Sei sulla pagina 1di 120

Tecnica dello schiumatoio Discus per tutti

Amphiprion
Acquario mediterraneo

Nomaphila stricta
Fai-da-te: mini-acquario aperitivo Pesci coi polmoni Un acquario in camera da letto Lavorare con laquascaping

Le rubriche del mese

LA RIVISTA CLICCABILE!
Oramai i nostri lettori lo sanno: la rivista cliccabile! Lo stiamo ripetendo da mesi e riteniamo che tutti lo abbiano perfettamente capito. Per ogni mese (grazie al cielo) si aggiungono varie centinaia di nuovi lettori e questi ultimi potrebbero non sapere come si fa. facile: quando vedete un qualsiasi link oppure quando sfogliando il file in pdf il cursore si trasforma in manina con lindice teso, provate a cliccare. Ne vedrete delle belle! Potrete esplorare i siti dei produttori, avere dei faccia a faccia con associazioni ed enti, entrare in mondi nuovi, coloratissimi e tecnologici. Insomma, provate e fateci sapere. La rivista anche stampabile: potrete cos conservare la vostra copia cartacea e portarla con voi a letto, ammesso che non abbiate un tablet. La stessa infine sfogliabile su smartphone ed iPhone, mediante lapposita app scaricabile dal sito apple store. Insomma, potete leggerla e fruirla come vi pare. Ci che strettamente vietato invece non utilizzarla appieno: questo sarebbe veramente un peccato. Vi rammentiamo infine che la rivista vostra: scriveteci per renderla sempre pi vicina alle vostre esigenze e noi faremo di tutto per assecondare i vostri desideri!

AQUARIOPHYLIA European Aquarium Hobbyist Magazine www.aquariophylia.it


Mensile di informazione per acquariofili e negozianti Autorizzazione del Tribunale di Napoli nr. 7 del 7 - 1 - 2011 Edito dallAssociazione Acquariodiffusione COMITATO DI REDAZIONE Valerio Zupo (Direttore Responsabile) Alessandro Palomba (Organizzazione editoriale & Struttura web) Mariagiulia Peduzzi (Grafica & Impaginazione) Rita Colognola (Segreteria di Redazione) Ettore Peyrot (Web Marketing) Massimo Fabbri (Consulenza Editoriale) Cristina Mandaglio (Consulenza Editoriale) Pasquale Ambrosini (Diffusione multimedia) Monica Zuccarini (Diffusione & Divulgazione) Francesco Denitto (Consigliere di Redazione) RESPONSABILI DI SEZIONE Paolo Busonera (Discus) Tony di Meglio (Mini-acquari) Luciano Di Tizio (Acqua dolce) Alessandro Falco (Cibi Vivi) Mario Loffredo (Link & Argomenti Strutturanti) Lorenzo Luchetta (NonSoloAcquari) Antonio Piccolo (Come si fa) Stefano Rossi (Acquario Marino Mediterraneo) Roberto Silverii (Anabantidi) Franco Savastano (Spunti di immersione e di viaggio) HANNO CONTRIBUITO A QUESTO NUMERO Geppy Apuleo Alessio Arbuatti Carassio Aurato Raffaele Bufo Ippo Campo Tony Di Meglio Mario Loffredo Lorenzo Luchetta Mirko Mutalipassi Antonio Piccolo Stefano C. A. Rossi Franco Savastano Luigi Storoni Valerio Zupo REDAZIONE: aquariophylia@gmail.com Pubblicit e redazione: Vimax srl - Via Rezzonico 23 Como tel. 031301059, e-mail: vimaxcomo@gmail.com Per abbonarsi gratuitamente alla rivista e riceverla ogni mese: http://www.aquariophylia.it/home/index.php?option=com_comprofiler&task=registers&Itemid=84
Gli autori sono responsabili dei pareri espressi nei singoli articoli e questi non riflettono necessariamente lopinione della redazione. vietata la riproduzione, anche parziale, di contenuti, testi, foto o filmati pubblicati in questa rivista, salvo specifica approvazione scritta da parte della redazione.

Per citare gli articoli contenuti in questa rivista usare il formato seguente: Nome dellautore e titolo dellarticolo In: Aquariophylia n., anno, pag. (www.aquariophylia.it)

AQUARIOPHYLIA

EUROPEAN AQUARIUM HOBBYIST MAGAZINE

Anno I - n 9 ottobre 2011

96

38

18 94

Errata Corrige Nel numero 8 di aquariophylia a causa di alcune sostituzioni dellultimo momento sono stati commessi degli errori nelle didascalie delle foto che accompagnavano i testi di P. Busonera. In particolare, i pogrom erano dei golden ed il Discus che in apparenza cova le uova in realt davanti alle bolle d'aria di una porosa. Ci scusiamo con i lettori ma laggiunta di contenuti allultimo momento, purtroppo, pu produrre questo tipo di errori.

104

10 14 18 28 34 36 38 47 50 54 58 75

Editoriale Tante cose interessanti in questo numero Lettere in redazione Lectio magistralis Schiumazione: asciutta o bagnata? di Geppy Apuleo Evviva! Celebriamo il millesimo abbonato di Aquariophylia Photo contest Discus per tutti di Raffaele Bufo Vai col link... Amphiprion di Mario Loffredo La rivista del Carassio Lacquario mediterraneo: incidenti ed errori di Stefano C. A. Rossi Dalle associazioni Recensioni e novit:
76 - Api Aqua Detox 78 - LGM Aquari Skimmer LGs850 80 - Nomaphila stricta 82 - Ocean Nutrition Instant Baby Brine Shrimp 84 - Sera Spirulina tabs 86 - Tetra Marine Algae Block

88 92 94 96 102 104 106 109 110 113 116 118

Zoomark 2011, Quarta e ultima parte Agenda degli eventi dei prossimi mesi Mini acquario. Acquario aperitivo di Tony Di Meglio e Valerio Zupo Pesci fuor dacqua ma... in ottima forma di Alessio Arbuatti Incontri a sorpresa. Un viaggio avventuroso di Ippo Campo Oltre il vetro. Un acquario in camera da letto... perch no? di Luigi Storoni Stimoli di viaggio. Viaggio a Hurgada di Franco Savastano Rubrica: dai nostri lettori Allevamento e riproduzione di alimenti vivi. Seconda parte di Lorenzo Luchetta NapoliAquatica Come si fa. Lavorare con laquascaping di Valerio Zupo e Antonio Piccolo Nel prossimo numero

I NOSTRI COLLABORATORI E RESPONSABILI DI SEZIONE


Questa rivista si basa sul lavoro di un gruppo multidisciplinare di volenterosi che desiderano accrescere la diffusione degli acquari nel nostro paese. Possiamo affermare anzi che, in base alla struttura che abbiamo voluto imporre a questa pubblicazione, ogni responsabile di sezione abbia realizzato una sua propria rivista dedicata ad un singolo argomento. Speriamo che i loro sforzi vi siano graditi, ma attendiamo comunque da voi critiche e suggerimenti, per rendere la nostra famiglia sempre pi efficiente e produttiva. Vi presentiamo dunque la squadra!
VALERIO ZUPO (Direttore Responsabile) biologo, laureato a Napoli con lode. Ha frequentato l'Universit Livre di Bruxelles per un PhD sulle reti trofiche in fanerogame marine ed ha ricevuto un Fullbright award nel 1994. stato coordinatore di vari progetti di ricerca e tutt'ora svolge la propria attivit di ricercatore della Stazione Zoologica di Napoli, presso il laboratorio di Ecologia del Benthos di Ischia (Napoli). Da molti decenni appassionato di acquari ed ha scritto per numerose riviste nazionali, oltre a collaborare con varie riviste divulgative internazionali. I suoi interessi di ricerca sono focalizzati all'ecofisiologia dei crostacei decapodi, le reti trofiche ed i rapporti tra piante ed animali. Ha scritto 12 libri divulgativi sugli acquari, le malattie dei pesci, la fauna e la flora del mediterraneo. Nel campo degli acquari particolarmente interessato agli aspetti ambientali, la gestione dei sistemi complessi, il filtraggio e la qualit dell'acqua, nonch le malattie dei pesci e gli acquari marini mediterranei. Ha inoltre pubblicato alcuni testi sui discus ed alcuni CD multimediali sulle malattie dei discus e sulla gestione degli acquari marini e d'acqua dolce. ALESSANDRO PALOMBA (Organizzazione editoriale e Struttura Web) appassionato da sempre di acquariofilia mediterranea, crea nel 2000 il sito Acquario Marino Mediterraneo con il gruppo Amici del Med che riunisce tutti gli appassionati di acquario marino mediterraneo e non solo, con l'idea di dare uninformazione libera da profitti commerciali. Nel 2003 fonda con alcuni appassionati l'Associazione Italiana Acquario Mediterraneo e ne presidente fino al 2009. Sempre nel 2003 scrive il disciplinare per un acquario mediterraneo ecosostenibile, che trova appoggio nella stessa AIAM e viene presentato in diverse occasioni patrocinate da enti ed istituzioni. Nel 2010 fonda con alcuni amici l'Associazione EcoAcquario che ha come scopo prioritario la realizzazione di un acquario mediterraneo tipo, realizzato con i soli scarti della pesca professionale o con il recupero di organismi da manufatti destinati alla distruzione. Collabora con diverse scuole per portare avanti progetti di EcoAcquario e gestisce diversi siti tra cui www.aiam.info, www.acquariomediterraneo.it e www.aquariophylia.it. PAOLO BUSONERA (Responsabile sezione discus) nasce a Genova il 30 maggio 1964. Da sempre appassionato del mare, degli animali e di acquari. Appassionato di fotografia naturalistica pubblica, insieme ad un amico, alcuni articoli sugli uccelli rapaci e non. Negli anni 90 allestisce un piccolo acquario da salotto, in seguito scopre che i discus sono la sua passione e li alleva ormai da dieci anni. FRANCESCO DENITTO (Autore e Consigliere di Redazione) biologo Marino, Francesco Denitto svolge attualmente attivit di ricerca presso lUniversit del Salento, ove ha conseguito la laurea in Scienze Biologiche ed il suo dottorato di ricerca in Ecologia Fondamentale. Subacqueo per diletto e professione, effettua studi sulla biologia delle grotte marine sommerse e sullecologia degli organismi planctonici, in particolare le meduse. autore di svariate pubblicazioni scientifiche di biologia marina. Appassionato di lungo corso, autore di numerosi articoli di acquariofilia e dedicati allallevamento del discus. Collaboratore di riviste italiane del settore, oggi i suoi lavori sono pubblicati prevalentemente allestero. Infatti, collabora regolarmente con le pi importanti testate internazionali, tra cui lo storico Diskus Brief (Germania), la prestigiosa rivista americana

Tropical Fish Hobbyist (TFH) ed alcuni magazine asiatici. co-autore del libro Trophy Discus edito dallamericana Cichlid Press. Relatore per conferenze sul mondo acquatico, Francesco anche giudice di gara nei concorsi internazionali di discus, tra cui alcuni prestigiosi campionati in Europa ed in Asia. stato fondatore del Gruppo Acquariofilo Salentino (GAS), ove riveste la carica di segretario. TONY DI MEGLIO (Responsabile sezione mini-acquari) nato ad Ischia nel 1975 si diplomato odontotecnico. Da sempre appassionato di natura e di animali domestici (..e non!) ha allevato vari insetti tra i quali compaiono cavallette, scorpioni mediterranei e insetti stecco thailandesi, di cui ha ottenuto varie riproduzioni. naturalmente appassionato di acquari, e si dedicato negli ultimi anni alla realizzazione di mini-vasche caratterizzate da grande fascino in poco spazio. Si interessa unicamente di acqua dolce ed particolarmente interessato alle diverse variet di Caridina. Ha allevato Betta ed altri pesci dacqua dolce e riproduce Planorbis e vari altri organismi insoliti. LUCIANO DI TIZIO (Responsabile sezione acqua dolce & laghetto) giornalista professionista, si occupa di acquari da oltre 40 anni. Ha spaziato in tutti i settori di questo hobby, con una particolare attenzione al dolce nostrano ed allacquario mediterraneo. stato tra i fondatori dellAssociazione Acquariofili Abruzzese, della quale attualmente il presidente, ed stato per sette anni presidente dalla FIAAE, la Federazione che negli anni 90 del secolo scorso raggrupp tutte le allora numerose associazioni italiane di acquariofilia e di terrariofilia. Ha allevato e riprodotto pesci, anfibi e rettili ed ha condotto, da solo o con altri esperti, numerosi studi sul campo sulla piccola fauna italiana. Ha scritto oltre 1000 articoli per riviste specializzate, in Italia ed allestero, oltre ad una dozzina di libri divulgativi. stato a lungo membro del comitato di redazione e direttore responsabile della rivista Aquarium. Come erpetologo ha partecipato e partecipa a congressi scientifici con propri lavori ed coautore di diverse pubblicazioni. ALESSANDRO FALCO (Responsabile sezione Cibi Vivi) giovane acquarista e vicepresidente della Associazione Acquariofili Abruzzese, ha collaborato con importanti ditte del settore nella realizzazione di alcune mostre di acquari. Laureando in Acquacoltura e Ittiopatologia, Alessandro gestisce una fishroom di oltre 4000 litri dove alleva e studia gli animali oggetto dei suoi articoli. Le sue esperienze sono raccolte nel suo sito personale www.aquariumculture.com. MARIO LOFFREDO (Responsabile sezione Link) nato a Napoli il 9 marzo 1967 ed cresciuto ad Ischia, dove impegnato nel settore turistico. Ama profondamente il mare ed i suoi abitanti: avvicinatosi allacquariofilia allet di 14 anni non se ne mai pi allontanato. Per alcuni anni i suoi acquari sono stati i classici da salotto, ma in breve si accorto che il suo vero interesse era rivolto pi al comportamento ed alla biologia delle specie allevate, piuttosto che al colore e alla bellezza. Da diversi anni ha concentrato i suoi sforzi nella riproduzione di specie marine mediterranee. LORENZO LUCHETTA (Responsabile rubrica NonSoloAcquari) divulgatore naturalistico appassionato di piccoli mammiferi da compagnia, fauna montana, ed altri argomenti legati ad animali e piante. In merito a tali tematiche collabora con diverse riviste di settore ed ha scritto testi di cui autore anche delle immagini. Si interessa da diversi anni come amatore di stagni naturali, acquari dacqua dolce fredda e conchiglie. ANTONIO PICCOLO (Responsabile sezione Come si fa) nasce a Napoli nel 1960. I suoi interessi sono: le arti, le scienze e la tecnologia. Opera nel campo della fotografia, video e musica. Dopo numerose mostre, concerti e performance, nel 1984 termina il corso di studi laureandosi in Scenografia presso lAccademia delle Belle Arti di Napoli. Si trasferisce a Londra dove lavora con il regista americano Chatt Hall. Negli anni novanta si occupato di fotografia naturalistica, ha lavorato nel campo della pubblicit, e-commerce e documentaristica. Attualmente docente nella scuola secondaria, collabora con varie riviste on line e continua a produrre documentari e fotografie.

STEFANO CARLO ANDREA ROSSI (Responsabile sezione Acquario Marino Mediterraneo) geologo professionista, nato a Milano nel 1962, cresciuto circondato da acquari domestici. Dopo una pausa post-universitaria ha messo i ramponi nel cassetto, ha ripreso ad immergersi con lautorespiratore ed infine ad allestire acquari, con vasche di acqua dolce, di sole piante e, finalmente, ancora marine mediterranee, grazie ai gruppi incontrati sul web fino alla mailing list che evolver in AIAM (Associazione italiana Acquario Mediterraneo, www.aiamitalia.it) di cui attualmente presidente. Limpegno allindipendenza, alla divulgazione e alla didattica, lapertura al confronto ed i contatti con il mondo della ricerca sono tra gli obiettivi che considera prioritari per unassociazione di appassionati, cos che un semplice hobby possa divenire anche strumento di crescita personale per tutti. FRANCO SAVASTANO (Responsabile Spunti di Immersione e di Viaggio) napoletano, da molti anni residente ad Ischia, dove svolge attivit subacquea come consulente, responsabile locale ed istruttore (in diverse specialit tecniche) della Federazione Italiana Attivit Subacquee FIAS. laureato in Giurisprudenza, giornalista pubblicista, scrittore specializzato nei settori Nautica, Mare, Subacquea. conduttore di programmi televisivi per emittenti locali, corrispondente di riviste nazionali ed internazionali. stato inviato speciale allestero per importanti testate nazionali del settore subacqueo. autore di rubriche periodiche di biologia marina su testate europee, scrittore di manuali tecnici subacquei per testate estere, vincitore di innumerevoli prestigiosi premi ed attestazioni internazionali in concorsi foto-video, tra i quali i massimi riconoscimenti mondiali Plongeur dor Diaporama 1984, Plongeur Argent 1982, Diaporama e Plongeur de Bronze 1983, Diapositive al Festival Mondial de lImage Sous-marine di Antibes Juan-Les-Pins. stato presidente e pi volte membro di giurie nazionali ed internazionali di fotografia e film. ROBERTO SILVERII (Responsabile Sezione Anabantidi) abruzzese, nato nel 1984 a Roma e vive da alcuni anni a Bologna, ove studia Medicina Veterinaria. La passione per l'acquariofilia nasce sin da bambino dall'amore per gli animali e matura poi con l'iscrizione all'Associazione Acquariofili Abruzzese. Grazie a Luciano Di Tizio ed Amedeo Pardi si concentra nell'allevamento di Betta splendens, e dal 2005 si dedica alle variet di selezione. co-fondatore e presidente dell'Associazione Italiana Betta, che ha raggiunto proprio nell'ultimo anno traguardi importanti nella diffusione dell'allevamento delle variet "show" di Betta splendens.

GEPPY APULEO (Autore) dal 1995 operatore nel settore acquariofilia, dal 2001 prima produttore/progettista di attrezzature per la filtrazione di acquari marini. Attualmente consulente di LGMaquari. Appassionato di acquari mediterranei, subacquea e biologia marina.

ALESSIO ARBUATTI (Autore) si laurea presso la Facolt di Medicina Veterinaria a Teramo nel 2010 e si abilita alla professione veterinaria nello stesso anno. Acquariofilo da 15 anni, si occupa principalmente dellallevamento di pesci vivipari ed ovovivipari in via destinzione. Autore di varie pubblicazioni in convegni veterinari e riviste scientifiche nazionali ed internazionali, collabora da tempo con alcune delle principali riviste del settore. stato relatore in convegni scientifici e programmi radiofonici, gestisce un allevamento privato ed ha collaborato nel tempo con negozi ed importatori di pesci ornamentali. responsabile per lItalia del gruppo internazionale Goodeid Working Group, che si occupa della conservazione delle specie facenti parte della Famiglia dei Goodeidi. RAFFAELE BUFO (Autore) medico e appassionato di acquariofilia da oltre 40 anni, ha accumulato innumerevoli esperienze spaziando in ogni settore dellhobby, allevando e riproducendo pesci sia marini che dacqua dolce e approfondendo particolarmente le tematiche della biocompatibilit e dellallestimento degli ambienti in acquario. Ha collaborato a lungo con varie riviste specializzate ed stato ideatore, creatore e promotore di numerose iniziati-

ve e siti web di acquariofilia, tra i quali il primo sito internet dedicato al Discus (Discus Breeders Web Site) ed il pioniere dei forum di acquariofilia sul web, creando nei primi anni 90 quelli dedicati al Discus e allo Scalare. Co-fondatore nel 1998 ed in seguito presidente del Discus Club Italia, attualmente in contatto con appassionati e acquariologi di tutto il mondo per un continuo e proficuo scambio di informazioni ed esperienze. MIRKO MUTALIPASSI (Autore) nato a Napoli nel 1983, da sempre ha coltivato la passione per il mare, la subacquea e gli acquari. Dopo una parentesi di studi presso la facolt di Medicina e Chirurgia, si laureato in Biologia delle Produzioni marine. Vanta numerose esperienze lavorative presso serre di importazione di pesci e invertebrati tropicali e collaborazioni con aziende del settore nella realizzazione di sistemi di filtraggio per acquari marini. Ha organizzato e presenziato a numerosi convegni di acquariofilia diretti principalmente ai negozianti del settore. LUIGI STORONI (Autore) larchitetto Luigi Storoni, nato a Napoli nel 1957, si laureato con una tesi sul recupero architettonico di Pozzuoli. I suoi interessi spaziano nel campo dellarte dalla pittura alla fotografia, dalla computer grafica alla progettazione architettonica, con particolare attenzione allimpatto ambientale e allecosostenibilit. Attualmente docente di Liceo Artistico a Napoli.

i sono uomini talmente pazzi da credere di poter cambiare il mondo. L'innovazione, per, quello che nessun padre vorrebbe dai propri figli e nessuno stato vuole veramente dai propri cittadini (quest'ultimo concetto di Nicholas Negroponte, del MIT). Figurarsi degli operatori commerciali Nel campo degli acquari e della loro diffusione aquariophylia rappresenta unassoluta novit, che mette in discussione archetipi consolidati di rapporti tra produttori ed utenti finali, i quali sprofondavano le radici in epoche remote. Pensate ora, solo per un istante, a cosa avviene quando cliccate sul pulsante download. Quel tocco, che vi fa incontrare una copia virtuale di una rivista vera, completa il lavoro di una squadra di redattori, autori, referee, segretarie, registi, fotografi, pubblicitari, grafici. un lavoro duro e complesso iniziato tre mesi prima. Varie fasi di lavoro si incrociano freneticamente e sinergicamente per consegnarvi un numero perfetto. Informatica, biologia e organizzazione aziendale hanno prodotto un sistema di informazione basato sul lavoro di esperti, ma quel lavoro deve essere retribuito. Non dimentichiamolo. Eppure questo ovvio concetto, evidentemente chiaro a tutti i nostri lettori, non stato ancora compreso dai principali fruitori di tanta energia: produttori, importatori ed altri operatori del settore, i quali stanno finalmente sperimentando un inizio di ripresa delle attivit. Ripresa che potr ancora interessare il mercato nei prossimi mesi, grazie al movimento di acquariofili entusiasti creato dalla nostra rivista, ma che andr ad esaurirsi, per mancanza di energia posi-

tiva nel momento in cui le attivit divulgative dovessero interrompersi. Tutto ci che prima avveniva nel mondo fisico, ora avviene in un mondo non fisico ma non per questo meno reale. La rivista che state leggendo vale esattamente quanto una buona (anzi, ottima) pubblicazione su carta. Questo, oramai, i lettori lo sanno benissimo. Manca solo la carta. Ma a ben pensarci, a cosa serve la carta in una rivista? In genere pure spessa e patinata, per cui non pu neppure aiutare le funzioni dei servizi igienici. Senza dubbio la materia di aquariophylia vi assicura tutti gli usi di una tradizionale rivista cartacea, ad esclusione, appunto, di quelli "igienici. probabilmente una perdita accettabile! 10

Tutto questo ha un costo elevato, ad esclusione di quello della carta. Ebbene s noi non contribuiamo al taglio degli alberi, ma ci non significa che possiamo lavorare a costo zero. Il nostro problema attuale questo e vogliamo, come sempre, con totale trasparenza e correttezza, condividere i nostri dati con lettori e produttori. Dovete sapere che nel primo periodo di gestione abbiamo deciso di autofinanziare questa impresa, in assenza di supporti esterni, per dimostrare che era possibile far rinascere lacquariofilia in Italia in modo corretto, ma ovvio che non disponiamo di fondi illimitati. tempo che chi beneficia dei vantaggi di tanto movimento produttori ed importatori ricambi prendendosi carico almeno delle spese vive. Vi pare? Abbiamo stabilito sin dallinizio, infatti, che i lettori non avrebbero dovuto sostenere alcuna spesa, allo scopo di raggiungere con questa iniziativa veramente tutti, anche i non appassionati, per far vivere finalmente il sogno di un hobby largamente diffuso. Siamo sulla buona strada! Siamo partiti con 200 lettori e, dopo sei mesi, abbiamo superato ampiamente quota 30.000. Giungiamo al punto! Sapete quanto ci hanno proposto per le sponsorizzazioni molti produttori italiani? Cento euro per numero o meno! Troppa grazia Per far vivere una rivista come aquariophylia con questi budget dovremmo proporvi ogni mese 110 pagine di pubblicit! Qual il problema? Aquariophylia non piace? Certamente no. Non convince abbastanza? Al contrario! Tutti gli operatori del settore, indistintamente, giudicano positivamente il progetto ed i risultati ottenuti, dimostrando di comprendere il livello qualitativo ed il movimento di lettori creato. Qual allora il problema? Il fatto che molti produttori sponsorizzano gi delle riviste on-line. Esistono altre 11

riviste on-line in Italia o in Europa? Beh, il punto tutto qui! Esistono vari portali web che si fregiano del nome di rivista on-line. Uno crea in economia un sito web, lo riempie di contenuti raccolti a caso, poi registra il tutto e lo chiama come gli pare anche rivista on-line! Ma evidente la differenza, non vi pare? Riuscireste ad affermare che aquariophylia possa essere, in qualsiasi modo, equiparata ad un sito web? Sarebbe come affermare che Napoleone era un tram, solo perch viaggiava in lungo e in largo! No, aquariophylia non un sito web e nessun portale potr mai somigliare ad una vera rivista di acquari. Tuttavia la confusione in termini viene facilmente accettata dai produttori: se la pubblicit su una rivista on-line costa solo venti euro, perch dovrebbero pagarne molti di pi per finanziare una pubblicazione di attualit e tecnologia? La risposta potete darla solo voi! Voi, che certamente visitate siti web, ma non li trovate altrettanto appassionanti. Voi, che costituite il nocciolo duro e la base dacquisto. Voi, che ogni mese accogliete festosamente la rivista dimostrandoci tanto sincero affetto. Voi sapete che aquariophylia fa opinione, avvicina i produttori ai fruitori finali delle tecnologie, crea passioni, informa, istruisce in maniera autorevole. La differenza qualitativa ovvia e per questo motivo possiamo affermare, con orgoglio, che non scambieremmo uno solo dei nostri affezionati lettori con diecimila generici fruitori di siti web. Ma i siti web fanno numeri elevati e tanti operatori si lasciano trasportare dalle cifre. In fondo, aquariophylia letta solo da qualche decina di migliaia di utenti, mentre esistono portali che dichiarano numeri di un ordine di grandezza maggiore. Ancora una volta la questione di facile comprensione, se uno vuole guardare la

realt ad occhi aperti. La nostra rivista, nel rispetto della sua solida deontologia, dichiara solo i risultati effettivamente raggiunti. Il lettore, per noi, uno che abbia sfogliato tutta la rivista e labbia letta con attenzione. Allora, tanto per fare un esempio, andiamo ad esaminare le statistiche issuu (sono aperte a tutti e liberamente consultabili). Il numero 1, ad esempio, in questo momento stato letto da 34.447 lettori. Questo il nostro dato ufficiale, serio, concreto e solido. Andando a leggere pi in basso troviamo anche che stato visitato da 3.681.991 persone! Cosa significa? Significa che quasi quattro milioni di persone hanno aperto la rivista, ma molte di queste non erano interessate allargomento e si sono spostate altrove. Noi semplicemente non le consideriamo. Cosa dire allora degli accessi ad un sito web? Alcuni siti vantano un milione di accessi, ma si tratta di un dato paragonabile ai nostri 3.680.459: spazzatura! I veri lettori siete voi: quelli che potranno fare il futuro degli acquari in Italia. Gli altri, quelli di una visita e via noi non li prendiamo neppure in considerazione. I risultati, nella pratica, sono pi che evidenti: aquariophylia fa opinione, com giusto per una rivista di acquari. I siti web generano soprattutto traffico di curiosi e perditempo! Vi starete chiedendo dove vogliamo arrivare. Beh, il punto essenziale questo: dei tanti che usufruiscono dei vantaggi commerciali prodotti da aquariophylia, lunica rivista di acquari in Italia, nel suo genere, solo pochi hanno deciso di finanziarci. Questo significa che potremo continuare a regalarvi la rivista solo basandoci sulla 12

buona volont e la passione del nostro gruppo di integerrimi collaboratori. Continueremo a farlo, ma bene che sappiate che questa rivista, oggi, vi viene regalata solo dai marchi che trovate nelle nostre pagine pubblicitarie. Pochini, vero? Servono appena a pagare le spese vive di impaginazione. Tutti gli altri si sono tirati indietro, perch non riescono ad investire, per diffondere cultura specifica, pi del costo di un banner su un sito web, pi di una ventina di euro al mese! Questo significa che dovremo coccolare pubblicamente i nostri pochi sponsor e parlar male (o peggio, non parlare) dei tanti marchi che contribuiscono a fare il mercato specializzato? In questo modo faremmo certo un pessimo lavoro per i nostri lettori e per la diffusione dellhobby. No, tuttaltro! Continueremo a parlare onestamente di quello che il mercato ci offre, indicandone onestamente pregi e difetti, a prescindere dal marchio e senza tener conto delleventuale contributo alleconomia della vostra rivista. Quindi ci saranno ancora tante aziende che riceveranno benefici da aquariophylia, senza ricambiare in alcun modo e senza sostenere i nostri sforzi. Vi chiediamo per di prender nota degli sponsor che trovate nelle nostre pagine pubblicita-

rie. Sono loro che vi regalano ogni mese la vostra copia del magazine. Sono loro che hanno a cuore la vostra informazione. Queste aziende, interessate a produrre acquariofili soddisfatti ed a promuovere una onesta discussione sulle reali caratteristiche dei prodotti, meritano la vostra considerazione. Per il resto, andremo avanti come potremo, anche coi pochi mezzi a disposizione, perch lultima cosa che vorremmo fare deludere le aspettative dei nostri lettori. Siamo certi che, col tempo, molte altre aziende comprenderanno che un appassionato vale enormemente pi di un anonimo contatto sul web e che non si pu seriamente produrre conoscenza investendo venti euro al mese. Aumenter il numero di operatori commerciali in grado di comprendere che

non si possono festeggiare matrimoni offrendo fichi secchi e che la ripresa del mercato richiede risorse serie e contributi concreti da parte di tutti. Aquariophyila oramai un movimento inarrestabile in crescita continua e siamo fiduciosi quindi nellaggregazione che sapr operare, anche nei riguardi di coloro che non hanno ancora compreso la differenza tra una futuristica pubblicazione specializzata, unica nel suo genere, ed un banale sito web vecchio stampo. Voi potete fare la vostra parte, sostenendo gli sponsor che vi offrono questi vantaggi e diffondendo sempre pi il sogno di una passione disseminata in modo capillare. Vogliamo scommettere che insieme riusciremo a compiere il miracolo?

QUESTO NUMERO...

in breve
LECTIO MAGISTRALIS DI GEPPY APULEO. SCHIUMAZIONE, ASCIUTTA O BAGNATA? La vera evoluzione dellacquariofilia marina legata allapparizione dei primi schiumatoi veramente efficienti ed allinvenzione del berlinese, che rese obsoleti, da un giorno allaltro, i vecchi sistemi basati su filtro esterno e sottosabbia. Un grande esperto di schiumazione ci riferisce questo mese dei concetti fondamentali che tutti dovrebbero prendere in considerazione nella scelta di uno skimmer da acquari. DISCUS PER TUTTI. La prima descrizione ufficiale del genere Symphysodon risale al 1840, ad opera dellittiologo austriaco Johann Jakov Heckel, dopo circa quattro anni di studi scientifici su vari esemplari di fauna ittica catturati in Amazzonia dal naturalista suo compatriota J. Natterer. In particolare, Heckel descrisse una specie di Discus proveniente dal Rio Negro che egli denomin S. discus. Le caratteristiche che fanno di un Discus un esemplare di qualit sono diverse ed in genere sono le stesse che ne indicano un buono stato di salute. Laffermazione che si pu essere sicuri al 100% del sesso dei Discus solo quando li si osserva deporre non molto lontana dalla realt: colorazione pi marcata, pinne pi sviluppate e bozza frontale pi prominente nei maschi rispetto alle femmine sono in effetti delle caratteristiche troppo soggettive, che non possono essere assunte per uno schema differenziale di base. C tanto altro in questa guida di base per chiunque voglia cominciare con questi pesci: dai, proviamo? VAI COL LINK AMPHIPRION. Li chiamano pesci pagliaccio solo perch hanno il nasino tinto di bianco, eppure sono pesci seri, molto composti, decisamente furbi e quasi intelligenti. Sono come guppy per lacquario marino tropicale: costano in genere relativamente poco (almeno le specie pi comuni), sono abbastanza resistenti, vivono bene in acquario e ci si riproducono regolarmente. Tra i pesci dacquario sono tra quelli che meno necessitano di spazio. La loro vita nellanemone fa s che anche in natura esplorino territori veramente esigui, spesso nel raggio di pochi decimetri di barriera corallina. Infatti, allevati in acquari molto grandi si limitano a rintanarsi in un angolo e si spostano solo per raccogliere il cibo, con gran circospezione. Sono dunque pesci ideali per la vita in vasca. LA RUBRICA DEL CARASSIO. Questo mese Carassio fa dei discorsi seri. Ha sofferto per la scomparsa di un suo caro amico e non riesce ad avere la sua solita verve. Per ci racconta delle storie avvincenti per dimostrarci un paio di concetti interessanti. E dimostra cos che quando ci si mette riesce pure a fare qualche discorso sensato almeno per i pesci!

