migliore.

Il problema, infatti, è impostato dal programmatore il quale traccia anche la via da seguire nell’elaborazione dei dati.

Il calcolatore procede quindi con una logica e un’efficienza incomparabili a risolvere il problema stesso.

Gli ordinati, graduali e sicuri procedimenti del pensiero verticale sono ben diversi da quelli del pensiero laterale.

Una pila di cubi nella quale ciascun elemento sia stato collocato con cura e precisione su quello sottostante può darci un’idea della natura del pensiero verticale.

Nel caso del pensiero laterale, invece, la disposizione dei cubi non è prestabilita.

Essi possono essere liberamente collocati uno accanto all’altro o addirittura sparpagliati alla rinfusa; ne potrebbero tuttavia risultare combinazioni utili quanto una struttura verticale.

Il pensiero laterale si può più facilmente apprezzare nelle sue realizzazioni pratiche, come nell’aneddoto dei sassolini.

Sarà capitato a tutti di trovarsi di fronte a un certo problema che sembrava insolubile finché, tutt’a un tratto, se n’è scoperta una soluzione straordinariamente semplice.

Una volta trovata, questa soluzione sarà apparsa così ovvia che diventerà pressoché impossibile capire come mai non sia venuta in mente prima.

Problemi di questo tipo possono veramente essere difficili da risolvere finché si insiste nell’impiegare il metodo verticale.

Il pensiero laterale non si propone solo la soluzione di problemi singoli, ma si preoccupa anche di trovare nuove interpretazioni della realtà e si interessa di idee nuove di ogni genere.

Se un aneddoto come quello dei sassolini verrà raccontato tutto di seguito e si svelerà subito la soluzione, gli ascoltatori saranno indotti a chiedersi dove stia mai questa gran difficoltà. È solo se si farà una pausa affinché possano cercare la soluzione da soli che essi si accorgeranno di quanto sia difficile trovarla.

Anche nei migliori esempi di pensiero laterale, la soluzione, una volta trovata, appare addirittura logicamente ovvia. È molto facile dimenticare che tale soluzione era stata raggiunta non con la logica ma grazie al pensiero laterale.

Anzi, una volta che si sarà trovata la soluzione, molti saranno pronti a spiegare come la si sarebbe potuta ottenere col pensiero verticale.

In retrospettiva, infatti, diventa facile scorgere il filo consequenziale che partendo dai dati iniziali di un problema, lo guida fino alla sua soluzione.

Durante un esperimento di ipnosi, è possibile istruire un soggetto a esibirsi, dopo che sarà uscito dallo stato

di trance, in un certo comportamento bizzarro.

Venuto il momento, il soggetto eseguirà le istruzioni ricevute dall’ipnotizzatore, come quella di aprire un ombrello in salotto, di offrire a tutti i presenti un bicchiere di latte, o di mettersi carponi sul. pavimento e abbaiare come un cane.

Se gli si chiederà perché mai si comporti in quello strano modo, il soggetto darà prontamente una spiegazione che non fa una grinza dal punto di vista logico.

Tale spiegazione offre una memorabile dimostrazione dei poteri della razionalizzazione.

Tutti i presenti saranno a conoscenza della vera ragione di quello strano comportamento, eppure il protagonista riuscirà ad architettare una spiegazione perfettamente logica, capace di convincere qualsiasi nuovo arrivato.

Non vi è nulla di male nel rendere razionale col pensiero verticale una soluzione trovata grazie al procedimento laterale.

Il pericolo sta nel presumere che, per il fatto che tale via verticale sia ricostruibile a posteriori, tutti i problemi possano essere risolti con il pensiero verticale con la stessa facilità con cui potrebbero esserlo con quello

laterale.

Una delle tecniche del pensiero laterale consiste nel fare deliberato uso di queste facoltà razionalizzatrici

dell’intelletto.

Invece di procedere un gradino alla volta nel solito senso verticale, si prende in considerazione, all’improvviso, un elemento nuovo e del tutto arbitrario.

Si

cammina poi a ritroso cercando di costruire un collegamento logico tra questo nuovo elemento e il punto

di

partenza.

Nel caso che si manifesti la possibilità di allacciare un collegamento, esso dev’essere collaudato secondo i criteri della logica più scrupolosa.

Se l’allacciamento risulta solido, veniamo allora a trovarci in una posizione favorevole, irraggiungibile con il consueto procedimento verticale.

E quand’anche tale posizione arbitraria non si rivelasse sufficientemente solida, può sempre darsi che, nel

tentativo di giustificarla, si siano trovate nuove ed utilissime idee.

.

Vi

sono alcuni che arrivano a preferire il procedi~`ento laterale al punto da tentar di sostitúirlo in ogni `caso a

quello verticale.

Molti altri (la maggioranza) sono invece contrari al concetto di pensiero laterale e insistono nel ritenere del tutto sufficiente quello verticale.

Di fatto i due procedimenti sono complementari.

Quando il normale procedimento verticale non riesce a trovare la soluzione di un certo problema, o quando serve un’idea nuova, allora si dovrebbe usare il procedimento laterale.

a causa dei limiti intrinseci propri dell’altro

procedimento.

Limiti che dobbiamo tenere ben presenti perché, considerati sotto un altro punto di vista, costituiscono proprio i vantaggi specifici del pensiero verticale.

La mente umana, per il modo in cui è organizzata, ha, come sistema ottimale, la funzione di interpretare le varie situazioni secondo il criterio della probabilità.

Il maggiore o minor grado di questa sarà determinato dall’esperienza e dalle necessità del momento.

Il pensiero verticale si basa sul massimo di probabilità.

Se ciò non fosse, la vita di ogni giorno diventerebbe impossibile perché bisognerebbe analizzare profondamente ed esaminare con cura qualsiasi azione o-impressione, non potendo dare nulla per scontato.

Come un millepiedi che si rendesse consapevole dei propri attributi fisici, la mente umana sarebbe paralizzata dalla sua stessa complessità.

Dopo aver preso in considerazione una determinata situazione di fatto, il pensiero ha il compito di autoeliminarsi per dar direttamente posto all’azione; e ciò è possibile soltanto se alla interpretazione più probabile di una situazione segue l’azione che ha la maggior probabilità di risultare efficace.

Per

trovare

idee

nuove

quest’ultimo

è

indispensabile,

Come l’acqua scende per i pendii, si raccoglie negli avvallamenti e affluisce nei fiumi, così il pensiero verticale scorre lungo i declivi della maggior probabilità che, per ciò stesso, diventano vie di scorrimento sempre più probabili.

Se il pensiero verticale significa alta probabilità, quello laterale significa bassa probabilità.

Si scavano nuovi canali per deviare a forza il corso delle acque, e i vecchi vengono sbarrati, nella speranza che la corrente si trovi un letto diverso e migliore.

A volte, l’acqua, contro la sua tendenza naturale, viene persino risucchiata verso l’alto.

Quando il pensiero laterale conduce alla gioiosa scoperta di una idea veramente nuova, allora la bassa probabilità del suo metodo si trasforma in altissima probabilità.

In questo momento, l’acqua, faticosamente risucchiata verso l’alto, diventa un sifone che, di colpo, fluisce liberamente.

Ed è a questo risultato che il pensiero laterale mira costantemente.

Proprio perché si volge alla ricerca di idee nuove, il pensiero laterale sembrerebbe avere dei rapporti con il pensiero creativo in senso stretto.

In realtà lo include ma abbraccia un campo d’azione più vasto.

Talora il pensiero laterale giunge a risultati genuinamente creativi, talaltra si limita a rivelare aspetti insoliti di una data cosa o situazione, e in questi casi si resta al di qua di una vera e propria creazione.

Il pensiero creativo richiede spesso particolari capacità espositive, mentre il pensiero laterale è aperto, più genericamente, a tutti coloro che si interessano di idee nuove.

Non ci serviamo, in questo volume, per illustrare il pensiero laterale, dell’attività creatrice intesa come fenomeno schiettamente artistico, perché essa dà risultati troppo soggettivi. È facile dimostrare l’efficacia del pensiero laterale sulla base di risultati che si prestino a una chiara valutazione di utilità o di inutilità; è altrettanto facile decidere se esso ha, o non ha, effettivamente risolto un problema; la valutazione di una nuova creazione artistica dipende invece dal gusto personale o dalla moda estetica del momento.

Il pensiero laterale sembra avvicinarsi alla follia nella misura in cui si allontana dalle regole della logica e del pensiero verticale. È dunque solo una forma di temporanea e deliberata pazzia? Il metodo della bassa probabilità è in qualche modo differenziabile dalle caotiche - associazioni mentali della schizofrenia? Fra le maggiori caratteristiche di questa infermità non c’è forse quella per cui la mente del malato svolazza da un’idea all’altra come una farfalla? E poi, se uno desidera vedere temporaneamente il mondo sotto un aspetto diverso dal normale, perché non ricorre alle pratiche psichedeliche? Ciò che caratterizza fondamentalmente il pensiero laterale è il controllo a cui sottopone l’intero suo procedimento.

Se il pensiero laterale sceglie il caos, è perché vuol servirsene come metodo, e non perché rifiuta di adottare un metodo qualsiasi.

La logica attende costantemente all’elaborazione, e poi, all’esame e alla selezione di soluzioni nuove di qualsiasi specie.

La differenza tra il metodo laterale e quello verticale sta nel fatto che, nel secondo caso, la logica guida il pensiero, mentre, nel primo, lo serve.

Le prestazioni dell’intelletto restano a un livello costante e immutabile, oppure sono suscettibili di miglioramento grazie a incentivi o a circostanze particolari? Pochi posseggono una naturale attitudine al pensiero laterale, ma tutti possono acquisirla in una qualche misura, applicandovisi con impegno.

I metodi didattici tradizionali normalmente non fanno nulla per incoraggiare la gente all’acquisizione di una mentalità-laterale; anzi, di fatto la ostacolano per la loro esigenza di adattare il pensiero alle strettoie di una serie di controlli.

Il pensiero laterale non è una formula magica che si può apprendere a tambur battente e utilizzare subito dopo. È un’attitudine e un abito mentale.

Le varie tecniche che descriveremo dovranno servire a illuminare il lettore sui vari modi di procedere del pensiero laterale, ma non vogliono essere un ricettario di pronto impiego per la soluzione dei problemi. È impossibile abiurare improvvisamente la fede nella onnipotenza del pensiero verticale per abbracciare il credo dell’utilità di quello laterale.

Quest’ultimo presuppone consapevolezza ed esperienza, e non è il frutto di una rivelazione improvvisa.

CAPITOLO SECONDO

Quante saranno le persone che, almeno una volta nel corso della loro esistenza, riescono a inventare qualcosa di nuovo? Quanti sarebbero in grado di inventare la ruota, se non fosse già stata inventata?

Molti assumono, nei confronti delle idee nuove, lo stesso atteggiamento che adottano per gli incidenti stradali: suppongono cioè che siano cose che possono capitare solo agli altri.

E questi “altri”, essendo i più qualificati a trovare idee nuove, sarebbero in grado di produrne con maggior

facilità.

Se le idee nuove costituissero la giusta ricompensa di un duro lavoro e di un lungo sforzo, tutti ne saremmo lietissimi.

L’impegno e la buona volontà che molti ci mettono, i sacrifici che accettano pur di riuscire nell’impresa, sono certo meritevoli di successo.

E, se le invenzioni sottostassero a questa prassi, anche la società si sentirebbe molto più a suo agio nell’incoraggiare, sostenere e valorizzare tutti gli sforzi seriamente intesi a questo scopo.

Invece, le invenzioni non sono necessariamente il frutto di questo diuturno lavoro di indagine e di elaborazione.

Darwin aveva già alle sue spalle vent’anni di ricerche sulla teoria dell’evoluzione il giorno in cui gli fu dato da leggere lo scritto di un giovane biologo, un certo Alfred Russell Wallace.

Ironia della sorte, lo scritto recava una chiara enunciazione della teoria dell’evoluzione basata sulla sopravvivenza del più adatto.

Sembra che Wallace l’avesse formulata in una settimana e in stato di delirio, nelle Indie Orientali.

La elaborazione completa di una teoria può richiedere anni di duro lavoro, ma il principio ispiratore può nascere da una improvvisa illuminazione interiore.

In effetti, quando una teoria implica una visione delle cose completamente nuova, è difficile pensare che possa presentarsi in maniera diversa.

E non è neppure detto che la elaborazione di una nuova teoria debba essere sempre il frutto di annose

ricerche: l’insoddisfazione per la vecchia può costituire lo stimolo per uno sviluppo assai più rapido.

In realtà, un’elaborazione lenta può persino ostacolare il successo finale di una concezione nuova, per la ragione che, nel frattempo, le vecchie concezioni, almeno quelle che hanno conservato una certa validità, possono venir arricchite di altri apporti utili.

La scienza annovera schiere di zelantissimi cultori che affrontano il lavoro con logica e meticolosità impeccabili, ma che probabilmente non riusciranno mai a concepire un’idea originale.

Gran parte delle nuove teorie nasce dopo che dati nuovi, forniti dall’esperienza o dagli esperimenti, hanno costretto a un riesame delle vecchie.

I dati di nuova acquisizione sono probabilmente i più idonei ad ispirare idee nuove, ma non si può farci cieco assegnamento perché, per lo più, vengono interpretati secondo i criteri della vecchia teoria e adattati ad essa in modo da rafforzarla.

Al paziente di uno psicanalista può accadere di accorgersi che quest’ultimo cerchi abilmente di inquadrare tutti i sintomi offerti dai suoi sogni in una diagnosi prestabilita.

Molti ritengono che le teorie freudiane resistano all’usura del tempo anche grazie alla loro capacità di adattarsi a tu”i i dati sperimentali con cui si intenderebbe confutarle.

Le nuove idee possono nascere da dati nuovi, questi però non sono indispensabili.

Si può benissimo partire da dati vecchi e riordinarli in un modo nuovo e validissimo.

L’esempio migliore ce lo fornisce, senza dubbio, Einstein.

Egli formulò la teoria della relatività senza ricorrere ad esperimenti o ad apporti nuovi.

Proprio perché non se ne avvalse, la sua scoperta consisté in una mera rielaborazione originale di dati scientifici già a disposizione di tutti.

Gli esperimenti vennero solo dopo, e confermarono la teoria.

Einstein prese in esame e rielaborò in modo assolutamente nuovo quei dati scientifici che gli altri scienziati non avevano mai messo in discussione in quanto si trattava di dati già inseriti nel sistema newtoniano. ~ spaventoso (e stimolante) pensare a tutte le scoperte latenti nei dati scientifici disponibili, che andrebbero meglio ristrutturati.

A tutta prima sembrò che le teorie einsteiniane migliorassero, ma solo di poco, le precedenti.

Avevano permesso di calcolare con maggior precisione la lunghezza d’onda della luce proveniente dalla stella Sirio e di correggere leggermente i valori dell’orbita di Mercurio.

Sembrarono modifiche di poco conto, e invece portarono alla scoperta dell’energia atomica.

Molta gente quando parla di idee nuove intende riferirsi alle invenzioni tecniche e alle teorie scientifiche.

E, in entrambi i casi, una adeguata preparazione tecnica appare loro come la premessa indispensabile a

qualsiasi risultato creativo.

Anche noi siamo d’accordo ma aggiungiamo che la preparazione tecnica non basta, altrimenti tutti coloro che la posseggono sarebbero automaticamente in grado di concepire idee nuove.

Una donna, in America, guadagnò una fortuna per aver capito che, piegando un foglio di carta in modo che potesse servire da bolla di consegna, da fattura e da ricevuta, le ditte avrebbero realizzato un notevole risparmio di tempo, di fatica e di cancelleria.

La sua invenzione fu largamente adottata.

Può non esistere un rapporto tra il tipo di elaborazione e l’importanza dei risultati conseguiti.

Idee banali e idee che cambiano il corso della storia possono scaturire da procedimenti identici: si racconta che a Napoleone costasse la stessa fatica debellare potenti armate nemiche e togliersi dai piedi il cane della moglie.

Un ottimo esempio di come non basti disporre di conoscenze tecniche e di una adeguata attrezzatura per

inventare qualcosa di nuovo si trova leggendo la storia dell’invenzione della valvola termoionica, l’invenzione

da cui nacque la tecnologia elettronica che compie miracoli nel settore delle comunicazioni.

Edison il mago dell’elettricità, teneva letteralmente nelle mani uno strumento come la lampadina che ora noi possiamo considerare un modello, sia pur primitivo, di valvola termoionica.

Non solo l’aveva sotto mano, ma lo fece anche patentare.

Nessuno più di lui sarebbe stato in grado di apprezzare l’importanza di un simile strumento, nessuno conosceva l’elettricità meglio di lui.

Dovettero invece passare anni prima che Fleming, a Londra, ne scoprisse l’importanza e Lee De Forest, poi,

la trasformasse in valvola triodica; e anche lui si rese conto pienamente del suo valore soltanto dopo che i

tecnici della telefonia cominciarono a impiegarla.

Per spiegare la straordinaria elusività delle idee nuove, i pessimisti sostengono che si tratta in realtà di scoperte dovute al caso.

Secondo loro, un’idea nuova non può essere concepita finché i suoi elementi costitutivi non si riuniscono simultaneamente, con un procedimento tutto particolare, nella mente di un solo uomo.

Si

tratterebbe solo di aspettare che il caso realizzi questa feconda combinazione di elementi conoscitivi.

Ci

troviamo qui di fronte a una spiegazione del tutto negativa, anche se molti fatti parrebbero confermarla.

Quando si tratta di migliorare un’invenzione già fatta, la mente umana mostra capacità ed efficienza assai notevoli.

Nel corso di una vita umana, l’aereo, da audace esperimento di due meccanici di biciclette, è diventato il mezzo di trasporto per eccellenza, e nessuno contesta più la sua comodità ed efficienza.

Il fragile miracolo della radio si è materializzato in un aggeggio banale, di basso prezzo.

La mente- umana eccelle nél lavoro di elaborazione, e non ci sono limiti riconoscibili a questa sua abilita chè arriva fino alla progettazione di cervelli elettronici, in grado di estendere ulteriormente la sua capacità di elaborazione.

A tutto ciò fa contrasto la scarsa attitudine della mente umana a concepire idee nuove.

Esse nascono sporadicamente, anche quando la tecnologia che le rende possibili esiste da lungo tempo.

L’Hovercraft poteva essere costruito assai prima che Christopher Cockerell lo concepisse.

D’altra parte la tecnologia rende attuabili idee alla cui realizzazione prima si sarebbe dovuto rinunciare.

Per esempio, il lucasiano Charles Babbage, professore di matematica a Cambridge, si sarebbe certamente impegnato per far costruire il primo computer già verso il 1830 se fosse esistita allora la tecnologia elettronica necessaria per la costruzione di macchine di questo tipo.

Le sue idee erano valide, ma disponeva solo di ruote dentate.

Comunque, la tecnologia, da sola, non scopre nulla di nuovo.

Se si accetta la spiegazione negativa della nascita delle idee nuove, non resta altro che aspettare, sperare e pregare.

Ma il problema può essere studiato da un’angolazione diversa.

Se le idee nuove nascono solo per caso, come mai alcuni uomini, come Edison per esempio, ne trovano molte più dei loro simili? Di solito i grandi inventori, i grandi scienziati fanno non una ma tutta una serie di scoperte.

Ciò lascia supporre l’esistenza di una particolare attitudine distribuita in misura ineguale tra gli uomini.

E questa attitudine non sembra attribuibile a una intelligenza particolarmente acuta, ma piuttosto a uno speciale abito mentale, a un particolare orientamento concettuale.

Le invenzioni possono procurare la ricchezza a chi le fa, ma ciò non accade sempre.

L’inventore della mietitrebbia ha guadagnato una fortuna, quello della prima seminatrice, invece, non ne ricavò utili di sorta.

La sola ricompensa certa è la soddisfazione del risultato raggiunto. È una soddisfazione del tutto diversa da quella che si prova ottenendo successi di altro genere: è di una classe superiore.

cui una scoperta si rivela non è più possibile ignorarla: c’è in essa una scintilla di

Dal momento in immortalità.

CAPITOLO TERZO

Riconoscere che le idee nuove sono utili, redditizie ed entusiasmanti è ben diverso dal sostenere che la loro ricerca deliberata possa portare, da sola, a qualche risultato positivo.

Tutti si sentirebbero di condividere la prima affermazione, ma solo una minoranza accetterebbe incondizionatamente la seconda.

E’ possibile aumentare l’efficienza di un procedimento in due modi.

Il primo consiste nel migliorarne le prestazioni in modo diretto; il secondo nell’individuare e poi rimuovere gli inconvenienti che ne ostacolano il funzionamento.

Se un’automobile marcia al di sotto della velocità desiderata, il conducente può premere di più sull’acceleratore, oppure assicurarsi che il freno sia stato del tutto allentato. E se un progettista d’auto vorrà creare una macchina più veloce potrà dotarla di un motore più potente oppure potrà ridurne il peso e la resistenza all’aria, che diminuiscono la velocità della vettura.

Per comprendere l’intelligenza, è forse più utile studiare la stupidità. E’ più facile scoprire quel che manca a uno sciocco che individuare quel quid per cui la persona intelligente emerge sulle altre.

Invece di cercare le qualità che mettono una persona in grado di inventare qualcosa di nuovo, avrebbe più senso indagare perché altri ne sono incapaci.

Se si riuscissero a identificare, in qualche modo, in un dato individuo o, più in generale, nell’uomo, gli

ostacoli che impediscono la concezione delle idee nuove, diverrebbe possibile migliorare la capacità umana

di produrne.

Il pensiero laterale è una necessità imposta dai limiti di quello verticale.

L’uso dei due aggettivi “laterale” e “verticale”, è stato suggerito dalle considerazioni che seguono.

Facciamo, tanto per intenderci, l’analogia della miniera.

La logica è lo strumento logico usato per approfondire una miniera, per allargarla e dotarla dèlle strutture necessarie.

Se però la miniera è stata scavata in un posto sbagliato, nessun accorgimento riuscirà a rimuoverla e a trasportarla in un posto adatto.

Sono cose che anche un semplice minatore sa benissimo, tuttavia, in realtà, riesce più comodo continuare a scavare nella vecchia miniera che aprirne un’altra, in un punto diverso.

Il pensiero verticale sprofonda sempre più nella miniera già in attività; il pensiero laterale invece tenta nuovi scavi altrove.

Si è riluttanti ad abbandonare a mezzo uno scavo sia perché è costato sforzi che andrebbero interamente

perduti, sia perché è più agevole proseguire un lavoro in corso anziché arrovellarsi intorno ad altri progetti, comportanti grossi impegni di carattere pratico.

Non è possibile guardare in una direzione nuova appuntando sempre più gli occhi nella vecchia direzione.

Nel momento stesso in cui due concetti si collegano, essi si pongono in una determinata direzione, ed è più facile associare altri concetti ai primi due, e seguirne l’orientamento, che ignorarli.

Costa fatica non tener conto di un precedente, specialmente quando non esiste ancora un’alternativa.

La volontà di portare a compimento un’impresa in cui sono stati investiti lavoro e capitali, e quella di realizzare un programma di attività ormai già impostato si tramutano in un duplice impegno a proseguire nello scavo della miniera.

Gli sforzi di ricerca scientifica sono in gran parte impiegati nell’ampliamento logico di alcune miniere che generalmente sono ritenute redditizie.

Gli addetti ai lavori sono molti; c’è chi riesce so!o a grattar via un po’ di terriccio e chi scava a grandi palate, tutti comunque rendono secondo la loro capacità.

Spesso però, le geniali intuizioni e i grandi progressi scientifici sono merito di persone che hanno scavato una nuova miniera senza tener conto dei lavori in corso nella vecchia, a volte perché non la ritenevano produttiva, altre perché ne ignoravano semplicemente l’esistenza, altre volte ancora per seguire il loro temperamento anticonformista, o per puro capriccio.

Certo, queste iniziative sono rare; in generale i metodi d’insegnamento sono efficaci e diffondono una linea culturale tutta tesa a valorizzare le miniere scavate dai Maestri.

La cultura, del resto, non dispone di altri mezzi per sfuggire al caos.

Non è alimentando la sfiducia generale verso i metodi esistenti che si può costruire una cultura omogenea e organica.

Inoltre, l’insegnamento non è necessariamente legato al progresso: suo scopo è di diffondere nozioni ritenute utili; informa, non crea.

Chi dà il primo colpo di vanga, non importa dove, a tln proprio scavo, e non è legato a esperienze precedenti, è favorito nei confronti di chi, dopo aver creduto alla vecchia miniera, l’abbandona per ricominciare da capo.

Molti grandi inventori, come Faraday, non avevano alcuna preparazione culturale di tipo tradizionale, e altri, come Darwin e Clerk Maxwell, non ne possedevano a sufficienza perché la loro originalità ne restasse tarpata.

Si è tentati di pensare che una persona geniale, se non ha avuto occasione di conoscere la vecchia impostazione di un problema abbia migliori possibilità di elaborarne una originale.

Uno scavo già in corso offre una direzione entro cui incanalare un impegno di ricerca, e questo ha effettivamente bisogno di una direzione; poche cose danno un maggior senso di frustrazione di un impegno che cerca ansiosamente il modo di realizzarsi.

Uno sforzo deve essere anche ripagato da qualche risultato tangibile, e quanto più tempestivamente il risultato arriva, di altrettanto l’impegno ne risulta stimolato.

L’allargamento di una miniera preesistente costituisce un progresso concreto e una garanzia di risultati utili per il futuro.

Infine, in una miniera costruita a regola d’arte ci si sente a proprio agio, quasi come a casa propria.

La decisione di abbandonare una miniera che ha già raggiunto dimensioni notevoli prima di aver stabilito dove iniziarne una nuova non sarebbe una decisione sensata e significherebbe pretender troppo dalI’indole pratica della natura umana.

Una tale decisione sarebbe abbastanza difficile da prendere anche quando si fosse già scelto il punto dove iniziare un nuovo scavo.

Forse gli addetti alle ricerche dei pozzi di petrolio sarebbero in grado di apprezzare il paradosso secondo cui è più produttivo mettersi a discutere sul punto più adatto per iniziare una nuova trivellazione che proseguire quella del vecchio pozzo.

Tale diversità di opinioni dipende dal fatto che un addetto al pozzo ha soprattutto sott’occhio i costi di estrazione, mentre gli scienziati e gli industriali ritengono che l’inattività costi ancora di più.

Senza uno scavo da approfondire, in che modo la mente umana potrà esercitare lo sforzo di ricerca logica a cui è stata adeguatamente addestrata? Gli strumenti logici dello scavo giacciono per terra inutilizzati.

Non si va avanti e vengono a mancare i risultati utili.

Oggigiorno questi risultati utili diventano sempre più importanti per gli scienziati. È unicamente sotto questo aspetto che il lavoro è valutato, e, se vuole avanzare nella carriera, uno scienziato deve superare molte prove di questo genere.

Chi ha doti di realizzatore viene pagato perché le metta a frutto, non perché si soffermi in ricerche teoriche.

