Sei sulla pagina 1di 6

Roma 10-11-2020

Cellule procariote a livello evolutivo è quella più vecchia non è specializzata non ha nucleo. Eucariote la più
sviluppata è specializzata ha un nucleo (vegetale presenta organelli per la fotosintesi) (animale membrana
citoplasma) si differenziano in base alle funzioni cellule tessuti organi.

Apparato locomotore permette il movimento e mantenimento delle posture composto da apparato


muscolare scheletrico articolare insieme permettono funzionamento del locomotore.

Il muscolo permette il movimento tramite azione meccanica. Fascia = membrana esterna o epimisio.
All’interno ci sono delle fibre minori ricoperte dal perimisio all’interno ci sono le miofibrille rivestite
dall’endomisio (membrana composte da fosfolipidi lipidi grassi aumentano la fluidità quando c’è
contrazione muscolare) struttura a fuso = ventre molto vascolarizzata dove avviene la contrazione.

Il muscolo si assottiglia aumenta di elastina meno vascolarizzazione e si viene a creare il tendine parte con
cui il muscolo si attacca all’osso. Un muscolo ha un’origine dove nasce e un’inserzione che è dove si attacca
quando si ha contrazione il muscolo si contrare verso l’origine. Non confondere i legamenti articolazioni con
i tendini muscoli. I muscoli possono variare in base alla composizione fisica o in base alla composizione
chimica.

Fisica possiamo dividerli in varie macro-famiglie in base ai ventri muscolari che possiedono. Lavora in
sinergia con altri muscoli. Ogni angolo di lavoro ha un muscolo deputato al suo lavoro. In base al numero di
ventri possiamo avere muscoli monogastrici digastrici trigastrici e poligastrici. Un muscolo mono è il
flessore dell’indice. Bicipite brachiale è digastrico bicipite femorale. Trigastrici tricipite brachiale tricipite
della sura = Polpaccio. Composto dai gemelli e dal gastrocnemio e soleo. Muscoli poligastrici quadricipite
muscolo frontale della coscia ha quattro origini diverse ma un’inserzione comuna sulla tibia davanti alla
rotula tendine rotuleo. Tuberosità tibiale anteriore = stinco

Dividerli in base alla forma quindi muscoli pennati la cui forma ricorda un insieme di penne muscoli
intercostali movimenti ampi di durata costante. Muscolo orbicolare intorno alla bocca muscolo circolare.

Roma 13-11-2020

Sali minerali compongono le ossa. Cellule delle ossa osteociti che si dividono in osteoblasti e osteoclasti.

Al livello anatomico si classificano in base alla dimensione. Ossa lunghe corte e piatte. Ossa speciali.
Martello incudine e staffa osso piu piccole. Osso struttura fondamentale parte centrale che viene detta
diafisi: riceve le maggiori sollecitazioni quella che cresce in lunghezza. Epifisi parti apicali parti dell’osso che
vengono messe in relazioni con altre ossa generando le articolazioni. Sezionando trasversalmente l’osso c’è
una parte centrale vuoto all’interno scorre il midollo che si trova nelle ossa lunghe. La struttura ossea non
ha un’elevata densità. L’osso ha una struttura di natura reticolare e risulta leggero ed elastico ma anche
resistenti. Le ali di un aereo sono fatte tecnicamente con la stessa tecnica delle ali degli uccelli.

Le epifisi hanno un punto di riferimento fondamentale. Sede dei nuclei di accrescimento ossei. La
produzione massima di cellule ossee si ha nelle epifisi.

Osteo porosi l’osso perde di densità

Roma 17-11-2020

Articolazioni strutture che mantengono in maniera contigua i rapporti fra due o piu superfici ossee. Per
permettere al sistema scheletrico. Articolazione. Sull’estremo osseo c’è una cartilagine articolare di tipo
ialino. Le cartilagini aumentano la superficie dell’articolazione causa un movimento maggiore. Oltre ad
aumentare il movimento lo facilitano. Molto piu lisce e morbide dei capi ossei. Cavità articolare introno alla
giunzione delle ossa ricoperta da una capsula articolare. Sulla testa della tibia e del femore le cartilagini.
Una struttura che le chiude capsula articolare all’interno di questa capsula c’è il liquido sinoviale nella cavità
articolare. Legamenti posizionati sull’articolazione o all’interno. Servono a conferire stabilità
all’articolazione. Es: legamento del crociato. All’interno del ginocchio che fa si che il ginocchio non ecceda.
Come si classificano le articolazioni. Si dividono in base alla capacità di concessione nei confronti del
movimento: mobili movimento piu ampio spalla e anche. Semimobili permetto esclusivamente movimento
lungo alcuni assi come vertebre ginocchio gomito. Articolazioni fisse ossa del cranio.

