Sei sulla pagina 1di 56

SERIE GENERALE

abb.post.
Spediz. abb. post.- art.
45%1, -comma
art. 2,1 comma 20/b Anno 160° - Numero 291
Legge 27-02-2004,
23-12-1996,n.n.46662 - Filiale
- Filiale di Roma
di Roma

GAZZETTA UFFICIALE
DELLA REPUBBLICA ITALIANA
SI PUBBLICA TUTTI I
PA R T E P R I M A Roma - Giovedì, 12 dicembre 2019 GIORNI NON FESTIVI
DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - UFFICIO PUBBLICAZIONE LEGGI E DECRETI - VIA ARENULA, 70 - 00186 ROMA
DIREZIONE E REDAZIONE
AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESSO
L’ISTITUTOIL POLIGRAFICO
MINISTERO EDELLA
ZECCAGIUSTIZIA - UFFICIO
DELLO STATO PUBBLICAZIONE
- VIA SALARIA, LEGGI
691 - 00138 ROMAE - DECRETI - VIA
CENTRALINO ARENULA
06-85081 70 - 00186
- LIBRERIA ROMA
DELLO STATO
AMMINISTRAZIONE
PIAZZA G. VERDI, 1 -PRESSO L'ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO - LIBRERIA DELLO STATO - PIAZZA G. VERDI 10 - 00198 ROMA - CENTRALINO 06-85081
00198 ROMA
La Gazzetta Ufficiale, Parte Prima, oltre alla Serie Generale, pubblica cinque Serie speciali, ciascuna contraddistinta
da autonoma numerazione:
1ª Serie speciale: Corte costituzionale (pubblicata il mercoledì)
2ª Serie speciale: Unione europea (pubblicata il lunedì e il giovedì)
3ª Serie speciale: Regioni (pubblicata il sabato)
4ª Serie speciale: Concorsi ed esami (pubblicata il martedì e il venerdì)
5ª Serie speciale: Contratti pubblici (pubblicata il lunedì, il mercoledì e il venerdì)
La Gazzetta Ufficiale, Parte Seconda, “Foglio delle inserzioni”, è pubblicata il martedì, il giovedì e il sabato

AVVISO ALLE AMMINISTRAZIONI


Al fine di ottimizzare la procedura di pubblicazione degli atti in Gazzetta Ufficiale, le Amministrazioni
sono pregate di inviare, contemporaneamente e parallelamente alla trasmissione su carta, come da norma,
anche copia telematica dei medesimi (in formato word) al seguente indirizzo di posta elettronica certificata:
gazzettaufficiale@giustiziacert.it, curando che, nella nota cartacea di trasmissione, siano chiaramente riportati gli
estremi dell’invio telematico (mittente, oggetto e data).
Nel caso non si disponga ancora di PEC, e fino all’adozione della stessa, sarà possibile trasmettere gli atti a:
gazzettaufficiale@giustizia.it

SOMMARIO
DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO 5 novembre 2019.
Cofinanziamento statale a carico del Fondo di
DELIBERA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 2 dicembre 2019. rotazione di cui alla legge n. 183/1987 per l’an-
Estensione degli effetti della dichiarazione del- nualità 2018 dei Programmi operativi del Fondo
lo stato di emergenza, adottato con delibera del europeo di sviluppo regionale (FESR) e del Fon-
Consiglio dei ministri del 14 novembre 2019, ai do sociale europeo (FSE), al netto della riserva
territori colpiti delle Regioni Abruzzo, Basilicata, di efficacia e dell’assegnazione già disposta con
Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Ve- decreto n. 8/2019, periodo di programmazione
nezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, 2014-2020. (Decreto n. 37/2019). (19A07707) . . . Pag. 6
Toscana e Veneto, interessati dagli eccezionali
eventi meteorologici verificatisi nel mese di no- DECRETO 5 novembre 2019.
vembre 2019. (19A07807) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 1 Disimpegno di una quota parte del cofinanzia-
mento statale a carico del Fondo di rotazione di
DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI cui alla legge n. 183/1987 per l’annualità 2015 del
Programma «Regione Valle d’Aosta - Program-
Ministero dell’economia ma operativo Fondo sociale europeo 2014-2020».
e delle finanze (Decreto n. 38/2019). (19A07708). . . . . . . . . . . . . Pag. 10
DECRETO 5 novembre 2019. DECRETO 5 novembre 2019.
Assegnazione ai sensi della legge n. 183/1987, Disimpegno di una quota parte del cofinan-
del cofinanziamento statale dei programmi di ziamento statale a carico del Fondo di rotazio-
sviluppo rurale, nell’ambito della program- ne di cui alla legge n. 183/1987 per l’annualità
mazione 2014-2020, di cui al regolamento UE 2015 del Programma operativo «Inclusione» per
n. 1305/2013 per l’annualità 2018, al netto della il sostegno del Fondo sociale europeo nell’ambito
riserva di efficacia e dell’assegnazione del 50 per dell’obiettivo «Investimenti in favore della cre-
cento già disposta con decreto n. 15/2019. (Decreto scita e dell’occupazione» in Italia, periodo 2014-
n. 36/2019). (19A07706) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 3 2020. (Decreto n. 39/2019). (19A07709). . . . . . . . Pag. 11
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

DECRETO 5 novembre 2019. DECRETO 29 novembre 2019.


Cofinanziamento nazionale pubblico a carico Modifica del decreto 31 luglio 2014, recante
del Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183/1987 disposizioni in materia di attuazione dell’artico-
del progetto «Em.As.Com - Empowerment lo 17 del regolamento (CE) n. 110/2008 del Par-
Asylum Commission» - HOME/2018/AMIF/AG/ lamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio
EMAS/0090, di cui all’assistenza emergenziale 2008, concernente la definizione, la designazione,
dell’art. 21 del regolamento (UE) n. 516/2014 isti- la presentazione, l’etichettatura e la protezione
tutivo del Fondo asilo, migrazione e integrazione delle indicazioni geografiche delle bevande spiri-
2014 - 2020. (Decreto n. 40/2019). (19A07710) . . . . Pag. 12
tose - Scheda tecnica del «Südtiroler Enzian» e/o
«Genziana dell’Alto Adige». (19A07713) . . . . . . Pag. 25
DECRETO 5 novembre 2019.
Cofinanziamento nazionale dei programmi
di attività a sostegno del settore dell’olio d’oliva DECRETO 29 novembre 2019.
e delle olive da tavola, di cui all’art. 29 del rego-
lamento (UE) n. 1308/2013, per il triennio 2018 Modifica del decreto 24 novembre 2014, recan-
- 2021, prima annualità 2019, ai sensi della legge te disposizioni in materia di attuazione dell’arti-
n. 183/1987. (Decreto n. 41/2019). (19A07711) . . . Pag. 13 colo 17 del regolamento (CE) n. 110/2008 del Par-
lamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio
2008, concernente la definizione, la designazione,
Ministero delle infrastrutture la presentazione, l’etichettatura e la protezione
e dei trasporti delle indicazioni geografiche delle bevande spiri-
tose - Scheda tecnica della «Südtiroler Grappa»
DECRETO 2 dicembre 2019. e/o «Grappa dell’Alto Adige». (19A07714) . . . . Pag. 27
Dematerializzazione del certificato medico at-
testante l’idoneità psicofisica dei conducenti di
veicoli a motore. (19A07778) . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 14 Ministero
dello sviluppo economico
Ministero delle politiche
agricole alimentari e forestali DECRETO 18 novembre 2019.
DECRETO 15 novembre 2019. Liquidazione coatta amministrativa della
«Italgea servizi e logistica società cooperativa a
Modifica al decreto 14 dicembre 2017 con il qua- r.l. in liquidazione», in Padova e nomina del com-
le al laboratorio LAM Laboratorio analisi S.r.l., in missario liquidatore. (19A07747) . . . . . . . . . . . . Pag. 29
Fano, è stata rinnovata l’autorizzazione al rilascio dei
certificati di analisi nel settore oleicolo. (19A07681) Pag. 18
DECRETO 18 novembre 2019.
DECRETO 15 novembre 2019.
Liquidazione coatta amministrativa della
Rinnovo dell’autorizzazione al laboratorio «Tempus società cooperativa sociale onlus - in
Eurofins Chemical Control S.r.l., in Madonna liquidazione», in Fonzaso e nomina del commis-
dell’Olmo, al rilascio dei certificati di analisi nel
settore oleicolo. (19A07682). . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 19 sario liquidatore. (19A07748) . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 30

DECRETO 15 novembre 2019.


DECRETO 18 novembre 2019.
Rinnovo dell’autorizzazione al laboratorio
Chimiclab S.r.l., in Roma, al rilascio dei certifi- Liquidazione coatta amministrativa della
cati di analisi nel settore oleicolo. (19A07683) . . Pag. 20 «Area Rebus società cooperativa a responsabili-
tà limitata», in Rovigo e nomina del commissario
liquidatore. (19A07749) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 30
DECRETO 25 novembre 2019.
Rinnovo dell’autorizzazione al laboratorio
Sialab S.r.l., in Avola, al rilascio dei certificati di DECRETO 18 novembre 2019.
analisi nel settore oleicolo. (19A07680) . . . . . . . Pag. 22 Liquidazione coatta amministrativa della
«Libera 2000 società cooperativa - in liquida-
zione», in Rovigo e nomina del commissario li-
DECRETO 29 novembre 2019. quidatore. (19A07750) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 31
Attuazione dell’articolo 17 del regolamento (CE)
n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio,
del 15 gennaio 2008, concernente la definizione, la DECRETO 18 novembre 2019.
designazione, la presentazione, l’etichettatura e la
protezione delle indicazioni geografiche delle be- Liquidazione coatta amministrativa della
vande spiritose - Disciplinare della «Ratafia Cio- «Itaca società cooperativa», in Verona e nomina
ciara» o «Rattafia Ciociara». (19A07712) . . . . . . . . Pag. 23 del commissario liquidatore. (19A07751). . . . . . Pag. 32

— II —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Presidenza ESTRATTI, SUNTI E COMUNICATI


del Consiglio dei ministri
DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Agenzia italiana del farmaco

Autorizzazione all’immissione in commercio del


ORDINANZA 5 dicembre 2019. medicinale per uso umano «Pramipexolo Eurogene-
rici» (19A07684) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 48
Primi interventi urgenti di protezione civile
in conseguenza degli eventi meteorologici che, a
partire dal mese di settembre 2019, hanno inte- Autorizzazione all’immissione in commercio
del medicinale per uso umano «Silodosina Zenti-
ressato il territorio delle Province di Agrigento, va» (19A07685) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 49
Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Sira-
cusa e Trapani. (Ordinanza n. 619). (19A07808) . Pag. 33
Revoca, su rinuncia, dell’autorizzazione all’im-
missione in commercio del medicinale per uso uma-
no «Caspofungin Teva». (19A07752) . . . . . . . . . . Pag. 50
DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ
Revoca, su rinuncia, dell’autorizzazione all’im-
Agenzia italiana del farmaco missione in commercio del medicinale per uso uma-
no «Doroxan» (19A07753) . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 50
DETERMINA 27 novembre 2019.
Revoca, su rinuncia, dell’autorizzazione all’im-
Regime di rimborsabilità e prezzo, a segui- portazione parallela del medicinale per uso umano
to di nuove indicazioni terapeutiche, del medi- «Dilatrend» (19A07754) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 50
cinale per uso umano «Repatha». (Determina
n. 1771/2019). (19A07686) . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 38 Revoca, su rinuncia, dell’autorizzazione all’im-
portazione parallela del medicinale per uso umano
«Efferalgan» (19A07755) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 50
DETERMINA 27 novembre 2019.
Revoca, su rinuncia, dell’autorizzazione all’im-
Classificazione del medicinale per uso umano portazione parallela dei medicinali per uso umano
«Risedronato Sandoz», ai sensi dell’articolo 8, «Muscoril» e «Bactroban». (19A07756) . . . . . . . . Pag. 51
comma 10, della legge 24 dicembre 1993, n. 537.
(Determina n. 1772/2019). (19A07687) . . . . . . . . Pag. 40
Ministero della giustizia

DETERMINA 27 novembre 2019. Cessazione di notaio dall’esercizio per limiti di


età (19A07813) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 51
Regime di rimborsabilità e prezzo, a seguito
di nuove indicazioni terapeutiche, del medici-
Ministero della salute
nale per uso umano «Venclyxto». (Determina
n. 1774/2019). (19A07688) . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 41 Modifica dell’autorizzazione all’immissione in
commercio del medicinale per uso veterinario «Po-
satex gocce auricolari per cani». (19A07722) . . . . Pag. 51
DETERMINA 27 novembre 2019.
Riclassificazione del medicinale per uso uma- Modifica dell’autorizzazione all’immissione in com-
no «Verzenios», ai sensi dell’articolo 8, com- mercio del medicinale per uso veterinario «Fiproclear
ma 10, della legge 24 dicembre 1993, n. 537. (De- Combo», confezioni e preparazioni varie. (19A07723) Pag. 51
termina n. 1775/2019). (19A07689) . . . . . . . . . . . Pag. 43
Modifica dell’autorizzazione all’immissione in com-
mercio del medicinale per uso veterinario ad azione im-
DETERMINA 27 novembre 2019. munologica «Primun Newcastle HB1». (19A07724) Pag. 51

Riclassificazione del medicinale per uso uma- Autorizzazione all’immissione in commercio


no «Verzenios», ai sensi dell’articolo 8, comma 10 del medicinale per uso veterinario «Meganyl 50
della legge 24 dicembre 1993, n. 537. (Determina mg/ml soluzione iniettabile per bovini, suini e ca-
n. 1776/2019). (19A07690) . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 45 valli». (19A07725) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 52

— III —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

DECRETI PRESIDENZIALI
DELIBERA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 2 dicembre Considerato, altresì, che detta ondata di maltempo, ca-
2019. ratterizzata anche da venti di forte intensità e mareggiate,
Estensione degli effetti della dichiarazione dello stato di
ha determinato movimenti franosi, esondazioni di corsi
emergenza, adottato con delibera del Consiglio dei mini- d’acqua con conseguenti alluvioni, gravi danneggiamenti
stri del 14 novembre 2019, ai territori colpiti delle Regioni alle infrastrutture viarie, ad edifici pubblici e privati, alle
Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, opere di difesa idraulica, alla rete dei servizi essenziali
Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, ed alle attività economiche e produttive, nonché l’abbatti-
Toscana e Veneto, interessati dagli eccezionali eventi meteo- mento di piante di alto fusto in aree boscate;
rologici verificatisi nel mese di novembre 2019.
Considerato, inoltre, che a causa dei suddetti fenomeni
meteorologici con delibere del Consiglio dei ministri è
IL CONSIGLIO DEI MINISTRI stato dichiarato lo stato di emergenza in data 14 novem-
NELLA RIUNIONE DEL 2 DICEMBRE 2019 bre 2019 nel territorio del Comune di Venezia e in data
22 novembre 2019 nel territorio della Città metropolita-
Visto il decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1, ed na di Genova, delle Province di Savona e di La Spezia e
in particolare l’art. 7, comma 1, lettera c) e l’art. 24, nel territorio delle Province di Agrigento, Catania, Enna,
comma 1; Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e Trapani, preveden-
Vista la direttiva del Presidente del Consiglio dei mi- do appositi stanziamenti;
nistri del 26 ottobre 2012 concernente gli indirizzi per lo Viste le note delle Regioni Abruzzo protocollo
svolgimento delle attività propedeutiche alle deliberazio- n. 330106 del 25 novembre 2019, Basilicata protocollo
ni del Consiglio dei ministri e per la predisposizione delle n. 192262 del 18 novembre 2019, Calabria protocollo
ordinanze di cui all’art. 5, della legge 24 febbraio 1992, n. 412134 del 29 novembre 2019, Campania protocollo
n. 225 e successive modificazioni e integrazioni, che, ai n. 26926 del 13 novembre 2019, Emilia-Romagna pro-
sensi dell’art. 15, comma 5, del decreto legislativo citato tocollo n. 864282 del 22 novembre 2019, Friuli-Venezia
n. 1 del 2018, resta in vigore fino alla pubblicazione della Giulia protocollo n. 26003 del 13 novembre 2019, Ligu-
nuova direttiva in materia; ria protocollo n. 317821 del 4 novembre 2019, Marche
Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 14 no- protocollo n. 1383177 del 20 novembre 2019, Piemonte
vembre 2019 con la quale è stato dichiarato lo stato di protocollo n. 22218 del 25 novembre 2019, Puglia proto-
emergenza nel territorio della Provincia di Alessandria in- collo n. 12273 del 25 novembre 2019, Toscana protocol-
teressato dagli eventi meteorologici verificatisi nei giorni lo n. 434683 del 21 novembre 2019 e Veneto protocol-
dal 19 al 22 ottobre 2019 ed è stata stanziata la somma di lo n. 489440 del 13 novembre 2019, con le quali è stata
euro 17.000.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze chiesta la dichiarazione dello stato di emergenza ai sensi
nazionali di cui all’art. 44, comma 1, del decreto legisla- dell’art. 24, comma 1, del decreto legislativo 2 gennaio
tivo 2 gennaio 2018, n. 1, per l’attuazione dei primi inter- 2018, n. 1;
venti da effettuare nella vigenza dello stato di emergenza, Considerato che le regioni interessate dagli eventi in
nelle more della ricognizione in ordine agli effettivi ed argomento hanno trasmesso, sulla base di una valutazione
indispensabili fabbisogni; speditiva, una prima quantificazione dei fabbisogni e ma-
Considerato che la dichiarazione dello stato di emer- nifestato esigenze necessari per fronteggiare la situazione
genza è stata adottata per fronteggiare situazioni che per di emergenza in argomento, con particolare riguardo alle
intensità ed estensione richiedono l’utilizzo di mezzi e iniziative di assistenza alla popolazione e di somma ur-
poteri straordinari; genza attivate o da attivare per il superamento delle criti-
cità rappresentate e in corso;
Vista l’ordinanza del Capo del Dipartimento della pro-
tezione civile del 16 novembre 2019, n. 615 recante «Di- Ritenuto di dover garantire immediate misure per la
sposizioni urgenti di protezione civile in conseguenza de- gestione degli interventi emergenziali nelle more degli
gli eccezionali eventi meteorologici verificatisi nei giorni accertamenti relativi sia alla delimitazione territoriale che
dal 19 al 22 ottobre 2019 nel territorio della Provincia di all’effettivo fabbisogno necessario per il superamento del
Alessandria»; contesto emergenziale;
Considerato che l’evoluzione dei fenomeni atmosferici Ritenuto di dover demandare ai commissari delegati
relativi e di quelli successivi ha determinato una diffusa nominati con ordinanze del Capo del Dipartimento del-
situazione di criticità su gran parte del territorio naziona- la protezione civile, d’intesa con il medesimo Diparti-
le, e in particolare nel territorio delle Regioni Abruzzo, mento, la delimitazione delle aree colpite dagli eventi su
Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli- base comunale, ed a successive delibere, adottate ai sensi
Venezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Sici- dell’art. 24, comma 2, del decreto legislativo 2 gennaio
lia, Toscana e Veneto, a partire dal 19 ottobre 2019, con 2018, n. 1 lo stanziamento di risorse aggiuntive neces-
diffuse situazioni di pericolo per l’incolumità delle perso- sarie alla realizzazione degli ulteriori interventi volti al
ne, provocando anche la perdita di due vite umane, l’iso- superamento del contesto emergenziale;
lamento di alcune località e l’evacuazione di numerose Considerato che per far fronte agli interventi delle ti-
famiglie dalle proprie abitazioni; pologie di cui alle lettere a) e b) dell’art. 25, comma 2,

— 1 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

del decreto legislativo n. 1 del 2018, le regioni, a seguito b) all’immediata attuazione dei primi interventi
della valutazione speditiva, hanno trasmesso una prima urgenti di cui all’art. 25, comma 2, lettere a) e b), del
quantificazione dei fabbisogni, pari complessivamente ad decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1 nei limiti delle
euro 225.170.044,55; risorse di cui al comma 4;
Considerato che il Fondo per le emergenze nazionali di c) alla definizione dei criteri e delle procedure per
cui all’art. 44, comma 1, del citato decreto legislativo n. 1 la valutazione di eventuali ulteriori risorse necessarie al
del 2018, iscritto nel bilancio autonomo della Presidenza completamento delle attività di cui alle lettere a) e b), per
del Consiglio dei ministri, presenta disponibilità pari a le misure di cui alla lettera c) e per l’avvio degli interventi
euro 127.082.630,45; più urgenti di cui alla lettera d), nonché per la ricogni-
Tenuto conto della necessità di assicurare un minimo zione dei fabbisogni di cui alla lettera e), dell’art. 25 del
plafond di risorse da destinare ad eventuali ulteriori esi- decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1.
genze anche per il resto dell’anno in corso; 4. Per l’attuazione dei primi interventi urgenti di cui
Ritenuto, pertanto, nelle more della ulteriore ricogni- all’art. 25, comma 2, lettere a) e b) del decreto legislativo
zione dei fabbisogni, di provvedere ad una prima asse- 2 gennaio 2018, n. 1, nelle more della valutazione dell’ef-
gnazione delle risorse per le suddette esigenze nel limite fettivo impatto degli eventi in rassegna, si provvede nel
di euro 100 milioni, ripartiti in misura proporzionale ri- limite di euro 100.000.000,00, a valere sul Fondo per le
spetto ai fabbisogni individuati dalle regioni; emergenze nazionali di cui all’art. 44, comma 1, del de-
Ritenuto, pertanto, necessario provvedere tempesti- creto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1. Detto importo è
vamente a porre in essere tutte le iniziative di carattere così ripartito: euro 1.685.410,82 alla Regione Abruzzo;
straordinario finalizzate al superamento della grave si- euro 48.977,78 alla Regione Basilicata; euro 666.163,21
tuazione determinatasi a seguito degli eccezionali eventi alla Regione Calabria; euro 2.357.094,62 alla Regio-
meteorologici in rassegna; ne Campania; euro 24.438.027,72 alla Regione Emilia-
Romagna; euro 932.628,50 alla Regione Friuli-Venezia
Tenuto conto che detta situazione di emergenza, per Giulia; euro 39.950.673,95 alla Regione Liguria; euro
intensità ed estensione, non è fronteggiabile con mezzi e 156.786,97 alla Regione Marche; euro 19.634.880,93
poteri ordinari; alla Regione Piemonte; euro 897.848,95 alla Regione
Ritenuto, quindi, che ricorrono, nella fattispecie, i Puglia; euro 5.294.037,86 alla Regione Toscana; euro
presupposti previsti dall’art. 7, comma 1, lettera c) e 3.937.468,69 alla Regione Veneto.
dall’art. 24, comma 1, del citato decreto legislativo n. 1 La presente delibera sarà pubblicata nella Gazzetta Uf-
del 2018, per la dichiarazione dello stato di emergenza; ficiale della Repubblica italiana.
Su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri;
Roma, 2 dicembre 2019
Delibera:
Il Presidente del Consiglio dei ministri: CONTE
1. In considerazione di quanto esposto in premessa, ai
sensi e per gli effetti dell’art. 7, comma 1, lettera c) e
dell’art. 24 del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1,
gli effetti dello stato di emergenza, dichiarato con delibe-
ra del Consiglio dei ministri del 14 novembre 2019 sono ALLEGATO 1
estesi ai territori colpiti delle Regioni Abruzzo, Basilica-
ta, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Regione/Provincia autonoma Estensione temporale dell’evento
Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Abruzzo 12 - 13 novembre 2019
Veneto, interessati dagli eccezionali eventi meteorologici Basilicata 11 - 12 novembre 2019
verificatisi nel mese di novembre 2019 secondo la tabella
allegata alla presente delibera che ne fa parte integrante Calabria dal 10 novembre 2019
e sostanziale . Campania dal 3 novembre 2019
2. Per l’attuazione degli interventi da effettuare nella Emilia-Romagna dal 2 novembre 2019
vigenza dello stato di emergenza, ai sensi dell’art. 25, del Friuli-Venezia Giulia dal 12 novembre 2019
decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1, si provvede con Liguria 22 - 24 novembre 2019
ordinanze, emanate dal Capo del Dipartimento della pro-
tezione civile, acquisita l’intesa delle regioni interessate, Marche 12 novembre 2019
in deroga a ogni disposizione vigente e nel rispetto dei Piemonte 21 - 25 novembre 2019
principi generali dell’ordinamento giuridico. Puglia dal 12 novembre 2019
3. Con le ordinanze di cui al comma 2 si dispone in Toscana dal 3 novembre 2019
merito:
Veneto dal 12 novembre 2019
a) alla individuazione delle procedure per la de-
limitazione territoriale, su base comunale, delle aree og-
getto degli interventi da effettuare in vigenza dello stato
di emergenza; 19A07807

— 2 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI


MINISTERO DELL’ECONOMIA sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione e sul
E DELLE FINANZE Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, e che
abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio;
DECRETO 5 novembre 2019. Visto il regolamento (UE) n. 1305 del 17 dicembre
2013 del Parlamento europeo e Consiglio concernente il
Assegnazione ai sensi della legge n. 183/1987, del cofinan- sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo
ziamento statale dei programmi di sviluppo rurale, nell’am-
agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che abroga re-
bito della programmazione 2014-2020, di cui al regolamento
UE n. 1305/2013 per l’annualità 2018, al netto della riserva golamento CE n. 1698/2005 del Consiglio;
di efficacia e dell’assegnazione del 50 per cento già disposta Visto il regolamento di esecuzione (UE) n. 808 del
con decreto n. 15/2019. (Decreto n. 36/2019). 17 luglio 2014 della Commissione recante modalità di
applicazione del regolamento UE) n. 1305/2013 del Par-
L’ISPETTORE GENERALE CAPO lamento europeo e Consiglio;
PER I RAPPORTI FINANZIARI CON L’UNIONE EUROPEA Visto, in particolare, l’allegato 1 del predetto regola-
mento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e Con-
Vista la legge 16 aprile 1987, n. 183, concernente il siglio, da ultimo modificato con il regolamento delegato
coordinamento delle politiche riguardanti l’appartenen- (UE) n. 791 del 27 aprile 2015 della Commissione, il qua-
za dell’Italia alle Comunità europee e l’adeguamento le, nel recare la ripartizione annuale per Stato membro
dell’ordinamento interno agli atti normativi comunitari; degli stanziamenti di impegno per il sostegno comunita-
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 di- rio destinato allo sviluppo rurale per il periodo di pro-
cembre 1988, n. 568 e successive integrazioni e modifica- grammazione 2014/2020, azzerando l’annualità 2014 e
zioni, recante il regolamento sulla organizzazione e sulle ripartendola al 50% nelle due annualità successive 2015
procedure amministrative del Fondo di rotazione, di cui e 2016, assegna all’Italia un ammontare complessivo di
alla predetta legge n. 183/1987; risorse FEASR pari ad euro 10.444.380.767,00;
Vista la legge 6 febbraio 1996, n. 52, concernente Vista la delibera CIPE n. 8/2015 del 28 gennaio 2015
disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti concernente la presa d’atto dell’Accordo di partenariato
dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee (leg- per la programmazione dei fondi strutturali e di investi-
ge comunitaria 1994); mento europei 2014-2020, nel testo adottato dalla com-
Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, che, all’art. 3, missione europea in data 29 ottobre 2014;
ha previsto il trasferimento dei compiti di gestione tecni- Vista l’intesa sancita in Conferenza Stato-regioni il
ca e finanziaria, già attribuiti al CIPE, alle amministrazio- 16 gennaio 2014 sulla proposta di riparto, tra i vari pro-
ni competenti per materia; grammi di sviluppo rurale, degli stanziamenti provenienti
Vista la delibera CIPE n. 141/99 del 6 agosto 1999, dal FEASR per il periodo di programmazione 2014/2020;
concernente il riordino delle competenze del CIPE, che Visti i commi 240, 241 e 245 dell’art. 1 della legge
devolve al Ministero del tesoro, del bilancio e della pro- n. 147/2013, i quali disciplinano i criteri di cofinanzia-
grammazione economica - d’intesa con le amministrazio- mento dei programmi europei per il periodo 2014-2020 e
ni competenti - la determinazione della quota nazionale il relativo monitoraggio;
pubblica dei programmi, progetti ed altre iniziative cofi- Visto il comma 244 dell’art. 1 della predetta legge
nanziate dall’Unione europea; n. 147/2013 che prevede che il recupero, nei confronti
Visto il decreto del Ministro del tesoro, bilancio e pro- delle amministrazioni e degli altri organismi titolari degli
grammazione economica 15 maggio 2000, relativo all’at- interventi, delle risorse precedentemente erogate dal Fon-
tribuzione delle quote di cofinanziamento nazionale a ca- do di rotazione di cui alla legge 16 aprile 1987, n. 183,
rico della legge n. 183/1987 per gli interventi di politica può essere effettuato, fino a concorrenza dei relativi im-
comunitaria che, al fine di assicurare l’intesa di cui alla porti, anche mediante compensazione con altri importi
predetta delibera CIPE n. 141/99, ha istituito un apposito spettanti alle medesime amministrazioni ed organismi,
Gruppo di lavoro presso il Dipartimento della Ragioneria sia per lo stesso che per altri interventi, a carico delle di-
generale dello Stato - I.G.R.U.E.; sponibilità del predetto Fondo di rotazione;
Visto il regolamento (UE) n. 1303/2013 del 17 dicem- Vista la delibera CIPE n. 10 del 28 gennaio 2015 re-
bre 2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, recante cante i criteri di cofinanziamento pubblico nazionale dei
disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regio- programmi europei, per il periodo di programmazione
nale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, 2014-2020, ivi compresi quelli finanziati dal Fondo euro-
sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul peo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);
Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e dispo- Vista la nota n. 5451 del 13 febbraio 2019 con la quale
sizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, il Ministero delle politiche agricole alimentari, forestali

— 3 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

ha trasmesso il quadro finanziario relativo alla program- tale a carico del Fondo di rotazione ex legge n. 183/1987
mazione 2014-2020 dei programmi di sviluppo rurale, per l’ulteriore cinquanta per cento dell’annualità 2018,
distinto per regione, e comprensivo del finanziamento pari a 519.105.206,14 euro, al netto della riserva di
relativo al programma della Rete rurale nazionale ed al efficacia;
Programma nazionale, con l’evidenza della quota di co-
finanziamento statale distinta per singola annualità, che Viste le risultanze del Gruppo di lavoro presso il Dipar-
complessivamente ammonta a 8.086.844.241,50 euro ed timento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E.,
è a carico del predetto Fondo di rotazione, comprese le di cui al citato decreto del Ministro del tesoro 15 maggio
quote regionali delle regioni colpite dagli eventi sismici; 2000, nella riunione svoltasi in data 23 ottobre 2019:
Considerato che il predetto quadro finanziario preve-
de l’incremento del budget assegnato all’Italia derivante Decreta:
dalle risorse aggiuntive (pari a 14,67 milioni di euro) as-
segnate allo sviluppo rurale in base ai trasferimenti tra il 1. Il cofinanziamento statale a carico del Fondo di ro-
primo e secondo pilastro (regolamento delegato n. 1378 tazione di cui alla legge n. 183/1987 per l’annualità 2018
del 17 ottobre 2014) derivanti dalla riduzione del 5% dei Programmi operativi che beneficiano del sostegno
dell’importo dei pagamenti diretti per le aziende che per- del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale per il
cepiscono un premio superiore a 150.000 euro (art. 11 del periodo di programmazione 2014/2020, ammonta com-
reg. UE n. 1307/2013); plessivamente a 519.105.206,14 euro al netto della ri-
Considerato, inoltre, che il predetto quadro finanziario serva di efficacia di cui agli articoli 20, 21 e 22 del reg.
tiene conto dello storno parziale delle risorse finanziarie (UE) n. 1303/2013 e dell’assegnazione del cinquanta per
assegnate ai PSR per le annualità 2018, 2019 e 2020, ap- cento già disposta per detta annualità con proprio decreto
provato dalla Conferenza delle regioni e delle province n. 15/2019 di cui in premessa, così come riportato nella
autonome l’8 giugno 2017, a favore dei PSR delle Regio- allegata tabella che costituisce parte integrante del pre-
ni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, colpite dagli eventi sente decreto.
sismici iniziati il 24 agosto 2016;
Visto quanto disposto dagli articoli 20-22 del reg. UE 2. Le erogazioni sono effettuate agli organismi pagatori
n. 1303/2013, la ventilazione annuale è stata calcola- riconosciuti secondo le modalità previste dalla normativa
ta distinguendo per ciascuna annualità di spesa la quota vigente, sulla base delle dichiarazioni trimestrali inoltrate
destinata alla riserva di performance, che sarà assegnata per il tramite di AGEA.
mediante apposita decisione dal 2019 previa verifica da
parte della Commissione europea del raggiungimento dei 3. Il Ministero delle politiche agricole alimentari e fo-
target intermedi fissati a livello di ciascuna priorità dei restali, le regioni e le Provincie autonome di Trento e Bol-
PSR; zano, per i programmi di rispettiva competenza, nonché
gli organismi pagatori riconosciuti, effettuano tutti i con-
Considerato che la predetta ventilazione annuale inclu- trolli circa la sussistenza, anche in capo ai beneficiari, dei
de sia un aggiustamento tecnico derivante dall’arroton- presupposti e dei requisiti di legge che giustificano le ero-
damento alle migliaia di euro delle singole annualità di gazioni di cui al punto 2, e verificano che i finanziamenti
impegno FEASR sia l’arrotondamento del tasso di cofi- comunitari e nazionali siano utilizzati entro le scadenze
nanziamento FEASR a due cifre decimali, che, mante- previste ed in conformità alla normativa comunitaria e
nendo invariata l’assegnazione FEASR, determina una nazionale vigente.
variazione in aumento della spesa pubblica complessiva
e del conseguente cofinanziamento nazionale (Stato e re- 4. Ai fini della verifica dello stato di avanzamento della
gione) per un importo complessivo di 566.427,00 euro spesa riguardante gli interventi cofinanziati, le ammini-
rispetto a quanto stabilito nell’accordo della Conferenza strazioni titolari degli interventi comunicano i relativi dati
Stato-regioni n. 8/CSR del 16 gennaio 2014; al sistema di monitoraggio unitario di cui all’art. 1, com-
Viste le decisioni dei programmi di sviluppo rurale re- ma 245, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, sulla base
lative al periodo di programmazione 2014/2020, di cui di un apposito protocollo di colloquio telematico.
all’allegata tabella A, con le quali sono stati approvati i
piani finanziari di ciascun programma; 5. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei
Considerato che, relativamente alla quota di cofi- conti per la registrazione e successivamente pubblicato
nanziamento a carico del Fondo di rotazione ex legge nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
n. 183/1987, si è già provveduto con i decreti n. 7/2016,
n. 47/2016 e n. 59/2017 all’assegnazione delle annualità Roma, 5 novembre 2019
2015, 2016 e 2017 e con il decreto n. 15/2019 all’asse-
gnazione dell’annualità 2018 nella misura del cinquanta L’Ispettore generale capo: CASTALDI
per cento e al netto della riserva di efficacia;
Registrato alla Corte dei conti il 15 novembre 2019
Considerato che, per i predetti programmi, occorre Ufficio di controllo sugli atti del Ministero dell’economia e delle
provvedere ad assicurare il finanziamento della quota sta- finanze, n. 1-1426

— 4 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

ALLEGATO

P R O G R A M M I D I S V I L U P P O R U R A L E 2014-2020 - LEGGE N. 183/1987 -


ANNUALITA' 2018 AL NETTO DELLA RISERVA DI EFFICACIA E DELL'ASSEGNAZIONE DEL
50 PER CENTO GIA' DISPOSTA CON DECRETO N. 15/2019

