Sei sulla pagina 1di 44

Il presente manuale è parte integrante del prodotto.

Leggere attentamente le istruzioni prima di utilizzare la termostufa.

MANUALE INSTALLATORE
Indice MANUALE INSTALLATORE

INDICE

1. Descrizione pag. 3

2. Caratteristiche termostufe Ungaro pag. 4

3. Funzionamento pag. 5
4. Componentistica pag. 6

5. Disposizione componenti pag. 13


5.1 Serie Maia pag. 13

5.2 Serie CTU pag. 14

5.3 Serie FIT pag. 15


5.3 Serie Yncas pag. 16

5.4 Serie 2-fire pag. 17

6. Particolare smontaggio componenti pag. 18


6.1 Ventola aria pag. 18
6.2 Ventola fumi pag. 19

6.3 Motoriduttore pag. 20


6.4 Resistenza di accensione pag. 21

6.5 Pannelli Yncas pag. 22

7. Installazione pag. 23

8. Accensione termostufa pag. 29

9. Telecomando pag. 33
10. Cronotermostato pag. 34
11. Regolazione e controllo pag. 37

12. Regolazione aria comburente pag. 40

13. Programmazione generale scheda elettronica pag. 42


14. Segnalazione allarmi pag. 52

15. Pulizia pag. 54

16. Codici ricambi pag. 61


Esplosi pag. 66
Schede Tecniche pag. 70
Schema Impianto a vaso chiuso pag. 77
Schema Impianto a vaso aperto pag. 78
Schema Assembla ggio Elettrico pag. 79
Connettori per Scheda elettronica pag. 82

Attestato del Produttore pag. 83


2

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
Descrizione MANUALE INSTALLATORE 1

1 Le termostufe idro Ungaro

Le Termostufe UNGARO, funzionanti esclusivamente a pellets e a legna, sono dotate in base ai modelli di
una o due camere di combustione separate, di una o due canne fumarie e di uno o due scambiatori in
rame, che le permettono di sviluppare una resa >90%.
Sono dotate di schede elettroniche che permettono di regolare la temperatura dell’acqua sia del reparto
pellet che nel reparto legna. Tutti i modelli sono dotati anche di Cronotermostato interno che rende
possibile l’accensione e lo spegnimento automatico rendendo quindi autonoma la gestione della
Termostufa (nei modelli 2-Fire il cronotermostato agisce solo sul reparto pellet). Le termostufe UNGARO
portano il calore ai radia tori dell’impianto con una potenza termica che si auto regola in funzione
dell’ambiente da riscaldare, è sufficiente impostare la temperatura dell’acqua dell’impianto di riscaldamento
(60°C ÷ 75°C ) per avere il benessere desiderato.
La gamma di modelli Maia, Design, 2-Fire e Yncas producono inoltre anche aria calda, grazie ad un
ventilatore della portata di circa 60 m3/h che permette il riscaldamento a convezio ne forzata del locale ove
viene installata la termostufa.

Grazie ad un kit opzionale, producono anche acqua calda sanitaria continua in modo sano e sicuro, senza
bisogno di accumulo.
Le Termostufe UNGARO, sono dotate di sofisticati automatismi e di sistemi di controllo e sicurezza che ne
garantiscono un’efficace e pratica funzio nalità.
Tutto quello che richiedono è di essere fornite di pellet e legna e di impostarne le funzioni secondo le
personali esigenze.

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
2 Car atteristich e termo stufe Ungaro MANUALE INSTALLATORE

2 Caratteristiche termostufe Ungaro

Termostufe Caldaie

7
7 1
1

6 6

2 3
4 5 2
9
4 5
9
10
10

In questo disegno, vengono evidenziati il funzionamento e i componenti interni di una termostufa a pellet
Ungaro. Riempiendo il serbatoio (1), il pellet viene caricato nel bracie re (2) tramite il motoriduttore e la
coclea di caricamento (3). L’accensione avvie ne tramite la resistenza (4) che surriscalda l’aria proveniente
dall’apposita entrata (5), che a contatto con il pellet permetterà lo sviluppo della fiamma e quindi la
combustione (6). A questo punto i fumi di scarico vengono costretti a seguire dei passaggi specifici, prima
nello scambiatore primario in rame (7) e poi nello scambiatore secondario aria in acciaio inox (8) (dove
previsto), e in fine attraverso il condotto di aspirazio ne fumi (9), vengono scaricati in canna fumaria tramite
il condotto scarico fumi (10).

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
Caratteristiche combustibile MANUALE INSTALLATORE 3

3 Caratteristiche combustibile

Il pellet si ottiene attraverso delle semplici lavorazioni meccaniche, sottoponendo la segatura del legno
finemente lavorata, ad altissime pressioni. Il materiale viene poi contemporaneamente fatto passare
attraverso una filiera con fori di dimensio ni che vanno dai 6 ai 12 millimetri ed il calore sprigionato
durante queste fasi di lavorazio ne, attiva l'effetto legante della lignina, una sostanza naturale presente nel
legno, che ne determinerà poi la compattezza e la sua caratteristica forma a cilindro.

Il pellet è quindi un prodotto totalmente naturale e molto rispettoso dell'ambie nte.

I pellet sono caratterizzati da un basso contenuto di umidità, 6-10%, così come da un basso contenuto di
ceneri, approssimativamente 0.5%. Peculiarità del pellet, che lo contraddistingue dal legno, è quella di
presentare un volume praticamente costante.

Le Termostufe UNGARO hanno un serbatoio di contenimento per il pellet posizionato nella parte
posteriore con portello di apertura e caricamento superiore; tale coperchio deve essere sempre apribile
per poter effettuare le cariche del pellet. L’efficienza e la potenzialità delle Termostufe UNGARO possono
variare in relazio ne al tip o e alla qualità del pellet utilizzato.

Il pellet utilizzato dovrà essere conforme alle caratteristiche descritte dalle norme:

• Ö-Norm M 7135
• DIN plus 51731
• UNI CEN/TS 14961

Per garantire una combustio ne ottimale è necessario che il pellet sia conservato in luogo asciu tto e
protetto dallo sporco.

Per garantire una combustione ottimale è necessario che il pellet sia conservato in luogo asciutto
e protetto dallo sporco.

AVVERTENZE
UTILIZZARE pellet a norma UNI CEN TS 14961
L’impiego di pellet scadenti o di qualsiasi altro materiale, danneggia il funzionamento
della vostra termostufa e può determinare la cessazione della garanzia e l’annessa
responsabilità del produttore

Più il combustibile è scadente più spesso bisognerà intervenire per le pulizie al braciere e allo
scambiatore.

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
4 Funzionamento MANUALE INSTALLATORE

4 Funzionamento

Il funzionamento di una stufa a pellet id ro si divide nelle seguenti fasi:

• Fase di accensione (fan asp - looad wood)


• Fase di stabilizzazione fiamma (fire on)
• Fase di la voro (po. 9)
• Fase di modula zione
• Fase di spegnimento

4 1 Fase di accensione

la scheda elettronica esegue un test della durata di 30 secondi per verificare il corretto funzionamento
dell’estrattore fumi, al termine del test si attivano contemporaneamente il motoriduttore-coclea e la
resistenza di accensio ne. Dopo alcuni minuti si innesca la fia mma.

4 2 Fase di stabilizzazione fiamma

la temperatura dei fumi raggiunge la soglia impostata al prog. 13 e viene disattivata la resistenza di
accensio ne. La Fase di stabilizzazione della fiamma ha una durata impostabile dal prog. 2 relativa alla
chiave F1.

4 3 Fase di lavoro

terminata la fase di stabilizzazione della fiamma, la termostufa inizia la fase di lavoro; la potenza minima
di partenza è la potenza 6. Si attivano al raggiu ngimento delle temperature impostate la ventola aria e la
pompa di circolazione, relativi ai programmi 15 ed 11 della chiave F1.

4 4 Fase di modulazione

Modulazione tramite termostato ambiente esterno: una volta raggiunta la temperatura impostata dal
termostato ambiente (il display segnala “toff”), indipendentemente dalla potenza di lavoro in cui si trova,
la stufa passa alla potenza di lavoro 1, riducendo al minimo i consumi.
La termostufa non si spegnerà.

