Sei sulla pagina 1di 4

I PINK FLOYD

I Pink Floyd sono stati una rock band britannica formatasi nella seconda metà degli
anni sessanta che, nel corso di una lunga e travagliata carriera, è riuscita a riscrivere
le tendenze musicali della propria epoca e a diventare uno dei gruppi più importanti
della storia.Uscito il 24 marzo del 1973, The Dark Side of the Moon ha venduto 45
milioni di copie in tutto il mondo, diventando il quarto album più venduto di tutti i
tempi. È rimasto per 741 settimane (circa 14 anni, record tuttora imbattuto) nella
classifica Billboard 200 dell'omonima rivista musicale americana, dalla quale è uscito
soltanto negli anni ottanta. È il primo album a piazzarsi alla posizione numero 1 delle
classifiche americane, mentre è rimasto alla numero 2 di quelle britanniche, pur
figurando in esse 301 settimane e ottenendo il plauso della critica.

Il disco, suonato in concerto già dal 1972, è un concept album che propone una musica
concettuale ed eterodossa, alla quale si affiancano testi dal profondo contenuto
filosofico e di riflessione sulla condizione umana, cosa che caratterizzerà la restante
carriera del gruppo. Mentre al lavoro di composizione hanno collaborato tutti e
quattro i componenti in maniera più o meno rilevante, i testi sono stati scritti
interamente da Waters. Gli argomenti trattati riguardano vari aspetti della natura
umana: Speak to Me/Breathe parla della nascita e dell'infanzia, Time (in cui è incluso
il brano non ufficiale Breathe (Reprise)) affronta il tema dell'invecchiamento e del
soverchiante e rapido approssimarsi della morte, con la giovinezza che è passata prima
che ci se ne possa rendere conto; The Great Gig in the Sky esplora pensieri religiosi e
di morte, Money si burla di avidità e consumismo, Us and Them si riferisce al
conflitto, all'etnocentrismo, al fatto che ciascuno ritenga sé stesso sempre dalla
parte della ragione; Brain Damage guarda alle malattie mentali e mostra come la follia
sia solo relativa e quanto la vecchiaia porti lontano da chi si era un tempo, mentre
Eclipse conclude l'album affermando il libero arbitrio e la casualità degli eventi. L’uso
delle tecniche di registrazione avanzate da parte di Alan Parsons e gli effetti sonori
di forte impatto usati fanno del disco un'opera diversa dalle precedenti produzioni del
gruppo, sicuramente la più celebre e per molti la migliore dei Pink Floyd.
Ripetere il successo di Dark Side non sarebbe stato facile, per tale motivo i Floyd
pensano inizialmente di produrre un album totalmente diverso dal precedente, al fine
di evitare il più possibile un paragone tra i due lavori, che difficilmente si sarebbe
concluso a favore del nuovo arrivato: Household Objects, un esperimento musicale
eseguito suonando oggetti comuni, ad esempio elastici e bicchieri, come se fossero
strumenti musicali, viene però accantonato presto. Il nuovo album, suonato con
strumenti tradizionali, è intitolato Wish You Were Here. Pubblicato il 15 settembre
1975, il disco tratta il tema dell'assenza: la mancanza di umanità nell'industria
discografica e, soprattutto, l'assenza di Syd Barrett. Molto noto per l'omonimo
brano, l'album, in larga parte strumentale, ha come tema portante il brano Shine On
You Crazy Diamond, composto da due parti che aprono e concludono il lavoro. Tale
traccia, alla quale prende parte il sassofono di Dick Parry, già protagonista del
precedente album, è un tributo al precedente leader della band che culmina con un
notevole intervento di sintetizzatore, il quale lascia spazio, nel finale, al tema di See
Emily Play, brano scritto da Barrett. I restanti brani, Welcome to the Machine e Have
a Cigar, descrivono, secondo molti pareri, il rapporto di Syd rispettivamente con il
mondo esterno e con l'ambiente dello spettacolo, considerati entrambi, assieme
all'abuso di droghe, concausa del suo squilibrio mentale. L'album raggiunge la posizione
numero 1 sia nel Regno Unito sia negli Stati Uniti, con grande plauso della critica. Un
famoso aneddoto racconta che il 9 luglio del 1975, durante le registrazioni dell'album
negli Abbey Road Studios, nello studio compare Syd Barrett, che i membri del gruppo
riconoscono solo dopo diversi minuti. D'aspetto molto ingrassato, alla richiesta di
spiegazioni egli risponde continuamente: "Ho acquistato un grande frigorifero in
cucina, e ultimamente sto mangiando molta carne di maiale".
La band, dopo essersi fatta notare grazie a lavori di stampo psichedelico, raggiunge la
maturità con Atom Heart Mother e Meddle, e si afferma a livello mondiale con The
Dark Side of the Moon e i successivi album, tra cui Wish You Were Here, Animals e
The Wall, che consegnano i quattro alla storia del rock. La formazione non subisce
sostanziali cambiamenti fino al 1985, escludendo una parentesi in cui Wright figura
solo come turnista. Nel 1985 Waters abbandona il gruppo; i membri rimanenti
pubblicano successivamente altri due album studio di notevole successo: A Momentary
Lapse of Reason e The Division Bell. La formazione cessa la propria attività nel 1995,
e si scioglie nel 2006, quando Gilmour nega ufficialmente la possibilità di una reunion.
Con la morte di Wright, nel 2008, si spengono di fatto le speranze dei fan di rivedere
la band con tutti e quattro i componenti.La formazione dei Pink Floyd, nel corso degli
anni, è stata guidata da tre figure predominanti, ognuna delle quali ne ha influenzato
in modo sostanziale il percorso artistico: si tratta, in ordine cronologico, di Barrett,
Waters e Gilmour. Lo stile floydiano non ha però risentito significativamente di questi
cambi di leadership, ed il sound che caratterizza la band è rimasto sostanzialmente
inalterato e riconoscibile in quasi trent'anni di carriera.I Pink Floyd si formano a
Londra nel 1965, quando Syd Barrett si unisce ad una band di studenti dell'Istituto
Politecnico di Architettura della capitale britannica, per sostituire un cantante di
nome Chris Dennis: il gruppo si chiama The Tea Set e in esso figurano Nick Mason,
Roger Waters, Richard Wright e Bob Klose. La band riscuote un moderato successo,
affermandosi come una delle più popolari formazioni dell'underground londinese alla
fine degli anni sessanta.Quando i Tea Set scoprono che il loro nome era già usato da
un'altra band, Barrett propone The Pink Floyd Sound, unione dei nomi di due bluesman:
Pink Anderson e Floyd "dipper boy" Council, letti tra i crediti di un album di Piedmont
blues.[16] La parola "sound" viene presto abolita, mentre l'articolo "the" resiste fino
al 1970, e viene usato per identificare i lavori dell'era Barrett. I due album del '69
riportano come nome della band "Pink Floyd", ma scrivono "produced by The Pink
Floyd", mentre in Atom Heart Mother, del 1970, è scritto esattamente il contrario.
David Gilmour, tuttavia, usa l'articolo fino al 1984.