14

LACQUARIO MEDITERRANEO: INCIDENTI ED ERRORI. Questo articolo nasce dallidea che studiando gli incidenti si impara ad evitarli, per cui una brutta storia pu essere in realt pi istruttiva di mille raccomandazioni. Nasce anche dalla convinzione che condividere incidenti, errori e leggerezze commesse sia la miglior scuola affinch altri non ripetano le stesse mancanze. Sovrappopolazione, errori nellimpianto elettrico, sbilanciamento del popolamento, errata valutazione delle necessit e delle abitudini dei nostri ospiti: siete certi di saper gestire tutto ci? Se non cos, correte a leggere il bellarticolo preparato per noi dal nostro esperto di marino mediterraneo, Stefano Rossi. EVVIVA! Questo mese celebriamo il millesimo lettore di aquariophylia con un piccolo colpo di scena. In realt non avevamo indetto alcun concorso, ma abbiamo voluto comunque premiare questo acquariofilo, per celebrare un momento per noi molto importante. Andiamo a conoscere il fortunato abbonato che ha ricevuto un regalo di Natale anticipato inviato direttamente da Mamma Askoll.

ACQUARIO APERITIVO. I nostri mini-acquari stanno assumendo connotati da favola. Avevamo tentato di tutto in precedenza, ma mai avremmo pensato di allestire un acquario in un bicchierino da aperitivo. Non ci credete? Allora andate a vedere cosa ha combinato il nostro esperto di miniaturizzazione.

LA STRAORDINARIA VITA DEI PESCI POLMONATI. Certi argomenti, apparentemente normali sono in grado di attrarre la nostra attenzione e la nostra fantasia. il caso dei pesci che respirano aria: dopo la pubblicazione del breve articolo nella rubrica. Quante volte abbiamo sentito dire la frase: sentirsi come un pesce fuor dacqua, intendendo una sensazione di disagio, quasi innaturale? In realt alcune specie ittiche possono vivere a lungo fuori dallacqua sfruttando lossigeno atmosferico per le proprie funzione metaboliche. Poich la permanenza dei dipnoi in estivazione sottoterra pu essere lunga fino a 4 anni, levoluzione ha permesso a tali specie di modificare drasticamente la loro fisiologia. Solamente col il ritorno delle piogge, lanimale si riattiver e fuoriuscir dalla propria tana per tornare nel fiume. Tale comportamento, seppur di durata inferiore, si riscontra nei mudskippers (perioftalmi) i quali, durante lalta marea, sopravvivono infossati in tunnel sotterranei, dotati di una camera daria appositamente allestita dal pesce durante la bassa marea. I polmonati africani sono dotati di due polmoni funzionali e sono interessanti soggetti di questo avvincente articolo.

15

INCONTRI A SORPRESA. Torna Ippo Campo! Questo mese ha fatto la conoscenza di uno storione di nome Ian. La storia di Ian comincia, come quella di moltissimi pesci, in un uovo. Questo particolare uovo stato deposto, insieme a migliaia di altri, in un fiume ed in questo fiume che Ian trascorre i primi anni della sua vita. Come succede a tutti gli storioni, viene anche per lui il momento in cui sente irresistibile il richiamo dellacqua salata e si dirige quindi verso il mare. Troppo complesso? Beh, effettivamente anche noi cominciamo ad avere le idee confuse. Forse una bevutina dacqua a pH 5 potr darci il brivido che necessita per seguire questa storia incredibile eppure a suo modo reale. UN ACQUARIO IN CAMERA DA LETTO. Il nostro architetto questo mese ci propone una cosa vietatissima: lacquario nella camera pi silenziosa della casa. In effetti ha in serbo alcuni trucchi ed una soluzione eccellente per condividere lo spazio tranquillo del letto con i nostri beniamini. STIMOLI DI VIAGGIO. Il nostro esperto subacqueo ci conduce ad Hurgada, alla ricerca dei biotopi di Pomacanthus imperator. Gi potremo osservare limperatore nel suo ambiente naturale e riuscire cos a ricostruire in acquario la sua casa naturale. Cliccate e sarete rapidamente teletrasportati in un meraviglioso mondo tropicale. CONSIGLI PER LALLEVAMENTO E LA RIPRODUZIONE DI VARI ALIMENTI VIVI. Il nostro esperto di non solo acquari questo mese continua la sua dotta disquisizione su organismi che potrebbero essere allevati come cibo vivo per alcuni pesci ed invertebrati. In realt molti di essi potranno essere sufficientemente interessanti da essere coccolati per essi stessi! Si comincia cos e non si sa dove si va a finire. NAPOLIAQUATICA. Aquariophylia stata presente a NapoliAquatica. Si trattato di un evento travolgente, che ci ha permesso di venire in diretto contatto con tanti di voi. E per quelli che non hanno potuto raggiungere la manifestazione? Siamo qui noi che non solo ve la racconteremo, ma in futuro potremo mostrarvi le fasi pi interessanti mediante appositi filmati. Perch con aquariophylia si viaggia senza biglietto e nessun abbonato resta a casa!

COME SI FA: AQUASCAPING. Oliver Knott certamente uno dei protagonisti dellaquascaping. un esperto che riesce, con pochi passaggi, a fare di una semplice vasca un lussureggiante ambiente naturale. Lo abbiamo incontrato in occasione dellultima edizione Zoomark e lo abbiamo osservato mentre produceva un magnifico acquario. Ma lesperienza con Oliver non finisce qui, perch nel prossimo numero ci sveler in esclusiva alcuni segreti del mestiere. Anche in questo caso, il lettore di aquariophylia potr contare su privilegi assolutamente esclusivi.

16

Per voi negozianti!


Aquariophylia nasce con lo scopo di diffondere lhobby degli acquari in Italia. Con questo proposito, sin dal primo momento ha cercato di mettere in contatto hobbisti e produttori, anche attraverso un accesso diretto ai siti web delle aziende, critiche, approfondimenti, test. Ovviamente questo scopo lo raggiungeremo solo riuscendo a conquistare la fiducia di tutti gli appassionati presenti nel nostro Paese e, anzi, promuovendo larrivo di nuovi adepti. I negozianti sono senza dubbio un anello fondamentale di questo processo: senza di loro non sarebbe neppure possibile immaginare una diffusione degli acquari. Per questo motivo saremo felici di renderli parte di questo processo, teso a creare una grande comunit nazionale. In cambio chiediamo solo che ci aiutino a diffondere la buona novella: Aquariophylia esiste ed ha gi superato lesame dei lettori, ma per diventare una rivista di successo, per poter continuare ad essere distribuita gratuitamente a tutti gli acquariofili, dovr espandersi continuamente a nuovi utenti. I negozianti possono fare molto in questo senso. A tutti i negozianti che faranno il log-in nel nostro sito e ci presenteranno dieci loro clienti (ai quali, dunque, contribuiranno a regalare un abbonamento gratuito alla rivista) offriamo un piccolo spazio pubblicitario sulle nostre pagine per 6 mesi. In definitiva, la rivista potr contare su un numero maggiore di lettori. I lettori potranno continuare a leggerla gratuitamente. I clienti del negozio riceveranno in dono un abbonamento annuale al magazine. I negozianti godranno di maggiore visibilit, essendo presenti sulle pagine di un periodico nazionale. Se possiamo fare di pi chiedete pure e sarete esauditi! E voi acquariofili: stampate questa pagina e mostratela al vostro negoziante di fiducia, nel caso in cui non ci conosca ancora. Contribuirete alla diffusione della rivista e dellhobby in Italia, con evidenti vantaggi per tutti. Passate allazione: divulgate Aquariophylia!

17

In questa sezione riceviamo le vostre lettere e rispondiamo sia sulla rivista sia per e-mail. Potete scrivere semplicemente collegandovi al nostro sito web (www.aquariophylia.it) ed utilizzando lapposito spazio lettere. Ovviamente sono accettate anche lettere ricevute per posta normale, ma in questo caso i tempi di risposta sono molto pi lunghi. Nei primi numeri la rubrica avr laspetto che osservate, semplice e classico. In futuro, anche grazie ai vostri contributi, cercheremo di rendere le risposte sempre pi interattive in modo che possiate contare sul parere di vari esperti per la risoluzione dei problemi sottoposti alla redazione.

www.aquariophylia.it

ABBONAMENTO CARTACEO Scusate! Un buon giorno a tutti innanzitutto. Ma per un vecchietto come me non c la possibilit di sottoscrivere un abbonamento con supporto cartaceo? un delitto non aver la possibilit di leggere una rivista cos bella in maniera tradizionale Capisco che siamo tutti ipertecnologici, ma ci sar pur qualcuno che per rilassarsi ha bisogno di prendere un pezzo di carta in mano. una richiesta utopica? Alessandro Fabris Quella di offrire un abbonamento cartaceo unipotesi che abbiamo fatto sin dal primo momento di pianificazione della rivista. Sappiamo che si tratta di un prodotto piacevole da leggere anche in cartaceo (anzi, lo abbiamo inventato apposta!) e quindi prevedevamo che alcuni potessero desiderarlo. Il fatto che non abbiamo ancora trovato una soluzione abbastanza economica! Quello che vorremmo fare permettere a coloro che lo desiderano, di sottoscrivere un abbonamento mediante il quale pagare esclusivamente e strettamente i costi di stampa (non abbiamo alcuna intenzione di intascare un solo centesimo dai lettori!). Questo per significa che dovremo stampare esattamente il numero di copie richieste (copie in pi da mandare al macero non sarebbero coperte in alcun modo da altri introiti). Al momento, non abbiamo trovato un tipografo che possa fare questo lavoro a meno di 15 euro. 18

Non possiamo pretendere 180 euro per un abbonamento annuale (sarebbe fuori mercato!) per cui stiamo ancora cercando. Se voi lettori conoscete uno stampatore in grado di offrire prezzi migliori collaborate pure: saremo ben felici di risolvere il problema! In caso contrario continueremo comunque a cercare! Tenete presente per che la rivista viene offerta in formato totalmente aperto, stampabile in alta risoluzione. Quindi, nel frattempo, se vorrete potrete stamparla in proprio, con la vostra laser, o consegnando il pdf ad un centro stampa. Insomma, ci stiamo lavorando e non ignoriamo il problema. A piccoli passi, siamo certi, arriveremo dappertutto! Teniamo presente anche, per, che tantissime riviste cartacee e quotidiani si stanno spostando sul supporto elettronico ed molto probabile che tra quattro o cinque anni penseremo alle riviste cartacee come oggi pensiamo alle vecchie macchine da scrivere. Insomma, se non ci sbrighiamo a trovare una soluzione, molto probabile che il problema sar risolto da s!

PARERI DIVERSI: NAVIGARE CON IPAD! Gent.ma redazione, ho scoperto da circa un mese la vostra rivista online, beh! Che dire, bravissimi. Io sono un biologo, anche se nella vita lavorativa faccio altro, e sono appassionato di acquari. Ho trovato la vostra rivista per caso navigando nel web, e avendo un iPad sono riuscito a trovare anche la vostra app. A dir poco fantastica! Ho anche letto allinizio della vostra rivista che facendo un click su alcune foto queste si animano in video, e che gli indirizzi dei siti ti portano allhomepage. Devo dirvi per che con la app in iPad questo non funziona. Spero possiate trovare una soluzione, ma anche se non ci riuscite bravi lo stesso. Un saluto Mauro proprio cos: la app per iPhone (utilizzabile anche su iPad) non permette la navigazione con singolo click sui link, per una serie di motivi tecnici. Stiamo gi lavorando alla cosa e nelle prossime versioni

19

faremo in modo che tutti i link vengano conservati. Contiamo inoltre di predisporre una app specifica per iPad, in modo che i possessori del magnifico tablet possano sfruttare appieno le grandi potenzialit di questo incredibile strumento. Per ora per dobbiamo accontentarci di utilizzare la app (liberamente scaricabile dal sito Apple Store) solo per portare con noi aquariophylia in ogni momento (in viaggio, al mare, nello studio del dentista, mentre siamo in coda al supermercato), mentre per utilizzare tutte le potenzialit della rivista bisogner ancora utilizzare il monitor di un computer. In fondo si tratta comunque di una tecnica allavanguardia (pensate a quelli che usano ancora lamine di albero per leggere i giornali!) e vi promettiamo che levoluzione sar rapidissima, permettendovi sempre nuove scoperte. Il viaggio, in fondo, appena cominciato, e gi si dimostra estremamente piacevole!

ALLEVARE ROTIFERI Ciao a tutti. Spiego subito il mio problema. Da ormai 5 anni riproduco con successo: Colisa lalia, Betta, Barbus in genere Tanycthis e scalari. Il problema sta nel fatto che nonostante io usi una vasca adeguata e dunque non ho problemi di inquinamento eccessivo, l'accrescimento si porta avanti per 50-60 giorni fino alla morte dell' 80% dei piccoli. Il perch lo imputo alle eccessive dimensioni dei naupli d'Artemia. Dunque esiste del cibo vivo di dimensioni pi piccole? Gli allevatori cosa usano? P.S. Rivista fantastica! Alex Allevare rotiferi non difficile come si pensa. Anzi pi facile che allevare Artemia. Certo, bisogna prima allevare il fitoplancton, oppure fare uso di

20

unapposita soluzione nutriente. Partiamo dalla prima soluzione. Basta raccogliere (o preparare) dell'acqua di mare ed arricchirla con circa 0.5 cc di un comune fertilizzante NPK (reperibile dal fioraio sotto casa). Si inocula con una specie comune (es. Chlorella, Isochrisis o altro, facilmente reperibile in internet o presso associazioni acquariofile) e dopo una decina di giorni l'acqua verde. Si ripete questo trattamento una volta ogni 10 gg, tenendo la bottiglia sul davanzale in modo che riceva molta luce. Con lo stesso intervallo temporale, si diluisce al 50% la coltura di rotiferi con l'acqua verde preparata. Tutto qua! Se prepariamo una coltura da 1 litro di rotiferi, una volta alla settimana potremo prelevare mezzo litro di sospensione

(contenente un enorme numero di rotiferi) ed aggiungere mezzo litro di fitoplancton per perpetuare la coltura. Pi difficile da dirsi che da farsi. Bisogna proprio che prepariamo un articolo sull'argomento. Lo faremo in uno dei prossimi numeri.

DOVE TROVO IL TUBO? Salve, a pag. 46 del numero 5 della rivista si parla della riproduzione degli scalari e dei discus utilizzando come ausilio un tubo di plexiglass (altezza 55 cm) con base in teflon (spessore 4 cm e diametro 14,6 cm). Qualcuno sa dirmi dove li posso trovare? Sarei molto interessato a questi oggetti. Vorrei poi potermi

21

22

mettere in comunicazione con l'autore di tale articolo per fargli presente che la difficolt che incontra con i piccoli dei discus che al 15 giorno si scuriscono e muoiono potrebbe essere dovuta alla presenza di parassiti branchiali e quindi potrebbe o pretrattare la coppia per i branchiali o usare un bagno di sale per i piccoli. Grazie mille! Accipiter Ciao, eccomi qua! Certo che la redazione ha saputo inventarsi una formula eccellente, la rivista davvero interattiva al 100% in tutti i sensi Ma bando alle ciance, caro Accipiter, rispondo subito ai tuoi quesiti. Per quanto concerne la reperibilit dei materiali ti dir che dalle parti mie si trovano facilmente; il disco in teflon l'ho trovato presso un rivenditore di laminati. In verit si vende al metro quadrato. Mi son fatto tagliare una striscia di un metro per 15 cm e poi l'ho portata in unofficina meccanica munita di tornio. Ben presto il tappo stato costruito. Nello spessore ho fatto fare una scanalatura, dove alloggia la guarnizione; quest'ultima l'ho acquistata da un ferramenta che vende anche materiale per idraulica e giardinaggio. Il tubo in plexiglass, invece, l'ho acquistato presso unazienda che lo lavora per realizzare insegne, scale, ecc. Essi lo acquistano in varie dimensioni; se giri un po non troverai difficolt: tutta roba reperibile. Se sei della provincia di Cosenza posso darti anche degli indirizzi precisi: fammi sapere. Per quanto concerne il problema di patologie, sono spiacente, ma un'analisi al microscopio ha escluso in partenza la presenza di parassiti branchiali, anche se qualche risultato lo abbiamo avuto usando il Neguvon (con il sale fai poco o niente). Sono sempre pi propenso nel ritenere che il problema trova la sua genesi in una causa multipla di origine batterica. Altri amici allevatori, che hanno avuto lo stesso problema (anche se non utilizzando il tubo), mi hanno riferito di essersi rivolti ad un laboratorio di analisi ad hoc ed il risultato incerto perch stata riscontrata la presenza di varie specie di batteri e null'altro. Per questo penso, come detto nell'articolo, che una particolare debolezza del sistema immunitario dei pesci unita ad un'ambiente ostile crei il problema, ma ci stiamo ancora studiando e se avremo una soluzione non tarderemo

di comunicarla. Sono a disposizione per qualsiasi altro chiarimento, ti ringrazio per l'attenzione e a presto. Antonio Gioia

LA DISCUSSIONE CONTINUA! Innanzitutto grazie per la rapida risposta. Purtroppo non abito vicino a te, ma a Firenze e quindi penso che dovr darmi da fare per trovare i materiali dalle mie parti, sperando di non perderci troppo tempo. Resto in attesa di conoscere le cause della moria degli avannotti dei discus intorno al quindicesimo giorno. Accipiter Peccato, speravo abitassi pi vicino! Comunque stai tranquillo che se riesco ad uscirne fuori non mancher di renderlo noto, preciso per, a scanso di equivoci, che la moria inizia intorno al 15 giorno in maniera evidente (magari anche qualche giorno prima) ma che di fatto essa continua a manifestarsi sino al 3/4 mese anche se dopo il 2 in maniera meno evidente. Sta di fatto, comunque, che vanifica molti sforzi, cosa che non accade con gli scalari, con i quali ogni uovo al 98% un adulto. Antonio Gioia Mi inserisco nella discussione solo per una rapida considerazione. Forse Antonio ha ragione ad indicare nella debolezza organica la possibile causa della mortalit dei duscus. Ma potrebbe aver ragione anche il nostro lettore, perch linscurimento degli avannotti seguito da notevole mortalit spesso prodotto da parassiti. Si parlava di analisi al microscopio e di laboratorio di analisi. Si tenga presente che non tutti i laboratori sono adeguati ad identificare la presenza di parassiti branchiali dei pesci e che una semplice analisi al microscopio, se eseguita da personale con scarsa esperienza ed in assenza di coloranti specifici, spesso fallisce nellidentificazione dei parassiti. necessario un laboratorio specialistico veterinario con esperienza nelle malattie dei pesci per dare risposte certe. Quindi, a mio parere e secondo la mia personale esperienza, il quesito resta aperto. Valerio Zupo

23

CICLIDI NANI Ciao a tutti, da anni allevo ciclidi nani del SudAmerica, e sono un grande appassionato, al punto che da 5 anni gestisco un sito internet (www.bst67.net) dedicato a questi splendidi Apistogramma. Abito a Milano e divo dire che da qualche tempo nei vari negozi specializzati faccio un'enorme fatica a trovare ramirezi F1 da riproduzione. Vorrei sapere se anche in altre parti di Italia sussiste lo stesso problema. Bubu 67 Sul nostro forum stato Carassio il primo a dare risposta a questa lettera. Ma non possiamo permettere che il pesciolino infingardo si insinui anche nella nostra corrispondenza. Pertanto vogliamo offrire oggi (finalmente!) una risposta ufficiale della redazione. Esiste effettivamente un problema di reperibilit di ciclidi nani derivanti da riproduzione e questo, a nostro avviso, pu essere un problema per lallevatore, ma anche per lambiente, se si continua ad importare selvatici. In realt nei negozi, troppo spesso, sono disponibili esemplari derivanti da varie selezioni, meno belli di quelli selvatici e spesso anche pi difficili da riprodurre. Insomma, dovremmo preferire i selvatici o gli individui derivanti da riproduzione in cattivit? A nostro avviso dovremmo preferire sempre individui riprodotti in cattivit, perch questo libera gli ambienti naturali da uneccessiva pressione di selezione, ma dovremmo anche pretendere esemplari poco selezionati e che quindi assomiglino in tutto e per tutto ai selvatici. Ma su questo potremmo discutere molto a lungo. Nel frattempo abbiamo reclutato un esperto di ciclidi nani il quale sta gi cooperando con la redazione e che potr aiutarci nei prossimi numeri a comprendere tutti i segreti di questi pesci. un buon inizio sulla via dellacquariofilia consapevole e divertente!

SCARICARE I NUMERI PRECEDENTI Mi scuso in anticipo, ma sono un neofita acquariofilo con per una passione di lunga data... e questa rivista il top che mi poteva capitare. Vi volevo chiedere se i numeri precedenti si possono anche scaricare oltre che leggere. Grazie Lele Costa

Siamo sempre molto felici di ricevere commenti entusiastici come questo. Di contro possiamo affermare che i nostri lettori sono senza dubbio la cosa pi bella che potesse capitarci di incontrare! Bene, dopo lo scambio di convenevoli, passiamo alla risposta. Aquariophylia nasce come rivista in pdf, da scaricare e conservare. Pu essere anche stampata, registrata su supporti diversi, copiata. Insomma, fatta per essere maltrattata dal lettore, ma letta! Per questo motivo pu essere certamente scaricata. Basta cliccare sul sito (www.aquariophylia.it), in alto, sul bottone dei numeri precedenti e si viene reindirizzati ad una pagina contenente tutti i numeri pubblicati (incluso lultimo). A questo punto, dopo un paio di click nei posti giusti (pi facile a farsi che a dirsi!) parte il download che in genere dura pochi secondi. Nella finestra del gestore del download conviene scegliere salva il file sul disco indicando una posizione (es. la scrivania del computer) perch se il client internet settato per la sola apertura dei files, la rivista viene scaricata ma cancellata subito dopo. Se invece si sceglie salva sul disco, il file registrato e resta di propriet dellutente. Il file scaricato pu quindi essere stampato su una qualsiasi stampante domestica, consegnato ad una tipografia per una stampa professionale, oppure essere trasferito a qualsiasi computer e tablet, per la lettura elettronica. Questultima ovviamente comporta vari vantaggi, perch permette di approfondire gli argomenti attraverso navigazione online, filmati, ecc. Ma anche la possibilit di stampare la rivista e portarsela in bagno unopportunit da considerare. Infine, si tenga presente che esiste una app per iPhone (basta digitare acquari in Apple Store per vederla apparire e scaricare gratuitamente) e che i pdf della rivista sono leggibili sulla maggior parte degli smartphone compresi quelli di tipo Android. Ultima, ma non ultima, la possibilit di leggerla sul sito issuu.com o sul sito di alcuni dei nostri sponsors (es. Cia Acquari) che riservano ai lettori di aquariophylia la possibilit di leggerla sui relativi portali, offrendo in genere maggiore velocit ed efficienza a causa del pi basso numero di accessi contemporanei. Dunque, come vede, potr leggerla come le pare, scaricarla, stamparla, ecc. Eviti di distribuirla (bench sia lecito) per: se i suoi amici acquariofili vorranno

24

leggerla, chieda loro di iscriversi al sito come ha fatto lei. Infatti, sono ancora molti gli acquariofili che si scambiano il file, non potendo cos essere conteggiati come lettori. Questo, oltre ad impedire loro di approfittare dei vantaggi esclusivi destinati agli abbonati (uso delle nostre agenzie di viaggio di riferimento, sconti, buoni premio come quelli che vengono offerti dagli sponsor, dopo aver stampato i relativi moduli presenti nella rivista, ecc.) impedisce a noi di crescere. La rivista si basa sul numero di lettori accertati e sugli abbonati per dimostrare agli sponsor la sua validit. Se i lettori non si dichiarano (iscrivendosi gratuitamente al sito) si rischia di non poter dimostrare le nostre effettive potenzialit e questo penalizzer i contenuti e, alla lunga, la stessa nostra esistenza. Quindi, come gi detto in precedenza, suggerite ai vostri amici acquariofili di iscriversi al sito: non costa nulla, offre vantaggi indubbi, e servir a darci un contributo importante per continuare a regalarvi un prodotto eccellente, ogni mese.

RIPRODURRE I BARBUS Salve, qualcuno esperto sa come far riprodurre i Barbus titteya? Ho solo una coppia ma non sono riuscito a farli riprodurre in una vaschetta da 10 litri. Grazie. Salbt I Barbus titteya sono piccoli pesci dacqua dolce che vivono in alcuni fiumi del Sri-Lanka, soprattutto in acque in ombra contenenti molta vegetazione. Hanno un grazioso corpo a sacchetto di colore brunastro sul dorso e pi chiaro sulladdome ma in alcune condizioni di luce hanno riflessi rossi, cosa che gli ha fatto guadagnare il nome comune anglosassone di Barbi ciliegina. I riflessi rossi sono particolarmente evidenti nei maschi, nel periodo dellaccoppiamento e normalmente gli esemplari derivanti da cattura sono molto pi colorati di quelli da allevamento, anche se una dieta ricca, contenente anche alimenti ricchi di carotenoidi, pu essere utile per migliorare la loro

25

livrea. I maschi si riconoscono perch sono pi colorati e meno grassocci delle femmine. Queste ultime, peraltro, hanno le pinne giallastre al contrario dei maschi, che le hanno rossicce. Quindi il dimorfismo sessuale abbastanza facilmente riconoscibile. Richiedono acqua con pH compreso tra 6.5 e 7.5, temperatura tra 23 e 26 C, durezza totale tra 2 e 15 dGH, assenza di ammoniaca e nitriti. In generale questi pesci risiedono presso il fondo e sono soliti grufolare nella sabbia a caccia di piccole prede, cosa che ne fa anche eccellenti spazzini dellacquario. Ovviamente se allevati in piccole vasche ricche di piante e se di tanto in tanto procureremo di fornire qualche preda fresca o viva, potranno facilmente ricompensarci con una riproduzione, trattandosi di una specie di facile allevamento. Preferiscono vasche con substrati scuri e poca luce, ovvero, acquari contenenti piante galleggianti e piante dalle foglie sottili (es Cabomba) ma anche prato, perch questi ciprinidi amano vivere e riprodursi nel verde. Per la riproduzione, possono essere allevati anche in vasche di comunit, ma quando si cominciano a vedere femmine con laddome arrotondato bisogna trasferire delle coppie in unapposita vasca da riproduzione. Questa dovrebbe essere una vaschetta di vetro da una quarantina di litri, riempita solo sino ad un livello di 15-25 centimetri dacqua. Dovrebbe essere arredata con muschio di Giava, Cabomba ed altre piante sul fondo, dove la femmina possa trovare riparo nel caso in cui il maschio diventi troppo aggressivo. La temperatura dellacqua pu essere mantenuta a 25 C. Questa vasca dovrebbe essere sistemata di fronte ad una finestra, in modo da ricevere i primi raggi di sole del mattino, mentre le coppie dovrebbero essere trasferite nella vasca di notte. Infatti si riproducono in genere allalba. A questo punto i maschi prendono una bella colorazione rossiccia e cominciano a danzare di fronte alle femmine, mentre queste ultime diventano brune. Nellarco di molte ore sono deposte sino a 300 uova da una singola femmina, attaccate alle foglie delle piante. A questo punto i genitori vanno allontanati dalla vasca, per evitare che divorino le loro stesse uova. La vasca deve essere fortemente aerata. Dopo 4-5 giorni nascono i primi avannotti, molto piccoli, che hanno ancora il sacco vitellino. Dopo

un giorno circa, quando il sacco vitellino quasi totalmente assorbito, vanno nutriti con colture di infusori. A questo scopo, bisogna acquistare delle apposite capsule (disponibili in negozi specializzati) e farle maturare in acqua stagnante. Poi si potranno somministrare gli infusori, con una siringa, direttamente in mezzo alla nuvola di avannotti. In genere accettano di buon grado anche dei rotiferi dacqua dolce, le cui cisti possono essere reperite in alcuni negozi di acquariofilia. Dopo pochi giorni si pu passare ai nauplii di Artemia salina appena schiusi; meglio se si utilizzano delle microcisti, date le dimensioni degli avannotti. Solo dopo circa 20 giorni si potr iniziare a somministrare cibo fresco finemente tritato e poi cibo secco sbriciolato. La crescita lenta ma aiutata da frequenti cambi parziali.

RISPETTIAMO LE OPINIONI DI TUTTI Ho gi sfogliato il numero 5 che non ho ancora letto, ma ho gi visto tante cose interessanti. Complimenti e grazie! Ho notato con piacere che aumentato il numero dei redattori e collaboratori della rivista. Credo che questo sia un buon segno per il futuro. Tra gli autori c' una carenza nella quota rosa (!). Questo invece non un buon segno Ho letto e fortemente condiviso l'editoriale. Ci sono forum nel web dove sei infamato per aver messo un'anforetta o un palombaro nell'acquario e dove una decina di persone pensa di poter stabilire cosa bello e cosa non lo , ma anche, purtroppo, cosa giusto e cosa non lo . Quando si parla di temi eticamente sensibili ammessa una sola visione, spesso estremista. Sergio Sergio, il suo messaggio molto interessante e saggio e va in controtendenza rispetto ad alcuni altri che pure riceviamo. Ci fa piacere perch dimostra che la redazione si pone "nel mezzo" rispetto ai diversi possibili (tutti rispettabili) punti di vista. Ringraziamo dei complimenti, sempre graditissimi, anzi, indispensabili per darci l'energia per continuare. S, i collaboratori aumentano ma quelli del gentil

26

sesso diminuiscono. Cosa dire? Noi ci proviamo... Ma se le signore acquariofile non si fanno avanti c' poco da fare. Quindi facciamo nostro questo appello: acquariofile, collaborate! In ogni caso consideri che almeno due cariche importanti in redazione (coordinatrice editoriale e responsabile per la diffusione) sono stati affidati a persone... in rosa. Quindi almeno l'onore salvo! Stiamo inoltre corteggiando una grande esperta italiana di aquascaping. Se decider di accettare le nostre advances le signore in redazione saranno tre. Meglio di niente! Infine l'editoriale. Rappresenta come sempre il punto di vista della redazione o perlomeno di una parte di essa. Per proprio recentemente, un altro

lettore (non solo simpatico e colto, ma anche molto attivo) ha discusso a fondo la questione (vedi argomento "pesci rossi" nel forum) avendo un punto di vista apparentemente opposto al suo. Questo dimostra che i pareri possibili sono tanti, e tutti hanno il diritto di esprimere con forza il proprio. Quello che aquariofilia garantisce di dare spazio a tutti per poterlo fare, in piena libert e senza per questo dover essere "spellati" o accusati di nefandezze varie. Dobbiamo continuare a tenere la discussione nel merito tecnicoscientifico, senza nulla di personale, con schiettezza e senza peli sulla lingua, ma nel pieno rispetto dell'altro. Senza preconcetti. Solo cos cresceremo. Tutti insieme.

27

schiumazione :

Lectio magistralis

ASCIUTTA O BAGNATA?
di Geppy Apuleo - I parte

La

vera evoluzione dellacquariofilia marina legata allapparizione dei primi schiumatoi veramente efficienti ed allinvenzione del berlinese che rese obsoleti, da un giorno allaltro, i vecchi sistemi basati su filtro esterno e sotto-sabbia. Studi approfonditi sulle biocenosi coralline tropicali mostrarono lincredibile simbiosi con Dinofite del genere Zooxantella e limportanza delle cromoproteine nei processi fisiologici degli Antozoi. L obiettivo divenne il controllo dei nutrienti, nonch delle sostanze ingiallenti. Dimprovviso quindi lo schiumatoio divenne la soluzione a tutti i problemi. Lo sviluppo degli schiumatoi, da allora, si svolto in alcuni casi in modo empirico, in altri casi seguendo teorie pi o meno solide, in altri ancora del tutto casualmente, con prove successive prive di una reale idea e di un vero progetto. La schiuma allinterno del cilindro automaticamente dava la certezza, illusoria, del funzionamento. La comprensione dellimportanza di avere una buona colonna di contatto, di uninterfaccia estesa aria-acqua e quindi di bolle di ridotte dimensioni, lo studio dei materiali, delle giuste proporzioni, dellidrodinamismo allinterno della camera, tutto ci ha permesso la creazione di prodotti maggiormente efficienti, compatti e versatili. Lo studio dettagliato di questi processi si avuto nei primi anni novanta ad opera di Gregory and Zabel (1990), Lawson (1994), Timmons (1994) e Summerfelt (stampe). Al fine di comprendere meglio i processi che avvengono allinterno di uno schiumatoio fondamentale comprendere la chimica degli acquari e degli ecosistemi marini. Spendiamo due parole sui composti organici: sono costituiti da uno scheletro di carbonio al quale sono legati altri atomi, che concorrono alla formazione della molecola: fosforo, zolfo, idrogeno, ossigeno e azoto sono tra gli elementi pi diffusi. Il fine ultimo dellalimentarsi quello di assumere dallesterno tali molecole organiche e ricavarne energia per compiere lavoro, per la sintesi di nuove molecole, per il mantenimento dei potenziali di membrana e in generale per tutte le attivit metaboliche. Alcuni esempi di composti organici: N zuccheri semplici e complessi N lipidi di vario genere N proteine N acidi nucleici N tossine N Isoprene e terpeni N Idrocarburi aromatici come ad esempio benzene e fenoli Come si pu ben comprendere, esiste uninfinit di molecole organiche dalle propriet chimiche, fisiche e biologiche pi disparate. In mare queste molecole sono rinvenibili in varie forme che possono essere divise facilmente, in base alla granulometria, in sostanza organica disciolta e sostanza organica particellata. La prima, detta DOM, comprende particelle delle dimensioni inferiori a 0,5 m; la seconda, detta 28

Geppy Apuleo. Dal 1995 operatore nel settore acquariofilia, dal 2001 prima produttore/progettista di attrezzature per la filtrazione di acquari marini. Attualmente consulente di LGMaquari. Appassionato di acquari mediterranei, subacquea e biologia marina.