Modulazione tramite termostato acqua interno:


Circa 9° gradi prima della temperatura impostata da ll’utente, la termostufa inizia la fase di modulazione
arrivando al set impostato gradualmente, scalando gradualmente le varie potenze per arrivare alla
potenza di lavoro minima. ( Il valore di potenza non cambia sul display, ma rimane visualizzata l’ultima
potenza impostata)

( N.B. la potenza non viene decrementata dal display, ma sarà visualizzata l’ultima potenza impostata)

4 5 Fase di spegnimento

spegnimento: premere il pulsante di spegnimento, il motoriduttore-coclea di caricamento pellet viene


disattivato, l’estrattore fumi raggiu nge la massima potenza, la ventola ambiente raggiunge la massima
velocità. Tutti i motori vengono disattivati quando la temperatura dei fumi raggiunge la soglia di
temperatura impostata al prog. 13.
6

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
Disposizione componenti MANUALE INSTALLATORE 6

6 1 SERIE MAIA

2 1. display
2. ventola aria
3. trasduttore di pressione
3 4. scheda ele ttronica
5. depressore
6. vaso di espansio ne

7
6
8

9
7. valvola sfogo aria
17
8. pozzetto alloggiamento bulbo
9. circolatore monofase
16
10. valvola sicurezza
11. resistenza di accensio ne 10

12. ventola fumi


13. gruppo sanitaria
14. motoriduttore
15. morsetto a pressione 15
16. termostati sicurezza 11
17. interruttore generale

14
12
13

11

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
Installazione MANUALE INSTALLATORE 8

L’installazione deve essere conforme a

UNI 10683 (2005) generatori di calore alimentati a legna o altri combustibili solidi : Installazione

I Camini devono essere conformi a:


UNI 9731 (1990) camini: classificazione in base alla resistenza termica
EN 13384-1 (2006) metodo di calcolo delle caratteristiche termiche e flu ido-din amiche dei camini.
UNI 7129 punto 4.3.3 disposizioni, regole lo cali e prescrizioni dei VVFF.
UNI 1443 (2005) camini: requisiti generali.
UNI 1457 (2004) camini: condotti interni di terracotta e ceramica.

Far riferimento al capitolo inerente agli schemi d’impianto e installazione.

8 1 Montaggio

Per il montaggio della Termostufa UNGARO rivolgetevi ad un installatore autorizzato.

8 2 Aria comburente

E’ indispensabile che nel locale dove viene installata la termostufa possa affluire almeno tanta aria quanta
ne viene richiesta dalla regolare combustione dell’apparecchio e dalla ventilazione del locale. Ciò può
avvenire a mezzo di aperture permanenti praticate sulle pareti del locale da ventilare che danno verso
l’esterno, o tramite condotti di ventilazione singoli o collettivi.
A tale scopo realizzare sulla parete esterna in prossimità della stufa un foro di transito con sezione libera
minima di 100 cm², protetto da una griglia all’interno e all’esterno .

La presa d’aria deve inoltre:


• essere comunicante direttamente con l’ambiente di installazione
• essere protetta con griglia,rete metallica o idonea protezione purché non riduca la sezio ne minima.
• posizionata in modo da evitare che possa essere ostruita

Non è d’obbligo collegare l’ingresso aria della stufa direttamente con l’esterno ma va garantito un
passaggio d’aria di almeno 50 m³/h. Vedere comunque la normativa vigente.

Per i modelli 2-fire è obbligatorio prele vare l’aria comburente dall’esterno.

8 3 Camino o canna fumaria singola


Il camino o canna fumaria deve corrispondere ai seguenti requisiti:
• essere realizzata con materiale impermeabile ai residui della combustione
• resistere alle sollecitazioni meccaniche, al calore ed alla eventuale condensa.
• essere realizzata in acciaio a doppia parete di dimensioni 100mm, indipendentemente dall’installazione esterna o
interna del condotto.
• essere adeguatamente distanziata da materiali combustibili o infiammabili avere un tiraggio minimo di 11 Pa.

8 4 Scarico fumi su parete esterna/interna

Per l’espulsione dei fumi all’esterno eseguire un foro di dimensioni minime di 100 mm per il reparto pellet e di 180 mm
per il reparto legna (modelli 2-fire), tale da permettere il passaggio del tubo di scarico.

E’ obbligatorio installare un raccordo a T con tappo di ispezione per tutti i modelli, dotando la canna
fumaria di comignolo (4 venti), per la protezione dal vento e dalla pioggia. In tutti i cambi di direzione a 90°
(massimo 2) è necessario in stallare un raccordo a T con la possib ilità di ispezione. I tratti in orizzontale non
devono superare i 2/3 metri.
I tratti in orizzontale sono sconsigliati.
23

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Installazione

8 5 Scarico fumi attraverso canna fumaria esistente

• Per l’espulsione dei fumi all’esterno, attraverso canna fumaria esistente raccordare i tubi di scarico
alla canna fumaria rispettando le misure minime di foratura come precedentemente descritto.
• E’ consigliato dotare il condotto fumario di una zona di raccolta delle eventuali fuliggin i e condense,
con sportello a chiu sura ermetica, che dovrà essere posizionato alla base dello stesso, in modo da
essere periodicamente ispezionato e pulito, pulizia che deve essere fatta annualmente.

Lo scarico diretto dei prodotti della combustione deve essere previsto a tetto e il condotto
fumario deve avere le caratteristiche previste dalle leggi e norme vigenti in materia. (UNI
10683).

Lo scarico a parete non è ammesso dalla normativa vigente. Tale inosservanza determina
la cessazione della garanzia e l’annessa responsabilità del costruttore.

8 6 Documentazione complementare e informazioni all’utente

Ad installazione conclusa, l’installatore deve informare l’utente sulle modalità di uso corrente
dell’apparecchio e consegnargli:
• il libretto d’uso e manutenzione dell’apparecchio fornito dal costruttore
• la documentazione tecnica degli accessori impiegati e soggetti a manutenzione
• la documentazione dell’avvenuta installazione

La documentazione dell’avvenuta installazione deve comprendere:


• il riferimento alla presente norma
• l’indicazione delle istruzioni di installazione del costruttore cui si è fatto riferimento
• descrizione di massima, o schema, o documentazione fotografica delle modifiche impiantistiche
effettuate, qualora sia stato necessario intervenire durante l’installazione.
• eventuali indicazioni rilevanti ai fini della garanzia
• la data e la sottoscrizione dell’installatore

L’installatore deve farsi rilasciare ricevuta della documentazione consegnata

8 7 Dimensioni e distanze di sicurezza

La Termostufa deve essere posta su di un pavimento resistente al fuoco. Qualora venga posta su di un
pavimento infiammabile, si deve utilizzare un piano ignifugo.
materiali materiali
infiammabili non infiammabili

A= 200 mm 200 mm

B= 200 mm 200 mm

C= 1500 mm 1500 mm

Nota: la Ungaro S.r.l. declina ogni responsabilità in caso di incendi per inosservanza delle misure di
sicurezza.
24

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Installazione

8 8 Esempi di installazione

CANNA FUMARIA ESTERNA

Questo tipo di installazione (Fig.1 ) necessita di canna


fumaria coibentata, in quanto tutto il condotto fumi è
stato montato all’esterno dell’abitazione.
Nella parte inferiore della canna fumaria, è obbligatorio
installare un raccordo di tipo “T” con tappo di ispezione.
E’ sconsigliato installare come primo pezzo iniziale una
curva a 90°, in quanto la cenere, ostruirebbe in po co
tempo il passaggio dei fumi, causando proble mi al
tiraggio della stufa.

Figura 1

CANNA FUMARIA ESISTENTE

Questo tipo di installazione (Fig.2 ) da eseguirsi solo


se strettamente necessario, è consig liato dotare il
condotto fumario di una zona di raccolta delle eventuali
fuliggini e condense, con sportello a chiusura ermetica,
che dovrà essere posizionato alla base dello stesso, in
modo da essere periodicamente ispezionato e pulito.
E’ sconsigliato installare come primo pezzo iniziale una
curva a 90°, in quanto la cenere, ostruirebbe in po co
tempo il passaggio dei fumi, causando problemi al
tiraggio della stufa.

