Sei sulla pagina 1di 1

SEGRETERIA GENERALE DELLA PRESIDENZA

SEZIONE RACCORDO AL SISTEMA REGIONALE


Osservatorio regionale contratti pubblici

Bari, 27/03/2020

AOO_092 / 0000912
PROTOCOLLO USCITA
Gentile RUP

Comunicato n. 2/2020
Oggetto: modalità di trasmissione delle varianti in corso d’opera ex art.106, co.14- primo capoverso, del d.lgs. n.
50/2016.

Pervengono a questa sezione regionale dell’Osservatorio dei contratti pubblici, da parte di alcune stazioni
appaltanti del territorio regionale, comunicazioni, difformi rispetto alle modalità previste, riferite all’assolvimento degli
obblighi di cui al primo capoverso1 del comma 14 dell’art. 106 del Dlgs. N. 50/2016. A tal riguardo si forniscono alcune
precisazioni ai fini del corretto assolvimento degli obblighi informativi.
In ragione della nuova disciplina dettata dall’art.106 del d.lgs. 18.4.2016, n.50 rispetto all’art.132 del
d.lgs.163/2006 e all’art. 37, d.l. 90/2014, convertito in legge n.114/2014, il Presidente dell’ANAC ha emanato il
Comunicato del 23.11.2016 con il nuovo Modulo di trasmissione delle varianti in corso d’opera dei contratti di lavori da
compilarsi a cura del responsabile unico del procedimento. Il Comunicato conferma, altresì, le indicazioni generali già
fornite con i precedenti comunicati (cfr. in particolare il Comunicato del 4.3.2016) in ordine all’accertamento delle cause
delle varianti a cura del RUP.
Il nuovo Modulo prevede di fornire anche alcune brevi informazioni tese a facilitare il coordinamento tra le
varianti in corso d’opera propriamente intese e gli altri istituti di modifica del contratto nella fase di esecuzione
disciplinati dal predetto art. 106.
Il Comunicato, inoltre, richiama l’attenzione sull’obbligo di trasmissione delle varianti in corso d’opera entro 30
giorni, oggi 90 giorni a seguito dell’intervenuta delibera dell’ANAC n. 268/2020, dall’approvazione da parte della
stazione appaltante, ex art. 106, comma 14, d.lgs. 50/2016, e sulle sanzioni amministrative pecuniarie in caso di ritardo
ex art. 213, comma 13, del Codice stesso.
Per quanto qui rileva, tenuto conto che il predetto art. 37 del decreto legge n. 90/2014 è stato abrogato, occorre
distinguere le modalità di comunicazioni delle varianti ex comma 8 dell’art. 106 e di quelle previste dal primo capoverso
del comma 14 dell’art. 106, da quelle indicate dal secondo capoverso del comma 14 del medesimo art. 106.
Per il primo gruppo di varianti valgono le modalità di comunicazione del RUP unicamente attraverso il sistema
SIMOG Il secondo gruppo di varianti, invece, sono trasmesse dal RUP anche all’ANAC; si tratta delle varianti di importo
eccedente il 10% e riferite ad appalti di importo pari o superiore alla soglia comunitaria, incluse le varianti in corso
d’opera riferite alle infrastrutture prioritarie.

Osservatorio regionale
Contratti Pubblici Il Dirigente
Alessandro Lofano Nicola Lopane

Firma autografa sostituita da indicazione a mezzo stampa ai sensi dell’art. 3, co. 2, del D. Lgs. n. 39/1993.

1 Art. 106. (Modifica di contratti durante il periodo di efficacia) Comma 14


Per gli appalti e le concessioni di importo inferiore alla soglia comunitaria, le varianti in corso d'opera dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi
e forniture, nonché quelle di importo inferiore o pari al 10 per cento dell'importo originario del contratto relative a contratti di importo pari o
superiore alla soglia comunitaria, sono comunicate dal RUP all'Osservatorio di cui all'articolo 213, tramite le sezioni regionali, entro trenta giorni
dall'approvazione da parte della stazione appaltante per le valutazioni e gli eventuali provvedimenti di competenza. Per i contratti pubblici di importo
pari o superiore alla soglia comunitaria, le varianti in corso d'opera di importo eccedente il dieci per cento dell'importo originario del contratto, incluse le
varianti in corso d'opera riferite alle infrastrutture prioritarie, sono trasmesse dal RUP all'ANAC, unitamente al progetto esecutivo, all'atto di validazione e ad
una apposita relazione del responsabile unico del procedimento, entro trenta giorni dall'approvazione da parte della stazione appaltante. Nel caso in cui
l'ANAC accerti l'illegittimità della variante in corso d'opera approvata, essa esercita i poteri di cui all'articolo 213. In caso di inadempimento agli obblighi di
comunicazione e trasmissione delle varianti in corso d'opera previsti, si applicano le sanzioni amministrative pecuniarie di cui all'articolo 213, comma 13

www.regione.puglia.it

Sezione Raccordo al Sistema Regionale –Osservatorio regionale contratti pubblici


Via G. Gentile, n. 52 - 70126 Bari - Tel: 080 540 2526. Pec: osservatorio.contrattipubblici@pec.rupar.puglia.it