Sei sulla pagina 1di 8

CORSO PREACCADEMICO

Settore disciplinare:
VIOLONCELLO

Disciplina Violoncello (livello A)


Codice disciplina 677
Tipologia della disciplina Disciplina individuale
Obiettivi di apprendimento Intonazione di base: dimostrare un buon controllo dell’intonazione su alcune posizioni del manico (dalla Ia alla
IVa). Dimostrare una buona padronanza nei passaggi di posizione e nell’intonazione di semplici bicordi e accordi.
Dimostrare un buon controllo dell’articolazione delle dita.
Fondamenti dell’uso dell’arco: uso corretto delle articolazioni del braccio, uniformità di suono, variazioni
dinamiche di base.
Scale e arpeggi.
Lettura a prima di semplici brani.

Al termine del Periodo di studio lo studente esegue e interpreta, anche in pubblico, il repertorio studiato,
utilizzando le tecniche acquisite nel corso degli studi, con considerazione di indicazioni agogiche, dinamiche ed
espressive. In particolare:
1. Dimostra padronanza tecnico-musicale dei brani che esegue, anche in quelli che richiedono una certa velocità
2. Sa calibrare il suono nell’intensità e nella timbrica e fa uso di agogica ed articolazione in modo adeguato ai
diversi stili dei brani
3. E’ in grado di leggere a prima vista ed eseguire con il proprio strumento un semplice e breve brano
4. E’ in grado di eseguire a memoria almeno un brano musicale, anche di livello molto semplice
5. Riesce ad ottenere, mentre suona, un equilibrio psico-fisico ( respirazione, percezione corporea, gestualità,
rapporto tra tensione e rilassamento, coordinazione muscolare, armoniosità d’insieme) funzionale all’esecuzione
tecnico-musicale dei brani.

Ultima revisione 02/03/2012 Pagina 1 di 8


CORSO PREACCADEMICO
Settore disciplinare:
VIOLONCELLO

Unità di corso VIOLONCELLO (LIVELLO A.1)


Codice unità di corso CODI/07PA1
Tipologia dell'unità di corso Disciplina individuale
Lingua d'insegnamento Italiano
Durata Annuale
Contenuti trattati Impostazione e consolidamento della I posizione, con le sue varianti (allargata/avanzata) della mano sinistra in
prima posizione su tutte le corde e della mano destra sull'arco.
Impostazione della mezza posizione.

J.J. Dotzauer, Metodo per Violoncello, I vol.


J.J. Dotzauer, 113 Studi per violoncello, I vol.
G. Francesconi, Antologia Pratica del violoncello, I vol.
E. Sassmanshaus, Früher Anfang auf der Cello
S. Lee, 40 Facili Studi, op.70
Tipo esame Esame di promozione PA
Programma d'esame Esecuzione di:
a) Una scala in prima posizione con tutto l'arco, con semplici legature e vari ritmi e altrettanto per il relativo
arpeggio, a memoria.
b) Tre studi, di almeno due autori diversi, che dimostrino il raggiungimento degli obiettivi.
c) Un facile pezzo per violoncello e pianoforte o per due violoncelli, a memoria.

Unità di corso VIOLONCELLO (LIVELLO A.2)


Codice unità di corso CODI/07PA2
Tipologia dell'unità di corso Disciplina individuale
Lingua d'insegnamento Italiano
Durata Annuale
Eventuali propedeuticità Violoncello (livello A.1)
Contenuti trattati Sviluppo dell’impostazione generale della mano sinistra in prima e mezza posizione (articolazione, allargamenti).
Impostazione delle quattro posizioni con relativi spostamenti e sviluppo di abilità dell'arco.

J. J. Dotzauer, Metodo per Violoncello, I, II voll.


J. J. Dotzauer, 113 Studi per violoncello, I, II voll.
G. Francesconi, Antologia Pratica del violoncello, II vol.
S. Lee, Sudi op. 113
E. Sassmanshaus, Früher Anfang auf der Cello
Facili brani con accompagnamento di pianoforte o di un secondo violoncello.
Tipo esame Esame di promozione PA
Programma d'esame Esecuzione di:
a) Una scala in tono maggiore e una in tono minore (melodica e armonica) di due ottave con tutto l'arco, con
semplici legature e con vari ritmi, a memoria, ed altrettanto per il relativo arpeggio.
b) Quattro studi con caratteristiche tecniche diverse (cambi di posizione, colpi d’arco) tratti da almeno due testi
diversi.
c) Un pezzo per violoncello e pianoforte o per due violoncelli, a memoria e che contenga difficoltà tecniche pari
al livello raggiunto dall’allievo.