Figura 2

25

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Installazione

CANNA FUMARIA INTERNA

Per facilitare la manutenzione della canna


fumaria il modello Yncas presenta un raccordo a
“T” (fig.4) ispezionabile dalla parte anteriore
della termostufa.

ESPLOSO RACCORDO A “T”

Figura 3

Figura 4

CANNA FUMARIA ESTERNA


Questo tipo di installazione necessita di
canna fumaria coibentata, in quanto tutto
il condotto fumi è stato montata
esternamente.
Nella parte inferiore della canna fumaria,
è obbligatorio installare un raccordo di tipo
“T” con tappo di ispezione.

Qui notia mo la possibilità di scorrimento


dell’inserto, solo da effettuare a stufa
spenta per soli interventi di manutenzione
e riparazione.
Assolutamente vietato estrarre la stufa
durante la fase di lavoro, i fumi
potrebbero disperdersi nell’ambiente.

Figura 5

26

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Installazione

SCARICO FUMI 2-FIRE

Questo tipo di installazione necessita di


canna fumaria coibentata, in quanto tutto il
condotto fumi è stato montato all’esterno
dell’abitazione.
Nella parte inferiore della canna fumaria, è
obbligatorio installare un raccordo di tipo
“T” con tappo di ispezione.
E’ sconsigliato installare come primo pezzo
iniziale una curva a 90°, in quanto la
cenere, ostruirebbe in poco tempo il
passaggio dei fumi, causando problemi al
tiraggio della stufa.

Figura 6

Regolamentazioni
È’ necessario rispettare tutte le vigenti leggi e normative nazionali, regionali, provinciali e
comunali presenti nel luogo di installazione del prodotto.

27

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Display multifunzione

Display Multifunzione

P1 D1 P6

P1 P3 D1 P4 P5

• Il tasto P4 serve per l’accensione/spegnimento della termostufa e per uscire dalla programmazione.

• Il tasto P3 serve per le funzioni di programmazione.

• I tasti P1, P2 servono rispettivamente per alzare o abbassare i valori che compaiono nel display inferiore D2.

• I tasti P5 e P6 servono rispettivamente per alzare o abbassare la potenza calorica che compare nel display
superiore D1.

• I display D1 e D2 visualizzano i messaggi.

Descrizioni segnalazioni Display Multifunzione

Descrizione dei componenti quando è attivo il led corrispondente alle seguenti figure:

È acceso quando il cronotermostato è attivo. Per disattivarlo


premere P3 per 3” e far comparire “off” sul display D2. Confermare
con il tasto P4. Se al cliente non necessita l’accensione automatica,
si può pensare di rimuovere il crono dalla scheda elettronica.
È acceso quando la resistenza di accensione è abilitata.
È acceso per il tempo di funzionamento del motore di caricamento
del pellet.
È acceso quando il contatto del termostato ambiente supplementare
è chiuso o i morsetti sono cortocircuitati.

È acceso quando il displa y riceve il segnale del telecomando

È acceso quando il motore espulsione fumi è attivo

È acceso quando la pompa di circola zione dell’acqua è in funzione.

È acceso quando il ventilatore tangenziale è in funzione.

È acceso quando la termostufa è in modalità riscaldamento.

È acceso in modo intermittente quando si utilizza l’ acqua sanitaria.


Se il led rimane sempre acceso fare riferimento al paragrafo
Disattivazione modalità estiva.

28

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
Accensione Termostufa MANUALE INSTALLATORE 9

IMPORTANTE: Seguire rigorosamente i seguenti step:

9 1 Quadro comandi

STEP 1. Controlli preliminari accensione pellet


Prima dell’accensione della Termostufa verificare che il serbatoio del pellet sia carico, che la camera di
combustione e il braciere siano puliti, che la porta vetro sia chiusa, che il cassetto cenere e il cassetto
ispezione siano chiusi, che la presa di corrente sia collegata e che l’interruttore posto sul retro sia nella
posizione 1.
Si raccomanda di non utilizzare pellet umido e di diametro non superiore a 6mm, con lunghezza
variabile compresa tra 5 - 25 mm.

Controllare la pressione in caldaia tenendo premuto il pulsante P2, sul displa y D1 comparirà per
esempio la scritta “1.0b”; La pressione corretta d’esercizio è tra 0.8 e 1.2 bar.

1.0b

0910

Solo nei modelli 2 fire la pressione viene mantenuta costante grazie alla valvola di carico automatico
posizionata al lato sinistro all’ interno della Termostufa (solo modelli 2-fire).

STEP 2. Riempimento pompa di circolazione


Dopo la verifica della pressio ne impianto avviare il circolatore manualmente tenendo premuto i pulsanti
P1 e P2 contemporaneamente per qualche minuto, dando così la possibilità al circolatore di riempirsi
d’acqua. Nel frattempo togliere l’aria dall’impianto tramite la valvola di sfogo aria (jolly) posizionati sui
radiatori.
Se la pompa non dovesse avviarsi procedere allo step 3.

STEP 3. Sblocco pompa di circolazione

Accedere all’interno della Termostufa rimuovendo il top i pannelli o le ceramiche dal lato destro.
Intervenire sulla pompa svitando la vite sfogo aria posta dietro, in questo modo si permetterà alla pompa
di riempirsi d’acqua e di avviarsi. Avvitare quindi la vite e riposizionare il pannello o ceramiche ed il top.
Se dopo aver effettuato questa operazione la pompa non dovesse avviarsi, controllare la tensione (230
Volt) al morsetto relativo. Se la tensione è presente, controllare la continuità elettrica della pompa e in
caso sostituirla. Se la tensione non è presente sostituire la scheda elettronica.

STEP 4. Accensione reparto pellet

Premere il pulsante P4 per alcuni secondi fino all’avvio della Termostufa, sul display apparirà la scritta
“FAN ASP”, in questa fase l’apparecchio esegue una diagnosi di circa 30 secondi sull’ estrattore fumi.

29

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Accensione Termostufa

Immediatamente dopo la scritta “FAN ASP”, la resistenza di accensione (candeletta) ed inizierà il carico
del pellet nel braciere.

FAN

ASP

LoAd

Wood

Figura 10

Quando la temperatura fumi sarà sufficientemente alta (41°) la Termostufa passerà in modalità “Fire ON ”
(restando in questa fase per alcuni minuti permettendo alla fia mma di stabilizzarsi).

FirE

on

Figura 11

Al termine della stabilizzazione (fire on) sul display D1 verrà visualizzata la potenza calorica (la potenza
minima di partenza è la 6), tale potenza dovrà essere incrementata sino al valore 9 (tramite il pulsante
P6) almeno per le prime ore di funzionamento. Sul display D2 verrà visualizzata la temperatura
dell’acqua che dovrà essere impostata a 65°C. Per i mpostare l’acqua premere una sola volta il tasto
“SET” e aumentare o diminuire il valore di temperatura attraverso i tramite i pulsanti P2 e P1.

STEP 5. Accensione reparto legna (solo modelli 2-fire)


Accendere manualmente la legna, sul displa y D1 verrà visualizzata la scritta off mentre sul display D2
verrà visualizzata la temperatura della acqua di mandata.

OFF

13°C

Figura 12

Nel reparto legna la temperatura viene controllata dalla scheda elettronica, che regola l’aria comburente
in base alla temperatura impostata, chiu dendo in modo proporzionale la serranda dell’aria comburente.
La serranda dell’aria comburente è normalmente chiusa, quin di in assenza di tensione il dispositivo si
chiude.
Il processo di accensione a legna è totalmente manuale, procedere come il classico caminetto a
legna (solo modelli 2-fire). Tenendo premuto il pulsante P5, verrà visualizzato sul display D1
“legna” e nel display D2 la temperatura dei fumi.