In base alla struttura: anfiartrosi sinartrosi o immobili diartrosi che permettono i movimenti.

Diartrosi: capi articolari possono e sono differenti. Le giunzioni sono diverse in tutto il corpo. 6 tipi di
diartrosi: 1-artrodie (le superfici articolari permettono solo lo scivolamento) esempio: ossa del carpo o del
tarso.2 Enartrosi sferiche una concava e una convessa articolazione femorale o spalla le articolazioni di
questo tipo sono la coxofemorale (anca) elagleno omerale (spalla). 3 Condiloartrosi i movimenti di questa
articolazione sono su due piani. esempio: l'articolazione temporomandibolare. Articolazione a sella le
articolazioni a sella permettono le rotazioni lungo un asse

5 e 6 trocoide troclea stesso nome si differenziano in base al lavoro sono definiti i ginglimi articolari
angolare e assiale. Angolari permettono angolo limitato di movimento esempio articolazione del gomito.
Quelli assiali permettono una rotazione all’interno dell’articolazione.

Quando le articolazioni perdono il rapporto articolare: o distorsione o lussazione perdita dei rapporti
articolari senza che questi ultimo tornino nel posto originale. La lussazione puo prevedere rottura della
cartilagine. Capi articolari non rientrano nel sito.

Distorsione 1 perde contatto ma torna subito nel sito 2 perde contatto torna nel sito lesione membrana 3
tutto precedente piu lesione legamenti. In alcune articolazioni si sono create altre strutture che facilitano i
movimenti nel ginocchio e presente un disco interposto tra l’osso del ginocchio e tibia e femore menisco.
Nel braccio l’omero aderisce alla scapola ma è appoggiato su un cerchio che si chiama cercine glenoideo
stesse funzioni del menisco.

Roma 20-11-2020

Come si contraggono i muscoli. I muscoli si contraggono quando arriva un impulso nervoso. Ogni cosa che
facciamo è grazie allo stimolo nervoso che sia volontario o involontario. Fibra muscolare unità funzionale
del muscolo: è composta da tante piccole strutture i sarcomeri messi in sequenza lineare. Zona fisica dove
avviene la contrazione muscolare. Sarcomero unità contrattile del muscolo dove avviene la contrazione. Il
sarcomero ha delle strisce di colore queste variazioni sono le strutture del sarcomero abbiamo delle bande
e delle linee. Il sarcomero è compreso tra due linee zeta. La linea zeta è quella che si trova all’interno della
banda I strisce chiare. Banda A scura linee H. Perché scure e chiare? Differenza strutturale. quando c’è
stimolo nervoso? I filamenti scuri sono filamenti di miosina centrali rispetto a i filamenti sottili di actina. Il
filamento di miosina è al centro ed è circondato da 6 filamenti di actina. Miosina centro esagono vertici
actina. Quando arriva lo stimolo nervoso queste punte sul filamento spesso si attivano i filamenti di actina
vengono attirati verso le teste della miosina il muscolo si contrae e i filamenti scorrono. Quindi il muscolo
non diminuisce la sua lunghe ma i filamenti di cui sono composte le fibre scorrono gli uni sugli altri. Il
muscolo non si accorcia ma diminuisce la sua lunghezza per scivolamento. Il muscolo si accorcia secondo la
teoria dei filamenti scorrevoli. Non c’è variazione di lunghezza ma variazione di stato.
Come avviene chimicamente questo movimento. Sulle teste della miosina è presente una molecola ATP
adenosintrifosfato. Quando arriva l’impulso nervoso l’ATP di attiva e diventa ADP e fosforo questa scissione
fa si che le teste della miosina vengano attirate da quelle dell’actina.