Ultima revisione 02/03/2012 Pagina 2 di 8


CORSO PREACCADEMICO
Settore disciplinare:
VIOLONCELLO

Unità di corso VIOLONCELLO (LIVELLO A.3)


Codice unità di corso CODI/07PA3
Tipologia dell'unità di corso Disciplina individuale
Lingua d'insegnamento Italiano
Durata Annuale
Eventuali propedeuticità Violoncello (livello A.2)
Contenuti trattati Impostazione delle posizioni V / VI / VII; raggiungimento di buona padronanza negli spostamenti.
Buon uso delle partizioni d'arco, del tenuto e dei più comuni colpi d'arco.
Impostazione o miglioramento del vibrato.

J. J. Dotzauer, Metodo per Violoncello, voll. II – III


J. J. Dotzauer, 113 Studi per violoncello, II vol.
G. Francesconi, Antologia Pratica del violoncello, II vol.
S. Lee, Sudi op. 131
E. Sassmanshaus, Früher Anfang auf der Cello
Facili brani con accompagnamento di pianoforte o di un secondo violoncello.
Tipo esame Compimento livello A Corsi Preaccademici
Programma d'esame Esecuzione di:
a) Una scala di modo maggiore o minore a tre ottave e del relativo arpeggio (di terza e quinta), a memoria, scelti
tra le tonalità di ‘do’, ‘re’, ‘mi’ e ‘fa’ , a note sciolte e con semplici colpi d’arco.
b.1) Uno studio tra due presentati dei “113 Studi per Violoncello” di J. J. F. DOTZAUER, vol. II, scelti tra i nn. 41 -
46 - 49 - 51 - 54 - 55 - 58 - 59 - 61;
b.2) Uno studio tra due presentati degli “Studi melodici” op. 31 di S. LEE, scelti tra i numeri 23 - 24 - 26 - 27;
c) Un brano per violoncello e pianoforte o sonata antica per violoncello e b.c.
oppure
un duetto per due violoncelli di S. LEE scelto tra op. 36 n. 2 (do maggiore), op. 36 n. 3 (re maggiore), l’op. 37 n. 1
(sol maggiore), op. 37 n. 2 (si bem. Maggiore), op. 37 n. 3 (fa maggiore).
d) Prova di Lettura a Prima vista
NB: almeno un brano dovrà essere eseguito a memoria

Ultima revisione 02/03/2012 Pagina 3 di 8


CORSO PREACCADEMICO
Settore disciplinare:
VIOLONCELLO

Disciplina Violoncello (livello B)


Codice disciplina 678
Tipologia della disciplina Disciplina individuale
Obiettivi di apprendimento Intonazione: dimostrare un buon controllo dell’intonazione su tutte le posizioni del manico fino al capotasto.
Dimostrare abilità nei passaggi di posizione e nell’intonazione di bicordi e accordi.
Sincronia delle due mani anche in passaggi complessi.
Dimostrare un buon controllo dell’articolazione della mano sinistra.
Dimostrare di aver acquisito un buon controllo del vibrato.
Sviluppo dell’uso dell’arco: dimostrare un buon controllo della dinamica e della varietà del suono.
Introduzione ai diversi stili attraverso l’ampliamento del repertorio.
Primi cenni di tecniche di memorizzazione.
Scale e arpeggi con l’impiego del capotasto.
Lettura a prima vista.