30

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Accensione Termostufa

9 2 Regolazione dei parametri

Tramite i pulsanti P5-P6 si regola la potenza calorica di funzionamento. La potenza minima di partenza è
la potenza P6.
Per poter regolare la temperatura dell’acqua premere una sola volta il pulsante P3 sul displa y D1
apparirà in modo alternato la scritta “SEt H2o” mentre la temperatura dell’acqua è visualizzata sul displa y
D2. Aumentare o diminuire il valo re attraverso i pulsanti P1-P2.

H2o

65°C

Figura 13

Per impostare la temperatura della termoventilazione (dove prevista), premere per due volte il tasto P3 (SET) e i tasti
P1 e P2 aumentare o diminuire il valore.

21

ARIA

31

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Accensione Termostufa

9 3 Spegnimento Termostufa reparto pellet

Per spegnere il reparto pellet premere per alcuni secondi il pulsante P4, fino a che apparirà sul displa y D1
la scritta “OFF”.

OFF

18

Figura 14

La cocle a del carico pellet si fermerà subito mentre gli altri componenti verranno spenti dai rispettivi
termostati. La Termostufa necessita di almeno 30 minuti per il totale raffreddamento.

Spegnimento Termostufa reparto legna (solo modelli 2-fire)

Per spegnere il reparto legna, bisogna procedere come il classico caminetto ovvero far combustio nare i
residui di legna.

NOTA BENE:
La Termostufa è dotata di un automatismo che permette la pulizia del braciere (elettronica) del
reparto pellet dopo un certo periodo di tempo, quando ciò si verifica la fiamma si abbassa
automaticamente e sul display appare “PUL FIRE”, dopo qualche minuto la Termostufa riprende il
lavoro interrotto.

PUL

FIRE

Figura 15

La pulizia automatica (meccanica) del braciere è presente solo nei modelli con sigla PM.

Attenzione:
Durante le prime due - tre accensioni della Termostufa può emanare cattivo odore a
causa dell’indurimento delle superfici, quindi è consigliabile aerare bene il locale più
volte; è consigliabile in questo periodo, evitare una permanenza prolungata davanti la
Termostufa.

32

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Accensione Termostufa

Visualizzazione H20 sul display

Nell’occasione in cui la termostufa raggiunge il set di temperatura, entra in modalità H20. In questa
modalità la termostufa rimane al minimo di modulazione per il periodo di tempo impostato dal
programma 23 chiave F1

Visualizzazione stop fire sul display

La termostufa può entrare in modalità stop-fire in due soli casi:

• Quando, completa il periodo di H2O regolato dal parametro 23 chiave F1, per riaccendersi
con un ∆ T = 3° rispetto al set.
Es. set - 3 = X —> (65° - 3°= 62° )

• Quando, raggiunge la soglia di sicurezza impostata al parametro 12 chiave F1.


Es. set + pr.12 = X —> (60°+15°=75°)
Per riaccendersi con un ∆ T = 3°rispetto al SET.
Es. set - pr.12 - 3 = X —> (75° - 15° - 3°= 57° )

33

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
10 T elecomando MANUALE INSTALLATORE

6
1

2 5

Figura 16

Con il telecomando si ha la possibilità di regolare la temperatura dell’acqua, la potenza, l’accensione e lo


spegnimento della Termostufa.

Per accendere la Termostufa premere contemporaneamente il tasto 1 e il tasto 6.


La Termostufa entrerà automaticamente nella fase di avvio.

Premendo i tasti 1 e 2 si regola la temperatura dell’acqua, mentre con i tasti 5 e 6 si regola la potenza di
funzionamento.

Per spegnere la Termostufa tenere premuto contemporaneamente il tasto 1 e il tasto 6 come per
l’accensione.
Sul displa y della Termostufa si visualizzerà la scritta “OFF”.

Per sostituire la batteria da 12 volt, posta dietro il telecomando, fare leva con un cacciavite sul
coperchio , sostituire la batteria rispettando la polarità.

Figura 17

34

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
Cronotermostato MANUALE INSTALLATORE 11

11 1 Cronotermostato

La funzione cronotermostato serve per programmare nell’arco della settimana l’accensione e lo spe-
gnimento automatico della Termostufa.
Per entrare nella programmazione tenere premuto il pulsante P3 per circa tre secondi, sul displa y D1
verrà visualizzato il parametro “UT01”.
Premendo più volte il tasto P3 e facendo riferimento alla tabella sotto riportata si può programmare la
stufa secondo le proprie esigenze.
Per uscire dalla fase di programmazione in qualunque momento premere il pulsante P4(accensione).
I parametri del cronotermostato sono i seguenti:

Param etro Descriz ione Valori impostabili

Attivazione e dis attivazi one crono


UT01 Impostazi one giorno della s ettimana OFF; Day 1, …,Day 7

UT02 Impostazi one ora corrente Da 00 a 23


UT03 Impostazi one minuti c orrenti Da 00 a 60

UT04 Accesso alle v arie chiavi

UT05 Regolazione primo orario acc ensione T ermostufa Da 00:00 a 23:50 con step di 10 minuti

UT06 Regolazione primo orario spegnimento Termostufa Da 00:00 a 23:50 con step di 10 minuti

UT07 Scelta giorni della s ettimana attivazi one primo or ario Tra on/off per i giorni da 1 a 7

UT08 Regolazione sec ondo orario acc ensione Termostufa Da 00:00 a 23:50 con step di 10 minuti

UT09 Regolazione sec ondo orario spegnimento Termostufa Da 00:00 a 23:50 con step di 10 minuti

UT10 Scelta giorni della s ettimana attivazi one sec ondo orario Tra on/off per i giorni da 1 a 7

UT11 Regolazione terzo orario accensione Termostufa Da 00:00 a 23:50 con step di 10 minuti

UT12 Regolazione terzo orario s pegnimento T ermostufa Da 00:00 a 23:50 con step di 10 minuti

UT13 Scelta giorni della s ettimana attivazi one terz o orario Tra on/off per i giorni da 1 a 7

UT14 Regolazione quarto orario accensione Termostufa Da 00:00 a 23:50 con step di 10 minuti

UT15 Regolazione quarto orario s pegnimento T ermostufa Da 00:00 a 23:50 con step di 10 minuti

UT16 Scelta giorni della s ettimana attivazi one quarto orario Tra on/off per i giorni da 1 a 7

35

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Cronotermostato
Di seguito, in dettaglio, il significato dei parametri utente:

UT01 ⇒ Attivazione e disattivazione/cronotermostato e impostazione del giorno corrente


Tale parametro serve per impostare il giorno corrente della settimana o disattivare la programmazione.
Premendo i pulsanti P1-P2 si seleziona il valore desiderato come visualizzato dalla tabella seguente:

Valore scritto sul Di-


Significato
splay D1
Day 1 Lunedì
Day 2 Martedì

Day 3 Mercoledì
Day 4 Giovedì
Day 5 Venerdì
Day 6 Sabato

Day 7 Domenica
OFF Cronotermostato disinserito

Esempio: se oggi è Giovedì bisogna selezionare “Day 4”, mentre se vogliamo accendere la termostufa
manualmente (senza programmazione) bisogna sele zionare “OFF”, così il cronotermostato è disattivato.

Premere il pulsante P3 per passare al parametro successivo.


UT02 ⇒ Impostazione ora corrente
Tale parametro serve ad impostare l’ora corrente, premere i pulsanti P1-P2 per selezionare l’ora
corrente.
Premere il pulsante P3 per passare al parametro successivo.
UT03 ⇒ Impostazione minuti correnti
Premere i pulsanti P1-P2 per regolare i minuti correnti.
Premere il pulsante P3 per passare al parametro successivo.
UT04 ⇒ Impostazione dei parametri tecnici
Premere il pulsante P3 per passare al parametro successivo.
UT05 ⇒ Regolazio ne primo orario accensione Termostufa.
Questo parametro indica l’orario in cui si desidera accendere la Termostufa: tramite i pulsanti P1-P2 si
imposta l’ora desid erata, con step di 10 minuti.
Premere il pulsante P3 per passare al parametro successivo.
UT06 ⇒ Regolazio ne orario spegnimento Termostufa.
Questo parametro indica l’orario in cui si desidera spegnere la Termostufa: tramite i pulsanti P1-P2 si
imposta l’ora desid erata, con step di 10 minuti.
Premere il pulsante P3 per passare al parametro successivo.
UT07 ⇒ Scelta giorni della settimana.