Sfera di idratazione. Lo ione positivo circondato da molecole dacqua orientate

POM, costituita da particelle pi grossolane. Il materiale organico, alimento per coralli e pesci, se in eccesso, diviene fonte di nitrato e fosfato. Questi possono trovarsi sia in forma organica sia inorganica; parleremo quindi di azoto totale sul particolato (P.N.), azoto totale disciolto (T.D.N.) e azoto inorganico (T.D.I.N.), cos come di P.P. (fosforo totale sul particolato), T.D.P. (fosforo totale disciolto) e Fosforo inorganico. Azoto e fosforo in forma organica sono eliminati dallo schiumatoio. Le forme inorganiche quali ammoniaca/ammonio, nitriti, nitrati, ortofosfati, sono fortemente legate alle molecole dacqua risultando quindi non estraibili. Diverso il discorso per il particellato giallognolo, da molti considerato tipico di ambienti chiusi con basso scambio idrico. innegabile che linquinamento antropico in mare e laccumulo di cataboliti, in acquario o in bacini chiusi, sono i principali responsabili dellaccumulo di sostanza giallognola che prende il nome di materiale giallo, Gelbstoff o Colored dissolved organic matter (CDOM). In realt stato dimostrato che
29

essa gioca probabilmente un importante ruolo ecologico negli ambienti litorali. Chimicamente il CDOM una miscela di polifenoli, come ad esempio tannini, di alcaloidi, proteine e carboidrati complessati. Ovviamente queste sono sostanze che devono necessariamente essere estratte poich causano aumento della torbidit e della rifrazione luminosa. Sono per, per lacquariofilo principiante, un utile indice di accumulo di sostanze indesiderate. Come gi detto molecole inorganiche come nitriti, nitrati e fosfati sono fortemente legate allacqua. Questi legami, detti ponti idrogeno, aumentano la solubilit delle molecole e creano attorno a queste uno strato di molecole dacqua detto sfera di idratazione. Non tutte le molecole sono idrofile. Alcune, contenenti ad esempio lunghe catene di carbonio e idrogeno, vengono dette idrofobe e non stabiliscono legami particolari con i mezzi acquosi. Formeranno quindi fasi separate: un esempio pratico sono le gocce dolio in acqua. Esempi di molecole idrofile sono gli zuccheri, lalcol etilico, la glicerina, alcuni amminoacidi, alcune vitamine come la B6, B12 la biotina la niacina e la vitamina C. Esempi di molecole idrofobiche sono gli oli, il colesterolo, i grassi, alcune vitamine (A, D, E, K), gli idrocarburi e alcune sostanze come DDT e PCB che possono dar vita a fenomeni di biomagnificazione, poich hanno la capacit di penetrare nei tessuti e accumularsi nelle aree ricche di grasso. Ogni molecola organica ha il proprio grado di idrofilia/idrofobia e risulta quindi pi o meno
Esempio di molecola anfipatica: testa idrofila e code idrofobe

Disposizione delle molecole anfipatiche in acqua: lesempio della micella lipidica e del doppio strato fosfolipidico

affine ai solventi acquosi. Vi sono inoltre molte molecole organiche che possiedono sia regioni idrofile che idrofobe; queste molecole son dette anfipatiche (o anfifiliche). Un esempio classico sono le proteine, i fosfolipidi, acidi grassi e saponi. Le membrane cellulari ad esempio, sono in larga parte costituite da sostanze anfipatiche: la struttura a doppio strato fosfolipidico permette di separare ambiente esterno e interno delle cellule. Le sostanze anfipatiche tipicamente sono caratterizzate da una testa idrofila che forma legami ad idrogeno con lacqua e da code idrofobe che sfuggono da essa. In acqua formano, oltre al gi mensionato doppio strato fosfolipidico, anche degli aggregati detti micelle ove le sostanze anfipatiche (definibili tensioattivi) si posizionano con le code apolari tutte rivolte verso il centro della micella e con le teste rivolte verso il solvente acquoso. Si forma cos unarea centrale idrofoba chimicamente stabile. Perch una micella si formi per necessario superare forze di repulsione normalmente presenti nelle aree apolari delle molecole e si indica come concentrazione micellare critica, o CMC la concentrazione di tensioattivo minima necessaria alla formazione delle micelle.
30

Unalternativa a questa disposizione si ha nel momento in cui si formano bolle daria nel mezzo acquoso. In questo caso le sostanze anfipatiche raggiungono la massima stabilit orientando le code non polari verso il centro della bolla daria e le teste verso lesterno. Questa disposizione rende
Adesione delle molecole anfipatiche alla bolla daria. Da notare che queste si dispongono necessariamente in un monostrato attorno alla bolla daria

Processo di asciugatura in uno schiumatoio

le bolle daria delle vere e proprie superfici adsorbenti che permettono la raccolta e lancoraggio del materiale organico. Molecole diverse avranno affinit diverse per linterfaccia aria/acqua: non tutte le molecole quindi legheranno la superficie delle bolle allo stesso modo e tra esse vi sar una sorta di competizione per lo spazio disponibile sullinterfaccia. Questo fenomeno reso ancora pi importante se si considera che i tensioattivi, detti anche surfattanti, non possono fare altro che disporsi in monostrato attorno alla bolla.
Esempi di schiumazione secca

Ovviamente maggiore sar la superficie di interfaccia maggiore sar il numero di surfactanti che potranno aderire alla bolla daria. Ipotizzando di immettere un determinato volume di aria in un mezzo acquoso, la superficie di interfaccia totale sar tanto pi estesa quanto pi saranno piccole le bolle daria. Ipotizzando che le bolle abbiano la forma di una sfera si dimostra matematicamente che con l'aumentare del raggio, il volume della sfera cresce pi della superficie. Infatti il rapporto fra queste due quantit r/3. Alla luce di quanto spiegato circa il rapporto superficie/volume necessario comprendere quanta aria immettere nello skimmer al fine di ottimizzare il numero e la dimensione delle bolle e rendere performante il suo funzionamento. necessario cio immettere la giusta quantit di aria poich vi una proporzione aria/acqua che dipende da una serie di variabili tra cui salinit e temperatura dellacqua. Immettendo poca aria avremo una schiumazione inefficiente per ridotta superficie di interfaccia, immettendo troppa aria avremo un fenomeno di bubble merging: le bolle, troppo vicine le une alle altre, acquistano sufficiente forza da fondersi in bolle di dimensioni maggiori e con superficie utile totale minore. Avere bolle piccole, oltre ad aumentare la superfi-

31

cie di interfaccia, permette di aumentare decisamente il tempo di contatto tra la bolla stessa e lacqua. Bolle piccole infatti possiedono una minore velocit di risalita. Mediante lequazione di HadamardRybczynsk (derivata dellequazione di Stokes) possibile quantificare la velocit di una bolla sferica ipotetica che si muove in un ambiente fluido. Nel dettaglio:

R il raggio della bolla. R2 g laccelerazione gravitazionale. b la densit della bolla o la densit dellambiente fluido b la viscosit della bolla o la viscosit dellambiente fluido. Si pu facilmente intuire come al diminuire di R, cio del raggio della bolla, la velocit diminuisca. Alcuni autori reputano che il raggio delle bolle diminuisca con laumentare della concentrazione di sostanze schiumabili, in particolare proteine (Chen et al. 1992). Ci fermiamo qui con i nostri discorsi tecnici, per darvi il tempo di digerire questi concetti di base. Nel prossimo numero continueremo con una disamina tecnica degli strumenti disponibili per luso in acquario. Bibliografia
Chen, S., M. B. Timmons, D. J. Aneshansley, J. J. Bisogni, Jr. Suspended solids characteristics from recirculating aquaculture system and design implication. Aquaculture 112: 143-155 p. 1993 Chen, S., M. B. Timmons, J. J. Bisogni, Jr., D. J. Aneshansley Suspended solids removal by foam fractionation Proc. FishCul. 55: 69-75 p. 1993 Chen, S., M. B. Timmons, J. J. Bisogni, Jr., D. J. Aneshansley; Modeling surfactant removal in foam fractionation. Aquacul. Eng. 13: 163-181 p. 1994 Chen, S., M. B. Timmons, J. J. Bisogni, Jr., D. J. Aneshansley; Protein and its removal by foam fractionation. Prog. Fish-Cul. 55:76-82 p.1993 Chen, S., Timmons, M. B., Bisogni, J. J. & Aneshansley, D. J. Bubble size distribution in a bubble column applied to aquacultural systems. Aquacultural Engineering. 1992 Lawson, T. B. The effects of column height and diameter on the effective- ness of a continuous bubble fractionation system.Water Res. 5, 93-102 p. 1978 Lawson, T. B. Venturi design parameters for air injection into a foam fractionation system. PhD dissertation, The University of Maryland, College Park, MD, USA Timmons, M. B. and T. M., Losordo Use of foam fractionation in aquaculture. In: Aquaculture water reuse systems: engineering

Raccolta di una elevata quantit di materiale organico


designand management ed. Elsevier The Netherlands 247-277 p., 1994 Timmons, M. B., S. Chen, N. C. Weeks;Mathematical model of a foam factionator used in aquaculture J. World Aquacult. Soc.26 225-233 p. 1995 Timmons, M.B., Losordo, T.M. Use of foam fractionators in aquaculture. (Eds.), Aquaculture Water Reuse Systems: Engineering Design and Management. Elsevier, Amsterdam, 247279 p.

Dettaglio di una colonna di contatto: bolle piccole ed in numero elevato

32

Piccoli tesori per acquariofili esigenti: Geppy Apuleo e la sua piccola grande azienda
Valerio Zupo Scrivo questa breve nota dopo vari ripensamenti, perch so di fare cosa molto poco consueta. Descrivere lattivit di uno dei nostri lecturer, gli autori delle Lectio Magistralis, normale ed giusto. Parlare di essi con responsabilit di azione, quando questi siano anche impegnati nel campo commerciale pu apparire veramente bizzarro e, in fondo, poco ortodosso. In realt ci sono due motivi validi ed accettabili per parlare in pubblico di un amico che abbia interessi commerciali: o allinizio della carriera, e quindi bisogna presentarlo ufficialmente in pubblico augurandogli buon lavoro, oppure la sua carriera finita prematuramente, e allora bisogna farne il panegirico (non so quale combinazione di tasti produca il segno di scongiuro, ma son certo che lamico Geppy star, in questo momento, toccando ferro ed altro). Questo un caso totalmente diverso, ma la nostra una rivista anticonvenzionale, in tutti i sensi, quindi trovo utile, quasi doveroso, scrivere qui alcune righe. E lo faccio. La persona che ha concluso la prima parte dellarticolo che avete letto (peraltro con la valente collaborazione di uno dei nostri nuovi e migliori acquisti di redazione) impegnata sul campo, nella ideazione, costruzione e commercializzazione di schiumatoi, reattori ed altri accessori per acquari. La sua azienda si chiama LGMAcquari (http://www.lgaquari.it/pages/home) ed una piccola fabbrica di meraviglie. In realt la titolare dellazienda Manuela, ma lanima sua. Lho visitata personalmente proprio ieri ed ecco il motivo per il quale non riesco a tacere! Ho visto magnifici schiumatoi, pensati nel dettaglio, migliorati, testati, poi costruiti in piccolissime serie. Erano raggruppati sui banchi in piccole serie da 6-10 esemplari. Tutti torniti a mano, lisciati, abbelliti utilizzando plastiche nobili e tanta, tanta passione. Possiamo parlare di attivit commerciale? Senza dubbio s, considerando che i prodotti LGMAcquari sono diffusi da Sicce (http://www.sicce.com), secondo le informazioni in nostro possesso. Si tratta per di pezzi unici, realizzati a mano, dunque vera arte per lacquariofilo esigente. Conoscendolo, non credo che Geppy continuerebbe a produrli se la cosa non gli desse soddisfazione, gioia del fare e dellideare. Abbiamo avuto modo di constatare che le performances sono allaltezza delle attese (e dei prezzi, che non sono proprio bassissimi!) e ritengo, personalmente, che uno strumento di questo tipo, pensato e cesellato per assecondare personali esigenze, possa essere un bellissimo dono per un appassionato. Dunque ho seguito il mio istinto scrivendo queste poche righe, perch sono certo che consigliare agli acquariofili di navigare nelle pagine internet che parlano dei prodotti LGMAcquari (che sono tante) potr divertire e, probabilmente, trasportare in un mondo di tecnologie familiari, di prodotti industriali modernissimi dal sapore antico. Mi piacerebbe, anzi, conoscere il vostro parere: scriveteci le vostre esperienze personali (anche quelle negative, ovvio!). A chi penser ora che questo box sia stato scritto per ingraziarsi un possibile sponsor rammento che LGMAcquari non nostro finanziatore e probabilmente non lo sar mai, a meno che non passi alle catene di montaggio (cosa che non sapremmo se augurare a loro ed a noi!). A Geppy, che certamente non amer ritrovarsi citato (ha un carattere schivo e riservato, il mio amico e nostro lecturer) chiedo perdono ricordandogli che in questo modo siamo finalmente riusciti a parlar bene di un produttore vivo! A chi, infine, ritenendo che importante sia solo il prezzo e la quantit di pezzi venduti, trover insulsa lidea di deliziarsi semplicemente apprezzando le caratteristiche di accessori prodotti con passione per i particolari, a misura duomo e di acquariofilo, di cose divertenti perch prodotte con amore, consiglio, sinceramente, di cambiare rivista. Con affetto. 33

Evviva!
Celebriamo il MILLESIMO abbonato di aquariophylia!

ome sapete aquariophylia si sta rapidamente espandendo grazie al vostro entusiasmo e, un po, forse, anche grazie al nostro! Per noi fondamentale, perch la nostra credibilit nei confronti degli sponsor dipende proprio dal numero complessivo di lettori. I lettori che ci seguono attraverso iPhone ed iPad sono tantissimi, difficili anche da contare! Quelli che ci seguono on line, sul nostro sito o su quello issuu.com sono ancora di pi ed aumentano continuamente. Ad esempio, il numero 1 della rivista nel momento in cui stiamo scrivendo stato letto da ben 31.448 lettori, ma proprio oggi stato sfogliato quasi totalmente da ben 502 lettori. Dunque il numero totale di contatti aumenta giornalmente persino per fascicoli pubblicati vari mesi fa. Tuttavia noi siamo particolarmente affezionati ai nostri abbonati, quelli che fanno parte della nostra famiglia e che si iscrivono sul nostro sito web. Sono gli stessi che possono leggere immediatamente lultimo numero della rivista (su issuu.com compare con un mese di ritardo), che usufruiscono degli sconti per i viaggi, che possono inviare le cartoline per il ritiro dei premi presso i nostri sponsor e che, tra breve, cominceranno a ricevere inserti software per il loro acquario, schede di pesci e piante, stampe

Labbonato, Mario Emilio Manca, di fronte al suo acquario

prodotte da grandi artisti ed altri omaggi (tranquilli, continuer ad essere sempre tutto gratis!) riservati ai soli abbonati. Per questo motivo siamo stati particolarmente felici di aver raggiunto il primo, piccolo traguardo: il millesimo abbonato ad aquariophylia. Lo abbiamo immediatamente identificato in base allindirizzo di posta elettronica e contattato, per inviargli un premio. Sapete cos successo? Nulla. Non ha risposto! Beh, diciamo la verit, voi cosa avreste fatto se aveste ricevuto una lettera che vi informava di essere il millesimo abbonato? Tutti noi ne riceviamo ogni giorno e le cestiniamo subito. Quindi non ci siamo meravigliati! Ma come da programma siamo andati avanti, contattando dopo lo scadere del periodo indicato nella mail (una settimana) il lettore numero 1001. Eravamo disposti ad arrivare sino al duemillesimo: qualcuno, prima o poi, si sarebbe fidato. Bisogna dire che il numero milleuno un lettore molto sveglio ed ha colto Lacquario del nostro abbonato numero 1001. Complimenti per il programma! 34

immediatamente loccasione, rispondendo prontamente alla nostra richiesta di informazioni! Si tratta del giovane Mario Emilio Manca, di Cagliari, al quale vanno i nostri auguri affettuosi, sinceri e festosi. Allabbonato 1001 stato immediatamente inviato un magnifico premio messo a disposizione da Askoll. Premio, abbonato ed acquario dello stesso sono riportati nelle foto e, ad essere onesti, non sapremmo dire chi di essi sia pi splendido. Infatti il premio prestigioso, il giovane lettore decisamente un bel ragazzo ma il suo acquario meriterebbe un premio aggiuntivo. Cosa dire? Complimenti sinceri e vivissimi e Ad Majora! Nel contempo dobbiamo ringraziare

moltissimo il nostro sponsor, Askoll, sempre pronto nel sostenere iniziative tese a diffondere la passione sincera per gli acquari domestici. Siamo certi che Mario Emilio non smetter di seguirci, specialmente dopo questa piacevolissima esperienza. Lo stesso faranno tutti gli altri amatissimi abbonati, i nostri unici padroni, che possono continuare a contare su una pubblicazione moderna, autorevole e divertente. Ci dispiace invece per il millesimo lettore, che ha esitato troppo. Coraggio: forse ci sar unoccasione ulteriore al momento dellentrata in scena del decimillesimo abbonato. Rimbocchiamoci tutti le maniche, dunque, perch c tanto da fare per ogni acquariofilo di buona volont!

Cosa di fatto ha ricevuto il nostro lettore numero 1001?


Askoll Therm M il termoriscaldatore con termostato pre-tarato. Immerso in acquario sembra per una sinuosa pianta acquatica che dal fondo risale fino in superficie. Adatto in allestimenti d'acqua dolce e marina, raggiunge la temperatura impostata velocemente e la mantiene con costanza. Pensato per semplificare la vita anche a chi nuovo del mondo degli acquari, arriva in cinque diversi formati, dalla Small (S) alla Extra Large (XXL), a cui corrispondono crescenti potenze (da 35 a 300W) necessarie a riscaldare acquari di diversi litraggi. In questo modo pi intuitivo capire qual lAskoll Therm adatto alla propria vasca.

Il premio: Askoll Ambrosia granuli pesci tropicali, Askoll Therm M, Askoll Cycle Ultrafast e Askoll Test pH acqua dolce

Askoll Cycle Ultrafast Cycle Ultrafast l'additivo biologico per filtri che combatte l'inquinamento, depura l'acqua e assicura la salute dell'acquario. Contiene tutti i microrganismi buoni che eliminano ancora pi rapidamente linquinamento e i rifiuti organici. Universale per acquari dacqua dolce e marini, raccomandato per avviare nuovi acquari e per ripristinare il giusto equilibrio dopo interventi di pulizia e manutenzione. Askoll Ambrosia Granuli pesci tropicali Ambrosia Granuli pesci tropicali un mangime sviluppato per soddisfare le esigenze nutrizionali di tutti i pesci tropicali dacqua dolce. I suoi ingredienti lo rendono un prodotto altamente appetibile e nutrizionalmente superiore, adeguato alle diverse esigenze nutrizionali dei pesci allevati e riprodotti in acquari di comunit. Contiene eta-glucani, composti naturali che apportano un valido aiuto nella difesa da patologie dovute a diversi agenti patogeni. Ambrosia granuli compatto, si ammorbidisce lentamente, dando al pesce pi tempo per cibarsene, riducendo, quindi, il rischio dinquinamento in acquario. Askoll Test PH La maniera pi rapida, semplice e sicura per monitorare in modo preciso e accurato i parametri pi importanti dell'acqua. Consente di effettuare un'importante opera di prevenzione.

35

Aquariophylia
E
cco i primi lettori che hanno risposto alliniziativa avviata il mese scorso: vi ricordate? Per gli smemorati e quelli che hanno perso il numero precedente (ma potete leggerlo anche adesso, sempre disponibile in rete) ripetiamo i motivi che ci hanno spinto a promuovere questa gara e i termini di partecipazione. Allestire un acquario e gestirlo una cosa meravigliosa ma, diciamolo sinceramente, bello anche mostrarlo agli altri! Siamo orgogliosi quando la zia, il nonno, la fidanzata, il figlio, arrivano a casa e si stupiscono di fronte al nuovo landscape realizzato. Possiamo allargare un po la cerchia degli amici da stupire? Certamente, con laiuto di aquariophylia. Ovviamente non potremmo pubblicare le foto di tutti i nostri lettori (ogni mese servirebbero migliaia di pagine) per possiamo promettere di pubblicare le La foto di Fabio di Bollate (MI) ha il merito di essere la prima ad essere arrivata e si riferisce al suo acquario di comunit

Marco di Padova ci propone il suo bellacquario con vetro curvo, anchesso popolato da una popolazione multicolore di pesci

36

Photo contest
pi belle. Abbiamo quindi pensato ad una bella gara, senza trucchi e senza imbrogli, per permettere a tutti di gustare la soddisfazione di mettere il proprio acquario in mostra. In pratica, con laiuto di un sito web che coopera con questa iniziativa, voi potrete inviare le vostre foto e vederle pubblicate on-line. Le tre pi belle saranno scelte ogni mese e troveranno spazio sulle pagine della rivista. Cos nascono giovani fotografi. Ovviamente il nostro contributo non finisce qui! Abbiamo in progetto un corso di fotografia naturalistica per acquariofili che sar tenuto da un ottimo fotografo naturalista e siamo certi che col suo aiuto dimostrerete, mese dopo mese, i progressi raggiunti, inviando le vostre foto al sito web che si prender cura di inserirle on-line e, nel caso, premiare le pi meritevoli con gli onori della stampa! Il terzo vincitore del Contest di questo mese Matteo di Milano. La foto molto curiosa, infatti il Guppy il primo piano si direbbe incuriosito dall'obiettivo e sembra mettersi in posa

Regolamento photo contest Tutte le foto inviate dovranno essere preferibilmente in formato JPEG, di dimensioni non inferiori a 1600x1200 pixel (circa 630 kb). Le foto devono essere nella risoluzione originale. Per poter inviare le foto dovrete registrarvi al sito. Ogni utente pu inviare un numero massimo di 3 (TRE) foto; le suddette devono essere accompagnate da una descrizione del contenuto (mediante apposita scheda) e da una delibera scritta dove si autorizza il sito www.bst67.net alla pubblicazione sulle sue pagine riportando il nome dellautore e, se gradita, la citt di provenienza, e si autorizza la rivista online www.aquariophylia.it alla eventuale pubblicazione delle pi meritevoli. In caso di uso, sul sito www.bst67.net verr citato lautore in una apposita didascalia. Ogni mese ad insindacabile giudizio di www.bst67.net, le foto pi meritevoli verranno inviate alla rivista aquariophylia per la pubblicazione nella pagina relativa al photo contest. In quelloccasione si pubblicher anche il nome del37

lautore e la descrizione contenuta nella scheda. Non saranno accettate foto con watemark di grosse dimensioni. Potete comunque tutelare le vostre opere con watemark di dimensioni non superiori agli 8 pixel di testo e possibilmente semitrasparenti. Non esiste nessun premio tangibile. Lunico premio consiste nel vedere il proprio acquario o il proprio pesce preferito on-line e nellessere eventualmente tra i 3 prescelti per gli onori della pagina photo contest di aquariophylia. www.bst67.net e www.aquariophylia.it non si assumono responsabilit in caso di diatriba sulla paternit della foto; confidiamo nella vostra onest e, se dovessimo scoprire che una foto stata copiata, tale foto sar cancellata. I vostri dati personali, non verranno ceduti a nessuno, non riceverete mai mail di spam dai nostri siti, n sarete contattati in caso di pubblicazione delle vostre foto. Potrete fare riferimento a sito e rivista in pdf per conoscere lesito del photo contest.

Discus per tutti

Un variopinto gruppo di diverse variet di Discus (foto: Raffaele Bufo)

38

s i!

di Raffaele Bufo

uesto breve articolo si prefigge, forse un po pretenziosamente, di fare il punto sulle nostre conoscenze sul discus, con particolare riguardo a chi si avvicina per la prima volta a questo splendido pesce dacquario. Una sorta di summa (e ci risiamo con la pretenziosit) che includa, oltre a quelle che sono le cognizioni classiche sul pesce Pompadour, anche novit venute fuori da tanti anni di esperienze con il re: aggiornamenti scientifici, trucchi e informazioni scaturiti dalle esperienze di allevamento degli appassionati di tutto il mondo. In poche parole, linsieme di tutto ci che il principiante portato a definire come i segreti per allevare i discus. Probabilmente la prima cosa da sfatare proprio questa. Diciamolo pure chiaro e forte, una volta per tutte: non esistono dei segreti per allevare il discus con successo. Esiste s un trucco infallibile, ma non si pu certo definirlo segreto. Esso consiste unicamente nel leggere e nellinformarsi. Una volta messo in pratica questo unico, semplice suggerimento, ci si potr rendere conto dellaltra grande bugia sul discus, cio che esso sia un pesce talmente difficile da essere prerogativa solo di una lite di acquariofili.

UN PO DI STORIA La prima descrizione ufficiale del genere Symphysodon risale al 1840, ad opera dellittiologo austriaco Johann Jakov Heckel, dopo circa quattro anni di studi scientifici su vari esemplari di fauna ittica catturati in Amazzonia dal naturalista suo compatriota J. Natterer. In particolare, Heckel descrisse una specie di discus proveniente dal Rio Negro che egli denomin S. discus. Solo nel primo decennio del secolo successivo tutti gli esemplari diversi rispetto alla prima descrizione di Heckel furono dapprima raggruppati in altre sottospecie (S. discus aequifasciatus, S. discus haraldi e il S. discus axelrodi) e successivamente, ad opera di Pellegrin, Schultz ed in seguito anche dello statunitense Eigenmann, in una specie a s stante, S. aequifasciatus, comprendente tre sottospecie. Le prime riproduzioni in cattivit del discus sono invece attribuite ad un allevatore tedesco (H. Haertel) e ad uno statunitense (G. Armbruster), ambedue nei primi anni 30. In seguito, passi da gigante sono stati fatti nel campo dello studio e dellallevamento in acquario della specie grazie a studiosi come R. Geisler, E. Burgess e allevatori del calibro di Jack Wattley, Eduard Schmidt-Focke, Lo Wing Yat, Manfred Gobel, Horst Linke ed altri. LA CLASSIFICAZIONE E I LUOGHI DORIGINE Il discus appartiene alla grande famiglia dei Ciclidi e letteralmente il suo nome scientifico Symphysodon discus significa pesce a forma discoidale (discus) munito di denti (odon) sulla sinfisi mandibolare (symphysis). La sua area di diffusione in natura localizzata ad una zona ben precisa dellAmazzonia, tuttavia prima di approfondire tale argomento necessario chiarire meglio la tassonomia del genere Symphysodon. Va subito detto che siamo ben lungi da una generale concordanza da parte 39

Cartina con i luoghi di origine e le immagini rappresentative delle specie selvatiche riconosciute di Discus (disegno di Raffaele Bufo)

degli studiosi, al contrario. Per molto tempo stata considerata valida la classificazione sopra accennata, ossia due specie, S. discus e S. aequifasciatus, questultima a sua volta comprendente tre sottospecie. Addirittura alcuni considerano due sottospecie anche nellambito di S. discus, e cio S. discus discus (in pratica il discus Heckel descritto per la prima volta nel 1840) e S. discus willischwartzi, proposta come sottospecie a s stante da Burgess nel 1981. Giusto per dare gi unidea della situazione ancora piuttosto confusa, diciamo subito che mentre per alcuni questultima sottospecie in effetti un particolare discus marrone con una spiccata colorazione gialla di base, catturato per la prima volta nel Rio Abacaxis (Rio Madeira), per altri invece sinonimo del noto e ricercato Heckel blue face. Per dovere di informazione e soprattutto perch, sia essa presunta o effettiva, ci si riferisce ancora molto spesso a tale classificazione, ci sembra 40

opportuno effettuare una pur sommaria descrizione delle livree di ciascuna specie e sottospecie (vedi riquadro pagina a fianco). La classificazione del Discus e la sua tassonomia sono in effetti, anche a livello scientifico, ancora molto incerte. Molti studiosi non accettano la classica distinzione in 2 specie e 3 sottospecie, ma raggruppano tutte in un'unica specie, il Symphysodon discus, attribuendo di conseguenza a quest'ultima una notevole capacit genetica di variabilit di colorazione. Recenti studi genetici su vari esemplari di discus, condotti con l'impiego del RAPD-DNA, sembrano conferire autorevolezza a quest'ultima ipotesi e unulteriore conferma data dalla considerazione (ben nota agli allevatori) che tutti i vari discus, indistintamente, si accoppiano fra loro senza alcun problema, producendo sempre prole fertile. Largomento dei luoghi dorigine del discus ha destato da sempre un notevole interesse di tipo

non solo scientifico ma anche commerciale, legato questultimo alla ricerca di nuove variet non ancora conosciute sul mercato. Purtroppo, proprio questa situazione, di fatto, ha creato e continua a creare non poca confusione nella definizione delle zone di origine del discus. Basti pensare che in passato (e probabilmente ancora oggi) venivano affibbiati agli esemplari catturati nomi di fiumi amazzonici solo perch suonavano esotici e non perch vi fossero stati effettivamente pescati, o perch i pescatori indigeni cercavano di accontentare i compratori asserendo ci che essi desideravano! Ancora, di solito discus con livree simili ma catturati anche in zone diverse dello stesso corso dacqua o addirittura in fiumi diversi vengono perlopi sistemati per il trasporto negli stessi contenitori e nelle vasche dei grossisti la promiscuit tende ad aumentare. Questa la situazione di confusione per quanto riguarda i dis-

Un bellesemplare di Turchese rosso. Si notino la pinna dorsale e ventrale di tipo hi-fin perfettamente sviluppate (foto: Raffaele Bufo)

Descrizione delle presunte specie e sottospecie del discus

S. discus discus (Heckel discus) Heckel, 1840 Prima, quinta e nona barra verticali molto evidenti e pronunciate; la quinta, pi delle altre, sempre visibile. Corpo in genere armonioso. Colore di base dal marrone-grigio al marronerosso e marrone-blu. Striature longitudinali di grandezza variabile dal grigio-blu al turchese. S. discus willischwartzi (discus giallo) Burgess, 1981 Secondo loriginale descrizione, fondamentalmente un discus marrone con una forte componente di colore giallo della livrea. Spesso per usato come sinonimo di Heckel dalla faccia blu che per sarebbe sempre da considerare un S. discus discus. S. aequifasciatus aequifasciatus (discus Verde) Pellegrin, 1904 Pinna anale di colore verde-blu e arricchita da puntini rossi e piccole macchie. Colore di base dal verde-marrone al verde-blue o verde turchese con puntini rossi. S. aequifasciatus axelrodi (discus marrone) Schultz, 1960 Colore di base molto variabile, dal giallo al marrone scuro e al rosso. Poche le macchie sul corpo, in genere su testa, nuca e pinna anale. S. aequifasciatus haraldi (discus blu) Schultz, 1960 Colore di base dal blu/marrone al blu e/o al turchese. Striature longitudinali turchesi di grandezza variabile sul corpo.
41

42

cus selvatici, e va sottolineata per distinguerla invece dalla situazione di caos totale delle variet dallevamento, di cui ci occuperemo in seguito. Tenendo quindi sempre nel dovuto conto queste considerazioni, nel corso dei decenni si andata comunque delineando una certa mappa geografica delle localizzazioni preferenziali delle diverse presunte variet selvatiche, cos come esposta nel disegno. La zona del Rio Tef , ad esempio, nota per i magnifici esemplari di S. aequifasciatus aequifasciatus in essa catturati, mentre i migliori esemplari di discus blu sono stati riscontrati nelle zone del Rio Purus e del lago Manacapur. Se si chiedesse ad un esperto dove poter trovare gli Heckel pi belli, egli citerebbe sicuramente il Rio Negro. Anche queste considerazioni vanno per prese con le proverbiali pinze: come si pu notare dalla cartina, molte delle zone di origine sono condivise dalle diverse specie e sottospecie e, come gi detto, esse formano fra di loro coppie fertili con estrema facilit. Da ci possibile dedurre innanzitutto che anche in natura esistono numerosissime forme intermedie fra quelle indicate e descritte come archetipi e secondariamente che non molto aderente alla realt il considerare determinate aree come zone di origine di specifiche variet e solo di quelle. Va sottolineata comunque limportanza di conoscere in assoluto lesatta provenienza di ogni esemplare selvatico e questo non solo a scopi scientifici. Come vedremo in seguito, lo studio e lapprofondimento degli habitat naturali del Discus e del suo biotopo si sono rivelati importantissimi ai fini della conoscenza delle sue esigenze in acquario. Nonostante il boom delle nuove variet create esclusivamente dalluomo in allevamenti pi o meno selettivi cosa che implica lavvenuto adeguamento di tali Discus anche a condizioni ambientali decisamente lontane da quelle preferite in natura tali conoscenze sono a tuttoggi ancora vitali ai fini di un ottimale ambientamento in acquario dei discus selvatici.
Un discus in perfetta salute fa sfoggio della propria bellezza, come questo bellibrido rosso con una bella reticolazione dal colore rosso vivo su uno sfondo turchese chiaro, quasi bianco (per gentile concessione di Marc Weiss)