E poiché non esiste un’unità di misura per queste doti, saranno sostenute finanziariamente solo quelle

iniziative da cui si sono avuti dei risultati positivi.

È molto meglio sfruttare fino a una profondità sbalorditiva una miniera dal rendimento mediocre (anche se si

ammette l’errore di scelta) piuttosto che indugiare a chiedersi dove converrebbe iniziare lo scavo di un’altra.

Può darsi benissimo che il ricercatore sia arrivato a un passo dal punto in cui si potrebbe scavare una miniera assai più produttiva, ma come si può saperlo prima dell’inizio dei lavori, e di aver constatato con i propri occhi che ne valeva la pena?

Alla lunga potrebbe rivelarsi più conveniente lasciare che qualcuno si dedichi a11a ricerca di soluzioni migliori piuttosto che tenerlo impegnato, con gli altri, in lavori che danno un reddito mediocre; ma solo pochi industriali sono disposti a investire il proprio denaro puntando su un risultato aleatorio.

Nell’attuale sistema, chi può permettersi di avere delle idee? Chi può rischiare di non progredire per colpa di un’idea che potrebbe fallire?

Un esperto è tale in quanto conosce la miniera meglio di tutti gli altri, fatta eccezione per i suoi colleghi, dalle opinioni dei quali dovrà però aver cura di dissentire, in modo che possano coesistere tanti esperti quanti sono i punti di divergenza, e che tra di essi si stabilisca alla fine una specie di gerarchia.

Un esperto può anche aver contribuito sostanzialmente a dare alla miniera la struttura che ha.

Per queste ragioni, di solito, gli esperti non sono mai i primi ad abbandonare la miniera che conferisce loro

lo status di “esperti”, per iniziarne un’altra.

Sarebbe ancor meno concepibile, per un esperto, I’idea di abbandonare lo scavo in corso per mettersi a meditare sul luogo più adatto per cominciarne un altro.

E non brucia certo dalla voglia di dimostrare la sua competenza tecnica con apprezzamenti negativi

sull’andamento dei lavori, perché e così facile criticare e lo fanno già, spesso assai energicamente, molte altre persone che non hanno la competenza necessaria per esprimere critiche motivate

Stando così le cose, è normale trovare gli esperti felicemente installati nei pozzi più bassi delle miniere più profonde, spesso così profonde che sembra non valer più la pena di riguadagnare la superficie per guardarsi in giro.

Come conseguenza del triplice fatto che l’intelletto umano preferisce approfondire con la logica una miniera

già in attività; che vi è incoraggiato dalla formazione culturale ricevuta; che la società ha messo degli esperti

a presiedere alla esecuzione degli scavi, noi disponiamo di un grande numero di miniere ampiamente strutturate e in continuo sviluppo sotto l’impulso della ricerca logica.

Molte miniere sono inestimabili per la quantità di nozioni pratiche che se ne può ricavare, altre sono del tutto

in passivo a questo riguardo.

Una miniera improduttiva non deve far meraviglia.

Si potrà dire che si è commesso un errore insistendo troppo negli scavi, ma non si dovrà attribuire l’insuccesso alla scelta sbagliata del luogo. È augurabile invece che si scelgano di frequente dei posti insoliti per l’apertura di miniere.

Se molte potranno risultare un inutile spreco di denaro, altre al contrario si riveleranno probabilmente fertilissime.

Perché vengano scoperte, però, bisognerebbe che fossero assai di più le persone in grado di sottrarsi alla potente attrattiva della miniera dominante.

Spesso si sottovalutano le conseguenze del predominio delle teorie generalmente ritenute valide.

Esse sono considerate utili punti di partenza, in attesa del momento di compiere ulteriori passi in avanti.

E questo è un atteggiamento che, se può portare a risultati pratici, può anche impedire il manifestarsi di idee

originali.

Dopo che un buon cartellonista è riuscito a fissare in pochi tratti essenziali le fattezze di un volto, gli sarà molto difficile disfarsi di questa immagine e, guardando una seconda volta il modello, ritrarlo in altro modo.

Gli appartenenti a quelle sette che, credendo all’imminenza del giudizio universale, si raccolgono sulle cime dei monti ad aspettare la fine del mondo, non ne ridiscendono, poi, scossi nelle loro convinzioni bensì con una rinnovata fede nella misericordia dell’Onnipotente.

Nuovi dati che potrebbero smantellare una convinzione diffusa vengono al contrario sollecitamente incorporati in essa, perché quanto più numerosi sono i dati nuovi che le si possono adattare, e tanto più bonificata essa ne risulta. È come quando si posa qualche goccia di mercurio su una superficie piana.

Allargando sempre di più una goccia, lo spazio che la separa dalle vicine diminuisce fino a scomparire.

NelI’istante in cui sono raggiunte, le gocce piccole perdono la loro identità, incorporandosi in quella grande.

Analogamente a quanto avviene per le idee dominanti, la goccia grossa ingloba senza scampo la piccola.

Un esempio-limite dell’influenza esercitata dalle idee dominanti è offerto da quella malattia mentale conosciuta come paranoia.

Ciò che stupisce particolarmente in questa malattia è che essa non indebolisce le facoltà logiche dell’intelletto, come può accadere in altre forme di malattia mentale.

Talvolta tali facoltà possono perfino acuirsi.

Di anormale c’è solo il fatto che il paziente è dominato dall’idea di persecuzione.

Egli crede che tutti i fatti che succedono, anche quelli banali o accaduti molto lontano, siano altrettante macchinazioni dirette contro di lui.

Interpreta le gentilezze di cui è fatto oggetto come subdoli tentativi di carpire la sua fiducia per poi ucciderlo.

Teme sempre che nei suoi pasti sia stato messo del veleno. I giornali gli sembrano pieni di minacce in codice.

Nessun fatto è così innocente da poter sfuggire alle sue interpretazioni deformanti.

Non è necessario che le idee dominanti siano semplici come l’idea di persecuzione perché possano esercitare un’influenza altrettanto grande sul modo di pensare e sulle scelte interpretative di una persona.

Anche le concezioni vecchie e pienamente articolate finiscono col polarizzare tutto attorno a sé, così come avviene per le vecchie città, dalle strutture urbane ormai compiute.

Quelle concezioni costituiscono il punto di partenza e di riferimento di ogni elaborazione mentale; ci se ne può discostare nella soluzione di problemi di scarso interesse, periferici, ma è impossibile cambiarne radicalmente l’impostazione, ed è molto difficile crea |, re altrove un centro organizzatore.

In che modo l’intelletto può liberarsi dall’influenza di un’idea dominante? Una delle tecniche utili del pensiero

laterale consiste nel cercare con estrema cura l’idea centrale di un determinato contesto, nel precisarne le componenti essenziali, e nel prenderne infine nota per iscritto.

In questo modo sarà più facile identificarla e poi neutralizzarne l’influenza polarizzatrice.

Anche se sembra facile e ovvia, questa tecnica richiede molto impegno e un’analisi assai attenta; una conoscenza vaga e generica dell’idea dominante non serve a nulla.

Un’altra tecnica laterale che consigliamo è quella di individuare l’idea dominante per poi gradualmente di `~ storcerla fino a renderla irriconoscibile e a distruggerla.

La distorsione può semplicemente consistere nel portare l’idea all’assurdo oppure nell’esagerarne un singolo aspetto.

Anche in questo caso bisogna agire con piena consapevolezza e decisione.

Qualcuno potrebbe ritener più facile, una volta identificata l’idea dominante, passare subito a una sua diretta

e vigorosa contestazione.

Ma sarebbe solo un modo di trasformare da positiva in negativa la sua invadenza, col rischio di rafforzarla anziché indebolirla.

Inoltre, la contestazione diretta di un’idea dominante è costretta a muoversi nello stesso ristretto spazio dialettico in cui si muove l’idea dominante stessa. È quel che capita spesso, sia pure in forma attenuata, ai giovani studenti che leggono molti libri di filosofia.

Essi si trovano di fronte all’imbarazzante dilemma di abbracciare le tesi che gli vengono proposte oppure di respingerle recisamente.

In entrambi i casi la pura e semplice conoscenza di una determinata impostazione può impedire la

formazione di un’impostazione originale anche in quelle menti che ne sarebbero capaci.

Converrebbe forse rinunciare del tutto a leggere e rischiare di proporre idee già trovate da altri, piuttosto che assorbire le idee altrui tanto in profondità da non riuscir più a formularne di proprie.

Quando un’idea nuova si sovrappone, con un processo inconscio, alla vecchia, è facile che quest’ultima distorca e soffochi la prima a causa della propria priorità.

Gli allievi si schierano, per anni e anni, pro o contro le tesi dei loro migliori maestri, e in questo modo riescono sempre meno a formularne di proprie.

Più spesso, però, il pericolo non è costituito da un eccessivo impegno nell’esame di una tesi, bensì dalla rinuncia a prendere in considerazione impostazioni diverse da quelle dominanti.

Il macabro aneddoto del ragno saltatore servirà ad illustrare il concetto.

Uno scolaro, formulata l’interessante teoria che i ragni odono con le gambe, si disse in grado di dimostrarla.

Collocò un ragno al centro di un tavolo e gli gridò: “Salta!”.

Il ragno saltò.

Ripetuto con successo l’esperimento, il ragazzo tagliò le gambe al piccolo animale e lo ricollocò al centro del tavolo.

Gli gridò di nuovo:

“Salta! -, ma questa volta il ragno rimase immobile.

“Ecco, - proclamò il ragazzo – tagliate le gambe a un ragno e questo diventerà sordo come una talpa!”

Tutti gli scienziati conoscono questo aneddoto e molti di essi vorranno lealmente ammettere di essere stati, in certi momenti, così convinti delle proprie idee da non prospettarsi neppure l’eventualità che i risultati dei loro esperimenti potessero essere interpretati in maniera diversa.

Lo

scienziato sostiene la propria teoria non solo perché gli pare convincente, ma anche perché l’ha trovata

lui.

Ci

sono scienziati che hanno fatto una straordinaria carriera perché portati irresistibilmente a considerare

una loro teoria come loro proprietà privata.

Ma sono cose che succedono anche fuori del mondo scientifico.

aiuti dall’esterno, può essere addirittura impossibile sottrarsi all’influenza di un’idea

dominante.

In medicina capita regolarmente che un medico curante sia troppo vicino alla malattia del paziente per poter

trarre dai vari sintomi una diagnosi sicura, mentre un altro medico, esaminando con occhi nuovi i dati clinici della malattia, è in grado di formulare una diagnosi diversa e più adeguata.

In molte comunità di lavoro chiuse, siano esse scientifiche o industriali, le idee tendono a diventare

notevolmente uniformi.

Un estraneo in grado di apportarvi punti di vista originali può invece costituire uno stimolo capace di suscitare idee nuove.

Abbiamo detto che l’ideatore di una teoria è continuamente dominato dal desiderio di svilupparla perché la sente propria; dobbiamo aggiungere che esiste un altro tipo di dominio: quello propiziato dalla pigrizia. È molto più semplice accettare un’impostazione concettuale già completamente elaborata che non metterla in discussione e affannarsi a sostituirla con una personale.

La radio, la televisione, la stampa diffondono informazioni e nozioni culturali seguendo modelli standard; esse hanno il diritto, e forse anche il dovere, di predisporre il materiale informativo in maniera accessibile a

tutti, e ciò implica l’impiego di alcune idee dominanti, ma in tal modo risulta anche troppo facile per il lettore

e lo spettatore accettare le impostazioni nitidamente delineate che ne risultano.

Talora,

senza

Così la grande quantità di notizie nuove messe a disposizione da questi mezzi di diffusione molto raramente riesce ad ispirare idee originali a un pubblico che, per pigrizia, resta dominato dalle impostazioni adottate dai presentatori di queste notizie.

L’ostinarsi a difendere una tesi sbagliata può passare per morbosità, ma anche una discussione in cui alla fine si è avuta la peggio può liberare da una vecchia idea e far aprire gli occhi a una visuale nuova.

L’esser nel vero serve di solito solo ad aumentare la stima in se stessi, anche se, in qualche caso, le idee buone migliorano difendendole.

Chi accetta un’idea nuova è forse in grado di migliorarla più della persona dalla quale l’ha ricevuta, la quale può aver ormai dato fondo alla sua capacità di elaborarla.

E quand’anche la nuova idea venisse a sua volta scartata molto presto, sarà sempre valsa la pena di aver

onestamente perduto la partita; la nuova idea scartata avrà sempre avuto il merito di debellare la vecchia.

Probabilmente, la più riuscita caricatura di verticalista interamente posseduto da un’idea dominante è fornita

da quell’uomo la cui cagna aveva partorito un cucciolo.

L’uomo, stancatosi di aprire e di chiudere la porta di casa ogni volta che essa voleva uscire o entrare, aveva pensato di praticare un foro nella porta perché l’animale potesse andare e venire senza disturbarlo.

Appena il cucciolo nacque, l’uomo si affrettò a praticare un secondo foro, più piccolo, nella porta.

Nel primo capitolo abbiamo paragonato il pensiero verticale all’acqua che scorre sempre negli avvallamenti in cui si prevede debba scorrere.

Usando la stessa analogia, un’idea dominante può essere paragonata a un fiume dall’alveo profondamente incassato nella pianura.

L’acqua che avrebbe potuto ristagnare un po’ sulla superficie del terreno è costretta a confluire nel fiume con tanta rapidità che non le è possibile raccogliersi a formare laghi o altri corsi d’acqua.

Il primo obiettivo del pensiero laterale è di dimostrare che le idee dominanti possono essere più dannose che utili.

CAPITOLO QUARTO

Lo scrittore che si dedica all’analisi dei processi mentali si smarrisce facilmente in un limbo di concetti rarefatti e di parole astratte.

In questo capitolo si cercherà di illustrare il pensiero laterale con esempi concreti, traducendo in rappresentazioni grafiche schemi concettuali di carattere generale, e ciò allo scopo di offrire un indirizzo di base all’uso del pensiero laterale stesso.

Anche le più astratte considerazioni formulate altrove si delineeranno in modo più preciso grazie all’esempio concreto offerto dalle articolazioni delle figure.

Si può definire “ambiente” di una persona quel!a parte del mondo che la circonda da vicino.

Sotto un altro aspetto, si può considerare come “ambiente percettivo” quello che fa parte dell’esperienza immediata di una persona.

Quando poi si prende in considerazione una sola parte dell’ambiente percettivo, si ha una “percezione”.

Essa è un’informazione che proviene da quel settore dell’ambiente percettivo su cui è caduta l’attenzione.

Tutti i sensi possono contribuirvi, ma uno solo basterebbe.

Il disegno n. 1 di pagina 41 rappresenta un ambiente percettivo, in bianco e nero, ma cosi semplice da

poterlo considerare un tutto unico: come tale dà origine a un’unica percezione nella quale solo il senso della vista è impegnato.

La semplicità del dato grafico e la circostanza che la sua percezione sia soltanto visiva, rendono più facilmente osservabili i processi mentali; il grafico però resta sufficientemente rappresentativo di situazioni più complesse che possono richiedere l’intervento di altri sensi.

La forma del disegno è semplice ma insolita, almeno nel senso che non ha una denominazione lessicale.

Non esiste un sostantivo che da solo la contraddistingua, come nel caso, per esempio, del quadrato, dell’esagono o della croce.

La figura è così semplice da dar l’impressione di poterla abbracciare ed esaurire con un solo colpo d’occhio, dopo il quale non resta più nulla da capire o da spiegare.

Una volta familiarizzatisi con una figura, al bisogno di capirla subentra quello di descriverla a chi non è in grado di vederla.

E la descrizione che se ne fa agli altri è analoga a quella che se ne fa a se stessi, cioè si identifica col

processo di comprensione della figura stessa.

Il bisogno di agire è la molla più potente che sollecita a capire una determinata situazione.

E negli esempi che seguono, I’azione consiste nel descrivere la forma delle figure ad altri.

Poiché non esiste un sostantivo di uso corrente che, da solo, denomini la figura di pagina 41, e poiché il linguaggio è il solo mezzo di trasmissione dei concetti, occorre industriarsi a descrivere la figura insolita usando il vocabolario disponibile.

Tale figura può venir compresa solo riferendola a qualcosa di già noto; si può metterla a confronto con una figura assai conosciuta, e rilevarne le differenze.

Un metodo molto usato consiste nel dividere la figura in parti note, nell’indicarle e nel descrivere in che modo si sono raggruppate per formarla.

Il disegno n. 2 di pagina 43 mostra uno dei modi in cui la figura n: 1 può essere suddivisa.

Con questo tipo di divisione, essa potrà essere descritta come composta di:

1. Due segmenti paralleli separati da due traverse più brevi e perpendicolari ai primi, inserite a una distanza uguale dai punti terminali dei segmenti;

2. Una lastra orizzontale sostenuta da un’altra lastra orizzontale, della stessa lunghezza, per mezzo di due pilastri verticali;

3. Un rettangolo con i due lati più corti rientrati ed equidistanti dal centro.

Si tratta di una descrizione di puro comodo ed è solo una delle tante possibili; quando l’ascoltatore si sarà

reso conto degli elementi che la costituiscono e dei rapporti che tra di essi intercorrono, cercherà di ricostruire l’insieme della figura. È un procedimento analogo a quello adottato per il trasporto di macchinario molto pesante.

Lo si smonta e lo si spedisce in parti convenientemente piccole, accludendovi le istruzioni per il rimontaggio.

La divisione di pagina 43 è del tutto arbitraria.

A pagina 44, in alto, troviamo un’altra divisione possibile della figura di partenza, che potrebbe essere

descritta come due angolari a C coi bracci verso l’esterno e separati da due segmenti paralleli, in alto e in basso, il tutto facente parte di una struttura unica e uniforme.

Altra divisione è quella di pagina 44, in basso.

Qui la figura potrebbe essere descritta come una coppia di elementi a L incastrati in modo da formare un rettangolo nella parte interna, con l’aggiunta di due brevi segmenti che prolungano i bracci lunghi degli elementi a L. Questa descrizione è piuttosto laboriosa e può facilmente dar luogo a errori di interpretazione; dovrebbe essere usata solo se l’espositore è molto pratico di elementi a L. Non esiste un criterio ottimale di scelta dei termini comuni da usare per ogni determinato tipo di descrizione.

Ogni espositore usa quelli che preferisce.

Gli elementi, separati dall’insieme per ragioni esplicative o descrittive, diventano ben presto entità separate

e a se stanti.

Continuano ad esistere anche dopo che il fatto contingente che li ha posti in essere è stato dimenticato. E quanto più è provata la loro utilità nel risolvere altre situazioni, tanto più resta assicurata la loro sopravvivenza.

In questo modo, entità create del tutto arbitrariamente si impongono grazie alla loro utilità fino al punto da

non essere più possibile dubitare della loro esistenza.

Raggiunto questo stadio, esse possono costituire un reale ostacolo alla ricerca di soluzioni migliori.

Perché ciò non avvenga è necessario tener costantemente presente la natura arbitraria di molte entità, a nessuna delle quali dovrebbe essere permesso di valere al di là della loro utilità, che è la sola ragione dèl loro diritto all’esistenza.

Il disegno n. 5, a pagina 48 in alto, è un altro esempio di divisione della figura n. 1.

Gli elementi che ne risultano sono più notori di quelli delle precedenti divisioni.

Tuttavia risulterà più laboriosa la descrizione dei rapporti in base ai quali i vari elementi potranno venir ricomposti a formare la figura completa.

Per una buona descrizione non basta disporre di una lista degli elementi più noti; bisogna anche tener conto del grado di usualità dei rapporti.

Spesso elementi notissimi sono associati in rapporti del tutto insoliti. È necessario bilanciare la notorietà degli elementi con quella dei loro rapporti.

La suddivisione di una figura priva di denominazione in elementi noti dipende sempre dalla scelta personale.

Gli elementi noti sono separati dalla figura in modo arbitrario.

Non si cerca di scoprire gli elementi coi quali la figura può essere stata costruita.

E, purché la descrizione risulti soddisfacente, non ha importanza il sistema di divisione usato.

Per quanto adeguata una descrizione possa sembrare, può sempre esisterne una migliore, ma non si arriverà mai a trovarla se il compiacimento per la descrizione precedente bloccherà la spinta a fare altre scelte.

Se si tratta soltanto di ricomporre accuratamente ad unità gli elementi nati da una divisione arbitraria, allora, agli effetti della descrizione, non ha molta importanza preferire un tipo di divisione a un altro.

Se invece si vuol dare non una descrizione, ma piuttosto una interpretazione della figura, gli elementi non vengono ricostituiti ad unità, ma esaminati per quello che singolarmente sono.

In questo caso può essere molto importante che la divisione avvenga in un modo invece che in un altro.

Il fatto che vari elementi siano stati creati arbitrariamente per chiarire una situazione viene presto dimenticato.

Anche se gli elementi, prima di essere stati creati nel modo che si sa, non esistevano ~ motfrfrlore che la figura o la situazione sotto esame, in realtà, sia il frutto del loro accostamento.

Che una struttura possa essere scomposta in determinati elementi, non significa che siano stati questi a costituirla.

Spesso la creazione arbitraria di tali elementi, come nelle figure descritte in questo capitolo, r passa, a torto, come una geniale identificazione e separazione di elementi dal complesso di una struttura.

Una divisione arbitraria viene definita come un’ “analisi degli elementi componenti”.

Realtà non ancora definite vengono sempre scomposte in elementi noti; ma il considerare tali elementi come i dati analitici più appropriati a quelle realtà significa precludersi una spiegazione migliore, che può aver bisogno di elementi ancora troppo poco familiari per poter essere usati.

La figura 6 a pagina 48 mostra una divisione in due elementi.

Essi sono meno comuni di altri usati qui e possono essere chiamati elementi a I. Il loro rapporto spaziale è estremamente semplice, essendo disposti uno accanto all’altro.

Questa divisione serve ad illustrare come la scelta di determinati elementi possa portare ad una semplificazione dei rapporti spaziali.

Sono stati mostrati cinque modi di suddividere, a scopi descrittivi, la figura 1.

Ne abbiamo tralasciato altri, perché l’esemplificazione ha di solito dei limiti.

Ci si può chiedere, a questo punto, quale di queste descrizioni sia la migliore.

Sono tutte complete nel senso che l’intera figura vi è stata scomposta e nessuna parte ~ stata dimenticata.

Tutte le divisioni sono ugualmente arbitrarie.

Le migliori sono, presumibilmente, quelle che permettono descrizioni di più immediata evidenza.

Una spiegazione supplementare può confe il necessario tocco finale alla descrizione; una divisione potrà essere spiegata in poche parole, un’altra ne richiederà parecchie, anche se la descrizione risulterà, in entrambi i casi, altrettanto adeguata.

Riassumendo: la divisione migliore è quella più utile, indi~ pendentemente da come viene eseguita.

Nessun metodo, in sé, è migliore di un altro, ma può diventallo L in un determinato contesto.

Nel contesto è compresa sia la disponibilità di elementi noti e di rapporti da parte del descrittore, sia anche

la disponibilità certa o presunta) di tali elementi e rapporti da parte del destinatario della descrizione.

Per esempio, se si descrive la figura 1 a un ingegnere, la soluzione della figura 6 apparirà la più adatta in quanto il termine “elemento a I” sarebbe, in questo caso, facilmente capito.

La totale arbitrarietà delle divisioni permette di scegliere di volta in volta quella più adatta alla mentalità del destinatario.

Se la figura n. 1 cadrà sotto gli occhi con sufficiente frequenza, finirà col diventar familiare e cesserà la necessità di suddividerla in elementi noti.

Potrà anzi diventare tanto familiare da servire lei stessa a descrivere altre figure nuove.

In questo modo la lista delle forme accolte e dei loro rapporti si allunga continuamente.

Una volta in moto questo meccanismo procede da solo in quanto le figure dopo essere state spiegate in termini di figure note, diventano familiari quanto basta perché possano servire a spiegare altre figure nuove.

Per diventare familiare, una figura deve ricorrere di frequente, e perché essa acquisti un significato è necessario che ogni volta si ripeta un determinato comportamento, associato alla figura.

In tutte le strutture continue molte estese, esistono parti che sembrano separabili dal complesso, e alcune

linee possono suggerire la divisione

Le quattro figure di pagina 52 c 53 sono semplici, ma non abbastanza da poterle. indicare con una sola parola.

E, benché siano molto diverse, si trova in esse sempre la stessa forma nota.

La figura 8 di pagina 52 sembra offrire delle naturali linee di divisione in elementi minori.

Si può staccare l’elemento a T in alto, e dividere la base in altri due elementi a T.

Se ora consideriamo la figura 7 alla luce di quanto è avvenuto alla figura 8, diventa ovvia anche lì l’utilizzazione dell’elemento a T come divisore.

Grazie a queste sia pur limitate applicazioni, l’elemento a T diventa sempre più familiare, così familiare che

si tenterà di utilizzarlo come elemento descrittivo delle figure 9 e 10.

Se può sembrare spontaneo scomporre le figure 7 e 8 in elementi a T, la stessa cosa non si può ripetere per

le figure 9 e 10.

Se quest’ultima fosse stata esaminata per prima, l’elemento a T non sarebbe mai potuto diventare così noto.

A pagina 54 e 55 compaiono le divisioni in elementi a T di ciascuna delle quattro figure precedenti.

Nel procedimento seguito più sopra, la figùra è diventata familiare per percezione diretta e non attraverso l’intermediazione di figure già usate in precedenza.

Una volta partiti in questa direzione, ha inizio l’intero processo di espansione e di aumento delle figure note.

La creazione dell’elemento a T è stata del tutto arbitraria anche se la figura 8 suggerisce effettivamente un tale tipo di divisione.

Una volta prescelto, l’elemento a T riconferma la sua utilità mostrandosi applicabile alle altre figure di pagina 54 e 55.

Questa sua disponibilità e utilità gli conferisce un’esistenza autonoma.

Ciononostante resta il fatto che, per adeguata che possa risultare la divisione delle figure in elementi a T, non è possibile affermare che esse risultino da una composizione di tali elementi.

La scelta di una diversa suddivisione della figura 8 di pagina 52 avrebbe forse permesso una descrizione del tutto adeguata di questa particolare figura, ma non avrebbe fornito gli elementi necessari per la scomposizione delle altre.

Si potrebbe descrivere correttamente la figura 8 definendola una barra orizzontale sorretta, al centro, da una colonnina corta verticale poggiante su una sbarra orizzontale più lunga che, a sua volta, è sorretta da due colonnine verticali equidistanti dalle estremità della sbarra stessa.

Questa suddivisione è buona quanto quella in elementi a T. Ne deriva che, sebbene una descrizione possa apparire altrettanto efficace di un’altra, la sua utilità, in termini generali, può essere ben diversa.

Se il compiacimento per l’adeguatezza della soluzione trovata riuscirà a bloccare la ricerca di altre soluzioni, ciò equivarrà in pratica a una rinuncia a soluzioni migliori.