36

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Cronotermostato

Premendo il pulsante P1 si sele zionano i giorni della settimana, mentre premendo il pulsante P2 si attiva
(ON) o si disattiva (OFF) il giorno d’ accensione della Termostufa come visualizzato dalla tabella seguente:

Display D1 Significato Display D2

Day 1 Lunedì ON1/OFF1-Si o No

Day 2 Martedì ON2/OFF2 Si o N o

Day 3 Mercoledì ON3/OFF3 Si o N o

Day 4 Giovedì ON4/OFF4 Si o N o

Day 5 Venerdì ON5/OFF5 Si o N o

Day 6 Sabato ON6/OFF6 Si o N o

Day 7 Domenica ON7/OFF7 Si o N o

Nell’esempio che segue l’accensione della Termostufa avviene alla mattina solo nei gio rni festivi di sabato
e domenica.

Day 1 Day 2 Day 3 Day 4 Day 5 Day 6 Day 7


Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica

off 1 off 2 off 3 off 4 off 5 on 6 on 7

UT08 ⇒ UT16 proseguire come sopra per impostare la seconda la terza e la quarta accensione.
Nota: per non aumentare il consumo di combustibile si consiglia di fare due accensioni giornaliere.

11 3 Termostato ambiente a contatto puro (opzionale)

È’ possibile controllare la temperatura ambiente con un termostato. Per poter installare tale termostato si
deve come prima cosa spegnere la Termostufa utilizzando l’interruttore generale posto sul retro.

Facendo riferimento allo schema elettrico, collegare i due cavetti del termostato sui relativi morsetti posti
sul retro della Termostufa, eliminando quindi il ponticello presente. Una volta raggiunta la temperatura im-
postata sul display della termostufa apparirà la scritta “Toff” mandando la stessa in modulazione (per en-
trambi i reparti) senza spegnerla.

N.B. Il termostato ambiente non può essere collegato ai modelli Yncas

37

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
12 R egolazione e controllo MANUALE INSTALLATORE

12 1 Regolazione caduta pellet (parametro 55)

Tale operazio ne è necessaria qualora la qualità del pellet risulti con una percentuale di umidità superiore
alla norma (8%), dimensio ni di lunghezza superiori o inferiori allo standard oppure il pellet è di scarsa
qualità.
Le cause visibili sono:
1. accumulo nel braciere o rimanenze incombuste
2. spegnimento della termostufa sulla potenza calorica 1.
Si può ovvia re a tale problema regolando gradualmente la caduta del pellet eseguendo i seguenti passi:
1. Premere per alcuni secondi il pulsante P3 (SET), sul display apparirà UT01.

2. Premere per 3 volte il pulsante P3 fino a che sul display D1 non appare la scritta “UT04”;

3. Premere il pulsante P1 fin o a che sul display D2 apparirà il parametro “55”;

4. Premere il pulsante P3 per conferma, sul display D1 apparirà la scritta “cPEL” mentre sul D2 la
scritta “00”;

5. Premere il pulsante P1 per aumentare la caduta del pellet. Se si desidera incrementare la


percentuale di caduta premere il pulsante P2. Ogni punto diminuito o aumentato corrisponde al 2%
di aumento o diminuzione di caduta pellet.

6. Premere il pulsante P4 per conferma e uscire dalla programmazione.

ATTENZIONE:
Regolare gradualmente la caduta del pellet, tale regolazione deve essere eseguita solo se
strettamente necessario.

Per verificare l’incremento percentuale programmato c’è una procedura che permette automaticamente per
10 minuti di caricare pellet nella portata selezionata. Rif. Procedura di controllo cap. 12.2
Il peso che si andrà a verificare dovrà essere poi moltiplicato per 6 e quindi si otterrà la portata in kg/h.
La formula è la seguente:
Kilogrammi/ora = (peso in 10 minuti) X 6

12 2 Procedura di controllo

1. A termostufa spenta e estrattore fumi attivo tenere premuto per 3 secondi il pulsante P3 (SET);
2. Premere più volte il pulsante P3 fino a che sul display D1 apparirà la scritta “UT04”;
3. Premere il pulsante P1 fino a che sul display D2 apparirà il parametro “F1”;
4. Premere il pulsante P3 più volte finché sul display D1 apparirà la scritta “Pr10”;
5. Premere il pulsante P5 per conferma, sul display D1 apparirà la scritta “test” e su D2 la scritta
“10:00” . Il pellet inizierà a scendere fin quando il tempo non arriva a “00:00”;
6. Usare la formula per controllare la portata; ripetere il controllo per le 5 portate (Pr9, Pr8, Pr7, Pr6).

38

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Regolazio ne e controllo

12 3 Regolazione aspirazione fumi (Parametro 55)

Si consiglia di eseguire sempre prima la regolazione dell’aria comburente.

Quando si ha una canna fumaria che ha un tiraggio troppo ele vato o un tiraggio troppo basso si può re-
golare gradualmente l’aspirazione dei fumi eseguendo i seguenti passi:

Premere per 3 secondi il pulsante P3 (SET);

Premere più volte il pulsante P3 fino a che sul display D1 apparirà la scritta “UT04”;

Premere il pulsante P1 fino a che sul display D2 apparirà la chia ve “55”;

Premere il pulsante P3 per conferma, sul display D1 apparirà la scritta “cPEL”, premere nuovamente il
pulsante P3, sul display D1 apparirà la scritta “cASP” mentre sul D2 la scritta “00”

Premere il pulsante P1 per aumentare l’aspirazione dei fumi mentre con il pulsante P2 si diminuisce l’a-
spirazione.

Premere il pulsante P4 per conferma e uscire dalla programmazione.

12 4 Storico allarmi

Per verificare gli ultimi 5 allarmi che si sono succeduti nella termostufa effettuare la seguente procedura:

• Premere per 3 secondi il pulsante P3 (SET);

• Premere più volte il pulsante P3 fino a che sul display D1 apparirà la scritta “UT04”;

• Premere il pulsante P1 fino a che sul display D2 apparirà la chia ve “77”;

• Premere il pulsante P3, sul display D1 apparirà la scritta “MEM1” e su D2 apparirà il tipo di proble-
ma;

• Premere il pulsante P3 per visualizzare gli altri 5 allarmi;

• Premere il pulsante P4 per uscire dalla programmazione.

39

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Regolazio ne e controllo

12 5 Azzeramento allarmi

L’azzeramento degli allarmi deve essere effettuato ad ogni intervento di manutenzione


ordinaria o straordinaria.

Per l’azzeramento degli allarmi effettuare la seguente procedura:

• Tenere premuto per 3 secondi il pulsante P3 (SET);

• Premere più volte il pulsante P3 fino a che sul display D1 apparirà la scritta “UT04”;

• Premere il pulsante P1 fino a che sul display D2 apparirà il parametro “99”;

• Premere il pulsante P3, adesso tutti gli allarmi memorizzati sono eliminati.

12 6 Ore di lavoro Utili

Descrizione Valore
Per verificare le ore utili di lavoro eseguite dalla termostufa effettuare
Or E1 Valore [min]
la seguente procedura:
Or E2 Valore [min]
• Tenere premuto per 3 secondi il pulsante P3 (SET);
Or E3 Valore [min]
• Premere più volte il pulsante P3 fin o a che sul display D1
apparirà la scritta “UT04”; Or E4 Valore [min]
Or E5 Valore [min]
• Premere il pulsante P1 fino a che sul display D2 apparirà la
chiave “66”; Or E6 Nessun Valore
Or E7 Nessun Valore
• Premere il pulsante P3 per accedere, sul display D1 apparirà
Or E1 mentre nel display D2 i minuti di funzionamento. Or E8 Nessun Valore
Or E9 Nessun Valore

12 7 Disattivazione modalità estiva

Se il led del display, rimane sempre accesa è necessario effettuare la seguente procedura:

• Premere il pulsante P3 (SET), il led relativo al simbolo estivo inizierà a lampeggiare, premere il
pulsante P5 e riportare il simbolo nella posizione inverno.