Roma 24/11/2020

Apparato respiratorio: definizione di respirazione scambio gassoso di un organismo con l’esterno. Noi
prendiamo ossigeno e buttiamo fuori anidride carbonica. Tutti gli esseri viventi respirano. Gli anfibi
respirano attraverso i polmoni e la pelle. Come è diviso l’apparato respiratorio. (Tubo esterno all’organismo
corpo umano come ciambella bocca buco della ciambella e dei tubi che partono dal buco fuoriescono da un
altro) le pareti sono esterne. Una parte viene definita parte aerea o parte esterna. Zona del naso bocca e
faringe. È meglio respirare con il naso perché l’aria all’interno del naso viene riscaldata. Se le particelle
dell’ossigeno possono raggiungere in maniera piu diretta le zone dove avverrà lo scambio. Piano piano si
arriva nella faringe e nella laringe. Faringe in comune tra respiratorio e digerente. Trachea formato da anelli
cartilaginei che si biforca nei bronchi. I polmoni sono due divisi in lobi. Poiché se ci sono problemi
l’asportazione di una parte permette la continuazione dello svolgimento dei compiti. Il bronco destro è piu
grande ma piu corto del bronco sinistro perché c’è il cuore. Struttura sempre piu reticolare. Perché piu
superficie piu efficienti gli scambi. Stessa cosa per i villi intestinali. Struttura di tipo alveolare. Bronco
secondario terziario accessorio e la parte terminale è il bronchiolo. Le parti tonde sono gli alveoli e
compongono i bronchioli. Zone altamente vascolarizzate. Da arteriole e venule molto piccole rispetto alle
arterie e vene. In questo caso la funzione delle arterie e delle vene è invertita. Vene anidride arterie
ossigeno. Il polmone non si contrae. Ma si arriva alla respirazione attraverso: polmoni sono rivestiti da una
membrana detta pleura (due pareti esterne e il liquido pleurico mantiene aderenti le due pareti delle
pleure) quindi dall’interno polmone pleura interna liquido pleura esterna cassa toracica. Muscoli
intercostali. Quando noi respiriamo parte uno stimolo nervoso autonomo muscoli intercostali si
contraggono così si la gabbia toracica si apre e anche i polmoni si espandono così l’area esterna entra. Dopo
lo scambio i muscoli intercostali si rilassano gabbia posizione originale aumenta la pressione interna così
l’aria piena di anidride carbonica esce.

Roma 01/12/2020

Apparato cardio circolatorio composto da due strutture cuore e vasi arterie o vene. Differenza tra arterie e
vene solo al livello anatomico. Arterie partono dal cuore vene arrivano al cuore. Come è fatto il cuore:
quattro camere due atri sopra e due ventricoli sotto. Quattro per permettere la massima efficienza.
Comunicazione solo tra atrio e ventricolo. atrio destro e ventricolo valvola tricuspide tra atrio sinistro e
ventricolo valvola bicuspide. Valvole regolano il flusso sanguigno. Gittata sangue che viene erogato a ogni
battito. Parete piu spessa fa aumentare la potenza di gittata quindi in un istante breve si butta piu sangue.
Cavità cardiache piu grandi più quantità di sangue quindi sforzo prolungato. Ventricolo sinistro è quello
carico di sangue ossigenato dal ventricolo sinistro a atrio destro si parla di grande circolazione (tutto il
copro tranne polmoni) una volta riempito il ventricolo sinistro si ha una pressione massima 120-80 la
valvola si apre e dal ventricolo sinistro parte l’arteria aorta vaso piu grande. Questa arteria porta il sangue a
tutto il corpo. Al livello del torace genera un vaso che va alla testa e un altro che va alla parte inferiore. Una
volta che hanno consegnato l’ossigeno e preso la co2 tornano con la vena cava superiore e inferiore
all’atrio destro. A questo punto dall’atrio destro si va nel ventricolo destro e partono i vasi che danno il via
alla piccola circolazione. Arteria polmonare hanno la co2 e non o2. Arriva ai polmoni dove avviene lo
scambio per diffusione contragrediente. Arteria polmonare una percentuale di ossigeno ce lo ha sempre
idem vene. Dopo lo scambio il vaso che torna al cuore diventa vena polmonare arrivano nell’atrio sinistro
che poi va nel ventricolo destro attraverso il ventricolo sinistro. Anche il cuore è dotato di circolazione i vasi
che irrorano il cuore sono le coronarie.