Quota Stato
Quota Stato
Programma Decisioni UE (comprensiva di riserva
2018
di efficacia) 2014-2020
Bolzano C(2019)3772 del 14/05/2019 144.003.354,55 9.521.205,20
Emilia Romagna C(2018)8506 del 05/12/2018 467.565.603,90 30.914.763,81
Friuli Venezia Giulia C(2019)1768 del 27/02/2019 116.384.236,36 7.695.067,39
Lazio C(2018)8035 del 26/11/2018 439.383.621,71 23.524.270,58
Liguria C(2019)3280 del 25/04/2019 123.596.886,32 8.171.990,55
Lombardia C(2019)3829 del 15/05/2019 454.976.287,00 30.082.597,59
Marche C(2019)3603 del 06/05/2019 377.031.955,66 24.324.316,91
Piemonte C(2019)1469 del 19/02/2019 429.589.893,50 28.403.534,81
Toscana C(2018)5595 del 22/08/2018 378.021.155,84 24.994.209,75
Trento C(2018)6389 del 27/09/2018 118.774.331,60 7.853.019,74
Umbria C(2018)8505 del 05/12/2018 496.314.671,24 26.715.356,62
Valle d'Aosta C(2019)3850 del 17/05/2019 54.518.002,60 3.604.569,38
Veneto C(2019)3170 del 17/04/2019 465.459.381,82 30.775.490,66
Totale Regioni più sviluppate 4.065.619.382,10 256.580.392,95
Abruzzo C(2018)8967 del 13/12/2018 234.948.657,92 13.255.597,07
Molise C(2018)5872 del 31/08/2018 75.621.000,00 4.999.851,23
Sardegna C(2018)6014 del 12/09/2018 470.109.791,67 31.082.695,82
Totale Regioni in transizione 780.679.449,59 49.338.144,11
Basilicata C(2018)6177 del 18/09/2018 185.635.701,65 12.273.801,48
Calabria C(2018)6608 del 04/10/2018 301.194.420,66 19.914.547,00
Campania C(2018)6039 del 12/09/2018 501.168.361,16 33.136.447,32
Puglia C(2018)5917 del 06/09/2018 447.026.004,96 29.556.693,72
Sicilia C(2018)8342 del 03/12/2018 603.923.530,58 39.930.459,50
Totale Regioni meno sviluppate 2.038.948.019,01 134.811.949,01

Totale Programmi Regionali 6.885.246.850,70 440.730.486,07

Programma Nazionale C(2018)6758 del 09/10/2018 1.146.603.963,72 74.437.405,90


Rete Rurale Nazionale C(2017)2833 del 21/04/2017 54.993.427,08 3.937.314,17
Totale Programmi Nazionali 1.201.597.390,80 78.374.720,07

TOTALE COMPLESSIVO 8.086.844.241,50 519.105.206,14

19A07706

— 5 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

DECRETO 5 novembre 2019. Visto il regolamento (UE, EURATOM) n. 1311/2013


del Consiglio del 2 dicembre 2013 che stabilisce il quadro
Cofinanziamento statale a carico del Fondo di rotazione finanziario pluriennale per il periodo 2014-2020;
di cui alla legge n. 183/1987 per l’annualità 2018 dei Pro-
grammi operativi del Fondo europeo di sviluppo regiona- Visto il regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamen-
le (FESR) e del Fondo sociale europeo (FSE), al netto del- to europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante
la riserva di efficacia e dell’assegnazione già disposta con disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regio-
decreto n. 8/2019, periodo di programmazione 2014-2020. nale (FESR), sul Fondo sociale europeo (FSE), sul Fondo
(Decreto n. 37/2019). di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo
rurale (FEASR) e sul Fondo europeo per gli affari maritti-
L’ISPETTORE GENERALE CAPO mi e la pesca (FEAMP) e disposizioni generali sul Fondo
PER I RAPPORTI FINANZIARI CON L’UNIONE EUROPEA europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo,
sul Fondo di coesione e sul Fondo europeo per gli affari
Vista la legge 16 aprile 1987, n. 183, concernente il marittimi e la pesca, e che abroga il regolamento (CE)
coordinamento delle politiche riguardanti l’appartenen- n. 1083/2006 del Consiglio e successive modificazioni e
za dell’Italia alle Comunità europee e l’adeguamento integrazioni;
dell’ordinamento interno agli atti normativi comunitari; Visti gli articoli 20, 21 e 22 del suddetto regolamen-
to (UE) n. 1303/2013 concernenti la riserva di efficacia
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 di- dell’attuazione pari al 6% delle risorse destinate al FESR
cembre 1988, n. 568 e successive integrazioni e modifica- e al FSE per l’Obiettivo investimenti in favore della cre-
zioni, recante il regolamento sulla organizzazione e sulle scita e dell’occupazione, in forza dei quali nel 2019 l’im-
procedure amministrative del Fondo di rotazione, di cui porto della riserva sarà definitivamente assegnata dalla
alla predetta legge n. 183/1987; Commissione mediante apposita decisione, adottata a
Visto l’art. 56 della legge 6 febbraio 1996, n. 52, con- seguito della verifica di efficacia, ai programmi e priorità
cernente disposizioni per l’adempimento di obblighi deri- che avranno conseguito i propri target intermedi;
vanti dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee Visto il regolamento (UE) n. 1301/2013 del Parlamen-
(legge comunitaria 1994); to europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 relativo
Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, che, all’art. 3, al Fondo europeo di sviluppo regionale e a disposizioni
ha previsto il trasferimento dei compiti di gestione tecni- specifiche concernenti l’obiettivo investimenti a favore
ca e finanziaria, già attribuiti al CIPE, alle amministrazio- della crescita e dell’occupazione e che abroga il regola-
ni competenti per materia; mento (CE) n. 1080/2006;
Visto il regolamento (UE) n. 1304/2013 del Parlamen-
Vista la delibera CIPE n. 141 del 6 agosto 1999, con- to europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 relati-
cernente il riordino delle competenze del CIPE, che tra- vo al fondo sociale europeo e che abroga il regolamento
sferisce al Ministero del tesoro, del bilancio e della pro- (CE) n. 1081/2006 del Consiglio;
grammazione economica la determinazione, d’intesa con
le amministrazioni competenti, della quota nazionale Visto il regolamento di esecuzione (UE) n. 215/2014
pubblica dei programmi, progetti ed altre iniziative cofi- della Commissione europea del 7 marzo 2014 che sta-
nanziate dall’Unione europea; bilisce norme di attuazione del regolamento (UE)
n. 1303/2013;
Visto il decreto del Ministro del tesoro, del bilancio Visto il regolamento di esecuzione (UE) n. 288/2014
e della programmazione economica 15 maggio 2000, della Commissione europea del 25 febbraio 2014 con il
relativo all’attribuzione delle quote di cofinanziamento quale è stato approvato il modello per i Programmi opera-
nazionale a carico della legge n. 183/1987 per gli inter- tivi nell’ambito dell’obiettivo investimenti in favore della
venti di politica comunitaria, che ha istituito un apposito crescita e dell’occupazione;
Gruppo di lavoro presso il Dipartimento della Ragioneria
generale dello Stato - I.G.R.U.E.; Vista la decisione di esecuzione della Commissione
europea 2014/99/UE del 18 febbraio 2014 che definisce
Visti i commi 240, 241 e 245 dell’art. 1 della legge l’elenco delle regioni ammesse a beneficiare del finanzia-
n. 147/2013, i quali disciplinano i criteri di cofinanzia- mento del Fondo europeo di sviluppo regionale e del Fon-
mento dei programmi europei per il periodo 2014-2020 e do sociale europeo nonché degli Stati membri ammessi a
il relativo monitoraggio; beneficiare del finanziamento del Fondo di coesione per
Visto il comma 244 dell’art. 1 della predetta legge il periodo 2014-2020;
n. 147/2013 che prevede che il recupero, nei confronti Vista la decisione di esecuzione della Commissione
delle amministrazioni e degli altri organismi titolari degli europea 2014/190/UE del 3 aprile 2014 che fissa la ripar-
interventi, delle risorse precedentemente erogate dal Fon- tizione annuale per Stato membro delle risorse globali per
do di rotazione di cui alla legge 16 aprile 1987, n. 183, il Fondo europeo di sviluppo regionale, il Fondo sociale
può essere effettuato, fino a concorrenza dei relativi im- europeo e il Fondo di coesione a titolo dell’obiettivo in-
porti, anche mediante compensazione con altri importi vestimenti in favore della crescita e dell’occupazione e
spettanti alle medesime amministrazioni ed organismi, dell’obiettivo Cooperazione territoriale europea, la ripar-
sia per lo stesso che per altri interventi, a carico delle di- tizione annuale per Stato membro delle risorse della dota-
sponibilità del predetto Fondo di rotazione; zione specifica per l’iniziativa a favore dell’occupazione

— 6 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

giovanile e l’elenco delle regioni ammissibili nonché gli Considerato inoltre che, in base ai piani finanziari del-
importi da trasferire dalle dotazioni del Fondo di coesione le decisioni vigenti di approvazione dei programmi FSE,
e dei Fondi strutturali di ciascuno Stato membro al mec- relativamente ai POR ammonta ad euro 195.400.179,35
canismo per collegare l’Europa e agli aiuti agli indigenti e relativamente ai PON ad euro 111.003.469,41, quindi
per il periodo 2014-2020; complessivamente ad euro 306.403.648,76;
Vista la comunicazione della Commissione al Consi-
glio e al Parlamento europeo del 30 giugno 2016 concer- Considerato, pertanto, che l’onere a carico del Fondo
nente l’adeguamento tecnico del quadro finanziario per il di rotazione a fronte FESR e FSE ammonta complessiva-
2017 all’evoluzione del reddito nazionale lordo (RNL) e mente ad euro 811.241.334,62;
l’adeguamento delle dotazioni per la politica di coesione
(articoli 6 e 7 del regolamento n. 1311/2013 del Consiglio Viste le risultanze del Gruppo di lavoro presso il Dipar-
che stabilisce il quadro finanziario pluriennale per perio- timento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E.,
do 2014-2020); di cui al citato decreto del Ministro del tesoro 15 maggio
2000, nella riunione del 23 ottobre 2019;
Vista la decisione di esecuzione (UE) n. 2016/1941
della Commissione del 3 novembre 2016 che modifica la
suddetta decisione di esecuzione 2014/190/UE; Decreta:
Visto il regolamento (UE) n. 2017/2305 del Parlamen-
to europeo e del Consiglio del 12 dicembre 2017 che
1. Il cofinanziamento statale a carico del Fondo di
modifica il regolamento (UE) n. 1303/2013 per quanto
rotazione di cui alla legge n. 183/1987 per l’annualità
riguarda l’ammontare delle risorse per la coesione econo-
2018 dei Programmi operativi che beneficiano del soste-
mica, sociale e territoriale disponibili per gli impegni di
gno del FESR e del FSE per il periodo di programma-
bilancio per il periodo 2014-2020;
zione 2014-2020, ammonta complessivamente ad euro
Vista la delibera CIPE n. 8/2015 del 28 gennaio 2015 811.241.334,62 al netto della riserva di efficacia di cui agli
concernente la presa d’atto dell’Accordo di partenariato articoli 20, 21 e 22 del regolamento (UE) n. 1303/2013
per la programmazione dei Fondi strutturali e di investi- e dell’assegnazione già disposta per detta annualità con
mento europei 2014-2020, nel testo adottato dalla Com- proprio decreto n. 8/2019 di cui in premessa, così come
missione europea in data 29 ottobre 2014; riportato nella tabella allegata che costituisce parte inte-
Vista la delibera CIPE n. 10/2015 del 28 gennaio 2015 grante del presente decreto.
recante i criteri di cofinanziamento pubblico nazionale
dei Programmi europei, per il periodo di programmazione 2. Il Fondo di rotazione procede all’erogazione delle
2014-2020 e relativo monitoraggio, previsti nell’Accordo risorse sulla base delle domande di pagamento inoltrate
di partenariato 2014-2020; dalle amministrazioni titolari dei Programmi.
Viste le decisioni della Commissione europea, di cui
alla tabella allegata, con le quali sono stati approvati i 3. Le amministrazioni interessate effettuano tutti i con-
Programmi operativi regionali (POR) e nazionali (PON) trolli circa la sussistenza, anche in capo ai beneficiari, dei
cofinanziati dal FESR e dall’FSE dell’obiettivo investi- presupposti e dei requisiti di legge che giustificano le ero-
menti in favore della crescita e dell’occupazione, pro- gazioni di cui al punto 2, e verificano che i finanziamenti
grammazione 2014-2020; comunitari e nazionali siano utilizzati entro le scadenze
previste ed in conformità alla normativa europea e nazio-
Considerato che per i suddetti Programmi è stato già nale vigente.
assicurato il cofinanziamento statale a carico del Fondo
di rotazione di cui alla legge n. 183/1987, al netto della 4. Ai fini della verifica dello stato di avanzamento della
riserva di efficacia, per le annualità dal 2014 al 2017 con spesa riguardante gli interventi cofinanziati, le ammini-
i decreti direttoriali Igrue nn. 11/2016, 1/2017, 25/2018 e strazioni titolari degli interventi comunicano i relativi dati
per l’annualità 2018 con il decreto direttoriale n. 8/2019 al sistema di monitoraggio unitario di cui all’art. 1, com-
nella misura del cinquanta per cento, al netto anche del ma 245, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, sulla base
prefinanziamento di cui al decreto direttoriale Igrue di un apposito protocollo di colloquio telematico.
n. 38/2018;
Considerato, pertanto, che è necessario completare il 5. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei
cofinanziamento statale a carico del Fondo di rotazione conti per la registrazione e successivamente pubblicato
per l’annualità 2018, al netto della riserva di efficacia e nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
tenendo conto dell’assegnazione già disposta con il sud-
detto decreto n. 8/2019; Roma, 5 novembre 2019
Considerato che detto cofinanziamento statale, in base
ai piani finanziari delle decisioni vigenti di approvazio-
L’Ispettore generale capo: CASTALDI
ne dei programmi FESR, relativamente ai POR ammon-
ta ad euro 350.929.376,94 e relativamente ai PON ad Registrato alla Corte dei conti il 15 novembre 2019
euro 153.908.308,92, quindi complessivamente ad euro Ufficio di controllo sugli atti del Ministero dell’economia e delle
504.837.685,86; finanze, n. 1-1427

— 7 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

ALLEGATO

POR FESR 2014-2020 - LEGGE N. 183/1987 - ANNUALITA' 2018 AL NETTO DELLA RISERVA DI
EFFICACIA E DELL'ASSEGNAZIONE GIA' DISPOSTA CON DECRETO N. 8/2019

POR Decisioni L.183/1987

Abruzzo C(2019)1706 del 28/02/2019 6.432.071,13


Calabria C(2019)1752 del 28/02/2019 19.814.787,72
Campania C(2018)2283 del 17/04/2018 39.958.603,18
Emilia Romagna C(2018)5952 del 12/09/2018 9.362.171,91
Friuli Venezia Giulia C(2018)6851 del 16/10/2018 4.483.535,16
Lazio C(2018)9115 del 19/12/2018 19.765.269,43
Liguria C(2018)6949 del 23/10/2018 7.626.296,22
Lombardia C(2019)6960 del 24/09/2019 19.711.854,71
Marche C(2019)1340 del 12/02/2019 15.528.770,26
Molise C(2018)8984 del 19/12/2018 240.754,63
Piemonte C(2019)564 del 23/01/2019 18.740.384,51
P.A. Bolzano C(2018)5158 del 27/07/2018 2.654.251,26
P.A. Trento C(2018) 829 del 12/02/2018 2.110.466,71
Puglia C(2018)7150 del 23/10/2018 115.055.761,90
Sardegna C(2018) 557 del 25/01/2018 18.141.817,88
Sicilia C(2019)5045 del 28/06/2019 13.651.356,29
Toscana C(2019)1339 del 12/02/2019 15.389.567,02
Umbria C(2019)6771 del 20/09/2019 8.948.419,32
Valle d'Aosta C(2018)5913 del 05/09/2018 1.250.198,25
Veneto C(2019)4061 del 05/06/2019 12.063.039,45
Totale complessivo 350.929.376,94

PON FESR 2014-2020 - LEGGE N. 183/1987 - ANNUALITA' 2018 AL NETTO DELLA RISERVA DI
EFFICACIA E DELL'ASSEGNAZIONE GIA' DISPOSTA CON DECRETO N. 8/2019

PON Decisioni L.183/1987

Città Metropolitane C(2018)8859 del 12/12/2018 8.865.653,10


Cultura e sviluppo C(2018)7515 del 15/11/2018 6.812.687,04
Governance e capacità istituzionale C(2018)7639 del 13/11/2018 2.618.463,47
Imprese e Competitività C(2018)9117 del 19/12/2018 71.827.820,44
Infrastrutture e reti C(2018) 1144 del 21/02/2018 25.585.506,87
Legalità C(2018) 20 del 09/01/2018 11.937.517,51
Per la Scuola - Competenze e ambienti per
C(2018)7764 del 20/11/2018 22.221.527,04
l'apprendimento
Ricerca e innovazione C(2018)8840 del 12/12/2018 4.039.133,45
Totale complessivo 153.908.308,92

— 8 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

POR FSE 2014-2020 - LEGGE N. 183/1987 - ANNUALITA' 2018 AL NETTO DELLA RISERVA DI
EFFICACIA E DELL'ASSEGNAZIONE GIA' DISPOSTA CON DECRETO N. 8/2019

POR Decisioni L.183/1987

Abruzzo C(2018)5560 del 14/08/2018 3.107.703,13


Basilicata C(2018)8167 del 29/11/2018 5.792.257,32
Calabria C(2019)1752 del 28/02/2019 3.511.108,56
Campania C(2018)1690 del 15/03/2018 8.746.515,50
Emilia Romagna C(2018)7430 del 09/11/2018 15.988.531,44
Friuli Venezia Giulia C(2014)9883 del 17/12/2014 5.556.008,67
Lazio C(2018)7307 del 29/10/2018 18.853.747,44
Liguria C(2018)7469 del 09/11/2018 7.149.687,61
Lombardia C(2019)3048 del 30/04/2019 19.711.855,06
Marche C(2019)1546 del 11/03/2019 5.876.599,56
Molise C(2018)8984 del 19/12/2018 182.256,33
Piemonte C(2018)5566 del 17/08/2018 17.907.604,31
P.A. Bolzano C(2018)7997 del 23/11/2018 2.654.251,26
P.A. Trento C(2018)5292 del 03/08/2018 2.217.897,75
Puglia C(2018)7150 del 23/10/2018 24.447.360,26
Sardegna C(2018)6273 del 21/09/2018 9.107.642,25
Sicilia C(2018)7326 del 29/10/2018 8.539.602,24
Toscana C(2018)5127 del 26/07/2018 14.869.918,85
Umbria C(2018)7929 del 21/11/2018 4.833.831,88
Valle d'Aosta C(2019)5827 del 30/07/2019 1.102.017,28
Veneto C(2018)8658 del 07/12/2018 15.243.782,65
Totale complessivo 195.400.179,35

PON FSE 2014-2020 - LEGGE N. 183/1987 - ANNUALITA' 2018 AL NETTO DELLA RISERVA DI
EFFICACIA E DELL'ASSEGNAZIONE GIA' DISPOSTA CON DECRETO N. 8/2019

PON Decisioni L.183/1987

Città Metropolitane C(2018)8859 del 12/12/2018 3.583.399,42


Governance e Capacità Istituzionale C(2018)7639 del 13/11/2018 4.464.259,74
Inclusione C(2019)5237 del 11/07/2019 19.161.290,65
Iniziativa Occupazione Giovani C(2018)9102 del 19/12/2018 16.051.794,31
Legalità C(2018) 20 del 09/01/2018 2.589.312,98
Per la Scuola - Competenze e ambienti per
C(2018)7764 del 20/11/2018 42.290.234,10
l'apprendimento
Ricerca e innovazione C(2018)8840 del 12/12/2018 1.423.860,94
Sistemi di politiche attive per l'occup. C(2019)4309 del 06/06/2019 21.439.317,27
Totale complessivo 111.003.469,41

Totale POR e PON FESR 504.837.685,86


Totale POR e PON FSE 306.403.648,76 6
Totale complessivo 811.241.334,62

19A07707

— 9 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

DECRETO 5 novembre 2019. sione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, e
che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio e
Disimpegno di una quota parte del cofinanziamento statale a
carico del Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183/1987 per successive integrazioni e modificazioni;
l’annualità 2015 del Programma «Regione Valle d’Aosta - Pro- Visto, in particolare, l’art. 86 che definisce per tutti i pro-
gramma operativo Fondo sociale europeo 2014-2020». (Decreto grammi i principi della procedura di disimpegno nonché
n. 38/2019). l’art. 136 il quale prevede che la Commissione procede al di-
simpegno della parte dell’importo in un programma operativo
L’ISPETTORE GENERALE CAPO che non sia stata utilizzata per il pagamento del prefinanzia-
PER I RAPPORTI FINANZIARI CON L’UNIONE EUROPEA mento iniziale e annuale e per i pagamenti intermedi entro il
31 dicembre del terzo esercizio finanziario successivo a quello
Vista la legge 16 aprile 1987, n. 183, concernente il coordi- dell’impegno di bilancio o per la quale non sia stata presenta-
namento delle politiche riguardanti l’appartenenza dell’Italia ta, a norma dell’art. 131, una domanda di pagamento redatta a
alle Comunità europee e l’adeguamento dell’ordinamento in- norma dell’art. 135;
terno agli atti normativi comunitari; Visto il regolamento (UE) n. 1304/2013 del Parlamento
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 dicem- europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 relativo al Fon-
bre 1988, n. 568 e successive integrazioni e modificazioni, do sociale europeo (FSE) e che abroga il regolamento (CE)
recante il regolamento sulla organizzazione e sulle procedure n. 1081/2006 del Consiglio;
amministrative del Fondo di rotazione, di cui alla predetta leg- Vista la delibera CIPE n. 8/2015 del 28 gennaio 2015 con-
ge n. 183/1987; cernente la presa d’atto dell’Accordo di partenariato per la
Visto l’art. 56 della legge 6 febbraio 1996, n. 52, concer- programmazione dei Fondi strutturali e di investimento euro-
nente disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti pei 2014-2020, nel testo adottato dalla Commissione europea
dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee (legge in data 29 ottobre 2014;
comunitaria 1994); Vista la delibera CIPE n. 10/2015 del 28 gennaio 2015
Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, che, all’art. 3, ha recante i criteri di cofinanziamento pubblico nazionale dei
previsto il trasferimento dei compiti di gestione tecnica e fi- Programmi europei, per il periodo di programmazione 2014-
nanziaria, già attribuiti al CIPE, alle amministrazioni compe- 2020 e relativo monitoraggio, previsti nell’Accordo di parte-
tenti per materia; nariato 2014-2020;
Vista la delibera CIPE n. 141 del 6 agosto 1999, concer- Vista la decisione della Commissione europea C(2019)
nente il riordino delle competenze del CIPE, che trasferisce 5827 del 30 luglio 2019 che modifica da ultimo la decisio-
al Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione ne C(2014) 9921 del 12 dicembre 2014 di approvazione del
economica la determinazione, d’intesa con le amministrazio- programma «Regione Valle d’Aosta - Programma operativo
ni competenti, della quota nazionale pubblica dei programmi, Fondo sociale europeo 2014-2020» dalla quale, a seguito
progetti ed altre iniziative cofinanziate dall’Unione europea; dell’applicazione della regola del disimpegno di cui ai citati
Visto il decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della articoli 86 e 136 del regolamento (UE) n. 1303/2013, per l’an-
programmazione economica 15 maggio 2000, relativo all’at- nualità 2015 risulta un disimpegno di risorse europee pari ad
tribuzione delle quote di cofinanziamento nazionale a carico euro 1.474.850,00;
della legge n. 183/1987 per gli interventi di politica comunita- Considerato che in base alla predetta decisione C(2019)
ria, che ha istituito un apposito Gruppo di lavoro presso il Di- 5827 l’importo del finanziamento europeo dell’annualità
partimento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E.; 2015 passa da euro 3.451.401,00 ad euro 1.976.551,00 e che
Visti i commi 240, 241 e 245 dell’art. 1 della legge di conseguenza per la medesima annualità occorre adeguare
n. 147/2013, i quali disciplinano i criteri di cofinanziamento da euro 2.415.980,70 ad euro 1.383.585,70 il cofinanziamento
dei programmi europei per il periodo 2014-2020 e il relativo statale a fronte FSE a carico del Fondo di rotazione ex-lege
monitoraggio; n. 183/1987;
Visto il comma 244 dell’art. 1 della predetta legge Considerato che con il decreto direttoriale Igrue n. 11/2016
n. 147/2013 che prevede che il recupero, nei confronti delle del 21 marzo 2016 è stato già assicurato per detta annualità il
amministrazioni e degli altri organismi titolari degli interventi, cofinanziamento statale a carico del Fondo di rotazione per il
delle risorse precedentemente erogate dal Fondo di rotazione citato importo di euro 2.415.980,70 e che, pertanto, occorre
di cui alla legge 16 aprile 1987, n. 183, può essere effettuato, disimpegnare una quota di risorse pari ad euro 1.032.395,00;
fino a concorrenza dei relativi importi, anche mediante com- Viste le risultanze del Gruppo di lavoro presso il Diparti-
pensazione con altri importi spettanti alle medesime ammini- mento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E., di
strazioni ed organismi, sia per lo stesso che per altri interventi, cui al citato decreto del Ministro del tesoro 15 maggio 2000,
a carico delle disponibilità del predetto Fondo di rotazione; nella riunione del 23 ottobre 2019;
Visto il regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento
europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante di- Decreta:
sposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale
(FESR), sul Fondo sociale europeo (FSE), sul Fondo di coe- 1. Il disimpegno della quota parte del cofinanziamento stata-
sione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FE- le a carico del Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183/1987
ASR) e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca per l’annualità 2015 del Programma «Regione Valle d’Aosta -
(FEAMP) e disposizioni generali sul Fondo europeo di svi- Programma operativo Fondo sociale europeo 2014-2020» ri-
luppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coe- chiamato in premessa, è pari ad euro 1.032.395,00.

— 10 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

2. Il cofinanziamento statale a fronte FSE a carico del Visto il comma 244 dell’art. 1 della predetta legge
Fondo di rotazione per l’annualità 2015, già stabilito in n. 147/2013 che prevede che il recupero, nei confronti delle
euro 2.415.980,70 dal decreto direttoriale n. 11/2016 di cui amministrazioni e degli altri organismi titolari degli interventi,
in premessa, a seguito di detto disimpegno è pari ad euro delle risorse precedentemente erogate dal Fondo di rotazione
1.383.585,70. di cui alla legge 16 aprile 1987, n. 183, può essere effettuato,
3. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei conti fino a concorrenza dei relativi importi, anche mediante com-
per la registrazione e successivamente pubblicato nella Gaz- pensazione con altri importi spettanti alle medesime ammini-
zetta Ufficiale della Repubblica italiana. strazioni ed organismi, sia per lo stesso che per altri interventi,
a carico delle disponibilità del predetto Fondo di rotazione;
Roma, 5 novembre 2019
Visto il regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento
L’Ispettore generale capo: CASTALDI europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante di-
Registrato alla Corte dei conti il 21 novembre 2019 sposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale
Ufficio di controllo sugli atti del Ministero dell’economia e delle finanze, (FESR), sul Fondo sociale europeo (FSE), sul Fondo di coe-
n. 1-1446 sione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FE-
ASR) e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca
19A07708
(FEAMP) e disposizioni generali sul Fondo europeo di svi-
luppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coe-
DECRETO 5 novembre 2019. sione e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, e
che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio e
Disimpegno di una quota parte del cofinanziamento statale a
carico del Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183/1987 per successive integrazioni e modificazioni;
l’annualità 2015 del Programma operativo «Inclusione» per il Visto, in particolare, l’art. 86 che definisce per tutti i pro-
sostegno del Fondo sociale europeo nell’ambito dell’obiettivo grammi i principi della procedura di disimpegno nonché
«Investimenti in favore della crescita e dell’occupazione» in Ita- l’art. 136 il quale prevede che la Commissione procede al di-
lia, periodo 2014-2020. (Decreto n. 39/2019). simpegno della parte dell’importo in un programma operativo
che non sia stata utilizzata per il pagamento del prefinanzia-
L’ISPETTORE GENERALE CAPO mento iniziale e annuale e per i pagamenti intermedi entro il
PER I RAPPORTI FINANZIARI CON L’UNIONE EUROPEA 31 dicembre del terzo esercizio finanziario successivo a quello
dell’impegno di bilancio o per la quale non sia stata presenta-
Vista la legge 16 aprile 1987, n. 183, concernente il coordi- ta, a norma dell’art. 131, una domanda di pagamento redatta a
namento delle politiche riguardanti l’appartenenza dell’Italia norma dell’art. 135;
alle Comunità europee e l’adeguamento dell’ordinamento in- Visto il regolamento (UE) n. 1304/2013 del Parlamento
terno agli atti normativi comunitari; europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 relativo al Fon-
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 dicem- do sociale europeo (FSE) e che abroga il regolamento (CE)
bre 1988, n. 568 e successive integrazioni e modificazioni, n. 1081/2006 del Consiglio;
recante il regolamento sulla organizzazione e sulle procedure Vista la delibera CIPE n. 8/2015 del 28 gennaio 2015 con-
amministrative del Fondo di rotazione, di cui alla predetta leg- cernente la presa d’atto dell’Accordo di partenariato per la
ge n. 183/1987; programmazione dei Fondi strutturali e di investimento euro-
Visto l’art. 56 della legge 6 febbraio 1996, n. 52, concer- pei 2014-2020, nel testo adottato dalla Commissione europea
nente disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti in data 29 ottobre 2014;
dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee (legge Vista la delibera CIPE n. 10/2015 del 28 gennaio 2015
comunitaria 1994); recante i criteri di cofinanziamento pubblico nazionale dei
Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, che, all’art. 3, ha Programmi europei, per il periodo di programmazione 2014-
previsto il trasferimento dei compiti di gestione tecnica e fi- 2020 e relativo monitoraggio, previsti nell’Accordo di parte-
nanziaria, già attribuiti al CIPE, alle amministrazioni compe- nariato 2014-2020;
tenti per materia; Vista la decisione della Commissione europea C(2019)
Vista la delibera CIPE n. 141 del 6 agosto 1999, concer- 5237 dell’11 luglio 2019 che modifica da ultimo la decisio-
nente il riordino delle competenze del CIPE, che trasferisce ne C(2014) 10130 del 17 dicembre 2014 di approvazione del
al Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione Programma operativo «Inclusione» per il sostegno del Fondo
economica la determinazione, d’intesa con le amministrazio- sociale europeo nell’ambito dell’obiettivo «Investimenti in fa-
ni competenti, della quota nazionale pubblica dei programmi, vore della crescita e dell’occupazione» in Italia, periodo 2014-
progetti ed altre iniziative cofinanziate dall’Unione europea; 2020, dalla quale, a seguito dell’applicazione della regola del
Visto il decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della disimpegno di cui ai citati articoli 86 e 136 del regolamento
programmazione economica 15 maggio 2000, relativo all’at- (UE) n. 1303/2013, per l’annualità 2015 risulta un disimpe-
tribuzione delle quote di cofinanziamento nazionale a carico gno di risorse europee pari ad euro 24.689.028,00;
della legge n. 183/1987 per gli interventi di politica comunita- Considerato che in base alla predetta decisione C(2019)
ria, che ha istituito un apposito Gruppo di lavoro presso il Di- 5237 l’importo del finanziamento europeo dell’annualità 2015
partimento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E.; passa da euro 87.429.073,00 ad euro 62.740.045,00 e che di
Visti i commi 240, 241 e 245 dell’art. 1 della legge conseguenza per la medesima annualità occorre adeguare da
n. 147/2013, i quali disciplinano i criteri di cofinanziamento euro 38.241.773,71 ad euro 32.069.517,71 il cofinanziamento
dei programmi europei per il periodo 2014-2020 e il relativo statale a fronte FSE a carico del Fondo di rotazione ex-lege
monitoraggio; n. 183/1987;

— 11 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Considerato che con il decreto direttoriale Igrue n. 11/2016 Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, che, all’art. 3, ha
del 21 marzo 2016 è stato già assicurato per detta annualità il previsto il trasferimento dei compiti di gestione tecnica e fi-
cofinanziamento statale a carico del Fondo di rotazione per il nanziaria, già attribuiti al CIPE, alle amministrazioni compe-
citato importo di euro 38.241.773,71 e che, pertanto, occorre tenti per materia;
disimpegnare una quota di risorse pari ad euro 6.172.256,00; Vista la delibera CIPE n. 141 del 6 agosto 1999, concer-
Viste le risultanze del Gruppo di lavoro presso il Diparti- nente il riordino delle competenze del CIPE, che trasferisce
mento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E., di al Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione
cui al citato decreto del Ministro del tesoro 15 maggio 2000, economica la determinazione, d’intesa con le amministrazio-
nella riunione del 23 ottobre 2019; ni competenti, della quota nazionale pubblica dei programmi,
progetti ed altre iniziative cofinanziate dall’Unione europea;
Decreta: Visto il decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della
1. Il disimpegno della quota parte del cofinanziamen- programmazione economica 15 maggio 2000, relativo all’at-
to statale a carico del Fondo di rotazione di cui alla legge tribuzione delle quote di cofinanziamento nazionale a carico
n. 183/1987 per l’annualità 2015 del Programma operati- della legge n. 183/1987 per gli interventi di politica comunita-
vo «Inclusione» per il sostegno del Fondo sociale europeo ria, che ha istituito un apposito Gruppo di lavoro presso il Di-
nell’ambito dell’obiettivo «Investimenti in favore della cre- partimento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E.;
scita e dell’occupazione» in Italia, periodo 2014-2020 richia- Vista la delibera CIPE n. 89 del 4 agosto 2000, concernen-
mato in premessa, è pari ad euro 6.172.256,00. te direttive generali per l’intervento del Fondo di rotazione
2. Il cofinanziamento statale a fronte FSE a carico del per l’attuazione delle politiche comunitarie, di cui alla legge
Fondo di rotazione per l’annualità 2015, già stabilito in n. 183/1987, a favore di programmi, progetti e azioni in regi-
me di cofinanziamento con l’Unione europea;
euro 38.241.773,71 dal decreto direttoriale n. 11/2016 di cui
in premessa, a seguito di detto disimpegno è pari ad euro Visto il comma 244 dell’art. 1 della legge n. 147/2013 che
32.069.517,71. prevede che il recupero, nei confronti delle amministrazioni e
degli altri organismi titolari degli interventi, delle risorse pre-
3. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei conti cedentemente erogate dal Fondo di rotazione di cui alla legge
per la registrazione e successivamente pubblicato nella Gaz- 16 aprile 1987, n. 183, può essere effettuato, fino a concor-
zetta Ufficiale della Repubblica italiana. renza dei relativi importi, anche mediante compensazione con
Roma, 5 novembre 2019 altri importi spettanti alle medesime amministrazioni ed orga-
nismi, sia per lo stesso che per altri interventi, a carico delle
L’Ispettore generale capo: CASTALDI disponibilità del predetto Fondo di rotazione;
Registrato alla Corte dei conti il 21 novembre 2019 Visto il regolamento (UE) n. 516/2014 del Parlamento eu-
Ufficio di controllo sugli atti del Ministero dell’economia e delle finanze, ropeo e del Consiglio del 16 aprile 2014 che istituisce il Fondo
n. 1-1445
asilo, migrazione e integrazione 2014-2020, che modifica la
19A07709 decisione 2008/381/CE del Consiglio e che abroga le decisio-
ni n. 573/2007/CE e n. 575/2007/CE del Parlamento europeo
e del Consiglio e la decisione 2007/435/CE del Consiglio;
DECRETO 5 novembre 2019. Visto, in particolare, l’art. 21 che prevede un sostegno fi-
Cofinanziamento nazionale pubblico a carico del Fondo di ro- nanziario da parte del suddetto strumento per far fronte a ne-
tazione di cui alla legge n. 183/1987 del progetto «Em.As.Com - cessità urgenti e specifiche nell’eventualità di una situazione
Empowerment Asylum Commission» - HOME/2018/AMIF/ di emergenza, come definita all’art. 2, lettera k) del medesimo
AG/EMAS/0090, di cui all’assistenza emergenziale dell’art. 21 regolamento;
del regolamento (UE) n. 516/2014 istitutivo del Fondo asilo, mi- Visto il Grant agreement HOME/2018/AMIF/AG/
grazione e integrazione 2014 - 2020. (Decreto n. 40/2019).
EMAS/0090 sottoscritto in data 5 settembre 2019 tra la Com-
missione europea e il Ministero dell’interno - Dipartimento
L’ISPETTORE GENERALE CAPO per le libertà civili e l’immigrazione - Commissione nazionale
PER I RAPPORTI FINANZIARI CON L’UNIONE EUROPEA per il diritto di asilo, relativamente al progetto: «Em.As.Com
- Empowerment Asylum Commission» - diretto allo sviluppo
Vista la legge 16 aprile 1987, n. 183, concernente il coordi- di un Piano nazionale di assistenza per il supporto e la sempli-
namento delle politiche riguardanti l’appartenenza dell’Italia ficazione del ciclo completo del Sistema asilo nazionale.
alle Comunità europee e l’adeguamento dell’ordinamento in- Considerato che detto progetto ha un costo complessivo di
terno agli atti normativi comunitari; euro 9.988.398,61 alla cui copertura finanziaria concorrono
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 dicem- l’Unione europea per il novanta per cento e l’Italia per il re-
bre 1988, n. 568 e successive integrazioni e modificazioni, stante dieci per cento e che sul Sistema finanziario Igrue l’in-
recante il regolamento sulla organizzazione e sulle procedure tervento è censito con codice 2019XMINTSEC008;
amministrative del Fondo di rotazione, di cui alla predetta leg- Vista la nota 0008091 del 1° ottobre 2019, rettificata dalla
ge n. 183/1987; nota n. 0008122 del 3 ottobre 2019, con la quale il suddetto
Visto l’art. 56 della legge 6 febbraio 1996, n. 52, concer- Ministero dell’interno richiede l’intervento del Fondo di rota-
nente disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti zione di cui alla legge n. 183/1987 per assicurare il finanzia-
dall’appartenenza dell’Italia alle Comunità europee (legge mento dell’onere a carico dell’Italia, pari ad euro 998.839,86 a
comunitaria 1994); fronte dei contributi comunitari di euro 8.989.558,75;