Si supponga di aver scelto, per la descrizione della figura 8, la soluzione delle sbarre e delle colonnine, e che, in seguito, l’esame della figura 7 abbia suggerito la soluzione con gli elementi a T. Molti potrebbero non andar oltre la constatazione del fatto, mentre altri potrebbero riprendere in esame la figura 8 per vedere se anche per essa sia possibile utilizzare gli elementi a T. Questo comportamento parrebbe ovvio, invece non è né ovvio né usuale.

Quante sono le persone che prendono l’iniziativa di reinterpretare, alla luce di dati nuovi, una materia che ha già avuto una spiegazione soddisfacente? Perché mai l’elemento a T, utilizzato inizialmente per una determinata suddivisione, dovrebbe risultare tanto utile da indurci a impiegarlo al posto dell’altra soluzione della figura 8? L’elemento a T accresce la sua importanza a mano a mano che il numero delle sue applicazioni aumenta, ma all’inizio la sua importanza non è maggiore di quella di qualsiasi altro elemento nato dalla divisione di una figura.

Quanti rinuncerebbero alla prima e soddisfacente soluzione per adottarne un’altra che non ha il pregio di una maggiore adeguatezza?

Coloro che sono abituati a questo tipo di reinterpretazioni non si sorprenderanno di trovare a pagina 57 una descrizione della figura l in termini di elementi a T, da poco individuati.

Da questa operazione nasce un altro elemento di discussione (figura 16 di pagina 57).

Se la figura 1, riprodotta alla figura 15, fosse stata proposta solo dopo che gli elementi a T erano diventati unità di impiego la figura sarebbe stata subito suddivisa in elementi a T.

Non sarebbero state prese spontaneamente in considerazione, e forse si sarebbero persino respinte, altre soluzioni. È facilissimo dimenticare che, a prescindere dalla sua adeguatezza, la divisione in elementi a T è personale e arbitraria, e non può escludere altre soluzioni e descrizioni che risultassero più utili.

La crescente dimestichezza con gli elementi a T rafforza la tentazione di considerare la divisione in queste unità come più valida delle altre.

L’unità a T si consolida ogni volta che viene usata con successo come elemento di descrizione.

Più utile appare e più di frequente viene usata, più spesso viene usata e più utile appare.

L’adattabilità e l’utilità degli elementi a T portano a considerare figure disparate come composizioni di una stessa unità base.

In ognuna di queste figure gli elementi a T sono disposti secondo un certo tipo di rapporti che possono apparire come dei requisiti della figura stessa; in realtà sono solo il frutto della decisione di descrivere la figura come un’associazione di elementi a T. L’unità base resta sempre quella, ma il suo continuo impiego pone in essere tutto un repertorio di rapporti tra loro diversi.

In tal modo aumenta il numero di figure nuove che diventano familiari grazie alla loro suddivisione in elementi a T.

La figura 17 a pagina 60 risulta abbastanza complessa: per descriverla è indispensabile scomporla in elementi noti.

Risolverla in elementi a T è tutt’altro che facile.

Se però questo elemento è l’unica unità nota di cui si dispone, diventa indispensabile tentar di descrivere la figura in tali termini anche se ci si rende conto della difficoltà dell’operazione.

La figura 18 a pagina 61 mostra come si sia riusciti a scomporre con successo l’intera figura.

La completezza del risultato sembra giustificare la divisione adottata: tuttavia questa resta arbitraria.

La disponibilità di elementi noti varia da persona a persona; t chi dispone di una scelta limitata non può escludere soluzioni di tipo diverso che altri siano in grado di offrire.

Nel descrivere la figura 17 in termini di elementi a T, come nella figura 18, ci si rende presto conto della difficoltà di precisare i molteplici rapporti spaziali intercorrenti fra tali elementi.

Questi sono, in se stessi, molto semplici, ma i loro rapporti risultano così complessi da rendere la descrizione pressoché impossibile.

La figura 19 è certo più semplice della 17, ma è anch’essa piuttosto complicata.

Se si cerca di risolverla in elementi a T ci si accorge che, anche in questo caso, I’operazione riesce.

Tuttavia i rapporti tra le varie unità risultano, in fase di divisione descrittiva, complessi.

La descrizione diventa più facile se, invece di scomporre la figura in elementi a T, la scomponiamo in elementi a I, come nella figura 20 di pagina 62.

Le relazioni fra le tre unità a I sono semplici.

E ogni unità a I è evidentemente composta di due unità a T unite al piede.

Quanto piì~ grandi sono gli elementi prescelti, tanto più semplici diventano i loro rapporti.

Ne deriva una tendenza sempre più pronunciata ad usare l’unità base a T in gruppi standard anziché isolatamente.

Col tempo, poi, queste unità ampliate vengono impiegate come unità base, e senza più fare costante riferimento al loro contenuto in elementi a T.

Si è detto prima che tanto più complesse sono le unità di divisione e tanto più semplici risultano i loro rapporti, e viceversa.

compromesso tra il grado di semplicità delle unità base e quello dei loro

Bisogna quindi giungere a un rapporti.

La creazione di gruppi standard di unità base elimina il dilemma mettendo a disposizione unità base piil grandi che però restano semplici.

In tal modo si ottengono unità base semplici disposte tra loro secondo rapporti altrettanto semplici.

Questi gruppi standard sono utilissimi nel semplificare la descrizione di figure complesse, ma il loro impiego

risulta conveniente in un numero più ristretto di casi rispetto all’unità a T. La disponibilità e l’utilità generale

di quest’unità fa sì che non venga abbandonata, qualunque sia la frequenza dell’utilizzazione dei gruppi

standard.

Coll’abbandono dell’unità a T, I’incapacità dei gruppi standard a risolvere determinati casi potrebbe provocare confusione.

Tanto più semplice è l’unità e tanto maggiori sono le sue possibilità d’impiego.

Si deve quindi poter disporre contemporaneamente sia dell’unità a T che dei suoi gruppi standard.

InternrPt~r.o nn~ sit nazione

che si presenta per la prima volta è già abbastanza difficile quando si è in grado di esaminarla in ogni sua parte, e si posseggono elementi noti che possono essere disposti tra loro secondo rapporti noti.

Ma il compito diventa assai più arduo qualora una parte della situazione sfugga all’esame.

Una parte può essere inaccessibile per la mancanza di strumenti e metodi di indagine adeguati.

Uno strumento di indagine- è solo un mezzo per permettere ai sensi di esaminare un fenomeno che normalmente è fuori dalla loro portata; Una parte di una situazione nuova può inoltre restare inattingibile perché l’interpretarla richiederebbe sforzi proibitivi.

Può infine accadere di trovarsi di fronte alla totale impossibilità di ottenere una qualsiasi informazione su una parte della situazione.

Quale che sia la ragione di tale impossibilità, si cerca di af~errare la situazione nel suo insieme con un attento esame delle parti accessibili, e si formula una supposizione ragionata, un’ipotesi, per spiegare la parte rimasta sconosciuta.

La figura 21 a pagina 65 risulta parzialmente nascosta da una macchia amorfa, ma si suppone sia dello stesso tipo a segmenti retti di quelle precedenti.

L’esame attento e la misurazione delle parti visibili permettono di formulare varie ipotesi su ciò che si nasconde sotto la macchia.

Vengono tentate varie combinazioni di elementi a T nella speranza che una di esse, riproducendo la parte visibile, valga anche come descrizione dell’intera figura.

La combinazione di elementi a T della figura 22 può costituire una soluzione.

Essa descrive esattamente le parti visibili della figura precedente.

Inoltre, esaurito l’esame di tutte le altre possibili combinazioni di elementi a T, essa potrebbe risultare l’unica funzionale.

Ci~ indurrebbe a ritenerla la sola combinazione capace di interpretare la figura oscurata: se si togliesse la macchía, apparirebbe la figura 22.

Questa conclusione è il frutto della naturale tendenziosità concettuale, propria delle ipotesi.

Può benissimo darsi che esista una sola combinazione di elementi a T in grado di spiegare una figura oscurata, ma nulla autorizza a supporre che questa possa essere scomponibile soltanto in elementi a T. L’elemento a T ha dimostrato di essere utile nella descrizione.

Può anche essere l’unico elemento noto a disposizione.

Ma queste due circostanze non modificano la sua natura arbitraria.

La sua esistenza è giustificata solo dalla sua utilizzabilità.

La forma di una figura nuova non può venir determinata da una necessità di adattamento a un metodo di descrizione arbitrario.

La rilevanza assunta dagli elementi a T, grazie alla loro utilità, può facilmente indurre a ritenerli insostituibili.

Altre persone, che dispongono di elementi noti di tipo diverso, potrebbero affermare che la figura oscurata può essere scomposta solo in base a quei loro elementi.

È vero che è impossibile formulare un’ipotesi se non in termini di elementi noti (in questo caso di elementi a

T).

Tuttavia simile ipotesi, a prescindere dalla sua F esattezza in termini a T, resta una semplice congettura e non costituisce la prova-che la figura debba E avere questa determinata forma.

L’unica conferma dell’ipotesi è data dalla sua utilità, e finché questa permane, anche l’ipotesi può essere mantenuta.

Neppure questa utilità però deve precludere la ricerca di ipotesi migliori utilizzando eventualmente per l’indagine altri elementi noti.

Per le figure chiare in ogni dettaglio incontrate finora, una descrizione vale l’altra, per quélle parzialmente oscurate invece tutte le ipotesi sono parimenti dubbie.

Quasi tutta l’attività della mente umana è assorbita nei tentativi di interpretare situazioni nuove di ogni genere.

Ci si imbatte sempre in qualche figura che deve essere spiegata usando combinazioni di elementi già noti.

Tali combinazioni sono sempre fatte in vista di uno scopo.

E questo è un modo pratico di utilizzare le sempre crescenti disponibilità di elementi noti e delle loro

correlazioni.

Esiste, tuttavia, un altro modo di trattare gli elementi noti.

Essi possono essere raggruppati seguendo la fantasia, il caso, o esigenze di armonia, dando luogo a combinazioni che non si propongono altro scopo che se stesse.

Anche se questo gioco di accostamenti tra elementi noti, per lo spirito con cui vien fatto, non persegue alcuno scopo pratico, tuttavia può dimostrarsi utile fornendo modelli interessanti che vengono ad aggiungersi al repertorio delle combinazioni note e che sono altrettanto utili di quelli acquisiti durante la descrizione delle figure nuove.

Tali combinazioni nate dal gioco degli accostamenti fortuiti possono interpretare figure che fino a quel momento non era stato possibile descrivere.

Dai procedimenti del tutto casuali del gioco nascono combinazioni che, per altra via, non si sarebbero mai escogitate.

Le figure 23, 24 e 25 di pagina 69 mostrano tre liberi accostamenti dell’unità a T. Essi non obbediscono a ragioni o scopi precisi.

E non esiste alcun motivo per averli preferiti a un numero illimitato di altri possibilí accostamenti.

Unendo in figure complete questi tre gruppi, si ottengono le figure 26, 27 e 28 di pagina 70.

Queste figure sono interessanti in se stesse; se non fossero state composte con elementi a T, la loro scomponibilità in tali elementi potrebbe anche non sembrare ovvia.

Come le figure che nascono da un puro gioco di accostamenti di unità a T si aggiungono al repertorio delle figure note, così avviene per i rapporti che diventano familiari nella stessa maniera.

Il gioco degli accostamenti è un’occasione per sperimentare e collaudare nuovi rapporti.

Ed è anche un’occasione per rendersi conto di rapporti che nascono fortuitamente.

La grande utilità della composizione libera consiste nell’essere, in quanto fonte aggiuntiva di figure note e rapporti, I’altra fonte dell’esperienza.

L’originalità degli accostamenti e dei rapporti nati casualmente dal libero gioco normalmente è maggiore di quella delle composizioni e dei rapporti che nascono attraverso l’interpretazione di situazioni reali.

Il caso non ha limiti, l’immaginazione invece ne ha.

Anche se l’utilità degli accostamenti fortuiti venisse riconosciuta, sarebbero in pochi a ritenersi adatti al gioco.

È difficile fare deliberatamente qualcosa astraendo dall’intenzione di farla. È difficile incamminarsi in una

direzione e proporsi, nel contempo, di non andare da nessuna parte.

A pagina 72 troviamo un’altra figura, gran parte della quale è nascosta da una macchia grigia.

In questo caso la parte che sfugge all’esame è ancora maggiore che non nel caso precedente. È lecito dubitare di cavar qualcosa di utile dall’esame della parte visibile della figura.

Analogamente al caso precedente, si possono tentare diverse combinazioni di elementi a T. Nel caso esista un certo numero di combinazioni che appaiano adatte allo scopo, I’impossibilità di decidere quale di esse debba venir scelta rende necessario cercar di esaminare un po’ di più la figura.

Nel caso della figura 29 comunque, sembra che nessuna combinazione di elementi a T sia in ~rado di spiegare la figura.

I La figura 30 a pagina 73 è l’accostamento di elementi a T che si avvicina di più alla figura 29. ~ chiaro che non si tratta di un’identità.

Se è necessario formulare un’ipotesi, e talora lo è per ragioni pratiche, allora anche una spiegazione approssimativa può essere utile.

All’utilità di questa ipotesi approssimativa, S1 accompagna sempre la speranza che essa possa essere perfezionata con la pratica o sostituita da una migliore.

Quando sia necessario agire, attendere che si presenti l’ipotesi migliore prima di mettersi all’opera potrebbe sembrare la soluzione meno soddisfacente.

Ma potrebbe sembrar preferibile astenersi dall’azione piuttosto che commettere un errore, dal momento che l’astensione non è, di per se stessa, un errore.

Il pericolo maggiore, nell’utilizzare un’ipotesi chiaramente inadeguata, sta nel fatto che essa può bloccare la strada a una migliore.

L’abitudine a servirsi di un’ipotesi e la fruizione di quanto essa offre di utile pos. sono far dimenticare la suà inadeguatezza; infatti ci si scorda presto del netto divario tra l’ipotesi e la situazione di partenza.

Se si rimuove la macchia grigia dalla figura 29 a pagina 72, appare la figura 31 di pagina 75.

Essa non è composta di un gruppo di elementi a T, bensì di elementi a L. Ciò può sembrare una mossa sleale da] momento che le sole figure note ammesse finora a questo artificioso gioco sperimentale sono state le unità a T. Ma non si tratta di slealtà, tutt’altro: I’aver introdotto gli elementi a L mette in rilievo un punto molto importante.

La stessa accusa di slealtà ne accentua il significato.

Si tratta di questo: ~li elementi a L non sono qual - 31 cosa di diverso da quelli a T. L’elemento a L non è un’ùnità nuova e poco conosciuta.

La figura 32 a pagina 77 mostra che l’unità a L è un’unità a T a cui è stato semplicemente tolto uno dei due segmenti, in alto.

L’unità a L esisteva da sempre implicita nelI’unità a T.

L’unità a T non ha nulla di sacro e di immutabile, anche se la sua lunga utilità ha potuto suggerire tale concetto.

Essa resterà sempre un’unità arbitraria, di convenienza: un’unità che è utile perché adatta a risolvere, a scopi descrittivi, figure di forma nuova.

Come un’unità più complessa può essere suddivisa in elementi a T, così lo stesso elemento a T può essere arbitrariamente scomposto in unità minori.

Si è già visto come gli elementi a T possano entrare in combinazioni standard originando unità base più grandi che facilitano la descrizione di figure più complesse.

Si è già detto come queste unità più grandi, proprio a causa della loro forma, hanno un raggio di applicazione più ristretto degli elementi a T. Analogamente, questi ultimi possono essere considerati come combinazioni standard di un elemento a L più una sbarretta.

Talora una combinazione standard è troppo complessa e specifica per descrivere una figura e deve perciò venire spezzata in unità più piccole che si prestano ad applicazioni su una scala più vasta.

Per questa ragione, lo stesso elemento a T può venir suddiviso.

Poiché la scelta iniziale dell’elemento a T come unità nota è stata arbitraria, è possibile sia riunirlo in combinazioni più grandi, sia spezzarlo in unità minori.

Se la scelta iniziale fosse caduta sull’unità a L allo 32 ~a la stessa unità a T sarebbe stata una derivazione dell’unità a L. Una qualsiasi figura nuova che sia stata soddisfacentemente descritta in termini di unità a T, sarebbe stata descritta altrettanto bene da combinazioni di unità a L e sbarrette.

I rapporti spaziali che tali descrizioni avrebbero implicato sarebbero però risultati più complessi.

lE sempre spiacevole staccarsi da figure note che ci sono ,state ripetutamente utili: ci si sente molto impegnati con loro.

Riesce difficile ricordarsi dell’arbitra-, rietà di un elemento che si ha l’impressione di aver creato e non semplicemente utilizzato per semplificare le descrizioni.

Quando una figura nuova risulta difficile da descrivere, si preferisce compiere grandi sforzi per cercare ogni possibile combinazione di elementi già noti e sperimentati, piuttosto che ricorrere a elementi nuovi.

Ma arriva il momento in cui è necessario mettere in discussione non il modo nel quale gli elementi noti possono essere raggruppati, ma gli stessi elementi noti.

I~ spiacevole pensare a quante situazioni non vengono completamente chiarite perché i tentativi di spiegarle insistono nell’usare modelli noti e ben sperimentati che dóvrebbero essi stessi venir riesaminati.

La figura 33 a pagina 79 mostra che l’unità a T può essere suddivisa in quattro sbarrette uguali raggruppate

a

forma di T. Ogni figura spiegata in termini di unità a T potrebbe altrettanto bene venire spiegata in termini

di

sbarrette.

L’elemento a T può essere considerato come una combinazione standard di ~barrette.

La fi ura 34 di pagina 81 mostra come si possa sud 33 dividere la figura 1 in sbarrette.

Lo si poteva fare fin dall’inizio, ma i complessi rapporti spaziali tra il gran numero di sbarrette risultanti avrebbero reso tale descrizione assai meno conveniente di quella in unità a T. Una volta che si sia prescelta l’unità a T e che essa venga usata come primo stadio della descrizione, può essere utile fare un passo avanti e dimostrare anche l’utilità della divisione in sbarrette, che sono di più larga applicazione grazie alla loro semplicità.

Più un’unità viene semplificata, e maggiore1 è il numero delle figure che possono essere descritte nei suoi termini.

D’altra parte, la disponibilità di combinazioni standard di tali unità base rende più facile la descrizione delle altrimenti complicate correlazioni fra le unità stesse.

Un procedimento simile trova applicazione nella fase di elaborazione delle nozioni scientifiche, anzi, nello sviluppo di ogni tipo di conoscenza.

Da ogni nuovo apporto di informazioni emerge un modulo interpretativo, analogo all’unità a T, che si dimostra utile per spiegare i fenomeni.

Quando il procedimento diventa più complesso, si dimostrano utili delle combinazioni standard di questo modulo originario.

Infine, si presenta una situazione che non può essere spiegàta né dal modulo originario né dalle sue cornbinazioni standard.

Improvvisamente appare un modulo addirittura più semplice e più universale, e il modulo originario viene riconosciuto come un suo particolare derivato.

Questo nuovo modulo a causa della sua semplicità, spiega tutti i fenomeni osservati.

La figura che abbiamo presentato all’inizio di questo capitolo non poteva probabilmente essere descritta subito in termini di sbarrette perché non sarebbe sembrato opportuno ricorrere a~ una descrizione così complicata.

Anche i rappòrti necessari per eseguire una simile descrizione, potevano non essere ancora disponibili. ~ attraverso due stadi facili che la descrizione arriva all’uso delle sbarrette.

La prima divisione in unità a T è semplice; e dopo riesce altrettanto semplice scomporre la stessa uni~à a T.

C’è un pericolo, e sta nel fatto che si può non avvertire la necessità di suddividere anche l’unità a T in unità minori se non insorge una certa situazione a dimostrare che l’unità a T è inadeguata.

Fino a questo momento essa può venir accettata come la più semplice unità base.

Devono esistere molte situazioni che sono state analizzate solo fino allo stadio T e che aspettano chi si renda conto dell’utilità di passare ad altri stadi.

Persino la sbarretta può non costitúire l’ultima unità base, ammesso che questa esista.

La sbarretta può essere divisa in due quadratini, e così via.

Queste descrizioni che sono cominciate usando unità abbastanza articolate e relazioni semplici, finiscono con l’impiego di unità piccolissime e universali, anche in questo caso disposte in relazioni semplici.

Questa semplificazione tuttavia viene ottenuta soltanto passando per stadi in cui le unità base si riuniscono in combinazioni standard, in combinazioni standard di combinazioni standard e così via.

Il quadratino diventa barretta, la barretta un’unità a T, l’unità a T, una unità a I.

Ad ogni stadio le unità, di descrizione sono arbitrarie, e sebbene esse possano tornare molto utili, affidarsi completamente a loro può impedire l’elaborazione di una descrizione migliore.

Lo schema d’azione del pensiero laterale può essere articolato su quattro principi operativi, di contenuto estremamente vasto e che non esauriscono certo le possibilità d’intervento del pensiero laterale.

Tra questi principi esiste uno stato di fluidità; possono avere più di un elemento in comune, e alcuni di questi elementi potrebbero anche diventare loro stessi dei principi autonomi.

I quattro principi operativi sono:

1. L’identificazione delle idee dominanti, o polarizzanti.

2. La ricerca di nuovi metodi d’indagine della realtà.

3. L’evasione dal rigido controllo esercitato dal pensiero verticale.

4. L’utilizzazione dei dati e delle circostanze fortuite.

Dell’identificazione delle idee dominanti si è parlato nel terzo capitolo; in questo, ci si occuperà della ricerca dei nuovi metodi di indagine della realtà.

Coi disegni elementari del capitolo quarto si è inteso conferire al concetto di pensiero laterale quella maggiore evidenza che le parole, da sole, non potevano dargli.

Si è visto che la figura numero 1, per la sua semplicità, poteva venir descritta in vari modi, ciascuno dei quali era adeguato, nel senso che offriva una descrizione completa.

La scelta del tipo di descrizione era arbitraria.

Poteva dipendere dalla convenienza dalla semplicità o dalla notorietà degli elementi usati.

Al momento della scelta, chi la compie dovrebbe essere consapevole della sua arbitrarietà e che una scelta diversa potrebbe dare risultati altrettanto buoni.

Col tempo, però, e quando appaiono più evidenti i vantaggi della scelta compiuta, la SUZI arbitrarietà viene dimenticata e si crede che quella scelta sia l’unica in grado di interpretare la figura.

Nella maggior parte dei casi, quella che all’inizio era considerata un’interpretazione temporanea e provvisoria, passa poi, e specialmente se ha successo, come l’unica possibile.

La figura che, all’inizio, era stata arbitrariamente scomposta in elementi a T, viene ritenuta, col tempo, esclusivamente una combinazione di tali elementi.

La scelta di un determinato modulo interpretativo di una realtà è, di solito, dovuta al caso o a ragioni pratiche.

Non si fa una ricerca accurata dell’interpretazione migliore, e non già per l’influsso traviante di un’idea dominante, che qui non entra in gioco, ma per la semplice necessità di entrare, in qualche modo, in contatto con una realtà.

Una bottiglia, riempita a metà di vino, sarà considerata mezza vuota dal pessimista, e mezza piena dall’ottimista.

Due modi, entrambi arbitrari, di definire una realtà si equivalgono.

Questo può valere per i casi in cui non si intende procedere al di là di una semplice constatazione; ma se si

è in presenza di un problema che richiede un’elaborazione, allora, diverse scelte portano a risultati assai diversi.

L’aneddoto dei sassolini ha mostrato un problema irrisolvibile se affrontato in un certo modo, ma sorprendentemente facile se visto da un’angolazione diversa.

Per risolverlo, bastava prendere in considerazione non il sassolino estratto, ma quello che era rimasto nella borsa.

Il

gioco delle tre carte è un esempio del tutto analogo.

Il

biscazziere baro mostra tre carte coperte e invita il giocatore a indovinare quale di esse è la regina.

Alle prime mani lascia, armeggiando con destrezza, che il giocatore vinca un po’ di denaro, ma in seguito, con lo stesso sistema, impedisce sistematicamente al giocatore di trovare la regina.

A questo punto però, il giocatore potrebbe cambiare sistema e scommettere sulla non uscita della regina.

Un leggerissimo spostamento del punto di osservazione può portare a risultati profondamente diversi.

Una delle più importanti scoperte della scienza medica di tutti i tempi, quella del vaccino contro il vaiolo, avvenne quando Edward Jenner, che stava cercando le cause di questa malattia, spostò la sua attenzione sull’immunità che le contadine parevano godere a questo riguardo.

E fu grazie alla scoperta che il vaccino indebolito immunizza da quello virulento che venne introdotta la

vaccinazione e che il mondo occidentale fu liberato dal flagello del vaiolo.

Durante una delle inchieste poliziesche di Sherlock Holmes, il suo assistente dottor Watson espresse l’opinione che la presenza di un certo cane era insignificante ai fini dell’indagine, perché il comportamento dell’animale era apparso del tutto passivo.

Sherlock Holmes espresse il parere contrario sostenendo che la passività del cane costituiva un elemento della massi ma rilevanza in quanto era logico supporre che l’ani male, nella circostanza, avrebbe reagito in qualche mo do, e basandosi su questo indizio risolse il caso.

Si racconta che gli uomini di stato europei dei primi decenni del secolo scorso temessero le mosse dell’astuto diplomatico austriaco principe Metternich assai più nei periodi in cui sembrava inattivo che in quelli i cui appariva impegnato.

Può bastare spostare l’attenzione da un dato all’altro di un problema per passare da un tipo di ricerca ovvia

a un tipo di ricerca più originale.

Ed è cosa che si può fare senza troppa difficoltà una volta che se ne sia acquisita l’abitudine.

Con l’esperienza di venta possibile escogitare e sottoporre a verifica molti e diversi modi di affrontare un problema o una situazione concreta.

Prima di tutto però occorre nutrire interesse a questi tentativi, credere all’efficacia di un cambiamento di moduli interpretativi.

Il vecchio e notissimo quesito dei due bicchieri, l’uno pieno di vino l’altro pieno d’acqua, spiegherà

chiaramente il concetto: si tolga una cucchiaiata di vino dal suo bicchiere e la si versi nel bicchiere d’acqua,

poi si tolga una cucchiaiata d’acqua dal suo bicchiere e la si versi nel bicchiere di vino.

Si ripetano queste operazioni.

S tratta di dire se, alla fine, c’è più acqua nel bicchiere di vino che non vino nel bicchiere r~ r, il rrn ~no e di

acqua, la risoluzione del problema risulterà ósissima.

Se invece si salterà l’indagine degli stadi intermedi dell’esperimento fermando subito l’attenzione sullo stadio finale, la soluzione apparirà molto semplice.

Poiché da ciascun bicchiere sono state tolte due cucchiaiate che sono state sostituite da altrettante, la quantità di liquido in ciascun bicchiere è rimasta invariata.

Perciò il vino versato nel bicchiere d’acqua deve aver spostato un ugual volume d’acqua e questa non può essere finita che nel bicchiere di vino.