Al termine del Periodo di studio lo studente esegue, anche in pubblico, il repertorio studiato, utilizzando le
tecniche acquisite nel corso degli studi, con considerazione di indicazioni agogiche, dinamiche ed espressive. In
particolare:
1. Dimostra padronanza tecnico-musicale dei brani che esegue, anche in quelli che richiedono una certa
velocità
2. Dimostra padronanza nel modo di produrre diversi tipi di suono e/o di tocco e sa calibrare il suono
nell’intensità e nella timbrica e fa uso di agogica ed articolazione in modo adeguato ai diversi stili dei brani
3. Esegue un repertorio che, nel suo insieme, comprenda almeno 4 stili compositivi differenti, anche
appartenenti a diverse epoche, che interpreta con prassi adeguata alle caratteristiche di scrittura del brano, con
consapevolezza armonica, polifonica e del fraseggio
4. Dimostra capacità interpretativa e comunicativa nell’esecuzione del proprio repertorio
5. Almeno un brano del repertorio che presenta viene eseguito a memoria

Ultima revisione 02/03/2012 Pagina 4 di 8


CORSO PREACCADEMICO
Settore disciplinare:
VIOLONCELLO

Unità di corso VIOLONCELLO (LIVELLO B.1)


Codice unità di corso CODI/07PB1
Tipologia dell'unità di corso Disciplina individuale
Lingua d'insegnamento Italiano
Durata Annuale
Eventuali propedeuticità Violoncello (livello A.3)
Contenuti trattati Sviluppo dei cambiamenti di posizione e impostazione del capotasto, tecnica di passaggio dalle posizioni
precedenti a quest'ultimo.
Lettura in chiave di tenore.
Conoscenza di adeguata letteratura con accompagnamento di pianoforte o strumento di b.c.

Dotzauer Metodo III vol


Dotzauer 113 Studi vol. III fino al 78
Merk - 20 Studi
Gruetzmacher – Studi op.38 I vol.
Duport dai 21 Studi : 2/3/4/5/6/7/19 (ed. Peters)
J.S. Bach – Alcune danze dalle Suite per Violoncello solo.
Sonate di B. Marcello, A. Vivaldi
Tipo esame Esame di promozione PA
Programma d'esame Esecuzione di
a) una scala a quattro ottave e del relativo arpeggio (di terza e quinta).
b) tre studi, tutti di autore diverso, di cui uno a memoria.
c) una sonata antica o brano per violoncello e pianoforte (con estensione sulle sette posizioni).

Unità di corso VIOLONCELLO (LIVELLO B.2)


Codice unità di corso CODI/07PB2
Tipologia dell'unità di corso Disciplina individuale
Lingua d'insegnamento Italiano
Durata Annuale
Eventuali propedeuticità Violoncello (livello B.1)
Contenuti trattati Consolidamento delle sette posizioni e del capotasto.
Sviluppo dei più importanti colpi d'arco, applicazione di questi alle scale
Dotzauer – 113 Studi III vol.
Duport – 21 Studi
Grützmacher – Studi op.38 I vol.
Lee – 40 Studi Melodici e Progressivi op.31 II vol.
Sonate: Marcello, Vivaldi, Cirri
J.S. Bach – Suite per Violoncello solo
Tipo esame Compimento livello B Corsi Preaccademici
Programma d'esame Esecuzione di
a.1) una scala a quattro ottave e relativo arpeggio di terza e quinta sorteggiati al momento dell’esecuzione;
a.2) una scala a tre ottave per intervalli di terza o sesta, sorteggiata tra due presentate dal candidato
b.1) uno studio sorteggiato fra tre presentati dei “21 Studi” di J.L. DUPORT, di cui almeno uno contenente corde
doppie, scelti tra i numeri (ediz. Peters) 1 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 17 - 18 - 20 - 21 corrispondenti ai
seguenti nell’edizione ‘Ricordi’: n. 10, 8, 3, 2, 19, 11, 9, 21, 12, 15, 16, 17, 18, 14, 20;
b.2) uno studio sorteggiato fra tre presentati tratti dai “113 Studi per Violoncello” di J.J.F. DOTZAUER, vol. III,
scelti tra i numeri 76 - 77 - 78 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85;
c.1) una sonata antica (ambito storico XVIII secolo) per violoncello e basso continuo;
c.2) primo o terzo movimento di un concertino di J. KLENGEL o di un concerto di G. GOLTERMANN per
violoncello e pianoforte
c.3) un Preludio dalle prime tre “Suite per violoncello solo” di J.S. BACH (da eseguire a memoria)
d) lettura estemporanea di un brano di media difficoltà con estensione non superiore alla settima posizione.