— 12 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Viste le risultanze del Gruppo di lavoro presso il Diparti- DECRETO 5 novembre 2019.
mento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E., di Cofinanziamento nazionale dei programmi di attività a so-
cui al citato decreto del Ministro del tesoro 15 maggio 2000, stegno del settore dell’olio d’oliva e delle olive da tavola, di cui
nella riunione del 23 ottobre 2019; all’art. 29 del regolamento (UE) n. 1308/2013, per il triennio 2018
- 2021, prima annualità 2019, ai sensi della legge n. 183/1987.
Decreta: (Decreto n. 41/2019).
1. Il cofinanziamento nazionale pubblico a carico del L’ISPETTORE GENERALE CAPO
Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183/1987 per il pro- PER I RAPPORTI FINANZIARI CON L’UNIONE EUROPEA
getto «Em.As.Com - Empowerment Asylum Commission»
- HOME/2018/AMIF/AG/EMAS/0090, a titolarità del Mini- Vista la legge 16 aprile 1987, n. 183, concernente il coordi-
stero dell’interno - Dipartimento per le libertà civili e l’immi- namento delle politiche riguardanti l’appartenenza dell’Italia
grazione - Commissione nazionale per il diritto di asilo, è pari alle Comunità europee e l’adeguamento dell’ordinamento in-
ad euro 998.839,86. terno agli atti normativi comunitari;
2. Il Fondo di rotazione procede al trasferimento del sud- Visto il decreto del Presidente della Repubblica 29 dicem-
detto importo di euro 998.839,86 nella contabilità speciale bre 1988, n. 568 e successive modificazioni ed integrazioni,
5949 aperta in favore del Ministero dell’interno - Dipartimen- recante il regolamento sulla organizzazione e sulle procedure
to per le libertà civili e l’immigrazione - Commissione nazio- amministrative del Fondo di rotazione, di cui alla predetta leg-
nale per il diritto di asilo, sulla base delle richieste di rimborso ge n. 183/1987;
informatizzate inoltrate dal Ministero medesimo e in coerenza Vista la legge 6 febbraio 1996, n. 52, concernente dispo-
con le procedure di pagamento previste per le corrisponden- sizioni per l’adempimento di obblighi derivanti dall’apparte-
ti risorse dell’Unione europea all’articolo I.5 del citato Grant nenza dell’Italia alle Comunità europee (legge comunitaria
agreement HOME/2018/AMIF/AG/EMAS/0090, secondo le 1994);
seguenti modalità: Vista la legge 17 maggio 1999, n. 144, che, all’art. 3, ha
un prefinanziamento di euro 799.071,89 pari all’ottanta previsto il trasferimento dei compiti di gestione tecnica e fi-
per cento dell’importo a proprio carico; nanziaria, già attribuiti al CIPE, alle Amministrazioni compe-
tenti per materia;
una quota, a titolo di saldo finale, a seguito del versa-
mento da parte della Commissione europea del contributo Vista la delibera CIPE n. 141/99 del 6 agosto 1999, con-
spettante. cernente il riordino delle competenze del CIPE, che devolve
al Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione
3. Il Ministero dell’interno - Dipartimento per le libertà ci- economica — d’intesa con le Amministrazioni competenti
vili e l’immigrazione - Commissione nazionale per il diritto di — la determinazione della quota nazionale pubblica dei pro-
asilo, effettua i controlli di competenza e verifica che i finan- grammi, progetti ed altre iniziative cofinanziate dall’Unione
ziamenti europei e nazionali siano utilizzati entro le scadenze europea;
previste ed in conformità alla normativa europea e nazionale Visto il decreto del Ministro del tesoro, del bilancio e della
vigente. programmazione economica 15 maggio 2000, relativo all’at-
4. In caso di restituzione, a qualunque titolo, di risorse alla tribuzione delle quote di cofinanziamento nazionale a carico
Commissione europea, il predetto Ministero si attiva per la della legge n. 183/1987 per gli interventi di politica comunita-
restituzione al Fondo di rotazione della corrispondente quota ria che ha istituito un apposito Gruppo di lavoro presso il Di-
nazionale già erogata. partimento della Ragioneria generale dello Stato – I.G.R.U.E.;
Vista la delibera CIPE n. 89/2000 del 4 agosto 2000, con-
5. Al termine degli interventi il medesimo Ministero dell’in- cernente direttive generali per l’intervento del Fondo di rota-
terno - Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione - zione per l’attuazione delle politiche comunitarie, di cui alla
Commissione nazionale per il diritto di asilo, trasmette al Di- legge n. 183/1987, a favore di programmi, progetti e azioni in
partimento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E. regime di cofinanziamento con l’Unione europea;
la situazione finale sull’utilizzo delle risorse europee e nazio-
nali, con evidenza degli importi riconosciuti dalla Commissio- Visto il regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento
ne europea e delle eventuali somme da disimpegnare a valere europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante or-
sull’autorizzazione di spesa a carico del Fondo di rotazione, di ganizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli e che
cui al punto 1 del presente decreto. abroga i regolamenti (CEE) n. 922/72, (CEE) n. 234/79, (CE)
n. 1037/2001 e (CE) n. 1234/2007 del Consiglio, ed, in parti-
6. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei conti colare, l’art. 29 che prevede un aiuto comunitario a favore dei
per la registrazione e successivamente pubblicato nella Gaz- programmi di attività triennali a sostegno del settore dell’olio
zetta Ufficiale della Repubblica italiana. d’oliva e delle olive da tavola, il cui importo dell’annualità
2019, per l’Italia, è fissato in euro 35.991.000,00;
Roma, 5 novembre 2019 Visto il regolamento di esecuzione (UE) n. 615/2014 della
L’Ispettore generale capo: CASTALDI Commissione del 6 giugno 2014 che fissa le modalità di ap-
plicazione del regolamento (UE) n. 1306/2013 del Parlamento
Registrato alla Corte dei conti il 14 novembre 2019 europeo e del Consiglio e del regolamento (UE) n. 1308/2013
Ufficio di controllo sugli atti del Ministero dell’economia e delle finanze,
n. 1-1418 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto concerne i
programmi di attività a sostegno del settore dell’olio d’oliva e
19A07710 delle olive da tavola;

— 13 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Visto il regolamento delegato (UE) n. 611/2014 della Com- capo ai beneficiari, dei presupposti e dei requisiti di legge che
missione dell’11 marzo 2014, che integra il regolamento (UE) giustificano le erogazioni di cui al punto 2, nonché verificano
n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per che i finanziamenti comunitari e nazionali siano utilizzati en-
quanto riguarda i programmi a sostegno del settore dell’olio tro le scadenze previste ed in conformità alla normativa comu-
di oliva e delle olive da tavola; nitaria e nazionale vigente.
Visto l’art. 29, paragrafo 3, comma 1, del citato regolamen- 4. Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali
to (UE) n. 1308/2013, in base al quale il tasso di partecipa- comunica al Fondo di rotazione eventuali riduzioni di risorse
zione del finanziamento comunitario per i predetti programmi operate dalla Commissione europea, al fine di adeguare la cor-
varia dal 75% al 50% della spesa ammissibile, in relazione ai rispondente quota a carico del Fondo di rotazione.
settori di attività di cui al paragrafo 1 di detto articolo; 5. In caso di restituzione, a qualunque titolo, di risorse co-
Visto, altresì, l’art. 29, paragrafo 3, comma 2, del regola- munitarie alla Commissione europea, il predetto Ministero e
mento (UE) n. 1308/2013 che prevede, ad integrazione del AGEA si attivano anche per la restituzione al Fondo di rota-
finanziamento comunitario, un finanziamento complemen- zione, di cui al punto 1, delle corrispondenti quote di cofinan-
tare, a carico dello Stato membro, in misura non superiore ziamento nazionale già erogate.
al 50% della spesa ammissibile esclusa dal finanziamento 6. Al termine dell’intervento, il Ministero delle politiche
comunitario; agricole alimentari e forestali trasmette all’I.G.R.U.E. la situa-
Visto l’art. 10, comma 2, del decreto del Ministro delle po- zione finale sull’utilizzo delle risorse comunitarie e nazionali
litiche agricole alimentari e forestali n. 7143 del 12 dicembre con evidenza degli importi riconosciuti dalla Commissione
2017 che ha fissato la quota di partecipazione, a carico delle europea e delle eventuali somme da disimpegnare a valere
organizzazioni di operatori nel settore oleicolo, per la spesa sull’autorizzazione di spesa a carico del Fondo di rotazione di
ammissibile esclusa dal finanziamento comunitario; cui al punto 1 del presente decreto.
Vista la nota n. 0005396 del 10 ottobre 2019 con la qua- 7. Il presente decreto viene trasmesso alla Corte dei conti
le il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, a per la registrazione e successivamente pubblicato nella Gaz-
fronte di risorse comunitarie attivabili per l’annualità 2019 per zetta Ufficiale della Repubblica italiana.
i programmi di attività a sostegno del settore dell’olio d’oliva Roma, 5 novembre 2019
e delle olive da tavola, pari ad euro 35.854.843,39, chiede un
cofinanziamento nazionale di euro 8.790.690,37 a valere sulle L’Ispettore generale capo: CASTALDI
disponibilità del Fondo di rotazione per l’attuazione delle po- Registrato alla Corte dei conti il 25 novembre 2019
litiche comunitarie, di cui alla legge n. 183/1987; Ufficio di controllo sugli atti del Ministero dell’economia e delle finanze,
Vista la successiva nota n. 0005552 del 21 ottobre 2019 n. 1-1453
con la quale il Ministero delle politiche agricole alimentari e
19A07711
forestali comunica che, per il triennio 2018 - 2021 , sono stati
approvati trentasei programmi di attività a sostegno del settore
dell’olio d’oliva e delle olive da tavola per un ammontare com- MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE
plessivo di euro 161.571.879,07 di cui euro 107.970.748,25 a
carico dell’Unione europea; E DEI TRASPORTI
Considerata la necessità di ricorrere per tale fabbisogno DECRETO 2 dicembre 2019.
alle disponibilità del Fondo di rotazione per l’attuazione delle
politiche comunitarie, di cui alla legge n. 183/1987 e che il Dematerializzazione del certificato medico attestante l’idonei-
predetto programma è censito sul Sistema finanziario Igrue tà psicofisica dei conducenti di veicoli a motore.
con codice 2019MIPAFCSR006;
Viste le risultanze del Gruppo di lavoro presso il Diparti- IL DIRETTORE GENERALE
mento della Ragioneria generale dello Stato - I.G.R.U.E., di PER LA MOTORIZZAZIONE
cui al citato decreto del Ministro del tesoro 15 maggio 2000,
nella riunione svoltasi in data 23 ottobre 2019; Visto il decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, recante
«Nuovo codice della strada» (di seguito denominato codice
Decreta: della strada), in particolare l’art. 119, che individua i soggetti
certificatori in materia di requisiti di idoneità psicofisica alla
1. Il cofinanziamento nazionale pubblico, a carico del guida;
Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183/1987, a favore dei Visto l’allegato III del decreto legislativo 18 aprile 2011,
programmi di attività a sostegno del settore dell’olio d’oliva e n. 59, che stabilisce i requisiti di idoneità psicofisica necessari
delle olive da tavola, di cui all’art. 29 del regolamento (UE) per il rilascio della patente di guida;
del Parlamento e del Consiglio n. 1308/2013, per l’annualità Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, come mo-
2019, è pari ad euro 8.790.690,37. dificato dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, recante «Co-
2. Le erogazioni, a valere sulla quota di cofinanziamento di dice dell’amministrazione digitale», ed in particolare il capo
cui al punto 1, vengono effettuate secondo le modalità previste II, sezione I «Documento informatico», che detta disposizio-
dalla normativa vigente, sulla base delle richieste di rimborso ni in ordine alla dematerializzazione della documentazione
informatizzate inoltrate dall’AGEA. amministrativa;
3. Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante
e l’AGEA effettuano i controlli circa la sussistenza, anche in il codice in materia di protezione dei dati personali;

— 14 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 16 dicem- 3. Ad ogni relazione medica il sistema attribuisce un codice
bre 1992, n. 495, così come modificato dal decreto del Presi- univoco, indicato sulla ricevuta, di cui all’art. 2.
dente della Repubblica 28 marzo 2019, n. 54, che prevede il
modello di attestazione del possesso dei requisiti di idoneità
psicofisica necessari per il rilascio della patente di guida; Art. 2.
Visto il decreto del Capo del Dipartimento per i trasporti, Ricevuta da rilasciare all’utente
la navigazione ed i sistemi informativi e statistici 31 gennaio in seguito all’accertamento sanitario
2011, recante «Modalità di trasmissione della certificazione
medica per il conseguimento e il rinnovo della patente di gui-
da», con il quale, è stato assegnato un codice di identificazione 1. Al termine dell’accertamento sanitario, il medico o la
ai soggetti certificatori del possesso dei requisiti di idoneità commissione medica locale, rilasciano all’utente la ricevuta
psicofisica per la conferma di validità della patente di guida; dell’avvenuta trasmissione al Dipartimento per i trasporti, la
navigazione gli affari generali ed il personale del Ministero
Visto il decreto del Capo del Dipartimento per i trasporti, la delle infrastrutture e dei trasporti, della relazione medica. La
navigazione ed i sistemi informativi e statistici 15 novembre ricevuta è generata automaticamente dal sistema informatico
2013, recante «Disposizioni procedurali attuative degli artico- ed è conforme all’allegato 1.
li 1, 2 e 3 del decreto 9 agosto 2013, in materia di nuove proce-
dure di comunicazione del rinnovo di validità della patente»; 2. Sulla ricevuta di cui al comma 1, il medico o la com-
Considerata la necessità di dare seguito alle disposizioni missione medica locale che hanno ritenuto non sussistenti i
previste dal citato «Codice dell’amministrazione digitale», requisiti di idoneità per il rilascio della patente di guida o di
che prevedono la progressiva digitalizzazione delle procedure una delle categorie cui essa si riferisce, ovvero che hanno rite-
attualmente in essere, favorendo il processo di dematerializza- nuto necessario imporre al richiedente specifiche prescrizioni
zione con conseguente drastica riduzione della documentazio- o adattamenti, ovvero ancora ha previsto una conferma di va-
ne in forma cartacea; lidità del documento per un termine inferiore a quello ordina-
Ritenuto, pertanto, di dover uniformare l’applicazione del riamente previsto dall’art. 126 del codice della strada, motiva-
dettato del summenzionato art. 331 del decreto del Presidente no adeguatamente la propria decisione, al fine di consentire
della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495, alle disposizioni all’utente di intraprendere le iniziative a sua tutela ammesse
del più volte citato «Codice dell’amministrazione digitale», dalle norme vigenti.
prediligendo la trasmissione dell’esito della visita medica al 3. La ricevuta consegnata all’utente che si è sottoposto a
competente ufficio centrale del Dipartimento per i traspor- visita di idoneità psicofisica per il rinnovo di validità della
ti, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici in via patente, costituisce titolo per condurre veicoli a motore della
telematica; categoria di patente di cui l’utente ha la titolarità, fino alla con-
Acquisito il parere del Garante per la protezione dei dati segna della patente di guida rinnovata.
personali espresso con provvedimento n. 192 del 17 ottobre
2019;
Art. 3.
Decreta:
Indicazione della scadenza di validità della patente
Art. 1. successivamente all’accertamento sanitario
Trasmissione dell’attestazione 1. Nel caso in cui a seguito dell’accertamento sanitario sia
dei requisiti di idoneità psicofisica attestata l’idoneità del soggetto sottoposto a verifica, sulla ri-
1. Ai fini del rilascio della patente di guida, i medici e le cevuta di cui all’art. 2, in corrispondenza del campo indicante
commissioni mediche locali di cui all’art. 119 del codice della il periodo di validità della patente, è indicato: «scadenza di
strada e le strutture di cui all’art. 201, comma 1 del decreto validità ordinaria ai sensi dell’art. 126 del codice della strada».
legislativo 15 marzo 2010, n. 66, all’esito di ciascuna visita 2. Nel caso in cui a seguito dell’accertamento sanitario
medica per la verifica dei requisiti di idoneità psichica e fisica svolto dalla commissione medica locale ovvero dal medico
alla guida di veicoli a motore, trasmettono telematicamente, al monocratico per la fattispecie di cui all’art. 119 del codice del-
Dipartimento per i trasporti, la navigazione gli affari generali la strada, sia attestata l’idoneità del soggetto sottoposto a veri-
ed il personale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, fica per un periodo di tempo inferiore a quello ordinariamente
la relazione medica, redatta nel rispetto dei principi di cui al previsto dall’art. 126 del codice della strada, sulla ricevuta di
decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante Codice in cui all’art. 2, in corrispondenza del campo indicante il periodo
materia di protezione dei dati personali, conforme al model- di validità della patente, è indicata dall’organo accertatore la
lo informatizzato di cui all’allegato IV.4, al titolo IV - parte data di scadenza di validità con decorrenza dalla data di effet-
II, del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre tuazione della visita medica.
1992, n. 495.
2. Per trasmettere la relazione medica di cui al comma pre- Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
cedente, i medici e le strutture sanitarie chiedono il codice di della Repubblica italiana.
identificazione all’ufficio della motorizzazione competente
per territorio, secondo quanto previsto dal decreto del capo Roma, 2 dicembre 2019
del Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi
informativi e statistici 31 gennaio 2011. Il direttore generale: DONDOLINI

— 15 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

ALLEGATO 1

RICEVUTA DELLA TRASMISSIONE DELLA RELAZIONE MEDICA


AI FINI DEL RILASCIO DELLA PATENTE DI GUIDA
(art. 331 del D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495)

DATI RELATIVI AL SOGGETTO CERTIFICATORE

CODICE IDENTIFICATIVO: ……..………

DATI RELATIVI AL CANDIDATO O AL TITOLARE DI PATENTE

………………………………………………………............................................................................
(Cognome) (Nome)

nat.. il ........./........./............... sesso |M| |F| codice fiscale ..............................................................


(gg/mm/aaaa)

Stato di nascita ..................................................... Comune di nascita ...........................................


(in caso di conducente nato all'estero,
valorizzare solo se conosciuto)

Provincia di nascita .........................................................................................................................


(valorizzare solo in caso di conducente nato in Italia)

Candidato al conseguimento della categoria ……………….


(valorizzare in caso di conseguimento di patente di guida)

Titolare di patente n. .......................... Categorie ......................... Rilasciata il ....../....../............


(valorizzare in caso di duplicato, conversione o rinnovo di validità della patente)

DATI RELATIVI ALLA VISITA MEDICA EFFETTUATA in data ....../....../............ in

.......................................................................................................................................................
(Provincia) (Comune)

E’ IN POSSESSO DEI REQUISITI DI IDONEITA’ PSICOFISICA RICHIESTI PER LA PATENTE DI


GUIDA DELLA CATEGORIA …………..
con validità ordinaria ai sensi dell’art. 126 del codice della strada
valida fino al………………………..

con le seguenti prescrizioni (codici unionali armonizzati previsti dall’allegato I alla direttiva
2006/126/CE): …………………………………………………………………………………..…….
(barrare e compilare, se ricorre il caso)

Modifiche del veicolo (solo in caso di visita presso una CML):


...........................................................................................................................................................

— 16 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Eventuali osservazioni da parte del medico o della struttura che ha proceduto all’accertamento
sanitario:
…………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………

…………………………………………………………………………………………………………

Foto

(firma)

Nel caso in cui la presente ricevuta è stata rilasciata a seguito di accertamento sanitario finalizzato
al rinnovo di validità della patente di guida, il duplicato della patente rinnovata, ai sensi dall'articolo
126, comma 8, del codice della strada, è trasmesso per posta assicurata, a carico del destinatario

(Provincia) ...................................................... (Comune) .................................................................

(Toponimo) ..................................................... Indirizzo ....................................................................


(Via/Piazza)

…………
(CAP)

In caso di rinnovo di validità, la presente ricevuta è valida ai fini della circolazione fino al
ricevimento del duplicato della patente di guida, e comunque non oltre 60 giorni dalla data di
rilascio. In caso di mancato ricevimento del duplicato di patente entro .......... giorni, contattare
telefonicamente il n. ............................. dalle h......:...... alle h ......:...... nei giorni

— 17 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

ALLEGATO 2 MINISTERO DELLE POLITICHE


AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI
MISURE TECNICHE E ORGANIZZATIVE IDONEE A GARANTIRE
UN LIVELLO DI SICUREZZA ADEGUATO ALLA PROTEZIONE DECRETO 15 novembre 2019.
DEI DATI PERSONALI
Modifica al decreto 14 dicembre 2017 con il quale al la-
L’attuazione del decreto è conformata ai principi di sicurezza della boratorio LAM Laboratorio analisi S.r.l., in Fano, è stata
riservatezza dei dati personali, secondo le previsioni degli articoli 24, 25
e 32 del regolamento UE 2016/679.
rinnovata l’autorizzazione al rilascio dei certificati di analisi
nel settore oleicolo.
Per l’attuazione del decreto del direttore generale per la motoriz-
zazione 2 dicembre 2019 sono previsti tre tipi di utenti che possono
accedere al sistema informatico della Direzione generale per la moto- IL DIRIGENTE DELLA PQAI IV
rizzazione per la trattazione della relazione medica ai fini del rilascio DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE
della patente di guida. DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE E DELL’IPPICA
Il sistema è configurato in modo tale che, per impostazione pre-
definita, siano visibili ed accessibili, da parte degli incaricati, solo i
dati previsti all’allegato 1, e non anche altri dati personali, in particolar Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, re-
modo di carattere sanitario. cante norme generali sull’ordinamento del lavoro alle di-
Sono definite le politiche di sicurezza cui gli applicativi devono pendenze delle Amministrazioni pubbliche, ed in partico-
sottostare. Tali documenti devono indirizzare i processi di gestione della lare l’art. 16, lettera d);
creazione, disabilitazione utenze, monitoraggio dei profili, password,
gestione delle super utenze, change management, Backup Management Vista la direttiva direttoriale 2018 della Direzione ge-
e Incident Management. nerale per la promozione della qualità agroalimentare e
Viene mantenuto un log delle attività svolte da chi accede al siste- dell’ippica del 27 marzo 2018, in particolare l’art. 1, com-
ma (contenente ad es. il nome dell’utente, orari di inizio/fine attività, ma 4, con la quale i titolari degli uffici dirigenziali non
errori e conferme della correttezza dell’elaborazione). generali, in coerenza con i rispettivi decreti di incarico,
Accedono, per la procedura in argomento: sono autorizzati alla firma degli atti e dei provvedimenti
relativi ai procedimenti amministrativi di competenza;
1) Medico certificatore. Visto il regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento
europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012 sui regimi
Può accedere al sistema informatico della Direzione generale per
la motorizzazione per popolare i dati della relazione di cui all’allegato di qualità dei prodotti agricoli e alimentari, e in particola-
1. L’accesso è consentito ai sanitari in possesso di un codice di identi- re l’art. 58 che abroga il regolamento (CE) n. 510/2006;
ficazione, rilasciato con le modalità previste dal decreto del capo del Visto l’art. 16, comma 1 del predetto regolamento
Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e
statistici 31 gennaio 2011. (UE) n. 1151/2012 che stabilisce che i nomi figuranti
Per accedere al sistema è necessario oltre al codice identificativo,
nel registro di cui all’art. 7, paragrafo 6 del regolamento
anche una password e un pin. L’accesso al sistema è registrato e vengo- (CE) n. 510/2006 sono automaticamente iscritti nel regi-
no memorizzate anche le operazioni effettuate. stro di cui all’art. 11 del sopra citato regolamento (UE)
Il medico accertatore può popolare i dati necessari per l’elabora- n. 1151/2012;
zione della relazione medica finalizzata al rilascio della patente di gui- Visti i regolamenti (CE) con i quali, sono state regi-
da. Il medico può richiamare solo relazioni elaborate con i suoi dati di
accesso e, ove necessario, modificare i dati della relazione. strate le D.O.P. e la I.G.P. per gli oli di oliva vergini ed
extravergini italiani;
2) Uffici periferici del dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli
Considerato che gli oli di oliva vergini ed extravergi-
affari generali ed il personale. ni a D.O.P. o a I.G.P., per poter rivendicare la denomi-
nazione registrata, devono possedere le caratteristiche
Possono accedere al sistema informatico della Direzione generale chimico-fisiche stabilite per ciascuna denominazione, nei
per la motorizzazione per il trattamento della relazione medica finaliz- relativi disciplinari di produzione approvati dai compe-
zata al rilascio della patente di guida solo i dipendenti degli uffici perife-
rici del Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali ed tenti Organi;
il personale, specificamente autorizzati dai direttori degli uffici stessi. Considerato che tali caratteristiche chimico-fisiche de-
Per accedere al sistema è necessario oltre alla matricola del dipendente, gli oli di oliva vergini ed extravergini a denominazione di
anche una password e una one time password. L’accesso al sistema è
registrato. origine devono essere accertate da laboratori autorizzati;
I dipendenti degli uffici periferici del Dipartimento per i trasporti, Visto il decreto del 14 dicembre 2017, pubblicato nella
la navigazione, gli affari generali ed il personale non possono modifica- Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana (Serie gene-
re la relazione medica. rale) n. 5 dell’8 gennaio 2018, con il quale al laboratorio
LAM Laboratorio analisi S.r.l., ubicato in Fano (Pesaro),
3) Utenti specializzati. via Paolo Borsellino n. 12/E, è stata rinnovata l’auto-
rizzazione al rilascio dei certificati di analisi nel settore
Possono accedere al sistema informatico della Direzione generale oleicolo;
per la motorizzazione per il trattamento della relazione medica finaliz-
zata al rilascio della patente di personale operante presso autoscuole e Vista la comunicazione del predetto laboratorio, pre-
studi di consulenza automobilistica presso cui si è rivolto l’utente per sentata in data 11 novembre 2019, con la quale comunica
il rilascio della patente di guida. Per accedere al sistema è necessario che ha variato la denominazione in: LAM Laboratorio
un codice identificativo, anche una password e un pin rilasciati all’au-
toscuola o allo studio di consulenza. L’accesso al sistema è registrato. analisi S.r.l. a socio unico;
Gli utenti specializzati non possono modificare la relazione medica. Considerato che il laboratorio sopra indicato ha dimo-
strato di avere ottenuto in data 31 ottobre 2019 l’accre-
19A07778 ditamento relativamente alle prove indicate nell’allegato

— 18 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

al presente decreto e del suo sistema qualità, in confor- 2. L’omessa comunicazione comporta la sospensione
mità alle prescrizioni della norma UNI CEI EN ISO/IEC dell’autorizzazione.
17025, da parte di un organismo conforme alla norma 3. Sui certificati di analisi rilasciati e su ogni tipo di
UNI CEI EN ISO/IEC 17011 ed accreditato in ambito EA comunicazione pubblicitaria o promozionale diffusa, è
- European Cooperation for Accreditation; necessario indicare che il provvedimento ministeriale ri-
Considerato che con decreto 22 dicembre 2009 Accre- guarda solo le prove di analisi autorizzate.
dia - L’ente italiano di accreditamento è stato designato 4. L’Amministrazione si riserva la facoltà di verificare
quale unico organismo italiano a svolgere attività di ac- la sussistenza delle condizioni e dei requisiti su cui si fon-
creditamento e vigilanza del mercato; da il provvedimento autorizzatorio, in mancanza di essi,
Ritenuta la necessità di variare la denominazione al la- l’autorizzazione sarà revocata in qualsiasi momento.
boratorio LAM Laboratorio analisi S.r.l.; Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficia-
le della Repubblica italiana ed entra in vigore il giorno
Decreta: successivo alla sua pubblicazione.
Roma, 15 novembre 2019
Art. 1.
La denominazione del laboratorio LAM Laboratorio Il dirigente: POLIZZI
analisi S.r.l. è modificata in: LAM Laboratorio analisi
S.r.l. a socio unico. 19A07681

Art. 2.
Le prove di analisi, per le quali il laboratorio LAM La- DECRETO 15 novembre 2019.
boratorio analisi S.r.l. a socio unico è autorizzato sono le
seguenti: Rinnovo dell’autorizzazione al laboratorio Eurofins Che-
mical Control S.r.l., in Madonna dell’Olmo, al rilascio dei
Denominazione della prova Norma/metodo certificati di analisi nel settore oleicolo.
Reg CEE 2568/1991
Numero di perossidi/Peroxide Allegato III + Reg UE
value IL DIRIGENTE DELLA PQAI IV
1784/2016 Allegato DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE
DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE E DELL’IPPICA
Reg CEE 2568/1991
Acidi grassi liberi/Free fatty Allegato II + Reg UE
acids Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, re-
1227/2016 Allegato I cante norme generali sull’ordinamento del lavoro alle di-
Polifenoli totali/Total MPLAM A001 rev 6 pendenze delle Amministrazioni pubbliche, ed in partico-
polyphenols (10-350 mg/Kg) 2015 lare l’art. 16, lettera d);
Vista la direttiva direttoriale 2018 della Direzione ge-
nerale per la promozione della qualità agroalimentare e
dell’ippica del 27 marzo 2018, in particolare l’art. 1, com-
Art. 3. ma 4, con la quale i titolari degli uffici dirigenziali non
L’autorizzazione ha validità fino al 13 dicembre 2021 generali, in coerenza con i rispettivi decreti di incarico,
data di scadenza dell’accreditamento. sono autorizzati alla firma degli atti e dei provvedimenti
relativi ai procedimenti amministrativi di competenza;
Art. 4. Visto il regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento
L’autorizzazione è automaticamente revocata qualora il la- europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012 sui regimi
boratorio LAM Laboratorio analisi S.r.l. a socio unico perda di qualità dei prodotti agricoli e alimentari, e in particola-
l’accreditamento relativamente alle prove indicate nell’allega- re l’art. 58 che abroga il regolamento (CE) n. 510/2006;
to al presente decreto e del suo sistema qualità, in conformità Visto l’art. 16, comma 1 del predetto regolamento (UE)
alle prescrizioni della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025, n. 1151/2012 che stabilisce che i nomi figuranti nel re-
rilasciato da Accredia - L’ente italiano di accreditamento de- gistro di cui all’art. 7, paragrafo 6 del regolamento (CE)
signato con decreto 22 dicembre 2009 quale unico organismo n. 510/2006 sono automaticamente iscritti nel registro di cui
a svolgere attività di accreditamento e vigilanza del mercato. all’art. 11 del sopra citato regolamento (UE) n. 1151/2012;
Visti i regolamenti (CE) con i quali, sono state regi-
Art. 5. strate le D.O.P. e la I.G.P. per gli oli di oliva vergini ed
1. Il laboratorio sopra citato ha l’onere di comunicare extravergini italiani;
all’amministrazione autorizzante eventuali cambiamenti Considerato che gli oli di oliva vergini ed extravergi-
sopravvenuti interessanti la struttura societaria, l’ubica- ni a D.O.P. o a I.G.P., per poter rivendicare la denomi-
zione del laboratorio, la dotazione strumentale, l’impie- nazione registrata, devono possedere le caratteristiche
go del personale ed ogni altra modifica concernente le chimico-fisiche stabilite per ciascuna denominazione, nei
prove di analisi per le quali il laboratorio medesimo è relativi disciplinari di produzione approvati dai compe-
accreditato. tenti organi;

— 19 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Considerato che tali caratteristiche chimico-fisiche de- Art. 5.


gli oli di oliva vergini ed extravergini a denominazione di 1. Il laboratorio sopra citato ha l’onere di comunicare
origine devono essere accertate da laboratori autorizzati; all’Amministrazione autorizzante eventuali cambiamenti
Visto il decreto del 4 agosto 2015, pubblicato nella sopravvenuti interessanti la struttura societaria, l’ubica-
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - Serie gene- zione del laboratorio, la dotazione strumentale, l’impie-
rale - n. 190 del 18 agosto 2015, con il quale il laborato- go del personale ed ogni altra modifica concernente le
rio Eurofins Chimical Control S.r.l., ubicato in Madonna prove di analisi per le quali il laboratorio medesimo è
dell’Olmo (Cuneo), via Celdit n. 2, è stato autorizzato al accreditato.
rilascio dei certificati di analisi nel settore oleicolo; 2. L’omessa comunicazione comporta la sospensione
Vista la domanda di rinnovo dell’autorizzazione pre- dell’autorizzazione.
sentata dal laboratorio sopra indicato in data 7 novembre 3. Sui certificati di analisi rilasciati e su ogni tipo di
2019; comunicazione pubblicitaria o promozionale diffusa, è
necessario indicare che il provvedimento ministeriale ri-
Considerato che il laboratorio sopra indicato ha ottem- guarda solo le prove di analisi autorizzate.
perato alle prescrizioni indicate al punto c) della predetta
circolare e in particolare ha dimostrato di avere ottenuto 4. L’Amministrazione si riserva la facoltà di verificare
in data 26 giugno 2019 l’accreditamento relativamente la sussistenza delle condizioni e dei requisiti su cui si fon-
alle prove indicate nell’allegato al presente decreto e del da il provvedimento autorizzatorio, in mancanza di essi,
suo sistema qualità, in conformità alle prescrizioni della l’autorizzazione sarà revocata in qualsiasi momento.
norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025, da parte di un orga- Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficia-
nismo conforme alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17011 le della Repubblica italiana.
ed accreditato in ambito EA - European Cooperation for Roma, 15 novembre 2019
Accreditation;
Considerato che con decreto 22 dicembre 2009 AC- Il dirigente: POLIZZI
CREDIA - L’ente italiano di accreditamento è stato desi-
gnato quale unico organismo italiano a svolgere attività di
accreditamento e vigilanza del mercato;
ALLEGATO
Ritenuti sussistenti i requisiti e le condizioni concer-
nenti il rinnovo dell’autorizzazione in argomento; Denominazione della prova Norma / metodo
p-Anisidina ISO 6885:2016
Decreta: Reg CEE 2568/1991 Allegato III +
Numero di perossidi Reg UE 1784/2016 Allegato
2-MCPD esteri, 3-MCPD esteri,
Art. 1. Glicidil-esteri (›0,10 mg/kg di AOCS Cd 29c-13
grasso) (0,05 - 5 mg/kg grasso)
Il laboratorio Eurofins Chimical Control S.r.l., ubicato
Reg CEE 2568/1991 Allegato II +
in Madonna dell’Olmo (Cuneo), via Celdit n. 2, è autoriz- Acidità
Reg UE 1227/2016 Allegato I
zato al rilascio dei certificati di analisi nel settore oleicolo
limitatamente alle prove elencate in allegato al presente
decreto.
19A07682
Art. 2.
Il responsabile del laboratorio è Valeria Merlo. DECRETO 15 novembre 2019.
Rinnovo dell’autorizzazione al laboratorio Chimiclab
Art. 3. S.r.l., in Roma, al rilascio dei certificati di analisi nel settore
oleicolo.
L’autorizzazione ha validità fino al 10 luglio 2023, data
di scadenza dell’accreditamento.
IL DIRIGENTE DELLA PQAI IV
Art. 4. DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE
DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE E DELL’IPPICA
L’autorizzazione è automaticamente revocata qualora
il laboratorio Eurofins Chemical Control S.r.l. perda l’ac- Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, re-
creditamento relativamente alle prove indicate nell’alle- cante norme generali sull’ordinamento del lavoro alle di-
gato al presente decreto e del suo sistema qualità, in con- pendenze delle Amministrazioni pubbliche, ed in partico-
formità alle prescrizioni della norma UNI CEI EN ISO/ lare l’art. 16, lettera d);
IEC 17025, rilasciato da ACCREDIA - L’Ente italiano di Vista la direttiva direttoriale 2018 della Direzione ge-
accreditamento designato con decreto 22 dicembre 2009 nerale per la promozione della qualità agroalimentare e
quale unico organismo a svolgere attività di accredita- dell’ippica del 27 marzo 2018, in particolare l’art. 1, com-
mento e vigilanza del mercato. ma 4, con la quale i titolari degli uffici dirigenziali non

— 20 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

generali, in coerenza con i rispettivi decreti di incarico, Art. 2.