L’indagine può essere spostata da un elemento all’altro del problema, oppure da una fase ad un’altra della sua elaborazione, ma la valutazione complessiva, di fondo, di quel problema rimane invariata. È relativamente facile concentrare in tal modo l’attenzione su una parte, preferendola ad un’altra; assai più arduo è invece cambiare le parti stesse.

Il nostro intelletto divide ìl continuum della realtà che ci circonda in unità distinte. In parte, vi è costretto dal tipo di organizzazione funzionale del nostro sistema nervoso cerebrale, che pone dei limiti alla conoscenza.

In parte è però una scelta deliberata che permette di capire le cose scomponendole in elementi già noti.

Quest’ultimo procedimento è già stato illustrato dai disegni del capitolo precedente.

S’è proceduto, come si è visto, alla sistematica e totale scomposizione delle figure in parti, che sono poi state ricombinate tra loro in determinati rapporti, per ripristinare la figura originaria.

E così una situazione che si evolve senza soluzioni di continuità, può essere arbitrariamente divisa in due, in

un punto adatto, e la metà che precede il punto di divisione collegata a quella che lo segue col noto rapporto

di causa ed effetto.

La scelta delle parti in cui scomporre il tutto è dettata dalla notorietà, dalla convenienza e dalla disponibilità dei rapporti semplici con cui ricomporre le parti ad unità.

Un rapporto mostra come due parti erano combinate tra loro prima della divisione.

Se questa viene ripetuta parecchie volte, le parti finiscono con l’assumere una propria identità.

Come i cibi in scatola sugli scaffali di un supermercato, così le unità d’informazione risultanti dalla suddivisione in schemi convenzionali di una realtà, attendono chi le scelga e le cucini per benino.

Purtroppo, le unità di informazione riconnesse tra di loro in questo modo, tendono a confermare il punto di vista dominante.

Accettare unità di informazione “preconfezionate” significa orientarsi verso l’accettazione di rapporti attraverso i quali esse giungono a concettualizzarsi.

Appena le unità di comodo, le unità d’informazione, ricevono un nome, questo le congela e le immobilizza per sempre, perché la denominazione di un prodotto può essere usata solo se la qualità del prodotto resta immutata.

Diventa necessario considerare la realtà come un edificio di mattoni recanti la stampigliatura del marchio di fabbrica.

Smantellando l’edificio, basterà esaminare i mattoni per capire com’era fatto, mentre non passa neppure per

il capo l’idea di paragonare questa stessa realtà a un edificio in calcestruzzo che possa venir demolito in blocchi di dimensioni arbitrarie.

Potremmo descrivere un bastone da passeggio come un oggetto composto di un elemento curvo ad una estremità, di un elemento diritto, nella parte mediana, Linante, all’altra estremità, con una ghiera.

Oppu potremmo vederlo come un oggetto formato di due ~rti, una delle quali è curva.

Oppure come un og~etto lungo e dritto, cui è stato aggiunto un corto ele~hìento curvo.

La fantasia può suddividere un bastone ~n cento altri modi restando del tutto indifferente al ~atto che esso,

in realtà, sia costituito da un unico pezzo di legno curvato a un’estremità.

Questa libertà di descrizione dura finché alle varie parti del bastone non sono assegnati dei nomi.

Dal momento in cui ciò avviene, una sola descrizione diventa appropriata, e le altre sono considerate stravaganti.

La disponibilità di parole e di denominazioni condiziona rigidamente il modo di affrontare un determinato problema.

La fluidità dinamica del pensiero laterale, che riunisce, scompone e ricompone i dati del problema in forme sempre nuove, scompare e, con essa, la possibilità di trovare la combinazione migliore.

Una volta che le unità d’informazione siano state orribilmente congelate dalle rispettive denominazioni, il massimo che si potrà fare sarà di combinare queste denominazioni tra loro in differenti schemi, operazione che spesso risulterà inadeguata.

Nel capitolo precedente si era arrivati a un punto in cui nessuna combinazione di elementi a T era più in grado di spiegare la figura.

Per farlo era necessario scomporre la stessa T.

La rigidità della denominazione è collegata alla rigidità delle classificazioni.

A sua volta, la rigidità delle classificazioni conduce a una impostazione obbligata del problema.

Nella scena finale di un recente film~ si vedevano l’eroe-protagonista e i suoi amici assistere ~iubila~ n P fPQtP~T~riAn~f~ Q~ da guerra, all’esplosione di un’intera isola.

Sull’isola c’erano i “cattivi”, cioè un gruppo di scienziati malvagi che stavano tentando, con la potenza dei loro strumenti, di ridurre il mondo in loro soggezione.

Ma quell isola era anche abitata da moltissime persone certamente innocenti che gli scienziati avevano ridotto all’ubbidienza con il lavaggio del cervello.

Poiché quegli scienziati erano classificati come “cattivi”, e la loro isola come un “luogo di malvagità”, sembrava assolutamente naturale che tutto quello che, per classificazione, faceva parte di quell’isola dovesse essere difficile guidare senza urtare in qualcosa.

Ma un bel giorno qualcuno pensò di usare la freccia posteriore, ,~`cui vividi lampeggi illuminavano a intermittenza la ~trada.

E l’idea funzionò molto bene.

Presumibilmente nessuno aveva pensato prima a questa semplice soluzione perché nella stessa denominazione di “freccia” e nel fatto che venisse classificata tra gli strumenti di direzione era assente il concetto di “illuminazione”.

Uno degli accorgimenti per evitare l’effetto coartante delle denominazioni è quello di pensare per immagini visive, senza usare per nulla i vocaboli. ~ dd tutto possibile formulare coerentemente dei concetti in questo modo, le difficoltà sorgono solo quando è necessario esprimere ciò che si è pensato.

Sfortunatamente solo pochi sanno pensare per immagini visive e non tutto si può esaminare concettualmente con questo sistema. ~ comunque un metodo che sarebbe utilissimo apprendere perché le immagini visive hanno una fluidità e una plasticità che le parole non potranno mai possedere.

Pensare per immagini non significa semplicemente utilizzare le immagini come “materia prima” concettuale.

Sarebbe un procedimento troppo grezzo.

Il linguaggio visivo si serve di linee, di diagrammi, di colori, di grafici e di molti altri mezzi per illustrare rapporti che sarebbe molto laborioso descrivere con il linguaggio normale.

La forma di queste rappresentazioni visive si adegua facilmente ai processi dinamici cosicché diventa possibile mostrare contemporaneamente, di un dato procedimento, le fasi passate, presenti e future.

Un altro metodo per evitare la divisione definitiva di un problema in parti stereotipe, consiste nel suddividere queste stesse parti in altre minori, per ricomporle poi in unità più estese, di nuovo tipo.

Questo procedimento era implicito nel modo in cui vari elementi a T del capitolo precedente sono stati modificati.

Di solito, è molto più facile riunire sottoparti in schemi nuovi che dividere subito il problema in parti nuove.

La scelta dell’angolazione da cui affrontare una situazione è limitata non solo dalla rigidita delle unità di descrizione disponibili ma anche da un numero insufficiente di rapporti.

Un repertorio limitato di rapporti denuncia inevitabilmente una visuale assai ristretta.

Quanto maggiore è la disponibilità di rapporti utilizzabili, tanto più originali risulteranno le linee di divisione, e vari i tipi d’indagine.

Un po’ d’impegno e una lunga pratica renderanno possibile trovare ai vari problemi impostazioni originali in numero molto superiore di quanto non sia possibile col metodo probabilistico.

La maggior parte di queste nuove impostazioni, forse tutte, potranno tuttavia rivelarsi sbagliate.

Dopo essersi sforzati a trovarle ed essersi presa la briga di vagliarle attentamente una per una, si arriva, di solito, alla conclusione che i loro risultati sono meno buoni di quelli offerti dalI’impostazione più ovvia del problema.

In quali casi allora val la pena di ricorrere al pensiero laterale, e in quali altri ci si dovrebbe accontentare del

pensiero verticale?

L’impiego del pensiero laterale è indispensabile in quelle situazioni problematiche che il pensiero verticale non è stato in grado di risolvere.

L’aneddoto dei ~ssolini ne è un esempio Fu impossibile trovare una ~luzione finché non si tentò di elaborare un’imposta~ne diversa.

Altri quesiti, come quello dell’acqua e del ~no, si possono risolvere anche con il metodo verticale, ~on un procedimento lungo e noioso.

In questi casi ~l pensiero laterale, anche se non è indispensabile, può aiutare molto a trovare una soluzione

migliore.

Per definizione, un problema è un quesito che abbisogna ~di una risposta, e ciò implica che la risposta non

è ovvia.

Talvolta una situazione non è problematica in sé ma solo a causa dell’aspetto sotto il quale la si considera.

Vista sotto una luce diversa, la corrispondenza tra i suoi elementi può risultare così ovvia che il problema cessa di esistere.

La

frequenza con cui si ricorre al pensiero laterale varia da persona a persona.

Se

ci si rivolge al pensiero laterale unicamente per i problemi che qucllo verticale è incapace di risolvere, si

risparmia tempo, ma per i problemi che arnmettono solo una soluzione verticale l’indagine laterale si concluderà sempre con un insuccesso.

Chi cerca una soluzione laterale a ogni problema sulle prime dovrà dedicarvi moltissimo tempo, ma la pratica renderà il procedimento sempre più rapido.

L’abito mentale così acquisito permetterà non solo di intervenire con maggiore efficacia nei casi in cui una soluzione laterale è indispensabile, ma potrà anche rivelarsi utile offrendo soluzioni più esaurienti a problemi che hanno una soluzione verticale.

Di fronte a situazioni chiaramente problematiche è piuttosto facile riconoscere l’impellenza di ricorrere al

pensiero laterale e a interpretazioni nuove, ma al di fuori di questi casi è arduo scorgerne qualsiasi necessità.

Il guaio più grosso però si verifica quando non ci si accorge della problematicità di una situazione.

Allorché tutto sembra procedere nel modo più piano e pertinente, può diventare impossibile progredire perche manca quel tanto di problematicità che serva come spinta in avanti.

Ogni iniziativa che non pone problemi non ha neppure molte possibiiità di sviluppo.

Le difficoltà di soluzione provocano i sobbalzi che fanno uscire le situazioni dal binario della comoda e mediocre routine.

Spesso il problema più difficile sta proprio nella formulazione dei problemi.

E occorrerà in certi casi molta pratica di pensiero laterale per rendersi conto dell’esistenza di problemi che

non erano mai stati individuati.

Verso la fine del secolo scorso, gli scienziati di fisica erano molto soddisfatti di se stessi.

Sembrava che tutto quel che c’era da spiegare fosse stato spiegato.

Teorie e calcolo sperimentale andavano d’amore e d’accordo.

Gli restava solo da riordinare i dati.

Il loro compito in futuro si sarebbe limitato a una più precisa elaborazione di calcoli entro le grandi linee della struttura teoretica nota.

Ma poi arrivarono Planck e Einstein e presto tutti constatarono che la fisica era una scienza ben lontana dalla perfezione; era anzi solo agli inizi.

In quanti casi il compiacimento per i risultati ottenuti e la mancanza di problemi non significano altro che

accettazione di soluzioni mediocri e mancanza di immaginazione? Un determinato metodo è ritenuto

adeguato perché ne sono stati presi in esame altri e sono stati trovati meno adeguati di esso, oppure perché

si è ritenuto superfluo considerare impostazioni diverse o lavorare di fantasia per escogitarle?

La solita risposta è che bisogna accettare una soluzione come esauriente finché nuovi dati non provino il

contrario.

Ma perché non rovesciare il procedimento trovando una nuova soluzione per poi vedere se si mostra utile? Non si deve attendere che si presentino fatti nuovi per riorganizzare il nostro bagaglio d’informazioni.

Una riorganizzazione di questo genere può essere fatta ogni volta che qualcuno si rende conto dell’arbitrarietà di una teoria e si mostri in grado di formularne una diversa.

L’insoddisfazione per la vecchia teoria o la semplice curiosità possono costituirne una motivazione sufficiente.

Non è neppure possibile supporre che una teoria che permetta di spiegare tutti i dati a disposizione sia migliore di una teoria incompleta. ~, questa, una supposizione dalla quale, nell’azione pratica, non si può prescindere, ma non sono mancati casi di teorie, completamente articolate, che sono state soppiantate da altre che, sul principio, sembravano inadeguate, ma che poi risultarono più esplicative.

La spiegazione fisica dell’eclissi deve essere sembrata del tutto arbitraria a coloro che ritenevano questo

fenomeno una manifestazione della collera divina, e ciò finché fu possibile disporre di dati scientifici adeguati.

Troppo spesso si ritiene che non si abbia il diritto di mettere in discussione una teoria finché non se ne presenti una migliore.

Questo è il sistema più sicuro d’impedire la nascita di teorie nuove.

Come è possibile raccogliere i dati disponibili in una formula nuova se la vecchia deve restare intatta e valida finché la nuova non sia completa? Credere di trovare una soluzione originale cercandola nell’ambito della vecchia è tempo sprecato.

Allacciare il nuovo schema al vecchio è inutile e inibitorio.

L’interpretazione di un problema può essere paragonata alla soluzione di un anagramma.

Determinati elementi, accostati in un certo modo, acquistano un senso compiuto, ma ciò non vieta che da un loro diverso accostamento se ne tragga uno migliore.

Ognuno ha il diritto di mettere in dubbio qualsiasi cosa tutte le volte che vuole, e ha il dovere di far~o almeno una volta.

Nessun sistema interpretativo è così sacro da non poter essere discusso, nessuna prassi è così perfetta da non essere suscettibile di miglioramento.

Dovrebbe essere possibile riprendere in esame anche l’efficienza della ruota.

È un errore ritenere, come comunemente si fa, che un problema sia sempre risolvibile qualunque sia

l’impostazione che gli sia stata data, a condizione che si proceda fino in fondo con sufficiente abilità logica.

Ci sono dei verticalisti che si inalberano ogni volta che si mette in dubbio l’onnipotenza della logica; essi

ritengono che il pensiero laterale non serva a nulla.

Per loro esiste un unico metodo d’impostazione dei problemi; gli altri sono soltanto delle tappe intermedie nello sviluppo di questo metodo.

In ultima analisi, l’intervento della logica è preceduto da una scelta di comodo a livello percettivo.

Se la percezione su cui si basa l’intera costruzione logica è sbagliata, la soluzione diventa introvabile.

Il pensiero laterale sfugge a questa limitazione prospettandosi deliberatamente impostazioni di partenza di diverso tipo.

Sceltane una, la porta avanti con tutto il vigore che gli è proprio.

Poi ne esamina una seconda e così via.

Per quanto un calcolatore elettronico sia perfetto, non può risolvere un problema che sia stato mal posto dal programmatore.

Quando si affronta un problema, è prassi comune delimitarlo entro una determinata inquadratura e cercarne la soluzione all’interno di essa.

Si accetta come un dato dimostrato che una certa linea rappresenti i confini del problema, ed è entro questi

confini che il pensiero verticale ricerca la soluzione.

Molto spesso però questi confini non esistono nella realtà e la soluzione può trovarsi al di fuori di essi.

Facciamo l’esempio dell’aneddoto dell’uovo, attribuito erroneamente a Cristoforo Colombo.

Una volta che i suoi amici lo schernivano dicendo che la scoperta dell’America era stata in realtà un’impresa facile perché, pel raggiungerla, era bastato mettere la prua verso ovest e veleggiare sempre in quella direzione, Colombo chiese loro se erano in grado di far stare un nuovo dritto su una delle due punte.

Gli amici provarono ma il tentativo fallì.

Allora Colombo prese un uovo, ne schiacciò una punta e su questa lo fece star ritto.

Gli amici protestarono dicendo che per essi valeva la condizione che l’uovo dovesse restare intatto.

Cioè essi ponevano dei limiti che in realtà non esistevano.

Allo stesso modo, avevano ritenuto impossibile prendere la rotta ovest e proseguire sempre in quella direzione.

La grande impresa marinara era parsa facile a loro soltanto dopo che Colombo ebbe dimostrata l’infondatezza delle loro prevenzioni.

È assai probabile che questo aneddoto riguardi, in realtà, Filippo Brunelleschi che costruì la cupola del

duomo di Firenze, nonostante tutti avessero ritenuto che il suo progetto era impossibile da realizzare.

Più che l’accuratezza storica dell’attribuzione dell’aneddoto, ci serve il riferimento a Colombo perché dà modo di mostrare una certa mentalità.

Molto spesso i verticalisti considerano una soluzione ottenuta col pensiero laterale come una specie di trucco.

Ciò prova, paradossalmente, I’utilità del pensiero laterale.

Quanto più vibrata ~ I’accusa di mistificazione, tanto più appare ovvio che essi sono legati a regole rigide e a preclusioni che non hanno riscontro ndla realtà.

In tal modo, predusioni di vario tipo costituiscono altrettanti sbarramenti che vietano l’accesso alle soluzioni

originali.

I verticalisti sono i più attrezzati per erigere tali sbarramenti perché la logica, per essere efficace, ha bisogno

di un contesto preciso e rigidamente definit~.

Certe premesse devono essere accettate per vere.

La fluidità di una situazione in cui nulla è determinato e tutto è messo, in ogni momento, in dubbio, è un’esperienza estremamente penosa per il verticalista.

Ma è proprio grazie alle illimitate possibilità del caos che il pensiero }aterale riesce a formulare idee originali.

Alla ricerca di impostazioni alternative non si è portati da un impulso spontaneo.

Per sua natura, la mente umana viene attratta dalla impostazione più probabile e da essa prende le mosse.

Per vincere questa tendenza naturale è necessario agire con determinazione e non rifuggire nemmeno dall’uso dell’artificio.

Una tecnica che può sembrare troppo semplicistica consiste nello stabilire in anticipo un certo numero di impostazioni altemative, due, tre, cinque o più.

Tutti i problemi che cadranno sotto il nostro esame dovranno ~ essere affrontati in ciascuno dei sopraddetti modi.

Sulr le prime` questo procedimento parrà assai artificioso.

Molte impostazioni elaborate “su commissione” parranno del tutto assurde se paragonate a quella ovvia e naturale.

Ma è necessario elaborarle tutte fino in fondo, senza curarsi del loro grado di assurdità e di forzatura.

Col tempo e la pratica, la ricerca delle impostazioni alternative diventerà meno laboriosa e queste sembreranno quasi altrettanto ragionevoli di quella ovvia.

Un’altra tecnica utile consiste nel rovesciare deliberatamente i termini del problema capovolgendo alcuni r?pporti.

Invece di supporre che siano le pareti di una camera a sostenere il soffitto, possiamo immaginare che le pareti pendano dal soffitto.

Invece di supporre che un aeroplano si alzi in volo grazie all’impatto delle ali contro l’aria, immaginiamolo fermo e che, per alzarsi, muova solo le ali, analogamente a quanto avviene per le eliche dell’elicottero.

Invece di supporre che il sole si muova attorno alla terra, pensiamo che sia la terra a girare attorno al sole.

Invece di pensare al moto di un oggetto ndlo spazio, secondo una sua traiettoria curva, supponiamo che sia

lo spazio stesso ad essere curvo.

Il rovesciamento, o comunque l’alterazione di un rapporto sono, nei casi ricordati, facili, perché, quando si è stabilita ùna direzione, ne risulta stabilita, per implicazione, anche la direzione opposta.

Un’altra tecnica, in grado di sciogliere i ceppi di una determinata scelta obbligata, consiste nell’applicare i dati di una situazione ad una seconda situazione, che sia più facile esaminare.

In tal modo è possibile passare da considerazioni astratte- ad analogie concrete.

Questo procedimento è valido per due motivi.

Anzitutto, le limitazioni nelle scelte di impostazione, proprie della situazione di partenza, non ricompaiono nella situazione analogica, che è molto più malleabile.

Se si sarà scelta un’analogia adeguatamente sfruttabile, allora potrà essere facile stabilire un raffronto dei rapporti.

Ogni tanto si riesaminerà la situazione di partenza alla luce dei mutamenti intervenuti in quella analogica e ciò sarà uno stimolo a soluzioni nuove, a nuove interpretazioni.

Il secondo vantaggio del ricorso alle analogie è che queste utilizzano normalmente immagini concrete che

suggeriscono aitre immagini concrete più facilmente di quanto idee astratte suggeriscano altre idee astratte, con il risultato che la formazione delle idee avviene più facilmente.

Un’altra semplice tecnica consiste nello spostare deliberatamente l’attenzione da una componente all’altra del problema.

A questo fine non ha importanza che il problema venga impostato nel suo modo più ovvio, purché le sue

componenti vengano esaminate una dopo l’altra.

Anche l’elemento più insignificante del problema dovrebbe ricevere la sua parte di attenzione, e ciò è molto più difficile di quanto si supponga.

L’aneddoto dei sassolini ha trovato una soluzione a lieto fine solo quando si è spostata l’attenzione` dal sassolino che era stato estratto a quello che era rimasto nella borsa.

Forse la più chiara dimostrazione dell’utilità di disporre di una molteplicità di impostazioni alternative la fornisce proprio la matematica.

Qualsiasi equazione non è che la stesura di due descrizioni diverse di una stessa cosa.

Anzi, I’utilità di avere due vie anziché una è così grande che essa è la pietra angolare della matematica.

Disponendo di due diverse descrizioni, al di qua e al di là del segno di uguaglianza, è possibile giungere alla soluzione dell’equazione.

Tl metodo laterale permette di passare deliberatamente in rassegna, in rapida successione, diverse alternative.

L’esperienza e la capacità d’indagine probabilistica dell’intelletto, permettono di associare automaticamente elementi tratti da alternative diverse fino ad ottenere una soluzione valida.

CAPITOLO SESTO

Il terzo principio operativo del pensiero laterale nasce dalla constatazione che il metodo verticale non soltanto è, per sua natura, sterile di idee originali, ma ne ostacola concretamente il sorgere.

Esistono persone incapaci di ragionare senza sottoporre ciascuno dei loro pensieri a un rigorosissimo vaglio critico, e che devono farne, ogni volta, I’analisi e la sintesi logica.

C’è una tendenza ad essere precisi e meticolosi che è altrettanto artificiosa della suddivisione di una sequenza cinematografica in una serie di fotogrammi immobili.

Ci riferiamo a casi-limite, ma che indicano come questa tendenza, sia pure in forme più attenuate, è assai

comune.

Si è detto nel capitolo precedente che il pensiero verticale ha bisogno di partire da una struttura base

accettata come valida, che potrà venire ampliata o modificata nel corso dell’indagine.

Questa indagine porterà forse alla correzione della struttura ma difficilmente ispirerà una soluzione dd tutto originale.

Accettare e impegnarsi significa prendere la direzione opposta a quella che permette di sfruttare le illimitate possibilità del caos.

Ndla palude dei concetti informi la logica si costruisce, pietra su pietra, il suo sentiero.

Ogni pietra viene saldamente inserita al suo posto e l’aggiunta di nuove è possibile solo quando la precedente è ben fissa nella massicciata.

La logica ha, per sua natura, l’esigenza di controllare e collaudare il pensiero in ogni sua fase.

Il pensiero laterale invece non richiede sempre la consequenzialità: quel che gli interessa è che la conclusione finale sia esatta.

Pensare lateralmente significa calarsi nella palude e percorrerla fino a scoprire un sentiero naturale.

Il bisogno di essere conseguenti in ogni momento e ad ogni stadio è probabilmente il più grosso ostacolo alla scoperta di soluzioni nuove.

Dopo che Marconi ebbe migliorata la potenza e l’efficienza dei suoi strumenti di ricerca scientifica, scoprì di poter irradiare onde elettromagnetiche a distanze sempre più grandi.

E alla fine osò studiare la possibilità di trasmettere un segnale nientemeno che al di là dell’Oceano Atlantico.

Per riuscirci sembrava che bastasse aumentare adeguatamente la potenza del trasmettitore e la sensibilità del ricevitore.

Gli esperti, che la sapevano più lunga, risero dell’idea.

Gli ripeterono che le onde elettromagnetiche si irradiavano, come quelle luminose, in linea retta, e perciò non avrebbero potuto seguire la curvatura della terra e si sarebbero disperse nello spazio.

Gli esperti erano a posto con la logica, ma Marconi tentò ugualmente, insistette e alla fine riuscì a trasmettere un segnale oltreatlantico.

Né lui né gli esperti sapevano dell’esistenza della ionosfera, cioè di quello strato elettrizzato dell’alta atmosfera che riflette e rimanda le onde elettromagnetiche, le quali, diversamente, si disperderebhero davvero nello spazio.

Fu l’esistenza di questo strato a rendere possibile la trasmissione del segnale.

Muovendo da una premessa errata, Marconi era arrivato ad un risultato al quale neppure la logica più stringata sarebbe riuscita a condurlo.

Anche la scoperta dell’adrenalina fu dovuta a un calcolo sbagliato.

Un certo dottor Oliver aveva inventato un congegno capace, a suo giudizio, di misurare il diametro dell’arteria del polso, quella su cui si prova la febbre, e con questo apparecchio aveva eseguito su suo figlio tutta una serie di esperiment’i.

Uno di questi, consistente nell’iniettare al figlio un estratto di glandole adrenali bovine, lo convinse di aver scoperto che questo estratto riduceva il diametro dell’arteria.

Noi ora sappiamo che è impossibile rilevare su una grossa arteria restringimenti dovuti all’adrenalina.

Oliver si affrettò a far conoscere al mondo la sua “scoperta”, ma il mondo, in persona del noto fisiologo professor Schafer, rimase scettico; tuttavia l’entusiasmo di Oliver indusse il professore a iniettare un po’ di quell’estratto a un cane di cui si stava misurando la pressione.

Con sorpresa di Schafer, la pressione sanguigna salì rapidamente.

Era stata scoperta l’adrenalina.

Si potrebbero ricordare molti altri casi di vere e proprie scoperte scaturite da procedimenti mentali non sempre impeccabili.

Succede come quando si cammina su una spiaggia ghiaiosa.

Si può procedere piano e con precauzione, cercando di assicurarsi l’equilibrio ad ogni passo, prima di compiere il successivo.

Ma si può anche passare in fretta da un sasso all’altro soffermandosi così poco ad ogni passo da rendere inutile assicurarsi un equilibrio stabile prima di compiere il successivo.

Quando si sarà raggiunto il posto desiderato, allora sarà venuto il momento di guardarsi indietro per individuare la via più sicura per ritornarci la prossima volta.

Talora l’itinerario migliore che conduce a una località lo si scopre solo dopo averla raggiunta. ~: dalla cima di una montagna che si scorge il sentiero più praticabile.

Scopo della logica non dovrebbe tanto essere quello di arrivare a delle conclusioni, quanto quello di esaminare la loro validità a posteriori.

Senza dubbio l’esame dovrebbe essere il più preciso e rigoroso possibile; ad esso potrebbero venir sottoposti, con altrettanta facilità, sia conclusioni di tipo verticale che conclusioni di tipo laterale.