Prova di cultura: il candidato dovrà dimostrare di conoscere la denominazione delle parti di cui è formato il
violoncello.

Ultima revisione 02/03/2012 Pagina 5 di 8


CORSO PREACCADEMICO
Settore disciplinare:
VIOLONCELLO

Disciplina Violoncello (livello C)


Codice disciplina 679
Tipologia della disciplina Disciplina individuale
Obiettivi di apprendimento A) Dimostrare di aver sviluppato buone qualità tecniche, di suono e di fraseggio nell’approccio a brani di generi e
stili diversi.
Sviluppo delle tecniche di memorizzazione.
Scale e arpeggi a quattro ottave; scale a corde doppie nell’estensione di tre ottave.
Lettura a prima vista.
B) Consolidamento e sviluppo della tecnica in tutti i suoi aspetti, per consentire allo studente di affrontare con
sufficiente consapevolezza e autonomia di studio un repertorio già impegnativo. Analogamente verrà
incoraggiata l’autonomia del pensiero critico e interpretativo nell’affrontare i diversi generi e stili.
Sviluppo delle tecniche di lettura a prima vista e memorizzazione.

Al termine del Periodo di studio lo studente:


- esegue e interpreta, preferibilmente a memoria, un repertorio significativo, di difficoltà adatta, dimostrando, con
l’esecuzione, di possedere adeguate conoscenze relative al contesto storico nel quale sono stati composti i
brani e alle principali caratteristiche formali e strutturali.
- ascolta e valuta se stesso;
- dimostra, in un tempo dato, di saper affrontare autonomamente lo studio di un brano non conosciuto;
In particolare:
1. Utilizza una gestualità funzionale alle proprie intenzioni interpretative (espressive e stilistiche)
2. Dimostra di possedere tecnica adeguata e capacità di operare una corretta interpretazione del testo ai fini
dell’interpretazione di significative composizioni tratte dalla letteratura del proprio strumento, di livello pari a
quanto richiesto per l’ammissione al triennio di alta formazione musicale
3. E’ in grado ottenere una prestazione buona o ottima anche in situazioni pubbliche, mantenendo la necessaria
padronanza tecnica e una buona concentrazione artistico – musicale per una durata minima di circa 20 minuti,
suddivisa in 2 -3 brani
4. Mantiene un repertorio personale di almeno 15 minuti, che conosce a memoria e può eseguire in ogni
momento
5. E’ in grado di interpretare correttamente e consapevolmente un brano che presenti una scrittura polifonica a
più parti, eseguite con il proprio strumento nel caso di strumenti polifonici, oppure in rapporto polifonico con
altri strumenti, nel caso di strumenti monodici
6. Sa realizzare autonomamente un brano assegnato, individuando un metodo di lavoro appropriato alle
caratteristiche del brano e al tempo disponibile, scegliendo soluzioni tecniche adeguate alle proprie idee
interpretative e risorse tecniche, proponendo un progetto interpretativo personale.

Ultima revisione 02/03/2012 Pagina 6 di 8


CORSO PREACCADEMICO
Settore disciplinare:
VIOLONCELLO

Unità di corso VIOLONCELLO (LIVELLO C.1)


Codice unità di corso CODI/07PC1
Tipologia dell'unità di corso Disciplina individuale
Lingua d'insegnamento Italiano
Durata Annuale
Eventuali propedeuticità Violoncello (livello B.2)
Contenuti trattati Applicazione del capotasto nella letteratura didattica.
Sviluppo e utilizzo cosciente del vibrato.
Uso sistematico delle doppie corde diteggiate.