sono autorizzati alla firma degli atti e dei provvedimenti
relativi ai procedimenti amministrativi di competenza; L’autorizzazione ha validità fino all’8 maggio 2023,
data di scadenza dell’accreditamento.
Visto il regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento
europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012 sui regimi
di qualità dei prodotti agricoli e alimentari, e in particola- Art. 3.
re l’art. 58 che abroga il regolamento (CE) n. 510/2006; L’autorizzazione è automaticamente revocata qualo-
Visto l’art. 16, comma 1 del predetto regolamento (UE) ra il laboratorio Chimiclab S.r.l. perda l’accreditamento
n. 1151/2012 che stabilisce che i nomi figuranti nel re- relativamente alle prove indicate nell’allegato al presen-
gistro di cui all’art. 7, paragrafo 6 del regolamento (CE) te decreto e del suo sistema qualità, in conformità alle
n. 510/2006 sono automaticamente iscritti nel registro di cui prescrizioni della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025,
all’art. 11 del sopra citato regolamento (UE) n. 1151/2012; rilasciato da Accredia - L’ente italiano di accreditamento
Visti i regolamenti (CE) con i quali, sono state regi- designato con decreto 22 dicembre 2009 quale unico or-
strate le D.O.P. e la I.G.P. per gli oli di oliva vergini ed ganismo a svolgere attività di accreditamento e vigilanza
extravergini italiani; del mercato.
Considerato che gli oli di oliva vergini ed extravergi-
ni a D.O.P. o a I.G.P., per poter rivendicare la denomi- Art. 4.
nazione registrata, devono possedere le caratteristiche 1. Il laboratorio sopra citato ha l’onere di comunicare
chimico-fisiche stabilite per ciascuna denominazione, nei all’Amministrazione autorizzante eventuali cambiamenti
relativi disciplinari di produzione approvati dai compe- sopravvenuti interessanti la struttura societaria, l’ubica-
tenti organi; zione del laboratorio, la dotazione strumentale, l’impie-
Considerato che tali caratteristiche chimico-fisiche de- go del personale ed ogni altra modifica concernente le
gli oli di oliva vergini ed extravergini a denominazione di prove di analisi per le quali il laboratorio medesimo è
origine devono essere accertate da laboratori autorizzati; accreditato.
Visto il decreto del 27 maggio 2015, pubblicato nella 2. L’omessa comunicazione comporta la sospensione
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - Serie ge- dell’autorizzazione.
nerale - n. 134 del 12 giugno 2015, come modificato dal
decreto di variazione della denominazione del 26 ottobre 3. Sui certificati di analisi rilasciati e su ogni tipo di
2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repub- comunicazione pubblicitaria o promozionale diffusa, è
blica italiana - Serie generale - n. 271 del 20 novembre necessario indicare che il provvedimento ministeriale ri-
2017 con il quale il laboratorio Chimiclab S.r.l., ubicato guarda solo le prove di analisi autorizzate.
in Roma, via Luigi Schiavonetti n. 294, è stato autorizza- 4. L’Amministrazione si riserva la facoltà di verificare
to al rilascio dei certificati di analisi nel settore oleicolo; la sussistenza delle condizioni e dei requisiti su cui si fon-
Vista la domanda di rinnovo dell’autorizzazione presen- da il provvedimento autorizzatorio, in mancanza di essi,
tata dal laboratorio sopra indicato in data 6 novembre 2011; l’autorizzazione sarà revocata in qualsiasi momento.
Considerato che il laboratorio sopra indicato ha ottem- Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficia-
perato alle prescrizioni indicate al punto c) della predetta le della Repubblica italiana.
circolare e in particolare ha dimostrato di avere ottenu-
to in data 30 luglio 2019 l’accreditamento relativamente Roma, 15 novembre 2019
alle prove indicate nell’allegato al presente decreto e del
suo sistema qualità, in conformità alle prescrizioni della Il dirigente: POLIZZI
norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025, da parte di un orga-
nismo conforme alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17011
ed accreditato in ambito EA - European Cooperation for
Accreditation; ALLEGATO
Considerato che con decreto 22 dicembre 2009 Accre- Denominazione della prova Norma / metodo
dia - L’ente italiano di accreditamento è stato designato
quale unico organismo italiano a svolgere attività di ac- Acidità Reg CEE 2568/1991 Allegato II +
Reg UE 1227/2016 Allegato I
creditamento e vigilanza del mercato;
Esteri metilici degli acidi Reg CEE 2568/1991 Allegato X +
Ritenuti sussistenti i requisiti e le condizioni concer- grassi Reg UE 1833/2015 Allegato IV
nenti il rinnovo dell’autorizzazione in argomento;
Analisi spettrofotometrica Reg CEE 2568/1991 Allegato IX +
nell’ultravioletto Reg UE 1833/2015 Allegato III
Decreta:
Indice di perossidi Reg CEE 2568/1991 Allegato III +
Reg UE 1784/2016 30 Allegato
Art. 1. Cere e metil ed etil esteri Reg CEE 2568/1991 Allegato XX
degli acidi grassi + Reg UE n. 61/2011 1
Il laboratorio Chimiclab S.r.l., ubicato in Roma, via
Luigi Schiavonetti n. 294, è autorizzato al rilascio dei
certificati di analisi nel settore oleicolo limitatamente alle
prove elencate in allegato al presente decreto. 19A07683

— 21 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

DECRETO 25 novembre 2019. qualità, in conformità alle prescrizioni della norma UNI CEI
Rinnovo dell’autorizzazione al laboratorio Sialab S.r.l., in
EN ISO/IEC 17025, da parte di un organismo conforme alla
Avola, al rilascio dei certificati di analisi nel settore oleicolo. norma UNI CEI EN ISO/IEC 17011 ed accreditato in ambito
EA - European Cooperation for Accreditation;
IL DIRIGENTE DELLA PQAI IV Considerato che con decreto 22 dicembre 2009 Accredia
DELLA DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE - L’Ente italiano di accreditamento è stato designato quale uni-
DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE E DELL’IPPICA co organismo italiano a svolgere attività di accreditamento e
vigilanza del mercato;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante Ritenuti sussistenti i requisiti e le condizioni concernenti il
norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze rinnovo dell’autorizzazione in argomento;
delle Amministrazioni pubbliche, ed in particolare l’art. 16,
lettera d); Decreta:
Vista la direttiva direttoriale 2018 della Direzione generale
per la promozione della qualità agroalimentare e dell’ippica Art. 1.
del 27 marzo 2018, in particolare l’art. 1, comma 4, con la
quale i titolari degli uffici dirigenziali non generali, in coe- Il laboratorio Sialab S.r.l., ubicato in Avola (Siracusa), via
renza con i rispettivi decreti di incarico, sono autorizzati alla Contrada Porretta sn, è autorizzato al rilascio dei certificati di
firma degli atti e dei provvedimenti relativi ai procedimenti analisi nel settore oleicolo limitatamente alle prove elencate in
amministrativi di competenza; allegato al presente decreto.
Visto il regolamento (UE) n. 1151/2012 del Parlamento
europeo e del Consiglio del 21 novembre 2012 sui regimi Art. 2.
di qualità dei prodotti agricoli e alimentari, e in particolare L’autorizzazione ha validità fino al 18 settembre 2022, data
l’art. 58 che abroga il regolamento (CE) n. 510/2006; di scadenza dell’accreditamento.
Visto l’art. 16, comma 1 del predetto regolamento (UE)
n. 1151/2012 che stabilisce che i nomi figuranti nel registro Art. 3.
di cui all’art. 7, paragrafo 6 del regolamento (CE) n. 510/2006
sono automaticamente iscritti nel registro di cui all’art. 11 del L’autorizzazione è automaticamente revocata qualora il
sopra citato regolamento (UE) n. 1151/2012; laboratorio Sialab S.r.l. perda l’accreditamento relativamente
Visti i regolamenti (CE) con i quali, sono state registrate alle prove indicate nell’allegato al presente decreto e del suo
le D.O.P. e la I.G.P. per gli oli di oliva vergini ed extravergini sistema qualità, in conformità alle prescrizioni della norma
italiani; UNI CEI EN ISO/IEC 17025, rilasciato da Accredia - L’ente
italiano di accreditamento designato con decreto 22 dicembre
Considerato che gli oli di oliva vergini ed extravergini a 2009 quale unico organismo a svolgere attività di accredita-
D.O.P. o a I.G.P., per poter rivendicare la denominazione re- mento e vigilanza del mercato.
gistrata, devono possedere le caratteristiche chimico-fisiche
stabilite per ciascuna denominazione, nei relativi disciplinari
di produzione approvati dai competenti organi; Art. 4.
Considerato che tali caratteristiche chimico-fisiche degli oli 1. Il laboratorio sopra citato ha l’onere di comunicare
di oliva vergini ed extravergini a denominazione di origine de- all’amministrazione autorizzante eventuali cambiamenti so-
vono essere accertate da laboratori autorizzati; pravvenuti interessanti la struttura societaria, l’ubicazione del
Visto il decreto del 18 marzo 2015, pubblicato nella Gaz- laboratorio, la dotazione strumentale, l’impiego del personale
zetta Ufficiale della Repubblica italiana (Serie generale) n. 80 ed ogni altra modifica concernente le prove di analisi per le
del 7 aprile 2015 con il quale il laboratorio CE.FI.T. S.r.l., ubi- quali il laboratorio medesimo è accreditato.
cato in Avola (Siracusa), via Contrada Porretta, è stato auto- 2. L’omessa comunicazione comporta la sospensione
rizzato al rilascio dei certificati di analisi nel settore oleicolo; dell’autorizzazione.
Visto il decreto dell’8 aprile 2016, pubblicato nella Gazzet- 3. Sui certificati di analisi rilasciati e su ogni tipo di comu-
ta Ufficiale della Repubblica italiana (Serie generale) n. 105 nicazione pubblicitaria o promozionale diffusa, è necessario
del 6 maggio 2016, con il quale si è provveduto a modificare il indicare che il provvedimento ministeriale riguarda solo le
decreto del 18 marzo 2015, pubblicato nella Gazzetta Ufficia- prove di analisi autorizzate.
le della Repubblica italiana (Serie generale) n. 80 del 7 aprile
2015, a seguito della modifica della denominazione del labo- 4. L’amministrazione si riserva la facoltà di verificare la
ratorio CE.FI.T. S.r.l. in Sialab S.r.l.; sussistenza delle condizioni e dei requisiti su cui si fonda il
provvedimento autorizzatorio, in mancanza di essi, l’autoriz-
Vista la domanda di rinnovo dell’autorizzazione presentata zazione sarà revocata in qualsiasi momento.
dal laboratorio sopra indicato in data 31 ottobre 2019;
Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
Considerato che il laboratorio sopra indicato ha ottempe- della Repubblica italiana.
rato alle prescrizioni indicate al punto c) della predetta circo-
lare e in particolare ha dimostrato di avere ottenuto in data Roma, 25 novembre 2019
23 maggio 2019 l’accreditamento relativamente alle prove
indicate nell’allegato al presente decreto e del suo sistema Il dirigente: POLIZZI

— 22 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

ALLEGATO n. 216 del 15 settembre 2010, contenente disposizioni di


Denominazione della prova Norma/metodo
attuazione del regolamento (CE) n. 110/2008 del Parla-
mento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, con-
Analisi spettrofotometrica, Reg CEE 2568/1991 allegato IX cernente la definizione, la designazione, la presentazione,
determinazione del delta K + Reg UE 1833/2015 allegato III
l’etichettatura e la protezione delle indicazioni geografi-
Indice di perossidi Reg CEE 2568/1991 allegato III che delle bevande spiritose;
+ Reg UE 1784/2016
Vista l’istanza di registrazione dell’indicazione geogra-
Saggio di Kreiss (positivo/ PT 12 Rev. 0 15/12/2017 fica della «Ratafia Ciociara» o «Rattafia Ciociara», pre-
negativo)
sentata dall’Associazione produttori «Ratafia Ciociara» o
Polifenoli totali (25 ÷ 500 mg/ PT 31 Rev. 02 03/09/2018 «Rattafia Ciociara» per il tramite della Regione Lazio;
kg di acido gallico)
Visto l’avviso di registrazione della indicazione ge-
Acidità Reg CEE 2568/1991 allegato II + ografica della «Ratafia Ciociara» o «Rattafia Ciociara»
Reg UE 1277/2016 allegato I
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica ita-
liana n. 26 del 1° febbraio 2017, recante la scheda tecnica
della bevanda spiritosa in parola;
19A07680 Visti gli esiti dell’esame dei rilievi pervenuti in merito
alla scheda tecnica con tutti i portatori di interesse, da ul-
timo nell’audizione pubblica del 24 luglio 2019 presso la
DECRETO 29 novembre 2019. Camera di commercio di Frosinone;
Visto l’accordo raggiunto in sede di pubblica audizione
Attuazione dell’articolo 17 del regolamento (CE) sulle precisazioni da apportare alla scheda tecnica;
n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del
15 gennaio 2008, concernente la definizione, la designazione,
la presentazione, l’etichettatura e la protezione delle indica- Decreta:
zioni geografiche delle bevande spiritose - Disciplinare della
«Ratafia Ciociara» o «Rattafia Ciociara».
Art. 1.
IL DIRETTORE GENERALE 1. Ai fini della registrazione comunitaria della indi-
DELLE POLITICHE INTERNAZIONALI E DELL’UNIONE EUROPEA cazione geografica, prevista all’art. 17 del regolamento
(CE) n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consi-
Visto il regolamento (UE) 2019/787 del Parlamen- glio, del 15 gennaio 2008, è approvata la scheda tecnica
to europeo e del Consiglio del 17 aprile 2019 relativo dell’indicazione geografica «Ratafia Ciociara» o «Rat-
alla definizione, alla designazione, alla presentazione e tafia Ciociara» riportata in allegato, parte integrante del
all’etichettatura delle bevande spiritose, all’uso delle de- presente provvedimento.
nominazioni di bevande spiritose nella presentazione e Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficia-
nell’etichettatura di altri prodotti alimentari, nonché alla le della Repubblica italiana.
protezione delle indicazioni geografiche delle bevande
spiritose e all’uso dell’alcole etilico e di distillati di origi- Roma, 29 novembre 2019
ne agricola nelle bevande alcoliche, e che abroga il rego-
lamento (CE) n. 110/2008; Il direttore generale: ASSENZA
Considerato che fino alla adozione degli atti di delega
e di esecuzione previsti dagli articoli 41 e 42 del suddetto
regolamento, per l’espletamento delle procedure relative
ALLEGATO A
alla registrazione delle indicazioni geografiche, conti-
nuano ad applicarsi il regolamento (CE) n. 110/2008 del
Parlamento europeo e del Consiglio e il regolamento di SCHEDA TECNICA INDICAZIONE GEOGRAFICA
esecuzione 716/2013; «RATAFIA CIOCIARA» O «RATTAFIA CIOCIARA»
Visto il regolamento (CE) n. 110/2008 del Parlamento 1. Denominazione della bevanda spiritosa con indicazione
europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, relativo geografica:
alla definizione, alla designazione, alla presentazione, «Ratafia Ciociara» o «Rattafia Ciociara».
all’etichettatura e alla protezione delle indicazioni geo- Categoria della bevanda spiritosa con indicazione geografica:
grafiche delle bevande spiritose e, in particolare, l’art. 17 liquore.
che, ai fini della registrazione delle indicazioni geografi- 2. Descrizione della bevanda spiritosa:
che, prevede la presentazione alla Commissione europea a) Principali caratteristiche fisiche, chimiche e/o organolettiche
di una scheda tecnica; del prodotto:
Visto il regolamento (CE) n. 1308/2013 del Parlamento colore: rosso rubino più o meno intenso;
europeo e del Consiglio, del 17 dicembre 2013, recante odore: intenso, caratteristico di visciole o amarene, frutti di
bosco e/o mandorla;
organizzazione comune dei mercati agricoli e dei prodotti
sapore: aromatico, gradevole e persistente tipico del frutto di
agricoli; visciole o amarene e/o mandorla.
Visto il decreto ministeriale 13 maggio 2010 pubbli- b) Caratteristiche specifiche della bevanda spiritosa rispetto alla
cato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana categoria cui appartiene.

— 23 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

La denominazione «Ratafia Ciociara» o «Rattafia Ciociara» è tipico della Ciociaria anche ai bambini come fonte di vitamine. Le nonne pre-
esclusivamente riservata alla bevanda spiritosa ottenuta dall’infusione idroal- paravano il liquore nelle dame di coccio dove ponevano visciole ricoperte di
colica di visciole o amarene (Prunus Cerasus spp) e vino Cesanese del Piglio vino rosso e li tenevano al sole per quaranta giorni, prima di condire l’infuso
DOCG o Atina DOC Cabernet, lavorata in impianti ubicati nella Provincia con alcol e zucchero.
di Frosinone.
La tradizione popolare vuole farne risalire l’origine del prodotto molto
Le caratteristiche specifiche della «Ratafia Ciociara» o «Rattafia Cio- più indietro nel tempo, all’epoca di ambasciatori e regnanti che, discutendo
ciara» sono: solitamente sia di pace che di guerre intorno a tavole imbandite, erano soliti
titolo alcolometrico volumico: da 17 a 35% vol; suggellare gli accordi brindando con questa gustosa bevanda ed esclamando:
aromatizzata esclusivamente con succhi o infusi naturali di visciole o «Pax Rata Fiat» da cui deriverebbe il nome. Nelle famiglie ciociare la stessa
amarene e/o spezie (cannella, vaniglia, chiodi di garofano, mandorla amara). tradizione ha avuto seguito nelle contrattazioni matrimoniali tra i genitori dei
c) Zona geografica interessata. ragazzi che si apprestavano alle nozze.
Il prodotto «Ratafia Ciociara» o «Rattafia Ciociara» deve essere Degne di nota sono alcune considerazioni storiche ancora più antiche
lavorato ed imbottigliato nel territorio della Provincia di Frosinone. che fanno risalire ai tempi della Res Publica romana almeno 100 anni prima
d) Metodo di produzione della bevanda spiritosa. della nascita di Cristo, la presenza di Visciole in Val Comino. Ai tempi in cui
Lucullo partì per la Bitinia, il Ponto e l’Armenia nella battaglia contro Mitri-
Le visciole o amarene, dopo essere state lavate, vengono poste in date, egli incappò in frutti rossi e selvatici che crescevano sugli alberi, diversi
infusione in contenitori di acciaio con vino rosso Cesanese del Piglio DOCG dalle ciliegie. Tornato a Roma Lucullo perde il suo ruolo politico e decide di
o Atina DOC Cabernet nel rapporto variabile tra 0,5-1 kg: 1l. abbandonare la scena politica per dedicarsi al cibo e ai banchetti. È in questo
La fermentazione ha una durata minima di trenta giorni se si usano dei periodo che pianta alberi di Prunus e dà avvio alla produzione locale. È nar-
contenitori termici in grado di mantenere la temperatura da 20 a 35°C ed al- rata già nel tomo I de «Il ducato di Alvito nell’età di Gallio», la presenza di
meno quaranta giorni per la fermentazione naturale «al sole»; ovvero fino a visciole nelle mense locali. Nella citazione relativa a «l’ultimo di credenza»
quando le visciole si depositano sul fondo del contenitore. si legge: «neve di latte (meringhe) con zucchero, cedri conti, mostacciuoli,
L’infuso viene separato dal precipitato per filtrazione; il precipitato può ciambelle di monache, pasticcetti al miele, visciole in gelo [...]».
essere sottoposto a spremitura. A questo punto il semilavorato liquido vie- Probabilmente sono queste le ragioni storiche per cui sono così nume-
ne microfiltrato automaticamente per ottenere un prodotto limpido al quale rosi gli opifici nel territorio provinciale, fatto questo che rende testimonian-
aggiungere zucchero extrafino e/o semolato e/o di canna nella proporzione
variabile tra 1l: 0,25-0,5 kg. Successivamente si aggiunge alcool puro per rag- za del legame tra questo prodotto e il territorio ciociaro. Secondo «Gente di
giungere la gradazione indicata al punto 2 b). Ciociaria - concetto territoriale, condizioni economiche e sociali, migrazioni,
religiosità, credenze popolari, balie e modelle», testo di Ugo Iannazzi e Euge-
In alternativa le visciole o amarene, sempre dopo essere state lavate, nio Maria Beranger, è citata la Ratafia tra le bevande gradevoli che i ciociari
possono essere messe in infusione in una miscela idroalcolica alla gradazione potevano concedere essendo i loro frutti presenti sui terreni dei contadini;
da 22° a 96° nel rapporto di grammi 500 di frutti per ogni litro di miscela inoltre il testo cita che «nella seconda metà dell’800 sono attestate distillerie
idroalcolica, tanto da attuare un processo di osmosi atto ad ottenere un tipico di acquavite ad Alatri, Arnara, Ceccano, Frosinone, Pofi, Ripi, Strangolagalli,
estratto del frutto dal colore rosso scuro e dal classico gusto di Visciola e/o Torrice, Veroli e Villa Santo Stefano, […]. Distillerie con “lambicchi di capa-
Amarena. Successivamente questo infuso viene miscelato con vino Cesanese cità inferiore a 10 ettolittri” sono ricordati nel 1883 ad Anagni, Frosinone (2)
del Piglio DOCG o Atina DOC Cabernet (sciroppo di zucchero, alcool) fino
al raggiungimento della gradazione indicata al punto 2 b). Ripi, (2) e Serrone […].» Non è un caso che molti produttori locali abbiano
prodotto la «Ratafia» o «Rattafia» anche per ristoratori di altre province e
È ammessa l’aggiunta esclusiva di succhi (con una percentuale di frutta regioni come attestano numerose etichette del passato tra cui la «Ratafia di
compresa tra il 12 e il 15%) o infusi naturali di visciole o amarene in percen- Fumone», comune in Provincia di Frosinone, prodotta da un noto opificio
tuale massima del 25% e/o l’aromatizzazione di spezie (cannella, vaniglia, ciociaro.
chiodi di garofano, mandorla amara) non superiore al 5% del prodotto.
L’immissione al consumo deve avvenire in bottiglie di capacità nomina- Gli opifici locali, convinti del valore storico del prodotto — che lo ha
le di: 0,20 l - 0,375 l - 0,50 l - 0,70 l - 0,75 l - 1,0 l - 1,5 l. portato all’inscrizione nell’elenco dei prodotti tradizionali della Regione La-
zio — e della sua bontà, da diverso tempo etichettano in proprio la «Ratafia
e) Elementi che dimostrano il legame con l’ambiente geografico o Ciociara» o «Rattafia Ciociara» presentandola ai consumatori che sempre di
con l’origine geografica. più mostrano di apprezzarla.
Informazioni sulla zona geografica o sull’origine rilevanti per il legame:
Caratteristiche specifiche della bevanda spiritosa attribuibili alla zona
Le specie vegetale Prunus Cerasus spp è diffusa in Europa fin geografica:
dall’antichità e si adatta facilmente al clima temperato delle regioni del centro
Italia; ama terreni ben drenati e fertili. Non tollera la pioggia durante le fasi di Dalla felice unione di sole, vino Cesanese del Piglio DOCG o Atina
raccolta in quanto i frutti tendono a spaccarsi. Tra le principali regioni italiane DOC Cabernet e visciole nasce la «Ratafia Ciociara» o «Rattafia Ciociara».
in cui si diffonde spicca il Lazio — nella cosiddetta contea di Alvito, feudo del A questi semplici ingredienti di base col tempo si aggiungono l’alcool e lo
Regno di Napoli, nel cuore della Terra di Lavoro che interessava alcuni co- zucchero che ne aumentano il tenore alcolico fino ad arrivare alla ricetta an-
muni nella Valle di Comino quali Alvito, San Donato Val Comino, Settefrati, cora oggi diffusa e tramandata di generazione in generazione che risale agli
Picinisco, Atina, Belmonte, Vicalvi, Posta e Campoli — dove, soprattutto gra- inizi del ‘900.
zie alle specifiche condizioni pedoclimatiche, riesce ad avere rese produttive Interessante la citazione in «L’economia agraria e l’agricoltura nel cir-
significative oltre che di estrema qualità. condario di Frosinone» stampato a Veroli nel 1907 dal dott. G. Del Nero della
La Prunus Cerasus spp, come in generale tutta la frutta fresca, ha delle Scuola superiore di agraria in Portici che cita testualmente: «in qualche terre-
spiccate capacità nutritive e terapeutiche, nella fattispecie è ricca di vitamine no si coltiva anche il visciolo, che dà ciliege selvatiche, con cui si preparano
A e C che contribuiscono al buon funzionamento delle difese immunitarie; conserve ed un liquore speciale, di graditissimo sapore, che chiamasi rattafia».
contiene inoltre acido folico, calcio, potassio, magnesio, fosforo e flavonoidi,
sostanze importanti per la lotta ai radicali liberi; è depurativa, disintossicante, Una ricetta di fine Ottocento scritta a mano dalla signora Maria Coletti
diuretica e antireumatica. Sipari è oggi conservata nell’archivio privato Buriani di San Donato Val di
Comino (FR), paese natale della donna. Si legge: «Amarene chilo uno, vino
Probabilmente queste sono le principali motivazione per cui nel territo-
rio in questione, la «Ciociaria», la specie ha sempre goduto del rispetto degli rosso buono litro uno, spirito un quarto, zucchero un quarto: Aromi: cannella
esperti che già da tempi remoti, anche prima della I guerra mondiale, in as- e pezzetti di noce moscata. L’infuso si mette per quaranta giorni al sole, poi le
senza di medicinali, erano soliti somministrare il succo estratto, denominato amarene si pressano al torchietto e si fa il liquore».
Ratafia o Rattafia a bambini ed anziani ciociari, come antisettico e come fonte Molto significativa la notazione «vino rosso buono» come elemento
di vitamine e zuccheri. inequivocabilmente correlabile al territorio e alle sue più tipiche produzioni; è
Usato come digestivo e come rimedio per vari disturbi fisici si raccon- infatti indubbio che la signora Coletti Sipari facesse riferimento a eccellenze
ta che al tempo «della spagnola», la pandemia influenzale che fra il 1918 e vinicole locali riconducibili al vino Cesanese del Piglio (riconosciuto DOC
il 1919 si diffuse in quasi tutta l’Europa, chi avesse assunto questo liquore fin dal 1973 — decreto del Presidente della Repubblica 29 maggio 1973 — e
si sarebbe salvato dalla malattia. Nello scritto a cura di Lucia Zirizzotti «gli da ultimo grazie alla sua reputazione nazionale ed internazionale è stato rico-
antichi Sapori della Cucine Lepina», l’autore ricorda come le nonne ciociare, nosciuto con la massima qualificazione della DOCG — Decreto ministeriale
non avendo a disposizione medicinali in grado di rimediare al Tifo, scoppia- 1° agosto 2008) e al vino Atina Cabernet (approvato con decreto ministeriale
to prima della prima guerra mondiale, somministrassero la Rattafia, liquore 26 aprile 1999 e modificato con decreto ministeriale 2 agosto 2011).

— 24 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

La storia del prodotto Ratafia o Rattafia, come risultato della lavora- Vista la nota del 6 luglio 2015 della Direzione generale
zione di visciole e/o amarene con vino, è dunque fatta dal connubio di due dell’agricoltura e dello sviluppo rurale della Commissione eu-
referenze locali: la materia prima visciole/amarene (Prunus cerasus spp) e i
vini che ne esaltano il gusto in questa pregiata comunione. ropea con la quale è stata segnalata la necessità di riformulare
Le millenarie storie vitivinicole riferite alla terra del «Piglio» e alla terra la descrizione delle bevande spiritose, il metodo di produzio-
dell’antica «Sannita», dai Romani, al medioevo, fino ai giorni nostri è la ge- ne e chiarire le restrizioni in materia di imbottigliamento del
nerale e fondamentale prova della stretta connessione ed interazione esistente «Südtiroler Enzian» e/o «Genziana dell’Alto Adige»;
tra i fattori umani e la qualità e le peculiari caratteristiche del «Cesanese del
Piglio» e dell’eccellenza di «Atina». Vista la nota prot. n. 5468 del 9 ottobre 2015 con la quale
La «Ratafia Ciociara» o «Rattafia Ciociara» è un prodotto dal quale la l’Italia ha fornito le informazioni supplementari richieste ela-
gastronomia ciociara non può prescindere, come dimostra la sua presenza in borate sulla base degli approfondimenti condotti con il settore
numerosi menù e ricettari locali. produttivo;
f) Condizioni da rispettare in forza di disposizioni comunitarie e/o
nazionali e/o regionali. Vista la nota dell’11 marzo 2016 con la quale, in esito alla
La «Ratafia Ciociara» o «Rattafia Ciociara» deve essere etichettata valutazione delle informazioni supplementari fornite delle
nel rispetto della normativa vigente. autorità italiane, la Direzione generale dell’agricoltura e del-
g) Termini aggiuntivi all’indicazione geografica e norme specifiche lo sviluppo rurale della Commissione europea ha comunicato
in materia di etichettatura. che l’esame delle schede tecniche delle indicazioni geogra-
La «Ratafia Ciociara» o «Rattafia Ciociara» deve specificare il fiche stabilite in parola era da ritenersi concluso per la parte
processo produttivo di cui al punto 2 d). di propria competenza e ha rinviato la conclusione dell’iter
h) Nome e l’indirizzo del richiedente: di registrazione all’eventuale formulazione di osservazioni da
Associazione produttori «Ratafia Ciociara» o «Rattafia Ciociara», parte di altri servizi della Commissione e alla approvazione
viale Roma snc - 03100 Frosinone. del collegio al termine dell’esame;
19A07712 Visto l’avviso della Commissione europea recante infor-
mazioni concernenti la valutazione delle schede tecniche
relative alle indicazioni geografiche stabilite per le bevande
DECRETO 29 novembre 2019.
spiritose pubblicato nella serie C n. 115 della Gazzetta Uffi-
Modifica del decreto 31 luglio 2014, recante disposizioni in ciale dell’Unione europea del 27 marzo 2019 con la quale la
materia di attuazione dell’articolo 17 del regolamento (CE) Commissione ha dichiarato concluso l’esame delle indicazio-
n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gen- ni geografiche stabilite presentate alla commissione secondo
naio 2008, concernente la definizione, la designazione, la pre- l’art. 20, paragrafo 1, del reg. CE n. 110/2008 e riporta in alle-
sentazione, l’etichettatura e la protezione delle indicazioni geo- gato le bevande spiritose che sono risultate conformi ai requi-
grafiche delle bevande spiritose - Scheda tecnica del «Südtiroler siti di cui all’art. 15, paragrafo 1, del reg. n. 110/2008;
Enzian» e/o «Genziana dell’Alto Adige».
Considerato che le integrazioni apportate alla scheda tecni-
IL DIRETTORE GENERALE ca non modificano il metodo di produzione e la specifica qua-
DELLE POLITICHE INTERNAZIONALI E DELL’UNIONE EUROPEA lità del «Südtiroler Enzian» e/o «Genziana dell’Alto Adige»;

Visto il regolamento (UE) 2019/787 del Parlamento eu- Ravvisata la necessità di aggiornare la scheda tecnica del
ropeo e del Consiglio del 17 aprile 2019 relativo alla defini- «Südtiroler Enzian» e/o «Genziana dell’Alto Adige» allegata
zione, alla designazione, alla presentazione e all’etichettatura al decreto dipartimentale del 31 luglio 2014, n. 4513;
delle bevande spiritose, all’uso delle denominazioni di be- Decreta:
vande spiritose nella presentazione e nell’etichettatura di altri
prodotti alimentari, nonché alla protezione delle indicazioni
geografiche delle bevande spiritose e all’uso dell’alcole etilico Art. 1.
e di distillati di origine agricola nelle bevande alcoliche, e che
abroga il regolamento (CE) n. 110/2008; Modifica della scheda tecnica
Visto l’art. 49 del regolamento (UE) 2019/787 che stabili-
sce che l’art. 20 del regolamento (CE) n. 110/2008 del Parla- 1. È approvata la scheda tecnica dell’indicazione geogra-
mento europeo e del Consiglio, e l’art. 9 del regolamento di fica del «Südtiroler Enzian» e/o «Genziana dell’Alto Adige»
esecuzione 716/2013 continuano ad applicarsi fino all’esple- riportata in allegato, parte integrante del presente provvedi-
tamento delle procedure relative alla registrazione delle indi- mento. Tale scheda tecnica sostituisce l’allegato A del decreto
cazioni geografiche stabilite; ministeriale n. 4513 del 31 luglio 2014:
Visto il decreto dipartimentale n. 4513 del 31 luglio 2014 «Südtiroler Enzian» e/o «Genziana dell’Alto Adige»
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana (Allegato A).
n. 185 dell’11 agosto 2014, recante disposizioni in materia di
«Attuazione dell’art. 17 del regolamento (CE) n. 110/2008 Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficia-
del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 gennaio 2008, le della Repubblica italiana.
concernente la definizione, la designazione, la presentazione,
l’etichettatura e la protezione delle indicazioni geografiche Roma, 29 novembre 2019
delle bevande spiritose - Scheda tecnica del “Südtiroler En-
zian” e/o “Genziana dell’Alto Adige”»; Il direttore generale: ASSENZA