Si può obiettare che non c’è nulla di male nell’impiego del pensiero verticale anche per quei risultati a cui si può giungere attraverso il pensiero laterale.

Purtroppo, in questi casi l’uso del pensiero verticale può essere veramente svantaggioso; ogni reale risparmio di sforzi è illusorio perché il metodo logico deve, ad ogni passo, fare scelte alternative, mentre il pensiero laterale non ha tale necessità.

Il primo autentico svantaggio sta nel fatto che se il pensiero verticale riesce ad arrivare a un risultato, ad una meta, non sentirà più alcun bisogno di cercare una via migliore e più diretta.

Col procedimento laterale invece la via migliore per raggiungere la meta va cercata dopo aver raggiunto la meta stessa, e poiché il pensiero laterale ~ion è impegnato ad attenersi ad un determinato itinerario che sia solo discretamente percorribile, gli è possibile trovarne uno migliore.

Il secondo svantaggio sta neila direzione presa dal procedimento logico.

Per cercare idee, soluzioni nuove noi ricorriamo al metodo logico se questo è l’unico che sappiamo usare.

Per muoversi, per produrre uno sforzo ci è allora necessaria una direzione.

Se vogliamo recarci in un posto seguiamo la direzione prefe~F renziale indicataci dalla segnaletica. È la strada mae1~ stra del metodo logico, che possiamo speditamente per~ correre.

Ma andare in tal modo in una direzione sbaF gliata può essere peggio che star fermi.

Non è, que~ sto, un invito alla pigrizia, ma un suggerimento: inE vece di procedere a tutta velocità nella direzione più ovvia, sarebbe forse meglio, con qudlo stesso dispendio di energia, fare un lungo giro tutt’attorno.

La strada maestra del metodo logico conduce dritto a quella che pare la soluzione del problema; può darsi invece che per arrivare ad una reale soluzione di questo si debba procedere nella direzione diametralmente opposta.

Si può fare un esperimento semplice, consistente nel collocare davanti a un animale uno schermo di fìlo metallico attraverso il quale possa vedere il cibo che sta dall’altra parte.

Certi animali, come per esempio i polli, mireranno dritto verso il becchime e cercheranno ostinatamente di attraversare lo schermo.

Altri, dotati di maggiore intelligenza, come il cane, si renderanno conto che, per arrivare al cibo, è necessario prima di tutto allontanarsi da esso e poi aggirare lo schermo. ~ abbastanza facile effettuare

questa deviazione quando c’è un ostacolo che si frappone alla direzione di marcia più ovvia; meno facile è invece decidere di prendere la direzione opposta quando non si vedono ostacoli.

Allorché le due donne che rivendicavano la maternità dello stesso`bambino furono portate al cospetto di Salomone, il re ordinò che l’infante fosse tagliato in due perché ciascuna delle pretendenti ne avesse una metà.

Salomone, che, come si ritiene, intendeva render giustizia e salvare il bambino, dette un ordine che pareva contraddire queste sue intenzioni ma che ottenne, in realtà, lo scopo di scoprire la vera madre; infatti questa dichiarò di lasciare il bambino all’altra donna piuttosto che vcderlo ucciso.

Poiché il pensiero laterale non ha direzioni obbligate, non gli è difficile allontanarsi da un problema per poterlo risolvere.

Se siete fermi con la macchina su una rampa e l’auto che vi precede slitta all’indietro verso di voi, vi sembrerà naturale innestare la retromarcia se l’altra corsia è occupata.

Può essere invece più sensato prendere la decisione opposta e andarle incontro.

Ciò diminuirà l’impatto e a questo punto il freno a mano della vostra macchina potrà bastare a impedire all’altra di continuare a slittare.

Se una prima limitazione del pensiero verticale deriva dal suo bisogno di essere conseguente in tutte le fasi dell’indagine, una seconda sta nella necessità di trovare una definizione esatta per ogni cosa.

Una mentalità rigidamente logica suddivide e riduce tutto alI’osso, le varianti la mettono a disagio: una parola deve sempre indicare la stessa cosa, né può mutare temporaneamente significato per far filare un certo ragionamento.

Chi si serve del pensiero laterale può sfiorare una parola appoggiandovisi sopra solo un attimo, prima di proseguire la corsa; chi usa il pensiero verticale deve invece sentirsi saldamente in equilibrio su ciascuna parola, riconoscerne la stabilità e l’univocità.

Egli dovrebbe classificare tutto, non lasciare alcun F margine all’indeterminatezza.

Ricerca prevalentemente i criteri di separazione delle cose mentre chi si serve del pensiero laterale preferisce trovare il modo di accostarle.

Alcuni spingono la loro passione per le classificazioni rigide fino al punto di imprigionare le idee rappresentandole con simboli che poi vengono collegati tra loro secondo certi rapporti.

Questo tipo di-definizioni matematiche può facilitare l’esposizione delle idee, ma certo le coarta entro confini che non sono i loro confini naturali.

La rigidità costrittrice del simbolo è un vincolo che impedisce in effetti all’idea di espandersi liberamente nella misura che può essere necessaria al suo sviluppo.

L’acqua di un pozzo non può essere classificata in base alla forma dei recipienti usati per attingerla.

Nessun dubbio che i popoli occidentali debbano la loro efficienza e il loro progresso al metodo matematico, ma ci sono aspetti dell’attività mentale che non possono essere sempre elaborati con questo metodo.

Risulta molto più utile alternare, a periodi di elaborazione rigida, periodi di fluidità creativa.

L’inconveniente più grosso, nelle classificazioni, deriva dalla propensione dell’intelletto umano a formulare definizioni statiche.

Esso considera il “grigio” come qualcosa di precisamente definito e non soltanto come un momento del passaggio dal nero al bianco.

La differenza fra una definizione statica e una dinamica è che quest’ultima non è affatto una definizione, ma una mera possibilità.

La fluidità del possibile non impedisce l’emergere di idee nuove, come invece fa la rigidità dell’essere.

Qualche tempo fa mi venne voglia di scoprire se l’intelletto poteva fare l’esperienza di un’allucinazione visiva rendendosi conto che si trattava di una contraddizione logica.

Con l’ipnosi è molto facile indurre il soggetto in trance a credere che quando verrà pronunciata una certa parola, proverà una determinata allucinazione.

Poi il soggetto è svegliato e, dopo un po’, vien pronunciata la parola convenuta.

L’effetto è spesso scioccante.

Se gli era stato detto in trance che una persona sarebbe entrata nella camera, il soggetto si alza, stringe la mano alla persona che non c’è, la presenta agli astanti e conversa con lei.

Il soggetto, inoltre, si turba moltissimo perché nessuno, al di fuori di lui, vede la persona.

Seguendo lo stesso metodo ho cercato di indurre un soggetto a vedere, una volta uscito dal trance, un circolo quadrato, disegnato su una parete.

Quando venne pronunciata la parola convenuta,~assistei a qualcosa di straordinario Il soggetto dichiarò con enfasi di vedere il disegno e che questo rappresentava, al tempo stesso, un circolo perfetto e un quadrato perfetto; e riconosceva anche che la cosa era logicamente impossibile.

L’impressione gli pareva così vera che afferrò una matita e cercò di riprodurre il disegno ma, tracciate poche linee, già voleva cancellare tutto e ritentare; preso da una specie di frenetica insoddisfazione, cercava di riprodurre l’irriproducibile.

Con ciò non ho inteso eseguire un esperimento di “misticismo sintetico”, ma fare un tentativo di accertarmi

se una mente ipnotizzata potesse recepire nettamente, in stato di coscienza, esperienze che, in base ai

principi della logica, ritiene impossibili.

Nella sua fase emhrionale, un’idea può esistere in una for ma così nettamente contraddittoria che la logica non ~ può accettarla.

Ciò non significa però che non se ne

E potrà ricavare un’idea originale e utile.

Le prime manifestazioni di un’idea nuova possono

~

essere troppo nebulose perché vengano riconosciute e

F

disposte in forma logica.

Esiste tuttavia in molti una naturale propensione a interessarsi di idee del genere, a portarle alla luce e a rendersene pienamente consapevoli dandogli una forma e una struttura definite prima ancora che abbiano avuto la possibilità di svilupparsi a modo loro, in forme libére (e originali).

Esse vengono organizzate e strutturate.

Ma una struttura viene scelta in funzione di un’idea e non è qualcosa che può crescervi dentro per virtù propria.

Il libero volo

E dell’idea è in questo caso troncato ed essa viene immobilizzata come una farfalla sull’albo del

collezionista.

Lanciarsi su un’idea appena si presenta equivale a ucciderla.

Se la logica si interessa a lei troppo presto e con troppo entusiasmo, o la congela, o la costringe entro vecchi stampi.

Concentrarsi su un’idea significa isolarla dal suo humus e arrestarne la crescita.

I riflettori abbaglianti dell’attenzione impediscono quei fecondi processi semiconsci che possono farla maturare.

~ certamente vero che senza un tempestivo controllo logico la mente umana è capace di perdersi in

fantasticherie come quella della macchina del moto perpetuo. ~ anche vero che, in determinate circostanze, per esempio sotto l’effetto dello LSD, la mente è convinta di aver scoperto il mistero dell’universo. È altrettanto vero che soltanto uno sbrigativo intervento della logica può spazzar via dalla mente queste vane fanta 110 ‘ 111 sie.

Ma è forse meglio correre il pericolo di albergare occasionalmente fantasticherie tipo moto perpetuo che rischiare di espellere dalla propria mente tutte le specie di idee utili con un vigoroso e prematuro impiego

della logica. ~ meglio avere tante idee da poter permettersi il lusso che alcune di essere siano sbagliàte, piuttosto che saper ragionare sempre in modo impeccabile ma non avere nessuna idea.

Definire un’idea è un eccellente modo per organizzarla internamente, e organizzarla significa, di solito, disporla in un contesto logico.

Una definizione prematura la vincola a una linea di sviluppo che può non essere la sua naturale.

Spesso, l’intervento prematuro del pensiero verticale è dovuto a mancanza di fiducia nel pensiero laterale.

Se non si crede che un’idea nuova possa maturare da sola, ci si farà sempre un dovere di occuparsene.

Essa non ha bisogno d’essere foggiata, si potrà osservarla e seguirla nelle sue fasi di sviluppo, e dimenticarla in quelle di stasi.

Se un’idea non riesce da sola a darsi una forma utilizzabile si ottiene ben poco costringendola ad assumerne una.

i~ comprensibile che una mente povera di idee nuove ne cerchi cupidamente; ma in generale un’idea conquistata con la seduzione risulterà molto più fecondad’una posseduta con la violenza.

Una voita matura e disponibile per un esame attento, sarà essa stessa a farsi avanti, imbarazzante, insistente; e non ci sarà alcuna possibilità di sfuggirle.

Ma se non è ancora pronta, non sarà il rigore logico ad accelerarne la maturazione.

Il modo migliore di accertare la validità di un’idea è quello di sottoporla a verifica sperimentale.

In pra 112

tica, però, esiste il pericolo di occuparsene troppo presto, e ciò accade nei casi in cui è facile procedere alla sua verifica.

Succede che, appena si presenta un abbozzo di idea, esso venga elaborato in modo da rendere possibile la preparazione di un progetto sperimentale.

Si tracciano le linee dd progetto e si ottiene l’attrezzatura.

Ciò porta al congelamento immediato delI’idea che di solito di trova in uno stadio -intermedio di sviluppo.

E vero che essa può maturare anche durante l’esperimento, ma la cosa si verifica di rado, e inoltre sono

pochi coloro che glielo permetteranno perché in questo caso le apparecchiature più moderne e gli esperimenti rischierebbero di risultare superati mentre la verifica è ancora in corso.

Per certe apparecchiature, i lunghi termini di consegna permettono talvolta a un’idea di maturare nel frattempo fino al punto da rendere necessario un tipo di attrezzatura diverso.

successo spesso anche a me di aver ordinato attrezzi risultati superati prima ancora di usarli perché l’idea, nel frattempo, aveva fatto un altro passo avanti.

Non voglio con ciò dire che sia un errore poter disporre sollecitamente di apparecchiature, ma solo illustrare i pericoli di una strutturazione prematura dell’idea.

Poiché sarebbe poco pratico procedere alla verifica delle idee nuove una per una, bisogna farne una scelta.

Fra la concezione dell’idea e la verifica della sua realizzabilità si interpone un esame logico che valuta la convenienza pratica del tentativo.

Solo le idee che hanno superato l’esame sono ammesse alla verifica sperimentale.

Con questo esame si cerca di confrontare, in un ambito esclusivamente mentale, l’idea con la realtà in cui dovrebbe inserirsi.

Già una prima valu tazione logica è stata data dall’inventore dell’idea, ma anche se l’entusiasmo le porta avanti, sono poche le idee che arrivano fino alla verifica sperimentale se le persone cui spetta decidere non ravvisano l’utilità di compiere la verifica.

Tale

sull’esperienza.

Esso può prendere in considerazione solo gli elementi che gli sono noti, e solo ndla misura in cui li conosce.

bSnissimo se l’esame logiCO non fosse costretto a basarsi soltanto

sistema

funzionerebbe

La conoscenza della realtà nella quale la verifica viene inquadrata, è necessariamente incompleta perché fondata sull’incompletezza dell’esperienza.

La prima volta che fu proposta la costruzione di qudl’apparecchiatura essenziale per lo sfruttamento dell’energia atomica che è il ciclotrone, molti esperti Sl dichiararono scettici sul risultato.

E fu una fortuna che si esperimentasse il progetto senza far ricorso alla loro collaborazione perché il loro

parere, dal punto di vista dell’esperienza, era probabilmente inattaccabile.

Alla fine, fu un comportamento imprevisto del campo magnetico, osservato nell’ultima fase della prova sperimentale, a conferire al ciclotrone quell’efficienza di funzionamento a cui quegli esperti non avevano creduto.

In questo caso, come in qudlo di Marconi, l’esame logico, in quanto basato su fatti noti, era stato impeccabile; quel che mancava era una sufficiente conoscenza della realtà.

Però anche l’esame logico come tale può commetterc i suoi bravi errori.

Quando il dottor Robert Goddard sviluppò le sue concezioni sulla propulsione a razzo e affermò che questa era l’unica forma di propulsione utilizzabile nei viaggi spaziali, molti obiet 114

tarono che un motore a razzo non poteva funzionare ~ nello spazio perché non avrebbe trovato nulla contro

F cui esercitare una spinta.

Era un modo sbagliato di interpretare il funzionamento del motore a razzo.

In realtà, alla spinta all’indietro dei gas surriscaldati corrisponde una controspinta la quale fa muovere il motore a razzo in avanti.

Che le macchine più pesanti dell’aria non fossero in grado di volare era stato dimostrato da molti calcoli.

Proprio nell’anno del primo volo dei fratelli Wright, il congresso americano aveva emanato una legge speciale che proibiva all’esercito di sprecare altri denari in esperimenti aeronautici perché Langley, dello Smithsonian Institute, aveva usato fondi dell’esercito per un tentativo che era fallito. (Ironia della sorte, fu provato in seguito che il suo aereo, abbattutosi durante il decollo, era in grado di volare.) Negli stessi anni gli uffici brevetti rifiutavano di iscrivere gli aeromobili usando maggior severità di quanto non accada oggi per le macchine del moto perpetuo.

Descartes, uno dei più grandi pensatori di tutti i tempi, escluse, a perfetto lume di logica, che il- vuoto atmosferico potesse produrre gli effetti annunciati da Torricelli.

Ma quest’ultimo dimostrò, a dispetto delle vedute del filosofo, la reale efficacia del vuoto atmosferico nel far salire a circa un metro di altezza la colonnina di mercurio del barometro, ed eseguì anche un esperimento in cui quattro cavalli non ebbero la forza di separare due semicoppe dall’interno ddle quali era stata tolta l’aria.

Per lungo tempo si pensò che i ventilatori centrifughi, sul cui principio sono costruiti gran parte dei moderni condizionatori d’aria casalinghi, dall’aspetto così lindo, non fossero realizzabili.

Qualcuno aveva dimostrato che, secondo le leggi della fisica, essi non avrebbero potuto funzionare.

Qualcun altro invece, molti anni dopo, si fece avanti e scoprì che essi, dopo tutto, potevano funzionare egregiamente.

Nonostante gli errori in cui spesso incorre, l’esame logico resta, in determinate circostanze, uno strumento

di selezione indispensabile, perché non sarebbe pratico procedere alla verifica sperimentale di tutte le idee

che si presentano.

Se però si terrà presente che non si tratta di uno strumento infallibile, lo si potrà usare oculatamente, e si potrà persino non tenerne conto quando la verifica di un’idea non costerà uno sforzo eccessivo.

Talvolta è utile esaminare un’idea facendola oggetto di una ricerca deliberatamente aberrante.

Invece di disfarsi in fretta di un’idea che appare logicamente assurda, la si accetti, e, partendo da essa, ci si spinga il più lontano possibile in ogni direzione, cioè verso il basso per cercarne i presupposti, e verso l’alto, per vedere a che cosa potrebbe condurre. ~: un esercizio assai più difficile di quanto sembri e richiede una lunga pratica.

Scopo di questa indagine, di questa prevaricazione intellettuale, è di esaminare criticamente il punto di vista dominante che è all’origine del rifiuto logico.

Difendendo un’idea palesemente errata, si possono spesso scoprire punti di vista più validi.

Gli schemi logici entro cui è ordinata l’esperienza disponibile non soltanto portano a sbarazzarci di una idea con un giudizio sommario, ma possono anche far cadere nel dimenticatoio un’ottima idea che non si adatta

ad essi.

Non c’è nulla di più rattristante di una scoperta che, al suo primo apparire, resta ignorata per venir rivalutata più tardi. ~ risaputo che l’esistenza nell’atmosfera degli strati carichi di elettricità che permisero a Marconi di inviare le prime onde elettromagnetiche oltreatlantico era stata sostenuta da Balfour Stewart molti anni prima, ma l’idea era allora troppo nuova perché fosse notata.

Fu soltanto dopo che il successo di Marconi ebbe offerto uno schema adatto che l’idea di Stewart fu ripresa, e che Breit e Tuve, nel 1925, provarono finalmente l’esistenza della ionosfera.

Quando Gregorio Mendel, con una modestia che non nascondeva la consapevolezza dell’importanza dei risultati raggiunti, lesse all’Associazione per lo studio delle malattie naturali di Brun le conclusioni dei suoi esperimenti sulle piante, tutti si mostrarono indifferenti.

La genialità di-quella semplice trattazione e il fatto che con essa era nata quell’importantissima scienza che

è là genetica, sfuggirono a quella dotta assemblea alla quale Mendel sembrò uno dei soliti giardinieri meticolosi che espongono le loro teorie predilette.

Solo molti anni dopo la relazione di Mendel fu presa in considerazione e valutata in tutta la sua importanza.

Chi si serve del pensiero laterale si guarda in giro e si pone mille domande in piena libertà.

Ci sono cose che si possono notare solo per il piacere di notarle.

Nessun tentativo di spiegarle subito, di dargli importanza.

Le si nota e basta.

Se ispirano un’idea, tanto meglio, se no, non si cerca di strizzarcela fuori. ~ questo, un metodo che più tardi potrà dar frutti.

116 ~ 117 Una cosa è notata così com’è, nella sua forma pura senza collocarla in una scala di valori, senza adattarla a un contesto.

Grazie a questa larghezza e liberalità di recezione diventa possibile abbracciare tutte le nozioni che si presentano senza sentire ogni volta la necessità di spiegarle, classificarle, organizzarle. ~ in questo modo che il caso collabora all’elaborazione delle idee nuove.

Ma di ciò si parlerà nel prossimo cal~itolo.

CAPITOLO SETTIMO

Il quarto principio operativo del pensiero laterale prevede l’intervento del caso nella formazione delle idee nuove.

Sembrerà forse paradossale affermare che si possa fare un qualsiasi affidamento sul caso dal momento che, per definizione, i suoi interventi non ubbidiscono ad alcuna regola.

Ma è proprio questo il motivo che li rende preziosi nella ricerca di idee nuove.

Del resto non si può neppure affermare che sia impossibile sfruttare sistematicamente gli eventi casuali.

Basti pensare alla solidità finanziaria delle società di assicurazione e ai profitti degli organizzatori di giochi d’azzardo per avere un’idea dei vantaggi derivanti da un abile sfruttamento del caso.

~ però possibile approfittare degli eventi fortuiti anche senza interventi diretti e sistematici.

Basta creare talune condizioni adatte al loro verificarsi, e poi attendere i benefici del loro imprevedibile gioco.

Immaginate di star giocando d’azzardo, alla roulette per esempio, con i soldi di un altro.

Le vincite le intascate voi mentre le perdite le subisce chi vi ha dato i soldi.

Ne risulta un gioco a senso unico, in cui è impossibile che perdiate.

Ad ogni singola puntata non potete mai essere sicuri che il vostro numero uscirà, ma sapete che, continuando a giocare, alla lunga vincerete.

La consi 119

: derazione che l’andamento del gioco è imprevedibile e sfugge in parte al vostro controllo non basterà certo a trattenervi, anzi, cercherete di non perdere una puntata per aumentare le vostre possibilità di vincita.

Questo esempio, per la sua analogia coi procedimenti casuali dell’intelletto, vi permette di capire come dovete regolarvi con essi.

In primo luogo occorre che vi rendiate conto che avete la possibilità di partecipare a questa “roulette a senso unico”, e ciò implica anche la consapevolezza del tipo di utile che ne potete trarre.

Poi bisogna che impariate a giocare.

In terzo luogo, occorre che insistiate nel gioco più che potete e che vi sbarazziate delle inibizioni che vorrebbero trattenervi.

Infine è necessario che impariate ad accorgervi delle vincite e a ritirarle senza indugio. ~ bene che ci soffermiamo un po’ più a lungo su quest’ultimo punto.

~ facile ritirare le vincite dal tavolo della roulette, ma supponete che si tratti di un gioco così complicato che talvolta vi sia impossibile accorgervi subito di lma vincita (e se non la ritirate, la perdete).

I procedimenti casuali restano quelli che sono, ma i vostri guadagni aumentano a mano a mano che il vostro occhio impara ad accorgersi delle vincite.

Passando ora dall’analogia della roulette all’osservazione dei fatti scientifici, dobbiamo dire che il primo passo da compiere sta nel riconoscere che determinati eventi fortuiti (verificatisi cioè al di fuori di ogni intenzionalità) sono stati all’origine di scoperte che hanno contribuito al progresso umano.

Hertz notò un giorno che l’apparecchio intorno a cui stava lavorando provocava scintille su un altro che si trovava nello stesso locale, e questa circostanza gli permise di scoprire le onde

elettromagnetiche.

Roentgen una volta si dimenticò di togliere uno speciale schermo fluorescente dal tavolo su cui stava lavorando a una lampada a raggi catodici; questa dimenticanza portò alla scoperta dei raggi X. In fotografia, la proprietà dei sali d’argento di sensibilizzare la carta alla luce fu scoperta da Daguerre e dal suo socio quando si accorsero che un cucchiaio d’argento aveva lasciato la sua immagine sulla superficie metallica iodizzata sulla quale era stato posato.

Questi sono solo alcuni esempi delle molte scoperte nate da accostamenti casuali di oggetti.

E spesso riesce difficile immaginare in quale altro modo esse avrebbero potuto nascere.

Daguerre non sarebbe mai arrivato alla scoperta del pigmento sensibile alla luce se, per farla, avesse dovuto esaminare una per una tutte le innumerevoli sostanze chimiche conosciute.

E sia Roentgen che Hertz non si sarebbero mai orientati verso la scoperta dei raggi X, o delle onde

elettromagnetiche, dal momento che ne ignoravano persino l’esistenza.

Siamo quasi tutti in grado di ricordare, per esperienza diretta, fatti importanti avvenuti fortuitamente.

Non molto tempo fa cercavo un articolo su una rivista scientifica.

Di questa conoscevo il titolo, l’anno, il volume della raccolta e il numero di pagina.

Preso il volume della ráccolta da uno scaffalè della biblioteca, lo aprii alla pagina giusta e trovai un articolo che si rivelò di grande importanza per il lavoro a cui m’interessavo in quel momento.

Non si trattava dell’articolo che io cercavo, era anzi del tutto diverso, ma si rivelò assai più utile.

Ciò era potuto accadere perché la rivista aveva un supplemento uguale per formato e per impaginazione; io presi per sbaglio il supplemento e l’arti 121 colo che poi utilizzai cominciava alla stessa pagina in cui figurava, sulla rivista, l’articolo che cercavo.

Oltre che da un evento fortuito isolato, le idee nuove possono scaturire da tutta una concatenazione di circostanze.

Da giovane, Alexander Fleming non poté seguire gli studi di medicina per mancanza di mezzi.

A

Londra, mentre era occupato in un’altra attività, gli capitò di partecipare a una partita di water-polo contro

la

squadra del St.

Mary’s Hospital.

Poi gli morì un parente che, inaspettatamente, gli lasciò un legato: quanto bastava per permettergli di frequentare una scuola di medicina; e Fleming scelse il St.

Mary’s Hospital, proprio per il breve contatto che aveva avuto in precedenza con la sua squadra di water- polo.

Si dette il caso che al St.

Mary’s Hospital lavorasse il grande batteriologo sir Almroth Wright, che stava studiando le reazioni dell’organismo umano alle infezioni dei batteri e stava elaborando e sperimentando la teoria sullé vaccinazioni.

Presto Fleming se ne interessò e si trovò a lavorare nell’ambiente ideale e con il maestro ideale per questo genere di studi.

Durante la prima guerra mondiale, pOi~ Fleming dovette dedicarsi alla cura dei soldati feriti in combattimento e si rese conto sempre di più della scarsa efficacia dei disinfettanti in uso, nocivi ai tessuti della ferita non meno che ai batteri.

Molti anni dopo, coltivando una goccia di muco nasale, notò che questo sembrava arrestare gradualmente

la proliferazione batterica.

A seguito di questa osservazione, scoprì il lisozima, un antibiotico naturale nocivo ai batteri ma innocuo

all’uomo.

Purtroppo la sua efficacia era molto scarsa.

Fu con questa esperienza all’attivo che Fleming un

r

giorno si accorse che un vetrino di coltura era stato contaminato da una muffa posatasi dall’aria.

Capitano tutti i giorni inconvenienti del genere, ma Fleming, invece di buttar via il vetrino, lo esaminò e si accorse che la proliferazione batterica si era arrestata tutt’intorno alla muffa.

La straordinarietà dell’evento stava nel fatto che, sebbene il peniciuum notatum fosse solo una delle molte centinaia di muffe che potevano posarsi sul vetrino, era tuttavia l’unica ad esercitare quel tipo di azione.

Difatti, tutti i tentativi compiuti sfruttando le enormi possibilità della scienza moderna e indirizzati specificamente alla ricerca di altre muffe, non sono riusciti a trovare nulla di altrettanto efficace di questa muffa, messa a disposizione dal caso.

La concatenazione delle circostanze non si era ancora esaurita.