43

Un esemplare di Turchese dalle pinne ben sviluppate e dal corpo armonioso (per gentile concessione di Dirk Schlingmann)

COME SCEGLIERE I DISCUS Riguardo la scelta dei discus va innanzitutto sottolineato come i Symphysodon siano fra i pesci dacquario maggiormente in grado di esprimere con il loro comportamento e con i cambiamenti di colore della livrea il proprio stato di salute. un vero e proprio linguaggio del corpo, la cui comprensione da parte dellappassionato chiaramente molto importante, cos come molto importante saper subito riconoscere ai primi segni, spesso sfumati, qualsiasi condizione negativa. A tale proposito va poi detto come la selezione artificiale e limplicita ed eccessiva manipolazione genetica, se da un lato hanno portato alla creazione di variet dai colori molto appariscenti, dallaltra hanno causato anche una netta diminuzione della capacit da parte di questi discus di trasmettere segnali. Fatta questa breve premessa, va subito detto che le caratteristiche che fanno di un discus un esemplare di qualit sono diverse ed in genere le stesse che ne indicano uno stato di buona salute. Lo schema della figura 1 riassume in pratica le diverse parti del corpo di un discus, da controllare attentamente prima delleventuale scelta, ma prima di questo, regola generale naturalmente osservarne il comportamento in vasca: un discus sano si comporta in modo molto attivo, curioso verso tutto quanto si trovi nel suo ambi44

ente ed continuamente occupato alla ricerca di cibo. Nessuna apatia o timidezza, quindi, ed anche se la presenza di tali caratteristiche comportamentali non implica necessariamente un problema di salute, essa deve comunque metterci in allarme. Oltre ai colori intensi e brillanti, importante che corpo e pinne abbiano una forma regolare e che si presentino integri e normalmente mobili in ogni loro parte. In particolare, le pinne devono presentarsi ben sviluppate (ad esempio, pinne pelviche troppo corte possono essere segni di malformazione genetica o infezione batterica). Le labbra devono essere chiare e ben formate, un colore rosso pu, per esempio, essere segno di uninfezione batterica. Una delle prime zone che gli esperti osservano in un discus locchio, e questo non a caso: esso deve essere vivo, pulito, senza macchie bianche interne. Un occhio spento, appassito, scuro pu indirizzare verso una diagnosi di vermi intestinali ed inoltre, come noto, occhi troppo grandi rispetto al resto del corpo denunciano un accrescimento non adeguato, ad esempio a causa di unalimentazione errata. Ancora, discus con parti di occhio mancanti non dovrebbero essere usati per gli accoppiamenti, in quanto spesso si tratta di malformazioni genetiche ereditarie. La fronte deve essere gradatamente curva e possedere un certo spessore: una fronte sottile, dal classico aspetto a lama di coltello, indica discus malnutriti, affetti da parassiti intestinali, flagellati, tubercolosi e comunque non certo in buono stato. Ancor pi importante della fronte in tal senso laddome, lattenta osservazione del quale per molti esperti addirittura imprescindibile allo scopo di effettuare una scelta ottimale. Un addome sottile, rinsecchito, denota chiaramente uno stato di cachessia avanzata, causata da infezioni intestinali o da una prolungata alimentazione errata e povera di vitamine. Le narici devono essere di uguale misura, una pi larga pu indicare un problema batterico spesso di non facile soluzione. Le branchie sono molto sensibili alle tossine presenti nellacqua e possono essere attaccate da funghi, parassiti e batteri. Gli opercoli branchiali corti, sollevati o schiacciati sono difetti causati da carenza vitaminica e di min-

erali, scarsa aerazione o acqua inquinata, mentre un opercolo chiuso indica sicuramente un problema branchiale: il discus in pratica cerca di assumere pi ossigeno usando una sola branchia. Una respirazione normale intesa per 60/80 atti respiratori al minuto, dove per atto respiratorio si intende lapertura della bocca con relativa chiusura: una respirazione accelerata pu essere dovuta ad un errato pH, poco ossigeno, temperatura alta, tossine, stress o alimentazione eccessiva. Importante il carattere delle bande verticali: i discus selvatici hanno 9 bande, ma quelli di allevamento molte volte ne hanno di pi e quando i discus sono sotto stress, ammalati o sottomessi le bande sono molto evidenti. La deformazione della spina dorsale molto comune nei discus, ma capirlo non facile, soprattutto negli esemplari giovani. Per quelli che hanno in parte sviluppato i colori, la deformazione si evince grazie alle ultime 2/3 bande che sono differenti dalle altre, cio non sono correttamente verticali ma seguono una inclinazione diversa (come la punta di una freccia). Nei discus adulti, che hanno completato la colorazione del corpo, la si pu evincere da una colorazione sbiadita, come una chiazza collocata sullultima parte colorata del corpo prima del peduncolo (coda). La deformazione della spina dorsale pu essere causata da una malformazione genetica o dalla cattiva qualit dellacqua: se la causa genetica bisogna provare a cambiare uno dei partner, mentre nel secondo caso la si pu solo prevenire, fornendo alle coppie un giusto apporto di minerali e vitamine. Particolare attenzione va riservata a discus dai colori troppi intensi, perch potrebbe trattarsi di esemplari trattati con ormoni. importante in questi casi osservare le pinne pettorali e la caudale: esse devono essere trasparenti al massimo e la caudale deve presentare delle venature scure, una colorazione quasi rossa in questi punti evidenzia appunto dei discus derivanti da trattamenti ormonali. MASCHIO O FEMMINA? In pesci come il discus, sottoposti da decenni a selezioni artificiali, il pi delle volte effettuate con poche basi scientifiche, in effetti non molto 45

Il disegno mostra chiaramente le differenze di angolazione fra pinne dorsali e ventrali nei maschi e nelle femmine, cos come descritte nel testo (disegno di Raffaele Bufo)

semplice la distinzione dei sessi, e a questo va poi aggiunta la naturale mancanza di marcati segni distintivi fra maschio e femmina. Laffermazione che si pu essere sicuri al 100% del sesso dei Discus solo quando li si osserva deporre non molto lontana dalla realt: colorazione pi marcata, pinne pi sviluppate e bozza frontale pi prominente nei maschi rispetto alle femmine sono in effetti delle caratteristiche troppo soggettive che non possono essere assunte per uno schema differenziale di base. Diversi allevatori hanno da qualche tempo suggerito una metodica volta a distinguere il sesso dei discus in base a determinate caratteristiche geometriche del corpo e delle pinne, in particolare ad una diversa inclinazione del bordo della pinna dorsale e anale. Come si evince dal disegno n. 6, necessario considerare due linee immaginarie che corrono giustapposte a tali bordi e che vanno ad intersecarsi posteriormente alla coda. La chiave di tutto sta nel vedere dove

Al contrario di ci che molti lettori abbiano potuto pensare, il discus ideale dello schema precedente non frutto di fantasia. un discus reale, uno stupendo maschio di propriet di un allevatore hobbista di Hong Kong, il sig. Herman Leung. Pubblichiamo molto volentieri la foto della coppia di Turchesi, ringraziando lamico Herman per la gentile concessione, per sottolineare come limpegno anche a livello amatoriale porti a risultati stupefacenti (foto: Hermann Leung)

le due linee vanno ad incrociarsi: se esse passano attraverso la pinna caudale si tratta molto probabilmente di una femmina, se invece la pinna caudale rimane al loro interno o ne solo sfiorata , si tratta probabilmente di un maschio. Vari autori riportano un successo del 100% nel definire il sesso del discus con tale metodo, persino per ricostituire delle coppie con nuovi partner, e sicuramente la cosa ha un senso in

quanto legata al fatto che i maschi hanno in genere un corpo pi alto rispetto alle femmine, onde il motivo delle linee immaginarie che non toccano la coda. A nostro avviso comunque, pur rimanendo valido come metodo di base, per i diversi motivi suddetti non pu essere considerato sempre valido e comunque rimane applicabile solo ad esemplari adulti e normalmente sviluppati.

Schema riassuntivo delle varie parti somatiche del Discus da osservare attentamente allo scopo di effettuare una scelta ottimale dellesemplare (disegno di Raffaele Bufo)

46

vai col...

ww w

link!
a cura di Mario Loffredo
In questa rubrica prendiamo in considerazione ogni mese un argomento di base, per guidarvi nella perfetta

comprensione dei

principi e

delle tecniche che ogni buon acquariofilo dovrebbe conoscere. Oramai la

rete offre una vasta gamma di notizie in proposito e non necessario,


dunque, che Aquariophylia predisponga articoli specifici in merito. La rete, per, contiene anche tante notizie errate, non essendo verificate in alcun

esperto della rivista si prender cura di leggere ed esplorare suggerendo solo pagine corrette o, perlomeno non totalmente scorrette! In tal modo potrete godere di una navigazione sicura, sfruttando le recensioni proposte ogni mese. Vi
modo. Per questo motivo un proporremo pagine in varie lingue, per assecondare le vostre preferenze, indicate dalle vostri

bandierine

al fianco di ogni link, per assecondare le

vostre preferenze. Accetteremo ovviamente con grande piacere anche i

suggerimenti:

se avete trovato una pagina particolarmente

interessante, inviateci un riferimento e saremo felici di valutarla ed eventualmente recensirla.


47

Oggi parliamo di

AMPHIPRION
Li
chiamano pesci pagliaccio solo perch hanno il nasino tinto di bianco, eppure sono pesci seri, molto composti, decisamente furbi e quasi intelligenti. Sono come guppy per lacquario marino tropicale: costano in genere relativamente poco (almeno le specie pi comuni), sono abbastanza resistenti, vivono bene in acquario e ci si riproducono regolarmente. Tra i pesci dacquario sono tra quelli che meno necessitano di spazio. La loro vita nellanemone fa s che anche in natura esplorino territori veramente esigui, spesso nel raggio di pochi decimetri di barriera corallina. Infatti, allevati in acquari molto grandi si limitano a rintanarsi in un angolo e si spostano solo per raccogliere il cibo, con gran circospezione. Sono dunque pesci ideali per la vita in vasca. Osservati nel loro anemone diventano un soggetto decisamente emozionante. Vedere questi pesci che si crogiolano tra i tentacoli di un animale urticante, strisciando il musino proprio sul muco che ucciderebbe qualsiasi altro pesce, fa godere noi al pari di essi stessi. Il loro rapporto con lanemone, peraltro, molto peculiare perch da una parte lo carezzano, dallaltra gli strappano frammenti di cibo (e talvolta brandelli di pelle) per nutrirsene. Ma si tratta di unamicizia millenaria (anzi, molto di pi) ed apparentemente lanemone non si ribella al trattamento. La formazione della coppia non pone alcun problema, trattandosi di animali ermafroditi proterandrici. In pratica, al momento dellacquisto di due giovani esemplari abbiamo certamente ottenuto una coppia! Col passare del tempo e dopo qualche scaramuccia, uno dei due prender il sopravvento, divenendo femmina (e poi parlano di sesso debole!) mentre laltro, il succube, resta maschio. Questo meccanismo assicura la presenza di coppie in ogni anemone, in natura. In caso contrario, date le scarse capacit motorie di questi pesci e la loro evidente ritrosia a spostarsi dal proprio anemone, sarebbe molto difficile ottenere la riproduzione in natura. Il momento della riproduzione in acquario magico e ci fa godere in modo particolare dellacquario marino. La schiusa avviene sempre di notte, poco dopo lo spegnimento delle luci. Le larve vanno subito raccolte utilizzando il loro fototattismo positivo e nutrite prima con Brachionus, poi con nauplii di Artemia. Ne abbiamo gi parlato in numeri precedenti e ne parleremo ancora, per stimolare tutti voi a provare questa fantastica e indimenticabile esperienza. Ma nel frattempo cosa attendete? Cliccate sui link che seguono ed esplorate la rete: contiene innumerevoli informazioni interessanti su questi pesci e quelle corrette le abbiamo raccolte e recensite per voi. Buona navigazione!
48

A QUESTO PUNTO NON VI RESTA CHE CLICCARE SUI LINK E BUONA LETTURA!
http://www.acquaportal.it/Articoli/Marino/Pesci/pagliacci/default.asp http://www.uemis.org/it/rivista/scienza_e_natura/pesce_pagliaccio http://www.acquaportal.it/_archivio/ARTICOLI/rip_pagliacci.asp http://www.appuntidiviaggio.info/bio/pagliaccio_bio.html http://www.inseparabile.com/pesci/Amphiprion_Percula.htm http://www.nanoreef.it/schede_pesci_invertebrati/pesce_pagliaccio.htm http://bioweb.uwlax.edu/bio203/s2007/berends_bets/ http://marinebio.org/species.asp?id=29 http://www.liveaquaria.com/product/prod_display.cfm?c=15+2124+755&pcatid=755http://hubpages.com/hu b/Amphiprion-Ocellaris http://www.theaquariumwiki.com/Amphiprion_ocellaris http://www.fishlore.com/Profiles-ClownFish.htm http://www.wildsingapore.com/wildfacts/vertebrates/fish/pomacentridae/ocellaris.htm http://www.meerwasser-lexikon.de/tiere/4_Amphiprion_ocellaris.htm http://www.meerwasser-lexikon.de/tiere/5_Amphiprion_ocellaris%20black.htm http://www.michael-guddat.de/brei1.htm http://www.nano-reef.com/fish/?fish=4 http://www.starfish.ch/collection/anemonefish.html

49

di Carassio Aurato
Forse alcuni di voi non mi conoscono... Ebbene s! Sono proprio un pesce, e allora?

uasi un mese fa morto Steve Jobs e probabilmente molti di voi avranno sentito la notizia in televisione. Voglio partire da que-

sto punto per fare una serie di considerazioni serie, una volta tanto. Carassio si sente in lutto per levento e ne ha ben donde. Il computer che sto usando in questo momento, lunico in grado di resistere allesposizione allacqua nel mio umido studio, un mac. Ma questo sarebbe nulla. Steve stato certamente uno dei maggiori innovatori del nostro tempo ed ha cambiato il nostro modo di fare e di pensare. Quanti di voi se ne sono accorti? Potete essere patiti dei computer della mela o utilizzatori dei pc, ma senza dubbio ognuno di voi ha un mouse nella mano destra (i mancini nella sinistra) in questo momento. E tutti voi avrete certamente assistito ad un cartone animato prodotto dalla Pixar. Quanti di voi ascoltano musica attraverso un apparecchio mp3? Senza dubbio linvenzione di iPod e listituzione di iTunes ha cambiato il nostro modo di ascoltare musica e di fruire di vari contenuti multimediali. Molti avranno un telefonino di forma 50

appiattita, con un monitor touch ed una serie di applicazioni (rappresentate da piccole icone quadrate e coloratissime) che lo rendono indispensabile: sono gli innumerevoli tentativi di imitare un iPhone. Infine, pochissimi di voi hanno ancora un computer con un lettore di floppy disk: stato Steve il primo ad eliminarlo, con molto coraggio, mentre tutti si strappavano le vesti urlando com possibile un computer senza dischetto?. Ci sarebbe tanto altro, ma penso sia sufficiente a far comprendere che un uomo nato poco pi di cinquantanni fa, partendo da un garage nel quale costru il primo vero personal computer, ha radicalmente cambiato il nostro modo di fare, di pensare e di lavorare. Che centra questo con gli acquari? Centra tantissimo, per una serie di motivi. Prendiamone in considerazione almeno due. Il primo che mi viene in mente che tanto spesso si dice che la gente si allontana dagli acquari perch compu-

immagini interessanti ma avrebbero potuto essere usati per qualsiasi scopo, anche per far girare dei videogiochi. In realt tutta la folla concentrata, direi magneticamente attratta, dallacquario esposto nello stesso spazio. Vi assicuro che per tutta la durata della fiera lo spettacolo stato identico (il capo era furibondo, perch avrebbe voluto vedere una fila di persone in attesa di iscriversi al sito della rivista!). Cosa significa tutto questo? Significa che il fascino naturale di un acquario tocca ancora corde profonde dentro di noi ed in grado di attrarre la nostra attenzione. Il fatto che tanta gente utilizzi il telefonino nella vita di tutti i giorni, dimenticando lacquario, non dipende da una presunta mancanza dellacquario stesso, ma dal fatto che siamo tutti bersagliati, notte e giorno, da pubblicit che ci spingono ad acquistare telefonini e computers. Non ne siete convinti? Allora riguardate la foto! Il fascino naturale di un acquario di fatto dentro di noi, ci avvicina al mondo vero che la nostra coscienza, fortunatamente, ricorda ancora. Per questo ci attira. Un computer, ovvero, una scatola di plastica con pezzetti di silicio e qualche parte in gomma, pu apparire come una macchina delle meraviglie, ma non attrae quanto un bellacquario. Questo un fatto inequivocabile (non ci credete? Riguardate ancora limmagine!). Dunque, se ci sono ancora meno acquari che telefonini nelle nostre famiglie, la colpa tutta nostra. Di noi che sappiamo (quanto affascinante un acquario) e taciamo. Di noi che non facciamo sufficiente proselitismo. Di noi che
51

ters, telefonini e videogiochi rappresentano richiami pi interessanti o pi forti. Allora a questo proposito voglio proporvi una foto che ho scattato allultima edizione di NapoliAquatica. Una foto vale pi di mille parole. Ve la regalo in queste pagine, facendo uneccezione allo stile di questa rubrica che vede solo me ritratto in una foto. Mi trovavo nei pressi dello stand di

aquariophylia, ben mimetizzato tra la


folla, ed ho notato un dettaglio che forse pochi di voi avranno apprezzato. Guardate limmagine: non notate nulla di particolare? Osservate bene: ci sono ben due computer sul tavolo, bene in vista e disponibili per il pubblico. Contenevano

Questo lo scatto ottenuto da Carassio. Non certo unimmagine da mostra fotografica ma c da dire che il nostro sta migliorando notevolmente la tecnica (pare stia leggendo di nascosto il corso di fotografia previsto per gli abbonati). Ovviamente, per raggiungere unaltezza adeguata allo scatto ha dovuto utilizzare uno stratagemma ( saltato sulla spalla della segretaria, Betta). Come di tanto in tanto gli capita, per, ha colto il fatto: guardate quanta gente ammira lacquario, snobbando i due computers!

smettiamo di ricordare agli amici, in ogni possibile occasione, quanto questa passione sia importante, semplice e piacevole. Qualche volta addirittura ce ne vergogniamo! Certo, parlare di telefonini pi facile, pi adulto, pi macho. La passione per gli acquari lecita sino ad una certa et poi diviene poco edificante! Se a quattordici anni hai un acquario tutti ti guardano con ammirazione: che bambino prodigioso che magnifico acquario riuscito a costruire ci vuole tanta cura, vero?. Se hai un acquario a cinquantanni sei quasi patetico: Ancora con un acquario? Ma non ti pare una cosa daltri tempi? E i pesci non soffrono in gabbia? Ci vuole tanta cura, vero? (ebbene s, questultima domanda ricorsiva!). Tutto questo ci porta alle idee errate che divengono corrette quando ripetute e
52

ripetute e ripetute. il secondo argomento che ci ricorda Steve Jobs. Questuomo, da poco scomparso, ha di fatto inventato una serie di cose. Certo lo ha fatto partendo da tecnologie preesistenti. Il mouse non una sua invenzione: esisteva gi, prodotto dalla HP, se non erro. Lo stesso vale per gli schermi touch, per le interfacce USB, la blutooth e tante altre meraviglie. Suo il merito di aver capito che quelle cose funzionavano (o non funzionavano pi, come nel caso dei floppy) ed aver saputo quindi precedere di decenni le esigenze del pubblico. Per ha di fatto realizzato (pur non essendo ingegnere!) il primo computer nel suo garage, appoggiato immediatamente internet sin dagli albori, prodotto il primo sistema operativo a dischi (il cosiddetto DOS). Ora ascoltiamo la radio, guardiamo

la televisione, leggiamo i giornali e troviamo una serie di corbellerie. Come di quelli che raccontano che mentre Jobs si dedicava ai telefonini, la Microsoft produceva computers o che Bill Gates il padre di Internet. I giornali lo scrivono, la gente ci crede! Si tratta di concetti evidentemente falsi, che divengono veri grazie alla possibilit per chiunque di raccontar balle in pubblico senza andare in prigione! Una cosa identica capita nel caso degli acquari. Non richiedono affatto tante energie, se ben realizzati (lo sappiamo tutti benissimo, vero?) eppure la gente continua a ripetere che necessita di tante cure. Non sono affatto roba da bambini, se si considera il loro valore estetico, educativo, rilassante, pedagogico, istruttivo, ludico, ecc. Eppure la gente continua a ripetere che sono passatempi da giovani. Non richiedono affatto cambi dacqua continui, anche se i negozianti continuano a somministrarli come purghe medievali agli acquariofili impertinenti (che in quanto acquariofili, qualcosa di male lo avranno fatto! Vi pare?). Ecco dunque limportanza di una informazione chiara e diretta, semplice ma scientificamente corretta, che riporti lacquario nella sua giusta posizione sociale. quello che i fish killer di questa rivista stanno provando a portare avanti, col vostro aiuto, da un po di mesi a questa parte. Ci riusciranno? Dipende anche da tutti voi, ed anche dagli sponsors. Siamo tutti in gioco nel tentativo di diffondere informazioni giuste. Per sapere che Bill Gates stato proprio quello che ha dichiarato che Internet sarebbe sparita in pochi
53

anni che Steve Jobs ha di fatto inventato buona parte del mondo di cui stiamo fruendo che lacquario tuttaltro che una gabbia per pesci! Come intendiamo farlo? Utilizzando il computer per diffondere informazioni corrette, dirette al pi vasto pubblico possibile. Si chiama e-publishing ed un modo per pubblicare riviste tradizionali in canali diversi dalle edicole. Molti produttori confondono ancora questa nostra iniziativa con quella di chi apre un portale e ci mette dentro un po di informazioni e quattro banners. Ovviamente anche questa una informazione errata! Non fossaltro che per il fatto che pubblicare una rivista come la nostra costa un bel po di fatica ogni mese (pensate solo al centinaio di collaboratori che ci lavorano intorno, a chi la impagina, la verifica, ne controlla i contenuti scientifici, sceglie le foto e contatta le associazioni), mentre mettere su un portale e riempirlo di contenuti cosa di pochi giorni, investimento minimo, fatica zero! Questi produttori ci metteranno anni, probabilmente, a comprendere cosa stiamo facendo e dove siamo diretti, rimanendo irrimediabilmente indietro. Ma voi, mi pare, lo avete capito bene, vista lattenzione con cui ci seguite e londata di affetto con cui ci state sommergendo. E chi ha contribuito in modo significativo a produrre i computer che utilizziamo oggi a questo scopo? Grazie Steve, anche per quello che riusciremo a fare nel campo degli acquari, impiegando le tue straordinarie idee innovative! Ci mancherai nei prossimi anni. Sempre vostro, ma rattristato Carassio

Lacquario mediterraneo:
incidenti ed errori
di Stefano C.A.Rossi
lesperienza aiuta a ridurre gli effetti negativi; normalmente invece lesito imponderabile e fatale per i poveri ospiti delle nostre vasche. A volte ai neofiti sui forum vengono fatte raccomandazioni o viene detto guarda che stai commettendo un errore: successo che qualcuno, risentito, sostenesse di aver ragione perch lui opera fuori dagli schemi e dalle mode, una mente indipendente eccetera eccetera. Ora, rivendicare la libert Acquario allestito secondo il vecchio assetto, come allerrore un diritto sacrosanto descritto nel testo dellindividuo, come lo quello di uesto articolo nasce dallidea che stutrarre esperienza dai propri errori: anche i gatti lo diando gli incidenti si impara ad evitarli, fanno, qualche volta meglio degli umani! Ma queper cui una brutta storia pu essere in sto diritto non deve valere quando ne va della vita realt pi istruttiva di mille raccomandazioni. di altri esseri viventi. per questo che ritengo giuNasce anche dalla convinzione che condividere sto accompagnare le raccomandazioni con incidenti, errori e leggerezze commesse sia la esempi di storie vere. Che sono le uniche espemiglior scuola affinch altri non ripetano le stesrienze preziose di noi appassionati, senza laborase mancanze. tori a disposizione per studiare i singoli casi. La storia di questa mia vasca un classico campionario degli incidenti che possono accadere a chi ha un acquario e delle leggerezze che commette un acquariofilo anche se di vecchia data. Se mai ce ne fosse stato bisogno, una ulteriore prova che i consigli offerti ai neofiti hanno un fondo di verit e non sono solo mode e inoltre che nessuno, per quanta esperienza abbia, pu dirsi estraneo al rispetto delle regole di base Acquario con il primo DSB funzionante. In questo dellacquariofilia. Qualche volta pu caso la popolazione regolare e bilanciata andar bene, anche se vengono violate e 54

La nuova vasca allestita, come descritto nellarticolo

Avevo una vasca non grande cento litri una di quelle vasche che si comprano a buon prezzo nei grandi magazzini e che, con le opportune modifiche, mi dava grandi soddisfazioni. La vasca ormai era allestita a mediterraneo da 5 anni e aveva superato indenne un riassetto importante, in cui avevo eliminato il vecchio fondo costruendo un DSB che si era lentamente stabilizzato. Per necessit di spazio e di tempistica di lavoro (un geologo pu doversi spostare molto!) il salto era stato effettuato al volo, con il metodo svuota-allestisci-riempi, violando le classiche regole dei tempi di allestimento e di maturazione. Tuttavia con luso della sabbia giusta, il controllo dellalimentazione, lo schiumatoio potente, i cambi dacqua frequenti, la temperatura controllata col refrigeratore e molte attenzioni quotidiane, la vasca si era lentamente stabilizzata senza danni, senza alghe filamentose, senza perdite. Un successo insomma, a Effetto Bavosa! La presenza del blennide produce dispetto delle regole, mio malgrado, viocontinui scavi che non aiutano certo la maturaziolate. ne del DSB In quella vasca si erano riprodotte per via sessuale due colonie di Astroides, recuperate dai disastri degli ancoraggi, e i piccoli polipi gialli lentamente continuavano a crescere. Nella vasca erano ospitati tre Cerianthus membranaceus di piccole dimensioni, una Calliactis parasitica, tre Actinia equina, due rami di Eunicella singularis e Paramuricea clavata raccolti in un porto, un frammento di Cladocora cespitosa, due Asterina, tre gamberi 55

schioccatori del genere Alpheus, alcuni Palaemon elegans, una grossa Bolma rugosa, una castagnola e tre piccoli blennidi (P. zvonimiri e L. canevae). In pi, una infinit di Ophiotrix fragilis, ofiure che mi si erano riprodotte in vasca. Quindi una vasca veramente molto popolata: ne ero ben cosciente, per questo la gestivo con attenzione, effettuavo frequenti cambi, usavo uno schiumatoio sovradimensionato ed un refrigeratore concepito per vasche ben pi grandi (ed eccoci al primo errore da meditare: una vasca sovrappopolata). Nellagosto 2008, rientrando dopo tre giorni di assenza, ho trovato la casa allagata per la rottura di un filtro dell'acqua potabile, e la corrente elettrica ovviamente saltata. Le due pareti dove ci sono le vasche erano sotto un salvavita separato, ma evidentemente l'ultimo elettricista ha pensato bene di trasferire le utenze "leggere" della cucina a quel salvavita, poich c'erano e meno fili nei passacavi (errore da meditare: impianto elettrico non perfetto). La vasca aveva lacqua grigia e opaca, con un odore terribile. Tutti i pesci, i crostacei e gli echinodermi erano morti. Decine di piccole ofiure sparse sul fondo, molte Asterina (anchesse si erano riprodotte), vermi distesi inerti sulle rocce, piccoli anfipodi gammaridi galleggiavano, a decine, insieme ai Palaemon. La Calliactis era ridotta in gelatina, la Bolma morta tutti ospiti che erano con me dal 2000! I cerianti erano tutti stirati fuori dal tubo, ma prendendoli in mano ho percepito una contrazione e un irrigidimento,

I pessimi risultati ottenuti con lallestimento del DSB. Si nota la produzione di alghe filamentose sulle gorgonie

quindi ho provato a lasciarli. Paradossalmente gorgonie e Astroides erano ancora vivi e aperti. Le attinie e tutti i gasteropodi erbivori (Gibbula, Trochus e decine di Jujubinus: anche questi si erano riprodotti!) si erano subito tirati fuori dallacqua inquinata ed affollavano il vetro sotto il coperchio. La mia seconda vasca da quaranta litri, non refrigerata e molto meno ricca, strutturata per essere la classica vasca biotopo pozza di marea e popolata come tale, non aveva invece risentito per nulla dellincidente. Ho cambiato al volo 3/4 di acqua (meno male che era gi pronta!), impostato la temperatura a 17 C, poi ho allestito un filtro bottiglia con carbone attivo, inserendo il giorno dopo anche acqua ossigenata e cambiando altri 20 litri. Ho notato che tra i celenterati (Calliactis parasitica, Cerianthus membranaceus e Cereus pedunculatus) ho perso quelli posizionati negli angoli con corrente non diretta dalle pompe ma di ritorno alle pompe. A parte le gorgonie, che si sono poi sfaldate rapidamente, tutti gli organismi sopravvissuti sono ancora con me; non crebbero alghe filamentose o feltri di cianobatteri. Evidentemente, oltre lintervento di emergenza, anche il DSB ha fatto la sua parte nel digerire leccesso di materia organica, pur perdendo progressivamente efficacia per lassenza di microfauna. Dopo sei giorni i valori erano: NO2 non rilevabili: NO3 tra 20 e 25 ppm; PO4 2 ppm (!) e KH 7. Considerando la gran quantit di microfauna in decomposizione negli interstizi delle 56

rocce, non mi potevo lamentare. La brutta vicenda (dolorosa, ad essere sinceri) una volta di pi sottolinea che una vasca densamente popolata pu essere ben funzionante finch sostenuta dalla tecnica, ma corre sul filo del rasoio. Al minimo incidente il tenore di ossigeno precipita tanto pi rapidamente quanto pi la vasca popolata, quindi una vasca che appaia scarna molto pi robusta di una vasca ricca. E dobbiamo ragionare non in termini di centimetri di pesce ospitato, ma in termini di biomassa complessiva, perch in un acquario costruito e gestito per essere un ecosistema la maggioranza degli animali (micro-crostacei, spugne, vermi, ecc.) non si vede ma fa la parte del leone in termini di consumo di ossigeno. A questo punto i sopravvissuti restavano in una vasca nuovamente stabilizzata ma con un DSB zoppo, privo di microfauna, e quindi destinato ad un rapido declino. Avendo gi costruito una nuova vasca, 250 l pi la sump, pronta per essere allestita, ne approfittai: lho affiancata alla vecchia allestendo un DSB con sabbia morta, inserendo inoculi dal vecchio fondo e un po di sabbia viva presa in mare, nonch qualche roccia vegetata di passaggio giusto per importare microfauna. Dovendo partire per motivi di lavoro ho fatto girare le due vasche affiancate per tutto il tempo possibile, cio due settimane, ma alla fine ho dovuto trasferire rocce e animali sopravvissuti dalla vecchia alla nuova vasca. Loperazione delicata, perch dopo un periodo di tempo cos breve il DSB non solo non ancora decollato, ma non ha nemmeno acceso i motori! La prima volta era andata bene con tutte le cure; questa volta, dovendomi assentare, il controllo era pi critico. Mi aspettavo dai nove ai dodici mesi di attesa prima di vedere le bolle indice del buon funzionamento, mesi da gestire con estrema cautela: cambi frequenti, poco cibo, poco disturbo. Dice la buona tecnica dellacquariofilo che gli allestimenti in corsa sarebbero sempre da evitare. Ne ho fatti alcuni nella mia carriera, per necessit, e sempre a buon fine, ma la

di un pesce vivace amante dello scavo con il logica della maturazione delle vasche dice che e DSB (errore: pensando al DSB, non aver valuta non si deve fare: non sbaglia. to lattitudine fossoria della Salaria pavo , che si Poich la legge di Murphy non ammette ecceziomostra abbastanza frequentemente). ni, arriva infatti un amico che ha urgentissimo Adesso la mia vasca sta lentamente recuperanbisogno di smantellare la sua vasca per motivi familiari, e cos mi ritrovo farcito di gorgonie ecodo il suo equilibrio: ho deciso di evitare gli interraccolte, Astroides, castagnole, cerianti, una venti drastici e pian piano correggere gli errori e facendo s che il sistema ritrovi un suo equilibrio. Salaria pavo e iniziano i problemi (errore: eccesso di inserimenti). Lo sapevo, me lo aspetTra laltro ho scoperto che le alghe filamentose sono un ricettacolo di microfauna estremamente tavo, e ci sono cascato comunque. Il DSB non parte e si sviluppano le alghe filamentose. In gradita agli ospiti pinnuti. Le azioni correttive fondo il DSB non pu partire, poich la bavosa saranno essenzialmente legate al controllo del scava buche profondissime in continuazione, cibo, cambi dacqua pi frequenti, inserimento di erbivori efficaci come Bolma rugosa e, per un che vengono poi riempite dalla sabbia rimaneggiata dal flusso delle pompe. Il DSB si trasforma breve periodo, un Paracentrotus lividus, insericos in un enorme filtro nitrificante e non c mento di concorrenti (es. Caulerpa prolifera, verso che si instaurino le giuste condizioni anaeUdotea, ecc.), sostegno alle alghe calcaree (interobiche. Le alghe continuano a crescere anche grazioni di Calcio e Magnesio) e via di seguito. perch non ho pi organismi brucatori in vasca. Delle vicissitudini narrate non posso dire che sia La componente erbivora dellecosistema non accaduto nulla di inaspettato rispetto alle prepu mancare; pur rendendomene conto ho sotmesse. Qualche volta ci si pu trovare incastratovalutato il fattore di equilibrio, inserendo solo ti dagli eventi e quindi si procede sapendo di alcune Monodonta, che non sono certo gli orgasbagliare ma cercando di apportare delle azioni nismi pi efficaci per questa funzione. E cos le correttive. Tale atteggiamento per ottiene risulalghe sono cresciute in modo incontrollato mentati positivi in modo molto casuale; ad esempio e non tutte le Salaria pavo amano fare buche tre il DSB continuava a non partire (errore: non valutare la vasca come un ecosistema che deve mostruose nel fondo, per se ti capita quella giuessere bilanciato in tutte le sue componenti, sta il tuo DSB perso. erbivori compresi). Dovremmo imparare, insomma, a dirci dei no, anche quando non ci sembra di trovare altre La caccia alla bavosa, rivelatasi il pi perfido e soluzioni possibili, perch non ci si pu distrarre, astuto pesce che io abbia mai visto, proseguita infruttuosa per mesi: appostamenti, retini, se si vuole mantenere una vasca nelle migliori nasse, piccoli ami con lardiglione limato, tutto condizioni. senza risultato.. finch bastato Ancora effetti negativi: la mancata maturazione e la togliere la protezione alloverflow popolazione sbilanciata induce proliferazione di alghe e, dopo un po di digiuno, distriindesiderate ovunque e non permette agli ospiti allevati buire il cibo presso lo scarico. La di adeguarsi allambiente prodotto bavosa si ritrovata nello scomparto dello schiumatoio dove stato agevole pescarla e spostarla nella vasca piccola, sola ospite. A quel punto, a tre mesi dalla cacciata della bavosa, il DSB ha cominciato a manifestare i primi segni di maturazione, fornendo, se mai ce ne fosse stato bisogno, ulteriore prova dellincompatibilit 57

In questa sezione diamo voce a tutte le associazioni acquariofile che vorranno partecipare alla vita della rivista. Non ci sono regole (a parte la legislazione vigente!) perch si tratta di spazi autogestiti. Ogni associazione dunque libera di inviare ogni mese la propria rivista, fatta proprio come vorrebbe. Potr servire alla campagna associativa, a pubblicizzare la prossima mostra di acquari, a tenere piccoli corsi di acquariofilia o semplicemente a mostrare la foto del socio del mese. Per noi limportante dare voce alle associazioni acquariofile, per creare una rete fitta di contatti tra gli acquariofili italiani. E saremo dunque fieri di partecipare a questa missione, anche semplicemente facendo da tramite tra associazioni e lettori. Per ora il numero di associazioni acquariofile che partecipano alliniziativa potr essere ancora piccolo. Ma contiamo sul vostro spirito imprenditoriale per invadere la rivista con una valanga di notizie dalle associazioni. Forza: giunto il momento di partecipare, di espandersi, di cooperare!