— 25 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

ALLEGATO A tare dalla tenuta di registri vidimati in cui sono riportati giornalmente
i quantitativi e il tenore alcolico del fermentato, ove previsto, avviato
alla distillazione.
SCHEDA TECNICA INDICAZIONE GEOGRAFICA riduzione a grado:
«SÜDTIROLER ENZIAN» E/O «GENZIANA DELL’ALTO ADIGE»
avviene con acqua potabile della Provincia autonoma Südti-
1. Denominazione della bevanda spiritosa con indicazione rol-Alto Adige o può essere eseguita con acqua addolcita, ma non demi-
geografica: neralizzata, di stessa provenienza;
«Südtiroler Enzian» e/o «Genziana dell’Alto Adige». l’acqua della Provincia autonoma Südtirol-Alto Adige è carat-
Categoria della bevanda spiritosa con indicazione geografica: terizzata dalla particolare formazione geologica delle montagne; su una
Acquavite di frutta, ottenuta con radici di genziana (Gentiana lutea L.) base di rocce ignee, porfido o granito, si trova uno strato prolungato di
dolomia, una roccia sedimentaria; ambedue gli strati geologici conferi-
La denominazione «Südtiroler Enzian» e/o «Genziana dell’Alto scono all’acqua sali minerali. Tali sali minerali influiscono sull’aroma
Adige» è esclusivamente riservata alla bevanda spiritosa ottenuta di- e sul gusto della bevanda spiritosa; l’acqua aggiunta per la riduzione
stillando il fermentato di radici di genziana (Gentiana lutea L.) even- a grado è quantitativamente importante dato che costituisce la metà
tualmente con l’aggiunta dopo la fermentazione di alcole etilico di dell’acquavite finita.
provenienza agricola, distillata e diluita a grado in impianti ubicati sul
territorio della Provincia autonoma Südtirol-Alto Adige. invecchiamento:
2. Descrizione della bevanda spiritosa: la bevanda spiritosa «Südtiroler Enzian» e/o «Genziana
dell’Alto Adige» era tradizionalmente invecchiata in recipienti/botti di
a) principali caratteristiche fisiche, chimiche e/o organolettiche legno. Tali recipienti erano diffusi sul territorio vista la disponibilità di
del prodotto: legno adatto per quest’uso e la presenza di uno o più bottai in quasi ogni
la bevanda spiritosa è ottenuta esclusivamente da radici di paese. Le piccole botti di legno, i cosiddetti «Lagelen», erano inoltre
genziana (Gentiana lutea L.) fermentate e distillate a fuoco diretto o utilizzate per il trasporto della bevanda spiritosa;
mediante vapore acqueo con l’aggiunta di alcole etilico di provenienza
agricola. la particolarità della bevanda spiritosa «Südtiroler Enzian»
e/o «Genziana dell’Alto Adige» consiste, pertanto, nella scelta della ma-
Il colore è trasparente e cristallino. Il suo aroma è erbaceo teria prima, nell’effettuazione della fase di produzione esclusivamente
molto delicato e ricorda la terra argillosa fresca. Il sapore è leggermen- in una zona di alta valenza ambientale quale è la Provincia autonoma
te amarognolo con note di bacche di sambuco nero. Al palato risulta Südtirol-Alto Adige, nell’esperienza secolare dei maestri distillatori e
corposa persistente e molto gradevole. Gli aromi robusti delle radici nel continuo miglioramento del ciclo di produzione.
sono armonicamente avvolti da eleganti note di cacao. Nel retrogusto si
presenta rotonda e avvolgente. Nella preparazione del «Südtiroler Enzian» e/o «Genziana dell’Al-
to Adige» è consentita l’aggiunta di:
b) caratteristiche specifiche della bevanda spiritosa rispetto alla
categoria cui appartiene: zuccheri, nel limite massimo di 20 grammi per litro, espresso in
zucchero invertito in conformità alle definizioni di cui al punto 3, lettere
il tenore di alcole metilico non deve essere superiore a 1.000 da a) a c) dell’Allegato I del regolamento CE n. 110/2008;
g/hl di alcole a 100 % in volume;
titolo alcolometrico non inferiore a 40 % in volume. caramello, solo per la bevanda spiritosa sottoposta ad invec-
chiamento almeno dodici mesi, secondo le disposizioni comunitarie e
c) zona geografica interessata: nazionali vigenti.
le fasi di pulizia, macinazione, fermentazione delle radici, La bevanda spiritosa «Südtiroler Enzian» e/o «Genziana dell’Alto
la distillazione, nonché le fasi successive quali la riduzione a grado e Adige» può essere sottoposta ad invecchiamento in botti, tini ed altri
l’eventuale invecchiamento avvengono nel territorio della Provincia au- recipienti di legno.
tonoma Südtirol-Alto Adige.
e) elementi che dimostrano il legame con l’ambiente geografico
d) metodo di produzione della bevanda spiritosa: o con l’origine geografica:
la bevanda spiritosa «Südtiroler Enzian» e/o «Genziana la produzione della bevanda spiritosa «Südtiroler Enzian»
dell’Alto Adige» è ottenuta per distillazione mediante impianti discon- e/o «Genziana dell’Alto Adige», così come documentato in numerose
tinui a bagnomaria, a fuoco diretto o vapore indiretto dopo l’aggiunta di testimonianze storiche, ha in Südtirol/Alto Adige una lunga tradizio-
acqua nell’alambicco, con separazione delle teste e delle code, da radici ne (si veda Der Obstbau, die Obstproduktion und der Obsthandel im
di genziana fresche o essiccate, fermentate senza aggiunta di alcole etili- deutschen Südtirol - Coltivazione e esportazione della Williams Chri-
co di origine agricola. È possibile eventualmente aggiungere prima della stbirne in Alto Adige e la produzione di distillato di prugne e ciliegie
distillazione alcole etilico di origine agricola. in Val Venosta e Valle Isarco nel 1894, Mader Karl, Genossenschafts-
Nella produzione di «Südtiroler Enzian» e/o «Genziana dell’Alto Verband, Bozen 1894).
Adige» vengono utilizzate almeno 10 kg di radici essiccate o la quantità
equivalente di radici fresche di Gentiana lutea L. per hl di alcol 100 %. La particolarità della bevanda spiritosa «Südtiroler Enzian» e/o
«Genziana dell’Alto Adige» esiste quindi principalmente nella selezio-
La macinazione, la fermentazione, la distillazione, la riduzione a ne delle materie prime e nelle tradizionali metodologie di lavorazione,
grado, l’eventuale invecchiamento devono avvenire nella Provincia au- nell’effettuazione della fase di produzione esclusivamente in una zona
tonoma Südtirol-Alto Adige. di alta valenza ambientale quale è la Provincia autonoma Südtirol-Alto
Le metodologie di produzione sono di seguito dettagliate: Adige, nell’esperienza secolare dei maestri distillatori.
preparazione della purea: La materia prima utilizzata risulta dai documenti di accompagna-
macinazione delle radici sane e pulite; mento e dai registri dei distillatori.
fermentazione a temperatura controllata, anche in relazione f) condizioni da rispettare in forza di disposizioni comunitarie
alle particolari condizioni climatiche in Südtirol-Alto Adige, che fa- e/o nazionali e/o regionali:
voriscono lo sviluppo di aromi più fini durante la fermentazione della decreto del Presidente della Repubblica n. 297 del 16 luglio
materia prima; 1997.
assemblaggio dello spirito ottenuto dalle radici fermentate e/o g) nome e indirizzo del richiedente:
macerate;
Südtiroler Hofbrennereien e.V. Distillatori artigianali dell’Al-
distillazione: to Adige, Juval 1 B 39020 Castelbello-Ciardes (BZ).
alla fine di questo elaborato processo segue il tradizionale
processo di distillazione mediante impianti a lavorazione discontinua; i h) termini aggiuntivi all’indicazione geografica e norme specifi-
vapori alcolici ottenuti a bassa gradazione consentono di mantenere nel che in materia di etichettatura:
prodotto molteplici componenti aromatici che contribuiscono a confe- il «Südtiroler Enzian» e/o «Genziana dell’Alto Adige» deve
rire il tipico carattere organolettico della bevanda spiritosa «Südtiroler essere etichettato in conformità al decreto legislativo 27 gennaio 1992,
Enzian» e/o «Genziana dell’Alto Adige». n. 109, e successive modifiche.
La distillazione del fermentato deve essere effettuata a meno
dell’86 per cento in volume. L’osservanza dei limiti previsti deve risul- 19A07713

— 26 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

DECRETO 29 novembre 2019. Considerato che le integrazioni apportate alla sche-


da tecnica non modificano il metodo di produzione e la
Modifica del decreto 24 novembre 2014, recante disposizio- specifica qualità della «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa
ni in materia di attuazione dell’articolo 17 del regolamento
(CE) n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del dell’Alto Adige»;
15 gennaio 2008, concernente la definizione, la designazione, Ravvisata la necessità di aggiornare la scheda tecnica
la presentazione, l’etichettatura e la protezione delle indica- della «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Alto Adige»
zioni geografiche delle bevande spiritose - Scheda tecnica del- allegata al decreto direttoriale del 24 novembre 2014,
la «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Alto Adige». n. 6617;

IL DIRETTORE GENERALE Decreta:


DELLE POLITICHE INTERNAZIONALI E DELL’UNIONE EUROPEA

Art. 1.
Visto il regolamento (UE) 2019/787 del Parlamento eu-
ropeo e del Consiglio del 17 aprile 2019 relativo alla defi- Modifica della scheda tecnica
nizione, alla designazione, alla presentazione e all’etichetta-
tura delle bevande spiritose, all’uso delle denominazioni di 1. È approvata la scheda tecnica dell’indicazione geo-
bevande spiritose nella presentazione e nell’etichettatura di grafica della «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Alto
altri prodotti alimentari, nonché alla protezione delle indica- Adige» riportata in allegato, parte integrante del presente
zioni geografiche delle bevande spiritose e all’uso dell’al- provvedimento. Tale scheda tecnica sostituisce l’allegato
cole etilico e di distillati di origine agricola nelle bevande A del decreto ministeriale n. 6617 del 24 novembre 2014:
alcoliche, e che abroga il regolamento (CE) n. 110/2008; «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Alto Adige»
Visto l’art. 49 del regolamento (UE) 2019/787 che sta- (Allegato A).
bilisce che l’art. 20 del regolamento (CE) n. 110/2008 del Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficia-
Parlamento europeo e del Consiglio, e l’art. 9 del regola- le della Repubblica italiana.
mento di esecuzione 716/2013 continuano ad applicarsi Roma, 29 novembre 2019
fino all’espletamento delle procedure relative alla regi-
strazione delle indicazioni geografiche stabilite; Il direttore generale: ASSENZA
Visto il decreto direttoriale n. 6617 del 24 novembre
2014 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubbli-
ca italiana n. 281 del 3 dicembre 2014, recante disposizio-
ni in materia di «Attuazione dell’art. 17 del regolamento ALLEGATO A
(CE) n. 110/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio,
del 15 gennaio 2008, concernente la definizione, la desi- SCHEDA TECNICA INDICAZIONE GEOGRAFICA
gnazione, la presentazione, l’etichettatura e la protezio- «SÜDTIROLER GRAPPA» E/O «GRAPPA DELL’ALTO ADIGE»
ne delle indicazioni geografiche delle bevande spiritose 1. Denominazione della bevanda spiritosa con indicazione
- Scheda tecnica della “Südtiroler Grappa” e/o “Grappa geografica:
dell’Alto Adige”»; «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Alto Adige».
Vista la nota del 5 agosto 2016 della Direzione genera- Categoria della bevanda spiritosa con indicazione geografica:
le dell’agricoltura e dello sviluppo rurale della Commis- acquavite di vinaccia.
sione europea con la quale è stata segnalata la necessità 2. Descrizione della bevanda spiritosa:
di riformulare la descrizione delle bevande spiritose, il a) caratteristiche fisiche, chimiche e/o organolettiche della
categoria:
legame con l’ambiente geografico e chiarire le restrizioni il colore è trasparente e cristallino. Il profumo è intenso e for-
in materia di imbottigliamento della «Südtiroler Grappa» temente tipico che ricorda le caratteristiche note floreali delle materie
e/o «Grappa dell’Alto Adige»; prime distillate e le tipiche note fruttate del processo fermentativo. Non
si devono avvertire note pungenti o rancide. Il sapore è intenso, per-
Vista la trasmissione, tramite il sistema di informazio- durante, ricco di note che ricordano la buccia dell’uva. Per i prodotti
ne «e-Ambrosia», della scheda tecnica modificata con la invecchiati in legno il colore deve essere ambrato e si devono avvertire
quale l’Italia ha fornito le informazioni supplementari le caratteristiche note di vaniglia e cioccolato, il sapore deve essere gra-
richieste elaborate sulla base degli approfondimenti con- devole, morbido e delicato.
dotti con il settore produttivo; b) caratteristiche specifiche della bevanda spiritosa rispetto alla
categoria cui appartiene:
Visto l’avviso della Commissione europea recante in- titolo alcolometrico non inferiore a 40 % in volume;
formazioni concernenti la valutazione delle schede tec- tenore di alcole metilico non superiore a 900 g/hl di alcole a
niche relative alle indicazioni geografiche stabilite per 100 per cento in volume;
le bevande spiritose pubblicato nella serie C n. 115 del- tenore di 2-butan-1-olo non superiore a 100 g/hl di alcole a
la Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 27 marzo 100% vol;
2019 con la quale la Commissione ha dichiarato concluso tenore di acetaldeide non superiore a 100 g/hl di alcole a
100% vol;
l’esame delle indicazioni geografiche stabilite presentate
tenore di acetato di etile non superiore a 175 g/hl di alcole a
alla commissione secondo l’art. 20, paragrafo 1, del reg. 100% vol;
CE n. 110/2008 e riporta in allegato le bevande spiritose tenore di acidità (come acido acetico) non superiore a 50 g/hl
che sono risultate conformi ai requisiti di cui all’art. 15, di alcole a 100% vol per le grappe non invecchiate e 150 g/hl di alcole a
paragrafo 1, del reg. n. 110/2008; 100% vol per le grappe invecchiate o riserva;

— 27 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

tenore di alcoli superiori compreso fra 250 e 600 g/hl di alcole caramello, solo per la grappa sottoposta ad invecchiamento
a 100% vol; almeno dodici mesi, secondo le disposizioni comunitarie e nazionali
tenore di rame non superiore a 5 mg/L. vigenti;
La denominazione «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Alto La «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Alto Adige» può essere
Adige» è esclusivamente riservata all’acquavite di vinaccia ottenuta da sottoposta ad invecchiamento in botti, tini ed altri recipienti di legno.
materie prime ricavate da uve prodotte e vinificate nella Provincia au- In fase di imbottigliamento è consentita l’aggiunta di piante aro-
tonoma Südtirol/Alto Adige, distillata, diluita a grado e imbottigliata in matiche o loro parti, nonché frutta o loro parti secondo i metodi di pro-
impianti ubicati sul territorio nella Provincia autonoma Südtirol/Alto duzione tradizionali; Le indicazioni devono essere riportate nella deno-
Adige/Italia. minazione di vendita della «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Alto
c) zona geografica interessata: Adige».
l’intero territorio della Provincia di Südtirol/Alto Adige. L’operazione di riduzione a grado è sempre completata da una fil-
trazione del prodotto per renderlo limpido e stabile prima dell’imbot-
d) metodo di produzione della bevanda spiritosa. tigliamento. Tale operazione e le modalità di esecuzione sono partico-
Tradizionalmente le vinacce provengono da uve coltivate e vini- larmente delicate e importanti per il mantenimento delle caratteristiche
ficate nella provincia autonoma. Le fasi di maturazione, vendemmia e organolettiche derivanti dalle materie prime. Le grappe del Südtirol/
vinificazione permettono di ottenere delle vinacce fresche che vengono Alto Adige sono particolarmente ricche in composti aromatici derivanti
velocemente processate nelle distillerie. La distillazione, nonché le fasi dalla lavorazione di materie prime fresche, al fine di mantenere inaltera-
successive quali la riduzione a grado e l’eventuale invecchiamento e te tali caratteristiche organolettiche tutte le operazioni devono avvenire
imbottigliamento avvengono nel territorio della Provincia autonoma in tempi ristretti e con modalità tecnologiche particolari che rispettano
Südtirol - Alto Adige. la ricchezza compositiva del distillato grezzo. La movimentazione del
La produzione della «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Alto prodotto sfuso grezzo o diluito a grado, provoca fenomeni di degrada-
Adige» è conseguente alla rinomanza vitivinicola del territorio provin- zione qualitativa a quali ossidazioni e irrancidimenti a carico dei com-
ciale. Le cantine ove si ottengono le vinacce fresche e/o fermentate sono posti aromatici caratteristici delle grappe del Südtirol/Alto Adige. Tra-
in prossimità delle distillerie, ciò consente di trasportare in breve tempo dizionalmente le operazioni di imbottigliamento avvengono nella zona
le vinacce prima che a carico delle stesse avvengano fenomeni di degra- di produzione in tempi ristretti al fine di limitare quanto più possibile
dazione qualitativa e di mantenere quindi le caratteristiche sensoriali dei tali fenomeni. La fermentazione, la distillazione, la riduzione a grado,
vitigni di origine. Tale rapidità nei processi è di fondamentale importan- l’eventuale invecchiamento, l’imbottigliamento e l’etichettatura devono
za per la conservazione e l’estrazione dei profumi e dei composti che pertanto avvenire nel territorio nella Provincia autonoma di Südtirol/
conferiscono le caratteristiche organolettiche particolari alla Südtiroler Alto Adige.
Grappa» e/o «Grappa dell’Alto Adige». Nella presentazione e nella promozione è consentito l’uso dei ter-
La «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Alto Adige» è ottenuta mini, «vecchia» o «invecchiata» per la grappa sottoposta ad invecchia-
da vinacce fermentate o semi fermentate di vino prodotto nella Provin- mento, in recipienti di legno non verniciati né rivestiti, per un periodo
cia autonoma di Südtirol/Alto Adige, da uve coltivate e vinificate nella non inferiore a dodici mesi in regime di sorveglianza fiscale, in impian-
Provincia autonoma di Südtirol/Alto Adige. Le vinacce sopraindicate ti ubicati nel territorio della Provincia autonoma Südtirol/Alto Adige.
vengono distillate mediante impianti a lavorazione continua o disconti- Sono consentiti i normali trattamenti di conservazione del legno dei re-
nua a vapore diretto, a fuoco diretto o indiretto o vapore indiretto dopo cipienti. È consentito, altresì, l’uso dei termini «riserva» o «stravecchia»
l’aggiunta di acqua nell’alambicco, con separazione delle testa e delle per la grappa invecchiata almeno diciotto mesi. Può essere specificata
coda. la durata dell’invecchiamento, espressa in mesi e in anni, o soltanto in
Nella produzione della grappa è consentito l’impiego di fecce li- mesi.
quide naturali di vino nella misura massima di 25 kg per 100 kg di vi- e) elementi che dimostrano il legame con l’ambiente geografico
nacce utilizzate. o con l’origine geografica.
La quantità di alcole proveniente dalle fecce non può superare il 35 La produzione della grappa risponde alla vocazione vitivinicola
per cento della quantità totale di alcole nel prodotto finito. della Provincia autonoma di Südtirol/Alto Adige in relazione anche alla
L’impiego delle fecce liquide naturali di vino può avvenire me- consolidata attività di distillazione dei sottoprodotti. Già nel periodo
diante aggiunta delle fecce alle vinacce prima del passaggio in distilla- asburgico era consentito ai produttori di uva e vino la possibilità di di-
zione, o mediante disalcolazione in parallelo della vinaccia e delle fecce stillare e commercializzare i sottoprodotti della vinificazione.
e invio alla distillazione della miscela delle due flemme, o dei vapori Dal punto di vista tecnologico e organolettico le particolarità della
alcolici, o mediante disalcolazione separata delle vinacce e delle fecce «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Alto Adige» consistono soprat-
e successivo invio diretto alla distillazione della miscela delle flemme. tutto in:
Dette operazioni devono essere effettuate nella medesima distilleria di la disponibilità di uve di altissima qualità, oltre 90 % proven-
produzione. gono da uve atte alla produzione di vini DOC, con un aroma partico-
La distillazione delle vinacce fermentate o semi fermentate, in larmente sviluppato grazie agli sbalzi di temperatura tra giorno e notte;
impianto continuo o discontinuo, deve essere effettuata a meno di 86 le vinacce diraspate, fresche e fermentate o semi fermentate di
per cento in volume. Entro tale limite è consentita la ridistillazione del vino rosso e bianco vengono conservate in silo in assenza dell’aria e/o in
prodotto ottenuto. L’osservanza dei limiti previsti deve risultare dalla te- appositi contenitori chiusi (bins) in celle frigo per mantenerne inalterata
nuta di registri vidimati in cui sono riportati giornalmente i quantitativi e la fragranza aromatica e la qualità compositiva;
il tenore alcolico delle vinacce, delle fecce liquide naturali di vino, ove i vapori alcolici, ottenuti a bassa gradazione, consentono di man-
previsto, avviate alla distillazione, nonché delle flemme, nel caso in cui tenere nel prodotto molteplici componenti aromatiche che contribuisco-
l’avvio di queste ultime alla distillazione sia effettuato successivamente no a conferire il tipico carattere organolettico della grappa;
alla loro produzione.
riduzione a grado avviene con acqua potabile della Provincia
La diluizione a grado avviene con acqua potabile della Provincia autonoma di Südtirol/Alto Adige o può essere eseguita con acqua ad-
autonoma di Südtirol/Alto Adige o può essere eseguita con acqua ad- dolcita, ma non demineralizzata, di stessa provenienza e l’acqua della
dolcita, ma non demineralizzata, di stessa provenienza. L’acqua della Provincia autonoma di Südtirol/Alto Adige è caratterizzata dalla parti-
Provincia autonoma di Südtirol/Alto Adige è caratterizzata dalla parti- colare formazione geologica delle montagne; su una base di rocce ignee,
colare formazione geologica delle montagne; su una base di rocce ignee, porfido o granito o gneis, si trova uno strato prolungato di dolomia, una
porfido, gneis o granito, si trova uno strato prolungato di dolomia, una roccia sedimentaria; ambedue gli strati geologici conferiscono all’acqua
roccia sedimentaria; ambedue gli strati geologici conferiscono all’acqua sali minerali; tali sali minerali influiscono sull’aroma e sul gusto della
sali minerali. Tali sali minerali influiscono sull’aroma e sul gusto della grappa; l’acqua aggiunta per la riduzione a grado è quantitativamente
grappa; l’acqua aggiunta per la riduzione a grado è quantitativamente importante dato che costituisce la metà dell’acquavite finita.
importante dato che costituisce la metà dell’acquavite finita.
Il particolare processo di elaborazione della «Südtiroler Grappa»
Nella preparazione della «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Al- e/o «Grappa dell’Alto Adige» consiste, pertanto, nella scelta della ma-
to Adige» è consentita, l’aggiunta di: teria prima, nell’effettuazione della fase di produzione esclusivamente
zuccheri, nel limite massimo di 20 grammi per litro, espresso in in una zona di alta valenza ambientale quale è la Provincia autonoma
zucchero invertito in conformità alle definizioni di cui al punto 3, lettere Südtirol/Alto Adige, nell’esperienza secolare dei maestri distillatori e
da a) a c) dell’Allegato I del regolamento CE n. 110/2008; nel continuo miglioramento del ciclo di produzione.

— 28 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

La materia prima utilizzata risulta dai documenti di accompagna- Viste le risultanze della revisione dell’associazione di
mento e dai registri dei distillatori. rappresentanza, dalla quale si rileva lo stato d’insolvenza
f) condizioni da rispettare in forza di disposizioni comunitarie della suddetta società cooperativa;
e/o nazionali e/o regionali:
decreto del Presidente della Repubblica 16 luglio 1997, Considerato quanto emerge dalla visura camerale ag-
n. 297. giornata, effettuata d’ufficio presso il Registro delle
g) termini aggiuntivi all’indicazione geografica e norme specifi- imprese, e dalla situazione patrimoniale aggiornata al
che in materia di etichettatura. 31 luglio 2018, acquisita in sede di revisione, da cui si evi-
La «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Alto Adige» deve essere denzia una condizione di sostanziale insolvenza in quan-
etichettata in conformità al decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 109, to, a fronte di un attivo patrimoniale di euro 1.607.682,00,
e successive modifiche e nel rispetto dei seguenti principi:
si riscontra una massa debitoria di euro 1.832.044,00 ed
1. il termine «Südtiroler Grappa» e/o «Grappa dell’Alto Adige»
può essere completato dal riferimento: un patrimonio netto negativo di euro - 988.936,00;
a) al nome di un vitigno, qualora sia stata ottenuta in distilla- Considerato che in data 29 maggio 2019 è stato assol-
zione da materie prime provenienti per il 100% in peso dalla vinificazio- to l’obbligo di cui all’art. 7 della legge 7 agosto 1990,
ne di uve di tale vitigno; è ammessa una tolleranza di altri vitigni fino ad n. 241, dando comunicazione dell’avvio del procedimen-
un massimo del 15% in peso;
to a tutti i soggetti interessati e che il legale rappresen-
b) ai nomi di non più di due vitigni, qualora sia stata otte-
nuta dalla distillazione di materie prime interamente provenienti dalla tante della suddetta cooperativa ha dichiarato formal-
vinificazione di uve ottenute dalla coltivazione di tali vitigni. I vitigni mente di rinunciare alle presentazioni di osservazioni e/o
devono essere menzionati in etichetta in ordine ponderale decrescente. controdeduzioni;
Non è consentita l’indicazione di vitigni utilizzati in misura inferiore al
15% in peso. Vista la nota con la quale l’associazione di rappresen-
L’indicazione dei vitigni in etichetta deve avvenire con lo stesso tanza segnala l’urgenza dell’adozione del provvedimento
carattere ed evidenza tipografica; di liquidazione coatta amministrativa nei confronti della
c) al nome di un vino DOC, DOCG o IGT può essere utilizzato cooperativa in argomento;
se le materie prime provengono dalla vinificazione di uve conformi al Visto l’art. 2545-terdecies del codice civile e ritenuto
disciplinare di produzione stabilito nella scheda tecnica di tale vino; in
tal caso è vietato utilizzare i simboli e le diciture (DOC, DOCG e IGT) di dover disporre la liquidazione coatta amministrativa
(DOP, IGP) sia in sigla che per esteso; della suddetta società;
d) al metodo di distillazione, continuo o discontinuo, e al tipo Visto l’art. 198 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267;
di alambicco.
2. Per le grappe che rispondono contemporaneamente a più riferi- Considerato che, in data 6 novembre 2019, presso
menti di cui ai precedenti punti a), b) e c) deve comunque essere utiliz- l’Ufficio di Gabinetto è stata effettuata l’estrazione a sor-
zata una sola denominazione di vendita. te del professionista cui affidare l’incarico di commissa-
g) nome e indirizzo del richiedente: rio liquidatore nell’ambito della terna segnalata, ai sensi
Südtiroler Hofbrennereien e.V. Distillatori artigianali dell’Al- dell’art. 9 della legge 17 luglio 1975, n. 400, dalla asso-
to Adige, Juval 1 B - 39020 Castelbello-Ciardes (BZ). ciazione nazionale di rappresentanza assistenza, tutela e
revisione del movimento cooperativo alla quale il sodali-
19A07714 zio risulta aderente;
Visto il relativo verbale delle operazioni di estrazione a
sorte in data 6 novembre 2019, dal quale risulta l’indivi-
MINISTERO duazione del nominativo del dott. Sandro Secchiero;
DELLO SVILUPPO ECONOMICO
Decreta:
DECRETO 18 novembre 2019.
Liquidazione coatta amministrativa della «Italgea servizi Art. 1.
e logistica società cooperativa a r.l. in liquidazione», in Pa- La società cooperativa «Italgea servizi e logistica so-
dova e nomina del commissario liquidatore. cietà cooperativa a r.l. in liquidazione», con sede in Pado-
va (codice fiscale 04683000287), è posta in liquidazione
IL MINISTRO coatta amministrativa, ai sensi dell’art. 2545-terdecies del
DELLO SVILUPPO ECONOMICO codice civile.
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei mini- Considerati gli specifici requisiti professionali, come
stri 5 dicembre 2013, n. 158, recante il regolamento di risultanti dal curriculum vitae, è nominato commissario
organizzazione del Ministero dello sviluppo economi- liquidatore il dott. Sandro Secchiero (codice fiscale SCC
co, per le competenze in materia di vigilanza sugli enti SDR 65A20 H620G), nato a Rovigo il 20 gennaio 1965,
cooperativi; ed ivi domiciliato, piazza Merlin n. 24.
Visto il decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito Art. 2.
nella legge 7 agosto 2012, n. 135;
Vista l’istanza con la quale la Confederazione coo- Con successivo provvedimento sarà definito il tratta-
perative italiane ha chiesto che la società «Italgea Ser- mento economico del commissario liquidatore ai sensi
vizi e logistica Società cooperativa a r.l. in liquidazio- della legislazione vigente.
ne» sia ammessa alla procedura di liquidazione coatta Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Uffi-
amministrativa; ciale della Repubblica italiana.

— 29 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Il presente provvedimento potrà essere impugnato din- Considerato che, in data 6 novembre 2019, presso
nanzi al competente Tribunale amministrativo regionale, l’Ufficio di Gabinetto è stata effettuata l’estrazione a sor-
ovvero a mezzo di ricorso straordinario al Presidente del- te del professionista cui affidare l’incarico di commissa-
la Repubblica ove ne sussistano i presupposti di legge. rio liquidatore nell’ambito della terna segnalata, ai sensi
Roma, 18 novembre 2019 dell’art. 9 della legge 17 luglio 1975, n. 400, dalla asso-
ciazione nazionale di rappresentanza assistenza, tutela e
Il Ministro: PATUANELLI revisione del movimento cooperativo alla quale il sodali-
zio risulta aderente;
19A07747 Visto il relativo verbale delle operazioni di estrazione a
sorte in data 6 novembre 2019, dal quale risulta l’indivi-
duazione del nominativo del dott. Nicola Miotello;
DECRETO 18 novembre 2019.
Decreta:
Liquidazione coatta amministrativa della «Tempus socie-
tà cooperativa sociale onlus - in liquidazione», in Fonzaso e
nomina del commissario liquidatore. Art. 1.
La società cooperativa «Tempus società cooperativa
IL MINISTRO sociale onlus - in liquidazione», con sede in Fonzaso (BL)
DELLO SVILUPPO ECONOMICO (codice fiscale 01174800258), è posta in liquidazione co-
atta amministrativa, ai sensi dell’art. 2545-terdecies del
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei mini- codice civile.
stri 5 dicembre 2013, n. 158, recante il regolamento di Considerati gli specifici requisiti professionali, come
organizzazione del Ministero dello sviluppo economi- risultanti dal curriculum vitae, è nominato commissario
co, per le competenze in materia di vigilanza sugli enti liquidatore il dott. Nicola Miotello (codice fiscale MTL
cooperativi; NCL 67D12 E473C), nato a Latisana (UD) il 12 aprile
Visto il decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito 1967, e domiciliato in Martellago (VE), piazza Bertati
nella legge 7 agosto 2012, n. 135; n. 6/2.
Vista l’istanza con la quale la Confederazione coope-
rative italiane ha chiesto che la società «Tempus società Art. 2.
cooperativa sociale onlus - in liquidazione» sia ammessa
alla procedura di liquidazione coatta amministrativa; Con successivo provvedimento sarà definito il tratta-
mento economico del commissario liquidatore ai sensi
Viste le risultanze della revisione dell’associazione di della legislazione vigente.
rappresentanza, dalla quale si rileva lo stato d’insolvenza
della suddetta società cooperativa; Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Uffi-
ciale della Repubblica italiana.
Considerato quanto emerge dalla visura camerale ag-
giornata, effettuata d’ufficio presso il competente Regi- Il presente provvedimento potrà essere impugnato din-
stro delle imprese, dalla quale si evince che l’ultimo bi- nanzi al competente Tribunale amministrativo regionale,
lancio depositato dalla cooperativa, riferito all’esercizio ovvero a mezzo di ricorso straordinario al Presidente del-
al 31 dicembre 2018, evidenzia una condizione di sostan- la Repubblica ove ne sussistano i presupposti di legge.
ziale insolvenza in quanto, a fronte di un attivo patrimo- Roma, 18 novembre 2019
niale di euro 995.742,00 si riscontra una massa debitoria
di euro 1.388.146,00 ed un patrimonio netto negativo Il Ministro: PATUANELLI
di euro - 465.327,00;
Considerato che in data 29 maggio 2019 è stato assol- 19A07748
to l’obbligo di cui all’art. 7 della legge 7 agosto 1990,
n. 241, dando comunicazione dell’avvio del procedimen-
to a tutti i soggetti interessati e che il legale rappresen- DECRETO 18 novembre 2019.
tante della suddetta cooperativa ha dichiarato formal-
mente di rinunciare alle presentazioni di osservazioni e/o Liquidazione coatta amministrativa della «Area Rebus
controdeduzioni; società cooperativa a responsabilità limitata», in Rovigo e
nomina del commissario liquidatore.
Vista la nota con la quale l’associazione di rappresen-
tanza segnala l’urgenza dell’adozione del provvedimento IL MINISTRO
di liquidazione coatta amministrativa nei confronti della DELLO SVILUPPO ECONOMICO
cooperativa in argomento;
Visto l’art. 2545-terdecies del codice civile e ritenuto Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri
di dover disporre la liquidazione coatta amministrativa 5 dicembre 2013, n. 158, recante il regolamento di orga-
della suddetta società; nizzazione del Ministero dello sviluppo economico, per le
Visto l’art. 198 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267; competenze in materia di vigilanza sugli enti cooperativi;

— 30 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Visto il decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito Art. 2.


nella legge 7 agosto 2012, n. 135;
Con successivo provvedimento sarà definito il tratta-
Vista l’istanza con la quale la Lega nazionale delle co- mento economico del commissario liquidatore ai sensi
operative e mutue ha chiesto che la società «Area Rebus della legislazione vigente.
società cooperativa a responsabilità limitata» sia ammes-
sa alla procedura di liquidazione coatta amministrativa; Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Uffi-
ciale della Repubblica italiana.
Viste le risultanze della revisione dell’associazione di Il presente provvedimento potrà essere impugnato din-
rappresentanza, dalla quale si rileva lo stato d’insolvenza nanzi al competente Tribunale amministrativo regionale,
della suddetta società cooperativa;
ovvero a mezzo di ricorso straordinario al Presidente del-
Considerato quanto emerge dalla situazione patrimo- la Repubblica ove ne sussistano i presupposti di legge.
niale aggiornata al 31 maggio 2018, acquisita in sede di
revisione, da cui si evidenzia una condizione di sostan- Roma, 18 novembre 2019
ziale insolvenza in quanto, a fronte di un attivo circolante
di euro 74.617,00, si riscontra una massa debitoria a bre- Il Ministro: PATUANELLI
ve di euro 211.306,00 ed un patrimonio netto negativo
di euro - 205.901,00; 19A07749

Considerato che in data 29 maggio 2019 è stato assol-


to l’obbligo di cui all’art. 7 della legge 7 agosto 1990,
n. 241, dando comunicazione dell’avvio del procedimen- DECRETO 18 novembre 2019.
to a tutti i soggetti interessati e che il legale rappresen-
tante della suddetta cooperativa ha dichiarato formal- Liquidazione coatta amministrativa della «Libera 2000
società cooperativa - in liquidazione», in Rovigo e nomina
mente di rinunciare alle presentazioni di osservazioni e/o
del commissario liquidatore.
controdeduzioni;
Visto l’art. 2545-terdecies del codice civile e ritenuto IL MINISTRO
di dover disporre la liquidazione coatta amministrativa DELLO SVILUPPO ECONOMICO
della suddetta società;
Visto l’art. 198 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267; Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei mini-
stri 5 dicembre 2013, n. 158, recante il regolamento di
Considerato che, in data 6 novembre 2019, presso organizzazione del Ministero dello sviluppo economi-
l’Ufficio di Gabinetto è stata effettuata l’estrazione a sor- co, per le competenze in materia di vigilanza sugli enti
te del professionista cui affidare l’incarico di commissa- cooperativi;
rio liquidatore nell’ambito della terna segnalata, ai sensi
dell’art. 9 della legge 17 luglio 1975, n. 400, dalla asso- Visto il decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito
ciazione nazionale di rappresentanza assistenza, tutela e nella legge 7 agosto 2012, n. 135;
revisione del movimento cooperativo alla quale il sodali- Vista l’istanza con la quale la Confederazione coopera-
zio risulta aderente; tive italiane ha chiesto che la società «Libera 2000 società
Visto il relativo verbale delle operazioni di estrazione cooperativa - in liquidazione», sia ammessa alla procedu-
a sorte in data 6 novembre 2019, dal quale risulta l’indi- ra di liquidazione coatta amministrativa;
viduazione del nominativo del dott. Michele Giorgiutti; Viste le risultanze della revisione dell’associazione di
rappresentanza, dalla quale si rileva lo stato d’insolvenza
Decreta: della suddetta società cooperativa;
Considerato quanto emerge dalla visura camerale ag-
giornata, effettuata d’ufficio presso il competente Regi-
Art. 1.
stro delle imprese, dalla quale si evince che l’ultimo bi-
La società cooperativa «Area Rebus società cooperati- lancio depositato dalla cooperativa, riferito all’esercizio
va a responsabilità limitata», con sede in Rovigo (codice al 31 dicembre 2017, evidenzia una condizione di sostan-
fiscale 00819750290), è posta in liquidazione coatta am- ziale insolvenza in quanto, a fronte di un attivo patrimo-
ministrativa, ai sensi dell’art. 2545-terdecies del codice niale di euro 219.349,00 si riscontra una massa debito-
civile. ria di euro 407.052,00 ed un patrimonio netto negativo
di euro - 209.601,00;
Considerati gli specifici requisiti professionali, come
risultanti dal curriculum vitae, è nominato commissa- Considerato che in data 24 luglio 2019 è stato assol-
rio liquidatore il dott. Michele Giorgiutti (codice fiscale to l’obbligo di cui all’art. 7 della legge 7 agosto 1990,
GRG MHL 64E05 L736S), nato a Venezia il 5 maggio n. 241, dando comunicazione dell’avvio del procedimen-
1964, e domiciliato in Adria (RO), via Giosuè Carducci to a tutti i soggetti interessati che non hanno formulato
n. 41. osservazioni e/o controdeduzioni;

— 31 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Vista la nota con la quale l’associazione di rappresen- DECRETO 18 novembre 2019.