Fleming aveva studiato il comportamento della penicillina nelle infezioni del corpo umano ma non aveva sufficienti nozioni chimiche per renderla abbastanza stabile da poterla usare come farmaco.

Dovettero passare ancora molti anni prima che, a Oxford, Chaim e altri prendessero l’iniziativa, tutta personale, di studiare l’aspetto chimico del problema.

Da questo momento le cose procedettero rapidamente e le necessità impdlenti della seconda guerra mondiale trasformarono la penicillina in un antibiotico pratico e di portentosa efficacia.

La partita di water-polo che aveva determinato, da parte di Fleming, la scelta del St.

Mary’s Hospital, e lo aveva messo indirettamente in contatto con sir Almroth Wright, l’inaspettata eredità,

l’esperienza acquisita in guerra, la scoperta del lisozima, il vetrino contaminato per caso dalla più potente delle muffe, la decisio 123 ne di stabilizzare chimicamente la penicillina, ecco un~ catena di eventi che non

fu

il risultato di una scelta logica.

~

sempre possibile ricostruire a posteriori le grandi scoperte attraverso una sequenza di fatti che, irrilevanti

in

se stessi, sono diventati importantissimi proprio per la funzione che, nelle grandi scoperte, hanno avuto.

Questi fatti dimostrano che il caso è in grado di offrire occasioni di cui diversamente non si sarebbe mai pensato di servirsi.

Se nell’elaborazione delle idee nuove la parte del caso consiste nell’offrire occasioni determinanti, allora può ben esistere un metodo per facilitare il suo intervento.

Il gioco, inteso in tutta la vastità de~ suo termine, è probabilmente il metodo migliore, purché si tratti di un esercizio disinteressato, senza scopi né direzioni prestabilite.

Come ogni esperimento predisposto in tutti i particolari è un tentativo di promuovere la ricerca logica, così il gioco è un tentativo di favorire il presentarsi fortuito di quei fenomeni che diversamente rimarrebbero nascosti.

Giocare solo per giocare significa compiere un esperimento sul caso.

Ed è tutt’altro che facile giocare con questo spirito: metterci troppa determinazione, lasciarsi prendere completamente dal gioco significherebbe frustrarne l’effic~acia.

Il vero e proprio vanraggio del gioco sta nella sua illimitata disponibilità. È la sua libertà da schemi e da vincoli che permette al caso di accostare cose che altrimenti non sarebbero state disposte in questa maniera; che permette di costruire sequenze di eventi impossibili da realizzare in altro modo.

L’apparente inutilità del gioco scoraggia tuttavia molta ~ente.

I verticalisti si vergognano addirittura di giocare; la vera vergogna sta invece nel non saperci fare, al gioco.

James Clerk Maxwell, uno dei più grandi scienziati e matematici, riteneva che fosse necessario giocare continuamente.

Invitato a pranzo, si dimenticava dei commensali e si trastullava con le posate, coi riflessi di luce di un bicchiere, con una goccia d’acqua.

Aveva capito l’utilità del gioco fin dal giorno in cui, ancor giovanissimo, era stato condotto a una conferenza

di

Hay, un artista che creava le sue opere usando gli aghi e il refe.

E

fu proprio armeggiando con questi aggeggi femminili che Maxwell cominciò la sua carriera di scienziato e

riuscì a tracciare le ellissi che gli permisero di stabilire le leggi di riflessione della luce.

La sua relazione in proposito, alla Edimburgh Royal Society, fu letta da un altro perché era vietato l’ingresso

ai locali della Società alle persone in pantaloni corti.

Come mai i bambini a un certo punto smettono di giocare? Forse perché ai loro occhi il mondo, da luogo inesplorato in cui possono accadere cose meravigliose, diventa un ambiente familiare nel quale ogni cosa riceve pian piano una sua spiegazione precisa, e il fastidio per questa raggiunta familiarità con le cose fa loro perdere il gusto di giocare? Chi ritiene questa spiegazione troppo semplicistica pensa invece che il mondo non possa mai diventare tanto banale per un bambino da allontanarlo dai suoi giochi.

Secondo quest’ultima opinione la causa è da ricercarsi nella logica degli adulti che influenza i ragazzi fino a indurli a considerare il gioco come un’attività inutile e non adatta a chi crescendo deve imparare a comportarsi secondo i criteri utilitaristici dell’adulto.

Giocando, le idee si presentano da sé e ne alimentano altre.

Esse non si susseguono in ordine logico, e se la mente non tenta di impadronirsene ma è curiosa abbastanza da seguirle, allora ne avrà sempre in quantità sufficiente - e spesso anche troppe.

Esse possono anche non rivelarsi immediatamente utili: d’abitudine questa loro qualità emerge in un secondo tempo, ma anche se nessuna in particolare risultasse alla fine sfruttabile, la conoscenza profonda

e generale di una situazione creata dal loro gioco fortuito può risultare un terreno straordinariamente adatto alla germinazione di idee nuove di tipo diverso.

Un altro sistema per incoraggiare gli incontri casuali ma fecondi tra le idee è il vecchio sistema del brainstorming.

Un gruppo di persone, riunite per discutere un problema, cercano di sbarazzarsi delle loro solite inibizioni logiche e di dire tutto quello che passa loro per la mente: nessun concetto è così assurdo o irrilevante da dover essere taciuto.

Un notevole allenamento è necessario perché una persona riesca a esprimere pensieri non del tutto logici e

si trattenga dal contrastare tali concetti quando vengono esposti da altri.

Si spera in tal modo che lo stimolo reciproco possa far nascere molte idee e che la loro interazione casuale ne produca altre, e nuove, alle quali i partecipanti non sarebbero mai potuti giungere in altro modo.

Un’altra tecnica utile consiste nell’esporsi di proposito a una grande quantità di stimoli aggirandosi in luoghi pieni di oggetti a cui non si sarebbe diversamente prestata affenzione.

Un grande magazzino, un’esposizione, e persino una biblioteca possono costituire l’ambiente adatto allo scopo, e sarà tanto più adatto quanto

più gli oggetti esposti sembreranno eterogenei.

Non bisogna cercare deliberatamente qualche oggetto, ma esI sere pronti a osservare tutto ciò che attira l’attenzione.

r Spesso sono le cose più trascurabili a far nascere nella r mente idee originali.

E non bisogna neppure analizzare o attribuire una valutazione qualsiasi a tutto quel che si osserva.

Si faccia come il ferravecchi, che raccoglie tuttó ciò che, per una qualsivoglia ragione, attira la sua attenzione.

Nei recessi della mente si nasconde sempre un problema in attesa di un’idea.

Mentre si gironzola qua e là, ci si può imprimere nella mente un demento di novità che si suppone possa servire, anche se non si sa bene a che cosa.

Dopo averlo acquisito, si lascia che si associ a tutti gli altri elementi del problema che si hanno in mente.

Esso esercita un’influenza passiva, forse un’influenza organizzatrice.

Un giorno si scoprirà che l’elemento di novita acquisito casualmente ha contribuito in misura notevole alla nascita di una nuova idea.

Un altro metodo per facilitare l’interazione fortuita delle idee consiste nell’intrecciare, di proposito, le fila di molti concetti eterogenei che la mente sviluppa separatamente e in tempi diversi.

Invece di far correre questi concetti su binari diversi, come di solito avviene, invece di concentrare l’esame su di un solo tema, con deliberata esclusione degli altri che disturberebbero, si permetta a tutti di convergere, e si accettino le deviazioni da un binario all’altro ogni volta che si verifichino.

Concetti nati nell’elaborazione di un problema possono servire a svilupparne un altro; impostazioni del tutto convenzionali per un certo tema, diventano originali se usate arbitrariamente per un tema diverso.

Gli scienziati parlano volentieri di serendipity 1 , quando vogliono ottenere fondi per esperimenti dai quali normalmente non si possono attendere risultati utili immediati.

Sperano cioè di giungere, durante l’esperimento, a un risultato molto diverso da quello dichiarato, ma che sia di grande valore.

In generale i laboratori di ricerca sono concepiti come serre per la coltivazione intensiva dei dati scientifici.

Un esperimento è il tentativo di spremere direttamente dalla natura informazioni che non sarebbero ottenibili altrimenti, o che impiegherebbero troppo tempo per rivelarsi da sole.

Nel tentativo di dimostrare la validità o la inadeguatezza di una teoria, lo sperimentatore predispone accuratamente le varie fasi della ricerca, usando tutte le cognizioni, l’ingegno e l’abilità tecnica che possiede, ma gli esperimenti non portano sempre ai risultati voluti.

Molti scienziati, partiti per eseguire un dato esperimento, hanno finito per compierne uno diverso.

Anche quando l’esperimento fallisce completamente, dal suo fallimento si possono trarre talora insegnamenti più utili di quelli che il successo dell’esperimento avrebbe potuto offrire.

Anche nel corso di una ricerca che procede benissimo, un’osservazione accidentale può a un certo punto condurre a una scoperta importante per cui l’esperimento originario viene abbandonato.

La differenza tra l’articolarsi di una nuova idea, dovuto all’interazione di eventi casuali, e l’elaborazione. accurata di una teoria ottenuta attraverso il procedimento logico può essere illustrata servendosi dell’analogia delle graffette.

1 Sostantivo coniato da Horace Walpole a proposito del romanzo The Three Princes of Serendip. I protagonisti del romanzo erano tre principi di Ceylon che avevano il dono di fare scoperte in circostanze del tutto casuali. [N.d.T.]

Si può costruire una catena di graffette allacciandole insieme con cura una per una.

Ma si può anche costruirla in modo del tutto diverso, aprendo cioè un poco le graffette e poi agitandole tutte assieme in una bacinella.

Se si agitano con vigore e abbastanza a lungo, alla fine ne uscirà una struttura simile a una catena, che è il frutto dell’interazione casuale e dell’intrecciarsi delle graffette.

Con questo secondo metodo, le graffette si combinano da sole in una struttura sempre inaspettata e, di solito, originale.

Una volta che la struttura a catena è formata, essa può naturalmente essere sfrondata e modificata.

Se si vuole che una catena di graffette sia molto solida allora è meglio costruirla con le proprie mani; in tal caso però sarà necessario seguire deliberatamente uno schema e, alla fine, la catena risulterà una perfetta riproduzione dello schema stesso.

Esiste una corrispondenza tra questo procedimento “a schema” e le elaborazioni concettuali impostate sul criterio della massima probabilità.

Dal canto suo, la catena ottenuta per scuotimento rispecchia il criterio di minima probabilità, che sfrutta l’evento fortuito.

L’efficacia dello scuotimento è molto ridotta se le graffette nella bacinella sono poche e se, invece di essere aperte, sono già unite in gruppi ermeticamente chiusi.

Analogamente, le interazioni fortuite difficilmente riusciranno a creare idee nuove se i dati a disposizione sono soltanto quelli strettamente indispensabili e se essi sono già uniti in piccoli gruppi.

Se si vuole che i procedimenti fortuiti siano efficaci, i dati informativi imprigionati nelle vecchie e rigide strutture devono essere liberati perché possano interagire con altri.

Se invece si raccolgono soltanto dati in logico rapporto tra loro, i procedimenti casuali non saranno più in grado di produrre idee nuove.

La ricerca esclusiva di dati in rapporto logico è un tentativo di va1utare la loro piena adeguatezza primà ancora di averla presa in esame.

Un rapporto di questo tipo viene necessariamente scelto in base a uno schema già accettato, e la raccolta di dati fatta su questa base può soltanto confermare lo schema.

Il tentativo di sviluppare un’idea nuova servendosi unicamente di dati informativi riferentisi alla vecchia non porta a nulla.

Per definizione, il concetto di “riferimento” presuppone un rapporto con un’idea precedente.

L’ideale, per l’intelletto umano, sarebbe di poter raccogliere, senza metodo, dati informativi da qualsiasi fonte.

Questi dati non andrebbero selezionati o catalogati per settori, ma lasciati liberi di interagire liberamente.

L’attenzione dovrebbe volteggiare rapidamente al di sopra di essi, mantenerli nel suo raggio di osservazione ma non organizzarli, soffermarsi su ogni idea emergente quanto basta per seguirne il delinearsi, ma non così a lungo da immetterla in uno schema.

L’ideale, per l’intelletto umano, sarebbe di diventare una casa ospitale dove ogni apporto informativo è bene accolto e possano entrare non soltanto gli ospiti invitati o interessanti, ma anche il forestiero di passaggio e l’intruso.

In pratica, però, un’ospitalità così liberale è impossibile.

Il numero delle informazioni disponibili cresce con un ritmo frenetico e la letteratura che le riguarda raddoppia ogni dieci anni.

In qualsiasi ramo scientifico, la massa delle informazioni strettamente e logicamente pertinenti è così cresciuta che non è più possibile abbracciarla tutta neppure servendosi degli elaboratissimi metodi di ricerca dei computer.

L’unica scappatoia sembra essere quella di restringere sempre più il campo d’indagine attraverso una crescente specializzazione.

In queste condizioni diventa necessario fare una selezione delle nozioni disponibili scegliendo prima la nozione più strettamente pertinente, poi quella meno e così via.

I risultati finiranno per essere uguali a quelli ottenuti dal pensiero laterale che adotta il solo criterio della massima probabilità.

Scarsa speranza dunque di far emergere un’idea nuova da dati mutuati da altre fonti.

C’è veramente da restare perplessi.

Se, dopo aver terminata la lettura dell’articolo di una rivista scientifica, si comincia a leggere quello che segue, si avrà sempre l’impressione che l’argomento di questo secondo articolo sia in stretto rapporto con quello del primo.

Si può sempre trovare, in una qualsiasi rivista medica scelta a caso, uno o due scritti che abbiano una palese attinenza con un determinato problema.

Quando ero ad Harvard volli prendere l’abitudine di scegliere a caso un periodico fra quelli in mostra sugli scaffali all’ingresso della biblioteca.

E non si dette mai il caso che un periodico da me scelto in questo modo non contenesse almeno un articolo

utile per il mio genere di studi.

Se una scelta tanto casuale dava simili risultati, c’era da spaventarsi al pensiero di quel che una ricerca completa avrebbe rivelato.

Sfortunatamente le cose peggiorano quando si voglia approfondire meglio un problema.

Più le idee diventano essenziali, e più i rapporti con altri campi si fanno evidenti; i punti di contatto, anzické rarefarsi, infittiscono sempre di più.

Pasteur svolgeva indagini in campi diversi.

Si interessava alla generazione spontanea della vita, alla fermentazione dei vini, alle malattie del baco da seta, al colera dei polli, all’antrace e alla rabbia (contro la quale trovò efficaci cure preventive) e a molti altri problemi.

E in ogni occasione sembrò che casi fortuiti lo avessero favorito.

Uno dei suoi assistenti dedicò scarsa attenzione a una coltura di germi del colera dei polli e questa perse il suo potere infettivo.

Ma Pasteur notò che questi germi indeboliti proteggevano i soggetti infettati con colture di germi virulenti.

Fu così che nacque la grande idea dell’immunizzazione attraverso inoculazione di germi di virulenza ridotta.

In uno dei suoi primi esperimenti sull’acido tartarico, Pasteur rilevò che una soluzione fermentata per caso conteneva solo un tipo di acido tartarico, l’altro era stato consumato dagli organismi fermentatori.

Ciò permise di stabilire un metodo per la separazione dei due tipi, di migliorare la conoscenza dell’azione dell’acido tartarico, e di aumentare l’interesse per la fermentazione, attraverso la quale Pasteur migliorò i metodi di produzione del vino e della birra.

Studiando il comportamento dei lombrichi in una fattoria colpita da antrace, Pasteur capì come un’infezione, prodottasi su carogne sepolte di animali, potesse raggiungere quelli sani che pascolavano alla superficie.

Lo stesso Pasteur riconosceva in pieno gli apporti del caso, e precisò che quello che veramente contava era

di essere pronti a trarne profitto.

L’intelletto che sfrutta al massimo le occasioni offerte dal caso può essere paragonato a un meccanico che sia tanto abile da riparare quasi tutti i guasti che possono capitare a un’auto.

Davanti alle macchine rimesse puntualmente in ordine, sarebbe ingiusto provare invidia per la buona fortuna del meccanico.

Acquisita l’abitudine di esaminare le varie situazioni da angolazioni originali, anche la capacità di trovare un contesto per un qualsivoglia dato informativo si accresce in misura notevole.

Con una migliore padronanza del procedimento laterale, le offerte di informazioni del caso, le associazioni di idee, diventano sempre più producenti.

Il contributo del caso non sarà mutato; migliorata sarà invece l’abilità di trarne profitto.

Una tecnica che talvolta facilita l’acquisizione di idee nuove, o che permette di affrontare i problemi da nuovi punti di vista, consiste nell’isolare un dato di fatto dal suo contesto e poi cercar di scoprire in che modo possa essere adattato a un problema di cui ci si sta occupando.

Si parte dalla supposizione che sè tanto il dato prescelto quanto il problema possono simultaneamente essere presenti alla coscienza, si svilupperà gradualmente un certo contesto capace di inglobarli entrambi.

E la scelta potrà dimostrarsi utile se il dato offrirà un nuovo modo di affrontare un problema; se suggerirà

nuovi rapporti o principi; se costituirà un trait d’union con una materia diversa e più pertinente; se indicherà una linea di pensiero da evitare.

Il dato in sé non è significante; significanti sono invece i motivi per cui la mente ne viene interessata, significante è la capacità del dato di suscitare uno schema di pensiero o di adattarvisi.

Questo schema può preesistere o può prontamente formarsi attorno al dato per dargli un contesto e, di conseguenza, un significato.

L’assoluta impossibilità di abbracciare tutti i dati associabili rende paradossalmente più indispensabile che mai di affidarsi agli apporti del caso per trovare nuove aperture.

L’abilita di concentrarsi su un problema escludendo tutti gli altri è considerata motivo di merito.

Isolati dal potere di concentrazione, si aspetta che un problema si risolva da sé.

Si evita il più possibile l’aiuto del caso.

Questo modo di procedere impedisce praticamente la formazione di idee nuove perché si esclude deliberatamente ogni influenza dall’esterno che potrebbe condurre a un nuovo modo di trattare il problema.

Concentrarsi su un problema serve solo a rendere più rigido il modo in cui lo si sta considerando.

Un noto rimedio alla sterilità della concentrazione consiste nel distrarsi ogni tanto per dedicarsi ad altri argomenti che non hanno nulla a che vedere col problema predominante.

Sarebbe molto più util; però lasciar entrare apporti esterni a modificare la rigida impostazione del problema proprio mentre questo è in elaborazione.

Nel primo caso uno si allontana semplicemente dal problema, nel secondo, invece, può venir convinto ad abbandonare l’impostazione iniziale e a seguirne una diversa.

L’atteggiamento di chi intende avvalersi del caso è passivo ma vigile.

Non è facile togliere deliberatamente a un procedimento la sua intenzionalità.

Non facile riuscire a impedirsi di essere consapevoli di una propria ricerca.

Attendere che qualcosa cambi per l’intervento del caso può, a tutta prima, sembrare una impresa dall’esito incerto.

Gli eventi casuali, per definizione, possono anche non verificarsi, perciò la tentazione di elaborare un qualche procedimento razionale è forte. ~ necessario vincere questa tentazione e aver fiducia che, se l’attesa sarà sufficientemente passiva, qualcosa succederà sempre, e, di solito, non una cosa sola, ma troppe.

Dapprincipio, il rifiuto a dare al proprio pensiero una impostazione definita, provocherà una grande inquietudine, e si cercherà di distrarsi, ma appena si sarà divenuti più abili nell’uso del pensiero laterale, le idee cominceranno a rivelarsi.

La fiducia crescerà e con essa diventerà più facile pensare senza dirigere consapevo}mente il pensiero: più facile pensare e migliori i risultati.

CAPITOLO OTTAVO

Lo scrittore che si occupa di pensiero laterale resta insoddisfatto della sua opera quanto e forse più degli stessi lettori.

Egli sa che non le disquisizioni teoriche ma soltanto i risultati pratici possono convincere dell’utilità del pensiero laterale.

I termini astratti usati per spiegarne i procedimenti lo fanno sembrare nebuloso e gli tolgono quella vivacità e quel potere di persuasione che gli stessi procedimenti esercitano invece nella loro fase di attuazione.

Le spiegazioni, in genere, o sono poco chiare (e quindi allarmanti) oppure sono ovvie fino alla tautologia (e purtroppo un principio, ovvio sulla carta, non lo è più altrettanto quando si cerca di attuarlo).

Se le applicazioni pratiche del procedimento laterale riescono più convincenti di qualsiasi trattazione teorica, il miglior modo di illustrare tale procedimento è di vederne i risultati concreti.

A questo fine si potrebbero ricostruire nei loro vari stadi i processi mentali da cui sono scaturite le grandi

scoperte e invenzioni della storia umana.

Ma queste analisi darebbero scarso affidamento perché dovrebbero necessariamente essere di seconda mano e affidarsi al resoconto tramandato dagli stessi scopritori.

Sono, di solito, informazioni fornite a scoperta avvenuta, e talvolta moltissimo tempo dopo.

E possono anche non essere dello scopritore ma di qualche suo devoto allievo.

A successo conseguito torna molto comodo ricostruire le varie fasi della scoperta, o dell’invenzione, in modo

da conferir loro il crisma della logicità.

Si propende a mettere in rilievo certi particolari e a sottacerne altri, affinché l’intero iter scelto appaia il più diretto al raggiungimento del risultato.

E anche quando la falsificazione è stata involontaria, il racconto rimane ugualmente tendenzioso.

Non tutti gli scienziati sono onesti come Pasteur: molti fingono spesso d’ignorare i contributi del caso e preferiscono esagerare il rigore logico delle decisioni prese.

Il pensiero verticale è considerato l’unica via rispettabile per giungere a risultati nuovi, e non è d;.~icile dare

a posteriori un’articolazione logica a ciò che si era evoluto in tutt’altro modo.

Esiste però un’alternativa che ci esime dal ricorrere a queste ricostruzioni manipolate.

Essa ci permette di osservare il pensiero laterale all’opera offrendoci esempi di prima mano.

Non sono esempi particolarmente importanti, e li abbiamo scelti fra molti altri solo perché ciascuno di essi permetteva di illustrare un aspetto particolare del pensiero laterale.

Ci limiteremo quindi a vederli sotto questo aspetto, trascurando il resto.

Questa scelta, operata fra i vari casi in esame durante i tre anni di sviluppo del pensiero laterale, non ha certo la pretesa di dare un’idea esauriente delle possibilità del procedimento.

Gli esempi sono troppo poco rilevanti per poter servire a questo.

Si tratta di semplici occasioni che permettono di riesaminare, alla luce della ragione, i procedimenti formativi

delle idee nuove.

Come testimone di questi procedimenti, io non posso pretendere che mi si faccia credito più di quanto possano pretenderlo gli spettatori entusiasti di una rappresentazione teatrale.

Gli esempi prescelti hanno soprattutto il pregio della semplicità e della praticità, i due scopi principali del pensiero laterale.

Sarebbe bello per noi illuderci di aver scelto la semplicità soltanto per compiere un tentativo di rovesciare la tendenza in corso verso una sempre maggiore complessità, ma in realtà anche la nostra pigrizia e la nostra mancanza di abilità tecnica hanno influito su questa scelta.

Gli esempi che illustriamo sono o delle trovate per semplificare una certa prassi, oppure delle piccole invenzioni meccaniche.

Le une e le altre contribuiscono in misura assai modesta all’arricchimento della mente umana, ma hanno una loro completezza, cioè un punto di partenza, uno stadio intermedio e portano a un risultato.

Il test che illustriamo per primo era assai noto e semplice, ma richiedeva un’attrezzatura di tale mole che la

si poteva spostare solo con un grosso carrello.

Sembrò dunque necessario inventare un apparecchio più agile, e che si potesse magari mettere in tasca.

L’ingombrante attrezzatura era composta di un misuratore elettronico di pressione munito di un amplificatore, e di un magnetofono che registrava il corrispettivo acustico delle variazioni di pressione arteriosa del paziente durante una determinata prova di respirazione.

Dall’esame di queste variazioni di pressione arteriosa era possibile risalire all’origine del disturbo cardiaco.

Se si voleva costruire un nuovo apparecchio ci si doveva anzitutto convincere che la registrazione era un’operazione superflua.

L’unica cosa che veramente contava era il rilevamento delle variazioni di pressione e questo lo si poteva fare direttamente durante la prova della respirazione. C’era una seconda operazione da scartare: la

trasformazione delle variazioni di pressione in corrente elettrica che, attraverso l’amplificatore, dava risultati

di una precisione del tutto superflua per lo scopo che si voleva raggiungere.

Il modo più diretto di rilevare le variazioni di pressione starebbe, notoriamente, nell’osservare le varie altezze che un liquido raggiunge in un tubo sotto la spinta della pressione sanguigna.

Ma questo tubo avrebbe dovuto essere così lungo e ingombrante da rendere l’intero procedimento praticamente impossibile.

Inoltre, i risultati sarebbero stati scadenti: l’inerzia della grande quantità di liquido necessario difficilmente avrebbe permesso di riprodurre le variazioni di pressione battito per battito.

A questo punto, l’ulteriore elaborazione dell’apparecchio era ormai legata alla felice combinazione di due

idee. La prima fu offerta dal termometro clinico.

L’apparecchio che si studiava doveva essere semplice come un termometro.

La seconda si riallacciava al ricordo di uno strumento in uso una decina d’anni prima, che serviva per la misurazione della pressione arteriosa e consisteva in una colonna di mercurio molto più corta del normale e chiusa in alto affinché il metallo, salendo, si comprimesse l’aria che stava al di sopra.

Il tubo sottile, capillare del termometro, e il fatto che si potesse usare una colonna cortissima se si chiudeva il tubo in alto concorsero a far concepire l’idea di uno strumento di vetro grande come un termometro e in grado di funzionare, per le prestazioni che gli si contava era il rilevamento delle variazioni di pressione e questo lo si poteva fare direttamente durante la prova della respirazione.

C’era una seconda operazione da scartare: la trasformazione delle variazioni di pressione in corrente elettrica che, attraverso l’amplificatore, dava risultati di una precisione del tutto superflua per lo scopo che si voleva raggiungere.

Il modo più diretto di rilevare le variazioni di pressione starebbe, notoriamente, nell’osservare le varie altezze che un liquido raggiunge in un tubo sotto la spinta della pressione sanguigna.

Ma questo tubo avrebbe dovuto essere così lungo e ingombrante da rendere l’intero procedimento praticamente impossibile.

Inoltre, i risultati sarebbero stati scadenti: l’inerzia della grande quantità di liquido necessario difficilmente avrebbe permesso di riprodurre le variazioni di pressione battito per battito.

A questo punto, l’ulteriore elaborazione dell’apparecchio era ormai legata alla felice combinazione di due

idee.

La prima fu offerta dal termometro clinico.

L’apparecchio che si studiava doveva essere semplice come un termometro.