Roma 04/12/2020

Doping = utilizzo di sostanze biologicamente attive volte ad alterare la prestazione. Perché posso prendere
anche sostanze non biologicamente attive. Quando nasce il doping: la consapevolezza nasce nel secondo
dopo guerra però non in maniera consapevole molti atleti e soldati si dopavano. Esercito di Gengis Khān il
sovrano mongolo che ha unificato l’impero mongolo. I soldati mongoli o i soldati del siam utilizzavano per
sopportare dolore e fatica il papavero da oppio eroina. Il vero studio si ha dopo la fine della Prima guerra
mondiale in Germania. Al potere Hitler riconosce la valenza e l’importanza dello sport e quindi visto che
pensa che la razza ariana fosse la migliore al livello mondiale usa lo sport per la supremazia. Per poter
affermare questa supremazia inizia a studiare i primi effetti che il doping puo fare sugli allievi. Le prova
tutte e fa studiare le prima sostanze dopanti molto spesso prese dagli animali morti es. dai cadaveri dei
cavalli. Nel 36 fa arrivare le olimpiadi a Berlino ma il protagonista di quelle olimpiadi è gessi owens negro
figlio di schiavi. Dopo la Seconda guerra mondiale i tre lider mondiali si incontrano e si spartiscono il mondo
viene diviso in due grandi blocchi comunista e filoamericano linea che li divide è il muro di Berlino. Da qui
nasce alla guerra fredda. Quindi la volontà di affermare la supremazia nello sport come conferma che
l’ideale politico del paese fosse piu giusto rispetto ad altri. Inizia il primo doping di stato nei paesi di stampo
comunista (ancora oggi le atlete cinesi) viene reso ufficiale il doping dallo stato. Anche nei paesi
filoamericani succede questa ma in modo diverso. Nei paesi comunisti è tutto gestito dallo stato quindi
teoricamente la ricchezza è di tutti e anche lo sport deve essere gestito da tutti e tutti possono raggiungere
l’eccellenza in America solo le eccellenze raggiungono il posto migliore. Questa differenza perché al livello
numerico in America piu persone fanno sport. In America utilizzano il talento sportivo per 5 anni lo
spremono fino alla fine e poi hanno il ricambio. Alexander carelin lottatore di lotta greca romana vince 3
olimpiadi e ne ha fatte 4. Quelli americani ogni olimpiade ce ne è qualcuno nuovo rispetto agli altri. Dopo le
prime olimpiadi che fanno sorgere qualche dubbio Germania al secondo posto nel medagliere. Nell’ex
Germania alcune atlete sono diventate uomini. Record del mondo sui 100m piani femminili dura dal 1988
morta di infarto a Seul. C’è qualcosa che non va perché a quel livello non puoi non accorgerti della
malformazione. Nasce la Wada dopo la seconda guerra mondiale massimo ente in maniera antidoping
sancisce le sostanze dopanti durante l’anno attesta quali sostanze sono proibite e quali no. Essendo una
componente fatta da persone umane c’è la possibilità di corruzione. Molte cose in mano a multinazionali.
Es multinazionali farmaceutiche. (doping non farmaco ma sostanze nel farmaco atleti in buona fede che
usano farmaci con sostanze dopanti dentro) . multinazionale deve guadagnare su un farmaco e quindi
chiede di farlo passare e da una parte del guadagno all’associazione. Ogni anno si divulga la classifica delle
sostanze proibite. E puo essere cambiata ciò che è legale oggi puo non essere legale può esserlo domani.
Quando si parla di doping non è cocaina o eroina ma ci sono molte altre sostanze. Durate i mondiali le
nazionali devono dichiarare il quantitativo di alimenti che si portano. Es Italia prende e va a fare i mondiali
in Canada l’Italia si porta il catering dietro e deve dichiarare il quantitativo di quello che si porta anche il
caffè e la coca-cola o Redbull. Maradona nel 94 non giocava e nel 94 si tennero mondiali di calcio negli stati
uniti. La fifa per reperire soldi provo ad entrare in un mercato che era dominio non di calcio. così serviva un
atleta che prendeva l’interesse nel calcio quindi che fa autorizzano Maradona ad allenarsi e lo rimettono in
forma con l’anfetamina ti aiuta a dimagrire.