tanza segnala l’urgenza dell’adozione del provvedimento Liquidazione coatta amministrativa della «Itaca società
di liquidazione coatta amministrativa nei confronti della cooperativa», in Verona e nomina del commissario liqui-
cooperativa in argomento; datore.
Visto l’art. 2545-terdecies del codice civile e ritenuto
di dover disporre la liquidazione coatta amministrativa IL MINISTRO
della suddetta società; DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto l’art. 198 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267; Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei mini-
stri 5 dicembre 2013, n. 158, recante il regolamento di
Considerato che, in data 6 novembre 2019, presso organizzazione del Ministero dello sviluppo economi-
l’Ufficio di Gabinetto è stata effettuata l’estrazione a sor- co, per le competenze in materia di vigilanza sugli enti
te del professionista cui affidare l’incarico di commissa- cooperativi;
rio liquidatore nell’ambito della terna segnalata, ai sensi Visto il decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito
dell’art. 9 della legge 17 luglio 1975, n. 400, dalla asso- nella legge 7 agosto 2012, n. 135;
ciazione nazionale di rappresentanza assistenza, tutela e
Viste l’istanza con la quale l’Unione italiana coopera-
revisione del movimento cooperativo alla quale il sodali-
tive ha chiesto che la società cooperativa «Itaca società
zio risulta aderente;
cooperativa» sia ammessa alla procedura di liquidazione
Visto il relativo verbale delle operazioni di estrazione a coatta amministrativa;
sorte in data 6 novembre 2019, dal quale risulta l’indivi- Viste le risultanze della revisione dell’associazione di
duazione del nominativo del dott. Eugenio Rigon; rappresentanza dalle quali si rileva lo stato d’insolvenza
della suddetta società cooperativa;
Decreta: Considerato quanto emerge dalla visura camerale ag-
giornata, effettuata d’ufficio presso il competente Regi-
stro delle imprese, dalla quale si evince che l’ultimo bi-
lancio depositato dalla cooperativa, riferito all’esercizio
Art. 1.
31 dicembre 2013, evidenzia una condizione di sostan-
ziale insolvenza in quanto, a fronte di un attivo patrimo-
La società cooperativa «Libera 2000 società cooperati-
niale di euro 783.608,00 si riscontra una massa debitoria
va - in liquidazione», con sede in Rovigo (codice fiscale
di euro 1.893.593,00 ed un patrimonio netto negativo
01479440297), è posta in liquidazione coatta amministra-
di euro - 1.115.533,00;
tiva, ai sensi dell’art. 2545-terdecies del codice civile.
Considerato che in data 4 giugno 2019 è stato assol-
Considerati gli specifici requisiti professionali, come to l’obbligo di cui all’art. 7 della legge 7 agosto 1990,
risultanti dal curriculum vitae, è nominato commissario n. 241, dando comunicazione dell’avvio del procedimen-
liquidatore il dott. Eugenio Rigon (codice fiscale RGN to a tutti i soggetti interessati;
GNE 67H09 L840D), nato a Vicenza il 9 giugno 1967, ed Preso atto che la comunicazione di cui sopra, inviata al
ivi domiciliato in Contrà Porti n. 22. legale rappresentante della società al corrispondente indi-
rizzo, così come risultante da visura camerale, avvenuta
Art. 2. tramite posta raccomandata, in quanto l’ente è sprovvi-
sto di posta elettronica certificata, è stata restituita con la
Con successivo provvedimento sarà definito il tratta- dicitura «compiuta giacenza» e che, pertanto, non sono
mento economico del commissario liquidatore ai sensi pervenute osservazioni e/o controdeduzioni;
della legislazione vigente. Visto l’art. 2545-terdecies del codice civile e ritenuto
di dover disporre la liquidazione coatta amministrativa
Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Uffi- della suddetta società;
ciale della Repubblica italiana. Visto l’art. 198 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267;
Il presente provvedimento potrà essere impugnato din- Considerato che, in data 6 novembre 2019, presso
nanzi al competente Tribunale amministrativo regionale, l’Ufficio di Gabinetto è stata effettuata l’estrazione a sor-
ovvero a mezzo di ricorso straordinario al Presidente del- te del professionista cui affidare l’incarico di commissa-
la Repubblica ove ne sussistano i presupposti di legge. rio liquidatore nell’ambito della terna segnalata, ai sensi
dell’art. 9 della legge 17 luglio 1975, n. 400, dalla asso-
Roma, 18 novembre 2019 ciazione nazionale di rappresentanza assistenza, tutela e
revisione del movimento cooperativo alla quale il sodali-
zio risulta aderente;
Il Ministro: PATUANELLI
Visto il relativo verbale delle operazioni di estrazione
a sorte in data 6 novembre 2019, dal quale risulta l’indi-
19A07750 viduazione del nominativo del dott. Marcello Maugeri;

— 32 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Decreta: Considerato che i predetti eventi hanno causato eson-


dazioni di corsi d’acqua, movimenti franosi, danneggia-
menti alle infrastrutture viarie, ad edifici pubblici e pri-
Art. 1. vati, alla rete dei servizi essenziali, alle opere di difesa
La società cooperativa «Itaca società cooperati- idraulica, nonché danni alle attività agricole e produttive,
va», con sede in Verona (codice fiscale 04009310238) determinando una grave situazione di pericolo per l’inco-
è posta in liquidazione coatta amministrativa, ai sensi lumità delle persone;
dell’art. 2545-terdecies del codice civile. Ravvisata la necessità di disporre l’attuazione degli in-
Considerati gli specifici requisiti professionali, come terventi urgenti finalizzati a fronteggiare l’emergenza in
risultanti dal curriculum vitae, è nominato commissa- rassegna, consentendo la ripresa delle normali condizioni
rio liquidatore il dott. Marcello Maugeri (codice fisca- di vita delle popolazioni, nonché la messa in sicurezza
le MGR MCL 66D07 F839X), nato a Napoli il 7 aprile dei territori e delle strutture interessati dagli eventi in
1966, e domiciliato in Roma, via Nairobi n. 40. questione;
Atteso che la situazione emergenziale in atto, per i ca-
Art. 2. ratteri d’urgenza, non consente l’espletamento di proce-
dure ordinarie, bensì richiede l’utilizzo di poteri straordi-
Con successivo provvedimento sarà definito il tratta- nari in deroga alla vigente normativa;
mento economico del commissario liquidatore ai sensi
Acquisita l’intesa della Regione Siciliana;
della legislazione vigente.
Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Uffi- Dispone:
ciale della Repubblica italiana.
Il presente provvedimento potrà essere impugnato din-
Art. 1.
nanzi al competente Tribunale amministrativo regionale,
ovvero a mezzo di ricorso straordinario al Presidente del- Nomina commissario delegato
la Repubblica ove ne sussistano i presupposti di legge. e piano degli interventi
Roma, 18 novembre 2019 1. Per fronteggiare l’emergenza derivante dagli eventi
meteorologici di cui in premessa, il dirigente generale del
Il Ministro: PATUANELLI Dipartimento della protezione civile della Presidenza del-
la Regione Siciliana è nominato commissario delegato.
19A07751 2. Per l’espletamento delle attività di cui alla presen-
te ordinanza il commissario delegato, che opera a titolo
gratuito, può avvalersi della collaborazione delle struttu-
re e degli uffici regionali, provinciali, comunali, e delle
PRESIDENZA amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, nonché
DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI individuare soggetti attuatori che agiscono sulla base di
D IPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE specifiche direttive, senza nuovi o maggiori oneri per la
finanza pubblica.
ORDINANZA 5 dicembre 2019. 3. Il commissario delegato, predispone, nel limite delle
Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguen- risorse finanziarie di cui all’art. 8, entro quaranta giorni
za degli eventi meteorologici che, a partire dal mese di set- dalla pubblicazione della presente ordinanza, un piano
tembre 2019, hanno interessato il territorio delle Province di degli interventi da sottoporre all’approvazione del Capo
Agrigento, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Sira- del Dipartimento della protezione civile. Con tale piano
cusa e Trapani. (Ordinanza n. 619). si dispone in ordine:
a) all’organizzazione ed all’effettuazione degli inter-
IL CAPO DEL DIPARTIMENTO venti di soccorso e assistenza alla popolazione interessata
DELLA PROTEZIONE CIVILE dagli eventi oltre che degli interventi urgenti e necessari
per la rimozione delle situazioni di pericolo per la pubbli-
Vista la legge 16 marzo 2017, n. 30; ca e privata incolumità;
Visti gli articoli 25, 26 e 27 del decreto legislativo b) al ripristino, anche con procedure di somma ur-
2 gennaio 2018, n. 1; genza, della funzionalità dei servizi pubblici e delle infra-
Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 21 no- strutture nonché alle attività di gestione dei rifiuti, delle
vembre 2019, con la quale è stato dichiarato, per dodici macerie, del materiale vegetale, alluvionale, delle terre e
mesi, lo stato di emergenza in conseguenza degli eventi rocce da scavo e alle misure volte a garantire la continuità
meteorologici che, a partire dal mese di settembre 2019, amministrativa nei comuni e nei territori interessati, an-
hanno interessato il territorio delle Province di Agrigen- che mediante interventi di natura temporanea.
to, Catania, Enna, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa e 4. Il piano di cui al comma 3 deve, altresì, contenere
Trapani; l’indicazione del nesso di causalità tra il singolo danno

— 33 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

verificato, che giustifica l’intervento, ed il singolo even- 2. I benefici economici di cui al comma 1, sono con-
to meteorologico che deve essere individuato in maniera cessi a decorrere dalla data indicata nel provvedimento di
puntuale, oltre alla descrizione tecnica di ciascun inter- sgombero dell’immobile, e sino a che non si siano realiz-
vento con la relativa durata, il CUP e l’indicazione delle zate le condizioni per il rientro nell’abitazione, ovvero si
singole stime di costo. sia provveduto ad altra sistemazione avente carattere di
5. Il predetto piano può essere successivamente rimo- stabilità, e comunque non oltre la data di scadenza dello
dulato e integrato, nei limiti delle risorse di cui all’art. 8, stato di emergenza.
nonché delle ulteriori risorse finanziarie che saranno rese 3. Agli oneri derivanti dall’attuazione del presente ar-
disponibili anche ai sensi di quanto previsto dall’art. 24, ticolo, il commissario delegato provvede a valere sulle
comma 2, del decreto legislativo n. 1 del 2018 ed è sotto- risorse di cui all’art. 8.
posto alla preventiva approvazione del Capo del Diparti-
mento della protezione civile. Art. 3.
6. Le risorse finanziarie sono erogate ai soggetti di cui Materiali litoidi e vegetali
al comma 2 e sono rendicontate mediante presentazione di
documentazione comprovante la spesa sostenuta, nonché 1. Ai materiali litoidi rimossi per interventi diretti a
attestazione della sussistenza del nesso di causalità con prevenire situazioni di pericolo e per il ripristino dell’of-
gli eventi in rassegna. Tale rendicontazione deve essere ficiosità dei corsi d’acqua e della viabilità non si appli-
supportata da documentazione in originale, da allegare al cano le disposizioni di cui al decreto del Presidente della
rendiconto complessivo del commissario delegato. Repubblica del 13 giugno 2017, n. 120. Tali ultime dispo-
7. Gli interventi di cui alla presente ordinanza sono di- sizioni si applicano esclusivamente ai siti che al momento
chiarati urgenti, indifferibili e di pubblica utilità e, ove degli eventi calamitosi in rassegna erano soggetti a proce-
occorra, costituiscono variante agli strumenti urbanistici dure di bonifica ambientale dovuta alla presenza di rifiuti
vigenti. A tali interventi si applica l’art. 34, commi 7 e 8, pericolosi, tossici o nocivi idonei a modificare la matrice
del decreto-legge 11 settembre 2014, n. 133, convertito ambientale naturale già oggetto di valutazione dalle com-
con modificazioni dalla legge 11 novembre 2014, n. 164. petenti direzioni regionali e dal Ministero dell’ambiente,
della tutela del territorio e del mare. I litoidi che insisto-
8. Al fine di garantire l’espletamento degli interventi di no in tali siti inquinati possono essere ceduti ai sensi del
cui al comma 7, il commissario delegato, anche avvalen- comma 2 qualora non presentino concentrazioni di inqui-
dosi dei soggetti attuatori, provvede, per le occupazioni nanti superiori ai limiti di cui alle colonne A e B, tabella
d’urgenza e per le eventuali espropriazioni delle aree oc- 1, allegato 5, al titolo V della parte IV del decreto legisla-
correnti per la realizzazione degli interventi, alla redazio- tivo n. 152 del 2006. 257
ne dello stato di consistenza e del verbale di immissione
del possesso dei suoli anche con la sola presenza di due 2. I materiali litoidi e vegetali rimossi dal demanio
testimoni, una volta emesso il decreto di occupazione idrico e marittimo per interventi diretti a prevenire si-
d’urgenza e prescindendo da ogni altro adempimento. tuazioni di pericolo e per il ripristino dell’officiosità dei
corsi d’acqua, possono, in deroga all’art. 13 del decreto
legislativo 12 luglio 1993, n. 275, essere ceduti a com-
Art. 2. pensazione degli oneri di trasporto e di opere idrauliche
Contributi autonoma sistemazione ai realizzatori degli interventi stessi oppure può essere
prevista la compensazione, nel rapporto con gli operatori
1. Il commissario delegato, anche avvalendosi dei sin- economici, in relazione ai costi delle attività inerenti alla
daci, è autorizzato ad assegnare ai nuclei familiari la cui sistemazione dei tronchi fluviali con il valore del materia-
abitazione principale, abituale e continuativa sia stata di- le estratto riutilizzabile, da valutarsi, in relazione ai costi
strutta in tutto o in parte, ovvero sia stata sgomberata in delle attività svolte per l’esecuzione dei lavori, sulla base
esecuzione di provvedimenti delle competenti autorità, dei canoni demaniali vigenti. La cessione dei suddetti ma-
adottati a seguito degli eccezionali eventi di cui in pre- teriali può essere disciplinata anche con atto di concessio-
messa, un contributo per l’autonoma sistemazione stabili- ne che stabilisca puntualmente i quantitativi di materiali
to rispettivamente in euro 400 per i nuclei monofamiliari, asportati, la valutazione economica in relazione ai canoni
in euro 500 per i nuclei familiari composti da due unità, demaniali e quanto dovuto dal concessionario a titolo di
in euro 700 per quelli composti da tre unità, in euro 800 compensazione, senza oneri a carico delle risorse di cui
per quelli composti da quattro unità, fino ad un massi- all’art. 8. Per i materiali litoidi asportati il RUP assicura
mo di euro 900,00 mensili per i nuclei familiari composti al commissario delegato la corretta valutazione del valore
da cinque o più unità. Qualora nel nucleo familiare siano assunto nonché dei quantitativi e della tipologia del ma-
presenti persone di età superiore a sessantacinque anni, teriale da asportare, oltre che la corretta contabilizzazione
portatrici di handicap o disabili con una percentuale di dei relativi volumi.
invalidità non inferiore al 67%, è concesso un contributo 3. Il commissario delegato o i soggetti attuatori dallo
aggiuntivo di euro 200,00 mensili per ognuno dei sog- stesso nominato, ove necessario, possono individuare ap-
getti sopra indicati, anche oltre il limite massimo di euro positi siti di stoccaggio provvisorio ove depositare i fan-
900,00 mensili previsti per il nucleo familiare. ghi, i detriti e i materiali derivanti dagli eventi di cui in

— 34 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

premessa, definendo, d’intesa con gli enti ordinariamente disposizioni attuative nazionali e regionali relative
competenti, le modalità per il loro successivo recupero ad impegni, controlli o altri adempimenti, di cui al de-
ovvero smaltimento in impianti autorizzati. creto del Ministro delle politiche agricole alimentari e
forestali del 18 gennaio 2018 relativo alla disciplina del
Art. 4. regime di condizionalità, ai sensi del regolamento (UE)
n. 1306/2013 e delle riduzioni ed esclusioni per inadem-
Deroghe pienze dei beneficiari dei pagamenti diretti e dei pro-
grammi di sviluppo rurale.
1. Per la realizzazione delle attività di cui alla presente
ordinanza, nel rispetto dei principi generali dell’ordina- 2. Per l’espletamento delle attività previste dalla pre-
mento giuridico e dei vincoli derivanti dall’ordinamento sente ordinanza, il commissario delegato ed i soggetti
attuatori, possono avvalersi, ove ricorrano i presupposti,
comunitario, i commissari delegati e gli eventuali sogget-
delle procedure di cui agli articoli 63 e 163 del decreto
ti attuatori dai medesimi individuati possono provvedere,
legislativo 18 aprile 2016, n. 50 in materia di contratti
sulla base di apposita motivazione, in deroga alle seguen- pubblici relativi a lavori, servizi e forniture. Con riferi-
ti disposizioni normative: mento alle procedure di somma urgenza, i termini per la
regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, articoli 3, redazione della perizia giustificativa di cui al comma 4
5, 6, secondo comma, 7, 8, 9, 11, 13, 14, 15, 19, 20; dell’art. 163 e per il controllo dei requisiti di partecipazio-
regio decreto 30 dicembre 1923, n. 3267 articoli 7 e 8; ne di cui al comma 7 dell’art. 163 possono essere deroga-
ti, di conseguenza è derogato il termine di cui al secondo
regio decreto 23 maggio 1924, n. 827, articoli 37,
periodo del comma 10 dell’art. 163.
38, 39, 40, 41, 42 e 119;
3. Il commissario delegato ed i soggetti attuatori, nel
legge 7 agosto 1990, n. 241, articoli 2-bis, 7, 8, 9, rispetto dei principi generali dell’ordinamento giuridico,
10, 10-bis, 14, 14-bis, 14-ter, 14-quater, 14-quinquies, della direttiva del Consiglio dei ministri del 22 ottobre
16, 17, 19 e 20 e successive modifiche ed integrazioni; 2004 e dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunita-
decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre rio, per la realizzazione degli interventi di cui alla pre-
2000, n. 445, articoli 40, 43, comma 1, 44-bis e 72; sente ordinanza, possono procedere in deroga ai seguenti
decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, art. 191, articoli del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50:
comma 3; 21, allo scopo di autorizzare le procedure di affida-
decreto del Presidente della Repubblica 8 giugno mento anche in assenza della delibera di programmazione;
2001, n. 327, articoli 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 32, 33, 34, 36, 70, 72, 73, 76 e 98, allo scopo di con-
17, 18, 19, 20, 21, 22, 22-bis, 23, 24, 25 e 49; sentire la semplificazione della procedura di affidamento
e l’adeguamento della relativa tempistica alle esigenze
decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e succes- del contesto emergenziale; la deroga all’art. 36, com-
sive modifiche ed integrazioni, articoli 6, 7, 9, 10, 12, ma 2, lettera a), è consentita nei limiti di euro 200.000,00
18, 28, 29, 29-ter, 29-quater, 29-quinquies, 29-sexies, e quella agli articoli 76 e 98 è riferita alle tempistiche
29-septies, 29-octies, 29-nonies, 29-decies, 29-undecies, e modalità delle comunicazioni ivi previste, da eserci-
29-terdecies, 33, 35, 57, 58, 59, 60, 61, 62, 63, 69, 76, 77, tare in misura compatibile con le esigenze del contesto
78, 100, 101, 103, 105, 106, 107, 108, 109, 117, 118, 119, emergenziale;
120, 121, 122, 123, 124, 125, 126, 127, 133, 134, 137,
35, allo scopo di consentire l’acquisizione di beni
158-bis , 179, 181, 182, 183, 184, 188, 193, 195, 196, e servizi omogenei e analoghi, caratterizzati da rego-
197, 198, 205, 231, da 239 a 253; con riferimento agli larità, da rinnovare periodicamente entro il periodo
articoli 188-ter, 189, 190, 208, 209, 211, 212, 214, 215 emergenziale;
e 216, del predetto decreto legislativo n. 152/2006, nel
rispetto della direttiva 2008/98CEE; con riferimento agli 37 e 38, allo scopo di consentire di procedere di-
articoli 19, 20, 23, 24, 24-bis, 25, 26, 27, 27-bis, del citato rettamente ed autonomamente all’acquisizione di lavori,
decreto legislativo n. 152/2006, limitatamente ai termini servizi e forniture di qualsiasi importo in assenza del pos-
sesso della qualificazione ivi prevista e del ricorso alle
ivi previsti;
centrali di committenza;
decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, art. 146; 40 e 52, allo scopo di ammettere mezzi di comuni-
decreto del Presidente della Repubblica 6 gennaio cazione differenti da quelli elettronici, ove le condizioni
2001, n. 380, articoli 2, 2-bis, 3, 5, 6 e 6-bis, 7, 8, 10, 14, determinate dal contesto emergenziale lo richiedono;
20, 22, 23, 24, da 27 a 41, 77, 78, 79, 81 e 82; 60, 61 e 85, allo scopo di semplificare e accelerare la
leggi e disposizioni regionali e provinciali, anche di procedura per la scelta del contraente;
natura organizzativa, strettamente connesse alle attività 63, comma 2, lettera c) relativamente alla possibilità
previste dalla presente ordinanza, oltre che dei piani ur- di consentire lo svolgimento di procedure negoziate senza
banistici comunali, dei piani e dei progetti di utilizzazione previa pubblicazione del bando, al fine di accelerare la
delle aree del demanio marittimo, dei regolamenti edilizi procedura di scelta del contraente e avviare, per ragioni di
comunali e dei piani territoriali, generali e di settore co- estrema urgenza a tutela della salute e dell’ambiente, gli
munque denominati; interventi infrastrutturali di cui alla presente ordinanza.

— 35 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Tale deroga, se necessaria, potrà essere utilizzata anche tramite altre idonee modalità compatibili con la gestione
per l’individuazione dei soggetti cui affidare la verifica della situazione emergenziale, individuate dai medesimi
preventiva della progettazione di cui all’art. 26, comma 6, soggetti responsabili delle procedure.
lettera a) del medesimo decreto legislativo n. 50 del 2016;
5. Fermo restando quanto previsto al comma 3, ai fini
95, relativamente alla possibilità di adottare il crite- dell’acquisizione di lavori, beni e servizi, strettamen-
rio di aggiudicazione con il prezzo più basso anche al di te connessi alle attività di cui alla presente ordinanza i
fuori delle ipotesi previste dalla norma; soggetti di cui all’art. 1 provvedono, mediante le pro-
97, relativamente alla possibilità di esercitare la fa- cedure di cui agli articoli 36 e 63, anche non espletate
coltà di esclusione automatica fino a quando il numero contestualmente, previa selezione, ove possibile e qualo-
delle offerte ammesse non è inferiore a cinque; ra richiesto dalla normativa, di almeno cinque operatori
economici, effettuando le verifiche circa il possesso dei
31, allo scopo di autorizzare, ove strettamente ne-
requisiti, secondo le modalità descritte all’art. 163, com-
cessario, l’individuazione del RUP tra soggetti idonei ma 7, del decreto legislativo n. 50/2016. Ove esistenti,
estranei agli enti appaltanti, ancorché dipendenti di ruolo tali operatori sono selezionati all’interno delle white list
di altri soggetti o enti pubblici, in caso di assenza o insuf- delle prefetture.
ficienza di personale interno in possesso dei requisiti ne-
cessari all’espletamento degli incarichi e dell’incremento 6. Tenuto conto dell’urgenza della realizzazione degli
delle esigenze di natura tecnico-progettuali derivanti dal- interventi di cui alla presente ordinanza i soggetti di cui
le esigenze emergenziali; all’art. 1 possono prevedere penalità adeguate all’urgen-
24, allo scopo di autorizzare l’affidamento dell’in- za anche in deroga a quanto previsto dall’art. 113-bis del
decreto legislativo n. 50/2016 e lavorazioni su più turni
carico di progettazione a professionisti estranei all’ente
giornalieri, nel rispetto delle norme vigenti in materia di
appaltante, in caso di assenza o insufficienza di personale
lavoro.
interno in possesso dei requisiti necessari all’espletamen-
to dell’incarico e dell’incremento delle esigenze di natura 7. Nell’espletamento delle procedure di affidamento
tecnico-progettuali derivanti dalle esigenze emergenziali; di lavori, servizi e forniture strettamente connesse alle
25, 26 e 27, allo scopo di autorizzare la semplifi- attività di cui alla presente ordinanza, i soggetti di cui
cazione e l’accelerazione della procedura concernente la all’art. 1 possono verificare le offerte anomale, ai sensi
valutazione dell’interesse archeologico e le fasi di verifi- dell’art. 97 del decreto legislativo n. 50 del 2016, richie-
ca preventiva della progettazione e di approvazione dei dendo le necessarie spiegazioni per iscritto, assegnando
relativi progetti; al concorrente un termine compatibile con la situazione
emergenziale in atto e comunque non inferiore a cinque
157, allo scopo di consentire l’adozione di procedu- giorni. Qualora l’offerta risulti anomala all’esito del pro-
re semplificate e celeri per l’affidamento di incarichi di cedimento di verifica, il soggetto aggiudicatario è liqui-
progettazione e connessi, secondo le modalità ed entro i dato ai sensi dell’art. 163, comma 5, per la parte di opere,
limiti stabiliti dalla presente ordinanza; servizi o forniture eventualmente già realizzata.
105, allo scopo di consentire l’immediata effica-
cia del contratto di subappalto a far data dalla richiesta Art. 5.
dell’appaltatore, effettuando le verifiche circa il possesso
dei requisiti, secondo le modalità descritte all’art. 163, Sospensione dei mutui
comma 7, del decreto legislativo n. 50/2016; limitatamen-
te all’indicazione obbligatoria della terna dei subappalta- 1. In ragione del grave disagio socio economico de-
tori di cui al comma 6; rivante dall’evento in premessa citato, che ha colpito i
106, allo scopo di consentire varianti anche se non soggetti residenti o aventi sede legale e/o operativa nei
previste nei documenti di gara iniziali e allo scopo di de- comuni di cui alla delibera del Consiglio dei ministri del
rogare ai termini previsti dai commi 8 e 14 per gli adem- 21 novembre 2019, detto evento costituisce causa di forza
pimenti nei confronti di ANAC. maggiore ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 1218 del
codice civile. I soggetti titolari di mutui relativi agli edifi-
4. Salvo quanto previsto al comma 3, al momento del- ci distrutti o resi inagibili anche parzialmente ovvero alla
la presentazione dei documenti relativi alle procedure di gestione di attività di natura commerciale ed economica
affidamento, i soggetti di cui all’art. 1 accettano, anche svolte nei medesimi edifici, previa presentazione di auto-
in deroga agli articoli 81 ed 85 del decreto legislativo certificazione del danno subito, resa ai sensi del decreto
18 aprile 2016, n. 50, autocertificazioni, rese ai sensi del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445
del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre e successive modificazioni ed integrazioni, hanno diritto
2000, n. 445, circa il possesso dei requisiti per la par- di chiedere agli istituti di credito e bancari, fino alla rico-
tecipazione a procedure di evidenza pubblica, che i pre- struzione, all’agibilità o all’abitabilità del predetto immo-
detti soggetti verificano ai sensi dell’art. 163, comma 7, bile e comunque non oltre la data di cessazione dello stato
del decreto legislativo n. 50/2016, mediante la banca dati di emergenza, una sospensione delle rate dei medesimi
centralizzata gestita dal Ministero delle infrastrutture e mutui, optando tra la sospensione dell’intera rata e quella
dei trasporti, o i mezzi di prova di cui all’art. 86, ovvero della sola quota capitale.

— 36 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

2. Entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore 2018, il commissario delegato provvede a riconoscere i
della presente ordinanza, le banche e gli intermediari fi- contributi ai beneficiari secondo criteri di priorità e mo-
nanziari informano i mutuatari, almeno mediante avviso dalità attuative fissati con propri provvedimenti.
esposto nelle filiali e pubblicato nel proprio sito internet, 5. I contributi di cui al comma 4 sono riconosciuti
della possibilità di chiedere la sospensione delle rate, in- solo nella parte eventualmente non coperta da polizze
dicando tempi di rimborso e costi dei pagamenti sospesi assicurative e, nel caso di misure riconosciute ai sensi
calcolati in base a quanto previsto dall’accordo del 18 di- dell’art. 25, comma 2, lettera e), del decreto legislativo
cembre 2009 tra l’ABI e le associazioni dei consumatori 2 gennaio 2018, n. 1, possono costituire anticipazioni sul-
in tema di sospensione dei pagamenti, nonché il termine, le medesime, nonché su eventuali future provvidenze a
non inferiore a trenta giorni, per l’esercizio della facoltà qualunque titolo previste.
di sospensione. Qualora la banca o l’intermediario finan-
ziario non fornisca tali informazioni nei termini e con i 6. La modulistica di cui al comma 3 può essere utiliz-
contenuti prescritti, sono sospese fino al 21 maggio 2020, zata anche per la ricognizione da effettuare con riferimen-
senza oneri aggiuntivi per il mutuatario, le rate in scaden- to all’art. 25, comma 2, lettera e), del decreto legislativo
za entro la predetta data. 2 gennaio 2018, n. 1.

Art. 6. Art. 7.
Prime misure economiche Relazione del commissario delegato
e ricognizione dei fabbisogni ulteriori
1. Il commissario delegato trasmette, con cadenza tri-
1. Il commissario delegato identifica, entro novan- mestrale, al Dipartimento della protezione civile una re-
ta giorni dalla pubblicazione della presente ordinanza, lazione inerente le attività espletate ai sensi della presente
le ulteriori misure di cui alle lettere a) e b), dell’art. 25, ordinanza, nonché, allo scadere del termine di vigenza
comma 2, del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1, dello stato di emergenza, una relazione conclusiva sullo
necessarie per il superamento dell’emergenza, nonché gli stato di attuazione delle stesse.
interventi più urgenti di cui al comma 2, lettere c) e d), del
medesimo art. 25, trasmettendoli alla regione ed al Dipar- Art. 8.
timento della protezione civile, ai fini della valutazione
dell’impatto effettivo degli eventi calamitosi di cui in pre- Copertura finanziaria
messa, ai sensi e per gli effetti dell’art. 24, comma 2, del
citato decreto legislativo. 1. Agli oneri connessi alla realizzazione delle iniziative
d’urgenza di cui alla presente ordinanza si provvede con
2. Per gli interventi di cui al comma 1, fatto salvo quan- le risorse previste nella delibera del Consiglio dei ministri
to previsto al comma 3, il commissario delegato identifica del 21 novembre 2019.
per ciascuna misura il comune e la località, la descrizione
tecnica e la relativa durata nonché l’indicazione delle sin- 2. Per la realizzazione degli interventi previsti nella
gole stime di costo. presente ordinanza, è autorizzata l’apertura di apposita
contabilità speciale intestata al commissario delegato.
3. Al fine di valutare le prime misure di immediato so-
stegno al tessuto economico e sociale nei confronti della 3. La Regione Siciliana è autorizzata a trasferire sulla
popolazione e delle attività economiche e produttive di- contabilità speciale di cui al comma 2 eventuali ulteriori
rettamente interessate dagli eventi calamitosi citati in pre- risorse finanziarie finalizzate al superamento del contesto
messa, di cui all’art. 25, comma 2, lettera c), del decreto emergenziale in rassegna, la cui quantificazione deve es-
legislativo n. 1 del 2 gennaio 2018, il commissario dele- sere effettuata, contestualmente al piano di cui all’art. 1,
gato definisce per ciascun comune la stima delle risorse a comma 3.
tal fine necessarie secondo i seguenti criteri e massimali: 4. Con successiva ordinanza sono identificati la pro-
per attivare le prime misure economiche di imme- venienza delle risorse aggiuntive di cui al comma 3 ed il
diato sostegno al tessuto sociale nei confronti dei nuclei relativo ammontare.
familiari la cui abitazione principale, abituale e continua- 5. Il commissario delegato è tenuto a rendicontare ai
tiva risulti compromessa, a causa degli eventi in rassegna, sensi dell’art. 27, comma 4, del decreto legislativo 2 gen-
nella sua integrità funzionale, nel limite massimo di euro naio 2018, n. 1.
5.000,00;
La presente ordinanza sarà pubblicata nella Gazzetta
per l’immediata ripresa delle attività economiche e Ufficiale della Repubblica italiana.
produttive sulla base di apposita relazione tecnica conte-
nente la descrizione delle spese a tal fine necessarie, nel Roma, 5 dicembre 2019
limite massimo di euro 20.000,00.
4. All’esito della ricognizione di cui al comma 3, a va- Il Capo del Dipartimento: BORRELLI
lere sulle relative risorse rese disponibili con la delibera
di cui all’art. 24, comma 2, del decreto legislativo n. 1 del 19A07808

— 37 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ


AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO trale del bilancio presso il Ministero della salute in data
4 ottobre 2018, al n. 1011, con cui il dott. Luca Li Bassi
DETERMINA 27 novembre 2019. è stato nominato direttore generale dell’Agenzia italiana
del farmaco e il relativo contratto individuale di lavoro,
Regime di rimborsabilità e prezzo, a seguito di nuove in- con decorrenza 17 ottobre 2018, data di effettiva assun-
dicazioni terapeutiche, del medicinale per uso umano «Re- zione delle funzioni;
patha». (Determina n. 1771/2019).
Vista la legge 24 dicembre 1993, n. 537, concernente
IL DIRETTORE GENERALE «Interventi correttivi di finanza pubblica», con particola-
re riferimento all’art. 8, comma 10, che prevede la clas-
Visti gli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 30 luglio sificazione dei medicinali erogabili a carico del Servizio
1999, n. 300; sanitario nazionale;
Visto l’art. 48 del decreto-legge 30 settembre 2003, Visto l’art. 48, comma 33, della legge 24 novembre
n. 269, recante «Disposizioni urgenti per favorire lo svi- 2003, n. 326, che dispone la negoziazione del prezzo per
luppo e per la correzione dell’andamento dei conti pub- i prodotti rimborsati dal Servizio sanitario nazionale tra
blici», convertito, con modificazioni, nella legge 24 no- Agenzia e titolari di autorizzazioni;
vembre 2003, n. 326, che ha istituito l’Agenzia italiana Visto l’art. 5 della legge 29 novembre 2007, n. 222,
del farmaco; pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica ita-
Visto il decreto 20 settembre 2004, n. 245 del Ministro liana n. 279 del 30 novembre 2007 e rubricata «Interventi
della salute, di concerto con i Ministri della funzione pub- urgenti in materia economico-finanziaria, per lo sviluppo
blica e dell’economia e delle finanze, con cui è stato ema- e l’equità sociale»;
nato il «Regolamento recante norme sull’organizzazione Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219, pub-
ed il funzionamento dell’Agenzia italiana del farmaco, a blicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italia-
norma dell’art. 48, comma 13, del decreto-legge 30 set- na della Repubblica italiana n. 142 del 21 giugno 2006,
tembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla concernente l’attuazione della direttiva 2001/83/CE (e
legge 24 novembre 2003, n. 326», così come modificato successive direttive di modifica) relativa ad un Codice
dal decreto 29 marzo 2012, n. 53 del Ministro della salu- comunitario concernente i medicinali per uso umano;
te, di concerto con i Ministri per la pubblica amministra- Vista la deliberazione CIPE dell’1 febbraio 2001, n. 3;
zione e la semplificazione e dell’economia e delle finan- Vista la determinazione AIFA del 3 luglio 2006 pub-
ze, recante «Modifica al regolamento e funzionamento blicata nella Gazzetta Ufficiale, Serie generale n. 156 del
dell’Agenzia italiana del farmaco (AIFA), in attuazione 7 luglio 2006, concernente «Elenco dei medicinali di clas-
dell’art. 17, comma 10, del decreto-legge 6 luglio 2011, se a) rimborsabili dal Servizio sanitario nazionale (SSN)
n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio ai sensi dell’art. 48, comma 5, lettera c), del decreto-legge
2011, n. 111»; 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni,
Visti il regolamento di organizzazione, del funziona- nella legge 24 novembre 2006, n. 326. (Prontuario farma-
mento e dell’ordinamento del personale e la nuova dota- ceutico nazionale 2006)»;
zione organica, definitivamente adottati dal consiglio di Vista la determinazione AIFA del 27 settembre 2006
amministrazione dell’AIFA, rispettivamente con delibe- pubblicata nella Gazzetta Ufficiale, Serie generale n. 227,
razione 8 aprile 2016, n. 12 e con deliberazione 3 feb- del 29 settembre 2006 concernente «Manovra per il go-
braio 2016, n. 6, approvate ai sensi dell’art. 22 del de- verno della spesa farmaceutica convenzionata e non
creto 20 settembre 2004, n. 245 del Ministro della salute, convenzionata»;
di concerto con il Ministro della funzione pubblica e il
Ministro dell’economia e delle finanze, della cui pubbli- Visto il regolamento n. 726/2004/CE;
cazione nel proprio sito istituzionale è stato dato avviso Vista la domanda presentata in data 25 giugno 2018 con
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana della la quale la società Amgen Europe B.V. ha chiesto la rim-
Repubblica italiana, Serie generale, n. 140 del 17 giugno borsabilità della nuova indicazione terapeutica autorizza-
2016; ta per la specialità medicinale REPATHA (evolocumab);
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, re- Visti i pareri della Commissione consultiva tecnico-
cante «Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle scientifica espressi nelle sedute del 3-5 aprile 2019 e
dipendenze delle amministrazioni pubbliche» e successi- dell’8-10 maggio 2019;
ve modificazioni e integrazioni; Visto il parere del Comitato prezzi e rimborso reso nel-
Vista la legge 15 luglio 2002, n. 145, intitolata «Dispo- la seduta del 21-23 ottobre 2019;
sizioni per il riordino della dirigenza statale e per favori- Vista la deliberazione n. 25 del 30 ottobre 2019 del
re lo scambio di esperienze e l’interazione tra pubblico e consiglio di amministrazione dell’AIFA, adottata su pro-
privato»; posta del direttore generale, concernente l’approvazio-
Visti il decreto del Ministro della salute del 27 settem- ne delle specialità medicinali ai fini dell’autorizzazione
bre 2018, registrato, ai sensi dell’art. 5, comma 2, del de- all’immissione in commercio e rimborsabilità da parte del
creto legislativo 30 giugno 2011, n. 123, dall’ufficio cen- Servizio sanitario nazionale;