La seconda si riallacciava al ricordo di uno strumento in uso una decina d’anni prima, che serviva per la misurazione della pressione arteriosa e consisteva in una colonna di mercurio molto più corta del normale e chiusa in alto affinché il metallo, salendo, comprimesse l’aria che stava al di sopra.

Il tubo sottile, capillare del termometro, e il fatto che si potesse usare una colonna cortissima se si chiudeva il tubo in alto concorsero a far concepire l’idea di uno strumento di vetro grande come un termometro e in grado di funzionare, per le prestazioni che gli si chiedevano, con sufficiente precisione.

Non si poteva ancora, però, generalizzarne l’uso, ed era di difficile costruzione: la soffiatura del vetro richiedeva delicate operazioni.

La realizzazione dell’idea fece un altro passo avanti quando a qualcuno, nonostante tutto, venne l’idea di ordinare uno di questi strumenti.

Lì sulla scrivania si trovava per caso un rotolo di sottile tubo di nailon ci fu chi, vedendolo, pensò all’improvviso che un pezzetto di quel tubo poteva benissimo sostituire il tubetto di vetro.

Conclusione: un aggeggio, delle dimensioni di una stringa e che costava poco più di cento lire, sostituì (anche se solo per questo particolare tipo li esame) un’ingombrante apparecchiatura che costava più di un milione e mezzo.

Questo esempio mostra come si possano ottenere risultati utili evitando nozioni preconcette, insistendo in tentativi che a tuta prima possono apparire inconcludenti, servendosi della memoria e – sfruttando gli stimoli costituiti da casuali incontri con oggetti inconsueti.

Il convertitore di valuta è il risultato pratico dell’effetto esercitato da uno di questi stimoli.

Doveva essere m semplice congegno di plastica e servire a chi faceva acquisti all’estero per calcolare nella propria valuta prezzi esposti.

Furono prese in considerazione molte soluzioni ma tutte si rivelarono troppo elaborate e complicate.

La forma definitiva venne suggerita dalla X che compare in basso sui conti dei vagoni ristorante delle ferrovie inglesi.

Questo simbolo, considerato non come una X bensì come due V unite al vertice suggerì m nomogramma che, con l’aggiunta di qualche linea tracciata col compasso, costituì la base del progetto definitivo.

Il

nomogramma è un grafico che permette di eseguire con la massima celerità le conversioni proporzionali, e

vi

si poteva arrivare anche col procedimento verticale, ma in realtà non vi si era arrivati.

Analogamente, la ricerca del modo più semplice per rendere visibile, rallentandolo, il comportamento di un flusso elettrico lungo un filo, finì con una collezione di quelle palline di vetro a vividi colori che pendono dall’albero di Natale.

Si era nel periodo natalizio e questi gingilli, presenti dappertutto, ispirarono l’idea di usarli come campo oscillante continuo con passaggio di energia rallentata da uno all’altro, su una base di risonanza.

Il procedimento per cui uno stimolo casuale può originare un’utile concatenazione di idee venne deliberatamente impiegato per ideare un apparecchio semplice per l’esame della respirazione polmonare.

A questo scopo esistevano già molti ottimi apparecchi, ma se ne cercava uno più semplice e meno caro.

Si pensò che gli oggetti esposti allo Woolworth fossero i più adatti a ispirare soluzioni nuove.

Si partì senza intenzioni preferenziali e con l’unico proposito di gironzolare qua e là per il grande magazzino finché qualcosa si fosse presentato da sé.

I primi ad attirare l’attenzione furono dei flauti di plastica che suggerirono subito l’idea di un apparecchio che emettesse dei suoni quando il paziente vi soffiava dentro, e seguendo questa impostazione si arrivò a pensare all’ancia di una concertina di plastica per ragazzi, che dava una debole vibrazione.

Il flauto di plastica fornì l’idea di un tubo con fori laterali

quanti fori risultavano scoperti al momento in cui il fischio smetteva.

Quest’idea fu poi scartata ma permise di scoprire un’alternativa al principio dominante delle manichette e dei quadranti indicatori, in base al quale funzionavano gli apparecchi in uso.

Secondo il nuovo principio, il funzionamento dei polmoni poteva venir controllato attraverso dei suoni ottenuti secondo una scala di difficoltà.

Questo metodo offriva il vantaggio della semplicità e permetteva la costruzione di apparecchi senza parti mobili e quindi non soggetti a guasti.

Si provvide semplicemente a scambiare di posto il fischietto e i fori; il fischietto fu applicato lungo il tubo e all’estremità si praticò un foro variabile.

Per uno strumento così concepito occorreva un’ancia sottile da concertina, ma s’incontrarono difficoltà per il foro variabile, che non poteva essere contemporaneamente sottile e robusto.

1~ lln ficrhi~ottn z~ Pctr~mit~ .Ci nnt~ r~ nl~r~

Per ovviare a ciò si pensò di fare a meno del foro variabile e di sostituirlo con più fori fissi di diverse dimensioni.

Questa soluzione sembrò del tutto soddisfacente.

Un giorno, mentre lo si suonava, si coprì per caso l’ancia con un dito, e inaspettatamente ci si accorse che

lo strumento continuava ad emettere un suono quando ci si soffiava dentro.

Diventò presto evidente che scegliendo bene la forma dell’apertura terminale, questa funzionava come un fischietto naturale.

La scelta di aperture terminali di diverse grandezze portò allo costruzione di una serie di strumenti assai semplici, costituiti da normali tubi di plastica chiusi a un’estremità da dischi recanti ciascuno un foro di diverso diametro.

Per ottenere un fischio era necessario soffiarci dentro con una certa forza e la velocità dell’aria poteva essere calcolata in base al diametro dei tubi che si riusciva a far fischiare.

Sembrò che il problema fosse così risolto nel più semplice dei modi.

Rimaneva tuttavia una difficoltà: se si soffiava con troppa violenza in un tubo che avrebbe dovuto emettere un fischio, talvolta questo non usciva.

E qui l’idea procedette per un’altra strada, lasciandosi indietro tutte le acquisizioni precedenti.

Una mattina, mentre si stava preparando la colazione, il sibilo di una pentola a pressione ispirò all’improvviso una soluzione nuova.

Il fischietto della pentola, tolto dall’utensile, venne fissato con un nastro adesivo a un tubo di cartone che una volta conteneva i fogli di un calendario di seta, e si ottenne così un prototipo.

Lungo il tubo vennero praticate delle fessure con una lametta da barba e si constatò che più si chiudevano queste fessure coi polpastrelli delle dita e più facile diventava far suonare il fischietto.

Bastarono poche modifiche per arrivare a dare al congegno la sua forma definitiva.

Si

fece cioè scorrere un tubetto di plastica con fischietto incorporato lungo il bocchino di cartone che portava

le

fessure.

Era un modello che somigliava moltissimo a quello di partenza.

Il modo in cui si è giunti all’invenzione del gioco della L illustra convenientemente l’utilità della libera ricerca quando si ha un’idea chiara dello scopo che si vuol ottenere.

Un giorno, alla mensa del Trinity College di Cambridge, si parlava della difficoltà, per un computer, di giocare una buona partita a scacchi a causa del numero considerevole dei pezzi in gioco e dell’enorme quantità di combinazioni che ne risultava.

E ci si divertì a escogitare un gioco da tavolo che fosse molto semplice ma allo stesso tempo abbastanza

intelligente da attirare il giocatore.

Il mattino dopo qualcuno trovò nella tasca della propria giacca un pezzetto di plastica di forma quadrata e si cominciò a discutere se fosse possibile utilizzarlo per qualche gioco.

Nacquero così parecchie proposte, ma poiché non era facile dire quale fosse la migliore, si ritenne indispensabile esaminarle una per una in pratica, e cioè provandone i giochi corrispondenti nel pub, in modo da scartare quei giochi che non riuscissero interessanti.

E fu per pura combinazione che questo procedimento condusse all’invenzione del gioco della L.

Come gioco di abilità, esso fu considerato il più semplice possibile.

Ogni giocatore dispone di un solo pezzo (a forma di L) e lo muove su un tavolino a riquadri in modo da ostacolare il pezzo dell’avversario.

Sono presenti nel gioco anche due pezzi neutrali. ~ un gioco che richiede nel giocatore un alto grado di ahilità perché contiene più di diciottomila mosse possibili, ma nello stesso tempo è più facile da imparare del gioco di testa e croce.

Questa ricerca era stato un libero e piacevole esercizio, perché non si era tenuti a scoprire nessun gioco in particolare; l’unico criterio da seguire era la semplicità.

Se si è restii ad accogliere e ad elaborare gli stimoli più disparati, a ricerche apparentemente senza scopo è perché, spesso, non se ne vede un utile immediato e non si pensa che la loro utilità potrebbe manifestarsi in un secondo tempo.

Un particolare tipo di controllo della circolazione renale sembrava richiedere una attrezzatura elaborata e una speciale tecnica di perfusione.

Ma alla fine ci si accorse che si poteva eseguire l’esame servendosi di un’attrezzatura il cui elemento più importante era costituito dal dito dell’uomo.

Bisognava aumentare fino a un certo valore la pressione sanguigna all’interno del rene diminuendo ad intermittenza il deflusso del sangue invece che aumentandone l’immissione come si usava fare di solito.

Questa idea era venuta in mente ricordando un esperimento di tutt’altro tipo avvenuto due anni prima e durante il quale si era fatta parecchia confusione portando avanti e indietro in continuazione acqua e tubi.

Ma ciò che merita particolare rilievo è il fatto che, in precedenza, un esperimento quasi analogo (a costante diminuzione di deflusso) non aveva dato risultati utili.

Se coloro che realizzarono l’esperimento di cui parliamo avessero conosciuto questo precedente, probabilmente non si sarebbero neppure messi all’opera.

Invece lo ignoravano; lo compirono, e l’esperimento ebbe successo.

In molti degli esempi precedenti, si è visto come fatti ed oggetti osservati casualmente abbiano dato l’avvio a

tutta una concatenazione di concetti che ha portato a risultati utili.

Invece di star lì ad aspettare che questi stimoli casuali si presentino, o di andarli deliberatamente a cercare esaminandoli poi in un modo non sistematico, ci si può limitare a prenderne in considerazione alcuni in particolare per il tempo necessario a scoprire in essi aspetti di una qualche attinenza con il problema di cui

ci si sta occupando.

Il dato dev’essere scelto a casaccio: non ha serlso prenderli fra quelli già correlati al problema.

Quando si trattò di studiare dei sistemi antifurto che impedissero ai ladri di aprire la portiera delle automobili con chiavi false, l’attenzione cadde su un normale spillo.

Bastarono pochi minuti per rendersi conto che esso poteva utilmente concorrere alla soluzione del problema.

Infatti, inserendo lo spillo nel buco della serratura nessuna chiave avrebbe più potuto entrarvi.

Lo spillo poteva poi venir estratto con una calamita, quando si voleva usare la macchina.

Un procedimento analogo, impostato su una ricerca ben delimitata, fu adottato per l’ideazione di uno strumento capace di arrampicarsi su una parete e di attraversare il soffitto.

Era stata una rivista a proporne la costruzione lanciando un concorso tra i suoi lettori appassionati di invenzioni.

Una prima versione di questo aggeggio (chiamato Suzie, sorella di Freddie, che incontreremo in seguito) funzionava già soddisfacentemente quando un mattino, nella stanza da bagno, si volle vedere se il rotolo della carta igienica poteva servire come elemento di fissaggio.

Il rotolo suggerì l’idea di una spirale che, con gli opportuni accorgimenti, divenne particolarmente adatta a

fissare i nastri adesivi al congegno cosicché questo, nell’arrampicarsi sulla parete, non solo non cadeva ma

vi si incollava sempre meglio.

Il procedimento si fa più complicato quando si tratta di inventare nuovi attrezzi meccanici necessari per i lavori sperimentali.

Una volta occorreva un attrezzo di presa meccanica abbastanza flessibile da poter venir facilmente installato, ma anche capace di irrigidirsi subito a sufficienza per poter esercitare la sua funzione di presa.

Gli strumenti meccanici che vengono posti in luogo e poi fissati con viti sono fastidiosi da istallare e la loro tenuta lascia quasi sempre a desiderare.

Tuttavia, dopo aver studiato senza successo soluzioni basate su altri principi, come quello del magnetismo,

fu giocoforza tornare alla resistenza a vite.

Nel corso di uno di quei tentativi capitò sottomano una striscia di carta cromatografica (simile alla carta assorbente) e se ne sperimentò l’impiego.

Era evidente che essa fosse abbastanza flessibile da modellarsi con facilità attorno a un oggetto, tuttavia non aveva la rigidità necessaria per tenerlo in presa.

Si poteva però pressare un certo numero di fogli in strati per vedere se in questo modo fosse stato possibile

stabilire tra i vari strati una resistenza sufficiente a non cedere alle sollecitazioni.

La difficoltà dell’operazione consisteva nel tenere all’inizio i vari strati abbastanza soffici perché fossero flessibili e poi riuscire a pressarli rapidamente insieme per farli diventare rigidi.

Sembrò impossibile trovare una soluzione fino al momento in cui, rovesciando deliberatamente i termini del problema, venne presa in considerazione l’idea di pressarli per aspirazione.

All’improvviso questa soluzione apparve ovvia.

Bastò collocare dei fogli di carta in un sottile tubo di gomma chiuso a un capo e in contatto, all’altro capo, con un aspiratore.

Appena l’aerocompressione funzionò, i fogli di carta si compressero fortemente insieme e, da flessibili che erano (su un piano) divennero completamente rigidi.

Durante una gita in campagna ci si sfidò a chi inventava per primo un gioco di società ispirandosi alla rete metallica a esagoni di un pollaio.

Ci si scervellò parecchio con figure esagonali da cui non si ricavò nulla di utile.

Parecchi mesi dopo, grazie al fatto che una rivista mi aveva chiesto con urgenza alcuni giochi nuovi, e alla circostanza che proprio in quei giorni mi era capitato di vedere un collettore di rifiuti pollini, I’idea dell’esagono riaffiorò ma, questa volta, in un modo che si rivelò subito sfruttabile.

Contemporaneamente lo stesso collettore m’ispirò l’idea di un gioco completamente diverso, anch’esso pubblicato dalla rivista.

Le pareti a grata del collettore mi suggerirono l’idea di sentieri che si ramificavano e si ricongiungevano.

Questa idea mi permise di inventare un gioco in cui ciascun partecipante cercava di sopravanzare gli altri indovinandone le mosse e cercando al tempo stesso di camuffare, con mosse adatte, le proprie intenzioni.

La vittoria andava a chi era stato più abile nel prevedere il gioco degli avversari.

Talora è sorprendente constatare come due problemi del tutto diversi possano essere risolti quasi contemporaneamente.

L’idea di usare le unità a T, come abbiamo fatto in uno dei precedenti capitoli, m’era venuta in mente mentre

mi trastullavo su una sedia a dondolo dall’intelaiatura di acciaio.

Quasi simultaneamente mi venne da pensare che il dondolio della sedia poteva servire anche a controllare alcuni aspetti dell’attività del cuore. È notorio che, ad ogni battito cardiaco, il corpo riceve un leggero contraccolpo e che questo fenomeno può essere rilevato dall’indicatore di una buona bilancia.

La sedia a dondolo dell’ufficio sembrava assai più adatta allo scopo di molti altri strumenti macchinosi e pesanti presi in considerazione nei mesi precedenti e che si basavano sui medesimi principi.

Se il paziente sta seduto su una sedia a dondolo, ad ogni battito del cuore il suo corpo ha un contraccolpo proporzionale che fa muovere leggerissimamente la sedia.

Con un con~eFno a aneio (costituito dapprima di un gancio per tendaggi, di un pezzetto di filo per canna da

pesca, di un po’ di plastilina e di una siringa) ho collegato la sedia a un apparecchio sensibile che registrava

i lievissimi spostamenti e li trascriveva su carta, tracciando un diagramma che forniva alcune indicazioni utili sul funzionamento del cuore.

Quando il gancio non era fissato, i movimenti, anche violenti, della seggiola non disturbavano minimamente

il sensibile strumento.

Ecco un’idea che era costata molti e inutili sforzi e che, all’improvviso, si era, per così dire, presentata da sé, e si era dimostrata di facilissima realizzazione.

Molto spesso la ricerca di una soluzione nuova è resa difficile dal fatto che se ne ignora il principio informatore, e ci si basa su una delle sue applicazioni.

Può essere divertente mettersi alla ricerca di oggetti da utilizzare nell’elaborazione di una idea nuova.

Un giorno si cercava una piccola superficie paraboloide e Si finì per comprare allo Woolworth un portauovo

di plastica che risultò avere la forma più adatta allo scopo.

Un altro giorno si voleva ideare un certo tipo di colino antischiuma per un ossigenatore a bolla e si collezionarono i seguenti oggetti: una spazzola da bagno, una pezzuola di nailon per lavare le pentole, una rete coprivaso di plastica, un bigodino e infine delle calze di nailon chieste in prestito all’ultimo momen~o ad una segretaria.

La pezzuola per le pentole si dimostrò alla fine la più adatta allo scopo.

Non c’è motivo di preferire gli oggetti d’uso comune ad altri strumenti più elaborati, i quali, anzi, di solito danno prestazioni migliori; il solo vantaggio o~erto dagli oggetti d’uso comune è che essi sono più`a portata

di mano e quindi in grado di soddisfare l’inevitabile impazienza di fare una prima, sommaria verifica della

funzionalità di un’id’ea, prima di procedere a una sua più accurata realizzazione.

Talvolta si esamina un oggetto per il puro piacere di cavarci fuori qualcosa di nuovo.

In questo caso !’indagine non mira a stabilire un rapporto tra l’oggetto e un particolare problema, ma a

compiere un esercizio mentale fine a se stesso.

Una sera a pranzo il discorso cadde, a un certo punto, sui rapporti che era possibile stabilire tra i coltelli e le bottiglie di vino che erano in tavola.

E ci si divertì a escogitare il modo di collocare dei coltelli sulla cima delle bottiglie senza farli cadere.

Forse questa idea era da attribuirsi alla presenza tra noi di un architetto.

La tavola non venne sparecchiata quella sera, così noi il mattino seguente riprendemmo ad armeggiare attorno ad essi e riuscimmo a trovare la soluzione che venne poi pubblicata in un libro sul week-end (The Five-days Course in Thinkin~).

In un’altra circostanza, alcuni palloncini vivacemente colorati visti in una farmacia diedero lo spunto per

l’elaborazione di un metodo che permise di risolvere un problema assai complesso.

Proprio allora lo si stava programmando su un calcolatore elettronico perché sembrava non ci fosse altro modo per risolverlo.

Quei palloncini da dieci cents al pacchetto bastarono invece a fornire una impostazione esatta dei termini del problema e l’opera del compute~ da due milioni e mezzo di dollari divenne superflua. (Il costo dell’elaborazione per mezzo del computer sarebbe in realtà ammontato a poche centinaia di dollari ma la soluzione sarebbe

151 stata di una precisione inutile allo scopo che ci si proponeva).

Un problema può avere soluzioni facili o c~mplicate: tutto dipende dall’angolazione dalla quale lo si affronta.

Una domenica pomeriggio, mentre guardavamo una persona che fumava, ci venne da pensare ai pericoli del tabacco e al modo di scongiurarli.

Ci

prospettammo due alternative ovvie: eliminare le sostanze nocive dalle sigarette, oppure cercar di indurre

la

gente a fumare di meno.

Nel primo caso si poteva filtrare il fumo togliendogli una parte delle particelle di catrame (ma era una soluzione imperfetta; si poteva pensare a un procedimento più elaborato, cioè ad alterare, chimicamente o per combusttione, le sostanze pericolose, evitandone così la formazione).

Si poteva però tentare il procedimento opposto e cioè diminuire la concentrazione delle sostanze tabagiche

nel fumo aggiungendovi, anziché togliendone, qualche elemento.

Piccolissimi fori praticati con uno spillo nella sigaretta avrebbero permesso all’aria di entrarvi e di rarefare il fumo.

Indebolendo progressivamente l’aroma delle sigarette con un aumento graduale del numero dei fori si sarebbe forse riusciti a far perdere a molta

· gente il vizio di fumare.

Per calcolare fino a che punto i buchi di spillo avrebbero permesso alla sigaretta un normale processo di combustione fu eseguito preliminarmente un esperimento alquanto approssimativo, si usò cioè un aspirapolvere come macchina fumatrice.

È spesso sorprendente constatare a quali strani impieghi si prestino gli oggetti di uso quotidiano.

In un’altra circostanza si trattava di trovare una sorgente

- di gas ad alta pressione dalla quale però il ~as potesse uscire azionando un grilletto.

Si doveva inventare una nuova arma di difesa personale e ciò faceva parte di quel concorso di cui abbiamo

parlato prima.

La bottiglia di seltz che si trovava sul vassoio davanti a noi si dimostrò la soluzione più naturale: bastava

levarne il liquido, riempirla di gas ad alta pressione e applicarle un grilletto adatto.

Se ci si fosse limitati a pensare alla bottiglia a sifone come a qualcosa che serviva solo per le bevande o per

spruzzare l’acqua sotto pressione, non si sarebbe mai trovata questa soluzione; ma il sifone era lì davanti e

fu la sua presenza fisica a suggerirci un uso diverso da quello normale.

Uno dei congegni che ci divertì di più escogitare fu Freddie, animale domestico dell’era spaziale.

Desideravamo avere con noi qualcosa che potessimo vezzeggiare come un cagnolino e che fosse adatto a tenere in una casa moderna.

L’ “animale” doveva muoversi e comportarsi come un essere intelligente, non aver bisogno di cibo, di essere

portato fuori o di altre cure particolari.

Si pensò a una morbida sfera nera che rotolasse per conto suo; se sbatteva contro un ostacolo doveva

rimbalzare automaticamente in un’altra direzione, se fosse finito in una strettoia senza uscita avrebbe dovuto cavarselá da solo e ritornare al punto di partenza.

La

sua costruzione ci procurò uno spasso davvero eccezionale perché, dopo aver elaborato tutta una serie

di

progetti complicatissimi, finimmo per trovare una soluzione assai semplice servendoci unicamente di una

matita, di una gomma per cancellare, di una penna a sfera e di un’automobilina elettrica.

Ci

fu qualche difficoltà a trovare la sfera adatta e un tentativo per costruircene una gonfiando un pal 15 lone

e

rivestendolo poi con fogli di cartapesta fallì.

Il

pallone alla fine esplose.

La

sfera adatta fu trovata per caso nella vetrina di un negozio di Lexington Avenue, a New York, incorporata

in

un giocattolo.

Alle trovate tecniche sopra ricordate si poteva certamente arrivare anche con il metodo verticale.

E magari con risultati più soddisfacenti.

Ma la domanda da farsi è se il pensiero verticale si sarebbe mai, di sua iniziatiya, interessato alla loro elaborazione.

Molte idee vennero ispirate, o promosse e migliorate grazie a dati di fatto che nessuno aveva mai volutamente preso in considerazione. ~ facile dire che il pensiero lateralc ha bisogno di girare a lungo attorno a un problema prima di arrivare a risolverlo mentre il pensiero logico segue una strada assai più diretta.

Ma la logica si muove in una direzione obbligata mentre molte idee sono nate soltanto grazie a una illimitata libertà di in dagine.

Come abbiamo visto in altri esempi, è sempre possibile arrivare a posteriori e per via logica agli stessi risultati ottenuti per via laterale.

Di molte delle precedenti trovate tecniche abbiamo omesso di descrivere i particolari; invitiamo perciò i

lettori che lo gradisscro a completarne la descrizione per conto loro.

A noi non interessava mostrare un risultato ma descrivere un procedimento.

Coloro che non sono in grado di distinguere tra le due cose né di apprezzare l’importanza delle piccole invenzioni che abbiamo descritte avrebbero detestato anche le abitudini dello stesso Einstein che si dedicava, spesso e volentieri, a esercizi di questo tipo.

CAPITOLO NONO

L’ultimo capitolo può aver dato l’impressione che la funzione essenziale del pensiero laterale consista nell’ideare o nel progettare piccole invenzioni meccaniche.

Si sa bene che queste piccole invenzioni, nonostante l’interesse che possono suscitare, non esercitano una

grande influenza sulle attività di tutti i giorni, e che solo pochi vi si dedicano.

Ma abbiamo già detto che esse, per insignificanti che possano essere quanto a valore intrinseco, si dimostrano quasi sempre di un’utilità senza paragone come esempi di pensiero laterale in azione.

L’esserci intrattenuti sulle scoperte scientifiche per mostrare come nascono le idee nuove può, d’altro lato, aver dato l’impressione che il pensiero laterale sia un procedimento riservato a coloro che si dedicano a ricerche sperimentali.

E poiché la gente, in generale, non si occupa di esperimenti scientifici e non si interessa alle invenzioni, il

pensiero laterale potrebbe sembrarle un lusso.

Commetterebbe però un errore di valutazione, perché il metodo conoscitivo illustrato dalle scoperte scientifiche o da semplici trovate tecniche può essere impiegato efficacemente anche in situazioni di altro genere.

Il procedimento è di applicazione generale.

La madre che rinchiude il bambino nel

155

.~ r

_ box dei giocattoli per impedirgli di smantellare l’albero di Natale può seguire un tipo di ragionamento

diverso da quello del marito il quale può invece ritenere più sensato mettere nel box l’albero di Natale.

Cercando nel proprio passato tutti potranno ricordare di essere ricorsi, sia pure sporadicamente, al metodo laterale, ottenendone eccellenti risultati.

Il giorno stesso in cui mi era venuta l’idea di usare dei palloncini invece di un grosso computer per elaborare

un certo problema, ebbi, a mie spese, una conferma della ristrettezza del campo d’azione del pensiero

verticale.

Avevo prestato il mio appartamento a un amico per il week-end, e al ritorno mi accorsi che la lampada da tavolo non si accendeva più.

Mi

accertai che l’interruttore della lampada fosse aperto, tolsi la lampadina e constatai che nel suo interno i

fili

della resistenza elettrica erano intatti, poi smontai l’interruttore.

Fu

soltanto dopo aver compiuto questo sforzo di ricerca logica che all’improvviso mi resi conto che il mio

ospite, ignaro delle mie abitudini, aveva spento la lampada girando l’interruttore sulla parete invece di servirsi, come facevo io abitualmente, di quello incorporato nel piedestallo della lampada.

Se da questa situazione, in realtà abbastanza semplice, avevo fatto nascere un problema, era perché avevo

concentrato la mia attenzione sulla lampada e avevo impostato un’indagine verticale partendo unicamente

dai dati che la lampada mi offriva.

Se anch’io, come il mio amico, avessi preso in considerazione altri fattori, non mi sarei neppure posto il problema.

La mente umana si mostra estremamente docile nel seguire il principio di prohabilità.

Del resto, se non

le interessa cercare soluzioni nuove, non le costa sacrificio rinunciare ai benefici che ne potrebbe trarre; ma

è poi disposta a riconoscere i limiti del pensiero verticale? Il procedimento laterale porta a soluzioni nuove, e questo è il suo aspetto vantaggioso; coloro che però non vi ricorrono mai non solo rinunciano a questo aspetto positivo ma si mettono in una ben precisa posizione di svantaggio.