Duport: 1 / 9 / 12 / 14 / 16 / 21 (studi con doppie corde) ed Peters


Popper - Studi op.73
Servais - 6 Capricci op.11
Bach - Suites per Violoncello solo
Sonate: J.B. Breval, G.B. Cirri, S. Lanzetti, L. Boccherini, Z. Kodaly (Sonatina)
Concerti : Goltermann, Vivaldi, Leo.
Tipo esame Esame di promozione PA
Programma d'esame Esecuzione di
a) una scala a doppie corde (terze e seste) su estensione di tre ottave sorteggiata fra tre presentate.
b) uno studio sorteggiato fra tre presentati di autore diverso (di cui uno contenente doppie corde)
c) una sonata scelta dal programma di studio
d) due danze da una Suite di Bach, da eseguire a memoria

Unità di corso VIOLONCELLO (LIVELLO C.2)


Codice unità di corso CODI/07PC2
Tipologia dell'unità di corso Disciplina individuale
Lingua d'insegnamento Italiano
Durata Annuale
Eventuali propedeuticità Violoncello (livello C.1)
Contenuti trattati Applicazione del capotasto nella letteratura didattica e di repertorio.
Sviluppo ed utilizzo cosciente del vibrato.
Uso sistematico delle doppie corde diteggiate.

Popper - Studi op.73


Servais - 6 Capricci op.11
Bach Suites per Violoncello solo
Sonate: Lanzetti, Cirri, Boccherini
Concerti : Romberg, Leo, Boccherini, Monn, C.P. E. Bach
Tipo esame Esame di promozione PA
Programma d'esame Esecuzione di
a) una scala a doppie corde (terze, seste e ottave) su estensione di tre ottave sorteggiata fra tre presentate.
b) uno studio sorteggiato fra tre presentati di autore diverso (di cui uno contenente doppie corde)
c) un movimento da un concerto
d) tre movimenti da una Suite di Bach, da eseguire a memoria

Ultima revisione 02/03/2012 Pagina 7 di 8


CORSO PREACCADEMICO
Settore disciplinare:
VIOLONCELLO

Unità di corso VIOLONCELLO (LIVELLO C.3)


Codice unità di corso CODI/07PC3
Tipologia dell'unità di corso Disciplina individuale
Lingua d'insegnamento Italiano
Durata Annuale
Eventuali propedeuticità Violoncello (livello C.2)
Contenuti trattati Applicazione del capotasto nella letteratura didattica e di repertorio.
Sviluppo ed utilizzo cosciente del vibrato.
Uso sistematico delle doppie corde diteggiate.

Popper - Studi op.73


Servais - 6 Capricci op.11
Bach Suites per Violoncello solo
Sonate: Breval, Lanzetti, Cirri, Boccherini, Francoeur
Concerti : Romberg, Leo, Boccherini, Monn, C.P. E. Bach, Haydn
Tipo esame Compimento livello C Corsi Preaccademici
Programma d'esame Esecuzione di
a.1) una scala a quattro ottave con almeno due colpi d’arco differenti e con legature (a otto e sedici) e del
relativo arpeggio di terza e quinta;
a.2) una scala a doppie corde, estensione su tre ottave, sorteggiata fra tre presentate, con intervalli di terza,
quarta, sesta e ottava;
b.1) uno studio di D. POPPER, tratto dalla “High School of Cello Playing”, op. 73, sorteggiato fra tre presentati
dal candidato, scelti uno per ciascuno dei seguenti gruppi: 4 - 7 - 8 - 9 - 12 - 13 – 15 – 16; 18 - 20 - 21 - 22 - 23 -
24 - 26 – 29; 30 - 31 - 32 - 33 - 35 - 37 - 38 – 39 – 40.
b.2) un capriccio di A.F. SERVAIS (dai “Sei Capricci”, op. 11) sorteggiato fra due presentati dal candidato scelti
tra i numeri 1 - 2 - 4 - 6;
c.1) una sonata antica per violoncello e basso.
oppure
c.2) un brano (a movimento unico, sonata, suite ecc.) dei secoli XIX, XX o XXI per violoncello solo;
c.3) due movimenti da un concerto per violoncello e orchestra (nella versione per violoncello e pianoforte o
trascrizione per ensemble strumentale) o pezzo da concerto di durata minima 15 minuti.
c.4) tre movimenti da una “Suite per violoncello solo” di J.S. BACH (da eseguire amemoria);
e) prova di lettura a prima vista.

Prova di cultura: Il candidato dovrà dimostrare di conoscere la storia dell’evoluzione della costruzione del
violoncello e le principali scuole di liuteria.

Ultima revisione 02/03/2012 Pagina 8 di 8