— 38 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Determina: trattamento ai pazienti le prescrizioni dovranno essere


effettuate in accordo ai criteri di eleggibilità e appropria-
tezza prescrittiva riportati nella documentazione consul-
Art. 1. tabile sul portale istituzionale dell’Agenzia:
Classificazione ai fini della rimborsabilità https://www.aifa.gov.it/registri-e-piani-terapeutici1
Le nuove indicazioni terapeutiche del medicinale Re- I dati inerenti ai trattamenti effettuati a partire dalla
patha (evolocumab): data di entrata in vigore della presente determinazione,
«Malattia cardiovascolare aterosclerotica accertata tramite la modalità temporanea suindicata, dovranno es-
Repatha (evolocumab) è indicato negli adulti con sere successivamente riportati nella piattaforma web, se-
malattia cardiovascolare aterosclerotica accertata (infarto condo le modalità che saranno indicate nel sito:
del miocardico, ictus o arteriopatia periferica) per ridurre
il rischio cardiovascolare riducendo i livelli di C-LDL, in https://www.aifa.gov.it/registri-farmaci-sottoposti-a-
aggiunta alla correzione di altri fattori di rischio: monitoraggio.
in associazione alla dose massima tollerata di sta- I costi della scheda di arruolamento e della scheda di
tina con o senza altre terapie ipolipemizzanti oppure, follow-up sono a carico dalla società.
in monoterapia o in associazione ad altre terapie La società, fatte salve le disposizioni in materia di
ipolipemizzanti in pazienti intolleranti alle statine o per i smaltimento scorte, nel rispetto dell’art. 13 del decreto-
quali l’uso di statine è controindicato» legge 30 aprile 2019, n. 35, convertito nella legge 25 giu-
sono rimborsate come segue: gno 2019, n. 60, si impegna a mantenere una fornitura
Confezione: costante adeguata al fabbisogno del SSN.
140 mg - soluzione iniettabile - uso sottocutaneo - Validità del contratto: ventiquattro mesi.
siringa preriempita 1 ml - 1 penna preriempita
A.I.C. n. 044317028/E (in base 10)
Art. 2.
Classe di rimborsabilità
A Condizioni e modalità di impiego
Prezzo ex-factory (IVA esclusa)
euro 217,34 Prescrizione del medicinale soggetta a quanto previ-
Prezzo al pubblico (IVA inclusa) sto dall’allegato 2 e successive modifiche alla determina
AIFA 29 ottobre 2004 - PHT Prontuario della distribu-
euro 358,70 zione diretta, pubblicata nel Supplemento ordinario alla
Confezione: Gazzetta Ufficiale n. 259 del 4 novembre 2004.
140 mg - soluzione iniettabile - uso sottocutaneo -
siringa preriempita 1 ml - 2 penne preriempite Art. 3.
A.I.C. n. 044317030/E (in base 10)
Classe di rimborsabilità Classificazione ai fini della fornitura
A
Prezzo ex-factory (IVA esclusa) La classificazione ai fini della fornitura del medicinale
Repatha (evolocumab) è la seguente:
euro 434,68
Prezzo al pubblico (IVA inclusa) medicinale soggetto a prescrizione medica limitati-
euro 717,40. va, vendibile al pubblico su prescrizione di centri ospeda-
lieri e di centri specialistici individuati dalle regioni o su
Sconto obbligatorio complessivo, su tutta la moleco- prescrizione di cardiologo, internista (RRL).
la, sul prezzo ex-factory, da praticarsi alle strutture pub-
bliche del Servizio sanitario nazionale, ivi comprese le
strutture private accreditate sanitarie, come da condizioni Art. 4.
negoziali.
Registro di monitoraggio web based aggiornato. Disposizioni finali
Ai fini delle prescrizioni a carico del Servizio sanitario
nazionale, i centri utilizzatori specificatamente individua- La presente determina ha effetto dal giorno successivo
ti dalle regioni, dovranno compilare la scheda raccolta a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale
dati informatizzata di arruolamento che indica i pazienti della Repubblica italiana e sarà notificata alla società ti-
eleggibili e la scheda di follow-up, applicando le condi- tolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio.
zioni negoziali secondo le indicazioni pubblicate sul sito Roma, 27 novembre 2019
dell’Agenzia, piattaforma web - all’indirizzo https://ser-
vizionline.aifa.gov.it che costituiscono parte integrante
della presente determinazione. Il direttore generale: LI BASSI
Nelle more della piena attuazione del registro di mo-
nitoraggio web-based, onde garantire la disponibilità del 19A07686

— 39 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

DETERMINA 27 novembre 2019. Vista la legge 24 dicembre 1993, n. 537, concernente


Classificazione del medicinale per uso umano «Risedro-
«Interventi correttivi di finanza pubblica» con particolare
nato Sandoz», ai sensi dell’articolo 8, comma 10, della legge riferimento all’art. 8 comma 10 che prevede la classifica-
24 dicembre 1993, n. 537. (Determina n. 1772/2019). zione dei medicinali erogabili a carico del Servizio sani-
tario nazionale;
Visto l’art. 48, comma 33, legge 24 novembre 2003,
IL DIRETTORE GENERALE n. 326, che dispone la negoziazione del prezzo per i pro-
Visti gli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 30 luglio dotti rimborsati dal Servizio sanitario nazionale tra Agen-
1999, n. 300; zia e titolari di autorizzazioni;
Visto l’art. 48 del decreto-legge 30 settembre 2003, Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219, pub-
n. 269, recante «Disposizioni urgenti per favorire lo svi- blicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
luppo e per la correzione dell’andamento dei conti pub- n. 142 del 21 giugno 2006, concernente l’attuazione della
blici», convertito, con modificazioni, nella legge 24 no- direttiva 2001/83/CE (e successive direttive di modifica)
vembre 2003, n. 326, che ha istituito l’Agenzia italiana relativa ad un codice comunitario concernente i medici-
del farmaco; nali per uso umano nonché della direttiva 2003/94/CE;
Visto il decreto 20 settembre 2004, n. 245 del Mini- Visto l’art. 14, comma 2 del decreto legislativo 24 apri-
stro della salute, di concerto con i ministri della funzione le 2006, n. 219 e successive modificazioni ed integrazioni;
pubblica e dell’economia e delle finanze: «Regolamento Vista la deliberazione CIPE del 1° febbraio 2001, n. 3;
recante norme sull’organizzazione ed il funzionamento Vista la determina 29 ottobre 2004 «Note AIFA 2004
dell’Agenzia italiana del farmaco, a norma dell’art. 48, (Revisione delle note CUF)», pubblicata nel supplemento
comma 13, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 259 del 4 novembre
convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2004 e successive modificazioni;
2003, n. 326», così come modificato dal decreto 29 mar- Vista la determina AIFA del 3 luglio 2006, pubblicata
zo 2012 n. 53 del Ministro della salute, di concerto con nella Gazzetta Ufficiale - Serie generale n. 156 del 7 lu-
i Ministri per la pubblica amministrazione e la sempli- glio 2006, concernente «Elenco dei medicinali di classe
ficazione e dell’economia e delle finanze: «Modifica al a) rimborsabili dal Servizio sanitario nazionale (SSN) ai
regolamento e funzionamento dell’Agenzia italiana del sensi dell’art. 48, comma 5, lettera c), del decreto-legge
farmaco (AIFA), in attuazione dell’art. 17, comma 10, del 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni,
decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modi- nella legge 24 novembre 2006, n. 326. (Prontuario farma-
ficazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111»; ceutico nazionale 2006)»;
Visti il regolamento di organizzazione, del funziona- Vista la determina AIFA del 27 settembre 2006 pub-
mento e dell’ordinamento del personale e la nuova dota- blicata nella Gazzetta Ufficiale - Serie generale n. 227,
zione organica, definitivamente adottati dal consiglio di del 29 settembre 2006 concernente «Manovra per il
amministrazione dell’AIFA, rispettivamente, con delibe- governo della spesa farmaceutica convenzionata e non
razione 8 aprile 2016, n. 12, e con deliberazione 3 feb- convenzionata»;
braio 2016, n. 6, approvate ai sensi dell’art. 22 del de-
creto 20 settembre 2004, n. 245, del Ministro della salute Visti gli articoli 11 e 12 del decreto-legge 13 settembre
di concerto con il Ministro della funzione pubblica e il 2012, n. 158, recante «Disposizioni urgenti per promuo-
Ministro dell’economia e delle finanze, della cui pubbli- vere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di
cazione sul proprio sito istituzionale è stato dato avviso tutela della salute», convertito, con modificazioni, nella
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - Serie legge 8 novembre 2012, n. 189, e successive modifica-
generale n. 140 del 17 giugno 2016; zioni ed integrazioni;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, re- Vista la determina 1954/2010 del 28 dicembre 2010
cante «Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 8 del 12 gennaio
dipendenze delle amministrazioni pubbliche» e successi- 2011 con la quale la società Sandoz S.p.a. ha ottenuto
ve modificazioni ed integrazioni; l’autorizzazione all’immissione in commercio del medi-
cinale «Risedronato Sandoz» (acido risedronico);
Vista la legge 15 luglio 2002, n. 145, recante «Dispo-
sizioni per il riordino della dirigenza statale e per favori- Vista la domanda presentata in data 23 aprile 2019 con
re lo scambio di esperienze e l’interazione tra pubblico e la quale la società Sandoz S.p.a. ha chiesto la classifi-
privato»; cazione ai fini della rimborsabilità delle confezioni con
A.I.C. n. 040178055 e A.I.C. n. 040178131 del medicina-
Visto il decreto del Ministro della salute del 27 set- le «Risedronato Sandoz» (acido risedronico);
tembre 2018, registrato, ai sensi dell’art. 5, comma 2, del
decreto legislativo 30 giugno 2011, n. 123, dall’Ufficio Visto il parere espresso dalla Commissione tecnico-
centrale del bilancio presso il Ministero della salute in scientifica nella seduta del 9-11 luglio 2019;
data 4 ottobre 2018, al n. 1011, con cui il dott. Luca Li Visto il parere espresso dal Comitato prezzi e rimborso
Bassi è stato nominato direttore generale dell’Agenzia nella seduta del 24-26 settembre 2019;
italiana del farmaco e il relativo contratto individuale di Vista la deliberazione n. 25 del 30 ottobre 2019 del
lavoro con decorrenza 17 ottobre 2018, data di effettiva consiglio di amministrazione dell’AIFA adottata su pro-
assunzione delle funzioni; posta del direttore generale concernente l’approvazio-

— 40 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

ne delle specialità medicinali ai fini dell’autorizzazione Art. 3.


all’immissione in commercio e rimborsabilità da parte del
Servizio sanitario nazionale; Tutela brevettuale
Il titolare dell’A.I.C. del farmaco generico è esclusi-
Determina: vo responsabile del pieno rispetto dei diritti di proprietà
industriale relativi al medicinale di riferimento e delle vi-
genti disposizioni normative in materia brevettuale.
Art. 1.
Il titolare dell’A.I.C. del farmaco generico è altre-
Classificazione ai fini della rimborsabilità sì responsabile del pieno rispetto di quanto disposto
dall’art. 14, comma 2 del decreto legislativo n. 219/2006
Il medicinale RISEDRONATO SANDOZ (acido ri- che impone di non includere negli stampati quelle parti
sedronico) nelle confezioni sotto indicate è classificato del riassunto delle caratteristiche del prodotto del medi-
come segue: cinale di riferimento che si riferiscono a indicazioni o a
Confezioni: dosaggi ancora coperti da brevetto al momento dell’im-
missione in commercio del medicinale.
35 mg compresse rivestite con film 12 compresse
in blister AL/PVC
Art. 4.
A.I.C. n. 040178055 (in base 10);
Disposizioni finali
Classe di rimborsabilità: A;
Prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 16,22; La presente determina ha effetto dal giorno successivo
Prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 30,42; a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficia-
le della Repubblica italiana e sarà notificata alla società
35 mg compresse rivestite con film 12 compresse titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio
in flacone PE del medicinale.
A.I.C. n. 040178131 (in base 10); Roma, 27 novembre 2019
Classe di rimborsabilità: A;
Prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 16,22; Il direttore generale: LI BASSI
Prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 30,42; 19A07687
Nota AIFA: 79
Qualora il principio attivo, sia in monocomponente che
in associazione, sia sottoposto a copertura brevettuale o DETERMINA 27 novembre 2019.
al certificato di protezione complementare, la classifica-
zione di cui alla presente determina ha efficacia, ai sensi Regime di rimborsabilità e prezzo, a seguito di nuove in-
dell’art. 11, comma 1-bis, del decreto-legge 13 settembre dicazioni terapeutiche, del medicinale per uso umano «Ven-
clyxto». (Determina n. 1774/2019).
2012, n. 158, convertito, con modificazioni, dalla legge
8 novembre 2012, n. 189, dal giorno successivo alla data
di scadenza del brevetto o del certificato di protezione IL DIRETTORE GENERALE
complementare, pubblicata dal Ministero dello sviluppo
economico. Visti gli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 30 luglio
Sino alla scadenza del termine di cui al precedente 1999, n. 300;
comma, il medicinale «Risedronato Sandoz» (acido ri- Visto l’art. 48 del decreto-legge 30 settembre 2003,
sedronico) è classificato, ai sensi dell’art. 12, comma 5, n. 269, recante «Disposizioni urgenti per favorire lo svi-
del decreto-legge 13 settembre 2012, n. 158, convertito, luppo e per la correzione dell’andamento dei conti pub-
con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2012, n. 189, blici», convertito, con modificazioni, nella legge 24 no-
nell’apposita sezione, dedicata ai farmaci non ancora vembre 2003, n. 326, che ha istituito l’Agenzia italiana
valutati ai fini della rimborsabilità, della classe di cui del farmaco;
all’art. 8, comma 10, lettera c) della legge 24 dicembre Visto il decreto 20 settembre 2004, n. 245 del Mini-
1993, n. 537 e successive modificazioni, denominata stro della salute, di concerto con i ministri della funzione
classe C (nn). pubblica e dell’economia e delle finanze: «Regolamento
Validità del contratto: ventiquattro mesi. recante norme sull’organizzazione ed il funzionamento
dell’Agenzia italiana del farmaco, a norma dell’art. 48,
Art. 2. comma 13, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269,
convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre
Classificazione ai fini della fornitura 2003, n. 326», così come modificato dal decreto 29 mar-
zo 2012, n. 53 del Ministro della salute, di concerto con
La classificazione ai fini della fornitura del medicinale i Ministri per la pubblica amministrazione e la sempli-
«Risedronato Sandoz» (acido risedronico) è la seguente: ficazione e dell’economia e delle finanze: «Modifica al
medicinale soggetto a prescrizione medica (RR). regolamento e funzionamento dell’Agenzia italiana del

— 41 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

farmaco (AIFA), in attuazione dell’art. 17, comma 10, del Vista la determina AIFA del 27 settembre 2006 pubblicata
decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modi- nella Gazzetta Ufficiale - Serie generale n. 227 del 29 set-
ficazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111»; tembre 2006 concernente «Manovra per il governo della
Visti il regolamento di organizzazione, del funzionamento spesa farmaceutica convenzionata e non convenzionata»;
e dell’ordinamento del personale e la nuova dotazione orga- Visto il regolamento n. 726/2004/CE;
nica, definitivamente adottati dal consiglio di amministra- Vista la domanda presentata in data 1° ottobre 2018
zione dell’AIFA, rispettivamente, con deliberazione 8 aprile con la quale la società Abbvie S.r.l. ha chiesto la classi-
2016, n. 12, e con deliberazione 3 febbraio 2016, n. 6, ap- ficazione ai fini della rimborsabilità delle confezioni con
provate ai sensi dell’art. 22 del decreto 20 settembre 2004, AIC nn. 045198076, 045198064, 045198025, 045198049
n. 245, del Ministro della salute di concerto con il Ministro e 045198052 del medicinale «Venclyxto» (venetoclax);
della funzione pubblica e il Ministro dell’economia e delle Visto il parere espresso dalla Commissione tecnico-
finanze, della cui pubblicazione sul proprio sito istituzionale scientifica nella seduta del 3-5 aprile 2019;
è stato dato avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana - Serie generale n. 140 del 17 giugno 2016; Visto il parere espresso dal Comitato prezzi e rimborso
nella seduta del 24-26 settembre 2019;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, re- Vista la deliberazione n. 25 del 30 ottobre 2019 del
cante «Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle consiglio di amministrazione dell’AIFA adottata su pro-
dipendenze delle amministrazioni pubbliche» e successi- posta del direttore generale concernente l’approvazio-
ve modificazioni ed integrazioni;
ne delle specialità medicinali ai fini dell’autorizzazione
Vista la legge 15 luglio 2002, n. 145, recante «Dispo- all’immissione in commercio e rimborsabilità da parte del
sizioni per il riordino della dirigenza statale e per favori- Servizio sanitario nazionale;
re lo scambio di esperienze e l’interazione tra pubblico e
privato»; Determina:
Visto il decreto del Ministro della salute del 27 set-
tembre 2018, registrato, ai sensi dell’art. 5, comma 2, del Art. 1.
decreto legislativo 30 giugno 2011, n. 123, dall’Ufficio
centrale del bilancio presso il Ministero della salute in Classificazione ai fini della rimborsabilità
data 4 ottobre 2018, al n. 1011, con cui il dott. Luca Li
Bassi è stato nominato direttore generale dell’Agenzia La nuova indicazione terapeutica del medicinale VEN-
italiana del farmaco e il relativo contratto individuale di CLYXTO (venetoclax):
lavoro con decorrenza 17 ottobre 2018, data di effettiva «Venclyxto» in combinazione con rituximab è in-
assunzione delle funzioni; dicato per il trattamento di pazienti adulti con leucemia
Vista la legge 24 dicembre 1993, n. 537, concernente linfatica cronica (CLL – chronic lymphocytic leukaemia)
«Interventi correttivi di finanza pubblica» con particolare che hanno ricevuto almeno una terapia precedente.
riferimento all’art. 8; è rimborsata come segue:
Visto l’art. 1, comma 40, della legge 23 dicembre 1996, Confezioni:
n. 662, recante «Misure di razionalizzazione della finanza 100 mg compresse rivestite con film - 112
pubblica», che individua i margini della distribuzione per compresse
aziende farmaceutiche, grossisti e farmacisti; A.I.C. n. 045198076/E (in base 10);
Visto l’art. 48, comma 33, legge 24 novembre 2003, classe di rimborsabilità: H;
n. 326, che dispone la negoziazione del prezzo per i pro- prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 6.919,03;
dotti rimborsati dal Servizio sanitario nazionale tra Agen- prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 11.419,17;
zia e titolari di autorizzazioni;
100 mg compresse rivestite con film - 14
Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219, pub- compresse
blicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana A.I.C. n. 045198064/E (in base 10);
n. 142 del 21 giugno 2006, concernente l’attuazione della
direttiva 2001/83/CE (e successive direttive di modifica) classe di rimborsabilità: H;
relativa ad un codice comunitario concernenti i medicina- prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 864,88;
li per uso umano nonché della direttiva 2003/94/CE; prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 1.427,40;
Vista la deliberazione CIPE del 1° febbraio 2001, n. 3; 10 mg compresse rivestite con film - 14 compresse
Vista la determina AIFA del 3 luglio 2006 pubblicata A.I.C. n. 045198025/E (in base 10);
nella Gazzetta Ufficiale - Serie generale n. 156 del 7 lu- classe di rimborsabilità: H;
glio 2006, concernente «Elenco dei medicinali di classe prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 86,49;
a) rimborsabili dal Servizio sanitario nazionale (SSN) ai prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 142,74;
sensi dell’art. 48, comma 5, lettera c), del decreto-legge
30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, 50 mg compresse rivestite con film - 7 compresse
nella legge 24 novembre 2006, n. 326. (Prontuario farma- A.I.C. n. 045198049/E (in base 10);
ceutico nazionale 2006)»; classe di rimborsabilità: H;

— 42 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 216,22; volta per volta, vendibile al pubblico su prescrizione di
prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 356,85; centri ospedalieri o di specialisti- oncologo ed ematologo
100 mg compresse rivestite con film - 7 compresse (RNRL).
A.I.C. n. 045198052/E (in base 10); Art. 3.
classe di rimborsabilità: H;
Disposizioni finali
prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 432,44;
prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 713,70; La presente determina ha effetto dal giorno successi-
vo alla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
validità del contratto: ventiquattro mesi. Repubblica italiana, e sarà notificata alla società titolare
Alla specialità medicinale «Venclyxto» (venetoclax) dell’autorizzazione all’immissione in commercio.
viene riconosciuto il requisito dell’innovatività condizio-
nata, da cui consegue unicamente: Roma, 27 novembre 2019
l’inserimento nei prontuari terapeutici regiona- Il direttore generale: LI BASSI
li nei termini previsti dalla normativa vigente (art. 10,
comma 2, decreto-legge n. 158/2012 convertito in legge 19A07688
n. 189/2012).
La società, fatte salve le disposizioni in materia di
smaltimento scorte, nel rispetto dell’art. 13 del decreto- DETERMINA 27 novembre 2019.
legge 30 aprile 2019, n. 35, convertito nella legge 25 giu- Riclassificazione del medicinale per uso umano «Verze-
gno 2019, n. 60, si impegna a mantenere una fornitura nios», ai sensi dell’articolo 8, comma 10, della legge 24 di-
costante adeguata al fabbisogno del Servizio sanitario cembre 1993, n. 537. (Determina n. 1775/2019).
nazionale.
Sconto obbligatorio sul prezzo ex factory, da praticarsi IL DIRETTORE GENERALE
alle strutture sanitarie pubbliche, ivi comprese le strutture
sanitarie private accreditate con il Servizio sanitario na- Visti gli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 30 luglio
zionale, come da condizioni negoziali. 1999, n. 300;
Ai fini delle prescrizioni a carico del Servizio sanitario Visto l’art. 48 del decreto-legge 30 settembre 2003,
nazionale, i centri utilizzatori specificatamente individua- n. 269, recante «Disposizioni urgenti per favorire lo svilup-
ti dalle regioni, dovranno compilare la scheda raccolta po e per la correzione dell’andamento dei conti pubblici»,
dati informatizzata di arruolamento che indica i pazienti convertito, con modificazioni, nella legge 24 novembre
eleggibili e la scheda di follow-up, applicando le condi- 2003, n. 326, che ha istituito l’Agenzia italiana del farmaco;
zioni negoziali secondo le indicazioni pubblicate sul sito Visto il decreto 20 settembre 2004, n. 245 del Ministro
dell’Agenzia, piattaforma web – all’indirizzo https://ser- della salute, di concerto con i Ministri della funzione pub-
vizionline.aifa.gov.it che costituiscono parte integrante blica e dell’economia e delle finanze recante «Regolamen-
della presente determina. to recante norme sull’organizzazione ed il funzionamento
dell’Agenzia italiana del farmaco, a norma dell’art. 48,
Nelle more della piena attuazione del registro di moni- comma 13, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269,
toraggio web-based, le prescrizioni, relative unicamente convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre
alle indicazioni rimborsate dal Servizio sanitario naziona- 2003, n. 326», così come modificato dal decreto 29 mar-
le attraverso la presente determina, dovranno essere effet- zo 2012, n. 53 del Ministro della salute, di concerto con i
tuate in accordo ai criteri di eleggibilità e appropriatezza Ministri per la pubblica amministrazione e la semplifica-
prescrittiva riportati nella documentazione consultabile zione e dell’economia e delle finanze recante «Modifica
sul portale istituzionale dell’Agenzia: al regolamento e funzionamento dell’Agenzia italiana del
https://www.aifa.gov.it/registri-e-piani-terapeutici1 farmaco (AIFA), in attuazione dell’art. 17, comma 10, del
I dati inerenti ai trattamenti effettuati a partire dalla data decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modi-
di entrata in vigore della presente determinazione, tramite ficazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111»;
la modalità temporanea suindicata, dovranno essere suc- Visti il regolamento di organizzazione, del funziona-
cessivamente riportati nella piattaforma web, secondo le mento e dell’ordinamento del personale e la nuova dota-
modalità che saranno indicate nel sito: https://www.aifa. zione organica, definitivamente adottati dal consiglio di
gov.it/registri-farmaci-sottoposti-a-monitoraggio. amministrazione dell’AIFA, rispettivamente, con delibe-
razione 8 aprile 2016, n. 12, e con deliberazione 3 feb-
braio 2016, n. 6, approvate ai sensi dell’art. 22 del de-
Art. 2. creto 20 settembre 2004, n. 245, del Ministro della salute
Classificazione ai fini della fornitura di concerto con il Ministro della funzione pubblica e il
Ministro dell’economia e delle finanze, della cui pubbli-
La classificazione ai fini della fornitura del medicina- cazione sul proprio sito istituzionale è stato dato avviso
le «Venclyxto» (venetoclax) è la seguente: medicinale nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - Serie
soggetto a prescrizione medica limitativa, da rinnovare generale n. 140 del 17 giugno 2016;

— 43 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, re- ca italiana n. 14 del 17 gennaio 2019, relativa alla clas-
cante «Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle sificazione del medicinale «Verzenios» (abemaciclib)
dipendenze delle amministrazioni pubbliche» e successi- ai sensi dell’art. 12, comma 5, legge 8 novembre 2012
ve modificazioni ed integrazioni; n. 189 di medicinali per uso umano approvati con proce-
Vista la legge 15 luglio 2002, n. 145, recante «Dispo- dura centralizzata;
sizioni per il riordino della dirigenza statale e per favori- Vista la domanda presentata in data 27 luglio
re lo scambio di esperienze e l’interazione tra pubblico e 2018 con la quale la società Eli Lilly Nederland BV
privato»; ha chiesto la riclassificazione delle confezioni con
Visto il decreto del Ministro della salute del 27 set- A.I.C. nn. 047091069/E, 047091018/E, 047091095/E,
tembre 2018, registrato, ai sensi dell’art. 5, comma 2, del 047091071/E, 047091044/E e 047091032/E;
decreto legislativo 30 giugno 2011 n. 123, dall’Ufficio Visto il parere espresso dalla Commissione consul-
centrale del bilancio presso il Ministero della salute in tiva tecnico-scientifica nella seduta del 14-16 gennaio
data 4 ottobre 2018, al n. 1011, con cui il dott. Luca Li 201919;
Bassi è stato nominato direttore generale dell’Agenzia Visto il parere espresso dal Comitato prezzi e rimborso
italiana del farmaco e il relativo contratto individuale di nella seduta del 23-25 luglio 2019;
lavoro con decorrenza 17 ottobre 2018, data di effettiva Vista la deliberazione n. 25 in data 30 ottobre 2019 del
assunzione delle funzioni; consiglio di amministrazione dell’AIFA adottata su pro-
Vista la legge 24 dicembre 1993, n. 537, concernente posta del direttore generale, concernente l’approvazio-
«Interventi correttivi di finanza pubblica» con particolare ne delle specialità medicinali ai fini dell’autorizzazione
riferimento all’art. 8 comma 10 che prevede la classifica- all’immissione in commercio e rimborsabilità da parte del
zione dei medicinali erogabili a carico del Servizio sani- Servizio sanitario nazionale;
tario nazionale;
Visto l’art. 48, comma 33, legge 24 novembre 2003, Determina:
n. 326, che dispone la negoziazione del prezzo per i pro-
dotti rimborsati dal Servizio sanitario nazionale tra Agen-
zia e titolari di autorizzazioni; Art. 1.
Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219, pub- Classificazione ai fini della rimborsabilità
blicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
n. 142 del 21 giugno 2006, concernente l’attuazione della Il medicinale VERZENIOS (abemaciclib) nelle confe-
direttiva 2001/83/CE (e successive direttive di modifica) zioni sotto indicate è classificato come segue:
relativa ad un codice comunitario concernenti i medicina- Indicazioni terapeutiche oggetto della negoziazione:
li per uso umano nonché della direttiva 2003/94/CE; «Verzenios» è indicato per il trattamento di don-
Vista la deliberazione CIPE del 1° febbraio 2001, n. 3; ne con carcinoma della mammella localmente avanzato o
Vista la determina 29 ottobre 2004 «Note AIFA 2004 metastatico, positivo ai recettori ormonali (HR), negativo
(Revisione delle note CUF)», pubblicata nel supplemento al recettore del fattore umano di crescita epidermico di
ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 259 del 4 novembre tipo 2 (HER2):
2004 e successive modificazioni; in associazione con un inibitore delle aromatasi
Vista la determina AIFA del 3 luglio 2006 pubblicata o fulvestrant come terapia endocrina iniziale o in donne
nella Gazzetta Ufficiale - Serie generale n. 156 del 7 lu- che hanno ricevuto una precedente terapia endocrina.
glio 2006, concernente «Elenco dei medicinali di classe Nelle donne in pre- o perimenopausa, la terapia endo-
a) rimborsabili dal Servizio sanitario nazionale (SSN) ai crina deve essere combinata con un agonista dell’ormone
sensi dell’art. 48, comma 5, lettera c), del decreto-legge di rilascio dell’ormone luteinizzante (LHRH).
30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, Confezioni:
nella legge 24 novembre 2006, n. 326. (Prontuario farma- 28 compresse rivestite con film da 100 mg
ceutico nazionale 2006)»; A.I.C. n. 047091069/E (in base 10);
Vista la determina AIFA del 27 settembre 2006 pub- Classe di rimborsabilità: H;
blicata nella Gazzetta Ufficiale - Serie generale n. 227
del 29 settembre 2006 concernente «Manovra per il Prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 1.994,46;
governo della spesa farmaceutica convenzionata e non Prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 3.291,66;
convenzionata»; 14 compresse rivestite con film da 50 mg
Visto il regolamento n. 726/2004/CE; A.I.C. n. 047091018/E (in base 10);
Visto l’art. 48, comma 33-ter del decreto-legge 30 set- Classe di rimborsabilità: H;
tembre 2003, n. 269, convertito con modificazioni dalla Prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 997,23;
legge 24 novembre 2003, n. 326, in materia di specia-
lità medicinali soggette a rimborsabilità condizionata Prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 1.645,83;
nell’ambito dei registri di monitoraggio AIFA; 28 compresse rivestite con film da 150 mg
Vista la determina n. 142839/2018 del 24 dicembre A.I.C. n. 047091095/E (in base 10);
2018, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubbli- Classe di rimborsabilità: H;

— 44 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 1.994,46; Art. 2.


Prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 3.291,66; Classificazione ai fini della fornitura
14 compresse rivestite con film da 150 mg La classificazione ai fini della fornitura del medicinale
A.I.C. n. 047091071/E (in base 10); «Verzenios» (abemaciclib) è la seguente: medicinale sog-
Classe di rimborsabilità: H; getto a prescrizione medica limitativa, da rinnovare volta
per volta, vendibile al pubblico su prescrizione di centri
Prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 997,23; ospedalieri individuati dalle regioni o di specialisti- on-
Prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 1.645,83; cologo (RNRL).
14 compresse rivestite con film da 100 mg Art. 3.
A.I.C. n. 047091044/E (in base 10);
Disposizioni finali
Classe di rimborsabilità: H;
La presente determina ha effetto dal giorno successi-
Prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 997,23; vo alla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 1.645,83; Repubblica italiana, e sarà notificata alla società titolare
28 compresse rivestite con film da 50 mg dell’autorizzazione all’immissione in commercio.
A.I.C. n. 047091032; Roma, 27 novembre 2019
Classe di rimborsabilità: H; Il direttore generale: LI BASSI
Prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 1.994,46;
19A07689
Prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 3.291,66:
Alla specialità medicinale «Verzenios» (abemaciclib)
viene riconosciuto il requisito dell’innovatività condizio- DETERMINA 27 novembre 2019.
nata da cui consegue unicamente:
Riclassificazione del medicinale per uso umano «Verze-
l’inserimento nei prontuari terapeutici regiona- nios», ai sensi dell’articolo 8, comma 10 della legge 24 di-
li nei termini previsti dalla normativa vigente (art. 10, cembre 1993, n. 537. (Determina n. 1776/2019).
comma 2, decreto legge n. 158/2012 convertito in legge
n. 189/2012). IL DIRETTORE GENERALE
Sconto obbligatorio sul prezzo ex factory, da praticarsi
alle strutture sanitarie pubbliche, ivi comprese le strutture Visti gli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 30 luglio
sanitarie private accreditate con il Servizio sanitario na- 1999, n. 300;
zionale, come da condizioni negoziali. Visto l’art. 48 del decreto-legge 30 settembre 2003,
Ai fini delle prescrizioni a carico del Servizio sani- n. 269, recante «Disposizioni urgenti per favorire lo svi-
tario nazionale, i centri utilizzatori specificatamente in- luppo e per la correzione dell’andamento dei conti pub-
dividuati dalle regioni, dovranno compilare la scheda blici», convertito, con modificazioni, nella legge 24 no-
raccolta dati informatizzata di arruolamento che indica i vembre 2003, n. 326, che ha istituito l’Agenzia italiana
pazienti eleggibili e la scheda di follow-up, applicando del farmaco;
le condizioni negoziali secondo le indicazioni pubblica- Visto il decreto 20 settembre 2004, n. 245 del Mini-
te sul sito dell’Agenzia, piattaforma web – all’indirizzo stro della salute, di concerto con i Ministri della funzione
https://servizionline.aifa.gov.it che costituiscono parte in- pubblica e dell’economia e delle finanze, recante «Re-
tegrante della presente determinazione. Nelle more della golamento recante norme sull’organizzazione ed il fun-
piena attuazione del registro di monitoraggio web-based, zionamento dell’Agenzia italiana del farmaco, a norma
onde garantire la disponibilità del trattamento ai pazienti dell’art. 48, comma 13 del decreto-legge 30 settembre
le prescrizioni dovranno essere effettuate in accordo ai 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge
criteri di eleggibilità e appropriatezza prescrittiva riporta- 24 novembre 2003, n. 326», così come modificato dal
ti nella documentazione consultabile sul portale istituzio- decreto 29 marzo 2012, n. 53 del Ministro della salute,
nale dell’Agenzia: di concerto con i Ministri per la pubblica amministra-
https://www.aifa.gov.it/registri-e-piani-terapeutici1 zione e la semplificazione e dell’economia e delle finan-
ze, recante «Modifica al regolamento e funzionamento
I dati inerenti ai trattamenti effettuati a partire dalla data dell’Agenzia italiana del farmaco (AIFA), in attuazione
di entrata in vigore della presente determinazione, tramite dell’art. 17, comma 10 del decreto-legge 6 luglio 2011,
la modalità temporanea suindicata, dovranno essere suc- n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio
cessivamente riportati nella piattaforma web, secondo le 2011, n. 111»;
modalità che saranno indicate nel sito: https://www.aifa. Visti il regolamento di organizzazione, del funziona-
gov.it/registri-farmaci-sottoposti-a-monitoraggio. mento e dell’ordinamento del personale e la nuova dota-
Validità del contratto: ventiquattro mesi. zione organica, definitivamente adottati dal consiglio di

— 45 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

amministrazione dell’AIFA, rispettivamente, con delibe- - Serie generale - n. 227 del 29 settembre 2006, concer-
razione 8 aprile 2016, n. 12, e con deliberazione 3 feb- nente «Manovra per il governo della spesa farmaceutica
braio 2016, n. 6, approvate ai sensi dell’art. 22 del de- convenzionata e non convenzionata»;
creto 20 settembre 2004, n. 245 del Ministro della salute, Visto il regolamento n. 726/2004/CE;
di concerto con il Ministro della funzione pubblica ed il
Ministro dell’economia e delle finanze, della cui pubbli- Visto l’art. 48, comma 33-ter del decreto-legge 30 set-
cazione sul proprio sito istituzionale è stato dato avviso tembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - Serie legge 24 novembre 2003, n. 326, in materia di specia-
generale - n. 140 del 17 giugno 2016; lità medicinali soggette a rimborsabilità condizionata
nell’ambito dei registri di monitoraggio AIFA;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, re-
cante «Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle Viste le determine n. 142839/2018 e n. 142842/2018
dipendenze delle amministrazioni pubbliche» e successi- del 24 dicembre 2019, pubblicate nella Gazzetta Ufficia-
ve modificazioni ed integrazioni; le della Repubblica italiana n. 14 del 17 gennaio 2019,
Vista la legge 15 luglio 2002, n. 145, recante «Dispo- relative alla classificazione del medicinale «Verzenios»
sizioni per il riordino della dirigenza statale e per favori- (abemaciclib) ai sensi dell’art. 12, comma 5, legge 8 no-
re lo scambio di esperienze e l’interazione tra pubblico e vembre 2012, n. 189, di medicinali per uso umano appro-
privato»; vati con procedura centralizzata;
Visto il decreto del Ministro della salute del 27 set- Vista la domanda presentata in data 5 novembre
tembre 2018, registrato, ai sensi dell’art. 5, comma 2 del 2018, con la quale la società Eli Lilly Nederland BV ha
decreto legislativo 30 giugno 2011, n. 123, dall’Ufficio chiesto la riclassificazione delle confezioni con A.I.C.
centrale del bilancio presso il Ministero della salute in n. 047091121/E, n. 047091133/E, n. 047091145/E,
data 4 ottobre 2018, al n. 1011, con cui il dott. Luca Li n. 047091057/E, n. 047091083/E, n. 047091158/E,
Bassi è stato nominato direttore generale dell’Agenzia n. 047091107/E, n. 047091119/E e n. 047091020/E;
italiana del farmaco ed il relativo contratto individuale di Visto il parere espresso dalla Commissione consultiva
lavoro con decorrenza 17 ottobre 2018, data di effettiva tecnico-scientifica nella seduta del 14-16 gennaio 2019;
assunzione delle funzioni; Visto il parere espresso dal Comitato prezzi e rimborso
Vista la legge 24 dicembre 1993, n. 537, concernente nella seduta del 23-26 luglio 2019;
«Interventi correttivi di finanza pubblica» con particolare
riferimento all’art. 8, comma 10 che prevede la classi- Vista la deliberazione n. 25 in data 30 ottobre 2019 del
ficazione dei medicinali erogabili a carico del Servizio consiglio di amministrazione dell’AIFA adottata su pro-
sanitario nazionale; posta del direttore generale, concernente l’approvazio-
ne delle specialità medicinali ai fini dell’autorizzazione
Visto l’art. 48, comma 33, legge 24 novembre 2003, all’immissione in commercio e rimborsabilità da parte del
n. 326, che dispone la negoziazione del prezzo per i pro- Servizio sanitario nazionale;
dotti rimborsati dal Servizio sanitario nazionale tra Agen-
zia e titolari di autorizzazioni; Determina:
Visto il decreto legislativo 24 aprile 2006, n. 219, pub-
blicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana
n. 142 del 21 giugno 2006, concernente l’attuazione della Art. 1.
direttiva 2001/83/CE (e successive direttive di modifica)
relativa ad un codice comunitario concernente i medici- Classificazione ai fini della rimborsabilità
nali per uso umano nonché della direttiva 2003/94/CE;
Il medicinale VERZENIOS (abemaciclib) nelle confe-
Vista la deliberazione del Comitato interministeriale zioni sotto indicate è classificato come segue.
per la programmazione economica del 1° febbraio 2001,
n. 3; Indicazioni terapeutiche oggetto della negoziazione:
«Verzenios» è indicato per il trattamento di donne con
Vista la determina 29 ottobre 2004 «Note AIFA 2004 carcinoma della mammella localmente avanzato o meta-
(Revisione delle note CUF)», pubblicata nel Supplemen- statico, positivo ai recettori ormonali (HR), negativo al
to ordinario alla Gazzetta Ufficiale della Repubblica ita- recettore del fattore umano di crescita epidermico di tipo
liana n. 259 del 4 novembre 2004 e successive modifica- 2 (HER2): in associazione con un inibitore delle aromata-
zioni ed integrazioni; si o fulvestrant come terapia endocrina iniziale o in don-
Vista la determina AIFA del 3 luglio 2006, pubblicata ne che hanno ricevuto una precedente terapia endocrina.
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana - Serie Nelle donne in pre- o perimenopausa, la terapia endocrina
generale - n. 156 del 7 luglio 2006, concernente «Elen- deve essere combinata con un agonista dell’ormone di ri-
co dei medicinali di classe a) rimborsabili dal Servizio lascio dell’ormone luteinizzante (LHRH).
sanitario nazionale (SSN) ai sensi dell’art. 48, comma 5,
lettera c) del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, Confezione:
convertito, con modificazioni, nella legge 24 novembre 168 compresse rivestite con film in cartoncino per
2006, n. 326. (Prontuario farmaceutico nazionale 2006)»; blister con calendario 50 mg - A.I.C. n. 047091020/E (in
Vista la determina AIFA del 27 settembre 2006, pub- base 10);
blicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana classe di rimborsabilità: «C».