Per disabilitare la possib ilità di cambiare il simbolo eseguire gli step seguenti:

• Tenere premuto per 3 secondi il pulsante P3 (SET);

• Premere più volte il pulsante P3 fino a che sul display D1 apparirà la scritta “UT04”;

• Premere il pulsante P1 fino a che sul display D2 apparirà la chia ve “9”;

• Premere il pulsante P3 per confermare.


40

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
Puffer MANUALE INSTALLATORE 15

Descrizione:
Gli apparecchi prodotti dal 01/09 hanno la possibilità di controllare la temperatura di un accumulo.
In modalità puffer, la termostufa si comporterà nel seguente modo:

• entrerà in modulazione in base alla temperatura impostata come descritto nel set puffer.

• Entrerà in modalità stop fire in base al set impostato .


Rif. “Impostazio ne della temperatura di stop fire” .

• Uscirà dalla modalità stop fire in base al set impostato .


Rif. “Impostazio ne della temperatura di riaccensio ne”

• La pompa di circolazione, in differentemente dallo stato della termostufa (off - on), si fermerà quando
l’acqua in caldaia sarà maggiore di 2° rispetto al set puff, e riparte quando sarà maggiore di 4° ri-
spetto al set puff.

• La termoventilazione (dove prevista), prenderà come riferimento sempre la temperatura dei fumi
(pr-11) per accendersi o spegnersi, mentre la velo cità del flusso dipenderà dalla potenza calo rica (1-
9) impostata. Ulteriori regola zioni al flusso si possono fare agendo sui parametri (25-26-27) di F1.

PS. La lunghezza del cavo elettrico, per la giunzione con la sonda non dovrebbe superare i 30MT

Bulbo puffer - sonda aria


giunto elettrico

PUFFER o
ACCUMULO

sonda aria
59

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Puffer

15 1 Collegamento Elettrico

Togliere l’alimentazione ele ttrica della termostufa, scollegare la sonda aria dai pin 26-27 come schema
elettrico.
Utilizzare cavo ele ttrico 2*0,75 Ø per collegare la sonda aria fin o al bulb o dell’accumulatore statico, avendo
cura di giuntare in modo adeguato la sonda con il cavo elettrico.
Ultimata la giu nzione collegare il cavo ele ttrico ai pin 26-27.

15 2 Attivazione modalità puffer

Per attivare la modalità puffer, dare alimentazione alla termostufa ed eseguire i seguenti passi :

1. Tenere premuto per alcuni secondi il pulsante P3 (SET);

2. Premere più volte il pulsante P3 fino a che sul display D1 apparirà la scritta “UT04”;

3. Premere il pulsante P1 fino a che sul display D2 apparirà il parametro “20”;

4. Premere il pulsante P3 per confermare la variazione effettuata;

15 3 Set temperatura del puffer

Per impostare o modificare la temperatura del puffer, bisogna prima aver attivato la modalità puffer come
descritto nella sezione “Attivazione modalità puffer”.
Dopo aver attivato la modalità puffer, premendo per due volte il tasto “SET”, possiamo aumentare o dimi-
nuire attraverso i pulsanti P1 e P2 la temperatura desiderata dell’acqua all’interno del nostro puffer.

15 4 Disattivazione modalità puffer

Per disattivare la modalità puffer, dare alimentazione alla termostufa ed eseguire i seguenti passi :

1. Tenere premuto per alcuni secondi il pulsante P3 (SET);

2. Premere più volte il pulsante P3 fino a che sul display D1 apparirà la scritta “UT04”;

3. Premere il pulsante P1 fino a che sul display D2 apparirà il parametro “19”;

4. Premere il pulsante P3 per confermare la variazione effettuata;

60

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Puffer

15 5 Impostazione della temperatura di stop fire

Tale parametro, sommato alla temperatura del set del puffer, permette alla termostufa di andare in modali-
tà stop fire.
(Es. c onsiderando la temperatura di default “ 2°” e u na temper atura di 45° per il set del puffer, l a ter mostufa andr à in s top fire alla tem-
peratura di 45°+ 2° = 47°)

Per impostare la temperatura seguire i seguenti passi :


1. Tenere premuto per alcuni secondi il pulsante P3 (SET);
2. Premere più volte il pulsante P3 fino a che sul display D1 apparirà la scritta “UT04”;

3. Premere il pulsante P1 fino a che sul display D2 apparirà il parametro “22”;

4. Premere il pulsante P3 per conferma, sul display D1 apparirà la scritta “Pr84” mentre sul D2 la
scritta “2” ;
5. Premere il pulsante P1 o P2 per aumentare o decrementare il valore di default “2”.
(L’intervallo di temperatura disponib ile nella scelta è di 2° a 15°)

15 6 Impostazione della temperatura di riaccensione

Tale parametro, sottratto alla temperatura del set del puffer, permette alla termostufa di uscire dalla modali-
tà stop fire e riaccendersi.
(Es. consi derando la temperatura di default “2°” e u na temperatura di 45° per il set del puffer, la ter mostufa uscirà dallo stop fire alla
temperatura di 45°- 2°= 43°. )

Per impostare la temperatura seguire i seguenti passi :

1. Tenere premuto per alcuni secondi il pulsante P3 (SET);


2. Premere più volte il pulsante P3 fino a che sul display D1 apparirà la scritta “UT04”;
3. Premere il pulsante P1 fino a che sul display D2 apparirà il parametro “23”;

4. Premere il pulsante P3 per conferma, sul display D1 apparirà la scritta “Pr85” mentre sul D2 la
scritta “2” ;
5. Premere il pulsante P1 o P2 per aumentare o decrementare il valore di default “2”.
(L’intervallo di temperatura disponib ile nella scelta è di 2° a 15°)

61

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
17 Cronotermo stato LCD MANUALE INSTALLATORE

Alimentazione: diretta attraverso la connessio ne seriale


Connessione alla scheda: con cavo standard a 4 fili
Display: LCD retroilluminato
Ricevitore IR: secondo standard Ungaro
Protocollo di comunicazione: SERAMI
Lunghezza cavo connessione: 10 m (massimo)
Dimensioni (l x h x p): (118 x 25 x 80) mm

Peso: 95 g

Il cronotermostato Ungaro, garantisce la gestio ne remota di ogni termo prodotto di nostra produzio ne, in
modo semplice e intuitivo.
È provvisto di sensore per telecomando ed è adatto per fissaggio a parete vedi figura sotto.

p
h

Collegato alle nostre termostufe, consente la gestione remota delle principali funzioni utente.

• Avvio e arresto manuale della termostufa

• Modifica del set di temperatura e potenza

• Programmazione settimanale delle fasce orarie in cui la termostufa è attiva

• Visualizzazione della temperatura ambiente (dove è installata la termostufa) e acqua

62

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Cronotermostato LCD

• Visualizzazione stato operativo della stufa


• velocità aspiratore fumi (se dotato di encoder)
• temperatura fumi
• stato operativo del motoriduttore di carico

• Visualizzazione degli stati di allarme della stufa.


(Da questo display non è possibile resettare gli allarmi, ma si dovrà procedere nel metodo
tradizionale). Rif. Descrizione allarmi.

Per accedere ai parametri di programmazione, premere il tasto ENTER (tasto 5).

Per accedere ai vari parametri, premere le frecce SU-GIU (tasti 2-4) e sele zionare quello desiderato con il
tasto ENTER, dopo aver variato i valo ri con i tasti SINISTRA-DESTRA (tasti 1-3) premere il tasto ENTER
per confermare, o il tasto ESC (tasto 6) per uscire e tornare alla videata precedente.

Tastiera a 6 tasti

Display LCD
Ricevitore IR

63

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
18 Segnalazione allarmi MANUALE INSTALLATORE

Nel caso in cui si verifichi una anomalia di funzio namento la Termostufa presenta un sistema di controllo
che informa l’utente, tramite il display, dove si è verificato il guasto.
Tramite la seguente tabella si possono riassumere i seguenti allarmi, il tipo di problema e la possib ile
soluzione:

Display D1 Display D2 Tipo di problema Soluzione

Connetter e una nuova s onda alla sc heda


È interrotta l a sonda dell’acqua; e verificare c he l’errore non si ripres enti.
ALARM SOND H2O
È in corto la s onda dell’acqua. Se l’errore persiste v erificare il corretto
funzionamento della scheda el ettronica.