Roma 11/12/2020
Sostanze dopanti non sono tutte uguali la prima classificazione delle sostanze sono quelle ricavate dal
sangue degli animali. Qualsiasi sostanza estratta dal sangue degli animali esempio ormoni presi dalle
carcasse dei cavalli sono tutte vietate a prescindere dall’animale. Problema anche etico oltre che scientifico.
La prima grande categoria degli ormoni anabolizzanti. Sostanze che hanno la caratteristica di fare crescere
le strutture sulle quali vengono utilizzate. Esempio sottoprodotto del testosterone = 1-testosterone e
queste sostanze sono fattori di crescita ovvero che ti fanno crescere. Si utilizzano per aumentare la massa
muscolare es: culturisti. Il problema che all’aumentare della massa muscolare fa crescere tutte le strutture
in maniera indistinta. culturista di profilo Bassissimo grasso ma addome voluminoso. (Tra i muscoli
addominali c’è una striscia che si chiama linea alba) crescono anche tutte le altre strutture di un corpo
come la testa le mascelle e tutti gli organi. I culturisti muoiono o di tumore o di infarto. Perché steroidi
anabolizzanti li devastano. Un altro tipo di sostanze ormoni di natura peptidica. Vanno a stimolare la
produzione di altre sostanze: es. doping ciclismo eritropoietina ovvero sostanza che stimola la produzione
di globuli rossi. Se ho più globuli rossi aumenta la capacità di respirazione e di resistenza ma aumento la
parte solida nelle vene quindi si crea un infarto. (Messi non aveva l’ormone della crescita terapia a base di
testosterone è cresciuto ma nei limiti della possibilità) tutto di pende da come viene utilizzate. Sostanze
stimolanti ormoni peptidici. Ormoni di tipo metabolico ovvero influenzano il metabolismo e aiutano a
scindere le sostanze per avere energia subito sfruttabile. Esempio l’anfetamina stimolano il metabolismo
danno la sensazione di sazietà aumentando tutte le funzioni basilari dell’essere umano. Sostanze particolari
che sono i diuretici. Diuretico importante negli sport dove è importante la componente peso negli sport da
combattimento. Alcuni diuretici vengono usate come sostanze coprenti quando assumo una sostanza
dopante questa sostanza viene lavorata e produce prodotti di scarto perché l’antidoping non prende la
sostanza dopante ma le sostanze di scarto e quindi il diuretico favorisce l’eliminazione delle sostanze di
scarto e quindi puoi essere beccato di meno. Con la cocaina non si è positivi con la cocaina nel sangue ma
un metabolita della cocaina. Un’altra categoria di sostanze dopanti che sono i betabloccanti i quali bloccano
le vibrazioni dei muscoli va a influire sui muscoli e sul sistema nervoso. Es diazepam. Terapeutico per il
Parkinson.

Roma 15/12/2020

I tre aspetti fondamentali dell’allenamento al livello fisiologico: forte, mobile/flessibile e resistente. Un


corpo con una solo di queste qualità non è un atleta. Allenamento funzionale a 360 gradi lavora su tutte le
capacità condizionali del corpo umano. È sempre stato di natura funzionale. La prima componente che è
necessario allenare è la forza ovvero la capacità di compiere un lavoro. Nelle attività motorie la forza ha
tante varianti perché ogni sport ha un suo tipo di forza e ogni forza serve ad una determinata azione. Forza
assoluta massima forza esprimibile in goni forma di allenamento la componente di forza è fondamentale
quindi bisogna sempre partire dalla forza assoluta per poi incrementare tutte le altre forme di forza. Poiché
possiamo innalzare il livello di allenamento. Forza assoluta o forza massimale. Forza relativa forza
esprimibile che si riesce ad ottenere lavorando ed esprimendo il nostro corpo nello spazio. Es un culturista
ha una forza massima maggiore rispetto ad un ginnasta però il culturista se lavora con il suo corpo
svilupperà meno forza rispetto al ginnasta che è abituato a lavorare con il suo corpo. Es in palestra quelli
che fanno body building non sanno fare trazioni mentre quelli che fanno ginnastica ne fanno tante. Forza
massima è diversa da relativa. Un lavoro a corpo libero è sicuramente migliore ad un lavoro fatto con i pesi.
Forza specifica è la forza che utilizziamo nell’esecuzione di un gesto specifico. Es quando ci si approccia ad
una disciplina nuova come nel nuoto. Uno fa tante bracciate e rimane fermo quello che fa nuoto da tanto fa
tanti metri con poche bracciate perché ha piu forza specifica. Forza esplosiva massima accelerazione. Forza
tra l’istante zero all’istante 1. Esempio partenza dei cento metri in cui parto da zero e do la massima
espressione di forza possibile. Nella pallacanestro si ha forza esplosiva ma dopo un movimento. Lancio
giavellotto getto del peso. Forza veloce la capacità di mantenere e sviluppare forza in tempi brevi. Es 400 m
o 400 ostacoli in cui c’è un’alta frequenza di gamba e un alto sviluppo di forza. Forza resistente tempo piu
lungo possibile. Es maratona canottaggio.