58

PARDI: NUOVO PRESIDENTE


Amedeo Pardi il nuovo presidente dellAssociazione Acquariofili Abruzzese. stato eletto domenica scorsa, allunanimit e per acclamazione, da una affollata assemblea dei soci. Sar affiancato da Giuseppe Flacco, nominato vicepresidente, Lorenzo Marcucci (segretario-tesoriere) e dai consiglieri Maurizio Della Marca e Luciano Di Tizio. Completano lorganico i revisori dei conti Francesco Formisano (presidente), Giuseppe Nardini e Alessandro Falco. Gli altri incarichi operativi, a cominciare da quello di responsabile web, saranno assegnati dal direttivo nelle prossime settimane, e ve ne daremo puntualmente notizia. Il nuovo direttivo rappresenta un eccellente mix di rinnovamento e continuit. Nel senso che ben tre componenti sono nuovi ma si tratta di soci di lungo corso che danno ampie garanzie sul piano dellesperienza, delle capacit organizzative e della voglia di fare. Amedeo Pardi socio sin dal primo anno di vita del club ed sempre stato attivo, negli ultimi anni come bibliotecario e responsabile mostre, ma era da tempo fuori dallesecutivo, nel senso che non poteva votare, ma ha sempre continuato ad offrire la sua preziosa dote di consigli e a lavorare di lena in ogni iniziativa organizzata dal club. Tra i suoi tantissimi meriti, quello di aver pensato e organizzato un progetto sui Betta, portato avanti collettivamente negli anni 80 e 90 che ha avuto risonanza a livello internazionale e lorganizzazione, in tandem con Lorenzo Marcucci, di numerose mostre. Come Da sinistra Lorenzo Marcucci, Giuseppe Flacco, presidente il quarto della serie: prima di lui, dalla fonFrancesco Formisano (presidente dei revisori dei conti), il neo presidente Amedeo Pardi, Luciano Di dazione nel 1982 ad oggi, soltanto tre soci sono stati Tizio e Maurizio Della Marca chiamati infatti al vertice del sodalizio: Luciano Di Tizio, allinizio e poi di nuovo negli ultimi anni, Marcello Tagliamonte ed Alberto Fasoli. Giuseppe Flacco , con Di Tizio, uno dei due soli confermati del direttivo uscente (gli altri, sar bene precisarlo, non si sono ricandidati per vari problemi personali o di lavoro, ma restano tutti soci attivi: Alberto DAmbrosio, Livio Macera e Alessandro Falco, questultimo eletto tra i revisori dei conti), ma ha fatto carriera passando da consigliere a vicepresidente. Flacco, specialista in piante, iscritto solo da pochi anni ma ha gi dato un contributo fondamentale in termini di proposte e di concreta attivit operativa. Lorenzo Marcucci, che si iscrisse ventinove anni fa allallora appena nata associazione proprio insieme a Pardi, da sempre unaltra delle colonne portanti del club di cui stato in passato segretario e vice presidente. Nel direttivo da sempre, era rimasto fuori soltanto nellultimo mandato. Come per Pardi difficile sintetizzare in poche righe tutti i suoi meriti. Diciamo soltanto che stato per lunghi anni il curatore di un apprezzato bollettino interno (negli ultimi anni uscito sotto la testata Acquariofilia Contemporanea e del quale sono stati pubblicati, se ricordiamo bene, una sessantina di numeri) e che ha pubblicato numerosi e interessanti articoli sulla rivista aquarium. Nel rammaricarci di non averlo (per ora) anche tra i nostri collaboratori, ricordiamo che ha anche allevato e riprodotto numerosi organismi acquatici, non solo pesci. Maurizio Della Marca, socio da parecchi anni, rappresenta anche lui un graditissimo ritorno: stato infatti gi membro del direttivo e per due mandati triennali vice presidente del club abruzzese. Dopo aver accumulato numerose esperienze di allevamento e riproduzione (si cimentato con successo anche con i discus) si attualmente specializzato nel marino tropicale. Luciano Di Tizio, nostro collaboratore, lascia infine (finalmente direbbe lui) la presidenza dopo alcuni mandati consecutivi, ma continuer a dare il suo contributo da consigliere. Una bella squadra nel direttivo ha commentato a caldo il neo presidente Pardi e anche un bel gruppo di revisori dei conti: persone che potranno dare una mano concreta nella gestione. Un buon punto di partenza per preparare le prossime iniziative. Ci attende un appuntamento importante: nel 2012 lAssociazione Acquariofili Abruzzese compir trentanni. Un traguardo che nessuno sino a oggi in Italia ha mai raggiunto e che dovr essere degnamente festeggiato.

59

RIUNIONE LOCALE AIAM DEL 24 SETTEMBRE


Nella giornata di sabato 24 settembre, grazie allospitalit del socio Stefano Memmo, si tenuta una riunione regionale AIAM che inizialmente era previsto fosse limitata ai soci di Piemonte e Liguria. In relt sono arrivati soci anche dalla Lombardia, dalla Sicilia e dalla Francia. La sede, bench ubicata purtroppo nella cintura torinese e non in riva al mare, si rivelata perfetta per spazi e disponibilit. Per venire incontro al crescente desiderio di contatto diretto tra le persone entro una associazione virtuale, stanno divenendo sempre pi frequenti riunioni localizzate, sebbene al di fuori del contesto strettamente regionale inizialmente previsto dallo statuto, e aperte ovviamente a chiunque avesse voglia, tempo o semplicemente loccasione di partecipare. La gestione sempre pi decentralizzata dellassociazione aiuta anche in questo. Durante la giornata, cogliendo loccasione della recente ristrutturazione della vasca ospitante, si molto discusso dei metodi di gestione: problematiche e difficolt del DSB, gestione col metodo berlinese ed infine filtri ad alghe, di recente reintroduzione nel panorama acquariofilo internazionale. stata poi eseguita a pi mani la foratura per lo scarico di una vasca che la pi giovane socia di AIAM aveva appena ritirato. Loccasione si quindi tramutata in stage didattico, dal momento che pochi tra i presenti avevano mai provato ad eseguire tale operazione, con tutte le implicazioni del caso: valutazione di un margine di sicurezza per il volume in risalita, posizionamento del passaparete, foratura, molatura, fissaggio del passaparete e collegamento alla sump. Loperazione si rivelata a molti come abbastanza semplice e fattibile, non pi relegata alle strette competenze, talvolta un po esoteriche ma molto pi spesso esose, del vetraio professionista. Infine si discusso di rocciate, supporti e landscaping prendendo spunto proprio dalla vasca del padrone di casa. Largomento spesso negletto, soprattutto in ambito mediterraneo, ma si rivelato molto importante per ottenere una vasca che sia realmente piacevole alla vista. Dunque la vasca, appena svuotata, liberata da un DSB malmesso (analizzato anche al microscopio elettronico a scansione per cercare di capirne i motivi del fallimento) e nuovamente riempita come veniva (foto sopra) stata discussa, ed infine risistemata (foto a destra). Alla fine della giornata c stata la tradizionale spartizione di rocce e animali provenienti dalla raccolta nei porti della piccola pesca; un grazie soprattutto a Maurizio che dalla Francia ha portato per il gruppo bidoni di rifiuti salvati dalle reti. Altri pesci sono arrivati dallalto Adriatico, diretti in Francia, grazie ad una triangolazione quindi gi acclimatati in vasca. Unoccasione unica per chi non ha la disponibilit di un porto sotto casa e unoccasione in pi per rinsaldare amicizie, sempre con lobiettivo di creare vasche a basso impatto ambientale utilizzando i danni collaterali della piccola pesca professionale e salvando quindi molti animali dalla morte certa sul fondo del porto. Senza dubbio il successo della giornata stato lo spunto per instillare il desiderio di proseguire con questi incontri.

60

ASSOCIAZIONE DISCUS CLUB


Abbiamo questo mese affrontato quello che per lo staff che gestisce questo spazio web e questo argomento stato un banco di prova non indifferente: la presenza a NapoliAquatica, l'evento internazionale alla sua seconda edizione, nel partenopeo Jambo1. L'evento stato per noi il periodo apicale di un lungo lavoro interamente svolto dietro le quinte, ma abbiamo potuto finalmente dar prova di come va fatta la divulgazione, grazie agli strumenti che ci ha offerto tutto il managent di NapoliAquatica, dalle risorse umane a quelle virtuali. Non saranno mai troppi i ringraziamenti che riserveremo a chi ci ha offerto davvero un posto in prima fila in un parterre eccezionale.

Vogliamo immediatamente segnalarti i lavori semi-completi, di tre giorni trascorsi tra appassionati e Guest Stars nel nostro stand: [NaQ 2011] Primi posti categoria Wild [NaQ 2011] Best In Show categoria Ibridi [NaQ 2011] La classifica della categoria Ibridi [NaQ 2011]lo stand DiscusClub.net 2.0 NaQ2011: Buona la prima...ottima la seconda [NaQ 2011] The Guest Stars - Il Parterre NaQ 2011: manifestazione italica e poliedrica NaQ 2011: i momenti di gloria

Questo abbastanza per poter avere la tua attenzione... altrimenti perdonaci, se stato per te un motivo di scocciatura. La prossima newsletter sar inviata forse prima del prossimo mese, per aggiornarti su altri argomenti molto caldi che coinvolgono appassionati e professionisti. Buona lettura.. e se non ti va di leggere, c' molto da vedere!! Non dimenticare che abbiamo un grande dovere morale: (ri)lanciare l'hobby pi bello del mondo.

Diventa fan DiscusClub 2.0 e seguici su Facebook!


Lo staff DiscusClub 2.0

61

PASSIONE SENZA CONFINI


Nata ufficialmente il 7 aprile 2010 dalla passione comune di due amici ed allevatori e rapidamente cresciuta in tutta Italia, lAIB la prima associazione italiana dedicata al celebre pesce combattente del Siam ad aver ricevuto il riconoscimento dallInternational Betta Congress, lente americano che definisce gli standard di giudizio per i concorsi e che coordina le manifestazioni sui Betta splendens a livello mondiale. I nostri obiettivi, riassunti dallo statuto dell'associazione, sono: - L'allevamento ai fini conoscitivi, divulgativi e di conservazione di tutte le specie appartenenti al genere Betta - La promozione dellinteresse delle suddette specie e del loro allevamento consapevole attraverso lo studio dei biotopi di appartenenza - Operare in difesa dellambiente e degli animali, contro abusi e maltrattamenti: AIB si schiera fermamente contro i combattimenti tra animali, in modo particolare quelli tra Betta splendens - Organizzare iniziative ed eventi in tutto il territorio nazionale e collaborare con associazioni e club in Italia ed in tutto il mondo. A fine Settembre si tenuta l'assemblea annuale dell'associazione: un'occasione per ripercorrere insieme le nostre attivit dell'ultimo anno Eventi in Italia Durante questo periodo siamo riusciti, con non poco sacrificio e dedizione, ad organizzare numerose esposizioni: - Maggio 2010, Ranco (VA): presentazione ufficiale dellAssociazione Italiana Betta ed esposizione di circa 170 esemplari, tutti provenienti da allevamenti italiani. Durante questa esposizione abbiamo distribuito materiale informativo sui Betta e anche esemplari, a chi ne faceva richiesta per iniziare a Un esemplare con una forma delle pinne di dedicarsi allallevamento di questi pesci. transizione tra il Betta Halfmoon e il Crown Tail - Settembre 2010, Ranco (VA): esposizione di Betta splendens show - Giugno 2011, Ranco (VA): lesposizione di cui andiamo pi fieri, ovvero la prima mostra internazionale riconosciuta dallIBC che sia mai stata organizzata in Italia; come testimoniato su Aquariophylia n. 8, abbiamo portato un pezzo dellIBC nel nostro paese, grazie alla partecipazione dei giudici IBC certificati e di numerosi allevatori da tutta Europa. Inoltre, in questa esposizione sono arrivati anche 3 piazzamenti Italiani in una esposizione ufficiale! Numeri alla mano, il nostro primo concorso internazionale stato anche uno dei pi grandi mai tenuti in Europa! Ed solo il primo - Settembre 2011 Cesena: esposizione di Betta splendens show e di alcune specie selvatiche presso la mostra/mercato Aquabeach che ha raccolto lentusiasmo di circa 15.000 visitatori. Messina: III Trinacria Betta Show: circa 160 Betta splendens show in concorso, oltre a guppy e caridine. Ranco: esposizione di Betta splendens show Oltre a questi eventi, abbiamo cercato di collaborare senza risparmiarci con i club e le associazioni minori che hanno chiesto il nostro aiuto, inviando materiale informativo e nostri esemplari per loro. Partecipazioni a concorsi allestero Grazie ai contatti ed alle amicizie strette in questi anni dai nostri membri con allevatori di tutta Europa, abbiamo partecipato ad alcune celebri esposizioni internazionali, permettendo cos ai nostri soci di esporre i propri pesci anche fuori dallItalia. Quando non ci stato possibile portarli personalmente, abbiamo organizzato spedizioni di gruppo con corrieri autorizzati.
Un avannotto di pochi giorni con il ventre pieno di artemie appena mangiate

62

Betta Portugal 2010, Lisbona, Portogallo Holland Betta Show 2010, Arcen, Olanda Aqua-Fisch 2011, Friedrichshafen, Germania Zurich Betta Show 2011, Zurigo, Svizzera Holland Betta Show 2011, Arcen, Olanda

Con lultimo Betta show olandese pensiamo di aver raggiunto la soglia di 100 esemplari italiani iscritti a mostre internazionali, ottenendo anche numerosi successi di categoria e soprattutto, condividendo lesperienza italiana di AIB con tutta lEuropa. Vogliamo anche sottolineare limpegno dei nostri soci che hanno partecipato personalmente a questi show e si sono prodigati per riportare in Italia numerosi esemplari per tutti gli altri appassionati. Importazioni Avendo ormai dei rapporti affiatati con molti allevatori asiatici, organizziamo regolarmente, tra e per i soci, importazioni legali di Betta splendens show e di altre specie, rigorosamente di allevamento e NON di cattura proprio per non incidere su un ambiente, come quello del sud est asiatico, estremamente depauperato ed in continuo sfruttamento. Sito internet, forum e comunicazioni con lesterno Il nostro sito internet www.aibetta.it vanta decine di articoli originali, scritti dai soci stessi, e numerosi articoli di allevatori stranieri, tradotti con il consenso dellautore e che possono aiutare chiunque ad avvicinarsi a questi pesci. Il forum, attivo da un anno, inizialmente concepito come area di scambio di informazioni tra i soli soci, stato reso di libero accesso anche ai non soci e a un anno di distanza, con oltre 12 mila posts inseriti, ed una media di 60 post al giorno, diventato il pi grande forum italiano dedicato al Betta splendens. Inoltre redigiamo un bollettino online, Bettazine, che esce ogni 3/4 mesi e collaboriamo attivamente con i pi importanti forum internazionali dedicati ai Betta come Bettas4all, JuraBetta e KampffischFreund. Oltre che, naturalmente, con Aquariophylia! Attivit dei soci Facciamo anche il possibile per incrementare la cerchia di appassionati del pesce combattente, ad esempio: - Condivisione e scambio Betta: per i nuovi iscritti che ne fanno richiesta o per soci che riprendono lallevamento mettiamo a disposizione esemplari provenienti dai nostri allevamenti a titolo gratuito. - Servizio Help!: aiuto e consulenza in caso di malattie in acquario, ma anche quando ci si trova ad affrontare degli acquisti online, per aiutare i nuovi (ed anche i vecchi) arrivati per districarsi nella giungla di internet. - Siamo convenzionati con numerose aziende del settore e negozi, anche online, per permettere ai soci di usufruire di agevolazioni negli acquisti, sempre presso interlocutori conosciuti personalmente. - Infine, svolgiamo da un anno a questa parte anche un censimento sia delle variet show che delle specie selvatiche presenti in Italia. Alcuni soci infatti vantano la conservazione di esemplari riprodotti in cattivit appartenenti a specie ormai seriamente minacciate in natura come Betta simplex, Betta unimaculata e Betta stigmosa. La cosa per che ci rende pi fieri di questo lavoro la creazione di una rete di amici/allevatori che condivide e si scambia esemplari col solo scopo di accrescere il patrimonio di linee presenti nel nostro paese, augurandoci di raggiungere e superare il livello di altri paesi Europei, in barba a ostacoli e a meccanismi economici anche spietati con cui ci siamo scontrati gi alcune (troppe) volte in questo anno e mezzo, ma che non ci hanno impedito di raggiungere i traguardi testimoniati nella sezione del nostro Forum dedicata alle riproduzioni, dove sono documentati ben 76 casi riusciti nei soli ultimi nove mesi (41 riproduzioni di Betta Halfmoon, 22 di Plakat, 8 di Crown tail e 6 di Veil tail)! Sperando di conoscervi presto nel nostro forum ed in associazione, vi invitiamo al II Italian Betta show, ovviamente riconosciuto dallIBC, che si terr a Ranco dall8 al 10 giugno 2012 ... ora non dite che non vi abbiamo avvisato per tempo! Associazione Italiana Betta

63

A.M.B.I.
ASSOCIAZIONE MEDITERRANEA BETTOFILI ITALIANI AMBI una associazione no-profit che, pur nascendo con scopi ludici, anche molto impegnata nel campo della tutela dellambiente, particolarmente attiva verso la tutela degli ambienti acquatici e della biodiversit della fauna ittica dei nostri laghi, fiumi, ruscelli ed acquitrini. Svolge questo ruolo con importanti iniziative a sostegno di associazioni, enti regionali e nazionali. A tale scopo si sta programmando per il 2012 una serie di importanti iniziative a scopo didattico, che verranno illustrate nei mesi successivi; tali eventi avranno proprio lobiettivo di sensibilizzare i giovani ad una maggiore tutela dellambiente naturale e della biodiversit degli ambienti acquatici Italiani. Le attivit di AMBI sono complessivamente rivolte a: - Formazione di Gruppi di selezione regionali - Organizzazione di Betta show, wild ed esposizioni di Anabantidi in genere - Organizzazione di Workshop dedicati al Betta show, al wild Betta, alla famiglia degli Anabantidi - Organizzazione di Campionati Betta show riconosciuti IBC - Diffusione della Bettofilia - Lotta ai combattimenti tra Betta - Promozione di unacquariofilia consapevole - Difesa dei Biotopi e della biodiversit degli ambienti acquatici. Preferire AMBI costituisce una scelta di carattere: anche tu puoi sostenere lassociazione e partecipare a tutte le sue iniziative nel corso dellanno associandoti ad essa.

Cronaca di un successo annunciato A cura del direttivo AMBI


Si appena concluso levento acquariofilo dellanno di NapoliAquatica 2011, sulla quale la nostra associazione, AMBI, ha puntato la maggior parte del proprio lavoro organizzativo dellanno 2011. A conclusione delle tre giornate espositive non si pu parlare che di un grande successo per lAssociazione Mediterranea Bettofili Italiani. Il successo di questa iniziativa parte davvero da lontano: parte dalla fiducia che aziende di grande livello come Aquaristica hanno dato alla nostra giovane associazione, fornendole gli strumenti necessari per realizzare levento, ma passa anche per le vie di allevamenti professionali come DM-Farm di Gennaro Nuzzo, che ha contribuito anchegli fortemente alla realizzazione della manifestazione, facendosi carico delle spese di realizzazione delle strutture espositive che si sono rivelate uno dei fiori allocchiello dellesposizione organizzata da AMBI. Queste strutture sono state il frutto di unaccurata progettazione portata avanti da tecnici professionisti, che hanno dovuto risolvere il problema di realizzare una struttura che fosse accattivante, al contempo facilmente trasportabile e possibilmente poco ingombrante.

64

Lo studio Tecnico Casanova col suo pool di tecnici, guidati dal progettista Massimo Butera, hanno dato il meglio di s, realizzando una struttura totalmente in alluminio, quindi particolarmente leggera, completamente e facilmente smontabile, che pu essere trasportata con una comune monovolume. La pannellatura stata realizzata in pannelli di legno, anchessi molto leggeri. Dopo mesi di preparazione, il 23 Settembre 2011 alle ore 9.00 lalba del giorno della verit. Come reagir il pubblico a tale sforzo organizzativo? Piacer questo piccolo mondo? La risposta si capita subito: fin dalle prime battute stata molto positiva, letteralmente decine e decine di persone hanno affollato lo stand dellAMBI in tutti e tre i giorni, incuriositi dalla bellezza di questo splendido pesciolino che risponde al nome di Betta splendens, che stato il vero segreto di questo straordinario successo. Gli oltre 200 esemplari, esposti nella superba struttura realizzata, hanno polarizzato lattenzione di grandi e piccini con le loro splendide livree e hanno dato loccasione ai vari membri dellassociazione di descrivere le caratteristiche di questo splendido pesce. Particolarmente impegnata in questopera divulgativa era lavv. Roberta Porcelli, socia di AMBI, la quale, con fare professionale, non ha lesinato informazioni sul Betta splendens e si rivelata talmente brava nelle sue descrizioni che si sono formate in pi occasioni quelli che sembravano piccoli comizi gremiti di pubblico che ascoltava in silenzio. Anche lavv. Gianluigi Porcelli ha realizzato nella sua veste di appassionato fotografo decine di foto per immortalare levento. Apprezzatissimo anche il Trofeo organizzato nel corso della manifestazione denominata Mediterranean Betta Show, che prevedeva le votazioni da parte del pubblico del soggetto pi bello. In centinaia hanno votato, eleggendo un piccolo Halfmoon Butterfly lavander e facendo cos felice il suo proprietario, che gongolava stringendo a s il sacchetto nel quale riportava a casa il piccolo campione. In conclusione stato un successo di pubblico straordinario, una prova di grande maturit e professionalit da parte dellassociazione AMBI, dimostrate dalla risposta avuta dai nuovi iscritti. Vogliamo ringraziare i soci e gli amici che hanno sostenuto in vario modo la manifestazione e svolto tutto il duro lavoro necessario prima, durante e dopo la manifestazione, come Carmine Napolitano e la sua compagna, Massimo Butera presidente di AMBI, Deborah, la famiglia Porcelli e lo stesso Gennaro Nuzzo, vero appassionato acquariofilo e anchegli socio di AMBI. Senza dimenticare Christian Pedone, il vero tessitore di un evento che lascer il segno nellacquariofilia Italiana ed europea.

65

Concorso Fotografico Si protrarr fino a fine anno il concorso fotografico internazionale che questanno stato organizzato da AMBI con la collaborazione di Bettaportal e la sponsorizzazione della TETRA. Partecipare davvero facile. Basta essere i proprietari di un Betta splendens di qualsiasi variet e, se non la si possiede, farsi prestare una macchina fotografica digitale ed il gioco fatto !!. Eccovi il regolamento: 1. La partecipazione non ha costi; 2. Le fotografie inviate devono essere della migliore qualit fotografica possibile; 3. Ogni partecipante pu inviare un massimo di due foto; 4. Le foto devono avere come soggetto solo ed esclusivamente il Betta splendens; 5. Le foto devo essere inviate tramite posta elettronica ai seguenti indirizzi: ambettofiliitaliani@gmail.com oppure bettaportal@live.it entro il 1dicembre 2011; 6. Il vincitore sar decretato dallassociazione AMBI; il giudizio non appellabile, e sar determinato dallinsieme di varie componenti, tra cui la bellezza soggettiva del pesce fotografato, la posa dello stesso nel momento in cui viene fotografato e la qualit della foto inviata; 7. Il vincitore ricever: - a. Un attestato redatto da BP&AMBI; - b. Una tazza ed alcuni gadget messi a disposizione dallo sponsor *; - c. La pubblicazione della foto con il proprio nome e cognome sui vari siti dellassociazione e sul bollettino dellassociazione; Chi partecipa concede lutilizzo delle immagini inviate, anche se non esplicitamente dichiarato, ad AMBI;
*La tazza non verr inviata nel caso in cui il vincitore risultasse residente fuori dalla Comunit Europea per motivi di costi. Eventuali vincitori al di fuori della Comunit Europea riceveranno solo lattestato.

LAssociazione AMBI sta organizzando per il mese di novembre un incontro aperto a tutti gli appassionati bettofili che volessero parteciparvi. Si tratter di un workshop dedicato esclusivamente allallevamento selettivo del Betta splendens show, dove verranno approfondite alcune nozioni basilari per i neofiti che intendono avvicinarsi al mondo dellallevamento selettivo (e non) del Betta splendens. Tale attivit verr svolta presso la sede dellassociazione, sita in Lamezia Terme. La data ed il programma dettagliato verranno comunicati in seguito. In questa occasione sar possibile visitare lallevamento del socio Massimo Butera, nonch trascorrere una serata in piacevole compagnia intorno ad un tavolo di un tipico ristorante locale. Tutti coloro che desiderassero ricevere ulteriori informazioni o partecipare, potranno contattare lassociazione al seguente indirizzo : ambettofiliitaliani@gmail.it

66

Continua liniziativa curata dallassociazione Hobby Discus. Si tratta di un vero e proprio vademecum per principianti ed hobbisti esperti, utile per rammentare concetti fondamentali sullallevamento dei discus. Li intercaleremo con notizie dallassociazione stessa, nei prossimi numeri, per tenervi sempre informati sul fronte re dellacquario. Per contatti diretti, iscrizioni e per partecipare al forum potrete accedere al sito web: www.HobbyDiscus.com

ACQUARIOFILIA E ALLEVAMENTO DISCUS: LE F.A.Q. DI HOBBY DISCUS


Vorresti avere un acquario, magari con dei discus? Oppure gradiresti approfondire alcune cognizioni di acquariologia? Ecco un veloce ma utilissimo vademecum in formato F.A.Q. (Frequently Asked Questions) che il Team di HOBBYDISCUS.COM ha preparato per tutti gli appassionati e che verr integrato di volta in volta su indicazione dei lettori. Per tutti: dai neofiti ai pi esperti! Questo merse vi proponiamo: Chimica e trattamento dellacqua - Parte Quarta Quali sono i principali parametri dellacqua che devo tenere sotto controllo in un acquario con Discus? Ammoniaca NHx; Nitriti NO2; Nitrati NO3; Acidit PH; Durezza Totale GH; Durezza Carbonatica KH; Conduttivit EC, Fosfati PO4. Cos e come faccio a misurare la CO2? L'anidride carbonica un gas facilmente solubile in acqua, ha la capacit di abbassare il valore di PH e sciogliere il carbonato di calcio presente in acquario, interagendo sul valore di KH, pertanto acidifica l'acqua e da nutrimento alle piante. Si misura con gli appositi test liquidi. Cos e come faccio a misurare il pH? Il pH indica lacidit dellacqua. Lacqua considerata acida per valori sono da 0 a 7 e basica da 7 a 14; il valore 7 neutro. Si misura con i test colorimetrico a base liquida oppure con il pHmetro (strumento elettronico). C o s e c o m e f a c c i o a m i s u r a r e l N H x , NO 2 , NO 3 ? Lammoniaca il risultato della decomposizione da parte di vari organismi delle sostanze organiche (resti di cibo, resti di piante, escrementi, etc.) presenti nellacqua, ed molto pericolosa per i pesci. I Nitriti sono il risultato della trasformazione dellammoniaca ad opera dei batteri Nitrosomonas. Come lammoniaca anche i nitriti sono pericolosi per i pesci. I Nitrati sono il risultato della trasformazione da parte dei batteri appartenenti al ceppo Nitrobacter. Poich i nitrati non possono essere trasformati rimangono in acquario, una parte di essi sar fonte di nutrimento per le piante; la loro rimozione avviene con i cambi dacqua. Ammoniaca, nitriti e nitrati si misurano con i test liquidi. Cos e come faccio a misurare la EC? La conduttivit la capacit che ha una determinata sostanza di condurre energia elettrica. Fa riferimento alla quantit dei sali disciolti nellacqua e si misura elettronicamente con il conduttivimetro. Cos e come faccio a misurare il GH e KH? Il GH la durezza totale dellacqua e fa riferimento al contenuto di calcio e Una covata di discus in crescita. magnesio: il KH la durezza carbonatica o permanente e fa riferimento al contenuto di ioni bicarbonati. Si misurane con i test liquidi e il valore determinato dal viraggio dei colori dei test. Cos e come faccio a misurare il Fe? Il ferro un elemento importante per le piante. Deve essere reintegrato tenendone sotto controllo i valori. Si misura con gli appositi test liquidi. Cos e come faccio a misurare il PO4? I fosfati sono presenti in acquario e precisamente nei residui organici (residui di cibo, escrementi, etc.) oppure possono essere introdotti con la somministrazione di cibo o con lutilizzo di prodotti chimici per acquari. Valori alti di fosfati contribuiscono alla crescita delle alghe, di conseguenza vanno tenuti sotto controllo. Si misurano con gli appositi test liquidi. Un produzione Hobby Discus - Italy Discus Club in www.hobbydiscus.com A cura di Francesco D'Agostino e Giuseppe Liberti. Con la collaborazione di Claudio Visalli ed Ernesto Lamensa. All rights reserved tutti i diritti riservati.

67

G.A.S. ED ARTE: UN CONNUBIO VINCENTE


LAssociazione salentina sempre stata sensibile a tutte le espressioni artistiche che, in qualche modo avevano come tema il mondo acquatico. Ed per questo motivo che durante le proprie manifestazioni, il G.A.S., ha sempre ospitato artisti che, con le loro opere, valorizzavano gli ambienti sommersi ed i loro ospiti. Lultima edizione di Salento Acquari ha avuto il piacere di ospitare diverse opere artistiche, diverse tra loro, ma tutte molto apprezzate dai visitatori della mostra. Meduse nello spazio Largomento trattato dallAutore della Lectio Magistralis del numero di Settembre, ha ispirato la pittrice salentina Angioletta De Nitto, la quale ha voluto dedicare una serie di lavori alle meduse. Affascinata da questi animali, ha dipinto 22 oli su tela di varie dimensioni che sono andati a comporre la serie denominata Meduse cosmiche. Meduse o parti di esse sono state riprodotte in un contesto differente dal mare in cui normalmente vivono, ma altrettanto immenso: lo spazio. A fare dunque da sfondo alle meduse dellartista sono galassie e costellazioni. Angioletta De Nitto ha esposto parte della serie a Salento Acquari 2010. Le sue creazioni artistiche vengono regolarmente esposte in tutta Italia. A corredo, riportiamo alcuni scatti dei quadri presenti alla manifestazione salentina, mentre per ammirare la serie completa, invitiamo il lettore a visitare direttamente il sito dellartista: http://www.angiolettadenitto.it/?page_id=130 . Scatti sommersi La F.I.A.S. (Federazione Italiana Attivit Subacquee) sezione di Lecce, ha voluto contribuire alla mostra acquariofila esponendo una trentina di immagini realizzate da Giuseppe Piccioli Resta, Antonio Imperio, Donato Margapoti, Gianfranco Quarta, Cataldo Licchelli e Antonio Franco, tutti membri dellassociazione subacquea. Questiu sub professionisti con la passione della fotografia, si sono cimentati con le rispettive attrezzature fotografiche nella realizzazione di scatti mozzafiato, vere e proprie opere darte, nel corso delle loro immersioni nel blu. Parte di esse, pi panoramiche, riproducevano scorci di ambienti sommersi, rocciosi e sabbiosi, altre, pi dettagliate immortalavano comuni e meno conosciuti abitanti del mare, principalmente mediterranei. E sorprendente come il mare, apparentemente dominato dalle tonalit azzurre, sia in realt estremamente colorato se illuminato da flash e fari delle camere subacquee. La galleria fotografica in questione, molto apprezzata dal numeroso pubblico, ha fatto da cornice allesposizione di acquari mediterranei allestiti da alcuni soci del G.A.S.