Rilevare la temperatura a stufa fredda,


connettere una nuov a s onda fumi e
ALARM HOT TEMP La temperatura dei fumi supera i 280 °C. verificare che la temperatur a non risulti
essere ugual e alla prec edente. Se
uguale s ostituire l a scheda el ettronica.

Rilevare la temperatura a stufa fredda,


connettere una nuov a s onda fumi e
La termocoppia è guas ta;
ALARM SOND FUMI verificare che la temperatur a non risulti
La termocoppia è scollegata dalla sc heda.
essere ugual e alla prec edente. Se
uguale s ostituire l a scheda el ettronica.

Verificare lo stato della candeletta di


La Termostufa non riesc e ad accendersi;
accensi one e se il c aso s ostituirla;
ALARM NO FIRE Mancanz a di pellet nel serbatoio;
È la prima accensione. C ontr ol l ar e anc he i l c or r etto
funzionamento della sonda fumi ;

Verificare il corretto funzionamento del


ALARM NO WOOD Se finisc e il pellet. motoriduttore e della candel etta di
accensi one e della s onda fumi;

Cassetto ispezi one inferiore aperto; Verificare lo s tato dell'estrattore fumi,


ALARM NO DEP Canna fum aria otturata o sporca. controllare il condotto della canna
fumaria
e in fi ne c ontrollar e il depress ore.

Verificare lo s tato del serbatoio pellet, e


ALARM HOT PELL Temperatura alta all’interno del serbatoio resettar e il termostato a riarmo manuale
pellet. posto dietr o la termostufa s ul lato
sinistro.

Verificare il corretto funzionamento della


PUL BRAC Braciere pi eno di pellet; candeletta di accensione e della s onda
ALARM NO FIRE Braciere non incastr ato i n modo c orretto; fumi; ottimizz are l a c ombus tione
Accensione fallita. uti lizz ando dall a pr ogramm azi one
generale della scheda elettronic a

Fare il reset gener ale della scheda


elettronica, eseguire i seguenti passi:
entrare nel parametro ut04, portarsi
ALARM NO RETE Mancanz a di elettricità per circa 3 minuti. nella chiav e d'access o f1 confermare
con SET e premere una s ola v olta il tasto
di accensione per poi tenerlo premuto
per due s econdi.

64

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Segnalazione allarmi

Verificare la pressione presente s ul


display della termostufa, eventualmente
verificare la pressione su un manometro
esterno. Se la differenza di pressione tra
Pressione impianto tr oppo alta; il manometro esterno e il valore pres ente
ALARM PRESS H2O Pressione impianto tr oppo bass a. sulla termostufa sono diversi, sos tituire il
trasduttore di pressi one. Verific are
l'integrità del kit s anitario controllando che
a chiavi d'arresto c hiuse la pr essione
rimanga costante.

Se la s tufa è andata i n ebollizione, arma


re il termostato a riarmo manuale;
Verificare lo stato della pompa di
circolazione, se risulta blocc ata
procedere allo sblocc o manual e della
stessa; Verificare c he le c hiavi d'arresto
siano aperte ; Verificare che nella
ALARM SIC OFF Temperatura acqua alta; Termostufa non persista l o stato
Circolatore bl occato. della modalità s anitaria ( led sol e
lampeggiante o fisso) , i n ques to cas o
procedere alla verifica del filtro, del
flussostato e del motore valvol a a tre vi e
del kit sanitario ed eventualmente
sostituirli. Se l'allarme persiste, a s tufa
fredda sostituire il termostato a riarmo
manual e.
Se l'allarme si pres enta dopo uno stato di
ebollizi one dell a termos tufa, far e
ALARM HOT H2O Appare prima dell’Alarm SIC OFF rifermento all'allarme SIC OFF; Se
l'allarme si presenta a s tufa fredda
verificare lo stato della sonda acqua e
della sc heda elettronica.

N.B. Per resettare gli allarmi elettronici (NO RETE e PUL BRAC) prima dei 10 minuti, entrare nella chiave
d’accesso F1, premere SET e successivamente il tasto P4 prima per una volta e dopo per 2 secondi

65

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
20 D escrizione d isplay MANUALE INSTALLATORE

P1 P6
P3 P4

P2 P5

• Il pulsante P4 è utilizzato per l’accensione e/o lo spegnimento del silos.

• I pulsanti P1, P2 sono utilizzati per incrementare o decrementare il tempo di carico dal silos alla
termostufa. (Rif. Impostazione tempo di on silos), o per variare i valori all’interno dei vari menù.

• I pulsanti P5-P6 permettono di scegliere i vari menù.

• Il pulsante P3 permette di accedere ai menù del silos.

Descrizione dei componenti quando è attivo il led corrispondente alle seguenti figure:

È acceso quando il cronotermostato è attivo.

Non utilizzato

È acceso quando il silos è carico.

Non utilizzato

È acceso quando è stato superato il limite massimo del serbatoio della termostufa.

Non utilizzato

È spento quando il serbatoio del pellet della termostufa è al minimo.

71

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Descrizione display

20 1 Descrizione allarmi

Nel caso in cui si verifichi una anomalia di funzionamento la Termostufa presenta un sistema di controllo
che informa l’utente, tramite il display, dove si è verificato il guasto.
Tramite la seguente tabella si possono riassumere i seguenti allarmi, il tipo di problema e la possibile
soluzione:

Display Display D2 Tipo di problema Soluzione

Ricaricare il silos, se l’allarme non si


ALLARME SILOS
- Il silos è vuoto re s e tt a co nt at ta re il c en t ro
ATTIVO VUOTO assistenza.

Verificare il tempo di on del


- Il serbatoio del pellet della
caricamento del pellet. Se è stato
ALLARME PELLET termostufa ha superato il livello
variato, riportarlo alle condizioni di
ATTIVO MASSIMO massimo consentito.
fabbrica, altrimenti contattare il
centro assistenza.

Resettare l’allarme e verificare che il


ALLARME PELLET - Il serbatoio del pellet della
silos carichi il serbatoio, se così no
ATTIVO MINIMO termostufa è al minimo.
è contattare il centro assistenza.

TEMPO Resettare l’allarme e verificare che il


ALLARME - Te mp o d i a t te s a d e l
LIMITE silos carichi il serbatoio, se così no
ATTIVO caricamento del pellet superato
SUPERATO è contattare il centro assistenza.

Nota: tutti gli allarmi presenti nel displa y del silos, non influenzano il corretto funzionamento della
termostufa.

Nota: per il funzionamento del silos si rimanda al manuale allegato al PM BOX.

Il tempo di default in cui il motore di caricamento del pellet del silos rimanere attivo è descritto sotto
in tabella. Il parametro si modifica attraverso i tasti Pi e P2

CTU 24 CTU 34

Valore di default 4’ 5’
Range di impostazione 1’ - 60’ 1’ - 60’

Si consiglia di non modificare tali parametri, per non mandare in allarme la termostufa.

72

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
21 Pulizia MANUALE INSTALLATORE

21 1 Premessa

Le Termostufe Ungaro necessitano di una semplice ma frequente ed accurata pulizia per poter garantire
sempre un efficiente rendimento ed un regolare funzionamento. Per agevolare la pulizia interna delle
Termostufe è possibile avviare la ventola aspirazione fumi premendo prima il pulsante P3 sul display e
di seguito il pulsante P4, sul display D1 apparirà la scritta “PULL” avvisando che la ventola aspirazione
fumi è accesa. Proseguire con le varie pulizie interne; a fase ultimata, per spegnere la ventola
aspirazione fumi premere per alcuni secondi il tasto P4.

Per semplificare le operazioni di pulizia estrarre il vassoio cenere che si trova nella parte inferiore della
termostufa (Figura 1). La funzione principale di tale elemento è quella di impedire che, nello
svolgimento delle operazioni di pulizia della termostufa, cada della cenere sul pavimento adiacente la
stessa.