Roma 18/12/2020

Forza elastica di un muscolo che ha la capacità di contrarsi con un valore di forza e di decontrarsi e
ricontrarsi successivamente con la stessa forza. Es tennis dritto destro sinistro destro sinistra. Resistenza
capacità di portare lavoro nel piu tempo mantenendo certi livelli di prestazione. Protrarre al massimo lo
sforzo per piu tempo possibile. Resistenza si lega alla capacità di sfruttare l’ossigeno presente nel sangue.
Le cavità cardiache si ingrandiscono più sei resistente. Cuore centometristi pareti cardiache piu spesse
cuore sportivi di resistenza cavità cardiache più grandi. Se siamo resistenti possiamo lavorare di forza
resistente altrimenti possiamo faro pochissimo. Come si allena la resistenza? Il criterio con il quale si allena
è allenare in modo che si superi qualitativamente e quantitativamente il tempo della prestazione. Es
canottaggio per allenare la resistenza si lavora principalmente coprendo distanze maggiori della lunghezza
della gara cercando di alzare il livello medio di spinta così essendo abile a lavorare su 3k metri sono più
capace di lavorare su 2k m stessa cosa per il calcio la partita dura 60 min l’allenamento almeno 1.30 ore o 2.
Piu si lavora e piu si migliora. Ad un certo punto del lavoro di resistenza noi andiamo in contro alla fatica e
non bruciamo piu gli zuccheri utilizzando l’ossigeno ma essendo raggiunto lo stato di fatica e il fiatone
ovvero la volontà del corpo di prendere piu ossigeno possibile perché c’è bisogno di tanto ossigeno per
bruciare gli zuccheri. Quando raggiunge il fiatone allora subentra la fatica poiché non riusciamo a prendere
tanto ossigeno e quindi non essendoci questo gas al livello fisiologico utilizziamo la demolizione degli
zuccheri senza ossigeno e produciamo acido lattico. Quando lo produciamo iniziamo a sentire la fatica
perché è un acido e quindi tende ad acidificare i muscoli e quindi a diminuire la contrazione muscolare.
L’acido lattico rompe le membrane citoplasmatiche e questo causa dolore muscolare. Questo acido lattico è
riutilizzato per produrre nuova energia. Infatti con un accumulo di acido lattico (continuare a lavorare
l’acido lattico puoi produrre una quantità tale da provocare morte ma solo in teoria) o si continua per poco
tempo o ci si ferma. Si continua per aumentare la soglia di sopportazione e così tendi a produrlo sempre piu
tardi. L’ideale sarebbe fermarsi se il tuo sport lo richiede e l’allenamento successivo farlo in maniera
aerobica per smaltire l’acido lattico. Non è nemico dei muscoli. (per dimagrire bisogna lavorare sulla zona
di massimo consumo di ossigeno dalla frequenza massima si ricava i renge di lavoro. Es noi massima 202
75% noi quindi dovremmo lavorare sui 160 battiti al minuto così attacchiamo i grassi ma non gli zuccheri e
così non produciamo acido lattico se superiamo i 160 battiti non dimagriamo ma bruciamo gli zuccheri e
entra la fatica e però deve essere ripristinata quindi appena finiamo l’allenamento mangiamo mentre se
non lo superiamo bruciamo solo i grassi che non vanno ripristinati e quindi non dà senso di fame).