68

Larte di terracotta Sempre allultima edizione di Salento Acquari, lartista leccese Claudio Capone, ha esposto alcune delle sue opere di terracotta realizzate interamente a mano (foto a sinistra). Molte di esse,esposte nel suo stand, erano ispirate ad organismi acquatici, reali e di fantasia, ed ambienti sommersi, ovviamente per restare in tema con la mostra organizzata dal G.A.S.! Il maestro Capone infatti, nel suo piccolo studio darte Keramos sito in via dei Perroni 8/a, nel cuore del centro storico di Lecce, realizza opere in creta, ispirandosi a diversi temi, non solo marini. Ultimamente la sua produzione artistica include anche splendidi quadri su tela. Per il Gruppo Acquariofilo Salentino, Claudio Capone ha anche realizzato tutti i trofei che sono stati consegnati ai vincitori della quinta edizione di Mediterranea Discus, il concorso dedicato al Re dellAcquario e che si svolto in concomitanza con Salento Acquari. I trofei, anchessi realizzati singolarmente a mano in terracotta, rappresentavano ciascuno un esemplare di Discus appartenente ad una delle categorie concorsuali del campionato (foto a destra). I complimenti allartista non sono ovviamente mancati. Infine, come sostengono i soci del G.A.S. (ma non solo loro), anche lallestimento di un bellacquario arte. Ed per questo che lassociazione salentina costantemente alla ricerca di sinergie con tutti i tipi di espressioni artistiche in grado di trasmettere emozioni alla pari di quelle che pu donare un pesce che cura amorevolmente le sue uova deposte in acquario. Con loccasione, i soci del G.A.S. ringraziano pubblicamente gli artisti che sono intervenuti alla loro manifestazione con laugurio che tale connubio possa continuare anche in futuro. Per maggiori informazioni sulle attivit dellassociazione: email: info@gas-online.org sito: www.gas-online.org blog: http://blog.libero.it/salentoacquari pagina face book: http://www.facebook.com/profile.php?id=100002530294054

BETTADAY A LECCE
Il G.A.S. - Gruppo Acquariofilo Salentino in collaborazione con l'AMBI - Associazione Mediterranea Bettofili Italiani - e con la sponsorizzazzione di DMFARM e TETRA Italia, organizza il 17 Novembre alle ore 17:00 in Via Adige N 26/a (Quartiere Santa Rosa) a Lecce, una serata dedicata alle selezioni degli Show Betta. La serata prevede un seminario interamente dedicato al riconoscimento degli standard da concorso, all'evamento e alle selezioni degli Show Betta. L' AMBI metter anche a disposizione dei partecipanti numerosi Show Betta, foglie di mandorlo indiano, inoculi di anguillole dell'aceto e piante asiatiche. Inoltre, chi vorr si potra iscrivere all'associazione ricevendo in regalo uno show betta. In seguito al Bettaday, i soci del G.A.S. saranno lieti di concludere la serata organizzando una cena con tutti gli appassionati e simpatizzanti che vorranno aderire. Per maggiori informazioni: www.gas-online.org - info@gas-online.org

69

COMUNICATO STAMPA
Roma, 30 settembre 2011 PESCA ILLEGALE, LA COMMISSIONE UE DEPLORA LITALIA E APRE UNA SECONDA PROCEDURA DINFRAZIONE: 2 MESI PER GIUSTIFICARSI O MULTA SALATISSIMA IN ARRIVO LE ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE: NON CI SONO PIU SCAPPATOIE, AL BANDO LE FERRETTARE E CHI E RESPONSABILE PAGHI! La Commissione europea ha aperto ieri una seconda procedura dinfrazione contro lItalia deplorandone il mancato adeguamento alla sentenza della Corte di Giustizia europea del 29 ottobre 2009, che evidenziava come lItalia avesse persistentemente omesso ''di controllare e sorvegliare in modo soddisfacente, sul suo territorio e nelle acque dove esercita la sua sovranita' e la sua giurisdizione, le disposizioni che vietano ai pescherecci di avere a bordo o di utilizzare reti derivanti.. Le reti derivanti oltre i 2.5 km sono state messe al bando dallUE fin dal 2002 in quanto comportano un altissimo numero di catture accidentali di specie protette, quali squali, delfini e tartarughe marine. Carenze nei controlli e sanzioni inefficaci, queste le principali accuse rivolte al nostro Paese, che pur avendo una buona arma nel suo magro ordinamento sulla pesca ovvero la possibilit di sospendere la licenza ai pescatori illegali non lha quasi mai applicata, consentendo di fatto la diffusione e proliferazione di questi attrezzi e in barba a tutte le norme nazionali e internazionali. Una vergogna aggravata dal fatto che una gran parte di pescatori che utilizzano le reti illegali hanno percepito tra il 1999 e 2002 circa 100 milioni di fondi pubblici destinati alla riconversione e che ora potrebbe costare ai contribuenti Italiani ancora di pi se entro due mesi lItalia non prender opportuni provvedimenti per debellare definitivamente questa grave forma di illegalit. Chiediamo nuovamente al Ministro Romano la messa al bando delle ferrettare, il cui uso illegale ormai prevalente ed divenuto una facile scappatoia al divieto sulle spadare dichiarano i rappresentanti di OCEAN2012, Legambiente, Marevivo, Greenpeace e WWF - Il Ministero delle Politiche Agricole e le autorit di controllo non hanno voluto controllare e gestire in modo corretto luso di questo attrezzo. Ora non resta che chiudere ogni scappatoia, ed evitare una salatissima sanzione che potrebbe raggiungere i 120 milioni di Euro concludono le associazioni ambientaliste.

IL BIONDO TEVERE SI TINGE DI NERO MAREVIVO CHIEDE SPIEGAZIONI ALLARPA, AL COMUNE DI ROMA E ALLA REGIONE LAZIO Roma, 19 settembre 2011 Non lultima moda a dettare il colore, ma stamattina il Tevere urbano una melma nera particolarmente maleodorante. Dal nostro osservatorio sul fiume la prima volta che lo vediamo tingersi cos. Qualcosa deve essere successo o la colpa come sempre

70

delle piogge? E qualcosa va fatto: almeno un sopralluogo, magari in elicottero. Dallalto potremmo avere le risposte che cerchiamo. A chiederlo lassociazione ambientalista Marevivo, in una nota inviata allArpa Lazio, allAssessorato allAmbiente del Comune di Roma e della Regione Lazio. Non sappiamo cosa il fiume stia portando al mare dice Carmen di Penta Direttore Generale di Marevivo so solo che qualsiasi cosa sia, finir nella catena alimentare. Con quali effetti sulla salute nostra e del mare?

Ufficio Stampa Marevivo 063202949 www.marevivo.it

71

I protagonist

Berthella aura rosso di


72

ti

antiaca: i sera

un gasteropode ascritto allordine Notaspide (famiglia Pleurobranchidae) ed diffusa in gran parte del Mediterraneo, presumibilmente per migrazione lessepsiana. Questa specie ha una conchiglia piatta e molto ridotta, totalmente coperta dal mantello. La colorazione arancione ne fa un animale molto bello ed appariscente sia in natura sia in acquario. La si pu raccogliere in acque superficiali, generalmente su fondali sabbiosi o detritici, ove scivola lenta in cerca di piccole prede. Per la raccolte consigliabile cercarla di notte con laiuto di una torcia perch dopo il tramonto esce pi facilmente allo scoperto, avendo abitudini criptiche. Si tratta di un mollusco di piccole dimensioni che non supera generalmente i 3 centimetri di lunghezza. Essendo una specie di origine tropicale sopporta bene anche le temperature elevate (secondo alcuni autori sino a 26-28 C) ma in acquari refrigerati si mostra in tutta la sua bellezza e vive pi a lungo. Per il suo allevamento pu essere problematica lalimentazione. Non si sa con certezza quali siano le sue prede preferite, anche se alcuni autori suggeriscono di somministrare idrozoi vivi. Dovrebbe dunque rappresentare un aiuto nella lotta ad alcune specie di idrozoi invasivi nellacquario marino mediterraneo (ma anche nel tropicale, date le abitudini e la resistenza). Secondo altri autori si nutre di attinie di mare, come Actinia equina, dalle quali trarrebbe anche la viva colorazione rossiccia. In alcuni casi possibile osservarla mentre pascola in superficie apparentemente nutrendosi del film di grasso e batteri presente a galla. Tuttavia non sapremmo dire se questo comportamento, osservabile spesso in acquario, corrisponda ad abitudini tipiche anche in natura. Depone in acquario delle belle ovature. Per portare a termine la riproduzione necessario per raccogliere le larve, da tenere in piccoli contenitori con acqua pulita, ed alimentarle con specifici cibi per invertebrati filtratori (es. SHG Snow Reef). Si tratta di un animale che vive benissimo in acquario ed in grado di abbellire lambiente, data la grazia delle forme, il colore intenso, i movimenti flessuosi. necessario per fornire i suoi alimenti preferiti (soprattutto idrozoi) se non si vuole vederla deperire e rimpicciolirsi nel tempo.

Berthella aurantiaca in un piccolo acquario marino refrigerato. Temperatura 18 C, bassa illuminazione, acqua di mare naturale
73

75

RECENSIONI

e novit

CATEGORIA
materiali filtranti

Api Aqua-Detox:
basta con le tossine in soluzione!
76

Info: http://www.aquariumpharm.com/

lcuni filtri sono eccellenti: riescono ad eliminare tutto quello che c nellacqua o quasi, rendendo i cambi parziali relativamente inutili. Ci sono filtri sequenziali che eliminano ammoniaca, nitriti, nitrati e permettono di conservare stabile lacquario per anni, anche in presenza di una popolazione generosa. Non sempre cos, per. La maggior parte dei filtri in commercio non in grado di eliminare totalmente i composti azotati, specialmente quando lacquario sia sovrappopolato o in caso di eccessi da parte dellacquariofilo (troppo cibo, filtro troppo piccolo, pochi cambi, ecc.) ed normale, dunque, che alcuni di essi (principalmente quelli pi ossidati, come i nitrati) si accumulino lentamente nellacqua. In questo caso una soluzione radicale pu essere quella di sostituire il filtro, acquistandone uno pi efficiente. Una soluzione intermedia, nel caso di funzionamento di poco insufficiente, quella di aggiungere un materiale filtrante adeguato. Aqua-detox un substrato da aggiungere nel filtro, che svolge una serie di funzioni essenziali. Innanzitutto ha la forma di un tubetto cubico e si ricopre quindi di flora batterica, che aiuter le funzioni biologiche (fondamentalmente nitrificazione). Non si tratta per del classico cannolicchi (sia pur cubico!) di ceramica, ma di un impasto di resine e zeolite, in grado di trattenere selettivamente ammoniaca, nitriti e nitrati. Questo significa che per almeno due mesi ogni tubetto assorbir tutte le sostanze azotate anche in assenza di flora batterica. Significa, inoltre, che lazione di adsorbimento, di tipo chimico, inizier immediatamente dopo aver sistemato il substrato nel filtro: non necessario attendere la maturazione per aggiungere i primi animali. Infine, non improbabile che gli stessi batteri che si insediano sulla superficie di questi particolari tubetti, riescano a strappare dalle resine delle molecole di azoto per effettuare nitrificazione ed eventualmente denitrificazione. Il tubetto diverrebbe cos una sorta di banca dellazoto, da trattenere immediatamente per cederlo lentamente ai batteri utili. Si tratta dunque di un prodotto rivoluzionario che

facile da usare e da gestire. Offre risultati immediati. Funziona anche da substrato biologico

non elimina inquinanti di tipo diverso che potrebbero cos essere mascherati, dopo la totale eliminazione dei composti azotati, facilmente misurabili.

potr essere utilizzato in varie occasioni: a) al primo allestimento di un acquario, per non doverne attendere la maturazione; b) in caso di inquinamento improvviso prodotto, ad esempio, da un eccesso di mangime, per eliminare le tossine ed evitare la morte dei pesci; c) di regola in tutti gli acquari sovrappopolati o dove il filtro non funzioni perfettamente, per evitare di doverlo sostituire; d) per sicurezza in qualsiasi acquario, in modo che eventuali fenomeni di improvviso inquinamento siano immediatamente tamponati. Il prodotto esiste in vari formati e serve unicamente a trattare i prodotti dellazoto. Potr rivelarsi un ottimo acquisto sia a scopo preventivo sia per risolvere piccoli problemi di inquinamento. 77

RECENSIONI

e novit

CATEGORIA

Skimmer LGs850

LGMAquari

78

schiumatoi

Info: http://www.lgaquari.it/

di Mirko Mutalipassi

GMAquari, nota azienda napoletana produttrice di sistemi di filtrazione per acquari marini, ha da poco presentato il suo primo schiumatoio monopompa. Lo skimmer, denominato LGs850, destinato ad acquari marini di media dimensione, dai 400 ai 900 litri. La miscela acqua/aria insufflata nella colonna di contatto da una Sicce PSk1000 sfruttando un collaudato sistema a diffusore. La proporzione aria/acqua dichiarata di circa 1000 litri/h daria e 800 litri/h dacqua. Questi valori sono soggetti a piccole variazioni al variare del settaggio dello schiumatoio: grosso vantaggio degli skimmer LGMAquari infatti la possibilit di regolare il livello dacqua in colonna utilizzando lo scarico regolabile e non un pi instabile metodo a ghigliottina o a strozzatura. Abbiamo avuto la possibilit di osservarlo in funzione a Napoli Aquatica di questo mese, gentilmente concesso in uso da Manuela Apuleo, titolare della LGMAquari, allassociazione Ecoacquario Sorrento. La prima impressione stata molto positiva: nonostante gli acquari siano stati approntati in tutta fretta, non abbiamo osservato sofferenze negli animali n acqua lattiginosa. La quantit di schiuma a fine giornata ci parsa densa e abbondante. Novit di questo prodotto il particolare sistema Venturi con regolazione a vite, che rende il prodotto adattabile alle pi diverse esigenze, permettendo di regolare la quantit di aria/acqua immessa nella colonna di contatto. Materiali di qualit contraddistinguono la produzione tutta italiana della LGMAquari: innesto bicchiere in PVC e venturi ricavati da barre piene e lavorate al tornio, plexiglass colato di prima qualit, pompe Sicce. Le lavorazioni ricercate e la produzione tutta italiana rendono questo prodotto relativamente costoso; risulta quindi impossibile, per questa ragione, paragonarlo a prodotti di bassa qualit di provenienza orientale. Se il confronto viene fatto con modelli a doppia 79

Molto compatto, elevata qualit dei materiali, ottima schiumazione

Costo relativamente elevato. Necessita di sump non potendo andare a secco.

pompa di pari dimensioni, sicuramente si evidenzia un lieve risparmio energetico e una maggiore compattezza del prodotto, non richiedendo una pompa di carico aggiuntiva. La conformazione della colonna di contatto di questo schiumatoio consente di ridurre la sensibilit che nei modelli a singola pompa pu facilmente portare allallagamento del bicchiere, mentre sfrutta due caratteristiche positive dei modelli a doppia pompa, quali la controcorrente ed il tempo di contatto pi lungo. LLGs850 infine, come altri sistemi monopompa, non pu essere utilizzato a secco: la presenza di una singola pompa rende necessaria una colonna dacqua di almeno 19 centimetri.

RECENSIONI

e novit

CATEGORIA

Nomaphila stricta: altezza, mezza bellezza

80

piante acquatiche

Info: http://www.plantedtank.net/forums/myplants/101-Giant_Hygro_Nomaphila_stricta.html

ota anche col vecchio nome di Hygrophila corymbosa, questa una pianta alta di origine asiatica, da sfondo, molto resistente e coriacea, adatta soprattutto per acquari di dimensioni medie e grandi. Raggiunge infatti i 40 cm di altezza e si mostra in tutta la sua bellezza quando non si sia costretti a tagliare continuamente le cime pi tenere e vitali. Ha un range abbastanza ampio di temperature, tra 18 e 28 C e si adatta bene in acque con durezza totale variabile tra 15 e 35 dGH. Predilige per i pH neutri o mediamente basici (7.0-7.5) bench alcune cultivar si adattino bene anche ai pH acidi (sino a 5.0 secondo alcuni autori). La pianta si sviluppa come un alberello, intorno ad uno stelo coriaceo e di colore scuro, con foglie lanceolate allungate, nelle quali si riconoscono le venature. Spesso produce radici epigee. Il colore delle foglie pi chiaro nella faccia che guarda la luce, relativamente opaco nella faccia inferiore. Spesso si notano anche getti laterali, specialmente quando il fondo sia fertilizzato. In questo modo la pianta si espande in acquario producendo vere e proprie foreste. Ovviamente sar opportuno spostare subito i getti che vengono in direzione della parete frontale perch, bench piacevoli alla vista nel primo periodo, in poche settimane diverrebbero ostacoli allosservazione dellacquario, a causa della rapida crescita che caratterizza questa pianta. Per questo stesso motivo, la pianta si presta bene ad essere coltivata in terrazze, negli angoli posteriori della vasca. In queste condizioni, infatti, i getti laterali sono prodotti in prossimit della pianta madre, contribuendo a produrre piccoli plot folti e numerosi. Quando cresca bene in altezza, come normalmente avviene nelle vasche alte, necessario provvedere una sufficiente illuminazione, per evitare che perda le foglie disposte pi in basso. In questo caso, infatti, apparirebbe come un lungo stelo con un ciuffetto di foglie in cima. Ove ci dovesse accadere, oltre a promuovere una maggiore irradianza, sar opportuno tagliare le cime e ripiantarle (eliminando gli steli), per evitare lulteriore depauperamento della superficie fogliare. 81

facile da coltivare, molto bella, a crescita rapida, elimina rapidamente leccesso di nutrienti in soluzione, si riproduce per stoloni e vive bene in un ampio range di valori chimici e temperature

necessita di fondo fertilizzato, perde le foglie in basso se illuminata male, vive bene soprattutto nelle vasche ampie ed alte

Cresce meglio su un fondo fertilizzato, di laterite o di torba, ove produce abbondanti radici che si espandono in gran parte del fondo della vasca. La presenza di radici epigee in genere sintomo di scarsa quantit di nutrienti sotto il fondo e di abbondanza di composti organici in soluzione. Trattandosi di una pianta a crescita rapida sar anche opportuno provvedere ad una intensa fertilizzazione con anidride carbonica. Questa pianta, abbastanza facile da coltivare, sta tornando prepotentemente nei negozi specializzati, in questo periodo, con variet molto belle e robuste. Si tratta di una buona occasione per riportare il nostro verde acquario ai suoi originari splendori, utilizzando un singolo vasetto erborato.

RECENSIONI

e novit

CATEGORIA

Ocean Nutrition Instant Baby Brine Shrimp:

nauplii freschi senza fatica

82

alimenti

Info: http://www.oceannutrition.eu/products.aspx?Product=instant-baby-brine-shrimp

vete mai provato a produrre nauplii di Artemia? Si tratta senza dubbio di unattivit divertente quando non si ha di meglio da fare. Ma se la produzione diventa intensa, ad esempio a causa di un nugolo di avannotti da nutrire, o di un acquario con coralli, la cosa alla lunga pu divenire laboriosa e noiosa. Sarebbe bello se esistessero nauplii gi pronti da somministrare, ma non si comprende in che modo: avannotti e coralli non si accontentano certo di cibi secchi o liofilizzati, nella generalit dei casi. Ci ha pensato Ocean Nutrition, con una invenzione che probabilmente rivoluzioner il nostro modo di somministrare giovani crostacei a vari organismi in crescita. Instant baby brine shrimp, come dice il nome, costituito da nauplii gi schiusi, contenuti in un barattolino di vetro, in acqua distillata, sterili e pronti per la somministrazione. In acqua dimostrano immediatamente un peso specifico ottimale, flottando proprio come farebbero dei veri nauplii. Certo, alcuni pesci molto esigenti non li considereranno neppure come cibo, non vedendoli vibrare come quelli veri. Ma possiamo assicurarvi, in base alle nostre esperienze, che la maggior parte degli avannotti di pesci marini e dacqua dolce impazzisce subito dopo la somministrazione! Il bello che la somministrazione viene effettuata semplicemente raccogliendo una goccia del prodotto con una pipetta sterile e versandola in acqua. Si vedranno subito i nauplii disperdersi, mantenuti in sospensione nella colonna dacqua da un semplice aeratore. Lo stesso dicasi per i coralli, che si nutrono dei nauplii instant proprio come di quelli vivi, avvantaggiandosi del loro ottimo potere nutritivo (quasi 10% di proteine in peso fresco). In realt, per produrre la quantit di nauplii presenti in una singola confezione (circa 20 grammi in peso fresco) occorrerebbe una enorme quantit di cisti, considerando le normali percentuali di schiusa, da questo punto di vista il prodotto appare anche relativamente economico. Il vantaggio principale per, lo confessiamo, nel permettere di alimentare organismi difficili avendo a disposizione anche solo pochissimi minuti ogni sera: si apre il barattolo, si preleva una goccia di prodotto, si richiude il contenitore. Il gioco fatto! I nauplii sono conservati a lungo, quando il contenitore ancora sigillato, essendo in condizioni

facile da utilizzare, sano, nutriente, quasi pari al fresco, relativamente economico

si degrada se non consumato entro poche settimane. Non sufficiente per ingannare le larve di alcuni pesci particolarmente esigenti. Difficile consumare unintera confezione prima che inizi a degradarsi

di totale sterilit. Una volta aperto il barattolo pu iniziare la degenerazione a causa dellintroduzione di batteri e funghi decompositori. In questo caso si noteranno dei grumi, soprattutto sul fondo, che dovrebbero essere prontamente eliminati. Per rallentare il processo consigliabile usare solo pipette sterili (basta usare una pipetta di vetro passata alla fiamma di un accendino prima delluso) e richiudere immediatamente il coperchio dopo luso. Ovviamente dopo la prima apertura il prodotto va riposto in frigorifero ma non congelato, se non si vogliono perdere le caratteristiche di naturalit dei nauplii. In definitiva si tratta di un prodotto molto innovativo, certamente non valido in tutti i casi, ma tale da rendere la vita facile a molti allevatori ed appassionati di coralli vivi. 83

RECENSIONI

e novit

CATEGORIA

Sera Spirulina tabs:

per pesci sani e contenti


alimenti

fitoterapia e rilassamento

84

Info: http://www.seraitalia.com/service/listino/schede/sera_spirulina_tabs.htm

vete mai osservato pesci poco attivi in acquario, con le feci filiformi che si fermano proprio dietro il corpo e, a mo di tristi coriandoli, restano attaccate a lungo? Si tratta certamente di un sintomo di malessere. Pesci in queste condizioni hanno lintestino pigro o, peggio, infettato da batteri e protozoi. Si pu facilmente ovviare a questi inconvenienti, oggi, grazie ad un rivoluzionario mangime presentato un po in sordina. Il primo mangime di questo tipo di cui vogliamo parlarvi oggi Spirulina Tabs, un alimento in pastiglie di altissimo valore nutritivo. Contiene plancton, alghe marine, spinaci, spezie e, naturalmente, il 20% di Spirulina pura. In pratica una sorta di fitoterapia per pesci! A chi somministrarlo? Certamente a tutti i poecilidi, ma anche a pesci fitofagi o onnivori come i loricaridi, caracidi, ciprinidi ed i Ciclidi africani. Abbiamo voluto andare oltre! Abbiamo provato a somministrarlo in un acquario marino tropicale e si formata una montagnola di molluschi, disposti luno sullaltro, che ha consumato rapidamente il pasto a base vegetale. La cosa interessante per che anche alcuni pesci (Chromis ed Abudefduf) si sono spostati sul posto, prima timidamente, poi con maggiore decisione, per utilizzare piccole prede presenti nella pastiglia. Evidentemente il mangime contiene composti odoriferi interessanti per i pesci. Perch dovremmo essere soddisfatti della cosa? Innanzitutto perch il mangime a base vegetale contiene tante fibre e pratica cos una sorta di massaggio intestinale ai pesci, migliorandone le funzioni dellapparato digerente. Poi perch questo cibo una vera bomba vitaminica, contenendo vitamine del gruppo B, oltre a vitamina A, C, D, E. Contiene inoltre calcio, fosforo ed altri importanti sali minerali. Tutto questo, ovvio, migliora lo stato generale di salute di qualsiasi organismo acquatico. Ma la particolare formulazione, soprattutto, ha unazione quasi terapeutica sui pesci, riportando il loro intestino in condizioni eccellenti in caso di piccole infiammazioni e disfunzioni. Pertanto, se osservate che i vostri pesci mostrano filamenti chiari al posto delle solite feci, provate a somministrare questo alimento per alcuni giorni. molto probabile che il fenomeno regredisca rapidamente, persino nel caso di pesci schizzinosi come i discus e gli scalari, che pure vanno spesso incontro ad infiammazio-

migliora la funzionalit intestinale. Utile per accendere la colorazione della livrea. Cura naturalmente alcune disfunzioni alimentari ed elimina il fenomeno delle feci filamentose

formulato specialmente per pesci vegetariani e non tutte le specie lo accettano. La presentazione in pastiglie non ideale per soddisfare le esigenze di alcune specie di pesci dacquario, soprattutto le carnivore.

ni intestinali. Peraltro il produttore consiglia questo alimento per i pesci dacqua dolce ma abbiamo personalmente osservato che pu dare il meglio di s anche nellacquario marino. Prima di concludere vogliamo ricordare che una formulazione simile stata approntata per i pesci rossi, i quali vanno spesso incontro a manifestazioni come quelle descritte. Lalimento specifico per pesci rossi si chiama Goldy Color Spirulina: cura naturalmente i problemi intestinali dei pesci rossi e migliora la loro colorazione. Un dono che potremo riservare ai nostri amici possessori di pesci rossi, in attesa che si decidano ad allestire un vero acquario. Con alimenti come questo, infatti, molto probabile che i pesci rossi vivano abbastanza a lungo da convincere i nostri amici che opportuno passare ad una vasca con filtro. 85

RECENSIONI

e novit

CATEGORIA

Tetra Marine AlgaeBlock:


Info: http://www.tetraitalia.it/tetra/go/7B5FA47C9E09C88146240E280D25C 424/?seite=4&group_id=470900&group_2_id=914&lang_id=19

cibo fresco per 24 ore

86

alimenti

limentare i pesci marini pu essere talvolta problematico, specialmente quando siano relativamente schizzinosi e quando necessitino di unalimentazione bilanciata e ricca. Pu essere anche divertente, per, dal momento che esistono infiniti prodotti da testare, molti dei quali possono prestarsi alla risoluzione di piccoli problemi quotidiani. Supponiamo, ad esempio, di dover alimentare i pesci marini nel corso di un week-end. Certamente possiamo mettere in funzione la mirabolante mangiatoia automatica ed il problema immediatamente risolto. Ma bisogna trovare le due stilo (chiss perch si parte sempre di domenica o di prima mattina!), riempire il serbatoio con il cibo giusto, effettuare le regolazioni del caso, che non facevamo dallultima vacanza estiva. Tutto questo solo per un giorno? In fondo, i pesci potranno ben sopportare un paio di giorni di digiuno ed eviteremo cos anche i rischi delle regolazioni dellultimo momento (troppo cibo, somministrazioni a catena, ecc.). Oppure potremmo prendere in considerazione un cibo che si conserva stabilmente in vasca per un periodo abbastanza lungo. In questo caso, una confezione del nuovo AlgaeBlock della Tetra fa al caso nostro. Si tratta di un alimento in gelatina che si conserva stabilmente in acqua per ben 24 ore, potendo cos essere consumato con calma dai nostri pesci marini. Peraltro questo alimento stato formulato in modo da apportare un giusto contenuto in proteine e vitamine, cos da mantenere perfette le condizioni di salute dei nostri pesci, incrementandone i colori della livrea. Il cibo stato anche addizionato con interessanti odori (composti organici volatili) che facilitano il riconoscimento da parte dei pesci stessi. Ovviamente non tutte le specie reagiranno allo stesso modo ed alcuni pesci non considereranno neppure come cibo, in un primo momento, questo strano materiale. sufficiente per che i primi pesci curiosi provino a staccarne qualche frammento per generare notevole interesse tuttintorno. Appena laroma si disperde nellacqua tutti gli ospiti dellacquario accorreranno presso limprovvisato punto di ristoro! In ogni caso conviene provare, perch laddove funzioni, questo alimento pu realmente risolvere problemi di gestione in modo elegante, semplificandoci la vita.

facile da utilizzare, di lunga durata, risolve piccoli problemi di manutenzione, aiuta ad alimentare correttamente i pesci marini

non tutti i pesci reagiscono nello stesso modo alla sua somministrazione

Ci chiediamo anzi per quale motivo dovremmo limitarne lutilizzo ai periodi di assenza da casa. I pesci marini in crescita abbisognano di un continuo apporto di alimenti e, come si sa bene, non conviene esagerare nelle somministrazioni nellacquario marino per evitare picchi di nutrienti. Al contrario, la somministrazione di questo cibo, un paio di volte la settimana, permetter di integrare i normali cibi somministrati, consentendo ai pesci di brucare quasi in continuo per ben 24 ore. Altre possibili utilizzazioni pratiche le lasciamo a voi e, come sempre, attendiamo i vostri commenti in merito ed i suggerimenti di tutti coloro che abbiano provato questo prodotto. In ogni caso ci pare una novit degna di nota, che potr essere interessante provare e discutere insieme. 87

Zoomark International 2011: interessante, divertente, entusiasmante!


a cura della redazione - quarta e ultima puntata

tante e ci porterebbero sino alla prossima edizione della fiera! Pertanto viaggeremo rapidi tra gli stand (Foto 0) per raccontarvi solo le cose straordinarie. Per quelle ordinarie provvederemo ad informarvi nei prossimi numeri attraverso la consueta sezione novit. Dunque passiamo rapidamente dallo stand AquaMedic, per ammirare i tanti accessori per acquari marini e le belle vasche complete, ma, soprattutto, un nuovo bioreattore in grado di produrre fito- e zooplancton in modo semi-automatico (Foto 1). Ci spostiamo di poco per atterrare nel pianeta acquari! Lo stand Askoll era una vera festa per acquariofili e negozianti, dove tutto nuovo da

bbiamo iniziato questo viaggio quattro mesi fa e desideriamo concluderlo oggi, perch le cose viste sono veramente

un anno a questa parte. A cominciare dai colori: tutto verde in modo che la tecnologia amica possa ben mimetizzarsi con il contenuto della vasca (lhanno chiamata fluid emotion), ma anche nellimmagine delle confezioni, che ora racconta nei dettagli il contenuto. Ma certo la novit non solo nel colore! Abbiamo ammirato i nuovi filtri interni modulari, i filtri esterni dallaspetto semplice e pulito, i termoriscaldatori di precisione con tante protezioni di sicurezza, per coccolare i nostri pesci in piena tranquillit, gli acquari completi (foto 2 e 3) ed i mille accessori per ogni esigenza. Il punto centrale che ora tutta la tecnologia modulare, naturale e di facile fruibilit: nessuno potr pi ripetere la frase trita e ritrita lacquario necessita di tante cure!