In vista di ciò:

1. estrarre l’apposito vassoio cenere


2. posizionarlo nel modo che si ritiene più
comodo
3. effettuare le operazioni di pulizia della
termostufa
4. svuotare il vassoio
5. riposizionare il vassoio cenere nella
apposita sede

Figura 1

OGNI GIORNO: Quotid ianamente togliere il braciere e svuotarlo (Figura 1).

N.B.: Le operazioni di pulizia vanno effettuate


a fuoco spento.

Figura 2

73

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Pulizia

21 2 Pulizia (modelli Maia)

Scambiatore (ogni 2 giorni)


Svitare il galletto centrale, far presa sulle maniglie del raschiatore (1) tirandolo e spingendolo per alcune
volte come mostrato in figura 1, Così facendo si mantiene efficiente il rendimento dello scambiatore in rame

Cassetto cenere (a vista)


Togliere il cassetto cenere (2) come illustrato nella figura 1, svuotare e riposizionare il tutto

Cassetto ispezione (ogni 7 giorni)


Svitare le due viti a farfalla posizionate ai due lati, togliere il cassetto ispezione (3) come illustrato nella
figura 1, svuotare e riposizionare il tutto, serrando accuratamente le viti.

3
Figura 1

N.B.: Le operazio ni di pulizia vanno effettuate a fuoco spento.

74

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Pulizia

21 3 Pulizia (modelli Ctu)

Scambiatore (ogni 7 giorni)


Svitare il galletto centrale, far presa sulle maniglie del raschiatore (1) tirandolo e spingendolo per alcune
volte come mostrato in figura 2, Così facendo si mantiene efficiente il rendimento dello scambiatore in ra-
me

Cassetto cenere centrale e laterale (ogni 7 giorni)


Togliere il cassetto cenere centrale (2) come illustrato nella fig ura 2, svuotare e riposizionare il tutto
Togliere i cassetti cenere laterali (3) svitando le viti a farfalla, svuotare e aspirare accuratamente con l’aiu-
to di un aspirapolvere a doppio filtro,i residui di cenere. Riposizionare il tutto serrando accuratamente le
viti.

Cassetto ispezione (ogni 20 giorni)


Svitare le due viti a farfalla posizionate ai due la ti, togliere il cassetto ispezione (4) come illustrato nella
figura 2, svuotare prestando attenzio ne alla ventola estrattore fumi, riposizionare il tutto, serrando accura-
tamente le viti.

3
2

4
3 3
Figura 2

Versione 2008 Versione 2009

N.B.: Le operazio ni di pulizia vanno effettuate a fuoco spento.

75

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Pulizia

21 4 Pulizia Modello CTU PM

Scambiatore (ogni 7 giorni)


Svitare il galletto centrale, far presa sulle maniglie del raschiatore (1) tirandolo e spingendolo per alcune
volte come mostrato. Così facendo si mantiene efficiente il rendimento dello scambiatore in rame.

Cassetto cenere centrale (ogni 20 giorni o quando pieno)


Togliere il cassetto cenere centrale (2) come illustrato, svuotare e riposizionare il tutto.
Riposizionare il tutto serrando accuratamente le viti.

Cassetto ispezione (ogni 20 giorni o quando pieno)


Svitare le due viti a farfalla posizionate ai due la ti, togliere il cassetto ispezione (3) come illustrato , svuotare
prestando attenzione alla ventola estrattore fumi, riposizionare il tutto, serrando accuratamente le viti.

Le operazioni di pulizia e svuotamento del cassetto cenere vanno effettuate solo a macchina
spenta e fredda.

76

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Pulizia

21 5 Pulizia (modelli Fit)

Scambiatore (ogni 7 giorni)


Svitare il galletto centrale , far presa sulle manig lie del raschia tore (1) tirandolo e spingendolo per alcune
volte come mostrato in figura 2, Così facendo si mantiene efficiente il rendimento dello scambiatore in ra-
me

Cassetto cenere centrale (ogni 7 giorni)


Togliere il cassetto cenere centrale (2) come illustrato nella fig ura 2, svuotare e riposizionare il tutto

Cassetto ispezione (ogni 20 giorni)


Svitare le due viti a farfalla posizionate ai due lati, togliere il cassetto ispezione (4) come illustrato nella
figura 3, svuotare prestando attenzione alla ventola estrattore fumi, riposizionare il tutto, serrando accura-
tamente le viti.

Figura 3

N.B.: Le operazio ni di pulizia vanno effettuate a fuoco spento.

77

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Pulizia

21 6 Pulizia (modelli Yncas)

Scambiatore (ogni 7 giorni)


Svitare il galletto centrale, far presa sulle maniglie del raschiatore (1) tirandolo e spingendolo per alcune
volte come mostrato in figura 3, Così facendo si mantiene efficiente il rendimento dello scambiatore in ra-
me

Cassetto cenere/ispezione (a vista)


Svitare le due viti a farfalla laterali, estrarre il cassetto cenere/ispezione(2)come illustrato nella
figura 3, svuotare e riposizionare il tutto, serrando accuratamente le viti

Cassetto ispezione raccordo a “T” (ogni 15 giorni)


Svitare le due viti a farfalla posizionate ai due la ti, togliere il cassetto ispezione (3) come illustrato nella
figura 4, svuotare e aspirare la fuliggine raccolta, riposizionare il tutto serrando accuratamente le viti.

Figura 4

N.B.: Le operazio ni di pulizia vanno effettuate a fuoco spento.

78

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Pulizia

21 7 Pulizia (modelli 2-fire)

3 Figura 5

Scambiatori (ogni 2 giorni)


Svitare il galletto centrale, far presa sulle maniglie del raschiatore (1) tirandolo e spingendolo per alcune
volte come mostrato in figura 4, Così facendo si mantiene efficiente il rendimento dello scambiatore in rame

Cassetto cenere/ispezione (a vista)


Svitare le due viti a farfalla laterali, estrarre il cassetto cenere/ispezione(2) come illustrato nella
figura 5, svuotare e riposizionare il tutto, serrando accuratamente le viti

79

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Pulizia

Cassetto cenere legna (a vista)


Svitare le due viti a farfalla posizionate ai due lati, togliere il cassetto ispezione (3) come illustrato nella
figura 4, svuotare la cenere raccolta, riposizionare il tutto serrando accuratamente le viti.

Cassetto ispezione canna fumaria (ogni 1 mesi)


Svitare le due viti a farfalla posizionate ai due la ti, togliere il cassetto ispezione (4) e aspirare l’eventuale
fuliggine raccolta, riposizionare il tutto serrando accuratamente le viti.

N.B.: Le operazio ni di pulizia vanno effettuate a fuoco spento.

21 8 Pulizia vetri
La pulizia deI vetro ceramico si effettua con prodotti dedicati reperibili in commercio, strofinare il vetro fino
alla pulizia completa.

N.B.: Non pulire il vetro durante il funzionamento della Termostufa.

21 9 Pulizia canne fumarie

La pulizia della canne fumarie deve essere effettuata almeno due volte l’anno o comunque ogni volta sia
necessario. Se esistono dei tratti orizzontali, è necessario verificare e asportare l’eventuale deposito di
cenere e fuliggin e prima che le stesse otturino il passaggio dei fumi.

ATTENZIONE: In caso di mancata o inadeguata pulizia la Termostufa può avere problemi di


funzionamento quali:

• Cattiva combustio ne;


• Annerimento dei vetri;
• Intasamento del braciere con accumulo di cenere e pellet;
• Deposito di cenere ed eccessive incrostazioni sugli scambiatori con conseguente scarso rendimento.
• Rischio di incendio delle canne fumarie

80

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
MANUALE INSTALLATORE Schemi

Schema Assemblaggio Elettrico Modelli Maia


99

© UNGARO srl 2009 Diritti Riservati alla Ungaro s.r.l. - Vietata l a riproduzione
M_I_IT 101209

Ungaro srl
Via S.Mango2
88040 San Mango d’Aquino (CZ)
0968.96484 0968.926838 fax 0968.926635
info@ungarosrl.com - www.ungarosrl.com