Sei sulla pagina 1di 2

Sottolineate i verbi e poi trasformate queste frasi all’imperfetto

1. Oggi sono contento, devo andare dai miei zii per il compleanno di zio Roberto.
________________________________________________________________
________________________________________________________________

2. Non mi piace il cappuccino, preferisco il caffelatte e al bar vicino a casa mia lo fanno
veramente bene.
________________________________________________________________
________________________________________________________________

3. Luisa fa molto bene da mangiare, ma non dà mai le sue ricette.


________________________________________________________________

4. Anna non sa leggere ancora perché è troppo piccola, ma disegna molto bene.
________________________________________________________________
________________________________________________________________

5. Dobbiamo andare a trovare Maria, volete venire con noi?


________________________________________________________________
________________________________________________________________

6. Massimiliano canta bene le canzoni di Riccardo Cocciante, le interpreta con molto


sentimento.
________________________________________________________________
________________________________________________________________

7. Non potete conoscere ancora bene i tempi verbali ma dovete studiare regolarmente.
________________________________________________________________
________________________________________________________________
8. Loro decidono sempre tutto all’ultimo momento, non pensano che dobbiamo organizzarci
prima di fare qualcosa.
________________________________________________________________
________________________________________________________________

Sostituisci l’indicativo presente con l’imperfetto.

La mia compagna di scambio


La mia compagna di scambio si chiama _______________________ Giorgia, abita
_______________________ a Cesenatico e frequenta _______________________ la terza classe della
scuola media. Ha _______________________ 13 anni, è _______________________ alta e ha
_______________________ i capelli castani e gli occhi marroni. È _______________________ molto
simpatica e le piace _______________________ stare in compagnia. Il suo piatto preferito sono
_______________________ gli gnocchi al ragù. Giorgia pratica _______________________ la
pallavolo; pratica _______________________ anche altri sport, però la pallavolo è
_______________________ quello che preferisce _______________________. In famiglia sono
_______________________ in cinque: mamma, papà e tre figli. Suo fratello Michele frequenta
_______________________ l’istituto alberghiero perché vuole _______________________ diventare un
cuoco provetto, invece il fratello maggiore, Mattia, lavora _______________________ già.
Certe volte i suoi fratelli sono _______________________ antipatici e le fanno
_______________________ i dispetti e, poiché è ______________________ l’unica femmina, se la
prendono _______________________ solo con lei! In fondo, però, le vogliono
_______________________ bene.

Completa con l’indicativo imperfetto dei verbi tra parentesi

C'__________________ (essere) una volta una bambina che ogni sera, al momento di andare a letto,
_______________________ (diventare) piccola piccola:
- Mamma, - __________________ (dire), sono una formica.
E la mamma ___________________ (capire) che era ora di metterla a dormire.
All’alba la bambina _______________________ (svegliarsi), ma ___________________ (essere) ancora
piccolissima, ___________________ (stare) sul cuscino e _______________________ (continuare) a
dormire.
- Alzati, - ___________________ (dire) la mamma.
- Non posso, - _______________________ (rispondere) la bambina, - non posso, sono ancora troppo
piccola. Adesso sono come una farfalla. Aspetta che ricresca.
E dopo un po’ _______________________ (gridava):- Ecco, ora sono ricresciuta!
_______________________ (saltare) giù dal letto e _______________________ (cominciare) la nuova
giornata. (Gianni Rodari, Favole al telefono)

Completa con l’indicativo imperfetto dei verbi tra parentesi.

Eravamo felici
I miei, la sera, quando _______________ (uscire) da una stanza per entrare in un’altra
_______________ (spegnere) la luce e, comunque, non _______________ (accendere) mai più di una
lampadina per volta. Il taxi lo _______________ (noi - prendere) solo in occasione di fratture agli arti
inferiori - per i superiori _______________ (bastare) il tram -. Al ristorante _______________ (noi -
andare) se _______________ (esserci) un matrimonio, una cresima o una prima comunione. I ricchi
_______________ (mangiare) la carne solo la domenica. I poveri mai. _______________ (noi -
mangiare) il pollo solo quando si _______________ (essere) malati o _______________ (essere) malato
il pollo. Molti _______________ (allevare) una gallina in casa per avere l’uovo fresco ogni mattina.
L’ascensore _______________ (essere) a pagamento, _______________ (bisognare) mettere una
monetina in una macchinetta per farlo funzionare. Il cellulare non _______________ (essere) un
telefonino ma un furgone della polizia. La parola weekend non _______________ (esistere), così come
non _______________ (esistere) i viaggi all’estero. Gli unici a viaggiare _______________ (essere) gli
emigranti, e _______________ (fare) il biglietto di sola andata. In tv tutti _______________ (guardare)
“Lascia o raddoppia?”. Lo _______________ (noi - andare) a vedere a casa di un amico e ____________
(portarsi) dietro la sedia, perché _______________ (sapere) che non ci sarebbero state sedie per tutti.
Insomma _______________ (noi - essere) felici. (da Luciano De Crescenzo, Sembra ieri)