88

Ci spostiamo ancora di poco per raggiungere lo stand CEAB, specializzato in sistemi di illuminazione super-perfezionati e tutti in stile italiano. Qui la tecnologia oramai LED (Foto 5), anche se le plafoniere miste e quelle con soli tubi al neon ci fanno sognare il nostro nuovo acquario. Anche allo stand Croci troviamo tanta eleganza e tecnologia, ma qui lo stile (Foto 6) quasi tutto zen! Questi piccoli acquari hanno un notevole fascino e non stentiamo a credere che potranno far trascorrere ore di piacevole allestimento a tutta la famiglia, trasformata in gruppo artistico Zen. Se lobiettivo rappresentato dai pi giovani, per, dovremmo esaminare lenorme produzione in tema bambini, costituita da vasche supercolorate, spesso in tema comics. Novit da sballo anche allo stand Eheim . Lazienda tedesca, allavanguardia nella produ-

zione di filtri esterni e magnifici acquari tecnologici, ha superato s stessa presentando modelli totalmente elettronici, collegabili al computer per produrre onde, controllare lo sporco, modificare la portata (Foto 7). Chiedete al vostro negoziante di mostrarvi anche il nuovo detox-set, una combinazione di materiali filtranti da utilizzare per la manutenzione periodica dellacquario senza sforzi. Se invece la vostra fantasia vi porta verso mondi ovattati, da regalare a bimbi felici, allora avete un obiettivo sicuro: gli acquari e le tartarughiere Hello Kitty (Foto 8), presentati da Pampered e destinati a far piangere di gioia milioni di giovanissimi utenti. Un regalo a colpo sicuro, se avete figli, nipoti o amici sotto i trentanni! Ma non potremmo parlare di stile italiano senza ricordare Sicce, storico marchio vicentino approdato anche oltreoceano, che si arricchisce ancor

89

10

11

12

13

pi di eleganza e tecnologia. Di nuovo, oltre alle linee di pompe, termoriscaldatori, filtri, rammentiamo i biocondizionatori Hyper Bakto (dei loro interessanti batteri starter abbiamo parlato gi in numeri precedenti), gli schiumatoi LGMAcquari,

i sistemi di illuminazione (Foto 9), i sali, i generatori di onde e tanto altro. Ma lazienda in questione, oltre ad innovazione, ha sapore di tradizione solida ed ecco allora lennesima versione rivista ed aggiornata di Moby Dick (Foto 10): lacquario piccolo pi famoso che c, il quale ora si sdoppia in vari formati! E cosa dire di Globus International? Il nome tutto un programma e commercializzano le famose palle: piccoli ecosistemi chiusi conte-

90

nenti unalga ed un paio di Halocaridina rubra (Foto 11). Sino a qualche anno fa avremmo snobbato questi piccoli cosi (li si pu chiamare acquari?) ma oggi, dopo qualche esperimento, dobbiamo dire che sono veramente divertenti e che gli organismi contenuti, dopo anni di vita in equilibrio, appaiono persino felici! Daltra parte, se si parla di bambini non possiamo non pensare a PennPlax ed alla sua infinita produzione in plastiche atossiche. Non basterebbe lintera rivista per esporre la produzione, che in alcune parti soddisfa gli utenti pi ketch, in altre pare avvicinarsi ai gusti dellacquariofilo naturalista. Ma se ai bambini vogliamo guardare, allora non possiamo tralasciare lacquario Spongebob ed i suoi tanti accessori (Foto 12). La plastica comunque non solo in questo stand e la fantasia la fa da padrona in varie parti della fiera. Pensate ad esempio alla enorme produzione Flamingo , dove abbiamo trovato una chicca non da poco: il busto policromo

di un nostro noto collaboratore (Foto 13)! Questo veramente troppo: Ippo Campo ha posato per una statua (naturalmente in plastica) senza avvertire la redazione? ora di uscire dalla fiera! Attraversiamo veloci attraverso i settori brasiliano, americano, cinese (esaminarli in dettaglio sarebbe veramente impossibile) e sbuchiamo in prossimit delluscita. La fiera finita, ma per voi lettori non finisce qui, perch le tante cose di cui vi abbiamo raccontato, generate dallingegno e dagli sforzi imprenditoriali dei migliori produttori, potranno essere testate ed utilizzate nel prossimo anno, in modo da rendere il nostro divertimento sempre pi vivo, concreto ed interessante. Noi cercheremo di aiutarvi nella scelta, spiegandovi nei prossimi numeri pregi e difetti di ognuno di essi, perch divertirsi con il proprio acquario significa anche potersi godere, di tanto in tanto, il piacere di un attrezzo nuovo e luccicante, affinch il nostro splendido hobby possa offrirci tante nuove soddisfazioni.

91

AGENDA EVENTI

GENOVA: CALENDARIO ATTIVIT ED EVENTI ACQUARIOVILLAGE ESTATE 2011 Notte con gli squali Acquario di Genova Continua con un calendario ricco di date lappuntamento con Notte con gli squali, lemozionante esperienza che consente a bambini e ragazzi dai 7 ai 13 anni di conoscere la vita notturna dellAcquario di Genova e di provare lemozione di addormentarsi davanti alla grande vasca degli squali. Lesperienza comprende anche la cena e inizia alle ore 19.30. Sono previsti appuntamenti tutto lanno, almeno una volta al mese, per un numero massimo di 35 partecipanti a serata. Precisamente, nel 2011: 1 e

approfondire il tema dellenergia con particolare riferimento alle fonti rinnovabili. Infine, a completare le esperienze con unimmersione nella storia della navigazione, il sommergibile Nazario Sauro, la prima nave museo visitabile in acqua davanti al Galata Museo del Mare. Biodiversit lavori in corso Acquario di Genova e La citt dei bambini e dei ragazzi Sul tema della conservazione della biodiversit, da sempre al centro dellazione di sensibilizzazione in cui Costa Edutainment impegnata, lAcquarioVillage proporr alle famiglie, a partire dalla primavera, Biodiversit lavori in corso, speciali animazioni edutainment per imparare insieme come lUomo si debba comportare per garantire un futuro al nostro Pianeta. Le attivit si svolgeranno ogni quarto fine settimana del mese sotto la guida di un esperto, sia lungo il percorso dellAcquario di Genova, con un focus sullequilibrio tra foreste e scogliere coralline, sia a La citt dei bambini e dei ragazzi, con un laboratorio che permetter di scoprire come crescono le piante e qual la loro importanza per il Pianeta.

25 giugno; 3 settembre; 31 ottobre; 12 e 26 novembre; 7 e 26 dicembre. Il prezzo di Notte con gli squali di 80 euro per bambino. Per partecipare indispensabile la prenotazione presso Incoming Liguria, tour operator dellEdutainment, al numero telefonico 0102345666. Notte con gli squali acquistabile anche dal sito www.acquariodigenova.it. Le novit del mondo AcquarioVillage nuovi exhibit Il mondo AcquarioVillage ha recentemente arricchito la propria offerta con nuovi exhibit in tutte le strutture. Sui temi di natura e ambiente, ad attendere il pubblico, ci sono i nuovi ospiti dellAcquario di Genova: gli storioni, i pesci ossei viventi pi antichi del pianeta e le creature degli abissi marini grazie alla nuova installazione interattiva Abissi, Luci nel buio. La scienza e la tecnologia attendono i ragazzi a La citt dei bambini e dei ragazzi dove il nuovo exhibit Energia in gioco consente loro di conoscere e

NAPOLI - CONFERENZA MEDITERRANEA SULLE TARTARUGHE MARINE Dal 7 al 10 novembre prossimo si terr a Napoli la quarta conferenza mediterranea sulle tartarughe marine. Le informazioni necessarie per liscrizione e la partecipazioni sono disponibili nel sito: http://medturtleconf.rac-spa.org/ Levento vedr riuniti i paesi mediterranei, nello sforzo comune di studiare e salvaguardare le tartarughe marine. Le quattro sessioni del convegno sono state poeticamente ispirate a quattro temi

92

tratti dallOdissea e verranno cos ripartite: - Il ritorno a casa: sinonimo del comportamento fillopatrico degli organismi studiati, questa sessione si occuper dei diversi aspetti biologici e comportamentali della riproduzione delle tartarughe marine (Biologia Riproduttiva e spostamenti); - Linganno: come Ulisse e i suoi marinai anche le tartarughe compiono il loro viaggio in un mare ricco di pericoli nascosti. In questa sessione vengono trattati tutti i fenomeni che rappresentano una minaccia alla loro sopravvivenza; - Lidentit celata: come Ulisse non rivela la sua identit, anche molti aspetti della biologia delle tartarughe sono ancora poco noti. Questa sessione sar dedicata allanalisi dellAnatomia, Fisiologia, Comportamento e Genetica, aspetti che richiedono ancora studi approfonditi; - Ospitalit: tema ricorrente nellOdissea, che ci ricorda che anche le tartarughe dipendono dalluomo per poter trovare un ambiente salubre, accogliente e sicuro. Le due parti in cui divisa questa sessione saranno rispettivamente dedicate ai temi Misure di Gestione e Conservazione Ambientale e Medicina Veterinaria e Salute delle Tartarughe.

RANCO (VA) II BETTA SHOW LAIB (Associazione Italiana Betta) vi invita al II Italian Betta show, riconosciuto dallIBC, che si terr a Ranco dall8 al 10 giugno 2012.

STIMOLI DI VIAGGIO E VANTAGGI ESCLUSIVI


Volete raggiungere le manifestazioni di cui si parla in queste pagine? Potete farlo in modo esclusivo, grazie allaiuto fornito dalla nostra agenzia di viaggio di riferimento, la prestigiosa TUI. Gli abbonati ad acquariofilia troveranno nel sito dellagenzia delle interessanti offerte per partecipare ad alcuni degli eventi di cui si parla. In particolare, se volete raggiungere il convegno sulle tartarughe acquatiche non avete che da cliccare su: http://hotel.tui.it/hotel-italia/hotel-napoli/

BETTA-DAY A LECCE Il G.A.S. - Gruppo Acquariofilo Salentino in collaborazione con l'AMBI - Associazione Mediterranea Bettofili Italiani - e con la sponsorizzazione di DMFARM e TETRA Italia, organizza il 17 Novembre alle ore 17:00 in Via Adige N 26/a (Quartiere Santa Rosa) a Lecce, una serata dedicata alle selezioni degli Show Betta. (vedere anche la pagina del G.A.S. nella rubrica dalle associazioni in questo numero) Per maggiori informazioni: sito: www.gas-online.org email: info@gas-online.org

NORIMBERGA - INTERZOO Dal 17 al 20 maggio 2012 si terr a Norimberga il consueto appuntamento biennale dedicato agli animali domestici. La fiera di Norimberga, che si alterna con Zoomark, manifestazione che si tiene ogni due anni a Bologna, anchessa rivolta agli operatori del settore Pet. Per info: http://www.interzoo.com/en/

Se invece volete raggiungere il convegno organizzato dal G.A.S. potete fare riferimento al link che segue: http://hotel.tui.it/hotel-italia/hotel-lecce/ Ora non avete pi scuse: viaggiare con tutta la famiglia alla scoperta di varie meraviglie acquatiche facile e conveniente con le offerte proposte da aquariophylia.

93

Acquario aperitivo
di Tony Di Meglio & Valerio Zupo

Il bicchiere aperitivo in tutta la sua microscopica bellezza. La realizzazione di tipo zen viva ed equilibrata oramai da molti mesi 94

n giorno si va al bar, si prende un aperitivo e si nota la straordinaria eleganza di un bicchiere contenitore di olive. Tra il consumare le olive ed il trafugare il bicchiere (non prima di aver chiesto gentilmente al barista, ovviamente) il passo breve. Ed eccoci a casa con un bicchiere sferico, pronto ad essere allestito come nano acquario da destinare a pulci dacqua e Cladophora. I materiali da procurare sono i seguenti: sabbia quarzifera bianca, rocce raccolte in natura, scheletri di gorgonie, filo di nylon sottile, acqua totalmente demineralizzata (osmosi inversa), pulci dacqua. Per prima cosa sistemiamo il substrato di fondo, precedentemente lavato, in modo da produrre uno strato di sabbia quarzifera alto circa 1 centimetro e disposto in modo da risultare con la superficie concava. La Cladophora stata quindi divisa in piccoli gruppi e disposta sulla sabbia a formare un minuscolo praticello. Lalga tende a galleggiare ed stata quindi fissata al fondo con laiuto di piccole rocce. Dopo il primo periodo per lalga comincia a fissarsi al substrato espandendosi lentamente, in modo da produrre un prato pi compatto e stabile sul fondo. Il rametto di gorgonia stato ricoperto di Cladophora utilizzando dellapposito filo di nylon molto sottile. Allo scopo, piccoli frammenti di Cladophora sono stati tenuti lungo la superficie dello scheletro di gorgonia mentre il filo stato avvolto a spirale, cos da evitare che fosse visibile. Infine lo scheletro di gorgonia stato poggiato sul fondo, incastrandolo tra i due sassi lisci. A questo punto il pico-acquario stato completamente arredato e si pu procedere al riempimento, con cautela (il tutto non totalmente stabile), utilizzando una siringa per aggiungere lentamente circa 50 ml dacqua demineralizzata. Sono quindi state aggiunte le pulci dacqua (una decina di individui), unici ospiti del piccolo ambiente. Ovviamente un acquario di queste dimensioni richiede una totale chiusura perch anche una minima evaporazione modificherebbe enormemente le sue caratteristiche chimico-fisiche. Pertanto abbiamo utilizzato della comune pellicola da cucina, tagliandola perfettamente lungo i bordi mediante un bisturi. La pellicola stata 95

fatta aderire in modo che il bordo inferiore combaciasse con la superficie dellacqua. In tal guisa, la sua presenza appare abbastanza discreta. Ovviamente si potranno immaginare sistemi diversi, secondo i gusti dei realizzatori, per coprire perfettamente la piccola vasca. Naturalmente non c illuminazione artificiale. La luce proviene da una finestra ed sufficiente a garantire la crescita della Cladophora, che relativamente sciafila. Le pulci dacqua purtroppo rimangono gran parte del giorno rintanate nel prato, per divenire pi attive nelle ore notturne. Per hanno prodotto una bella popolazione stabile e si sono riprodotte pi volte, rendendo lambiente vivo ed equilibrato. Lalimentazione costituita da una piccola scaglia di mangime per pesci somministrata una volta ogni due settimane circa. La scaglia, poggiata sulla superficie, si disgrega lentamente fornendo il nutrimento necessario alle dafnie. Daltra parte, piccoli microorganismi presenti nel prato possono costituire unutile integrazione alimentare. Lambiente cos stabile che, nonostante non siano mai stati praticati cambi dacqua nellarco di pi di sei mesi, lacqua ancora perfettamente cristallina e caratterizzata da valori chimico-fisici adeguati alla vita di animali e vegetali. Daltronde, possiamo immaginare che praticare dei cambi parziali in una vasca di queste dimensioni non sia da considerarsi un grosso problema! Bench le dafnie siano veramente attive solo di notte e restino gran parte del giorno rintanate sul fondo, la loro presenza contribuisce a rendere lambiente bilanciato

di Alessio Arbuatti

Pesci fuor dacqua ma

in ottima forma!
La straordinaria vita dei pesci polmonati
Dal punto di vista anatomico queste specie si caratterizzano per un muso leggermente appuntito

96

Quattro delle sei specie di Dipnoi attualmente viventi, si trovano in Africa

erti argomenti, apparentemente normali sono in grado di attrarre la nostra attenzione e la nostra fantasia. il caso dei pesci che respirano aria: dopo la pubblicazione del breve articolo nella rubrica Come si fa del numero 1 (a cura di Antonio Piccolo) abbiamo ricevuto innumerevoli missive in proposito. A quanto pare largomento diverte i lettori ed in grado di stimolare passioni negli acquariofili. Siamo felici, dunque, di pubblicare larticolo del Dott Arbuatti, quale approfondimento di questo argomento recentemente introdotto dalla nostra rivista. Quante volte abbiamo sentito ripetere la frase: sentirsi come un pesce fuor dacqua, intendendo una sensazione di disagio, quasi innaturale? In realt alcune specie ittiche possono a lungo vivere fuori dallacqua, sfruttando lossigeno atmosferico per le proprie funzione metaboliche. Tra questi animali ricordiamo quelli che fanno parte dellordine dei Dipnoi, comprendente in totale 6 specie ittiche polmonate, presenti in Africa (4 specie), Sudamerica (1) ed Australia (1). Per quanto simili tra loro, questi pesci hanno piccole differenze che li pongono ad un diverso livello allinterno del grande albero dellevoluzione; infatti la specie australiana ha caratteristiche molto pi simili al pi vecchio fossile di polmonato, il Dipterus sp. (400 milioni di anni fa). 97

Cosa rende questi animali cosi di successo dal punto di vista evoluzionistico? Diversi aspetti fisiologici ed etologici permettono a questi highlanders di sopravvivere in ambienti estremi, spesso sottoposti a drastici cambi stagionali caratterizzati da unalternanza di siccit e di piogge incessanti. Linteresse nei confronti dei polmonati fortemente aumentato negli ultimi anni, sia dal punto di vista della ricerca scientifica, sia in ambito hobbistico, anche se tali specie richiedono delle accortezze e delle strutture non sempre disponibili, anche dal punto di vista economico, per lacquariofilo. In Africa Sono presenti 4 specie di Dipnoi: Protopterus aethiopicus (Heckel, 1851), Protopterus amphibius (Peters, 1844), Protopterus annectes (Owen, 1839), e Protopterus dolloi (Boulenger, 1900). Comunemente noti come Protopteri, popolano il territorio sub sahariano (Latitudine 22 N; 30 S) dalla costa occidentale dellAfrica centrale, fino ad oriente (Tanzania) raggiungendo il Sudafrica. Tali specie non sono sottoposte a legislazione che ne regoli il commercio (CITES), nonostante sia dimostrata la forte diminuzione numerica dei soggetti in alcuni biotopi, quali quello del Lago Vittoria. Purtroppo, dati scientifici pubblicati in base a ricerche condotte dal 1973 al 1999 dimostrano

Altre caratteristiche di questi animali sono gli occhi piccoli ed la colorazione chiara del ventre

che alcune popolazioni di polmonati africani sono in forte declino; tra queste va ricordata quella del lago Vittoria. Infatti, a causa dello sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche e della conversione delle aree umide in terreni agricoli, unitamente alla pesca dei maschi nei pressi dei propri nidi, la specie in forte declino in questo areale. Stranamente, nel lago Vittoria, la diminuzione dei polmonati non stata causata dallintroduzione della Perca del Nilo (Lates niloticus Linnaeus, 1758), che invece ha causato il declino di diverse altre specie lacustri. curioso che alcune popolazioni africane ritengano i Protopteri una leccornia (es. letnia Luo), mentre altre invece (es. letnia Sukuma) non li consumano, a causa delle fattezze serpentiformi. Laddove consumato, il pesce polmonato viene pescato ponendo delle reti a maglia fine nei pressi dei papiri selvatici, vicino alle rive e viene conservato essiccato e salato. Dal punto di vista anatomico queste specie si caratterizzano per un muso leggermente appuntito, piccoli occhi ed una colorazione chiara del ventre, mentre il corpo si caratterizza per una 98

serie di macchie scure di piccole dimensioni diffuse su tutto il corpo. A differenza dei polmonati australiani, quelli africani possono raggiungere i due metri di lunghezza e sono dotati di pinne pettorali piccole e filiformi. Lalimentazione varia ed in natura si nutrono di piccoli pesci, molluschi e crostacei, ma sono stati visti cibarsi anche di semi ed altri composti vegetali. Le specie africane popolano una serie varia di biotopi, da quelli lacustri a quelli dei piccoli fiumi che scorrono allinterno dei villaggi, dove sopravvivono predando piccoli pesci, molluschi ed invertebrati che vivono sul fondo. La respirazione avviene sia mediante lutilizzo della branchie che in superficie, mediante linspirazione di aria atmosferica (un atto respiratorio ogni 5-10 minuti circa), alla quale segue lestrazione dellossigeno a livello polmonare. Infatti, a causa dellalternarsi delle stagioni (quella delle piogge e quella secca), i biotopi colonizzati da queste specie sono soggetti a notevoli cambiamenti, sia in riferimento alla quantit dacqua disponibile nel bacino, sia alle caratteristiche chimico-fisiche della stessa.

Infatti, durante la stagione secca i corsi dacqua, specie i pi piccoli, si prosciugano esponendo i pesci allambiente esterno. Questa scena ben nota. Basti pensare ai documentari girati nelle savane, dove le pozze restano popolate da ippopotami, coccodrilli, pesci gatto e prototteri. Ma proprio questi ultimi hanno le maggiori capacit e possibilit di sopravvivere alla stagione secca. Infatti, al ritirarsi completo delle acque, questi pesci iniziano a scavare nel letto del fiume, ingerendo fango dalla bocca ed espellendolo dalle branchie, creando cos un tunnel profondo fino a 40 cm. Una volta raggiunta una profondit adeguata, il pesce crea una piccola camera nella quale si pone e si avvolge di un cosiddetto cocoon, ossia un bozzolo, un po come fanno altri pesci, ad esempio i pesci pappagallo nelle barriere coralline, seppur con funzioni diverse. Infatti nel nostro caso questo bozzolo permette allanimale di sopravvivere per lunghi tempi, isolandolo dallambiente esterno. Contemporaneamente il tunnel dotato di uno o pi piccoli ostii in superficie, attraverso i quali il pesce respira. Poich la permanenza del soggetto in estivazione sottoterra pu essere lunga fino a 4 anni, levoluzione ha permesso a tali specie di modificare la loro fisiologia, drasticamente, durante lestivazione. Infatti, questi pesci possono consumare fino all80% delle loro riserve energetiche (glicogeno epatico e proteine muscolari) permettendo allanimale di sopravvi-

vere anche allelevata concentrazione di prodotti azotati, che altrimenti finirebbero con lavvelenarlo. Solamente col ritorno delle piogge lanimale si riattiver e fuoriuscir dalla propria tana per tornare nel fiume. Tale comportamento, seppur di durata inferiore, si riscontra nei mudskippers (perioftalmi), che durante lalta marea sopravvivono infossati in tunnel sotterranei dotati di una camera daria, appositamente allestita dal pesce durante la bassa marea. I polmonati africani sono dotati di due polmoni funzionali e di una circolazione diversa da quella dei comuni pesci, doppia e simile a quella dei mammiferi. Il cuore infatti diviso parzialmente in una parte destra ed in una sinistra; a partire dallatrio e dal sesto arco aortico si distaccano delle diramazioni vascolari che possono portare sangue ai polmoni (arteria polmonare). La stagione riproduttiva ha il suo apice durante la stagione delle piogge e le uova sono simili a quelle degli anfibi; vengono depositate in pantani ed acquitrini sotto forma di masserelle gelatinose. Ogni uovo ha le dimensioni di circa 0,6 mm e le larve fuoriescono dopo circa 20 giorni. In Sudamerica Si trova Lepidosiren paradoxa (Fitzinger, 1837), simile dal punto di vista evolutivo e fisiologico a quello africano. Popola i pantani e le pianure alluvionali dal Rio delle Amazzoni al Paran e pu raggiungere i 125 cm. Come le specie africane, ha le pinne pettorali sottili, filiformi ed attua lestivazione durante la stagione secca in tane scavate a circa 50 cm di profondit e dotate di 2-3 piccoli fori sulla superficie, per la respirazione. Nel nuovissimo continente Vive il Neoceratodus forsteri (Krefft, 1870), che popola esclusivamente

A differenza dei polmonati australiani, quelli africani possono raggiungere i 200 cm di lunghezza e sono dotati di pinne pettorali piccole e filiformi 99

Questi pesci sono presenti e visibili presso lacquario di Cattolica due fiumi nel Queensland e la cui popolazione in forte diminuzione, negli ultimi anni, a causa della costruzione di dighe che ne hanno diminuito i siti di nidificazione. Fortunatamente alcuni soggetti sono stati immessi in corsi dacqua vicini e la specie ancora presente sul territorio. Questa polmonato lunico protetto da un punto di vista legislativo, grazie alle decisioni prese dalla CITES, che lo ha inserito nellAppendice 2. La CITES recepita in Europa con il Reg.339/1997 (Neoceratodus forsteri in Allegato B) e con le successive modifiche, tra le quali le ultime sono quelle apportate dal Reg.709/2010. Solo un allevamento in Australia abilitato alla riproduzione del Polmonato ed allesportazione dei soggetti che sono tutti muniti di micro-chip e dotati di una tracciabilit genetica. I primi soggetti nati in cattivit sono relativamente giovani, poich i primi successi riproduttivi risalgono al 2001. La specie ha le pinne pettorali larghe e corte, molto pi simili a quelle presenti nei resti fossili dei primi polmonati preistorici. In cattivit Nel nostro paese i polmonati sono presenti principalmente negli acquari di grandi dimensioni, dove sono spesso ospitati in vasche specie-specifiche. I soggetti allevati sono alimentati con pic100

coli pesci interi, crostacei e molluschi, che cercano sul fondo della vasca e che vengono risucchiati e masticati a lungo. Nonostante non sia un pesce particolarmente attivo, si rende sempre necessaria lapposizione sulla vasca di reti antisalto, per evitare la fuga del soggetto. La capienza delle vasche non il solo fattore limitante per una corretta gestione. Infatti, tale specie pu vivere fino a 100 anni! Di conseguenza non se ne consiglia lallevamento da parte di privati, che presto si ritroverebbero a gestire animali di notevoli dimensioni che necessitano, da adulti, di vasche di qualche migliaio di litri, dotate di imponenti sistemi di filtrazione meccanica e biologica. Nonostante passino buona parte del tempo appoggiati placidamente sul fondo, se ne sconsiglia lallevamento con pesci di piccole dimensioni, che potrebbero presto diventare loro prede. Le caratteristiche dellacqua non sono fondamentali, in quanto la specie si adatta ad acque anche dure purch prive di cloro. I valori di nitrati e fosfati devono essere controllati periodicamente.
Bibliografia Bemis W.E. & Lauder G.W, (1986). Morphology and function of the feeding apparatus of the lungfish (Lepidosiren paradona) Dipnoi. Brainerd, E.L. (2005). New perspectives on the evolution of lung ventilation mechanisms in vertebrates. Web site: http://www.springerlink.com/content/p2638883xxn6n025/ Goudswaard, K.P.C., Witte, F. & Chapman, L.J. (2007) Decline of the african lungfish (protopterus aethiopicus) in lake victoria (East Africa). African Journal of Ecology, 40, 1. Johansen, K. & Lenfant. C. (1968). Respiration in the african lungfish protopterus aethiopicus: II. Control of breathing. The Journal of Experimental Biology. McMahon, B.R. (1969). A functional analysis of the aquatic and aerial respiratory movements of an african lungfish, protopterus aethiopicus, with reference to the evolution of the lung-ventilation mechanism in vertebrates. The Journal of Experimental Biology.

Ringraziamenti:
Lautore desidera ringraziare lo staff dellAcquario di Cattolica per le immagini. Inoltre, lautore disponibile a rispondere personalmente ad eventuali domande o commenti dei lettori. Per contattarlo direttamente: vet_alessio@hotmai.it

Con la nuova linea di acquari DUBAI Ferplast unisce design e tecnologia in un prodotto perfettamente integrabile ai diversi stili di arredo. Disponibili in quattro dimensioni e differenti colorazioni, dal classico noce al pi moderno bianco, gli acquari DUBAI sono il prodotto ideale per tutti gli acquariofili. Forniti di filtro interno BLUWAVE e di plafoniera bilampada completa di timer, sono arricchiti da accorgimenti tecnici che li rendono unici e irresistibili.

Incontri a
Un viaggio avventuroso
a cura di Ippo Campo

i siete? Pronti per un altro incontro o avete deciso di saltare a pi pari questa rubrica? Come volete, non siete mica obbligati a leggere tutto, vi pare? Per i pochi rimasti, chiamate per favore figli, nipoti, cuginetti, fratellini e vicini (giovani) di casa, perch questa volta mi rivolgo soprattutto ad un pubblico molto giovane, diciamo tra gli undici e i quattordici anni circa. Gli adulti sono ammessi, purch non facciano confusione e, preferibilmente, siano accompagnati da un minorenne. I pi piccoli sono ovviamente i benvenuti e liberi di lasciarci, se non trovano largomento abbastanza interessante possono sempre riprovarci fra qualche tempo. Carissimi ragazzi, dovete sapere che durante uno dei miei abituali vagabondaggi a zonzo per i sette mari (lo sapete che sono, s, un ippocampo, ma un (bel) po sui generis) me ne andavo alla ricerca di idee per il mio prossimo articolo e speravo in un incontro particolarmente interessante con cui intrattenervi. Ho avuto fortuna. Ho incontrato uno storione. Cosa c di ecceziona102

le? Ne conoscete molti, voi, di storioni protagonisti di un libro per ragazzi? S? E allora presentatemeli, altrimenti state a sentire: lo storione che ho incontrato si chiama Ian, Ian Sturio e il libro di cui protagonista si intitola Il viaggio avventuroso di Ian Sturio. Il suo autore, Sergio Zerunian, un ittiologo e ha pubblicato numerosi scritti scientifici e svariati libri serissimi. Questo il suo primo romanzo ed , come ho gi detto, dedicato a voi ragazzi (Sergio Zerunian, Il viaggio avventuroso di Ian Sturio Editoriale Scienza, 2007). La storia di Ian comincia, come quella di moltissimi pesci, in un uovo. Questo particolare uovo stato deposto, insieme a migliaia di altri, in un fiume ed in questo fiume che Ian trascorre i primi anni della sua vita. Come succede a tutti gli storioni, viene anche per lui il momento in cui sente irresistibile il richiamo dellacqua salata e si dirige quindi verso il mare. Qui incontra un vecchio storione che diventa la sua guida e il suo maestro. La vita sottomarina scorre pi o meno tranquilla, fino al giorno in cui arrivano notizie allarmanti dal Mar Nero: dal Danubio stanno arrivando innumerevoli creature morte o moribonde.

sorpresa
molto lavoro da fare ma, conclude il vecchio pesce, solo con laiuto degli uomini c una speranza di successo. La speranza data dal racconto di Ian, che riferisce di avere appreso dellesistenza di esseri umani sensibili alle sorti degli altri esseri viventi e pronti a fare del loro meglio per garantirne il benessere. Questo romanzo si basa su una serie di episodi (purtroppo) realmente accaduti e che sono ben documentati. Carissimi ragazzi, ci siete ancora? Bene, allora ascoltate: che leggendo questo libro vi commuoverete per la triste sorte di tanti esseri innocenti e vi indignerete al pensiero di tanta incuria, io lo so con certezza. Dal vostro grande cuore di ragazzi non mi aspetto nientaltro. Ma la mia preghiera questa: cercate di provare la stessa commozione e la stessa indignazione tra dieci, venti, trenta e pi anni, quando ripetere gli stessi errori o salvarci dal disastro sar solo nelle vostre mani! Naturalmente, se vi interessano altri libri sullargomento fatemelo sapere (basta scrivere in redazione o sul forum) e li cercher per voi. Vostro affezionatissimo Ippo Campo

Pesci, anfibi, uccelli sembra che nessuno sia stato risparmiato. LONU dei Pesci si riunisce durgenza e il presidente dellorganizzazione, il vecchio maestro ed amico di Ian, affida al suo pupillo il compito di andare ad indagare sullaccaduto. Ian parte alla ricerca di informazioni e il suo viaggio lo porta a risalire il Danubio, fino a scoprire lorigine della catastrofe. Sulla via del ritorno decide di visitare il Mar Nero, per capire meglio quali siano le condizioni di vita da quelle parti. Durante un viaggio non privo di pericoli il nostro eroe incontra svariati personaggi e viene a conoscenza di una serie di altri disastri ambientali, dai quali solo a fatica le zone colpite saranno in grado di riprendersi. Ian torna dal vecchio storione a riferire quanto ha appreso. Il consiglio di sicurezza dei Pesci avr 103

P.S.: Eccola che si avvicina... mi innervosisce... lo sapevo! Stavolta sono le illustrazioni... Sono di Gea DEste e sono bellissime, del resto si vede dalla foto, no? Come, quando imparer a citare correttamente un libro? Come sarebbe a dire cosa ci fa un pesce in redazione? una rivista per acquariofili, no? Come? Per questa volta mi salvo la pinna perch fino ad ora sono lunico che ha pensato ad una pagina per i ragazzi...? Stavolta lho scampata bella!

OLTRE
A CURA DI

Luigi Storoni

il vetro

Un acquario in camera da letto

perch no?

104

In camera da letto, fatta salva la silenziosit, non credo ci siano controindicazioni! In questo caso si tratta di un acquario dacqua dolce che separa langolo scrittoio dalla camera vera e propria. Le vitree trasparenze della vasca, col suo cristallino contenuto, producono una luce nuova nellambiente pi tranquillo della casa, rendendo accettabile e naturale anche la presenza del letto nei pressi dellangolo studio. Il monolito separa perfettamente gli ambienti, pur rimanendo contenuto, basso, a portata di mano, per divenire oggetto familiare, supporto per oggetti e specchio per le coscienze, nelle ore di veglia. L elemento fondamentale e limitante per questa realizzazione costituito dalla silenziosit, perch non sarebbe sopportabile, in questo ambiente, un eccesso di vibrazioni. Per questo motivo lacquario disposto presso la parete e tutte le attrezzature tecniche sono contenute in un piccolo scaffale di legno disposto nella camera attigua. In questo modo si evita che un rotore fuori asse o una boccola consumata possa disturbare il sonno dellutilizzatore. In pi, la vasca stata disposta su uno zoccolo di legno ricoperto di formica ed alla base isolata da un pannello di polistirolo espanso da due centimetri di spessore, a sua volta disposto su una lastra di legno multistrato. In questo modo si evita che le vibrazioni possano essere trasferite al pavimento, che farebbe da cassa di risonanza. Tutte le uscite dellacqua sono disposte sotto la superficie, per evitare turbolenze e, naturalmente, sono assolutamente vietati gli aeratori, resi inutili anche dalla presenza di unabbondante vegetazione. La realizzazione molto semplice e potr essere ottenuta anche da personale non specializzato. Dopo aver preparato lo zoccolo in legno di faggio, ricoperto di formica policroma dalla superficie non lucida, si dispone prima il foglio multistrato, poi un pannello in polistirolo da 2 cm di spessore, protetto lateralmente da una cornice rialzata, in modo da risultare invisibile allosservatore. La vasca, di dimensioni 150 x 55 (h) x 40, in tutto vetro, con coperchio poggiato su dime laterali in cristallo. L impianto di illuminazione, centrale, disposto al centro della vasca, protetto in alto da un riflettore in alluminio (disposto sotto il coperchio) in modo da non infastidire la vista di chi osservi dallalto. La vasca stata predisposta con tre fori in alto dal lato corto, dai quali passano, rispettivamente, i tubi di entrata ed uscita dellacqua ed i cavi elettrici, nonch i tubicini per lanidride carbonica. Questi ultimi passano immediatamente in appositi fori praticati nella parete in muratura, per essere trasferiti alla camera attigua, ben ammortizzati su supporti in polistirolo. Il bordo superiore serigrafato in colore azzurro, in modo da conferire una maggiore trasparenza e purezza alle linee dellacquario.