Essi, infatti, proprio perché seguono il procedimento più ovvio e prevedibile, possono cader vittima dell’astuzia altrui.

Nello ju-jitsu, se uno dei lottatori prevede le mosse dell’avversario è in grado di utilizzarne la forza e il peso e

di volgerle contro l’avversario stesso.

Allo stesso modo si può prevedere il corso dei pensieri di una persona che ragiona verticalmente, e trarne profitto.

Questo sistema è usato con ottimi risultati dai prestigiatori nelle esibizioni in teatro.

Tutti i trucchi di scena, eccetto gli effetti scenici e la prestezza di mano, sono impostati in modo da indurre l’uditorio a seguirc il ragionamento più ovvio.

Il grande Houdini nel “numero delle manette” invitava, a mo’ di sfida, il pubblico a procurargli un lucchetto da applicare alle manette, come garanzia che esse fossero ben assicurate ai suoi polsi.

L’illusionista veniva poi messo in un sacco, dal quale usciva poco dopo con le mani libere.

Uno degli artifici usati per truccare le manette consisteva nell’infilare uno spillo speciale nel pernio.

Questo spillo poteva venire estratto solo con una calamita, dopo di che le manette si scioglievano.

Mentre tutti facevano dipendere l’esito del gioco dalla solidità del lucchetto, e non pensavano ad altre soluzioni, Houdini con tutta facilità smontava e ricomponeva il pernio.

~ r r ~ Utilizzava inoltre lo stesso principio nel “numero della donna segata in due”.

Una ragazza entrava in un cassone vuoto posto sul palcoscenico, poi il cassone veniva sollevato ad una altezza tale da rendere impossibile scenderne o salirvi.

A questo punto, Houdini apriva le due estremità del cassone per mostrare la testa e i piedi della ragazza.

Poi aveva inizio l’operazione di segatura del cassone in due parti, dopo la quale la ragazza ne usciva illesa.

Gli spettatori, che avevano ragionato verticalmente, non riuscivano a spiegarsi l’esito dell’esperimento, dal momento che nessuno aveva potuto entrare o uscire dal cassone sospeso, e che la ragazza si trovava senza ombra di dubbio nel cassone all’inizio dell’operazione di segatura.

In realtà, il trucco era stato predisposto ancor prima che il cassone fosse sollevato in aria, e prima che gli spettatori di pensiero verticale cominciassero a prospettarsi il problema.

Il cassone era stato collocato sul palcoscenico in corrispondenza di una botola e, dopo che gli spettatori lo ebbero esaminato, una seconda ragazza vi s’era sveltamente infilata dal sottopalco, attraverso la botola.

La testa e i piedi mostrati da Houdini dopo il sollevarnento del cassone appartenevano a due ragazze diverse, e la sega era penetrata in uno spazio vuoto tra di esse.

In un altro trucco scenico di Houdini una ragazza entrava in scena adagiata su una lastra di cristallo portata da quattro indiani in turbante, ciascuno dei quali reggeva un angolo ddla lastra.

Poi Houdini stendeva un lenzuolo sulla ragazza e quando lo toglieva la ragazza era sparita.

In realtà, uno dei quattro portatori indiani era un simulacro vuoto.

La ragazza vi si infi lava e in quell’arnese abbandonava la scena.

Una volta svelati, questi trucchi sono diventati ovvi,

ma al tempo della loro maggior voga possedevano una forza suggestiva, specialmente se erano accompagnati dal martellante imbonimento del prestigiatore che spingeva l’uditorio ad applicare i criteri della comune logica alle varie fasi dell’esperimento: cosa che gli stessi spettatori erano ben contenti di fare.

Per capire quel che stava accadendo sarehhe stato necessario deviare a un certo momento dalla strada maestra dell’ovvietà e cercare una interpretazione laterale.

Ma una volta perduta tale occasione sarebbe diventato impossibile ripercorrere a ritroso il pensiero verticale fino a ritrovarla.

Per artificiosa che sia, la situazione creata dal gioco di prestigio non impedisce di vedere chiaramente come essa tragga profitto dal pensiero verticale e dalla ovvietà delle deduzioni alle quali molta gente esclusivamente si affida.

I dirigenti, gli uomini d’affari, i politici, i persuasori d’ogni tipo rischierebbero di trovarsi senza lavoro se la mente umana, per sua natura, preferisse affidarsi al procedimento laterale invece che a quello verticale.

Il loro successo dipende dal grado di abilità con cui sanno individuare il procedimento verticale più utile ai

loro scopi; laddove questo manca del tutto, essi possono inventare una dialettica di tipo normale, e metterla nel dovuto rilievo. (In questo contesto non sarebbe molto conveniente definire un procedimento mentale

normale come una scelta che la maggior parte della gente di regola compie, perché si cadrebbe in un circolo vizioso.

Una scelta normale, vista nel suo aspetto funzionale e psicologico, è il risultato l fi~ 159 di una assai marcata propensione per un procedimento divenuto familiare e su cui influisce la motivazione del momento.) Non è facile modificare i dati dell’esperienza ma, manipolando.

Ia motivazione, anche l’effettiva applicazione del concetto di normalità si sposta.

I giornalisti e i pubhlicitari, per il lavoro che svolgono, sono i più portati a far uso del pensiero laterale.

Essi imparano sempre meglio a guardare alla realtà da angolazioni diverse.

Di rigida osservanza verticale sono invece gli avvocati, i medici e, fino a un certo punto, gli uomini d’affari, i

quali tutti preferiscono racchiudere la realtà entro schemi rigidamente definiti e incontestabili, perché solo a queste condizioni è loro possibile far prevalere l’esperienza e la preparazione professionale acquisite.

Ci si potrebbe chiedere quale sia la posizione dell’artista a questo riguardo.

Proprio per la sua ricerca di aspetti sempre nuovi della realtà, per il suo continuo sforzo di rompere le vecchie convenzioni intellettuali, non è l’artista il maggior utente del pensiero laterale? Nel mondo dell’arte, il pensiero laterale viene chiamato, piuttosto immodestamente, pensiero creativo.

L’artista è aperto alle idee, alle influenze e agli inviti del caso.

Egli cerca di approfondire la propria consapevolezza delle cose, cerca di sottrarsi a una visione scontata della realtà usando spesso di proposito l’irrazionale.

Il culto per le esperienze psichedeliche è un deliberato tentativo di approfondimento de!la realtà allo scopo

di trovare mezzi più significativi per interpretarla, E non sta proprio qui la vera essenza del pensiero

laterale?

Troppe volte però il pensiero creativo dell’artista si 1~ interrompe~ a metà del suo sviluppo.

Agli artisti di poF CO talento non resta che l’alternativa di ritenere che ‘~ il rifiuto delle vecchie posizioni sia già di per se stesso una virtù e che l’originalita sia tutto.

Ci si sbarazza con entusiasmo delle regole vigenti per abbandonarsi all’illimitato potenziale del caos, ma

troppo spesso questo abbandono vien già considerato un risultato concreto, mentre ne è solo una premessa.

Il pensiero laterale accetta di brancolare nel caos solo per emergerne con un’idea nuova, e si augura che essa si esprima in una forma semplice e classicamente composta e ordinata, assai diversa quindi dal caos

da cui proviene.

Obiettivo massimo del pensiero laterale sono le idee che abbiano la semplicità dell’estrema elaborazione; una semplicità cioè in cui l’efficacia pratica e l’essenzialità della forma siano presenti in grado elevato.

Non la semplicità del vuoto ma quella della compiutezza.

Nell’attività artistica, proprio per l’illimitata libertà dei suoi obiettivi, è troppo facile fermarsi allo stadio del caos e non oltrepassarlo mai.

Un inventore che presentasse macchine mal concepite e non funzionanti non potrebbe nutrire molte speranze di successo perché non avrebbe saputo dare alla sua macchina la necessaria funzionalita.

Ma in che modo l’artista può capire, in un momento qualsiasi, se sta ancora brancicando nel caos o se invece è veramente riuscito a ricreare una sintesi? Non Gi sono criteri oggettivi e il giudizio soggettivo è discutibile poiché vien dato- o da persone incapaci di liberarsi dai vecchi schemi, oppure da persone per cui la novità è già un’acquisizione in se stessa.

6.

Il t~er~ie~o la~rale In questa situazione è inevitabile che la stranezza debba aver successo e sia fine a se stessa.

Il grottesco e il bizzarro sono le forme più elementari dell’originalità e le più facili da realizzare.

Un’idea

compiutezza.

Le idee bizzarre non sono idee nuove ma semplici distorsioni delle vecchie.

e

veramente

nuova

non

appare

mai

bizzarra

perché

ha

una

sua

interiore

indipendenza

Abbiamo suggerito, in preceaenza, di distorcere deliberatamente le idee vecchie per ottenerne deUe nuove, ma abbiamo chiarito che si trattava solo di una tecnica e che ciò non costituiva di per se stesso un risultato.

Le prime automobili erano state costruite apportando modifiche ai modelli delle carrozze a cavalli e ancor oggi non ci si è discostati del tutto da tali modelli.

Parziali modifiche di questo tipo sono ovviamente del tutto giustificate, in attesa che un’idea nuova possa gradualmente maturare, ma sarebbe presuntuoso far passare queste trasformazioni parziali come idee veramente nuove.

Se introducete un sassolino in uno dei cilindri del motore di una macchina che funziona a meraviglia, sentirete dei rumori infausti, di un’originalità unica.

Due sono le possibili attitudini di una persona che assista a questo fatto.

Può andare in estasi per i meravigliosi concenti della distruzione.

Oppure può servirsi di questi rumori per escogitare idee nuove in fatto di meccanica (inventando, per esempio, un motore senza cilindri), o in fatto di acustica o d’altro.

Non è colpa dell’artista se la prima attitudine può essere facilmente confusa con la seconda, nel mondo dell’arte.

L’autentico pensiero creativo può essere una forma eccezionalmente valida di pensiero laterale ma il pensiero creativo spurio è tutt’altra cosa.

In un certo senso la scienza è una forma superiore di arte, dal momento che la bellezza di un’idea nuova vi si eleva al di sopra ddla discussione e della moda.

La scienza non ha contenuti emotivi, non esercita un’attrattiva universale ma ha una sua intrinseca compiutezza.

La diversità tra le esigenze dell’arte e quelle de]la scienza è messa mirabilmente in evidenza nelle opere di Leonardo da Vinci.

Sulla bellezza dell’arte di Leonardo dubbi non ne dovrebbero esistere.

Anche nelle sue opere scientifiche, però, spesso prevalgono nettamente le considerazioni dell’arte su quelle della scienza.

Uno schizzo della macchina per volare mostra come Leonardo si fosse preoccupato di più di far scendere comodamente a terra il pilota che non della attitudine della macchina a volare; si era preoccupato di rifinire non il meccanismo di volo, bensì quei particolari che i suoi estimatori avrebbero potuto apprezzare.

La maggior parte degli scienziati avrebbe molto da imparare dall’uso che gli artisti fanno del pensiero laterale, ma molti artisti si sentirebbero estremamente a disagio se dovessero seguire il pensiero laterale fino in fondo.

Chi pensasse che il modo di vivere dell’artista, almeno nelle sue tipizzazioni estreme, sia l’espressioné più completa possibile di un modo laterale di pensare, fraintenderebbe completamente la natura del procedimento.

Il pensiero laterale non si limita a rifuggire dalle strettoie degli schemi rigidamente accettati, ma cérca di pervenire, attraverso il disordine, ad un ordine nuovo e più semplice.

Il disordine è solo un mezzo di evasione, non un obbiettivo.

Tuttavia il pensiero laterale servirebbe a poco se si limitasse a costruire un nuovo ordine al posto del vecchio.

Esso aspira ad idee nuove, più semplici e più efficaci, ma aspira soprattutto a una fluidità che permetta di sostituire un’idea con altre, via via migliori.

Anche quando si è soddisfatti del modo in cui si è risolto un determinato problema si continua a sentire un piacevole stimolo a tentare altre soluzioni.

L’umorismo e il pensiero laterale presentano tra loro parecchie analogie.

L’umorismo nasce nel momento in cui l’interpretazione normale di una cosa viene scossa dall’improvviso presentarsi alla coscienza di un’interpretazione diversa.

La prima interpretazione continua a rimanere quella normalmente accettata; non si verifica alcun capovolgimento improvviso, non scocca il momento dell’eureka, in grazia del quale la nuova interpretazione diventi all’improvviso la più immediata.

Con l’umorismo, la mente passa liberamente dalla considerazione del significato ovvio a quella del significato inaspettato ma plausibile, e viceversa.

Questa oscillazione è peculiare al pensiero laterale umoristico.

L’efficacia dell’oscillazione dipende molto anche dalla motivazione che ha, di qui il successo dell’umorismo

di tipo sessuale.

Un uomo dotato di humour sembra, in conversazione o sul palcoscenico, sempre più spiritoso a mano a mano che conquista l’uditorio.

Il quale, resosi attento al gioco dei significati, diverrà via via più pronto a cogliere le interpretazioni alternative dell’umorista.

A coloro che apprezzano l’umorismo dovrebbe riuscire assai più facile che agli altri di comprendere la natura

del pensiero laterale.

CAPITOLO DECIMO

Obiettivo del pensiero laterale è la concezione di idee nuove.

Ma, una volta concepite, chi si occupa di loro se non i loro stessi scopritori? Sarebbe ingenuo credere che chi ha i mezzi per promuoverne la realizzazione faccia molto per conoscerle.

Né potrebbe essere diversamente dal momento che, se è abbastanza facile concepire un’idea nuova, ben più arduo risulta poi il realizzarla.

L’entusiasmo che un’idea può aver sollevato nel suo stadio concezionale si attenua molto quando si tratta di attuarla.

Molti si comportano come quell’uomo che ringraziava Dio di avergli fatto entrare il sole dalla finestra, evitandogli in tal modo il disturbo di uscire di casa per goderselo.

La gente non dimostra interesse per le idee in se stesse ma per l’utile che può ricavarne: questo è il solo

stimolo che la induce ad occuparsene.

La loro attuazione dipende meno dalla loro importanza intrinseca che dalla particolare valutazione che ne fa

chi le esamina. È quando il successo o il fallimento di un’idea comportano notevoli conseguenze sul piano economico o su quello del prestigio che sorge l’esigenza di verificare con la massima cura se esistono premesse solide alla sua realizzabilità.

Sfortunatamente, l’esperienza costituisce la migliore base di valutazione, e le idee nuove, proprio perché sono nuove, non sempre possono essere giudicate sulla falsariga dell’esperienza.

Lo spirito di conservazione, in quarlto riluttanza a staccarsi dal passato, e lo spirito di iniziativa, come aspirazione a progredire sulla base degli schemi del passato, sono atteggiamenti che, pur avendo le loro brave motivazioni, non permettono di sfruttare appieno la possibilità di concepire idee nuove.

La riluttanza che ha un imprenditore a rischiare capitali in un’iniziativa dall’esito dubbio è spesso vinta soltanto dal timore che un concorrente riesca a realizzarla felicemente prima di lui.

L’ideale, per un imprenditore, sarebbe di lasciare l’iniziativa agli altri, e di sfruttarla, se ha successo, entrando sul mercato prima che esso sia saturato. ~ esattamente quello che capitò per i pennarelli di fibra.

Fu una ditta giapponese la prima che li lanciò sul mercato, ma ben presto tutti gli altri produttori del ramo la imitarono.

La riluttanza a imbarcarsi in una nuova iniziativa va di pari passo con la considerazione che se l’idea che la

ispira è veramente buona, ci sarà sempre qualcuno che alla fine la realizzerà.

Per anni nessuno volle prendere in considerazione il principio ispiratore della macchina per fotoriproduzioni Xerox, ma alla fine questa macchina fu costruita ed ottenne uno straordinario successo.

Quando Walter Hunt ed Elias Howe inventarono la seminatrice, tutti si dimostrarono scettici sul suo avvenire.

Nessun industriale accettò le prime proposte di costruzione del tavoliere del monopoli, eppure questo gioco finì per diventare il più diffuso dei giochi moderni, e gli stessi industriali trassero in seguito lauti guadagni dalla costruzione dei tavolieri.

Ci si ricorda facilmente di un’idea nuova che ha sfondato. ~uante però sono state dimenticate solo perché

non hanno trovato chi se ne occupasse? Se si è restii a prendere in considerazione le idee nuove è solo

perché si è contrari a investirvi del danaro, a rischiare forti somme in iniziative il cui esito rimane incerto fino

a cose fatte.

Comunque, il pensiero laterale non si limita a studiare e a creare prodotti nuovi, ma interviene in tutti i casi in cui può tornar utile impostare un problema secondo una formula nuova.

La realizzazione delle idee nuove nòn provoca necessariamente un aumento di spese industri~ali, più spesso, anzi, consente di ridurle.

Essa permette una maggior efficienza produttiva, l’utilizzazione di materiali di scarto, una semplificazione dei progetti che rende la loro attuazione più facile e meno soggetta agli inconvenienti di montaggio, una riduzione. di costi a parità di prestazioni.

Il pensiero laterale non interviene solo nelle fasi di ricerca e di creazione del prodotto ma anche in quella organizzativa e di studio dei metodi, nelle analisi di valore`e nella ricerca operativa.

Ciascuno di questi campi dispone di una propria tecnica accuratamente elaborata e di un proprio bagaglio di esperienze.

Hanno però in comune due esigenze fondamentali: l’analisi dellé situazioni di fatto e la ricerca di soluzioni nuove.

Pochi processi di produzione hanno raggiunto l’optimum come efficienza ed economicità.

L’analisi della situazione di fatto e le tecniche a disposizione possono portare a grandi miglioramenti, ma lo sfruttamento delle idee nuove è in grado di offrire vantaggi economici anche maggiori, che possono andare dall’ordine delle poche migliaia di lire a quello dei miliardi.

Or non è molto, un industriale mi confidò che la realizzazione di un’idea geniale costò a una ditta quasi venti miliardi di nuove installazioni, ma le permise di risparmiarne più di centocinquanta.

La cultura tradizionale non si preoccupa di educare le menti al pensiero laterale.

La capacità di elaborare idee nuove sussiste solo come una dote naturale che lunghi anni di pratica verticale non sono riusciti ad ottundere Un po’ di abilità nel pensiero laterale comunque sarebbe utile a tutti coloro che hanno bisogno di idee nuove.

In genere però si ritiene che spetti solo ai ricercatori di professione occuparsene, e che basti creare un reparto ad hoc per esentarsi dall’impegno di interessarsene direttamente.

Ma il miglior laboratorio di ricerca conclude poco se le sue idee non vengono mai prese in considerazione, mentre un laboratorio dai mezzi modesti acquista in prestigio e valore se le sue proposte trovano una favorevole eco in sede decisionale.

E ciò dimostra quanto sia utile che la direzione generale di un’impresa sappia che cosa è e come si evolve il

procedimento laterale.

Nella pila atomica ha inizio una reazione a catena nel momento in cui una prima particella si stacca dal nucleo di un atomo e urta contro il nucleo di un altro atomo staccandone una seconda particella che a sua volta urta contro un terzo nucleo e così via.

Se la massa del materiale è abbastanza grande, la reazione a catena diventa un’esplosione.

La stessa cosa avviene per le idee.

Un’idea nuova può suscitare una seconda idea nuova, nella stessa persona o in una persona diversa, dando origine a una specie di reazione a catena, e ciò si verifica specialmente nei casi di scoperte scientifiche di tipo completamente nuovo.

Nella pila atomica si evita l’esplosione mediante l’interposizione di barrette di cadmio che assorbono le particelle che gli scoppiano tutt’attorno.

In tal modo diventa possibile controllare l’energia prodotta dalla pila.

Se le barrette fossero in numero eccessivo, la reazione a catena cesserebbe e la pila non potrebbe più produrre energia.

Le persone incapaci di apprezzare le idee nuove esercitano una funzione analoga a quella delle barrette.

In numero limitato si rivelano indispensabili per evitare innovazioni distruttive, ma quando sono troppe impediscono una qualsiasi elaborazione di idee nuove.

Tutti sono in grado di acquisire una mentalità laterale.

Come si impara a giocare a golf o a sciare, come si apprendono le lingue straniere, così si può gradualmente imparare a servirsi del pensiero laterale.

Ma, come nel caso del golf e dello sci, non se ne diventa esperti leggendo dei manuali, a tavolino.

Non esistono formule magiche che basti conoscere e applicare per trarne risultati di grande efficacia. ~ vero che in precedenti capitoli abbiamo parlato e consigliato l’uso di alcune tecniche specifiche, tuttavia il pensiero laterale resta più una forma mentis che una combinazione di tecniche.

Questa forma mentis può venir acquisita con esercizi adatti che dovrebbe essere possibile compiere sistematicamente.

Come succede per il golf, sarebbe abbastanza utile fare una prova generale, ma si otterrebbero risultati migliori se ciascuno cercasse di scoprire le particolari difficoltà che gli altri incontrano nell’elaborazione dei

loro procedimenti laterali Il fanatico è un realizzatore perché inquadra ogni cosa entro uno schema ben definito.

La completa fiducia che ha nel proprio schema gli permette di operare in una direzione precisa e di valutare i risultati raggiunti secondo un’altrettanta precisa scala di valori.

Avendo esclusa la possibilità di interpretazioni alternative delle singole situazioni, il fanatico non ha dubbi né perplessità.

Si potrebbe pensare che l’acquisizione dell’abitudine ad esaminare varie alternative indebolisca l’efficienza produttiva di coloro che, prima, stimavano la rapidità di decisione più importante della natura della decisione stessa.

Ma anche quando questa rapidità di decisione fosse giustificata, e cioè non fosse solo una scusa per coprire la mancanza di attitudine ad andare in fondo ai problemi, non si vede quale grande danno potrebbero provocare gli apporti di una forma mentis laterale.

Le persone che ragionano secondo un loro schema mentale ben preciso sanno benissimo di non essere mai state costrette a modificare radicalmente il loro atteggiamento verso un problema per il solo fatto di aver acquisito una certa abilità nelI’uso del pensiero laterale.

Costa fatica abbandonare una determinata impostazione per mettersi alla ricerca di una diversa.

Molto spesso, però, tutti gli elementi base di una soluzione nuova sono già disponibili: si tratta solo di comporli secondo una nuova formula.

Compito di chi si serve del pensiero laterale dovrebbe essere quello di cercare e di trovare nuove correlazioni tra gli elementi del problema.

In tal modo acquisirebbe maggior consapevolezza dell’esistenza di soluzioni nuove implicite in nozioni che

già gli sono note.

A questo scopo si possono pienamente utilizzare sia le nozioni fondamentali che quelle più specifiche di un

determinato campo del sapere scientifico.

Per molti anni i fisiologi non riuscirono a capire l’utilità delle lunghe spirali che si trovano nei tuboli del rene.

Si

quell’organo.

Un giorno però un ingegnere, osservando queste spirali, intuì che esse potevano esercitare una funzione analoga a quella del ben noto counter-multiplier, uno strumento meccanico usato per aumentare la concentrazione delle soluzioni.

di

riteneva

che

non

avessero

alcuna

funzione

specifica

e fossero

un

residuato

dell’evoluzione

Questo esempio mostra come nozioni estranee, appartenenti a un diverso settore scientifico, possano offrire una risposta a quesiti rimasti lungo tempo insoluti.

L’utilità di un intervento dall’esterno è duplice.

Il “non addetto ai lavori” non apporta soltanto il contributo di un’esperienza specifica di tipo diverso, ma

formula il suo giudizio al di fuori degli schemi cui gli esperti di un determinato problema sono vincolati.

Chi persegue la soluzione per gradi di un problema è facilmente indotto a dare come acquisiti determinati stadi di elaborazione della soluzione stessa, stadi che vincolano a una particolare impostazione.

Chi invece non ha dovuto passare per questi stadi intermedi, ma esamina il problema nella sua interezza, può impostarne la soluzione in un modo del tutto diverso.

L’utilità degli apporti dall’esterno è chiaramente dimostrata dal fatto che le imprese si servono di consulenti, scelti fra esperti in vari campi scientifici.

Da ciascuno di loro non si aspettano soltanto una sanzione definitiva su questioni di loro specifica competenza, ma che sappiano anche suggerire nuove impostazioni d’insieme ai vari problemi.

Sfortunatamente, la competenza in un determinato settore non implica, di per sé, la capacità di elaborare impostazioni alternative più generali.

In questi casi l’intervento della mentalità laterale può rivelarsi indispensabile.

Il pensiero laterale si mostra efficace anche quando si limita ad un’azione catalizzatrice, che permetta cioc l’avvio di un nuovo corso di pensieri, o di un nuovo tipo di interazioni.

Talvolta un’idea nuova è a portata di mano, provocante, eppure è impossibile configurarla chiaramente perché manca un ultimo tocco che ne assesti gli elementi.

E,

per contrapposto, opinioni chiaramente contraddittorie possono coesistere armonicamente se interviene

un

terzo concetto che funzioni da intermediario.

Nel prendere una decisione non si può mai essere certi che essa sia la migliore possibile.

E

la fiducia nella decisione presa non nasce dalla mancanza di scelte di tipo diverso (il che sarebbe indizio

di

scarsa immaginazione) ma dall’aver, con la necessaria abilità, individuate, vagliate e poi scartate tutte le

altre alternative.

Nell’elaborazione di una qualsiasi decisione può essere utile ricorrere al procedimento laterale (proprio od altrui) per individuare le soluzioni alternative che, esaminate e respinte, potranno rafforzare la decisione che alla fine si prenderà.

Una tale funzione di “avvocato del diavolo” da parte di una mentalità aperta all’indagine non getta ombre di dubbio sulla bontà di una decisione felice; al contrario, non potrà che convalidarla.

Indubbiamente il dono dell’inventività non è ripartito fra gli uomini in modo uguale.

Molti istituti di ricerca sanno riconoscere le persone particolarmente dotate di capacità inventive e si rivolgono ad esse ogniqualvolta si trovano di fronte a un problema difficile.

lE raro tuttavia che sappiano sfruttare appieno le loro capacità.

L’ideatore, in genere, non sa organizzare la propria attività.

Egli è portato a trascurare le molte idee che già gli si affollano nel cervello per dedicarsi ogni volta all’ultima venuta, lasciando così tutte le altre in uno stadio imperfetto di elaborazione.

La metodicità, l’impegno e la costanza non sono certo le caratteristiche dell’ideatore, il quale è più interessato alla concezione delle idee nuove che non alla loro realizzazione.

In genere, non sa organizzarsi in modo da poter procurarsi i mezzi necessari per elaborare tutte le sue idee.

È interessante constatare quanta parte del successo di Edison sia da attribuirsi all’eccellente organizzazione

dei

suoi interessi industriali.

Fu

tale organizzazione a fornire la piattaforma di lancio ideale al suo genio inventivo.