— 46 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Confezione: zionata da cui consegue unicamente: l’inserimento nei


168 compresse rivestite con film in cartoncino per Prontuari terapeutici regionali nei termini previsti dal-
blister con calendario 100 mg - A.I.C. n. 047091057/E (in la normativa vigente (art. 10, comma 2, decreto-legge
base 10); n. 158/2012, convertito in legge n. 189/2012).
classe di rimborsabilità: «C». Sconto obbligatorio sul prezzo ex factory, da praticarsi
Confezione: alle strutture sanitarie pubbliche, ivi comprese le strutture
168 compresse rivestite con film in cartoncino per sanitarie private accreditate con il Servizio sanitario na-
blister con calendario 150 mg - A.I.C. n. 047091083/E (in zionale, come da condizioni negoziali.
base 10);
Ai fini delle prescrizioni a carico del Servizio sanitario
classe di rimborsabilità: «C». nazionale, i centri utilizzatori specificatamente individua-
Confezione: ti dalle regioni, dovranno compilare la scheda raccolta
28 compresse rivestite con film in cartoncino per bli- dati informatizzata di arruolamento che indica i pazienti
ster con calendario 100 mg - A.I.C. n. 047091121/E (in eleggibili e la scheda di follow-up, applicando le condi-
base 10); zioni negoziali secondo le indicazioni pubblicate sul sito
classe di rimborsabilità: «H»; dell’Agenzia, piattaforma web all’indirizzo https://servi-
prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 1.994,46; zionline.aifa.gov.it che costituiscono parte integrante del-
la presente determina. Nelle more della piena attuazione
prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 3.291,66. del registro di monitoraggio web-based, onde garantire la
Confezione: disponibilità del trattamento ai pazienti le prescrizioni do-
56 compresse rivestite con film in cartoncino per bli- vranno essere effettuate in accordo ai criteri di eleggibi-
ster con calendario 100 mg - A.I.C. n. 047091133/E (in lità e appropriatezza prescrittiva riportati nella documen-
base 10); tazione consultabile sul portale istituzionale dell’Agenzia
classe di rimborsabilità: «H»; https://www.aifa.gov.it/registri-e-piani-terapeutici1
prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 3.988,92; I dati inerenti ai trattamenti effettuati a partire dalla
prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 6.583,31. data di entrata in vigore della presente determina, tramite
Confezione: la modalità temporanea suindicata, dovranno essere suc-
28 compresse rivestite con film in cartoncino per bli- cessivamente riportati nella piattaforma web, secondo le
ster con calendario 150 mg - A.I.C. n. 047091145/E (in modalità che saranno indicate nel sito https://www.aifa.
base 10); gov.it/registri-farmaci-sottoposti-a-monitoraggio
classe di rimborsabilità: «H»; Validità del contratto: ventiquattro mesi.
prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 1.994,46;
prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 3.291,66. Art. 2.
Confezione:
56 compresse rivestite con film in cartoncino per bli- Classificazione ai fini della fornitura
ster con calendario 150 mg - A.I.C. n. 047091158/E (in
base 10); La classificazione ai fini della fornitura del medicinale
classe di rimborsabilità: «H»; «Verzenios» (abemaciclib) è la seguente: medicinale sog-
prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 3.988,92; getto a prescrizione medica limitativa, da rinnovare volta
prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 6.583,31. per volta, vendibile al pubblico su prescrizione di centri
specialistici individuati dalle regioni o di specialisti, on-
Confezione: cologo (RNRL).
28 compresse rivestite con film in cartoncino per
blister con calendario 50 mg - A.I.C. n. 047091107/E (in
base 10); Art. 3.
classe di rimborsabilità: «H»;
Disposizioni finali
prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 1.994,46;
prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 3.291,66. La presente determina ha effetto dal giorno successi-
Confezione: vo alla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
56 compresse rivestite con film in cartoncino per Repubblica italiana, e sarà notificata alla società titolare
blister con calendario 50 mg - A.I.C. n. 047091119/E (in dell’autorizzazione all’immissione in commercio.
base 10);
classe di rimborsabilità: «H»; Roma, 27 novembre 2019
prezzo ex factory (IVA esclusa): euro 3.988,92;
prezzo al pubblico (IVA inclusa): euro 6.583,31. Il direttore generale: LI BASSI
Alla specialità medicinale «Verzenios» (abemaciclib)
viene riconosciuto il requisito dell’innovatività condi- 19A07690

— 47 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

ESTRATTI, SUNTI E COMUNICATI


AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO Laboratorios Normon - S.A., Ronda de Valdecarrizo, 6 - 28760
Tres Cantos - Madrid (Spagna).
Autorizzazione all’immissione in commercio del medicinale Rilascio dei lotti:
per uso umano «Pramipexolo Eurogenerici» Ferrer Internacional - S.A., Calle Joan Buscallà 1-9 - 08173 Sant
Cugat del Vallès - Barcelona (Spagna);
Laboratorios Normon - S.A., Ronda de Valdecarrizo, 6 - 28760
Estratto determina n. 1770/2019 del 27 novembre 2019 Tres Cantos - Madrid (Spagna);
Medicinale: PRAMIPEXOLO EUROGENERICI. Stada Arzneimittel AG - Stadastraße 2 - 18 - 61118 Bad Vilbel
Titolare A.I.C.: EG S.p.a. - via Pavia n. 6 - 20136 Milano (Italia). (Germania);
Stada Arzneimittel GmbH - Muthgasse 36/2 - 1190 Wien
Confezioni: (Austria).
«0,26 mg compresse a rilascio prolungato» 10 compresse in bli- Indicazioni terapeutiche: «Pramipexolo Eurogenerici» è indicato
ster AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845019 (in base 10); negli adulti nel trattamento dei segni e dei sintomi del morbo di Parkin-
«0,26 mg compresse a rilascio prolungato» 30 compresse in bli- son idiopatico, da solo (senza levodopa) o in associazione a levodopa,
ster AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845021 (in base 10); cioè durante il corso della malattia, in fase avanzata quando l’effetto
«0,26 mg compresse a rilascio prolungato» 100 compresse in della levodopa svanisce o diventa discontinuo e insorgono fluttuazioni
blister AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845033 (in base 10); dell’effetto terapeutico (fluttuazioni di fine dose o «on/off»).
«0,52 mg compresse a rilascio prolungato» 10 compresse in bli-
ster AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845045 (in base 10); Classificazione ai fini della rimborsabilità
«0,52 mg compresse a rilascio prolungato» 30 compresse in bli- Confezioni:
ster AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845058 (in base 10);
«0,26 mg compresse a rilascio prolungato» 10 compresse in
«0,52 mg compresse a rilascio prolungato» 100 compresse in blister AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845019 (in base 10). Classe di
blister AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845060 (in base 10); rimborsabilità: A. Prezzo ex-factory (IVA esclusa): euro 1,48. Prezzo al
«1,05 mg compresse a rilascio prolungato» 10 compresse in bli- pubblico (IVA inclusa): euro 2,78;
ster AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845072 (in base 10); «0,52 mg compresse a rilascio prolungato» 10 compresse in
«1,05 mg compresse a rilascio prolungato» 30 compresse in bli- blister AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845045 (in base 10). Classe di
ster AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845084 (in base 10); rimborsabilità: A. Prezzo ex-factory (IVA esclusa): euro 2,97. Prezzo al
«1,05 mg compresse a rilascio prolungato» 100 compresse in pubblico (IVA inclusa): euro 5,57;
blister AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845096 (in base 10); «1,05 mg compresse a rilascio prolungato» 30 compresse in bli-
«2,10 mg compresse a rilascio prolungato» 10 compresse in bli- ster AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845084 (in base 10). Classe di rim-
ster AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845108 (in base 10); borsabilità: A. Prezzo ex-factory (IVA esclusa): euro 17,99. Prezzo al
pubblico (IVA inclusa): euro 33,75;
«2,10 mg compresse a rilascio prolungato» 30 compresse in bli-
ster AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845110 (in base 10); «2,10 mg compresse a rilascio prolungato» 30 compresse in bli-
ster AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845110 (in base 10). Classe di rim-
«2,10 mg compresse a rilascio prolungato» 100 compresse in borsabilità: A. Prezzo ex-factory (IVA esclusa): euro 35,97. Prezzo al
blister AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845122 (in base 10); pubblico (IVA inclusa): euro 67,47;
«3,15 mg compresse a rilascio prolungato» 30 compresse in bli- «3,15 mg compresse a rilascio prolungato» 30 compresse in bli-
ster AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845134 (in base 10); ster AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845134 (in base 10). Classe di rim-
«3,15 mg compresse a rilascio prolungato» 100 compresse in borsabilità: A. Prezzo ex-factory (IVA esclusa): euro 53,97. Prezzo al
blister AL/OPA-AL-PVC. A.I.C.: 047845146 (in base 10). pubblico (IVA inclusa): euro 101,22.
Forma farmaceutica: compressa a rilascio prolungato. Qualora il principio attivo, sia in monocomponente che in associa-
Validità prodotto integro: tre anni. zione, sia sottoposto a copertura brevettuale o al certificato di protezio-
ne complementare, la classificazione di cui alla presente determina ha
Composizione: efficacia, ai sensi dell’art. 11, comma 1-bis del decreto-legge 13 settem-
principio attivo: pramipexolo (come pramipexolo dicloridrato bre 2012, n. 158, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre
monoidrato); 2012, n. 189, dal giorno successivo alla data di scadenza del brevetto o
eccipienti: ipromellosa, calcio fosfato dibasico anidro, magnesio del certificato di protezione complementare, pubblicata dal Ministero
stearato, silice colloidale anidra. dello sviluppo economico.
Officine di produzione del principio attivo: Sino alla scadenza del termine di cui al precedente comma, il me-
dicinale «Pramipexolo Eurogenerici» è classificato, ai sensi dell’art. 12,
Amino Chemicals Ltd. - MRA 050X Marsa Industrial Estate comma 5, del decreto-legge 13 settembre 2012, n. 158, convertito, con
Marsa - MRS 3000 (Malta); modificazioni, dalla legge 8 novembre 2012, n. 189, nell’apposita sezio-
Crystal Pharma S.A.U. - Parque Tecnologico de Boecillo Parce- ne, dedicata ai farmaci non ancora valutati ai fini della rimborsabilità,
la 105 - Boecillo Valladolid 47151 (Spagna). della classe di cui all’art. 8, comma 10, lettera c) della legge 24 dicem-
Officine di produzione del prodotto finito: bre 1993, n. 537 e successive modificazioni, denominata classe C(nn).
Ferrer Internacional - S.A., Calle Joan Buscallà 1-9 - 08173 Sant Le confezioni di cui all’art. 1, che non siano classificate in fascia
Cugat del Vallès - Barcelona (Spagna); di rimborsabilità ai sensi del presente articolo, risultano collocate, in
Laboratorios Normon - S.A., Ronda de Valdecarrizo, 6 - 28760 virtù dell’art. 12, comma 5, del decreto-legge 13 settembre 2012, n. 158,
Tres Cantos - Madrid (Spagna). convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2012, n. 189,
nell’apposita sezione, dedicata ai farmaci non ancora valutati ai fini del-
Confezionamento primario e secondario: la rimborsabilità, della classe di cui all’art. 8, comma 10, lettera c) della
Ferrer Internacional - S.A., Calle Joan Buscallà 1-9 - 08173 Sant legge 24 dicembre 1993, n. 537 e successive modificazioni, denominata
Cugat del Vallès - Barcelona (Spagna); classe C(nn).
Laboratorios Normon - S.A., Ronda de Valdecarrizo, 6 - 28760
Tres Cantos - Madrid (Spagna). Classificazione ai fini della fornitura
Controllo di qualità: La classificazione ai fini della fornitura del medicinale «Prami-
Ferrer Internacional - S.A., Calle Joan Buscallà 1-9 - 08173 Sant pexolo Eurogenerici» (pramipexolo) è la seguente: medicinale soggetto
Cugat del Vallès - Barcelona (Spagna); a prescrizione medica (RR).

— 48 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Stampati Composizione:
Le confezioni della specialità medicinale devono essere poste in Principio attivo: silodosina.
commercio con etichette e fogli illustrativi conformi al testo allegato Eccipienti:
alla presente determina. Contenuto della capsula:
È approvato il riassunto delle caratteristiche del prodotto allegato mannitolo (E421)
alla presente determina. amido pregelatinizzato (mais)
Tutela brevettuale sodio laurilsolfato
glicerolo dibeenato (E471)
Il titolare dell’A.I.C. del farmaco generico è esclusivo responsabile Involucro della capsula:
del pieno rispetto dei diritti di proprietà industriale relativi al medicinale di
riferimento e delle vigenti disposizioni normative in materia brevettuale. Silodosina Zentiva 4 mg capsule rigide:
Il titolare dell’A.I.C. del farmaco generico è altresì responsabile gelatina
del pieno rispetto di quanto disposto dall’art. 14, comma 2 del decreto titanio diossido (E171)
legislativo n. 219/2006 che impone di non includere negli stampati quel- ferro ossido giallo (E172)
le parti del riassunto delle caratteristiche del prodotto del medicinale di Silodosina Zentiva 8 mg capsule rigide:
riferimento che si riferiscono a indicazioni o a dosaggi ancora coperti
da brevetto al momento dell’immissione in commercio del medicinale. gelatina
titanio diossido (E171)
Rapporti periodici di aggiornamento sulla sicurezza - PSUR inchiostro da stampa nero
gomma lacca (E904)
Al momento del rilascio dell’autorizzazione all’immissione in
commercio, la presentazione dei rapporti periodici di aggiornamento glicole propilenico (E1520)
sulla sicurezza non è richiesta per questo medicinale. Tuttavia, il titolare soluzione concentrata di ammoniaca (E527)
dell’autorizzazione all’immissione in commercio deve controllare perio- ossido di ferro nero (E172)
dicamente se l’elenco delle date di riferimento per l’Unione europea (elen- idrossido di potassio (E525).
co EURD), di cui all’art. 107-quater, par. 7) della direttiva n. 2010/84/CE
e pubblicato sul portale web dell’Agenzia europea dei medicinali, preveda
la presentazione dei rapporti periodici di aggiornamento sulla sicurezza Officine di produzione:
per questo medicinale. In tal caso il titolare dell’autorizzazione all’immis- Produttore principio attivo:
sione in commercio deve presentare i rapporti periodici di aggiornamento Zhejiang Huahai Pharmaceutical comma Ltd., Chuannan site,
sulla sicurezza per questo medicinale in accordo con l’elenco EURD. Chuannan, Duqiao, Linha, Zhejiang 317016 - Cina.
Decorrenza di efficacia della determina: dal giorno successivo alla Produttore prodotto finito:
sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Rontis Hellas Medical and Pharmaceutical Products S.A., P.O
Box 3012, Larisa Industrial Area, 41004 Larisa - Grecia.
19A07684
Confezionamento primario:
Autorizzazione all’immissione in commercio del medicinale Rontis Hellas Medical and Pharmaceutical Products S.A, P.O
per uso umano «Silodosina Zentiva» Box 3012, Larisa Industrial Area, 41004 Larisa - Grecia.
Confezionamento secondario:
Rontis Hellas Medical and Pharmaceutical Products S.A, P.O
Estratto determina n. 1773/2019 del 27 novembre 2019 Box 3012, Larisa Industrial Area, 41004 Larisa - Grecia;
Medicinale: SILODOSINA ZENTIVA. Prestige Promotion Verkaufsfoerderung&Werbeservice GmbH,
Titolare A.I.C.: Lindigstraße 6, 63801 Kleinostheim - Germania;
MSK-Pharmalogistik GmbH, Donnersbergstra ße 4, 64646 Hep-
Zentiva Italia S.r.l., Viale legge Bodio, 37/B, 20158 Milano penheim - Germania;
- Italia.
DHL Supply Chain (Italy) S.p.a., Viale delle Industrie, 2, 20090
Confezioni: Settala (MI) - Italia.
«4 mg capsule rigide» 10 capsule rigide in blister di AL/PVC/ Controllo lotti:
PE/PVDC
Rontis Hellas Medical and Pharmaceutical Products S.A, P.O
A.I.C.: 046344014 (in base 10); Box 3012, Larisa Industrial Area, 41004 Larisa - Grecia.
«4 mg capsule rigide» 30 capsule rigide in blister di AL/PVC/ Rilascio lotti:
PE/PVDC
Rontis Hellas Medical and Pharmaceutical Products S.A, P.O
A.I.C.: 046344026 (in base 10); Box 3012, Larisa Industrial Area, 41004 Larisa - Grecia.
«4 mg capsule rigide» 50 capsule rigide in blister di AL/PVC/ Indicazioni terapeutiche: trattamento dei segni e sintomi dell’iper-
PE/PVDC plasia prostatica benigna (IPB) nell’uomo adulto.
A.I.C.: 046344038 (in base 10);
«4 mg capsule rigide» 100 capsule rigide in blister di AL/PVC/ Classificazione ai fini della rimborsabilità
PE/PVDC
A.I.C.: 046344040 (in base 10); Confezione:
«8 mg capsule rigide» 30 capsule rigide in blister di AL/PVC/ «4 mg capsule rigide» 30 capsule rigide in blister AL/PVC/PE/
PE/PVDC PVDC
A.I.C.: 046344053 (in base 10); A.I.C.: 046344026 (in base 10)
«8 mg capsule rigide» 50 capsule rigide in blister di AL/PVC/ Classe di rimborsabilità:
PE/PVDC A
A.I.C.: 046344065 (in base 10); Prezzo ex-factory (IVA esclusa)
«8 mg capsule rigide» 100 capsule rigide in blister di AL/PVC/ euro 2,16
PE/PVDC Prezzo al pubblico (IVA inclusa)
A.I.C.: 046344077 (in base 10). euro 4,05.
Forma farmaceutica: capsula rigida. Confezione:
Validità prodotto integro: due anni. «8 mg capsule rigide» 30 capsule rigide in blister AL/PVC/PE/PVDC

— 49 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

A.I.C.: 046344053(in base 10) Revoca, su rinuncia, dell’autorizzazione all’immissione in


Classe di rimborsabilità commercio del medicinale per uso umano «Caspofungin
A Teva».
Prezzo ex-factory (IVA esclusa) Con la determina n. aRM - 175/2019 - 813 del 21 novembre 2019
euro 4,32 è stata revocata, ai sensi dell’art. 38, comma 9, del decreto legislativo
Prezzo al pubblico (IVA inclusa) 24 aprile 2006, n. 219, su rinuncia della Teva Italia S.r.l., l’autorizza-
zione all’immissione in commercio del sottoelencato medicinale, nelle
euro 8,11. confezioni indicate.
Qualora il principio attivo, sia in monocomponente che in associa- Medicinale: CASPOFUNGIN TEVA.
zione, sia sottoposto a copertura brevettuale o al certificato di protezio- Confezioni e descrizioni:
ne complementare, la classificazione di cui alla presente determina ha
efficacia, ai sensi dell’art. 11, comma 1-bis del decreto-legge 13 settem- A.I.C. n. 044280016 - «50 mg polvere per concentrato per solu-
bre 2012, n. 158, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre zione per infusione» 1 flaconcino in vetro;
2012, n. 189, dal giorno successivo alla data di scadenza del brevetto o A.I.C. n. 044280028 - «70 mg polvere per concentrato per solu-
del certificato di protezione complementare, pubblicata dal Ministero zione per infusione» 1 flaconcino in vetro.
dello sviluppo economico. Qualora nel canale distributivo fossero presenti scorte del medi-
Sino alla scadenza del termine di cui al precedente comma, il me- cinale revocato, in corso di validità, le stesse potranno essere smaltite
dicinale Silodosina Zentiva è classificato, ai sensi dell’art. 12, comma 5, entro e non oltre centottanta giorni dalla data di pubblicazione della pre-
del decreto-legge 13 settembre 2012, n. 158, convertito, con modifica- sente determina.
zioni, dalla legge 8 novembre 2012, n. 189, nell’apposita sezione, de-
dicata ai farmaci non ancora valutati ai fini della rimborsabilità, della 19A07752
classe di cui all’art. 8, comma 10, lettera c) della legge 24 dicembre
1993, n. 537 e successive modificazioni, denominata classe C(nn). Revoca, su rinuncia, dell’autorizzazione all’immissione in
Le confezioni di cui all’art. 1, che non siano classificate in fascia di commercio del medicinale per uso umano «Doroxan»
rimborsabilità ai sensi del presente articolo, risultano collocate, in virtù
dell’art. 12, comma 5, del decreto-legge 13 settembre 2012, n. 158, conver- Con la determina n. aRM - 174/2019 - 6137 del 21 novembre 2019
tito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2012, n. 189, nell’apposita è stata revocata, ai sensi dell’art. 38, comma 9 del decreto legislativo
sezione, dedicata ai farmaci non ancora valutati ai fini della rimborsabilità, 24 aprile 2006, n. 219, su rinuncia della Rottapharm S.p.a., l’autorizza-
della classe di cui all’art. 8, comma 10, lettera c) della legge 24 dicembre zione all’immissione in commercio del sottoelencato medicinale, nelle
1993, n. 537 e successive modificazioni, denominata classe C(nn). confezioni indicate.
Medicinale: DOROXAN.
Classificazione ai fini della fornitura
Confezione e descrizione: A.I.C. n. 034758021 - «1% schiuma cu-
La classificazione ai fini della fornitura del medicinale Silodosina tanea» 1 contenitore sotto pressione.
Zentiva (silodosina) è la seguente: medicinale soggetto a prescrizione Qualora nel canale distributivo fossero presenti scorte del medi-
medica (RR). cinale revocato, in corso di validità, le stesse potranno essere smaltite
entro e non oltre centottanta giorni dalla data di pubblicazione della pre-
Stampati sente determina.

Le confezioni della specialità medicinale devono essere poste in 19A07753


commercio con etichette e fogli illustrativi conformi al testo allegato
alla presente determina. Revoca, su rinuncia, dell’autorizzazione all’importazione
È approvato il riassunto delle caratteristiche del prodotto allegato parallela del medicinale per uso umano «Dilatrend»
alla presente determina.
Con determina aRM - 173/2019 - 3817 del 21 novembre 2019 è
Tutela brevettuale stata revocata, su rinuncia della GMM Farma S.r.l., l’autorizzazione
all’importazione delle confezioni dei medicinali per uso umano di se-
Il titolare dell’A.I.C. del farmaco generico è esclusivo responsabile guito riportate, rilasciata con procedura di autorizzazione all’importa-
del pieno rispetto dei diritti di proprietà industriale relativi al medicinale di zione parallela.
riferimento e delle vigenti disposizioni normative in materia brevettuale. Medicinale: DILATREND.
Il titolare dell’A.I.C. del farmaco generico è altresì responsabile Confezione: 044004012.
del pieno rispetto di quanto disposto dall’art. 14 comma 2 del decreto
legislativo n. 219/2006 che impone di non includere negli stampati quel- Descrizione: «25 mg compresse» 30 compresse.
le parti del riassunto delle caratteristiche del prodotto del medicinale di Paese di provenienza: Repubblica Ceca.
riferimento che si riferiscono a indicazioni o a dosaggi ancora coperti Qualora nel canale distributivo fossero presenti scorte del medi-
da brevetto al momento dell’immissione in commercio del medicinale. cinale revocato, in corso di validità, le stesse potranno essere smaltite
entro e non oltre centottanta giorni dalla data di pubblicazione della pre-
Rapporti periodici di aggiornamento sulla sicurezza - PSUR sente determina.
Al momento del rilascio dell’autorizzazione all’immissione in 19A07754
commercio, la presentazione dei rapporti periodici di aggiornamento
sulla sicurezza non è richiesta per questo medicinale. Tuttavia, il titolare Revoca, su rinuncia, dell’autorizzazione all’importazione
dell’autorizzazione all’immissione in commercio deve controllare perio-
dicamente se l’elenco delle date di riferimento per l’Unione europea (elen- parallela del medicinale per uso umano «Efferalgan»
co EURD), di cui all’art. 107-quater, par. 7) della direttiva 2010/84/CE e
pubblicato sul portale web dell’Agenzia europea dei medicinali, preveda Con determina aRM - 176/2019 - 3912 del 21 novembre 2019 è
la presentazione dei rapporti periodici di aggiornamento sulla sicurezza stata revocata, su rinuncia della Pricetag S.p.a., l’autorizzazione all’im-
per questo medicinale. In tal caso il titolare dell’autorizzazione all’immis- portazione delle confezioni dei medicinali per uso umano di seguito
sione in commercio deve presentare i rapporti periodici di aggiornamento riportate, rilasciata con procedura di autorizzazione all’importazione
sulla sicurezza per questo medicinale in accordo con l’elenco EURD. parallela.
Decorrenza di efficacia della determina: dal giorno successivo alla Medicinale: EFFERALGAN.
sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Confezione: 043767019.
Descrizione: «500 mg compresse effervescenti» 16 compresse.
19A07685 Paese di provenienza: Spagna.

— 50 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Qualora nel canale distributivo fossero presenti scorte del medi- Modifica dell’autorizzazione all’immissione in commercio
cinale revocato, in corso di validità, le stesse potranno essere smaltite del medicinale per uso veterinario «Fiproclear Combo»,
entro e non oltre centottanta giorni dalla data di pubblicazione della pre- confezioni e preparazioni varie.
sente determina.

19A07755 Estratto provvedimento n. 551 del 3 ottobre 2019

Revoca, su rinuncia, dell’autorizzazione all’importazione pa- Medicinale veterinario: Fiproclear Combo 50 mg / 60 mg solu-
rallela dei medicinali per uso umano «Muscoril» e «Bac- zione spot-on per gatti e furetti, «Fiproclear Combo» 67 mg / 60,3 mg
troban». soluzione spot-on per cani di taglia piccola, «Fiproclear Combo» 134
mg / 120,6 mg soluzione spot-on per cani di taglia media, «Fiproclear
Con determina aRM - 177/2019 - 3923 del 27 novembre 2019 è Combo» 268 mg / 241,2 mg soluzione spot-on per cani di taglia grande,
stata revocata, su rinuncia della General Pharma Solutions S.p.a., l’au- «Fiproclear Combo» 402 mg / 361,8 mg soluzione spot-on per cani di
torizzazione all’importazione delle confezioni dei medicinali per uso taglia molto grande.
umano di seguito riportate, rilasciata con procedura di autorizzazione Confezioni: tutte A.I.C. n. 105009.
all’importazione parallela:
Titolare A.I.C.:
medicinale: MUSCORIL - confezione: 043762018 - descrizio-
ne: «4 mg capsule rigide» 20 capsule - paese di provenienza: Grecia; Norbrook Laboratories Limited
medicinale: BACTROBAN - confezione: 043823018 - descri- Station works
zione: 2% crema 1 tubo 15 g - paese di provenienza: Regno Unito. Newry - Co.Down
Qualora nel canale distributivo fossero presenti scorte del medi- BT35 6JP - Irlanda del nord
cinale revocato, in corso di validità, le stesse potranno essere smaltite
entro e non oltre centottanta giorni dalla data di pubblicazione della pre- Oggetto del provvedimento: numero di procedura europea:
sente determina. IE/V/0364/001-005-IB-005
Si autorizza la modifica come di seguito descritta:
19A07756 estensione del periodo di validità del medicinale a tre anni
Per effetto delle suddette variazioni viene modificato il punto 6.3
dell’RCP come segue:
RCP
MINISTERO DELLA GIUSTIZIA
6.3 Periodo di validità
Cessazione di notaio dall’esercizio per limiti di età Periodo di validità del medicinale veterinario confezionato per
la vendita tre anni.
Con decreto direttoriale del 6 dicembre 2019 il notaio Raffaele
Matrone nato a Boscotrecase il 20 gennaio 1945, residente nel Comune I lotti già prodotti possono essere commercializzati fino a scadenza.
di Boscotrecase (distretti notarili riuniti di Napoli, Torre Annunziata e Il presente estratto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Nola) è dispensato dall’Ufficio, per limite di età, con effetto dal gior- Repubblica italiana, mentre il relativo provvedimento verrà notificato
no 20 gennaio 2020. all’impresa interessata.

19A07813 19A07723

Modifica dell’autorizzazione all’immissione in commercio


del medicinale per uso veterinario ad azione immunologi-
MINISTERO DELLA SALUTE ca «Primun Newcastle HB1».

Modifica dell’autorizzazione all’immissione in commercio Estratto provvedimento n. 520 del 13 settembre 2019
del medicinale per uso veterinario «Posatex gocce auri-
colari per cani». Medicinale veterinario ad azione immunologica PRIMUN
NEWCASTLE HB1 (A.I.C. n. 105039).
Estratto provvedimento n. 465 del 26 luglio 2019 Titolare A.I.C.: Laboratorios Calier S.A. C/Barcelonès, 26 (Pla del
Ramassar) - 08520 Les Franqueses del Valles - Barcellona (Spagna).
Medicinale veterinario POSATEX gocce auricolari per cani (NIN
n. 104095). Oggetto del provvedimento: procedura europea n. DE/V/0272/001/
IA/001.
Titolare A.I.C. Intervet International BV - Wim de Koverstraat 35
- 5831 AN Boxmeer Paesi Bassi. Si accetta, per il medicinale veterinario ad azione immunologica
indicato in oggetto, la variazione relativa alla soppressione delle confe-
Oggetto del provvedimento: variazione di tipo IB - C.II.6.B zioni da 2.000 dosi:
Si autorizza la modifica come di seguito descritta:
scatola di cartone con 1 flacone da 2.000 dosi - A.I.C.
Modifica del regime di dispensazione da ricetta medico-veteri- n. 105039022;
nario in copia unica non ripetibile a ricetta medico-veterinario ripetibile.
scatola di plastica con 10 flaconi da 2.000 dosi - A.I.C.
Per effetto delle suddette variazioni gli stampati devono essere mo- n. 105039046.
dificati nelle sezioni pertinenti.
La blue box dell’etichetta esterna delle confezioni del medicinale Per effetto della suddetta variazione, gli stampati devono essere
veterinario deve riportare il nuovo regime di dispensazione autorizzato. modificati nei punti pertinenti.
I lotti già prodotti possono essere commercializzati fino alla I lotti già prodotti possono essere commercializzati fino alla
scadenza. scadenza.
Il presente estratto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Il presente estratto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana, mentre il relativo provvedimento verrà notificato Repubblica italiana, mentre il relativo provvedimento verrà notificato
all’impresa interessata. all’impresa interessata.

19A07722 19A07724

— 51 —
12-12-2019 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 291

Autorizzazione all’immissione in commercio del medicinale Nei cavalli:


per uso veterinario «Meganyl 50 mg/ml soluzione inietta- Per attenuare l’infiammazione e il dolore associati alle patologie
bile per bovini, suini e cavalli». muscoloscheletriche.
Per attenuare il dolore viscerale associato alla colica equina.
Estratto decreto n. 129 del 7 ottobre 2019 Specie di destinazione: bovini, suini e cavalli.
Medicinale veterinario MEGANYL 50 mg/ml soluzione iniettabile Tempi di attesa:
per bovini, suini e cavalli.
Bovini:
Titolare A.I.C.: Laboratorios Syva, s.a.u. - Avda. Pàrroco Pablo
Dìez, 49-57, 24010 Leòn - Spagna. Carne e visceri: quattro giorni.
Procedura europea di Repeat Use: ES/V/0249/001/E/001 Latte: ventiquattro ore.
Produttore responsabile rilascio lotti: Laboratorios Syva Avenida Suini: Carne e visceri: ventiquattro giorni
Pàrroco Pablo Dìez, 49-57, Trobajo del Camino, San Andrès del Raba-
nedo, Leòn, 24010 Spagna. Cavalli: Carne e visceri: quattro giorni.
Confezioni autorizzate e numeri di A.I.C.: Latte: uso non autorizzato in cavalle che producono latte per il con-
scatola di cartone contenente 1 flacone da 100 ml - A.I.C. sumo umano.
n. 105354017; Validità:
scatola di cartone contenente 1 flacone da 250 ml - A.I.C. periodo di validità del medicinale veterinario come confezionato
n. 105354029. per la vendita: due anni;
Composizione: ogni ml contiene:
periodo di validità dopo prima apertura del confezionamento
principio attivo: flunixina 50,0 mg (equivalente a 83 mg fluni- primario: ventotto giorni.
xina meglumina);
eccipienti: così come indicato nella documentazione di tecnica Regime di dispensazione:
farmaceutica acquisita agli atti. Condizioni di fornitura: da vendersi soltanto dietro presentazio-
Indicazioni terapeutiche ne di ricetta in triplice copia non ripetibile.
Nei bovini: Condizioni di somministrazione: da somministrare sotto il
Per la riduzione della piressia e dell’infiammazione acuta asso- controllo o la responsabilità diretta di un medico veterinario. La som-
ciate alla malattia respiratoria del bovino. ministrazione per via endovenosa deve essere eseguita da un medico
veterinario.
Per la terapia aggiuntiva nel trattamento della mastite acuta.
Nei suini: Efficacia del decreto: dalla notifica alla ditta interessata.
Per la terapia aggiuntiva nel trattamento della Metrite-Mastite-
Agalassia (MMA). 19A07725

M ARIA C ASOLA , redattore DELIA CHIARA, vice redattore

(WI-GU-2019-GU1-291) Roma, 2019 - Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A.

€ 1,00

*45-410100191212*