E perch no?

DIMENSIONI VASCA: 150 x 55 (h) x 40 VOLUME LORDO: 330 litri FILTRO: esterno Eheim Professionel 3 2075 ILLUMINAZIONE: 2 JBL Solar Ultra Color Neon T5 - 54W 1047mm IMPIANTO CO2: Kit CO2 Energy Professional Ferplast, con bombola monouso, manometro e valvole elettroniche di regolazione FONDO: fondo Attivo fertilizzato Anubias ricoperto con Naturesoil ACQUA: T 26 C; pH 6,5; Conduttivit 40-50 S/cm; CO2 4-5 mg/l; GH 0-1d; KH 0-1d PESCI: 5 Rasbora borapetensis, 5 R. maculata, 5 R. pauciperforata, 5 R. daniconius, 4 Belontia signata, 4 Acanthocobitis urophthalmus, 5 Aplocheilus dayi, 6 Puntius titteya, 6 P. bimaculatus, 6 P. filamentosus, 5 P. nigrofasciatus, 5 P. ticto, 6 Botia modesta PIANTE: Aponogeton rigidifolius, Egeria densa, Cryptocoryne wendtii, C. singalesi, C. beckettii, Cryptocoryne thwaitesii, C. willisii, Lagenandra ovata, L. praetermissa, Potamogeton wrightii N.B.: il rendering dellacquario solo orientativo e le dimensioni dei pesci non sono in scala, com ovvio osservando la foto! Serve unicamente a far immaginare il risultato finale.

SCHEDA TECNICA

CARATTERISTICHE TECNICHE DELLACQUARIO

105

Stimoli di viaggio e di immersione


testo e riprese di Franco Savastano

Viaggio ad Hurgada alla ricerca di

Pomacanthus Imperator
Il Pesce Angelo imperatore (Emperor angelfish)
106

L imperatore veramente un bel soggetto da osservare in immersione! Potremo farlo ripetendo le esperienze dellautore ed a questo scopo baster esplorare le offerte della nostra agenzia (vedi box). Ma nel frattempo, per seguire Franco Savastano in immersione basta ancora meno, grazie ad aquariophylia: cliccate sul filmato qui sotto e sarete immediatamente trasferiti nellhabitat naturale di questi pesci, che potrete cos identificare e ricostruire in acquario.

(Bloch 1787) Il pesce angelo imperatore ha un corpo appiattito, di straordinaria bellezza, e nuota con grazia ed eleganza. Spesso si avventura tra gli anfratti, ma sta lontano dai coralli rigidi, quasi volesse evitare il rischio di danneggiare la propria delicata epidermide. specie frequente in tutto il Mar Rosso e nellIndo-Pacifico. Le riprese che sono qui riportate sono state effettuate ad una profondit di circa 25 m, al largo della costa a nord di Hurgada, nel Mar Rosso egiziano. Il pesce angelo imperatore molto timido e diffidente, tanto che non stato affatto facile avvici107

Limperatore, in cifre
Philum Chordata Classe Actinopterygii Ordine Perciformes Famiglia Pomacanthidae Genere Pomacanthus Dimensioni Pu raggiungere i 35 cm anche se in acquario generalmente non supera i 20 cm

OpportunitA di viaggio in esclusiva per gli abbonati

Si... viaggiare!

IDEA VIAGGIO RISERVATA AI LETTORI DI AQUARIOPHYLIA


Ripetiamo lesperienza di immersione! Per osservare il soggetto di questo articolo in natura potremmo imitare lesperienza del nostro autore-viaggiatore e seguire uno dei percorsi indicati dalla nostra agenzia di viaggio di riferimento, la TUI. Di seguito troverete un elenco di possibili localit ove poter osservare in immersione limperatore. Baster cliccare sui link per rendersi conto che questa magnifica esperienza veramente a portata di mano, per la maggior parte dellanno. Provare per credere! Kenya http://bit.ly/TUIkenya Madagascar http://bit.ly/pukNr4 Thailandia http://bit.ly/r7ID5F Mar Rosso http://bit.ly/nHzb7H Mauritius http://bit.ly/nX9MVl Oman e Malesia http://bit.ly/qzBoDA Seychelles http://bit.ly/nQIH1o Maldive http://bit.ly/q5P8Pa

narsi per filmarlo. La sua stupenda livrea, in et adulta, un vero arcobaleno di colori ed caratterizzata dalla fascia blu scuro, quasi nero, orlata di bianco, che contorna gli occhi a mo di mascherina (ricorda quella della Banda Bassotti per intenderci!). La colorazione striata, in prevalenza gialla ed azzurra, assume toni aranciati nella coda e bianco argenteo intorno alla bocca. Questultima presenta una forma tipica, simile al becco di un pappagallo. La pinna dorsale e quella anale si estendono per quasi tutto il perimetro del corpo, mentre quelle ventrali sono pi allungate, distinguendosi nettamente da quella caudale, di forma pi allargata. In et giovanile la livrea completamente diversa ed altrettanto attraente, caratterizzata da cerchi concentrici di colore nero, bianco e azzurro, 108

quasi luminescenti, con il centro spostato verso la coda. La conversione nella colorazione tipica delladulto lenta e graduale, piacevolmente osservabile in acquario. una specie bentopelagica ed normalmente associata agli ambienti di barriera. Si nutre prevalentemente di spugne e altri organismi incrostanti e tunicati. In natura vive pacificamente, associandosi di frequente ad altre specie di barriera, mentre non altrettanto avviene in ambienti ristretti, dove alcune precauzioni ed alcune scelte di convivenza sono consigliate. Limmissione in et giovanile in acquari di adeguate dimensioni consigliata rispetto a quella in et adulta, per una salutare e longeva sopravvivenza, ovviamente con tutte le precauzioni di igiene e di equilibrio dellacqua.

Dai nostri lettori

Come promesso nei numeri precedenti, continuiamo con una nuova rubrica a voi dedicata. Inviateci le foto dei vostri acquari. Diteci come li avete realizzati! Se volete, scrivete qualche riga di descrizione (come ben fa il lettore ospite questo mese). Saremo felici di farvi condividere esperienze con gli altri lettori della rivista. Potrete farlo utilizzando il forum (www.aquariophylia.it), la posta della rivista (aquariophylia@gmail.com) o quello che vi pare. Ma decidete di essere protagonisti per un giorno! Attendiamo le vostre foto!

Un acquario da esposizione
di Antonino e Angela Ruggeri
Il progetto nasce per una campagna di sensibilizzazione nei confronti di tutti coloro che non hanno la pi pallida idea di cosa ci sia nel mare nostrum oltre che allo scopo di ricerca; essendo organizzato nellambito professionale ho voluto provare nel mantenimento di un sistema delicato come la coltivazione dellalga Mesophyllum

lichenoides. Lacquario misura 100x60x60 ed collegato mediante connessioni interne a percolatore, colonna di schiumazione sovradimensionata e rilancio in acquario mediante pompa da 2600 litri orari. Il movimento dellacqua in acquario ottenuto mediante tre pompe opportunamente nascoste ma ben disposte a garantire unadeguata corrente. Il fondo, con spessore non superiore a cinque cm nella parte anteriore e otto nella posteriore, realizzato con sabbia raccolta in natura ad una profondit di 22 metri e lattivazione del DSB stata quasi immediata. Riguardo la temperatura ci siamo organizzati con tre ventole e non abbiamo mai raggiunto i 25 C, quindi 3 C in meno rispetto alla zona di raccolta durante i mesi estivi. Limpianto di illuminazione realizzato con 4 lampade T5 rispettivamente una blu profondo e tre a spettro rosso. Il sistema molto semplice da realizzare, la particolarit di questo lavoro consiste nel compensare ionicamente lacqua mediante laggiunta giornaliera di calcio, magnesio, carbonati e oligoelementi vista la delicatezza e lesigenza dellalga in questione. Organismi presenti in acquario: Caulerpa racemosa, Echinaster sepositus, Sabella pavonina, Arbacia lixula, Thalassoma pavo, Branchiomma bombyx, Palaemon elegans e Gobius roulei. www.fontanemarine.it

109

Consigli per lallevamento e la riproduzione di vari alimenti vivi


di Lorenzo Luchetta, seconda parte
Nel numero precedente abbiamo affrontato largomento alimenti vivi che possono anche divertire lacquariofilo parlando di tarme della farina, camole del miele e tarme kaimano. Ci concentreremo oggi su un argomento diverso, non certo soggetto ideale come cibo vivo per piccoli pesci, ma senza dubbio molto attraente per le possibilit di allevamento che offre. Parlando di grilli I grilli rappresentano un alimento fondamentale o unottima integrazione per diverse categorie di animali che sono riportate in tabella. Chi tiene in casa uno di questi animali sa che deve curarne lalimentazione e che un elemento importante rappresentato proprio dai grilli. Non bisogna poi dimenticare che se simpara ad

Questi grilli sono disposti in un impianto di stabulazione e trasporto, costruito utilizzando comuni contenitori per uova

110

allevare i grilli si riesce a possederne conUn esemplare adulto di grillo, facilmente alletemporaneamente anche di differenti vabile in casa per scopi diversi (cibo vivo o anidimensioni, per poter cos nutrire in maniemale da compagnia) ra corretta anche i piccoli nati di rettili e/o anfibi. A questo proposito basilare ricordare che esistono pi specie di grilli. I pi comuni sono il grillo campestre o grillo nero (Acheta campestris, in genere il meno indicato), il grillo grigio (Acheta domestica) che il pi diffuso ed il mini-grillo (Grillodes sigillatus), particolarmente adatto per alimentare animali giovani o in svezzamento. Se li si vuole far riprodurre, la prima cosa da scegliere il locale in cui tenere i contenitori siva concentrazione di individui. Sul fondo del di allevamento. Nel fare questa scelta bisogna contenitore va messa della carta di giornale o ricordare che i grilli emettono un rumore partisimili, per assorbire e per rendere pi veloce la colare che a voi o ad altri pu dar fastidio e quinpulizia. Allinterno vanno disposte alcune scatole di conviene tenerli lontani, in una stanza in cui di cartone (quelle che in origine contengono le non creino disagio ad eventuali vicini. Si possouova) o dei rotoli, anchessi di cartone, per perno tenere a temperatura ambiente, ma prediligomettere ai grilli di nascondersi e per aumentare la no temperature pi alte (fino a 32 C). Per quesuperficie disponibile. Per disporre il cibo va sto si potr mettere un tappetino riscaldante benissimo il vecchio coperchio di un barattolo. sotto il contenitore nel quale si trovano i grilli. Non deve mancare un sottovaso con della terra Inoltre a temperature maggiori si riprodurranno umida, per la deposizione delle uova. pi velocemente. La nutrizione importante, e, in primo luogo, il Per partire con lallevamento servono almeno cibo non deve mai mancare ed anzi meglio una cinquantina di femmine e altrettanti maschi, abbondare per evitare il manifestarsi di fenomeni che converr tenere solo per lallevamento, di cannibalismo. Secondariamente ricordiamo usandone altri per nutrire nel frattempo i propri che il cibo va presentato in un contenitore basso animali, in modo da non ridurre continuamente la (il gi citato coperchio di barattolo) per evitare colonia che si alleva. che si mescoli con le feci che si trovano sul I grilli vanno messi in un contenitore di plastica o fondo. di vetro, facilmente lavabile, con delle sponde Il grillo un animale onnivoro ci rende sicuraalte e lisce, in modo tale che non scappino mente pi facile nutrirlo: limportante assicurararrampicandosi. inoltre necessario un copergli una dieta equilibrata, cosicch possa crescechio, forato in modo tale da permettere un buon re meglio e a sua volta meglio nutrire i nostri retricambio di aria ma che impedisca il passaggio tili o anfibi. dei grilli stessi. Non vanno bene come coperchi Come alimento base si pu utilizzare una miscele reti in plastica, perch i grilli le distruggono, la di avena e orzo schiacciati, alla quale si posmentre sono adatte quelle in metallo. Per il sono aggiungere delle crocchette come quelle nostro scopo si possono usare anche contenitoper i gatti. fondamentale poi dare dei vegetali ri in plastica con il coperchio colorato traforato, freschi come radicchio, mela, melone, poich reperibili nei negozi di animali. da essi che il grillo ricava lacqua necessaria per Un recipiente di 35 x 25 x 30 cm di profondit sopravvivere. Vanno bene i mangimi per le gallinon dovr contenere pi di 180-200 grilli, per ne che sono anche a buon prezzo. Quanto ai evitare fenomeni di aggressivit dovuti alleccesmangimi gi pronti per i grilli, sono sicuramente 111

I grilli rappresentano un alimento fondamentale o unottima integrazione per diverse categorie di animali che sono riportate nella tabella qui sotto
GRUPPO DI APPARTENENZA ANFIBI RETTILI UCCELLI PICCOLI MAMMIFERI ESEMPI Rane bombine, rospi tropicali, ecc. Camaleonti, gechi, tartarughe acquatiche, vari serpenti giovani, pogone, ecc. Tutti gli insettivori (quelli di taglia piccola prediligono il Gryllodes sigillatus o minigrillo) Petauri dello zucchero, gerbili coda-grassa, topi delle piramidi, topi del genere Acomys, ecc.

adatti, ma presentano lo svantaggio di essere cari e di difficile reperimento. bene ricordare di non lasciare pezzi di frutta o verdura nel contenitore per pi di tre giorni, ma sostituirli regolarmente. Per fare s che i grilli depongano le uova, bisogna preparare un terreno adatto: si dispongono una o pi ciotole che devono essere riempite con sabbia o meglio ancora con terriccio umido delle piante. A questo proposito vanno bene i sottovasi che devono essere riempiti con tre o quattro centimetri di terriccio. A distanza di cinque-sette giorni devono essere tolte le ciotole contenenti le uova e messe delle nuove ciotole per una successiva deposizione. Le ciotole rimosse, contenenti le uova, vanno incubate in un altro contenitore, pi piccolo e riscaldato con delle resistenze a filo o altro. fondamentale ricordarsi di inumidire spesso il terreno in cui sono poste le uova, altrimenti queste seccano e non si schiudono. Mediamente i piccoli nascono dopo 10-15 giorni (dipende anche dalla specie e razza che si allevano) e si possono tranquillamente nutrire con lo stesso cibo degli adulti. Per far s che escano facilmente dalle ciotole e che possano nascondersi si potranno mettere dei pezzi di cartone sopra di esse. Il grillo si pu considerare adulto quando raggiunge la lunghezza di 1 cenGiovani grilli timetro circa ed allora potr

essere messo insieme alla colonia di base. La riproduzione dei grilli non difficile ma bisogna essere attenti anche alla pulizia, rimuovendo sporco ed individui morti in modo da non creare cattivi odori e soprattutto per evitare linsorgenza di malattie allinterno della colonia. Fatto tutto ci i risultati non mancheranno di sorprendervi. Quello che stato presentato non che uno dei modelli possibili da adottare per la riproduzione dei grilli, e probabilmente il pi facile. Altri alimenti vivi Questi insetti di cui abbiamo parlato, non sono gli unici alimenti vivi utilizzati, infatti noto come diverse specie di serpenti vengano alimentati con topolini e piccoli volatili. In questo articolo non affrontiamo questo argomento poich sono tante e contrastanti le teorie sullutilizzo di questi animali.

in un allevamento domestico

112

NapoliAquatica

he le passioni per gli acquari fossero in ottima salute lo sapevamo gi: a dispetto di tutte le malelingue, che vorrebbero vedere la fine prematura del nostro hobby, unico nel suo genere ed esclusivo di tutti coloro che amano la natura acquatica, sono tanti i sintomi di benessere che vanno oltre la crisi commerciale. Che una fiera internazionale nel sud del paese riuscisse a riscuotere tanto successo, per, non era cosa scontata, anche se la prima edizione, solo un anno fa, aveva fatto tanto parlare di s. La manifestazione stata aperta dal 23 al 25 settembre scorso presso il centro commerciale Jambo di Trentola Ducenta (in Campania) ed ha attratto lattenzione di innumerevoli visitatori, appassionati e non. Hanno partecipato le principali aziende del settore, tra le quali ci piace ricordare Tetra, TF, Aqua1, Sera Italia, Anubias, Aquaristica, ADA, Discus Stendker, Aquapress, DM Farm, DiscusClub.net e tanti altri marchi fondamentali per il nostro hobby. Ma non si

Alcuni tra i marchi pi interessanti del nostro mercato erano presenti in fiera

gli organizzatori al lavoro durante la manifestazione

trattato solo di mercato: tuttaltro. Senza dubbio la possibilit di incontrare, faccia a faccia, i responsabili di grandi aziende da parte del pubblico di appassionati e negozianti stata fondamentale per creare un rapporto pi intimo e intenso. Ma stata importante anche la presenza di tante associazioni di acquariofili, riviste specializzate (oltre ad aquariophylia, Coralli, Aquapress e Aquarium Oggi), allevatori, esperti del settore, per creare una interessante atmosfera colta e frizzante. Denso, troppo denso (!) stato il calendario delle manifestazioni ed era praticamente impossibile seguirle tutte. Questo ci molto dispiaciuto, perch erano tutte estremamente interessanti, sufficienti individualmente a giustificare la partecipazione allevento. Senza ombra di dubbio era interessante il progetto aquascaping: da
113

Il nostro stand stato quasi continuamente invaso da una gran folla di visitatori interessati

mane a sera aquascapers di primo piano allestivano e disfacevano acquari, sotto gli occhi del pubblico, per mostrare in pratica come si fa. C stato poi un Caridina contest, che ha attratto lattenzione di tutti gli appassionati di questi minuscoli organismi, giorno per giorno, con discussioni accese, confronti sino al momento della premiazione. E a proposito di discus-sioni non potremmo non considerare la seconda edizione del discus contest, che ha visto migliaia di appassionati con il naso attaccato alle piccole vasche, alla ricerca dellesemplare perfetto. C stato un congresso mondiale sullallevamento dei discus, con esper-

ti internazionali che si sono alternati al palco. E poi corsi, aggiornamenti, conferenze in continuo sugli argomenti pi disparati, dalluso dei muschi in acquario al filtraggio, sino alle malattie dei discus ed ai migliori sistemi di allevamento per questi pesci. Come dicevamo, il programma era cos fitto da rendere impossibile una partecipazione assidua a tutti gli eventi, molti dei quali in contemporanea, mentre al piano terra il pubblico si accalcava presso gli stand per contendersi lultima vasca, il nuovo mangime, lesemplare pi bello di pianta o pesce. Insomma, momenti di grande entusiasmo ed eccitazione, nella piacevole cornice napoletana che, grazie al clima mite di quei giorni, ha concesso anche piacevoli serate ai convenuti. Alcuni numeri dal sito ufficiale della manifestazione (http://www.napoliaquatica.com/): i visitatori registrati sono stati pi di venticinquemila mentre le aziende espositrici erano ventisette. Nel complesso sono stati allestiti 280 acquari che hanno certamente contribuito a diffondere la passione presso i tantissimi neofiti e curiosi intervenuti. Noi possiamo offrire un punto di vista molto parziale, essendo stato difficile dirigere il traffico presso lo stand aquariophylia nei tre giorni dellevento. Il pubblico affluito in massa, anche se in ondate successive. I minimi sono stati probabilmente registrati in occasione della partita di calcio del Napoli (!) che ha evidentemente influito negativamente sugli ingressi. In quanto ai massimi non sapremmo legarli a momenti particolari, perch durante lintero periodo abbiamo avuto problemi a rispondere alle domande dei tantissimi visitatori, particolarmente attratti dalleco-acquario esposto nel nostro stand. Moltissimi hanno approfittato delloccasione per
Uno dei momenti congressuali: la conferenza sui muschi in acquario 114

I biotopi di Heiko Bleher, rappresentati in uno spazio apposito, sorta di mini-acquario pubblico

sottoscrivere un abbonamento gratuito alla rivista e molti altri lo hanno fatto dopo la manifestazione. Riteniamo dunque che anche per gli espositori levento sia stato un successo. Daltra parte, essendo stato difficile avvicinare molti di essi, letteralmente asserragliati nello stand dietro lassalto del pubblico, riteniamo che la soddisfazione possa essere ampiamente condivisibile. Avremmo voluto offrire un contatto pi intenso con le aziende presenti in fiera in modo da con-

sentire anche a chi non ha avuto loccasione di intervenire, di godere di una relazione diretta con i responsabili. Per farlo, abbiamo invitato il nostro regista, Antonio Piccolo, a realizzare brevi filmati ed interviste. Ve le proporremo nei prossimi numeri, in modo da regalare qualche momento della manifestazione anche a chi non ha pagato il biglietto dingresso! In attesa dei filmati che troverete nei prossimi numeri di aquariophylia, tenete anche presente che di libera lettura, su Mondodiscus, il reportage completo su Napoliaquatica!!! Basta cliccare su: http://www.mondodiscus.com/discus/ eventi/naq2011-il-reportage.html In definitiva, non possiamo che ringraziare gli organizzatori per aver ideato un evento tanto intenso e ricco: arrivederci a NapoliAquatica 2012.

Lo spazio continuamente adibito allesibizione degli aquascapers

115

Come
di Antonio Piccolo
In questa sezione verranno proposti ogni mese FILMATI tesi a dimostrare attivit di particolare rilevanza, oppure a illustrare argomenti e concetti che non potrebbero essere facilmente fruibili attraverso le classiche presentazioni con testo e foto. Preghiamo i lettori stessi di volerci proporre argomenti di loro interesse, in modo da permetterci di soddisfare le loro reali aspettative.
Vuoi seguire i consigli di un mago dellaquascaping? Clicca sul filmato!

116

si fa...
lavorare con laquascaping
Valerio Zupo e Antonio Piccolo

Oliver Knott certamente uno dei protagonisti dellaquascaping. un esperto che riesce, con pochi passaggi, a fare di una semplice vasca un lussureggiante ed attraente ambiente naturale. Lo abbiamo incontrato in occasione dellultima edizione di Zoomark, mentre spiegava agli operatori del settore come realizzare un acquario mozzafiato in mezzora, utilizzando solo pietre chiare e sabbia scura, oltre ad alcune piante acquatiche naturalmente. Nel corso dellintervento, sponsorizzato da Anubias (alla quale quindi va il nostro ringraziamento per averci offerto questa opportunit), lautore ha spiegato come disporre il materiale da fondo, creando un effetto di profondit e di rilievo. Ha poi disposto le pietre, spiegando che dopo alcuni tentativi si ottiene leffetto desiderato mediante un meccanismo di prova e riprova! Suggeriva di utilizzare un solo tipo di rocce, in modo da rendere lambiente pi naturale. Infine ha disposto le piante, con molta pazienza, senza fretta, umettandole continuamente per evitare che si disidratassero. Allo scopo ha utilizzato delle piante in tazza, che offrono maggiori garanzie di essere in buono stato di salute. Leffetto che si ottiene quello che si pu osservare nel filmato. Le scene potranno apparire alquanto lunghe, perch abbiamo cercato di documentare tutte le fasi principali dello show. Ma sentivamo di doverlo fare, affinch questa bella dimostrazione non raggiungesse solo gli operatori del settore, ammessi ad entrare nei padiglioni di Zoomark, ma il maggior numero possibile di appassionati. Siamo certi dunque di farvi cosa gradita regalandovi queste scene, che dovranno essere gustate con un po di pazienza, studiate nei dettagli, per impadronirsi delle tecniche di base dellaquascaping.

117

NEL PROSSIMO NUMERO...

in breve
Anche questo numero si conclude, sperando sia stato di vostro gradimento. Come sempre, per, con la fine della lettura inizia lesplorazione diretta. Innanzitutto potrete approfondire gli articoli pi interessanti cliccando sui vari link che essi contengono. Potrete anche riguardare i filmati proposti in questo numero tardo-autunnale, per cominciare a compilare una lista di desiderata per il prossimo anno. Potrete inoltre cliccare sui siti web dei produttori che hanno inviato le loro pagine, in modo da entrare in contatto diretto con le loro produzioni e confrontare prodotti, prezzi, ecc. Infine, potrete iniziare alcune delle attivit proposte dai nostri esperti in questo numero, allestire un nuovo acquario o cercare le specie descritte, per iniziare entusiasmanti esperienze. Sar facile, cos, arrivare al numero dieci, che vi verr proposto tra un mese esatto. Vi anticipiamo alcuni dei contenuti pi bollenti!

mente adattati allambiente acquatico, un esempio delluso proficuo di animali in cattivit. Il biotopo per gli Apistogramma: riprodurre nel proprio acquario un biotopo (Unit di ambiente fisico in cui vive una popolazione di organismi animali o vegetali o pi popolazioni che interagiscono tra loro) e, nel caso degli appassionati degli Apistogramma, un biotopo Amazzonico. Questo lo scopo che Stefano Bertoni si prefigge per voi. Non siate impazienti: basta un solo mese di attesa per tuffarsi nelle calde acque tropicali che li ospiteranno. Link: i platy. Sono tra i pesci pi amati dagli acquariofili, insieme a guppy e black molly. Con questi cugini poecilidi condividono molte caratteristiche ma hanno un carattere tutto particolare ed esigenze definite. Per saperne di pi baster seguire la navigazione guidata proposta dal nostro esperto. Una vasca tematica per il principiante: Anemonia viridis . Nellambito degli organismi mediterranei, gli animali gelatinosi rappresentano senza dubbio ospiti deccezione, come gi visto nella lectio magistralis che ha accompagnato il numero precedente. Non fa eccezione lanemone mediterranea per eccellenza. Questo comunissimo celenterato diffuso pressoch ovunque sulle scogliere, tra i ciottoli nei bassifondi non troppo esposti alla forza delle onde, tra i blocchi delle massicciate artificiali e perfino sulle murate dei porti; gli esemplari pi piccoli possono costituire dei tappeti densissimi con superfici che possono avvicinarsi a mezzo metro quadrato. R i f l e s s i o n i s u l l h o b by d e l D i s c u s : s i a m o v e r i appassionati o semplici collezionisti? Francesco Denitto come sempre provocatorio e cerca di sollevare argomenti di grande interesse per lacquariofilo. Il titolo tutto un programma ed anticiparvi anche piccoli dettagli servirebbe solo a ridurre la vostra curiosit. Ebbene s, dovremo attendere un mese per entrare in questo stimolante argomento di discussione. 118

Nel prossimo numero vi proporremo: Il pesce gatto elettrico: La taglia massima di un metro tale da scoraggiare qualsiasi acquariofilo, eppure si tratta di un animale di grande interesse, in grado di entusiasmare anche gli animi pi duri. Se trova alimenti vermiformi pare quasi che li succhi, a mo di spaghetto. Gli altri li mette in bocca e sembra masticarli. Insomma, si tratta di un cagnolino, piuttosto che un gatto, da coccolare intensamente. Lacquario di Cattolica: Lacquario di Cattolica uno dei pi giovani dItalia: nato nel 2000, ha festeggiato lo scorso anno il decennale. Come sempre aquariophylia cerca di portarvi in giro tra gli acquari pubblici del nostro paese (e non solo) per farvi gustare emozioni altrimenti difficilmente raggiungibili. Nel prossimo numero vedremo com stato possibile mostrare ed illustrare con le apposite guide ai bambini ed ai visitatori, quelli che sono considerati i principali predatori del mare colpevolizzati dalla cinematografia, mostrando come invece siano animali perfetta-

Vermi bianchi, facili e nutrienti: questo mese abbiamo spiegato vantaggi (tanti) e svantaggi (pochi) di questo magnifico alimento vivo per pesci di ogni specie e taglia ed abbiamo descritto lattrezzatura di base indispensabile per iniziare, prendendo in considerazione anche i recipienti ideali ed il substrato adatto. Nel prossimo numero inizieremo in pratica con lallevamento, se avrete procurato tutti i materiali descritti nel numero precedente. In caso contrario, dovrete provvedere subito! Isaac Lamotius e la scoperta dei pesci tropicali: gli aspetti della vita dei pesci che attraggono gli acquariofili sono molteplici. Tra questi, il comportamento, la riproduzione, il modo in cui interagiscono con gli altri organismi o con l'ambiente circostante e naturalmente il fascino delle loro forme e colori. Ma a quando risale la scoperta della loro bellezza da parte della cultura occidentale? Quando nata la scintilla da cui poi divampata in tutto il mondo la passione per gli acquari, marini o dolci, tropicali o mediterranei che siano? Matteo Grassi ci accompagner alla scoperta della personalit di un interessante personaggio storico. Come si fa: i segreti di Knott. Nel prossimo numero della rubrica Come si fa un ulteriore piccolo dono per tutti gli appassionati di aquascaping. Un grande esperto stato da noi intervistato per indicarci i tre segreti del perfetto allestimento in stile europeo. Mini acquari: un sistema per meduse. Abbiamo parlato di meduse nel numero precedente, ma apparentemente sono necessarie attrezzature rilevanti per ottenere successi con questi organismi. I nostri autori ci indicheranno per una soluzione alternativa, minimalista, per tenere delle meduse persino sulla mensola del lavandino, in bagno! Eco-acquario, istruzioni per luso. Lo abbiamo costruito, lo abbiamo presentato a Napoli aquatica. Ma come si fa? Il nostro esperto ci accompagner in una guida molto pratica, in pratica un fai-da-te, affinch tutti possano realizzare magnifiche vasche di questo tipo. Consigli dietetici: come gestire gli alimenti per pesci. Lalimentazione dei pesci uno degli elementi fondamentali per la buona conduzione di un acquario. Talvolta tendiamo a dimenticarlo, 119

ma molti problemi di allevamento e riproduzione possono dipendere da unalimentazione inadeguata o una dieta sbilanciata. Consideriamo anche la possibilit di preparare degli alimenti fatti in casa. Non devono sostituire quelli commerciali, ma integrarli. Prepararli facile e divertente. In futuro vi proporremo delle ricette semplici, in modo che possiate dilettarvi nella preparazione di alimenti speciali per i vostri beniamini. Non-Solo-Acquari: guida allallevamento degli insetti stecco. Gli insetti stecco sono probabilmente i pi diffusi tra i terrariofili appassionati di entomologia, per la strana conformazione del corpo oltre che per la facilit dallevamento. Sono animali che hanno eretto il mimetismo a forma di arte e lo utilizzano nelle maniere pi disparate fino a diventare assolutamente invisibili, sia ai predatori sia agli occhi dei meno esperti. Impariamo ad allevarli! Un giorno per una vita con i discus Quando le finestre si riempiono di brina ed il vento fischia, niente di meglio che un buon racconto ma attenzione tra i racconti si mescolano i dati reali, che vi permetteranno di prendere decisioni giuste nel vostro acquario. Nel prossimo numero parliamo di Carlo. Il suo sogno era di avere dei Discus Heckel, Green, Blue. Insomma anche nel prossimo numero, un magnifico romanzo scientifico, per i pi attenti tra i nostri lettori che sapranno trovare, tra le righe, importanti informazioni tecniche. Enchitrei: facili e nutrienti. Larticolo sulla coltura degli enchitrei, annunciato per questo numero, in realt stato rimandato al prossimo, perch alcuni argomenti di attualit hanno preso il suo posto. Pazienza: tra un mese saranno ancor pi gustosi!
Ovviamente questo quanto abbiamo gi in forno. Se desiderate un menu a la carte, come sempre, non esitate a scriverci, inviando le vostre richieste tramite le apposite finestre del nostro sito web: www.aquariophylia.it o inviando una mail ad aquariophylia@gmail.com. Saremo felici di accontentarvi

Arrivederci al prossimo numero! Terminiamo coi ringraziamenti: importante da parte nostra ringraziare tutti i lettori per il gran lavoro di divulgazione che stanno facendo. Ci rendiamo conto, al momento delluscita di ogni fascicolo, che molti di voi riescono effettivamente a comunicare linvito a registrarsi a tanti amici. Continuate cos, ogni mese, per meritarvi una rivista sempre pi accurata e ricca. Tanto sforzo serve a renderci convincenti per gli sponsor, i quali sanno che siamo in tanti e che utile sostenerci. Ovviamente dipender da loro la nostra possibilit di continuare a regalarvi una rivista mensile di questo livello. Osservate dunque le pagine pubblicitarie che compaiono in questo numero: in definitiva, la rivista che avete ricevuto un loro dono. Questo non significa che dobbiamo piegarci a bieche filosofie commerciali o che si debbano esprimere pareri a pagamento. Sapete bene che non lo faremo mai. Significa per che alcune aziende, pi di altre, hanno a cuore la vostra informazione ed giusto renderne conto. Dunque arrivederci al prossimo numero, sempre pi ricco e vario, con tante novit interessanti e, speriamo, sempre sostenuto da lettori e sponsor. Come di consueto una richiesta schietta: se avete dubbi sui contenuti, esprimeteli con chiarezza, sul forum o sulla rubrica lettere. Questo servir a migliorarci, perch gli unici veri padroni di aquariophylia siete voi. Dunque, gestitela con attenzione.