A Saucerful of Secrets è il lavoro in cui compare la maggior quantità di esperimenti


sonori nella discografia dei Pink Floyd: rumori elettronici, feedback, oscillatori e gli
urli primitivi di Waters caratterizzano le tracce dell'album, che esce nel giugno del
'68 e raggiunge la posizione numero 9 nel Regno Unito, mentre non figura nelle
classifiche americane. In questo disco vi è ancora traccia di Barrett, autore di
Jugband Blues e chitarrista in Remember a Day (registrata durante le sessioni di
Piper) e Set the Controls for the Heart of the Sun. Nei brani rimanenti Barrett è
sostituito da David Gilmour, che esprime uno stile chitarristico meno avventuroso e
surreale, ma più elegante ed altrettanto caratteristico. Lo stesso anno i Floyd
scrivono anche alcuni pezzi entrati nella colonna sonora del film The Committee di
Peter Sykes nel 1968.

THE WALL "IL MURO"

We don’t need no education.


We don’t need no thought control.
No dark sarcasm in the classroom.
Teacher, leave those kids alone.
Hey, Teacher, leave those kids alone!
All in all it’s just another brick in the wall.
All in all you’re just another brick in the wall.
We don’t need no education.
We don’t need no thought control.
No dark sarcasm in the classroom.
Teachers, leave those kids alone.
Hey, Teacher, leave those kids alone!
All in all you’re just another brick in the wall.
All in all you’re just another brick in the wall

Ed ecco la traduzione in italiano.

Non abbiamo bisogno di educazione


Non abbiamo bisogno di essere sorvegliati
né di oscuro sarcasmo in aula
Professore, lascia in pace i ragazzi
Hey, professore, lascia in pace i ragazzi!
Tutto sommato, è solo un altro mattone nel muro
Tutto sommato, siete solo un altro mattone nel muro
Non abbiamo bisogno di educazione
non abbiamo bisogno di essere sorvegliati
né di oscuro sarcasmo in classe
Professori, lasciate in pace i ragazzi!
Ehi, professore, lascia in pace i ragazzi!
Tutto sommato, siete solo un altro mattone nel muro
Tutto sommato, siete solo un altro mattone nel muro.